Issuu on Google+

Editore Sport Press S.r.l. - Corso della Resistenza, 23 - 20821 Meda (MB) Tel. +39 0362.600469 - Fax 0362.600616 - e-mail: redazione@pointbreakmag.it - Direttore responsabile: Angelo Frigerio Periodico mensile - Registrazione al Trib. di Milano n. 186 del 20 marzo 2007 Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 - conv. in Legge 46/2004 Art.1 Comma 1 LO/MI - Stampa: Ingraph - Seregno (MB) - In caso di mancato recapito, inviare all’ufficio postale di Roserio per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa.

magazine Anno 8 – N. 10 / 2011


magazine

Mensile B2B del settore boardsport & action sport

14

Anno 8 – N. 10 / 2011

redazione@pointbreakmag.it

ALVARO DAL FARRA CI PARLA DEI SUOI VARI PROGETTI TRA I qUALI IL DA bOOT SUPERPARk

REPORTAGE

COVER STORY

Nissan Skipass tra sold out e novità

Come vi insegno l’FMX... RIDER PROFILE

TATO CHIALA

DAL 29 OTTOBRE AL 1° nOvEMBRE LA 18ESIMA EDIZIOnE DELLA KERMESSE. RICCHISSIMO IL PROGRAMMA, PIEnOnE nEL PADIGLIOnE “SHOPPInG” E In QUELLO DEDICATO AL FREESTYLE. APPREZZATA LA nUOvA AREA “SnOWPARK E TURISMO”.

22

TREND

EVENTI

Mountainboard, che crescita...

Opening di Val Senales docet...

UnA DISCIPLInA CHE SI È SvILUPPATA MOLTISSIMO nEGLI ULTIMI AnnI. E nEL 2011 I MOnDIALI SOnO SBARCATI PER LA SECOnDA vOLTA In ITALIA.

DAL 14 AL 16 OTTOBRE L’EvEnTO CHE DA 17 AnnI SEGnA L’APERTURA DELLA STAGIOnE SnOWBOARD ITALIAnA. QUEST’AnnO RECORD DI PRESEnZE.

16

19

PRIMO PIANO - NUMEROSI I MARCHI COINVOLTI

COLLABORAZIONI - TRA SPORT, ARTE E MUSICA

Numeric, la snowboard concept car 4

Burton, DC, Etnies, Electric, Union, Vans 10

TREND - RIFLETTORI SULLA DINAMICA REALTÀ SARDA 18 Da Arbus in longboard style

20 FREERIDE - MYSTICFREERIDE SAFETY CAMP Fuori pista in sicurezza

24


|

editoriale

a cura di Benedetto Sironi

Titolo

Piccole-grandi consolazioni

In questi frangenti macro-economici davvero poco consolanti ci mancava pure la neve (che non c’è): siamo a fine novembre e dei tanto attesi fiocchi bianchi ne abbiamo visti davvero pochi. Mentre al pari di molti di voi accenno riti propiziatori e improvviso macumbe in vista del ponte dell’Immacolata – primo vero e proprio banco di prova della stagione – riesco nonostante tutto a pensare positivo. Lo faccio concentrandomi su alcuni dei tanti temi che abbiamo trattato o tratteremo a breve sul vostro affezionato magazine, che da ormai quasi 8 anni monitora con cura e passione il mercato boardsport & action sport. Lo faccio pensando soprattutto ad una parte della scena italiana. La quale nel suo complesso ha certamente grandi difetti e – diciamolo senza retorica – lacune apparentemente incolmabili rispetto ai Paesi più evoluti. Ma che allo stesso tempo si dimostra per certi versi viva e dinamica, con alcune piccole o grandi case history di successo che puntualmente ci piace evidenziare anche su Pointbreak Magazine. Come quella di Iuter, raccontata con dovizia di particolari – alcuni dei quali del tutto inediti – sullo scorso numero. O come nel caso di quei marchi italiani che a vari livelli si sono imposti all’attenzione del mercato, in alcuni casi anche internazionale. Qualche esempio? Il più eclatante è probabilmente Union, brand di attacchi di proprietà di A4 Distribution ideato dal mitico Martino Fumagalli nel 2004 (tra l’altro lo stesso Martino è stato co-fondatore di Drake nel 1992, marchio poi acquisito da Northwave) che in molti Paesi è diventato uno dei due-tre marchi più venduti e di riferimento negli attacchi da snowboard, USA compresi. Come non ricordare anche che nel 2011 proprio Northwave ha festeggiato i suoi 20 anni ufficiali di attività. E se parliamo di marchi italiani presenti su tutti i più importanti mercati, come non citare tra gli altri Level e RRD.

Titolo

Venendo nello specifico al mercato interno ci sono promettenti brand nostrani che si stanno facendo strada e – dobbiamo dirlo – sembra che si “sbattano” perfino più di alcuni big, a volte troppo concentrati sul lato del business e assai meno su quello della reale promozione della boardsport culture e della scena italiana. Tra i nomi da tenere sicuramente d’occhio ci sono per esempio Rough Snowboards e CMYK: giovani ma con (belle) idee già molto chiare in testa. E non sono i soli. Sul fronte dei riders è pur vero che l’Italia è spesso considerata di Serie B. Ma non mancano alcune eccellenze conosciute e pure vincenti a livello internazionale. Da Francisco Porcella (windsurf) ad Alex Barbero (bmx) fino ad arrivare al sorprendente Leonardo Fioravanti (surf), al quale non a caso sarà dedicata la cover story del prossimo numero. Su quella odierna trovate invece il grande Alvaro Dal Farra, un altro fulgido esempio di personaggio italiano conosciuto e rispettato anche all’estero prima come rider e poi come opinion leader dell’fmx ma anche della scena action sport in generale. Leggere l’articolo che gli abbiamo dedicato alle pagine 14-15 è sicuramente un altro bel modo di dimenticare per un po’ lo spread che sale e la neve che non scende.

N. 10 / 2011

magazine

Mensile business to business del settore boardsport

Editore Sport Press Srl Presidente DANIELE DE NEGRI Direttore Responsabile ANGELO FRIGERIO Direttore Editoriale RICCARDO COLLETTI Redazione: Corso della Resistenza, 23 20821 Meda (MB) Tel: 0362.600469 - Fax: 0362.600616 E-mail: redazione@pointbreakmag.it Website: www.pointbreakmag.it Stampa: Ingraph - Seregno (MB) Registrazione al Trib. di Milano n.540 del 19 luglio 2004. Periodico mensile Anno 8 N. 10/2011. Poste Italiane SpA Spedizione in abbonamento postale - D.L.353/2003 - conv. in L. 46/2004 Art. 1 Comma 1 - LO/MI - Una copia 1.00 euro. L’editore garantisce la massima riservatezza dei dati in suo possesso. Tali dati saranno utilizzati per la gestione degli abbonamenti e per l’invio di informazioni commerciali. In base all’Art. 13 della Legge n° 196/2003, i dati potranno essere rettificati o cancellati in qualsiasi momento scrivendo a: Sport Press S.r.l. Responsabile dati: Riccardo Colletti.

Chiuso in redazione il 30 novembre 2011

4

top news |

NUMEROSI I MARCHI COINVOLTI

DISTRIBUTION

Picture Organic Clothing, nuovo marchio “eco” per Boardcore

Boardcore, distributore per l’Italia di diversi marchi boardsport tra cui Santa Cruz, Ftwo, Movement e Deeluxe, ha ottenuto la distribuzione di un nuovo brand di abbigliamento tecnico. Si tratta di Picture Organic Clothing, marchio francese che in pochi anni ha registrato successo in tutta Europa. L’azienda nasce nell’aprile 2008 per mano di tre giovani imprenditori intraprendenti che focalizzano il loro marchio su valori chiari e su un comportamento trasparente. L’obiettivo di Picture è quello di proporre capi accessibili a tutti gli appassionati di sport che amano e rispettano la natura. Accanto alle proposte da snowboard e sci, troviamo abbigliamento skate, surf, street e sportivo, capi adatti al golf e prodotti estivi. La particolarità delle collezioni Picture riguarda l’uso in esclusiva della membrana in bio ceramica. Essa trattiene l’energia emessa dal corpo sottoforma di infrarossi lontani per aumentare la temperatura del corpo di 0,3 gradi e migliorare la termoregolazione. Di conseguenza la sudorazione e le perdite di energia sono ridotte. Picture è inoltre l’unica azienda del settore boardsport a utilizzare materiali al 100% riciclati e di origine biologica, come attestano i diversi riconoscimenti conquistati dal brand nel campo dell’industria sportiva. Da segnalare inoltre che tutte le aziende che lavorano con Picture hanno aderito alla “carta etica dell’ambiente” che garantisce il rispetto di uomini e donne che lavorano al confezionamento dei capi di abbigliamento.

Boardcore 02.69017189 info@boardcore.it

4FRNT Skis distribuito in Italia da Wave Distribution Wave Distribution, distributore in Italia di marchi tra cui Bern, Pow, Jones e Palmer, apre al freeski acquisendo la distribuzione del marchio 4FRNT Skis. Nato nel 2002 per mano dello sciatore Matt Sterbenz, in pochi anni attira l’attenzione di atleti, innovatori e tecnici del settore. Ancora oggi l’azienda si differenzia per essere una delle poche realtà “rider owned”. I prodotti a marchio 4FRNT Skis sono stati esposti per la prima volta alla fiera SIA a Vegas nel 2004. L’anno seguente Sterbenz trasferisce la sua attività in una ditta più grande, introduce in collezione nuovi design e avvicina diversi rider tra cui lo svedese Niklas Karlstrom e il canadese Vincent Dorian. I progetti 4FRNT furono in quell’anno prodotti dalla ditta Option Snowboard di Vancouver e all’offerta sci fu affiancata quella degli attacchi. In seguito iniziarono i lavori alla celebre linea Eric Hjorleifson, presentata all’Ispo di Monaco. Il successo garantito da questi continui sviluppi ha spinto Sterbenz a trasferire la sede mondiale dell’azienda a Salt Lake City. Nel 2006 l’intera produzione viene commissionata in Europa per assicurare la massima qualità al cliente e l’offerta si amplia con l’introduzione di bastoncini e accessori. La distribuzione approda anche in Australia, Nuova Zelanda e Corea. Oggi l’azienda può contare su sci powder, backcountry, all mountain e freestyle backcountry.

Wave Distribution 011.7801938 info@wavedistribution.it

Ecco Numeric, la prima snowboard concept car

I brand 686, Scion Racing e Spin Imaging presentano la prima macchina pensata per lo snowboard. Si tratta di Numeric, che celebra il 20° anniversario di 686 e che sarà esposta allo stand 686 a Denver in occasione del SIA (26-29 gennaio 2012). Si basa sul modello XB di Scion, ricreato completamente per rispondere a tutte le esigenze degli snowboarder. Tutti i marchi coinvolti nel progetto hanno arricchito il look di Numeric secondo la propria competenza.

CONTRIBUTORS Le gomme specifiche per la neve riprendono gli scarponi da snowboard NB686 e sono a marchio New Balance. Il tetto della macchina è disegnato come un casco Bern in fibra di carbonio, completo persino della tecnologia brim implementata sui profili dei caschi. Il parabrezza si ispira alle maschere APX senza struttura di Dragon e garantisce una vista periferica. I sedili Sparco modificati riprendono gli attacchi da snowboard Union e hanno la stessa forma di un high-back. Il sistema musicale è progettato da Skullcandy, che si è ispirato agli auricolari Aviator. GoPro ha invece realizzato gli specchietti da gara mentre Vestal ha disegnato il cruscotto pensando al cronografo ZR-3. Freewaters ha realizzato i tappetini riscaldanti, mentre nel sistema di riscaldamento e condizionamento è stata sfruttata la tecnologia BOA. I sistemi antivalanga Recco hanno arricchito la macchina con tecnologia radar su strada e terreno montano. L’artista skate di Blind Marc Mckee, infine, ha personalizzato i pannelli interni. Mentre 686 ha rivestito l’interno della macchina con un materiale traspirante e idrorepellente completo di pannelli cuciti, cuciture saldate a laser, zip waterproof e inserti di ventilazione.


|

BEN 10 GLI APPUNTAMENTI DEL WORLD ROOKIE TOUR 2012

A pochi giorni dall’apertura della stagione 2011/12, viene presentato ufficialmente il nuovo calendario del World Rookie Tour che il prossimo inverno conterà ben 10 appuntamenti in tutto il mondo. Tra le novità, due nuovi Paesi che saranno raggiunti dal circuito (Canada e Francia) e un evento “solo halfpipe” a Monte Bondone. Il vincitore di ogni tappa sarà premiato con photoshooting (con Onboard Europe per i ragazzi e con Cooler per le ragazze), videoshooting con case di produzione video professionali, viaggi in Australia per partecipare al 3Star Rookie Fest e altri riconoscimenti per un valore totale di 65.000 dollari. Oltretutto con molti più eventi 3Star a calendario, i partecipanti avranno la possibilità di guadagnare ancora più punti per la TTR World Rank. Come sempre il protagonista di tutti gli eventi sarà lo Yeti, già al lavoro per preparare il circuito (vedi QR o link video www.pointbreakmag.it/video/WRT).

IL CALENDARIO – Di seguito l’elenco completo degli appuntamenti: 6-8 gennaio Transilvania Rookie Fest (Arena Platos, Romania, 2Star, slopestyle); 14-18 gennaio Protest World Rookie Fest (Livigno, Italia, 3Star, slopestyle); 3-5 febbraio Protest French Fries Rookie Fest (Avoriaz, Francia, 3Star, slopestyle); 8-11 febbraio Halfpipe Rookie Fest (Monte Bondone, Trentino, Italia, 3Star, halfpipe); 24-26 febbraio Canuck Chuck Rookie Fest Canada (Horseshoe Resort, Canada, 3Star, slopestyle); 16-18 marzo Ride East Rookie Fest (Splinderuv Mlyn, Rep Ceca, 3Star, slopestyle); 11-15 aprile Protest World Rookie Finals (Ischgl, Austria, 4Star, slopestyle); 30 giugno-14 luglio Summer Rookie Camp (Val Senales, Italia, training camp); luglio in data da stabilire Australia Rookie Fest (Thredbo, Australia, 3Star, slopestyle); agosto in data da stabilire South America Rookie Fest (Valle Nevado, Cile, 2Star, slopestyle).

N. 10 / 2011

REGOLE DEL GIOCO – Il circuito è organizzato dalla World Snowboard Federation in collaborazione con le proprie National Snowboard Associations ed è reso possibile da Protest Boardwear e Ride Snowboards. È poi sostenuto da Red Bull, Tech Riders e Chuckbuddies. Il titolo di campione del World Rookie tour 2012 sarà assegnato al vincitore dell’evento 4Star Protest World Rookie Finals che si terrà a Ischgl (Austria) ed è riservato ai migliori rider delle precedenti tappe Rookie Fest, oltre che ai ragazzi selezionati dai rispettivi team nazionali e ai 20 migliori rider tra maschi e femmine della World Rookie Rank.

6

FASCE D’ETÀ - Gli eventi del circuito sono riservati ai Rookies (nati dal 1° gennaio 1994 al 31 dicembre 1996) e ai Grom (nati dal 1° gennaio 1997 in poi), sia maschi che femmine. Tutte le gare assegnano punti utili per la classifica mondiale TTR e per la classifica mondiale Rookie creata dalla World Snowboard Federation in associazione con il TTR World Pro Tour. È possibile seguire il circuito su Onboard European Snowboard Magazine, Cooler e MPora. www.worldsnowboardfederation.org

“Vinci una DC Shoes” con California Sports È partito a ottobre e si concluderà a dicembre il concorso fotografico "Vinci una DC Shoes", grazie al quale è possibile vincere 2 paia di DC Shoes al mese. Il concorso è dedicato a tutti i praticanti e fotografi amatoriali di action sport. Partecipare è semplicissimo. Basta pubblicare sulla bacheca Facebook di California Sports una foto sul tema “Miglior Foto Action”, con soggetto relativo: skateboard, snowboard, surf, wakeboard, bodyboard, windsurf, kiteboard, bmx, dirt, mtb downhill, motocross, fmx, bmx o rally. Il nome dell'immagine caricata deve indicare: foto Concorso Vinci una DC Shoes, nome del fotografo e il nome del soggetto fotografato. Le foto caricate saranno giudicate entro la fine di ogni mese da un responsabile della California Sports, il quale deciderà a proprio insindacabile giudizio le sei vincitrici, due per ogni mese. Le foto rimaste fuori parteciperanno automaticamente alle selezioni per tutti i mesi successivi. Il concorso è riservato ai fans della pagina Facebook di California Sport. Ogni utente Facebook può partecipare al concorso con una sola foto.

news@californiasport.info

Editing Contest by Sweet, spazio alla creatività Anche quest'anno il team di Sweet Skateboards propone l'Editing Contest. Le regole sono davvero poche, per poter dare libero sfogo al vostro estro creativo: basta scaricare il footage dell'ultimo video Sour da editare dal sito Sweet, montare un video da 3 minuti e uploadare su Youtube o Vimeo, segnalandolo via mail a isak@sweetskateboards.com. Il contest terminerà il 1 gennaio 2012 e i premi saranno in materiale per il valore di 1000 euro, 500 e 250.

www.sweetskateboards.com

Anche i boardsport tra le proposte action di Smartbox

news

|

La linea Hearwear firmata Bear realizzata con Tj Point

Bear presenta la sua prima collezione di auricolari Hearwear, realizzata in collaborazione con l’azienda italiana del settore dell’elettronica di consumo Tj Point. Si tratta di un nuovo prodotto ad alto tasso di tecnologia e design che mixa moda e audio experience. Nato per rispondere alle esigenze di una generazione che richiede la perfetta integrazione tra tecnologia e lifestyle, il progetto è costumizzato con il logo del brand californiano e si ispira al mondo dei rider. Rappresenta tutti quei valori che accomunano Bear e TJ Point: musica, sport, divertimento e una vera way of life. Gli headphones saranno disponibili, con un costo a partire da 69,90 euro, da fine novembre online su www.hearwear.it e nei migliori store di elettronica specializzata e abbigliamento sportivo.

Flow Snowboarding title sponsor al Tailgate Alaska L’evento Tailgate Alaska, creato nel 2008 da Mark Sullivan (fondatore di Snowboard Magazine ed ex editore di Snowboarder Magazine) ha stretto un accordo di sponsorizzazione con Flow Snowboarding, che partecipa all’appuntamento per il terzo anno. L’evento è cresciuto esponenzialmente negli ultimi 5 anni diventando uno dei principali appuntamenti backcountry del mondo e uno dei pochi eventi a invito degli sport invernali. Nel 2012 il Flow Tailgate Alaska tornerà a Thompson Pass (Valdez) dove riunirà amatori, atleti professionisti ed esperti del settore. Il ceo di Flow Snowboarding Anthony Scaturro ha dichiarato: “Siamo contenti di diventare title sponsor di questo evento. Anche se la competizione è parte integrante dell’appuntamento, ci piace il fatto che il vero focus sia posto sulla community. Un giusto mix tra freeride, backcountry freestyle e divertimento”. Il nuovo accordo ha spinto Flow e Tailgate ad ampliare l’evento organizzando una seconda tappa a Revelstoke (British Columbia) dall’8 al 12 marzo. Flow Tailgate Alaska ospita nel suo programma anche i Flow World Freeride Championships (1-12 aprile 2012) con un montepremi di 10mila dollari. Per l’evento di Revelstoke saranno in vendita solo 160 biglietti.

www.tailgatealaska.com

DC e Union sponsor della Madness Snowboard School di Livigno

In vista del Natale, sono in molti a pensare al giusto regalo da fare ad amici, parenti e alla propria dolce metà. A tal proposito un’ottima idea può essere fornita dalle numerosissime proposte Smartbox: dal brunch al massaggio thailandese, dallo spettacolo teatrale alla gita fuoriporta e al pacchetto benessere. Ma fra le varie offerte ne esiste anche una perfetta per tutti coloro che amano gli action sport: è il cofanetto Adrenalina (159,90 euro), con un’ampia scelta tra ben 380 attività da batticuore, per una o due persone, da vivere in piena sicurezza. Non mancano ovviamente attività boardsport, dal surf allo snowboard. Per quest’ultimo in particolare sono da segnalare due proposte presenti nel pacchetto. La prima prevede un’esperienza freeride o freestyle per due persone, della durata di 4 ore, alla Scuola Sci&Snowboard di Courmayeur (AO). La seconda invece è costituita da un corso SnowX per una persona (noleggio tavola compreso) presso AGM Design a Terno d’Isola (BG). Un’occasione unica per scoprire questa nuovissima disciplina fatta di derapate e controsterzi. Di valore anche le proposte kitesurf sulle spiagge calabresi di Pellaro o quelle wake a Nurri, in Sardegna. I cofanetti Smartbox si possono acquistare in oltre 4000 punti vendita in tutta Italia e online.

DC e Union Bindings hanno annunciato l'inizio della loro partnership collaborativa con Madness, la prestigiosa snowboard school numero uno di Livigno. Formata per lo più da istruttori ex professionisti della disciplina, la scuola conta 15 maestri, una stagione lunga 6 mesi, lezioni per tutti i livelli e, da oggi, anche centro test DC Snowboard e Union Bindings. Madness dal 2005 organizza con grande successo programmi adatti a rider principianti ed esperti. Durante la stagione invernale sono disponibili camp settimanali e di 4 giorni, comprensivi di lezioni, skipass e appartamento a Livigno, per un servizio all inclusive unico nel suo genere. Con il recente cambio di sponsor della scuola, Madness sarà da oggi anche uno dei centri test permanenti per DC Snowboard e Union Bindings, oltre a godere del supporto di Oakley Optics, Monster Energy Drink e TSG Protections.

www.smartbox.com/it

www.madnessnow.com


|

news

|

Alberto Schiavon tester delle solette antishock Noene

Bruma shop di Viterbo si fa sempre più grande

JOB OPPORTUNITIES Völkl Snowboards Italia cerca AGENTI RAPPRESENTANTI per la linea 2012-2013 che operino nella zona del Triveneto. È gradito un riscontro sull’eventuale possibilità di collaborare già a partire dalla prossima campagna vendite invernale. A questo link i prodotti del brand FW 11-12 www.volkl-snowboards.com. Potete scrivere o inviare i vostri curriculum all’indirizzo: marco@volkl-snowboards.it Volkl Snowboards Italia - Marco Navarra - +39 339 5296006

www.noene-italia.com

Da sempre in prima linea negli action sport, Bruma shop si rinnova ed espande il suo storico punto vendita di Viterbo (dal 1987), che da ora sarà più grande (oltre 400 mq) e ancora più fornito, confermandosi all'avanguardia rispetto alle nuove tendenze nel mondo degli sport alternativi. Allo store, disegnato dall'architetto Federico Celoni e arredato in un modo assolutamente originale, alcuni tra i più noti marchi del settore street/snow/sk8, come Burton, Billabong, Element, Vans, Nike 6.0, Volcom, Etnies, Wesc, Carhartt, e distributori come Holy Sport, Sport Agency e Blu Distribution, hanno contribuito in vari modi alla realizzazione di questo originale punto vendita. Spazio è stato dato anche alla tecnologia, con ben 2 zone iPad dove i clienti possono giocare, ascoltare buona musica, consultare cataloghi o interagire in tempo reale con parte dei marchi in vendita all'interno dello store. L’inaugurazione è avvenuta il 1° settembre.

Rough Snowboard s.a.s. azienda produttrice di ROUGH Snowbording e distributrice per l'Italia di SABRE google, TRIPLE EIGHT Helmets & Pads e TRANSFORM Gloves, ricerca per zone libere AGENTI PLURI O MONO MANDATARI per inserimento nel proprio team di vendita. Si richiede un’ottima conoscenza del settore snowboard, ski e skate derivante da pregressa esperienza e/o di pratica vendita di questi prodotti. Se interessati, inviare curriculum vitae indicando nell’oggetto "A01" a: info@roughsnowboards.com

Il marchio streetwear Diamond Dogma cerca AGENTE da integrare nella propria rete di vendita in zone ancora scoperte Si richiede esperienza nel mondo di streetwear & fashion. Inviare il proprio curriculum a: customercare@diamonddogma.co.uk (www.diamonddogma.com)

N. 10 / 2011

Gli ultimi anni di Alberto Schiavon, campione di snowboardcrossing e unico italiano ad aver conquistato una medaglia ai Winter X Games, sono stati piuttosto tribolati a causa di infortuni alla spalla e al tallone. Proprio in un periodo di riabilitazione a un piede infotunato, Alberto ha avuto l’occasione di provare Noene, dalle importanti proprietà antishock. “Le sensazioni sono state molto positive, soprattutto sulle nevi dure. Io venivo da un infortunio molto fastidioso perché il tallone è il punto dove si concentra la pressione quando si scia o si fa snowboard, e devo dire che, soprattutto sulla neve più aggressiva, ho sentito molto la differenza. Adesso uso Noene oltre che negli scarponi da snowboard anche nelle scarpe che uso per allenarmi, perché voglio preservare i talloni riducendo ogni tipo d’impatto”. Oltre all’assorbimento delle onde d’urto, Alberto è rimasto positivamente colpito dallo spessore della soletta SP01 di Noene: “Quando s’infila una soletta in uno scarpone da snowboard è importante che lo spessore sia minimo perché basta davvero poco per alzare il piede e fargli toccare le cuciture o altre parti interne della scarpa, risultando scomoda. Il fatto che Noene SP01 abbia uno spessore di 1 mm è molto importante, perché evita questa problematica”.

7


|

Due new entry nel surf team internazionale di Dakine Dakine dà il benvenuto a due nuove surfisti che entrano di diritto nel team internazionale. Si tratta delle leggende del surf Joel Parkinson (prima foto in alto) e Taj Burrow (foto sotto). I due atleti vanno ad aggiungersi al rispettabile elenco di campioni supportati da Dakine tra i quali spiccano Bruce Irons, Rob Machado, i fratelli Hobgood, Sofia Mulanovich, Pancho Sulivan, CJ Hobgood e molti altri. Questi surfisti fanno parte del team internazionale, affiancato da quello europeo che è composto da Cannelle Bulard, Jose Maria Cabrera, Lucia Martiño, Pablo Gutierrez, Tim Boal, Arthur Bourbon e Léa Brassy. Da segnalare che Dakine era anche tra i principali supporter del surfista Andy Irons, membro dell’International Surf Team ed ex campione del mondo scomparso poco più di un anno fa.

Ora TSG protegge anche Anne-Flore Marxer

Leggendario Kelly Slater: 11° titolo ASP Se qualcuno ha pensato che Kelly Slater si sarebbe accontentato del 10° titolo ottenuto lo scorso anno, beh, si è sbagliato di grosso. La leggenda vivente del surf ha infatti conquistato il suo undicesimo trofeo mondiale, dimostrandosi ancora una volta, alla “veneranda” età di 39 anni, il miglior surfer al mondo e della storia. Per altro, a causa di un errore di calcolo del ranking ASP, l’atleta Quiksilver era stato dichiarato campione ben prima che avesse raggiunto la matematica certezza durante la tappa di Ocean Beach, San Francisco. È stato lo stesso Slater a scoprire e informare l’ASP dell’errore nel punteggio, commentando: “Non è stata una decisione sofferta, t’insegnano fin da piccolo che l’onestà è il valore più importante. Non ce l’avrei fatta a non dire nulla pur essendo a conoscenza dell’errore!”. Scoperto l’inghippo, non rimaneva altro che superare la heat successiva, sconfiggendo Gabriel Medina e Miguel Pupo nel 4° round del Rip Curl Pro Search San Francisco.

Heat che Kelly ha puntualmente superato il 5 novembre, ufficializzando così l’11° titolo. Slater è il primo surfer nella storia a raggiungere il traguardo degli 11 titoli Mondiali ASP, un’incredibile carriera ventennale di dominio nel surf professionistico. Le precedenti vittorie nel Campionato Mondiale ASP sono avvenute nel 1992, 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 2005, 2006, 2008 e 2010. Nella sua inarrivabile carriera, Kelly ha collezionato anche 48 vittorie nel tour e due medaglie d’oro agli ESPN X Games.

“Carne fresca” per il Protest Snowboard Team Protest Boardwear ha annunciato l’ingresso nei propri team snowboard di due nuovi elementi per l'inverno 2011/12. Per quanto riguardo il team rider Protest Italy, a Lorenzo Buzzoni e Stefano Benchimol verrà affiancato Dawid Gurbowicz, detto "il Morbido". Mentre a livello internazionale è il rookie svedese Sven Thorgren (in foto) a essere promosso nel global team, per accompagnare i pro Jonas Hagstrom, Miikka Hast, Aymeric Tonin e Jocki Koeffler. Gurbowicz è un rider polivalente che ha recentemente scelto Bardonecchia come sua nuova casa. Dopo una cover shot su Snowboard Mag lo scorso inverno, Dawid ha iniziato la stagione 2011/12 alla grande con un bel check out di 7 pagine sul numero di ottobre di Entry Magazine. Sven Thorgren è invece una vecchia conoscenza, dato che è

stato uno dei primi rider del Protest Rookie Team, e ha al suo attivo un lungo elenco di successi agonistici internazionali, come il recente secondo posto alle Protest World Rookie Finals 2011. Il giovane scandinavo si sta confermando una scommessa vincente per Protest.

N. 10 / 2011

Manuel Pietropoli nuovo rider per DC Snowboards

8

TSG ha recentemente ampliato il proprio team di snowboarder dando il benvenuto all’international pro Anne-Flore Marxer, campionessa del mondo freeride 2011. Anne-Flore aveva già indossato casco e protezioni TSG durante la sua spettacolare run realizzata all’Extreme de Verbier contest, del circuito Freeride World Tour 2011. Il talento della snowboarder svizzero/francese è molto conosciuto a livello mondiale, come dimostrano le 20 e più cover shot per snowboard e mainstream magazine e gli innumerevoli video che la vedono protagonista sul web. Non a caso, agli inizi della sua carriera, era stata nominata nel 2006 Rookie of the Year da Transworld Snowboarding. Successivamente è stata insignita di tanti altri riconoscimenti: seconda Most Influential Female Snowboarder di tutti i tempi secondo Slack Magazine, Best International Rider e French Rider of the Year. Inoltre nel 2010 era considerata la personalità svizzera più importante sul web dopo il campione di tennis Roger Federer. "Siamo entusiasti di dare il benvenuto ad Anne-Flore nel nostro team. Lei non è solo un grande talento ambasciatore del nostro marchio, ma è anche coinvolta nello sviluppo dei prodotti. Siamo tutti ispirati dalla sua personalità comunicativa e la sua preziosa esperienza ci porta a spingere la linea donna", ha affermato Ruedi Herger, general manager di TSG. La bella snowboarder sta lavorando attualmente su un progetto per il suo nuovo casco pro model 2012/13. Anne-Flore è anche recentemente entrata nel team Blue Tomato.

Si apre una nuova era per Manuel Pietropoli, che inizierà l’inverno 2011/12 con i colori DC Snowboards, Union Bindings e California Sports. Proclamato Campione 2011 durante gli Assoluti Italiani in entrambe le discipline di halfpipe e slopestyle, la scorsa stagione è stato protagonista della Top 10 del TTR World Tour. A seguito della nuova sponsorizzazione, continuerà a prendere parte a contest TTR e Coppa del Mondo, oltre che a photoshooting italiani e internazionali. Manuel ha partecipato anche alla quarta edizione del Nissan Stomp It, evento 4 stelle TTR previsto per il 31 ottobre durante la fiera Skipass di Modena, con tavola DC Ply 153 e DC Mlf 154,

scarponi DC Judge, attacchi Union Atlas e outerwear Nevado Jacket e Donon Baggy Pants. Gianpaolo “GP” Casana, responsabile di California Sports afferma: “Siamo entusiasti per l’ingresso di Manuel nel nostro team, dato che apprezziamo molto sia l’atleta che la persona. Sappiamo che può dare tanto lustro a DC e al nostro Paese per cui lo appoggeremo con tutte le nostre forze nella sua attività agonistica”. Parole condivise anche dal marketing manager di Union Bindings Europe Joni Makinen. L’ingresso di Manuel nel team DC è stato ufficializzato il 31 ottobre presso lo stand Board.tv di Skipass con un Manuel Welcome Party al quale è seguita una sessione autografi.

news

|

Roland Winbush nominato creative director di Oxbow Oxbow ha annunciato l’ingaggio del 36enne australiano Roland Winbush come nuovo creative director dell’azienda. Roland è un appassionato di board sport e presenta un curriculum di tutto rispetto, ottenuto tramite esperienze in O’Neill, Salomon e Billabong. Queste gli hanno consentito di avere una forte conoscenza dei mercati europeo e internazionale, grazie anche al lavoro svolto con team di ogni Paese e ai contatti con numerosissimi rider. Roland lavorerà per i prossimi sei anni a stretto contatto con Catherine Loucel, Oxbow’s Collections director, e guiderà le squadre di designer e stilisti contribuendo alla definizione dell’identità del brand Oxbow.

Kai Lenny vincitore del SUP World Championship Kai Lenny, rider supportato tra gli altri da Naish e Oxbow, ha vinto per il secondo anno consecutivo lo Stand Up World Championship. Kai pratica SUP da quando aveva 10 anni e ha raggiunto un’abilità tale che gli consente di ridefinire i contorni della disciplina. L’evento Maresias Pro in Brasile, penultimo del calendario, ha decretato la vittoria del titolo mondiale da parte di Kai, che nella heat finale ha battuto il brasiliano Leco Salazar. Al termine del contest il rider è tornato a Maui per partecipare all’appuntamento finale dell’American Windsurf Tour a Ho'okipa. La famiglia Oxbow è orgogliosa delle sue conquiste e Matthieu Bazil, ceo dell’azienda, ha dichiarato: “Siamo contenti per Kai e aspettiamo di vedere come chiuderà l’anno nelle acque invernali del Pacifico”. Congratulazioni al rider anche da parte del management Naish, azienda per la quale Kai ha contribuito allo sviluppo della serie di tavole da onda Naish Hokua.

Denis “Bonus” Leontyev nella family A[S]Parks

Il francese Mathieu Crepel tra le fila di Blue Tomato Durante il Warm-Up Party dell’Horsefeathers Pleasure Jam, l’online shop Blue Tomato ha dato il benvenuto ufficiale nel suo team al rider francese Mathieu Crepel che va ad affiancarsi all’altra new entry Anne-Flore Marxer. Mathieu, classe 1984, ha dichiarato: “Non è cosa comune che un negozio supporti dei rider quanto Blue Tomato, che oltre ai prodotti da snowboard propone attrezzatura da skate e surf e persino surf trip”. Gerfried Schuller, ceo di Blue Tomato, ha aggiunto: “Mathieu ha una grande esperienza e ha già conquistato importanti risultati. È stato infatti cam-

pione del TTR Tour e del FIS World in halfpipe e big air, oltre ad aver vinto un secondo posto agli X-Games. Lo scorso anno si è concentrato sul filming con una parte da protagonista nel video TB20 di Standard Films. È un rider a 360 gradi. Mathieu è anche uno skater e un surfista per cui rafforzerà non solo il nostro team di snowboard ma anche quello di surf. Con questa aggiunta, vogliamo evidenziare l’internazionalità di Blue Tomato”. Oltre a questo brand, Mathieu annovera tra i suoi sponsor Quiksilver, Gnu, Burn, Orange, Domaine du Grand Tourmalet, EA Sports, Moskova.

A[S]Parks accoglie nella propria famiglia Denis “Bonus” Leontyev, che con il suo talento affronta senza problemi qualunque tipo di rail in park o in street. Denis non solo farà parte del team A[S]Parks, ma contribuirà anche allo sviluppo di nuove idee con una struttura disegnata direttamente da lui e che presto sarà aggiunta al catalogo della società. Nato a San Pietroburgo nel 1991, si è fatto notare negli ultimi mesi per la sua formidabile tecnica su box e rail. Ha trascorso buona parte dell’estate a Mount Hood, in America, per allenarsi e appena tornato in Europa ha vinto la Frontline Rail Jam di Stoccolma.

www.asparks.it


|

news

|

COLLABORAZIONI BURTON SNOWBOARDS & LUCASFILM

DC SHOES & SUBSONICA

Burton e Lucasfilm si sono alleati per portare ai bambini di tutto il mondo l’attrezzatura da snowboard Star Wars. Si tratta di un’edizione superlimitata e riferita a due nuovi prodotti: un casco RED chiamato “Avid Grom R2-D2” e una serie di tavole Chopper “Star Wars”. Il casco presenta uno scafo sagomato in policarbonato leggero. È dotato anche di Spin Fit System che consente ai riders di regolare la calzata e la circonferenza. Le altre caratteristiche standard includono Airvanced Ventilation per personalizzare la ventilazione e un sigilla-maschera per mantenerla al suo posto. Il casco può essere indossato sulla neve, sullo skateboard o sulla bici. Prezzo consigliato per il casco 75 euro. La serie di tavole, invece, illustra otto icone tratte dalla trilogia originale di Star War, tra cui Yoda, Darth Vader, Luke Skywalker e il poster originale del film. Questi snowboard sono disponibili nelle taglie da 80 a 130 cm e sono caratterizzati da flex morbido e lamine rialzate su tutta la lunghezza. In questo modo permettono anche ai rider più leggeri di gestire equilibrio e controllo. Inoltre, le tre misure più piccole sono dotate di pads antiscivolo per i piedi e dell’accessorio Riglet Board Reel che consente ai genitori di “trascinare” i propri figli finchè non saranno in grado di usare gli attacchi. Prezzo consigliato per le tavole: 140 euro per le misure 80-115 cm e 150 euro per le misure 120-130 cm.

Musica e streetwear si fondono assieme in un gioco di contrasti e complicità. Nasce così Eden, una scarpa firmata DC e realizzata in collaborazione con la band torinese Subsonica. La calzatura è nera con un look graffiante, riflessi multicolor (un particolare che caratterizza tutta la linea DC/Subsonica), cuciture in contrasto e lacci in tessuto nero. In perfetto stile street, questo prodotto è in pelle premium e quindi adatto anche alla stagione estiva. La tomaia è stata personalizzata con marchio Eden a caldo sulla parte superiore e marchio laterale DC ricamato tono su tono. Molto particolare l’idea della fodera interna con le “mele”, ulteriore richiamo al concetto di Eden, per non parlare della soletta interna con il melo e il serpente, lo stesso disegno presente sulla copertina dell’album omonimo. Personalizzazioni create direttamente dai Subsonica in collaborazione con i Truly Design. Il modello è stato scelto da Samuel (voce dei Subsonica) e Vicio (basso) sia per l’aspetto estetico che per la comodità. I ragazzi hanno infatti intenzione di usare questa scarpa sul palco. Dopo il recente acclamato tour negli Usa, la band torinese è pronta a ripartire nel 2012 in Italia e nelle capitali europee a seguito della ristampa di Eden, che nella nuova versione contiene anche una cover di "Up patriots to arm" di Franco Battiato. Da fine novembre i Subsonica saranno di nuovo in tour in una veste inedita: per la prima volta infatti la band si esibirà nei teatri in uno show interamente acustico.

ELECTRIC VISUAL & MIKE PARILLO

N. 10 / 2011

BURTON SNOWBOARDS & ADIDAS

10

Per il prossimo inverno Adidas Originals e Burton presentano il risultato della loro collaborazione che consiste in un’intrigante capsule collection. Si tratta della seconda partnership tra i due brand, che si sono ispirati all’attrezzatura da snowboard degli anni ’90 e al design giapponese dell’artista Kazuki Kuraishi. I capi della collezione, che comprende capi di abbigliamento e calzature, risultano così fortemente influenzati dallo streetstyle giapponese. Tra tutti spicca ad esempio la giacca Casual Snow, dal fit extra-loose con finitura idrorepellente (3.500 mm di colonna d’acqua). Il modello è caratterizzato da cappuccio, chiusura con bottoni e zip, plaid e tasche ampie interne ed esterne, compresa una tasca interna per media player con passaggi per auricolari. La giacca è venduta a un prezzo consigliato di 230 euro. Altro modello rappresentativo di questa partnership è la calzatura Vulc Low, che riprende una delle più celebri scarpe da tennis firmate Adidas mai prodotte. È caratterizzata da costruzione in pelle resistente, puntale idrorepellente e profilo in finta pelliccia a garanzia del massimo calore. Il modello è venduto a un prezzo consigliato di 100 euro.

Electric presenta Freak Out, linea disegnata dall’artista Mike Parillo. Quest’ultimo è considerato una vera icona nell’ambiente dello snowboard, riconosciuto come uno dei più visionari artisti che ruotano intorno all’industria action sport. Mike ha collaborato con le principali aziende dello snowboard per oltre 20 anni, contribuendo a definirne l’immaginario artistico. In alcuni casi il suo lavoro è stato essenziale per profilare l’immagine di un marchio come nel caso di Lib Tech, le cui tavole firmate da Travis Rice sono indissolubilmente collegate all’artista. La linea Freak Out disegnata per Electric è un mix di simboli e visioni dell’universo dell’artista. È caratterizzata da zaini e maschere con colori accesi, disponibili nei migliori punti vendita Electric e nei Bastard Store.

ETNIES & ADULT SWIM Adult Swim, network televisivo per “giovani adulti” del canale Cartoon Network, ha stretto per il secondo anno una partnership con Etnies dando vita a una capsule collection. La prima collaborazione si era espressa in due modelli di scarpe Etnies caratterizzate dai personaggi più popolari di Adult Swim. La collezione di quest’anno, invece, presenta per la prima volta in assoluto anche delle tshirt e degli zaini. Ispirata da alcuni dei personaggi più popolari del network e con pochissimi pezzi selezionati basati su Metalocalypse, questi prodotti sono stati creati dai designers di Adult Swim e sono disponibili presso i

migliori rivenditori autorizzati Etnies e nello store online etnies.com. “Trovare il giusto partner per delle collaborazioni con Adult Swim è importante quanto creare prodotti di qualità”, ha dichiarato Pete Yoder, vice presidente dei prodotti di consumo per Cartoon Network Enterprises, la divisione che si occupa del licensing e del merchandising di Adult Swim. “Etnies è un ottimo partner. Capisce la nostra creatività e i toni unici dei nostri personaggi”. In foto due tshirts, uno zaino e le scarpe ispirati da Metalocalypse; una t-shirt e uno zaino brandizzati Adult Swim.

UNION BINDINGS & PABST BLUE RIBBON Union Bindings, in collaborazione con la birra americana Pabst Blue Ribbon, ha realizzato una serie di attacchi cobranding in super limited edition. Realizzati sulla base dei Contact, gli attacchi PBR includono diversi accorgimenti tecnici firmati Union. Infatti sono stati sviluppati con l’obiettivo di garantire un’area di contatto tavola-attacco ultraminimale per una performance unica. La base speciale “Contact”, prodotta in materie plastiche Dupont Zytel, riduce ad appena il 19% la superficie di contatto dell’attacco sulla tavola garantendo la massima libertà e la minore interferenza nel flex dello snowboard. È un modello pensato per il freestyle, estremamente leggero e ideale per qualsiasi snowboard reverse camber. Fra le altre caratteristiche ricordiamo la base garantita a vita, i componenti in alluminio estruso, i cricchetti in magnesio, le strap in pelli sintetiche pregiate preformate 3D.

VANS & HOLDEN L’intramontabile stile Vans si fonde con l’innovatività di Holden per una collaborazione unica e imperdibile. Materiali di prima qualità, morbida pelle, tessuti innovativi e recyclon (nylon riciclato) rivestono il boot limited edition, così come la Sk8-Hi abbinata, che offre ai rider la perfetta combinazione tra performance, comfort e stile. Tra le tecnologie che caratterizzano lo scarpone spiccano la scarpetta interna Vans QuadFit X Thermal e il plantare V4 sagomato e in Eva che offrono comfort, flessibilità, protezione e stabilità sia della gamba che del piede. A questi si aggiunge l’esclusivo Outlast, un sistema che rileva la temperatura corporea e rilascia o detiene calore a seconda delle esigenze, mantenendo la temperatura del piede stabile. Completano il profilo dello scarpone una chiusura classica con stringhe e dettagli che personalizzano la linea semplice dall’ispirazione street. Per concludere, la calzatura Sk8 Hi Vans x Holden rivestita in morbida pelle e ryclon ha le stringhe nere piatte e l’etichetta rossa con logo Vans x Holden sulla linguetta come il boot.


|

news

|

Chicks On Board, tutte pronte per la nuova stagione A un lustro dalla sua nascita, Chicks On Board è sicuramente diventato un evento di riferimento nel panorama snowboard femminile in Italia. Per festeggiare questi primi 5 anni è stato allestito un programma 2012 ricco di novità, che sarà certamente indimenticabile per le girls che vi parteciperanno. La prima delle due tappe previste è ancora a Pescocostanzo (AQ), dal 17 al 19 febbraio nel divertentissimo Alien Park di Gabriele De Angelis, che ogni anno allestisce delle strutture e un setup su misura per le ragazze. A seguire la new entry di quest’anno in fatto di località: l’IndianPark a Breuil-Cervinia (AO), dove si svolgerà la finale del Chicks On Board 2012. Le molte altre sorprese della stagione verranno svelate pian piano, basta seguire tutti gli aggiornamenti sul nuovissimo blog Chicks On Board e sulla pagina Facebook ufficiale dell’evento. Inoltre ogni mese su Onboard Magazine sarà presente una rubrica dedicata a cura di Manuela Mariani, in cui racconterà tutte le indiscrezioni e le novità del Chicks On Board.

Tre test days Santa Cruz, Ftwo e Movement a Ovindoli

Tutti gli skate trip 2011 di Iuter in un video

Durante tutto il 2011 la skate family di Iuter, grazie alla partnership con Fiat Freestyle Team e Invicta, è stata impegnata in diversi tour. Sul blog ufficiale del brand sono stati postati svariati aggiornamenti e report di viaggio. Alcuni dei quali hanno trovato spazio nell’articolo pubblicato sull’ultimo numero di 6AM Skateboard Magazine, con le foto del team in vari spot tra Berlino, Triveneto e Liguria. Ma il risultato di tutti questi viaggi è visibile persino in un video realizzato da Enrico Cerovac e disponibile online sul blog Iuter. Nei 10 minuti di filmato si vedono in azione i protagonisti Devis Ficara, Piero Stuper, Enrico Carta, Francesco Ferro e Simone Chiolerio. A essi si aggiungono le videopart di Federico Peroni e Jacopo Carozzi.

Il surf trip di Oaxaca con “Le Iene” chiude l’estate di Vip On Board Dopo il successo riscosso dai viaggi alle Hawaii con gli inviati di “Striscia La Notizia”, a Baja California con i Dj “Virgin Radio” e a Hossegor con il gruppo “Modelle”, Vip On Board chiude l’edizione estiva con la quarta tappa, organizzata a Oaxaca in Messico con gli inviati speciali di “Le Iene”. Presenti all’ultimo viaggio, in scena dal 5 al 14 agosto, Matteo Viviani, Mauro Casciari, Elena Di Cioccio e Gip Cutrino accompagnati dagli special guest Ludmilla Radchenko, Siria De Fazio e Sergio Volpini (Coach Surfer del progetto). Durante il viaggio hanno sperimentato il canopy sorvolando i canyon di Benito Juarez appesi a un cavo di acciaio a oltre 100 mt di altezza. Hanno inoltre cavalcato le onde di Puerto Escondido con il supporto della “Federazione Messicana Surfing”, surfando alcuni tra i migliori beach-break di tutto il Centro America, tra cui il Mexican Pipeline, La Punta e Carrizalillo. L’edizione 2011 del progetto, che sostiene la ricerca del “Centro Dino Ferrari” di Milano, si concluderà a Natale con il viaggio “Kenya–Off Road Safari Academy Camp & Kite Surf”. Vip On Board è reso possibile grazie al contributo di numerose realtà del settore boardsport tra cui Quiksilver, Roxy, Skullcandy, Bear e Indoboard.

www.viponboard.it

Tra le tante attività previste per l’inverno 2011/12 firmato Santa Cruz, spiccano le date dei test materiali previsti a Ovindoli, in Centro Italia. Gli interessati avranno la possibilità di provare in pista le tavole utilizzate dai rider Devid De Palma, Dadino Colturi, Emiliano Lauzi, Alberto Nevola e Matteo Noire. Disponibili per test anche gli snowboard tecnici Ftwo e gli sci freestyle Movement. Infine, i presenti ai testing days potranno partecipare all’estrazione di gadget Santa Cruz tra cui anche le prestigiose t-shirt di Jim Phillips. Le date a calendario sono 18 dicembre, 15 gennaio, 10/11 marzo.

N. 10 / 2011

info@boardcore.it

11


| prodotti fw 11/12 | AmPLId THE dOPAmINE

ANON OPTICS COmrAdE

rEESON SOuTH CENTrAL

Uno dei modelli di punta della proposta freestyle firmata Amplid. Si tratta di un true twin con profilo rocker e garantisce performance freestyle e jibbing a un prezzo ragionevole. Permissivo e divertente, questo snowboard è agile e preciso. È costruito con WDT Polywood Core ed è caratterizzato da Magma Edge Shock Absorber, 360° Wrap Around Steel Edge, 4x2 insert pattern, TPU Spin Tips, Glassfiber Impact Biax, Doomsday Jibrocker, sidecut MC Beziér Spline, sidewalls 22° Slanted ABS, nuova stampa DDT con stampa parziale matt, design su base diecut, base estrusa 4.4 duraspeed, shred ready. Il modello è disponibile nelle misure 147, 150, 153, 156.

Per l’inverno 2012, Anon Optics presenta la propria collezione che include due nuovi modelli: il Comrade dal telaio ampio e il Tracker specifico per i giovani. La prima maschera, in particolare, presenta la montatura più grande della collezione e, con un’altezza di 101 mm, fornisce una vasta area di visualizzazione facilitando la visione periferica. La lente sferica poi imita la curvatura dell'occhio per una visione superiore in tutte le direzioni. Disponibile in 23 colori di montatura e tinte della lente, la Comrade è scelta da pro rider quali Bode Merrill, Johnnie Paxson e Nic Sauve. Per presentare la nuova linea, Anon ha aggiornato il sito anonoptics.com e l’app. Il sito offre contenuti video e nuove funzioni di scoperta dei prodotti. Presenta lo stru-

South Central è una felpa full zip con interno cappuccio foderato, realizzata in tessuto flanella scozzese a contrasto, caldo, soffice e di alta qualità (80% cotone e 20% poliestere con produzione tessile europea). Presenta dettaglio tasche sempre in flanella e logo Reeson frontale fatto con patch sempre in flanella con la medesima fantasia. Un capo per ogni occasione e che può risultare molto elegante. dISTrIbuITO dA

La Shiloh è il modello più apprezzato dell’intera linea 32 Outerwear e nella nuova versione Plus è ancora più calda e confortevole grazie all’imbottitura aggiuntiva che la rende ideale per le giornate più fredde (+60 gr Thermal Insulation). Non cambiano rispetto alla sorella minore la vestibilità che rimane Relaxed Fit e il tessuto Nylon Shell con 10.000 mm di impermeabilità e 10.000 gr di traspirabilità. La Shiloh Plus è la giacca preferita da JP Walker, presenta cuciture interamente nastrate ed è disponibile nei colori black e camo. Completamente accessoriata di ghette e tasche multi uso, è comoda e pratica in pieno stile 32.

d ISTrIbuITO dA

SALOmON F4.0

dISTrIbuITO dA

Friendistribution 0564.21366 info@friendistribution.it

VANS ANTHONy VAN ENgELEN SIgNATurE COLLECTION Vans e Anthony Van Engelen collaborano ancora una volta e per la stagione alle porte lanciano una collezione casual fatta di capi e scarpe dalle linee semplici e comode. Nella collezione sono presenti: il pantalone AV Covina Selvedge, classico 5 tasche in cotone color khaki; la camicia stile workwear in cotone blu AV Atascadero (in foto); la Sideliner Jacket, leggera in nylon rosso con tasche laterali e bottoni; la giacca Battery in cotone pesante, ispirata allo stile militare, con tasche frontali in alto e taschini laterali in basso, doppia chiusura con zip e bottoni e collo alto; l’AV Futurepast Trucker, il cappello con visiera rosso e bianco; infine AV Sk8 Low (in foto), scarpa firmata dallo stesso Anthony che, oltre a performance, resistenza, flessibilità e protezione, offre il massimo in termini di stile nella versione rosso bordeaux.

HOSTILE ALEx b Pro model perfetto per il pipe. È caratterizzato da struttura in legno Super Core, rigorosamente a camber classico, abbinata al triple layer e al Carbon R-Way. Presenta inoltre feel 6, profilo twin, flex direzionale, base in grafite, spigoli steel grip e sidewall slant 600°. È il modello disegnato da Alessandro Barbero che ha voluto rappresentare su una tavola l’essenza della sua BMX. È uno dei modelli di punta del marchio ed è proposto a un prezzo consigliato di 419 euro.

N. 10 / 2011

12

dISTrIbuITO dA

Sport Agency 039.790600 info@burton.it

THIrTyTWO SHILOH PLuS

gVm distribution 0324.243507 info@gvmshop.com

È l’unico scarpone Salomon ad avere una suola in Lighweight, la suola più leggera della gamma con ammortizzatore in Aero per una protezione massima contro gli urti. Non può mancare il Contagrip per un’ottima tenuta mentre si cammina. La chiusura dello scarpone è il nuovissimo 3D Web Lace: unico sistema che consente di chiudere la scarpa con un solo cavo utilizzando una sola mano. In soli 4 movimenti l’F4 è perfettamente chiuso. Questo modello è inoltre diviso da 3 pannelli che lo avvolgono completamente. Il sistema è molto funzionale perché lascia libero il flex del boot. La scarpa non ha pieghe in flessione (quindi punti di pressione) perché i pannelli si sovrappongono. Inoltre 3 valvole fanno uscire l’umidità per mantenere il piede sempre caldo e asciutto. Questo modello è l'ultimo nato della linea Fusion, ha una lunghezza totale più corta del normale e questo agevola soprattutto chi ha un numero di piede dal 43 in su. Questo è possibile perché nella linea F Salomon ha eliminato la scarpetta interna assicurando minor volume, mancanza degli slittamenti tra la scarpetta interna e la tomaia esterna, compattezza della suola (0,5 cm più bassa) per la massima sensibilità, misura dello scafo in rapporto alla scarpetta interna per un miglior fit. Il boot è dotato di un plantare conformable. È abbinato all’attacco Caliber e disponibile nelle misure 25-30,5.

mento “Lens Visualizer” che consente di sperimentare virtualmente ciò che la montagna presenta attraverso diverse lenti. Altro strumento è “Color Bomb” che consente di organizzare per colore le maschere. Questa funzione è disponibile anche sull’app iPhone col nome “Look better, see better”.

reeson Skateboards Co 340.7836240 info@reesonproject.com

gNu CArbON CrEdIT SErIES Tavola da uomo con profilo banana, pensata per freestyle e all terrain. È caratterizzata dalla premiata tecnologia Magne-Traction per controllo e tenuta anche su ghiaccio, da una collaudata costruzione sandwich, da aspen core, da twin tip e da resina biassiale. È facile da condurre, grippa sulla neve compatta, performa ottimamente nel jibbing e galleggia nella neve fresca. All terrain freestyle performance per tutti i rider, dai più conservatori ai più progressive, di tutti i livelli. Disponibile con flex 4-7 a seconda della taglia (anche in versione wide) e in diverse colorazioni, ha vinto il TWSNOW Good Wood. La grafica è disegnata dall’art director Tim “pinski” Karpinski.

LIb TECH ATTACk bANANA

dISTrIbuITO d A

Vans Italia 0423.683701 info@vans.it

All terrain freestyle con Banana Tech e Magne Traction combinato con camber ellittico EC2 ai punti di contatto. Quest’ultimo sposta il vertice del camber all'interno portandolo più vicino al piede, il che aiuta a distribuire più omogeneamente la pressione su tip e tail. Questo inoltre fornisce un pop più concentrato e crea maggior sospensione per grossi atterraggi. La linea di contatto più corta rende la tavola più agile e “amichevole” su neve battuta e fresca. Grazie a questi accorgimenti, il modello concentra la pressione tra i piedi per curve facili, grande tenuta delle lamine sul ghiaccio e una pressione media su tip e tail per stabilità da un estremo all'altro, pop e grande galeggiabilità e freestyle senza problemi. La tavola è inoltre caratterizzato da pop e stabilità del C2 da punta a coda, Combo Basalto/vetroresina, anima Columbian Gold, spigoli interni a trasferimento di potenza, base TNT, flex 6-7 a seconda della taglia. È disponibile nelle misure 153, 156, 159, 159 Wide, 161, 161 Wide.

d ISTrIbuITO dA

dISTrIbuITO dA

dISTrIbuITI dA

Amer Sports 0422.5291 www.salomonsnowboards.com

Hostile Snowboard 0174.46200 info@hostile.it

Holysport 0584.913743 - info@holysport.com


| prodotti fw 11/12 | AIrbLASTEr JAVIEr JACkET

TSg grAVITy

O’ NEILL ExPLOrE JONES INSuLATOr

Parte del completo Javier, questa giacca offre capacità d’impermeabilità e traspirazione 10.000/10.000. Dispone inoltre di cuciture totalmente nastrate ghetta rimovibile, zip di ventilazione, polsini in lycra, tasca con stampo del logo. Disponibile nei colori teal, hot yellow, purple ed ebony.

Una creazione firmata Jeremy Jones. Il campione, nominato 8 volte Big mountain Rider of the year, si è focalizzato nella creazione di una linea tecnicamente superiore che si adattasse alla perfezione al suo riding. Ne sono venute fuori tre giacche, tra le quali il modello due strati Explore Jones Insulator, con grafica realizzata dallo stesso Jeremy insieme all’artista Mike Ennen. Tutti i prodotti della linea Jeremy Jones sono realizzati con materiali riciclati.

Il casco Gravity presenta un design ergonomico e grazie al sistema Snug Fit la calzata è veramente ottima. Questo sistema permette alla scocca del caschetto di aderire perfettamente alla forma della tua testa senza impedire la visibilità quando indossi la maschera. Inoltre l'attenzione maniacale al design ha permesso di far aderire ancora di più il casco anche lateralmente. Disponibile in 20 colori e grafiche.

dISTrIbuITO dA

Sportzun SA 0498.792216 info@sportzun.com

dISTrIbuITO dA

Wave distribution 011.7801938 info@wavedistribution.it

dISTrIbuITO dA

SANTA CruZ COLLEZIONE 2011/12

blast! distribution 0362.1855454 info@blast-distribution.it

APO mTd

ArIETE SILVEr COLLECTION

dISTrIbuITO dA

Friendistribution 0564.21366 info@friendistribution.it

mOSkOVA uNdErWEAr FW 2011/12

Ormai è assodato. Quando si parla di Santa Cruz, una delle prime cose che vengono in mente è la leggendaria Screaming Hand, la mano urlante realizzata da Jim Phillips, artista di fama internazionale e pioniere della skate art. La grafica Santa Cruz più famosa al mondo non può certamente mancare nella collezione FW 2011/12: felpe, giacche e jeans disegnati da Jim

Phillips. Un esempio la t-shirt Big Sketchy Hand o la felpa con cappuccio special edition Screaming Hood (in foto). dISTrIbuITO dA

boardcore 02.66800814 info@boardcore.it

VÖ LkL FASTEC CHOICE ALu

dISTrIbuITO dA

Ariete 0332.310100 info@ariete.com

Attacco semplice da usare (serve una sola mano), leggero (grazie alla base in alluminio sLAB) e confortevole (con 3D Freestyle Straps). Assicura trasmissione diretta delle forze e massima tenuta. La sicurezza è garantita dallo strap in punta gommoso e antiscivolo, che si aggiunge all’imbottitura antishock della base imbottita in Eva. È perfetto per uscite freestyle e all mountain ed è caratterizzato da Fastec System con Micro Pump Buckles e Auto-Release Buckle. È disponibile nelle misure S, M, L, XL per uomo e per donna.

ASHbury kALEIdOSCOPE

dISTrIbuITO dA

Völkl Snowboards Italia 06.86983343 marco@volkl-snowboards.it Unendo tecnica e stile, Moskova presenta un underwear brand unico nel suo genere, nato dalle menti di un gruppo di pro rider, nello sport come nella vita, sempre alla ricerca di prodotti performanti: i surfer Miky Picon, Patrick Beven, Jeremy Flores e lo snowboarder Mathieu Crepel, ideatori e fondatori del marchio. I loro background e il loro gusto lifestyle ispirano e segnano fin da subito i prodotti di questo brand. In foto il modello uomo Mathieu Crepel. dISTrIbuITO dA

California Sport 011.9277943 info@californiasport.it

mOVEmENT rASTA L.E. Quest’anno attraverso l’introduzione di nuove tecnologie, di cui l’azienda detiene l’esclusiva, Movement progredisce nell’evoluzione degli sci. La ricerca di un perfetto equilibrio tra peso, prestazioni, resistenza e sciabilità è ormai raggiunta. Diversi sci possiedono queste caratteristiche e permettono, con il massimo comfort, di scoprire e fare proprio un nuovo modo di sciare e di progredire con assoluta fiducia su qualsiasi tipo di terreno. Oltre alla proposta sci, Movement presenta anche diversi prodotti di attrezzatura come una vasta gamma di oltre 10 caschi. Tra essi spicca il modello Rasta L.E. ventilato sulla fronte e sulla parte posteriore. Presenta inoltre protezione per orecchie 3D aggiustabile e rimovibile.

Entry Level della collezione Ariete FW 2011/12, è caratterizzata da un ottimo rapporto qualità/prezzo. Fra le caratteristiche tecniche presenta frame in materiale poliuretano flessibile (anche a basse temperature) con colori anti UV e guarnizione termoformata 3D a 3 strati. La lente, doppia, iniettata, sferica e ventilata, dispone di proprietà anti-appannamento e anti-graffio, di filtro rimovibile per pulizia e garantisce protezione 100% radiazioni UV-A, UV-B, UV-C. Una linea di silicone antiscivolo caratterizza l’elastico. Disponibile con un sacchetto in microfibra per la custodia della maschera e la pulizia della lente.

dISTrIbuITO dA

boardcore 02.69017189 info@boardcore.it

È la mascherina più amata della collezione 2011/12 di Ashbury. Si tratta di un prodotto di alta qualità, confortevole, con un ampio campo visivo e con un design semplice. La Kaleidoscope offre le funzioni necessarie, eliminando quello che non serve. Presenta in particolare lenti silver mirror Carl Zeiss protettive al 100% dai raggi UVA/UVB/UVC, anti-nebbia e anti-graffio, ventilazione anti-appannamento su tutto il perimetro della mascherina, interno rosso morbido ipoallergenico per il massimo comfort, compatibilità con casco, tecnologia snapfit per cambiare la lente con facilità e lente di ricambio gialla inclusa. Il modello, testato dal team Ashbury, è disponibile nei colori black, white, wine (in foto), olive, red, brown tortoise, grey tortoise.

N. 10 / 2011

La MTD è la tavola preferita dal Team Apo, con camber tradizionale e Freestyle Shape. È veloce e precisa nei jump e lungo le transizioni, ma è anche ideale per la fresca grazie agli speciali Powder Inserts, 2 cm di set back aggiuntivi per non essere mai colti impreparati da un’improvvisa nevicata. Le stringhe V Carbon in punta e coda donano alla MTD un pop esagerato mentre l’anima Beta Core 100% pioppo a doppia densità, più dura e resistente in corrispondenza degli attacchi, incrementa la dinamicità del riding e la risposta della tavola. La MTD è disponibile anche nella versione Dual Rocker. È caratterizzata da flex 6/10 ed è disponibile nelle misure 153, 155, 157, 159W e 163W.

dISTrIbuITO dA

Wood morning 06.43251922 info@woodmorning.eu

13


| n

cover story |

ALvARO DAL FARRA CI PARLA DEI SUOI MOLTEPLICI PROGETTI

Come vi insegno l’FMX... nOnOSTAnTE IL SUO RITIRO DALLA CARRIERA AGOnISTICA, ALvE COnTInUA A ESSERE PROTAGOnISTA DELLA SCEnA ACTIOn SPORT. TRA LE SUE ULTIME InIZIATIvE LA CREAZIOnE DEL DA BOOT SUPERPARK DI LEnTIAI (BL) DOvE APPREnDERE O AFFInARE LA TECnICA DELL’FMX, CHE LO SCORSO OTTOBRE HA OSPITATO IL PRIMO CAMP. A CURA DI

MOnICA vIGAnò Parlare con Alvaro Dal Farra è sempre un piacere perché di cosa da dire ne ha davvero tante. Ma oltre alle parole ci sono tanti fatti, che lo hanno reso già da molti anni uno dei personaggi più rappresentativi della scena action sport italiana e uno dei pochi rider del nostro Paese conosciuti a livello internazionale. Del suo esordio come snowboarder, dei primi anni con la Iuter Crew, della sua passione per l’arte (è laureato in pittura presso l’Accademia di belle Arti di Venezia) e della creazione del marchio di sneaker CMYK insieme ad Andrea “Andrix” Codoro – oltre che di molto altro – abbiamo già parlato più volte. Così come del grave incidente che ha subito nel settembre 2009 cadendo durante uno dei centinaia di backflip che ha sempre chiuso. Sembrava la fine della sua carriera nell’FMX. Ma non è stato così. O meglio, dopo mesi di riabilitazione Alvaro ha in effetti deciso di abbandonare l’attività agonistica in prima persona, ma si è dedicato anima e corpo a molteplici iniziative per supportare la scena FMX italiana e non solo. Tra numerose interviste sui più disparati media, attività di giudice a importanti contest (tra i quali i Red Bull X-Fighters), gestione di snowpark e tanto altro. Ciliegina sulla torta, nel 2011 Alve ha coronato ufficialmente uno dei suoi progetti più ambiziosi: mettere a disposizione di tutti coloro che vogliono imparare in modo professionale o affinare la tecnica del freestyle motocross il proprio park in provincia di Belluno (per tutte le info sulla struttura vedi box a fianco) e organizzare il primo camp dedicato a questa disciplina.

Raccontaci le origini del Da Boot Superpark. Il park è stato istituito nel 2005 perché avevo bisogno di uno spot per sviluppare il mio riding in rampa. In seguito abbiamo aperto le sue porte ai piloti, con l’obiettivo di dare la possibilità a tutti di allenarsi in una pista completa con le migliori strutture. Oltre a questo mettiamo a disposizione un ambiente perfetto per un allenamento da professionisti. Possono venire rider singoli o gruppi e il trattamento verrà studiato in base alle esigenze dei piloti.

Quando è operativo? È aperto 365 giorni l’anno ed è posto all’interno di un’area privata. La base di sabbia permette di allenarsi sempre e, in caso di brutto tempo, i piloti possono accedere alle strutture dopo solo 10 minuti dal temporale. Lo strato superiore del terreno consente di definire la forma più adeguata per il salto e rimane sempre liscio. Così le condizioni delle strutture sono perfette anche in inverno. Lo abbiamo testato anche con la neve e siamo riusciti a ottenere riprese e foto in un ambiente sorprendente e singolare.

N. 10 / 2011

Quali altri pro rider hanno visitato il tuo park? Anche piloti internazionali come Petr Pilat e Fabian Bauersucks hanno scelto la nostra struttura per prepararsi alla seconda parte del campionato mondiale IFMXF. Tra novembre e dicembre saranno molti i rider che ci raggiungeranno al Su-

I

PARTECIPANTI A UNO DEI CORSI DI

FMX

ORGANIZZATI PRESSO LA SCUOLA DI

perpark, tra cui i nuovi rookies Da Boot: Luppi, Fini, Ferrari, Zucconi, Ponta, Schiavini e gli ormai veterani Bianconcini, Caresana, Oddera.

NON POTEVA MANCARE

ALVARO DAL FARRA (FOTO

A DESTRA).

IL PARK E LE STRUTTURE CIRCOSTANTI

Quali sono i servizi offerti? Il pacchetto servizi è decisamente completo. Proponiamo un park di livello con accesso anche a snowmobile/quad ramp e foam pit (vedi foto in basso a sinistra, ndr) adatto alla formazione di un FMX pro, un’ottima sistemazione in appartamenti arredati in affitto o presso il vicino hotel, un menu speciale per gli sportivi presso un ristorante locale a 2 km dal park, un meccanico sempre a disposizione, diversi svaghi nella zona (tra cui lo snowboard nei mesi invernali), noleggio moto e mezzi, accesso a una palestra per l’allenamento fisico e pista da MX.

A questi si è aggiunto il primo FMX Camp. Si è svolto dal 22 al 28 ottobre e sono stati invitati rider con l’intenzione di progredire, imparare e approfondire la conoscenza di questo sport. L’iscrizione era aperta a chiunque avesse licenza AICS. In caso, era possibile tesserarsi tramite il moto club ASD Radius. Durante la settimana, la cui partecipazione è costata 250 euro, gli iscritti hanno seguito una formazione completa con riding sulle rampe, tecnica di guida e nei trick, perfezionamento delle figure, corso di meccanica, corretta alimentazione, preparazione atletica, filming e visione dei propri video girati nel park.

Descrivici una giornata tipo. Si iniziava con la manutenzione delle moto e le lezioni di meccanica gestite da Lorenzo Magnoni, che ha insegnato gli accorgimenti fondamentali per controllare la moto prima dell’uso e per mantenerla in ottimo stato. Dopodichè io mi occupavo della ginnastica preparatoria per riscaldare il fisico prima della performance in moto. Seguivano insegnamenti sull’importanza della concentrazione e finalmente si saliva in sella. A questo punto gli iscritti iniziavano a prendere feeling con il mezzo facendo impennate e impuntate oltre a qualche giro in park. Da ultimo, si iniziava con i salti sulle rampe.

Chi ha reso possibile l’organizzazione del camp? Il camp è stato organizzato dal sottoscritto insieme al meccanico Lorenzo Magnoni. Inoltre lo specialista della sospensioni Pietro “Pedro” Paladino ha portato la sua esperienza tecnica. Con il suo hospitality Marzocchi, ha seguito tutti nella messa a punto delle sospensioni spiegando l’importanza di un loro corretto funzionamento. A lui si è aggiunto il fisioterapista Luca Filippin, che ha spiegato quanto siano importanti la riabilitazione dopo i traumi e il lavoro a secco giù dalla moto. L’alimentarista Andrea Zanetton e la sua collega Gabriella Bressan, infine, hanno parlato della corretta alimentazione nello sport e nella vita.

Quali sono stati i feedback di questa esperienza? Direi ottimi, a partire dall’affluenza. Si sono iscritti 20 riders che in una settimana sono riusciti

14

FINALE EMILIA. TRA I “PROFESSORI”

Il Da Boot Superpark è aperto 365 giorni l'anno. Offre un servizio completo e diversi altri svaghi, grazie alla stretta collaborazione con strutture presenti nei dintorni. Di seguito i dati tecnici delle strutture presenti nel park e di quelle nei pressi dello stesso.

DA BOOT SUPERPARK (LENTIAI, BL) Strutture: 9 rampe, 2 box, 1 quarterpipe, 2 dirt kickers, 4 dirt landings, 1 trasfert jump. Double Line 1: 1 box, 1 rampa (8,5 mt di raggio con 20 mt di gap o 8,5 mt di raggio con 21,5 mt di gap), rampa (9 mt di raggio con 23 mt di gap o super kicker con 14 mt di gap). Double Line 2: 1 rampa (8,5 mt di raggio con 21 mt di gap), 1 dirt kicker (con 23 mt di gap). Circle Track: 1 box, 1 rampa (8,5 mt di raggio con 20 mt di gap o 8,5 mt di raggio con 21,5 mt di gap), 1 rampa (8,5 mt di raggio con 20 mt di gap o 9 mt di raggio con 23 mt di gap o 9 mt di raggio con 25 mt di gap o dirt kicker con 21 mt di gap). Quarterpipe Ramp: alto 4 mt, atterraggio ampio 15 mt e alto 4 mt. Transfert Jump: a partire da rampa con 8,5 mt di raggio con 21 mt di gap. Natural Dirt Line: gap, spine, doubles e transferts.

FOAM PIT (CASTION, BL) Distanza: 20 km dal park, 1 km dalla residenza dei rider. Dimensioni: 12x14 mt, alto 3,5 mt. Riempito con blocchi di schiuma resistente alle fiamme, servito da una gru. Rampe (rimovibili): superkicker (8,5 mt di raggio o 9 mt di raggio).

PERCORSO MX PRIVATO (TREVIGNANO, TV) Distanza: 46 km dal park.

PALESTRA (BELLUNO) Distanza: 21 km dal park, 3 km dalla residenza dei rider. Una palestra completa con macchine per body building e riabilitazione, macchinari vibranti, sauna e personal trainer. Disponibile piscina olimpica e piscina per immersioni presso il centro città.

RISTORANTE COL DEL RÙ (LENTIAI, BL) Distanza: 2 km dal park, 18 km dalla residenza dei rider. Cucina tipica, menu e orari di apertura adattabili a varie esigenze.

AGRITURISMO DE BERTOLDI (CASTION, BL) Distanza: 20 km dal park, 1 km dalla foam pit. Appartamenti riservati per tutto l’anno per i rider in una location rurale, con cucina, area relax e ristorante tipico al piano terra. Disponibili anche camere presso hotel nel centro di Belluno.

ATTIVITÀ DISPONIBILI Estate: windsurf, kite, kayak presso il lago Santa Croce; freeclimbing, trekking, biking tutto intorno alla città e nelle Dolomiti; percorsi downhill a Nevegàl e Ski Civetta; paragliding, skydiving, horse riding, skate, bmx. Inverno: sci e snowboard a Nevegàl e Ski Civetta; sci freestyle e snowboard nell’Alleghe Superpark (Ski Civetta).


|

cover story | DA BOOT TRA PARTY E VIDEO PREMIERE

E

MAX BIANCONCINI

IN AZIONE NEL

SUPERPARK

DI LENTIAI

(BL). ALCUNI

a cambiare il loro stile e il loro livello di guida. Oltre alla moto, sono stati protagonisti del camp anche il quad e la motoslitta, due nuove discipline curate dal team Da Boot. Che tra l’altro ci ha raggiunto al gran completo durante gli ultimi giorni di camp, realizzando filmati che poi entreranno di diritto nel video di fine anno. Il successo dell’iniziativa è stato raccontato in diverse testate tra cui MotoX Germania, che ha dedicato al camp 4 pagine ricche di immagini e spiegazioni tecniche.

Oltre al park gestisci anche una scuola, vero? Sì, è la scuola di Finale Emilia. È aperta ogni weekend ed è seguita da Lorenzo Magnoni che porta avanti i corsi anche in mia assenza. Questa scuola conta due strutture. La prima è dedicata ai principianti e consiste in un panettone di circa 5 metri di flat dove ci si approcia al salto. Qui ci sono anche due rampe: una per il primo livello con circa 6 metri di salto e un gap di 1 metro; una a 8 metri di distanza con un gap di 3 metri. La seconda struttura è formata da un landing di dimensioni normali per l’FMX, con un pianale in cima di circa 4 metri. Qui ci sono più rampe che vanno posizionate a piacimento dei piloti e in base al loro livello. Si spazia da un salto minimo di 10 metri fino a una lunghezza considerata da professionisti a 20-22 metri di distanza. La scuola sta crescendo di importanza tanto che lo scorso agosto ne ha parlato anche DeeJayTV in occasione di uno speciale dedicato a Jader Toninello.

Ma non è l’unica presenza televisiva del team Da Boot, vero? No, infatti. Stiamo collezionando sempre più apparizioni. Italia1 ha trasmesso tutte le tappe del campionato Red Bull X Fighters, con il mio commento insieme ad Alberto Porta. Anche la RAI ha trasmesso uno speciale sui Red Bull X Fighters, sempre con il mio commento tecnico affiancato a quello del giornalista Gianluca Gafforio. Sono poi riprese le registrazioni delle nuove puntate della mia trasmissione Freestyle sul canale SKY MotoTV. Da ultimo, a ottobre siamo comparsi su Italia1 per la programmazione sportiva dopo la mezzanotte nella rubrica XXL e Gran Prix. L’occasione era un servizio girato nella foam pit del park di Belluno. Tra i protagonisti i nuovi rookies del team Da Boot: Leonardo Fini, Kevin Ferrari, Luca Luppi e Marco Borghetto seguiti, oltre che dal sottoscritto, da Vanni Oddera e Massimo Bianconcini. Durante lo speciale abbiamo spiegato l’importanza della vasca di gomma piuma, la tecnica e le giuste regole per affrontare il back flip.

Per quanto riguarda le riviste cartacee? Nel numero di ottobre la rivista MX Motosprint ha dedicato un articolo al sistema di giudizio nelle gare di FMX: sono stati intervistati il capo giudice di Red Bull X Fighters e IFMXF Jason Moriarty e il sottoscritto, impegnato come giudice nei due campionati più prestigiosi al mondo. La stessa testata nell’ultimo numero racconta i 10 anni di Da Boot e il dietro alle quinte della realizzazione del video che abbiamo presentato a Milano durante il salone EICMA (vedi box a fianco, ndr). Anche EXPN ha dedicato un articolo con tanto di foto gallery e video alla serata premiere Da Boot. Infine la rivista Riders ha recen-

sito positivamente il commento che ho fatto insieme ad Alberto Porta ai Red Bull X Fighters per Italia1, presentandoci un po’ come la nuova coppia del freestyle MX e paragonandoci addirittura a Guido Meda e Marco Luchinelli della moto GP.

Quali altri eventi ti hanno impegnato di recente? Tra tutti spicca il Dolomiti Summer Camp, un camp di basket per ragazzi organizzato a Nevegal (BL) a luglio. Sono stato ospite per una serata dedicata ai campioni e ho portato la mia testimonianza ai giovani presenti, mostrando loro anche i sacrifici e le difficoltà che ho incontrato durante la mia “gavetta”. Sempre a luglio a Bisano (BO) si è svolto il Riders For Riders memorial Sergio Bianconcini, un evento MX, enduro e freestyle al quale ha partecipato l’intera crew Da Boot. Il 14 agosto ad Asiago si è svolto uno spettacolo firmato Da Boot: FMX, quad freestyle e mountain bike freestyle (con il team 100% Brumotti), flip quad con Hugo Arriazu e il più forte italiano nell’FMX, Massimo Bianconcini. Il 25 agosto a Gorle (BG) Da Boot e KTM hanno offerto una giornata di spettacolo per sostenere un progetto missionario di Giò Sala. Anche in questa occasione era presente il quad rider spagnolo Hugo Arriazu. Infine l’11 settembre al Lago di Santa Croce a Farra d’Alpago (BL) si è svolto lo Splash Party Anti Dragons Edition. Una nota extra settore: a inizio anno sono diventato testimonial ADMO e donatore di midollo osseo. Di recente ho partecipato alla realizzazione della campagna dell’associazione e oggi mi ritrovo in bella vista sul poster ufficiale.

SCATTI DEL PARTY SVOLTOSI IL

10

NOVEMBRE A

MILANO.

L’irriverenza del team Da Boot è nota almeno tanto quanto la sua professionalità. Un mix esplosivo che dà vita a progetti originali rigorosamente contornati da serate festaiole. Entrambi questi elementi sono stati protagonisti dell’ultimo mese della crew Da Boot, che dal 10 al 13 novembre ha preso parte al 69° Salone Internazionale del Motociclo di Milano. Durante la fiera, è stato presentato in anteprima il nuovo video Da Boot. La cui preview ufficiale si è tenuta il 10 novembre proprio durante un party a tema presso il locale 11Clubroom.

IL PARTY – La festa è cominciata quando è arrivata la Da Boot crew, che si è presentata a bordo di automobili d’epoca e di lusso con vestiti d’altri tempi. Hanno partecipato diverse persone, dai pro riders ai rookies, dagli amici ai curiosi, che per tutta la sera hanno seguito lo spirito gangster di questo party Da Boot. Verso mezzanotte è stato presentato il video 2011. Al termine della proiezione, spazio al divertimento più sfrenato. C’era chi saliva sulla Bentley Limousine a fare brindisi con champagne e c’era chi non si stancava mai di ballare. Il messaggio che si respirava nell’aria era uno solo: dopo l’una di notte tutto è possibile ai party Da Boot.

IL VIDEO - Il film prende il nome “Da Boot ten years old”. Raccoglie 10 anni di storia e spiega l’evoluzione dell’FMX in Italia. Per la serata di presentazione tutti i membri della crew Da Boot si sono presentati vestiti con look da gangster, stile protagonista delle prime “battute” del video come evidente anche dal trailer riportato nel QR proposto qui sotto. Proprio il trailer si apre con scene da saloon per poi passare a mostrare le acrobazie che il team Da Boot riesce a compiere in sella alle sue bike. Il filmato racconta attraverso spettacolari immagini e divertenti sketch come è nata e come ha vissuto la crew in tutti questi dieci anni. Un riassunto, insomma, che mostra quanto sia bella e unita la family Da Boot. Il video racconta come e cosa vuol dire inseguire un sogno, con al proprio fianco amici veri. Persone che sanno condividere anche i momenti più difficili e che sanno fare tesoro del proprio sport in ogni trick. Accattivanti i suoni e le immagini, tra le quali anche scene di due neosposi circondati dai biker e l’impressionante incidente che ha coinvolto Alvaro. Degna di nota la chiusura del trailer, che su sfondo nero propone la scritta: “A tutti i riders che hanno sempre inseguito il loro sogno e che sognando ci hanno lasciato... a Marco Simoncelli”.

Sul fronte fiere? A ottobre siamo stati a Modena per l’appuntamento con Skipass. Per la prima volta il pubblico ha conosciuto il nostro nuovo rider Jason Cesco, che chiude evoluzioni in sella a una motoslitta. Poi a novembre, come già accennato, abbiamo esposto all’EICMA a Milano e abbiamo presentato il video dedicato ai primi 10 anni Da Boot. La family ha presenziato anche a Genova con Massimo Bianconci, Vanni Oddera, Alex Kolesnikow e Dan Serblin, mentre io ho ripreso l’attività come giudice internazionale a Ostrava per la seconda parte della Coppa del Mondo IFMXF. Il circuito mi ha portato a Gdansk in Polonia (26-27 novembre) e prossimamente sarò a Sofia in Bulgaria (17 dicembre). Infine parte della Da Boot si recherà a Bologna per il Motor Show (3-4 dicembre). A questi eventi si aggiungono quelli invernali.

SOPRA

E A FIANCO, FRAME DEL PERIODO

2004-2006.

Ovvero? Da 12 anni l’associazione sportiva Radius e il gruppo bellunese che include oltre al sottoscritto Andrea Codoro e Marco Resenterra gestisce i park di snowboard e freeski. Oltre al confermato Alleghe Superpark, la gestione si espande nelle Dolomiti con ArabbaSuperpark e Cortina Superpark. Ma si sa che Da Boot e Radius sono un vulcano di idee, quindi chissà quali altre novità avremo in serbo…

www.alvarodalfarra.com www.daboot.it www.alleghesuperpark.com www.arabbasuperpark www.cortinasuperpark.com

UN’IMMAGINE

DELL’EPOCA

2006-2009.

SOPRA

E SOTTO, FRAME DEL PERIODO

2010-2011.

N. 10 / 2011

ALVARO DAL FARRA

www.pointbreakmag.it/video/DaBootTrailer

15


| A

CURA DI

- MOnICA vIGAnò

rider profile |

I FEEDBACK DI TATO SUI PRODOTTI UTILIZZATI

Photo Credit: Eleonora Raggi

Photo Credit: Eleonora Raggi

TATO CHIALA ANNI: 30 NATO A: Ivrea VIVE A: Ivrea e Bardonecchia PROFESSIONE: Snowboarder e team manager COLLABORAZIONI: Random Video e Doors Snowpark SPONSOR UFFICIALI: Yes Snowboard, Elm Company, Skullcandy, Invicta Gloves, Doors, Von Zipper, Celsius Boots, Flux Bindings, Horsefeathers Outerwear, Horny Bodies e 04 SurfShop

ALTRI SUPPORTER: Dvs Shoes, Banshee Bungee, Sandbox Helmets

RICONOSCIMENTI CONSEGUITI: Best jibber of the year 2010 e 2011

LA PERFORMANCE DI CUI SEI PIÙ ORGOGLIOSO: Sono contento di essere passato a Yes Snowboards. Dopo tanti anni con un marchio, mi sono rimesso in gioco con un’altra azienda e mi sono ricreduto (in positivo) sulle mie capacità OBIETTIVI PER IL 2011/12: Collaborare con le aziende che mi supportano trasmettendo tutta la mia esperienza di rider in termini di scouting per gli atleti, per gli eventi e per i negozi. E continuare a spaccare in snowboard

RISULTATI E INVITATIONAL A LIVELLO INTERNAZIONALE - ISF World Cup Juniores (ora TTR ): in Svizzera 6° classificato, in Colorado 10° classificato - Mundial Du Snowboards (Francia): invitato a 4 edizioni - SB Jam Davos Half Pipe Invitational: 10° classificato - Gran Masta Invitational (Austria): 2° classificato - Red Bull Nanshan Open Invitational (Cina) - Surfito Classic Sierra Nevada (Spagna): 3° classificato - The Battle 2003 Riskgransen (Svezia): 2° classificato - Nescafe Jump Invitational Amsterdam (Olanda): 3° classificato - Burton European Open (Italia) - Budweiser Bottle River Jump (Italia): 1° classificato nel 2006, 4° classificato nel 2007 - Open Stadium Madrid (Spagna) - Balantines Hight Jump Barcellona (Spagna): 4° classificato - Nat Cracker International (Austria) - Monstair Urban Competition 2005 (Varsavia) - Doors Jib Pipe Invitational 2009 (Italia): 2° classificato

N. 10 / 2011

A LIVELLO NAZIONALE

16

- Modena Skipass: 1° classificato Jump nel 2004, 2° classificato Rail Jam nel 2002 e 2003, 1° classificato Rail Jam nel 2005 - Hang Ten Slopestyle 2005: 1° classificato - Campione Italiano di Slopestyle (Abetone) - Red Bull Snow Palio 2008: 1° classificato - Urban Freestyle Marino (Roma): 2° classificato - Rail Way Haven To Heaven 2009 (Prato Nevoso): 1° classificato - Toshiba Night Rail 2006 (Madesimo): 3° classificato - Motor Rails 2007 (Foppolo): 1° classificato - Vans Shop Riot 2009 (Foppolo) - Best Trick Triple X Contest (Val Senales): 1° classificato in tutte e tre le edizioni - Game Of Snow (Champoluc): 3° classificato

HORSEFEATHERS OUTERWEAR - TAURUS JKT

YES SNOWBOARDS - BASIC 150

Giacca per le condizioni più estreme, realizzata con tessuto Ultrateck 15k altamente traspirante e impermeabile (15.000, 10.000) grazie anche alle cuciture interamente nastrate e alle speciali YKK zip. Tra i dettagli: tasca impermeabile per i guanti bagnati, tasca per l’mp3 e panno per la mascherina. È disponibile nelle taglie S-XXL, nei colori yellow, blue, black, red e in due versioni: la più calda Insulated e la versione più leggera Shell.

Twin più versatile in casa Yes, disponibile in moltissime misure anche junior. Adotta tecnologia Pop Camrock con camber tradizionale tra gli attacchi e rocker simmetrico in punta e coda, mentre la porzione sottostante gli attacchi è piatta per migliorare la stabilità in fase di caricamento dell’ollie. L’anima è Master Composite, realizzata con differenti tipi di legno a diversa densità con rinforzi in carbonio e fibra di vetro che migliorano il rapporto peso/reattività per una tavola che nonostante il nome non teme confronti. È una tavola soft pensata per park e freestyle.

Utilizzato in quali circostanze: Sempre, quando serve una giacca impermeabile Quando dà il meglio di sè: Sotto una fitta nevicata o dentro a un bosco Punti di forza secondo te: È stilosa, leggera, non intralcia i movimenti e le zip sono davvero infallibili In cosa può essere migliorato: Per me Horsefeathers è un marchio nuovo e ho appena ricevuto il materiale invernale. Non so quindi in cosa possa essere migliorato, ma a prima vista tutto mi sembra curato nei dettagli. Girando tanto metto a dura prova tutta l’attrezzatura, per cui vi saprò dire Altri suggerimenti al costruttore: Si potrebbe pensare a una linea slim fit per accontentare un po’ tutte le esigenze con una bella giacchetta jeans. Ma magari in azienda ci stanno già pensando Consigli per un utilizzo ottimale: Chiudete sempre le tasche

INVICTA GLOVES - DESTROYER PLUS Guanto corto da freestyle, traspirante e mediamente caldo. È realizzato in Span Tech, Lycra Tussor e GoatSkin DD con palmo Goatskin e imbottitura PrimaLoft. Il rivestimento è in Dry Hand. Il modello è caratterizzato anche da doppia chiusura polso con velcro e tiretto antiscivolo per agevolare la calzata. Utilizzato in quali circostanze: Soprattutto in snowpark e street rail Quando dà il meglio di sè: In snowpark Punti di forza secondo te: Sicuramente le cuciture super resistenti (anche dopo 40 grab non si scuciono) e il comfort In cosa può essere migliorato: Direi che sono perfetti così Consigli per un utilizzo ottimale: Suggerisco un loro utilizzo in snowpark e quando volete fare molti handplant

FLUX BINDINGS - SR 15 HORIZON Stile e sostanza descrivono al meglio il modello SR15, attacco artist edition rivolto a un utilizzo jibbing e street. Ultraleggero grazie alla nuova ed essenziale Alpha Base, arricchita con una morbida mescola 15% Glass Comfort Blend per incrementare al massimo il feeling con la tavola e con l’F-Tech Asym Highback in uretano che combina spinta e progressione con la dolcezza e lo smooth di questo incredibile materiale. Questo attacco rappresenta una forma d’arte realizzata in collaborazione con Horizon. È disponibile nelle misure S-L e in color Horizon. Utilizzato in quali circostanze: Praticamente su tutti i terreni In quali situazioni dà il meglio di sè: In jib, senza ombra di dubbio Punti di forza secondo te: L’highback in uretano è molto efficiente e permissivo nei movimenti Consigli per un utilizzo ottimale: È perfetto per chi ha voglia di fare un pò di skateboard sulla neve. È un attacco davvero divertente Consigli per un utilizzo ottimale: È perfetto per chi ha voglia di fare un pò di skateboard sulla neve. È un attacco davvero divertente

Utilizzato in quali circostanze: Tutte le volte che vado a filmare Quando dà il meglio di sè: Sicuramente su tutti i tipi di rail, ma anche in park dice la sua Punti di forza secondo te: La costruzione e il pop camrock In cosa può essere migliorato: Personalmente darei più colore alla tavola Consigli per un utilizzo ottimale: È perfetta in ogni situazione, è una tavola versatile valida dai kicker, al metallo di box e rail

CELSIUS BOOTS - CLIMATE Prosegue il cammino Eco-Friendly del Climate, il boot dalle spiccate caratteristiche all mountain scelto da Chris Dufficy per le sue session in backcountry. La tomaia realizzata in canapa naturale è resistente all’usura e altamente traspirante al sudore. L’allacciatura tradizionale è resa più agevole ed efficiente dallo strozzascotte e dal sistema di tiraggio Stoke Strap mentre la scarpetta termoformabile O.Zone7 e il gel nella suola favoriscono comfort e protezione dagli urti. È caratterizzato da flex 8/10 ed è disponibile nei colori black/rasta, Dufficy e nelle taglie dalla 7 alla 13. Utilizzato in quali circostanze: In tutte le situazioni, in jib, powder, pipe e park In quali situazioni dà il meglio di sè: Scuramente in jib Punti di forza secondo te: Il comfort e direi anche le colorazioni In cosa può essere migliorato: Nulla Altri suggerimenti al costruttore: Non esagerare con i loghi, ma è solo un capriccio personale Consigli per un utilizzo ottimale: Può essere utilizzato in qualsiasi condizione. Io l’ho testato in ogni tipo di situazione

VON ZIPPER - FULTON Occhiali da sole con lenti sferiche in base 6 che garantiscono protezione al 100% dai raggi UV. Le lenti sono inoltre in policarbonato resistente all’impatto. L’occhiale è caratterizzato da struttura in nylon grilamid e bacchette optical in acciaio inossidabile. Il modello è disponibile in diverse colorazioni. Utilizzato in quali circostanze: Quest’anno li ho usati in ogni situazione, anche per saltare in park Quando dà il meglio di sè: Nelle giornate di sole intenso Punti di forza secondo te: Sicuramente la circolazione d’aria. Anche in rincorsa per jump da 20 metri non mi sono mai lacrimati gli occhi In cosa può essere migliorato: Niente Altri suggerimenti al costruttore: Cercare di “spingere” di più nel mercato italiano. Negli States Von Zipper è tra le migliori ditte di sunglass Consigli per un utilizzo ottimale: Li consiglio in caso di tantissimo sole. E anche se si vuole fare bella figura


| n

trend

|

RIFLETTORI PUnTATI SULLA DInAMICA REALTà SARDA, ULTERIORE COnFERMA DI Un TREnD In CRESCITA

Da Arbus in longboard style nATA nEL 2011, L’ASSOCIAZIOnE SPORTIvA GUIDATA DA FABRIZIO ARA In POCO TEMPO SI È FATTA nOTARE PER IL SUO DInAMISMO On E OFF-LInE. TRA PRESEnZA SU WEB E SOCIAL nETWORK, COLLABORAZIOnE COn WIPEOUT BORDSHOP DI CAGLIARI FInO ALL’ORGAnIZZAZIOnE DEL LOnGSKATE SARDInIA SOUnD COnTEST. A CURA DI

SIMOnE BERTI Che il longboard stia vivendo anche in Italia un periodo particolarmente positivo e di rilancio lo abbiamo sottolineato anche in alcuni dei precedenti numeri di Pointbreak Magazine (vedi ad esempio la bella intervista sullo slide longboard che avevamo realizzato a Diego Gorrieri sul numero 6/7 di quest’anno). A confermarcelo sono anche una serie di realtà che a livello più o meno locale stanno spingendo per promuovere la disciplina nelle sue possibili varianti, come slide appunto ma anche downhill e freestyle. È il caso dell’associazione sportiva Longskate Arbus, una delle prime associazioni sportive di longboard in Italia, la prima nata in Sardegna. Le strade di Arbus, piccolo paese della provincia di Medio Campidano con poco più di 6000 anime, si sono ritrovate a fare da

specialità: downhill, freeride o freestyle. Nel mentre l’associazione assume una sua consistenza, capace di “fare rumore” e richiamare l'attenzione, rendendosi in grado di superare i confini del paese fino ad affermarsi a livello provinciale. Alberto Mura è la new entry di fine anno. YouTube e Vimeo cominciano a riempirsi dei video prodotti da Longskate Arbus, mettendo in mostra la crescita agonistica del gruppo e raggiungendo in poco tempo un bel pubblico di appassionati. Il 2011 porta invece le prime gratificazioni, perché la fama dell’associazione inizia a diffondersi in maniera più capillare lungo tutta la regione. Fabrizio Ara, nel frattempo nominato presidente, viene sponsorizzato dal Wipeout Boardshop di Cagliari, mentre il team vede accrescere ulteriormente i propri ranghi con gli ingressi di Michele Ulleri, Davide Pia, Luca Orrù, Giacomo Sanna e Matteo Pani. I videoclip proliferano e la pagina Facebook supera ampiamente i 1000 fans. l’Hotel Sabbie d’Oro di Gaetano Filice decide di sponsorizzare l’intero gruppo. Con queste premesse il team decide di creare ufficialmente l’associazione sportiva Longskate Arbus Crew, di allestire un sito web e soprattutto si cominciano a gettare le basi per l’organizzazione del primo contest a comprendere le 3 categorie downhill, slide jam e freestyle: Longskate Sardinia Sound Contest (vedi box sotto).

TEAM PROFILE

www.longskatesardinia.net

FABRIZIO ARA: 23 anni specialità: freeride, downhill

GABRIELE CECCHETTO: 20 anni specialità: freeride, downhill

DANIELE FRONTEDDU: 23 anni specialità: bombing downhill, freeride

ALESSIO FRONTEDDU: 18 anni specialità: freeride

LUCA SENIS: 23 anni specialità: downhill, freeride, freestyle

GIACOMO SANNA: 16 anni specialità: downhill bombing

ALBERTO MURA: 20 anni specialità: freeride, bowl

MATTEO PANI: 16 anni specialità: freeride

GENESI DI UN’ASSOCIAZIONE - L’idea di un’associazione come questa nasce da un’intuizione di Fabrizio Ara, detto BB, già appassionato di longboard, che insieme ad Alessandra Cecchetto (membro del team in qualità di fotografo ufficiale) inizia a raggruppare, a febbraio 2010, un discreto numero di ragazzi incuriositi dalla “nuova” disciplina. I primi ad aggregarsi alla neonata Longskate Sardinia Arbus sono Andrea Ruggeri, Valentino Schirru e Gabriele Cecchetto, ai quali si aggiungeranno, nel giro di poco tempo, Luca Senis e Daniele Fronteddu. Questo vivace primo gruppo di riders ufficiali del team arburese inizia fin da subito a mettere in mostra le proprie capacità e ognuno di essi comincia a sviluppare la propria

ne e dopo gli importanti e significativi progressi ottenuti, l’associazione Longskate Arbus si è trovata a un bivio: rimanere un punto di ritrovo occasionale o essere una vera squadra, unendo il divertimento alla professionalità e ponendosi l'obiettivo di accrescere la cultura del longboard non solo a livello territoriale. La scelta non poteva non ricadere sulla seconda opzione. Per questo motivo diversi elementi hanno lasciato e ora il team ufficiale è composto dal presidente Fabrizio Ara, da Daniele e Alessio Fronteddu, Luca Senis, Alberto Mura, Gabriele Cecchetto, Giacomo Sanna e Matteo Pani, oltre all’onnipresente (e bravissima) fotoALESSANDRA CECCHETTO: grafa Alessandra Fotografa, Filmer Cecchetto.

Photo Credits: Alessandra Cecchetto

UNO SGUARDO OLTRE - Dopo una tale evoluziocornice a questo nutrito gruppo di ragazzi che hanno scelto il longboard come modus vivendi. E che li ha portati nel giro di poco tempo a organizzare contest e ad avere un bel riscontro sulla rete grazie alla pagina Facebook, al sito web e ai videoclip presenti su Vimeo e YouTube.

N. 10 / 2011

LONGSKATE SARDINIA SOUND CONTEST

18

Come accennato sopra, il 28 maggio 2011 è scoccata l’ora del Longskate Sardinia Sound Contest, organizzato dall’associazione congiuntamente all’Hotel Sabbie D’Oro e con il supporto di Wipeout Boardshop, Action Now, Loaded UC distribution, Arbus Longboard Shop, Ono Surf shop, Unlimited Boards. L’evento, che comprendeva per la prima volta le categorie downhill, slide jam e freestyle, seguiva di poche settimane il Wipeout Snake’s Rock Bombing (8 maggio a Gonnosfanadiga), in assoluto il primo contest longboard in terra sarda, organizzato da Alessandro Murgia, fondatore di Longboard Sardegna e Wipeout Boardshop rider, e al quale hanno fatto bella figura Daniele Fronteddu (2°) e Giacomo Sanna

(3°). Il Longskate Sardinia Sound Contest si è svolto invece nella località Torre dei Corsari, ad Arbus. Al via una ventina di atleti iscritti. È la gara di downhill a inaugurare il contest, dove fin da subito si sono messi in mostra i ragazzi di Arbus: vince Fabrizio Ara, davanti al compagno Daniele Fronteddu e ad Alessandro Murgia. Successivamente, dopo una breve pausa pranzo, è stato il momento della disciplina slide jam, dalla quale ne è uscito vincitore Daniele Fronteddu, che è riuscito a ribaltare il risultato del downhill lasciando l’argento a Fabrizio Ara. Terzo posto per Luca Senis. Per gli atleti però non era ancora il momento di riposare, perché toccava all’ultima gara, quella freesyle. A primeggiare è stato Luca Senis, in grado con le sue

RISULTATI DOWNHILL 1° Fabrizio Ara (Longskate Arbus - Wipeout) 2° Daniele Fronteddu (Longskate Arbus) 3° Alessandro Murgia (Longboard Sardegna - Wipeout)

SLIDE JAM 1° Daniele Fronteddu (Longskate Arbus) evoluzioni di imporsi su Davide Cicu e Matteo Pani. Daniele Fronteddu, grazie al 4° posto in quest’ultima prova, è risultato essere il migliore nella classifica combinata del contest, davanti a Fabrizio Ara e Luca Senis. Un vero trionfo per il team Longskate Arbus, che per festeggiare il successo si è scatenato alla festa conclusiva, sotto le note punk rock dei Punkillonis.

2° Fabrizio Ara (Longskate Arbus - Wipeout) 3° Luca Senis (Longskate Arbus)

FREESTYLE 1° Luca Senis (Longskate Arbus) 2° Davie Cicu 3° Matteo Pani (Longskate Arbus)


|

|

trend n

LO SCORSO LUGLIO A BARDOnECCHIA SI È SvOLTO IL CAMPIOnATO DEL MOnDO

Mountainboard, che crescita... UnA DISCIPLInA CHE SI È SvILUPPATA TAnTISSIMO nEGLI ULTIMI AnnI E CHE COnTA SU Un ORGAnISMO InTERnAZIOnALE. AnCHE IL MOvIMEnTO ITALIAnO, DOPO I PRIMI RADUnI, HA DATO vITA nEL 2006 ALLA MOUnTAInBOARD ITALIA ASSOCIATIOn. CILIEGInA SULLA TORTA: DA DUE AnnI I MOnDIALI nEL nOSTRO PAESE. A CURA DI

SIMOnE BERTI Un evento sportivo di cui parliamo con un po’ di ritardo. Ma vista la particolarità della disciplina valeva comunque la pena focalizzare le caratteristiche del mountainboard (vedi box a fianco), prendendo come punto di partenza il Campionato del Mondo e il Campionato Italiano, specialità discesa libera, svoltesi per il secondo anno consecutivo a Bardonecchia (TO), il 23 e 24 luglio. L’edizione 2011, organizzata da Mountainboard Italia Association (MIA) in collaborazione con Eclectik e Dirtcorner.com, ha visto aumentare il numero di riders italiani impegnati, soprattutto per quanto riguarda la categoria juniores, anche se, purtroppo, non sono stati pochi gli atleti che, dopo aver provato i tracciati nei giorni precedenti alla gara, hanno deciso di ritirarsi anzitempo a causa del percorso insidioso, veloce e molto tecnico. Molto più numerosi potevano essere anche i rider stranieri, ma la situazione economica globale ha portato tanti atleti alla rinuncia per mancanza di sponsor pronti a contribuire al viaggio in Italia. Pertanto si hanno avute presenze solo da Gran Bretagna, Irlanda, Svizzera, Germania e Francia. Buona la cornice di pubblico, nonostante le temperature non proprio estive di fine luglio.

A PROPOSITO DI... STORIA - I primi mountainboard sono nati negli anni '90 nei garage di un piccolo gruppo di giovani californiani, appassionati di snowboard e frustrati dal dover attendere la stagione invernale per tornare a divertirsi con la tavola. Così decisero di realizzare una nuova tipologia di tavola adatta a pendii, sentieri, prati, strade asfaltate e ogni sorta di terreno. L’evoluzione, che ha caratterizzato successivamente la disciplina, ha portato poi alla nascita di aziende specializzate e di innovazioni tecnologiche.

WORLD DOWNHILL CHAMPIONSHIPS - Sui pendii che da Pian del Sole portano a Campo Smith, lungo un percorso di quasi 2 km di lunghezza e 300 mt di dislivello, i riders si sono ritrovati ad affrontare larghe curve sui prati, single track in mezzo ai boschi, tornanti improvvisi, tratti su dure pietraie e pendenze davvero estreme, raggiungendo velocità di punta fino ai

di Campione Italiano Assoluto (valido come prova del Mountainboard European Tour 2011) e Juniores (under 16). La delusione di Castagna e Zanelli per il mancato titolo mondiale è stata parzialmente riscattata dalla conquista del titolo italiano durante la giornata successiva: categoria freno per il primo, categoria senza freno per il secondo (già campione nazionale nel 2009). Per quanto riguarda la categoria femminile, è stata la bergamasca Martina Lippolis, team Mountainboard Bergamo, a imporsi con il tempo di 2’25”94, davanti alla giovanissima Sara Gallini, del Progetto Penice, e ad Alessandra Refosco del Team I6W9. Sara Gallini si è poi ripetuta nella classifica juniores, arrendendosi solo al compagno di team Ovidio Lucutar, che ha trionfato con il tempo di 2’19”20. Terzo posto per Ciprian Sashu, proveniente come gli altri due dalla squadra pavese-piacentina Progetto Penice.

LA TAVOLA - Il mountainboard, detto anche ATB (All Terrain Board), è una tavola dotata di 2 truck e 4 ruote. Una sorta d’ibrido tra snowboard e skateboard, con peculiarità proprie: la più evidente è la dimensione della tavola, mediamente lunga 100-120 cm e spessa un centimetro circa (dipende dai materiali); poi le ruote, molto più grandi di quelle dello skateboard (8-9 pollici), che contengono una camera d'aria; infine i trucks sovradimensionati. Su tutti i modelli sono inoltre montati degli attacchi, che possono essere costituiti da semplici "alette" in materiale plastico, da straps con velcro o cricche, oppure anche da veri e propri attacchi stile snowboard. La tavola può essere dotata di freno a tamburo o a disco. LA DISCIPLINA - Muovere i primi passi in questo sport può risultare molto più intuitivo rispetto allo snowboard, per il semplice fatto

che non si deve stare in equilibrio su di una lamina durante le curve. Il consiglio è di approcciarsi su prati con pendenze facili, acquisendo nel tempo tutte le capacità necessarie per padroneggiare ogni situazione. Un punto di forza di questo sport viene dal fatto che il mountainboard è praticabile in qualsiasi luogo e su qualsiasi terreno: erba, terra, asfalto, ghiaia, non si è costretti a limitare le uscite su prati o piste da sci, si possono sfruttare strade, mulattiere e sentieri anche poco più larghi della tavola stessa. Inoltre esistono varie discipline: freestyle, freeride, boardercross, downhill. Senza contare il fatto che è possibile utilizzare la forza trainante del vento con l’ausilio di una vela da kite o un’ala da kitewing.

LE ISTITUZIONI - Il mountainboard si è sviluppato con buona lena negli anni. Le tavole più recenti dispongono di ruote con pneumatici e grafiche grintose, le diverse discipline hanno regole specifiche, mentre cresce il numero di rider ed eventi internazionali. È nato un organismo internazionale, l’IMRA (International Mountainboard Riders Association) che cura ogni anno l’organizzazione di campionati Mondiali e Continentali, oltre a supportare le competizioni nei diversi paesi. In Italia invece, dove la disciplina si è fatta conoscere a partire dal 2000, l’organismo di riferimento è la MIA (Mountainboard Italia Association), nata nel 2006, che può contare sul patrocinio della FIHP (Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio) all’interno del CONI.

NON SOLO GARE - Il programma della manife-

CAMPIONATO ITALIANO MOUNTAINBOARD In un percorso leggermente più corto e meno impegnativo è stato invece assegnato il titolo

stazione non è stato unicamente caratterizzato dalle gare. Infatti, in entrambe le giornate, maestri ufficiali CONI-FIHP-MIA sono stati a disposizione di chiunque volesse cimentarsi con il mountainboard, forniti tutto punto di tavola, casco e protezione. Fra le altre attività collaterali è stato possibile testare, nel piazzale antistante il Palazzetto dello Sport di Bardonecchia, tavole da longboard e skate carving. Sabato sera invece si è svolta la grande serata post mondiale con grigliata ufficiale e dj set. Una festa che dalle ore 00.30 si è trasferita presso il Pub Due Merli. Organizzato da Mountainboard Italia Association, Eclectik e Dirtcorner.com, l’evento ha potuto usufruire del supporto di Hi-Text, Colomion Spa, Fibracolor, Pas Gonfiabili e Invicta, oltre al Patrocinio del Comune di Bardonecchia e l’egida della FIHP (Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio).

RISULTATI MOUNTAINBOARD WORLD DOWNHILL CHAMPIONSHIPS 2011 1 2 3

Pete Tatham Luca Castagna Davide Zanelli

UK ITA ITA

NOSNO I6W9 MBBS

CAMPIONATO ITALIANO Donne Overall 1 Martina Lipolis AMBG 2 Sara Gallini PROGETTO PENICE 3 Alessandra Refosco I6W9

Uomini Freno 1 Luca Castagna 2 Andrea Ziche -

Under 16 Overall 1 Ovidio Lucutar 2 Sara Gallini 3 Ciprian Sashu

Uomini No-Freno 1 Davide Zanelli 2 Luca Castagna 3 Matteo Andreassi

PROGETTO PENICE PROGETTO PENICE PROGETTO PENICE

I6W9 I6W9

N. 10 / 2011

60 km/h (40 km/h di media). Certamente uno dei tracciati più avvincenti di tutto il circuito di gare, perfetto per questo Campionato del Mondo che ha incoronato, per il quinto anno consecutivo (in pratica da quando è nata la manifestazione), l’inglese Pete Tatham, giunto primo al traguardo con il tempo di 3’07”01 dopo una gara perfetta. Nulla hanno potuto contro il fuoriclasse britannico gli italiani Luca Castagna, del team I6W9, e Davide Zanelli, Mountainboard Brescia, rispettivamente 2° e 3° sul podio dopo alcuni avvincenti testa a testa. Nel complesso gli atleti nostrani hanno destato un’ottima figura, piazzandosi in 6 tra i primi 10.

MBBS I6W9 MBBS

19


| n

|

eventi

DAL 14 AL 16 OTTOBRE L’APPUnTAMEnTO CHE DA 17 AnnI SEGnA L’APERTURA DELLA STAGIOnE SnOWBOARD ITALIAnA

Opening Val Senales docet MAI vISTA nEGLI ULTIMI AnnI UnA SIMILE AFFLUEnZA, COn CIRCA 4000 SnOWBOARDER E Un’ATTESA MEDIA DI Un’ORA E MEZZA PER ACCEDERE ALLA FUnIvIA. QUESTO TESTIMOnIA AnORA UnA vOLTA IL SUCCESSO DELL’EvEnTO, Un OTTIMO ESEMPIO DI COLLABORAZIOnE TRA AZIEnDE, nEGOZIAnTI E STRUTTURE RICETTIvE. A CURA DI

MARCO SAMPAOLI Con ben 17 anni di anzianità sulle spalle, il Test Opening della Val Senales è ormai diventato l’evento che più di ogni altro segna l’inizio della stagione invernale italiana. Meeting, test, party, gite, camp, ice bar, pullman e hotel pieni: un evento per il consumer ma dall’anima trade. Con un’affluenza stimata di 4000 rider, ai quali si è aggiunto un numero non definito di appassionati arrivati la domenica mattina, e il sold out di tutte le strutture ricettive, anche per il 2011 il Test Opening di Val Senales è stato fondamentale per dare il via alla stagione anche dal punto di vista commerciale del sell-out. Il successo della manifestazione è stato evidente. A partire dall’interminabile fila a valle per accedere alla funivia: i rider hanno dovuto attendere in media un’ora e mezza prima di poter iniziare la propria ascesa verso il ghiacciaio.

N. 10 / 2011

20

negozianti sono il cuore di questo meeting e collaborano in perfetta sintonia. Le prime lavorano tutte insieme per offrire al consumatore il più grande test materiali aperto al pubblico della stagione, con ben 15 gazebi dove provare tutte le novità appena arrivate sugli scaffali dei negozi. I retailer, da parte loro, portano la loro clientela sul ghiacciaio di Val Senales, offrendole un’occasione stimolante per decidere quale nuova tavola acquistare, supportando così al contempo il proprio sell-out. Il tutto avviene organizzando gite in pullman che a loro volta portano indotti economici e/o promozionali non certo trascurabili.

STRUTTURE RICETTIVE - Se da una

mula sicuramente vincente quella del Test Opening, che ogni anno conferma il successo di un’idea azzeccata e portata avanti con dedizione dalla crew di Board Breaker, storico collettivo altoatesino sempre attivo nell’organizzazione di raduni a base di snowboard e festa. Sottolineiamo anche come l’intero evento benefici dello splendido Gentlemen’s Park Val Senales, che parallelamente all’evento del Test Opening offre ai rider accorsi un ambiente snowboard friendly perfetto, contribuendo significativamente alla buona riuscita di un weekend a regola d’arte. Alla luce di queste considerazioni, sono in molte le realtà imprenditoriali del nostro settore che colgono l’occasione del Test Opening per attivare il proprio business e fare un po’ di promozione.

parte le aziende distributrici e i negozianti traggono un grande beneficio da questo evento stimolando le vendite a inizio stagione, anche le strutture turistiche locali come hotel, bar, locali serali e ristoranti godono degli effetti positivi di questo grande meeting. Lo testimonia il sold out di tutti gli hotel di Maso Corto e Madonna di Senales, prenotati con mesi di anticipo proprio dai negozi specializzati che hanno scelto questo evento per la loro prima uscita di stagione. Un appuntamento di snowboard ben strutturato può quindi portare grandi benefici all’industria del turismo e creare importanti sinergie fra organizzatori, gestori locali, APT e stazioni sciistiche. Tali collaborazioni generano mutui vantaggi nelle parti coinvolte, oltre a un rafforzamento dei legami che negli anni crea una base indispensabile per un evento di successo.

DA

SINISTRA:

NICCOLÒ VECCIARELLI

DA

SINISTRA:

GIANLUCA “PIZZO” SONDA (NITRO),

DI

il Test Opening di Val Senales è decisamente un evento di successo. Infatti non stupisce che siano le stesse aziende a cercare di ricreare situazioni analoghe in altre aree d'Italia, come la Val d’Aosta e l’Appennino. Eventi come il Test Opening di Val Senales sono sicuramente un toccasana per il nostro mercato e inoltre contribuiscono in modo sensibile a far percepire il supporto che il mondo dello snowboard (e del freeski) può dare al turismo locale. Questo, di conseguenza, porta i dirigenti delle strutture turistiche locali (spesso ultra 60enni) a ricredersi e a farsi un’idea positiva delle nostre comunità. Da non sottovalutare il fatto che, in un periodo in cui l’economia nazionale zoppica, simili iniziative sono ancora più apprezzate.

AZIENDE-NEGOZIANTI - Aziende e

UN FORMAT DI SUCCESSO - Una for-

BRAND PRESENTI - Ecco l’elenco dei marchi presenti quest’anno:

TENTATIVI DI “ESPORTAZIONE” - E

Armada, Bataleon, Burton, Capita, DC, Drake, Flow, Flux Bindings, Forum, Hostile, K2, Kessler, Lobster, Nitro, Northwave, Oakley, Ride, Rip Curl, Rough Snowboards, Salomon, Union, YES.

OAKLEY, LAURA LODIGIANI

STAFF

E

“SNOWPARK E TURISMO” - Questo evento è un esempio impeccabile del concetto di “Snowpark e Turismo”, il nuovo progetto che Pointbreak Magazine, Snowpark.it e Studio Lobo hanno deciso di perseguire a partire da Nissan Skipass 2011 e per le prossime due edizioni della fiera di Modena. Obiettivo del progetto è quello di cercare di creare maggiori collaborazioni fra tre dei principali attori del nostro settore: stazioni sciistiche, aziende di promozione turistica e gestori snowpark. La domanda nasce spontanea: e le aziende di settore dove sono? L’ardua sentenza non è stata rimandata ai posteri, bensì alla tavola rotonda che è stata organizzata domenica 30 ottobre a Modena Skipass proprio sul tema “Snowpark e Turismo” che ha radunato in una sala conferenze gestori di snowpark, direttori di APT e delle stazioni sciistiche. E che ha esteso l’invito anche alle aziende di settore. Per saperne di più leggete l’articolo su Skipass nelle pagine successive e rimanete sintonizzati con i prossimi numeri di Pointbreak Magazine.

CLUDIO CASELLA (BURTON), MASSIMO “GATTO” GARUTTI (REP. THE PROGRAM

CAPITA-DC-UNION, FABRIZIO GIUSTO

DI

WOOD MORNING,

STAFF

OBERALP,

STAFF

GEBI

E

SMITH),

LO STAFF

HOSTILE, SARA CROCE

NORTHWAVE, MARCO SABOLO

E

DI

DI

BOARD BREAKERS (ORGANIZZATORE).

SPIA – SALOMON,

ANDREA ZAMPIERI

DI

STAFF

NITRO.

ROUGH SNOWBOARDS.


| n

fiere

|

DAL 29 OTTOBRE AL 1° nOvEMBRE In SCEnA A MODEnA LA 18ESIMA EDIZIOnE DELLA KERMESSE

Nissan Skipass tra sold out e novità CIRCA 100MILA I vISITATORI, AI QUALI È STATO PROPOSTO COME SEMPRE Un PROGRAMMA RICCHISSIMO. OLTRE AL PIEnO nEL PADIGLIOnE DELLO “SHOPPInG”, AnCHE QUELLO DEDICATO AL FREESTYLE HA RAGGIUnTO IL TUTTO ESAURITO. SUCCESSO PER LA nUOvA AREA “SnOWPARK E TURISMO”. DAI nOSTRI InvIATI A MODEnA

DAnIELE DE nEGRI, BEnEDETTO SIROnI E MARCO SAMPAOLI È ormai tradizione per tutti gli addetti ai lavori inaugurare la stagione invernale con Nissan Skipass, l’evento organizzato da Studio Lobo da ben 18 anni e diventato indiscutibilmente l’appuntamento italiano di riferimento per il turismo invernale e gli sport freestyle. Skipass 2011 ha presentato ai circa 100mila visitatori e a numerosi media intervenuti un numero record di espositori, conferenze e convegni, un fittissimo programma di esibizioni e contest di ottimo livello oltre che l’immancabile area shopping, causa di interminabili discussioni fra gli operatori del settore, ma al contempo valvola di sfogo importante per molti negozi.

Outdoor Agency, è stata ulteriormente ampliata rispetto agli anni scorsi. Oltre al running, l’arrampicata e gli sport più tradizionali come pattinaggio su ghiaccio e sci di fondo, è stato dato nuovamente spazio alla “macchina attira pubblico” del freestyle motocross a cui è stata anche affiancata una delle prime demo italiane di freestyle con motoslitte. Il contest di snowboard, valido come evento 4Star TTR, e quelli di freeski hanno offerto un’importante vetrina per la promozione di queste discipline su una struttura di buon livello e con un’ottima rider list. Il contest di skateboard, organizzato da Vans, si è confermato una delle realtà più solide della fiera, con strutture di livello impeccabile e una rider list eccellente.

UNO SPAZIO PER GLI SNOWPARK - Fra le

I NUMERI DI SKIPASS 98.729

visitatori (23.545 + 29.978 + 18.381 + 26.825)

25mila

metri quadrati esposizione

20mila LA

metri quadrati di aree spettacolo

CONSUETA FOLLA NELL’AREA MARKET.

LA SEMPRE AFFOLLATA AREA MERCATO Anche dal punto di vista commerciale Skipass 2011 è stato un grande successo e tutti gli spazi espositivi sono andati completamente sold out. Il padiglione dedicato ai negozianti, come di consueto, è stato il primo a riempirsi. Purtroppo sono sempre tanti i retailer che hanno bisogno di questi quattro giorni di vendite per “tirare il fiato”. Questo è un argomento molto discusso e dai molteplici risvolti, anche se la realtà è semplice: la maggior parte dei negozi fanno la fila per accaparrarsi uno stand in questo settore di Skipass e una fetta importante dei visitatori arriva in fiera anche per questo padiglione. Nonostante qualche negoziante abbia lamentato un calo delle vendite rispetto alla stagione precedente, in generale il settore C ha lavorato rispettando le proprie aspettative.

UN PADIGLIONE FREESTYLE “DOC” - Ma oltre al pieno del padiglione dello “shopping”, anche il padiglione B dedicato al freestyle ha raggiunto il sold out con espositori di una qualità piuttosto elevata: aziende di attrezzature tecniche, outerwear e accessori, oltre che media, snowpark e molte altre company realmente vicine al mondo del freestyle e dell’outdoor. Questo ha limitato al minimo gli stand di “outsider” e quelli di vendita, a dimostrazione che anche le aziende hanno recepito positivamente gli scorsi miglioramenti della fiera. Non ci resta che attendere l’edizione 2012 per scoprire quali altre novità e sorprese ha in serbo Skipass, senza dimenticare che in Stubio Lobo si può trovare un interlocutore più che disponibile al dialogo e sempre pronto a rimettersi in gioco.

412

espositori

800

marchi rappresentati

3,5mila

metri quadrati area market

4mila

metri quadrati area outdoor

30

metri altezza rampa da snowboard e sci

140

metri lunghezza rampa da snowboard e sci

800

tonnellate di neve prodotta

400

bimbi alle lezioni di Snowboard4Kids

1.100

meri quadrati area test drive Nissan

L’IMPONENTE

RAMPA DI VERA NEVE NELL’AREA ESTERNA.

N. 10 / 2011

novità di Skipass 2011, è stata particolarmente apprezzata la nuova area “Snowpark UNA FIERA IN CONTINUO DIVENIRE - La e Turismo”, realizzata grazie alla collaboraquattro giorni che anima il quartiere fierizione fra Studio Lobo, Snowpark.it e Poinstico di Modena continua a rinnovarsi anno break Magazine. L’area ha raggruppato 15 dopo anno, segno di un’organizzazione rifra i migliori snowpark italiani che hanno afcettiva e dinamica, che recepisce gli input di frontato la fiera propovisitatori, espositori e nendo al pubblico le consulenti per trasforproprie migliori offerte marli in migliorie e noturistiche per la stagione vità. Un processo di conormai alle porte. L’area tinua evoluzione che ha si è rivelata uno stimopermesso a Nissan Skilante luogo di incontro pass di presentarsi alla in cui gli operatori spesua 18ª edizione decisacializzati (quali shapers, mente in forma. Non responsabili APT, orgasolo: Skipass è anche nizzatori eventi e refeuna dead line collettiva a renti delle stazioni sciicui nessun operatore del stiche) hanno avuto settore può presentarsi CORSI SKIKIDS IN COLLABORAZIONE CON HEAD. modo di incontrarsi e impreparato. Riviste, caconfrontarsi, condivilendari, listini, grafiche e dendo idee e progetti con il comune obietmateriali stampati di ogni tipo devono essere tivo di crescita del nostro settore. Il mopronti per il primo novembre per essere premento di dibattito più stimolante è stata la sentati ufficialmente al numeroso pubblico tavola rotonda indetta domenica 30 ottobre della fiera. Nonostante lo stress generato dal e che ha visto la partecipazione di ben 28 adrispetto di questa data, essa rappresenta andetti ai lavori in rappresentanza di svariati che un importante stimolo per preparasi in park, media, company di gestione snowpark tempo alla stagione invernale. e distributori. Fra gli sviluppi di questa iniziativa, il congresso “Snowpark e CoordinaTRA DEMO E CONTEST - L’area esterna, demento Turistico” che sarà organizzato a Skidicata agli sport freestyle e a molteplici discipass 2012 e il progetto della Snowpark Cup. pline outdoor, coordinata da SPIA Games

ANCHE QUEST’ANNO I CANCELLI D’INGRESSO SONO STATI PRESI LETTERALMENTE D’ASSALTO.

IL

22

CONTEST

NISSAN BEST TRICK.

EVOLUZIONI

ANCHE IN SELLA ALLA MOTOSLITTA.

UNA

DELLE GARE FREESKI A PROGRAMMA.


|

|

fiere

CLASSIFICHE DELLE GARE

LA

PREMIAZIONE DEL CONTEST DI SNOWBOARD

SNOWBOARD4KIDS BY BURTON

NISSAN STOMP IT 2011.

SNOWBOARD E FREESKI ZOMBIE COMPETITION NISSAN STOMP IT 2011 (4 STELLE TTR) 1. Mathias Weisserbacher - Aut 1. Kevin Kok - Ita 3. Marco Donzelli - Ita

1. Jason Adriani 2. Gabriel Adriani 3. Marco Valera

INVICTA SHOGUN FREESKI CONTEST

CLIMBING

1. Klauss Finne - Nor 2. Williams Mc Rae - Usa 3. Markus Eder - Ita

CAMPIONATO ITALIANO BOULDER

NISSAN FREESKI CONTEST

1) Christian Core 2) Michele Caminati 3) Stefano Bettoli

MASCHILE

1. Markus Eder - Ita 2. Simone Canal - Ita 3. Luka Melloni – Spa

FEMMINILE

NISSAN BEST TRICK

1) Claudia Ghisolfi 2) Giada Zampa 3) Annalisa De Marco

SKIER: Markus Eder - Ita SNOWBOARDER: Roope Tonteri -Fin

CAMPIONATO ITALIANO SPEED MASCHILE

DIAMOND SNOW CONTEST BY APPENNINO TOSCO-EMILIANO 1. Roope Tonteri - Fin 2. Marco Grigis - Ita 3. Stefan Falkeis – Aut

1° Alessandro Santoni 2° Stefano Ghisolfi 3° Leonardo Gontero

SOPRA

E SOTTO DUE RIDER IN AZIONE DURANTE IL

BURTON JUNIIOR RAIL JAM.

Come accade da qualche anno a questa parte, anche l’edizione 2011 della fiera ha previsto una serie di iniziative dedicate ai più piccoli. Tra esse Snowboard4Kids, ovvero lezioni di snowboard su vera neve realizzate da Nissan Skipass in collaborazione con Burton Snowboards. Obiettivo del progetto, giunto quest’anno alla sua quarta edizione, è quello avvicinare allo snowboard e al freestyle sempre più ragazzi. Numerosi i piccoli visitatori della fiera che hanno provato le loro prime discese con la tavola lungo la pista innevata allestita per l’occasione nell’area esterna. Rinnovata la partecipazione al progetto, patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, degli istituti superiori locali che hanno riversato sulla neve di

Skipass numerosi alunni. I maestri di snowboard che hanno gestito le lezioni appartengono a scuole partner di Burton come Superfly, Snow&Co, Courmayeur Snowboard School, Hobbit, Canazei Marmolada e Aviano Piancavallo. A Skipass sono stati coordinati dalla 6punto9 Snowboard School e hanno gestito oltre 400 bimbi e ragazzi accompagnandoli nel mondo dello snowboard in totale sicurezza e divertimento, all’insegna della professionalità e della serietà che contraddistingue il progetto. Oltre agli Snowboard4kids Burton ha promosso il Junior Rail Jam, contest amatoriale dedicato ai giovani under 15 svoltosi sul box messo a disposizione da Doors Snowpark Structures e posizionato sulla pista snowkids.

FEMMINILE 1. Claudia Ghisolfi 2. Michela Facci 3. Chiara Rogora

SKATEBOARD / IN-LINE

BLOCCATI NELLA NEBBIA THE ITALIAN STREET CUP

MASCHILE

OVERALL CHAMPION

1. Savani Gian Maria 2. Erspamer Marco 3. Bresciani Matteo

1. Fabio Colombo 2. Jacopo Picozza 3. Guido Staz

FEMMINILE

BUMP

1. Gonnet Isabella 2. Bombardi Bianca 3. Pelosi Glenda

1. Jacopo Picozza 2. Fabio Colombo 3. George Agounkouin

MANUAL 1. Kris Vile 2. Davide Frassine 3. Fabio Colombo

TRAIL RUNNING

DOUBLE SET

1. Daniele Cappelletti 2. Pietro Carrara 3. Lofti Gribi

NISSAN SPRINT TRAIL CONTEST

N. 10 / 2011

1. Fabio Colombo 2. Elmehedi Contaki 3. Jacopo Picozza

UNA

FASE DI UN CONTEST DI SKATE.

A

FIANCO IL VINCITORE DEL

THE ITALIAN STREET CUP.

23


|

Libertà

di movimento

freeride

|

A CURA DI GIAnAnDREA LECCO

TRA NOVEMBRE E MARZO IN PROGRAMMA I CAMP PER UN FREERIDE RESPONSABILE E MENO RISCHIOSO

Esercitazioni al campo Artva

Mysticfreeride Safety Camp: fuori pista in sicurezza L’ASSOCIAZIONE PROPONE 8 TAPPE, TRA LE QUALI 4 REALIZZATE IN COLLABORAZIONE CON EMISSIONI ZERO. IL PROGETTO RIENTRA NEL CALENDARIO SNOW SAFETY DAYS DI MAMMUT. Nato nel 2009 con lo scopo di diffondere su larga scala le basi della sicurezza nel freeride, il progetto Mysticfreeride Safety Camp unisce le specifiche conoscenze delle Guide Alpine Italiane all’esperienza sul campo degli atleti di Mysticfreeride. Quest’anno l’iniziativa dell’associazione, che dal 2003 opera in Italia per la diffusione valida e qualificata del fuoripista, aumenta le tappe per dare sempre più occasioni di avvicinarsi alla pratica del freeride nel modo più divertente e sicuro possibile.

N. 10 / 2011

TARGET & CALENDARIO - Che voi siate già esperti freerider o

24

Con una didattica attiva, le Guide Alpine e i rider di Mysticfreeride renderanno le spettacolari gite lungo tutte le Alpi delle occasioni per approfondire le tematiche di prevenzione di incidenti, analisi del rischio di distacco valanghe e tecniche di intervento in caso di ricerca di sommersi. Si affronteranno tutti gli elementi critici nell’organizzazione di una gita, dalla scelta degli sci all’attrezzatura di sicurezza, dalla preparazione del percorso allo studio della morfologia della discesa scelta, dagli effetti del meteo alle basi della nivologia. Elementi che saranno poi ripresi e approfonditi in aula. Si terminerà con la pratica di ricerca in un campo artva per apprendere la tecnica di ricerca in caso di slavina. I rider daranno nozioni tecniche di sciata fuori pista e come sfruttare al meglio le potenzialità di Fat Ski e Split Board.

che siate dei buoni sciatori o snowboarder ma senza alcuna conoscenza di fuoripista, Mysticfreeride ha studiato una serie di camp della durata di uno o due giorni, per darvi tutte le nozioni necessarie a muovervi in sicurezza fuori dalle piCOSTI - Scrivendo all’indirizzo email ste controllate. I camp saranno quattro, da segreteria@mysticfreeride.com, è possiCervinia al Passo del Tonale, dal Corvatsch bile iscriversi al camp completo della duEngadina a Salice d’Ulzio. Le iscrizioni rata di due giorni al costo di 230 euro o chiuderanno al raggiungimento delle 14 a quello ridotto e riferito alla sola giornata persone che saranno divise in due gruppi di domenica al costo di 130 euro. Queda 7. Ognuno di questi, organizzato a sesti prezzi sono comprensivi di skipass e conda della propria capacità, sarà seguito assicurazione Multisport 24hAssistance. da una guida e un rider Mysticfreeride. Già conclusa la prima tappa, che si è Alle quattro tappe Mysticfreeride, in collasvolta a Cervinia il 27/28 novembre. Il borazione con Emissioni Zero, ha pianifiprogramma si chiuderà a marzo con una cato altrettanti stop denominati Gravity tappa a Bardonecchia. Per il calendario Zone Snow Experience. Purtroppo a causa completo, che potrebbe comunque sudello scarso innevamento delle piste, Ai piedi del Cervino si è svolta la prima bire modifiche, vedi box qui sotto. tappa, a calendario il 26/27 novembre l'evento previsto il 3 dicembre a Passo San Pellegrino è stato annullato. Sarà probabilmente sostituito LA COLLABORAZIONE CON MAMMUT - Il progetto Mysticfreeride con un appuntamento speciale di fine stagione. In queste oc- Safety Camp rientra nel calendario Snow Safety Days coordicasioni un village che accoglie le aziende sponsor sarà allestito nato da Mammut in tutta Europa. Mammut, da sempre impenel cuore delle località per permettere di testare le collezioni gnata nella prevenzione degli incidenti in montagna, ha trodi sci e snowboard gratuitamente. vato in Mysticfreeride il partner ideale per sviluppare il programma di educazione alla sicurezza in Italia studiato sulle PROGRAMMAZIONE - Durante ogni camp si potranno provare le esigenze del freerider. nuove collezioni di attrezzature messe a disposizione da Scott, Movement, K2 Ski e Snowboard, Black Crows e 4Frnt. www.mysticfreeride.com

La discesa dal Corvatsch verso Silvaplana di Gello durante il Safety Camp

FREERIDE NEWS

gli scarponi Full Tilt ai piedi del mysticfreeride Team La storia di Full Tilt affonda le sue radici agli inizi degli anni 70 quando un ingegnere della NASA, Eric Giese, applicò agli scarponi da sci le tecnologie e gli studi effettuati sulle articolazioni delle tute spaziali. Il suo obiettivo era quello di sviluppare uno scarpone da sci che mantenesse il massimo flex “naturale” abbinato al supporto di materiali plastici. Tempo dopo è stato presentato al mercato il primo risultato di questo progetto. Il lancio è avvenuto in collaborazione con il marchio svizzero Raichle. Molto apprezzato nel mondo dell’Hot Dog Freestyle e dello snowboard alpino degli anni 90, ha presto collezionato numerosi successi sia in Coppa del Mondo che alle Olimpiadi. Purtroppo la morte improvvisa del presidente di Full Tilt rappresenta il primo momento buio della società che, vicina alla bancarotta, è stata acquistata da Kneiss. Quest’ultima, che dà a Full Tilt il suo nome, ha iniziato a lavorare sul progetto del “3-pieces concept” senza però sfruttarne mai appieno le potenzialità. Il progetto è stato così ceduto in seguito al gruppo K2 Sports, che produce gli scarponi a 3 pezzi nella fabbrica di Asolo La Rocca, in Italia. Oggi gli scarponi Full Tilt sono distribuiti in Italia da The Group Distribution, che distribuisce tra gli altri anche K2 e Ride. Sono caratterizzati da incredibili connotati di flex naturale e calzabilità e sono stati scelti da alcuni dei migliori rider al mondo. Tra essi Seth Morrison, sicuramente il più emblematico nel settore freeride, e Tom Wallisch, icona nel freestyle. Mysticfreeride ha scelto di adottare questi scarponi per muoversi al meglio sulle Alpi, dove si sviluppano i progetti Mysticfreeride Safety Camp e Ride to Discover. In foto i modelli Konflict (a sinistra) e Seth Morrison (a destra).

CALENDARIO SAFETY CAMP SAFETY CAMP 26/27 novembre – Cervinia (AO) GRAVITY ZONE 3 dicembre Inside Safe & Ride – Passo San Pellegrino (TN) SAFETY CAMP 17/18 dicembre – Passo del Tonale Adamello Ski GRAVITY ZONE 15/16 gennaio – Gressoney (AO) Monterosa Ski

SAFETY CAMP 21/22 gennaio – Corvatsch Silvaplana Engadin GRAVITY ZONE 27/28 gennaio – Pila (AO) SAFETY CAMP 4/5 febbraio – Salice d’Ulzio (TO) GRAVITY ZONE 17/18 marzo – Bardonecchia (TO)

dISTrIbuITO dA

The group distribution 0536.60731 - info@thegroupdistribution.it



Pointbreak Magazine n° 10_2011