__MAIN_TEXT__

Page 1

Egdk^cX^VY^A^kdgcd# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # #(

BdidX^Xa^hbd# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '(*

8dbjcZY^A^kdgcd # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # #*

Cjdid# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '(,

8DC> # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &.

EVaaVcjdid# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '))

6OOJGG>YÉ>I6A>6 # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '&

EVaaVkdad# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '),

KZiZgVc^YZaadHedgi # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # )*

7Vh`Zi # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '*(

KZiZgVc^YZaadHedgi8daaZhVakZii^# # # # # # # # # # # # # # **

EZhXVYVcViVciZ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '*.

EgZhZciVo^dcZ6abVcVXXd'%&% # # # # # # # # # # # # # # # +*

8^XVHjW # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '+(

EVcVi]adc # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ,'

EZh^Z8jaijgV;^h^XV# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '+.

6jidbdW^aZ8ajWYÉ>iVa^V# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ,*

Ej\^aVid # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ',,

6jidbdYZahedgiXajW^iVa^Vcd# # # # # # # # # # # # # # # # # .&

Gj\Wn # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '.*

6iaZi^XVaZ\\ZgV # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # .(

HX]ZgbV # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (&&

7VhZWVaa"Hd[iWVaa # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &%*

9^kZghVbZciZVW^a^ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (',

9VcoVHedgi^kV # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &&.

:fj^iVo^dcZ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ((.

8VaX^d# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &'&

IZcc^h # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ()(

8VcdV# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &((

IZcc^hIVkdad # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (*)

8VcdiiV\\^d# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &),

Ig^Via]dc# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (*,

8^Xa^hbd # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &*(

I^gdVHZ\cd # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (+*

8gdcdbZig^hi^# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &,+

I^gdVkdad# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (+.

EVii^cV\\^d# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &,.

I^gdXdcaÉVgXd # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (,&

6gi^BVgo^Va^"?jYd # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &-,

KZaV # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (,*

6gi^BVgo^Va^"AdiiV# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # &.(

Hjg[ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (-)

6gi^BVgo^Va^"@VgViZ# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '%,

9VbV # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (-,

@VgViZ";da\dgZ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # '&.

HXVXX]^ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (.(

<gVeea^c\ # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ''+

>cY^XZhedchdg # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # (.-

7gVXX^dY^;Zggd# # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # ''.

G^c\gVo^VbZcidHXdiid # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # )%%

Indice

>C9>8:

1


2


>ahVajidYZaEgZh^YZciZ YZaaVEgdk^cX^VY^A^kdgcd

<>DG<>D@JIJ;¿

D

esidero salutare e ringraziare, sia personalmente che da parte dell’Ente che rappresento tutto lo staff ff che ogni

anno si prodiga per realizzare L’Almanacco dello Sport, una meritevole iniziativa ormai diventata la vetrina dello sport livornese. Sport con la S maiuscola, perché riesce a riunire in sé quegli elementi che dovrebbero caratterizzare ogni pratica sportiva, quali l’impegno, la passione, lo spirito agonistico, la solidarietà, il gioco di squadra, la partecipazione e la disciplina. Sono convinto che debba esserci una possibilità per tutti, ognuno con le proprie capacità e potenzialità, di fare del movimento, curare il proprio corpo, gareggiare con regole, imparare a stare con gli altri, mettersi alla prova, esse-

re felici di un risultato e l’Almanacco dello Sport è un ottimo strumento per valorizzare tutte le iniziative ed i partecipanti, non solo i campioni. Una comunità, quella livornese, che ha fatto propri i valori dello sport, che deve rimanere coesa e solidale ed aumentare, come richiede ogni pratica agonistica, la propria competitività. Concludo con un augurio, che questa lettura faccia venire la voglia di fare sempre meglio, di provare almeno uno sport, di accrescere risultati e partecipazione. Giorgio Kutufà Presidente della Provincia di Livorno

>ahVajidYZaK^XZegZh^YZciZ YZaaVEgdk^cX^VY^A^kdgcdZ 6hhZhhdgZV8jaijgV!>higjo^dcZ!Hedgi

;6JHID7DCH><CDG>

Provincia di Livorno

HedgiXdcaVHbV^jhXdaV/^beZ\cd!eVhh^dcZ! he^g^idV\dc^hi^Xd!hda^YVg^Zi|!\^dXdY^hfjVYgV! eVgiZX^eVo^dcZZY^hX^ea^cV

EZgjcVXgZhX^iVVgbdc^dhVZYZfj^a^WgViV Y^XdgedZbZciZ

A

nche per la presente edizione, a nome mio e dell’Amministrazione provinciale di Livorno reco con piacere e soddisfazione il saluto a questa importante pubblicazione del mondo sportivo cittadino e non solo. Sono infatti convinto che lo sport

sia fondamentale per una crescita armoniosa ed equilibrata di corpo e mente: l’educazione fisica e lo sport sono elementi fondamentali per l’educazione di giovani e per la vita associata. Dirò di più, sono cultura. Ed è importante riprendere anche l’aspetto festivo, ludico dello sport. Le manifestazioni sportive (pensiamo alla più grande, quelle Olimpiadi che si sono svolte nel 2012) sono, devono essere anche un momento di festa, e ciò è vero anche se consideriamo le stesse origini storiche dello sport, che lo vedono collegato ad istanze religiose, quando non coinvolto in liturgie complesse. Lo sport è anche solidarietà, pari opportunità, affermazione ffermazione di uguaglianza: lo vediamo ff nelle molte manifestazioni contrassegnate da questi obiettivi, lo vediamo in quell’av-

venimento eccezionale che sono le Paralimpiadi. Il nostro territorio è ricco di una pratica sportiva diffusa, oltre che di eccellenze, e la Provincia di Livorno, in accordo con gli indirizzi della programmazione regionale, definisce criteri ed obiettivi all’interno dei quali collocare gli interventi garantire il consolidamento della pratica sportiva esistente e la crescita delle attività sportive e motorie. Incertezza e difficoltà hanno dominato e continuano a caratterizzare la situazione politica ed economica dei nostri Enti e del Paese, ma l’impegno è di assicurare al meglio, per quanto possibile, le azioni in questa direzione. Fausto Bonsignori Vicepresidente della Provincia di Livorno assessore a Cultura, Istruzione, Sport

3


Livorno ha bisogno di nuovi donatori! I progressi in campo medico-chirurgico e l’aumento dell’età media della popolazione, hanno determinato anche nella nostra città una crescita progressiva del fabbisogno annuale di sangue. Gli ottimi risultati raggiunti da Avis e dai livornesi, oltre 11.000 donazioni nel 2012, rischiano di non essere più sufficienti. Facciamo quindi appello al cuore e alla proverbiale generosità della nostra gente per invitarla a compiere un gesto di solidarietà gratuita che può davvero salvare la vita a molte persone. Scopri come donare su: www.avislivorno.it

4


>ahVajidYZaH^cYVXdYZa8dbjcZY^A^kdgcd

6A:HH6C9GD8DH>B>

»

sempre una piacevole attesa quella che deriva dall’annuncio della prossima edizione dell’Almanacco dello Sport livor-

nese. Anche quest’anno dunque questa pubblicazione renderà onore e merito alle decine di associazioni e gruppi sportivi che animano la nostra città, così come racconterà le imprese delle migliaia di atleti, di tutte le età, che affolff ffollano i nostri impianti sportivi. Ma soprattutto

ci ricorderà anche le tante medaglie, le tante vittorie e posizioni di rilievo che sono state conquistate da squadre e singoli. Livorno è da anni nei primi posti delle classifiche nazionali delle città capoluogo per ciò che riguarda il mondo dello sport, e questo grazie alla stretta collaborazione tra Amministrazione Comunale, associazioni sportive e privati che, nonostante le difficoltà di una crisi economica pesante, riescono, tutti gli anni, a trovare le soluzioni e gli accordi per garantire la piena efficienza degli impianti e lo svolgimento di gare e competizioni. Un fatto che genera anche attività economiche, imprese e lavoro! Se non si perpetuasse questo sforzo e questa grande capacità, direi anche fantasia, con la quale quotidianamente affrontiamo ffrontiamo i problemi, ff ben difficilmente potremmo festeggiare tutti gli anni i diversi campioni nazionali e internazionali che Livorno offre ffre allo sport italiano. ff

Non mi stancherò mai di ricordare che l’impegno del Comune in questo campo è frutto di una civiltà diffusa ffusa nella nostra comunità, ff che vede nello sport una delle componenti fondamentali della nostra qualità della vita. Una comunità che vedo oggi impegnata ad affrontare ffrontare le tante difficoltà di questa fase ff storica, senza però mai perdere il senso della solidarietà e del “fare squadra”, pur con la tradizionale ironia e “criticità” labroniche, senza mai perdere la volontà di superare gli ostacoli, puntando ad un traguardo da cui ripartire per una nuova competizione. E allora mi auguro che sfogliando le tante pagine di questo Almanacco siano tante le occasioni di sorridere nel ritrovare quell’impresa sportiva alla quale si è partecipato e, magari, anche contribuito a vincere. Alessandro Cosimi Sindaco di Livorno

>ahVajidYZaaÉ6hhZhhdgZVaadHedgi YZa8dbjcZY^A^kdgcd

B6JG>O>D7:II>C>

Comune di Livorno

>ahZchdY^hda^YVg^Zi|i^e^XVbZciZaVWgdc^XdX]ZÆ[VhfjVYgVÇ

>cXdgV\\^Vbd^gV\Voo^Z^Y^kZghVbZciZVW^a^ VedgiVgZVkVci^aZadgdVii^k^i|

L

’Almanacco è un volume che, evidenziando i molti successi ottenuti nei vari settori sportivi, presenta Livorno in modo vitale non solo in campo nazionale, ma anche in quello internazionale. È così che anche quest’anno l’Almanacco guida per mano i lettori tra gli episodi sportivi. Le istituzioni, insieme alla città, hanno lavorato per incoraggiare ogni manifestazione sportiva e si sono prodigate per lo sviluppo e la migliore organizzazione degli eventi. Come amministratore posso asserire che ci siamo

impegnati per studiare la possibilità di incremento di tutto ciò che è avvolto intorno allo sport. Ci sentiamo responsabili soprattutto nei confronti dei ragazzi e per questo anche l’Almanacco raffigura la bacheca per rendere visibili i talenti e i valori trasmessi dalle associazioni sportive e gli esiti delle squadre e atleti partecipanti. Il 2012 è stato un anno particolare per lo sport livornese: basti pensare che è stata avviata la “riforma del remo” che per una città nota per le sue manifestazioni marinare è una buona occasione per mantenere un folclore che diversamente rischia pian piano di estinguersi. L’attenzione poi che il Comune rivolge allo sport per i diversamente abili: un torneo di

tennis giunto alla sua ventesima edizione per sportivi in carrozzina a cui hanno partecipato 32 atleti provenienti da tutta Italia. E non dimentichiamoci che Livorno è stata la prima città a presentare delle speciali tavole da surf, nell’ottobre del 2012, anche per chi è in sedia a rotelle. Nel ringraziare tutti i lettori che ogni anno attendono questo volume, auspico che l’almanacco possa continuare a riscuotere un ampio consenso. E rivolgo il mio personale saluto a tutti coloro che si sono profusi per la redazione dell’Almanacco dello sport: a loro dico, semplicemente, grazie! Maurizio Bettini Assessore allo Sport del Comune di Livorno

5


6

Scotto PubblicitĂ Livorno


>ahVajidYZa8dbVcYVciZYZaaÉ6XXVYZb^V CVkVaZZYZaEgZh^Y^dB^a^iVgZY^A^kdgcd

6bb^gV\a^d

<>JH:EE:86KD9G6<DC:

Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone

Q

uale “capo” dei militari di stanza a Livorno rivolgo con vero piacere un saluto ai lettori dell’Almanacco dello Sport, pubblicazione che rappresenta ormai un vero e proprio annuario degli sportivi livornesi. L’Almanacco è testimone fedele di tutti gli eventi agonistici del territorio e dimostra come la passione sportiva labronica non si limita al calcio ma si estrinseca nella pratica di una moltitudine di attività, cosiddette minori, che portano avanti in maniera genuina i valori dello sport. Quei valori quali solidarietà, rispetto, tenacia, spirito di sacrificio e di squadra che sono alla base anche della cultura militare ed in particolare della formazio-

L’Ammiraglio Cavo Dragone con la Banda Bassotti

ne degli Allievi Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno. I militari che prestano servizio a Livorno molto spesso si iscrivono alle Società Sportive labroniche contribuendo in maniera fattiva a tramandare negli anni quella passione per lo Sport che caratterizza il territorio livornese e ad avvicinare sempre di più i cittadini alle Forze Armate. Di tutto questo rimane una traccia indelebile grazie all’Almanacco dello Sport ed a tal proposito ringrazio tutta la redazione e coloro che collaborano alla stesura di questa importante rivista. Colgo l’occasione per augurare un 2013 foriero di vittorie agli sportivi livor-

Basket

Campionato Italiano di Rowing Indoor

nesi, certo di interpretare il pensiero di tutti i militari del Presidio di Livorno. Giuseppe Cavo Dragone Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno Foto gentilmente concesse dall’Accademia Navale di Livorno

Comune di Livorno: Accademia Navale

Solidarietà, rispetto, tenacia, spirito di sacrificio e di squadra, questi i valori che ci uniscono ai livornesi

Concorso Ippico

7


amano fare belle passeggiate immersi nella natura. L’isola fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha una perimetrazione a mare divisa in due zone: la zona 1 che è riserva integrale e quindi inaccessibile e la zona 2 nella quale si può transitare, sostare, fare il bagno ed in una zona limitata,con apposito permesso, è possibile pescare. Ha una popolazione di 350 persone che vive prevalentemente di turismo, pesca ed edilizia. Il collegamento marittimo è garantito giornalmente dalla Soc. Toremar con potenziamento estivo tramite mezzi veloci di società private. Dal 1873 al 1986 è stata Carcere Agricolo, con un massimo 350 detenuti. Attualmente le strutture dell’excarcere sono abbandonate ma, fanno parte di un progetto di recupero attraverso il piano strutturale comunale, così che Capraia continuerà a crescere nel rispetto dell’ambiente e di un turismo consapevole di quello che l’isola offre. 8

Scotto Pubblicità Livorno

Capraia, una delle “sette perle” dell’Arcipelago Toscano, è l’isola più distante dalla Costa Toscana, 36 miglia. Vicinissima alla Corsica, 15 miglia, le è molto simile nel modo di vivere e nel dialetto. La sua origine vulcanica, una prima eruzione risale a circa nove milioni di anni fa ed una seconda a circa quattro, l’ha resa isola selvaggia, aspra con coste a picco sul mare. Queste sono le caratteristiche che la distinguono dalle altre isole ma, è grazie a queste, per scelta degli isolani storici che hanno ritenuto essenziale mantenere e conservare così il suo aspetto, che è oggi frequentata da molti turisti alla ricerca della sua natura incontaminata. Ha una superficie di 20 Kmq circa ed è possibile visitarla attraverso i vecchi sentieri usati una volta dai contadini, dai carbonai e dalla Marina Militare che aveva una postazione di rilevamento meteorologico sul Monte Arpagna , meta di coloro che


N A T 29 ° JcedciZigVbVgZ!iZggV!ededa^ ZXjaijgZ '.•Igd[Zd6XXVYZb^VCVkVaZZ8^ii|Y^A^kdgcd IZcZcZiZY^KVhXZaadB^X]ZaZHVcXg^XXV6YYZiidHiVbeVI6C

da 20 nazioni. Ancora una volta, la vela, lo sport e il mare hanno confermato di essere elemento di unione tra i popoli e le culture e il TAN è stato l’occasione per un ricco scambio di esperienze tra equipaggi e un efficace contatto tra mondo militare e civile. La Marina ha colto un bel successo nella classe J-24, con il primo posto dell’equipaggio più titolato e atteso, quello de “La Superba”, della Sezione Velica di Napoli della Marina Militare, capitanato dal timoniere Ignazio Bonanno e composto da Simone Scontrino e Francesco Linares, rispettivamente tailer e “due”, da Alfredo

Branciforte prodiere, e da Francesco Picaro centrale. Una vittoria ineccepibile: quattro primi posti, due secondi e un nono, a risultato ormai acquisito e quindi scartato. La medaglia d’argento se l’è aggiudicata “Max Bahr” del tedesco Stefan Karsunine, grazie ai migliori piazzamenti rispetto a “Djike” di Fabio Delicati della Polizia Penitenziaria, che ha ottenuto lo stesso punteggio ma si è dovuto accontentare del bronzo. Per “La Superba”, un inizio di stagione senza dubbio da incorniciare: il successo al TAN va, infatti, ad aggiungersi in bacheca al Campionato Invernale, alla Pasqua Vela nonché al Primaverile, ed è un buon viatico in vista degli Italiani e degli Europei in programma a fine maggio in Sardegna. Le classifiche complete del Trofeo, sono pubblicate sul sito ufficiale del TAN (www.trofeoaccademianavale.eu). A terra, un fitto programma di eventi culturali, spettacoli e ini-

Comune di Livorno: TAN

L

’Isola della Gorgona era sempre lì, impassibile di fronte a noi, col suo profilo lo di donna incantata a guardare il cielo. Un cielo che abbiamo scrutato spesso, dalle banchine del Porto Mediceo di Livorno, alla ricerca di un segno che annunciasse condizioni metereologiche più favorevoli per le regate di questo 29° Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno (TAN). Ma né il vento forte di libeccio che ha sferzato i primi giorni, né la pioggia torrenziale che ha accompagnato le ultime regate hanno smorzato l’entusiasmo dei partecipanti. Alla fine, a conti fatti, sono tutti soddisfatti: regatanti, organizzatori, appassionati e curiosi. In undici giorni di regate e di eventi, dal 22 aprile al 1° maggio, il TAN ha confermato di avere le caratteristiche che lo hanno reso una delle competizioni veliche più longeve e popolari del Mediterraneo, incastonata quest’anno fra le due tappe italiane del circuito dell’America’s Cup di Napoli e Venezia. Per molti equipaggi, si tratta del trofeo che apre la stagione estiva, su campi di regata sempre molto tecnici, come sono quelli livornesi, dove vento e mare offrono le condizioni ideali per mettere alla prova i tattici, affi affiatare atare il gruppo e regolare al meglio le attrezzature. Benché la mancanza delle condizioni minime di sicurezza abbia imposto di ridurre il programma delle regate inizialmente stabilito, i numeri di questa edizione sono rimasti da record: 16 le classi di regata ammesse, alle quali si sono iscritte 281 imbarcazioni e 1099 regatanti provenienti

9


Comune di Livorno: TAN

L’equipaggio de La Superba SVMM, vincitore nei J-24

ziative di solidarietà ha fatto da cornice alle competizioni veliche che si svolgevano al largo, permettendo a Livorno e all’Accademia Navale di gettare un ponte ideale tra mare e terra. Tra i padiglioni del villaggio Tuttovela, allestito sulle banchine del porto, sono passati più di centomila visitatori e il 29 aprile ha fatto la sua visita il Capo

di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Luigi Binelli Mantelli. Tra le attrazioni di maggiore successo, le visite a bordo delle navi a vela della Marina (Italia, Capricia, Orsa Maggiore, Corsaro II) e i simulatori di volo e di manovra allestiti negli stand della Marina e della Guardia Costiera, dove più di mille giovani e giovanissimi si sono divertiti,

Un momento delle regate classe IRC e ORC

10

Un momento delle regate classe IRC e ORC

hanno imparato nuove cose e si sono avvicinati al mondo delle Forze Armate. Accompagnata dallo slogan “Il sorriso di un bambino è il nostro più grande Trofeo”, una raccolta di fondi tra i visitatori e il personale dell’Accademia Navale e del villaggio Tuttovela ha permesso di dare un contributo a sostegno del reparto di pediatria dell’Ospedale di Livorno.


Una nuova iniziativa di solidarietà, che si aggiunge alle ormai tradizionali regate dedicate agli atleti diversamente abili e alla consolidata collaborazione con l’Unicef e ribadisce l’attenzione per il sociale che da sempre contraddistingue il TAN. L’interesse per il TAN è dimostrato anche dagli oltre 100 operatori dell’informazione accreditati e dalla diretta che Radio Flash di Livorno ha trasmesso dal TAN per ben cinque ore al giorno. Come sottolineato nella cerimonia di chiusura del TAN dal Comandante dell’Accademia Navale, l’Ammiraglio di Divisione Giuseppe Cavo Dragone, il successo della

Folla di visitatori sulle banchine del TAN

manifestazione è frutto dell’entusiasmo degli organizzatori e delle sinergie instaurate tra tutti gli “attori” che animano il TAN: le Istituzioni militari e civili, le as-

Onde spumeggianti per le regate d’altura

sociazioni, gli enti statali, i circoli velici, gli sponsor e tutti coloro che continuano a credere nei valori del trofeo. Confidando nel medesimo entusiasmo anche per il futuro, possiamo dunque guardare con ottimismo e ambizione alla prossima edizione del TAN, la trentesima. Il sito web del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno propone la rassegna delle immagini, i video e i racconti più significativi del TAN, per consentire di viaggiare virtualmente attraverso la splendida cornice della manifestazione anche dopo la sua conclusione.

Comune di Livorno: TAN

La visita del Capo di Stato Maggiore

Foto Archivio Accademia Navale di Livorno

I bambini provano i simulatori di volo

11


o r a n i r a M Palio AÉVccdY^igVch^o^dcZkZghdaVcjdkVZgV YZaEVa^dBVg^cVgd Ijii^^g^hjaiVi^YZaadhedgiYZ^gZb^ Y^K^iidg^dEVhfj^

Alla fine bellissima premiazione allo stand “Tutto Vela” del Tan. La Coppa Santa Giulia 2012 ha riservato belle gare, con sorprese. Le spallette del “Pontino”, prese d’assalto dai livor-

nesi, hanno fatto una degna cornice alla gara. Piacevolmente impressionato anche il vescovo, Monsignor Giusti, quando è sceso sul prato della Fortezza Nuova. La gara femminile e i quattro remi seniores hanno visto trionfare l’Ardenza, tra i giovani il Venezia, mentre i dieci remi sono stati vinti da uno straordinario S. Jacopo. Nel 2012 sono venuti a mancare personaggi importanti del remo livornese, vogatori e organizzatori che hanno reso grande la tradizione remiera livornese che vogliamo ricordare in questa sede: Alessandro Bellandi (Ovo Sodo), Alfio Caroti (Borgo Cappuccini), Arturo Vannucchi (1°Presidente del Borgo nel do-

Comune di Livorno: Palio marinaro

I

l 2012 è stato un anno di transizione verso una nuova organizzazione delle gare remiere livornesi. La nuova organizzazione voluta dall’Amministrazione comunale ed accettata nella quasi totalità dalle sezioni nautiche ha provocato sicuramente qualche disaccordo nel mondo remiero, e ciò nonostante, anche il 2012 si è concluso con una buana partecipazione di equipaggi e una superiore attenzione da parte della città e degli spettatori che hanno in molti casi presenziato numerosi alle diverse gare remiere della stagione. Il 2012 si è caratterizzato per il grande equilibrio delle forze in campo con un’alternarsi di vittorie fra rioni diversi. La prima gara della stagione, la Coppa Gaetano D’Alesio ha visto una vittoria perentoria a 10 remi del Venezia nonostante un notevole ricambio di vogatori da parte della sezione nautica, segno di una grande capacità di proselitismo che è capace di sfornare ogni anno nuovi talenti. Alle spalle in ordine d’arrivo tre equipaggi che si alterneranno sui podi delle gare future: San Jacopo, Ovosodo e Borgo. La nuova sezione nautica detta “Labrone” rappresentativa dei quartieri nord della città finiva purtroppo la prima gara con il timone rotto. Fuori classifica ha partecipato una barca pugliese di Giovinazzo in provincia di Bari. Gemellata con la Sezione Nautica di Salviano ha voluto essere presente alla D’Alesio in segno di amicizia e per fare nuove esperienze. Per le ragazze il Colline-Stazione ha fatto registrare il miglior tempo. Nelle gozzette senior a 4 remi ha vinto l’Ardenza e fra gli Junior bella sorpresa del S.Marco-Pontino sul San Jacopo e Salviano, tutti arrivati in pochi secondi.

13


Comune di Livorno: Palio Marinaro 14

poguerra) Gino Benetti (Ovo sodo), Gino Calderini (Presidente Coni), Luca Petracchi (Pontino), Renzo Mancini, detto Galletto (Venezia). A loro va la gratitudine di tutto il mondo remiero livornese. Con la Coppa Tito Neri-Risi’atori, arriva la gara più impegnativa della stagione non solo per la lunghezza della gara e il dispendio delle energie per gli equipaggi, ma anche per la giornata di gara dove soffia un forte vento di libeccio e le onde si fanno spumeggianti e minacciose. Non parliamo poi delle barche a motore sul percorso che rendono difficilissima la voga. Si può ben dire che i vincitori in questo caso non siano stati solo più forti degli avversari, ma anche più forti del mare. Un applauso comunque a tutti

entusiasmante che abbraccia il centro storico della città, viene vinta a sorpresa dal Borgo Cappuccini con un tempo eccezionale 14’43”19. A seguire aspra lotta per il podio: Venezia 14’55’18, San Jacopo14’56”29 e Ovo Sodo 14’58”35. Più attardati gli altri equipaggi. Il trofeo Edda Fagni per gozzi a 4 remi viene vinto per la prima volta dal Quercianella dopo un bel duello con l’Ardenza.

munale, con la Livornina e i suoi figuranti, il tamburo a scandire ogni estrazione. La sala è gremita di presidenti e dirigenti delle cantine, vogatori, allenatori, fotografi, giornalisti, tv e appassionati. Prima di ogni estrazione grade silenzio e dopo si alza il brusio tra volti felici e volti seri. Anche questa è la tradizione del Palio. Sarà comunque il campo di regata a dare le risposte della gara che ogni rione vorrebbe vincere. Il Palio è sempre il Palio. Nella mattinata grandi sorprese per la gara giovani e femminile ecco l’ordine d’arrivo:

EhZ_d[ZÊ7hh_le

i partecipanti per l’impegno e le difficoltà superate. A 4 remi vince di nuovo l’Ardenza sul Montenero e Quercianella. A dieci stravince di nuovo il Venezia sul Borgo e Ovosodo. Il S. Jacopo terzo al traguardo sarà squalificato per la condotta di gara. Ancora una volta rottura del timone per il Labrone. Tra gli under 18 vince il Venezia e tra le donne si ripete l’Ardenza. I due equipaggi bisseranno anche alla Coppa Lorenzini gara di apertura della Coppa Barontini, affascinante ffascinante gara a cronometro ff lungo i fossi medicei. La Coppa Ilio Barontini gara a cronometro per gozzi a 10 remi, dal percorso

L’otto luglio si correrà il Palio preceduto dal suggestivo sorteggio delle boe nella sala del Consiglio Co-

Minipalio: 1°Salviano 2°Venezia 3°Pontino Femminile 1°Labrone 2°Borgo 3° Ardenza

5’50”47 5’57”94 6’27”19 6’08”84 6’20”62 6’22”10


tive, ma anche umane e di solidarietà che sono tipiche del mondo in Special Olympics. Grande successo anche per la Premiazione del Palio svolta il 12 luglio in Fortezza Vecchia luogo che ha visto il primo insediamento di Livorno. Tanta gente, allenatori, dirigenti vogatori e tifosi, che hanno esaurito lo spazio del “quadrato” della Fortezza. Suggestiva la rievocazione svolta dal Corteo Storico La Livornina. Grande il successo di pubblico anche al Palio dell’Antenna disputato sugli Sali Novi Lena dove hanno vinto l’Ardenza a 4 remi e il S. Jacopo a 10. Dopo una bella gara, dove il Venezia, aveva preso un leggero vantaggio sull’Ovo Sodo, nei primi metri del tirante dell’Antenna, il montatore biancogiallo, Davide Silingardi, riesce ad annullare

ti, tecnici, volontari, amici e sostenitori del Movimento, fan si sono ancora una volta arricchiti attraverso una maggiore consapevolezza delle proprie ed altrui abilità non soltanto spor-

il vantaggio ed appaiare l’avversario, Michele Silvestri. Nel frattempo inizia a salire Paolo Evalgelisti, S. Jacopo, e in pochi metri, raggiunge i due avversari, proprio all’altezza della cima. Tre mani sulla bandiera amaranto, ed il più veloce a sventolarla è Evangelisti. Grande spettacolo per una competizione che ormai si configura come evento della tradizione regionale con l’ingresso della manifestazione nell’Albo delle iniziative di rievocazione storica riconosciute dalla Regione Toscana.

Comune di Livorno: Palio Marinaro

Nel pomeriggio grande pubblico alla terrazza con l’indovinata scelta di ritardare le partenze di 30 minuti, che il pubblico ha dimostrato di gradire per la temperatura quasi serale più gradevole. Questi gli ordini d’arrivo del Palio a 4 e 10 remi: Ordine d’arrivo Gozzi a 10 remi 1° Ovo Sodo 10’16”43 2° S.Jacopo 10’21”68 3° Venezia 10’23”08 4° Borgo 10’31”05 5° Salviano 10’45”84 6° Pontino 10’48”89 7° Circoscrizione V° 11’01”88 8° Labrone 11’16”66 Ordine d’arrivo Gozzette a 4 remi 1° Ardenza 11’59”55 2° Quercianella 12’10”38 3° Magenta 12’15”84 4° Montenero 12’39”73 5° Colline 13’57”04 Il palio è stato anche solidarietà con lo svolgimento del palio Special Olympics per i ragazzi con disabilità intellettiva

che si sono battuti nello specchio d’acqua davanti alla Terrazza Mascagni con il tipico spirito del motto Special Olympics “che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. Sono state ore piene di emozioni positive e di allegria con la partecipazione delle Società Velocior Polisportiva Spezzina, Canottieri San Miniato, Tevere Remo Roma, Canottieri Firenze ed infine Sportlandia- VV.F. Tomei Livorno. Atle-

Nelle immagini il Palio Marinaro. Le foto sono di Giampaolo Biagi 15


16


Fabio Canaccini con Aldo Montano

;67>D86C688>C> 6YZ\jVgZaZgZ\daZYZaEVa^dBVg^cVgd neva di fare un regolamento che potesse durare 4 anni, ma non ce l’abbiamo mai fatta e ad ogni edizione abbiamo dovuto rimetterci le mani. C’è poi l’altro aspetto. L’Amministrazione comunale ha deciso di accorpare le 16 sezioni nautiche facendole diventare 8 e quindi i regolamenti andavano necessariamente cambiati”. Qual è la differenza fferenza più grossa? ff “Prima 8 sezioni gareggiavano con i gozzi a quattro remi e 8 con i dieci remi. L’ultimo dei dieci remi retrocedeva e l’anno successivo gareggiava con i gozzi a quattro, così come il primo dei gozzi a quattro era promosso e la stagione successiva gareggiava con i gozzi a dieci remi. Adesso ogni sezione nautica dovrà gareggiare ad entrambe le competizioni, perché sono diventate otto cantine”. Così non si snatura l’anima del palio?

“No. L’anima del palio è vincere la gara a 10 remi e questo non sarà snaturato, perché comunque quella gara ci sarà e porterà ad un vincitore. Probabilmente la competizione avrà un valore ancora maggiore rispetto a prima, perché il livello sarà superiore, su ognuno di quei dieci remi ci saranno i migliori vogatori della città, riducendosi i posti gli atleti saranno ancora più selezionati. Daremo poi un giudizio dopo la prima edizione, ma sento di poter affermare ffermare che il palio ff non sarà snaturato”. Quale difficoltà avete incontrato? “Le difficoltà sono state di varia natura. Quando abbiamo presentato la bozza del lavoro abbiamo subito indicato la necessità di snellire i regolamenti, cosa che oggi si cerca di fare in vari settori e abbiamo sottolineato l’importanza della responsabilità”. Spiegati meglio. “Prima, spesso non si sapeva di chi era la responsabilità di un certo percorso. Ora abbiamo delineato bene le responsabilità dei vari soggetti, come per le sezioni nautiche e per le giurie. Un’altra cosa importante che abbiamo apportato è stata la divisione dei regolamenti con la separazione dei ruoli. Il Car (Coordinamento attività Remiere) diventa un organismo di progettazione, indirizzo e promozione, mentre prima si occupava un po’ di tutto, invece la parte organizzativa e gestionale sarà del Cat (Coordinamento attività tecnica)”. Cosa ti sarebbe piaciuto vedere come presidente di questa commissione? “Abbiamo semplificato, ma non ci siamo riusciti fino in fondo, mi sarebbe piaciuto fare come nel calcio dove le regole sono 7 e i libri di casistica 2 o 3 ogni anno. Nel palio sette regole sarebbero state veramente troppo poche, ma comunque si poteva semplificare ancora”. A.D.V.

Comune di Livorno: Palio Marinaro

A

nno di grandi mutamenti per il Palio storico di Livorno. Dopo la rivoluzione degli accorpamenti delle cantine, ed in parte in conseguenza di questa, arriva anche il nuovo regolamento. Cosa non semplice da elaborare, così l’Amministrazione comunale, con il parere dei comitati organizzatori dei Pali e delle sezioni nautiche, ha nominato una commissione di quattro persone il cui presidente è Fabio Canaccini al quale chiediamo di spiegarci cosa è stato modificato. Intanto ricordiamo gli altri membri della commissione. “Riccardo De Martino, presidente della commissione tecnica, Luciano Chirici giudice unico delle gare remiere, Manlio Grossi vice presidente della Uisp, in quanto questa è l’ente di promozione di riferimento delle gare remiere ed io, che sono il presidente della commissione d’appello”. Quali gli obiettivi della commissione? “Prima di tutto c’è un obiettivo di tipo storico, periodicamente i regolamenti vanno aggiornati. Da tempo si propo-

17


Per evitare un mare di guaiâ&#x20AC;Ś Affidati a chi può aiutarti a trascorrere ore di navigazione serene, tutelando il tuo capitale alle migliori condizioni del mercato assicurativo

Servizi Assicurativi Srl 18

Via delle Cateratte, 64 - 57122 LIVORNO Tel. +39 0586 896901 - Fax. +39 0586 897018 e-mail: info@assimar.com

Scotto PubblicitĂ Livorno

La nostra missione prevede una consulenza mirata alle tue personali esigenze con prodotti assicurativi moderni per garantire il godimento sereno delle tue ore di navigazione (e non solo).


x x x x x i x n x o x XxxxC BVg^d;gVXVhh^ HZ\jZcYd^ahZci^ZgdigVXX^VidYV<^cd8VaYZg^c^ Y^BVg^d;gVXVhh^

da anni partecipiamo con i giovani atleti dell’Isola d’Elba; si sono svolti in tre giorni consecutivi in Sardegna ove hanno partecipato 12 isole, appartenenti a 8 nazioni diverse, per un totale di circa 1000 atleti in gara: la nostra delegazione elbana era composta da 37 persone tra atleti e tecnici. È stata anche quest’anno un’esperienza molto importante per i giovani dell’Isola d’Elba. Lo Sport Multietnico è stato, inoltre, un importante Progetto, voluto fortemente da Gino Calderini, e in via di sempre maggiore coinvolgimento dei giovani migranti della nostra città, grazie anche alla collaborazione della Comunità di Sant’Egidio e della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, con lo scopo di integrare gli stessi inserendoli nelle diverse Società Sportive che si sono rese disponibili, nello svolgimento delle discipline prescelte; 15 le società coinvolte e 104 i ragazzi inseriti nel 2012. È proseguita anche l’attività di Formazione, con il supporto della Scuola Regionale dello Sport; Conferenze Monotematiche e Corso di Aggiornamento per Istruttori Cas che si sono svolte nei mesi maggio – settembre, con un’ampia partecipazione di giovani. Nel mese di agosto abbiamo, inoltre, realizzato una piacevole iniziativa presso l’Ippodromo Caprilli, con l’organizzazione di una corsa di cavalli abbinati alle varie Federazioni Sportive. A conclusione della corsa la Federazione Bocce

Mario Fracassi secondo da sinistra

si è aggiudicata il primo posto di arrivo. Non sono mancati i Progetti portati avanti in collaborazione con la Provincia di Livorno. Nuovi Ritmi a Scuola è stato realizzato nelle scuole medie e superiori con l’organizzazione, in orario extrascolastico, di laboratori sportivi e di espressività corporea; la Coppa Liburna, gara di rally, la Coppa Montenero, gara automobilistica con autovetture costruite prima del 1972, realizzata a giugno 2012, il Concorso Ippico, svoltosi a Castiglioncello tra giugno e luglio 2012, il Memorial Vitulano, torneo calcistico, realizzato a settembre in ricordo del Calciatore livornese Miguel Vitulano deceduto 4 anni fa. Si è inoltre svolta la 16a Giornata dello Sport per Tutti che, a causa del maltempo, si è potuta realizzare solo in nove comuni della Provincia (Cecina, Rosignano, Piombino, Portoferraio, Castagneto Carducci, Sassetta, Suvereto, Campiglia, San Vincenzo) a fine settembre – inizio ottobre 2012. Infine si è svolta, il 17 novembre, la presentazione del volume “Il nostro Giocosport”, curato da Alberto Buonaccorsi e contenete, oltre a molti preziosi dati tecnici, numerose testimonianze di chi, in questi 10 anni, ha visto nascere, svilupparsi e crescere un progetto, come quello del Giocosport, che si è esteso in tutte le scuole elementari di Livorno. È stato, a ben vedere, un anno intenso; speriamo di avere seguito le linee tracciate da Gino, così come lui avrebbe desiderato. Adesso si apre una nuova fase, quella che segue il processo di autoriforma Coni, che ci auguriamo possa valorizzare, piuttosto che demolire, le iniziative territoriali. Al nuovo Delegato di Livorno, Giovanni Giannone, amico e compagno di “ex Giunta”, auguro un buon lavoro e assicuro la mia collaborazione di sempre.

CONI

D

opo la dolorosa scomparsa di Gino Calderini, presidente dal 2003 del Coni Comitato Provinciale di Livorno, nell’aprile dello scorso anno, sono stato incaricato dal Coni Nazionale, quale Vice Presidente Vicario, di proseguire l’attività nel delicato compito di Reggente del Comitato. Ho accettato questo nuovo incarico supportato dal prezioso Gruppo di Lavoro che con Gino aveva costituito la Giunta del Comitato e che, da sempre, è stato coinvolto in ogni scelta e decisione nella programmazione dell’attività istituzionale e promozionale nel nostro territorio, ed ho accettato per Gino stesso, per dare seguito alle numerose iniziative portate avanti con grande successo in questi anni. Il nostro obiettivo è stato, fin da subito, quello di non fermarci e di non scoraggiarci, visto anche il delicato momento di autoriforma del Coni. Alfabetizzazione Motoria, Giocosport, Giochi della Gioventù sono stati i Progetti Promozionali indicati dal Coni Nazionale e sviluppati con grande successo sul nostro Territorio. L’Alfabetizzazione Motoria nelle scuole elementari ha coinvolto 4 scuole di Livorno e provincia, con un totale di 40 classi. Il Giocosport ha coperto altre 59 scuole a Livorno, per un totale di 332 classi e 23 nella provincia, per un totale di 116 classi e si è concluso con 5 feste finali a Livorno e 5 in provincia (Cecina, Rosignano, Campiglia, Portoferraio, Campo nell’Elba) nel mese di maggio. Nello stesso mese la manifestazione finale dei Giochi della Gioventù, con il coinvolgimento delle Scuole Medie. I Giochi Sportivi Studenteschi, realizzati in collaborazione con il MIUR, si sono svolti durante l’intero anno scolastico ed hanno coinvolto gli istituti di primo e secondo grado, riportando risultati apprezzabili nelle diverse discipline sportive. Sempre nel mese di maggio si sono svolti i Giochi Internazionali delle Isole, ai quali

19


gioielleria - oreficeria laboratorio orafo t creazioni e riparazioni

Scotto PubblicitĂ Livorno

Da 35 anni condividiamo le vostre gioie...

nuova sede Livorno - Via Grande, 160 tel. 0586 219005 www.arteorafa.livorno.it info@arteorafa.livorno.it

Arte Orafa di Silvia Cara


N

ella realtà, a volte, si realizzano fatti che nella nostra immaginazione vengono vissuti come speranze o addirittura come sogni!

x x x a i l x a t x I í x d x i x r x r AXzxzxu >ahVajidYZaEgZh^YZciZYZaaÉ6hhdX^Vo^dcZ 6iaZi^Da^be^X^Z6oojgg^YÉ>iVa^VY^A^kdgcd

JcÉVhhdX^Vo^dcZX]ZegdbjdkZgZ\a^^YZVa^YZaaV BV\a^V6oojggV

Rodolfo Graziani

È con grande soddisfazione ed orgoglio, quindi, che posso iniziare questo mio saluto annunciando che lo Sport livornese, grazie ai suoi straordinari atleti, nel corso del 2012, ha realizzato il suo sogno più grande, tagliando il prestigioso traguardo delle 500 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute traguardo che colloca la nostra città ai vertici nazionali e fra le prime a livello mondiale. In un occasione così particolare e celebrativa non mi sento di fare nomi o graduatorie di merito ma voglio accumunare tutti, da Federico Caprilli la prima medaglia a Luca Ferretti la cinquecentesima, in un lungo caloroso applauso unito alla riconoscenza degli sportivi e di tutta la cittadinanza.

In relazione a questo momento storico e al fatto di averlo potuto vìvere in prima persona, ritengo di essere un Presidente superfortunato perchè, come ripeto spesso, quando sei Presidente della Sezione Provinciale dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia, devi sempre aspettarti che, aprendo la televisione o ascoltando la radio, possono giungerti notizie di nuovi allori conquistati dagli atleti livornesi in ogni parte del globo; ecco perché rappresentarli è un onore e un privilegio che non ha uguali in nessun altra Associazione sportiva. Posso dire che l’entusiasmo suscitato per il raggiungimento di questo prestigioso traguardo ha contagiato tutti e in particolare il nostro sindaco Dr. Alessandro Cosimi che ha promesso la realizzazione di un grande evento celebrativo da svolgersi in quello che rappresenta l’emblema dell’arte e della cultura livornese: il Cinema Teatro Goldoni. Credo che una manifestazione di una così grande portata storica per lo Sport livornese debba avere una partecipazione e un impegno totale da parte di tutti noi, dalle Istituzioni e alle forze produttive della città, per onorare al meglio questi nostri campioni autentici ambasciatori della Livorno migliore e della sua più genuina “livornesità”. Ma proprio in un momento di così grande esultanza, devo esprimere la

mia viva preoccupazione per le nuvole che si sono addensate minacciose sull’Associazione; malgrado questi risultati strepitosi, infatti, gli “Azzurri d’Italia“ dal 1° Gennaio 2014 rischiano di rimanere senza sede a causa della scure che taglierà molti Comitati Olimpici Provinciali e di conseguenza, con ogni probabilità saremo costretti a lasciare l’edifìcio del CONI in Via Piemonte. Faccio presente che gli introiti sicuri di cui possiamo disporre sono rappresentati dalle quote associative del valore di 30 euro all’anno, una cifra sicuramente modesta che non ci farebbe andare avanti in alcun modo. Per questo motivo faccio appello alle Istituzioni che ci diano certezze di una nuova dignitosa collocazione che ci permetta di guardare al futuro con fiducia senza dover rischiare di scomparire mandando in fumo un patrimonio sportivo che tutti ci invidiano. Non è una richiesta esosa. è solo il fermo desiderio di mantenere in vita un Associazione che da anni si adopera per far conoscere la nostra insuperata tradizione sportiva in ambito nazionale ed internazionale e per ribadire, ancora una volta, che i nostri non sono gli atleti da osannare solo nel momento del trionfo ma sono gli atleti che devono trovare un posto fìsso nella memoria di tutti noi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

GD9DA;D<G6O>6C>

21


Oreste Grossi

rono Oreste Grossi, uno dei componenti del leggendario “Otto” degli Scarronzoni, primo Presidente dell’Associazione. L’Associazione, apolitica e apartitica, si propone le finalità di promuovere l’ideale della “Maglia Azzurra” come simbolo dei più alti valori sportivi, di mantenere e sviluppare i vincoli di solidarietà

AVhidg^VYZaaVhZo^dcZegdk^cX^VaZ YZaaÉ6hhdX^Vo^dcZCVo^dcVaZ 6iaZi^6oojgg^YÉ>iVa^V sportiva ed umana, di stimolare le iniziative più idonee all’avviamento dei giovani alla pratica sportiva, di mantenere viva la memoria dei tanti campioni che con le loro imprese hanno reso grande l’Italia. Sono state proprio queste le linee guida che hanno ispirato il lavoro e i comportamenti del Consiglio Direttivo al fine di promuovere iniziative che hanno suscitato ammirazione a livello nazionale ed internazionale. Fra i tanti eventi rimane indimenticabile quello che da sempre ha rappresentato il massimo delle aspirazioni: l’inaugurazione della Piazza Atleti Azzurri d’Italia avvenuta il 16 dicembre 2003 con una cerimonia suggestiva che vide i ragazzi della Folgore lanciarsi da 4. 000 metri e portare a terra la bandiera degli Azzurri, dell’Italia, dell’Europa, del Comune e della Folgore con un’ultima immagine, indimenticabile, che disegnava, nel cielo azzurrissimo, un enorme scia tricolore. La principale attività sezionale è rivolta sopratutto ai giovani con l’organizzazione di numerosi seminari per le Scuole Medie Inferiori e Superiori, durante i quali gli studenti hanno l’opportunità di confrontarsi con campioni delle varie discipline olimpiche, per conoscere ed approfondire le motivazioni e i comportamenti che portano ad una visione etica della pratica sportiva. Non va dimenticato che, nel corso degli anni, la Sezione livornese è stata prescelta per organizzare i più importanti Convegni nazionali come “Etica e Sport”, “Lo Sport nell’Europa dei 27”, “Analisi tecnica e politica del dopo Pechino 2008”, “I giochi olimpici dall’antichità ai giorni nostri”, “Corpo e senso del limite”, oltre a manifestazioni di assoluto prestigio come “Livorno Azzurra”, “Parigi 1990 - Sidney 2000- Cento anni di successi”, “Le cento medaglie olimpiche

della Scherma”, “Livorno e i suoi campioni”, il “Galà dei campioni”, un evento storico per la nostra città in quanto confluirono a Livorno ben 42 atleti azzurri vincitori di medaglie olimpiche, mondiali ed europee. Fra loro leggende come Livio Berruti, Nino Benvenuti, Klaus Di Biasi, Giorgio Cagnotti, Piero D’Inzeo, Abdon Pamich, Giacomo Agostini e tanti altri. Un capitolo a parte merita l’organizzazione dell’Assemblea Nazionale del 2005 svoltasi sulla nave-crociera “Moby-Wonder”, messaci gentilmente a disposizione dall’armatore Vincenzo Onorato, che ospitò quanto di meglio poteva offrire ffrire allora lo Sport italiano. Fu ff il preludio di una fantastica esperienza vissuta a Valencia per assistere alle regate dell’America’s Cup su invito del Team Mascalzone Latino, un invito che ancora una volta dimostrava in quale considerazione fosse tenuta l’Associazione livornese. Fiore all’occhiello e compendio di tutta l’attività che ha ispirato il Consiglio Direttivo in questi ultimi anni, è stata la realizzazione del film “Livorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni” proiettato nel febbraio 2011 al Cinema Teatro 4 Mori, alla presenza di un foltissimo pubblico attento ed entusiasta. Il film premiato con la Mention d’Honner al Festival Mondiale del Cinema e della Televisione Sportiva racconta Livorno a 360° rappresentando una pietra miliare per una conoscenza più completa ed approfondita della nostra città sotto l’aspetto sportivo, artistico e culturale e per mettere in evidenza quella “livornesità” che, da sempre, ci contraddistingue e ci inorgoglisce. Rodolfo Graziani

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia fu ideata e fortemente voluta dagli atleti azzurri reduci dai Giochi Olimpici di Londra del 1948. La Sezione Provinciale di Livorno fu costituita dieci anni dopo, nel novembre del 1958, nel corso di una riunione svoltasi nel Salone d’Onore della Provincia alla presenza dei più grandi campioni dell’epoca che acclama-

23


Scotto PubblicitĂ Livorno

Da 60 anni al vostro servizio

NANNIPIERI ASSICUR AZIONI

24

di Nannipieri Roberto e Verdiani Riccardo & C. Via Grande, 204 - LIVORNO t Tel. 0586 895508 - 880733 - Fax 0586 893351 e-mail: nannipieriassicurazioni@virgilio.it

Srl


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

ARTI MARZIALI

Giulia Quintavalle

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Emiliano Ceccatelli - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Luca Ferretti - Samuele Pampana - Ilaria Tocchini - Federico Turrini - Gabriele Detti

PALLACANESTRO

Alessandro Fantozzi - Massimo Bulleri.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO Duilio Brignetti. PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

PATTINAGGIO ARTISTICO Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi. SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti - Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini - Irene Vecchi.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Giuseppina Miglioranza - Giovanni Ruberti - Matteo Savelli - Marco Savelli.

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

"UMFUJ"[[VSSJMJWPSOFTJWJODJUPSJEJNFEBHMJF 0MJNQJDIF.POEJBMJ&VSPQFFF"TTPMVUF

Gli Atleti livornesi hanno conquistato 505 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute. Un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nellâ&#x20AC;&#x2122;ĂŠlite dello Sport Mondiale. 25


.FEBHMJFSFPMJNQJDP NPOEJBMF FVSPQFPBTTPMVUP "5-&5*";;633*-*703/&4* ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 2004 1992 1993 1994

med. Oro med. Oro sq.

Olimpiadi Pechino Campionati Europei

2008 2010

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo med. Argento

Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Atene Campionati Europei

1928 1928 2004 2012

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2004 2005 2006 2008 2010 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929 1930

ATLETICA PESANTE Monti Michele

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Locci Stefania

ARTI MARZIALI

Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia

CALCIO

Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

CICLISMO Bianchi Bianco Bettini Paolo

Mancini Ivo Simonetti Mauro

CANOTTAGGIO

Agamennoni Luca

Balena Attilio Balleri Mario

Barbieri Renato

Barbini Fortunato Barsotti Dino

26

med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento Bartolini Enzo med. Argento med. Oro med. Bronzo Bertolani Alberto med. Bronzo med. Argento Bonciani Alberto med. Oro med. Bronzo Bracci Renato med. Argento med. Argento med. Argento Brondi Vinicio med. Oro Carlesi Ezio med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento Cecchi Dino med. Bronzo Checcacci Mario med. Oro med. Oro Ceccatelli Emiliano med. Oro med. Oro Cioni Vittorio med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento Del Bimbo Guglielmo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento Garzelli Mario med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Godini Ottorino med. Argento Gragnani Corrado med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento Grossi Oreste med. Argento med. Oro med. Bronzo Lari Dario med. Bronzo med. Bronzo Lari Stefano med. Bronzo

Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati mondiali

1931 1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895 1896 1897 1899 1938 2009 1937 2009 2010 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938 1998 2005 1983


Mannucci Filippo

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Milani Cesare med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Nenci Eugenio med. Oro med. Argento med. Argento Persico Giovanni med. Oro med. Bronzo Quaglierini Ottorino med. Argento med. Oro med. Bronzo Razzaguta Niccolò med. Argento Rodinis Giovanni med. Argento Saettini Silvio med. Bronzo med. Argento Sebastiani Ettore med. Bronzo med. Argento Secchi Dante med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Taddei Alfonso med. Bronzo med. Argento Vestrini Renzo med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro Vestrini Roberto med. Argento med. Oro med. Argento Vestrini Pier Luigi med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899 1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

Olimpiadi Parigi

1900

med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

med. Argento

Campionati Europei

2012

SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

med. Argento

Ferretti Luca

Pampana Samuele

Tocchini Ilaria Turrini Federrico

NUOTO Detti Gabriele

2008 2010 2011 2012 2012 1995 1998 2000 2001 1987 1995 2010

Campionati Europei Olimpiadi Atene

1991 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1962 1968 1956 1957

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

2004 1990 1991 1992 1993 1993 1993 1994 1995 1995 1985 1986

Fantozzi Alessandro med. Argento Bulleri Massimo med. Argento

PALLANUOTO

Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

PARACADUTISMO SPORTIVO Mancino Luciano

med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio

PUGILATO Brondi Franco Golfarini Remo Nenci Franco Sitri Mario

PATTINAGGIO ARTISTICO Ballucchi Roberta Tinghi Letizia

MOTONAUTICA Neri Enzo

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

PALLACANESTRO

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq med. Bronzo med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento med. Bronzo

Vivaldi Elisabetta

med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

.FEBHMJFSFPMJNQJDP NPOEJBMF FVSPQFPBTTPMVUP "5-&5*";;633*-*703/&4*

27


.FEBHMJFSFPMJNQJDP NPOEJBMF FVSPQFPBTTPMVUP "5-&5*";;633*-*703/&4* PESCA SUBAQUEA

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Bacci Giuseppe Bellani Raffaele

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Bellani Stefano med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. Casini Guerrino med. Oro sq. med. Bronzo sq. Gasparri Carlo med. Oro sq. Giachini Cesare med. Argento sq. Mazzarri Renzo med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro Paggini Marco med. Oro sq. med. Bronzo sq. Ramacciotti Maurizio med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq.

PESCA SPORTIVA

Berlucchi Massimo Canaccini Andrea Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino

Mugnai Francesco Meloni Marco

28

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Argento med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1983 1968 1970 1992 1994 1995 1995 1996 2001 2001 2003 2004 2004 2008 2009 2010 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2002 2002 2004 2008 2009

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990 1997 1999

Volpi Marco

SCHERMA

Abati Luciano Anselmi Renato

Baldi Baldo Baldini Andrea

Bini Bino

Chiavacci Giorgio

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq.

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1988 1990 1992 1993 1994 1995 1999 1999 2000 2000 2004 2005 2005 2009 2009 2011 2011

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Londra Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2009 2009 2009 2009 2010 2010 2010 2011 2011 2012 2012 1924 1926 1928 1928 1926 1926 1928 1931 1931


Chicca Pier Luigi

med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Curletto Mario med. Bronzo med. Argento sq. Di Rosa Manlio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. Marazzi Andrea med. Oro sq. Marzi Gustavo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq.

Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra

1960 1964 1966 1968 1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 1920 1928 1932 1932 1932 1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951 1936 1948

med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Bronzo sq. Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento Nadi Nedo med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Londra Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa

1938 1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 2008 2009 2010 2010 2011 2011 2012 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978 1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920 1912 1920

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

.FEBHMJFSFPMJNQJDP NPOEJBMF FVSPQFPBTTPMVUP "5-&5*";;633*-*703/&4*

29


.FEBHMJFSFPMJNQJDP NPOEJBMF FVSPQFPBTTPMVUP "5-&5*";;633*-*703/&4* med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1920 1920 1920 1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960 2009 2010 2011 2012

med. Oro sq. med. Oro sq. Bernardini Rosanna med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento Menicagli Ottaviano med. Oro Ticchi Riccardo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977 1981 1985 1930 1904 1908 1910 1912

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Pellini Giorgio

Puliti Oreste

Rastelli Giorgio Rigoli Rolando

Scuri Angelo

Tanzini Athos Ughi Ugo Urbani Dino Vaselli Maurizio Vecchi Irene

TIRO A SEGNO

Balloni Matteo

30

Renai Bruno

VELA

Barozzi Paolo

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Marco med. Bronzo Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1991 1998 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 2012 1966 1966 1967 1985 1983 1987 2000 1981 2006 2006 2007 2008


<a^hijYZci^a^kdgcZh^ VeeaVjYdcd^adgdXVbe^dc^

Gli studenti livornesi alla proiezione del docu-film al Cinema 4 Mori

sopratutto ai giovani, per renderli consapevoli di quale spirito audace e battagliero siano nutriti i nostri concittadini, determinati a sopportare qualsiasi sacrificio pur di toccare le cime del mondo, sempre ricercando nuove motivazioni e nuovi traguardi per forgiare carattere e personalità e per raggiungere altri e sempre più importanti successi. Uno stile dì vita che possiamo definire “livornesità doc” che nasce dall’orgoglio delle proprie radici, una

livornesità che gli studenti presenti al Cinema 4 Mori hanno sicuramente avvertito, assistendo ammirati e in religioso silenzio per tutta la durata della pellicola, fino ad esplodere in un fragoroso e prolungato applauso finale. Un comportamento ammirevole che ha inorgoglito Orlandini, Gagliardi e gli insegnanti presenti, per questa esemplare prova di educazione, maturità e sensibilità dimostrata dai loro ragazzi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

I

n una platea gremita in ogni ordine di posti dagli studenti del Liceo Niccolini - Palli e delle Medie Borsi e Pistelli, è stato proiettato al Cinema Teatro 4 Mori il film-documentario “Livorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni”. Hanno presenziato alla manifestazione, introdotta da Alberto Buonaccorsi, il vicesindaco e assessore allo Sport del Comune Luca Bogi, Nedi Orlandìni Dirigente Scolastico e promotrice dell’iniziativa, Ettore Gagliardi in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico, il vicepresidente del Coni Mario Tinghi, il presidente della Sezione livornese degli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Rodolfo Graziani, il regista Rossano Vittori e il direttore della Job dv Digital Movies Tommaso Imbimbo. Fra gli atleti presenti alcuni dei protagonisti del film, come Fabrizio Mori, Riccardo Niccolini, Alberto Fantini, Ilaria Tocchini, Letizia Tinghi, Franco Nenci, Samuele Pampana, Ivan Mach di Palmestein. Un video che racconta il viaggio di oltre un secolo della storia sportiva livornese con immagini di angoli e paesaggi caratteristici della nostra città e di artisti del calibro di Pietro Mascagni, Amedeo Modigliani, Giovanni Fattori, Giorgio Caproni, Piero Ciampi etc. Un documentario che la Sezione ha voluto realizzare per dedicarlo

La folta platea

31


di Mirco Dr. Paggini, dietista

Alimenti e accessori per lo sport

Richiedi

AMICA CARD

7JB.BHHJ -*703/0tTel./Fax 0586 894393 mircopaggini@yahoo.it - www.italiadiscovery.it Performance di Paggini Mirco

Scotto PubblicitĂ Livorno

e otterrai il 15% di sconto su tutta la merce


<a^6iaZi^6oojgg^a^kdgcZh^cZaaV LdgaYDa^be^Vch6hhdX^Vi^dc

Da sx: Dick Fosbury e Rodolfo Graziani

seguenti elogi e congratulazioni per il lavoro del regista Rossano Vittori, che così bene è riuscito ad interpretare lo spirito e i valori dello sport. Nino Benvenuti e Rodolfo Graziani

Ci salutò con la promessa di una grande sorpresa, la sorpresa, davvero inaspettata, è arrivata puntualmente sotto forma dell’affiliazione alla W. O. A. della sezione A. N. A. O. A. I livornese e il “distintivo d’oro” per il suo presidente, a conferma di quanto siano stimati e ammirati i nostri azzurri in ambito internazionale.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

S

ul tetto del mondo! È il traguardo toccato dalla Sezione livornese dell’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia. Succede quando meno te l’aspetti, in una mattina qualsiasi, aprendo distrattamente un plico trovato nella cassetta della posta. Quel plico conteneva il “Distintivo d’oro” della World Olimpians Association, la più alta onorificenza ad personam assegnata dalla W. O. A stessa. Un riconoscimento internazionale al presidente Rodolfo Grazioni, al Consiglio Direttivo, a tutto il movimento azzurro livornese per il lavoro fatto, per aver contribuito a far conoscere al mondo le nostre eccellenze sportive, artistiche e culturali. Per svelare i retroscena di questo riconoscimento bisogna tornare indietro di un anno quando il Presidente Rodolfo Graziani fu invitato a presenziare agli “Sports Days” di Rimini organizzati dal Coni nazionale. Nell’occasione fu proiettato per tutto il week-end il docu-fìlm “Livorno e i suoi campioni” e destino volle che Dick Fosbury, mito del salto in alto e presidente della World Olimpians Association, fosse in sala insieme alla moglie italiana e all’amico e conduttore televisivo Giacomo Crosa; per Fosbury fu amore a prima vista, con con-

Livio Berruti e Rodolfo Graziani

33


PUBBLICA ASSISTENZA LIVORNO


9VA^kdgcdV=daanlddY ÝfjZhiVaVeVgVWdaVVhXZcYZciZYZaÒab co scherzo in stile livornese, mai immaginando che il film avesse potuto toccare simili vertici. Invece era tutto vero: selezionati ufficialmente e invitati alla proiezione durante la serata di apertura dell’evento! Un traguardo strepitoso se si pensa che il prodotto è stato realizzato con un budget minimo e solo per merito della passione e dell’entusiasmo di Graziani, Vittori e di Tommaso Imbimbo della Job dv Digital Movies. L’escalation è stata inarrestabile: una prima proiezione al Cinema Teatro 4 Mori con applausi a scena aperta di un pubblico numerosissimo; poi la “Mention d’Honner” al Festival Mondiale del Cinema e della Televisione Sportiva, infine, un passaggio a “Documenta Madrid” ed ora il salto oltreoceano, nel regno della celluloide, con la commossa lettera di congratulazioni del livornessissimo ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi di cui alleghiamo il testo integrale. Nel mese dì Novembre a Hollywood si è tenuta anche la Convention della Comunità italo-americana, che quest’anno celebrava i grandi campioni italiani e italo-americani dello sport: il nostro film è stato proiettato su schermo gigante, anche in questa occasione, suscitando sincere emozioni nei nostri numerosi compatrioti presenti, tanto che il direttore del Festival Pat Battistini ci ha espressamente chiesto i diritti per poterlo mandare sulla TV via cavo negli Stati Uniti. Un successo che ha dell’incredibile, che contribuisce a far conoscere la nostra Associazione e la nostra città a livello internazionale perché il film inizia così: L’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Sezione di Livorno presenta… La soddisfazione più grande, però, sarebbe quella di vedere il DVD nelle case dì tutti i livornesi, perché il documentario è nato proprio per essere visto da chiunque voglia identificarsi nella cultura cittadina e gonfiare il petto per questi trionfi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

ìL

ivorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni” fortissimamente voluto dal Presidente Rodolfo Graziani e diretto dal regista Rossano Vittori con il montaggio della Job dv Digital Movies e le musiche di Riccardo Joshua Moretti.

L’articolo apparso sul Tirreno

Un docu-fìlm sulle imprese olimpiche ed internazionali di atleti straordinari come il “cavaliere volante” Federico Caprilli, Nedo Nadi, i mitici Scarronzoni, Aldo Montano, Andrea Baldini, Paolo Bettini, Giulia Quintavalle, Fabrizio Mori, il compianto Armando Pìcchi, capitano dell’Inter mondiale e molti altri. Personaggi che hanno portato la Provincia di Livorno “al top” d’Italia con oltre 500 medaglie conquistate in competizioni olimpiche, mondiali ed europee assolute. Adesso questo film è approdato a Los Angeles, l’eden del cinema, nel contesto dell’Ali Sport Film Festival che ogni anno celebra le migliori produzioni sullo Sport provenienti da tutto il globo. Quando Pat Battistini, Presidente del Festival ha contattato per e-mail Rodolfo Graziani, lo stesso all’inizio pensava al classi-

Logo del Festival mondiale del cinema sportivivo

35


36


37

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia


JcVX^ii|hjaedY^d con 500 medaglie nessuno come noi

Irene Vecchi

con orgoglio: Livorno è l’eccellenza, la capitale italiana dello Sport!“ Nello scorso mese di Gennaio mancavano soltanto cinque medaglie per toccare la fatidica quota 500: Irene Vecchi agli Europei, Andrea Baldini, Aldo Montano alle Olimpiadi, Giorgio Chiellini agli Europei di Calcio e Luca Ferretti agli Europei di Nuoto, hanno colmato il gap. Non c’è disciplina dove un livornese non abbia sbaragliato la concorrenza. Il ciclismo? Largo a Paolo Bettini due volte Campione del Mondo e medaglia d’oro ad Atene 2004. Le Arti Marziali? La reginetta è Giulia Quintavalle campionessa olimpica a Pechino 2008. Andrea Baldini

Negli Sport Equestri il mito è Federico Caprilli e pure il Tiro a Segno vede protagonista un amaranto Riccardo Ticchi che vinse l’oro alle Olimpiadi di Anversa nel 1920. In tema di graduatorie, nella hit parade degli allori, il primo posto del podio se lo aggiudica Gustavo Marzi (Scherma) che ha conquistato in carriera 24 medaglie di cui 7 olimpiche. Secondo è un altro schermitore Manlio Di Rosa con 19 medaglie di cui 5 olimpiche. Terzo il velista Alberto Fantini con 18 podi. La famiglia da guinness è quella dei Montano con un totale di 40 medaglie di cui 12 olimpiche. Ed è proprio ai Giochi Olimpici che Livorno e i suoi atleti entrano di nuovo nel libro dei primati perchè su 124 partecipazioni, gli atleti livornesi hanno conquistato 95 medaglie di cui 33 d’oro, 52 d’argento e 10 di bronzo; una percentuale strabiliante che tocca il 76% ossia sette atleti su dieci qualificati per le Olimpiadi sono saliti sul podio! Il recordman è Nedo Nadi sei volte oro nella scherma su un complessivo di sei apparizioni fra Stoccolma 1912 e Anversa 1920. Una cosa è certa: dobbiamo essere orgogliosi e ringraziare questi figli di Livorno che, negli anni, hanno fatto conoscere al mondo il migliore aspetto della nostra città con imprese che, ancora oggi, sono scolpite a pieno titolo nella storia dello sport nazionale.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

P

iombino 14 Settembre 2012: Luca Ferretti taglia il traguardo d’oro nella 5 Km a squadre ai Campionati Europei di Piombino. Feste, foto, spumante, una medaglia come tante? No, affatto, ffatto, e forse nemmeno il giovane ff nuotatore sapeva che quella al collo era la medaglia numero 500 della storia sportiva livornese nei principali eventi internazionali. Giochi Olimpici, Campionati Mondiali e Campionati Europei. una tradizione fatta di trionfi incredibili iniziata con la medaglia d’argento nel “quattro con “ di canottaggio conquistata da Ettore Sebastiani fortunato Barbini, Alfonso Taddei ed Enzo Carlesi ai Campionati europei di Ostenda. Nessun’altra città vanta un palmares di così elevato spessore a livello assoluto! Milano e Napoli ci sono davanti di un soffio come palmares olimpico ma nettamente dietro come computo globale, Roma è soltanto al quarto posto. Un record invidiato da tutto il globo, vede Livorno primeggiare in ventuno discipline diverse. dalla A (l’Atletica Leggera di Fabrizio Mori) alla V (la Vela di Alberto Fantini, Marco Cerri, Marco Faccenda, Marco e Matteo Savelli). Scherma, Canottaggio e Vela sono le discipline sportive che la fanno da padroni ma non mancano affermazioni ffermazioni in tutte le altre discipline ff con la sola eccezione degli sport invernali. A far da notaio ci ha pensato II Presidente dell’Associazione Atleti Olimpici ed Azzurri d’Italia Rodolfo Graziani che ha certificato il record. “Ho concluso il lavoro iniziato dal mio predecessore Oreste Grossi e il conteggio è stato molto scrupoloso perchè abbiamo persino tralasciato medaglie lontane nel tempo di cui avevamo riscontri poco chiari. Non abbiamo incluso in questa statistica gli allori Juniores e giovanili a livello internazionale oltre a quelli assoluti a livello nazionale altrimenti si riempirebbero pagine intere di giornale. Lo dico

Federico Turrini

39


ccademia dello Sport Una straordinaria promozione dello sport olimpico per la preparazione atletica ai Giochi della XXXI Olimpiade (Rio de Janeiro 2016)

L’Accademia dello Sport offre gratuitamente i suoi spazi a tutti i “Probabili Olimpici”

L’Accademia dello Sport è un Centro Fisico Culturale che vanta di essere il più grande Club della Città di Livorno. Il Centro si è sempre distinto per la professionalità dello Staff Staff, la qualità delle attrezzature, l’organizzazione e la cura dei servizi offerti. Con 3000 mq di superficie attrezzata, in posizione centrale e facilmente raggiungibile, all’Accademia dello Sport si praticano oltre 20 discipline sportive: dalle tradizionali arti marziali al fitness più innovativo, dalla ginnastica pugilistica alle attività olistiche, dalla

danza moderna ai balli classici, in oltre 180 ore di corsi settimanali. Caratterizzano il Centro l’area Spa Thermarium, un’incantevole ambiente stile zen dedicato al benessere con sauna, bagno turco, vasche di reazione, Ofuro (vasca giapponese) e sala relax, la nuova area Allenamento Funzionale per la preparazione atletica con Cross Station ed il Centro Pilates con gli esclusivi macchinari Pilates Machine, oltre ad un spazio specifico dedicato ad un team di Personal Trainer. Il Centro ospita infine un’Area Bio-ristoro ed un Centro Solarium.

Livorno - Via Garibaldi 216 t tel. 0586 404141 Orario continuato 7/22.30 (sabato 7/20 - domenica 9.30/13)


JUDO KARATE Il Centro Personal offre: t Servizio Personal Trainer, la qualità di un allenamento personalizzato seguito all’istante con risultati garantiti t Servizio Personal Group, la possibilità di scegliere i propri compagni di corso per un allenamento mirato e funzionale t GPSNB[JPOF TQPSUJWB ”Scuola Personal”, (riconosciuta dal CSEN), per insegnanti ed atleti che vogliono approfondire le proprie conoscenze e competenze t Sport accessibile, attività specifiche per persone diversamente abili

Il Pilates è una disciplina sportiva che si basa sul raggiungimento di forza e flessibilità muscolare, mirato anche all’equilibrio tra corpo e mente. Grazie ai diversi macchinari tecnologicamente avanzati disponibili presso il Centro Funzionale Pilates Machine dell’Accademia dello Sport è possibile variare l’intensità di lavoro ed eseguire esercizi per tutto il corpo senza stressare le articolazioni, così come esercizi per specifici traumi muscolari e articolari. Insegnanti professionali e costantemente aggiornati seguono da vicino ogni esercizio, grazie anche alla composizione numericamente ridotta dei gruppi.

PUGILATO KICK BOXING YOGA PILATES GINN DOLCE STEP TOTAL BODY BODY PUMP BODY SCULPT MICRO CORSI SPINNING RACE WALKER PESISTICA CARDIO FITNESS PROGRAMMI PERSONALIZZATI ALLENAMENTO FUNZIONALE TRX GINNASTICA A CORPO LIBERO

Il concetto di Allenamento Funzionale prevede l’utilizzo di esercizi che tendono ad imitare le normali attività della vita di tutti i giorni. L’Allenamento funzionale utilizza esercizi multi-articolari e integrati, che aumentano la coordinazione, migliorando la prorpiocettività, la forza, la flessibilità. Possiamo così allenare tutto il corpo in maniera piacevole e varia e raggiungere più obiettivi come: t SJEVSSF MB NBTTB HSBTTB F incrementare la magra t NJHMJPSBSF MB DPPSEJOB[JPOF F la flessibilità t SJEVSSF JM SJTDIJP EJ JOGPSUVOJ t NJHMJPSBSF VOB QSFTUB[JPOF specifica per una performance

Il Centro Spa Thermarium, un incantevole ambiente stile zen dedicato al benessere, offre: tMOfuro, l’antico rito giapponese del bagno dedicato alla purificazione del corpo e della mente, che prevede l’immersione in acqua calda (fino a 42°); alternato alla vasca di reazione d’acqua fredda migliora la circolazione; tMB Sauna, un bagno di aria molto calda e secca (80-90°) che dona rilassamento psico-fisico, rafforza le difese immunitarie, stimola la circolazione sanguigna e renale e riattiva il metabolismo; tJM Bagno turco, un bagno di vapore in ambiente con umidità relativa molto alta (90/100%) che favorisce la circolazione, una profonda pulizia e purificazione della pelle, ha benefici effetti per le vie respiratorie, tonifica, rilassa e riduce lo stress.

FREE CLIMBING HIP HOP BALLI CARAIBICI

Scotto Pubblicità Livorno

TANGO ARGENTINO

seguici su

www.accademiadellosport.it

41


42 Scotto PubblicitĂ Livorno


Armando Picchi

Quello era il calcio di Armando Picchi e della Grande Inter, quando i calciatori erano più uomini che protagonisti del gossip o coinvolti in partite truccate in nome del signor soldo. A guidarli, c’era il grandissimo libero livornese, Armandino per gli amici, affascinante, ffascinante, amato dalle donne e innamoff rato di una sola donna, Francesca, modella di copertina del settimanale “Grazia”, madre dei suoi due figli maschi, che non hanno potuto godersi un padre magnifico e oggi che a loro volta sono padri, rimpiangono il fatto di non aver potuto crescere guidati da lui. Picchi è scomparso 42 anni fa, il 27 maggio 1971 a soli 36 anni, per una subdola e terribile malattia, che si è presentata all’improvviso quando lui era nel pieno delle sue forze e della sua carriera, distruggendo in poco tempo un grande fisico e un grande cuore. L’anniversario dei 40 anni è stato celebrato due anni fa con un libro e un documentario: il primo “Armando Picchi, un nome già scritto lassù”, scritto da Pierluigi Arcidiacono (Il Melograno), e il secondo “Diario di bordo del capitano”, realizzato dalla MaGa Production di Roma e premiato al Festival mondia-

6gbVcYdE^XX]^/ hjaXVbedZcZaaVk^iVjc\gVcYZjdbd le del cinema sportivo a Milano nella sezione “Movies & tv football for the television”. Tutta la storia raccontata nel docu-film- che probabilmente diventerà una fiction per la tv-, parte da Picchi bambino che gioca a calcio con gli amici nel Gabbione di Livorno, quel campo di calcetto artigianale a pochi metri dal mare dei Bagni Fiume, dove si divertivano bambini e adulti tra un bagno e l’altro, una serata con gli amici, quattro risate e tanta serenità. Lo stesso campetto in cui due decenni dopo Picchi tornerà con i suoi compagni dell’Inter più forte che mai. “Che botte prendevamo” ricorda nel docu-film Suarez. “All’inizio Armando diceva sempre che preferiva giocare in porta per non correre troppo e, dopo dieci minuti era fuori, incitando tutti come se fosse una partita di Coppa Campioni”. “Non voleva mai perdere”, raccontano gli amici del campione livornese, che ancora oggi lo rimpiangono, così come rimpiangono il fratello di Armando, Leo, anche lui calciatore (lasciò il pallone per dedicarsi alla farmacia). Un fratello maggiore ma anche un padre per Armandino, che anche dopo la morte del “capitano” ha continuato a ricordarne la figura sportiva e umana in ogni modo possibile. Capitano vero, Armando Picchi, sempre pronto a difendere il gruppo. Come quando nel settembre 1965, al ritorno dal secondo trionfo in Intercontinentale dopo la battaglia di Buenos Aires con l’Independiente, Helenio Herrera non voleva concedere nemmeno un giorno di riposo alla squadra, in vista del successivo impegno di campionato con l’Atalanta. Un’ingiustizia secondo Picchi che chiamò Angelo Moratti per chiedere almeno 24 ore di riposo per i compagni. Richiesta accettata dal presidente che nutriva una fiducia incondizionata nei suoi confronti: la fiducia più che meritata, e la lungimiranza permise a Picchi di diventare anche un ottimo allenatore, al punto che a 35 anni Giampiero Boniperti gli affidò la panchina della Juventus. Un uomo sanguigno l’Armandino, e anche molto rigoroso soprattutto verso se stesso, “ma anche il più elegante di noi livornesi”, dice con convinzione chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. Ma Picchi era anche, come del resto il fratello Leo (anch’egli giocatore che ha militato nel Livorno fino al ‘49, e successivamente nel grande Torino dopo la tragedia

di Superga), un signore di infinita bontà: solo dopo la sua morte si sono scoperte le numerose opere di bene fatte da lui, senza dire niente a nessuno, talvolta neppure ai famigliari. Una bontà testimoniata anche dalle lettere di ringraziamento, custodite in un cassetto: un aiuto per trovare un lavoro ai disoccupati, soldi donati a bambini bisognosi di cure all’estero, piccoli gesti di sostegno ai carcerati. Tutto nell’ombra, e in modo così diverso dalla solidarietà show di molti atleti di oggi. Ma il capitano era anche un uomo molto semplice, semplicità la sua racchiusa in alcune pagine del suo diario: “I momenti liberi rari sono pochi e non li butto via in sciocchezze- scriveva- mi piace studiare le lingue, non mi piace proprio fare il “tonto”, quando sono in giro per il mondo. Per questo mi tengo sempre allenato in francese, inglese, spagnolo o tedesco. Ho sempre fatto tutto con serietà perché senza serietà non si può andare avanti in questo sport che richiede sacrifici e uno spirito di abnegazione non comuni. È necessaria una cosa sola: fare il proprio dovere”. E questo sia in finale di Coppa Campioni che nel Gabbione in riva al mare di Livorno”. A quarantadue anni dalla prematura scomparsa, vogliamo ancora una volta ricordare “Penna Bianca”, così come era soprannominato da Gianni Brera per il suo spirito guerriero e l’aspetto austero, come capitano, ma soprattutto come leader tattico, umano e morale della sua squadra, stimato ed amato dai suoi compagni e dal suo Presidente. Tre scudetti, due Coppe dei campioni e due Coppe intercontinentali per entrare nel mito, una vita da “grande uomo” che ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore di tutti. Prendendo il via dalle dichiarazioni e dalle interviste rilasciate a giornali e tv, la storia di Armando Picchi, nel docu-film realizzato in collaborazione con la famiglia, viene raccontata in prima persona, proprio con le parole del capitano nerazzurro, recitate dalla voce di Edoardo Gabriellini. E il pubblico, anche quello giovanissimo che lo conosce solo attraverso i racconti, si commuove davvero, e di fronte a un grande uomo, che pur dovendosene andare quando la strada da compiere avrebbe dovuto essere ancora lunga, si ritiene fortunato “perché la vita mi ha dato tanto in poco tempo”, non può fare a meno di inchinarsi. Maria Antonietta Schiavina

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

U

n tempo c’era il calcio, quello vero, giocato oltre che con le gambe con il cuore, quello dove i compromessi non facevano parte dello sport, dove tirare i calci a un pallone significava disciplina, sentimento e grandi valori.

43


44


Prima di iniziare a parlare delle attività che ci hanno accompagnato nel corso del 2012, vogliamo rendere un tributo ad un nostro socio e grande uomo di sport: Gino Calderini. Venerdì 6 aprile e stata una triste vigilia di Pasqua per gli sportivi livornesi ed in particolare per i Veterani dello sport di cui era da tempo socio. Gino ci ha lasciati, sconfitto da quel terribile male contro il quale aveva combattuto dal suo insorgere, con grande forza e serenità. Anche in questa sua ultima battaglia aveva mantenuto lo stile di vita misurato, educato e rispettoso del suo prossimo. Seppure sofferente fferente non aveva mai abff bandonato il suo posto di responsabile del Coni provinciale battendosi con la consueta determinazione, che lo aveva sempre contraddistinto sia nello sport attivo che aveva praticato in passato, sia nella difesa di quei valori etici ed educativi in cui credeva e per i quali ha prestato la sua opera di illuminato dirigente, prima dell’Uisp provinciale e regionale, poi quale presidente della Coppa Barontini, ed infine, come responsabile provinciale del Coni. Mi piace ricordarlo all’epoca in cui ci siamo conosciuti, quando volgevano al termine gli anni 60. Lui, di dieci anni più giovane di me, era un calciatore dei “Portuali”, allenato dai compianti e mai dimenticati Suggi e Mazzoncini, mentre io ero un arbitro di calcio in carriera. Per la preparazione atletica estiva ero solito aggregarmi a quella compagine, così come nella preparazione settimanale durante il campionato, quando i miei impegni professionali me lo consentivano. Insieme abbiamo profuso il nostro sudore, torchiati dal duro Mazzoncini ed insieme ci siamo impegnati nelle partite di allenamento, lui come centravanti ed io come arbitro. Gino non aveva quel che si dice “un grande fisico”, era un tipo alla Messi e come lui era rapido ed imprevedibile. La sua ferma determinazione e l’intelligenza, uniti alla tecnica, gli consentivano di avere il senso della posizione, dello smarcamento e del passaggio rapido e preciso. Non era un solista, come nella vita, giocava per la “squadra” oltre a puntare sempre all’obiettivo che per lui, quale

x x x x i x n x a r x e x XxxVxet JcVe^d\\^VY^g^hjaiVi^eZgX]^]V[Viid YZaadhedgiaVhjVÒadhdÒVY^k^iV 8ZhVgZ<Zci^aZ/jcegZh^YZciZeZgeVhh^dcZ attaccante, era il goal. La sua serietà, la dente del Comitato Organizzatore della correttezza ed il rispetto per gli avversari “Coppa Barontini” Massimo Talini e, ine compagni erano un corredo della sua fine, di Marcello Marchionni dirigente vita sportiva. Era una persona sulla quale dell’esecutivo nazionale del Coni, mentre potevi contare, sia da giovane calciatore un migliaio di persone seguiva la cerisia nella sua successiva vita professionale monia, in parte nella piccola chiesa ed in gran parte fuori, dove un cielo plumbeo e sociale. Le nostre carriere sportive si sono divi- ed un’insistente pioggia rendevano la se e ci siamo persi di vista, come accade giornata ancora più funesta e triste. L’immatura e tragica dipartita di Gino nella vita. Nelle rare occasioni d’incontro abbiamo sempre ricordato con piacere i ci ha lasciati nello sgomento, ma fermaff ffonbei tempi passati ed abbiamo avuto un mente determinati a continuare a diffonbel rapporto, che si è rafforzato fforzato quando dere il suo verbo a favore dello sport in ff ha assunto la presidenza del Coni ed è generale ed in particolare a quello rivolto stato annoverato fra i soci della nostra ai giovani Ciao Gino. sezione di Veterani dello Sport. Gianfranco Abati La città intera, per la quale aveva messo a disposizione la sua illuminata opera, Fh_ceJhe\[eCWkhe=WXXWd_d_ gli ha reso il dovuto tributo. Dal minuto Z_XkhhWYe di raccoglimento osservato in occasione Anche quest´anno la prima riunione della gara di serie B giocata a Livorno, il annuale delle Sezioni toscane si è svolta il giorno stesso del suo decesso, alla lar- 21 e 22 gennaio nel bellissimo complesso ghissima partecipazione alle onoranze funebri che si sono tenute il giorno successivo nella Chiesa di San Giuseppe dell’ospedale, nella quale Mons. Paolo Razzauti, amico di Gino, ha officiato la funzione religiosa con parole di alta levatura durante la sua omelia. Non da meno sono stati gli interventi del sindaco Alessandro Cesare Gentile all’Hotel “Marinetta” di Marina di Bibbona per il Primo Trofeo Mauro Gabbanini di burraco Cosimi, del Presi-

Unione Nazionale Veterani dello Sport

R

_YehZWdZekd]hWdZ[kece Z_ifehj0=_de9WbZ[h_d_

45


Unione Nazionale Veterani dello Sport

turistico dell´Hotel “Marinetta” di Marina di Bibbona. Perfetta l´organizzazione sempre curata dal presidente della Sezione di Livorno, Cesare Gentile, che ha visto la presenza di 18 sezioni e ben 270 commensali alla serata conviviale. La riunione, iniziata alle 15.30 di sabato pomeriggio, aveva un nutrito ordine del giorno che ha tenuto impegnati i partecipanti fino alle 19.30. Dopo i tradizionali convenevoli, ha subito preso la parola il presidente Nazionale Gian Paolo Bertoni, il quale ha brevemente riferito sull´attuale situazione nazionale, soprattutto sui rapporti con il Coni Nazionale, ma principalmente sulle difficoltà finanziarie che permangono. Nel confermare l´uscita di un numero massimo possibile del giornale “Il Veterano dello Sport” in forma cartacea, Bertoni ha concluso il suo intervento raccomandando a tutti una concreta collaborazione per il prosieguo spedito dell´Unione. Si è poi passati alla discussione dell´ordine del giorno, che ha registrato gli interventi dei dirigenti delle Sezioni di Cecina, Collesalvetti, Firenze, Follonica, Livorno, Massa, Pisa, Pistoia, Pontremoli, Rosignano Solvay, Siena e Viareggio sui vari argomenti affrontati, al termine dei quali sono state assunte le seguenti principali decisioni: approvazione unanime del Rendiconto 2011; organizzazione della 11a Coppa Toscana di Tiro al Piattello fossa olimpica, che sarà disputata in un´unica gara a 100 piattelli nella giornata il 24 giugno presso il Tav di Livorno, con il coordinamento tecnico di

Assemblea Nazionale di Milano Marittima

46

Villani di Cecina e Bongiorni di Massa; organizzazione del nuovo Campionato toscano di Tennis a squadre “over 40”, “over 50” e “over 60” aperto quest´anno ai soci classificati Fit, da valere come qualificazione al Campionato italiano, fermo restando che la fase finale continuerà ad essere disputata a Viareggio alla fine del mese di giugno; disputa del Campionato toscano di calcio da concludere entro il mese di maggio e valido per la qualificazione al Campionato italiano, con l´incarico dell´organizzazione tecnica a Mauro Guglielmi di Cecina; affidamento alla Sezione di Rosignano Solvay del 1° Campionato toscano di calcio a 5, in luogo e data da individuare; affidamento alle Sezioni di Livorno e di Rosignano Solvay del Campionato toscano di ballo liscio, in luogo e data da individuare; approvazione della proposta della Sezione di Collesalvetti per l´istituzione del “Gran Premio Toscano Unvs di Mezza-Maratona”, da svolgere sulla base di uno specifico regolamento che scaturirà dalla collaborazione delle Sezioni di Collesalvetti e di Pisa. Nello stesso pomeriggio di sabato, durante la riunione regionale, in una separata sala, appositamente attrezzata a cura della Sezione “T. Bacchilega - V. Targioni” di Massa e più esattamente nella persona dell´esperto Piero Rivieri, che si è avvalso della collaborazione tecnica di Gianfranco Baldini della Sezione di Collesalvetti e del “Circolo Il Tirreno” di Cecina, è stato disputato il Campionato Regionale di burraco. Vi hanno preso parte 23 coppie socie delle Sezioni di Cecina, Firenze, Livorno, Massa, Pisa e Viareggio; la vittoria è arrisa alla coppia formata dalle Si-

Assemblea Nazionale di Milano Marittima

gnore Del Freo e Petrucci della Sezione di Viareggio, al 2° posto si è classificata la coppia Nucara e Del Gaudio della Sezione di Pisa ed al 3° posto la coppia Maggiani e Benedetti della Sezione di Massa, mentre il Premio Tecnico è stato assegnato alla coppia formata dalle Signore Borsalino e Lazzini della Sezione di Massa. La serata si è conclusa con una bellissima conviviale, che ha registrato, come già detto, la presenza di ben 270 commensali, durante la quale si sono effettuate le premiazioni del Campionato Toscano di burraco. Inoltre, il presidente organizzatore Cesare Gentile ha premiato il proprietario del complesso alberghiero, nonché socio Unvs, Federico Ficcanterri, la direttrice Sara e il personale dell’accettazione.

7ii[cXb[WDWp_edWb[Z_C_bWde CWh_jj_cW

Sabato 5 maggio a Milano Marittima, si è tenuta l’Assemblea Nazionale dei Veterani dello Sport. Erano presenti 75 sezioni, oltre 23 rappresentate per delega. Durante la manifestazione, presieduta dal signor Santoro, sono stati affrontati diversi argomenti per tenere in vita la nostra unione, oltre all’approvazione del bilancio consuntivo e di quello preventivo. Si è quindi proceduto alla consegna delle onorificenze (distintivi d’oro e riconoscenze varie). Per la Sezione di Livorno sono stati premiati Piero Lilla con il distin-


tivo d’oro e il presidente Gentile con il “Premio Sviluppo” Domenica 1° aprile si è svolta la 31a edizione del “Trofeo Olimpio Bizzi” nella quale si sono disputate sei gare di giovani ciclisti di ambo i sessi, di età compresa fra i sette e i dodici anni, con un numero complessivo di 130 giovani atleti. Alla manifestazione organizzata dal G.S. Montenero, con il patrocinio della Sezione Unvs di Livorno, che ha fornito i premi (medaglia a tutti i ciclisti, coppa alle prime tre società classificate). Il Comune di Livorno ha messo a disposizione il suolo pubblico della Rotonda d’Ardenza e fornito le transenne lungo tutto il circuito. Le squadre vincitrici sono state: 1° Gruppo Sportivo Butese, 2° U.C. Mamma e Papà Fanini di Livorno, 3° Club La California di Bibbona, 4° U.C. Pozzese e 5° G.S. Costa Etrusca.

IeY_Y^[i_\Wddeedeh[ Giulio Parodi

All’età di 60 anni il nostro socio si è ancora una volta distinto vincendo due ori al Campionato europeo Master di scherma, svoltosi in Svezia, nelle prove di fioretto e a sciabola a squadre. I suoi successi più importanti sono stati: nel fioretto la Medaglia d’oro mondiale individuale nel 2002, argento nel 2005 e bronzo nel 2006; medaglia d’oro mondiale a squadre conquistate nel periodo 2004 - 2012; nella sciabola individuale: argento mondiale nel 2003; bronzo nel 2006 e 2008; oro a squadre nel 2004, 2006, 2010 e 2012. Mauro Martelli

Il nostro socio, prima dell’addio alle competizioni, il 3 giugno insieme ad Alessandra Rosi ha stabilito il nuovo record

Trofeo di ciclismo per giovanissimi “Olimpio Bizzi”

italiano di mezza maratona mista (Km.21,97) nel remo-ergometro.

Laura Baldanzi Domenica 3 giugno in occasione del 1° Festival dello Sport & Salute, fra le varie iniziative, è stata indetta una corsa su strada denominata “3 miles run”, una distanza più breve di quelle che abitualmente i runners interpretano nelle tante gare alle quali partecipano. Un’occasione stimolante che ha riscosso l’adesione di circa cento partecipanti. La nostra socia, in campo femminile, ha vinto la gara battendo l’amica e favorita Cristina Neri. Luca Paolotti

Ha vinto la Medaglia d’argento al Campionato italiano Unvs di Tiro al Piattello svoltosi a Finale Emilia il 25 aprile nella categoria “C”. Ivo Polese

Classe 1941, all’età 60 anni, quando la maggioranza degli umani si colloca a riposo, ed affolla ffolla le panchine dei ff parchi cittadini o il nostro bellissimo lungomare, Ilio ha pensato bene di cominciare a sollevare pesi come attività amatoriale. Sdraiato su di una panca, con le sue poderose braccia, è riuscito a sollevare fino a 137 kg. Ha iniziato a gareggiare nel 2001 all’interno della Società Accademia dello Sport di Livorno e, incoraggiato dai risultati, ha proseguito partecipando ai campionati in tante città italiane, facendo il suo debutto all’estero (in Belgio) nel 2004.

Ivo Polese

Ha percorso le varie categorie dagli “over 50” agli attuali “master 70” nella quale, il 23 giugno del 2012 in Francia, ha conseguito il titolo mondiale. Il quotidiano cittadino, nel dedicargli un meritato omaggio ha intitolato il suo articolo “Polese l’intramontabile: ancora Oro – A 71 anni alza 105 kg. e vince il Campionato mondiale Master di sollevamento”. Il suo curriculum è impressionante: si è classificato primo in tantissime gare stabilendo i record di categoria nel 2004 in Belgio, nel 2006 a Varese, nel 2007 a Pescara e nel 2008 ancora in Belgio. Nel fare, con un po’ d’invidia per la sua forma, i complimenti al nostro socio, gli auguriamo di essere “intramontabile” per molto altro tempo, continuando ad essere l’orgoglio di tutti noi, ormai ex atleti e soltanto veterani dello sport.

BWI[p_ed[Z_B_lehde[YY[bb[d[b J_heWbF_Wjj[bbeYed_ieY_BkYW FWebejj_"=_eh]_eIed[jj_[F_[he FW]WdkYY_ Domenica 24 giugno sul campo di gara “Il Bossolo” di Livorno, si è svolta una gara di tiro a 100 piattelli, organizzata dai Veterani dello Sport per i soci delle varie sezioni toscane. Erano presenti alla manifestazione 28 gareggianti che si sono dati battaglia sparando a 50 piattelli al mattino ed altrettanti nel pomeriggio. Al termine della gara si sono avuti i seguenti risultati: CAT. “B” Piattelli

1° PISCITELLI Vincenzo 2° PAOLINI Franco 3° CAVALLINI Claudio

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Jhe\[eZ_Y_Yb_icef[h ]_elWd_ii_c_ÇEb_cf_e8_pp_È

98 90 90

47


➠ Muratura in genere

➠ Impermeabilizzazioni,

➠ Ristrutturazioni

isolamento acustico e termico su tutte le superfici

➠ Rifacimento tetti e

➠ Realizzazioni piazzali,

complete chiavi in mano facciate di ogni genere

dependance, ecc.

Preventivi e consulenze gratuite

Scotto Pubblicità Livorno

Ditta referenziata con possibilità di visionare nostre realizzazioni Impiego di personale altamente specializzato Rilascio di garanzie pluriennali per varie tipologie di lavori

48

SIAMO QUI PER VOI! METTETECI ALLA PROVA


9Wcf_edWje_jWb_Wde KdliZ_c[ppW cWhWjedW

Premiazione Lilla

CAT. “C” 1° PAOLOTTI Luca 2° DOMENICI Walter 3° BOCCI Roberto CAT. “D”i TORRITI Maurizio TRIGLIA Mivido GARGANI Osvaldo CAT. “E” SONETTI Giorgio VILLANI Alberto PAGANUCCI Piero CLASSIFICA PER SEZIONI

1° Livorno 2° Cecina 3° Pisa 4° Massa

Piattelli 93 90 88 90 87 87 77 75 74 Punti

267 266 264 255

9Wcf_edWjejeiYWdeKdliZ_ j[dd_iWigkWZh[el[h+&[,&

I risultati del Campionato toscano: Alessandro Ciaponi, Stefano Filippi, Francesco Fusari e Fabrizio Mattioli. Hanno conseguito il 2° posto nella finale del Torneo di Tennis a squadre Over 50, svoltosi a Viareggio il 28 luglio a Viareggio. La squadra composta da: Maurizio Assei, Fabrizio Botrini, Maurizio Cerrai, Alessandro Dinelli, Andrea Neri e Antonio Sambaldi. La squadra Over 60 composta da: Giuliano Baldi, Franco Carlotti, Giorgio D’agnello, Sergio Lessi Bruno Semucci

Depp[ZÊehe[ZÊWh][djeYedbe ifehjWbbWi[p_ed[KdliZ_F_iW

Sabato 10 novembre di è svolta l’importante manifestazione a cadenza bien-

Domenica 18 novembre, seicento atleti hanno invaso il bellissimo lungomare livornese per partecipare alla 32a edizione della “Maratona di Livorno”, spronati dal tifo degli spettatori che incontravano lungo il tracciato, concentrati nel faticoso agonismo, sferzati da un pungente venticello di levante che aveva reso la mattinata assolata, ma fresca. Peccato non potessero ammirare con la dovuta attenzione i passaggi suggestivi inseriti dagli organizzatori nel percorso. La manifestazione era stata prevista per la domenica precedente, ma un fortunale di rara intensità aveva fatto si che molte delle strade cittadine fossero allagate, tanto che la Protezione Civile aveva proibito lo svolgersi della gara. Purtroppo, in altre parti della Toscana in quel giorno era andata molto peggio con immensi disastri e numerosi lutti. Tornando alla gara, emozionante, come al solito, il passaggio all’interno dell’Accademia Navale, sotto al brigantino che riproduce gli alberi, le vele e le sartie del celebre veliero “Amerigo Vespuci” sul quale gli allievi dell’Accademia imparano ad affrontare il mare. Il via è stato dato puntualmente alle ore 9 dalla zona degli impianti sportivi, con l’accompagnamento della

Banda Musicale dei Paracadustisti della Brigata Folgore. Alle 12,30 sono state effettuate ffettuate le premiazioni degli atleti vinff centi e, specificatamente per il nostro Campionato italiano Unvs, il Presidente della Sezione di Livorno, Cesare Gentile, coadiuvato dal Presidente Onorario Enzo Pantani hanno assegnato i premi previsti ai primi tre classificati di ogni categoria femminile e maschile, oltre a premiare le tre Sezioni prime classificate per la sommatoria del punteggio assegnato ai rispettivi associati. Ecco i primi classificati di ogni categoria: W35 Laura Fiorentini Livorno W 40 Laura Baldanzi Livorno W 45 Sarita Massai Siena W 50 Fernanda Renzi S.G. Valdarno W 55 Flavia Rejec Pisa W 60 Teresa Stolfi Prato M 30 Dené Testi Lucca M 35 Gionata Mannari Pisa M 40 Massimo Carbone Follonica M 45 Daniele Guidi Collesalvetti M 50 Alberto Bambini Collesalvetti M 55 Vladimiro Rolla Collesalvetti M 60 Aldo Allori Piombino M 65 Maurizio Maggi Volterra M 70 Adriano Del Moretto Massa Le prime tre sezioni qualificate: Unvs Livorno 26 punti Unvs Pisa 24 punti Unvs Collesalvetti 22 punti

Unione Nazionale Veterani dello Sport

nale e a carattere nazionale, organizzata dalla sezione Unvs di Pisa, che assegna prestigiosi e ambiti premi sportivi. Durante l’evento si è svolta anche la cerimonia di gemellaggio fra le sezioni Unvs di Pisa e Livorno.

Premiazione Macchia

49


50


Ecco i risultati:

F 50 Maria Cristina Rovida 200 Stile Lib. Livorno Maria Cristina Rovida 100 Rana Livorno F 55 Beatrice Inghilleri 200 Rana Genova Beatrice Inghilleri 50 Rana Genova F 65 Eleonora Orvieto 200 Rana Pisa Eleonora Orvieto 50 Rana Pisa F 70 Marcella Micheli 50 Dorso Livorno Marcella Micheli 50 Rana Livorno Paola Ramagli 50 Stile Libero Livorno Paola Ramagli 50 Farfalla Livorno F 75 Delia Corti 100 Dorso Livorno Delia Corti 50 Dorso Livorno Marie Salakova 100 Dorso Marie Salakova 50 Dorso Mirella Stagi 50 Stile Libero Mirella Stagi 50 Dorso M35 Emanuele Mosca 100 Rana Lucca Emanuele Mosca 100 Stile Libero Lucca Nicola Pergola 100 Stile Libero Lucca Nicola Pergola 100 Rana Lucca

8Vbe^dcVid^iVa^VcdJckhcjdid IVci^ViaZi^bVhiZgeZgaZY^ZX^hZo^dc^Jckh Luca Signorini 100 Farfalle Pisa Luca Signorini 100 Dorso Pisa M 40 Alessandro Gennari 50 Farfalla Livorno Alessandro Gennari 50 Stile Libero Livorno M 45 Alessandro Piovesan 100 Rana Treviso Alessandro Piovesan 200 Rana Treviso Massimo Zazzetta 100 Dorso Livorno Massimo Zazzetta 100 Farfalla Livorno M 50 Alberto Bordigoni 100 Farfalla Livorno Alberto Bordigoni 100 Stile Lib. Livorno Marco Colombo 200 Stile libero Livorno Marco Colombo 100 Dorso Livorno Marco Paghi 200 Rana Livorno Marco Paghi 400 Misti Livorno Maurizio Paoli 100 Rana Livorno Maurizio Paolo 100 Dorso M55 Pier Marco Broccolino 100 Stile Lib. Livorno Pier Marco Broccolino 200 Stile Lib.Livorno Marco Panicucci 100 Dorso Pisa

Marco Panicucci 100 Farfalla Pisa M 60 Ilio Barontini 100 Dorso Livrono Ilio Barontini 50 Dorso Livrono Corrado Finocchiaro 100 Farfalla Livorno Corrado Finocchiaro 400 Misti Livorno Giannetto Giannecchini 200 Stile Lib.Livorno Giannetto Giannecchini 100 Stile Lib. Livorno Uliviero Gricò 50 Rana Pisa Uliviero Gricò 200 Stile Libero Pisa M 65 Mario Balli 400 misti Firenze

Mario Balli 100 Dorso Firenze Walter Carpi 100 Farfalla Livorno Walter Carpi 100 Stile Lib. Livorno Marco Rossi 200 Rana Firenze Marco Rossi 50 Rana Firenze M 70 Alfredo Citi 100 Rana Lucca Alfredo Citi 50 Rana Lucca Alessandro Clerici 50 Rana Genova Alessandro Clerici 50 Dorso Genova

Federico Di Carlo 100 Stile Lib. La Spezia Federico Di Carlo 200 Stile Lib. La Spezia Agostino Melani 100 Farfalla Viareggio Agostino Melani 50 Dorso Viareggio Franco Natale 50 Rana Livorno Franco Natale 50 Dorso Livorno Paolo Razzauti 50 Stile Libero Livorno Paolo Razzauti 50 Rana Livorno M 75 Osvaldo Bertuccelli 50 Rana Viareggio Osvaldo Bertuccelli 50 Stile Lib. Viareggio Giuseppe Bilotta 200 Stile Libero Livorno Giuseppe Bilotta 100 Stile Libero Livorno M 85 Sauro Toffi 50 Stile Libero Livorno Sauro Toffi 50 Dorso Livorno M 90 Mario De Giampietro 50 Rana Forlì Mario De Giampietro 200 Rana Forlì Classifica per sezioni: Livorno 209 Pisa 46 Lucca 42 Firenze - Viareggio 24 Genova 20 Forlì - La Spezia - Siena - Treviso 12

Sezioni Presenti 10 Soci Unvs atleti partecipanti 37 Atleti presenti nelle gare per gli auguri 680 Gli atleti primi classificati hanno ricevuto la medaglia dorata e lo scudetto tricolore, gentilmente offerto fferto dal ff Consiglio Direttivo Nazionale Unvs, ai secondi classificati è stata donata la medaglia argentata mentre ai terzi è stata assegnata la medaglia bronzata. La sezione Unvs di Livorno ringrazia il consigliere Mario Fracassi, il presidente Onorario del Dopolavoro Ferroviario Enzo Sagone e tutto lo staff, ff, per la perfetta riuscita ff della manifestazione. A tutti i giudici di gara il plauso per l’enorme lavoro svolto con precisione ed efficacia. Le gare, che si sono svolte in due turni, mattutino e pomeridiano, hanno visto sugli spalti numerosi sportivi e familiari che hanno incitato a gran voce gli atleti in gara.

Unione Nazionale Veterani dello Sport

D

omenica 16 dicembre, nella piscina Camalich di Livorno, si è svolta la tradizionale manifestazione natatoria “Festa degli auguri”, all’interno della quale si sono svolti i Campionati italiani di nuoto Unvs. La manifestazione è stata organizzata in modo perfetto dal Dopolavoro Ferroviario di Livorno con il patrocinio della Sezione Unvs Livorno. Hanno partecipato ben 680 atleti master, di varie società nazionali, fra i quali 37 atleti veterani di 10 sezioni Unvs.

Nelle immagini Momenti del Campionato di Nuoto

51


Unione Nazionale Veterani dello Sport

D

omenica 2 dicembre nella sala Consiliare della Provincia di Livorno, i Veterani locali hanno festeggiato la 39a edizione della Giornata del Veterano dello Sport. Nella sua introduzione il presidente Cesare Gentile ha parlato dell’attività sezionale svolta nell’anno 2012 mettendo in evidenza come la Sezione abbia raggiunto 570 iscritti, ponendola, ancora una volta, sul tetto delle sezioni italiane. Ha enunciato le incertezze sul futuro della sezione che sarà messa in difficoltà dalla programmata chiusura del Coni provinciale che ci ospita nei suoi locali. Ha ricordato con affetto ffetto la ff scomparsa del Presidentissimo Edoardo Mangiarotti, del Presidente del Coni provinciale Gino Calderini e dei soci Silvio Buti, Benedetto Casino, Giacomo Medici e Raffaff ffaele Schettino. Erano presenti: il Presidente della Provincia Giorgio Kutufà, il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi, il reggente del Coni Provinciale Mario Fracassi e il Presidente degli Azzurri ed Olimpici di Livorno, Rodolfo Graziani. Per il Consiglio Nazionale Unvs: Federigo Sani, il Segretario generale Giuliano Salvatorini, il Revisore dei Conti Giuliano Persiani, il Delegato Regionale Ettore Biagini, il Presidente della Commissione d’Appello Pier Luigi Boroni ed il Membro Rudy Poli. Erano inoltre presenti i Presidenti delle Sezioni Toscane: Enrico Cerri di Cecina, Maurizio Ceccotti di Collesalvetti, Alfio Pellegrinetti di Follonica, Orlando Vené di Massa, Giancarlo Giannelli Piombino, Salvatore Cultrera di Pisa, Francesca Bardelli di Pistoia, Pier Giacomo Tassi di Pontremoli, Luciano Vannacci di San Giovanni Valdarno, Stefano Tempesti di Rosignano Solvay, Bruno Bianchi di Siena. Per la Sezione locale il

<^dgcViVYZakZiZgVcdYZaadhedgi >g^XdcdhX^bZci^VXdcXajh^dcZY^jcVccd g^XXdY^ZkZci^ Presidente onorario Enzo Pantani, i membri del Consiglio Direttivo e vari soci, oltre a numerosi familiari ed amici degli atleti premiati. Atleta dell’anno: Andrea BALDINII medaglia d’oro del fioretto a squadre all’Olimpiadi di Londra. Premio Speciale: Giulio PAROLI campione del mondo di fioretto individuale master. Premio Giovane Emergente: Filippo LARI, anni 14, campione italiano juniores di salto in alto con la misura di m. 2.07. Premio gratitudine: Alberto BUONACCORSI, Maria Cristina DADDI e Sarah SALVINI. Premio amicizia: ai Presidenti delle sezioni gemellate Luciano VANNACCI di San Giovanni Valdarno e Salvatore CULTRERA di Pisa. Premio riconoscenza: agli atleti UNVS Luca PAOLOTTI, Giorgio SONETTI, Walter DOMENICI, Ilio POLESE E Mauro MARTELLI. Premio agli atleti distintisi nell’anno per meriti sportivi: PESCA SPORTIVA IN APNEA: Marco BARONCINI, Roberto POGGIOLI, Leonardo LO BARTOLO, Roberto MATTERA, Marco SIGHIERI, Federico PANARIELLO. CICLISMO: Damiano SANTUCCI, Giulio GALLI, Edoardo CORRIDORI, Simone CUCINI, Valentino ROSSI, Alice SPINELLI, Leonora CEPPI CANOTTAGGIO REMOERGOMETRO DISABILI – ASSOCIAZIONE SPORTLANDIA ONLUS: David BELLINCI, Anna FRESCHI,

Sani, Sagone, Biagini, il sindaco Cosimi, il presidente della Provincia Kutufà, Fracassi, Scotto e Graziani, ricevono dal presidente Gentile il Premio Riconoscenza.

52

Said HAMAUDI, Gabriele MERELLI, Vittorio MALACARNE, Maurizio GHEZZANI ASSOCIAZIONE SPORTIVA ZENITH ONLUS – NUOTO: Manuela MAGGI, Michela CENCI, Silvia PAPERINI, Antonio SARTORI, Federico BARTORELLI, Giacomo OLIVIERO, Massimo BRUNO., Andrea LO SCHIAVO, David SIMONE, Marco MASCIULLO. LOTTA: Giacomo DENTONE, Simone IANNOTTONI. ATLETICA LEGGERA: BUSOTTI Meves Junior Joao, DENZA Fabio, DINI Lorenzo e Samuele, GIRARDI Filippo, PICCHIOTTINO Gian Luca, FIORENTINI Laura, BALDANZI Laura. PUGILATO: Manuel BOLDRINI, Mattia BOLDRINI, Devid BRONGO, Marco STIAFFINI. SCHERMA: Giacomo BIASCI, Dario ORSI, Lulia TERRENI. HOCKEY E PATTINAGGIO: Diletta PERALTA, Giulia GAMBICORTI, Benedetta NICCOLINI, Chiara BADARI, Sara GAI, Giada NICCOLAI.. TIRO CON L’ARCO: Davide CHIARI, Elena LUTI, Tommaso DEL CORSO, Leonardo BARONCINI. JU JITSU: Christian ANDREINI, Martina CERRAI, Nicolò MATTESINI, Laura CIACCHINI. KARATE: Martina CALA, Davide BARGACCI, Camilla VANNUCCI, Nico CELANDRONI. BASEBALL: Luigi GALLO, Andrea BETTARINI. SOFTBALL: Francesca MAZZANTI, Alessia BANCHELLI.

Il sindaco Cosimi premia il giovane atleta emergente Filippo Lari


Il sindaco Cosimi, il presidente della Provincia Kutufà ed il consigliere nazionale Sani, premiano il padre dell’atleta dell’anno Andrea Baldini.

VELA: Francesco MARRAI. dente Onorario del Dopolavoro FerCANOTTAGGIO: Marco DE MATrovieri Enzo SAGONE, al Presidente TEIS, Leonardo PIAZZA, Lorenzo degli Azzurri e Olimpici di Livorno: MONACO, Gabriele BACCI. Rodolfo GRAZIANI. NUOTO MASTER: CORTI Delia, Al termine della cerimonia il PreMICHELI Marcella, RAMAGLI Paola, sidente Cesare GENTILE ha ringraSTAGI Mirella, BARONTINI Ilio e PAziato il Presidente della Provincia TERNI Mario. Giorgio KUTUFÀ che, ancora una volta, ha messo a disposizione la FEDELTÀ ALLA SEZIONE: ANNI meravigliosa Sala Consiliare e la sua 45 - BRILLI Giuliano, BRONDI, Danilo, amichevole presenza. GALLENI Giorgio. ANNI 40 – CARRARA Nedo. ANNI 35 - ALBANESI FranParole di riconoscenza vanno co, BENEDETTI Giuseppe, CAROTI anche al Sindaco di Livorno AlesPiero, D’ALESIO Nello, FEDI Luciano, sandro COSIMI, al reggente del LIBERATO Mario, LISCHI Pietro, PAN- Il presidente Cesare Gentile fra il sindaco di Livorno Alessandro CONI Mario FRACASSI, al Direttore TANI Enzo, SGARALLINO Lincoln, dell’Almanacco Roberto SCOTTO, Cosimi, il presidente della Provincia Giorgio Kutufà (alla sua SISI Alfredo. ANNI 30 - CANESSA alla redazione di TELEGRANDUdestra), il Consigliere nazionale Sani ed il reggente del Coni Luciano, GALLENI Silvia, LIBERATO CATO ed agli amici Ugo GRIFONI e provinciale Mario Fracassi (alla sua destra). Antonio, MARENGO Bruno, MONTAEnio LORENZINI. NO Carlo, PANARIELLO Ernesto, PANESSA Giorgio KUTUFÀ, al Sindaco di Livorno La manifestazione si è conclusa al Grand Riccardo, PACINOTTI Alberto e Piero. Alessandro COSIMI, al Reggente del CONI Hotel CONTINENTAL di Tirrenia con la traRICONOSCENZA DELLA MANIFESTA- provinciale Mario FRACASSI, al Direttore dizionale conviviale degli auguri, con doni ZIONE: al Presidente della Provincia, dell’Almanacco Roberto SCOTTO, al Presi- a tutti i partecipanti.

Il tavolo delle Sezioni Toscane rappresentate

Unione Nazionale Veterani dello Sport

I presidenti Cultrera, Gentile e Vannacci, stringono il gemellaggio fra le sezioni di Pisa, Livorno e San Giovanni Valdarno

Il presidente Cesare Gentile apre i lavori della cerimonia

53


Scotto PubblicitĂ Livorno

54


v e l a t s t e l l i o C t r o p Veterani dello S

Da sinistra: il consigliere Giuliano Lupi, Lorenzo Nista, il presidente Gian Paolo Bertoni

JcV\^dgcViVY^[ZhiVV8daaZhVakZii^ Xdc\a^ViaZi^egZb^Vi^ YVaaÉJc^dcZKZiZgVc^YZaadHedgiadXVaZ 6AdgZcodC^hiV^aegZb^de^‘^bedgiVciZ! VaeVYgZ^ag^XdcdhX^bZcidVaaVXVgg^ZgV Fh[c_e7jb[jWZ[bbÊ7ddeW Beh[dpeD_ijW

È il massimo riconoscimento che le sezioni dei Veterani dello Sport di tutta Italia assegnano ogni anno all’atleta che, in ambito nazionale ed internazionale, nel corso della stagione di riferimento ha raggiunto i migliori risultati. Unvs di Collesalvetti ha assegnato il premio 2012 a Lorenzo Nista nato a Livorno nel 1993. Società: C.S. Aeronautica Militare. Specialità: Fioretto Giovanissimo e promettente allievo del maestro di fioretto Paolo Paoletti. Palmares di Lorenzo Nista Campionati del mondo cadetti: Belfast - 2009: oro individuale Baku - 2010: 6° individuale Campionati euopei cadetti: Bourges 2009: bronzo individuale, oro a squadre Coppa del mondo giovani: 2010-2011: 2° Bratislava, 3° Leszno, 2° Aix en Provence 2011-2012: (1° Lussemburgo, 3° Bratislava, 3° Londra) Campionati italiani cadetti: 2010 - oro individuale Campionati italiani giovani: 2010 bronzo individuale 2011: oro individuale Campionati italiani under 23 - 2011: 8° individuale Campionati italiani assoluti 2010: 6° individuale 2011: 6° individuale, oro a squadre Campionati del mondo giovani Baku 2010: argento a squadre Amman 2011: 5° individuale, argento a squadre

EgZb^dÆ6iaZiV:bZg\ZciZÇ VAjXgZo^V9ZEVabV

Lucrezia De Palma è nata a Livorno l’8 marzo del 2000, inizia la sua “carriera” sportiva nel 2008 con la Società Roller Skate Livorno allenata da Cristina Biasci. Lucrezia De Palma è un’atleta con lo spirito competitivo nel sangue, scende in gara con l’obiettivo di vincere, è grintosa, determinata, caparbia e pronta al sacrificio per seguire le sue aspirazioni. Nel 2008 si fa subito notare nel panorama regionale per le sue capacità; ma sarà dall’anno successivo che Lucrezia salirà alla ribalta sia sul territorio regionale sia su quello nazionale. Infatti, nel 2009 vincerà tutte le gare regionali sia su pista che su strada, conquisterà la seconda posizione al Trofeo Nazionale di Siena, ma soprattutto trionferà con una prima e una seconda posizione ai Nazionali FIHP “Bruno Tiezzi” riservati alle categorie più giovani del pattinaggio corsa, ed alla fine dell’anno farà

Unione Nazionale Veterani dello Sport

U

no stesso ideale accomuna gli atleti, i giudici ed i dirigenti. Per questo abbiamo voluto fare della nostra festa un incontro aperto a tutte le componenti sportive affinché ciò serva allo scambio di pareri tecnici, di esperienze e a far crescere vincoli di amicizia. Con queste parole il presidente dell’Unvs della sezione “Ivo Mancini” di Collesalvetti, Vittorio Rocchi, ha aperto la “Giornata del Veterano dello Sport” che si è svolta presso il Ristorante Bacchus. Ha continuato poi con un particolare ringraziamento al sindaco, all’assessore dello Sport del comune di Collesalvetti e a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, come gli sponsor, le autorità, i soci della sezione, i rappresentanti delle sezioni della regione, ed i colleghi del comitato organizzatore. Erano presenti le massime autorità dell’Unione Nazionale: il Presidente Gian Paolo Bertoni, Giuliano Salvatorini Segretario Nazionale Unvs, Federigo Sani consigliere nazionale Unvs, Giuliano Persiani presidente nazionale del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti, Rudi Poli componente Commissione Nazionale d’Appello, Ettore Biagini delegato regionale della toscana, Mario Fracassi Reggente Coni Livorno, Rodolfo Graziani presidente Associazione Atleti Azzurri Livorno, inoltre, erano presenti i rappresentanti delle sezioni di Pisa, Piombino, Cecina, Follonica, Grosseto, Pistoia e Livorno.

Il consigliere Federigo Sani con Lucrezia De Palma

55


Unione Nazionale Veterani dello Sport

en plein conquistando due prime posizioni ai Campionati italiani UISP. Nel 2010 Lucrezia passa di categoria, ma riesce sempre ad imporsi, talvolta conquistando la prima posizione altre volte la seconda nei vari campionati regionali sia su pista che su strada. Sale sul gradino più alto del podio al Trofeo Internazionale di Ferrara, trofeo molto ambito nel panorama del pattinaggio corsa e sempre il solito anno conquista nuovamente la prima posizione ai Nazionali FIHP “Bruno Tiezzi”. Purtroppo un infortunio, una frattura al malleolo, alla fine dell’anno le impedirà di partecipare ai Campionati italiani UISP. Il 2011 per Lucrezia è un anno turbolento, la frattura al malleolo del piede sinistro (importantissimo per un pattinatore) ha avuto una notevole ripercussione sul piano fisico ma sopratutto su quello psicologico. Lucrezia fatica a tornare alla competizione e anche se non scende mai dal podio nei Campionati regionali e in quelli provinciali è in chiara difficoltà. Solo con un programma di allenamento individuale rivolto soprattutto a ridare grinta e fiducia all’atleta, ideato per lei dall’allenatrice Cristina, riesce a far tornare Lucrezia all’apice del pattinaggio corsa. Infatti, conquisterà la prima e seconda posizione sia al Trofeo Nazionale di Grosseto sia al Trofeo Nazionale di Siena. Inoltre, vincerà tutte le gare previste (con ampio distacco dalla seconda) ai Nazionali FIHP “Bruno Tiezzi”. Lucrezia è premiata dal consigliere Federigo Sani

Nato a Livorno nel 2000, inizia a Pattinare con la Roller Skate Livorno allenata da Cristina Biasci nella primavera del 2009. Valerio si appassiona a questo sport tanto da disputare le sue prime gare subito nella categoria “primi passi”, competizione riservata proprio agli atleti che si approcciano per la prima volta al pattinaggio corsa. La sua attività agonistica inizia nel 2010 dove si fa notare per la potenza che le sue gambe riescono a “sprigionare” durante la pattinata. Per tutto il 2010 e il 2011 Valerio dividerà la sua carriera sportiva tra il pattinaggio corsa e il calcio, l’altra sua grande passione. Per condurre al meglio entrambi gli sport fa grandi sacrifici. La sua scelta è condivisa solo in parte dall’allenatrice che vorrebbe avere Valerio “tutto per se” vedendo in lui un atleta di alto valore, ma accetta e rispetta la sua decisione. Solo sul finire del 2011 Valerio farà la scelta di dedicarsi completamento al pattinaggio corsa. Palmares 2011 Cat. Esordiente 2°anno 3°class. 800mt in linea 3°class. 2giri ad atleti contr. Campionato Regionale Indoor, Livorno 23 gennaio 2°class. percorso di destrezza 2°class. 800mt in linea Campionato. Provinciale Pista, Piombino 20 marzo 5°class.200mt sprint 4° class. 1000mt sprint Campionato Regionale su Strada, Stagno (Li) 10 aprile 4°class. 2giri ad atleti contr. 3°class. 800mt in linea Campionato Regionale Pista, Siena 22 maggio 2011 Premiato dal presidente Giuliano Persiani.

EgZb^dÆJcVK^iVeZgadHedgiÇ VY6aZhhVcYgdC^hiV

Il consigliere Federigo Sani con l’atleta Valerio Baccassino

56

Fh[c_eIf[Y_Wb[W LWb[h_e8WYYWii_de

Il 10 luglio 1965 nasce, a Collesalvetti, Alessandro Nista. Inizia la carriera di calciatore nelle giovanili del Pisa di Romeo nella stagione 1982/1983. In prima squadra c’è un altro grande ex portiere, Alessandro Mannini, e di certo Nista può solo osservarlo e imparare tutte le tecniche e l’esperienza di un vero portiere. Tuttavia, essendo giovane e avendo un gran portiere davanti, non riesce a ritagliarsi un posto in prima squadra, così il Pisa lo manda in prestito a fare esperienza nel Sorrento, che nella stagione 1985/1986 milita in C1. Tuttavia gioca poco nel club napoletano e torna nella stagione se-

Il presidente Bertoni consegna il premio alla madre di Alessandro Nista

guente in nerazzurro. Anche in questa annata, però, ha davanti ancora Mannini e non riesce così a disputare una sola partita, proprio nella stagione in cui il Pisa torna in serie A. Con il trasferimento al Bari di Mannini, a 22 anni Nista diventa titolare fisso del Pisa in serie A. Sfortunatamente per il popolo neroblu e per Nista l’esordio non è dei più facili: all’Arena il Milan di Gullit e Van Basten vince 3 a 1. La stagione prosegue su una strada dura e incostante che vede i nerazzurri soccombere qualche volta di troppo in casa, rischiando di retrocedere, infatti, si salva all’ultima giornata battendo il Torino per 2 a 0. In 30 partite il portiere pisano subisce 30 gol, quindi con la media di un goal a gara. La stagione si conclude con la vittoria della Mitropa Cup contro gli ungheresi del Vaci Izzo per 3 a 0. Soddisfazione anche per il portiere nerazzurro per la convocazione con l’Under 21 italiana per tre partite. L’anno successivo Nista gioca solo le prime otto partite, e poi gli subentra Gianpaolo Grudina. La stagione si conclude male, con i neroblu che arrivano al penultimo posto e la conseguente retrocessione in cadetteria. Romeo Anconetani acquista dal Cosenza, per 1 miliardo e 200 milioni di lire, Luigi Simoni che diventa il titolare inamovibile del Pisa, vince il campionato di B arrivando secondo dietro al Torino. Nista non gioca nessuna partita e nel gennaio del 1990 si trasferisce in Inghilterra e precisamente al Leeds United. Con la squadra inglese però non trova spazio (anche se vincerà il campionato di B) e decide quindi


Competizioni internazionali la Coppa Mitropa: con il Pisa nel 1987-1988 e la Coppa UEFA con il Parma nella stagione 1998-1999.

Fh[c_eÇ<_WYYebWZÊEheW ;b[dWBkj_

Luti Elena, livornese classe 1996 inizia giovanissima nella società A.S.D. Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani, la sua specialità è l’Arco Compount. Ha ottenuto brillanti risultati nella passata stagione nelle varie manifestazioni regionali e interregionali classificandosi nel Ranking List in undicesima posizione. Dettaglio partecipazione eventi 2011 Allievi femmine Roma - Campionati Italiani Tiro alla Targa Piano Di Conca (Lu) Torneo Del Sole D’ Agosto Varese Coppa Italia delle Regioni 2ª gara star (J-A-R) 70/60mt Lido di Camaiore (Lu) Campionato Regionale Rimini (Rn) 2° Trofeo Città Di Rimini Castiglion Fiorentino (AR) Campionato Regionale 18 m Padova Campionati Italiani Indoor 18 m Per i risultati ottenuti è stata convocata per l’Incontro Tecnico Giovanile Divisione Olimpica Toscana/Emilia Romagna/ Marche - Ugnano (FI) 10-11 marzo 2012

Andrea Buonacquisto nato nel 1996 - Tira per la Società A.S.D. Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani - Stagno-Collesalvetti. Specialità Arco Compound. Ha ottenuto importanti vittorie nelle varie manifestazioni interregionali durante l’ultima stagione agonistica, classificandosi al termine nel Ranking List 4° Indoor - Arco Compound e 3° nella classe “Targa - Arco Compound” categoria ragazzi. Dettaglio partecipazione eventi 2011 Lido Di Camaiore (Lu) Campionato Regionale 1/2 FITA 2 622 Padova Campionati Italiani Indoor 18 m 7 568 Castiglion Fiorentino (AR) Campionato Regionale 18 m 3 539 Padova Campionati Italiani Indoor 18 m 6 563Convocato per l’incontro Tecnico Giovanile Divisione Compound - Toscana/Emilia Romagna Marche/Umbria/ Lazio - Ugnano (FI) 18-19 febbraio 2012

Fh[c_e=_elWd[;iehZ_[dj[W 8WhedY_d_B[edWhZe#9Wj[]eh_W Ç=_elWd_ii_c_CWiY^_b[È

Fh[c_eIf[Y_Wb[WZ 7dZh[W8kedWYgk_ije

Unione Nazionale Veterani dello Sport

di tornare in Italia, per fare il titolare ad Ancona. I marchigiani giocano in serie B. Dopo una stagione di ambientamento, l’Ancona riesce ad arrivare 3° ed essere così promosso nella massima serie per la prima volta nella storia. Nista resta con la squadra dorica fino al 1995, e poi passa al Parma in serie A, dove gioca però una sola partita, perché il titolare è il 25enne Luca Bucci. A Parma nel frattempo ha iniziato la carriera un certo Gigi Buffon. Nista rimane con gli emiliani fino al 1999, dove a fine stagione fa parte della rosa campione della Coppa Uefa e della Coppa Italia ai danni rispettivamente di Olimpique Marsiglia e Fiorentina. Nelle ultime due stagioni (dal 1999 al 2001) fa parte della rosa del Torino: con i granata l’unica e ultima presenza in serie B. Chiude con un totale di 66 presenze in A, 114 in B e 3 in C1. Terminata la carriera agonistica, si è dedicato alla preparazione dei portieri, dapprima con il Torino e poi dal 2007 alla Reggina. Nella stagione 2008-2009 ricopre lo stesso ruolo nel Grosseto. Nell’estate del 2009 passa alla Juventus come allenatore personale di Gianluigi Buffon ffon e preparaff tore dei portieri della primavera A seguito dell’esonero di Ciro Ferrara, l’allenatore Alberto Zaccheroni è chiamato a guidare la squadra fino alla fine della stagione; lui diventa quindi allenatore dei portieri della prima squadra al posto di Michelangelo Rampulla; alla fine dell’anno è rimosso dall’incarico, assieme allo staff ff di Zaccheroni, e viene sostituito da Claudio Filippi. Il 29 dicembre 2010 il neo allenatore dell’Inter, Leonardo, lo seleziona come preparatore dei portieri della squadra diventata pochi giorni prima campione del mondo con Benítez. Lascia definitivamente l’Inter il 21 settembre 2011, giorno in cui viene esonerato il suo primo Gian Piero Gasperini e viene sostituito da Giorgio Pellizzaro. Ritorna all’Inter il 26 marzo 2012 come preparatore dei portieri della prima squadra nello staff ff tecnico del neo mister Andrea Stramaccioni. Statistiche Palmarès Competizioni nazionali: Conquista la Coppa Italia con il Parma nella stagione 1998-1999. Ha vinto il Campionato italiano di Serie B con il Pisa nella stagione 1984-1985 e con il Torino nel 2000-2001. Campionato inglese di seconda divisione: nel Leeds United 1989-1990.

Premio Giovane Esordiente Baroncini Leonardo

Mario Fracassi premia l’atleta Andrea Buonacquisto

Leonardo Baroncino classe 2002 Società - A.S.D. Compagnia Arcieri Livornesi “Dino Sani” Stagno. Per i risultati ottenuti nella scorsa stagione gli viene assegnato il “Premio Giovane Esordiente”. È stato premiato dal delegato regionale Ettore Biagini.

57


Unione Nazionale Veterani dello Sport 58

Niccolò Villano Classe 1998 anche lui inizia giovanissimo ed è seguito dai maestri Biagi e Giunti. Nella specialità Kumite ha conquistato la medaglia d’argento al Campionato regionale, altro atleta premiato è Gabriele Sitri classe 1997, sempre della Palestra Athletic Club nella specialità Katà ha ottenuto la cintura Il presidente Bertoni con gli atleti della Palestra Athletic nera Anna Mannucci, Classe 1995 seguita dai Maestri (Biagi e Giunti), speFh[c_eIeY_[j} cialità Kumite combattimento. Gruppo Podistico Arcobaleno Canoa Club Livorno La squadra in occasione della finaQuest’anno i giovanissimi del Canoa le regionale di Coppa Toscana Fidal, svoltasi a Campi Bisenzio (FI) il 2 ottobre Club Livorno non hanno tardato nel farsi 2011, valida per il Campionato regionale notare conquistando ben 7 medaglie di di marcia su strada, ha conquistato il 5° cui un oro, quattro argenti e due bronzi; posto su 24 società presenti. La squadra davvero un ottimo risultato se si pensa era composta da: Cianci Simone, Colia che sono state conquistate da 5 atleti. Nella prima giornata di gare i cadetti Mirco Giovanni, Dani Simone, Fenzi Lorenzo, Grossi Lorenzo, Mannucci Alessio, si sono cimentati sulla distanza dei Nesimoski Dennis, Rotini Lorenzo, Sec- 2.000 m dove nella categoria cadetti A troviamo Barsacchi Edoardo 2°, Simochi Luca e Warin Simone. In occasione dei Campionati regionali netti Leonardo 3° e Seminatore Mirko di Marcia, 3 luglio 2011 a Firenze, gli at- 5°. Sempre il sabato gli allievi leti: Nesimoski Dennis e Colia Mirco Gio- si sono cimentati nei 200 m vanni, per i brillanti risultati conseguiti si slalom, con Randis Leonardo classificato 2° tra gli allievi A ed laureavano campioni regionali. Arzelà Luca 7° tra gli Allievi B. Arci Stagno Volley La seconda giornata di gare, La squadra “Arci Stagno Volley” che ha partecipato alle finali regionali Uisp Un- tutta dedicata alla velocità sui der 16 nel 2011 era così composta: Ales- 200 m troviamo Simonetti Leosia Baldi, Irene Bernini, Aurora Colosimo, nardo 1°, Seminatore Mirko 2°, Chiara Colosimo, Federica Colosimo Ele- Simonetti Leonardo 2°, Barsaconora Donatella, Irene Facci, Ilaria Qua- chi Edoardo 3° per le categoria glia. Al termine la squadra si è laureata Cadetti A, mentre per le categorie Allievi c’è Arzelà Luca 5° campione regionale. Palestra Athletic Club Livorno (Fijl- e Randis Leonardo 7°. Ottimo il risultato dei giovakam-Coni) Filippo Ferrucci, Classe 1998 e Melissa ni che premiano così l’impeDi Quinzio, classe 1999 fanno parte della gno dei tecnici Lombardi Luca Palestra Athletic Club (Fijlkam - Coni) e e Arzela Yuri. Giannetti Carol, iniziano giovanissimi. La loro specialità classe 1995 milita nella società è il Kumite ed i loro maestri sono Biagi Canoa Club Livorno. Atleta prestante nella scorsa Viviano (6°dan) e Giusti Bruno (5° dan). Risultati conseguiti: finalisti al Campio- stagione si è distinta nella canato regionale e campioni italiani Csen. tegoria esordienti ottenendo

buone prestazioni, gareggiando anche contro atlete di categoria superiore e aggiudicandosi diversi podi durante la stagione che le hanno fruttato 8 argenti e un bronzo. La sua stagione si è conclusa con le bellissime gare nazionali di Milano dove ha conquistato il titolo di campione d’ Italia nella distanza dei 500 m K1 e vice-campione sui 200m K1. Bazzali Orlando, classe 1995 anche lui fa parte del Canoa Club Livorno. Giovanissimo entra a far parte della società dimostrando carattere e straordinaria potenza, ma nella scorsa stagione causa una serie di infortuni non ha preso parte a varie competizioni. Orlando ha dimostrato il suo valore quando ha raggiunto il top della forma fisica solo verso la fine della stagione, quando è risultato protagonista nella gara di Savona nel “XXIII Trofeo Internazionale Presidente della Repubblica” conquistando la vittoria sui 200m K1. Con una gara davvero esaltante, in condizioni meteo estreme, è venuta fuori tutta la classe e la forza di cui dispone, che gli hanno permesso di mettersi alle spalle canoisti romeni, ungheresi e tutti gli altri atleti più forti a livello europeo. As Colognole Asd Al termine della scorsa stagione ha ottenuto ottimi risultati in varie manifestazione grazie agli atleti:

Premio Società Gruppo Podistico Arcobaleno


Il presidente Salvatore Cultrera premia Niccolò Villano e Gabriele Sitri

Il segretario Giuliano Salvatorini premia Giannetti Carol

La premiazione dell’Arci Stagno Volley

Il presidente Cesare Gentile con l’atleta Orlando Bazzali

Il presidente Giannelli premia gli atleti dell’Arci Stagno

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Citi Mattia categoria G3 (9 anni) 10 vittorie su strada e una nella prova della Ginkana, Cascione Angelica categoria G4 (10 anni) una vittoria su strada e 5 nella Ginkana, Salvadorini Alessio G2 (8 anni) una vittoria su strada. Gli atleti: Cascione Desirè G1 (7 anni), Pagni Simone G5 (11 anni), Fili Andrea G4 (10 anni) e De Pompeis Nicola categoria G4 (10 anni) nella prova della Ginkana hanno conquistato prestigiosi risultati. Società U.C. Ciclistico ARCI Stagno Juniores Presidente: Gino Massei, Direttori Sportivi Gino Mataresi e Ivo Bacci - Atleti: Andrea Comelli, Marco Castagnoli, Alessandro La Manna, Valentino Rossi, Willy, Villani, Lorenzo Zanobini, Vlady Zhupynas. Ha premiato il presidente della sezione Unvs di Collesalvetti.

Il vice presidente Ginanni premia gli atleti del As Colognole

59


60


-•BZbdg^VaÆ>kdBVcX^c^Ç g^hZgkViVV^\^dkVc^hh^b^[gV^,Z&'Vcc^ DaigZ&,%ViaZi^^ceVhhZgZaaVV<jVhi^XXZ Tommaso Bambagioni tra i più piccoli coglie un bel successo. Presenti alla manifestazione il vice presidente regionale Giacomo Bacci e il presidente provinciale della federazione ciclistica Luca Casini. Ordine d’arrivo: G1 MASCHILE: 1) Tommaso Bambagioni (SS Grosseto), 2) Flavio Venomi (Velo Club La California), 3) Matteo Creatini (Donoratico), 4) Kevin Chiti (Milleluci Ciclismo), 5) Alberto Anonino Cavallaro (GC Vecchianese). G2 MASCHILE: 1) Bartalesi Edoardo (Costa Etrusca), 2) Federico Savino (GC Vecchianese), 3) Alessio Frius (Team Valdinievole), 4) Andrea Stefanini (Pol. Marina di Cecina), 5) Marco Serni (Donoratico). G2 FEMMINILE: 1) Alessia Paccalini (Mamma e Papà Fanini), 2) Valeria Piffeff fferi (SS Grosseto), 3) Desirè Cascione (ASD Colognole).4) Greta Zigoni (Stabbia Ciclismo). G3 MASCHILE: 1) Tobia Zingoni (Stabbia Ciclismo), 2) John Barbieri (Gs Butese), 3) Gianmarco Balestri (Mamma e

Tavolo premiazioni del Memorial Ivo Mancini

Papà Fanini), 4) Federico Galoetti (GS Stradella), 5) Mattia Dani (Carrara). G3 FEMMINILE: 1) Bianca Barsotti (Mamma e Papà Fanini), 2) Melissa Nannini (Velo Club La California), 3) Sara Solferino (GS Butese), 4) Florina Elena Grigoras (GS Butese), 5) Giulia Castellani (ASD Colognole). G4 MASCHILE: 1) Lorenzo Peschi (Gs Stradella), 2) Denis Ionut Budei (Team Valdinievole), 3) Federico Moriconi (UC Coltano), 4) Mattia Citi (ASD Colognole), 5) Haziz Cullhaj (GS Butese). G4 FEMMINILE: 1) Selene Salvadori (Gs Butese), 2) Benedetta Pifferi fferi (SS Grosseff to), 3) Caterina Fuselli (Velo Club La California), 4) Martina Bufalini (Gs Montenero), 5) Matilde Bertolini (Gs Butese). G5 MASCHILE: 1) Matteo Volpi (Gs Stradella), 2) Tommaso Pozzolini (UC Coltano), 3) Ardit Kola (Team Valdinievole) 4) Alessandro Venturini (GS Stabbia), 5) Tommaso Perazzolo (La Rotta). G5 FEMMINILE: 1) Gaia Bevilacqua (UC Coltano), 2) Licia Baldini (Gs Stradella), 3) Gaia Guidugli (Mamma e Papà Fanini), 4) Camilla Rosellini (Mamma e Papà Fanini), 5) Jennifer Bindi (Pol. Marina di Cecina). G6 MASCHILE: l) Alessandro Del Ry (Gs Butese), 2) Alessandro Arduini (Pol. Milleluci Ciclismo), 3) Andreas Del Nista (VC Coppi Lunata), 4) Francesco Soldi (Stabbia Ciclismo), 5) Diego Basile (VC Coppi Lunata). G6 FEMMINILE: 1) Linda Castelli (UC Coltano), 2) Emma Barsotti (Mamma e Papà Fanini). Classifica società: 1ª Gs. Butese, 2ª Mamma e Papà Fanini, 3ª GS. Stradella, 4ª SS Grosseto, 5ª UC Coltano

Unione Nazionale Veterani dello Sport

S

uccesso di pubblico e partecipazione all’ottava edizione del Memorial “Ivo Mancini” alla memoria, patrocinata dalla sezione Unvs colligiana. La gara è stata organizzata dall’associazione sportiva A.S. Colognole in collaborazione con il GS Palazzone di Guasticce. La Kermesse si è disputata nella zona industriale, ed era riservata alla categoria giovanissimi dai 7 ai 12 anni, sotto la supervisione del presidente del comitato provinciale di Livorno. Manifestazione nobilitata dalla presenza del vice presidente Unvs Gino Massei, che ha partecipato alle singole premiazioni coadiuvato dai consiglieri Giorgio Bacci e Maurizio Ceccotti. Hanno aderito al raduno circa 200 giovani ciclisti in rappresentanza di 24 società della toscana. Numeroso il pubblico che ha assistito alle gare, disposto lungo il percorso, per dare coraggio con richiami ed applausi ai giovani partecipanti. L’organizzazione è stata curata nei minimi particolari dal responsabile Giuliano Santucci con la collaborazione del Gs. Palazzone di Guasticce, coadiuvato anche dai soci Unvs: Carlo Santucci, Luciano Profeti e Pierluigi Nista, che ha provveduto a mettere a disposizione i locali e i premi. Tutti si sono prodigati procurando la massima collaborazione, assegnando coppe alle prime cinque società classificate e medaglia di partecipazione ai giovani atleti, mentre con premi offerti fferti dal ff giornale Il Tirreno, dalla Ditta Nencini Sport di Livorno e dal Consorzio Latte Maremma sono state premiate le società. Giustificata la soddisfazione dei dirigenti della società organizzatrice, per il buon esito della manifestazione.

61


Unione Nazionale Veterani dello Sport

L

a rassegna calcistica giovanile, organizzata L’Asd Academy Livorno Calcio, in collaborazione del Livorno Calcio e con il patrocinio della sezione Aia di Livorno e dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport della sezione Colligiana, per ricordare due grandi figure sportive di Collesalvetti appartenenti alla sezione arbitri di Livorno, oltre che soci fondatori della sezione UNVS “Ivo Mancini” di Collesalvetti nel 2004. Il Memorial “Renato Baconcini – Ivo Guglielmi” va ai giovani della Fiorentina che nel torneo triangolare, riservato alla categoria esordienti batte nella sfida decisiva il Pontedera. Le squadre presenti erano nel primo raggruppamento: Livorno Calcio, Pisa e Pontedera, nel secondo oltre alla Fiorentina il Prato e la Lucchese. Gli incontri si sono svolti presso l’impianto sportivo di Stagno. Le premiazioni sono state fatte dal delegato regionale Ettore Biagini

AVgVhhZ\cVXVaX^hi^XV\^dkVc^aZ >cbZbdg^VY^GZcVid7VXdcX^c^Z>kd<j\a^Zab^

Prima classificata alla rassegna calcistica giovanile, organizzata L’Asd Academy Livorno Calcio

62

Y^:iidgZ7^V\^c^"YZaZ\VidJCKH

La squadra della Fiorentina

Secondi classificati alla rassegna calcistica giovanile, organizzata L’Asd Academy Livorno Calcio


in rappresentanza per l’Unvs, il vice presidente Gino Massei in rappresentanza della sezione Ivo Mancini colligiana, il presidente della sezione Aia di Livorno Alessio Simola e Luigi D’Ario in rappresentanza del Livorno Calcio.

Presenti il fratello Franco Baconcini con il figlio in rappresentanza della famiglia. Un ringraziamento particolare alla sezione Arbitri che come ogni anno mette a disposizione dei giovani arbitri per dirigere le gare.

Unione Nazionale Veterani dello Sport

BdbZci^YZaaVgVhhZ\cVXVaX^hi^XV\^dkVc^aZ!dg\Vc^ooViVAÉ6hY6XVYZbnA^kdgcd8VaX^d

63


KZcY^iV \jVgc^o^dc^! gVXXdgY^!da^! ijW^Ã&#x201C;Zm! ZaZiigdkVakdaZ! edbeZ!\^jci^! ijW^g^\^Y^eZg XdcYdiiZ daZdY^cVb^X]Z

8dhigjo^dc^Z VhhZbWaV\\^d ijW^Ã&#x201C;Zm 8dhigjo^dc^Z VhhZbWaV\\^d ijW^Ã&#x201C;Zm gVXXdgYVi^^cdm

IjW^gVXXdgYZg^V ZaZiigdkVakdaZ eZg^be^Vci^ ecZjbVi^X^! gVXXdgYZg^VkVakdaZ ZijW^^cdm6>H>(&+

9^hig^WjidgZ=Vaa^iZ >iVa^V 8dhigjo^dcZ ^be^Vci^^YgVja^X^Z ecZjbVi^X^ X^a^cYg^!XZcigVa^cZ VY^hZ\cd

Egd\ZiiVo^dcZ ^be^Vci^

Scotto Pubblicità Livorno

9>HIG>7JIDG: :G>K:C9>IDG:6JIDG>OO6ID

64

F.LLI TOGNELLA

Via delle Sorgenti, 108 - Nugola (LI) Tel. 0586 977325 - Fax 0586 978063 - Cell. 333 6384883 XXXPMFPEJOBNJDBMJWPSOPDPNt&NBJMPMFPEJOBNJDBMJ!UJTDBMJJU


x x 1 1 x 0 2 x e x n x o x i z x a x t PrXesxexn 6abVcVXXdYZaadHedgi EgZhZciVo^dcZVEVaVood<gVcYjXVaZ Y^BVg^dDgh^c^

Da sx: l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Roberto Scotto, Giorgio Kutufà, Alessandro Cosimi, Mario Fracassi e Mario Minichiello

stro orgoglio di livornesi, il presidente provinciale dell’associazione nazionale Azzurri d’Italia Rodolfo Graziani. Cinquecento successi che sarebbero davvero un bel biglietto da visita anche per metropoli come Roma, Milano o Napoli. Figurarsi per una cittadina di appena centosessantamila anime. A dare attualità, alle performance dei nostri campioni e campioncini, da sempre ci pensa il Tirreno, con tante pagine giornaliere dedicate allo sport. A consacrare annualmente, invece, i risultati più importanti della cronaca sportiva di ieri e di oggi: l’Almanacco dello Sport. Un volumetto di circa quattrocento pagine redazionali con risultati sportivi, interviste, commenti e foto a colori, interamente dedicate agli atleti

livornesi. L’Almanacco di quest’anno: “Livorno tra le più grandi dello Sport Mondiale”, ha proposto novità interessanti. In primis una veste grafica ancora più accattivante, l’abbinamento tra sport e arte. Inoltre la dedica del volumetto al compianto, presidente del Coni, Gino Calderini. Un uomo che ha dato veramente tanto allo Sport livornese. Un dirigente sportivo di grandi capacità e di altrettanto grandi doti umane che aveva dedicato la vita allo sport. Prima come atleta e poi come dirigente. Bravo calciatore da ragazzo aveva militato anche nelle giovanili del Genoa. Come dirigente, invece, per vent’anni aveva guidato prima la Uisp provinciale e poi il Coni.

Presentazione Almanacco 2011

U

n cult del giornalismo sportivo di casa nostra. Una sintesi completa e ben riuscita di un anno di avvenimenti sportivi strettamente legati alla nostra città. L’Almanacco dello Sport: “Livorno tra le più grandi dello Sport Mondiale”, è stato presentato ufficialmente, cialmente, sabato 26 maggio, alle ore 9.30, nella sala Consiliare del Palazzo Granducale, di Piazza del Municipio, per tutti la Provincia. Tra i presenti autorità militari e civili della nostra città: sindaco, presidente della Provincia, assessori allo sport, dirigenti del Coni provinciale, i presidenti degli Azzurri d’Italia e dei Veterani dello Sport. E tanti atleti, ed ex atleti, che hanno scritto pagine indelebili dello sport nazionale e internazionale. Tra loro anche qualche atleta che ha contribuito ad impinguare il medagliere Olimpico della nostra città. Tra quanti hanno presenziato alla presentazione ufficiale dell’Almanacco anche il regista del film: “I campioni dello sport livornese: Rossano Vittori”. A fare gli onori di casa, in un salone gremito, l’editore Roberto Scotto, anima pulsante, con la direttrice Antonella De Vito, di questa brillante iniziativa cittadina che, da qualche anno, fa da cassa di risonanza a tutto lo sport cittadino. Una “piccola grande creatura” che, anno dopo anno, si fa sempre bella e interessante. “Nei nostri sforzi redazionali e organizzativi c’è l’orgoglio di essere livornesi e italiani e la speranza di aver fatto, come consueto, qualcosa di apprezzabile per la nostra città”, parole di Roberto Scotto. Come sportivi, a livello amatoriale e soprattutto agonistico, non ci batte nessuno. Ai campionati europei di nuoto di fondo, di Piombino, a metà settembre, abbiamo abbattuto, il “muro” delle cinquecento medaglie olimpiche, mondiali o europee, conquistate dagli atleti livornesi, su e giù per il pianeta. A consentire il superamento di questo storico traguardo Luca Ferretti, con il successo nella prova a squadre. Al suo fianco, per la cronaca, Rachele Bruni e Simone Ercoli. A tenere il conto di questo mezzo migliaio di exploit, che stuzzica il no-

65


Presentazione Almanacco 2011 66

Il tavolo delle Autorità durante l’ascolto dell’Inno nazionale

Il pubblico presente nella Sala Congressi della Provincia durante l’ascolto dell’Inno nazionale

Il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi al centro

Giorgio Kutufà, Presidente della Provincia di Livorno

L’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone

Le autorità militari presenti


L’atleta “Almanacco dello Sport 2011”, Luca Ferretti

Luca Ferretti premiato con il Trofeo “Atleta dell’anno 2011” offerto fferto da “Vetrate Artistiche” di Vittorio Rocchi ff

Alfredo Sisi premiato con il Trofeo “Una vita per lo sport” offerto fferto da “Vetrate Artistiche” di Vittorio Rocchi ff

Il regista del docu-film “I Campioni dello sport livornese” Rossano Vittori

Al centro le figlie di Gino Calderini, Silvia e Vanessa

Presentazione Almanacco 2011

Mario Orsini e Antonella De Vito, le “penne” dell’Almanacco dello Sport

67


Presentazione Almanacco 2011 68

Al centro Mario Fracassi, Vicepresidente vicario del CONI

Cristina Daddi in rappresentanza del CONI

I campioni di Braccio di ferro e Grappling

Rappresentativa Pattinaggio

Rappresentativa Braccio di Ferro e Grappling

Al centro Mauro Martelli, campione italiano e mondiale di Remergometro


Rappresentativa della Federazione Atletica Livorno

Rappresentativa Lotta livornese

Rappresentativa del Tennis

Alcuni campioni livornesi

Rappresentativa di pittori e campioni livornesi

Presentazione Almanacco 2011

Premiazione del â&#x20AC;&#x153;team Almanacco dello Sportâ&#x20AC;?

69


Presentazione Almanacco 2011 70

In ricordo del Presidente Gino Calderini le figlie Silvia e Vanessa

Rappresentativa della Pesistica

Rappresentativa del Baseball e Softball

Rappresentativa della Brigata Folgore, Arti Marziali

Mario e Leonardo Minichiello (Oleodinamica) e Alessia Rocchi (Vetrate Artistiche), sponsor della manifestazione

Rappresentativa del Cica Sub


GIF><KKFJ8CLK< L’ACQUA SANA NELLO SPORT L’acqua è l’alimento insostituibile di cui abbiamo bisogno giornalmente in quantità e qualità adeguata, è la componente più importante della nostra alimentazione visto che un essere umano può sopravvivere soltanto pochi giorni senza. Questo elemento naturale ci mantiene dunque vitali, ma l’acqua che beviamo è sicura? La sicurezza di bere e cucinare con un acqua sana è possibile grazie agli impianti della Frizzy, l’azienda italiana leader nel settore della depurazione che nella zona è rappresentata da anni dall’H2O. Quest’azienda livornese, da tanti anni presente nelle varie manifestazioni sportive e salutistiche organizzate a Livorno e nella provincia, offre la giusta acqua agli atleti e a tutti i partecipanti per divulgare il loro progetto salute che consiste nell’informare come rendere sana e pura l’acqua del rubinetto attraverso i loro impianti ad osmosi inversa. Naturalmente la sicurezza per la clientela dell’H2O è legata alla sede commerciale di Livorno e al centro assistenza tecnica a La Rotta, Pontedera (PI) che nel corso dell’anno 2012 è stato Ns. Stand presente al 71° Concorso Ippico svolto il 5 Maggio 2012 rinnovato e ampliato. presso l’accademia Navale di Livorno Poiché l’informazione corretta è un diritto di tutti, soprattutto quando si tratta della propria salute, chi fosse interessato non esiti a contattarci!

Ns. Stand presente al Memorial Piermario Morosini svolto allo Stadio Comunale A. Picchi il 22 Giugno 2012

Chi fosse interessato a ulteriori informazioni può mettersi in contatto con la società

“H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini”

telefonando allo 0586 400155 o mandando una e-mail a: info@dittah2o.com o consultare il sito: www.frizzy.it

Ns. Stand presente a Stagno (li) alla Pista Ivo Mancini il 18 Maggio 2012 per la giornata sulla sicurezza stradale


n o l h t a n a P >aX^cfjVcidiiZh^bdVccdY^Vii^k^i|YZa EVcVi]adc8ajWA^kdgcd >egZb^VBVgXZaad9Vc^ZY:codEVciVc^ Y^6a[gZYdH^h^

Panathlon

I

72

l 13 novembre 1954, lasciando da parte la tradizionale rivalità fra la Torre Pendente e i Quattro Mori, nasceva a Livorno il Panathlon Club Pisa-Livorno ad opera di un gruppo di mitiche personalità dello sport quali Fausto Bertoletti (rugby) Guido Cave Bondi (ippica), Gino Mario Cini (tennis), Vito Cionini (cronometristi), Franco Crovetti (pallacanestro), Pietro Ferrari (caccia), Bruno Macchia (pallacanestro), Aldo Montano (scherma), Andrea Riccetti (sport popolari) per Livorno ed Enrico Ciaranfi (calcio), Alberto Franco (canottaggio), Giovanni Piagnoni (arbitri calcio), Aldo Lucarelli (pallanuoto) e Roberto Supino (tennis) per Pisa. Nel 1989 per motivi di aumento del numero dei soci e di carattere logistico, fu decisa di comune accordo la separazione dei due club ai quali fu riconosciuta dal Panathlon International la stessa anzianità di fondazione (13.11.1954). Fu comunque una scelta dolorosa per molti dei soci fondatori e comunque i rapporti fra i due club sono sempre rimasti improntati a stretta amicizia, come testimonia la celebrazione in comune avvenuta nel 2004 del cinquantenario di fondazione. Nei cinquantotto anni di attività il Panathlon Club Livorno ha fatto tutto il possibile per diffondere ffondere i principi dell’etica sportiva ff che stanno alla base degli scopi panathletici e riteniamo che possa essergli riconosciuta almeno una parte di merito se, pian piano sta facendosi strada nell’opinione pubblica una maggiore considerazione verso il fair play, la lotta al doping e il concetto che lo sport è in fin dei conti un gioco anche se immensi sono gli interessi economici contro i quali lottare. Ovviamente ci rendiamo conto che non à facile mettere in pratica la ipercitata massima decoubertiniana che nello sport l’importante non è vincere ma partecipare, anche perché è umano che quando

un atleta scende in campo sia animato dallo spirito agonistico. Tutto sta nel far capire che esiste un confine molto difficile da definire fra il lecito e l’illecito, che nessuna furbizia o artificio può spostare. Con l’inganno si potrà conquistare un titolo che potrà anche determinare vantaggi economici, ma a quale prezzo verso se stessi? Naturalmente ci sarà sempre chi di questo se ne fregherà altamente e guarderà al sodo, come esisterà sempre chi sarà capace di arricchirsi lavorando duramente con capacità e chi invece sceglierà la scorciatoia del furto, della truffa ffa o dell’evasione fiscale e dirà: tutti bei ff discorsi poetici ed evangelici, ma nella vita bisogna essere pratici. La faccenda rischia di farsi troppo lunga e non pretendiamo di risolvere i problemi sociali. Limitiamoci allo sport e sottolineiamo quello che, nei nostri limiti, abbiamo potuto fare. Per esempio valorizzare l’attività che alcune fra le tante persone livornesi hanno svolto per lo sport. Abbiamo, infatti, consegnato nel 2012 due Premi Fair Play: uno “alla carriera” al pugile Franco Nenci medaglia d’argento alle Olimpiadi di Melbourne 1956 e detentore di vari altri titoli nazionali e internazionali e l’altro per “gesto di correttezza sportiva” al dodicenne Edoardo Trucchia, che nella fase finale di una gara di pallavolo toccava in modo quasi impercettibile la palla che finiva fuori del campo e l’arbitro assegnava il punto alla squadra di Edoardo decretanDa sx: Enzo Pantani, Lorenzo Gremigni e Marcello Dani

done la vittoria, ma era lo stesso Edoardo a richiamare l’attenzione dell’arbitro e dichiarava il suo errore determinando l’assegnazione del punto alla squadra avversaria. Sono stati assegnati, come negli scorsi anni, i premi all’Atleta Livornese ed al Dirigente Sportivo Livornese nella Storia, rispettivamente a Marcello Dani ed Enzo Pantani. Il primo è stato campione d’Italia di atletica leggera negli 800 metri nei primi anni ‘50 del secolo scorso e 19 volte nazionale negli 800 e nei 400 metri con partecipazione ai campionati europei di Berna ed ai Giochi del Mediterraneo; quindi, cessata l’attività agonistica molto presto per motivi familiari, ha frequentato l’Isef di Roma divenendo insegnante di Educazione Fisica e capo equipe degli insegnanti dell’Accademia Navale di Livorno, allenatore di mezzofondo della Libertas Atletica e preparatore atletico del Livorno Calcio e del Circolo Tennis Banditella, ed il secondo, dopo aver praticato calcio dal 1936 col G.S.Ardenza, ha conseguito la qualifica di arbitro nel 1949 svolgendo attività in campo e come segretario del Commissariato Provinciale dal 1952 al 1963, divenendo Presidente della Sezione dal 1963 al 1981. Dal 1964 al 1968 è stato Commissario Speciale della Lega Interregionale e dal 1969 al 1979 Commissario Speciale della Lega Semiprofessionisti. Nel 1976 ha avuto il Premio Nazionale Agostini della Figc, dal 1981 al 1988 è stato Segretario Onorario del Comitato Provinciale Coni di Livorno, nel 1985 ha ricevuto la Stella d’Argento Coni al merito sportivo e nel 1998 quella d’Oro. Fondatore della Sezione pallamano di Livorno nel 1986, ne è stato Presidente sino al 1996 ed ha ricevuto nel 1990 il premio Vallini. Dal 1989 al 1992 è stato membro della Giunta del Comitato Provinciale Coni e dal 1993 al 1997 Vicepresidente. Attualmente è dirigente dell’Atletica Livorno e Presiden-


te del’Atletica Uisp Agostini. Fa parte della Sezione “Nedo Nadi” di Livorno dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport della quale è stato Presidente dal 2002 al 2004 ed attualmente ne è Presidente Onorario. Dal 1973 è socio del Panathlon Club Livorno nel quale ha ricoperto varie cariche dirigenziali. L’8 aprile 2012 ha compiuto 90 anni e, come suol dirsi, è sempre sulla breccia.

I_dj[i_Z[bbÊWjj_l_j}(&'(

23 febbraio: Assemblea Generale Ordinaria dei Soci per l’approvazione delle relazioni sull’attività svolta nel 2011 e sul programma del 2012, nonché dei relativi bilanci consuntivo 2011 e preventivo 2012. 17 marzo: conviviale presso l’Hotel Rex con relazione dell’insegnante Mitzi Testi sul tema “La Danza” sotto l’aspetto coreografico e sportivo con immagini video ed esibizioni di alcune allieve. 19 aprile: conviviale presso l’Hotel Rex con relazione su “Ippica ed Ippoterapia” tenuta da Davide Bassi, fondatore e dirigente dell’Associazione “Aquila Nera” di Rosignano Marittimo con lo scopo principale di recuperare cavalli, in particolare purosangue, arrivati a fine carriera e probabilmente destinati al macello, ma che invece vengono mantenuti liberi nel vasto territorio a disposizione dell’Associazione e utilizzati per l’ippoterapia, cioè l’uso del cavallo per la cura, specialmente dei bambini affetti ffetti da disturbi ff di carattere psicologico. 12 maggio: conviviale presso il Circolo Tennis Livorno Banditella sui campi del quale viene disputata, ormai da vari anni, la fase conclusiva del tradizionale torneo di doppio organizzato dal Panathlon Club Livorno fra

FWjheY_d_ecWd_\[ijWp_ed_ ifehj_l[

Torneo di Scherma per bambini e bambine da 6 a 10 anni organizzato dalla Scuola di Scherma del Maestro Rolando Rigoli in memoria di Silvia Pierucci (arbitro internazionale di scherma e psicologa dello sport), con un contributo a favore dell’Associazione Onlus “I Cuori di Silvia”. Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno con Coppa Fair Play. Manifestazione nazionale di Tennis Super Bowl 2012 per ragazzi e ragazze da 10 a 14 anni con 6 coppe per le varie categorie nelle gare svolte a Livorno. Premio Panathlon Club Livorno nella riunione di galoppo all’ippodromo “F.Caprilli” con coppa al proprietario del cavallo vincente e targa al suo fantino.

9hedebe]_WZ[bfh[c_eWbbÊWjb[jW b_lehd[i[d[bbWijeh_W_ij_jk_je d[b(&&, 2006 Giusy Miglioranza Windsurf 2007 Letizia Tinghi Pattinaggio artistico 2008 Rolando Rigoli Scherma 2009 Fabrizio Gaetaniello Rugby 2010 Massimo Cosmelli Pallacanestro 2011 Paola Frittelli Pallavolo 2012 Marcello Dani Atletica leggera

Fh[c_eWbZ_h_][dj[ifehj_le b_lehd[i[d[bbWijeh_W_ij_jk_je d[b(&'' 2011 Alessandro Lomi 2012 Enzo Pantani

Panathlon

Da dx: l’insegnante Mitzi Testi ed un gruppo di allieve

le squadre formate dai soci dei club dell’Area Toscana Nelle semifinali Carrara-Massa batte Pistoia-Montecatini e Livorno batte Siena, ma nella finale la vittoria è della squadra di Carrara-Massa. Il team labronico è formato da Leonardo Brogi, Luciano Nardi e Antonio Heusch. Dal 17 al 20 maggio: la presidente Roberta Naldini ha rappresentato il nostro club all’Assemblea elettiva del Panathlon International tenuta a Siracusa, per il rinnovo delle cariche e quella di presidente internazionale viene conquistata da Giacomo Santini di Trento 16 giugno: il nostro club ha partecipato alla manifestazione “Sanità Amica”, organizzata dall’Azienda Usl 6 con la Provincia, il Comune e vari enti di Livorno per favorire i rapporti con i cittadini, allestendo uno stand aperto nella mattina e nel pomeriggio, insieme a quelli di altre associazioni cittadine, nell’atrio dell’Ospedale con esposizione di materiale illustrativo sull’attività del Panathlon e con la presenza di dirigenti e soci disponibili a fornire informazioni. 5 luglio: conviviale presso l’Hotel Rex con la relazione tenuta dal nuovo socio Fausto Bonsignori, vicepresidente e assessore allo sport della Provincia di Livorno, sul tema “Il termalismo nell’attività sportiva e nel recupero degli infortunati”. 26 luglio: Festa dell’Estate, conviviale presso il Circolo Ufficiali della Marina Militare con intrattenimento musicale. 10 settembre: convegno interclub dell’Area Toscana al Parco Termale di Uliveto Terme organizzato dal club di Lucca su “Mondiali di Ciclismo Toscana 2013” con la partecipazione di celebri personaggi di tale sport. 15 ottobre: conviviale presso l’Hotel Rex sul tema “Da Stoccolma 1912 a Londra 2012: 100 anni con il Fides al vertice del mondo. Presente e futuro del Circolo ed esperienze olimpiche” trattato dal presidente del Circolo Fides, nostro socio ed ex presidente Mario Miccoli. 22 Novembre: conviviale presso l’Hotel Rex sul tema “Il nostro Giocosport” trattato dal Alberto Buonaccorsi coordinatore tecnico del Comitato Provinciale Coni di Livorno, che su tale argomento ha recentemente pubblicato un libro, accompagnato dall’attuale reggente dello stesso Comitato, Mario Fracassi. Nella stessa occasione è stata effetff ffettuata la consegna dei Premi Fair Play 2012 del nostro club. 13 dicembre: Festa degli Auguri con assegnazione dei premi “all’Atleta Livornese nella storia” e al “Dirigente Sportivo Livornese nella storia”.

Eh]Wd_ieY_Wb_f[h_bX_[dd_e (&'(%(&') Presidente: Roberta Naldini Past president: Lorenzo Gremigni Consiglio Direttivo: Daniela Becherini Bruno Bologna Piero Dinelli Giorgio Galleni Luciano Nardi Marco Paglioni Alfredo Sisi Collegio dei Revisori Contabili: Rolando Ceccotti (Effettivo) ff ffettivo) Gino Galletti (Effettivo) ff ffettivo) Mauro Gallinari (Effettivo) ff ffettivo) Eugenio Lessi (Supplente) Enzo Pantani (Supplente) Collegio di Garanzia Statutaria: Giorgio Fanfani (Effettivo) ff ffettivo) Antonio Heusch (Effettivo) ff ffettivo) Alberto Ughi (Effettivo) ff ffettivo) Giorgio Guastalla (Supplente) Luigi Laudani (Supplente)

73


p

to

b i L pa

Comune di Rosignano

Comune di Sassetta

Comune di Suvereto

26-27 Gennaio 2013

è Ente promotore

lly

a

6-7 Aprile 2013

Comune di Marciana Marina

è organizzatore di:

Scotto PubblicitĂ Livorno

o

e Comune di Capoliveri

19-21 Settembre 2013

74


x x x x x x x x Xxxx Jcig^ii^XdYÉZXXZo^dcZeZg 6X^A^kdgcdHedgi 8deeVA^WjgcV6h[Vaid!GVaanZ:aWVZ GVaanZ:aWVHidg^Xd"<gV[Òi^ Y^6cYgZVEjXX^c^

so di un imperdibile spettacolo portato in dote dai migliori bolidi attualmente in circolazione. Un evento che subisce una continua metamorfosi: cambiamento che fa rima con progresso, visto che questo rally è arrivato ad assumere un peso specifico decisamente importante in quanto inserito nell’agenda del circuito nazionale (si tratta del secondo appuntamento in agenda nel calendario del Challenge Rally Nazionali VI zona, subito dopo l’altrettanto celeberrimo l Rally del Ciocco). Tutte gare imperdibili per addetti ai lavori, trasformatesi ormai da anni in tappe fisse per quelli che hanno voglia di godersi i ricordi ed emozioni di un tempo, come i tanti nostalgici ed appassionati residenti nella provin-

cia labronica. Ma anche un rendez vous di rango per chi è concentrato solo sul presente ed aspira ogni volta possibile ad inebriarsi dal vivo, lungo la carreggiata, del profumo di gomma bruciata e dell’amplificarsi nei timpani di quel dolce rombo prodotto dai motori spinti al massimo. Grande è quindi il merito del lavoro incessante di promozione e divulgazione di questi appuntamenti portato avanti da Aci Livorno Sport. Un gruppo che non si è adagiato sugli allori e che punta ancora a valorizzare una disciplina sportiva che lungo le strade di città e provincia affonda ffonda radici antiche, ff fatte di aneddoti, trofei e piloti di successo. Una campagna portatrice di un messaggio che Istituzioni, amministratori e potenziali partner e sponsor non potranno ignorare e che al contrario hanno il dovere morale di recepire, tenendo nella massima considerazione nell’ottica della continua e progressiva crescita. Per tornare molto presto ai fasti degli anni d’oro, epoca in cui la Coppa Liburna e i rallies all’Isola d’Elba si erano talmente integrati nel tessuto storico-culturale del territorio da venire considerati da tutti, profani del volante inclusi, un vero e proprio patrimonio da custodire gelosamente.

ACI: Automobile Club Livorno

C

on la riconferma della mitica Coppa Liburna tornata anche nel 2013 ad aprire i battenti della stagione agonistica del rally, lo staff ff dell’Aci Livorno Sport ribadisce ancora una volta il proprio ruolo di leader nella capacità professionale di allestire grandi eventi legati al panorama dell’automobilismo internazionale. Oltre alla Liburna Asfalto, attesa manifestazione motoristica che in questi ultimi anni ha avuto il merito di rinverdire i fasti della tradizione nostrana legata allo sport delle quattro ruote, quello che rappresenta il ‘braccio armato’ operativo sul campo dell’Automobile Club Livorno ha coltivato in parallelo la crescita ed il consolidamento degli altrettanto illustri eventi isolani come sono ormai divenuti sia il classicissimo Elba Storico - Graffiti, sia l’ex Elba Ronde, promosso già dall’anno passato al grado di Rally Nazionale. Proseguendo nel solco di un lunga tradizione fatta di successi e consensi riscontrati grazie ad un’attiva fervida ed incessante, Aci Livorno Sport ha calato nuovamente un tris d’assi vincente. Un trio composto in primis da quella Coppa Liburna che non vive esclusivamente dei fasti del passato, bensì è capace di evolversi nel giro di una manciata di edizioni sino alla più ambiziosa formula di Rally Due. Al fianco di quello che ormai rappresenta un consolidato apripista, ci sono poi l’altro paio di appuntamenti che trovano la propria ribalta naturale su un teatro fantastico come i leggendari tornanti dell’Isola d’Elba. Stiamo ovviamente parlando dell’intramontabile Elba Storico-Graffiti (un appuntamento che anche nel 2013 farà calare il sipario tra gli applausi e tante novità sul gran ‘trittico’ labronico, in coincidenza con l’ultimo weekend del mese di settembre) ed il parallelo Rallye Elba, forte anch’es-

75


76 Scotto PubblicitĂ Livorno


U

n pisano è il nuovo re della Livorno motoristica. Carlo Alberto Senigagliesi, pilota nato e cresciuto all’ombra della Torre Pendente, ha trionfato nella classifica generale della seconda edizione della Coppa Liburna Rally Asfalto. Approfittando del trend agonistico decisamente positivo che lo aveva contraddistinto nel periodo precedente la gara, Senigagliesi ha dato continuità alle sue prestazioni. A bordo di una Renault Clio Super 1600, cilindrata abbracciata dopo due anni di digiuno ed affiancato in questa speciale avventura dal copilota Giacomo Morganti, il driver toscano si è tolto un’ulteriore soddisfazione grazie ad un’interpretazione di guida matura e solida.

8deeVA^WjgcVGVaan6h[Vaid'%&( AdhedgiYZa[jijgd!igVY^kZgi^bZcid! ijg^hbdZXjaijgV Y^6cYgZVEjXX^c^

Il trionfo del pilota pisano è infatti maturato a partire dalla terza prova speciale, vale a dire il primo giro sulla celebre Prova Speciale denominata dagli addetti ai lavori ‘Traversa Livornese’. Pur supportato anche da un pizzico di buona sorte considerato che il rivale pistoiese Paolo Moricci, al via con una Mitsubishi Lancer EVO IX gruppo R e sino a quel momento leader della classifica generale ha dovuto improvvisamente alzare bandiera bianca per rottura della trasmissione, Senigagliesi ha avuto il merito di farsi trovare pronto all’appuntamento con il destino. In precedenza Moricci, driver di Montecatini Terme, aveva preso il comando con un attacco deciso sul primo giro della ‘piesse’ di Sassetta, l’altro celebre tratto considerato dagli esperti come tra i più competitivi a livello nazionale. Già nei confronti di questo iniziale attacco, Senigagliesi aveva però mostrato la voglia e la forza di restare in scia all’avversario, chiudendo la prima porzione di gara con un passivo di soli 4 h7 dalla vetta e lasciando presagire un duello quanto mai combattuto anche per il finale in volata ‘spalla a spalla’.

=b_Wbjh_fhejW]ed_ij_

Una volta balzato in testa, Senigagliesi ha quindi cercato di gestire al meglio l’insperato vantaggio, riuscendo a controllare la ba-

Una bella immagine del podio finale dell’edizione 2013

garre accesa dagli inseguitori. Le insidie più temibili sono arrivate dalle incursioni del 24enne collega piacentino Andrea Carella, al debutto sui tornanti della provincia livornese a bordo di una tanto efficace quanto maneggevole Renault Twingo Gordini da 1600cc. Alla fine, proprio Carella (tornato alle competizioni ufficiali dopo quattro mesi di pausa, al fianco per la prima volta di una navigatrice ‘in rosa’ come la genovese Giulia Cresta) ha chiuso in seconda piazza. ‘Medaglia di bronzo’ per l’esperto Fabio Bolognesi (Mitsubishi Lancer EVO IX gr. N): avvincente la battaglia animata nella seconda parte ed intrapresa con il beniamino locale Alessio Mori (Renault Clio S1600). Entrambi sono arrivati alla soglia dell’ultima prova speciale,

il secondo giro sulla ‘Traversa’, con lo stesso tempo totale al decimo di secondo. L’ago della bilancia è stata così la famigerata “piesse” conclusiva, utile per decretare il gradino più basso del podio tutto toscano dove si è issato il pratese di adozione ma nativo proprio di Livorno Bolognesi. Quest’ultimo è stato autore di un colpo di reni, grazie al secondo tempo assoluto di prova dietro a Carella con appena otto decimi di ritardo. Tra le vetture storiche il successo è andato alla VolksWagen Golf GTI dell’elbano Massimo Giudicelli, con le due Autobianchi A112 Abarth di Paoletti e Becherini ai posti d’onore.

ACI: Automobile Club Livorno

BWYhedWYW

B_XkhdW"bÊ[l[djeifehj_le Z[b\kjkhe

L’avvenimento ha abbracciato tutta la provincia, con una bella cornice di pubblico presente lungo il percorso e confortato dal meteo favorevole. Anche le iniziative collaterali organizzate da ComunicAzione Srl e Promos Eventi presso il Terminal Crociere hanno richiamato un forte afflusso di visitatori. Un grande grazie viene così rivolto da parte degli organizzatori a tutti coloro che hanno collaborato all’ottima riuscita dell’evento. La gara sportiva si è trasfor-

Il Presidente Pardini, in rappresentanza dell’AC Livorno, interviene sul palco durante il Convegno sul tema della sicurezza stradale

77


IZa#%*-+)%('&& ;Vm%*-+)').+( 8Zaa#((-()(-(*%

K^V;VW^d;^ao^&.^ci#&& *,&''A>KDGCD

j1HB@LAH M@YHNM@KH DCDRSDQH

j%HKSQH@QH@ NKHN  F@RNKHNDB@QATQ@MSD

j%HKSQH @QH@ NKHND B@QATQ@MSD

j+TAQHÃ&#x2122;B@MSH  KHPTHCHEQDMH 78

lucautoricambi@alice.it

Scotto Pubblicità Livorno

j!@SSDQHDODQ @TSNLNSNM@TSHB@


Una panoramica che ritrae la vettura vincitrice in azione

dei luoghi simbolo della nostra città dove sono stati allestiti sia il quartier generale logistico della gara sia gli appositi spazi per le conferenze e l’intrattenimento. I vari appuntamenti si sono articolati su più sedi nel limitrofo quartiere storico della Venezia, animato durante il weekend della gara con visite ai monumenti e palazzi a cura di Ursula Pareti dell’Associazione Guide Storiche Livorno, dalla presentazione dell’Organo Ducci (1837) a cura di Massimo Signorini presso la Chiesa di Santa Caterina (detta “dei Domenicani”), grazie all’apertura ai visitatori della storica Cantina del Palio Marinaro.

Kd[l[djeWjkjjejedZe

Se Livorno e la sua provincia vogliono che l’evento continui ad essere organizzato e rimanga sui livelli degli alti standard professionali che è stato capace di raggiungere nel giro di così pochi anni dalla propria rinascita, diventa necessario il supporto singergico dell’intero tessuto istituzionale ed imprenditoriale di città e provincia.

La ‘conditio sine qua non’ è quindi legata all’impegno da parte di tutti gli attori e partner interessati alla buona riuscita, alla voglia concreta di contribuire più o meno direttamente al sostegno economico della manifestazione in chiave di promozione del territorio, proprio seguendo le orme segnate dalla nuova veste ‘apripista’ inaugurata nel 2013 dalla Coppa Liburna. Anche per merito di coloro che hanno rinnovato la propria fiducia come i tanti sponsors delle edizioni precedenti che hanno confermato il proprio nome nella lunga lista di chi ha inteso affiancare il proprio brand a quello della Liburna (Banca Cras, Camera di Commercio di Livorno, Eni, Ip e Gigoni.com in primis), l’appuntamento può diventare uno tra i più attesi. Un happening moderno, multimediale e fruibile da una platea quanto più vasta, variegata ed eterogenea possibile, in grado di coinugare e miscelare in maniera equilibrata tre ingredienti di indubbio richiamo per il pubblico come lo sport, la cultura ed il turismo. CLASSIFICA ASSOLUTA: 1. SenigagliesiMorganti (Renault Clio S1600) in 31’03.1; 2. Carella-Cresta (Renault Twingo Grodini) a 8.3; 3. Bolognesi-Baldi (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 21.1; 4. Mori-Meini (Renault Clio S1600) a 26.7; 5. Bertini-Ferrari (Renault Clio Williams) a 1’24.8; 6. Guarducci-Bazzani (Bmw M3) a 1’37.1; 7. Leone-Giannarini (Abarth Grande Punto) a 1’45.1; 8. VolpiRaugi (Citroen C2 Vts) a 2’11.5; 9. Morelli-Simi (Renault Clio Rs) a 2’15.8; 10. Guidi-Baldo (Peugeot 106 Rally) a 2’28.4.

ACI: Automobile Club Livorno

mata in una vera e propria festa invitando la cittadinanza ad intervenire attivamente. La Coppa Liburna, un evento che accomuna generazioni, infatti si è arricchita enormemente per merito di contenuti rivolti a tutta la città ed in particolare ad una fetta di pubblico più giovane che, per ovvi motivi anagrafici, non ha potuto vivere il periodo d’oro della gara a cavallo tra gli anni ‘70 ed ‘80 ed oggi ha invece una seconda occasione per scoprirne tutto il fascino. L’edizione 2013 ha quindi presentato un calendario fitto di appuntamenti, nel quadro di un’occasione ghiotta per far conoscere Livorno e il suo territorio ai forestieri e di un prezioso parallelo momento di riflessione, utile a richiamare l’attenzione su un tema importante come quello della sicurezza stradale. Oltre al già gustoso show sportivo, si sono alternati anche spettacoli, incontri, visite e degustazioni, con l’obiettivo di fornire una vetrina di spessore ai partecipanti. Sia sotto il profilo cultural-informativo (attraverso un interessante dibattito sulla sicurezza con la presentazione del libro “Vite Sicure” della giornalista Ilaria Guidantoni, al quale ha partecipato anche il neo rieletto Senatore del Partito Democratico Marco Filippi, passando per la dimostrazione pratica di una simulazione di incidente stradale con intervento di primo pronto soccorso a cura della Croce Rossa Italiana, sino ad arrivare alla proiezione di un capolavoro cinematografico ‘a tema’ come “Il Sorpasso”) sia turistico. A corredo della competizione infatti, si sono tenuti una mostra Mercato a cura della Onlus Amici della Zizzi con la vendita per beneficienza di giocattoli, collezionismo e modernariato ed una sorta di “Rally in miniatura”, con esposizione e gara per auto da corsa telecomandate a cura del Club RC Gymnasium. A fare da splendido teatro non c’è stato solo il Terminal Crociere, messo gentilmente a disposizione dalla Porto di Livorno 2000 ed uno

La Coppa Liburna si è consacrata ormai come un evento che va oltre il semplice appuntamento sportivo

79


Scotto PubblicitĂ Livorno

    

               GiĂ dalla fine degli anni â&#x20AC;&#x2DC;80 esiste, a Livorno, un centro dâ&#x20AC;&#x2122;assistenza denominato Autofficina Royalties, comprendente due distinte entitĂ : revisioni auto e officina meccanica. Diego Carnelosso è il titolare che conduce lâ&#x20AC;&#x2122;officina meccanica, su una superficie di oltre 400 m², operano con lui due collaboratori. Andi, che si dedica espressamente alle revisioni periodiche di auto e moto, curandone ogni aspetto tecnico e burocratico, Michael che assiste nella meccanica generale. Il campo di attivitĂ  di Royalties è particolarmente ampio. Oltre che operare sulla completa meccanica del vei-

colo, si occupa di motor management elettronico, di parte elettrica e relativi accessori, meccanica generale, condizionatori, gomme ecc, non disdegnando complessi interventi su vetture dâ&#x20AC;&#x2122;epoca. Lâ&#x20AC;&#x2122; Autofficina Royalties offre qualitĂ e convenienza. Le caratteristiche che contraddistinguono unâ&#x20AC;&#x2122;officina di successo sono la serietĂ  e il positivo rapporto con il cliente. In piĂš, è necessario operare con personale competente e attrezzature adeguate. Solo cosĂŹ è possibile conquistare la fiducia e la fedeltĂ  dellâ&#x20AC;&#x2122;automobilista. Tutto ciò, naturalmente, implica notevoli investimenti.

          

  lâ&#x20AC;&#x2122;iniziativa comprende una ricarica di 500 punti sulla tessera Aci Money per quanto riguarda le revisioni auto e moto, mentre uno sconto del 10% verrĂ applicato sulle eventuali operazioni legate alla manodopera, anche queste accreditabili sotto forma di ricarica punti sulla carta dorata targata AC Livorno.

Nuova sede: Via Dei Pelaghi 192/194, 57124 Livorno Telefono: 0586 858308/500458 - Fax 0586 1831055 www.revisioniautolivorno.it OrarioEBMVOBMHJPWtWFOtTBC


BWYhedWYW

Si tratta della seconda vittoria consecutiva di una Lancia Rally 037 al Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy che ha celebrato la sua 24esima edizione, valida

GVaan:aWVHidg^Xd"<gV[Òi^/ ÆEZYgdÇ"KZgYZaa^Xdc[ZgbVcdaVaZ\\ZYZaaVAVcX^V Y^6cYgZVEjXX^c^

L’edizione 2012 ha fatto toccare un nuovo record di iscritti alla manifestazione elbana

come nona prova del Campionato Europeo Rally Autostoriche ed ultimo atto del Campionato Italiano. Dopo dodici Prove Speciali ricavate dalla storia del rally isolano, il bis della berlinetta torinese – dopo la vittoria di Bianchini del 2011 - è stato siglato dai lombardi “Pedro”-Verdelli su un esemplare della Key Sport, per i colori del Rally Club Sandro Munari. Il successo è maturato durante la settima prova speciale (la “Parata-Nisporto”) quando il sino ad allora leader, Salvatore Riolo, con la Audi Quattro, ha dovuto alzare

bandiera bianca per rottura del collettore di scarico. Proprio con il blasonato siciliano, “Pedro” aveva ingaggiato per tutta la prima tappa un duello avvincente che aveva fatto chiudere la contesa con l’inezia di 1’7 di vantaggio da parte di Riolo. Una volta uscito di scena il rivale, “Pedro” ha guidato con prudenza, senza prendere rischi inutili visto che in ballo c’era anche il prestigioso titolo continentale del Quarto Raggruppamento (che ai fini del Campionato Italiano non è contemplato). Una condotta accorta considerato che il suo più diretto rivale, il norvegese Walter Jensen al via pure lui con una Lancia Rally, non è mai riuscito ad entrare nel vivo della lotta di vertice.

ACI: Automobile Club Livorno

U

n’edizione da record. Addirittura quota 121 iscritti raggiunta alla viglia, con le validità ufficiali salite a ben tre. Tutti numeri perfetti quelli snocciolati dall’edizione 2012 del Rally Elba Storico Graffiti. A quelle già presenti in passato dei Campionati Europeo ed Italiano di Rally Storici, si è affiancata il FIA Trophy for Historic Regularity Rallies, settima prova delle undici in calendario. Dopo l’esperimento del 2011, chiesto espressamente dalla Federazione Internazionale dell’Automobile, la disciplina di “regolarità media” (la nuova frontiera della specialità), il ‘Graffiti’ ha quindi celebrato alla grande le nozze d’argento grazie alla nuova validità ufficiale. La disciplina ha rappresentato un’evoluzione della regolarità “classica”, volta certamente più all’agonismo, dove a fare classifica sono stati i controlli di passaggio, i controlli a timbro e le prove definite “di precisione”. Le vetture hanno dovuto così mantenere una media, non sempre uguale, stabilita di volta in volta dall’organizzazione della gara e garantita tramite controlli a sorpresa lungo il percorso. L’evento è stato impreziosito ulteriormente da una vera e propria ‘messe’ di trofei di specialità collaterali: il Trofeo A112 Abarth, il Trofeo “della Regina”, dedicato alle Lancia Fulvia HF, il Trofeo Fiat 127, oltre al Challenge Rally Autostoriche 2012 ed al Challenge Italia 2012 hanno regalato ulteriore lustro e visibilità all’appuntamento.

?feZ_

Secondo assoluto si è piazzato il brillante valtellinese Luigi Marchionni (Porsche 911), in coppia con Belfiore, rientrato brillantemente alle gare dopo una pausa di due anni. Bronzo al senese Alberto Salvini , su un’altra Porsche 911: anche nel suo caso, si tratta di una bella storia personale

La dimensione europea rappresenta la ciliegina sulla torta per una corsa già ricca di tradizione

81


82


di riscatto all’indomani della delusione sofferta fferta ad inizio mese in Friuli, quando ff una “toccata” iniziale lo penalizzò per tutta la gara. Marchionni ha avuta una condotta di gara sopra le righe, sfruttando al meglio la sua Porsche, andando anche a vincere il secondo raggruppamento ed aggiudicandosi anche la vittoria per quanto riguarda la classifica tricolore. Ai piedi del podio assoluto ha vissuto una gara decisamente effervescente ffervescente il terzo ff raggruppamento, la cui vittoria è andata al lecchese Marco Raoul Domenicali (Porsche 911). Un alloro maturato dopo un intero rally corso sul filo dei decimi di secondo contro il bresciano Roberto Montini (Porsche 911). Un duello davvero appassionante tra i due, nel quale Domenicali a tre quarti di gara ha sudato freddo per un doppio testacoda dal quale ha reagito con freddezza andando così sopravanzare l’avversario. Il partenopeo

che l’atto finale del Campionato Italiano Rally Autostoriche. Spettacolare anche il Trofeo riservato alle A112, che ha proposto al via ben 14 vetture, a conferma della validità della formula. Gara e Campionato sono stati vinti dal veloce e spettacolare trentino Tiziano Nerobutto, in coppia con la figlia Francesca.

9ed\[hc[l_dY[dj_

Il Quartier Generale è rimasto con successo Capoliveri: la location ideale presso le funzionali strutture dell’Hotel Elba International, una struttura alberghiera esclusiva che ammira il Golfo di Porto Azzurro e sempre più coinvolto nel progetto Rally (teatro anche di un riordinamento), dove si sono dislocate la Direzione di Gara, la Segreteria e la Sala Stampa. Stesso discorso valido per le partnership a livello di

tellinese Lucio Da Zanche (in coppia con Paola Valmassoi su una Porsche 911 RS), il quale ha bissato il titolo già conquistato nel 2011. Per Da Zanche, la gara elbana è stata tutta di contenimento, in quanto gli sarebbe stato sufficiente appena il quinto posto di categoria per raggiungere lo stesso Tanto pubblico ha affollato ffollato il quartier generale logistico dell’evento ff obiettivo. Il Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy ha costi- sponsor. Locman Italy, Moby Spa, Comutuito infatti la decima delle dodici prove ne di Capoliveri, Eni, Ip, Acqua dell’Elba complessive del Campionato Europeo ed ovviamente l’Automobile Club LivorFIA Rally Storici ed essendo stato annul- no anche per l’edizione 2012 della gara lato il “Mugello Stradale”, è stato infatti an- hanno riconfermato il proprio impegno al fianco dell’organizzazione e ribadito la loro forte passione per il binomio inscindibile composto dallo sport motoristico e dall’Isola d’Elba. Notevole anche la collaborazione fornita dal Comune di Rio nell’Elba, la cui Amministrazione ha di nuovo mostrato sensibilità per l’evento inteso come indissolubile dal proprio territorio tramite le ‘piesse’ che l’hanno attraversato, collaborando nuovamente con il Comitato Organizzatore affinché l’evento possa avere il risalto che merita.

ACI: Automobile Club Livorno

Capoliveri ha confermato di essere una location suggestiva e accogliente

Luigi Zampaglione, affiancato dal siciliano Giuseppe Livecchi (Porsche 911) ha vinto con ampio margine il primo raggruppamento sul bresciano Massimo Giuliani, con Sora alle note su una meno potente Lancia Fulvia HF. Da Zanche ‘scudettato’. Il Rallye Elba targato 2012 ha pure assegnato lo scudetto tricolore assoluto, andato nelle mani del val-

Le piesse in notturna esercitano da sempre un fascino particolare sugli appassionati di motori

83


84


GVaan:aWV'%&' EZgZ\d";adg^hVkdaiZg^idgcVcd!eZgk^cXZgZ Y^6cYgZVEjXX^c^

Il bis sul primo gradino del podio concesso dall’equipaggio Perego-Floris

zioni di un duo già posizionatosi al comando al termine delle prime prove Speciali, quando si è girato sotto l’impareggiabile fascino delle luci abbaglianti in notturna. La gara, organizzata da Aci Livorno Sport con il prezioso supporto dell’in-

tera comunità elbana, valida come terza prova del Challenge Rally Nazionali di VI zona e composta nella sua nuova e più importante formula da ben sei ‘Piesse’, ha confermato il grande appeal che l’evento elbano continua storicamente ad esercitare su addetti ai lavori ed appassionati dell’automobilismo sportivo su scala internazionale. Un fascino inizialmente favorito anche dall’appassionante incertezza espressa dai risultati differenti fferenti emersi ff al termine delle prime quattro Prove Speciali corse costantemente sotto la pioggia e vinte da un poker altrettanto eterogeneo.

ACI: Automobile Club Livorno

è anche un buon 50% di dna livornese nel successo dell’equipaggio del Team Terrosi all’edizione 2012 del Rally Elba. Al fianco di Andrea Perego, un pilota accreditato dai favori del pronostico considerato quel prestigioso titolo di Campione Italiano “Produzione” presente già nel palmares personale dal 2010, ha fatto festa anche il navigatore labronico Alessandro Floris. Un tandem esperto che, alla guida di un bolide come la Peugeot 207 S2000, ha sbaragliato avversari tanto agguerriti quanto qualificati malgrado il driver valtellinese fosse soltanto alla sua seconda apparizione al volante della due litri transalpina e non corresse sulle strade dell’Isola più importante dell’Arcipleago Toscano dall’ormai lontano 2000, quando era ancora all’inizio di quel percorso (la terza apparizione assoluta) che si è poi dipanato in una dignitosa carriera. E dire che la concorrenza risultava composta da ben 28 beniamini locali (una fetta consistente di adesioni, sulla quota quasi record di 94 iscritti), al via con il non trascurabile vantaggio di conoscere tutti i segreti degli insidiosi tornanti elbani. Invece dopo uno start bagnato a causa di un meteo inclemente nel tardo pomeriggio di sabato, il confermatissimo quartier generale dell’evento ospitato in quel di Porto Azzurro si è rivelato il teatro ideale per le celebra-

BWYhedWYW

Se sulla “Volterraio” avevano dato il via alle danze David e Daniel Giacomelli con la loro Renault Clio S1600,

Anche il bel tempo ha contribuito all’ottimo bilancio in fatto di affluenza di spettatori

85


AUTOFFICINA PLURIMARCHE dal

1965 Presti & Sorrentino snc di Celesti & Paoli

3%26):)/ #,)-!4)::!4/2)

3/34)45:)/.) "!44%2)%

Scotto Pubblicità Livorno

$)!'./3) #/-054%2)::!4!

3%26):)/ 2%6)3)/.)

Viale Italia, 75/77 - 57126 LIVORNO Tel. e Fax 0586 806420 - e-mail: offpresti@virgilio.it 86


dalla seconda prova in poi però Perego è passato al comando in barba al progressivo innalzarsi della nebbia ma grazie ad una maggiore costanza di rendimento e ad un testacoda contemporaneo dei fratelli di Portoferraio. Malgrado le successive ma estemporanee affermazioni ffermazioni del pistoiese ff Raffaele ffaele Tognozzi su Renault Clio R3 e ff dell’altro volto noto elbano Francesco Bettini, spronato alla rimonta da un minuto intero di penalità preso per un “anticipo” pagato al Controllo Orario che precedeva la seconda prova, nella mattina di domenica Perego ha custodito e incrementato gelosamente quel gap favorevole di 19’’ su Tognozzi e 23’’8 sull’altro locale Emanuele Mannoni, già vincitore uscente delle ultime due edizioni prima con formula Ronde e poi Rally-2 ma stavolta penalizzato dal debutto con la Peugeot 207 S2000.

In concerto con l’intera Isola e le sue amministrazioni locali, si è infatti offerta fferta un fedizione decisamente imff portante del Rallye Elba, quella che ha visto confermato l’apprezzamento e l’affetto ffetto di tutti verso un evento che ff guarda davvero lontano, con aspirazioni importanti. A testimonianza di ciò, non ci sono solo le folte presenze ‘palpabili’ dal vivo lungo le strade elbane e che in generale hanno orbitato come sempre, spinte dalla curiosità e dalla passione per i motori, intorno al quartier generale. Anche quelle virtualmente al seguito dell’evento confermano un trend felice: nella settimana della gara, le visite al sito web ufficiale della gara sono cresciute del 13% rispetto a quelle re-

Evo IX, tra l’altro anche ottavo assoluto. Notevoli le performance fornite anche nei tre Trofei monomarca Renault: il “Clio R3 di Zona C” (Tognozzi, il migliore), il “Twingo Gordini R2” (vinto dal massese Gianmaria Tardelli) ed il “Corri Con Clio” (dove ha vinto il lucchese Marco Lombardi). In crescita esponenziale anche le statistiche dei contatti alla gara via web E se per le moderne è passato lo straniero, tra le gistrate complessivamente nel 2011. vetture storiche al seguito il ‘fattore Nel corso del weekend in cui si è tecampo’ ha premiato un equipaggio nuta la competizione poi, la crescita di locale. Con la loro Lancia Fulvia HF, contatti su internet è stata addirittura Marco Galullo e Simo- del 14%. Tutti dati importanti che confermana Calandriello hanno no la crescente attenzione verso la vinto agilmente. gara e che faranno la felicità anche deDkc[h_ZW gli stessi sponsor (ENI, MOBY e API-IP YWfe]_he Tanta soddisfazione su tutti) e delle Amministrazioni (dal per l’organizzazione Comune di Porto Azzurro a quello di Portoferraio, che ha ospitato un riored i suoi partner. dinamento, a quello di Rio nell’Elba oltre agli altri di Rio Marina, Campo nell’Elba, Marciana e Marciana MariSponsors e Amministrazioni na) i quali con costanza e coraggio sodei Comuni locali hanno stengono ogni anno un pezzo di storia reso possibile il ripetersi di questa “magia” elbana sportivo-culturale del territorio.

ACI: Automobile Club Livorno

Sono stati ben tre i trofei riservati alle vetture di casa Renault

Le curve dell’ugualmente celebre e selettiva “Monte Perone”, un tratto dove le vetture non hanno avuto la possibilità di usufruire di alcuna assistenza, hanno poi rimescolato le carte di molte posizioni ma non quella più importante. In Gruppo N, la migliore prestazione l’ha fornita il versiliese Valerio Catelani con una Mitsubishi Lancer

87


88


>cg^XdgYdYZab^i^Xd EVdadC^hiV

Paolo Nista con Fabrizio Gigoni al Rally Elba Storico 2007

dei rally rimarranno sempre la mitica coppia Gigoni-Nista. Insieme a Fabrizio hanno corso per circa vent’anni poi una pausa avvenuta a metà degli anni ottanta con lo stop delle mistiche gruppo “B”, sì perché loro avevano corso con tanta macchine, ma la mitica Porsche era quella che li aveva fatti divertire più di ogni altra vettura da corsa che avessero provato, tanto difficile da guidare quanto affascinante per la storia che ha fatto nei rally di tutto il mondo. Poi nel 2007 la passione si riaccende e Fabrizio con Paolo si ritrovano affittando sempre una Porsche per fare il mitico rally dell’Elba, la passione riesplode e subito a poco viene acquistata una Porsche, è qui che Paolo passerà giorni e talvolta notti a preparare l’oggetto del desiderio, e via come una volta a divertirsi sulle strade del Casciana, Elba, del Mugello, sì come una volta ma con più passione, perché quando si invecchia le cose si fanno veramente con lo spirito del divertimento su tutti. Voglio ricordare brevemente la mia esperienza. Paolo è stato quello che mi ha fatto esordire nei rally, Paolo Nista con Matteo Gigoni al Rally Casciana Terme 2008

tutto nacque per caso perché dovevo correre con un navigatore esperto, ma tutto saltò ed ecco Paolo sempre disponibile, impossibile dire di no, era il mitico rally di Casciana Terme del 2007, io ero emozionatissimo ma devo dire la verità con Paolo accanto era come avere un qualcosa di più di un amico, era veramente una sicurezza in tutti i sensi. Ci ritirammo per noie meccaniche ma ci divertimmo tantissimo, da lì a poco facemmo un qualcosa come 20 gare insieme, sono stati anni bellissimi, con nessun altra persona riuscirò mai a provare le emozioni che mi ha fatto provare Paolo. Di Paolo voglio ricordare che era una persona dal carattere semplice e modesto ma dentro aveva un cuore grandissimo, indirettamente faceva felici tutti quelli che gli stavano accanto, perché Paolo non diceva mai di no a nessuno, per qualsiasi richiesta di aiuto. per sistemare un motore o per qualche manovalanza che fosse e lui non tirava mai indietro, talvolta un po’ burbero nei modi e arruffato ffato nell’aspetto ma di una ff bontà unica… di persone così ne ho cosciute poche, per me era unico. Paolo ha lasciato tantissimi ricordi fatti di racconti, aneddoti, storie che andava raccontando, era bello stare in compagnia perché era un po’ come un libro aperto, era un maestro di vita, che penso ci mancherà tantissimo. Ciao Paolo sarai sempre nei nostri cuori. Matteo Gigoni

ACI: Automobile Club Livorno

P

er ricordare Paolo penso che un libro non basterebbe, una persona che ha vissuto la sua vita così intensamente che i ricordi sono veramente un’infinità. Paolo era una persona di una disponibilità unica quando avevi bisogno era sempre lì al tuo fianco, per ogni cosa che gli chiedevi ti rispondeva sempre “non c’è problema...”, questo aveva fatto sì che avesse un legame particolare con tutte le persone che conosceva, parenti e non, ma soprattutto con gli amici dava tutto quello che aveva, sia ben chiaro la priorità l’avevano sempre gli amici delle corse, dei rally.. Si proprio i rally lo sport che amava di più in assoluto, era come drogato di questo sport meraviglioso, la passione per la meccanica su tutti, lui storico meccanico fin da giovane ne aveva fatto una ragione di vita, non esisteva giorno che non fosse da qualche parte ad “aggeggiare” qualche motore di un amico… bastava fosse un motore e lui era sempre pronto per dare la sua disponibilità… poi con i rally iniziò da pilota ed era anche un piede ma forse un po’ troppo falloso, quindi si mise sul sedile di destra a disposizione di tanti piloti… era quella che sapeva fare meglio: dare tutto per gli altri. Di amici Paolo ne aveva veramente tanti, su tutti vanno ricordati i Benini i Campani e tanti altri… ma su tutti aveva sempre una priorità Fabrizio Gigoni suo compagno di moltissime gare fin dagli anni ’80 con la mitica Golf “giallona”, è con Fabrizio che aveva creato un rapporto speciale di stima reciproca ma allo stesso momento introverso, perché erano due caratteri opposti, Paolo sempre accomodante Fabrizio sempre preciso e pignolo, però si volevano un bene della madonna… hanno fatto divertire tanta gente sulle strade della Toscana, sugli annali

89


PARTECIPAZIONI WEDDING PLANNER ARREDI PER UFFICIO MACCHINE PER UFFICIO CANCELLERIA MATERIALE SCOLASTICO ARTICOLI DA REGALO

Via degli Arrotini, 37 (Zona Picchianti) - Livorno Tel. 0586 424011 - Fax 0586 400043 - e-mail: tecno@tecnograficaitaliana.com

AMPIO PARCHEGGIO

Scotto Pubblicità Livorno

BOMBONIERE

WWW.TECNOGRAFICALI.IT

TECNO Grafica


x x x l x e x d o x x M x XxAxuxto HjeZgXVg[dgbVidb^c^! ^aXVbe^dcZƒjcgV\VoodYZaaÉ>i^ C^Xd8ViZaVc^!&.Vcc^!YZiiVaZ\\ZcZ^XVbe^dcVi^ igViidYVÆ>aI^ggZcdÇYZa+bVgod'%&(

Nico Catelani

L’ultimo successo nel suo palmares? “Il campionato italiano Amsci Indoor - dice Nico - si è aperto per me nel migliore dei modi con la vittoria a Pozzolo (Vicenza)”.

Il prossimo appuntamento è da metL’ha spuntata nella categoria EStock. Con un plauso del blog di culto per gli tere in cartellone alla data del 16 e 17 appassionati di queste microvetture che marzo: è in agenda il campionato italiano schizzano a velocità folli: Nico Catelani Uisp a Scandiano (Reggio Emilia). Ma com’è cominciata questa storia? - scrivono gli addetti ai lavori di automodelli.it - ha “confermato la leadership Bisogna tornare indietro al 2009: Nico ha delle qualifiche anche in finale risultando 15 anni e i suoi genitori gli comprano “la imprendibile per tutti i suoi antagonisti prima “vera” macchina”. e girando in tempi praticamente identici alla categoria E1: la classe non è acqua ed il ragazzo farà tanta strada”. Del resto, nel 2011 Catelani debutta nel campionato italiano Uisp Outdoor in cui si è fatto subito onore: quinto posto in campo nazionale. Non basta: lo scorso anno Nico è in lizza nel campionato Amsci Indoor e al tirar delle somme arriNico Catelani al centro, durante la premiazione va secondo. Ma non vuol Racconta lui: “Inizio a girare nella pista fermarsi qui: “Partecipo con buoni risultati anche al campionato europeo Ets dove ci di Livorno e Cecina. Nel 2009 vinco il campionato di Cecina. sono i migliori piloti del mondo” mondo”. Dopo questo ho iniziato con qualche A metà ottobre nella sfida europea di gara fuori città: Firenze e Casalecchio, tanMulheim-Kàrlich, citta- to per dirne un paio”. Nico non risparmia parole di ringradina tedesca della Renania non lontano da ziamento per i suoi genitori: sono i suoi Coblenza, è stato fra i primi tifosi e suo padre lo accompagna più brillanti nella com- spesso. “Questo gioco - spiega - fatto a pagine dei concorrenti questo livello è abbastanza costoso, Le macchine raggiugono i 100 chilometri oraitaliani. ri ma non conta molto la velocità ma una guida precisa: sono in carbonio e per gli accessori (motori, batterie, ecc.) è sempre una Nico Catelani a dx durante la premiazione ricerca della qualità migliore”.

A.M.S.C.I.: Auto Model Sport Club Italiano

ìF

in da bambino ho avuto la passione delle macchine: prima quelle Chicco, poi quelle Lego”. Nico Catelani, classe 1994, non ha ancora l’età giùsta per stare al volante di una Formula Uno da autodromo ed ecco allora che si mette alla guida di un automodello “rigorosamente elettrico con telecomando” e va alla conquista di titoli e allori. “Il mio sogno è poter Guidare una di queste auto ma vera: potrei accontentarmi però di fare il meccanico”. Non a caso, è uno studente dell’Iti Galilei indirizzo meccanica.

91


x x x x a x c i x t x e x l XxxAxt FjVcYdaZhdX^Zi|Xdhigj^hXdcdXVbe^dc^ AVhdYY^h[Vo^dcZ YZaEgZh^YZciZYZa8db^iVidEgdk^cX^VaZ 9^6cidc^d8VegV^

salto in alto il titolo di Campione italiano e soprattutto il primato nazionale con la misura “stratosferica” di 2,07 metri. Il settore femminile dell’Atletica Livorno non sta a guardare con Ilaria Cariello che nel salto in lungo è argento ai Campionati italiani e più volte sfiora la misura di sei metri che è nelle sue notevoli potenzialità. La Libertas Runners Livorno, settore femminile, ottiene con Sara Fuduli il secondo posto nella graduatoria nazionale di lancio del martello cadette ed il terzo posto con Alice Criscuolo nel salto con l’asta cadette. Sempre per l’Atletica Libertas Runners Livorno Matilde Chelli è seconda nelle graduatorie nazionali di lancio del disco cadette. Complessivamente in un panorama ricco di campioni, considerando il “grande” Nicola Vizzoni che sempre stupisce per le sue ottime prestazioni a livello di partecipazione alle olimpiadi di cui è un veterano ed Andrea Lemmi sempre pronto a confrontarsi ad alto livello, si vive al campo sportivo scolastico di via dei Pensieri un’atmosfera molto stimolante. In atletica leggera sono i numeri che

parlano, e questi dicono di centinaia di piccoli atleti “esordienti” che frequentano il campo sportivo scolastico, di record italiani e toscani, di partecipazioni a Campionati del mondo. Il 2013 sarà un anno di ulteriore crescita per la nostra atletica leggera grazie, alle iniziative di promozione della specialità che il Comitato Provinciale Fidal e le due Società del settore agonistico metteranno in campo. Il settore tecnico, fra i più preparati nel panorama nazionale, sarà la componente che dovrà mettere in risalto le qualità individuali motivando sempre gli atleti. I dirigenti stanno sviluppando strategie che potranno migliorare ulteriormente una situazione già ottima. Il “non” segreto di tutto è facile da intuire: passione, agonismo collettivo ed individuale, entusiasmo e preparazione tecnica. Quello che è migliorato in questi ultimi anni è sicuramente il clima di collaborazione fra l’Atletica Livorno e la Libertas Runners Livorno, unite da interessi comuni e da

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

U

ltimamente, andando al campo sportivo scolastico, ho captato una voce che diceva: “dovunque ti giri vedi campioni italiani!!!”. Una frase semplice ma che in poche parole ha espresso quella che è la realtà dell’atletica leggera livornese. Sembra incredibile la serie di risultati che si sono succeduti nell’arco del 2012. Primo fra tutti il successo di squadra dell’Atletica Livorno maschile che ha conquistato la serie A argento con un campionato fatto di qualità tecnica, agonismo e volontà. Impressionante poi il numero dei titoli regionali conquistati a livello individuale sia dall’Atletica Livorno, sia dalla Libertas Runners Livorno. A questi titoli si aggiungono prestazioni notevoli da parte delle punte di diamante delle due principali associazioni sportive. In particolare sono da citare sicuramente gli “azzurri” dell’Atletica Livorno Lorenzo e Samuele Dini, la coppia di gemelli che continua a stupire per la continuità dei risultati, sia su pista che nel cross. Il bianco verde e “azzurro” Bussotti Neves Junior, Campione italiano nei 1500 metri ha partecipato con i sopra citati “gemelli” a varie manifestazioni internazionali fra cui i Campionati mondiali Juniores di Barcellona. L’azzurro della Libertas Runners Livorno Giacomo Grotti ha partecipato con buone prestazioni ai Campionati mondiali juniores di Barcellona ed ha la seconda migliore prestazione italiana dell’anno nella sua specialità, il lancio del disco. La marcia come sempre riserva belle sorprese e Filippo Girardi, dell’Atletica Livorno, in questa specialità conquista il titolo italiano di specialità. Sempre nella marcia l’atleta della Libertas Runners Livorno, Gianluca Picchiottino, ha conquistato un argento preziosissimo ai Campionati italiani di specialità. L’Atletica Livorno con il Cadetto Filippo Lari ottiene nel

93


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera 94

strategie di crescita che le hanno portate ai risultati attuali, pur nella legittima e sacrosanta rivalità sportiva. Le due Società “cugine” hanno raggiunto una grande sinergia per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione delle manifestazioni, organizzazione eventi ed a volte collaborazioni tecniche. La consapevolezza è che “uniti si vince” la sfida del reclutamento e del mantenimento. Anche gli atleti delle due società si sentono accumunati da un unico obiettivo e si sentono rivali (giustamente) solo sul campo. Dopo aver citato ed introdotto l’attuale situazione è bene soffermarsi ffermarsi anche su ff altre realtà livornesi non meno importanti. Innanzitutto la nostra città è la sede dove si gareggia più volentieri in Toscana, grazie ad un meccanismo organizzativo delle Società che è ormai perfettamente collaudato. Livorno è la città ove le gare cominciano sempre in perfetto orario e terminano nei tempi previsti dal programma. Il tutto grazie ad un’altra perla del nostro mondo: il Gruppo Giudici Gare capitanato da Sergio Raminghi. È un gruppo numeroso e capace dal punto di vista tecnico. La presenza dei Giudici di gara è costante e sempre più che sufficiente dal punto di vista delle necessità delle Società e dell’atletica leggera in genere. La differenza fferenza con le altre realtà della ff regione è che vi è una partecipazione attiva dei giudici anche nelle fasi preliminari, con preziosa collaborazione anche nella stesura dei calendari. Il Campo sportivo scolastico è ritrovo giornaliero di tanti giudici che hanno il gusto di parlare delle problematiche che riguardano le attività agonistiche e quindi una presa d’atto di tutto ciò che ruota intorno alle fasi organizzative e di gestione delle manifestazioni. Un gruppo importante per tutti noi. Una situazione quella livornese che è fortemente e benevolmente invidiata da tutto il resto della regione. Al raggiungimento di questo risultato ha contribuito il comitato provinciale della Fidal, da me presieduto (facente parte del Gruppo Giudici Gare) e costituito da due consiglieri di alto livello come Claudio Cerrai (Atletica Livorno) e Sergio Muzi (Libertas Runners Livorno) che con la loro parte-

cipazione, serietà, competenza e consapevolezza del ruolo che ricoprono, sono riusciti a definire strategie di lavoro che hanno fortemente contribuito al raggiungimento di questi risultati. Livorno ha avuto nel 2012 anche due consiglieri regionali della Fidal che hanno contribuito non poco a gestire le attività sportive, Alberto Cencetti (Libertas Runners Livorno) e Mauro Cortopassi (Atletica Livorno). A questo proposito continua la crescita estrema del settore esordienti (fino a 11 anni). Le serate del lunedì, mercoledì e venerdì vedono sul campo centinaia e centinaia di piccoli atleti che giocano, corrono, saltano e soprattutto si divertono. Per loro la Fidal e le Società organizzano manifestazioni che permettono agli “atletini” di cominciare a confrontarsi soprattutto con se stessi e di ricevere, tutti, l’ambito premio di una importante medaglia d’oro. Perché tutti sono vincitori. Fra l’altro quest’anno la Libertas Runners Livorno è stata insignita della stella d’oro del Coni al merito sportivo, massima onorificenza sportiva ed il tecnico Saverio Marconi (Atletica Livorno) ha vinto il premio Toscana quale migliore allenatore della stagione. I punti deboli però non mancano, il più evidente è la struttura del campo sportivo scolastico, che è datata e manca di dispositivi fondamentali per lo svolgimento di manifestazioni importanti. Nel 2013 la stagione è a rischio e forse non si potrà gareggiare al campo sportivo scolastico di Livorno e dovremo probabilmente emigrare altrove, Pisa o Lucca. Sono anni che il Comitato Provinciale si batte per far sì che gli investimenti, più volte promessi e più volte accantonati dal Comune di Livorno, vengano spesi. Purtroppo una volta perché servivano per lo stadio, una volta la crisi, una volta… ad oggi siamo con una struttura gravemente compromessa, che è a concreto rischio di chiusura per quanto riguarda la possibilità di organizzare manifestazioni. Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un costante smantellamento delle strutture che servono ad una disciplina come quella dell’atletica leggera, molto complessa. Non ci sono giustificazioni a questo tipo di atteggiamento nei confronti della disciplina “Regina delle Olimpiadi”,

Matilda Chelli campionessa toscana cadette nel peso e disco, dell’Atletica Libertas Runner

ma Cenerentola agli occhi dell’Amministrazione pubblica. Abbiamo lasciato per ultimo il settore amatoriale con tutte quelle persone che la mattina dei giorni festivi corrono nelle tante manifestazione di settore. Ecco, anche in queste attività la nostra città cresce in continuazione e lascia il segno dovunque. L’attività amatoriale è considerata dalla Fidal decisamente importante e certamente lo è. Le Società amatoriali fra l’altro organizzano manifestazioni spesso importanti, e danno spazio a quei tanti appassionati dell’Atletica Leggera che vogliono cimentarsi ancora con gli avversari. È emerso quest’anno il Livorno Team con numerose vittorie di squadra, dovute sia alla bravura dei propri atleti sia alle numerosissime partecipazioni ai vari campionati. Ben cinque sono i titoli di società conquistati. Detto di un panorama ben definito e piuttosto promettente, si rimanda al 2013 la risposta a tante aspettative. Viva l’atletica livornese.


La Squadra Allievi: arriva settima nel Cds di A2 ad Acquaviva Bussotti Neves Junior: fa il minimo nei 1500 a Grosseto per i Campionati Mondiali Junior Luglio Lemmi Luca (1500 ass.), Lenzi Manuel (lungo prom.) e Carlà Gianmarco (triplo prom): campioni toscani a Firenze Bussotti Neves Junior, Dini Lorenzo, Dini Samuele: gareggiano a Barcellona nei Campionati Mondiali Junior Lari Filippo: ad Aulla salta 1,98 miglior prestazione toscana cadetti Settembre Lari Filippo: a Reggio Emilia salta 2,03 miglior prestazione toscana cadetti 14 titoli toscani tra allievi e junior nei campionati disputati a Siena e Firenze La Squadra Maschile Assoluta con il secondo posto di Fermo in A1 conquista la promozione in A argento La Squadra Femminile Assoluta con il terzo posto di Fermo in A1 sfiora la promozione ma mantiene la A1 per il 2013 Ottobre Lari Filippo titolo e record italiano cadetti con 2,07 a Jesolo La Squadra Maschile Under 23: undicesima in A a Rieti

Gabriele Capannini campione toscano cadetti nella marcia, della Libertas Runner Livorno

H_ikbjWj_Z_h_b_[lef[hbÊ7jb[j_YW B_lehded[bbÊWdde(&'(

Gennaio Antola-Ruffini-Samuele Dini-Bernini: Campioni toscani di cross a Massa Dini Lorenzo: sesto nel cross internazionale di Elgoibar (Spagna) Ruffini: Campionessa toscana di cross corto a Lucca Dini Lorenzo: secondo ai Campionati italiani junior di cross a Borgo Valsugana Bussotti (Jun)-Ruffini (Jun): vincono il Gran Prix Toscano di cross Febbraio Lari Filippo: con 1,92 conquista la miglior prestazione toscana cadetti dell’alto indoor Foresi Andrea (asta allievi), Bacci Andrea (55 hs), Lensi Valentina (55), Marsi Federico (asta), Fiorelli Antonio (peso), Denza (marcia 1 km) e Lemmi Luca (1500): Campioni toscani indoor a Firenze

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

Di Caro Lucrezia: conquista la miglior prestazione toscana cadette dei 2 km. marcia indoor Bussotti Neves Joao: campione italiano junior nei 1500 indoor e secondo negli 800 ad Ancona Argelassi Francesca (giavellotto), Neri Francesco (martello giovanile) e Gori Eleonora (giavellotto allieve): Campioni toscani lanci invernali. squadra junior maschile: conquista il titolo toscano di cross a Pratolino Marzo Bussotti Neves Junior: esordisce in nazionale in Fra-Ita-Ger junior indoor (2° nei 1500) Maggio La 4x100 cadetti vince il titolo toscano Lorenzo e Samuele Dini: all’Arena di Milano fanno il minimo per i Campionati Mondiali Juniores Giugno Girardi Filippo: Campione italiano promesse marcia km. 10 a Misano Cariello Ilaria: argento ai Campionati italiani promesse di lungo a Misano Bussotti Neves Junior: due volte bronzo nei 1500 e 800 ai Campionati italiani junior a Misano La Squadra Allieve: arriva settima nel Cds di A1 a Bastia

Alice Criscuolo campionessa toscana cadette nel salto con l’asta, della Libertas Runner Livorno

95


Agostini srl Via dell’Industria, 9 - 57122 LIVORNO Tel. 0586 895358 - Fax 0586 891354 info@gruppoagostini.it web: www.agostinisrl.it

Tutto ciò che serve per ottimizzare il lavoro di ufficio • STAMPANTI e FOTOCOPIATRICI MULTIFUNZIONE in B/N e COLORE • COMPUTER e SERVER • SOFTWARE GESTIONALI

Scotto Pubblicità Livorno

• ARREDAMENTI UFFICIO

96


H_ikbjWj_Z_h_b_[lef[hbW B_X[hjWiHkdd[hiB_lehde d[bbÊWdde(&'( Grotti Giacomo - Azzurrino ha partecipato ai Campionati mondiali Juniores di Barcellona dove è giunto al 14° posto, 2° in graduatoria nazionale juniores, 2° classificato ai Campionati italiani Juniores, Campione toscano lancio del disco Picchiottino Gianluca - 2° ai Campionati Italiani di marcia su strada, 6° in graduatoria nazionale allievi, Campione Toscano allievi indoor marcia km. 5, 4° posto ai Campionati italiani indoor di marcia allievi Pachetti Moira - Vincitrice Gran Prix Monte dei Paschi di Siena, Migliore mezzofondista toscana Contini Mattia - Campione toscano indoor 55 ostacoli Juniores indoor con 7”73 poi infortunatosi quando doveva partecipare ai Campionati europei

Lombardi Marco - Atleta delle ultramaratone ha partecipato alla 100 Km del passatore in 8 ore 24 minuti e 45 secondi 1° della categoria Senior; 1° senior e 4°assoluto nella 100 Km. Delle Alpi da Torino a St. Vincent; Albieri Andrea - Campione italiano Master nel decathlon Barsotti Federica - Campionessa Italiana Libertas di corsa campestre master Cassini Stefano - Campione toscano master lancio del giavellotto Froglia Sara - Campionessa toscana 4 x 400 assoluta, Campionessa toscana m. 200 categoria allieve, Campionessa toscana 4 x 1 giro indoor, Campionessa Campionato di specialità velocità allieve, ha partecipato con la rappresentativa regionale al meeting Brixia Montesano Chiara - Campionessa toscana 4 x 100 Allieve, Campionessa toscana 4 x 400 Assoluta, Campionessa toscana 4 x 1 giro indoor Fagioli Chiara - Campionessa toscana 4 x 400 assoluta, vincitrice Campionato regionale di specialità velocità allieve, ha partecipato con la rappresentativa regionale all’incontro a Velletri Leonetti Francesca - Campionessa toscana 4 x 400 assoluta Bonistalli Martina - Campionessa toscana 4 x 100 Allieve, Campionessa toscana 4 x 1 giro indoor, vincitrice Campionato di specialità regionale velocità allieve, vincitrice Gran Prix Monte dei Paschi gruppo salti allieve Monacci Beatrice - Campionessa toscana 4 x 100 Allieve, vincitrice Campionato di specialità regionale velocità allieve

Cantieri Irene - Campionessa toscana 4 x 100 Allieve, vincitrice Campionato di specialità regionale velocità allieve. Lazzeri Gianmarco - Vincitore Gran Prix Monte dei Paschi gruppo mezzofondo allievi, ha partecipato alla rappresentativa regionale al Meeting Brixia, 2° ai Campionati toscani allievi Ghelard Alice - Campionessa toscana 4 X 1 Giro Indoor Palumbo Marco - Campione toscano indoor allievi salto in lungo, ha partecipato con la rappresentativa regionale al Meeting Brixia e sempre con la rappresentativa toscana all’incontro a Velletri, secondo ai Campionati toscani allievi nel salto in lungo Capannini Gabriele - 5° in graduatoria nazionale, Campione toscano marcia km.5 categoria cadetti, 4° posto ai Campionati italiani cadetti di marcia, ha partecipato alla rappresentativa regionale all’incontro con Lazio, Emilia, Umbria e Toscana e alla rappresentativa regionale al Trofeo Nazionale di marcia Chelli Matilde – 2a in graduatoria nazionale, 1a delle nate nel 1998 nel lancio del disco cadetti con 34,54, Campionessa toscana lancio del peso e del disco cadette, ha partecipato alla rappresentativa regionale con Lazio, Umbria, Emilia e Toscana, inoltre alla rappresentativa regionale al Trofeo Cesarini a Fidenza, Criscuolo Alice – 3a posto in graduatoria nazionale nel salto con l’asta con 3,00 metri, Campionessa Toscana salto con l’asta cadette, ha partecipato alla rappresentativa toscana all’incontro con Lazio, Emilia, Toscana e Umbria, oltre alla rappresentativa regionale al Trofeo Cesarini a Fidenza. Fuduli Sara – 2a in graduatoria nazionale delle nate nel 1998 con 38,69 metri nel martello, campionessa toscana lancio del martello cadette, ha partecipato alla rappresentativa regionale al Trofeo Cesarini a Fidenza. Ukwu Chiamaka - Campionessa toscana indoor salto triplo categoria cadette, ha partecipato alla rappresentativa regionale all’incontro con Emilia, Lazio, Umbria e Toscana

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

Dini Lorenzo e Dini Samuele: maglia azzurra in Fra-Ita sui 10 km. su strada Novembre Dini Lorenzo: vince il cross di Volpiano e si qualifica per i Campionati europei di cross Dicembre Ruffini Sonia: vince a Cecina la prima prova del gran prix 2013 di cross Dini Lorenzo e Dini Samuele: gareggiano a Budapest nei Campionati Europei Junior di cross Dini Lorenzo: viene convocato per la Coppa del mondo di cross ma vi rinuncia L’atletica Livorno Maschile è quinta in Italia nel Progetto Qualità - Continuità

Gruppo di ragazzi dell’Atletica Livorno

97


LIVORNO NUOVA APERTURA SVAPARE... SVAPARE... SVAPARE... Si, perchÊ quello che inaliamo è vapore Vasto assortimento di sigarette elettroniche. Nessun rischio per la salute, nessuna sostanza cancerogena o nociva per te e per chi ti sta vicino, notevole risparmio economico. Tutti i prodotti sono sicuri e certificati.

Ampia scelta aromatica MADE IN ITALY

Per te solo vantaggi

Alito fresco Denti piĂš bianchi Niente cattivi odori

Corso Amedeo, 100/102 - LIVORNO (LI) 5FMFGPOPtFNBJMTWBQPMBSJBMJWPSOP!MJCFSPJU

Scotto PubblicitĂ Livorno

VIENI A TROVARCI PER UNA PROVA GRATUITA


H6BJ:A:ZADG:COD9>C>

atletica livornese con i gemelli Dini può vantare una “doppia fortuna”: due campioni che viaggiano parallelamente con entusiasmo e determinazione. Non è facile, infatti, incontrare due atleti come Lorenzo e Samuele, 18 anni, quinta liceo Scientifico Enriques con ottime aspettative per il futuro. “Abbiamo iniziato quando facevamo la quinta elementare perché nostro fratello, più grande di 4 anni, faceva atletica con il professor Gabbi. Fu proprio lui a proporci di provare ad allenarci e così abbiamo iniziato. Prima provando più discipline, compresa la marcia, ma alla fine abbiamo capito che la nostra specialità era il mezzofondo”. Avete praticato anche altri sport? “Da piccoli, per un certo periodo abbiamo fatto anche basket in contemporanea, ma poi la passione ci ha portato a scegliere e a dedicarci totalmente all’atletica”. Ripercorriamo la vostra strada agonistica. “Quando abbiamo cominciato a comprendere meglio cos’era il mezzofondo abbiamo iniziato anche a partecipare alle gare. Le prime furono nel 2009 con i Campionati italiani cadetti, dove conquistammo il secondo e il terzo posto nella campestre. Da quel momento abbiamo cominciato a porci e a superare nuovi ostacoli, ottenendo sempre maggiori soddisfazioni. Ad esempio, nel 2010 abbiamo indossato la prima maglia azzurra in un triangolare su pista fra Italia, Francia e Slovenia e da quel momento sono iniziate le gare più importanti. Ci sono stati i Campionati italiani nella categoria allievi primo anno, con i tremila dove abbiamo

raggiunto il secondo e terzo posto. L’anno dopo, nel secondo di categoria, ci siamo invece divisi dedicandoci, uno ai 1500 e l’altro ai 3.000, ed entrambi abbiamo vinto”. Il 2011 com’è andato? “Abbiamo partecipato ai mondiali di categoria ed anche in questo caso ci siamo diffeff fferenziati, raggiungendo nei 3.000 (Samuele) un tredicesimo posto con il record personale e nei 1.500 (Lorenzo) nona posizione. Ai Campionati europei giovanili invece ci siamo scambiati le gare, per fare entrambi un po’ di esperienza in tutti i settori, ed abbia conquistato il secondo posto (Samuele) e il terzo (Lorenzo)”. Ed il 2012? “Siamo passati alla categoria juniores e ci siamo confrontati con i 5.000. Un’esperienza importante sono stati i Mondiali di Barcellona; un’occasione bella e costruttiva, che ci ha aiutato a crescere, dandoci emozioni e stimoli per continuare ad allenarci sempre più e andare più forte per confrontarci con il resto del mondo. Ci siamo qualificati al quindicesimo posto (Lorenzo) e al diciottesimo (Samuele). Ci sono stati poi gli europei di Budapest con la campestre e ad inizio ottobre abbiamo partecipato ad un incontro internazionale su strada in Francia, con una 10 chilometri: è andata più che bene con il secondo posto (Lorenzo) e il quarto (Samuele)”. L’emozione più bella? Lorenzo: “L’incontro con Stefano Baldi, campione olimpico, conosciuto due anni fa e da allora diventato un amico che ci consiglia e ci segue nel cammino sportivo”. Samuele: “Vestire la maglia azzurra e avere la possibilità di confrontarsi con ragazzi di altri continenti”. Un sogno nel cassetto? “Partecipare alle olimpiadi”. Il complimento più bello che vi è stato fatto? “I complimenti migliori sono quelli di Saverio Marconi, il nostro l’allenatore”.

L’aspetto che più vi piace di questa disciplina. “Abbattere il muro della fatica e continuare a correre”. E quello che gradite meno? Lorenzo: “Le due settimana a fine stagione, quando fai piccole corsette e dovresti riposarti, ma poi alla fine ti rendi conto che sono noiose”. Samuele: “Ci sono momenti in cui senti molto la fatica, non riesci a combatterla e la giornata diventa negativa, com’è stata per me la gara agli europei”. Che effetto ffetto vi fa essere sui giornali? ff Lorenzo: “Mi vergogno un po’, non mi piace mettermi in mostra”. Simone: “Caratterialmente siamo entrambi riservati. Ad esempio, anche la maglia azzurra non la esibiamo mai, la teniamo chiusa nel cassetto, non ci piace vantarci”. Volete ringraziare qualcuno? “La famiglia che ci sostiene sempre; l’allenatore che ci solleva il morale nei momenti più difficili; la società e la federazione che cercano di darci i mezzi per andare avanti nel migliore dei modi. Sono tante le persone che ci stanno vicino, che ci aiutano e che dobbiamo ringraziare”. Antonella De Vito

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

>\ZbZaa^YZabZood[dcYd

Nelle immagini Lorenzo e Samuele Dini

99


100 Scotto PubblicitĂ Livorno


?D6D7JHHDII>C:K:H?JC>DG

I

l suo nome è lunghissimo, come da buona tradizione portoghese, ma la sua simpatia lo è molto di più. Parliamo di Joao Capistrano Maria Bussotti Neves Junior, 19 anni, diplomato allo scientifico Cecioni e ora iscritto a Scienze Politiche a Pisa, l’altro mezzofondista di successo dell’atletica labronica, insieme ai gemelli Dini. “Ho iniziato a frequentare il Campo Scuola nel 2007, dopo aver avuto il primo approccio con la campereste a scuola. Ho poi conosciuto i gemelli Dini che mi hanno incoraggiato a partecipare, così mi sono dedicato a varie discipline, ma dopo poco ho scelto il mezzofondo, lasciando definitivamente il basket”. Hai frequentato anche altri ambienti sportivi? “Sì, da piccolo ho praticato anche nuoto e tennis tavolo”. Quando hai capito che avresti potuto raggiungere buoni risultati con l’atletica? “Nel 2008, mio primo anno di gare, nella categoria cadetto, quando ho vinto i regionali e mi sono qualificato per i Campionati italiani, dove arrivai dodicesimo”. Com’è proseguita la tua carriera agonistica? “Nel 2009 riuscii ad andare nuovamente ai Campionati italiani dove arrivai undicesimo sugli ottocento. Nel 2010 ero considerato il favorito, ma poco prima mi infortunai ad una caviglia e mi presentati alla gara senza essermi allenato nell’ultima settimana, così arrivai quinto con mia grande delusione. Nel 2011 ho partecipato agli 800 con il quinto posto e ai 1.500 con il quarto. Nel 2012 per la prima volta ho fatto gli indoor vincendo il ti-

tolo italiano sui 1.500 e piazzandomi secondo negli 800. Questo mi ha valso la convocazione in nazionale e la partecipazione ad un triangolare fra Italia, Germania e Francia dove sono arrivato secondo. Durante l’estate ho conquistato il terzo posto nei 1.500 e negli 800. Sui 1.500 sono anche riuscito a qualificarmi per i mondiali, anche se poi a questi non ce l’ho fatto ad arrivare in finale”. Sogno nel cassetto? “Olimpiadi”. Su quali distanze preferisci gareggiare? “Non lo so ancora. Mi ritrovo a fare bene sui 1.500, però mi piacciano anche gli 800 perché sono più veloci”. La cosa più bella di questa disciplina? “Quando per allenarmi vado a correre in campagna o sulle colline livornesi con i miei amici. Un altro aspetto molto bello che ti offre ff ffre questa disciplina è la possibilità di fare tante amicizie in tutt’Italia”. L’esperienza più bella? “La convocazioni in nazionale nel 2012”. C’è qualche aspetto che possiamo definire negativo? “Sì, il dover limitare il tempo alla vita sociale. Ad esempio non poter uscire il sabato sera perché la domenica c’è una gara o un allenamento pesante”. Quanto ti alleni? “Quotidianamente e talvolta anche due volte al giorno”. Come concili con lo studio? L’università mi permette di organizzarmi bene, perché posso destreggiarmi con gli orari dell’allenamento, ma gli studi universitari hanno tagliato ulteriormente il tempo per uscire con gli amici”.

Un atleta mito? “Il quattrocentista Dereck Redmond che alle olimpiadi di Barcellona si infortunò gravemente in finale. Era il favorito, ma a 250 metri dall’arrivo il suo tallone tornò a dargli quei problemi che già aveva dovuto affrontaff ffrontare in passato. Cadde a terra, ma sapeva che non avrebbe più avuto un’altra occasione per partecipare alle olimpiadi e così si alzò e continuò. A 150 metri dall’arrivo il padre vide che non ce la faceva più, allora si alzò dalle tribune, scese in pista, lo abbracciò e lo aiutò a concludere la gara. È un bell’esempio di come non ci si debba arrendere mai”. Di cosa avrebbe bisogno l’atletica oggi? “Occorrerebbero più supporti per gli atleti. La crisi ha fatto diminuire le possibilità di arruolamento nei vari gruppi sportivi, togliendo molte opportunità per dedicarsi pienamente allo sport. Oggi in molti si trovano a dover scegliere fra gli studi e lo sport, e naturalmente l’orientamento principale è verso i secondi, perché presumibilmente grazie a questi ci saranno più opportunità per costruire un futuro”. Come pubblicizzeresti l’atletica? “Ricordando che è uno sport che si pratica all’aria aperta e che ti aiuta a conoscere i tuoi limiti grazie al confronto con gli altri. Io ad esempio ho la fortuna di potermi allenare quotidianamente con i fratelli Dini”. Vuoi ringraziare qualcuno? “L’allenatore Saverio Marconi che mi segue negli allenamenti, mi incita e mi dà nuovi stimoli per continuare”. Antonella De Vito

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

FjVcYdadhedgi^chZ\cVVcdcVggZcYZgh^bV^

Nelle immagini Joao Bussotti Neves Junior

101


E6DADB6>JG>

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

A^kdgcdIZVbGjccZg

P

uò capitare d’iniziare a correre per caso, giusto per tenersi in forma, e finire per diventare un appassionato podista di mezza età, capace di coprire 42 chilometri, senza mai fermarsi ed emozionarsi al traguardo. Così potremo sintetizzare la storia sportiva di Paolo Maiuri, 49 anni, con un passato da cestita di buon livello, ma lasciamo a lui la parola per raccontarsi. “In passato ho giocato a basket per trent’anni, prima nella Libertas, poi nella Pallacanestro Livorno e poi a Taranto. Quando sono diventato ufficiale di Marina ho continuato con le Forze armate. Un impegno sportivo che mi ha portato fino alla B2. Oggi sono podista e dirigente della Livorno Team Runners, una società di amatori formata da circa 150 atleti”. Quando e perché hai iniziato a praticare podismo? “Ho cominciato nel 2006 e in modo più impegnativo dal 2008. Quando ho smesso con il basket ho voluto comunque continuare a fare sport e visto che la palestra non mi piace, ho iniziato a correre sul lungomare, dove ho incontrato persone che conosco e che già facevano parte della Livorno Team Runners che mi

hanno stimolato ad unirmi a loro. Così ho cominciato con qualche gara, mi sono appassionato e ho continuato con sempre più impegno”. Cosa ti piace di questa disciplina? “Molte cose. In generale posso dire che grazie al podismo ho avuto la possibilità di fare sport all’area aperta in luoghi bellissimi. Da quando corro ho scoperto dei percorsi sul nostro territorio meravigliosi, oltre al lungomare, penso a Collinaia, Montenero, Nibbiaia, Gabbro, Quercianella, Tirrenia: percorsi nella natura, che mi hanno dato la voglia di continuare. C’è poi l’altro fondamentale aspetto che è dato dalla possibilità di conoscere nuove persone e costruire amicizie. Da non dimenticare poi i benefici fisici, la corsa fa star bene, libera le endorfine, ti permette di mangiare quello che vuoi senza ingrassare, ed infine, il grande vantaggio di questa attività è il non avere orari fissi, per allenarsi basta organizzarsi con gli impegni di lavoro e di famiglia”. Quanto ti alleni? “Generalmente sulle 5 volte alla settimana, ma con tempi diversi, secondo il perio-

do: in inverno mi dedico alla costruzione muscolare, quindi corro per un’ora o poco più, in primavera è il momento di velocizzare il lavoro con gare corte, dalle 10 chilometri alle mezze maratone, ed infine, da settembre, quando mi concentro sulla preparazione per la maratona, faccio anche 20 chilometri ad allenamento e la domenica 30, perciò le uscite arrivano anche a due ore e quaranta minuti”. Raccontaci la tua prima gara. “Ho cominciato per scherzo. Fu un mio amico ad invitarmi a partecipare con lui alla mezza maratona Bio Half Marathon che da Marina di Grosseto arriva a Grosseto. Impiegai un’ora e 45, niente di eccezionale, ma mi resi conto che potevo farcela anch’io e continuai ad allenarmi con costanza”. Come hai proseguito? “Con altre mezze maratone nel 2006, 2007 e 2008, ma poi la competizione che è in me, che ho coltivato in tanti anni di agonismo, è venuta fuori e ho deciso di affrontare ffrontare la ff maratona”. La soddisfazione più bella? “Aver trovato un ambiente dove c’è tanta solidarietà. Quando si svolgono le competizioni, si incontrano tanti volontari che si alzano la mattina presto e gratuitamente per permettere lo svolgimento della corsa, prendono tanto freddo in inverno e molto caldo in estate.

Paolo Maiuri durante una gara in Trentino

102


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

Durante le gare se hai un qualsiasi proble- prima della fine dell’anno ci siamo anche schia di far morire la maratona di Livorno, ma ti aiutano tutti, insomma, c’è un rappor- aggiudicati il primo posto nella classifica perché nel frattempo le città intorno a noi, to vero, solidale, genuino, che a me, che ven- a squadra del Criterium podistico toscano. come Pisa, Lucca e altre, stanno organizgo da un agonismo spesso esasperato, ha Ormai possiamo dire che ‘gli arancioni’, così zando e sviluppando delle belle maratone, colpito molto. Tutto questo accade perché chiamati per il colore delle nostre pettorine, così gli atleti, potendo scegliere, diserteranil podismo si muove in un ambiente povero, sono conosciuti e apprezzati ovunque”. no quella labronica, che è una delle più anProgetti per il 2013? non ci sono soldi e questo fa sì che nascano tiche d’Italia e, un tempo, fra le più belle. È “Confermarci penta-campioni. E poi con- un peccato che ciò avvenga, anche perché i rapporti migliori, ciò mi ha spinto ad impegnarmi sempre più negli allenamenti e, da tinuare a partecipare alle maratone, anche non si capisce per quale motivo nella nostra quest’anno, ad entrare in consiglio, per dare internazionali, come fa un gruppo di noi già città non si possa fermare il traffico per un da tempo. Ad esempio, l’ultima si è svolta giorno, quando lo si fa in aree urbane ben il mio contributo”. ad Amsterdam e due di noi sono arrivati fra più grandi, come Roma o Torino”. Programmi futuri? “Faremo una 10 chilometri ad aprile che i primi 500, altri due, fra cui io, nei primi 900 Un atleta mito? abbiamo deciso di chiamare ‘La Libeccia- e poi altri con buoni piazzamenti; risulta“Non ce l’ho perché non inseguo il mita’, sarà una gara regionale Uisp di corsa ti che vanno letti nell’ottica dei ben 15.000 to dell’atleta, concepisco lo sport come su strada. Dietro al podismo c’è un grande partecipanti”. wellness. Anche quando facevo basket non Un sogno nel cassetto? movimento, anche perché si può correre lo avevo, ho sempre pensato di far qualco“Fare la maratona, ricordo che stiamo sa che mi facesse star bene con il corpo e la ad ogni età, basta pensare che ci sono 7 categorie: 5 uomini e 2 donne, a partire dai parlando di 42 chilometri, restando sotto le mente. Infatti, ho iniziato a correre senza saragazzi di vent’anni fino alla categoria oro, tre ore. Adesso la corro in tre ore e 14 minu- pere che si potevano fare distanze di questo ti, gli atleti azzurri ci impiegano circa 2 ore genere in breve tempo”. che raccoglie gli ultra settantenni”. Qualche consiglio per chi vuole iniziare e 20”. L’emozione più bella? Fino a che età si può fare la maratona? a praticare podismo? “Ogni volta che faccio la maratone mi “La categoria oro dimostra che la si può commuovo all’arrivo. È un sentimento che “Intanto è importante la continuità, va bene principiare con tratti brevi, ma con fare anche dopo i 70 anni, anche se dopo si sprigiona da tutto l’impegno che mi ha costanza. Per chi non è abituato a questo una certa soglia non si guarda più il tempo, portato a quel risultato, basta pensare che sport, inizialmente consiglio di alternare il ma l’obiettivo principale diventa il finire la quest’estate ho corso per 1.100 chilometri passo veloce alla corsa, con il passare del gara. Comunque non è necessario parteci- prima di andare alla maratona di Amstertempo si aumenterà gradualmente il tempo pare alle competizioni, il podismo lo si può dam. A Pallacanestro non ho mai provato fare anche per il solo piacere di correre lun- un’emozione così, neanche quando facevo dedicato a quest’ultima”. go piacevoli percorsi”. Cosa ti ha dato il podismo? canestro all’ultimo secondo. Nei giorni seCosa manca a Livorno? “Questa disciplina aiuta ad affrontare ff ffrontare guenti la maratona, l’adrenalina mi rimane “La possibilità di organizzare la maratone addosso e riemerge quando ripenso a quelmeglio la vita, intanto perché ti fa star meglio fisicamente e poi perché ti dà maggiore come un tempo, attraversando tutta la cit- lo che sono riuscito a fare”. determinazione, fiducia in se stessi, ti for- tà, dai fossi della storica Venezia, all’AccadeLa maratona di New York? tifica in tanti aspetti e ti predispone ad af- mia Navale, al lungomare. Oggi purtroppo “Nel 2012 ero iscritto, ma poi non si è svolfrontare al meglio la vita di tutti i giorni con i per non voler chiudere il traffico l’Ammini- ta. strazione comunale costringe i podisti a fare suoi problemi di lavoro o di altro genere”. Anche per il 2013 ho fatto l’iscrizione, ma Com’è andato il 2012 per il Livorno un tragitto più corto, da ripetere più volte, non so se riuscirò a partire, per impegni di rendendo il tutto molto noioso. Questo ri- lavoro. Comunque, come ogni anno, un Team Runners? “Molto bene, la nostra società presieduta gruppo di noi sarà da Alessandro Giaconi, che ricopre anche presente, ci sono poil ruolo di allenatore disti che hanno partecipato anche nove insieme a Massimo Testi, sta dando buovolte, diventando dei ni risultati, infatti, nel veri e propri vetera2012 abbiamo vinto ni della maratona di cinque manifestazioNew York. Ogni volta ni: la mezza maratone abbiniamo la nostra su strada a Livorno; la partecipazione ad Campestre sempre a un evento benefico, Livorno; la campestre in favore di bambini a Pietrasanta valida che hanno bisogno di per il Campionato aiuto”. regionale; la 10 chiPer ulteriori lometri su strada a informazioni Carrara e la mezza www.livornoteam.it maratona a Forte dei Marmi. Pochi giorni Antonella De Vito La 10 KM su strada a Carrara, la squadra Campione - Foto di Belinda Sorice

103


104


x x l l a x b t x f o x s x e x l x l x a x b e BaXsx B6G>D;6A6H8=> JcVhiV\^dcZYVXVbe^dc^ZjgdeZ^eZg JcVhiV\^dcZYVXVbe^dc^ZjgdeZ^eZg V[[gdciVgZ^aegdhh^bdXVbe^dcVidYZabdcYd

U

na stagione radiosa per il baseball nazionale che a settembre ha nuovamente vinto il Campionato europeo, in un’edizione ancora più prestigiosa, visto che il titolo è stato conquistato in casa degli olandesi, campioni del mondo. “Marco Mazzieri il ct della nazionale ci ha sempre creduto in questo risultato -spiega Mario Falaschi- e ci ha regalato una bella stagione. La prossima sarà ancora più impegnativa perché affronteremo ffronteremo il Campionato ff del mondo in Arizona. Il nostro girone è composto da squadre molto forti come il Canada, gli Stati Uniti e il Messico. Il Canada in più ha il dente avvelenato nei nostri confronti perché nel 2009 li battemmo a Toronto, proprio in casa loro, e adesso naturalmente vorranno prendersi una rivincita”. Quali altri importanti momenti di sport ha visto il baseball nel 2012? “Gli Star Game svoltisi a Grosseto con tutti i migliori giocatori che affrontano ffrontano il Camff pionato italiano, è stata una manifestazione veramente interessante e seguita. Un altro bel momento di sport è stata la nostra partecipazione al Baseball Week contro Cuba, Svezia e Repubblica Ceca”. Come sta andando l’Accademia di Tirrenia? “Molto bene, la novità di quest’anno riguarda l’abbassamento dell’età d’ingresso

dei ragazzi, infatti, adesso si può cominciare a frequentare l’Accademia dal primo anno della scuola superiore. Questo rende il nostro lavoro più impegnativo, perché essendo i ragazzi più piccoli hanno ancora più bisogno di essere seguiti. Quest’anno i partecipanti sono diciotto e ci siamo resi conto che prenderli più giovani è vantaggioso per l’apprendimento e la loro formazione nel baseball. Anche quest’anno abbiamo avuto diversi ospiti, fra questi Alessandro Maestri, cresciuto in Accademia, ha giocato in America, ma rimanendo sempre nelle leghe inferiori, così ha deciso di cambiare continente andando in Giappone, dove ha avuto maggior fortuna, infatti, ha disputato il campionato nella Mejor League nipponica. È poi tornato a trovarci Alex Liddy, nostro vecchio amico, che tutt’ora gioca nella Major League americana”. La festa del Diamante 2012? “Come ogni anno abbiamo rispettato la data dell’8 dicembre, andando per questa edizione a Parma, nell’auditorium Toscanini, dove sono state premiate tutte le squadre che hanno ottenuto una promozione da una serie all’altra, i migliori giocatori, scelti anche sulla base di un sondaggio svolto tramite internet e gli atleti che hanno sostenuto impegni all’estero”. Il primo appuntamento per il 2013?

Mario Falaschi con Mauro Belfiore, Coach della Nazionale Cadetti Italia Centro

“Sarà la Coach Convention che si terrà a Parma, con una tre giorni di full immersion per allenatori. Le lezioni saranno tenute prevalentemente da americani, che potranno così fare lezione ai nostri tecnici italiani, presentando i loro metodi”. A.D.V.

Mario Falaschi con le coppe vinte al Campionato europeo

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Mario Falaschi

La squadra senior vincitrice al Campionato europeo

105


106

Scotto PubblicitĂ Livorno


H6>ADGHA>KDGCD 76H:76AAI:6B JcVcjdkVgZVai|cViVYVaaV[jh^dcZ Y^YjZhdX^Zi|

dranno sicuramente meglio. Il baseball è uno sport difficile sia per le regole che per le azioni di gioco, quindi c’è bisogno di un po’ di tempo per digerirlo”. Chi sono i vostri allenatori? “Abbiamo creato un pool di allenatori molto bravi, fra questi vi sono ex giocatori, ma anche genitori che si sono appassionati e hanno deciso di seguire l’iter per diventare allenatori. Abbiamo due tecnici per ogni categoria. Per i ragazzini ci sono: Luciano Vitiello e Laura Bagli. Per gli allievi: Virginio Perra e Giuseppe D’Angelo. I cadetti sono allenati da: Otello Cavallini (ovvero la storia del baseball livornese, migliore giocatore dei suoi tempi), Simone Puccetti e Marco Rosellini (altro migliore battitore del passato). Per la Serie C c’è Maurizio Sbandi, aiutato da tutti gli altri, quando serve. Mi auguro si possa fare quanto primo un altro corso per allenatori, ci sono altri quattro o cin-

que genitori volenterosi, pronti a mettersi alla prova. È fondamentale per noi avere un bel gruppo di tecnici, altrimenti l’attività si ferma”. Quanti ragazzi avete in tutto? “Sono 50 nelle attività giovanili, più ci sono i nove reduci della prima squadra del 2012”. La soddisfazione più bella del 2012? “La vittoria dei cadetti e vedere con quanto impegno e dedizione hanno affrontato ffrontato il camff pionato: si sono comportati molto seriamente”. Un po’ di amaro in bocca? “Da anni desidero costruire una squadra forte di livornesi, mettendo insieme tutte le risorse delle società presenti sul territorio, ma non ci riusciamo. Non è tanto una volontà personale, ma è veramente difficile”. Un sogno per il 2013? “La vittoria della prima squadra, perché se lo merita. È uno spettacolo emozionante vedere gli allenamenti, con i ragazzi che si impegnano, imparano e si divertono, mentre i genitori partecipano collaborando a tutti i livelli, insomma è il sogno di tutti i presidenti poter osservare come tutti scendono in campo con passione, divertimento e partecipazione: questo io l’ho già realizzato”. Antonella De Vito

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

L

a Sailors Livorno Baseball Team è la nuova società nata dalla fusione della Sailors e della Livorno Baseball Team. Il suo presidente Marco Piludu ci spiega le motivazioni di questa scelta: “La Livorno Basball Team si occupava solo della categoria seniores, mentre la Sailors Livorno faceva la parte giovanile. Riunendoci possiamo occuparci di tutte le fasce di età. Fu normale anni fa dividerci, perché a quei tempi avevamo una squadra in serie A2, con velleità anche di A1 e se fossimo rimasti insieme le risorse dell’attività giovanile sarebbero stata fagocitate dalla prima squadra. Di comune accordo ci dividemmo e fu una scelta che dette i suoi frutti. Abbiamo sempre formato ottimi giocatori e quando abbiamo deciso di lasciare la serie A e B, per tornare a fare solo la C li abbiamo lasciati andare, sarebbe stata una cattiveria tenerli qui. Adesso ci è sembrato altrettanto naturale riunirci, perché non avendo più le punte di diamante dobbiamo rifondarci partendo dal basso, dai nostri giovani. Oggi l’età media degli atleti è di 18 anni e puntiamo sui giocatori livornesi, abbiamo visto che gli stranieri sono un costo, e non sempre rendono come si vorrebbe. In futuro, se ci saranno le condizioni, potremo anche dividerci nuovamente, questa strategia ha dimostrato, con la nostra esperienza e quella di altre realtà, di portare buoni risultati”. Come è andata la stagione? “I cadetti si sono confermati Campioni di Toscana, mentre i ragazzi hanno fatto un campionato decoroso, con momenti ottimi e qualche scoramento, ma è normale per i più giovani. Sono riusciti a piazzarsi a metà classifica, facendo una buona stagione, in previsione anche del 2013 quando con l’arrivo di sei atleti della categoria cadetti, potranno puntare più in alto. Gli allievi, dai 12 ai 14 anni, sono arrivati terzi, giocando un buon campionato”. Che difficoltà ha trovato la squadra dei più piccoli? “Erano tutti principianti, il più grande aveva 12 anni. Ne hanno prese tante, ma si sono divertiti molto e questa è la cosa importante. La prossima stagione dovrebbe arrivare per loro il riscatto, ora hanno più esperienza e an-

Nelle immagini gli atleti del Sailors Livorno Baseball Team

107


108

Scotto PubblicitĂ Livorno


96C>:A:E>AJ9J squadre brave e non mi sarei aspettato di arrivare in finale. Anche se non abbiamo vinto, il risultato mi ha dato tanta emozione e gratificazione”. La soddisfazione più bella di tutta la carriera? “Vincere il Campionato regionale nel 2011, battendo anche il Grosseto che è una squadra molto temuta”. In che ruolo giochi? “Attualmente sono nella categoria cadetti e faccio l’esterno. Ho scelto questo ruolo per passione perché bisogna correre molto, imparare a prendere i tempi giusti e a calcolare i rimbalzi, tutte cose che mi piacciono molto”. Un sogno nel cassetto? “Fare un fuori campo, lo scorso anno ci sono quasi riuscito. Mi piacerebbe provare questa sensazione”. Quanto vi allenate? “In inverno due volte a settimana in palestra, quando inizia la stagione in-

P

er lui la scelta del baseball è stata del tutto naturale, essendo il padre un ex atleta e soprattutto un appassionato di questa disciplina. Daniele Piludu ha 14 anni, da ben 9 solca il diamante, e attualmente gioca con i Sailors Livorno Baseball Team. “Quando avevo 5 anni mio padre mi chiese se volevo provare a fare un allenamento. Ho iniziato per curiosità, ma ben presto mi sono appassionato ed ho continuato con sempre maggior entusiasmo”. La soddisfazione più bella nel 2012? “Arrivare secondi in un torneo molto difficile come quello di Vicenza, c’erano

vece ci troviamo al campo per allenarci almeno tre volte”. Come concili scuola e sport? “Con organizzazione e volontà riesco a conciliare tutto, quest’anno ho iniziato la prima superiore al Vespucci e l’impegno scolastico è indubbiamente aumentato”. Qual è la cosa più bella che ti dà il baseball? “Colpire la pallina quando sono in battuta”. C’è un aspetto negativo? “Talvolta gli arbitri”. Cosa pensano i tuoi amici di questo sport? “Per loro lo sport ufficiale dell’Italia è il calcio e tutte le altre discipline non hanno la loro considerazione. Non so perché pensino questo, in realtà ormai ci sono tante persone che praticano baseball, anche a Livorno”. A.D.V. Nelle immagini Daniele Piludu

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

FjVcYdaVeVhh^dcZeZg^aWVhZWVaa cVhXZ^c[Vb^\a^V

109


110


C>8DA6 >C<G6H8>DII6

D

opo una lunga esperienza con un’altra disciplina si è avvicinato al baseball, ed è stato subito amore a prima vista. Nicola Ingrasciotta ha 17 anni e frequenta il liceo Cecioni ad indirizzo linguistico. “Ho praticato per nove anni calcio, ma non mi interessava continuare su quella strada, volevo provare un’attività diversa, così mi sono lasciato consigliare da mia madre che da giovane ha giocato a Softball arrivando anche in serie A ed in nazionale”. Da quanto tempo hai iniziato? “Da due anni e mezzo. Dopo il primo allenamento mi sono subito appassionato e anche le soddisfazioni sono arrivate velocemente, infatti, gioco in serie C. Nel 2011 ho gareggiato nei cadetti, ma contemporaneamente partecipavo anche all’attività della prima squadra perché erano in numero ridotto, ed avevano bisogno di apporto”. La soddisfazione più bella del 2012? “Sul piano di gioco una presa a massa fatta all’esterno, dopo una lunga corsa. A livello più personale il fatto di essere in una squadra che mi ha subito accettato facendomi sentire a mio agio. Gioco in una categoria importante, nonostante sia poco tempo che abbia iniziato a praticare il baseball e questo è per me un onore, mi sento parte di un progetto importante”.

Un sogno nel cassetto? “Io penso solo a divertirmi, poi si vedrà quello che viene in termini di risultati, accetterò quello che sarà, l’importante è continuare a giocare con la passione che ho oggi”. Come concili scuola e sport? “Bene, sono sempre riuscito a conciliare le due attività senza problemi”. Cosa pensano i tuoi amici di questa disciplina? “Il baseball è uno sport non molto seguito, non molti si interessano a questo mondo, però non sono neanche critici”. La cosa più bella che ti dà questo sport? “L’attaccamento allo maglia. È la stessa disciplina e il modo in cui ci si pone in campo, ad insegnarti questo valore. Non è come nel calcio dove volano spinte, parolacce, ecc.

A baseball queste cose non succedono, appena uno sgarra viene sospeso e non può giocare per periodi anche lunghi. È questo il mondo giusto per insegnare e vivere lo sport”. Un piccolo neo? “Non avere la giusta considerazione da parte della gente e delle autorità, questo non ci aiuta a trovare nuovi finanziamenti, perché ci toglie visibilità”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Gli allenatori che ho avuto: Virgilio Perra e Maurizio Sbandi, partendo da zero, in due anni, mi hanno insegnato come si gioca a baseball”. A.D.V.

Nelle immagini Nicola Ingrasciotta

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

>abdYd\^jhidY^k^kZgZadhedgi

111


112

Scotto PubblicitĂ Livorno


7AJ:6C<:AH:HD;I76AA 8AJ7A>7JGC>6 JcVhiV\^dcZY^hjXXZhh^

La squadra dei ragazzi dei Blu Angeles

“Abbiamo un bel gruppo nutrito, i ragazzi sono una trentina e oltre venti le ragazze”. Progetti per il 2013? “Naturalmente il primo obiettivo è quello di fare un buon campionato in generale, nello specifico cercheremo di rafforzare fforzare il ff softball per mantenere la serie A2, mentre con i ragazzi puntiamo alla promozione mancata quest’anno per un soffio, naturalmente cercheremo di ripetere il successo ottenuto con i ragazzi e ci impegneremo per fare un buon torneo anche con gli allievi”. Di cosa avreste bisogno come società? “Al di là dell’aspetto economico, fin troppo facile da sottolineare, avremo bisogno di alcuni lavori al campo, che comincia ad avere aspetti fatiscenti, in quanto la strut-

tura è stata costruita già da qualche anno e non sono mai stati realizzati lavori di manutenzione. Vorremo un aiuto consistente da parte del Comune per sistemare gli spogliatoi, riqualificare il campo con terra rossa, concimare la zona dedicata al prato. Abbiamo fatto anche una stima approssimativa, occorrerebbero circa 200 mila euro”. Il vostro punto di forza? “Il gruppo che siamo riusciti a creare in questi pochi anni di attività. Percorrendo la nostra strada abbiamo anche incontrato alcuni problemi, ma sono sempre stati superati con l’aiuto degli atleti e del presidente Andrea Comparini e della moglie Sonia Del Nero presidente invece del Softball”. Qualcosa da aggiungere? “Mi fa piacere ricordare il nostro tunnel gonfiabile, dove è possibile fare delle simulazioni di gioco e comprendere cos’è il baseball. Un’idea del nostro lungimirante presidente, che ha dato buoni risultati, perché ci ha permesso di avvicinare, nelle piazze, molti giovani che hanno così avuto la possibilità di scoprire una disciplina nuova; molti di loro hanno deciso di provare ad avvicinarsi all’ambiente e sono diventati dei buoni atleti”. A.D.V.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

M

ario Gentini vice presidente dei Blue Angels e consigliere del Softball Club Liburnia racconta una stagione di grandi soddisfazioni per le due società che rappresenta: “Intanto vorrei ricordare che i Blue Angels sono una società giovane, nata da 4 o 5 anni, dunque ogni risultato ottenuto acquista maggior valore se letto sotto questa luce”. Com’è andata la stagione? “Il 2012 è stato per noi un anno molto buono, i risultati ottenuti sono stati di gran rilievo a partire dal softball che ha vinto tutte le partite di campionato, ottenendo la promozione dalla Serie B alla serie A, alla squadra dei ragazzi con la quale abbiamo vinto la Coppa Toscana e conquistato il primo posto nella classifica del nostro girone. Sempre come Blue Angels abbiamo sfiorato la promozione della squadra maggiore dalla serie C alla B: purtroppo per un solo punto mancato nei Playoff, ff, proprio all’ultima parff tita, non abbiamo potuto realizzare il salto”. A chi diamo il merito di una stagione così ricca di successi? “A tutti gli atleti che si sono impegnati con tanta passione, ma anche agli allenatori. Le ragazze del softball sono seguite dal cubano Jose Antonio Hidalgo Cruz, mentre la scuola dei ragazzi con gli atleti dai 9 ai 12, insieme al minibaseball, che raccoglie i ragazzi dai 5 ai 9 anni, sono allenati dal cubano Lorenzo Espino”. Quanti allenatore avete complessivamente? “Il minibaseball è seguito da Sonia Del Nero e Lorenzo Espino. I ragazzi sono allenati da Massimo Galli, Lorenzo Espino e da me, per i ragazzi della serie C c’è Riccardo La Rosa coadiuvato da Federico Gentini. Il softball under 21 è seguito da Renato De Notta e Francesca Blasi, mentre la squadra maggiore, come abbiamo già detto, è sotto la guida di Jose Antonio Hidalgo Cruz”. Quanti sono gli atleti?

La squadra di serie C dei Blue Angels

113


Scotto Pubblicità Livorno

Serramenti a marchio

7JB/BQPMJ -*703/0t5FM'BY FNBJMDBUBSTJTFSSBNFOUJ!BMJDFJU 114


Arianna Mazzanti

6G>6CC6B6OO6CI> 6G>6CC6B6OO6CI> :G>886G9DKDAE> CjdkZaZkZVaaVg^hXdhhV

Riccardo Volpi

Arianna Mazzanti

Arianna: “Mi trovo bene, non ho nessun problema. Qualche volta faccio anche softball quando mi chiamano a partecipare ai raduni con Marina Centrone, l’allenatrice della nazionale, che spesso è all’Accademia di Tirrenia. Però prevalentemente faccio baseball, mentre mia sorella più grande fa già softball”. Una bella esperienza da ricordare? Arianna e Riccardo: “Quando andiamo all’Accademia di Tirrenia ad allenarci con Bill Holmbert nei lanci. Stiamo seguendo un programma che prevede un allenamento specifico, utilizzato in America, ma meno praticato in Italia. Possiamo dire che a noi ha insegnato molto”. La cosa che più vi piace di questo sport? Arianna: “Sentirmi parte di una squadra ed aver fatto nuove amicizie”. Riccardo: “Anche per me la cosa più bella è stare con gli amici e condividere con loro ogni aspetto di questo sport”. Un piccolo neo?

Arianna e Riccardo: “Non ci sono aspetti negativi, forse qualche volta un po’ di battibecco con l’allenatore o i compagni di squadra, ma sono cose normali, che fanno parte del gioco”. Sogno nel cassetto? Arianna: “Andare in America a giocare, dove questo sport è molto più conosciuto”. Riccardo: “Anche per me. Mi piacerebbe essere prima accettato in Accademia e poi andare in America a giocare nella Major League e diventare famoso”. Obiettivi del 2013? Arianna: “Cercare di arrivare in una buona posizione nel campionato”. Riccardo: “Vincere più tornei”. Volete ringraziare qualcuno? Arianna e Riccardo: “I nostri allenatori”. Qualcosa da aggiungere? Arianna e Riccardo: “Vogliamo ringraziare Alex Liddy per essere venuto in Accademia. Lo abbiamo conosciuto e ci ha fatto molto piacere poter stare con lui”. A.D.V.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

H

anno giocato nella categoria ragazzi, ma questo non impedisce loro di avere le idee chiare sul baseball e sul loro futuro in compagnia di questo sport. Entrambi hanno 12 anni: Arianna Mazzanti gioca come ricevitore, lanciatore e prima base, e Riccardo Volpi, come lanciatore e prima base. Affronteranno il campionato 2013 negli allievi perché è arrivato il momento del salto di categoria. Da quanto fate baseball? Arianna Mazzanti: “Da 5 anni, da quando cioè è stato presentato a scuola. Un po’ lo conoscevo già perché mio cugino lo praticava, così ho voluto provare anch’io a fare gli allenamenti”. Riccardo Volpi: “Io ho iniziato 4 anni fa e sono stato stimolato da mia madre e da mio nonno, entrambi giocatori di baseball. Mi hanno fatto provare il tunnel gonfiabile e questo mi ha fatto scattare la molla ed ho deciso di dedicarmi anch’io a questa disciplina”. Come conciliate sport e scuola? Arianna e Riccardo: “Ora che abbiamo spostato gli allenamenti sul finire della giornata ci organizziamo meglio, perché prima possiamo dedicarci allo studio”. La soddisfazione più bella che vi ha dato il baseball? Arianna e Riccardo: “Aver vinto la Coppa toscana, è stata la prima volta per noi”. Cosa vuol dire per una ragazza giocare con i maschi?

115


Officina Autorizzata dalla Motorizzazione Civile

OFFICINA AUTORIZZATA AUTORIZZ

M.C.T.C.

autoveicoli e motocicli

REVISIONI

Concessione n. 00AP000012 del 08/06/2009

di Cataldo D, F, R, & C. snc

NOVITÀ

Semplicemente perfetto! Senza uso di catene

QUATRAC 3

Esclusiva per Livorno Un pneumatico per tutte le stagioni, per autovettura e suv.

OFFICINA: Via Torino int. 4/E - Livorno - Tel./fax 0586.857117 REVISIONI: Via Napoli, 14 - Livorno - Tel. 0586 864594

Scotto Pubblicità Livorno

SOLUZIONE 4 STAGIONI


HI:;6C>676AADC>

La lanciatrice Stefania Balloni

S

tefania Balloni punta di diamante del softball livornese, giocatrice di serie A da sempre, continua la sua carriera ad alti livelli con il Softball Club Liburnia. La rincontriamo dopo tre anni dall’ultima intervista con un bambino di due anni e con sempre maggiore voglia di giocare. Quanto ha inciso tuo figlio sul softball? “Non molto, mi sono fermata giusto il tempo della gravidanza, appena Pietro è nato ho ricominciato subito gli allenamenti”. La soddisfazione più bella del 2012? “Sicuramente ritornare a giocare dopo uno stop di quasi un anno e ritrovare le ragazze con le quali sono cresciuta. Mi sono trovata subito bene con questa nuova società e le soddisfazioni sono arrivate rapidamente con la promozione in serie A2. È stata veramente una bella soddisfazione”. Ricordaci come hai iniziato a giocare? ““Avevo 8 anni e vennero a scuola a pre-

Ragazze in campo

sentare il baseball, ne rimasi affascinata, ff ffascinata, così volli cominciare subito ad allenarmi”. Come era formata la squadra che ha ottenuto la promozione? “A parte due rinforzi da Lucca con Marina Cadringher e Susanna Schiavotto, il resto della squadra era tutto formato da ragazze livornesi, il gruppo storico delle atlete labroniche. Grazie alla società che ci ha messo a disposizione un buon tecnico, sempre disponibile, abbiamo cominciato subito a vincere”. Obiettivo della prossima stagione? “Arrivare fra le prime 4 in classifica; sarebbe una bella soddisfazione. Io ho sempre giocato in serie A, il 2012 è stata la prima stagione in B e fortunatamente l’abbiamo saputa superare con facilità”. Cosa ti dà questo sport? “La possibilità di frequentare un ambiente sereno, tranquillo, poter coltivare l’amicizia con le mie compagne di squadra. Il merito va al nostro allenatore, che si è rivelato essere una persona molto qualifi-

cata, e alla società che non ci ha mai fatto mancare niente, dalle divise alle trasferte affrontate ffrontate sempre con tutte le comodità”. ff A.D.V.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

AVejciVY^Y^VbVciZ YZaHd[iWVaa8ajWA^Wjgc^V

La targa ricordo della promozione in serie A2 della squadra di softball

117


x a x v x i t x r x o x p x S x a x z XDaxnx CjdkVk^iV eZgaV;ZYZgVo^dcZ9VcoVHedgi^kV

Comitato Regionale Toscano 2013 - 2016

lunga migliori nella regione, gare di questa portata che rientrano sicuramente in un turismo sportivo ricercato dalle varie amministrazioni pubbliche. La Toscana è una delle regioni più importanti per la Federazione in quanto vanta ben 12.000 tesserati, che le permettono di posizionarsi al secondo posto nella classifica nazionale, e può annoverare tra i propri atleti nomi eccellenti di coppie pluricampioni nazionali ed internazionali, sia nelle danze olimpiche con la coppia più rappresentativa del momento, formata dagli atleti Francesco Galluppo e Dobora Pacini di Pistoia, che in quelle artistiche con gli atleti Riccardo Ciolli e Sharon Bettarini, campioni del mondo di Disco Dance.

Susanna Spugnoli e Sebastian Mureddu

La città di Livorno in particolare vanta tra le proprie file campioni come Gabriele Castellani e Aurora Barba, Jacopo Barsottini e Susanna Campani, tanto per citare le giovani promesse a cui si aggiungono i Senior come Giovanni Battocchi e Gloria Simoncini, Massimo Ceselli e Claudia Menicagli nonché Roberto Danero e Eleonora Cicero e tanti altri che appartengono alle varie scuole della città e provincia. Un settore estremamente importante della Federazione è rappresentato dagli atleti paralimpici, dei quali la Regione Toscana ha sempre cercato di agevolare la crescita, risultando, con grande merito, la prima regione italiana ad avere campioni come Susanna Spugnoli e Sebastian Mureddu Vice-Campioni Mondiali e Campioni Italiani nella disciplina Wheelchaire (sedia a rotelle), Emilio Bargiacchi e Alice Turbini nonché la coppia Linda Galeotti e Leonardo Batani. Un grazie a tutti gli atleti che con le loro performance partecipano alle varie manifestazioni nella nostra regione.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

anno 2012 è stato molto importante per la Danza Sportiva perché ha visto la fine ne di un lungo commissariamento, da parte del Coni, che aveva visto coinvolti i vertici della Federazione. Dopo una difficile cile campagna elettorale il 13 luglio è stato eletto il nuovo direttivo nazionale della Federazione, ed il presidente Cristian Zamblera, che pur con grande fatica sta ricostruendo la struttura federale. Essendo il 2012 l’anno olimpico sono stati eletti anche gli organi periferici, in particolare del governo regionale con la nomina del Presidente Berti Pierluigi succeduto a chi è stata per anni, e lo è tutt’ora, un grande faro per la danza, non solo regionale, ma nazionale come la Ma Rosanna Ciancetta. Il Comitato Regionale ha sede, per il quarto mandato consecutivo, nella città di Livorno. Ottimi i risultati ottenuti dal Comitato uscente che hanno permesso di far approdare in Toscana eventi di grande importanza e di livello nazionale come le due prove di selezione al Campionato Italiano per le danze internazionali, Standard e Latini, e quello delle danze artistiche, Jazz, Frestyle, hiphop, ecc, portando nella cittadina di Montecatini, sede delle manifestazioni, circa 4000 atleti provenienti da tutta Italia con un pubblico stimato in circa 8000 persone che, in buona parte, anno soggiornato negli alberghi del luogo. Questo grazie alla grande disponibilità dell’Amministrazione comunale che, recependo l’importanza dell’evento, ha permesso l’organizzazione delle manifestazioni. Purtroppo nelle altre città toscana ed in special modo a Livorno, non essendoci una vocazione turistica, il Comitato Regionale Toscano non è mai riuscito, con grande rammarico, ad organizzare nelle strutture labroniche, di gran

119


120


x x x x x o x i x c l x XxxCx a E6DADE6H8FJ6A:II> >acjdkdYZaZ\Videgdk^cX^VaZ YZaaV;\X^ Ci ha fatto molto piacere la vittoria degli juniores, ma ancora di più quella dei giovanissimi perché essendo più piccoli, hanno un futuro maggiore rispetto agli atleti più grandi, già scremati dalle società”. Come formate la squadra che rappresenterà Livorno? “Organizziamo una serie di concentramenti ai quali invitiamo le società a partecipare con un massimo di tre ragazzi ciascuna. I nostri tecnici fanno una scrematura e formiamo la squadra con la quale partecipiamo al torneo.

Sicuramente si tratta di una bella vetrina per i ragazzi, che hanno l’occasione di farsi notare, ma a tutto anteponiamo il comportamento e la disciplina, perché vogliamo essere di esempio, non possiamo permetterci di portare rappresentative litigiose, chiediamo il massimo rispetto per gli arbitri, per gli avversari, ecc. Voglio sottolineare che la nostra filosofia sta funzionando, infatti, negli otto anni in cui ho fatto il dirigente accompagnatore non ho mai avuto un ragazzo espulso per comportamento

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

D

elegato, di nuova nomina, alla Fgci della provincia di Livorno, Paolo Pasqualetti si presenta e fa il punto sulla stagione conclusa. “Sono in federazione dal 2000 con vari incarichi. Da pochi mesi sono stato nominato delegato dal comitato toscano con l’assenso della federazione nazionale, ed il mio compito è quello di occuparmi dell’organizzazione locale ed offrire ff ffrire collaborazione e supporto alle società presenti sul territorio provinciale”. Com’è andato il 2012? “Abbiamo ottenuto buoni risultati sia sul piano organizzativo che su quello societario, ed anche come delegazione per aver affrontato ffrontato i tornei reff gionali con successo. Occasioni molto importanti, perché rappresentano un banco di prova per i vivai, e sono una verifica del lavoro dei tecnici e delle società. Nella passata stagione abbiamo partecipato a tre tornei nelle categorie juniores, allievi e giovanissimi qualificandoci primi sia con gli juniores che con i giovanissimi.

121


122


o 6 anni. Anche in questa edizione li abbiamo fatti entrare in campo passando dal sottopassaggio, come i giocatori professionisti, cosa che per loro è stata una grande emozione, perché per la prima volta entrano in uno stadio da protagonisti. Organizziamo questa festa affinché i bambini ne conservino un ricordo che duri per tutta la vita; potranno dire di aver giocato in uno stadio con un pubblico ad incitarli, in una giornata che spero rimanga nelle loro menti e nei loro cuori”. Quanto ha influito la crisi economica sul mondo del calcio? “Molto. Nella precedente stagione le società iscritte erano 37, oggi sono 32. C’è però un dato positivo, i tesserati sono passati da 4.000 a 4.300, questo vuol dire che nonostante le difficoltà delle società i genitori continuano a sacrificarsi pur di far frequentare ai loro figli questo sport. È un incremento che ci da molta speranza in questo momento in cui anche le famiglie stanno affrontando ffrontando la crisi. ff

Le società da parte loro stanno facendo un buon lavoro e vanno lodate per il loro impegno. Un ringraziamento particolare voglio però farlo alla Moby Line e a Onorato che ci ha aiutato dando la possibilità agli atleti, agli allenatori e ai dirigenti di viaggiare sul traghetto con la tariffa ffa riservata ai residenti. ff Senza il suo aiuto non sarebbe stato possibile affrontare ffrontare un campionato ff che comprendesse anche l’Elba, perché gli spostamenti sarebbero stati troppo onerosi, ed avremmo dovuto ghettizzare l’isola a giocare con le sole squadre presenti sul suo territorio. La stessa cosa purtroppo non è stato possibile fare con la Toremar, noi perseveriamo nel chiedere, ma per ora le risposte non sono in senso positivo; naturalmente non ci arrendiamo e continuiamo a sperare per il futuro”. Altri ringraziamenti? “A tutta la delegazione, composta da volontari molto bravi, che hanno saputo mettere in moto un meccanismo che sta dando tanti risultati positivi”. Antonella De Vito

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

scorretto e questo è ciò che più conta, anche delle coppe che abbiamo vinto”. Com’è andata la festa del Pulcino? “Molto bene. Com’è noto da quattro anni il comitato regionale si occupa di pianificare la manifestazione, alla quale noi naturalmente diamo tutto il nostro supporto. Durante i giorni in cui si svolge l’iniziativa siamo tutti all’Elba per aiutare il più possibile l’organizzazione e devo dire che è un lavoro faticoso, ma molto bello ed emozionante. Anche quest’anno è stata riproposta la sfilata e i fuochi d’artificio. Hanno partecipato rappresentative arrivate da tutta la regione. Abbiamo portato anche due gruppi di calciatori diversamente abili, arricchendo il parco giocatori con i nuovi amici e speriamo di continuare anche in futuro con tali esperienze, perché il mondo del calcio deve aprirsi anche a queste realtà”. E la festa dei Piccoli Amici? “Si è svolta a maggio, nello stadio comunale con i ragazzini piccoli, di 5

Rappresentativa giovanissimi

123


Orario invernale:

11.00-13.00/15.00-20.00 La squadra che sta partecipando al torneo di calcio a 5 nel girone C che si svolge a Livorno 124

Orario estivo:

continuato 11.00-24.00 Domenica aperto - LunedĂŹ chiuso


Arianna Cirillo

Quando e perché avete iniziato? Arianna Cirillo: “Pratico questo sport da 5 anni, ed ho iniziato perché incoraggiata da mio fratello più grande che già giocava”. Samuele Petroni: “Da dieci anni ed anch’io ho iniziato seguendo le orme di mio fratello”. Francesco Citti: “Ho iniziato sette anni fa, invogliato dall’attività calcistica di mio cugino”. Alessandro Tosi: “Da dieci anni. Mi sono appassionato al calcio guardandolo in televisione”. Cosa vi ha più emozionato dell’ultima stagione? Arianna: “Giocare la coppa toscana con il Siena”. Samuele: “Il gol decisivo che ho realizzato contro il Rosignano. Ho segnato sul 2 a 2, ed il mio gol ci ha permesso di vincere. I compagni di squadra mi sono venuti addosso per festeggiare; ci siamo emozionati tutti”.

6G>6CC68>G>AAD!6A:HH6C9GD 6G>6CC68>G>AAD!6A:HH6C9GD IDH>!;G6C8:H8D8>II>: H6BJ:A:E:IGDC> <^dkVc^ZbZg\Zci^^cXdghVY^ZigdVaeVaadcZ Francesco: “Un compagno avversario che ha fatto un grande gesto di fair play, con il portiere a terra non ha approfittato per mettere la palla in rete, ma si è fermato per soccorrerlo”. Alessandro: “Un gol vittoria in una partita di campionato”. Che cosa vi ha insegnato il calcio? Arianna: “A stare insieme agli altri, essendo uno sport di squadra ti dà il senso dell’amicizia”. Samuele: “Fare gruppo e stare uniti per raggiungere uno scopo che è la vittoria”. Francesco: “Grazie a questo gioco impariamo ad unirci sempre più, allenamento dopo allenamento, accresciamo la nostra amicizia”. Alessandro: “Ti insegna a non arrenderti mai e ad apprezzare il valore dell’amicizia”. Un sogno nel cassetto? Arianna: “Arrivare ad alti livelli. Posso giocare ancora un anno con i maschi poi devo andare in una squadra femminile, ma sono molto lontane da dove abito e non so se potrò proseguire”. Samuele: “Continuare a giocare e

acquisire le capacità per arrivare in prima squadra”. Francesco: “Arrivare più in alto possibile”. Alessandro: “Diventare un calciatore professionista”. Chi è il vostro atleta mito? Arianna: “Lionel Andrés Messi”. Samuele: “Messi, ma per il ruolo anche Andrea Pirlo”. Francesco: Sono juventino quindi non posso non dire Alessandro Del Piero”. Alessandro: “Daniele De Rossi”. Quanta sportività c’è sui vostri campi? Arianna: “Il tifo della mia squadra forse è un po’ eccessivo perché abbiamo preso due multe. Comunque in generale il tifo sui campi è troppo aggressivo, il calcio si è legato troppo al denaro dimenticando il vero senso del gioco”. Samuele: “Quello che succede fuori dal campo, come il tifo eccessivo di alcuni genitori, dovrebbe rimanere estraneo alla squadra. I giocatori dovrebbero invece ricordarsi che la partita finisce con il fischio dell’arbitro, ed una volta terminata la gara dovrebbero tornare tutti amici, e

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

S

celti fra i migliori calciatori della provincia, i rappresentanti delle società di calcio labronico sono: Arianna Cirillo, 14 anni, gioca nel Venturina, come fascia destra; Samuele Petroni, 16 anni, dell’Armando Picchi; Francesco Citti, 14 anni, attaccante del Livorno 9; Alessandro Tosi, 15 anni, gioca nel Livorno Nord Pontino come centrocampista.

Samuele Petroni

125


Scotto PubblicitĂ Livorno


magari andare anche a mangiare insieme”. Francesco: “Quando gioco cerco di concentrarmi sulla partita e faccio poco caso al tifo, ma quando mi è capitato di ascoltare le grida del pubblico le ho sempre ritenute eccessive per essere pronunciate in incontri con i ragazzi della nostra età. Anch’io credo che il calcio sia diventato un business troppo grosso”. Alessandro: “Personalmente non mi sono mai capitati casi di tifo eccessivo, però penso che i genitori dovrebbero astenersi da condurre atteggiamenti scorretti”. Come conciliate con la scuola? Arianna: “Faccio la prima liceo scientifica, mi alleno tre volte alla settimane e non ho difficoltà a fare entrambe le cose”. Samuele: “Frequento la terza geometri, con lo studio me la cavo bene, mi alleno tre giorni più la partita a fine settimana”. Francesco: “Sono in prima liceo scientifico Enriques, mi alleno tre volte alla settimana conciliando tutto bene”. Alessandro: “Sono al secondo anno dell’Iti e riesco a fare bene entrambe le cose”. In passato avete fatto altri sport? Arianna: “Ho fatto nuoto, ma a livello agonistico era troppo impegnativo, poi ho provato con pallavolo, ma non mi piaceva, ed infine, atletica, ma non mi divertivo perché ero con bambini molto più piccoli di me”.

Cosa manca, secondo voi, al calcio locale? Arianna: “Arbitri migliori”. Samuele: “Talvolta ci imbattiamo in strutture sportive fatiscenti, con docce distrutte, sarebbe bello se fossero sistemate”. Francesco: “Anche il campo stesso spesso è mal messo. Quello dove mi alleno io, ad esempio, è in terra e bastano due gocce d’acqua per diventare impraticabile”. Alessandro: “Campi e arbitri migliori”. Volete ringraziare qualcuno? Arianna: “Dario Busdraghi che è stato un bravissimi allenatore, ma anche gli altri, Alfredo Seravalle e Patrizio Marconi. Ringrazio anche Roberto Pistolesi della società, l’accompagnatore e la segretaria Serena Cerbolesi”. Samuele: “La società e gli allenatori, fra questi ricordo Enrico Ferri” Francesco: “Tutti gli allenatori che ho avuto, ma in particolare ringrazio Pasquale Abate, l’attuale dirigente, che è anche un amico, con il quale mi confido sempre”. Alessandro: “Tutta la società, ed in particolare l’allenatore Livio Paci e il dirigente Fabrizo Paci, che in due anni mi hanno fatto cambiare in meglio”. Volete aggiungere qualcosa? Arianna, Samuele, Francesco, Alessandro: “Sì, vogliamo sottolineare che ci piace stare con i nostri compagni di squadra, che sono ragazzi speciali, educati, con i quali si è creata una totale armonia di gruppo”. Antonella De Vito

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Alessandro Tosi

Samuele: “Io non ho fatto altri sport, perché il calcio è il più bello di tutti”. Francesco: “Da piccolo ho praticato nuoto, basket, atletica. Però quello che mi ha insegnato di più è stato il calcio e l’atletica, infatti, inizialmente facevo entrambi in contemporanea, ma poi dopo due anni era diventato troppo faticoso e ho scelto il calcio”. Alessandro: “Io ho fatto solo calcio”. Cosa vi rimproverano i vostri allenatori? Arianna: “Il mio allenatore è Patrizio Marconi e non mi rimprovera, anzi, è contento della mia tenacia”. Samuele: “Io mi alleno con Nicola Ballerini, ed anche lui non mi rimprovera niente, anche se mi dice che lancio troppo spesso”. Francesco: “Io lavoro con Alessandro Zumiri e Bronchi Diego, a volte mi rimproverano di avere un comportamento sui compagni un po’ troppo deciso. Complimenti me ne fanno pochi, ma fa parte di una strategia precisa”. Alessandro: “Il mio allenatore è Livio Paci e non mi rimprovera mai”. Come ci si sente ad essere degli emergenti? Arianna: “Normali, anche perché io gioco con i ragazzi di un anno più piccoli e non vedo tutta questa differenza fferenza fra me ff e loro. Sono l’unica ragazza della squadra, mi hanno accettata bene e non ho problemi”. Samuele: “Sono contento, ma sono consapevole di dovermi continuare ad allenare bene, e prima o poi i risultati arriveranno”. Francesco: “Io non credevo neanche di essere considerato un’emergente, ma ora che me lo avete detto sono contento e cercherò di rimanere con i piedi per terra e continuare ad allenarmi seriamente”. Alessandro: “Non mi sento fra gli emergenti della squadra, ma continuerò ad allenarmi senza montarmi la testa”.

Francesco Citti

127


128


<>JH:EE:7JGGDC> EgZh^YZciZEgdk^cX^VaZ YZaaÉ6hhdX^Vo^dcZ>iVa^VcV6aaZcVidg^ questo caso c’è una domanda ed una selezione da superare, in passato venivano ammessi solo gli ex calciatori professionisti, ma oggi grazie ad una battaglia della nostra associazione ci sono 10 posti riservati ai dilettanti. Ed infine, c’è il corso Master, quello che ti permette di accedere a tutte le categorie”. La gratificazione maggiore? “A livello personale il premio conferitomi dalla Fgci nel 2010 per i 30 di attività a favore dello sport, ricevuto con una cerimonia svoltasi a Roma alla presenza del presidente della lega dilettanti Carlo Tavecchio, di Giancarlo Abete presidente della Fgci, di Massimo Giacomini al tempo presidente

quelli della promozione, perché comunque fa piacere allenare quelli che sono già a buon livello. Io però preferisco sempre rimanere con i più giovani, perché è da qui che si costruiscono le basi del calcio”. E come presidente dell’associazione allenatori? “Essere stato confermato come presidente per la terza volta, questo vuol dire che ho nove anni di attività alle spalle in questo ruolo. Dal 2000 al 2005 l’associazione fu commissariata, ma Ulivieri mi chiese di aiutarlo a rifondare il gruppo a Livorno. Ricominciai da zero, ed oggi ho la soddisfazione di aver raccolto 140 associati, non è un numero enorme, ma siamo fra le prime provincie in campo regionale, se si esclude Firenze che naturalmente per densità di abitanti non può essere paragonata con noi”. Lo scopo dell’Associazione? “I diritti e i doveri degli allenatori. Chi è in questa associazione non percepisce niente, siamo tutti volontari, il nostro impegno nasce dalla grande passione che abbiamo verso il calcio. Aiutiamo ogni allenatore

Giuseppe Burroni con Marcello Lippi

Quali i nomi famosi alla sezione labronica? “Massimiliano Allegri, Igor Protti, Antonio Filippini, Cristiano Lucarelli, Paolo Stringara, Costanzo Balleri, Luca Brunetti, Diego Bianchini, Mirko Brilli”. Qual è la procedura per diventare allenatore? “Si inizia facendo un primo corso, che si svolge a livello locale. Ne vengono organizzati quattro all’anno, a rotazione nelle diverse provincie della regione. Ci sono sempre molte domande e dobbiamo fare una selezione sulla base del curriculum calcistico. Questo primo corso abilita ad allenare tutta l’attività dilettantistica, fino alla serie D. Poi c’è il corso superiore che viene organizzato a Coverciano e dà la possibilità di allenare fino alla prima divisione (la vecchia serie C). Anche in

del settore giovanile e Luigi Agnolin presidente al tempo degli arbitri”. E come allenatore? “Quando, molti anni fa, vinsi con la categoria allievi, formata dai ragazzi nati nel ‘62 il Campionato regionale. Sono esperienze che rimangono nella memoria perché in questa fascia di età si è prima di tutto educatori. Mi sono divertito anche con gli atleti più grandi,

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

U

n’associazione che ha il compito di difendere i diritti, ma anche quello di far rispettare i doveri degli allenatori. Giuseppe Burroni, che possiamo definire il presidente storico della provincia di Livorno, dopo ben 9 anni di attività ci racconta il lavoro del gruppo: “L’associazione nasce nel 1966. A Livorno e provincia vi sono 775 iscritti all’albo tecnico, di questi hanno aderito all’Aiac (associazione Italiana Allenatori Calcio) in 140. Siamo nati come sindacato, per tutelare chi fa l’allenatore a qualsiasi livello. Il nostro presidente nazionale è Renzo Ulivieri”.

Cencini responsabile della scuola Calcio del Pro Livorno Sorgenti con Massimiliano Allegri e Giuseppe Burroni

129


130


ad avere un contratto, facendo da consulenza, affinché siano redatti in modo corretto. Purtroppo ai livelli bassi c’è meno tutela, ma noi abbiamo anche la possibilità di avvalerci di avvocati fiorentini messi a disposizione dall’associazione regionale che difendono anche i più giovani”. I problemi maggiori? “L’aspetto economico è quello basilare, ci sono però anche i problemi di disciplina. Noi cerchiamo di vegliare su comportamenti scorretti, come quelli che fanno da prestanome come allenatori, lasciando in realtà

Giuseppe Burroni con Massimo Moratti

cessivo mi prestarono alla Carrarese in serie D, feci poi il servizio militare e quando tornai cominciai a lavorare e ripresi a giocare a Montecatini e poi a Capannoli, per terminare poi ai Portuali che erano all’epoca in Eccellenza. Sempre nei Portuali ho iniziato a fare l’allenatore nel ’70, e dopo vent’anni, grazie alla libertà di movimento che mi dava l’essere in pensione, ho cominciato ad andare un po’ in giro allenando in promozione e in prima categoria, per poi approdare al Picchi dove ho vinto il Campionato con gli allievi. Ho fatto anche l’osservatore a Empoli, a Torino, all’Inter e a Pisa sono diventato responsabile della primavera con Anconetani”. Quali sono gli allenatori che stima in modo particolare? “Sono tanti, ma fra quelli che ho conosciuto, posso dire di essermi trovato bene con Daniele Arrigoni e con Giuseppe Pillon. Oggi mi piace Vincenzo Montella, ma anche Josep Guardiola, oltre naturalmente a Massimiliano Allegri”. Vuole ringraziare qualcuno? “Sì, tutti i miei collaboratori, che sono i vice presidenti David Tarquini e Alessio Giovanneschi, il segretario Riccardo Belli, l’amministratore Massimo Sannino, i consiglieri Flavio Sarti, Riccardo Fratini, Ermanno Romani, in rappresentanza di Livorno sud Gianluca Luci, Mauro Zaccaria e per l’Isola d’Elba Angelo Banfi e Edoardo Arduini”. Antonella De Vito

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Giuseppe Burroni con Daniele Arrigoni

ad altri il compito di seguire gli atleti”. Come difendete la sportività? “Quando facciamo i corsi per allenatori dedichiamo sempre alcune lezioni a questo aspetto. Cerchiamo di dare loro alcune regole, ad esempio, spieghiamo che i bambini più piccoli vanno sempre fatti giocare, arriverà poi il momento della selezione dei più bravi, ma non bisogna avere fretta. Chi ha queste categorie ha il dovere di farli divertire ed essere per loro un educatore. Cerchiamo anche di prepararli ad affrontare ffrontare il rapporff to con i genitori, che talvolta con il loro tifo eccessivo sono troppo invadenti e creano problemi”. Sogno nel cassetto come presidente? “Mi piacerebbe che tutti gli allenatori iniziassero con i bambini più piccoli, per poi salire gradualmente verso le categorie superiori, facendosi così un’esperienza importante”. Facciamo un suo breve curriculum come calciatore e poi come allenatore. “Ho iniziato nelle categorie più importanti nella stagione ‘59 - ‘60 nel Livorno Calcio che all’epoca era in C, l’anno suc-

Premiazione per i trent’anni di attività a favore dello sport. Da sinistra: il presidente della lega dilettanti Carlo Tavecchio, Giuseppe Burroni, Giancarlo Abete presidente della Fgci, Massimo Giacomini al tempo presidente del settore giovanile, Luigi Agnolin presidente al tempo degli arbitri

131


86CD68AJ7 A>KDGCD Si organizzano corsi di: Canoa velocità Canoa fluviale Canoa da mare Canoa e surf sky "AMBINIDIETgDAANNIINPOI„!DULTI„$IVERSAMENTEABILI

)NOSTRIISTRUTTORISARANNOAVOSTRADISPOSIZIONEPERUSU¾UIREDI

SEDE: Corso Italia, 51 - Stagno (LIVORNO) Per informazioni: Prof. Gianluca Mancini, 349 2246363 www.canoaclublivorno.it - segreteria@canoaclublivorno.it

Scotto Pubblicità Livorno

LEZIONIDIPROVA'2!45)4%


a o n Ca 8VcdV8ajW/Dgd!Vg\ZcidZWgdcod^c fjVci^i|eZg^hjd^\^dkVc^hh^b^ViaZi^ Eg^bdedhidgZ\^dcVaZcZaaVXViZ\dg^V\^dkVc^aZ guardo e si mette al collo una medaglia di bronzo, che ancora una volta fa pensare a come questo giovane atleta sia riuscito in pochissimo tempo a portarsi tra i migliori della Toscana. Ancora soddisfazioni e medaglie arrivano dalle Allieve B che nella gara 18 si aggiudicano un oro con Flavia Matteoli, protagonista di un’ottima gara. Giulia Senesi taglia il traguardo meritandosi una bella medaglia d’argento e distaccando la terza classificata di 33”. Dopo un’attesa di 30 minuti, sotto una fitta pioggerellina, che ha accompagnato quasi tutte le gare, arriva un’altra medaglia d’ oro, con Gabriele Lemmi lasciandosi alle spalle i 10 avversari della sua batteria. Nell’ultima gara per i canoisti del Canoa Club Livorno, conquista la medaglia d’oro per i cadetti B Mirko Seminatore che sbaraglia i 12 partecipanti alla sua batteria. Arriva l’impegno di San Giorgio di Nogaro, dove il Canoa Club si piazza all’ottavo posto con 187 punti derivati da: 13 meda-

La squadra agonistica alla gara internazionale di fondo sul Canal Bianco di Rovigo.

glie d’oro, 2 d’argento e 2 di bronzo, oltre agli ottimi piazzamenti che comunque hanno dato punti alla società. Ricordiamo alcun risultati con Giulia Senesi nella gara 4 con la vittoria nei 2000 metri Allieve B. Dalla gara 14 una bella medaglia di bronzo del K2 dei cugini Mirko Seminatore e Edoardo Barsacchi nei 2000 mt Cadetti B. Ancora un bellissimo oro per le Allieve B 2000 K1 420 da Flavia Matteol. Nel finale di giornata arrivano altre medaglie d’oro: Diletta Lemmi vince lo slalom 200 metri Allieve A, Francesca Evola si aggiudica il bronzo sempre per lo slalom e Leonardo Randis chiude con un altro oro per gli Allievi A K1 420 slalom. La mattina di domenica 13 maggio, nonostante il freddo pungente portato dal vento di bora,vediamo i ragazzi del Sardi collezionare ancora 10 medaglie. Arriva subito un argento da Luca Arzelà nei 200 metri, Leonardo Randis e Mirko Seminatore vincono due ori, uno per gli Allievi A e l’altro per i Cadetti B. Due equipaggi in K2 vincono l’oro nelle gare 78 e 105: le Allieve B Flavia Matteoli e Giulia Senesi e i Cadetti B Mirko Seminatore e Edoardo Barsacchi. Un altro oro lo vincono i tre atleti della staffetta ffetta Allievi B K1+K2 2×200 metri: ff Tommaso Tremolanti, Luca Arzelà e Gabriele Lemmi. Chiude la serie di medaglie il K2 delle piccole Allieve A Diletta Lemmi e Francesca Evola che si aggiudicano un argento nei 200 metri. Una giornata con poco vento e con assenza di onde quella del Campionato Toscano 1000 metri e 3° Canoagiovani: per gli Allievi B Gabriele Lemmi conquista un oro e Tommaso Tremolanti un bronzo, Luca Arzelà un argento. Bel successo per Francesco Spurio che si mette al collo la sua prima medaglia d’argento. Nei Cadetti B ottimo argento per Mirko Seminatore e

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

S

ono giovanissimi, ma non si fanno mancare le medaglie. La soddisfazione più bella nel 2012 è stato vincere la coppa Toscana a Gramolazzo come miglior squadra di Canoa Giovani della regione, senza dimenticare che il 70% dei ragazzi che formavano la squadra era naturalmente del Canoa Club. E non sarebbe stato possibile altrimenti con i risultati che durante tutto l’anno i ragazzi hanno portato a casa. Si comincia con la positiva trasferta a Rovigo per arrivare subito alla prestigiosa sede di San Miniato con Riccardo Fogli, Federico Razzauti, Alessio Tani, Cristiano Lemmi e Matteo Andreini che al di là dei piazzamenti o dei tempi fatti in gara hanno dimostrato carattere grinta e voglia di migliorare, requisiti fondamentali per chi vuole cimentarsi in uno sport impegnativo come quello della canoa olimpica. Scendendo nello specifico cominciamo con i Master dove Marco Berni si aggiudica la medaglia d’oro nei Master D, Juri Arzelà la medaglia di bronzo per i Master B e Valerio Tremolanti la medaglia d’argento nei Master C. È stata poi la volta delle piccole Allieve A dove Francesca Evola in una rocambolesca gara sui 200 metri ha conquistato una medaglia di bronzo, mentre Diletta Lemmi si piazza al 5° posto. Una bella medaglia d’oro arriva dalla gara successiva con Leonardo Randis sempre in Allievi A. Salendo di categoria, nella prima batteria degli Allievi B sulla misura dei 2000 metri un eccezionale Luca Arzelà in un finale da cardiopalma si merita di salire sul gradino più alto del podio. Nella stessa gara dopo soli 7 secondi da Luca, un sempre più agguerrito Tommaso Tremolanti taglia il tra-

133


F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

ancora oro da Flavia Matteoli nella categoria Allieve B K1 200 mt e argento per Giulia Senesi nella partenza della gara 7. Flavia e Giulia andranno a vincere un altro oro nel K2 200 metri All. B. Nelle finali Master, oro per Juri Arzelà, argento per Valerio Tremolanti e un altro oro per Marco Berni. Con un tempo di 43”06 il K2 Seminatore -Barsacchi vince l’oro per i Cadetti B, sempre in questa gara la coppia Giacomo Tremolanti -Francesco Santoro sale sul podio al terzo posto. Un altro K2 d’ oro lo abbiamo in gara 12 da Luca Arzelà e Tommaso Tremolanti, ancora una medaglia d’oro per Gabriele Lemmi, un argento per Luca Arzelà. Nella categoria Allieve B 2000 metri ancora soddisfazioni dalle ragazze: oro per Flavia Matteoli, argento per Giulia Senesi. È poi la volta dei piccoli Allievi A: Leonardo Randis non manca di regalarci una bella medaglia d’argento e l’esordiente Flavio Spurio entra vigorosamente nel mondo della canoa conquistando subito la sua prima medaglia di bronzo. Nella gara delle Allieve A l’ottima Francesca Evola si merita un bronzo. Il calendario dei nostri atleti è proseguito con il Firenze Canoagiovani svoltosi sulle acque dell’Arno, dove in una serie di 55 gare hanno confermato ancora una volta la loro ottima preparazione con ben 21 medaglie conquistate posizionandosi al secondo posto come società nella classifica Toscana. Vediamo alcuni risultati: oro per Flavia Matteoli e per Giulia Senesi; due ragazze che nel corso delle gare andranno a vincere un altro oro nel K2 nei 200 mt. Dopodiché si riconfermeranno al primo posto Flavia e al secondo posto Giulia nella dura prova dei 2000 metri K1-420. Due medaglie d’oro nella gara 200 mt. di velocità e nei 2000 mt. fondo per Gabriele Lemmi che sin dalle prime pagaiate non ha dato alcuna possibilità di recupero ai suoi avversari. Ancora oro per Leonardo Randis con una schiacciante prova nella serie dei 200 mt., seguito da un emozionante secondo posto del giovane Flavio Spurio giovane atleta in forte crescita. Sempre nella distanza dei 200 mt. due medaglie d’argento con grinta per Luca Arzelà e Tommaso Tremolanti che a seguire conquisteranno l’argento nel K2-520 a pochissimi secondi da un equipaggio fiorentino. Più tardi Luca nelle gare di fondo si piazzerà al 5° posto mentre Tommaso riceverà il suo terzo argento Il Canoa Club a San Giorgio di Nogaro

134

della giornata in una batteria di agguerriti partenti. Dalle Categorie superiori una medaglia d’oro per il K2 Cadetti B di Mirko Seminatore e Edoardo Barsacchi, oro per il Master B con Juri Arzelà e il Master C con Valerio Tremolanti. Due medaglie d’ argento nel K1 200 e 2000 mt. per Mirko SeminatoRoberto Sardi tiene in mano la Coppa Toscana conseguita a Gramolazzo re con finali di gara come migliore squadra di Canoa Giovani della Toscana da cardiopalma, un bell’argento e un bronzo da Carol Giannet- Mirko Seminatore e un bronzo per Franceti nelle finali riservate alle Junior e Senior sco Spurio. Nella serie degli equipaggi K2 e un avvincente terzo posto meritato da eclissano i loro avversari il duo Tommaso Francesco Spurio nei competitivi 2000 me- Tremolanti - Gabriele Lemmi (All. B) meritando un altro oro, stesso destino per la tri K1 per Cadetti A. Ed ancora a Torre del Lago sabato 4 ago- coppia Mirko Seminatore - Edoardo Barsacsto, sullo splendido scenario offerto fferto dalle chi (Cad. B) che salgono sul podio più alto ff sponde del Lago di Massaciuccoli si è svol- ed un altrettanto bel bronzo per il K2 comta la gara regionale di Canoa Olimpica e la posto da Francesco Spurio e Alessio Tani, 6a prova del Canoagiovani 2012. I ragazzi equipaggio in forte crescita. Grande prova del Canoa Club Livorno hanno dimostra- per la Junior Carol Giannetti che vince due to di meritare il 1° posto nella classifica a argenti rispettivamente nel K1 Senior e nel squadre della regione Toscana conquistan- K1 Junior confrontandosi con atlete che ordo 20 medaglie (8 d’oro, 8 d’argento e 4 bitano nel mondo della squadra nazionale. di bronzo). La prima serie di gare sui 200 Chiudono la serie dei 200 metri i Master Vametri K1 ha visto le ottime prestazioni de- lerio Tremolanti (oro) e Juri Arzelà (bronzo). gli Allievi B: Flavia Matteoli, Giulia Senesi 2000 metri per Allievi e Cadetti ma il caldo e Gabriele Lemmi che vincono l’oro nelle eccessivo (34° sul campo di gara) ha obblirispettive finali con tempi sotto al minuto, gato il medico a sospendere in anticipo la seguono a pochi secondi Tommaso Tremo- competizione. L’unica gara svolta su quelanti che conquista il bronzo. Per gli Allievi sta distanza è stata quella delle Allieve B A un bronzo per Leonardo Randis. Nelle K1 dove Giulia Senesi ha vinto l’oro e Flavia Allieve A un bell’argento per Francesca Matteoli l’argento. Arriva l’appuntamento con Gramolazzo Evola. Salendo di categoria per i Cadetti B ancora oro per Edoardo Barsacchi, argen- a Lucca il 25 agosto per la gara regionale to per Giacomo Tremolanti, Alessio Tani e di canoa e Kayak legata alla 7a prova del


La squadra agonistica del Canoa Club in allenamento sul canale dei Navicelli

natore e Edoardo Barsacchi primi nella velocità e Francesco Santoro e Giacomo Tremolanti terzi sempre nella velocità (K2 200 metri). Altre gare di fondo ed ancora medaglie per Gabriele Lemmi (oro), Tommaso Tremolanti (argento) per gli Allievi B, Flavia Matteoli (oro) e Giulia Senesi (argento) per le Allieve B 2000 metri. Molto selettiva la prova dei Cadetti B 2000 metri dove Mirko Seminatore vince l’argento. Chiudono la serie di medaglie il primo posto di Valerio Tremolanti e il terzo posto di Juri Arzelà nella categoria Master. Ed infine l’appuntamento a Caldonazzo in provincia di Trento per la finale nazionale del Canoagiovani ed il Meeting delle Regioni di Canoa e Kayak. Il bottino conclusivo: 10 medaglie d’oro, 9 d’argento e 3 di bronzo che è valso il 12° posto nella classifica nazionale a squadre. Il successo di Flavia Matteoli con l’oro nel K1 2000 metri e l’argento nel K1 200 metri Allieve B (Meeting) è stato solo l’inizio di una serie di vittorie. La grintosa Giulia Senesi la seguirà con ben due medaglie d’oro nel K2 2000 metri e nel K2 200 metri (Meeting), Tommaso Tremolanti vincerà l’argento nella staffetta 4×200 metri (Meeting) in una gara magistralmente diretta, Gabriele Lemmi conquisterà in un finale da fotofinish la medaglia Flavia Matteoli vincitrice del Meeting delle Regioni nella categoria Allieve d’argento nel K1 200 metri (Meeting). B K1-420 2000 metri e 1a nella classifica regionale Toscana Le due medaglie di Allieve B K1-420 con 11 medaglie d’ oro su 11 gare disputate

bronzo di Spurio Francesco nel K2 dei 2000 metri (Meeting) e nell’avvincente gara del K4 nei 200 metri (Meeting) chiudono la serie di successi dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze che hanno formato la squadra Toscana al Meeting. Continua la serie dorata di Flavia Matteoli e Giulia Senesi che vincono con Emanuela Evola la staffetta K1+K2 2×200 in una gara comandata dai primi 100 metri. Giulia Senesi tornerà a vincere l’oro e Flavia Matteoli l’argento nella velocità (K1 200 mt). Formidabile trio quello di Luca Arzelà, Tommaso Tremolanti e Gabriele Lemmi che surclassano i 7 equipaggi avversari vincendo l’oro nella staffetff ffetta K1+K2 All. B 2×200 mt. Gabriele Lemmi vincerà un altro oro in una imperiosa gara sui 200 mt K1, Tommaso Tremolanti conquisterà l’argento in un’emozionante finale in velocità e Luca Arzelà si metterà al collo la medaglia di bronzo in una difficile batteria di Allievi B K1. Nei Cadetti A il grintoso Francesco Spurio vince di carattere l’argento nella dura prova dei 200 K1. Nelle gare dedicate ai Cadetti B grandi soddisfazioni da Mirko Seminatore che vince sia in K1 che in K2 con Edoardo Barsacchi nei 200 mt imponendosi con un’ottima forma atletica. La sezione più giovane del CCL ha incrementato il folto medagliere con Flavio Spurio che vince con merito l’oro nel 200 mt in linea per gli Allievi A e l’argento nello slalom 200 mt, le piccole Allieve A ci regalano un bellissimo argento con l’equipaggio K2 di Diletta Lemmi e Evola Francesca in un agguerrito 200 mt, Francesca vincerà ancora un argento nella sua gara in K1 ca. Non ci resta che dare appuntamento alla prossima stagione per altre medaglie. Per ulteriori informazioni: www.canoaclublivorno.it

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

circuito Canoa giovani Toscana, organizzata dal CKV di Viareggio dove la squadra agonistica del Canoa Club Livorno ha vinto la Coppa Toscana come migliore società dell’anno e miglior punteggio per il settore giovanile. I 18 atleti del CCL con 12 medaglie d’oro, 3 d’argento e 7 di bronzo hanno letteralmente sbaragliato gli avversari delle altre sei società, lasciando solo briciole nelle 33 gare disputate. La cronaca della gara vede arrivare subito il bronzo di Francesca Evola, nella gara successiva emozionante oro per Flavio Spurio e bronzo per Leonardo Randis sempre per la categoria Allievi A 200 metri. Nelle Allieve B K1-420 velocità, strepitoso oro per Flavia Matteoli in gara 4 e di nuovo oro per la brava Giulia Senesi in gara 5, Flavia e Giulia dopo pochi minuti vincono un grande oro nella competizione riservata agli equipaggi di K2 sulla distanza dei 200 metri. Nella categoria Cadetti B finale da brivido che consegna un altro oro a Mirko Seminatore. Per Allievi B K1 velocità ennesimo oro per Gabriele Lemmi e Tommaso Tremolanti rispettivamente in gara 11 e gara 9, questi due allievi del CCL andranno poi a vincere un bellissimo oro formando l’equipaggio del K2-520 nella gara 17 velocità. Ottimo bronzo per il Cadetto A K1 Francesco Spurio nella gara di velocità, Francesco conquisterà ancora un bronzo nella difficile gara di fondo (2000 metri) della sua categoria. Alessio Tani che si piazza 4° nella velocità e 10° nel fondo, si merita comunque una bella medaglia di bronzo formando l’equipaggio di K2 con Francesco Spurio nella velocità. Ancora medaglie dagli equipaggi con Mirko Semi-

135


CARROZZERIA

CON ESPERIENZA 30ENNALE

Nuova gestione

2NBBNQRNRSQ@C@KD 1DRS@TQN@TSN LNSN UDROD .RBTQ@LDMSNUDSQH

Scotto Pubblicità Livorno

"@QVQ@OOHMF

7JB"JBDDJB 4UBHOP -* t0586 942172/338 2083403 nuova.suese@gmail.com 136


86CD68AJ7 CdchdadbZYV\a^Z!eZgjcdhedgiX]Z ^ck^iVVaXdciViidXdcaVcVijgVZVaaV hdX^Va^ooVo^dcZ che il nostro è uno sport di presenza, ogni giorno bisogna essere qui ad accogliere i ragazzi, con divertimento ma anche con disciplina, perché comunque quest’ultimo è un elemento richiesto dalla canoa”. Il Canoa Club è noto anche per il suo risvolto sociale, infatti, non è solo lo sport a muovere il gruppo, ma anche la didattica e la solidarietà con chi è stato meno fortunato. “Collaboriamo con la Regione, la Provincia e i Comuni -continua Manciniper portare la canoa nelle scuole avvicinandola ai ragazzi grazie al progetto “Sport per Tutti”, ma lavoriamo anche per l’iniziativa “Vivere lo Scolmatore” organizzando gite aperte, alla scoperta della natura che caratterizza il nostro entroterra, poco conosciuto, ma veramente molto bello. Fra le altre attività ci sono le uscite in canoa con i diversamente abili e la collaborazione con i Veterani dello Sport”. Non si fanno mancare niente quelli del Canoa Club e grazie alla disponibilità delle Acli, che li ha ospitati nella struttura di Stagno, il gruppo è riuscito a rimodernare un vecchio “pallaio per bocce”, per farlo diventare una palestra per il potenziamento fisico, da utilizzare soprattutto quando fuori le temperature ballano intorno allo zero. “Il rapporto con gli abitanti della zona è ottimo -spiega Mancini- noi abbiamo riportato la presenza dei giovani in quest’area ed abbiamo risistemato gli argini dello Scolmatore e loro ci hanno accolto a braccia aperte e spesso ci danno una mano”.

L’equipaggio del K2 composto da Flavia Matteoli e Giulia Senesi al centro del gruppo in premiazione

Il 2012 è stato un anno che ha portato molte soddisfazione in termini di risultati, come ci racconta Sardi: “La squadra ha funzionato veramente bene, ed i ragazzi vanno lodati ad uno ad uno. In Toscana siamo arrivati primi nella categoria giovanile, ma la soddisfazione più grande per me e vedere che i ragazzi che in passato sono stati mie atleti, oggi si sono messi insieme e hanno formato questo bel gruppo di giovanissimi, che sta crescendo rapidamente non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto sportivo”. E adesso passiamo la parola ad alcune delle giovanissime promesse del Canoa Club. Senesi Giulia 12 anni: “Faccio canoa da un anno e mezzo. Mi ha incoraggiato ad iniziare la mia amica Flavia. Facevamo nuoto sincronizzato insieme, ma abbiamo smesso perché non eravamo abbastanza seguite dagli allenatori. Della canoa mi piace tutto, anche se al primo posto metto i miei allenatori e i miei compagni. Mi alleno quanto posso, ma almeno quattro volte alla settimana, infatti, devo anche studiare perché sono in seconda media. La soddisfazione più bella che ho avuto nel 2012 è stato vincere a Caldonazzo l’ultima gara del meeting; il tempo non era molto bello, pioveva e all’inizio della gara gli avversari si sono messi subito sulla nostra scia, così con la mia amica abbiamo deciso di bagnarli e loro si sono vendicati mandandoci fuori rotta, ma nonostante tutto siamo riuscite a vincere. Il mio sogno è quello di poter un giorno entrare nella corpo sportivo della Forestale”.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

I

l Canoa Club Livorno è una realtà molto giovane, ma nonostante sia nata da pochi anni può vantare un bel gruppo di ragazzi e soprattutto un bel “bottino” di medaglie. Roberto Sardi sopranominato “il decano” degli allenatori e Gianluca Mancini rappresentano i pilastri della società, ma grazie ad un consistente numero di “genitori - volontari”, il Canoa Club è riuscito a crescere e fiorire. “II nostri ragazzi -spiega Mancini- sono una trentina e naturalmente sono tutti giovani, la maggior parte infatti rientra nella fascia di età compresa fra gli 8 e 14 anni, più tre atleti che sono entrati quest’anno nella categoria Ragazzi”. Per far fronte ad uno sport così impegnativo e nello stesso tempo, non mancare agli impegni lavorativi e familiari, ha preso vita un corposo gruppo di allenatori fra cui troviamo, oltre ai già citati Sardi e Mancini: Luca Lemmi, Juri Arzelà, Valerio Tremolanti, Massimo Guardiani, Marco Berni, Luca Lombardi. C’è poi il consiglio formato da altri genitori volenterosi come il presidente onorario Pierluigi Ottone, Alessandro Pagni nel ruolo di presidente, Paolo Bazzarri come vicepresidente, Luca Lombardi segretario e i consiglieri Stefano Martelloni, Riccardo Cecconi, Paolo Pagni e Ilario Raveggi. Ma il lavoro non è finito, per mandare avanti una società sportiva c’è bisogno ancora di altre forze, che fortunatamente entrano in campo con tutti gli altri genitori per organizzare un’infinità di cose, dalle cene con i ragazzi alla riparazione del pulmino quando necessita. “Abbiamo il privilegio -sottolinea Sarti- di avere dei genitori disponibili ad aiutarci e sollevarci da tanti compiti, permettendoci così di avere più tempo per seguire i ragazzi e allenarli al meglio, e tutto questo lo si può riscontrare dai risultati che abbiamo ottenuto nel 2012. Non dobbiamo dimenticarci

K2 composto da Gabriele Lemmi e Tommaso Tremolanti

137


138

Scotto PubblicitĂ Livorno


Luca Arzelà 3° classificato nella classifica regionale Toscana

a provare; mi è piaciuto ed ho continuato. Sono da pochi mesi al Canoa Club e provengo da una società di Viareggio. Mi alleno almeno quattro volte alla settimana facendo il pendolare da Viareggio a Stagno. L’aspetto più bello è sicuramente lo stare in contatto con l’acqua, il più brutto è il freddo invernale. Il mio obiettivo per il 2013 è vincere le gare ed in particolare il Meeting delle Regioni. Con la scuola concilio bene, sono bravo e se ho compiti impegnativi arrivo un po’ dopo o vado via un po’ prima dagli allenamenti. Il mio sogno nel cassetto è una partecipazione olimpica”. Giacomo Tremolanti 14 anni: “Pratico canoa da un anno, ed ho iniziato perché volevo provare uno sport nuovo. Ho fatto Ju Jitsu per molto tempo raggiungendo una categoria alta, ma ho smesso perché non avevo più voglia, volevo provare qualcosa di diverso. Mi piace molto venire agli allenamenti, ed in modo particolare uscire in barca. La soddisfazione più bella è stata la gara a Caldonazzo dove sono arrivato quinto; ho dato il meglio di me e ho avuto un buon risultato, sono soddisfatto. La cosa che mi pesa un pochino è la frequenza degli allenamenti, vengo tutti i giorni e questo è un po’ limitativo per le altre cose che vorrei fare, come uscire con i miei amici. Nel 2013 l’obiettivo è quello di salire la classifica regionale, adesso sono sesto. Mi piacerebbe in futuro arrivare ai Campionati del mondo”.

Francesco Spurio

Flavio Spurio 10 anni: “È un anno che pagaio ed ho iniziato perché mio fratello praticava già questo sport, tramite lui ho visto che era divertente e ho voluto iniziare anch’io. Nel 2012 mi sono divertito vincendo le gare, la più bella è stata a Caldonazzo, non credevo di vincere i 200 metri contro tutta l’Italia. L’obiettivo del 2013 è vincere il Meeting delle Regioni. Un aspetto negativo: rovesciarsi in acqua. Da grande vorrei vincere le olimpiadi”. A.D.V.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Luca Arzelà 12 anni. “Faccio canoa da tre anni ed ho iniziato perché me lo ha proposto mio padre che lo praticava da giovane. Mi piace tutto di questa disciplina, in modo particolare le barche. La soddisfazione più bella l’ho avuta a San Miniato quando ho vinto la gara. Un piccolo neo: l’ultima competizione, dove sono arrivato due volte quarto. Obiettivo del 2013 è cercare di arrivare in alto alla classifica, e salire dall’atGabriele Lemmi medaglia d’ argento nel Meeting delle Regioni tuale quarto posto nella nella categoria Allievi B K1-420 200 metri e 1° nella classifica graduatoria regionale. Mi regionale Toscana Allievi B K1- 420 con 10 medaglie d’ oro su alleno 5 giorni a settima11 gare disputate na, qualche volta anche Tommaso Tremolanti 11 anni: “Faccio sei. Ce la faccio bene con la scuola, perché canoa da un anno, mi sono avvicinato a riesco a fare i compiti prima di allenarmi”. questa disciplina perché ho visto una gara Mirko Seminatore 14 anni: “Pratico cain televisione, però anche mio padre mi ha noa da 3 anni e mi sono avvicinato grazie incoraggiato, ed oggi lui è diventato istrut- alla scuola che mi ha presentato questa tore e mi segue. La cosa che preferisco di disciplina tramite il progetto Sport per Tutquesto sport è il contatto con l’acqua. La ti. Più di ogni altra cosa mi piace vincere soddisfazione più bella del 2012 è stata la le gare, ma la soddisfazione più bella l’ho gara a Pisa, dove sono arrivato secondo su avuta quando ho battuto il mio avversario un 420. Mi alleno 4 o 5 volte alla settimana, di sempre, un ragazzo fiorentino, arrivando ma non è un sacrificio, per me è divertente. secondo”. L’unico aspetto negativo è rappresentato Francesco Spurio 13 anni: “Ho iniziadagli esercizi con i pesi”. to da un anno grazie al mio professore di Gabriele Lemmi 12 anni: “Mi dedico alla Educazione Fisica canoa da 4 anni. Ho iniziato perché consi- delle scuole Medie di gliato da mio padre, che la prima volta mi ha Collesalvetti che mi costretto a salire in barca, ma poi mi è pia- ha fatto conoscere ciuto e ho continuato con entusiasmo. Pri- la canoa. La soddima degli allenamenti studio e se mi manca sfazione più bella è qualcosa da terminare mi ci dedico la sera, stata arrivare terzo al rientro. La canoa mi entusiasma perché è al meeting in K2. Di uno sport pulito e può darti grandi soddisfa- questa disciplina mi zioni nella vita. Per il 2013 mi piacerebbe vin- piace tutto, ad esclucere il meeting e poi in un futuro più lontano sione del freddo in partecipare alle olimpiadi. La cosa che non inverno. Per il 2013 mi piace tanto di questa disciplina è il freddo, mi sono prefissato l’obiettivo di migliorare perché mi fa sentire dolore alle mani”. i risultati vincendo di più, magari arrivando primo al K1 al meeting. Il sogno a lungo termine, invece, mi porta alle olimpiadi”. Marco Vannini 12 anni: “Faccio canoa da due anni. È stata una mia amica a convincermi

139


140


Jc^dcZ8Vcdii^Zg^/aVhdYY^h[Vo^dcZ eZgjcVhiV\^dcZg^XXVY^g^hjaiVi^ BZYV\a^Z!edY^ZYjcVheZgVcoV eZgjc[jijgd^ccVo^dcVaZ sico, forma anche il carattere, perché davanti ad episodi di questo tipo non ci si deve arrendere, ma si va avanti con tenacia dimostrando quanto si vale realmente. Siamo soddisfatti anche per la classifica nazionale della squadra, arrivata diciassettesima, su più di cento posizioni”. Molto impegnativo si presenta la prossima stagione con il doppio appuntamento agli europei a luglio in Polonia e ai mondiali ad agosto in Canada, ma gli atleti si stanno già preparando con costanza e serietà. “Anche i più piccoli -continua Volpi- ci hanno dato buone soddisfazioni, vincendo molte medaglie al Meeting delle Regioni, quello che potremo definire i Giochi della Gioventù per la canoa. Stiamo creando anche una buona squadra femminile con 4 ragazze di 12 anni: Elisa D’Ambra, le gemelle Alessia e Chiara Agostinetti e Rachele Raugi. Stiamo puntando molto su questo settore, perché crediamo che far emergere le donne, anche a livello nazionale, sia molto importante. Questo ce lo hanno già dimostrato Rachele Puccetti e Francesca Zonato”.

La squadra K4 dell’Unione Canottieri in gara

Oltre alle importanti competizioni della prossima stagione, la società punta ad avere qualche convocazioni in nazionale e naturalmente a salire sui podi di tante importanti gare nazionali, ma non sfugge l’obiettivo a lungo termine, per il quale si può già cominciare a sognare e a lavorare, pensando al 2012 e alle Olimpiadi di Rio. “Come società avremo bisogno di qualche aiuto economico -spiega Volpi- ma anche di alcune agevolazioni. Ad esempio, attualmente paghiamo alla Spil, 720 euro di affitto al mese per l’utilizzo della struttura allo scolmatore. Fino a poco tempo fa ci chiedevano 500 euro all’anno che obiettivamente erano pochi, ma adesso il salto è stato grosso per noi, con i soldi che spendiamo per l’affitto, potremmo investire maggiormente nell’attività sportiva a favore dei ragazzi. La crisi economica si sta facendo sentire e, come molte altre società, anche in discipline diverse dalla nostra, siamo costretti a fare affidamento sui genitori”. “Come allenatori -conclude Volpi- dal punto di vista sportivo lavoriamo affinché qualcuno dei nostri ragazzi possa fare l’esperienza olimpica, ma obiettivi importanti sono anche aiutarli ad entrare in corpo sportivo militare, che li permetterebbe di dedicarsi alla canoa a tempo pieno, ed avere contemporaneamente un lavoro. Ma soprattutto ci piace tenere questi giovani lontano dalla strada, ed aiutarli a crescere bene, con valori sani, che lo sport può dare”.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

U

na trentina di ragazzi di tutte le età animano la vita dell’Unione Canottieri, regalando alla società buone soddisfazioni. I due allenatori, Pierduilio Puccetti che si occupa della sezione agonistica e Roberto Volpi che segue i ragazzi dai 10 ai 14 anni, non nascondono la loro soddisfazione. “Quest’anno abbiamo ottenuto dei buoni risultati -racconta Roberto Volpi- con Elisabetta Maffioli che ha vinto 4 titoli italiani nella categoria ragazzi, arrivando prima con il K1 alla maratona, nei 5.000, nei 1.000 e nei 500. Ai mondiali, svoltisi a Roma, si è qualificata quarta con la siciliana Di Bartolo. La prossima stagione l’affronterà nella categoria juniores, ma non essendo livornese, per esigenze familiari è tornata a Mergozzo dove vive”. Nello staff ff degli allenatori si contano anche Stefano Tavani e Alessandro Raugi, che compatibilmente con i loro impegni sportivi e lavorativi, seguono la preparazione dei più piccoli, quelli cioè che non affrontano ancora il vero e proprio agonismo, ma sono impegnati in competizioni diverse, che mirano più al divertimento che non alla classifica: “Come federazione -continua Volpi- vogliamo che l’agonismo vero e proprio inizi dopo, fino a 14 anni è giusto che vivano lo sport come un gioco”. “Un po’ tutti i nostri atleti hanno avuto buoni risultati, come Rachele Puccetti, dominatrice della sua categoria, convocata in nazionale, attualmente junior. Buoni piazzamenti da parte di Maurizio Giannini e Matteo Volpi, quest’ultimo si era qualificato per la nazionale, ma una selezione che potremo definire ‘un po’ colorita’ lo ha escluso. Matteo però non si è scoraggiato ed ha saputo confermare le sue capacità atletiche arrivando secondo al Campionato italiano e battendo anche chi lo ha sostituito in nazionale. La canoa è uno sport che oltre al fi-

141


JC>DC:86CDII>:G> IVciZkdX^!iVciZeVhh^dc^! iVci^hd\c^

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

R

educi da una stagione impegnativa, ma ricca di soddisfazioni, i ragazzi dell’Unione Canottieri ci raccontano le loro esperienze recenti e passate. Davide Volpi, 17 anni: “Sono circa sei anni che pratico questa disciplina. Il mio avvicinamento alla canoa è stato casuale, una sera con Matteo, mio fratello gemello, e i miei genitori, incontrammo Pierduilio Puccetti, amico di mio padre, uniti dalla comune passione per il ciclismo. Fu lui ad invitarci a provare a salire su una canoa: ci piacque subito, perché è uno sport all’area aperta che ti mette in contatto diretto con la natura, l’entusiasmo crebbe ancora di più dopo le prime gare ed i buoni risultati che ci convinsero definitivamente a rimanere. Ho partecipato alle competizioni del 2012 come junior e la soddisfazione più bella è stato il secondo posto con il K4 nei 5.000 metri, dopo una gara molto combattuta. Mi emoziona molto partecipare agli eventi sportivi e mi piace l’atmosfera di squadra che sappiamo creare. Certo, è uno sport molto impegnativo, la preparazione deve essere sempre maggiore e non è facile conciliarla con la scuola. Io

frequento il Nautico e come i miei compagni faccio dieci allenamenti alla settimana, di cui tre si svolgono la mattina presto, alle sei, prima di andare a scuola. Il sogno nel cassetto, come ogni sportivo, è quello di poter partecipare ad un’olimpiade, ma anche andare in nazionale e poter avere delle soddisfazioni personali”. Matteo Volpi 17 anni e fratello gemello di Davide: “Frequento l’Iti e riesco a conciliare bene lo studio con lo sport, anche se considero gli allenamenti a fine giornata, quando ci tratteniamo in palestra fino alle nove di sera, un po’ faticosi. Comunque fare questo sport mi piace tantissimo, quindi il ritmo serrato, alla fine, non mi pesa più di tanto. Il 2012 è andato abbastanza bene, anche se purtroppo sono rimasto fuori dalla nazionale, nonostante nella classifica finale mi sia piazzato al quarto posto. Però agli italiani mi sono preso delle soddisfazioni, arrivando due volte secondo nei 500 e nei 200. Tornando indietro nel tempo ricordo un bronzo nel 2011, e la stagione 2010, sicuramente la migliore fino ad oggi, perché mi ha permesso, nella categoria ragazzi di gareggiare con atleti più grandi di me di

due anni e di vincere ben 4 titoli italiani. Anche per me il sogno è quello di andare alle olimpiadi di Rio De Janeiro oppure entrare in un corpo sportivo dello Stato, mi piacerebbe molto la Forestale. Trovo appassionante la competizione, ma anche la possibilità che ho di conoscere ragazzi che provengono da ogni parte d’Italia”. Lorenzo Agostinetti 17 anni: “Ho iniziato nel 2008 dopo aver visto in televisione alcune gare alle Olimpiadi di Pecchino. Il 2012 ai Campionati regionali ho vinto il K4 sui 5.000 metri e mi sono qualificato secondo, sempre nel K4, nei 1.000, nei 500 e nei 200. Normalmente faccio un po’ di tutto, dal k1 al k2, al k4, ma preferisco quest’ultimo perché mi piace lo spirito di squadra. La canoa è una disciplina che mi diverte molto, anche se gli allenamenti sono molto duri e frequenti, ed è difficile avere una vita extra allo sport. Frequento l’Iti e riesco a conciliare bene la mia attività sportiva con lo studio, non ho nessun problema. Il mio sogno nel cassetto è vincere i Campionati italiani ed essere chiamato in nazionale. I miei genitori sono contenti della attività sportiva che svolgo, anche perché vado bene a scuola. Mio padre, in particolare, mi ha incoraggiato ad iniziare e mi sostiene”.

Lorenzo Agostinetti

Davide Volpi

142

Matteo Volpi

Francesca Zonato 15 anni: “Ho cominciato ad andare in canoa quando avevo 5 anni e mezzo. Camminando per le campagne di San Miniato con mia madre, incontrai per caso dei ragazzi che si stavano allenando, me ne innamorai subito, ma dovetti aspetta-


da nei 1.000 e nei 500, terza nei 200. Mentre nella categoria under 23 mi sono qualificata terza nei 500 e nei 1.000, quarta nei 200. A livello internazionale ho partecipato agli europei di velocità in Portogallo nei 400 e nei 1000 e ai Campionati mondiali di maratona a Roma. Frequento l’università di logistica e riesco a conciliare abbastanza bene studio e allenamenti, perché la facoltà è a Livorno. Il sogno nel cassetto sono naturalmente le prossime olimpiadi. Mi piace la canoa perché amo stare a contatto con l’acqua e poi perché, se anche i sacrifici sono tanti, i risultati si vedono e danno tanta soddisfazione. Non mi pesa niente di questo sport, forse un po’ quando fa freddo, ma non troppo, del resto se non fosse così non lo praticherei. Nella mia carriera agonistica la cosa che più mi ha emozionato di più è stato battere la mia avversaria dirette, Francesca Genso di Trieste, con la quale ho fatto insieme i mondiali, ma solitamente siamo avversarie e batterla è una bella soddisfazione”.

bre mi sono infortunato alla spalla, ma comunque ho continuato l’agonismo con il K4 nei 200 metri, con il K2 nei 1000 e nel singolo, raggiungendo sempre le finali. La competizione che mi ha entusiasmato maggiormente è stata la maratona di 12 chilometri disputata in K1 a maggio, dove ho vinto. Della canoa mi piace il movimento, la sensazione di far andare la barca, la soddisfazione dopo una gara o un allenamento, quando sai che hai dato il massimo. Frequento l’Iti, mi alleno tutti i giorni, anche la mattina prima di andare a scuola. Riesco a conciliare bene tutto, anche se con tanto sacrificio, ma mi piace. L’unico aspetto negativo si manifesta durante l’inverno, quando a causa del freddo siamo costretti a fare più palestra che uscite all’aria aperta. Il mio sogno nel cassetto è quello di riuscire ad entrare in un gruppo sportivo militare come le Fiamme Gialle”.

Michele Tavanti Rachele Puccetti

Francesca Zonato

Rachele Puccetti 19 anni: “Da piccola facevo danza classica, ma poi per gelosia verso un cugino che voleva iniziare a fare canoa ho voluto provare anch’io. Mio padre per seguirmi si è riavvicinato a questa disciplina, ed è diventato allenatore. Nel 2012 ho fatto i Campionati italiani arrivando secon-

Michele Tavanti 16 anni: “Ho iniziato sei anni fa. Precedentemente giocavo a calcio, ma avevo voglia di fare qualcosa di diverso. Così durante l’estate, mio padre che da giovane praticava questa disciplina, mi ha fatto provare la sua canoa. Inizialmente non ero molto convinto, ma poi lentamente ho iniziato ad appassionarmi ed ho deciso di continuare. Nel 2012 in K2 ho partecipato alla maratona di Udine, conquistando un secondo posto. A maggio a Sabaudia siamo arrivati quarti nei 5.000 metri, sempre in K2 ed abbiamo conquistato il primo gradino del podio a Caccamo con il K4 nei 500. A settem-

Maurizio Giannini 21 anni: “Pratico canoa da 12 anni e sono nella categoria under 23 terzo anno. Iniziai perché in piscina avevo problemi respiratori e non potevo continuare, così abitando proprio sopra la palestra avevo modo di osservare gli atleti quando uscivano in canoa e decisi di provare. Quest’anno sono rimasto fuori dalla nazionale per pochissimi punti, mi sono sempre qualificato al terzo posto ai Campionati italiani di maratona di 5000 metri, e di velocità in K3. Finita la scuola ho deciso di prendermi due anni da spendere interamente nello sport, ma dal prossimo anno mi dedicherò anche al lavoro. Mi piace l’atmosfera che creiamo in palestra durante gli allenamenti

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

re ancora qualche mese per iniziare perché ero troppo piccola. Frequento il liceo classico ad Empoli e faccio la pendolare fra la scuola, gli allenamenti a Livorno e San Miniato dove vivo. Sono nella categoria ragazze, secondo anno, nel 2012 per una serie di problemi non ho partecipato all’agonismo, ma dalla prossima stagione riprenderò. Questo sport ormai fa parte di me, non ne potrei fare a meno, la pagaia mi dà un grande senso di libertà. Quando sono sola in acqua e comincia a tramontare il sole provo sensazioni molto belle, così come quando sono in gara e ad un certo punto non sento più alcun rumore se non il suono della pagaia che entra in acqua: tutte emozioni stupende. In questo momento faccio il singolo, perché non ho una compagna con la quale gareggiare, ma è anche la specialità che preferisco, io non sono adatta a fare sport di squadra, perché mi prendo troppe responsabilità per gli altri. Un piccolo difetto di questo sport sono gli allenamenti domenicali, e la stagione invernale quando facciamo fondo sulle lunghe distanze, mentre io sono una velocista e preferisco i tratti brevi. Il mio sogno nel cassetto è vincere una medaglia olimpica, ma anche avere un qualche riconoscimento intellettuale, tengo molto all’aspetto culturale della mia vita, non potrei pensare di fare qualcosa per il mio fisico e non per la mente”.

143


144

Scotto PubblicitĂ Livorno


un viaggio, perché in questo sport è necessario essere costanti. L’esperienza che più mi ha emozionato è stato il Campionato italiano ragazzi del 2005, dove ho conquistato il terzo posto. Il sogno sarebbe poter indossare, anche per una sola volta, il body della nazionale in una competizione europea”.

Ermes Bacci 19 anni: “Ho scoperto la passione per la canoa 11 anni fa, quando mio padre voleva indirizzarmi al canottaggio, sport da lui praticato e amato, ma quando provai non mi piacque l’idea di andare all’indietro, così sono passato alla canoa. Nel 2012 ho ottenuto un quarto posto in k1 nei 5.000 e in K2 nei 1.000. Frequento il quinto anno del Colombo, la scuola non è tanto

impegnativa, quindi trovo lo spazio per lo studio e per gli allenamenti. Non riesco invece, ad individuare un difetto a questo sport, neanche piccolo, ed il mio sogno nel cassetto sono naturalmente le olimpiadi”. Alessandro Bini 23 anni: “Ho iniziato a praticare canoa 13 anni fa. Era un periodo i cui non stavo facendo sport, e quando vidi dei volantini a scuola che pubblicizzavano questa attività decisi di provare. Nel 2008 ho dovuto rallentare il ritmo degli allenamenti per ben 4 anni, per motivi inizialmente di salute e poi di lavorare, ma nel 2012 sono rientrato con costanza. Lavoro come consulente per un’agenzia assicurativa e non avendo grossi vincoli d’orario posso conciliare tutto, normalmente mi alleno la mattina presto prima di andare a lavoro e poi la sera. L’esperienza più bella è stata vincere una gara regionale in K1 nel 2007, dove riuscii a battere il mio diretto concorrente. Quell’anno vinsi anche con il K4 e K2 e soprattutto in K1. La cosa che più mi piace è avere la possibilità di fare amicizia con ragazzi di altre città, nonostante siano molto lontani, apprezzo molto anche l’ambiente, ancora pulito, poco influenzato da politiche e strategie interne, come invece è per altre federazioni. Di questa società livornese invece mi piace in modo particolare l’attenzione che viene dedicata ad ogni atleta, dal più piccolo al più grande: la considerazione è sempre la stessa, ed gli adulti aiutano i più giovani ad affrontare ffrontare gli ff allenamenti e le competizioni. Il sogno nel cassetto era un tempo rappresentato dalle olimpiadi, oggi mi accontento di poter ritornare a competere a livelli nazionali”. Antonella De Vito

Ermes Bacci

Alessandro Bini

Gabriele Giuliani

Maurizio Giannini

Gabriele Giuliani 23 anni: “Mi dedico alla canoa dal 2000, ma sono a Livorno da un paio di mesi, prima ero con una società di Pisa. Ho iniziato con il canottaggio, incoraggiato dai miei genitori, ma non mi piaceva andare all’indietro e dopo tre giorni smisi, però ebbi modo di notare i ragazzi che andavano sulla canoa, così decisi di provare e mi piacque molto. Il 2012 per me è stato un anno particolare, in quanto in seguito ad un incidente stradale ho perso la milza. Ciò mi ha costretto ad un periodo di riposo, durante il quale non ho potuto allenarmi, ma a settembre sono rientrato in gara ed ho ottenuto un quinto posto con il K1 sui 200: è stato per me un risultato importante, sono contento. Di questa disciplina la cosa che trovo più entusiasmante sono le gare. Lavoro in vetreria a Calci, ma riesco a conciliare abbastanza bene con gli allenamenti. Quello che invece mi pesa di più è il non potermi allontanare per qualche giorno, perché anche il sabato e la domenica ci sono gli allenamenti e le gare e non è possibile decidere di assentarsi per

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

e il clima delle gare. Ho partecipato alla nazionale dal 2008 fino al 2010, praticamente dal primo anno ragazzi fino all’ultimo junior. Non ho sogni nel cassetto, ho smesso di farli quando mi sono accorto che ogni volta che immaginavo di realizzare qualcosa, mi andava sempre male. Così adesso vivo alla giornata, prendendo quello che viene. Nella mia carriera agonistica l’emozione più bella è stata sicuramente quando ho letto per la prima volta su internet il mio nome per la convocazione in nazionale”.

145


EDILBITTA

Scotto Pubblicità Livorno

Scotto Pubblicità Livorno

di Poli

Fabrizio

E^VooVMMHZiiZbWgZ!&-"A^kdgcd IZa#$;Vm%*-+.*.+'& 8Zaa#('-&*,*)&-™((-'+'*.)ZY^aW^iiV5k^g\^a^d#^i

TP

tG^higjiijgVo^dc^^ciZgcZ t6eeVgiVbZci^!cZ\do^ZVaigd tG^higjiijgVo^dc^ZhiZgcZ tIZii^Z[VXX^ViZ tDeZgZ^Yg^X]Z tDeZgZZaZiig^X]Z t8Vgidc\Zhhd tEdhV^cdeZgVY^eVk^bZci^ tI^ciZ\\^VigjgZ tAVkdgVo^dc^heVidaVijgZ tEdhV^cdeZgVY^eVgfjZi t>cÒhh^ZedgiZ tE^XXdaZXdhigjo^dc^

GEOMETRA

Thomas Poli

EG6I>8=:8DBJC6A>E:GG>HIGJIIJG6O>DC> >CI:GC::9:HI:GC:!8:GI>;>86O>DC>:C:G<:I>8=:! E>6C>9>H>8JG:OO6!9>G:O>DC:A6KDG>! EGD<:II6O>DC>!8:CH>B:CI>86I6HI6A> EGD<:II6O>DC> E^VooVMMHZiiZbWgZ!&-"A^kdgcd IZa#%*-+.*.+'&™8Zaa#('-,&))''( i]dbVh#eda^5Va^XZ#^i


x o i x g x g x a x t t x x o x n XxCxxa >aXVcdiiV\\^da^kdgcZhZ ƒjhX^idYVa\^gdX]ZXdciV Adh[d\dYZaEgZh^YZciZYZa8db^iVidEgdk^cX^VaZ Y^Filippo Mannucci

L’Assessore allo Sport Ritorni premia Filippo Mannucci

li che si susseguono negli anni; sono nomi e numeri che si rinnovano a dispetto delle piene dell’Arno. Numeri che parlano da soli, non solo per la quantità ma anche per la qualità; numeri che fino a pochi anni fa appartenevano alla realtà livornese.

Filippo Mannucci

Non c’è nemmeno da aggrapparsi alla scusa che il Palio Marinaro “ruba” risorse, poiché anche a Pisa c’è la San Ranieri e non scordiamoci delle Repubbliche Marinare. Occorre quindi mettersi a tavolino e capire cosa è successo già a fine anni 90, con la “fuga dei talenti” da Livorno verso Pisa, verso il college remiero federale ed i corpi di stato. Tutto il patrimonio di esperienze e la forza remiera della città è stato travasato altrove con ottimi risultati, ma non solo, ha dato seguito ad una tradizione che invece nella realtà remiera labronica, oramai impoverita, si è persa nel dimenticatoio come una vecchia foto coperta dalla polvere...

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

T

olto lo sparuto gruppo di livornesi “emigrati” in altri club remieri extra -cittadini, il 2012 è stato ai minimi storici per quanto riguarda i risultati negli appuntamenti che contano. La stagione dei Campionati assoluti e junior è stata posticipata al dopo olimpiade, così come i Campionati toscani, appuntamento clou per quanto riguarda l’attività remiera regionale, svoltisi il 9 settembre a San Miniato. Alla rassegna regionale nessun titolo è stato conquistato da Livorno, nonostante il numero cospicuo di equipaggi; peggio addirittura delle società di provincia, che lottano con mezzi e possibilità nettamente inferiori a quelle labroniche. Il campo di allenamento dello Scolmatore è stato frequentato sempre da campioni mondiali e olimpici, il numero di allenatori è fra i più alti, in rapporto agli atleti, di tutta la Toscana, le imbarcazioni che solcano lo Scolmatore sono quelle che si vedono in gara alle olimpiadi con successo, ma ai Campionati toscani, Livorno è uscita con zero titoli, finendo dietro anche a Orbetello e Viareggio, che insieme si portano a casa ben 6 ori. Non ci sono quindi attenuanti e occorre rivedere il rapporto fra società e atleti livornesi, occorre una oggettiva presa di coscienza, senza nascondersi dietro ad un dito: il canottaggio a Livorno è uscito dal giro che conta. Già la vicina Pisa sforna con regolarità atleti medaglisti in competizioni nazionali ed internaziona-

147


148

Scotto PubblicitĂ Livorno


<67G>:A:7688> AÉjc^dcZ8Vcdii^Zg^A^kdgcd ZaV[dgoVYZ^hjd^\^dkVc^ sport. Tutti mi dicono che in questa disciplina contano al 50% le doti fisiche e al 50% l’allenamento, quindi possiamo definirlo uno sport impegnativo, dove è necessario allenarsi molto”. Hai cominciato a fare qualche gara? “Sì, e sono sempre salito sul podio. Nel 2012 ho partecipato alla gara regionale di San Miniato, in batteria da tre, dove abbiamo conquistato l’oro. Il primo posto lo abbiamo ottenuto anche nelle gare di: Genova in batteria a cinque, a Candia (Torino) per un meeting nazionale e a Corgeno sul lago di Comabbio. Mi sono invece piazzato secondo alla competizione di Rosignano Solvay in batteria da tre sui 500 metri e nell’ultima gara a San Remo, al Trofeo Vacchino”. Il tuo atleta di riferimento? “L’idolo lo abbiamo qui ed è Filippo Mannucci, 4 volte primo ai Mondiali sul 4 di coppia”. L’esperienza più bella? “La prima gara, non perché era importante, ma perché era la mia prima volta. Si è svolta a primavera a San Miniato, ero molto teso e quando è finita è stato un sollievo, anche perché ci siamo qualificati primi. Eravamo in tre e nell’area c’era molta elettricità, ho provato delle belle emozioni e un buon spirito agonistico”. Sogno nel cassetto? “Vorrei almeno provare ad arrivare in nazionale”. Cosa apprezzi di più del tuo allenatore? “Il suo approccio, non è freddo come gli allenatori che ho conosciuto nelle altre discipline”.

Quale aspetto ti pesa maggiormente nel canottaggio? “Il fatto che rimane poco tempo libero, fra studio ed allenamenti non riesco a fare altro. Ma questo succede in tutte le discipline in cui si fa agonismo, capita anche ai miei amici che praticano altri sport”. E quando fa freddo? “È una motivazione in più per vogare veloci e riscaldarsi”. Quanto ti alleni con i compagni di squadra? “In società non ci sono ragazzi della mia categoria con cui allenarmi, la squadra la formiamo direttamente in gara. Alla mia età, come mi dicono sempre Filippo Mannucci ed il mio allenatore, l’importante è divertirsi, l’agonismo serio inizierà più tardi. Per adesso mi sto divertendo molto”. Consiglieresti ad un amico il canottaggio? “Sì, perché è uno sport di vita, ti forma il fisico e l’animo. Ti insegna ad essere organizzato, determinato e a dare il massimo”. Antonella De Vito

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

D

a giovani si voga principalmente per divertirsi, ma i sogni non hanno età ed è permesso farli in qualsiasi momento della vita. Gabrielle Bacci ha 11 anni e le idee molto chiare. Quando e come hai iniziato questa disciplina? “Pratico canottaggio da circa due anni e mezzo. È stata la mia maestra elementare a consigliarmelo, perché ero più alto dei miei compagni, inoltre non riuscivo a trovare lo sport giusto per me, ne cominciavo uno, ma non resistevo più di un mese, ho provato un po’ di tutto: calcio, nuoto, scherma, judo”. Cos’è che ti è piaciuto in particolare e ti ha indotto a continuare con il canottaggio? “Prima di tutto mi è piaciuto l’allenatore Gino Montanelli, perché ha molto tatto, ed è diventato per me come un secondo padre e poi mi piace andare in barca, il tipo di preparazione che facciamo, il contatto con la natura”. Quanto è impegnativo? “Mi alleno 5 volte alla settimana per un’ora e mezzo o due. Frequento la prima media e riesco a conciliare bene studio e

Nelle immagini Gabriele Bacci

149


150 Scotto PubblicitĂ Livorno


;G6C8:H8D;:GG>C> AÉJc^dcZ8Vcdii^Zg^A^kdgcd ZaVeVhh^dcZYZaaZcjdkZaZkZ

Che tipo di imbarcazione usi? “Sono abbastanza leggero, quindi vado meglio sul singolo 720, ma dal prossimo anno non potrò più usarlo, perché passerò nella categoria ragazzi e mi aspetta il singolo olimpico. Quest’anno sul doppio ho fatto squadra con il mio amico Federico Kutufà e ci siamo divertiti tanto. Il prossimo anno parteciperò anche al quattro di coppia”. L’esperienza più bella? “L’ultima gara a Varese dove sono arrivato primo con il 720, ma mi è piaciuta molto anche la gara con il doppio, perché l’ho fatta con il mio amico”. Un aspetto negativo di questo sport? “È molto impegnativo e fra allenamenti e studio, non mi resta molto tempo per uscire con gli amici”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare ad una competizione mondiale o alle olimpiadi”. Come giudicano gli altri questo sport? “La maggior parte dei miei amici non lo giudicano molto bene, perché osservano e criticano quanto sono impegnato, ma secondo me sbagliano, perché in realtà il canottaggio è molto divertente, e ti permette di conoscere tante persone che vivono anche lontano da Livorno. I miei genitori e

i miei nonni invece mi appoggiano, si sacrificano per accompagnarmi tutti i giorni agli allenamenti e li ringrazio molto per questo”. Cosa ti piace di più? “Il rapporto con la natura, anche se quando fa freddo o piove preferirei rimanere in palestra, pur essendo un’attività meno interessante. Infatti, uscire in barca resta la cosa più bella anche perché ti permette di osservare la natura da vicino, a me è capitato di vedere cinghiali e cerbiatti lungo la riva dei Navicelli mentre bevono”. A.D.V.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Q

uando la passione bussa alla porta, non le si resiste, neanche se si è molto giovani. Francesco Ferrini ha 14 anni e si dedica al canottaggio da circa due anni e mezzo. “Non sapevo quale sport praticare, avevo già provato nuoto, calcio tennis, ma mi annoiavo, così mio padre mi propose di tentare con il canottaggio, sport che lui aveva praticato da giovane. Mi è piaciuto molto e sono rimasto. Mi alleno sei volte a settimana per due ore e mezzo e mi organizzo con lo studio, cercando di fare tutta la lezione prima degli allenamenti”. Il tuo curriculum sportivo? “La prima gara è stata a San Miniato nel 2011 dove siamo arrivati secondi, poi ho partecipato ad altre competizioni a Varese e Genova, sempre con buoni risultati. Con la squadra siamo saliti quasi sempre sul podio. Il 2012 è andato molto bene: a San Miniato con il doppio ci siamo qualificati primi; anche Genova ci ha visto sul primo gradino del podio nel doppio e nel singolo; primo posto ancora a Candia e a San Miniato con la rappresentativa regionale con il 4 di coppia; secondo sul singolo al Festival dei Giovani e primo a Varese con il singolo; a San Remo ho passato le qualificazioni, ma alla finale sono giunto solo al quarto posto”.

Nelle immagini Francesco Ferrini

151


Abbigliamento tecnico e accessori per tutte le esigenze Training test:

Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√T Tempo empo libero (con possibilità di noleggio)

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

NUOVA SEDE:

Scali delle Cantine, 16/20 - 57151 LIVORNO Tel. 0586 800093 T

Scotto Pubblicità Livorno

da passeggio e da turismo


x x x x o x m x x s i x l XxCxxic AJ8686H>C> 8dc[ZgbVidVaaVegZh^YZcoV YZaaV;ZYZgVo^dcZegdk^cX^VaZegdk^cX^VaZ e altri. Inoltre oltre a Diego Ulissi e Elia Favilli abbiamo visto crescere e afferff ffermarsi David Mucelli, l’emergente Alessio Taliani e, lo dico con un pizzico d’orgoglio paterno, anche mio figlio Alessio, purtroppo quest’anno penalizzato da un infortunio alla cartilagine del ginocchio”. Per Casinocchio” ni, però, non sono tutte rose e fiori e, i morsi della crisi, si fanno sentire anche nel ciclismo: “Alcuni genitori hanno diffi-

Luca Casini

noratico, Barbara Rossi. A conti fatti due donne su cinque, nel rinnovato consiglio direttivo della federazione. Davvero una bella novità, per uno sport che ha quasi sempre parlato esclusivamente al maschile. Il primo a esserne contento è il presidente Luca Casini: “La presenza di due signore non è una svolta epocale ma, senza ombra di dubbio, un bel segnale, un salto di qualità e un arricchimento per il nostro sport” sport”. A far felice Casini sono anche i numeri. Complessivamente tra dirigenti, amatori e agonisti i tesserati FCI, a livello provinciale, sono 784, ripartiti in ben 32 società: “Quattro in più del 2008. E con tanti atleti di spicco: Alessia Bulleri, Giulio Galli, Damiano Santucci, Simone Bagnoli

coltà a seguire i figli quando gareggiano perché, considerando le spese di viaggio e qualche pranzo lontano da casa, si fa presto a togliere dal bilancio familiare qualche decina di euro che potrebbero essere utili, per non dire indispensabili, per altre esigenze”. A non fargli dormire sonni tranquilli, specialmente dalle nostre parti, è poi l’annoso problema

sicurezza: “Allenarsi su alcune nostre strade è problematico, perché le sedi stradali non sono tutte lisce come biliardi. Inoltre manca la cultura del rispetto di chi vuole cimentarsi nel ciclismo. Agonisti e amatori sono considerati degli intrusi e le strade strettamente riservate ad automobilisti e motociclisti. Inoltre le nostre piste ciclabili hanno poco o nulla a che vedere con quelle di altri paesi, specialmente del nord Europa. In una città come Livorno, essenzialmente pianeggiante e dal clima mite, spostarsi in bicicletta dovrebbe essere, invece, una piacevole consuetudine e non un fatto episodico. Così, con l’obiettivo di incentivarne l’uso, cominciando dalle nuove generazioni, nel 2009-10 e nel 2010-11 abbiamo attivato il progetto bici a scuola. I risultati sono stati lusinghieri. Per cambiare mentalità e comportamenti, siamo però consapevoli, che ci vuole altro”.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

A

l timone della Federazione ciclistica provinciale per un altro quadriennio con al fianco, anco, la bella novità di una importante rappresentanza di “quote rose”. Per Luca Casini, al termine dell’assemblea provinciale delle due ruote, una riconferma quasi plebiscitaria. Al suo fianco anco il 29enne, ex dilettante cecinese, Simone Dardini. Anche lui al secondo mandato. E, inoltre, tre new entry: il 53enne, staffettista ff ffettista livornese, Paolo Fruzzetti, la 48enne cicloturista cecinese Roberta Santini, tra l’altro campionessa toscana delle Mediofondo e, con la carica di vicepresidente, la 41enne, presidentessa dell’U.C. Do-

Paolo Fruzzetti, Luca Casini, Roberta Santini, Simone Dardini e Paolo Quaglierini

153


154 Scotto PubblicitĂ Livorno


I morsi della crisi non risparmiano neppure il ciclismo giovanile. Per avere le idee più chiare su queste questioni abbiamo ascoltato Luca Casini. E al termine della bella chiacchierata sono emerse cose davvero interessanti. Ecco alcune sue riflessioni. “Nel 2013, anche se tutto andrà come previsto, sulle nostre strade verranno disputate solamente una ventina di corse, rispetto alle venticinque dell’anno scorso”. E in quel solamente c’è tutta l’amaso” rezza di un presidente che per colpe non sue vede, giorno dopo giorno, ridursi le opportunità di poter gareggiare vicino a casa a tanti campioncini del pedale. “A conti fatti -aggiunge- le corse in programma saranno un paio in meno di Esordienti, altrettante di Allievi e una di Juniores: la Pisa-Livorno. A pesare in senso negativo sono ragioni economiche, ma non sono le sole”. Quando gli chiediamo le ragioni. Il presidente Luca non si tira davvero indietro e le snocciola una dopo l’altra. Con un pizzico di amarezza ma anche con tanta razionalità. “Per allestire, in maniera ottimale, una corsa di esordienti -spiega Casini- occoroccor re un budget di almeno quattromila euro che diventano non meno di diecimila quando si parla di dilettanti.

Fino ad adesso reperibili, da parte delle società, in buona parte, attraverso gli sponsor. Adesso, purtroppo, con questa crisi è meno facile trovare aziende disposte ad investire risorse nello sport: ciclismo compreso” compreso”. Poi dopo un attimo di riflessione aggiunge. “In leggero calo ci sono anche le risorse umane. Non siamo a livelli di guardia ma quantomeno di attenzione. A questo aggiungiamo le croniche questioni legate alla viabilità: fondo stradale inadeguato e sicurezza. A tale proposito, nel clima di razionalizzazione o se preferiamo tagli, il Ministero dell’Interno ci ha comunicato che, da quest’anno, la Polizia Stradale non darà più la propria assistenza nelle manifestazioni ciclistiche”. A conti fatti una bella mazzata anche in termini economici. Basta continuare ad ascoltarlo. “Dovremo – continua Casini- surrogare gli agenti di polizia con scorte tecniche che, oltre ad avere un costo, non sono proprio la stessa cosa. Pur essendo equiparate agli agenti, perché hanno sostenuto e superato un esame scritto e orale, nella sede regionale della Polizia Stradale, non hanno, per ovvie ragioni, lo stesso peso specifico quando sono operativi. Un conto è vedere un agente in carne e ossa che ti impone lo stop. Un altro è sentirtelo imporre da un operatore delle

scorte tecniche, pur se facilmente individuabile e provvisto di tesserino” tesserino”. A queste spese, a voler fare le cose bene e perfettamente in regola come è costume dalle nostre parti, ne vanno aggiunte altre. Anche in questo caso Luca Casini non si nasconde dietro a un dito e continua a sgrovigliare la matassa. “In ogni corsa che si rispetti occorrono almeno due ambulanze. Perché se c’è da portare un ferito all’ospedale ne occorre un’altra per un altro possibile, anche se non augurabile incidente, pronta a intervenire. Poi c’è bisogno di un medico al seguito. Sulla sicurezza non si transige. Inoltre in ogni gara c’è da allestire il palco e posizionare le transenne, da comprare i numeri di gara e attivare un cospicuo numero di operatori Asa: acronimo di addetti alla segnalazione aggiuntiva. E a questo dobbiamo aggiungere le tasse da versare alla Federazione e il Montepremi da distribuire ai primi dieci classificati”. cati” cati”. Anche in questo caso seppure non proibitive entrano in gioco cifre importanti che vanno ad appesantire il budget. “Per una corsa d’Allievi 400 euro vanno a Roma alla Federazione e 194 sono necessari per i premi. Una cifra che diventa 1381 euro per una gara di dilettanti elite o under 23. Per alcune corse inoltre è necessario provvedere al pranzo per gli atleti e in qualche caso anche al soggiorno notturno”.

Kdeif_hW]b_eZ_ejj_c_ice

Luca Casini e Giacomo Bacci

Poi nella chiosa finale, come in un film a lieto fine, Luca Casini conclude la sua interessante chiacchierata con qualche piccola nota positiva suffragata dai numeri. “Meno male c’è anche qualcosina di buono. Il numero di amatori e cicloturisti è in leggero aumento. E questo significa che il nostro sport non è assolutamente in declino. Conti alla mano nel 2012 sono stati 218, rispetto ai 200 del 2011. Inoltre c’è stata una sostanziale conferma del numero di ciclisti della categoria Giovanissimi. Complessivamente ben centoquarantatre dai G1 ai G6. In buona crescita infine i tesserati alla nostra federazione. Siamo passati, infatti, dai 751 del 2010 ai 782 del 2012” 2012”. A conti fatti un discreto segnale di ripresa. Mario Orsini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

?cehi_Z[bbWYh_i_

155


Scotto PubblicitĂ Livorno

156


AV\gVcYZ[ZhiVegdk^cX^VaZ YZaaZYjZgjdiZ JcVccdY^\gVcYZX^Xa^hbdiVg\VidA^kdgcd Y^BVg^dDgh^c^

Presidenti dei Comitati Provinciali Fci di Pistoia e Pisa. Al secolo: Luciano Talini e Roberto Spadoni. Tra gli otre trecento graditi ospiti anche Umberto Del Signore: il guasticciano doc, classe 1934. L’emblema del ciclismo delle nostre zone da sempre. Un uomo che ha sempre avuto nella gentilezza, nella disponibilità e nella cortesia il suo marchio di fabbrica. Stimato e benvoluto da tutti. Inoltre Luciano Nannipieri, il decano dei presidenti delle società ciclistiche regionali. Da più di quarant’anni al timone del glorioso G. S. Carli Coop La Variante. Il gruppo ciclistico che ha contribuito a fondare all’inizio degli anni settanta.

ciclismo. Senza l’impegno, l’abnegazione, la professionalità e la passione disinteressata di tanti dirigenti, questo sport avrebbe davvero difficoltà ad affermarsi. ff ffermarsi. Tra i super premiati anche Paolo Quaglierini. Per il bravissimo e ineguagliabile Paolo un premio alla carriera per i suoi quarant’anni e oltre, sempre in fila, nel mondo del ciclismo provinciale, in tutte le sue sfaccettature, compreso quelle di buon corridore, dirigente di società e della federazione e direttore di corsa. Un Paolo Quaglierini visibilmente emozionato, perché forse, nella sua innata modestia, non si aspettava un premio così bello. “Ringrazio tutti per questa bellissima targa ricordo. Francamente non mi aspettavo tanto affetto ffetto e stima”, le sue ff parole. Tra le belle iniziative della giornata di festa del ciclismo anche la consegna, ai membri del Comitato uscente di una maglia ricordo. Speaker della manifestazione Irene Puccioni in collaborazione con Alessio Fiorani, responsabile della comunicazione del Cpl.

Paolo Fruzzetti, Luca Casini e Paolo Quaglierini

a qualsiasi titolo hanno permesso alla grande macchina provinciale, delle due ruote, di girare a buon ritmo, nonostante ristrettezze economiche e lacci burocratici sempre d’attualità. A fare gli onori di casa, all’hotel Marinetta, di Marina di Bibbona, il presidente provinciale della Fci (Federazione Ciclistica Italiana) Luca Casini. L’uomo giusto al posto giusto ormai da oltre quattro anni. Al suo fianco il neo presidente del Comitato Regionale Toscano Giacomo Bacci, il sindaco di Bibbona Fiorella Marini, il reggente del Coni provinciale Mario Fracassi, il segretario della commissione dei Direttori di corsa Egiziano Villani. La vice presidente del Cpl Roberta Santini e la consigliera, anche lei neo eletta, Barbara Rossi. E in qualità di graditissimi ospiti: i

Un uomo, il grande Luciano, classe 1935, che è sempre stato un punto di riferimento, anche a livello organizzativo, per tutti. E ha sempre avuto la bicicletta come centro di “gravità permanente” della sua quotidianità, dopo famiglia e lavoro. Oltre ai corridori, premi importanti e meritati sono andati anche alle società sportive. Il vero cuore pulsante del

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

P

rotagonisti, sulle strade toscane e non solo, in sella alle loro biciclette, centinaia e centinaia di corridori, dai Giovanissimi del primo anno agli Amatori più stagionati. Compresa una bella e qualificata rappresentanza del gentil sesso di tutte le età. Atlete e atleti animati da una passione per uno sport che chiede tanti sacrifici ma è in grado di regalare soddisfazioni, in quantità industriali, come pochi altri. A mettere la ciliegina sulla torta, alla stagione 2012, l’annuale festa del ciclismo provinciale, con la consegna di medaglie attestati e riconoscimenti a corridori, società ciclistiche, dirigenti e quanti

Umberto Del Signore e Luciano Nannipieri

157


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

7jb[j_[ieY_[j}fh[c_Wj[$

158

Giovanissimi (sei categorie): G1M: 1° Flavio Venomi (VC La California) e Matteo Creatini (UC Donoratico). G1F: 1° Carolina Tozzi (GS Montenero). G2M: 1° Edoardo Bartalesi (Costa Etrusca), 2° Francesco Menghi (VC La California), 3° Marco Serni (UC Donoratico) e Andrea Stefanini (Pol. Marina di Cecina). G2F 1° Alessia Paccalini (UC Livorno), 2° Desire Cascione (AS Colognole). G3M: 1° Tommaso Panicucci (UC Donoratico), 2° Giammarco Balestri (UC Livorno) 3° Mario Venomi (VC La California). G3F: 1° Bianca Barsotti (UC Livorno), 2° Melissa Nannini (La California), 3° Giulia Castellani (AS Colognole). G4M: 1°Mattia Citi (AS Colognole) 2° Gregorio Butteroni (La California). G4F: 1° Caterina Fuselli, 2° Martina Bufalini (GS Montenero). G5M: 1° Marco Fedeli (Pol. Marina di Cecina). G5F: 1° Gaia Guidugli (US Livorno). G6M: 1° Matteo Orsini (UC Donoratico e Bernardo Callaioli (UC Donoratico). G6F: 1° Federica Alfano (UC Livorno), 2° Emma Barsotti (UC Livorno). Esordienti 1° anno: 1° Giulio Galli (Elba Bike; Campione italiano MTB). 2° Damiano Santucci (Ciclistica Cecina). Donne Esordienti 1° anno. 1° Vanessa Barraco (Elba Bike), 2° Francesca Baroni (Elba Bike), Eleonora Geppi (Marina di Cecina). Esordienti 2° anno: 1° Simone Bagnoli (UC Livorno), 2° Fabio Spinetti (Elba Bike), 3° Edoardo Corridori (UC Livorno, campioni provinciale).

Mario Fracassi con i giovani atleti

Ragazzine Esordienti 2° anno: 1° Elisa Pedrinelli (Elba Bike). Allievi: 1° Marco Carozzo (Elba Bike), 2° Jacopo Lombardi (UC Livorno), 3° Simone Cucini ((UC Donoratico). Allieve: 1° Alice Spinelli (Marina di Cecina). Juniores: 1° Valentino Rossi (Arci Stagno). Elite: 1° Alberto Conti (GS Termoimpianti). Amatori: campioni toscani strada. Elite: Giovanni Busdraghi. MS: Roberto Ro-

sati. M6: Franco Bensi. MW: Martina Marmounini (VC S. Vincenzo). Amatori Campioni toscani Fondo. M4: Tiziano Bertocci (Sporting C,. Rosignano). M5: Giovanni Fontani (Team Cral Continental). M6: Venio Diara (Team Cral Continental). MW2: Roberta Santini (Pol. Marina di Cecina). Amatori Campioni toscani Gran Fondo. ELMT: Gianluca Nicastro (Sporting Club Rosignano). MW2: Lina Casillo (Sporting Club Rosignano). Italiani crono individuali: Roberto Rosati, Luciano Pasquini, Giovanni Busdraghi. Italiani Crono Coppie. Roberto Rosati, Franco Bensi, Giovanni Busdraghi, Alessandro Nannetti. Regionali Crono Coppie. Italiani Crono


G3F: 1° Melissa Nannini (VC La California), 2° Giulia Castellani (AS Colognole), 3° Bianca Barsotti (UC Livorno). G4M: 1° Mattia Citi (AS Colognole), 2° Gregorio Butteroni (VC La California), 3° Flavio Santucci (Pol. Marina di Cecina). 4° Sebastiano Anello (UC Livorno), 5° Gabriele Ienna (AS Colognole). G4F: 1° Caterina Fuselli (VC La California), 2° Valeria Posillipo (AP Vada), 3° Martina Bufalini (GS Montenero). G5M: 1° Giovanni Menghi e 2° Francesco Nannini (VC La California), 3° Mirko Sacchelli e 4° Marco Fedeli (Pol. Marina di Cecina), 5° Rosario Parini (VC La California). G5F: 1° Angelica Cascione (AS Colognole), 2° Alexa Marcineau (AP Vada), 3° Gaia Guidugli (UC Livorno), Jennifer Bindi (Marina di Cecina) e Valentina Bernotti (VC La California). G6M: 1° Nico Del Ghianda (AC Costa Etruschi), 2° Bernardo Callaioli e 3° Francesco Taddei (UC Donoratico). 4° Leonardo Filiaci (AC Costa Etruschi), 5° Luca Mosconi (UC Livorno). G6F: 1à Federica Alfano (UC Livorno), 2° Aurora Villani (VC La California) 3° Emma Barsotti (UC Livorno). Società: 1° VC La California, 2° Costa Etrusca, 3° UC Livorno, 4° Pol. Marina Cecina, 5° AS Colognole.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Classifica finale Trofeo gimkana sprint 2012: G1M: 1° Flavio Venomi (VC La California), 2° Davide Piccinini (Costa Etrusca), 3° Marco Panicacci (Pol. Marina di Cecina), 4° Lorenzo Fiorillo (Costa Etrusca) 5° Matteo Creatini (UC Donoratico). G1F 1° Carolina Tozzi (GS Montenero). G2M: 1° Edoardo Bartalesi (Costa Etrusca), 2° Francesco Menghi (VC La California) Matteo Celli e i suoi Giovanissimi del VC La California e Nicola Arrighi Squadre e Coppa del Mondo Crono Squa- (VC La California), 4° Andrea Stefanidre. Luciano Pasquini, Roberto Rosati, En- ni (Pol. Marina di Cecina), 5° Tommaso rico Grinami, Giovanni Busdraghi, Andrea Casini (VC La California). G2F 1° Desire Meini, Valter Gaspari, Raffaele ffaele Barbieri, Cascione, 2° Alessia Paccalini (US Livorff Alessandro Nannetti. Mondiali Crono no). G3M: 1° Mario Venomi (VC La CaliCoppie. Luciano Pasquini Enrico Grinami. fornia), 2° Andrea Taddei (AC Costa EtruEuropei Crono Coppie. Luciano Pasquini sca), 3° Elia Bertozzi (AC Costa Etrusca), e Enrico Grinami. Italiani Pista. Insegui- 4° Leonardo Parietti (AC Costa Etrusca), mento Individuale. Enrico Grinami. 5° Tommaso Panicucci (UC Donoratico).

159


$!(&'''#(.##  !((& # /!& #!'(($&! #$! $%&! "$* "#(- $#  "(& ! %&()((!.(!   '%$# "$  "-- (&)($&) % (($&"& $# ( %$!$  " $#&)(&'%$&(  *& ( %$!$  !()(($#'#-$%&($&

 &  *$&#$ !    ,    +++((& # )($&) (((& # '&!((& # )($&) ( 160


Eg^bdBZbdg^Va6bZa^d7ZiiVg^c^! :hdgY^Zci^&•Z'•Vccd Heg^cigZ\VaZY^7Zk^aVXfjVZ8Zgg^ cZag^XdgYdY^cdccd6bZa^d Y^BVg^dDgh^c^

dori, davvero in tanti. Tra loro Luciano Nannipieri, storico dirigente del nostro ciclismo giovanile. Un uomo che di queste cose n’intende davvero. “Sono entrambi bravissimi. In futuro, se continueranno a impegnarsi come stanno facendo adesso, continueremo a sentire parlare di loro. Apprezzabile, pur essendo ancora giovani, il modo in cui riescono a rapportarsi anche con gli adulti”.

EcW]]_eWbYWlWb_[h7c[b_e

Anche il cavalier Amelio, che amava il ciclismo in tutte le sue sfaccettature, dalle gare dei più piccoli a quelle dei professionisti, sarà rimasto contento nel vedere oltre un centinaio (116 iscritti e 101 partenti, per precisione) gareggiare, nel suo nome. Ogni cosa, in quel grande piazzale, inondato dal sole, tra via Pera e piazza S. Marco a ridosso della Stazione Leopolda, stimolava ricordi di questo signore che partendo dal niente, con caparbietà, instancabile voglia di lavorare, genialità e intuito, è riuscito a costruire un impero economico con tanti risvolti a dimensione umana. Un posto nel quale modestia, sem-

plicità, umiltà e sobrietà sono marchi di fabbrica e segni di distinzione. Modi di agire, in contrasto con la mentalità, anche di tanti nostri concittadini, per i quali: “l’apparire conta più dell’essere” e la modestia, quando va bene, è un optional del tutto marginale. Pienamente condivisibile anche l’idea di mettere una bella gigantografia, del cavalier Amelio, in bella vista vicino al tavolo delle premiazioni. Un modo per ricordarlo, per rendergli omaggio e partecipe dei momenti di gioia dei giovanissimi corridori quando ritiravano i premi che si erano guadagnati con la loro fatica, il loro sudore e i loro sacrifici. Dando, così, attualità, una volta di più, a quanti vedono in questo sport, più che nella stragrande maggioranza degli altri, la vera metafora della vita. Ciclismo quindi come rappresentazione itinerante delle umane sofferenze, fferenze, ma anche ff foriero di gioie e soddisfazioni.

B[]hkZ_8[jjWh_d_

A Livorno e dintorni il nome Bettarini è sinonimo di autogru. “Non ce la fa neppure la gru del Bettarini”, oppure: “Ci vorrebbe la gru del Bettarini”, sono

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

A

fine maggio il primo “Memorial Amelio Bettarini”, Torneo Circoscrizione 1, riservato alla categoria Esordienti, 1° e 2° anno, organizzato in maniera pregevole dal Gruppo Sportivo Cantiere Navale F.lli Orlando. Una corsa andata in archivio con la piena soddisfazione da parte di tutti. In primis della famiglia “allargata” di nonno Amelio. A fare la differenza, fferenza, domeff nica 27 maggio, anche l’atmosfera che si respirava. “Amelio era con noi ed ha gioito nel vedere quello splendido spettacolo e tanti giovani che si sono impegnati, dal primo all’ultimo chilometro, per dare continuità a questo bellissimo sport che lui tanto amava” amava”, le parole del “nipotino” Massimo. Un vero gentleman legatissimo all’amatissimo nonno. A vincere tra i più piccoli, classe 1999, il pisano, di Riglione, dell’ASD Monte Pisano, Michael Cerri. Un ragazzino, di poche parole, che quando vede le fettucce d’arrivo si esalta come pochi altri. Con questa vittoria ha bissato quella ottenuta, il 25 aprile, nella 26esima edizione del trofeo Renault Clas, organizzato dal GS Carli Coop La Variante di Salviano. Tra i più grandicelli, classe 1998, volatone regale, di Mattia Bevilacqua, dell’UC Coltano Grube Costruzioni, ma livornese dalla testa ai piedi. Un talentino, al quarto successo stagionale, che si è fatto le ossa nel Montenero e nell’UC Mamma e Papà Fanini Livorno, prima di trasferirsi nella società pisana. A porre l’accento sulle doti tecniche ed umane, di questi due giovani corri-

Massimo Bettarini premia i vincitori

161


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana 162

espressioni dialettali che fanno parte del patrimonio linguistico dei livornesi. Il riferimento è a quei “bestioni”, quei prodigi della tecnologia, che accarezzano il cielo e riescono a sollevare come fuscelli oggetti di decine e decine di tonnellate. Da oltre sessant’anni, la Bettarini Group, è leader nel settore del noleggio per la movimentazione di materiale per l’intera regione Toscana. E con i suoi 170 mezzi dà lavoro a una cinquantina di padri di famiglia. Insomma una bella realtà, florida, solida e attiva, ancor più visibile in questo momento di crisi dilagante. Un piccolo miracolo economico in salsa livornese che ha, nella sua genesi e successiva affermazione, ffermazione, un nome e ff un cognome: Amelio Bettarini, classe di ferro 1913 (nato il 6 giugno).

BWYehiW

Gara comune per le due categorie, pur con ordini d’arrivo diversificati. La bandierina si abbassa con puntualità alle 10. Dopo una breve tappa di trasferimento il via ufficiale in prossimità del Parco Baden Powell nella zona di Corea. Bastano pochi minuti per capire che non sarà una scampagnata fuori porta. Scatti e controscatti si susseguono a ripetizione. Per tutti, però, è gloria effimera. Il plotone ogni volta fagocita gli attaccanti come un leone affamato ffamato delff la savana. Al terzo giro, del circuito previsto nella zona Picchianti, con puntata verso il Cisternino, il gruppo o meglio quel che resta dei partenti, si è spezza in due tronconi. Davanti una trentina di corridori che dopo aver terminato l’ultimo giro puntano, a velocità sostenutissima, verso il traguardo di via Solferino. Dietro gli altri con l’acido lattico nei muscoli e la vana speranza di colmare il gap. L’ultimo a cercare di involarsi, da solo, verso lo striscione d’arrivo è Lorenzo Spinetti. A poco più di un chilometro d’arrivo il plotone però risucchia anche lui. Nel volatone finale Mattia Bevilacqua impone i diritti del più forte. Successo pure per Michael Cerri tra gli esordienti del primo anno e sesto nella classifica complessiva. Un Mattia, profeta in patria, e felice come una pasqua: “Questa per me è la quarta vittoria stagionale. Ci tenevo davvero a vincere nella mia città. A

Salviano, nel trofeo Renault Clas, pur vincendo la volata del gruppo, non ero riuscito a centrare la vittoria perché ci avevano anticipato in due sul traguardo. Oggi, sull’ultimo strappettino, ho provato a uscire dal gruppo ma non me l’hanno consentito. Sto crescendo e spero di arrivare al top della condizione ai Campionati regionali e italiani”, le sue parole. Poco loquace, ma questa non è una novità, Michael Cerri. “Sono contento di questa nuova vittoria. Un giorno mi piacerebbe correre tra i professionisti”. Mentre parla la mamma, visibilmente soddisfatta e con il mazzo dei fiori del vincitore in mano, lo accarezza con lo sguardo. Poi, prima di portarselo via, aggiunge: “Sono felice che Michael abbia vinto di nuovo e soprattutto qui a Livorno. Un posto che evidentemente gli porta bene”.

9ecfb_c[dj_WBkYW"=_de[ Ij[\Wde

Tra quanti hanno lavorato come brave formichine, per consentire alla manifestazione di svolgersi in maniera egregia, senza togliere nulla agli altri, ci piace sottolineare la competenza, professionalità e l’amore per il ciclismo del presidente provinciale Luca Casini e del cuore pulsante dell’organizzazione Gino Fussei. Complimenti meritati pure ai vigili urbani, veri “angeli custodi” della corsa,

coordinati come consueto in maniera egregia da Stefano Marconi.

EhZ_d[ZÊWhh_le Esordienti 1° Anno. 1° Michael Cerri (Monte Pisano), 2° Simone Antognetti (Liquigas VC Bottagna), 3° Nicholas Vignoli (Liquigas VC Bottagna), 4° Damiano Santucci (Ciclistica Cecina), 5° Simone Peschiera (Montecarlo Ciclismo), 6° Matteo Moriconi (Coltano Grube Costruzioni), 7° Dennis Dova (Pol. Ortonovese), 8° Diego Ciucci (Montecarlo Ciclismo), 9° Leonardo Pelosi (Montecarlo Ciclismo) , 10° Andrea Pasquinelli (Montecarlo Ciclismo). Esordienti 2° Anno. 1° Mattia Bevilacqua (Coltano Grube Costruzioni), 2° Gabriele Sacchelli (US Pozzese), 3° Marco Murgano (Levante EuroThermo), 4° Paolo Barsottelli (US Piano di Mommio), 5° Klidi Jaku (VC Carrara 1961), 6° Simone Bagnoli (Monte Pisano), 7° Lorenzo Ratto (Montecarlo Ciclismo), 8° Lorenzo Spinetti ( Montecarlo Ciclismo), 9° Samuel Taccetti (Carube Progetto Giovani).

8[jjWh_d_Yehh[lWYed8WhjWb_ Ma torniamo ad Amelio Bettarini. Alla sua passione per le due ruote. Una passione che, all’inizio degli anni trenta, si tramutò anche in voglia di mettersi in gioco e di provare a misurarsi con uno sport che, in quel periodo, era tra i più amati. La prima categoria in cui si ci-

Il tavolo delle premiazioni


nella sua corsa verso la meritata gloria. Nonostante questo “fuoco di sbarramento” familiare, Fagiolini qualche soddisfazione riuscì a togliersela riuscì pure a meritarsi gli elogi da un corregionale illustre come il bravissimo Bartali. Quello del: “è tutto sbagliato, tutto da rifare”. Ginettaccio passando da quelle parti andò a trovare il fortissimo e leale avversario di un tempo.

Foto di gruppo al Memorial Bettarini

mentò, come la stragrande maggioranza dei corridori dell’epoca, fu quella degli Allievi. Successivamente visto che se la cavava abbastanza bene approdò anche tra i Dilettanti. Tra i suoi compagni d’avventura c’era il compaesano Vittorio Fagiolini. Uno che sui pedali ci pigiava davvero forte e forse con una famiglia, o meglio un padre meno “allergico” alla bicicletta e più incline a dare linfa a desideri e passione del figlio, avrebbe potuto ottenere risultati sportivi di maggior rilievo. E forse avrebbe potuto tranquillamente correre anche se fosse nato in un’epoca diversa. Ma si sa come andavano le cose in quel periodo, specialmente da quelle parti. Le famiglie, in genere numerose, avevano strutture rigide e a dettare le regole, insindacabili, erano in maniera quasi gerarchica i più anziani. Tradotto significava che a comandare, nell’ordine, erano nonni e babbi. Donne e nipoti, invece, salvo rare eccezioni, avevano poca voce in capitolo e dovevano essenzialmente ubbidire, senza avere voce in capitolo. A determinare scelte e comportamenti di una famiglia, in genere di tipo patriarcale, era prima di tutto il bilancio familiare. Un bilancio che seppure modesto non poteva mai essere in rosso. Se, in qualche circostanza, accadeva che, per qualche ragione, comprese quelle di salute, una famiglia era stata costretta a fare dei debiti era una mezza catastrofe. Nel giro di poco tempo i se-

greti, che avrebbero dovuto essere confinati all’interno delle mura domestiche, diventavano di dominio pubblico. E a rimetterci, in termini di stima, rispetto, considerazione erano tutti i membri della famiglia, compreso quelli in fasce. Così, in ossequio al detto, sempre attuale, “meglio prevenire che…”, i ragazzi venivano abituati fin da piccoli a dare una mano, svolgendo piccoli lavoretti domestici come spazzare l’aia, raccogliere le spighe di grano… In questo contesto è logico quindi non meravigliarsi se lo sport passava in seconda e a volte pure in terza fila. E Vittorio Fagiolini, nonostante il grandissimo talento, fu frenato

Amelio Bettarini fin dalle prime corse dimostrò di avere la stoffa ffa del bravo corff ridore e i risultati importanti non tardarono ad arrivare benché gli avversari, in una Toscana, da sempre zeppa di ottimi ciclisti, fossero davvero tanti e di tutto rispetto. A ricordarci una delle corse più belle e sfortunate di Amelio Bettarini, cui prese parte buona parte della “crema dei corridori” del periodo, è stato Umberto Del Signore. Sentirlo parlare di ciclismo e ricordare il grande Amelio, è un piacere, perché alla puntualità e precisione cronologica associa enfasi e passione ineguagliabile. “In una corsa importante a Capannoli, siamo agli inizi degli anni trenta -racconta Umberto- con un’azione di potenza Amelio Bettarini, che aveva talento e classe da vendere, riuscì a staccare tutti i compagni d’avventura. Quando l’arrivo non era lontano e il vantaggio era di tutto rispetto, però, per un malaugurato guasto meccanico, fu costretto a rallen-

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

8hWle7c[b_e

La nave Bettarini al Giro d’Italia

163


164


BÊWc_Ye[Wll[hiWh_e?le CWdY_d_

Ivo Mancini, guasticciano doc e suo amico, classe 1915, un paio d’anni dopo, nel 1935 in Belgio, vinse il Campionato del mondo dilettanti. Tanto per capire la valenza di quel successo, ricordiamo che prima di ritrovare un altro suddito del Granducato, sul trono mondiale dei dilettanti o professionisti, è passato più di mezzo secolo. A mettersi la maglia iridata addosso nel 2002 a Zolder fu Mario Cipollini e nel 2006 e 2007 a Salisburgo e Stoccarda, l’immenso Paolo Bettini. Gino Bartali, invece, per i pochi che non lo sanno, è stato uno dei più grandi ciclisti di tutti i tempi. Nel suo palmares, benché il grande conflitto planetario l’abbia costretto a un lunghissimo stop,

La nave Bettarini al Giro d’Italia

(dal 1940 al 1945), ci sono tre Giri d’Italia, due Tour, due Giri della Svizzera, quattro Milano Sanremo, tre giri di Lombardia. Ma l’elenco potrebbe continuare e non di poco. Altro avversario di grande spessore con cui dovette vedersela Amelio fu il velocista pratese Aldo Bini e senza andare troppo lontano il livornese, di Salviano, Olimpio Bizzi. Per tutti il “Morino”, classe 1916. Olimpio oltre che ottimo passista e discreto grimper aveva uno spunto micidiale in volata. Inutile sottolineare che la lista degli avversari, dal nobile pedigree, era molto più lunga.

C_b_p_W<[hhel_Wh_W

A mettere un freno alla carriera ciclistica di Amelio Bettarini fu l’arrivo della famosa cartolina militare che, in quel periodo storico (ventennio fascista), aveva un peso specifico davvero rilevante. Amelio tra le varie opzioni, offerte fferte a chi doveva fare la naja, scelse ff quella di entrare nella Milizia Ferroviaria. Un impegno piuttosto gravoso che lo assorbì come una spugna e gli fece dimenticare, in parte, per non dire quasi totalmente, anche l’amata bicicletta.

A complicare in maniera irreversibile le cose poi arrivò anche la guerra mondiale. Un evento tragico che strappò alle famiglie, lui compreso, i fiori più belli e genuini, per spedirli sui fronti di mezzo mondo a combattere una guerra assurda, come assurde e inconcepibili sono tutti i conflitti.

7c[b_ec[jj[ik\Wc_]b_W

Prima, però, siamo nel 1939, corona il suo sogno d’amore e convola a nozze con Marsilia Mungai. Una bella signorina di Guasticce. Insieme andarono ad abitare a Vicarello e l’anno dopo si trasferirono a Livorno, in via Coccoluto Ferrini. Marsilia per tutti la “Morina” in appena tre anni gli regalò due bei pargoletti. Il 25 aprile del 1940, proprio alla soglia dell’entrata in guerra dell’Italia nel secondo conflitto mondiale, la dolce Grazia. E un paio d’anni dopo, il 3 settembre del 1942, il frugoletto Roberto. Proprio il figlio Roberto e il cognato Roberto Poli, marito di Grazia, avranno poi, negli anni sessanta, un ruolo rilevante nella crescita della Bettarini Group.

DWl[8[jjWh_d_

Grazie all’amicizia, con lo storico patron e organizzatore del giro d’Italia: Vincenzo Torriani, Amelio Bettarini propose e dette gambe a un’idea geniale e divertente: la Nave Bettarini. Un carrozzone, a forma di navicella, che seguiva il Giro d’Italia nel suo girovagare per le strade della penisola e sul quale, al termine della tappa, si esibivano artiste e artisti anche con canti e balli, regalando momenti distensivi e divertimento a tutti. Tra le sue tante amicizie anche quelle con corridori famosi. Tra i pupilli di Amelio c’era Giuseppe Saronni. Lo stradista ed ex pistard novarese, vincitore dei giri d’Italia del 1979 e del 1983, del Campionato del mondo a Goodwood nel 1982 e di un’infinità di corse importanti. Un giorno anche per sancire quest’amicizia Beppe Saronni gli regalò una bella bicicletta Masi con cui aveva corso e vinto corse importanti. Oltre che in televisione e attraverso i giornali Amelio amava seguire i propri beniamini a bordo strada, specialmente in occasione delle corse importanti, anche quando non era più giovanissimo. Per farlo percorreva annualmente migliaia di chilometri.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

tare. Gli avversari in vista del traguardo gli piombarono addosso, come lupi affamati su una preda, e nella volata lo relegarono al quinto posto. A vincere quella corsa fu Ivo Mancini e secondo si classificò Gino Bartali. Tanto per sottolineare con chi doveva vedersela Amelio, in quel periodo d’oro del ciclismo toscano”.

165


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

P

er una bella nidiata di aspiranti campioncini del pedale, di Livorno, Pisa e dintorni, a ottobre, nel salone della Circoscrizione 1 di via Gobetti, una giornata speciale. Le premiazioni del Memorial Osvaldo Ferrini. Un trittico di gare, organizzate dal GS Montenero, nel ricordo del grande dirigente ciclistico, scomparso un anno fa. Per i piccoli “Paolo Bettini”, tante belle coppe conquistate e ricevute, computando i punteggi ottenuti, nella categoria Giovanissimi, nelle gare del 1° e 26 aprile alla Rotonda d’Ardenza e di Coltano del 22 settembre. “In ogni prova venivano assegnati 5 punti al primo, 4 al secondo, fino a 1 punto al quinto”, le parole di Franco Fiorini. A fare gli onori di casa, alla cerimonia di premiazione, i figli Donatella e Walter Ferrini. Al loro fianco il vice presidente regionale e da poco presidente regionale, della FCI, Giacomo Bacci, il presidente provinciale Luca Casini e i dirigenti del GS Montenero. In sala, accanto ai piccoli ciclisti e ai loro genitori e nonni, tanti amici di Osvaldo, che con lui hanno condiviso amore e passione per il ciclismo. Tra loro Luciano Martelli, Paolo Quaglierini, Venio Marchesini, Luciano Nannipieri, Monti, Santucci. Tra coloro che, seppure non presente, ha testimoniato, per via telefonica, l’affetff ffetto, l’apprezzamento e la stima per l’amico Osvaldo, il grande Alfredo Martini. Prima dell’inizio delle premiazioni il figlio Walter, con la voce in alcuni momenti rotta dell’emozione, ha tracciato un breve profilo del padre, da quando, nel 1948, come dirigente ciclistico mosse i primi passi, nel G. S. Montenero, la frazioncina dov’era nato e cresciuto. “Da lì, babbo, ha scalato i vertici federali ricoprendo, per tanti anni, la carica di presidente regionale e per otto anni quella di vicepresidente nazionale della Fci. Prima al fianco del mitico Rodoni e poi di Omini, Carlesco e Pacciarelli. Notevoli anche i suoi impegni internazionali. Ricordo la trasferta a Città del Messico, nel gennaio 1984, per seguire Francesco Moser, nella storica conquista del record dell’ora”. Tra i meriti di Osvaldo, le crociate contro il doping, in un periodo Gruppo Butese

166

BZbdg^Va;Zgg^c^ EgZb^Vi^iVci^e^XXda^iVaZci^ Y^BVg^dDgh^c^

in cui omertà e connivenze erano pane quotidiano per quasi tutti. “Per lui, invece, la salute dei corridori veniva prima di tutto.

Apprezzato e propositivo speaker Luca Casini: “Insieme lavoreremo perché questo Memorial nei prossimi anni sia ancora più bello”. Felicissimi i piccoli ciclisti.

Gruppo dirigenti ed ospiti

E con questo spirito ha continuato per anni la sua battaglia”. Gratitudine nei riguardi di Ferrini ha espresso anche Giacomo Bacci: “Mi ha lanciato in questo mondo e insegnato a fare il dirigente. Avrei voluto che fosse ancora qui con noi a partecipare alla grande festa dei mondiali in Toscana nel 2013”.

Uno dei più contenti il piccolo Flavio Venomi della California. Sette anni di prorompente simpatia: “Quest’anno ho vinto sette o otto corse. Voglio diventare bravo come Paolo Bettini e Diego Ulissi”, le sue parole, condivise anche dal fratello Mario, anche lui bravo ciclista. Premiate anche le prime 5 società classificate.


Fh[c_Wj_C[ceh_Wb EilWbZe<[hh_d_

Cat. G1M: Flavio Venomi, Matteo Creatini, Umberto Anguillesi, Davide Piccinini, Tommaso Bambagioni, Mirko Simonetti, Matteo Sarselli. G2M: Marco Serni, Edoardo Bartalesi, Federico Savini, Andrea Stefanini, Francesco Menghi. G3M: John Barbieri, Giammarco Balestri, Christian Scelfo, Mattia Simoncini, Matteo Leporini, Luca Tornabuoni. G4M: Tommaso Dati, Gregorio Butte-

Un momento delle premiazioni

I fratelli Flavio e Mario Venomi

roni, Mattia Citi, Alessandro Fruzzetti, Federico Moriconi. G5M: Valerio Rossi, Tommaso Pozzolini, Matteo Volpi, Matteo Bettacchi, Christian Grimaldi. G6M: Alessandro Del Ry, Edoardo Orsetti, Mirco Castelli, Filippo Stefanucci, Gabriele Cavallo. Cat. G1F: Beatrice Bertolini, Carolina Tozzi. G2F: Desire Cascione, Rebecca Tabucchi, Alessia Paccalini, Swami Quaroni. G3F: Sara Solferino, Floriana Elena Gri-

goras, Melissa Nannini, Giulia Castellani, Jessica Dani. G4F: Matilde Bertolini, Selene Salvadori, Martina Bufalini, Caterina Fuselli, Sara Scarselli. GF5: Gaia Bevilacqua, Jennifer Bindi, Gaia Guidugli, Angelica Cascione, Camilla Rosellini, GF6: Federica Alfano, Ilenia Toscano, Emma Barsotti, Anna Caminita, Valeria Belli. Società: 1° GS Butese, 2° UC Coltano, 3° UC Livorno, 4° AS Colognole, 5°VC La California.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

La California e Walter e Donatella Ferrini

La platea durante le premiazioni

167


SI APRE UN NUOVO

Scotto PubblicitĂ Livorno

CICLO

Via dei Ramai, 1 - zona Picchianti emilio@quattro-ruote.it

www.bikestorelivorno.it


Alessio Taliani

Una delle corazzate del ciclismo professionistico, pur avendo perduto l’abbinamento con la Liquigas: lo storico sponsor di riferimento. Per Alessio, nel 2013, pur continuando a gareggiare, tra i dilettanti, con la maglia della “Futura Team Matricardi”, del suo mentore Franco Chioccioli, cambieranno tante cose. Cominciando dalla preparazione invernale e proseguendo con le speranze e gli obiettivi. Certamente più importanti e ambiziosi, con al top quella di ripetere la bellissima stagione del 2012 in campo dilettantistico e fare anche qualche corsa tra i professionisti. Rivolte al passato prossimo le prime parole di Alessio. “Sebbene in volata sia praticamente fermo è stata la più bella stagione da quan-

6A:HH>DI6A>6C> >aeg^cX^e^cdYZaaZYjZgjdiZ Y^<jVhi^XXZ do corro. Ho ottenuto quattro vittorie per distacco e una a tavolino per squalifica dell’avversario. Cinque volte sono giunto secondo e tante altre mi sono piazzato bene. Facendo i conti ben ventidue volte ho concluso la corsa tra i primi dieci. Quando mi sono incontrato con i dirigenti della Cannondale mi hanno detto che mi hanno seguito e gli sono piaciuto. Però, prima del passaggio definitivo, vogliono conoscermi meglio anche sotto altri aspetti. Io spero tanto di non deluderli e di continuare a far bene. In cuor mio mi sento pronto per il grande salto. Capisco che non saranno tutte rose e fiori anche per la concorrenza spietata. Ma a me piacerebbe mettermi alla prova quanto prima. Anche se sono consapevole che un altro anno tra i dilettanti, ad alti livelli, non può farmi che bene”. Cos’è il ciclismo per te e cosa ha di speciale? “È prima di tutto passione. Una passione che coltivo fin da quando ero bambino. E uno degli sport più duri e faticosi, ma, al tempo stesso molto gratificante. A volte ti fa sentire alle stelle, altre sotto terra. E ti cambia completamente lo stile di vita. Ti fa maturare e capire veramente cosa vuol dire sacrificio, impegno e co-

stanza. Davvero una palestra di vita”. Come mai hai scelto il ciclismo e non altri sport meno faticosi? “Bella domanda. Tante volte me la sono fatta anch’io. E la risposta spesso è stata: chi me lo ha fatto fare! Poi riflettendoci, a mente fredda, penso alle tante soddisfazioni che mi ha regalato e concludo che ne è valsa la pena. È come se non fossi stato io a scegliere la bicicletta, ma fosse stata lei a scegliere me. Se ho intrapreso questa strada è grazie alle persone che mi sono state vicino fin da piccolo facendomi vivere questo sport come puro divertimento, senza stress o pressioni. La parte più dura inizia quando cominci a crescere. Ma ormai ci sei dentro ed uscirne è ogni giorno più difficile”. Cosa ti ha dato e tolto il ciclismo? “Il ciclismo mi ha dato tante soddisfazioni, tante emozioni, gioie incredibili. Generalmente rare nella vita comune. Mi ha permesso di conoscere, in lungo e largo, l’Italia. Tra gare e ritiri penso di averla girata tutta. Mi ha permesso di fare molte vacanze, dato che abbiamo un mese e mezzo completamente libero. Allo stesso tempo però mi ha privato di vivere una vita da ragazzo di 22 anni. Infatti non posso godermi l’estate, non

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

U

n anno zeppo di soddisfazioni e con tante belle novità. Alessio Taliani, il principino ventiduenne (compiuti l’11 ottobre) delle due ruote di Guasticce, il 10 dicembre a Riotorto, dove la squadra era in ritiro, ha firmato un accordo con la World Tour Cannondale, del team manager Roberto Amadio.

Alessio Taliani

169


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana 170

posso uscire con gli amici nei weekend. E neppure camminare troppo, alimentarmi normalmente e magari fare tardi la sera. Inoltre, essendo il nostro sport in piena attività durante l’estate non posso andare neppure liberamente al mare. Una cosa che mi pesa molto anche perché abito abbastanza vicino alle spiagge. Spero tanto, un domani, di non rimpiangere tutto questo”. Cosa avresti fatto nella vita se toppavi nel ciclismo? “Finché non avrò centrato alcuni obiettivi che mi sono proposto non posso dire di non aver toppato! Magari può essere una domanda per il futuro. Pensandoci adesso forse, dopo aver conseguito il diploma di geometra come ho fatto, avrei proseguito, di buona lena, quella strada per poter esercitare quella professione. Una ipotesi che non è del tutto cancellata per un domani più o meno lontano. Da un anno sono ufficialmente geometra tirocinante e tra un altro anno, se tutto andrà per il verso giusto, dovrei dare l’esame per iscrivermi nell’albo. Alternativamente potevo provare a cimentarmi in un’attività autonoma dato che mi piace poco, o meglio non mi piace per nulla, essere comandato. Capisco, però, che oggi più di ieri, è molto difficile percorrere, con buone prospettive, questa strada”. Franco Chioccioli, il tuo ottimo direttore sportivo alla Matricardi, umanamente com’è? “Franco, oltre ad essere un bravissimo DS, è anche una bellissima persona. Ha un carattere un po’ particolare. Va saputo prendere, con lui non ci sono vie di mezzo o lo ami o lo odi. Riesce sempre a prenderti per il verso giusto. A consolarti, a toglierti dubbi e ansie. Caratterialmente abbiamo molte cose in comune, infatti quando gli racconto un mio problema non finisco neanche di parlare e lui ha subito la ricetta giusta per indicarmi la soluzione. Sicuramente il fatto che ha corso tanti anni lo aiuta tanto” Tra i ciclisti italiani del passato e del presente a chi ti piacerebbe assomigliare? “Mi piaceva molto Gilberto Simoni. Avevo una simpatia istintiva per lui quando lo vedevo correre. Forse perché come caratteristiche un po’ gli assomiglio.

Biondi, Del Signore Taliani e Giorgio Bacci

Tra i corridori italiani attuali, invece, continuo a tifare Ivan Basso, anche se non ha un passato cristallino e non va più come qualche anno fa, pur rimanendo un grande atleta”. L’episodio più bello e quello più brutto, sportivamente parlando, che ti è accaduto nel 2012? “Quello meno piacevole è stato quando ho saputo di essere prima riserva e di non poter gareggiare ai mondiali. Quello più bello è stato abbracciare la mia ragazza dopo la mia prima vittoria. È stato quasi una liberazione e il coronamento di tanti sacrifici insieme”. La fidanzata ti incoraggia o ti spinge a fare altri sport? “Sara la mia splendida fidanzata frequenta l’ultimo anno del liceo scientifico F. Cecioni. Anche lei è una sportiva. Gioca a pallavolo. Mi incoraggia molto. Inizialmente non si era resa bene conto di cosa fosse il ciclismo ma, piano piano, si è appassionata a questo sport”. Pensi di farti rispettare anche nel mondo dei professionisti se ci arriverai in pianta stabile?

Alessio Taliani

“Beh, so che i professionisti sono un mondo a parte. Lì viene fuori chi veramente ha talento. Penso non sia facile emergere. Però credo che, con tanta umiltà e sacrifici, possa ritagliarmi un piccolo spazio anche in quel mondo. Non so per quale ragione e spero non sia solo per farmi piacere, ma non sono poche le persone, anche tra gli addetti ai lavori,


che mi dicono che nei professionisti potrò mettermi ancora più in mostra. A me intanto basterebbe approdare in una bella squadra, poi il resto si vedrà”. Quali caratteristiche pensi debba avere un professionista per non essere tagliato subito fuori? “Deve avere delle specificità. Deve essere un velocista, o un passista- scalatore, o uno scalatore puro. Altrimenti è più difficile mettersi in evidenza. La caratteristica fondamentale è andare un minimo in salita, corse facili non ce ne sono molte nei professionisti, se si vuol lottare per una vittoria bisogna reggere almeno un minimo quando la strada si inclina verso l’alto sotto le ruote”. Cosa pensi del doping nel ciclismo? “Penso sia la rovina di tutti gli sport. Non soltanto del ciclismo. Specialmente di quelli dove girano tanti soldi. Ultimamente il ciclismo è stato preso si mira. Sta diventando uno degli sport più controllati, sembra che il doping sia solo nel ciclismo.

eventualmente come il Giro d’Italia (prof) o nelle corse in linea? “Sinceramente non ho mai provato a fare un giro a tappe di dieci giorni con una buona preparazione. Avendo buone doti di recupero e andando bene sia in salita che in pianura, penso di avere le caratteristiche giuste per fare bene a un giro a tappe piuttosto lungo. Però non posso nemmeno dire di non essere adatto alle gare di un giorno visti i risultati di quest’anno nelle gare singole. Con il tempo riuscirò a capire meglio dove riesco ad esprimermi al massimo”. Chi devi dire grazie per quanto sei riuscito a fare sulle due ruote? “Il primo pensiero va a nonno Pasquale, che mi ha regalato la prima bicicletta e indirizzato verso questa strada. Devo ringraziare anche Giorgio Bacci, il mio primo direttore sportivo. È stato lui il primo a credere nelle mie qualità, permettendomi di fare ciclismo a livello agonistico. Un sincero ringraziamento va alla mia famiglia che mi ha sempre sostenuto. Infine un plauso lo rivolgo a tutte le persone che hanno sempre creduto in me e mi hanno sostenuto nei momenti più difficili. E mi danno la forza per non mollare”. Mario Orsini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Il trionfo di Alessio Taliani in coppa Bologna

Quando in tv ne parlano del nostro sport è quasi sempre per un caso di doping. Sembra che faccia più notizia il doping dei risultati delle gare. Fortunatamente, negli ultimi anni, molte cose sono cambiate e stiamo andando verso la strada giusta. Questo grazie anche alle nuove metodologie di controllo, soprattutto tra i professionisti”. Tra i dilettanti con cui ti sei confrontato quest’anno chi pensi possa ritagliarsi spazi importanti anche nel mondo professionistico e perché? “Penso che quello dei dilettanti sia un mondo un po’ abbandonato. I corridori non sono molto tutelati. Per questo è difficile emergere. Nonostante questo in Toscana ci sono tanti giovani corridori che hanno buone potenzialità per emergere nel mondo professionistico”. Hai mai corso come avversario con Alessio Casini? Che tipo di corridore è? Siete amici? Vi conoscete? “Con Alessio siamo amici. Abitiamo a pochi chilometri l’uno dall’altro. Qualche volta ci siamo allenati insieme. Oltre ad aver corso come avversari. Alessio ha caratteristiche simili alle mia, forse non va fortissimo in pianura, ma in salita si difende bene”. Pensi di poterti esprimere meglio in corse a tappe come il Giro Baby e poi

Alessio Taliani a Rubbianello

171


172


JbWZgid9ZaH^\cdgZ aVBZbdg^Vhidg^XVYZaX^Xa^hbd Y^BVg^dDgh^c^

impegni di lavoro e di famiglia, ho fatto di tutto per non perdermele”. Umberto Del Signore, dopo aver lavorato per tanti anni alla Stanic, si gode la pensione nella sua amata Guasticce. In una bella palazzina a due passi dalla chiesa della frazioncina colligiana. Una palazzina che, a ragione, può essere ritenuta un museo, in versione familiare, del ciclismo. In virtù dell’enorme quantità di ritagli di giornali, riviste, foto che conserva gelosamente in decine di cassetti e in parte accatastati nella grande soffitta. Un ampio vano, a dire la verità, che di soffitta ha davvero poco. Umberto, nella sua vita, pur avendo fatto il tifo per tanti campioni, super conosciuti, come: Gino Bartali, Fausto Coppi, Fiorenzo Magni, Gastone Nencini, Ercole Baldini, tanto per alcuni dei più noti, ha sempre avuto un debole per quei corridori che sono nati e hanno iniziato a gareggiare dalle sue parti. Così se gli parli di Raffaele ffaele Di Paco, Guido Carlesi, ff Roberto Falaschi, Antonio Salutini, Fulvio Pampana e tanti altri di Guasticce, Vicarello, Fauglia, Collesalvetti e dintorni, gli si illuminano gli occhi. E se pronunci il nome di un paio di suoi compaesani, come Mario Berretta o l’emergente Alessio Taliani va quasi in estasi. “Mario Berretta, classe 1942, lo conosco da quando era piccolo. A noi guasticciani ha regato un’infinità di soddisfazioni. In volata era imbattibile ed ha vinto un’infinità di corse”. Poi il parallelo corre veloce all’attualità. E dunque a Alessio Taliani. Il principino 22enne che è nato e vive con i genitori a quattro passi da casa sua. “Se avesse lo spunto vincente di Mario Berretta –spiega- per tenere il conto delle sue vittorie ci vorrebbe un ragioniere” ragioniere”. Poi aggiunge: “Nel 2012 Alessio è letteralmente esploso. Alla corte di Franco Chioccioli ha trovato il suo ambiente ideale. Peccato che in volata sia praticamente Umberto Del Signore

fermo. Per trionfare ogni volta ha dovuto arrivare da solo. E in una categoria, come i dilettanti élite, dove la concorrenza è molto agguerrita, non è stato facile. Lui, però, siccome è uno straordinario campioncino, quest’anno ci è riuscito cinque volte. E a questi successi ha aggiunto anche tanti ottimi e buoni piazzamenti, stuzzicando l’attenzione di tante blasonate squadre professionistiche. In primis la Cannondale, l’ex Liquigas. Il prossimo anno per Alessio dovrebbe essere l’anno della verità. Speriamo che si confermi a grandi livelli tra i dilettanti e se, come sembra, gli verrà data qualche opportunità di fare qualche corsa tra i professionisti sappia farsi subito valere” valere”. Tra i ricordi giovanili di Umberto Del Signore, anche quelli relativi ad Amelio Bettarini. Il suo illustre compaesano, classe 1913, che dopo aver gareggiato a discreti livelli sulle due ruote è riuscito a farsi largo nel mondo imprenditoriale, costruendo, partendo praticamente da zero un piccolo impero. “Amelio è sempre stato una persona semplice e alla mano. Un vero signore. Lui era nativo di Vicarello. Ma appena sposato venne a vivere qui a Guasticce. Con lui abbiamo condiviso tante cose. Tra queste la passione per le corse in biciletta. Mi fa piacere che i suoi nipoti per ricordare questa sua passione, quest’anno a maggio, abbiano organizzato un memorial nel suo nome”. Poi Umberto rispolvera, un pizzico di orgoglio campanilistico e con il sorriso sulle labbra afferma: ff fferma: “Quando si parla di pionierismo del ciclismo femminile tutti ricordano giustamente Alfonsina Strada. Una campionessa piemontese capace di tener testa anche agli uomini, in corse su strada. Anche noi però, in quegli anni, tra la prima e la seconda guerra mondiale, quando il ciclismo femminile non aveva diritto di cittadinanza, avevamo una bravissima atleta. Era la vicarellese Ivana Del Bravo. Un’atleta che non disdegnava gareggiare, testa, testa, con gli uomini nell’allora bella pista in legno alle porte di Vicarello”.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

L

a memoria storica del ciclismo nostrano. L’enciclopedia vivente delle due ruote. Umberto Del Signore, evergreen, quasi ottantenne (classe 1934) di Guasticce, quando si parla di ciclismo va in un brodo di giuggiole. Se gli chiedi notizie di un campionissimo, un campione e anche un modesto outsider, delle nostre parti e non solo, che ha gareggiato negli ultimi sessanta, settant’anni, è difficile, per non dire quasi impossibile, coglierlo in castagna. Qualcosa riesce a dirti sempre. E ogni volta con cognizione di causa e senza arrampicarsi sugli specchi. “Il ciclismo è sempre stata la mia passione. Fin da ragazzino pur non avendo mai gareggiato. Nella mia vita ho seguito migliaia di corse. Sempre con entusiasmo sia che fossero di bambini o super professionisti. In questa mia grande passione ho cercato di coinvolgere anche mia moglie. Spesso riuscendoci. Ogni settimana, da febbraio a autunno inoltrato, ho fatto un cerchietto rosso su due o tre corse e, compatibilmente agli

173


Scotto Pubblicità Livorno

t1PTTJCJMJUÃ&#x2039;EJ QBHBNFOUP SBUFJ[[BUP BUBTTP

t5SBUUBUJWFEFJEBOOJ DPOMBDPNQBHOJB BTTJDVSBUSJDF HSBUVJUF

t4PDDPSTPTUSBEBMF QFSJQSJNJLN HSBUVJUP

t1SF[[JNPEJDJ

t.BDDIJOBTPTUJUVUJWB t-BWPSJHBSBOUJUJ NFTJ t"TTJTUFO[BDPO TUVEJMFHBMJF NFEJDPMFHBMJ

174

t$BCJOBEJ WFSOJDJBUVSBDPO OVPWPTJTUFNB 7&35" t#BODP%JBHOPTUJD 4ZTUFN(MPCBMKJH t-VDJEBUVSBDPO QSPUF[JPOFBM5FýPO

t"CCJBNPSJOOPWBUP MFBUUSF[[BUVSFDPO TJTUFNJEJBMUB UFDOPMPHJBUJQP *35 JNQJBOUP EJFTTJDB[JPOF WFSOJDJ FEBMUSP


9^g^\ZciZY^ajc\dXdghd

U

n’icona del ciclismo dirigenziale livornese. In prima linea da oltre quarant’anni. Paolo Quaglierini, settantatre anni il prossimo 2 aprile, a Bibbona, in occasione dell’annuale festa pro-

Paolo Quaglierini

vinciale del ciclismo, ha ricevuto da parte delle società ciclistiche della provincia, una targa d’argento alla carriera. “Non mi aspettavo un regalo così bello. Mi sono quasi commosso” commosso”. Quello tra Quaglierini e la bicicletta è un amore che ha radici lontane e continua ad ardere con il “sacro” fuoco della passione. “Quest’anno ho deciso di uscire dal consiglio provinciale della Fci. Perché a settantatre anni è giusto dare spazio ai più giovani. Ma quando è necessario sono sempre pronto a dare una mano. Inoltre sono rimasto nei quadri dirigenziali dell’G.S. Montenero e sono disponibile a continuare a fare il direttore di corsa come ho sempre fatto”. Il primo incontro ravvicinato tra Paolo Quaglierini e la biciletta risale agli anni cinquanta. “Mi piaceva andarci. Anche perché a quei tempi non c’erano molte alternative. A diciassette anni, perché s’iniziava a gareggiare un po’ più tardi, provai anche a correre con la maglia del Montenero. In un paio di stagioni, nell’allora categoria Allievi, vinsi una corsa e ottenni alcuni buoni piazzamenti. Poi, anche per il lavoro piuttosto impegnativo smisi. Facevo il meccanico in un’officina di Livorno. Riparavamo autocarri. “Ho svolto questo lavoro per tanti anni

prima di passare all’allora Atam e attuale Atl. L’azienda tranviaria livornese dove sono rimasto fino alla pensione”. Ma facciamo un passo indietro. Paolo Quaglierini a vent’anni lascia momentaneamente il lavoro per assolvere il servizio militare. “Al ritorno mi sono fidanzato e poi sposato. La biciletta, però, mi è rimasta sempre nel cuore. A quel tempo ero tifoso di Roberto Ballini, un professionista livornese con uno stile impeccabile, che ha vinto meno di quanto meritava, anche a causa di problemi fisici a una gamba che ne hanno frenato la carriera. Ricordo anche i suoi entusiasmanti duelli giovanili, sulle nostre strade, con Pancaccini e altri corridori delle nostre parti”. Proprio alla passione per il ciclismo professionistico è legata una vicenda curiosa: “Quando mi sposai, il 4 giugno del 1966, il viaggio di nozze lo feci sulle Dolomiti per seguire il giro d’Italia”. L’amore per la biciletta Paolo Quaglierini riuscì a trasmetterla anche alla moglie e successivamente al figlio Fabio, classe 1967, e buon ciclista dagli 11 ai 16 anni: “Insieme abbiamo seguito tantissime corse. Quando poi ha cominciato a gareggiare nostro figlio ci siamo concentrati sulle sue gare. Ultimamente, anche per ragioni anagrafiche, mia moglie si è un po’ defilata. Ma fortunatamente non del tutto”. Mario Orsini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

EVdadFjV\a^Zg^c^

175


i t s i r t e m o n o Cr F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

9VaaÉViaZi^XVVacjdid!YVaaÉ^ee^XVV^gVaan XdchZbegZbV\\^dgZiZXcdad\^V Cjdk^Xdgh^eZgY^kZciVgZjcdÆheZX^Va^hiVYZaiZbedÇ K^iidg^dI6?6G>DAEgZh^YZciZ6#H#9#8gdcdbZig^hi^A^kdgcZh^

C

arissimi lettori dell’Almanacco eccoci qui un’altra volta, su queste pagine, a parlare di sport. Ogni anno olimpico, e appunto il 2012 è stato uno di questi, è un anno particolare: c’è grande attenzione mediatica per tutti gli sport, anche quelli cosidetti “minori” ed esiste sempre la possibilità di approfondire le tematiche relative al cronometraggio, facendo conoscere le tecniche e le apparecchiature che i cronos utilizzano ogni giorno. L’Associazione Provinciale Cronometristi di Livorno anche per l’anno 2012, è stata impegnata ad effettuare ffettuare servizi di ff cronometraggio sul territorio ed anche per le altre province della Toscana e delle regioni vicine. Proviamo a stilare, grazie a queste pagine che ci ospitano, un consuntivo di queste manifestazioni. L’atletica a Livorno è uno sport molto seguito e praticato sia da amatori che da professionisti ed i cronos livornesi, oltre a svolgere la propria attività presso il “Campo Scuola” nelle varie manifestazioni organizzate dalla Fidal, si sono

impegnati nella 32a edizione della “Maratona Città di Livorno”, evento a livello internazionale. La nostra Associazione ha dimostrato ancora una volta la pro-

visto i nostri cronos presenti in moltissime gare anche di caratura nazionale come ad esempio, i Campionati nazionali assoluti indoor di Salvamento e i Campionati italiani primaverili assoluti di nuoto pinnato velocità 2012. La nostra Associazione ha in dotazione ormai da anni, le piastre di contatto, ed è per questo motivo che sempre maggiori società organizzatrici richiedono il servizio di cronometraggio a mezzo di queste apparecchiature. Apparecchiature che hanno comportato la necessità di aumentare il numero dei cronometristi da impiegare in queste manifestazioni, che ci hanno visti molte volte fuori dal territorio provinciale ed anche fuori della nostra regione. Anche l’ippica, per noi nello specifico i concorsi ippici, ci ha visto impegnati sui campi di gara di Cecina, Rio Torto e,

Vittorio Tajariol, Fabio Daini e Serena Botteghi al Rally “Il Ciocchetto”

pria efficienza e professionalità su un campo di gara molto particolare e specifico. Il nuoto, anche per il 2012, è stato lo sport che ha

fiore all’occhiello della nostra associazione, il concorso ippico svoltosi presso la prestigiosa Accademia Navale che quest’anno ha toccato la 71a edizione. Si sa che Livorno è una città con una tradizione “remiera” di tutto rispetto ed anche quest’anno i nostri cronometristi hanno ricevuto dagli organizzatori

Valerio Moggi e Marco Paglioni al Rally dell’Isola d’Elba

176


F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

mo e rallies) anche particolari e curare la formazione tecda altre Associazio- nica professionale di elementi ai quali ni in tutto il territo- assegnare specifiche competenze in specifici settori sportivi. rio nazionale. Gli ottimi risultati ottenuti ci gratificaLe manifestazioni di “casa nostra” no di questo sforzo, ma non ci culliamo quali il XXIV Rallye sugli allori e pensiamo sempre al futuro Elba Storico, il Ral- ed ai continui aggiornamenti tecnologilye Elba e la prima ci che lo sport richiede e la nostra assoedizione della nuo- ciazione è in continua innovazione tecva Coppa Liburna nologica nelle apparecchiature e nelle Rally Asfalto, han- metodologie di cronometraggio. Nel mese di maggio l’Associazione no confermato l’alta preparazione Cronometristi Livornesi ha istituito un dei cronometristi corso per allievi cui hanno partecipato livornesi anche 7 persone che a giugno, dopo il corso, nella competenza hanno superato gli esami divenendo delle tecnologie di allievi cronometristi. A fine novembre, cronometraggio dopo un esame più complesso, sono applicate in questo stati tutti promossi e nominati cronometristi ufficiali. settore. Roberta Costagliola e Livio Gabellieri al Rally Storico dell’Isola d’Elba La crisi economica che sta attanaSiamo stati preun grande apprezzamento per la pro- senti anche in altri sport come il cicli- gliando la nostra società civile, ha avuto anche delle ripercussioni sullo sport lofessionalità dimostrata in tutte le gare smo e il pugilato. Al termine di quest’anno, come pro- cale con il 30% in meno di gare organizremiere svoltesi sui fossi medicei ed ffermare che l’associa- zate. Nonostante ciò anche quest’anno ff in mare aperto. Manifestazioni cui i li- spettiva, posso affermare vornesi sono molto “attaccati” e che ri- zione avverte in maniera persistente ci ha visto tagliare traguardi importanti cordano i costumi, la cultura e l’amore e sensibile, di trovarsi in una continua sia per la nostra associazione che per per il mare di un’intera città. Sono gare evoluzione che ci porta ad affrontare l’intera Federazione Nazionale dei Crospettacolari e quest’anno, in qualche si- sempre nuove realtà in modo sempre nometristi. Concludo, come al solito, inviando a tuazione, hanno dovuto fare i conti an- diverso. Quindi cerchiamo sempre di indivi- tutta la redazione dell’Almanacco dello che con le condizioni meteo avverse. E veniamo al mondo dei motori, duare in seno all’associazione figure Sport vive cordialità. mondo che sappiamo benissimo ha un seguito, specialmente in Toscana, molto alto sia come numero di appassionati, sia come intenditori. In questo settore la nostra associazione è considerata, in campo nazionale, come una delle più competenti e ciò deriva dalla nostra capacità, ormai consolidata, ad elaborare i tempi impiegati dai singoli concorrenti, rendendoli disponibili in tempo reale sia per il centro classifiche che per la sala stampa ed anche per gli appassionati a casa, nell’eventualità che la manifestazione abbia anche una pagina web. Sempre maggiori riconoscimenti da parte degli organizzatori delle manifestazioni motoristiche e dai giornalisti, giungono alla nostra associazione e questo, permettetemi di dirlo, ci rende molto felici e ci onora. Proprio per questo motivo riceviamo richieste di servizio per manifestazioni Gennaro Di Fraia e Rossano Sozzi alla Ronde Liburna Asfalto motoristiche (corse in salita, in autodro-

177


Vieni a trovarci 178

TI ASPETTIAMO!


x x o x i x g x g a x x n i x t XPxaxtx FjViigdÒcZhZii^bVcVY^\VgVeZg^ XVbe^dcVi^egdk^cX^Va^ IgVaZe^‘VeeaVjY^iZ9^aZiiVEZgaViV Y^BVg^dDgh^c^

me pattinatrici, i loro genitori, i tecnici e quanti, hanno permesso di poter disputare questa importante rassegna provinciale in maniera eccelsa. Spero di tornare presto a lavorare al loro fianco per dare una mano come ho sempre fatto”. Tra i presenti alla gara della domenica di inizio primavera anche il presidente provinciale Uisp Michele Barzagli e il vicepresidente della Lega nazionale Uisp, nonché presidente provinciale Fihp, Glauco Cintoi e la pluricampionessa mondiale Tania Romano che da un po’ di tempo cura, con eccellenti risultati, alcuni aspetti specifici della preparazione della brava Diletta Peralta. Tra i graditissimi ritorni in gara, solo negli obbligatori di Bientina, la grandissima Roberta Balluchi. La speranza di tutti, dopo un periodo d’inattività, per motivi di studio, è che torni a esprimersi con continuità a grandissimi livelli e possa tornare a calcare con ottimi risultati le piste nazionali e soprattutto europee e mondiali.

Alessia Cellini, Diletta Peralta e Alice Villano

9bWii_ÓYW9Wcf_edWje Fhel_dY_Wb[K_if YWj[]eh_WB_X[h_$

Pulcini: 1° Michelle Figoli, 2° Sara Russo, 3°Giorgia Gianetti, 4° Emely Valenti. Novizi Giovani: 1° Denise Bendinelli, 2° Agnese Mori. Novizi Uisp: 1° Viola Barni, 2° Swamy Cancelli, 3° Martina Puliti, 4° Chiara Turchi. Piccoli Azzurri: 1° Aurora Carnieri, 2° Viola De Vizia, 3° Chiara Gay. Primavera: 1° Elisa Ianda. Allievi Giovani: 1° Diletta Peralta, 2° Nicole Filié, 3°Alessia Cellini, 4° Alice Villano. Juniores Uisp: 1° Martina Ferri. Azzurri Giovani: 1° Matilde Bonaccorsi. Azzurri Uisp: 1° Jessica Rosellini. Professional Jeunesse: 1° Giulia

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Q

uattro fine settimana di fila la di gare. A marzo i Campionati provinciali di pattinaggio artistico a rotelle sono andati in archivio con grande soddisfazione da parte di tutti. L’ultimo atto, in un tripudio di suoni e colori, davanti a un paio di centinaia di persone, al PalaBastia. In gara una sessantina di bravissime pattinatrici nella prova dei liberi, sotto l’egida della Lega Uisp. Tra le più applaudite Diletta Peralta, tredici anni di eleganza di movimenti e armonia sui pattini a rotelle, in perfetta sintonia con il brano musicale scelto. Nei suoi sogni oltre a ritagliarsi un piccolo spazio a livello nazionale e internazionale quello di diventare geometra e aprire uno studio di progettazione. Tra le più brave anche l’amica Alessia Cellini, studentessa con la passione dell’inglese alle medie Mazzini e Giulia Gambicorti, al terzo anno dell’indirizzo linguistico del liceo Cecioni: “Mi piacerebbe diventare anche insegnante di pattinaggio”, alcuni suoi pensieri. Tra i più contenti il responsabile, della Lega Uisp, Giovanni Orsucci, benché per la prima volta, dopo tanti anni, per ragioni di salute, non abbia potuto presenziare alle gare. “Ringrazio tutte le bravissi-

La premiazione di Diletta Peralta

179


F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Gambicorti. Formula Uisp. Formula 1A: 1° Martina Mazzoni, 2° Sofia Bientinesi, 3° Nicole Chiama, 4° Sara Voliani, 5° Rosita Biricotti. Formula 1B: 1° Giulia Antonini, 2° Aurora Paretti, 3° Alessia Perugini, 4° Francesca Grossi, 5° Martina Milazzo, 6° Giulia Lonzi, 7° Sara Pipola, 8° Rachele Di Ciuccio, 9° Martina Lugli, 10° Alessia Failla, 11° Angelica Martini. Formula 1C: 1° Altea Lenzi, 2° Roberta Bruni, 3° Giulia Giovacchini, 4° Federica Capuano, 5° Claudia Pacini. Formula 1D: 1° Greta Malloggi, 2° Chiara Gilli. Formula 2A: 1° Erika Cingolani. Formula 3A: 1° Elisa Pagliai. Formula 3C: 1° Greta Gronchi. Formula 4A: 1° Olivia Di Giorgi. Formula 4B: 1° Camilla Paggini, 2° Giada Niccolai.

9bWii_ÓYW9Wcf_edWjeFhel_dY_Wb[YWj[]eh_W EXXb_]Wjeh_$ Novizi Giovani: 1° Denise Bendinelli, 2° Agnese Mori. Novizi Uisp: 1° Martina Puliti, 2° Viola Barni, 3° Swamy Cancelli, 4° Chiara Turchi, 5° Martina Mazzoni, 6° Sara Voliani, 7° Rosita Biricotti, 8° Sofia Bientinesi. Piccoli Azzurri: 1° Viola De Vizia, 2° Erika Cingolani, 3° Aurora Carnieri, 4° Chiara Gay. Primavera: 1° Elisa Pagliai, 2° Elisa Ianda. Allievi Giovani: 1° Francesca Grossi, 2° Olivia Di Giorgi, 3° Martina Blasizza. Allievi Uisp: 1° Diletta Peralta, 2° Nicole Filiè, 3° Giada Niccolai, 4° Alice Villano, 5° Alessia Cellini, 6° Camilla Paggini. Juniores Giovani: 1° Aurora Gianetti, 2° Sara Gay, 3° Aurora Centi. Azzurri Uisp: 1° Chiara Badari. Professional Cadetti: 1° Giada Romano. Professional Jeunesse: 1° Giulia Gambicorti, 2° Benedetta Niccolini. Professional Senior: 1° Roberta Balluchi. Giuria. Presidente: Mariangela Chiesa. Giudici: Priscilla Martelloni, Marisa De Vanni e Rina Ricciuti. Segretaria: Barbara Borgioli mamma di Benedetta Niccolini, impegnata in uno stage con la nazionale. Speaker: Ilaria Stefanini.

Martina Blasizza e Diletta Peralta

Sara Gai, Martina Blasizza e Viola De Vizia

180

Alessia Cellini e Diletta Peralta


EVii^cVig^X^ egdiV\dc^hiZcZa<gVcYjXVid >g^hjaiVi^YZa8Vbe^dcVidgZ\^dcVaZ Y^BVg^dDgh^c^

Obbl. 2a Irene Anselmi (La Stella) e 3a Valentina Imbrogiano (Gymnasium). Pontassieve. Giovanissime A. Obbligatori: 13a Agnese Mori (circolo Pattinaggio La Rosa), 16a Denise Bendinelli (Gymnasium). Per Denise anche il 7a posto nei liberi e l’11a nella combinata. Pistoia. Esordienti. Obbligatori: 10a Elisa Pagliai (Stella), 16a Alessia Perugini (La Rosa), 20a Erika Cingolani (La Rosa), 23a Giulia Antonini (La Rosa), 26a Sara Pipola (La Rosa), 29a Martina Lugli (La Stella), Seguono: Francesca Grossi, Giulia Lonzi e Rachele Di Ciuccio tutte del Circolo La Rosa.

Castiglione della Pescaia. Esordienti A. Obbligatori: 10a Aurora Carnieri, 17a Viola De Vizia, 21a Chiara Gai, tutte del Circolo La Cigna Gymnasium. Liberi: 14a Carnieri, 15a Gai, 20a De Vizia. Combinata: 11a Carnieri, 19a Gai e 20a De Vizia. Esordienti B. Elisa Ianda (La Rosa) 6a nei Liberi, 9a negli Obbligatori e nella Combinata. Campionati provinciali FIHP (Obbligatori a Bientina e Liberi al PalaBastia). 1° Circolo Pattinaggio La Rosa con punti 50,5; 2° Arci La Cigna Gymnasium con punti 34,5; 3° Patt. Artistico La Stella con punti 12,5.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

B

ravissime, come consueto, le nostre pattinatrici ai Campionati regionali organizzati dalla Fihp. Soddisfatto, non poteva essere altrimenti, il presidente, regionale della Fihp nonché del Circolo Pattinaggio La Rosa, Mario Tinghi. A mettersi la medaglia d’argento al collo, è stata Irene Anselmi del Circolo Pattinaggio La Stella. Bronzo, invece, per Valentina Imbrogiano e Sara Gai: Circ. Arci La Cigna Gymnasium. Ma vediamo nel dettaglio i risultati cominciando da: Calenzano. Allieve. Obbligatori: 5a Giada Niccolai, 21a Camilla Paggini, 33a Altea Lenzi e 34a Olivia Di Giorgi anche loro della Rosa. Liberi: 8a Paggini, 24a Di Giorgi, 32a Niccolai. Calenzano Div. Naz. A. Obbl. 3a Sara Gai e 5a Aurora Gianetti entrambe della Cigna Gymnasium. Div Naz C Obbl. 6a Chiara Badari (La Rosa). Div Naz D

Il gruppo La Cigna Gymnasium

181


F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

P

182

er le stelline del pattinaggio artistico a rotelle labroniche una giornata da ricordare. L’annuale festa di premiazione, organizzata dalla Lega provinciale Uisp, organizzata per ragioni logistiche nei primi giorni del 2013, non ha tradito le attese e ha regalato momenti di felicità, contentezza e sana allegria. Il salone della Circoscrizione 1, in piazza Saragat, era pieno zeppo di bambini, adolescenti, genitori e nonni. Deus machine delle premiazioni il presidente della lega Uisp Giovanni Orsucci. Un Giovanni Orsucci felice di tornare a prendere in mano le redini del pattinaggio cittadino dopo un periodo di forzata assenza. Ospite d’onore Monsignor Simone Giusti. Un Vescovo, come consueto, in perfetta sintonia con questo sport, per averlo praticato da giovane con i pattini in linea. Bravo anche a entrare nel cuore di piccoli e grandi, stimolando la loro attenzione con qualche battuta pungente e tante verità. “Il pattinaggio è una metafora della vita. Per farlo bene occorre: costanza, tenacia, applicazione, creatività, coraggio e anche qualche dieta. Se una è sovrappeso è più difficile mantenere l’equilibrio. Dovete essere brave a gustare la vita. Se qualcuna di voi in gara non arriva prima pazienza. L’importante è che rimanga serena e si sia divertita. Il risultato non deve essere una finalità”. Ad aprire gli interventi Giovanni Orsucci. Un Orsucci riconoscente verso quanti gli sono stati vicini, in quest’anno per lui difficile e passato, per diverso tempo, in un letto d’ospedale. “Il vostro aiuto mi ha dato quella forza di volontà che non pensavo di avere. Adesso sto guardando il futuro con una positività a me sconosciuta. Ringrazio le società, i dirigenti, i tecnici, gli allenatori, gli ufficiali di gara e gli amici che mi sono stati vicini. Un ringraziamento particolare, di cuore, va al nostro Vescovo che ha trovato il tempo per venirmi a confortare e per starmi vicino, quando ero ricoverato in ospedale” ospedale”. Tra i presenti: la presidentessa della circoscrizione uno: Daniela Bartalucci, il presidente provinciale FHPI Glauco Cintoi, Giancarlo Giuntoli e Cesare Gentile. Inoltre gli ufficiali di gara: Barbara Borgioli, Marisa De Vanni, Ivonne Canessa,

AV[ZhiVYZaaVegZb^Vo^dcZYZaaZhiZaa^cZ Dhe^iZYÉdcdgZ^aKZhXdkd<^jhi^ Y^BVg^dDgh^c^

Cellini, Gaida Niccolai, Aurora Gianetti, Aurora Centi, Sara Gai, Martina Ferri, Matilde Bonaccorsi, Chiara Badari, Jessica Rosellini, Irene Anselmi, Valentina Imbrogiano, Giada Romano, Benedetta Niccolini, Giulia Gambicorti, Roberta Balluchi, Martina Mazzoni, Sofia Bientinesi, Nicole Chiama, Giulia AnMartina Blasizza, Alessia Cellini, Diletta Peralta e Sara Gai tonini, Aurora ParetDomenica Veratti, Ettore Carpenè. ti, Alessia Perugini, Altea Lenzi, Roberta I dirigenti delle varie società di patti- Bruni, Giulia Giovacchini, Greta Malloggi, naggio cittadine: Nunzio Imbrogiano, Chiara Grilli, Erika Cingolani, Chiara CecDaniela Anselmi, Ilaria Goti Stefanini. I chini, Maria Melandri, Elisa Pagliai, Greta maestri di pattinaggio: Debora Possen- Gronchi, Olivia Di Giorgi, Camilla Paggini, ti, Cinzia Savi e Leandro Peralta e il pre- Giada Niccolai, Michelle Figoli, Giorgia sidente del Comitato provinciale Uisp Gianetti, Emily Valenti, Sara Russo, AuroMichele Barzagli. Un Barzagli prodigo di ra De Zio, Alice Pancaccini, Matilde Gelli, belle parole di stima, affetto ffetto e gratitudiff ne verso Giovanni Orsucci, finalmente di nuovo insieme alla stupenda comunità del pattinaggio: “Una comunità che ha voglia di stare insieme e dovrebbe essere guardata in maniera diversa dalle istituzioni” zioni”. Il riferimento è anche alla cronica assenza di un palazzetto coperto che possa consentire alle atlete di allenarsi e soprattutto gareggiare anche nei periodi di maltempo a due passi da casa. Poi, tra scroscianti applausi, per tutte atlete attestati e gadget. E coppe per le società. Premi speciali, invece, per: il Vescovo e Daniela Bartalucci e per lo stesso Giovanni Orsucci. Apprezzato speaker Glauco Cintoi. Atleti premiati: Denise Bendinelli, Agnese Mori, Martina Puliti, Viola Barni, Swamy Cancelli, Viola De Vizia, Aurora Carnieri, Erika Cingolani, Chiara Gai, Elisa Ianda, Elisa Pagliai, Francesca Grossi, Olivia Di Giorgi, Martina Blasizza, Diletta Peralta, Nicole Filié, Alessia


Matilde Mazzarioli, Chiara Caleo, Lara Castiglione, Romina Magaletti, Giulia Mentessi, Martina Terreni, Benedetta Bagnasco, Sara Franceschi. Classifica per società. Campionati provinciali Formule e Categorie: 1° Cir-

D

ue simboli dello sport cittadino. Due autentici signori che Livorno si onora di avere. Giovanni Orsucci e Paolo Macchia hanno, scritto a caratteri cubitali nel proprio Dna, oltre a grandi capacità: gentilezza, signorilità, cortesia, garbo. Prerogative che non si comprano al mercato.

Giovanni Orsucci premiato dai Veterani dello Sport

Giulia Gambicorti e Leandro Peralta

CdooZYÉdgdY^<^dkVcc^DghjXX^ Xdcadhedgi AÉVbW^idegZb^dadXdc[ZgbVXdbZÒ\jgVY^ g^[Zg^bZcidX^iiVY^cV Y^BVg^dDgh^c^

A novembre da parte dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport hanno ricevuto l’ambitissimo premio delle Nozze d’Oro con lo Sport. Orsucci il grande dirigente A metà degli anni cinquanta, con la maglia numero nove sulle spalle, sgambettava sui campetti spelacchiati di mezza Toscana, prima nella squadra Fratelli Gigli e poi nel mitico Campanile. Spesso gli capitava di buttarla dentro, benché non avesse il fisico da corazziere. “L’altezza e il fisico piuttosto minuto erano il mio limite. Nonostante questo, grazie al fiuto del goal, mi sono tolto tante belle soddisfazioni”. E soddisfazioni, Giovanni Orsucci, presidentissimo provinciale della lega Uisp di pattinaggio, se ne è tolte e continua a togliersi anche come dirigente. “Quando ho appeso le scarpe al chiodo ho iniziato

a dare una mano alla Uisp e da allora, benché sia passato mezzo secolo, non ho mai smesso”. Quello tra Orsucci e l’allora Unione Italiana Sport Popolari, e adesso Sport Per Tutti, è stato un matrimonio felice a novembre, nella sala consiliare della Provincia di Pisa, ha ricevuto l’ambito premio: le Nozze d’Oro con lo Sport. Un riconoscimento alla carriera assegnato dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport a ventisei soci in tutta Italia. Tra loro ben sei livornesi. Oltre a Giovanni Orsucci hanno ricevuto il prestigioso premio il professor Pier Paolo Macchia, il presidente onorario, del Ci.Ca. Sub. Guido Garibaldi, Giuseppe Santeusanio, Mauro Basoni: canottaggio e rugby, Romano Casali: 5° Dan Karate e Piero Lilla: Ci. Ca Sub.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Diletta Peralta e Valentina Imbrogiano

colo la Rosa 350 punti, 2° Circolo La Cigna Gymnasium 272 punti, 3° Circolo Patt. Artistico La Stella 105 punti. Trofeo Discobolo 2012. 1° Circolo La Cigna Gymnasium 87 punti, 2° Circolo La Rosa 50 punti, 3° Circolo Divo Demi 38 punti. Obbligatori al PalaBastia Da Giovanni Orsucci, qualche giorno dopo le premiazioni una bella novella per il pattinaggio artistico a rotelle cittadino. “A marzo 2013, dopo tanti anni, torneremo a disputare i campionati provinciali di pattinaggio artistico integralmente a Livorno. Quindi anche per quanto riguarda gli obbligatori. Prove che si disputavamo, ormai da tantissimo tempo, al palazzetto dello sport di Bientina”. “A determinare questa svolta positiva epocale -aggiunge Orsucci- la disponibilità dei gestori del PalaBastia a far tracciare sul parquet dell’impianto, almeno per le gare, linee, cerchi, boccole e quanto altro serve”.

183


B6G>DI>C<=>

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

JcY^g^\ZciZgZ\^dcVaZZkZg\gZZc eZgijiiZaZhiV\^dc^

184

U

n dirigente di lungo corso. Al timone della Polisportiva Arci La Rosa e della federazione, del Granducato, di Hockey e Pattinaggio (FIHP). Insomma l’uomo giusto al posto giusto, per parlare di questo sport a livello provinciale, regionale e anche italiano. Uno sport che Mario Tinghi ha vissuto, da sempre, in tutte le sue sfaccettature: dirigente, tifoso e anche padre dell’inarrivabile e ineguagliabile figlia Letizia. La più grande livornese doc, di questo sport, di tutti i tempi. Per la bravissima Letizia un palmares da incorniciare con la bellezza di sei allori mondiali e un’infinità di vittorie ottenute a tutte le latitudini. Parlare di pattinaggio con Mario Tinghi è come discutere di tematiche teologiche con un gesuita. Difficile, per non dire impossibile, non ascoltarlo con piacere. La prima domanda è quasi scontata. Il 2012 per il pattinaggio labronico che annata è stata? “Un anno sicuramente interessante. Benché per la prima volta, dopo tanto tempo, nessuna atleta labronica sia stata convocata per i campionati mondiali. Per il resto non c’è proprio da lamentarci. Anche numeri alla mano”. Cosa vuoi dire? “Abbiamo quattro società in piena salute: il circolo pattinaggio La Rosa, il circolo pattinaggio La Cigna Gymnasium, il circolo Divo Demi e il circolo La Stella. Le pattinatrici in totale sono quasi trecento. Metà delle quali fanno agonismo. E tante altre aspettano, con ansia, di poter fare il loro esordio in pista”. Perché devono attendere? “Per poter gareggiare occorre avere almeno otto anni. Le bambine più piccole frequentano il Cas: Centro avviamento allo sport”.

Perché nessuna ha partecipato ai mondiali? “Il discorso è lungo. Il pattinaggio è penalizzato dal fatto di non essere sport olimpico”. Spiegati meglio? “In altre discipline come ad esempio la scherma, le atlete più brave hanno la possibilità di entrare nei gruppi sportivi militarizzati. In questo modo possono garantirsi uno stipendio e avere la possibilità di fare sport con maggiore serenità. Da noi, invece, questo non è possibile. Se ci fosse stata questa opportunità Tanja Romano e Enrica Gasperini oggi, molto probabilmente, sarebbero ancora atlete di spicco di livello mondiale e avrebbero il palmares mondiale più ricco”. La crisi economica generalizzata penalizza anche il pattinaggio? “Il nostro sport purtroppo non è immune a questo virus. Anche perché per permettere ai propri figli di frequentare un circolo di pattinaggio, così come fare qualsiasi altro sport, qualche ‘spesuccia’ aggiuntiva la famiglia la deve sostenere”. Quanto mensilmente nel pattinaggio artistico a rotelle? “Le quote associative, non sono molto impegnative e variano. Indicativamente si va dai 30 ai 60 euro mensili a seconda della categoria dell’atleta. Quelle più brave si allenano fino a 13 ore settimanali. Logico quindi che debbano versare qualcosa di più”. Altre spese? “In primis i pattini. Il loro costo varia dai 150 euro ai 400 euro. E di pattini ne occorrono tre tipi diversi. Quelli per gli esercizi liberi, per gli obbligatori e per le boccole. Fortunatamente le società vengono incontro alle piccole atlete e alle loro famiglie dando i pattini a noleggio. Anche

Mario Tinghi

perché altrimenti sarebbe un salasso continuo perché i piedi delle bambine crescono in continuazione. E quindi andrebbero comprati nuovamente dopo appena qualche mese”. Altro ancora? “Per le famiglie delle più brave ci sono le spese aggiuntive per seguire le loro figlie alle gare su e giù per la penisola”. Enrica Gasperini perché ha smesso di gareggiare? “Per lei, così come aveva fatto Roberta Balluchi, cinque o sei anni fa, è stato difficile, per non dire impossibile conciliare gli studi universitari con gli allenamenti e gli impegni agonistici. Così come ho già detto non avendo avuto la possibilità di entrare in un corpo militarizzato e guardando concretamente al proprio futuro ha preferito lasciare”. C’è speranza che il pattinaggio diventi al più presto sport olimpico. Anche perché diciamolo francamente, non ha nulla da invidiare a tanti altri che lo sono da sempre? “Speriamo presto. Anche se ho molte perplessità in proposito”. Perché non lo è ancora diventato? “Una disciplina può avere accesso al panorama olimpico solamente se un’altra disciplina esce. E come si capisce è difficile che accada. Inoltre, l’Italia non è molto gradita perché siamo troppo forti. Anche quest’anno le azzurre, ai mondiali hanno fatto


giato sotto lo stellone della federazione Hockey e Pattinaggio: FIHP”. Altri talenti? “Rimanendo ai campionati italiani da segnalare il successo di Aurora Gianetti, della Cigna Gymnasium, nei liberi. Il terzo posto di Aurora Centi, del circolo La Rosa negli obbligatori e il secondo posto di Benedetta Niccolini e Giada Niccolai, anche loro del circolo La Rosa, negli obbligatori. E la medaglia di bronzo di Irene Anselmi, del circolo La Stella, sempre negli obbligatori. Inoltre i buoni piazzamenti di Giulia Gambicorti e Roberta Balluchi”. E tra le più piccole? “Grazie a tanti ottimi insegnanti siamo in grande crescita. Inoltre, abbiamo atlete non più giovanissime che continuano a mettersi in evidenza anche lontano da Livorno, in gare a livello regionale e nazionale”. Qualche nome? “Tambur battente è sempre difficile farli perché rischi di dimenticarne qualcuno. Le prime pattinatrici che mi vengono in mente sono Viola Barni che ha partecipato al prestigioso trofeo delle Regioni e poi: Swamy Cancelli, Martina Mazzoni, Martina Puliti, Aurora Carnieri, Agnese Mori, Elisa Ianda, Francesca Grossi, Martina Blasizza, Nicolè Filiè, Alessia Cellini, Sara Gai, Martina Ferri, Chiara Badari, Valentina Imbrogiano, Erika Cingolani, Olivia Di Giorgi, Camilla Paggini. Ma l’elenco è ancora davvero lungo”. Quali sono i rapporti del pattinaggio con le istituzioni? “Generalmente buoni. L’unico rammarico è che non ci hanno mai seguiti sui nostri atavici bisogni a livello di impiantistica. Avere un impianto adeguato coperto ci consentirebbe di fare un bel salto di qualità”. Altre soddisfazioni? “Veder premiare con la Palma d’Oro, da parte del Coni, per i quaranta anni d’attività, molti del circolo La Rosa come, la nostra allenatrice principe Laura Ferretti. Soddisfazione anche per la Palma di Bronzo assegnata a Andrea Bientinesi,

preparatore atletico del circolo La Rosa e della Federazione nazionale Fihp. Targa d’argento meritatissima pure per il nostro presidente provinciale Fihp Glauco Cintoi, per i suoi venti anni da dirigente”. E poi anche per te? “Certamente. Alla giornata nazionale del dirigente, in occasione dell’assemblea Fihp, sono stato premiato per i miei 40 anni da dirigente di società e per il mio impegno in qualità di presidente prima a livello provinciale e adesso a livello regionale“. Altre gratificazioni? “Come presidente regionale aver contribuito a varare un tabellone annuale ricco di appuntamenti importanti per il pattinaggio artistico”. Qualche tappa? “A febbraio, al Mandela Forum, per il secondo anno consecutivo, il Gran Prix di pattinaggio. Una rassegna mondiale fantastica. A marzo, sempre al Mandela Forum, i campionati italiani dei gruppi spettacolo. A settembre i campionati giovanili a Calenzano e a ottobre, a Castiglione della Pescaia, il trofeo nazionale delle Regioni. A giugno infine i campionati italiani Uisp a Follonica”. Qualche nota dolente? “Non manca neppure quella. La società Roller Skate Livorno, nonostante gli ottimi risultati ottenuti nel 2012 a livello regionale e nel trofeo Tiezzi, e la grande tradizione vincente, ha chiuso inaspettatamente i battenti per i costi eccessivi degli impianti d’allenamento e per motivi di lavoro. Gli atleti si sono trasferiti, con ovvi disagi, a una società con sede a S. Miniato che dispone di uno degli impianti sportivi più importanti e funzionali non solamente italiano, ma addirittura europeo. A Vada, invece, il gruppo locale di pattinatori di freestyle Fihp continua a ottenere brillanti risultati sul suolo italiano, europeo e mondiale. Il nostro augurio è che sappiano ripetersi e addirittura migliorarsi nel 2013”.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

man bassa di medaglia lasciando solo le briciole alle altre nazioni”. La città di Livorno in Toscana, a livello di numero di praticanti in quale posizione si colloca? “Al terzo posto assoluto dopo Firenze e Grosseto. Davanti Pisa, Pistoia e tutte le altre”. Il boom del pattinaggio nella nostra città quando si è avuto? “Dalla metà degli anni settanta. Almeno per un decennio. A quel tempo avevamo ben 7 circoli di pattinaggio. Oltre ai quattro attuali erano operativi, a grandi livelli, pure: lo Stanic, i Postelegrafonici e i Fratelli Gigli. Complessivamente tra maschi e femmine i pattinatori erano oltre 500. Tra i maschi c’era anche Leandro Peralta, attuale maestro al circolo Cigna Gymnasium, e Fabio Franchini che tra non molto dovrebbe cambiare sesso e diventare donna. Tra le grandi atlete oltre a Letizia Tinghi a mettersi in bella evidenza fu Elisabetta Vivaldi, vincitrice di ben tre allori europei”. All’orizzonte vedi una nuova Letizia Tinghi? “Le brave pattinatrici sono davvero tante. Quella che sembra avere, però, una marcia in più è Diletta Peralta. Figlia di due bravissimi maestri quali sono Debora Possenti e Leandro Peralta. Diletta oltre a essere seguita da mamma e babbo, è allenata per quanto riguarda gli esercizi obbligatori dalla maestra del circolo La Rosa e della nazionale Laura Ferretti e per la preparazione atletica da Andrea Bientinesi, anche lui nello staff azzurro. Inoltre Tanja Romano ne cura la parte coreografica, musicale e interpretativa degli esercizi di gara”. Finora quali risultati ha ottenuto? “Quest’anno ha ottenuto tanti successi e ottimi piazzamenti. Ha vinto tra l’altro anche il campionato italiano negli obbligatori e la medaglia di bronzo negli esercizi liberi nella rassegna tricolore sotto l’egida dell’Uisp. E ha conquistato una medaglia di bronzo negli obbligatori, un sesto posto nei liberi e un settimo nella combinata quando, in campo tricolore, ha gareg-

185


Via M. Mastacchi, 212 (ang. Aurelia) - 57122 (LI) 5FMt'BYtE-mail: info@quattro-ruote.it

AZIENDALI E KILOMETRI ZEROâ&#x20AC;¦ E RISPARMI PER DAVVERO

www.quattro-ruote.it

186

/6 % .5

!5 4/

:

+-

!5 4/

!5 4/

!:

)%

.$ !,

)

%2 /

Scotto Pubblicità Livorno

R e nt


x x x x x x o x d x u x J Xxx <gVo^ZVaadhe^g^idY^hVXg^ÒX^dY^ Y^g^\Zci^!iZXc^X^!ViaZi^Z\Zc^idg^ egdhZ\jZaÉVii^k^i|V\dc^hi^XV >agZhdXdcidY^BVgXd<g^hZaa^ 9ZaZ\Videgdk^cX^VaZ blemi per il proseguo della nostra attività. Ci vuole grande spirito di sacrificio e grande motivazione da parte dei dirigenti, tecnici, atleti e genitori. Fatto questo doveroso preambolo vorrei parlare dei risultati agonistici ottenuti da nostri atleti in provincia e nelle nostre società. A livello provinciale, nel 2012, la società di punta è stata la plurimedagliata Associazione Sportiva Judo Piombino. Sue sono le uniche medaglie ottenute nell’anno in corso in Provincia. Vado ad elencare: Categoria Esordienti/B: Campionati Italiani 2° Francesco Paladini - 2a Valentina Stillitano Categoria cadetti: Campionati Italiani 2° Giacomo Scandurra Categoria juniores: Campionati Italiani 3° Marco Torrente. Per le altre Società tanti piazzamenti che lasciano ben sperare per il futuro. Parlando invece della mia Società, l’Accademia dello Sport, oltre alla presenza in finali nazionali con i cadetti Matteo FaGiulia Quintavalle alle Olimpiadi di Pechino

villa e Lorenzo Ricciardi, sono arrivati numerosi piazzamenti a livello regionale che vado ad elencare: Categoria Esordienti/A: 1a Giulia Rahali - 2a Virginia Bianchi Categoria Esordenti/B: 2a Viola Ciucci - 3° Marco Bragagni Categoria Cadetti: 1° Matteo Favilla - 2° Lorenzi Ricciardi Categoria propedeutica bambini : 1° Davide Bragagni - 1° Massimiliano Scarpellini. Sempre nella propedeutica ottimi piazzamenti per Nicola Barderi, Filippo Conticci, Leonardo Tamburini e Andrea Cavaliere.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

C

ome tutti gli anni eccomi qua nella doppia veste di Delegato Provinciale Fijlkam (peraltro decaduto fino no alle nuove nomine per il quadriennio Olimpico 2013-2016) e tecnico titolare (assieme all’altro Maestro Agusta Paolo) della storica Accademia dello Sport di Livorno. Da pochi giorni si è concluso un difficile quadriennio che ha portato poche soddisfazioni a livello olimpico. Solo il terzo posto della sorpresa Rosalba Furciniti ed i podi sfiorati dalla ex campionessa olimpica, la rosignanina Giulia Quintavalle, e lo sfortunato Elio Verde, hanno dato un po’ di lustro alla nostra spedizione di Londra 2012. Ma anche la situazione economica del Coni con la chiusura delle sedi provinciali e delle Federazioni alle prese con problemi di bilancio, sta creando problemi alle Società di base, fondate per lo più sul volontariato di persone appassionate ed anche preparate. Sta diventando sempre più difficile portare avanti l’attività, in particolare quella agonistica; lunghe trasferte con relative spese, obblighi organizzativi ed un occhio di riguardo al lato fiscale, assenza di contributi Coni e disinteresse delle Amministrazioni locali per gli sport minori, sicuramente tutte cose che a lungo andare stanno creando grossi pro-

187


188 Scotto PubblicitĂ Livorno


96B>6CD76C> 9^gZiidgZYZaaÉ6XXVYZb^VYZaadHedgiZ EgZh^YZciZYZaaVhZo^dcZ_jYd

Griselli e Paolo Agusta. Da due anni abbiamo fuso due società costruendo un gruppo molto numeroso, formato da una settantina di persone. La nostra attività agonistica segue il programma federale, rispettando i cicli, le date e gli obiettivi della federazione. In questo momento siamo in una fase di rinnovo generazionale, stiamo infatti costruendo nuovi atleti nella fascia di età compresa fra i 12 e i 14 anni e quindi ci aspettiamo nei prossimi due o tre Grazia Donati (collaboratrice), Paolo Agusta (maestro 3° Dan), anni di raccogliere buoni risultati”. Damiano Bani (presidente), Marco Griselli (maestro 5° Dan), Una scelta che ha una Carlo Casoli (collaboratore). filosofia alle spalle? Quando nasce l’Accademia? “Certo, cominciamo ad istruire gli atleti “Nel 1991, se pur nel ’73 era già una so- fin da piccoli, li seguiamo anche nel percietà, fondata con il maestro Bibi Gufoni. corso educativo e umano durante la creAl di là dell’anno di nascita possiamo dire, scita. Il nostro è un contesto molto equilisenza ombra di dubbio che si tratta di una brato e questo ci teniamo a sottolinearlo”. società storica, che ha avuto e ha atleti di Cosa vuol dire fare il maestro di prestigio nel judo, nel karate e nel pugilato. judo? Oggi ci sono tante discipline, che possiamo “È molto impegnativo. Tutti i sabati e le definire ‘estemporanee’, ma noi preferiamo domenica sono dedicate a seguire le vadedicarci a quelle tradizionali, perché vo- rie categorie con raduni, manifestazioni gliamo rimanere legati all’aspetto accade- e competizioni. Anche il percorso per dimico e all’ambiente olimpico o almeno di importante diffusione ffusione mondiale”. ff Come sta andando il settore judo? “Abbiamo ottime aspettative. Nella nostra Accademia insegnano gli unici due maestri di Livorno che sono i bravi Marco

ventare un maestro è veramente difficile e richiede tanta dedizione. La nostra federazione è molto seria in questo, chi riesce a diventare un maestro è una persona veramente preparata. Inoltre, bisogna ricordare che questo è un impegno del tutto volontario, non vi sono ritorni economici, si è mossi solo dalla passione. In cambio però si hanno tante soddisfazioni”. Come è andato il 2012? “Bene, abbiamo ottenuto una medaglia ai Campionati italiani di categoria giovanili e per una società di judo è un grande traguardo. Non dobbiamo pensare a campionati dove si confrontano una decina di gruppi, noi affrontiamo ffrontiamo il ff campionato federale, dove le società sono circa duemila, alcune delle quali molto forti, e le medaglie da conquistare sono veramente poche. Salire su un podio nel nostro ambiente è un risultato veramente molto ambito”. Sogno nel cassetto come presidente del judo? “Quello che in genere si vuole anche nella vita: l’armonia. Avere una società ricca di armonia, con tanti atleti soddisfatti che fanno buoni percorsi educativi, accompagnati dai loro maestri. Naturalmente in tutto questo mi piacerebbe anche riuscire a creare un campione”. A.D.V.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

F

ulcro dell’Accademia dello Sport, in quanto fondatore e direttore generale è Damiano Bani. Ma di lui dobbiamo anche dire che è il presidente della sezione judo essendo stato un atleta di alto livello, ed essendo attualmente cintura nera 2° Dan, è spesso sul tappeto a dare una mano ai maestri.

189


Si effettuano preventivi gratuitamente

IMPRESA DI PULIZIE E SERVIZI

190

Via Castelli, 20 - 57123 Livorno Tel/Fax 0586 887642 fiorellaesposito@alice.it


K>G<>C>67>6C8=>!B6II:D ;6K>AA6:<>JA>6G6=6A> AZegdbZhhZ YZaaÉ6XXVYZb^VYZaadHedgi Matteo: “Allenarmi costantemente e sentire la fatica, anche se mi rendo conto che per raggiungere un obiettivo è inevitabile, devo per forza passare attraverso la fatica e l’impegno; però non posso negare che sia dura”. La soddisfazione più bella del 2012? Virginia: “Nel 2012 ho cominciato a fare agonismo. La soddisfazione più bella è stata la gara a Montevarchi per il Campionato regionale, perché è stata la prima alla quale ho partecipato”. Matteo: “Vincere i Campionati regionali ed andare agli italiani”. Giulia: “Il Trofeo Ginestrini disputato a Firenze dove ho vinto due incontri con una nuova tecnica che sto studiando”. Un sogno nel cassetto? Virginia, Matteo e Giulia: “Le olimpiadi”. Un obiettivo per il 2013? Virginia: “Vincere il Campionato italiano”. Matteo: “Vincere il Campionato regionale e una delle tre medaglie agli italiani, e poi, naturalmente, la cintura nera”. Giulia: “Vincere gli italiani”.

Quanto vi allenate? Virginia e Giulia: “Tre volte alla settimana”. Matteo: “Tre volte, ma vado anche a correre un paio di volta alla settimana”. Come questa disciplina ha cambiato il vostro stile di vita? Virginia: “Mi sento più sicura nella vita di tutti i giorni. Alle elementari mi picchiavano e non sapevo difendermi, ora non mi accadrebbe più perché saprei cosa fare”. Matteo: “Indubbiamente mi sento più sicuro, ma il judo ha influito anche sull’alimentazione, adesso sto più attento a quello che mangio”. Giulia: “So come difendermi e questo mi fa sentire più sicura”. Quali sensazioni dà la lotta? Virginia, Matteo e Giulia: “La lotta è una prova che forgia molto il carattere, soprattutto quando si svolge davanti ad un pubblico. Questo ci rafforza fforza molto dal punto di ff vista psicologico, il judo ci aiuta molto anche in questo”. Gli altri si informano su come va la vostra carriera agonistica? Virginia e Giulia: “ Sì, anche le professoresse ci chiedono sempre come sono andate le gare”. Matteo: “No, nessuno mi chiede niente”. Uno spot per il Judo? Virginia: “Uno sport molto bello, che in certi casi può aiutarti a difenderti. Anche se è una disciplina individuale abbiamo creato un bel gruppo e ci divertiamo tutti insieme”. Giulia: “La bellezza del corpo a corpo, agguantare l’avversario e rotolarsi a terra: tutto nell’emozione della lotta”. Antonella De Vito

Da destra: Virginia Bianchi, Giulia Rahali e Matteo Favilla

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

F

ra le promesse del futuro spiccano tre giovanissimi: Virginia Bianchi 12 anni, Matteo Favilla 16 anni e Giulia Rahali 12 anni. Li incontriamo con il Judogi indosso pronti a tornare sul tatami. Da quanto tempo e perché avete scelto di fare judo? Virginia Bianchi: “Pratico judo da 4 anni e sono cintura blu. Ho iniziato perché mi piacque la presentazione che fecero di questa disciplina, quando ero alle elementari”. Matteo Favilla: “Ho iniziato quando avevo sei anni, ed oggi sono cintura marrone. Mi è sempre piaciuto il judo, fin da piccolo cercavo le notizie su internet, così mio padre, che però fa Full Contact, mi ha incoraggiato”. Giulia Rahali: “Sono cintura marrone, ed anch’io ho incominciato dopo avere assistito ad una presentazione alle scuole elementari”. Qual è l’aspetto che più vi piace di questa disciplina? Virginia: “La difesa”. Matteo: “È uno sport che ci permette di difenderci anche in situazioni pericolose. Ma più di ogni altra cosa, mi piace combattere e fare le gare”. Giulia: “Partecipare alle gare”. Un atleta mito? Virginia, Matteo e Giulia: “Giulia Quintavalle e Girolamo Giovinazzo”. C’è qualche aspetto del judo che non apprezzate molto?

191


Per frequentare corsi di:

Body mind

Ginnastica pugilistica Ginnastica posturale Walk Lotta libera per adulti Lotta libera per bambini Brazilian JiuJitsu Ginnastica pre-atletica Zumba

192

Scotto PubblicitĂ Livorno

Step


EdeZnZ8ajW

G>886G9DC>88DA>C>

Marziali

a t t o L 8dbZÆh[dgcVgZÇXVbe^dc^ svolto a Martigny in Svizzera, gareggiando nei cadetti, cioè nella categoria superiore alla sua, perché è un vero talento, ed infatti, pur essendosi confrontato con atleti più grandi di lui si è qualificato terzo”. La nuova stagione come sta andando? “Anche la ripresa a settembre della nuova stagione è andata molto bene. Al primo torneo internazionale di Bergamo abbiamo fatto tre primi posti con Giacomo Dentone, Saverio Ceccarini e Simone Iannattoni, mentre Gigi Annarelli è arrivato secondo e i cugini Niccolini hanno conquistato il terzo posto nella loro categoria. Abbia poi fatto la prima parte della Coppa Italia a Napoli portando a casa 4 bronzi,

con Simone Ianattoni, Dorian Lattiu, Giacomo Dentone e Gigi Annarelli. La seconda parte della Coppa Italia si è svolta a Terni dove abbiamo fatto un primo posto con Giacomo Dentone, un secondo posto con Simone Ianattone che ha partecipato nella categoria più grande di lui ed un terzo con Gigi Annarelli. La terza fase della coppa è stata organizzata a novembre a Pisa, dove però abbiamo fatto un solo bronzo con Gigi Annarelli, perché tanti atleti non hanno potuto partecipare a causa dell’influenza. A livello regionale abbiamo partecipato ad un trofeo qualificandoci primi come società e vincendo veramente tante medaglie. A fine dicembre siamo stati impegnati con il Trofeo dedicato a Saverio Masi di Greco Romana organizzato a Pisa, dove abbiamo fatto dieci primi posti e diversi secondi, aggiudicandoci, anche in questo caso, il primo gradino del podio come società”. Un inizio di stagione impegnativo. “Non è ancora finita, perché abbiamo partecipato anche agli interregionali di Greco Romana a Firenze, arrivando secondi come società nella categoria giovani, e terzi nella classifica Junior senior. Una manifestazione che ha raccolto più di 200 lottatori. Anche in questi due ultimi tornei Simone ha dato prova del suo grande talento, vincendoli entrambi e battendo anche il campione italiano”. La soddisfazione più bella del 2012? “Naturalmente tutte le gare vinte, ma c’è anche un’altra cosa che mi ha dato tanta Un gruppo di atleti del Popeye Club con Riccardo Niccolini (il terzo da sx)

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti

U

n anno da ricordare per il Popeye Club guidato da Riccardo Niccolini. I giovani lottatori, sotto l’ala protettiva dell’olimpionico di Mosca, sono cresciuti e stanno portando ‘a casa’ molti buoni risultati, che rendono giustamente orgoglioso il loro maestro. Parliamo del 2012. “È andato molto bene. Prima di tutto c’è il titolo italiano di Simone Iannattoni nella categoria Esordienti. Era molto tempo che alla nostra città mancava un titolo per categoria e averlo riportato con Simone è una bella soddisfazione. C’è poi stata la vittoria di Saverio Ceccarini al Gran Premio giovani e il 3° posto di Davide Niccolini”. Altre gare? “Ne abbiamo fatte molte, soprattutto internazionali, come quella di Chiavari per Club a giugno, dove abbiamo conquistato tre primi e due secondi posti. Siamo poi andati ad un ritiro a Napoli al quale hanno partecipato anche Austria, Francia, Spagna e Germania con oltre 100 lottatori: una bella esperienza durata 12 giorni con allenamenti collettivi, che hanno permesso uno scambio di esperienze”. Simone Iannattoni continua ad essere una delle punte di diamante del Popeye Club? “Certamente. Dopo la vittoria del Campione italiano Esordienti è stato chiamato in nazionale ed ha potuto partecipare al suo primo trofeo internazionale che si è

193


Judo Lotta Karate Arti Marziali F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana 194

I cugini Niccolini

soddisfazione. Alla fine del quadriennio olimpico la Federazione ha rinnovato le cariche ed io sono stato nominato direttore tecnico della Toscana, sia nella libera che nella Greco Romana. Dovrò quindi decidere come formare le squadre, e ciò vuol

Giacomo Dentone, Saverio Ceccarini e Gigi Annarelli

dire organizzare raduni e allenamenti in vari luoghi della regione”. Un obiettivo per il 2013? “Sono diversi, intanto portare Iannattoni nuovamente in nazionale con i cadetti, nella speranza che arrivi a partecipare

<>68DBD9:CIDC: Jc^cXdcigdXVhjVaZ Jc^cXdcigdXVhjVaZ XdcaV\gVcYZeVhh^dcZYZaaVk^iV

G

iacomo Dentone 17 anni, frequenta la quarta Nautico. Ha iniziato a dedicarsi alla lotta otto anni fa. “Facevo calcio, ma il dottore mi trovò una leggera scoliosi e mi disse che era meglio fare uno sport dove c’era più ginnastica. Mio padre veniva alla palestra Popeye e mi consigliò di provare i corsi di lotta, che aveva potuto osservare mentre faceva attività fisica. Così iniziai a seguire gli insegnamenti di Riccardo. Dopo un anno il medico mi disse che la mia scogliosi era congenita ed avrei potuto tranquillamente continuare a giocare a calcio, ma ormai mi ero appassionato alla lotta e sono rimasto”. Ricordaci le tappe più importanti della tua carriera sportiva. “Nel 2009 ho vinto i Giochi della Gioventù, mentre nei Campionati italiani mi sono sempre piazzato fra il secondo e il terzo posto. Nel 2012 nella categoria cadetti 54 chili ho vinto la Coppa Italia, inizialmente non ci credevo, è stato molto bello”. Cosa ti piace in modo particolare della lotta?

“Mi piace perché è uno sport individuale, meriti e demeriti sono sempre personali”. C’è una cosa che non ti piace? “No, non c’è, della lotta amo tutto”. Quanto ti alleni? “Cinque volte alla settimana. Appena esco da scuola studio e poi vengo subito agli allenamenti. È piuttosto impegnativo, ma ne vale la pena”. Il complimento più bello che ti è stato fatto? “Secondo tutti sono bravo, posso fare di più, credono in me, ed io mi impegno per non deluderli”. Un atleta mito? “Riccardo Niccolini”. Un sogno? “Partecipare alle olimpiadi”. Un obiettivo nel 2013? “Cercare di farsi notare dalla nazionale per poi essere chiamato a farne parte”. Giacomo Dentone

agli europei e ai mondiali. Poi c’è Giacomo Dentone che spero di veder andare in nazionale per la sua categoria e Saverio Ceccarini che può puntare a vincere il Gran Premio Giovani”. Antonella De Vito

Cosa pensano i compagni di scuola della lotta? “Alcuni credono che sia uno sport violento. La maggior parte non lo conosce, ma si sono resi conto che ci vuole tanto sacrificio per emergere in questa disciplina”. Quanto la lotta ha influito sulla tua vita? “Molto. Adesso mi sento più sicuro, sono meno pauroso, perché saprei difendermi. Inoltre, allenarmi mi fa star bene”. Chi vuoi ringraziare? “La mia famiglia e il mio allenatore”. A.D.V.


A

nche Gigi Annarelli ha cominciato perché consigliato dal padre, che frequentando la palestra di Riccardo Niccolini ha avuto modo di conoscere i corsi di lotta. Gigi oggi ha 16 anni, ed ha iniziato nel 2008. Hai fatto altri sport? “Sì, ho praticato nuoto, pallavolo, ginnastica, ma nessuno di questi mi è mai piaciuto, li ho fatti solo perché mi ci portavano i miei genitori. La passione l’ho trovata nella lotta”. Il tuo curriculum sportivo? “Ho vinto i regionali quasi tutti gli anni. Sono arrivato sempre secondo o terzo al Gran Premio Giovani. Agli italiani del 2012 mi sono

Gigi Annarelli

>ak^cX^idgZYZ^<^dX]^YZaaV<^dkZci‘ Le tue vittorie più importanti? “Nel 2012 ho vinto i Giochi della Gioventù ed un trofeo internazionale a Chiavari”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “Il contatto fisico con l’avversario e lo studio delle tecniche”. Un aspetto negativo? “Quando si viene “schienati”, cioè quando l’avversario ti mette a terra, è una brutta sensazione di impotenza, ti senti sconfitto”. La soddisfazione più bella? “Sicuramente la vittoria ai Giochi delle Gioventù. Ho subito vinto il primo incontro, ma mi sono fatto male al dito. Andare avanti è stato difficile e in finale mi bloccavo perché sentivo dolore, però ad un certo punto il dito ha smesso di duolermi e così ho vinto”. Con il dito come è andata a finire?

“Avevo una distorsione, infatti, poi è gonfiato”. Un obiettivo per il 2013? “Vincere gli italiani”. Un sogno a lungo termine? “Partecipare agli europei”. Come concili scuola e sport? “Adesso sono in terza media e praticamente mi alleno tutti i giorni. È impegnativo e mi devo organizzare facendo i compiti subito dopo pranzo. Il prossimo anno mi piacerebbe andare al Nautico”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Riccardo che è il mio allenatore”. Chi ti ha fatto il complimento più bello? “Riccardo, quando mi disse che ero portato per questo sport e potevo avere buoni risultati”. A.D.V.

<><>6CC6G:AA>

Judo Lotta Karate Arti Marziali

Saverio Ceccarini

H6K:G>D 8:886G>C>

JcdhedgiX]Zg^aVhhVZVeeV\V qualificato quinto”. La soddisfazione più bella del 2012? “Il secondo posto al Gran Premio Giovani, anche l’anno prima arrivai secondo”. Un obiettivo per il 2013? “Vincere gli italiani”. La cosa che ti piace di più della lotta? “Questo sport mi dà una grande soddisfazione fisica, quando ho finito l’allenamento mi sento appagato sia fisicamente che psicologicamente. Quando sono stressato vengo in palestra e mi passa tutto, anche perché è un bell’ambiente”. Ti pesa qualcosa della lotta? “Forse un po’ la dieta per rientrare in una categoria di peso prima delle gare”. Un atleta mito? “Fra gli italiano Minguzzi nella lotta Greco Romana, ma noi facciamo libera che è un po’ diversa. Nel mondo ci sono tanti atleti che mi piacciono, ad esempio il russo Buvaisar Saitiev, ma ci sono anche molti americani. Spesso vado su internet a guardare i filmati delle loro competizioni”. Il complimento più bello che ti è stato fatto?

“Quando Riccardo, dopo i primi allenamenti, mi disse che ero portato e continuare mi avrebbe dato delle soddisfazioni”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Riccardo, per quello che ci dà ed i miei genitori, in particolare mio padre, che mi accompagna sempre alle gare”. I compagni di scuola cosa pensano della lotta? “Pochi conoscono questo sport, la maggior parte crede che serva solo a picchiare”. Il rapporto con i compagni di sport? “Molto buono, abbiamo fatto amicizia e ci ritroviamo anche al di fuori della palestra”. Un episodio? “Non mi viene in mente niente di specifico, ogni gara è un episodio degno di essere raccontato. C’è sempre molto stress, gli incontri durano poco, ma non sai quando è il tuo turno, quindi stai in piedi anche tutto il giorno e intanto ti riscaldi”. Hai un rituale prima della gara? “No. Preparo la borsa e questo mi aiuta a scaricare un po’ di tensione”. A.D.V.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana

S

averio Ceccarini ha 14 anni ed un passato nel Jiu jitsu, che lo aveva però annoiato. “È stato mio zio a consigliarmi di avvicinarmi alla lotta, perché vedeva gli altri ragazzi in palestra è ha creduto che fosse uno sport adatto a me, ed infatti, dopo aver provato ho deciso di rimanere ed impegnarmi”.

195


196


K6HH>A><J88>C>!;:9:G>8D :;>A>EED86E:OODA>! ;:9:G>8D:A>H:D <gjeedAdiiVidg^A^kdgcZh^ AZ\^dkVc^egdbZhhZ sono annoiato”. Cosa possiamo dire dei tuoi allenatori? “Sono molto bravi e mi congratulo con loro per quello che ci insegnano”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì, vorrei dire che in questo periodo, in cui ho praticato lotta, ho vissuto i migliori anni della mia vita, perché ho conosciuto tanti amici e mi sono divertito”. Federico Capezzoli ha 8 anni ed ha iniziato la lotta da uno. “Ho cominciato perché pratico questo sport insieme a mio fratello più grande. Ho già fatto delle gare ed anche un punto”. Cosa preferisci della lotta? “È uno sport bello, in modo particolare mi piace il combattimento”. I tuoi amici si interessano a questo sport? “Non mi chiedono niente, a loro non piace.” Come proveresti a convincere un tuo compagno di scuola a fare lotta? “Gli direi che è bello, ma bisogna impegnarsi molto”. Un sogno? “Diventare un campione come Antonio La Bruna”. Un atleta che ti piace? “Igor, Massimiliano e Antonio”.

C’è qualcosa che non ti piace? “Gli esercizi con il sacco, non mi riescono, soprattutto quando lo devo saltare”. Filippo Capezzoli è il fratello più grande di un anno, che però ha iniziato a frequentare la palestra dal 2010. Hai fatto altri sport? “Sì, giocavo a pallone, ma cadevo sempre, ed allora mio padre mi ha mandato qui per formare il carattere. Mio fratello invece faceva Jujitso, ma poi anche lui è venuto a fare lotta”. Raccontaci le tue gare. “Sono andato a Pontedera dove mi sono qualificato primo, poi ho conquistato il secondo posto a Firenze e Cascina, mentre a Bergamo, che era la più importante, sono arrivato quarto”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Lottare sul tappeto e vincere”. E quando invece perdi? “Anche le sconfitte sono importanti, perché servono a capire dove si sbaglia e a non ripetere l’errore in futuro”. Un atleta che ti piace? “Prima di tutti Igor Nencioni e poi tutti gli altri allenatori, perché si comportano bene con me e cercano di insegnarmi a lottare spiegandomi dove sbaglio”. Un obiettivo del 2013? “Imparare cose nuove, vincere, onorare questo sport”. Il sogno? “Diventare più bravo di Igor Nencioni e di Antonio La Bruna”. Cosa ti piace di meno? “Perdere”. Un bel complimento che hai ricevuto? “Non me lo ricordo, perché me ne hanno fatti tanti”.

Da sinistra: Federico e Filippo Capezzoli, Vassilli Guccini e Federico Perini

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

S

ono i giovanissimi del Gruppo Lottatori Livornesi e si allenano con passione, guardando ai più grandi come a dei modelli da seguire. Vassili Guccini ha 8 anni e da tre si dedica alla lotta. “Desideravo fare questo sport fin da quando ero piccolo. Igor è un amico di famiglia e sono sempre andato a vedere i suoi combattimenti, così ho conosciuto questa disciplina e mi sono appassionato”. Cosa ti piace di più della lotta? “Allenarmi con i miei amici”. Come sono andate le gare? “La prima l’ho fatta a Firenze e sono arrivato secondo, anche se mi sono fatto male ad una gamba. Poi c’è stata Pisa dove ho battuto tutti i miei sfidanti e sono arrivato primo, ed infine Pontedera, ma qui mi sono classificato terzo”. Un atleta che ammiri? “Ce ne sono tanti, quindi non posso esprimermi, però credo che Filippo e Federico, i miei due compagni, siano i migliori”. C’è qualcosa che non ti piace di questa disciplina? “Trovare tanti avversari forti durante le gare”. Cosa pensi quando vieni sconfitto? “Penso che il mio avversario è stato migliore. Ma comunque mi sono divertito, perché l’importante non è vincere, ma partecipare. Quando vinco, invece, penso che sono stato più bravo io, ma questo potrebbe cambiare in un’altra gara futura, quindi è importante continuare sempre ad allenarsi con impegno”. Hai fatto altri sport? “Jujitso, ma dopo un po’ mi

197


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Filippo Capezzoli

Hai fatto altri sport? “Mio padre me ne ha fatti provare molti, perché vuole che io sia uno sportivo e cresca tenendomi in forma, così ho praticato

Federico Eliseo

198

nuoto, calcio, karate, tennis, ma quello che mi piace più di tutti e mi diverte è la lotta”. Cosa fai prima di una gara? “Cerco di sapere chi sono i miei avversari, poi vado in un angolo tranquillo e ascolto la musica con il mio Mp3, perché mi piace e mi rilassa, dopodiché mi riscaldo un po’ in preparazione della gara”. Federico Eliseo ha 10 anni e si dedica alla lotta da circa un anno e mezzo. “Mio fratello e mio padre frequentavano la palestra Sport Combat Club e mi hanno consigliato di venire a vedere quale corso poteva piacermi. In quel momento io andavo in piscina, ma volevo cambiare perché non mi piaceva, così mi sono deciso a venire in palestra, ed ho subito notato gli allenamenti di lotta, ho provato e ho deciso di dedicarmi a questa disciplina”. Parlaci della tua esperienza agonistica. “La prima volta ho fatto un fuori gara, era poco che avevo iniziato e non sapevo fare ancora molto. Poi ci sono stati gli internazionali di Bergamo dove sono arrivato secondo. Ho poi partecipato a gare anche a Pisa e Firenze, ma non sono andate troppo bene”. Cosa ti piace di più della lotta? “Gareggiare con i miei compagni”. Ed invece una cosa che ti fa fatica fare? “Il riscaldamento. Ora che mi alleno con i grandi è più impegnativo e faticoso”. Quante volte vieni in palestra? “Tre volte alla settimana”. Un atleta mito? “Tutti e tre i miei allenatori: Antonio La Bruna, Mauro Puccini e Igor Nencioni”. Un obiettivo per il 2013? “Essere più bravo nelle gare e vincere un po’ di più”. Un sogno? “Partecipare a gare sempre più importanti”. In passato hai fatto altri sport? Sì, ho fatto calcio, karate, nuoto e basket. Karate è stato il primo sport che ho provato, mi sono allenato per due settimane ma non era adatto a me. Calcio l’ho praticato per un anno e mi piaceva, ma siccome stavo sempre in porta e non mi muovevo, mia madre mi ha fatto cambiare e mi ha portato a basket, dove sono rimasto per un anno e mezzo, ma anche qui mi sono annoiato e ho smesso, così come con il

Federico Capezzoli

nuoto. La lotta invece mi piace e voglio continuare”. Come sono gli allenamenti con gli adulti? “Più faticosi, ma più divertenti”. A.D.V.

Vassili Guccini


AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

 

35

anni di creativitÃ

Via Bengasi, 109 - LIVORNO 57124 Tel. e fax: 0586 403003 - Cell. 336 710317 e-mail: scottopubblicita@tin.it

199


 

35 anni di creativitĂ

Gestione campagne pubblicitarie e promozionali t CARTELLONISTICA

(gestione spazi Galleria Smeraldo, Livorno)

t Fornitura e distribuzione mirata di depliant e volantini t Locandine, manifesti, inserzioni t Biglietti da visita e adesivi t Decorazioni mezzi e vetrine t Striscioni, stendardi e bandiere tStampa digitale, offset, a caldo

200

AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE


AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

35 anni di creativitÃ

 

Forniture e accessori per tutti gli sport e per il lavoro t ABBIGLIAMENTO SPORTIVO E DA LAVORO tPROMOZIONE MANIFESTAZIONI SPORTIVE t GESTIONE PUBBLICITARIA SPAZI SPORTIVI t SERVIZIO DI STAMPA CON: t4FSJHSBmB t3JDBNP t5SBOTGFS

Gadget, regalistica aziendale e premiazioni t 1.000.000 DI ARTICOLI PROMOZIONALI ! Realizzazione e personalizzazione gadget tradizionali ed innovativi, materiale per congressi, fiere ed eventi di ogni genere, realizzazione e personalizzazione divise

t "MMFTUJNFOUPFEFDPSB[JPOJ mFSFFNBOJGFTUB[JPOJ t "HFOEF DBMFOEBSJ QMBOOJOH PSHBOJ[FS

201


 

35

AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

anni di creativitÃ

La tua pubblicità vincente su riviste, periodici e pubblicazioni t Lâ&#x20AC;&#x2122;ALMANACCO DELLO SPORT

Livorno tra le più grandi dello sport mondiale (periodico annuale) tra Livorno

tiva

or a sp

ac Cron

le più

i dello

grand

oggi i e di di ier

sport

iale

mond

Livorno tra Cronaca 6ccd>>"C#& BV\\^d$<^j\cd'%& %

le più gran

sportiv

a di ieri e di ogg i

DB6<<>D

DB6<<>D

LIVORNO N E W S

/2009 del 07/05 n° 1109 Livorno nale di ione Tribu

Beij CWhj_dW:_b[b_X[heZ_ [C[cc[

t ACI LIVORNO NEWS

la rivista trimestrale del Socio ACI

SJTPDJ

DFOUQF

SJOPOTPD

 BSU DPNN

 O

(concessionario spazi pubblicitari)

NALE

CI ADEI3O !SSEMBLE ATEDELLA E'IORN TUTTA ZA 3ICUREZ ONACA LACR

 CO  PIE

 O

POWJO-  D F%-

CCPOBNF B4QFEJ[JPOFJO" UBMJBOFTQ t1PTUF*

OUP1PTUBM

  PIE CO

NBS[P

)PROGRAM MI DELLA#OMM ISSIONE 3PORTIVA

EFM VOBMFO¡

 CO  PIE

#ONVOCAZION DELL´!SSEMB E LEA DEISOCI

PERUN 'RANDI ONNOI C GIORNO ELLONEL A-ARAN ERRARI TEMPIO&

"VUPSJ[[B[JPOF5SJC

%-

BSU DPN

 DPOWJO-

-JWPSOPt1SF[[P

DFOUQF

BORAZIONE

ZIONE#OMU

VUEFM JWPSOP" NB $#-

!MMINISTRA

EFMNB S[Pt1PT UF*UBMJBOFTQB4QFEJ[JPO FJO"CCPOBN FOUP1PTUBMF F5SJCVOBMFO¡ "VUPSJ[[B[JPO

-J VUEFM -JWPSOP" NNB $#  BSU DP  O JO-

 DPOW

%-

UP1PTUBMF CCPOBNFO EJ[JPOFJO"

TQB4QF

F½TI ICO 'RA BA3TOR A2ONDEE %LB  !SFALTO ,IBURNA O3PORT RN !#),IVO INCENTE SV CALAILTRI

J

DFOUQFSJTPDJDFOU

.UOVACOLLA

B $#-JWPSOP"VUEFM

QFSJTPDJ [[PDFOU WPSOPt1SF

DFOUQF

NTI ,UCA"A DA UNSOCIO ! SERIE

TUF*UBMJBOF

2ALLY%L

N E

-JW PSOPt1SF[[P

SJOPOTPDJ

N E

FMNBS[Pt1P BMFO¡E

NO LIVORW S

QFSJOPOTPDJ

NO LIVORW S

"VUPSJ[[B[JPOF5SJCVO

sport mondiale

?lWdCWY^Z_ FWbcij[_d0 W:e^WbW ikWdkelW he c[ZW]b_WZÃ&#x160;e

Autorizzaz

!NNO8Â&#x201E;N !PRILE

ERALLY )LGRAND ADEL LACRONAC TORICO 'RAF½TI 3 ROSSIMI IP TUTTOSU DEE %LBA2ON SFALTO ! ,IBURNA

più grandi dello

Â&#x201E;N !NNO8  ,UGLIO

!NNO8Â&#x201E;N  /TTOBRE

IONE ,APOSIZ IVORNO DELL´!#, TTO SULPROGE O ³0ENSIAM E´ IN'RAND

Livorno tra le

DB6<<>D

Lâ&#x20AC;&#x2122;ALMANACCO NOTIZIE t (periodico trimestrale)

t mondiale

e di oggi iva di ieri Cronaca sport 6ccd>"C#) 9^XZbWgZ'%%. <ZccV^d";ZWWgV^d'%&%

6ccd>"C#& Aj\a^d'%%.

Cronaca sportiva livornese

di dello spor

Pubblicazioni in occasione di eventi t e manifestazioni di grande interesse

Contattaci direttamente

presso la nostra sede in via Bengasi 109, Livorno tel. e fax 0586 403003 - cell. 336 710317 email: scottopubblicita@tin.it

202


Da sx Luca Bianchetti e Gabriel Marcellini

JcVY^hX^ea^cVX]ZV^jiVVigdkVgZ aVXVabVZaÉVjidXdcigdaad tutti insieme e i tecnici sono sempre presenti e ci spiegano come migliorare”. Un piccolo difetto di questo sport? “No, non c’è”. Quanto ti alleni? “Tre volte alla settimana più le gare nel weekend, quando ci sono”. Raccontaci la tua prima esperienza agonistica. “Prima che iniziasse la gara aveva un’ansia terribile. Al primo incontro ho perso e me la sono presa così tanto che per quel giorno non sono più riuscito a combattere. Nella seconda competizione invece ho superato la mia paura e mi sono divertito, anche se sono arrivato ultimo. Le cose sono migliorate sempre più, nel 2012 a Pisa mi sono qualificato primo e nell’ultima gara di Greco – Romana secondo”. Perché parli di paura prima di una gara? “Diciamo che c’è un po’ di ansia quando si aspetta di entrare sul tappeto, anche perché non sappiamo chi sarà lo sfidante”. Cosa pensi quando sei sul tappeto? “Ripenso a tutto l’impegno messo in campo durante gli allenamenti, mi concentro e ce la metto tutta”.

Un obiettivo per il 2013? “Ne ho due: prima di tutto divertirmi e poi classificarmi agli italiani, mi sto allenando molto per questo”. Un sogno? “Diventare allenatore”. Cosa ti piace dei tuoi istruttori? “Sono bravi, ci aiutano, cercano di spiegarci le cose che non ci riescono”. La soddisfazione più bella che hai avuto? “Vedere che nel corso del tempo miglioro. Partecipo alle gare per divertirmi, certo se vinco non mi dispiace, ma lo scopo principale è essere contenti”. I tuoi compagni di scuola come giudicano la lotta? “Non sono interessati, credono che serva solo per picchiare. Invece non è così, è uno sport di difesa, ma soprattutto insegna a stare calmi e a non essere aggressivi”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Vorrei ricordare mio nonno. Era un lottatore di Greco Romana, negli anni passati mi ha dato tanti consigli sulla libera. Ora non c’è più, si chiamava Aldo Baroni”. A.D.V.

AJ867>6C8=:II>Z <67G>:AB6G8:AA>C> AZeg^bZhdYY^h[Vo^dc^ eZg^e^‘\^dkVc^ ha consigliato di provare la lotta. Ho seguito il suo suggerimento e mi sono trovato bene subito dopo aver fatto i primi esercizi”. In precedenza avete frequentato altri sport? Luca: “Ho fatto calcio, ma solo per tre giorni, perché non mi è piaciuto. Però gioco a pallone con i miei amici quando esco da scuola al parchino”. Gabriel: “Ho provato calcio per un mese e nuoto per tre, ma non mi piacevano tanto”. Quale aspetto preferite della lotta? Luca: “Il tifo e gli incoraggiamenti dei miei compagni durante le gare”. Gabriel: “Quando vado a fare un torneo, mi impegno e arrivo fra i primi qualificati”. Cosa invece vi piace meno? Luca: “Le tecniche, perché sono difficili da imparare”.

Gabriel: “Quando uno fa un’entrata veloce e mi mette a terra”. Un sogno nel cassetto? Luca: “Diventare il campione del mondo”. Gabriel: “Essere il più forte del mondo e vincere un avversario che pesa più di 100 chili”. Cosa pensate dei vostri allenatori? Luca: “Sono bravi perché ci insegnano attraverso il gioco e ci fanno divertire”. Gabriel: “A me piacciono perché ci fanno fare anche esercizi di altri sport, come la corsa. Durante il riscaldamento mi diverto molto”. Cosa pensano i vostri amici di questa disciplina? Luca: “Mi chiedono cosa ci fanno fare e se è bello”. Gabriel: “Mi chiedono se mi piace, ed io li invito a venire a provare”.

Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

H

anno iniziato ad avvicinarsi alla lotta da una decina di mesi e pur avendo solo 8 anni, hanno già affrontato dei combattimenti sul tappeto e assaggiando la soddisfazione di alcune vittorie e l’amarezza di qualche sconfitta. Luca Bianchetti e Gabriel Marcellini sono coetanei, si sono conosciuti in palestra e sono diventati amici. Come vi siete avvicinati a questo sport? Luca: “Ai corsi di ju jitsu, che già frequentavo, ci hanno chiesto se volevamo provare a fare qualche esercizio di lotta. Io ho accettato, mi è piaciuto e ho continuato”. Gabriel: “Stavo pensando a quale sport fare e mio padre mi

;:9:G>8DE:G>C>

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione

F

ederico Perini ha 11 anni e si è avvicinato alla lotta da due anni. “Ho iniziato facendo arti marziali, in particolare Brasilian Jujizzo, ma dopo sei mesi mi hanno chiesto se volevo fare una gara di lotta, per provare. L’ho fatta e mi è venuta subito la passione. Ho iniziato con Igor e poi ho continuato con Antonio La Bruna”. In passato hai fatto altri sport? “Prima ho provato con il calcio e con il nuoto, ma non mi piacevano. Era già un po’ di tempo che a casa mi divertivo a dare calci e pugni al sacco, così ho capito che ero portato per un altro tipo di disciplina”. Un atleta mito? “Il mio allenatore Antonio La Bruna”. Cosa ti piace di più? “A l l e n a r m i con gli adulti. È molto più duro, ma mi diverto e do il massimo. La lotta mi piace anche perché non sono solo, ci alleniamo Federico Perini

203


204

Scotto PubblicitĂ Livorno


<gjeedadiiVidg^a^kdgcZh^

>H67:AA6;:GG>C> JcVYdccVhjaiVeeZid

Isabella Ferrini

“Non ho ambizioni particolari, mi basterebbe riuscire a dare tutto quello che ho imparato durante gli allenamenti, anche quando sono in gara”. Da quando fai lotta sei migliorata anche nel rugby? “Sì, certo, la mia preparazione atletica è migliorata tantissimo, adesso non ho più problemi di fiato e mi sento molto bene”. Come ti difendi da chi ti dice che non è uno sport femminile? “Non si vede la femminilità dallo sport che si pratica. Non è detto che tutte le ragazze devono fare danza, ci si può dedicare anche ad altre discipline, senza dover essere giudicate, ed essere ugualmente donne”. C’è qualcosa in questa attività che non ti piace? “Per ora non l’ho trovata”.

Come convinceresti una tua amica a dedicarsi alla lotta? “Le direi che se ha voglia di impegnarsi ed essere costante, può scoprire quanto la lotta sia un bello sport, perché può cambiarti la vita e darti tante soddisfazioni. Personalmente le emozioni provate sul tappeto non le ho mai provate in nessun altro campo”. Un obiettivo del 2013? “Continuare a migliorare e poi si vedrà cosa riuscirò a fare”. Cosa possiamo dire dei tuoi allenatori? “I miei allenatori sono Mauro Puccini, Igor Nencioni e Antonio La Bruna. Sono persone serie sulle quali posso contare, riescono ad insegnarmi bene e a farmi migliorare”. A.D.V.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

L

a lotta è un sport che per abitudine decliniamo al maschile, ed invece, oggi le ragazze cominciano ad affacciarsi ffacciarsi sul tappeto e a conquiff stare anche questa disciplina, dimostrando che non vi sono differenze fferenze di ff genere quando si ha la passione per uno sport. Così è per Isabella Ferrini 18 anni, che incontriamo allo Sport Combat Club di via Firenze a Livorno. Come hai iniziato? “Grazie ad un amico di famiglia che pratica questa disciplina. È stato lui che mi ha consigliato questo sport e mi ha indirizzato nei primi allenamenti. Inizialmente facevo solo la preparazione atletica, ma poi mi sono dedicata alla lotta vera e propria”. Hai già avuto qualche successo? “Ho iniziato a giungo ed ho fatto due gare, diventando subito campionessa regionale”. Cosa ti dà questa disciplina? “Prima di tutto mi dà tanta sicurezza e poi mi piace tanto”. Cosa ti piace di più? “La preparazione atletica perché fai di tutto, è molto dura, ma ti dà tanto. Inoltre, mi aiuta a formare il carattere”. Hai fatto altri sport? “Sì, ho praticato equitazione per dieci anni e poi ho fatto 8 anni di rugby che ancora continuo”. Quanto ti alleni? “Tutti i giorni, escluso il sabato se non ho le gare. A rugby ci vado invece due volte alla settimana alle 20.30”. Come concili tutto questo sport con la scuola? “Faccio la quarta Iti. Per conciliare ci vuole tanto impegno. Studio subito dopo pranzo e spesso anche la sera, dopo cena, quando torno dalla palestra”. Quanto la lotta ha influenzato la tua vita? “Molto. Ad esempio, seguo una dieta più sana. In questo periodo sto diventando vegetariana e mangio pochissima carne. Stiamo trovando delle soluzioni con il mio allenatore, perché possa continuare a fare sport pur proseguendo a rispettare la mia scelta etica”. Un sogno nel cassetto?

205


2%'')/%-),)! #HIOSTRAESPOSITIVA MTX

#!6!,,)./-!44/ 0ALATENDAX ANNO

).4%20/24/#!-0!./6!2#/$/'!.!,% .OLATETTOIAELLITTICAMTX ANNO

Ortona S.R.L. Via dello Struggino, 16 - 57121 Livorno Tel. +39 0586 400426 - Fax +39 0586 400175 www.ortonasrl.com - tecnico@ortonasrl.com

Scotto Pubblicità Livorno

"!'./4)22%./ ,)6/2./ 6ELAAUTOPORTANTEESAGONALE DIAMMT


e t a r Ka Hedgi8dbWVi8ajW AVhXjdaVY^@VgViZ JcVeZg[ZiiVXdbW^cVo^dcZY^VgiZ!Y^hX^ea^cV!\Zhi^dcZ YZaaÉV\\gZhh^k^i|!XdcdhXZcoVZVjidXdcigdaad

competere in più discipline e categorie, tra le forme ed il combattimento che si distingue in base al peso ed al grado di preparazione (colore cintura). Segno incontrastato di una forte tendenza allo spirito di gruppo e di voglia di mettersi in gioco in competizioni di alto livello e sana performance. La scuola di Karate dello Sport Combat Club si incastona così nel planetario delle migliori scuole attualmente in circolazione. Forte anche

dello spirito di gruppo che anima le “uscite per gare” dove il più grande accudisce il più piccolo ed il più piccolo non si sente escluso, ma anzi è pari protagonista di ogni evento. Il nostro Dojo è anche sede di molti Stage formativi, vista l’ampia disponibilità di spazi per gli allenamenti (3 tatami che vanno dai 70 a 180 mq).

WTKA

S

ono stati sfogliati molti calendari da quando un giovane karateka impressionò Tokyo attraverso la propria esibizione, dando prova di estrema maestria e consapevolezza nella divulgazione della nobile arte del karate. Da qui derivò un crescente e costante perfezionamento, composto da varianti, da calibrati mix di tutto ciò che era arte del combattimento nipponico. Nato probabilmente come risposta ad un’antica legge risalente al 1500, emanata nelle isole Ryukyu, che prevedeva il divieto assoluto dell’uso di armi, il karate è l’arte di difesa a mani nude. Ad un primo approccio può risultare fuorviante se pensiamo al kobudo, il quale include l’uso di armi tradizionali. Ma è proprio questo che rende tale il karate, quello conosciuto e praticato ai giorni nostri: una perfetta combinazione di arte, disciplina e gestione dell’aggressività, conoscenza e autocontrollo, ma sempre aperto a nuovi apprendimenti. Con questo principio, il M° Daniele Angileri 8° dan e titolare del corso di karate, coadiuvato dal M° Massimo Serani 5° dan e dall’allenatore Simon Botta 2° dan, allena il gruppo degli atleti con spirito tradizionale, secondo i precetti scritti dal fondatore del karate “moderno” Gichin Funakoshi (1868/1957) ma anche con spirito agonistico, motrice del combattente. Iscritti a WTKA i nostri ragazzi, partecipano attivamente a tutti gli eventi organizzati sul territorio nazionale ed internazionale, portando in palestra sempre ottimi risultati. Il settore si è aggiudicato il 2° posto nella classifica per società più decorate nel 2011 ed il 1° posto per società nel 2012. Il medagliere non si conta più, ogni atleta è capace di

Nelle immagini alcuni momenti delle lezioni di Karate alla scuola dello Sport Combat Club

207


208


Da sx: Alessandro Lazzeri e Nicola Spadoni, 1° e 2° assol. Campionati regionali

Marzo: Campionati assoluti regionali kumite a Firenze. Partecipano: Nico Cialandroni kg. 84- non qualificato, Alessandro Lazzeri, kg70 -2°Argento, si qualifica alla finale Italiani Centro Olimpico (Roma) svoltasi ad aprile, arrivando 11°. Sempre a marzo il Karate Livorno ospita il primo stage Regionale di Karate Tradizionale. Direttore tecnico Roberto Dami 7° Dan, docente Federale Viviano Biagi 6° Dan per lo shotokan e Umberto Falchi 6° Dan per lo shito-ryu.

6hY@VgViZA^kdgcd ;gVXdbeZi^o^dc^Zegd\Zii^ZYjXVi^k^

Campionati nazionali Csen

Alle qualificazioni regionali juniores partecipa a marzo, Francesco Matteini kg 60, ma non si qualifica. Ad aprile si svolge il 13° Open d’Italia a Cambiaco (Mi), una gara internazionale valevole per il Raking Nazionale. Sono presenti 25 club europei, con la Nazionale Italiana di kata e di kumite al completo. Partecipano: Nico Cialandroni kg 76, Francesco Matteini kg 60, Alessandro Lazzeri kg 70, tutti con ottime prestazione sportive. Maggio vede l’appuntamento con il 14° Open di Toscana al Pala Mandela di Firenze, gara internazionale valevole per il Raking Nazionale. Partecipano: Francesco Matteini kg 60, Alessandro Lazzeri kg 70, Nico Cialan-

La squadra formata dall’ Atlhetic Club con i migliori atleti labronici

droni kg 84, quest’ultimo si classifica 3° in un pool molto agguerrito. Il mese si conclude con la partecipazione al progetto Multietnico Coni - Società Sportive Cittadine, che ha visto l’inserimento di oltre 120 ragazzi migranti, che non hanno la possibilità di pagare un retta sportiva. La festa finale è stata organizzata al Pala Cosmelli – Campo scuola Martelli. Ricordiamo che gli sponsor del progetto sono stati il Coni, la Fondazione Cassa di Risparmi Livorno e il Comune di Livorno. Giugno inizia con il campionato Cadetti a Firenze al quale partecipa Matteo Anglano kg 57 Kumite non qualificandosi. Il 9 giugno si svolge la manifestazione di chiusura della stagione 2011 – 2012, del progetto Gioco a Scuola di Karate, che sarà riproposto nel 2013, ed interamente svolto dall’ Asd Karate Livorno, con il supporto di Fijlkam Toscana, il Coni regionale la Provincia di Livorno, la Regione Toscana e il Comitato Scientifico dell’Università di Firenze. Un Progetto per alunni diversamente abili ed

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

C

ontinua, senza sosta, l’attività sportiva del Asd Karate Livorno, che nel 2012 ha mantenuto un’agenda ricca di appuntamenti. Maurizio Baldi, direttore tecnico del Asd Karate Livorno ci illustra il cammino realizzato e i progetti futuri.

209


210

Scotto PubblicitĂ Livorno


migranti in ambito scolastico, nel contesto cittadino volto all’educazione ed all’integrazione dei ragazzi, per lo sviluppo dell’intelligenza motoria e l’alfabetizzazione neurocognitiva, strumento utile per migliorare il livello di concentrazione e di attenzione. Asd Karate Livorno ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno per l’aiuto economico rivolto all’acquisto di materiale sportivo che ha permesso di svolgere al meglio il progetto. Ad agosto gli Open di Lignano, gara Internazionale valevole per il circuito Raking Italiano. Partecipa nel kumite Francesco Matteini kg 60, non farà podio. A settembre gli esami di grado (Dan) si svolgono a Follonica, durante il corso internazionale di Karate Tradizionale. Partecipano Nico Cialandroni e Alessandro Lazzeri conseguendo il 2° Dan, e Agostino Costantini che conquista la cintura nera 1° Dan. Ad ottobre la Coppa Toscana vede impegnati Francesco Matteini Kg. 60, Matteo Un gruppo di atleti labronici

Il gruppo che ha partecipato al Campionato nazionale

Anglano kg 57 e Nico Cialandroni kg 76 che conquista l’argento. Il 20 di ottobre si svolge il corso regionale di Karate Tradizionale presso la sede dell’Asd Karate Livorno, con i tecnici e docenti che hanno partecipato all’incontro di marzo. Il mese di ottobre si conclude con i Campionati Csen Nazionali Karate a Rimini. Partecipano: Matteo Anglano kg 57 (5° posto) cadetto, Diego Cilandroni kg 76 assoluti (5° posto), Nico Cialandroni kg 84 (2° posto). A novembre i Campionati assoluti a squadre per il Kumite a Firenze. Nico Cialandroni per il 2° anno consecutivo vince la competizione con la squadra che Atlhetic Club Livorno forma, mettendo insieme i migliori atleti Livornesi, prestati dalle altre società, con un bell’esempio di collaborazione cittadina. Dicembre vede la partecipazione dei più giovani a Pisa Abbraccia lo Sport, manifestazione Csen Regionale. Partecipanti. Preagonisti: Gianmarco Baldi – classificato 1° nel gioco del palloncino, 1° nel percorso bambini e 3° nel kata libera composizione; Shahama Handouni classificato 3° nel gioco del palloncino e 2° nel percorso

ragazzi; Andrea Rega classificato 1° nel gioco del palloncino, 2° nel percorso fanciulli e nel 2° kata libera composizione. Ragazzi: Alessandro Rega classificato 3° kata libera composizione ragazzi verde–blu. Esordienti: Wassim Handouni classificato 1° nel kumite. L’anno si è concluso con il corso regionale di Aikido presso la sede dell’Asd Karate Livorno.

Da sx Maurizio Baldi, Agostino Costantini e il M° Bibi Gufoni Il gruppo di ragazzi che ha partecipato al progetto Multietnico

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Da sx: Nico Cialandroni, il M° Maurizio Baldi e Alessandro Lazzeri

211


212

Scotto PubblicitĂ Livorno


Alessandro Rega

6A:HH6C9GDG:<6 ZL6HH>B=6C9DJC> 6H9`VgViZ^ckZhiZhjaaZcjdkZaZkZ Il ricordo più bello? “Il passaggio di cintura, ora ho la blu”. Un sogno? “Diventare bravo e cercare di vincere qualche medaglia”. Obiettivi per il 2013? “Migliorare la mia prestazione nelle gare”. Atleta mito? “I tre ragazzi che compongono la squadra nazionale di Katà, sono un punto di riferimento, mi piacerebbe diventare come loro”. Wassim Handouni ha 11 anni, cintura marrone, fa karate da sei stagioni. Perché hai iniziato? “Volevo imparare a difendermi”. Il ricordo più bello del 2012? “La partecipazione a Pisa Abbraccia lo Sport, è stata la prima volta che ho potuto mettere in pratica quello che ho imparato ed in più sono arrivato primo. Mi è piaciuto molto il combattimento”. Quanto ti alleni? “Tre volte alla settimana”. Un sogno? “Diventare un campione”. Un obiettivo per il 2013? “Vincere le gare, e provare ancora le mie capacità nelle competizioni di Katà”. Come ti senti prima della gara? “Bene, non sono molto ansioso e riesco a concentrarmi sull’avversario”. Com’è il rapporto con i tuoi compagni di karate? “Molto bello, sono degli amici”. I tuoi compagni di scuola si interessano della tua attività sportiva? “Parlo molto con un compagno che fa anche lui karate con un’altra società. Con gli altri no”. Cosa diresti ad un ragazzo per convincerlo a fare questo sport? “Gli spiegherei che è bello praticare questa disciplina perché ci si diverte e nello stesso tempo si imparano delle strategie per difendersi, si apprende

come muoversi, come schivare i colpi, e ci abituiamo a sopportare gli allenamenti duri”. Cosa pensi del tuo allenatore? “Maurizio Baldi e il mio allenatore e mi piace molto perché è esperto e allo stesso tempo è comprensivo, aiuta tutti e ci vuole bene”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì. Dice un proverbio cinese: il Karate non è solo l’idea di vincere, ma anche l’idea di non perdere. Ed io ho sempre presente questa frase”. A.D.V.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

C

rescono le nuove leve del Asd Karate Livorno, facendosi notare nei primi appuntamenti agonistici riservati alla loro età. Li conosciamo alla palestra sul viale Alfieri dove si allenano con impegno. Alessandro Rega ha 11 anni e si è avvicinato a questa disciplina da tre anni. “Ho conosciuto il karate a scuola, quando Maurizio Baldi è venuto a presentarlo e a mostrarci cosa potevamo imparare. In quel momento ho capito cos’era il karate e ho voluto provare subito, mi è piaciuto, ed ancora oggi continuo ad allenarmi”. In passato hai fatto altri sport? “Sì, ho praticato equitazione e nuoto, ma non mi piacevano”. Cosa preferisci di questa disciplina? “Mi piace di più il Katà, che è un combattimento immaginario senza avversari”.

Wassim Handouni

213


214


6A:HH6C9GD ;6HJAD JcVeVhh^dcZhZcoViZbed eZgaZVgi^bVgo^Va^ “Nel 1967 con la conquista del terzo posto nella prova a squadre ai Campionati italiani e della cintura nera, 1° Dan. Di fatto sono diventato anche la più giovane Cintura Nera, sul suolo italiano, di quegli anni. Densi di soddisfazione pure: il terzo posto, sempre a squadre, ai Campionati italiani del 1970 a Roma, la vittoria della Coppa Italia nel 1970 a Firenze. Nel ’70 a Taormina ho vinto il mio primo Campionato italiano. Un successo bissato l’anno dopo a Firenze. E nel ’72 mi classificai quinto al campionato italiano cinture nere a causa di un arbitraggio sfavorevole. Da cintura nera ho perso solamente due combattimenti per giudizio arbitrale, senza che nessuno sia riuscito a superarmi nel punteggio dal punto di vista tecnico. Ma ottimi piazzamenti l’ho ottenuti pure in tante altre competizioni a livello regionale e nazionale”. Il tuo rapporto con la maglia azzurra? “Bello. L’esordio nel 1969 ai Campionati europei di Londra. L’anno dopo ho parteci-

pato ai Campionati europei di Amburgo e ai Mondiali di Tokio. Per me un sogno che si è avverato. Miei compagni d’avventura, nel mondiale nipponico, erano: Guida, Cantagalli, Evangelista e Collamati e DT Piero Campolmi. Davvero una bella squadra. Siamo tornati a casa con un ottimo quinto posto. In quella circostanza ho avuto il privilegio di incontrare i più grandi Maestri della specialità: come Nakayama, Yamamoto, Yamaguchi. E di imparare tanto. Complessivamente ho partecipato a 11 competizioni internazionali con la maglia azzurra addosso. Coronate da 10 successi, 4 secondi posto e tre medaglie di bronzo. Un grande rammarico è stato il non aver potuto, per ragioni familiari, partecipare ai mondiali a Parigi, in Francia, nel 1972”. Qualche episodio particolare? “Nel ’70 ai Campionati europei di Amburgo, nel match con la Francia, ho incontrato due volte il campione europeo in carica subendo un Wa Zari (mezzo punto a sfavore),

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

U

na passione, per le arti marziali, lunga mezzo secolo. Una passione contagiosa che prima ha trasmesso alla moglie Annamaria Peruzzi e poi al figlio Gabriele. A mettergliela addosso fu il padre quando lo iscrisse ad un corso di Ju Jitsu tenuto dal maestro Francesco Avellino. Per il giovanissimo Alessandro Fasulo fu un fulmine a ciel sereno. Successivamente iniziò a frequentare corsi di Judo e a gareggiare con buoni risultati, a livello regionale e nazionale. In palestra ebbe l’opportunità di venire a contatto con atleti che praticavano Karate e ne restò affascinato, ffascinato, anche grazie alla bravura del ff maestro Francesco Romani. Per la cronaca siamo nel 1963. “Il maestro Romani è stato davvero un grande maestro. Successivamente ho avuto l’opportunità di seguire le lezioni dal M° Hiroshi Shirai. A farmi da guida sono stati soprattutto il M° Tetsuji Murakami: pioniere dello stile Shotokai in tutta Europa, e il M° Piero Campolmi. In quel periodo ho avuto l’opportunità di frequentare la palestra Athletic Club, dei fratelli Riccardo ed Enrico Bagnoli con la direzione tecnica del Maestro Bibi Gufoni”. Maestro Fasulo quando hai ottenuto le prime importanti soddisfazioni della tua chilometrica carriera?

Fasulo con la moglie Peruzzi

215


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

ma grazie alla mia giovane età, alla mia grinta e al mio stile alcuni giornalisti scrissero che avevo combattuto come un leone sebbene all’apparenza sembrassi più un educato studente di Oxford che un agguerrito karateka”. Atleta ma anche maestro? “Sì ci mancherebbe altro. Dal 1973 sono insegnante tecnico di Ju Jitsu e di kendo e dal 1977, dopo la conclusione della mia attività agonistica, anche di Karate”. E anche insegnate di Judo? “Sì nel 1973, a Roma, mi sono diplomato presso l’Accademia Nazionale Italiana di Judo Augusto Ceracchini conseguendo la qualifica di Insegnante Tecnico di Judo. Per me è stata una qualifica molto importante”. Dove hai insegnato e quali grandi soddisfazioni hai avuto? “Nel 1976 ho iniziato presso il Budokan Portuali di Livorno, insieme a mia moglie Anna Maria. Poi sono passato alla Livorno Sport Club diretta dal Maestro Bibi Gufoni. Inoltre, sono stato maestro di Karate nella federazione Fijlkam e per tanti anni consigliere nazionale Csen e attuale responsabile regionale. Per 15 anni, inoltre, sono stato DT del Csen, per il Karate. Nel 2011 ho ottenuto anche un’altra grande soddisfazione: sono stato nominato Cavaliere dello Sport dall’associazione Culturale Nazionale i Cavalieri dello sport”. Oltre alla moglie hai trasmesso questa passione anche a tuo figlio? “Sì è proprio così. Mio figlio Gabriele è cintura nera di karate ed esperto di judo”. Attualmente cosa fai? “Sono 8° Dan di karate e insegno presso l’Accademia dello Sport di via Garibaldi. Sono anche presidente provinciale dello Csen: il più importante Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal Coni. E responsabile regionale del Karate. A Livorno ho costituito il nucleo addestrativo Autodifesa di Polizia. Inoltre ho elaborato un sistema di

Magnelli, Fasulo e Triglia

autodifesa: karate self defence, presentato per la prima volta, con grande successo ai Campionati internazionali. E tanto per non farmi mancare niente (risata) sono pure referente regionale di Karate”. Chi sono i tuoi più stretti collaboratori di Karate all’Accademia dello Sport? “Il maestro Carmelo Triglia e l’istruttore Alessio Magnelli. Validi collaboratori nella gestione dei corsi sono anche il maestro Giorgio Damiani e l’istruttore Adriano Fiordi”. Quanti atleti avete? “Trenta bambini sotto i dodici anni. Venticinque ragazzi dai tredici ai venti anni e una ventina di adulti con età fino ai sessanta anni, molti dei quali amatori. Gli amatori non fanno agonismo ma in genere si allenano quanto loro”. Qual è lo stato di salute del karate cittadino? “Ottimo. Il karate a Livorno ha una solida tradizione, di cui il sottoscritto e il maestro Triglia sono due valide testimonianze avendolo vissuto da protagonista sin quasi dagli inizi. Il movimento cittadino è caratterizzato da numerose palestre. Per lo più di stile sho-

tokan, disposte capillarmente su tutto il territorio provinciale con tanti praticanti. Negli ultimi anni c’è stato un sensibile aumento di persone di ogni età che si sono avvicinati a questo sport. In questo senso hanno contribuito le referenze positive di psicologi e fisioterapisti, che ritengono questa disciplina sportiva adatta per i più piccoli e non solo. Nella nostra palestra, negli ultimi due anni abbiamo avuto un incremento del numero di iscritti al primo corso, dei bambini, superiore al 50%, grazie anche all’ottimo lavoro propedeutico e ludico-tecnico impostato dai maestri”. Cosa ha di particolare il Karate e perché io genitore dovrei invogliare mio figlio a praticarlo? “I bambini si avvicinano a questo sport inizialmente come emulazione di cartoni o film sulle arti marziali visti in tv. Entrati in palestra si accorgono che l’apprendimento di tecniche specifiche viene rimandato ai 10-12 anni. L’attività prevalente è un lavoro ludico e metodologie appositamente studiate per una crescita armonica ed il divertimento. Il ragazzo che si avvicina a questo sport a 12 anni viene con la consapevolezza di imparare una disciplina completa che l’aiuti a sviluppare il proprio fisico, la sua capacità di confrontarsi con altri ragazzi e la possibilità di entrare a far parte di un gruppo per condividere crescita e esperienze. Forti sono le motivazioni che questo sport può dare nei vari livelli di età. Inizialmente notiamo una voglia di capire quanto il proprio fisico è capace di muoversi in modo più

Atleti dell’Accademia dello Sport

216


completo. In seguito ciò che spinge il ragazzo è la possibilità di avanzare nei vari gradi di apprendimento e l’acquisizione delle cinture sempre più importanti. La motivazione di gara, cui cerchiamo sempre di avvicinare il ragazzo in modo graduale, deve essere non traumatico per non caricare di troppe pressioni soprattutto per quelle personalità ancora troppo insicure. La gara, una volta affrontata ffrontata riesce da una parte ad alimenff tare l’autostima dell’individuo e dall’altra a creare nuove motivazioni che lo spingono a migliorarsi durante la crescita”.

H_ikbjWj_Yedi[]k_j_ WbbÊ7YYWZ[c_WZ[bbeIfehj d[b(&'(

Classifiche per società 2012: 1° classificata al trofeo interregionale Csen di Terranuova Bracciolini 7° società classificata alla 23° Coppa Carnevale Csen su 32 da tutta Italia 8° società classificata alla Coppa Italia Csen su 54 da tutta Italia

1°TROFEO ETRUSCO CSEN – SIENA 1° classificati: Fazzi Alessia, Tinghi Giada, Gradassi Giacomo, Tinucci Jacopo, Caponera Diego, Molinari Edoardo, Spada Leonardo 2° classificati: Magnelli Emanuele, Cavaliere Tommaso

Fasulo con il figlio Gabriele

23° COPPA CARNEVALE CSEN – VIAREGGIO 1° classificati: Gradassi Giacomo, Franceschetti Yasmine, Tinghi Giada 2° classificati: Salvato Andrea, Cavaliere Tommaso, Spada Leonardo, Pellegrini Samuele 3° classificati: Barbera Gabriele 1° TROFEO TERRANUOVA BRACCIOLINI CSEN 1° classificati: Ragni Leonardo, Molinari Edoardo, Barontini Giada, Caponera Diego, Pellegrini Niccolò, Tinghi Giada, Spada Leonardo, Pozzi Francesco, Tinucci Jacopo, Florio Cristina, Franceschetti Yasmine, Cavaliere Tommaso, Benedetti Ivan 2° classificati: Pellegrini Samuele, Magnelli Emanuele 3° classificati: Gradassi Giacomo, Bahrabadi Giacomo di Mario Orsini

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Gabriele e Alessandro Fasulo

3° società classificata al Campionato Regionale Csen di Pisa Partecipazioni a gare internazionali importanti WKF (circuito Mondiale) - OPEN INTERNAZIONALE D’ITALIA – CAMBIAGO (MI) Cavaliere Tommaso 5° classificato; Magnelli Alessio, Gradassi Giacomo - OPEN DI PARIGI WKF Magnelli Alessio come rappresentante della nazionale di San Marino - WORLD CLUB CUP WKF – ISTANBUL Magnelli Alessio come rappresentante della nazionale di San Marino Classifiche atleti: CAMPIONATO REGIONALE CSEN - PISA 1° classificati: Fazzi Alessia, Nocchi Michele, Pozzi Francesco, Spada Leonardo, Tinghi Giada, Magnelli Emanuele. 2° classificati: Betti Lorenzo 3° classificati: Bahrabadi Giacomo, Tinucci Jacopo, Fiordi Jacopo, Molinari Edoardo CAMPIONATO ITALIANO CSEN - RIMINI 1° classificati: Gradassi Giacomo, Fazzi Alessia. 2° classificati: Magnelli Alessio COPPA DEL MONDO FESAM – SAN MARINO 1° classificati: Magnelli Alessio, Bonsignori Elisa 2° classificati: Tinghi Giada, Gradassi Giacomo COPPA ITALIA CSEN - AREZZO 1° classificati: Fiordi Jacopo, Gradassi Giacomo, Bahrabadi Giacomo 2° classificati: Franceschetti Yasmine, Molinari Edoardo 3° classificati: Tinghi Giada, Barbera Gabriele, Nocchi Michele, Pozzi Francesco, Barontini Giada, Ragni Leonardo, Magnelli Alessio

Atleti dell’Accademia dello Sport

217


218


<>DG<>DDA>K:G>D!B6G8D! AJ86:;G6C8:H8DE>A6<6II>! <>JA>D:?68DED8>I> >\^dkVc^hh^b^YZaaÉ6hhdX^Vo^dcZ Hedgi^kV9^aZiiVci^hi^XV:hZgX^id &-,•GZ\\^bZcidEVgVXVYji^hi^Æ;da\dgZÇ Marco Pilagatti ha 9 anni e mezzo, è cintura marrone, ed ha la fama di essere un ragazzo molto concentrato quando è sul tappeto. Da quanto tempo segui queste discipline? “Faccio Karate da 5 anni e Pancrazio da due”. Raccontaci qualcosa della tua esperienza agonistica. “Nel 2012 in coppia con Giulio Citi abbiamo vinto il titolo italiano a squadre con il Pancrazio”. Quale delle due discipline preferisci? “Il Pancrazio perché è un combattimento a coppia”. Quale aspetto ti piace di più di questo sport?

“Poter stare con i compagni”. La soddisfazione più bella? “Quando ho indossato la mia prima cintura, quella gialla”. Un sogno nel cassetto? “Diventare un campione del mondo”. Quanto ti alleni? “Tre volte alla settimana”. Cosa vuol dire avere il padre allenatore? “È una cosa molto bella e poi lui non è severo. Dei tre allenatori mi piace il carattere e la loro forma fisica”. Cosa pensi di lui come atleta? “A casa ho tante medaglie vinte da lui, penso che è bravissimo”. Un bel ricordo del 2012? “Una gara a Brindisi per il Kata dove ho conosciuto altri bambini”.

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore, karate & Pancrazio Athlima

S

ono giovanissimi e certo preferiscono stare sul tatami che non rispondere alle nostre domande, ma la loro testimonianza è importante, in quanto sono la dimostrazione “vivente” di come si possa iniziare a fare sport in modo corretto, educativo e divertente fin da piccolissimi. Si è arrivati a questo grazie all’impegno degli istruttori, che frequentando i corsi organizzati dalla federazione Fijlkam, hanno raggiunto la preparazione adeguata per poter seguire sul tatami anche i bambini di 4 anni. Stiamo parlando dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito - 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” e dei tecnici Antonio Citi, Daniele Pilagatti, Alessio Loni in collaborazione con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Competitors che offrono la possibilità di seguire i corsi del Settore Giovanile di Karate e Pancrazio Athlima a tutti gli interessati (militari e civili) presso la palestra della Caserma Vannucci via dell’Ardenza 133. Attualmente a seguire i corsi sono una quarantina di giovani, compresi fra i 4 e i 13 anni. Ma lasciamo la parola ai protagonisti.

219


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Jacopo Citi - Karate

Ti alleni con i tuoi fratelli? “Ho altri due fratelli, uno più grande e l’altro più piccolo e fanno tutti questa disciplina. Con quello più piccolo talvolta ci alleniamo insieme, ed io lo aiuto. Quello più grande invece fa un altro corso, adeguato alla sua età”.

Giulio Citi - Karate

220

Giulio Citi spesso fa coppia con Marco Pilagatti, ha 8 anni, ed anche lui è figlio d’arte. A quali discipline ti dedichi? “Karate e Pancrazio”. Perché hai iniziato? “Perché mi piace questo sport e poi sono stato consigliato da mio padre. Ho preso questa passione da lui”. Da quanto hai cominciato? “Il Karate da quattro anni e mezzo, da due il Pancrazio”. Fra le due discipline quale preferisci? “Il Karate perché c’è il Kata. Del Pancrazio però mi piace l’aspetto tecnico, le mosse”. Ti piace avere tuo padre come allenatore? “Io con lui sto bene. Non è severo, è giusto per me”. Qual è il risultato più bello che hai ottenuto? “Nel 2012, la dimostrazione che abbiamo fatto a Brindisi. Io ero in coppia con Marco Pilagatti, insieme siamo arrivati primi. Abbiamo partecipato con i colori dell’esercito, è stato molto emozionante”. Cosa ti è piaciuto di più di questo viaggio? “L’esibizione. La possibilità di mostrare ad altri quello che avevamo imparato”. Un bel ricordo? “Lo stage a cui abbiamo partecipato a Cesenatico per un fine settimana a settembre. Abbiamo fatto attività di formazione con il Direttore Tecnico della Nazionale Fijlkam Pierluigi Aschieri. Eravamo un gruppo di ragazzi, ci siamo divertiti molto

Marco Pilagatti - Karate

ed abbiamo potuto fare questa esperienza senza genitori”. Un sogno? “Essere un campione ed essere bravo”. Tuo fratello? “Jacopo ha 4 anni ma non si allena con me, perché non siamo nello stesso gruppo”. Jacopo Citi è il più giovane con i suoi 4 anni. Quale disciplina ti piace di più? “Il karate”. Quando hai iniziato? “A tre anni mio padre mi metteva già sul tappeto a guardare i grandi”. Cosa ti piace di più? “Esercitarmi con i pugni e giocare con i miei compagni”. Luca Pilagatti ha 6 anni. Quando hai iniziato? “Tre anni fa con il Karate ed il Pancrazio”. Cosa ti piace di queste discipline? “Mi diverto molto ed imparo ad usare le gambe e le braccia. Mi piace anche rotolarmi e soprattutto fare i combattimenti”. Quali esercizi preferisci fare? “La corsa, i pungi, gli esercizi di coordinamento e i circuiti”. Arrivando ai più grandi incontriamo Giorgio Oliverio 12 anni, cintura marrone, anche lui praticante di Karate e Pancrazio. Quando hai iniziato? “Ho cominciato quando avevo sette anni, perché mi ha consigliato mio pa-


dre, che fa parte della dirigenza dell’organizzazione sportiva dell’Esercito. Io ero piccolo non sapevo a che sport dedicarmi, lui mi ha fatto provare, mi è

“Mio padre è un atleta e un maestro, mi ha incoraggiato lui”. Cosa ti piace di più? “Fare i combattimenti”. Un sogno? “Diventare un atleta forte e vincere la medaglia d’oro nei combattimenti”. Prossimi impegni? “Non vedo l’ora di essere ad aprile per andare ai Campionati italiani di Pancrazio Athlima. Partecipiamo per la seconda volta, e l’anno passato abbiamo vinto la medaglia d’oro”.

Francesco Pilagatti - Karate

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore, karate & Pancrazio Athlima

Luca Pilagatti - Karate

piaciuto e sono rimasto”. La soddisfazione più bella? “Aver conquistato il primo posto quando abbiamo presentato il Palesmata a Brindisi con un’attività tecnico dimostrative, ed il primo posto ai Campionati italiani di Pancrazio”. Cosa ti piace di più? “Fare i combattimenti nell’ultima mezz’ora dell’allenamento. Dopo il riscaldamento e l’allenamento tecnico e tattico possiamo esprimere quello che abbiamo imparato nei combattimenti”. Com’è andata l’esperienza di Brindisi? “Il giorno della gara ero molto emozionato, era la mia prima volta. Avevo paura di farla male, ed invece poi è andato tutto bene”. Una cosa che non ti piace tanto? “Fare la ruota”. Un sogno? “Diventare un campione”. Prossimi impegni? “Alcuni appuntamenti con la federazione a febbraio, dedicati al settore giovanile, ed il Campionato italiano di Pancrazio ad aprile”. In coppia con Giorgio c’è Francesco Pilagatti,, anche lui 12 anni, cintura marrone ed appassionato di Karate e Pancrazio. Quando hai iniziato? “A quattro anni”. Perché hai cominciato?

Inf@ e contatti facebook Sezione Sportiva Folgore e mail: grupposportivofolgorekarate@hotmail.it Segretario: 1° C.le Magg. par. Alessio Loni 3351849465 Ins. Tecnico: C.le Magg. Ca. Sc. par. Daniele Pilagatti 3477152319 Ins. Tecnico: C.le Magg. Ca. Sc. par. Antonio Citi 3496901153 221


F.I.J.L.K.A.M. - Folgore, karate & Pancrazio Athlima

Stage a Cesenatico

Giulio Citi, Marco Pilagatti, Giorgio Oliverio, Francesco Pelagatti - Pancrazio

Lo Staff ff Tecnico

Settore Giovanile Esercito - Folgore - Pancrazio

222

Giulio Citi mentre fa una forbice al collo


CVi^dcVa<Zd\gVÒX8]VccZa AZg^egZhZYZaEVc`gVi^dc

Da sinistra: Antonio Citi, Makris Aris e Daniele Pilagatti

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore, karate & Pancrazio Athlima

I

l 20 luglio la troupe cinematografica canadese del famoso National Geografic Channel (serie “Museum secrets”) ha collaborato con i campioni del Mondo della specialità Polydamas e Palesmata, disciplina Pankration, Pancrazio - Athlima, C.le Magg. Capo Scelto par. Daniele Pilagatti, C.le Magg. Capo Scelto par. Antonio Citi e 1° C.le Magg. par. Alessio Loni, appartenenti alla Sezione Sportiva Esercito - Folgore del 187° Reggimento della Brigata Paracadutista “Folgore”, di Livorno. Le riprese sono state svolte anche nell’anfiteatro di Volterra, e hanno descritto l’intera attività di recupero della antichissima disciplina. Il documentario che andrà diffuso su scala internazionale in varie lingue, racconta della antichissima disciplina che risale al periodo ellenico. È un punto di orgoglio del gruppo sportivo della Folgore, avere ripreso la disciplina e avere raggiunto in pochissimi mesi l’eccellenza mondiale. I paracadutisti delle arti marziali e da combattimento del 187mo reggimento Folgore sono diventati un punto di riferimento addestrativo per le Forze Armate ed una eccellenza sportiva internazionale, che mantiene sempre elevatissimo il livello tecnico, con un’innegabile ritorno di immagine per l’intero Esercito.

223


224


>aB\VZaVh^XjgZooVeZghdcVaZ

I tecnici con il Maestro Filippo Stabile

Da sinistra: C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti, Pres. Sett. K. CRER, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, C.te 187° Col. Rodolfo Sganga

insegnamento del MGA adottate dai baschi amaranto, che derivano direttamente dalle esperienze di impiego operativo. Lo stage, rivolto a praticanti di tutte le età, ha destato particolare interesse negli operatori delle Forze di Pubblica Sicurezza presenti. Il 187° reggimento paracadutisti “Folgo-

re” ha ormai acquisito una considerevole esperienza nella pratica e nell’insegnamento del combattimento a distanza ravvicinata e della sicurezza personale in genere, ed anche per questo motivo è stato designato dalle Superiori Autorità militari per lo sviluppo del Metodo di Autodifesa Militare. Da sottolineare inoltre che continua la formazione dei tecnici in questa disciplina emergente con il referente della Federazione Italiana Grappling Mix Martial Art FIGMMA Maestro Filippo Stabile.

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore, karate & Pancrazio Athlima

D

omenica 7 gennaio, dopo aver partecipato al 12° Seminario di Karate, gli Insegnanti Tecnici di MGA appartenenti al 187° reggimento paracadutisti “FOLGORE” (C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti) hanno tenuto uno stage di Sicurezza Personale su richiesta del Comitato Regionale Fijlkam-Coni Emilia Romagna. All’evento hanno partecipato anche il Presidente del settore Karate del Comitato Regionale Emilia Romagna (Crer) avv. Carlo Tombolini ed il Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga, che ha anche anticipato ai praticanti le peculiarità della metodologia di

Lo Stage a Cesenatico

225


F.I.G.MMA.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Art

S

226

ul trono mondiale del Grappling. Per Alessio Di Liberti, per tutti il “Riddick”, il 17 novembre 2012 è stato un giorno speciale. Una data da riporre gelosamente nella bacheca dei suoi ricordi sportivi più entusiasmanti, della sua bellissima carriera di lottatore. A Las Vegas, con una prestazione eccezionale, da raccontare ai nipotini, è riuscito a mettere in rigorosa fila indiana, tutti gli avversari che gli sono capitati davanti e a conquistare l’alloro mondiale, nella categoria al limite delle 159,9 libbre, nel Grapplers Quest “World’s Best Submission Fighters”. Un’impresa che si commenta da sola ottenuta, tra l’altro, con soli due giorni d’anticipo sul suo 33esimo

Alessio Di Liberti a Las Vegas con la medaglia conquistata

compleanno. E per capire che non è stata una passeggiata basta guardare i numeri. Nella metropoli americana, per cercare di portarsi a casa le medaglie più belle, si sono presentati ben milleduecento dei più bravi lottatori provenienti da tutto il mondo. Alessio Di Liberti, figlio di Salvatore, titolare dell’omonimo negozio di ricambi per moto e scooter, abbigliamento e accessori di via Pera 26 a Livorno, per salire sul podio più alto, ha vinto quattro match di fila. L’ultimo e decisivo contro una fortissima cintura nera, di Brazilian Jiu-Jitsu, della squadra di Renzo Gracie. Una delle compagini più importanti del pianeta. Insomma, ma non ci voleva molto a capirlo è stato tutt’altro che facile. Alessio Di Liberti, diploma di ragioniere nel primo cassetto, è uno degli atleti

x x x g x n i x l x p x p x a XxGxrx 6aZhh^d9^A^WZgi^ GZYZa\gVeea^c\bdcY^VaZ AÉZXXZo^dcVaZegdkVY^AVhKZ\Vh Y^BVg^dDgh^c^

di spicco della Rio Grappling Club e si allena nella palestra Popeye Club, di via S. Matteo. La palestra del suo maestro di lotta libera Riccardo Niccolini. A seguirlo, invece, per quanto riguarda la tecnica del grappling è Bernardo Serrini. Per i pochi che non lo conoscono, il grappling, è uno sport vero, tosto, maschio, per uomini d’acciaio. Analizzando l’etimologia della parola significa: avvinghiare, lottare corpo a corpo. La finalità è la sottomissione dell’avversario. Una tecnica

in cui Alessio è maestro. Grazie alla straordinaria capacità di avvinghiare gli avversari i suoi amici gli hanno affibbiato, con cognizione di causa, il soprannome “il Tenaglia”. Il successo di Alessio Di Liberti, nella grande Mela, non è casuale. Ma frutto di una classe cristallina. E naturalmente di doti tecniche e agonistiche che mamma natura gli ha regalato in quantità industriale. Alla base di tutto però, c’è tanta applicazione. Ci sono sacrifici, voglia di emergere e tanta passione. Ore e ore di allenamento e quasi vent’anni di gare, prima in Italia e poi su e giù in tutto il mondo, con un’infinità di successi anche in competizioni importanti. Questo trionfo, dunque, è la ciliegina sulla torta


nelle favole sportive e non, anche Alessio Di Liberti ha scoperto questo sport, che gli ha regalato e gli sta regalando infinite soddisfazioni, quasi casualmente. “Ho iniziato -ci dice- l’attività sportiva di lotta con il grappling dopo aver visto una videocassetta della prima edizione dell’UFC Ultimate Fighting Championship. Devo affermare ff ffermare che fu amore a prima vista. Da quel giorno ho iniziato ad allenarmi con serietà e impegno. Come obiettivo, inizialmente, avevo il desiderio di poter essere competitivo e ritagliarmi qualche spazio importante. Strada facendo poi le cose sono andate sempre meglio, seppure con qualche alto e basso. E adesso è arrivato questo splendido alloro mondiale”. Prima di scoprire la lotta Alessio Di Liberti praticava atletica leggera. Velocità e salto in lungo erano le sue specialità. Con risultati, dicono coloro che lo conoscono bene, decisamente apprezzabili e pieni di buone aspettative.

Nelle immagini Alessio Di Liberti durante una gara

F.I.G.MMA.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Art

di una carriera che gli ha riservato sempre tante soddisfazioni. L’alloro mondiale da mettere gelosamente da parte, con la speranza, dopo aver rotto l’incantesimo, di aggiungerne altri in futuro. Gli amici che lo conoscono bene, quando parlano di Alessio non hanno paura di sbilanciarsi negli elogi. Tra le tante cose che affermano ffermano una delle più frequenti è: ff “Ha una forza sovraumana. E quando avvinghia gli avversari non li molla più”. La lotta, non ci vuole molto a capirlo, l’ha scritta nel suo dna. “Mi piace la competizione. Ma anche allenarmi”. Se gli domandiamo chi è il suo mito, il suo modello o punto di riferimento nel panorama mondiale, ha la risposta pronta. Per tanti versi anche un po’ inaspettata. “Non ho modelli da seguire e tantomeno miti. Non penso di assomigliare ad alcuno. Mi è sempre piaciuto e continua a piacermi essere me stesso. Con i miei pregi e difetti”. Tra gli hobby di Alessio c’è la musica: “Mi piacciono tutti i generi escluso la musica classica”. Come lavoro, invece, sembra aver fatto una scelta precisa. Spesso, specialmente lontano dagli appuntamenti agonistici importanti, è facile trovarlo dietro al bancone del negozio di via Pera a dare una bella mano nel grande negozio di famiglia. Così come fa regolarmente anche il fratello Gianluca, classe 1983, di quattro anni più giovane di lui. Come spesso accade,

Lui in proposito ricorda: ““Ad allenarmi in quel periodo, ormai un po’ lontano nel tempo, erano i professori Pecorini e Falleni. Due bravi insegnati con cui mi trovavo bene”. Proprio l’atletica sembra essere una prerogativa di famiglia. Anche il fratello Gianluca, negli anni giovanili ha seguito nella scelta dello sport le orme del fratello più grande, riuscendo a mettersi in particolare evidenza nelle gare di velocità. Poi la chiosa finale di Alessio. “Ormai i tempi dell’atletica sono ricordi lontani. Adesso c’è il grappling, con tanta voglia di continuare a far bene. A dicembre purtroppo mi sono infortunato e mio malgrado ho dovuto interrompere gli allenamenti. Gli obiettivi primari del 2013 sono in primis il Campionato italiano del 17 marzo. E poi, a giugno, andare in Canada con la nazionale azzurra a disputare il mondiale. Un appuntamento davvero importante in cui spero di far bene”. Difficile ipotizzare, anche se lui non si sbilancia più di tanto, che la favola non possa continuare.

227


228


U

na grande foto alla parete e un numeroso gruppo di sportivi che si alterna intorno ai tre tavoli predisposti per la disciplina. Così ci appaiono gli atleti di Braccio di Ferro, alla palestra Sport Combat in via Firenze, dove ogni sabato pomeriggio si incontrano con il loro coach, dieci volte campione italiano, Daniele Sircana.

x x o x r r x e f x i x d x x o x i c x c BXrax 96C>:A:H>G86C6

Marchiò, Sircana e Ragusa

Ormai siete diventati una squadra numerosa. Qual è l’età media? “Sì, siamo decisamente cresciuti molto, siamo proprio un bel gruppo. Sono rappresentate un po’ tutte le fasce d’età a partire dai ragazzi di 17 anni agli uomini di 60, ma naturalmente il settore più rappresentato è quello compreso fra i 20 e i 40 anni. Vengono un po’ da tutta la Toscana e qualcuno anche da Viterbo. È per loro un sacrificio, devono fare molti chilometri, ma sono determinati e non rinunciano ad allenarsi con me e con tutta la squadra”. Come vi chiamate? “Tyrsenoi che vuol dire ‘Gli Etruschi’. Il nostro simbolo è la Chimera di questa affascinante ff ffascinante popolazione, che raffigura un leone con la coda di serpente e la testa di una capra sopra la schiena. Una figura leggendaria, alla quale veniva attribuita una grande cattiveria, raccontano infatti gli Etruschi, che il serpente cercava di mordere il suo stesso corpo. Mi è sempre piaciuto questo popolo che ha abitato sulle terre dove anche noi oggi viviamo, mi sono sempre interessate le loro tradizioni e scegliendo questo nome ho voluto offrire ffrire loro un tributo”. ff

La maggiore soddisfazione del 2012? “Essere stato inserito, a soli 36 anni, nelle leggende del Braccio di Ferro. Infatti, quest’anno la federazione nazionale ha aggiunto il mio nome nella sezione del sito dedicata ai miti. È stata una bella soddisfazione, rimarrò sempre in quella sezione, quando sei una leggende lo sei per sempre. Solitamente entri in questa lista a fine carriera, io invece sto solo attraversando un periodo di riposo, del quale avevo bisogno, ma ricomincerò a gareggiare. Lo considero un meritato riconoscimento ai miei venti anni di carriera. Sono il più giovane del gruppo e questo mi rende ancora più orgoglioso. Voglio ricordare che nella lista vi è anche Riccardo Niccolini, con il quale ho iniziato questa disciplina”. Cose pensano i tuoi atleti di un tuo ritorno in campo agonistico? “Sono proprio loro che mi spingono a ritornare, perché vogliono fare il tifo per me. Quando hanno cominciato ad andare in giro per l’Italia per partecipare alle gare, si sono accorti della stima che ho conquistato nel tempo, diventando un punto di riferimento per il Braccio di Ferro, e adesso vogliono vedermi al tavolo per incoraggiarmi e sostenermi. Nel 2013 ricomincerò gli allenamenti e probabilmente nel 2014 tornerò in competizione”. Com’è andato il 2012? “Ottimamente. Su 16 ragazzi in gara abbia-

mo portato a casa 11 medaglie, fra cui i due ori di Giacomo e Tommaso”. La soddisfazione maggiore come allenatore? “I risultati ottenuti da due ragazzi, entrambi esordienti: Giacomo Mazzucchelli e Luca Gallupi. Il primo ha vinto il Campionato italiano esordienti 80 kg, diventando un senior. L’altro ha fatto una gara veramente molto difficile, e contro ogni pronostico, è arrivato quarto; non mi interessa che non abbia vinto, perché comunque è stata una delle più belle gare che abbiamo avuto. In più naturalmente ci sono Tommaso e Niko, quest’ultimo con un primo posto di sinistro e un secondo di destro, mentre l’altro ha conquistato un secondo posto di destro”. Obiettivi nel 2013? “Il 2013 servirà a consolidare la grande espansione che abbiamo avuto, sto imparando a gestire l’elevato numero di atleti, pur con dei collaboratori, dei quali non potrei fare a meno: dal presidente Cristiano a Walter Pacione, terzo posto agli europei, che viene, insieme ad altri ragazzi, dalla Garfagnana. La soddisfazione più bella per me è vederli tutti migliorare, al di là dei risultati che si raggiungono. Più che una squadra siamo una famigliola, siamo molto affiatati, ci vogliamo bene, quando a vincere è uno di noi, è tutta la squadra ad esultare”. Antonella De Vito

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

Eajg^XVbe^dcZ^iVa^VcdZ XdVX]YZ^InghZcd^

La squadra dei Tyrsenoi

229


Ho fatto un primo allenamento di prova, mi è piaciuto e sono rimasto”. Da quale sport vieni? “Sono cintura marrone di judo, che ho praticato per otto anni. Ho poi fatto anche un po’ di Krav Maga, ma ho lasciato tutto perché avevo bisogno di qualcosa di nuovo”. Cosa ti dà di bello questa disciplina? “L’emozione della gara”. Un piccolo difetto? “Allenarsi, perché si deve faticare veramente tanto”. Come ti alleni? “In palestra 5 volte alla settimana, per un paio di ore e poi il sabato con Daniele. Lavoro molto sui bicipiti e i dorsali. Durante il giorno lavoro, così mi alleno dopo cena”. Quanto ha influito questo sport sulle tue abitudini alimentari? “Tantissimo. Il primo anno ho dovuto fare una dieta perché ero sovrappeso, sono dimagrito più di 20 chili. Ora sto attento all’alimentazione, anche per rientrare in determinate categorie di peso in vista delle gare”. Un obiettivo del 2013? “Vincere gli italiani. È due anni che arrivo secondo, mi manca un pezzettino, ed il prossimo anno vorrei proprio riuscirci”.

IDBB6HDB6G8=>ä AVg^XX]ZooVY^jcVY^hX^ea^cVX]Z i^V^jiVVb^\a^dgVgZaVk^iV Sogno nel cassetto? “Fare i mondiali”. Il tuo curriculum sportivo? “Il primo anno, nel 2010, ho vinto nella categoria juniores. Nel 2011 i Campionati italiani si sono svolti a Livorno, e mi qualificai al secondo posto sempre con gli juniores, e nel 2012 ho fatto gli italiani ancora come secondo. Ho partecipato anche a diversi tornei internazionali piazzandomi ogni volta sul podio”. Come ti ha cambiato il Braccio di Ferro? “Mi ha dato un’impostazione mentale, una disciplina. Adesso se mi pongo degli obiettivi, anche sul lavoro, mi impegno per raggiungerli”. Un rituale prima della gara? “No, solitamente non vedo l’ora di iniziare, perché sono un po’ ansioso”. Un avversario da incubo? “Antony Cavallo, quello che mi impedisce da due anni di salire il gradino più alto del podio ai Campionati italiani”. Un episodio da raccontare? “Qualche incontro durato più del solito. Agli italiani quest’anno credo di aver fat-

to la mia gara più lunga. Stavo perdendo, ma piano piano sono riuscito a recuperare con un grande sforzo e alla fine ho vinto”. Il complimento più bello? “Quando Cristiano Agosto mi ha chiamato il piccolo guerriero, mi ha fatto piacere, perché se anche sono il più giovane della squadra, sono combattivo”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Daniele che mi segue in tutto”. Dove lavori? “Faccio l’apprendista tornitore alla Ditta Bozzi e Figli al Picchianti”. Cosa pensano i tuoi colleghi di lavoro della tua attività sportiva? “Inizialmente lo consideravano uno sport un po’ strano, ma adesso mi fanno qualche domanda, mi chiedono che tipo di allenamento faccio, come vanno le gare, cominciano ad incuriosirsi”. Di cosa avrebbe bisogno il Braccio di Ferro per svilupparsi a Livorno? “Di essere maggiormente compreso dalla gente. È una disciplina che richiede tanto allenamento e impegno, mi piacerebbe che tutti lo sapessero”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì. Voglio ringraziare i miei compagni di squadra, perché allenandoci insieme riusciamo a darci tanta forza e ad andare avanti. Ognuno di noi ha bisogno di una spalla per allenarsi”. Antonella De Vito

Nelle immagini Tommaso Marchiò

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

T

ommaso Marchiò è uno dei più giovani della squadra con i suoi 19 anni, ma certo non si fa mancare i successi. Quando e perché hai iniziato con il Braccio di Ferro? “Ho cominciato tre anni fa, incoraggiato da Daniele che è mio cognato.

231


232

Scotto PubblicitĂ Livorno


C>8DA6G6<JH6 JcVfjVa^ÒXVo^dcZV^bdcY^VaZ ZiVci^edY^^chda^fjViigdVcc^ Invece gli allenamenti sono molto piacevoli”. Un atleta mito? “Alessandro Del Piero, signore sul campo e nella vita, che sto cercando di imitare”. Nel braccio di ferro? “Abbiamo Daniele, basta prendere lui ad esempio se vogliamo cercare di diventare dei campioni”. Un obiettivo del 2013? “Nel 2012 mi sono qualificato per i Campionati mondiali. Cercherò di arrivarci bene, con tutto l’allenamento necessario per fare la gara con molto umiltà, ma impegnandomi per salire sul podio dei nazionali. Naturalmente lavorerò per realizzare ottimi risultati anche nelle altre gare. La qualificazione ai mondiali mi ha automaticamente aperto le porte della nazionale Juniores, e questa è stata una bella soddisfazione”. Un sogno nel cassetto? “Il tetto del mondo, ma per questo bisogna allenarsi proprio bene”. La soddisfazione più bella? “Vincere il titolo italiano, ogni volta che ci penso mi viene sempre da sorridere al ricordo. Quando ti qualifichi primo in una categoria dura, come era la mia, nella tua città, non sai se ridere o piangere dalla felicità”. Il complimento più bello che ti è stato fatto?

“Sentire prima dell’incontro finale al Campionato italiano gridare il mio nome dai compagni di squadra, quella è stata per me già una vittoria. E poi l’abbraccio di tutti al termine della gara”. Un episodio da dimenticare? “L’infortunio al polso, partito nel 2011 e prolungatosi nel 2012, ma comunque si impara anche da queste esperienze”. Cosa pensano i tuoi amici di questo sport? “Inizialmente quando le persone scoprono che faccio Braccio di Ferro si mettono a ridere, perché credono che sia un’attività da bar, ma quando poi spiego di cosa si tratta si appassionano tutti”. Come convinceresti un ragazzino a praticare questa disciplina? “Chi si avvicina al tavolo difficilmente si allontana. Quindi basterebbe farlo provare”. Hai un rituale prima delle gare? “No, non sono superstizioso, diciamo che prima delle gare non mi piace sentire troppa confusione”. Cosa pensi quando sei in gara? “Inizialmente ci si concentra sulla partenza della gara e poi sulla tecnica, questo sport è l’unione di mente e corpo, che devono lavorare insieme”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Ovviamente Daniele, perché mi ha avvicinato a questo sport e mi ha insegnato le tecniche. E poi un ringraziamento va a tutti i miei compagni, perché sono sempre pronti a farmi sentire il loro sostegno, c’è un grande spirito di squadra fra noi, ed oltre ad essere compagni siamo grandi amici anche lontano dai tavoli. Questa è la formula giusta per fare sport”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Un augurio a tutta la squadra, affinché tutti raggiungano i risultati a cui aspirano”. Antonella De Vito

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

N

on riesce a staccarsi dal pensiero dell’intera squadra, anche quando racconta la sua storia personale. Parliamo di Nicola Ragusa giovane ragazzo di 19 anni. Come hai iniziato? “Quattro anni fa, smisi di fare karate dopo averlo praticato per otto anni, e decisi di andare in palestra per tenermi in forma. È qui che ho incontrato Daniele Sircana, lui mi ha scoperto e mi ha consigliato d’iniziare questa disciplina”. Il tuo curriculum sportivo? “Il primo anno ho partecipato solo a gare amatoriali. Inizialmente in squadra eravamo pochi, ma ben presto si sono avvicinati anche altri ed insieme abbiamo cominciato a fare le gare di federazione. Nel 2010 mi sono piazzato al 3° posto al Campionato italiano a Macerata, mentre nel 2011 ho partecipato al Campionato del Centro Italia vincendo due ori nelle categoria juniores ed esordienti. Sempre nel 2011 ho vinto il Campionato italiano nella categoria esordienti e mi sono qualificato terzo nella categoria Juniores, ancora nel 2011 ho fatto la Coppa Italia e mi sono qualificato secondo. Nel 2012 ho conquistato il secondo posto nel Campionato del Centro Italia per la categoria seniores, così come nei Campionati italiani con gli juniores. Ma nel 2012 mi sono infortunato al polso e questo mi ha tenuto per un po’ lontano dal tavolo”. Attualmente fai altri sport? “No, mi dedico solo al Braccio di Ferro”. Quanto ti alleni e come? “Dalle 4 alle 5 volte alla settimana per circa due o tre ore, ed il sabato con Daniele. Per noi è importante allenare ogni parte del corpo, partendo dal polso, avambraccio, braccio, spalle, dorsali, petto. Quindi facciamo molti pesi ed esercizi aerobici quando dobbiamo rientrare in un determinato peso prima di una gara”. Cosa ti piace di più del Braccio di Ferro? “Il gruppo che si è creato. Pur essendo uno sport individuale, quando vince uno di noi vinciamo tutti. Riusciamo a trasmetterci le emozioni e questo è importantissimo durante le gare e gli allenamenti”. Un aspetto negativo di questa disciplina? “Forse qualche infortunio quando capita.

Nicola Ragusa

233


 

DAOLTREANNI INMOTO

Il Moto Club Livorno compie 93 anni 93 anni di ininterrotta attivitĂ al servizio di tutti i motociclisti Programma delle manifestazioni 2013 19 NBHHJPr Moto incontro Nazionale aperto a tutti i tipi di moto e scooter presso il Sagrato di Montenero

21/22 SettembrerMercatino-Mostra Mercatino-Mostra scambio per moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca con sede da stabilire

234

3EDE6IA"ACCHELLI  ,IVORNO 0RESIDENTE-AURO0APUCCI  E MAILPOSTMASTER MOTOCLUBLIVORNOCOMÂ&#x201E;WEBWWWMOTOCLUBLIVORNOCOM

Scotto PubblicitĂ Livorno

16 giugnorGiro Giro della Toscana, Gara di regolaritĂ regionale per moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca su strada con partenza c/o nuova sede


x x x o x m x s i l x c x i x c XMxoxtxo Bdid8ajWA^kdgcd

La locandina del 34° motoraduno

L

a pubblicazione dell’Almanacco dello Sport livornese è sempre stato per le associazioni dello sport labronico un momento di bilanci. Anche il Moto Club Livorno, affiliato alla Federazione Motociclistica Italiana, rileva con soddisfazione che le attività programmate per il 2012 sono state apprezzate e seguite dai motociclisti labronici. Un anno particolarmente intenso che ha visto impegnata la dirigenza del Moto Club Livorno oltre alle tradizionali attività prettamente motociclistiche anche quelle finalizzate alle votazioni per il rinnovo delle cariche sociali ed infine il trasferimento della sede sociale nei nuovi locali di Via Bacchelli.

Piena soddisfazione quindi sia per la felice realizzazione di tutte le proposte sportive messe in calendario dal consiglio direttivo, sia per la felice conclusione delle operazioni relative alle elezioni del nuovo consiglio che guiderà il Moto Club per il prossimo quadriennio e che vedrà in carica il nuovo presidente Mauro Papucci. Una nuova presidenza che premia le capacità di un uomo appassionato di motociclismo e che tanto impegno ha profuso per la Federazione sia a livello regionale che nazionale. L’esperienza pluriennale vantata dalla nuova presidenza, maturata nella programmazione e nell’organizzazione di manifestazioni sportive legate al motociclismo d’epoca negli ultimi 20 anni, sarà in futuro, sicura garanzia di riuscita delle attività sportive del Moto Club Livorno.L’impegno del nuovo consiglio verso lo sviluppo e la diffusione nel territorio regionale di attività legate al motociclismo e all’Educazione e alla Sicurezza stradale, si è confermato particolarmente forte, ne è testimone il pesante onere sostenuto dal Club nel cambio della sede sociale. I locali di via dell’Oriolino che hanno accolto i motociclisti livornesi negli ultimi 10 anni, per la loro ristrettezza, non erano più idonei allo svolgimento delle attività sociali, di aggregazione e assistenza a favore degli associati che il Consiglio Direttivo desidera programmare per il futuro.

Il presidente Mauro Papucci

Il motociclista livornese che vorrà associarsi per il prossimo 2013 al Moto Club Livorno troverà ora nei locali della nuova sede di via Bacchelli 70, risposte adeguate sia alle attività che fanno capo alla Federazione sia a quelle ricreative e assistenziali e di intrattenimento. Le manifestazioni in calendario nel 2012 si sono svolte correttamente e gli ottimi risultati riscontrati sia in termine di numero di adesioni sia di gradimento sono state così lusinghiere da consigliare il consiglio direttivo a riproporle con la stessa formulazione, anche per il prossimo anno sociale. Nel 2013 il Moto Club Livorno desidera mettere in campo un maggiore impegno nella diffusione della sicurezza stradale, intesa come fattore culturale fondamentale per la convivenza civile. Forte, infine, l’impegno nel settore dei motoveicoli di interesse storico e collezionistico e d’epoca, verso il quale la dirigenza del Club volge un’attenzione particolare all’evolversi della normativa. Settore particolarmente importante anche per i risvolti normativi soprattutto da quando il Registro Storico della Federazione è entrato a far parte dell’articolo 60 del Nuovo Codice della Strada, dando così la possibilità, ai mezzi iscritti, di usufruire delle agevolazioni previste per questo tipo di veicoli.

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

:aZo^dc^YZacjdkdXdch^\a^dZVii^k^i|hdX^Va^

235


236


x x x x x o x t x o x u XxxxN CjdidA^kdgcd >b^\a^dg^g^hjaiVi^Y^jcVccdX]Z]VedgiVid VaaZDa^be^VY^Y^AdcYgV Y^6cYgZVBVh^c^

al Foro Italico. Nel cuore di aprile riflettori puntati invece sul Campionato a squadre di Serie A1 e in particolare sulla meritata partecipazione sia del team maschile che di quello femminile al pari delle potenze Aniene e Team Lombardia. Il tutto alla vigilia di un europeo concluso con un argento, quattro finali e tanti spunti positivi: Martina De Memme, ad esempio, alla sua prima esperienza continentale in vasca lunga è riuscita a centrare due finali, nei 400 addirittura con il secondo crono delle batterie; di notevole spessore pure la prova offerta ff fferta sulla doppia distanza (8’38’’36) e la prima frazione confezionata al mattino con la staffetta ffetta 4X200 (2’01’’50, la migliore ff delle quattro), poi sul tetto d’Europa nel pomeriggio. Di pari passo Chiara Boggiatto si è resa interprete di una kermesse assai positiva, salvo l’eliminazione a sorpresa rimedia-

ta nei 200 Rana. Argento con la 4X100 Mista, la Boggiattina ha archiviato nel migliore dei modi pure le altre due gare individuali, specie nei 100 raccogliendo un ottimo 1’08’’82. Infine, Federico Turrini che nel mezzo di una start-list di livello internazionale si è comunque destreggiato rimandando, però, la qualificazione a cinque cerchi agli Internazionali d’Italia (frangente in cui la De Memme ha stabilito tre personali in un giorno e mezzo nei 200, 400 e 800 Stile Libero). E così per Federico, giorno dopo giorno, il sogno di varcare le porte dell’Acquatics Center è divenuto finalmente realtà. In un contesto che, per sua stessa ammissione, si è confermato su livelli mai visti. C’è chi addirittura è stato costretto a rinunciare a una finale dei 400 Misti annunciata (vedi l’ungherese Lazlo

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

U

n 2012 grandioso, ricco di eccellenti risultati e condito dal doppio gettone olimpico di Federico Turrini e Chiara Boggiatto. Dodici mesi solari che il Nuoto Livorno ha inaugurato in altura a Johannesburg (Sudafrica), prima tappa di un collegiale invernale archiviato al prestigioso “Invitation Meet” di Durban, per poi trasferirsi come di consueto a Riccione, sede dei Campionati assoluti primaverili, accaparrandosi 6 titoli italiani (2 Turrini nei 200 e 400 Misti, 3 la Boggiatto nei 50, 100 e 200 Rana e 1 la De Memme negli 800 Stile Libero) e di conseguenza tre pass per i campionati Europei che si sono svolti a maggio tra le corsie ungheresi di Debrecen. Nel frattempo, sempre sulla riviera romagnola, la foltissima comitiva giovanile composta da ragazzi (molti al primo gettone in un Campionato italiano giovanile) e allenatori provenienti oltre che da Livorno dai feudi di Pescia e Follonica si è ben distinta con un bottino totale di 8 medaglie (6 femminili, 2 maschili), con Francesca Fangio assoluta protagonista di una tripletta d’argento (100, 200 Rana, 200 Misti da cumulare con il bronzo nei 50 Rana) alle spalle di due giovani campionesse del calibro di Lisa Fissneider e Alessia Polieri. Avventura con lode anche per Michela Paganelli (oro nei 200 Rana e bronzo nei 100), mentre tra i maschi a meritare un plauso è stato Alessandro Tedesco (argento nei 200 e 400), atleta in possesso di grandissimi margini di miglioramento allenato a Follonica dal tandem MerliniBronzi e in grande evidenza pure in estate

237


F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Cseh), mentre il Kid di Baltimora, Michael Phelps, è entrato con l’ottavo tempo. Visibilmente emozionato alla partenza, il portacolori del Nuoto Livorno e del Centro Sportivo Esercito ha provato le brezza di gareggiare in batteria con lo statunitense Ryan Lochte: “Le startlist erano decisamente di un altro pianeta, quindi non potrei che essere soddisfatto del mio percorso. E poi ripeto, ho vissuto l’esperienza che ogni atleta tiene chiusa nel cassetto sin da bambino: il villaggio era davvero fantastico e spesso è capitato d’incontrare personaggi di fama mondiale e delle più diverse culture”. Non meno importante il 2012 del settore Acque Libere, che ha premiato Barbara Maoggi con la convocazione per l’Europeo Juniores di Kocaeli (Turchia) e a distanza di un anno esatto dal trionfo di Eilat (Israele) ha incoronato Luca Ferretti campione d’Europa nel Team Event a Piombino in compagnia di Simone Ercoli (fiorentino tesserato per le Fiamme Oro Napoli) e Rachele Bruni (fiorentina ma empolese di adozione, Forum S.C./C.S. Esercito) in attesa della gioia individuale nella 5 km a cronometro a coronamento dell’ennesima marcia coi fiocchi suggellata dal matrimonio con Federica Tommasi. A chiusura del cerchio (e che cerchio) lo zampino della truppa labronica sull’ottimo bilancio dell’Italnuoto ai Campionati europei in vasca corta di Chartres (Fran-

Federico Turrini

cia), capace di produrre un bottino da tre finali, impreziosito ulteriormente da tanti piccoli dettagli che lasciano ben sperare per la stagione in vasca lunga che culminerà con i Mondiali di Barcellona, le Universiadi di Kazan e i Giochi del Mediterraneo. Prendiamo ad esempio Turrini, finalista nei 200 (7° in 1’56’’71, 1’56’’40 in batteria)

A destra Martina De Memme ai Sette Colli sul podio insieme a Federica Pellegrini

238

e 400 Misti (sesto in 4’07’’72) dominati dall’ungherese Laszlo Cseh e semifinalista nei 100 per mezzo del nuovo primato personale in 54’’38. Stesso discorso per la De Memme, che rispetto alla passata edizione di Stettino è riuscita a limare di sei secondi (8’22 contro l’8’28) il crono

Ferretti, Bruni e Ercoli Campioni al Europa Team Event


nella serie veloce degli 800 Stile Libero (quinta posizione alle spalle del gota mondiale), sfiorando il giorno successivo l’ultimo atto dei 400 suggellato dal nuovo primato mondiale della francese, campionessa olimpica in carica, Camille Muffat ffat (per la livornese 4’07’’44 nei 400 e ff 1’59’’47 nei 200). Onnipresente la Boggiatto, capitana della squadra femminile, capace nei 100 Rana di stampare il primo rilievo stagionale italiano in 1’07’’76 e di un quinto posto nella 4X50 Mista (frazione a Rana da 30’’85) in compagnia delle colleghe Arianna Barbieri, Ilaria Bianchi e Silvia Di Pietro.

Chiara Boggiatto a Johannesburg

“Durante l’estate abbiamo dovuto fare delle scelte dolorose – ha commentato il presidente, Carlo Chelli – scelte che oltre a privarci di un allenatore, ma soprattutto di un uomo, di qualità e professionalità superiore, Corrado Rosso, ci ha portati a dover salutare pure tanti ragazzi che erano una parte importante di noi e che rimangono e rimarranno tali anche se ora sono un po’ distanti. Oggi siamo un gruppo diverso, ma un gruppo che comunque è in grado di togliersi diverse soddisfazioni. Perché mentre a Livorno crescono tanti giovani sotto l’“ala protettrice” dei capitani questo accade o accadrà anche a Tavarnuzze, a Pescia, a Follonica e a Bagni di Lucca. Anche lì, infatti, siamo stati in grado di creare dei gruppi dove i giovani hanno la possibilità di crescere accanto ad esempi di riferimento più grandi e valorosi. E siamo riusciti a farlo grazie a chi quotidianamente porta avanti con passione e professionalità il nostro credo. Un ringraziamento sentito va a tutti loro, veri interpreti principali di questa nostra squadra: Stefano Franceschi, Roberto Merlini, Alessio Mancioppi, Ulrico Hoffman, ffman, Fabiano Del Ministro, Alesff sandro Spoleti, Pierluigi Distante, Mario Cirillo, Andrea Bronzi, Anatolj Shapakov e idealmente tutti gli altri nostri tecnici delle categorie giovanili”.

Giulia De Fusco

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Barbara Maoggi

Luca Ferretti

239


RS COMPETITION OFFICINA PLURIMARCHE MOTO E SCOOTER RIPARAZIONE, PREPARAZIONE, VENDITA NUOVO E USATO

Devi fare il tagliando o riparare moto o scooter e sei al lavoro e/o non hai tempo? CONTATTACI: tel 0586 889379 o per e-mail: rscompetition.rossi.sagone@gmail.com

Per appuntamento “servizio veloce” di ritiro e riconsegna in giornata del mezzo a domicilio con viaggio gratuito zona LIVORNO

Nel servizio è compreso anche il lavaggio e la lucidatura del mezzo con lo sconto del 20% su tutti i lavori eseguiti

Siamo a vostra completa disposizione per informazioni e preventivi Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 19.00 240

e il sabato dalle 8.00 alle ore 12.00

Scotto Pubblicità Livorno

Via Bacchelli, 70 (zona ipercoop lato multisala)


Eg^bdBZbdg^Va>iVadE^XX^c^VaaV he^V\\^VYZ^IgZEdci^

Memorial Piccini ai Tre Ponti

pione europeo, Luca Ferretti, dall’azzurra Giulia De Fusco e da Barbara Maoggi (recentemente convocata per gli Eurojunior di specialità). Prestazioni da incorniciare pure per Michele Di Rosa, Bruno Ercolini e Davide Merlino. Strizzando l’occhio al panorama Masters, invece, da sottolineare i successi di Gino Mazzoni, Paolo Dal Maso, Graziano Martinelli ed Enrico Stovali, del Nuoto Livorno, di Ilio Barontini del Dlf e di Simona Burini ed Enrico Capitani del Progetto Sport Pontedera. Altro dato interessante è il 6° posto assoluto ottenuto dal Nuoto Livorno nella classifica per Il presidente Uisp Michele Barzagli con Nico Manaoussakis

società (su 30 iscritte), che lascia trasparire ottime prospettive di un settore che sarà rilanciato nel 2012/13. “Volevamo tornare a organizzare un Campionato italiano di Fondo in Toscana e ci siamo riusciti – ha commentato Paolo Malinconi, presidente della Lega Nuoto Uisp – uno speciale ringraziamento, infatti, va alla Nuoto Livorno per l’impeccabile professionalità e l’accoglienza riservata a tutti i partecipanti”. Soddisfatto anche il presidente dell’Uisp Livorno, Michele Barzagli: “L’impegno della Nuoto Livorno in ambito agonistico, formativo e promozionale non è certo una novità. E come se non bastasse il Memorial “Piccini” ha consentito di ricordare un grande e lungimirante imprenditore, oltre che amico di Livorno e sport livornese”. A chiusura del cerchio Carlo Chelli, presidente del Nuoto Livorno: “Si è trattato davvero di una manifestazione coi fiocchi, una bella promozione per il nostro mare e per la Bandeiera Blu che da qualche anno sventola sul nostro pennone e su quello di tutti gli stabilimenti del nostro litorale. Ricevuti gli elogi dell’Uisp, tuttavia, non potremmo che girarli a chi ha organizzato le gare in mare: Alvaro Dovicchi”. A.M.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

S

i è svolto a inizio agosto, presso la spiaggia libera attrezzata dei Tre Ponti, il Campionato Italiano Uisp di Nuoto in Acque Libere - 1° Memorial “Italo Piccini”, rassegna che ha fatto pure da cornice alla giornata della prevenzione degli incidenti in acqua per mano dell’Associazione Paraplegici di Livorno e dalla Usl 6 di Livorno. Il programma prevedeva 4 gare distinte, 2 riservate ai Masters e 2 agli Agonisti, con una in particolare intitolata appunto a Italo Piccini e fortissimamente voluta dalla Nuoto Livorno al fine di rievocare il padre del porto di Livorno che, a suo tempo, contribuì in maniera fattiva anche alla costruzione della piscina comunale. Voluta e conquistata da Nicolaos Manoussakis, ragazzo classe ‘93 di padre greco e madre italiana, cresciuto in Sudafrica ma dallo scorso settembre in forza proprio al club labronico. Nico, infatti, dal prossimo anno andrà a infoltire il gruppo di fondisti capitanato dal cam-

241


242 Scotto PubblicitĂ Livorno


I gruppo di ragazzi della Team Acqua Sport

I:6B68FJ6HEDGI IgZ\^dkVc^Zcijh^Vhi^[dcYVcdjcV cjdkVhdX^Zi| sport arrivando a buoni risultati, senza necessariamente dover puntare ad un obiettivo preciso”. Alla piscina Camalich incontriamo anche Tommaso Morini, 27 anni, figlio di Stefano, che nel mondo del nuoto non ha certo bisogno di presentazioni con le sue sei olimpiadi alle spalle e gli importanti ruoli di tecnico ricoperti a livello nazionale. Tommaso ci racconta la sua esperienza come allenatore: “Ho iniziato questa carriera quando avevo 18 anni, con le categorie giovanili. In seguito ho preso tutti i brevetti previsti dall’iter di tecnico. Per anni ho allenato alla Nuoto Livorno le categorie giovanili, poi sono stato a Collesalvetti, ed infine, alla società Ispra Planet di Varese con la quale siamo arrivati secondi al Campionato nazionale a squadre per due anni consecutivi”. Quando sei rientrato a Livorno? “Tre anni fa, e dal 2011 insieme a Lorenzo Rocchi e Riccardo Balsano abbiamo creato la nuova società che si occupa della scuola nuoto per Officina dello Sport, cioè insegniamo ai bambini l’abc del nuoto. Abbiamo formato anche una squadra agonistica con delle punte importanti di ragazzi che gareggiano a livello nazionale e partecipano ai Campionati italiani assoluti, tesserati con il Team Lombardia, società nella quale ho il ruolo di allenatore”. Come Team Acqua Sport che categorie agonistiche seguite?

“Attualmente ne abbiamo due: gli Esordienti B e gli Esordienti C ed un gruppo di sei ragazzi juniores. I C comprendono atleti che vanno dai 6 agli 8 anni, e i B dai 9 agli 11”. E gli atleti del Team Lombardia? “Sono un gruppo di tre ragazzi che sono tesserati con il Team Lombardia, ma si allenano con noi a Livorno e sono: Veronica Neri, Alessandro Masini e Luca Bongini”. Quando hai iniziato a nuotare? “Fin da subito, credo di avere imparato prima a nuotare e poi a camminare” camminare”. Come è andato il passaggio da atleta a tecnico? “Da giovane ho sempre nuotato, ma poi con l’università diventava difficile conciliare tutto e sono passato alla pallanuoto che aveva gli allenamenti serali. Alla fine ho fatto una scelta ed ho preferito dedicarmi alla carriera di tecnico”. La soddisfazione più bella che hai avuto come allenatore? “Sono state molte, fra queste le migliori sono i due secondi posti ai Campionati a squadra e la partecipazione ai Campionati italiani giovanissimi con Ispra Planet, quando abbiamo conquistato 43 medaglie con 11 atleti. Fu un bel 2010, uno dei miei ragazzi andò agli europei juniores, un altro fu chiamato dalla nazionale giovanile e Veronica Neri fu convocata in nazionale per la Coppa Latina”. Com’è andato il 2012? “Abbiamo ottenuto i record italiani nei 4x100 stile, nei 4x200 stile e nei 4x100 mista con il Team Lombardia ai Campionati italiani indoor di Riccione, abbiamo poi partecipato ai Campionati italiani assoluti dove Veronica è arrivata in finale”. Un obiettivo per il 2013? “Sicuramente crescere come società, in questo momento oltre ai risultati dei singoli, mi preme molto anche la crescita delle squadre giovanili”. Come ci si sente ad essere figlio d’arte? “Non mi pesa, è una cosa che vivo tranquillamente, faccio una cosa che mi piace e che ho deciso io di portare avanti” avanti”. Antonella De Vito

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

N

ata da un anno e mezzo, la società Team Acqua Sport è stata fondata da tre giovani entusiasti con un passato da atleti e un presente da istruttori, che hanno dedicato al nuoto e alla pallanuoto la maggior parte della loro vita. Facciamo la conoscenza del presidente Lorenzo Rocchi, trentacinquenne che ci racconta: “Personalmente ho una storia che mi vede impegnato come atleta a livello giovanile, poi istruttore ed infine, coordinatore della scuola nuoto, ruolo che occupo attualmente in società dedicandomi all’aspetto organizzativo dell’attività sportiva. Con Tommaso Morini e Riccardo Balsano già da un po’ di tempo meditavamo sull’idea di costituire una società, e l’occasione si è presentata grazie a Officina dello Sport, che gestisce le piscine di Livorno e che ci ha chiesto di occuparci dei corsi di nuoto per bambini, adulti e fitness, così siamo nati ufficialmente a settembre del 2011, come società sportiva dilettantistica, mentre il settore agonistico lo curiamo direttamente tesserando come Team Acqua Sport”. Qual è la vostra filosofia? “Cerchiamo di seguire quello che ci ha spinto ad intraprendere questa strada, cioè trasmettere la passione per gli sport acquatici. Per la pallanuoto non abbiamo una nostra squadra, ma collaboriamo con la società storica della città, la Pallanuoto Livorno il cui presidente è Eugenio Lessi, mettendo a disposizione il nostro socio Riccardo Balsano che è l’allenatore della prima squadre. Cooperiamo anche individuando ragazzi che riteniamo portati ad intraprendere questa attività e li segnaliamo alla società”. Il sogno nel cassetto? “Cercare di raggiungere livelli sportivi importanti con qualche bambino che ha iniziato con noi, e continui ad amare questo

243


o t o u n a l l a P A6CJDIDA>KDGCD F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

EdiZco^VaVeVaaVkdadXdccjdkZ aZkZY^ijiiZaZZi|

L

a Nuoto Livorno da un paio di anni sta notevolmente potenziano il settore della pallanuoto. Naturalmente, come in ogni disciplina, quando si fanno progetti si comincia crescendo le nuove leve in modo che possano portare lontano, senza necessariamente darsi degli obietti precisi, ma pur sempre un futuro. Facciamo il punto della situazione con Federico Romano, uno degli allenatori della società, volto noto della pallanuoto cittadina e non solo, visto che ha un passato da atleta di livello nazionale. Raccontaci come sta andando la riorganizzazione del settore pallanuoto. “Nel 2011 abbiamo fatto con gli agonisti una sola categoria la under 20 che ha conquistato un solo punto in tutta la stagione, ma per il campionato 2011 – 2012 siamo riusciti ad organizzare una squadra per gli under 13, gli under 17, gli under 20 e una prima squadra”. Come avete fatto ad aumentato il numero di atleti in così poco tempo? “Con il passa parola degli amici, e poi durante l’estate, ai Tre Ponti dove la società ha in gestione una spiaggia, abbiamo costruito un campo dove si sono allenati i più piccoli e questo ci ha permesso di avvicinare altri ragazzi interessati alla disciplina”.

Com’è andato il campionato appena concluso? “Con gli under 13 siamo arrivati ultimi, perché abbiamo vinto una sola partita. Nell’under 17 abbiamo svolto un campionato di mezza classifica, mentre con l’under 20 siamo arrivati alla finale regionale. La prima squadra invece ci ha portato il terzo posto in serie B, un bel successo se si pensa che il gruppo era neo formato. Per la stagione in corso abbiamo anche la squadra femminile”. Chi sono gli allenatori? “Ci sono io che alleno la prima squadra e gli under 13 affiancato, per quest’ultimi da Matteo Cresi; Francesco Paolucci si occupa degli under 17; Luca Cossettini degli under 15 e mia sorella fa la femminile con un under 19 e una prima squadra che dovrebbe partire dalla serie B”. Complessivamente quanti atleti avete? “Una settantina”. Qual è il vostro obiettivo primario? “Quello di creare, e ci stiamo riuscendo, un ambiente positivo, propositivo, tranquillo e gradevole dove c’è spazio anche per chi vuole affrontare ffrontare lo sport in modo non esagerataff mente agonistico. Non cerchiamo in modo esasperato il risultato, ci siamo resi conto che

è meglio tenere in campo tanti ragazzi, magari di una qualità non eccelsa, ma toglierli dalla strada, farli appassionare allo sport, dargli un luogo dove giocare e divertirsi. Se poi con il tempo ci sarà una miglioramento della qualità cercheremo anche i risultati”. La soddisfazione più bella del 2012? “La composizione della squadra degli under 13, un gruppo di bambini che hanno iniziato dal niente, non sapevano neanche nuotare. Sono venuti, hanno fatto gruppo, hanno fatto squadra. Può sembrare una frase scontata, ma è vera, la cosa più bella è stata arrivare alla fine del campionato e vedere che i ragazzi si sono divertiti, pur avendo perso tutte le partite”. Anche i tuoi figli si stanno appassionando agli sport d’acqua? “Aldo di 4 anni e mezzo e Anna di sei anni e mezzo frequentano la piscina, anche se ho tentato di far praticare loro altre discipline, ma l’imprinting è quello familiare, non dobbiamo dimenticare che anche la madre è un’atleta molto brava”. La soddisfazione più bella come atleta nel 2012? “Aver giocare, dopo sette anni di sosta e quaranta anni di età, senza fare figuracce; non è stata una cosa semplicissima, e mi ha dato molta soddisfazione”. Come sta andando la prima squadra nella nuova stagione? “Abbiamo messo in campo una squadra interessante, perché c’è stato il rientro di alcuni atleti che in passato giocavano in C, ed erano andati a Empoli. Sono tornati e hanno accettato di rimettersi in gioco insieme a me. Anche in questo caso abbiamo deciso di lavorare non per ottenere il risultato subito, ma per passare intanto di categoria, poi vederemo”. Antonella De Vito

Federico Romano

244


K6A:G>DAJOO> JcVcjdkVZheZg^ZcoVXdc\a^ hedgiYÉVXfjV

La squadra degli under 13 durante un allenamento

due ore ad allenamento. La domenica invece ci sono le partite di campionato”. Come concili con la scuola? “Adesso frequento la seconda media. Subito dopo pranzo studio e alle 16.30 vado in piscina, quando serve continuo a fare i compiti anche dopo cena”. Un aspetto negativo? “Nella pallanuoto non ci sono aspetti negativi, mi piace tutto”. La soddisfazione più bella da quando hai iniziato? “Quando ho imparato a tenere la palla in mano in acqua e la prima vittoria”. Un sogno? “Diventare un pallanuotista bravo e fare questo sport come professione”. Cosa possiamo dire dei tuoi allenatori?

“Sono bravi, simpatici e allo stesso tempo seri. Ci fanno allenare il giusto, secondo un programma preciso”. I tuoi amici di scuola sono interessati a questo sport? “No, non si interessano, non mi chiedono mai niente”. Cosa diresti ad un amico per invogliarlo a dedicarsi a questa disciplina? “Gli spiegherei che è uno sport molto bello e vale la pena praticarlo, anche per fare qualcosa di nuovo, per provare una nuova esperienza. Ci sono bambini anche più piccoli di me e non è un problema se non si conosce niente di questa disciplina, perché si inizia dalle basi”.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

F

ra i giovani atleti della Nuoto Livorno che si stanno dedicando alla pallanuoto incontriamo a bordo piscina Valerio Luzzi di 12 anni, quando ha appena terminato un allenamento. “Ho iniziato pallanuoto da un anno e mezzo. Prima ho sempre fatto nuoto, fin da quando avevo 5 anni, ma avevo voglia di impegnarmi in qualcosa di nuovo, mi ero un po’ annoiato, perché facevo sempre le solite cose”. Chi ti ha incoraggiato ad intraprendere questa strada? “Mia madre. Lei sapeva cosa mi stava succedendo, le avevo detto che non volevo più andare in piscina”. Cosa ti piace di più della pallanuoto? “Stare con i compagni e fare gli esercizi con la palla”. Quanto ti alleni? “Tutti i giorni, escluso il mercoledì, per

245


246


x x x x o l x o x v x a x l XxPxxal

E

>ag^idgcdYZaKdaaZn8ZX^cV cZ^XVbe^dcVi^cVo^dcVa^ li guidate dai vari Franco Anderlini, Aldo Bellagambi, Liliana Pizzo, Oddo Federzoni, Riccardo Di Lauro ed altri ancora od a fare qualche scappata a Pisa per assistere alle partite del fantastico Cus Pisa di Claudio Piazza. Ora tutti gli allenatori “sono nati imparati” come si è soliti dire, tanti anni fa per cercare di apprendere qualcosa si doveva girare e darsi da fare e non come succede, fin troppo spesso ora, fare finta di assistere ai corsi di aggiornamento, pagare la quota oraria dovuta e più delle volte andarsene per i fatti propri.

La squadra Acqua di Bolgheri Volley Cecina 2012-2013

Così la Pallavolo Cecina, questa la denominazione originaria della società, conobbe un titolo nazionale “Ragazze”, tante partecipazioni alle finali tricolori di categoria, tutta l’escalation dai Campionati provinciali e regionali a quelli di serie “A” ed “A1” con le donne e di serie “B” con gli uomini. Due volte seconda nel campionato di “A1” e con altrettante partecipazioni alla “Coppa della Coppe”. Poi l’esperienza decennale della Polisportiva Palazzaccio nel settore maschile che aveva raggiunto la serie “C” regionale. Fino all’anno 2000 la pallavolo a Cecina, sotto varie vesti e denominazioni, è comunque riuscita a resistere nel “Gotha” del volley, poi il lento ed inesorabile declino con una serie incredibile di retrocessioni fino alla prima divisione provinciale. Tre anni fa il risveglio con una nuova società il “Volley Cecina”. Organizzazione ed entusiasmo erano le parole d’ordine su cui fondare la rinascita di questa disciplina sportiva in questa ridente località toscana sulle rive del Mar Tirreno. Un primo campionato di serie “D” femminile con la promozione che sfuma ai play-off, ff, un secondo campioff nato di serie “D” al termine del quale viene conseguita la promozione in serie “C” sempre tramite i play-off ff ed infine, è storia recente, la promozione in serie “B2” quale “leader” della classifica finale. Ma in questo triennio a Cecina si è assistito anche al risorgere del settore

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

ra l’ormai lontano anno 1968 quando a Cecina, una ridente località toscana sulle rive del Mar Tirreno, nasceva una società di pallavolo. Erano anni quelli in cui di passatempi particolari, al contrario di oggi, non ce n’erano molti ed allora si scoprì che tutto sommato era senz’altro meglio andare in palestra a fare qualcosa invece di starsene a fare le classiche “vasche” nel centro cittadino. Ecco che nel 1971 a Cecina inizia realmente il “boom” di questa disciplina sportiva coincidente con l’organizzazione in loco dei Campionati Europei Femminili Juniores. Così in quegli anni la gioventù cecinese cominciava a frequentare con assiduità le palestre dove gli allenatori di allora si davano da fare ad inventarsi la pallavolo. In quei tempi in televisione di partite di questa disciplina sportiva non se ne vedevano tante ed allora gli allenatori di quei tempi erano soliti recarsi spesso al Centro Coni di Tirrenia per partecipare agli allenamenti delle varie rappresentative naziona-

247


di BUONACCORSI M. & ONDINI I.

t LOCALI PUBBLICI t NEGOZI t RISTORAZIONE t UFFICI

t PROGETTAZIONE E CONSULENZE t STUDIO IMMAGINE SEDE OPERATIVA V : VIA SCALPELLINI, 11 (ZONA PICCHIANTI) VA TEL. 0586 403338 - CELL. 335 7758472 WWW.MAREA1.IT

Scotto Pubblicità Livorno

t CONTRACT


Il Volley Cecina nella scorsa stagione sportiva ha partecipato a ben sedici campionati tra provinciali e regionali, sia con la Federazione Italiana Pallavolo che con l’Unione Italiana Sport per Tutti con oltre duecentottanta partite disputate ai vari livelli, oltre alla partecipazione a diversi tornei anche a carattere nazionale: una mole importante per una cittadina di circa ventisettemila abitanti! Ora con la serie B2”, oltre alla nuova serie “D”, a livello femminile ed alla serie “C” maschile il Volley Cecina ha dovuto affinare meglio la sua struttura dirigenziale ed organizzativa oltre a quella tecnica, favorito in modo adeguato l’arrivo di atleti ed atlete magari giovani provenienti dal territorio circostante da poter inserire negli organici delle diverse squadre. Il tutto comunque nell’ambito di una situazione che rimanga radicata al territorio, lontana da pericolosi voli pindarici, in poche parole sostenibile in relazione alla incerta realtà economica italiana del momento, ma sempre e comunque alla base della quale permanga sempre un grande entusiasmo, elemento questo determinante per poter continuare ad andare avanti positivamente.

Questo comunque lo staff ff tecnico: Antonio Giacobbe (Direttore Tecnico – serie B2/F e serie D/F); Maurizio Giacobbe (serie D/F) Gloria Guiducci (serie B2/F e serie D/F) Paolo Cavallini (serie C/M e U17/M) Jacopo Carraresi (U18/F e Seconda divisione/F) Alessandro Menicucci (U13/F ed U16/F) Alberto Mangiantini (U14/F e Seconda divisione/F) Francesco Di Gruttola (U12/F) Gianluca Bertini (U13/F ed U16/F) Vania Franchi (U16/F – Scuola di Pallavolo) Sara Perini (U14/F – Scuola di Pallavolo) Giulia Ghelardini (U16/F – Scuola di Pallavolo) Cecilia Cavallini (Scuola di Pallavolo) Adalgisa Cerini (Coordinatore Scuola di Pallavolo) Marco Tamburini (Preparatore fisico) Altre notizie: Presidente: Stefano Paparelli Campo di gioco: Palasport dello Sport “Ester ed Astrid Frontera” – Via Napoli – Cecina (Li) Sito Internet: www.volleycecina.it E-mail: volley.cecina.asd@fipav.li.it Telefono/Telefax: 0586.631698 Sponsor: “Acqua di Bolgheri” (Industria di cosmetica “Dr. Taffi”)

Æ6XfjVY^7da\]Zg^KdaaZn8ZX^cVÇ Dg\Vc^XdhZg^ZÆ7'Ç[Zbb^c^aZ'%&'"'%&(

Carolina Pacube De Leo giocatrice del Volley Cecina

N° Maglia 1 3 5 6 10 11 12 14 15 16 19

Cognome e Nome Pasquadibisceglie Giulia Ciurli Clarissa Battain Barbara Zuanigh Daniela Brogliato Martina Storni Elisa Battain Francesca Cosci Giulia Ricoveri Erica Pacube De Leo Carolina Casali Giulia

Classe

Altezza

Ruolo

2011/2012

1991 1991 1988 1989 1993 1986 1993 1987 1994 1987 1996

180 171 185 183 165 181 180 177 175 180 171

S S C C L C S A L S A

Lib. Bastia Umbra Volley Cecina Volley Cecina Volley Livorno Volley Tradate Volley Cecina Volley Cecina Delta Luck Lucca Pol. Casciavola Grosseto VOlley Volley Livorno

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

maschile che, grazie ad una manipolo di giovanotti (tra i quali anche un paio di “figli d’arte”) aiutati da tre validi “extracomunali” di Grosseto, hanno concluso la “regular season” del Campionato di serie “C” al primo posto e guadagnando il diritto di partecipare ai play-off ff promozione in serie “B2” con non poche possibilità e speranze di successo. Il pubblico cecinese, dopo tanti anni, è ritornato numeroso ad assistere alle partite dei campionati delle squadre maggiori del Volley Cecina, la stampa si è di nuovo occupata sistematicamente della vita di questo sodalizio sportivo ed in ogni dove si parla della rinascita di questa realtà con rinnovato interesse ed apprezzamento. Le palestre cecinesi pullulano di ragazzi e ragazze che praticano la pallavolo: la “Costa Etrusca Volley School”, la scuola di pallavolo federale, ha acquisito un numero così alto di partecipanti come non lo era stato neanche nei momenti d’oro degli anni ottanta-novanta.

249


250


C

on il mese di settembre ha preso il via l’attività formativa e promozionale della Scuola di Pallavolo del Volley Cecina, riservata sia ai maschi che alle femmine nate dal 1998 al 2006, che dallo scorso anno ha preso il nome di “Costa Etrusca Volley School” ufficialmente riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallavolo come “Scuola di Pallavolo Federale” confermata anche per la stagione sportiva 2012-2013. La “Costa Etrusca Volley School” è una struttura del “Volley Cecina” nata per meglio favorire l’attività sportiva dei giovanissimi (maschi e femmine) che desiderano avvicinarsi allo sport della pallavolo. Costituisce in pratica la “Scuola di Pallavolo” del Volley Cecina che agisce ufficialmente sotto l’egida e gli indirizzi tecnici ed organizzativi della Federazione Italiana Pallavolo. La “Costa Etrusca Volley School” promuove pertanto, per la stagione 2012/2013, i corsi di avviamento alla pallavolo per i ra-

AV;ZYZgkdaaZnViig^Wj^hXZVaKdaaZn8ZX^cV aVÆXZgi^ÒXVo^dcZY^fjVa^i|YZahZiidgZ \^dkVc^aZÇeZg^aW^Zcc^d'%&'"'%&( renze, Cortona Volley, Pallavolo Scandicci, Lupi Santa Croce, Polisportiva Casciavola, Folgore San Miniato, Ospedalieri Pisa e Cus Siena. In Toscana a nessuna società è stato riconosciuto il marchio “oro” che in tutta Italia è stato assegnato soltanto a: Volley Bergamo, Pallavolo Monza, Volley Milano, Amatori Atletico Orago, Anderlini Modena, Robur Angelo Costa Ravenna, Giovolley

Reggio Emilia e Volley Lube Macerata. In totale erano state presentate alla Federazione Italiana Pallavolo ben 605 domande per l’ottenimento di tale certificazione con il marchio di qualità riconosciuto soltanto a 434 sodalizi tra oro, argento e standard. Tra queste 63 società per il settore maschile, 299 per quello femminile e 225 per entrambi (il Volley Cecina figura in quest’ultima categoria).

8dhiV:igjhXVKdaaZnHX]dda AVhXjdaVY^eVaaVkdadYZa KdaaZn8ZX^cV gazzi e le ragazze nati/e dal 1999 al 2007 proponendosi di mettere a disposizione dei giovani le proprie strutture tecnicoorganizzative per cercare di favorirne la crescita sotto ogni punto di vista, permettendo loro di realizzare anche le prime importanti esperienze di vita di gruppo. La “Costa Etrusca Volley School” si pone come obiettivo quello di incrementare il settore giovanile del Volley Cecina cercando di avvicinare a questa disciplina sportiva la gioventù del territorio mettendo in campo un servizio di qualità in cui il ragazzo o la ragazza, continuamente impegnati in una serie di iniziative stimolanti, siano

il “cuore” pulsante dell’attività che stanno svolgendo. Il gioco, la gioia e soprattutto l’entusiasmo devono essere sempre gli ingredienti principali per vivere questa esperienza in modo interessante e coinvolgente. La “Costa Etrusca Voley School” anche per questa stagione sportiva è sponsorizzata dal “Camping Village Baia del Marinaio” di Vada in Provincia di Livorno. Questi gli Istruttori della Scuola di Pallavolo “Costa Etrusca Volley School”: Adalgisa Cerini (Coordinatrice) - Cecilia Cavallini - Vania Franchi - Giulia Ghelardini - Sara Perini.

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

I

l Centro Studi della Federazione Italiana Pallavolo ha pubblicato l’elenco delle società che hanno acquisito la “Certificazione di qualità del settore giovanile per il biennio 2012-2013”. Tra queste figura anche il Volley Cecina con la propria scuola di pallavolo “Costa Etrusca Volley School” alla quale è stato attribuito il marchio “standard”. Il Volley Cecina è tra l’altro l’unica società della provincia di Livorno che figura in questo prestigioso elenco. Tre sono i livelli, definiti marchi dalla Federazione, ossia: oro, argento e standard. Il marchio “argento” in Toscana è stato assegnato a società che lavorano da tempo nel settore giovanile con risultati apprezzabili quali: Polisportiva Savinese, Eurodue Fi-

251


252


x o r x t x s e x n x a x c x a x l XxPxaxl 9dc7dhXd HdiidaVXdcYjo^dcZiZXc^XVY^6cYgZV 9VEgVidh^Xdc[ZgbV^aXVbe^dcVid ^c9^k^h^dcZCVo^dcVaZ7 Y^;VW^d<^dg\^

tini (guardia del ‘92), Saverio Mazzantini (guardia del ‘95), Leonardo Mariani (guardia del ‘90), Giorgio Artioli (guardia del ‘95) e Lorenzo Benvenuti (pivot del ‘95). Coach Da Prato sta concedendo alti minutaggi a tutti questi elementi, alcuni dei quali (Mazzantini e Benvenuti) capaci di ritagliarsi ruoli di grandissimo prestigio nelle nazionali giovanili. Nel torneo in corso, il Don Bosco disputa il girone B di Dnb, il duro raggruppamento del centro Italia. Al termine della regular season, lunga trenta

La squadra del Don Bosco in serie B

giornate (sedici le squadre protagoniste), le prime otto disputeranno i playoff, ff, per eleggere una formazione che ff salirà in Dna (l’ex B1), mentre le ultime due giocheranno i play-out; la perdente dei play-out scivolerà in Dnc (l’ex C1). I play-out salteranno se la distanza fra la penultima e l’ultima supererà i quattro punti: in tal caso l’ultima retrocederà direttamente. Il Don Bosco, nel campionato 2011/12 (il primo torneo dopo il ripescaggio di cui sopra) ha ottenuto la salvezza all’ultima giornata. Era, quello scorso, un campionato caratterizzato da ben tre retrocessioni, con i play-out che inghiottivano anche la quint’ultima. Insomma non era facile mettere al sicuro, in anticipo, la permanenza nella categoria. Dopo un cammino altalenante, i rossoblù hanno centrare l’obiettivo indicato in avvio di stagione. Un traguardo, quello della salvezza, da raggiungere anche in questo torneo, possibilmente con un certo anticipo.

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

I

l Don Bosco Livorno sta disputando il suo secondo campionato consecutivo di Divisione Nazionale B (la vecchia B2) con un gruppo dall’età media bassissima. Fin dall’estate 2011, quando la società rossoblù ha meritato il ripescaggio nel quarto campionato italiano, la priorità è stata data a giocatori proveniente dal settore giovanile. Il roster della maggiore realtà del basket cittadino è dunque composto esclusivamente da ragazzi maturati nel proprio florido vivaio. Sotto la conduzione tecnica di Andrea Da Prato (un allenatore da sempre abituato ad ottenere ottimi risultati con gli under), è stata allestita una squadra che fa della compattezza e del grande attaccamento ai colori sociali il proprio credo. Una formazione dalla forte identità livornese. Non a caso, un pubblico in costante crescita sta seguendo con grande simpatia le sorti dei rossoblù, sia direttamente, dal vivo, sui gradoni del vecchio e glorioso ‘PalaMacchia’, sia gustandosi le telecronache integrali (ogni martedì alle 20,30) su TC2 Sport, canale digitale terrestre 272. Mentre scriviamo, il campionato 2012/13 è giunto a metà del suo cammino: il Don Bosco, pienamente rispettando i programmi della vigilia, ha scavato un discreto solco sulla zona ad alto rischio della classifica. A guidare la formazione labronica, le ‘chiocce’ Leonardo Niccolai (ala e capitano, classe ‘84), Luca Passaglia (pivot dell’84), Francesco Modica (ala dell’82) e Alessio Iardella (guardia dell’88). Per il resto l’organico è formato da Francesco Forti (figlio d’arte, play del ‘94), Stefano Cunico (play del ‘93), Matteo Mar-

253


254

Scotto PubblicitĂ Livorno


<>DG<>D6GI>DG> >cXVbedXdcYZiZgb^cVo^dcZZ\^d^V biadoro siamo arrivati secondi con la rappresentativa toscana. Sono stato chiamato una volta nella nazionale quando avevo 16 anni, ed ho partecipato al campionato under 17 di Eccellenza, al campionato under 19 Elite e poi al campionato di serie C1 con la Libertas”. Cosa ti ha avvicinato al basket? “La scuola, dove organizzavano corsi di pallacanestro, ai quali partecipavo con entusiasmo. Ho provato anche altri sport, come il nuoto e l’equitazione, ma questo è quello che mi ha appassionato sempre di più, nonostante abbia montato a cavallo fino a 13 anni, ma praticare due discipline era troppo faticosa, così alla fine ho scelto il basket”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Essere in campo e non pensare a niente se non a giocare. Mi diverte stare con i compagni, posso fare quello che mi piace e anche se ho dei problemi, quando sto giocando li dimentico, mi sfogo e mi tranquillizzo”. Fra le tue esperienze quale consideri la più emozionante? “La finale nale disputata insieme a Lorenzo Benvenuti al Trofeo delle regioni nel 2010; eravamo tutti insieme ed abbiamo a affronta ff ffronta to una partita bellissima, non abbiamo vinto, ma siamo arrivati in finale, nessuno di noi ci sperava, e ne siamo stati felicissimi”. Qual è il complimento più bello che hai ricevuto nella tua carriera? “Non ne ho avuti in modo manifesto, mai posso dire che i rimproveri bonari degli allenatori mi hanno aiutato a crescere

Giorgio Artiori

e in un certo senso possono essere considerati dei complimenti. Marrico Vaiano e Vincenzo Sorbetto sono i due allenatori che mi hanno aiutato molto quando ero alla Libertas e che ringrazio”. Un sogno nel cassetto? “Diventare un buon giocatore professionista, ma anche continuare a studiare, frequentare una buona università ed avere opportunità di lavoro”. Quanto è impegnativo questo sport? “Molto. Mi alleno anche due volte al giorno, perché seguo la preparazione della squadra sia con la serie B che con gli under 19 e poi ci sono gli allenamenti individuali per il potenziamento”. Come lo concili con la scuola? “Studio appena esco da scuola, cerco di avvantaggiarmi il più possibile per non trovarmi alla fine con troppe materie”. In passato hai frequentato sport individuali, ma alla fine hai scelto uno sport di squadra. “In equitazione sei con l’animale e tutto dipende solo da te e da lui, nel basket invece è tutta un’altra cosa, perché c’è il gioco di squadra, ed è una cosa molto bella. Io so che se un giorno non sono in forma il mio compagno può aiutarmi e così farò io con lui. Questa è una cosa che mi piace molto, ognuno di noi cerca di mettere qualcosa in campo per aiutarci tutti insieme”. C’è qualcosa che ti pesa di questa disciplina? “No, anche se bisogna dire che gli allenamenti sono molto pesanti ed arrivo a fine giornata stanco, ma mi piace, mi dà molte soddisfazione e soprattutto quando sono in campo non penso alla fatica”. Di cosa avrebbe bisogno il basket livornese? “Di fare una bella squadra con tutti i giocatori migliori, sotto lo stesso nome e ritornare a riempire il palazzetto come un tempo”. adv

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

F

ra le promesse del basket spicca Giorgio Artiori, 17 anni, quarta liceo scientifico Enriques. Lo incontriamo al termine di un allenamento particolarmente impegnativo perché precede una partita importante, una di quelle che può cambiare il “futuro” della classifica. Raccontaci la tua carriera nel mondo del basket. “Ho iniziato quando avevo 6 anni, ed ho sempre giocato nella Libertas, ma nell’estate 2012, con l’accordo di tutti sono passato al Don Bosco con il quale partecipo agli under 19 di eccellenza e alla serie B”. È stato un passaggio faticoso? ““No, perché tutti erano d’accordo e poi io ho giocato contro il Don Bosco per sette anni, con alcuni avevo fatto delle rappresentative, quindi conoscevo già tutti e non c’è stato alcun problema ad inserirsi”. Com’è andata la stagione 20112012? “Bene. A Lignano Sab-

255


d a l 19 31 s.r.l.

La nostra concessionaria vi offre i seguenti servizi Un magazzino ricambi ben fornito con consegna a domicilio Una officina con personale specializzato Prova auto su strada

Scotto PubblicitĂ Livorno

Vetture di cortesia Grande disponibilitĂ di vetture pronta consegna Preventivi personalizzati Ampio parcheggio

Concessionaria Livorno e Prov. e Prov. Pisa Sud SEDE: Livorno, Via Firenze, 91/93 - Tel. 0586 447600 - Fax 0586 447630

www.baroncini.peugeot.it 256


ADG:COD7:CK:CJI> <^dXVgZeZgY^kZgi^gh^ZY^kZciVgZ jcVeZghdcVb^\a^dgZ in moda da avere meno compiti da fare a casa”. Facci un tuo breve curriculum sportivo. “Nel 2009 ho iniziato a giocare con il Don Bosco, dopo un anno ho fatto il primo raduno con la nazionale, ed ho partecipato al Trofeo delle Regioni, nel 2011 invece sono stato al Campionato europeo nella Repubblica Ceca. l 2012 ho fatto i raduni della nazionale e il torneo con l’under 18, però non sono riuscito ad entrare nei 12 che hanno partecipato agli europei. Con la stagione 2012 - 2013 sta per iniziare una nuova avventura, mi è infatti appena arrivata la convocazione per partecipare ad un raduno della nazionale che si terrà nei prossimi giorni a Roma”. L’esperienza più emozionante? “Sicuramente il Campionato europeo dell’anno scorso, sia per l’organizzazione che per la possibilità avuta di confrontarsi con i giocatori di altri paesi”. Sogno nel cassetto? “Diventare un giocatore professionista”. Cosa ti dà questo sport? “Mi o offre ffre la possiff bilità di divertirmi veramente molto. Un aspetto negativo? “Lo stress mentale”.

Lorenzo Benvenuti

Un episodio da ricordare? “Non uno in particolare, ma la possibilità di aver giocato, quando ero più giovane, con atleti che poi sono diventati giocatori importanti”. Il tuo mito? “Danilo Gallinari” Ti senti maggiormente portato per gli sport di squadra? “Sì, anche se quando giocavo a calcio era una perdita di tempo perché non mi piaceva. Il rapporto con i compagni è ottimo, sia con l’under 19 che con la serie B, quest’ultimi, in particolare, mi aiutano a crescere. È il primo anno che faccio un campionato senior, è faticoso, ma è anche molto bello”. Se il basket scomparisse dalla faccia della terra a quale sport ti dedicheresti? “Al nuoto, pur non essendo una disciplina di squadra mi è sempre piaciuto praticarla, se pur non a livelli agonistici. Genericamente possiamo dire che mi piace nuotare”. Cosa avrebbe bisogno il basket livornese? “Di solidi per ritornare ad alti livelli”. Gli amici seguono la tua carriera sportiva? “Sì, vengono anche a vedere le partite, sono generalmente interessati allo sport”. Cosa diresti ad un giovane ragazzo per appassionarlo al basket? “Vieni a provare, la pallacanestro ti può aiutare a farti diventare una persona migliore sotto l’aspetto caratteriale, perché per praticare questa disciplina bisogna dare sempre il massimo e quando si è imparato a farlo in palestra si riesce anche ad applicarlo nella vita di tutti i giorni”. adv

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

U

n altro diciassettenne che fa grande il gioco del basket è Lorenzo Benvenuti; in campo ci appare come il più alto della squadra, ma non è un’impressione, anche a bordo campo non possiamo evitare di guardarlo dal basso verso l’alto. Com’è andato il tuo primo incontro con il basket? “È stato del tutto casuale. Giocavo a calcio, ma smisi perché non mi piaceva, in quello stesso periodo a scuola si presentò un allenatore di basket che, vista la mi altezza, mi chiese se volevo allenarmi con lui. Così a 13 anni ho iniziato a praticare questo sport e trovandomi bene non ho mai smesso”. Come concili gli allenamenti con la scuola? “Attualmente frequento il nautico e mi alleno tutti i giorni, almeno per tre ora, in più ho due partite a settimana. Cerco di stare il più possibile attento a scuola

257


258

Scotto PubblicitĂ Livorno


B6G8DKDAE> 8dc[ZgbV^ahjdiVaZcidhedgi^kd V\\^jY^XVcYdh^^ahZii^bdVbdYÉdgd

La squadra italiana di Lenza Emiliana Tubertini vincitrice del Campionato italiano per società

bilmente l’edizione migliore alla quale ho partecipato in tanti anni di competizioni. C’era un atmosfera stupenda, sembrava di essere alle olimpiadi. La squadra oltre che da me era formata da Paolo Volpini di Massa, Alessandro Plazzi di Ravenna e Gabriele Brunettin di Trento. Una località e un mare stupendo, con una pesca varia e molto tecnica, nella quale noi italiani siamo maestri. Abbiamo catturato boghe, saraghi, ora-

te, sparlotti, torsi, a secondo di dove si posizionava la barca era possibile variare il tipo di pesca. Il tempo non ci è stato favorevole, infatti, abbiamo incontrato una perturbazione atlantica che ha reso il mare proibitivo, ma nonostante tutto, ad ogni gara abbiamo catturato dai 130 ai 170 pesci a testa. Ci tenevamo molto a vincere, così come abbiamo fatto l’anno precedente in Francia”.

Subacquee

x x e t x n a x t x a x n x a x d x PeXsxcxa

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività

S

ette ami d’oro su otto! Con questo record assoluto, Marco Volpi conferma il suo talento sportivo con la pesca da natante. L’amo d’oro è il massimo riconoscimento per un agonista di questa disciplina, e viene conquistato sommando i punti di varie gare prestabilite come i Campionati italiani, i Club azzurri, le super selezioni, i Campionati del mondo per Club, i Campionati del mondo per nazioni, ecc. Il premio è stato istituito dalla Federazione nazionale otto anni fa, e Marco se ne è aggiudicati ben sette, dimostrando la sua imbattibilità. Cominciamo riassumendo l’attività del 2012. “Le tappe più importanti sono state i due Campionati del mondo, quello per nazioni e quello per club. Il primo si è disputato in Francia a La Roche dove siamo arrivati quarti, scendendo dopo tanti anni dal podio, ma non per colpa degli atleti, che hanno dato il meglio. L’altro si è invece svolto in Spagna a Torrevieja, dove gareggiando per la Lenza Emiliana Tubertini abbiamo vinto”. Cosa è successo in Francia? “Siamo stati un po’ ingenui a livello organizzativo e non abbiamo saputo farci rispettare. La Francia ci teneva molto a vincere questo mondiale, anche perché non ne aveva mai vinto uno, pur avendo ospitato diverse edizioni, così hanno imposte regole non previste neanche dal regolamento e si ci hanno impedito di provare il campo di gara prima della competizione. Una cosa assurda, che non mi è mai capitata in 25 anni di gare internazionali. Naturalmente i francesi, giocando in casa, conoscevano bene le caratteristiche del luogo e così si sono avvantaggiati, aggiudicandosi il mondiale. Gli organizzatori sono stati veramente poco sportivi e noi abbiamo sottovalutato questo aspetto e non ci siamo tutelati”. Ed in Spagna? “Abbiamo vinto molto bene. Il mondiale è stato organizzato dal Real Club Nautico di Torrevieja uno dei più importanti, rappresentativi e rinomati a livello europeo, ed infatti, è stata una manifestazione bellissima, proba-

259


260


Marco Volpi con una leccia di 25 chili

Oltre a questa, qual è stata la soddisfazione più bella del 2012? “Circa un mese prima, ad inizio novembre si sono svolti i Campionati italiani per società, ed anche in questo caso abbiamo vinto. A livello societario, in un anno abbiamo conquistato entrambe i titoli più importanti. La competizione è stata organizzata a Ravenna con una pesca prevalentemente dedicata a sgombri e sugarelli, durante la quale abbiamo tirato fuori il meglio di noi, che ci ha portato poi alla vittoria finale”. Altre esperienze dell’anno appena concluso? “Un’altra grande soddisfazione dell’ultimo anno è stata la televisione, infatti ho iniziato una collaborazione con Italian

Nicola e Sara Volpi con una verdesca pescata a Livorno

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Fisching tv che è un canale di Sky, per la quale realizzo filmati sulla pesca, che poi vengono diffusi ffusi anche su You Tube e queff sto mi ha dato notorietà. Incontro molte persone che si complimentano con me, e mi dicono che mi hanno visto. Mi fa piacere che apprezzino i filmati che possono essere d’aiuto per migliorare le tecniche di pesca”. Un obiettivo per il 2013? “L’obiettivo primario è quello di rivincere il mondiale per nazioni e ristabilire la classifica giusta per l’Italia. Il quarto posto in Francia nel 2012 è stata una lezione e uno stimolo per fare bene negli anni futuri, come avevamo sempre fatto in passato, vincendo tre mondiali consecutivi. Uno stop che personalmente mi pesa, ma sono sicuro che ci servirà come esperienza”. A.D.V.

Marco Volpi, con un dentice preso a traino (a sx) e con una ricciola di 15 chili (a dx)

261


262


x x x x b x u x S x x a XxCxixC JcVXZcVXdck^k^VaZeZgXdcXajYZgZ aÉVccdXdcegZb^ZbZYV\a^Z AÉdhe^iZYÉdcdgZ/^ah^cYVXd6aZhhVcYgd8dh^b^ Y^6aWZgid<VaZcd

La premiazione dei campioni toscani

vello nazionale ed internazionale. Oltre ai pescatori subacquei, come sempre, erano presenti istruttori della nostra Scuola Sommozzatori che, in simbiosi con l’attività di pesca, conferisce da sempre lustro e prestigio al Garibaldi. La serata è stata vissuta con spirito di allegria ed amicizia, concludendo un anno che ci ha visti ancora protagonisti nel nostro sport e sempre certi che il glorioso Circolo labronico continuerà a proporsi a tutti i livelli nelle attività sportive, didattiche e sociali.

Il saluto del sindaco Alessandro Cosimi

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

C

ome di consueto anche quest’anno si è svolta la cena del Ci.Ca.Sub Garibaldi, iniziata con il gradito saluto del sindaco di Livorno Alessandro Cosimi. Il sindaco, amante del mare e della pesca sub, ha accolto con attenzione le nostre richieste tese ad aprire un dialogo costruttivo con l’Ente Parco della Meloria, per una revisione delle restrizioni che ormai da due anni inibiscono l’attività della pesca subacquea sportiva sulle secche, assicurando il suo interessamento per una approfondita valutazione del problema con i soggetti interessati. Al termine del saluto, il presidente del Garibaldi, Roberto Borra, ha consegnato al sindaco una targa ricordo. Nel corso della serata sono stati premiati gli atleti che hanno partecipato alle gare di qualificazione, alle pescate sociali e ai tre Campioni Toscani per Società: Roberto Mattera, Marco Sighieri, Federico Paraniello. Sono anche state consegnate medaglie ricordo per l’attività sociale svolta nel 2012 a tutti i soci che nelle varie manifestazioni organizzate dal Ci.Ca.Sub hanno prestato la propria collaborazione. A conclusione delle premiazioni è stata conferita la targa ricordo per particolari meriti sportivi e sociali a Flavia Leonardi, figlia del grande “Giorgione”, impossibilitato ad intervenire per precarie condizioni di salute, che ha portato al Circolo molte vittorie e titoli a li-

263


Foto di Alberto Balbi

Il negozio dei pescatori in apnea della Toscana

CACCIA e PESCA di Collaveri & Bruni

264

Via delle Lastre, 32 - LIVORNO (zona Pontino) - Tel. 0586 888176 Email: cacciaepesca@interfree.it - www.cacciaepescaonline.it

Scotto PubblicitĂ Livorno

Tutte le migliori marche


Federico Panariello subito dopo una cattura

“Ho iniziato a frequentare il CicaSub a quindici anni partecipando al primo corso Ara, che permette l’immersione con le bombole; per età non potevo fare di più. Ho poi frequentato altri corsi per il respiratore, fino a diciotto anni, quando ho potuto seguire quello per l’apnea. Ho così iniziato a partecipare alle gare organizzate dal circolo e poi mi sono dedicato a competizioni sempre più importanti”. Qual è stata la molla che ti ha fatto iniziare a praticare questo sport? “Mio padre è un appassionato pescatore subacqueo e per seguire la sua strada ho voluto provare anch’io”. Raccontaci brevemente il tuo curriculum. “Nel 2008 ho vinto il Campionato sociale, ed ho partecipato sempre a tutte le gare di categoria. Nel 2012 sono arrivato a sfiorare il passaggio in seconda categoria, cosa che spero di ottenere nel 2013. Sempre nel 2012 ho vinto il Campionato toscano sulle secche di Vada, disputato a novembre. Mentre con la squadra formata insieme a Roberto Poggioli, Marco Seghieri, Marco Barancini, Roberto Mattera, Stefano Carrai, Emiliano Torrini, abbiamo vinto quasi tutte le gare di selezioni per salire di categoria”.

;:9:G>8DE6C6G>:AAD 9Zcigd^abVgZeZgY^kZciVgZ jcegZYVidgZ L’esperienza più bella? “Solitamente per lavoro in estate mi trasferisco in Sardegna dove riesco a pescare tutti i giorni. L’esperienza più bella l’ho avuto nel 2011 quando catturai una ricciola di 17 chili”. Che emozioni ti dà questa disciplina? “Mi trasmette molta tranquillità, pace con me stesso e mi dà la capacità di affrontare ffrontare la ff vita di tutti i giorni con più calma. Quando ci tuffiamo abbiamo un tempo limitato e un solo tiro di fucile, quindi è necessario sfruttare al massimo queste possibilità e per farlo occorre essere rilassati. Questo modo di essere, una volta appreso, l’ho applicato in qualsiasi situazione”. Hai fatto altri sport? “Faccio nuoto ed oggi lavoro come istruttore e allenatore alla piscina di Cecina. In passato ho fatto vela, che continuo ad insegnare in estate”. Obiettivo nel 2013? “Qualificarsi per i Campionati italiani”. Un obiettivo a lunga scadenza? “La prima categoria” Ci sono giovani nel vostro gruppo? “Sì, ma non tanti. Del resto è un’attività che richiede alcuni sacrifici, ad esempio, il venerdì sera non si può far tardi in discoteca se la mattina bisogna essere presto sul gommone per andare a fare le immersioni”. Quanto ti alleni? “Io sono fortunato perché lavorando in piscina ho la possibilità di allenarmi tutti i giorni, ma generalmente bisogna pensare che è necessario esercitarsi almeno due o tre volte alla settimana, con nuoto e apnea; quando si va sott’acqua bisogna essere preparati”. Quanto influisce questa disciplina sullo stile di vita? “Ad un principiante direi prima di tutto di dimenticare il fumo, bere poco alcol ed avere una alimentazione corretta, adeguata a chi fa sport, soprattutto quando si avvicinano le gare”.

Un atleta mito? “Due: Stefano Bellani e Maurizio Ramaciotti del nostro circolo, che hanno gareggiato in tutti i mari del mondo”. Ti sei mai dedicato ad altri tipi di pesca? “Quando avevo 11 - 12 anni ho provato con la canna, era divertente, ma mai affascinante ff ffascinante come la pesca subacquea”. Cosa pensi quando sei sott’acqua? “In mare scatta la molla del predatore e il cervello si stacca da tutti i problemi che puoi avere, ogni preoccupazione rimane sopra la superficie dell’acqua”. È un’attività pericolosa? “Sì, molto. Si rischia la sindrome anossica, sopratutto negli ultimi 10 metri di risalita. Andando in profondità il pericolo è quello di non sentire la fame d’aria, bisogna stare attenti a non tirare troppo i tempi di permanenza sott’acqua, anche quando c’è una prede che ti attira. Come ci dicono sempre i più anziani, nessun pesce vale la vita. L’ideale sarebbe pescare in coppia per sicurezza, uno in acqua e l’altro sul gommone a controllare, ma spesso, per motivi organizzativi non lo facciamo, e ci immergiamo da soli”. Ti è mai capitato di avere paura? “Mi è capitato qualche volta di affacciarmi ff ffacciarmi ad una grotta e trovare una Morena minacciosa. Alla fine più che una paura è un’emozione, così come veder passare un grosso tonno”. Antonella De Vito

Federico Panariello sul gommone dopo la pesca

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

Q

uando si supera la superficie dell’acqua ci si immerge in un altro mondo, con i suoi caratteristici abitanti, dove i problemi della quotidianità non riescono a filtrare. Questo è indubbiamente l’aspetto più affascinante ffascinante di chi è abituato ad immerff gersi in apnea come Federico Panariello, 24 anni, praticante di pesca subacquea da quasi 10.

265


Scotto Pubblicità Livorno Scotto Pubblicità Livorno

Agente Nastritalia

Via N. Magri, 61 57121 LIVORNO Cell. Claudio 392 6920073 info@rcservices.livorno.it

t$PTUSV[JPOFDPSQJNPSUJ JODFNFOUP t'PSOJUVSFDBUFOFDJNF QFSMPSNFHHJPFDBUFOBSJF *OTUSFUUBDPMMBCPSB[JPOFDPO

Scotto Pubblicità Livorno

www. rcservices.livorno.it

NOVITÃ&#x20AC; A LIVORNO! Pulizie interne di imbarcazioni


Federico Panariello e Roberto Poggioli

Parlaci brevemente del tuo curriculum. “Attualmente sono in terza categoria. Nelle competizioni sociali sono arrivato sempre fra i primi posti, vincendo l’edizione del 2009. Nelle selettive mi sono qualificato primo a Livorno e terzo a Cecina, e nelle altre gare ho avuto buoni piazzamenti, sempre fra le prime dieci posizioni. Anche nei Campionati regionali, mi sono difeso bene, arrivato due volte secondo e una volta terzo”.

GD7:GIDED<<>DA> AdciVcdYVaXVdhY^ijii^^\^dgc^ E come squadra? “Nei Campionati italiani a squadra abbiamo ottenuto il miglior risultato con un decimo posto nella gara a Foce Verde, vicino Civitavecchia. Una bella soddisfazione è stato il terzo posto al Trofeo Andreani, che si svolge in Liguria”. Un obiettivo per il 2013? “La stagione 2012-2013 è iniziata molto bene e punto a salire nella seconda categoria. Mi sto allenando con molto impegno per raggiungere questo scopo”. Come ti prepari? “Ho fatto una tabelle di corsa e di esercizi fisici, come gli addominali, che mi servono per aumentare la capacità polmonare. Mi ritaglio almeno un’ora e mezzo al giorno, la sera tardi, perché per il resto del tempo devo lavorare”. La pesca subacquea influenza il tuo stile di vita? “Non ho mai fumato e non ho mai assaggiato alcolici, neanche nei dolci, ed anche l’alimentazione è controllata quando si avvicinano le gare”. Esperienza più bella? “Le catture più belle sono state a Capo Verde con i tonni. Uscimmo in mare con una barca di legno di 5 metri, di alcuni pescatori locali, con 12 metri di onda. Durante la prima immersione ho avuto paura e sono risalito in superficie, cie, ma poi, aiutato dall’adrenalina sono sceso sott’acqua ed ho fatto una bellissima pesca con tonni dai 40 ai 70 chili e barracuda di oltre i trenta. È stata l’esperienze più bella e più paurosa”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare in prima categoria e partecipare agli europei”. Cosa ti dà questa attività? “Mi rilassa, e mi aiuta ad uscire dal mondo caotico di tutti i giorni”. Roberto Poggioli

Roberto Poggioli

Qual è il miglior pesce da catturare? “La pesca più prestigiosa è il dentice, perché è un pesce molto scaltro, è in grado di sentire il battito del cuore e vedere gli occhi del pescatore”. Un aspetto negativo di questo sport? “Mettersi la muta quando fa freddo. In mare la temperatura difficilmente scende sotto gli 11 gradi, ma quando esci e ti devi spogliare e magari c’è vento di tramontana, il freddo lo senti bene. Questo però non mi ha mai impedito di andare a pescare, neanche con la neve”. Un atleta mito? “Guerrino Casini, ex campione del nostro circolo”. Quanto è pericoloso questo sport? “Molto. Io cerco di non tirare mai troppo l’apnea, preferisco fare più tuffi, ffi, ma prolunffi garli meno. È anche il tipo di pesca che preferisco”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Il circolo e tutti i soci. Dentro il Cica Sub ho trovato una famiglia e questa non è una cosa scontata nelle altre discipline”. Antonella De Vito

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

U

n nonno pescatore, esperto uomo di mare e la bellezza di un’isola come l’Elba hanno dato l’imprinting a Roberto Poggioli, 26 anni. “Ho iniziato a pescare da quando sono nato, mio nonno mi ha portato subito sott’acqua a catturare i pesci. Durante l’adolescenza conobbi Elio Gorlei, uno storico membro del Cica Sub, e grazie a lui ho iniziato a 13 anni a frequentare il primo corso Ara e poi altri ancora, fino ai diciotto anni quando finalmente ho potuto fare quello di apnea”.

267


t Auto di cortesia sostitutiva t Montaggio di

medico legale

Scotto PubblicitĂ Livorno

pellicole oscuranti

t Carro Attrezzi t Assistenza legale e

268


x x x x a x c i x t x s x i XxPxexs 6jbZciV^aÆeZhdÇYZ\a^ViaZi^aVWgdc^X^ cZaaZXdbeZi^o^dc^cVo^dcVa^ >g^hjaiVi^Y^VaXjcZhdX^Zi|X^iiVY^cZ nella classe Master 45, e nella categoria Assoluti del Criterium Nazionale di Biathlon, mentre ha conquistato il terzo posto ai Campionati italiani di Distensione su Panca. Maggio ha visto i Giochi Sportivi Studenteschi e il Gran Premio Giovanissimi svoltosi come di consueto a Lignano Sabbia D’Oro. L’Asd Polizia di Stato in collaborazione con le scuole Mazzini e Maria Ausiliatrice, ha portato 18 atleti alla fase nazionale dei due appuntamenti, in rappresentanza della Toscana. Su 12 regioni presenti, le scuole Mazzini con a capo le professoresse Elena Malenchini e Monica Vestrini, si sono qualificate alla fase nazionale con 2 squadre: una femminile e l’altra maschile.

Ecco i nomi dei partecipanti ai Giochi Sportivi Studenteschi: Femminile Luisa Dainelli Benedetta Tassi Carlotta Bonechi Aurora Anzelmo Sofia Testa Classificate 6e Maschile Jonathan Papa Andrea Bizzi Francesco Casarosa Pistolesi Simone Gioli Nico 8° classificato Ed i nomi dei partecipanti al Gran Premio Giovanissimi Femminile Giulia Casini, 4a classificata Mazzini (per 30 grammi ha dovuto gareggiare nella categoria kg. 50) Federica Del Re, 7a classificata Mazzini Sara Nardi, 5a classificata Mazzini Giulia Spagnoli, 5a classificata Mazzini Maschile Fabio Barattini, medaglia di Bronzo Mazzini Andrea Bizzi, 8° classificato Mazzini Gabriele Granieri, 5° M. Ausiliatrice Il miglior risultato è stato il bronzo di Barattini, gli altri hanno purtroppo trovato giovani agguerriti e allenatori assetati di risultati, che non hanno data alcuna importanza alla giovane età. La delegazione toscana era composta dalle professoresse Licia Mataresi e Marta Merlini, ed il tecnico della Asd Polizia di Stato Claudio Braschi.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

A

sd Polizia di Stato Anche la pesistica, come altre discipline, da qualche anno è entrata nelle scuole per farsi conoscere dai ragazzi fin n da giovanissimi, crescendo atleti che promettono di diventare in futuro, se non mancheranno di costanza, dei possibili campioni. Ad aprile quattro atleti della Asd Polizia di Stato di Livorno, provenienti da Villa Corridi, succursale della scuola Mazzini, hanno partecipato ai Campionati italiani Esordienti. I giovani atleti sono impegnati anche con altri sport e così si sono allenati per i Campionati durante le ore di educazione fisica. Buoni i piazzamenti ottenuti: Luisa Dainelli ha potuto sostenere gli allenamenti con una maggiore frequenza, ed infatti, è riuscita a piazzarsi al 2° posto, sollevando 25 kg di strappo e 35 nello slancio nella categoria 44 chili. La manifestazione è stata organizzata nelle varie sedi regionali, dove vengono riepilogati i risultati per essere inviati poi a chi redige la classifica nazionale. Ottimamente piazzati anche gli atleti: Michele Pucci nella categoria kg.56, Irene Chioni categoria kg.62, Andrea Panariello sollevando kg.30 nello strappo e kg.40 nello slancio per la categoria kg.62. La gara è stata organizzata dalla Asd Pesistica Livornese presso le Scuole Lambruschini. Da ricordare anche le gare svolte a Città di Castello alle quali hanno partecipato Ornella Ricci 1a classificata

Giochi sportivi studenteschi

269


270 Scotto PubblicitĂ Livorno


La pesistica Livornese nasce nel 1971 e da sempre svolge l’attività del sollevamento pesi e distensione su panca. La società sportiva è affiliata alla Fipe (Federazione Italiana Pesi), ed il 17 dicembre è stata insignita dal Coni della Stella di Bronzo al merito sportivo, quale riconoscimento per l’attività svolta in tutti questi anni. A conferma di tutto ciò, notevoli sono stati anche quest’anno i risultati ottenuti, tra i quali ricordiamo i più importanti: Beatrice Grassi titolo italiano under 17 cat.63 Kg. Finalista ai Campionati italiani juniores e senior, Coppa Italia under 17, 2a classificata a Parma; Mc Caallum Emi Dalia Coppa Italia juniores 3a classificata. Da citare, inoltre, nella distensione su panca Alfio Galvagno e Antonio Fiorelli nella cat. +105. La pesistica livornese svolge la sua attività presso la caserma Lamarmora, ospiti dell’Accademia Pugilistica Livornese gestita da Gioia Tancredi, Luca Tassi e Luca Urbani.

LL$<<$Jec[_

I migliori risultati della società VV.FF. Tomei: Manuele Bardini campione italiano under 17 (PA) Carini 11-02-2012 1° Classificato; Manuele Bardini 1° classificato campionati regionali Siena; Manuele Bardini 2° classificato campionati italiani juniores a Lucca; Manuele Bardini 2° classificato coppa Italia under 17 Parma; Manuele Bardini 1° classificato Gran

Campionati italiani Esordienti

Prix San Marino con (kg.110 strappo) 135 slancio. Anno felice per il G.S.VV.F. TOMEI

Daniele Baesso 2° classificato criterium di strappo e slancio senior, Daniele Baesso 2° classificato campionati regionali Siena senior; Diego Baesso 2° classi classificato campionati regionali Siena; Diego Baesso 1° classi classificato Gran Prix di San Marino juniores; Diego Baesso 2° classi classificato campionati regionali juniores; Aberto Catalano, 2° classi classificato campionati regionali juniores. BIATHLON ATLETICO Marco Galvagno 2° classi classificato Master 55 8° classifi ficato cato criterium nazionale Biathlon; Luca Del Delfi fino 13° classificato senior criterium nazionale Biathlon; Marco Galvagno 2° classi classificato master 55 distensioni su panca; 2° Trofeo Bodline Firenze; Fabio Colacino, finalista criterium nazionale distensione su panca.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

AVEZh^hi^XVA^kdgcZhZ

271


7:6IG>8:<G6HH>

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

EZh^hi^XVa^kdgcZhZ

U

>ai^idad^iVa^VcdYZY^XVidVaaVbZbdg^V Y^jcXdbeV\cdY^XaVhhZ

na “vecchia”, si fa per dire, conoscenza dell’Almanacco dello Sport è Beatrice Grassi, oggi diciassettenne e studentessa della quarta Liceo Scientifico Enriques. La incontrammo ed intervistammo qualche anno fa, quando alle prime armi in questa disciplina, mostrava già il suo talento. Felici di rincontrarla da campionessa, le chiediamo di ricordarci come è iniziata la sua avventura sportiva. “Ho iniziato la pesistica quando facevo le medie, perché a scuola vennero due tecnici a presentare questo sport non molto conosciuto. Inizialmente non mi piacque molto, anche perché era un po’ atipico per una ragazza, ma poi iniziando a fare delle gare e ad avere i primi risultati mi sono resa conto che ero portata. Il tecnico di allora mi incoraggiava, diceva che potevo alzare di più, contemporaneamente cominciavo ad avere sempre maggiori soddisfazioni personali e così la pesistica iniziò a piacermi, fino no a quando feci i primi italiani nel 2008 con i giovanissimi e vinsi; da quel momento decisi di continuare, ed infatti, sono arrivate sempre più gratificacazioni”. Hai fatto altri sport? “Sì, mi sono dedicata anche al pattinaggio e per due anni ho fatto le due discipline contemporaneamente, ma poi ho smesso perché avevo più soddisfazioni dalla pesistica”. Quanto ti alleni? “Tutti i giorni”. Come concili con la scuola? “È impegnativo, ma ci riesco, finché nché lo sport è un piacere concilio bene. La scuola devo farla, anche perché poi voglio andare all’università e il liceo è una buona preparazione. Voglio iscrivermi a Scienze Motorie”. Ricordaci brevemente il tuo percorso agonistico.

“Nel 2008 ho vinto il primo titolo italiano nella categoria giovanissimi. Nel 2009 è arrivato il secondo titolo italiano negli Esordienti. Poi sono salita di categoria negli under 17 e nel 2010 sono arrivata quarta, nel 2011 terza e nel 2012 ho vinto il titolo italiano, il terzo della mia carriera, ed è stata una bella soddisfazione”. Raccontaci com’è andata. “Quel giorno è stato a livello emozionale e di sensazioni il più brutto della mia vita. Da una parte avevo la cosa più bella che potesse capitarmi e dall’altra la più brutta. Ho gareggiato con la foto di un mio compagno di classe sulla maglia e il titolo l’ho dedicato a lui, a Gianluca Raglianti morto per una malattia proprio la sera prima della gara. Quella notte mi sono svegliata verso le 4 del mattino, nel so-

Beatrice Grassi nelle foto di Margherita Stivè

272

gno, inconsciamente, sentivo che qualcosa non andava. I miei compagni di scuola sapevano che avrei dovuto affrontare ffrontare la ff gara e avevano deciso di non dirmi niente fino a dopo la competizione. Ma io mi sono collegata a Facebook, Gianluca era molto conosciuto, ed ho potuto leggere subito cosa era accaduto”. Oggi di quale società fai parte? “Della Pesistica Livornese”. Quante sono le ragazze che praticano questa disciplina a Livorno? “Non siamo tante. Qualche anno fa mi allenavo con un’altra ragazza, Amy McCollum, ma avendo il padre che vive in America è andata via per un periodo, adesso è tornata, ma credo che a giugno partirà nuovamente. Poi c’è Irene Di Bartolomei, ma è più grande di me”. Com’è nata l’idea del servizio fotografico? “Guardando internet ho trovato delle foto di alcune atlete pugili, che si sono fatte fotografare sul ring con i tacchi alti, il vestito da sera e i guantoni. Mi è sembrata un’idea carina e ho voluto riproporla con la pesistica. Quando dico che faccio questo sport tutti mi guardano sorpresi, mi chiedono se mi vengono i dolori alla schiena e cose di questo tipo. La pesistica è uno


sport come un altro, è come se si dicesse che il calcio o il basket sono sport non da donna. È vero, è praticato in maggioranza da uomini, ma ci sono anche le donne, così ho pensato che con le foto avrei potuto dimostrare che nonostante sia capace di alzare molti chili, sono comunque femmi-

Un’atleta mito? “La spagnola Lidia Valentin. Fa la categoria dei 75 chili o più. Nonostante pesi tanto e alzi molti chili è estremamente femminile, mi piace perché è sempre molto curata nell’aspetto. Quando la guardo mi convinco ancora di più che questo sport non è solo per maschi”. Prima di una gara hai un rituale particolare? “Un bicchiere di vino bianco il giorno prima. Solitamente non bevo, ma ho scoperto che mi porta fortuna”. Cosa pensi durante la gara? “Oltre a con centrarmi e a far bene la gara penso alla mia nonna, che non c’è più. Ero molto legata a lei, era una seconda mamma, ho sempre con me la catenina con le sue iniziali che mi ha regalato”. I tuoi genitori cosa pensano della tua attività sportiva? “Vedermi passare dalla ginnastica artistica e dal pattinaggio alla pesistica è stato per loro un bel salto, però si accorgono che sono contenta, che mi piace andare in palestra e quindi sono felici anche loro. Mio padre in modo particolare è molto soddisfatto, perché gli piace anche il tipo di ginnastica che pratico e così mi segue spesso, viene anche lui in palestra con me”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Pietro Cannavò il mio maestro di pesistica, ma anche di vita. Tante volte mi è stato di aiuto anche per i problemi extra sport”. Antonella De Vito

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Beatrice Grassi con il tecnico Pietro Cannavò

nile. La fotografa è una mia amica, si chiama Margherita Stivè e come potete vedere è molto brava”. Cosa ti dà questo sport? “Oltre a grandi soddisfazioni, la pesistica mi ha riempito la vita, mi ha aiutata a superare anche momenti brutti. Quando vado in palestra mi sfogo con il bilanciere, lasciando da parte i problemi. Riesco proprio a liberarmi di tutto, l’allenamento è un rifugio, la palestra è una seconda casa”. C’è qualcosa che ti pesa? “Alcuni esercizi che magari mi fanno durare un po’ più di fatica e non vorrei farli, ma poi dopo qualche giorno, quando vedo i risultati mi rendo conto che sono importanti anche loro”. I tuoi compagni ti seguono? “Sì. Soprattutto mi ha fatto piacere, quando sono tornata dai Campionati italiani, trovare ad aspettarmi all’aeroporto Marina Brondi, la mia migliore amica, con uno striscione con su scritto che era orgogliosa di me”. Chi altro c’era ad aspettarti? “Il mio secondo allenatore Andrea Ignudi, mio padre che si era rotto una gamba e quindi non aveva potuto seguirmi in Sicilia, i miei zii e mia nonna”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire a fare un europeo il prima possibile”. Un obiettivo per il 2013? “Riuscire a salire sul podio ai Campionati italiani, nella categoria juniores ed entrare nella squadra che parteciperà agli europei”.

Beatrice Grassi durante una gara

273


Scotto PubblicitĂ Livorno


B6CJ:A:76G9>C> KK#;;#IdbZ^ >ceVaZhigVh^edhhdcdhjeZgVgZ ijiiZaZY^[ÒXdai| Com’è andato il ritiro con la nazionale? “È stato bello incontrare persone che fanno il mio stesso sport e poter parlare con loro. A Livorno non ci sono molti atleti con cui confrontarsi. È stato importante potersi allenare tutti insieme, duramente, perché ci siamo esercitati anche tre volte al giorno”. Cosa ti ha lasciato questa esperienza? “Sono migliorato, con allenamenti così intensivi per 17 giorni è normale, ma soprattutto è lo scambio di esperienze che più mi ha arricchito”. La soddisfazione più bella del 2012? “Vincere i Campionati italiani under 17”. Un obiettivo per il 2013? “Arrivare primo ai Campionati juniores, dove nel 2012 mi sono qualificato secondo. Mi piacerebbe anche partecipare agli europei”. Un sogno? “Partecipare ad un’olimpiade”. Cosa ti dà questo sport? “Emozioni, soddisfazioni nell’ottenere i risultati in gara”. Quanto ti alleni? “Cinque volte alla settimana, concilio bene con la scuola, il tempo per studiare ce l’ho”. Un atleta mito? “Il russo Dmitry Klokov, spesso guardo i video delle sue gare su internet”. I tuoi amici ti seguono in questo sport?

Manuele Bardini

“Si interessano dei risultati delle gare, mi chiedono dove sono stato e sanno che ottengo buoni risultati”. Come convinceresti un giovane ragazzo ad intraprendere questa disciplina? “Gli direi di insistere con gli allenamenti, perché dopo un po’ di tempo si hanno le prime soddisfazioni e ci si appassiona alla pesistica. Non importa se inizialmente ci si sente deboli, in palestra si possono superare tutte le difficoltà”. Facevi altri sport? “In prima e seconda media praticavo basket, per un periodo ho praticato entrambe le discipline, ma poi ho scelto la pesistica, mi piaceva di più”. Hai un rituale prima della gara? “Un paio di caffè ffè la mattina e poi mi ff faccio dare due pacche sulle gambe o due schiaffetti ffetti da Sergio, il mio l’allenatore, ff perché mi caricano”. Vuoi ringraziare qualcuno? “L’allenatore che si dedica completamente a noi e ci porta in giro a fare le gare”. I tuoi genitori cosa pensano di questo sport? “A mia mamma non piace vedere che mi sforzo, soffre ffre troppo”. ff Quanto la pesistica influisce sul tuo stile di vita? “Tanto, ad esempio, devo stare attento a non fare sforzi eccessivi, devo rispettare una tabella, non posso esagerare con altre attività perché non mi farebbe bene. Per quanto riguarda l’alimentazione non sto tanto attento, mi basta rimanere nei 105 chili che è la mia categoria, comunque cerco di mangiare di tutto ed essere equilibrato”. Il complimento più bello che ti è stato fatto? “Quando Sergio alla fine di un’alzata, in una gara del Campionato italiano under 17, mi ha detto bravo e mi ha abbracciato”. Antonella De Vito

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

D

iciassettenne e campione italiano, Manuele Bardini frequento l’Iti ad indirizzo elettrotecnico. È un atleta della società Vigili del Fuoco Tomei ed il suo maestro è Sergio Mammarella. Come e quando hai iniziato? “Ho cominciato quando ero alle medie. Ho conosciuto il mio allenatore a scuola, quando venne a parlare della pesistica. Mi insegnò a fare lo strappo e mi portò ai Giochi Studenteschi. Ai quei tempi c’erano anche le prove con la palla medica e il salto triplo”. Ripercorriamo la tua carriera agonistica. “Nel 2011 ho vinto i Campionati italiani. Nel 2012 sono arrivato primo nello slancio e nel totale, ma secondo, per un solo chilo, nello strappo. Agli juniores mi sono qualificato secondo, e in seguito sono stato convocato ad un ritiro in nazionale al Centro Coni di Roma. Dopo l’estate ho partecipato ad un trofeo a San Marino dove siamo arrivati secondi come squadra, ma personalmente ho fatto il record nazionale con 110 di strappo e 135 di slancio”.

275


!"#$%&''"()*&(+%,-(.,/(*&"0/12"(3/(.,04,5(6(7(*8.9:;9


x x x o x t x a l x i x g x u XxxPx AVWdmZaVWgdc^XVXdci^cjV VhXVaVgZaZXaVhh^ÒX]Z >g^hjaiVi^YZ^egd[Zhh^dc^hi^ Y^BVg^dDgh^c^

B[ddo8ejjW_ikbjhedeZ[b C[Z_j[hhWd[e

Per Lenny Bottai un anno da incorniciare. Il 7 dicembre al PalaMacchia, ha messo le mani sulla corona WBC (la sigla più prestigiosa) dei superwelter del Mediterraneo: un mezzo titolo continentale, ma forse anche qualcosa di più. Per Lenny è il quarto alloro, della sua eccellente carriera, dopo quello italiano conquistato nel 2010 contro Adriano Nicchi; quello internazionale IBO del 2009 contro Turgay Uzun, e l’internazionale IBF messo in saccoccia a spese di Sergei Melis nel 2011. Ma torniamo all’ultimo successo quello del PalaMacchia, quello con il titolo del Mediterraneo in palio. Una vittoria netta e inequivocabile: per KO alla nona ripresa. Ad arrendersi a Bottai, di fronte a un paio di migliaio di persone, il turco Harun Akcabelen. Un ragazzotto natu-

ralizzato tedesco, di vent’anni, arrivato a Livorno, con un bel palmares alle spalle e convinto di potercela fare. Le cose, invece, per lui sono andate davvero male. Anche perché in seguito ai colpi subiti ha concluso la sua giornata in ospedale per accertamenti e poi ci è rimasto per un paio di giorni. La vittoria di Bottai, anche contro il turco-tedesco, non è stata casuale. All’appuntamento si era presentato, come sua abitudine, in forma fisica straripante e super concentrato. Nella piena consapevolezza che i treni per la gloria passano una volta sola e occorre prenderli al volo. E lui anche il 7 dicembre ci è salito sopra tranquillamente e senza patemi d’animo. Dimostrando una volta di più che a 35 anni, in questo sport, si può ancora guardare avanti. E se al talento si unisce serietà e meticolosità nella preparazione degli appuntamenti importanti, le possibilità di sorprese negative possono essere quasi azzerate. Il match? Quasi a senso unico e escluso brevi parentesi sempre gestito in maniera ottimale da Lenny. Dando l’impressione agli osservatori attenti di una buona padronanza della situazione. Pur nella consapevolezza che nel pugilato i contrattempi possono essere sempre dietro l’angolo. In questo caso ancora di più perché l’avversario, sebbene appena ventenne, era di quelli da prendere con le molle. Otto dei suoi dodici successi, ottenuti prima di salire sul ring del PalaMacchia, il pugile turco-tedesco, li aveva ottenuti per KO. A spingere Bottai verso il trionfo hanno

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

I

l pugilato siamo noi. Livorno, nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle, ha continuato a scalare le classifiche che nazionali e regionali. Numeri e risultati alla mano il pugilato labronico è davvero in grande spolvero, con ben tre pugili professionisti, o meglio quattro, considerando anche il pisano Dario Cichello che da tanto tempo è di casa all’Apl. E, inoltre, un bel gruppo di boxer dilettanti e una bella nidiata di baby pugili, poche città del bel paese, anche più popolate della nostra, possono permetterselo. E noi nel 2012 ce li siamo permessi alla grande. Con tante soddisfazioni e qualche amarezza. Com’è nello spirito dello sport più genuino. Oltre ai cosiddetti agonisti a frequentare le palestre e a scaricare lo stress su sacconi pendolati, sono stati e continuano a esserci, centinaia e centinaia di amatori. Insomma, per la boxe è il tempo delle vacche grasse o se preferiamo, per dirla alla livornese, “tanta roba”. In uno sport che molti considerano, a giusta ragione, un valido antidoto a possibili devianze. E quindi con finalità sociali. Portavoce di questo coro unanime che viene dai maestri di pugilato e non solo, Domenico Salvemini. Un ragazzo 33enne che viene dalla lontana Puglia e, in pochi anni, nella nostra città ha contribuito in maniera importante alla crescita di questo sport. “In palestra i nostri ragazzi imparano, prima di tutto, il rispetto delle regole e soprattutto di se stessi. Se vuoi salire sul ring e combattere devi essere prima di tutto preparato fisicamente e psicologicamente”.

Lenny Bottai

277


Scotto Pubblicità Livorno

VENDITA E MANUTENZIONE ESTINTORI STAZIONE AUTORIZZATA PER COLLAUDO RESPIRATORI I.S.P.E.L.S. e R.I.N.A IMPIANTI FISSI DI RILEVAMENTO E SPEGNIMENTO MATERIALE POMPIERISTICO PORTE TAGLIAFUOCO - R.E.I. 60/120 CONSULENZE E RILASCIO CERTIFICATI ORDINANZA MINISTERO INTERNO

Consulenze e sopralluoghi GRATUITI per la nuova legge 81/8 per tutti i tipi di attività -*703/07JB-FPOBSEP%B7JODJ t5FM MJOFF

'BYt&NBJMTPMBSJBOUJODFOEJ!UJOJU 278


BkYWJWii__dY^_WheiYkhe

Lenny Bottai

contribuito come consueto la sua schiera di tifosi che durante tutto il match, non hanno mai cessato un momento, di sostenerlo con montagne d’applausi e cori da stadio, da far invidia alla Curva Nord, dell’Armando Picchi, nelle giornate di festa. A fare da colonna sonora, all’ingresso di Lenny Bottai sul ring, al suo materializzarsi dopo aver attraversato una cortina di fumo bianco, “Generator”, uno dei cavalli di battaglia della band californiana dei Bad Religion. In piena estate, il 20 luglio, Bottai aveva fatto le prove generali al match di dicembre. Ai Bagni Lido, in una bella serata di “Pugni Amaranto” (alla sesta edizione) aveva spazzato via, come un fuscello, l’ungherese Antal Kubicsek e messo in cassaforte il 17esimo successo della sua carriera. L’epilogo, per KO, dopo appena 45 secondi della terza ripresa. Un tremendo montante al fegato e un gancio alla mascella avevano annebbiato le idee a Kubicsek e costretto alla resa. La bella serata di pugilato sul mare, sotto le stelle, va ricordata anche come 1° Memorial Gino Calderini. A fare da cornice un mez-

Per Luca Tassi un anno così così. A complicargli la vita i soliti guai fisici. Puntuali a frenargli la preparazione nei momenti topici oppure a costringerlo a lunghi stop. Insomma un mezzo calvario. Durante il 2012 il bravo Luca, lo “Scorpione” amaranto, ha combattuto solamente due volte. La prima il 5 maggio, al circolo Tennis contro l’ungherese Sandor Ramocsa. E la seconda, meno di un mese dopo, sul litorale romano di Fregene, contro Emanuele Blandamura. Due match completamente diversi come importanza e spessore tecnico e agonistico.

Nel match contro l’ungherese, Luca Tassi ha vinto in scioltezza, imponendo i diritti della classe per tutte e sei le canoniche riprese. A fare la differenza: fferenza: classe, ff talento e convinzione dei propri mezzi. L’avversario, è bene precisarlo, non era l’ultimo arrivato e aveva un curriculum di tutto rispetto con la casellina dei KO subiti ancora illibata. E sul ring montato al circolo Libertas, nonostante la sconfitta lo ha dimostrato mettendo in mostra una buona condizione fisica e ottime doti di incassatore che gli hanno permesso di rimanere in piedi fino al termine delle sei riprese. Le cose per Luca Tassi vanno decisamente peggio il 16 giugno. I sogni di Luca Tassi, di conquistare la corona internazionale WBC Silver, si infrangono, per KO, sulla spiaggia di Fregene. Ad alzare le braccia al cielo un minuto e quattordici secondi dopo l’inizio della decima ripresa è Emanuele Blandamura. L’arbitro inglese Mark Green, vedendo Luca Tassi in difficoltà, dopo qualche colpo mal digerito, impone lo stop anticipato al match e assegna la vittoria, per KOT, all’udinese di nascita, ma romano d’adozione, Emanuele “Sioux” Blandamura. Per il pugile friulano è il diciassettesimo successo su altrettanti match da professionisti. Per lo “Scorpione” di Salviano, la prima battuta d’arresto di una carriera con una striscia positiva, di quindici incontri, a dorso nudo.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

zo migliaio di spettatori. Da sottolineare, in maniera davvero non marginale che l’incasso della serata è stato devoluto all’associazione “Cure Palliative”. E, sempre nel ricordo dell’ex presidente provinciale del Coni, alla mamma del grande Gino, alla vedova signora Maria e alle figlie Veronica e Vanessa, sono state, invece, consegnate targhe ricordo. Ad arricchire il palmares annuale di Lenny Bottai, ricordiamo, infine, il bel successo ai punti, il 13 maggio a Guastalla contro il non irresistibile: Nobert Szkeres. Una vittoria in scioltezza e senza troppi patemi d’animo di fronte a tanti suoi tifosi che seppure lontano da Livorno gli sono stati vicini anche in quella circostanza.

Luca Tassi

279


:ec[d_YeIWbl[c_d__bdkele Y^[WlWdpW

Luca Tassi

Blandamura, benché abbia vinto per decisione arbitrale, sulla spiaggia laziale, non ha rubato nulla. Per larghi tratti dell’incontro ha tenuto in mano il pallino dell’iniziativa dimostrando maggiore freschezza atletica e aggressività. Tassi ha replicato con sprazzi di classe e bordate micidiali che qualche volta si sono fatte sentire. Non abbastanza però per costringere l’avversario a una resa anticipata, come aveva fatto in ben sette volte nei suoi precedenti quindici incontri da professionista. Una tattica di gara, quella di cercare il colpo risolutivo che è nel suo bagaglio tecnico, ed evidentemente era stata studiata a tavolino con babbo Gigi: “Sapevo di non poter reggere a certi ritmi. Mia intenzione era di incrociare e finire il match in anticipo. Blandamura è stato bravo a resistere e io non sono riuscito nel mio intento. Complimenti a lui”. A fare la differenza fferenza un po’ più del doff vuto, forse, la carenza di confidenza con il ring, di Luca, in incontri di alto livello. Dopo la conquista del titolo internazionale nel 2009 a Cecina, contro Mustafà, per tanti ragioni, Tassi ha combattuto poco. All’appuntamento romano, inoltre non si è presentato in condizioni fisiche ottimali. Un altro paio di mesi di preparazione a ritmi forsennati avrebbero potuto essere il toccasana. Con il senno di poi, e forse anche del momento, non è difficile affermare ffermare che questo match è ff arrivato con qualche mese abbondante d’anticipo. Ma come si fa, a 33 anni, a rifiutare queste opportunità? I treni vanno

Il 2012 inizia male per Domenico Salvemini. Il 27 gennaio, con un giorno d’anticipo sul suo 28esimo compleanno, ad Arezzo deve arrendersi ai punti a Adriano Nicchi nel match con in palio la corona italiana dei superwelter. Una sconfitta in ogni caso a testa alta vendendo a caro prezzo la pelle. Quasi scontato il canovaccio dell’incontro con il pallino dell’iniziativa in mano a super Mimmo e l’aretino pronto a replicare spesso in maniera chirurgica e efficace. Fin dalle prime battute Salvemini mette in mostra una condizione fisica straripante, ma anche un certo disordine tattico e un’oggettiva difficoltà a distribuire in maniera razionale le forze nell’arco del match. Nicchi, oltre al calore del pubblico amico, ha nell’esperienza, nell’abitudine a superare i momenti di difficoltà coltà e a gestire le dieci riprese le sue armi migliori. Alle folate disordinate e dispendiose dell’avversario replica in maniera efficace, e con una guardia stretta e un montante sempre pronto a far male. Al termine, dei canonici dieci round, sul volto di entrambi i segni della battaglia ma anche la soddisfazione di aver regalato uno spettacolo leale, genuino e degno di un campionato italiano. Pronti via ed è subito battaglia. Salvemini pigia sull’acceleratore, con serie di ganci larghi a due mani che fanno male.

La replica di Nicchi non si fa attendere e con violente bordate, entra ripetutamente nella guardia di Salvemini. Il resto dell’incontro non si schioda da questo cliché con Nicchi che cerca, e spesso ci riesce, di mandare fuori giri l’avversario. Nel finale del match Salvemini si batte come un leone. Energie e lucidità, però, non sono più quelle iniziali. Alla fine il verdetto è unanime: 96-92: 96-94 e 97-94 i punteggi a favore di Nicchi dei tre giudici. Franco Ligas, speaker TV, pur evidenziando la superiorità di Nicchi, ha parole al miele per Salvemini: “Hai dimostrato grande talento ma poca esperienza. Potevi aspettare qualche altro match prima di combattere per il titolo italiano”. La risposta di Mimmo è in chiave metaforica: “Se ti danno la possibilità di mangiare una bistecca non puoi rifiutarla”. Anche Nicchi, dopo averlo abbracciato, elogia Salvemini: “Ottimo avversario, grande guerriero, gentiluomo e bravissimo ragazzo. Nella prima ripresa è stato veramente una furia”. Archiviata, anche mentalmente, la sconfitta contro Adriano Nicchi, super Mimmo è tornato sul ring il 20 aprile a Frosinone. Un rientro vincente, ai punti, al termine delle canoniche sei riprese. Ad arrendersi il superwelter nicaraguense Ronny Mc Field. Un pugile tosto abituato a tante battaglie. Anche di notevole spessore. L’incontro faceva parte del sottoclou del match, con il titolo internazionale WBA dei pesi welter in palio, tra l’idolo locale Sven Paris e il brasiliano Adovisio Francisco Reges. Per aver ragione, del pugile dell’America Centrale, Salvemini ha sciorinato il meglio del proprio repertorio. Perché Mc Field non era venuto per fare una passeggiata. A guidarlo dall’angolo il fratello Donato e Sergio Puli-

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

presi quando passano, anche se si rischia, come è accaduto in questo caso a Luca Tassi, di scivolare sull’ultimo gradino. Nonostante tutte queste vicissitudini, prima della resa, Luca ha venduto cara la pelle. E alla fine ha avuto l’onore delle armi da Blandamura: “Grande avversario. Sapevo della sua forza e della potenza e pericolosità dei suoi pugni. Non si vince casualmente il titolo internazionale IBF e quello italiano battendo prima Zuanel e poi Imparato e Di Fiore, nella difesa, se non si è un campione. E Tassi lo è”.

Domenico Salvemini

281


282


Domenico Salvemini

a due mani che scuotono il fisico robusto del genovese e fanno male. Il pubblico dimostra di gradire e gli applausi scrosciano copiosi. Nella terza ripresa Salvemini si fa trovare con la guardia bassa e Ciano lo centra con un violentissimo gancio. Oltre a fargli male è un bel segnale per ricordargli che l’attenzione deve essere sempre al top e non è il caso di ruzzare, anche se sono amici. Nelle riprese successive i due pugili continuano a menarsi di santa ragione. Domenico, però, ha la lucidità giusta per leggere il match e continuare mettere a segno violente bordate al bersaglio grosso e al volto che gli consentono di far pendere la bilancia dalla sua parte. Al termine della tenzone Mimmo è fresco come una rosa. Ciano, invece, ha sul volto i segni della battaglia e dimostra di non gradire il verdetto. A Domenico urla: “Non ce l’ho con te perché sei un campione, ma non meritavo di perdere”. Poi puntando l’indice verso l’arbitro aggiunge: “Mi ritiro”. Negli occhi di Salvemini la felicità di aver vinto una bella battaglia e nelle parole l’onore delle armi verso Ciano: “È stato un grande avversario. Qualche colpo l’ho sentito, ma penso di aver vinto meritatamente”. Nell’intervallo, sul ring per ricevere meritati applausi, dal numeroso pubblico presente, anche Lenny Bottai, Franco Nenci e Romano Fanali. Passato e presente di uno sport che a Livorno ha radici robuste.

:Wh_e9_Y^[bbeijef[khef[e

A giugno addio ai sogni di gloria planetari per il pisano, naturalizzato livornese, dell’Apl, Dario Cichello. La corona dell’Unione Europea dei medio massimi, in palio sotto il cielo stellato di Villanova di Guidonia, se la porta a casa il ventinovenne albanese, naturalizzato italiano, Orial Kolaj. L’epilogo, per KOT, dopo un minuto e 18 secondi dell’undicesima ripresa, delle dodici previste. Ironia della sorte, dopo che Dario Cichello aveva appena dato un’accelerata al match, con una violenta serie di combinazioni a due mani. La reazione di Kolaj, però, non era tardata ad arrivare in tutta

la sua veemenza. E un paio di tremendi ganci avevano lasciato il segno. Gambe e braccia di Cichello si erano appesantite come macigni e la lucidità aveva iniziato a vacillare in maniera preoccupante. L’arbitro dopo averlo guardato negli occhi gli aveva imposto giustamente lo stop, anche se l’incontro, avrebbe potuto tranquillamente proseguire, magari dopo un conteggio in piedi per fargli riordinare le idee. Meglio così in ogni caso. Perché la salute viene prima di tutto anche se c’è di mezzo la carriera. Fino a quel momento l’incontro era filato via su canoni ben definiti, con il pallino dell’iniziativa in mano a Kolaj che cercava e trovava la corta distanza, usando come grimaldello il suo jab sinistro mulinato a frequenza impressionante. Corta distanza che un guerriero del ring e grande incassatore come Dario Cichello non si sognava neppure lontanamente di rifiutare. Sbagliando perché la sua struttura fisica, la maggiore linearità dei suoi colpi e il più alto tasso tecnico gli avrebbero dovuto suggerire un atteggiamento meno aggressivo e dispendioso e sicuramente più efficace. A consigliare, apparentemente senza essere troppo ascoltato, un’impostazione tattica diversa: “usa più il montante e il diritto”, all’angolo era Gigi Tassi. Uno che sa leggere gli incontri come pochi. Il match si è trasformato così, fin dalle prime battute, in un’autentica battaglia. Un match d’altri tempi. Una pacchia per il numeroso pubblico che ha sommerso d’applausi i due boxer. A imprimere una svolta, momentaneamente non decisiva ma successivamente determinante, sull’esito del match, all’ottava ripresa, una violentissima e involontaria capocciata di Kolaj a Cichello che gli aveva procurato una vistosa ecchimosi, tre o quattro centimetri sopra l’occhio destro. Su questo episodio, pur dopo aver riconosciuto i meriti del proprio avversario, aveva chiosato Dario Cichello al termine dell’incontro: “Ho sentito un male tremendo. Anche nelle riprese successive sentivo dolore e ero infastidito e per questo meno lucido”. Insomma, per il bravo Dario, seppure sia difficile parlare con il senno di poi, qualcosa di più di una giustificazione a una sconfitta non proprio limpida per non dire immeritata.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

meno. Rispetto all’incontro con Nicchi, a Frosinone, Domenico è apparso meno generoso e all’istinto ha sostituito spesso il raziocinio. A sottolinearlo il fratello Donato al termine della tenzone: “Ho visto un Mimmo diverso. Un Mimmo in grado di frenare il proprio istinto di combattente, di ragionare di più e distribuire meglio le energie durante tutto il match. Con Mc Field, e questa per tanti versi è una novità, ha colpito spesso, in maniera chirurgica, anche con azioni di rimessa, scivolando via dall’angolo quando era necessario. Insomma una tattica meno dispendiosa infarcita da più qualità a scapito della quantità. La vittoria con Mc Field, è bene chiarirlo, è stata netta e a guadagnarci è stato anche lo spettacolo. Davvero molto apprezzato dal pubblico presente”. Alla soglia dell’estate, il 15 giugno, Domenico Salvemini è tornato nuovamente sul ring. Questa volta a Livorno, ai Bagni Tirreno, contro un avversario, il genovese Ciro Ciano, davvero di tutto rispetto. L’incontro? Pronti via e Ciro Ciano mette subito in chiaro che non è venuto a fare una gitarella fuori porta. La sua tecnica non è da manuali della noble art, ma determinazione, temperamento e una condizione fisica straripante, bastano e avanzano per accendere la miccia. Super Mimmo, come carattere non gli è da meno e tatticamente dimostra di avere la mente sveglia e le idee chiare. Per arginare le folate di Ciano, saltella sul ring come una libellula e come contraerea, a velocità supersonica, usa il jab. Quando si presenta l’opportunità, entra nella guardia dell’avversario, con montanti e ganci

283


284


IkbjhedeZ[b=hWdZkYWje

In vetta alle classifiche del pugilato toscano. Alle finali regionali di Siena i nostri baldi giovanotti hanno sbaragliato il campo. Ben tre titoli, degli otto disponibili, hanno preso la strada di Livorno. A mettersi la medaglia al collo il 19enne Nicola

Federica Jonathan e Alessandro Sannino

Hj^g^c\Y^ijiiÉ>iVa^V eZgY^bdhigVgZ^aiVaZcid >g^hjaiVi^YZ^Y^aZiiVci^ Y^BVg^dDgh^c^

D’Andrea, della Livorno Boxe Salvemini, il 20enne Vairo Lenti dell’Apl e il 29enne Federico Gassani della Spes Fortitude. A fare bella figura tanti altri, dimostrando, una volta di più, che i più bravi del Granducato vivono all’ombra dei Quattro Mori. Superwelter: al limite dei 69 Kg. La categoria più “popolata”. Ai nastri di partenza ben 13 pugili. E tra loro tre livornesi: Nicola D’Andrea, Michele Cicchitti e Marco Passani. L’inizio dagli ottavi di finale. Con una doppia vittoria per i pugili labronici. Quella del 25enne Marco Passani, della Spes Fortitude. su Stefano Manfredi. E del 27enne Michele Cicchitti, anche lui della Spes Fortitude, su Daniele Talia. Per D’Andrea, invece, sorteggio favorevole e pass automatico. Nei quarti la sorte non è stata benigna e ha messo di fronte Marco Passani e Nicola D’Andrea, i più forti del torneo. A vincere, di stretta misura, Nicola. “Il match si è risolto sul filo del rasoio. Da una parte la maggiore esperienza di Marco. Dall’altra la continuità e determinazione di Nicola che è riuscito a prevalere grazie a un finale nale in crescendo”, le parole di Donato Salvemini. “Non meritavo la sconfitta”, scon tta”, la replica a stretto giro di posta di Marco Passani. Accesso alle semifinali nali anche per Michele Cicchitti che si è sbarazzato, ai punti, di Lorenzo Barotti. In semifinale nale per D’Andrea, un avversario davvero tosto: il forte Tommaso Serci, del Boxing Club Firenze. Galvanizzato dal successo su Passani, il bravo Nicola

Vairo Lenti a sinistra

ha dato spettacolo e vinto meritatamente. “Facendo piegare le gambe – aggiunge Salvemini- ben due volte all’avversario”. Cicchitti, invece, si è dovuto arrendere a Samuel Mekail. Un verdetto mal digerito da Lenny Bottai e dallo stesso Michelino. “Non meritavo di perdere”, il suo serafico commento. A vendicare Cicchitti, in

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

O

ltre ai quattro professionisti e a tanti baby boxer il pugilato labronico può contare su un bel gruppo di dilettanti. Giovanotti capaci di esprimersi a discreti livelli sui ring di tutta Italia. Tra loro, anagrafe alla mano, un terzetto di giovani di assoluto valore: Nicola D’Andrea della Livorno Boxe Salvemini, Jonathan Sannino della Spes Fortitude e Vario Lenti dell’Apl. Tre giovanotti di cui si dice un gran bene e a classe e talento associano grande passione e impegno certosino. A questi talenti aggiungiamo tanti altri pugili che seppure non più giovanissimi quando salgono sul ring riescono sempre a farsi rispettare. In primis Federico Gassani della Spes Fortitude. Un ragazzo che un paio d’anni fa sembrava pronto per il salto nei professionisti. Come dimenticare poi il talentuoso venticinquenne Marco Passani e il simpatico Michele Cicchitti, entrambi della Spes Fortitude. Tra i boxer, che in futuro potrebbero scrivere pagine importanti a livello nazionale, tutti gli “addetti ai lavori” indicano Filippo Gressani. Seppure abbia appena quindici anni e a tutti gli effetti sia un baby pugile, ha già dimostrato di poter ambire a traguardi importanti grazie a una discreta tecnica, una grinta e una freddezza invidiabile e un fisico ben strutturato.

Vairo Lenti in nazionale

285


286

Scotto PubblicitĂ Livorno


finale ci ha poi pensato D’Andrea. “Dopo un inizio con il freno tirato ha martellato l’avversario con combinazioni di colpi, degni di un campione regionale” regionale”, la chiosa finale di Salvemini. Super Gallo al limite dei 56 Kg. Finale secca e sconfitta di misura per il 19enne Jonathan Sannino, uno degli astri nascenti del pugilato livornese. Per il bravissimo Jonathan, della Spes Fortitude, un avversario ostico, che più ostico non si poteva: il 29enne Alex Ferramosca, un giramondo del ring (79 match alle spalle) e tante vittorie da tutte le parti compreso Helsinki, Ankara, Baku e Rio “Jonathan ha perso di stretta misura e a testa alta” alta”, il commento di Lenny Bottai. Super leggeri al limite dei 64 Kg. Cavalcata trionfale di Vairo Lenti. L’allievo di Luca e Gigi Tassi non ha lasciato niente al caso. Nei quarti si è sbarazzato senza troppi patemi di Giordano Calamita. In semifinale, invece, vittoria per Walk Over (senza combattere) su Alessio Mastromatteo della Uppercut Cecina. E in finale, successo senza troppi patemi, sul bravo 22enne Salvatore Tommasini della Boxe Stiava. SuperMedi, al limite dei 75 Kg. Sconfitta ai punti, nei quarti, di Marino De San-

9Wcf_edWj__jWb_Wd_Z_b[jjWdj_

Ben tre pugili livornesi, su un totale di centotrentadue partecipanti suddivisi in 10 categorie, a metà dicembre, si sono schierato ai nastri di partenza dei campionati italiani dilettanti. Un successo per il pugilato labronico impensabile fino a pochi anni fa. A cercare di tenere alto lo stellone amaranto Nicola D’Andrea, Vairo Lenti e Federico Gassani. A conti fatti due giovani emergenti e un veterano, seppure appena ventinovenne. A dire la verità all’appuntamento tricolore avrebbe meritato di esserci anche Jonathan Sannino. Anche lui diciannovenne e uno dei pugili tecnicamente più bravi del bel paese. A impedirgli di salire sulle pedane tricolori, come abbiamo visto, un avversario troppo forte e esperto: Alex Ferramosca. Le cose poi non sono andate benissimo ma neppure in maniera catastro catastrofica. L’unica piccola delusione, se di delusione si può parlare quando si gareggia a questi livelli, riguarda il bravo Federico Gassani della Spes Fortitude. Per lui lo stop inatteso è arrivato al pri-

APL pugili a Roma

Il gruppo Boxe Bottai

mo match contro Giuseppe Squeo. Una sconfitta, quella di Chico, di misura: 17-14, contro un avversario largamente alla sua portata. A fare la differenza fferenza più che la braff vura di Squeo, il modo in cui ha affrontato il match. “Non c’ero con la testa”, il suo stringato ma chiaro, esaustivo e incisivo commento. Bravissimo, invece, il giovane Nicola D’Andrea della Livorno Boxe Salvemini. Negli ottavi ha superato in scioltezza: 14-9, Guglielmo Carata. Nei quarti poi si è arreso contro Marvin Perugini, uno degli astri nascenti del pugilato nazionale nella categoria dei superwelter. Un giovanotto che poi ha proseguito la sua corsa fino alla finalissima, persa con il forte Dario Morello. Eccellente pure la prestazione del ventenne Vairo Lenti. L’allievo dei maestri Gigi e Luca Tassi e Gianluca Urbani dopo aver superato in scioltezza: 17:8, l’ostacolo Benito Ruggiero, negli ottavi, si è arreso nei quarti al super esperto trentenne Carmine Cirillo meritando, in ogni caso i complimenti di Luca Tassi. “A fare la differenza fferenza è ff stata l’esperienza. Cirillo grazie ai trucchi del mestiere ha impedito a Vairo di esprimere al meglio la sua classe cristallina”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Cicchitti e Pirone

ctis della Boxe Salvemini, contro il 27enne David Traversi della Boxe Siena poi vincitore del titolo regionale. Medio Massimi al limite degli 81 Kg. Finale diretta per Federico Gassani della Spes Fortitude. Perché alcuni dei probabili protagonisti, come Diego Tommassini per infortunio, sono rimasti a casa. Il bravissimo Chico, per conquistare il quarto titolo regionale consecutivo ha impiegato poco più di tre minuti. L’avversario, il 31enne Mirko Fiorenza della Boxe Nicchi, all’inizio della seconda ripresa ha alzato bandiera bianca per RSCH (impossibilità a continuare). “Federico ha dimostrato ancora una volta di essere il più forte di tutti”, il commento di Lenny Bottai.

Gressani e Passeri

287


288


CWjj_W8ebZh_d_jh_Yebeh[d[]b_ IY^eebXeo

A ottobre il 14enne Mattia Boldrini conquista la corona italiana di pugilato nella categoria Schoolboy. Un successo che arriva qualche giorno dopo quello di Annalisa Ghilardi e manda in sollucchero la grande famiglia dell’Apl. Per Mattia il ritorno in palestra, all’indomani della conquista della medaglia d’oro, è una giornata speciale. Contentezza e felicità gli si leggono sul volto e, per il visibile turbamento, tracimano a fatica attraverso le parole. “Un’accoglienza del genere non me l’aspettavo davvero. È stata una bella sorpresa. Anche stamattina a scuola mi hanno fatto tanti complimenti. Ringrazio i miei maestri Luca Tassi, Gianluca Urbani, Gigi Tassi, babbo Francesco e il preparatore atletico Pietro Cannavò. Questo successo è anche merito loro che

7VWnej\^a^ Y^BVg^dDgh^c^ mi hanno preparato in maniera ottimale” ottimale”. Poi il pensiero corre veloce al successo tricolore contro Rinaldo Corrado. “Ho vinto più facilmente del previsto. Il match più difficile l’ho disputato nei quarti di finale contro Mancuso. Oltre ad essere forte era un po’ scorretto e ha ricevuto due richiami ufficiali. Anche in semifinale con Albini non ho avuto problemi”. A conforto delle sue parole i punteggi netti a suo favore. Quella di Mattia Boldrini è l’unica medaglia conquistata, nelle categorie Junior e Schoolboy ai campionati italiani di Rimini, da un baby pugile toscano. A dire la verità le medaglie avrebbero potuto essere due. Devid Brongo, dopo la vittoria in semifinale ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di un improvviso attacco influenzale, che lo ha costretto a rimanere a letto e a saltare la finalissima. Ma le soddisfazioni in casa Apl non finiscono qui. Claudio Villanueva, allenato dal maestro Ivo Fancelli, ha perso in semifinale contro Russo. Jacopo Guerini e lo junior Gabriele Giovannelli, anche lui allenato da Fancelli, hanno avuto la sfortuna di incrociare i guantoni nei quarti contro Marolla e Maietta, che poi hanno vinto il titolo. Infine il biondo Lorenzo Iacopini, il più piccolo della cucciolata, ha ceduto al bolzanino Idrizi. Super soddisfatto Luca Tassi. “Sono tutti ragazzini che abbiamo visto crescere nel nostro vivaio”. Contentissimo anche babbo Francesco Boldrini, anche lui maestro di pugilato. “Mattia oltre ad allenarsi con passione e entusiasmo è un bravo studente, al liceo sportivo Pesenti di Cascina. Ogni giorno si alza presto e torna a casa alle 14. Il pomeriggio fa i compiti e verso le sei viene in palestra ad allenarsi” allenarsi”. Oltre a Mattia i coniugi Boldrini hanno altri due figli. Il piccolo Manuel, 8 anni, che nel 2010 ha vinto il campionato italiano, nella categoria cuccioli, ai giochi della gioventù e Mitia, 11 anni, che gioca nei ragazzini del Livorno calcio ed è allenato da Andrea Perfetti.

Filippo Gressani e Donato Salvemini

Mattia Demi

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

G

iovani boxer livornesi in evidenza ai campionati regionali giovanili di pugilato: Schoolboy (13-14 anni), Junior (15 e 16 anni) e Youth (17-18 anni) di Borgo S. Lorenzo. Una rassegna con in palio anche i pass per i campionati italiani di Rimini. Ma andiamo nel dettaglio cominciando dalle prestazioni dei pugili dell’Apl. Negli Schoolboy successo, ai punti, nella categoria al limite dei 56 Kg, di Jacopo Guerini su Alessandro Brizzi (Siena). E in quella Junior, al limite dei 60 Kg, del 15enne Gabriele Giovannelli sul 16enne Francesco Vrenna (Pug. Isolotto). Nel Mugello per mancanza degli avversari non hanno, invece, potuto combattere i quattordicenni: Claudio Villanueva, nella categoria al limite dei 38,5 Kg, Mattia Boldrini (52 Kg), Lorenzo Iacopini (54 Kg) e Devid Brongo (72 Kg) e lo Youth peso massimo Manuel Ribezzo. In casa Boxe Salvemini, invece, disco rosso per il 15enne Filippo Gressani e il 16enne Riccardo Cammarota nella categoria Junior. A Filippo Gressani, elemento di spicco, della “new generation” labronica, non sono bastati cuore e coraggio per battere Dimitri Barcali, anche a causa dei postumi di una noiosa influenza. Ammesso ai campionati italiani, in maniera automatica, nella categoria al limite dei 46 Kg, per mancanza di avversari anche Mattia Demi.

Mitia, Manuel e Mattia Boldrini

289


di Alessandro e Marino

t Costruzione carpenteria metallica t Costruzione scale su misura, cancelli, recinzioni, griglie di sicurezza, serbatoi, pontilli galleggianti t Saldatura: ferro/acciaio/alluminio t Costruzioni e montaggio allestimenti e accessori per barche in acciaio inox Scotto PubblicitĂ Livorno

t Lucidatura acciaio a specchio t Costruzione pezzi speciali da disegno o su misura in acciaio/ferro/alluminio t Impiantistica

PREVENTIVI GR ATUITI Via L. da Vinci, 4 (interno 10) - 57100 Livorno Tel. 0586 421739 - Fax 0586 445234 Alessandro cell. 392 1000710 - Marino cell. 328 7789655 multiwork.focze.a@gmail.com - www.multiwork-italia.it P. IVA 01706690490


6CC6A>H6<=>A6G9> 8Vbe^dcZhhV^iVa^VcVYZ^hjeZgbZY^

Ghilardi e Sergino

Quando c’è da menare mani e piedi, tra le sedici corde, va a nozze. “In borghese”, invece, sembra un’altra persona. Carina, dolce, educata, sempre gentile e sorridente. Annalisa Ghilardi, 32enne viareggina di Stiava, da quando un paio d’anni fa ha cominciato a frequentare la palestra Apl di cammino ne ha fatto davvero tanto. L’ultimo roboante successo del 2012 l’ha ottenuto a settembre ai Campionati italiani di pugilato di Roseto degli Abruzzi. Per il secondo anno consecutivo è salita sul podio tricolore dei supermedi, costringendo alla resa l’emergente ed imbattuta 22enne Federica Monacelli. Un successo che le ha regalato un’infinità nità di complimenti. Ma ha acuito la sua delusione olimpica. Basta ascoltare le sue parole. “Non aver varcato la Manica mi ha bruciato parecchio. Per cinque anni, da quando nel 2007 ho lasciato la kick per dedicarmi al pugilato, mi sono posta l’obiettivo di partecipare alle

Olimpiadi. Invece, non per demerito mio, sono rimasta a casa”. Rio de Janeiro è troppo lontana? “Rio non è né lontana, né vicina. Per me non esiste. La boxe dilettantistica a livello femminile si può praticare fino a 34 anni ed io nel 2016 ne avrò 36!. Tancredi Gioia, il vicepresidente regionale, ha detto che da quando frequenti l’Apl, a Livorno, hai fatto progressi straordinari. D’accordo? “È vero. Da quando sono sotto l’ala dell’Apl sono migliorata moltissimo. Ottimi maestri, competenti in tutto. Hanno saputo far leva sul mio carattere e sono riusciti a far emergere le mie potenzialità. Grandissimi: Gianluca Urbani, Gigi e Luca Tassi e tutto l’entourage dell’Apl”. Non pensi che la tua bella faccina si possa sciupare a fare pugilato? “La mia bella faccina sono ormai 26 anni che prende calci e pugni, da donne e soprattutto uomini. Se non si è rovinata fino a oggi non si rovina più”. Quando hai iniziato? “A 6 anni con la kickboxing. A 11 ho fatto la mia prima gara. Ho vinto tantissimo. Ero la regina. Se a Londra c’era la kick io c’ero di sicuro. Invece c’era il pugilato e noi non c’eravamo”. La tua vita sembra una continua ricerca di sensazioni forti. Non era meno faticoso e pericoloso fare la calza? “La calza? In passato, quando mi allenavo vicino a casa, mi c’incastrava fare découpage: tecnica decorativa e sartoria. Io sono una multitasking, cioè riesco a fare più cose contemporaneamente”. Femminilità e guantoni pensi possano convivere? “Certamente. Solo chi ha una mente chiusa può pensare diversamente”. Quando smetti? “Difficile cile dirlo. Per adesso vado avanti per la mia strada”. Come fai a conciliare il pugilato, con il lavoro e il fidanzato Sergino?

Cichello, Urbani, Ghilardi e Tassi

“Bella domanda. Non ho mai un attimo libero. Mi piace così, è bello avere sempre la testa super impegnata, anche perché da maggio sono diventata la presidente della cooperativa sociale in cui lavoro. Per quanto riguarda il mio Sergino non occorre conciliarlo. Lui è un ragazzo fantastico. L’anno scorso ha iniziato a fare boxe, per colpa mia, ed è diventato bravo. Ha preso passione per questo sport. Per me è anche un grandissimo aiuto morale. Insieme metteremo su casa”. E poi? “Da cosa nasce cosa”. Mario Orsini

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

I

nnamorata degli sport da combattimento. Prima della kickboxing e adesso del pugilato.

Ghilardi e Lenti

291


292

Scotto PubblicitĂ Livorno


K:GDC>86 EDCH><A>DC:

Veronica Ponsiglione

C

ordiale, educata, sorridente e autoritaria. Almeno quanto basta per farsi rispettare, da maschietti e femminucce, tra le sedici corde. Veronica Ponsiglione, commerciante di professione e arbitro di pugilato per passione, in un annetto e mezzo di attività ha già diretto un centinaio di combattimenti, riscuotendo montagne di complimenti. Bravura nei movimenti sul ring, equità nelle decisioni e autorevolezza, le sue prerogative principali che le consentono di cavarsela, tutto sommato abbastanza bene, in un mondo in cui il maschilismo la fa da padrone. Insieme al fidanzato gestisce una rivendita di prodotti alimentari: “Il Sole di Napoli”, in via di Salviano. Perché quest’attività? “È un lavoro che mi è sempre piaciuto. Ho iniziato ad appassionarmici a sedici anni quando, nei ritagli di tempo libero, andavo a dare una mano a mia madre nel negozio di alimentari”. E al pugilato come sei arrivata? “Mi sono innamorata della boxe quando ho iniziato ad allenarmi, a livello amatoriale, con i maestri Franco Nenci e Donato Salvemini all’Accademia dello Sport. Ringrazio pubblicamente per aver contribuito a farmi conoscere bene questo sport. La boxe è veramente la

Noble Art e così deve rimanere. È passione, sacrificio, soddisfazione e tante altre cose”. Cosa significa arbitrare? “Per me è un onore salire sul ring. È una sensazione fantastica. Tra le sedici corde riesco a essere veramente me stessa”. Ha senso il pugilato femminile? “Certo che ha senso. Finalmente ha avuto diritto di cittadinanza anche alle olimpiadi. Era ora. È caduta un’altra barriera maschilista e lo spettacolo non è mancato davvero. Un esempio? Claressa Shields, la statunitense di diciassette anni e mezzo, battendo la russa Torlopova ha vinto l’oro nei 75 Kg. Una Shields, potente, veloce, grandiosa, perfetta. Uno super spot mondiale per il pugilato in gonnella ”. Ricordi del tuo primo match da arbitro? “Una fifa tremenda. Per fortuna andò tutto bene. Per darmi forza al momento di salire sul ring mi dicevo: sono solamente tre riprese di appena due minuti ciascuno. Che cosa potrà mai succedere in sei minuti di così terribile!”. Più facile arbitrare uomini o donne? “Gli incontri femminili, a mio avviso, sono i più difficili. Le donne sono tremende. In generale sembrano prediligere diretti al viso. Fanno paura, sono carrarmati”. Mai preso qualche cazzotto vacante? “Una volta ho evitato, di un soffio, un

Veronica Ponsiglione con D’Andrea

paio di cazzotti in un incontro femminile. Per non prenderli ci vogliono i riflessi pronti e lucidità”. Quanto si guadagna a fare l’arbitro? “Davvero poco. Non si arbitra per soldi”. Sei mai stata contestata? “Complessivamente ho arbitrato un centinaio di incontri. Solo una volta sono stata contestata per aver interrotto il match prima del limite. In quella circostanza mi hanno detto di andare a fare la maglia. Ma io non me la sono presa. Penso di aver preso la decisione giusta al momento giusto. Il nostro compito primario è salvaguardare la salute dei pugili. Con il pugilato la superficialità non è ammessa”. Adesso il pugilato ma prima quale sport hai praticato? “La ginnastica artistica e il rock acrobatico. Entrambi sport belli e spettacolari”. Cos’ha di speciale l’arbitraggio? “Il motto: ‘Sul ring comandi tu’ mi è sempre piaciuto e me lo ripeto ogni volta prima di salire tra le sedici corde. Quando scendo dal ring mi sento soddisfatta. A me piace il rispetto delle regole, la correttezza, la lealtà e la sportività. E la mia stima va a un tipo di arbitro di pugilato che tenga conto di queste peculiarità”. 5JQJBDFBODIFGBSFJMHJVEJDFBCPSEP ring? “Fare il giudice ti coinvolge di meno. Scorre meno adrenalina. Ma ogni cosa che riguarda la boxe mi dà emozioni. Quindi anche fare il giudice è bello e responsabilizza”. Appuntamento a Rio de Janeiro tra quattro anni? “Arbitrare alle olimpiadi o ai mondiali sarebbe il massimo. Per adesso, però, è presto per sognare. Di strada ne devo fare ancora tanta. Meglio rimanere con i piedi per terra e continuare ad amare questo sport! Se son rose….” Mario Orsini.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

AVYdaXZYdcoZaaVigVaZhZY^X^XdgYZ Xdc^aWVhidcZY^XdbVcYd^cbVcd

293


294


x x x x y x b x g x u x XxxRx Gj\WnA^kdgcd AVajc\Vhidg^VXdcaVbV\a^VW^VcXdkZgYZ Y^;VW^d<^dg\^

Rugby vanta un margine ragguardevole sulla zona retrocessione. L’obiettivo di un’annata di transizione, utile per dar fiducia ai giovani provenienti dal vivaio, di far loro acquisire utili esperienze, di permetter loro di crescere e maturare è (almeno per ora) centrato in pieno. Chi chiede a questo sodalizio i fasti del passato, più o meno recente, è completamente fuori strada. Il Livorno Rugby non ha i mezzi economici per puntare ai campionati professionistici di primissimo piano. La palla ovale, dal 2000, da quando l’Italrugby è entrata di diritto nel ‘Sei Nazioni’ ha cambiato pelle. Per stazionare, magari con buoni risultati, con le prime della classe, servono generosi sponsor. Servono tanti soldi. Altrimenti, facendo di necessità virtù, ci si deve accontentare di campionati meno scintillanti. Il Livorno Rugby è consapevole che deve continuare con i propri mezzi, senza inseguire giocatori professionisti, che magari in campo fanno compiere il salto di qualità, ma che rischiano di rovinare il bilancio. Per il terzo anno consecutivo, a guidare la squadra labro-

nica è Diego Saccà. Un trainer giovane (è un classe ‘81), al quale è stato affidato un progetto a lungo termine: un progetto non certo rovinato dalla retrocessione di cui sopra. Il Livorno Rugby è composto in modo pressoché esclusivo da giovani prodotti del vivaio. Elementi dilettanti pronti a sacrificarsi ed a giocare solo per il proprio grande attaccamento ai colori sociali. Elementi che stanno aprendo un nuovo ciclo. Il florido vivaio biancoverde è in grado di ‘sfornare’ atleti di grande spessore. Alcuni giocatori provenienti dalle giovanili con mezzi di primo ordine hanno chiesto (ed ottenuto) di passare nel torneo èlitario di eccellenza ed hanno (legittimamente) cercato la carta del professionismo. Livorno, in questa annata, dietro alle ‘chiocce’ Daniele Biagiotti, Andrea Brancoli, Sergio Cortesi, Alessio Lunardi, Marco Milianti e Stefano Vullo, vanta una rosa dall’età media bassissima. Solo puntando grandi risorse al proprio settore juniores, il Livorno Rugby può guardare al futuro con ottimismo. L’eccellenza lasciamola a chi se la può permettere...

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

L

a lunga storia del Rugby Livorno (dal 2002 ribattezzato ‘Livorno Rugby ssd s.r.l.) è pieno zeppo di alti e bassi. Dal giorno della sua nascita, datata 1931, la società biancoverde labronica ha conosciuto momenti di esaltazione, con ben 16 campionati disputati nella categoria maggiore (A o A1, secondo le varie denominazioni) e momenti difficili, con alcuni tornei giocati nelle serie più basse (nella stagione 70/71 Livorno era solo in C). In oltre 80 anni di storia, tantissimi gli aneddoti, tantissime le partite giocate, tantissime le mete realizzate e tantissime le mete subìte. Il grande pregio del club biancoverde è stato quello di rialzarsi sempre, come un rugbista autentico, che può essere messo a terra da un duro placcaggio, che può incassare severe sconfitte, ma è sempre pronto a ripartire, con rinnovato slancio e rinnovata determinazione. Il 2012 del Livorno Rugby ha regalato, almeno fino a maggio, ben poche soddisfazioni. La squadra biancoverde ha incassato, nella stagione di A1 2011/12, una lunga serie di sconfitte, che hanno determinato la retrocessione in B. Una discesa di categoria messa ampiamente in preventivo. Impossibile chiedere qualcosa di più ad un gruppo composto in larga prevalenza da giovani e giovanissimi alle prime armi nel ruvido mondo della palla ovale seniores. Dopo cinque anni consecutivi, vissuti in A (quattro campionati in A1, uno in A2), il Livorno Rugby, da ottobre scorso, è dunque ripartito dalla B. E nel torneo cadetto (girone del centro Italia) la formazione labronica ha dimostrato fin dalle prime giornate di potersi ritagliare uno spazio più che decoroso. Mentre scriviamo, all’indomani di un bel successo colto in trasferta, il Livorno

295


<>DG<>D <G6<C6C> FjVcYd\^dXVgZkjdaY^gZbZiiZgX^ ijiid^aXjdgZ

F.I.R.: Federazione

Italiana Rugby

C

296

apitano degli Under 16 e “figlio d’arte” Giorgio Gragnani con i suoi 16 anni ed un ruolo in terza linea ci racconta la sua avventura regbistica. “Pratico questa disciplina da tre anni, ed ho iniziato perché indirizzato da mio padre che in passato è stato un giocatore per dieci anni”. Hai fatto anche altri sport? “Sì, calcio, nuoto, pallacanestro, ma non mi appassionavano così tanto come il rugby”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “Fare un bel placcaggio e respingere indietro un avversario. Oppure quando si vince un incontro e si canta tutti insieme”. L’emozione più bella del 2012? “Andare con la nazionale a disputare una partita all’Aquila; la sera prima abbiamo fatto un giro per la città e ci hanno mostrato i segni del terremoto. Mi sono commosso”. Una cosa piacevole da ricordare? “La convocazione al Centro Asa, l’Accademia di Roma, per un ritiro”.

Un sogno? “Arrivare a giocare nell’ nell’Aviva Premiership Rugby, il campionato di Eccellenza inglese”. Come concili scuola e sport? “Molto bene, frequento la secondo liceo scientifico Enriques e mi alleno 5 volte alla settimana, perché partecipo anche ad una selezione, ma riesco a conciliare tutto, e qualche volta riesco anche ad uscire con gli amici”. Un atleta mito? “Michael Hooper Hooper, un giocatore australiano”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Gli allenatori Andrea e Gianpaolo Brancoli e Massimiliano Ljubi”. Il complimento più bello che hai ricevuto? “Mi hanno fatto notare he ho tanta aggressività e che

6A:HH6C9GD 8G>HI><A>D 9VaGj\WnA^kdgcd VaaÉ6XXVYZb^VY^GdbV

L

e sue radici sono nel Rugby Livorno, ma lui a 16 anni ha già spiccato il volo verso Roma, all’Accademia del Rugby. Intervistiamo Alessandro Cristiglio approfittando del suo rientro a casa nel fine settimana. In passato hai fatto altri sport? “Un po’ di calcio, ma il rugby mi piace di più. Mi sfogo maggiormente”. Quale aspetto preferisci? “La squadra, i ragazzi, l’amicizia”. C’è un lato negativo? “Non c’è. La mia è una passione totale”. Come si svolge la tua settimana? “Il lunedì sono all’Accademia del Rugby di Roma, il venerdì pomeriggio parto dalla capitale per arrivare la sera e potermi allenare con la squadra a Livorno, la domenica gioco con loro e dopo la partita riparto per Roma”. E la giornata romana? “Mi sveglio alle 7 per andare a scuola, frequento il terzo anno dell’Iti ad indirizzo elettro-

tecnico. Al termine delle lezioni torno in Accademia, pranzo e studio fino alle 17.30, ora di inizio degli allenamenti, che durano fino alle 20.30”. Cosa ti dà l’Accademia? “Imparo tante cose, è un’esperienza notevole non solo sotto il profilo sportivo, perché mi insegna anche a vivere. Siamo 38 atleti ed abbiamo camere da tre. Posso rimanere in Accademia fino al termine della scuola superiore, poi compiuti i 19 anni c’è quella di Tirrenia. Entrambe le Accademia possono essere frequentate su invito, la federazione manda in giro i suoi informatori per scegliere i candidati”. Cosa pensano i tuoi genitori di questa esperienza romana? “Sono contenti per me, perché vedono che sono soddisfatto, ma natural-

gioco con il cuore, me lo hanno detto svariate persone dopo le partite”. Un aspetto negativo del rugby? “Quando negli allenamenti si fa solo palestra e non campo, ma capisco che anche questo è un lavoro che serve e va fatto”. I tuoi amici ti seguono? “Adesso il rugby è più famoso, c’è una grande propaganda, ed anche i miei compagni di classe qualcosa conoscono, come ad esempio i giocatori della nazionale, questo ci permette di parlarne un po’”. Qual è la tua opinione sul terzo tempo? “Mi piace. Il più bello è stato a Modena quando hanno fatto sedere a tavola alternativamente i giocatori delle due squadre e così abbiamo fatto amicizia”. A.D.V.

mente sono dispiaciuti in quanto resto poco a casa”. Un sogno? “Vestire la maglia della nazionale”. La soddisfazione più bella del 2012? “Essere convocato in Accademia”. La maggiore soddisfazione in tutta la tua carriera di rugbista? “La vittoria di un Torneo in Francia nel 2009, quando facevo la terza media”. Vuoi ringraziare qualcuno? “La famiglia che mi sta sempre vicino, e tutte le persone che mi seguono”. Cosa pensi del terzo tempo? “È una cosa molto bello, perché anche se in campo c’è agonismo e scontro, nel terzo tempo tutto si ricompone”. Un atleta mito? “Sonny Bill Williams giocatore neozelandese”. A.D.V.


Come ti sei avvicinato? “Grazie al mio migliore amico che iniziò prima di me. Attraverso di lui ho cominciato ad interessarmi al rugby e poi ho voluto provare anch’io a giocare”.

P

otremo definire Federcio Lavorenti un atleta di lungo corso, con i suoi 17 anni, di cui 8 passati sui campi di

rugby. Come hai iniziato? “Da piccolo avevo provato a fare calcio, nuoto e basket, ma quando un mio amico delle elementari mi parlò del rugby, volli provare e così cominciò la mia avventura. Oggi gioco con gli under 20 come terza linea ala o terza linea centro”. Cosa ti piace di più? “I valori che questo sport trasmette, che servono nella vita oltre che nel gioco: primo fra

6bd^a\^dXdY^hfjVYgVeZgX]‚h^Vbd XdbZjcV[Vb^\a^V Hai fatto altri sport? “In passato ho praticato ginnastica artistica, mi piaceva, ma erano allenamenti troppo intensi”. Oggi quanto ti alleni a rugby? “Quattro volte alla settimana”. In che ruolo giochi? “In apertura o estremo”. La soddisfazione più bella del 2012? “Un incontro a Perugia”. Un sogno? “Non mi interessa tanto sfondare, ma continuare a giocare”. Come concili la scuola con lo sport? “Frequentò l’Iti e concilio bene, perché quando esco da scuola mi dedico subito ai compiti e poi vengo agli allenamenti”. Un atleta mito? “Bryan Gary Habana”. Cosa ti piace di più?

“Il gioco di squadra, perché siamo come una famiglia”. Cosa ti pesa? “Del rugby in sé niente, a livello personale mi piacerebbe avere un fisico più robusto”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Gli allenatori Gianpaolo e Massimiliano e tutti i ragazzi della mia squadra”. Un episodio da raccontare? “La vittoria contro il Parma junior in casa, nel 2012. Erano in classifica sopra di noi, ma abbiamo vinto 24 a 0, senza che potessero toccare palla”. Il terzo tempo? “È una cosa molto bella. Mi piace farlo”. I tuoi compagni di scuola si interessano alla tua attività sportiva? “Sì, qualcuno viene anche a vedere alcune partite”. A.D.V.

;:9:G>8D A6KDG:CI> JcV\gVcYZVccViVXdcaVeVgiZX^eVo^dcZV^ cVo^dcVa^ZaÉdiiVkdedhid^cXaVhh^ÒXV tutti l’umiltà”. Un difetto? “No, non c’è niente che mi pesa, al campo ci vengo tutti i giorni, anche quando non ci sono gli allenamenti” Quanto ti alleni? “Cinque volte alla settimana”. Un sogno? “Giocare in nazionale”. Una cosa bella che ti ha portato il 2012? “È stata una grande annata, siamo arrivati ai nazionali e ci siamo qualificati ottavi; siamo stati molto bravi”. La soddisfazione personale più bella? “La vittoria ad un trofeo internazionale in Francia, qualche anno fa quando giocavo negli under 16”. Come concili scuola e sport? “Non ho problemi anche se è impegnativo. Vado bene a scuola, dedico le prime ore del poFederico Lavorenti

meriggio a studiare e poi a fine giornata vado agli allenamenti”. I tuoi compagni di scuola si interessano al rugby? “Parliamo sia degli sport che praticano loro sia del mio e qualche volto sono venuti a vedermi”. Un atleta mito? “Richard Hugh McCaw atleta della Nuova Zelanda; giochiamo nello stesso ruolo”. Vuoi ringraziare qualcuno? “I compagni di squadra e la società”. Cosa pensi del terzo tempo? “È un aspetto importante di questo sport, serve ad unire le squadre, a rafforzare fforzare i valori ff del rispetto dentro e fuori del campo, sia verso i vincitori che i vinti”. Un spot per il rugby? “Vieni e ti divertirai. Difficile descrivere uno sport così ricco, in una sola frase”. La regola d’oro di questo sport? “Avanzare, portando avanti la palla”. A.D.V.

Italiana Rugby

Gianni Pedemonte

<>6CC>E:9:BDCI:

F.I.R.: Federazione

A

lla nuova Club House di via Settembrini, con la temperatura quasi vicino alla zero, incontriamo Gianni Pedemonte, 14 anni, al termine di un allenamento. Da quanto tempo ti dedichi a questa disciplina? “Da 8 anni”.

297


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

I

298

n questo 2013 gli Etruschi Livorno sono diventati maggiorenni. Sono passati 18 anni precisi da quando Gino Galletti, socio fondatore del club verdeamaranto si buttò (con coraggio ed una impagabile passionaccia) in una nuova avventura rugbistica. Da quel 1995 molta acqua è passata sotto i ponti. Il sodalizio labronico, in questo lasso di tempo, è cresciuto in modo esponenziale, a livello tecnico ed a livello organizzativo. Gli Etruschi contano ora su un proprio impianto, il ‘Tamberi’ di via Russo, dove, oltre al campo per allenamenti e partite di tutte le categorie, si trova una struttura di qualità, con tanto di club house e segreteria. Il cerchio si chiude con una prima squadra maschile - targata ‘Fulgida’ - reduce, nel 2012, dalla promozione dalla C2 alla C1, con una rappresentativa femminile (l’unica squadra di donne della Toscana occidentale) nona nella classifica nazionale della Coppa Italia ‘seven’ e con un vivaio ricco di giovani promesse.

=B?7BB;D7JEH?$

La prima squadra della Fulgida Etruschi è guidata da Riccardo Fabbrini:

<a^:igjhX]^A^kdgcdXdbe^dcd Y^X^diidVcc^ >kZgYZVbVgVcidYVabVhX]^aZVa[Zbb^c^aZ Y^;VW^d<^dg\^

allenatore piuttosto giovane, ma già con un buona esperienza, sia a livello di formazioni seniores, sia giovanili. L’under 14 dell’Edile Dello Sbarba Etruschi è affidata a Francesco Consani, Alessandro Sarcina e Davide Franceschi, l’under 12 ad Alberto Mazzoni e Giuseppe Ruffino, l’under 10 a Erica Tamberi, mentre l’under 8 e l’under 6 è curata dal tandem Francesco Donatini - Matteo Bonaretti. La compagine femminile è invece diretta dalla coppia Carlo Ghiozzi - Luca Saettini.

B7I;H?;9$

Nicola Baldi, Samuel Banchini, Denny Barghi, Valerio Bartoli, Manuel Bernardini, Matteo Bonaretti, Nicolas Borella, Leonardo Bottoni, Massimiliano Buonaccorsi, Luca Buscarino, Kevin Campani, Simone Campisi, Raffaff ffaele Canu, Giorgio Compiani, Federico

Consani, Francesco Consani, Marco De Gregori, Ivan Di Miceli, Davide Fonzi, Carlo Ghiozzi, Christian Incrocci, Mauro Incrocci, Simeon Kenfack, Mirko Longo, Carlo Loreti, Michele Malinconico, Gabriele Marinai, Davide Maule, Alberto Mazzoni, Mario Michicich, Pierfrancesco Miri, Juri Morano, Daniel Negrini, Francesco Novi, Gabriele Pacifico, Roberto Perciavalle, Luca Pieri, Michael Pisani, Giuseppe Ruffino, Matteo Sanacore, Enrico Spagnolo: ecco in rigoroso ordine alfabetico la composizione della rosa protagonista nel campionato di C1 2012/13. Dopo la promozione colta nel torneo precedente dalla serie C2, l’obiettivo è quello della salvezza. Protagonisti, nel trionfale torneo di C2 2011/12 anche alcuni elementi che poi, per raggiunto limite di età hanno dovuto


- loro malgrado - appendere le scarpette al chiodo. Nel rugby, l’attività agonistica è ammessa solo per gli under 42. I giocatori verdeamaranto nati nel ‘70, dopo una carriera ricca di soddisfazioni, hanno dunque chiuso le loro esperienze nel rugby giocato, con la classica ‘ciliegina sulla torta’, relativa alla promozione in C1. Il rugby femminile, in Italia, sta crescendo a vista d’occhio. Un numero sempre maggiore di squadre si sta affacciando ffacciando nel mondo ff della palla ovale in gonnella. La formazione delle ‘Etrusche’, nel 2012, si è distinta a livello nazionale nella Coppa Italia seven. Dopo il girone zonale eliminatorio, chiuso al primo posto, le verdeamaranto hanno disputato un concentramento finale sugli scudi, concluso in una posizione (la nona) di tutto rispetto. Nell’annata 2012/13, le Etrusche sono state inserite nel girone toscano. Quattro le formazioni al via. In ogni giornata si disputa un torneo con gare di sola andata. Poi, in giornata unica, le finali.

Etruschi Under 10

La formazione labronica è in costante crescita, anche se la concorrenza, all’interno della regione (Sesto Fiorentino in primis) si sta facendo sempre più agguerrita. Questo l’elenco delle ragazze livornesi: Erika Tamberi, Alessia Panichi,

Eleonora Grilli, Ydra Grillandini, Michela Roselli, Caterina Barsotti, Alice Interdonato, Arianna De Conno, Aurora Ferrini, Marta Marini, Arianna Ciaramella, Isabella Ferrini, Bianca Morini, Chiara Bonfiglio, Marinella Specchia, Denise Bargagna, Ginevra Verugi.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

9EFF7?J7B?7I;L;D$

Etruschi Under 8

299


devo riuscire a fare tutte queste cose”. <>68DBD6A6>BD!B6II>6 anch’io Che caratteristiche deve avere un buon B6G6K><A>6!<>JA>6CDH8:D capitano? “Secondo me deve prima di tutto saper faressere simpatico, riuscire a tirare Z;:9:G>8D9:GD7:GI>H sifuoriascoltare, il meglio dagli atleti, facendoli giocare

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

<^dX]^Vbdg^heZiiVcYdaZgZ\daZ bVciZcZcYdjc^iVaVhfjVYgV

300

Giacomo Alaimo

L

e cerchiamo fra gli under 14, le giovani promesse degli Etruschi Livorno, che sul nuovo campo di via Russo sognano il loro futuro agonistico. Giacomo Alaimo ha 13 anni ed è il capitano della squadra. “Pratico rugby da 5 anni. In passato ho fat-

to Ju-Jitsu, --Jitsu, ma ho dovuto smettere perché c’è stato un cambio di palestra e per me diventava difficile raggiungere la nuova sede degli allenamenti”. Chi ti ha fatto conoscere il rugby? “È stato un mio amico, che già lo praticava. Sono andato ad un allenamento con lui per provare, mi è piaciuto e sono rimasto”. Cosa ti affascina di più? “L’amicizia che si crea fra noi, il rispetto delle regole, il gioco di squadra, l’uso sia della forza che dell’intelligenza. Insomma, se ci impegnamo è un bello sport”. La soddisfazione più bella del 2012? “L’essere arrivati alla fine dell’anno, quindi aver fatto l’inizio del nuovo campionato, vincendo tutte le partite. È una bella soddisfazione, perché prima non era mai successo”. Un aspetto negativo? “No, non c’è. Sono contento di questa attività, mi fa piacere stare qui e giocare”. Un obiettivo per il 2013? “Allenarci al meglio, impegnarci e arrivare alla fine del campionato in una buona posizione. Stiamo anche pensando di andare al Torneo Topolino dove cercheremo di dare il massimo”. Tuo obiettivo personale? “Riuscire a guidare i ragazzi, a caricarli, a tenerli saldi nella squadra, farli giocare al meglio, farli concentrare. Ma parlo anche per me,

per la squadra e non per se stessi”. Un sogno? “Continuare e giocare in una squadra forte”. Un atleta mito? “Sergio Parisse, che gioca nella nazionale nel mio stesso ruolo”. Le tue impressioni sul terzo tempo? “Ci rilassiamo ed io cerco di far parlare i mie compagni, di farli riflettere su come è andata la partita, su cosa abbiamo fatto bene e su cosa abbiamo sbagliato. Rispettiamo l’altra squadra e facciamo amicizia con gli atleti avversari, che prima o poi rincontreremo sul campo”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Sì, tutti i miei compagni di squadra perché mi ascoltano, si impegnano al massimo, cercano di fare risultato e anche loro mi sostengono quando sono giù”. Mattia Maraviglia ha 13 anni e gioca nel ruolo di estremo. “Pratico rugby da 4 anni ed ho iniziato perché mi piace il gioco di squadra e poi perché è una disciplina importante”. Prima facevi altri sport? “Sì, in passato mi sono dedicato a sport individuali come il Ju-Jitsu, --Jitsu, il canottaggio, ma quando ho scoperto il rugby ho lasciato tutto e mi sono dedicato a questo”. Chi ti ha fatto conoscere questa disciplina? “È stato mio padre a consigliarmi, aveva visto alcune partite e mi ha fatto provare”. C’è un aspetto negativo? “Assolutamente no, mi piace tutto del rugby”.


Mattia Maraviglia

La soddisfazione più bella nel 2012? “L’inizio del nuovo campionato con tutte le partite vinte. Ci siamo impegnati molto durante gli allenamenti. Nella stagione precedente ne abbiamo prese parecchie, quest’anno invece siamo partiti bene”. Un obiettivo per il 2013? “Impegnarmi con la squadra e passare la selezione regionale”. Un sogno? “Giocare in nazionale”. Un atleta mito? “Bryan Habana un giocatore del Sudafrica”. I tuoi amici si interessano della tua attività sportiva? “Sì, parliamo sempre delle partite che facciamo nel fine settimana”. Come convinceresti un ragazzo a praticare rugby? “Cercherei di spiegargli che per fare questo sport ci vuole molto sacrificio, quindi è un’attività che ti aiuta anche nella vita, perché ti forma il carattere e ti prepara ad affrontare ffrontare i ff sacrifici”. Cosa pensi del terzo tempo? “Esiste veramente. Le squadre che si sono appena confrontate sul campo mangiano insieme, si divertono e nascono nuove amicizie. È una cosa molto bella”. Giuliano Sceo tredicenne, da due anni frequenta i campi di rugby. Come hai iniziato? “Prima ho fatto basket, pallavolo, piscina, ma non riuscivo a perdere peso, così mio padre mi ha indirizzato verso questo sport, ed effettivamente ffettivamente sono riuscito a dimagrire”. ff Cosa ti piace di più? “Tutto. Al primo posto però metto il correre e fare meta”. Un aspetto negativo?

Giuliano Sceo

Federico De Robertis ha 13 anni, gioca come mediano e ci racconta: “Faccio rugby da quattro anni, ma per due anni non sono stato molto costante, non andavo bene a scuola e quindi ho dovuto trascurare un po’ lo sport, ma da quest’anno ho ricominciato in pieno ad allenarmi”. Hai fatto anche altri sport? “Sì, un po’ di karate e di pugilato, ma ho smesso perché non mi piacevano. Ho visto mio fratello, di sei anni più grande, giocare e così ho voluto provare anch’io e mi è piaciuto”. La soddisfazione più bella del 2012? “L’ultima partita con il San Vincenzo, perché stavamo perdendo, ma io sono riuscito a fare tre mete ed abbiamo vinto. Però devo fare un po’ di autocritica, in quanto ho realizzato

le mete con un po’ di arroganza, perché non ho passato la palla, ero arrabbiato e volevo essere io a fare il punteggio, ma non si fa così quando si gioca in squadra e adesso sono pentito”. Un sogno? “Giocare in nazionale”. L’aspetto che ti piace di più? “Stare con i compagni e fare il gioco di squadra”. C’è un aspetto che ti pesa dover affrontare? “Rialzarmi quando sono a terra” . Un atleta mito? “Bryan Habana”. Come vivi il terzo tempo? “È un momento molto bello, anche se mangio troppo, ed invece devo dimagrire”. Come convinceresti un giovane ragazzo a dedicarsi al rugby? “Sto cercando di convincere il mio nipotino di sette anni dicendoli che è un gioco divertente dove è necessario avere grinta, cosa che lui ha”. È uno sport pericoloso? “Un pochino, certo non è la danza, ma ci si abitua”. I tuoi genitori cosa pensano del tuo impegno? “Sono contenti, ma mi vengono a vedere poco per motivi di lavoro, quest’anno è venuta un po’ di più mia sorella”. Vuoi ringraziare qualcuno in particolare? “Franceschi che mi ha seguito per 4 anni, e mi ha anche accompagnato agli allenamenti quando non potevo andare da solo”. Antonella De Vito

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

“I placcaggi alti, che non si possono fare, ma qualcuno scappa e fanno male”. La soddisfazione più bella del 2012? “Fare meta, come le quattro che ho realizzato contro il Firenze Club, quella volta fra il pubblico c’era anche mia madre che di solito non viene mai a vedermi, mi è piaciuto fare risultato davanti a lei”. Un obiettivo per il 2013? “Andare al Torneo Topolino a Treviso con la mia squadra”. Ed a livello personale? “Entrare nella squadra regionale”. Chi vuoi ringraziare? “I miei allenatori Francesco Consani, Alessandro Sarcina e Davide Franceschi, sono molto bravi e ci aiutano sempre a superare i nostri limiti”.

Federico De Robertis

301


Scotto PubblicitĂ Livorno

survey, maintenance, repairs, sales, and hiring life saving appliances

www.lifeboatservices.com www.fallpreventerdevice.com Operational Office and Workshop Via delle Cateratte 86/88 int. 16 - 57122 Livorno - ITALIA QI tGBY  "0) 

info@lifeboatservices.com

Legal address Via L.A. Muratori, 19 57128 Livorno - ITALIA WBU*5


A^dch6bVgVcidA^kdgcdZ8Vga^HVak^Vcd JcaVkdgd^chigZiiVXdaaVWdgVo^dcZX]ZedgiV Wjdc^g^hjaiVi^ Y^;67>D<>DG<>

Lions contro il Livorno

rettangolo di gioco. Durante l’estate la società amaranto è stata attiva nella kermesse ‘Effetto Venezia’. Con il lavoro degli allenatori delle giovanili, sono stati reclutati nuovi ragazzini, che hanno allargato il roster del proprio floridissimo vivaio. A Livorno, l’attività dei Lions è sempre più conosciuta, anche grazie alla realizzazione di un sito internet costantemente aggiornato (www.lionsamarantorugby.it), fortemente voluto dalla società, e grazie all’accordo con TC2 Sport, il canale 272 del digitale terrestre che trasmette le telecronache integrali delle partite casalinghe il lunedì alle 20,30. I Lions hanno chiuso il torneo di C1 2011/12 al terzo

Lions in azione nella stagione 2010 - 2011

posto. Un campionato di transizione, utile, dopo la sfortunatissima retrocessione dalla B dell’annata precedente, ad aprire un nuovo ciclo. In squadra tanti giovani e giovanissimi provenienti dal vivaio. La terza piazza è da considerare soddisfacente e comunque, anche posizionandosi in uno dei due gradini più alti del podio, la squadra amaranto non avrebbe partecipato ai play-off, ff ff, perché non iscritta ai Campionati obbligatori under 16 e under 14. Un campionato condotto sotto la guida della coppia di tecnici Emanuele Bertolini e Daniele Conflitto. Durante l’estate, Bertolini (socio fondatore, insieme al presidente Mauro Fraddanni, del sodalizio dei Lions) è passato al ruolo di direttore sportivo. Ad affiancare Conflitto nelle mansioni di tecnico, nella stagione 2012/13, è stato chiamato Luca Isozio. Durante l’estate, perfezionato l’allestimento di squadre under 16 e under 14 e rafforff fforzata la prima squadra. L’obiettivo fin dalla vigilia è stato quello della promo-

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

L

ions Amaranto Livorno e Carli Salviano sono due realtà, a livello federale, distinte ed autonome. I Lions hanno iniziato la propria attività nel 2000 e dal 2007 sono protagonisti con una (competitiva) prima squadra. La sezione rugby della Polisportiva Carli Salviano è invece nata nel 2011. Le due squadre, pur divise formalmente, lavorano in strettissima collaborazione. Entrambe stanno cercando una doppia promozione: in B i Lions, in C2 il Carli. Mentre scriviamo, i Lions sono al vertice della serie C1; il Carli, invece, guida la classifica di C3. Gli amaranto dei Lions, se (come tutto lascia supporre) sapranno chiudere la regular season in uno dei primi due posti del girone toscano di C1, giocheranno i play-off, ff ff, fase decisiva per acciuffare ffare la serie B. I ff biancoamaranto del Carli, invece, puntano al salto in C2: per ottenere l’obiettivo basterà chiudere il torneo in una delle prime due piazze. I Lions nel 2012 hanno realizzato prestigiose mete anche lontano dal

303


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby 304

Lions a Perugia

zione nella categoria superiore. La formazione labronica è completa: valida in mischia ed organizzata con la propria linea arretrata. Nel 2011/12, nella sua prima stagione in senso assoluto nel mondo del rugby, il Carli Salviano (in C3) ha ottenuto la terza piazza. Senza alcuni

episodi sfortunati, i biancoamaranto potevano anche ottenere un piazzamento migliore e guadagnare la promozione in C2. Gli errori commessi nel primo anno di vita (inclusi alcuni atteggiamenti nervosi, dettati da un eccessivo agonismo) sono serviti per crescere e cominciare in grande stile l’annata 2012/13, quella che, nelle intenzioni della Polisportiva deve portare al salto di categoria. L’esperto Sergio Gracci guida fin dal 2011 la squadra labronica. Una squadra coriacea, che non sfigurerebbe, già in questa stagione, neppure in C2. Sia i Lions sia il Carli giocano le proprie gare casalinghe sul sintetico del ‘Maneo’ di via Settembrini. Il quartier generale degli amaranto e dei biancoamaranto è però la struttura della via della Chiesa di Salviano. Le due squadre, che durante l’estate si sono allenate sempre insieme (solo poche settimane prima dell’inizio

Lions contro il Livorno

dell’attività ufficiale si sono definite le rose di entrambe le formazioni) vogliono, dopo un 2012 buono, ma senza ‘ciliegine sulla torta’, mettere a segno, nel 2013, una doppia memorabile promozione. Le premesse sono ottime. Le foto sono di Tommaso Chiavistelli


I Lions ad Imola

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

La squadra di rugby del Carli Salviano

305


><>DK6C>9:A A>DCH6B6G6CID JcdhedgiX]Z^chZ\cVaZgZ\daZZY ^ag^heZiideZgaÉVkkZghVg^d

S F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

ono un bel gruppo numeroso, i giovani dei Lions Amaranto, ed a gruppetti ci raccontano la loro avventura sportiva. Matteo Bertini ha 13 anni e gioca come primo centro, Nicola Magni 13 anni occupa il ruolo di apertura o secondo centro.

Matteo Bertini

Nicola Magni

306

Quando e come avete iniziato? Matteo: “Sei mesi fa vidi una partita alla televisione, e decisi di vedere un allenamento dal vero. Così venni al campo e mi emozionai subito, decidendo di smettere con il pugilato che stavo praticando senza passione, per dedicarmi al rugby”. Nicola: “Sono 4 anni che lo faccio. Mi è venuta voglia di cominciare guardando gli allenamenti di mio fratello, ma anche dal desiderio di provare le mie capacità. In passato ho praticato atletica, calcio e nuoto, ma non mi piacevano”. Qual è stata l’emozione più bella che vi ha dato questo sport? Matteo: “La mia prima meta. L’ho fatta proprio qui sul nostro campo, dove ci alleniamo”. Nicola: “Anche per me la prima meta, fatta su un campo quasi impraticabile a Cecina”. Cosa vi piace di questa disciplina? Matteo: “L’onestà che trovi nella gente che pratica questo sport”. Nicola: “I compagni, mi trovo molto bene con loro”. Un piccolo difetto nel rugby? Matteo: “È una cosa difficile da trovare, a me piace molto”. Nicola: “Più che un difetto, una difficoltà, come imparare a contenere la rabbia, che è sempre necessario fare, altrimenti puoi compiere degli errori”. Un sogno nel cassetto? Matteo: “Giocare in nazionale”. Nicola: “Essere chiamato in un’accademia del rugby”. Come convincereste un amico ad avvicinarsi a questo sport? Matteo: “Gli spiegherei di non avere paura del contatto. Lo inviterei a vedere un allenamento, ma sono convinto che chi mette un piedi in campo non ne esce più, perché si accorge subito di quanto questo sport sia nobile ed onesto”. Nicola: “Cercherei di fargli capire quanto è divertente. Lo consiglieri anche ai più piccoli, infatti, si può iniziare a sei anni”.

Andrea Bertini

Gianmarco Lucchesi

Gianmarco Lucchesi ha 12 anni da 5 corre sui campi di rugby, nuova leva invece il dodicenne Andrea Bertini. Gianmarco: “Ho iniziato a sei anni, ma ero troppo piccolo e non mi piaceva, così ho smesso. Poi però ad otto anni ho ricominciato. È stato mio padre, che faceva football americano, a consigliarmi questo sport. In passato ho fatto un po’ di nuoto”. Andrea: “Ho cominciato da 4 mesi, perché mi hanno mandato via dal calcio dicendomi che ero troppo basso per fare il portiere. Così ho seguito il consiglio di un mio compagno di scuola che già si allenava”.


Kevin Lacay

quando esco dal campo so che ce l’ho messa tutta”. C’è qualche aspetto che vi pesa? Kevin: “Gli allenamenti perché sono faticosi”. Daniele: “Le regole perché sono troppe, per impararle ci ho messo un po’”. Un sogno? Kevin: “Andare in nazionale”. Daniele: “Andare a giocare in una squadra di serie A e poi giocare contro gli All Blacks”. Arriviamo al trio formato da: Alessio Orifici ci 12 anni, Gabriele Paoli 12 anni e Luca Paris di 12.

Daniele Consoli

Un obiettivo per il 2013? Gianmarco: “Arrivare a metà classifica con la squadra e andare alle regionali”. Andrea: “Non ho un obiettivo preciso, ho iniziato da poco e devo affrontare ffrontare ancora ff tante squadre”. Come convinceresti un compagno di scuola a praticare rugby? Gianmarco: “Gli spiegherei che il rugby non è come il calcio, dove se non sei bravo ti mandano via, qui siamo tutti amici”. Andrea: “Gli parlerei del terzo tempo e delle tante amicizie che si possono fare”. Kevin Lacay di 14 anni e Daniele Consoli di 12. Quando avete cominciato? Kevin: “Un anno e mezzo fa. Me lo hanno consigliato molte persone”. Daniele: “Faccio rugby da tre anni, ed è stata una mia idea, coltivata fin dalle elementari con un mio compagno di classe, che però poi ha smesso”. La soddisfazione più bella? Kevin: “Quando abbiamo giocato con il Cus Pisa e abbiamo vinto”. Daniele: “Ho giocato tanti tornei belli e importanti, ma quello che più mi è piaciuto è stato il Trofeo del Pesciolino dove siamo arrivati secondi. È stata una bella soddisfazione essere chiamati sul palco con tutta la squadra”. Cosa vi piace di più? Kevin: “Giocare nel ruolo del pilone, e il contatto fisico”. Daniele: “Potermi sfogare con la corsa e il placcaggio. Uso tutta la grinta che ho e

Alessio Orifi Orifici ci

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Cosa vi piace di più di questo sport? Gianmarco: “Le botte, mi piace darle e prenderle”. Andrea: “Anche a me piace molto il contatto, soprattutto quando riesci a placcare uno più grosso di te e a buttarlo a terra”. Un difetto del rugby? Gianmarco: “Quando il nostro avversario non è bravo e non c’è molto gioco, la partita diventa un po’ noiosa”. Andrea: “Quando mi levano dal campo”. La partita più bella? Gianmarco: “A Genova contro il Gispi Prato. Restammo sul luogo per due giorni. Il primo non c’era neanche il nostro allenatore e perdemmo tutte le partite, ma il secondo giorno, disputammo nuovamente un incontro con il Gispi vincendo 13 a 2, prendendoci la rivincita sul risultato precedente di 3 a 2. Mi ricorderò sempre questa partita perché ho fatto punto partendo da una meta e arrivando all’altra”. Andrea: “Una bella partita è quando mi butto nella mischia e riesco a rubare il pallone e lo passo ai compagni per andare a fare meta”. Un sogno nel cassetto? Gianmarco: “Andare a giocare in nazionale”. Andrea: “Giocare in nazionale e affronff ffrontare gli All Blacks”. Un atleta mito? Gianmarco: “Martín Leandro Castrogiovanni della nazionale italiana”. Andrea: “Andrea Lo Cicero della nazionale”.

Gabriele Paoli

307


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby 308

Luca Paris

Da quanto vi siete avvicinati a questa disciplina? Alessio: “La pratico da 5 anni. Ho provato vari sport, ma mi è piaciuto solo il rugby”. Gabriele: “Questo è il terzo anno. Un mio amico alle elementari mi invitò ad andare con lui e così ho iniziato con passione, lasciando basket, nuoto ed equitazione che non mi piacevano”. Luca: “Sono sei anni ed ho iniziato perché lo faceva mio fratello, consigliato anche dai miei genitori. In precedenza non ho fatto altri sport”. La partita più bella? Alessio: “All’Elba e poi con il Fiorenzuola, abbiamo vinte due partite su quattro, ma mi è piaciuta l’atmosfera che abbiamo saputo creare con la squadra”. Gabriele: “Le partite mi piacciono tutte, mi diverto sempre quando gioco, ed in modo particolare quando si vince con impegno, non le vittorie in facili competizioni”. Luca: “Il Torneo Pesciolino all’Elba, perché è stata una partita molto combattuta”. Cosa vi piace di più del rugby? Alessio: “Correre, placcare, passare la palla ai compagni”. Gabriele: “Gli allenamenti” Luca: “Lo spirito di squadra soprattutto quando si vince, ed imparare a non aver paura dell’avversario”. Un sogno? Alessio: “Continuare a giocare ancora per molti anni”. Gabriele: “Avere la possibilità di continuare a praticare rugby fino a quando ne sarò soddisfatto”.

Luca: “Giocare nei Stade Francais che è una delle migliori squadre di Parigi”. Un atleta mito? Alessio: “Castrogiovanni”. Gabriele: “Non ne ho uno, non seguo molto le altre partite, a me soprattutto piace giocare”. Luca: “Manu Tuilagi e Toby Flood”. Come convincereste un amico ad avvicinarsi al rugby? Alessio: “Non userei parole, ma lo farei provare”. Gabriele: “L’unico modo è quello di fare una prova. Io ho portato due miei amici, ma non si sono appassionati, dopo due allenamenti hanno smesso”. Luca: Io invece ho portato un amico che ha giocato per un anno, ma poi ha smesso per problemi familiari”. È uno sport pericoloso? Alessio: “Da una parte sì, dall’altra no. Se piace si lascia da una parte la paura. Io mi sono fratturato il naso e quasi rotto un dito, ma sono rimasto”. Gabriele: “È pericoloso se non hai voglia di fare gli allenamenti, se sei moscio”. Luca: “Se hai paura ci sono più probabilità di farti male”. Continuiamo con Davide Strazzullo di 10 anni e Manuel Barsali di 11. Da quanto tempo giocate a rugby? Davide: “Da quando avevo otto anni”. Manuel: “Da tre anni”. Come vi siete avvicinati? Davide: “Mi avevano detto che era uno sport interessante e poi ho visto in tv una bella partita e mi sono deciso a provare”.

Davide Strazzullo

Manuel Barsali

Manuel: “Ho seguito un mio amico che stava facendo una prova ed era entusiasta”. Quale aspetto vi piace di più? Davide: “La palla ovale, l’azione, il gioco di squadra” Manuel: “Il rugby ti insegna a lottare rispettando delle regole, non come il calcio dove impari a fregare l’avversario”. In passato avete praticato altri sport? Davide: “Karate, Jiu jitsu e nuoto, ma non mi piacevano”. Manuel: “Ho fatto ginnastica artistica ed ero bravo, perché ero forte. Ma mi ero annoiato”. La soddisfazione più bella? Davide: “Quando siamo andati a Monza ed abbiamo battuto una squadra fortissima. Ci siamo abbracciati, eravamo felicissimi, ci siamo divertiti tantissimo”. Manuel: “Sul campo dell’Elba, abbiamo giocato bene, eravamo sempre in parità, abbiamo resistito e alla fine abbiamo vinto noi”. Un sogno? Davide e Manuel: “Entrare nella nazionale e migliorare fisicamente”. Un atleta mito? Davide e Manuel Manuel: “Castrogiovanni”. In che ruolo giocate? Davide: “Mediano”. Manuel: “Un po’ pilone e un po’ terza linea”. Come convincereste un amico a dedicarsi al rugby? Davide: “Gli direi che in questo sport ci si diverte molto, si fanno nuove amicizie e potrebbe unirsi a noi e rafforzare fforzare la squaff


Alessandro Rondelli

Alessandro: “Placcare, il gioco di squadra e poi il terzo tempo con gli avversari, anche se in campo si prendono un po’ di botte poi passa tutto”. Federico: “Lo spirito di squadra, placcare e il terzo tempo perché unisce”. È uno sport pericoloso? Alessandro: “Io non mi sono mai fatto niente di grave, solo qualche sbucciatura, ma niente di più”. Federico: “Io per ora non mi sono fatto niente e spero di non farmi mai nulla. Porto il caschetto e il paradenti per sicurezza”. Qual è stata la partita più bella? Alessandro: “Preferisco le partite giocate in casa”. Federico: “Ne ho fatte tanto, non mi ricordo la più emozionante”. Un atleta mito? Alessandro e Federico: “Castrogiovanni”. Un sogno? Alessandro: “Arrivare in nazionale, diventare bravo e divertirmi”. Federico: “Giocare in nazionale”. Come convincereste un amico a praticare rugby? Alessandro: “Vieni perché è divertente e tutti sono amici. Non è vero che ci si fa male ed è uno sport leale”. Federico: “Vieni a provare e ti accorgerai che è meglio del calcio”. Concludiamo con Filippo Crea di 10 anni e Tazio Meini di 10.

Federico Vargiu

Chi vi ha fatto avvicinare a questo sport? Alessandro: “È stato un mio amico. Precedentemente facevo nuoto, atletica e tennis, ma non mi piacevano”. Federico: “Anch’io ho iniziato grazie ad un mio amico. Prima ho fatto nuoto e karate, ma mi annoiavo”. Cosa vi piace di più?

Filippo Crea

Filippo: “Faccio rugby da quando avevo 4 anni.

Tazio Meini

È stato mio padre, ex atleta, a farmi provare fin da piccolo. In precedenza avevo fatto anche nuoto, tennis, tennis tavolo, ma non mi erano piaciuti”. Tazio: “Questo è il mio terzo anno. Ho cominciato perché ho conosciuto un ragazzo, diventato mio amico, che lo praticava e mi spiegò che era molto divertente, ed infatti aveva ragione, lo è”. Cosa vi piace di più? Filippo: “I placcaggi”. Tazio: “Prendere in mano la palla e andare a fare meta”. C’è qualche aspetto che non vi piace? Filippo: “Pensare che prima o poi ti spaccherai un osso”. Tazio: “Non c’è, mi piace tutto”. La soddisfazione più bella? Filippo: “Quando giochiamo in casa e poi organizziamo il terzo tempo e portiamo tanti dolci”. Tazio: “Il terzo tempo”. Un sogno? Filippo e Tazio: “Giocare in nazionale”. Un atleta mito? Filippo e Tazio: “Castrogiovanni”. Come convincereste un amico a dedicarsi al rugby? Filippo: “Gli direi che è uno sport bello. Nella mia classe c’è un ragazzo molto grosso, con un bel fisico, sarebbe adatto, ma fa calcio”. Tazio: “Gli spiegherei che è bello e emozionante”. Antonella De Vito

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

dra. Ma la maggior parte dei mie amici fanno calcio o basket”. Manuel: “Io gli spiegherei che è uno sport dove ci si può sfogare molto”. Alessandro Rondelli ha 10 anni è pratica rugby da 3 anni, mentre Federico Vargiu è dodicenne e gioca da tre anni.

309


310

Scotto PubblicitĂ Livorno


x x x x a x m x r x e x XxSxcxh 6XXVYZb^VYZaaVhX]ZgbVZ hZo^dcZ;;#DD JcVccdY^edY^ZbZYV\a^Z Y^BVg^dDgh^c^

un habitué di queste performance planetarie. Nel 2009, tra l’altro, vinse il titolo mondiale Giovani (under 20). A Bratislava, per i quattro azzurri, come logica conseguenza della loro straripante superiorità, è arrivato anche il trionfo nella prova a squadre. Per le statistiche, ricordiamo che l’ultima compagine ad arrendersi, di fronte agli straripanti azzurri, capitanati da Lari, è stata la Germania: 45-34.

Eb]WHWY^[b[iWbkjW _b<_Z[i

Edoardo Luperi e Marco Vannini

Jeccojh_ed\e[khef[e

Tommaso Lari si rifà con gli interessi, un paio di giorni dopo, ai campionati europei under 23 di Bratislava. Per il secondo anno consecutivo trionfa sia nella prova individuale che in quella a squadre. Tra i suoi scalpi eccellenti, nella corsa verso il titolo continentale, Michele Di Francisca negli ottavi, il russo Dobrishev nei quarti e in semifinale e finale gli altri due azzurri Francesco Trani (15-8) e Daniele Garozzo (15-5). Tommy, seppure tra alti e bassi, è

A fine ne aprile, all’Accademia della Scherma, in punta di piedi e senza polemiche, arriva Olga Rachele Calissi, medaglia d’oro nel fioretto oretto a squadre, qualche decina di giorni prima, ai Campionati del mondo under 20 di Mosca. La bella Olga Rachele lascia il Fides, come avevano già fatto negli anni precedenti: Tommaso Lari, Edoardo Luperi, Alessandro Paroli e Beatrice Monaco e altri. A dare ufficialità cialità a una scelta, di cui si vociferava da quasi un mesetto, nel corso di una conferenza stampa, la stessa Olga Rachele, plurimedagliata a

livello continentale e mondiale. “Questo cambiamento non è dovuto ad un malessere o insoddisfazione nei confronti del circolo Fides. Ringrazio anche le Fiamme Gialle, per avermi dato la possibilità di cambiare società. Questo per me è stato un anno di transizione. Dal prossimo anno sarò impegnata solamente a livello assoluto e under 23. Dentro di me, in questi mesi, si è fatta strada la voglia di rimettermi in gioco e di potenziare gli stimoli. Con questo intento mi sono avvicinata al maestro Marco Vannini, con il quale sono entrata subito in sintonia, non solamente dal punto di vista tecnico. Sono entusiasta di continuare la mia attività schermistica in questa nuova società”. Poi i ringraziamenti: “Sarò sempre grata, ai maestri Mario Curletto, Antonio Di Ciolo e Paolo Paoletti per avermi consentito di diventare quella che sono. Penso che qui ci siano tutti i presupposti per fare un ottimo lavoro insieme e spero di non buttare via l’opportunità che mi viene data. Un grazie anche alle Fiamme Gialle che mi permettono di lavorare con serenità e tranquillità. E alle Fiamme Oro che, in più di una circostanza, mi ha messo a disposizione le loro strutture”. Contento il vicepresidente, dell’Accademia della Scherma, Andrea Callai: “Pur essendo nati soltanto due anni fa siamo in crescita dal punto di vista logistico, dei risultati conseguiti e del numero degli iscritti”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

E

ZeX_ijh_Yebeh[ Un anno di successi. Il clou a maggio. In grandissima evidenza le due punte di diamante delle FF.OO.: Edoardo Luperi e Tommaso Lari. Il divin Edoardo a Bologna conquista il suo secondo titolo italiano consecutivo. Non sappiamo se è un record, ma se non lo è ci manca poco. Edoardo Luperi in finale costringe alla resa il grandissimo Andrea Baldini che qualche mese dopo (a agosto) si metterà al collo la medaglia d’oro a squadre del fioretto olimpico. Ironia della sorte l’anno prima (a maggio del 2011) a Livorno, il grande Edo, nella finalissima disputata e vinta al teatro Goldoni, aveva costretto a alzare bandiera bianca Giorgio Avola, anche lui oro olimpico a squadre a Londra. A Bologna più indietro rimangono, invece, Tommaso Lari (14°), Alessandro Paroli (18°) e Olga Rachele Calissi (27°).

311


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Mettiamo a disposizione degli atleti diponibilità e professionalità. Senza dimenticare i sani principi che questo sport trasmette nel rispetto delle regole. Per noi è motivo di orgoglio poter presentare una nuova grande atleta come Olga Rachele”. Visibilmente felice pure il maestro Marco Vannini: “Olga Rachele è una fiorettista stupenda. A livello giovanile ha vinto tanto. Siamo felicissimi di averla con noi, perché alle eccelse qualità tecniche associa una grande voglia di lavorare per raggiungere nuovi e importanti traguardi”.

Bkf[h_XhedpecedZ_Wb[ WigkWZh[

All’inizio d’aprile Edoardo Luperi, a Mosca, conquista la medaglia di bronzo nella prova a squadre mondiale Giovani (under 20). Al suo fianco: Lorenzo Nista, Daniele Garozzo e Filippo Guerra. Un risultato, anche tenendo conto del decimo posto nella prova individuale, che non soddisfa pienamente il suo maestro Marco Vannini: “È stato, senza dubbio un bottino assai magro per quanto il giovane fiorettista delle Fiamme Oro ci aveva abituato”.

Rachele Calissi

312

Il maestro Marco poi addolcisce la pillola prendendo in considerazione il valore degli avversari: “La semifinale persa di misura: 45-43, contro gli Stati Uniti è stata una finale anticipata”. Il perché è presto detto. Gli americani hanno fatto salire in pedana anche Massialas e Inboden, due fiorettisti che qualche mese dopo saranno tra i protagonisti delle olimpiadi londinesi. Per la cronaca poi gli azzurri, nella prova a squadre, si sono messi al collo la medaglia di bronzo, battendo la Cina con il contributo fondamentale di Lorenzo Nista. Per Nista da parte del maestro Marco Vannini lusinghieri apprezzamenti: “Lorenzo è stato il più bravo, freddo e continuo di tutto il torneo”, le sue parole. Per Lorenzo Nista, allievo del maestro Paolo Paoletti, anche un bel quinto posto nella gara mondiale individuale.

7h][djejh_Yebeh[ f[hFWheb_ A metà aprile ai Campionati italiani under 23 di Cervaro, in provincia di Frosinone, il più bravo della pattuglia labronica è Alessandro Paroli, allievo del maestro Marco Vannini e bravo studente di filosofia. Un figlio d’arte, o se preferiamo un predestinato. Il babbo ingegner Giulio ha scritto pagine importanti in questo sport, anche nel 2012, soprattutto nelle categorie senior. In semifinale il bravo Alessandro ha piegato, sul filo di lana (15-14), l’amico e compagno d’allenamento Tommaso Lari delle FF.OO. In finale invece, Alessandro ha dovuto ammainare bandiera bianca di fronte all’aviere Alessio Foconi. Nella stessa gara 12esimo posto per Michele Del Macchia, 14esimo per Lorenzo Nista. Quella del fioretto maschile è stata una delle specialità a più alto tasso tecnico. In pedana (sconfitto in semifinale da Foconi) anche Giorgio Avola. A Cervaro medaglia di bronzo anche per la fiorettista labronica, emigrata al Cus Siena, Beatrice Monaco. Super “Bea” in semifinale ha ceduto alla pisana Chiara Cini (15-13), l’allieva del Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo che nel turno precedente

aveva costretto alla resa (alla fine quinta) anche Olga Rachele Calissi. La bella prova di Alessandro Paroli viene sottolineata dal maestro Marco Vannini: “Non è giunto il metallo più pregiato, vinto dal ternano Alessio Foconi, ma nella prova da vice campione d’Italia under 23 di Alessandro Paroli c’è tanto oro sia sotto il profilo dell’impegno che sulle aspettative per il prosieguo della stagione e della carriera naturalmente. Alessandro sta trovando pian piano il giusto equilibrio e sta consolidando una maturità che si sta dimostrando sempre più quella dell’uomo adulto. Atteggiamento che lo sta premiando con i risultati in pedana, dato che nel corso dell’anno, nonostante i pochi appuntamenti, ha sempre fornito prestazioni di rilievo, piazzandosi costantemente nei migliori otto fiorettisti nelle gare internazionali di circuito satellite di Amsterdam, Londra e Copenaghen, oltre alla vittoria di Roma nel circuito europeo under 23”.

Lorenzo Nista


A fine aprile a Adria (Ro) la squadra di fioretto maschile, dell’Accademia della Scherma, composta da Alessandro Paroli, Dario Finetti, Lorenzo Ristori e Edoardo Bo ottiene la promozione di serie nel Campionato Nazionale a squadre passando dalla “C” alla “B2”, grazie a un lusinghiero terzo posto nel tabellone finale. “Gli Accademisti il prossimo anno potranno cimentarsi nella serie superiore della B2. Evidente il rammarico per non aver centrato il pieno risultato alla vigilia assolutamente nelle corde dei ragazzi guidati a fondo pedana dal Maestro Claudio Del Macchia. Determinante il passaggio a vuoto dell’ultimo frazionista Alessandro Paroli impegnato nel match decisivo in semifinale contro Francesco Archivio, capitano della società anconetana Stamura” Stamura”, il commento di Marco Vannini.

Olga Rachele Calissi

9Wb_ii_[:[bCWYY^_WiXWdYWde _bFWbW7dYedW

A novembre roboante squillo di tromba di Olga Rachele Calissi e del pisanino naturalizzato livornese, Michele Del Macchia ad Ancona nella prova di qualificazione ai campionati italiani della zona Centro. La bravissima Olga Rachele Calissi, dopo un ottimo girone (tutte vittorie) mette in fila tutta la concorrenza con baldanzosa sicurezza: “Imperversando nella parte alta del tabellone”, il commento, al suo suntuoso successo, del maestro Vannini. Per la cronaca le fiorettiste ad arrendersi, negli assalti che contano, a super Olga Rachele sono state: Claudia Caracciolo (15-9) in finale, Serena Di Piero in semifinale, Elisa Veratore nei quarti e Lisa Milanese negli ottavi. Elogi meritati da parte di Vannini pure per il giovane Michele Del Macchia. “Michele è tornato prepotentemente sul gradino più alto del podio a distanza di un anno e mezzo circa dal titolo tricolore Cadetti, coniugan-

do, finalmente, la sua scherma elegante e tecnicamente pregevole con quella cattiveria agonistica da cui non può prescindere una prestazione vincente”. Del Macchia ad Ancona si è davvero superato mettendo in rigorosa fila indiana ben 107 schermitori. Un mix di giovani, giovanissimi e tanti altri con grande bagaglio di esperienza alle spalle. Tra gli ultimi scalpi di Michele: Alessio Piazza in finale e Matteo Iaconis in semifinale. Entrambi sconfitti per 15-9.

F_bbeb[Z_]beh_Wf[h7YYWZ[c_ij_ [Wjb[j_Z[bb[<<$EE

A marzo le spadiste Ginevra Burchi, Elena Bargagna e Ilaria Cariello vincono la serie C2 Zonale a squadre e trascinano l’Accademia alla serie C1 Nazionale, diventando, di fatto, l’unica squadra di spada livornese presente in un campionato nazionale di serie. A maggio Alessandro Paroli vince la Coppa Italia ad Ancona, succedendo a Edoardo Luperi vincitore delle due edizioni precedenti: 2010 e 2011. La giovanissima Giorgia Marazzini sfiora, invece, il podio ai Campionati italiani under 14 di Riccione. Ad ottobre la stagione riparte senza troppi acuti. Edoardo Luperi manda in archivio la qualificazione ai tricolori di categoria con un buon piazzamento a Rimini. “Ma inizia a lamentare qualche risentimento dei postumi della stagione precedente vissuta in modo molto intenso, durante la quale il CT Cerioni non lo ha lasciato certamente risparmiarsi”, le parole del maestro Vannini che aggiunge: “Con il gruppo dei ragazzi delle FF.OO. veniamo ricevuti dal neo Questore di Livorno Marcello Cardona, ex arbitro di calcio di serie A”. A novembre l’attività Nazionale, del GPG, entra nel vivo e Giorgia Marazzini (classe 2001) si conferma a Calenzano, per il secondo anno consecutivo, sul secondo gradino del podio. E Alessandro Paroli vola a Londra per partecipare ad una gara satellite nella quale conquista un incoraggiante quinto posto. A dicembre salgono ancora in cattedra Tommaso Lari ed Edoardo Luperi. I due atleti delle FF.OO. nell’Open di Ravenna si collocano sul secondo e sull’ottavo gradino (Edoardo) del podio, ipotecando, di fatto, la qualificazione ai tricolori Assoluti di Trieste 2013.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Fhecep_ed[ZWbbW9WbbW8(f[h _bÓeh[jje

313


314


B

attesimo in pedana con la benedizione di Aldo Montano. Per una decina di baby schermitori del Fides, a novembre, prima di gettarsi nell’agone agonistico della prima prova regionale del Gran Premio Giovanissimi, l’incontro ravvicinato

con il grande Aldo Montano. Per un’oretta abbondante, nel tempio della scherma di via Allende, l’Aldone Nazionale, sorridente e disponibile ha fatto compagnia ai piccoli spadaccini e quando è stato necessario, durante l’allenamento, si è improvvisato an-

Aldo Montano con i ragazzi del Fides

7ZcZYZiiV7VaY^c^jcVegZYZhi^cViV

Q

uestione di geni. La scherma non fa eccezione alla regola. Benedetta Baldini, 19 anni, compiuti il 15 maggio, ultima rampolla della famiglia Baldini, ha preso la rincorsa e ha iniziato a scalare le classifiche e nel 2012 ha toccato la vetta nel ranking nazionale under 20 della sciabola e il sedicesimo in quello mondiale. Con ampi margini di miglioramento davanti perché, sono parole del suo maestro Nicola Zanotti: “Ha preso piano piano coscienza delle sue notevoli potenzialità”. Poi tanto per ribadire il concetto ha aggiunto: “Personalmente in lei ripongo grande fiducia e speranza che possa ripercorrere la strada di Irene Vecchi. Le grandi qualità e il talento stanno venendo fuori. In particolare nell’ultimo anno: il 2012. Anche perché terminate le scuole superiori ha potuto allenarsi con maggiore continuità con atlete, come la stessa Irene e Ilaria Bianco. E inoltre con

altre brave compagne e compagni di sala, tra le quali: Maria Vittoria Sartori, Margherita Cappelli, Flavia Manca e tanti scalpitanti giovani sciabolatori”. Per la dolce Benedetta, dunque, una sinfonia di elogi e tanti buoni auspici. Per mamma Rita e babbo Enrico un altro vagone di soddisfazioni in dirittura d’arrivo, dopo quelle: olimpiche, mondiali, europee e nazionali d’Andrea. A dire la ve-

che arbitro. Un arbitro gentile e prodigo di consigli e di belle parole. Nella circostanza Montano ha firmato anche tanti autografi. Oltre ai piccoli, presenti anche tanti atleti più grandicelli e i maestri Nicola Zanotti, Paolo e Lorenzo Paoletti, Diego Pardini, Iacopo Reali e Alberto Picchi e il consigliere Andrea Malquori. A fare gli onori di casa il presidentissimo Mario Miccoli. Dopo aver ringraziato Aldo Montano per il gesto di cortesia, nei riguardi del circolo dove schermisticamente è nato e cresciuto, gli ha ricordato: “che questa è la sua casa e per lui è sempre spalancata”. Poi, prima dei saluti, immancabili foto gruppo. In primis con i piccoli schermitori che, il giorno successivo sarebbero saliti in pedana a Lucca con la speranza, un domani di ripercorrere almeno in parte la stupenda carriera di Aldo Montano. Ma ecco il nome dei piccoli sciabolatori che probabilmente, anche tra qualche anno si ricorderanno di questo incontro con il campione olimpico di Atene. Pietro Torre, Lorenzo Cambini, Edoardo Bertocchini, Edoardo Di Ficcio, Marta Buozzi, Angelica Cardi, Cristian Verdespina, Marco Porfiri, Andrea Sarsali. Ad augurare ai bambini una bella carriera agonistica è stata anche il maestro Zanotti: “La vostra speranza è anche la nostra. Cioè quella di una carriera densa di soddisfazioni come quella di Aldo”. Mario Orsini rità a regalarne qualcun’altra ai genitori e ai nonni, sempre in campo schermistico ci mancherebbe altro, sono stati anche gli altri due figli. Il primogenito Matteo, classe 1982 e la bella e brava Giulia (18 luglio 1991). Due ottimi schermitori che, finché sono saliti in pedana, hanno dimostrato di saperci fare. Poi, però, quando è giunto il momento di fare il salto di qualità hanno preferito fare, con grande successo, altre scelte e hanno riposto sciabola e fioretto. Mario Orsini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

6aYdBdciVcd/^cXdgV\\^VbZcideZg^ e^XXda^hX]Zgb^idg^YZa;^YZh

I fratelli Baldini. Benedetta, la seconda da sx

315


Scotto PubblicitĂ Livorno


Irene Vecchi e Indrit Gjonku

cini che facevano un gran tifo, è stato il giovane Indrit. Ma a trionfare è stato il circolo Fides che ha spalancato le porte ai disabili. “Speriamo che tanti altri seguano l’esempio di Indrit, perché la nostra prima di tutto è una grande famiglia. Avere Indrit con noi è un onore, un valore aggiunto e un riferimento educativo e formativo per tutti gli altri nostri ragazzi” ragazzi”, le parole del presidente Mario Miccoli. E che Indrit sia un ragazzino, sveglio e intelligente ci vuole poco per capirlo. “Sono nato a Reggio Calabria ma vivo in città da quando avevo tre anni. Frequento la seconda classe, dell’indirizzo linguistico, del liceo scientifico F. Cecioni con ottimi risultati. L’anno scorso sono stato promosso con la media del nove, con un bel dieci a storia. Mi considero un secchione. Studiare

>C9G>I<?DC@J Jchd\cdda^be^Xd ^cjcXjdgZY^gV\Vood mi piace e non mi costa fatica. I miei inse- voce. Difetti, invece, non ne vedo. Non è gnanti sono tutti bravissimi e i miei com- un maestro perfetto, ma bravo a capirmi pagni di classe eccezionali. L’unica materia e aiutarmi a crescere e migliorami, dal cui sono un po’ allergico è la matematica, punto di vista tecnico e umano. È come benché la professoressa Grazia Rondanina, un fratello più grande. Ma bravi sono anun’insegnante che adoro, faccia di tutto che tutti gli altri ragazzi di sala. I rapporti per farmela amare. L’anno scorso alla fine di amicizia non sono ancora come quelli dell’anno comunque ho avuto sette anche con i compagni di scuola, ma siamo sulla buona strada”. in matematica”. Quando hai iniziato a fare scherma? Ingrid e i nostri giovani “Mi sono avvicinato a questo sport cirQualche giorno dopo quando siamo ca due anni fa. Ultimamente però ho dato capitati casualmente al Fides abbiamo una bella accelerata. Mi alleno tre volte la trovato Ingrid, con il suo maestro Jacosettimana, ogni volta per un’ora e mezza. po Reali, nella palestra, attigua al salone Oltre che con Irene Vecchi con le pedane, a fare ginnastica. In quel ho tirato con tanti altri momento aveva avvicinato la carrozzisciabolatori del circolo. Per na a una spalliera svedese o, più semplime ogni volta è una grande cemente, alla scala per fare ginnastica. emozione. È come stare in Un attrezzo ginnico formato da sbarre di una famiglia allargata”. legno verticali unite da aste cilindriche longitudinali. Con forza di volontà, ogni Sogni nel cassetto? “Gareggiare alle paralim- volta, Ingrid si aggrappava alle aste e poi, piadi. A Rio forse è troppo con la sola forza delle braccia si spostava, di qualche metro, da una parte all’altra presto. Però io ci spero”. E magari vincere una rispetto al punto in cui aveva lasciato la carrozzina. Nel vederlo ci sono venuti in medaglia? “Sarebbe bellissimo. An- mente tanti giovani, cosiddetti normodoche se fosse di legno (risa- tati, che avendo la possibilità di fare sport, ta) come quella vinta da senza troppa fatica, non lo fanno, per tanAndrea Baldini nell’indivi- te ragioni. Motivazioni, in ogni caso, solo duale a Londra. A pensarci bene per ades- rarissimamente plausibili. so mi accontenterei anche di un successo Mario Orsini ai Campionati italiani”. E nella vita quali sogni hai? “Mi piacerebbe diventare interprete. Un bravo interprete. Le lingue sono sempre state la mia passione”. Un pregio e un difetto del tuo maestro Jacopo Reali? “Il pregio più grande è che mi tratta come tutti gli altri. Se mi deve sgridare mi sgrida. Se merito i complimenti Indrit Gjonku, Jacopo Reali e Edoardo Castellani me li fa anche ad alta

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

P

er il circolo Fides il 2012 è stato anche quello del primo atleta in carrozzina in pedana. Un evento stupendo che ha stimolato riflessioni che vanno ben al di là del singolo fatto sportivo. Per il glorioso circolo di via Allende è stata senz’altro, anche se virtuale, la medaglia più bella in centoventi anni di trionfi, in tutto il mondo. Una medaglia ricca di significati e zeppa di fratellanza, solidarietà, amicizia, stima, rispetto e amore. A salire in pedana con una sciabola in mano Indrit Gjonku. Un ragazzo di origini albanesi, di 16 anni, compiuti il 12 novembre. Avversario o meglio avversaria di Ingrid, Irene Vecchi. Una campionessa sempre con il cuore in mano, un’innata modestia e tanta semplicità e gentilezza, scritte a caratteri cubitali nel proprio Dna. A prevalere seppure di misura (5-4), di fronte a tantissimi spadac-

317


Since 1988 Auto & deluxe Minibus con autista - Chauffeured deluxe car & minivan

Ringraziamo tutti i nostri clienti che ci danno fiducia e con piacere prenotano i nostri servizi al 0586 211442 per servizi auto con conducente N. C.C. per trasferimenti in aeroporto, terminal crociere, fiere di settore, cerimonie, meetings, mostre d â&#x20AC;&#x2122;arte â&#x20AC;Ś e per tutte quelle occasioni in cui tu hai necessitĂ di vetture confortevoli, autisti disponibili e professionali eâ&#x20AC;Ś prezzi sorprendenti.

Cordialmente Al"#dro Magelli

LINKER di Alessandro Magelli t4FSWJ[JBVUPDPOBVUJTUB

Scotto PubblicitĂ Livorno

Ricorda â&#x20AC;Ś auto, minivan e van fino ad otto passeggeri, a Livorno dal 1988 verso tutte le destinazioni che desideri.

0IAZZALEDEI-ARMI  ,IVORNOÂ&#x201E;5F½CIOÂ&#x201E;&AXHÂ&#x201E;#ELLULARE -AILINFO LINKERVANCOMÂ&#x201E;7EBWWWLINKERVANCOMÂ&#x201E;,INKSWWWSTARCOASTITÂ&#x201E;4/WWWENJOYTUSCANYNET 318


B6G>DB>88DA> JcegZh^YZci^hh^bd Vai^bdcZYZa;^YZh post Olimpiadi abbiamo fatto una piccola intervista. La prima domanda non poteva non riguardare il figlio di suo cugino Mario. Lo sciabolatore simbolo di Livorno degli ultimi anni. Dottor Miccoli perché non invita Aldo Montano, a tornare al Fides? “Non devo essere io a dirglielo. Deve essere lui a sentire il desiderio di ritornare ad allenarsi dove è nato e cresciuto schermisticamente. Per me Aldo è come un figlio. Io e suo babbo, mio cugino Mario, o meglio Mauzzino, siamo cresciuti insieme e conoscendolo bene penso che anche lui sarebbe contento di rivederlo tornare a allenarsi al Fides”. Com’è Aldo nella sfera familiare? “Un tesoro di ragazzo. Una persona adorabile, allegra, sorridente, generosa, altruista che ama la sua città. Per questo spero torni presto tra noi con maggiore assiduità”.

Torniamo al Fides. Quali progetti avete in cantiere? “Ci piacerebbe attivare corsi di scherma per disabili. Oltre a dare la possibilità a loro di fare scherma a trarne vantaggio sarebbero soprattutto i nostri ragazzi. Fare scherma giornalmente al loro fianco avrebbe importanti riflessi socializzanti e al tempo stesso sarebbe altamente educativo”. Che problemi ci sono per concretizzare il progetto? “Essenzialmente economici. Ci stiamo attivando per poter accedere a fondi europei e regionali per dare gambe alla nostra idea, cui teniamo davvero molto”. A Livorno quando si parla di scherma spesso si dice che è uno sport d’élite? “Assolutamente no. La scherma è uno sport per tutti. Le nostre quote sono in sintonia con quelle di altri sport. E come valenza educativa pensiamo sia se non in testa nei primi posti della hit parade tra quelli praticati in città. Il nostro obiettivo primario non è creare campioni. Se così fosse saremmo cattivi educatori. La nostra prima finalità è formare degli uomini e donne, in cui le parole lealtà, sincerità, rispetto delle regole e degli altri, siano priorità. Persone che possano camminare a testa alta nei duri sentieri della vita”. E i campioni? “Se uno ha le potenzialità per emergere, grazie anche ai nostri bravissimi maestri e a tutto il nostro eccellente staff ff tecnico, qui c’è l’humus giusto per emergere fino a livelli planetari. I genitori in primis, però, quando i loro figli varcano la soglia del nostro circolo, devono essere pienamente coscienti che molti diventeranno bravi schermitori, ma solamente uno su mille arriverà nell’olimpo mondiale. Anche perché la concorrenza a livello planetario, grazie alle nazioni emergenti, anno dopo anno, è sempre più spietata”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

A

gennaio sul ponte di comando della corazzata Fides arriva il notaio Mario Miccoli. Un autentico signore dai modi gentili che non ha certamente bisogno di presentazioni. Anche lui ha nelle vene il sangue dei Montano essendo discendente diretto (nipote) del capostipite della dinastia Tommaso Montano. Per il dottor Miccoli rimettere piede al Fides è un ritorno a casa e al tempo stesso fare un tuffo ffo nel passato. Questo sport ff l’ha, infatti, vissuto in tutte le sue sfaccettature. Prima come giovanissimo spadaccino, poi come dirigente, consigliere e dal 2012 come presidente e quando capita anche come amatore praticante. L’esordio di Miccoli in pedana risale ai primi anni cinquanta, in età scolare: sei anni. “Per un decennio ho frequentato il circolo nella sede di via Roma con regolarità e a livello agonistico mi sono tolto discrete soddisfazioni. Successivamente quando ho capito che era difficile conciliare, in maniera ottimale, la scherma con gli studi universitari e poi con i primi impegni di lavoro, ho messo la scherma un po’ da parte. La passione però è rimasta viva. Ultimamente ho ripreso a praticare la scherma per divertimento” timento”. Al dottor Miccoli in una chiacchierata

Mario Orsini

Mario Miccoli e Paolo Azzi

319


E6DADE6DA:II> BVZhigdY^ÒdgZiidY^ajc\dXdghd YZa;^YZhZYZaaVcVo^dcVaZ

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

M

320

tenante per abbandonare momentaneamente questo sport, però, fu il trofeo Stefanini che disputati a Roma. Mi classificai secondo e non vedevo l’ora di andare sul podio. Al momento delle premiazioni però il nostro maestro ci portò via, altrimenti perdevamo il treno. Fu una mazzata tremenda. La medaglia poi me la portò a casa, quindici giorni dopo, Edda Fagni, allora segretaria del Fides e poi onorevole” le”. Lasciato il fioretto Paoletti sceglie il judo. “Bastavano un paio di ciabatte e il judogi. Così non dovevo chiedere niente a nessuno. All’Athletic Club trovai Silvano Girardi. Gran maestro. Da lui imparai anche a stare con i ragazzi. Come judoka sono diventato cintura nera e poi maestro per diversi anni” anni”. Come studente, da adolescente, Paolo Paoletti, invece, frequenta l’istituto tecnico industriale e dopo aver conseguito il diploma, di perito meccanico, s’iscrive per un anno all’Università: alla facoltà di scienze politiche. Poi va militare nei Carabinieri a Roma. Qui riprende il fioretto in mano e disputa, con successo, qualche gara prima di dare sfogo alla sua passione per la pittura. Nel 1976 vince il concorso per aiuto macchinista nelle FS. “Andare Paolo Paoletti e Andrea Baldini

aestro di fioretto del Fides e della nazionale. Al glorioso circolo scherma di via Allende è tornato nuovamente nella primavera del 2010, dopo quattro anni abbondanti al Club Scherma Livorno, la società con sede al PalaBastia, da lui fondata nel 2006. In nazionale, invece, ha messo i piedi in pianta stabile dal 2004. Paolo Paoletti, alla rispettabile età di 64 anni (è nato il 27 luglio del 1948) guarda avanti. A mettergli il fioretto in mano quando è ancora piccolo babbo Alberto, classe 1912, campione italiano individuale e a squadre di fioretto nel 1954. “Come schermitore da piccolo ero bravino. Tirai fino a diciassette anni, poi cambiai sport per due ragioni. La prima perché provavo disagio quando dovevo chiedere l’attrezzatura ai miei amici. Essendo di famiglia modesta non potevo permettermela. La causa sca-

lontano da Livorno, però, mi piaceva poco. Così, una volta promosso macchinista, quando potevo, preferivo guidare i treni merci per restare nei dintorni di Livorno. La svolta una decina d’anni, quando vengo ritenuto inidoneo per una vertebra rotta. Così passo dietro la scrivania e poco dopo vinco il concorso per capo gestione” gestione”.

Paolo Paoletti e Paolo Azzi

Nel 1990 poi Paoletti saluta le FS, grazie ad una delle tante finestre pensionistiche: le allora pensioni baby. Dopo questa prima doverosa e fugace premessa torniamo all’attualità. Maestro Paolo cos’è per te la scherma? “Bisognerebbe chiederlo alla scherma che, a dire il vero, non l’ho mai cercata. Ma, per vari motivi, è sempre stata presente, con minore o maggiore intensità nella mia vita, cominciando da quando ancora bambino mio padre Alberto vestiva la casacca della nazionale. Sicuramente negli ultimi 15 anni è stata la mia principale attività. A darmi le motivazioni è stata la curiosità e il desiderio di mettermi in gioco e cercare di centrare determinati risultati. In questo posso dire che sono stato ampiamente appagato. Basta soffermarci ffermarci sulle ff olimpiadi londinesi. Oppure facendo un passo indietro sul mondiale di Antalya, gli europei di Plovdiv. Tutti risultati esaltanti arrivati dopo la batosta delle olimpiadi di Pechino. Da non trascurare poi le tante soddisfazioni mondiali, europee e anche sul suolo nazionale di Cadetti e Giovani:


Belfast, Rovigo, Bourges… insomma tante belle soddisfazioni e qualche delusione. Ci mancherebbe altro”. La maschera d’onore d’oro te la aspettavi oppure è stato un fulmine a ciel sereno? “In tutta sincerità non me l’aspettavo. Era qualche anno che la Maschera d’Oro non veniva assegnata. Sono contento, come potrei non esserlo. Sono venti anni che faccio il maestro di scherma. Iniziai nel lontano 1993 a Cecina. Dal 2002 sono uno dei maestri della nazionale Giovani. E dal 2004 di quella assoluta. Penso di essermela guadagnata. Andrea Baldini e tanti altri campioni, che tutto il mondo ci invidia, ne sono una tangibile testimonianza”. È il primo premio importante che ti è stato assegnato? “In passato sono stato premiato dai Veterani dello Sport e dagli Azzurri d’Italia come miglior tecnico dell’anno. Le motivazioni nelle due circostanze, furono il doppio successo, individuale e squadre, di Andrea Baldini nel mondiale di Antalya e nell’europeo di Plovdiv. Inoltre la vittoria nel mondiale Cadetti, di Belfast, di Lorenzo Nista e i tanti altri ottimi risultati sulle pedane di tutto il mondo di miei allievi.

ma Livorno, praticamente hanno vinto tutto a livello assoluto e giovanile, in Italia e all’estero”. Tra i piccoli fiorettisti del Fides c’è un nuovo Andrea Baldini o uno che può avvicinarsi a lui? E tra le piccole fiorettiste? “Ho tanti bravissimi ragazzini e ragazzine che presto dovrebbero far parlare di loro. Per adesso, però, incrocio le dita e non dico altro”. La fiorettista o il fiorettista del Fides che ha fatto i maggiori progressi nel 2012? “Sono tutti in progresso e hanno ampi margini di miglioramento. Sui nomi però preferisco non sbilanciarmi. Se proprio insisti dico Eleonora Malquori e Ilenia Orsolini. Ma ripeto, non sono le sole”. A chi devi dire grazie tra i tuoi più stretti collaboratori del Fides? “Tutti sono importanti, direi indispensabili. Il nostro è un lavoro di squadra. Per ottenere ottimi risultati ognuno deve dare il meglio di se stesso. Facendo dei nomi rischio di dimenticarne qualcuno. Rimanendo in ambito familiare inizio da mio fratello Alfredo: l’armiere del Fides e mio figlio Lorenzo anche lui maestro. Poi aggiungo tutti gli altri. Naturalmente in ordine sparso: la segretaria Betty, gli istruttori Ilenia Orsolini, Claudio Avella e Anna Kassianovich. Il preparatore Franco Fabbri. Gli stessi atleti. I dirigenti, cominciando dal presidente, il notaio Mario Miccoli, e proseguendo con tutto il consiglio direttivo. E l’instancabile coordinatore Alberto Picchi”. Perché un genitore dovrebbe incoraggiare suo figlio di sei anni ad andare a imparare scherma da te e non a giocare a calcio, a tennis o a fare atletica? “I bambini devono fare sport. Non importa quale ma è fondamentale che lo facciano. L’ambiente sportivo è sano. Mentre al di fuori tutti sappiamo i rischi che corrono. Se decidono di fare scherma ne sono contento perché amo questo sport e lo ritengo completo dal punto di vista psicofisico. Fondamentale per una crescita armonica dei ragazzi. Nella scelta del circolo, invece, ognuno deve decidere secondo le proprie convinzioni. Io adesso sono al Fides. E da noi, sia chiaro, sono tutti benvenuti”. Mario Orsini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Paolo Paoletti e Lorenzo Nista

Tra loro anche Olga Rachele Calissi. Una eccellente fiorettista che è stata mia allieva per tanti anni”. Il premio è uno stimolo per continuare oppure un grande appagamento per invogliarti a dire basta? “Lo stimolo per continuare non manca davvero. L’entusiasmo del nuovo presidente del circolo Fides, Mario Miccoli, mi ha contagiato. Sto pensando di formare nuovi tecnici, come ho già fatto, in maniera ottimale, con mio figlio Lorenzo. Naturalmente in sintonia con la società”. E in un futuro, più lontano, cosa ti piacerebbe fare? “Riprendere la mia vecchia attività di pittore, dedicarmi all’hobby della pesca. Ma soprattutto fare il super nonno!” Fai un breve elenco dei maggiori risultati ottenuti dai tuoi schermitori durante il 2012? “Al primo posto metto la medaglia d’oro a squadre e anche il quarto posto individuale di Andrea Baldini a Londra. Poi i quattro podi ai Campionati italiani di categoria sempre di Andrea Baldini e inoltre di Ilenia Orsolini, Lorenzo Nista e, dell’ex schermitrice del Fides, Olga Rachele Calissi. E anche tante altre belle prove disputate dai miei allievi sulle pedane continentali e mondiali. Ma non è mio costume tenere i conti aggiornati”. La scherma non ti sembra uno sport per famiglie ricche? “La scherma è sicuramente uno sport per famiglie benestanti. Specialmente quando gli schermitori sono bravi ma non ancora nel giro della nazionale e gareggiano a proprie spese, o meglio delle loro famiglie, su e giù per il mondo. Certamente ha dei costi superiori all’atletica e a tanti altri sport. Ma oggi tutto costa. Basta riflettere sui venti euro che mediamente si spendono ogni giorno, per l’auto. Insomma è dura per coloro che non fanno politica di professione”. Guardando i risultati ottenuti dai tuoi schermitori, nell’anno solare, sei contento o ti aspettavi di più? “Sono soddisfatto considerando che sono rientrato al Fides nel 2010, ereditando una situazione non certo favorevole. Nel mio ‘povero’ Club Scherma Livorno mi ero abituato male. Basti pensare alla straordinaria annata post Olimpiadi, dal 2009 al 2010, dove i miei allievi, con la maglia del Club Scher-

321


C>8DA6O6CDII> JcbVZhigdXdc^aXjdgZYÉdgd

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

322

n anno di grande scherma per le sciabolatrici e gli sciabolatori del Fides. Di ottima scherma, da mettere gelosamente nell’album dei ricordi. Nicola Zanotti, maestro anche della nazionale femminile di sciabola, ha pochi dubbi in proposito. “La più grande soddisfazione è stata veder gareggiare Irene Vecchi sulle pedane olimpiche londinesi. Ma di avvenimenti, episodi, momenti magici, da raccontare ce ne sono davvero tanti. In primis la felicità e contentezza di veder crescere e affermarsi ffermarsi tanti scherff mitori del nostro stupendo vivaio. Ma il 2012 da noi al Fides verrà ricordato anche come l’anno dell’apertura alla scherma in carrozzina. Un settore curato, con bravura, intelligenza e sensibilità, dal maestro Jacopo Reali. Per tutti noi vedere Ingrid, un ragazzino diversamente abile, incrociare la sua sciabola con tanti compagni di sala è stata una cosa stupenda, un momento da riporre gelosamente nella nostra mente. Un vero fiore all’occhiello. Un fiore che non deve rimanere unico, ma vogliamo continuare a coltivare e moltiplicare. Per questo ci impegneremo sempre più per dare l’opportunità, a un numero sempre maggiore di giovani diversamente abili di avvicinarsi e di praticare questo bellissimo sport, con l’obiettivo primario di socializzare, divertirsi e magari raggiungere anche importanti traguardi agonistici”. Signor Zanotti quali sono i risultati più importanti ottenuti dagli sciabolatori nel 2012? “Davvero tanti. Per raccontarli tutti ci vorrebbe un Almanacco solo per noi. Inizio dalla categoria assoluta, ma solo per dare un ordine mentale. Un risultato storico è stato, senz’altro, il primo e il secondo posto di due azzurre: Ilaria Bianco e Irene Vecchi, in Coppa del Mondo a Gand. Un evento mai capitato prima in casa Italia. Un successo che diventa quasi irripetibile se si considera che si tratta di due atlete che si allenano sotto lo stesso tetto. Appunto quello del Fides. Ilaria e Irene oltre che due sciabolatrici sopraffine sono due ragazze che hanno nella semplicità e nella modestia, nell’impegno e nella serietà il loro marchio di fabbrica. A dicembre a Ravenna, nella prima prova di qualificazione ai Campionati italiani asso-

luti si sono quasi ripetute con un primo e un terzo posto. Davvero super brave”. Tra gli atleti emergenti chi ti ha sorpreso di più? “Direi Gherardo Caranti. Un vero talento. Per lui il 2012 è stato un anno pieno di soddisfazioni. Ma già nella prima parte della stagione agonistica 2011/2012, nel suo primo anno da cadetto (under 17) si è messo in mostra qualificandosi al 5° posto nella seconda prova nazionale di ammissione ai Campionati italiani e nei primi 16 nella categoria Giovani (under 20). Lasciandosi alle spalle atleti più grandi di lui di ben 5 anni. Ma l’impennata vertiginosa l’ha avuta negli ultimi mesi del 2012. Da settembre non ha sbagliato un colpo salendo sul terzo gradino del podio nella prima prova nazionale ed addirittura aggiudicandosi la seconda prova tra i Cadetti”. E poi anche una capatina in nazionale? “Sì. Il CT Sirovich l’ha inserito nella lista dei convocati, delle prove di coppa del mondo under 20, in programma da gennaio 2013 in poi. Gherardo rappresenta sicuramente il futuro della sciabola maschile livornese. Ha ottime potenzialità per potersi togliere grandi soddisfazioni anche in futuro”. In campo femminile come sono andate le cose? “Benedetta Baldini ha chiuso la stagione 2011/2012 in gran crescendo con un bel 3° posto a Budapest nell’ultima prova di Coppa del Mondo Giovani. Ed è salita sul secondo gradino nel Campionato italiano di categoria. Risultati che le hanno fatto guadagnare, anche in questo caso, la fiducia del CT Sirovich e la convocazione per i Campionati europei individuali e a squadre. Nonché per la prova a squadre ai mondiali di Mosca. Convocazioni più che meritate che, però, non hanno trovato le sperate conferme in gara. A penalizzarla è stata senz’altro l’inesperienza”. Partecipare a gare così importanti, in ogni caso, aiuta a crescere? “Proprio così. Da settembre Benedetta è ripartita con il piede sull’acceleratore ottenendo buoni risultati quali il decimo poso a Sosnowiec

(Polonia) e il sesto a Dormagen (Germania), nelle prime due prove internazionali Giovani. Per Benedetta anche il primo posto nel ranking nazionale Giovani della sciabola”. E in campo giovanile, under 14, che annata è stata? “Una buona annata. Tanti nostri atleti hanno primeggiato o ottenuto validi piazzamenti durante l’anno. In Toscana abbiamo fatto la parte del leone ma anche in ambito nazionale non c’è da lamentarci”. Qualche risultato importante? “In fase regionale tra i Maschietti il terzo posto di Porfiri Marco e il quinto di Verdespina Christian”. E poi? “Giovanissimi: 3° Edoardo Castellani; Ragazzi: 1° Cesare Freschi; Allievi: 2° Lorenzo Di Ficcio, 3° Alberto Baracchino, 5° Lorenzo Prusciano, Giovanissime: 1a Camilla Michelucci, 2a Matilde Picchi. Ragazze: 1a Elisabetta Saviozzi. Allieve: 1a Laura Fidanzi, 3a Greta Arena”. E ai Campionati italiani? “Qui la concorrenza era maggiore. In ogni caso ci siamo fatti valere. Ecco le performance più significative degli sciabolatori del Fides: Maschietti: nei trentaduesimi Porfiri e nei sessantaquattresimi Verdespina. Giovanissimi: 3° Castellani. Ragazzi: nei trentaduesimi Freschi. Allievi: 8° Di Ficcio, 9° Baracchino, nei 32 Pruscia-


“Direi bravissime. Laura Fidanzi, Greta Arena e Elisabetta Saviozzi, hanno sfiorato la storica impresa classificandosi al 2° posto nel Campionato italiano Allieve”.

AÉZkZg\gZZcbjai^iVh`^c\EVdadBVXX]^V

I

l maestro Paolo Macchia a novembre ha ricevuto l’ambitissimo premio delle Nozze d’Oro con lo sport da parte dell’Unione Nazionale Veterani. Ottanta anni compiuti il 1° luglio, è maestro di scherma dal 1963 e continua a insegnare presso la Scuola Scherma Rigoli. Dal 1968 al 1976 è stato preparatore atletico unico della nazionale azzurra di scherma. Nel palmares professionale tre partecipazioni alle olimpiadi: Città del Messico, Monaco e Montreal. Cinque ai Campionati del Mondo, due ai Giochi del Mediterraneo e due alle Universiadi. Inoltre, ha insegnato educazione fisica per 40 anni, prima al liceo Enriques e poi all’Accademia Navale e, tanto per non farsi mancare niente, è stato anche allenatore di lancio del peso e di canottaggio di atleti dello spessore di Paolo e Marco Marconcini. Nella sua bacheca anche la Stella al Merito Sportivo del Coni e

un’infinità di premi come pittore. L’ultimo della Provincia di Livorno, al Premio Ro-

Nelle immagini Nicola Zanotti e Irene Vecchi

tonda di questa estate. Insomma, un inno all’eterna gioventù e un evergreen “multitasking”, in grado di fare tante cose bene e insieme a ottant’anni suonati.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

no. Giovanissime: 6a Michelucci, 10a Picchi. Ragazze: 5a Saviozzi. Allieve: 6a Fidanzi, nei trentaduesimi Arena”. Bravi anche a squadre?

Ottimo anche l’inizio della stagione 2012/2013? “Sì. A Lucca nella prova regionale da segnalare l’esordio vincente della piccola Angelica Cardi, il terzo posto di Marta Bozzi, il secondo di Pietro Torre, il terzo ex aequo di Edoardo Bertocchini e Lorenzo Cambini e il quinto di Edoardo Di Ficcio”. Altre soddisfazioni? “Ottimo anche il 3° posto a squadre ai Campionati italiani Giovani misti. Grande continuità di questa squadra che per il sesto anno, negli ultimi sette, sale sul podio, benché il rinnovamento sia sempre stato d’attualità”. A tenere alto lo stellone Fides sono pure i grandi schermitori Master? “Al di là dei risultati, in ogni circostanza splendidi, sono un esempio per i nostri giovani. Danno prova tangibile di attaccamento a questo sport. Indipendentemente dall’anagrafe. L’ingegner Paroli è riuscito a salire sul trono mondiale della sciabola tra gli over 60. E il dottor Fabrizio Filippi ha messo in bacheca la terza medaglia di bronzo mondiale di fioretto, della sua stupenda carriera, sempre negli over 60. Risultati frutto di una passione senza confini che ha fatto emozionare tutti”. Mario Orsini

Il maestro Paolo Macchia è il primo a destra

323


GDA6C9DG><DA> JcVbdgZhZcoViZbed eZgaVhX]ZgbV

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

324

n grande della scherma mondiale di tutti i tempi. Rolando Rigoli, il 3 ottobre ha tagliato il traguardo dei settantadue anni. A riporre sciabola e attrezzi del mestiere al chiodo, però, non ci pensa. Da qualche annetto, dopo aver lasciato il Fides, ha fondato una scuola Scherma, presso l’Arena Astra, tutta sua. Un posticino, come dice lui, dove crescono in assoluta tranquillità piccole pianticelle. O meglio giovani talenti, aggiungiamo noi. Perché Rolando e il suo staff, ff, in primis Paolo Macchia e ff Cristina Abniacar, a insegnare scherma non sono secondi a nessuno. Per riassumere il palmares di Rolando ci vorrebbe un Almanacco tutto suo. Noi, scusandoci in anticipo con l’interessato, ci limitiamo a qualche flash importante. Cominciando, come è giusto che sia, con il successo olimpico, nella sciabola a squadre del 1972, con a fianco Mario Aldo Montano, Mario Tullio Montano e Michele Maffei. ffei. Poi aggiungiamo l’argento olimpico ff di Città del Messico nel 1968, il successo nella sciabola individuale ai Giochi del Mediterraneo del 1971 e ai Campionati italiani del ’68. E, non ultime per importanza, la bella scia di eccellenti prestazioni ai Campionati mondiali a squadre: argento a Grenoble ’74, bronzo a Vienna ’71 e Goteborg ’73 e quarto posto nel ’69, ’70 e ’75. Insomma per dirla

alla livornese: “davvero tanta roba”. Rolando risultati a parte cos’è la scherma per te? “È la metafora della vita. È impegnarmi sempre in quello che faccio. È un duello continuo come nella realtà quotidiana, essere pronto ad affrontare ffrontare momenti felici, sapendo ff che verranno anche quelli difficili. È disciplina di vita, di maniere comportamentali che ti resta addosso per sempre”. Qualche risultato importante dei tuoi giovani schermitori nel 2012? “Non è nello stile della nostra scuola stilare classifiche di merito per i singoli allievi. Il nostro credo schermistico non è far crescere il singolo elemento, ma fare in modo che a crescere sia il gruppo. Se proprio devo ricordare qualcuno dico Julia Terreni (quarta) e Giacomo Biasci (ottavo) al Gran Premio Giovanissimi Kinder + Sport. Entrambi sono stati convocati all’allenamento estivo under 14 dalla Fis e nell’anno sono coloro che hanno fatto un maggior salto di qualità. Altri atleti che si sono distinti nel corso delle varie prove a livello regionale e nazionale sono stati Dario Orsi: campione regionale Maschietti. E inoltre: Niccolò Cillari, Tommaso Giraldi, Federico Livi, Saverio Aiello, Tommaso Baracchini e Ginevra Luchi. Tra i successi del 2012 mi piace evidenziare anche quelli dei nostri piccolissimi atleti che hanno partecipato al progetto ideato dal C.S.A.IN (Centri Sportivi Aziendali e Industriali) “Insieme per giocare alla scherma”, per i bambini dai 5 ai 9 anni. Qui i nostri piccoli hanno primeggiato ottenendo ottimi e buoni risultati in tutte le manifestazioni. I loro nomi: Giorgio Gradassi, Elisa Volpi, Carolina Belliti, Alberto Benetti, Gabriele Petruccione, Giorgia Rivoltella, Beatrice Andreanini, David Bedarida, Giulia Iervasi, Edoardo Betti, Antonio Ghelardi, Gregorio Mainardi, Gianluca Santini. Risultati complessivi che ci hanno pienamente soddisfatti”. La scherma nell’immaginario collettivo è sinonimo di sport per ricchi. Vero? “No. Anche grazie al progetto Csain, dove il materiale schermistico (maschera e fioretto di plastica) viene messo gratuitamente a diRolando alle Olimpiadi del Messico 1968 con il Ct Fini sposizione dei bambini dalle singole

Rigoli al Trofeo Martini nel 1970

società, la scherma non è sport di élite. Negli anni ‘50/’60 quando le differenze fferenze sociali eraff no più evidenti, effettivamente ffettivamente la scherma ff era considerata uno sport da ricchi. Con l’aumentato benessere questa diversità è quasi scomparsa. E anche le famiglie meno abbienti si sono avvicinate al nostro sport. I costi per le attrezzature e le spese dei viaggi per le gare, sono in sintonia a quelle della maggior parte delle altre discipline sportive e le quote sociali sono alla portata di tutte le tasche. Almeno nella nostra Scuola”. Le più grandi soddisfazioni che ti hanno regalato i tuoi atleti in quasi mezzo secolo? “Infinite. Difficile ricordarle tutte. Mi mancano riferimenti temporali e qualche nome. Forse perché mi ricordano gli anni in cui ho insegnato, sempre con molta passione al Fides, senza avere riconoscimenti personali significativi per il lavoro svolto con i singoli allievi. Ricordo le vittorie ai Campionati italiani di categoria di Diego Pardini e Marco Vannini ((fioretto) e giovanili di Nicola Zanotti. Oggi tutti e tre apprezzati maestri. Le belle performance di Virginia Di Franco (spada), Gianluca Ciapini, Mario e Massimo Ciano, Giulio Vecchi, Enrico Filippi, Riccardo Ageno. Uno sciabolatore che oltre a vincere il titolo nazionale cadetti, nello stesso anno, ha conquistato la medaglia di bronzo ai Mondiali Cadetti di Antalya. E inoltre la vittoria di Camilla Batini ai Campionati italiani di spada Cadette e a quelli europei Giovani a squadre nel 2009. E naturalmente i tanti straordinari successi di Irene Vecchi”.


Scuola Rigoli con vertici federali (Scarso e Azzi)

mano, il rispetto è un elemento imprescindibile. Anche tra allievi e maestri”. Perché io genitore dovrei invogliare mio figlio a venire a imparare scherma da te? “Da noi ci sono conoscenze, valori etici e morali importanti. Oltre alla professionalità degli insegnanti, al loro vissuto sportivo ed alla loro carriera agonistica. La mia scuola di scherma non nasce a caso. Il nome è volutamente “Scuola” non “Circolo”. Scuola come educazione sportiva, come formazione fisica, schermistica non per modo di dire. Equilibrio disponibilità a colloquiare, in un ambiente familiare, dove anche i genitori collaborano fattivamente e non fanno da freno allo sviluppo del programma di allenamento proposto dai maestri, sono importanti peculiarità. Grazie a questo clima, che siamo riusciti a creare in sala di scherma, i bambini e i loro familiari sono amici anche al di fuori dell’ambiente sportivo”. La concorrenza tra i circoli, seppure molto soft, almeno per quel che ti riguarda, è un valore aggiunto o un freno per l’afferff ffermazione della scherma livornese? “Penso che la concorrenza tra le società sia un freno, per l’affermazione ffermazione della scherma ff livornese. Il bacino degli utenti non è aumentato, è rimasto sempre lo stesso, ma diviso per quattro. Una maggiore organizzazione e collaborazione tra le società esistenti sarebbe l’ideale. Ma credo che sia pura utopia, poiché ognuno guarda al proprio giardinetto”. Chi è lo schermitore livornese che ti ha fatto emozionare di più nel 2012? “Senz’altro Aldo Montano. Dopo il bruttissimo incidente ai Campionati italiani assoluti si è ripreso combattendo, tirando con classe ardore e coraggio, dando un contributo fondamentale alla conquista della medaglia di bronzo di sciabola a squadre alle Olimpiadi di Londra. Proprio in quell’occasione ero presente sugli spalti come spettatore. Ho rivissuto antiche emozioni, delle Olimpiadi di Monaco del 1972, dove in un’identica situazione, incontrammo la Russia per la conquista della medaglia d’oro e tirando in maniera guascona proprio come ha fatto Aldo, vincemmo le Olimpiadi”. Quando pensi di attaccare la sciabola al chiodo? “Questa domanda è cattiva, anagraficamente forse avrei dovuto già attaccarla al chiodo, ma finché mi emozionerò a insegnare la bella scherma e a vedere i miei allie-

vi in pedana e nostro Signore mi darà la forza continuerò”. Se non facevi scherma quale sport ti sarebbe piaciuto fare e perché? “Non avevo scelta perché non ho scelto io la scherma, ma è stata lei che ha scelto me. Per puro caso a un mio zio paterno, impiegato presso il Comune di Livorno, Ario Cantini, allora geometra all’Ufficio tecnico e consigliere del Circolo Fides, chiese se aveva qualche parente per iniziarlo alla scherma. Ecco come ci sono arrivato. Guardando indietro non ho rimpianti e non sono pentito di quella scelta, anche se, nello stesso periodo, mi era stata offerta ff fferta la possibilità di fare una prova in una grande squadra di calcio Toscana. A consigliarmi di scegliere la scherma, tra le due opzioni fu anche mio padre”. La più grossa soddisfazione che hai avuto nella scherma come atleta? “La risposta è ovvia: la vittoria alle Olimpiadi di Monaco 1972. Un’emozione per sempre. Il campione olimpico non è mai un ex. Resta sempre in carica. Per raggiungere quel traguardo così importante, un atleta dedica alla disciplina sportiva scelta un’intera vita sportiva. Con duri allenamenti, tantissimi sacrifici e rinunce, ma raggiunto questo traguardo viene ricompensato oltre ogni limite”. Baldini ha detto che con Cerioni l’Italia del fioretto ha perso tanto. Cassarà che l’Italia rimane grande anche senza Cerioni. Chi ha ragione secondo te? Baldini e Cassarà sono più dentro il problema del fioretto di me. Io, dopo che la scelta della Federazione Scherma, per sostituire Stefano Cerioni, è caduta su Andrea Cipressa, posso dire che è stata una scelta giusta. Cipressa è un ex grande atleta di notevole spessore tecnico, cui faccio un grosso in bocca al lupo per il suo lavoro. I risultati ottenuti dall’amico Andrea durante la sua carriera agonistica, con la vittoria nel fioretto a squadre alle Olimpiadi di Los Angeles ed i Mondiali a squadre di Sofia, Barcellona e Lione, la grande esperienza da dirigente della Fis, come vice presidente, sono un buon viatico per non far rimpiangere il buon Cerioni: grande campione ed altrettanto grande commissario tecnico”. È giusto secondo te che un CT della nazionale prenda solamente 90 mila euro lorde l’anno? “No, infatti, Cerioni, di fronte ad una proposta eccellente, che probabilmente gli cambierà la vita, non ha avuto esitazioni ad accettare l’invito della rivale Russia. Apparentemente senza rimpianti e rimorsi, lasciando al suo successore le squadre di fioretto maschile e femminile che aveva portato a vincere le Olimpiadi di Londra”. Mario Orsini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Generalmente nel tuo circolo si allenano bambini piccoli: È una scelta o una casualità? “Una scelta. Allevare, allenare, educare alla disciplina sportiva dei bambini che iniziano a cinque o sei anni e condurli, quasi per mano, a percorrere una strada lunga e faticosa come la scherma, è una scelta fatta con cuore e razionalità. Provare a trasmettere quello che io ho imparato nella mia carriera di atleta ai piccoli schermitori, in piccole dosi, nell’allenamento - gioco quotidiano volto a raggiungere il traguardo della competizione senza che l’allievo subisca l’ansia o l’emozione del risultato, e continuare a mantenere l’idea del gioco anche gareggiando sono le motivazioni di una scelta meditata non casuale”. Il vostro mi è sembrato di capire è un lavoro di equipe? “Gli ottimi risultati che stiamo ottenendo sono il frutto, oltre che di un ambiente amichevole, della stima, amicizia e fiducia che ci lega. Il professor Paolo Macchia, uomo integerrimo, con conoscenze didattiche e metodologiche attuali, sempre presente agli allenamenti ed a bordo pedana. Nonostante la lunga e qualificata militanza, allena con l’entusiasmo e l’energia di un ragazzino. La maestra Cristina Abniacar, alla sua energia giovanile ha aggiunto esperienza e preparazione nell’insegnamento della scherma, contribuendo alla formazione di un folto gruppo di ragazzi in piena crescita. È uno staff ff che s’integra a meraviglia in maniera armonica. E farebbe la fortuna di qualsiasi altra sala di scherma”. Un marchio di fabbrica del tuo circolo anche in termini educativi? “Rispetto è la parola principe. Senza questa piccola parola non ci sarebbero le premesse per crescere. La scherma e l’educazione camminano di pari passo. In uno sport dove i due avversari che all’inizio e alla fine degli incontri fanno il saluto con l’ arma e si stringono la

325


326


x x l i i b x a x e t x n x e x m x a x s DiXvexrx HeZX^VaDanbe^Xh >g^hjaiVi^YZ\a^ViaZi^aVWgdc^X^ >a\gVcYZhjXXZhhdYZaaZEVgVda^be^VY^Y^AdcYgV

Alcuni atleti con al centro la presidente Stefania Tarabella, l’allenatrice Maria Rosa Passariello (a sx) e la volontaria Martina Battiloro (a dx)

conto che molti dei giovani che seguiva erano particolarmente capaci nelle attività sportive, più di quanto si fosse ritenuto fino a quel momento, decise di fondare il movimento “Special Olympics International” con

lo scopo di utilizzare la pratica sportiva per migliorare le capacità complessive dei disabili mentali. Fu un enorme successo che si estese a macchia d’olio, in quanto la filosofia di base non era quella di raggiungere la miglior prestazione in assoluto, ma quella di far raggiungere a ciascun atleta la sua miglior prestazione, nel rispetto delle regole sportive. Già nel 1971 la Commissione Olimpica Statunitense autorizzò il movimento ad utilizzare il nome “Olympics”, approvazione confermata nel 1988 dal Cio che

Diversamente abili: Special Olympics

I

giochi olimpici e paraolimpici di Londra 2012 saranno ricordati come la prima manifestazione in cui le attività sportive riservate ai disabili, attraverso i giochi Paraolimpici, hanno avuto una copertura mediatica e televisiva a livello mondiale, suscitando l’entusiasmo di folle di spettatori, registrando il tutto esaurito negli stadi ove si svolgevano le varie competizioni. Questa manifestazione ha costituito un importante punto di arrivo per cercare di cambiare la mentalità della gente, facendo vedere loro come anche gli atleti disabili siano in grado di compiere esaltanti imprese sportive che nulla hanno da invidiare a quelle degli osannati campioni cosiddetti “normodotati”. Addirittura, alcuni di loro, hanno gareggiato sia nelle Olimpiadi che nelle Paraolimpiadi. Lo sport paraolimpico, tuttavia, è strutturato come tutti gli altri sport, con una pratica di base ed una selezione che consente solo ai migliori di arrivare ai vertici, in analogia allo sport per i normodotati. Per tutelare questi atleti provvede il Cip, Comitato Italiano Paraolimpico, creato nel 2005, mentre gli atleti sono inseriti all’interno delle ordinarie Federazioni sportive. Tali atleti sono suddivisi in categorie a seconda della tipologia o della gravità dell’handicap fisico o sensoriale. Prima del Cip operava la Federazione Italiana Sport Handicap, che raccoglieva al suo interno tutti gli sport praticati dai disabili. Se è importante considerare gli atleti disabili più famosi come veri e propri campioni, ognuno nella propria disciplina ed in relazione ai limiti raggiunti, non meno importante è la pratica sportiva di base. Nel 1968, negli Stati Uniti, una delle sorelle del Presidente John Kennedy, Eunice Kennedy, che si occupava in maniera professionale di disabilità, rendendosi

La delegazione livornese si prepara a sfilare per la cerimonia di apertura

327


Diversamente abili: Special Olympics 328

ha ratificato una convenzione nella quale riconosce ufficialmente Special Olympics come rappresentante degli atleti con disabilità intellettiva. Attualmente, Special Olympics, presente in più di 180 nazioni, ha il compito di promuovere gli allenamenti e la pratica dello sport olimpico per gli atleti disabili intellettivi, fornendo loro opportunità di sviluppo fisico e psichico, facendo loro dimostrare coraggio e capacità, scoprendo nuovi motivi per gioire insieme ai propri familiari, ai propri amici ed alla propria comunità. Il fine ultimo dell’associazione è quello di dare alle persone con disabilità intellettiva la possibilità di diventare cittadini utili alla società e, quindi, accettati, apprezzati e rispettati. È appena il caso di sottolineare come, attraverso lo sport, l’atleta disabile possa competere con persone che hanno pari capacità, per misurare i propri progressi ed aspirare ad una ulteriore crescita di autonomia. Special Olympics, come la disabilità, trascende dalle razze, dalle nazionalità, dai confini geografici, dall’età e dalle religioni. In estrema sintesi, gli atleti Special Olympics differiscono ff fferiscono dagli altri atleti disabili, in quanto, mentre il Cip opera coerentemente con i criteri dei Giochi Olimpici con gare competitive riservate ai migliori, Special Olympics è un programma educativo che organizza eventi solo per persone con disabilità intellettiva e per ogni livello di abilità, aperte a tutti, in cui tutti sono premiati sulla

base di regolamenti internazionali testati ed aggiornati continuamente.

B7P;D?J>

Anche nel 2012 l’Associazione Sportiva Zenith Onlus, società livornese che si occupa di atleti disabili, sia intellettivi che fisici, ha svolto una intensa attività sportiva, quasi esclusivamente nel nuoto. Numerose sono state le partecipazioni ai vari meeting a livello regionale ed interregionale che si svolgono durante l’anno. Gli atleti della Zenith partecipano, ormai, stabilmente Antonio, Michela, Manuela e Andrea con gli accompagnatori alle più importanti gare che Bartorelli, Tarabella e Oliviero si svolgono nelle piscine della Toscana, con importanti spazi loro de- annuale, è senza dubbio la fase finale dei dicati anche all’interno di manifestazioni giochi Special Olympics, alla quale Livororganizzate dalla Fin come, ad esempio, no partecipa ininterrottamente da undici il Trofeo Internazionale Mussi-Lombardi- edizioni, sempre con ottimi risultati. Quest’anno la manifestazione si è svolFemiano e la Coppa Carnevale, entrambe a Viareggio. Ogni volta si alzano scro- ta a Biella, città che già aveva ospitato i scianti applausi per le performance ago- giochi negli anni scorsi, che gode di una nistiche degli atleti della Zenith, sia in ter- ottima impiantistica sportiva, con gli mini quantitativi, per i tempi di assoluto impianti a poca distanza l’uno dall’altro, rilievo registrati, sia in termini qualitativi, soprattutto con una popolazione partiper la perfezione nei vari stili e per la pre- colarmente attenta e disponibile all’accoglienza per le delegazioni giunte da cisione negli arrivi e nelle partenze. La manifestazione alla quale vengono tutta Italia. La manifestazione si è svolta dal 18 al destinate le maggiori energie e per le quali viene curata tutta la preparazione 22 giugno 2012, con un nutrito programma di eventi, in quanto, oltre ai vari sport praticati dagli aderenti al movimento, sono state organizzate, ogni giorno, manifestazioni di contorno che hanno riempito il tempo libero di tutti. Alcuni numeri: quest’anno erano presenti 2000 atleti, 1500 volontari, 450 tra dirigenti e tecnici e, soprattutto, oltre 3000 familiari giunti da tutta Italia e che, per circa una settimana, hanno tifato, gioito ed esultato per le prestazioni sportive dei loro cari. La cerimonia di apertura, svoltasi presso lo Stadio La Marmora-Pozzo di Biella, iniziata sotto una pioggia battente, è proseguita per tutta la sera del 19 giugno, con la presenza delle Autorità civili e militari nonché con presenze illustri come quelle di Loris Capirossi, visibilmente commosso, dell’ex giocatore Daniele Massaro e dell’ex ciclista Claudio Massimo Bruno aspetta l’inizio della sfilata con gli accompagnatori Tarabella e Bartorelli Chiappucci, che hanno portato le loro te-


Andrea, Manuela e Federico posano con il campione del mondo di calcio Daniele Massaro

Come ogni anno, la delegazione livornese è stata numerosa, ottenendo ottimi risultati. Nel 2012, la Zenith è riuscita a portare nove atleti alle finali nazionali tenutesi a giugno a Biella, un numero ridotto rispetto agli anni precedenti, sia a causa dei concomitanti esami scolastici per alcuni nonché per alcune defezioni dell’ultimo momento dovute a problemi fisici, tuttavia con eccellenti risultati, che hanno visto tutti i partecipanti livornesi salire, almeno una volta, sul podio nelle varie gare disputate. Per non far torto a nessuno, poiché tutti hanno dato il massimo, segue l’elenco dei partecipanti, con le gare ed i risultati ottenuti : Federico Bartorelli 25 dorso I; 50 dorso III; staffetta ffffetta 4x50mista II; Massimo Bruno 25 stile libero I; 25 dorso II; Andrea Lo Schiavo 25 delfino I; 50 delfino I; staffetta ffffetta 4x50 mista II; Marco Masciullo 50 rana VII; 50 dorso III; Giacomo Oliviero 50 stile libero III; 50 rana I; staffetta ffffetta 4x50 mista II; Antonio Sartori 50 stile libero VIII; 50 dorso VII; staffetta ffffetta 4x50 mista II; Manuela Maggi 50 stile libero e rana II; Michela Cenci 25 stile libero II; 25 rana I; Silvia Paperini 50 stile libero e dorso I. Tecnici: Maria Rosa Passariello, volontaria Martina Battiloro. Rispetto all’edizione precedente, gli atleti, al di là dei singoli risultati, hanno comunque, migliorato i tempi e si sono cimentati, complessivamente, in gare di maggior lunghezza e quindi, difficoltà. A causa delle assenze già indicate, non è stato possibile partecipare a più di una staffetta: ffetta: quella disputata dai maschi, la ff “4x50 misti”, ha avuto un livello tecnico notevole suscitando l’entusiasmo degli spettatori per l’arrivo in volata delle prime tre squadre che dopo 200 metri di gara hanno “toccato” la tavoletta del cronometro nell’arco di un secondo, con i cugini dello Special Team di Prato che hanno vinto, con 3’22’’50, su Livorno con 3’23’’30 che ha preceduto di un soffio la Us Brianza con 3’23’’50. Nel corso dell’anno, alcuni atleti, inoltre, sempre gareggiando per la Zenith, hanno partecipato anche a manifestazioni riservate agli atleti che gareggiano

Per Antonio Sartori è tutto ok

nell’ambito del Cip, anche in questo caso con buoni risultati. Un’altra importante manifestazione, ormai diventata un appuntamento fisso, che si svolge nel mese di maggio, è il meeting interregionale Zenith In Onda, cui partecipano le principali società della Toscana e della Liguria. Nel mese di ottobre, sono ripresi gli allenamenti per la nuova stagione agonistica, con la presenza, tra vecchi e nuovi tesserati, di circa 25 atleti che, ogni martedì e giovedì pomeriggio, impegnano le corsie loro riservate presso la piscina olimpica da 50 metri Camalich. L’arrivederci, per tutti, è alla prossima manifestazione nazionale che si svolgerà a Viterbo alla fine di giugno. Nel 2013, per consentire una maggiore partecipazione, la manifestazione nazionale che vedeva la presenza di tutti gli sport in un’unica sede, come una piccola Olimpiade, è stata divisa tra più città, in tempi diversi, con solo un paio di sport per sede. Ciò consentirà alle città ospitanti di garantire una maggiore ricettività alberghiera e favorire, così, una maggiore presenza di atleti ed accompagnatori, oltre a diffondere, ffondere, in maniera più ampia, ff il messaggio sportivo che lo sport per disabili vuole lanciare.

Diversamente abili: Special Olympics

stimonianze e la loro vicinanza al mondo della disabilità. Dopo i discorsi ufficiali delle Autorità intervenute e del nuovo Presidente di Special Olympics Italia, Maurizio Romiti, particolare commozione hanno suscitato la lettura dei giuramenti di atleti e giudici e l’accensione del tripode con la fiamma portata congiuntamente da una atleta disabile e dalla campionessa italiana di mezzofondo Elena Romagnolo, che pochi giorni dopo ha partecipato alle Olimpiadi di Londra. La cerimonia si è chiusa con un lancio di paracadutisti e con un accattivante spettacolo pirotecnico. Prima di entrare nel dettaglio tecnico della manifestazione, meritano un cenno, tra le manifestazioni di contorno, la Giornata dell’Ospitalità, nella quale, al termine delle gare, i Comuni vicini a Biella hanno ospitato ciascuno gli atleti e gli accompagnatori provenienti dalle varie regioni d’Italia (gli atleti di una regione ospiti di un comune), offrendo loro prodotti tipici locali. Non meno interessante i seminari di studio dedicati ai programmi di allenamento per disabili per soggetti in situazione di gravità e quelli propedeutici per bambini, preparatori alle attività sportive vere e proprie, programma chiamato Young Athletes Program.

329


Diversamente abili: Special Olympics 330

Michela Cenci saluta i lettori

Federico Bartorelli e Manuela Maggi con la presidente Stefania Tarabella

Silvia Paperini dopo la sua gara

Anche Antonio Sartori ha finito la sua gara

Andrea Lo Schiavo e Massimo Bruno

Ancora Andrea con la brava Martina


Marco Masciullo con Martina, Antonio, Silvia, Manuela e la presidente Stefania

Antonio e in secondo piano Giacomo Oliviero, aspettano il loro turno

Manuela e Silvia con un organizzatore festeggiano dopo la premiazione

Federico e Manuela durante la sfilata

Manuela Maggi attende il suo risultato

Diversamente abili: Special Olympics

Lâ&#x20AC;&#x2122;ex campione del mondo Loris Capirossi con Manuela e Federico

331


Conseguimento di tutte le categorie di patenti:

A-B-C-D-E

in tempi rapidi e a prezzi convenienti Scotto PubblicitĂ Livorno

ConTFSWJ[JPOBWFUUBEB4UBHOP Lun/merc/ven partenza dalle Poste di Stagno ore 18.20 per tutti coloro che dovranno conseguire la patente auto

Corsi A.D.R.

(trasporto merci pericolose)

a ciclo periodico

Corsi per patenti professionali (CQC) merci e persone

332


Hedgi^ch^ZbZA^kdgcd AdnVX]iZaZiVkdaZYVhjg[X]Z VWWViidcdaZWVgg^ZgZ

La Conferenza stampa per la presentazione delle tavole da surf Re-Able e il progetto Surf Insieme. Foto di Lorenzo Bini

no dell’inaugurazione il comandante della Capitaneria di Porto, Ilarione Dell’Anna ha detto: “Con il varo abbiamo dimostrato che le istituzioni sono presenti e sono vicine a tutte le iniziative che hanno come obiettivo quello di utilizzare il mare in forma sempre più estesa” estesa”. Il presidente della Provincia Giorgio Kutufà ha aggiunto: “Primo Pensiero è il risultato virtuoso di una unità d’intenti tra volontariato. Amministrazioni statali e Inail, per creare le migliori condizioni di vivibilità per tutti” tutti”. Un concetto che il presidente dell’Autorità portuale, Giuliano Gallanti ha condiviso pienamente: “La Port Authority ha dato un contributo molto modesto, ma l’abbiamo fatto con entusiasmo, perché abbiamo anche il compito di svolgere una funzione sociale e di aprirci alla città in modo sempre maggiore”. “La presenza di questa barca –concludono i soci del Sil- unica nel suo genere a Livorno, permette di portare alla ribalta nazionale la nostra città come riferimento turistico accessibile e per tutte le altre interessanti attività legate al mare. Un progetto ambizioso che

Le tavole da surf adattate

ci ha impegnati in questi anni nella ricerca e nella realizzazione di adattamenti tecnici e strutturali, tali da rendere accessibile e sicura la nostra Primo Pensiero”. Ma il mare è fatto da tanti aspetti e le iniziative da realizzare sono numerose. Lorenzo, Martino e Massimiliano hanno avuto l’idea di aggiungere un’altra attività per tornare a vivere il mare in completa autonomia, grazie alle tavole da surf appositamente progettate e realizzate dalla “Twinsbros Surfboard Livorno”. Presto gli amanti del mare diversamente abili e non, tra cui la scuola di Windsurf Tre Ponti di Livorno, il gruppo triathlon di Gabriele Balestrini e atleti volontari della Sil faranno una traversata a nuoto e su tavola dal porto di Antignano fino alla spiaggia dei Tre Ponti, seguiti dalla barca accessibile Primo Pensiero, per poi trovarsi ad un aperitivo musicale con il dj set di “The legendary lovedolls”. Ancora una volta i membri del Sil ci danno una lezione su come, tutti insieme, si possa parlare di sport non solo nella sua valenza agonistica, ma anche nel suo valore ricreativo, educativo, d’integrazione e aggregazione sociale, e perché no, anche nella sua funzione terapeutica di sviluppo psicofisico.

Diversamente abili: SIL

N

on smettono mai di stupirci i ragazzi e le ragazze del Sil (Sport Insieme Livorno) con il loro grande entusiasmo e la determinazione che li porta a raggiungere importanti traguardi. Il 2012 ha visto la realizzazioni di molti progetti e iniziative, fra cui spicca, senza ombra di dubbio, il varo della “Primo Pensiero” lo yacht accessibile ai diversamente abili. Spiega il presidente del Sil Claudio Rigolo: “Ho vissuto sulla mia pelle il disagio e la frustrazione di non sentirmi libero davanti al mare, dipendere dagli altri per poter fare un bagno, ammirare la costa e non potervi accedere, manovrare al limite dell’acrobazia tutte le volte che mi invitano a salire su una barca o quando voglio accedere all’acqua. L’idea, dunque, di dare vita ad un progetto che potesse dare la possibilità a tutti di vivere il mare in piena autonomia, mi pervadeva da tempo. Un giorno di circa due anni fa proposi la cosa ad amici e consiglieri della nostra associazione; ci fu chi reagì con entusiasmo e chi mi prese per pazzo, ma oggi finalmente siamo in dirittura d’arrivo e ciò che sembrava impossibile è realizzato! Voglio dunque volgere un abbraccio virtuale a tutti coloro che hanno sostenuto ed incoraggiato il progetto, collaborando nei modi più diversi. Il mare meraviglioso che si affaccia ff ffaccia sulla nostra costa, è oggi più vicino! Da uomo di mare, con il desiderio di poter tornare ad attività marinaresche, spero che Primo Pensiero possa offrire ffrire a molti una rinnovata possibilità, ff un ampliamento della libertà oltrepassando i limiti”. L’imbarcazione che appartiene al Sil limiti” è stata messa in acqua grazie al contributo di Inail e della Port Authority, che per l’ormeggio ha concesso 6 metri di banchina nella darsena vecchia del porto Mediceo e installato un pontile galleggiante. Il gior-

333


334


“Rientrato in Italia sono rimasto per un periodo all’ospedale di Careggi. In quell’occasione ci portarono a Livorno a vedere il Torneo di Tennis e qui conobbi Claudio, il presidente. Lui fu molto disponibile e mi invitò ad andare in associazione, ma io inizialmente non me la sentivo e tenni le distanze. Dopo un periodo in cui ho affrontato ffrontato altre ff difficoltà, come la morte di mio padre, il divorzio da mia moglie, ho voluto ricominciare una nuova vita e mi sono avvicinato all’associazione”. Qual è il tuo rapporto con lo sport? “Sono sempre stato uno sportivo. Dopo l’incidente ho iniziato a giocare a tennis e mi è piaciuto molto, ma in precedenza la mia grande passione è sempre stata il surf, lo praticavo a Livorno e l’ho perfezionato quando vivevo nelle Filippine. Cercando su internet ho capito che c’erano altre persone che come me, avrebbero voluto fare surf da

B6HH>B>A>6CD B6II:> >aeg^bdVbdgZcdch^hXdgYVbV^ sdraiati per provare ancora l’emozione di prendere un’onda”. Quali progetti esistono in Italia? “Sono stati realizzati progetti con i bambini down, ma si tratta di un’altra cosa. Su internet ho trovato il sito dell’associazione Life Rolls On che fa surf con i diversamente abili sulla costa californiana. Sono loro che mi hanno dato l’idea, anche se è una realtà molto lontana dalla nostra, perché hanno una grande partecipazione di volontari, da noi impensabile. Ma io voglio cercare di realizzare questo progetto almeno in parte, perché attualmente in Italia non c’è ancora nessuno che svolge questa attività”. Come ti sei organizzato? “Mi sono fatta fare una tavola apposita e mi sono presentato ad un evento nazionale. Ho partecipato, ma con grande difficoltà perché non c’era uno spogliatoio adatto e quindi mi sono dovuto cambiare al freddo e poi non c’erano alcun tipo di supporto per i diversamente abili”. Cosa stai progettando per il futuro? “Sto creando un evento, che era in programma a novembre, ma il maltempo ci ha costretto a rimandare alla primavera. Faremo un tratto di mare con la tavola adattata partendo dalla spiaggia di Antignano fino ai Tre Ponti, con un percorso di circa un chilometro e mezzo. Ci siamo accorti, ad esem-

pio, che è stata tolta una rampa, che per noi sarebbe stata utile, per sostituirla con degli scalini, nel bagno per disabili non c’e la doccia, insomma le cose da fare non mancano ,per rendere tutto accessibile”. 2VBOUJTJFUFBUUVBMNFOUF “Sul territorio di Livorno siamo già 4, ma sono sicuro che se la cosa sarà adeguatamente pubblicizzata, il nostro numero aumenterà. L’associazione californiana oltre a fare attività e portare disabili in mare riesce anche a trovare fondi per la ricerca. Il mare aiuta, coinvolge, unisce”.

Come fate ad adattare le tavole? “Abbiamo coinvolto una ditta che fa tavole dal surf, inizialmente erano scettici, ma poi hanno capito che era possibile e si sono appassionati al progetto”. Ed il tennis? “Il tennis è uno sport non semplice, prima non lo praticavo, in passato oltre al surf mi sono dedicato al pugilato e alla pallacanestro. Il tennis mi ha portato a conoscere contesti molti belli, ma lo trovo uno sport difficile. cile. Credevo di poter raggiungere qualche risultato, ma c’è molta competizione, gli atleti sono molto bravi, mentre il surf è solo puro divertimento”. A.D.V.

Diversamente abili: SIL

L

a passione per il mare non si scorda mai e niente potrà placarla. Massimiliano Mattei, 37 anni, è uno dei soci del Sil e si presenta raccontandoci la sua storia: “Sette anni fa un incidente con la moto nelle Filippine, dove ero per lavoro, mi ha reso paraplegico” raplegico”. Come ti sei avvicinato al Sil?

Nelle immagini Massimiliano Mattei 335


B6GI>CD H:G6K6AA>

Diversamente abili: SIL

AdhedgieZgXdci^cjVgZ VXgZYZgZ^chZhiZhh^

336

Martino Serravalli nella prima uscita in mare ai Bagni Vittoria a Tirrenia

M

artino Seravalli ha 23 anni e l’11 marzo 2011 ha avuto un incidente con lo Snowboard: “Facevo questo sport già da tempo –racconta- non so se quel giorno per causa mia o per altri motivi sono caduto di collo, mentre stavo facendo un salto sulla rampa. Nel momento dell’impatto ho sentito come un cortocircuito, mi sono lasciato rotolare, non sono svenuto ed ho capito subito che non avevo più sensibilità alle gambe e alle braccia. Ho avuto degli amici molto bravi che non mi hanno spostato, nonostante io volessi muovermi, perché avrebbero potuto peggiorare la situazione. Dopo mezz’ora sono arrivati i soccorsi, mi hanno messo sulla barella ed in elicottero dal Cimone dove ero, mi hanno portato al Maggiore di Bologna dove sono stato operato di urgenza per sei ore”. Come è stato il risveglio? “Inizialmente avevo una lesione completa, ma dopo due giorni mi hanno trasferito al Montecatone l’istituto di riabilitazione di Imola, dove sono rimasto per sette mesi. Qui mi hanno fatto la tracheotomia perché la lesione aveva comportato anche la perdita dei muscoli della respirazione. È stato un periodo molto brutto, passato inizialmente in intensiva, poi in sub intensiva, ed infine nel reparto acuti, perché avevo un quadro molto variabile e delicato, dovevo stare attento anche alle piccole frescate, ai germi. La lesione mi ha causato una rivoluzione di tutto il corpo, le difese si erano ridotte a zero, e dovevo stare attentissimo a tutto. Dopo il quarto mese

sono sceso in un reparto dove ho cominciato ad imparare come potevo reinserirmi nella società e a casa”. In cosa ti ha aiutato la riabilitazione? “Inizialmente non muovevo le braccia, poi ho cominciato lentamente a recuperare, ho riacquistato la sensibilità, e adesso riesco a manovrare la carrozzina. Questo mi ha dato molta speranza nel futuro, perché comunque la sensibilità l’ho conservata, ed è una cosa molto positiva per il corpo”. Come ti sei avvicinato alla Sil? “Quando ero in reparto mi hanno fatto vedere cosa poteva offrirmi ffrirmi lo sport, così, ff quando ero ancora ricoverato mia madre cercò quali realtà livornesi avrebbero potuto aiutarmi, scoprendo l’esistenza del Sil. Ho la fortuna di avere una famiglia speciale, unica, che mi ha saputo aiutare, rincuorare e spingermi ad andare avanti”. Com’è andato il ritorno a casa? “I primi due o tre giorni mi sentivo un po’ spaesato, ma avevo chiaro in mente che volevo fare piscina e tennis, così mi sono messo subito in contatto con Claudio, ed infatti, oggi faccio entrambe le attività e a primavera inizierò anche il surf. In ospedale ero in un ambiente protetto, mi sentivo sicuro, per qualsiasi problema potevo andare imMartino Serravalli mentre gioca a tennis

mediatamente dal dottore e avere subito delle risposte. In casa non è così, puoi sì, andare dal dottore, ma devi aspettare che ci sia, la notte ad esempio devo contare solo sulle mie conoscenze e quelle dei miei genitori”. Quali sport facevi in passato? “Snowboard, surf e skate”. Cosa studi? “Faccio Economia e Commercio. Dopo l’incidente ho dovuto sospendere per un anno, ma poi ho ricominciato e adesso sto sostenendo gli ultimi esami”. Cosa vuol dire per te fare sport? “Per chi è normodotato fare sport può essere anche uno sfogo, una cosa che piace, per me non è solo questo, l’attività fisica mi ha aiutato a riabilitarmi, a credere in me, a riacquistare la forza, è stato uno stimolo per mettermi in competizione e crescere un passo alla volta. Ho avuto tanti benefici praticando sport, che solo con la riabilitazione non avrei ottenuto”. Ed il surf? “Il surf è una grande passione che mi è rimasta. Quando lo facevo mi sentivo libero, potevo esprimermi al meglio. Con il mio amico Massimiliano abbiamo visto che c’è la possibilità di tornare a fare questa disciplina, anche se in un altro modo, ma la sensazione di prendere un’onda non cambia. E questo è quello che per me conta, non tanto fare determinato manovre, ma poter stare in mezzo al mare e fare surf”. Vuoi lanciare un messaggio? “Sì, vorrei far notare come il mondo delle mielolesioni si sta purtroppo allargando, perché gli incidenti sono in aumento. Adesso che ci sono nuove tecniche e la scienza va avanti, la vita di una persona in carrozzina è migliorata molto, mi piacerebbe però poter aumentare la sensibilità della gente, spiegando quali sono i problemi di chi è paraplegico o tetraplegico. Anch’io prima non ci pensavo, ma adesso mi rendo conto che ci sono persone che non hanno alcuna attenzione, mentre invece bastano piccoli gesti, come aprire una porta, per semplificare una vita”. Antonella De Vito


N

el Sil si possono incontrare anche alcuni volontari normodotati, come Eleonora Pierdomenico di 24 anni. Raccontaci come hai conosciuto l’associazione.

:A:DCDG6 E>:G9DB:C>8D

Eleonora Pierdomenico

“Praticamente sono cresciuta con il Sil. Avevo sei anni quando un’amica mi portò al torneo di tennis organizzato dall’associa-

zione, perché avevano bisogno di raccattapalle. Qui ho conosciuto Claudio e tutti gli altri, da allora sono diventati i “miei amici sulla sedia”. Loro mi hanno anche trasmesso la passione per il tennis, che ho praticato per molti anni, ma quando ho iniziato l’università non avevo più tempo per gli allenamenti, così ho scelto di diventare istruttrice, ed oggi insegno ai disabili fisici e psichici”. Cosa ti ha dato questa amicizia? “Tante cose bellissime. Crescere con loro mi ha regalato una visione del mondo diversa, che solitamente i ragazzi della mia età non hanno, perché non pensano ai problemi che possono incontrare i diversamente abili”. " RVBMJ BUUJWJUË IBJ QBSUFDJQBUP OFM  “Abbiamo organizzato il Torneo Costa degli Etruschi a Cecina, giunto alla sua seconda edizione, andato ancora meglio dell’anno precedente con 42 iscritti, rispetto ai 25 del 2011. In estate invece abbiamo fatto il nostro torneo classico Inail Città di Livorno, che ha ormai compiuto 20 anni ed è conosciutissimo. La settimana in cui si svolge il torneo la considero il periodo delle mie ferie, pur lavorando tanto e dormendo poco per le

cose da organizzare, è il momento in cui mi ricarico, è come una boccata d’aria fresca, di vita”. Quanti allievi hai? “Cinque allievi a Livorno e quattro a Cecina. Si parte dal più giovane che ha 23 anni, fino ad un atleta di 67 anni. Faccio questa attività con Claudio, lui la svolge prevalentemente a Livorno ed io più su Cecina, ma ci integriamo in base ai nostri impegni”. Cosa vuol dire fare tennis per i tuoi atleti? “Per loro è un appuntamento importante perché oltre ad essere agonismo, è integrazione, è tutto”. Un sogno nel cassetto? “Fare arrivare Martino a giocare una partita, per fargli vivere lo sport anche dal punto di vista agonistico”. E con i disabili psichici? “Mi occupo anche di questi, con un gruppo che alleno settimanalmente. Qui i problemi sono completamente diversi, la cosa più difficile è tenere viva la loro attenzione, entrare in relazione e mantenere gli equilibri fra loro”. A.D.V.

Diversamente abili: SIL

>b^Z^Vb^X^hjaaVhZY^V

337


ASSOCIAZIONE IPPICA LIVORNESE Scuola di Equitazione

Scotto Pubblicità Livorno

"OX 0ADDOK 0ENSIONEPERCAVALLI -ANEGGIOCOPERTO #ORSIPERPRINCIPIANTIEAGONISTI DISALTOOSTACOLI #AMPOOSTACOLIINSABBIA X #AMPOOSTACOLI

0ONY#LUB

INSABBIAX

4ONDINO

Istruttore Federale Riccardo Migli

Via della Querciolaia, 53 - LIVORNO (Località Porta a Terra) Tel. 329 7382799 338


Angela Toschi

Non per questo gli istruttori si sono arresi, anzi il loro impegno è rimasto costante e il loro incoraggiamento agli allievi non ha conosciuto sosta. “Abbiamo svolto molta attività sociale all’interno della scuola -spiega Angela Toschi- organizzando concorsi durante i quali le ragazza e i ragazzi hanno dovuto dimostrare quanto appreso durante le lezioni, una specie di saggio per valutare l’evoluzione della tecnica. Debbo sottolineare che quest’anno sono stati tutti molto bravi, compresi i cavalli della nostra associazione che hanno dimostrato di essere all’altezza del loro compito. Le iniziative sono state generalmente organizzate nel fine settimana, in modo da permettere ai genitori di assistere e verificare così le capacità acquisite dai loro figli”.

x x e x n x o x i z x a x t x i XExqxux AÉVhhdX^Vo^dcZ>ee^XVA^kdgcZhZ ZaZVii^k^i|YZaaVhXjdaV Le prove sono di vario tipo, come ad esempio, il salto ad ostacoli con diffeff fferenti categorie, a partire dai 60 centimetri per 6 ostacoli, a quelle di 80 centimetri con otto salti. Lo scopo è quello di incoraggiare i giovani atleti, affinché possano trovare la loro strada in questo affaff ffascinante mondo. “Abbiamo scelto -continua Toschi- di affrontare ffrontare queste prove senff za un tempo e una classifica, proprio perché lo scopo è quello di incentivare tutti a proseguire e preparali per eventuali gare esterne”. I ragazzi che seguono i corsi ludici e propedeutici di Angela Toschi sono: Erica Nesti, Linda Socci, Martina Vellutini, Domitilla Fanfani, Alik Fanfani, Benedetta Luridiana, Marco Giannelli, Lorenzo Violi, Sara Nardi, Sara Caroti, Rachele Sola, Luca Caponi, Francesca Pistone, Alessandra Seno, Francesca Pini, Beatrice Santoro, Giulia Strazzabosco, Vittoria Barsotti, Laura Basile. Ci sono poi le attività con i pony seguite da Ilaria Mazzoncini rivolte ai bambini più piccoli, quelli che per la prima volta si affacciano ffacciano a questo mondo ed hanno ff bisogno di una “prospettiva più bassa”. Ed infine, ricordiamo l’attività di Riccardo Migli che segue gli agonisti. Anche quest’anno l’Associazione Ippica Livornese ha partecipato al Concorso Ippico dell’Accademia con: Filippo Conte, Socci Linda e Michela Garavaglia con i cavalli Festuca del Terriccio, Isola del Terriccio e Consigli Utili.

Gli atleti con i loro cavalli si sono difesi bene, Socci e Garavaglia in quell’occasione avevano la patente ludica, e nella loro categoria hanno fatto zero penalità, conquistando un primo posto ad ex equo. Michela aveva già partecipato a competizioni fuori dalla scuola, ma per Linda è stato l’esordio, la sua prima gara fuori casa. Fra le varie attività l’associazione organizza anche corsi per adulti che vogliono imparare a controllare il cavallo prima di affrontare una gita in un agriturismo, dove si ha la possibilità di fare passeggiate fra la natura, ma per chi non è mai montato a cavallo, è sempre bene avere qualche lezione propedeutica. “Vorrei concludere -sottolinea Angela Toschi- ricordando le grandi soddisfazioni che stiamo avendo con l’associazione del cavallino di Monterufolino, della quale faccio parte. È da più di cinque anni che addestriamo questi cavalli e li portiamo alle fiere, e finalmente siamo riusciti ad attirare l’attenzione su di loro. Oggi sono una razza protetta e sono in molti a richiederli per le loro attività. Sono ottimi cavalli, che rientrano nell’altezza dei pony ed hanno un buon carattere per lavorare con i bambini più piccoli o con i diversamente abili. È un animale eccezionale, perché pur avendo l’andatura del cavallo è piccolo, ed il suo buon carattere lo rende perfetto per le scuole di equitazione. Ogni anno facciamo una rassegna tutta dedicata al Monterufolino, alla quale partecipano giudici dell’associazione nazionale degli allevatori; un’occasione durante la quale possono conoscere e scoprire le buone qualità di questi animali”. A.D.V.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

associazione Ippica Livornese anche nel 2012 ha proseguito la sua attività didattica, pur risentendo, come ogni altra disciplina, della crisi economica. I cavalli hanno un costo, soprattutto trasportarli in altri luoghi per partecipare a gare e manifestazioni è piuttosto gravoso, così l’attività in “trasferta” è stata limitata. La scuola di equitazione con i giovani atleti ha dovuto concentrarsi fondamentalmente su iniziative “confezionate in casa”.

339


DOUBLE-F Barrel racing team

Scuola di equitazione per adulti e bambini a partire da 4 anni Pony club Addestramento cavalli

Scotto PubblicitĂ Livorno

Preparazione allievi e agonisti al Barrel Racing Assistenza gare: regionali, nazionali ed europee

Verona, 3/6 Novembre 2011

340

Via del Limone, 53 - LIVORNO (zona Puzzolente) Federico Fanfani cell: 329 7382799


<>68DBD7GDC9> AÉVYgZcVa^cVYZa7VggZaGVX^c\

Giacomo Brondi durante le gare di Barrel Racing

le per il Campionato toscano. In quella occasione mi piazzai a metà classifica. Nel 2012 invece sono arrivato primo in seconda divisione, ed è stata per me una cosa eccezionale, perché era solo il secondo anno che mi dedicavo a questa disciplina e non me lo aspettavo. Ho poi partecipato agli italiani a Milano, poi ad un master a Firenze e agli europei di Reggio Emilia, facendo ancora buoni risultati”. Un obiettivo per il 2013? “L’obiettivo principale resta sempre quello di divertirsi ed andare in giro con gli amici. Poi i risultati che verranno si accetteranno con piacere, naturalmente cercando sempre di impegnarsi per fare le gare al meglio”. Un sogno nel cassetto? “Andare sul podio a Reggio Emilia al Campionato europeo. Questo poi mi aprirebbe le porte delle competizioni americane, ma na-

turalmente è una meta molto difficile da raggiungere”. Descrivici questa disciplina. “La prima cosa per avvicinarsi al Barrel Racing è imparare a cavalcare all’americana. Complessivamente posso dire che è uno sport che ti dà molta adrenalina, devi partire veloce ed arrivare ancora più veloce, durante il tragitto devi girare attorno ai barili e ci vuole molta abilità. Tanti sostengono che sia pericoloso, ma io credo che sia solo molto divertente”. $IJÒJMUVPJTUSVUUPSF “Federico Fanfani, lui è molto bravo”. Come deve essere il cavallo? “Deve essere un Quarter, che sono una razza adatta a questo sport, in quanto veloci e capaci di scattare. Sono animali di media stazza e devono avere la capacità di girare rapidamente”. Quanto ti dedichi al cavallo? “Quasi tutti i giorni”. A che età si può iniziare a praticare il Barrel Racing? “Ho visto ragazzi giovani, anche di 12 - 13 anni, che facevano i campionati riservati alla loro età, quindi si può iniziare presto”. Antonella De Vito

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

L

a monta è quella all’americana, non molto praticata in Italia, anche se da questa originano molte attività sportive come il Barrel Racing, che tradotto letteralmente significa ‘corsa dei barili’ e si ispira alle acrobazie che i cowboy americani facevano quando guidavano le mandrie. A raccontarci la sua esperienza in questo settore è Giacomo Brondi, giovane di 35 anni, da sempre appassionato di cavalli. Da quanto tempo ti sei avvicinato all’equitazione? “Fin da piccolo. Avevo circa 10 o 11 anni, quando sono salito per la prima volta su un cavallo. In seguito mi sono appassionato anche alla monta americana”. Come hai conosciuto questa specialità? “Frequentando il maneggio dell’Associazione Ippica Livornese ho avuto modo di osservare Federico Fanfani mentre si esercita con il Barre. E così da due anni ho cominciato anch’io a dedicarmi a questa disciplina, con grande entusiasmo”. Qual è l’esperienza più bella che hai vissuto con il Barre? “Il secondo posto a Verona nel Campionato italiano. Non è semplice qualificarsi a questa competizioni, ed ancora più arduo è ottenere un secondo posto. È stata una bella soddisfazione”. Come si arriva al Campionato italiano? “È necessario qualificarsi in almeno quattro gare regionali. Personalmente sono arrivato primo in seconda divisioni ai regionali e questo mi ha permesso di andare a Verona, dove ho ottenuto il secondo posto in quarta divisione”. Che sensazioni ti dà il cavallo? “Mi regala molta tranquillità, mi rilassa, venire al maneggio e prendermi cura di lui mi piace”. Parlaci del tuo cavallo. “È una femmina, si chiama Megabay ed è una Corte. L’ho trovata grazie a Federico ed ha 5 anni. È di una razza americana abilitata a fare questo tipo di gare. L’ho comprata nel 2010 e ci siamo trovati subito in sintonia, appena mi vede nitrisce, vuole essere accarezzata, è una cavalla molto brava”. Raccontaci le tue esperienze agonistiche. “La prima gare alla quale ho partecipato si è svolta proprio a Livorno nel 2011 ed era valevo-

Giacomo Brondi (il terzo da destra) durante la premiazione del Campionato italiano

341


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975

3CALI#ERERE  ,)6/2./s)4!,9 4EL+ &AX+5 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITE - NOLEGGI

Container

â&#x20AC;&#x153;i vantaggiâ&#x20AC;?

Interventi in tutte le zone dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Consulenze in ambito: s Trasporti Terrestri s Trasporti Marittimi Perizie in ambito: s Merceologico s Assicurativo s Marittimo:

Inizio e fine noleggio delle navi Container Autovetture

Verifiche e controlli su: s Attrezzature Meccaniche s Attrezzature Elettroniche

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessitĂ I mpermeabile allâ&#x20AC;&#x2122;acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente

s Vendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

s Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

Misure esterne del container (in metri) BOX BOX BOX (#

LUNGH

LARGH

2,99 6,06 12,19 12,19

       

ALT 2,59 2,59 2,59 2,89

CUBMC

TARAQLI

16 33 66 76

9,55 23,30    

Monoblocchi

â&#x20AC;&#x153;con / senza serviziâ&#x20AC;? DIMENSIONI STANDARD

Scotto PubblicitĂ Livorno

LunghezzaDAMTAMT Larghezza MT MT SEMPLICIACCOPPIATI !LTEZZAINTERNA MT MT

342


U

n 2012 ricco di risultati di prestigio per il Tennis Club Livorno, che ha addirittura inaugurato la stagione, circa un anno fa, aggiudicandosi l’importante campionato regionale indoor di prima divisione con la propria rappresentativa in rosa, formata da: Alessandra Di Batte, Lucia Della Fazia, Veronica Volandri (sorella maggiore quest’ultima di Filippo Volandri, ex numero 25 ed attualmente stabile fra i primi cento tennisti del mondo) e Giulia Cerutti. Ma lo stesso quartetto femminile bianco verde non ancora appagato dal massimo alloro toscano nella competizione indoor, ha concesso il bis in aprile, guadagnandosi anche il primato nel campionato regionale di serie C a squadre. Di notevole rilievo inoltre la performance del giovane Leonardo Cocchella, secondo classificato nel campionato di serie C individuale toscano e quella, nella quarta categoria, di Ferico Cucinotti, salito sul podio più alto

x x x x x s i x n x x n XxxTxe H^XdciVcde^‘Y^X^cfjVciV XVbe^YViZcc^h A^kdgcdjcVX^ii|igVY^o^dcVabZciZ aZ\ViVVaaVgVXX]ZiiV Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^

rie zone cittadine, sono attualmente più di cinquanta e fanno di Livorno una realtà dove lo sport della racchetta è tradizionalmente di casa.

Quest’anno abbiamo deciso di intraprendere un viaggio nei sei club, per raccontarvi le caratteristiche e l’attività praticata nel 2012.

IZcc^h8ajWA^kdgcd/ >hjXXZhh^YZaaZViaZiZZYZ\a^ViaZi^ ^cW^VcXdkZgYZ Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^

nel torneo, svoltosi al circolo Libertas Sport. Degne di nota anche le gesta dei tennisti bianco verdi over 45: Massimo Ciantelli, Alessio Langella, Stefano Carrai e Nicola Sardi, primi classificati nel campionato regionale over 45 (lim.4/3) a squadre. Da non dimenticare infine i giovanissimi del vivaio di Villa Lloyd, guidati dal maestro di tennis e capitano della squadra Paolo Pavoletti (padre del goleador della squadra di calcio Sassuolo), piazzatisi al posto d’onore in regione nell’annuale Coppa “Primavera” a squadre. Questi i protagonisti della bella impresa tennistica: Aurora Billi, Carolina

Mozzino, Giovanni Cortonesi, Giorgio Porrino, Filippo Rapone. Un’annata come si deve non certo avara di risultati per il Tennis Club Livorno sempre presente e molto spesso con successo, nel corso del 2012, ai più importanti appuntamenti col tennis individuale e a squadre nelle numerose province toscane e già impegnato in quelli del calendario agonistico della stagione ormai in corso. Questo il consistente team degli insegnanti di tennis del circolo: Piero Cocchella, Lucia Della Fazia, Paolo Pavoletti, Veronica Volandri, Susanna Paoletti, Massimo Ciantelli, Marco Lepri; più il preparatore atletico Giorgio Lepri.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

A

ncora un anno importante per il tennis livornese, che ha fatto registrare positivi risultati, ottenuti nelle competizioni nazionali e regionali svolte dai sei circoli, affiliati liati alla Federazione Italiana Tennis: Tennis Club Livorno, Cooperativa Libertas Sport, Junior Club Tennis, Cooperativa Tennis Livorno, circolo Tennis Ferrovieri e Olympia Fitness di via Roma/ via Baciocchi (anche se quest’ultimo non partecipa ai campionati federali). L’Olimpia Fitness svolge con successo la propria attività sui suoi tre bei campi sintetici e attraverso la propria attrezzata palestra, con gli insegnanti di tennis: Lia Scarpellini, Roberto Porcellini, affiancati da Masssimo Daidone. I campi da tennis regolamentari (molti dei quali dotati di strutture coperte), distribuiti fra i sei club nelle va-

343


344


Maria Vittoria Casucci

AV8ddeZgVi^kVA^WZgiVhHedgi AZhjZhZY^X^hfjVYgZ Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^

Lo staff ff dei maestri della Libertas Sport

sono fermate qui: Elena Cordano, compagna di squadra di tanti anni fa di Filippo Volandri, ha messo in bacheca il titolo regionale individuale di serie C e qualcosa di simile hanno fatto la seconda categoria Mirea Signorini, trionfatrice del campionato toscano invernale Open (indoor) a squadre, assieme a Nicole Pietra Caprina. E ancora: il sedicenne Leonardo Buchignani (classifica 4/1) si è brillantemente guadagnato la qualificazione ai campionati italiani under 16 ed ha conquistato l’ambito titolo di campione regionale di doppio under 16. Tre segni più infine per Maria Vittoria Casucci, vincitrice nel 2012 di tre tornei individuali under

Signorini e Pietra Caprina con il M° Monnecchi ed il Presidente Gianvittorio Casucci, vincitrici del Campionato invernale 2° divisione open femminile 2012/2013

12 ed in ottima evidenza nella competizione giovanile mondiale “Lemon Bowl” di Roma, dove è riuscita a superare il durissimo tabellone di qualificazione. La bravissima Maria Vittoria è già inserita nei carnet della Federazione Tennis, quale tennista più promettente di Livorno e provincia, assieme alle coetanee bianco verdi del Tennis Club di Villa Lloyd: Matilde Rosellini e Silvia Salvetti. Il team di lusso degli insegnanti di tennis del circolo Libertas Sport è formato da: David Ciurli, Rachele Bertacchi, Marzio Martelli, Marco Monnecchi, dall’istruttore Gianluca Mangino e dal preparatore atletico Fausto Foresi.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

C

ontinua con il circolo Libertas Sport, che ha chiuso un annata agonistica con significative affermazioni, ffermazioni, la ff nostra rassegna sul tennis livornese. Nel 2012 infatti le squadre del club iscritte ai vari campionati federali (nazionali e regionali) sono state 14, più due formazioni (non agonistiche) di giovanissimi e allievi. In tutto ben 16 squadre. I successi di maggior rilievo sono stati quelli realizzati dalla compagine femminile di serie D/1 (massima serie regionale) formata dal trio: Rachele Bertacchi, Elena Cordano e Nicola Pietra Caprina, che ha conquistato la promozione in serie C. Degni emuli delle rappresentanti del tennis in gonnella i maschi della serie D2, promossi a loro volta in D1. Una squadra la neo promossa che poteva contare nientemeno che su: l’ex numero 96 del mondo dei pro e azzurro di Coppa Davis, Marzio Martelli, e sul maestro Marco Monnecchi, per molti anni ai massimi livelli della serie B nazionale. Affiancati da: Mirko Martelli, fratello minore di Marzio, Gianluca mangino, Leonardo Buchignani e dall’altro maestro David Ciurli. Un team in grado di intimidire qualsiasi formazione rivale. Ma le vittorie dei portacolori del circolo guidato dal presidente Gian Vittorio Casucci non si

La squadra femminile della Cooperativa Libertas Sport promossa in serie C

345


✾ Pizza da asporto ✾ Rinfreschi

✾ Compleanni ✾ Pasticceria fresca ✾ Focaccia con torta di ceci

Fornitura all’ingrosso per: Alimentari - Ristoranti Supermercati - Panetterie, su Pisa e Livorno 346

!"#$%"&''&($)*$+$,-.'/&$,&00-/1"#2-$34#$4-11"#5 6-27$89:;$:;<=<8

Scotto Pubblicità Livorno

✾ Produzione propria


Mirea Signorini della Cooperativa Libertas Sport

“Ho iniziato a praticare tennis a sette anni. Ero in vacanza e vidi due amici di famiglia giocare, mi piacque e volli provare anch’io. Tornata in città ho iniziato ad allenarmi”. Hai fatto altri sport? “Avevo provato basket, ma per poco tempo. Invece, fino allo scorso anno ho fatto in contemporanea il mezzofondo. Mi sono avvicinata all’atletica attraverso le campestri della scuola, ma ho dovuto smettere perché la preparazione fra le due discipline è troppo diversa. Fino a quando ho potuto, ho portato avanti anche l’atletica, se pur con un solo allenamento a settimana, ma ad un certo punto non è stato più possibile continuare, anche a causa dell’impegno scolastico”. Le soddisfazioni più belle? “L’anno che ho fatto da C1 e sono arrivata B6; è accaduto l’ultimo anno che ho fatto da under 16. Ma anche le quattro finali consecutive agli Open nel 2011, e la vittoria di altri tornei. Per il 2012 invece mi piace ricordare la vittoria a Fanano di un Open”. Come si svolge la tua giornata? “Esco da scuola alle 13.35 e alle 14.30 sono in campo, dopo aver mangiato un panino o un piatto di pasta veloce a casa. Finisco l’allenamento alle 16 e poi ho la preparazione atletica fino alle 17.30. Dopodiché vado a casa e studio fino a l’ora di cena e anche dopo. Questo per tre giorni alla settimana, gli altri due invece mi alleno la sera tardi, quindi studio prima. Anche il sabato mi alleno, la domenica spesso ho le partite altrimenti la mattina la dedico allo studio. Ma il sabato e la domenica pomeriggio me li prendo per uscire”.

B>G:6H><CDG>C> 8ddeZgVi^kVA^WZgiVhHedgi La cosa più bella che ti dà questo sport? “Non riuscirei a pensare alle mie giornate senza tennis, anche se sono consapevole che la mia vita non dipenderà interamente da questa disciplina, anche perché ho intenzione di continuare a studiare. Però in questo momento mi resterebbe difficile pensare ad una vita senza tennis. Questo sport può dare la felicità, anche se non ti appaga subito, perché prima richiede tanti sacrifici, i risultati non arrivano mai quando ne avresti bisogno, devi attendere con pazienza, il tennis richiede molto di più di quello che dà in termini di risultati; ma per me rappresenta comunque la felicità”. Un aspetto negativo? “Essere sola quando perdi una partita, così come quando vinci ed il merito è solo tuo, in caso di sconfitta la colpa è sempre e soltanto personale. Questo è un aspetto che spesso ho subito. Bisogna essere forti, avere accanto persone che ti incoraggiano e ti mostrano quello che comunque vali, altrimenti è molto dura”. I tuoi compagni di scuola seguono la tua attività sportiva? “Sì, spesso mi chiedono come sono andate le partite”. Un obiettivo per il 2013? “Ora sono B6 e il prossimo anno mi piacerebbe salire qualche gradino della classifica, magari facendo quei risultati che non ho fatto l’anno scorso”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe che non si spezzasse mai il legame che ho con lo sport, vorrei che il tennis facesse sempre parte, in qualche modo, della mia vita”. Con quale indirizzo proseguiranno i tuoi studi? “Ho ancora molti dubbi, forse con Economia e Commercio, ma ho ancora tempo per pensarci”. Chi è il tuo allenatore? “Marco Monnecchi e quando lui non può essere presente è sostituito da Marzio Martelli. Con Marco ho un bel rapporto, mi conosce fin da quando ero piccola”. Desideri ringraziare qualcuno? “I miei genitori, perché nonostante lavorino entrambi, e debbano seguire mio fratello più piccolo, mi sono sempre stati vicini, senza di loro non sarei riuscita ad andare avanti. Mio nonno Giovanni, che pur non essendo un fa-

natico del tennis, perché gli piacciono tutti gli sport, mi ha sempre sostenuta, fin da piccola ha ritagliato gli articoli di giornale che parlavano di me. Mio nonno è sempre stato motivo di grande gioia e a fine partita lo chiamo sempre per raccontargli com’è andata. Voglio ringraziare anche Marco Monecchi perché quando sono arrivata alla Libertas mi ha aiutato molto”. Un atleta mito? “Roger Federer perché è la personificazione della classe, mentre in atletica i gemelli Dini e Joao Bussotti Neves Junior: sono atleti fortissimi”. Ti senti discriminata come ragazza? “I ragazzi che praticano tennis sono in numero maggiore e quindi hanno più possibilità di giocare con persone diverse. Questa è l’unica differenza fferenza di genere”. ff Perché consigli questa disciplina? “Perché aiuta un ragazzo a crescere”. Un episodio da ricordare? “Una partita a Rimini durante l’estate 2011. Ero andata con mio padre e stavo perdendo l’incontro, mi ero quasi arresa, quando sentii dire da bordo campo: <Ricordati che non è finita finché non stringi la mano>. Così riuscii a rimontare e a vincere. Le parole giuste, dette al momento giusto e dalla persona giusta possono cambiare il risultato”. Il complimento più bello? “Quelle dei bambini che incontro ai tornei. Una volta uno di loro mi si avvicinò e mi disse <sei fortissima> e poi scappò”. Quale maggiore critica ti viene rivolta? “Il mio maestro mi dice che ho poca pazienza in campo”. Come riesci a coinvolgere in questa impegnatissima vita anche il tuo ragazzo? “Capisce i miei impegni, anche lui è uno sportiva, pratica la marcia. Gli dedico il sabato e la domenica, mentre durante la settimana è più difficile incontrarci, ma lui viene qualche volta agli allenamenti e si sta gradualmente avvicinando al tennis”. Antonella De Vito

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

I

l suo nome è già noto alle cronache sportive cittadine per i risultati che sta ottenendo sui campi di tennis italiani. Mirea Signorini 18 anni, studentessa del liceo Cecioni dimostra grande maturità ed equilibrio in quello che esprime durante la nostra conversazione.

Mirea Signorini con il suo maestro Marco Monnecchi

347


U

n 2012 assai positivo per le rappresentative maschili e femminili dalle Cooperative Tennis cittadino oltreché regionale. Una particolare attenzione deve essere riservata alla squadra bianco blu di maggior livello, senza rivali a Livorno e nell’intera provincia, brillantemente confermatasi nella serie B nazionale e forse in grado, nel corso del 2013, di guadagnarsi l’ambita promozione in serie A2, grazie anche all’innesto nelle proprie file del quotato giocatore viareggino Andrea Turini, prelevato dalle file del Tc. Prato. La migliore performance, nel tennis in gonnella, è stata invece quella realizzata dal giovane quartetto: Irene Adoncecchi, Carlotta Nassi, Elena Pellegrini e Diletta Griselli, primo classificato nella D1 toscana a squadre e promosso in serie C. Quest’anno, trasferitasi al Tennis Club di Villa Lloyd la Nassi.

Ad?jc^dg8ajWIZcc^hA^kdgcd JcV[ÒViVi^hh^bdiZVbX]Z]VedgiVidWjdc^g^hjaiVi^ Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^ ra performance, tutti promossi da quarta categoria terzo gruppo a secondo gruppo. Di uguale rilievo le imprese degli adulti: Gianluca Marazzini, Valerio Pisaniello, Gabriele Da Re e Simone Argelassi, a loro volta piazzatisi al vertice della quarta categoria, partendo dalla sottostante quarta, secondo gruppo. Alle spalle di questo consistente pattuglia di protagonisti seguono, oltre a numerosi adulti (Criscuolo, Bindi, Argelassi), veterani da 45 anni in su e giovani, i numerosi iscritti al vivaio della scuola di tennis del circolo, dal quale emergono ogni anno molte delle nuove leve del tennis livornese.

Alla guida della scuola dello Junior Club i maestri Fausto Criscuolo, Silvia Merlini, Dario Morelli e i preparatori atletici Massimo Paganucci, Nicole Pietra Caprina e Michele Gazzarri. Un affiatatissimo team non c’è che dire. Da segnalare le prove dei partecipanti ai campionati 2012, che hanno lottato col tradizionale impegno nei rispettivi tabelloni di qualificazione e nelle fasi regionali delle varie competizioni. In particolare le squadre di serie D1 maschile, promossa in serie C, di: Criscuolo, Bindi, Argelassi, Motta e Morelli e quella di serie C femminile del trio: Camilla Cellieri, Giulia Dell’Agnello e Mirea Signorini.

8ddeZgVi^kVIZcc^hA^kdgcd AVhfjVYgVW^VcXdWajX]Zcdc]Vg^kVa^ Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^ Sarà la brava Camilla Cellieri (ex Junior club) a prendere il suo posto. Eccellenti anche le prove del Team delle ladies over 45: Daniela Dazzi, Michela Dazzi, Cristina Talarico di nuovo in vetta nel campionato a squadre toscano 2012 di categoria e terze assolute in Italia. Nelle competizioni individuali sugli scudi Davide Galoppini, passato da seconda, settimo gruppo, a quarto gruppo (e con un ben augurante punto della graduatoria mondiale dei pro) imitato da Federico Maccari, anche lui 2/4 (da 2/6) nel 2013. Gran balzo in avanti per il giovane Gregorio Lulli, finalista nel campionato regionale under 16 e promosso dalla Fit di Roma da 3/4 al vertice della terza categoria. Molto bene anche Elena Pellegrini, che avanza da 3/2 a 3/1, l’under 14 Elena Poggi da 4/3 a 4/1 e l’under 16 Olimpia Domenici da 4/2 a 4/1. Un altro giovane tennista, Tommaso Dinelli, terzo

La squadra over 45 femminile della Cooperativa Tennis. Da sx: Daniela Dazzi, Cristina Talarico, Michela Dazzi

classificato ai campionati toscani under 16, da 4/2 si è attestato in terza categoria quinto gruppo. Per il 2013 il bravo Tommaso è stato ingaggiato dal Ct, Ferrovieri di Livorno. L’invidiabile team degli insegnanti di tennis del club è formato da: Claudio Galoppini, Matteo Aprile, Cecilia Bargagni, Michela Dazzi e dai preparatori atletici: Stefano Giovannini ed Alessia Neri. Quest’anno, come nel 2012, i giovani porta colori della Cooperativa Tennis: Irene e Giacomo Adonecchi pur gareggiando per la squadra di Banditella, continuano la preparazione addirittura nella prestigiosa Casal Sanchez Academy di Tennis di Barcellona. Da segnalare infine le splendide imprese del professionista senese Paolo Lorenzi che, ormai di casa alla Cooperativa Tennis Livorno, affidatosi alle preziose cure del maestro Galoppini e del professor Stefano Giovannini, quando la sua distanza dalla cima delle graduatorie internazionali dei pro era di oltre 200 posti, ha ottenuto di recente il suo best ranking di numero 57 del mondo e, lo stesso Lorenzi, è addirittura entrato a far parte della squadra azzurra di Coppa Davis. Due straordinari exploit i suoi. Il presidente del club, Piero Dinelli, può senza dubbio alcuno ritenersi soddisfatto e guardare con fiducia al futuro.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

N

el compilare il bilancio 2012 delle attività a squadre e individuali dello Junior Tennis, iniziamo questa volta dai singoli giocatori agonisti, al vertice dei quali troviamo attestato Paolo Motta guadagnatosi, dopo le belle prove messe assieme nella stagione, la promozione da terza categoria (terzo gruppo) e terza primo gruppo. Eccellente il risultato di Paolo, che inizia il 2012 da numero uno del club. Altrettanto brillante l’annata dell’under 18 Niccolò Fusari, che si è assicurato un posto al sole nella quarta categoria, passando da 4/2 a 4/1. Notevole serie di promozioni anche per i quattordicenni, a cominciare da Alberto Fiorentini, che ha scalato addirittura due posizioni (da 4/3 a 4/1) nella graduatoria della quarta categoria. Tallonato da coetanei in gamba come: Lorenzo Apolloni, Niccolò Talini, Tommaso Bini e da Francesca Pardini, autrice di una altrettanto lusinghie-

349


350

Scotto PubblicitĂ Livorno


8^gXdadIZcc^h;Zggdk^Zg^/ HfjVYgZZViaZi^^cZk^YZcoVeZgjcVhiV\^dcZg^XXV Y^hdYY^h[Vo^dc^ Y^;ZggjXX^dK^VcZaa^

di potenziare la squadra neopromossa in fidano oltre agli atleti del circolo alcuni serie D1, garantendole almeno la perma- giovani tennisti, tesserati per altri sodalinenza ai vertici delle migliori compagini zi, come: Francesco Satta di Pisa, Iacopo Doccini di Ponsacco, l’ex portacolori della maschili della regione toscana. Quest’anno scenderanno in campo per Cooperativa Tennis Livorno, Arianna Cail Ct Ferrovieri, oltre a quelle già elencate, stellani di Pontedera e la bianco verde di anche una formazione maschile under 12 Villa Loyd Ludovica Cocchella. ed una di agguerriti veterani under 45, entrambe con buone possibilità di ben figurare. Fra i giocatori di casa si sono distinti nelle competizioni individuali del 2012 Simone Biagini, Giacomo Presta e soprattutto la coppia Alessandro Botrini e Giulio Puccini, aggiudicatisi il primo posto nell’ambito trofeo Alberto Romito di doppio, che si disputa annualMichele Quaglia in primo piano. Dietro Tommaso Dinelli mente a Villa Loyd, a spese del Team di casa, formato da: Riccar- <Wh_fkdjWj_ikbbÊ_ijhkjjeh[ do Vaselli e Edoardo Cocchella. \[Z[hWb[=_WdbkYW<WijWc[ Nel mese di giugno 2012 il Ct. Ferrovieri Gianluca Fastame, 43 anni, è presidente ha ospitato una tappa del prestigioso circuito Open Maschile toscano, che ha fatto del circolo tennis ferrovieri dal 2009, nel registrare la partecipazione quale ha gareggiato e svolto attività da di giocatori di eccellente istruttore Uisp fin dal lontano 1992. Faqualità, conclusasi col suc- stame ha in seguito ottenuto la qualifica cesso finale del quotato di istruttore Uisp, dopo aver partecipato seconda categoria viareg- a numerosi corsi di aggiornamento sotto la guida del noto coach federale umbro, gino, Andrea Turini. La sezione tecnica del Alberto Castellani. Messo in bacheca nel circolo è diretta dal ma- 2003 a Roma, anche il diploma di istruttoestro federale Michele re Fit, ha frequentato l’estate scorsa, presQuaglia, coadiuvato dagli so il Centro Federale di Tirrenia il corso di istruttori di tennis: Gianlu- istruttore di secondo livello. Un passato da giocatore ai vertici della ca Fastame, Giulio Puccini, Leonardo Cocchella e quarta categoria (fin dai primi anni 2000) dalla preparatrice atletica e, a causa di alcuni problemi fisici che lo Barbara Bartolini. Alle cure hanno afflitto nel 2012, si è dedicato quasi del maestro Quaglio si af- esclusivamente al doppio, in coppia con Matteo Gabba, piazzandosi al terzo posto nell’importante trofeo provinciale, AlberLa rappresentativa di serie D1 to Romito, disputato sui campi del Tennis dell’A.S.D. Tennis Ferrovieri di Livorno Club Livorno.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

C

ome ogni anno, anche nel 2012, il Ct Ferrovieri di via Bengasi ha svolto un’attività tennistica di rilievo, ottenendo addirittura la promozione della propria squadra maschile di maggior spessore dalla serie D2 alla D1 regionale. Un’ottima performance, artefici della quale: il maestro di tennis Michele Quaglia (classifica 2B), Alessandro Botrini 3/4, Giulio Puccini 4/1, Matteo Gabba 4/1, e l’istruttore di tennis Gianluca Fastame 4/5. In evidenza anche il sestetto della serie D3 formato da: Paolo Gelli 4/2, Simone Biagini 4/2, Carlos Florio 4/3, Alberto Busoni 4/4, Daniele Barbera (non classificato) e dal francese Matteo Goldsmith 4/2 che, superato il tabellone di qualificazione, si è guadagnato l’ingresso in quello regionale. Buone anche le prove dell’altra formazione di serie D3 del circolo comprendente: Giacomo Presta 4/2, Matteo Corradi 4/4, Flavio Rossi 4/5 e Gabriele Campi (non classificato), e di quella dei giovani under 14, già discretamente affermati in regione: Leonardo Turio e Tommaso Giusti, entrambi quarta categoria, quarto gruppo. Assai competitiva inoltre la formazione dei giovanissimi, che ha partecipato alla coppa regionale “primavera” del trio: Filippo Turio, Nicola Porri e Virginia Giusti. Non basta: nel 2013, ormai prossimi gli inizi delle competizioni a squadre, per i colori del circolo di via Bengasi gareggerà un altro binomio tennistico di qualità: Leonardo Cocchella, ex Tennis Club Livorno, classifica 2/8, e Tommaso Dinelli 3/4, proveniente dalle file della Cooperativa Tennis di Banditella, due giovani in grado

351


352


Davide Galoppini della Cooperativa Tennis

Quando hai iniziato? â&#x20AC;&#x153;Avevo circa sei anni e cominciai ad andando a Cecina con mio padre, dove al tempo insegnavaâ&#x20AC;?. Continui ancora ad allenarti con tuo padre? â&#x20AC;&#x153;No, lui ha smesso di fare il maestro, adesso mi alleno con mio zioâ&#x20AC;?. Hai fatto anche altri sport? â&#x20AC;&#x153;Da piccolo ho provato calcio e basket, ma poi ho scelto il tennisâ&#x20AC;?. Quanto ti alleni? â&#x20AC;&#x153;Sei giorni alla settimana, facendo due ore di tennis e unâ&#x20AC;&#x2122;ora e mezzo di palestra ogni voltaâ&#x20AC;?. Come concili sport e studio? â&#x20AC;&#x153;Riesco ad organizzarmi bene e sto molto attento in classe. Faccio il liceo della Formazione e questâ&#x20AC;&#x2122;anno ho gli esami di Statoâ&#x20AC;?.

96K>9:<6ADEE>C> 8ddeZgVi^kVIZcc^hA^kdgcd Gli insegnanti comprendono il tuo impegno sportivo? â&#x20AC;&#x153;Non faccio molte assenze per il tennis, ma quando succede sono comprensivi. Anche i miei compagni mi seguono e qualche volta mi vengono a vedereâ&#x20AC;?. La maggior soddisfazione del 2012? â&#x20AC;&#x153;Il punto Atp, che è il primo punto professionistico conquistato. Un risultato inaspettato perchĂŠ da appena un mese avevo iniziato a fare le gare professionistiche ed il punto mi ha permesso di entrare nella classifica mondialeâ&#x20AC;?. Un obiettivo per il 2013? â&#x20AC;&#x153;Intanto passare la maturitĂ . Mentre in campo sportivo mi piacerebbe fare il prossimo anno grandi progressi, come ho fatto nel 2012 e prepararmi bene allâ&#x20AC;&#x2122;anno successivo, quando terminato lâ&#x20AC;&#x2122;impegno scolastico mi dedicherò solo al tennisâ&#x20AC;?. Un sogno nel cassetto? â&#x20AC;&#x153;Arrivare ad essere un professionista, nei primi 100 della classifica mondialeâ&#x20AC;?. Cosa ti dĂ  il tennis? â&#x20AC;&#x153;Lâ&#x20AC;&#x2122;adrenalina nelle competizioni: è una sensazione che mi piace. E poi lâ&#x20AC;&#x2122;allegria, il divertimento, faccio tennis con passione e mi fa stare beneâ&#x20AC;?. Câ&#x20AC;&#x2122;è un aspetto negativo in questa disciplina?

â&#x20AC;&#x153;La frustrazione quando va male qualcosa, gli aspetti negativi non sono facili da cancellare in uno sport come il tennisâ&#x20AC;?. Il rapporto con lâ&#x20AC;&#x2122;allenatore? â&#x20AC;&#x153;Mi allena mio zio Claudio Galoppini ed il rapporto è molto forte, spesso non lo considero neanche mio zio, ma un secondo padreâ&#x20AC;?. Un atleta mito? â&#x20AC;&#x153;Edison Cavani, perchĂŠ tifo per il Napoli. Il tennis non lo segue molto a livelli internazionali, però mi piace molto Paolo Lorenzi, fra i primi cinquanta nella classifica mondiale, che si allena al nostro Circolo di Banditella, è seguito da mio zio ed io ho la possibilitĂ di confrontarmi con luiâ&#x20AC;?. Il complimento piĂš bello che ti è stato fatto? â&#x20AC;&#x153;Da mia mamma quando ho preso il punto Atp, mi ha telefonato per dirmi che era contentaâ&#x20AC;?. Vuoi ringraziare qualcuno? â&#x20AC;&#x153;Mio zio e i miei genitori per i sacrifici che hanno fatto, anche economiciâ&#x20AC;?. La soddisfazione piĂš bella? â&#x20AC;&#x153;Il punto Atpâ&#x20AC;?. Hai un rituale prima degli incontri? â&#x20AC;&#x153;Non sono scaramantico, lâ&#x20AC;&#x2122;unica cosa che faccio prima di giocare è ascoltare un poâ&#x20AC;&#x2122; di musica, perchĂŠ mi rilassaâ&#x20AC;?. A.D.V.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

F

iglio dâ&#x20AC;&#x2122;arte, Davide Galoppini 18 anni, nasce e cresce in una famiglia dove il tennis è pane quotidiano, grazie al padre e allo zio.

7JBEFJ(SJMMJ 1*33*$"(-*"3* 6ĂłDJP5SBĂłDPF5FSNJOBM-*703/07JBEFJ5SBTQPSUBUPSJ  5FM'BY&NBJMUSBOTTFB!MBNJBQFDJU!JOUFSGSFFJU 353


x x x o l x o x v x a t x x s i x XTexnxn F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

G^idgcVaVhZg^Z7eZgaV7Zgc^c^

354

Egdbdo^dc^ZXdc[ZgbZ eZgaZbdaiZhfjVYgZYZaaVhdX^Zi| Y^6cidcZaaV9ZK^id

Federico Viterbo. Foto di Andrea Pizzi - FITeT

L

a Bernini Tennis Tavolo Livorno dopo un breve periodo di sfortunate vicende, può festeggiare il ritorno in serie B2, sotto la guida di Ivan Stoyanov, che oltre ad essere un eccellente atleta di livello internazionale, è il tecnico della società. La stagione 2011 - 2012 ha visto due squadre in serie C1 con due obiettivi diversi; una concorreva per confermare la presenza in serie C, mentre l’altra aspirava alla promozione. Obiettivi entrambi raggiunti con la soddisfazione di tutti. “La prima squadra -spiega Ivan- ha meritatamente vinto, conducendo un buonissimo campionato e tornando al suo posto in B2. Gli atleti della squadra che hanno ottenuto la promozione sono: Lorenzo Micheli, Sandro Giovannini, Alberto Andreani e Armando Zoani, quest’ultimo ha avuto un doppio ruolo facendo sia l’allenatore che

il giocatore. Anche l’altra squadra di C1 ha avuto giocatori bravi, anche se non tutti hanno potuto essere presenti per l’intera durata del campionato. Fra questi ricordiamo Federico Viterbo, uno degli atleti fondamentali, che è riuscito, anche quest’anno a terminare il campionato imbattuto. L’altro componente è Matteo Bagnoli e alcuni sostituti fra cui Jacopo Raffaelli ffaelli ed altri”. ff La serie B femminile ha brillato conquistando un secondo posto. Al campionato hanno giocato la moglie di Ivan, Nadja Vasileva, con un passato atletico di alto livello, la sorella Darima e Lisa Belli di 15 anni che sportivamente è cresciuta molto, grazie anche agli insegnamenti delle sue compagne di squadra, e nel campionato 2012 -2013 è salita nella categoria juniores. Le donne hanno affrontato anche la serie C: “È rientrata in società –racconta Ivan- Silvia Deri, una ragazza che giocava con noi una quindicina di anni fa, quando aveva 11 anni. Per un periodo ha smesso, ma adesso, all’età di 26 anni, ha ricominciato l’attività agonistica. Con lei anche Alessandra Picchi e Valentina Nocchi. La stagione passata è servita a formare un po’ di espe-

rienza, infatti, nel campionato in corso 2012 – 2013 sono attualmente in testa alla classifica”. La squadra di C2 maschile ha potuto contare su diversi giocatori come: Marco Galli, Daniele Caputi, Nadja Vasileva, Massimo Pisani. Anche in questo gli atleti hanno centrato l’obiettivo, salvandosi e confermando la presenza in C2. “Abbiamo avuto anche un’altra promozione in D1 -afferma fferma Ivan- dove avevamo due squaff dre, tutte formate da ragazzi giovani. Una di queste ha vinto il campionato ed è salita di categoria accedendo alla C2 con: Lorenzo Galli di 14 anni; Nico Ciucci di 14; Lorenzo Scalicci di 16. L’altra squadra invece ha mantenuto la posizione in categoria con gli atleti: Giorgio Pirina 14 anni, Matteo Anselmi di 18 e Lorenzo Dominici di 14”. La D2 ha visto la partecipazione di due squadre della Bernini che possiamo definire “agli antipodi” per età. In una, infatti, giocano i ragazzi più giovani della società con Matteo Carnevali 12 anni, Giovanni Rossi 14, Simone Ghielli 13 e al primo anno di esperienza Samuele Gilardi 13 anni, dimostrando tutti ottime qualità. Nell’altra invece si sono ritrovati un gruppo di amici, che senza scendere nei particolari, possiamo definire “over 60”, fra questi Diego Scalicci, padre di Lorenzo, Francesco Viterbo, padre di Federcio, Andrea Macchi e Riccardo Saller, che non hanno perso le occasioni per stare insieme e divertirsi, gareggiando con la racchetta in mano. Non si può concludere il resoconto della stagione senza parlare dell’attività agonistica di Ivan che, per il terzo anno, ha giocato fuori Livorno, a Castiglione di Ravenna in A2. “Una squadra che aveva voglia di salvarsi e continuare a giocare in B2, ed infatti, abbiamo fatto un buon campionato qualificandoci al secondo posto, cosa che ci ha valso la promozione in A2, perché la prima società classificatasi ha già una squadra nella massima serie, e non è permesso averne un’altra. Purtroppo durante l’anno ho avuto un infortunio che mi ha comportato un’operazione all’anca, cosa che però ho fatto a fifine campionato perché volevo portare a termine gli impegni presi a Ravenna. Per la stagione 2012 – 2013 ho deciso di giocare con la squadra di B2 di Livorno, un po’ perché non sapevo come avrei reagito all’operazione e poi perché qualche atleta si è trasferito, e occorrevano dei rinforzi alla Bernini. Così la prima squadra sta giocando il campionato in corso con me, Viterbo ed Andreani, speriamo poi si aggiungano anche altri, per un supporto” Da sinistra Ivan Stoyanov, il figlio Niagol e la moglie Vassileva


A

solo 11 anni, Valentina Nocchi sta dimostrando talento, passione e determinazione. Da 3 stagioni si dedica al tennis tavolo seguendo gli allenamenti di Ivan. Come hai iniziato? “Frequentavo una palestra dove si praticavano diversi sport fra cui anche il tennis tavolo. Dopo un po’ di tempo Ivan mi ha notata e mi ha detto che ero portata, così ho cominciato ad allenarmi con lui”. Cosa ti piace di più? “Tutto. Mi diverto quando gioco a tennis tavolo”. Com’è andata la stagione passata?

Valentina Nocchi

AÉdeedgijc^i|Y^ZhhZgZ jcVXVbe^dcZhhV goria giovanile, ho vinto tutte le partite e sono andata bene nel nazionale passando il girone, mentre nei tornei di terza categoria sono riuscita a salire qualche volta sul podio”. La soddisfazione più bella della stagione conclusa? “Mi trovo molto bene con gli amici con cui gioco, quindi posso affermare ffermare che le emozioni ff più belle le vivo grazie a loro. Però se proprio devo scegliere un’occasione particolare, penso a quando sono riuscita a salire al secondo posto in nazionale giovanile”. Un sogno? “Arrivare ad alti livelli nella prima categoria. Per il prossimo anno mi accontenterei di salire in seconda”. Come concili sport e scuola? “Frequento la seconda liceo scientifico Enriques e mi alleno praticamente tutti i giorni, ma concilio ottimamente e vado bene anche a scuola”. Cosa ti dà questo sport? “Tante belle amicizie e molte emozioni durante le gare. Ogni partita è diversa perché diversi son gli avversari e così le soddisfazioni.

La cosa più entusiasmante di questa disciplina è l’acquisire la capacità di elaborare ogni volta una tattica diversa per vincere, e trovare l’adrenalina giusta per affrontare ffrontare la partita”. ff Uno sportivo mito? “Non seguo il tennis tavolo ad alti livelli, e potendo ammirare un grande campione come Ivan, mi ispiro a lui. Come si fa a non invidiare il suo rovescio?”. I tuoi compagni di scuola ti seguono? “No, credono che il tennis tavolo non sia uno sport. Inizialmente il mio istinto mi fa arrabbiare poi, ritrovata la calma cerco di spiegare cos’è questo sport e qualche volta ci riesco”. Come donna ti senti discriminata? “No, l’unica difficoltà è che nel settore femminile ci sono meno atlete e quindi è difficile avere amiche, ma io mi trovo bene anche con i ragazzi, quindi alla fine questo non è un grosso problema”. Perché ci sono poche ragazze? “Forse perché è uno sport individuale e le ragazze preferiscono quelli di squadra, come la pallavolo”. A.D. V.

K6A:CI>C6CD88=> FjVcYdaVeVhh^dcZh^kZYZ ÒcYV\^dkVc^hh^b^ “Abbastanza bene. Ho partecipato ai trofei regionali ed ho fatto il Campionato nazionale nella categoria giovanissimi, da quest’anno invece sono passata fra i ragazzi”. La soddisfazione più bella? “Quando ho vinto una partita in quarta categoria con le donne. Aver vinto contro donne che giocano da tanti anni è stata una bella soddisfazione”. Il complimento più bello che hai ricevuto? “Non saprei, sono molte le persone che mi dicono che sono brava”. Come concili lo sport con lo studio? “Faccio la prima media alle scuole Pazzini e mi alleno dalle 4 alle 5 volte alla settimana. Non ho problemi a conciliare le due cose, perché dopo pranzo mi dedico subito ai compiti e poi vado in palestra”. Come sta andando il nuovo campionato? “Bene, quest’anno ho iniziato il campionato di serie C femminile con Silvia Deri, un’altra ra-

gazza che viene in palestra”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare a livelli internazionali”. Obiettivo del 2013? “Salire sul podio ai tornei nazionali e vincere il campionato”. I tuoi genitori son contenti della tua attività? “Sì, mi appoggiano, anche perché mi devono accompagnare tutti i giorni agli allenamenti, senza di loro non potrei frequentare così assiduamente”. Cosa ti dà questo sport? “Mi ha aiutato ad essere più sicura. Lo scorso anno ero incerta, ho avuto qualche delusione, ma nonostante tutto ho deciso di continuare e quest’anno mi sento molto determinata. Il tennis tavolo è uno sport che parte dalla testa, solo se si crede in se stessi si può arrivare a battere l’avversario”. A.D.V.

Italiana Tennis Tavolo

Lisa Belli

Da quando hai iniziato a praticare questa disciplina? “Da circa 5 anni, seguendo degli amici. Poi loro hanno smesso, mentre io mi sono appassionata ed ho continuato”. Come è andata la stagione passata? “Sono diventata campionessa regionale allievi, mentre nel panorama nazionale sono in terza categoria e sono salita di posizione, adesso sono 124a in Italia. Al regionale, nella cate-

A>H67:AA>

F.I.TE.T.: Federazione

L

isa Belli ha 15 anni e sportivamente è una ragazza fortunata perché ha la possibilità di essere allenata dalla brava e famosa coppia di campioni del tennis tavolo: Ivan Stoyanov e Nadja Vasileva. Un’opportunità che non capita tutti i giorni e Lisa ne è perfettamente consapevole, infatti, il suo entusiasmo è alle stelle.

355


Scotto PubblicitĂ Livorno

Utilizzabile anche per feste di compleanno con servizio catering 356


x x x x n x o l x h x t x a XxTxrxi ;G6C8:H8DA6>CD >acjdkdegZh^YZciZ YZaXdb^iVidgZ\^dcVaZ insegnamenti, imparando a comprendere subito la differenza fferenza tra nuoto, corsa e bici, per ff ottenere risultati migliori”. Come è andato il 2012? “A febbraio abbiamo organizzato un Super Spint nel Duathlon. La nostra provincia si propone bene per questo tipo di competizioni alba-tramonto, come le chiamiamo noi, dove è possibile gareggiare all’interno di una giornata, grazie a distanze più brevi, ed evitare ai partecipanti i disagi di trasferte più lunghe: una formula che ci piacerebbe proporre anche nel Triathlon. Abbiamo poi partecipato ai Giochi Sportivi Studenteschi e a Gioco Sport che ci permette di presentare nelle scuole il Duathlon con l’abbinamento bici - corsa”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire a portare qualche ragazzo a Rio De Janeiro. Non è un sogno impossibile, perché i livornesi sono aperti a qualsiasi tipo di sfida e ci sono ottimi elementi. Quello che si è visto in questi anni è sicuramente promettente”. Come possiamo de definire il Triathlon? “Come uno sport completo, dove i ragazzi si divertono, apprendono capacità coordinative e sviluppano quelle innate, come la corsa. Non è uno sport per super uomini, ma per persone normali, basta pensare che è praticato da non vedenti e da chi è costretto ad utilizzare le stampelle, infatti, il Triathlon è presente nel paraolimpico. Fondamentalmente siamo persone che amano divertirsi e stare insieme”. Presentiamo adesso Francesco Laino. “Nasco come atleta nel nuoto a Salerno, con 12 anni di attività in questo settore e un’ampia esperienza nella pallanuoto. Da molto tempo desideravo confrontarmi con

Francesco Laino: il nuovo presidente del comitato regionale di Triathlon

il Triathlon, perché grazie ai miei istruttori mi allenavo abbinando anche la corsa, ed in più ho sempre praticato per passione un po’ di ciclismo, quindi mi sentivo pronto per questa nuova avventura, ma il debutto vero e proprio è avvenuto quando mi sono trasferito, per lavoro, a Livorno 8 anni fa”. Cosa ti ha dato personalmente il Triathlon? “Determinazione e sicurezza. È una passione che senti nascere dentro, l’adrenalina ti carica e ti dà la voglia di fare sempre di più; questo sta accadendo anche nel mio nuovo incarico come delegato regionale”. Quanto influenza il tuo stile di vita? “Grazie al ‘sì’ della mia famiglia, il Triathlon è una presenza costante nella mia vita. Mi alleno tutti i giorni, variando gli orari sulla base degli impegni di lavoro. Il bello di questo sport è che ogni volta è possibile modificare il tipo di allenamento e non annoiarsi mai”. Si può vivere di Triathlon? “I giovani oggi hanno qualche possibilità in più, perché oltre ai posti nei gruppi sportivi delle Forze Armate, stanno nascendo e consolidandosi, sul territorio nazionale, delle realtà societarie meritevoli, che aprono prospettive future a chi ha talento”. Cosa Livorno può offrire al Triathlon? “Molto. Abbiamo la pianura e le colline per la bicicletta, un bel lungomare per correre, e c’è anche una buona capacità recettiva per accogliere sportivi che desiderano venire in città per allenarsi o per partecipare ad eventuali gare. C’è però bisogno di maggior vicinanza con la gente, che deve capire che si tratta di uno sport per tutti. Inoltre, gli Enti locali dovrebbero collaborare per la crescita del Triathlon facilitando l’organizzazione di eventi, che rappresenterebbero anche un buon ritorno per la città”. Antonella De Vito

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

I

l Triathlon toscano ritrova il suo baricentro a Livorno con la recente elezione di Francesco Laino presidente del comitato regionale. Anche il consiglio che lo supporterà fino no al 2016 è di nuova nomina, con un’età media che si aggira intorno ai quaranta: un dato che viene sottolineato per mettere in luce la voglia di rinnovamento del settore, che punta ad interessare sempre più i giovani. “Andremo in cerca di nuove elite -spiega Laino- da portare alle competizioni nazionali e speriamo anche alle olimpiadi di Rio de Janeiro. Attualmente le società di Triathlon a Livorno sono 3: Livorno Triathlon, Nuoto Livorno e 4 Mori, tutti gruppi che praticano la disciplina da ben oltre i dieci anni e sono presenti sul territorio anche con il settore giovanile”. Quanti sono gli atleti interessati a questa disciplina? “I livornesi che praticano questo sport sono circa 150 in città e 200 su tutta la provincia. Questo riguarda gli atleti che fanno gare professioniste, poi ci sono gli amatori e questo fa aumenta notevolmente il numero”. Che problemi si incontrano a Livorno? “Esistono disagi legati agli spazi acqua, che rendono complicato l’allenamento nel nuoto”. Qual è il vostro programma futuro? “Insieme al delegato provinciale Michele Terreni, atleta e tecnico dei 4 Mori, cercheremo di organizzare più iniziative possibili per avvicinare i giovani. Vogliamo proporre il Triathlon anche a chi ha abbandonato, per diversi motivi, altri sport; noi siamo aperti a tutti, perché questa disciplina può essere praticata a diversi livelli, ed ogni sportivo può trovare il suo equilibrio. Nello stesso tempo però vogliamo anche creare atleti che nascono con il Triathlon e che fin da giovani si dedicano a questa disciplina ricevendo i giusti

357


6A:HH6C9G6;>C86ID 6gZVVeZgiVZjcgVeedgide^‘ Vb^X]ZkdaZXdcaÉVkkZghVg^d

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

D

358

opo aver salutato il nuoto, Alessandra Fincato si è dedicata con successo al Triathlon: “Ho frequentato la piscina da quando avevo 3 anni e mezzo, ma ad un certo punto, quattro anni fa, ho sentito che non provavo più le stesse sensazione di un tempo. Mi sentivo poco seguita dagli allenatori probabilmente perché ero un’atleta di livello regionale e non nazionale. Mi impegnavo molto, ma poi non ero gratificata come desideravo, ad esempio, non potevo partecipare alla staffetta, ff ffetta, competizione che mi piaceva molto”. Come è avvenuto il passaggio al Triathlon? “Fortunatamente nel periodo in cui ero in crisi l’allenatore Vivano Vanni lo notò e mi consigliò di provare il Triathlon. Feci una specie di ritiro a Grosseto e subito mi chiamarono a fare un raduno. Capii che potevo avere delle buone possibilità in questa disciplina, perché le gare andarono subito bene”. Com’è andato l’approccio con la bicicletta e la corsa? “È stato buono con la bicicletta, ma più difficile con la corsa perché ho dovuto impiegare più tempo per acquisire la tecnica”. Raccontaci il tuo esordio. “Sono partita con il Duathlon abbinando bici e corsa, perché all’inizio dell’anno le temperature del mare sono troppo basse. Nelle prime gare ho mantenuto sempre un posto fra i primi dieci, mentre a settembre alla finale di Coppa Italia sono arrivata ottava e quarta nella Coppa delle regioni, nella specialità della staffetta”. ff ffetta”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire ad entrare in nazionale, e magari fare qualche gara internazionale. Mi alleno tutti i giorni per due ore, compresa la domenica”.

C’è un aspetto che non ti piace? “Non poter fare troppo tardi il sabato sera perché la mattina alle otto ho gli allenamenti è indubbiamente un sacrificio. Però da questo nascono tante soddisfazioni e quindi va bene, è giusto che sia così”. Come concili studio e sport? “Frequento l’Iti e per mettere tutto insieme devo organizzare con attenzione le mie giornate”. Quanto questa disciplina ha influito sulla tua vita”. “Molto. Grazie al Triathlon sono cresciuta. Anche il nuoto richiedeva molti sacrifici, ma il Traithlon ne pretende ancora di più, però tutto questo mi aiuta a trovare una disciplina. Anche dal punto di vista alimentare è cambiato qualcosa, perché ho dovuto seguire una dieta per perdere qualche chilo”. L’aspetto più bello? “L’essere quasi sempre all’area aperta e non dover guardare le mattonelle della piscina per tutto il giorno. Anche con gli avversari il rapporto è molto più amichevole rispetto a quando praticavo nuoto”. Vuoi ringraziare qualcuno? Alessandra Fincato

“Il mio allenatore Viviano Vanni, che crede tanto in me, ed io non lo cambierei mai con nessuno altro”. Un atleta mito? “Alessandro Fabian arrivato decimo alle olimpiadi. Un ragazzo giovane e determinato, grintoso, ma molto umile, lo ammiro per tutto questo”. Cosa pensa la tua famiglia di questo tuo impegno? “Mi appoggia molto e mi considerano una super-eroe per l’impegno che ci metto. Soprattutto mio padre è stato molto felice per questa scelta, perché lui è un ciclista, e adesso possiamo condividere questo aspetto”. Di cosa avrebbe bisogno il Triathlon a Livorno? “Mi piacerebbe che la gente della mia città lo praticasse maggiormente. A Viareggio, per esempio, che non è molto lontano da noi, è maggiormente seguito e ciò permette un più ampio sviluppo della disciplina”. A.D.V.


>aW^hd\cdY^XVbW^VgZZaVcjdkV VkkZcijgVhedgi^kV Quanto ti alleni? “Due ore al giorno, anche la domenica”. Il Triathlon ha modificato il tuo stile di vita? “Sì, sono più stanca e così vado a letto prima. Anche l’alimentazione ha subito delle variazioni, in passato non ci badavo, ma adesso sto più attenta, ad esempio, non mangio dolci”. Quale aspetto del Triathlon ti piace maggiormente? “L’aver scoperto che vi sono tante persone che praticano questa disciplina pur avendo un’età avanzata, e nonostante tutto continuare ad allenarsi con costanza”. C’è un aspetto che non ti piace? “Dover spesso rinunciare ad uscire con gli amici, ma sono ripagata dalle soddisfazione, quindi alla fine è un sacrificio che faccio volentieri”. A.D.V.

Linda Balestri

6G>6CC6H86GE6

Federazione Italiana Triathlon

ìE

ssenzialmente faccio nuoto, ma ogni tanto partecipo a qualche gara di Triathlon”. Chiarisce subito Arianna Scarpa, 12 anni. Da quanto nuoti? “Ho iniziato l’agonismo da sei anni”. E come ti è venuta la voglia di provare il Triathlon? “Me lo ha consigliato il mio istruttore di nuoto e poi per seguire, in parte, le orme dei miei genitori che in passato lo praticavano. Ho anche un mio amico che lo fa da professionista, ed è molto bravo, si chiama Domenico Passuello ed è stato campione italiano”. Chi ti segue nelle diverse discipline? “Nella bici mi dà qualche consiglio mia ma-

A>C9676A:HIG>

AVe^‘\^dkVcZig^ViaZiV dre, lei stava per fare il salto nei professionisti, ma poi sono nata io ed ha dovuto rinunciare. Mentre nella corsa mi segue mio padre, che è un bravo istruttore, ma soprattutto faccio nuoto con Viviano Vanni”. Qual è la tua esperienza agonistica con il Triathlon? “Nel 2012 ho partecipato agli italiani arrivando terza nel Duothlon e sesta nel Triathlon, anche se poi sono stata squalificata perché ho messo male la bicicletta e ho nuotato nell’acqua bassa”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare ad alti livello in almeno uno di questi sport”.

Da sinistra: Linda Balestri, Alessandra Fincato e Arianna Scarpa

Un atleta mito? “Federica Pellegrini e Samuel Pizzetti che ho conosciuto di persona. Ma anche Usain Bolt nella corsa, e nel Triathlon Andreas Raelert secondo ai mondiali delle Hawaii e Martina Dogana”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “La corsa e il nuoto, in modo particolare mi piace il momento in cui si cambia disciplina, quando mi metto le scarpe e parto per la corsa: so che ormai sono alla fine della gara”. Quanto ti alleni? “Essenzialmente mi alleno per il nuoto stando in vasca almeno dieci ore a settimana”. Cosa diresti per invogliare le persone a dedicarsi a questa disciplina? “Lo consiglio a tutti, perché anche se è faticoso dà grandi soddisfazioni: arrivare alla fine di una gara di Triathlon è molto bello”. A.D.V.

F.I.Tri.:

L

inda Balestri: Ha 19 anni ed è approdata al Triathlon dopo aver accumulato qualche amarezza con il nuoto. Così Linda Balestri si presenta: “Per 14 anni ho praticato nuoto, ma ormai mi ero annoiata, ed era arrivato il momento di cambiare. Mi dispiaceva però lasciare l’ambiente della piscina, così ho deciso di diventare una triatleta e adesso faccio parte della Nuoto Livorno Triathlon”. Com’è andata con la corsa e la bicicletta? “Con la bici non ho avuto problemi, mentre con la corsa sì; generalmente chi fa nuoto ha qualche difficoltà da questo punto di vista, ma lentamente e con i consigli adeguati sono riuscita a prendere il ritmo giusto”. Una competizione che ti ha dato soddisfazione? “I Campionati italiani dove mi sono qualificata fra le prime dieci”. L’esperienza più bella? “Diciamo piuttosto la più significativa, quando durante un Campionato italiano a metà gara ho cominciato a sentire dolore al fegato, non ce la facevo più, ma ho tenuto duro e sono arrivata alla fine. È stata una bella soddisfazione”. Quale delle tre discipline preferisci? “La bicicletta”.

359


8:H6G:I699:>!G>886G9D7:GI6C>! <>6CC>E>88=> A^kdgcdIg^Vi]adc

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

ìS

360

gombriamo subito il campo dagli un gruppo eterogeneo per età e per prostereotipi: i triatleti non sono dei fessione. Il più giovane ha 22 anni il più superman” con queste parole ‘maturo’ 53. Per come lo concepiamo noi, comincia la nostra conversazione con i il Triathlon è uno sport che non ha limiti, rappresentanti del Livorno Triathlon, de- ognuno ha la possibilità di avvicinarsi e siderosi di rendere i giusti meriti a questa praticarlo in base alle sue possibilità. Lo disciplina spesso maltrattata dalla grande si può fare da professionisti, ma anche da comunicazione mediatica. Un po’ di re- amatori”. sponsabilità ce l’abbiamo anche noi, che I risultati del 2012? come Almanacco dello Sport, in passato “È stato un anno buono, abbiamo conquiabbiamo parlato di ironman e super uo- stato molti podi. mini, quindi non possiamo far altro che Senza elencarli tutti, perché sarebbero “incassare” le bonarie critiche e tentare di troppi, possiamo almeno ricordare i due tiproporla meglio ai nostri lettori, dandole toli italiani con Gabriele Baroni nell’Aquathuna più giusta connotazione. In questo lon (nuoto-corsa-nuoto) di Gaggiano compito ci hanno aiutato anche alcuni e Riccardo Rosselli nell’X-Terra (con la membri della società Livorno Triathlon, mountain bike al posto della bicicletta da in particolare il presidente Cesare Taddei, strada) di Cala Ginepro, che gli è valso anl’addetto stampa Riccardo Bertani e il re- che l’ennesima qualifica ai mondiale delle sponsabile sanitario Gianni Picchi. Hawaii”. Il primo a presentarsi è Cesare Taddei: Un sogno nel cassetto? “Pratico Triathlon da 17 anni. Ho iniziato Cesare Taddei: “Vorrei dare una strutper amicizia e per sfida personale, con il tura maggiormente professionale alla tempo è diventata una passione sempre società. Ci stiamo già riuscendo grazie più grande che mi permette di stare in all’apporto tecnico di tutti gli atleti, ma compagnia degli amici per buona parte vorrei ancora perfezionare l’organizzaziodell’anno. In passato ho fatto calcio”. Con- ne. Attualmente abbiamo persone che si tinua Riccardo Bertani spiegando: “Mi mettono a disposizione a bordo piscina, sono affacciato ffacciato a questa disciplina nel ’99 sulle pista di ciclismo o lungo i percorsi di ff per fare riabilitazione dopo aver subito un corsa per consigliaincidente. Provengo dal nuoto amatoriale, re gli atleti duranma sono passato con entusiasmo al Triath- te gli allenamenti. lon del quale mi piace soprattutto la pos- Stiamo poi cercansibilità che mi offre ffre di conoscere molti do di coinvolgere ff luoghi; praticamente ho nuotato in tutti i sempre più Viviano maggiori laghi italiani”. Ed infine, Gianni Vanni per far crescePicchi, nipote di Armando: “Ho giocato re un movimento a calcio per diverso tempo, e quando ho giovanile a Livorno. smesso per motivi di età, mi interessava L’età media dei nocontinuare a tenermi in forma. Come me- stri soci continua ad dico svolgo anche il ruolo di consigliere per ‘avanzare’, occorre gli aspetti sanitari”. perciò pensare ad Quando è nata la società? “Il primo nucleo si è formato nel 1994, quando il Triathlon a Livorno era ai suoi albori, passando poi da scissioni, riunioni Daniele Ciandri mentre di gruppo e collaborazioni varie”. abbraccia i suoi figli Quanti tesserati avete? Jacopo e Lorenzo, all’arrivo di una gara “Una cinquantina, tutti agonisti. Siamo

un ricambio generazionale”. Riccardo Bertani: “Organizzare una gara di Triathlon olimpico a Livorno, che rappresenta una location fantastica, anche se è carente nell’aspetto dell’organizzazione degli eventi e nella sua pubblicizzazione. Già da tre anni in città si svolge una gara di Super Sprint, con percorsi corti, di 400 metri in piscina, 10 chilometri in bicicletta e 2 chilometri e mezzo di corsa, ma per motivi a noi estranei, non riusciamo a fare il grande salto e programmare una competizione più lunga”. Gianno Picchi: “Costruire a Livorno una cittadina del Triathlon con impianti al coperto per gli allenamenti invernali e richiamare così atleti da tutt’Italia, che verrebbero volentieri ad allenarsi da noi, perché comunque il clima è buono per gran parte dell’anno. Tutto ciò rappresenterebbe anche una bel ritorno economico per la città”. Progetti per il 2013? “Riaccoglieremo nelle nostre fila Lorenzo Tonsa vice campione italiano su distanza olimpica. Lorenzo è livornese e corre per il Cus Torino, contemporaneamente studia ingegneria, ma si è reso conto che la carriera universitaria ha subito un ral-


alle famiglie”. Riccardo Bertani: “Sicuramente l’aver partecipato ai giochi della medicina ed il 270esimo posto alla gara di Bardolino, che è il Triathlon più importante con 1.200 partenti; una gara che ti mette alla prova in uno scenario incredibilmente bello. E come extra classifica l’aver conosciuto persone simpatiche e aver visto posti bellissimi”. Gianni Picchi: “La vittoria ai Campionati mondiali della medicina per la mia categoria che si sono disputati a Montecatini. Ma anche conoscere ogni volta persone nuove di qualsiasi ambiente con diverse visioni della vita e rimanerne amici nel tempo”.

Quanto influisce il Triathlon sul vostro stile di vita? Cesare Taddei: “In media mi alleno un’ora e mezzo o due al giorno, soprattutto nel periodo che precede le gare. Tempo che ritaglio dalla quotidianità facendo anche dei sacrifici, alzandomi presto o andando a nuotare la sera dopo cena. Cerco di organizzarmi per non togliere niente al lavoro e alla famiglia, ma naturalmente ho la fortuna di vivere con chi è in grado di capire questa mia passione, altrimenti sarebbe difficile portarla avanti. Dal punto di vista alimentare seguo la dieta mediterranea, ma non sono particolarmente attento, una cena con gli amici me la concedo senza problemi, ma anche questo aspetto dipende dalla volontà personale e da quello che si desidera raggiungere”. Riccardo Bertani: “In inverno mi alleno sei volte a settimana, mentre in estate con maggior disponibilità di luce e clima migliore riesco a fare un doppio allenamento

giornaliero. Dal punto di vista alimentare ho completamente rivoluzionato le mie abitudini, sì, posso affermare ffermare che il Triathff lon mi ha cambiato la vita, naturalmente in meglio”. Gianni Picchi: “Spesso riesco ad allenarmi due volte al giorno, mediamente in una settimana vado 3 o 4 volte in piscina durante l’ora di pranzo, la sera sono sempre in palestra e un paio di volte vado a correre, mentre la domenica mi dedico alla bicicletta. In estate naturalmente tutto è più facile e divertente”. Antonella De Vito

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

lentamento e quindi vorrebbe rivedere il suo impegno sportivo per tornare a casa, e continuare così a rappresentare la città, come ha già fatto per molti anni in passato”. $PNFPSHBOJ[[BUFHMJBMMFOBNFOUJ “La nostra società è gestita come un gruppo di amici e ognuno di noi mette sul campo le proprie conoscenze, costruite negli anni. Diamo poi la possibilità di utilizzare degli spazi acqua in determinati orari, durante i quali si possono trovare anche degli esperti triatleti per elaborare insieme programmi di allenamenti. Il fine settimana facciamo dei gruppi e andiamo a correre insieme, naturalmente ognuno percorre il chilometraggio di cui ha bisogno. Il Triathlon è un puzzle che si forma intorno alle esigenze fisiche della persona, ma anche a quelle lavorative, familiari e alla disponibilità energetica”. La soddisfazione più bella avuto da questo sport? Cesare Taddei: “Dal punto di vista sportivo aver fatto parte del

quartetto che vinse il Campionato a squadra; a livello personale l’essermi confrontato con tutte le distanze che questo sport mette in campo, ed avere ancora voglia di farlo; come presidente della società il piacere di vedere tanta simpatica gente che entra a far parte della nostra famiglia e si trova bene. Su tutto domina il divertimento quando andiamo in trasf trasferta insieme

Nelle immagini gruppi di triatleti della Livorno Triathlon

361


9DB:C>8DE6HHJ:AAD 9VaaÉ^c[dgijc^dVaaVg^cVhX^iV ho avuto un problema nel nuoto e sono arrivato settimo. Ho concluso poi l’anno vincendo la gara di Siviglia: una competizione importante che mi ha fatto risentire in pista, qui mi sono sentito nuovamente in forma. La fine della stagione è stata complessivamente positiva, ho fatto 4 gare e sono andate tutte bene, ma naturalmente mi

ero prefissato altri obiettivi, ai quali ho dovuto obbligatoriamente rinunciare”. Programmi per il 2013? “A metà aprile parteciperò all’iron in Sudafrica, competizione importante per la qualificazione al mondiale delle Hawaii. Obiettivo che avevo anche nel 2012, al quale poi ho dovuto rinunciare a causa dell’infortunio. Farò poi il Campionato italiano, anche perché si svolgerà a Barberino del Mugello e mi sembra giusto partecipare, solitamente gareggio all’estero, questa volta voglio giocare in casa. Poi farò la gara di Nizza, quella che l’anno passato

doveva vedere la presenza di Armstrong e poi deciderò sulla base del punteggio raggiunto”. Che effetto ffetto ha ff suscitato l’ingresso di Armstrong nel Triathlon? “Appena arrivato lo scorso anno ha fatto molto bene a questa disciplina. Armstrong è un uomo di immagine ed ha richiamato l’attenzione. Tutti erano incuriositi dal tipo di prestazioni che avrebbe potuto fare, inoltre, anche lui aveva lanciato la sfida alla qualificazione per il mondiale delle Hawaii, richiamando sponsor importanti. Armstrong nasce da giovane come triatleta e poi è passato al ciclismo, in più nuota molto bene; ha dovuto solo impegnarsi un po’ di più con la corsa, ma ha raccolto subito risultati. Le cose poi sono andate diversamente da come le aveva progettate, vedremo cosa decideranno per lui in futuro”. A.D.V.

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

N

on si può parlare di Triathlon a Livorno senza aver ricordato Domenico Passuello, un atleta professionista di talento internazionale. Purtroppo il 2012 per lui non è stato un anno molto favorevole, avendo subito un infortunio che lo ha obbligato a fermarsi per diversi mesi. “L’anno è iniziato bene, a gennaio ho partecipato ad un mezzo ironman arrivando terzo, un risultato di prestigio se si pensa che il primo posto è andato al belga che detiene il primato mondiale. Subito dopo questo appuntamento una frattura alla caviglia causata da stress, mi ha costretto all’immobilismo. È stato un periodo per me molto brutto. A Livorno non abbiamo molti percorsi morbidi, si corre soprattutto su strada o in pista e questo mi ha causato l’infortunio. Ricominciati gli allenamenti mi sono spostato nella pineta di Tirrenia e di Marina di Cecina, anche se non è molto comodo, perché comunque bisogna utilizzare la macchina per raggiungere questi luoghi”. Quando hai ricominciato a gareggiare? “Mi sono ripreso molto velocemente anche perché la squadra mi metteva un po’ di pressione e a settembre ho partecipato ad una gara a Montecarlo, dove sono arrivato terzo. Poi ho fatto un’altra competizione in Francia nel circuito mezzo ironman, ma

Nelle immagini Domenico Passuello

363


o x n x g x e x s x x a x o x XxTxixr HjeZgVi^^XdcÒc^gZ\^dcVa^ h^\jVgYVhZbegZe^‘^cVaid Jc\gjeed^cXgZhX^iV Y^AZdcVgYdBZaZ

anche in questo caso, mai ottenuti prima d’ora. Pur considerando che, a differenza fferenza di ff molte altre Sezioni presenti sul territorio nazionale, quella di Livorno non ha ancora tiratori per tutte le specialità (sia tra le carabine che le pistole), su un totale di 230 Sezioni iscritte al CIS (Campionato Italiano per Società), Livorno ha terminato la stagione agonistica passando dal 72° posto dello scorso anno, all’attuale 53° in classifica nazionale, compiendo così un bel balzo in avanti. A livello Regionale le squadre labroniche hanno ottenuto i seguenti risultati: F_ijebWW'&c[jh_ La squadra “A (CACCIUCCO)” composta

da: BrinI Dario - Carlesi Emilio - Gori Maurizio - Mele Leonardo e Sanguinetti Simone, ha terminato la stagione al 5° posto del confermando la permanenza nel girone “A” anche per il 2013. La squadra “B (CINQUE & CINQUE)” composta da: Caroti Alberto - Chelli Tommaso - Danti Federica - Lazzeri Francesco e Montenero Raffaele, ffaele, ha terminato ff la stagione al 1° posto guadagnando la promozione al girone “A”. La squadra “C (PONCE)” composta da: Bocci Giuliano - Ionici Camelia - Miceli Alfio Stefano - Terzuoli Livia e Visconti Gerarda, ha terminato la stagione al 3° posto del girone “C” guadagnando la promozione in “B”; F_ijebWb_X[hW La squadra “FRITTO DI PARANZA” composta da: Brini Dario - Chelli Tommaso - Mele Leonardo - Montenero Raffaele ff ffaele e Sanguinetti Simone, ha terminato la stagione al 3° posto del girone “A”. F_ijebWifehj_lW La squadra “BORDATINO” composta da: Chelli Tommaso - Danti Federica - Ionici Camelia - Lazzeri Francesco e Montenero Raffaele, ffaele, ha terminato la stagione al ff 1° posto nel girone unico di specialità conquistando il Titolo di “SQUADRA CAMPIONE REGIONALE”. Ulteriore importante evento, di enorme soddisfazione e vanto, mai accaduto prima d’ora nella storia del Tiro a Segno

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

G

li ultimi Giochi Olimpici di Londra 2012, hanno regalato al Tiro a Segno Italiano ben tre medaglie (una d’oro e due d’argento) e “guarda caso”, gli atleti che sono riusciti a conquistarle sono entrambi Toscani. Il fiorentino orentino Niccolò Campriani nella carabina ed il Pietrasantino Luca Tesconi nella pistola hanno compiuto un’impresa unica nella storia dello sport del Tiro a Segno italiano con un “bottino” mai ottenuto ai Giochi Olimpici prima d’ora. Un evento che ha avuto un enorme impatto mediatico tanto che, anche presso la Sezione del Tiro a Segno Nazionale di Livorno, innumerevoli sono state le persone, di tutte le età, che hanno manifestato interesse e curiosità per questa disciplina, sconosciuta ai più. Dalla metà di settembre infatti, abbiamo avuto diverse nuove iscrizioni che hanno permesso di organizzare dei corsi base, propedeutici all’utilizzo di armi ad aria compressa, dando vita ad un nuovo vivaio dalle belle speranze. Ma vediamo nel dettaglio quanto i tiratori labronici, nel 2012, sono stati capaci di fare, costruendo un anno ricco di soddisfazioni. Il lavoro portato avanti dalla Società ha prodotto risultati, sia in termini quantitativi che qualitativi, sicuramente sperati ed

Da sinistra: Francesco Lazzeri, Tommaso Chelli, Raffaele ffaele Montenero. La squadra Juniores prima ff dell’inizio delle gare di Campionato italiano a Napoli

365


U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

amaranto, è stata l’ammissione alla fase finale dei Campionati italiani, svoltisi a settembre a Napoli, della Squadra Juniores Uomini nella specialità olimpica di Pistola a 10 metri ad Aria Compressa. La squadra, composta da Chelli Tommaso - Lazzeri Francesco e Montenero Raffaff ffaele, alla fine della stagione agonistica è risultata settima in classifica nazionale. Alla fase finale dei Campionati Italiani a Squadre, vi accedono le prime otto. In questa occasione però, è mancato quel pizzico di esperienza in più ai nostri ragazzi per permettergli una posizione sul podio, mancandolo per una sola manciata (esattamente 12) di punti. I segnali di miglioramento e crescita di tutto il gruppo sono comunque tangibili ed è mancato davvero molto poco per permettere ai colori amaranto “a squadra” di essere rappresentati in quel di Napoli anche nelle specialità a fuoco di Psp (Pistola Sportiva) e PL (Pistola Libera). Obiettivo quest’ultimo sicuramente alla portata dei nostri ragazzi e che il tecnico della Società si prefissa di Leonardo Mele ai Campionati Italiani di PL a Milano raggiungere per la prossima stagione agonistica. Chelli Tommaso e Montenero Raffaele, ff ffaele, Colori amaranto comunque ben rap- brillantemente ammessi in tutte e tre le presentati a livello individuale in tutte le loro specialità: P10 - PL e Psp. specialità praticate e che hanno visto le Tra l’altro, il giovane Tommaso Chelli, due colonne portanti a livello giovanile, ha avuto la possibilità di cimentarsi in

Camelia Ionici

366

una finale ad otto nella specialità di P10, portando a casa il secondo miglior risultato che gli è valso il sesto posto nella classifica finale, preceduto soltanto da giovani tiratori già inseriti nell’attività, di interesse federale e con notevole esperienza in più, anche in campo internazionale. Federica Danti, unica Juniores Donne tra le fila amaranto, è riuscita anch’essa a conquistarsi un posto per la fase finale dei Campionati Italiani nella specialità di P10, sfiorando anche l’ammissione nella specialità a fuoco (Psp). Ci riproverà sicuramente il prossimo anno. Nel mese di agosto inoltre, Tommaso è stato convocato al Centro Tecnico Federale di Caldaro (BZ) dove alcuni dei “giovani talenti” di questo sport nazionale sono stati chiamati per essere supervisionati da un gruppo di Tecnici della Federazione, al fine di essere tenuti in considerazione quali futuri ipotetici componenti della Nazionale Juniores. Tra gli adulti, sono riusciti a conquistare l’accesso ai Campionati Italiani svoltisi a Milano, anche questi nel mese di settembre, Riccardo Finoccki per la Carabina e Leonardo Mele per la Pistola. Riccardo ha gareggiato nella Carabina Libera a Terra per il gruppo “A”, conclu-

Atleti sulla linea di tiro durante una gara


Simone Sanguinetti

guito elenchiamo: t #PDDJ (JVMJBOP 1($ 522/600 - Campionato Regionale 2012 - Pietrasanta; t $BSMFTJ &NJMJP 1 376/400 - 1° Trofeo di Fine estate 2012 - Pietrasanta; t $BSPUJ "MCFSUP 1 356/400 - 1° Regionale Federale 2012 - Pistoia; t $BSPUJ "MCFSUP 14Q 360/400 - 2° Regionale Federale 2012 - Cascina; t $BSPUJ &NBOVFMF 1 165/200 - 2° Regionale Federale 2012 - Cascina; t $IFMMJ 5PNNBTP 1 378/400 - Coppa La Befana 2012 - Livorno; t $IFMMJ 5PNNBTP 1- 517/600 - Campionato Regionale 2012 - Pietrasanta; t %BOUJ 'FEFSJDB 1 366/400 - 2° Regionale Federale 2012 - Cascina; t *POJDJ $BNFMJB Federica Danti durante i Campionati italiani di Napoli P10: 353/400 - 1° Trofeo di Fine estate 2012 - Pietrasanta; Direttivo sta valutando lâ&#x20AC;&#x2122;opportunitĂ di t-B[[FSJ'SBODFTDP14Q organizzare uno o piĂš â&#x20AC;&#x153;stageâ&#x20AC;? di allena2° Trofeo Ranking 2012 - Perugia; mento alla presenza e sotto la supervit-V[[*"MCFSUP1ÂĄ sione di atleti nonchĂŠ tecnici di altissimo Regionale Federale 2012 - Firenze; livello tra i quali si ipotizza la presenza t.JDFMJ"MĂśP4UFGBOP1 della medaglia dâ&#x20AC;&#x2122;oro ai giochi Olimpici di - 1° Regionale Federale 2012 - Pisto- Atlanta Roberto Di Donna e/o la recente ia; medaglia dâ&#x20AC;&#x2122;argento di Londra Luca Tet.POUFOFSP3BòBFMF1 sconi. - Riffa ffa la P10 2012 - Pontedera; ff t.POUFOFSP3BòBFMF1- - 4° Regionale Federale 2012 - Firenze; t .POUFOFSP 3BòBFMF 14Q 561/600 - Campionato Regionale 2012 - Pietrasanta; t 1SBUFTJ .BSDP 1   Campionato Regionale 2012 - Pietrasanta; t 7JTDPOUJ (FSBSEB 1  - Gran Premio dâ&#x20AC;&#x2122;estate 2012 - San Marino. Conclusi i Campionati Italiani, è subito iniziata la fase di preparazione fisica e tecnica per il prossimo anno agonistico. Tra gli obiettivi futuri, nellâ&#x20AC;&#x2122;ottica di far acquisire sempre maggior espeIl cartello allâ&#x20AC;&#x2122;ingresso dei Campionati italiani rienza ai tiratori livornesi, il Consiglio

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

dendo il suo campionato in 5a posizione e nella Carabina Libera con il 15°. Leonardo invece, ammesso come 19° nel gruppo â&#x20AC;&#x153;Bâ&#x20AC;? per la Pistola Libera, ha concluso la sua esperienza milanese con un degno nono posto. A chi non ce lâ&#x20AC;&#x2122;ha fatta, giovani e meno giovani, va comunque il plauso del Consiglio Direttivo per quanto fatto, con la consapevolezza che il lavoro ed i sacrifici posti in essere da tutti potranno portare, in un futuro non cosĂŹ tanto lontano, risultati di sempre maggior soddisfazione. I segnali di miglioramento e crescita di tutto il gruppo, considerando che si tratta di atleti relativamente â&#x20AC;&#x153;giovaniâ&#x20AC;? e che per lo piĂš hanno iniziato a praticare questa disciplina solo da qualche anno, sono riscontrabili nei successi personali ottenuti. Basti considerare che solo nel 2012, ben 17 sono stati i record personali superati nelle varie specialitĂ , e che di se-

367


x x x x o l x o x V x a x XxTxirxo 6C9G:6 B6GI><CDC> 8Vbe^dcVi^ZjgdeZ^VDedgid! ^cEdgid\Vaad

Andrea Martignoni, prima prova campionato ELICA - Gran Premio FITAV

atleta, spara e poi cambia pedana, mentre la sua è occupata da un altro, e così via. Per dire la verità questa soluzione non è piaciuta e lo scorso anno al Campionato mondiale di Roma quasi tutte le federazioni mondiali hanno votato contro questa nuova formula; tutti tranne il Portogallo e siccome gli europei sono stati organizzati da loro, hanno scelto questo sistema, così come sarà per il mondiale del 2013, che verrà organizzato proprio ad Oporto”. Perché tante difficoltà per essere ammessi alle olimpiadi? “Il problema è che nel mondo olimpico il bersaglio deve essere per tutti uguale, come nel piattello, mentre l’elica è stata concepita in modo da simulare il volo del piccione con una buona dose d’imprevedibilità e non è sempre possibile rendere il bersaglio uguale per tutti, altrimenti diventerebbe troppo facile, ed invece il tiro all’elica è per sua natura difficile”. Quanti atleti hanno partecipato al Campionato europeo?

“Centotredici”. Oltre al tuo successo personale come è andata la prestazione con la squadra? “Ottimamente perché ci siamo qualificati secondi. Oltre a me, in squadra c’era Roberto Proietti di Viterbo e Daniele Lucidi”. Vi erano altri italiani? “Sì, Sebastiano Molinari e Leonardo Prado. Fra le donne hanno partecipato: Franca Rota Rostini, Virginia Lancello, Paola Tattini e Katia Lucidi, naturalmente tutte nazionali, proprio come gli uomini”. Un obiettivo per il 2013? “Il Campionato del mondo in Portogallo che si svolgerà con la nuova formula, che io ho già provato agli europei, spero che questo mi faciliti”. Come è andato il 2012 per Alessandro Alderani che hai seguito come tecnico? “Bene, nel tiro all’Elica ha vinto il Campionato italiano assoluto junior”. A.D.V.

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

V

ola alta l’elica con i risultati che Andrea Martignoni ha conquistato anche nel 2012, infatti, l’atleta ci ha ormai abituato ai primi posti delle classifiche che nazionali ed internazionali. Raccontaci com’è andato il 2012. “Ho conquistato il terzo gradino del podio al Campionato italiano, il secondo al Campionato italiano doppietto, ancora l’argento al Campionato italiano tripletto e mi sono qualificato quarto all’europeo”. Gli appuntamenti più importanti del 2013? “Il 23 febbraio ricomincia il Campionato italiano elica a partire da Bologna, la seconda prova sarà fatta a Conselice in provincia di Ravenna, la terza al Vecio Piave a Venezia, la quarta a Capua a Napoli e la finale a Ghedi in provincia di Brescia dal 31 agosto a 2 settembre. Si passa poi al Campionato europeo dall’11 al 14 aprile a Ghedi. Altro appuntamento di prestigio il Campionato mondiale di Oporto in Portogallo dal 5 al 7 luglio. Si svolgerà poi il Campionato italiano di Tripletto a Modena e il Campionato di doppietto a Lugo di Romagna il 3 agosto. Una competizione alla quale tengo molto, perché ne sono stato il promotore, è il Campionato italiano 24 grammi, che si svolgerà al Tiro a Volo delle Cascine a Firenze, uno dei campi più antichi del mondo, perché questa società esiste fin dal 1859. Sarà un’occasione speciale”. In che senso? “Questa manifestazione viene fatta per la prima volta a Firenze, dove vi è un mono-campo. Infatti, solitamente se ne utilizzano due e quindi, in passato, sono state scelte altre sedi per lo svolgimento della gara. Ma per il 2013 ho voluto fare una scommessa con me stesso e i miei soci e portare questo campionato sul mono-campo di Firenze. Abbiamo chiesto la possibilità di realizzare tale progetto alla Federazione nazionale, che ci ha dato il suo consenso”. Qual è stata la soddisfazione più bella del 2012? “Sicuramente il quarto posto al Campionato europeo. Guardando il punteggio si può vedere che mi è mancato un solo punto per poter affrontare ffrontare lo spareggio per il secondo posto e ff due per il primo. Un po’ mi dispiace aver mancato il podio per un soffio, ma comunque è stata una grande soddisfazione anche il quarto posto”. Raccontaci come si è svolta questa competizione. “L’edizione del 2012 è stata organizzata con una nuova formula, che potrebbe essere un’anteprima delle olimpiadi. Si sta, infatti, cercando di trovare un’organizzazione della gara più spettacolare, per essere ammessi alle olimpiadi. Di solito spariamo con un tiratore in pedana, mentre la nuova formula prevede 5 tiratori a scorrimento, cioè, prima entra un

369


370


x x x o c x r x a í l x x n x o TXixroxxc E6DAD9:AC>HI6 6iaZiV!^higjiidgZZbZbdg^Vhidg^XV Quanti atleti ci sono nella Compagnia? “Partecipano alle gare una trentina di atleti. Fra questi i ragazzi sono dodici, compresi in una fascia di età fra i 12 e i 18 anni”. -FJDPNFIBJOJ[JBUP “Ho preso l’arco in mano per la prima volta nel ’72. Fu un mio amico, che era un cacciatore, a farmi vedere l’arco che aveva appena comprato. Insieme andavamo a tirare nei campi, senza seguire alcuna tecnica particolare, quando un giorno incontrai per caso Dino Sani, che mi invitò ad andare con lui. Da quel momento iniziò la mia storia con l’arco. Dino fu poi presidente della compagnia, fondata nel ’73, ed oggi abbiamo dedicato alla sua memoria il nostro gruppo”. Perché ha deciso di diventare istruttore? “Quando le mie figli hanno cominciato a tirare, per seguirle meglio ho frequentato dei corsi, poi loro hanno smesso ed io ho continuato ad insegnare agli altri. Nel 2012 sono stato tecnico regionale della categoria giovanile”. Continua anche a fare l’atleta? “Sì, lo scorso anno ho fatto le finali nel percorso di campagna e per poco non

Paolo Del Nista

mi sono qualificato per la Targa. Anche se ho 64 anni continuo a cavarmela, oggi i materiale danno molti più vantaggi, il carbonio e i filati per le corde aiutano ad avere il massimo rendimento con il minimo sforzo, poi naturalmente dipende anche da quanto e come ci si allena”. -B TPEEJTGB[JPOF QJá CFMMB DPNF JTUSVUUPSF “La gara indoor che ha fatto Elena Luti a Padova, è stata la cosa più bella del 2012, perché ha realizzato un punteggio strepitoso mettendo a segno il suo record personale e qualificandosi al quinto posto. Fa piacere perché tutto quello che dedichi ai ragazzi poi lo rivedi quando vanno avanti e fanno risultati”. C’è qualcosa che le ha lasciato l’amaro in bocca? “Unico amaro quando mia figlia ai Campionati italiani arrivò quarta, battendo anche delle campionesse italiane molto forti, ma tornando a casa mi disse che voleva smettere”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire a portare uno di questi ragazzi in nazionale, sono vicini, manca solo quell’ultimo scalino, nel quale devono crederci se vogliono superarlo”. Di cosa avreste bisogno come associazione? “Un po’ di riconoscimento per il nostro sport, che talvolta viene considerato come un fenomeno da baraccone. Fortunatamente a livello nazionale la mentalità sta cambiando. Servirebbero poi più spazi per poter allenare i ragazzi. La palestra è occupata tutti i pomeriggi, ma oltre a questo c’è l’affitto che non è facile da sostenere per noi”. Antonella De Vito

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

N

ella palestra di viale Alfieri, eri, dove gli arcieri si riuniscono nel periodo invernale, incontriamo Paolo Del Nista, istruttore di primo livello, nonché memoria storica della Compagnia Arcieri livornesi Dino Sani. “Il 2012 è stato un buon anno sia a livello regionale che con il Campionato italiano. Elena Luti è arrivata prima nella gara Fita, quella olimpionica, nella sua categoria allieve femminile, Andrea Buonacquisto si è piazzato secondo e Davide Chiari, pur non essendosi espresso ancora al meglio, sta facendo buoni risultati e nella prossima stagione probabilmente sarà chiamato nel gruppo regionale, perché ha già fatto dei raduni. Abbiamo poi Francesco Montagnani che ha ottenuto buoni risultati come juniores e Jacopo Palandri altro bravo atleta, anche se ultimamente ha dovuto rallentare un po’ per impegni scolastici”. Quanti possono aspirare ad affrontare i prossimi italiani? “In ranking ci sono Jacopo Palandri, Andrea Buonacquisto, Elena Luti e Davide Chiari. Cerchiamo di prepararli al meglio e di renderli autonomi, soprattutto durante le gare, quando bisogna saper affrontare ff ffrontare anche gli errori senza scoraggiarsi”.

371


6C9G:6 7JDC68FJ>HID EZgX]^VbVaVhÒYVZkjdaZY^kZgi^gh^

Italiana Tiro con l’ARCO

A

ndrea Buonacquisto ha 17 anni e pratica questo sport da più di 4 anni. “È una passione che ho sempre avuto fin da piccolo, anche quando giocavo volevo l’arco”. *OQBTTBUPIBJGBUUPBMUSJTQPSU “Sì, mi sono dedicato al ju-jitsu, --jitsu, per un anno ho fatto entrambe le discipline, ma poi ho deciso di smettere per dedicarmi completamente all’arco”. Cosa ti dà questo sport? “Mi diverto molto e mi piace la competizione”. Quali caratteristiche bisogna avere per fare tiro con l’arco? “Concentrazione, calma e pazienza. Secondo me è lo sport più adatto per migliorarsi fisicamente e mentalmente”. Un piccolo difetto? “È molto complicato nel gestire l’attrezzatura, perché bisogna lavorare anche su piccole parti dell’arco”.

I tuoi compagni di scuola sono interessati? “No, non è uno sport molto conosciuto. I miei compagni lo considerano più un hobby, mi dicono che è bello, ma in realtà non sono interessati”. Com’è andato il 2012? “Di livello medio basso rispetto alle aspettative che avevo, andò meglio il 2011”. La soddisfazione più bella del 2012? “Il ritiro a Torino con il gruppo regionale”. La soddisfazione più bella in generale? “Il primo anno che entrai nella nazionale con la categoria ragazzi. Mi piacque l’ambiente, mi dava maggiore grinta perché sapevo che dovevo competere con atleti bravi”. Quanto ti alleni? “Tre volte alla settimana, il sabato e la domenica faccio le gare”. Un sogno nel cassetto? “Diventare un ottimo arciere e viaggiare in tutto il mondo”. A chi consiglieresti questo sport?

96K>9:8=>6G>

F.I.T.ARCO.: Federazione

JcVegdbZhhV[gV^\^dkVc^hh^b^

372

D

avide Chiari con i suoi 13 anni è uno dei più giovani arcieri livornesi. “È una disciplina che mi è sempre piaciuta, ma quando vidi alla Rotonda d’Ardenza una manifestazione dove si presentava anche questo sport, mi decisi ad iniziare a praticarlo”. Come è andato il 2012? “Ho partecipato al Campionato regionale e mi sono qualificato secondo”. Qual è stata la soddisfazione più bella? “Iniziare a fare i raduni con la Toscana e partecipare ai campionati”. Cosa ti dà questo sport? “Mi fa divertire, mi dà la possibilità di partecipare alle competizioni e mi permette di andare fuori Livorno”. Un obiettivo per il 2013? “Riuscire ad andare ai Campionati italiani”. Sogno nel cassetto?

“Fare un grande progresso, anche se non so dire quanto…”. C’è qualche aspetto che non ti piace? “Lavorare sulla muscolatura con gli allenamenti. So che non bisogna mai smettere di farlo, ma è faticoso”. Hai fatto altri sport? “In passato ho praticato calcio per un anno e mezzo, ma ho smesso perché non mi piaceva. Da 8 anni faccio nuoto, ma non a livello agonistico, mi alleno solo una volta alla settimana”. I tuoi amici cosa pensano di questo sport? “In genere i ragazzi fanno calcio e le ragazze danza. Mi dicono che è una disciplina particolare e la considerano una cosa semplice da fare, ma non è così, però loro non possono saperlo”. Davide Chieri

Nelle immagini Andrea Buonacquisto

“A chi vuole divertirsi, a chi ama la sfida, a chi vuole porsi degli obiettivi da superare”. Un obiettivo per il 2013? “Entrare in nazionale e andare oltre i 580 punti, che è il valore minimo per entrare in nazionale, attualmente il mio record personale è 574”. A.D.V.

Qual è il tuo rapporto con l’arco? “È come se facesse parte di me, bisogna curarlo molto, ed essere precisi, è necessario avere molte attenzioni per non rompere niente”. A.D.V.


Ho ricominciato a settembre con due competizioni molto buone perché ho battuto il mio record personale”. L’obiettivo per il 2013?

Q

ualche anno fa la segnalammo come giovane promessa, ed oggi, Elena Luti 16 anni, non ci ha smentito, dimostrando il suo valore. Com’è andato il 2012? “L’anno è partito abbastanza bene perché ho fatto i Campionati italiani indoor e mi sono qualificata quinta e alle gare all’aperto ho vinto il Campionato regionale”.

Elena Luti

:cZg\^V!heg^ci!hdYY^h[Vo^dc^! ÒYjX^V^chZhiZhh^ “Raggiungere i 560 punti: sarebbe un bel traguardo”. Un sogno? “Entrare in nazionale”. Cosa ti dà questa disciplina? “Essendo uno sport individuale, mi dà la possibilità di confrontarmi con me stesso”. Quali caratteristiche sviluppa? “È necessario avere una buona preparazione fisica, ma anche una disciplina mentale, perché non bisogna distrarsi, ma essere sempre focalizzati, per ripetere lo stesso movimento: non è facile. Il tiro con l’arco ti costringe a perfezionarti”. Un piccolo difetto? “Quando mi si rompono le alette delle frecce e devo rimontarle. Non sono molto bravo a farlo, ed invece devono essere cambiate spesse”. Il 2012 ti ha lasciato un po’ di amaro in bocca? “Un po’, per non essere riuscito a fare molte

gare a causa dell’infortunio e di impegni scolastici”. Come vedono i tuoi amici questa attività? “È una disciplina poco conosciuta, talvolta mi chiedono alcune cose, ma per semplice curiosità, non c’è un interesse che può portarli ad avvicinarsi a questo sport”. Cosa manca a questa disciplina? “Un modo per poter applicare degli sconti sull’attrezzature, alcuni si scoraggiano perché sono piuttosto care”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì, vorrei dire che il tiro con l’arco mi ha fatto conoscere molte persone e incontrare nuovi amici, anche di altre Compagnie. Questa disciplina mi ha portato solo cose buone, mi sono divertito, sono stato all’aria aperta ed ho visto tanti luoghi nuovi. Spero di continuare questa esperienza perché mi è sempre stata di grande supporto, mi ha aiutato ad andare avanti nella vita, mi ha dato energia, sprint, soddisfazioni enormi e fiducia in me stesso”. A.D.V.

:A:C6AJI> 8Vbe^dcZhhVgZ\^dcVaZ ZWjdce^VooVbZcidV\a^^iVa^Vc^^cYddg Ricordaci come hai iniziato questo sport. “Ho cominciato sei anni fa, grazie ad un villaggio turistico dove c’era la possibilità di provare diversi sport. In particolare fu mio fratello a spingermi a prendere l’arco in mano, mi piacque subito e quando rientrai a Livorno dalle vacanze mi iscrissi alla Compagnia”. Cosa ti piace di questo sport? “La possibilità che offre ffre di esercitare la ff concertazione, di isolarti dal mondo e rimanere soli con se stessi. Mi piace anche il fatto che sia uno sport singolo e non di squadra, perché voglio conoscere quali sono i miei limiti”. Quanto ti alleni? “Dalle 3 alle 4 volte alla settimana”. L’emozione più bella del 2012?

“Arrivare quinta al Campionato italiano, superando persone di alto livello, e poi riuscire a fare anche il mio record personale”. Un obiettivo per il 2013? “Cercare di qualificarmi nelle gare importanti e migliorarmi”. Un sogno nel cassetto? “Entrare nella nazionale e poi, come tutti gli atleti, arrivare alle olimpiadi”. Come società di cosa avreste bisogno? “Un maggior numero d’iscritti, siamo uno sport un po’ emarginato, non molto popolare. Forse con più partecipazione della gente potremmo avere più attenzione e notorietà”. Hai seguito le olimpiadi? “Sì, ho guardato la conquista dell’oro e mi sono commossa anch’io”. A.D.V.

Italiana Tiro con l’ARCO

Francesco Montagnani

;G6C8:H8D BDCI6<C6C>

F.I.T.ARCO.: Federazione

F

rancesco Montagnani ha 20 anni e si dedica all’arco da sei, da quando suo padre vide per caso l’annuncio di un corso e glielo propose. “L’idea mi piacque subito ed andai a provare. Così cominciai la mia attività”. Com’è andato il 2012? “Ho partecipato alle competizioni nella categoria juniores, ma ho fatto poche gare perché ho avuto problemi fisici.

373


FIV

:FIJ@;@M<C8;Ã&#x2039;8CKLI8 organizzati dallo Yacht Club Livorno con uno staff tecnico composto da Istruttori Federali (F.I.V.)

YACHT CLUB LIVORNO !SSOCIAZIONE3PORTIVA$ILETTANTISTICA

-OLO-EDICEO  ,IVORNO

DALLEALLELUNEDÃ&#x2013; MERCOLEDÃ&#x2013; SABATO DALLEALLEMARTEDÃ&#x2013; GIOVEDÃ&#x2013; VENERDÃ&#x2013;

4EL0586 896 142 - Cell 333 2652627 &AX0586 895 355 eMail segreteria@ycl.it - Web www.ycl.it

FIV

Scotto Pubblicità Livorno

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI


C

he per Federico Esposito l’acqua fosse il suo elemento naturale, lo si era capito sin da quando ha cominciato a collezionare vittorie dalla tenera età di dieci anni. Già a dodici anni vinse il primo titolo italiano di windsurf e adesso che ne ha compiuti 26 i suoi trionfi sono talmente tanti che sarebbe un’impresa elencarli tutti, ma primo su tutti, forse per un fattore affetff ffettivo, la vittoria del Campionato del mondo in Thailandia. Fatto sta che, dopo aver vinto l’oro ai Campionati europei “Open” a squadre, ed aver partecipato ai Giochi olimpici di Londra, il portacolori delle Fiamme Oro non si

x x x x x x a l x e x V x Xxx AVhZg!Dei^b^hiZKVjg^Zc Ijii^^g^hjaiVi^YZ^\^dkVc^ViaZi^YZaaVkZaV Riccardo Capogrosso primo alla regata inserita nel calendario nazionale denominate zucchero a vela. Per la classe Vaurien hanno preso parte ai tre giorni di regate organizzati dal Cnav di Alassio, il rosignanese Campione Nazionale in carica Olmo Cerri al timone, in equipaggio con altri due toscani tra cui Marco Aureli di San Vincenzo. Cerri ha conquistato, dopo i primi due giorni di regate, l’accesso alla Gold Fleet. L’ultimo giorno di regate, disputato sotto una incessante grandinata, non ha regalato però nulla più di un dodicesimo posto finale. Per la cronaca la Volvo Champions Cup 2012 è stata vinta da Pietro

Sibello, medaglia olimpica nella classe 49er seguito a due soli punti da Gabrio Zandonà, giunto quarto alle recenti olimpiadi di Londra nella classe 470. Per il diciannovenne timoniero labronico, che da poco ha iniziato una nuova avventura come studente di fisica alla Scuola Normale di Pisa, un’esperienza sicuramente positiva che potrà di certo essere ripetuta nei prossimi anni con l’obiettivo di migliorare un risultato sicuramente buono, ma che non ha lasciato di certo soddisfatto il grintoso velista di casa nostra già Campione del Mondo assoluto e Campione Juniores in carica della classe Vaurien.

L^cYhjg[/;ZYZg^Xd:hedh^id 9dedaZDa^be^VY^Y^AdcYgVg^egZcYZ\a^VaaZcVbZci^ eZchVcYdVG^dYZ?VcZ^gd arrende e si tuffa ffa nel prossimo quadriennio ff olimpico che lo metterà a dura prova per raggiungere il suo prossimo obbiettivo, le olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016. Le Olimpiadi di Londra sono state molto costruttive e motivanti per l’atleta Piombinese. Un’esperienza del tutto positiva, che lo ha maturato molto, sia sotto il profilo umano che sportivo. Oggi segue un programma di allenamento, mirato ad affrontare le prossime regate, con la massima professionalità e serietà che lo contraddistinguono. Federico Esposito

Prossimi appuntamenti il 3 aprile a Palma di Maiorca, per poi proseguire per Hyer, dove ci sarà la prima tappa della Coppa del Mondo. In questo periodo, il giovane atleta si sta allenando nelle acque di casa, dove sotto la supervisione del suo allenatore, segue un programma studiato appositamente per far fronte, alle condizioni di vento elevato, in quanto i primi appuntamenti dell’anno vedranno dei campi di regata molto impegnativi sotto il profilo delle condizioni meteo marine. Risultati dell’anno 2012 1° classificato Campionato Europeo a squadre Palermo, Italy 1° classificato Sicily Grand Prix (internazionale) Palermo, Italy 2° classificato Carnival Race (internazionale) Cadiz, Spain

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

G

li atleti del Cnl hanno chiuso il quadriennio olimpico con ottimi risultati, il 2012 ha avuto la squadra laser impegnata in regate in Italia e all’estero con buoni piazzamenti da parte di tutti gli atleti impegnati. In particolare grande vittoria di Francesco Marrai al Campionato europeo under 21 classe laser a Neuport in Belgio, una prestazione che lo lancia definitivamente tra gli atleti più promettenti del panorama internazionale. Francesco si è classificato al primo posto under 21 anche nei Campionati Italiani laser e alla regata di Europa Cup a Torbole. Di rilievo le affermazioni ffermazioni di Nicola Galli, ff primo a Ravenna nella regata di Italia Cup laser 4.7 under 16 e di Pescin Alfonso che ha conquistato nelle acque del lago Balaton il gradino più alto del podio nella categoria under 17 laser radial. Simone Mancini, vincendo l’International Finn Cup di Malcesine, si è aggiudicato per la seconda volta consecutiva il prestigioso trofeo della Coppa Itala. Buoni risultati anche dalla squadra Optimist con Luca Zurrida che si è classificato primo nella selezione zonale per i Campionati italiani, Paolo Bacci vincitore del Trofeo Lupidi nella categoria cadetti e

375


376


6C9G:66>:AA> NVX]i8ajW

serenità a tanti progetti. Primo fra tutti l’organizzazione dei corsi di altura sia per le persone del luogo sia per formare gli istruttori di tutta Italia, che desiderano diventare insegnanti di altura a vari livelli. Facendo parte dello staff ff federale nazionale, con i miei collaboratori, portiamo avanti un’attività d’insegnamento e selezione affinché siano formati dei buoni tecnici che porteranno in tutto il paese l’amore per la vela d’altura, ma anche la preparazione giusta, le misure di sicurezza adeguate e l’approccio psicologico ottimale richiesto da un ruolo così importante com’è quello dell’istruttore”. Nello specifico, quanti corsi nazionali avete organizzato? “Tra febbraio e marzo abbiamo tenuto due stage nazionali, uno a Livorno e l’altro a Cavo all’Isola d’Elba, ospitati dalla scuola vela Utopia. Uno era riservato a istruttori di primo livello che desideravano accedere al secondo, mentre l’altro era un corso Aia per la qualifica ad aspiranti istruttori. Entrambi i corsi sono stati frequentati da circa 25 velisti ciascuno”. Come sono andati i progetti con le scuole? “Molto bene, come sempre stare con i bambini ci procura molte soddisfazioni, oltre a farci trascorrere delle ore piacevoli, e così anche nell’anno appena conAndrea Aielli

cluso abbiamo portato avanti il progetto Gioco Vela con i bambini delle scuole elementari e medie, nello specifico con gli istituti Bartalena, Borsi e Banditella, che ci hanno portato ad incontrare complessivamente 150 ragazzi. L’iniziativa era costituita da due tipi di esperienze diverse, nella prima parte sono state effettuate ffettuate lezioni teoriche in ff classe, mentre in una seconda fase sono stati portati i ragazzi a bordo di imbarcazioni, gentilmente messe a disposizione dai nostri soci, dove hanno potuto vedere dal vero i componenti di una barca e hanno toccato con mano cosa vuol dire manovrare un’imbarcazione a vela prendendo confidenza con il mezzo. A termine del progetto abbiamo concluso con una cerimonia di premiazione, durante la quale sono stati distribuiti degli attestati di partecipazione e gadget, allietata anche da un rinfresco offerto fferto dallo Yacht Club. ff Crediamo molto in queste iniziative, perché i giovani rappresentano il futuro, ed avvicinarli al mare e agli sport che grazie a questo si possono praticare, vuol dire portare i ragazzi ad apprendere importanti valori che li aiuteranno a crescere e ad affrontare ffrontare la vita al meff glio. In una città di mare tutti i bambini dovrebbero avere l’opportunità di conoscere questo aspetto dell’ambiente in cui vivono, per farlo diventare parte positiva del loro cammino. In questo la scuola può molto, avendo un ruolo educativo fondamentale, ecco perché noi collaboriamo volentieri e siamo sempre disponibili ad impegnarci con i più giovani ”. E dal punto di vista agonistico? ““Abbiamo portato alcuni dei nostri allievi al Campionato invernale, dove hanno potuto partecipare alle regate e mettere in pratica quello che stanno apprendendo, dimostrando di essere sulla giusta strada ed avere la motivazione adeguata per proseguire”.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

O

gni mattone racconta una parte di storia, di quella storia di mare, di barche e viaggiatori che ha costruito il porto intorno al quale si è raccolta una città. Nel cuore del Molo Mediceo fra le più antiche e suggestive mura di Livorno, lo Yacht Club svolge da quasi cinquant’anni la sua attività, guidato da quella passione che lega indissolubilmente tanti uomini al mare, fonte di vita, di ispirazione, creatrice di storie ed entusiasmi, mosse da un vento che guarda lontano, che porta le vele verso un orizzonte sempre lusinghiero di nuove avventure. E quando al tramonto le luci delle navi si riflettono nell’acqua creando lunghe linee lucenti e tremolanti, incontriamo Andrea Aielli, direttore della Scuola Vela d’Altura dello Yacht Club per farci raccontare come è trascorso il 2012 nel cuore della tradizione velistica labronica. “È stato un anno molto positivo perché abbiamo lavorato con la giusta

377


378


Foto di gruppo per gli istruttori dello Yacht Club. Da sinistra: Fabrizio Allegrini, Antonio Santalena, Andrea Aielli e Massimo Gambacciani

“Prima di tutto vorrei ringraziare tutti gli istruttori, perché insieme abbiamo creato una squadra molto preparata, ma desidero anche ricordarli ad uno ad uno, cominciando da Antonio Santalena, il veterano per eccellenza, colui che fra noi è dotato di maggiore esperienza, e che più di ogni altro mi ha saputo insegnare, una persona con la quale siamo cresciuti un po’ tutti, apprendendo da lui le cose migliori. Massimo Gambacciani è un grande istruttore dotato di molta esperienza, è sensibile sul piano sociale e disponibile in qualsiasi situazione, un elemento determinante per il proseguo della nostra scuola.

Paolo Cristofani allenatore allo Yacht Club

Paolo Cristofani è un buonissimo velista, una persona attenta, ed esperto anche nella preparazione atletica, un personal trainer, ruolo determinante nel mondo della vela. Fabrizio Allegrini alle sue ottime qualità tecniche abbina una grande disponibilità, su di lui si può fare sempre affidamento. A questi si è aggiunto un aiuto istruttore, Marco Mannelli che ancora non ha preso il brevetto, ma ha già passato le varie selezioni nazionali ed ha iniziato a collaborare con noi, sicuramente in futuro entrerà a far parte del nostro gruppo di istruttori”. Progetti per il 2013? “Contiamo di essere ancora la forza nazionale per la formazione degli istruttori, perché crediamo di aver lavorato bene. Continueremo poi ad organizzare le regate, andremo avanti con i corsi e con i progetti nelle scuole. A fine marzo saremo presenti alla festa della Vela e naturalmente al Tan, continuando la nostra opera per cercare di coinvolgere sempre nuovi appassionati e atleti”. Antonella De Vito

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Altre iniziative? “C’è stato l’atteso Trofeo Challenger Gianfranco Aielli ad ottobre, al quale hanno partecipato 30 imbarcazioni. Un Memorial dedicato a mio padre che è partito dalla Meloria per passare dalla Luminella e arrivare allo Ship Light”. Come avete vissuto il Tan? “Ci siamo divisi su varie imbarcazioni che hanno richiesto la nostra presenza. Personalmente ho vinto il trofeo Accademia Navale con la barca d’epoca Kipawa, una bella imbarcazione di 16 metri. Abbiamo poi organizzato in sede delle feste per i ragazzi delle scuole, che ci hanno permesso di continuare a portare avanti la nostra filosofia rivolta ai più giovani, che mai ci deludono, con le loro interessanti e appassionate domande ”. Possiamo definirlo un anno molto intenso? “Come sempre abbiamo lavorato molto, perché crediamo in quello che facciamo, cioè il diffondere ffondere il più possiff bile i valori legati al mare e allo sport. Vorrei in modo particolare ringraziare lo Yacht Club che ci permette di fare tutto questo in piena serenità. Io ed i miei istruttori siamo veramente molto contenti dell’ambiente accogliente, positivo e fertile che si è creato”. Ricordiamo da chi è formato il gruppo degli istruttori.

379


380

Scotto PubblicitĂ Livorno


DABD8:GG> 8^gXdadKZaVE^ZigVW^VcXV

Olmo Cerri in gara con il Vaurien

italiano dove ho conquistato il quinto posto. L’anno seguente ho passato le selezioni per i Campionati mondiali, dove sono andato abbastanza bene terminando le gare al ventesimo posto, che è un buon risultato se si tiene conto che a questa competizione partecipano solo i primi cinque d’Italia, e devono confrontarsi con 35 nazioni e circa 270 barche. Quello stesso anno vinsi i Campionati italiani e poco dopo andai a Berlino a fare gli europei a squadre, dove arrivammo sesti. A quattordici anni cominciavo ad essere grande, ed il peso in barca a vela è un handicap, comunque riuscii a portare a casa qualche risultato, selezionandomi ancora per i Campionati del mondo, che però non andarono bene. Sceso dall’Optimist per limite di età, sono passato al Vaurien, che però avevo cominciato ad usare già in alcuni tornei, infatti al Campionato italiano del 2006 mi selezionai per andare al Campionato mondiale juniores, riservato ai ragazzi under 18 dove mi qualificai quarto, ed avevo solo tredici anni”. Come è continuata l’esperienza con il Vaurien? “Nel 2009 feci, con il mio prodiere Edoardo Meini, anche lui di Rosignano, il mondiale in Olmo Cerri

Turchia, dove arrivammo secondi, quell’anno vincemmo anche i Campionati italiani. Il 2010 ci ha visto vincere il Campionato mondiale che fu organizzato in Slovacchia. Nel 2011 siamo tornati al mondiale qualificandoci terzi, mentre abbiamo vinto il Campionato italiano. Per quanto riguardo il mondiale juniores abbiamo vinto le edizioni 2009, 2010, 2011 e 2012. Nel 2012 al Campionato del mondo a Brest in Normandia, siamo stati sfortunati perché il primo giorno di regata, appena usciti, abbiamo subito la rottura dell’albero, ci siamo però consolati vincendo il mondiale juniores. Nel 2013 ci riproveremo, anche se entrambi abbiamo iniziato l’università e abbiamo meno tempo per allenarci. La Scuola Normale mi impegna veramente tanto”. Chi sono i tuoi allenatori? “Nei primi due anni sull’Optimist mi ha allenato Fabio Gavazzi. Poi abbiamo iniziato a farci seguire da Marco Faccenda ed in seguito dal livornese Marco Maltiniti, ed infatti, ci andavamo ad allenare anche ad Antignano. Marco Faccenda è molto prezioso per noi perché ci ha sempre messo a disposizione gratuitamente le barche, oltre a darci i suoi fondamentali consigli da campione del mondo. Fra i nostri allenatori c’è anche Dario Sanacci del Circolo Vela Pietrabianca”.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

U

n campione nella vela, ma anche nella vita. Olmo Cerri può infatti vantare molti titoli sportivi, ma anche in campo scolastico, dove la sua eccellente predisposizione verso la Fisica gli ha permesso di superare gli esami di ammissione alla Scuola Superiore Normale di Pisa, dove nell’anno accademico 2012 - 2013 ha iniziato a frequentare il corso di Laurea in Fisica. Raccontaci come ti sei avvicinato alla vela. “Ho cominciato non troppo presto, infatti, avevo già dieci anni, mentre è possibile iniziare a dedicarsi a questa disciplina da prima. La molla è stato l’ambiente familiare, perché mio padre è un appassionato di barca e in passato ha vinto per ben quattro volte il Campionato del mondo sui Vaurien in coppia con Marco Faccenda, che è un costruttore di barche di Rosignano. Però mio padre Marco non mi ha mai forzato, ha aspettato che la scelta venisse da me”. Hai praticato altri sport? “Sì, ho fatto calcio, pallavolo, basket e mi divertivo, ma la vela mi è sempre piaciuta di più”. Ripercorriamo le tappe più importanti della tua attività. “Ho iniziato sugli Optimist come cadetto e dopo due anni sono diventato juniores. Da cadetto non ero fortissimo però riuscii a selezionarmi per il Campionato italiano; qualche piccola soddisfazioni l’ho avuto anche in questo periodo. I risultati sono migliorati nella categoria juniores ed a 13 anni mi sono qualificato per il Campionato

381


Vivere il mare match race Vendita, assistenza, etc.

Vendita - Assistenza - Ricambi - Motori fuoribordo Barche - Gommoni - Nuovo - Usato - Permute - Noleggio Allestimenti personalizzati - Accessori - Abbigliamento

382

Scotto PubblicitĂ Livorno

7JB''JM[J-*703/0t5FM'BY XXXNBUDISBDFJUJOGP!NBUDISBDFJU


vedere il mondo ed a rapportarti con esso in modo abbastanza autonomo, in più quando diventi responsabile di una barca, ti abitui ad affrontare ffrontare delle siff tuazioni difficoltose, che normalmente un ragazzo non ha l’opportunità d’incontrare sulla sua strada. Ci sono momenti in cui sei solo, soprattutto in regata, quando Olmo Cerri in gara con il Vaurien l’allenatore non può intervenire, pena la squalifica dell’atleta, e devi affrontare ffrontare le in- ti preparati il giorno prima. Una cosa che ff temperie e tutte le difficoltà che si possono facciamo con il mio prodiere, quando c’è il presentare. Questo aiuta a porti in modo tempo, è ascoltare i Beatles mentre ci camnuovo verso i problemi che la vita ti pone biamo, ma non sempre è possibile”. Un atleta mito? sul cammino, anche se ovviamente non “Fra i velisti l’inglese Paul Armstrong che sono gli stessi, ma la mentalità è pronta ed ha fatto la storia della vela moderna, ma allenata ad affrontare ffrontare le difficoltà”. ff seguo anche altri sport e ci sono diversi atCome concili sport e studio? “Anche il mio prodiere ha iniziato l’uni- leti che stimo molto, come Agostini nel moversità e frequenta Ingegneria civile archi- tociclismo o Villeneuve nella Formula Uno, tettonica. Ci possiamo allenare solo il fine entrambi riescono a trasmettere la passiosettimana, quando torno a Rosignano, il ne per quello che fanno, ed è secondo me un aspetto fondamentale”. resto dei giorni sono a Pisa”. Tutti sport dove la velocità è l’elemenUn sogno nel cassetto? “Quando avrò tempo, fra qualche anno, to fondamentale. “Sì, amo questo aspetto, quando faccio vorrei poter tornare ad allenarmi intenuna cosa la devo fare il più velocemente samente, magari anche in qualche altra classe e portare a casa ancora dei buoni possibile”. Vuoi ringraziare qualcuno? risultati”. “La lista è molto lunga, oltre ai miei faIl complimento più bello che ti è stato miliari che mi sono stati vicini in ogni mofatto? “I più belli sono i più semplici, fatti dalle mento e mi hanno dato le motivazioni per persone che ti stanno vicino, che vedono quello che ho fatto, ci sono i miei allenatori, realizzare in te i loro sforzi. Questi valgono con Marco Faccenda che mi ha aiutato con la preparazione, ma soprattutto fornendoper me tantissimo, più di ogni altro”. mi le barche ed il Circolo Vela Pietrabianca Un difetto di questo sport? “Una difficoltà è rappresentata dalla che in tutti i modi mi ha supportato”. La cosa più importante che ti ha insegestione dell’equipaggio. Coordinare due gnato tuo padre? persone o più che devono vivere insieme “La fondamentale importanza di mantedurante gli allenamenti, le gare, la palestra, la preparazione dell’attrezzatura, non è nere la calma, perché con questa si è anche razionali. È inutile agitarsi perché se sei forsemplice”. te e sei preparato devi solo mostrare quello Prima di una gara hai un rituale? “È essenziale cominciare a cercare la che sai fare”. Hai un rimpianto, qualcosa che faresti concentrazione fin dalla mattina, infatti, diversamente? è importante svegliarsi sereni, e non avere “Sì, gestirei un po’ meglio il passaggio fra altri pensieri se non il dover fare la gara. Gli Optimist e Vaurien. Perché nonostante la assetti e l’attrezzatura devono essere stamia carriera con il Vaurien sia andata bene, avrei voluto provare anche altre classi”. Antonella De Vito Olmo Cerri

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

La soddisfazione più bella del 2012? “Sicuramente aver superato il test per entrare alla Normale. Mentre sportivamente la vittoria del Campionato italiano a fine estate. Al mondiale avevamo venduto la barca, quindi ne avevo un’altra che conoscevo meno, inoltre non ho neanche potuto gareggiato con il mio prodiere, vincere non era scontato, ed invece ce l’abbiamo fatta, abbiamo dimostrato di essere superiori”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Essere a contatto con la natura, in mezzo al mare sei in pace con tutti, ti dimentichi dei problemi e ti concentri solo su quello che devi fare. C’è poi l’emozione di essere in barca, che a seconda delle condizioni ti pone di fronte a situazioni diverse: se il vento è forte c’è il brivido della velocità, dell’onda, della planata, della conduzione rischiosa, dello spingere la barca al limite con delle finezze di conduzione. Mentre con poco vento c’è il bello della concentrazione, lo stare sempre attenti al minimo cambiamento, cercando di essere leggeri, ma precisi”. Cosa ti ha dato la vela? “Personalmente credo che mi abbia insegnato a vivere, grazie a questa ho avuto l’opportunità di andare all’estero da solo o con gli allenatori federali. La vela è una buona palestra di vita, perché cominci a

383


Sur f ;>A>EED:H8=>I> F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

>ag^X]^VbdYZaaVbVgZ\\^ViV

384

I

l vento per lui è un richiamo, ma naturalmente dipende dal tipo di vento. Non tutti infatti, sono capaci di produrre le onde giuste, quelle con i tubi migliori, dove potersi buttare dentro a capofitto. Esperto e appassionato di surf, Filippo Eschiti ha 19 anni e da nove pratica questa disciplina, anche se in realtà in mare con una tavola ci è entrato, per non uscirne più, quando aveva appena quattro anni. Ma lasciamo a lui il racconto della sua storia: “Da piccolo avevo paura dell’acqua, non facevo neanche il bagno, ma a quattro anni, quando ancora non sapevo nuotare, mio fratello più grande di sette, mi regalò la sua vecchia tavola da bodyboard, sulla quale puoi prendere le onde stando sdraiato. Provai ad utilizzarla nell’acqua più bassa e dopo la prima ondina rimasi folgorato e non ho più smesso. Essendo piccolo la usavo stando in piedi, ma la prima vera tavola da surf l’ho avuto a dieci anni”. Hai fatto anche altri sport? “In passato ho praticato anche calcio per tenermi in forma, perché i miei genitori non volevano farmi uscire in mare in inverno. Adesso invece esco sempre, con qualsiasi tempo e al surf abbino una preparazione atletica fatta di corsa, stretching e altri tipi di esercizi utili a questa disciplina”:

Cosa ti emoziona di più del surf? “Riuscire a fare un bel tubo, stare dentro l’onda. Il tubo si forma quando c’è poca acqua e l’onda riesce a succhiarla, rompendo su stessa per formare un vero e proprio tubo. Se lo prendi bene puoi entrarci dentro e poi uscirne rimanendo in piedi sulla tavola. Anche a Livorno vi sono delle belle onde che formano costruzioni di questo tipo, certo quelle dell’oceano riguardano fenomeni che durano anche una settimana, da noi spesso questo tipo di onde durano solo un giorno o poco più, e quindi dobbiamo cercare di sfruttare al massimo queste condizioni quando si presentano. La migliore situazione è quando c’è una tempesta in mare aperto, ad esempio, a Capraia, ma non da noi, così l’onda arriva sulla costa con il mare calmo. Questa è la condizione perfetta, quella oceanica, che anche da noi si manifesta”. Un difetto del surf? “Forse un po’ il tempo. In mare con l’attrezzatura al completo non si ha mai freddo, ma quando usciamo sì. Il problema è che non avendo spogliatori dobbiamo indossare e togliere la muta sulla spiaggia, e in certi momenti le temperature si sento; ma se hai la passione questi aspetti non ti interessano più di tanto”. Come concili sport e studio? “Frequento la quinta nautico, e la mattina vado sempre a scuola, ma il pomeriggio quando ci sono le onde esce in mare. In previsione di questo mi avvantaggio sempre con lo studio e qualche volta recupero la notte. Il problema è che questo sport mi dà un’abbronzatura che

alcuni insegnanti vedono in modo sospetto e così mi interrogano spesso per verificare veri quanto studio, ma io sono sempre riuscito a dimostrare il mio impegno scolastico”. La soddisfazione più bella? “Nel 2012, grazie al finanziamento di uno sponsor, sono riuscito a fare un bel viaggio in Spagna con altri surfisti, sur dove abbiamo eff ffettuate anche delle belle riprese video e delle foto. Un’altra soddisfazione che mi piace ricordare è una gara a Forte dei Marmi, dove sono arrivato quarto su quaranta, ma in assoluto la più bella è stata nel 2004 ai Campionati italiani, quando arrivai primo e potei partecipare agli europei in Portogallo”. Come si impara a fare surf? “In Italia ci sono varie scuole, nella nostra provincia ce n’è una alle Spiagge Bianche a Vada, la Surf School Lilatro ed una di windsurf ai Tre Ponti a Livorno. Io però mi sono sempre fatto aiutare da ragazzi più grandi di me, che mi seguono e mi correggono. Per migliorare, se proprio non si hanno amici, si possono studiare i filmati dei campioni mondiali su internet, per cercare di applicare le loro manovre”. Forse nelle prossime olimpiadi il windsurf lascerà il posto al surf?


Il sogno nel cassetto? “Diventare un surfista professionista e dedicarmi solo a questo sport, però so che è una strada molto difficile” Un atleta mito? “Kelly Slater, atleta della Florida, undici volte campione del mondo. È una persona molto seria, anche fuori dall’acqua”. Chi vuoi ringraziare? “Prima di tutto la mia famiglia che mi ha sempre supportato portandomi fuori a

praticare surf, ovunque, e con qualsiasi tempo. E poi i miei sponsor come BlackMagic per le tavole, Surf-to-Live, che mi dà la possibilità di allenarmi all’estero andando nelle surf house e Hoasy Surf Shop di Livorno per il materiale. Ringrazio poi tutti i miei amici che mi aiutano durante le gare”. Un episodio da raccontare? “Un grosso tubo che feci in Liguria durante il quale facemmo anche un bel video e delle foto. Era un posto con acqua bassa, un po’ pericoloso. Presi un’onda, che poi si trasformò in un tubo, ero dentro e sentivo un rombo assordante, credevo di non uscirci in piedi, invece riuscii a prendere velocità e andò tutto bene. Quando l’onda è così potente è lo stesso soffio da lei creato, grazie alla pressione, che ti spinge fuori, l’abilità sta nel restare in piedi sulla tavola”. È uno sport pericoloso? “Può esserlo, a seconda del luogo. Su sabbia non è pericoloso, a parte qualche frullata nella schiuma non succede niente, invece se lo si fa dove ci sono le rocce può diventare rischioso perché si può sbattere contro gli scogli o i bassi fondali. In queste condizioni ci si può tagliare o battere la testa”. Si può rischiare di annegare? “In condizioni normali no, anche le onde

più grosse ti tengono sotto’acqua per poco tempo, l’importante è non agitarsi e aspettare di riemergere”. A che età è meglio iniziare? “Se si vuole diventare bravi è meglio iniziare presto, anche a 4 anni. Fino ai 15 anni l’apprendimento è più veloce e molto più flessibilità. È essenziale saper nuotare e avere rispetto per il mare. Quando non ci si sente pronti ad affrontare ffrontare una certa situazione ff è meglio rinunciare, ed accettare i propri limiti”. Come convinceresti un giovane ragazzo ad iniziare questa disciplina? “Il surf è uno sport di recente diffusione, ff ffusione, pochi conoscono le emozioni che può dare, vale la pena provare per scoprirle. Inoltre, è uno sport che permette di viaggiare e conoscere luoghi, lingue, culture e persone nuove, da non dimenticare che ti consente anche di stare in contatto con la natura e ti insegna a rispettarla”. Tu dove sei stato? “Per ora solo in Europa: Spagna, Francia Portogallo. Ci sono stato per diverso tempo ed ho imparato l’inglese che si parla ovunque e uno spagnolo di buon livello”. Ti incontreremo mai in montagna? “Non ci sono mai andato, anche perché i miei genitori odiano il freddo e hanno indirizzato i nostri viaggi sempre verso il mare. Però una cosa che mi incuriosisce della montagna c’è: lo snowboard. In tanti ne parlano bene, e mi hanno detto che è simile al surf, in futuro mi piacerebbe provare. Dovevo andare con degli amici lo scorso anno a Natale, ma poi a Livorno ci sono state delle buone onde e così ho rimandato…” Antonella De Vito

F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

“Sarebbe un bel trampolino di lancio per questa disciplina. Il surf si sta diffondendo ff ffondendo sempre più, in qualsiasi fascia di età, anche in Italia: sarebbe giusto avesse accesso alle olimpiadi”. Il tuo obiettivo per il 2013? “Migliorare le mie prestazioni durante le gare. Durante l’estate grazie ad alcuni sponsor ho sempre avuto la possibilità di passare alcuni mesi in una surf house sull’oceano, in Spagna, Francia o Portogallo. Quest’anno terminata la maturità avrò più tempo per rimanerci ed allenarmi”. E per il futuro che programmi hai? “Naturalmente il mio futuro comprende il surf, magari anche con l’apertura di una scuola all’estero con degli amici. Voglio anche iscrivermi all’università, ma ancora non ho deciso a quale indirizzo dedicarmi”.

Nelle immagini Filippo Eschiti e il suo surf

385


386


x x x x x a x x m x a XxxxD

A

B^X]ZaZ7dg\]Zii^ZBViiZd7Zgc^c^ JcVXdee^Vk^cXZciZ

Michele Borghetti e Matteo Bernini alle Olimpiadi della mente

2010 la Federazione Mondiale di dama inglese chiede a quella italiana se può inviare un nostro rappresentante al Challenge, torneo valido per qualificare il giocatore avente diritto di sfidare, per il titolo, il campione del mondo in carica, il russo-americano Alex Moiseyev. In effetti, ffetti, da noi la dama ingleff se non era mai stata praticata a livello

agonistico. La Federazione italiana chiede a Miki se ha piacere di rappresentare l’Italia in questa importante manifestazione, pur consapevole del fatto che Miki sia quasi a digiuno circa la conoscenza di questo gioco. Tuttavia Miki accetta l’invito e, con grande sorpresa di tutto il mondo damistico internazionale, a fine ottobre 2010, a Dublino, riesce nell’impresa di superare tutti gli avversari, fra i quali il 13 volte campione del mondo Ronald King, delle Isole Barbados. Oltretutto riesce ad infliggere a questo grande giocatore la prima scon-

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

ccoppiata fantastica: il riferimento è al risultato ottenuto dai due livornesi, Michele Borghetti (detto Miki) e Matteo Bernini alle Olimpiadi della Mente (svoltesi a luglio a Lille, in Francia) nella specialità più conosciuta e praticata: la dama inglese. Primo posto e quindi medaglia d’oro per Miki e un risultato forse ancora più insperato, il quinto posto, per Matteo. Mentre per Miki, definito unanimemente il più grande giocatore mai apparso sulle scene damistiche dalla data di creazione delle Federazione italiana dama (1924), un risultato di prestigio era nelle speranze ma anche nelle previsioni, trattandosi del vice-campione del mondo in carica, per Matteo queste Olimpiadi rappresentavano un debutto a livello internazionale. In effetti ffetti il giovane nostro concitff tadino, che ha iniziato a giocare a livello agonistico da pochissimi anni, è andato a queste Olimpiadi con la speranza di… non arrivare ultimo! E invece il quinto posto, davanti a tanti prestigiosi giocatori dell’intero globo, sono stati forse la più inattesa delle belle sorprese. La vittoria di Miki è stata come quella dello schiacciasassi che passa e stritola tutto e tutti: ben 8 vittorie, 10 pareggi e nessuna sconfitta in 18 partite di altissimo livello tecnico. Nessun avversario è riuscito a sconfiggerlo e addirittura il 13 volte campione del Mondo Ron King ha dovuto inchinarsi con un clamoroso 4-0!!! Il 2012 ha visto anche la sua partecipazione al gran torneo internazionale di Pechino, in Cina. Solo una svista clamorosa gli ha impedito di vincere questo torneo che ha visto la partecipazione dei 4 più grandi giocatori al mondo. Vediamo come Miki si è avvicinato a questa particolare specialità della dama, quasi sconosciuta in Italia, ma con decine di milioni di praticanti in tutta l’America, in Gran Bretagna, in Australia, in tutti i paesi del Commonwealth ecc. ecc.. Dopo aver vinto “di tutto e di più” a dama italiana stracciando qualsiasi record di vittorie, da poco più di 2 anni ha iniziato a giocare anche a quella inglese. Vediamo come e perché. Nel settembre

Michele Borghetti vincitore delle Olimpiadi della mente, durante la premiazione

387


F.I.D.: Federazione Italiana Dama

fitta da lui subita in tornei di qualificazione al titolo mondiale. Miki ottiene così il diritto di sfidare, per il titolo mondiale, il pluricampione del mondo Moiseyev. Il match si svolge nell’agosto 2011 in America, a Cleveland, nell’Ohio ed è la prima volta, dal 1847 che uno sfidante non di lingua inglese conquista l’accesso alla finale di un Campionato del mondo. Tutti si aspettano una disfatta di Miki di fronte a questo giocatore che da anni detiene il titolo; in effetti ffetti Moiseyev riesce ff a prevalere, ma solo di misura, ottenendo 7 partite vinte contro le 6 di Miki, oltre a 27 pareggi. Nessuno, mai, era riuscito a vincere ben 6 partite a questo professionista. C’è infatti da dire che in molte nazioni i migliori giocatori di dama sono professionisti mentre, ahimè, da noi in Italia le sole soddisfazioni sono quelle morali. Dopo questa bellissima prestazione, nel 2012 a Miki si presenta una seconda, ghiottissima, occasione: a Lille, in Francia, si svolgono le Olimpiadi della Mente, vero e proprio ritrovo dei migliori giocatori del mondo. Questa volta Miki non si lascia sfuggire l’occasione conquistando la medaglia d’oro con ben due punti di vantaggio sull’immediato inseguitore, Sergio Scarpetta, un altro italiano! E, nel contempo, infligge una sonora doppia sconfitta al succitato Ron King che, per la

Foto di gruppo al circolo Atl di via delle Galere

prima volta in vita sua, perde in un torneo due partite consecutive con lo stesso avversario. Questo ambitissimo titolo si va ad aggiungere ad una serie infinita di vittorie, fra le quali non bisogna dimenticarne un’altra fantastica: quella del record mondiale “bendato” contro 23 avversa-

Danilo Conterio durante una competizione

388

ri in contemporanea. Record stabilito nell’agosto del 2003 e che ancora resiste in quanto nessuno si sogna di provare a batterlo. Durante questa prestazione, Miki era girato rispetto alle 23 damiere, dietro le quali si erano collocati altrettanti qualificati avversari. Ogni mossa dell’avversario, volta per volta, veniva comunicata a Miki. Lui non poteva vedere le damiere, ma poteva soltanto comunicare la propria risposta all’arbitro, indicando ogni volta la propria mossa con due numeri (casella di partenza e quella di arrivo). L’arbitro provvedeva ad effetff ffettuarla sulla damiera; alla fine, incredibile ma vero, Miki ottenne ben 17 vittorie e 6 pareggi. Tornando alle Olimpiadi, nella stessa occasione Livorno ha ottenuto un altro prestigioso risultato, col giovanissimo Matteo Bernini. Anche lui, pur giocando da pochissimo tempo, sta percorrendo una carriera eccezionale e lo dimostra il fatto che alle stesse Olimpiadi è arrivato quinto, precedendo molti validissimi avversari, provenienti da tutti i continenti. Questo risultato ha creato un grande scalpore nel mondo intero in quanto Matteo, al contrario di Miki, era praticamente quasi sconosciuto. Il 2012 è stato per Matteo pieno di grandi soddisfazioni; infatti oltre all’eccezionale risultato delle Olimpiadi,


Matteo Bernini alle Olimpiadi della mente

Classe 1973, vince negli anni 1992, 1993, 1995, 1997, 1999, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, oltre a 3 secondi posti ed un centinaio di tornei di alto livello. Ma Michele Borghetti essendo un giocatore completo vince anche nella dama internazionale negli anni 1991, 2004, 2005. Gli anni in cui non ha vinto è stato quasi sempre perchè, semplicemente, non ha giocato.

Michele Borghetti durante una fase di gioco alle Olimpiadi della mente

Tutte le notizie e il profilo completo di Michele lo potete trovare su internet alla pagina: http://www.fid.it/campioni/borghetti.htm Tornando nel nostro piccolo e con i piedi per terra, la squadra livornese vanta maestri “umani” ma comunque di alto livello. Franco Manetti, come già detto, vincitore di ben 14 Campionati italiani a squadre e autore di ottimi piazzamenti nei Campionati italiani individuali, oltre a vittorie di tornei di alto livello. Gianfranco Borghetti, padre del “super campionissimo”, anch’egli assieme a suo figlio e a Manetti ha conquistato Campionati italiani a squadre e individuali, e vinto tornei di alto livello; è inoltre arbitro dal 1961. Ivo Bertini, classe 1930, rosignanese, anch’egli maestro, con oltre 60 anni di esperienza e un curriculum di tutto rispetto, vincitore insieme a Michele Borghetti, Gianfranco Manetti e Piero Greganti del Campionato italiano a squadre nel 1999. L’ultimo approdato al circolo si chiama Matteo Bernini, il quale ha sbalordito tutti con la sua fulminante carriera damistica; in pochi tornei è riuscito a fare quello che in una vita damistica la maggior parte dei giocatori non arrivano a fare e cioè conquistare di massimo titolo, quello di “Maestro”. Una scalata ai massimi vertici velocissima, che lascia ben presagire. Dopodichè scendendo alla categoria dei regionali, si trovano Andrea Cardosi,

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

ha aggiunto alla sua collana altre bellissime perle. In ottobre ha vinto a Parma un bellissimo torneo a dama italiana ed ha ottenuto la promozione alla massima categoria di gioco, quella di Maestro! Una carriera prestigiosa culminata a fine anno con la vittoria nel campionato italiano a squadre che l’hanno visto prevalere e raggiungere, così giovane, il secondo titolo italiano. Quelli di Miki sono ben 41 e chissà che Matteo non possa un giorno raggiungere e superare questo prestigioso numero. Magari Miki nel frattempo chissà dove sarà arrivato. È l’augurio che tutti noi facciamo a questi nostri due splendidi giocatori. Nell’albo d’oro dei Campionati Italiani di dama Italiana i livornesi sono presenti moltissime volte, addirittura 24 volte su 76 edizioni. Ecco nomi e anno di vincita: nel 1930 e 1948 Nelusco Botta; nel 1935 e 1938 Antonio Coppoli; nel 1949 Renzo Ambrosi; negli anni 1951, 1954, 1956, 1958, 1959, 1960, 1967, il Campionissimo, a cui è stato intitolato anche il Circolo Livornese, Piero Piccioli; poi nel 1964 Manlio Ganni. Dopo c’è stato un po’ di vuoto, ma l’attesa del più grande campione di tutti i tempi non è stata poi molto lunga; infatti per ben 11 volte il titolo italiano assoluto è stato conquistato da Michele Borghetti.

389


F.I.D.: Federazione Italiana Dama

Giuseppe Amoroso, Paolo e Fulvio Blandina e Massimo Boldrini. Andrea Cardosi ha conquistato un titolo regionale nel 2009 a Pontedera, un secondo posto sempre ai regionali nel 2008 ed un terzo posto nella non meno importante gara interregionale di Perugia, poi sempre nel 2009 è arrivato quarto a Parma su 34 giocatori. Giuseppe Amoroso ha ottenuto diversi piazzamenti di rilievo nel suo curriculum dal 2006 ad oggi esclusi i Campionati provinciali ha disputato ben 37 gare piazzandosi al secondo posto al regionale del 2009, secondo al torneo nazionale a Torino sempre nel 2009 ed ha ottenuto un quarto posto all’interregionale di Prato nel 2010. Paolo Blandina ha iniziato la sua attività damistica soltanto nel 2009 ottenendo su 6 gare due risultati di rilievo, piazzandosi al terzo posto a Parma e a Prato nel 2010 approdando alla promozione da provinciale a regionale. Fulvio Blandina, figlio di Paolo, inizia come il padre nel 2009 e, molto meritatamente, nel 2012 nella gara di Lecce, ottiene la promozione alla categoria “Regionali”. Massimo Boldrini ha avuto un buon anno nel 2009 ottenendo anche la promozione da provinciale a regionale, piazzandosi al quinto posto al torneo nazionale di Terracina, terzo all’interregionale di Prato, quarto a Pesaro e quarto ai campionati regionali. Ha superato concorrenti di categoria superiore nel Campionato italiano di dama inglese piazzandosi 16° su 22.

FWii_WceehWWfWhbWh[Z_ gkWbY^[h[]ebW$

Spesso ci viene chiesto perché, andando in alcuni siti di internet, ci sono regole diverse. Una delle domande più frequenti è: “Ma la pedina può mangiare la dama? Perché ho giocato su internet e mi è accaduto questo”. Diciamo subito che nella dama italiana la pedina non può mangiare la dama. Bisogna dire che a diffeff fferenza del gioco degli scacchi, che ha la positiva particolarità di essere giocato nello stesso modo in tutto il mondo, il gioco della dama si diversifica in parecchie specialità diverse fra loro che ne limitano l’universalità delle regole. Su internet spesso ci si imbatte nella dama inglese che ha regole diverse dalla nostra, come ad esempio il

390

Gianfranco Manetti alla damiera

Infine, nella categoria d’ingresso cioè quella dei provinciali troviamo Simone Ghezzani, Danilo Conterio e Gabriele Langella. Discorso a parte per Mauro Giusti: è di categoria provinciale, ma ha la forza di un nazionale, ma ha deciso di non disputare gare al di fuori dei campionati provinciali; la sua passione sono gli studi sui finali, la collezione di libri che riguardano la dama e di damiere. Abbiamo infine un ragazzino che promette molto bene: si tratta di Andrea Liquori che dimostra passione, capacità e colpo d’occhio notevole. Ecco, questi sono i giocatori della squadra livornese di dama che si trovano ogni

giovedì e ogni sabato pomeriggio dalle 16 circa alle 19 in via delle Galere al circolo Atl. Per chi volesse unirsi alla compagnia ed imparare a giocare bene a dama, può venire a trovarci senza impegno, può sedersi e passare due ore con noi. Sul posto quasiasi ulteriore informazione. Per chi volesse avvicinarsi al mondo della dama italiana su internet c’è un sito che si chiama www.playok.com dove giocano molti giocatori affiliati alla Fid, poi c’è anche la dama di facebook “dama checkers” una dama italiana alla portata di tutti, non di alto livello, ma ugualmente divertente, però è più consigliabile giocare dal vivo. Vi aspettiamo.

fatto che, come spesso accade e come sopra detto, la pedina può mangiare la dama. Un’altra regola che diversifica il nostro gioco da quello inglese consiste nel fatto che a dama italiana se dobbiamo mangiare due pedine anziché una, è obbligatorio mangiarne due. Nel gioco inglese si può scegliere. E non finisce qui; esistono infatti molte altre tipologie di gioco, oltre a quella italiana e quella inglese: c’è la spagnola, la brasiliana, la russa, la turca, la frisone, la canadese ecc ecc; e per fortuna, per far sì che ci si possa incontrare con giocatori degli altri paesi, esiste la dama chiamata, appunto, internazionale. E, da qualche anno, anche in Italia si gioca a dama internazionale disputando anche appositi campionati. E anche qui si registrano altre 3 vittorie di Michele Borghetti nel campionato assoluto individuale. La

dama internazionale è molto diversa dalla nostra; di questo riparleremo. Torniamo alla nostra dama, quella italiana. Le specialità del gioco della dama sono parecchie, rispettando sempre ovviamente le regole del gioco: si può giocare in partite “a tempo normale”, in partite “lampo” o “semilampo”, a squadre, con ricarica di tempo. Ed ecco che con tutte queste discipline i titoli vinti da Michele Borghetti passano da 11 a 41! Ricordiamo che la sede del nostro Circolo Damistico è in via delle Galere, 14, presso il Circolo Ricreativo dell’ATL, che gentilmente ci ospita. Ci siamo dati due appuntamenti settimanali, il giovedì e il sabato pomeriggio. Chiunque può venirci a trovare per fare conoscenza e, perché no, giocare con noi.


6C9G:6A><JDG> JcVY^hX^ea^cVeZghk^ajeeVgZaV bZciZYZ^\^dkVc^hh^b^

Andrea Liguori

nizzato uno a Shangay, con lo scopo di far conoscere il gioco ai giovanissimi e avvicinarli alla pratica di questa disciplina”. Cosa ti dà la dama? “Mi aiuta a pensare, ad aguzzare l’ingegno. Sono diventato bravo nei tiri e nei finali”. Hai fatto altri sport? “In passato ho praticato un po’ di nuoto, attualmente mi dedico anche al judo, all’Accademia dello Sport”. Un sogno nel cassetto? “Diventare bravo e iniziare a fare delle gare importanti”. Andrea Liguori con Matteo Bernini

Un giocatore che stimi? “I miei maestri: Gianfranco Borghetti, Franco Manetti e Michele Borghetti che ha vinto dieci partite e ne ha pareggiate cinque giocando in contemporanea e bendato, poi ha vinto le Olimpiadi della mente e lo scorso anno è andato in America”. Come convinceresti un tuo amico a fare dama? “Gli direi che è un bel passatempo e che è molto utile”. Quanto ti alleni? “Tutti i giovedì pomeriggio faccio più partite con il maestro e lui mi dice cosa sbaglio e mi fa vedere cosa sarebbe successo se avessi fatto un’altra mossa. Mi spinge ad utilizzare la memoria per tornare con la mente ad una mossa precedente”. Quando giochi a cosa pensi? “Mi concentro su quali mosse potrebbe fare il mio avversario”. Un aspetto negativo? “Non c’è”. A.D.V.

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

N

on è facile trovare un giovane ragazzo appassionato di dama, perché sono richieste delle qualità e delle capacità che non sono certo comuni nei bambini. Ma Andrea Liguori, 12 anni, fa eccezione, dimostrando interesse e predisposizione verso questa disciplina. Dunque una giovane promessa da crescere con cura, come stanno facendo gli appassionati della damiera livornesi, che incontriamo al circolo Atl in via delle Galere, dove ogni giovedì pomeriggio si ritrovano per allenarsi e confrontarsi. Da quanto tempo ti dedichi a questa disciplina? “Da tre anni”. Chi ti ha spinto ad iniziare? “La voglia me l’ha fatta venire mia madre che mi ha portato al circolo e mi ha fatto conoscere i maestri. Lei non è un’appassionata di dama, ma ha visto il mio talento e mi ha saputo indirizzare, perché possa curare questa passione”. Come hai conosciuto la dama? “Alle elementari durante l’intervallo gicavo qualche volta con i miei compagni, ma alla fine loro preferivano dedicarsi al calcio e alla prima occasione andavano a rincorrere il pallone, cosa che invece a me non è mai interessata. Comunque durante queste occasioni mi sono accorto di essere portato per giocare a dama”. Hai partecipato a qualche gara? “Non ci sono gare per la mia età, però partecipo a dei tornei con altri bambini, ad esempio, nel 2012 ne abbiamo orga-

391


Scotto PubblicitĂ Livorno


Il 2012 inizia con la vittoria meritata del giovane CM di Arezzo Fausto Scali nel 10° Campionato Provinciale di Livorno, svoltosi presso la sede del Circolo Livorno Scacchi nei giorni 13-14-15 gennaio. Il vincitore, con quattro punti in cinque partite, ha preceduto per spareggio Bucholz il viareggino, Luca Frizzi e il pisano d’adozione Antonio Pinto, anch’essi con quattro punti finali; quarto assoluto e primo dei giocatori livornesi si è classificato l’inossidabile Riccardo Franceschi, con 3,5 punti; il titolo di Campione provinciale 2012, è andato comunque al vincitore del Torneo; Fausto Scali il quale, pur essendo di Arezzo, si è iscritto al Circolo di Livorno; quinto si è piazzato, con lo stesso punteggio di Franceschi, Filippo Banti, giovane emergente del Circolo Scacchi di Livorno. Ottime le prove anche del cecinese Fabbri Marcello, vincitore del premio di fascia <1700, e del livornese Paci Marco, premiato come primo classificato tra gli esordienti; da ricordare anche la prova dell’unica giocatrice, Franca Orsi, che ha ottenuto il 50% del punteggio. Il vincitore ha finito il torneo imbattuto, fermato sulla patta solamente dal 3° e dal 4° classificato, meritando il successo, con delle prestazioni sicuramente all’altezza del loro valore; co-

Il vincitore del torneo provinciale Fausto Scali

munque praticamente tutte le partite sono state molto incerte e tecnicamente valide, spesso concluse sul filo del tempo che stava scadendo.

?bYehie

Con l’8 marzo è iniziato un altro ciclo di lezioni denominato corso di livello III. Il corso si è articolato in 5 lezioni ed è stato tenuto dall’Istruttore elementare di scacchi della Fsi (Fe-

x x x i h x c x c x a x c x XxxxS >aiVaZcidYZ^aVWgdc^X^ ^cidgcdVaaVhXVXX]^ZgV BjdkZgZXdceVhh^dcZ!k^cXZgZXdcegd[Zhh^dcVa^i| Y^8Vgad;VaX^Vc^Presidente A.S.D. Livorno Scacchi) derazione Scacchistica Italiana) Alessandro Rizzacasa. Gli incontri si sono tenuti presso i locali della libreria Gaia Scienza a Livorno. Dal momento che avevamo già fatto il livello I per principianti ed il livello II per chi aveva già acquisito elementi fondamentali di ordine strategico e tattico, abbiamo pensato ad un ulteriore ed ultimo corso di approfondimento, più avanzato, appunto di livello III. Il corso si rivolgeva a coloro che avevano già familiarità con i temi proposti, per averli affrontati sia in precedenti corsi che in partita viva, ma che desideravano puntualizzare e approfondire gli aspetti di gioco ad essi legati soprattutto con uno sguardo alla teoria moderna. Il ciclo di lezioni ha avuto come tema generale “l’apertura”. Ogni lezione è stata dedicata all’analisi di una partita che aveva particolare significato didattico affrontando temi la cui conoscenza è ritenuta fondamentale nella formazione di base di uno scacchista.

BWigkWZhW\[cc_d_b[

Brillante prestazione della squadra femminile nel CISF 2012; le giocatrici del Circolo Livorno Scacchi si sono laureate vice campioni regionali, essendo arrivate

seconde nel Campionato regionale toscano femminile 2012, dopo la squadra A di Lucca, ma prima della squadra B, sempre di Lucca; la nostra formazione era costituita da Maria Sorrentino in prima scacchiera, Franca Orsi in seconda, mentre in terza scacchiera si sono alternate due esordienti, Cristina Avanzoni e Graziella Roncan. La nostra squadra si è così qualificata per le finali nazionali del Cisf che si svolgeranno ad Arvier l’ultima settimana di aprile; questo risultato rappresenta un successo

Torneo provinciale

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

C

Wcf_edWjefhel_dY_Wb[

per il circolo di Livorno, che da tempo cercava di mettere in campo una formazione femminile che potesse competere ad armi pari con la corazzata lucchese, da tempo dominatrice regionale in campo femminile. Con la squadra A di Lucca le nostre giocatrici sono riuscite a pattare una partita, perdendo la seconda dopo una serie di testa a testa estremamente combattute; il circolo Torneo provinciale

393


di Livorno si impegnerà a rinforzare questa formazione, che rappresenta il nostro fiore all’occhiello, cercando di divulgare sempre di più la passione del gioco a livello femminile con lo scopo di scoprire eventuali talenti e migliorare le giocatrici già presenti, specialmente le due esordienti, che si sono comunque battute con notevole impegno e grinta.

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

Jehd[ei[c_bWcfe<$9Wfh_bb_

Le soddisfazioni continuano con la Vittoria del CM Alberto Gazzarri nel 4° Torneo semilampo all’aperto “F. Caprilli”, svoltosi all’ippodromo di Livorno sabato 18 agosto, organizzato dal Circolo Livorno Scacchi in collaborazione con Alfea S.p.A., Società Pisana Corse dei Cavalli; la manifestazione è iniziata nel primo pomeriggio e si è svolta, in sei turni di 15’ a giocatore; nutrito il lotto di partecipanti (26 giocatori tra Maestri, Candidati Maestri ed altre categorie, con un significativo numero di esordienti). La relativa brevità del torneo ha determinato un notevole raggruppamento in classifica dei contendenti, ed ha conferito una importanza determinante ad ogni singola partita, per cui anche una sola sconfitta, portava il giocatore ad allontanarsi dalla vetta. Il trionfatore della manifestazione, Alberto Gazzarri, ha ottenuto lo stesso punteggio finale (5 punti) del Maestro livornese Andrea Raiano, ma ha vinto il torneo per spareggio tecnico; la gara si è svolta con un susseguirsi frenetico di partite, molte delle quali al cardiopalmo, per l’estrema incertezza del risultato fino agli ultimi secondi concessi dall’orologio; proprio la partita tra i primi due classificati, terminata con la vittoria di Gazzarri su Raiano, si è decisa quando al Maestro livornese è caduta la bandierina 2 secondi prima del suo avversario. Il torneo si è deciso comunque all’ultimo turno, protrattosi fino al tar-

do pomeriggio, allorché Gazzarri, dopo aver sconfitto, contro pronostico, anche il Maestro Fide pisano Claudio Evangelisti, pattava con il CM Franco Moschini, il quale si piazzava terzo assoluto, con 4,5 punti, davanti al CM Lasio Millo e ad altri quattro giocatori, tutti con 4 punti e classificati in quest’ordine per spareggio tecnico. I premi di fascia sono stati vinti da Marco Paci, davanti a Domenico Zinno (per Elo 1500-1700) e da Michael Gargiulo, davanti a Federico Svetti (per Elo <1500). Il torneo “F.Caprilli”, alla sua quarta edizione, può sicuramente essere annoverato tra i tornei semilampo all’aperto con un maggior seguito di partecipanti di ogni categoria, grazie anche alla qualità dell’organizzazione, all’ambiente estremamente accogliente (da considerare che, nonostante la giornata “disumanamente” calda ed afosa, il torneo si è svolto in una zona dell’ippodromo notevolmente ventilata) ed alla sempre squisita accoglienza della Direzione dell’Ippodromo e della Società Alfea, che ringraziamo sentitamente ed alla quale rivolgiamo un arrivederci al prossimo anno.

?bh_YehZeZ_CWii_ce=kWdj_d_

La notizia della scomparsa di Massimo Guantini, avvenuta la notte del 14 luglio, si è diffusa rapidissimamente in città e fin dai primi commenti è stato chiaro come le parole concordi e unanimi che ne celebravano le virtù, non fossero affatto ffatto di circostanza. ff Pur essendo uomo politico, infatti, stupiva in lui l’inclinazione perenne a sorvolare sulle posizioni divergenti, a ignorare le distanze e le contrapposizioni, per concentrarsi su quanto poteva, tra le persone, consentire percorsi condivisi, ragionare e disporsi a lavorare cooperativamente. Coloro che lo hanno conosciuto sembrano convenire su tale sincero e autentico atteggiamento di fondo di Massimo Guantini, attraverso cui

Il Torneo F. Caprilli all’Ippodromo labronico

394

poteva travalicare asperità, possibili incomprensioni, atteggiamenti conflittuali. Queste, che non a caso chiamiamo virtù, emersero anche verso gli scacchisti e il nostro circolo, di cui era socio onorario. Massimo Guantini era un appassionato scacchista e profondo estimatore del gioco che conoscemmo, la prima volta, nella primavera del 2004. Si stava cercando di organizzare un torneo internazionale e il nostro Presidente Carlo Falciani, prendendo contatto con gli Enti Locali per trovare le necessarie sponsorizzazioni, incontrò non tanto l’Assessore alle Culture, che per dovere istituzionale ascolta quanti propongono, prospettano, additano o chiedono per questa o quella iniziativa, ma un autentico conoscitore, profondamente e dettagliatamente informato, della materia. Massimo Guantini infatti non era un semplice giocatore il quale, magari conoscendo le regole o poco più, si dichiarava scacchista, ma un vero e proprio cultore che conosceva gli scacchi non solo dal punto di vista agonistico, ma anche da quello storico, simbolico, filosofico. Infatti, come presidente tornai al Circolo non solo avendo incassato l’appoggio dell’assessore per il progettato torneo, ma anche con una sua precisa richiesta: c’era chi potesse scrivere qualcosa di storicamente significativo sugli scacchi a Livorno? Infatti quel torneo sarebbe stata la prima gara internazionale a svolgersi in città dal lontano 1926, quando vi fu organizzata una competizione di grande levatura con alcuni tra i migliori giocatori presenti sulla scena europea. Perché dunque non celebrare il riaffacciarsi ffacciarsi del gioco a Liff vorno con una pubblicazione che ricordasse come la nostra città sia stata storicamente un polo di primaria importanza per gli scacchi? Il caso volle che l’estensore di queste note avesse già lavorato un po’, per dilet-


italiane a quelle internazionali, come siano stati fondamentali per la fondazione di una federazione nazionale (poi guidata per un quarantennio dal livornese Miliani), come siano riusciti a superare, in raffinatezza e profondità analitica il maggior scacchista al mondo del XIX secolo, Wilhelm Steinitz, come abbiano scritto (Orsini, Seghieri, Miliani) il celeberrimo Il gioco degli scacchi della mitica collana dei manuali Hoepli, che ha formato generazioni di scacchisti nostrani. Sostenuto dalla fiducia di Massimo, Alessandro Rizzacasa si mise all’opera: in questo modo è nato ed è uscito, nel 2009, Livorno nella storia degli scacchi. Raccontava spesso delle difficoltà che aveva dovuto affrontare per riuscire a trovare il finanziamento a questo lavoro: non tanto, allora, per una oggettiva mancanza di fondi, ma per la cultura scacchistica del tutto insufficiente che faceva ritenere l’opera frutto di un pallino personale, una bizzarria. Si lamentava spesso della sottocultura scacchistica italiana, non livornese in particolare, a cui contrapponeva la sua visione del gioco, così fortemente innervata da quel ricchissimo simbolismo che lo rende unico e che lui sapeva trasmettere nei suoi coinvolgenti interventi pubblici: quando presenziò alla premiazione del IV torneo Internazionale “Città di Livorno”, oppure quando presentò una iniziativa, un Cafè philo, tenutasi alla Libreria Gaia Scienza, altro luogo divenuto importantissimo per gli scacchi a Livorno, in cui poté in maniera esemplare sottolineare la loro densità culturale e il loro potere ammaliatore. Fu attraverso di lui che, nel 2010, poté tenersi un match Livorno-Pisa di scacchi, giocatosi sotto il loggiato del Teatro Goldoni a cui partecipò come competitore; e vincemmo (di misura, ma vincemmo). In quell’occasione Massimo organizzò una iniziativa a margine

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

uscì, su “Comune Notizie” un articolo intitolato Il gioco degli scacchi a Livorno in una testimonianza seicentesca. Successivamente, per celebrare la figura di Stuart Wagman, un giocatore americano di grande levatura, Maestro Fide, vissuto a Livorno fin dagli anni Cinquanta del secolo passato e L’ottava edizione del Festival Internazionale “Città di Livorno scomparso nel noto personale, proprio sul tema che stava a vembre del 2007, volle che fosse scritto un cuore a Guantini. La comprensione dell’im- fascicolo su di lui, che venne pubblicato in portanza degli scacchi sul terreno agonisti- occasione del IV Torneo Internazionale “Citco, come specchio di alta cultura, come ele- tà di Livorno” intitolato Gli scacchi a Livorno. mento importante e sconosciuto della storia Un protagonista: Stuart Wagman. Il suo cadi Livorno, condussero all’organizzazione, polavoro però fu l’aver voluto fortemente presso la Scuola Edile di Coteto di quello una pubblicazione ufficiale del Comune, che fu il I Torneo Internazionale “Città di Li- uno studio articolato e il più possibile esauvorno” e all’uscita di un breve libretto, sup- stivo, sul rapporto eccezionale tra gli scacplemento all’edizione estivo-autunnale chi e Livorno di cui, per molti motivi a lui 2004 di “Comune Notizie”, intitolato Cenni di presentissimi, la città non aveva più alcuna storia degli scacchi a Livorno, a cura di Ales- cognizione. Gli era chiara la possibilità di far sandro Rizzacasa con la collaborazione di riemergere l’importanza che Livorno aveva Carlo Falciani. Fu il primo atto di una avuto per gli scacchi in Italia e non solo: per riscoperta e l’inizio di una avventura agoni- questo offrì ad Alessandro Rizzacasa di scristica che tutt’oggi prosegue. Nel corso degli vere uno studio sull’argomento. Fu progetanni Guantini fu sempre vicino al nostro Cir- tato un volume che raccontasse come Licolo, aiutandolo e sostenendolo nelle inizia- vorno abbia prodotto per 28 anni, dal 1875 tive intraprese. Così appoggiò in modo es- al 1903, una delle riviste scacchistiche eurosenziale anche le edizioni successive dei pee più importanti, come vi sia stato giocaTornei Internazionali e le uscite di articoli e to il II torneo nazionale italiano, come abbia fascicoli che aggiungevano tasselli a quella visto nascere tra i più influenti scacchisti itastoria degli scacchi a Livorno che veniva ri- liani a cavallo tra Ottocento e Novecento, tenuto importante far emergere come trat- Emilio Orsini e Luigi Miliani in testa; come i to significativo del profilo culturale della livornesi abbiano imposto il cambiamento città. Nel numero di luglio-settembre 2006 delle regole del gioco adeguando le norme

L’ottava edizione del Festival Internazionale “Città di Livorno

395


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana 396

dell’incontro, una mostra di rare pubblicazioni scacchistiche da lui collezionate, a testimonianza di un amore formidabile. Da segnalare inoltre un’altra sua operazione che, purtroppo, non si concluse positivamente ma che se fosse andata in porto avrebbe indubbiamente arricchito la città. La Fsi è in possesso di una notevole biblioteca tematica; negli anni in cui Guantini era assessore non aveva però una adeguata collocazione fisica. Massimo si adoperò per ottenere dalla Fsi di veder sistemare quel ricco patrimonio librario alla Labronica. Presentò un progetto difficilmente rifiutabile, infatti gli elementi perché l’iniziativa fosse coronata da successo c’erano tutti e non staremo qui ad elencarli. Il consiglio federale però, che aveva al suo interno ben due rappresentanti toscani, decise di non accogliere l’offerta fferta e questo, per Massimo, fu ff fonte di amarezza. Bibliofilo, possedeva alcune copie di rare pubblicazioni scacchistiche che conservava con religioso riguardo. In ogni occasione di incontro si informava degli scacchisti livornesi e di come andavano in gara: Cosa ha fatto Franceschi in Coppa Italia? Ceccarini ha battuto Efimov? Fantastico! La nostra squadra al Campionato italiano come va? Noi scacchisti, idealmente riuniti intorno a lui, non potremo più averlo come sostenitore o punto di riferimento: una perdita che ci priva di un grande appassionato, di uomo colto e attento, di un amico a cui va il nostro estremo e più affettuoso ffettuoso saluto. ff

Kdh_d]hWp_Wc[djeWbbW=W_W IY_[dpW

Il giorno 20 luglio la Libreria Gaia Scienza ha passato la mano e in via di Franco, è subentrata la catena Feltrinelli. Questo cambiamento ha fatto sì che il Circolo ASD Livorno Scacchi abbia perso il luogo che negli ultimi tre anni ha dato ospitalità

alla nostra associazione, ha raccolto gli scacchisti livornesi, ha consentito che a Livorno l’attività scacchistica non si fermasse. Il nostro Circolo, a causa della chiusura dei locali della Misericordia, aveva perso la sede di riunione e la Gaia Scienza si offrì non solo di ospitare le nostre attività, ma anche di sostenere le nostre iniziative. In questi anni infatti ha sponsorizzato i tornei che abbiamo organizzato e addirittura ha dato il nome a una serie di appuntamenti agonistici che hanno avuto un notevolissimo successo, i tornei Gaia Scienza d’autunno e Gaia Scienza di Primavera, tenutisi in 4 occasioni. Vi sono stati svolti ben 5 corsi di scacchi per principianti e per appassionati non proprio alle prime armi. Il ritrovato feeling per gli scacchi di Franco Ferrucci, timone della libreria, ha certo agevolato il rapporto di questi anni, ma non basta a spiegare un atteggiamento benevolo che per noi è stato di fondamentale importanza, consentendoci di proseguire la nostra attività. Per questo non possiamo che rivolgere un profondo ringraziamento alla Gaia Scienza che chiude i battenti al pubblico commercio, ma non li chiuderà certo nella nostra memoria.

KdWiÓZW_di_ckbjWd[W

L’8 settembre si è svolta, presso il Centro Commerciale “Fonti del Corallo”, nell’ambito delle manifestazioni collaterali all’8° Festival Internazionale “Città di Livorno” una simultanea del CM Marco Ceccarini contro 15 avversari; l’avvenimento ha appassionato e coinvolto il numeroso pubblico presente e di passaggio, il quale ha partecipato in modo attivo allo svolgimento delle partite; molte persone, spinte inizialmente dalla curiosità si sono trovate ad interessarsi con entusiasmo al gioco degli scacchi. Numerosissimi erano infatti anche i Simultanea di Marco Ceccarini

Simultanea di Marco Ceccarini

giovani ed i bambini presenti, affascinati ffascinati dal ff gioco, che mantiene pur sempre un’attrattiva non comune ad altri giochi. Per la cronaca il CM Ceccarini ha vinti 14 dei 15 incontri disputati, pattandone solamente uno.

<[ij_lWb?dj[hdWp_edWb[ Ç9_jj}Z_B_lehdeÈ

Vittoria, secondo pronostico, del GM bulgaro Vladimir Petkov nell’8a edizione del Festival Internazionale “Città di Livorno”; la manifestazione si è svolta, nei giorni 14, 15 e 16 settembre, nell’accogliente e panoramica sala Expo Surfer Joes Diner, posta sopra il magnifico acquario di Livorno, dalla quale si poteva ammirare la storica, per la città, terrazza Mascagni e l’azzurro mare di Livorno. Il torneo, dedicato alla memoria di Massimo Guantini, ha visto la partecipazione di 60 giocatori, divisi in tre fasce (Open A, open B e Open C) che hanno mantenuto le premesse di qualità ed agonismo che hanno sempre contraddistinto il Festival livornese. La vittoria di Petkov è stata chiara, anche se meno facile di quanto si potesse prevedere, con quattro vittorie ed una patta, per un totale di 12 punti (il regolamento del torneo prevedeva 3 punti per la vittoria, 1 punto per la patta e zero punti per la sconfitta) secondo si è classificato il GM Igor Efimov, che bissa la piazza d’onore dello scorso anno, con 12 punti, sconfitto solamente dal vincitore dopo una partita entusiasmante, durante la quale Efimov ha sferrato un attacco massiccio sul lato di re, al quale, solamente con la classe e l’esperienza che lo contraddistinguono, Petkov ha potuto sottrarsi sferrando a sua volta un contrattacco letale per Igor; terzo classificato, con pieno merito, il maestro veneto Augusto Caruso, con 11 punti; l’IM Milan Mrdja si è dovuto accontentare del settimo posto,


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

con 9 punti, in quanto, oltre che da Efimov, elo 2512, ha partecipato alla fase finale del Livorno è città storica… anche per gli è stato sconfitto al 3° turno, dopo una parti- Campionato del mondo ad eliminatoria di scacchi!!! ta incerta e tirata fino al termine, anche dal Las Vegas 1999 dove fu eliminato da Dieter Nel 1683 venne edito a Torino il libro I MF pisano Claudio Evangelisti, che peraltro Nisipeanu. campeggiamenti degli scacchi, autore il naTorneo 2008 vinto da ora GM (allora MI) Vla- poletano Francesco Piacenza; che segnala sembrava lanciato verso le primissime posiOkhotnik, massimo elo 2510, Campione Livorno come piazza scacchistica ambita, zioni, ma che si è perso nel finale del torneo, dimir Okhotnik soccombendo, in seguito, al GM bulgaro ed, del mondo seniores 2011 in Croazia dove ha anche da giocatori esperti. Proprio in apertura il manualetto recita così: “Frà noi altri all’ultimo turno, un po’ inaspettatamente, al ottenuto per la vittoria il titolo di GM. Torneo 2009 vinto dal MI Duilio Collutiis Latini, la prava consuetudine di costoro, CM livornese Bardi, classificatosi quarto con 10 punti e protagonista di un eccellente attuale elo 2511 vincitore del 62° campio- sarebbe errore notabilissimo, e pur eglino torneo; da ricordare il quinto posto del CM nato italiano assoluto a Montecatini terme la tengono per stile nobilissimo, e comune, come si dirà più à basso. Nella Città di LivorLucio Calcagnile con 10 punti e l’ottavo del nel 2002. Torneo 2010 vinto dal filippino Joseph no, in Toscana, si ritrova cattivo un Chiaùs, CM livornese Marco Ceccarini. L’Open B, con venti partecipanti, ha visto Sanchez, attuale elo 2518, massimo 2544 ò Ambasciatore de’ Regni di Egitto, che si spacciava per primo giocatore di scacchi il successo del 1N goriziano Marco Grudina nel settembre 2011. Torneo 2010 vinto dal IM A. Dragojlovic; che fosse nel Mondo, e così instato io da alcon 13 punti (quattro vittorie ed una sola patta), davanti all’ottima 3N livornese Mar- sul GM I. Efimov ed il IM A. Kizov relegato in cuni Signori miei amici, andai à giuocar seco nello Bagno d’essa Città, e il primo giorno co Paci con 12 punti ed al 3N siciliano Lo- terza posizione. Quest’anno sarà la ottava edizione… da facessimo tredeci partite, ò giuochi, il primo renzo La Cognata dei quali guadagnò il Chiaùs, e le altre 12. Nell’Open C (13 partecipanti), ha vin- non perdere!!! Susseguenti vinsi io, e con tanta facilità…” to il tarantino Lorenzo Vinci con 13 punti, KdWhj_YebeZ_ÇiebeiYWYY^_$d[jÈ Negli anni settanta a Livorno gli scacchi ebdavanti alla sorpresa Hodaj Rrapo ed alla ikB_lehde bero un incredibile sviluppo: erano presenti giovanissima giocatrice lucchese Picchi Livorno da vivere… da giocare!! Darina Francesca. Questo torneo si è caratUna mattina passata sul porto, o al mer- almeno quattro circoli ed una fiorente attività terizzato anche per l’elevato numero di gio- cato, o a passeggiare per “Venezia” oppure agonistica con decine di giocatori attivi. vani giocatori, ben 15 under 18 (25%), che sul mare… dalla terrazza Mascagni ad Ar- B[lejWp_ed_Z[bYedi_]b_e hanno portato una ventata di agonismo e denza e poi Antignano e Calafuria; chilomeSabato 1 dicembre, si sono svolte, presso spregiudicatezza che non possono che far tri di mare stupendo con una splendida sco- i locali Atl, che ringraziamo per le stanze di bene al gioco degli scacchi. Al termine del gliera. Una città amata profondamente dai via delle Galere che ogni sabato pomerigtorneo e prima della premiazione dei vinci- propri abitanti che conservano tradizioni, gio ci mete a disposizione, le elezioni per il tori si è svolta una commovente cerimonia, modo di vivere, abitudini alimentari: stoc- rinnovo del Consiglio Direttivo del Circolo durante la quale è stata consegnata, da par- cafisso alla livornese, seppie in zimino, cac- Livorno Scacchi, alle quali si sono presentati te dei parenti, al più giovane partecipante ciucco, la torta di ceci e, in stagione, il buon sei candidati; di seguito riportiamo l’elenco al torneo,una targa ricordo in memoria castagnaccio. Livorno è una città da vivere, dei soci che avevano diritto al voto. Si tratdell’amico Massimo Guantini, appassionato da amare… insolita, dove è possibile vivere ta di quanti sono in regola con i pagamenscacchista e cultore del gioco degli scacchi, momenti di vera libertà, in sintonia con la ti delle quote di iscrizione al Circolo e che sempre vicino, dapprima al Circolo Scacchi gente ed il loro mondo che per molti di noi, hanno superato il diciottesimo anno d’età. di Cecina ed in seguito al Circolo Scacchi di è dimenticato o addirittura sconosciuto. Elenco soci aventi diritto al voto Livorno, aiutandoli e sosteAvanzoni Cristina, Bannendoli in qualsiasi iniziatiti Filippo, Bardi Massimo, va intrapresa. Gli scacchi a Batignani, Batoni Fabrizio, Livorno dagli anni duemila Bettini Maurizio, Borrelli sono coordinati dal Circolo Luciano, Bracci Armando, Livorno Scacchi che nasce Bucalossi Romano, Candia ufficialmente il 1 gennaio Marilena, Ceccarini Marco, 1999, con l’intento di racFalciani Carlo, Falciani Edocogliere gli appassionati e ardo, Ferro Giorgio, Ferrucci Franco, Franceschi Riccardivulgare il gioco do, Genovesi Francesco, LeDa otto anni il fiore all’ocone Valerio, Monterisi Ignachiello del circolo livornese zio, Orsi Franca, Pagnotta è il Festival internazionale Giuseppe, Paci Marco, Padegli scacchi che si svolgenizzi Ennio, Passelli Marco, rà anche quest’anno, per Possenti Luigi, Puz Boris, il nono anno consecutivo. Raiano Andrea, Rinaldi Una storia non centenaria Francesco, Rizzacasa Alesma già ricca tecnicamente, sandro, Roncan Graziella, basti dare un’occhiata alle Senesi Paolo, Sorrentino ultime edizioni!! Torneo 2007 vinto dal Il bulgaro Vladimir Petkov, vincitore dell’ottava edizione del Festival Internazionale Maria, Soventi Maurizio, “Città di Livorno” Sozzi Gianluca. GM Stefan Djuric Djuric, massimo

397


GRAZIE! INDICE COMMERCIALE

dell’Almanacco A Abate, movimento terra -Livorno .................................... 154 Accademia dello Sport, centro fitness - Livorno.... 40/41 ACI Livorno ......................................................................................74 Agostini - Livorno ........................................................................96 A.L.C.A.T, Ass. Livornese Club Alcologici Territoriali ... 100 Alda Brogi, cerimonie - Livorno ........................................ 118 Alice Russo, fiorista .................................................................. 139 Amaranto Racing, officina riparazioni - Livorno ..... 370 Antonella De Vito, giornalista ...............................................22 ARCI La Rosa, Circolo Polisportivo - Livorno ............... 178 Area 51, fitness school............................................................ 126 Arte Orafa - Livorno ...................................................................20 Assimar - Livorno ......................................................... 18 Aretusa Costruzioni - Livorno ............................................ 348 Associazione Ippica Livornese................................ 338/340 Autofficina plurimarche - Livorno .....................................86 Autoriparazioni Giulianetti e Sian - Livorno ................76 Autoscuola Toscana - Collesalvetti ................................. 332 AVIS comunale Livorno ...............................................................4 B Balzarini moto - Livorno ............................................... 232 Banks Sails - Livorno............................................................... 380 Bardi, abbigliamento moto - Livorno ............................ 236 Baroncini Nello, conc. Peugeot - Livorno ..................... 256 B&C service, officina meccanica - Livorno ............... 250 Bettarini, noleggio autogru - Livorno ........................... 160

BG Safe - Livorno ............................................................. 302 Bike Store - Livorno ........................................................ 168 Blue Angels, Baseball - Livorno........................................ 104 Bozzi, meccanica di precisione - Livorno .........................82 Busdraghi, servizio pedicure ............................................... 130 C Caccia e pesca - Livorno ........................................................ 264 Canoa club Livorno ......................................................... 132 Capraia Isola ......................................................................................8 Carolei, edilizia - Livorno .................................................. 48 Carrozzeria Elleci - Livorno .................................................. 268 Carrozzeria Franchi - Livorno ............................................. 175 Carrozzeria La Stazione ........................................................... 242 Carrozzeria Nuova Azzurra Car - Livorno.......... 214/258 Carrozzeria Nuova Suese - Stagno (LI) ......................... 136 Carrozzeria Olimpia - Livorno ............................................ 188 Carrozzieri Riuniti - Livorno ................................................ 378 Catarsi, serramenti - Livorno .............................................. 114 Cerretini, Officina/carrozzeria - Livorno ....................... 316 Chalet dei Fiori di Stefania e Marina - Livorno ........ 310 Chean, soluzioni costruttive - Livorno/Carrara ......... 204 Cheddite - Livorno ................................................................... 368 Cicasub “Guido Garibaldi” - Livorno ............................... 262 Contar, costruzione teloni - Livorno ................................ 280 Corallo, autocarrozzeria - Livorno .......................................84 D Di Biagio Elio, cambio olio.................................................... 316

Di Liberti, ricambi - Livorno ................................................ 224 10+10, ristorante pizzeria napoletana - Livorno .. 212 E Edil Bitta, di Poli Fabrizio - Livorno ................................ 146 EmmeEffe Elettromeccanica - Livorno ......................... 286 Enzo e Luca, parrucchieri - Collesalvetti ...................... 112 F Falaschi Moto - Collesalvetti .............................................. 106 F.B. sommozzatori, lavori subacquei - Livorno......... 266 F&M, conc. La Cimbali - Livorno ....................................... 362 SVS - Livorno ..................................................................................34 Fonte Allegra, immobiliare - Vicarello (LI).....................54 Formigli, zanzariere - Livorno............................................ 326 Fratelli Gradassi, impresa edile - Livorno .................... 122 Fratelli Santucci, officina - Stagno (LI) ......................... 156 Fratelli Venuta, autodemolizioni - Livorno ................. 172 G Gelateria Popolare 2 - Livorno .......................................... 230 Garden Idea - Collesalvetti (LI) ......................................... 110 Gigoni, arredamento ..................................................................88 G.R.S. General Renting Services - Collesalvetti.......... 254 H H2O di L. Mambrini, “Una goccia per la vita” - Livorno .......71 Hotel Atleti - Livorno .................................................................44 I Idea Sardegna - Livorno ....................................................... 352 IES solare, energie alternative - Livorno....................... 294

Se cerchi qualcosa di speciale, o anche solo la risposta ai tuoi problemi, consulta questo indice! Perché... 398


A tutti gli sponsor

che hanno reso possibile anche quest’anno la pubblicazione,

Il Carro, Soc. Coop. Agricola Forestale - Livorno ............ 392 Impianti Sportivi “La Gabbia” - Livorno ....................... 356 I Karate Livorno ............................................................................ 208 L Labromare -Livorno ...................................................................16 La Mela stregata, gelateria - Livorno ........................ 124 L’angolo della fortuna, tabaccheria - Stagno (LI) .... 292 Laurel, impresa di pulizie - Livorno ............................ 190 Le Ali, complesso commerciale - Livorno ..................... 276 Le volte, ristorante - Livorno .............................................. 164 Libertas sport - Livorno ........................................................ 344 Linker, autonoleggio con autista - Livorno ................. 318 L’Isonzo Società Cooperativa - Guasticce (LI) ........... 270 Livorno Competitors, Pancrazio Athlima - Livorno ..... 218 Livorno serramenti - Livorno ....................................... 246 LMC Manetti, gastronomia - Livorno ............................ 284 Luca auto, auto ricambi - Livorno .......................................78 M MAFA Elettrauto - Livorno ................................................... 288 Mami, ristorante pizzeria - Livorno ................................. 386 Marea, arredi e design - Livorno ....................................... 248 Match race, vivere il mare - Livorno................................ 383 Mik pizza - Livorno .................................................................. 228 Momenti Conviviali, catering - Campiglia M.ma (LI)......6 Morrone, pneumatici - Collesalvetti (LI) ........................50 Moto Club Livorno.................................................................... 234

...

Motormar - Livorno....................................................................12 Multiwork - Livorno........................................................ 290 N Nannipieri Assicurazioni - Livorno ......................... 24 Nannorè, panificio pasticceria - Livorno ...................... 346 Nencini Sport - Livorno ............................................................38 O Oasi del benessere, beauty farm - Livorno .............. 140 Officina MG - Livorno ............................................................. 120 Oleodinamica Livorno - Nugola ..........................................64 Ortona - Livorno ........................................................................ 206 Ortopedia Michelotti - Livorno ......................................... 334 Oscar, ristorante - Livorno .................................................... 128 P Pannocchia, biscottificio - Livorno .................................. 282 Passuello biciclette -Livorno .............................................. 152 Pasticceria Labronica - Livorno......................................... 150 Performance, alimenti per lo sport - Livorno................32 Perullo C.P.S. - Livorno ........................................................... 342 Pneu Center, di Elio Cataldo - Livorno .......................... 116 Point Break, gelateria/yogurteria - Livorno ............ 144 Popeye Club, palestra - Livorno........................................... 192 Porto Autority ...................................................................................2 PRA.DE.MAR, scuola nautica - Livorno ......................... 376 Q Qua la zampa, toelette per cani e gatti - Livorno ....... 274 Quattro Ruote ............................................................................. 186

R RadecoGroup, agenzia immobiliare - Livorno .......... 210 R.C. service, servizi logistici - Livorno ............................ 266 Ricci, marmi e graniti - Collesalvetti .............................. 108 Royalties, autofficina - Livorno ............................................80 Rossi, ottica gioielleria - Collesalvetti...............................36 RS competition, officina plurimarche- Livorno ........ 240 S SAA, consulting - Livorno ..................................................... 314 Scotto Pubblicità - Livorno.................. 199/200/201/202 Solari Antincendio - Livorno .............................................. 278 Solidago, fitness - Calambrone (PI)................................ 348 Sorime, servizi trasporto - Livorno .................................. 364 Sorsi e Morsi - Livorno ........................................................... 252 Spiaggia La Siesta - Calambrone (LI) ...............................42 Sport Combat Club - Livorno ............................................. 196 Svapolaria - Livorno........................................................... 98 T Technosub, lavori subacquei - Livorno .......................... 266 TecnoGrafica - Livorno ..............................................................90 Tennis Ferrovieri Livorno ...................................................... 350 TP Thomas Poli, geometra - Livorno .............................. 146 Trasporti barche e gommoni - Livorno..................... 260 V Vetrate Artistiche - Vicarello (LI) ........................................60 Villa del Colle, residenza sanitaria assistita - Livorno...92 Voliani, surgelati - Livorno .......................................................148 Y Yacht Club Livorno ................................................................... 374

INDICE COMMERCIALE

dello Sport 2012

la pubblicità è UTILE per chi cerca, e per chi vuol farsi trovare! 399


O

Ringraziamenti

gni volta che prendo in mano il primo numero della nuova edizione dell’Almanacco dello Sport, è per me il momento di fare una riflessione e un bilancio della mia attività professionale. Non posso fare a meno di voltarmi indietro, ma non per questo mi sento “vecchio”, anzi, ogni pubblicazione rinnova l’energia che in questi anni mi ha sorretto e mi ha spinto ad andare avanti, spesso anche in solitaria.

400

Roberto Scotto

Permettetemi quest’anno di ripensare insieme a voi, al mio impegno professionale che si è concentrato tutto sullo sport. Mi considero un uomo fortunato, perché ho avuto l’opportunità di abbinare lavoro e passione, un connubio vincente, che mi ha permesso di impiegare tanto entusiasmo in tutto quello che ho fatto. E ne ho fatte di cose! Ricordo quando 25 anni fa è nato l’Almanacco, tutto dedicato al calcio amatoriale, una vera novità per l’epoca. E di novità in novità siamo cresciuti, grazie anche ad importanti incontri, primo fra tutti quello con Rodolfo Graziani nel 2002, che ci aiutò a compiere un grande salto dallo sport locale a quello mondiale, con gli azzurri livornesi. Da allora con la collaborazione di Mario Gherardi, le nostre pagine hanno trattato di tutti gli sport. C’è poi stato il passaggio al colore che ha reso più vivace e allegro l’Almanacco e l’esponenziale aumento del numero di pagine, che dalle prime 80 è arrivato alle 400 di oggi. Un percorso che ho condiviso con tanti, a partire dal Coni, e qui non posso andare avanti senza ricordare Gino Calderini, che ci ha sempre sostenuto. La mia attività non si è però limitata solo alla carta stampata, la mia vita, dedicata allo sport, è costellata dall’organizzazione di numerose iniziative che hanno avuto il merito di coinvolgere tantissime persone, di creare coesione, solidarietà, ed anche un certo movimento economico, perché comunque mettevo

JcVeVhh^dcZeZgadhedgi in moto un meccanismo che prevedeva anche questo aspetto. Ecco perché mi fa particolarmente piacere ricordare il Trofeo Città di Livorno, che ho incominciato ad organizzare nel 1985 in collaborazione con la Uisp, dedicato al calcio a 5 e a 8, precorrendo quella che negli anni successivi sarebbe diventata una moda molto diffusa. ffusa. La caratteristica di quel torneo ff era la partecipazione riservata a chi, sotto varie forme, rappresentava la città, ecco quindi che in campo scendevano le squadre: de Il Tirreno, delle Forze Armate, del Comune, della Capitaneria di Porto, della Marina, della Croce Rossa, dell’Avis, della Svs, ecc. E visto che, come si dice, l’appetito vien mangiando, il mio entusiasmo cresceva di edizione in edizione, fino a portarmi ad entrare nel comitato organizzatore del Trofeo “25 aprile”, durante il quale si incontravano Forze Armate e rappresentati del mondo civile. Mi stavo specializzando sempre di più nel settore sportivo, che è sempre stato la mia passione di vita, e così sono arrivato anche al Trofeo di Gorgona che vedeva scendere in campo detenuti e agenti di Polizia Penitenziaria, a Vivi Città, Bici Città, avendo sempre il piacere di vedere coinvolte tantissime persone entusiaste. Oggi mi sento di affermare, ffermare, che l’Almanacco ff dello Sport è un fiore all’occhiello per Livorno, nessuna altra città ha una pubblicazione così ampia e professionale, che presenta lo sport locale con i suoi risvolti mondiali. Quest’anno abbiamo voluto celebrare il raggiungimento di un importante obiettivo: la conquista delle oltre 500 medaglie vinte dagli atleti livornesi nel corso degli anni, un traguardo veramente importante e sentito da chi, come me, ha il cuore dello sportivo. Ma la nostra filosofia, da sempre, è anche quella di dare spazio ai giovani, che mettono tanto entusiasmo in quello che fanno, così nell’edizione del 2012 siamo tornati a parlare con loro, scoprendo nuove promesse, ma rincontrando con piacere anche chi, qualche anno fa, avevamo presentato come futuro campione ed è stato così bravo da non smentirci. Naturalmente nelle nostre pagine c’è sempre spazio anche per chi non salirà mai il primo gradino del podio, perché a noi fondamentalmente interessano tutti coloro che vincono “la medaglia d’oro della passione e dell’entusiamo” e fortunatamente di questi campioni ne abbiamo tanti. Dunque i primi ringraziamenti vanno a loro, per quello che fanno quotidianamente e per essersi messi a nostra disposizione raccontandoci la loro storia sportiva. Anche quest’anno sono giunto al traguardo grazie alla “mia squadra”, che come sempre mi è stata vicina, quindi rin-

grazio: Isabella Scotto, Antonella De Vito, Mario Orsini e Michela Demi. Purtroppo anche quest’anno sono costretto a menzionare la crisi economica, che rende il nostro lavoro sempre più difficile, ma i nostri inserzionisti sono veramente fantastici, e pur con tanti sacrifici continuano a seguirci, perché insieme a noi credono in questa pubblicazione, quindi un grande grazie va anche loro. Naturalmente non mi posso fermare qui, i miei grazie si allargano al fotografo Augusto Bizzi, sempre in giro per il mondo al seguito dei grandi campioni, che ci offre ffre immagini stuff pende dei migliori momenti di gloria dei nostri sportivi. La mia famiglia che ogni anno rinnova la sua pazienza nel sopportare i miei “nervosismi” e le mie “angosce” per un lavoro che vorrei sempre più “perfetto”, e naturalmente il Coni, le Federazioni, le Associazioni sportive, gli Azzurri d’Italia con Rodolfo Graziani e i Veterani dello Sport con Cesare Gentile che sono sempre al nostro fianco per incoraggiarci e indirizzarci con professionalità in questo nostro lavoro. E poi ci sono loro, il cuore pulsante dello sport: gli atleti professionisti, gli amatori, gli appassionati, i tifosi, i dirigenti, i volontari, insomma tutti quelli che rendono grande questo mondo. Ed infine, ma non per ultimo la nostra riconoscenza va alle istituzioni locali, che ci accompagnano ormai da anni nella realizzazioni del nostro progetto, dunque un sentito ringraziamento al Comune, alla Provincia, all’Accademia Navale e a tutte le Forze dell’Ordine che ci sostengono. Il 2012 è stato l’anno delle Olimpiadi, alle quali abbiamo dedicato a fine estate un numero speciale con le interviste di tutti gli atleti di Livorno che vi hanno partecipato, dunque nella pubblicazione annuale non troverete approfondimenti sull’argomento, perché già precedentemente e diffusamente ffusamente trattati. ff Voglio concludere parlandovi di un mio grande sogno, che ho il piacere di condividere con altri. Gli Azzurri d’Italia, con l’impegno del presidente Rodolfo Graziani, in questi anni hanno realizzato tante importanti iniziative, come la piazza dedicata agli Azzurri, il film sui campioni labronici che sta facendo il giro del mondo, e adesso stanno lavorando affinché si realizzi in città un Museo dello Sport. Ecco! Questo sarebbe il coronamento della mia carriera: assistere alla sua inaugurazione, sapendo che l’Almanacco ne farà sempre parte, fra le colonne portanti dello sport livornese. Dunque il mio impegno futuro, sarà tutto rivolto ad appoggiare quanti lavoreranno alla realizzazione di questo magnifico sogno. Roberto Scotto