Issuu on Google+

La Mia città è il mio Tempo www.corrieredellosport.it/mt ALLEGATO GRATUITAMENTE AL NUMERO ODIERNO DEL

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A CURA DELLE RELAZIONI ESTERNE DELLA CONCESSIONARIA SPORT NETWORK

MUSICA Dal talento di Marco Mengoni al pop di Gianluca Grignani passando per il jazz di Mario Biondi: ecco tutta la musica italiana che suona in città

p.9 SPORT In attesa dell’estate tutti i segreti per rimanere in forma e vivere al meglio il divertimento del beach volley anche negli impianti indoor

p.18

FLASH 04  ARRIVA IRON MAN 12  CAPITALE IN MOSTRA 15  CENE PANORAMICHE 20  LE ALTRE DOMENICHE

Renzo Arbore canta Roma INTERVISTA A UNO DEI PERSONAGGI PIÙ NOTI D’ITALIA, CITTADINO DEL MONDO E DELLA CAPITALE

P

iù che un artista Renzo Arbore è un mito italiano. Dagli inizi ammantati di leggenda nella radiofonia, fino al trionfale sbarco in televisione, dove, negli anni Ottanta, segnò un’epoca importantissima del piccolo schermo. Con Quelli della notte, prima, e Indietro tutta, dopo, ha divertito milioni di italiani, ancor’oggi legati a quel modo di fare intrattenimento garbato e mai scontato, con l’intelligenza di non prendersi mai sul serio. Dopo tanto successo un’altra

scelta importante: fare musica con l’Orchestra Italiana che, dal 1991, è un marchio doc di qualità. Dal 25 maggio Renzo Arbore e i suoi musicisti saranno al Sistina per portare la loro carica di spensieratezza in una città che l’artista pugliese non ha mai esitato a considerare la sua seconda casa. Con lui scopriamo i luoghi e i ricordi di una Roma che c’era e che oggi è solo favoleggiata. A pagina 2


2

PRIMO PIANO

“Eolo” o “Vento Marino” di Michelangelo

La Roma del ‘500 A Palazzo Venezia dal 22 maggio si celebra “La forma del Rinascimento”

A

cavallo tra Quattrocento e Cinquecento Roma è stata la Capitale del Rinascimento. Palazzo Venezia dal 22 maggio celebra una stagione unica per l’arte italiana con le opere di Donatello, Andrea Bregno e Michelangelo. Tre maestri colti in un momento di rinnovamento stilistico, reso possibile dalle committenze dei Papi umanisti da Pio II Piccolomini a Leone X Medici. Capolavori che fondono antico e moderno danno vita a un percorso profondo e documentato in cui spiccano sculture raramente visibili o addirittura inedite, come “Eolo o Vento marino”, un altorilievo in marmo commis-

sionato all’artista dalla famiglia Porcari-Capranica, la stessa che richiese il “Cristo Risorto” di Santa Maria sopra Minerva. La seconda metà del XV secolo rappresenta anche il periodo più fulgido dell’arte di Andrea Bregno, le cui sculture sono ancora oggi ammirate nella Capitale, tra le altre, a San Pietro in Vincoli, Santa Maria in Aracoeli, Santa Prassede, San Giovanni Battista dei Genovesi e Santa Maria del Popolo, in cui si trovano i monumenti a Cristoforo e Domenico della Rovere e l’originale altare maggiore per il cardinale Borgia, futuro papa Alessandro VI. Un rapporto stretto e intenso, quello tra Bregno e Roma, testimoniato anche dal Perugino che ha raffigurato l’artista, con vestito azzurro e copricapo tipico dell’epoca, nella “Consegna delle chiavi” della Cappella Sistina. La mostra è completata con la prima esposizione unitaria del ciclo di sculture della Fabbrica di San Pietro realizzate da Mino da Fiesole e Giovanni Dalmata.

ARBORE torna a casa L’artista di origine pugliese racconta tutto l’affetto che nutre per la capitale e il suo pubblico, e prepara una sorpresa per gli spettacoli al Sistina

«V

ivo moltissimo la città, è meravigliosa, non riesco a rimanere in casa». Renzo Arbore ci racconta la “sua” Roma, dove tornerà ad esibirsi con l’Orchestra Italiana, dal 25 al 30 maggio, al Teatro Sistina. «I mercatini, l’estate, la coda alla vaccinara, il brunch a Trastevere, la mia esplorazione della città non è ancora terminata, una città che bisogna vivere con l’animo del turista. Il luogo che più mi sta a cuo-

re è Piazza del Popolo, mi ricorda gli anni in cui ci incontravamo con la “vecchia Rai”. Gli artisti in giro per la città, questo mi manca, vorrei che un giorno tornassero quei tempi». Se la città lo affascina, la platea romana lo stupisce: «Mi aspettavo un pubblico disincantato, ho trovato invece un affetto che quasi non merito in quanto artista del Sud». Stavolta sarà Arbore invece a sorprendere gli spettatori, una sorpresa che non vuole rivelarci, ma rassicura: «Sarà uno

spettacolo degno del Sistina, degno di un palcoscenico su cui si sono esibiti Manfredi e Mastroianni. Di solito inizio con un concerto vero e proprio per mettere in risalto la bravura e la qualità dei miei musicisti. Poi, pian piano, il concerto diventa spettacolo con gag, battute e aneddoti divertenti». L’Orchestra Italiana è un progetto che nasce nel 1991 «perchè non c’era un’orchestra in Italia che cantava le canzoni internazionali del nostro paese, la mia è una mis-


3

PRIMO PIANO

Dieci serate da “leggere” I temi della vita contemporanea attraverso la lettura di testi inediti e il contributo di autori e filosofi: è il festival “Letterature”

La giornalista Anais Ginori, tra le protagoniste del festival

S

sione». Una missione che lo ha portato in giro per il mondo, riscaldando i cuori di tanti emigrati ma assaggiando anche sulla propria pelle emozioni uniche come al Radio City Hall di New York: «Entrare nel camerino di Ray Charles è stato un esame vero e proprio. A Melbourne,

?

invece, appena aperto il sipario, ho visto sventolare tanti fazzoletti bianchi e molti nostri connazionali emigrati in Australia che piangevano. Gli italiani all’estero si identificano molto con le canzoni, mi colpisce da un lato la loro nostalgia, dall’altro la voglia di non tornare nel Bel Paese».

>I concerti A Napoli dal 6 al 9 maggio Al Teatro Sistina di Roma dal 25 al 30 maggio

i apre il 20 maggio la IX edizione di “Letterature – Festival internazionale di Roma”, il prestigioso evento che fino al 22 giugno ospita, presso la Basilica di Massenzio al Foro Romano, alcuni tra i più autorevoli e noti scrittori italiani e stranieri. Un evento che si propone come un palcoscenico di riflessione e ascolto, dove dare sfogo alla lettura con l’intento di focalizzare i fenomeni culturali contemporanei. Dieci serate in cui gli autori invitati propongono direttamente a un vasto pubblico il frutto del loro pensiero, un’esperienza che appartiene al mondo della scrittura ma che si ascolta come un concerto e si segue come un’opera teatrale. Un contributo che quest’anno, per la prima volta, sarà impreziosito dalla partecipazione di sette filosofi e da un economista; rilevante sarà anche la presenza delle

autrici, a testimonianza dell’importanza della forza e della qualità del pensiero femminile. Il tema scelto quest’anno è “La Vita Dolce. Il ritmo del pensiero”, un titolo che racchiude il senso delle dieci serate che ripercorreranno il decennio della “Dolce Vita” di Fellini, la cultura degli anni Sessanta con i suoi pregi e suoi difetti, attraverso uno sguardo nuovo frutto della riflessione dei filosofi e la rielaborazione dei narratori. La serata inaugurale del Festival renderà omaggio allo scrittore Ennio Flaiano, mentre le successive nove date prenderanno in esame altrettanti temi fulcro della vita contemporanea: affetti, denaro, amore, finzione, piacere, destino, sfide, ossessione, immagine. Ogni serata vedrà protagonista anche la musica live, con DJ set di artisti selezionati in collaborazione con il Circolo degli Artisti.

Raccontaci la tua Roma AIUTACI A SCOPRIRE ANGOLI NASCOSTI O POCO CONOSCIUTI DELLA CITTÀ Inviaci una foto che racconti il tuo quartiere, una via, una piazza, uno scorcio significativo e sarà pubblicata sul prossimo numero di MT - scrivi a: redazione@edi-press.com


4

PRIMO PIANO

>Robert Downey Jr. cerca ancora di salvare il mondo nei panni

del miliardario Tony Stark: è l’inizio di un nuovo tipo di saga, il futuro si chiama I Vendicatori

L’EROE d’acciaio FRANCOIS DUHAMEL - © 2010 MVLFFLLC. TM & © 2010 MARVEL ENTERTAINMENT, LLC & SUBS.

Super-cattivi da affrontare e nuovi amici: Iron Man 2 mette in fila Mickey Rourke, Scarlett Johansson e Sam Rockwell per uno dei film più attesi della stagione

© 2010 MVLFFLLC. & © 2010 MARVEL

Robert Downey Jr nei panni di Iron man fronteggia The War Machine. A fianco Mickey Rourke è Whisplash

È

la nuova avventura di uno dei supereroi di maggior successo della storia del cinema ma Iron Man 2, nelle sale italiane il 30 aprile, si annuncia come un evento per un altro motivo. La Marvel ha in programma una serie di film che vanno al di là del classico concetto di trilogia: con l’annuncio della produzione de I Vendicatori si prepara un’epica con, tutti insieme, Thor, Hulk, Capitan America e lo stesso Iron Man e che, a loro volta, avranno delle saghe dedicate con dei cameo degli altri componenti del gruppo. Intanto il 2010 è

l’anno del ritorno di Tony Stark e del suo guerriero di acciaio. Le premesse sembrano quelle giuste. Innanzitutto la pletora di “cattivi” che affronterà; su tutti Whiplash, interpretato da Mickey Rourke che, quando ha saputo che il suo personaggio era stato in prigione in Russia, si è recato a Mosca per visitare il carcere di Butyrka e parlare con le guardie e i suoi ospiti forzati. Con lui ci sarà Scarlett Johansson, nei panni abbastanza stretti e sexy della Vedova Nera. Sam Rockwell sarà Justin Hammer, dopo che l’attore contese fino all’ultimo il ruolo del protago-

nista nel primo film. Il dotato attore americano sarà la nemesi imprenditoriale di Stark. Al fianco di Robert Downey Jr./Iron Man ci sarà Gwyneth Paltrow (la fidata Pepper Potts) e soprattutto The War Machine alias il colonnello James Rhodes. Insieme a loro – dopo il cameo nella scena finale del primo capitolo – Nick Fury, con il volto di Samuel L. Jackson, l’anello di congiunzione con I Vendicatori. Con questi nomi è facile capire la sfida del film: una trama incentrata sulle crescenti responsabilità di Stark, alle prese con il peso di aver rivelato al mondo la

L’appuntamento è fissato per il 30 aprile per una girandola di effetti speciali propria doppia identità. La promessa del regista Jon Favreau è che tutti i superpoteri in campo non ostacoleranno lo svolgimento dell’azione fluida e adrenalinica come nel primo episodio mentre sono in programma grosse sorprese come un super cattivo (il Mandarino) che trama nell’ombra e un attesissimo cameo di uno dei Vendicatori.


MARCO ANELLI

Lucio Dalla e Francesco De Gregori (a destra) tornano dal vivo al Gran Teatro dal 19 maggio

5

PRIMO PIANO

Musica d’autore Dalla e De Gregori dopo trent’anni di nuovo insieme nel tour “Duemiladieci Work in Progress”

C

oncerto dal sapore retrò per due artisti che hanno fatto la storia del cantautorato italiano. Dalla e De Gregori, infatti, ritornano sul palco insieme dopo oltre trent’anni dalla loro prima collaborazione; un’unione musicale che per i più giovani può risultare assolutamente inedita e sconosciuta ma non tutti sanno o ricordano che il loro primo “legame” artistico risale al 1978 e portò alla composizione del celebre brano “Ma come fanno i marinai”; un unione rimarcata con il tour “Banana Republic” del 1979, un percorso musicale che riscosse grande successo e che si ripeterà quest’anno in occasione del tour “Duemiladieci Work in Progress” che farà tappa nella capitale dal 19 al 23 maggio al Gran Teatro, nello spirito che già aveva contraddistinto la

>Concerto del 1° Maggio

Festa della MUSICA Il concerto del Primo Maggio sarà nel segno del “Colore delle parole”. È questo infatti il tema, scelto ispirandosi ad una poesia di Eduardo de Filippo, che anima questa edizione, la prima tutta al femminile con la conduzione affidata a Sabrina Impacciatore. Sul palco di piazza san Giovanni saliranno anche Irene Grandi e Carmen Consoli in versione rock al basso elettrico. Ospiti di punta l’italo-scozzese Paolo Nutini, 23 anni, che ha alle spalle due album e un recente concerto alla Royal Albert Hall di Londra, e Vinicio Capossela che avrà a disposizione un set di 40 minuti per trasportare la piazza nelle profondità della sua poesia musicale.

serata semiclandestina di Nonantola del 22 gennaio, dove davanti a 1500 persone i due artisti hanno gettato le basi di quello che sarà uno dei più grandi eventi musicali del 2010. Le loro inconfondibili voci, le loro canzoni, le note disegnate da una chitarra e un pianoforte regaleranno grandi duetti e serate di grande musica d’autore. Molto più di semplici concerti, un tuffo nel passato attraverso brani che hanno segnato una pietra miliare nella musica italiana, da Buonanotte fiorellino a L’agnello di Dio, da Piazza Grande a Viva l’Italia. Le serate in programma a Roma saranno impreziosite dalla presenza di una band e da un quintetto d’archi, il NuOrk quintet, diretto da Beppe D’Onghia. Il tutto arricchito da una scenografia avveniristica composta da maxi schermi firmata da Mimmo Paladino.

>Arriva il “Nothing but love tour”

Tutto l’amore di WHITNEY L’Europa riabbraccia Whitney Houston dopo 11 anni. Era dai tempi del “My Love is Your Love tour” del 1999 che l’artista di Newark non toccava il vecchio continente. Il 4 maggio sarà a Roma, al Palalottomatica, per presentare il suo settimo album, “I look to you”. Il brano che dà il titolo all’album è una commovente ballata al piano. «C’è tutto quello che volevo dire» ha spiegato la cantante, che si produce anche in pezzi più radiofonici, come l’R&B di “Million dollar bill” scritto da Alicia Keys, e i brani beat ballabili “Nothing but love” e “Like I never left”, cantato in duetto con Ekon.


>Un quartiere, un mondo a parte

6

Come è Roma per chi fa cinema? «Il rapporto con la città è abbastanza rodato e i romani amano molto i set, basta che non li disturbino nei loro percorsi». Isotta Toso

che contiene in sé vizi e virtù di un’intera nazione

CINEMA

ROMA città aperta? Isotta Toso racconta Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio, un occhio alla città e ai suoi problemi

P

iazza Vittorio è il laboratorio della società multietnica italiana, un luogo fisico dove differenti culture e sensibilità si incontrano e, inevitabilmente, si scontrano. Un vecchio palazzo umbertino catalizza le vicende di Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza

Vittorio, film tratto dal romanzo dello scrittore algerino Amara Lakhous, con Kasia Smutniak e in sala dal 14 maggio. Un piccola storia che parla a tutto il Paese, in cui l’ambientazione è un elemento fondamentale. Proprio la regista Isotta Toso, romana “de Roma”, evidenzia come la capitale «sia fondamentale e Piazza Vittorio in particolare. Abbiamo girato tutti gli esterni nella piazza e anche molti interni. È stato un rapporto molto dialettico. Ho scoperto un Esquilino attento osservatore del nostro lavoro, c’è stato un assalto benevolo al set ed era impossibile pensare che fosse altrimenti trattandosi di una piazza molto grande e vissuta». Una vitalità che inevitabilmente si ripercuote anche nello scontro di civiltà del titolo. C’è una

ricetta per questo confronto? «Lo scontro risieda nella mancanza di dialogo e c’è a ogni livello: fra italiani, fra italiani e stranieri e fra gli stessi stranieri in una lotta tra poveri, nella coppia e nella famiglia. Dove si riesce ad avviare un dialogo, lì nasce la speranza, ed è quello che abbiamo cercato di raccontare». Prima di metterti al lavoro avevi in mente un’immagine di Roma di un altro regista? «C’è qualcosa che si è sedimentato dentro di me e mi ha influenzato ma francamente non ho delle assonanze, forse una certa luce de “La Luna” di Bertolucci e lo sguardo in quel film di Piazza Cavour». Per il futuro qual è il quartiere di Roma che ti piacerebbe inquadrare: «Testaccio, che è il mio quartiere, dove vivo da quando sono nata e che per

>Le avventure dell’Aiuto Vampiro

certi aspetti è completamente diverso da Piazza Vittorio: è un luogo profondamente romano, una location molto adatta per raccontare noi stessi».

Isotta Toso

>Notte folle a Manhattan COPYRIGHT: © 2009 UNIVERSAL STUDIOS

TEENAGER all’ultimo morso

TM AND ©2009 TWENTIETH CENTURY FOX FILM CORPORATION

È sempre la stagione dei vampiri. A rimaneggiare l’ennesima saga letteraria ispirata agli eredi di Dracula è Paul Weitz, il regista di “American pie” e “About a boy”: dai libri di Darren Shan arriva “Aiuto vampiro” fresca e originale incursione nell’horror per il teenager Darren che, dopo aver assistito ad una serata speciale in un circo itinerante, vedrà la sua vita cambiare per sempre. L’incontro con il vampiro Laerten lo trasformerà nel suo assistente e lo catapulterà in avventure che rovesceranno completamente il suo mondo protetto dalla famiglia. In sala dal 7 maggio.

CARTELLONE aprile/maggio

Fey e Carell A PIEDE LIBERO Sono due delle stelle più amate dell’intrattenimento televisivo. Tina Fey ha conquistato l’America con l’imitazione di Sarah Palin al Saturday Night Live e la brillante sitcom 30 Rock; Steve Carell è la star di The Office oltre a essere stato l’Agente Smart sul grande schermo. In Notte folle a Manhattan sono una noiosa coppia di provincia che, durante una serata a New York si trova invischiata in una serie di tragicomiche avventure. Nella commedia diretta da Shawn Levy (La pantera rosa e Una notte al museo) i due mostrano le loro indiscutibili doti di improvvisazione. In sala dal 7 maggio.

30

Cosa voglio di più Di Silvio Soldini Con Pierfrancesco Favino

07

Due vite per caso Di Alessandro Aronadio Con Isabella Ragonese

07

Draquila – L’Italia che trema Documentario Di e con Sabina Guzzanti


CLAUDIO IANNONE

ANDREW COOPER

7

CINEMA

Nelle sabbie del tempo Arriva Prince of Persia: dal celebre videogame un’avventura in Oriente con Jake Gyllenhaal

J

erry Bruckheimer è un marchio internazionale. Nel corso della sua lunga carriera ha prodotto blockbuster planetari come Armageddon e la saga de I Pirati dei Caraibi letteralmente inventando un sotto-genere del film d’azione che porta il suo nome. Ora, con l’aiuto del regista inglese Mike Newell (quello, per intenderci, di Quattro matrimoni e un funerale, un Harry Potter e Donnie Brasco) tenta un’impresa fino ad oggi non riuscita a nessun altro: fare di un videogame un film di successo. Ci prova con Prince of Persia: Le sabbie del tempo (in sala dal 19 maggio) in cui il principe Dastan si allea con

>CROWE E SCOTT ancora insieme Il Gladiatore ha segnato un’epoca oltre a vincere molti premi, tra cui l’Oscar per il Miglior attore a Russell Crowe. La storia romanzata dell’imperatore Marco Aurelio che voleva restituire Roma al suo popolo con l’aiuto del generale Massimo ma fu tradito dal figlio Caligola esaltò le doti dell’attore neozelandese e ricordò quelle del regista Ridley Scott che mescolò perfettamente il cuore delle emozioni con gli effetti digitali per riprodurre i fasti di Roma. Il resto lo fece la celeberrima frase “al mio segnale, scatenate l’inferno”. La coppia ritorna con Robin Hood che a metà maggio aprirà il Festival di Cannes. Il progetto, rispetto al soggetto iniziale, ha subito un cambiamento sostanziale: infatti, il titolo sarebbe dovuto essere Nottingham e incentrato sul perfido ma simpatico sceriffo e sul triangolo amoroso tra lui, Lady Marian e lo stesso Robin Hood. Come un chicco di neve che scende sulla montagna e diventa una valanga a valle, con l’ingaggio di Crowe la storia ha ripreso i connotati più conosciuti. È certo che il pubblico gradirà. In sala il 12 maggio.

14

Manolete Di Manno Meyjes Con Penelope Cruz

18

Sono viva Di Dino e Filippo Gentili Con Giovanna Mezzogiorno

21

la sacerdotessa Tamina per recuperare un pugnale che permette di viaggiare nel tempo. Sulle spalle dei protagonisti, Jake Gyllenhaal e Gemma Aterton, il peso di un budget di 200 milioni di dollari, ovviamente spesi per la maggior parte per gli effetti speciali che li trasporteranno in avventure attraverso la Persia. Tutto è pronto per il viaggio nelle sabbie del tempo.

Libreria del cinema Per la celluloide... e non solo Un luogo per la divulgazione della cultura audiovisiva ma anche per bere un buon vino e gustare prodotti tipici regionali sfogliando un libro di cinema. È l’idea di un gruppo di imprenditori e artisti provenienti proprio dal mondo del cinema (tra di essi Antonello Grimaldi, Daniele Luchetti, Giuseppe Piccioni, Domenico Procacci e Jasmine Trinca). È nata così la Libreria del cinema che a Trastevere (in via dei Fienaroli 31d) dal 2005 è un punto di riferimento per gli appassionati, grazie a una corposa serie di iniziative come gli incontri di aprile dedicati a John Cassavetes in collaborazione con il cinema Alcazar; anche maggio è ricco di incontri: il 5 il libro Col cuore in moto dell’attore Roberto Nobile e il 6 inizia il ciclo di proiezioni settimanali dedicate ad Antonio Pietrangeli. Con cadenza settimanale anche l’appuntamento con la musica dall’8 maggio mentre durante il mese si susseguiranno presentazioni di libri dedicati a Paolo Virzì e Federico Fellini. Per informazioni tel 065817724 e www.libreriadelcinema.roma.it.

Piacere sono un po’ incinta Di Alan Poul Con Jennifer Lopez

Dal produttore de I Pirati dei Caraibi e il regista di Harry Potter e il calice di fuoco

21

Copia conforme Di Abbas Kiarostami Con Juliette Binoche


ACIFOTOPRESS

>Si va dai “Sette contro Tebe”

8

MUSICA

al “Settimo sigillo” fino al Purgatorio di Dante e alla Danza dei Sette Veli

Sette misteri IN NOTE Dal 7 al 9 maggio al Teatro Eliseo Nicola Piovani interpreta “Epta”, la suite di sette movimenti per orchestra alternati con letture di brani che rimandano alla magia del numero ACIFOTOPRESS

M

usica e matematica. Un legame potente che Nicola Piovani ha trasformato in opera con “Epta”, suite orchestrale per sette musicisti che eseguono un ciclo di sette movimenti mentre vengono letti brani, scelti con la collaborazione di Piergiorgio Odifreddi, che riguardano la magia e la potenza del numero più di tutti associato alla musica. Ogni stazione ha una radice tematica e stilistica, che fonde sensibilità e caratteri. Come “L’ettagono”, che apre la suite smontando e rimontando “Fra Martino Campanaro”, ed è anche una dichiarazione di intenti. È la manifestazione dei misteri del numero sette, è la presa di coscienza dell’assenza del sette geometrico, considerato che l’ettagono è il primo poligono regolare che non si può disegnare usando solo riga e compasso. Piovani parte dalla scomposizione dei colori dell’iride e la associa ai “Sette contro Tebe”, tragedia di Eschilo che raggiunge il culmine del pathos quando sette eroi, “gemme in mezzo all’armata” di-

CONCERTI maggio

04

21.30

Marta Sui Tubi Alpheus Via del Commercio, 36

07

20.00

Enrico Pieranunzi Centrale Montemartini Via Ostiense, 106

09 21.15

fendono le sette porte della città dall’attacco di sette nemici. Si passa poi per il Filebo di Platone, per “Come vi piace” di Shakespeare, per il Settimo sigillo e la “Danza dei sette veli” di Salomè. Sette è un numero magico che, pur sfrondando le suggestioni cabalistiche, conserva una densa simbologia al tempo esoterica e sacrale, a metà tra scienza e fede: e il riferimento va alle sette cornici del Purgatorio dantesco. C’è spazio anche per la matematica pura, con il papiro di Rhind, il più esteso papiro matematico egizio giunto a noi. Nel problema algebrico 24 si richiede di calcolare il mucchio (l’incognita), quando esso e il suo settimo sono uguali a 19. Ma la chiusura è affidata a Carducci, e alla prima suggestione del “sette” che ha colpito Piovani, le “sette paia di scarpe” consumate, le “sette verghe di ferro” logorate, i “sette lunghi anni, di lacrime amare” del sub-finale di “Davanti a San Guido”. Un’opera non ordinata né filologica, dunque, ma un sincero desiderio di vedere al di là di quello che ci è dato vedere e capire.

Black Rebel Motorcycle Club Piper - Via Tagliamento, 9


9

MUSICA

“Capitale” della musica italiana Un mese di concerti tra i suoni e le canzoni dei cantanti nazionali: Biondi, Grignani, Grandi e tanti altri

P

er chi ama la musica italiana, sono tanti gli appuntamenti da non perdere a maggio. Un mese ricco di concerti sparsi nella capitale tra i tanti artisti che spaziano nel panorama musicale italiano, dalle sonorità rock di Grignani alle armonie black di Biondi, dalla voce graffiante di Mengoni alla ricerca stilistica di Malika, ma non solo. All’Atlantico Live sono tre gli appuntamenti da tener presente; il primo è per il 6 maggio dove il vincitore della terza edizione di X-Factor, Marco Mengoni, sarà il protagonista di una serata live durante la quale presenterà i brani raccolti nel suo EP “Re Matto” che racchiude anche il brano “Credimi ancora” con il quale l’artista di Ronciglione ha stupito la platea

sanremese con le sue accattivanti doti vocali. Stesso palco ma data differente, 14 maggio, per uno dei cantanti più apprezzati del circus musicale italiano, Gianluca Grignani, che presenta il suo decimo lavoro discografico.“Romantico Rock Show Tour”, infatti, sarà l’occasione per ascoltare per la prima volta dal vivo gli undici brani inediti contenuti nell’album omonimo, un miscela di rock, energia, ritmi intensi e di amore raccontato in ogni sua sfaccettatura. Il 22 maggio, sempre all’Atlantico, sarà la volta di un altro volto noto dei reality, Valerio Scanu. Il vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo porta sul palco i brani del suo ultimo disco “Per tutte le volte che” insieme ai successi dei lavori precedenti, ol-

tre ad omaggiare alcuni dei suoi artisti preferiti regalando al pubblico brani come “Listen” di Beyonce e “I wanna know what love is” di The Foreigner. Il 28 aprile, invece, Malika Ayane sarà sul palco dell’Auditorium dove presenterà dal vivo il suo nuovo album “Grovigli” in uno spettacolo affascinante in cui alternerà i nuovi brani ai già numerosi successi come “Feeling better”, “Sospesa” e “Come foglie”. Irene Grandi sarà la protagonista di un altro concerto all’Auditorium, il 24 maggio. L’artista fiorentina presenta il suo ultimo album “Alle porte del sogno”, un disco di inediti che vanta tante collabora-

QUESTO MESE A ROMA...

Gotan Project all’Atlantico Live

>ELETTRO TANGO

28 aprile Marco Mengoni • 06 maggio Statuto • 13 maggio Gianluca Grignani • 14 maggio Mario Biondi • 17 maggio Valerio Scanu • 22 maggio Irene Grandi • 24 maggio Malika Ayane •

In occasione dell’uscita del loro nuovo lavoro discografico “Tango 3.0”, i Gotan Project tornano ad esibirsi a Roma il 25 maggio all’Atlantico Live. Il trio parigino che nel 2001 con il disco d’esordio “La Revancha del Tango” rivoluzionò il mondo del tango, modernizzandolo con basi ritmiche tipiche della musica elettronica, riuscendo a portare la musica argentina, seducente e sinuosa, in tutto il mondo, si ripresentano al grande pubblico con alle spalle tre dischi e oltre due milioni di copie vendute. Unici ed inconfondibili nel loro genere, con “Tango 3.0” i Gotan aprono una nuova fase nella loro carriera; il sound dei nuovi brani non si limita più a invocare lo spirito di Buenos Aires ma allarga gli orizzonti verso nuove forme musicali, dal blues del Mississippi alle armonie cool di New York sino alle ritmate spiagge di Rio De Janeiro.

14

21.00

Mark Lanegan Circolo degli Artisti Via Casilina Vecchia, 42

16 21.00

zioni eccellenti come quella con Francesco Bianconi dei Baustelle che ha portato al brano presentato a Sanremo “La cometa di Halley”. Per gli amanti della musica soul e la voce dalla tipica timbrica black d’oltreoceano, l’appuntamento è al Gran Teatro il 17 maggio dove sarà di scena Mario Biondi. Per tutti gli appassionati della musica popolare di origine giamicana, invece, il Piper sarà la sede del ritorno di uno dei gruppi culto dello ska italiano, gli Statuto, che il 13 maggio presentano il novo album “È Già Domenica” e portano sul palco brani vecchi e nuovi all’insegna del divertimento.

Lost Piper Via Tagliamento, 9

18

21.00

Latte & i suoi Derivati Teatro Olimpico Piazza Gentile da Fabriano, 17

24 20.00

Auditorium Atlantico Live Piper Atlantico Live Gran Teatro Atlantico Live Auditorium

Pavement Atlantico Live Via dell’Oceano Atlantico, 271


10

TEATRO

>“Pinocchio il Grande Musical” sarà di scena al Teatro Sistina dal 4 al 21 maggio

NON È una bugia Le musiche dei Pooh e degli effetti speciali strepitosi per uno spettacolo dal ritmo travolgente

L

a quello “salvifico” con la Fata e avventure del ceTurchina prima abbandonata lebre burattino uscida bambina e poi ritrovata to dalla penna di donna. Con lei per Pinocchio Carlo Collodi trasembra arrivare la maturaziosposte in un musical, uno dei ne definitiva, ma proprio quanpiù grandi mai realizzati in do è a un passo dal diventaItalia. Dopo il tour internaziore un bambino in carne ed nale, che ha toccato persino la ossa, ecco l’ennesima caduCorea, Pinocchio ritorna nel ta, l’ennesima tentazione, nostro Paese. Dopo aver fatquella del Paeto tappa a Nase dei Balocpoli, giungerà chi, che lo pornella capitale: Lo spettacolo terà ad essere dal 4 maggio è allestito dalla trasformato in sarà di scena Compagnia della un somaro. Anal Teatro SistiRancia. La regia cora un interna. vento della Storia e perso- è di Saverio Marconi Fata, dopo naggi sono l’impiccagione alla grande noti, viste le numerose traquercia – episodio con cui si sposizioni cinematografiche concludeva la primissima vere televisive: dalla nascita del sione del racconto – lo salva burattino allo sfortunato indalla morte. Da lì a poco riabcontro con il Gatto e la Volpe,

Cartellone

>PRIME MOONWALKING OF POP Teatro Olimpico 4 e 5 maggio Un omaggio a Michael Jackson, interpretato da Andrea Zambaldi e dal suo corpo di ballo di 12 elementi. Uno spettacolo con i successi che hanno reso grande il Re del pop

IL DOLORE Teatro Valle 11 – 23 maggio Mariangela Melato propone l’incontro tra amore e guerra. Una sintesi teatrale dell’opera di Marguerite Duras.

FIORELLO SHOW Palalottomatica 12 maggio Uno spettacolo di oltre due ore dal ritmo serrato, originale, ricco di storie e canzoni.

braccia dopo tanto tempo il suo babbo, Geppetto, ma non nel modo e nel posto che sognava, lo ritrova nel ventre di un pescecane e senza più nulla da mangiare. Fuggiranno insieme ad un tonno compagno di sventura del povero Geppetto. Tornato sulla terraferma, il burattino condurrà una vita virtuosa dividendosi

tra lavoro e libri, e sarà premiato dalla Fata con la definitiva trasformazione in un bambino vero. A vestire i panni del protagonista c’è Manuel Frattini, uno dei migliori interpreti italiani del genere del musical. Immancabile il Grillo Parlante che dispensa consigli, prontamente disattesi, a Pinocchio. La no-

A teatro si celebra “L’oro di Napoli”

>L’ARTE DI NON ARRENDERSI Un affresco a colori di una città sempre sospesa tra pazienza e rassegnazione, tra l’arte di arrangiarsi e un forte istinto di sopravvivenza. “L’oro di Napoli” l’ha raccontato al cinema, con la sceneggiatura di Zavattini,Vittorio de Sica. Armando Pugliese lo porta a teatro, dal 4 al 16 maggio all’Argentina, eliminando qualche episodio del film, ispirandosi anche ad altri racconti di Giuseppe Marotta, da cui è tratta la pellicola. Nel cast spiccano Gianfelice Imparato, nel triplice ruolo di Ersilio (maestro nel trasformismo dettato dalla necessità), Michele (“cornuto e mazziato” dalla moglie e dalla morte) e Saverio (“presepista”

Protagonista Luisa Ranieri, nei ruoli che al cinema furono di Sofia Loren e Silvana Mangano che si ribella alle angherie subite da un guappo) e Luisa Ranieri, per nulla a disagio nel reggere un confronto pesante. È, infatti, prima la procace pizzaiola che fa becco il marito, ruolo che fu della Loren, poi l’ingenua prostituta Teresa, interpretata da Silvana Mangano, che crede nel miracolo di poter cambiare vita sposando un uomo perbene, ma scopre

di essere solo un pegno per una colpa da espiare. Al centro dell’azione un palazzo del centro, spazio circoscritto e metafora della città, in cui si muovono personaggi archetipici (la procace pizzaiola, gli incalliti giocatori al lotto, il maestro del “pernacchio”, il guappo). I protagonisti dei sei episodi si sfiorano e si incrociano senza toccarsi grazie al montaggio incrociato che esalta le situazioni tragicomiche e grottesche, esaltate dalla scenografia di Andrea Taddei e dalle musiche di Nicola Piovani. Vicende personali che rivelano malinconia, tristezza, a volte furbizia, ma mai negatività. FEDERICO RIVA


11

TEATRO

vità assoluta è Angela, un personaggio creato appositamente per il musical, che corteggia Geppetto, non più povero e solo come nel racconto originale. Lo spettacolo è diviso in due atti, con musiche dei Pooh, effetti speciali strepitosi e cambi di scena spettacolari, a partire dal temporale che abbatte

l’albero da cui verrà creato Pinocchio fino al momento in cui il burattino viene gettato in mare, e qui sulle note di “Galleggiando” incontrerà gli abitanti del mare grazie ai quali riscopre la gioia di vivere. Ci sarà anche l’incontro spiacevole con il pescecane che gli permetterà di riabbracciare Geppetto. Segue il gran finale.

Il 27 al Brancaccio le Sorelle Marinetti

>LE SIGNORINE NOVECENTO Sul palco si chiamano Scintilla, Turbina, Mercuria. Fuori sono Marco Lugli, Nicola Olivieri, Andrea Allione. Attori diventati famosi con un pizzico di follia, e di cipria, con le parrucche come il Trio Lescano. Sono le Sorelle Marinetti, che hanno portato il fascino un po’ arrochito dell’Eiar sul palco dell’Ariston, duettando con Arisa. Saranno di scena il 27 aprile al Brancaccio con “Non ce ne importa niente”, una pièce di teatro-canzone in cui recuperano un repertorio musicale che abbraccia tutti gli anni ‘30. A fine maggio uscirà anche il loro nuovo disco, “Le sorelle Novecento”.

Dall’11 maggio “Copenhagen”

>TRA SCIENZA E MORALE Nel 1940 Copenhagen viene occupata dalla Germania. Nel settembre del 1941, il fisico Werner Heisenberg, capo del progetto tedesco per la costruzione di un’arma atomica, va a Copenhagen a trovare Niels Bohr, un altro dei padri della meccanica quantistica, suo vecchio maestro e amico. Da qui parte “Copenhagen”, testo teatrale di Michael Frayn, già autore del capolavoro Rumori fuori scena, portato all’Eliseo dall’11 al 23 maggio con Umberto Orsini e Massimo Popo-

lizio. Un thriller su scienza e morale, un’indagine su un peculiare rapporto quasi filiale, la reinvenzione di due caratteri sulla base di documenti, delle lettere di quel periodo. La ricostruzione di un incontro chiave per il futuro della guerra e del mondo, la ricerca alla risposta di un mistero umano e scientifico, la risposta alla domanda che Margrethe, moglie di Bohr e unica testimone dell’incontro, pone all’inizio dell’opera: “Perché Heisenberg è venuto a Copenhagen?”

Cartellone

>ULTIMA SETTIMANA SPETTACOLO ALLA CARTA Teatro dei Satiri Fino al 1 maggio Dado sarà il “Grande Chef ” che si esibisce ogni sera in base ad una scaletta diversa, decisa dal pubblico in sala.

LA CHIAVE DELL’ASCENSORE Teatro Trastevere Fino al 2 maggio Conflitto tra un marito carceriere e una moglie inferma, “reclusa” su di una sedia a rotelle.

SCIENZA E POLITICA Bohr: Le cattedre teoriche erano le uniche che gli ebrei potevano ottenere. Margarethe: Fisica, si era detto, no? (...) Bohr: Questa è fisica. Margarethe: È anche politica. Heisenberg: A volte è difficile separare l’una dall’altra. da “Copenhagen”

IL MARCHESE DEL GRILLO Salone Margherita Fino al 2 maggio Il capolavoro di Monicelli diventa un’opera teatrale in cui Pippo Franco veste i panni del Marchese burlone.


12

ARTE

CORSI... FOTOGRAFIA DIGITALE Corso di base per imparare tutte le tecniche necessarie alla realizzazione d’immagini fotografiche professionali per finalità creative o di documentazione. Istituto Quasar Via Nizza, 152 Tel 06 85301487

>Le foto di Klein e le illustrazioni

© WILLIAM KLEIN

“Mezzi di trasporto dopo le distruzioni tedesche”, acquerello del 1944 di Pio Pullini

di Pullini, il primo Novecento e l’espressionismo di Guston

13

ARTE

TUTTO su Roma Quattro mostre per raccontare la Città Eterna tra antiche vestigia, Dolce Vita e modernità

CERAMICA E VETROFUSIONE Corso finalizzato alla lavorazione dell’argilla e della decorazione della terracotta con smalti e colori, oltre all’apprendimento di tecniche particolari: “Craquele”, “Effetti metallici” e “Vetro su ceramica”. L’XI Musa Via Giuseppe De Leva, 15 Tel 06 7856558

PAN PASTEL Nuova tecnica americana per imparare a dipingere utilizzando dei tamponi a spugna anziché il pennello, lasciando spazio a fantasia e creatività. Forum Arte Via Cornelia, 493 Tel 06 6243834

SCULTURA IN TERRACOTTA Corso per apprendere come modellare l’argilla mediante una tecnica di costruzione finalizzata alla cottura dei manufatti e alla realizzazione di sculture in terracotta. Studio Kaleidos Via Pietro Cartoni, 143 Tel 338 6101531

DECOUPAGE PITTORICO Imparare a ornare bauli, lampade, pentole e qualsiasi oggetto a scelta attraverso particolari tecniche decorative: tecnica della doratura, della decorazione del mobile e dello spolvero moderno. Arte Forme e Colori Via R. Fucini, 112 Tel 06 82004595

C’

è “la Roma dei Sali e Tabacchi, degli Erbaggi e Frutta, dei castagnacci e dei maritozzi con la panna”. Ma anche la Roma “dannunziana, quella barocca, quella eterna, quella imperiale, quella vecchia, quella stravecchia, quella turistica, quella di giorno, quella di notte, la Roma caput mundi, del Colosseo, dei Fori Imperiali, di Piazza Venezia, dell’Altare della Patria, dell’Università di Roma, quella Roma sempre con il sole - estate e inverno”. Le parole di Remo Remotti sono un pretesto per raccontare l’oggetto di quattro mostre che segnano l’estate della Ca-

pitale e ne raccontano angoli e strade, pubbliche virtù e privati vizi. C’è il ritratto innamorato e irriverente, dadaista e surreale di William Klein, arrivato a Roma chiamato da Fellini che lo voleva come assistente per

La Città Eterna vista da un espressionista astratto, da un fotografo “felliniano” e da un illustratore “Le notti di Cabiria”. Poi il film non si fa, il giovane e ambizioso fotografo apolide ripete tra le rovine il miracolo del suo

A sinistra “Roma, Cinecittà, 1956. Stampa fotografica ai sali d’argento” di William Klein

libro fotografico su New York. Il suo ritratto di Roma è condensato nel volume-antimonumento “Da Cesare al Totocalcio”, ripubblicato da Contrasto: “ci voleva un newyorchese perché i romani si conoscessero a fondo” dirà Pasolini. A 50 anni dalla pubblicazione, la sua personale “Dolce vita” rivive ai Mercati di Traiano.

Roma è una città difficile da cogliere, sospesa tra una maschera di ironica indolenza e il peso della storia, tra umorismo disincantato e ufficialità. Come l’opera di Pio Pullini, attento osservatore della capitale che si è destreggiato tra ritratti e acquerelli, 90 dei quali saranno esposti a Palazzo Braschi nella mostra “Pio Pullini e Roma”. Tre le sezioni che ripercorrono

i periodi in cui l’artista anconetano ha vissuto nella Città Eterna. La prima riguarda illustrazioni per riviste e quotidiani, come i ritratti di D’Annunzio e papa Pio XI e la caricatura di Trilussa realizzati tra il 1906 e la Prima guerra mondiale. Lascia Roma nel 1922, ma torna dal ‘30 al ‘34, e dalla fine della Seconda guerra mondiale fino alla morte. È

La boxe è uno dei pochi sport in cui ancora possono sopravvivere il racconto epico e l’epica del racconto. Storia e storie di uomini, di sfide e di energie, di passioni e di sudore che Daniela Iraci, fotografa di moda, ha immortalato prima, durante e dopo gli incontri dei recenti Mondiali di pugilato a Milano. Eroi quotidiani come Cammarelle, Piccardi o Russo, protagonisti delle imprese olimpiche a Pechino. Simboli dello sport pulito, fatto di fatica e sudore, immorrtalati negli scatti della mostra “Boxing”, suddivisa in quattro temi: l’allenamento, il ring, il back-stage e i ritratti. Le immagini si concentrano sulle espressioni dei volti, sull’intensità dei movimenti, cercando di cogliere, con il tempismo e la reattività che costituiscono la cifra stilistica della fotografia sportiva, il momento culminante dell’azione, l’essenza di un momento che col tempo diventa emblema di intense passioni collettive.

“Combattimento di gladiatori” (1933-1934) di Giorgio de Chirico. Si chiude il 26 maggio con l’inaugurazione della personale di Philip Guston, uno dei padri dell’Espressionismo Astratto. Al Museo Carlo Bilotti saranno esposte 40 opere della serie “Roma” e racconta la sua transizione e l’affrancamento sia dalla Pop Art che dal Minimalismo.

IN PILLOLE

Al Vittoriano dal 13 maggio

>SCATTI DI BOXE

proprio il secondo dopoguerra oggetto della sezione degli acquerelli, mentre l’ultima ne documenta l’attività di ritrattista. Più indietro nel tempo, invece, le testimonianze fino al 4 luglio al Casino dei Principi di Villa Torlonia. Nell’esposizione “Percorsi del Novecento Romano” sono presenti in mostra alcuni capolavori quali “Il dubbio” (1907) di Giacomo Balla e

KLEIN

NOVECENTO

PULLINI

GUSTON

Fino al 25 luglio Mercati di Traiano Via IV novembre 94 www.mercatiditraiano.it

Fino al 4 luglio Musei di Villa Torlonia Via Nomentana 70 www.museivillatorlonia.it

Fino al 5 settembre Palazzo Braschi Via di San Pantaleo 10 www.museodiroma.it

Dal 26 maggio al 5 settembre Museo Carlo Bilotti Viale Fiorello La Guardia www.museocarlobilotti.it

Visite guidate dall’8 maggio

>Sulle strade DI CARAVAGGIO

Non si spegne la passione per Caravaggio. Il successo della mostra alle Scuderie del Quirinale ha spinto Maurizio Donato Giano e Orietta Gori del Centro guide di Roma a

disegnare visite guidate lungo quattro percorsi per scoprire i luoghi frequentati dall’artista maledetto nella capitale. Quattro itinerari diversi, che toccano punti simbolo

della sua produzione artistica, come San Luigi dei Francesi, e luoghi che ne hanno segnato la vita, che raccontano delle risse, dei duelli, dei soggiorni in carcere e in ospe-

dale dove si dice fosse stato ricoverato per il calcio di un cavallo. L’iniziativa, avviata il 10 aprile, riprende con un nuovo ciclo di visite dall’8 maggio.


14

GUSTO

Già tempo di Sudafrica Afriwines ha organizzato un ciclo di cene a base di cibi e vini dal Paese che ospiterà i Mondiali

U

n percorso parallelo per avvicinarsi ai Mondiali. Dal 15 aprile alla fine di maggio Afriwines ha organizzato, infatti, un ciclo di cene dedicate al Sudafrica. Quattro portate, ciascuna accompagnata da un vino diverso, permetteranno di apprezzare nuovi sapori e nuovi profumi. Dopo il prologo all’Officina dei Sapori, il ciclo prevede ad

aprile appuntamenti all’Infernotto (27), Mexico all’aventino (28), Il chiodo fisso (30). E a maggio Al Gladiatore (il 4), al Tempio di Bacco (il 6), da Ar Volo (il 13), a Lost in food (il 18) e al Teatro di Mangiafuoco (il 21). Le cene consentono anche di partecipare al concorso “Vola in Sudafrica con Afriwines”. Ogni bottiglia, infatti, ha un collarino con un codice numerico che, inserito sul sito www.volaaimondiali2010.com dà diritto a partecipare all’estrazione di tre viaggi per due persone per assistere dal vivo ai Mondiali. È un’occasione ghiotta per scoprire vitigni ed etichette di una nazione che ha una storia enologica secolare, iniziata nel 1654 quando sulle alture di Città del Capo Jan Van Riebeeck piantò i primi esemplari, probabilmente di chenin blanc e moscato di Alessandria, e nel 1659 produsse il primo vino. Le prime

produzioni si limitavano a vini bianchi dolci e liquorosi, perché le condizioni tropicali non permettevano altri generi di coltivazioni. Lo sviluppo è stato fortemente frenato, in epoca moderna, durante il regime dell’apartheid, dalla presenza della potentissima cooperativa KWV (Kooperatiewe Wijnbouwers Vereeniging) che gestiva l’85% del movimento delle uve. Oggi la KWV esiste ancora, ma accanto sono cresciute 70 cooperative per un totale di 4.500 soci, più di 90 cantine private con vigneto. Negli anni sono cresciute di pari passo la qualità e la varietà: se nel 1990 si produceva l’85% di vini bianchi, oggi quasi la metà sono rossi, su tutti cabernet sauvignon, pinotage (incrocio di pinot nero e cinsaut), shiraz, pinot noir e merlot. Un ventaglio di alternative gustose tutte da provare.

Libri e vini di qualità

>NEWS GUSTOSE Per tutti gli appassionati del vino e gli amanti della buona cucina, alcune novità da non perdere. Che succede quando basta un morso perché una cena si trasformi come per incanto in dieci minuti di autentico piacere? Per scoprirlo basta recarsi al Ristorante Open Colonna dove domenica 25, alle 21, si chiude una breve rassegna enogastronomica, “Panino d’autore” (Via Milano , 9a - info 06 47822641 – www.paninodautore.it). Per chi, invece, durante i pasti non rinuncia ad un ottimo bicchiere di vino, segnaliamo il libro “101 vini da bere almeno una volta nella vita” di Luciano Pignataro. Una guida ai buoni vini dai prezzi accessibili e sulla ricchezza del patrimonio vinicolo italiano. È di pochi giorni fa, infine, la notizia che dopo Milano, Torino, Bologna e Pinerolo, anche a Roma, e precisamente all’Air Terminal Ostiense, sbarcherà Eataly, il colosso dell’enogastronomia di alta qualità (info www.eataly.it).


INCONTRI

15

GUSTO LO ZODIACO

CASINA VALADIER

IL FUNGO

Un panorama suggestivo dove poter ammirare Roma in tutta la sua bellezza, gustando ottimi piatti della cucina classica e la tradizionale pizza romana.

Un gioiello situato nel cuore verde della capitale, il Pincio. Un ristorante unico, con una vista magica, per una semplice ma creativa cucina mediterranea.

In un vecchio serbatoio dell’acqua, uno dei ristoranti panoramici cult della capitale, dalla cucina semplice ma ricca di sapori esotici e sperimentali.

Viale del Parco Mellini, 88 Tel. 06 35496744

Piazza Bucarest, 1 Tel. 06 69922090

Piazza Pakistan, 1 Tel. 06 5921433

PANORAMA da gustare Assaporare prelibati piatti con la preziosa cornice di un paesaggio favoloso e incantevole

P

er chi desidera trascorrere una serata indimenticabile avvolto da un panorama mozzafiato, Roma offre tante possibilità di cenare ammirando la sua grande storia. Uno dei più conosciuti e apprezzati, grazie soprattutto alla sua posizione strategica, è Lo Zodiaco. Il ristorante, situato ad una quota di 139 metri, permette di gustare ottimi piatti della cucina classica italiana ed internazionale, oltre alla classica pizza romana, in un ambiente unico che regala ai clienti una splendida visuale che spazia dal centro storico sino ai Castelli Romani. Anche dalla terrazza del Ristorante Casina Valadier si domina tutta Roma, uno splendido panorama che abbraccia la zona del centro storico compresa tra Trinità dei Monti e Piazza del Popolo. Un’altra bellissima e suggestiva zona panoramica della capitale, il Pincio, per un locale che si trova in un palazzetto settecentesco e che offre piatti italiani e vegetariani oltre ad un servizio di caffetteria a metà mattinata e un menu di drink molto ampio. In una zona meno centrale, e per la precisione all’Eur, svetta il Ristorante il Fungo Quattordicesimo piano. All’interno di una torre costruita negli anni ‘50 che doveva inizialmente ospitare un serbatoio d’acqua, un locale assolutamente unico nel suo genere. L’offerta culinaria, che spazia tra portate di carne e pesce della tradizione, si combina in un ambiente panoramico incantevole ed affascinante.

Veduta dalla sala del ristorante Lo Zodiaco

CORSI... CUCINA ESTIVA Dal 5 maggio. Ogni mercoledì (19-23) Cinque lezioni dove imparare a preparare cibi che si adeguano alle esigenze estive. Pepe Verde – Accademia del Gusto Via Santa Caterina da Siena, 46 Tel 06 6790528

PESCE CRUDO 7 maggio (19 - 22) Un corso in cui imparare a realizzare piatti sorprendenti senza il fuoco a base di pesce: dalla tartare ai dessert freddi. Città del Gusto Via Enrico Fermi, 161 Tel 06 55112211


INCONTRI

16

GUSTO

Il picnic per assaporare il gusto della vita all’aria aperta, divertirsi in maniera intelligente e riscoprire la bellezza dei parchi storici della capitale

GINA Un caffè-ristorante ai piedi di Trinità dei Monti dove è possibile noleggiare un cestino dal packaging chic e andare a mangiare nella vicina Villa Borghese. Un servizio completo con tutto l’occorrente, compreso di plaid, per un perfetto picnic all’aria aperta. Via San Sebastianello, 7 Tel. 06 6780251 www.ginaroma.com

VIVI BISTROT Immerso nel parco di Villa Pamphili, ViVi Bistrot è il locale ideale per un pranzo immerso nella natura o semplicemente per una pausa dallo stress della vita cittadina. Specialità il Picnic Box per godere di un semplice pasto stesi sul verde scegliendo tra quattro diversi menu. Via Vitellia, 102 Tel. 06 5827540 www.vivibistrot.com

Tutti giù per terra Il pranzo sull’erba con il cestino da Gina e Vivi Bistrot

L’

estate si avvicina, e le giornate di sole e i profumi della bella stagione nutrono la voglia dei cittadini romani di riunirsi, la domenica, allegramente all’aria aperta per giocare, stare in compagnia e pranzare sui prati dei tanti parchi presenti in città. Per chi ama il contatto con la natura e non vuole rinunciare a mangiare, ci sono alcuni locali a Roma che of-

frono eleganti pranzi al sacco, su ordinazione. La vicinanza del ristorante da Gina con il parco di Villa Borghese ha suggerito ai proprietari la realizzazione del servizio “Gina PicNic” che permette di noleggiare un cestino attrezzato di piatti e bicchieri, completo di panini imbottiti, insalata, frutta e dolcetti oltre al plaid, per un perfetto pranzo “per terra” (info 06 6780251 – Via San Sebastianello, 7). Cestino di carta, 100% biodegradabile, invece al Vivi Bistrot dove è possibile scoprire le meraviglie del parco di Villa Doria Pamphili scegliendo tra 4 menù Picnic diversi da portar via (info 06 5827540 – Via Vitellia, 102). ELIGIO PAONI\CONTRASTO

Picnic all’aria aperta con i cestini di Vivi Bistrot

Appuntamento con...

IL CAMPIONATO assoluto di pizza Pizzaioli provenienti da tutta Italia e non solo si sfideranno a colpi di farina a Fiumicino al Pala Danubio dal 17 al 19 maggio dove è in programma il 10° Campionato Assoluto di pizza. La competizione mette al centro la tecnica e il gusto della pizza. Le categorie in gara sono: tonda classica, in pala, in teglia, artistica, free style. A gareggiare non ci saranno solo italiani: il 18 si svolgerà la sesta edizione della Coppa del Mondo a squadre. Le delegazioni estere, che hanno già dato l’adesione all’Associazione delle Pizzerie Italiane organizzatrice dell’evento, sono: Brasile, Inghilterra, Scozia, Francia, Australia, USA, Spagna, Romania, Germania, Olanda, Irlanda, Sri Lanka, Cipro. Le iscrizioni alla gara sono ancora aperte: la quota per iscriversi è di 80 euro, per i soci API 60 euro. Il programma completo e il regolamento della competizione sono disponibili su www.campionatoitalianodipizza.info.


>Viaggio di piacere tra le fraschette

FOTOLIA

17

più gettonate dagli avventori di Roma e dintorni

GUSTO

SOSTA ad Ariccia Come districarsi tra la selva di locali del paese della porchetta e compiere la scelta migliore

T

ra le mete gastronomiche dei romani Ariccia occupa un posto decisamente di rilievo. Non è difficile mettersi d’accordo con gli amici e organizzare una “spedizione punitiva” nel paese della porchetta. La difficoltà sta poi nello scegliere questa o quella fraschetta, perché tra amici c’è “chi la vuole cotta e chi cruda”. Per districarsi nella giun-

gla delle alternative e compiere la scelta migliore, occorre essere informati sulle peculiarità che solo alcuni locali posseggono. Ad esempio, la Fraschetta “Dar Burino” può essere un’ottima soluzione per evitare lunghe attese: all’interno ci sono 4 sale climatizzate e un ampio spazio esterno; per chi va a pranzo la domenica c’è anche l’aperitivo offerto tra le 12 e le 13.30 (via dell’Uccelliera 44/50, tel. 333.1828584; 333.8768190). Menu fissi e prezzi bassi all’Osteria N.1: ricchi antipasti, primi, secondi e bevande tutto compreso tra 13 e 20 euro a persona (il menu più economico e quello più caro non sono disponibili nei giorni prefestivi e festivi); all’interno due sale disposte su due piani e spazio esterno quando il tempo lo

permette (via Borgo San Rocco 39, tel. 347.7943842). Se si vuole organizzare una festa o si è un gruppo numeroso, l’Osteria di Corte è la scelta giusta. Lo spazio non manca: 120 posti all’interno e 80 all’esterno, il locale è ricavato da una delle antiche

cantine presenti ad Ariccia, mentre l’esperienza dietro ai fornelli dei proprietari, a loro volta figli di osti, ne fa una delle fraschette più apprezzate dal pubblico; per le feste è obbligatoria la prenotazione (via dell’Uccelliera 30, tel. 06 9332923). FOTOLIA

FOTOLIA

Street food

>SFIZI TRENDY È la tendenza del momento: lo “street food”, il cibo da strada, che domina in America tra hamburger e hot-dog ma in Italia ha una lunga tradizione popolare. Gli antichi Romani, infatti, hanno introdotto questa abitudine, con le "cauponae", le "tabernae" (osterie e taverne) e le bancarelle degli ambulanti che vendevano pane e frittelle. Una tendenza che resiste ai secoli e che a Roma ha preso soprattutto la forma delle pizze al taglio, come quelle di Pizzarium, o dei “trapizzini” di 00100. Stefano Callegari, che ha vinto il primo premio per lo street food nella guida “Gambero Rosso Low Cost” ha creato queste tasche di pizza ripiena con le ricette della cucina romana. Tra le alternative “golose” anche i tipici arancini di Mondo Arancina o di Mizzica. Perché velocità fa rima con qualità.


18

SPORT

>Diverse le strutture in città

per poter praticare lo sport da spiaggia più popolare

VOGLIA d’estate Non è necessario aspettare la bella stagione per giocare a beach volley

C

on l’arrivo dell’estate tornano a essere praticati gli sport da spiaggia, uno dei più popolari è il beach volley. Per essere già in forma per la stagione ormai alle porte, la capitale offre diverse strutture nelle quali poter giocare a “beach” come lo chiamano i tanti appassionati, senza aspettare il primo caldo estivo. Al quartiere Trionfale sorge il Palabeach con due campi al coperto che si possono affittare dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 23 e il sabato e la domenica dalle 10.30 alle 23. Il Palabeach organizza anche corsi durante tutto l’anno e per tutte le età. Due location per l’associazione spor-

tiva “Beach Volley Academy”: la prima presso lo stabilimento Barkabar sul lungomare di Ostia, con campi all’aperto di beach volley ma anche di foot-volley e beach tennis, non mancano nella struttura le aree fitness e marketing. Presso il centro sportivo Monteverde è situata l’altra location fornita di campi indoor dove si tengono anche dei corsi; è possibile prenotare on-line i campi da gioco su www.beachvolleyacademy.it. La Polisportiva Eschilo 1 con sede all’Axa offre un ricco ventaglio di possibilità ai suoi soci – per frequentare la struttura l’iscrizione è obbligatoria – di corsi all’avviamento sportivo, tra gli altri anche al beach volley. Due i campi a disposizione: uno indoor e uno esterno. Dal 1996 il beach volley non è più un semplice sport amatoriale, ma una disciplina olimpica, la differenza principale con la pallavolo è data dalla composizione delle squadre: sei i giocatori nello sport maggiore, solo due in quello da spiaggia.

L’EVENTO - Dal 17 al 23 maggio fa tappa al Foro Italico lo Swatch Fivb World Tour di beach volley

>Lo “Space-lab trophy” a Castelgandolfo

Quando il golf è PER TUTTI Riccardo Vaira, storico maestro di golf e anima di iniziative che hanno promosso questo sport nel Lazio, ha dato vita allo “Space-lab trophy”, un circuito di cinque prove Pro-Am, riservate cioè a professionisti e dilettanti. La seconda prova è in programma al Country Club Castelgandolfo. Tutte le gare si disputano con la formula della Lousiana, una delle più semplici: si gioca in squadre da 4 o 5, tutti effettuano il primo colpo, si sceglie la palla migliore; da quel momento tirano tutti tranne l’autore dell’ultimo colpo selezionato e così via fino a imbucare.

>Il 1° maggio a Roma la “Discesa Internazionale del Tevere”

Traversata in canoa PER IL GRANDE FIUME Se è vero che tutte le strade portano a Roma, anche attraverso il fiume Tevere si può raggiungere la capitale. È scattata il 24 aprile con la pre-discesa da Sansepolcro a Città di Castello la XXXI Discesa Internazionale del Tevere in canoa. Dopo aver percorso l’Umbria e il Reatino, la manifestazione, che non è agonistica, ma è nata per promuovere lo sport della canoa, il 1° maggio “sbarca” a Roma. La tappa romana prevede la partenza alle ore 10 dalla diga di Castel Giubileo sulla sponda sinistra del fiume, alle ore 15 ci sarà il passaggio dei canoisti a Ponte Milvio e l’attraversamento del centro della città. Alle 17, dopo la sosta a Castel Sant’Angelo, i partecipanti riprenderanno la discesa del fiume fino a giungere a Ponte Marconi, arrivo di tappa. Il 2 maggio ci sarà la post-discesa organizzata dal Gruppo Canoe Roma con partenza da Ponte Marconi e arrivo a Ostia Antica. Tutte le discese saranno guidate da canoisti esperti che si piazzeranno in testa e in coda al gruppo. Il costo di iscrizione alla manifestazione è di 150 euro e comprende anche il recupero delle autovetture con autobus, il pernottamento nelle palestre, l’assicurazione infortuni, eventuali gadget e le cene. Ci si può iscrivere anche ad una sola tappa.


DOVE

BEACH VOLLEY ACADEMY Sede Barkabar Lungomare Lutazio Catulo, 36 Sede Monteverde Via Santorre di Santarosa, 68a La struttura ad Ostia è in grado di accogliere manifestazioni di vario genere. Tel 06 56470069

PALABEACH Viale Cortina d’Ampezzo, 379 Due campi al coperto che si possono affittare per tutto l’anno e corsi di beach volley aperti a tutte le fasce d’età. Tel 06 3017661

POLISPORTIVA ESCHILO 1 Via Eschilo, 85 (Axa) Oltre al beach volley, si può praticare nuoto, tennis, pattinaggio, calcio, ginnastica artistica e fitness. Tel 06 52361672

Tra le strade di Roma con le auto della Mille Miglia e le moto d’epoca

>GARE DAL SAPORE STORICO Le auto e le moto d’epoca esercitano sempre un fascino indiscutibile e anche per chi non è uno specialista ma un semplice appassionato, la corsa di vetture storiche si rivela spesso un’esperienza interessante. Se poi è possibile ammirare i mezzi in questione mentre percorrono un circuito storico, allora l’esperienza si fa ancora più interessante. È questo il caso del-

la Rievocazione Storica del circuito di Monte Mario che si svolgerà a Roma il 16 maggio, per il 7° anno consecutivo, con partenza da Castel Sant’Angelo. Un’occasione per ammirare, fotografare ed “ascoltare” splendide moto d’epoca costruite prima del 31 dicembre 1989. Stesso profumo di storia, ma mezzi e percorso diverso, per una delle più apprez-

zate gare d’auto, la Mille Miglia. Ad 83 anni dalla sua nascita, la gara di quest’anno si svolgerà tra il 6 e il 9 maggio e vedrà le vetture storiche giungere nella capitale, venerdì 7, nella magica location di Castel Sant’Angelo. Un’edizione spettacolare a cui prenderanno parte, oltre a 505 auto d’eccezione, 130 Ferrari costruite dal 1958 ad oggi.

19

SPORT


20

IN REGIONE

FOTOLIA

>Un viaggio lungo un mese

attraverso storia e luoghi ancora incontaminati

20

Weekend AL VERDE Cinque diverse proposte per trascorrere un fine settimana a contatto con la natura e riscoprire angoli poco conosciuti del Lazio

P

asseggiate ecologiche, birdwatching, un picnic preistorico, persino un salto nel Medioevo o il trekking a cavallo: ogni weekend un’alternativa diversa per tenersi lontani dai rumori della città e riscoprire il dolce suono della natura. Si inizia da subito, già il 25 aprile con la passeggiata ecologica nello scenario quasi surreale della Valle dei Calanchi, a Lubriano, nel cuore dell’Alta Tuscia. Si parte di buon mattino dal centro del piccolo paese – meno di 1000 anime – si effettua una breve sosta presso un fontanile di acqua sorgiva, si riparte verso “Il Pianale” dove viene preparato il pranzo su grandi bracieri. Nel pomeriggio si riparte per visitare la vicina Civita di Bagnoregio prima di far ritorno a Lubriano. Osservare e magari immortalare gli uccelli? Si può. Il 2 maggio, presso il Laghetto degli Alfieri del Parco Naturale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, si tiene l’iniziativa di birdwatching “Visti da vicino”; si potranno ammirare le diverse specie di volatili che popolano il parco na-

turale. Un viaggio nella preistoria è previsto il 9 maggio al Riparo Blanc del Promontorio del Circeo con il “Picnic di 9000 anni fa” per evocare il pasto degli uomini preistorici all’ombra di gigantesche rocce che calano a picco sul mare. Seguirà un pranzo al sacco a base di prodotti tipici del territorio e con la degustazione dei vini locali. Nel weekend seguente ci si può tuffare in un’altra epoca: il Medioevo. A Tarquinia si conclude il “Maggio Medievale”: venerdì 14 nel cuore della città verrà allestito un antico mercato, poi dal sabato si entra nel vivo con la “Provaccia”, una prova che vedrà sfidarsi i cavalieri delle sette contrade. Domenica 16 sarà la volta del Palio: i sette cavalieri si confronteranno in una gara di destrezza equestre. Ultimo appuntamento da segnalare: due giorni di trekking a cavallo nel Parco dei Monti Aurunci il 22 e il 23 maggio tra l’Appia Antica, Campodimele e il santuario di Sant’Onofrio dove si terrà la Festa Europea dei Parchi.


APPUNTAMENTI VITERBO Lubriano

LA GIURIA Lo spettacolo “Otello” in scena il 28 aprile sarà diretto dal maestro Walter Zappolini, presidente della giuria del Rieti Danza Festival, composta da Roberto Fascilla, Carmen Panader, Susanna Beltrami, André de la Roche, Luciana Savignano e Francesca Bernabini.

21

IN REGIONE

25 aprile

Ballerini si sfidano a RIETI

La passeggiata ecologica nella Valle dei Calanchi si tiene il 25 aprile di ogni anno. Il programma prevede: alle ore 9 ritrovo dei partecipanti, alle 10 colazione nei pressi di un fontanile alimentato da acqua sorgiva, alle 13 arrivo in località “Il Pianale” dove viene preparato il pranzo. Alle 16 si riparte per visitare Civita, alle 18.30 ritorno a Lubriano.

Festival di danza nel capoluogo sabino fino al 1° maggio

LATINA Fondi - Laghetto degli Alfieri 2 maggio “Visti da Vicino” è un’iniziativa di birdwatching che rientra nel programma “Giorniverdi 2010” presso il Parco Naturale Regionale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi. Dalle ore 8 alle 10 e dalle 17 alle 19 sarà possibile osservare e fotografare gli uccelli stanziali e migratori dell’area protetta.

LATINA Parco del Circeo 9 maggio “Un picnic di 9.000 anni fa” si terrà al Riparo Blanc nel Parco Nazionale del Circeo. La rievocazione di un gruppo di uomini preistorici intenti a consumare un pasto a base di frutti di mare. Seguirà un pranzo al sacco a base di prodotti tipici locali e con vini del territorio.

VITERBO Tarquinia 14-16 maggio Termina il “Maggio Medievale” di Tarquinia. Nel weekend conclusivo si terranno nell’ordine: un mercatino medievale (il venerdì), la “Provaccia” (il sabato) e il Palio delle Contrade (la domenica) dove si sfideranno i cavalieri delle sette contrade.

LATINA Parco Regionale dei Monti Aurunci 22-23 maggio Due giorni di trekking a cavallo: si parte dall’Appia Antica fino a giungere a Campodimele. Sosta notturna e ripartenza la mattina dopo alla volta di Sant’Onofrio dove si terrà la Festa Europea dei Parchi.

O

ltre 400 concorrenti provenienti da tutta Italia, ma anche da Estonia, Finlandia, Russia, Polonia e Romania per il 20° Concorso Internazionale di Danza “Città di Rieti” iniziato il 24 aprile e che proseguirà fino al 1° maggio. Più di 70 singoli e 40 gruppi si sfideranno al Teatro Flavio Vespasiano. Nell’ultima serata si terrà il Gran Galà conclusivo con i finalisti del concorso e diversi ospiti di livello internazionale: si esibiranno per l’occasione Giuseppe Picone in “Lacrimosa” di Mozart, mentre Letizia Giuliani e Vito Mazzeo saranno impegnati nel “Pas de Deux” dal Don Chisciotte. Diversi gli eventi di contorno, il 25 vengono inaugurate due mostre: una fotografica di Cristiano Castaldi e una pittorica di Rossella Di Dio. Il 28, al Teatro Flavio andrà in scena lo spettacolo “Otello” a cura del Balletto di Roma. Il 29 estemporanea di pittura in Piazza Vittorio Emanuele con artisti italiani e internazionali.

HIGHLIGHTS SPORT Per i veri appassionati di motori, l’appuntamento è con il “Race 4 Gaeta” che si svolge nella città pontina nel lungo weekend del 1° maggio. Si parte il 30 aprile con l’allestimento del “Race Village”. Nella serata del 1° maggio si riscaldano i motori con la prova spettacolo nell’area della vecchia stazione. Il terzo giorno è dedicato alle prove su strada “Gaeta” ed “Itri” da ripetere 3 volte più una prova superspeciale per una lunghezza complessiva di 153 km. Le iscrizioni sono aperte fino al 26 aprile, si può scaricare il modulo dal sito www.rallygaeta.it.

Nell’ambito del “CorrInTuscia 2010” si svolgono diverse gare podistiche nel mese di maggio: si inizia mercoledì 12 con la Straviterbo, che si corre in notturna (ore 21) sulla distanza di 10 km. La domenica successiva, il 16, raduno podistico a Corchiano, qui i km da percorrere sono 11,4. Il 23 si svolge la Maratonina di Tuscania sulla distanza dei 10 km. Infine, sabato 29 presso la centrale “Alessandro Volta” di Montalto di Castro si tiene la nona edizione della “Maratonina della Centrale Aperta”: partenza alle ore 18.30, 10 i km da percorrere.

Il 9 maggio si svolge la nona edizione del “Trofeo Città di Sezze”. La gara podistica competitiva si corre sulla distanza degli 11 km, per quella non competitiva il percorso è di 2 km. Il raduno è fissato alle ore 8 nel “Parco dei Cappuccini” della città pontina, la partenza è alle 9.30. Ci si può iscrivere fino a mezz’ora prima della gara, la quota è di 7 euro. Sono previste premiazioni per i primi cinque classificati della categoria maschile e per le prime tre donne all’arrivo, ci saranno premi anche per le società. Per maggiori informazioni www.atleticasetina.it.

WEEKEND.it laziofeste.it latinaturismo.com apt.rieti.it tusciainforma.it istpangea.it culturalazio.it rietidanzafestival.it equitreklaselva.com rallygaeta.it uispviterbo.com


22

IN ITALIA

<

Ritorna il Salone del Libro al Lingotto Fiere dal 13 al 17 maggio

Sfogliando TORINO Tema centrale la memoria. Attesa per l’intervento di Juanita Castro e il suo libro polemico contro i fratelli Fidel e Raúl

L

a più importante manifestazione italiana dedicata al libro giunge alla ventitreesima edizione. Sarà la memoria il leit-motiv del Salone del Libro 2010, passata in secondo piano e ridotta a rimpianto, a mera nostalgia dall’avvento delle nuove tecnologie e dalle sterminate

possibilità che queste offrono. A un anno dal 150° anniversario dell’Unità d’Italia, saranno numerosi gli incontri e i dibattiti con esponenti del mondo della cultura e del giornalismo. Non mancheranno i “volti noti” della letteratura italiana: Gianrico Carofiglio, Erri De Luca, Susanna Tamaro. Molto atteso l’arrivo di Juani-

ta Castro, sorella di Fidel, che presenta un libro molto polemico nei confronti dei fratelli. Juanita fuggì da Cuba nel 1964 e, recentemente, ha dichiarato di aver collaborato con la CIA. Paese ospite della manifestazione sarà l’India con la partecipazione dello scrittore e diplomatico indiano Vikas Swarup, autore di “Le dodici domande” da cui è tratto il film “The Millionaire” premio Oscar nel 2009. Per la prima volta verrà assegnato il “Premio Salone Internazionale del Libro”, un riconoscimento alla carriera per una grande personalità della cultura mondiale.

Il noto festival al via il 29 aprile

MAGGIO MUSICALE A FIRENZE Nel 1933 Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano, fondatore dell’A.C. Fiorentina, insieme a Vittorio Goi dava vita al più antico festival musicale italiano. Il Maggio Musicale Fiorentino è oggi giunto all’edizione numero 73, che sarà all’insegna della multietnicità con particolare atten-

zione all’Oriente, da cui arriva il direttore della manifestazione Zubin Metha, di origine indiana. Si parte il 29 aprile con “La donna senz’ombra” di Richard Strauss, a dirigere l’orchestra ci sarà proprio Metha. Non mancheranno gli appuntamenti con la danza e, vera

novità di quest’edizione, con il jazz. Il “Maggio Musicale” prosegue anche nel mese di giugno fino al 22, quando ci sarà il concerto di chiusura con la “Nona” di Beethoven. Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito www.maggiofiorentino.com.

Anno 2010-STAMPA - Società Tipografico Editrice Capitolina S.p.A. Via Giacomo Peroni, 280 Roma SPORT NETWORK SRL Via Messina, 38 Milano - Tel. 02 349621



MT mese di aprile