Issuu on Google+

COMUNE DI LENO (Provincia di Brescia)

ARCHIVIO DELL’ASILO INFANTILE “Nido d’infanzia” DI CASTELLETTO Inventario


ARCHIVIO DELL’ASILO INFANTILE “Nido d’infanzia” DI CASTELLETTO

Inventario

Leno, 2010


IL SINDACO Pietro Bisinella IL SEGRETARIO COMUNALE Adriana Mancini LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO ARCHIVISTICO COMUNALE Giuseppina Pelucchi L’ARCHIVISTA INCARICATA Giuseppina Caldera

Piano di riordino e inventariazione dell’Archivio del Comune di Leno e archivi aggregati Inventario Giuseppina Caldera © Comune di Leno, 2010 La riproduzione totale o parziale è subordinata ad autorizzazione.


Sommario Introduzione ……………………………………………….……….…pag. III-VIII Notizie storico giuridiche dell’Asilo infantile “Nido d’infanzia” di Castelletto L’archivio e l’intervento Tavola della struttura Tavola delle consistenze

Inventario ……………………….……….…………….……….………pag. 1-13 Indice…………..…….…………………………………………………pag. 14-15


INTRODUZIONE


Notizie storico giuridiche Asilo infantile “Nido d’infanzia” di Castelletto La fondazione dell’asilo della frazione Castelletto 1 deriva da un fondo di lire 3.000 stanziato, fin dal 1905, dalla Cassa di risparmio delle Provincie lombarde e destinato a promuovere l’impianto di asili nei comuni e frazioni rurali. Il termine ultimo per conseguire l’assegno è il 20 febbraio del 1915 e ciò è subordinato all’apertura vera e propria di un asilo in grado di funzionare per almeno tre anni. L’amministrazione comunale, quindi, decide di destinare lire 200 annue per l’istituzione di una sala di custodia nella frazione per bambini dai tre ai sei anni. Un comitato locale provvisorio, inoltre, apre una sottoscrizione triennale pro asilo contando sulla generosità dei privati. L’appello lanciato raccoglie in breve la somma di lire 306,95. L’asilo può così essere aperto il 1° gennaio del 1907 in una sala affittata a titolo gratuito da Enrico Locatelli, possidente locale. I bambini frequentanti fin dall’inizio sono 55 dai 3 ai 6 anni. Inizialmente, due donne scelte hanno l’incarico di custodire i bambini. Già dal 1908 viene distribuita una modesta refezione ; i bambini – non tutti – indossano l’uniforme e ciò rende possibile la loro partecipazione a cerimonie e funerali. L’amministrazione dell’asilo è affidata, inizialmente, alla giunta municipale coadiuvata da una commissione composta da tre membri, tra i quali figura una donna. Compito della commissione è di formare lo statuto e il regolamento interno per l’erezione in ente morale della nuova istituzione. E’ del 1911 il regolamento dell’asilo in cui si definiscono le attribuzioni della commissione amministratrice e del presidente entrambi nominati dal consiglio comunale, i criteri d’ammissione dei bambini e i compiti dei genitori. La commissione dura in carica cinque anni. Nello stesso regolamento, si evince che l’asilo è aperto tutto l’anno ad eccezione di un breve periodo di vacanza. Nel 1914 il comune mette a disposizione dell’asilo un’aula scolastica con annesso un piccolo cortile posta al piano terra del vecchio edificio scolastico in via Fenili. Il personale incaricato di assistere e insegnare ai bambini è costituito da una maestra e da un’assistente. Nel 1919, ad accrescere il patrimonio giunge il Legato di Fulvio Bellini di lire 1.000, nel 1923 il Legato di Angelo Smussi di lire 3.300 e nel 1930 la donazione dell’immobile da parte di Enrico Baroschi valutato lire 15.000. Nel 1921 il sussidio comunale annuo viene elevato a lire 400 e nel 1928 a lire 1.000. L’asilo infantile “Nido d’infanzia” di Castelletto è eretto in ente morale sotto amministrazione autonoma con regio decreto del 14 novembre 1935 n. 23992 . Ne viene approvato lo statuto composto di 23 articoli. In base allo statuto, l’asilo è retto da un consiglio di amministrazione, che dura in carica quattro anni, composto di 5 membri compreso il presidente. Le riunioni del consiglio cadono ordinariamente, secondo la legge, nei mesi di maggio e settembre. Le sedute straordinarie sono convocate in caso di bisogno urgente o dal presidente o su domanda di due membri del consiglio. Il servizio d’esazione e di cassa è svolto dall’esattore comunale. Al momento della domanda per l’erezione in ente morale, l’asilo accoglie più di 60 bambini, si regge con il costante sussidio del comune, con sussidi dell’ONMI, con le rette e con alcune oblazioni private. Subito dopo l’erezione in ente morale, il comune dà avvio alla costruzione del nuovo edificio che ospiterà l’asilo (1928-1943). Il progetto del 1936 è dell’ing. Ferruccio Bernori. Ma la vicenda della costruzione inizia fin dal 1928 con la donazione di Enrico Baroschi di un immobile destinato al 1 2

La frazione Castelletto dista dal centro del capoluogo Leno Km. 5. In quegli anni Castelletto conta circa 1.600 abitanti. V


nuovo asilo ma che si rivela non idoneo. Successivamente, sarebbe stata individuata l’area dove costruire pervenuta all’ente per donazione degli eredi Sartori. Per la costruzione sarà necessario il finanziamento tramite un mutuo di lire 190.000 erogato dalla Cassa depositi e prestiti e un mutuo suppletivo di altre lire 192.000. Le spese dell’asilo fin dai primi anni di funzionamento sono rappresentate soprattutto dallo stipendio della maestra e dell’assistente, dalle spese di generi alimentari per la refezione e in minore misura dall’acquisto di arredi e materiali didattici. Dopo il 1945, le rendite dell’asilo che fino a quel momento erano state sufficienti, diventano via via insignificanti con conseguenza che il comune deve provvedere con sussidi progressivamente sempre più consistenti per garantire il funzionamento della scuola. Tra il 1960 e il 1965, allo scopo di assicurare un funziona mento uniforme in tutti gli asili del comune, il sindaco Angelo Regosa dà disposizioni per la tenuta della contabilità, per il servizio di tesoreria e cassa, per il personale - insegnanti e inservienti - che, dal 1963, sarà retribuito direttamente dal comune. Dal 1962 con deliberazione n. 181 del consiglio comunale, a causa delle irrisorie rendite che non ne permettono la gestione, il comune assume la gestione della scuola materna di Castelletto, pur nella sua qualità di ente morale – alla pari dell’asilo di Leno. Viene stabilito che il consiglio di amministrazione debba concedere in uso gratuito al comune il mobilio e la dotazione dell’ente per la gestione dell’asilo medesimo. Inoltre, dal gennaio 1963 il consiglio di amministrazione s’impegnerà ad erogare le modeste rendite ancora esistenti a favore delle quote dovute dalle famiglie più bisognose per la frequenza dei bambini agli asili gestiti dal comune. Il personale dell’asilo sarà pagato dal comune. Nel 1965, con le deliberazioni n. 44 e n. 59 del consiglio comunale è approvato il regolamento, composto di 17 articoli, predisposto dalla giunta municipale, per la gestione di tutti gli asili comunali 3 . Una commissione di 10 membri – due per ogni centro dove esiste l’asilo – nominata dal consiglio comunale e presieduta dal sindaco è preposta alla vigilanza sugli asili in materia di orari, refezione, sussidi didattici, versamento rette, manutenzione dei locali e degli arredi. Nel regolamento è stabilito uguale trattamento dei bambini in tutti gli asili in materia di accoglienza e rette e, inoltre, uguali per tutti gli asili sono la tabella dietetica 4 e il calendario scolastico. Le entrate dell'asilo provengono dalle rette, dai contributi del comune, del Ministero della pubblica istruzione e da offerte di enti e di privati. Le spese più consistenti sono relative all'acquisto di viveri e di sussidi didattici, alla gestione dell'edificio e al compenso al segretario per lavoro amministrativo. Nel 1969 i bambini frequentanti l’asilo sono 90; il personale è costituito da 2 suore e da 2 inservienti. Nello stesso anno, il sindaco pro tempore Silvio Giovanardi presenta istanza per la trasformazione in scuola materna statale dell’ente morale “Nido d’infanzia” di Castelletto ai sensi della Legge 18.3.1968 n. 444. Alla stessa data, medesima istanza è presentata per la trasformazione in scuola statale dell’ente morale giardino d’infanzia “Regina Margherita” di Leno. Dalla legge n. 616 del 24 luglio 1977 e con le successive leggi statali e regionali, il personale e la gestio ne dell’asilo di Leno e degli altri asili comunali – Leno, Milzanello e Porzano - passano progressivamente e definitivamente sotto la direzione dello Stato nel 1978. Le suore sono sostituite da insegnanti laiche. Tuttavia, negli anni successivi, nel corso dell’istruttoria di estinzione dell’IPAB Scuola materna “Regina Margherita” (già ente morale), insorgono confusioni di denominazione e di sostanza nelle istituzioni preposte alla soppressione: la Scuola materna “Regina Margherita” di Leno viene talvolta 3

Si ricordano tutti gli asili comunali in funzione nei primi anni ‘60: Leno, Castelletto, Milzanello, Porzano, Mirabella, Pluda, Scovola (soppresso nel 1962). 4 La tabella dietetica adottata è quella in vigore nell'asilo del capoluogo. VI


denominata “Nido d’infanzia” di Castelletto di Leno, nella convinzione di essere in presenza di un solo asilo e non di due come sono in realtà. Solo nel 2006 con la deliberazione della Giunta regionale del 27 giugno n. 8/2820 5 è soppresso il solo ente morale (IPAB) Asilo d’infanzia “Regina Margherita” di Leno mentre l’ente morale dell’asilo di Castelletto continua oggi ad esistere. Oggi l’asilo è ospitato in un nuovo edificio costruito alla fine degli anni ’80. I bambini iscritti nell’anno 2010-2011 sono 76.

L’archivio e l’intervento L’archivio dell’asilo di Castelletto è costituito da complessive 28 unità, tra registri e fascicoli, condizionate in quattro buste, disposte in tre serie: Corrispondenza, Deliberazioni, Bilanci di previsione e conti consuntivi (Tavola 1). La documentazione è datata complessivamente 1904-1982. La serie Corrispondenza comprende carteggi assai frammentari e lacunosi relativi all’istituzione dell’asilo, all’erezione in ente morale, al patrimonio e alla gestione ordinaria 6 . Bene documentata è la costruzione dell’asilo dal 1928 al 1943 che è costituita da 9 sottounità. Sono presenti due registri dei verbali della commissione amministratrice del 1913-1919 e 19401956, registri dei conti consuntivi e atti contabili dal 1918 al 1964. Dopo tale data, l’asilo è progressivamente gestito direttamente dai servizi comunali e, per tale motivo, l’archivio relativo alla gestione “autonoma” si chiude. I documenti riconducibili al funzionamento dell’asilo di Castelletto, come statistiche, rend iconti o semplice corrispondenza, alla pari dei documenti riguardanti tutti gli altri asili comunali, si trovano nell’archivio comunale. La descrizione delle 28 unità (Tavola 2) comprese nell’inventario è stata realizzata utilizzando lo standard descrittivo della scheda completa del software Sesamo. Le serie sono precedute da brevi note introduttive e un indice segnala le persone e gli enti indicati nelle schede descrittive.

Tavola 1

Struttura dell’archivio

classificazione

denominazione della serie

1

Corrispondenza

2

Deliberazioni

3

Bilanci di previsione e conti consuntivi

5

Ai sensi dell’art. 6 della l.r.1/2003. Documenti riferibili all’amministrazione dell’asilo si trovano anche nel carteggio dell’archivio del comune nella cat. IX. 6

VII


Tavola 2

Tavola delle consistenze

busta

denominazione serie

estremi cronologici

1

Corrispondenza

1904-1936

1-7

2

Corrispondenza

1928-1945

8

3

Corrispondenza

1931-1982

8-15

4

Deliberazioni

1913-1956

16-17

Bilanci di previsione e conti consuntivi

1918-1964

18-28

***

VIII

numero d’inventario


INVENTARIO


Serie 1

Corrispondenza Sono state riunite in questa serie 15 unità con data complessiva 1904-1982 condizionate in tre faldoni. I primi sette fascicoli documentano l'istituzione dell'asilo, i legati Bellini e Smussi a favore dell'asilo e, tra il 1928 e il 1936, il carteggio riconducibile all'erezione in ente morale. In due faldoni è raccolta la documentazione relativa alla costruzione dell'edificio asilo con data complessiva 1928-1943: sono presenti il progetto dell'ing. Ferruccio Bernori, il carteggio relativo all'appalto e all'esecuzione dei lavori, alla donazione dell'area per il nuovo edificio, all'assunzione dei mutui con la Cassa depositi e prestiti. Dagli anni '30 in avanti, il carteggio è davvero molto esiguo: in tutto sette unità con corrispondenza frammentaria e generica.

1 Istituzione dell'asilo nella frazione Castelletto 1904 - 1913 Elenco degli oblatori per l'istituzione di una sala di custodia a Castelletto e bilancio provvisorio; deliberazioni del consiglio comunale di nomina della commissione amministratrice dell'asilo di Castelletto e di assegnazione di sussidio annuo; concessione di sussidi da parte della Cassa di risparmio delle Provincie lombarde; relazioni morali e finanziarie della commissione amministratrice; concessione di sussidio straordinario a favore di asili e del ricovero vecchi in occasione della commemoriazione del centenario della nascita di Giuseppe Garibaldi Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/1 2 Regolamento dell'asilo 1911 Regolamento dell'asilo di Castelletto Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/2 3 Legato Bellini Fulvio 1918 - 1924 Deliberazioni della commissione amministratrice dell'asilo, della congregazione di carità e del consiglio comunale di accettazione del Legato Bellini Fulvio con conto consuntivo; note sottoprefettizie sull'acquisto di certificato di rendita del debito pubblico. Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/3

3


4 Corrispondenza 1920 - 1924 Verbale della commissione d'inchiesta su gestione e personale dell'asilo; deliberazioni di nomina della commissione amministratrice e di membri dimissionari; verbali di nomina del presidente e di approvazione del regolamento; statuto dell'asilo di Castelletto del 1920 e deliberazione comunale di approvazione; richiesta e concessione di aumento del sussidio annuale a favore dell'asilo. Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/4 5 Concorso al posto di assistente 1921 - 1922 Deliberazione della giunta municipale e avviso di concorso al posto di direttrice e assistente dell'asilo; domanda di partecipazione al concorso per assistente e deliberazione della giunta municipale di nomina; domanda di partecipazione al concorso per direttrice e deliberazione della giunta municipale di nomina; note comunali e sottoprefettizie sull'esclusione di concorrente. Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/5 6 Legato Smussi Angelo 1921 - 1923 Convenzione tra Giuseppe Doninelli e Angelo Smussi per l'usufrutto di area con fabbricato e cortile; perizia di stima e dichiarazione di acquisto dell'immobile lasciato in ereditĂ  all'asilo. Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/6 7 Erezione in ente morale 1928 - 1936 Carteggio tra il comune e la Prefettura di Brescia per l'erezione in ente morale dell'asilo di Castelletto; domanda di riconoscimento giuridico con piano finanziario, prospetto della consistenza patrimoniale, parere della locale congregazione di caritĂ  e concessione di sussidi; statuto e deliberazione di approvazione; regio decreto di erezione in ente morale dell'asilo denominato "Nido d'infanzia". Classificazione: 1 Segnatura: b. 1/7

4


8 Costruzione di un nuovo asilo per la frazione Castelletto 1928 - 1945 SottounitĂ  9. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/1-7, b. 3/1-2 8.1 Acquisto di area per il nuovo asilo 1928 - 1934 Atto di donazione di Enrico Baroschi di un immobile per l'asilo e decreto di autorizzazione all'accettazione; preliminari con don Giovanni Barchi per l'acquisto di area del Beneficio parrocchiale di Castelletto per la costruzione del nuovo asilo; stima dell'appezzamento (1). Note: (1) - Area non acquisita. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/1 8.2 Mutuo con la Cassa depositi e prestiti 1929 - 1940 Carteggio tra il comune, la Prefettura e il Genio civile su approvazione del progetto dell'ing. Achille Marangoni e richiesta di un mutuo alla Cassa depositi e prestiti; domanda di mutuo e risposta negativa; deliberazione di incarico all'ing. Ferruccio Bernori di predisposizione di un nuovo progetto e nuova domanda di mutuo; verbale della commissione igienico sanitaria sull'area scelta per la costruzione; fotografie (n. 3) della vecchia sede dell'asilo. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/2 8.3 Donazione di area per il nuovo asilo 1929 - 1942 Relazione della commissione tecnico-sanitaria sull'area scelta per la costruzione del nuovo asilo; estratto di mappa e planimetria generale del centro abitato e ubicazione del nuovo fabbricato; carteggio con i fratelli Sartori in merito alla cessione dell'area; atto di donazione di Carlo Sartori, perizia di stima, deliberazione del podestĂ  e decreto di autorizzazione all'accettazione Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/3

5


8.4 Progetto 1936, seg. 1939 Progetto di un nuovo asilo per la frazione Castelletto dell'ing. Ferruccio Bernori: all. 1 relazione tecnica, all. 2 capitolato speciale d'appalto, all. 3 preventivo di spesa, all. 4 estratto di mappa e ubicazione, all. 5 disegni. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/4 8.5 Appalto delle opere 1938 - 1939 Deliberazione del podestĂ  di indizione dell'asta per l'appalto delle opere murarie e avviso d'asta; elenco delle ditte invitate alla gara; condizioni di esecuzione delle opere murarie; offerte; verbale di aggiudicazione dei lavori. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/5 8.6 Opere e forniture diverse 1938 - 1940 1. Opere da falegname Deliberazione del podestĂ  di appalto delle forniture e opere da falegname; richiesta d'offerta con descrizione di lavori e forniture; offerte; contratto d'appalto. 2. Opere igienico-sanitarie e riscaldamento Deliberazione del podestĂ  di appalto delle opere igienico-sanitarie e riscaldamento e contratto d'appalto; note sul malfunzionamento dell'impianto idraulico e elettrico. 3. Giardino dell'asilo Elenco dei contadini che prestarono la loro opere per la costruzione delgiardino dell'asilo; note per la fornitura e il pagamento di piante. 4. Dispensa dall'impiego di marmi apuani Nota del dell'ingegnere progettista sull'uso dei marmi per la costruzione dell'asilo; domanda al Minis tero dei lavori pubblici di dispensa dall'impiego di marmi apuani; concessione dell'esonero; disposizioni e circolare prefettizia.

Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/6 8.7 Mutuo suppletivo con la Cassa depositi e prestiti 1938 - 1945 Carteggio tra il comune e la Prefettura sulla richiesta di un mutuo suppletivo per aggiornamento del 6


preventivo e per la perizia suppletiva dei lavori; domanda di mutuo; relazione del del Genio civile; deliberazioni; note sulla concessione del mutuo. Classificazione: 1 Segnatura: b. 2/7 8.8 Esecuzione delle opere 1939 - 1942 Verbale di consegna e inizio dei lavori; deliberazioni del podesta di nomina del direttore dei lavori, proproga del termine di ultimazione dei lavori, approvazione della perizia suppletiva e approvazione degli stati di avanzamento; pagamento di acconti sul mutuo con la Cassa depositi e prestiti con allegati; verbale dei nuovi prezzi; relazione finale dei lavori. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/1 8.9 Liquidazione dei lavori 1939 - [1940] Relazione finale dei lavoricon allegati: libretti delle misure, registro e sommario di contabilitĂ , verbale di ultimazione e stato finale dei lavori. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/2 9 Corrispondenza 1931 - 1938 Concessione di sussidio da parte della Cassa di risparmio delle Provincie lombarde; deliberazione del podestĂ  di nomina della commissione amministratrice; verbali della commissione amministratrice. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/3 10 Libretto bancario dell'asilo 1931 - 1936, all. 1929 Richiesta di fermo al libretto bancario intestato all'asilo presso l'Unione bancaria nazionale e istanza per il rilascio di duplicato; carteggio sull'estinzione non autorizzata del libretto. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/4 11 Progetto di sala ad uso di asilo 1932 Progetto di costruzione di sala ad uso di asilo di Castelletto dell'ing. Achille Marangoni: 7


all. 1 relazione tecnica, all. 2 preventivo di spesa, all. 3 disegni (1). Note: (1) - Progetto non attuato. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/5 12 Sussidio dell'ONMI 1934 Richiesta di sussidio all'ONMI di Roma con allegati prospetto dei fanciulli assistiti, relazione particolareggiata, bilancio preventivo e conto consuntivo; comunicazione di concessione del sussidio. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/6 13 Corrispondenza 1940 - 1943 Richieste e trasmissione di stati di presenza di bambini assistiti, di domanda per la concessione di sussidio straordinario e di bilancio di previsione; partecipazione di nomina a presidente; elenchi di spese sostenute dall'asilo; diffida dell'avv. Alberto Monti di pagamento di premio di assicurazione; fatture di liquidazione di consumi di energia elettrica; cartelle dei pagamenti; circolari prefettizie, del Provveditorato agli studi di Brescia, dell'ONMI e del Credito agrario bresciano (CAB) (1). Note: (1) - Danni da umiditĂ . Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/7 14 Corrispondenza 1950 - 1961, all. 1948; 1962-1963 Decreti prefettizi di approvazione dei conti consuntivi; richiesta del CAB di riconferma del servizio di tesoreria; richiesta di contributo all'Amministrazione provinciale di Brescia; partecipazione di concessione di contributo della Cassa di risparmio delle Provincie lombarde; deliberazione della commissione amministratrice dell'asilo di assunzione di personale insegnante religioso, modello di convenzione con la Congregazione Suore S. Dorotea di Cemmo e prospetti previdenziali; circolari. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/8

8


15 Corrispondenza 1960 - 1982, con all. 1935 e 1983 Deliberazioni del consiglio comunale di nomina del consiglio di amministrazione dell'asilo infantile di Castelletto, di assunzione della gestione dal 1963, di vendita della casa di proprietĂ  dell'ente e di reimpiego della somma; deliberazione sull'istanza di soppressione dell'ente morale "Nido d'infanzia" di Castelletto con allegato testo del regio decreto del 1935; circolari e leggi regionali (1). Note: (1) - Documenti in copia. Classificazione: 1 Segnatura: b. 3/9

9


Serie 2

Deliberazioni I due registri qui inventariati sono datati rispettivamente 1913-1919 e 1940-1956. Essi documentano l'attivitĂ  della commissione amministratrice dell'asilo. Nei registri, gli argomenti trattati si riferiscono principalmente all'esame della situazione finanziaria e al pagamento dei fornitori, a bilanci e conti consuntivi, alla determinazione delle rette scolastiche.

16 Registro delle deliberazioni della commissione dell'asilo di Castelletto 1913 - 1919 Classificazione: 2 Segnatura: b. 4/1 17 Registro delle deliberazioni della commissione dell'asilo di Castelletto 1940 - 1956 Classificazione: 2 Segnatura: b. 4/2

10


Serie 3

Bilanci di previsione e conti consuntivi Questa serie documenta la gestione dell'asilo dal 1918 al 1964 con lacune dal 1921 al 1954 e del 1963. Si tratta prevalentemente di registri dei conti consuntivi. Del 1919 e del 1964 sono presenti i mandati di pagamento con pezze d'appoggio.

18 Atti contabili 1918 - 1920 Registro dei mandati di pagamento. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/3 19 Atti contabili 1919 Bollettario delle entrate e mandatidi pagamento. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/4 20 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1955 1955 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/5 21 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1956 1956 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/6

11


22 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1957 1957 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/7 23 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1958 1958 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/8 24 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1959 1959 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/9 25 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1960 1960 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/10 26 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1961 1961 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/11

12


27 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1962 1962 Registro del conto consuntivo. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/12 28 Conto consuntivo - Esercizio finanziario 1964 1964 Mandati di pagamento e pezze d'appoggio. Classificazione: 3 Segnatura: b. 4/13

13


INDICE


Indice Persone Barchi Giovanni, don; 8 Baroschi Enrico; 8 Bellini Fulvio; 3 Bernori Ferruccio, ingegnere; 8 Doninelli Giuseppe; 6 Garibaldi Giuseppe; 1 Marangoni Achille, ingegnere; 8; 11 Monti Alberto, avvocato; 13 Sartori Carlo; 8 Sartori, fratelli; 8 Smussi Angelo; 6

Enti Amministrazione provinciale, Brescia; 14 Beneficio parrocchiale di Castelletto; 8 Cassa depositi e prestiti; 8 Cassa di risparmio delle Provincie lombarde; 1; 9; 14 Credito agrario bresciano (CAB); 13; 14 Genio civile; 8 Ministero dei lavori pubblici; 8 Opera nazionale per la maternità e l’infanzia (ONMI); 12; 13 Provveditorato agli studi, Brescia; 13 Unione bancaria nazionale; 10



Inventario Asilo Infantile di Castelletto