__MAIN_TEXT__

Page 1

!"#$%&'%()*%)+%$#"&#! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,

7"=%)S("G%(?%)N)+#==(! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6J@

-#./&0)*%)+%$#"&#"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 1

7"=%)S("G%(?%)N)K("(=0! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6F,

-234" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 56

S#=#'%'?%E.# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6FF

7889::4)*;4<7+47! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5,

3/#=# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6PF

!(&(=>?#& ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,@

M(EU0= ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6@,

A0=0"(&%)*0??#)BC#"=" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! D,

!(??($#?#" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5HD

A0=0"(&%)*0??#)BC#"=)-#??0E(?$0==%"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! DF

!0E'()BC#"=%$(" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !566

!"0E0&=(G%#&0)7?.(&(''#)5HH@ ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 1F

-%'()B/I! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 56F

7/=#.#I%?0)-?/I)*;4=(?%("! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! J,

!0E%)0)-/?=/"()V%E%'( ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !55,

7/=#.#I%?%E.#"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! F6

!/L%?(=#! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !55F

K("=%&L"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!"!" F1

:/LIW)N)X="/E'>%"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5D1

7=?0=%'()?0LL0"(" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! F@

:/LIW)N)+%#&E" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !51,

M(E0I(??)N)B#O=I(??! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! P@

:/LIW)N)+%$#"&# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !511

M(E0I(??)M?/)7&L0?E)+%$#"&#"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! @,

B'>0".("! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5@,

M(E0I(??)N)+%$#"&# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! @F

7BY("! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5P,

B#O=I(??)-?/I)+%I/"&%("! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! @@

XZ/%=(G%#&0! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5PF

M(E0I(??)N)B(%?#"E"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6H6

<0&&%E" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 5@F

Q(&G()BC#"=%$(! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6H,

<0&&%E)<($#?# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,H1

-(?'%#"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 666

<%"#)()B0L&#" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,61

-(&#()N)9&%#&0)'(&#==%0"%! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 65,

<%"#)()$#?#" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,6@

-(&#()-?/I)+%$#"&#" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 65F

<%"#)'#&)?;("'# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !,51

-(&#==(LL%#) ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !6,6

<"%(=>?#&! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,,6

-%'?%E.#! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6,1

A0?( ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !,,1

-"#&#.0="%E=%" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6DD

[%&*E/"O"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,DF

R%&&(E=%'(! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6DF

Q(.(" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,16

R#?O ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !616

B'(''>%"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,1F

!(==%&(LL%# ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 611

M"%*L0"! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ,J5)

7"=%)S("G%(?%)N)T/*#" ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! 6J1 1

Indice

Indice


Il saluto del Presidente della Provincia GIORGIO KUTUFÀ Sport promotore di valori positivi

È

con vero piacere che accolgo l’invito di porgere un saluto a tutti coloro che, durante l’anno trascorso, si sono resi protagonisti del consolidamento e della crescita dello sport nel nostro territorio. La provincia di Livorno da diversi anni è ai vertici della classifica ca nazionale per indice di spor sportività. Un riconoscimento che premia l’impegno di tutti quelli che operano per favorire la diffu ff ffu sione dell’attività fisica e sportiva fra i bambini, i giovani, e gli adulti di ogni età. L’Amministrazione Provinciale è partecipe di questo impegno, che persegue con grande convinzio-

Giorgio Kutufà

ne promuovendo manifestazioni, quali la Giornata dello Sport per tutti e il Premio Valenti alla Sportività, entrate ormai nella tradizione sportiva del territorio, e sostenendo le iniziative di associazioni, società ed enti. Iniziative che contribuiscono a diffondere ff ffondere un’idea della pratica sportiva come momento di benessere personale dove non esistono diversità di genere, di razza, di cultura, di età, di abilità. L’obiettivo che ci accomuna è quello di riconosce all’attività sportiva, motoria e ricreativa un ruolo sociale molto importante nella vita della nostra comunità, nella certezza che la diffusione ff ffusione

dello sport possa contribuire a migliorare la salute della popolazione, a prevenire il disagio e l’esclusione, a promuovere valori positivi come la solidarietà, il rispetto reciproco, la cooperazione, la tolleranza. Desidero quindi ringraziare, a nome dell’Ente che rappresento, tutti coloro che con impegno e passione si adoperano quotidianamente per avvicinare un numero crescente di cittadini allo sport attivo. Grazie al loro lavoro, lo sport rappresenta ancora un mezzo di educazione e di formazione, di integrazione sociale e di valorizzazione della persona. Giorgio Kutufà

Il saluto dell’Assessore allo Sport della Provincia FAUSTO BONSIGNORI

Fausto Bonsignori

È

con rinnovato piacere che saluto i lettori dell’Almanacco dello Sport, una pubblicazione che anche in questa edizione ripercorre le tante attività e competizioni che hanno visto impegnati gli atleti e le società sportive del nostro territorio.

Gli sforzi degli atleti, la loro abnegazione e l’applicazione continua per il miglioramento delle prestazioni hanno visto cogliere, anche quest’anno, risultati di grande rilevanza nelle varie specialità sportive. Il prossimo anno la nostra provincia sarà protagonista di un evento sportivo di rilevanza internazionale: il 10 maggio Livorno sarà sede di arrivo della quarta tappa del Giro d’Italia 2011 e il giorno successivo Piombino ospiterà la partenza della quinta tappa Piombino-Orvieto. Un’occasione unica per promuovere l’intera provincia, che per un giorno sarà sotto i riflettori delle tv di mezzo mondo. L’Amministrazione Provinciale ha promosso questo importante evento con estrema convinzione ed è già al lavoro, insieme ai Comuni di Livorno e Piombino, per

organizzare una serie di iniziative collaterali. Il Giro è un grande evento sportivo, di cultura e di promozione territoriale che assume anche più significato in quanto inserito nei festeggiamenti per i 150 dell’Italia Nazione. Ma accanto alle prestazioni di eccellenza vi sono migliaia di persone che dedicano con entusiasmo una parte del loro tempo libero alla pratica sportiva. Favorire ed incentivare la pratica sportiva come diritto per tutti i cittadini è uno degli obiettivi principali che l’Amministrazione Provinciale di Livorno persegue anche attraverso l’operato della Consulta Provinciale delle Sport. L’ organismo - di cui fanno parte i rappresentanti dei Comuni, il Coni, l’Asl, l’Ufficio scolastico provinciale, gli enti di promozione sportiva, tutte le federazioni e

3

le discipline sportive, le associazioni sportive dei diversamente abili - ha compiti di indirizzo e controllo sulle attività del Consiglio di Gestione del Piano Provinciale dello Sport e sulle attività di monitoraggio del movimento sportivo del territorio. Il connubio tra sport e turismo ha, inoltre, ispirato la messa in campo di molteplici progetti che la Provincia di Livorno promuove, sostiene e patrocina e che trovano nel Piano Triennale di Promozione Turistica la loro cornice di indirizzo. In questo quadro, lo sport insieme ai valori propri che la pratica sportiva porta con sé, assume anche un ulteriore significato: opportunità di sviluppo che il territorio può e deve saper cogliere. Un caloroso saluto e un augurio a tutti gli sportivi. Fausto Bonsignori

Provincia di Livorno

Lo sport come occasione di sviluppo del territorio


Il saluto del sindaco di Livorno ALESSANDRO COSIMI

Alessandro Cosimi

S

iamo giunti anche quest’anno al consueto appuntamento con l’Almanacco dello Sport, proseguendo una tradizione apprez-

zata dai nostri cittadini, che desiderano conservare questa pubblicazione come ricordo degli eventi sportivi che si sono succeduti nel tempo a Livorno. L’annuario riporta i successi di giovani atleti e di campioni, ma racconta anche di giorni di festa, di divertimento, di gioco e di cultura. Le difficoltà economiche che i Comuni stanno attraversando rischiano di contrarre il sostegno necessario a garantire agli atleti e ai ragazzi le pratiche sportive durante tutto l’anno. Ciò significa, purtroppo, mettere a serio rischio lo sviluppo delle nostre realtà e della presenza dei nostri sportivi ai vari campionati di settore. Lo sport aiuta i ragazzi a crescere in gruppo proponendo valori di onestà, correttezza e solidarietà, tenendoli al contempo distanti dai rischi rappresentati dall’ozio, dall’isolamento e dalla vita di strada. Per questo mi auguro, in tale momento di difficoltà generale, che possa nascere una spinta a una maggiore collaborazione tra enti locali e associazioni sportive, per far sì che tutti gli sport mantengano le offerte fferte ff erte ver ver--

so i giovani. In questo periodo di crisi economica, di fragilità di valori, di sgretolamento della cultura, di indifferenza fferenza rispetto all’alff tro, lo sport deve avere un ruolo, soprattutto educativo: mai come adesso. E io, che amo molto lo sport, e quando posso lo pratico, guardo con un sentimento di speranza e di entusiasmo al lavoro e al grande impegno degli sportivi livornesi che ci hanno regalato nel tempo vittorie, anche in competizioni mondiali. Con l’auspicio che il lavoro svolto per la realizzazione di questo annuario possa ser servire come modello per le future generazioni e accrescere l’interesse verso il mondo sportivo, lascio il mio affettuoso ffettuoso in bocca al lupo a ff tutte le associazioni sportive. A mio nome e dell’Amministrazione Comunale, voglio esprimere le più sincere congratulazioni all’Almanacco per l’ormai consolidata tradizione che esso rappresenta nella comunicazione sportiva livornese. Il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi

L

’Almanacco dello Sport è un volume da custodire gelosamente tra i ricordi, da sfogliare quando, ormai “pensionati” dello sport, farà piacere rivedere i volti di chi si è speso per raggiungere un risultato, per rendere onore a una città fiera e orgogliosa come la nostra.

Claudio Ritorni

Mi si chiede di stilare un bilancio dello sport 2010, ma chi più dell’Almanacco è testimone e narratore delle emozioni che abbiamo vissuto anche quest’anno attraverso gli atleti e le società livornesi? Le istituzioni, in sinergia con la città, hanno lavorato per promuovere e appoggiare ogni manifestazione sportiva, si sono impegnate per la crescita e l’ottimale organizzazione degli eventi, dalla Maratona agli incontri pugilistici, dalla nuotata del primo dell’anno al Palio Marinaro, per il quale ci auguriamo un riassetto senza precedenti. Per la prima volta è stato istituito un percorso di conoscenza e riconoscimento per gli atleti livornesi degli sport minori, attraverso la celebrazione di giornate speciali dedicate a ogni disciplina, anche la meno conosciuta. Come amministratore posso affermare ffermare che ci ff siamo mossi e ci stiamo muovendo per un più opportuno e equo utilizzo degli impianti esistenti, per la progettazione di spazi, ulteriori e più qualificati, di allenamento e prepara-

5

zione dei nostri atleti, per studiare possibilità d’incremento e sviluppo di tutto quanto è legato allo sport, cominciando a gettare le basi anche per un turismo sportivo di qualità, che può avere ritorni economici non indifferenti fferenti e ff utili per il nostro presente e il nostro futuro. È quindi un bilancio di sforzi comuni e azioni combinate, tesi alla valorizzazione dello sport a tutto tondo. E non solo. Lo sport, come diceva Azeglio Ciampi, ha in sé una grande responsabilità verso la società italiana. Ma è soprattutto nei confronti dei giovani che deve sentirsi responsabile e deve rimanere una solida pietra di valori, impegno e sacrifici. I nostri ragazzi e le nostre ragazze devono aver voglia di emularne lo spirito. L’Almanacco rappresenta la vetrina per rendere visibili i valori educativi trasmessi dalle singole società e i risultati sportivi delle squadre e dei ragazzi che ne fanno parte. Grazie a tutti coloro che collaborano alla sua continuazione e alla sua diffusione. ff ffusione. Claudio Ritorni

Comune di Livorno

Il saluto dell’Assessore Comunale allo Sport CLAUDIO RITORNI


L’Ammiraglio Rosati, sullo sfondo la nave scuola “Vespucci”

I

n qualità di Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio militare di Livorno rivolgo con vero piacere il mio più sincero e sentito saluto. L’Almanacco dello Sport con il passare degli anni ha assunto sempre una maggiore rilevanza nella informazione del settore per l’oggettività, la trasparenza, l’incisività e la concretezza, con cui è stata assicurata la diffusione ffusione della ff cultura dello sport. È un appuntamento fisso e saldamente inserito nel palinsesto degli eventi che riguardano Livorno, città in cui molte discipline (anche quelle definite in modo poco consono “minori”) trovano “terreno fertile”, in quanto l’intera popolazione è consapevole dei valori e degli insegnamenti che provengono dallo sport e che sono insostituibili strumenti di educazione. In tale contesto mi piace anche sottolineare

la particolare sensibilità al settore, che ho potuto direttamente riscontrare, da parte delle Istituzioni cittadine e del ter territorio. La predetta identità di approccio consente una corretta ed ampia diffu ff ffu sione delle varie discipline. I lettori attendono quasi con trepidazione il momento della pubblicazione, perché possono rivivere degli eventi sportivi, che hanno interessato atleti sia di fama internazionale che nazionale e sia di livello locale, che hanno dato lustro alla città di Livorno ed al suo territorio per i risultati conseguiti, per il sacrificio costantemente compiuto, per la serietà dimostrata nella gestione della propria vita e per il continuo impegno assicurato per raggiungere gli obiettivi prefissati, siano essi di qualsiasi livello. L’Almanacco non si limita a ricordare le prestazioni sportive, ma dà ampio spazio a tutto ciò che permette di raggiungere i risultati, quindi alla struttura organizzativa spesso basata su persone, che credono fortemente nell’altissimo valore dello sport e che prestano la loro opera a titolo di volontariato a favore soprattutto delle nuove generazioni. Tale aspetto rappresenta la fotografia delle piccole realtà sportive, quasi sempre non supportate adeguatamente, talvolta poco note se non nell’area di un numero esiguo di quartieri, ma senza le quali sarebbe impossibile poter solamente pensare di diffondere ffondere la ff cultura dello sport. La redazione dell’Almanacco è sempre particolarmente attenta al sociale; le manifestazioni che riguardano i nostri concittadini diversamente abili trovano giustamente ampio spazio, descrivendo le prestazioni dei singoli con naturalezza ed efficacia. 7

Per due volte ho sottolineato il ter termine di CULTURA e non è casuale, in quanto lo sport deve essere visto e soprattutto vissuto come un articolato e variegato complesso di tradizioni, miti, leggende, cognizioni, procedimenti tecnici, tipi di comportamento e di rapporti interpersonali trasmessi e caratterizzanti di un dato gruppo, di uno o più popoli o dell’intera umanità. Lo sport, contribuendo a conferire un armonico sviluppo delle capacità e delle qualità psicofisiche delle persone che lo praticano, riesce anche a mantenere elevato lo spirito di aggregazione potenziando sia l’identità personale che quella collettiva. È un linguaggio universale che riunisce le persone, indipendentemente dalle loro origini, retroterra culturale, convinzioni religiose e situazione economica. Chiunque prenda parte ad attività sportive e di educazione fisica ha l’occasione di sperimentare il puro divertimento, imparando al tempo stesso gli ideali di spirito di squadra e di tolleranza. L’atleta impara a gestire le proprie emozioni e scopre che proprio queste ultime sono le vere chiavi che mettono in moto i muscoli. Il rapporto esistente tra la mente e il corpo è senza dubbio paragonabile a quello che intercorre tra uno strumento musicale e la musica. Così come la musica ha bisogno di uno strumento per essere suonata allo stesso modo i muscoli, da soli, non compongono nessuna melodia. Affinché essi possano far risuonare la “musica” più bella, dovranno essere supportati da una personalità armonica, nel caso contrario i suoni saranno simili a quelli emessi da uno strumento non accordato. Non di rado si possono infatti notare atleti che, pur avendo curato ottima-

Accademia Navale

Il saluto del Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno PIERLUIGI ROSATI


Scotto PubblicitĂ Livorno


mente la preparazione fisica, falliscono miseramente una prova che sarebbe dovuta essere per loro un “gioco da ragazzi”. Questo perché l’atleta è il risultato di tre fattori che interagiscono tra loro e tutti egualmente importanti: il corpo, la mente e le emozioni. Elementi questi che devono essere curati tutti in eguale misura. E sono proprio le emozioni che per permettono di saper affrontare ffrontare sia le vitff torie ma soprattutto le sconfitte, cosa a parere mio molto importante. Il reale successo di un individuo infatti dipende non solo dal talento personale ma anche dalla capacità di sopportare la sconfitta. Troppo spesso invece non si riesce ad accettare l’insuccesso come esperienza utile per imparare e si ha paura del fallimento perchè la sconfitta è vista solo come una conferma della propria inca-

to saper vincere. Se è vero che alcuni sono più dotati di altri e che non tutti potranno arrivare alle Olimpiadi, è pur vero che è possibile migliorare sempre più i propri livelli di prestazione spor sportiva e riuscire a gestire gli ostacoli ed i fallimenti, in modo non solo da confer confermare la propria autostima ma anche di incrementare sempre più le proprie competenze e la fiducia nelle proprie capacità. Per tutto quanto precede è fondamentale riuscire a trasmettere questi valori, informando, educando ma soprattutto sollecitando le positive emozioni dei lettori. Con serena onestà mi sento di confermare il conseguimento dell’obiettivo da parte dell’Almanacco ed usando – concedetemi questa nota di colore – un termine militare direi: “Missione compiuta”. A tutta la redazione dell’Almanacco dello Sport che, ripercorrendo le attività sportive dell’anno passato, rimane come testimonianza per le future generazioni, un saluto ed un sincero augurio per le prossime edizioni. Ammiraglio di Divisione Pierluigi ROSATI Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno.

L’Ammiraglio Rosati durante una cerimonia

9

Accademia Navale

L’Ammiraglio Rosati insieme al Vescovo di Livorno e al Presidente della Provincia

pacità. Ma è proprio da questi sentimenti di inadeguatezza e di fragilità che dovrebbe scaturire il desiderio di rivalsa e di ben figurare, riuscendo quindi ad acquisire quella fiducia in se stessi che permette di fare emergere la forza e le potenzialità che ognuno di noi ha innate. Se siamo noi stessi i primi a non vedere queste potenzialità, esse rimarranno sempre nascoste ed inutilizzate. Le convinzioni che le per persone nutrono sulle proprie capacità hanno un profondo effetto ffetto su queste. Il solo ff pensare di essere in grado di affrontare ffrontare le sfide rafforzerà ff ff fforzerà la disponibilità dell’individuo a tentare imprese sempre più ardue. Superare queste difficoltà aumenterà la sensazione di riuscire ad affrontare ffrontare altre sfiff de e così via. Chi invece si blocca davanti ad una sconfitta, prepara egli stesso il terreno per la frustrazione. Ecco che quindi saper perdere è importante quan-


Gare remiere Dal mare ai fossi:

dove scorre la storia e la tradizione livornese delle gare remiere

Barche al Morosini prima della partenza

Il messaggio e l’insegnamento che ci deriva dalla storia è che, la tradizione remiera, è stata sempre garantita con gare diverse e spettacolari e, nel contempo, con formule organizzative di partecipazione diverse che si adattavano ai tempi

Il pubblico

11

ed alle necessità del momento. Nel guardare al futuro ed al superamento dei limiti che, negli ultimi anni si sono verificati, bisogna esaminare questi due aspetti. La storia del Palio procede parallela alla storia della città di Livorno, nel senso che in questa competizione confluiscono cultura e tradizioni in linea con lo stesso sviluppo urbanistico di Livorno. Le sue origini risalgono a prima della fondazione della città, quando esisteva l’usanza di celebrare grandi eventi con una regata. Il Palio dell’Antenna è il palio più antico. Tale regata che, fino al secolo XV, si svolgeva per solennizzare la festa della Madonna, veniva organizzata e finanziata dal nobile di un rione che, così acquisiva il diritto di vedere impiantata l’antenna di scalata nelle acque del fosso prospiciente la propria abitazione. La tradizione del Palio, ormai consolidata, continuò fino al secolo successivo quando assunse un aspetto meno pacifico divenendo una gara di imbroglioni, di remi e collisioni che si risolveva in veri e propri arrembaggi, con solenne scambio di remate (ancora oggi esiste nei regola-

Comune di Livorno

Fra le antiche tradizioni di Livorno che assumono ancora un interesse generale e spettacolare il Palio Marinaro è forse quella che ha più resistito al mutamento degli usi e costumi nello scorrere dei secoli. Da sempre è stata un’attrazione spettacolare popolare. Non sempre tutto è filato liscio, talvolta le polemiche o alcuni incidenti si sono frapposti, ma nel complesso questa tradizione ha, non solo allietato le stagioni estive dei livornesi, ma anche fatto vivere alla città una genuina passione. Possiamo, quindi, affermare ffermare che la praff tica remiera rimane l’ultimo vero bastione della tradizione di Livorno e merita di essere salvaguardata e valorizzata. Il fatto che questa tradizione abbia resistito a secoli di cambiamenti del costume e della società, deriva, soprattutto, dalla capacità che vi è stata, da parte di questo mondo e nei diversi secoli, di adattarsi ai cambiamenti ed alle necessità che emergevano, evitando di rimanere staticamente ancorato a rigidi schemi organizzativi, che con il tempo rischiavano di diventare superati.


Comune di Livorno

Il Venezia esulta

menti, quale traccia di quei tempi, una norma che vieta l’abbordaggio tra imbarcazioni). La fama del Palio delle barchette varcò i confini di Livorno per tutto il ‘700 e l’800. Il Palio più fastoso venne corso il 21 maggio 1766, per volere della nazione olandese che, per celebrare l’arrivo del nuovo Granduca Leopoldo, organizzò una grande “festa d’acqua” che si svolse nello specchio di mare del porto mediceo. Le quattro imbarcazioni ammesse al Palio, spinte da otto rematori con a bordo un timoniere ed un montatore, radunate a formare un quadrilatero, dovevano remare attorno al bacino tre volte, quella che, terminati i giri, riusciva con un suo componente dell’equipaggio, a salire sull’antenna e a prendere la banderuola, aveva vinto il Palio. La regata ha conosciuto alterne vicende e, finalmente, ha trovato, dopo essere caduta nell’oblio diverse decine di anni, nuovo slancio e vigore, facendo da manifestazione di apertura ad Effetto ffetto Venezia. ff Altre regate, risalenti al 1600, venivano disputate in acque interne, e quindi in un tratto del Fosso Reale su cui si affacciava ff ffacciava il palazzo del negoziante che, di volta in volta, finanziava l’evento “sportivo” più equiparabile a vere e proprie “giostre” medievali. A queste gare più di ogni altra si ispira La Coppa Ilio Barontini, spettacolare competizione a cronometro, che abbraccia il centro cittadino e si svolge ancor oggi nei fossi medicei. Gara che accoppia, insieme a questa antica tradizione, il valore più recente della partecipazione popolare e della democrazia,

essendo dedicata al famoso comandante partigiano. Tra le gare più spettacolari si annovera anche la Coppa Risi’atori, che ricorda la fatica dei nostri antenati scaricatori di porto che, per acquisirsi la possibilità di scaricare una nave, sostenevano gare estenuanti e pericolose, con imbarcazioni a remi. Emerge qui il rapporto con il Porto ed i suoi lavoratori e lo sforzo fisico paragonabile ad una vera maratona del remo. La gara ricorda anche Tito Neri, grande imprenditore del mare, che costruì un impero economico partendo dal lavoro di “risi’atore”. Infine abbiamo il Palio Marinaro, che si svolge in mare aperto di fronte alla terrazza Mascagni. L’origine è più recente (1926) e la gara è più adatta ad esaltare l’aspetto agonistico. I gozzi gareggiano in contemporanea in un unico campo di gara e l’aspetto spettacolare risiede soprattutto nei tre giri di boa e nel vedere otto imbarcazione a 10 remi, contemporaneamente in acqua. Questa è la gara dove più si esprime lo spirito competitivo e la passione dei livornesi e dei rionali. Altre gare vengono svolte in ricordo di imprenditori portuali come

D’Alesio e Lorenzini o appassionati del remo come Lubrani e Meoni scomparsi prematuramente, ed infine, per rievocare S. Giulia Patrona di Livorno. Ogni gara assume quindi una propria originalità e un proprio fascino e caratterizza l’estate livornese. Detto questo rimane da esaminare l’aspetto organizzativo della partecipazione. Storicamente non avveniva per rione, ma sembra per volere di ricchi commercianti o in altri casi per associazioni rappresentative delle diverse nazionalità. Non c’erano organizzazioni stabili. Con il passare del tempo, alle gare, hanno iniziato a partecipare comitati spontanei e, più di recente, anche circoli nautici ed organizzazioni del dopolavoro, non sempre riferibili ad un rione. È solo sul finire degli anni 20, del ventesimo secolo, che iniziano a partecipare i rioni. Alcuni degli attuali hanno gli anni di fondazione in quel periodo. Nel corso del ‘900 i rioni hanno subito cambiamenti, per esempio il rione “Cantine” si è trasformato in Pontino e poi si è fuso con il S. Marco. Rioni come l’Avvalorati o il S. Giovanni hanno ceduto i loro territori all’attuale Rione Venezia. Anche dopo la seconda guerra mondiale l’espansione della città ha portato alla costituzione di nuovi rioni o a nuove fusioni. Pensiamo al Torretta, confluito con lo Shangay. Quindi la storia dimostra che, il mondo remiero livornese ha sempre dovuto e voluto adattarsi alle necessità delle diverse epoche e anche la riorganizzazione dei partecipanti su basi diverse è possibile, se corrisponde, ad

Gino Falanga la memoria del Palio

12


Amaracord Palio

- garantire i meriti conquistati sul campo nel recente passato.

E proprio sui meriti recenti vogliamo concludere con le considerazioni sull’annata agonistica 2010. Nel mentre l’Ovosodo vinceva 4 pali consecutivi (2006-2009) il Venezia ha risposto con un grande rinnovamento.

Il Venezia alza la coppa

13

Ha costruito un equipaggio di giovani, molti dei quali provenienti dal vivaio del mini palio, selezionando un equipaggio ben proporzionato ed allenato che lo ha portato alla conquista del “trittico” 2010. Già nel 2009 era mancato solo il Palio. Del resto all’epoca l’Ovosodo aveva puntato tutto sull’ultima gara. Nel 2010 abbiamo assistito, fin dall’inizio della stagione, ad una marcia incontrastata del Venezia verso la vittoria più sentita, quella del Palio Marinaro. È mancato solo il Palio dell’Antenna, che e stato vinto dall’Ovosodo, bersaglio centrato dopo anni di onorevoli piazzamenti. Accanto al Venezia abbiamo avuto il trionfo al Palio a 4 remi da parte del Magenta Origine con ottimo secondo posto dell’Ardenza La Rosa. L’Antignano pur in possesso di un competitivo equipaggio si è squagliato al sole non partecipando neanche alla gara. I due rioni sono tornati a 10 remi ai danni della Stazione (rinunciataria alla gara a 10) e del Borgo Cappuccini che, dopo aver iniziato la stagione con ottime prospettive, ha finito per sbagliare proprio la gara più importante retrocedendo tra i gozzi a 4 remi. Vittorio Pasqui Gianni Picchi

Comune di Livorno

una necessità di rilancio e miglioramento della tradizioni. È con questa apertura che dovremmo affrontare il dibattito in corso, cercando di superare quei problemi di partecipazione che abbiamo avuto lo scorso anno e negli ultima tempi. I cardini della riforma dovranno essere: - salvaguardare, ove presenti, le tradizioni e i legami esistenti con i territori; - costruire entità rionali potenzialmente in grado di sopportare lo sforzo organizzativo richiesto dalla riforma, che non prevede un ripiegamento delle attività; ma, anzi, un rilancio in termini culturali, tradizionali ed agonistici; - scongiurare la presenza di entità deboli, evitare defezioni e problemi riscontrati negli ultimi anni (mancato ritiro del gozzo a dieci dopo aver vinto a 4 remi; defezione alla gara a dieci remi con abbandono del gozzo e conseguente indisponibilità a trovare rioni a 4 remi per passare a 10; defezione alle gare compreso il Palio marinaro; prestazioni agonistiche insufficienti di alcuni gozzi con ordini d’arrivo squilibrati; attività di cantina autoreferenziali con mancanza di stimoli agonistici e, di una seppur minima proiezione, nei territori di appartenenza; - garantire una disciplina regolamentare ai rioni, improntata a favorire l’apertura sociale e le regole democratiche;


Livorno Azzurra 2010 Premiati con il “Livornese di scoglio” on il 2010 l’incontro di premiazione, tra gli atleti azzurri ed il Comune di Livorno, compie vent’anni. Vent’anni dove è stato possibile vedere quanto la terra amaranto possa produrre in termini di atleti, che hanno vestito la maglia azzurra. Il carattere guascone; ma forte, il modo di non essere mai secondi a nessuno, ed il mare, o se preferite il FCI FGI FIC FIC FIC FICK FICK FICK FID FID FIDAL FIDS FIGC FIGC FIGC FIHP FIJLKAM FIN FIN FIN FIN FIN FIN FIN FIN FIN FIPM FIPSAS FIPSAS FIPSAS FIPSAS FIPSAS FIPSAS FIPSAS FIR FIR FIS

salmastro, con il suo libeccio, hanno dato una notevole spinta per salire sui podi di tutto il mondo. Basti pensare che lo scorso anno, nei saloni del Lem, sono sfilati cinquantaquattro atleti… azzurro-amaranto, per ritirare il “Livornese di scoglio”. Correva il 24 maggio. A premiare, oltre all’assessore allo sport, Claudio Ritorni, l’Ammiraglio dell’Accademia

Passuello Giuseppe W. Master: camp. del mondo strada e crono Bernardoni Enzo Senior: Oro a squadre Agamennoni Luca Campionati del mondo-4 di coppia Coppa del mondo-4 di coppia Beccatelli Emiliano Oro campionati del mondo-otto pesi leggeri Argento: Coppa del mondo-otto pesi leggeri Mannucci Filippo Coppa del mondo-pesi leggeri Gianni Maurizio Campionati del mondo-juniores K4 MT 1000 Pienotti Samuel Campionato europeo-k2 MT 1000 Coppa del mondo-senior K2 MT 1000 Puccetti Rachele Oro Internazionale di velocità-Juniores K4 MT 500 Borghetti G.Franco Trofeo delle nazioni-Arbitro principale Borgehetti Michele Master Mach di Palmestain I. Bronzo Festival Olimpico 110 HS Oro: Gymnasiadi-110 HS Camp. Mondiali-110 HS Turini Jenny Senior: 2° Class. a squadre. Camp. Mondiale Senior: 3° Class. individuale 1° Class. a squadre Campionato Europeo Bardi Francesco Nazionale: Camp. Mondiale U. 17 Nazionale: Gare Internazionali U.18 Nazionale: Gare Internazionali U. 17. Camp. Europei Chiellini Giorgio Nazionale A: Qualificazione mondiale 2010 Nazionale A: Confederation Cup Dell’Agnello Simone Nazionale : Camp. Mondiale U. 17 Nazionale: Camp. Europei U. 17 Ignudi Rachele Junior Jeunesse: Coppa di Germania Magnolfi Camilla Magnolfi 52 Kg: Camp. Europeo 52 Kg: Word Cup Costa Greta Juniores: Camp. Europei Sincero De Fusco Giulia Assoluta: Coppa Europea Len Nuoto Fondo De Memme Martina Assoluta: Meeting Reggio Emilia Detti Gabriele Ragazzi: Eyof-Festival Olimpico-4x200SL/4x100SL Ferretti Luca Assoluta: Camp. Mondiali 5Km. di fondo Florio Silvia Assoluta: Bronzo:Universiadi 200 SL Staffetta4x200SL ff ffetta4x200SL Francolini Federico Assoluta: Universiadi 200 RA Prex Gaia U20- Trofeo Internazionale Pallanuoto Tarquini Giulia Assoluta: Camp. Europei in vasca corta 100 e 200 RA Quarto Luigi Assoluta: Oro: Coppa del Mondo Ind. ed a squadre Assoluta: Campionati Europei Ind. ed a Squadre Aceto Luigi U21- Argento: Campionato del Mondo a Squadre Bellani Stefano Argento: Camp. Euro-Africano-Pesca in apnea squadra Di Fiandra Diego U21- Camp. europeo-Canna di riva Mainardi Stefano U21-Camp. europeo-Canna da natante Mungai Francesco Senior-Camp. del Mondo-Canna da riva Ramacciotti Maurizio Argento: Camp. Euro-Africano a squadra Volpi Marco Senior-Camp. del Mondo-Canna da natante Brancoli Giacomo U18-Tournee in Sud Africa U18-Tornei 6 Nazioni Chiesa Alberto U21-Argento: IRB Nation Cup Baldini Andrea Assoluta-Coppa del Mondo-Fioretto maschile Assoluta-Oro: Camp.Mondiale Indiv. ed a squadra

Navale, PierLuigi Rosati, ormai adottato, con immenso piacere, dalla città e dallo sport, Fabio Canaccini, allora responsabile dell’Uf dell’Ufficio Sport del Comune di Livorno, oggi in pensione, ed il vice presidente del Coni di Livorno, Mario Tinghi. Lo sport senza limiti, perché ogni disciplina è rappresentata. Lo sport a 360°. Questo è lo sport livornese.

Assoluta-Oro: Camp. Europeo Indiv. ed a squadra Oro: Prova Coppa del Mondo Assoluta-Oro: Pro va del Mondo-Escrime Int. Fioretto Bronzo: Prova Coppa del Mondo-P.Takamando Trophy FIS Calissi Olga Rachele U20-Oro: Prova Coppa del mondo Memorial Martinengo Giovanile-Argento: Camp. Europeo-Indiv. ed Oro a squadra Cadetti-Oro: Fioretto fem. indiv. e bronzo a squadra Cadetti-Argento: Camp. Mondiale ed argento a squadra FIS Lari Tommaso U20-Oro: Prova Coppa del Mondo U20-Oro: Prova Coppa del mondo fioretto Giovanile-Oro: Camp. Europeo Giovanile-Oro: Camp. del Mondo ed oro a squadra FIS Luperi Eduardo U20-Oro: Prova Coppa del Mondo U20-Bronzo: Prova Coppa del Mondo Cadetti-Argento: Camp. Mondiale Cadetti-Oro: Camp. Europei ed Oro a squadra Cadetti-Oro: Circuito Europeo Cadetti FIS Monaco Beatrice Giovanile-Oro: Campionati Europei indiv. Cadetti-Camp. del Mondo Fioretto Cadetti-Bronzo. Camp. Europei a squadra U20-Bronzo: Prova Coppa del Mondo indiv. ed argento a squadra FIS Nista Lorenzo Cadetti-Oro: Camp. del Mondo Fioretto Cadetti-Bronzo: Circuito Europeo cadetti Cadetti-Bronzo. Camp. Europeo indiv. ed Oro a squadra FIS Paroli Alessandro Giovanile-Oro Camp. del Mondo a squadra FIS Paroli Giulio Camp. del Mondo veterani fioretto Bronzo: Camp. Europei veterani FIS Saviozzi Tommaso Cadetti-Camp. del mondo a sciabola Cadetti-Bronzo:Camp Europei a squadra Cadetti-Bronzo: Circuito Europei cadetti indiv. ed oro a squadra FIS Vecchi Irene Assoluta-Camp. del Mondo Assoluta-Bronzo: Prova Coppa del Mondo Assoluta-Bronzo: Camp. Europei a squadra Assoluta-Giochi del Mediterraneo Assoluta-Camp. Europei U23 sciabola Giovanile-Arg. Camp. del Mondo indiv. ed argento a squadra FCIP Nevola Davide Juniores-Finale di Tennis in carrozzina FIT Arco Matteucci Antonio Senior-Bronzo: Camp. Mondiale –3D a squadra FITeT Stayanov Niagol Assoluta-Pro Tour Assoluta-Camp. Europei assoluti indiv. ed a squadre FIV Cordovani Riccardo Camp. Europei Camp. Mondiale-Finn Gold Cup Coppa del Mondo-Kieler Woche Coppa del Mondo-Settimana olimpica Coppa del Mondo-Trofeo della Principessa Sofia FIV Lardani Lisa Oro: Match Race Match Race-Isaf Nations Cup FIV Marrai Francesco Juniores-Youth World Championchip FPI Landi Giada Vinto ai punti: International Tournament-Boxam (Bulgaria) Italia Boxing Tour-Dual Match World Champion-Dual match Vinto ai punti: Inatrnational Tournament-Boxam (Cadiz)

15

Comune di Livorno

C


L’isola fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha una perimetrazione a mare divisa in due zone: la zona 1 che è riserva integrale e quindi inaccessibile e la zona 2 nella quale si può transitare, sostare, fare il bagno ed in una zona limitata,con apposito permesso, è possibile pescare. Ha una popolazione di 350 persone che vive prevalentemente di turismo, pesca ed edilizia. Il collegamento marittimo è garantito giornalmente dalla Soc. Toremar con potenziamento estivo tramite mezzi veloci di società private. Dal 1873 al 1986 è stata Carcere Agricolo, con un massimo 350 detenuti. Attualmente le strutture dell’ex-carcere sono abbandonate ma, fanno parte di un progetto di recupero attraverso il piano strutturale comunale, così che Capraia continuerà a crescere nel rispetto dell’ambiente e di un turismo consapevole di quello che l’isola offre.

Scotto Pubblicità Livorno

Capraia, una delle “sette perle” dell’Arcipelago Toscano, è l’isola più distante dalla Costa Toscana, 36 miglia. Vicinissima alla Corsica, 15 miglia, le è molto simile nel modo di vivere e nel dialetto. La sua origine vulcanica, una prima eruzione risale a circa nove milioni di anni fa ed una seconda a circa quattro, l’ha resa isola selvaggia, aspra con coste a picco sul mare. Queste sono le caratteristiche che la distinguono dalle altre isole ma, è grazie a queste, per scelta degli isolani storici che hanno ritenuto essenziale mantenere e conservare così il suo aspetto, che è oggi frequentata da molti turisti alla ricerca della sua natura incontaminata. Ha una superficie di 20 Kmq circa ed è possibile visitarla attraverso i vecchi sentieri usati una volta dai contadini, dai carbonai e dalla Marina Militare che aveva una postazione di rilevamento meteorologico sul Monte Arpagna , meta di coloro che amano fare belle passeggiate immersi nella natura.


Trofeo Accademia Navale Un nome che ci porta al mare, alle regate veliche, alla solidarietà, alla città di Livorno e alla sua Accademia Navale

D

al 22 aprile al 2 maggio 2010 si è svolta la 27a edizione del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno (TAN); una manifestazione velica tra le più longeve e articolate del Mediterraneo. Tradizionale apertura di stagione per molte classi di regata, il TAN unisce sport, cultura, spettacolo e attenzione per il sociale, in un ambiente sempre più internazionale. Il tutto a Livorno, lungo la sua costa e nella cornice del Villaggio TuttoVela, una città nella città, pronta ad accogliere gli appassionati di vela, ma anche turisti e semplici curiosi, sulle banchine del Porto Mediceo di Livorno. Banchine che hanno ospitato anche il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte, e alcune delle più belle imbarcazioni a vela della Marina Militare: la nave scuola a vela Palinuro e le barche da crociera Stella Polare, Orsa Maggiore e Corsaro II, tutte pronte a ricevere il pubblico a bordo. Né la nube del vulcano islandese Eyjafjakkajokull, che rischiava di frenare gli arrivi

delle marine estere, né quattro giorni di pioggia su 11 di durata, hanno scalfito la vitalità del 27° TAN, che sembra risentire meno di altre manifestazioni della crisi internazionale che ha colpito anche il mondo della nautica. Ospiti dell’Accademia Navale, sono arrivati a Livorno 20 delegazioni di Marine Estere, delle quali 18 pronte a sfidarsi nella classe J24. Dal Bahrein (per il secondo anno consecutivo vincitore del Trofeo Accademia Navale) alla Cina, dall’Argentina al Giappone, dalla Turchia all’Irlanda, i confini del TAN si sono ulteriormente allargati, permettendo un proficuo scambio culturale tanto tra cadetti di accademie navali così lontane tra loro, che tra mondo militare e società civile. Negli undici giorni del 27° TAN, si sono disputate 104 prove di regata di 14 classi diverse. Le imbarcazioni che hanno incrociato nelle acque di Livorno sono state oltre trecento, con 1287 persone a bordo. Qualche ormeggio libero sulle banchine è stato compensato dalla qualità delle imbarcazioni presenti. Da segnalare, l’arrivo

17

di Pandora, goletta a due alberi vincitrice della Garibaldi Tall Ship Regatta 2010 e il complessivo aumento delle Vele Storiche. Poi, il debutto nazionale della neocostituita classe Tridente, valido per la qualificazione alla finale del Campionato Nazionale “Trofeo Francesco Morosini” che si terrà a Venezia presso l’omonima scuola navale militare, e il successo della classe Optimist, che ha confermato la sua popolarità tra i giovanissimi. Condizioni di vento spesso incerte - costantemente monitorate dalla postazione Epson Meteo allestita sul posto per il TAN - hanno reso molto tecniche le regate d’altura - cui hanno partecipato pluricampioni della vela come Dodo Gorla, due bronzi alle olimpiadi, Mauro Pelaschier, timoniere della mitica Azzurra, Roberto Ferrarese e Paolo Semeraro. Se le classi Optimist e Tridente sono particolarmente adatte per avvicinare bambini e ragazzi al mondo della vela, 2.4mR e soprattutto Martin 16’ hanno consentito di gareggiare ad armi pari anche a velisti diversamente abili.

Trofeo Accademia Navale

27a edizione del Trofeo più longevo e poliedrico del Mediterraneo


Trofeo Accademia Navale

Uniti, mentre il 12° Trofeo delle Accademie Navali del Mediterraneo e del Mar Nero è andato alla Marina Turca. Nella classe Star, si sono aggiudicati il primo posto Emiliano Bianchi e Andrea Fornaro, dello Yacht Club di Favignana (TP). Per la nuova classe Tridente, il primo premio è stato vinto da Mario Mainero, per il Circolo Nautico di Senigallia (AN). Per 2.4 mR e Martin 16’, i primi posti sono andati, rispettivamente, a Romino Socci e Maria Giulia Brotini con Nedo Finocchio, tutti del Gruppo Vela Assonautica di Livorno. Per le altre derive, Olmo Cerri, per il Circolo Velico Pietrabianca di Vada (LI), ha vinto nella classe 4.20. Nel 470, primi sono stati Marco Rusticali e Simone Garoia, del Circolo Nautico del Savio di Lido di Classe (RA).

L’Ammiraglio di Divisione Pierluigi Rosati, Comandante dell’Accademia Navale, l’assessore al Commercio e Turismo Paola Bernardo, in rappresentanza della Città di Livorno, e il presidente del Comitato Organizzatore del 27° TAN, Capitano di Vascello Massimo Vianello, hanno premiato i vincitori di ogni classe. Primo nella classifica assoluta dei J24, l’equipaggio del gruppo sportivo Fiamme Azzurre della Polizia Penitenziaria, seguito dal team de “La Superba”, del Centro Velico della Marina Militare di Napoli. Tra le rappresentative delle Marine Estere, il Trofeo Accademia Navale è andato all’equipaggio del Bahrein, che ha confermato così il risultato dell’anno scorso e già si propone di fare ancora meglio in futuro, puntando al podio nella classifica assoluta. Il 17° Trofeo delle Accademie Navali è andato invece all’equipaggio degli Emirati Arabi

18


svolti in tutta la città, sono stati visitati da più di 100.000 persone. Regate, banchine ed eventi sono stati ripresi da 24 videoperatori e fotografi, mentre si sono accreditati 256 giornalisti. Le foto scattate sono state più di 11.000, con 15 fotogallery e numerosi video pubblicati sul sito web del Trofeo Accademia Navale (www.trofeoaccademianavale.eu). Sito che ha raccolto oltre 20.000 visitatori unici, con più di 100.000 pagine viste, e centinaia di link su siti e blog dedicati al mondo della vela. I contenuti del sito resteranno disponibili on line, costantemente aggiornati in previsione della prossima edizione. Le imbarcazioni di tutti i partecipanti al TAN hanno ormai mollato gli ormeggi, ma la 28a edizione del Trofeo Accademia Navale è già in cantiere, per prepararsi all’appuntamento con i 150 anni dell’Unità d’Italia e i 130 anni dell’Ac-

Nelle immagini alcuni momenti della 27a edizione del TAN

Trofeo Accademia Navale

Silvia Zennaro, della Compagnia Vela di Venezia, già ottava agli Europei assoluti, ha vinto la classe Europa, mentre la FEVA è andata a Cesare Massa e Francesco Bozano, dello Yachting Club Città di Genova. Nella classe O’Pen Bic Under 12 si è classificato primo Riccardo Mancini, dell’Associazione Sportiva Desenzano (BS); Giulia Striglio, del Circolo Nautico di Pesaro, si è aggiudicata il primo premio nella classe O’pen Bic Under 15. Negli Optimist cadetti, il Trofeo Accademia Navale è andato a Elia Vitali, ancora del Circolo Nautico del Savio; per gli Juniores, a Ettore Botticini, della Lega Navale di Follonica (GR). Passando alle imbarcazioni maggiori, per le vele d’altura della classe Orc1, ha vinto Nautilus Wave, costruita dai cantieri Nautilus Marina su progetto di Mauro Cossutti, iscritta al Nautilus Yacht Club di Roma, armata da Valente, Stillitano e Bernardo. Coconut, un M 37 della Lega Navale Italiana di Viareggio, armato da Sodini ha vinto nella classe ORC3. Nelle classi IRC1/2 il primo posto è andato a Zizì, un First 40 del Circolo Nautico di Marina di Carrara, armato da Susini. Nelle classi IRC 3/4 il trofeo è andato a Faster 2, il First 34.7 dello Yacht Club di Punta Ala (GR), armato da Focosi. Per le vele storiche, il Trofeo Accademia Navale è andato a Kipawa (1937), un “gentlemen racer” della classe nazionale norvegese dei 10 metri al galleggiamento e 16,40 m di lunghezza fuori tutto, armato da Claudio e Chicca Valtulini, di Varese. Volendo fornire qualche numero di questa 27a edizione del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno, oltre quelli comuni con l’evento velico, negli 11 giorni della manifestazione, gli stand del Villaggio TuttoVela (6000 mq di spazi portuali coperti con strutture espositive), così come le mostre, gli spettacoli, i convegni e gli incontri con Scuole e Istituti, che si sono

cademia Navale di Livorno. La gestione di un’organizzazione di queste dimensioni - e così articolata - è stata possibile grazie alla collaudata sinergia tra l’Accademia Navale, la sua Sezione Velica Marina Militare “Riccardo Gorla” e il Comune di Livorno, nonché con i sei circoli livornesi (la Sezione di Livorno della Lega Navale, lo Yacht Club Livorno, il Circolo Nautico Quercianella, il Circolo Velico Antignano, il Gruppo Vela Assonautica Livorno e il Circolo Nautico Livorno). Tra le partnership più importanti di questa 27a edizione del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno, si è confermato il main sponsor Paul & Shark, storico sostenitore del Trofeo, al quale si sono aggiunti i contributi provenienti da altre varie società ed enti, nazionali ed esteri, fra i quali Finmeccanica, il principale sostenitore del comparto Difesa, il Gruppo D’Alesio, Oltoffshore ffshore Lng Toscana, Bnl – ff Gruppo Bnp Paribas, Autorità Portuale di Livorno, Camera di Commercio di Livorno, Neri Group, Mbda, Vittoria Assicurazioni, Jaguar, Corsica Ferries, nonché il supporto tecnico di Ingemar, Microsoft, Benetti, Gewiss, Porto di Livorno 2000 e Bettarini. Enrico Vignola Capitano di Corvetta Addetto stampa, Trofeo Accademia Navale e città di Livorno

19


Scotto PubblicitĂ Livorno


CONI

Per una nuova cultura dello sport

Gino Calderini Presidente Provinciale del Coni

come una fase di “trasmissione educativa verticale” (dai genitori ai figli, dagli anziani ai giovani), si sta sostituendo una fase di “trasmissione comunicativa orizzontale”, dovuta agli effetti ffetti di una ff socializzazione prevalentemente televisiva in assenza di una efficace mediazione culturale di famiglia e scuola. Esplode, quindi, il problema giovanile di un’identità debole, di mancanza di punti di riferimento, di forti espressioni di disagio. In questo quadro lo Sport diventa un’esperienza comunicativa a largo raggio, favorisce possibilità di incontro e socializzazione e, soprattutto, è uno dei pochi fenomeni che riesce a dare sfogo alle EMOZIONI. Un fenomeno che riguarda, nella sua materialità, oltre 33 milioni di italiani, giornali sportivi per circa 3 milioni di copie giornaliere, 5 milioni di famiglie abbonate a Sky o Digitale Terre-

stre, 22 mila ore di trasmissioni televisive sportive annue e nella sua sfera immateriale, i Valori e l’Etica, la sfera educativa e pedagogica, la sfera della formazione, la sfera della salute e della prevenzione, necessita di risposte concrete. Lo Sport è il 3° Pilastro Educativo, occorre saper coniugare tutte le risorse delle Amministrazioni per far crescere la proposta di Sport nelle Comunità Locali; unendo risorse dell’Assessorato allo Sport, dell’Assessorato alle Politiche Educative, dell’Assessorato al Sociale e, soprattutto, includendo lo Sport come uno dei fattori importanti del “Sociale”, possiamo avviare un percorso per una Nuova Cultura dello Sport. Il mondo sportivo è disponibile e pieno di idee. Gino Calderini Presidente Provinciale del Coni

numeri raggiunti dallo Sport italiano, i risultati agonistici nazionali ed internazionali, la crescita della dimensione educativa e sociale dello Sport, messi in stretta correlazione con la difficoltà di risorse sempre crescente, proveniente dai tagli della Finanziaria e dalle restrizioni degli Enti Locali, impongono un’urgente ed improcrastinabile affermazione ffermazione di una ff Nuova Cultura dello Sport. Passati dalla dimensione iniziale (anni ’50 - ’60) di un’attività prevalentemente dedicata agli agonisti, attraverso una concezione o esclusivamente ludica o di “isola felice”, l’esperienza oggi di oltre 30 milioni di italiani praticanti attività sportiva induce a nuove proposte, a nuove progettualità, ma soprattutto ad una fase politica nuova, sia elaborata internamente dal Coni stesso, sia dalla Politica e dalle Amministrazioni Regionali, Provinciali, Locali. Lo Sport, che rappresenta una fetta importante del volontariato, non ha bisogno e non è pagabile con la consueta formula della “pacca sulla spalla”. Ad una fase storica che gli esperti (sociologi, pedagogisti, ecc) sottolineavano

Gino Calderini e Aldo Montano

21

CONI

I


Azzurri

Il saluto del Presidente

Rodolfo Graziani

R

itengo doveroso oltre che estremamente piacevole iniziare questo saluto con l’esprimere la soddisfazione personale e di tutto il Consiglio Direttivo per gli straordinari risultati che gli atleti livornesi, anche nel corso del 2010, hanno ottenuto in campo internazionale. Mi riferisco alla conquista delle medaglie in ambito europeo e mondiale assoluto di Andrea Baldini, Aldo Montano e Irene Vecchi nella Scherma di Luca Agamennoni e Emiliano Ceccatelli nel Canottaggio, di Luca Ferretti e Federico Turrini nel Nuoto, di Giulia Quintavalle nel Judo a cui si accompagnano, a livello giovanile, quelle di Tommaso Lari, Lorenzo Nista, Olga Rachele Calissi, Edoardo Luperi, Ivan Mac di Palmestein e i record mondiali di categoria di Irene Di Bartolomeo (Sollevamento Pesi) e Mauro Martelli (Canottaggio). In relazione a tutto questo, è doveroso rilevare che essere Presidente della Sezione Provinciale dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia è un onore e un privilegio che non ha uguali in nessun altra Associazione sportiva in quan-

to hai la fortuna di rappresentare atleti che da sempre, con stupefacente puntualità, rinnovano le grandi tradizioni sportive della nostra città con imprese che spesso sfiorano la leggenda. Ormai il nostro medagliere si sta av avviando verso il traguardo delle cinquecento medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute; tengo a precisare ancora una volta, che nel computo non sono conteggiati, ovviamente, i successi europei e mondiali degli atleti delle categorie Juniores e Giovanili altrimenti, per elencarli tutti sarebbe necessario non più un Almanacco ma una vera e propria enciclopedia. Come non ricordare, inoltre, tutti i nostri “Azzurri” che nel corso dell’anno hanno primeggiato nella varie discipline sportive “solo” in ambito nazionale? E come non ricordare che dietro i successi di questi atleti c’è il lavoro oscuro e determinante di tanti appassionati dirigenti, la competenza e la preparazione di tanti allenatori che mettono passione

ed entusiasmo per forgiare il fisico e la mente dei nostri giovani affinchè possano trovarsi preparati non solo ad af affrontare con successo l’agone sportivo ma anche le difficoltà che a volte la vita può riservare. Voglio esprimere inoltre un sentito ringraziamento a tutti coloro che con il loro sostegno materiale e di idee ci per permettono di organizzare manifestazioni e seminari di alto livello, la cui impor importanza è riconosciuta in ambito regionale e nazionale; mi riferisco ovviamente alle Istituzioni, alla Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, alla Camera di Commercio Provinciale, alla PortAuthority e a sponsor come D’Alesio Group, Lorenzini s.r.l., Spagnoli Costruzioni Immobiliari, Meucci Premiazioni, Fratelli Bartoli s.r.l. Un grazie di cuore con la speranza di averli sempre al nostro fianco per promuovere iniziative di grande richiamo per il prestigio del nostro sport e per l’immagine della città. Rodolfo Graziani

Da sx: Roberti, Calderini, Fabbricini, Graziani,Baraldi, Darin, Zanella

23

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia


Insieme per crescere Scegli la sicurezza di un grande gruppo bancario e assicurativo

Crediamo che investire sulle nostre risorse e sulla loro crescita umana e professionale costituisca lâ&#x20AC;&#x2122;unica strada per fornire ai nostri clienti un servizio superiore e ottenere i risultati che negli anni hanno premiato il nostro impegno e la salda coerenza ai nostri valori. Sono le nostre persone la chiave del nostro successo.


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

ARTI MARZIALI

Giulia Quintavalle

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Emiliano Ceccatelli - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Luca Ferretti - Samuele Pampana - Ilaria Tocchini - Federico Turrini.

PALLACANESTRO

Alessandro Fantozzi - Massimo Bulleri.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO Duilio Brignetti. PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

PATTINAGGIO ARTISTICO Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi. SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti - Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini - Irene Vecchi.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Giuseppina Miglioranza - Giovanni Ruberti - Matteo Savelli.

Gli Atleti Azzurri livornesi hanno conquistato alle Olimpiadi, ai Campionati Mondiali ed Europei assoluti 294 medaglie d’oro, 116 medaglie d’argento e 57 medaglie di bronzo. Complessivamente gli Atleti Azzurri livornesi sono saliti sul podio per ben 467 volte un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nell’élite dello Sport Mondiale . 25

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Atleti Azzurri livornesi vincitori di medaglie Olimpiche - Mondiali - Europee e Assolute


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 1992 1993 1994

med. Oro med. Oro sq.

Olimpiadi Pechino Campionati Europei

2008 2010

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo

Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Atene

1928 1928 2004

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Olimpiadi Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2004 2005 2006 2008 2010 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929 1930 1931

med. Argento med. Argento med. Argento Bartolini Enzo med. Argento med. Oro med. Bronzo Bertolani Alberto med. Bronzo med. Argento Bonciani Alberto med. Oro med. Bronzo Bracci Renato med. Argento med. Argento med. Argento Brondi Vinicio med. Oro Carlesi Ezio med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento Cecchi Dino med. Bronzo Checcacci Mario med. Oro med. Oro Ceccatelli Emiliano med. Oro med. Oro Cioni Vittorio med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento Del Bimbo Guglielmo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento Garzelli Mario med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Godini Ottorino med. Argento Gragnani Corrado med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento Grossi Oreste med. Argento med. Oro med. Bronzo Lari Dario med. Bronzo med. Bronzo Lari Stefano med. Bronzo

ATLETICA PESANTE Monti Michela Locci Stefania

ARTI MARZIALI

Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia

CALCIO

Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

CICLISMO

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Bianchi Bianco Bettini Paolo

Mancini Ivo Simonetti Mauro

CANOTTAGGIO

Agamennoni Luca

Balena Attilio Balleri Mario

Barbieri Renato

Barbini Fortunato Barsotti Dino

26

Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati mondiali

1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895 1896 1897 1899 1938 2009 1937 2009 2010 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938 1998 2005 1983


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Milani Cesare med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Nenci Eugenio med. Oro med. Argento med. Argento Persico Giovanni med. Oro med. Bronzo Quaglierini Ottorino med. Argento med. Oro med. Bronzo Razzaguta Niccolò med. Argento Rodinis Giovanni med. Argento Saettini Silvio med. Bronzo med. Argento Sebastiani Ettore med. Bronzo med. Argento Secchi Dante med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Taddei Alfonso med. Bronzo med. Argento Vestrini Renzo med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro Vestrini Roberto med. Argento med. Oro med. Argento Vestrini Pier Luigi med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899 1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

Olimpiadi Parigi

1900

med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

NUOTO Ferretti Luca Pampana Samuele

Tocchini Ilaria Turini Federrico

med. Argento

Campionati Europei Olimpiadi Atene

1991 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1968 1956 1957

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

1990 1991 1992 1993 1993 1993 1994 1995 1995 1985 1986

PALLANUOTO Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

PARACADUTISMO SPORTIVO Mancino Luciano

med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio

PUGILATO Brondi Franco Golfarini Remo Nenci Franco Sitri Mario

PATTINAGGIO ARTISTICO Tinghi Letizia

MOTONAUTICA Neri Enzo

2008 2010 1995 1998 2000 2001 1987 1995 2010

Fantozzi Alessandro med. Argento Bulleri Massimo med. Argento

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

PALLACANESTRO

SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

med. Oro sq. med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento med. Bronzo

Vivaldi Elisabetta

27

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Mannucci Filippo


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI PESCA SUBAQUEA

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Bacci Giuseppe Bellani Raffaele

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Bellani Stefano med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento Casini Guerrino med. Oro sq. med. Bronzo sq. Gasparri Carlo med. Oro sq. Giachini Cesare med. Argento sq. Mazzarri Renzo med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro Paggini Marco med. Oro sq. med. Bronzo sq. Ramacciotti Maurizio med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1983 1968 1970 1992 1994 1996 2001 2001 2004 2004 2008 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2004 2008

Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino

Mugnai Francesco Meloni Marco Volpi Marco

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq.

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990 1997 1999 1988 1990 1992 1993

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1999 1999 2000 2000 2004 2005 2005 2009 2009

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2009 2009 2009 2009 2010 2010 2010 1924 1926 1928 1928 1926 1926 1928 1931 1931 1960 1964 1966 1968

SCHERMA Abati Luciano Anselmi Renato

Baldi Baldo Baldini Andrea

PESCA SPORTIVA Berlucchi Massimo Canaccini Andrea

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro

Bini Bino

Chiavacci Giorgio

Chicca Pier Luigi

28


Curletto Mario

med. Bronzo med. Argento sq. Di Rosa Manlio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. Marazzi Andrea med. Oro sq. Marzi Gustavo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Campionati Mondiali

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. Montano Mario Aldo med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento Nadi Nedo med. Oro med. Oro med. Oro sq.

1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 1920 1928 1932 1932 1932 1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951 1936 1948 1938

29

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa

1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 2008 2009 2010 2010 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978 1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920 1912 1920 1920

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma Olimpiadi Europei Campionati Europei

1920 1920 1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960 2009 2010

med. Oro sq. med. Oro sq. Bernardini Rosanna med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento Menicagli Ottaviano med. Oro Ticchi Riccardo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977 1981 1985 1930 1904 1908 1910 1912

Pellini Giorgio

Puliti Oreste

Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Rastelli Giorgio Rigoli Rolando

Scuri Angelo

Tanzini Athos Ughi Ugo Urbani Dino Vaselli Maurizio Vecchi Irene

TIRO A SEGNO

Balloni Matteo

Renai Bruno

VELA

Barozzi Paolo

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

30

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 1966 1966 1967 1985 1983 1987 2000 2006 2006 2007 2008


Livorno e i suoi Campioni

O

rganizzata dalla Sezione Provinciale dell’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia, si è svolta, sabato 27 Marzo, presso la Sala Conferenze del Grand Hotel Continental di Tirrenia, la manifestazione “Livorno e i suoi campioni”, un evento che ogni anno intende dare visibilità e premiare gli atleti azzurri livornesi del presente e del passato che, con le loro imprese, hanno dato lustro allo Sport labronico. II Presidente Rodolfo Graziani ha fatto gli onori di casa dando il benvenuto a personaggi di spicco dello Sport e delle Istituzioni Civili e Militari quali il Vice Presidente Vicario nazionale dell’Associazione Carlo Plebani, il Segretario generale Roberto Roberti, l’Assessore allo Sport del Comune Claudio Ritorni, il Vice Presidente del CONI provinciale Mario Tinghi e in rappresentanza delle Forze Armate l’A.D. Pier Luigi Rosati, Comandante dell’Accademia Navale e

sportivo di altissimo rango. A condurre l’iniziativa il portavoce ufficiale della Sezione, l’azzurro Alberto Buonaccorsi che ha presentato Autorità ed atleti con la ormai riconosciuta competenza e professionalità. Dopo l’esecuzione dell’Inno Nazionale e il ricordo di due grandi nostri atleti scomparsi recentemente, il pugile Franco Brondi, campione europeo pesi leggeri e Luigi Ulivelli, olimpionico di Roma nel salto in lungo, ha preso la parola il Presidente Rodolfo Graziani che ha voluto rimarcare come nel 2009, ancora una volta, lo sport livornese abbia avuto una serie incredibile di successi tanto che ormai anche quotidiani come “II Sole 24ore” hanno eletto Il Presidente Rodolfo Graziani premia Ivan Mac di Palmstein 31

Livorno quale prima Provincia dello Sport nazionale. II Vice Presidente Carlo Plebani ha portato il saluto e l’apprezzamento dell’Associazione nei confronti degli atleti azzurri livornesi, mentre l’Ammiraglio Rosati ha sottolineato l’importanza della collaborazione Forze Armate CONI, collaborazione che ha sempre prodotto risultati eccellenti nelle varie discipline. Le premiazioni sono iniziate con la consegna del “Trofeo Atleta Azzurro Prestige” allo schermitore Andrea Baldini che, nel corso del 2009, è stato campione Europeo nel fioretto individuale e a squadre e ancora campione mondiale nel fioretto individuale e a squadre, firmando un’impresa che lo consegna di diritto nella leggenda di questa disciplina. Successivamente sono stati premiati gli atleti distintisi nel 2009, gli atleti che hanno cessato l’attività agonistica e tutte le discipline sportive; in questo contesto sono stati molto graditi gli stacchi da parte di autentiche promesse del “bel canto” quali Teresa Rotondo, Linda Fabbri, Giada Gallotta magistralmente preparate e dirette dal Maestro Fabio Ceccanti.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Atleti tra il pubblico


Atleti Olimpici e Azzurri dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Da sx: Buonaccorsi, Trainni, Drovandi, Lemmi, Martinelli, Mori, Parigi (Atletica leggera)

Da sx: Marsi, S. Ferrini, Puccetti, Sonetti, Mannucci, Martelli

Il Presidente ONVS Cesare Gentile premia Irene Di Bartolomeo (Pesistica)

Il Vicepresidente CONI Mario Tinghi premia Samuele Pampana

Roberto Roberti premia: Giardini, Baldocci, Bertei, Gonnelli, Imperata (lotta libera)

Da sx: Roberti, Plebani, Graziani, Rosati, Ritorni, Vannucci

32


Da sx: Macchia, Rigoli, Lari, Paoletti, Terreni, Vecchi (scherma)

Il Vicepresidente vicario ANAOAI Carlo Plebani premia Enrico Baldini (Padre di Andrea)

Cantanti alla ribalta: Teresa Rotondo, Linda Fabbri, Giada Gallotta, Maestro Fabio Ceccanti

Corrado Nastasio e Roberto Bastrei

L’Assessore allo Sport Ritorni premia Filippo Mannucci

33

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Da sx: Tassi, Nenci, D’orto, Golfarini, G. Carlo Ferrini (pugilato)


Vieni con noi, aiuta la ricerca per una migliore qualitĂ della vita contro le malattie ematologiche Sede Provinciale

Scotto PubblicitĂ Livorno

Via G. Donegani 2 - 57123 livorno Tel./fax 0586 892295 Cell. 335 5877673 ail.livorno@ail.it t www.ailivorno.it

Sede Cecina Via C. Torres 27 - 57023 Cecina (LI) Cell. 333 9348435


Rossano Vittori Un regista da campioni Un film voluto da Rodolfo Graziani e dedicato allo sport livornese e ai suoi Azzurri

R

ossano Vittori è un vero appassionato della livornesità e dei suoi campioni sportivi.

lui, Rossano Vittori, a cui certo non mancano le peculiarità del livornese di scoglio. Un uomo difficile da inquadrare per la sua poliedricità d’interessi e per le tante attività che ha svolta e sta svolgendo. Possiamo definirlo un regista, è sarebbe giusto, ma non completo, allora possiamo dire che è anche un poeta, ma non basta, Rossano è pure un giornalista, uno scrittore, un critico cinematografico, un saggista e spero di non aver tralasciato niente. Quando ci troviamo davanti a persone così vulcaniche il

de intellettuale degli anni ’50, ma anche in questo caso, quando il lavoro di tesi, era quasi terminato incontrai il mio amico Marco De Santi, oggi direttore artistico di EuropaCinema, che voleva realizzare un film. Questo mi fece scattare la molla, abbandonai, nonostante le insistenze del docente di letteratura

Rossano Vittori

Il film che sta girando, intitolato Campioni nello sport, ormai in fase di montaggio, uscirà nei primi mesi del 2011 ed è un grande omaggio, fatto con tutto il cuore e tutta la mente, ai suoi concittadini, alla loro determinazione e passione sportiva. Determinazione e passione non da poco se Livorno ha dato i natali a tantissimi campioni ed è la città più medagliata d’Italia; cosa che non smettiamo mai di dire e della quale non terminiamo mai di vantarci, tirando fuori il nostro orgoglio labronico. Ma il primo campione della lista è proprio

Franco Nenci

Remo Golfarini

compito di presentarle diventa veramente difficile. Lasciamo a lui l’incombenza. ““Non amo catalogarmi, anche perché faccio diverse cose e forse questo è il mio limite, ma mi piace vivere così. Fin da giovane mi è sempre interessato studiare ed ero ossessionato dall’idea di non poter continuare, perché i problemi economici in famiglia non mancavano, eravamo in tanti e non era così scontato poter andare a scuola. Fortunatamente ho potuto concludere gli studi superiori e poi all’università lavoravo per mantenermi. Frequentavo biochimica ed avevo già la tesi pronta quando arrivò la lettera di assunzione del Tirreno. Un lavoro fisso con la sua conseguente tranquillità economica mi incoraggiò a far quello che veramente mi piaceva, così lasciai il corso di studi in Biochimica e mi iscrissi alla Facoltà di Lettere, con l’intento di preparare una tesi sulla poesia o su Antonicelli. Avevo stabilito di laurearmi con il professor Guarnieri, gran-

35

italiana, la tesi e mi dedicai alla storia del cinema laureandomi su questo argomento. Il lavoro della precedente tesi l’ho poi ripreso in mano per farne un libro su Pirandelli e i rapporti con il cinema. In seguito ho scritto diverse pubblicazioni su Ettore Scola, di cui una proprio con Marco De Santi. Dopo la laurea mi dividevo fra il lavoro al giornale e le fughe a Roma, dove spendevo tutte le mie ferie e i permessi per fare cinema. Fino alla decisione di lasciare Il Tirreno per dedicarmi a tempo pieno alla macchina da presa. Gli impegni sono sempre tanti e purtroppo mi distraggono dalla mia grande passione che è la poesia. Ho pubblicato diverse raccolte,

Andrea Baldini

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Ilaria Tocchini


ma mi occorrerebbe molto più tempo per continuare”. Raccontaci del film Campioni nello Sport. “L’intento è quello di rendere onore e di far conoscere ai giovani i grandi campioni del passato, ma anche di celebrare quelli ancora in vita, troppo spesso ignorati e subito dimenticati appena cessano l’attività sportiva. Nel film ho voluto percorrere le gesta di oltre dieci atleti eccezionali: Federico Caprilli inventore della moderna equitazione, Nedo Nadi vincitore di ben sette medaglie d’oro a Stoccolma e ad Anversa nella scherma, il calciatore e allenatore Armando Picchi per arrivare alle recenti affermazioni ffermazioni di Giulia ff Quintavalle nel judo, degli schermidori Aldo Montano e Andrea Baldini, ma anche di Paolo Bettini nel ciclismo, Alberto Fantini nella vela, Riccardo Niccolini nella lotta, Fabrizio Mori nell’atletica, Franco Nenci e Remo Golfarini nel pugilato, Ilaria Tocchini nel nuoto, Letizia Tinghi nel pattinaggio, Luca Agamennoni e Filippo Mannucci nel canottaggio e gli indimenticabili Scarronzoni. Un percorso lungo oltre un secolo affrontato ffrontato attraverso ff interviste e filmati messi a disposizione dalle Teche Rai e dall’Istituto Luce, da cui emergono, oltre alle gesta sportive, le motivazioni di tali risultati. Risultati che a mio parere, non sono certo casuali, ma legati alla diffusa ff ffusa pratica sportiva del nostro territorio e, soprattutto, al carattere e allo spirito sportivo della nostra gente. Proprio per sottolineare la livornesità dei nostri personaggi, ho pensato di evocare, e coinvolgere nel racconto, quelli

Riccardo Niccolini

Luca Agamennoni

In omaggio a questo grande poeta ho voluto mettere nel film una ciclista che percorre il Molo Nuovo, altro importante simbolo di Livorno, mentre si ascolta la recitazione della poesia e alcune note di una canzone di Fiorella Mannoia. In altre scene vi è la musica di Pietro Mascagni, che si introduce nelle immagini e nelle interviste o i quadri di Giovanni Fattori che fanno da sfondo ai due schermitori Aldo Montano e Andrea Baldini mentre raccontano le loro imprese, per creare quel legame fra Campioni livornesi dallo sport all’arte”. La difficoltà più grossa che hai incontrato? “Nel mio ruolo non ne ho incontrate, però in generale ci sono state difficoltà economiche, quindi la fatica maggiore in questo senso l’ha dovuta affrontare ffrontare Rodolfo Graziani, ff presidente provinciale degli Azzurri d’Italia che ha voluto con tutto se stesso questo film e ha anche dovuto trovare gli sponsor. Mettere insieme tutti questi campioni poteva essere una difficoltà, ed invece non lo è stata. Sono tutti ragazzi molto disponibili, bravi e anche pazienti, perché le riprese sono durate anche un paio d’ore”. La cosa per te più bella? “Indubbiamente il poter incontrare questi campioni.

37

Mi ha gratificato molto. Io sono sempre stato uno sportivo e passare del tempo con loro, poter ascoltare le loro storie mi è piaciuto tantissimo”.

Giulia Quintavalle

Quale commento vorresti sentire da chi vedrà il film? “Non voglio essere gratificato io, che già tanta soddisfazione ho avuto nel realizzare questo lavoro, ma sarebbe bello se il pubblico si rivolgesse ai protagonisti per commentare: come sono forti! Rivolgendosi non al fisico, ma alla grande forza di volontà che tutti questi uomini e donne hanno saputo dimostrare, perché per ottenere risultati ci vuole una grande forza morale. Solitamente la gente pensa a questi ragazzi come a delle macchine, in realtà sono molto umani e dietro le loro storie c’è tanta determinazione, ma anche tanta sofferenza, fferenza, tanti infortuni, ff tanto carattere che emergono dal racconto delle loro avventure agonistiche”. Antonella De Vito

Letizia Tinghi

Si ringrazia Tommaso Imbimbo e

JOB_DV DIGITAL MOVIES

di Livorno, centro di videoproduzione e fotografia digitale, che si sono occupati delle riprese e del montaggio, per averci concesso la possibilità di pubblicare alcuni fotogrammi del film

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Fabrizio Mori

che ritengo siano altri Campioni come Pietro Mascagni, Amedeo Modigliani e Giorgio Caproni, che di quello spirito si sono nutriti e che ha segnato e alimentato la loro arte”. Cosa ti piace di più del tuo film? “Una cosa di cui sono orgoglioso è la poesia di Giorgio Caproni intitolata Scandalo, che lui dedica alla madre che andava in bicicletta negli anni ‘30 suscitando, appunto, scandalo. La poesia recita: Per una bicicletta azzurra, Livorno come sussurra! Come s’unisce al brusìo dei raggi, il mormorìo ! Annina sbucata all’angolo ha alimentato lo scandalo. Ma quando mai s’era vista, in giro, una ciclista?


Panathlon PANATHLON 2010: premio a Massimo Cosmelli come atleta livornese nella storia e a Francesca Ridi per il fair play

L

’attività 2010 del Panathlon Club Livorno si è conclusa con la Festa degli Auguri il 16 dicembre, nel corso della quale sono state effettuate ffettuate due importanti premiazioni: ff una all’Atleta livornese nella Storia e l’altra al Premio Fair Play 2010. Il Premio all’Atleta Livornese nella Storia è giunto alla sua quinta edizione e negli anni precedenti ha visto protagonisti Giusy Miglioranza per il windsurf nel 2006, Letizia Tinghi per il pattinaggio artistico nel 2007, Rolando Rigoli per la scherma nel 2008 e Fabrizio Gaetaniello per il rugby nel 2009. Per il 2010 è stato prescelto Massimo Cosmelli stella di prima grandezza del basket negli anni ’70 a livello nazionale e internazionale, con un record di oltre 160 presenze in azzurro.

Il premio Fair Play 2010 è stato assegnato alla giovanissima Francesca Ridi del Centro Atletica UISP di Piombino, studentessa di seconda media, per un suo gesto di eccezionale sportività al termine di una gara dei 60 piani, disputata a Pisa nel mese di settembre, nella quale si è vista assegnare dai giudici il secondo posto, al quale non riteneva di aver diritto, essendo arrivata quinta per un’errata partenza. Inutili sono state le precisazioni fornite da Francesca agli stessi giudici che sono stati irremovibili e le hanno comunque assegnato la medaglia, ma quando ha visto la sua avversaria Emma, alla quale avrebbe dovuto invece essere consegnato meritatamente il premio, che piangeva per la delusione, Francesca è scesa dal podio e l’ha raggiunta per consegnarle la medaglia.

Sintesi dell’attività 2010

39

Francesca Ridi premiata per il fair play dalla professoressa Elisa amato Nicosia, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale

Uliveto Terme in occasione del convegno interclub dell’Area Toscana su “Il basket italiano è in declino: come mai? E la Toscana come si comporta?” (relatore Lorenzo Gremigni con la partecipazione di celebri personaggi della pallacanestro come Massimo Cosmelli, Luca Calamai, Gianni Bambozzi, Franco Morini, Mascagni ed altri). Ottobre: conviviale sul tema “Lo sport è salute? Esperienze e statistiche ricavate dalle visite effettuate ffettuate al Centro della Medicina ff dello Sport di Livorno (relatore il Dr. Gian Paolo Ferretti che, purtroppo, è deceduto due mesi dopo). Novembre: conviviale sul tema “La pallanuoto come veicolo di maturazione dei giovani”, relatore Riccardo Tempestini ex nazionale ed oggi dirigente della Florentia Nuoto. Dicembre: festa degli Auguri. Alfredo Sisi

Panathlon International

Rolando Rigoli consegna la targa a Massimo Cosmelli premiato come atleta livornese nella storia

Gennaio: assemblea Generale Ordinaria dei Soci. Febbraio: celebrazione del ventennale dell’autonomia del Club e consegna del premio all’Atleta Livornese nella Storia edizione 2009, non essendo stata effettuata ffettuata nel ff corso della Festa degli Auguri del dicembre 2009 che non ebbe luogo a causa del decesso dell’ex Presidente Giacomo Serra. Marzo: conviviale sul tema “Fair Play e razzismo nel mondo dello sport” (relatore Renzo Ulivieri, presidente nazionale dell’Associazione Allenatori di calcio) Aprile: conviviale sul tema “Esame dei problemi e del futuro del Panathon a Livorno” trattato fra i soci. Maggio: disputa sui campi della Coop. Tennis Livorno Banditella della fase finale del Torneo di Tennis organizzato dal Panathlon Livorno fra i club dell’Area Toscana con conviviale per la premiazione. Luglio: conviviale all’Ippodromo F. Caprilli in occasione della disputa del Premio Panathlon di galoppo. Festa dell’Estate al Golf Club di Tirrenia. Settembre: conviviale al Parco Termale di


 

 

     

      

 

                   



              

    

                            

  

 

                                        

     

          



!"

#      

       

!       $  

                           



! 

                        

  



           



$%&%'()    (  


   

 

            

      $ %     $   &'('  

)

   $       $   $$     

                       

 

  $   

                                                       

               

                !  

  "   #             $            *

 

+,, 

  - ./&012'31(0-/&012'31&'


➠ Muratura in genere ➠

Ristrutturazioni complete chiavi in mano

➠ Rifacimento tetti e

facciate di ogni genere

➠ Impermeabilizzazioni,

isolamento acustico e termico su tutte le superfici

➠ Realizzazioni

dependance, piazzali, ecc.

Scotto Pubblicità Livorno

Preventivi e consulenze gratuite Ditta referenziata con possibilità di visionare nostre realizzazioni Impiego di personale altamente specializzato Rilascio di garanzie pluriennali per varie tipologie di lavori

SIAMO QUI PER VOI! METTETECI ALLA PROVA


Veterani dello Sport A

nche il 2010 ha avuto la sua giornata del Veterano dello Sport, per l’esattezza la 37a edizione, celebrata nella Sala Consiliare della Provincia di Livorno. Sono stati premiati i seguenti Atleti: Atleta dell’Anno Michele Silvestri. Premio d’Onore al Comandante Pierluigi Donolo. Premio Speciale Francesco Tosi. Premio giovane Emergente Alessandro Alderani. Premi UNVS a Giovani e Veterani distintisi nell’anno 2010. Erano presenti: il presidente della Provincia di Livorno Giorgio Kutufà, il comandante dell’Accademia Navale Pierluigi Rosati, l’assessore allo Sport del Comune di Livorno Claudio Ritorni, il presidente Provinciale del CONI Gino Calderini e il Presidente degli Azzurri e Olimpici d’Italia Rodolfo Graziani. Per il Consiglio Nazionale UNVS: il presidente Nazionale Gian Paolo Bertoni, il Segretario Generale Giuliano Salvatorini, il delegato Regionale Ettore Biagini, il Revisore dei Conti Giuliano Persiani, il presidente della Commissione d’Appello Pier Luigi Boroni e il membro Rudy Poli.

la specifica medaglia dell’UNVS e un bellissimo quadro del valente pittore e nostro socio Giancarlo Agostinelli raffigurante l’ultima vittoria dell’atleta conseguita ai Campionati Mondiali di Carrara da lui vinti. PREMIO D’ONORE: Comandante Pierluigi Donolo per la cultura PREMIO SPECIALE: Francesco Tosi, campione del mondo di tiro alle eliche PREMIO GIOVANE EMERGENTE: Alessandro Alderani, campione del mondo junior di tiro alle eliche DISTINTIVO D’ARGENTO E DIPLOMA UNVS: al socio Mario Fracassi PREMIO GRATITUDINE A: Enzo Sagone e Franco Meini, per la fattiva collaborazione offerta fferta alla Sezione nell’organizff zazione dei Campionati Italiani UNVS di nuoto master e mezza maratona. Alessandro Alderani (tiro a volo) con Gino Calderini presidente provinciale del Coni

I Presidenti delle Sezioni Toscane: Cecina Pietro Ginnani, Collesalvetti Vittorio Rocchi, Follonica Elvio Ticciati, Grosseto Paolo Landi, Lucca Quirino Miceli, Massa Mauro Balloni, Montevarchi Massimo Casi, Piombino Giancarlo Giannelli, Pisa Salvatore Cultrera, San Giovanni Valdarno Luciano Vannacci, Viareggio Raffaele ffaele Del ff Freo. Per la Sezione di Livorno: il Presidente Onorario Enzo Pantani, i membri del Consiglio Direttivo e vari soci. Numerosi familiari e amici degli Atleti Premiati.

Premiazioni

Il comandante Pier Luigi Donolo con il comandante dell’Accademia Navale Pierluigi Rosati

ATLETA DELL’ANNO 2010: Michele Silvestri arti marziali, al quale il Presidente Bertoni ha consegnato

43

Veterani dello Sport che hanno compiuto i 90 anni

t.BSJP -JCFSBUP -VDJBOP $BOFTTB Piero Pacinotti, Nello Bartorelli

Premi a veterani distintisi nell’anno per meriti sportivi Tiro al piattello eliche

t.BVSP (PSFMMJ BSHFOUP BM DBNQJPOBUP italiano tiro all’eliche t"OESFB .BSUJHOPOJ BSHFOUP BM DBNQJPnato italiano tiro all’eliche

Canottaggio

t.BVSP .BSUFMMJ DBNQJPOF JUBMJBOP FVropeo e mondiale di remo ergometro, domenica 11 novembre, insieme alla signorina Baran hanno battuto il record mondiale delle 24 ore di remo ergometro t"VHVTUP ;BNCPOJ DBNQJPOF JUBMJBOP europeo e mondiale di remo ergometro

Pesistica

t*MJP 1PMFTF DBNQJPOF FVSPQFP EJ 4JOHMF Lift specialità panca a Malta

Atletica

t3PTTFMMB #BSEJ DBNQJPOFTTB JUBMJBOB EJ lancio del martello e martello corto

Unione Nazionale Veterani dello Sport

La 37a edizione della Giornata del Veterano dello Sport


t.BTTJNP 5FSSFOJ DBNQJPOF JUBMJBOP EJ lancio del martello t-BVSB 'JPSFOUJOJ DBNQJPOFTTB JUBMJBOB di mezza maratona t"MFTTBOESP (JBDPOJ DBNQJPOF JUBMJBOP di mezza maratona

Arbitri e giudici di gara t.BSDP #PMBOP BSCJUSP "*"'*($ EFMMB CAN PRO (ex Serie C) t(JBOOJ #JDIJTFDDIJ BSCJUSP "*"'*($ EFMla CAN D t-VJHJ 3PDDIJ HJVEJDF JOUFSOB[JPOBMF QFS gare di vela

Nuoto t.BSDFMMB .JDIFMJ 1BPMB 3BNBHMJ -VDJBno Canessa, Sauro Toffi, Mirella Stagi, campioni italiani di nuoto, Delia Corti, Giulia Zanda, Maurizio Paoli, Manrico Paoli, campioni italiani di nuoto, Ilio Barontini, Franco Natale, Paolo Razzautti, Luciano Fattori, campioni italiani di nuoto

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Medaglie dorate agli atleti Nuoto

t'FEFSJDP 1JMMPOJ DBNQJPOF SFHJPOBMF 400 stile libero t"MFTTBOESP .BTJOJ DBNQJPOF SFHJPOBMF 50 stile libero t/JDPMB 5VSSJOJ DBNQJPOF SFHJPOBMF  dorso t-VDB 'FSSFUUJ DBNQJPOF &VSPQFP EJ OVPto di fondo master 5 km. e 5° classificato ai campionati del mondo 10 Km.

Rugby t(JBDPNP #SBODPMJ IB QBSUFDJQBUP DPO la nazionale under 19 allâ&#x20AC;&#x2122;incontro con i francesi. Attualmente è impegnato nel campionato di A/1

Ju Jitsu

t.BUUFP #BSUPMBNJ DBNQJPOF JUBMJBOP F 3° al campionato mondiale freestyle. t3JDDBSEP 3PDDIJ DBNQJPOF JUBMJBOP F ¡ al campionato mondiale freestyle. t.BSJOB 1BTRVBMPOJ DBNQJPOFTTB NPOdiale a squadre

Equitazione

t.FMJTTB #FSVUUJ NFEBHMJB EPSP BM DBNpionato toscano salto ostacoli. t#FOFEFUUB 7BEPSJOJ NFEBHMJB EPSP DBtegoria dressage junior. t-FUJ[JB 1BMB[[P NFEBHMJB EJ CSPO[P EJsciplina Horseball categoria allievi. t(BJB $BQPOJ NFEBHMJB BSHFOUP TBMUP ostacoli. t1JFUSP "MHSBOUJ DBNQJPOF UPTDBOP EJ salto ostacoli. t3FCFDDB 3VCJP NFEBHMJB EPSP DBUFHPria brevetti salto ostacoli. t-VOB 'BNJHMJPOF DBNQJPOFTTB JUBMJBOB salto ostacoli categoria amazzoni.

Cronometisti

t'FEFSJDP #BMEJ F 'BCJP %BJOJ HJVEJDJ JO grande evidenza nella loro specialità .

Scherma

t/JDDPMÃ&#x203A; $JMMBSJ (JBDPNP #JBTDJ 3VCFO Pasta, Saverio Aiello, Julia Terreni, Elisabetta Saviozzi, campioni regionali

Pallacanestro

t.BUUFP .BSUJOJ QVOUP EJ GPS[B EFMMB %PO Bosco. t/FOF %JFOF DBNQJPOFTTB FVSPQFB VOder 18. t-PSFO[P 'BOUPOJ HJPDB OFMMB TFSJF $ EFMla Libertas Livorno.

Pallapugno

t.BOVFMF 4QJOB DBNQJPOFTTB JOUFSSFgionale.

Il Delegato regionale UNVS Ettore Biagini premia Mario Fracassi

t.BUUFP 3JDDJ DBNQJPOF JOUFSSFHJPOBMF t%BSJP $IFMJ DBNQJPOF t JOUFSSFHJPOBMF

Atletica leggera t'SBODFTDP /FSJ DBNQJPOF JUBMJBOP MBOcio del martello. t'SBODFTDB "SHFMBTTJ DPOWPDBUB JO OB[JPnale per il lancio del giavellotto. t-PSFO[P F 4BNVFMF %JOJ DBNQJPOJ UPscani e convocati in nazionale per i 1500/3000 Mt. t-VDB .FTTFSJ DBNQJPOF JUBMJBOP EJ NBScia. t$MBVEJP $BQSBJ DBNQJPOF UPTDBOP EJ marcia. t(JBDPNP (VHMJFMNJ DBNQJPOF UPTDBOP di marcia. t(JBDPNP (SPUUJ DBNQJPOF UPTDBOP F TFcondo agli italiani nel lancio del disco.

Hockey e Pattinaggio

t"VSPSB $BSOJFSJ DBNQJPOFTTB SFHJPOBMF libero e combinata. t(JVMJB 1BQB DBNQJPOFTTB SFHJPOBMF MJbero.

Da sx Cesare Gentile presidente provinciale Unvs, Giorgio Kutufà presidente della provincia di Livorno e il comandante dellâ&#x20AC;&#x2122;Accademia Navale Pierluigi Rosati

Da dx: Piero Lilla, Nello Bartorelli e Mario Liberato vengono premiati dal Presidente Nazionale UNVS Giampaolo Bertone

44


Tennis

t*rene Adoncecchi, 3° classificata al campionato italiano U 14 t.JSFB 4JHOPSJOJ DBNQJPOFTTB UPTDBOF F vincitrice del Master Toscano di cat. C t%BWJEF (BMPQQJOJ ¡ DMBTTJöDBUP BM DBNpionato italiano a squadre t(SFHPSJP-VMMJ DBNQJPOFJUBMJBOPVOEFS Massimo Casi Presidente UNVS di Montevarchi premia i ragazzi dellâ&#x20AC;&#x2122;Associazione Sport Landia onlus

t#FOFEFUUB 3FODSJDDB DBNQJPOFTTB SFgionale libero e combinata.

Tiro con lâ&#x20AC;&#x2122;arco

t*BDPQP 1BMBOESJ DBNQJPOF SFHJPOBMF FE italiano. t'SBODFTDP .POUBHOBOJ DBNQJPOF SFgionale.

Karate

t"MFTTBOESP -B[[FSJ /JDP $JBMBOESBni, Alessio Martelloni, Nicola Spadoni, Giancarlo Abamonte, Giancarlo Bani primo posto ASI promozione sportive. Nicola Daddi, campione italiano CSEM a Lignano Sabbiadoro e 1° ai regionali Stefano Lunghi e Anthony Parisi, campioni regionali.

Canoa

t.BVSJ[JP (JBOOJOJ DBNQJPOF JUBMJBOP juniores. 8° ai campionati europei Mosca K4 mt.1000 e 7a al campionato mondiale maratona km. 22. t3BDIFMF 1VDDFUUJ CSPO[P BM DBNQJPOBUP italiano fondo 5000 e 11° al campionato mondiale di maratona km.18. t.BUUFP 7PMQJ ¡ DMBTTJöDBUP DBNQJPOBto italiano k4 Mt. 1000. 1° classificato a

Pesca sportiva

tMassimo Mazzanti, Andrea Vanni, Sara Gaia campioni provinciali t(JPWBOOJ (VBSHVBHMJOJ +PMF %JHJBDPNPantonio, Lisa Falchi, Chiara Gai campioni provinciali

Canottaggio

t Federico Kutufà , vincitore di diverse gare remiere a carattere nazionale e 2° classificato ai campionati regionali. t"OESFB#BDDJ ¡DMBTTJöDBUPBJDBNQJPOBUJ regionali e nazionali. t.BSDP $SFTFWJDI WJODJUPSF EJ WBSJF HBSF remiere a carattere regionale e interregionale.

Baseball junior

t(JPFMF %"OHFMP F .BUUFP 4BDDÃ&#x2039; QFS aver fatto parte della selezione regionale, categoria ragazzi.

Nuoto diversamente abili Associazione Sportiva Zenith

t&MFOB 7PMQJ DBNQJPOFTTB JUBMJBOB  .U dorso. t'FEFSJDP #BSUPSFMMJ DBNQJPOF JUBMJBOP 50 Mt dorso. t#SVOP .BTTJNP DBNQJPOF JUBMJBOP  Mt. SL. t%BWJEF 4JNPOJ DBNQJPOF JUBMJBOP  delfino.

Da dx: Luciano Canessa, Piero Pacinotti e Mario Liberato premiati dal Comandante dellâ&#x20AC;&#x2122;Accademia Navale Pierluigi Rosati

Canottaggio diversamente abili Associazione Sport Landia Onlus t Giacomo Oliviero, campione italiano 500 Mt. rana. t"OOB 'SFTDIJ DBNQJPOFTTB JUBMJBOF EJ remo ergometro. t.JDIFMB $FODJ DBNQJPOFTTB JUBMJBOB remo ergometro. t4BJE )NBVEJ DBNQJPOF JUBMJBOP EJ SFNP ergometro. t(BCSJFMF .PSFMMJ DBNQJPOF JUBMJBOP  Mt. SL.

Riconoscenza t"M $PNBOEBOUF EFMM"DDBEFNJB /BWBMF Amm. Pierluigi Rosati. t"M 1SFTJEFOUF EFMMB 1SPWJODJB (JPSHJP Kutufà . t"M 1SFTJEFOUF 1SPWJODJBMF EFM $0/* (JOP Calderini. t"MMBTTFTTPSF BMMP TQPSU $MBVEJP 3JUPSOJ t"M 1SFTJEFOUF EFHMJ "[[VSSJ 0MJNQJDJ dâ&#x20AC;&#x2122;Italia, Rodolfo Graziani. t"M 1SFTJEFOUF EFM 1BOBUIMPO $MVC -JWPSno, Lorenzo Gremigni. Al termine della cerimonia, il Presidente Cesare Gentile, ha ringraziato di cuore tutti gli intervenuti con lâ&#x20AC;&#x2122;augurio di ritrovarci il prossimo anno per festeggiare la 38a Edizione della Giornata del Veterano dello Sport. La manifestazione si è conclusa con una conviviale al Grand Hotel Continentale di Tirrenia, alla quale hanno partecipato Dirigenti e familiari delle Sezioni Toscane, e dellâ&#x20AC;&#x2122;UNVS nazionale oltre a numerosi soci della Sezione di Livorno.

Il tavolo delle autoritÃ

45

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Mengozzo k1 Mt. 1000 e 2° classificato al campionato italiano K1 mt.1000


Facciamo conoscenza con il campione dell’anno

M

Unione Nazionale Veterani dello Sport

ichele Silvestri è nato a Livorno anno 1990. Fin dall’età di cinque anni ha iniziato a frequentare la palestra di arti marziali dello Zen Club sotto la direzione del padre maestro 8° Dan Maurizio Silvestri. La sua carriera sportiva conta moltissimi titoli nazionali ed internazionali. Ha partecipato per due volte al Campionato mondiale negli Stati Uniti, due volte agli Open di Francia, salendo sempre sul podio per il primo e per il secondo posto. Già atleta emergente, seguendo corsi di perfezionamento in Giappone è stato promosso al grado di 3° Dan dal responsabile mondiale dell’antica

L’atleta dell’anno Michele Silvestri, premiato dal presidente nazionale Gian Paolo Bertoni

scuola Yamato Yoshin Ryued; insieme al padre è l’unico occidentale ammesso nella scuola giapponese. Il 30 e 31 ottobre 2010, a Carrara, ha vinto la medaglia d’oro Wtka nella specialità difesa personale e medaglia di bronzo nella specialità free stjle. Ha vinto inoltre l’Open mondiale di arti marziali a Lisbona nel mese di giugno, il Campionato italiano e la Coppa Italia. Nel torneo di Rimini si è qualificato terzo nel best fighter e da due anni è membro della nazionale italiana di arti marziali Wtka. Vincendo il titolo mondiale, per la prima volta nella storia è il primo italiano che toglie il titolo ai francesi.

Campionato Italiano Nuoto

N

ella grande Piscina Comunale “Simeone Camalich” di Livorno, il 12 dicembre 2010, si è svolta la tradizionale manifestazione natatoria “Festa degli Auguri” organizzata dal Dopolavoro Ferroviario di Livorno, in concerto con la locale Sezione UNVS, nell’ambito del Circuito Supermasters di Nuoto della Federazione Italiana Nuoto (FIN) e in occasione della quale, per le nuota-

trici e nuotatori soci dell’UNVS, si è compilata una classifica a parte, valevole quale Campionato Italiano Nuoto Veterani dello Sport.

Walter Carpi con Cesare Gentile

Marianna Camalich con Pantani

Luciano Canessa con Pantani

46


Campionato italiano di mezzamaratona

D

omenica 14 novembre 2010, si è svolto a Livorno il Campionato italiano di mezza maratona, inserito nel programma della 30a edizione della Maratona Città di Livorno. Alle ore 9.00 l’assessore allo Sport di Livorno, Claudio Ritorni, ha dato il via alla gara che dopo essere partita da via dei Pensieri ha fiancheggiato la strada dell’ippodromo e ha svoltato a destra per immettersi sul viale Italia e raggiungere

Alla manifestazione hanno partecipato 1600 atleti provenienti da diversi paesi e, come avvenuto, negli anni precedenti hanno vinto al 1°e 2° posto due Kenioti e al terzo un atleta marocchino. Per i Veterani dello Sport hanno gareggiato 70 atleti provenienti da 20 Sezioni Italiane. La giornata è stata clemente e al termine, nel Palazzetto dello Sport Palacosmelli si è proceduto alla premiazioni.

Ilio Polese

lio Polese, continua a raccogliere allori nella categoria master 64/69 anni della specialità “Bench Press” (sollevamento pesi su panca). Il 2 ottobre a Malta, in occasione del Campionato Europeo “Single

Ilio Polese festeggia la vittoria

Lift”, su panca, si è classificato primo, fra 144 atleti di undici nazioni, sollevando un bilanciere del peso di 112,500 chili. Quest’ultimo successo ha fatto seguito ai numerosissimi conseguiti nella sua attività iniziata nel 2001. Negli anni passati, escluso il 2009 che lo ha visto a riposo, ha vinto campionati di prestigio assoluto quali Regionali, Italiani, Europei, Mondiali, Coppa Nazioni e tante altre manifestazioni ad alto livello. Nel 2004, ai Mondiali in Belgio ha stabilito il record di sollevamento con 135 Kg. Record migliorato a 136 Kg. nel 2006, in occasione degli Europei di Varese. Nel 2007 ai Mondiali di Pescara ha stabilito un nuovo record. Che ha migliorato ancora gli Europei svoltisi in Belgio.

Che dire di un simile atleta? Caro Ilio sei tutti noi. Avanti così e per il tuo centenario solleverai il mondo.

Ilio Polese durante la gara

Nozze d’Oro con lo Sport

omenica 31 ottobre, alle ore 10, nella stupenda “Sala delle Baleari” del Palazzo Gambacorti, sede consiliare del Comune di Pisa, organizzata dalla locale Sezione UNVS, si è svolta la cerimonia delle “Nozze d’Argento e d’Oro con lo Sport”. In tale occasione sono stati premiati tutti quei soci UNVS, uomini e donne di tutta Italia, che avevano comprovato l’ininterrotta partecipazione, sia come atleti sia come dirigenti, alle varie discipline sportive. Alle donne erano richiesti 25 anni d’attività per fare le “Nozze d’Argento” mentre agli uomini era richiesta una militanza di almeno 50 anni. Della nostra sezione, che è stata la più rappresentata, hanno ricevuto la benemerenza: Gianfranco Abati, Roberto Bastrei, Nedo Chiarello, Giorgio Galleni, Roberto

Onorati, Rolando Rigoli e Piero Santalena. Nazionale d’Appello che ha nominato PreSono inoltre state premiate le Sezioni sidente l’Avv. Pier Luigi Boroni socio della UNVS di Foligno, Piacenza, Pisa e Sanre- nostra Sezione. mo per i 50 anni dalla loro fondazione. Ha fatto seguito il pranzo ufficiale all’Hotel Golf di Tirrenia in occasione del quale c’è stato il gemellaggio fra le Sezioni di BRA e PISA In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale, presso l’Hotel Golf di Tirrenia del 31 ottobre, si è riunita la Commissione Premiazione alla manifestazione “Nozze d’Oro con lo Sport”

47

Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

D

la località Miramare, dopo il giro della boa il gruppo ha proseguire verso il Cantiere Navale, dove si è svolto l’altro giro di boa per far ritorno al Miramare. Il percorso è stato calpestato per ben due volte, costeggiando al termine della manifestazione lo stadio comunale, per immettersi infine nella corsia del campo scuola dove era posto l’arrivo. Da sottolineare che il tragitto ha attraversato il viale interno dell’Accademia Navale di Livorno.


Canottaggio indoor: Mauro Martelli e Augusto Zamboni

D

Unione Nazionale Veterani dello Sport

omenica 15 giugno nella palestra Kiflow di Roma sono stati sbriciolati ben due record del mondo di canottaggio Indoor sulla ultra-distanza di 100 km.

Il nuovo record del mondo è stato fissato in 4h 57’ 44.5”. Gli altri componenti della squadra: Augusto Zamboni, Eva Sacchi, Paolo Sciutto, Mauro Martelli, Sasha Sicurani, Emanuele Romoli, Gianluca Santi, Davide Nasso, Alessio D’Ignazio, Gianluca Penta, Andrea Carbone, Carola Tamboloni, Sara Baran, Valentina Pezzano, Antonella Caser.

I ringraziamenti del team azzurro vanno alla Marina Militare, al Corpo delle Capitanerie di Porto, all’Accademia Navale di Livorno nelle persone del Comandante Amm. di Div. Pierluigi Rosati, i veterani sportivi di Livorno nella persona di Cesare Gentile, allo sponsor Inkospor e allo staff ff che ha permesso con la propria presenza e collaborazione la riuscita dell’impresa.

Mauro Martelli

La squadra della Nazionale Italiana Indoor Rowing “Mixed Large Team PL”, composta da 15 atleti della categoria “Pesi Leggeri”, ha fatto cadere il precedente record del mondo di categoria detenuto dai Neozelandesi (era 5h 17’ 27’’) e non paga ha battuto anche il precedente record del mondo assoluto (atleti senza limite di peso n.d.r) detenuto dagli statunitensi che era di 4h 58’26.2”.

La premiazione canottaggio Indoor

Trofeo Velico Accademia Navale Città di Livorno

D

al 22 aprile al 2 maggio 2010: undici giorni d’intensa attività sportiva. In questi giorni del 27esimo Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno, si sono disputati, infatti, la bellezza di 104 prove di regate a quattordici classi diverse. Le imbarcazioni iscritte erano 386, per un totale di ben 1287 regatanti. La gestione di un’organizzazione di queste dimensioni e così articolata è stata possibile grazie alla collaudata sinergia tra il Comune di Livorno, l’Accademia Navale, la sua Sezione Velica Marina Militare e i sei circoli livornesi partecipanti.

Il brutto tempo è riuscito a guastare la festa solo per meta: la premiazione non è avvenuta nel piazzale esterno dell’Accademia, sotto il brigantino Vespucci, bensì nella palestra all’interno. La cerimonia di premiazione è avvenuta alla presenza del Comandante dell’Accademia Navale, del Presidente della Provincia di Livorno, dell’Assessore del Comune di Livorno, del Presidente della Camera di Commercio e di alti ufficiali di altre forze armate cittadine. Era presente il presidente della nostra Sezione Cesare Gentile che ha premiato il 2°,3°,4° e 5°

48

classificato della classe Optimist Juniores con premi messi a disposizione dal nostro consiglio direttivo. I premiati sono stati: (2) Lorenzo Levista del Circolo Velico Piombino (3) Alfonso Massini del Circolo di Follonica, (4) Filippo Frassinetti del Circolo velico Follonica e (5) Jacopo Nardi del Circolo Piombinese. Al termine della cerimonia il Comandante dell’Accademia Ammiraglio Rosati ha ringraziato tutte le persone che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione e tutti i partecipanti alla cerimonia.


XXIX Trofeo di ciclismo per giovanissimi “Olimpio Bizzi” el pomeriggio di sabato 3 aprile 2010, alla Rotonda d’Ardenza, gentilmente messa a disposizione dal Comune di Livorno, con l’organizzazione tecnica del G.S. Montenero, del socio

Ultimi consigli prima della partenza

Unvs Paolo Quaglierini, e il patrocinio dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport – Sezione “Nedo Nadi” di Livorno, si è svolto l’annuale Trofeo di Ciclismo

per Giovanissimi dedicato alla memoria del compianto campione di ciclismo labronico Olimpio Bizzi. Alla manifestazione hanno partecipato ben 180 giovani ciclisti, di ambo i sessi, in età compresa fra i sette e i dodici anni, con le Società Sportive d’appartenenza provenienti da tutta la Toscana. Numerosi i genitori, parenti e amici dei giovanissimi atleti, che si affacciano ffacciano allo sport agonistico con il ff sogno di emulare le gesta dei più conclamati e noti campioni del presente e del passato. Il clima e la situazione meteorologica non erano delle più favorevoli, ma ciò non ha scoraggiato i rampolli su due ruote che con animosità, impegno e giovanile prestanza atletica, ancora in formazione, hanno faticato non poco contro il forte vento di libeccio che spirava in senso contrario quando l’anello sul quale gareggiavano li portava a guardare verso il sud. L’impegno e la valenza delle cicliste bambine non è stata da meno di quello dei maschietti, con i quali hanno gareggiato alla pari con grande orgoglio.

La partenza

Il tavolo con i premi

Al termine della disputa delle varie gare, sulla terrazza dei Bagno Lido, come sempre cortesemente disponibile ad aiutare la nostra manifestazione, è avvenuta la premiazione sia dei giovani atleti, fino al quinto classificato sia delle società d’appartenenza. Per la Sezione livornese dei Veterani Sportivi i consiglieri Pantani, Abati, Panariello e Liberato hanno distribuito gli ambiti trofei, accolti dagli atleti bambini con grande gioie e soddisfazione quale premio e riconoscimento della fatica e l’impegno profuso, anche se non vincente.

Un momento della gara

Gara di calcio per beneficienza Sabato 15 maggio, nel campo sportivo di Banditella, sotto un violento acquazzone, si è svolta la partita di calcio fra le squadre: AVIS DONATORI G.D.F. e “ALL STAR LEGHORN” composte da veterani dello sport ed ex calciatori quali Igor Protti, Stringara, Scalzo nonché glorie di altri sport. La gara è terminata con il punteggio 3-0 a favore della squadra ALL STAR OFF LEGHORN con due reti di Scalzo ed una di Fantozzi. Con questa iniziativa, la somma raccolta è stata devoluta interamente all’Associazione INSIEME PER LA VITA, in favore dei bambini bisognosi ricoverati presso il Reparto Pediatrico di Livorno. 49

Unione Nazionale Veterani dello Sport

N


Veterani dello Sport di Collesalvetti A Stagno grande “Giornata del Veterano”

U

no stesso ideale accomuna gli atleti, i giudici ed i dirigenti. Per questo abbiamo voluto fare della nostra festa un incontro aperto a tutte le componenti sportive nella convinzione che questa serva allo scambio di pareri tecnici e di esperienze per crescere sportivamente anche sul piano dell’ amicizia. Con queste parole Vittorio Rocchi il presidente dell’UNVS della sezione “Ivo Mancini” di Collesalvetti, ha aperto la “Giornata del Veterano dello Sport” che si è svolta nel complesso sportivo EOS di Stagno. Ha continuato poi, riservando un plauso particolare al sindaco ed all’assessore dello Sport del Comune di Collesalvetti e a tutti coloro che hanno reso possibile la riuscita dell’iniziativa: sponsor, autorità, soci della sezione, rappresentanti delle sezioni della regione, ed i colleghi del comitato organizzatore. La sezione, Ivo Mancini, di Collesalvetti dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport ha organizzato la giornata del veterano, nella quale sono stati premiati gli atleti che si sono distinti durante la stagione.

Sul palco per le premiazioni si sono avvicendati: Mario Fracassi, vice presidente Coni di Livorno, Cesare Gentile presidente della sezione di Livorno, Rodolfo Graziani presidente Azzurri d’Italia, Presidente Azzurri Amaranto, Rudy Poli, membro della sezione Ivo Mancini, Donatella Fantozzi, assessore allo sport del comune di Collesalvetti, Ettore Biagini, delegato regionale, Ettore Scarabelli, Pietro Ginanni, vice presidente sezione di Cecina, Maurizio Ceccotti, consigliere sezione di Collesalvetti, Giacomo Salvadorini, consigliere sezione di Collesalvetti, Renzo Bardelli, presidenti della sezione di Pistoia, Massimo Casi, vice presidente sezione di Collesalvetti, Fabrizio Nigiotti, Nella Migliorini, consiglieri sezione di Grosseto. A far da coordinatore il consigliere Gianfranco Baldini. La manifestazione si è aperta con il saluto del Presidente Vittorio Rocchi “In uno stesso ideale sono accumunati gli atleti, i giudici ed i dirigenti. Per questo abbiamo voluto fare della nostra festa un incontro aperto a tutte le componenti sportivi nella condizione che essa serva allo scambio di pareri tecnici e di esperienze per accrescere vincoli di amicizia”. Ma vediamo l’elenco dei premiati

e Chirurgia dell’Università di Pisa. Ha iniziato a mietere successi da giovanissimo, nell’ultima stagione agonistica. Maggio 2009, Campionato Italiano categoria Juniores kata 1° classificato. Giugno 2009 Imperia, Campionato Europeo WUCO cadetti/junior 2° classificato kata individuale e 1° kata a squadre. Novembre 2009 Campionato europeo per Club Valencia (Spagna) 1° classificato individuale Senior 2009 Roma: Campionati del mondo 1° class. Kata junior / 2°class. Kata Shotokan senior. 2010 Maratona italiana delle arti Marziali 1° class. Kata senior, 2° class. Kumite senior 65 kg. 2010 Open d’Italia 3° class. Kumite e 3° kumite a squadre. A conferire il premio il delegato regionale Unvs, Ettore Biagini con il rappresentante del comune Giacomo Salvadorini e il presidente Rocchi.

Premio Atleta Emergente Gabriele Detti. I suoi suoi primi successi nell’anno 2009/10, al passaggio nella categoria Ragazzi viene chiamato a far parte della nazionale giovanile. Nei recenti Campionati italiani svoltosi al Foro Italico

Premio Atleta dell’Anno

Il Presidente dei Veterani di Collesalvetti Vittorio Rocchi premia Roberto Scotto

Giovane campione del KATA è salito agli onori delle cronache sportive già da diversi anni, guidato dall’esperienza del Maestro nella disciplina del Karate Andrea Cerretelli 6 DAN. Alessio Martelloni, allenatore Fesik conseguito nel 2007 è iscritto al 3° anno del corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive alla Facoltà di Medicina

51

Gabriele Detti premiata da Mario Fracassi

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Atleta dell’Anno è il Campione di Kata Alessio Martelloni. Atleta Emergente il nuotatore Gabriele Detti. Numerosi altri premi distribuiti a società e singoli atleti


Scotto PubblicitĂ Livorno


Premio Giovani Promesse Maria Sole Ferrieri Caputi. Classe 1992. Dal 2005 arbitro della sezione “Baconcini” di Livorno. Per la sua personalità e professionalità passa in poco tempo dai Campionati provinciali a quelli regionali, per approdare poi nei dilettanti fino alla Promozione. Premiata dal V.P. Pietro Ginanni della sezione di Cecina.

Premio Fiaccola d’Oro

Carina Vitulano, classe 1975, professione arbitro di calcio, laureata all’università di Pisa in Ingegneria aerospaziale. Dopo aver arbitrato in campionati provinciali e regionali, passa ai dilettanti. Debutto al Campionato di serie D nel giugno del 2002 e subito dopo in campo internazionale con la Uefa e nel mese di settembre è designata in Champions League femminile nello stadio Olympic in Ucraina. Ritira il premio, consegnato dal consigliere Giacomo Stefanini della sezione Aia di Livorno con il rappresentante del comune Salvadorini, la sorella Nadia perché lei è impegnata in una arbitraggio.

Premio speciale A Maurizio Giannini classe ’92. Canoa. Ha conquistato il gradino più alto ai Campionati italiani di Torino. Inserito tra le teste di serie della Nazionale di Canoa Kayak. Campione d’Italia nel K2 juniores 7° nel k4 agli Europei di Poznam (Polonia). 6° ai Mondiali di Mosca nel K4 1000 metri. Prossima Partecipazione ai Campionati Mondiali di Maratona di Bayones (Spagna).

Il Maresciallo G.D.F. Ettore Scarabelli premia Simone Moretti

Vice presidente UNVS sez. Cecina Pietro Ginanni premia Maria Sole Ferrieri Caputi

Simone Moretti. Classe 1995. Atleta nato nelle file del Rugby Livorno. Inizia con l’Under 11 nel 2004/05. Dopo essersi messo in luce nei Campionati regionali entra a far parte (2008/09) della squadra della selezione regionale, con ruolo tallonatore. Nella stagione 2009/10, fa parte dell’under 16. Nel 2010 partecipa a tornei come Province in Francia classificandosi al primo posto. Ottimo atleta, veloce, forte, nonostante la mole. Elena Luti. Classe 1996. Fa parte della Società Arcieri Livornesi Dino Sani. Specialità Arco Olimpico. Importanti vittorie in campo interregionale. Primi posti a Pi-

stoia, Sarzana ed Lugliano (FI). Al termine della stagione è nel Ranking List, 69 indoor- Arco Olimpico 26 Targa. Andrea Buonacquisto. Classe 1996. Tira per la Società Arcieri Livornesi Dino Sani. Dopo numerosi successi interregionali si classifica nel Ranking List 2° Indoor Arco Compound e 3° nella classe Targa- Arco Compound, categoria ragazzi. 4° posto, 539 punti, Campionati italiani a Padova nella prova 18 metri RM-CO. 4° posto Campionato italiano tiro alla Targa all’aperto

Premio Giovane Emergente

Lorenzo Barbieri. Classe 1998. Fa parte della Società Arcieri Livornesi Dino Sani, specialista “Arco Olimpico”. Si distingue in varie prove interregionali e giochi della gioventù. Campionato regionale disputato a Firenze, Targa 2°. San Lorenzo in Triparzio (LU) indoor 2°.

Premio Prestige

Alessia Rocchi - Diego Lazzerini. Giovani talenti delle Danze Standard, insieme dal 2008. Titolo italiano per il 2009/10, categoria 19/34 B1. In questa stagione conquistano il primo posto ai Campionati italiani. A Roma nella specialità Combinata Standard - Latini nella categoria 1934 classe B2. E sono stati anche finalisti ai recenti Campionati italiani 2010

Tutti gli altri premiati

Si sono alternati sul palco per le premiazioni molte facce dello sport cittadino: Mario Fracassi vice presidente Coni di Livorno, Graziani Rodolfo presidente Azzurri Amaranto, Cesare Gentile presidente Unvs della sezione di Livorno, Gino Massei Presidente del Circolo Arci di Stagno, il Maresciallo Ettore Scarabelli, Giacomo Salvadorini consigliere del comune di Collesalvetti, Poli Rudi membro nazionale Unvs del Collegio dei Probiviri.

Le autorità

53

Unione Nazionale Veterani dello Sport

di Roma vince, con ottimi tempi, i 400 e 1500 sl. e si piazza terzo nei 400 misti. È stato convocato dal ct della nazionale per la Coppa Co.Me.No. il 19 e 20 giugno a Cosenza. A fine agosto ha fatto parte della selezione azzurra nel collegiale al Sestriere. Ritirato il premio la madre, sig.ra, Paola Morini, consegnatole dal vice presidente del CONI Provinciale di Livorno Mario Fracassi, perché Gabriele è stato convocato a Roma per il progetto Londra.


BA MBINO e TEEN AGER Abbigliamento e calzature da 0 a 16 anni

TANTE OCCASIONI SPECIALI A PREZZI IMBATTIBILI

Vasto assortimento

su

DELLE MIGLIORI MARCHE

ABBIGLIAMENTO CALZATURE ARTICOLI SPORTIVI

UOMO/DONNA/BAMBINO anche taglie forti

Aperto domenica pomeriggio (escluso agosto) Vasto assortimento abbigliamento e calzature per la caccia

Richiedi la tessera punti ed informati su tutte le nostre opportunità

Via Milano, 27 COLLESALVETTI (LI) - Ampio parcheggio Tel. 0586 962161 • e-mail: info@merjstore.com www.merjstore.it e-commerce - Pay Pal

Scotto Pubblicità Livorno

MAGLIERIA E INTIMO


Rudy Poli consigliere UNVS premia Maurizio Giannini

Cesare Gentile Presidente Sez. Livorno UNVS premia Elena Luti

Gino Massei Consigliere UNVS di Collesalvetti premia Giuliano Santucci e i bambini vincitori

Nella Migliorini Consigliere UNVS Sez. Grosseto premia lâ&#x20AC;&#x2122;arciere Lorenzo Barbieri

Rodolfo Graziani premia Alessia Rocchi e Diego Lazzerini giovani talenti della danza standard

55

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Atleta dell'Anno 2010 Alessio Martelloni premiato dal delegato regionale Ettore Biagini


Presentazione Almanacco 2009 Almanacco dello Sport da ventiquattro anni… e non finisce qui

Dall’Hotel Continental di Tirrenia al complesso polifunzionale della Bastia entiquattro anni fa, pur conoscendo a casa loro, e pensare a quanto fosse amato lo sport a Livor- quanti sacrifici e a quante no a qualsiasi livello, pensare di chiamare rinunce si sono sottopoa raccolta coloro che avevano scritto, per sti per raggiungere i loro loro ed i posteri, una pagina di sport, sem- traguardi, i loro successi, brava, ai più, l’idea di un sognatore. Guar- li fa sembrare di una padare oggi la sala dell’Hotel Continental sta diversa. Ed invece, pullulante di tute sportive dai colori più grazie allo sport, hanno svariati che ricordano la natura, ed osser- gli stessi “difetti” di qualvare le tante facce viste, e riviste, sulle pagi- siasi persona terrena. Ed ne dei giornali o alle tv di tutto il globo, è il in questo cammino, l’Almodo migliore per convincersi che i sogni manacco, ogni anno, riepossono diventare realtà. La realtà di una sce a meravigliare anche La platea nella sala dell’Hotel Continental terra, quella amaranto, che per conoscerla, coloro che lo fanno vivere, pagina per pagina. E col passar dei mesi, si vuole essere chiamata) Antonella De Vito, devi guardare negli occhi, ed ascoltare ciò che dice, da un foravia. Così potrai capire ha l’impressione che sarà difficile arrivare si riunisce per votare l’atleta dell’anno. Per il suo valore. E per ventiquattro anni, ogni al girono della presentazione. Ma quando giungere al verdetto finale è importante, edizione dell’Almanacco, riesce a far di- rileggi quelle pagine ti accorgi che, tutto, anche, l’ascolto dei vari rappresentanti diventa facile, perché Livorno, di anno in delle discipline sportive. ventare maiuscolo… il minuscolo. Lo scorso anno due erano gli atleti che Trentasei discipline con la targa… anno, sforna nuovi atleti, nuovi campioni. Li… che ospitano, di diritto, campioni Ed ad ogni edizione le pagine aumentano, ebbero i maggiori consensi, Andrea Balcome Golfarini, Nenci, Tocchini, Mori o segno tangibile di quanto faccia bene il dini, il mancino fiorettista e Ivan Mach di Dell’Agnello. Per scriverli tutti dovremmo salmastro. Ogni anno la redazione dell’Al- Palmstein, corsa ad ostacoli. Poi, come compilare un romanzo a puntate. Ed in- manacco, pochi giorni prima della presen- ormai è risaputo, vinse Ivan. Un ragazzo torno a loro autorità civili e militari, infatti, tazione, con a capo la sua direttora, (così d’oro, e non solamente nel carattere. Per quest’anno la griglia dei da diversi anni la maggior nomi è maggiore. Vedremo parte degli atleti gareggiachi potrà fregiarsi di questo no sotto le loro egide (Egititolo, ormai tra i più amda, dal latino aegis, a sua biti. Se la sede di Tirrenia volta derivato dal greco degli ultimi anni ha dato, aigís, è lo scudo di Atena). sempre, risposte positive, Nel lessico quotidiano egiquest’anno, per tornare ad da significa protezione e un tipo di manifestazione difesa. E chi, meglio di loro, diversa, dove non vi sia solo poteva prendere a… prol’atto della cerimonia;si tezione e difesa lo sport itaè pensato di dare un’aniliano? Dall’Accadema Nama che derivi dallo sport. vale, alla Brigata Folgore, Quindi dal profumo di un alla Guardia di Finanza, ai albergo al… profumo di rappresentanti del Coni, un impianto sportivo. Quel della Provincia, del Comuprofumo che solo lo sport ne, degli Azzurri d’Italia e può offrirti. L’organizzazioVeterani dello Sport. Una ne è convinta della bontà grande famiglia come una della sua scelta: la palestra mini olimpiade. Guardare della Piscina “Bastia”. in faccia gli atleti, sorridenGianni Picchi Ivan Mach di Palmstein premiato Atleta dell’anno ti e felici di essere premiati

57

Presentazione Almanacco 2009

V


Presentazione Almanacco 2009

Rappresentanza del Karate, Judo e Lotta Livornese

Rappresentanza della Scherma Livornese

Rappresentanza del Nuoto livornese

Rappresentanza del Cica Sub Livorno

Rappresentanza del Calcio Livornese

Rappresentanza del Pugilato Livorno

60


Rappresentanza del Pattinaggio Livornese

Rappresentanza del Baseball e Softball Livornese

Rappresentanza della Pallanuoto Livornese

Rappresentanza della Ginnastica Livornese

Rappresentanza della Vela Livornese

61

Presentazione Almanacco 2009

Rappresentanza del Tennis Livornese


ACI Livorno Sport

Ritorno al futuro con la Coppa Liburna l 2010 è stato un altro anno ricco di eventi e di altrettanti successi riscontrati dalla fervida ed incessante attività organizzativa dello staff ff targato Aci Livorno Sport. Ai due ormai tradizionali appuntamenti ‘elbani’ che si sono presto trasformati nel tempo in gare imperdibili per addetti ai lavori ed appassionati, trasformandosi in tappe fisse sull’agenda del movimento rallistico nazionale ed internazionale, la stagione appena trascorsa ha rappresentato una chiave di volta cruciale anche nell’ottica della graduale e meticolosa preparazione verso il ritorno in pompa magna di una gara già considerata ‘mitica’ in un recente passato dagli amanti dell’automobilismo nostrano e non: la Coppa Liburna. Oltre alle gratificazioni e ai complimenti ricevuti per il tanto consueto quanto perfetto allestimento del tandem di corse sulle strade dell’Isola d’Elba,

dall’intramontabile Elba Storico e Graffiti giunto addirittura all’edizione numero 22 sino al ‘gemello più giovane’ Elba Ronde (pronto a rifarsi però già il trucco dopo appena quattro edizioni e mutare formula in quella più spettacolare del Rally Due, dove al posto della solita prova Speciale ripetuta per quattro volte i concorrenti effettuano ffettuano un ff tandem di ‘piesse’ da correre altrettante volte ma senza la particolarità della possibilità di scarto del peggiore passaggio effettuato), ff ffettuato), l’annata agonistica ha quindi aperto i battenti nel migliore dei modi. Ad inaugurarla infatti, è stata proprio quella competizione che negli anni settanta/ottanta, ha rappresentato una vera e propria icona per gli esperi del settore, anche grazie a quella sorta di università delle corse su strada incarnata dalla celeberrima prova della ‘Traversa’. Ed un bagno di folla, prima della partenza ospitata dal tradizionale teatro della Rotonda d’Ardenza, durante lo svolgimento a bordo strada e al momento della premiazione, ha suggellato un momento magico per l’Aci Livorno Sport e l’automobilismo livornese. Un binomio tornato vincente quindici anni

dopo l’ultima apparizione dei rombi dei motori sulle strade di città e provincia. Per un segnale inequivocabile che l’amore labronico per la disciplina del volante quanto mai ricca di storia, aneddoti, trofei e piloti di successo ha continuato ad ardere sotto la brace. Un messaggio che autorità, amministratori e potenziali partner e sponsor non potranno ignorare, bensì recepire e tenere nella massima considerazione nell’ottica della continua e progressiva crescita di un evento che punta a toccare nuovamente i fasti degli anni d’oro. Quando la Coppa Liburna era diventata parte integrante dell’immaginario popolare e patrimonio culturale imprescindibile integrato nel Dna di un intero territorio.

Il podio della Coppa Liburna impegnato nei festeggiamenti

63

Andrea Puccini

ACI: Automobile Club d’Italia

I


Per i lettori dell’Almanacco dello Sport

uno sconto speciale del

15%

INSIEME PER OFFRIRVI IL MIGLIOR RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO


Rally Elba Storico - Trofeo Locman

N

Un altro momento dell’appuntamento con l’Elba Storico

l’evento organizzato da Aci Livorno Sport in collaborazione con gli sponsor Locman Italy, Moby Spa, Comune di Campo nell’Elba, Hotel Select, Eni, Ip Bozzi, Comune di Capoliveri ed ovviamente Automobile Club Livorno. L’evento motoristico tanto atteso sull’isola toscana, talmente ricco di storia e blasone da riportare a mente gli anni ruggenti dei rally a cavallo tra i ’60 e i ’70, si è così confermato appuntamento di rilievo sull’agenda del panorama motoristico internazionale (già nel 2009 Il consueto successo di pubblico e consensi a bordo strada per 12 nazioni rappresentate e l’Elba Storico

6000 persone transitate sull’Isola tra pubblico ed addetti ai lavori). In totale il percorso del rally misurava oltre 476 chilometri, dei quali 134,230 cronometrati: ben il 28,19% dell’intera distanza. La gara, valida quale ottava prova della serie continentale ed anche di quella italiana ACI-CSAI è stata portata a casa da Riolo grazie ad una condotta di guida spregiudicata, aggressiva ed efficace. Dopo aver duellato per tre quarti della prima tappa con il valtellinese Lucio Da Zanche (anch’esso a bordo di una Porsche 911) è poi riuscito ad aver ragione di lui chiudendo da leader provvisorio al termine della seconda giornata del venerdì. Nella successiva, quella finale, la strada di Riolo si è poi fatta in discesa grazie al ritiro per incidente del rivale, complice una “toccata” durante la seconda prova. Alle spalle dell’inossidabile pilota di Cerda (Palermo) si è scatenata una bagarre particolarmente accesa, dalla quale è poi emerso con merito l’altro valtellinese Luigi Marchionni in coppia con Lizzi, rivelatosi uno dei più brillanti e concreti dell’intero plateau di concorrenti: anche lui alla guida di una Porsche 911, che ha completato così il quadro di un dominio assoluto in fatto di modelli tra le auto partecipanti. La terza piazza assoluta è andata ad un altro siciliano, Marco Savioli (ennesima Porsche 911), anche lui concreto nell’andare a segno per le posizioni alte della classifica. Nella gara “Graffiti”, riservata alla regolarità Sport, ha vinto invece l’equipaggio formato da Paolo Pagni e Antonella Baldasseroni, con una Porsche 911.

A. P.

65

ACI: Automobile Club d’Italia

uovo successo per Salvatore “Totò” Riolo in una gara di Campionato Europeo ed Italiano di rally Autostoriche. È stato lui il primo a chiudere alla bandiera a scacchi sventolata al XXII Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy. Ma altrettanto notevole è stato il successo riscontrato a livello logistico dagli organizzatori, sia a livello mediatico che di presenze al via: 123 iscritti, suddivisi in 86 per il Rally ed in 37 per la Regolarità “Graffiti” per un totale di quattordici nazionalità rappresentate. La novità della prova studiata con passaggio interno al paese di Capoliveri ed un percorso nella sua interezza bello ed esaltante (come nella migliore tradizione del rally isolano), hanno fatto infatti da caratteri forti. Il successo dell’evento è passato anche dal web: la diretta internet curata da www.rallyrevival.it ha registrato ben 45.000 visite uniche ed ampiamente oltre le centomila a livello di “refresh”. Numeri da record quindi per


anche la competizione ‘gemella’ si è quindi impreziosita ulteriormente. Si è corso infatti su parte della “piesse” “del Monumento” e parte del “Colle Reciso”, percorsi da tempo nella storia mondiale della specialità. Questo è stato il teatro per la prima vittoria assoluta in carriera di Mannoni, conquistata sotto la bandiera a scacchi alla guida di una Peugeot 206 WRC del team lombardo GMA ed affiancato dall’esperto Davide Castiglioni. Il pilota di Campo nell’Elba è il quarto diverso vincitore di questa gara, quest’anno proposta con una nuova prova speciale. Mannoni ha preso il comando della gara dalla seconda Prova Speciale delle quattro disputate (con lo scarto del peggiore risultato siglato), riuscendo ad avere ragione di coriacei avversari, tutti dotati di vetture assai performanti. Il vincitore assoluto ha guarnito anche la torta con la ciliegina della conquista di un altro alloro significativo: il “Memorial Claudio Caselli”, dedicato allo sfortunato pilota, faro dell’attività rallistica isolana. Il Trofeo era riservato infatti a chi avesse vinto l’ultima prova speciale e lui lo ha fatto proprio pensando di fare una dedica forte all’amico. Le vicende della gara sono state caratterizzate soprattutto dalle prestazioni dei piloti elbani (in All’Elba Ronde non è mancato il pensiero ad un collega e amico ben ventisei al via), i scomparso troppo presto veri, grandi protagosive due si sono disputate sulla “Parata- nisti dell’evento. Ne è la conferma anche la seconda piazza assoluta, andata ad un Falconaia”. Stavolta ad aprire il sipario però è spet- altro valido driver locale, Alberto Anselmi, tato ad un altro teatro, una ribalta sicura- anche lui alla guida di una 206 WRC, pramente altrettanto esaltante e prestigiosa: ticamente gemella a quella del vincitore, quello della celebre “Due Colli”, un trat- sulla quale è salito per la prima volta. Una to lungo 11,600 km e lungo il quale gli gara grintosa, quella del pilota di Marciaappassionati avevano già avuto la gioia na Marina, che non correva – come pure di vedere sfrecciare i bolidi in un passato Mannoni – dalla precedente edizione del anche recentissimo, visto che aveva ospi- marzo 2009. Terzo Manuel Villa, al via con una Grantato poco meno di un mese prima la tappa di debutto del Rallye Elba Storico 2010: de Punto Abarth S2000, bravo a tagliare con start da Campo nell’Elba ed arrivo alle per primo il traguardo di tappa della prima porte di Portoferraio, a Bivio San Giovanni, prova speciale e a portare a casa anche il uccesso “casalingo” per Maurizio Man Mannoni, il pilota di Campo nell’Elba che ha guidato con autorità la nutrita pattuglia di interpreti locali presenti al via: la maniera migliore per ri ricordare Claudio Caselli, il pilota elbano scom scomparso di recente proprio alla vigilia del confronto sportivo, svoltosi lun lungo un percorso totale misurato sui 224,490 km (mentre la distanza cronometrata è stata di 46,400 km) e che ha potuto godere anche di uno scenario rinnovato. Una volta giocata la carta della storica “Monumento” sulla quale si è corso in occasione della prima edizione, le succes-

67

Trofeo Paolo Simoni. Successo elbano anche tra le vetture storiche: hanno vinto Galullo-Calandriello, con una Lancia Fulvia HF. Il Rally è stato poi anche il primo momento in cui è stato tributato un omaggio alla memoria di Claudio Caselli. È stato deciso di non assegnare il numero 18 nell’elenco iscritti di questa e di tutte le gare che si correranno in futuro sull’isola. Era infatti quello, il numero di gara che il compianto driver aveva sulle fiancate quando vinse la memorabile edizione 1992 del Rallye Elba, alla guida di una Lancia HF integrale, con la quale mise in scacco i migliori piloti italiani del momento. Soddisfazione da parte del promoter, ACI Livorno Sport, che ha visto premiati i propri sforzi organizzativi per proporre una gara che non andasse a disattendere le aspettative di chi vi ha preso parte ed anche di chi stava a bordo strada a vedere le evoluzioni degli equipaggi partecipanti. Il successo di adesioni di vetture WRC e S2000, l’arrivo di un notevole numero di iscritti considerando la saturazione del calendario toscano ed anche nazionale, parlano dunque di un successo pieno. Ciò decretato anche dai piloti stessi, che hanno eletto la “Piesse” disputata tanto esaltante da percorrere in gara quanto perfetta negli allestimenti di sicurezza.

Il duo Mannoni-Castiglioni festeggia il successo all’arrivo dell’Elba Ronde

ACI: Automobile Club d’Italia

S


Official Dealer

FURGONI

NOLEGGIO

AU TO & F U R G ON I BREVE, ME DIO E LUNGO TE RMINE

AUTONOLEGGIO

www.moversrent.it

9 POSTI

AUTO ...a partire da

54,14 euro ...a partire da

87,50 euro

...a partire da

*

26,66 euro

* * PREZZO ESCLUSO IVA E PAI, RIFERITO A NOLEGGIO DI 24 ORE ED INCLUDE 100 KM AL GIORNO

odeongrafica@idata.it

*

Powered by

GX6 OFFROAD 4x4 Ecomode benzina/gpl

â&#x201A;¬ 19.490

iva compresa, chiavi in mano

AUTO KM ZERO AUTO AZIENDALI AUTO NUOVE Numero Verde

800 942602

GA 200 PICKUP doppia cabina 4x4 Ecomode benzina/gpl

â&#x201A;¬ 17.440

ECOINCENTIVO DI â&#x201A;¬ 700,00 Forget your scooter www.estrima.com

OGICA

'$"& ## ECOL "# ## ' "& ' ""$!& ' $# "â&#x201A;¬  â&#x201A;¬ â&#x201A;¬  '$*!!& '#)% !  ' !!  

MAD IN

ITAL Y

E

RICA

ELETT


Liburna Asfalto na ‘Liburna’ a tutti gli effetti. ff ffetti. È stata infatti tutta di marca labronica la prima edizione della rinata Ronde Liburna Asfalto, la mitica competizione rallistica ospitata sin dalla metà anni ‘60 sino a 15 anni orsono dalle strade di città e provincia all’ombra dei Quattro Mori e riportata alla luce con coraggio e dedizione da uno staff di professionisti del settore come quello dell’ACI Livorno Sport. È stato infatti l’equipaggio composto dal driver Luca Baldini e dal fidato navigatore Massimo Agostinelli, a bordo di una Peugeot 207 S2000 del Power Car Team, a trionfare in questo nuovo appuntamento di una gara che ha potuto fregiarsi del blasonato nome/marchio “Coppa Liburna” di proprietà dell’Automobile Club Livorno. Dall’ultimo Rally “Elba-Coppa Toscana” datato 1996 era passato troppo tempo senza udire il rombo dei motori lungo passaggi considerati ‘mitici’ da addetti ai lavori ed appassionati come ad esempio quello della cosiddetta ‘Traversa Livornese’. Così, per Livorno, si è tratta di una doppia occasione da celebrare: avere l’onore di inaugurare il programma nazionale della stagione agonistica 2011 e poter festeggiare issando un concittadino sul gradino più alto di quel podio calcato in un passato più o meno recente da altri talenti livornesi doc, dal leggendario Dado Andreini in poi. Sbaragliando una concorrenza folta e serrata (ben ottantadue i partenti in totale, un gran bel risultato anche sotto il profilo partecipativo considerato il momento ancora di transizione che per tradizione a gennaio caratterizza l’organizzazione di

piloti e scuderie), l’eroe di casa Baldini ha trionfato per la prima volta nella sua pur lunga carriera che ha toccato livelli eccelsi anche nel circuito iridato. Già a partire dalla formula Ronde, che dopo la passerella della partenza di sabato pomeriggio alla Rotonda d’Ardenza davanti ad un’ottima cornice di pubblico malgrado il freddo pungente, ha previsto da regolamento ben quattro sfide lungo lo stesso tratto di strada. Comprensivo pure della celebre Prova Speciale della Traversa Livornese: un percorso che ha riportato la mente di tutti agli anni d’oro della gara, quando a cavallo tra gli anni ‘70 ed ‘80 aveva fatto da traino all’intero movimento, an-

nella prima prova della seconda giornata a causa di problemi ad un semiasse, ha però il merito di aver attaccato coraggiosamente spingendo sull’acceleratore nell’ultima e decisiva manche. Ma l’accento livornese sul podio conclusivo si è rafforzato fforzato grazie al secondo posto ff assoluto conquistato da Daniele Batistini, in coppia con Pinelli, entrambi al debutto con una Renault Clio S1600 della stessa squadra del vincitore. Il pilota originario di Suvereto, pur non avendo specifica esperienza su asfalto visto che è inversamente quotato come interprete nelle gare su terra, ha dato filo da torcere a Baldini per arrendersi appena con due decimi di ritardo.

Marco Macchi Spadoni su Fiat X1/9 classificatosi 3° nel Trofeo Italia Formula Driver 2010

che internazionale. Baldini, già passato in testa dopo il primo passaggio e poi sorpassato a sorpresa dal collega versiliese Nicola Caldani su Abarth Grande Punto S2000 che è stato in grado di conservare la leadership sino al terzo impegno cronometrato, è stato baciato anche dalla fortuna. Già favorito dall’incidente che ha messo subito incredibilmente fuori gioco uno dei rivali più quotati come l’altro livornese Giovanni Galleni (Skoda Fabia WRC), ha potuto poi beneficiare ulteriormente del forfait dello stesso concorrente diretto tradito sul più bello dal motore. Baldini stesso, staccato di 20” Tanto il pubblico che ha seguito la manifestazione

69

Infine, chiude il monologo tutto toscano il terzo classificato: a 4”4 dalla vetta, si è fermato il regolarista lucchese Egisto Vanni. Accompagnato però dall’ennesimo attore di casa, il livornese Morganti su un’altra Renault Clio S1600. Ai piedi del podio altro toscano: quarta piazza per il maremmano Stefano Sinibaldi, debuttante con una Peugeot 206 WRC insieme a Cappelli e quinto un altro livornese di nascita ma pratese di adozione, Fabio Bolognesi, vincitore anche del Gruppo N con una Mitsubishi Lancer Evo IX. Dopo la prima prova speciale trascorsa a regolare il set-up della berlina giapponese a trazione integrale, Bolognesi ha preso in mano la classifica del gruppo delle vetture derivate dalla serie festeggiando così al meglio il ritorno sulle strade che negli anni ottanta lo videro spesso protagonista di primo piano. Andrea Puccini

ACI: Automobile Club d’Italia

U


Scotto PubblicitĂ Livorno


Lorenzo Bogi Una valanga di entusiasmo, dalla moto al rally, sempre nel segno della velocità un uragano di energia e buon umore. Dieci minuti in sua compagnia bastano per caricarsi di energia e guardare la vita in modo diverso, sicuramente più positivo. La particolarità di Lorenzo Bogi è che riesce a trasmetterti tutto questo stando su una sedia a rotelle dove è costretto a vivere da 5 anni, cioè da quando è uscito di strada con la moto. Ma lasciamo a lui la parola, perché vale la pena fermarsi a riflettere su quello che ci racconta. “Sono nato il 5 agosto del 1973 e sono rinato il 12 agosto del 2006 quando sono uscito dal coma. Correre in macchina nei rally è sempre stata la mia passione, ed ho iniziato appena ho potuto cioè a 18 anni quando ho preso la patente. Fin da piccolo mia mamma mi portava, insieme ai miei amici, in giro per la Toscana a vedere rally, anche lei è sempre stata una grande appassionata ed ha saputo trasmettermi questo amore. Ho corso fino al ‘97

quando ho dovuto smettere perché gli impegni con il trofeo Peugeot e Citroen erano di 8 o 9 competizioni l’anno e non ce la facevo più a conciliare sport e lavoro, era molto pesante e così decisi di abbandonare i rally”. Non possiamo credere che tu sia stato senza fare niente. “Infatti, nel ‘99 ho comprato una moto da strada perché comunque la velocità mi mancava, ma mi resi conto ben presto che era pericoloso correre nelle vie percorse da tutti. In quel periodo persi anche due amici a causa d’incidenti stradali, così pensai che andare in pista sarebbe stato più sicuro. Nel 2001 ho comprato la moto adatta e ho iniziato a disputare diverse gare come il Trofeo Q8 e il Trofeo Moto Estate, ma anche in questo caso era necessario avere tempo e soldi e comunque questa attività non aveva un grande fascino per me. Così alcuni amici mi portarono ad assistere al Campio Campionato italiano velocità

in salita, dove tutto è più umano, più bello, più reale e veramente spettacolare. È stato amore a prima vista e non ho esitato a dedicarmi a questa disciplina”. Fino a quando hai corso in moto? “Fino al 2006 quando nella gara Sillano – Ospedaletto, penultima di campionato, sono uscito di strada. Il giorno prima, il sabato, compievo 33 anni e mi hanno raccontato, perché io non ricordo più niente delle ore precedenti l’incidente, che abbiamo festeggiato con tutti gli amici. Il giorno seguente, durante le prove ufficiali di gara, mi sono schiantato in un punto molto veloce del tracciato a 190 chilometro orari. La situazione è stata subito critica, non avevo più battito cardiaco, ma la fortuna ha voluto che a soccorrermi fosse un bravo medico che ha preso la decisione giusta intubandomi senza perdere tempo. L’elisoccorso prima di caricarmi ha aspettato 45 minuti, perché c’è una regola che stabilisce che non si può morire a bordo e con me tutto lasciava credere che dovessi morire a breve. Infine, ne, mi portarono a Pisa ma dissero ai miei genitori che non sarei vissuto più di 5 giorni; avevo 3 trauma cranici, 17 vertebre e 5 costole rotte, il polmone perforato e il bacino

Automobilismo

È

71


Al centro di riabilitazioni mi ero adatto bene perché tutti erano nella mia stessa condizione, le strutture erano adeguata alla car carrozzina, era un ambiente protetto, dove continuavo a sperare di poter fare altri progressi e tornare a camminare. Poi ti rendi conto che non è più possibile, arriva il momento di uscire dalla riabilitazione e devi ritornare alla vita di tutti i giorni. Non è facile richiamare gli amici che da tanto tempo non vedi, per dirgli che adesso sei sulla sedia a rotelle. Anche i miei genitori ebbero bisogno di qualche gior giorno per realizzare che dovevano adattare la casa alle mie esigenze, abbattendo le barriere architettoniche. È stata dura, ma poi si supera tutto e si ricomincia a vivere, anche perché io ho tanta voglia di vivere”. Ti sei dedicato a qualche sport nel periodo della riabilitazione? “Sì, ho fatto nuoto, tennis, basket, sci. Una volta uscito dalla riabilitazione ho provato a continuare con queste attività, ma non ce l’ho fatta. Sono tornato a casa a marzo e a maggio ero già a vedere la prima gara del Campionato italiano in salita”. Come è andato il rientro nel tuo ambiente? “È stato molto bello ed emozionante, non solo per me ma anche per i miei compagni. Non è stato semplice per loro alla partenza vedermi sulla sedia a rotelle e sapere che l’anno precedente ero con loro in gara, comunque tutti sono venuti a salutarmi, a stringermi la mano o mi hanno fatto un cenno al momento del via. Ho incontrato persone meravigliose, l’anno dopo mi hanno fatto

Automobilismo

rotto in due, ma soprattutto le emorragie erano talmente tante che non lasciavano speranze. Il medico spiegò che avrebbe potuto provare ad operarmi, ma era molto rischioso proprio a causa di queste emorragie. I miei genitori dettero il consenso, credendo giustamente che non aveva senso aspettare la mia morte senza fare niente, tanto valeva tentare l’impossibile. Andò bene, sono sopravissuto a sei ore di operazione e dopo 12 giorni di coma mi sono svegliato, anche se non capivo cosa mi fosse successo. Ci tengo molto a dire che nel periodo di coma io ho continuato la mia vita, andavo a lavorare, incontravo gli amici, come se fossi stato nella vita reale, senza accorgermi di niente: di quel periodo ho ricordi molto belli”. Com’è andata la ripresa? “Uscito dal coma mi hanno trasferito ad Imola dove c’è il più grande centro di riabilitazione per questo tipo di lesioni. Qui mi hanno ridato la vita. Quando ero in terapia intensiva non movevo neanche le mani e le braccia, per perché avevo rotte anche le vertebre interessate a questa funzione. Mi imboccavano, mi assistevano in tutto, ed io ancora non mi rendevo conto di cosa fosse successo, avevo anche la tracheotomia e respiravo grazie ad un tubo. Dopo qualche tempo ho iniziato a realizzare cosa stava succedendo e così ho cominciato a sforzarmi e a fare terapia. Ho ripreso a muovere mani e braccia che con il tempo hanno ricominciato anche la loro forza. Per 4 mesi non ho potuto vedere quasi nessuno, perché con la tracheotomia c’era il rischio d’infezioni, quindi stavo isolato il più possibile.

72

fare la premiazione nel punto in cui ho avuto l’incidente e devo dire che è stato molto emozionante”. Dai molta importanza al destino? “Sì, la vita è regolata dal destino. Due anni dopo il mio rientro alla vita è morto in un incidente stradale il mio più grande amico Fausto Lugi con la sua fidanzata. Sono andato a trovare i suoi genitori ed è stata una bella esperienza; la vita è così io sono ancora qui sulla sedia a rotelle e lui non c’è più, così ha voluto il destino”. Come sei ritornato ai rally? “Sono stati dei miei amici a propormi di correre nei rally e siccome questi sono sempre stati il mio primo amore, non ho esitato, anche se la cosa nel 2009 non era così semplice, infatti, se in pista c’erano già dei paraplegici, nei rally no perché la strada è più pericolosa, presenta maggiori incognite e un terreno più disconnesso. Ho voluto accettare la sfida e ho fatto il corso di guida a Binetto con la Fisaps che è un organo interno alla Csai che permette ai disabili di prendere le abilitazioni. Ho dovuto darmi molto da fare per convincere la gente che potevo farcela, anche se i rally sono molto complicati per i controlli orari e per il fatto che non c’è un commissario a vista nel caso di un incidente. Ho fatto il corso guida anche se ho scelto di fare il navigatore, ed ho sostenuto una prova durante la quale dovevo dimostrare di poter uscire dall’auto in 14 secondo, tempo utile in caso di incidente. Ce l’ho fatto in 10 secondi e 8 e così non ho avuto problemi nel prendere l’abilitazione”. Com’è andata la prima gara? “Molto bene, anche perché è stata la gara di casa. Così a giugno 2009 ho ricominciato a correre nei rally, ma questa prima gara mi ha dimostrato che avevo ancora tanta voglia di fare sul serio e tornare a vincere, non ero certo lì per fare una passeggiata. Così ho ricontrattato Giacomo Bicchielli il pilota con il quale correvo in passato ed abbiamo restaurato un ottimo rapporto, che ci ha sempre permesso di vincere tutte le gare alle quali abbiamo partecipato: Rally di Rosignano, la Ronde delle Miniere, lo Slalom di Rosignano, l’Alta Val di Cecina. Abbiamo sempre conquistato la vetta delle classifiche di classe e di gruppo, purtroppo mai il primo posto assoluto perché le macchine sulle quali abbiamo corso fino ad ora non lo permettono. Sono tornato sulla strada con un’impressionante voglia di dimostrare ai ragazzi che sono nelle mie condizioni, che se la testa funziona si può fare tutto, ed è importante avere il coraggio di uscire di casa e buttarsi nella vita”. Hai sempre avuto questa carica di entusiasmo?


no alla prova e ti fanno venire il carattere, anche se non lo hai”. Che differenza fferenza di sensazione si ff provano fra il correre in moto e in macchina? “Sono sensazioni belle in entrambi i casi, pur essendo fra loro diverse, l’adrenalina scorre sia in macchina che in moto. Le due ruote mi sono sempre piaciute tanto, ma comunque furono un ripiego perché non potevo continuare a correre i rally. La macchina è sempre stata il mio primo amore e in quanto tale la preferisco”. La soddisfazione più bella che hai avuto in questo sport? “Prima dell’incidente un po’ tutte le vittorie, anche se in modo particolare mi ha dato soddisfazione la prima gara che fu quella di casa, poi era diventato abbastanza normale correre e vincere. Dopo l’incidente invece non potrò mai dimenticare i mie genitori e mio fratello piangere per l’emozione all’arrivo della prima gara. Mia madre non era più venuta a vedermi da quando uscii di strada la prima volta, anni prima, anche se non mi feci niente. Sono una famiglia stupenda perché non mi hanno mai negato niente. Mi hanno sempre detto che dovevo fare quello che desideravo. Se avessi avuto dei genitori contrari alle cor corse, anche il rimanere in carrozzina mi sarebbe pesato di più. Mai e poi mai mi hanno detto Visto, se non andavi a correre in moto, non saresti diventato paraplegico”. Quali sono le difficoltà più grosse che incontri? “Le barriere architettoniche. All’inizio ho fatto anche qualche battaglia, poi mi sono stancato, or ormai dopo quattro anni e mezzo mi ci sono quasi abituato e ci scherzo su. Quando vado in giro per l’Italia mi pesa trovare gli alberghi senza gli ausili per disabili, purtroppo il nostro paese in questo settore è ancora molto indietro”. E le difficoltà in campo sportivo? “Assolutamente non ci sono. Or Ormai sono conosciuto, tutti accettano la mia iscrizione alla gara con gioia e mi mettono tutto a piena disposizione”.

73

Un sogno nel cassetto? “Vincere il Rally Val di Cecina come assoluto, ma per fare questo bisogna trovare una macchina in grado di puntare a tale traguardo. Un altro sogno che spero di realizzare è quello di vedere i ragazzi paraplegici tirarsi un po’ su e uscire di casa, ce ne sono ancora troppi che rimangono chiusi perché si vergognano”. Ad un giovane che vuole intraprendere questo sport cosa consigli? “Iniziare il prima possibile, se si ha una desiderio bisogna cercare di realizzarlo perché, è brutto dirlo ma, la vita potrebbe essere troppo breve. Naturalmente rimanendo sempre nel lecito”. Uno sportivo mito? “Colin MeRae. È stato un grande, purtroppo è morto”. Che dote hai per fare il navigatore? “Nessuna, se non la passione”. Quali sono gli sponsor che ti hanno aiutato a realizzare il sogno di tornare a correre nei rally? “Devo ringraziare con tutto il cuore: Biclima, Ricavi srl, Leonardo Signorini (agente S.C.A.R.), Granchi srl, Autofficina Dell’Agnello, Bar Il Bersagliere”. Antonella De Vito

Automobilismo

“Sono sempre stato un entusiasta della vita, ma dopo l’incidente lo sono diventato ancora di più. Non mi basterebbe una giornata di 48 ore per portare avanti tutte le cose che voglio fare”. Il lavoro? “Prima dell’incidente facevo l’escavatorista, era un lavoro che mi piaceva tanto ed avevo un ottimo rapporto con i miei datori di lavoro, infatti, dopo l’incidente hanno voluto che tornassi con loro, si sono anche informati su come poter adattare un escavatore alle mie condizioni per permettermi di continuare a far quel tipo di attività che amavo tanto, ma non è stato possibile, così mi hanno nominato responsabile dell’ufficio acquisti, lavoro che posso portare avanti bene, anche perché in questo campo ho una buona esperienza”. Hai altri hobby? “Vado a vedere sempre gli italiani in salita ed ho in progetto di tornare a correre in questa manifestazione con un sidecar, come passeggero. Sarò il primo a farlo. Voglio dimostrare che si può, non proprio andare in moto, ma quasi. Queste esperienze ti metto-


VICARELLO di

A.P.A.M. UGHI

Scotto Pubblicità Livorno

2INNOVOPASSAPORTIE PORTOD´ARMI

2ICHIESTACERTI½CATIDI OGNITIPO

â&#x2013;²

2INNOVOPATENTIAUTO ENAUTICHE

0RENOTAZIONIVISITE MEDICHECO53,,IVORNO PERRINNOVOPATENTE AUTO

â&#x2013;²

0ASSAGGIDIPROPRIETg AUTO MOTO BARCHE TRATTORI

â&#x2013;²

4ARGHEPERCICLOMOTORI CC

0RENOTAZIONIPER COLLAUDIEREVISIONI CO-#4#,IVORNO

ASSICURAZIONI

!54/

-/4/

42!44/2)

"!2#(%

Via G. Galilei, 88 - 57019 VICARELLO Tel/Fax 0586 961112 - aci.vicarello@acilivorno.it


Karting Risorge il karting labronico Dopo anni di silenzio il team fondato da Mario Orsini si impone in Italia e in Europa ati statistici recitano così: Livorno è la città italiana che vanta il medagliere più ricco di tutta Italia. Ma se il remo e la scherma sono da sempre nel DNA labronico, il karting può essere la grande speranza per il futuro. Grazie ad un gruppo di giovani colligiani che sta collezionando trofei in giro per l’Italia e per l’Europa. La storia. Il 2010 è stato l’anno della svolta. Mario Orsini fonda il “Kolle Karting” e richiama i fratelli Dell’Agnello dopo quindici anni di inattività. Andrea e Marco Dell’Agnello accettano la proposta senza esitare: «I motori sono da sempre la nostra passione» racconta Marco. E così si rimettono in pista, all’interno di un team che si farà notare in tutta Europa. A completare la scuderia ci sono i figli di Orsini, Dario e Patrizio, ed il debuttante Michele Bianchi, già noto nell’ambiente del rally.

I risultati. Il “Kolle Karting” parte in quarta ed i primi trofei portano la firma di Dario Orsini nella categoria 100 cc. Il giovane e promettente kartista vince il Campionato italiano a Cervia, si ripete conquistando il titolo europeo a Stary Kisielin (Polonia) e centra il terzo posto al Campionato del mondo. È proprio in quest’ultima competizione che Marco Dell’Agnello sorprende tutti e trova, nonostante un’eccessiva penalizzazione di 10 secondi, un fantastico terzo posto nella categoria 125 heavy. Marco, assente ai Campionati italiani per infortunio, sfodera una grandissima prestazione anche ai Mondiali. A causa di una brutta qualifica segnata da

problemi tecnici, viene rilegato al penultimo posto della batteria B: la pista allagata esalta le sue qualità e dopo 17 sorpassi riesce a qualificarsi per la finale A, dove finirà in quindicesima posizione. Annata sfortunata per Andrea Dell’Agnello, costretto a stare fuori diversi mesi a causa di un incidente: per lui, comunque, un ottimo settimo posto agli Europei (categoria 125 light) ed il successo nell’ambito Winter Cup, appuntamento che chiude la stagione agonistica. Da sottolineare anche la quinta posiposi zione di Michele Bianchi nel Campionato europeo (categoria 125 light) e le buone prove offerte fferte dal giovanissimo Patrizio Orff sini (categoria 100 cc). Gianni Tacchi

F.I.K.: Federkarting

D

75


Scotto PubblicitĂ Livorno


ATLETICA LIVORNO UISP AGOSTINI LIVORNO

CORSI DI ATLETICA ORARIO CORSI 2010/2011 categoria

PULCINI

ESORDIENTI

cVi^$Z '%%+"'%%,

cVi^$Z É%%"'%%&"É%'"É%("É%)"É%*

VaaZcVbZci^/ bVgiZY‡"\^dkZY‡

VaaZcVbZci^/ ajcZY‡"bZgXdaZY‡"kZcZgY‡ YVaaZdgZ&*#(%VaaZdgZ&+#(% YVaaZdgZ&,#%%VaaZdgZ&-#%%

YVaaZdgZ&+#%%VaaZdgZ&,#%%

CORSI

per Ragazzi e Ragazze cVi^$Z&..-"&...

per Cadetti e Cadette cVi^$Z&..+"&..,

ajcZY‡"bZgXdaZY‡"kZcZgY‡ XdcdgVg^Y^hedc^W^a^^cHZ\gZiZg^V

MAMME, mentre i vostri figli seguono i corsi, vi offriamo l’occasione di occuparvi della vostra forma fisica con attività pensate espressamente per voi!

F[hkbj[h_eh__d\ehcWp_ed_0

™iZaZ[dcV^chZYZVa%*-+-&&&&, ™^ck^VjcVbV^aVacdhigd^cY^g^oodViaZi^XV#a^kdgcd5a^WZgd#^i ™XdaaZ\Vi^Vacdhigdh^id]iie/$$Y^\^aVcYZg#a^WZgd#^i$ViaZi^XVa^kdgcd

Scotto Pubblicità Livorno

ORARIO SEGRETERIA ajcZY‡"bVgiZY‡"bZgXdaZY‡"\^dkZY‡&*#(%"&-#%%


Atletica Leggera Una lunga lista di risultati per l’atletica livornese

P

er usare un termine abusato, ma che rende l’idea di quello che è l’atletica livornese in questi ultimi anni, diremmo “impressionante”. Solo nel 2010 circa cento titoli toscani e svariati titoli nazionali, sia di Società che individuali. Le due principali Società livornesi hanno fatto bottino pieno in una regione comunque ai vertici nazionali come è la Toscana. Onore al merito quindi ai nostri bravi atleti, ai loro tecnici, ai loro dirigenti. La città di Livorno può essere fiera di quello che l’atletica leggera sta produ-

cendo. Al di là dei grandi campioni già affermati ffermati (Fabrizio Mori, Nicola Vizzoni ff tanto per citare i due più recenti) c’è una base che numericamente e qualitativamente sta dando grosse soddisfazioni a tutti. Un segnale per tutto il mondo sportivo livornese e non solo è l’interesse che la nostra attività desta e quanto sia seguita da vicino dalla Rai. È di pochi mesi fa la trasmissione su Radio Rai 1 dedicata al fenomeno Atletica a Livorno. Chi fosse interessato può ascoltare in collegamento internet il contenuto della trasmissio-

79

ne sul sito di Sportlandia del 25 settembre 2010: http://www.radio.rai.it/radio1/ sportlandia. È chiaro che per suscitare l’interesse della Rai è necessario possedere qualcosa in più degli altri. Livorno in Italia è realmente in controcorrente, nonostante possieda un’impiantistica non adeguata ad una disciplina che è ai vertici del successo ormai da svariati anni. La nostra città è realmente un esempio nazionale da seguire. La domanda che sorge spontanea è: come mai a Livorno? La risposta non può

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Passione senza limiti per una delle discipline più antiche


Scotto PubblicitĂ Livorno


essere univoca dato che abbiamo due Società a livello agonistico, che si occupano intensamente del settore giovanile e che operano con successo in varie categorie. Però sicuramente una delle risposte è la “passione” unita ad una professionalità dei tecnici e dei dirigenti che non ha pari. La passione è facile da intuire, l’atletica è spettacolo, divertimento, sano agonismo individuale e collettivo. La professionalità è frutto di questa stessa passione che ha la finalità di preparare nel miglior modo possibile i numerosi atleti che nelle gare individuali o nei campionati di Società non vogliono mai essere “secondi” a nessuno… anche se poi essere secondi, terzi o anche ultimi può capitare. Ma la forza mentale che abbiamo è quella di dare sempre il massimo. A prescindere dai risultati finali… nali… che però sono sempre importanti. Dopo anni di crescita esponenziale uno dei settori che sta dando ottimi risulrisul tati è quello della marcia. Si può citare un

importantissimo successo della Società Atletica Livorno che per la prima volta nella storia dell’atletica leggera livornese ha vinto il Campionato Italiano di Società nella categoria allievi con il terzetto formato da Claudio Caprai, Giacomo Guglielmi e Luca Messeri. Sempre nella marcia e sempre per l’Atletica Livorno il quartetto Benenati, Di Mauro, Lucioli, Marri ha conquistato il titolo di Campioni toscani di società

Da sinistra: Caprai, Guglielmi e Messeri

81

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Magnani, Cipriani, Ceccarelli e Ricci

cadetti. Giacomo Guglielmi (Atletica Livorno) si è laureato Campione Toscano 2010 su pista nella categoria allievi. Anche la Società “cugina”, la Libertas Runners Livorno ha avuto le sue belle soddisfazioni nella marcia vincendo il titolo regionale di marcia su strada nella categoria cadette con il quartetto Fabbro Giada, Aguilar Pierina, Chiara Cuffaro ffaro e ff Andreani Federica. Il titolo di Società è stato vinto anche su pista dalla stessa Libertas Runners Livorno. A livello individuale nella categoria cadetti Gianluca Picchiottino ha vinto il titolo regionale individuale. Bruno Gabbi (Atletica Livorno) è stato l’iniziatore della rinascita della marcia a Livorno, seguito da un “marciatore” ancora a buoni livelli come Massimo Passoni (Libertas Runners Livorno). Non che le altre specialità siano rimaste indietro… abbiamo avuto a livello internazionale ottimi risultati dagli atleti bianco verdi dell’Atletica Livorno Elisa Magni (lancio del Martello), Francesca Argelassi (lancio del giavellotto) e dai fratelli gemelli Dini (Lorenzo e Samuele) nei 1500 metri. Il settore lanci a Livorno vanta una scuola di formazione eccezionale grazie soprattutto ai validissimi tecnici del settore specifico (Riccardo Ceccarini, Renato Carnevali, Mario Poropat - Atletica Livorno, Silvio Laudani e Massimo Terreni Libertas Runners Livorno). I titoli nazionali poi sono quattro ed emergono a livello individuale i campioni italiani Francesco Neri (campione Italiano Cadetti lancio del martello – Atletica Livorno) e Elisa Magni (campionessa itaita liana invernale junior lancio del martello – Atletica Livorno), Massimo Fiorini (salto triplo campione italiano master – Atletica Livorno) e Massimo Terreni (lancio del martello campione italiano master – Libertas Runners Livorno).


Scotto PubblicitĂ Livorno


Dopo la citazione di alcuni, importanti risultati è bene soffermarsi ffermarsi anche sulle ff attività che si svolgono localmente, non meno rilevanti. Innanzitutto la nostra città è la sede dove si gareggia più volentieri grazie ad un meccanismo organizzativo delle Società (Atletica Livorno e Libertas Runners Livorno) ormai collaudato. Livorno è la città, unica in Toscana insieme a Firenze, ove le gare cominciano sempre in perfetto orario e terminano nei tempi previsti dal programma. Il tutto grazie ad un’altra perla del nostro mondo: il Gruppo Giudici Gare capitanato da Sergio Raminghi. È un gruppo numeroso e capace dal punto di vista tecnico. La presenza dei giudici di gara è costante e soddisfa in modo più che sufficiente le necessità delle Società e dell’atletica leggera in genere. La differenza fferenza con le altre realtà della regioff ne è che vi è una partecipazione attiva dei giudici anche nelle fasi preliminari, con preziosa collaborazione anche nella stesura dei calendari. Il Campo sportivo scolastico è ritrovo giornaliero di tanti giudici che hanno il gusto di parlare delle problematiche che riguardano le attività agonistiche e quindi una presa d’atto di tutto ciò che ruota intorno alle fasi organizzative e di gestione delle manifestazioni. Un gruppo importante per tutti noi.

Le due Società “cugine e rivali”, l’Atletica Livorno e la Libertas Runners Livorno hanno raggiunto una grande sinergia per quanto riguarda la possibilità di gestione manifestazioni, organizzazione eventi ed anche a volte collaborazioni tecniche. Sono state messe da parte stupide rivalità e la consapevolezza è che “uniti si vince” la sfida del reclutamento e del mantenimento. Infatti, gli atleti delle due società si sentono accumunati da un unico obiettivo: viva Livorno sempre. È certo che sui campi di gara la rivalità c’è ed è bene che ci sia, ma quella sportiva. Una situazione quella livornese che ci è fortemente invidiata da tutti e da qui, tornando all’inizio, il fenomeno “Atletica a Livorno”. Al raggiungimento di questo risultato ha contribuito un comitato provinciale della Fidal, presieduto dal sottoscritto Antonio Caprai (facente parte del Gruppo Giudici Gare), ma con la partecipazione di persone eccezionali come Claudio Cerrai (Atletica Livorno), Luigi Lischi (Atletica Livorno) e Sergio Muzi (Libertas Runners Livorno) che con la loro partecipazione, serietà e consapevolezza del ruolo hanno definito strategie di lavoro che hanno fortemente contribuito al raggiungimento di questi risultati. Livorno ha anche due consiglieri regionali della Fidal che hanno contribuito non poco a gestire le attività sportive, Alber-

83

Giacomo Da Prato e Debora Grotti

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Da sinistra: Caprai, Dini, Argelassi, Pantani, Messeri, Dini, Guglielmi e Bisi

to Cencetti (Libertas Runners Livorno) e Mauro Cortopassi (Atletica Livorno). A questo proposito continua la crescita estrema del settore esordienti (fino a 11 anni). Le serate del lunedì, mercoledì e venerdì vedono sul campo centinaia e centinaia di piccoli atleti che giocano, corrono, saltano e soprattutto si divertono. Per loro la Fidal e le Società organizzano manifestazioni che permettono agli “atletini” di cominciare a confrontarsi con se stessi e di ricevere, tutti, l’ambito premio di una importante medaglia d’oro. Perché tutti sono vincitori. Anche noi abbiamo punti deboli però, il più evidente è la struttura del campo sportivo scolastico, che è datata e manca di dispositivi fondamentali per lo svolgimento di manifestazioni importanti, assenti dalla nostra città da quando lo stadio è passato definitivamente al calcio. Nel 2011 potremo forse ancora gareggiare, ma poi rischiamo davvero, se non si investe nella struttura, di dover emigrare altrove. È una mancanza abbastanza grave e che necessita di una soluzione veloce e importante. Ho lasciato per ultimo il settore amatoriale. Tutte quelle persone che la mattina dei giorni festivi corrono nelle tante manifestazione di settore. Ecco, anche in queste attività la nostra città cresce in continuazione e lascia il segno dovunque. Perché l’attività amatoriale è considerata dalla Fidal decisamente importante e certamente lo è. Le Società amatoriali fra l’altro organizzano manifestazioni spesso importanti, che danno spazio a quei tanti appassionati dell’Atletica Leggera che vogliono cimentarsi ancora con gli avversari. L’atletica è passione… e sempre è nel nostro cuore. Antonio Caprai


Scotto PubblicitĂ Livorno


Nicola Vizzoni Un modello per i più giovani e non solo

S

ono un po’ emozionati e inizialmente gli danno del ‘lei’, come si fa con un adulto. Nicola Vizzoni lo incontrano ogni giorno al campo scuola, scrutano a distanza i suoi allenamenti e sognano in silenzio di diventare un giorno dei campioni come lui. Dopo i primi momenti la timidezza dei giovanissimi viene infranta dalla simpatia di Nicola che non esita a trascinarli in lunghe risate, alle quali partecipano anche l’allenatore Riccardo Ceccarini e Elisa Magni. Così l’intervista che doveva essere dei ragazzi al campione, diventa una divertente intervista di tutti a tutti. I ragazzi presenti sono Valentina D’Agostino di 13 anni, le sorelle Alice e Valentina Alcamoni di 8 e 10 anni, Irene Uselli di 9, Francesca Pellegrina di 9 e Gianluca Selmi di 12 anni. Le domande più interessanti sono indubbiamente quelle dei giovani. Inizia Valentina chiedendo:

Nicola Vizzoni

Cosa pensi per stimolarti a lanciare sempre meglio? “Non penso” risponde Nicola “l’Atletica mi piace, sono 20 anni che ho la fortuna di pra-

ticarla. Quello che mi spinge a continuare è sicuramente il gruppo di amici e di atleti che si è creato qui a Livorno e a Pietrasanta, che mi ha ridato nuovi stimoli. Anche ridendo e scherzando lavoriamo molto”. Senza timidezza Alice chiede: Hai mai pensato di metterti a dieta? Credevo che gli sportivi dovessero avere la tartaruga… Con una risata Nicola risponde: “Gli atleti devono cercare di seguire un regime alimentare: un piatto di pasta al pomodoro è meglio di uno alla carbonara. Non sono a dieta, per perché nei lanci non è così importante, non essendoci le categorie di peso. In questo ultimo periodo sto seguendo delle regole alimentari che mi permettono di allenarmi meglio, cerco di ottimizzare ogni aspetto, e questo oltre alla tecnica comprende anche il cibo. I chili in più un po’ ti impacciano, ma nei lanci è ininfluente. Il martello quando gira raggiunge un peso di trecento chili, quindi un po’ di massa per contrastarlo ci vuole”. Quando eri piccolo come me, pensavi che saresti diventato un grande campione? “No, facevo atletica per il gusto di farla, per perché mi divertivo. Da ragazzo poi, come tutti, ho cominciato ad avere dei sogni, ad esempio quello di poter partecipare ad un’olimpiade. Allenandomi con costanza e determinazione sono riuscito a realizzare questo sogno e a vincere anche una medaglia d’argento. Come dice una frase di Walt Disney ‘se lo puoi sognare lo puoi fare’, io credo sempre nei sogni e cerco di realizzarli”. Quando hai iniziato a fare atletica ti sei dedicato subito al lancio del martello? “No, ho iniziato con il lancio del peso, del disco, del giavellotto, prevalentemente facevo lanci perché non sono mai stato piccolo e mi hanno sempre indirizzato verso questa strada. Comunque ho partecipato anche alla campestre, al triathlon con gli 80 metri, al giavellotto e ai 1.200”. Perché quando lanciate urlate sempre? “Non è una cosa voluta, è spontanea. Il lancio dura una frazione di secondo e viene fatto in apnea. Terminato il lancio, che è uno

85

sforzo molto grosso, l’area viene buttata fuori velocemente e questo causa l’urlo, ma è spontaneo”. Agli ultimi europei cosa hai urlato? Non siamo riusciti a capirlo! “Pare che io urli ieppa, ma sinceramente non lo so, non penso a cosa urlare. 10 anni fa alle Olimpiadi di Sydney il mio urlo, insieme a quello di altri, fu utilizzato in uno spot pubblicitario, proprio perché quando urliamo siamo buffi”. Qual è stata la tua gara più bella e quale invece quella che non avresti mai voluto fare? “Le gare sono tutte belle, se uno si allena con costanza vuole poi mettere in pratica i suoi sforzi e le competizioni diventano sempre appuntamenti importanti. Naturalmente ricordo Sydney che è stata la mia prima olimpiade e ovviamente gli europei di Barcellona, che dopo 10 anni mi hanno fatto tornare al vertice mondiale in questa specialità. Un po’ di rammarico invece mi è restato per le Olimpiadi di Atlanta quando purtroppo non ho potuto partecipare perché mi sono ammalato, ma sono cose che capitano”. Perché talvolta annullate un lancio quando sarebbe buono? “Quando si fa il lancio si riescono ad avere delle sensazioni e si capisce come è venuto. Annullarlo è sempre un errore perché può essere utilizzato in un pari merito, ma diciamo che generalmente lo facciamo quando si perde l’equilibrio sulla pedana oppure quando è così corte che ci vergogniamo a farlo misurare”. Per ottenere questi risultati quanto ti alleni? “Tutti i giorni. Così per tutto l’anno, tranne quelle due o tre settimane a fine stagione quando ci concediamo un po’ di riposo. L’allenamento è vario, facciamo sedute di tecnica con lancio vero e proprio con attrezzatura di diverso chilo, poi si lavora sulla muscolazione in palestra, ed infine c’è il lavoro in campo con corsa, ostacoli, balzi ecc.”. Quando non sarai più un atleta cosa farai? “Io faccio parte della Guardia di Finanza. Questo corpo mi dà la possibilità di fare atletica ad alti livelli e quando smetterò farò il

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Nicola Vizzoni reduce dalla medaglia d’argento agli europei di Barcellona risponde alle domande delle nuove leve dell’atletica


LINKER !54/./,%'')/#/.!54)34! A,IVORNODAL

Ringraziamo tutti i nostri clienti che ci danno fiducia e con piacere prenotano i nostri servizi al 0586 211442 per servizi auto con conducente N. C.C. per trasferimenti in aeroporto, terminal crociere, fiere di settore, cerimonie, meetings, mostre d â&#x20AC;&#x2122;arte â&#x20AC;Ś e per tutte quelle occasioni in cui tu hai necessitĂ di vetture confortevoli, autisti disponibili e professionali eâ&#x20AC;Ś prezzi sorprendenti. Ricorda â&#x20AC;Ś auto, minivan e van fino ad otto passeggeri, a Livorno dal 1988 verso tutte le destinazioni che desideri.

Scotto PubblicitĂ Livorno

Cordialmente Al"#dro Magelli

LINKER di Alessandro Magelli t4FSWJ[JBVUPDPOBVUJTUB

0IAZZALEDEI-ARMI  ,IVORNOÂ&#x201E;5F½CIOÂ&#x201E;&AXHÂ&#x201E;#ELLULARE -AILINFO LINKERVANCOMÂ&#x201E;7EBWWWLINKERVANCOMÂ&#x201E;,INKSWWWSTARCOASTITÂ&#x201E;4/WWWENJOYTUSCANYNET


finanziere o l’allenatore, visto che ho già iniziato a preparare qualche ragazzo”. Se tu non avessi fatto atletica? “Ho praticato molti sport, ho iniziato con aikido poi calcio e altri. Finita la scuola mi era stato offerto fferto un lavoro ai cantieri navali a ff Viareggio, magari avrei seguito quella strada. Sinceramente non lo so perché ho iniziato con la mia specialità a 16 anni e a 18 ero in nazionale, non posso dire quale sarebbe stato il mio percorso senza l’atletica”. Adesso è Nicola a vestire i panni dell’intervistatore e a chiedere al suo allenatore Riccardo Ceccarini, con un sorriso sulle labbra di chi la sa lunga… A proposito di urlo, ma tu cosa hai urlato alla gara di Barcellona? “Onestamente non lo so. Il mio non è stato un urlo in apnea, ma più un urlo liberatorio, avevo qualche sassolino dalle scarpe da togliermi... Con me c’era mio figlio Dario che mi è letteralmente saltato addosso e queste immagini riprese dalla Cnn hanno fatto il giro di molti paesi europei. A distanza di mesi mi sento un po’ in imbarazzo e lo sono ancora di più se penso ad alcune parole che ho pronunciato. Mi sono raccomandato con la troupe televisiva che le tagliassero, ed effettivamente ff ffettivamente così è stato e i miei alunni non se ne sono accorti, almeno non più di tanto”. Il felice connubio fra Nicola e Riccardo inizia nel 2006: “In realtà -ci spiega Nicola-

ci conoscevamo da quando ero un ragazzino, ma non avevamo mai lavorato insieme, fino a quando non lo costrinsi a saltare un pranzo per seguire un mio allenamento a Pietrasanta. Da quel momento è nata la nostra collaborazione. Io gli ho dato massima fiducia”. “La partenza è stata impegnativa -commenta Riccardo- per stabilire il programma di allenamento di una settimana ci impiegavamo un’intera giornata. Non avendolo mai seguito in precedenza da allenatore ho dovuto prima capire cosa effettivamente ffettivamente aveva ff fatto. Non è semplice allenare un atleta del suo livello che ha alle spalle una carriera lunga e ricca, anche se da una parte siamo avvantaggiati perché essendo esperto Nicola può dirmi che cosa può o non può funzionare con lui e le sensazioni che prova. Resta il fatto che atleti del suo calibro hanno bisogno di un allenamento personalizzato, misurato sulle esigenze specifiche, così all’inizio c’è voluto un po’ di rodaggio per entrambi”. Elisa Magni ha 19 anni, da 5 fa atletica e ha già fatto parlare di sé per gli ottimi risultati ottenuti. Siamo sicuri che incontrare al campo scuola Nicola le ha dato quella determinazione e serietà che è richiesta ai campioni. Anche Elisa non si fa sfuggire l’occasione e pone qualche domanda al collega e amico Nicola. Cosa hai provato dopo il lancio che ti ha

87

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Il gruppo di ragazzi con Elisa Magni, Riccardo Ceccarini e Nicola Vizzoni in ultima fila

consentito di arrivare secondo agli europei di Barcellona? “Nell’immediatezza non sapevo che ero secondo, avevo capito che era un bel lancio, ma non potevo quantificarlo, mi sono girato a guardare Riccardo, ma anche lui mi stava fissando senza fare alcun cenno. Poi finalmente ho visto che avevo riconquistato il podio e allora ho iniziato a sperare di non essere battuto dai due atleti che ancora dovevano lanciare e per fortuna così è stato”. Due argenti: Sydney e Barcellona. Che differenza fferenza fra queste due medaglie, la priff ma arrivata a 27 anni e l’altra a 37? “Sono due medaglie molto simili, anche nel modo in cui si sono svolte le gare. In entrambe le occasioni pioveva, a Sydney dopo tre lanci ero nono e avevo un solo tentativo per entrare in finale. A Barcellona ero quarto e avevo l’ultimo lancio a disposizione per poter salire sul podio. In entrambi le situazioni avevo una sola possibilità. In questi momenti ti passano per la mente mille cose, in realtà poi capisci che devi cercare di rifare ciò che hai sempre fatto in allenamento. Certo dieci anni fa ero più giovane, ma questa ultima medaglia me la sono goduta di più. A Sydney ero più spaesato, durante la premiazione vedevo tutto sfocato e sentivo le voci ovattate, riuscivo a mettere a fuoco solo la medaglia. A Barcellona invece mi sono gustato la premiazione”. Ma anche Nicola non resiste alla tentazione di fare qualche domanda ad Elisa: Per te il 2010 è stato un anno importante perché ti sei consacrata con una finale a livello internazionale ai Campionati di Moncton in Canada. Che sensazione è stata indossare la maglia azzurra? “Era il mio primo mondiale ed è stato veramente molto bello. Non è stato facile, durante le gare ha piovuto tantissimo, molte atlete sono cadute, mentre io ce l’ho fatta”. Anche tu sogni di andare alle olimpiadi? “Qualsiasi atleta ha questo sogno. Vincerle è veramente difficile, ma spero almeno di andarci”. Cosa pensi dei tuoi allenatori? “Massimo Terreni e Riccardo Ceccarini sono due persone speciali, che devo ringraziare perché sono molto disponibili, si mettono in gioco per noi e sono riusciti a creare una grande tradizione a Livorno in questa disciplina”. Nicola conclude l’incontro dicendo ai ragazzi: “Prima di tutto fate atletica divertendovi. Io continuo a farlo a 37 anni, a maggior ragione potete farlo voi che siete giovani. L’atletica insegna tante cose, prima di tutto il rispetto delle regole, ad affrontare ffrontare i problemi ff della vita in maniera serena, a dare il meglio di sé sui campi e soprattutto fuori dai campi”. Antonella De Vito


Baseball e Softball Mario Falaschi M

ario Falaschi è una fucina di attività e non finisci mai di scoprire quali sono i suoi impegni all’interno della Federazione Baseball e Softball, anche perché lui non si pubblicizza e preferisce lavorare dietro le quinte in silenzio. Per questa volta lo abbiamo convinto ad aprire il sipario e a raccontarci il suo impegno da manager sportivo. “Le mie cariche ufficiali sono quelle di delegato provinciale e vice presidente regionale del Fibs. Poi svolgo da due anni il ruolo di team manager della nazionale baseball senior, squadra con la quale abbiamo vinto nel 2010 il Campionato europeo ed ottenuto il terzo posto nella Coppa Intercontinentale a Taipei in Cina. Talvolta lo stesso ruolo lo svolgo anche nelle squadre giovanili”. Cosa deve organizzare un team manager? “Devo seguire e provvedere a tutte le esigenze della squadra durante le trasferte a partire dalla vestizione e a tutto quello che può essere necessario. Dal momento in cui partiamo devo pensare alle spese di mantenimento della squadra, organizzare gli spostamenti, soddisfare qualsiasi tipo di esigenza dei componente la squadra. Durante le trasferte, che durano dai 15 ai 30 giorni e comprendono allenamenti e par partite, la delegazione è composta da circa 35 - 40 persone fra atleti, staff ff tecnico, staff medico e fisioterapico e addetto stampa. Tutto questo naturalmente lo faccio a livello di volontariato, per me la soddisfazione più grande è quella di stare con i giovani e toccare con mano l’alto livello del nostro sport, in particolare quando si viene a contatto con il Baseball Americano”.

Ma i tuoi incarichi non finiscono qui. “A questo devo unire la mia carica come commissario tecnico europeo, cioè vengo chiamato per controllare l’esatto svolgimento delle competizioni. Sovrintendo a tutta la manifestazione, controllando che tutto vada bene, che i campi siano nelle condizioni giuste, che i trasporti vengano effettuati ffettuati correttamente, insomma vigilo ff sul corretto svolgimento della partita e del torneo europeo o mondiale che sia. Ho poi la responsabilità del magazzino che abbiamo unificato per tutta la federazione al Centro Coni di Tirrenia. È un compito piuttosto impegnativo perché devo tenere tutta la contabilità ed occuparmi del materiale occorrente a tutte le nazionali dalla

più piccola alla più grande, sia di baseball che di softball, dai calzini alle bandiere, passando per gli innumerevoli capi di vestiario in dotazione alle squadre. Questo ruolo naturalmente lo svolgo in collaborazione con l’addetto marketing della nazionale. E poi c’è l’Accademia Nazionale del Baseball e del Softball di Tirrenia dove ho un ruolo di amministratore”. Come ti sei avvicinato a questo mondo? “L’ho sempre seguito da tifoso, ma quando mio figlio fu in età da praticare sport gli consigliai di fare baseball. Lui avrebbe voluto dedicarsi al calcio, ma era troppo alto e la costituzione ossea non glielo permetteva. Erano i tempi in cui la

Mario Falschi a Taipei in Cina

89

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Da presidente provinciale a team manager della nazionale e molto altro ancora


          !"# $%"&& ''(  )*+,-.(/$#0(#/0$1-(2*+,-.(/$#0(&0"#01

 

   

    


Mario Falaschi in Cina Taipei

eccezionale, ormai un uomo sulla quarantina, che riesce a trasmettere ai giovani le motivazioni giuste per far bene, è modesto, mai sopra le righe e grintoso. Poi abbiamo Luca Panerati di Grosseto e Alessandro Maestri, ragazzi che giocano in America. Alex Liddi che si sta allenando come punta di diamante nella Major League. Ce ne sono tanti di atleti che mi stanno nel cuore, come, e non per ultimo, il capitano della Nazionale Mario Chiarini”. Una cosa da dimenticare? “Può darsi che ci sia stata, ma quando vado fuori sia a livello nazionale che inter internazionale sono sempre esperienze molto positive. Forse la cosa più deludente è stata nel 2009, in occasione del Campionato del Mondo che si è svolto nelle principali capitali europee, mentre l’Italia ha ospitato tutte le finali, ma purtroppo la nostra Nazionale non si è qualificata per le fasi finali”. La cosa più bella che ti hanno detto questi ragazzi? “Le manifestazioni più belle sono quando ci incontriamo, mi rendo conto che tutte le cose che faccio vengono apprezzate dai ragazzi. A Taiwan hanno dato molta considerazione alla mia figura, ho avuto dei riconoscimenti anche dalle altre nazionali, e questo mi ha fatto indubbiamente piacere, ma sopra ogni cosa c’è l’apprezzamento dei ragazzi”. Un problema del baseball italiano? “La grande visibilità ed attenzione dei media riservata quasi esclusivamente al calcio, togliendo alle altre discipline spor sportive, ogni possibilità di farsi conoscere dal grande pubblico. Oggi, comunque, riusciamo a vedere il futuro un po’, diciamo per scaramanzia, meno grigio, poiché siamo finalmente riusciti a conquistare uno spazio televisivo, ed una volta alla settimana, in diretta, viene trasmessa una partita del massimo campionato Italiano, nonostante i tempi delle nostre competizioni non siano prevedibili. Sappiamo quando un incontro inizia, ma non quando finisce e questo è più complicato per l’organizzazione del palinsesto televisivo. Certo non c’è da sottovalutare la questione degli stadi che, come quelli del calcio, non sono molto accoglienti. In America, ad esempio, gli stadi sono concepiti in modo che il pubblico, costituito prevalentemente da intere famiglie, trascorra una giornata diversa. È come trovarsi all’interno di un grande centro commerciale ed in più, ovviamente, si

91

ha la possibilità di assistere ad un grande spettacolo di sport. Qui gli stadi, infatti, contengono ristoranti, negozi, persino alberghi in alcuni casi; prima e durante gli intervalli della partita, vengono proposti veri e propri spettacoli. Insomma, non c’è proprio il tempo di annoiarsi. Dobbiamo dire che noi italiani abbiamo una mentalità diversa: una partita di calcio o di basket hanno un termine ben preciso, gli spettatori sono abituati ad azioni immediate che si concretizzano con una rete od un canestro, ecc.”. Ed in Europa? “In Europa i problemi sono simili a quelli italiani, pur avendo comunque un’affluenza di pubblico molto superiore rispetto ad altri paesi. Dobbiamo far notare come in questi ultimi anni l’andamento sia sicuramente cresciuto, grazie all’opera incessante del nostro Presidente Riccardo Fraccari che propone nuove idee e soluzioni per avere sempre più spettatori negli stadi di baseball”. Nel mondo? “A livello mondiale non ci sono problemi: in America, America Latina, e Asia c’è un grandissimo movimento ed un seguito che altri sport non si sognano”. Come sono i nostri rapporti con Cuba? “Molto buoni. Tanto per fare un esempio, Il figlio di Fidel Castro è vicepresidente mondiale e Fraccari ha sempre avuto, con i massimi esponenti politici e sportivi cubani, ottimi rapporti. Il nostro Presidente è famoso a Cuba tanto che, negli innumerevoli viaggi nell’isola caraibica, gli viene riservata un’accoglienza degna di un capo di stato. La popolarità se la è guadagnata sul campo: negli anni ‘90 è stato il primo arbitro straniero ad avere l’onore di dirigere una partita del Campionato cubano! Non dimentichiamoci che, ormai da diversi anni, in Italia, ad ogni stagione arrivano circa 70 tecnici cubani per insegnare baseball soprattutto nelle scuole e collaborare con i tecnici italiani che lavorano nelle Società di baseball e Softball sparse un po’ in tutta la penisola, fra l’altro due di questi sono inseriti nello staff ff tecnico dell’Accademia di Tirrenia”. Qual è il tuo sogno nel cassetto? “Veder crescere il baseball anche in provincia, a Livorno città siamo soddisfatti, ma nel resto del territorio siamo praticamente assenti”. a.d.v.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Rai aveva acquistato e trasmetteva dei cartoni animati giapponesi proprio sul baseball, così fu invogliato a provare e ha iniziato a 9 anni. Ha poi smesso a 25 per impegni universitari e di lavoro”. Quindi attivamente è stato tuo figlio a portarti su questa strada? “Sì, ho cominciato ad impegnarmi concretamente con lui. Vista la penuria di volontariato che c’era e che purtroppo perdura, quando detti la mia disponibilità venni subito ‘agguantato’ ed iniziai così a svolgere ruoli diversi, dalla sistemazione del campo prima e dopo la partita, al Dirigente Accompagnatore delle giovanili e poi delle squadre maggiori in seno al B.C. Livorno”. L’esperienza più bella? “La vittoria conseguita al Campionato Europeo Baseball Seniores: erano 13 anni che l’Italia non vinceva e quella Coppa per noi è stata per tanto tempo una chimera. Oltretutto battendo l’avversaria di sempre: l’Olanda. Altre esperienze stupende con state il World Baseball Classic, una specie di Campionato del mondo, ma ad invito, in cui partecipavano le più forti nazionali professioniste del mondo; ci siamo tolti la soddisfazione di battere la nazionale di casa, tanto che all’indomani tutti i giornali canadesi ed americani davano ampio spazio all’evento; così come in Cina Taipei che battendo la squadra di casa, abbiamo ottenuto il terzo posto, vincendo contro nazionali fortissime come Giappone, Corea ed appunto la Cina Taipei, dietro ad Olanda e a Cuba medaglia d’oro”. Atleta preferito? “L’Italo venezuelano Ramos Gizzi. Sono tanti anni che gioca in Italia, è un ragazzo


B

ilancio positivo per i tre anni di attività dei Blue Angels La società sportiva Blue Angels è nata ben 3 anni fa, dai soci fondatori Andrea Comparini ex consigliere del B.C. Livorno e Sailors Livorno e da Mario Gentini tecnico proveniente dalle stesse società. L’idea era quella di creare un qualcosa di nuovo nel mondo del baseball livornese, ponendosi degli obiettivi ben precisi. Ad inizio di questo anno 2011, possiamo dire senza ombra di dubbio che quello che è stato creato in questi tre anni, frutto di una programmazione precisa, non è stato mai realizzato negli ultimi dieci anni da nessuna delle altre società livornesi di baseball e softball. Tutto le risorse sono state saggiamente amministrate e investite in strumenti tecnici e infrastrutture destinate alla divulgazione dello sport del baseball. E oggi i Blue Angels Baseball Livorno sono una delle cinque società italiane ad avere una struttura gonfiabile a forma di Tunnel di Battuta (che tra l’altro è stato noleggiato per i mondiali I.B.A.F. a Roma e poi anche dalla società del Lucca), con tanto di macchina lanciapalle e dotata di un sistema audio visivo, insomma una vera e propria attrazione presente nella maggior parte delle feste cittadine livornesi e della provincia. Di fatto l’interesse degli Angels si è allargato anche nelle zone limitrofe a Livorno. Sono stati presentati progetti gratuiti di collaborazione sportiva nelle

scuole elementari livornesi e anche nella provincia. Nel 2010 ha riscosso un grosso successo il torneo di Little League formato da tre leghe con 26 squadre partecipanti coinvolgendo circa 300 alunni delle scuole elementari, organizzando 7 campi di gara di cui quattro a Stagno. Oggi a Guasticce e a Stagno la società è presente con un totale di dieci classi, mentre a Livorno hanno aderito al progetto “Sport x giocare = Baseball” quattro classi alle scuole Gramsci. C’è poi anche l’impegno nel progetto del Coni in collaborazione con il Comune di Livorno e Provincia del “Gioco Sport” nelle elementari. Tutto questo è stato possibile, grazie anche alla disponibilità di alcune persone della società, genitori di alcuni atleti, che con sacrificio anche delle loro famiglie, si sono resi disponibili per partecipare a laboratori serali del Coni al fine di accrescere la loro figura professionale. Sul piano agonistico i Blue Angels hanno raggiunto un ottimo risultato con la squadra maggiore che affrontava il Campionato Nazionale Federale di serie C: il team del manager Riccardo La Rosa ha sfiorato la promozione in B perdendo solo nelle finali con la Pianorese (BO). Un trend di vittorie incredibile, che ha portato la compagine amaranto sponsorizzata da Auto Italia ad affermarsi ff ffermarsi al primo posto del loro girone. Per rafforza ff fforza re lo staff ff tecnico, è stata richiesta la collaborazione del cubano Jose Cardet Garcia, arrivato appositamente da Cuba anche per

93

seguire la squadra di softball. Per i piccoli atleti della categoria Ragazzi invece il campionato non è stato esaltante, ma questo era già stato dato per scontato dal gruppo dirigenziale, data la scarsa esperienza di gioco dei nostri giovani atleti. La squadra di Mario Gentini e Massimo Galli comunque è cresciuta partita dopo partita, comportandosi molto bene durante le fasi di Coppa Toscana in settembre. Recentemente gli Angels hanno partecipato al Torneo Avis di Cairo Montenotte con due squadre, una veterani e una esordienti, non riuscendo a bissare il successo dell’anno scorso e perdendo di misura con squadre blasonate del nord. Nel 2011 la società conferma la sua partecipazione ai campionati di serie C e Ragazzi, curando in particolare modo il settore giovanissimi del minibaseball per bambini di fascia di età che va dai cinque agli otto anni, cercando di organizzare o partecipare a tornei appositamente studiati per le loro capacità tecniche e motorie, grazie all’apporto di sponsor come Cityweb e Winner Eagle. La dirigenza guidata dal Presidente Andrea Comparini, recentemente allargatasi con l’ingresso di nuovi consiglieri, è decisa a proseguire nel suo intento di divulgazione di questo sport, ricercando anche nuove aree di sviluppo sportivo nella provincia livornese e continuando la collaborazione con il Softball Liburnia.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Blue Angeles


Andrea Comparini

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Una famiglia dedicata al baseball: Andrea Comparini con la moglie e il figlio ci racconta la loro passione

Andrea Comparini presidente del Blue Angeles

L

a famiglia Comparini è tutta dedicata al baseball e al softball a cominciare dal figlio diciottenne che gioca in serie C, alla signora Sonia che è tecnico, per finire con l’artefice di tutto ciò: Andrea che oltre ad essere presidente della società Blue Angels, è anche tecnico, organizzatore, dirigente e mille altre cose. La società Blue Angels nasce nel ‘97 e nel giro di pochi anni può vantare diversi successi a livello giovanile e non solo, con la squadra dei ragazzi, con quella del mini baseball e naturalmente con la squadra maggiore che partecipa al campionato nazionale di serie C, arrivata nella stagione 2010 a disputare i playoff ff per la B, ma purtroppo battuta nella finale. Chiediamo ad Andrea Comparini di raccontarci con quale scopo nascono i Blue Angeles.

“L’associazione nasce con l’obiettivo di promuovere e diffondere ffondere il baseball con ff particolare riferimento ai giovani, per i quali lo sport costituisce una componente educativa essenziale allo sviluppo della personalità ed al raggiungimento dell’equilibrio psicofisico. Ci proponiamo inoltre, di contribuire allo sviluppo e al consolidamento di amicizia e solidarietà fra sportivi e ci impegniamo affinché la disciplina sia praticata a livello dilettantistico, privilegiando gli aspetti didattici, formativi e ricreativi evitando ogni forma di agonismo esasperato”. Tu come ti sei avvicinato al baseball? “Fin da piccolo mi è sempre piaciuto molto, ma purtroppo i miei genitori per motivi di lavoro non potevano portarmi agli allenamenti che erano lontani da casa. Così ripiegai sul basket, ma il cuore è sempre stato con il baseball. Quando poi mio figlio a sei anni ha manifestato il desiderio di giocare a questo sport sono stato felicissimo, ed anch’io ho cominciato ad inserirmi in questo ambiente. Ho fatto corsi come arbitro e come tecnico, mi sono impegnato, sempre come volontario, in diversi settori. Ho anche fatto parte della nazionale ragazzi come dirigente accompagnatore”. Perché hai creato una nuova società? “Per cercare di fare qualcosa di utile per la comunità, in particolare per i bambini perché possano avere

94

un’alternativa al pallone e conoscere una nuova disciplina. L’obiettivo è anche quello di insegnare loro il rispetto delle regole e dell’avver dell’avversario, facendoli divertire in campo, ma senza quell’agonismo esasperato che purtroppo si nota in altri sport. Il nostro è un ambiente un po’ come il rugby, alla fine delle partite organizziamo feste insieme, ci troviamo per mangiare, scherzare e confrontarci. La soddisfazione più bella? “Essere riuscito a realizzare un gonfiabile all’interno del quale si può riprodurre il gioco. I ragazzi possono sperimentare in prima persona cosa vuol dire battere o ricevere una palla e conoscere così da vicino questa disciplina. Siamo la quarta città in Italia e la sesta in Europa a disporre di un gonfiabile fatto su misura. Adesso possiamo andare in giro per le piazze, durante le feste e le manifestazioni e far conoscere la disciplina ai più giovani.


invece di giocare in serie A dovrà ripiegare sulla B, per perché non abbiamo trovato uno sponsor adeguato”. Quanto tempo dedichi al Baseball? “È difficile fare un calcolo. Seguiamo il progetto “Sport x giocare = Baseball” al quale partecipano 5 classi di Stagno e 5 di Guasticce, dove andiamo una volta alla settimana in accordo con le maestre, e quindi sono già dieci ore settimanali di impegno, poi ci sono gli allenamenti con il minibasket, mentre i ragazzi sono allenati da Mario Gentili, ma nel conto dobbiamo anche includere la parte amministrativa e organizzativa. Facendo una media possiamo calcolare almeno due ore al giorno. Io sono avvantaggiato perché tutto questo lo faccio con mia moglie Sonia, ed essendo impegnati entrambi, non si creano problemi familiari”. Qual è il problema del baseball a livello locale? “Come a livello nazionale, il problema maggiore e la grande visibilità del calcio, che penalizza gli altri sport. Ma sono convinto che se fra società di baseball trovassimo una forma di accor accordo e collaborazione riusciremo a crescere. Purtroppo parliamo sempre di creare questa collaborazione, ma poi di fatto non la realizziamo, e mi dispiace molto. Ad ogni modo l’importante è costruire ambienti socializzanti, capaci di aggregare”.

95

Con una bacchetta magica cosa faresti a favore di questo sport? “Cercherei di cambiare la mentalità delle amministrazioni pubbliche che spesso ci sfavoriscono. In modo particolare a Livorno costruirei nuove palestre in modo da creare spazi adeguati per tutti. Per il baseball mi piacerebbe ci fosse anche un campo al coperto, ma credo proprio che questo sia destinato a rimanere un sogno chiuso nel cassetto. Un’altra cosa importante sarebbe la creazione di più unità sportive sul territorio provinciale, perché permetterebbero l’organizzazione di partite, senza dover affrontare ffrontare trasferte lunghe. ff Giocare con altre squadre è molto importante per la crescita degli atleti che possono confrontarsi ed imparare sempre cose nuove, certo se la disciplina non è molto diffusa ffusa e i giocatori sono pochi, ff tutto diventa più difficile”. Antonella De Vito Nelle foto azioni di gioco della squadra Auto Italia dei Blue Angeles

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Quello però che mi ha un po’ scoraggiato è stato l’atteggiamento dell’Amministrazione comunale, che non mi ha favorito in questo progetto, anzi mi ha posto delle difficoltà, ad esempio, ho dovuto prendere il brevetto di giostraio per poter utilizzare questa struttura”. Quanti ragazzi avete? “Attualmente ci sono 12 bambini nel mini baseball, 20 ragazzi in età agonista, e 15 atleti nella serie C”. Un sogno nel cassetto? “Veder crescere qualche campione. Ce ne sono tanti ragazzi bravi che potrebbero emergere, ma il problema è che si sente troppo l’influsso del calcio. I genitori spingono i figli sempre in questa direzione, senza offrire ffrire ff rire loro alter alter-native. Per favorire la scelta del bambino, nor normalmente faccio fare un mese di prova gratuitamente, in modo che possa conoscere il baseball e decidere se rimanere”. La cosa più simpatica che hai osservato nei più piccoli? “La loro grande fantasia e questo vuole dire che si divertono e mi seguono. Il mio scopo è farli crescere tutti”. Ti dedichi anche al softball? “Mi sto occupando un po’ anche del Softball Liburnia, che purtroppo nel 2011


Nuovo

Mercatino Americano ODC6HI6O>DC:B6G>II>B6

A> KDG CD

Scotto PubblicitĂ Livorno

6BE>DE6G8=:<<>D

r e p A

i n r o i g i i t t to tu


Il Livorno Baseball nel campionato IBL ’anno appena passato ha visto il Livorno Baseball partecipare al campionato IBL, il top del baseball italiano. L’operazione svolta dal Presidente Banchelli, avviando la franchigia con i cugini maremani del BBC Grosseto, ha reso pos-

far parte anche della rosa del BBC Grosseto, e quando giocatori del BBC Grosseto (IBL 1) sono stati disponibili a giocare in IBL 2, i nostri ragazzi hanno provato a giocare con dei veri professionisti. Gli accordi prevedevano un manager di scuola grossetana, e Livorno ha potuto così sfrut-

un’esperienza unica ed entusiasmante. Abbiamo giocato nei migliori campi d’Italia, confrontandoci con le altre franchigie di IBL. La formula di campionato non prevedeva retrocessioni (di fatto in IBL non esistono) e nemmeno particolari incentivi per stare in cima alla classifica. Il Livorno Baseball aderente allo spirito d’iniziativa della Fibs, che guardava al campionato IBL 2, come ad una scuola per i giovani ele-

Giacomo La Rosa

sibile disputare questa formula di campionato. Utilizzando a pieno le direttive della FIBS, che permettevano la creazioTommaso Sgherri ne di franchigie all’interno della IBL, il Livorno Baseball non si è fatto sfuggire questa ghiotta opportunità, e il BBC Grosseto, vuoi per vicinanza geografica e per blasone, era il perfetto partner per i labronici. Dopo le trattative con la società grossetana è stato finalmente redatto l’atto di franchigia. Così che il Livorno Baseball ha potuto disputare il Campionato IBL (2) come franchigia del BBC Grosseto (partecipante al Campionato IBL 1). Il progetto di franchigia prevedeva lo scambio di giocatori all’interno delle divisioni 1 e 2. In questo modo i nostri giovani hanno potuto ambire a

tare l’esperienza del grande Vick Luciani, un mito del baseball italiano. Come coach è Luca Luschi stato designato (scuola livornese) l’inossidabile Mauro Belfiore, bandiera del batti e corri amaranto. Inoltre la società di via Sommati ha ottenuto la riconferma come pitching coach del cubano Lorenzo Espino, ormai livornese ad honorem. La squadra che il Presidente Banchelli ha messo in mano al trio Luciani/Belfiore/Espino è stata composta da elementi giovani del vivaio livornesi e altrettanti del vivaio grossetano. È stata Francesco Miliani

menti, ha concluso il proprio campionato levandosi alcune soddisfazioni. La più grande è stata quella di aver fatto partecipare i nostri giovani a qualcosa che rimarrà a lungo nei loro ricordi. Antonio Martini (Segretario Livorno Baseball) SO.GE.SE. Livorno Baseball a.s

97

Le foto sono di Fabrizio Geri

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

L


di Elio Cataldo

OFFICINA MECCANICA AUTORIZZATA

Officina Autorizzata dalla Motorizzazione Civile

M.C.T.C. Concessione n. 00AP000012 del 08/06/2009

OFFICINA: Via Torino int. 4/E - Livorno - Tel./fax 0586.857117 REVISIONI: Via Napoli, 14 - Livorno - Tel. 0586 864594


O

ttima stagione 2010 per il Softball Club Liburnia targato Biosurgix che ha visto una prestazione di notevole pregio per la squadra maggiore nel campionato di serie A2 concluso con la partecipazione ai playoff ff per la promozione in A1 che non è stata raggiunta per un soffio, dopo l’esito del triangolare della semifinale disputata a Caronno (Varese) contro la squadra locale e lo Staranzano (Gorizia). Persa per 4-1 la gara contro le padrone di casa, il Liburnia affronta le friulane ed al termine dei regolamentari sette innings il punteggio è di 14-14: servono quindi i supplementari ed è nell’ottavo che lo Staranzano si aggiudica il punto della vittoria che determina l’eliminazione delle labroniche. Prima dei playoff ff il Liburnia, guidato dal cubano Beppe Cardet, Simona Grateni ed Emilio Carlesi, aveva disputato la regular season contro Cagliari, Taurus

Old Parma, Dream Team di Reggio Emilia, Langhirano, Collecchio, Urbe di Roma e Fiorentina con ottime prestazioni, specialmente nel girone di ritorno chiuso con 11 vittorie sulle 14 gare disputate e col secondo posto in classifica. Da segnalare le prestazioni delle lanciatrici Stefania Balloni e Sara Berchiolli. Nel settore giovanile buon campionato anche per la squadra delle Under 21 impegnate nel girone che le ha viste opposte al Cosmos S. Casciano Val di Pesa, Sesto Fiorentino, Pisa e Arezzo ove

99

si sono messe specialmente in evidenza Alessia Banchelli e Valentina Carlesi. Momenti di gioco delle ragazze del Softball Liburnia

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Softball Club Liburnia


Scotto Pubblicità Livorno

Serramenti a marchio

7JB/BQPMJ -*703/0t5FM'BY FNBJMDBUBSTJTFSSBNFOUJ!BMJDFJU


Sailors Junior Livorno Baseball a stagione 2010 è stata caratterizzata dal ritorno alla presidenza della società giovanile, del primo fondatore dei “marinai” livornesi, Marco Piludu. Il nuovo consiglio direttivo formato da Alberto Saccà, Alberto Gallo, Renzo Antongiovanni, Giuseppe D’Angelo, Antonio Calabretta e Alessandro Vicari ha saputo cerare i nuovi presupposti per la crescita del movimento del baseball giovanile livornese, chiudendo la stagione con la vittoria della squadra ragazzi nella coppa toscana di categoria. La società si è schierata ad inizio anno con le squadre delle categorie Ragazzi,

Squadra ragazzi

agli ordini degli allenatori Sergio Banchelli, Luciano Vitiello, Laura Barghi e Giuseppe D’Angelo e della squadra Allievi gestita da Otello Cavallini e da Virgilio Perra. L’andamento del campionato regionale per le due squadre è stato molto simile e a visto sfuggire ad entrambe la qualificazione alle fasi finali nazionali, per un soffio. L’attività è concon

tinuata con i vari tornei internazionali dove i nostri atleti si sono confrontati con realtà sia nazionali che internazionali e spicca su tutti il risultato della squadra Allievi all’Iternational Tournament Tuscany Series dove è stata piegata in una combattuta finale dalla forte compagine di Nettuno attualmente campione d’Italia di categoria. Un’altra nota positiva arriva dalle convocazioni nelle varie selezioni regionali di alcuni dei nostri atleti che sono stati per la categoria ragazzi: Matteo Saccà e Gioele D’Angelo e per la categoria allievi: Alessio Baroncini, Riccardo Trocar, Darko Leonardi, Luigi Gallo, Emanuele Mottola. Queste convocazioni sono il primo grande risultato per la nostra società è ci fanno vedere il futuro nell’ottica del miglioramento e della continuità. La stagione 2011 ci vedrà impegnati oltre che con le categorie dei ragazzi e degli allievi anche con la categoria Cadetti, atleti di 15 e 16 anni, che saranno seguiti da Maurizio Sbandi, altro gradito ritorno, e da Virgilio Perra, questa categoria è il trampolino di lancio per le categorie superiori juniores e under 21, ma soprattutto sancisce il passaggio alla prima squadra, traguardo del lavoro e del sacrificio di ogni appartenente alla nostra società sia esso atleta, genitore o dirigente. Siamo stati impegnati anche nel torneo di Vercelli per la categoria cadetti, che nonostante avessimo tre soli atleti di categoria, ci ha visto privati della soddisfazione di vincere

101

per la terza volta il trofeo, solo per un soffio. Comunque il salto di qualità che i nostri ragazzi hanno saputo fare in questa occasione servirà per la stagione che ormai e alle porte. La nostra tradizione ci vede in questa categoria sempre nelle prime posizioni in

Daniele Piludu

Toscana, infatti negli ultimi cinque anni ben tre volte siamo stati presenti alle fasi finali nazionali e due anni fa abbiamo cullato un sogno: il titolo italiano, che non si è avverato veramente per poco. Nel mese di luglio si è svolta al nostro campo di via Sommati una manifestazione per ricordare due nostre amiche che prematuramente ci hanno lasciato, Franca Orlandini e Francesca Deacutis. La giornata è trascorsa tra i ricordi ed è terminata con una partita di “vecchie glorie” tutte persone che hanno condiviso il campo con Franca e Francesca e la gioia ha prevalso sulla commozione come le due nostre amiche avrebbero voluto. Dopo questa iniziativa diciamo che ci abbiamo preso gusto, e a partire da questa stagione avremo anche una squadra di “amatori” che parteciperà al torneo amatoriale del centro Italia. La squadra sarà, mista quindi giocheranno insieme donne e uomini all’insegna del divertimento più assoluto.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

L


Scotto PubblicitĂ Livorno


Danza

Livorno Danza: in Italia e nel mondo sempre sul podio Record di successi per Livorno Danza di Sonia Filippi

A

RISULTATI Hip-Hop individuale 10-11 A 1a Denise Lenzi 10-11 B 1a Melissa Falaschi 6a Greta De Vanni 12-15 A 2aMartina Tacconi 4aMarta Caciagli 12-15 B 2a Benedetta Del Bimbo 12-15 AS Femmnile 1a Virginia Terreni 12-15 AS Maschile 1° Lorenzo Zumiri 16-34 A 2a Giulia Burgalassi 16-34 B 1° Diego Cavatoio 2a Virginia Spagnesi

Hip-Hop duo 10-11 A 1 Denise Lenzi - Melissa Falaschi 12-15 A 2a Marta Caciagli - Alessio Michelucci 3a Veronica Valente - Gessica Leoni 12-15 B 2a Benedetta De Vanni - Benedetta Del Bimbo 3° Bruno Tessari - Giulia Cipolli 12-15 AS 2a Virginia Terreni - Valeria Carlà 16-34 B 1° Diego Cavataio - Giuditta Novelli 2a Virginia Spagnesi - Jessica Maltinti a

Hip-Hop gruppi Under 15: 1° Lorenzo Zumiri - Veronica Valente - Virginia Terreni - Gessica Leoni - Felicia Tortora - Lisa Meluzzi Under 15: 3a Melissa Falaschi - Denise Lenzi - Martina Tacconi - Alessio Michelucci - Marta Caciagli Over 16: 1a Irene Berlani - Chiara Cassarino - Elisa Cheti - Sara Aprile - Giulia Burgalassi

Show Street

Foto di gruppo della scuola Livorno Danza

Over 15: 1a Giulia Cipolli - Benedetta De Vanni - Bruno Tessari - Greta De Vanni Over 16: 1a Giuditta Novelli Jessica Maltinti - Virginia Spegnesi - Diego Cavataio

103

Marina Filippi della scuola Livorno Danza

Dopo il tricolore la Federazione Italiana Danza Sportiva convoca sette atleti della Livorno Danza: Denise Lenzi, Alessia Michelucci, Marta Caciagli, Veronica Valente e Gessica Leoni, per far parte della nazionale che gareggerà a Bochum in Germania, per i Campionati del mondo. Alla manifestazione hanno partecipato tremiladuecento atleti, in rappresentanza di trentadue nazioni. Nella categoria Children (8 anni) Denise Lenzi ha conquistato la finale, piazzandosi al sesto posto. Gli atleti che hanno gareggiato sono stati oltre settanta. Nella categoria Junior (12-15 anni), nella gara individuale, Veronica Valente si è classificata al ventitreesimo posto, dove hanno gareggiato centodieci atleti. Inoltre, la Valente ha partecipato in coppia con Gessica Leoni, piazzandosi al sesto posto. Oltre a Sonia Filippi non dobbiamo dimenticare il lavoro svolto dalla tecnica federale Marina Filippi, nipote di Sonia. Buon sangue non mente. Gianni Picchi

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

ncora una volta Rimini è stata la capitale della danza sportiva. Alla Fiera di Rimini una società ha ottenuto un record di successi, tra le discipline delle danze Caraibiche, Hip-Hop e Syncro Dance, 13 medaglie d’oro, 10 medaglie d’argento, 3 medaglie di bronzo con infiniti piazzamenti. La Società in questione si chiama “Livorno Danza”. I suoi colori sono amaranto e la sua sede è presso il Circolo la Rosa. La testa, il cuore, unite alla tecnica ed alla professionalità di Sonia Filippi, hanno permesso di gettare le fondamenta per costruire la scuola. Una scuola, che in lungo ed in largo per penisola, e non solo, ammirano e, addetti ai lavori, temono. Scendiamo nei dettagli del Campionato italiano. Nelle Danze Caraibiche si sono classificati al quarto posto Diego Cavataio e Burgalassi Giulia, in coppia. La loro categoria è B3, dai 16 ai 18 anni. Nella Syncro Dance quarantadue erano i gruppi che hanno partecipato e quello livornese formato da Camilla Casagrande, Ludovica Poli, Nadine Caracciolo e Giuditta Novelli, si è classificato al sesto posto.


Scotto PubblicitĂ Livorno

Via degli Arrotini, 37 (Zona Picchianti) - Livorno Tel. 0586 424011 - Fax 0586 400043 - e-mail: tecno@tecnografi tecno@tecnograficaitaliana.com caitaliana.com

AMPIO PARCHEGGIO


Le mille specialità della danza sportiva spiegate dal maestro Riccardo Bonaretti

parlarci della danza sportiva è Riccardo Bonaretti delegato per la provincia di Livorno del Midas (Maestri Italiani della Danza Sportiva) e direttore tecnico della Dancemaster la scuola di danza sportiva più grande di Livorno. “La danza sportiva negli ultimi tempi –dichiara il maestro- si è evoluta grazie anche alla professionalità della dirigenza e dei professionisti Fids. Nella nostra provincia abbiamo sicuramente coach e atleti che si fanno onore nel panorama nazionale. Da non tralasciare poi il valore che ha il Social Dance, che come dice la parola stessa, dà modo alle per persone che si avvicinano di socializzare e comunicare tra di loro, ai ragazzi di conoscersi e di sviluppare una cosa che è molto importante ...l’interesse. Infatti, i ragazzi e le ragazze che si avvicinano a qualsiasi tipo di danza si appassionano così tanto da voler approfondire con serietà tutto ciò che riguarda la disciplina, e ciò è molto importante, soprattutto nel nostro moderno mondo dove la superficialità fa sempre più breccia”. La danza sportiva rappresenta la trasposizione del ballo, generalmente di coppia, da disciplina artistica in disciplina sportiva, con proprie regole, competizioni e gare agonistiche, il cui livello varia dall’amatoriale al professionistico suddiviso in varie classi. La Federazione Italiana Danza Sportiva denominata “Fids”, riconosciuta dal Coni, organizza lo sport in Italia, definendone le normative. Anche altri enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni, come ad esempio il Centro Sportivo Italiano o la Uisp, organizzano competizioni e scuole, con regole affini a quelle emanate dalla Fids. Danze di coppia, danze internazionali standard valzer inglese, tango, valzer viennese, slowfox, quick step latino-americane samba, cha cha cha, rumba, paso doble, jive caraibiche salsa, mambo, merengue, bachata, rueda argentine tango, vals, milonga hustle disco fox/disco swing Combinata 10 danze (standard + latine) valzer inglese, tango, valzer viennese, slowfox, quick step, samba, cha cha cha, rumba, paso doble, jive jazz, rock & roll, rock acrobatico, boogie-woogie, swing, mix blues, lindy hop, danze nazionali sala valzer lento, tango, foxtrot liscio unificato mazurka, valzer,r,r polka, danze regionali, liscio tradizionale pie-

montese, mazurka, valzer, polka, danze folk romagnole mazurka, valzer, polka, danze artistiche accademiche classiche, tecniche di balletto classico, variazioni, repertorio moderna contemporanea, modern jazz, lyrical jazz coreografiche freestyle synchro, choreographic, show, disco dance etniche, popolari e carattere, balli tradizionali, tap dance, danze orientali Street dance urban dance electric boogie, break dance, hip hop, contaminazioni...

Standard Le danze standard fanno parte delle danze internazionali. A questa disciplina appartengono i seguenti balli: Valzer Inglese, Tango, Valzer Viennese, Slowfox e Quickstep. Nella danza sportiva italiana (ma anche in quella di altre nazioni), viene divisa in livelli e classi a seconda dell’esperienza maturata dalla coppia negli anni. A lettera più bassa corrisponde un livello di preparazione maggiore (es. classe A > di classe B3 ). La più alta classe ballabile è quella Internazionale.

Riccardo Bonaretti con la moglie

105

Latino americane

Le danze Latino americane fanno parte delle danze internazionali. A questa disciplina appartengono i seguenti balli: Samba, Chacha, Rumba, Jive e Paso Doble. Nella danza sportiva italiana (ma anche in quella di altre nazioni), viene divisa in livelli e classi a seconda dell’esperienza maturata dalla coppia negli anni. A lettera più bassa corrisponde un livello di preparazione maggiore (es. classe A > di classe B3). La più alta classe ballabile è quella Internazionale.

Combinata 10 danze Agonismo di base: le coppie iscritte nell’Agonismo di Base (classe B) possono eseguire programmi con figure scelte tra quelle approvate dal Settore Tecnico per ciascuna classe. La specialità prevede competizioni sulle 10 danze, cinque di danze standard e cinque di danze latino americane nell’ordine: Valzer Lento, Tango, Valzer Viennese, Slow Foxtrot, Quickstep, Samba, Cha Cha Cha, Rumba, Paso Doble, Jive. È consentito l’abbigliamento differente fferente per lo svolgimento delff le due specialità in quanto le dieci danze vengono eseguite in due fasi distinte. Agonismo e master: i programmi per tutte le classi dell’agonismo (classe A) e Master sono liberi, non sono cioè vincolati da una quantità limitata di figurazioni, ma devono comunque essere composti nel rispetto delle tecniche fondamentali di ciascuna danza. È sempre proibita l’esecuzione di “lift” (fatta eccezione per il Classic e South American Show Dance) intesa come figura nel corso della quale uno dei due atleti tiene contemporaneamente staccati dal suolo entrambi i piedi per più di mezza battuta, grazie al supporto del partner. La suddivisione della classe in A2, A1 e AS non ha differenziazioni fferenziazioni in termini di ff quantità di figurazioni e movimenti bensì in livelli differenti fferenti di preparazione e qualiff tà tecnica. La specialità prevede competizioni sulle dieci danze, cinque di danze standard e cinque di danze latino americane nell’ordine: Valzer Lento, Tango, Valzer Viennese, Slow Foxtrot, Quickstep, Samba, Cha Cha Cha, Rumba, Paso Doble, Jive. Per la sola classe Master l’ordine delle danze latino americane è il seguente: Cha Cha Cha, Samba, Rumba, Paso Doble, Jive. È consentito l’abbigliamento differente ff fferente per lo svolgimento delle due specialità.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

A


Scuola di ballo diretta dai Maestri

Veronica Garzelli e Alessio Mangini “Competitori Professionisti di Danze Standard e Latino Americane” Tecnici e Giudici F.I.D.S. Campioni Italiani, Maestri MIDAS 2011

combinata 10 danze Standard e Latino Americano

organizza per adulti e bambini

Scotto Pubblicità Livorno

CORSI DI BALLO x x x

Ballo da Sala e Liscio Unificato

Danze Standard e Latino Americane Danze Caraibiche e Rueda de Casino x

Baby Dance da 5 anni in poi

Per info rivolgersi: Sede sociale:

331 3029376 (Veronica)

Via Salmi, 20 - 57121 LIVORNO (Zona Picchianti)

www.hollydance.it tv.garzelli@hollydance.it


Veronica Garzelli L

a danza è la prima espressione artistica del genere umano, perché ha come strumento il corpo. Essa è stata, ed è, parte dei rituali, preghiera, momento di aggregazione della collettività nelle feste popolari e anche occasione di aggregazione tra persone (un esempio attuale ne è la danza nelle discoteche). In ogni caso, nel cor cor-

so dei secoli questa arte è sempre stata lo specchio della società, del pensiero e dei comportamenti umani. La danza permette di esprimere al meglio i nostri sentimenti attraverso il linguaggio del corpo. Ogni movimento non viene eseguito soltanto con braccia e gambe; ma anche con mente e con cuore. Quest’arte và costruita nel tempo, con pazienza, costanza e determinazione. “ … attraverso il linguaggio del cor corpo… con pazienza, costanza e deter determinazione…” Parole che potrebbero volteggiare come una figura gura di danza e rimanere librate nell’aria; ma, se hai occasione di conoscere Veronica, puoi af affermare che, nel ritornare verso il basso, si sono posate sul suo corpo. In mezzo ad una delle sale della sua scuola “Holly Dan Dance”, dove il con contorno è di spec specchi, impartisce lezione ad una coppia. La voce è ferma, decisa. Poi, quando si siede per la chiac chiacchierata-intervista, il suo viso assume contorni di dolcezza. Poi inizia a parlare, come se volesse aggre aggredirti. Poco dopo capisci che la sua non era… aggres aggressione. Parla della danza, ed hai la sensazione che si accenda un grande lam lampadario. E l’intorno si co cosparge di luce. E tutto formato in anni di sacrifici; ci; ma pronta, giorno

107

dopo giorno, a ricominciare, come se fosse il primo. Per ballare e dirigere una scuola di ballo. Foligno, il 12-13 febbraio di quest’anno, è salita sul podio più alto per il Campionato Italiano Midas (Maestri Italiani di danza Sportiva) dove in due discipline, standard e latino, si eseguono cinque balli per categoria. E non era la prima volta. All’età di dodici anni era già salita su un podio, quello più alto. Perché l’ha chiamata Holly Dance, la sua scuola? Quando ero bambina una zia mi fece un vestito, con tanti strass, per ballare. I mie parenti dissero che sembravo una star di Hollywood e mi chiamarono…. Holly. Così quando ho aperto la mia scuola di ballo, mi sono ricordata, e l’ho chiamata con questo nome. Perché questa passione? Ai miei nonni piaceva il ballo liscio. Ogni sabato sera, andavano nei locali per praticare la loro passione. Ed io ero sempre con loro. Da qui la mia passione per il ballo e la musica. Ed i tuoi balli preferiti? Danze standard e latino-americano. Chiudi un attimo la porta della sala da ballo e dimmi di te. Sono nata a Livorno il 2 dicembre del 1976. Segno zodiacale Sagittario (pieni di fiducia, felici, allegri, molto schietti ed hanno una mente molto attiva). Le mie letture preferite sono i libri tipo Il Gabbiano. Mentre per il cinema preferisco film come Il cigno nero. Stimo molto Brad Pitt e l’attrice Jody Foster. Il mio piatto preferito sono gli spaghetti al pomodoro. Vorrei mangiare pesce; ma, purtroppo sono allergica, ma amo molto il mare. Per quanto riguarda gli studi ho frequentato due anni al Vespucci poi al Colombo. Fino al quinto anno. I tuoi capelli sono sempre stati rossi? No. Per natura sono bionda.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Veronica Garzelli una donna in eterno movimento a suon di musica


Scotto PubblicitĂ Livorno


Fidanzata? No. Ma un giorno ti sposerai? Per ora no, perché sono sposata con la danza. Quando troverò un uomo che, anche lui, ami questa disciplina, allora potrò decidermi. Per sei anni ha ballato con lo stesso ballerino, e vedendoli nelle gare si poteva pensare che, proprio la danza, li avrebbe tenuti insieme per tanti anni. Invece, un giorno, Veronica riceve un sms, il quale diceva… le nostre strade si dividono… Da quel giorno in lei qualcosa morì. Ma il tempo lenisce ogni ferita. E così incontra Alessio Mangini di Casciana Terme. L’amore della danza fa in modo che la coppia trovi il giusto feeling. Ed il Campionato italiano porta i loro nomi. Descrivi una tua giornata. La mattina verso le dieci inizio ad allenarmi con Alessio. Dopo vado a casa per il pranzo, per poi tornare, verso le sedici, alla scuola, fino alle ventitre e trenta. E continuo con i corsi sociali. Dopodiché finisce la mia giornata.

109

Qualcuno lo ha fatto per fare business. Dobbiamo dire che Livorno ha tante scuole; ma nessuna sala da ballo. La chiaccherata-intervista scrive la parola fine. Il viso di Veronica si adombra. Quanto sarebbe rimasta ancora a parlare della danza. La sua danza. Siamo certi che nemmeno quando dorme riusce a far star fermo il suo corpo. Gianni Picchi

Veronica Garzelli La passione per la danza e lo studio inizia nel 1987 all’età di 11 anni. Partecipa e vince gare del circuito nazionale. È più volte campionessa Regionale e Italiana. Nel 1996 acquisisce il diploma Anmb. Diventa, inoltre, Tecnico Federale con abilitazione a Giudice di Gare per Campionati regionali ed italiani Fids. Dopo varie esperienza di insegnamento in varie scuole, il 19 set settembre del 1998 apre la Scuola HOLLY DANCE. Diplomi: danze standard danze latino americane ballo da sala liscio uni unificato Abilitazione giudice di gara Fids per: Standard classe A e B Latini classe A e B Gare Internazionali: International Championship (Londra) Blackpool dance festival (Blackpool) German open championship (Stoccarda) Slovenia open (Izola) United kingdom championship (Bournemouth) Gare Italia Campionato italiano (Foligno) Bologna open (Bologna) Dance super stars (Salsomaggiore) Rimini open (Rimini) Festival di Alassio (Alassio) Festival di Cervia (Cervia) Trofeo città di Montecatini (Montecatini) Trasmissioni televisive: Mattino in famiglia 2007 (Rai Uno)

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Ma riesci a trovare il tempo per… staccare la spina? Sembrerà strano, ma trovo il tempo anche per uscire con amici e ami amiche. Spesso per una “girata” sul mare. Il giorno preferito della set settimana? Il sabato. Chiudo la scuola ed inizia la mia vita. Se tu potessi fuggire dove andresti? In un’altra scuola di danza. I tuoi ballerini preferiti. Nureyev e Bolle. Due ballerini che potrebbe essere due statue in… mo movimento. Perché tante scuole a Livorno? Ci sono scuole e diversi Circoli, che fanno scuola. Entrambi con progetti diversi.


Calcio

Festa regionale del pulcino 2010

C

orreva l’anno 1987 quando Bruno Perniconi, allora Presidente Figc di Livorno, (oggi vice presidente regionale del Comitato Regionale Toscano della Lega nazionale Dilettanti) ebbe l’idea di mettere in opera una manifestazione, dove i protagonisti, fossero i più giovani della grande famiglia del calcio, i Pulcini. La provincia livornese è strana come conformazione territoriale, visto la sua uscita in mare con l’isola d’Elba, quindi trovare una locazione per far svolgere la Festa, che sarebbe stata di gradimento ad ogni Società, non era facile. In questo caso Perticoni pensò da politico. Fino a qualche anno prima non correva “buon sangue”, sportivamente parlando, tra gli isolani ed i continentali; basti ricordare gli esiti delle partite giocate nell’isola. Anni prima, sotto la presidenza del Dr. Zuzolo, alcuni campionati furono divisi, uno isolano ed uno continentali. Le vincitrici, in campo neutro, si sarebbero, al termine dei loro gironi, contese la vittoria finale della categoria. E l’idea “politica” di Perticoni fu di portare le squadre proprio nell’isola napoleonica. Tra l’altro con l ’inizio

della su presidenza, Perniconi, pose, tra le priorità del suo programma gestionale, il riportare l’isola al… continente. Quindi quale migliore mediazione del portare in terra elbana la Festa. Dire che è stato un successo è dir poco. Non solo gli isolani risposero con entusiasmo; ma i continentali sbarcarono, con grande partecipazione, con i loro… carichi di bandiere, colori e minigiocatori. Da allora è stato un crescendo, tanto che l’ambito provinciale incominciava a stare stretto a questa manifestazione. Le domande di richiesta di partecipazione aumentavano di anno in anno. I confini dovevano essere ampliati. Così da tre anni la Festa del Pulcino è diventata regionale. Una regione dentro un’isola. L’edizione del 2010 si è svolta l’8 ed il 9 maggio (1850 partecipanti) . La manifestazione si è aperta sabato alle 14.30 con la finale del Trofeo “A. Paterni” riservato alla categoria juniores, presso la struttura sportiva “A. Lupi” a Portoferraio. Questo trofeo è riservato alle rappresentative juniores di tutte le delegazioni toscane, che si svolge, con turni infrasettimanali, durante la stagione calcistica. Alle 17, presso la sala della provincia, in zona le Ghiaie a Portoferraio, si è tenuto un convegno sul tema “Assist, il passaggio per la rete”. Dopodiché, sempre

111

presso l’impianto sportivo “A. Lupi”, sede della Società Audace Isola d’Elba, si è svolta la cerimonia di apertura. Le squadre hanno sfilato, sulla falsariga olimpica. La domenica, con inizio alle ore 8, sfilata attraverso le vie cittadine per raggiungere la struttura sportiva di competenza. Prima dell’inizio delle gare, alle 9.45, il sindaco del Comune ospitante ha rivolto il saluto ai partecipanti. Al termine degli incontri, alle12.30, ritorno alle strutture alberghiere per il pranzo. A partire dalle 14.30 i partecipanti hanno presenziato alle iniziative culturali-turistiche organizzate da ogni Amministrazione Comunale nel proprio territorio. Al termine partenza per il molo dei traghetti per far ritorno a Piombino. Con l’inizio del nuovo anno il gruppo di lavoro, guidato dal Delegato provinciale Roberto Tramonti, dà il via ai lavori per l’organizzazione della quattordicesima edizione, che avrà luogo, sempre in maggio, ma il 14 ed il 15. Ed è notizia di questi giorni che, tre Società lombarde, hanno fatto richiesta di partecipazione. Questa manifestazione, unica nel suo genere nazionale, non è ancora maggiorenne; ma la sua cassa di risonanza è arrivata in campo nazionale. Gianni Picchi

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Da 13 anni all’isola d’Elba manifestazione unica a livello nazionale


Massa Carrara

A.S.D. Palleronese G.S.D. Oratorio Don Bosco U.S.D. S.Marco Avenza A.S.D. Villafranca Jr.

Pisa

A.C.D. Val di Cecina G.S. Belluria Cappuccini A.S.D. Valdera calcio Pol. Piccoli Azzurri A.S.D. Tuttocuoio

Pistoia

Società partecipanti

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Arezzo A.C.D. Junior Camp Arezzo U.T. Chimera Arezzo A.S. Arno calcio A.S.D. Terranovese calcio U.S. Castiglionese

Firenze U.S. Limite Capraia Virtus S. Donnino U.S.C. Montelupo

Grosseto

F.C. Follonica A.S.D. Sauropescia

Livorno

G.S. Carli Salviano A.S.D. Portuale Guastocce Armando Picchi calcio A.S.D. Venturina calcio

Lucca A.S.D. Folgor Marlia A.C. A. Lucca Sette

G.S. Pistoia Nord A.C. Quarrata Olimpia A.S.D. L’Arte dello Sport

Prato

S.S.C. Virus Coreana F.C.D. La Querce G.S. CF 2001 Casale Fattoria

Siena

A.S.D. Unione Poliziana

Isola d’Elba

A.S.D. Campese A.S.D. A. Isola d’Elba A.S.D. Marciana Marina U.S.D. Porto Azzurro A.S.D. Pol. Rio Elba U.S.D. Rio Marina U.S.D. Elba 2000 Capoliveri Special Olympics Italia Team Toscana S. PO. Di Don Carlo Gnocchi (MC) Arlecchino Sport (Li) All Star (Ar) Strutture sportive dove si sono svolti gli incontri

Pulcini anno 1999-2000

Portoferraio, Porto Azzurro, Marciana Marina, Marina di Campo, Rio Marina, Capoliveri.

112

Pulcini anno 2000-2001

Rio dell’Elba

Quadri dirigenziali FIGC di Livorno Delegato Segretario V.Segretario Tesseramento

Roberto Tramonti Aldo Agretti Nello Bartorelli Paolo Carboncini Roberto Biagiotti Programmazione: Mauro Stefanini Organiz. Tornei: Franco Argelassi Alberto Pacini Comunicati Ufficiali: Paolo Casali Giuseppe Rizza Attività Sett.Giov. e Scol: Luca Palombo Paolo Pasqualetti Consulenza con le Soc.: Andrea Fraschetti Giustizia Sportiva Avv. Giovanni Ongaretto Paolo Ennas Nelle foto alcuni momenti della Festa del pulcino


Scuola calcio Figc: Piccoli amici giocano allo Stadio Armando Picchi

L

(nati nell’anno 2003), affinché l’attività di questi bambini abbia come obbiettivo principale il gioco inteso come diverti-

mento, e come mezzo di crescita e di sviluppo della responsabilità di questi piccoli protagonisti. Una seconda ragione, che ha spinto ad organizzare un simile evento è che, mentre i bambini di altre categorie hanno tornei, manifestazioni e feste varie (“Sei Bravo”, “Festa del Pulcino”), per questa categoria mancava una festa di fine anno sportivo, affinché si possa gratificare il lavoro svolto sia dai bambini, che dai loro istruttori, e ripagare in parte il sacrificio dei genitori.

113

Gli obbiettivi preposti sono: Obbiettivo educativo: incentivare l’utilizzo del gioco in genere, non solo calcio, come mezzo di socializzazione e sviluppo dell’amicizia tra bambini. Obiettivo sociologico: far vivere a tutti i protagonisti della manifestazione (bambini, istruttori e genitori) una giornata di divertimento senza le tensioni causate dall’ufficialità di un evento sportivo. Obiettivo tecnico: offrire ai bambini la possibilità di vivere nuove esperienze motorie che non facciano parte necessariamente dei gesti tecnici del calcio e agli istruttori fornire loro nuovi mezzi di lavoro. Dopo il successo nel maggio del 2009, la delegazione Provinciale ha deciso di tornare l’8 maggio 2010, ancora, allo Stadio Comunale di Livorno A. Picchi.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

a delegazione Provinciale della Figc di Livorno con l’ausilio, ed il patrocinio del Comune di Livorno, con la presenza di due associazioni benefiche quali UNICEF e AGD Livorno, che hanno fatto una raccolta fondi per le loro iniziative umanitarie, ha organizzato una festa, con 400 bambini, provenienti da tutta la Provincia. La manifestazione, denominata “PICCOLI AMICI GIOCANO”, è nata dall’esigenza di dare un segnale a tutti coloro che ruotano intorno al calcio giovanile, ed in special modo, ai genitori, ai tecnici, ed a chi opera nella categoria Piccoli Amici


Scotto Pubblicità Livorno

KZcY^iV \jVgc^o^dc^! gVXXdgY^!da^! ijW^Ã&#x201C;Zm! ZaZiigdkVakdaZ! edbeZ!\^jci^! ijW^g^\^Y^eZg XdcYdiiZ daZdY^cVb^X]Z

8dhigjo^dc^Z VhhZbWaV\\^d ijW^Ã&#x201C;Zm 8dhigjo^dc^Z VhhZbWaV\\^d ijW^Ã&#x201C;Zm gVXXdgYVi^^cdm

IjW^gVXXdgYZg^V ZaZiigdkVakdaZ eZg^be^Vci^ ecZjbVi^X^! gVXXdgYZg^VkVakdaZ ZijW^^cdm6>H>(&+

9^hig^WjidgZ=Vaa^iZ >iVa^V 8dhigjo^dcZ ^be^Vci^^YgVja^X^Z ecZjbVi^X^ X^a^cYg^!XZcigVa^cZ VY^hZ\cd

Egd\ZiiVo^dcZ ^be^Vci^

9>HIG>7JIDG: :G>K:C9>IDG:6JIDG>OO6ID

F.LLI TOGNELLA

Via delle Sorgenti, 108 - Nugola (LI) Tel. 0586 977325 - Fax 0586 978063 - Cell. 333 6384883 XXXPMFPEJOBNJDBMJWPSOPDPNt&NBJMPMFPEJOBNJDBMJ!UJTDBMJJU


Igor Protti I

gor Protti risponde alle domande di cinque giovani atleti: Jacopo Pagni 15 anni dell’Antignano Banditella, Antonio Di Rocca 16 anni Portuale Guasticce, Diego Cinapri 14 anni Armando Picchi, Giada Morucci 12 anni ProLivorno Sorgenti e Francesco Belfiore 16 anni Carli Salviano È un pomeriggio freddo a Livorno e Igor Protti, icona del calcio livornese, si presenta così: semplice, leggero e sorridente come quando, in campo, ubriacava i difensori a suon di dribbling, con quel suo stile diplomatico e disponibile. Il campione non condanna mai anche durante le domande che gli vengono fatte, non si sbilancia nelle risposte che dà, ha una buona parola per tutti, rimane calmo, sereno, ti guarda negli occhi come a voler dire che quello che ha fatto lui è possibile a tutti, che non ci sono limiti ai sogni e basta impegnarsi al massimo per raggiungere quello strano traguardo che quasi tutti gli adolescenti incontrano nei sogni, nelle notti passate in bianco ad immaginarsi tra San Siro e l’Olimpico, sì, quel traguardo che ti costa un’adolescenza e che quasi sicuramente non ti ripaga con la stessa moneta, ma ti lascia qualcosa, qualcosa come un attestato di partecipazione, una specie di foglio che alcuni strac-

ciano con rabbia e delusione, mentre altri, forse più saggi, incorniciano ringraziando il calcio di aver dato loro la possibilità di giocarlo, di fare nuove esperienze, di provare nuove emozioni e di coltivare nuove amicizie, quel traguardo che sfuma all’orizzonte, del quale hai anche un po’ paura di parlare per mantenere tutta l’energia necessaria a raggiungerlo, quel traguardo che poi magari quando ci arrivi rimpiangi i vecchi tempi quelli del “la porta è dall’albero alla sacca”, quel traguardo così strano che in pochi hanno la possibilità di tagliare, tante sono le casualità da superare, quel traguardo che chiunque abbia giocato a calcio ha visto in lontananza, quel traguardo: il sogno di giocare nel calcio che conta! Quando hai iniziato a giocare a calcio lo hai fatto per passione o per “obbligo morale”? “Bè l’ho fatto per passione sicuramente; ad esempio quando avevo 3-4 anni e mi regalavano un pallone io non solo ci giocavo, ma me lo portavo anche a letto. Per me fin da piccolissimo il calcio è stata una passione; ho iniziato a giocare a nove anni e da questa età in poi andare a fare gli allenamenti e stare con i miei compagni era per me un piacere, non l’ho mai visto come un obbligo, certo è

Protti con i suoi intervistatori

115

che quando arrivi ad una certa età devi fare dei sacrifici e rinunciare a certe cose”. Tutti da piccoli e da ragazzi aspirano a fare il calciatore perché fai ciò che ti piace ed è molto remunerativo, ma questo “calciatore” è tutto oro che luccica? “Il calciatore non è solo ciò che vediamo in televisione perché non ci sono solo le partite la domenica, le interviste e le veline, per arrivare a quei livelli c’è tanto lavoro dietro e quando diventi grande hai anche una famiglia e dei figli ai quali talvolta devi un po’ rinunciare per i vari ritiri e allenamenti; c’è anche un lato economico fin troppo remunerativo che al giorno d’oggi è importante, ma anche nel calcio ci sono alcuni lati brutti, in altri lavori sicuramente ce ne sono di peggiori, però il pallone non è tutto oro che luccica”. Quando ti sei accorto che saresti potuto diventare un professionista? “Quando a 16 anni e mezzo mi hanno fatto esordire in C1 a Rimini, là ho pensato che oltre ad una passione poteva anche diventare un lavoro, anche se è una parola strana per uno sport, ma essendoci determinate regole da seguire si può tranquillamente definire tale”. È stato difficile smettere? “No, non lo è stato, secondo me lo è per un giocatore che ha giocato tanto tempo e gli dicono di smettere, io comunque sia ho smesso a 38 anni, insomma ne ho avuto di tempo per giocare a pallone, e soprattutto è stata una scelta solo mia, perché avevo bisogno di fare altre cose come godermi i miei figli, certo è che a volte quando guardo le immagini della mia ultima partita un po’ di nostalgia mi viene”. In quale squadra hai iniziato a giocare a nove anni? “Ho iniziato a giocare in una squadra del paesino vicino Rimini dove vivevo, che si chiamava Gladiatori. È curioso il modo in cui cominciai perché ero andato a vedere gli allenamenti di questa squadra e un ragazzino doveva andare via prima perché aveva da studiare, allora l’allenatore mi chiamò e mi fece giocare gli ultimi 10 minuti della parti-

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Da calciatore a calciatore


Scotto PubblicitĂ Livorno


“No, mia moglie non mi diceva mai come giocavo anche perché non si intende di calcio, spesso veniva allo stadio, ma più per passare un pomeriggio che per passione”. Hai segnato in tutta Italia più e più volte, ma nella tua carriera ci sono stati dei periodi difficili? Ed eventualmente come li hai superati? “Sicuramente ci sono stati dei momenti difficili e ho sempre pensato che l’unico modo di superarli fosse quello di continuare ad allenarmi al massimo e soprattutto di non sentirmi solo in campo quando giocavo, perché comunque dalle situazioni difficili a calcio si esce in 11 e non da soli”. Avevi un compagno di fiducia? “No, avendo cambiato tante squadre non ho avuto compagni di fiducia, sono stato bene con tutti e mi piaceva stare con tutti, soprattutto quando giocavamo in casa mi piaceva sentire gli incitamenti della gente che accrescevano il mio senso di responsabilità verso una squadra e una maglia”. Qual è stata la squadra che ti è rimasta più nel cuore? “Parto dalla premessa che per me ogni maglia che ho indossato almeno una volta è importante, però le esperienze più belle le ho fatte a Livorno con la maglia amaranto, che considero il mio primo amore perché sono arrivato qui molto giovane e come si dice il primo amore non si scorda mai”. Rimpiangi alcune scelte fatte durante la carriera? “No, non rimpiango assolutamente niente perché ad oggi dovessi tornare indietro rifarei tutte le scelte che ho fatto, per il semplice mo-

Protti con i suoi intervistatori

117

tivo che le ho fatte sempre con la mia testa”. Oggi si vedono in campo litigi tra compagni di squadra, a te è mai capitato? “Succede a volte di litigare tra compagni anche perché ognuno dà il massimo e magari con la stanchezza, la gente che urla e la tensione della partita può accadere una discussione tenuta in una maniera un pochino più accesa, date le circostanze, ma poi basta una pacca sulla spalla senza rancori”. Secondo te il calcio italiano è malato e, se lo reputi tale, può tornare ad essere solo uno sport come lo era prima? “Secondo me il mondo in sé è malato e il calcio è solo lo specchio di quello che succede fuori; secondo me il calcio tornerà indietro quando il mondo tornerà indietro, quindi quando i soldi non saranno più al primo posto e ci accorgeremo che ci sono tante altre belle cose. Ad esempio il denaro è stato quest’anno il motivo della protesta dei calciatori, che non erano d’accordo con la proposta della federazione che avrebbe imposto loro il passaggio da una squadra ad un’altra solo per soldi, senza contare la loro volontà. Io penso che abbiano ragione perché le emozioni provate in una squadra non le puoi comprare”. Hai mai pensato di andare a giocare all’estero? “Sì, ci ho pensato e ho avuto anche l’opportunità di andare in Germania, in Inghilterra, in Francia e mi sarebbe piaciuto come esperienza personale e per imparare le lingue, ma avendo mio figlio piccolino ho dovuto pensare a lui e a mia moglie che non se la sentiva” . Il rapporto allenatore-giocatore esiste anche fuori dal campo? “No, almeno finché lavorano insieme, può capitare che la squadra vada a cena tutta insieme, allenatore compreso, ma è difficile che un allenatore vada a cena fuori con un solo giocatore, anche perché sarebbe antipatico per gli altri”. L’emozione più bella che hai avuto? “Sicuramente a Treviso in C1, nemmeno essere stato capocannoniere in serie A mi ha dato le stesse emozioni”. Hai qualche ricordo per ogni squadra nella quale hai militato? “Sì, ho almeno una maglietta per squadra, e ora sinceramente le sto anche finendo, e così adesso quando mi chiamano anche col fine della beneficenza, purtroppo devo dire di no”. Hai “attaccato le scarpette al chiodo” sul serio? “No, sul serio no, ho un paio di scarpe che sono anche mezze rotte, sono quelle dell’ulti-

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

ta; a fine allenamento mi chiese se poteva parlare con i miei genitori per farmi entrare in squadra”. Un allenatore come ti fa sapere che non giochi? “Ogni allenatore ha il suo metodo: c’è chi passa nelle camere il sabato sera, c’è chi lo dice la domenica mattina nell’ultima riunione e c’è chi arriva al campo la domenica pomeriggio e fa trovare la formazione in spogliatoio, comunicando sempre in gruppo le decisioni prese”. La decisione di diventare allenatore è stata una scelta dettata dalla nostalgia o da un sogno precedente? “Non è un sogno precedente, ma una decisione maturata per poter migliorare e per poter provare una nuova esperienza personale, non ho l’obiettivo di diventare un allenatore, poi vedremo, se mi arriverà qualche offerta ff fferta la valuterò, nella vita non si può mai dire, ma non parto con questo scopo”. Qual’era la cosa che ti piaceva di più nel pre-partita? “Le cose che si facevano nel pre-partita erano sempre le solite come il massaggio e la preparazione, personalmente prima di ogni gara cercavo di stare mezz’ora in una stanzina buia su un lettino a rilassarmi, anche per perché la notte, con la tensione, non era facile dormire. Non avevo gesti particolari perché non sono scaramantico, l’unico episodio fu a Bari quando mi infilai i pantaloncini al contrario, me ne accorsi ma li lasciai così, ed infatti quel giorno feci tre goal!” Tua moglie guardava le partite? A mai fatto commenti su come giocavi?


pellicole oscuranti

t Carro Attrezzi t Assistenza legale e medico legale

Scotto PubblicitĂ Livorno

t Auto di cortesia sostitutiva t Montaggio di


età, ma mantenendo i piedi per terra giorno dopo giorno”. Che effetto ffetto fa giocare negli stadi più ff grandi e belli d’Italia con tanta gente sugli spalti? “Io le prime volte non riuscivo nemmeno a dormire la notte per l’emozione; in particolare l’Olimpico è stato quello più emozionante, anche perché ebbi l’occasione di andarci già nel ‘90 per i mondiali e la sera prima della inaugurazione un mio amico me lo fece vedere vuoto e mi propose di scendere in campo. Stavo per accettare la sua offerta, fferta, ma poi ci riff pensai e decisi che avrei calpestato quell’erba solo come giocatore. E così fu qualche anno dopo, e ne ebbi una grande emozione”. L’allenatore parla subito dopo la partita o il martedì? “L’allenatore molto spesso parla il martedì all’allenamento anche perché se la partita è andata male sai già da solo cosa pensare e uno che ti viene a criticare ti butta solo giù; anch’io se farò l’allenatore farò in questo modo”.

Che effetto ffetto fa essere il simbolo di Liff vorno? “Fa sicuramente piacere essere stimato dai livornesi sia come calciatore che come persona, secondo me se fai uno sport impegnandoti al massimo e i risultati, se pur importanti, non arrivano, resti lo stesso nel cuore della gente come è successo a me a Napoli.” Eccolo qua Igor Protti, semplice, diplomatico, leggiadro, come in campo, sempre col dieci per rimarcare il fatto che anche come persona fuori dal campo è il migliore. Il pomeriggio di Livorno ormai si è trasformato in sera e solo il freddo è restato, c’è il cielo limpido e si intravede l’orizzonte, l’orizzonte dei sogni, dei pensieri inespressi; eccolo qua Igor Protti sempre pronto a farti un bagno di realtà o a darti un paio di ali solo a parole, eccola qua l’intervista tra un signore del calcio, fabbrica di sogni, e noi giovani calciatori che sappiamo ancora sognare... Jacopo Pagni

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

ma partita, e mi sono promesso che quando si romperanno del tutto non ne comprerò più”. A volte si dice che nel calcio ci sono brutte persone; quella che ti è rimasta più impressa in senso positivo? “Io penso esattamente il contrario, ci sono state talmente tante belle persone che per me è difficile sceglierne una perché ognuno ha le sue qualità e mi sembrerebbe di far torto a qualcuno non ricordandolo; son stato for fortunato anche nella Lazio, dove ho raggiunto alti livelli sportivi ed ho avuto l’opportunità di conoscere grandi persone, oltre che grandi campioni”. Igor dai un consiglio a questi ragazzi “Cito un pezzo di De Andrè -Si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio, si sa che la gente da buoni consigli se non può più dare cattivo esempiol’unico consiglio che posso dare è quello di giocare con passione, divertendosi, sognando perché sognare è un obbligo alla loro

119


Scotto PubblicitĂ Livorno


Giovanni Gardini

Giovanni Gardini

S

alire le scale per raggiungere la sede del Livorno calcio, passare tra i… filtri di Cristina Martorella, ormai la segreteria può avere il suo nome, per anzianità di servizio, Paolo Nacarlo, un livornese sulla poltrona dell’Addetto Stampa, e per questo che il suo tempo… non ha tempo, per ciò che dedica alla Società, percorriamo il corridoio per arrivare dal direttore generale. Iniziamo a parlare ed il tempo trascorre senza tempo. E ti accorgi come un uomo, nato a Londra, vissuto in Veneto, ami il mare in modo particolare. E che sia il motivo che permetterà ai livornesi di avere in Società, un uomo, che può dargli molto, negli anni avvenire, per le sue conoscenze e la sua esperienza, tanto da poter restare nei piani alti del calcio? Riavvolgiamo il nastro e parliamo di Giovanni Gardini nello sport. Ho avuto la fortuna di cominciare presto a fare molte attività sportive. Giocare a tennis, sciare e giocare a calcio, lo sport che più mi affascina ff ffascina va. Però dovevo studiare e quindi ho avuto modo di trovare in me una passione: quella di fare il giornalista. Passione nata con i mondiali di calcio del 1970. In special modo quando fu giocata la partita Italia-Germania. Fui af affascinato dalle telecronache di Nando Martellini. Al punto che, guardando le partite, facevo una “mia” telecronaca, che registravo e riascoltavo. Passione che ho coltivato con lo scrivere. Diventai corrispondente della Gazzetta dello Sport da Padova, curando in par particolare il calcio. Nel 1989 fui chiamato

dal Padova calcio e così ho iniziato la mia attività sportiva in seno ad una Società di calcio, come dirigente. Una cosa che non farebbe di nuovo, ed un’altra che farebbe ancora. Dal punto di vista professionale ho sbagliato a tornare a Treviso, dopo aver lasciato la Lazio. Non si deve mai tornare due volte nello stesso posto. Situazioni che ti portano a commettere errori di valutazioni importanti. Quando torni non è mai la stessa cosa. Questo ritornare sui miei passi, nella mia posizione professionale, ha pesato molto. Rifarei… quando, senza sapere a cosa sarei andato incontro, nel ’99 decisi di interrompere la mia collaborazione con il Padova e iniziai a camminare… da solo. Dopo undici anni decisi di tagliare il cordone ombelicale con la Società orobica e trovare nuovi stimoli, nuove realtà e nuovi confronti. Il calcio suona campane a morto. Molte squadre rischiano di non iscriversi al campionato. Perché siamo arrivati a questo? Abbiamo speso molto di più di quello che abbiamo incassato. I Presidenti non hanno capito che i soldi, che arrivavano dalle televisioni, andavano gestiti con maggiore oculatezza. Sono stati gestiti dandoli ai giocatori, invece di investire nelle strutture per creare centri sportivi, stadi e metterci alla stregua di altre nazioni. E pensare che il fondo non l’abbiamo ancora toccato. Vi sono squadre in grosse difficoltà, e continueranno ad esserlo, ma abbiamo un rapporto ricavi-spese calciatori troppo elevato. Allora le campane del Livorno suonano a festa. Il Livorno è amministrato come una Società normale. E questo non deve gridare allo scandalo; ma deve far riflettere e capire, che si può fare calcio, senza buttar via i soldi. Il calcio vive una realtà illogica. Quando si vende un’azienda “normale” che versa in acque particolari, chi compra, mal che vada, o ben che vada, a seconda dei punti di vista, rileva la parte debitoria. Invece, nel calcio, devi anche pagare per compare una Società, che sta per

morire. È illogico tutto questo. Premesso ciò, torniamo al Livorno, ed a Spinelli. In undici anni ha dimostrato di saper fare diverse stagioni in serie A ed alcune in serie B, e di non aver buttato via i soldi, quindi non è corretto dire che non spende. Bisogna vedere come si spende, non quanto si spende. Una Società come il Livorno, che fa l’ascensore tra serie A e B, mantiene un ruolo significativo ed importante. Nonostante questo una parte dei tifosi sono insoddisfatti. Accontentare tutti è impossibile. Bisogna però ricordare che, negli anni precedenti all’avvento di Spinelli, il Livorno non ha avuto la possibilità di una guida economico-finanziaria così stabile. Così rispondente a quelle che sono le necessità. Se Spinelli resta a Livorno per tutto questo tempo, dimostra il fatto di tenere alle sorti del Livorno calcio. Nonostante l’età e gli impegni. Quindi, di tutto questo, dovremmo essere grati. Partendo dal fatto che, sempre, si può far meglio. Non c’è dubbio. Vi sono stati giocatori che sono andati in nazionale, altri sono stati venduti bene, altri sono stati comprati male. Fa parte del gioco; ma rimangono i risultati ottenuti in serie A ed in serie B, che prima mancavano e da molto tempo. Come vede Livorno ed i suoi tifosi? Partendo dal presupposto base, che, tra i tifosi e le Società di calcio, si è aperta una voragine, perché tutto ciò che si è messo in essere ha fatto in modo di allontanare la gente dagli stadi. In qualsiasi città fino agli anni ottanta, abbiamo visto stadi strapieni. Poi un decadimento allucinante. Il rapporto tra i tifosi e la squadra và rinforzato, soprattutto con un concetto. I giocatori rappresentano la città di Livorno e la squadra di Livorno, devono vivere il rapporto con i tifosi, vivere il rapporto con i media, debbono essere parte integrante di tutto il tessuto. Questo rapporto deve essere consolidato, rivitalizzato. Deve essere la base da cui partire. Poi dobbiamo fare in modo di andare a prendere i giova-

121

ni, l’età media di presenze allo stadio è, troppo, elevata. Bisogna trovare i mezzi, i modi, per far venire la gente allo stadio. Noi cominceremo ad avere un’attività di riferimento con le scuole medie, cittadine, e di provincia. Una volta i giocatori andranno alle scuole dagli studenti, una volta verranno loro a vedere gli allenamenti, una volta verranno allo stadio. Bisogna far capire che, allo stadio, ci si viene per divertirci, al di fuori del risultato sportivo. Fare in modo che le due ore, che passeranno allo stadio, saranno un momento di svago, di partecipazione, di interesse, e di appartenenza significativa. Come lo ha visto il mercato di gennaio? Il mercato di gennaio è un mercato di riparazione. Quindi si offre ffre una ff possibilità a chi ha sbagliato durante l’estate, di correggere. Io credo che, al di fuori dei risultati negativi del mese di gennaio, la squadra ha fatto ciò che era nelle sue possibilità. Sarebbe stato difficile, se non impossibile, trovare quei giocatori per migliorarci in maniera decisa. La Società ha cercato di mettere, a disposizione dell’allenatore, qualche alternativa, la quale, possa fare in modo di migliorare sotto l’aspetto dello stimolo e variare, e migliorare, sotto l’aspetto tattico. Le sue mansioni all’interno della Società. Tutte quelle attività, escluse quelle tecniche, che sono di competenza di Signorelli. L’aspetto amministrativo, l’or l’organizzazione, la logistica, i rapporti con gli sponsor, con i media, con le istituzioni, con la Lega, con la Federazione. Dall’alto della sua esperienza. Che futuro avrà il Livorno? Il Livorno ha davanti a sé un futuro molto interessante. Dal punto di vista tecnico ha messo in essere una squadra sufficientemente giovane, che può durare nel tempo e può essere migliorata nel tempo. Ha costi accessibili e significativi. E credo che vi sia lo spazio per essere ottimisti. Sia sotto il profilo tecnico, organizzativo ed economico. Gianni Picchi

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Un’intervista a 360 gradi al direttore del Livorno calcio. Dalla sua storia, ai suoi pensieri sul mondo del calcio fino al futuro amaranto


Scotto PubblicitĂ Livorno


Canoa

Rachele Puccetti e Matteo Volpi in maglia azzurra

I

l 2010 ha segnato un’anno particolarmente importante per il nuovo corso dei canoisti dell’Unione Canottieri livornesi. In questa stagione agonistica, infatti, oltre ad aver concretizzato con un buon numero di giovani atleti la linea verde inaugurata due anni fa, c’è stata la soddisfazione per il sodalizio degli Scali D’Azeglio di far vestire la maglia azzurra a due suoi promettenti agonisti: Rachele Puccetti e Matteo Volpi. Rachele, oltre a dominare le gare regionali, ha aggiunto al suo palmares tre bronzi ai Campionati italiani Juniores, e soprattutto ha partecipato con la nazionale italiana ai Campionati europei di categoria a Mosca, dimostrandosi un elemento importante per i selezionatori azzurri. Sempre di azzurro si è tinta la stagione di Matteo Volpi. Anche lui non ha avuto rivali in campo regionale, ma, soprattutto, si è imposto all’attenzione generale durante le selezioni per la formazione nazionale juniores. Matteo si è misurato infatti con ragazzi di un anno più grandi di lui, primeggiando nei mille metri e piazzandosi nei 200 e 500. Questo gli ha voluto dire la

convocazione per il meeting internazionale di Auronzo, dove si è tolto la soddisfazione di vincere l’oro nel k4 200, l’argento nei 500 e il bronzo nei 1.000, oltre a piazzarsi sesto nella finale del k1. Queste le due punte di diamante della società diretta da Pier Duilio Puccetti, che può contare sulla grande esperienza di Claudio Kaminsky, il “grande vecchio” della pagaia italiana, e dei tecnici Roberto Volpi, Luca Lemmi, Stefano Tavanti e Alessandro Bini. Ma l’Unione Canottieri, (per fortuna), non è solo due campioni come Rachele Puccetti e Matteo Volpi: la stagione di gare 2010 ha confermato che il vivaio biancoblu sta sfornado altri talenti che scalpitano (o forse sarebbe meglio dire forzano con

I ragazzi dell’Unione Canottieri livornese in allenamento

123

Rachele Puccetti

le pagaie) per conquistare a loro volta questi obiettivi. Così nel 2010 abbiamo avuto un altro elemento che ha fatto furore: Francesco Bogi ha conquistato il titolo tricolore dei 1.000 metri tra i Ragazzi esordienti (si tratta di tesserati al primo anno di attività) nei campionati disputati sul lago di Bomba. Nella stessa occasione Bogi ha conquistato anche un argento nei 500 metri e un bronzo nei 200, a conferma delle sue qualità. Nella stessa occasione un altro campioncino in erba livornese, Marco Magnanini, ha conquistato la medaglia di bronzo nei mille metri Esordienti. Ma l’elenco dei successi che si sono tinti di biancoblù è davvero lungo, sia in campo regionale che nazionale, con tanti ragazzi che si sono distinti in più occasioni. Fra i più grandicelli vanno citati Simone Mariottini, in costante crescita e che, con un Davide Volpi che ha saputo dare una svolta in positivo alla sue prestazioni, ha formato un k2 che oltre a dominare in Toscana, ha conquistato le finali dei Campionati italiani dove si è piazzato a ridosso dei primi. Bene anche Lorenzo Agostinetti, in costante crescita agonistica e personale e una sicurezza in equipaggio.

F.I.C.K: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Campioni e nuove leve per l’Unione Canottieri livornesi


Scotto PubblicitĂ Livorno


Matteo Volpi

Malacarne, Lorenzo e Nicola Mazzara. Ma questo entusiasmo ha contagiato anche un altro atleta che, dopo una breve militanza in un’altra società, è tornato sotto i colori biancoblù che avevano segnato il suo esordio: Maurizio Giannini, più volte Campione italiano in varie specialità e categorie e atleta stabilmente nel giro delle maglie azzurre, è tornato ad allenarsi con Puccetti & c. Una presenza importante per tutta la squadra agonistica, in vista di un’ulteriore crescita nei prossimi anni.

Infine, last but not the least, una citazione per gli inossidabili master biancoblu: Alessandra Cioni, oltre a dominare in campo toscano ha aggiunto al suo palmares un terzo posto ai Campionati italiani assoluti; bene anche Stefano Tavanti, che non rinuncia a gareggiare con successo in campo regionale e nazionale. Insomma, un’annata davvero positiva, ma che non deve essere considerata un punto di arrivo quanto di partenza per ulteriori successi.

I ragazzi dell’Unione Canottieri livornese in allenamento

125

F.I.C.K: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Scendendo di età, una citazione la merita senz’altro Michele Tavanti, che si misura già con i più grandi e che, oltre ad una serie di successi regionali, ha conquistato la medaglia d’argento nei 2.000 metri al meeting delle regioni (il Campionato italiano giovanile) di Caldonazzo. In questa occasione un altro atleta biancoblù, Leandro Ricci ha conquistato anche lui la medaglia d’argento nel k2 2.000 metri, a conferma di una crescita costante che lo sta accompagnado sin dagli esordi. A Caldonazzo ha gareggiato anche Christian Volpi, con buoni piazzamenti, che saranno d’esempio ai suoi pari età dell’Ucl, tra cui si sta distinguendo Luca Bosco. Ma il meeting delle regioni ha segnato un altro capitolo importante per i giovanissimi dell’Unione Canottieri: Gabriele Lemmi si è confermato una certezza tra gli Allievi A, vincendo la medaglia d’oro. Ottimo anche Edoardo Orsini, medaglia d’argento, come Francesco Foresi, a un passo dal podio. Da segnalare che anche la sorella di Francesco, Sara, Allieva B è arrivata quinta nella finale 2.000 metri. Intanto, sull’onda dei successi e dell’entusiasmo che è tornato a colorare le antiche volte medicce della sede degli Scali D’Azeglio, ecco che sono arrivati altri ragazzi: Giacomo Bottai, Edoardo Falleni, Francesco Falleni, Alessio Gamucci, Giacomo Tamberi, Matteo Privilegi, Lorenzo


Perché scegliere la CARROZZERIA INTERDONATO?

PRIMA

Qui

t Perché siamo sul mercato dal 1980 t Perché il nostro servizio è veloce, cordiale e a 360 gradi t Perché utilizziamo cicli di lavorazione con prodotti a basso impatto ambientale

puoi trovare la rigenerazione di fanali DOPO

S I T A R G nuovi clienti

MICRORIPARAZIONI PROTEZIONE TOTALE PER AUTO E MOTO CON NANOTECNOLOGIA GESTIONE DIGITALE DEL COLORE E DIAGNOSI ELETTRONICA CENTRALINE DI BORDO MONTAGGIO PELLICOLE IGIENIZZAZIONE ABITACOLO E ARIA CONDIZIONATA

varci o r t a i n e Vi cali o l i v o u n nei novati n i r e i t a ampli

Scotto Pubblicità Livorno

i per tutti izzante n e i g i o t n trattame ondizionata c per aria


I campioni attuali e i futuri atleti del Canoa Club Livorno

I

l Canoa Club Livorno nasce nel 1986 da un gruppo di amici con la passione per il kayak e l’ambiente fluviale e si distingue subito per una marcata predisposizione alle escursioni in kayak, il contatto con la natura e per la partecipazione ed organizzazione di regate di canoa fluviale. Grazie all’impegno ed alla passione dei suoi fondatori il Club riesce a mantenere negli anni un buon profilo, anche in un settore non proprio usuale nel panorama livornese, più rivolto al mare che non al fiume. Ed è proprio sfruttando l’idea dei raduni in mare che il club comincia ad organizzare escursioni lungo tutti i fiumi della toscana, rivolte ad esperti e non, iniziando cosi un’attività di sensibilizzazione rivolta ad adulti e successivamente anche ai bambini, volta a riscoprire il fiume ed il kayak non soltanto come mezzo di trasporto o di competizione, ma anche come mezzo di divertimento. Tra il 2008 e il 2009 sono confluiti nel Club atleti e tecnici provenienti dall’Unione Canottieri Livornese, che grazie alla disponibilità dell’allora presidente e socio fondatore Pierluigi Ottone, hanno iniziato un’opera di totale ristrutturazione dell’associazione che ha portato ad un periodo di grandi stravolgimenti e profonde riorganizzazioni, in parte concluse ed in parte in corso, che già da quest’anno hanno iniziato a dare i loro frutti. Il Canoa Club Livorno ha conquistato ben 2 titoli ai Campionati Italiani il primo con Giannini Maurizio, allenato dall’instancabile Sardi Roberto, volto storico della canoa livornese, che ad inizio stagione si è aggiudicato

il titolo nella disciplina della Maratona in nuti in così poco tempo. Tra le giovani procanoa nella categoria Juniores, ed il secon- messe del Club troviamo Gabriele Martellodo conquistato nella categoria Master H da ni, Orlando Bazzali, Virginia Cavallini, Luca Pierluigi Ottone ancora nella maratona. Ot- Arzelà, Edoardo Barsacchi, Lorenzo Leonartima annata quindi sia per il Club che per il dini e Mirko Seminatore ai quali si stanno suo atleta di punta, Giannini Maurizio, che aggiungendo numerosi altri atleti. Risultati ha partecipato sia agli Europei di Velocità importanti, che è stato possibile realizzare svoltisi a Mosca, dove come capovoga della barca più prestigiosa della FICK, il K4 m1000, ha ottenuto un ottimo 6° posto in finale, sia ai Mondiali di Maratona svoltisi a Bayonce (Spagna), dove purtroppo l’atteso risultato è stato compromesso da una Gianluca Mancini con un allievo brutta caduta, che non ha comunque impedito a Maurizio ed in così poco tempo grazie all’impegno e alla al compagno di barca di completare la gara professionalità degli istruttori e collaboratoclassificandosi al 6° posto nel k2e ottenendo ri tecnici, tra i quali figurano in prima linea la migliore performance tra gli atleti azzur- Roberto Sardi, Gianluca Mancini, Luca Lomri. Tornando ai risultati nazionali e regionali, bardi, Yuri Arzelà ed ai quali si stanno aggrande soddisfazione è arrivata anche dalle giungendo altri collaboratori e istruttori tra squadre giovanili, tornate a cimentarsi nelle cui Mirko Pierotti, Nicholas Fabbro, Matteo competizioni agonistiche ottenendo buoni Ferri ed altri ancora. “La nostra storia, come associazione, è risultati ed importanti riconoscimenti come quello attribuito dall’Unione Nazionale Ve- abbastanza recente -commenta Alessanterani dello Sport sez. di Collesalvetti; da dro Pagni, attuale presidente del Club- ed è Giannini, che ha ricevuto il Premio Speciale per questo che abbiamo puntato molto sulla riservato alle giovani promesse; dal club in professionalità dei nostri tecnici. La canoa e generale per i il kayak sono sport di passione e con passione devono essere fatti, uniti risultati otte-

127

F.I.C.K: Federazione Italiana Canoa e Kayak

In canoa e in Kayak lungo i fiumi con gli amatori, senza dimenticare l’agonismo


Scotto PubblicitĂ Livorno


129

Gara fluvale

fuori dai normali circuiti sportivi, anche in una città remiera come Livorno. Quest’anno grazie ai nuovi locali siamo riusciti a organizzare ben due corsi e sia i ragazzi che gli insegnanti sono rimasti molto soddisfatti. Credo sia importante che le scuole formino gli alunni anche dal punto di vista sportivo, fornendo almeno una panoramica delle possibilità che offre ffre Livorno ff e provincia, e non limitando la scelta ai soliti sport più pubblicizzati”. Ottimo risultato hanno avuto anche le due iniziative amatoriali e turistiche promosse dal Club, “Vivere lo scolmatore” giunto alla 2a edizione ed il nuovo “Circuito Toscano di Canoa”, dove è stata data la possibilità di provare con mano che cosa significa andare in canoa e in kayak. Riccardo Cecconi spiega così la visione del Club “L’agonismo è importante, ma per le gare servono gli allenamenti e per gli allenamenti serve il tempo, e non tutti lo hanno e non a tutti piace, specialmente agli adulti. Il vero punto di forza del kayak e della canoa è che per divertirsi basta poco Per fare una vogata ed entrare in contatto con la natura e con paesaggi inattesi e insospettati basta veramente poco; prendete una canoa e risalite lo scolmatore. Appena fuori dall’abitato cambia tutto. Lo scopo della sezione amatoriale è proprio questo, far riscoprire il piacere del contato con la natura, di una sana attività all’aria aper aperta. Ripartiremo a breve anche con le storiche escursioni sui fiumi della Toscana e l’obiettivo e ricreare anche la sezione Fluviale; per questo siamo sempre alla ricerca di appassionati esperti e non con il pallino del kayak”. L’offerta fferta del Club spazia dai corsi per i ff bambini e ragazzi, ai corsi per le scuole e per i gruppi, attività amatoriale e prossimamente escursioni e raduni. Nella segreteria del Club, aperta tutti i mercoledì dalle ore 17:30 sono disponibili i dettagli dell’offerta fferta e degli ff eventi organizzati. Maggiori informazioni su eventi, manifestazioni, cene e raduni sono reperibili anche sul sito www.canoaclublivorno.it o sul gruppo facebook creato e gestito da Ilario Raveggi.

F.I.C.K: Federazione Italiana Canoa e Kayak

nell’ultimo anno ci ha colto un po’ di sorpresa, ma siamo riusciti comunque a portare a casa ottimi risultati e soprattutto ad imparare dagli errori, grazie anche al supporto di alcuni genitori, dei collaboratori ed all’impegno degli istruttori. Puntiamo a riportare la canoa livornese ai massimi livelli, e non soltanto in campo nazionale, ed a vedere dai recenti risultati possiamo dire che la strada sembra proprio quella giusta”. Attualmente il Canoa Club Livorno è stato ufficialmente riconosciuto come associazione sportiva dilettantistica operante nel settore giovanile e della promozione sportiva, e pertanto iscritto al registro Coni e all’agenzia delle entrate per la donazione del 5 per mille. Oltre alla consueta e immancabile affiliazione alla Federazione Italiana Canoa Kayak (Fick) il club ha aderito al Centro Sportivo Italiano (Csi) consentendo una duplice affiliazione ai suoi iscritti e la possibilità di accedere a tutte le strutture Csi. La sede del Club, grazie al gemellaggio con il circolo Acli di Stagno, vanta ad oggi un’ampia area verde con un campo di basket ed uno di calcetto, palestra, spogliatoi, deposito imbarcazioni e circolo ricreativo, dove quest’anno è stata celebrata anche la manifestazione di apertura del Comitato Provinciale del Csi di Livorno. “La duplice affiliazione alla FICK ed al CSI -commenta Riccardo Cecconi vice presidente del Club-rispecchia la duplice vocazione del Club, orientato sia alla Canoa Fluviale che alla Canoa in Linea, protratto verso l’agonismo, ma saldamente ancorato ad attività turistiche, amatoriali e sociali.” Il Canoa Club Livorno si distingue infatti per l’offerta fferta sportiva; nel ff corso dell’ultimo anno grazie anche al patrocinio della Provincia di Livorno sono stati organizzati due corsi destinati agli alunni delle scuole medie Marcacci di Collesalvetti, continuando una decennale cooperazione del Club con l’istituto, a cui si è aggiunto quest’anno anche il corso per le scuole elementari di Stagno. Luca Lombardi, segretario e istruttore del Club spiega: “I corsi di avviamento sono fondamentali per far conoscere uno sport come la canoa ed il kayak, che rimane Il gruppo di atleti del Canoa Club Livorno

naturalmente alla professionalità. L’allenatore e l’istruttore rappresentano il cuore delle associazioni sportive, non le strutture, non i materiali, quelli possono essere sostituiti o alienati. La vera forza dello sport dilettantistico è proprio nella passione e nella professionalità, purtroppo spesso non riconosciuta a dovere, di quanti si impegnano per rendere possibile, giorno dopo giorno, queste splendide realtà. Tutti i nostri tecnici hanno alle spalle un bagaglio di esperienze sportive prima di atleti, e poi di istruttori, e per qualcuno di loro, questa è una definizione molto limitante”. Come ad esempio per Roberto Sardi allenatore di primo livello Fick, da trent’anni sulla breccia della canoa livornese e italiana con un palmares indefinito di campionati italiani, presenze in nazionale (l’ultima in estate per seguire Giannini ed affinare le imbarcazioni juniores della nazionale Italiana), ed un ricco medagliere internazionale conquistato dai sui atleti. Passiamo a lui la parola. Ci hanno detto che non sa con esattezza quanti campionati Italiani ha vinto durante la sua carriera. È vero? “No. Me li ricordo tutti, ma se vuole un numero dovrei pensarci un po’, trent’anni sono tanti”. Quali sono i suoi prossimi obiettivi? “Ricreare una società e una squadra di giovani. Andare alle prossime gare con 30 ragazzi. Ho visto cos’hanno fatto e mi è piaciuto, c’è ancora tanto da lavorare, ma la strada è quella giusta” A Mancini Gianluca, direttore tecnico del Club, allenatore di primo livello Fick, diplomato Isef ed un passato da atleta di tutto rispetto, con svariate presenze in nazionale, titoli italiani ed una medaglia da vicecampione del mondo, abbiamo chiesto un bilancio del 2010. “Sicuramente molto positivo. Ci sono state luci ed ombre, la crescita che il club ha avuto


Scotto PubblicitĂ Livorno


Canottaggio L

ivorno ci ha ormai abituato al sanguigno agonismo legato alla tradizione remiera con le regate del Palio, della Risiatori e così via, ma in piccole dosi, ogni anno da tanti anni il mondo remiero livornese ha contribuito con i suoi personaggi ad alimentare il canottaggio con la “C” maiuscola, quello vero, quello olimpico. La memoria parte sicuramente dagli anni ’30 con gli Scarronzoni, il famoso equipaggio che seppe riempire le pagine dei giornali con medaglie e vittorie, portando tra l’altro nella città labronica tra il 1928 e il 1941 ben 12 titoli italiani, 2 titoli europei, 2 argenti alle Olimpiadi di Los Angeles e di Berlino, 3 argenti e 1 bronzo agli europei. In anni più recenti (’70) altre partecipazioni internazionali e olimpiche con Silvio Ferrini e Fabrizio Biondi arrivati fino alle Olimpiadi di Montreal o con il titolo mondiale di Marco Marconcini, ma in mezzo ancora tanti altri atleti di grande livello come Casprini, Mondolfi, Costanzo, Mannocci fino ad arrivare ai Quercioli, Nannipieri, Panicucci, Stefano Lari quarto alle Olimpiadi di Los Angeles nell’84 o ancora Massimo Marconcini singolista ai Giochi Olimpici del ‘92 a Barcellona e tanti altri. Poche righe di un preambolo che parte da lontano e arriva ad un 2010 da poco terminato che ha visto Livorno ancora una volta ai vertici del canottaggio nazionale; dopo l’anno di Emiliano Ceccatelli, Campione del mondo nel

2009, è un altro atleta nato nel Gruppo sportivo VVF Tomei a fregiarsi di una prestigiosa medaglia d’argento ai Campionati del Mondo disputati in Nuova Zelanda; si tratta di Luca Agamennoni che non è certo nuovo allo scenario remiero nazionale, ed infatti, merita ricordarne le gesta. Il trentenne canottiere livornese cresce alla Tomei dove inizia a remare nel ’97 dimostrando da subito grandi qualità tanto da scegliere “l’esilio” al College remiero nazionale di Piediluco, le prime medaglie importanti già nel 1998 fino ad approdare nel Gruppo Sportivo Fiamme Gialle nel 2002. Da qui in poi 10 titoli italiani, numerose partecipazioni ai mondiali e infine due medaglie pesanti: bronzo nel 2004 e argento nel 2008 alle Olimpiadi. In questo scenario la medaglia d’argento del 2010 sul 4 di coppia assume un valore assoluto poiché portata da una barca di nuova formazione, sulla quale la stessa Federazione canottaggio ha progetti importanti e dove sicuramente Luca troverà una sua collocazione, senza ovviamente tralasciare gli amici di sempre e gli amati gozzi livornesi. Parlando di tradizioni il buon Agamennoni ha consumato anche un grave tradimento, risultando uomo chiave sul galeone pisano che ha vinto l’edizione 2010 delle Antiche Repubbliche Marinare, ma glielo concediamo per la passione che mette e che trasmette in questo sport. Ma rimaniamo sulle lente acque dello Scolmatore, dove ogni giorno una buona schiera di ragazzini si allena

sotto gli occhi attenti di tecnici delle società remiere attualmente in esercizio, oltre ai VVF allenati da Stefano Lari, Andrea Gorini, Mauro Tedeschi, c’è la Canottieri Marconcini allenata da Marco Marconcini, c’è l’Unione Canottieri Livornesi seguita da Claudio Kaminsky, Gino Montanelli e Leandro Mariotti, ma c’è anche il più vecchio sodalizio remiero della città, il Centro Sportivo Accademia Navale che quest’anno toccherà i suoi 130 anni di vita allenato da Leonardo Capone e Daniele Ceccarini chiamati ogni anno a “istruire” i futuri Ufficiali di Marina. Il canottaggio livornese nel 2010 non si è fermato qui ed anche la provincia è stata molto partecipe nell’avvicinare giovani leve a questo sport, con il Circolo Nautico Foce Cecina allenato dai tecnici Stefano Borelli, Leonardo Chesi, Romina Donato e il Circolo Canottieri Solvay con l’allenatore Alessandro Perini impegnati nelle scuole con ottimi risultati. Per concludere, e a conferma del buon stato di salute del canottaggio livornese, non possiamo dimenticare un importante titolo italiano giunto, se vogliamo, un po’ inaspettato; non tanto per gli atleti già conosciuti nello scenario nazionale, si tratta infatti di Alessio Melosi e Alessandro Augusti, quanto per la specialità: il Coastal Rowing. I due atleti della Tomei hanno vinto infatti l’oro ai Campionati Italiani di Santa Margherita Ligure nel doppio su questa nuova imbarcazione che merita due righe di presentazione, poiché nata per un uso costiero (Coastal). Si tratta di una barca abbastanza rustica, molto sicura anche con mare agitato, auto svuotante che ha già preso piede sulle coste di molte nazioni europee e non; ha bisogno di poca manutenzione ed è costruita per l’uso singolo, per due vogatori o per quattro vogatori con timoniere, molto adatta anche per scopi ludici o come barca scuola. Che sia il nuovo orizzonte Simone Raineri, Rossano Galtarossa, Simone Venier, Luca Agamennoni del canottaggio livornese?

131

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Il 2010 festeggia l’argento di Luca Agamennoni ai Campionati del mondo e i molti successi dei canottieri labronici


Stefano Bollati Ricorda per i lettori dell’Almanacco la sua carriera di vogatore, passata attraverso il Palio Marinaro, la Marina e l’Unione Canottieri

S

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

ono così tante le medaglie conquistate nella sua carriere di vogatore che Stefano Bollati non riesce più a quantificarle, anche perché, come dice lui: “Ne ho regalate tante, molti me le hanno chieste e io non ho saputo dire di no” no”. Nonostante questo i riconoscimenti dorati legati al nastro tricolore sono ancora molti e si impiega un bel po’ di tempo a guardarli tutti e a ricostruirne la storia.

Fino a quando sono rimasto a Livorno ho sempre gareggiato da dilettante sul due e sul quattro”. La competizione più importante alla quale ha partecipato? “Quando avevo 19 anni ed ero nell’Unione Canottieri Livornesi mi misero su l’otto perché mancava un vogatore e dovevo sostituirlo. Era il 1952 ed eravamo a Santa Mar Margherita dove vincemmo i Campionati Internazionali Junior. Da allora fui contagiato dalla passione per l’agonismo”. Ma già a Livorno aveva partecipato ad altre gare? “Certo, ma non di quel livello. Avevo partecipato anche ad alcune edizioni del Palio Marinaro con il Venezia e il Colline ed ho sempre vinto”. Ed il periodo trascorso in Marina? Nel ’53 partii militare e cominciai a gareggiare per la Marina. L’allenatore si raccomandava affinché io non mi congedassi, voleva che continuassi a gareggiare, vinsi anche gli asso-

luti e dovevo partecipare agli Europei e alle Olimpiadi, ma decisi di non andare, anche perché mi dovevo sposare. Comunque non avevo più voglia di rimanere in Marina, volevo tornare a Livorno e così feci tre anni dopo”. Agonisticamente parlando anche il periodo passato in Marina le ha dato molte soddisfazioni. “Certo. Ho vogato in tante impor importanti gare: nel ’53 a Santa Margherita Ligure in una regata internazionale, nel ’55 ai Campionati Italiani del Mare negli Juniores a Genova, sempre nel ’55 ai Campionati Juniores a Bari, nel ’56 alla regata internazionale a Napoli nelle categorie Senior e Junior e nel ’59 ai Campionati Juniores a Pisa”. Il ricordo più bello? “Quando nel ’59 con l’Unione Canottieri riuscii a vincere la Marina nei Campionati Italiani Juniores. Dopo aver regatato tanto per la Marina, riuscire a batterla in quella gara fu una bella soddisfazione.

Stefano Bollati

Quando ha iniziato ad avvicinarsi a questa disciplina sportiva? “Sono salito in barca per la prima volta a 14 anni e mi sono subito appassionato al canottaggio.

Un’immagine del Palio Marinaro del 1962. Il Venezia, con Stefano Bollati come capovoga è in testa, ed infatti, si qualificherà al primo posto

132


Equipaggio Campione d’Italia Junior a Pisa nel 1959. Timoniere Elio Langella detto “Ghighe”, capovoga Stefano Bollati, seguono Vincenzo Raveggi, Giusti, Enrico Del Bimbo, Roberto Mancini, Umberto Marconcini, Vinicio Brondi e Citi

Convincevo i miei compagni a fare quello che facevo io, a metterci tutto l’impegno e la grinta. Occorreva un grande spirito di sacrificio, ma riuscivo a trascinare tutti e i risultati si vedevano”. Cosa ama di più del canottaggio? “Il suo essere uno sport completo, il migliore di tutti, quello che esercita i muscoli di tutto il corpo.

La squadra della Marina con Stefano Bollati

133

Anche i calciatori per fortificarsi fanno allenamento con l’energometro, a dimostrazione di quanto sia valida questa disciplina”. Cosa pensa del Palio Marinaro oggi? “Purtroppo bisogna dire che oggi l’età media di quelli che si dedicano al Palio Marinaro è di 35- 40 anni, i più giovani non ci sono più, non c’è più l’interesse di un tempo. Fra le tante cose incide anche un problema economico, prima era meno costoso e c’erano più sponsor”. Cosa le piacerebbe rivedere? “Il tifo e l’interesse che un tempo accompagnava il Palio Marinaro, con centinaia e centinaia di persone che andavano sulla Terrazza Mascagni a seguire la gara. Mi piacerebbe rivedere quella passione”. La sua gara più bella? “In generale le gare vinte sono tutte bella, ma sicuramente la migliore in assoluto è stata quella a Santa Margherita, quando ho battuto la Marina”. Secondo lei oggi quali sono le gare di canottaggio più belle? “I Campionati Italiani a Castel Gandolfo e le gare a Piediluco”. Antonella De Vito

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Inizialmente mi avevano posizionato in postazione 7, ma la federazione durante gli allenamenti cambiò e mi mise capovoga”. Ha trasmesso questa passione a qualche membro della sua famiglia? “A mio figlio, che oggi ha 50 anni e continua ad andare a remo, ma da solo”. Tornasse indietro cosa le piacerebbe fare? “Mi dedicherei maggiormente al canottaggio, ma vorrei iniziare prima, sfruttando di più la giovane età. Mi piacerebbe anche viaggiare per fare gare, ed infine, dedicarmi ad insegnare agli altri. Tornato a Livorno, dopo gli anni trascorsi in Marina, ho fatto l’allenatore per un breve periodo, ma era un grosso sacrificio perché dovevo abbinarlo con il lavoro, così smisi, ma tornassi indietro credo che mi ci dedicherei maggiormente”. Il complimento più bello che ha ricevuto nella sua carriera agonistica? “Quando Vinicio Brondi mi disse che ero un grande campione, il migliore. Vogava con me e prese il mio posto agli europei quando io decisi di non andare”. Quale era la sua migliore caratteristica sportiva? “Essere un leder con lo spirito di gruppo.


Ciclismo

Pedalate vincenti per i tanti atleti presenti su tutto il territorio della provincia

S

port popolare per eccellenza, il ciclismo dilaga sulle nostre strade a tutti i livelli. Nominare tutti i giovani e meno giovani che si sono messi in luce durante la stagione sarebbe troppo lungo anche per la nostra pubblicazione, così citiamo solo coloro che numericamente hanno vinto di più, consapevoli che la terra labronica è fucina di grandi campioni, e altri nei prossimi anni si faranno strada sulla loro bicicletta.

Campioni regionali mtb: Bianca Barsotti, Gianmarco Balestri, Caterina Fuselli, Sebastiano Anello, Tommaso Pozzolini, Sofì Crippa, Giulio Galli. Meeting Regionale Strada: Bianca Barsotti, Gianmarco Balestri, Matteo Bettacchi. Meeting Regionale MTB: Bianca Barsotti, Gianmarco Balestri, Gabriele Guidugli, Caterina Fuselli, Giulio Galli, Sofì Crippa.

Giovani ciclisti

Premiazione di Alessia Bulleri, campionessa italiana juniores e 2a a squadre alle Olimpiadi giovanili. Da sinistra: Luca Casini Alfredo Martini, Alessia Bulleri, Gino Calderini e Giorgio Bacci

135

Paolo Bettini con i giovani ciclisti

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Categoria giovanissimi


Scotto PubblicitĂ Livorno


Gran Fondo, Cecina

Alessia Bulleri oro Guadaloupe

G1 F 1a Class. G1 M 1° Class. 2° Class. 2° Class. G2 F 1a Class. 2a Class. G2 M 1° Class. 2° Class. 3° Class. G3 F 1° Class. 2a Class. 3a Class. G3 M 1° Class. 2° Class. G4 F 1a Class. 2a Class. 3a Class. G5 F 1a Class 2a Class. G5 M 1° Class G6 F 1a Class. 2a Class. 3a Class. 3a Class. G6 M 1° Class. 2° Class.

Bianca Barsotti Ganmarco Balestri Mario Venomi Francesco Marzini Martina Bufalini Caterina Fuselli Gregorio Butteroni Mattia Citi Gabriele Guidugli Andrea Dorina Rolea Valentina Bernotti Angelica Cascione Tommaso Pozzolini Matteo Bettacchi Federica Alfano Emma Asia Papi Camilla Longi Leonora Geppi Damiano Santucci Daniela Alfani Giulia Lorenzini Leila Bartolomei Giada Franchi Simone Bagnoli Edoardo Corridori

(U.C. Livorno) (U.C. Livorno) (Club Paolo Bettini) (A.C.D. Costa Etrusca) (G.S. Montenero) (Club Paolo Bettini) (Pol. Marina di Cecina) (A.S. Colognole) (U.C. Livorno) (A.C.D. Costa Etrusca) (Club Paolo Bettini) (A.S. Colognole) (U.C. Livorno) (Pol. Marina di Cecina) (U.C. Livorno) (U.C. Livorno) (A.C.D. Costa Etrusca) (U.C. Livorno) (Pol. Marina di Cecina) (Pol. Marina di Cecina) (A.C.D. Costa Etrusca) (Pol. Marina di Cecina) (Pol. Marina di Cecina) (U.C. Donoratico) (U.C. Livorno) (U.C. Livorno)

Una fase del 12° Trofeo Costa Etrusca.

137

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Esordienti e Allievi Esordienti 1° anno: Jacopo Lombardi Campione provinciale Es donne 1° Anno: Alice Spinelli punti N°10 Esordienti 2° ANNO: 1° Gianriccardo Rosselli Campione provinciale Punti N° 15 2° Francesco Nannelli Punti N° 9 Es donne 2° Anno: Giada Del Ghianda Campionessa provinciale Punti N° 24 Allievi: 1° Francesco Bettini Campione provinciale Campione regionale Pista, Punti N° 20 2° Francesco Lorenzini Punti 13 3° Davide Tani Punti 10 4° Simone Maurri Punti 5 5° Zhypynasvladyslav Punti 3. Donne junior: Alessia Bulleri Punti 41 Juniores: Leonardo Camarlinghi Punti 3 Campione provinciale Da segnalare inoltre Diego Ulissi che dopo essere stato Campione del mondo nella categoria Juniores è passato al professionismo.


Abbigliamento tecnico e accessori per tutte le esigenze Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

Training test: per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√ Tempo libero da passeggio e da turismo

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

Viale Italia, 5 - 57126 LIVORNO Tel. e Fax 0586 800093

Scotto Pubblicità Livorno

(con possibilità di noleggio)


Walter Giuseppe Passuello

L

a bicicletta quasi come una seconda pelle. Un amore sbocciato mezzo secolo fa e coltivato con passione, abnegazione e dedizione fino ad oggi. In sella a “quell’aggeggio”, così strano e efficiente. Così fuori dal tempo e immerso nella quotidianità, ha percorso quasi un milione di chilometri. Prima come dilettante e professionista e poi come amatore. Negli anni il suo amore per la bicicletta ha dilatato i confini anche oltre gli aspetti agonistici, ludici e di svago. Con mani, cuore e intelligenza l’ha plasmata e adattata, alle esigenze del più impaziente e irrequieto dei suoi clienti, in quel luccicante negozio laboratorio affac ff ffac ciato sul mare, sul viale Italia a ridosso della diga della “Vegliaia”. Un lavoro intriso di passione, competenza e abilità.

Emblema del ciclismo labronico

Grazie a tutto questo Giuseppe Walter Passuello, sessant’anni dietro l’angolo, è l’emblema, in versione labronica, del ciclismo in tutte le sue sfaccettature. Quasi una contraddizione per lui nato sull’altipiano di Asiago. Un posticino dove si misurano le parole e si “ascoltano” i silenzi. Lui che ha fatto tappa a Milano e poi a Fauglia, prima di accasarsi dalle nostre parti. Lui così poco livornese nel comportamento e nel modo di essere e di pensare. Prima di cominciare a cavalcare la bicicletta, con assiduità, Walter ha varcato i cancelli dell’Alfa Romeo. Ha messo le mani sui quei gioiellini a quattro ruote, prodigi della tecnologia del tempo. Ha assaporato sulla propria pelle gli umori, la caparbietà, i temperamenti e anche l’asprezza dei compagni di lavoro della grande Industria. Industria come luogo di lavoro per sbarcare il lunario, ma soprattutto scuola di vita e comportamenti. Industria come rispetto degli altri e di se stessi. Poi la discesa in Toscana. Le prime gare quasi senza allenamento, dai diciassette anni in poi, con gli avversari spesso costretti a osservare le sue spalle robuste durante la corsa. A vederselo sfilare davanti al naso, con le mani alzate quando tagliava la fettuccia d’arrivo. Il passaggio tra i professionisti quasi una conseguenza. “Nell’autunno del 1976 alla Zonca Santini”. Un salto di categoria, pieno d’incognite, stimolato da chi vedeva in lui un potenziale campioncino, a

dispetto di un’età, venticinque anni, quasi “longeva” per questo sport. “Lasciavo la prospettiva di un lavoro sicuro alla Fiat, in cui si guadagnava benino, per un’avventura, nel mondo dei professionisti, piena di punti interrogativi. Alla passione, però, non è facile porre freni ed io dopo averci riflettuto un po’ ho fatto quella scelta. Una scelta, letta con il senno di poi, ancora condivisibile e che mi ha regalato tante soddisfazioni”.

In corsa con Gimondi e Merckx

Suoi compagni d’avventura, sulle strade italiane e d’Europa, in quel periodo, Felice Gimondi ed Eddy Merckx, due mostri sacri del ciclismo mondiale. Campionissimi, ormai sulla via del tramonto, ma con un fasci fascino e un carisma fuori del comune. Nel palmares Felice Gimondi, il campione di Sedrina, clasclas se 1942, tre successi al Giro d’Italia (1967, 1969 e 1976), un Tour de France (1965), un Giro di Spagna (1968), un campionato del Mondo, a BarBar cellona nel 1973 e tante classiclassi che compresa la Milano Sanremo del 1974. Nella bacheca del “Cannibale Belga”, nato a Meensel Kiezegem il 17 giugno 1945, cinque Tour de France (1969, ‘70, ‘71, ‘72 e ‘74), cinque Giri d’Italia (1968, ‘70, ‘72, ‘73, ‘74), un giro di Spagna (1973) uno di SvizSviz zera (1974), tre campionati del Mondo (1967, ‘71 e ‘74), sette Sanremo (1966, ‘67, ‘69, ‘71, ‘72, ‘75 e ‘76), tre Parigi Roubaix (‘68, ‘70, ‘73), due giri di Lombardia (‘71 e ‘72) e un’inun’in finità nità di tappe a Giro e Tour. In tutto mezzo migliaio di successi. L’ultima vittoria a febbraio del 1977, a soli 32 anni al giro del MediterraMediterra neo. Una corsa che è quasi un esordio nel mondo dei professionisti per Walter Passuello. Una corsa scolpita nei ricordi per un episodio sinsin golare. “A un certo punto in piena corsa, Eddy Merckx, mi ha urlato di fermarmi. Io inizialinizial mente non capivo il perché.

139

Quando abbiamo rallentato insieme mi ha detto: Ragazzo hai il sellino posizionato male. Appena scesi dalla bicicletta ha tirato fuori di tasca una chiave e ha iniziato ad armeggiare sotto la sella. Dopo qualche secondo mi ha detto: Adesso è a posto. Poi appena siamo saliti di nuovo in biciletta ha dato un paio di tirate delle sue. Io ho cercato di fare del mio meglio per dargli una mano. Così in un batter di ciglia ci siamo riaccodati al gruppo. La sera a letto e nei giorni seguenti ho ripensato a quel gesto. Un gesto piccolo e grande allo stesso tempo. Mi ha fatto capire che il ciclismo è sport schietto e leale e che la grandezza di un campione si misura anche dai gesti colmi di semplicità e intrisi di umiltà. Mi ha fatto riflettere sulla meticolosità, le attenzioni, la cura dei dettagli che occorre avere per la bicicletta. A fare la differenza, fferenza, naturalmente non era ff il caso di Eddy Merckx perché lui avrebbe vinto anche su un “catorcio”, spesso sono i dettagli m a r -

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Dilettante, professionista, amatore: una passione senza fine


ginali e l’amore per il mezzo meccanico. Quell’amore e quella passione che io ho sempre cercato di avere oltre che per la mia bicicletta da corsa, anche per quella dei miei tanti clienti e amici”. Del grande Gimondi, Walter Passuello, ricorda, invece, un episodio al tempo stesso marginale ed emblematico. “Una volta dopo aver consumato un panino mi cadde per terra, quasi senza che me ne accorgessi, l’involucro di carta che lo conteneva. Felice Gimondi che era nei paraggi si avvicinò a me e guardandomi negli occhi mi disse. Per favore raccoglilo. Noi come ciclisti professionisti dobbiamo essere di esempio per tanti giovani e meno giovani che ci guardano. Esempio non solamente a parole, ma anche in quello che facciamo. Se vogliamo veramente bene al ciclismo dobbiamo trasmettere messaggi positivi. Inutile dire che nella mia vita ho fatto tesoro di questi insegnamenti”.

Di Paco quanti ricordi

Il nastro dei ricordi di Walter Passuello scorre avanti e indietro, come una pallina da ping-pong su un tavolo. ““A Fauglia, o meglio al Sorbo di Fauglia, dove abitavo con la mia famiglia quando siamo arrivati in Toscana, avevo come vicino di casa Raffaele ffaele Di Paco. ff Il grande Raffaele. ffaele. Uno dei più forti ciclisti del ff pianeta, del periodo a cavallo delle due guerre mondiali. Anche se, causa di un tenore di vita non propriamente da atleta modello, ha vinto meno di quanto le sue enormi potenzialità gli avrebbero consentito. Di Paco era del 1907 e il mio babbo del 1914. In lui quindi oltre che

Moser bravo e autoritario Compagni di squadra di Passuello in dieci anni d’onorato professionismo sono stati fior di campioni. Tra loro, alla Sammontana Benotto nel 1982, pure Roberto Visentini: passista scalatore e cronomen, classe 1957. Un talento fuori del comune vincitore del campionato del mondo juniores a Le Chalet a Gobet nel 1975 e del giro d’Italia del 1986 e di tante altre corse. Visentini, però con altri campioni aveva un caratterino un po’ così-così. E questo è stato anche un freno per la sua carriera. Insomma ha vinto molto meno di quanto i suoi enormi mezzi fisici gli avrebbero potuto consentire. “Una volta, durante il Giro d’Italia, il meccanico voleva imporgli una bicicletta nuova. Lui però voleva continuare a correre con la sua. Così dopo varie discussioni, una notte si alzò da letto e all’insaputa di tutti con un seghetto la tagliò in due. Il meccanico si accorse del misfatto solo la mattina, poco prima dell’inizio della tappa, quando andò a prenderla. Fu così costretto a portare a Roberto Visentini la vecchia bicicletta come desiderava”. Altro super compagno di squadra di Walter Passuello è stato il grande Francesco Moser. La locomotiva di Palù di Giovo. L’ultimo rampollo, classe 1951, di una straordinaria nidiata: Aldo, Enzo e Diego. Insomma un predestinato. Nel suo palmares tante vittorie di prestigio: il mondiale dell’inseguimento a Monteroni nel ’76 e quello su strada l’anno

141

dopo in Venezuela a San Cristobal. Il giro d’Italia dell’84 e il secondo posto del ‘77, ‘79 e ‘85. Le tre Parigi-Roubaix dal ‘78 all’80. La Milano Sanremo dell’84 e i giri di Lombardia del 1975 e del ‘78. Walter Passuello ha fatto da gregario, o meglio da scudiero, a Francesco Moser, con la maglia della Gis Gelati sulle spalle, per due anni (1984 e ‘85). Due anni importanti come abbiamo appena visto. Un lavoro quello di Passuello di quantità ma anche di qualità, con il rispetto reciproco come elemento di distinzione. Quel rispetto che Passuello ha sempre preteso e dato. “Una volta Francesco in corsa ebbe nei miei riguardi uno scatto di nervosismo. Io non ci rimasi benissimo. Passarono solo poche ore e Francesco dopo avermi chiesto scusa mi offrì ffrì da bere. Ricordo come adesso che eravaff mo con il bicchiere in mano in un bar di Lucca e scherzavamo sopra, su quanto era successo poche ore prima, come fanno gli amici che si stimano e rispettano”. Oltre ad un grande campione Moser è sempre stato un capitano esigente e forse anche un po’ autoritario. Da tutti pretendeva la massima professionalità. Se qualcuno durante la gara non aveva svolto al meglio l’incarico assegnatogli lui lo rimar rimarcava di fronte a tutti i compagni di squadra, specialmente la sera durante la cena”.

Bugno distratto L’ultimo grande campione con cui Walter Passuello ha corso nella stessa squadra è Gianni Bugno. Siamo nel 1986 e Gianni Bugno, nato “casualmente” a Brugg in Svizzera il 14 febbraio del 1964 e vissuto quasi sempre dalle parti di Monza, ha appena 22 anni ma già un talento straordinario. In quella grande squadra, l’Atala Ofmega, ci sono anche Giuseppe Calcaterra, il poderoso cronomen svizzero Urs Freuler e lo scoppiettante Piermattia Gavazzi, per tutti Pierino. Insomma una squadra forte e ben assortita. Di quel giovanissimo Gianni Bugno (13 anni meno di lui) il grande Walter Passuello ricorda le grandissime potenzialità e qualche distrazione di troppo durante le corse. “Una volta mentre eravamo in corsa, a una decina di chilometri da Brugg, in Svizzera dove è nato, mi avvicinai a lui per chiedergli se voleva passare, come era prassi, davanti alla casa natia con qualche secondo d’anticipo sul gruppo per salutare gli eventuali parenti o amici d’infanzia. Lui mi guardò stupito e con un filo di voce mi disse: ma sei sicuro che siamo vicino al paese dove sono nato?”. Un altro aneddoto con Bugno protagonista è relativo al gran Premio di Francoforte del 1986. ““A pochi chilometri dall’arrivo non vedendolo nelle prime posizioni scivolai verso la coda del gruppo. Lo trovai che pedalava tranquilla-

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

un campionissimo vedevo uno zio affettuoso ff ffettuoso e competente.Quando lo incontravo mi raccontava tante belle storie della sua carriera. Del suo modo anche bislacco di interpretare le corse. Un giorno mi disse. Vedi ragazzino io e te abbiamo qualche cosa in comune. Lì per lì non capii. Poi aggiunse: ti ho osservato mentre in sella alla tua bicicletta da corsa ti diverti a salire a grande velocità la rampa che porta a casa nostra. Come rapporto usi il 53-13, lo stesso che hai nel falsopiano che precede l’ascesa. Si vede che non ti piace cambiare rapporto. Anch’io ai miei tempi, per pigrizia, preferivo andare spesso con lo stesso rapporto. In salita, pianura e discesa. Primo perché la tecnologia del tempo era ancora piuttosto rudimentale. Per questo era difficoltoso per non dire problematico cambiare rapporto. Secondo perché ero per natura un po’ pigro a farlo. Il consiglio che ti do è di usare di più il cambio per fare meno fatica. Parole sagge. In realtà quell’andare su con rapporti proibitivi era una sfida con me stesso per mettermi alla prova. In gara non mi sono mai sognato, neppure lontanamente, di non usare il cambio”.


Saronni due volte rosa e una con i colori dell’iride Compagno di squadra di Walter Passuello per due stagioni (1980 e 1981) alla Gis Gelati è stato Giuseppe Saronni. Il grande Beppe. Sprinter favoloso, ottimo passista e scalatore. Nato a Novara, il 22 settembre 1957, Beppe fin da giovanissimo, prima su pista e poi su strada, evidenziò un talento straordinario. Nel 1979, a soli 21 anni e 8 mesi, vinse il suo primo Giro d’Italia e quattro anni dopo (1983) fece il bis. Nel suo palmares anche il campionato del mondo del 1982 a Goodwood lasciandosi

alle spalle il formidabile Greg Lemond. Saronni ottenne anche tanti successi di tappa. Di questi ben sette nel solo 1980. Proprio durante il giro del 1979 tra Walter Passuello e Saronni nasce un rapporto di collaborazione che proseguirà nei due anni successivi. ““A qualche tappa dalla fine Beppe Saronni era ancora maglia rosa. Un maglia rosa conquistata nella cronoscalata del monte Titano a S. Marino. Però per vicissitudini varie aveva perso molti compagni di squadra durante il percorso. Io a quel tempo correvo nella Gis Gelati. Anche nella mia squadra molti miei compagni, tra cui il capitano Roger De Vlaeminck, si erano ritirati. Allora d’accordo con il direttore sportivo decidemmo di dare una mano a Saronni. A due tappe dalla fine, il suo direttore sportivo, mi fece firmare un contratto in bianco nel quale c’era scritto che l’anno successivo avremmo corso insieme. Senza specificare la squadra. E così accadde sebbene alla Gis Gelati, Saronni, tra le varie possibilità scelse proprio quella squadra”. Campione del mondo Saronni, ma campione del mondo anche Moreno Argentin. “Un campione con una bella sparata nei finali di corsa anche concitati. Abbiamo corso insieme nel 1982 alla Sammontana Benotto. Moreno era un corridore scaltro attento a sfruttare anche il lavoro di altri. Quando correva con me aveva solo 22 anni, ma era già molto furbo, scaltro e attento durante le cor corse”. Quattro anni dopo a Colorado Spring si se” mise addosso la maglia iridata. L’anno prima a Montello aveva vinto il bronzo e l’anno dopo (1987) a Villach avrebbe vinto l’argento. Tredici, inoltre le tappe vinte a Giro e un paio al Tour l’anno, oltre che a tante classiche di prestigio specialmente in Belgio.

Chioccioli e De Vlaeminck Compagno di squadra con Walter Passuello, nella Vivi Benotto, nel 1983 c’era il giovane Franco Chioccioli, il ciclista 24enne di Castelfranco di Sotto. Per tutti “Coppino”, per la sua somiglianza con Fausto Coppi: il campionissimo. “Un gran campione e una persona umanamente squisita. Proprio quell’anno al Giro d’Italia vinse la maglia bianca come miglior giovane”. Walter ricorda inoltre che l’amicizia con Chioccioli si è fortificata negli anni anche

143

dopo aver appeso al classico chiodo la bicicletta da corsa professionistica. “Ho continuato ad apprezzare le sue grandi potenzialità. Quando nel 1991 vinse il Giro d’Italia fui felicissimo. In realtà ne avrebbe vinti due se nel 1988 non fosse stato frenato sulle pendici del Gavia, quando aveva la maglia rosa addosso e la vittoria a portata di mano” mano”. In quella giornata sportivamente maledetta Chioccioli perse molti minuti e all’arrivo di Milano fu solamente quinto. La vittoria per la cronaca la portò oltre oceano l’americano Andre Hampsten. L’ultimo tra i grandissimi campioni, ma non in ordine di tempo, con cui ha gareggiato Passuello è stato il campione belga Roger De Vlaeminck. Uno dei maggiori interpreti delle corse di un giorno. Tra i suoi successi: il tris nella Milano Sanremo (1973, 1978 e 1979), il giro delle Fiandre del 1977, la FrecciaVallone del 1971, ben quattro successi nella Parigi Roubaik (1972, 1974, 1975, 1977), la Liegi Bastogne Liegi del 1970, il campionato di Zurigo del 1975, la Parigi Bruxelles del 1981e i due Giri di Lombardia del 1974 e 1976. ““Abbiamo corso nella stessa squadra nel 1979 e nel 1984 alla Gis. Roger aveva mezzi straordinari. Andava forte anche in salita. L’unica cosa in cui peccava era la continuità. Per questo non è mai riuscito a vincere una grande corsa a tappe”. Le più grandi soddisfazioni professionali per Walter Passuello sono legate al periodo dilettantistico e, all’esordio tra i prof, alla partecipazione a un giro di Spagna in una nazionale sperimentale, con CT Alfredo Martini. “Il capitano di quella squadra era il giovane Franco Conti. Uno dei miei compagni d’avventura era invece Cesare Cipollini il fratello più grande di super Mario” Mario Orsini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

mente come se l’arrivo fosse ancora lontano. Quando gli dissi che ormai la corsa era entrata nel vivo e occorreva risalire velocemente verso le prime posizioni pensava scherzassi. Poi vedendo che facevo sul serio abbiamo iniziato a guadagnare posizioni e alla fina entrambi ci siamo piazzati abbastanza bene”. Qualche anno dopo (1991 e ‘92) Gianni vinse due Campionati del mondo di fila e nel 1990 un Giro d’Italia indossando la maglia rosa dalla prima all’ultima tappa. Prima di appendere la bicicletta al chiodo Bugno ha messo in bacheca anche una quantità industriale di successi nelle grandi classiche, Milano Sanremo e giro delle Fiandre comprese. E inoltre ha ottenuto tanti successi di tappa a Giro e Tour. Tra questi le due vittorie sull’Alpe d’Huez.


Cronometristi I Kronos sempre protagonisti nello sport Un’avventura entusiasmante e ricca di sfide interessanti

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

L

a Federazione Italiana Cronometristi fondata nel 1921 e considerata dal Coni “unica federazione autorizzata a disciplinare, regolare e gestire l’attività di cronometraggio e l’elaborazione dei dati nelle manifestazioni sportive in Italia”, ha come “mission” istituzionale il TEMPO. La nostra Federazione è un esempio di organizzazione, che possiede un patrimonio culturale e tecnologico che pochi possono vantare; essa è presente in 108 Associazioni territoriali con strutture autonome, pur sempre legate alla Federazione Nazionale. L’Associazione Dilettantistica Cronometristi Livornesi è composta attualmente da 50 cronometristi e da 11 allievi; nonostante l’apparente numero elevato di associati, non sempre tutti i servizi richiesti sul territorio di competenza possono essere coperti. Ciò in quanto, trattandosi di un hobby, tutti devono mettere insieme impegni ed esigenze di diversa natura: familiare, di lavoro o altro. Quindi le problematiche legate ai servizi sono molteplici e non è semplice il compito per chi deve organizzarli. Comunque, disponendo di molte apparecchiature importanti, siamo in grado di svolgere servizi di alto livello in tutte le discipline sportive. Il 2010, come negli

Cronometrista Valerio Moggi in una postazione al Rally Elba storico 2110

anni precedenti, il nuoto è stata la specialità sportiva per noi più impegnativa, anche perché la nostra associazione è abilitata al servizio di cronometraggio automatico con l’ausilio delle piastre, di conseguenza la nostra presenza viene richiesta anche da società organizzatrici residenti in altre province limitrofe. Poiché il servizio di cronometraggio automatico (piastre) risulta essere dispendioso sia di energie (per il montaggio/smontaggio ed i test di prova, ci vogliono circa 4 ore), sia di tempo (detti servizi si svolgono anche per un periodo di 3-4 giorni), abbiamo ulteriormente integrato il numero

Cronometristi Valerio Moggi e Enrico Moggi, al Rally Elba Storico 2010.

144

degli addetti, con altri cronometristi che, per l’occasione, hanno effettuato ffettuato nei noff stri locali, un corso di apprendimento per tali apparecchiature. Negli anni la figura del cronometrista si è notevolmente trasformata; da semplice rilevatore di tempi è divenuto gestore di manifestazioni, dall’uomo dal “dito” scattante si è trasformato in tecnico preparato per la gestione di sistemi complessi. Da una analisi accurata emerge, soprattutto nell’ambito dei servizi di cronometraggio per quanto attiene la motoristica, e questo rappresenta un nostro fiore all’occhiello, la nostra attuale capacità ad elaborare i tempi registrati dai concorrenti, rendendoli disponibili in tempo reale sia per il centro classifiche che per la sala stampa ed anche, ove esista, sulla pagina web della manifestazione stessa. La cosa è stata molto apprezzata sia dagli organizzatori, sia dagli addetti stampa anche nelle edizioni 2010 del Rally dell’Elba Storico e del Rally Elba Ronde, dove i Cronometristi Livornesi sono stati impegnati in forze. Proprio per questa nostra


vornesi dare una prova tangibile, ancora una volta, di professionalità ed efficienza su di un campo di gara molto specifico e particolare, fornendo i tempi relativi alle differenti fferenti categorie per i diversi passaggi. ff La nostra Associazione è stata impegnata anche per il 2010, nel servizio di cronometraggio dei concorsi ippici, svolti nel nostro territorio, come quelli di Cecina, Rio Torto e quello sempre molto suggestivo svolto all’Accademia Navale, utilizzando il software di cronometraggio che fornisce al pubblico una ricca serie di informazioni aggiuntive, oltre, ovviamente, al tempo impiegato dai concorrenti. Certamente ci sono altre attività cronometrate dai membri dell’Associazione, quali il ciclismo e il pugilato. Come si vede gli impegni sono molteplici e occorre sempre aggiornarci sulle apparecchiature usate, ma anche sui regolamenti di gara che vanno conosciuti a fondo per far sì che le gare sportive si svolgano senza imprevisti e senza gene-

rare disfunzioni. Visto che il rapporto tra il numero dei nostri cronometristi e quello dei servizi di cronometraggio da svolgere è molto ridotto, cerchiamo sempre di organizzare dei nuovi corsi di formazione, cercando di invogliare soprattutto i giovani che potrebbero essere la continuità ed il futuro della nostra organizzazione, ma la cosa non è così semplice. Pertanto approfittiamo di queste pagine per fare un invito a tutti coloro che potrebbero essere interessati: “Se vuoi vivere una manifestazione sportiva dall’interno, se sei curioso di sapere che cosa si nasconde dietro ad un record del mondo o come funziona il famoso “photofinish”, se vuoi controllare il tempo e fermare il millesimo … CONTATTACI (tel. 0586/862711 dalle 21,00 alle 23,00 o invia una e-mail a crono.livorno@ficr.it), sapremo fornirti tutte le notizie di cui hai bisogno”. Vittorio Tajariol Presidente Provinciale Cronometristi

“Nulla è nostro tranne il tempo” (Goethe) Sono uomini vestiti di bianco che si af affacciano a bordo vasca quando i nuotatori toccano la piastra, sono i giudici del fotofinish quando il centometrista arriva sul traguardo, sono i timbratori ufficiali nelle postazioni del controllo orario dei rally, sono gli arbitri del tempo, sono i Cronometristi. Immaginate uno sport dove il fattore tempo sia determinante e, che l’abbiate praticato da atleti oppure semplicemente visto in tv, pensate a quanto valore hanno i cronometristi. Veri professionisti del mestiere che poi in realtà sono dei volontari dediti a questa attività. Sono dei volti che spesso non hanno identificazione, sono vestiti uguali, ma hanno un ruolo importantissimo. Dietro a questa figura, il più delle volte invisibile per mestiere, c’è un mondo fatto di tecnologia ed esperienza. Dall’enduro allo sci, dall’atletica leggera al nuoto, dal ciclismo al pattinaggio, esistono equipe specialistiche di cronometristi che arrivano sui campi di gara con computer portatili e sof software di timing, tabelloni, cellule fotoelettriche e trasponder. Si preparano a gestire le gare in tutto il loro sviluppo; dall’ordine di partenza all’elaborazione della classifica, dall’intermedio al record. Gli atleti sanno benissimo che al loro passaggio succede qualcosa, il tempo viene visto in TV con le sovraimpressioni, trasmesso via internet

Cronometristi al Palio Marinaro

in sala stampa e pubblicato sui tabelloni negli stadi. Sono gli atleti a fermarlo e i cronometristi a registrarlo, con gli scarti in positivo o negativo, quello che si attende con impazienza è sempre il risultato uf ufficiale. C’è da dire che le ultime tecniche televisive che accompagnano lo spettatore nelle gare di nuoto o atletica, come la striscia virtuale che ti fa vedere quanto si

145

è vicini o meno al record del mondo, toglie un po’ di suspence ed emozione, perché in definitiva realizzi se l’atleta ce l’ha fatta ancor prima che abbia tagliato il traguardo o toccato la piastra. La bellezza dell’arrivo e di un successo con record è nello sguardo dell’atleta rivolto al display luminoso del tabellone per avere il verdetto. Quegli occhi regalano un’emozione immensa!

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

peculiarità, riceviamo richieste anche da parte di organizzatori di gare motoristiche (rally, corse in autodromo, corse in salita, ecc.) da varie parti d’Italia. La struttura della città di Livorno contribuisce, altresì, ad un’altra tipologia di manifestazioni: le gare remiere, sia quelle svolte in mare aperto, che lungo i “fossi” medicei, con una serie di appuntamenti spettacolari e sportivi nell’ottica delle tradizioni e dell’agonismo, che sono state gestite applicando sistemi di cronometraggio (fotofinish) particolari e che hanno concorso ad elevare una professionalità molto specifica. Per quanto concerne l’atletica leggera l’impegno continuo dell’Associazione rimane invariato già da qualche anno. Oltre i “normali” servizi svolti al Campo Scuola per le gare di velocità, l’appuntamento principale è con la “Maratona Città di Livorno”, giunta alla trentesima edizione e gemellata con la “Maratona di Roma”. La manifestazione ha visto i cronometristi li-


Ginnastica

L’associazione Ginnastica Livornese in primo piano nell’agonistica maschile e femminile Serie A1. Dopo aver centrato per due anni consecutivi (2008 e 2009) il secondo posto nel massimo campionato italiano, l’Associazione Ginnastica Livornese non è riuscita a ripetersi. Nonostante l’ottimo avvio nella prima prova con il secondo posto alle spalle di Meda, la squadra labronica ha perso la piazza d’onore nelle gare successive, complice anche l’infortunio di Enzo Bernardoni.

Tuttavia l’innesto del giovane Leonardo De Maio, chiamato urgentemente dal tecnico Giovanni Innocenti, ha permesso agli amaranto di limitare i danni e di conquistare la quarta posizione nella classifica finale. Serie C. Grazie alle ottime prestazioni offerte fferte nelle tre prove stagionali (Livorff no, Montevarchi e Prato), l’AGL si è confermata Campione regionale di serie C maschile: il team livornese, composto da Simone Houryia, Luca Gianassi e Alberto Sulpizio, ha così bissato il successo della stagione precedente. Per quanto concerne la classifica individuale, nella gara di Livorno Hourya ha centrato il primo posto e Sulpizio il terzo, mentre a Montevarchi Gianassi

147

non è andato oltre la quarta posizione. Ma in questo torneo l’Associazione Ginnastica Livornese ha presentato altre tre squadre, per un totale di 13 atleti. Ecco i nomi degli altri ginnasti: Roberto Biagetti, Andrea Bonaccorso, Daniele Cofano, Andrea Colibazzi, Tommasi Giraldi, Ivan Marmugi, Leonardo Natali, Matteo Paoli, Alessando Silvestro ed Edoardo Tagliati.

1° Memorial Federico Chiarugi Il 28 marzo si è svolto nell’impianto sportivo di via Piccioni, con il patrocinio del Comune di Livorno, un incontro internazionale di ginnastica artistica tra le nazionali seniores e juniores di Italia

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Ginnastica agonistica maschile


Scotto PubblicitĂ Livorno


La squadra di serie C2 femminile

Frigerio della Ginnastica Gioy (78.600) e Marco Albanese della Ginnastica Varesina (77.950)».

Ginnastica agonistica femminile Serie C2. C2 La squadra di serie C2 femminile, dopo aver ottenuto la qualificazione

attraverso le gare regionali, ha partecipato alle finali nazionali che si sono svolte a Jesolo tra il 3 ed il 5 dicembre. Le ginnaste labroniche hanno ottenuto un ottimo quarto posto nel proprio girone di qualificazione, per poi chiudere in ventiduesima posizione (le squadre partecipanti erano ben 63). Ecco i nomi delle ragazze allenate da Valentina Ricci: Sveva Caschili, Dalma Chiapponi, Livia Fedi, Virginia Lazzara e Rebecca Panieri.

Ginnastica generale L’Associazione Ginnastica Livornese ha partecipato al Torneo regionale Gpt, che si è disputato a Montevarchi il 20 marzo. La società labronica si è distinta non soltanto per la numerosa presenza (circa 50 atleti), ma anche per il numero di medaglie conquistate sia a livello di squadra che a livello individuale. Un plauso particolare meritano le ragazze che hanno preso parte alla gara della terza fascia, le quali sono salite sul podio in tutte e tre le specialità (corpo libero, mini trampolino e trave). Gianni Tacchi

149

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

e Norvegia. Una giornata che l’AGL, in accordo con la Federazione Ginnastica d’Italia, ha voluto dedicare alla memoria di Federico Chiarugi, scomparso il 22 giugno 2009 dopo una vita nel mondo ginnico. Nell’occasione, la società livornese ha donato ai genitori di “Chico” una targa ricordo. Per la cronaca, gli azzurri hanno trionfato in entrambe le categorie. Dominio azzurro anche nella classifica individuale, con Paolo Ottavio primo nella categoria Seniores e Tommaso De Vecchi leader tra gli Juniores. Thomas Pagni Campione d’Italia categoria Seniores. Il 18 dicembre, a Montevarchi, Thomas Pagni si è laureato Campione d’Italia nella categoria Seniores. Una medaglia storica che, oltre ad arricchire il palmares dell’atleta livornese, fa onore sia all’AGL che a tutto il movimento ginnico toscano. Questo il commento della Federa Federazione Ginnastica d’Italia: «Leader indiscusso dei Senior è Thomas Pagni (A.G. Livornese), che con 81.500 impone un ruolo secondario a gente del calibro di Tommaso


Scotto PubblicitĂ Livorno


Golf

Cosmopolitan Golf

I

l golf è una disciplina molto complessa, che ha però il vantaggio di poter essere praticata a tutte le età. I trionfi dei giovani Matteo Manassero e dei fratelli Molinari hanno dato la spinta definitiva alla scoperta di questa disciplina per decenni considerata assai poco sportiva. L’Italia, d’altra parte, è ben lontana dai numeri di altri paesi europei, ma lo studio pubblicato per conto della Federazione Italiana Golf dimostra una crescita negli ultimi dieci anni del tasso medio annuo delle strutture a fronte di un aumento dei tesserati. Nel 2010 il Cosmopolitan Golf ha visto un nutrito gruppo di giovani golfisti, circa cinquanta, alcuni dei quali si sono distinti in Campionati regionali e nazionali, riportando importanti risultati. Il circolo organizza durante l’autunno e la primavera corsi settimanali per principianti, tenuti dai maestri federali della Cosmopolitan Golf Academy: Andrea Cerri, Francesco Mainardi e Tommaso Perrino; al termine del corso gli allievi hanno modo di confrontarsi in una competizione amichevole per mettere a frutto gli insegnamenti appresi durante le lezioni.

Alla fine del corso il circolo consente agli interessati di associarsi con condizioni estremamente favorevoli. L’attività sportiva prevede un calendario ricco di gare, circa cento, che si svolgono principalmente il fine settimana, tali competizioni sono sponsorizzate da importanti aziende che sempre più spesso hanno il piacere di legare il proprio marchio ad un ambiente elegante e ad uno sport in forte crescita. Il calendario gare prevede, inoltre, 5 tipi di Campionati sociali aperti a diverse categorie e a fine anno vengono decretati e premiati i migliori giocatori del Circolo nelle varie categorie. Nel 2011 verranno organizzate alcune gare che prevedono la combinata con un’altra disciplina sportiva come la vela e lo sci. Questa iniziativa, che ha già riscosso un grande successo, consente di vivere il golf come momento di aggregazione, dando la possibilità ai Soci di cimentarsi con altri sport. Ad aprile 2010 la squadra maschile, sponsorizzata dal nostro circolo, ha partecipato al Campionato Nazionale a squadre serie A3 e al Campionato Toscano Match Play a squadre, con buoni piazzamenti soprattutto nella classifica a squadre.

151

L’attività giovanile 2010 ha avuto lo scopo di indirizzare i ragazzi under 18 alla pratica agonistica, incentivando con continuità ed efficienza l’attività sportiva dei giovani. Abbiamo proposto un programma dettagliato precisando che il corso, come da disposizioni federali, è riservato ai soli soci under 18 tesserati F.I.G. Il corso ha visto nel 2010 la partecipazione di cinquanta ragazzi tra i 7 e i 18 anni, che hanno seguito da marzo fino a novembre le lezioni degli istruttori federali suddivise in cinque livelli di formazione, selezionati in base all’età ed alle capacità: il corso “Baby” riservato ai principianti; il corso “Young” rivolto ai giovani under 12 che hanno superato l’esame delle regole; lo “Junior” ai ragazzi con handicap e over 13, infine il corso agonistico aperto a quei giocatori obbligati a fare i giri necessari per il mantenimento del brevetto. I giovani hanno avuto l’obbligo di partecipare alle gare selezionate dalla F.I.G. come macroregione in Toscana, alle quali il circolo ha dato la propria disponibilità per la partecipazione dei ragazzi. La commissione sportiva in collaborazione con i maestri ha il compito di selesele

F.I.G.: Federazione Italiana Golf

Un anno di gare ed attività


zionare i partecipanti per una delle più importanti gare dell’anno: il “Campionato Nazionale a Squadre Trofeo Pallavicino”. Il corso prevede contributi ed incentivi riservati agli iscritti come il riassortimento del materiale in dotazione con il logo del circolo, lo sconto sugli acquisti effettuati ff ffettuati al negozio del circolo e rimborsi spese ai Campionati Italiani di categoria. Per i ragazzi del corso pre-agonistico e agonistico si sono anche aperte le porte di altri circoli toscani al fine di abituare gli allievi alla competizione ed al confronto.

Cosmopolitan Golf

Ecco alcuni risultati del 2010: Classifica ranking zona 5 Femminile UNDER 14 anno 2010

F.I.G.: Federazione Italiana Golf

1a Carlotta Corrias 3a Giulia Galatolo 7a Clementina Corrias 10a Virginia Palla Il nostro scopo è stato quello di tenere vivo l’interesse dei giovani aumentando la loro partecipazione alla vita del Circolo in modo che i ragazzi leghino sempre di più tra loro, trasmettendogli una preparazione tecnica ed una seria educazione sportiva. Per il 2011 il corso giovanile prevede un progetto scuola con il sostegno della Federazione Italiana Golf e della Kinder Sport per la promozione del golf all’interno delle scuole. Il progetto comprende, inoltre l’organizzazione e gestione dei Giochi Sportivi Studenteschi e la proposta di Campus Estivi. All’interno del programma giovanile i ragazzi verranno seguiti da un preparatore atletico e svolgeranno lezioni didattiche sulle regole ed etichetta che sono alla base di questo sport.

Classifica ranking zona 5 Maschile UNDER 18 anno 2010 10° Giovanni Jori 11° Niccolò Gabbanini 39° Edoardo Pierucci 43° Tommaso Fava 45° Ranieri Gabbanini

Niccolò Gabbanini, Giovanni Jori, Edoardo Pierucci, Tommaso Fava

152


Andrea Perrino ci racconta la sua stagione nel Challenge Tour a stagione 2010 è stata molto dura, piena di “batoste” e allo stesso tempo credo che sia stata di grande importanza per la formazione del mio background da professionista. Dopo un 2009 strabiliante a livello dei risultati raggiunti, mi son guadagnato la categoria per giocare il Challenge Tour (circuito secondo all’European Tour, paragonabile alla serie B). A metà gennaio è arrivata una mail dall’organizzazione che gestisce il Tour per informarci degli appuntamenti. Un calendario che si presentava già su carta molto impegnativo perché c’erano ben 4 tappe intercontinentali e molte gare di fila, quindi ho potuto prevedere fin n dall’inizio molte settimane concon secutive fuori di casa, anche se il concetto mi era ancora un po’ offuscato o uscato e non l’avel’ave vo tenuto molto di conto perché surfavo ancora l’onda buona del successo dell’ anno prima. Questo senso di successo mi ha fatto iniziare la stagione forse con obob biettivi e aspettative troppo alte rispetto a quelle che i miei allenatori avevano scelto per me. La stagione è iniziata subito in salita perché ho mancato i primi 2 tagli, anche se solo per uno e due colpi rispettivamenrispettivamen te nel primo in Colombia e nel secondo torneo in Kenya. Dopo queste due gare avevo il morale a terra, anche perché non mi era mai successo di mancare due tagli di fila la e sentivo di esser molto migliorato rispetto all’anno prima, solo che non riuriu scivo a buttare quella maledetta pallina in buca! Dopo le prime due gare c’è stato un alternarsi di tata gli passati e tagli mancati, però senza mai grandi picpic chi fino no a giugno, quando ho iniziato a carburare ed ho passato 4 tagli di fila la tra i quali un ottimo sesto posto in Marocco e un’otun’ot tima gara due settimane dopo in Svezia, che però ho sprecato perché mi sono arar rabbiato con un giudice arbitro durante il terzo giro. Dopo questo susseguirsi di buone gare ho di nuovo avuto un calo mancando 4 tagli consecutivi a causa di qualche propro blemino tecnico dovuto al giocare molti giri in campo e praticando senza metodo.

Queste 4 gare sono arrivate giusto 2 settimane prima della gara più ricca e importante dell’anno in Kazakhstan. Grazie all’aiuto di Massimo Scarpa, il team manager della squadra nazionale professionisti, ho trovato un buon feeling per giocare la gara a Strasburgo a un buon livello e ad acquistare un po’ di confidenza per la gara in Kazakhstan, dove ho forse giocato il golf più bello della mia vita, infatti, ero leader dopo ben 13 buche e nei top ten per le prime 63 buche del torneo, ma purtroppo le ultime 9 buche del torneo son state disastrose e ho concluso in trentaseiesima posizione. Questo calo nelnel le ultime 9 buche credo sia stato dovuto alle molte settimane consecutive di gioco e di viaggio che si sono andate a sommare alla tensione di gioco e a qualche carenza tecnica. A causa del mio alternarsi di buone e cattive giornate ho deciso di cambiare allenatore per esser più seguito e anche per avere qualche motivazione e sfida in più. Mi sono affidato a Federico Bisazza per quanto riguarda la tecnica e ad Alessandro Vianello per la parte di gestione psico emotiva che al mio livello è di vitale importanza per un gioco solido. La mia scelta di cambiare staff ff inizialmente non è stata appoggiata, ma io ero sicuro di quello che stavo facendo. Abbiamo iniziato subito a lavorare con tanta voglia e entusiasmo con l’obbiettivo di riuscire a mantenere la carta classificandomi nei primi 80 a fine anno. I primi risultati non sono stati affatto ffatto buoni perché ff ho mancato 2 tagli di fila e quasi compromesso tutta la stagione, ma il mio gioco migliorava di giorno in giorno, bastava solo che scattasse qualcosa e un ottimo risultato sarebbe arrivato. E così è stato proprio all’ultima gara. Dopo le prime 2 giornate di qualifica ho chiuso con 2 ottimi giri

153

finali e ho guadagnato 5 posizioni nel ranking finale, terminando così la stagione al settantanovesimo posto. A distanza di un mese sono andato a giocare le qualifiche per accedere al Tour maggiore, l’European Tour. Durante la prima qualifica ho giocato molto bene, sono arrivato decimo e questo mi ha permesso di accedere all’ultima qualifica, dove ho giocato ancora una volta molto bene, ma un primo giro chiuso in 4 colpi sopra il par mi ha penalizzato molto e alla fine dei 4 giri non mi sono qualificato per giocare gli ultimi 2, per solo 3 colpi. Alla fine posso esser contento per la mia stagione perché sono riuscito a raggiunraggiun gere 3 obbiettivi sui 5 che mi ero prefisso, ma soprattutto credo che questo anno mi sia servito molto e mi abbia reso un giocatore migliore.

Andrea Perrino

F.I.G.: Federazione Italiana Golf

L


Pattinaggio I risultati delle tante specialità del pattinaggio Il resoconto di Glauco Cintoi responsabile provinciale

In questa specialità le atlete che si sono distinte per i risultati ottenuti sono: Categoria Giovanissimi: Campionato Regionale esercizio Libero, 2a Aurora Carnieri (Soc. La Cigna Gymnasium). Categoria Allievi A: Campionato Regionale: 2a Diletta Peralta esercizio Obbligatori e 1a esercizio Libero e Combinata (Soc. La Cigna Gymnasium).

Questa specialità, nella nostra provincia, ha avuto campioni importanti. Oggi, dopo un buon lavoro sulla formazione, si ottengono risultati dai più piccoli. Infatti si sta riformando una base, da cui sicuramente nasceranno altri atleti, che si evidenzieranno anche a livello internazionale. Noi ci contiamo. Intanto per ora sottolineiamo le prestazioni di questo anno a livello regionale e italiano.

Glauci Cintoi

L

Specialità Artistico

Specialità Corsa

155

Campionati Regionali Pista, Strada e Indoor

Categoria Giovanissimi: Stefano Capperucci, classificato 1° in più prove (Società I Falchi), Chiristian Del Chierico, 1° nei 400 in linea (Società I Falchi). Categoria Giovanissimi 2: Marta Barlettani 1a nel percorso di destrezza (Società I Falchi), Francesco Colia, 1° in più prove (Società Patt. Piombinesi), Filippo Scotto 1° nei 200 sprint (Società Patt. Piombinesi). Categoria Esordienti 1: Lucrezia De Palma 1a in più prove (Società Roller Skate Livorno). Categoria Ragazzi 1: Elia Iseppi 1° in più prove (Società Patt. Piombinesi), Thomas Morle 1° nei 3000 in linea (Società Patt. Piombinesi). Categoria Ragazzi 2: Lorenzo Pasquini 1° in più prove (Società Patt. Piombinesi). Categoria Allievi: Caterina Colia 1a nei 1000 in linea (Società Pattinatori Piombinesi). Categoria Juniores: Massimo Costagli 1° nei 200 a cronometro (Società Patt.). Campionati Italiani Categoria Esordienti 1 1a Lucrezia De Palma, 2 giri a cronometri (Sovietà Roller Skate Livorno). Campionati Italiani Categoria Amatori 3° Massimo Morelli, maratona (Società Patt. Piombinesi).

Specialità Free-Style

In questa nuova specialità della Federazione, abbiamo in provincia una sola società l’A.S. Vada, che è stata una delle prime a carattere nazionale ad iniziare questa attività, ed infatti, ha avuto e ha tuttora atleti di tutto rispetto.

Campionati Regionali

Categoria Esordienti femminile: Matilde Marchigiani, 1a Speed Slalom, 1a Style Slaom e1a Roller Cross Categoria Allievi Femminile: Michela Agostini, 1a Speed Slalom e 1a Style Slalom. Categoria Seniore: Luca Ulivieri, 1° Speed Slalom, 1° Style Slalom e 1° Roller Cross.

Campionato Italiano

Categoria Seniores: Luca Ulivieri, 1° Style Slalom, 2° Roller Cross e 3° Speed Slalom e High Jump. Glauco Cintoi (Responsabile Coni Provinciale di Livorno )

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

a Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio ringraziando tutti i volontari, i dirigenti, gli allenatori e gli atleti e coglie l’occasione per nominare i pattinatori che, nel corso dell’anno 2010, hanno conseguito dei risultati di rilievo a livello regionale e italiano. È sempre più difficile per gli atleti livornesi mettersi in evidenza e, per questo, vorrei sottolineare l’annosa assenza di un impianto adeguato per tale sport ed i costi che i genitori, insieme alle società, sopportano per gli allenamenti; per fortuna questo handicap viene in parte ammortizzato dall’esperienza dei nostri allenatori. A Livorno, tanto per fare un esempio, abbiamo un’allenatrice nazionale, Laura Ferretti, ed un preparatore atletico della nazionale, Andrea Bientinesi. Sempre nella nostra provincia abbiamo due dirigenti insigniti dal Coni con la stella d’oro al merito sportivo. Piero Sozzi, vice Presidente Nazionale di Federazione, e Mario Tinghi Presidente Regionale FIHP.

Categoria Allievi Regionale: Campionato Regionale esercizi Obbligatori Regionali, 3a Giada Niccolai (C.P. La Rosa). Categoria Divisione Nazionale B: Campionato Regionale, esercizi obbligatori, 2a Chiara Badari (C.P. La Rosa). Camp. Italiano esercizi Obbligatori: 2a Chiara Badari (V.P. La Rosa). Categoria Nazionale C: Campionato regionale, esercizi Obbligatori, Irene Anselmi (Patt. La Stella). Campionato Regionale: esercizio Libero: 3a Federica Giachi (Divo Demi). Camp. Regionale Combinata: 1a Eleonora Caselli (C.P. La Rosa). Campionato Italiano: Obbligatori, 3a Irene Anselmi (Patt. La Stella). Categoria Divizione Nazionale D: Campionato Regionale, esercizio libero, 3a Letizia Biasci (Divo Demi). Categoria Cadetti: Campionato regionale, esercizi obbligatori, 2a Benedetta Niccolini (C.P. La Rosa). Campionato regionale: esercizio libero, Giulia Freschi (Divo Demi). Categoria Juniores: Campionato Regionale, esercizi obbligatori, 2a Rachele Ignudi (C.P. La Rosa). Campionato regionale: esercizio libero e combinata, 1a Isabella Cartelloni (C.P. La Rosa). Campionato Italiano: esercizi obbligatori, 3a Rachele Ignudi (C.P. La Rosa). Rachele Ignudi ha indossato la maglia azzurra della Nazionale a Barcellona il 21 settembre 2010. Categoria Grandi Gruppi: Campionato Regionale, 1a Società Classificata La Cigna Gymnasium. In questa specialità ci sono due settori, che a Livorno non hanno atleti e sono: “Coppie Artistico e Danza” e “Solo Dance”.


Vieni a trovarci TI ASPETTIAMO!


N

el 1958 nasce il quartiere La Rosa. Dopo alcuni mesi gli abitanti si mobilitano per avere un Circolo, che risponda alle nuove esigenze di aggregazione. Nel 1968 l’Uisp organizza, all’interno del Circolo Arci La Rosa, due centri di avviamento allo sport per il pattinaggio artistico, sotto la guida dell’insegnante Gianna Rolli. Nel gennaio del 1970 nasce il Circolo Pattinaggio “La Rosa”, affiliato alla Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio, diventando uno stimolo per ampliare l’impianto con una pista. Questa nuova società si iscrive all’Uisp, e partecipa a vari campionati. Il primo Presidente della Società è Manlio Gigli ed il gruppo di dirigenti è formato da: Silvano Parlotti, Sergio Montanari, Piero Scotto, Raffaello ffaello Passerotti, Querci e Chiocff chi. L’attività ebbe inizio grazie al contributo delle madri delle atlete: Luciana Dinucci, Ambra Gigli, Alessandra Allegri, Patrizia Passerotti, Gloria Brachini, Gabriella Montanari, Susanna Lemmi e Fatima Barcantini, a cui si aggiunsero, nel giro di poco tempo, Cinzia Poli, Gloria e Flavia Vanessa, Lucia Bigiarini. Nel 1971 i dirigenti decidono di cercare un’insegnante di pattinaggio, che avesse le capacità di allenare una società che stava crescendo in modo esponenziale, dotata di ambizione ed esperienza per poter raggiungere dei risultati positivi. Viene così individuata Laura Ferretti, pistoiese e figlia dell’allora Presidente regionale della Fihp, Ileano Ferretti. Nascono così i presupposti per un roseo futuro. Ed infatti, crescono molto i pattinatori e le pattinatrici sotto l’aspetto tecnicoatletico, e raggiungono anche il ragguardevole numero di 150. Con loro arrivano i primi successi con i titoli provinciali, regionale e nazionali. Si forma un gruppo di nuove leve, Paola Corti, Barbara Garzelli, Alessandra Sgherri, Rossella Pezzini, Elisabetta Vivaldi, Silvia Palomba, Cristina Veronesi, Cristina Banchini, Deborah e Denise Maffei, ffei, Romina Lelli, ff Daniela Bartolozzi, Silvia Calvi, Simona Ferraioli, Dario Querci, Elisa Chiocchi e Debora Sampietri con le piccolissime Alessandra Soldaini, Anna Maria Giuliani, Claudia Carpina, Sonia Manetti, Fabio Franchini, Letizia Tinghi, Cristina Fabbrini, Noemi Galanti, Barbara Barbini, Ellena ed Annalisa Polese e Loredana Sampieri.

La Società pone un occhio di riguardo per i gruppi Folk e già nel 1973 arrivano i primi successi, con Nero Schiavismo, alla rassegna Nazionale, che si svolse al PalaDozza di Bologna. A seguire altri successi: nel ’74 i Siciliani, nel ’75 i Cileni, nel ’76 i Gitani, nel ’77 la Grande Fiesta, nel ’78 Hollywood, Visita in Oriente. A ciò si aggiungono le prime convocazioni nei centri di alta specializzazione, dove la Federazione sceglie gli atleti che vestiranno la maglia azzurra. Elisabetta Vivaldi partecipa, con le giovanili nazionali, alla coppa di Germania, alla Coppa Italia. Due titoli Europei ed un ottimo settimo posto al Campionato del Mondo, che si svolse a Tokyo. Letizia Tinghi. Coppa di Germania e Coppa Italia. Titoli italiani assoluti, campionati Europei e campionati mondiali. Il tutto con sei titoli. Elena Polese. Campionato Europeo. Nel contempo le nuove leve crescevano e i loro successi facevano prevedere, nuove, maglie azzurre. Roberta Balluchi, Alice e Benedetta Veratti, Francesca Bertini, Sara Sacchelli, Francesca Polese e Rachele Ignudi. Altri atleti provenienti da altre realtà provinciali, regionali e nazionali hanno, e fanno, parte della Società: Massimiliano Zucchelli, Leandro Peralta, Federica Campani, Alessandro Gori, Ezio Sandro Cintoi, Sabrina Chiappa, Cinzia Savi, Sara Sacchelli, Federica Ciuf Ciuffardi, Marco Ponzanelli, Valentina Cuni, Sara Veneruci, Tania Romano, Enrica Gasparini, Isabella Martelloni, Chiara Badari e Benedetta Niccolini. Laura Ferretti dal 1990, in qualità di allenatrice e Andrea Bientinesi, dal 1993, preparatore atletico, dopo aver cessato l’attività agonistica, hanno continuato la loro collaborazione con la Società. Tra l’altro, ricordiamo, che fanno parte dello staff ff della Nazionale. Una coppia da fiore all’occhiello, perché le loro capacità tecniche e morali, hanno contribuito al raggiungimento di una serie di successi in campo europeo e mondiale, tanto da considerare la nostra nazione leader nel mondo. La storia continua con Roberta Balluchi, titoli italiani e vari podi europei. Alice Veratti, bronzo alla coppa di Germania. Francesca Bertini, coppa di Germania. Sara Sacchelli, due titoli nazionali, argento ai Campionati europei.

157

Francesca Polese, coppa Europa. Rachele Ignudi, vari titoli italiani, partecipazione alla coppa di Germania, vice campionessa europea. Sara Venerucci, un titolo europeo, un titolo mondiale in coppia. Enrica Gasparini, campionessa italiana, un titolo europeo giovanile, terzo e secondo posto agli europei. Tania Romano, titoli italiani, titoli europei e quindici mondiali. In questi anni hanno contribuito a svolgere la mansione di allenatrice: Ambra Gigli, Lucia Benassai, Gabriella Montanari, Cinzia Poli, Fatima Barlantini, Patrizia Passerotti, Gloria Brachini, Letizia Tinghi, Francecsca Rosellini, Elisabetta Vivaldi, Linda Mattei e Cinzia Savi. E non dimentichiamo chi non fa più parte dei quadri tecnici ma, ha dato un contributo come i giudici di gara: Daniela Vivaldi, Mirella Cartelloni, Ilio Polese, Savi, Cartelloni, Deborah e Denise Maffei. ff ffei. Atlete che svolgono attività agonistica: Rachele Ignudi, Enrica Gasparini, Isabella Martelloni, Linda Fabbri, Benedetta Niccolini, Chiara Basari, Aurora e Marika Centi, Nicole Filiè, Elisa Ianda, Francesca Grossi, Giada Niccolai. Giovani Promesse Otto anni: Giulia Antonimi, Swamy Cancelli, Benedetta Rencricca, Luna Giuli, Viola Barni, Erika Cingolati, Giulia Papa, Nicole Innocenti, Martina Mazzoni. Undici-dodici anni: Lara Gradassi, Guenda Mai, Greta Malloggi, Chiara Conte, Asia Faccenda, Greta Gronchi, Asya Niccolai. Il Circolo Pattinaggio La Rosa ha, con questo passato, costruito le fondamenta per un futuro che, sarà sicuramente costellato di successi. Il Circolo continua la sua opera, affinché i podi internazionali potranno continuare ad accogliere i suoi atleti. (Può darsi che, in questo ricordare, qualche nome sia sfuggito. Se così fosse la Società si scusa).

Quadri dirigenziali Mauro Dinucci: Presidente Lega nazionale Uisp. Mario Tinghi: V. Presidente Lega Naz. Uisp, Presidente regionale Lega Uisp, Presidente provinciale Fihp, Presidente regionale Fihp, V. Presidente Coni provinciale di Livorno. Deborah Maffei: ff Giunta Nazionale C.T.A. ffei: Testo raccolto da Gianni Picchi

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Il circolo La Rosa ha compiuto 40 anni… con una bacheca ricca di successi


t MARTEDÌ 10% Tutti i servizi tMERCOLEDÌ 30% Colore t GIOVEDÌ 30% Colpi di sole Orario continuato dalle 9.00 alle 19.00

www.emmediciotto.com

Il nuovo colore della bellezza 52 colori a olio per capelli agli estratti di the verde e foglie di ulivo Passion senza ammoniaca è il primo colore cosmetico e protettivo per capelli che grazie ai suoi componenti naturali non irrita e mantiene il capello colorato e luminoso

Piazza Ognissanti, 6 (lato via De Larderel) - LIVORNO Tel: 0586 897396 - Cell. 340 9198760


Tanja Romano L

a caratteristica della bora è di essere un vento “discontinuo”, ovvero di manifestarsi con forti raffiche, intervallate da folate meno intense. Correva l’anno 2005, quando una giovane triestina “atterra” a Tirrenia e poi al circolo Arci La Rosa. Da allora Livorno ha adottato Tanja Romano. A vederla nella palestra ardenzina non penseresti mai, che abbia avuto così tanti successi nel suo sport. Ed è per questo che dimostra di essere un vero capricorno, testarda e paziente. Il suo sorriso, schietto, ed invitante, potrebbe non far capire la sua triestinità. Livorno avrà influito a migliorare questo aspetto? Da Trieste in giù… si arriva a Livorno. Non a caso sono a arrivata a Livorno. Queste due città hanno molte cose in comune. Lassù la bora, qui il libeccio. Il mare in entrambe le città. Trieste e Livorno tra le più sportive città italiane. Per i colori non vi è molta differenza, fferenza, rosso e bianff co per i triestini ed amaranto e bianco per i livornesi. Non è un caso che da cinque anni mi trovo qui. Per allenarmi e studiare alla Facoltà di Scienze Motorie all’Università di Pisa. Posso dire solo cose positive sui livornesi.

Come trovi i livornesi? Gente molto aperta, noi siamo un po’ più chiusi. E proprio per questa loro apertura mi sono abituata molto presto. Dopo quattordici titoli arriva anche il quindicesimo. Il tuo primo pensiero, al momento della consacrazione, non è stato uguale dopo il primo? L’ultimo titolo è stato speciale. Sarà quello che mi rimarrà sempre nel cuore, anche perché, dopo una stagione dura, è stata una gara difficile. Alla fine la volevo di nuovo vincere. L’anno prima l’avevo persa. Anche la prima è stata bella, nel 2002, ma quest’ultima è davvero speciale. E ritornando al pensiero, posso dire che non vi è stato un pensiero. Ma una meravigliosa sensazione. Per te quest’ultima medaglia ha una doppia soddisfazione. Avuta dalla stessa atleta che te l’aveva scucita l’anno prima. È una vittoria bella anche per questo motivo. L’ho voluta con tutta me stessa. Il pubblico ti aveva decretato vincitrice prima della giuria. È vero. E mi ha colpito molto. In tutti questi anni ho sempre avuto tanto calore dal pubblico; ma a questi ultimi campionati, il loro sostennio nei miei confronti è stato ancora più grande. Quando un atleta affronta ffronta queste gare difficili il ff pubblico, se è con te, ti dà una forza in più per superare ogni traversia. Quindici titoli e sono tutti belli. Ma ce n’è uno che vale più degli altri? Non per fare frase fatte; ma quest’ultimo per tante ragioni rimarrà marchiata a fuoco nel mio cuore. Quando ti sei messa i pattini ai piedi per la prima volta? Avevo cinque anni. Per caso e per gioco. I miei genitori mi iscrissero ad un corso estivo. E da allora non li ho più mollati. Quando i miei genitori mi venivano a prendere per riportarmi a casa, piangevo perché volevo restare ancora a pattinare. Possiamo dire che, per te le rotelle hanno sempre girato. (Risata) Sì, quelle… sotto i piedi hanno girato. Vi sono delle figure che ti hanno permesso di rimanere a livello mondiale? Possiamo dire il triplo Rittberger, un esercizio molto difficile. Sono stata la prima ad eseguirlo con la rotazione intera, come lo eseguono i ma-

159

schi. Io, tra l’altro, l’ho presentato in catena con un altro triplo. Questo è stato l’elemento che mi ha portato in alto e differenziato fferenziato dalle altre. ff In che anno lo hai presentato la prima volta? Nel 2006. Ed è inserito sempre, da allora, nel mio programma. Da grande cosa farai? Sono già grande (ed ancora una risata). Mi piacerebbe insegnare. Ho iniziato, ma non a tempo pieno. Mi piace molto l’idea di trasmettere ciò che ho imparato in tutti questi anni. Il pattinaggio mi ha dato molto, moltissimo, ed io vorrei trasmetterlo agli altri. Se ti dico Laura Ferretti? Una persona molto importante nella mia vita, sportiva e non. In tutti questi anni abbiamo lavorato molto, e bene, tanto sul piano tecnico che umano. Mi è sempre stata vicina. Quando gareggi, specialmente a certi livelli, non hai sempre un percorso cosparso di fiori; ma, sapendo che la tua allenatrice lotta con te, sai di non essere sola. E questo è importante. Tutto questo è stata Laura Ferretti per me. A lei posso dire solo un grazie… infinito. Gianni Picchi

La scheda di Tanja Romano Data di nascita: 10 gennaio 1983 Città natale: Trieste Segno zodiacale: Capricorno Altezza: 173 cm, per 70 kg. Fidanzata: da otto anni Genere di film: lm: Romantici Attrice preferita: Julia Roberts Attore preferito: Dustin Hoffman e Richard Gere Televisione: Non la guardo molto. Non mi piacciono i programmi di adesso. Un giorno da ricordare ed uno da dimenticare: Né ho avuti così tanti da ricordare e non voglio limitarmi ad uno solo. Da dimenticare non né ho. Piatto preferito: Pasta all’olio con il grana (altra risata). Sarà strano; ma è così, amo olio e grana. Una vacanza che vorresti fare: Andare in Polinesia. Mi affascina ffffascina scoprire l’altra parte del mondo. Poi c’è un bel mare, che a me piace molto. Debutto in nazionale: Coppa Europa, a Lione, nel 1955 (e fu subito vittoria). Bacheca: 15 titoli mondiali, con due argenti, 9 medaglie europee, 13 titoli italiani. Un sogno nel cassetto: Ne ho avuti così tanti e li ho realizzati. Adesso voglio crearmi una famiglia con il mio ragazzo e rimanere nel mondo dello sport.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Una triestina colorata d’amaranto


2%'')/%-),)! #HIOSTRAESPOSITIVA MTX

#!6!,,)./-!44/ 0ALATENDAX ANNO

"!'./4)22%./ ,)6/2./ 6ELAAUTOPORTANTEESAGONALE DIAMMT

Ortona S.R.L. Via dello Struggino, 16 - 57121 Livorno Tel. +39 0586 400426 - Fax +39 0586 400175 www.ortonasrl.com - tecnico@ortonasrl.com

Scotto Pubblicità Livorno

).4%20/24/#!-0!./6!2#/$/'!.!,% .OLATETTOIAELLITTICAMTX ANNO


Laura Ferretti E

ntro nella palestra del circolo Arci la Rosa e mi fermo ad osservare le tante ragazze che scivolano e roteano sul pavimento di marmo. Subitamente potresti parlare di confusione, ed invece, ponendo maggior attenzione, ti accorgi che lo scivolare, roteare, girare in circolo su segni predisposti, hanno una loro logica e sincronia. Allargando l’orizzonte di vista, si ode dalla parte opposta una voce che indirizza, richiama, corregge le ragazze. La voce è quasi sommessa, ma siamo sicuri che è molto ascoltata. Ti avvicini e guardando la figura femminile, proprietaria della voce, la memoria ti sovviene… Laura Ferretti. Pistoiese di nascita, diventa livornese per amore. Prima per sport, poi per amore. Possiamo dire che con lo sport ho trovato anche l’amore. Per diventare una brava pattinatrice, oltre alle doti tecniche, quanto influisce la pazienza? Lavoriamo con bambine con caratteri diversi. Alcune non reagiscano positivamente ai richiami dell’allenatrice. Dobbiamo così agire anche da psicologi, oltre che tecnici, almeno all’inizio. Quindi la pazienza ha un ruolo importante.

Laura Ferretti e Rachele Gnudi

Laura Ferretti ed Enrica Gasperini

Vi sono difficoltà iniziali nell’allenamento? Come in ogni sport vi sono alcuni che hanno doti naturali e altri no. Ed in quest’ultimi è più difficoltoso lavorare. Ad una ragazza che vuole praticare pattinaggio, cosa le dice inizialmente? Che è uno sport fra i più completi, noi lavoriamo con tutte le parti del corpo. In altre discipline sono predominanti le braccia o le gambe. Da noi ogni parte del corpo è sollecitata. E non dimentichiamo la testa. Qual è la prima frase che le dice una bambina? Dove arriverò? Chi si affaccia ffaccia al nostro sport ff è perché lo ha visto in televisione o lo ha visto praticare dalle amiche. Da fuori sembra tutto facile, poi indossato l’attrezzo non troverà nulla di semplice. Poi continuano con frasi tipo… quanto mi ci vorrà per imparare? Quale futuro avrò? Nel tempo ha forgiato molte atlete, e fra queste molte campionesse. Quando la mattina si guarda nello specchio cosa si dice? Io sono molto orgogliosa dei risultati che le mie atlete hanno ottenuto. Alcune hanno raggiunto il tetto del mondo. Non mi rivolgo mai frasi che riguardano la mia attività. Penso solo che, il mio lavoro è un mix d’insegnamenti tecnici che tengono conto delle doti delle atlete. Le nozioni che impartisco sono uguali per tutti quindi chi ha doti naturali avrà la facoltà di esprimersi in modo migliore. Fra le sue atlete chi è quella che le ha toccato di più la corda giusta? Non per le vittorie raggiunte, ma per il fatto di essere entrate in sintonia con il suo credo. Da questo lato credo di essere stata fortunata, perché non ce n’è stata una sola. Ho iniziato quarant’anni fa ed ho avuto Elisabetta Vivaldi, campionessa europea, e poi c’è stata una campionessa del mondo, Letizia Tinghi, ed anche Enrica Gasperini che è salita sul podio più alto in Europa. Con queste atlete ho avuto la possibilità di trascorrere più tempo insieme sulla pista e anche fuori, quindi si sono avvicinate di più al mio credo o possiamo dire al mio cuore. Per molte atlete diventi un’amica, una confidente, ti raccontano del loro fidanzato,

161

la prima brucia a scuola e questo rafforza fforza il ff rapporto. Non voglio dimenticare una grande campionessa, che non ho cresciuto io, ma mi ha scelto per poterla allenare. Parlo di Tanja Romano, 15 volte campionessa del mondo, che da Trieste è venuta a Livorno. Tanja è arrivata da me già brava. Un’atleta geneticamente portata per lo sport. Superfluo dire che per me è un onore allenare questa ragazza. C’è stata un’atleta, su cui aveva creduto di potere puntare in alto, ed invece, con il tempo, qualcosa non è andato nel verso giusto? Ho avuto anche di questi casi, ed è normale, perché non basta solo la tecnica per vincere. Ad esempio il modo con cui si affronta ffronta una ff gara è importantissimo. Anche quando un’atleta ti ha dato le giuste risposte in allenamento, può succedere che durante la gara dimostri di non essere ancora pronta per affrontare ffrontare una ff competizione, e così ti rendi conto che oltre al lato tecnico devi lavorare anche su quello psicologico. Per Laura Ferretti allenatrice, che anno è stato il 2010? Molto impegnativo. Con Tanja Romano dovevamo riconquistare un titolo che avevamo perso nel 2009. È stata una rincorsa col tempo, non tanto sulla pista, quanto nel ricostruire l’autostima dell’atleta. Con altre ragazze abbiamo partecipato a vari Campionati italiani ed europei. Il tutto sta a testimoniare che la nostra è una bella scuola. Futuro? Quest’anno ho raggiunto la pensione nel mio lavoro alle Poste, e così il mio impegno di allenatrice adesso può espandersi sull’intera giornata. Per trentatre anni appena terminato l’orario d’ufficio, la mia auto, che aveva imparato la strada, mi portava qua. Da quest’anno posso affronto ffronto di nuovo il pattinaggio a temff po pieno. Mi sono accorta che, nonostante il tempo trascorso, lo faccio ancora con immenso piacere ed ho capito che il pattinaggio è la cosa che mi è sempre piaciuta più di ogni altra. Tutta la mia voglia di fare, ed i miei credi, l’ho trasmessi alle mie atlete. Non solo vincere, ma porsi sempre un traguardo, per poter ogni giorno, avere la forza e la volontà per migliorarci. Gianni Picchi

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Ha forgiato i più grandi campioni del pattinaggio


Festa e premiazione per le pattinatrici della Uisp Il vescovo Simone Giunti ospite d’onore

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

R

otelle Uisp in festa. Nella mattinata di domenica 16 gennaio, infatti, si è svolta la consueta cerimonia annuale del pattinaggio femminile. Nella nuova sede della Circoscrizione 1 in piazza Saragat, sono state premiate le pattinatrici che si sono messe in luce nell’arco dell’anno 2010. Riconoscimenti anche per le quattro società cittadine, con il Circolo Pattinaggio La Rosa dominatore della scena grazie ai successi nel Trofeo Discobolo e nel Campionato provinciale. Il presidente della Lega provinciale di pattinaggio Giovanni Orsucci, ha aperto la giornata ringraziando «la la Cir Circoscrizione 1, nella persona di Daniela Bartalucci, per la disponibilità mostrata nell’ospitarci in questi locali di recente inaugurazione. Al di là della consueta attività agonistica e promozionale – ha proseguito Orsucci – il 2010 è stato un anno molto positivo. Perché nella stagione appena conclusa abbiamo avuto il merito di riportare a Livorno la “Rassegna Nazionale di Pattinaggio Gruppi Folk” (svoltasi dal 10 al 12 dicembre, ndr), giunta alla sua 37esima edizione. 70 società da tutta Italia, 1.375 atleti: un’esperienza di vita indimenticabile, considerando che questa manifesta-

zione non si teneva a Livorno da ben 33 anni. Voglio ringraziare l’Amministrazione Comunale e tutti i dirigenti (Comitato Organizzatore e Giuria, ndr) che si sono impegnati nell’organizzazione di questa stupenda kermesse, dando il proprio contributo affinché nché tutto andasse nel ver verso giusto. Ma un elogio particolare va alle società La Cigna Gymnasium e Divo Demi, che hanno partecipato all’evento ben figurando». Il leader del pattinaggio Uisp di Livorno ha poi illustrato la cruda realtà di questo sport a livello nazionale, ricordando «i tagli governativi avvenuti nel settore e la crisi economica galoppante. E così si ritrovano in difficoltà sia le società sportive che le famiglie. Inoltre, è spuntato un nuovo pericolo: il doping. Fino a poco tempo sembrava che il pattinaggio fosse immune da questa pratica, ma i recenti Campionati mondiali di Fribur Friburgo hanno dimostrato il contrario. È un momento davvero delicato per il nostro sport». Infine, una speranza per il futuro del pattinaggio a Livorno: «La Rassegna gruppi folk ha dimostrato che la nostra città è sempre presente, nonostante l’assen-

I ragazzi durante la premiazione

162

za di una struttura coperta da utilizzare con maggiore continuità. Mi auguro che questo nuovo anno sia foriero di risultati agonistici. Perché Livorno deve ritornare ai vertici che le competono: dobbiamo fare quel salto di qualità che aspettiamo da tempo». Critico il presidente Uisp provinciale, Michele Barzagli: «Il recente Trofeo nazionale gruppi folk non è stato considerato da nessuno. La nostra realtà merita più attenzione, a partire dagli impianti: discuteremo con gli enti locali a tal proposito». Ospite d’onore dell’evento monsignor Simone Giusti, che ha parlato del fascino di questo sport confessando di aver praticato da giovane il pattinaggio in linea. Gianni Tacchi

Pattinatrici premiate: Aurora Carnieri, Viola De Vizia, Benedetta Rencricca, Linda Chiappini, Elisa Ianda, Viola Mancini, Rachele Fugi, Francesca Grossi, Matilde Picchi, Martina Blasizza, Diletta Peralta, Nicole Filié, Alice Villano, Alessia Cellini, Giada Romano, Aurora Centi, Sara Gai, Aurora Gianetti, Martina Ferri, Martina Dell’Omodarme, Alessia Di Giorgio, Martina Mancini, Irene Spagnoli, Marina Santi, Giulia Gianetti, Francesca Donati, Matilde Bonaccorsi, Chiara Badari, Jessica Rosellini, Linda Fabbri, Federica Giachi, Camilla Serraglini, Eleonora Caselli, Irene Anselmi, Monica Di Cocco, Valentina Imbrogiano, Letizia Biasci, Benedetta Niccolini, Brenda Palma, Giulia Gambicorti, Giulia Freschi, Rachele Ignudi, Isabella Martelloni, Olivia Di Giorgi, Camilla Grosso, Irene Tirinato, Camilla Paggini, Jenny Nenci, Greta Rossi, Janira Giordano, Elisa Pedemonte, Martina Brondi, Asya Niccolai, Sara Mazzanti, Emily Novelli, Greta Gronchi, Jessica Olmi, Beatrice Grassi, Giada Niccolai, Ilaria Berti, Irene Spagno-


faelli, Sara Bertini, Chiara Ribecai, Greta Malloggi, Chiara Conti.

Società premiate Trofeo Discobolo: 1a Circolo Pattinaggio La Rosa, 2a Circolo Pattinaggio Divo Demi, 3a Circolo Pattinaggio La Cigna

Momenti del Discobolo

Gymnasium, 4a Circolo Pattinaggio La Stella. Campionato provinciale: 1a Circolo Pattinaggio La Rosa, 2a Circolo Pattinaggio Divo Demi, 3a Circolo Pattinaggio La Cigna Gymnasium, 4a Circolo Pattinaggio La Stella.

Campionati Provinciali

Riconoscimento alla carriera:

la medaglia al merito sportivo per Giovanni Orsucci «È senza ombra di dubbio il riconoscimento più bello, importante e inatteso della mia carriera. Mai avrei pensato di ricevere un attestato così prestigioso». Giovanni Orsucci, da oltre venti anni al timone della Lega Uisp provinciale di pattinaggio, non nasconde l’emozione per la medaglia al merito sportivo conferitagli dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il premio – che gli è stato consegnato da Raffaele ffaele Nacarlo, ff presidente nazionale della Lega di Pattinaggio Uisp – valorizza la storia dello stesso Orsucci nel mondo del pattinaggio, un’avventura nata nei primi anni ottanta ed ancora viva. Se riportare a Livorno la “Rassegna Nazionale di Pattinaggio Gruppi Folk” è stato l’ultimo colpo di Orsucci, ricordare i primi passi tra le rotelle è una sensazione ancora più forte: «Gli inizi con la società di Pattinaggio Artistico La Stella furono qualcosa di innovativo. Utilizzavamo una pista nei pressi del Gasometro, il famoso “Bombolone” di gas utilizzato per il rifornimento della zona sud della città: non

c’era illuminazione e gli spogliatoi erano all’interno di due autobus in disfacimento. Soltanto grazie al sorriso e alla voglia

dei nostri bambini abbiamo proseguito su questa strada». G.T.

Giovanni Orsucci presidente lega provinciale Uisp di pattinaggio

163

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

li, Alessia Di Giorgio, Swamy Cancelli, Martina Mazzoni, Viola Barni, Agnese Bendinelli, Alessia Perugini, Luna Giuli, Erika Cingolani, Aurora Paretti, Martina Milazzo, Giulia Lonzi, Roberta Bruni, Giulia Giovacchini, Azzurra Rispoli, Martina Ghelardi, Eva Laucci, Giulia Raf Raf-


Giovani talenti crescono sotto la medaglia olimpica di Giulia Quintavalle Fusione della Ronin Livorno con l’Accademia dello Sport

A

nno di transizione per il movimento judoistico labronico che, sulla ventata di entusiasmo seguita alla memorabile medaglia d’oro conquistata da Giulia Quintavalle alle ultime Olimpiadi, ha investito tutte le sue energie nella formazione di giovani talenti. La Fijlkam (Federazione Italiana Judo Lotta Karate ed Arti Marziali) opera capillarmente nel territorio provinciale: numerose sono le società che svolgono attività nelle varie discipline Federali. Per quanto concerne il Judo, le società più attive sono state il Judo Kodokan Cecina del Maestro Renato Cantini ed il Ronin Livorno del Maestro Marco Griselli. Nei vari campionati disputati nel 2010 si sono distinti i seguenti atleti:

Berti Dario (Ronin Livorno), 9° classificato Campionati Italiani Cadetti; Cantini Anita (Judo Kodokan Cecina), 5ª classificata Campionati Italiani Esordienti; Cappagli Federico (Judo Kodokan Cecina), 7° classificato in Coppa Italia; Casini Elena (Judo Kodokan Cecina), 2ª classificata Campionati Italiani Esordienti; Franchi Matteo (Judo Kodokan Cecina), 9° classificato Coppa Italia; Frasca Lorella (Judo Kodokan Cecina), 5ª classificata Campionati Italiani Esordienti; Graziani Pietro (Judo Kodokan Cecina), 5° classificato Campionati Italiani Esordienti;

Pelosini Marta (Ronin Livorno), 4ª classificata Campionati Italiani di Kata; Ricciardi Lorenzo (Ronin Livorno), 7° classificato Campionati Italiani Esordienti; Santini Giacomo (Judo Kodokan Cecina), 3° classificato Campionati Italiani Esordienti; Taiocchi Simone (Ronin Livorno), 9° classificato Campionati Italiani Assoluti. Sono stati finalisti nei vari campionati nazionali anche Taiocchi Sauro (Ronin Livorno), D’Isanto Alessandro (Ronin Livorno), Mochi Alessia (Assj Piombino), Sardelli Leonardo (VVFF Livorno) e Cavallini Marco (Judo Kodokan Cecina). Tutti ottimi risultati da parte di giovani atleti che lasciano ben sperare per il futuro.

Un folto gruppo di praticanti dell’Accademia dello Sport

165

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Judo


Curiosità storica

Camilla Magnolfi

Un capitolo a parte merita la rosignanese Giulia Quintavalle (tesserata per la Guardia di Finanza del Maestro Felice Mariani), nostra campionessa Olimpica, che dopo un leggero periodo di appannamento sta ritornando ai massimi livelli. A testimonianza di ciò, la grande afferma ff fferma zione ai Campionati europei a squadre di Vienna, dove la nostra Nazionale femminile ha conquistato il primo posto davanti alla Polonia (bene anche gli uomini, capitanati dalla medaglia di bronzo Olimpica

Elio Verde, capaci di salire sul gradino più basso del podio). Grande ritorno anche per Camilla Magnolfi (anche lei tesserata per la Guardia di Finanza), che dopo una serie di gravi infortuni ha ritrovato la giusta forma conquistando l’ennesimo titolo Assoluto a Ravenna nella categoria 52 Kg. Insomma, due ragazze che riescono con grinta, volontà e sacrificio a tenere alto il nome del Judo livornese, pur avendo fatto il definitivo salto di qualità lontano dalla loro città.

Putin premia Giulia Quintavalle e la squadra Nazionale ai campionati Europei di Vienna

167

Quando Jigoro Kano nel lontano 1882 aprì il primo Dojo (sala di allenamento) di soli 12 mq presso il tempio di Eisho a Tokyo, non poteva immaginarsi la diffusione mondiale che la sua scuola di Ju Jitstu (il judo è nato infatti da questa antichissima arte di difesa personale) avrebbe ottenuto nei decenni successivi. Il successo della sua scuola (che chiamò “Judo Kodokan”, ovvero “la strada per seguire la Via”) è da attribuirsi al valore altamente educativo presente nell’insegnamento: rispetto, collaborazione tra allievi e Maestro ed esclusione di tecniche pericolose e non controllabili derivanti dalle vecchie scuole di JuJitsu erano alla base del pensiero di Kano. «Insieme per progredire» diceva il Maestro, che contribuì in maniera determinante all’ingresso del “Judo Kodokan” nelle scuole militari e civili. E nel 1964 questo sport raggiunse la sua definitiva consacrazione con l’ammissione alle Olimpiadi di Tokyo. M.G.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

In ultima battuta, a livello locale, da sottolineare l’interessante fusione datata 1a gennaio 2011 del Ronin Livorno (Maestro Griselli) con l’Accademia dello Sport (Maestro Agusta), che ha dato vita in via Garibaldi ad una delle società più numerose (oltre 100 iscritti) e più forti della Toscana. Marco Griselli Delegato provinciale FIJLKAM


La lotta olimpica livornese continua a crescere

G

li Atleti del New Popeye Club di Riccardi Niccolini anche nel 2010 e inizio 2011 continuano a ottenere ottimi risultati e la scuola labronica si conferma essere tra le migliori, infatti, il movimento dei lottatori nella nostra città è in sensibile aumento così da permettere la scissione del Popeye e la nascita, presso la palestra Sport Combat Club in via Firenze n° 128

Allenamenti nella nuova palestra del Gruppo Lottatori Livornesi

Livorno, di una nuova Associazione Sportiva Dilettantistica denominata Gruppo Lottatori Livornesi. I fondatori Antonio LA BRUNA, Igor NENCIONI e Mauro PUCCINI cercheranno di riunire insieme diverse generazioni di appassionati per rilanciare,

Mauro Puccini

insieme a Riccardo NICCOLINI, la lotta livornese a livello Mondiale. Nella nuova palestra sono organizzati corsi di Lotta Libera e Greco Romana per bambini e bambine, adulti, agonisti e non, e naturalmente anche per atleti di altre discipline che hanno

Igor Nencioni

169

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Lotta


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Antonio La Bruna

necessità di perfezionare le tecniche di lotta in piedi. Ad insegnare ci sono i tre fondatori, che oltre ad essere Allenatori Federali hanno un Palmares di tutto rispetto; un ex allenatore del Centro Tecnico Regionale su incarico dalla Federazione FIJLKAM e pluri-olimpionico con vari titoli alle spalle tra cui Campione Europeo Market Championship, un pluricampione del Mondo Interforze di Lotta Libera e Greco Romana: fra tutti e tre vantano circa 20 titoli Italiani. Lo scopo è promuovere la lotta, infatti, per chi vorrà provare lo sport piÚ antico la palestra mette a disposizione DUE SETTIMANE GRATIS, ma anche le quote mensili sono veramente basse, proprio perchÊ vogliamo che questa disciplina sia accessibile a tutti e che Livrono torni ad essere nuova fucina di grandi campioni. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito: http://gruppolottatorilivornesi. blogspot.com/ Scrivere alla seguente e-mail HSVQQPMPUUBUPSJMJWPSOFTJ!WJSHJMJPJt Oppure telefonare agli istruttori Antonio LA BRUNA 328/4796232 Igor NENCIONI 339/7148151 Mauro PUCCINI 339/8170574 171


Scotto PubblicitĂ Livorno


A.S.D. Karate Livorno e i risultati agonistici conseguiti in Italia Qualificazione ai Campionati Senior di Kumite maschili e femminili

L

a società “A.S.D. Karate Livorno” ha chiuso l’anno sportivo 2010 con l’attenzione che da sempre la contraddistingue, sottolineando il lavoro svolto nell’ottenere i tanti risultati agonistici. Una stagione proficua anche dal punto di vista del numero degli iscritti, grazie ad azioni promozionali dedicate alla diffusione del karate in città.

Il 2010 ha visto il “Karate Livorno” promotrice di un evento che mancava nella nostra città da ben 32 anni, cioè la qualificazione ai Campionati seniores di kumite maschili e femminili per cinture nere e marroni. La manifestazione, che si è svolta il 7 febbraio al PalaCosmelli con 36 società presenti e 118 atleti in gara, ha qualificato 32 karateki al 45° Campionato italiano (che si è disputato a Biella). Tra gli atleti del “Karate Livorno”, Alessandro Lazzeri (70 kg) si è classificato al

terzo posto ottenendo così il pass per la fase nazionale. A livello regionale, il “Karate Livorno” ha fatto registrare i seguenti risultati: Coppa Toscana Kata (Cat. Seniores). 1° classificato: Giacomo Melani. Coppa Toscana Kata Trofeo Arcobaleno. 1a class.: Sandra Pecoretti. C.S.E.N. Trofeo regionale Lazio C.K.C. Kumite. 76 kg, 2° class.: Nico Cialandroni. 70 kg, 5° class.: Alessandro Lazzeri. Coppa Toscana Kumite 76 kg, 2° class.: Nico Cialandroni. 85 kg, 1° class.: Diego Cialandroni. 70 kg, 1° class.: Federico Baldassarri. Trofeo Veneto Kumite. 70 kg, 5° class.: Alessandro Lazzeri. 76 kg, 3° class. (a pari merito): Nico Cialandroni. Fiore all’occhiello della stagione 2010 è stato il successo nell’ottavo Campionato nazionale Kumite a squadre, promosso dall’A.S.I. e disputatosi a Valpolicella (Verona) tra il 12 ed il 13 giugno. La squadra - composta da Nico Cialandroni, Alessandro Lazzeri, Nicola Spadoni, Alessio Martelloni, Giancarlo Bachi e Giancarlo Abamonte - è riuscita a superare brillantemente gli altri sette team provenienti da tutta Italia. Nelle categorie individuali, ecco i piazzamenti ottenuti: 76 kg, 2° class.: Nico Cialandroni. 65 kg, 3° class.: Alessio Martelloni. 70 kg, 3° class. (a pari merito): Alessandro Lazzeri. Nel Campionato nazionale C.S.E.N. Kumite, che si è svolto a Lignano Sabbiadoro (Udine),

sono arrivati altri due risultati importanti per il “Karate Livorno”: il successo di Nico Cialandroni nella categoria 76 kg ed il quinto posto di Alessandro Lazzeri nella categoria 70 kg. Si è chiusa così una stagione importante per le esperienze fatte in giro per l’Italia, tra tante soddisfazioni e qualche delusione. Tuttavia è importante sottolineare che la nostra società si basa sul confronto sportivo e sul miglioramento tecnico-tattico, che è possibile soltanto attraverso l’impegno, la determinazione, la costanza e lo spirito di sacrificio. Maurizio Baldi Istruttore Karate Livorno

Alessandro Lazzeri, Trofeo Toscana 2010

Nico Cialandroni contro Filippo Oretti

Nico Cialandroni, Coppa toscana 2010 1° class.

Giacomo Melani

173

Giacomo Melani

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Karate


Scotto PubblicitĂ Livorno


L

a Palestra Athletic Club di Livorno è una società sportiva affiliata alla F.I.J.L.K.A.M. (Federazione, Italiana, Judo, Lotta, Karate, Arti Marziali), unica federazione in Italia riconosciuta dal C.O.N.I. Per quel che riguarda il settore Karate è una delle prime società della regione Toscana. I suoi atleti si dividono in più corsi: quello amatoriale, quello dei pre-agonisti (bambini e ragazzi fino a 12 anni) e quello degli agonisti che prende parte alle competizioni ufficiali. Ma rimaniamo su questi ultimi, Questo è un gruppo che da 3 anni a questa parte ha avuto un andamento crescente sia come numero di atleti che come risultati agonistici, promuovendo sempre più loro stessi, e il karate Labronico che oltre ad essere uno sport da combattimento è anche una disciplina per chi lo pratica.

Campionati Regionali assoluti 2010 Kumite: Nicola Daddi (76 Kg) 1° Class. Christian Varriale (65 Kg) 1° Class. Giancarlo Abbamonte (-90 Kg)1° Class, Filippo Lischi (-90 Kg) 3° Class. ( Daddi, Abbamonte e Varriale ottengono così il pass per i Campionati Italiani Assoluti).

Nicola Daddi

Nicola Spadoni

Gli atleti dell'athletic club

Di seguito sono riportati alcuni dei risultati più importanti per quello che riguarda la stagione 2010/2011: Atlteti di punta della società: Nicola Spadoni, Nicola Daddi, Christian Varriale, Giada Tinucci, Tinucci Gabrielli Luca. Luca

1° Trofeo Toscana 2010 Kumite: Nicola Spadoni (70 Kg) 2° Class. Nicola Daddi (76 Kg) 2° Class. Christian Varriale (65 Kg) 3° Class. Campionati Regionali a squadre 2010 Kumite: Nicola Spadoni, Giancarlo Abbamonte, Nicola Daddi, Christian Varriale, Filippo Lischi 3° classificati come squadra. Campionati Italiani A.S.I. 2010 Kumite: Nicola Spadoni (76 Kg) 1° Class. Individuale, 1° a squadre, Giancarlo Abbamonte (-90 Kg) 4° Class. Individuale 1° Squadre. A settembre 2010 Spadoni, Daddi e Varriale Conseguiscono la qualifica di 2° Dan. Campionato Regionale Juniores 2010 Kumite: Filippo Lischi (-90 Kg) 1° Class. (ottiene il pass per i Campinati Italiani Juniores) Coppa Toscana 2010 Kumite: Nicola Spadoni (70 Kg) 1° Class. individuale e 2° a squadre, Nicola Daddi (83 Kg) 3° Class. individuale e 2° a squadre, Christian Varriale (65 Kg) 1° Class. individuale e 2° a squadre. Campionati Italiani CSEN 2010 Kumite: Nicola Spadoni (70 Kg) 2° Class. Nicola Daddi (83 Kg) Spadoni, Varriale, Daddi

175

1° Class. Christian Varriale (65 Kg) 1° Class. Filippo Lischi 2° Class. 2° Open Internazionale di Campania : Nicola Spadoni ( 76 Kg) 5° Class. Campionati Regionali assoluti 2011 Kumite: Nicola Spadoni (70 Kg) 3° class. Nicola Daddi ( 83 Kg) 2° Class. Christian Varriale (65 Kg) 1° Class. Campionati Italiani Assoluti 2011 Kumite: Nicola Spadoni (70 Kg) 7° Classificato. Hanno partecipato ai Campionati Italiani Csen 2010 anche Anna Mannucci nella classe cadetti -55 kg e Filippo M. Ferrucci nella classe esordienti -45 Kg. classificandosi entrambi al 3° posto. Gli Atleti dell’Athletic Club Livorno di Via G. Marradi 122 sono seguiti sotto l’ attenta supervisione dei Maestri: M° Alfredo ‘’Bibi’’ Gufoni direttore tecnico 8° DAN, M° Viviano Biagi responsabile settore agonistico 6° DAN, M° Bruno Giusti 5° Dan.

Christian Varriale

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Il Karate Labronico all’Athletic Club Livorno


Motoclismo Motocross - Enduro

L

a stagione targata 2010, per il team motoristico Macota-Bozzi Special Parts, è degna di una cornice di prestigio. Per questo gruppo non è una novità incorniciare la stagione, infatti, già negli anni passati è sempre stata un’abitudine aggiudicarsi risultati importanti, sia nell’enduro che nel motocross. Il portacolori del tram ha un nome: Fabio Occhipinti, con la sua Yamaha 250 4T, curata in modo particolare dalla PMR dei fratelli Masti di Siena, con la quale si è aggiudicato il titolo di Campione italiano di Enduro. Successo netto, che non lascia dubbi, grazie alle quattro vittorie su cinque gare disputate a Rocchetta di Vara, in provincia di La Spezia, in provincia di Alessandria ad Acqui Terme, in provincia di Trento a Mansuè e a Città di Castello. La sua guida prepotente e geniale gli permette di affrontare le gare su qualsiasi terreno e di ottenere tempi, spesso inarrivabili, nonostante non manchi una nutrita e valida schiera di avversari. Simone Lorenzoni, con la sua KTM 250 4T, curata da Marco Frediani, concessionario KTM di Grosseto, nel motocross, si è imposto nel trofeo nazionale KTM al termine di quattro gare disputate sulle più belle piste d’Italia e con tappa al crossodromo Santa Barbara

di Ponte a Egola, in territorio pisano. Nella categoria motocross ha raggiunto importanti successi anche in ambito regionale con la conquista di diversi titoli di Campione toscano. Con la piccola 125 2T, ha primeggiato Federico Tozzi con la KTM, ben preparata da Spedybike di Poggibonsi, che ha avuto la meglio sul compagno di team Giordano Manzoni, in gara con la velocissima Husquarna, avuta a disposizione dalla concessionaria Garaffi Moto, anche lei di Poggibonsi. Da sottolineare che Manzoni si è aggiudicato cinque delle sei gare in calendario. Nella categoria Topo Drivere mx 2 (250 4T) Giordano Manzoni ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Ha fatto da padrone, incontrastato, strappando spesso, anche tempi migliori sul giro delle più potenti 450 4T. Settima piazza per Federico Tozzi, che conferma l’ottima annata. I due piloti del Macota Bozzi Special Parts portavano in gara le Honda 250 4T, anche queste curate in modo perfetto da Massimiliano Calmieri di Spydybike. Nella Top Drivere mxl (450 4T) solo un quarto posto per Marco Casacci, anche lui su Honda. Da ricordare che, fino a metà campionato sta-

177

zionava al primo posto nella classifica provvisoria, poi doveva cedere il passo agli avversari causa una brutta botta alla schiena, rimediata nella gara di Polcanto. Comunque il suo risultato è da considerarsi più che buono calcolando che Marco rientrava nel motocross dopo due anni di stop. Ottimo anche il risultato di Giacomo Lucchesi, sesto con la sua Kawasaki: nonostante il poco tempo avuto a disposizione per allenarsi, rimane sempre uno dei più veloci. Ancora un ennesimo titolo per Furio Franceschi con la su Honda 250 4T, che si è aggiudicato la mx 2 over 40, vincendo tutte le manche in programma. Tomas Masi, nella over 21 mx1, ha raccolto un eccellente terzo posto. Ha voluto il podio mettendo in evidenza una combattività inarrestabile. Per Luca Donati un secondo posto immeritato per sfortuna, nella mx over 40 con la su Honda. Ha guidato la classifica provvisoria fino alla quarta prova, alla quale però non ha potuto partecipare per un attacco influenzale. Dopodiché non ha potuto giocarsi il primo posto nella quinta prova, perché annullata e così sono rimasti invariati i due punti che lo separavano dal capo classifica. A conclusione della stagione è stato premiato il duro lavoro fatto da tutto il team. Team guidato con intelligenza ed esperienza da Ivano Zanatta, che nonostante i modesti mezzi avuti a disposizione ha saputo primeggiare nei confronti di una concorrenza sempre più agguerrita. Ricordiamo che il team non ha ancora a disposizione un proprio impianto, nonostante l’Amministrazione Comunale livornese si sia impegnata pubblicamente e a più riprese per risolvere il problema. Se, nel palmares del team, sono stati scritti molti successi, è dovuto anche ai partner come la FM di Marco Fanti, la Bardahal Lubrificanti, DID Ognibene, Nissin Impianti Frenanti, Osbe Caschi, Macota, Lanzi Prosciutti, Bozzi Specila Parts, la Ora Pubblicità, Cecchi Caffè ffè Bar Distributori Auff tomatici e la Pirelli Pneumatici. Gianni Picchi

F.M.I: Federazione Motociclistica Italiana

I campioni parlano livornese grazie al team di Ivano Zanatta


 

Il Moto Club Livorno compie 90 anni 90 anni di ininterrotta attivitĂ al servizio di tutti i motociclisti Programma delle manifestazioni 2011

8 NBHHJPr Raduno Nazionale aperto a tutti i tipi di moto e scooter presso la Fortezza vecchia

26 giugnorGiro Giro della Toscana, Gara di regolaritĂ nazionale per moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca su strada

3EDE6IADELL´/RIOLINO ,IVORNO TELEFAXÂ&#x201E;3EGRETARIO-AURO0APUCCI  E MAILEPOCA MOTOCLUBLIVORNOCOMÂ&#x201E;WEBWWWMOTOCLUBLIVORNOCOM

Scotto PubblicitĂ Livorno

dal 7 al 15 maggio Mostra moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca presso la Fortezza Vecchia


Le iniziative del Moto Club Livorno:

I

l Moto Club Livorno è il principale punto di riferimento per le attività motociclistiche dei livornesi sia per i diversi settori sportivi delle “due ruote” che per l’attento ed organizzato mototurismo. Un anno d’intensa attività quello del 2009-2010 nel quale il Moto Club Livorno ha sviluppato un programma di attività che ha evidenziato, come se ve ne fosse bisogno, la grande passione e l’entusiasmo che permea il Consiglio Direttivo del sodalizio

livornese ed il riscontro che ha trovato negli appassionati. Le attività sportive della stagione motociclistica si aprono, come sempre avviene, con la primavera e il Moto Club Livorno, come desiderato dai motociclisti livornesi, privilegia le attività turistico sportive piuttosto che le tradizionali gare motociclistiche stradali e di cross. Notevole e significativa anche la partecipazione alle attività sportive organizzate dagli altri moto club della Toscana con i quali il Moto Club Livorno tesse importanti relazioni. Gli eventi più significativi che vengono organizzati annualmente sono: la Mostra di Moto d’Epoca, il Motoraduno “Città di Livorno” e il Giro Motociclistico della Toscana. Lo scorso anno la XVII Mostra di Moto d’Epoca è stata presentata negli storici locali della Fortezza Vecchia, ed ha visto un grande successo di pubblico e di appassionati, ma principalmente di giovani. Un successo attribuibile sicuramente, a detta degli attenti visitatori, al soggetto della mostra: la moto d’epoca, e quelle che sono state presentate in Fortezza erano effettiva-

179

mente motociclette che hanno segnato in modo inequivocabile la storia della motorizzazione su due ruote del secolo scorso. Negli ambienti della Fortezza Vecchia, così ricchi di storia, i giovani hanno potuto constatare come il mezzo a due ruote abbia coperto, nel recente passato, tutti i settori della mobilità sia turistica che lavorativa. Il 32° “Motoraduno Città di Livorno”, prova inserita nel calendario annuale delle attività sportive della Federazione Motociclistica Italiana, ha visto confluire a Livorno oltre 160 equipaggi provenienti dalla Toscana e dalle regioni limitrofe. La riunione, a carattere prettamente turistico-sportivo si è snodata lungo il tracciato del vecchio e glorioso “Trofeo Montenero” così descritto dalla rivista Motociclismo: “Strada ricca di curve, di dislivelli brevi ma violentissimi ed aspri, nonché di un ottimo rettilineo lungo diversi chilometri; quindi percorso vario, non facile, e sul quale l’elemento uomo aveva certamente buon gioco, mentre le doti delle macchine, specialmente la ripresa e la stabilità venivano messe a dura prova”. La 5a prova del Campionato Italiano Motoraid, Rievocazione Storica “Giro della Toscana”, uno degli appuntamenti motociclistico sportivi FMI di moto d’epoca più importanti del centro Italia, ha visto gareggiare sul circuito di regolarità predisposto alla Rotonda di Ardenza esperti piloti su moto di marchi prestigiosi. La manifestazione sportiva, che è una gara nazionale di campionato, ha registrato un indiscutibile successo sia per il numero e qualificazione dei partecipanti che per la perfetta organizzazione ed ha indotto la FMI, pur in un quadro di riduzione da 8 a 5 dei raid del Trofeo Nazionale, di assegnare, anche per il 2011, la manifestazione al Moto Club Livorno.

F.M.I: Federazione Motociclistica Italiana

mostre, motoraduni e mototurismo


Scotto PubblicitĂ Livorno


Un bilancio quindi altamente positivo che impegna il Consiglio Direttivo del Moto Club anche per lâ&#x20AC;&#x2122;imminente stagione 2011 che vede, tra gli altri, impegni importanti tutti legati alla eccezionale contemporaneitĂ di ricorrenze quali il 150° dellâ&#x20AC;&#x2122;UnitĂ  dâ&#x20AC;&#x2122;Italia, il centenario della fondazione della Federazione Motociclistica Italiana, il 90° compleanno del sodalizio sportivo motociclistico livornese. Per il 2011 sono previste gite turistico-gastronomiche nel corso dei fine settimana piĂš favorevoli e attivitĂ  turistico-sportive di rilievo e tra queste:

Mostra moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca 2010

Inaugurazione mostra moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca 2010

Locandina XVII Mostra di Moto dâ&#x20AC;&#x2122;Epoca

al Registro Storico di cui al DM 17 Dicembre 2009 relativo alla disciplina e procedura per lâ&#x20AC;&#x2122;iscrizione dei veicoli dâ&#x20AC;&#x2122;interesse storico e collezionistico secondo le nuove procedure di rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica. La Segreteria è aperta agli sportivi e affiliati il giovedĂŹ dalle 21:15 alle 22:30 e tutti i venerdĂŹ dalle 17:00 alle 19:00 Via dellâ&#x20AC;&#x2122;Oriolino, 30 - 57122 Livorno Segreteria/Telefono/Fax: 0586 889379 QPTUNBTUFS!NPUPDMVCMJWPSOPDPm FQPDB!NPUPDMVCMJWPSOPcom

Mostra moto dâ&#x20AC;&#x2122;epoca 2010, sala Canaviglia (Fortezza Vecchia)

181

F.M.I: Federazione Motociclistica Italiana

5a prova del Campionato italiano Motoraid, Rievocazione Storica Giro della Toscana

La XVIII mostra di Moto dâ&#x20AC;&#x2122;Epoca dal 7 al 15 maggio che, stante il successo ottenuto nella scorsa edizione, si terrĂ sempre negli storici sotterranei della Fortezza Vecchia Medicea del porto di Livorno. Il 33° Motoraduno FMI â&#x20AC;&#x153;CittĂ  di Livornoâ&#x20AC;? domenica 8 maggio e il Giro della Toscana, Trofeo Nazionale Motoraid dâ&#x20AC;&#x2122;Epoca il 26 giugno 2014. Il Moto Club continua nellâ&#x20AC;&#x2122;opera di affiliazione alla Federazione Motociclistica italiana e segue, tra lâ&#x20AC;&#x2122;altro, anche le pratiche di iscrizione delle moto


Un anno pieno di iniziative e successi per Motoclub Stop and Go In evidenza gli atleti: Umberto Falaschi, Manuel Doria, Walter Faralli e Dario Cecconi

I

l 2010 è stato per il Motoclub Stop and Go un anno pieno di successi sia sul fronte delle competizioni agonistiche che sul fronte delle iniziative sociali. Nell’ambito delle competizioni agonistiche i suoi atleti hanno partecipato con successo a gare nazionali e internazionali. Tra loro si sono distinti: Umberto Falaschi che ha partecipato con successo alla Premier National Cup

Manuel Doria classe 1998 ha partecipato come allievo nell’Hirp (Honda Italia Racing Proget) Minigp classe 100-4 tempi e si è subito imposto vincendo la classifica individuale, battendo piloti più blasonati di lui come il Campione europeo e il vice Campione italiano in carica. L’Honda lo ha poi convocato ad ottobre al Mondiale in terra spagnola sul circuito di Albacete dove si sono confrontati i 36 piloti più forti del mondo, dove ha potuto confermare il suo valore ottenendo un ottimo risultato. Walter Faralli ha partecipato al Campionato toscano Supermotard ed ha ottenuto buoni risultati, pur essendo al primo anno di gare.

600 open classificandosi 3° assoluto e vincendo la speciale classifica Metzeler, anche al trofeo Marco Papa 600 open ha conquistato la terza piazza d’onore, e al trofeo del centauro 600 open si è aggiudicato ì il 4° posto in classifica generale.

Dario Cecconi ha gareggiato nel Campionato italiano velocità in salita classificandosi 14° assoluto e acquisendo così un buon bagaglio di esperienza, che gli sarà sicuramente utile per l’anno 2011 che lo vedrà impegnato anche in gare internazionali come il Nord West 200 che si corre in Irlanda. Il 2011 si prospetta un anno pieno d’impegni agonistici per i nostri piloti, che sicuramente sapranno tenere alta la bandiera del Moto Club stop and go. Il Motoclub oltre ad impegnarsi nelle competizioni ha portato avanti con successo anche il settore sociale e ricreativo, infatti, sono state effettuate ffettuate con molta ff soddisfazione da parte dei tesserati due moto-incontri, di cui uno con finalità di beneficenza, in collaborazione con l’associazione “Una rosa per il Cameron”. Inoltre, sono state organizzate le gite ai saloni del motociclo di Milano e di Padova. E naturalmente non sono mancate le varie cene sociali. La passione per le due ruote ha consentito a tutti i nostri piloti e tesserati di vivere e partecipare con soddisfazione alle varie iniziative svolte nel corso del 2010.

Atleti del Moto and Go in gara

183

F.M.I: Federazione Motociclistica Italiana

Numerosi impegni sociali e di club


IL NOSTRO PALLINO FISSO

E` LA TUA FORMA FISICA

Info presso le segreterie delle piscine comunali Camalich-Neri e Bastia 0586 804974 0586 424222


Nuoto Nuoto Livorno: un 2010 da incorniciare

U

n oro e due bronzi europei, 10 titoli italiani assoluti, la promozione in serie A e una miriade di affermazioni ffermazioni a livello ff giovanile che garantiscono alla Nuoto Livorno un futuro davvero roseo. Ma andiamo con ordine, ripercorrendo un 2010 senza precedenti cominciato con i Campionati italiani Assoluti Primaverili di Riccione, primo appuntamento senza i costumi di nuova generazione. Entrare allo ‘’Stadio del Nuoto’’ è un po’ come salire sulla macchina del tempo. Sembra di esser tornati al 2007, quando nessuno a fine gara chiedeva al compagno/a di squadra di slacciare il ‘’famoso’’ jacked. In vasca a stupire è stato Federico Turrini, laureatosi campione italiano dei 200 Misti in una gara dal sapore speciale dopo due anni di purgatorio (squalifica per doping). Da vero professionista Federico ha risposto con una prestazione cinque stelle extralusso, assecondando nell’ordine Dioli, Cova, Marin e Rosolino. Un’impresa? Nemmeno per sogno. Forse una rivincita, un ringraziamento verso l’Esercito, la società e tutti coloro che nei momenti di difficoltà gli hanno sempre

dato una pacca sulla spalla. Campionato Assoluto da ricordare anche per Martina De Memme, la stileliberista classe 1991 capace di mettersi al collo ben tre medaglie (le prime in carriera, ndr), di cui due d’argento nei 400 e 800 Stile Libero alle spalle di Federica Pellegrini. In ultima battuta il consueto doppio oro di Chiara Boggiatto nei 100 e 200 Rana e il terzo posto di Luca Ferretti nei 1500 Stile Libero. Due mesi dopo (giugno, ndr), invece, la Nuoto Livorno è tornata tra le migliori otto squadre d’Italia trasformando la delusione del 2009 in una promozione strameritata: 18 le vittorie conquistate dalla squadra guidata dai tecnici Corrado Rosso e Stefano Franceschi al termine di una giornata vietata ai deboli di cuore. A dirigere le danze sempre Federico Turrini, il fiore all’occhiello del vivaio labronico fresco. Al suo fianco importanti conferme anche per gli altri big della piscina Camalich, in particolar modo Chiara Boggiatto (oro nei 50, 100 e 20 Rana), Martina De Memme (oro nei 200, 400 Stile Libero e nella staffetta ff ffetta 4X100 Stile Libero), Federico Franciolini

Europei di Eindhoven Federico Turrini Bronzo 400 Misti (foto Andrea Staccioli - deeplumedia.eu)

(oro nei 200 Rana), Silvia Florio (oro nei 50 e 100 Stile Libero) e Luca Ferretti (oro nei 200, 400 e 1500 Stile Libero).

Nuoto Livorno Promozione in Serie A (foto Andrea Masini)

187

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Ricca ed entusiasmante la rosa degli atleti medagliati che promettono un futuro radioso


189

Europei di Eindhoven Chiara Boggiatto Bronzo 200 Rana (foto Andrea Staccioli - deeplumedia.eu)

vece, riflettori puntati sulle gare in vasca, con la Nuoto Livorno ancora protagonista: «Non avrei mai pensato ad una prestazione del genere (27esimo tempo, 2’04’’93) - ha commenta Turrini - al termine della frazione a Dorso ho avvertito dei crampi fortissimi alle gambe. Il costume stringeva da morire, e così nella seconda metà gara non ho avuto modo di nuotare con serenità». Un vero peccato, perché fino a quella maledetta virata Federico si era espresso su un buon livello annusando la semifinale. Poi l’improvviso blackout, un fulmine a ciel sereno che ha spezzato l’incantesimo di tornare a ruggire anche in campo continentale dopo la squalifica. Decisamente migliore il percorso intrapreso da Chiara Boggiatto, che nei 200 Rana è riuscita a sedersi con pieno merito sulla sesta poltrona continentale (2’28’’61 contro il 2’27’’91 fatto registrare in semifinale, ndr). Ma nello sport c’è chi vince, chi perde e, soprattutto, chi rialza la testa: Federico Turrini appartiene a quest’ultima categoria, lo avevamo scritto nell’immediato post Budapest ed è un piacere sottolinearlo a soli tre giorni di distanza per celebrare il titolo assoluto (200 Misti) conquistato dal portacolori del Centro Sportivo Esercito ai campionati Estivi di Ostia Lido. Un successo spietato, una gara condotta sin dalle

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

di Luca Ferretti nella 5km a cronometro agli Europei di Budapest. Gioie simili è impossibile descriverle tramite una tastiera: in questi casi a parlare dovrebbe essere il cuore. Solo ed esclusivamente il cuore. La felicità è tanta. Estrema. Forse inaspettata. Nessuno avrebbe mai immaginato un exploit del genere. Magari una medaglia, ma non certo un dominio così schiacciante. Le emozioni confondono la storicità del momento: “Bobo” (così lo chiamano gli amici e i compagni di squadra, ndr) è campione d’Europa. Alle sue spalle gli altri due azzurri, Simone Ercoli e Simone Ruffini, per un una tripletta memorabile che, a meno di modifiche regolamentari, potrà essere solo eguagliata e mai superata. Missione compiuta. L’incognita più temuta era il tedesco Thomas Lurz che partiva in posizione favorevole: 31esimo, lontano dai nostri. Ha fatto gara a sé ed è finito quinto. Troppo veloci i caimani italiani che hanno rappresentato la perfezione tecnica, fisica e mentale della squadra più forte di tutti i tempi. «Nella nostra storia abbiamo avuto atleti straordinari come Viola Valli, Luca Baldini e Stefano Rubaudo, ma mai un gruppo tanto eterogeneo, compatto, incline al sacrificio – ha commentato il commissario tecnico Massimo Giuliani - dopo l’argento di Valerio Cleri eravamo consapevoli della nostra forza, ma sono stato in riunione con lo staff ff tecnico sino a notte fonda per capire come aiutare ulteriormente i ragazzi affinché non pagassero con la perdita di una medaglia un’ingenuità. Ma i risultati di questa mattina cancellano ogni preoccupazione e rendono merito al progetto federale partito nel 2006. Da allora ne è derivata una crescita costante sfociata nel titolo di campioni del mondo a Roberval e nei traguardi ottenuti fino ad oggi». Una giornata storica dunque, suggellata dal presidente della Fina Julio Maglione e dal presidente della Len Nory Kruchten alla cerimonia di premiazione. Tutti ad applaudire Luca Ferretti e l’Italia più forte di tutti i tempi. Europei di Budapest Luca Ferretti Oro 5km La settimana successiva, in-

Oltre ai risultati sopracitati, una lode la meritano pure i ragazzi più giovani, capaci di portare tantissimi mattoncini utili alla causa: Francesca Fangio, ad esempio, è andata ad un passo dal podio nei 200 Misti, così come Gabriele Detti si è ottimamente destreggiato nei 200 Farfalla rimediando all’opaca prestazione fornita al mattino nei 100, per non parlare di Giacomo Piccini che dopo due anni d’inattività ha stampato il proprio nome al quarto posto dei 50 Farfalla (25’’27). Di seguito i protagonisti della promozione: Federico Franciolini, Luca Ferretti, Federico Turrini, Chiara Boggiatto, Alessandro Spoleti, Martina De Memme, Giulia De Fusco, Giacomo Piccini, Silvia Florio, Nicola Turrini, Emma Turini, Costanza Saletti, Federica Fanciullacci, Denise Cavallini, Martina Mori, Alessandro Masini, Gabriele Detti. Staff: Corrado Rosso, Stefano Franceschi, Stefano Frediani, Carlo Chelli, Anatolij Shapakov. Poi ecco la sorpresa più bella della stagione (dopo che Giulia De Fusco aveva preso parte alla Marathon Fina Cup di Setubal, ndr): il dominio incontrastato


Europei di Budapest Luca Ferretti Oro 5km (foto Giorgio Perottino - FIN)

191

Campionati Italiani Assoluti Primaverili di Riccione Martina De Memme Argento 400 Stile Libero alle spalle di Federica Pellegrini

due atleti della Nuoto Livorno costretti ad alzare bandiera bianca al cospetto di veri e propri ‘’alieni da cloro’’ come Ryan Locthe (7 ori e due record del mondo), Rebecca Soni, Oussama Mellouli, Cesar Cielo ecc, nonostante cinque pregevoli prestazioni. A chiusura del cerchio i Campionati italiani Assoluti Invernali e il risultato più prestigioso di ogni epoca del nuoto livornese: la comitiva guidata da Corrado Rosso, Stefano Franceschi e Carlo Chelli, infatti, è riuscita a sedersi al tavolo dei potenti, merito di quattro titoli (2 a testa per Boggiatto e Turrini, ndr), quattro argenti e al terzo posto nella classifica femminile riservata alle società civili. Gita sul podio anche per Silvia Florio, terza classificata nella 4X50 Stile Libero con il Centro Sportivo Esercito, insieme a Martina De Memme. A chiusura del cerchio, il terzo titolo di Turrini e la seconda poltrona della Boggiatto nella 4X50 Mista (Esercito). Andrea Masini Addetto stampa Nuoto Livorno

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Memme, l’astro nascente, che si è laureata campionessa italiana assoluta (per la prima volta, ndr) negli 800 Stile Libero. A chiusura del cerchio, inoltre, non avrebbe potuto mancare la zampata di Chiara Boggiatto nei 200 Rana (2’24’’13). Non contenti i due alfieri hanno successivamente completato il riscatto venerdì 26 novembre grazie ad un’incredibile “doppietta” di bronzo agli Europei di Eindhoven, che in pochi Europei di Budapest Luca Ferretti Oro 5km con il tecnico alla vigilia avrebbero messo Stefano Franceschi (foto Giorgio Perottino - FIN) in preventivo. prime bracciate e conclusa con un crono Sorpresa Turrini. Dopo il quinto poda leccarsi i baffi (1’55’’40, il secondo mi- sto ottenuto nei 200 Misti, valido per la gliore ogni epoca). Un immenso Turrini qualificazione ai Mondiali di Dubai (15dunque, che ha saputo digerire in fretta la 19 dicembre), Federico si è presentato al doppia delusione rimediata in Ungheria blocco di partenza della doppia distanza grazie ad una prestazione che ha sbalor- (4’05’’24) con la mente sgombra da qualdito un po’ tutti. siasi tipo di pensiero. E forse è stato proMa l’ultimo appuntamento di una sta- prio questo il segreto della terza poltrona gione davvero interminabile lo ricorderà conquistata alle spalle dell’ungherese con immenso orgoglio anche Martina De Verrastzo e del tedesco Lebherz: “Sono davvero al settimo cielo – ha commentato Turrini al termine della gara – non avrei mai immaginato di salire sul podio. Poi du durante la gara ho capito che avevo le chance per fare qualcosa d’importante e ho stretto i denti fifino no alla fine”. Cinque anni dopo. A distanza di circa 1800 giorni (Trieste 2005, ndr), Chiara torna sul podio europeo dei 200 Rana: 2’24’’52 il crono con cui la ranista torinese, ma da tre anni in forza alla Nuoto Livor Livorno, ha chiuso la finale alzando bandiera bianca solo al cospetto della russa Chaun e della slovena Smid: ““In realtà speravo di nuotare un po’ più veloce – ha dichiarato la sorella di Alessio Boggiatto – ma non importa, questa medaglia mancava da tanto, troppo, tempo tempo”. Dall’Olanda Federico e Chiara sono migrati a Dubai (Emirati Arabi) per disputare il Mondiale in vasca corta nella nuovissima piscina “Hamdan bin Mohammed bin Rashid Sports Complex”. La manifestazione iridata, però, ha preferito seguire un copione troppo veloce, con i


Basket

P

ielle e Libertas, Libertas e Pielle: per guardare al futuro occorre un occhio al passato. La Livorno dei canestri lo sa, e anche quest’anno, con la città dei Quattro Mori orfana del grande basket di vertice, sono stati i due grandissimi team di un tempo ad attirare l’attenzione degli addetti ai lavori e dei tifosi, che cercano di riempire i loro weekend di basket certo minore ma comunque di qualità. Sognando un giorno che quelli stessi colori che ora lottano in anonime palestre di provincia tornino un giorno a calcare parquet importanti. La base, la passione, un settore giovanile all’avanguardia, ci sono: serve costruire giorno per giorno per arrivare alla meta. Costruire partendo dai giovani è un’attività che la Libertas svolge di buon grado. La

società del presidente Pardini, con entusiasmo e certo le difficoltà che le minors presentano, lavora quotidianamente perché la Livorno dei canestri si faccia onore, con la prima squadra e le giovanili. D’altronde, rappresentare la massima espressione del basket maschile labronico, in C Dilettanti, è un onore ma anche un onere in quella che un tempo è stata la vera autentica prima “basket city” italiana. Il 2010 ha portato qualche novità e una salvezza tenacemente conquistata. Un punto di partenza importantissimo da cui ricominciare, dopo che la prima parte di campionato, nel 2009, era stata da sogni di gloria. Un finale di campionato in cui comunque la Libertas riesce a salvarsi, senza dover passare dal tritacarne dei playout. Coach Riccardo Tede-

193

schi, che proviene dalle giovanili del Don Bosco e che raccoglie il testimone da Marco Mori, storico artefice del ritorno nell’allora C1, trascina la squadra verso una salvezza alla fine tranquilla. Ma il girone di ritorno è di quelli da incubo: la squadra raccoglie soltanto cinque vittorie e deve fare di necessità virtù. La grinta che l’ha sempre contraddistinta in questi anni, il rispetto guadagnato sui parquet della Toscana, devono essere la molla per non sprofondare, per non rimanere invischiati nei playout, lotteria assolutamente da temere, anche e soprattutto nelle serie minori. La partita dell’orgoglio diventa quindi l’ultima della regular season, quella che i ragazzi di coach Tedeschi affrontano contro il Cus Siena. La madre di tutte le partite: agganciare il Cus, che ha due punti

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

Crescono i giovani cestisti, pronti a riportare il basket labronico in massima serie


Scotto Pubblicità Livorno

i t r e Ap la ica n e m do Terreno

Primo piano

Abbigliamento - Calzature Accessori

Caffè Smeraldo

LAVORAZIONI ELETTRICHE MECCANICHE INDUSTRIALI COMMERCIO SERVIZI

Via dell’Impresa 18, ss 206 - Collesalvetti LIVORNO


ti, con ambizioni di risalita non da poco. Montecatini per esempio o la Consum.it Siena, “costola” della Montepaschi Siena che incanta al vertice italiano ed europeo. Squadre con strutture societarie particolarmente organizzate: la Libertas non è da meno, anzi, ma certo le pretendenti sono di ottima caratura. La terza stagione in questa serie parte comunque sotto i migliori auspici. L’arrivo che conta, che può portare al salto di qualità, è quello, in estate, di Francesco Vicenzini: l’ex Venturina, classe ‘77, è una guardia da tanti punti nelle mani ma, cosa non da poco, un rimbalzista con i fiocchi, grazie al suo senso della posizione. Torna Jacopo Tonietti, classe ‘81, uno degli artefici della promozione in C regionale. Tra le partenze, quella di Jacopo Stolfi, che si accasa ad EmpoliTedeschi ha tra le mani una “macchina” sportiva formata da un mix di esperienza e gioventù. Proprio i giovani, con un anno in più di militanza in C dilettanti, sono pronti a dare un contributo ancora maggiore rispetto alla già apprezzabile conquista della salvezza dell’anno precedente. Tra gli altri, c’è anche Lorenzo Fantoni, figlio di Stefano, che con la Libertas ha giocato negli anni Ottanta e fratello di Tommaso, che tutti ricordano anche in maglia amaranto, ora golden boy di Casale Monferrato in Legadue. L’avvio del 2010/2011 è da incubo: in pratica la Libertas vince la sua prima partita soltanto alla quinta giornata, dopo tre sconfitte e il turno di riposo (le squadre nel girone sono 17). Poi l’inversione di tendenza e, ora, la rinascita per credere nell’obbiettivo stagionale: una salvezza tranquilla. Giocano punti a favore la grinta e la corsa dei ragazzi di Tedeschi: pochi i punti di riferimento, ma tanto atletismo. Il rientro di Fava ha inoltre messo ordine in cabina di regia, trovando una valida spalla nel secondo play, Niccolò Bottoni, rosignanese. Ma è impossibile raccontare la Libertas 195

senza parlare del suo settore giovanile. Un fiore all’occhiello, che porta la società livornese alla ribalta nazionale. Un impegno continuo quello dei tecnici delle varie squadre giovanili: allenamenti, partite, borse da preparare, schemi e strategie. L’attività con i talenti in erba della palla a spicchi è davvero il fiore all’occhiello della società del presidente Pardini. Un sodalizio che proprio a livello giovanile presenta un record invidiabile in questo 2010/2011: una squadra in ogni classe di Eccellenza, con una novità che era già stata presentata nel campionato scorso. Ovvero lo storico accordo con la Pielle per la creazione di una sorta di vivaio comune da cui attingere. L’intuizione sembra particolarmente azzeccata, se è vero come è vero che l’Under 19 Eccellenza se ne va, al primo anno di esperimento, nel 2010, alle finali interzonali, portando davvero in alto il nome di Livorno. L’Under 19 Eccellenza batte alcune squadre blasonate, chiudendo davvero alla grande la stagione. Da non dimenticare l’Under 19 Regionale, l’Under 17 Eccellenza e, a seguire, l’Under 15 Eccellenza, l’Unger 14, l’Unger 13 e gli Esordienti 98. Libertas e Pielle, si diceva. Il dualismo si trasforma in alleanza, ma certo la rivalità non manca. Raggiungere quella che una volta era, ed è ancora, la storica rivale è un punto fermo per la Pielle. Che dopo varie vicissitudini societarie lotta in questi anni anche lei nelle serie minori. Anche lei per emergere, anche lei per dire la sua. Ci sono due serie che separano i piellini dalla Libertas: ma in serie D, la squadra di via Cecconi nel 2010 ha raggiunto traguardi comunque di prestigio. Ha giocato i playoff, ff, perdendo però al primo turff no 2-0 con Asciano. Ha accarezzato il sogno, provandoci con l’orgoglio che da sempre contraddistingue il team. Un marchio di fabbrica che stavolta non è bastato. Arrendersi non è però certamente nel Dna di un team, come la Libertas, particolar-

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

in più in classifica dei livornesi, significherebbe salvezza tranquilla, visto che all’andata, nella città del Palio, i labronici erano riusciti a vincere. Un 78-58 che, all’approssimarsi dell’estate, con la gara di ritorno, torna più che utile, portando la differenza fferenza canestri ff a favore dei ragazzi di Tedeschi. E la squadra livornese non delude, vincendo 63-60 e strappando dunque il ticket anche per la C dilettanti dell’anno successivo. È il tardo aprile dello scorso anno e i tanti tifosi della Libertas, gli stessi che l’hanno vista calcare campi importantissimi venti anni prima, esultano. Il punteggio è relativamente basso, segno della grande lotta che c’è stata sul parquet, segno della grinta che una volta di più la Tedeschi-band ha messo sul parquet. Tutti, nessuno escluso, da elogiare. Ci sono i 14 punti di Stolfi, che risulterà il miglior marcatore del match insieme a Diana, stessi punti. Gli 11 punti di Sidoti, i 7 di “Izio” Giusti. Ma aldilà del tabellino c’è appunto la voglia di esserci: la voglia di rimanere una volta di più in un campionato nazionale comunque importante come la C dilettanti. Scene di festa alla palestra “D’Alesio”, nel quartiere di Coteto, la tana della Libertas. Una stagione insomma non da buttare, anche se certo sfortunata per certi versi. L’infortunio del play Fava, rimasto fuori per buona parte dell’anno, non ha giovato di certo in cabina di regia. Ma il gruppo volta pagina, verso nuovi traguardi. Arriva l’estate, tempo di programmazione, tempo di riflettere sulle strategie per l’anno successivo. Non è mai facile riuscire ad emergere in tornei affollati ffollati e ricchi ff di concorrenti agguerrite. La Libertas riparte conscia del fatto che sarà un altro anno di battaglie e di sfide da affrontare a testa alta e vincere. Alla fine dell’estate dunque si riparte. E il girone E della C dilettanti, quello in cui la Libertas è inserita, è come al solito particolarmente agguerrito. Ci sono piazze importan-


e grinta riescono a portare in alto i loro team. Parliamo del Don Bosco dunque, che ha ottenuto una salvezza tranquilla: l’università del basket universalmente riconosciuta, che ha nelle giovanili il suo vero punto di forza, ha detto la sua anche in D. Così come il Meloria Basket, altra squadra che nel 2010 ha strappato il ticket anche per il 2011. Ma la vera impresa è quella dell’Acli Stagno e del tecnico Bonciani: il team, ora targato Biagi Costruzioni, ha infatti conquistato la promozione nella C regionale (dove già gioca l’Us Livorno). È un anno cestistico, quello 2010-2011, semplicemente esaltante per un team appassionato e che ha ritrovato alcune sue pedine importanti. Come Alessandro Becagli, guardia, 24 anni, che dopo l’esperienza carabina è tornato a Livorno per contribuire allo storico campionato. Progressione da applausi quella che ha portato il team di Bonciani in C regionale: la squadra ha conquistato la promozione matematica contro Montecatini, con una giornata di anticipo rispetto alla fine del campionato. Era la metà di aprile del 2010 e il

Don Bosco. Minibasket 2000

197

70-62 esterno ha aperto le porte del paradiso a Stagno. Tante pedine sono cambiate nel roster ed è cambiata anche la panchina, con il passaggio di testimone tra Bonciani e Marco Pistolesi, che dalle giovanili dell’Acli viene premiato con la conduzione della prima squadra. E la società sta avendo ragione: il campionato di Stagno è davvero da applausi, con la squadra che naviga tra le prime dieci della classifica. Contro squadre di esperienza come ad esempio Grosseto, Viareggio, Carrara, Poggibonsi. O San Vincenzo, altra grande protagonista del basket della provincia di Livorno. Ma è impossibile parlare della C regionale senza ricordare l’Us Livorno: una squadra davvero storica delle minors labroniche, che nel 2009/2010 sembrava davvero in lizza per un salto di categoria che sarebbe stato storico quanto meritato. Sono ben nove ad inizio campionato le vittorie consecutive. Poi qualcosa si incrina e nel girone di ritorno il patatrac: una rissa e un’invasione di campo nella partita al PalaCosmelli contro Grosseto fanno scattare una punizione che molti a Livorno considerano ancora ingiusta. La squadra, oltre alle squalifiche, rimedia anche un punto di penalizzazione in classifica. Non solo, ma giocherà a porte chiuse la fine del campionato e l’inizio di quello successivo. È la svolta definitiva, in peggio, di un torneo in cui l’Us riuscirà a salvarsi, deluso comunque per la grandi aspettative. Dopo la batosta, l’Us e il suo tecnico Trocar, arrivato all’Us alla fine della scorsa stagione, stanno provando a risollevarsi in questo campionato, tra alti e bassi, cercando in tutti i modi di non perdere di vista l’obiettivo postseason. Bettini, Vincenzini, Matteo Giannone: anche l’Us unisce la linea verde ad alcune pedine di esperienza, mix che potrebbe rivelarsi vincente. Ma come dicono dalle parti dell’Us, sponsorizzato Brusa, meglio guardare partita dopo partita. Dulcis in fun-

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

mente organizzato e attento al settore giovanile, attento al far crescere, con grande merito, le speranze della palla a spicchi labronica. Il termine del 2009/2010 è dunque con i playoff. ff. Con pedine di esperienff za (La Placa) e giovani che diventano punti fermi attorno a cui costruire il team (Salazar su tutti). La chiave della sconfitta nei playoff ff della scorsa stagione è stata purtroppo in gara 1: Asciano infatti è riuscita in un’impresa non da poco, ovvero espugnare l’hangar di via Cecconi. Un campo che nelle occasioni che contano diventa caldissimo, un campo facile per nessuno. L’80-68 per Asciano con cui si chiude gara-1 è in qualche modo la sfida che ha messo subito con le spalle al muro i livornesi, che adesso stanno riprovando a dire la loro nella serie D 2010/2011. Una serie D che ha parlato molto il dialetto labronico nel 2009/2010: erano quattro infatti in tutto le squadre dei Quattro Mori. Nessuna di loro ha sfigurato: il segno che a Livorno e dintorni la palla a spicchi conta ancora molto. Il segno che ci sono presidenti e tecnici preparati che con impegno


Scotto PubblicitĂ Livorno


B dilettanti. Cecina soprattutto, da anni calca i parquet delle minors con orgoglio seppur con alterne fortune. Piombino, città-simbolo della palla a spicchi nella zona sud, è conosciuta dagli appassionati anche come sede della Coppa Carnevale, torneo giovanile ogni anno attesissimo. La stagione dei rossoblù cecinesi va avanti con un buon bilancio iniziale. La squadra è nella parte medio-alta della classifica e nonostante la B dilettanti sia un torneo particolarmente agguerrito, la squadra del presidente Parietti macina punti. Merito anche e soprattutto del tecnico Mattia Ferrari, arrivato a Cecina nella stagione 2008/2009 e riconfermato in panchina. Una squadra giovane, con alcuni elementi che arrivano direttamente dal settore giovanile cecinese. Dopo la fine del campionato 2009/2010 e l’ottimo quinto posto finale, il nuovo anno conferma che Cecina è all’altezza della B dilettanti e che anzi con un po’ di fortuna può cercare anche qualcosa di più. La società sta con i piedi per terra ma il momento è delicato. La B dilettanti vive una fase di grande transizione, che nel giro di non più di un paio di campionati porterà a una forte riduzione delle squadre: per questo riuscire a rimanere anche nelle prossime annate rimane una sfida che, se vinta, può valere come uno scudetto. E la società è orgogliosa dei suoi gioielli, come Vallini, play su cui anche quest’anno viene riposta una grande fiducia. Quindi Del Testa e Fratto, che coprono rispettivamente le posizioni di 2 e 3: il secondo soprattutto viene da un grande 2009/2010. Anche per Cecina, dietro alla prima squadra c’è l’immenso lavoro dello staff ff delle giovanili. Decine e decine di ragazzi che si allenano e giocano ogni giorno e che con grinta riescono ad emergere e a conquistare un posto anche nella squadra maggiore. Speranze un po’ più ridotte di vedere ad alti livelli il team piombinese, che in questo momento occupa l’ultima 199

piazza in classifica, pur avendo vinto proprio contro Cecina il derby tutto labronico. Ma Piombino non deve darsi per vinta. Ha tutto per emergere, soprattutto una struttura societaria di altissimo livello. La squadra piombinese ha cominciato il 2010/2011 con una novità importante a roster: Francesco Orsini, già visto in serie A negli anni Novanta anche a Livorno, che vuole rimettersi in gioco partendo dalle minors. E il pivot Lucarelli, dotato di un ottimo tiro. Le loro importanti qualità non sono bastate per il momento, ma Piombino giocherà fino all’ultimo con lo stesso impegno. Un inizio di stagione traumatico dunque, che è culminato con l’esonero di coach Marco Mori, che è stato sostituito in panchina da Francesco Baroni. Il cammino continuerà comunque con orgoglio fino al termine. Così come con orgoglio il basket livornese di città e provincia continua giorno per giorno a vivere. Innumerevoli i tornei, le iniziative anche di solidarietà, i trofei, ma anche i personaggi che qui dimentichiamo di citare ma che comunque contribuiscono in maniera decisiva a uno dei movimenti della palla a spicchi più importanti in Italia. Manca, a corollario di questo pazzesco, bellissimo movimento, una prima squadra di vertice, in serie importanti, che come successo fino a pochi anni fa porti in tutta Italia il nome della nostra terra. Che insomma rappresenti tutti i ragazzi di cui abbiamo appena raccontato e che quotidianamente sudano sui parquet. È bello pensare che proprio da questo grande movimento giovanile possa nascere un giorno un gruppo di ragazzi di grande talento che non abbandonino la loro terra, ma che per questa, su un progetto serio, riescano a riportare Livorno ad altissimo livello. È bello pensare che tutti gli addetti ai lavori si impegnino per questo. Francesco Marinari

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

do, il Don Bosco Basket, grande polo del basket giovanile livornese, con la squadra dell’Under 19 Eccellenza che si cimenta anche nel campionato di serie D. Proprio in serie D la prima squadra ha trovato lo scorso anno una salvezza tranquilla, riuscendo nell’impresa, con ragazzi giovanissimi, di sventolare ancora la bandiera rossoblù in una serie affascinante ff ffascinante quanto difficile per tutti. Ma di certo l’acquisto fatto in panchina dimostra di come questa società voglia puntare in alto: il ritorno, annunciato a luglio, di Andrea Da Prato nella sua società di origine, dopo una brillante carriera in varie piazze minori, è davvero un colpaccio per la società rossoblù, che crede nel gruppo giovane, nella difesa e nella tecnica. La scelta sembra avere dato ragione al Don Bosco, che sta veleggiando nella parte altissima della classifica della serie D: è in zona podio in questo momento, e c’è da star certi che venderà carissima la pelle, in una lotta senza quartiere con Agliana e Massa e Cozzile soprattutto, due delle forze di questo campionato. Ma il segreto di un gruppo così importante sta nelle giovanili: Under 19, Under 17 e Under 15 d’Eccellenza sono l’anima di questa società, insieme all’infinito mondo del minibasket, che storicamente il Don Bosco cura con grandissima attenzione. Centinaia di ragazzi che, insieme alle giovanili delle altre società, compongono un mosaico che fa di Livorno uno dei poli nazionali della palla a spicchi. Il viaggio per raccontare l’annata del basket livornese arriva quindi in provincia. Cecina e Piombino sono zone fondamentali: è qui infatti la massima espressione, in termini di serie, del basket labronico. Con Cecina e Piombino, che con alterne fortune si giocano il loro futuro in serie B dilettanti, la vecchia B2 prima della riforma dei campionati Fip. Piazze storiche per la provincia labronica le due di


Basket Femminile Livorno:

R

ipartire con entusiasmo, ricostruire una nuova dinastia dopo le soddisfazioni degli ultimi anni nei massimi campionati nazionali. Nuovo campionato, nuovo nome sulle maglie, per tornare più forti di prima. Il Basket Femminile Livorno, ex Women Basket, ci riprova, ripartendo dalla serie B, dopo la sconfitta, certo bruciante, nei playout del campionato di A1 a metà 2010. Cosa di buono c’è da trarre da un anno certamente non troppo favorevole? Di sicuro la voglia di basket, la voglia di esserci, di essere di fatto la squadra cestistica livornese in questo momento più in alto. Gioie e dolori, dunque, in questo 2010. I dolori innanzitutto, quelli della sconfitta nei playout contro Pozzuoli e Napoli, dopo un campionato da ottovolante, con alti ma anche tanti bassi. Un’esperienza comunque importante, per una Livorno che si è affacciata ffacciata al ff gradino più alto della pallacanestro rosa nazionale, con i tifosi che hanno potuto vedere sul parquet del PalaMacchia di via Allende il meglio della pallacanestro femminile italiana, ma anche europea. E le gioie: quelle appunto della Bieffe, ffe, la società satellite delle Women, ff con ragazze tutte classe ‘92. Ragazze fantastiche, che dopo un campionato di B2 da prota-

goniste, in un giorno del tardo maggio 2010, hanno conquistato con grinta il campionato di serie B d’Eccellenza. Eccola l’ancora di salvezza, ecco il mattone su cui costruire il futuro: una vittoria arrivata subito dopo la retrocessione, un raggio di luce. Le ragazze di coach Stefano Ranuzzi hanno conquistato a La Spezia il loro sogno. Nella finale contro le liguri, nella serie per l’unico posto disponibile per la serie B d’Eccellenza, Diene e socie hanno fatto festa sul parquet spezzino dopo il +36 conquistato all’andata. Faceva un gran caldo in quel 21 maggio: quella gara-2 non è stata granché dal punto di vista del gioco. Sarà stata l’emozione per il traguardo ormai a portata di mano, o il clima infuocato: ma certo, le ragazze avevano fatto tantissimo fin lì. Bastava soltanto il colpo di reni, arrivato senza problemi. Fulgor La Spezia-Bieffe ffe Livorno 42ff 53: questo ha detto alla fine il tabellone. Una scritta su un display che per Livorno ha significato tantissimo. Brave tutte, brave per la concentrazione e la grinta. Amato, Miccoli, Diene, Luciani, Braccini, Giari, Toti, Franceschi, Antonelli. E infine lei, Giulia Tringale, l’ex di turno, che contro le sue compagne spezzine di un tempo ha tirato fuori una prova magistrale da 18 punti. È dopo quella finale che

201

patron Bottoni ha riflettuto sulla grande opportunità che aveva di fronte: ripartire, con un bel gruppo fatto anche di tante giovani di classe, dalla B d’Eccellenza e tentare una volta di più la scalata verso la serie A. Detto fatto: l’estate 2010 è stata quella del cantiere aperto, delle strategie, delle alchimie da trovare per poi recitare anche nel 2010/2011, al piano di sopra, quello appunto della B d’Eccellenza, un campionato da protagonista. Il passo indietro, con la scelta di disputare la B d’Eccellenza, è stata una riprova della grande esperienza della dirigenza livornese. Che ha preferito non “bruciare” le tappe, ma ripartire da una serie e da un campionato che adesso potrà mostrare in maniera migliore il reale valore del gruppo di giovanissime. Attorno alle quali nei prossimi anni potrebbe essere ricostruito un nuovo gruppo vincente. In estate dunque il via alla rifondazione: l’addio di Mariani e Buccianti, vere e proprie bandiere delle ex Women, è particolarmente doloroso ma certo inevitabile, per evitare che la carriera dei due assi ormai ex Livorno possa avere un rallentamento. Buccianti, già dopo la fine del campionato a maggio, sceglie Alcamo, piazza di prim’ordine per continuare a mettere in luce la sua grande sapienza di play. Mentre

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

riparte con entusiasmo la nuova dinastia


no comunque subito molto bene. Ad inizio ottobre l’esordio in campionato è in casa contro il San Raffaele ffaele Roma. Nella cornice del Paff laMacchia, le ragazze di Piazza battono le romane con un perentorio 62-48, e i tifosi cominciano subito a sognare, vedendo il tabellino: doppia cifra per Carlesi, Giari, Profetti. Le fantastiche tre che subito fanno capire come intorno a loro le altre giovanissime possano crescere e far bene, benissimo. La conferma arriva, dopo la sosta, due settimane dopo, contro Ghezzano, nella seconda di campionato sempre in casa: le “bimbe” di Piazza vincono ancora. Secondo sigillo consecutivo su due partite che non può che far ben sperare. Attacco perfetto e difesa da applausi: in un inizio ottobre da ricordare per il basket femminile livornese, le ragazze del Bieffe ffe passegff giano sulla squadra di Bertieri tenendo a punteggio bassissimo le avversarie, 48 punti, ed esaltando allo stesso tempo le doti organizzative di Diene (17 punti) e Tringale (13). Da lì in poi la squadra ha navigato con il vento in poppa. Almeno fino no alla vittoria contro il CaCa gliari la situazione sembra completamente sotto controllo. Addirittura dopo l’ottava giornata Livorno si ritrova in testa a dodici punti insieme al San Raff ffaele Roma con sei vittorie e una sconfitta. tta. È il momento più alto fin n qui del campionato livornese, con la difesa e l’attacco sempre equiliequili brati e i contrattempi, leggi infortuni, ridotti al minimo. È a cavallo della paupau sa natalizia che le ragazze si ritrovano a fare i conti con i problemi fisici e la sfortuna. Giulia Trigale rimedia un gravisgravis simo infortunio ai legamenti del gigi nocchio in dicembre. Per lei la stagione è finita. nita. Viene addirittura operata e Livorno piomba nel sconscon forto, vista l’importanza nel roster della giovane giocatrice. Sono tre le sconfitte di fila la tra didi cembre e gennaio. Contro il Selargius le ragazze livorlivor nesi rimediano una sconfitta tta all’overtime, che in qualche modo prosciuga le loro energie nervose. Da lì, altre due sconfitte tte consecutive contro San Raffaele ffaele ff aele Roma e Ghezzano: la squadra, tra pausa e partite in trasferta rima-ste non tocca più il Pala-Macchia per una partita uf ufficiale ciale per ben cinquanta giorni. Unica nota lieta di Buccianti nella stagione 2009 -2010 in A

203

dicembre, che in qualche modo premia lo staff ff e la dirigenza, è la convocazione in nazionale di Diene, Tringale e Giari nella Under 19 e di Amato nella Under 18. Per il resto Babbo Natale sembra stato avido. E che il campionato sia particolarmente difficile lo dimostra il fatto che le tre sconfitte fanno piombare Livorno verso il centro della classifica, dopo averla dominata: impossibile stare tranquilli dunque nel girone B2. Ma non sarebbe giusto chiudere il panorama della pallacanestro femminile labronica, che conta tantissime ragazze appassionate di questo sport, senza rendere omaggio a un’altra delle squadre che compongono la galassia Bieffe: ffe: i riflettori deff vono essere giustamente puntati anche sull’Under 13, che a Figline Valdarno, nel giugno 2010, si sono laureate campionesse regionali battendo nel concentramento decisivo Sansepolcro e, in casa, la stessa Figline. Se il buongiorno si vede dal mattino c’è insomma da stare abbastanza allegri. Due partite vinte in maniera convincente anche se sul filo di lana, grazie alla sapienza cestistica dei direttori tecnici, i coach Balestri e Marchetti. Contro Sansepolcro il punteggio finale è stato di 3937, contro Figline di 54-50. La voglia di vincere di queste giovanissime non può non essere presa ad esempio anche dalle colleghe più grandi. Una volta di più dunque, forza Bieffe. ff ffe. Francesco Marinari

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

Mariani va alla TermoCarispe, la società spezzina di A2, quando è già luglio. Bottoni non sfalda il nucleo che ha vinto la serie B d’Eccellenza ma anzi riparte da quel gruppo. Diene, Amato, Giari, Luciani, Tringale, Alvarez: a loro si affiancano Ilaria Carlesi, che dopo l’esperienza a Montecatini ritorna a Livorno. Con loro anche Adriana Coralluzzo, un centro classe ‘89 che si divide tra lo sport e lo studio, avendo il sogno di laurearsi in giurisprudenza. Un bel gruppo, con la Diene in particolare che a fine agosto torna a sudare in palestra con al collo una medaglia che conta: quella d’oro, conquistata dalle azzurrine Under 18 in estate contro la Spagna agli Europei. Una ciliegina su una torta di entusiasmo e grinta, palpabili alla ripresa degli allenamenti quando l’estate sta ormai per finire. A guidare il gruppo torna Cinzia Piazza, che dopo l’anno di A1 e le tante delusioni sopportate aveva una voglia matta di ricominciare, anche da una serie minore, per far vedere che lei, il ruolo di allenatrice, sa interpretarlo. E non solo quello. Il presidente Bottoni le dà l’incarico, oltre che di guida tecnica, anche di coach fuori dal campo: deve infatti per tutta la stagione sovrintendere alla vita quotidiana delle ragazze non livornesi che vivono nella città dei Quattro Mori, coordinando i ricevimenti dei professori, la spesa e tutte le altre attività. Parte dunque la preparazione pre-campionato, ma le belle sorprese non finiscono. Arriva infatti ad inizio settembre uno di quelli che in gergo calcistico si chiamano colpi di mercato. Il presidente Bottoni riesce infatti a convincere Alessia Profetti, 24 anni, centro, 190 centimetri, che ha iniziato con Porcari per poi raggiungere piazze importanti, tra A1 e A2, giocando a La Spezia e Reggio Emilia. Un ingaggio importante, anche perché nel frattempo, per motivi personali, Giorgia Ermito, uno dei nuovi volti, deve dire no al progetto livornese ed abbandonare il gruppo. “Mi stuzzica far crescere un gruppo di giovanissime”: Cinzia Piazza suona la carica dalle colonne dei quotidiani locali alla vigilia della nuova avventura. E di certo il precampionato, pur funestato da diversi infortuni, è ottimo per la squadra del presidente Bottoni, che con grande difesa e contropiede comincia a mettere sul parquet e a tradurre in punti le idee dello stesso coach labronico, vecchia volpe dei campi di mezza Toscana e non solo quando era giocatrice. Contro Viareggio, squadra della stessa categoria, la B d’Eccellenza, nella prima uscita stagionale amichevole le ragazze si impongono per 47-43 ma soprattutto fanno subito vedere di che pasta sono fatte: grandi lavoratrici, che non disdegnano la difesa appunto ma anche il gioco spettacolare, divertente. Buono per attirare finalmente il grande tifo labronico, che in questi anni è rimasto abbastanza tiepido. Dal punto di vista del gioco e della personalità le cose si metto-


Pallavolo

AttivitĂ sportiva, educativa, istruttiva, promozionale:

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

il grande impegno della Fipav provinciale

204


AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

 

30 anni di creativitÃ

Via Bengasi, 109 - LIVORNO 57124 Tel. e fax: 0586 403003 - Cell. 336 710317 e-mail: scottopubblicita@tin.it


 

30 anni di creativitĂ

Gestione campagne pubblicitarie e promozionali t CARTELLONISTICA

(gestione spazi Galleria Smeraldo, Livorno)

t Fornitura e distribuzione mirata di depliant e volantini t Locandine, manifesti, inserzioni t Biglietti da visita e adesivi t Decorazioni mezzi e vetrine t Striscioni, stendardi e bandiere tStampa digitale, offset, a caldo

AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE


AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

30 anni di creativitÃ

 

Forniture e accessori per tutti gli sport e per il lavoro t ABBIGLIAMENTO SPORTIVO E DA LAVORO tPROMOZIONE MANIFESTAZIONI SPORTIVE t GESTIONE PUBBLICITARIA SPAZI SPORTIVI t SERVIZIO DI STAMPA CON: t4FSJHSBmB t3JDBNP t5SBOTGFS

Gadget, regalistica aziendale e premiazioni t 1.000.000 DI ARTICOLI PROMOZIONALI ! Realizzazione e personalizzazione gadget tradizionali ed innovativi, materiale per congressi, fiere ed eventi di ogni genere, realizzazione e personalizzazione divise

t Allestimento e decorazioni mFSFFNBOJGFTUB[JPOJ t Agende, calendari, planning, organizer


 

30

AGENZIA DI MULTISERVIZI PER LA PROMOZIONE

anni di creativitÃ

La tua pubblicità vincente su riviste, periodici e pubblicazioni t Lâ&#x20AC;&#x2122;ALMANACCO DELLO SPORT

Livorno tra le più grandi dello sport mondiale (periodico annuale) tra Livorno

tiva

or a sp

ac Cron

le più

i dello

grand

oggi i e di di ier

sport

iale

mond

Livorno tra Cronaca 6ccd>>"C#& BV\\^d$<^j\cd'%& %

le più gran

sportiv

a di ieri e di ogg i

DB6<<>D

DB6<<>D

LIVORNO N E W S

-JWPSO

!MMINISTRA

/2009 del 07/05 n° 1109 Livorno nale di ione Tribu

t ACI LIVORNO NEWS

la rivista trimestrale del Socio ACI

BORAZIONE

(concessionario spazi pubblicitari)

NALE

  PIE CO

CI ADEI3O !SSEMBLE ATEDELLA E'IORN TUTTA ZA 3ICUREZ ONACA LACR

 CO  PIE

EFM VOBMFO¡

)PROGRAM MI DELLA#OMM ISSIONE 3PORTIVA

NBS[P

PERUN 'RANDI ONNOI C GIORNO ELLONEL A-ARAN ERRARI TEMPIO&

FJO"CCPOBN

#ONVOCAZION DELL´!SSEMB E LEA DEISOCI

 O

POWJO-  D F%- MF%- OUP1PTUBMMF%- CCPOBNFFOUP1PTUB "CCPOBN J[JPOFJO" B4QFEEJ[JPOFJO QB4QF UBMJBOFTQ t1PTUF**UBMJBOFT

FOUP1PTUBMF %-

BSU DPN

 DPOWJO-

NB $#-

JWPSOP

 O

 BSU DPNNB

ZIONE#OMU

 CO  PIE

EFMNBBS[Pt1P S[Pt1PTTUF*UBMJBOFTQ UF*U B4QFEJ[JPO F5SJCVOBMFO¡ "VUPSJ[[B[JPO

F½TI ICO 'RA BA3TOR A2ONDEE %LB  !SFALTO ,IBURNA O3PORT RN !#),IVO INCENTE SV CALAILTRI

.UOVACOLLA

$#-JWPSOP"VUEFM

QFSJTPDJ [[PDFOU WPSOPt1SF -J VUEFM -JWPSOP" NNB $#  BSU DP  O JO-

 DPOW

%-

UP1PTUBMF CCPOBNFO EJ[JPOFJO"

TQB4QF TUF*UBMJBOF

Beij CWhj_dW:_b[b_X[heZ__ [C[cc[

"VUPSJ[[B[JPOF5SJC

SJOPOTPDJ DFOUQF

NTI ,UCA"A DA UNSOCIO ! SERIE

FMNBS[Pt1P

2ALLY%L

N E

Pt1SF[[PDFOUQF

N E

BMFO¡E

NO LIVORW S

SJTPDJDFOUQFSJOPOT TPDJ PDJ

NO LIVORW S

"VUPSJ[[B[JPOF5SJCVO

sport mondiale

?lWdCWY^Z_ FWbcij[_d0 W:e^WbW ikWdkelW he c[ZW]b_WZÃ&#x160;e

Autorizzaz

!NNO8Â&#x201E;N !PRILE

ERALLY )LGRAND ADEL LACRONAC TORICO 'RAF½TI 3 ROSSIMI IP TUTTOSU DEE %LBA2ON SFALTO ! ,IBURNA

più grandi dello

Â&#x201E;N !NNO8  ,UGLIO

!NNO8Â&#x201E;N  /TTOBRE

IONE ,APOSIZ IVORNO DELL´!#, TTO SULPROGE O ³0ENSIAM E´ IN'RAND

Livorno tra le

DB6<<>D

Lâ&#x20AC;&#x2122;ALMANACCO NOTIZIE t (periodico trimestrale)

t mondiale

e di oggi iva di ieri Cronaca sport 6ccd>"C#) 9^XZbWgZ'%%. <ZccV^d";ZWWgV^d'%&%

6ccd>"C#& Aj\a^d'%%.

Cronaca sportiva livornese

di dello spor

Pubblicazioni in occasione di eventi t e manifestazioni di grande interesse

Contattaci direttamente

presso la nostra sede in via Bengasi 109, Livorno tel. e fax 0586 403003 - cell. 336 710317 email: scottopubblicita@tin.it


Settore Scuola

Punto nodale della stagione è stato, anche quest’anno, la promozione del volley nelle scuole. La mole di lavoro dello scorso anno e le prospettive future di impegno hanno indotto il Comitato ad irrobustire lo staff ff in questo settore: è stata quindi potenziata la Commissione che, oltre al professore Marco Nazzarri, ha visto la collaborazione anche del professore Rino Benedetto. Il nostro impegno si è rivolto ancora verso le scuole primarie e secondarie di 1° e 2° grado. Per quanto riguarda la scuola primaria, numerose Direzioni Didattiche hanno aderito al progetto 1, 2, 3… Minivolley. Il Progetto della Fipav nasce con lo scopo di ampliare l’offerta fferta formativa in materia di atff tività motoria nella scuola primaria ed è sostenuto dal partner storico, la Ferrero, con il marchio Kinder + Sport. A tutte le Direzioni Didattiche partecipanti al Progetto sono stati consegnati dei kit comprendenti nuovi impianti di minivolley, studiati e pensati proprio per garantire il coinvolgimento di tutte le classi interessate, senza distinzione di sesso e altezza: un progetto ambizioso e oneroso e decisamente articolato. I kit con struttura portante e allo stesso tempo solida, sicura e di facile istallazione, consentono di strutturare 2 campetti di minivolley e un’area motoria con palco elastici, dove la classe potrà giocare e fare attività motoria contemporaneamente. Ogni kit è accompagnato da sei palloni realizzati con tre grammature (70, 140, 200 grammi) proprio per garantire ai bambini la giusta progressione tecnico-didattica. A tutto questo sforzo di crescita, il settore scuola del Comitato ha affiancato un percorso didattico consigliato alle Scuole, composto da un corso di formazione per i docenti della primaria (che si è svolto a Rosignano Solvay), una guida e un dvd per consentire agli insegnanti un approccio e uno sviluppo più agevole. Il

progetto si è concluso nel mese di maggio con una grande manifestazione provinciale organizzata a Rosignano Solvay, grazie alla collaborazione delle società di pallavolo della zona che hanno mostrato grande disponibilità nei confronti del Comitato: alla kermesse hanno partecipato tutte le scuole aderenti al progetto dandosi appuntamento al prossimo anno. Riguardo alle attività nelle scuole secondaria di 1° grado il Progetto 1,2,3…Volley ha visto l’adesione di numerose scuole medie che, dopo la fase di Istituto, hanno partecipato alla manifestazione provinciale organizzata a Rosignano Solvay. La scuola G. Galilei di Cecina è risultata vincitrice, acquistando il diritto a partecipare alla fase regionale. Inoltre, è stato organizzato per i Professori di Educazione Fisica un corso di aggiornamento tenuto dai professori Nazzarri e Benedetto. Ad ogni scuola aderente a questo progetto è stato consegnato uno specifico kit della Kinder + Sport comprendente palloni, reti, sacchi, porta palloni, una guida e un dvd. Novità rispetto allo scorso anno è stata l’organizzazione e lo svolgimento di un corso sperimentale per arbitri scolastici della scuola media, tenuto dal professor Luciano Bellucci con alunni e alunne della scuola media G. Borsi di Livorno: questa iniziativa sarà riproposta anche nel prossimo anno scolastico. Per quanto concerne le scuola secondaria di 2° grado, è stato organizzato un corso per arbitri scolastici ed una manifestazione Provinciale di Beach School School, che si è svolta a Rosignano Solvay con la collaborazione dell’Ufficio Sport del Comune di Rosignano Marittimo. Tale manifestazione, molto apprezzata dagli studenti, ha visto una notevole partecipazione di squadre appartenenti a numerosi istituti scolastici. Tutta questa attività si è sviluppata con la fondamentale collaborazione della professoressa Biagina Petreccia, responsabile dell’Ufficio Educazione Fisica del Provveditorato agli Studi di Livorno, a cui va il ringraziamento del Comitato Fipav.

Settore Atleti I buoni risultati conseguiti dalle rappresentative provinciali nel Trofeo delle Province rappresenta un motivo di vanto per il Comitato e le società che hanno preparato gli atleti. Il Comitato ha ritenuto necessario aumentare il numero di giornate di selezione provinciale al fine di dare la possibilità ai selezionatori di poter visionare un maggior numero di atleti e di consentire a questi ultimi di avere maggiori opportunità di confronto e di crescita.

209

Settore Allenatori La Commissione Provinciale Allenatori, costituita da Franco Fabbri con la collaborazione di Alessandro Guidi, Tommaso Celentano, Stefano Ceccarelli e Alessandro Mazzei, ha organizzato sia i corsi di qualifica che quelli di aggiornamento, questi ultimi con il contributo della Consulta Tecnica Provinciale degli Allenatori. I corsi per allenatori fin qui svolti hanno concorso alla formazione sul territorio di un gruppo competente e affidabile di tecnici in grado di mostrare una pallavolo di buon livello. Tuttavia, occorre considerare la categoria nei suoi vari aspetti, considerando che a fronte di realtà societarie ampie nei loro organici ed articolate nell’organizzazione si registra il permanere di società gestite in modo meno articolato che richiedono l’appoggio del Comitato proprio nel delicatissimo settore della formazione di tecnici. D’altro canto considerare il vasto mondo degli allenatori quale un “unicum” indivisibile in cui non siano distinguibili le competenze se non in base allo scarno criterio rappresentato dai “gradi” sarebbe un errore che potrebbe fuorviare l’attività di qualificazione. In tale ottica occorrerà distinguere i tecnici in base all’attività svolta ed alla loro concreta volontà di aggiornarsi, al di là dell’obbligatorietà dell’aggiornamento prevista dai nostri regolamenti. Per tale ragione, accanto alla formazione di base, saranno proposti specifici programmi di aggiornamento destinati anche al settore giovanile (dal primo volley all’under 16) con riguardo tanto alle metodiche d’allenamento quanto alla conoscenza degli aspetti morfologici: in tutto questo sarà fondamentale il contributo della Consulta Tecnica.

Dirigenti

Uno dei maggiori ambiti di intervento del Comitato è sicuramente quello del settore Dirigenti. Numerose sono state le occasioni di incontro in tutte le zone della provincia con i dirigenti delle società sportive, dalle quali si è compreso come la categoria necessiti di una qualificazione mirata rispetto alle varie esigenze delle Società: dagli aspetti fiscali a quelli regolamentari, dai rapporti con le amministrazioni locali a quelli con i dirigenti scolastici, dallo sponsoring alla contrattualistica con atleti e tecnici. Questi sono gli ambiti di intervento che il Comitato ha iniziato a proporre ai dirigenti con la speranza di rendere interessate per un maggior numero di dirigenti la frequenza dei corsi. Roberto Ristori Presidente CT FIPAV Livorno

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

coli. L’impegno dovrà essere integrato dalla fattiva collaborazione di tutti i principali attori dell’attività giovanile: dai piccoli atleti ai dirigenti, dai tecnici (che più che allenatori dovranno essere degli animatori) ai genitori (che dovranno dare un sano esempio di quello che desideriamo sia l’attività promozionale nella nostra Provincia, cioè un momento di incontro, di crescita e di svago). Tutto questo in un ambiente sereno, dove gli unici risultati importanti sono quelli di garantire al bambino-atleta di poter fare sport divertendosi, di essere trattato con dignità, di essere seguito da persone competenti, di non essere oppresso dal risultato e soprattutto di non essere un campione.


d a l 19 31

La nostra concessionaria vi offre i seguenti servizi Un magazzino ricambi ben fornito con consegna a domicilio Una officina con personale specializzato Prova auto su strada Vetture di cortesia Grande disponibilitĂ di vetture pronta consegna Preventivi personalizzati Ampio parcheggio

Co n c e s s i o n a r i a L i v o r n o e P r o v . e P r o v . P i s a S u d S E D E : L iv o r n o , V ia F ir e n z e , 9 1 /9 3

www.baroncini.peugeot.it

- Tel. 0586 447600 - Fax 0586 447630

Scotto PubblicitĂ Livorno

s .r.l.


Marco Volpi Record di trionfi. Si allunga la lista delle vittorie: 17 titoli mondiali e 16 italiani

S

“Nel 2010 il Mondiale si è svolto in Montenegro. Una gara difficile alla quale hanno partecipato 20 nazioni, dove abbiamo dovuto combattere con gli organizzatori, ma anche con la Croazia, arrivata seconda, e la Slovenia che comunque conoscevano molto bene la zona di gara. Ho vinto il titolo mondiale a squadre e ho mancato quello individuale per un soffio, per soli 32 grammi, dopo aver dominato per tutto il Campionato. Nel 2011 invece giocheremo in casa, i Mondiali si svolgeranno fra Livorno e Pisa alla fine di agosto, saranno presenti 75 nazioni e 4.500 atleti. I campionati di canna da natante, la mia specialità, si disputeranno alle secche di Vada”. Stefano chiede a Marco: Come hai cominciato? “Pescare è una cosa che ho sempre avuto nel sangue, a tre anni andavo all’asilo portandomi dietro lenze, galleggianti e piombini. Chi si avvicina al mare prova una sensazione unica, causata dalla sua grandezza, dal suo mistero, dal non capire inizialmente cosa si nasconde sotto quella lastra che talvolta luccica, altre volte è agitata e piena di schiuma. Queste sensazioni entrano nel sangue e stimolano la passione. La prima gara l’ho fatta a 12 anni, era un trofeo delle industrie livor livornesi, sulla diga della Vegliaia. Ero l’unico ragazzo su un totale di 78 partecipanti ed ebbi la prima soddisfazione con il primo posto assoluto”. Chiediamo a Stefano e Raffaele: Cosa vi piace di Marco? Da sinistra: Marco Volpi, Stefano Mainardi e Raffaele Aceto

ono passati pochi mesi dall’ultima volta che ci siamo incontrati e lui ha già messo a segno un’altra vittoria mondiale. E così siamo a 17 titoli mondiali, un record assoluto! Marco Volpi nella sua disciplina di pesca d’altura è al di sopra di ogni definizione, perché i risultati da lui ottenuti sono senza precedenti. Oggi ad intervistarlo sono due ragazzi, appassionati di pesca e promettenti agonisti. Stefano Mainardi 21 anni, pesca da quando ne aveva 4 e si dedica da 10 all’agonismo, il suo miglior risultato è stato il secondo posto ai Campionati del mondo nel 2009 in Francia per la categoria under 21. Raffaele ffaele Aceto 19 anni, ha iniziaff to quando ne aveva 7 e nella pesca da riva ha ottenuto due terzi posti negli under 16, adesso si dedica anche alla pesca da natante e nel 2011 parteciperà ai Campionati nazionali. Ma prima di lasciare spazio alle domande dei giovani ascoltiamo il racconto di Marco sull’ultimo Mondiale.

211

Sara Volpi

Stefano: “È un grandissimo atleta, non ne esistono altri al suo livello. Riesce a vedere cose, anche piccolezze, che altri non notano, questa sua straordinaria abilità, aggiunta alla grande esperienza lo portano ad essere quel campione che è”. Raffaele ff ffaele : “La tenacia: l’ho visto arrabbiar arrabbiarsi anche per un secondo posto agli Italiani, e questo fa di lui un campione”. Marco: “La cosa fondamentale in qualsiasi sport, al di là delle capacità individuali, è la voglia di vincere. Se un giorno non avrò più la determinazione agonistica e non saprò più sacrificarmi, allora mi ritirerò immediatamente. Dopo aver stabilito un record assoluto di vittorie con 17 Campionati mondiali, 16 titoli italiani e numerose altre soddisfazioni, se riesco ad andare avanti e mantenere alti livelli, lo devo proprio alla voglia di vincere. I titoli conquistati devono rimanere alle spalle e bisogna guardare avanti con lo stesso spirito della prima volta”.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacqee

Pesca Sportiva


Scotto PubblicitĂ Livorno


gando cose che non sapevamo e facendocelo amare ancora di più”. Cosa consiglieresti a giovani come Stefano e Raffaele? “Di ragionare sempre con la propria testa, cercare di capire le situazioni che si presentano in gara, guardare cosa fanno gli altri, ma sempre ricercando la ragione delle scelte che si fanno. E poi per ottenere risultati ci vuole tanta passione e disposizione al sacrificio. La maturità agonistica in questo sport si raggiunge a trent’anni circa, perché l’esperienza conta molto. Oggi purtroppo non sono molti i ragazzi che iniziano a praticare questa disciplina e di ciò è responsabile la Federazione nazionale, insieme a quelle provinciali, che fanno ben poco per avvicinare i ragazzi a questo fantastico sport. I genitori tendono ad indirizzare i figli verso il calcio o altre discipline, ma io credo che la pesca sportiva sia più educativa degli altri sport, perché viene praticata all’aria aperta, a contatto con la natura. È una attività sana che ti far stare bene e mette tutta la persona alla prova, dal fisico, alla mente, all’inventiva, alle capacità di ragionamento. Le competizioni poi ti

213

permettono di confrontarti con gli altri, ti danno occasione di imparare cose nuove e migliorare il bagaglio tecnico. I ragazzi che oggi si impegnano nella pesca sono pochi, ma vengono su bene, il loro livello è alto, sono molto motivati ed hanno chiari gli obiettivi che vogliono raggiungere”. Chiediamo a Stefano e Raffaele: Cosa vuol dire per voi avere in casa il Campione del mondo? Stefano: “Ne siamo fieri. Sapere che a Livorno c’è il Campione del mondo ci inor inorgoglisce. La nostra città è una bella scuola di pesca”. Raffaele ff ffaele . “È uno stimolo in più, ogni volta che vai a fare una competizione hai un modello da seguire e puoi sperare di poterti avvicinare, almeno in parte, ai suoi risultati, perché eguagliarli credo sia impossibile”. Stefano chiede a Marco: Sei sempre pronto per un gara o ti ci vuole del tempo per prepararla? “A me le gare piace sempre prepararle al top, come dico io al 110%. Questo sta alla base di ogni competizioni, anche perché c’è un calendario gare e quindi puoi sapere con anticipo quando e dove saranno, ed hai tutto il tempo per preparati al meglio. Vado sempre prima a provare un campo di gara, anche se ormai li conosco tutti, ma è comunque meglio fare una prova perché con il cambio delle stagioni ci possono anche essere variazioni nella fauna dei fondali”. Stefano chiede a Marco: Come concili questo sport impegnativo con la famiglia? ““Devi trovare una donna intelligente, capace di comprendere la tua attività e passione, che in parte sia anche una pescatrice. Per me è stato così, sono praticamente cresciuto insieme a mia moglie Irene, e anche lei fin da piccola è sempre stata un’appas-

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacqee

Raffaele chiede a Marco: Cosa pensi prima di una gara? “Dipende dall’importanza della competizione. L’emozioni c’è sempre a tutti i livelli, ma naturalmente una gara meno impor importante ti lascia uno stato d’animo più sereno. In un Campionato mondiale la concentrazione è maggiore che in ogni altra sfida ed un po’ dipende anche all’impostazione della stessa competizione, il dover andare fuori per una quindicina di giorni, preparar prepararsi prima, studiare i campi di gara. Quando ho affrontato ffrontato i primi Campionati mondiali, ff la notte stentavo a chiudere gli occhi, oggi naturalmente non è più così, anzi cerco di dormire il più possibile per essere, il giorno dopo, ben riposato e dare il massimo: ciò deriva dall’esperienza accumulata in questi anni e dal fatto che adesso sono consapevole delle mie capacità rispetto ai primi tempi”. Stefano chiede a Marco: La sensazioni più bella prima e dopo le gare? “Le sensazioni più belle le provi nella gare internazionali, quando hai la possibilità di rappresentare il tuo paese e la tua città. Quando sono fuori e ho la maglia azzurra mi sento particolarmente orgoglioso, sento che sto lottando per tutti gli italiani. Voglio ringraziare Benigni che ha saputo darci una grande lezione con il suo sketch sull’inno nazionale, spie-


Scotto PubblicitĂ Livorno


Stefano: “Io preferisco pescare cefali, salpe, e le tanute dalla barca”. Chiediamo a Marco cosa si può fare per favorire il mondo della pesca? “Attualmente la federazione, con il ministro Gallan, sta facendo un censimento per capire quanti pescatori ci sono in Italia. Secondo me siamo un milione e mezzo o due, un bel gruppo, che può avere una forza ed ottenere qualcosa, dal momento che sarà riconosciuto. Il censimento spero possa farci raggiungere questo obiettivo, perché una volta che le istituzioni avranno preso coscienza di quanti siamo forse si sveglieranno e cominceranno a realizzare iniziative a favore dei più giovani. Personalmente quando vengono organizzate attività per i ragazzi cerco di essere sempre presente. Ad esempio, mi è capitato di fare una pesca del cuore e portare in barca, nella Laguna di Orbetello un gruppo di dieci ragazzi diversamente abili. Ho poi scoperto dalle insegnanti che erano tutti così emozionati da non dormire la notte precedente. Per me è stata un’esperienza bellissima che mi ha dato una grande soddisfazione, maggiore della vittoria di un Campionato del mondo”. A livello locale cosa fanno le istituzioni per la pesca? “Potrei ironicamente rispondere che mettono continui divieti di pesca, sugli stabilimenti, nelle zone balneari, senza indicare dove invece è possibile svolgere questa attività. Per non parlare poi del Parco della Meloria con i suoi assurdi divieti”. Parliamone invece. Spiegaci quali sono le regole del parco e a cosa portano. “Sono state istituite tre zone con regole diverse: la A, la B e la C. Nella zona A è vietato

Marco e suo figlio Nicola

215

tutto anche il transito, nella zona B per ora è permesso, in via eccezionale, calare l’ancora, ma è proibito per chi fa pesca sportiva usare palamiti, nasse e pesca subacquea, mentre si può utilizzare la canna. In questa zona però i pescatori professionisti possono usare i palamiti, le nasse, le reti da posta lunghe chilometri e perfino fare ricci. La zona C è molto simile alla precedente, e si sta ancora discutendo se concedere la possibilità di calare l’ancora. C’è da sottolineare che dal Parco della Meloria è stato lasciato fuori il Ciglio dello Scandaglio chiamato anche Forcata, un’area che ha il fondale più bello di tutto il litorale toscano, con la presenza di corallo e pesci di vario tipo. In questa zona, che a mio avviso doveva essere tutelata più delle altre, è permesso tutto, compresa la pesca a strascico dei professionisti che in poco tempo distruggeranno questi fondali così belli e particolari. Ma voglio anche far notare altre cose. La pesca subacquea è molto selettiva perché si individua il pesce e si può lasciare vivere gli esemplari più piccoli e prelevare solo i più grandi. Inoltre, nella pesca sportiva il pescato, per ovvi motivi tecnici, non raggiungerà mai grosse quantità, non possiamo neanche paragonarle a quelle dei pescatori professionisti che hanno l’autorizzazione di usare chilometri di rete da posa. Allora mi chiedo: per chi è stato fatto il parco? Perché si tutelano i pescatori professionisti? Non si capisce, infatti, perché nelle stesse aree vengono proibite tipi di pesca marginali che adoperano tecniche rispettose dell’ambiente e dei fondali e si lascia libero accesso alle altre”. Negli altri parchi marini cosa succede? Io ho girato il mondo e posso dire che quello che ho visto qui non esiste in nessun altra parte. Negli altri parchi avviene l’esatto contrario, si vieta ai pescatori professionisti la loro attività, ma la si permette, se pur regolamentata, ai pescatori sportivi. Purtroppo chi fa le regole, non sempre conosce il mare, non lo vive e non ha l’umiltà di chiedere a chi è esperto. Restare dietro una scrivania non aiuta a fare dei buoni parchi, che tutelino veramente i fondali con la loro flora e fauna, evitando inutili divieti”. Antonella De Vito

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacqee

sionata, suo padre è un pescatore, anche se non a livelli agonistici, ma comunque ha sempre vissuto nell’ambiente del mare; la pesca è stato un filo di unione fra noi. Nella mia famiglia si respira aria di caccia e pesca, mio figlio Nicola di 7 anni e mezzo e Sara di sei, vengono spesso con me, e soprattutto il più grande insiste sempre per seguirmi. In lui c’è una grande passione per queste attività, come molti ragazzi della sua età, che però non hanno nessuno in famiglia che può seguirli e così finiscono per fare le solite attività: vanno a calcio o restano a fare i giochini al computer. La pesca è uno sport molto sano, e ti permette di tirare fuori e trasformare il carattere di una persona, perché ti insegna a ragionare, a reagire con sangue freddo, ad essere preciso e puntuale sulle piccole cose, ad acquisire una certa manualità, perché comunque noi lavoriamo con oggetti anche molto piccoli. Qualcuno critica questa disciplina dicendo che si uccidono dei pesci. Questo è vero, ma prima di tutto si impara a rispettarli. La prima cosa che insegno ai miei figli è che il fine è quello di mangiarli, se un animale non ha la carne buona non va catturato, perché non si uccide per il gusto di uccidere. Ogni pesce o altro animale che prendiamo, perché la legge ce lo permette, viene mangiato”. Chiediamo a Stefano e Raffaele: A voi la pesca cosa ha insegnato? “Ad apprezzare tante piccole cose, come stare una giornata in barca in mezzo al mare e saperne apprezzare la bellezza. La pesca ti porta a condurre una vita sana, ti alzi presto per andare in mare, stai all’aria aperta, prendi un ritmo di vita più genuino”. Cosa dicono i vostri giovani amici della passione per la pesca? Raffaele ff ffaele : “I miei amici hanno interessi diversi, ma non mi discriminano, anzi sono interessati a questa mia attività”. Stefano: “Io cerco sempre di coinvolgerli e di portarli a pesca con me. Spesso vengono e si divertono molto”. Cosa vi piace pescare? Raffaele ff ffaele : “Il muggine per perché è un pesce molto intelligente, con lui si possono fare delle belle competizioni. È un pesce con una grande forza e mette a dura prova l’abilità del pescatore.


Scotto PubblicitĂ Livorno


L’attività agonistica del Cica Sub Alcune gare sfortunate non hanno fatto mancare le soddisfazioni e gli onori al blasonato circolo labronico

U

n 2010 vario e ricco di competizioni come sempre. Le gare selettive purtroppo non hanno dato la possibilità a nessuno dei nostri atleti di poter disputare la semifinale, nonostante alcuni come Baroncini, Mattera, Poggioli e Panariello abbiano, in alcune gare, conseguito un buon risultato. Prima della semifinale nord si sono svolte le selezioni per coloro che sarebbero andati a disputare il Campionato del mondo che si è svolto in Croazia a Lussino. Tra i convocati dal nuovo direttore tecnico Pietro Milano, c’erano Maurizio Ramacciotti e Stefano Bellani, ma dopo tre giornate di gara le valutazioni sono sta-

te non troppo favorevoli per i nostri soci e hanno portato alla sola convocazione di Stefano Bellani. Alla semifinale, che si è svolta a Civitavecchia il 18-19 giugno, erano presenti Bellani e Sighieri che nel Campionato italiano del 2009 erano retrocessi. Anche qui purtroppo per i nostri due atat leti le cose non sono andate bene, perché nessuno dei due è riuscito a piazzarsi nei primi 11 posti, valevoli per la qualificazione al Campionato italiano svoltosi in Sardegna a Bosa

217

Marina il 15-16-ottobre. Sempre a metà settembre si è svolto il Campionato del mondo dove Stefano Bellani ha contribuito a portare la squadra italiana al secondo posto, conquistando la medaglia d’argento e il 6° posto individuale, dando dimostrazione delle sue doti agonistiche sempre ottime. Purtroppo al Campionato assoluto non abbiamo avuto il piacere di vedere Maurizio Ramacciotti competere come ha fatto per tanti anni, dando grandi soddisoddi sfazioni alla nostra grande società ed anche a me che oltre ad essere il presidente del Cicasub ho avuto l’onore di essere il direttore tecnico della nazionale per oltre un decennio. Non voglio entrare nel merito della decisione di Maurizio circa la sua rinuncia a partecipare al campio -

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Cica Sub


F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Ramacciotti, Bellani e Paggini al Campionato Italiano

nato di Bosa 2010, nonostante avesse il diritto acquisito con il suo 5° posto nel Campionato del 2009. Sicuramente questa decisione è stata presa a seguito della sua mancata convocazione al Campionato del mondo di Lussino, dove l’attuale direttore tecnico ha preso delle decisioni un po’ troppo affrettate nel convocare gli atleti. Non si può dimenticare nel 1998 il secondo posto di Maurizio nel Campionato del mondo che si svolse in Croazia praticamente quasi nella stessa zona di quello che si è disputato a Lussino nello scorso settembre. Anche se era già nell’aria l’addio alle competizioni di Maurizio, ma tutti avremmo voluto vederlo chiudere con un mondiale. Nonostante tutto, dal 1998, dopo esattamente 12 anni, proprio dove il nostro circolo vinse l’ultimo titolo italiano per società e dove non avevamo più ottenuto un risultato da podio, il 9 ottobre i nostri atleti sono riusciti a conquistare la medaglia di bronzo. La gara si è disputata nelle acque del golfo di Follonica con la squadra composta dai nostri migliori atleti in assoluto: Maurizio Ramacciotti, Stefano Bellani e Marco Paggini, gli stessi che nel lontano 1998 vinsero il settimo titolo italiano per società, che con orgoglio il Cicasub detiene. La medaglia di bronzo che hanno conquistato nell’ultimo campionato, ci ha fatto superare meglio il ritiro di Maurizio. Anche Stefano ha manifestato

l’intenzione di ritirarsi dalle competizioni, ma entrambi ci hanno promesso che continueranno a fare le gare dove l’impegno sarà meno pesante: personalmente posso testimoniare quanto sia stato faticoso partecipare alle gare in questi anni, soprattutto con gli impegni internazionali. Penso che Maurizio e Stefano siano stati gli atleti italiano che hanno contribuito maggiormente a portare titoli alla nazionale dal 1990 al 2010.

Bellani al Mondiale di Lussino -2010

Ringrazio i nostri tre moschettieri che hanno saputo darci a fine stagione un’altra soddisfazione, dimostrando di essere sempre forti e competitivi, e così pure dico ai nostri atleti più giovani di farsi sotto perche il mito del Cicasub deve continuare. Roberto Borra

Gruppo atleti alla selezione per il Mondiale 2010-10-26

218


Ramacciotti, Bellani e Paggini al Campionato Italiano per società 2010 3° squadra classificata

Ramacciotti al Campionato Italiano di Marsala 2009

Mondiale Venezuela - 2009, Ramacciotti 4° individuale

Bellani al Mondiale di Lussino -2010

219

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Campionato Italiano per Società Follonica 09/10/2010


Scotto PubblicitĂ Livorno


È tempo d’innovazioni

Q

uanto già si prefigurava da alcuni anni si sta avverando: per una serie di circostanze che a seguito esporremo, si verifica una progressiva contrazione degli iscritti ai corsi sommozzatori, una volta molto frequentati anche da allievi provenienti dalla provincie di Livorno e Pisa. Nelle città di mare limitrofe, sono proliferati diving più o meno organizzati, ma comunque con imbarcazioni di proprietà e sedi sul mare: bagni, Calafuria, Quercianella, Chioma e via dicendo. Inoltre operano tutto l’anno, essendo gestiti da personale che professionalmente svolge questa attività. Una volta esistevano solo nei luoghi di villeggiatura. I nostri corsi sommozzatori durano 1 mese e sono seguiti da uscite in acqua libera che variano a seconda della tipologia del corso. I nostri istruttori, inoltre, operano volontariamente e gratuitamente, salvo, a fine corso, una “pizzata” collettiva. I diving rilasciano brevetti nell’arco di una settimana o anche meno e risultano quindi più appetibili, anche se non sempre più qualificati dei corsi FIPSAS. In generale, i corsi sommozzatori sportivi rientrano nell’ambito delle attività ricreative e, in un momento di contrazione dei consumi, chiunque attribuisce differenti fferenti priorità alle proprie spese. ff Queste, per sommi capi, le più rilevanti analisi sulle quali abbiamo molto riflettuto per individuare le strategie da adot-

La squadra di sommozzatori del Cica Sub

tare e quindi le possibili contromisure. Già nel nostro articolo dell’anno scorso ne avevamo fatto cenno e ci siamo mossi nelle direzioni che, nell’immediato, ci sono apparse più idonee: Analisi approfondita dei costi diretti ed indiretti con provvedimenti mirati al contenimento degli stessi. Acquisizione di ulteriore materiale (bombole, gav, erogatori) che ci affrancasse dalla dipendenza da altre entità parallele cui eravamo soggetti. Professionalizzazione e specializzazione di istruttori ed aiuti. Diversificazione dei corsi, non tutti vincolati a quello tradizionale di novembre. Snellimento organizzativo del gruppo istruttori. Ricorso sempre più avanzato al supporto informatico. In merito alla diversificazione dei corsi, abbiamo attivato, come programmato, sia quelli di NITROX, per la prima volta nella nostra storia, che quelli di FOTOSUB. Ad entrambe queste specializzazioni si può Una lezione del corso sommozzatori sportivi accedere in qualunque

221

momento dell’anno, potendosi svincolare dalla fase in bacino delimitato (piscina) che richiede ulteriori e differenti ff fferenti tempistiche organizzative. Per raggiungere tale risultato, già da due anni stiamo formando istruttori approfittando di tutti i corsi Federali che si organizzano sul territorio nazionale. Contiamo, entro il 2011, di avere altri istruttori di apnea, disciplina sulla quale puntiamo per crescere un vivaio di giovani, che possano anche misurarsi nella pesca agonistica. Sempre nel prossimo anno intendiamo organizzare serate informative ed illustrative su varie tematiche, rivolte sia a persone esterne al Circolo sia agli allievi degli ultimi corsi, per destare o accrescere l’interesse verso il mondo subacqueo sotto molteplici aspetti quali la foto, la biologia, la sicurezza. Nostro obiettivo, quindi, deve essere quello di stimolare, incrementare e rinnovare. Il compito, lo sappiamo, non sarà di facile svolgimento, ma la storia del GARIBALDI e della sua scuola sommozzatori, ci ha insegnato che siamo stati sempre capaci di trovare al nostro interno le risorse necessarie per raggiungere le mete prefissate e rafforzarci fforzarci durante il ff cammino. Alberto Galeno

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Per la scuola sommozzatori “Cesare Giachini”


Pesistica

Una forza veloce che si coltiva fin da giovani

T

ra le attività sportive tradizionali di Livorno è da annoverare senza dubbio la pesistica, ossia il sollevamento pesi, come veniva chiamato una volta. La pesistica è uno sport presente fin dalle primissime Olimpiadi, che dopo innumerevoli varianti, a partire dal 1976 si compone di due soli esercizi: lo strappo e lo slancio. Lo strappo consiste nel sollevare il bilanciere, in un unico tempo, in alto a braccia tese, mentre con lo slancio il bilanciere viene portato sopra la testa, sempre a braccia tese, ma in due momenti: inizialmente viene appoggiato sulle spalle (girata), e successivamente sopra la testa (spinta). Si tratta di uno sport in cui prevale la forza veloce, una qualità indispensabile per moltissime discipline sportive, dalla pallavolo all’atletica leggera, dal calcio al canottaggio e così via: ecco perché il sollevamento pesi è praticato non solamente dai pesisti, ma da moltissimi atleti per migliorare le loro prestazioni. Dato che la forza veloce è una qualità allenabile già in età prepubere, e coinvolge il sistema nervoso, i pesisti devono iniziare la loro preparazione già

in questa fascia d’età. È quindi la scuola, come avviene in qualsiasi attività sportiva, il serbatoio principale per il reclutamento dei giovani pesisti. Sulla base di quanto detto, la Federazione, già dal 1978 collabora con le Scuole Medie per attuare un programma semiagonistico di esercizi propedeutici alla pesistica adatti a ragazzi e ragazze di II e III media come il Triathlon di Pesistica, che consiste di tre esercizi: un lancio Il gruppo della pesistica VVF Tomei all’indietro di una palla medica di 3 kg., un salto triplo a piedi S. Spirito, Istituto Maria Ausiliatrice, Istitupari, e l’esecuzione dello Slancio con un to Sacro Cuore e Scuola Media Mazzini. bilancierino “giocattolo” di 10 kg. Questo progetto è stato realizzato con Da ottobre 2009 a maggio 2010, in col- l’ausilio della A.S.D. Pesistica Livornese e laborazione con l’Ufficio di Educazione dell’A.S.D. GS VVF Tomei, che hanno mesFisica di Livorno, la Federazione ha por- so a disposizione i propri tecnici: Claudio tato avanti un progetto che coinvolge le Braschi, Sergio Mammarella e Maria Graseguenti Scuole Medie della città: Istituto zia Musumeci. Il progetto ha avuto il suo

La squadra Femminile della Libertas Livorno

Premiazione per Emanuele

223

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

La pesistica e le sue numerose discipline


F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Grassi Beatrice

epilogo con le qualificazioni alla fase finale nazionale dei Giochi Sportivi Studenteschi e con la partecipazione al Criterium Nazionale Giovanissimi di Pesistica il 29 maggio a Lignano Sabbiadoro. Ecco l’elenco dei ragazzi che sono saliti sul podio al Criterium Nazionale: Aurora Manfanetti, della Pesistica Livornese, 1a class. Cat. 57 kg. Mattia Paglino, della Pesistica Livornese, 2° class. Cat. 57 kg.

Gianni Latini

Jano Cannarella, del GS VVF Tomei, 3° class. Cat. +66 kg. Dalla Pesistica promozionale passiamo ora alla pesistica agonistica, ossia a quella che viene praticata dai 14 anni in poi. Segnaliamo gli atleti che hanno conquistato il podio in gare nazionali. Luna Carlos, della Pesistica Livornese, 2° class. Cat. 62 kg. ai Campionati italiani Esordienti

224

Simone Bigazzi, del GS VVF Tomei, 2° class. Cat. 62 kg. ai Campionati italiani Juniores Irene Di Bartolomeo, della Pesistica Libertas, 3a class. Cat. 53 kg. ai Campionati Italiani Seniores Da segnalare anche che le atlete Beatrice Grassi, della Pesistica Livornese, Irene Di Bartolomeo, della Pesistica Libertas, Alberto Catalano, della Pesistica Livornese, e Ma-


nuele Bardini, del GS VVF Tomei, hanno rappresentato la Regione ad un Trofeo interregionale (Toscana-Lazio e Abruzzo) svoltosi a Trevignano, sul Lago di Bracciano il 12 giugno. Un’altra attività federale molto praticata è il cosiddetto Biathlon Atletico, consistente in una prova di forza con la distensione su panca orizzontale e in una prova

Scheila Di Rocca

225

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Grassi Beatrice, Campionessa italiana 2009 “Esordienti” (Gallarate MI)

di resistenza con la corsa di 2 km. La ragione della grande diffusione di questa disciplina sta proprio nella semplicità di queste due prove, alla portata di tutti e nella possibilità di parteciparvi a qualunque età, dai 17 ad oltre 65 anni. Quest’anno i Campionati italiani di Biathlon si sono svolti il 2 ottobre a Lignano Sabbiadoro, e i labronici vi hanno preso parte in gran numero, ottenendo brillanti risultati. I seguenti atleti hanno raggiunto il podio nelle rispettive classi di età: Sheila Di Rocca, della Pesistica Libertas, 2a class. Senior Ornella Ricci, della Pesistica Libertas, 1a class. Master Irene Di Bartolomeo foto di Ilio Polese 45 Stefania Lubrano, della Pesistica Libertas, Ornella Ricci, della Pesistica Libertas, 2a 2a class. Master 45 class. Master 45 Federica Barsotti, della Pesistica Libertas, Fabio Colacino, del GS VVF Tomei, 2° 3a class. Master 45 class. Senior Adriana Pinnacorda, della Pesistica LiAnche in questa specialità, la Pesistica bertas, 2a class. Master 55 Libertas è riuscita ad imporsi tra le femRosario Russo, della Pesistica Libertas, 3° mine, vincendo il titolo italiano di Socieclass. Senior tà. Giovanni Latini, della Pesistica Libertas, Un plauso anche al loro tecnico, An3° class. Master 45 drea Fuduli. I brillanti risultati delle atlete della PeInfine c’è da segnalare anche la brilsistica Libertas hanno consentito alla So- lantissima prestazione di Mariangela cietà di conquistare il secondo posto tra Pelagatti, della Polizia di Stato, che al le Società femminili, mentre i risultati dei Criterium Nazionale di Braccio di ferro, maschi, integrati da altri numerosi piazza- altra disciplina federale, ha sbaragliato menti, hanno consentito alla stessa Socie- tutte le avversarie, vincendo entrambe le tà di piazzarsi al terzo posto nella classifica prove, sia di braccio destro che di braccio generale maschile. Altra attività federale, sinistro. in cui gli atleti livornesi si sono distinti in campo nazionale è la distensione su panca, anch’essa culminante in una fase finale nazionale, svoltasi sempre a Lignano Sabbiadoro, dove ben quattro atleti sono saliti sul podio: Stefania Lubrano, della Pesistica Libertas, 1a class. Master 45 Sheila Di Rocca, della Pesistica Libertas, 2a class. Senior Mariangela Pelagatti


Complesso “Le Ali” • Via Leonardo Da Vinci, 4 - LIVORNO


Pugilato I

l pugilato livornese è in buona salute. A livello agonistico, ludico e amatoriale. Basta guardarsi intorno. Palestre piene e sacconi penzolanti, sempre in movimento, da tutte le parti. A fare da traino, in questi ultimi anni, hanno contribuito i successi tricolori di Luca Tassi che, lo ricordiamo, ha conquistato il titolo italiano a ottobre 2006, contro Zuanel a Livorno. E ha poi respinto, brillantemente, gli assalti alla sua corona due volte: la prima a febbraio 2007, a Livorno, contro Imparato e la successiva sempre a Livorno, a settembre 2007 con Di Feto. Per Luca Tassi anche la corona intercontinentale. Per mettersela a tracollo ad aprile 2008, a Cecina, ha sconfitto Vigan Mustafà. Lenny Bottai, ha conquistato la sua corona intercontinentale a dicembre 2009, battendo Turgay Uzun. E quattro mesi dopo si è portato a casa anche la corona tricolore sconfiggendo, a marzo, al PalaMacchia, l’aretino Adriano Nicchi. Proprio Luca Tassi nel dicembre scorso, dopo quasi tre anni di lontananza dal ring, è tornato a combattere ed a vincere. Finora Luca è imbattuto a livello professionistico. Per lui tredici successi.

In campo femminile, invece, spicca l’alloro tricolore di Giada Landi. Una ragazzina brava a prendere a pugni anche pregiudizi e ipocrisie. Tra i giovani rampanti belle cose, a livello regionale e nazionale, hanno fatto vedere: Jonathan Sannino, Vairo Lenti e Nicola D’Andrea. Grandissimo pure il piccolo (sei anni) Manuel Boldrini. Ai Giochi della Gioventù di pugilato ad Attigliano (Terni) ha conquistato la corona tricolore nella categoria “Cuccioli”. Note di merito pure per il ventisettenne Federico Gassanie, per il ventiseienne Domenico Salvemini e per Veronica Del Giovane, la “mangustina” amaranto, compagna di Bottai che in ben cinque occasioni ha centrato l’obiettivo, costringendo alla resa le sue avversarie. Sulla sua scia brava pure Daiana Scartabelli anche lei della Spes Fortitude.

Lenny Bottai re d’Italia Sul primo roboante squillo di tromba

del pugilato labronico dell’anno 2010, c’è la firma inconfondibile del grande Lenny Bottai. Un ragazzo forse per

227

Lenny Bottai e Jonathan Sannino

molti un po’ spigoloso, ma con il cuore grande come una casa. Un pugile capace anche di scelte coraggiose e sempre con un occhio di riguardo al sociale. Il 23 marzo 2010, in un PalaMacchia urlante, con un po’ di sofferenza fferenza ma a pieno merito, ha conquiff stato la corona tricolore dei pesi superwelter (al limite dei 69 Kg) battendo l’aretino Adriano Nicchi. Un successo, quello di super Lenny, quasi storico. Per ritrovare due livornesi sul trono italiano, in categorie a cavallo tra i sessanta e settanta chilogrammi, bisogna tornare parecchio indietro, fra gli anni sessanta e settanta. Il 17 giugno 1966 il grandissimo Remo Golfarini a Roma, nella seconda ripresa, mandò a gambe all’aria Pellarin e si portò a casa la corona tricolore dei superwelter (al limite dei 69 Kg). Un vessillo che Golfarini tenne strettamente in mano per quasi un quadriennio a cui aggiunse, nel 1968, anche il titolo europeo, sempre della categoria dei superwelter e quello italiano dei medi. Il 1968 è stato un anno magico anche per Romano Fanali. Ad agosto, a Livorno, in uno stadio comunale effervescente, ffervescente, conquistò per la prima volta ff nella sua bella carriera, la corona dei superleggeri, battendo per KO alla seconda ripresa Bruno Pace. Un successo che lo consacrò

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Il Pugilato scoppia di salute


Scotto PubblicitĂ Livorno


l’alto. Lenny una volta ci ricordò che negli anni d’inattività agonistica, era aumentato di peso di circa trenta chilogrammi.

Lenny Bottai perde il titolo tricolore

Il 9 luglio, a Prato, al campo sportivo Chiavacci, Lenny Bottai torna sul ring per difendere la cintura tricolore dei superwelter, dall’assalto dell’idolo di casa e compagno di scuderia –la Boxe Cavallari- Francesco Di Fiore. La cornice di pubblico è da grandi occasioni e il caldo opprimente. I due pugili, sospinti dai propri tifosi, ci danno dentro a più non posso per tutte le canoniche dieci riprese. Sui loro volti affiorano i segni della cruenta battaglia. Alla fine della tenzone, ad alzare le braccia al cielo è Francesco Di Fiore, con un verdetto risicato. Due giudici, magnanimamente, assegnano la vittoria a Di Fiore (96-94), il terzo se la cava con un salomonico ex aequo o se preferiamo alla Ponzio Pilato (95-95). Il verdetto, che di fatto sfila dalle mani di Lenny la cintura tricolore per consegnarla a Di Fiore, viene duramente contestato dal pubblico di fede labronica e in parte anche da quello neutrale. Anche i due angoli non sono assolutamente d’accordo sulla decisione dei giudici. Un salomonico pareggio forse sarebbe stato la cosa più giusta da fare. Lenny Bottai avrebbe, così, riportato a Livorno la corona e Francesco Di Fiore avrebbe salvato la faccia. Ma tutti sappiamo che il pugilato non è una scienza esatta e quando la differenza ff fferenza di valori non è lampante, come nei KO, il fattore ambientale ha il proprio peso. E, lo ricordiamo, Francesco Di Fiore “giocava” in casa, nella sua Prato. E qualche volta i giudici sono sensibili alle campane casalinghe.

Lenny vince alla sua maniera

Lenny Bottai a Firenze

Lenny Bottai torna sul ring il 9 dicembre a Mantova. E lo fa alla sua maniera. Il ventiseienne polacco Adam Grabiec, al termine delle sei riprese, ha sul volto i segni della battaglia e nel cuore la consapevolezza di aver onorato fino all’ultimo lo spettacolo. Per Lenny una vittoria rilevante. Al di là del risultato. Una vittoria che gli consente di tornare a correre, a sognare, dopo l’ingiusta sconfitta di Prato, nel match tricolore con Francesco Di Fiore. You’ll never walk alone: “non camminerai mai da solo”. È l’inno dei tifosi del Liverpool e il suo inno. Anche a Mantova è stato di stretta attualità. Ad incoraggiarlo, applaudirlo, ed incitarlo con il consueto

229

tifo da stadio, da curva nord, erano in tanti. Molti arrivati con i mezzi propri e altri in due pullman pieni zeppi, allestiti per l’occasione. Per seguire il Livorno Calcio, nella vittoriosa trasferta di Piacenza, la sera stessa si sono mossi minori tifosi. E questo fa capire quanto Lenny Bottai sia amato. Il match? Quasi a senso unico. Alla quinta ripresa l’epilogo sembrava dietro l’angolo. Grabiec, con il volto già sanguinante, aveva accusato, più del dovuto, un devastante montante al fegato di Lenny Bottai e aveva piegato le gambe. Lenny Bottai avrebbe potuto chiudere il match in anticipo, ma non l’ha fatto per la consueta generosità che lo contraddistingue, anche quando è sul ring. Il giorno dopo il match con Grabiec in proposito ci spiegava: “È stato un match importante. Dovevo testare me stesso, alcuni cambiamenti e sbrogliare un po’ di nodi dalla mia testaccia. Per questo mi serviva un match vero. Un avversario tosto che, anche se di minor esperienza e caratura, avesse la mia stessa ambizione di vincere. Adam Grabiec ha confermato le aspettative della vigilia. Fisicamente forte, mai scorretto, non si è tirato mai indietro. Nella sesta ripresa, quando sanguinava ed era in palese difficoltà, ho fatto un passo indietro per onorare la battaglia. Per tutta risposta lui mi ha attaccato. Un gesto di carattere, che ho rispettato tantissimo, anche se a qualcuno sembrerà da pazzi. Ma questa è la boxe. Almeno come la intendo io”. Ringraziamenti? “A quanti mi sostengono e rendono la mia/nostra, esperienza unica al mondo. A Cristiano Mazzoni, persona splendida, che mi ha aiutato. Al mio Manager e poi, come sempre, alla persona che ho vicino. Senza di lei nulla sarebbe possibile”. Il riferimento è alla bella e brava Veronica Del Giovane la sua dolce metà.

Luca Tassi annienta Gaspar Gyula in una serata da cani L’appuntamento per Luca Tassi con il ring è il 17 dicembre al PalaBastia. Fuori fa un freddo cane e la neve caduta abbondan-

Veronica Del Giovane a sinistra

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

tra i grandi del pugilato nazionale. L’allora sindaco Dino Raugi, per quella vittoria, gli donò una bella targa e il Comune di Collesalvetti lo assunse come vigile urbano per meriti sportivi. Fanali, lo ricordiamo, abitava e continua ad abitare a Stagno. Quella tra Romano Fanali e la corona tricolore è una storia lunga e ricca di match memorabili, che andrà avanti per altri sette anni abbondanti con tanti successi e solo qualche battuta a vuoto. Ma torniamo al grande Lenny. Il diritto a battersi, con la corona tricolore in palio, contro Adriano Nicchi, non l’ha ottenuto per bontà divina, ma grazie a una serie di stupende vittorie nei due anni precedenti. In tutto dieci successi, dei quali ben quattro per KO. Tra questi successi brilla quello del 4 dicembre 2009, sempre in un PalaMacchia elettrizzato, contro il turco, naturalizzato tedesco, Turgay Uzun, con il titolo internazionale in palio. L’unico rammarico è che Lenny Bottati, dai 21 ai 27 anni, sia stato lontano dal ring. Altrimenti, tenendo conto della sua classe, della sua grinta e determinazione chissà dove sarebbe arrivato. Sei anni lontano dal ring non sono pochi, soprattutto se la bilancia, come è accaduto per lui, ha iniziato a puntare l’indice verso


VENDITA E MANUTENZIONE ESTINTORI STAZIONE AUTORIZZATA PER COLLAUDO RESPIRATORI I.S.P.E.L.S. e R.I.N.A IMPIANTI FISSI DI RILEVAMENTO E SPEGNIMENTO MATERIALE POMPIERISTICO PORTE TAGLIAFUOCO - R.E.I. 60/120

Consulenze e sopralluoghi GRATUITI per la nuova legge 81/8 per tutti i tipi di attività -*703/07JB-FPOBSEP%B7JODJ t5FM MJOFF

'BYt&NBJMTPMBSJBOUJODFOEJ!UJOJU

Scotto Pubblicità Livorno

CONSULENZE E RILASCIO CERTIFICATI ORDINANZA MINISTERO INTERNO


Luca Tassi e Marco Lupi

Gianluca Urbani, Roberto Cammarelle, Luca Tassi con i giovanissimi ai Campionati italiani

fine anticipata del match si erano avute già nella seconda ripresa, con lo stesso copione. Gyula era finito al tappeto sempre per una mazzata al fegato. Orgoglio smisurato e provvidenziale suono del gong gli avevano consentito di non arrendersi subito.

Gli altri pugili

Nella grande nottata di pugilato organizzata, al PalaBastia, da Boxe Livorno e Apl successi pure per: Domenico Salvemini, Marino De Santis, Alessio Poggetti e Nicola Renda. Match pari invece tra l’esordiente Andrea Cini (Boxe Livorno) e Emanuele Paradisi (pugilistica Piombinese). A casa, oltre a tanti tifosi e qualche pugile sono rimasti anche i tre arbitri fiorentini che dovevano condurre i match. Per consentire la manifestazione è stato rispolverato il vecchio regolamento, con l’arbitro anche nelle vesti di giudice unico. Ad allietare la serata di pugilato anche l’esibizione dei bambini della scuola di pugilato della Boxe Livorno, allenati da Luca Tassi e Gianluca Urbani. I loro nomi? Nico Genchi, Mattia Boldrini, Rachele Benvenuti, Davide Brongo, Iacopo Piacentino, Leonardo Lenzi, Michele Terreni, Emanuele Santi e il campione italiano (6 anni) Manuel Boldrini di cui parleremo in seguito. Per i più piccolini salti con la cordicella e scariche di pugni su sacconi. Per i più grandicelli bloccaggi e schivate a coppie. Insomma uno spettacolo. Gli altri incontri? Successo di Domenico Salvemini (Accademia dello Sport) sul pisano Michele Meucci (Pugilistica Galilei) al termine di un incontro spettacolare e senza un attimo di tregua, con il pallino dell’iniziativa quasi sempre in mano a Sal-

231

vemini. “Ho cercato di schivare i suoi micidiali diretti e ho replicato con montanti e ganci. Penso di aver vinto meritatamente. Però Meucci è stato un degno avversario”. Vittoria per RSCH (KO tecnico alla terza ripresa) del cecinese Michele Poggetti (29 anni) sul bravo Marco Lupi (18 anni). Una sconfitta mal digerita a Marco: “l’arbitro ha interrotto il mach troppo presto. Io mi sentivo benissimo e avevo ancora la possibilità di vincere”. Successo meritato anche per il peso massimo Nicola Renda (Boxe Livorno) su Antonio Blondi (Galilei Pisa). Un incontro allestito all’ultimo secondo per l’emergenza climatica. Renda è salito sul ring dopo una giornata di lavoro. E altra anomalia: Renda è pisano e Blondi livornese (allenato da Ivo Fancelli). Insomma scuderie invertite rispetto alla città di residenza. Vittoria per squalifica di Marino De Santis (Pugilistica Pisana) su un Andrea Andrei (Boxe Livorno) poco lineare per la foga di strafare, di fronte ai suoi tanti tifosi.

I commenti di Luca Tassi dopo il match di rientro

Apparentemente più facile del previsto. Ma solo apparentemente. Gli appena sette minuti impiegati da Luca Tassi per spedire a gambe all’aria l’ungherese Gaspar Gyula non devono trarre in inganno. L’ungherese era un avversario sulla carta indigesto e dal pugno pesante. Nel pugilato, più che in altri sport, però, i successi non arrivano per caso. E Tassi, che sul ring c’è nato, lo ha sempre saputo. Per questo, per non avere sorprese, per essere quasi certo di poter riassaporare il gusto del trionfo, ha dato linfa a: cuore, gambe, braccia e soprattutto cervello. Per

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

te su Livorno consiglia la gente a rimanere a casa. La riunione prevista su una decina di incontri viene assottigliata a sei match, perché molti pugili non riescono a raggiungere Livorno. Anche tra i tifosi ci sono molte defezioni dell’ultimo momento. Tra coloro che non possono venire ad applaudire il grande Luca Tassi c’è anche l’onorevole Marco Susini, suo tifoso speciale ed amico. Nonostante tutte queste vicissitudini la cornice del pubblico, al PalaBastia, è buona. In tutto più di 400 spettatori. Il match? A Tassi bastano solamente sette minuti per archiviare la “pratica” Gaspar Gyula. Il tempo strettamente necessario per studiare l’avversario. Per fargli assaggiare jab, ganci e diretti portati con precisione chirurgica. Per fargli capire che non era il caso di fare il guascone, con la guardia bassa, in senso di sfida, modello Muhammad Alì. A metà della terza ripresa la resa incondizionata dell’ungherese. Salutata con urla da stadio dai presenti. Per vincere Luca Tassi non ha usato mezze misure. Appena ha trovato il pertugio giusto ha scaricato sull’avversario un poderoso montante sinistro al fegato. Un colpo senza ritorno che ha messo Gyula in ginocchio e lo ha costretto ad alzare definitivamente bandiera bianca. A dire la verità le avvisaglie della


233

nante la premiazione. A metterle la medaglia d’oro al collo, dopo il meritato trionfo, sono stati il Vicepresidente Federale Alberto Brasca e l’ex campione mondiale Patrizio Sumbu Kalambai. Il match conclusivo? Combattuto dal primo all’ultimo secondo. Con la Marangoni che, benché colpita duramente in più circostanze, continuava a cercare la corta distanza. In questo 2011 per Giada Landi una doppia sfida. La prima con la bilancia per diminuire di peso. Se vorrà avere concrete speranze di andare alle Olimpiadi dovrà scendere sotto i 51 chilogrammi. La categoria dei pesi gallo al femminile (al limite 54 chilogrammi) non è, infatti, prevista dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale). La seconda bella sfida è con le avversarie. La concorrenza sarà spietata perché poter partecipare ad una Olimpiade, con la maglia azzurra addosso, ripaga di ogni sacrificio. Tra i tanti successi di Giada Landi, però nel 2009, ricordiamo anche la medaglia di bronzo conquistata ai Campionati dell’Unione Europea. Insomma una grandissima. Dall’esordio vincente, sul ring di Grosseto, contro Francesca Bellucci, il 18 novembre 2006, questa bella ragazza di poco più di ventuno anni, di strada ne ha fatta davvero tanta.

Giada Landi

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

be chiuso a riccio. All’inizio ho cercato di mantenerlo alla larga con jab, diretti e ganci al viso. Poi quando si è presentata l’occasione, alla seconda ripresa, ho caricato il montante al fegato. Una mazzata tremenda che lo ha messo in ginocchio. Nella ripresa successiva ho fatto altrettanto, forse con maggiore rabbia. Lui ha vacillato ed è finito definitivamente al tappeto”. Il prossimo futuro? “Voglio tornare a vincere per riprendermi quella corona tricolore e intercontinentale IBF che ho perso senza combattere. Non so ancora come e quando ma sono certo, prima o Domenico Salvemini e Franco Nenci poi di riuscirci”. Soddisfaziocapire che non è stata una banalità è ba- ne al termine della bella serata di pugilato stato ascoltarlo alla fine dell’incontro. “Se a pure per babbo Gigi, mamma Maria Teresa trentuno anni decidi di rimetterti in gioco e, in veste di organizzatore, per il presidennon lo puoi fare all’acqua di rose. In conto te provinciale e vice presidente regionale devi mettere tante cose. Prima di tutto i Fpi: Tancredi Gioia. Applausi pure per Lenquasi tre anni di stop. Una cosa è allenarsi, ny Bottai e Davide Cicchiello. Insomma un un’altra è trovarsi di fronte un pugile che ha bel vedere e un bel sognare per i numerosi la giusta cattiveria agonistica e la tua stes- appassionati. sa voglia di alzare le braccia al cielo. Poi ci Giada Landi sono le aspettative dei tuoi tifosi che non sul trono tricolore puoi deludere, la forza dell’avversario e, più Il 3 ottobre, a San Benedetto del Tronto, il importante di tutto, la tua dignità di uomo e di pugile. In questo sport, più che in altri, caporalmaggiore del Centro Sportivo Olimbasta un nonnulla per finire ruzzoloni sul pico dell’Esercito, Giada Landi, ha messo ring. Per dare un calcio ad anni di sacrifici. tutte le avversarie sull’attenti e ha conquiPer azzerare nella mente della gente i tuoi stato la corona tricolore dei pesi gallo setanti successi precedenti, ed essere poi ad- nior. Un successo che consente a Giada di ditato e ricordato per quella brutta sconfit- guardare con maggiori speranze alle Olimpiadi londinesi del prossimo anno. Il sogno ta”. Lei cosa ha fatto di particolare? “Prima di di tutti gli atleti in attività. Il suo sogno di tutto una preparazione fisica puntigliosa. una boxer al femminile con una classe criQuasi ossessiva. Poi appena ho saputo il stallina. Nella cittadina marchigiana Giada Landi nome dell’avversario ho cercato di conoscerne pregi e difetti. Per questo ho analiz- era arrivata con i favori del pronostico e zato anche i video di suoi recenti incontri”. tanta voglia di mettere su quella medaglia Quali convinzioni ne aveva ricavato? “Che che nel 2009 le era sfuggita per un’ingenuinon sarebbe venuto a fare una passeggiata. tà. In quella circostanza, a Roma, non poté E poi che le prime riprese sarebbero state disputare la finalissima perché, invece, di le più pericolose. La mobilità non è il suo salire sul ring fu costretta a correre verso forte, ma ha un gancio che fa male. Un col- l’ospedale per una colica renale, dovuta a po con il quale ha spedito tanti avversari al carenza di assunzione di liquidi. Giada, lo ricordiamo, per paura di non ritappeto. Sparato con veemenza, con una grande torsione del busto e i piedi salda- entrare nel limite di peso, dei 54 Kg, a poche mente ancorati per terra. Poi ha la tenden- ore dalla finalissima, con superficialità, mise za ha provocare per innervosire l’avversario le bevande al bando. A San Benedetto del e costringerlo a passi falsi”. E come punti Tronto, invece, fortunatamente, è andato deboli? “Mi ero accorto che soffriva male- tutto liscio come l’acqua. L’ultima a cedere dettamente i colpi bassi. Per questo sapevo è stata la veneta Federica Marangoni, deldi avere un’arma in più. Un’arma che non la Union Boxe di Mestre. Prima aveva fatto potevo scoprire subito altrimenti si sareb- altrettanto contro Marina Patané. Emozio-


Il 2010 è anche l’anno di Manuel Boldrini. Il 17 ottobre a Attigliano (Terni) regala un’altra bellissima soddisfazione al pugilato di casa nostra. Questa volta ai Giochi della Gioventù. Il piccolo, grande, Manuel Boldrini, sei anni di briosità, simpatia e straripante vitalità, si issa sul podio più alto nella categoria dei “cuccioli” ai Campionati italiani. Una data che rimarrà impressa per sempre nella mente di Manuel. Ma facciamo un passo indietro ricordando il cammino di Manuel nelle selezioni regionali. Aggiungiamo, inoltre, alcune dichiarazioni che lui e la mamma ci rilasciarono alla vigilia dell’impegno tricolore.

Cuore di mamma

Manuel Boldrini aveva acquisito il diritto a partecipare ai Campionati italiani vincendo tutte e sei le prove del circuito regionale. Tanta bravura, non poteva essere altrimenti, aveva riempito di soddisfazione i suoi grandi maestri: Luca Tassi, Gianluca Urbani e Luigi Tassi (babbo di Luca). Felicissima di questi successi anche la mamma: Martina Bencivelli. Basta ascoltare alcune delle parole che ci disse in proposito: “Sono contenta per Manuel. Ma lo sarei stato ugualmente anche se non avesse vinto. Lui, come gli altri suoi fratellini più grandi: Mitia e Mattia, quando li portiamo nella palestra Eos di Stagno, sono felicissimi, perché trovano un ambiente ludico ideale. Con mio marito riteniamo questo tipo di sport educativo, socializzante e formativo. I ragazzi acquisiscono autostima, si abituano al rispetto delle regole e inoltre non ci sono pericoli. A noi, ad esempio, non piace il calcio così come è vissuto oggi. Troppe aspettative riversate sui figli e troppa esasperazione e comportamenti, spesso, censurabili dei genitori, nei riguardi dell’arbitro e anche degli avversari”. È felice di mostrare quello che ha imparato, presso la palestra Eos di Stagno, il piccolo Manuel. Vederlo saltare con la cordicella, correre tra i birilli e scaricare colpi al sacco oscillante è uno spettacolo. Manuel è bravo ma anche simpatico: “Vado a scuola, in prima elementare alle Carlo Bini. La mia maestra è Cristina. Mi piace il disegno. Da grande vorrei fare il muratore, così costruisco una bella casa ai miei due bravissimi maestri di pugilato Luca Tassi e Gianluca Urbani quando si sposano”. Nella palestra Eos Manuel Boldrini è davvero in buona compagnia. In tutto gli under 13 sono una ventina. I loro nomi? Nei cangurini (8, 9 o 10

anni) Emanuele Santini (3° ai regionali), Mitia Boldrini (2°) e Roman Kovacuk (russo da 3 anni in Italia). Nei canguri (11 e 12 anni e si gareggia a coppie): Mattia Boldrini e Jacopo Guerini (secondi ai regionali), Lorenzo Chiavacci e ancora Mattia Boldrini (terzi), Denis Martiniano e David Brongo (5°). Allievi (13 anni, si gareggia a coppie): Mattia Demi e Mattia De Ruggero (Accademia dello Sport; secondi), Rachele Benvenuti (Boxe Livorno) e ancora Mattia De Ruggeri (3°). Poi ci sono coloro che gareggiano da poco: Nico Genchi (Canguri; figlio d’arte), Jacopo Piacentino (7 anni), Leonardo Lenzi (6 anni), Stefano Lomi (Cangurini), Sasha Mardari (appena 4 anni), Alessio Angioli (10 anni), Mattia Bolognini, Arianna Meoni.

Tassi racconta la prova tricolore di Manuel Boldrini

Dopo aver dominato le selezioni regionali, Manuel Boldrini ci aveva detto: “Adesso voglio diventare Campione italiano”. Detto fatto. In Umbria, nonostante l’agguerrita concorrenza, ha vinto con merito. Basta ascoltare quello che ci diceva Luca Tassi sulla straordinaria performance di questo bambino, suo allievo e di Gianluca e babbo Gigi alla Boxe Livorno, presso la palestra Eos di Stagno. Queste le sue parole. “È un sogno che si avvera. Manuel Boldrini, ancora una volta, ha stupito tutti pur essendo il più piccolo, con i suoi sei anni, tra i concorrenti della categoria Cuccioli. Durante il riscaldamento, con Gianluca Urbani, abbiamo capito che sarebbe stata una partita a tre, tra lui e i rappresentanti di Campania e Puglia. Così è stato”. La gara? “Erano previste tre prove di tipo ludico-sportivo in grado di esaltare velocità, coordinamento e aspetti tecnico tattici. Nella prima, un percorso ad “acca” di velocità tra birilli. Manuel ha fatto bene ma non benissimo, almeno rispetto ai due super avversari. Nella seconda, quella dei salti con la funicella, invece, è stato fantastico, effettuando ffettuando la bellezza di ff quarantasei salti nei dieci secondi canonici. Quarantadue quelli del pugliese e trenta per il campano. Risultati che hanno consentito a Manuel di issarsi al comando della classifica provvisoria. Nella terza e decisiva prova, quella al sacco oscillante, il bambino pugliese ha dimostrato di saperci fare e i giudici lo hanno premiato con

235

settanta punti. Manuel però non si è scomposto e con un saggio di classe cristallina ha messo, tutti a tacere”. Proprio su quest’ultima prova Luca Tassi non riesce a trattenere una comprensibile emozione: “Manuel ha colpito il sacco con ottima scelta di tempo e combinazione di colpi da far invidia a pugili professionisti, aggiungendo, nella seconda ripresa, una chicca al suo repertorio: le schivate circolari e cambi di guardia. I giudici l’hanno premiato con un punteggio supersonico: ben settantotto punti. Poi è stata un’apoteosi. Manuel, sommerso dagli applausi, con tranquillità sconcertante, accompagnato da babbo Francesco, Gianluca Urbani e Luca Tassi, ha ricevuto la medaglia d’oro dalle mani del campione olimpico e mondiale Roberto Cammarelle. Per me e tutta la Boxe Livorno -concluse Tassi- è stata una gioia immensa. Questo risultato ci ripaga del lavoro svolto in questi anni, nei quali abbiamo curato con serietà, impegno e passione anche il settore giovanile. Manuel oltre a dare lustro alla nostra città ha consentito alla Toscana, grazie anche ai buoni risultati nelle altre tre categorie: Cangurini, Canguri ed Allievi dei nostri corregionali, di classificarsi al primo posto tra le regioni partecipanti. Meglio di così!”.

Sannino, Lenti e D’Andrea: giovani rampanti

Il 2010 è un anno da ricordare anche per tre nostri bravissimi giovani boxer: Vairo Lenti 08/09/1992) categoria superleggeri, della Boxe Livorno, il “carrarmatino amaranto” Jonathan Sannino (10/01/1993), pesi piuma, della Spes Fortitude e il “toro livornese” Nicola D’Andrea (09/07/1993), superwelter, della Sezione Pugilistica dell’Accademia dello Sport. Tutti e tre, sbaragliando il campo, nell’interregionale di Trevi (Foli-

Manuel Boldrini

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Manuel Boldrini oro ai Giochi della Gioventù regionali e nazionali


drea Morelli è stato straripante. Le cose per Vairo sono andate un po’ peggio in semifinale. Il pugile campano Vincenzo Contestabile, dell’Associazione Tifata Boxe Prisco Perugino, ha vinto, seppure con un po’ di fatica (6-3), un match altamente spettacolare e molto apprezzato dal pubblico presente. Nella finalissima, con il titolo in palio, Vincenzo Contestabile, ha annientato la resistenza del laziale Vincenzo Bevilacqua, e si è messo al collo la medaglia tricolore. Nicola D’Andrea, della sezione Pugilistica dell’AccadeNicola D’Andrea e Domenico Salvemini mia dello Sport, nella categoria dei superwelter, al limite dei 69 lo Donato e del mitico Franco Nenci, all’AcKg, il pugile più ostico del gruppo dei ficademia dello Sport. A Colle Val D’Elsa, nel nalisti, a differenza fferenza di Sannino e Lenti, lo ff Campionato interregionale dopo aver vinto ha pescato subito nei quarti. Nonostante il con Giustini e Arzilli aveva ceduto, in finadivario d’esperienza, Nicola D’Andrea prima le, con David Traversi della Boxe Siena, con di arrendersi al fortissimo calabrese (28 vittante legittime recriminazioni del fratello torie in 33 incontri) Dario Morello, ha venDonato Salvemini. “Tre giudici su cinque, duto cara la pelle. Solo nella quarta ripresa tra lo stupore generale hanno dato la vittonella foga di recuperare il lieve svantaggio, ria all’avversario di Domenico, scatenando il divario tra i due pugili si è dilatato (5-1). le proteste del pubblico e d’alcuni maestri Anche in questo caso poi l’avversario di presenti”. Per Donato Salvemini, superwelNicola: il calabrese Dario Morello ha vinto ter di grandissime potenzialità, il 2010 nomeritatamente il titolo italiano. Anche per nostante qualche passo falso, è stato un Morello come per Bruno Licheri è stato un anno positivo. Dieci vittorie e appena tre bis tricolore. Morello, inoltre, ha dimostrato sconfitte, nei tredici match disputati, sono che a difendere i colori azzurri, ai mondiali davvero un bilancio lusinghiero. In tutto, cadetti 2009, non c’era andato per caso. nella sua carriera dilettantistica, il grande Gassani ai tricolori, Domenico Salvemini è salito sul ring 65 volte (44 le vittorie: 10 pareggi e 11 sconfitte). Salvemini escluso In questo anno solare per lui si dovrebbero ingiustamente aprire le porte del professionismo, con tanIl bravissimo Federico Gassani (classe te speranze di far bene. 1983), anche lui della Spes Fortitude, ed Premio alla carriera per allievo di Lenny Bottai e Fabrizio Trinca, la sua chance tricolore l’ha avuta a Napoli dal Franco Nenci e Luigi Tassi 6 all’8 dicembre. In programma c’erano i Un premio alla carriera, da parte della FeCampionati italiani assoluti dilettanti. Per arrivare a questo crocevia della propria derazione Nazionale di Pugilato, per Franco carriera, una ventina di giorni prima (no (no- Nenci e Luigi (per tutti Gigi) Tassi, due legvembre 2010), “Super Chico” aveva vinto gende della boxe labronica, prima come i Campionati regionali assoluti a Colle Val pugili e poi come maestri. Entrambi, nonod’Elsa, battendo in maniera netta, prima stante abbiano superato la settantina da Michele Mangini e poi, in finale, il venten- un bel pezzo, sono in piena attività e hanno ne Giulio Ravecca della Boxe Carrarese. Ai tanta voglia di continuare. D’altronde c’é da Campionati italiani, di Napoli, Federico Gas Gas- capirli. Bravi come loro in giro ce ne sono sani si è, invece, dovuto fermare nei quarti, pochi e la passione non fa loro certamente di un solo punto e in maniera molto dub dub- difetto. Basta guardarli mentre giornalmenbia, di fronte al campione nazionale Simo Simo- te allenano, nidiate di atleti, all’Accademia dello Sport di via Garibaldi (Franco) e alla ne Fiore: azzurro delle Fiamme Oro. Chi, invece, non ha potuto gareggiare agli palestra Eos di Stagno (Gigi). La consegna assoluti, anche se l’avrebbe ampiamente del premio a Franco Nenci e Luigi è avvemeritato, è stato “l’uragano adriese”, natu natu- nuto nel teatro dell’opera a S. Maria degli ralizzato livornese, Domenico Salvemini. Un Angeli (Assisi). Insieme a Franco e Gigi si pugile che si allena sotto la guida del fratel fratel- sono portati a casa targhe e attestati un’al-

237

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

gno-Perugia), si sono garantiti la possibilità di accedere alle finali nazionali “Youth”, del 26 al 28 novembre, a Porto Torres in Sardegna, Benché la fortuna non li abbia assisti nell’abbinamento con gli avversari, Jonathan Sannino e Vairo Lenti sono tornati a casa con la medaglia di bronzo al collo. Nicola D’Andrea, invece, si fermato nei quarti di finale. Ma vediamo nel dettaglio alcuni momenti della trasferta sarda dei nostri tre campioncini. Jonathan Sannino, nel match d’esordio, nella categoria dei pesi piuma, al limite dei 57 Kg, si è sbarazzato, senza troppi affanni, ff ffanni, di Matteo Masiero della Boxe Piovese ed è volato in semifinale. Qui si è trovato di fronte l’idolo di casa Bruno Licheri, della Boxing Porto Torres “Mario Solinas”. Un ragazzotto di cui sentiremo parlare in futuro. L’allievo di Lenny Bottai e Fabrizio Trinca, nonostante l’ambiente non certamente favorevole e il valore dell’avversario, ci ha dato dentro dal primo all’ultimo secondo e ha ceduto con l’onore delle armi. Per la cronaca Bruno Licheri battendo in finale il toscano, di chiare origini croate, Alì Hamza ha scritto, per il secondo anno consecutivo, il suo nome nell’albo tricolore. Stesso copione o quasi per Vairo Lenti, nella categoria dei superleggeri, al limite dei 64 kg. L’esordio, nei quarti di finale di Vairo Lenti, contro l’esperto (61 match all’attivo) cosentino, di Fuscaldo, della Pugilistica Di Giacomo, An-


Scotto PubblicitĂ Livorno


tra ventina di ex pugili e attuali maestri di boxe provenienti da tutta Italia. Tra loro Bolognesi, Musso, De Piccoli e Zamparini. Per aver diritto al premio i requisiti richiesti erano: essere over 70 (nati dal 1920 al 1940), ex pugili agonisti e maestri in piena attività. Insomma prerogative per pochi intimi.

Leggenda Nenci

Castigatore di Mazzinghi Luigi Tassi, babbo dell’ex Campione italiano e internazionale Luca, trapiantato a Livorno da quando aveva 3 anni, è nato a Caldana di Gavorrano il 16 ottobre 1934. Come dilettante ha disputato 160 incontri. Tra le sue tante vittorie, quella che ricorda sempre con

Franco Nenci, lo ricordiamo brevemente, è nato a Livorno il 27 gennaio 1935 e alle Olimpiadi di Melbourne, nel 1956, ha vinto la medaglia d’argento nella categoria dei superleggeri. Dal 1957 al 1967 è stato ottimo professionista. In tutto ha disputato 56 incontri, vincendone 32 e pareggiandone 12. Tra le vittorie più belle quella con il pugile di colore Charley Duglas in una Livorno delirante. L’incontro più emozionante a Ginevra contro il fortissimo Epiphan Akono. Dopo essere andato ben tre volte al tappeto, con caparbietà e determinazione, riuscì sempre a rialzarsi meritandosi alla fine un pareggio che, i presenti, ritennero un po’ stretto. Come maestro Franco Nenci ha allenato anche la nazionale. Tra i suoi allievi prediletti, il campione, Giovanni Parisi: “Un ragazzo d’oro. Bravo e intelligente come pochi”.

Luca Tassi con i suoi bambini

239

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Jonathan Sannino, Nicola D’Andrea

il sorriso sulle labbra, l’ottenne alla fine degli cinquanta su un giovanissimo Sandro Mazzinghi. “Lui era alle prime armi. Io un po’ più grandicello ed esperto. Vinsi meritatamente. Qualche anno dopo, quando ormai stava diventando una stella di prima grandezza, mi cercò per una rivincita. Inutile dire che non mi feci trovare”. Il brevetto di maestro Gigi Tassi l’ha ottenuto nel lontano 1968. Da allora ha sfornato una serie di campioni e campioncini che hanno dato tanto alla noble art, anche a livello nazionale. Un Gigi Tassi bravo sul ring, eccellente come maestro, ma anche modesto. Basta ascoltare le sue parole. “Quando mi hanno chiamato per consegnarmi una targa ricordo e un attestato ero un po’ emozionato, perché lo stesso premio era assegnato anche ad ex campioni olimpici e mondiali. Tra loro Bolognesi, Musso, De Piccoli, Zamparini. Era inoltre presente lo staff ff tecnico della nazionale con Francesco Damiani, Maurizio Stecca e Bergamasco. Presenti pure i massimi dirigenti nazionali, con la sola eccezione di Falcinelli perché impegnato. Insomma un parterre de roi eccellente per chi ama questo sport”. La lodevole iniziativa della federazione è stata a corollario dell’incontro internazionale di pugilato che gli azzurri hanno vinto con gli Stati Uniti per 6-5, dimostrando, una volta di più, che il nostro pugilato è tuttora in grande spolvero. Tutto ciò grazie anche alla passione, alla professionalità e competenza di maestri come i nostri grandissimi, ed evergreen, Franco Nenci e Gigi Tassi. Mario Orsini


Luca Tassi Quello che non ti aspetti. Luca Tassi dopo quasi tre anni di astinenza è tornato sul ring. L’ultimo match prima della lunga sosta lo aveva sostenuto, ad aprile 2008, a Cecina. Per Luca una vittoria convincente su Vigan Mustafà e la corona intercontinentale dei pesi SuperMedi IBF nel cassetto. Poi un lungo stop. A spiegarci le ragioni è stato lui stesso. “Ho smesso imbattuto, con uno score di 12 vittorie su altrettanti incontri, tra i professionisti. A spingermi ad attaccare i guantoni al chiodo tante incomprensioni con il mio manager d’allora Umberto Cavini. Sono tornato perché ho le motivazioni giuste per farlo: fisiche, tecniche e, seppure non eccelse anche economiche”. Si spieghi meglio? “Il match con Mustafà era stata la classica goccia che aveva fatto traboccare il bicchiere. Come borsa avevo ricevuto tremila euro lordi, per un incontro previsto sulle 12 riprese. Soldi neppure sufficienti a coprire le spese sostenute. Deluso e amareggiato, nei mesi successivi,

Luca Tassi campione con la sua manager Rosanna Conti Cavini

cercai, parlando con il signor Umberto Cavini, d’avere programmi e prospettive economiche migliori. Purtroppo inutilmente. Mi erano state negate anche la possibilità di gestire, personalmente, i miei eventuali sponsor e di rescindere, anzitempo il contratto con la Rosanna Conti Cavini”. Ed allora? ”Con l’amarezza nel cuore rimandai tutto a maggio 2010, data di scadenza del contratto, per eventuali nuove decisioni. Fu una scelta non facile, anche perché, in una volta sola, salutavo corona tricolore ed intercontinentale dei SuperMedi, che avevo conquistato con tanto sudore e fatica”. Perché ha lasciato passare altri sei mesi? ”Nello sport e in particolare nel pugilato le cose semplici non esistono. Quando smetti e ricominci è come scalare una montagna. Soprattutto per le visite mediche. E non per ragioni di salute e integrità fisica. Su quelle fortunatamente io non ho mai avuto problemi. Il disco verde del rientro l’ottieni solamente in un preciso centro medico di Roma. Le analisi del sangue e la risonanza invece puoi farle dove vuoi. Io le ho fatte a Livorno. Inutile stare a ripetere le peripezie fatte

241

e le spese sostenute di tasca mia. Lasciamo perdere. Acqua passata”. E per il manager? “Le cose sono andate molto meglio. A Settembre ho firmato un contratto, su basi nuove, con l’OPI 2000 di Christian e Salvatore Cherchi”. Basi nuove perché? Scadenza secca ad un anno. Possibilità di gestire personalmente la mia immagine ed organizzare riunioni pugilistiche a Livorno anche con me sul ring. Non le sembra una forzatura? Tutt’altro. Siamo noi che sappiamo cosa vuole la piazza, conosciamo gli eventuali sponsor e sappiamo come muoverci. Molto meglio di chi non vive questa realtà. Quale insegnamento ha tratto da questa vicenda? “Le rispondo con una frase di Rocky Balboa. Nella vita l’importante non è colpire ma resistere ai colpi. Allora sei un vincente. Ed io metaforicamente, in questi due anni e mezzo, fuori del ring, qualche colpo l’ho subito, ma ho resistito e guardato avanti con umiltà e rispetto di tutti. Ed ora sono qui pronto a ricominciare... e a sognare..”. Mario Orsini

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Torna dopo quasi tre anni sul ring


Scotto PubblicitĂ Livorno


Gioia Tancredi A fare il punto della situazione del no“Ne abbiamo quattro a Livorno: la nostra tare dieci ragazze e sei tranquillo. Se instro pugilato è Tancredi Gioia, quasi ses- “Apl”, la “Fortitude” di Lenny Bottai, la “Boxe vece ipotizzi di allestire cinque incontri al sant’anni, originario di Torre del Greco, Livorno” della famiglia Tassi e la pugilistica maschile devi mettere in allerta almeno trapiantato a Livorno da sempre. Ex pugi- “dell’Accademia dello Sport”. venti pugili, perché alla vigilia i forfait sono le e attuale presidente provinciale e vice Due a Cecina: “l’Uppercut Cecina Boxe all’ordine del giorno!”. presidente regionale della federazione Team” e la “Boxe Cecina Palazzaccio”. Contento del successo tricolore di (FPI), nonché responsabile della gloriosa Una a Piombino: la “Boxe Piombinese”. Giada Landi? APL, acronimo di associazione pugilisti- Una all’Elba: la “Pugilistica Elbana”. “Felicissimo al quadrato. Giada l’ho vista ca livornese: “La società che può essere A livello regionale come siete messi? crescere e, quando viene a Livorno, si alleconsiderata giustamente la mamma del “Benissimo. Numericamente a farci na con il babbo Alessandro, nostro maepugilato labronico e un bel pezzo di sto- maggiore concorrenza è solamente Firen- stro qui all’Apl. Inoltre è un bel biglietto ria di quello nazionale”. Insomma l’uomo ze. Avvantaggiata, però, dal fatto di avere promozionale per il pugilato al femminile, giusto, al posto giusto. un bacino d’utenza molto maggiore del e lo sarà ancora di più se, come spero e meContento signor Tancredi dello stato nostro”. rita, andrà alle Olimpiadi di Londra”. di salute della nostra boxe? Pugilato al maschile, ma pure al femTanta attualità? “Felicissimo dell’attualità e delle prospet- minile? “Il pugilato è uno sport a tutto tondo se tive a medio e lungo periodo del nostro “È vero i tempi sono cambiati. Il numero insegnato da persone responsabili e comgrande sport”. delle ragazzine e donne che si avvicinano petenti. Va bene per il bambino di sei anni I meriti? a questo sport è in aumento, soprattutto a e per il nonno d’ottanta. “Di tutti. Di chi ama il pugilato. Di chi livello amatoriale. Ma anche a livello agoL’esempio più interessante sono i noha capito, e sono sempre di più, che è bel- nistico c’è da essere soddisfatti. Dico di più. stri due, ancora attivissimi, super maestri: lo, pulito, leale, formativo, socializzante Le donne sono più serie e responsabili dei Franco Nenci e Luigi Tassi, oltre 150 anni in ed educativo come pochi altri. Capace di maschietti”. due e premiati, per meriti sportivi, ad ottofortificare fisicamente, di dare armonia ai Cosa vuol dire? bre scorso ad Assisi dalla federazione”. movimenti e regalare autostima. Proprio in “Se in una riunione prevedi di allestire Anche come organizzatori vi state questi giorni in città iniziamo una campa- cinque match al femminile basta contat- dando molto da fare? “Certamente. Non è fagna promozionale, nelle cile mettere in piedi una scuole cittadine dell’obriunione ci vogliono idee bligo, per promuoverlo e sponsor. Però è la strada ulteriormente”. giusta per dare soddisfaI numeri? “Interessanti, sarei tentazione ai nostri ragazzi che to di dire quasi esaltanti”. vogliono salire sul ring Perché? di fronte ai loro parenti “In tutta la provincia amici e amiche. A dicemabbiamo otto scuole di bre abbiamo allestito, pugilato, una settantina nonostante le avversità di pugili agonisti, tanti atmosferiche, una bella bambini che hanno par parriunione al PalaBastia in tecipato ai giochi della occasione del rientro sul gioventù e più di mezzo ring di Luca Tassi. A conmigliaio di amatori. ti fatti, tenendo conto di Mi dica lei se non dobcome sono andate le cose, biamo essere contenti”. possiamo dire di essere Quali sono le società pienamente soddisfatti”. Mario Orsini pugilistiche? Gioia Tancredi (il primo a sinistra) con Claudio Martini

243

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Presidente provinciale e vicepresidente regionale: l’uomo giusto al posto giusto per una federazione pugilistica in ottima salute


Rugby Rugby Etruschi Livorno ASD: la società labronica con il maggior numero di squadre uella degli Etruschi è la maggiore realtà rugbystica della città. Per la stagione agonistica 2010-2011, infatti, l’Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Etruschi Livorno è stata la società labronica che ha schierato il maggior numero di squadre nei vari campionati: due formazioni senior maschili, una squadra senior femminile e tutte le giovanili dall’under 18 all’under 6.

Serie C1

La prima squadra senior milita nel campionato di serie C1 e viaggia a metà classifica. Dopo l’esaltante campionato della scorsa stagione che vide gli Etruschi salire sul podio al terzo posto sfiorando così di poco la partecipazione ai play off ff per la Serie B, ben cinque atleti verdi-amaranto sono stati chiamati a vestire la maglia della Serie A

con il Livorno Rugby. Il confermato tecnico etrusco, Giampaolo Brancoli, ha così rimpiazzato la propria rosa con atleti provenienti dalle file del Barracuda Livorno che aveva affrontato il campionato under 20. Brancoli, affiancato in questa stagione da un altro valido tecnico, Riccardo Fabbrini, ha avuto a disposizione una folta rosa che, insieme ai veterani Massimiliano Buonaccorsi, Alberto Mazzoni, Federico Graziani, Simeon Kenfack e Germano D’Ambrosio, ha visto scendere in campo numerosi giovani atleti provenienti dalle fila addirittura dell’under 18: tra questi vale ricordare le ottime prestazioni di Riccardo Angelucci ed Edoardo Marchi. Questi gli altri atleti verde-amaranto: Banchieri, Barsotti, Bartoli, Cavallini, Ciapparelli, Consani, Dello Sbarba, Donatini,

La squadra di C1

245

Duca, Favati, Fuduli, Gai, Genovesi, Mantesso, Masciullo, Masella, Morano, Pacciani, Recchi, Sanacore, Savaglia, Scarafile, Spolverini, Valente, Vannacci, Vitali G., Vitali L., Zanobini e Zia.

Serie C2

Uno dei vanti indiscussi degli Etruschi è stato l’aver avuto la forza di allestire una seconda squadra maschile (unici a Livorno) che è iscritta al campionato di Serie C2. Una sorpresa per tutti perché nessuno avrebbe mai scommesso che questa sarebbe decollata. Invece gli Etruschi, nel loro campionato, stanno dimostrando di avere grande talento grazie anche ai validi tecnici Sergio Gracci e Gino Galletti che hanno preso in mano le redini. Attualmente in vetta alla classifica, gli Etruschi che vestono la maglia verde-blu,

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Q


Scotto PubblicitĂ Livorno


Serie A femminile Altro elemento di assoluto sfoggio è la formazione femminile che ancora una volta affronta in modo più che dignitoso il campionato di Serie A. Questa la rosa della formazione femminile del Rugby Etruschi Livorno: Arrighi, Bani, Basco, Caglieri, Cenci, Chiapponi, Ciaramella, Cottini, D’Anna, Di Domenico, De Conno, Ferrini A., Ferrini I., Grilli, Guidi, Interdonato, Leonardi, Lorenzi, Monaci, Panichi, Roselli, Silva, Tamberi, Teodori e Vaccaro.

Under 18 Ma il Rugby Etruschi in questa stagione ha schierato tutte le giovanili a partire

dall’under 18 guidata dal tecnico Vincenzo Viscariello. La squadra giovanile del Rugby Etruschi Livorno si destreggia nel campionato regionale e vede alcuni atleti convocati spesso nella formazione di C1. La rosa dell’U18 capitanata da Simone Campisi insieme al suo Vice Mario Noferini vede i seguenti atleti: Bernardeschi, Bigazzi, Bolognesi, Bonaccorsi, Bottaini, Carolli, Cirotto, De Gregori, Gattai, La Cognata, Leonardini, Lorenzi, Mannucci, Marceddu, Martinelli, Moretti, Pelosi, Pisani, Salvadori e Scognamiglio.

Under 16 La formazione under 16 degli Etruschi è uno dei fiori all’occhiello tra tutte le giovanili, in particolar modo grazie al costante lavoro portato avanti dai due tecnici Alessandro Sarcina e Alessandro Saltapari. Ben quattro atleti della rosa sono infatti costantemente convocati nella selezione regionale di categoria: Carlo Alberto Bugliani, Filippo Gharbi, Alessio Lomi e Naim Taherzadeh. Questa la rosa al completo dell’U16: Andreozzi, Battaglia, Battini, Bugliani, Conti, Gharbi, Giannotti, Girardi, Giuli, Gregorini, Isola, Locarini, Lomi, Marraccini, Mason, Miraglia, Montanari, Parvi, Piroli, Pistoia, Rastelli, Taherzadeh e Turini.

Settore minirugby: Altro settore di fondamentale importanza è il settore del minirugby coordinato dalla Prof.ssa Elena Malenchini.

Etruschi under 6

Tra le formazioni presenti segnaliamo le under 14, 12, 10, 8 e 6.

Under 14

L’under 14 ha trovato un accordo di collaborazione con la società dell’Amatori Rosignano alla quale il Tecnico Francesco Consani tiene in forma gli atleti etruschi Omar Di Miceli, Andrea Ciucci, Oscar Stasi, Brian Buscarino, Oreste Esposito e Andrea Scognamiglio.

Under 10 e 12

Grandi risultati stanno ottenendo i baby delle formazioni delle under 12 e 10 che ogni domenica scendono in campo nei concentramenti di categoria e conquistando importanti vittorie. I validi tecnici David Martini, Luca Lomi e Simone Andrei possono contare su una rosa che vede tra i propri atleti: Barile, Bianchi, Boldrini, Chelli, Cristiani, Del Greco, Donati, Esposito, Giordano, Grieco, Lari, Lubrano, Mazzoni D., Nanni, Orlandi, Pellegrino, Perciavalle, Pipitone, Salvatori, Santi, Shehu B. e Shehu X.

Under 6 e 8

Altro elemento di vanto sono le formazioni dei piccolissimi. In particolar modo l’under 6 è una delle formazioni più numerose di tutta la Toscana e questo sicuramente grazie al costante lavoro portato avanti dagli educatori Massimiliano Buonaccorsi e Simona Sardelli che stanno dando il massimo per questi bambini. Questa la rosa dei baby etruschi che vestono la maglia tutta blu: Algranti, Buonaccorsi A., Caponi, Carracoi A., Carracoi F., Cristiani, Consani, Conte C., Conte T., Guantini, Mazzoni N., Parziale, Piazza, Sardelli e Sorrentino.

Etruschi

247

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

vedono una rosa ricchissima di atleti under 20. Il capitano Diego De Petrillo (proveniente dalla Serie B prima dell’Arezzo e successivamente dei Lions) e il ViceCapitano, Matteo Bonaretti, portano ogni domenica in campo giovanissimi atleti che sono affiancati da pochi veterani come il Presidente della Società, Carlo Ghiozzi, e gli scafati Tiziano Laronzi e Adriano Ferrarini. Ottime le prestazioni dei fratelli Incrocci, Christian e Mauro, e dei metamen Marinai in mischia e Pieri sui tre quarti; sbalorditive le prestazioni di giocatori che per la prima volta sono scesi in un campo di rugby come Giuseppe Ruffino e Diego Amadori. Questa nel dettaglio la pattuglia Under 20 degli Etruschi: Amadori, Borella, Bottoni, Campani, Di Miceli, Fabbri, Formigli, Gracci A., Incrocci M.,Longo, Loreti, Marinai, Nesi, Pacifico, Picardi e Venturi. Al loro fianco i giocatori over: Baglivi, Baldi, Banchini, Bardini, Berti, Bonaretti, Bufalini, Compiani, De Petrillo, Ferrarini, Filippeschi, Ghiozzi, Giloberto, Incrocci C., Laronzi, Locarini, Lomi, Mini, Novi, Pieri, Pintore, Pracchia, Rocchi, Ruffino, Sottile, Spagnolo, Susini e Trinca.


Donne in campo S

ono un gruppo di eccellenza le donne del Rugby Livorno Etruschi perché rappresentano una minoranza nel campo nazionale, oltre che regionale e locale. Ma la loro grinta è infinita, e giocano in campo con determinazione e professionalità, dimostrando di non essere meno dei colleghi uomini, anzi possiamo dire che danno prova di maggior impegno. In una piovosa e fredda serata d’autunno le incontriamo a bordo del campo di Vicarello dove alternano i loro allenamenti con il campo di Livorno per favorire in parte le ragazze che vengono da Pontedera. Sono: Alessia Panichi, 22 anni di Ponsacco, studia Igiene Dentale all’Università; Caterina Barsotti 17 anni, di Cecina frequenta il Liceo Economico; Selene Vaccaro di Livorno 25 anni, lavora nel suo negozio di fiori; Irene Leonardi 31 anni, lavora come impiegata a Livorno. Da quanto tempo fate Rugby? E come avete iniziato? “Alessia: da maggio 2010. Ho saputo che a Pontedera sarebbe nata una squadra, ma poi la cosa non è andata in porto e allora mi sono trasferita a Livorno. Nessuno mi ha avvicinato a questa disciplina, mi è sempre piaciuta e l’ho seguita con attenzione fin da piccola.

Caterina: pratico il rugby da quasi 12 anni, perché anche mio padre è un giocatore”. Selene:: ho sempre seguito il rugby per perché sia mio padre che mio fratello lo hanno sempre praticato. Cinque anni fa ho scoperto che nasceva una squadra femminile nella mia città, composta da ragazze che conoscevo e così ho deciso di cominciare”. Irene: anch’io conoscevo già questo fin da piccola, perché lo faceva mio fratello e un altro parente. Così 5 anni fa, grazie anche alle insistenze di Selene, ho iniziato”. Avete fatto sport precedentemente? “Alessia: da piccola ho fatto un po’ di ginnastica ritmica e danza, che ho lasciato perché non mi piacevano. Era molto tempo che non facevo più niente, ad esclusione di ginnastica correttiva per problemi legati alla scoliosi. Caterina: da 3 a sei anni ho fatto piscina calcio e judo, che ho poi lasciato per amore del rugby. Selene: io vengo dalla piscina, dove ho fatto anche l’insegnante. Il nuoto è uno sport singolo e alla lunga stanca, cercavo una disciplina di squadra e l’ho trovata nel rugby. Irene: anch’io vengo da una lunga pausa, perché la mia ultima attività fisica risale a quando facevo palla a mano in prima

249

superiore. Ho ricominciato a fare sport con il rugby a 26 anni”. Il vostro curriculum sportivo? “Alessia: io sono arrivata da poco quindi non ne ho, se non l’aver iniziato il campionato da poco. Caterina: da giovanissima ho giocato a Cecina con il maschile e la competizione più importante alla quale ho partecipato è stato il Torneo Topolino che si svolge in tre giorni e ti permette di affrontare ffrontare le squaff dre più importanti. Nel femminile invece ho avuto la fortuna di entrare nella nazionale. Selene: nel 2010 abbiamo ottenuto belle vittorie e anche il 2011 è iniziato bene. In questo periodo ho partecipato a qualche torneo e ai campionati. Attualmente sono il capitano della squadra. Irene: sono il vice capitano, e anch’io ho partecipato ai campionati e ai tornei in programma. Io e Selene abbiamo iniziato a giocare con i Lions Amaranto e poi siamo state cedute agli Etruschi che avevano una squadra femminile under 16 e stava coltivando un bel gruppo di ragazze. La fusione ci ha permesso di diventare più forti, ed infatti, dallo scorso anno abbiamo cominciato a vedere buoni risultati”. La soddisfazione più bella che vi dà il rugby?

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Ottimi risultati per la nuova squadra del Rugby Etruschi Livorno


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

“Alessia: le tante e nuove amicizie che puoi fare, ragazze sulle quali sai di poter sempre contare. Caterina: la squadra è un po’ la nostra famiglia. Le compagne diventano le per persone con le quali condividi di più in tutta la tua vita. Selene: il rugby non è solo uno sport, ma è anche una disciplina di auto aiuta. Il sostegno che ci diamo è fondamentale, ed è un atteggiamento che ti rimane anche quando sei fuori dal campo, così ti viene naturale proteggere le compagne in ogni occasione. Irene: sì, anch’io confermo quello che hanno detto le mie compagne. Scendiamo in campo in sette, in realtà siamo solo una, perché fra noi c’è un legame molto forte”. Quante siete? “Ora siamo quasi venti e questo ci per permette di respirare un po’ durante le partite perché possiamo avere anche dei cambi”. Vi hanno mai detto che il rugby è uno sport da maschi? Alessia: “Tutti lo pensano a cominciare dalla mamma, dalla nonna e dalle amiche che si preoccupano. Ma io non mi curo dei commenti e dico loro che non ho paura di farmi male, ma invece ho paura di sbagliare mentre sono in campo, visto che sono nuova. Caterina: non ho mai avuto problemi perché in famiglia praticano quasi tutti rugby e poi ho sempre giocato con i maschi e nessuno mi ha mai fatto critiche o obbiezioni. Selene: vi è una parte di ragazzi che considerano il rugby come uno sport per soli uomini e ti consigliano di andare a danza, ma credo che questi siano coloro che non conoscono la disciplina. Ci sono poi quelli che

ti appoggiano e sono orgogliosi di quello che facciamo come donne, almeno per quello che mi riguarda è così con mio padre e mio fratello. Irene: in famiglia non mi è andata tanto male, mio fratello ha sempre giocato fin da piccolo e mia mamma si è rassegnata, mi dice di stare attenta, ma niente di più. Anche con gli amici non ho avuto problemi, anzi mi dicono che è il mio sport, perché ho un carattere aggressivo”. Vi sentite discriminate rispetto ai maschi? “Tutte: Assolutamente no. Anzi ci sentiamo e siamo più brave. Però bisogna anche dire che a livello nazionale la squadra femminile è considerata promozione e non è la stessa cosa del professionismo maschile”. Una cosa bella da ricordare? “Alessia: per me che sono arrivata da poco è la vittoria del concentramento che abbiamo fatto a Prato. Ero molto agitata, in ansia più del solito, soprattutto per la partita contro il Bologna. Caterina: se proprio devo sceglierne uno è la vittoria con la Benetton di Treviso 15 a 5 nel 2010. La cosa bella non è stato vincere, che comunque lo abbiamo fatto in modo schiacciante, quanto l’atmosfera, e l’affetto ffetto della squadra. ff Selene: anche per me. Il Treviso è una delle migliori squadra, quella imbattuta da sempre e con delle strutture a disposizioni meravigliose. Aver vinto a testa alta ci ha dato molta soddisfazione. Irene: Concordo. E vorrei anche ricordare che noi nel 2010 eravamo in questo girone veneto che ci obbligava a trasferte lunghe di oltre cinque ore, con la sveglia che suonava all’alba, eravamo sempre noi a spo-

Rugby Femminile Etruschi

250

starci perché le atlete del Treviso consideravano Livorno troppo lontano! Noi livornesi siamo arrivate con semplicità e forse siamo state anche un po’ ‘casiniste’, mentre loro si sono presentate con il trolley e una ‘porta borse’, che in una cesta raccoglieva tutti i loro bagagli, ma in campo le abbiamo distrutte. Giocare contro le campionesse d’Italia che ti guardano dall’alto al basso e vincere in modo schiacciante è stato bellissimo”. Il terzo tempo? “Irene: è un fondamento del rugby. A parte lo scorso anno, che non lo abbiamo vissuto perché nel girono veneto, non so per quale motivo, nessuno si sprecava mai per prepararci qualcosa da mangiare, nonostante facessimo viaggi lunghi. Il nuovo campionato 2010-2011 invece è diverso e ci siamo rimpossessate del terzo tempo, che è importantissimo perché unisce molto, crea un legame e come donne ci piace molto. Naturalmente in campo si lotta per vincere, ma fuori ci piace avere questi rapporti”. Quanto è pericoloso il rugby? “Non me la sento di dire che è pericoloso. Certo è una disciplina di contatto, e sono maggiori le probabilità di infortunio, ma non può essere considerato uno sport pericoloso, e tantomeno aggressivo o cattivo. Ci sono delle regole sensate che se rispettate rendo il gioco sicuro”.

Dirigente per necessità, Marinella Specchia tornerà presto a giocare Marinella Specchia ha 29 anni e gioca a rugby da quando ne ha 19, attualmente è dirigente della squadra femminile per necessità, nel senso che aspetta di partorire suo figlio a marzo 2011, per poi rientrare in campo. Il padre del bambino, neanche a dirlo è un rugbista. “Ho visto nascere questa squadra. Il primo allenatore volle lanciare una sfida e decise di fondare una squadra femminile a Livorno chiedendo a tutte le amiche di farne parte. Così ho iniziato senza avere la minima idea di cosa fosse questo sport, e da allora non ho più smesso, se non in questo periodo di gravidanza, ma ho scelto di occupare il ruolo di dirigente per rimanere comunque vicina alla squadra”. Cosa ti piace di questa disciplina? “La positività dell’ambiente, fatto di solidarietà. Io mi sento in famiglia. Mi piace anche perché è uno sport che tira fuori la


Alessandro Brondi allenatore della squadra femminile

altri sport, dove c’è sempre una punta di diamante che porta avanti la squadra”. Dove hai giocato? “Nel Livorno e nel Pisa e poi sono tornato agli Etruschi negli ultimi anni”. Come è avvenuto il passaggio ad allenatore? “È stato un passaggio costretto. Mi sono accorto di non poter più dare in campo, ma ho capito l’importanza dell’esperienza per chi allena, rispetto alla freschezza atletica. Così inizialmente mi sono trovato a dare dei consigli e ho notato che i giovani li seguivano, poi ho cominciato a prendermi maggiori responsabilità ed anche in questo caso ho constato di avere un ascendente e così ho deciso di fare l’allenatore”. Che differenza fferenza c’è nell’allenare maschi ff e femmine? “Ci sono differenze fferenze strutturali e impostaff zione di gioco. Ma la cosa più importante è che vedo nelle donne più passione, più voglia di imparare e crescere, mentre nei ragazzi c’è un po’ più di presunzione, pensano già di saper giocare, sono più nella fase del protagonismo”. Qual è la soddisfazione più bella che ti hanno dato? “Mi seguono, fanno quello che dicono e sono riuscite a fare un gruppo. Ho sempre pensato che fra donne ci fosse troppo conflitto, troppa rivalità, ed invece la soddisfazione più bella che mi hanno dato è il loro essere riuscite a fare gruppo, che poi è la strada più giusta per fare risultati, come sta accadendo”.

Entusiasta di allenare la squadra femminile è Alessandro Brondi classe ’71 e naturalmente ex giocatore, che da due anni, insieme al vice allenatore Paolo Barsotti, segue le ragazze degli Etruschi. “Gioco a rugby da quando avevo 14 anni, portato da mio fratello più piccolo che è sempre stato un appassionato di questa disciplina. Avevo fatto anche altri sport come il calcio e la pallacanestro, ma quando andai a vedere una partita di mio fratello capii cosa era il vero gioco di squadra, perché gli atleti in campo reagirono in un momento di difficoltà aiutando un loro compagno che aveva fatto una scorrettezza, per punirlo poi negli spogliatoi. Quei giocatori mi mostrarono che sapevano di essere tutti sulla stessa barca e che avrebbero vinto o perso tutti insieme. Un gioco di gruppo che non avevo mai visto negli

Adotti differenti fferenti tecniche di allenamento? ff ““No. L’errore che fanno alcuni allenatori è quello di voler insegnare il rugby al femminile, invece io insegno semplicemente il rugby, poi ovviamente in campo avranno avversarie donne e quindi il gioco si svilupperà in modo diverso. Ma le caratteristiche delle atlete devono essere le stesse e durante gli allenamenti insegno il rugby senza differenze fferenze di genere”. ff La caratteristica di un bravo allenatore? “Un bravo allenatore deve essere impar imparziale. Deve creare un gruppo ma non farne troppo parte emotivamente, altrimenti si rischia di fare delle ingiustizie e commettere errori. Bisogna cinicamente valutare la squadra e mettere in campo la formazione migliore, in modo che nessuno si faccia male. Quando si riesce a far capire questo alla squadra si è dei bravi allenatori”. Un sogno? “Arrivare alle finali e magari anche fra i primi 5 in classifica. Inoltre, spero che la Toscana diventi il centro del rugby femminile, togliendo il primato al Veneto”. Che caratteristica deve avere una ragazze? “Deve essere disposta al sacrificio. Generalmente le donne sono portate al sacrificio fisico, meno a quello mentale, nel senso che hanno difficoltà ad affidarsi agli altri, in questo caso alle compagne di squadra. Per diventare una buona atleta una ragazza deve arrivare a comprendere la necessità di affidarsi alle compagne”. Antonella De Vito

Rugby Femminile Etruschi

251

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

grinta del giocatore e questa è una cosa che mi è servita anche nella vita, dandomi più sicurezza. Altro aspetto importante del rugby è rappresentato dal fatto che è uno sport adatto ad ogni caratteristica fisica, c’è spazio per tutti, non si esclude nessuno. Una disciplina educativa anche per i più piccoli perché si insegna il rispetto per l’ar l’arbitro, per l’avversario, per il compagno”. Un sogno nel cassetto? “Il sogno nel cassetto l’ho già realizzato quando ho avuto la possibilità di giocare un anno nel rugby a 15 e di essere capitano della squadra. Adesso un altro sogno è che gli Etruschi riescano ad organizzare una squadra a 15, ma per farlo ci vuole il numero, bisognerebbe essere almeno 25 atlete e trovare qualche sponsor più sostanzioso, perché le trasferte sarebbero ancora più lontane e quindi più onerose”. Qual è il tuo compito di dirigente? “All’inizio della stagione è quello di fare i tesseramenti delle giocatrici e controllare che siano state fatte tutte le visti mediche necessarie. Devo poi seguire l’organizzazione delle partite, preparare il terzo tempo quando si gioca in casa, assicurarmi della disponibilità del campo, dell’arbitro e del medico. Di fatto sono il tramite fra la società e le giocatrici. Una cosa positiva di questa società è che crede tantissimo nel femminile e lo scorso anno siamo state una grande soddisfazione per i risultati raggiunti”.


energie alternative

SEDE LEGALE: Via A. Bacchelli, 70 Loc. Porta a Terra - 57124 Livorno Tel. 0586 860494 - Fax 0586 856499        


Lions Amaranto:

D

a quando, nel 2007, hanno iniziato l’attività seniores, i Lions Amaranto Livorno hanno sistematicamente centrato il loro obiettivo stagionale. Nella prima annata (campionato di C1 07/08), ecco subito la promozione. Poi, nei due tornei successivi, viene colta la permanenza in serie B. I primi tre campionati a livello seniores sono stati vissuti sotto la guida dell’allenatore Massimo Goti, che nell’estate scorsa, per motivi personali, ha preferito non proseguire il suo matrimonio sportivo con i Lions. La sua pesante eredità è stata raccolta, all’inizio della stagione 10/11, dalla coppia di giovani trainer Emanuele Bertolini e Daniele Conflitto. Il quindici livornese, nel torneo in corso, punta nuovamente alla meta salvezza. Un obiettivo alla portata, considerato il buon ruolino di marcia del girone di andata (quattro vittorie e sette sconfitte, che valgono un discreto margine sulla zona ad alto rischio della classifica). I Lions, targati in questa annata ‘Ies Solare’, puntano tutto su giocatori realmente dilettanti. L’intera rosa (o quasi) è composta da elementi nati e cresciuti nel vivaio amaranto. La società labronica, nata nel 2000, ha sempre voluto effettuare ffettuare ff ettuare un passo alla volta, evitando voli pin-darici. Dal 2000 al 2007 il sodalizio presieduto da Mauro Fraddanni ha unicamente curato almeno a livello ma-schile - il setto-

re giovanile. Il vivaio, anno dopo anno, è cresciuto in modo esponenziale. Con i giocatori ormai diventati ‘uomini’ e comunque non più utilizzabili nei campionati giovanili, si è resa necessaria, nel 2007, la scelta di iniziare anche l’attività seniores. Nel primo anno, in C1, i Lions si sono affidati ad una stretta collaborazione con il Cus Pisa ed hanno ‘eletto’ proprio quartier generale il terreno Partita Lions Viterbo (foto di Tommaso Chiavistelli) di gioco di San Piero a Grado. Nel 2008, con l’impossibilità di continuare allena- i Lions hanno colto l’obiettivo minimo del menti e partite sul terreno di San Piero, ormai punticino ed hanno festeggiato la meritatisdismesso, si è interrotto il proficuo rapporto sima salvezza. Inutile il successo con bonus con il Cus Pisa e si è spostato il baricentro ottenuto domenica 8 dal Viterbo a Pesaro. dell’attività a Livorno. I Lions, dal 2008, di- I Lions hanno chiuso con un punto in più sputano le proprie gare casalinghe al ‘Carlo dei laziali, poi ripescati nel corso dell’estate. Montano’ di via dei Pensieri ed effettuano ffettuano la FRESCHEZZA. Nella stagione 10/11, lo Ies ff loro preparazione su terreni di gioco cittadi- Solare Lions Amaranto, composto in gran ni. La segreteria della società è situata presso parte da elementi giovani, provenienil piccolo impianto della via della Chiesa di ti dal florido vivaio, punta tutto sulla freSalviano. Ecco il dettaglio del 2010 amaranto. schezza e sull’agilità. Si prediligono azioni SALVEZZA ALLO SPRINT. La salvezza nel cam- al largo, nel tentativo di allontanare il più pionato 09/10 è giunta all’ultima giornata. possibile l’ovale dalla mischia. I labronici Dopo un buon girone di andata, gli amaran- possiedono un pacchetto organizzato, ma to, complice una lunga serie di infortuni, han- non particolarmente pesante. Competitivi no incontrato difficoltà nella seconda parte i trequarti, dotati di velocità esplosiva. della stagione. Il torneo si è deciso nell’ultimo UNDER 18 SUPER. La stagione 09/10 è risultaturno, nella gara casalinga con il Mantova, ta memorabile per l’under 18 amaranto, cagiocata in anticipo sabato 8 maggio (il 9 era pace di dominare la scena nel campionato di in agenda Livorno-San Donà di A1). Con le categoria. Dopo aver perso - non senza rimsue cinque lunghezze di margine sul Viterbo, pianti - in avvio di annata il diritto di giocapenultimo in classifica, ai Lions bastava, con- re nel torneo d’èlite, la squadra labronica ha tro i virgiliani anche solo un punto. Secondo inanellato una striscia record di vittorie, che i principi propri del rugby, il Mantova - che non si è interrotta fino a giugno! Una sfilza di pure non aveva da chiedere molto alla sua larghi successi, quasi tutti conditi dal bonus ultima fatica agonistica - non ha concesso aggiuntivo, che hanno permesso di dominasconti. I lombardi hanno, in modo più che le- re dapprima il campionato regionale di serie gittimo, vinto, ma negli ultimi minuti di sfida, B e poi di vincere in scioltezza il titolo di mitrovando la marcature sufficiente per cedere glior formazione del centro Italia. con un margine inferiore alle otto lunghezze, Fabio Giorgi

253

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

conferma per i senior, freschezza e agilità per gli under


Per un caldo inverno... e un’estate che non sia un inferno! 8A>B6I>OO6O>DC: t GZh^YZco^VaZ t 8dbbZgX^VaZ t >cYjhig^VaZ

GZXjeZgVidg^Y^XVadgZ 6[Òa^Vid H]de/

K^VYZaaZ<VaZgZ.&$.("A>™IZa#%*-+-.,.+,™%*-+.*'%%,™8Zaa()+(&%+)&-

ZbV^a/ejcidXa^bV5`ViVbV^a#Xdb"lll#ejcidXa^bVa^kdgcd#Xdb

Scotto Pubblicità Livorno

Fhe][jj_[fh[l[dj_l_]hWjk_j_š=WhWdp_Wfhebkd]WjW FW]Wc[dj_Z_bWp_edWj_š7ii_ij[dpW[cWdkj[dp_ed[ K^h^iVX^hj/lll#eV\^cZ\^VaaZ#^i$ejcidXa^bV"a^ 8]^VbVX^<gVi^h

PIN

0586897967


Livorno Rugby:

O

ttant’anni di storia sportiva per una delle più importanti società labroniche. Il 2011 per il Rugby Livorno un anno di grandi festeggiamenti per ricordare le importanti radici storici che la fanno annoverare come una delle prime società formatisi in Italia. Sinteticamente si possono ricordare le stagioni migliori come quella del ‘89 -’90 che ha visto la squadra raggiungere il 7° posto, il miglior risultato mai ottenuto in assoluto. Nel 2002 si è ripartiti dalla B puntando sui giovani e oggi il Livorno Rugby può vantare il suo posto in A1 per il terzo campionato di seguito. Un risultato non da poco se si pensa alle risorse economiche della società, ed il fatto che comunque, dopo l’eccellenza, questo rappresenta il campionato di massima serie in Italia. La caratteristica di Livorno Rugby è quella di aver tradizionalmente sempre dato importanza al suo settore giovanile e dalla fine del 2010 tale concetto è stato sottolineato con maggiore vigore. Dopo una stagione con alti e bassi, ma senza mai aver messo in discussione la salvezza, la squadra ha voluto iniziare il nuovo campionato all’insegna della svolta, lasciando in organico solo due giocatori stranieri e dando spazio ai giovani.

Il campionato 2009 - 2010 è partito bene con la squadra labronica in netto vantaggio nelle prime partite, ma dopo aver perso i playoff ff per poter disputare la salita nell’Eccellenza c’è stato un indubbio e anche comprensibile rilassamento, che ha portato la squadra a piazzarsi a fine campionato all’ottavo posto. Nella stagione 2010 - 2011 appena iniziata si può dire che per ragioni tecniche ed economiche è cambiato allenatore, lo storico Guglielmo Prima ha lasciato a favore della ‘pensione’ ed è stato sostituito dal Diego Sacca, classe 1981, naturalmente ex giocatore nato nelle file del Livorno Rugby e alla prima esperienza nei panni di tecnico. L’obiettivo della stagione 2010 -2011 è la salvezza, anche perché la squadra mantenendo due soli giocatori straniere, Luciano Artal e Morixe, e puntando tutto sui giovani deve maturare una certa esperienza. Le ragioni sono economiche, ma non solo, l’entusiasmo dei giovani e l’attaccamento alla maglia sono valori impagabili che danno quella marcia in più, che sicuramente porterà i suoi frutti in un futuro non molto lontano. A metà ottobre 2010 la società ha inaugurato in via Settembrini il Club House luogo tipico del rugby dove si svolge il

terzo tempo, con bar, ristorante e pizzeria che permettono di ritrovarsi, ma naturalmente con nuovi spogliatoi e un campo di qualità dal manto sintetico di nuova generazione, che mette al riparo dalle avversità meteorologiche che spesso non risparmiano il campo d’erba rendendo difficoltosi, se non impossibili gli allenamenti. Dunque una struttura importante della quale si sentiva la necessità già da qualche anno e che rappresenta un luogo irrinunciabile per tutte le società più importanti come quella labronica. L’inaugurazione della struttura è stata anche l’occasione per fare una grande festa cogliendo l’occasione della presenza del presidente nazionale della federazione Giancarlo Dondi e di tutto il consiglio, che hanno scelto Livorno per riunirsi e tagliare il nastro alla Club House. Di grande importanze sono per le società tutte le under, proprio perché si dà molto valore ai giovani e si preparano i campioni di domani. Le squadre dei ragazzi si sono difese tutte molto bene durante il campionato 2009 - 2011 a cominciare dalla under 18 che ha disputato il campionato toscano di categoria, l’under 16 sponsorizzata dalla concessionaria Fratelli Scardigli che ha visto aprirsi le porte

Presentazione ufficiale della prima squadra al Centro EOS di Collesalvetti (foto di Manfredi Adamo)

255

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

ottanta anni di storia sempre a partire dai più giovani


D.B.M. Impianti Elettrici

di

Del Bono Massimo

Via F. Filzi, 19 int. 27 - 57100 Livorno Tel. e Fax 0586 426389 Cell. 380 3234858 - dbmimpiantielettrici@gmail.com

>be^Vci^X^k^a^!^cYjhig^Va^! Y^VaaVgbZZVci^^cigjh^dcZ Ufficio e Magazzino: Via F. Filzi, 19 int. 27 - 57100 Livorno


Under 12 (foto di Manfredi Adamo)

del campionato d’elite e le under 14, 12 e 10 che si dedicano a concentramenti in varie città toscane, dove giocano più par-

tite nella stessa giornata. Da sottolineare l’impegno dell’under 14 che ha ottenuto ottimi risultati e che nel campionato 2010

Under 12 (foto di Manfredi Adamo)

-2011 è diventata under 16 continuando sempre sulla stessa strada.

a.d.v.

Under 16 (foto di Andrea Trifiletti)

Genitori come volontari

G

Adamo Manfredi con il figlio

li ambienti sportivi sono formati dagli atleti, dai dirigenti e dagli sponsor, ma vi è anche un’altra importante componente della quale si parla poco, e che invece rappresenta un aspetto importante delle società. Stiamo parlando dei genitori, ai quali sempre più spesso, viene chiesti di fare un po’ di volontariato per aiutare ad organizzare la vita sportiva delle società. Un esempio di questa realtà è Adamo Manfredi , 47 anni, genitore di un bambino che gioca nel under 12 nella società Livorno Rugby. “Il rugby mi è sempre piaciuto -racconta- avevo uno zio che giocava e l’ho sempre seguito. Ho cercato di trasmettere questa passione anche a mio figlio, perché è uno sport dove sono rimasti dei valori importanti come la lealtà verso il compagno ma anche verso l’avversario, l’agonismo ma senza cattiveria, il rispetto delle regole. Come genitore faccio volontariato occupandomi delle foto ed ho creato il sito www.rugbylivorno1931.blogspot.com La società ha bisogno di tutti ed anche per noi genitori è un modo di socializzare, ed il terzo tempo che organizziamo quando la squadra gioca in casa è importante

257

per poter scambiare opinioni anche con gli avversari e creare un clima molto bello per tutti. Ho notato che quando mio figlio coinvolge i suoi amici e li porta a giocare a rugby perché possano conoscere questa disciplina, tutti i ragazzi restano colpiti dall’ambiente e dall’atmosfera di sport sano. Inoltre, fare rugby è servito a mio figlio per aumentare la propria autostima, perché si è reso conto che in questo sport ognuno porta il suo contributo indipendentemente dal fisico che ha. Questo lo ha aiutato anche nella vita di tutti i giorni”. Quindi come genitore lo consigli? “Sì, certo. E bello non solo per i bambini, ma anche per i genitori, anche fra noi c’è un bel clima. Quando organizziamo i tor tornei siamo tutti mobilitati, e non vediamo l’ora di dare il nostro contributo. Sono appassionato di foto e mi è venuto naturale farle e creare questo sito dove metto anche quelle degli altri genitori e gli articoli che scrivono”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Vorrei sottolineare che il Livorno Rugby è un’ottima fucina di giovani, in tutte le under i ragazzi si fanno valere, anche con le squadre più blasonate. Sono molto bravi e motivati”. A.D.V.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Adamo Manfredi, fotografo e creatore del sito www.rugbylivorno1931.blogspot.com


Scherma

Un anno di scherma La storia siamo noi

ra la grande scherma e Livorno un amore, un connubio, una corrispondenza “d’amorosi sensi”, infinita. Da oltre cent’anni. Con sonanti successi e solo qualche parziale delusione. È il 23 gennaio 1892 quando Beppe Nadi, pistoiese trapiantato a Livorno, fonda il circolo scherma Fides, in una stanzetta priva di corrente elettrica, dell’allora malfamata e ricca di case di tolleranza, via della Posta. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta e il Fides ha collezionato medaglie pregiate in quantità industriale a tutte le latitudini, diventando il circolo più medagliato del pianeta. Anche nell’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle, le soddisfazioni, per gli amanti di questo sport, che tanto si addice ai livornesi, non sono davvero mancate. Per accorgersene basta riavvolgere il nastro dei ricordi allargando lo sguardo ai tanti spadaccini di casa nostra che hanno tenuto alto il blasone amaranto nel mondo intero non solamente con la casacca del Fides, ma pure con quella di altri circoli scherma cittadini. Primo fra tutti il ClubScherma Livorno del maestro Paolo Paoletti. A dare lustro alla

scherma di casa nostra sono stati anche schermitori che si allenano abitualmente lontano dalla nostra città come Aldo Montano (Roma) e Virginia Di Franco (Pisa). Ma andiamo con ordine.

Luperi subito protagonista Sul primo roboante squillo di tromba della stagione 2010 c’è la firma di Edoardo Luperi. Un talento naturale. Un Virginia Di Franco la prima da sinistra mix di classe, determinazione, orgoglio e grinta. Uno che a per- degli anni ottanta, inizio novanta ed attuale dere non ci sta neppure quando gioca con allenatore dei portieri dell’Inter. Lorenzo Niil fioretto oretto con l’amichetta o l’amichetto della sta è nato a Livorno il 21 gennaio 1993. La porta accanto. Per lui la stagione inizia con il sua è una carriera parallela a quella di Luperi piede sull’acceleratore. Il regalo di Befana se e insieme sono il nuovo che avanza nel fiolo fa con un paio di giorni d’anticipo. Dome Dome- retto giovanile mondiale. Per il bravo Lorennica 4 gennaio 2010 trionfa nella prestigiosa zo il successo di Livorno è un bis importante. “CoupeHeracles” di Budapest. Anzi un tris. Una delle più importanti prove di Coppa Nel 2009 aveva trionfato a Monza sempre del Mondo, del circuito Giovani (under 20). tra i cadetti e nel 2004 nella categoria MaUn successo storico, che più storico non si schietti. Anche in questa occasione, come può, che fa il paio con quello di Leszno in sua abitudine quando è in giornata di grazia, Polonia di un mesetto prima. Nessun fioret- Lorenzo, allievo del mitico maestro Paolo tista italiano della categoria Cadetti (under Paoletti, al ClubScherma Livorno, non lascia 17), prima di lui, aveva mai vinto una prova nulla al caso. Primo dopo i gironi –tutte vittodi Coppa del Mondo del “piano” di sopra rie con un gap positivo in termini di stoccate (under 20). Neppure, Salvatore Sanzo, di + 17– inizia le dirette, con il super turbo Simone Vanni ed Andrea Baldini. Tanto innestato, spazzando via, come fuscelli, fino per ricordare tre grandissimi. Figurarsi alle semifinali, quanti gli capitano davanti. due volte nella stessa stagione ed a Per la cronaca Francescon (15-2), Philippson distanza di poco più di un mese, l’una (15-8), Zacchero (15-7) e Franco Piero (15-4) dall’altra. nell’ordine. In finale, invece, forse anche per la tensione di dover tirare in casa, fatica un po’ più del previsto (15-13) a ridurre a miti consigli il romanino Saverio Schiavone. Un A marzo la grande scherma giovanile fa avversario imprevisto e super caricato dalla tappa in città. In programma al PalaLivorno semifinale vincente con Edoardo Luperi, che ci sono i Campionati italiani Cadetti (under in quel periodo aveva ancora la maglia del 17) e Giovani (under 20). La prima medaglia glorioso circolo Scherma Fides sulle spalle. tricolore, targata Livorno, se la mette al collo, Poi migrerà verso il gruppo giovanile delle nel fioretto oretto maschile, Lorenzo Nista. Un gio gio- Fiamme Oro. La sconfitta a sorpresa di Luperi vanotto longilineo, figlio di Alessandro: ex in semifinale fa saltare l’attesa e prevedibile portiere della nazionale under 23 di calcio, sfida nella finalissima tra Luperi e Nista.

259

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

T


Conseguimento di tutte le categorie di patenti:

A-B-C-D-E

in tempi rapidi e a prezzi convenienti Con servizio navetta da Stagno Lun/merc/ven partenza dalle Poste di Stagno ore 18.20 per tutti coloro che dovranno conseguire la patente auto

Corsi A.D.R.

(trasporto merci pericolose)

Scotto PubblicitĂ Livorno

a ciclo periodico

Corsi per patenti professionali


Un vero peccato per chi era pronto a gustarsi questo derby cittadino. Edoardo Luperi, tra l’altro fino alla sbandata con Saverio Schiavone, non aveva dato cenni di cedimento. Numero due del tabellone dopo i gironi, era arrivato alla semifinale con il vento in poppa. In tre dirette aveva messo a segno 45 stoccate e subite appena 13. A fare la diffe ff ffe renza tra lui e Saverio Schiavone, forse anche la pressione psicologica di dover tirare, per la prima volta di fronte al proprio pubblico, in una gara importante. “Non so spiegarmi neppure io questo risultato negativo. Schiavone, tutte le volte che l’avevo incontrato, l’avevo sempre battuto”, i suoi commenti a gara finita. Domenica 14 marzo 2010 è il gran giorno di Tommaso Lari. Il suo nella categoria Giovani di fioretto è un trionfo annunciato. Tommaso Lari, nato a Livorno il 5 dicembre 1990, gareggia ancora con la maglia del circolo scherma Fides. In estate, per seguire il maestro Marco Vannini, ci sarà l’addio alla società che l’ha visto crescere. L’ultimo ad alzare bandiera bianca, di fronte allo straripante Tommaso, è il siciliano, di Acireale, Daniele Garozzo. La gara? Tommaso Lari, appena il direttore di gara ha dato il classico: “a voi”, si catapulta sull’avversario. A sospingerlo il calore dei suoi tifosi. Per il campione d’Europa in carica, Garozzo, è notte fonda. Tommaso è troppo forte, troppo bravo, troppo concentrato per sperare di batterlo. Dopo meno di un minuto il divario è già incolmabile (7-1). Da quel momento Lari continua a macinare scherma d’altissima qualità e in meno di un altro minuto chiude la tenzone: 15-6. L’unico a cercare di mettergli i bastoni tra le gambe nella corsa

261

me al suo staff ff è riuscito a far funzionare a puntino la macchina organizzativa. Una cosa davvero non di poco conto. Onore e merito dunque a lui ed a quanti hanno contribuito a questo successo. Un lavoro certosino che a bocce ferme ha avuto il plauso pure della federazione. L’assegnazione al circolo Fides, per quest’anno dal 26 al 29 maggio, dei Campionati italiani assoluti non è casuale, ma anche diretta conseguenza di queste ottime capacità organizzative dei nostri dirigenti cittadini. Capacità, perspicacia, intelligenza e vivacità, messe in mostra nell’appuntamento giovanile della scherma tricolore. Un Bichisecchi stanco, ma contento che tutto sia andato bene: “Anzi doppiamente contento. L’ultima ciliegina sulla torta l’ha messa, nella prova conclusiva, il nostro schermitore di punta. Il bravissimo Tommaso Lari”.

Campionati mondiali giovanili di Baku

La grande kermesse mondiale della scherma giovanile dal 2 al 10 aprile, fa tappa a Baku. La capitale dell’Azerbaijan. Ex Repubblica Federata dell’Unione Sovietica, indipendente dal 1991, confinante con Russia, Georgia, Iran ed Armenia. L’Italia schiera complessivamente 42 schermitori, in rappresentanza di 37 società. Livorno come consueto fa la parte del leone. Dalla nostra città, in cerca di gloria, partono: Tommaso Lari, Edoardo Luperi, Lorenzo Nista, Olga Rachele Calissi e Beatrice Monaco. Riserva a casa è, invece, Benedetta Baldini. A conti fatti più del 10% della comitiva azzurra ha l’amaranto nel cuore. Davvero un bel successo per una città di appena centosessantamila anime. Ma si sa la scherma dalle nostre parti è qualcosa di speciale ed anche in questa circostanza arriva l’ennesima conferma.

Luperi d’argento

Il primo acuto in versione labronica è di Edoardo Luperi. Per lui un argento mondiale intriso di gioia e di sofferenza, fferenza, alle spalle delff lo statunitense Massialas (15-13). A frenare la “folle corsa”, di Edoardo verso il meritatissimo sogno iridato, nella categoria Cadetti (under 17), fortissimi crampi alla gamba sinistra. Un vero peccato perché Luperi prima dell’epilogo non lascia nulla al caso. Secondo, per un’inerzia, in termini di “gap di stoccate”, nei gironi, inizia i turni ad eliminazione diretta, dalla parte bassa del tabellone, a spron battuto. Il lettone Lencbergs (15-8), l’israeliano Sudilosky (15-6) e il coreano An (15-10) sono spazzati via come foglie in una giornata di libeccio. Nei quarti lo scoglio più duro e meno gradito. Il derby con l’amico e compagno di tante battaglie, Lorenzo Nista, del ClubScherma Livorno del maestro Paolo Paoletti. La vera finale anticipata. Il successo, al termi-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Schiavone, Nista, Luperi, Franco

verso la finale era stato Lorenzo Nista, in semifinale. Alla solita partenza razzo di Lari, 4-0 dopo pochi secondi, Nista aveva replicato, parzialmente, portandosi ad una stoccata di distacco sul 10-9 e poi a due 13-11 prima del rush finale di Lari: 15-11. Per Tommaso Lari, nel giorno del trionfo, davanti alla sua gente, una doppia soddisfazione. A salire sul podio (terzo gradino) della sciabola femminile è la sua ragazza: la patavina Lucrezia Senigaglia. La pressione del pubblico? “Quando sono concentrato non lo sento. Questa medaglia, che mi mancava dal 2004, volevo vincerla a tutti i costi, anche perché era l’ultima possibilità a livello giovanile. Dalla prossima stagione sarò costretto, anagrafe alla mano, a gareggiare nella categoria assoluta ed eventualmente under 23”. Soddisfatto del bronzo tra gli under 20 e l’oro tra gli under 17 Lorenzo Nista. “Un successo nella categoria Cadetti e una medaglia di bronzo tricolore, in quella Giovani è uno straordinario risultato. La semifinale? Sono partito piano. Poi mi sono rifatto sotto. Recuperare quattro stoccate ad un super campione come Tommaso Lari però è difficilissimo. E così è stato. Dedico questa medaglia a babbo Alessandro”. Le altre e gli altri? Nel fioretto femminile buon sesto posto per Beatrice Monaco. Ad impedirle di andare in semifinale (12-15) la pisana Chiara Cini che, negli ottavi, aveva riservato la stessa sorte, con identico punteggio, ad Olga Rachele Calissi. “Un vero peccato – ci spiega Beatrice - sono partita benissimo, andando in vantaggio per 6-1, poi mi sono fermata. Forse anche perché soffro il tipo di scherma di Chiara”. Ottavo posto, invece, per la sciabolatrice Benedetta Baldini, sorellina (nata il 15 maggio 1993) del campione del mondo Andrea. A sconfiggerla la foggiana Martina Criscio. Per Benedetta è la storia che si ripete: “È tre volte di fila che Martina mi batte. Prima agli europei, due giorni fa nella categoria Cadetti ed oggi”, le sue parole a gara finita. Tra le fiorettiste stop negli ottavi per Ilenia Orsolini. Le altre fiorettiste? Giorgia Bichisecchi, Giulia Baldini e Debora Mosca si erano arrese nei sedicesimi. Sfortunata la sciabolatrice, del Fides, Maria Vittoria Sartori che si trova davanti, anzitempo, la fortissima romana Paola Guarneri. Nella sciabola maschile ad arrendersi, negli ottavi, sono: Tommaso Saviozzi e Giulio Vecchi e nel turno precedente (sedicesimi) Jacopo Rubini. Settimo posto infine per il mestrino Marco De Pieriche che si allena al ClubScherma Livorno, con il maestro Paolo Paoletti. Bravissimi gli spadaccini ed eccellente l’organizzazione. A vincere il proprio personale campionato italiano è il presidente del Circolo Scherma Fides, Andrea Bichisecchi. Insie-


Lari d’argento e Luperi quinto

Lorenzo Nista

ne di un assalto bello e carico di pathos, va (15-10) al “divin” Edoardo. Nella successiva semifinale arriva la vittoria, tutto sommato agevole, per 15-12 con lo statunitense Imboden. Poi l’assalto, atteso e sognato per il titolo. Per la medaglia d’oro mondiale. Il sogno di una vita da atleta. L’assalto per Luperi inizia benissimo. Dopo un batter di ciglia il punteggio è già 3-0 a suo favore. Inattesi e davvero inopportuni, però arrivano i crampi. I dieci minuti di stop previsti dal regolamento, le cure prestate dal fisioterapista e le parole di conforto, del CT Cerioni, non sono sufficienti ad alleviare il dolore. Edoardo, con grinta, rabbia, stoicismo ed orgoglio smisurato, rimane in pedana, tirando praticamente da fermo. Nonostante l’evidente menomazione lo statunitense Massialas suda le proverbiali sette camice per rimanere in scia al fortissimo Edoardo. A due stoccate dall’epilogo (1312) il punteggio è ancora a favore di Luperi. Moralmente, anche se conta poco, in questo sono tutti d’accordo, la medaglia d’oro del fioretto è sua. A mettersela al collo è, invece,

Dopo l’argento di Luperi, tra i Cadetti, quello di Tommaso Lari nella categoria Giovani (under 20). Il Campionato del mondo di Baku continua a sorridere ai nostri campioncini. Almeno per un giorno. Poi, lo vedremo nel prossimo paragrafo, per Lari arriva la squalifica e con essa l’esclusione dai mondiali. Ma andiamo con ordine, limitandoci a raccontare le singole prove in rigoroso ordine cronologico. Lari perde la finale e con essa la possibilità di fare un bis storico dopo il successo di Belfast 2009, davvero per un’inerzia (15-13). A batterlo è un egiziano dal nome impossibile: Elsayed Alaas El Din. Nella stessa prova il sedicenne Edoardo Luperi, anche lui come Lari allievo del maestro Marco Vannini, non tradisce le attese neppure nella categoria superiore. Secondo dopo i gironi, Edoardo Luperi, va avanti baldanzoso fino ai quarti di finale. Qui, forse anche per la stanchezza fisica e mentale, accumulata anche un paio di giorni prima tra i Cadetti (under 17), si arrende allo statunitense Gerek Meinhart 15-12. Il quinto posto finale è in ogni caso uno stupendo risultato sotto tutti i punti di vista. Ma torniamo a Tommy Lari. Terzo dopo i gironi, con sei vittorie su sei e un gap positivo di 21 stoccate (lo stesso di Luperi), inizia le dirette a spron battuto piegando, uno dietro l’altro, un olandese (159), un danese (15-8) e un polacco (15-3) e nei quarti (15-6) lo statunitense, fresco campione del mondo Cadetti, Massialas. Un po’ più sofferta, fferta, invece, la semifinale con ff l’altro statunitense Gerek Meinhart, fresco vincitore di Luperi. Per costringerlo a miti consigli (15-13) Tommy effettua ffettua un portentoso ff

263

rush finale (parziale di 7-2 a suo favore) degno del Cipollini dei tempi migliori. A dare lustro alla scherma labronica ci pensa pure Beatrice Monaco. L’allieva allora diciottenne, del maestro Athos Tanzini, conclude la sua fatica con un onorevolissimo settimo posto. Ad impedire a Beatrice di accedere alla zona medaglie è la francesina Blaze. Nella stessa gara di fioretto femminile la sorte avversa non risparmia alle nostre schermitrici un nuovo derby cittadino. A trovarsi una di fronte all’altra, così come era accaduto nel fioretto maschile Cadetti tra Edoardo Luperi e Lorenzo Nista, sono Beatrice Monaco e Olga Rachele Calissi. Un derby, come consueto avvincente, tra due amiche e rivali, nel senso più bello del termine. A prevalere (15-12) è Beatrice Monaco che può così continuare la sua corsa fino ai quarti.

La squalifica di Lari

La gioia di Tommaso Lari dura poco. La Federation Internazional d’Escrime, riunita d’urgenza dopo la finale tra lui e l’egiziano Elsayed Alaas El Din, dopo averci pensato un po’, lo spedisce a casa e gli commina una squalifica di due mesi. Insomma un mezzo cataclisma. Per capire il perché basta fare un passo indietro. Proprio agli ultimi sussulti della finalissima, quando il punteggio, dopo un andamento altalenante e qualche legittima recriminazione da parte di Tommy, è sul 14-13. La stoccata successiva è quella del disastro. In senso sportivo s’intende. Lari pensa di averla messo a segno, di aver pareggiato il conto. L’arbitro è di diverso avviso, l’asse-

Benedetta e Andrea Baldini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Massialas. Grazie a questo secondo posto Luperi acquisisce il diritto di partecipare, in maniera diretta, unitamente ai tre semifinalisti, ai Giochi della Gioventù o se preferiamo le Olimpiadi under 18 di Singapore ad agosto. Un’opportunità che come vedremo regalerà enormi soddisfazioni a Luperi. Il sesto posto finale non è, invece, sufficiente a Lorenzo Nista a garantirgli quella stessa e meritata opportunità. Per la cronaca Edoardo Luperi mette in bacheca la seconda medaglia d’argento mondiale consecutiva. Nel 2009 a Belfast si classificò secondo alle spalle dell’amico Lorenzo Nista. A gongolare è il maestro Marco Vannini, allora responsabile del fioretto al Fides.


gna all’egiziano e mette il sigillo sulla prova. Le proteste, tutto sommato neppure troppo animate, di Lari, non hanno alcun effetto. ffetto. Per ff lui c’è solo tanta amarezza e una medaglia d’argento bella ma non scintillante come avrebbe meritato. Fin qui tutto normale o quasi. Il resto è quello che non dovrebbe mai accadere. Neppure in un assalto tra scapoli e ammogliati. Figurarsi in campionato del mondo giovanile. Un posto dove il rispetto delle regole, l’etica e la correttezza hanno, giustamente valore doppio. Tommaso Lari mentre scende dalla pedana perde il controllo dei nervi. Con la punta del fioretto colpisce la lampada che indica le stoccate in bersaglio non valido. Un colpo, purtroppo, per lui ben assestato, manda il vetro in frantumi e con esso i suoi sogni. Uno dietro l’altra, quasi come una bomba ad orologeria, arrivano le pesanti conseguenze, appena descritte. Per la cronaca le premiazioni vengono posticipate al giorno successivo, in attesa dell’ufficializzazione delle decisioni del Direttorio Tecnico. Con la squalifica di Lari lo statunitense Meinhardt, sconfitto da Tommaso in semifinale, si porta a casa la medaglia d’argento. Edoardo Luperi, primo dei non “medagliati”, sale nuovamente sul podio e si mette al collo quella di bronzo. I commenti a caldo? Veramente dispiaciuto dell’accaduto il presidente del circolo Fides Andrea Bichisecchi. “La squalifica di Tommaso è un fulmine a ciel sereno. Conosco Tommaso da tanto tempo e di lui ho sempre apprezzato l’educazione, la correttezza e l’etica sportiva. Per arrivare a compiere questo gesto, in ogni caso non giustificabile, tra l’altro nei confronti dei tecnici e non dell’arbitro, oltre alla tensione di una gara mondiale devono aver influito ripetute decisioni

to e una bronzo imprimendo così una accelerazione alla sua carriera che in estate, ad agosto, a Singapore, nelle Olimpiadi Giovanili, di cui parleremo in seguito, assumerà i contorni stratosferici. Parlare di lui come possibile erede di Andrea Baldini inizia a non essere un’eresia. Tra l’altro qualcuno vede anche assonanze fisiche e tecniche: talento fuori del comune, un fisico normale e l’impugnatura di sinistro. Sarà un caso? Certo per raggiungere i traguardi di Baldini dovrà passare tanta acqua sotto i ponti. Ultima considerazione. Luperi, nella prova a squadra é stato scelto dal CT Stefano Cerioni, come ultimo frazionista. Cioè colui che ha il compito, psicologicamente tutt’altro che facile, di disputare l’ultimo assalto e chiudere il conto. Insomma fiducia in quantità industriale. D’altronde ben ripagata. Riassumendo la scherma labronica si porta a casa tre medaglie (due d’argento e una di bronzo) con Edoardo Luperi. Una medaglia d’argento e buon sesto con Lorenzo Nista. Un settimo posto nell’individuale e un sesto a squadre con Beatrice Monaco e un sesto posto a squadre con Olga Rachele Calissi. Chiosa? I nostri spadaccini, anche nel lontano Azerbaijan, come al solito, sono stati i più bravi del reame.

L’ultima medaglia mondiale, d’argento, per i nostri baldi spadaccini, arriva dalla prova a squadre di fioretto maschile nella categoria Giovani. A mettersela al collo Lorenzo Nista e Edoardo Luperi. Insieme a loro gioiscono il romano Francesco Trani e il siciliano Daniele Garozzo. A vincere l’oro, meritatamente (35-45), è lo squadrone statunitense. Di una buona spanna il più forte del lotto. Accanto a Meinhardt e Willette, secondo e terzo nell’individuale, gli States schierano anche il vincitore della prova Cadetti: Alexander Massialas. Insomma, tre spadaccini bravissimi e in forma. L’argento quindi, per i nostri ragazzi, con il lume della ragione e non solo con quella, è un bel risultato. Qualcuno dirà che con Tommaso Lari le cose forse sarebbero andate diversamente. Le buone ragioni per pensarlo ci sono tutte. Tommaso Lari è un super campione, però nell’individuale ha sbagliato di grosso. Lorenzo Nista suo sostituto dà un grandissimo contributo alla causa azzurra. Per garantirsi il diritto a disputare la finalissima Edoardo Luperi, Lorenzo Nista, Francesco Trani e Daniele Garozzo, strapazzano nell’ordine: Brasile (45-16), Canada (45-21) e nei quarti la Gran Bretagna (45-29). E in semifinale sul filo di lana la fortissima Francia: 45-44.

Giovani Spadaccini labronici in grande spolvero nella seconda e definitiva prova di qualificazione ai Campionati italiani assoluti. A guadagnarsi il biglietto d’accesso alla kermesse tricolore di Siracusa al termine delle due prove selettive sono davvero in tanti. I loro nomi? Olga Rachele Calissi, Alessandro Paroli, Lorenzo Nista, Tommaso Lari, Benedetta Baldini, Marco Ciari, Tommaso Saviozzi ed Irene Vecchi. A loro dobbiamo aggiungere la spadista, delle Fiamme Azzurre, Virginia di Franco, cresciuta al Fides sotto la guida del mitico maestro Rolando Rigoli qualche annetto fa ed attualmente alla “corte” di Enrico Di Ciolo a Pisa. Ed inoltre Marco De Pieri, un ragazzo arrivato da Mestre per poter seguire le lezioni del maestro Paolo Paoletti al ClubScherma. E naturalmente Andrea Baldini, Aldo Montano.

Chiusura in bellezza

Tre medaglie per Luperi A conti fatti Edoardo Luperi, il cucciolo della brigata, si porta a casa due medaglie d’argen-

265

Campionati italiani assoluti

Argento tricolore per Andrea Baldini e Virginia Di Franco

Nella giornata inaugurale dei Campionati italiani assoluti di scherma di Siracusa l’amaranto è di moda. A gioire più di tutti però è il maestro del Fides e della nazionale Nicola Zanotti. La pisanina Ilaria Bianco e la lametina (di Lamezia Terme), sue allieve al glorioso circolo di via Allende, dominano, in lungo e largo, il torneo di sciabola femminile. Alla fine prevale (15-13) la pisana grazie anche ad un pizzico d’esperienza in più. A tingere d’ama-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Tanzini Bichisecchi e Ciari

arbitrali che non ha ritenuto giuste”. Sulla stessa lunghezza d’onda di Andrea Bichisecchi anche il maestro, di Tommaso Lari, Marco Vannini, allora responsabile tecnico del fioretto del Fides. Queste le sue parole di commento alla brutta vicenda: “Tommaso ha sbagliato, non si possono cercare alibi. Per Perdere è la prima cosa che si deve imparare nello Sport e nella vita, anche quando le ingiustizie che ci sono state fatte sono state grandi come case. Conosco bene il ragazzo è leale, corretto ed educato. Ma è anche un campione, un giovane campione. In quanto tale deve imparare a capire cosa vuol dire e quanto sia importante, tenere sempre i nervi a posto. In questo caso ha sbagliato e sarà solo lui a rimetterci. Deve prendere esempio da Andrea Baldini e imparare a reagire alle ingiustizie, in modo corretto come ha fatto lui”.


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975

3CALI#ERERE  ,)6/2./s)4!,9 4EL+ &AX+5 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITE - NOLEGGI

Container

â&#x20AC;&#x153;i vantaggiâ&#x20AC;?

Interventi in tutte le zone dâ&#x20AC;&#x2122;Italia

Consulenze in ambito: s Trasporti Terrestri s Trasporti Marittimi Perizie in ambito: s Merceologico s Assicurativo s Marittimo:

Inizio e fine noleggio delle navi Container Autovetture

Verifiche e controlli su: s Attrezzature Meccaniche s Attrezzature Elettroniche

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessitĂ I mpermeabile allâ&#x20AC;&#x2122;acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente

s VVendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

s Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

Misure esterne del container (in metri) BOX BOX BOX (#

LUNGH

LARGH

2,99 6,06 12,19 12,19

       

ALT 2,59 2,59 2,59 2,89

CUBMC

TARAQLI

16 33 66 76

9,55 23,30    

Monoblocchi

â&#x20AC;&#x153;con / senza serviziâ&#x20AC;? DIMENSIONI STANDARD

LunghezzaDAMTAMT Larghezza MT MT SEMPLICIACCOPPIATI !LTEZZAINTERNA MT MT


la ripete in semifinale. Prima batte la leader della nazionale azzurra Nathalie Moellhausen (15-11) e successivamente per (15-12), con una rimonta che ha dell’incredibile (perdeva 10-4), contro l’altra nazionale Francesca Boscarelli. In finale, invece, si arrende a Mara Navarria (15-9). Tra le sciabolatrici il fair play e il vogliamoci bene è d’attualità. A dispensarli, all’avversaria della finalissima e sua compagna d’allenamento al Fides, Alessandra Lucchino, è la vincitrice Ilaria Bianco. “Alessandra è stata brava. Che era forte lo sapevo benissimo, perché tutti i giorni mi alleno con lei al circolo Fides. Però in questa circostanza è stata super”.

Montano cinquina storica

Le roi torna sul trono. Aldo Montano a Siracusa scrive per la quinta volta il proprio nome nell’albo d’oro dei Campionati italiani di sciabola. Non accadeva dal 2007. Per farlo non usa mezze misure. Nella finalissima “asfalta”, (15-2) Giampiero Pastore. Il successo tricolore per Aldo non arriva inaspettato. In Sicilia arriva in forma, fisica e mentale strepitosa. Le vittorie, di qualche giorno prima, in Coppa del Mondo a Isla De Margarita e New York hanno un effetto ffetto taumaturgico. Il primo ff a correre ad abbracciarlo appena scende di pedana è Giuseppe Pierucci, l’amico di sempre. Il primo pensiero di Aldo Montano, con il sorriso sulle labbra e quel pizzico d’ironia che non gli fa certamente difetto, va, invece, a babbo Mario, per tutti Mauzzino: grandissimo campione di sciabola negli anni settanta. “Finalmente sono riuscito a staccarlo. Lui di titoli italiani ne ha vinti 4, io finalmente 5. Sono però indietro nei titoli mondiali. Lui ha vinto nel 1973 e 1974 ed io non ho ancora vinto. Siccome sono giovane, ho appena 31 anni, posso cercare di riprenderlo, anche se

Un gruppo di ragazzi del circolo Fides

267

sarà difficile”. Per Montano i Campionati italiani hanno un sapore speciale. A confermarlo sono le sue parole: “È una gara cui tengo tantissimo. Può sembrare strano ma è così. Tra l’altro sono stato l’unico vincitore che non ha gareggiato per un corpo Militare dello Stato. Il mio circolo è il ClubScherma Roma. Un circolo cui sono molto legato”. Da gran campione Aldo Montano rende l’onore delle armi a Marco Tricarico. Il giovane sciabolatore di Foggia che in semifinale lo ha fatto soffrire più del previsto. “Tricarico mi ha fatto davvero sudare. È stato molto bravo. Meglio così, la nazionale ha bisogno di ragazzi giovani pronti a dare il ricambio quando sarà necessario”. Per Montano, la giornata tricolore, inizia nel migliore dei modi nei gironi. Nella prima diretta affonda ffonda Aff ff ffede (15-8), negli ottavi Marco Ciari (15-9) e nei quarti Iacometti 15-10. Quella dei derby labronici purtroppo, anche a Siracusa, è una costante. Proprio Marco Ciari, nel turno precedente allo scontro con Montano, supera Tommaso Saviozzi (15-13). Non va bene, invece, nel fioretto femminile. Le nostre tre giovani spadaccine si arrendono tutte nella prima diretta. Olga Rachele Calissi, del ClubScherma del maestro Paolo Paoletti, perde da Arianna Errigo. La grande Arianna Errigo che a novembre a Parigi conquisterà l’argento mondiale. Ilenia Orsolini cede alla Di Costanzo e Beatrice Monaco dalla Piergiacomo. “Fisicamente sono a posto ma non c’ero con la testa”, le parole di Beatrice.

Baldini oro a squadre

La rabbia e l’orgoglio del campione. Andrea Baldini dopo la medaglia d’argento nella prova individuale di fioretto, si mette al collo quella d’oro della prova a squadre. Ad ammainare per ultima la bandiera bianca, di fronte all’Aeronautica Militare, è lo squadrone dei Carabinieri (45-39) di Andrea Cassarà, Stefano Barrera, Luca Simoncelli e Tobia Biondo. Con Andrea Baldini gioiscono i compagni d’avventura: Alessio Foconi, Giorgio Avola e Gian Battista Oneto. Per i Carabinieri, l’inatteso stop, arriva dopo sette titoli tricolori consecutivi. Per Andrea Baldini la doppia soddisfazione di aver sconfitto nell’assalto iniziale Stefano Barrera e di aver chiuso la “tenzone” (45-39) rifilando un indiscutibile 5-1 ad Andrea Cassarà. Medaglia d’oro pure per le due allieve del maestro Nicola Zanotti: Ilaria Bianco e Alessandra

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

ranto le pedane siciliane sono pure tanti altri nostri bravissimi spadaccini. Lorenzo Nista (sesto) e Tommaso Lari (ottavo). Per entrambi lo stop arriva nei quarti di finale. Mentre per Alessandro Paroli negli ottavi. Bravi pure i nostri “cuccioli”: Edoardo Luperi e Benedetta Baldini. Ma torniamo ad Andrea Baldini. Lo scenario della finalissima è stupendo. Si gareggia nel teatro Greco di Siracusa, il più grande della Magna Grecia. Baldini oltre che contro il compagno di nazionale Barrera deve fare i conti con un ambiente non favorevole. Stefano Barrera, tra l’altro campione in carica, è nato e cresciuto da quelle parti. Dopo ogni punto messo a segno partono ovazioni da stadio. La sconfitta netta di Baldini, nella finalissima non lascia il segno. Andrea è abituato a questo ed ad altro. Le sue parole a bocce ferme lo confermano. “Questo mio secondo posto va visto in chiave positiva. Gli obiettivi stagionali sono, in primis, il Campionato del mondo a Parigi a novembre e quello europeo tra una ventina di giorni. Perdere non fa piacere a nessuno ma questa sconfitta va presa con filosofia. Capita. Nell’assalto finale sono rimasto con la testa sugli spalti o in albergo. Il rammarico è non averci neppure provato. Potevo impensierire Barrera un po’ di più. Sapevo cosa dovevo fare ma lo sapeva anche lui. Ed infatti l’ha fatto bene. Molto meglio di me. Ci conosciamo molto bene perché ci alleniamo insieme con la nazionale. Sono contento per Stefano perché ci ha messo il cuore e ci teneva moltissimo a fare bella figura, di fronte alla sua gente”. Per la cronaca Andrea Baldini era arrivato alla finalissima in maniera baldanzosa. Bravo nei gironi aveva infilzato prima Vianello e poi Valerio Aspromonte –in maniera un po’ sofferta fferta negli ottavi- e poi nei ff quarti il giovanissimo Lorenzo Nista (15-10) suo compagno d’allenamento al ClubScherma Livorno. Bella pure la semifinale vincente contro un Simoncelli caricatissimo dal successo su Cassarà. Bravissima pure la spadista Virginia Di Franco. Per lei una bellissima prova in parte annunciata. Un paio di giorni prima ci aveva confessato che si era preparata a puntino e sperava, come poi è avvenuto, di fare una bella gara per cercare di rientrare nel giro della nazionale, a conti fatti, per Virginia, missione compiuta. Il capolavoro la nostra brava spadista, in forza alle Fiamme Azzurre, la compie nei quarti e


Scotto PubblicitĂ Livorno


Testimone a Livorno Giù il sipario. Il Campionato italiano di scherma, di Siracusa, va in archivio dopo aver regalato tante soddisfazioni agli spadaccini di casa nostra. Le ultime arrivano nella prova a squadre di sciabola, dallo splendido Aldo Montano, con indosso la maglia del ClubScherma Roma. L’Aldone nazionale prende

letteralmente per mano la squadra e la conduce alla conquista della medaglia d’argento alle spalle dell’inarrivabile squadrone dei Carabinieri (sedicesimo successo consecutivo). Il capolavoro, il ClubScherma Roma, lo compie nei quarti contro le due compagini militari dell’Aeronautica (45-34) e delle Fiamme Gialle (45-43). Montano affiancato dal giovanissimo Leonardo Affede ffede e Claudio ff Ceci sciorina momenti di sciabola da antologia. La bravura, la grinta e determinazione di Aldo non bastano in finale di fronte a Luigi Tarantino, Giampiero Pastore e Marco Tricarico: un terzetto decisamente più compatto ed esperto. Brave pure le giovanissime fiorettiste del Fides. Beatrice Monaco, Ilenia Orsolini, Debora Mosca e Giorgia Bichisecchi. Per loro un bel sesto posto finale alle spalle delle compagini militari. Le ragazzine del Fides nel girone battono due compagini sulla carte più forti di loro: Iesi (45-44) e Mangiarotti Milano (45-33) e perdono con l’Aeronautica (37-36). Nei quarti poi, ad obiettivo raggiunto, cedono di nuovo all’Aeronautica. L’arrivederci è a Livorno. Toccante la cerimonia del passaggio di consegne, stile Olimpiadi. La bandiera tricolore, con impresso il marchio Fis, dopo essere stata accuratamente ripiegata, sulle note dell’inno di Mameli, passa tante volte di mano: dal comitato organizzatore siciliano, al sindaco di Siracusa, al presidente federale Giorgio Scarso, all’assessore comunale allo Sport Claudio Ritorni ed, infine, in quelle di Andrea Bichisecchi, presidente del circolo scherma Fides che nel 2011, dal 26 al 29 maggio, organizzerà l’evento tricolore. Andrea Bichisecchi ha parole al miele nei riguardi degli organizzatori siciliani. “Dopo aver visto, in questi giorni di gare, l’efficienza della macchina organizzatrice penso che non sarà facile ripetersi. Qui hanno fatto cose bellissime e forse irripetibili. Noi, però, ce la metteremo tutta. Al di là dell’assoluta valenza sportiva dell’avvenimento, portare un campionato assoluto in città avrà importanti riflessi promozionali per tutto il movimento schermistico”. Bichisecchi si sofferma fferma pure ff sui riflessi mediatici e statistici dell’avvenimento. “Quest’edizione dei Campionati italiani, tramite il sito Internet, è stato visto in 51 paesi. Giornalmente intorno al PalaLoBello di Siracusa hanno gravitato circa cinquemila persone venute da fuori. Se accadrà altrettanto anche a Livorno per i nostri alberghi e ristoranti e non solo, sarà una bella boccata d’ossigeno”. Insomma buone prospettive per la nostra Livorno.

Campionati Europei

Virginia Di Franco a destra

A metà luglio è il momento dei Campionati europei di Lipsia. Livorno cala il suo tris d’assi. Accanto ai due super campioni Aldo Mon-

269

tano e Andrea Baldini gareggia la giovane e scalpitante Irene Vecchi. Un terzetto davvero ben assortito, potenzialmente in grado di far brillare altissimo lo stellone amaranto. Se a loro aggiungiamo la pisanina Ilaria Bianco che, da quattro anni, si allena regolarmente al Fides con il maestro Nicola Zanotti, il tris diventa un super poker. Da non trascurare poi l’ultima arrivata Alessandra Lucchino. La bella calabrese, per tornare ai fasti di quattro o cinque anni fa, ha preso le valige e si è trasferita a Livorno, anche lei per allenarsi con il super maestro Nicola Zanotti. Ma torniamo ai super big. Aldo Montano arriva all’appuntamento motivatissimo. Ai microfoni della Rai è loquace ed afferma fferma di non essere anff cora sazio e voler continuare a vincere, per bissare l’oro di Zalaergerszeg 2005 e magari portarsi a casa anche l’oro a squadre come era accaduto l’anno precedente a Plovdiv. Andrea Baldini parte come l’uomo da battere. Nel 2009 ai mondiali e agli europei ha fatto il pieno. A sponsorizzare “Baldo” è babbo Enrico, come sempre, negli appuntamenti importanti, pronto a incitarlo dagli spalti. Le sue parole con il senno di poi sono quasi profetiche: “Andrea si è preparato a dovere, però in una competizione di questo tipo le insidie sono dietro l’angolo. La prima è nel regolamento. A differenza fferenza della quasi totalità ff delle altre gare internazionale anche i primi sedici del ranking dovranno fare i gironi di qualificazione. Quindi un po’ di fatica, stress e rischio in più da mettere in conto. Però ho grandissima fiducia”.

Tris dorato di Andrea Baldini L’Europa del fioretto è ai suoi piedi, per la terza volta in quattro anni. Dopo Gand (2007) e Plovdiv (2009) Andrea Baldini a Lipsia, in Germania, fa saltare il banco, con la classe, l’autorità di chi sa di essere il più forte. A questa rassegna continentale non sbaglia una virgola. In finale, sotto gli occhi del suo maestro Paolo Paoletti, per lui quasi un secondo babbo, batte il biondo compagno di nazionale Valerio Aspromonte 15-11. Un ragazzone romano ventitreenne delle Fiamme Gialle. Prima però fa faville costringendo alla resa, senza condizioni, tutta la nazionale russa: negli ottavi Cheremisinov (15-8), nei quarti Sedov (15-5) e in semifinale RenalGaneev (11-3). O se preferiamo un siberiano, un moscovita e un fiorettista di S. Pietroburgo. Scarti da assalti tra scapoli e ammogliati. Ancora più devastante Andrea Baldini è nella prima diretta contro il transalpino Joubert: umiliato (15-1). Il successo o meglio il trionfo manda in brodo di giuggiole babbo Enrico: “Andrea è stato semplicemente strepitoso.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Lucchino. Insieme con Marianna Tricarico e Francesca Buccione portano al successo la squadra della sciabola dell’Aeronautica. A far festa, sulle pedane del PalaLoBello di Siracusa è anche Tommaso Lari. Grazie alla vittoria delle sue Fiamme Oro (Polizia) a spese delle Fiamme Gialle (Finanza) Tommaso si porta a casa una bella medaglia di bronzo. Discreta prova pure (settimo posto) per la giovane squadra del Fides di fioretto composta da Edoardo Luperi, Alessandro Paroli, Giacomo Lucchesi e Simone Bichisecchi. Un piazzamento che consente loro di rimanere saldamente nella massima serie (A1). Va invece un po’ peggio alla compagine femminile di sciabola composta da Maria Vittoria Sartori, Benedetta Baldini, Margherita Cappelli e Flavia Manca. Per loro una doppia sconfitta nel girone, con Ariccia e con lo squadrone dell’Esercito. E successivamente nello spareggio retrocessione con Napoli. Bravissimi pure Simona e Giuseppe Pierucci che dirigono in maniera impeccabile la finalissima del fioretto.


Montano double face Il 17 luglio 2010 per Aldo Montano, sportivamente, ai Campionati europei di Lipsia è una giornataccia a livello individuale. Dei sei assalti previsti nei gironi ne perde tre. Troppi per un supercampione come lui. Peggio ancora va nella prima diretta. Il bielorusso Romanovith, nei 64esimi, non crede ai propri occhi. Montano si arrende 15-9 e saluta la compagnia. Per la cronaca l’europeo lo vince il russo Yakimenko a spese del tedesco Limbach. Due dei più bravi sciabolatori del pianeta, ma largamente alla portata di Montano. Soprattutto quando l’Aldone nazionale è in forma e ha la testa sgombra. Il riscatto del campione arriva nella prova a squadre. A Lipsia, Montano scrive una delle pagine più belle di questo sport a livello di squadra. Al suo fianco Gigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Luigi Samele. Dopo un assalto straordinario ai quarti contro la Bielorussia, conclusosi col punteggio di 45-44, grazie ad un ultimo parziale di Aldo Montano da favola, l’Italia va in semifinale. Qui annienta la Germania,

sempre con Montano assoluto protagonista, con un parziale di 17-3 rifilato al tedesco Hartung nel sesto match. A Gigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Gigi Samele il compito di preservare il vantaggio e portarlo sino al definitivo 45-37. Senza storia (45-28) poi la finalissima con l’Ucraina. Oro meritato e per Aldo Montano qualche rimpianto giustificato per l’individuale. L’ultima stupenda performance arriva dalla sciabola femminile. Per loro un bronzo scintillante grazie al successo sull’Ungheria (4540) nella finalina per il terzo posto. Davanti alle nostre splendide: Gioia Marzocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi e Alessandra Lucchino solo le inarrivabili ucraine e russe. Dietro tutte le altre. A dire la verità le nostre quattro ragazze, in semifinale, sono andate vicine alla storica impresa. L’Italia perde dalla Russia (45-39) dopo tante legittime recriminazioni sull’arbitraggio da parte del nostro staff. ff ff. Nel bronzo della sciabola azzurra femminile c’è tanta “Pisorno”. Ilaria Bianco è pisana ed Irene Vecchi di Livorno. Entrambe si allenano, nella città labronica, insieme anche alla calabrese Alessandra Lucchino, sotto la guida del giovane e bravissimo maestro del Fides e della nazionale Nicola Zanotti. Insomma tanta roba.

Baldini, Andrea Cassarà, Valerio Aspromonte e Giorgio Avola. Per Baldini un bis dorato dopo il successo nell’individuale, così come aveva fatto Valentina Vezzali. Un Baldini come consueto immenso, impareggiabile. Il mancino livornese sciorina il meglio del proprio repertorio con colpi d’alta classe. Velocità, senso della misura e tempismo le sue caratteristiche tecniche migliori. Tranquillità, freddezza, consapevolezza dei suoi enormi mezzi, quelle psicologiche. Il CT Stefano Cerioni quando sale lui in pedana può dormire sogni tranquilli. Per questo gli affida sempre l’ultimo assalto. Quello più delicato. Così come accade nella sciabola per Montano e nel fioretto femminile alla Vezzali.

Luperi doppio oro Olimpico Giovanile a Singapore

Due medaglie olimpiche tutte in una volta. Troppa grazia S. Antonio. Edoardo Luperi, giovane fiorettista labronico a Singapore nella prima edizione delle Olimpiadi giovanili (under 18) fa saltare il banco. Il primo successo arriva il 17 agosto 2010 nell’individuale. La replica il giorno dopo a squadre miste. Insomma, un trionfo storico che sarà difficile uguagliare presto. L’ultimo ad ammainare bandiera bianca di fronte al nostro asso pigliatutto è l’americano Massialas. Quello che Bis europeo di Andrea lo aveva costretto ad accontentarsi della meBaldini a squadre daglia d’argento ai mondiali di Baku ad apriImbattibili. Semplicemente imbattibili. le. Ma più dei discorsi valgono le parole proL’Italia del fioretto, ai Campionati Europei di nunciate da “Edo” appena si è messo al collo Lipsia, in Germania, non concede sconti. In la medaglia d’oro. Ascoltiamole. “Ai mondiali una finalissima tutta in discesa (45-33) gli az- di Baku contro l’americano persi a causa dei zurri annientano la corazzata russa (o ex co- crampi. Mi tormentarono per due terzi dell’asrazzata?) e portano a casa la quarta medaglia salto e mi costrinsero a tirare praticamente d’oro, delle quattro disponibili. Protagonisti da fermo. In questa circostanza è stata tutta di quest’eccezionale performance Andrea un’altra storia. La mia vittoria è pienamente meritata. Ero conscio delle mie capacità, sapevo di potermi prendere l’oro. Mi sono allenato appositamente per arrivare fin qui e ho raggiunto il mio obiettivo. Il momento più difficile è stato l’attesa della finale. Dopo la semifinale è passato molto tempo e per me è stato faticoso mantenere la concentrazione”. Poi sulle ali dell’entusiasmo fa un volo indietro. E torna alla sua infanzia: “Fin da quando avevo 4 anni andavo all’asilo con una spada di plastica, ero fissato con Zorro, con i quattro Moschettieri, i pirati. Mi alzavo la mattina e mettevo la mia spada alla cintura, per togliermela la sera. Più tardi ho cominciato ad assillare i miei genitori per fare scherma. Baldini, Sartori, Cappelli, Vecchi, Rubini e Saviozzi

271

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Tra le sue tante vittorie questa è quella più limpida. I suoi avversari non si sono visti. Solo Aspromonte nella prima parte della finale lo ha fatto un po’ soffrire, d’altronde era prevedibile, essendo entrambi italiani e compagni di nazionale si conoscono benissimo”. Vederlo poi sul podio cantare, dall’inizio alla fine, l’inno nazionale mentre la bandiera italiana si alzava verso il cielo regala sensazioni dif difficili da raccontare”. Più contenuta, invece, la felicità di Andrea Baldini. Le ragioni, però, in questo caso sono altre. Pochi giorni prima, in un incidente aveva perso la vita Nicolò Meringolo, un giovane fiorettista torinese nel giro della nazionale. Per questo i fiorettisti azzurri hanno tirato con il lutto al braccio. Le prime parole di Andrea sono per l’amico che non c’è più. “Sono contento per la vittoria. La voglio, però, dedicare a Nicolò. Prima di salire in pedana, per ogni assalto, la mente andava a lui. È come se fosse stato qui. Per il resto? Ho fatto la mia gara. Probabilmente la chiave di tutto è stata la voglia di vincere e la capacità di reagire nei momenti difficili come quando ero sotto di tre stoccate in finale”. Parole al miele, per Andrea, anche dal CT Stefano Cerioni: “La mia soddisfazione è per Andrea Baldini. Possiamo dire di aver ritrovato il nostro campione. In cuor mio sapevo che non si era mai perduto. Quest’oro lo aiuterà a ritrovare ancora maggiore autostima”.


Scotto PubblicitĂ Livorno


273

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Un pensierino all’americano Massialas battuto in finale? “Erano quattro mesi che aspettavo questa rivincita. Ai mondiali fui battuto di misura tirando, a causa dei crampi, quasi da fermo. Qui stavo bene fisicamente ed ho vinto meritatamente”. L’attenzione dei media dopo questo doppio successo planetario? “Intensa, oltre ogni previsione, ma piacevole. Garozzo, Lari, Trani e Nista È gratificante essere considerati”. Bel tipo quest’Edoardo. Estroverso, sabili. Ad aprile ha conquistato tre medaglie simpatico, generoso con gli amici, freddo e ai mondiali. A maggio ha fornito belle prove concentrato quando occorre, determinato e un in Coppa del Mondo anche assoluta, in giro po’ guascone ed egocentrico. Della livornesità, per il Mondo. Nonostante tutti questi impegni nel senso più bello del termine, Edoardo Luperi sportivi agonistici e gli allenamenti anche a ha proprio tutto. “Caratterialmente è un nuo- scuola è stato bravissimo. Al liceo Enriques ha vo Montano” per il presidente del circolo Fides, conseguito la promozione, in quarta, con quasi Andrea Bichisecchi, il suo presidente prima del la media dell’otto. Quello che è successo qui a cataclisma di fine estate. “Questa somiglianza Singapore è indescrivibile. Come genitori pen–sono parole di Bichisecchi- gliel’ho sempre ri- siamo sia il massimo della soddisfazione”. Il maestro Marco Vannini invece aggiunge: conosciuta da quando, piccolissimo, ha mosso i primi passi in pedana. Lo dico con certezza “Edoardo con questo doppio successo ha coperché lo conosco da quando era piccolo. Ha ronato una stagione esaltante che lo ha visto la stessa età dei miei due figli gemelli Simone protagonista dall’inizio alla fine. Porta a casa Notte in bianco per Edoardo e Giorgia. Lui è nato l’11 settembre del 1993 e questo doppio titolo Olimpico dopo aver ottePiù facile del previsto per Edoardo smal- loro un mese dopo il 14 ottobre. Insieme sono nuto ben tre medaglie iridate. Che dire? Sono tire l’adrenalina accumulata. Basta ascoltare cresciuti nell’allora circolo Perone con il super felice perché avevamo fatto un ottimo lavoro maestro, il compianto Mario Curletto. A quel insieme compreso un bel ritiro in montagna, a quanto ci dice il giorno dopo. “Stanotte ho dormito bene. Le due medaglie tempo allievo del maestro Curletto, al circolo Moena, per fare ossigenazione. Nell’individuale avolimpiche erano nel sacco, insieme ai fioretti, a Perone, era anche Aldo Montano. Alla chiusura a Singapore ha veramente stracciato i suoi av fianco del letto dove le avevo riposte, con cura, del circolo Perone poi sono passati insieme al versari. Compreso lo statunitense Massialas: lo Fides, prima con il maestro Paolo Paoletti e poi scoglio più arduo verso l’oro”. prima di coricarmi”. con il maestro Marco Vannini. Fisicamente, inLa dedica? Polemiche infinite “A mamma Patrizia, babbo Giorgio e al mio vece, ha qualcosa di Andrea Baldini. Entrambi Un pasticciaccio di fine estate, difficile da mancini. Fisico normale, stessa supervelocità decifrare in tutte le sue sfaccettature. I fatti maestro Marco Vannini”. ad intuire, in anticipo, lo svi- certi? Al maestro Marco Vannini il consiglio luppo dell’azione. Tempismo direttivo del circolo Fides, nella riunione del fuori del comune. Convinzione 27 agosto, decide, a maggioranza, di non rinnei propri mezzi. Cultura del novare il contratto. Contratto scaduto a fine lavoro e dell’impegno. La sua è giugno. Normale direbbero i comuni mortali. una scherma esplosiva, un po’ Una società ha diritto di fare ciò che vuole e dispendiosa, ma molto effica- di scegliersi, ogni anno, i maestri che desice”. Bravissimo con il fioretto in dera. Stridente, assolutamente inconsueto, mano ma anche a scuola. Un replicherebbe chi mastica qualcosa di sport. piccolo “angelo”, per mamma Il perché? Marco Vannini non è un maestro Patrizia e babbo Giorgio, suoi qualunque. Per quasi quattro anni, dall’uscita primi tifosi e a bordo pedana del maestro Paolo Paoletti, è stato il responanche a Singapore. Queste le sabile del settore fioretto del Fides ed i suoi loro parole: “Siamo un po’ fra- allievi hanno vinto molto e a tutte le latitudistornati. Non riusciamo quasi a ni. Sulla performance, di spessore mondiale, realizzare. Edoardo è un figlio di qualche giorno prima c’è il nome di uno splendido. Ci ha sempre regala- dei suoi allievi prediletti, quell’Edoardo Luto tante soddisfazioni. Quest’an- peri che appena si é messo al collo la doppia Edoardo Luperi Baku sofferente per i crampi no è andato oltre limiti impen- medaglia d’oro alle Olimpiadi della gioventù

Loro non conoscevano nulla di questo sport, malgrado Livorno abbia una tradizione lunghissima. Fortunatamente mi hanno dato la possibilità di salire in pedana”. Ma facciamo un passo indietro. In semifinale Edoardo batte il turco Babaoglu 15-8 e in precedenza nei quarti il ceco Choupenitch col punteggio di 15-7. La seconda medaglia d’oro per Edoardo arriva il giorno dopo (18 agosto) nella prova a squadre. Al fianco di Edoardo Luperi, in una compagine anomala per numero di atleti (sei invece di tre), di sesso (tre maschi e tre femmine) e nazionalità (cinque italiani e una russa) ci sono Camilla Mancini, Marco Fichera (vincitori dell’oro nel fioretto femminilee nella spada maschile), Leonardo Affede ffede e Alberta Santuccio (argento ff nella sciabola maschile e nella spada femminile, ma migliori europei) e la russa Yana Egorian vincitrice della medaglia d’oro nella sciabola femminile. Anche il nome della squadra è tutto un programma: Europa 1. Normale, anzi normalissimo, invece, è l’andamento del torneo. Europa 1 fa vedere di essere di una buona spanna più forte di tutti e vince meritatamente. Nei quarti affossa ffossa (30-17) America ff 2, in semifinale America 1 (30-25) e in finale Europa 2 (30-24) con Edoardo come consueto in grande spolvero (8-4 il suo parziale conclusivo).


Paolo Paoletti e Andrea Baldini

nare a parlare dei risultati sportivi dell’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle. Prima di chiudere l’argomento ci siano consentite, in maniera il più possibile “asettica”, alcune considerazioni.

Quattro circoli

Come spadaccini sono praticamente imbattibili. Da oltre cent’anni dominano in lungo e largo su e giù per il pianeta. Anche come litigiosità, però, non sono niente male. D’altronde pur se sportivi di alto “lignaggio” sono livornesi. Ed i livornesi, è risaputo, sono una razza speciale. Generosi, altruisti, ciarlieri, polemici e spesso anche poco accomodanti. Figurarsi quando sono abituati a maneggiare fioretto o sciabola. L’uscita dal glorioso circolo Fides del maestro Marco Vannini è uno degli ultimi episodi. Chi ha seguito, in qualche caso, anche marginalmente la vicenda si è subito schierato da una parte o dall’altra. D’altronde c’era da aspettarcelo. In una città di appena centosessantamila anime che ha quattro scuole pugilistiche e quattro circoli schermistici, cercare di andare d’accordo e trovare i giusti compromessi, non è propriamente il massimo delle aspirazioni. In proposito ricordiamo alcuni episodi. Nel 1994 a fare i bagagli e fondare un nuovo circolo schermistico cittadino fu il grandissimo maestro Mario Curletto. Sotto la sua guida si formarono o si fecero le ossa, talenti e talentini. Tra loro, tanto per volare alto, Aldo Montano e Edoardo Luperi. Dieci anni dopo, all’indomani del successo olimpico d’Atene, dell’Aldone Nazionale, improvvisamente, il Perone rientrò nelle file del Fides. Tutti tranquilli? Neanche per sogno! L’anno dopo a fare definitivamente le valige fu l’olimpionico Rolando Rigoli. Le ragioni? Nell’ottica di ringiovanimento dello staff ff tecnico della sciabola, da un giorno all’altro, gli furono proposti incarichi d’insegnamento diversi (spada) e solo marginali nell’amata “bilama”. Rigoli che sentiva ancora di poter dare molto a questo sport fondò: la Scuola Scherma “M° Rolando Rigoli”. Tuttora viva e vegeta e in grado di sfornare giovani promettenti in quantità industriale. Nel 2006 a fare i bagagli e andarsene, dal Fides, fu il maestro della nazionale di fioretto Paolo Paoletti, portandosi dietro, nel “ClubScherma Livorno”, da lui fondato, super campioni e campioncini quali Andrea Baldini e Lorenzo Nista. A febbraio 2010, infine, ad emanare i primi vagiti è la sezione giovanile delle Fiamme Oro con sede in viale Boccaccio. Tirando le somme le palestre dove fare scherma, all’ombra dei “quattro Mori”, sono adesso quattro. Abbastanza diranno i comuni mortali. Poche, pensiamo noi, soprattutto perché siamo a Livorno. Inutile dire che speriamo di essere smentiti. E fortunatamente

275

le voci di corridoio nei primi mesi del 2011 vanno in questa direzione.

Mondiali di Parigi

Un mondiale così, così. Con molte ombre e pochi lampi di luce, specialmente a livello individuale. Molto lontano da sogni, desideri e legittime speranze della vigilia, per i nostri supercampioni. La prima grossa delusione, targata Livorno, sotto le vetrate del Gran Palais de Paris arriva da Aldo Montano. Grande favorito anche per i bookmaker. La sua vittoria sarebbe stata pagata a prezzi stracciati: appena 1,24. Per il campione olimpico d’Atene, invece, la gara finisce prima di iniziare. Nei 64esimi. L’Aldone nazionale in vantaggio di due stoccate (14-12) si lascia prima raggiungere e poi superare, sul filo di lana, dal semisconosciuto Tiberiu Dolniceanu, un ragazzino rumeno, di appena ventidue anni, arrivato dalle qualificazioni. A dire la verità Aldo Montano il turno l’avrebbe passato lo stesso se gli arbitri fossero stati più attenti nell’assegnazione delle stoccate conclusive, tutte e tre contestate dal campione labronico. Uno abituato a non barare. Nonostante il nuovo passo falso mondiale Aldo Montano metabolizza quasi subito la sconfitta e guarda avanti, invece di piangersi addosso. “È stato un brutto assalto da parte di entrambi. Avevo buone sensazioni, fino a stamattina. Poi quando sono salito in pedana è un po’ come fossi stato vuoto. L’infortunio alla caviglia? No, non c’entra. Peccato perché è un altro Mondiale che va via. Adesso pensiamo alla prova a squadre e poi l’anno prossimo al mondiale a Catania”, sono le sue prime parole colme di mestizia. Molto meglio di Aldo si comporta la giovanissima (nata il 10 giugno 1989) Irene Vecchi. Per lei un quinto posto davvero lusinghiero con qualche pizzico di rammarico anche perché costretta a salire in pedana con qualche linea di febbre addosso. Sereno e articolato il suo commento: “Il quinto posto è un ottimo risultato, anzi è il miglior risultato in carriera. Alla vigilia non avrei mai scommesso su questo piazzamento, considerando le mie condizioni di salute. Quando però arrivi lì, è chiaro che non vuoi perdere. La Kharlan la conosco da sempre, so il suo valore e quando tira così è difficile per tutte. Ha una grandissima efficacia e non molla mai. A me capita spesso di arrivare quinta, anzi è la mia quarta volta tra under 20 e coppa del Mondo. È un po’ come se sentissi particolarmente gli assalti dove ti giochi qualcosa d’importante”. Per la cronaca Irene Vecchi alza bandiera bianca di fronte Olga Kharlan, una giovane ucraina ventenne, numero due del ranking mondiale alle spalle della quasi imbattibile statunitense Mariel Zagunis.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Singapore. Allora perché non rinnovargli la fiducia? Andrea Bichisecchi Presidente del Consiglio Direttivo del Fides non si nasconde dietro un dito e dà una spiegazione. Le sue parole? “Il Consiglio Direttivo del Circolo ha deliberato, a maggioranza, di non rinnovare il contratto di collaborazione con il M° Marco Vannini, per la stagione 2010/2011, ritenendo incompatibile il ruolo dallo stesso assunto nella nascitura Sezione Giovanile delle Fiamme Oro con quello che lo stesso ricopriva all’interno del nostro Circolo”. In altre parole Vannini non può fare il maestro tenendo il piede in due staffe ffe che potrebbero ff diventare, se non proprio antagoniste, quanto meno concorrenziali: Fides e Circolo Fiamme Oro. Il Presidente Bichisecchi aggiunge: “Il maestro Vannini è stato immediatamente informato delle decisioni assunte dal Consiglio. Verbalmente nella serata dello stesso 27 agosto dall’Ingegnere Giulio Paroli, sino a quel momento Vice Presidente della società e 25 ore dopo, sempre verbalmente da me medesimo” E Marco Vannini cosa dice? Ad una nostra richiesta di commento risponde: “Per adesso non parlo”. E almeno ufficialmente Marco Vannini con noi non parlerà della vicenda neppure in seguito. La vicenda nei giorni successivi ha risvolti anche aspri. Insomma una tempesta di fine estate bella e buona, con interventi e prese di posizione a più voci. Adesso che sembra tornato il sereno o se preferiamo la calma apparente (?) o reale (?), preferiamo glissare sull’argomento e tor-


Scotto PubblicitĂ Livorno


Malino anche Baldini

Un ruzzolone dietro l’altro. Per i nostri super spadaccini a livello individuale il mondiale parigino è una piccola Caporetto. Dopo Aldo Montano nella sciabola, a finire a gamba all’aria, sotto la cupola di vetro e ferro del Gran Palais è Andrea Baldini nel fioretto. L’allievo del maestro Paolo Paoletti, al ClubScherma Livorno, ruzzola pesantemente al suolo (15-10) quando il podio è ancora lontano (trentaduesimi) di fronte al trentenne francesino Victor Sintes. Un fiorettista che, con tutto il rispetto, in quest’ambiente non è mai sembrato un fulmine di guerra. Peccato perché Andrea inizia con il piede giusto annientando con un perentorio 15-6 il brasiliano Shimbo. A portarsi a casa la medaglia d’oro del fioretto è il tedesco Joppich. Nella finalissima grazie ad una classe cristallina e a guizzi degni di un giovane leopardo, induce a miti consigli (15-11) uno dei favoritissimi della vigilia il cinese Lei Shang, numero uno del ranking mondiale. Realista come il re il commento di Andrea Baldini. “Non ero io in pedana. Pur avendo iniziato con un lieve vantaggio nella prova con il francese non ho saputo gestire questo vantaggio. Il suo modo di tirare in alcuni momenti mi dava fastidio e ho perso un po’ la testa. Se un fiorettista vuol diventare campione del mondo non può perderla. La sostanza è che questa volta ho tirato male”.

Montano e Baldini out perché?

Sulla inattesa sconfitta di Montano e Baldini ognuno ha la sua diagnosi. Più o meno condivisibile. Vediamo qualche commento a caldo, cominciando da quello autorevolissimo dell’olimpionico di Città del Messico e Monaco, Rolando Rigoli su Andrea Baldini. “Lui è un grandissimo campione. Dopo essere tornato in pedana ha vinto tutto quello che c’era da vincere. A Parigi è arrivato preparatissimo dal punto di vista tecnico e fisico. Nella scherma però conta soprattutto la testa e lui forse mentalmente era un po’ appagato. Con tre o quattro mesi di stop ricaricherà le batterie e innesterà di nuovo il turbo”. Più articolate e copiose le considerazioni su Aldo Montano. Considerazioni che arrivano da più parti e noi cerchiamo di sintetizzare. Aldo Montano è un fuoriclasse, però gli manca la continuità. Alterna prestazioni da marziano a prove che lasciano sbigottiti. Lui quando è in forma, e libero mentalmente, è in grado di proporre scherma di alta classe che riesce ad

appassionare anche chi in questo sport non ci capisce niente. Quando, invece, è assillato dall’ansia da prestazione, come in questo mondiale individuale, è come se avesse il freno a mano tirato. Poi c’è il fattore età. Ormai ha trentadue anni. Per coronare una carriera fantastica gli manca solamente il mondiale individuale. Le altre caselle, come olimpiadi, campionati europei, universiadi, campionati italiani sono tutte piene e in qualche caso super piene. Manca quel mondiale che babbo Mauzzino e nonno Aldo (senior) hanno vinto due volte ciascuno. Ed è proprio lì il problema. A vent’anni tiri in maniera sfacciata, vai in pedana senza aver nulla da perdere, non hai sulle spalle il peso del pronostico. A trenta passati non sempre. “Comunque – e questa volta le parole sono del maestro Nicola Zanotti – Aldo è il più forte di tutti. Un vero marziano con la sciabola in mano, nessuno può metterlo in discussione”.

Riscatto a squadre La sciabola azzurra a squadre è d’argento. A trionfare sulle pedane mondiali del Gran Palais (45-41) è la giovane Russia di Bauer. Per Aldo Montano e soci: Gigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Luigi Samele una battuta d’arresto, zeppa di sofferenza, fferenza, sulla fettuccia ff d’arrivo, dopo un cammino semplicemente stupendo. A cedere pesantemente di fronte ai moschettieri azzurri in semifinale è stata la Bielorussia (45-25). La stessa sorte in precedenza era toccata a Polonia (45-39) e Ucraina (45-29). Onore e merito, lo stesso, ai nostri bravi sciabolatori, ma tante grazie proprio alla Bielorussia che dopo aver matato in scioltezza il Brasile, ha compiuto due piccoli capolavori togliendo di mezzo avversari scomodi come i padroni di casa francesi e i temutissimi cinesi. Argento a squadre anche Andrea Baldini ma con giallo finale. Non solamente perché in pedana nella finalissima di fronte agli azzurri c’erano i cinesi. Il fattaccio accade proprio sull’ultima stoccata piazzata dallo stratosferico Lei Shang, sul petto del nostro grande aviere Andrea Baldini. Quella del 45-43. A questo punto la situazione si fa confusa per non dire caotica. Il perché? Sembra che i cinesi abbiano esultato, per la vittoria, qualche istante prima del dovuto, cioè prima della ratifica della stoccata stessa da parte del presidente di giuria. Regolamento alla mano è arrivato, per loro, un cartellino giallo e, con il cartellino giallo, secondo il nostro CT Cerioni e tutto lo staff azzurro, doveva arrivare anche

277

l’annullamento della stoccata. I vertici azzurri formalizzano la protesta. Il direttorio tecnico della federazione internazionale l’analizza con calma. Però, alla fine, tutto rimane come prima. Oro ai cinesi e argento agli azzurri. Giusto così perché i ragazzoni (spilungoni di quasi due metri) asiatici in pedana sono stati più bravi non solo a Parigi, ma per tutta la stagione. Così dopo la dormita collettiva nell’individuale, i nostri spadaccini mettono al collo una medaglia d’argento. Nella loro corsa verso la finalissima, gli azzurri dopo un inizio da favola (45-12) al Brasile negli ottavi, rischiano di affondare ffondare di fronte alla Corea. Fortunataff mente che questa volta è quella del Sud e non quella del Nord dei discendenti del meccanico dentista Pak DooYk, che per chi non lo ricorda, nel 1966 ci buttò fuori ai mondiali di calcio inglesi. Ad esorcizzare i coreani nel penultimo assalto quando la fettuccia d’arrivo (29- 35) era per loro vicina è Andrea Cassarà con un portentoso (11-0) rifilato a Kwon che consente a Baldini di ricevere il bastoncino sul (40-35) e di chiudere la tenzone senza troppi affanni ffanni sul (45-40). Senza storia, inveff ce, la semifinale con il Giappone vinto agevolmente dagli azzurri (45-30). Giappone che poi ha vinto la finalina per il bronzo 45-42 con i russi. Rimpianti giustificati, invece, per il settimo posto della squadra femminile di sciabola. Le azzurre, dopo la vittoria iniziale con il Canada (45-34), accendono i lumicini della speranza. A spegnerli immediatamente, però, è l’Ucraina dell’eccezionale Kharlan. Una ventenne dalla classe sublime. Di fronte alle brave ucraine, le azzurre rimangono a galla fino all’ultimo (45-38), grazie ad una super Irene Vecchi (18 stoccate da sola). Purtroppo, per lei, le compagne d’avventura, Gioia Marzocca, Ilaria Bianco e Alessandra Lucchino, non rendono secondo le proprie notevoli possibilità. Da Irene Vecchi poi, un’altra superba prestazione nella finalina vincente, per il settimo posto, con l’Ungheria, con una “perla” di un bel 6-0 rifilato alla Nagy.

Mario Orsini

Luperi con mamma e babbo

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

In campo femminile nono posto per la pisanina, con il cuore in parte colorato d’amaranto, Ilaria Bianco: da anni si allena al Fides con il maestro Nicola Zanotti.


Beatrice Monaco P

er fare una capatina in Paradiso e finire a titoli cubitali sui giornali, Beatrice Monaco, a fine Gennaio, ha scelto la prima prova di qualificazione ai Campionati italiani assoluti di Ravenna. Tra lo stupore generale, nei sedicesimi di finale, ha costretto alla resa Valentina Vezzali: la regina del fioretto mondiale da quasi vent’anni. Poi sulle ali dell’entusiasmo è volata in finale dove, dopo un assalto tirato, si è arresa a Elisa Di Francisca: la campionessa del mondo di Parigi 2010, mica un “Pinco Pallino” qualsiasi. Per la bella Beatrice, nel giorno del suo 19esimo compleanno, un’impresa da raccontare ai nipotini, che ha mandato in un brodo di giuggiole Athos Tanzini, il suo maestro al ClubScherma Livorno con sede al PalaBastia. Chi pensa che la bellissima prestazione di Beatrice, a Ravenna, sia stato un fulmine a ciel sereno o un colpo di fortuna, si sbaglia di grosso. Lei a vincere, in Italia e nel mondo, ci è abituata. Basta guardare il ranking mondiale Giovani: under 20. Da tempo Beatrice è stabilmente nelle prime posizioni. Tra i suoi tanti successi, nella categoria Giovani, l’oro individuale ed a squadre agli europei di Odense 2009 e il bronzo individuale e l’oro a squadre l’anno dopo, il 2010, a Lobnya. Ed inoltre tanti successi e ottime prove in Coppa del Mondo. E poi, andando più indietro nel tempo, medaglie tricolori in tutte le categorie. Insomma una fiorettista con i fiocchi. Ma torniamo, ascoltando le sue parole, alle bellissime sensazioni, provate da Beatrice, all’indomani del successo sulla Vezzali. “Essere riuscita a battere Valentina, l’idolo indiscusso della scherma mondiale, è stata una cosa che mi ha riempito d’orgoglio. È stato emozionante vedere che, sul finire dell’assalto, pian piano tutta la gente presente si era messa a guardare l’incontro, incredula del fatto che la grandissima Valentina Vezzali stesse perdendo, con una ragazza quasi vent’anni più piccola”. Poi in finale con la campionessa del mondo Elisa Di Francisca è arrivato lo stop?

“Elisa è un’atleta eccezionale, la stimo molto sia come schermitrice a livello tecnico, sia come persona a livello umano. Indubbiamente contro di lei hanno prevalso l’esperienza e la maggiore lucidità mentale e fisica, con la quale è arrivata a tirare in finale. Posso affermare, ffermare, però, di non essere ff riuscita, ad interpretare in modo giusto l’incontro, o almeno non sono riuscita ad esprimere al massimo la mia scherma come avevo fatto al meglio negli assalti precedenti”. Di Francisca imbattibile? “Imbattibile direi di no. Il mio successo su Valentina Vezzali ha dimostrato che nessuno è imbattibile!”. Obiettivi stagionali? “Al primo posto metto i Campionati del Mondo Giovani. Mi piacerebbe tornare a casa con un successo a livello individuale e a squadre. Successi che mancano nel mio palmares. Poi rimanendo in campo nazionale, tenendo conto della bella prestazione di Ravenna, mi piacerebbe far bene ai Campionati italiani assoluti che quest’anno si disputano a Livorno. Il mondiale però è l’obiettivo prioritario”.

Beatrice Monaco e Athos Tanzini

279

Contenta lei, ma pure il suo maestro Athos Tanzini? “Appena ha saputo del mio successo su Valentina Vezzali e su altre campionesse molto più grandi di me, era euforico. Ed io ero contenta per lui. Come maestro Athos lo merita alla grande. È giovane, ma con una grandissima voglia di lavorare, di sperimentare cose nuove, è una persona umile, e sempre molto disponibile. Proprio per la sua giovane età, l’esperienza fatta come maestro non è molta, ma ha la grande capacità di riuscire a capire fino in fondo le caratteristiche di ogni atleta che si trova di fronte, e da esso riuscire a tirare fuori, al meglio, le sue armi vincenti! Sono due anni che lavoriamo, unicamente noi due. In questo tempo siamo cresciuti entrambi schermisticamente. Io come atleta e lui come maestro. Posso solo ringraziarlo per avermi arricchito non solo tecnicamente, ma anche e soprattutto umanamente. Oltre che come maestro, io lo considero una grande persona, un ottimo amico, un prezioso confidente. Anche per questo spero di riuscire a centrare gli obiettivi prefissati, in modo da rendere sempre il mio maestro orgoglioso di me!”. Differenze fferenze tra Athos Tanzini e Marco ff Vannini? “Non tocca certamente a me dire se un maestro è più bravo di un altro. Anche per perché Marco Vannini e Athos Tanzini sono personalità completamente opposte, e di conseguenza vedono anche la scherma in due maniere diverse. In passato ho avuto anche l’opportunità di lavorare con il maestro Marco Vannini, ma più sul piano tecnico. Sul piano umano non c’era un gran feeling. Quindi, sia chiaro, senza alcun risentimento, ho cominciato a lavorare esclusivamente con Athos Tanzini. Alla fine la scelta di un maestro piuttosto che un altro è decisamente una cosa soggettiva. Una scelta che va oltre alla bravura tecnica vera e propria. Col senno di poi sono ben felice di aver continuato la mia carriera agonistica con un maestro al mio fianco come Athos Tanzini!”. Mario Orsini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Batte Valentina Vezzali e va in Paradiso


Mario Stampa IMBIANCATURA e VERNICIATURA

r Linea smalti e anticorrosione r Linea per interni a

Zero emissioni nocive

r Linea silossanica r pt Linea acrilica

Scotto Pubblicità Livorno

r Linea ai silicati r Linea elastomerica

È un’azienda da sempre orientata alla qualità e al servizio, alla piena soddisfazione della clientela, al costante aggiornamento delle tecnologie, al quotidiano sforzo nello sviluppare la propria competenza di specialisti in cantiere per guadagnare giorno dopo giorno la fiducia dei suoi clienti.

Un impegno che sicuramente manterremo

Via S. Andrea, 9 - 57122 LIVORNO Tel. e Fax: 0586 839303 - Mobile: 335 6248100 dittastampamario@yahoo.it


U

na fucina di campioni. Per la Scuola Scherma del M.o Rolando Rigoli, soprattutto a livello giovanile, un anno solare denso di successi e di soddisfazioni. D’altronde non è una novità. Rolando Rigoli oltre ad essere straordinario dal punto di vista tecnico è anche un fine psicologo. Per lui gli aspetti ludici, didascalici ed educativi hanno valenze importanti. E in uno sport in cui contano muscoli, gambe e braccia, ma più di tutti cervello, come la scherma, non è cosa da poco. A riconoscergli doti di maestro fuori dal comune sono anche tanti suoi colleghi. Primo fra tutti il maestro Paolo Paoletti. Un amico di vecchia data, ma anche persona capace di vedere lontano in questo sport apparentemente semplice ma, in realtà “maledettamente” complicato, proprio per le sue tante sfaccettature. Proprio pochi giorni fa Paolo Paoletti su Rolando Rigoli ci ha detto: “È una persona squisita e un grandissimo maestro. Uno dei più bravi in circolazione. Capace di sfornare, come pochi, campioni a ripetizione”. Tra le tante manifestazioni in cui si sono distinti gli allievi di Rolando Rigoli e dei suoi ottimi collaboratori: i maestri Paolo Macchia e Cristina Abniacar, ricordiamo, per gli evidenti risvolti sociali ad essa collegata, la gara di metà dicembre a Navacchio: “Insieme per giocare alla Scherma”. Una gara con molti segni di distinzione. Primo fra tutti il fatto che, in questo tipo di prove, il ricavato delle iscrizioni degli schermitori alla competizione, è

devoluto a Telethon. Nel caso di Navacchio gli iscritti sono stati oltre un centinaio. Quindi un ricavato abbastanza interessante. Riguardo agli aspetti agonistici, invece, la manifestazione schermistica di Navacchio, di fine anno 2010, ha proposto come interessante novità la presenza in gara anche dei piccoli sciabolatori a fianco dei fiorettisti. Un’arma, la sciabola, nella quale Rolando Rigoli come atleta, a cavallo degli anni sessanta e settanta, si è tolto un’infinità di soddisfazioni di altissimo livello. Vincendo a tutte le latitudini: olimpiadi e campionato del mondo a squadre compresi. Come maestro, inoltre, ha insegnato a generazioni di schermitori. “La scher scherma è l’unica cosa che so fare. A dire basta e mettermi le pantofole non ci ho mai pensato nemmeno un minuto. Anche perché ho la convinzione di poter ancora insegnare qualcosa di buono e valido in questo sport. Uno sport completo ed altamente educativo” educativo”, ci ha detto più volte. Ma torniamo alla prova di Navacchio. Il battesimo ufficiale della sciabola è stato

Rigoli con alcuni allievi

281

un grande successo. “Quest’arma sarà riproposta anche nei prossimi appuntamenti di questo tipo” tipo”, sono state le parole di Rigoli quando gli abbiamo chiesto le sue impressioni sull’esperimento. Concludiamo ricordando i risultati conseguiti dai suoi bambini in quella bella giornata di sport. Cominciamo dai più piccolini: “I Minicuccioli” di 5 e 6 anni. A essere premiati con la medaglia d’oro sono stati i debuttanti: Gregorio Mainardi e Mirko Saviozzi e per il più “esperto” Gregorio Mannucci. Oro e bronzo, nei Cuccioli (classe 2003), invece, per Giulia Lervasi e Beatrice Andreanini. “Giulia ha evidenziato determinazione, grinta e sicurezza nei propri mezzi”, sono state le parole di Rigoli. Tra i Cuccioli, al maschile, doppio terzo posto per Alberto Benetti e Valerio Petrucci che hanno tirato con grande spirito “De Coubertiano”, cioè dando attualità al motto: Importante non è vincere ma partecipare. Tra i Pulcini (classe 2002) vittoria, con il fioretto di plastica in mano, per Noemi Pasta. “È lei la più brava della categoria”, il commento ancora di Rigoli. Stupenda doppietta, nella categoria Maschietti (classe 2000), per Niccolò Cillari e Tommaso Baracchini che anche con la sciabola in mano hanno dimostrato di saperci fare. Infine, nelle Prime Lame (2001) trionfo di Dario Orsi e terzo posto ax aequo di Federico Livi e Nicolas Marchini, al loro debutto ufficiale in pedana. Insomma l’ennesimo trionfo. Mario Orsini

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Scuola Mo ROLANDO RIGOLI sempre protagonista


ASHa

Autostima e accettazione da parte degli altri: i poteri dello sport

N

ascere diversamente abile non può essere una motivazione per essere esclusi dalla pratica sportiva. Anzi a maggior ragione per questi ragazzi è importante fare sport e non solo per i benefici fisici che, come tutti, ne possono ricavare, ma anche per quel senso di autostima, di accettazione da parte degli altri che è di fondamentale importanza per i diversamente abili. E questo è uno degli obietti che si pone l’associazione Asha Livorno con sede in viale Carducci, da anni attiva su questo fronte. La pratica sportiva permette a questi ragazzi di superare dei limiti che spesso vivono come invalicabili, mentre l’attività fisica, correttamente guidata da istruttori professionali, permette loro di migliorare qualità motorie che spesso ignoravano di avere. I graduali successi conquistati dai ragazzi contribuiscono a migliorare le abilità, sulla base delle loro caratteristiche fisiche, regalando enormi soddisfazione a questi 12 ragazzi che frequentano i cor-

Esercizio sull’asse

si organizzati su tre ore settimanali, sull’arco tipico delle attività ginniche normalmente compreso da settembre a giugno. L’associazione dispone di diverse attrezzature che facilitano il raggiungimento di tutti gli obiettivi sopra esposti: un’ellittica per potenziare le capacità cardiovascolari, due tapis roulant che permettono ai ragazzi di camminare, correre e marciare, un vogatore che ha scatenato un Il gruppo dei ragazzi della Asha incredibile entusiasmo, perché, pur essendo molto faticoso, pro- viene condotta in modo ludico affinché i pone movimenti nuovi e stimolanti, non ragazzi possano divertirsi, con l’aggiunta possono naturalmente mancare le bici- di un pizzico di agonismo che li stimola clette, sia quelle classiche che una in ver- ad impegnarsi maggiormente nelle attiticale, utilissima per i ragazzi che hanno vità che fanno. E così giorno dopo giorproblemi alla colonna verticale. no, settimana dopo settimana i nostri Altri strumenti poi contribuiscono ragazzi aumentano le loro capacità, mial potenziamento dei muscoli degli gliorando le loro prestazioni acquisendo arti superiori e inferiori, ma la novità di benefici fisici e, da non dimenticare mai, quest’anno è la pedana vibrante, che psicologici. permette di portare avanti un lavoro specifico per gli istruttori specializzati che seguono tali corsi. Naturalmente l’attività

Vittorio con la bici orizzontale

283

Riccardo in palestra

A.S.Ha.: Associazione Sportiva Handicappati

Continua l’attività sportiva dell’Asha per abbattere le barriere psicologiche


La Sil inaugura il nuovo progetto Barca Accessibile e continua il suo impegno nel tennis con buoni risultati organizzativi e agonistici

A.S.Ha.: Associazione Sportiva Handicappati

F

iore all’occhiello dell’associazione Sport Insieme Livorno è il tennis su sedia a rotelle, che ormai vanta una ventennale esperienza. La Sil (con sede a Livorno via della Cinta Esterna 25) sin dai primi anni 90 ha fatto dello sport il principale strumento di aggregazione sociale tra le persone e contemporaneamente il principale mezzo di comunicazione per l’informazione delle problematiche inerenti al mondo dell’handicap. La presenza sul territorio dell’associazione, ha dato l’opportunità a molti, di accelerare il percorso verso una maggiore autonomia; ne è l’esempio la partecipazione a tornei nazionali e internazionali. Le attività che hanno caratterizzato il 2010 vedono in primo piano, la scuola di Tennis. I corsi, sotto la guida del coach Claudio Rigolo (atleta alle paralimpiadi di Atlanta 1996 e Sidney 2000, istruttore Uisp dal 1995, coach internazionale Uisp dal 2002 nonché presidente della Sil) si tengono a Livorno, al Circolo Tennis Libertas Sport di via dei Condotti Vecchi (zona Porta a Terra) e a Cecina all’associazione Tennistica Cecinese in via Aldo Moro. Possono partecipare tutti coloro che con piccoli o grandi deficit motori, vogliono avvicinarsi alla disciplina del tennis. Il 2010 ha visto il consolidarsi dei corsi rivolti ai disabili psichici: progetto

Due tenniste durante il Torneo Inail Città di Livorno

sperimentale iniziato due anni fa e motivo di orgoglio dei soci e dei sostenitori Sil. Per garantire una qualità costante dell’attività formativa, i corsi si sono opportunamente arricchiti nei quadri tecnici con due giovani insegnanti recentemente specializzate nella disciplina: Eleonora Pierdomenico ed Elisa Chichizzola. Eleonora Pierdomenico, volontaria da sempre nell’organizzazione delle attività SIL, si è avvicinata alla pratica del tennis e il suo amore unito all’entusiasmo verso quest’ambiente, l’ha portata nel tempo a diventare oltre che una brava tennista, una qualificata istruttrice di tennis Uisp con la specializzazione nell’insegnamento del tennis a due rimbalzi per tennisti in carrozzina. Elisa Chichizzola, si è fatta travolgere dall’entusiasmo dell’amica Eleonora e anch’essa tennista di buon livello, ha frequentato il corso per istruttori Uisp ed ha fatL’imbarcazione del nuovo progetto Barca Accessibile con alcuni volontari Sil to il tirocinio alla scuola

284

SIL, specializzandosi nell’insegnamento per i disabili. L’associazione Sil ha organizzato anche nel 2010 il prestigioso Torneo nazionale di tennis in carrozzina “Inail Città di Livorno” del circuito Fit, che quest’anno vedrà la 18° edizione. Rispetto ai precedenti anni il torneo 2010 si è tenuto a Livorno nella struttura del Circolo tennis Junior Club e questo cambiamento ha portato una ventata di rinnovato entusiasmo nei soci e nei volontari Sil. L’ospitalità e la professionalità fornita dal direttore nonché Maestro Fausto Criscuolo, dall’intero Consiglio Direttivo e dai soci tutti è stata ineccepibile è ha reso la 17a edizione una delle migliori degli ultimi anni. Non di meno, l’aiuto dell’amico di sempre Gigi Iuliano della ditta Azimut, prestato nei lavori di adeguamento per l’accessibilità ai disabili in carrozzina in alcuni ambienti del circolo. Entrando nel merito sportivo, il torneo ha visto atleti della Sil raggiungere le fasi finali in tutti i tabelloni. In campo maschile il nostro atleta Andrea Sorrentino avvicinatosi al tennis grazie ai corsi Sil circa cinque anni fa è ora n°12 della classifica nazionale, ha raggiunto il suo miglior risultato piazzandosi secondo nel singolare e vincendo il


doppio in coppia con il suo compagno e istruttore Claudio Rigolo. In campo femminile un’altra atleta Sil, Monica Quassinti, ormai una certezza da oltre otto anni del tennis nazionale, ha ceduto solo alla fine di un lungo e combattuto match la vittoria a Silvia Morotto, giovane atleta bergamasca che avvicinatasi al tennis da solo due anni è arrivata alla sua prima vittoria in un torneo, po-

Franco Perossini, tiro con l’arco

285

Claudio Rigolo

ne disabili e di facile utilizzo potrà offrire ampie opportunità per vivere il mare e consentire di praticare attività quali: la pesca sportiva organizzata in collaborazione con pescatori esperti livornesi; corsi di diving (subacquea) ed altri meno sportivi, ma ugualmente divertenti come le gite di vario genere. Un ringraziamento particolare va infine a tutti quelli che da anni sostengono la Sil e credono nell’importanza della sua esistenza e nel valore delle iniziative.

A.S.Ha.: Associazione Sportiva Handicappati

Una lezione di diving

nendosi così alle prime posizioni della classifica nazionale. Visti i risultati ottenuti, nel 2011 organizzeremo oltre alla 18° edizione del Torneo “Inail Città di Livorno” che si terrà la prima settimana di settembre a Livorno, anche il 1° torneo nazionale Fit “Costa degli Etruschi” al tennis Club Garden al residence “La buca del gatto” a Cecina, nel mese di giugno. Elencato per ultimo, ma non certo per la sua importanza è il Progetto Barca Accessibile. È un progetto in cui la SIL crede molto e conta di portare a completa realizzazione nel corso del 2011. Il progetto nasce “naturalmente” nella nostra città che si affaccia ffaccia su un meraff viglioso mare e offre una delle più belle coste del nostro paese, nella consapevolezza che il contatto con il mare sia un’ottima terapia per il recupero psico-fisico. Tale progetto scaturisce dalla constatazione dell’inaccessibilità del mare alle persone con disabilità fisica e dal desiderio di praticare le attività marinaresche e sportive, già rese difficili da barriere architettoniche e da accessi insuperabili per i disabili. La creazione di un natante completamente accessibile anche alle perso-


ASSOCIAZIONE IPPICA LIVORNESE Scuola di Equitazione

"OX 0ADDOK 0ENSIONEPERCAVALLI -ANEGGIOCOPERTO #ORSIPERPRINCIPIANTI EAGONISTI DISALTOOSTACOLI EMONTAWESTERN 0ONY#LUB 4ONDINO

#AMPOOSTACOLIINSABBIA X

Istruttore Federale Riccardo Migli

Via della Querciolaia, 53 - LI (Località Porta a Terra) Tel. 329 7382799 - federicofanfani@yahoo.it

Scotto Pubblicità Livorno

#AMPOOSTACOLIINSABBIA X


Equitazione Angela Toschi I

n questi ultimi cinque anni Angela Toschi è stata la delegata provinciale della Fise e per noi dell’Almanacco è stata sempre un punto di riferimento; i suoi resoconti e le sue notizie sull’equitazione livornese ci hanno accompagnato con professionalità. Adesso, a fine del suo mandato, passa ad un incarico nazionale, del resto chi è brava e appassionata come lei non può non essere

‘accaparrata’ dalla Federazione Nazionale a Roma. Ma prima di passare il testimone Angela ha fatto ancora una chiacchierata con noi, se non

287

altro per tirare le somme del suo lavoro. Di cosa ti occuperai a partire dal 2011? “Insegnerò equitazione come faccio già da diversi anni, presso l’Associazione Ippica Livornese. Mi occuperò di horseball. Sono nella commissione nazionale e il nostro compito è quello di organizzare la for formazione per gli istruttori, affinché si possa diffondere ffondere maggiormente questa discipliff na molto bella. Organizzeremo gare nazionali, interregionali e regionali per fare promozione. È una disciplina che può essere esercitata con qualsiasi cavallo, non è come nel salto ad ostacoli dove sono necessari purosangue molto selezionati e quindi di un certo valore economico, nel horseball si possono utilizzare cavalli che non fanno più le corse, quelli che noi chiamiamo ‘scarti di pista’ o cavalli del salto ad ostacoli non più adeguati, insomma non è necessaria una razza predisposta, si può fare con diverse tipologia di cavallo e anche con i pony quando a praticarla sono i bambini”. Come possiamo presentare l’horseball? “Possiamo paragonarlo al basket, le regole sono simili, ma naturalmente si gioca stando su un cavallo. Le squadre sono formate da 4 atleti più due riserve, perché sono previsti due cambi. Ci tengo a dire che non è una disciplina logorante, come può sembrare o come diciamo in gergo ‘spacca cavalli’, tutt’altro, quando gli animali sono ben dressati vanno benissimo. Questo è un concetto da spiegare bene per evitare fraintendimenti: con un cavallo ben ginnasticato diventa una disciplina molto bella e coinvolgente, ed anche molto importante per il vivaio, in quanto può attirare i bambini, anche perché si basa sul

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

Dopo 5 anni come delegata provinciale passa ad incarichi nazionali. Con lei l’equitazione livornese ha fatto un importante passo in avanti


Scotto PubblicitĂ Livorno


con i normodotati, ma si sta preparando anche per poter partecipare ad un appuntamento molto importanti nei prossimi due anni nella sua categoria, ma non diciamo niente per scaramanzia”. Quali difficoltà hai incontrato durante il tuo mandato? “La mancanza di sponsor ai livelli più bassi. Il nostro è uno sport caro, in quanto il cavallo, che non è una bicicletta, mangia tutti i giorni, ha bisogno del veterinario e di attenzioni particolari. Ho notato che negli altri sport, anche a livelli più bassi ci sono piccoli sponsor che in qualche modo aiutano la gestione economica. Mi piacerebbe che fosse così anche per noi. Del resto a Livorno l’equitazione è molto sentita e praticata. Abbiamo un bellissimo Ippodromo che ha educato la gente a vedere e conoscere il cavallo, e non dimentichiamoci che livornese era Federico Caprilli, fondatore della moderna equitazione. Anche la provincia è molto ricca di iniziative: ci sono i trekking equestri, il turismo equestre, le gare di endurance che consistono in percorsi prestabiliti, in piano o in salita, con chilometraggi prefissati e delle tappe dove i veterinari controllano il cavallo, sensibilizzando così i partecipanti alla salvaguardia dell’animale.

La cura del cavallo insegna molto agli adulti ed anche ai bambini che vengono al maneggio, subito responsabilizzati del fatto che non hanno fra le mani un giocattolo che possono lasciare da una parte quando sono stanchi, il cavallo va preparato prima di essere montato e va accudito dopo, per essere riportato nella stalla”. Tiriamo brevemente le somme dei tuoi 5 anni come delegata. “Sono stati molto belli e formativi, per perché ho potuto approfondire la conoscenza di numerose persone e discipline. Io venivo dal salto ostacoli, facendo anche il giudice di gara nazionale, e non avevo avuto molti contatti con le altre realtà. Questi 5 anni mi hanno permesso di apprezzare i vari aspetti di questo mondo e mi hanno consentito di farmi una buona cultura nel campo dell’equitazione. Vorrei approfittare di questa occasione per ringraziare i membri del Coni provinciale a partire dal presidente Gino Calderini, dal segretario Claudio Bianchi e da Maria Cristina Daddi e Sarah Salvini per perché con loro c’è stata una collaborazione importante e sono sempre stati molto disponibili e professionali”. Antonella De Vito

Angela Toschi

289

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

gioco e questo permette di farli avvicinare più facilmente al mondo dell’equitazione, in seguito, quando crescendo potranno anche dedicarsi ad altre discipline”. Che problematiche crea la poca diffusione dell’horseball? “È una disciplina che va giocata molto, soprattutto incontrando altre squadre, ed il fatto che sia poco diffusa ffusa rende difficile ff proprio questi incontri. Spesso dobbiamo fare anche trasferte lunghe per poter giocare tornei e campionati e questo incide a livello economico. Le squadre poi si formano in base all’età dei ragazzi e all’altezza dei pony, e meno atleti ci sono e più è difficile organizzare manifestazioni. A mano a mano che l’hor l’horseball si diffonderà ffonderà le problematiche dimiff nuiranno, la stessa cosa è stata per i pony game, quando abbiamo iniziato eravamo in pochi, oggi siamo in molti a praticarla e la disciplina è ormai conosciuta ed apprezzata in tutt’Italia”. Torniamo alla nostra realtà locale. Cos’è successo nel 2010 nel settore dell’equitazione? “Intanto sono aumentati i tesserati, e poi ci sono vari allievi che hanno avuto buoni risultati nel salto ad ostacoli, nell’horseball, nelle poniadi dove abbiamo vinto un bronzo, con gli attacchi abbiamo partecipato ai Campionati regionali, nella disciplina del Barrel Federicoo Fanfani ha vinto gli europei, nella riabilitazione equestre abbiamo un bel movimento con Rossella Barsacchi che lavora su un bellissimo progetto con i diversamente abili, e si occupa anche del volteggio, disciplina che riprende quella circense. Ricordiamo poi Natale Chiaudani che abita nella nostra provincia ed è un bel richiamo per i più giovani, che hanno un importante modello da ammirare e seguire. Abbiamo poi il nostro giovane Lorenzo Argentano, adesso è in un centro ippico del nord Italia per fare nuove esperienze e montare altri tipi di cavalli, cosa molto importante per un cavaliere perché premette di affinarsi. A dicembre ha preso parte al concorso nazionale a San Lazzaro di Savena al Memorial Dalla Chiesa dove par partecipano i migliori cavalieri d’Italia. Fra i fiori all’occhiello della nostra provincia c’è anche Davide Veranzoni nella disciplina degli attacchi, uno dei primi diversamente abili a dedicarsi a questo sport. Normalmente partecipa alle gare


Natale Chiudani I

l suo portamento sulla sella colpisce per la sua estrema naturalità ed eleganza. Non glielo chiediamo, ma siamo sicuri che Natale Chiaudani si sente maggiormente a suo agio sulla groppa di un cavallo che non quando cammina facendo affidamento sulle sue gambe. Del resto nell’ambiente è considerato un mito e tutti guardano a lui con infinita ammirazione. Prima di lasciargli la parola tracciamo un brevissimo curriculum, tanto per dare

l’idea ai meno esperti di salto ad ostacoli di chi stiamo parlando. Naturalmente il nostro cavaliere, targato Snai, indossa la maglia azzurra, ed ha partecipato all’Olimpiade di Atene nel 1996, insieme a Rheingold de Luyne, col quale chiude 39° a titolo individuale e 9° a squadre. Chiaudani vive anche due partecipazioni agli Europei: San Gallo 1993 e Mannheim 1997. Sfiora il titolo nazionale con Rheingold: i due sono secondi nel 1995 a La Bagnaia e nel 1997 ai Pratoni del Vivaro. Poi l’altra compagna più brillante: Hariane d’Authieux. Con lei è terzo agli assoluti del 2005 e secondo nel 2006 sempre ai Pratoni. E c’è anche un oro e due argenti ai Giochi del Mediterraneo: a Bari nel 1997 con Rheingold è secondo a titolo individuale e a squadre, ad Almeria nel 2005 è oro a squadre con Hariane. Naturalmente vi sono altri centinaia di concorsi e vittorie, ma ci fermiamo qui per ascoltare da lui la sua avventura con i purosangue. “I cavalli dal vero gli ho visti molto tardi, però ho iniziato a disegnarli fin da piccolissimo, quando ancora non sapevo scrivere. Sono nato a Tortona in provincia di Alessandria, il 13 settembre 1960, i miei genitori erano commercianti di frutta e verdura e non avevano nessuna esperienza con i cavalli, inoltre abitando in città non avevo occasione di frequentare maneggi e mio padre era un appassionato di calcio, è stato anche dirigente della squadra locale Derthona. Insomma, sembrava che non avessi nessuna possibilità d’incontrare dal vero un cavallo, ed invece a 15 anni, l’insegnate di educazione fisica di mio fratelNatale Chiaudani con SNAI Gratina CH lo, precedentemente anche mio (Foto gentilmente concessa da Snai) professore, ci invitò ad andare a

291

visitare il suo nuovo maneggio ad appena 10 chilometri da Tortona. Mia madre non si oppose alla gita e così per la prima volta salì su un cavallo”. Come andò questa prima esperienza? “Fu bellissima. Appena salito sulla sella capii che quello era il mio posto. Iniziai subito ad andare al galoppo fin dal primo giorno e da allora non ho mai smesso”. Quando ha iniziato l’agonismo? “L’anno dopo montando i cavalli della scuola. Ma ben presto andai in sciopero perché volevo un cavallo tutto mio, che potessi montare solo io. Così smisi di andare al maneggio e restavo tutto il giorno in casa passando il tempo ad inventare giochi pirotecnici, diventando anche pericoloso, una volta sono riuscito perfino ad incendiare la cucina. Così mia nonna decise che mi avrebbe comprato il cavallo. Ricordo ancora le sue capacità di donna d’affari ffari e come riuscì ff ad acquistare il cavallo al prezzo che aveva deciso lei, con una trattazione che spossò l’allevatore”. La prima vittoria più bella? “Ho cominciato a vincere gare fin da subito, ma la più bella forse è stata proprio la prima perché era un premio che organizzavano nella mia città”. Il cavallo al quale è stato maggiormente affezionato? ff ffezionato? “Sicuramente Hariane d’Authieux con lei ho vinto molte gare, poi purtroppo è morta nell’anno in cui speravo di averla con me agli europei”. Che tipo di rapporto è necessario avere con il cavallo per praticare questo sport? “Bisogna prima di tutto essere severi con se stessi e giudicarsi con voti bassi. Allora si può essere severi anche con il cavallo affinché possa eseguire in modo deciso gli ordini, anche nelle più piccole cose. Ogni cavallo va preso in modo diverso, c’è quello più indolente con il quale è necessario essere un po’ più severi e poi c’è quello ipersensibile al quale bisogna far sentire che tutto va bene, anche quando non va proprio tutto benissimo e cercare di rimandare al giorno dopo la lezione. Importante però è non litigare mai con i

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

L’eleganza del campione


cavalli, si possono prendere provvedimenti, punire qualche volta, ma litigare mai”. Quando ha capito che sarebbe diventato un professionista? “Il primo giorno che sono salito sul cavallo, e non ho più avuto dubbi o ripensamenti”. Qual è la sensazione più bella che può dare il cavallo? “Lo stacco da terra ed il salto, quando il cavallo è in forma e si libra con tutte le sue energie riesce a trasmetterti una sensazione bellissima. Noi del salto ad ostacoli viviamo per questo”. L’esperienza più bella in assoluto? “Con Hariane d’Authieux durante una Coppa delle Nazioni a Roma. Nel primo percorso la cavalla ha fatto una valutazione sbagliata ed ha cercato di partire in un galoppo quando non doveva. Ci siamo fracassati distruggendo barriere varie, non ci siamo fatti male, ma è stato un brutto incidente. Ho chiesto al giudice se potevo fare una gabbia di prova al di là della strada dove sono collocate a Villa Borghese. Dopo un’ora siamo rientrati e la cavalla ha fatto un bellissimo percorso netto, dimostrando di avere un bel feeling con me, infatti aveva superato divinamente l’incidente, che non poteva non mettere paura”.

293

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

Natale Chiaudani con Snai Milos Du Plain al CSI4 di Salisburgo 2010 durante una gara nella categoria di Potenza dove il cavallo è stato 3° class (Foto gentilmente concessa dalla Snai)

po ambizioso, ma comunque in unappuntaUn’esperienza da dimenticare? “Tutte le mie fratture, che sono state tante”. mento di alto livello”. Allora è uno sport pericoloso? Che caratteristica deve avere chi scegli “Sì. Soprattutto quando come me, si ave- di fare questo sport? vano dei genitori che non ambivano ad ave“Tanto spirito di sacrificio e un fisico mare un figlio professionista in questo settore gro, leggero con un’altezza di circa un metro e un pochettino mi ostacolavano, anche se e ottanta”. gentilmente. Sicuramente non hanno mai Che differenze ci sono fra uomini e promosso l’acquisto di cavalli particolari, donne? così nella mia carriera ho accettato di mon“È uno sport che fa salire sullo stesso potare anche animali non di qualità, prefig- dio senza differenze fferenze di genere, ci sono donne ff gendomi di vincere, ma con stile e quindi nel bravissime. Non è sport di forza, ma di tecnimezzo c’era l’ospedale. Quando si fa questo ca abilità e conoscenza.” sport ad alto livello, bisogna che il cavallo Quali sono i limiti dell’ippica italiana? sia buono”. “Non avere un allevamento importante, Come si sceglie un buon cavallo? quindi siamo costretti a comprare all’estero “Innanzitutto ci deve essere un onesto e siamo anche un po’ tirchi. rapporto qualità prezzo, non si può pensare Vogliamo spendere poco e avere buoni ricome troppo spesso accade in Italia, che con sultati, per questo abbiamo scarsi esiti”. poco prezzo si può avere cavalli adatti a fare Con una bacchetta magica cosa realiztutte le gare. Se si vuol per forza provare a zerebbe a favore dell’ippica italiana? “Comprerei 10 cavalli eccezionali, dell’età portare un cavallo in gara che ha avuto degli stress o che non è tanto dotato, allora diven- giusta, e li metterei sotto la sella dei migliori ta molto rischioso. Lo è meno quando uno dieci cavalieri italiani. Convincerei gli allevatori ha scegliere meglio le loro fattrici, ed monta il cavallo giusto nella gara giusta”. Mai pensato dopo una frattura di non inoltre, farei in modo che tutti coloro che si tornare più a cavallo? occupano del nostro sport fossero veramente “Mai”. amanti della disciplina e non della politica”. Un delfino? È vero che dopo un incidente bisogna “Ne ho più di uno: Antonio Alfonso, Pierritornare subito in sella? “Io l’ho fatto. Una volta ho avuto una frat- giorgio Gucci. Ma c’è anche Gabriele Grassi tura che mi ha portato ad avere 4 operazioni che ho seguito in questi anni ed ha fatto dei e fra una e l’altra, con il parere favorevole del grandissimi progressi: l’ho portato a fare i medico, ho sempre rimontato anche in gara Campionati del mondo”. Questo sport la porta a viaggiare. Le e con il gesso, ed una volta mi sono rotto nuovamente il perone, sempre a causa del pesa? “No, anzi mi peserebbe se non avessi quegesso”. sta opportunità”. Qual è il suo rapporto con Livorno? “Vi abito da tre anni, cioè da quando ho Antonella De Vito scelto di vivere con la mia fidanzata”. Se non avesse fatto il cavaliere a cosa si sarebbe dedicato? “Ho iniziato gli studi di agraria per fare il veterinario. Sono sempre stato amante degli animali ne ho allevati un po’ di tutte le specie”. Un sogno nel cassetto? “A 51 anni il sogno è fare un vero risultato in un Campionato importante, Natale Chiaudani con il nuovo arrivato nel Chiaudan’s Team europeo, in una olimpiade, si chiama Almero 12, al Gran Premio di Coppa del Mondo di insomma conquistare una Mechelen 2010 dove “esordisce” con 0/4 appunto in GP e lui sarà, medaglia. Non diciamo insieme a Snai Corradio OH, l’altro capofila della scuderia quale perché sarebbe trop(Foto gentilmente concesse dalla Snai)


Federico Fanfani Campione europeo ci spiega i segreti della disciplina western Tecnica, velocità e scatto per affrontare il Barrel Racing

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

L

a versatilità del cavallo offre la possibilità di affrontare numerose discipline sportive. Federico Fanfani 34 anni dell’Associazione Ippica Livornese ci introduce nel mondo del western ed in modo particolare nella disciplina da lui praticata: il Barrel Racing. Tradotto letteralmente è ‘corsa dei barili’ e si ispira alle acrobazie che i cowboy americani facevano quando guidavano le mandrie. Spiegaci in cosa consiste esattamente il Barrel Racing. “È una disciplina nata in America nei prima anni del novecento che mette alla prova l’abilità, la tecnica e il tempo impieimpie gato dal cavallo e dal suo cavaliere per girare intorno a tre barili posti a triangolo in un percorso prestabilito. È una gara molto spettacolare perché si può ammirare la velocità e lo scatto del cavallo, infatti per partecipare a queste competizioni si usano purosangue, ma molto muscolosi, perché oltre che veloci devono essere anche atletici. Naturalmente il tipo di cavalcata e la sella si rifà allo stile dei cowboy americani”.

Che tipo di competizioni sono previste in questa disciplina? “All’interno dei rodei, dove si cavalcano animali selvatici, sono organizzate gare di Barrel Racing. Una disciplina che negli ultimi dieci anni si è sviluppata in tutto il mondo e questo ha dato origine a molte gare e competizioni come la Coppa delle Nazioni. In Italia si parte con i Campionati regionali, poi ci sono i Campionati Italiani, gli europei e il mondiale sia individuale che a squadre che si svol-

ge in America. Una tappa del mondiale a squadre si svolge anche in Italia a Verona”. Le tue prestazioni migliori? “Ho vinto gli europei nel 2010, battendo più di 200 avversari. E nel 2006 mi sono qualificato come finalista al mondiale”. Ma tu come hai iniziato? Quand’è che hai visto per la prima volta un cavallo? “Tutto è cominciato con mio padre. Faceva il commerciante ed era molto preso dal lavoro, così il medico per motivi di salute gli consigliò di praticare uno sport e lui scelse il cavallo. Io però da piccolo ne avevo pau paura, anche se fin n da quando avevo 8 anni mio padre provava a farmi montare il suo, fino no a quando mi comprò il primo pony e mi fece frequentare dei corsi. Cominciai a prendere con confidenza denza con questo sport e ad appassionarmi, però mi rimaneva la paura per la velocità. A 14 anni partecipai ad un trekking in montagna con mio fratello più grande di 13 anni. Queste sono iniziative nelle quali si va molto lentamente, si usa il cavallo per fare delle semplici passeggiate e mio fra fratello si annoiava un po’, così mi convinse a fermarmi a pranzo con lui, tanto avrem avremmo raggiunto il gruppo andando con un passo più veloce. In realtà mio fratello era determinato a recuperare il tempo perduto galoppando, tanto per rom rompere la monotonia. Quan Quando lo vidi partire in velocità lo lasciai andare, scesi dal mio cavallo e mi sedetti ad aspettare il ritorno del grup gruppo. Non vedendomi arrivare mio fratello tornò indietro, mi mise sulla sella, prese lui le redini del cavallo e partì al galoppo trascinandomi die dietro: in questo modo superai la paura per la velocità e co coFederico Fanfani ai Campionati europei 2010 da lui vinti

294


Federico Fanfani durante alcune gare di Barrel Racing

Arrivai a questo Centro Ippico perché cercavo un posto dove tener i miei animali. All’epoca la struttura era un po’ fatiscente e chi la gestiva non era molto esperto del settore. Un peccato per un centro come questo, vicinissimo alla città e con un’antica storia alle spalle perché fu uno dei primi ad essere fondato negli anni cinquanta da un ufficiale di cavalleria. Così il proprietario del terreno mi propose di prendere in mano la cosa, infatti dal gennaio 2005 sono diventato il gestore, ho fatto molti lavori di ristrutturazione e ho ampliato le strutture per offrire ffrire un ff servizio migliore”. La cosa più bella di questa disciplina? “Sentire il cavallo che ti dà il massimo, la sua fluidità nelle girate, l’aggressività all’uscita dal barile, lo scatto e la voglia di correre quando è in gara”. Federico Fanfani ai Campionati europei 2010 da lui vinti Sono cavalli stressati come quelli che partecipaUn’esperienza da dimenticare? no alle gare ippiche? “L’anno scorso agli italiani poteva essere “Assolutamente no. Quelli sono cavalli che vengono spremuti, gareggiano ogni l’annata buona per vincere, stavo andando settimana, si allenano duramente ogni bene quando la cavalla ha buttato in terra giorno. Noi abbiamo un atteggiamento di- un barile. Anche a Verona tre anni fa ero in testa verso nei confronti del cavallo, intanto par partecipa a 5 o 6 gare all’anno e non gli faccia- alla gara, ma la competizione fu sospesa mo fare tutti i giorni la stessa cosa; essendo perché ci furono problemi organizzativi dei purosangue hanno la tendenza ad ec- con le ambulanze. Tutto si dovette ripetere citarsi e innervosirsi, facciamo quindi in il giorno dopo e le cose andarono diversamodo di tenere il cavallo sempre tranquil- mente”. Che caratteristiche deve avere l’atleta lo, di variare il lavoro quotidiano facendo sempre esercizi legati al Barrel, ma diversi e che pratica questa disciplina? “Gli devono piacere gli sport adrenalinisoprattutto facendoli percepire all’animale come un gioco, senza alcuna esasperazio- ci, di velocità e naturalmente deve essere ne. È necessario avere pazienza, quando un appassionato di cavalli. Dal punto di un cavallo non è collaborativo si aspetta vista mentale sia il cavallo che il cavaliere il giorno dopo per rimetterlo al lavoro. Si devono essere freddi, non perdere mai di tratta di una disciplina nella quale è impor impor- lucidità”. A che età si può iniziare a praticare il tante farsi seguire da un allenatore che sa Barrel? come far lavorare l’animale”. “Verso i dieci anni, naturalmente bisoChe problemi ci sono in questo sport? “Ci sono tante gare regionali, ma poche gna saper andare a cavallo, quindi può nazionali, non più di 5 o 6 all’anno. E que- essere necessario prima fare un corso base. sto è un limite soprattutto se ci confrontia- Al nostro Centro Ippico stiamo già facendo mo con gli americani che ogni settimana corsi di Barrel per ragazzi, che si divertono hanno la possibilità di partecipare a com- tantissimo”. Antonella De Vito petizioni importanti”.

295

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

minciai ad apprezzare le varie possibilità di questo sport”. E l’incontro con il Barrel Racing? “Vidi la prima gara a Verona durante la fiera e rimasi affascinato ffascinato dalla velocità di ff questi cavalli, così decisi di provare da solo fino a quando incontrai un ragazzo che praticava questo sport e mi insegnò i primi rudimenti e come allenarmi. Ho partecipato alla prima gara a 16 anni a Portogruaro e nel ’93 in Emilia ho fatto il mio primo europeo”. C’è poi una storia parallela legata all’Associazione Ippica Livornese che oggi ha sede in via della Querciola e a questo Centro Ippico dove oggi si fa scuola di equitazione in varie discipline, ci si può allenare in un maneggio all’aperto, ma anche al coperto durante l’inverno e naturalmente si può affittare un box per il proprio cavallo. “Quando avevo circa 25 anni mio padre comprò una casa in campagna con molta terra dove inizialmente tenevamo solo i nostri cavalli. Poi decidemmo di fare agriturismo e di ospitare altri cavalli, ma la posizione non era molto favorevole e così dopo qualche tempo abbiamo venduto tutto.


Tennis

Una buona annata per i tennisti

U

n’annata ricca di buoni risultati il 2010 per il movimento tennistico livornese, conclusasi col Tennis Club di Villa Lloyd, brillante secondo classificato in Toscana, dietro ai leader del TC. Prato, nel memorial “Gino Mario Cini”, riservato alle categorie giovanili (dagli under 10 fino agli under 18, meglio piazzati nelle competizioni regionali individuali e a squadre). Alle spalle del Tennis Club, la Cooperativa Tennis di Banditella, terza assoluta, ed un po’ più indietro l’altro grande circolo della nostra città, lo Junior Club, finito al 16° posto. Il secondo importate test stagionale sulle condizioni di salute dei circoli di tennis toscani, il Memorial Vanni Canepele, che quantifica ogni anno le performance realizzate dall’intero lotto di giocatori e giocatrici di ciascun sodalizio, a partire dai giovani under 12 fino ai giocatori adulti ed ai veterani, ha fatto registrare un pregevole terzo

posto della Cooperativa Tennis, dietro al Tennis Club Prato, leader regionale anche in questa significativa graduatoria finale e, dietro allo storico CT. Firenze. Il circolo dei biancoverdi di Villa Lloyd ha concluso invece in decima posizione e lo Junior Club in ventiduesima; tutti piazzamenti lusinghieri per la nostra città, considerando che i circoli di tennis partecipanti alle gare in Toscana sono oltre trecento. Passando alle varie individualità, nella Cooperativa Tennis di via Lega si sono messi in particolare luce: Andrea Di Meo, 14 anni, promosso in terza categoria, quarto gruppo, due gradini in più rispetto all’inizio del 2010. Molto bene anche Davide Galoppini, ben comportatosi nei Campionati italiani under 16 a squadre, che ha concluso al vertice della quarta categoria, due posizioni in più rispetto all’inizio dell’anno, imitato dal compagno di squadra e coetaneo Maccari, Simone Argelassi dell’Olimpia Fitness

Due maestri e due giovani atleti del Tennis Club. Da sinistra: Edoardo Paoletti, il maestro Piero Cocchella, la maestra Veronica Volandri e Valentina Vatteroni

297

promosso a sua volta in seconda categoria quarto gruppo; Maccari è adesso il numero uno dei tennisti di Banditella, alle spalle dei soli Matteo Aprile e Matteo Baldi, maestro di tennis il primo e sparring partner del professionista Paolo Lorenzi, il secondo. Da seguire anche gli under 14 Tommaso Dinelli e Giacomo Adoncecchi. Le più in vista nel femminile: Federica Dini, Olimpia Domenici, Vittoria Morini, Elena Poggi e, soprattutto, Irene Adoncecchi (14 anni) e Carlotta Nassi (15 anni), attestatasi quest’ultima al vertice della terza categoria. In particolare evidenza nel 2010 anche i biancoverdi di Villa Lloyd Marco Lepri, Leonardo Cocchella, Edoardo Paoletti, l’under 14 Gregorio Lulli, già in vetta alla quarta categoria, i suoi coetanei Leonardo Buchignani e Gian Maria Martelli e, passando al tennis in gonnella: la quattordicenne Elena Pellegrini, promossa in terza categoria quarto gruppo, ma trasferitasi col nuovo anno nelle file biancoblu della Cooperativa Tennis.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

I risultati dei circoli labronici


Scotto PubblicitĂ Livorno


Assieme ad Elena si sono distinte: Valentina Vatteroni, Ludovica Cocchella (15 anni) e la promettente Silvia Chiellini (14 anni), sorella del difensore della Juventus e della nazionale azzurra Giorgio. Il Tennis Club ha inoltre concluso l’anno potenziandosi per il 2011 con un buon numero di giocatori di qualità, come gli ex portacolori della Cooperativa Tennis: Vittorio Scalabrella, Riccardo Vaselli e Massimo Ciantelli, più Marco Melosi proveniente dalla Libertas Sport di via dei Condotti Vecchi e Alessio Langella dello Junior Club. Ma la grande novità di fine anno è costituita dal ritorno nelle file biancoverdi di Alessandra Di Batte, reduce da alcuni anni di belle affermazioni ffermazioni nel circuito internazioff nale delle pro e dalla massime competizioni nazionali a squadre, disputate per i colori del Tennis Club Prato e, successivamente, per quelli dello Junior Club. Stagione positiva il 2010 anche per lo Junior Club di via dei Pensieri che, pur non essendo più presente da quest’anno nei Campionati nazionali maschili e femminili di serie B a squadre, ha potuto ugualmente contare su un ampio ventaglio di giocatori di buon valore come Marco Chiavistelli, Paolo Motta, l’inossidabile Michele Argelassi, Filippo Lucchesi, Valerio Pisaniello, Matteo Dell’Agnello, Giovanni Mugnai, Tommaso Iozzo, più i giovani under 12 Filippo Balzano e Lorenzo Apolloni e, passando al tennis in rosa su: Giulia

campi: uno in sintetico e tre di terra rossa, uno dei quali coperto). I Ferrovieri hanno partecipato nel 2010 con due rappresentative ai Campionati nazionali e regionali a squadre: quella degli under 12 formata da Leonardo Turio, Tommaso Giusti e Alessio Meini e quella di serie D3 di: Luca De Federicis, Claudio Graziani, Gianluca Fastame, Simone Biagini, Francesco Barbera, Matteo Goldsmith, Fabio Taddei e del sedicenne Giacomo Iacarelli. Il club di via Baciocchi, infine, si è presentato ai nastri di partenza delle competizioni regionali con due formazioni di serie D3; nella maschile hanno gareggiato, fino ai quarti di finale, Simone Argelassi, Matteo Rondanina, Luca Morroni, Claudio Caporale, Giorgio Contessini, Lorenzo Andrei e il capitano non giocatore Matteo Mori. In quella femminile: Simona Ferretti, Elena Liperini, Elisa Chichizzola, Barbara Bottoni, Chiara Gabella ed Elisa Mori. Nel 2010 Livorno ha ospitato, fra le altre, tre importantissime manifestazioni tennistiche: nell’aprile, sui campi di Banditella, la tradizionale prova del Campionato europeo under 14 maschile e femminile individuale. Il successivo Campionato italiano individuale under 13, solo maschile, svoltosi in agosto a Villa Lloyd. La stagione degli appuntamenti con lo sport della racchetta è terminata con la final four per il titolo italiano under 16 maschile a squadre che è andata in scena alla Cooperativa Tennis, i primi di ottobre. Il movimento tennistico livornese vede annualmente impegnati sul campo centinaia di agonisti, dagli under 10 fino ai veterani over 60 ed è presente nelle gare a squadre con più di cinquanta rappresentative, maschili e femminili, dei vari circoli. Il tennis della nostra città gode di ottima salute ed è degnamente rappresentato in campo internazionale da Filippo Volandri, ormai trentenne, classificato fra i primi cento tennisti professionisti del mondo e, assieme a lui, un altro eccellente professionista senese, ma livornese di adozioni, Paolo Lorenzi, che si trova poco oltre il centesimo posto della stessa classifica mondiale. La squadra dell’Olimpia Fitness di via Baciocchi Ferruccio Vianello

299

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Maestro Marco Monnecchi tennista leader dello Junior Club

Dell’Agnello e Camilla Cellieri, le due leader del femminile, seguite dalle promettenti under 16 Mirea Signorini e Gaia Picchi af affiancate, dall’inizio del 2011, dalla new entry Arianna Castellani, prelevata dalle fine della Cooperativa Tennis. Il circolo dispone di un team di insegnanti di assoluto rilievo come Fausto Criscuolo, Marco Monnecchi, Silvia Merlini, l’istruttore Dario Morelli e i preparatori atletici Massimo Paganucci e Sara Magolati. Di notevole rilievo, passando all’altro grande club cittadino, la Libertas Sport, l’exploit della squadra femminile di serie D2, che ha conquistato il titolo toscano, si è guadagnata nel 2010 la promozione nella serie D1 e si prepara per un altro importante balzo in avanti nella serie C a squadre con il suo eccellente trio, formato dalle navigate Rachele Bertacchi ed Elena Cordano e dall’under 18 Ginevra Luchetti. Il circolo di via dei Condotti Vecchi sta attraversando un periodo favorevole, ha partecipato nel 2010 ai Campionati nazionali e regionali a squadre con ben otto proprie rappresentative e dispone di un team tecnico di qualità, comprendente l’ex numero uno del tennis italiano Marzio Martelli, David Ciurli e Rachele Bertacchi, affiancati dal preparatore atletico Fausto Foresi. Ma le forze del tennis livornese non si limitano a quelle di Cooperativa Tennis, Tennis Club, Junior Club e circolo Libertas, ma sono presenti in altre realtà, come il Tennis Ferrovieri di via Bengasi (quattro


Scotto PubblicitĂ Livorno


Mario Martelli Il mondo della racchetta

Q

uello dei circoli di tennis è un mondo molto frequentato da persone di tutte le età, a comunicare dai bambini che fanno corsi propedeutici, ai ragazzi che si allenano guardando all’agonismo, agli adulti che non hanno mai riposto la racchetta e a tutti color che, finalmente liberi dagli impegni lavorativi, si possono dedicare al loro sport preferito in totale relax. Per avere un quadro generale abbiamo chiacchierato, comodamente seduti nel bell’ambiente del circolo

tennis di Banditella, con il delegato provinciale Mario Martelli che da due anni ricopre questa carica direttamente nominato dalla Federazione nazionale “Il tennis livornese sta andando bene, non solo per i risultati che hanno avuto i circoli, ma anche per il numero di ragazzi che praticano questa disciplina, sempre in aumento”. A cosa dobbiamo questo dato positivo? “Al fatto che finalmente c’è una televisione che trasmette tennis a partire

Mario Martelli delegato Fit provinciale

301

dagli appuntamenti più importanti a livello mondiale. Oggi chi vuole vedere questo sport sullo schermo può farlo su sky, mentre prima con le televisioni tradizionali non era possibile, perché una partita non aveva un tempo prestabilito e non potendo prevedere con esattezza la fine, il palinsesto rischiava sempre di saltare. Inoltre, oggi cominciano a tornare grandi nomi, le donne hanno vinto per la terza volta la Federation Cup e Francesca Schiavone ha vinto addirittura il Roland Garros a Parigi, dunque si parla di più di tennis e a livelli sempre più alti, così i ragazzini sono maggiormente incentivati a giocare e speriamo che in futuro possano venir fuori altri campioni”. Quanti sono i circoli a Livorno? “ Livorno città ci sono 4 grossi cir “A circoli: la Cooperativa Tennis, la Libertas, Il Tennis Club e l’Junior Club, più il Cir Circolo Ferrovieri che fa una buona attività anche a livello agonistico. A questi si aggiungono i circoli della provincia, complessivamente possiamo contarne ben 15 club. Naturalmente ci sono altri circoli che non sono affiliate alla Fit, ma ad altre organizzazioni tipo la Uisp, questi sono due o tre e fanno attività al di fuori del circuito federale, non hanno insegnanti federali e non possono par partecipare alle gare organizzate dalla Fit”. Quanti sono i giovani? “Soltanto qui al circolo di Banditella, fra i ragazzi che fanno agonistica e quelli più piccoli, ne abbiamo 160. Penso che più o meno in tutta la provincia si arrivi a circa 500”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

spiegato dal delegato provinciale Mario Martelli


“Buoni. Un gruppo di ragazzi selezionati da tutta la provincia ha la possibilità di andare il sabato e la domenica al Centro Coni ad allenarsi con i maestri federali. Qui spesso hanno occasione di vedere grandi campioni in allenamento e ciò li permette di assistere ad un tennis di alto livello. Inoltre, a febbraio il Centro Coni ci mette a disposizione i campi e questo ci consente di organizzare la coppa delle Provincie per i ragazzi di 10 e 9 anni. Senza queste strutture non sarebbe possibile organizzare il torneo perché nei circoli il fine settimana i campi, soprattutto quelli coperti, sono tutti impegnati”. C’è un tennista che segue in modo particolare? “Al nostro circolo abbiamo Paolo Lorenzi, 29 anni, senese, ma da tre anni si allena al circolo di Banditella perché ha scelto di essere preparato dal nostro tecnico Claudio Galoppini. L’anno scorso ha raggiunto l’ottantaquattresimo posto nel ranking mondiale. La sua presenza fa da traino per i ragazzini che lo vedono giocare”. Che caratteristiche deve avere chi fa tennis? “Sul fisico e sulla tecnica si può lavorare, mentre importantissime sono le qualità psicologiche. La concentrazione e la voglia di vincere. Queste sono le caratteristiche che fanno la differenza”. ff fferenza”. Un consiglio per i genitori dei ragazzi che praticano tennis? “Lasciare che i ragazzi seguano gli insegnamenti degli istruttori, senza intromettersi con i loro consigli e le loro lezioni. Credo sia fondamentale che i genitori lascino giocare i propri figli gli per perché possano divertirsi, senza stressar stressarli, senza per forza farli diventare dei campioni. Quelli bravi verranno comunque fuori e avranno la possibilità di diventare professionisti, ma al momento giusto”. 303

Il tennis è uno degli sport più diffusi a livello amatoriale. “A tennis si può giocare fino a 80 anni e oltre. Noi abbiamo diversi soci di questa età che fanno il doppio e si divertono tantissimo. Certo non si può chiedere ad una persona anziana di giocare a singolo o sotto il solo d’agosto, ma con le dovute accortezze si può giocare e svagarsi in compagnia a tutte le età”. Di cosa manca il tennis a Livorno? “Gli impianti presenti sono sufficienti, quello che manca a mio avviso invece è una maggiore collaborazione fra i circoli, anzi direi che c’è troppa contrapposizione soprattutto quando ci sono i tornei a squadre, ed a livello giovanile, ciò non rappresenta una cosa positiva. Noi siamo stati i primi ad iscrivere il nostro circolo di Banditella al Pia (Piani Integrati di area), una struttura creata dalla federazione e composta da più club, con lo scopo di dare ai ragazzi una preparazione omogenea. I maestri che fanno parte del Pia, infatti, hanno l’opportunità di incontrarsi e confrontare i metodi d’insegnamento, oltre a far partecipare i loro ragazzi più piccoli, a tornei interni, dove il lavoro di confronto continua sul campo. Fortunatamente da quest’anno anche l’Junior Club e il Dopolavoro Ferroviario si sono iscritti, ed una volta ogni 15 giorni o una volta al mese partecipano a questi incontri in città diverse della Toscana, durante i quali i ragazzi si divertono molto, anche perché la loro fascia di età non è ancora ammessa all’agonismo. Durante queste occasioni i maestri si scambiano esperienze ed opinioni. Purtroppo ci sono altri circolo che non hanno mai accettato di iscriversi”. La cosa più bella che ha sentito dire ad un giocatore? “Hai giocato meglio di me! Solitamente chi perde tende a trovare delle giustificazioni, apprezzo invece chi al termine di una partite riconosce la superiorità dell’avversario”. Antonella De Vito

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Quando si può iniziare a giocare a tennis? “Fino a pochi anni fa avevamo l’under 12, oggi abbiamo anche l’under 8 perché ci siamo dovuti adeguare agli altri sport che cercano di fare proseliti fin da piccoli. Cominciamo a fare avviamento al tennis con i bambini di 4 o 5 anni, naturalmente lo proponiamo come momento ludico, dove si gioca con le palline, le racchette e si prende confidenza con l’ambiente. Il tennis, fino a quando viene giocato come svago, è bellissimo. Il problema è che quando i ragazzi cominciano a diventare bravi devono affrontare ffrontare un notevole stress, ff posto prima di tutto dai genitori e poi dalla disciplina in sé perché come tutti gli sport singoli richiede molta concentrazione. Così quando si arriva a 14 o 15 anni l’attività agonistica la proseguono solo quelli che hanno delle soddisfazioni, perché l’impegno diventa importante, quotidiano e se non si hanno risultati si preferisce abbandonare, e purtroppo questi giovani quando smettono lo fanno in modo definitivo e non recuperano il tennis come elemento giocoso”. L’esperienza più bella avuta nel suo ruolo? “Quando i ragazzi del mio circolo di Bandinella si sono distinti nei Campionati Italiani a squadre. L’under 16 infatti ha disputato la finale e l’anno ancora prima le ragazze si sono aggiudicate il secondo posto ai Campionati Italiani a squadre”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe che questo sport fosse sempre più seguito dai giovani e vorrei poter diminuire le spese economiche che il tennis comporta. Non so quanto costa mandare un figlio ad una scuola di calcio, ma so che frequentare un corso di tennis in un circolo ha un peso economico che ricade sulla famiglia e talvolta può essere limitativo”. Che rapporti avete con la scuola federale al Centro Coni di Tirrenia?


Scotto PubblicitĂ Livorno


Tennis Tavolo

Sempre forte e numeroso il movimento pongistico labronico

Q

uante volte leggendo un giornale oppure ascoltando la radio o la tv abbiamo colto l’espressione “ping – pong” come sinonimo di un Batti e Ribatti, un botta e risposta serrato tra due interlocutori? Ebbene il nostro sport è proprio così!!! Due racchette, una pallina (bianca od arancione), un tavolo azzurro e puoi gareggiare anche tu. Dal salotto di casa tua, al garage, al giardino, alla sala dell’oratorio, al corridoio di una scuola, al piazzale di un impianto balneare fino alla palestra federale attrezzata per l’uso agonistico. Livorno vanta una tradizione pongistica illustre ed al momento, nonostante una vera e propria “latitanza” di sponsor amici, indispensabile per coprire i costi che comunque esistono in qualsiasi di-

Matteo Bagnol

sciplina sportiva, il Tennis Tavolo Livorno vanta numerose squadre sia nei Campionati regionali che nazionali (D2 – D1 – C2 – C1 – B2 MASCHILI e C - B FEMMINILI). Grazie all’aiuto dei molti appassionati, annualmente si svolgono nella nostra città sia un torneo nazionale che ben tre regionali, attraverso i quali centinaia di atleti, con le famiglie, provenienti da tutte le parti d’Italia e della Toscana hanno l’occasione di conoscere Livorno. Al momento come “alfieri labronici meritevoli” sono da menzionare i freschi CampioAlberto Andreani e Sandro Giovannini ni toscani (si sono laureati tali il 6 gennaio 2011): Alberto Andreani ca- più veloci esistenti. È una disciplina olimtegoria Juniores, Sandro Giovannini cate- pica ed è fra le più diffuse del mondo. Può goria Under 21 e Alessia Mirabelli sempre essere svolto a scopo ricreativo a qualsiacategoria Under 21 che con le loro “per- si età e si può giocare in luoghi ristretti, formance” hanno permesso alla squadra al chiuso e all’aperto. Per la pratica agodel Tennis Tavolo Livorno di classificarsi, nistica sono necessari luoghi attrezzati e per il terzo anno consecutivo, come la mi- spaziosi. Richiede, inoltre, un’opportuna gliore della Toscana. Il nostro vivaio giova- preparazione psico-fisica a causa delle nile, composto da più di 50 partecipanti, sollecitazioni, sia fisiche che di concentrazione mentale, espresse nei brevi tempi è il più numeroso della regione. di ogni scambio. Forse non tutti sanno che… Quasi tutti hanno giocato a ping-pong o tennis da tavolo, come è comunemente conosciuto, in un momento o in un altro della loro vita, infatti, è considerato uno degli sport più popolari al mondo. Ma quali sono alcune delle ragioni che rendono il tennis tavolo così famoso? E che cosa significa esattamente tennis da tavolo? Il ping pong fa ben alla salute, permette di facilitare la sudorazione e salvaguardare la frequenza cardiaca, giocato Dino Troiani ad alti livelli è uno degli sport

305

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

con atleti e vittorie nelle molte categorie e nei campionati regionali e nazionali


t1PTTJCJMJUÃ&#x2039;EJ QBHBNFOUP SBUFJ[[BUP BUBTTP

t5SBUUBUJWFEFJEBOOJ DPOMBDPNQBHOJB BTTJDVSBUSJDF HSBUVJUF

t4PDDPSTPTUSBEBMF QFSJQSJNJLN HSBUVJUP

t1SF[[JNPEJDJ

t.BDDIJOBTPTUJUVUJWB

Scotto Pubblicità Livorno

t-BWPSJHBSBOUJUJ NFTJ t"TTJTUFO[BDPO TUVEJMFHBMJF NFEJDPMFHBMJ

t$BCJOBEJ WFSOJDJBUVSBDPO OVPWPTJTUFNB 7&35" t#BODP%JBHOPTUJD 4ZTUFN(MPCBMKJH t-VDJEBUVSBDPO QSPUF[JPOFBM5FýPO

t"CCJBNPSJOOPWBUP MFBUUSF[[BUVSFDPO TJTUFNJEJBMUB UFDOPMPHJBUJQP *35 JNQJBOUP EJFTTJDB[JPOF WFSOJDJ FEBMUSP


Per questo l’atleta di tennis tavolo esprime in genere doti di coordinazione, rapidità di movimento e ottimi riflessi oltre ad una certa sensibilità nel tocco.

Lorenzo Micheli

dieci milioni di giocatori partecipano a tornei. Il numero dei praticanti è stimato in ventidue milioni in tutto il mondo, consacrandolo come il 6° sport di rango mondiale. Le nazioni con il maggior numero di iscritti sono: Cina 10.000.000 (1° sport nazionale), Ex-Urss 3.000.000, Germania 670.000, Indonesia 385.000, Giappone

La squadra di C2: da sinistra Dino Troiani, Lorenzo Scalici, Federico Viterbo, Daniele Caputi

Dagli appassionati viene spesso detto che “il tennis tavolo è giocare a scacchi correndo i cento metri”, per sottolineare l’elevata dose di concentrazione richiesta dal gioco da abbinare ad una fulminea velociLa squadra di C1: da sinistra Armando Zuanigh, Matteo Bagnoli, Simone Lubrano, tà di movimento. Fausto Mazzocco, Jacopo Raffaelli In Italia il Tennis tavolo si è costituito come disciplina sportiva e apparato organizzativo, nel 1960 quando si 300.000, Gran Bretagna 220.000, Francia 190.000, Ex-Cecoslovacchia svolse la prima Assemblea Generale. Nel 1979, il Coni riconobbe formalmen- 110.000. La differenza fra la pratica amatote la Federazione Italiana Tennis Tavolo (F.i.te.t.) al pari di federazioni sportive più riale e quella agonistica è notevole, ma nella medicina sportiva il tennis popolari. Oggi il tennis tavolo è uno degli sport tavolo è considerato uno sport prapiù popolari al mondo, ogni anno più di ticabile a qualsiasi età.

307

Alberto Andreani

Grazie ad una attività aerobica, priva di stress da contatto e senza gravare eccessivamente sulle articolazioni e la colonna vertebrale, mantiene fluido il movimento del tronco e degli arti. Aiuta la circolazione (sforzo aerobico del cuore) e permette di mantenere riflessi veloci e buona coordinazione di movimento. Nel 2006 all’AWD Dom di Brema, in Germania, si è disputato il Campionato del mondo di tennis tavolo per veterani e tra i molti incontri i cultori di questo sport hanno potuto apprezzare due veterani e anziani giocatori: il giapponese Yukie Uchida, di 94 anni, e l’australiana Dorothy De Low, che di anni ne aveva 95.

La squadra di B2: da sinistra Maurizio Raspi, Sandro Giovannini, Alberto Andreani, Lorenzo Micheli (foto di Simone Freschi)

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

Lisa Belli


Ivan, Vassileva, e Niagol Stoyanov Q

uante racchette ci saranno in casa Stoyanov? Impossibile saperlo, anche loro hanno perso il conto, e non poteva essere diversamente visto che in famiglia ci sono ben tre campioni! Mamma, papà e figlio: Vassileva, Ivan e Niagol. Il tennis tavolo ha accompagnato le loro vite fin da bambini e le loro carriere agonistiche è lunghissime. Iniziamo da mamma Vassileva Valia “Con l’inizio delle scuole elementari cominciai a praticare la ginnastica spor sportiva, disciplina molto diffusa ffusa in Bulgaria. ff Ero diventata anche piuttosto brava, ma tutti quei salti e quelle giravolte mi fecero venire un’ernia e dopo l’operazione dovetti stare per un po’ di tempo a riposo. Vicino a casa c’era un campo sportivo dove mia sorella, di due anni più grande, giocava a tennis tavolo, così per passare il tempo andavo a vedere i suoi allenamenti e cominciai ad appassionarmi anch’io.

Chiesi a mio padre l’autorizzazione per iscrivermi ai corsi e lui mi disse di rimandare ancora un po’, ma io iniziai ugualmente ad allenarmi di nascosto e scoprii che mi veniva tutto spontaneo, da allora non ho più posato la racchetta”. Com’è proseguita la tua carriera? “Ho avuto un allenatore molto bravo e dopo due anni ero già Campionessa nazionale nella mia categoria, che è una cosa molto difficile. Per questo aspetto sono stata molto fortunata, ma nello stesso tempo anche sfortunata perché lui aveva una figlia di 7 mesi più piccola di me, da una parte come coppia e come squadra ci allenava molto bene, ma quando ci chiamavano singolarmente lui privilegiava sempre la figlia ed io ho sofferto fferto di questa situazione. ff Ho fatto molti tornei internazionali e campionati balcanici con ottimi risultati, ma quando si trattava di europei o mondiali mandava sempre lei. Ricordo ancora

La famiglia Stoyanov

309

che un anno persi un mese di scuola per potermi allenare per i Campionati mondiali in Corea, ma la sera prima della par partenza venne negli spogliatoi e disse che ci sarebbe andata solo la figlia, mentre io sarei partita per un Campionato con l’Unione Sovietica. Per me questa fu una situazione molto stressante e in seconda superiore capii che nello sport più di tanto non potevo andare avanti perché mi avrebbero stritolata, così tornai ad impegnarmi maggiormente nella scuola, ma non ho mai abbandonato il tennis tavolo ed ho sempre continuato a giocare in serie A e all’Università di Economia, dove mi sono laureata, ero la prima in classifica”. Quando hai conosciuto Ivan? “Anche lui faceva l’Università insieme a me e così ci siamo conosciuti. A 23 anni mi sono laureata nel mese di giugno e ad ottobre ci siamo spostai ed abbiamo iniziato la nostra storia insieme”. Raccontacela. “Ivan è sempre stato un campione e fu chiamato in Spagna a giocare a Granada, ed io riuscii ad avere un contratto con il Barcellona. Siamo stati qui due anni e poi abbiamo deciso di avere un figlio e siamo rientrati in Bulgaria. Ho ricominciato subito a lavorare con la mia laurea ed ho insegnato per un anno e mezzo Economia Aziendale in una scuola superiore. Dopo la nascita di Niagol abbiamo deciso di ripartire, ma per un paese più vicino, così siamo venuti in Italia dove Ivan aveva avuto delle offerte. fferte. Siamo stati un anno in ff Sicilia e poi ha iniziato a giocare per il Livorno, anche se ancora non ci abitavamo, infatti, per evitare di far muovere troppo il bambino stavamo nella città dove lavoravo io. Per 10 anni ho giocato in serie A come professionista in diverse squadre: Cuneo, Arezzo, San Marino. A 35 anni ho smesso con il professionismo ed ho iniziato ad insegnare ai bam

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

La famiglia dei campioni del tennis tavolo


F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

bini all’Agip Petroli a Livorno, dove nel frattempo ci eravamo trasferiti. Ho cominciato con mio figlio che aveva 6 anni ed i suoi compagni di classe. Ma poi ho dovuto smettere perché si era presentato un problema”. Quale? “Era arrivato il momento che trovassi un lavoro stabile per ottenere la cittadinanza, altrimenti Niagol a 18 anni sarebbe dovuto andare a fare il militare in Bulgaria. Infatti, lui era nata lì e per loro era bulgaro e il militare era un obbligo. In realtà nostro figlio a pochi mesi è venuto in Italia ed è cresciuto qui, è italiano e si sente tale. Così mi sono dedicata a prendere la cittadinanza ed ho dovuto rallentare con il tennis tavolo, anche se ho sempre continuato a giocare in serie B e ad aiutare Ivan nelle sue attività”. Il ricordo più bello legato al tennis tavolo? “In seconda o terza media quando sono diventata campionessa bulgara nella categoria allievi. Mia sorella mi aspettava alla fine degli allenamenti e mi incoraggiava, mi prometteva di stirarmi per tutto l’anno il grembiule che usavamo a scuola, se fossi diventata campionessa. Sono ricordi belli, perché non credi mai di vincere e invece quando succede ti senti bene”. Cosa ti piace di più del tennis tavolo? “La possibilità di stare in mezzo alla gente e di girare il mondo.

È uno sport che ti dà l’opportunità di metterti alla prova”. Un sogno nel cassetto? “Avere un giorno una nipotina che diventi più brava di me a tennis tavolo”. Passiamo adesso ad Ivan, la bandiera del tennis tavolo a Livorno e campione internazionale. “Ho cominciato a 8 - 9 anni ed a dieci ero già nella top 10 dei giovanissimi in Bulgaria, con un ottavo posto. Ho cominciato per caso con mio fratello maggiore nel centro sportivo vicino casa. A 18 anni ho par partecipato al Campionato giovanile Juniores in Grecia, come nazionale. Precedentemente avevo vinto per due volte consecutive il titolo bulgaro Juniores. Nel ’77 ho fatto il primo Campionato mondiale e da quel

La partita del Livorno con l’A.S. Pieve Emanuele di Milano

310

Ivan e Niagol

momento è iniziata la mia carriera ad alti livelli e non ho mai saltato un campionato fino a ’98, quando ho giocato l’ultimo europeo in Olanda”. La tua carriera in Italia? “In Italia sono arrivato con mia maglie nel 1987, siamo stati un anno a Ragusa e poi siamo sempre stati legati a Livorno. I primi 5 anni io giocavo per questa città anche se non ci abitavo, perché stavamo vicino a dove lavorava Vassileva. In questi 5 anni siamo sempre riusciti a mantenere la serie A1 grazie alla Tripcovich, un’agenzia marittima con sede a Trieste che ci ha fatto da sponsor. Finito questo, come spesso accade, la squadra è retrocessa ed io ho dovuto accettare di andare a giocare a Lecce, proprio quando mi ero trasferito a Livorno. È stato un periodo molto impegnativo, con i miei compagni che abitavano a Senigallia lo chiamavamo ‘il viaggio del terrore’, perché erano veramente tanti chilometri, insomma è stata una bella fatica.


non servii perché perdemmo ugualmente, ma per me fu una prestazione importante, anche se mi costò una ricaduta con i problemi alla schiena”. In Bulgaria ti accolgono come un campione. “In Bulgaria sono uno dei giocatori più titolati, di singolo, doppio, doppio misto e a squadre. Qualche anno fa sono stato eletto come migliore giocatore di tutti i tempi”. Ed in Italia? “Attualmente sono in undicesima posizione nella graduatoria nazionale, ed è una bella soddisfazione, data anche l’età”. Oggi, oltre all’attività agonistica ti dedichi anche all’insegnamento? “Sì, oltre alla laurea in economia, presa ai tempi in cui ho conosciuto mia moglie, sono anche laureato all’Isef e questo mi permette di dedicarmi all’insegnamento, così la mattina sono a scuola e il pomeriggio nella palestra di via Marconi 79”. Raccontaci di quando hai conosciuto Vassileva. “L’ho conosciuta all’università, ma l’ave l’avevo già notata in passato. La prima volta che la vidi faceva ancora le elementari ed io con i miei compagni di squadra andammo nella sua città a fare uno stage. Naturalmente tutti i ragazzini erano sempre intorno a noi e così la notai. Poi ci siamo rivisti, sempre in un’occa un’occasione sportiva, quando faceva le medie ed infine, ne, abbiamo iniziato a frequentarci quando io facevo l’università e lei l’ultimo anno del liceo”. Ivan e Vassileva hanno un figlio, Niagol che a maggio compirà 24 anni e che naturalmente non poteva non essere un cam campione. Che e effetto ffetto fa essere ff figlio fi glio d’arte? “Beh, da piccolo essere il figlio glio di Ivan mi pesava un po’, adesso sto co cominciando a farci l’abi l’abitudine”. Quando hai capito che il tennis tavolo sa sarebbe stata la tua stra strada in campo sportivo? “A sei anni ho iniziato ad allenarmi con mia ma madre, ma facevo anche calcio. Poi verso la fine delle medie le

311

due cose sono diventate inconciliabili e allora mi sono dedicato al tennis tavolo, anche perché i risultati erano migliori in questo campo e avevo molte soddisfazioni”. Il primo allenatore? “Mamma. Quando avevo sei anni era lei che seguiva la palestra all’Agip Petroli e poi stavo più tempo con lei. In seguito invece mi ha allenato mio padre”. Chi dei due è più severo? “È difficile dirlo, anche perché sono molto diversi. Negli allenamenti è sicuramente più severa mamma, babbo concede di più durante la settimana, ma poi è più rigoroso nell’analisi della partita e nel dirti dove hai sbagliato”. Facci un tuo breve curriculum sportivo. “Ho vinto titoli nelle varie categorie sia come singolo che in squadra, nei doppi e nei doppi misti, sempre nella società livor livornese. Con la nazionale ho partecipato a 7 europei giovanili di cui 3 da allievo e 4 da juniores. Il miglior risultato che ho fatto è stato il rientrare nel top 12 europeo quando ero negli juniores, con il quarto posto. Ho vinto una medaglie di bronzo agli europei junior nel doppio a Budapest. Come assoluto ho partecipato a due mondiali e due europei. Come squadra negli ultimi quattro anni abbiamo fatto i playoff ff nei campionati di A1. Sono in nazionale e fino a pochi mesi fa sono stato primo nella classifica assoluta italiana, posizione che ho mantenuto per 4 anni”. Come si svolge oggi la tua vita? “Mi sono trasferito a Torino perché è la città che mi permette di portare avanti ad alti livelli sia l’università con la Facoltà di Ingegneria Energetica al Politecnico sia il Tennis Tavolo con la mia squadra, il Custorino”. Entrambe le attività sono molto impegnative. Come le concili? “Bisogna fare delle rinunce, svegliarsi la mattina presto e magari andare a letto presto”. Pensi di aver già superato tuo padre a livello sportivo? “Lui dice che l’ho già superato perché ho partecipato a tante competizioni europee a livello giovanile che lui non ha fatto. Io invece credo semplicemente che la cosa sia dovuta al fatto che oggi ci sono molte più gare e quindi molte più occasioni, ma i risultati che lui ha ottenuto

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

Poi ho giocato un anno a Siracusa, uno a Bologna, due in Sardegna, uno sul Lago d’Iseo e poi finalmente sono rientrato a Livorno”. La vittoria più bella? “Sono diverse. Quando giocavo per il Livorno abbiamo partecipato per due volte alle semifinali e un anno ho giocato le finali con il Senigallia, quando avevo già più di 40 anni: una bella soddisfazione data l’età. In campo internazionale le vittorie che mi hanno dato soddisfazione sono state tante, soprattutto quando sono riuscito a battere giocatori famosi, in classifica fra i primi dieci nel mondo. Ad esempio, in Jugoslavia nel ’78 sono riuscito ad avere la meglio su mezza squadra di casa, fra cui anche un cinese che era stato Campione del Mondo. In questa occasione salii molto nella classifica mondiale, raggiungendo il quarantesimo posto. Ma mi fa piacere ricordare anche quando mi infortunai per la prima volta nella mia vita, ma dovetti giocare ugualmente per non scendere di categoria e così riuscii a fare due punti contro la Filanda durante un europeo, anche se purtroppo a livello di squadra


perché il Livorno era già retrocesso e noi eravamo secondi. Per me è stato molto bello tornare a giocare nella mia città e rivedere molti amici che sono venuti a salutarmi”. Sogno nel cassetto? “Londra 2012”. Hai mai incontrato qualcuno che ti ha detto di conoscere tuo padre? “Sempre. Il nostro è un ambiente dove alla fine ci conosciamo tutti. La prima volta che mi è capitato mi ha fatto una certa impressione. Inizialmente la cosa mi ha inorgoglito molto, ma il rovescio della medaglia è che ho sempre gli occhi di tutti puntati addosso, perché vogliono vedere quanto è bravo il figlio di Ivan e sento di dover tenere alto il nome. È una cosa normale, anch’io faccio così con i figli dei grandi campioni.

Ivan e Niagol al Torneo Assoluti di Terni

313

Complessivamente comunque la cosa è positiva, perché mi fa piacere vedere che mio padre ha lasciato all’estero una buona immagine”. Da piccolo hai mai pensato di avere genitori ingombranti? “Un po’ sì, non capivo tutta la pressione che mi facevano, non accettavo la loro voglia di vedermi vincere, ma è naturale, da piccolo queste cose non si comprendono, non ci si rende conto che i genitori cercano di fare le cose migliori per te. Naturalmente oggi lo so e li ringrazio, anzi mi dispiace in passato essere stato un po’ critico con loro”. Cosa ti piace del tennis tavolo? “Sono affascinato ffascinato dagli sport singoli. ff Quando sei in campo hai in mano la situazione e devi prendere delle decisioni. Quando sono quelle giuste la soddisfazione che ne deriva è veramente molto grande”. La soddisfazione più bella? “Ne ho due: essere arrivato nei top 12 quando ero negli juniores ed essere rientrato nella nazionale dopo tre anni, a settembre 2009, con gli europei e aver dimostrato di poter raggiungere un livello alto”. Mamma Vassileva e babbo Ivan incoraggiano più la carriera scolastica o quella sportiva? Ivan: “Non dimentico mai la carriera scolastica e gli ricordo sempre che deve anche studiare, ma seguo di più quella sportiva”. Vassileva: “Io tengo di più alla scuola, deve prima di tutto laurearsi, e poi spero che il tennis tavolo possa accompagnarlo sempre nella vita, perché è una disciplina bellissima. Però quando va male nello sport mi ar arrabbio anch’io”. Qual è la soddisfazione più bella che vi ha dato Niagol in campo sportivo? Ivan: “Io Io non dimenticherò mai la par partita a squadre quando vinsero il titolo italiano nella categoria ragazzi nel ’98 a 11 anni. È stato lui ha portare la vittoria vincendo due singoli e un doppio”. Vassileva: “Il risultato nei top 12”. Il vostro sogno nel cassetto per lui? Ivan: “Che possa andare alle olimpiadi, cosa che io non sono mai riuscito a realizzare”. Vassileva: “La laurea”. Antonella De Vito

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

all’interno della nazionale assoluta, per me sono ancora lontani. Lui ha vinto con giocatori che sono rimasti nella storia del nostro sport. Prima di essere paragonato a lui devo fare ancora molta strada. E poi la sua bravura la sta dimostrando ancora, mantenendo livelli altissimi pur avendo una età non più giovanissima”. Vi è capitato di giocare uno contro l’altro? “Sì. Abbiamo giocato contro tre o quattro volte in tornei assoluti. Però la gara più importante che ci ha visto uno contro l’altro è stata quella di Livorno. Io giocavo con l’A.S. Pieve Emanuele di Milano in A1 e anche il Livorno, dove giocava mio padre, era in A1. Ho vinto io, ma credo che sia una questione anche di età. È stata una bellissima partita perché c’era tanta gente, il risultato era scontato


Scotto PubblicitĂ Livorno


Tiro a Segno Uno sport per tutti

I

l Tiro a Segno è una disciplina sportiva che può essere svolta in maniera ludica, amatoriale o agonistica. La sua caratteristica principale è quella di possedere e sviluppare elevate capacità di concentrazione e di autocontrollo. Infatti, ogni fase della sequenza del tiro, richiede all’atleta l’acquisizione e la percezione di una corretta postura associata ad un accurato e minuzioso controllo di tutti quei movimenti che portano fino all’azione finale dello scatto. Il preciso allineamento fra l’occhio, gli organi di mira ed il bersaglio, viene ottenuto attraverso processi mentali complessi ed elaborati, che consentono di controllare esattamente la programmazione e la realizzazione delle diverse fasi del tiro. Queste difficoltà aumentano in situazioni competitive poiché tali processi dovranno essere mantenuti costanti per un periodo di tempo abbastanza lungo, anche sotto l’influenza di aspetti emozionali e di un progressivo affati ff ffati camento. Si tratta quindi di una disciplina sportiva che può rappresentare un’esperienza educativa ed una attività utile alla crescita psicofisica dell’individuo e che, strano a dirsi, risulta essere molto affascinante ff ffascinante

anche per i più giovani. Per i genitori che però non conoscono questa disciplina, la decisione di consentire ai propri figli di praticarla, a volte risulta essere molto sofferta fferta e difficoltosa da prendere, in ff quanto si pensa subito ad eventuali problemi relativi alla sicurezza. In realtà il problema non sussiste perché al tema sicurezza viene data subito una grande importanza e fin dall’inizio, ai ragazzi viene insegnato come tenere, maneggiare ed utilizzare in modo adeguato un’arma, inoltre tali comportamenti sono costantemente controllati durante ogni seduta di allenamento.

315

Gli sport di tiro con armi (anche con quelle a fuoco) sono fra le discipline che possono essere definite prive di pericoli e questo grazie al fatto che in ogni sezione di Tiro a Segno viene data un’importanza fondamentale alla sicurezza. Ogni atleta viene prima di tutto allenato alla sicurezza che porta ad un conseguente rispetto per le armi e per le regole che ne disciplinano l’uso, ad un profondo senso di responsabilità e di collaborazione tra i compagni, nell’attenzione reciproca che si mettere in atto proprio con la prudenza. Istruttori ed allenatori, quando insegnano come sparare, sia ad atleti adulti, ma soprattutto ai più giovani, cominciano proprio dalle regole inerenti la sicurezza, ma mai si trascura di sottolineare quanto sia importante per un tiratore, mantenere sempre sotto stretto controllo le pulsioni aggressive e violente potenzialmente associabili all’utilizzo delle armi. Ciò avviene non appena il giovane inizia a frequentare un poligono di tiro, anche prima dei 14 anni, quando è consentito il solo utilizzo delle armi ad aria compressa e, in particolar modo, dai 14 anni in poi quando è possibile iniziare a sparare con le armi a fuoco.

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

Campioni regionali e buone posizioni nelle classifiche nazionale per gli atleti della sezione labronica


U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

Un aspetto educativo fondamentale nel tiro a segno è associato proprio al controllo dell’aggressività e della violenza, infatti il giovane viene educato ad un utilizzo rigorosamente regolamentato, ragionato e controllato delle armi, strettamente finalizzato al conseguimento di obiettivi connessi alla prestazione sportiva ed al miglioramento personale. Naturalmente il tiro a segno ha altre caratteristiche educative specifiche che lo rendono adatto per i giovani, come già detto l’apprendimento delle abilità tecniche richiede disciplina, autocontrollo e concentrazione, mentre dal punto di vista motorio è determinante la coordinazione oculo‐manuale, ma anche la percezione ed il controllo della postura e della motricità. Imparare a sparare aiuta a sviluppare le abilità di ascolto, di percezione e regolazione delle risposte somatiche: i ragazzi vengono educati a percepire e modulare la tensione muscolare, a coordinare la respirazione con le fasi del tiro, a gestire le variazioni di frequenza cardiaca nei momenti di maggior tensione. Vi sono inoltre i fattori mentali: i ragazzi sono sollecitati a riflettere sulle modalità di orientamento e focalizzazione dell’attenzione e ad acquisire consapevolezza delle proprie emozioni, in particolare quelle come ansia, tensione e frustrazione, che possono condizionare in modo negativo la prestazione.

Raffaele Montenero

È abbastanza frequente nei principianti, che l’apprendimento dei primi elementi tecnici determini, nella fase iniziale, esperienze di successo in tempi brevi, che favoriscono la fiducia nelle capacità personali. Un aspetto particolare del tiro, assolutamente da non sottovalutare, è quello di essere una attività che genitori e figli possono praticare insieme: l’ambiente del poligono consente dunque la condivisione di esperienze sportive e l’opportunità di trascorrere del tempo libero coinvolgendo anche tutta la famiglia. Ricordiamo anche che il tiro è una delle poche discipline sportive che può essere praticata nello stesso momento da maschi e femmine. Infine ci sembra importante sottolineare come questo sport offra opportunità di esperienze gratificanti anche a giovani che hanno livelli normali di capacità motorie, e che non sempre trovano spazi in altre discipline sportive. Anche nel tiro a segno, comunque, per chi vuole cercare di ottenere risultati significativi nelle competizioni, dopo la fase di avviamento è necessario un impegno sistematico di allenamento, finalizzato non solo al perfezionamento tecnico, ma anche alla costruzione di un adeguato livello di condizionamento fisico e di preparazione mentale. La pratica del tiro a segno, dunque, se realizzata all’interno di un contesto che considera anche l’aspetto educativo, rappresenta sicuramente per i giovani un’esperien-

316

Simone Sanguinetti

za di crescita e maturazione personale. Quanto sopra descritto è proprio ciò che accade, anche se purtroppo in tanti non lo sanno, dietro quell’alto muro di cinta che racchiude la Sezione del Tiro a Segno di Livorno. Negli ultimi anni, notevole è stato lo sforzo fatto dalla società per la promozione e la preparazione di nuovi giovani (e meno giovani) atleti, permettendo un deciso balzo in avanti nella classifica C.I.S. (Campionato Italiano per Società) proiettando la Sezione di Livorno, a conclusione della stagione agonistica 2010, al 111° posto in Classifica Nazionale (su circa 250 Società). Tanto è stato fatto, ma tanto ancora c’è e si può fare... Le premesse ci sono tutte, tanto è vero che dalla prossima stagione agonistica, oltre alle consuete squadre che partecipano al circuito nelle specialità con armi ad aria compressa, si andrà ad aggiungere anche una o più squadre per le specialità a fuoco. Dai primi di ottobre è iniziata la fase di preparazione per la stagione agonistica 2011 e fin da subito si sono notati segnali che fanno ben sperare in un roseo futuro, sia in termini prestazionali per i “veterani”, che quantitativi dovuti all’ingresso di nuovi appassionati. Oltre una decina sono infatti i nuovi iscritti che si cimentano e tra di loro già si intravedono un paio di elementi potenzialmente validi, per poter iniziare a gennaio l’attività a livello agonistico. Ma vediamo nel dettaglio come si è conclusa la stagione 2010 per


i tiratori di interesse della Sezione Livornese. Campione incontrastato della specialità P10 (Pistola a 10 metri ad Aria Compressa) della categoria “Ragazzi” (fascia di età compresa tra i 14/15 anni) è stato il giovane Tommaso Chelli che nelle quattro tappe del circuito regionale ha sempre conquistato la cima più alta del podio, confermando il suo valore anche nella quinta tappa ed aggiudicandosi così il titolo di Campione Regionale. Ammesso alle finali dei Campionati Italiani di Categoria, che si sono svolti a Padova nel mese di settembre ha portato a termine la sua gara finendo al settimo posto in classifica nazionale, con il punteggio di tutto rispetto di 360/400. Tommaso, dalla stagione agonistica 2011, passerà alla Categoria Juniores lasciando l’onere di difendere il titolo della

Francesco Lazzeri

zio Gori che grazie ai suoi punteggi, ha meritato la promozione dalla fascia C alla fascia “B”. La determinazione e la costanza evidenziate la scorsa stagione agonistica da Simone Sanguinetti sono le caratteristiche che lo contraddistinguono e che sicuramente gli permetteranno, a breve, il raggiungimento di traguardi sempre più prestigiosi. Unico tiratore, nonché Vice Presidente Federale, di Arma Lunga è Riccardo Finocckì che si è messo in evidenza agli scorsi Campionati Italiani nella specialità a 50 metri di CL3p (Carabina Libera 3 posizioni) 120 colpi e che ha concluso la sua gara con il proprio record stagionale di 1123 punti che gli sono valsi la 5a posizione in classifica nazionale. Come squadra, nella specialità di P10, la Sezione di Livorno ha chiuso al 4° posto (su 33 squadre) la classifica del Circuito Regionale a Squadre e si sta preparando per le fasi eliminatorie della prossima Team Cup. Di notevole prestigio per la sezione è sicuramente stata la convocazione di Tommaso Chelli e Leonardo Mele per l’incontro internazionale svoltosi a maggio nella città di Grenoble (Francia) tra le regioni della Toscana ed il Principato di Savoia. Anche in questa occasione, i nostri tiratori sono riusciti a dare il meglio di se stessi ottenendo risultati degni di rilievo. Questo... e non solo... è l’affascinante ff ffascinante mondo del Tiro a Segno... uno sport che può regalare davvero bellissime emozioni... Vi aspettiamo...!!!

Leonardo Mele

317

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

Tommaso Chelli e Maurizio Gori

categoria Ragazzi a Francesco Lazzeri, anch’egli molto ben difesosi nelle fasi regionali e che, allo stato attuale, ha le carte in regola per essere sicuramente all’altezza del compito affidatogli. Tra gli Juniores (fascia di età compresa tra i 16/21 anni), sempre nella specialità P10, anche Raffaele ff ffaele Montenero ha ripetuto le stesse prestazioni di Tommaso, aggiudicandosi le cinque tappe del Circuito Regionale ivi compreso il Titolo di Campione Regionale mancando però, purtroppo, l’ammissione ai Campionati Italiani per una manciata di punti. Nella categoria Uomini, Leonardo Mele, pur allenandosi nei ritagli di tempo in quanto responsabile della formazione tecnica dei tiratori di interesse sezionale, ha conquistato un primo posto nella seconda gara del Circuito Regionale nella specialità P10 (con il punteggio di 378/400) ed ottimi piazzamenti (tra cui un secondo posto) nella specialità a fuoco di PL. Piazzamenti che gli hanno permesso l’accesso in 21a posizione nella Classifica Generale di ammissione ai Campionati Italiani di specialità, svoltisi a Bologna a settembre e conclusosi con una gara dal punteggio di 517/600 che gli è valsa la 20a posizione in Classifica. Seppure lento, ma in costante ascesa, è il rendimento prestazionale di Mauri-


dal 1901 a Livorno per i campioni di ieri, oggi e domani... nel segno del Drago

www.chedditeitaly.com

Scotto PubblicitĂ Livorno

CHEDDITE sul tetto del mondo: Tosi vince il Campionato del mondo di Elica sparando la cartuccia DRAGO CHEDDITE!!


Tiro a Volo

Come iniziare correttamente l’attività di Tiro a Volo a federazione governa l’attività del Tiro a Volo che comprende tre discipline olimpiche: fossa olimpica, skeet, duble trap, e due amatoriali: compak sporting e elica. Nella nostra provincia esistono due impianti gestiti dalla Ads Skeet Club Il Bossolo a Livrono e Asd Tiro a Volo Cecina a Marina di Cecina. Avere una passione o semplicemente una curiosità per il tiro a volo può talvolta non essere sufficiente ad iniziare l’attività in modo corretto se non si intraprendono i passi gusti, poiché

si tratta di una disciplina il cui attrezzo sportivo è costituito dal fucile. La cosa che si consiglia è verificare sempre sul sito dell’Associazione Sportiva Tiro a Volo se l’impianto o la società a cui vi affidate risulta nell’elenco dei centri di Avviamento allo sport riconosciuto dal Coni. Il Cas prevede nella propria organizzazione la figura di un istruttore, che ha il compito di fornire tutte quelle indicazioni necessarie al maneggio dell’arma in sicurezza, alle nozioni basilari del regolamento fino alle prime esercitazioni

controllate in pedana. Per poter praticare il Tiro a Volo in tutti i campi d’Italia è indispensabile tesserarsi presso una Società di tiro affiliata alla Fitav che offre, inoltre, garanzie assicurative. La pratica giovanile è governata in ogni regione da una specifica Commissione che organizza, in collaborazione con il Comitato Regionale, l’attività che prevede anche la partecipazione a gare, sia in ambito regionale che nazionale. Alberto Villani Delegato provinciale Fitav

Un 2010 di campioni del mondo: Francesco Tosi e lo juniores Alessandro Alderani

B

andiera dell’elica labronica è Francesco Tosi che festeggia il 2010 come Campione italiano Tripletto Specialità Elica, Campione del mondo singolo e Campione del mondo a squadre, oltre al terzo posto nella Coppa del mondo svoltasi a Siviglia. Il trentottenne ha partecipato alla sfida di Ghedi con altri trecento tiratori provenienti da nove nazioni, vincendo la gara con un livello qualitativo molto

alto. Inizialmente Francesco ha confezionato un perfetto en-plein nelle venticinque eliche di programma e poi si è aggiudicato il titolo vincendo l’appassionato duello con il mantovano Vitto Vittorio Martignoni. Un mondiale difficile a causa delle condizioni atmosferiche che hanno visto protagonista anche un forte vento, non ideale per questo tipo di competizioni. Ma Francesco nonostante le av-

319

versità ha superato le prove alla perfezione. La vittoria individuale non è stato l’unico successo di Tosi, infatti, ha portato a casa anche la medaglia per il ti titolo a squadre insieme a Luca Boschi e Paolo Golfari. Il Campionato

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

L


SKEET CLUB

IL BOSSOLO B OLO TIRO AL VOLO VOLO

9Va'%&&kZggVccddg\Vc^ooVi^8dgh^Y^I^gdVaKdadcZaaZigZY^hX^ea^cZ 9Va'%&&kZggVccddg\Vc^ooVi^ ^gdVaKdadcZaaZigZY^hX^ea^cZ

Â&#x2122;;DHH6DA>BE>86Â&#x2122;8DBE68IÂ&#x2122;:A>86

Scotto Pubblicità Livorno

>Xdgh^hVgVccdiZcji^^cXdaaVWdgVo^dcZXdc^a8#I#6cYgZVBVgi^\cdc^! ^acVo^dcVaZBVgXd<dgZaa^!^aXVbe^dcZYZabdcYdY^:a^XV^cXVg^XV;gVcXZhXdIdh^ dgZaa^!^aXVbe^dcZYZabdcYdY^:a^XV^cXVg^XV;gVcXZhXdIdh^ ZXdcVaig^^higjiidg^fjVa^Ã&#x2019;XVi^#

,IVORNO 6IADEL#ORBOLONEZONA#ISTERNINO s4EL ILBOSSOLOLIVORNO YAHOOIT sWWWTAVILBOSSOLOIT


Primo a sinistra Roberto Mazzei alla premiazione dell’Atleta dell’anno a Cecina

del mondo di Ghedi ha coronato Campione nella categoria juniores Alessandro Alderani che ha affrontato l’inglese Jack Tucker. I due giovani avevano concluso con 21 eliche all’attivo e nello spareggio Alderani l’ha spuntata per 5 a 4, aggiudicandosi così il titolo mondiale individuale nella sua categoria, per la seconda volta. Altri buoni risultati per il Skeet Club “Il Bossolo” sono stati raggiunti da Ferruccio Morelli Campione del Mondo a squadre veterani a Benamej (Spagna) nella specialità Compak, Erica Pucci 3a classificata al Campionato del Mondo a squadre Lady a Benamej (Spagna), nella specialità Compak, Luca Boschi Campione del Mondo a squadre a Ghedi (Italia) nella specialità Elica. Da segnalare, inoltre, il 3° posto al Campionato Italiano a squadre nella specialità Elica ottenuto dal team composto da: Francesco Tosi, Luca Boschi, Marco Gorelli, Alessandro Alderani, Nicola Losi e Andrea Martignoni. Da ricordare anche il tiratore Cecinese Roberto Mazzei che il 23 luglio ha vinto il titolo mondiale a squadre di Fossa Universale svoltosi sui grandi campi di Valle Aniena a Roma.

Ferruccio Morelli al centro

Marco Gorelli 3° al Campione italiano a squadre

Campionato italiano di Tiro all’Elica tripletto.

321

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

Campionati del mondo. Da sinistra Andrea Martignoni, Francesco Tosi, Alessandro Alderani e Luca Boschi


FRANCESCO TOSI Accessori Armi Soft Air

Vieni a trovarci!

Piazza del Mercatino - Nuovo Mercato Americano - Banco 36 Stazione Marittima (Porto di Livorno) Tel. 0586 210249

Scotto Pubblicità Livorno

Vuoi provare l’emozione del SOFT AIR?


Francesco Tosi S

emplice e modesto Francesco è un punto di riferimento per agonisti e amatori che si ritrovano al Bossolo per dare libero sfogo alla loro passione. La domenica pomeriggio il Tiro a Volo Il Bossolo prende vita grazie alle decine di atleti e appassionati che seguono questa disciplina. Gare, allenamenti, incontri amichevoli, insomma con un po’ di organizzazione al Bossolo si può passare una bella giornata tirando all’elica. Fra i tanti atleti e amatori presenti incontriamo Francesco Tosi, Campione del mondo della specialità. Ad intervistarlo principianti della disciplina, di età diversa, che guardano a Francesco come al loro mito, al campione da emulare. I tre neofiti sono: Alberto Calin frequenta il Bossolo da due mesi, Rodolfo Morreale ha iniziato da un anno e il giovanissimo Luca Vivaldi di 9 anni, in pedana da quando ne aveva 4. Alberto Calin. Che differenza fferenza c’è fra spaff rare ad un elica e ad un piattello? “Sono due discipline completamente diverse. L’elica ha molte imprevedibilità, quindi un bersaglio non è mai uguale all’altro. Con il piattello invece si incontrano sempre lo stesso tipo di difficoltà. L’elica ha complessità diverse, e quindi talvolta si può essere aiutati da un po’ di fortuna, mentre in altri tiri si incontrano situazioni molto difficili. Il tiro al piattello è più ragionato e tecnico, per il tiro con l’elica bisogna essere un po’ più estroversi, ed istintivi”. Rodolfo Morreale. Ho già iniziato a fare qualche gare e ho scoperto di avere delle forti emozioni, volevo chiedere a Francesco cosa prova, lui Campione del mondo, quando spara?

“Durante una gara le emozioni ci sono sempre. È chiaro che bisogna cercare di dominar dominarle grazie alla consapevolezza della propria preparazione. Naturalmente l’esperienza e il tempo aiutano molto a raggiungere questo obiettivo e permettono anche un allenamento mentale, che in questa disciplina è importantissimo. È necessario non confondere le emozioni con la paura di non farcela, perché questa si può combattere, mentre l’emozione no, sarà sempre presente, anche se ogni volta maggior maggiormente controllabile”. Alberto. Ti aspettavi di diventare campione mondiale di tiro all’elica? “No, anche perché inizialmente ho cominciato per divertimento, in seguito mi sono reso conto di avere delle capacità e le ho coltivate con attenzione per poter arrivare all’agonismo, però non avevo mai pensato di raggiungere questi livelli, perché è difficilissimo e ci vuole tanta tenacia e forza di volontà”. Luca ha cominciato ad andare al poligono con il padre e adesso vede in Francesco un riferimento, così gli chiede: da quanto tempo fai le gare? “Ho iniziato tardi, tu hai la fortuna di essere giovane e con la grande passione che hai dimostrato di avere raggiungerai buoni risultati. Il mio primo incontro agonistico l’ho affrontato ff ffrontato a 29 anni, pensa quanto tempo in più hai tu per poterti allenare e trovare la tua strada all’inter all’interno di questa disciplina”. Luca. Cosa fai prima delle gare? “Prima della gare bisogna stare molto attenti. Il tiro è basato sulla concentrazione e la tecni tecnica, ma ci sono anche accortezze legate al corpo da tenere presente. È infatti necessa necessario non mangiare pesatamente, non bere, fare una vita regolare, avere una prepa preparazione fisica. Quando vai in pedana puoi avere grosse di difficoltà se non stai bene e se la tua mente non è completamente libera”. Alberto. Come hai iniziato? Chi ti ha spinto? “Ho iniziato un po’ come Luca, incoraggiato da mio padre. È cominciato tutto per caso, perché da piccolo giocavo a pallone, avevo altri interessi, poi crescendo mi è nata la curiosità ed ho voluto provare. Mi sono reso subito conto che uno sport singolo, come il tiro all’elica ti dà maggiori soddisfazioni,

323

rispetto a quelli di squadra, perché ti confronti personalmente con le tue capacità o le tue pecche. Un aspetto che mi è subito piaciuto e mi ha spinto a proseguire”. Alberto. C’è mai stato un momento in cui hai pensato di mollare perché ti sei trovato in difficoltà? “Sì, ci sono dei moneti in cui spari malissimo e non ti rendi conto del perché, proprio perché in questa disciplina c’è anche una forte componente psicologica. È in questi momenti che si vede la forza di volontà, che ti permette di andare avanti nonostante lo sconforto che ti assale quando non vedi risultati. Anch’io ho avuto momenti durante i quali avrei voluto abbandonare tutto, ed invece, per fortuna ho trovato la forza di andare avanti. Sbagliare è una cosa naturale e succede a tutti, l’importante è non mollare e proseguire con umiltà, consapevoli che c’è sempre qualcosa da imparare”. Rodolfo. Come si fa a capire con che velocità si deve mettere la canna sopra il bersaglio? “Le eliche non sono bersagli tutti uguali e quindi non hanno sempre la stessa velocità. Devi cercare di capirlo in quelle frazioni di secondi iniziali. Il bersaglio più lento è quello che va aggredito maggiormente, perché ci appare più facile rispetto agli altri, e rischiamo di arrivarci troppo rilassati e commettere errori. È importante mantenere sempre la stessa aggressività con ogni bersaglio, poi il resto viene d’istinto”. Luca. Quanto ti alleni? “Per sparare bene ci vuole il giusto allenamento, ne poco ne troppo. Personalmente preferisco esercitarmi poco, ma seriamente. Anche quando sei in allenamento devi cercare di usare la stressa concentrazione che useresti ad un Campionato del mondo, solo così rendi veramente proficua la preparazione che stai facendo. Bisogna sempre e solo pensare a spaccare il bersaglio e mai al punto da fare, altrimenti la mente si distrae”. Rodolfo. Non voglio fare altre domande, ma ci tengo molto a ringraziare Francesco perché mi ha insegnato questa disciplina e mi segue sempre, anche se è il Campione del mondo. Francesco è un ragazzo semplice e disponibile, sempre disposto ad aiutarti, non solo in pedana, ma anche nella vita di tutti i giorni, insomma: un vero Amico. Antonella De Vito

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

Campione del mondo nel tiro all’Elica


Scotto Pubblicità Livorno

TUBI ACCIAIO

Via dei Materassi, 14/18 - LIVORNO Tel. 0586 425151 - Fax 0586 422626 JTPGFSDBMFOEB!JPMJU


Tiro con l’Arco L

a stagione all’aperto 2010 si è conclusa anche quest’anno con moltissime soddisfazioni come ormai succede da un po’ di anni. Gli atleti della “Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani” sono stati impegnati su tutti i fronti ed hanno regalato successi in varie occasioni, ma hanno lasciato anche intendere quale sia il potenziale messo in campo e non ancora espresso al 100% e che presto darà i sui frutti. Nel mese di marzo al Campo di via Aiaccia si sono tenuti due rara duni con due tecnici nazionali, Antonio Aita, tecnico della divisione Arco Nudo e OlimpiOlimpi co, e Flavio Valesella, tecnico della divisione Compound: questi incontri organizzati pepe riodicamente hanno lo scopo di migliorare il livello tecnico degli atleti di punta della società e di mettere le basi per un lavoro che si protrae per tutta la stagione. Come ogni anno il calendario nazionale prevede prove di carattere regionale, che servono a qualificare quali gli atleti sia individualmente che a squadre, agli eventi più importanti di carattere nazionale e rere gionale, quali i Campionati regionali, Campionati italiani, e Coppa delle ReRe gioni. Dopo le varie gare di qualifica quali

tenutesi nei campi di tiro di tutta la Toscana, dove i bravi arcieri livornesi hanno sempre mantenuto alto il nome che portano stampato sulla maglia, raccogliendo vittorie e piazzamenti in tutte le divisioni e classi, siamo entrati nel vivo della stagione agonistica. Il primo appuntamento si è svolto a giugno con i Campionati regionali di Tiro di Campagna, svoltisi nelle campagne pisane, dove gli arcieri labronici Fabio Palandri, Fausto Palandri, Paolo Del Nista, Antonio Matteucci e Marco Sacconi, dopo una sfortunata gara individuale dove hanno collezionato diversi quarti posti, si sono rifatti nella gara a squadra arrendendosi solo ai forti Arcieri Città di Pescia, conquistando così una meritata medaglia d’ argento. Alla fine dello stesso mese di giugno sul ventoso campo degli Arcieri Maremmani di Grosseto si sono svolti i Campionati regionali Fita. A livello individuale qui le cose sono andate decisamente meglio:

Momenti di gara

325

Francesco Montagnani si è classificato al secondo posto nella divisione Olimpica Juniores Maschile, mentre Valerio Palandri ha conquistato il titolo di Campione regionale nella divisione Compound Seniores Maschile, Palandri ha vinto, nel proseguo della gara, anche il Titolo Assoluto di Campione regionale. L’ottima prestazione ottenuta durante i Campionati regionali gli ha permesso di staccare un biglietto per la Coppa delle Regioni.

F.I.T.ARCO: Federazione Italiana Tiro Arco

Una stagione intensa che ha portato brillanti risultati alla Compagnia Arcieri Livornesi


hanno mostrato il loro valore: Antonio Matteucci, membro della Nazionale di specialità, e reduce dalle prove di qualifica per i Campionati Europei, che non lo vedranno partecipare solo per pochi punti di differen ff fferen za rispetto ai qualificati, ha qui conquistato il titolo di Campione regionale nella divisione Compound. Marco Sacconi ha invece vinto la medaglia di Bronzo nella divisione Arco Nudo. Lo stesso Sacconi alla fine di settembre ha partecipato ai Campionati italiani 3D Fita, e sorprendendo tutti con una prestazione eccellente, si è qualificato 4° alle spalle dei tre membri della nazionale, terminando 8° nella successiva graduatoria assoluta. All’inizio dello stesso mese in Umbria si sono svolti i Campionati italiani di Tiro di Campagna. La Compagnia Arcieri Livornesi è stata egregiamente rappresentata da Paolo Del Nista che si è classificato 12° nella categoria Master maschile divisione Compound. Più nutrita è stata la partecipazione ai Campionati italiani di Tiro alla Targa svoltisi nel bellissimo scenario della Cittadella di Alessandria, dove si sono confrontati Andrea Buonacquisto, 4° nella categoria ragazzi maschile divisione Compound, Paolo Del Nista, 16° nella Master maschile divisione compound, e Palandri Valerio 11° nella categoria Senior divisione Compound che, grazie al punteggio ottenuto, ha potuto partecipare agli scontri per il titolo assoluto, classificandosi 9°. A conclusione dell’ottima stagione disputata, la ciliegina sulla torta è arrivata con Andrea Buonacquisto, grazie agli splendidi risultati ottenuti nel 2010 ed al 4° posto ottenuto ad Alessandria è stato convocato per un raduno con la Squadra Nazionale. Riportiamo le parole del Presidente della A.S.D. Compagnia Arcieri Livornesi “Dino Sani” Fabio Palandri: “La stagione all’aperto ha reso ancora una volta merito all’attività agonistica della società, mettendo in luce il valore degli atleti livornesi. Come e forse più di sempre, dopo una stagione all’aperto lunga e faticosa anche per le condizioni meteo che l’hanno caratterizzata, negli eventi regionali e nazionali i risultati non sono mancati. In questa stagione sono saliti alla ribalta atleti di valore, che hanno dimostrato le loro qualità in anni di risultati, ed altri che per la prima volta si sono meritati l’attenzione evidenziando le loro capacità. L’obiettivo dei Campionati italiani di tiro alla targa all’aperto, che quest’anno si sono svolti ad Alessandria nello splendido ambiente della cittadella, è stato raggiunto da tre atleti livor livornesi, due dei quali di consolidato valore, Vale-

327

rio Palandri e Paolo del Nista, con la sorpresa Andrea Buonaquisto, una giovane promessa del Compound che ha mancato il podio solo per la paura di salirvi, ma che gli ha valso la convocazione nel gruppo nazionale. Questo risultato è l’obiettivo che ogni società si pone e che sogna di raggiungere dando giusto merito all’impegno che ogni giorno tecnici, atleti e dirigenti spendono; questo, combinato con la disponibilità degli enti del territorio a cui fare riferimento, fa di una disciplina considerata minore, come il Tiro con l’Arco un Grande Sport.”

Momenti di gara

F.I.T.ARCO: Federazione Italiana Tiro Arco

I titoli regionali delle classi giovanili sono stati assegnati a Firenze la prima settimana di luglio, ed anche in questa occasione i giovani arcieri livornesi hanno portato a casa titoli e piazzamenti, a dimostrazione del fatto che il lavoro svolto dalla Società nei confronti del Settore Giovanile sta dando i suoi frutti, e lascia intravedere ampi margini di miglioramento che fanno sperare bene per il futuro. Elena Luti 3a nella gara di classe ha successivamente conquistato il titolo assoluto nella categoria Ragazzi Femminile divisione Olimpica. Il più giovane Lorenzo Barbieri ha portato a casa un ottimo secondo posto nella categoria Giovanissimi Maschile divisione Olimpica. Ottimi anche i ragazzi del Compound: Jacopo Palandri primo nella categoria Allievi Maschile e Andrea Buonacquisto primo nella categoria Ragazzi Maschile. Dopo le ottime prestazioni ottenute ai Campionati regionali, e a tutte le gare di calendario, tre sono stati gli arcieri livornesi selezionati per la Coppa delle Regioni: Elena Luti e Valerio Palandri per il tiro alla targa e Paolo Del Nista per il tiro di Campagna. Anche qui, in una competizione che ha visto scendere in campo i migliori arcieri italiani, con la solo esclusione di quelli facenti parte di gruppi nazionali, i tre livornesi hanno ottenuto piazzamenti di tutto rispetto: Elena Luti 18a, Valerio Palandri 9°, Paolo Del Nista 10°. Nel mese di settembre si sono svolti gli ultimi Campionati regionali di questo intenso 2010, quelli della specialità 3D Fita; come per le precedenti specialità anche i livornesi


Triathlon Domenico Passuello N

on potevano chiamarsi diversamente gli Ironman, perché le loro imprese hanno dell’incredibile. Oltre otto ore di gara passando dal nuoto alla bicicletta e finendo con la corsa. Sul dizionario si legge: sport multidisciplinare individuale, ma la definizione è sicuramente troppo fredda ed astratta, quindi ci rivolgiamo al giovane Domenico Passuello, 33 anni, vero professionista del Triathlon. Come hai iniziato? “La mia storia è particolare. Vengo dal ciclismo professionista, attività che ho coltivato per alcuni anni, ma poi ho abbandonato essenzialmente per assenza di stimoli. Per un paio di anni ho lavorato come operaio in una fabbrica e contemporaneamente nuotavo, esclusivamente per diver divertirmi e fare un po’ di movimento. In piscina però ho conosciuto dei ragazzi che praticavano Triathlon e mi hanno inin coraggiato a partecipare a qualche gara. Così, dopo aver constato che potevo andar bene, ho deciso lala sciare il lavoro per dedicarmi a tempo pieno e diventare un professionista”. Hai così incontrato nuovamente il ciclismo. “Sì, e questo mi ha semplificato il compito. La bicicletta era già una mia specialità, mentre sulle altre due discipline ho

dovuto lavorare parecchio. Normalmente chi va in bicicletta non ha problemi ad af affrontare la corsa, perché comunque i muscoli delle gambe ed il fiato sono allenati, mentre è molto forte il rischio infortuni, infatti, un corridore deve essere molto elastico e forte, cosa di cui un ciclista solitamente non ha necessità. Questo mi ha imposto un lavoro impegnativo sulla forza dei tendini, per evitare strappi e distorsioni”. Nel ciclismo possiamo considerati un figlio d’arte? “Sì”. (Vedi intervista al padre a pag. 139. N.d.r.)

331

Quindi è inutile chiederti come hai iniziato… “Non è andata come credi. Da ragazzo giocavo a calcio ed avevo altri interessi. Ho iniziato tardi il ciclismo e per puro caso, solo dopo una frattura procuratami sui campi di calcio ho ripreso l’attività sportiva sulle due ruote. Pedalavo con gli amatori e furono loro a consigliarmi di provare ad intraprendere qualche gara. Così sono diventato professionista e ho portato avanti l’attività per 4 anni, però anche prima il dilettantismo era in realtà un semi professionismo”. Il Triathlon cosa ti ha dato in più rispetto al ciclismo? “Il Triathlon è uno sport molto divertente, non ti permette di annoiarti mai, proprio per perché fai tre di discipline contemporaneamente e puoi variare notevolmente gli allenamenti. Mi piace anche perché le gare sono in ogni parte del mondo, dall’America del sud e del nord, all’Australia, all’Asia, insomma non ci sono frontiere. Anche il ciclismo adesso inizia a organizzare competizioni in America, ma resta comunque ancorato alle sue origine, e le gare

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

Un professionista del Triathlon


F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

e per affrontarle ffrontarle è necessario ff essere forti e resistenti”. Quanto durano le gare? “Quelle per i mezzi iron proseguono circa 4 ore e mezzo a seconda della durezza del percorso. Mentre quelle per iron, a cui partecipo, durano anche 8 ore e mezzo. Ci si allena molte ore al giorno proprio per sostenere questo tipo di ritmo”. C’è qualcosa che ti pesa? “La mia giornata ruota intorno agli allenamenti e quindi devo fare delle rinunce, ad esempio, è impensabile rientrare tardi la sera e la mattina allenarsi, magari quando sono lontano dalle Domenico Passuello alla vittoria gare mi concedo un po’ di più dell’Half Ironman Elche in Spagna ed esco con gli amici, ma copiù importanti rimangono sempre quelle munque devo essere molto concentrato, il europee” Triathlon è uno sport che ti vuol vedere in Il tuo curriculum? faccia, non ti concede niente, non un bic“Nel 2009 mi sono qualificato 5° all’Al- chiere di vino in più o una mangiata più pe d’Huez long distance triathlon (Fra); abbondante. Questo stile di vita un po’ mi 1° al Comolakeman half K226 race series pesa perché talvolta vorrei essere più libe(Ita), 4°al Gerardmer Half Ironman (Fra), ro, ma c’è anche da dire che quando arri4°all’Italian championship 2 X olimpic di- vano i risultati sportivi, anche i sacrifici si stance (Ita); 2° all’Ironman Malaysia 70.3. fanno più volentieri”. Mentre nella stagione 2010 sono arrivato Ad un ragazzo che vuovuo 6° all’Ironman Singapore 70.3 (SIN) - 21 le dedicarsi al Triathlon march; 1° all’Half Ironman Elche (SPA) - 25 cosa consigli? april; 6° all’Half challenge Barcellona (SPA) “Chi inizia questa discidisci 16 may; 4° al Trigranprix Kent (UK) - 30 may; plina deve sapere che è nene 1° al Florence- Barberino olympic (ITA) - 28 cessario avere molto temtem june; 7° all’Ironman Regensburg (GER) -1 po per allenarsi, perché gli august; 1° al Como-Bellagio 70.3 (ITA) - 22 sport sono tre. Credo sia august e 4° all’Ironman 70.3 Asia Pacific importante non concenconcen Championship (Thailand) - 5 december”. trarsi subito su allenamenti La tua giornata tipo? molto duri, ma inizialmeninizialmen “Mi sveglio verso le 9 e alle 10.30 mi te è più proficuo pro dedicarsi alla aspetta l’allenamento per i primi 4 o 5 tecnica delle tre discipline, solo chilometri a nuoto, al termine dei quali questo, abbinato poi al lungo lala monto direttamente in bici per 3 o 4 ore. voro in allenamento, porterà ad Dopo la pausa pranzo ricomincio con la avere buoni risultati”. palestra o la corsa. Il weekend cerco di af afQuanti istruttoistrutto frontarlo con un po’ più di tranquillità sal- ri hai? tando almeno una preparazione rispetto alla routine quotidiana”. Che caratteristiche fisiche e mentali deve avere un Ironman? “Se lo si pratica amatorialmente è uno sport per tutti, mentre se si vogliono raggiungere dei risultati diventa molto selettivo, perché è necessario essere bravi in ben tre discipline. Le gare sono molto lunghe

332

“Ho solo una persona che mi segue per quanto riguarda la corsa e quando ha tempo mi accompagna negli allenamenti. Per il resto mi alleno da solo e preferisco fare così, perché la pressione di un altro mi darebbe fastidio”. Sei un solitario? “No, non è questo. Venendo da tanti anni di professionismo nel ciclismo non ho tanto bisogno di un allenatore. Inoltre, c’è da dire che in Italia non saprei neanche a chi rivolgermi perché non ci sono bravi istruttori di Triathlon, per noi è una disciplina nuova, non ha ancora avuto tempo di produrre buoni formatori. Diverso è all’estero dove ci sono molti allenatori veramente validi”. La soddisfazione più bella? “Deve ancora arrivare. Ho vinto molte gare, ma mi piacerebbe qualcosa di più, ad esempio aggiudicarmi il primo posto ad un campionato importante. Sono soddisfatto dei risultati che sto ottenendo, anche perché ho iniziato da poco, ma diciamo che sto lavorando per ottenere ancora di più”. Un sogno nel cassetto? “Quello di vincere il Campionato del mondo. È un grande sogno, praticamente il massimo al quale si possa aspirare, ma nei sogni bisogna osare”. Un momento da dimenticare? “L’infortunio nel 2010. Uno strappo alla coscia che mi ha fermato per due mesi, e mi ha costretto a perdere appuntamenti impor importanti”. Quando si può iniziare a praticare Triathlon e fino a quando?


Nelle foto Domenico Passuello durante le gare

tempo ero diventato forte quanto loro, e questo mi fece sentire molto orgoglioso, perché fu un riconoscimento per il lavoro che stavo facendo”. Il rapporto con Livorno? “Ora mi conoscono molto. Fino a qualche tempo erano ancora legati al mio ruolo di ciclista, ma oggi mi riconoscono come atleta di Triathlon e sono orgogliosi che finalmente ci sia un livornese che va in giro per il mondo ad affrontare ffrontare queste ff gare. Il sostegno della gente è una cosa piacevole ed importante per un atleta”. C’è doping in questa disciplina? “È uno sport molto pulito. Ci sono culture in paesi esteri dove non si concepisce il doping nello sport. Comunque siamo molto controllati, mi hanno fatto accer accertamenti che quando correvo in bici non avevo mai eseguito. Questo avviene sia prima che dopo le gare e devo dire che è importante che sia così”. Hai qualche rituale prima della gara? “Ho delle abitudini più che dei rituali. Ad esempio, prima di una gara cerco di mangiare molto presto. Le competizioni iniziano verso le 7 del mattino, quindi mi sveglio già fin dalle 4 per mangiare. Anche la sera prima ceno con un buon anticipo per andare a letto il prima possibile, cosa per me difficilissima, cilissima, e poter dormire a suf sufficienza. La mattina prima della gara mi piace fare colazione in camera, con le cose che mi porto da casa, un po’ perché a quell’ora non sempre gli hotel mettono a disposizione il servizio di prima colazione e poi perché credo che il giorno della gara non sia il momento giusto per cambiare abitudine”. Come vivi la tensione prima della gara? “La tensione è molto alta. La gara comincia con il nuoto, ed è una partenza molto complicata perché ci tuffiamo tutti insieme, si prende qualche gomitata, c’è sempre qualcuno che in acqua si aggrappa e ti tira giù, insomma nei primi minuti la situazione si deve assestare, dobbiamo trovare lo spazio per nuotare, prendere una scia e il nervosismo generale è notevole. Sono convinto che se la partenza fosse individuale la tensione sarebbe minore. Con il procedere della gara ogni atleta si tranquillizza, anche perché la competizione è molto lunga ed è bene risparmiare le energie”. Quali delle tre discipline preferisci?

333

“La corsa. La bicicletta mi mette agitazione, perché so che sono uno dei migliori e quindi voglio dare molto, desidero fare una buona prestazione e questo mi mette un po’ di ansia e rischia di farmi consumare troppa energia. La corsa invece mi distende, essendo l’ultima prova è necessario fare bene i conti con le forze rimaste per poter portare a termine la gara. Alla fine, comunque, la corsa è la prova più dura, perché arriva al termine, quando sei più stanco e speso fa molto caldo.”. Come recuperi nel post gara? “Spesso l’organizzazione all’arrivo mette a disposizione dei bagni di ghiaccio dove puoi immergere piedi e gambe per eliminare parte dei dolori. Ci sono poi i lettini per riposarsi, una squadra medica è sempre a disposizione di chi ha bisogno, e un grande buffet ffet con ogni tipo di bevande ff e cibi leggeri, ma nutrienti, aspetta gli atleti. Si può rimanere in questa zona anche un’ora e poi si passa ai massaggi, ed infine, il rientro in albergo dove la doccia e un po’ di riposo ci preparano ad affrontare ffrontare il ff party serale, durante il quale si svolgono le premiazioni. È un momento molto bello anche per conoscere altre persone. Il giorno dopo se sono a casa faccio una nuotata, ma piuttosto corta o addirittura mi riposo. Se sono fuori invece, in genere, viaggio per tornare a casa”. Antonella De Vito

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

“Per le gare più veloci nei Triathlon olimpici ci sono ragazzi anche molto giovani dai 15 – 18 anni fino ai 30. Per i mezzi iron e gli iron è meglio essere più grandi, perché la resistenza si acquisisce con l’età, quindi solitamente si trovano atleti a par partire da 25 anni e già questi sono considerati anche troppo giovani. Mediamente si può gareggiare fino a 40 anni. Il massimo delle capacità in questa disciplina lo si raggiunge fra i 30 e i 35 anni. Un esempio: il campione del mondo 2010 ha 38 anni”. Hai pensato a cosa fare dopo i 40 anni? “Mi piacerebbe fare l’istruttore, anche se in Italia non è facile. Spero con la mia car carriera da professionista di poter dare una spinta a questo mondo, perché ci sono diversi ragazzi che potrebbero praticare il Triathlon se avessero un luogo dove andare ed istruttori validi”. Qual è il complimento più bello che hai ricevuto? “Due atleti molto quotati mi dissero che ero molto bravo, perché in pochissimo


FIV

CORSI DI VELA Dâ&#x20AC;&#x2122;ALTURA organizzati dallo Yacht Club Livorno CONUNOSTAFFTECNICOCOMPOSTODA)STRUTTORI&EDERALI&)6

Scotto Pubblicità Livorno

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

YACHT CLUB LIVORNO !SSOCIAZIONE3PORTIVA$ILETTANTISTICA

-OLO-EDICEO  ,IVORNO

DALLEALLELUNEDÃ&#x2013; MERCOLEDÃ&#x2013; SABATO DALLEALLEMARTEDÃ&#x2013; GIOVEDÃ&#x2013; VENERDÃ&#x2013;

4EL- Cell  &AX eMail segreteria@yclIt - Web WWWYCLIt

FIV


Vela

I

l Circolo Nautico Livorno nel 2010 con i suoi atleti è riuscito a trovare affer ff ffer mazioni in campo nazionale e internazionale, soprattutto nella classe olimpica laser che è la classe velica più diffusa al mondo. Francesco Marrai è un giovane atleta del CNL ed ha cominciato la sua attività agonistica con i primi corsi di vela sull’Optimist dove ha conseguito discreti risultati dando più l’impressione, che con risultati reali, di poter essere un futuro asso della vela. Dopo le affermazioni ffermazioni del 2010, possiaff mo essere certi di avere un atleta di valore assoluto: Francesco Marrai, solo per citare le affermazioni ffermazioni più eclatanti ha ottenuto i ff titoli di Campione Europeo under 19 laser olimpico, Campione Nazionale under 19 di distretto, Campione Mondiale under 18, under 19, under 20, leader indiscusso mondiale nel 2010 delle ranking mondiali under 21 laser olimpico. Un’atleta che a soli 17 può provare a trovare un biglietto per le prossime olimpiadi a Londra , infatti, è riuscito a vincere anche i Campionati italiani assoluti laser 2010. I Campionati Mondiali si sono svolti in Inghilterra al circolo Hayling Islang Sailing Club sulla Hayling Bay con venti che talvolta hanno soffiato impetuosi oltre i dieci metri secondo, ed hanno impegnato non poco i giovani concorrenti. Francesco ha regatato con maturità andando in testa alla classifica dalla prima giornata, solo alla fine deve aver sentito il peso della responsabilità per un risultato fantastico, che andava maturando, lasciando un filo di concentrazione che gli ha fatto perdere il primo posto nella classifica assoluta e che l’ha visto classificarsi al secondo posto. Il giovane Francesco è figlio d’arte, il padre Antonio è un professionista della vela è ha partecipato alla Coppa America con Azzurra e Luna Rossa. Francesco è la punta di un iceberg di un grosso lavoro iniziato anni fa da Gianni Galli, allenatore del CNL che a poco a poco ha fatto crescere decine di agonisti

che imperversano con le loro vittorie in tutti i campi di regata nazionali ed internazionali. Enrico Voltolini è entrato nella lista dei probabili olimpici con la Star dopo il terzo posto nel recente Campionato europeo disputato a Viareggio. Laura Marimon Giovannetti si è classificata al terzo posto assoluto e seconda under 21 al Campionato italiano Laser olimpico femminile. Maria Graziani si è classificata terza nel Campionato nazionale di distretto Laser olimpico femminile. Stefano Carnevali ha vinto il titolo nazionale master Laser olimpico. Dario Tonacci ha vinto il titolo nazionale master di distretto Laser olimpico. Olmo Cerri ed Edoardo Meini, entrambi affiliati al circolo velico di Pietrabianca si sono laureati campioni al Mondiale Vaurien 2010 sul lago di Raztocká nella Repubblica Slovacca. A soli 17 anni gli atleti italiani Cerri - Meini con 23 punti e i parziali 1-1-3-2-(8)-3-8 hanno vinto, davanti al locale equipaggio Miro-Maros, in entrambe le classifiche: assoluta e juniores. Olmo ed Edoardo si frequentano fin da piccoli e la loro amicizia, unita alla passione per la vela, li ha portati dopo varie esperienze in classi diverse, a fare equipaggio nella classe Vaurien, partecipando ai mondiali del 2008 e del 2009 già con ottimi risultati, fino ad arrivare a coronare il sogno di tanti giovanissimi come loro, conquistando il titolo mondiale assoluto a soli 17 anni. Dopo la vittoria Olmo ha dichiarato: «Sono 10 anni che pratico questo sport e non è per niente facile riuscire in quest’impresa». Parla ora l’amico Edoardo, nonché prodiere: «È stata una lotta difficile e impegnativa, con 58 equipaggi di 10 nazioni differenti. fferenti. Le condizioni del tempo non ff erano delle migliori, abbiamo addirittura regatato con i tuoni e la pioggia... Oltre a tutto questo, ci siamo divertiti moltissimo, è stata una esperienza unica». Progetti futuri? «Per adesso coltiviamo il sogno di intraprendere una stagione nella

335

classe 470 e stiamo approntando una bar barca, grazie all’aiuto del cantiere Faccenda e del Circolo Velico Pietrabianca, ma abbiamo ancora molto da imparare, quindi faremo ancora altre regate nella classi minori 420 e Vaurien, con la certezza di completare un percorso ricco di esperienze significative». Consigli pratici? ««Ai ragazzi giovanissimi che scendono dall’Optimist consigliamo di imparare l’inglese, perché serve nelle regate internazionali e poi di non proseguire nei singoli perché è solo nei doppi che si riscontra la completezza, dove le manovre in boa e l’affiatamento, spesso, sono la chiave per vincere una regata; certo i doppi sono complessi da gestire e non nascondiamo che senza il nostro Circolo e senza l’appoggio di alcuni avremmo avuto vita difficile, specialmente su un doppio complicato come il Vaurien, ma il consiglio più importante è: fate le regate per divertirvi, perché le cose fatte bene poi vengono da sole». Per concludere? «Far parte di un gruppo è stato determinante, noi al circolo andiamo anche per stare al mare, per passare delle giornate divertenti, non solo per andare in barca a vela, però la passione è quella che conta e la determinazione e la voglia ci hanno fatto muovere passi che da soli forse non avremmo fatto». Dediche? «Certo. visto che nella vela si muove tutto il nostro mondo, genitori compresi, dedichiamo questo successo alla vela, così includiamo tutti e tutto”. Risultati di rilievo anche per il Circolo Velico Antignano che con Lorenzo del Rio membro dell’equipaggio B-Lin del carrarino Luca Lalli ha il Campionato del Mondo della classe Melges 32 a settembre a San Francisco. L’equipaggio del CVA della classe J 24 sull’imbarcazione “MIKI” dell’armatore Anthony De Stefani ha vinto il Campionato italiano della classe tenutosi a giugno allo Yacht Club Cala dei Medici. Lo stesso equipaggio ha mancato di poco il titolo mondiale chiudendo al terzo posto il mondiale tenutosi ad agosto a Malmoe in Svezia.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Un anno di straordinari risultati per la vela livornese


Nuova sede: Via Pian di Rota, 11 - int. 1 Tel.0586 515169 toscana@olisails.it


Antonio e Francesco Marrai D

iversa imbarcazione, diverso ruolo, diverse competizioni, ma la passione è sempre la stessa: la vela. Antonio e Francesco Marrai, padre e figlio, ognuno nel proprio settore, hanno raggiunto importanti risultati andando per mare. Incominciamo a presentare il giovane Francesco, 18 anni, quarta liceo Scientifico Enriques premiato nel 2010 velista dell’anno. “Ho iniziato a 10 anni ed ho fatto per 3 anni la categoria Optimist, poi sono passato su Laser 4.7 per un anno, con il quale sono arrivato secondo a Riva del Garda. L’anno successivo sono passato alla classe Laser Radial ed ho fatto una buona stagione, infatti, ho potuto partecipare al mondiale Isaf giovanile in Brasile con tutta la squadra under 19. Un’esperienza che ho fatto due anni fa e mi ha dato molte soddisfazioni, perché rappresentavo l’Italia per la classe Laser. Sempre nel 2009 ho vinto a Tr a p a n i il Campionato di distretto per la classe Radial, che è considerato il Campionato italiano e a fi-

ne anno ho vinto l’ultima tappa dell’Italia Cup Livorno per lavorare nella raffineria ex Stanic a Torbole. Quest’anno sono passato alla clas- dove sono rimasto per 25 anni. Contemporase Laser Standard ed ho partecipato subito, neamente regatavo. Nel ‘87 ho partecipato superandole, le gare di selezione per l’Europeo nel ruolo di grinder alla coppa America con under 21. La prima regata si è svolta in Polo- Azzurra, nel ‘89 ho vinto un mondiale maxi nia, dove nonostante non conoscessi gli altri yacht con Longobarda e poi numerose regate avversari e fosse la prima gara in campo in- internazionali, Sardine Cup, Coppe del re di ternazionale in questa categoria, sono riusci- Spagna ecc. Da queste esperienze ho deciso to ad ottenere un quinto posto nella classifica di far diventare la vela la mia professione e pur continuando a regatare ho cominciato a generale e il primo negli under 19. A fine agosto ho partecipato al Campiona- gestire barche facendo il manager sul piano to mondiale in Gran Bretagna dove abbiamo dell’organizzazione dell’equipaggio e della barregatato con ogni condizione climatica, af af- stessa imbarcazione. Ho gestito anche bar frontando un campo piuttosto difficile, con che di Loro Piana, ma poi ho lasciato questa il quale mi confrontavo per la prima volta, attività per iniziare l’avventura con Luna Rosa il risultato comunque è stato molto buono, insieme a Patrizio Bertelli. Una volta smesso sono arrivato secondo nella classifica generale e primo negli under 20, under 19 e under 18. Tornato in Italia ho partecipato ad una regata di match raising under 19 a Ravenna, una competizione che mi è servita per divertir divertirmi, rilassarmi un po’ e scendere dal Laser. Sono arrivato terzo ed è stato un ottimo risultato se si considera che non conoscevo la barca e con gli altri ragazzi del team non abbiamo mai avuto l’occasione di allenarci Francesco Marrai con il suo Laser insieme prima delle gare. di fare regate mi sono dedicato a fare il team Dopo due settimane a Formia ho affrontato ff ffrontato il Campionato italiano classe olimpiche arri- manager di Luna Rossa occupandomi di tutte vando primo in classifica generale e aggiudi- le sue attività a partire dalla Coppa America”. Chiediamo a Francesco se gli pesa essecandomi così la vittoria del Campionato che re un figlio d’arte. ha concluso la stagione 2010”. Francesco: “No, non mi pesa, anzi mi piaAntonio Marrai di anni ne ha 57 ed anche lui nel mondo della vela ci è cresciuto. ce avere un padre come lui perché essendo “Sono salito in barca per la prima volta a nell’ambiente capisce cosa sto facendo, quali 14 anni grazie ad un parente anziano che sono le problematiche, posso parlarne e anmi portava come mozzo. Da qui è nata la che consigliarmi”. Antonio: “Ma non è un figlio d’arte, facmia passione, anche se la mia vera attività velica è iniziata quando mi sono trasferito a ciamo due cose diverse, io ero parte di un

337

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Padre e figlio con la passione della vela. Dall’America’s Cup ai Campionati italiani ci raccontano le loro imprese per mare


Scotto PubblicitĂ Livorno


equipaggio, lui va in barca da solo e poi io ho sempre cercato di non intromettermi e di non essere un peso. Certo in famiglia ha respirato aria di mare, da piccolo passava l’estate a Punta Ala dove io ero con Luna Rossa e proprio qui ha iniziato a frequentare un corso di vela insieme agli altri figli dei miei compagni del team. L’estate successiva fece un corso anche a Livorno, al Circolo Nautico, e qui gli proposero d’iniziare a partecipare alle regate e lui accettò”. Quale impresa realizzata da tuo padre ti ha reso orgoglioso? “Il fatto che ha iniziato dal basso ed è riuscito ad arrivare in alto”. Cosa ti rende orgoglioso di tuo figlio? “Il modo con cui ha approcciato questo mondo, al di là dei successi, lo vive seriamente e con impegno. Questa è la cosa più importante, naturalmente i risultati sono i ben venuti e ne sono molto contento, ma la soddisfazione mi viene dal modo con cui svolge questa attività”. La vostra esperienza più bella? Francesco: “Il mondiale Isaf del 2009. Più della vittoria al Campionato italiano del 2010, perché ero in un paese che non conoscevo ed ho sentito la responsabilità di rappresentare l’Italia. Inoltre è andato tutto bene, il risultato è stato ottimo, e quindi posso dire che per ora ha rappresentato l’esperienza più bella che ho vissuto”. Antonio: “La Coppa America con Azzurra in Australia nel ‘87. Al di là del risultato sportivo disastroso, è stata un’esperienza stupenda in termini professionali e di umanità. Una coppa che ancora viene ricordata per le condizioni metrologiche difficili in cui è stata disputata, ma che ha rappresentato una grande crescita per tutti coloro che vi hanno partecipato”. Un momento da dimenticare?

339

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Antonio e Francesco Marrai

La serietà nel fare le cose, che gli permette Francesco: “Sinceramente non di riuscire a portarle avanti bene e ad avere ne ho”. Antonio: “Il 2003. Con Luna successo”. E quella di tuo figlio? Rossa, ci rendemmo conto di “La grande determinazione che mette in avere un progetto sbagliato fra le mani, ed infatti, fu un anno tutto quello che fa: dallo sport alla scuola”. Dal punto di vista umano, cosa vi ha disastroso”. dato la vela? Cosa vi trasmette la vela? Antonio: “Molto. Io ho sempre fatto parte Antonio: “Al di là delle regate, per me la vela è sempre stata una di un equipaggio e questo vuol dire che devi cosa molto personale e intima. A sempre dare il tuo apporto al gruppo, anche parte il fatto che sono un ago- se spesso non è facile vivere tutti insieme in nista di natura, per me la vela è uno spazio limitato quando sei in mezzo al un mezzo per vivere il mare, con mare. In queste situazioni ogni persona deve il vento, il sole e le onde che ti mettere da parte le proprie peculiarità per ladanno un senso di libertà e una vorare al progetto comune. Ciò è molto edusensazione di essere il padrone cativo, perché ti insegna a vivere con gli altri, a sentire la loro fiducia e a restituire la tua”. della situazione”. Francesco: “Anche se il mio andare a vela Francesco: “È un’emozione unica, quando sono in mare percepisco un è in solitaria, posso dire comunque che anche senso di libertà che non provo da nessuna con la mia disciplina si impara a vivere con gli altra parte. Mi estraneo da ogni cosa, ed è altri, a rispettarli, avversari compresi e a sviluppare un certo savoir faire”. bellissimo”. I problemi della vela a Livorno? Che rapporto bisogna avere con il mare Antonio: “Non ci sono strutture. Ad esemquando si va a vela? Francesco e Antonio: “Il mare deve essere pio, il Circolo Nautico Livorno, uno dei più temuto e rispettato. Quando ci sono partico- medagliati d’Italia non ha spazio e strutture lari condizioni metereologiche bisogna pren- a disposizione. Abbiamo fatto dei progetti per poter adeguare lo spazio dello Scoglio dere alcune precauzioni, non si può affrontare ff ffrontare della Regina, ma con scarsa lungimiranza il mare con troppa leggerezza”. le autorità locali non ci hanno ascoltato e le Un sogno nel cassetto? strutture continuano ad essere abbandonate. Francesco: “Partecipare ad un’olimpiade”. Antonio: “Comprare una barca Dinghy e In altre località italiane vi sono circoli bellissiaver tempo di competere nelle regate dedica- mi e molto attrezzati, basta andare sul lago di Garda, ma anche nel sud e sull’Adriatico. I te a questo tipo di imbarcazione”. nostri ragazzi sono doppiamente ammirevoli Cosa sogni per tuo padre? per quello che fanno, perché pur non avendo “Una bella vittoria in Coppa America”. strutture adeguate a disposizione, riescono Cosa sogni per tuo figlio? “Che riesca a raggiungere gli obiettivi che ad eccellere ugualmente”. Antonella De Vito ha prestabilito e quelli che vorrà prefiggersi in futuro”. Qual è la caratteristica più importante che deve avere un velista? Francesco: “Tenacia, sicurezza di sé, continuità nell’attività, una freschezza mentale, poiché in qualsiasi situazione si deve sempre essere lucidi, non perdere di vista gli obiettivi, non distrarsi e non farsi prendere dall’ansia di non riuscire”. Antonio: “Amare lo sport e sentirlo come qualcosa di molto importante. Da qui nasce la dedizione, l’allenamento, la preparazione psicologica, ma alla base di tutto c’è la passione”. La qualità migliore di tuo Francesco Marrai (primo sulla destra) mentre viene padre? premiato velista dell’anno


Andrea Aielli Q

uando il mare e la vela sono una passione, non ci si può sottrarre dal dedicarli ogni momento della vita. Andrea Aielli fa parte di questo gruppo di persone, ed il suo destino, fin da piccolo è sempre stato legato al mare. Oggi lo incontriamo nelle vesti di direttore della scuola d’altura dello Yacht Club Livorno, ma naturalmente Andrea non è solo questo. “Ho cominciato ad andare a vela a 8 anni con mio padre e in età più avanzata ho partecipato alle regate con Flying Junior, Vaurien, 470 e poi sono passato alle competizioni d’altura con le barche più grandi gareggiando in match importanti come il Rolex Cup Porto Cervo, la Rolex Cup Capri Sailing Week su un Flying Dragon, i due Rolex Cup con il Genie, uno Swan 80 del Principe Charles De Bourbon. Inoltre, ho gareggiato con Farewell, un Southern Wind 100, al Trofeo Loro Piana in Costa Smeralda che è una competizione fra superyacht, e numerose altre gare anche locali. Quando mi chiamano e il lavoro me lo permette mi piace regatare”. Quando hai deciso di voler essere anche un istruttore? “Circa dieci anni fa ho avuto questa ispirazione e così ho frequentato un corso a Carrara e a Livorno per acquisire il brevetto.

Inizialmente ho esercitato in un’altra scuola e poi sono stato chiamato dallo Yacht Club dove da tre anni stiamo facendo un buon lavoro. Con me ho voluto altri quattro istruttori: Antonio Santalena, Paolo Cristofani, Fabrizio Allegrini, Massimo Gambacciani”. Qual è stata la motivazione che ti ha portato a diventare istrutAndrea Aielli durante una lezione di vela tore? “La passione e la voglia di formare atleti ad avere campioni ad alti livelli”. I tuoi figli hanno avuto un ruolo nella in una città che pur essendo di mare, non decisone di diventare istruttore? ha una grande diffusione ffusione della vela. ff “No, non hanno avuto nessun peso. Ho Abbiamo avuto dei grandi campioni come Alberto Fantini, Alessio Pratesi che due figli, Edoardo di 19 anni e Pietro di 8, hanno regatato con Luna Rossa, il Moro entrambi vengono in barca con me, ma di Venezia e a maggior ragione dobbiamo non a fare regate. Pietro ha frequentato insieme a me un corso per bambini e gli è cercare di trasmettere piaciuto, ma deve ancora conoscere bene ai livornesi la passione questa disciplina. I miei figli hanno la pasper la vela, per tornare sione per il mare e la vela, ma almeno per il momento, non sentono il richiamo agonistico, com’è invece per me”. Raccontaci dei corsi che realizzate allo Yacht Club. “Facciamo corsi d’altura rivolti sia a per persone già capaci di condurre una barca a vela sia a principianti. Come fascia di età ci rivolgiamo ad un pubblico adulto. Abbiamo cercato di costituire gruppi di allievi ben amalgamati fra loro e devo dire che ci siamo riusciti, questo ci ha permesso di formare qualche atleta che sta già regatando su barche importanti”. Lavorate anche su altre iniziative? “Sì, abbiamo convenzioni con altri cir circoli dove facciamo corsi e poi collaboria-

341

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Direttore della scuola vela d’altura dello Yacht Club Livorno centro nazionale per i corsi Istruttori


GESTIONE SERVIZI PORTUALI

S.N.C.

di Batini R. & Pierozzi M.

Scotto Pubblicità Livorno

ASSISTENZA NAVI E DISBRIGO PRATICHE MARITTIME

,IVORNO 6IA0IANDI2OTA  #ELL E MAILINFO G S PIT


343

Direi che la vela costa più o meno come andare a cavallo o praticare tennis”. Quali sono i problemi della vela a Livorno? “Pur essendo una città di mare, di tradizioni storiche e fucina di grandi velisti questa disciplina non è pubblicizzata abbastanza, non riceve l’attenzione che merita. Nella nostra città come nel resto d’Italia lo sport maggiormente promosso è il calcio e questo è penalizzante per tutti gli altri”. Un sogno nel cassetto? “Quello di ogni velista: l’America’s Cup. Ma naturalmente sono troppo vecchio, quindi il desiderio attualmente è che i miei figli diventino dei buoni velisti, per poterli portare con me nelle regate”. E come insegnante? “Avere corsi sempre più numerosi e riuscire a formare atleti che si facciano notare anche in campo internazionale”. Il vostro impegno sta rendendo lo Yacht Club molto attivo su vari fronti. “Sì, e di questo dobbiamo ringraziare anche il presidente Tommaso Spadolini, che ci appoggia in tutte le nostre iniziative e Alessandro Baldi, responsabile della scuola all’interno del consiglio dello Yacht Club, nonché altri consiglieri che ci seguono molto da vicino, un nome che mi viene subito in mente è Andrea Frediani, ma ognuno ci mette del suo”. Antonella De Vito

Paolo Cristofani allenatore allo Yacht Club

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

cile. Come istruttore invece non ne ho avuti”. Quali sono le motivazioni che incontri maggiormente nei tuoi allievi? “Generalmente sono tutti molto entusiasti ed hanno una sincera passione e volontà di conoscere questo mondo. Ed infatti, una volta che si sono avvicinati alla vela non se ne allontanano più”. Come pubblicizzeresti questo sport? “Dicendo che è una disciplina da provare perché dà soddisfazioFoto di gruppo per gli istruttori dello Yacht Club. Da sinistra: ni che altri sport non Fabrizio Allegrini, Antonio Santalena, Andrea Aielli e sempre trasmettono, ad Massimo Gambacciani. esempio sto pensando mo con le scuole elementari dove teniamo al contatto con la natura, al confrontarsi lezioni con il fine di promuovere questo con se stessi. In questo sport non c’è quasi sport. mai doping, difficilmente ci sono imbrogli Un’altra attività molto importante per e possiamo ancora dire che vince chi fa la noi è quella di organizzare corsi e succes- miglior regata. sivi esami, per aspiranti istruttori di vela. È uno sport pulito, dove l’onestà sportiIo e il mio staff, ff, facciamo parte del gruppo va è alta, ed anche per questo lo si consiff formatori della Fiv, cioè siamo abilitati ad glia ai bambini”. insegnare e dare il brevetto a coloro che Le caratteristiche fisiche e mentali vogliono diventare istruttori o a quelli che che deve avere chi vuole praticare quegià lo sono, ma vogliono alzare il loro li- sta disciplina? vello e diventare istruttori d’altura. Ai no“Non ci sono caratteristiche ben precise. stri corsi partecipano velisti provenienti Lo possono fare tutti, anche perché sulla da tutt’Italia, all’ultimo, ad esempio, ospi- barca ci sono vari ruoli ed ognuno può tato dallo Yacht Club, abbiamo avuto ben scegliere quello che più gli si adatta”. 25 allievi”. Dal punto di vista economico è seletLa soddisfazione più bella? tivo? “Come atleta la prima regata a Capri su “Dipende dal livello a cui si pratica. Gli uno Swan 80 che ci ha permesso la quali- amatori non spendono molto. Chi vuol ficazione al quarto posto. È stata per me fare agonismo invece deve pensare ad inla prima regata ad alto livello, quella che vestire un po’ di più, ma anche in questo mi ha permesso di confrontarmi con tutte caso se si arriva a buoni livelli subentrano le migliori barche del mondo e far parte gli sponsor e quindi non è una disciplina di un equipaggio di professionisti. Come dispendiosa. Quando invece si sta su livelli istruttore invece devo dire che ogni corso medio bassi si deve mettere in conto di af afrappresenta una soddisfazione, perché frontare alcune spese a livello personale. è molto gratificante vedere persone che Ad esempio, un ragazzo che vuole fare iniziano senza avere la minima idea di un corso per imparare deve investire circa cosa sia una barca a vela, ma alla fine del 300 euro, poi c’è la spesa della barca, ma percorso sono perfettamente in grado di quello che incide maggiormente sono le condurne una”. vele, se si fa agonismo devono essere semUn momento da dimenticare? pre in buone condizioni e quindi vanno “Come atleta mi è capitato di disalbe- cambiate spesso, ma chi non vuol parterare in una regata per vento e onde forti: cipare alle competizioni non ha questo questo lo ricordo come un momento diffi- problema e le spese sono contenute.


In barca con Enrico Maltinti per imparare ad andare a vela fin da piccoli

S

competente permettono al Circolo Velico di Antignano di tornare in breve tempo ad essere una delle scuole di vela più frequentate e blasonate della nostra costa. Gli sforzi e la perfetta sinergia con il Circolo Velico, situato nell’affascinante porticciolo di Antignano, permettono di creare un punto di riferimento per il velista esperto, l’appassionato ed Un gruppo di ragazzi alla scuola di vela Strapoggia il neofita durante tutti i giorni dell’anno con corsi di vela ed Grazie anche all’impegno di Anthony De attività agonistica non stop. La promozio- Stefani, socio onorario del Circolo Velico ne presso le scuole elementari e medie e Antignano e titolare della General Cargo, la la possibilità di offrire gratuitamente una Strapoggia collabora da anni con l’A.I.P.D., esperienza di vela fanno sì che durante il offrendo la possibilità ai ragazzi del Parco periodo estivo si possa assaporare ad An- del Mulino di uscire a vela e di partecipare tignano il movimento del Centro Estivo, al Trofeo Accademia Navale ed al Campiodove i bambini trascorrono giornate in nato italiano, confrontandosi sull’imbarcaun ambiente sano e sportivo divertendosi zione J24 “Banda Bassotti” contro equipaged imparando. Chico e gi normodotati. Michele Diana (istruttoProssimo appuntamento di rilievo per re federale di II livello) il CVA è il Trofeo Accademia Navale, che rappresentano le colon- vedrà ospitare nei giorni 9 e 10 di aprile le ne portanti dell’attività classi Open Bic e Tridente e nei giorni 16 e agonistica per le classi 17 le classi RS Feva e 470. Gli atleti di Anti420 ed Optimist del Cir- gnano continueranno poi i propri impegni colo, ma sicuramente agonistici a Pasqua sul Lago di Garda per la è grazie alla collabora- classe Optimist ed in Sardegna ad Arzachezione di uno staff ff spe- na per la classe 420. Anche il Laser SB3 con cializzato ed arricchito Andrea Pardini, Checco Greggio e Cristian da soci appassionati ed Raffaelli ffaelli sarà impegnato con la seconda ff atleti entusiasti che la regata di Ranking List a Numana. Appunvela viene ad assumere tamenti di match race sono previsti poi nel un aspetto così signifi- calendario di attività del CVA. cativo. Inoltre, grazie ai servizi offerti fferti da Straff Motivo di orgoglio poggia, si possono noleggiare ad Antignaper la Strapoggia è no imbarcazioni a vela o a motore per postato quello di riuscire tersi allontanare dal caos degli stabilimenti ad organizzare corsi di balneari. vela anche per i ragazzi Buon vento a tutti. con sindrome di Down. Enrico Maltinti In mare per una lezione di vela

trapoggia s.r.l. è una società di servizi per la nautica con una specializzata propensione per il settore vela. Per chi da anni prepara velisti di alto livello e collabora come istruttore in numerose scuole di vela, l’opportunità di operare con mezzi efficienti e con una logistica organizzata rappresenta un sogno. Enrico Maltinti, istruttore federale di IV livello meglio conosciuto nel settore come Chico, da anni svolge la professione di Istruttore di Vela. Inoltre, collabora con l’Accademia Navale di Livorno, dove insegna vela dal 1993, e nel suo palmares da allenatore di club vanta medaglie importanti ed esperienze dei suoi atleti per oltre 35 Campionati tra europei, mondiali ed olimpiadi. Nel giugno del 2006, con la complicità di altri due soci, decide di dar vita alla Strapoggia s.r.l., che trova la sua base operativa per il settore vela al Circolo Velico di Antignano. Il nome prende origine da una delle situazioni più imbarazzanti che si possono venire a creare per un velista: anche il logo stilizza una situazione di strapoggia. Le intenzioni di Strapoggia sono chiare e decise sin dall’inizio. I mezzi messi a disposizione per una importante scuola e lo staff

345

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Strapoggia per la scuola e non solo


Windsurf Tre Ponti: windsurf tutto compreso

U

na passione entrata nel sangue e mai svanita: è quella di David Gabbriellini e Dario Guarducci, due cugini che nell’ormai lontano 1999 decisero di trasformare la “febbre” per il mare, le onde e il vento, in qualcosa di più, qualcosa da trasmettere a grandi e piccini, a chi, come loro, amasse il mare e desiderasse imparare a “giocare” con lui surfando onde e librandosi nel vento. Per questo, davanti ad uno degli spot più famosi d’Italia, che richiama windsurfisti da tutto lo stivale, da più di dieci anni esiste la Scuola Windsurf Livorno. “Iniziammo a fare corsi per grandi e piccini noleggiando l’attrezzatura che tenevamo nel furgone - ricorda Dario Guarducci, classe ‘75 e una passione tramandatagli prima dal padre e poi dal cugino - poi arrivarono come un miraggio gli anni della “Scuolina”, la baracca di legno all’interno del parcheggio di piazza Christian Bartoli”. Dieci lunghi anni a fare su e giù con tavole e vele, dal parcheggio alla spiag-

gia, “formando” atleti dai 7 ai settant’an- gruppo agonistico formato da ragazzi di ni. “Poi, dallo scorso anno -prosegue età compresa tra i dieci ed i venti anni, Guarducci - finalmente è stata la volta che partecipa a tutte le Tappe del Cirdel Punto Blu: la scuola infatti ha ‘rad- cuito italiano, risultando uno tra i Team doppiato’ la sede e dal parcheggio adesso più numeroso del paese. Una squadra siamo direttamente sulla spiaggia dei Tre che è cresciuta sempre più e che negli Ponti”. ultimi anni ha dato molte soddisfazioni La Scuola Windsurf Livorno, offre una molteplicità di corsi e servizi a grandi e piccini lungo tutto l’arco dell’anno: corsi di windsurf, surf, paddle surf (SUP, Kite e ‘Open Bic (barca a vela) a tutti i livelli, noleggio e rimessaggio, canoe, assistenza gommone e molto altro ancora. Nel corso degli anni l’attività della scuola ha David Gabbriellini in un forward fatto sì che nascesse un alle Regate Techno 293 (a cui partecipano gli atleti più piccoli, fino ai 14 anni) e alle regate slalom RRD, alle quali partecipano ragazzi fino ai 18 anni. “La La cosa primaria per noi - spiega David Gabbriellini, Presidente dell’Asd Windsurf Livorno, ex campione italiano di windsurf classe wave - è quella di insegnare uno sport facendo capire che per diventare veramente bravi è necessario metterci la passione, ma anche il divertimento: sono proprio questi due elementi infatti, passione e divertimento, che possono far sì che dopo il corso propedeutico, di 5 lezioni per i bambini e 6 per gli adulti, quest’attività si trasformi in un’attività duratura che prosegue tutto l’anno”. “Con i bambini – sottolinea Gabbriellini - lavoriamo proprio in questo senso, dando continuità all’attività con lezioni anche in inverno, alternando quando non è possibile ‘uscire in mare’ attività come nuoto o ginnastica, avendo come obiet-

347

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Corsi per grandi e piccini di surf, windsurf e non solo...


3 PONTI ~ LIVORNO

Corsi

con Istruttori F.I.V.

windsurf surf kitesurf paddlesurf canoa

Scotto PubblicitĂ Livorno

vela Noleggio e rimessaggio Info: David 339 5256730 ~ Dario 338 9142827 www.windsurflivorno.it ~ info@windsurflivorno.it


tivo la multilateralità nell’allenamento, che permette di non fossilizzarsi su una disciplina in particolare, ma che induce il bambino ad una formazione polispor polisportiva. Certo la nostra priorità è sempre il windsurf che rimane sempre lo sport più emozionante”. La scuola è aperta tutto l’anno a tutti i bambini a partire dai 7 anni. Per gli adulti invece non ci sono limiti d’età, e anche quelli di tempo sono minimizzati, non c’è bisogno infatti di portarsi l’attrezzatura in ufficio, o di perdere un’ora per montare la vela, grazie anche ai pacchetti di abbonamento, basta arrivare in spiaggia e inforcare la tavola già pronta per godersi un’ora di sole, mare e vento, in maniera indipendente o con l’ausilio di un istruttore. Sara Giusti

Il gruppo degli allievi della scuola

Prove prima di una regata

Dario e David ai Tre Ponti

Lezioni di vela ai Tre Ponti

349

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Dario Guarducci con il kite


Dama

Livorno: la culla dei maggiori damisti nazionali

I

l Circolo Damistico della nostra città è da sempre considerata la “culla” del gioco della dama in quanto i nostri rappresentanti hanno, con tutto il rispetto per gli avversari, spadroneggiato fin dai primi anni ’30. Vediamo alcuni dati: Titoli Assoluti individuali: ben 25 in 74 edizioni; a grande distanza segue Milano con 10 e poi Roma con 8, Mantova, Savona e Verona con 5 ecc. ecc.. Di questi 25 titoli, ben 11 sono appannaggio di Michele Borghetti, 7 di Piero Piccoli, un grandissimo del passato, 2 di Antonio Coppoli e Nelusco Botta, e uno ciascuno di Manlio Ganni, Renzo Ambrosi e Claudio Ciampi. Solo quest’ultimo e Michele Borghetti sono viventi. Titoli Assoluti a squadre: Livorno 15 su 27 edizioni, seguono Cagliari e Venezia con 2 e altre 8 città con 1. Come si vede un dominio assoluto! Un dato straordinario è rappresentato dal fatto che in ben 14 di queste 15

vittorie vi è la presenza del nostro Franco Manetti che, incredibile ma vero, ha vinto sia nella lontanissima prima edizione del 1964 che nell’ultima, quella del 2010. Ben 46 anni di distanza, a dimostrazione, qualora ve ne fosse bisogno, che nello sport della dama si può competere, anche ad altissimi livelli, a qualsiasi età. Infatti, Manetti ottenne la prima vittoria a 16 anni e ora, che ha quasi quadruplicato l’età, è ancora ai massimi livelli nazionali. Undici volte campione a squadre lo è stato anche Marcello Fantozzi, 9 Claudio Ciampi, 7 Michele Borghetti, quello nettamente più giovane di questo quartetto “prendi-tutto”. Ma altri titoli a squadre sono stati conseguiti anche dai compianti Leonardo Ales, Libero Coresi, Arturo Gennari, Giovanni Parrini, Piero Piccioli, e dagli attuali Ivo Bertini, Gianfranco Borghetti, Luciano Gennari, Guido e Piero Greganti, Gianfranco Mariani, Alessan-

Foto di gruppo del circolo. In primo piano: da sx: in ginocchio Mauro Giusti, sulla carrozzina Danilo Conterio, in pantaloncini bianchi Franco Manetti, con borsa a tracolla Marcello Fantozzi. Dietro, da sx: Ivo Bertini, Massimiliano Boldrini, Paolo Blandina, Fulvio Blandina, Ton Sijbrands (ospite graditissimo, più volte campione del mondo), Claudio Ciampi, Simone Ghezzani (semi-nascosto), Michele Borghetti, Gabriele Langella, Pasquale Ambrosio, Gianfranco Borghetti, Giuseppe Amoroso, Alessandro Malotti, Massimo Boldrini.

351

Franco Manetti durante una premiazione

dro Malotti e Benito Vaglini. Insomma, una vasta gamma di vincitori a dimostrazione del valore dei giocatori labronici. Ma i risultati straordinari del nostro Circolo non si limitano a quelli dei giocatori; anche in campo arbitrale abbiamo un record assoluto, appannaggio di un nostro rappresentante. Nel mese di maggio 2011, Gianfranco Borghetti festeggerà i 50 anni di attività come arbitro, a coronamento di una carriera che lo ha visto dirigere tutto quanto vi è di importante nel palmares di un arbitro: Campionati mondiali, europei, Olimpiadi, decine di incontri internazionali, per non parlare delle decine e decine di Campionati italiani e centinaia di tornei. Il nostro Gianfranco è il più longevo fra tutti quelli in attività sul territorio nazionale e anche quello che ha avuto l’onore e l’onere di dirigere i tornei più importanti. Fin da sempre la scuola damistica livornese è sempre stata oggetto di ammirazione a livello nazionale e, in certi casi, come spesso accade, anche di una sottile invidia. Appare quanto meno inspiegabile come i due più titolati Campioni della storia della dama, come Piero Piccioli e Michele Borghetti, che da soli hanno vinto ben 18 titoli assoluti individuali (rispettivamente

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

Oggi si guarda anche allo scenario mondiale


della dama non praticato in Italia e quindi poco conosciuto. È come se nell’atletica si dovesse chiedere a un grande campione dei 100 metri di disputare la qualificazione mondiale per il titolo di salto in alto. Nonostante questo Michele accetta di rappresentare l’Italia. Contro ogni previsione, anche la più ottimistica, Michele conquista la vittoria fra lo sbalordimento dei suoi avversari che, pur conoscendolo come grande campione di dama italiana, non si sarebbero mai aspettati un simile risultato anche in questa specialità. La stampa nazionale, dalla Gazzetta dello Sport al Corriere della Sera, dal Messaggero Veneto al Tuttosport, che solitamente non pubblicano mai i risultati di questo sport del cervello, così povero di attenzioni, danno ampio risalto all’exploit ottenuto. Per non parlare dei giornali e televisioni, anche a livello nazionale. Gli stessi scacchisti, solitamente individuati come “avversari”, si congratulano con Michele con la speranza che un giorno o l’altro anche uno scacchista italiano arrivi a battersi per un titolo mondiale. E ora un accenno al gioco della dama e alla sua storia, seppure tracciata in modo parziale. Il Gioco della dama ha origini antichissime; alcuni manuali sostengo che questo gioco fosse praticato sin dai tempi dei faraoni. Molti musei espongono esemplari di damiere e pedine antiche molto simili a quelle odierne. Nel museo etrusco-gregoriano del Vaticano si trova un’anfora di Exekias (datata 530-525 a.C.) su cui sono raffigurati Achille ed Ajace seduti, mentre giocano a dama. Dal disegno si può notare che entrambi stanno muovendo delle pedine su una damiera. In Italia ci sono testimonianze che già gli antichi Romani praticavano questa disciplina e da allora il gioco della dama si è sempre evoluto. Fu Luigi Franzioni l’artefice della costituzione della Federazione Damistica Italiana che nacque ufficialmente nel febbraio del 1924. Negli anni a seguire furono prese importanti decisioni che divennero regole attualmente ufficiali; ad esempio fu deciso che la prima mossa fosse per il colore bianco nella dama italiana e nel 1934 venne abolito il soffio, che talvolta non era dovuto a distrazione ma bensì a tattiche di gioco. Attualmente la Federazione Italiana Dama (FID) è riconosciuta dal Coni come Disciplina Associata in quanto obbedisce a tutte le Leggi dello sport, compreso

353

- nei Campionati e nei tornei ad alto livello - al “controllo antidoping”. In internet il sito della dama si trova all’indirizzo www.federdama.it e qui viene riportato tutto ciò che ruota attorno a questo mondo: notizie, documenti, comunicati, gare, forum, regole, il calendario delle gare, un po’ di scuola, materiale per giocare e studiare mosse e tattiche, ed i contatti. Ultima conquista della Fid è il televideo Rai che ognuno di noi può consultare alla pagina 697 con 6 schermate in cui si possono visualizzare informazioni, notizie, curiosità e i principali tornei in programma. È importante sapere che al mondo esistono diverse varianti del gioco della dama. Quella praticata da noi è quella Italiana la cui damiera è composta da 64 caselle, ha il cantone a destra (cioè il quadratino scuro che rimane in angolo), mentre quella inglese, quella brasiliana e quella russa sono poste al contrario e hanno anche altre importanti regole diverse; invece la dama internazionale consta di 100 caselle e 20 pedine per ogni giocatore. Addirittura la dama canadese ha 144 caselle. La Federazione pubblica anche una bellissima rivista, chiamata “Damasport”; è un bimensile, che da oltre 50 anni viene inviato a tutti coloro che sono regolarmente tesserati alla Fid come agonisti, ma che può essere richiesto da chiunque, con modalità molto semplici. Per chi volesse avvicinarsi al gioco della dama, l’appuntamento è per ogni mercoledì e sabato pomeriggio, dalle 16.00 circa alle 19.00 in via delle Galere 14, al circolo ATL. Per chi volesse unirsi alla compagnia per imparare a giocare, può venire a trovarci senza impegno, può sedersi e passare due ore con noi. Per chi volesse avvicinarsi al mondo della dama italiana su internet c’è un sito che si chiama www.playok.com dove giocano molti affiliati alla Fid. Però è più consigliabile giocare dal vivo. Vi aspettiamo.

Torneo al circolo

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

7 e 11, come dicevamo sopra), possano essere nati nella stessa città senza che fra i due possa esserci stato qualsiasi contatto, essendo il primo deceduto nello stesso anno in cui il secondo ha iniziato l’attività agonistica. Dispiace solo che fra i due non possano mai esserci stati confronti, ma forse è meglio così, sarebbe stato un peccato vedere uno dei due perdere in un eventuale incontro diretto. Invece, ognuno nella propria epoca, ha praticamente dominato l’ambiente damistico. Da ricordare anche che nel 2010 hanno ottenuto la promozione di categoria, grazie agli ottimi risultati conseguiti, Paolo Blandina e Matteo Bernini. Quest’ultimo, appena 22 anni, ha addirittura ottenuto 3 promozioni pressoché consecutive nell’ambito dello stesso anno. Il che rappresenta un ottimo biglietto da visita e anche la speranza, se non addirittura la certezza, che la grande tradizione damistica livornese abbia trovato un nuovo Campione. Ma molti altri sono i damisti di Livorno e provincia che nell’anno appena trascorso hanno ben figurato nei tornei locali, regionali e nazionali, facendosi ammirare, oltre che per la bravura, anche per la loro estrema correttezza. Partiamo degli amici piombinesi Claudio Ciampi, campione assoluto nel 1987 e vincitore di tantissimi altri tornei, Marcello Fantozzi e Alessandro Malotti, già citati come Campioni italiani a squadre e tutti fra i migliori in Italia anche a livello individuale. I giocatori livornesi si ritrovano al Circolo dell’ATL, in via delle Galere 14, soprattutto il sabato pomeriggio, allorché si può assistere a epiche sfide fra i migliori. Bisogna dire che il Circolo livornese è molto compatto e gli incontri si svolgono sempre in un clima di grande amicizia e di sana rivalità; fra i vari tesserati ricordiamo coloro che svolgono attività agonistica: Michele Borghetti, Franco Manetti, Gianfranco Borghetti, Matteo Bernini, Paolo Blandina, Massimo Boldrini, Giuseppe Amoroso, Ivo Bertini, Fulvio Blandina, Massimiliano Boldrini, Andrea Cardosi, Danilo Conterio, Simone Ghezzani, Gabriele Langella, Mauro Giusti e Gennaro Neto. Grande merito va al nostro Fiduciario Provinciale Mauro Giusti, sulla breccia damistica da circa 55 anni e conosciutissimo nell’ambiente italiano e internazionale per la sua collezione di libri e riviste damistiche che, pensiamo, abbia pochi eguali nel mondo. Ma l’evento più importante del 2010 resta la vittoria di Michele Borghetti ad ottobre, in Irlanda dove si è conquistato la semifinale di dama inglese e quindi la qualificazione alla finale mondiale. Si sottolinea il fatto che si tratta di dama inglese, variante del gioco


Michele Borghetti Il genio della damiera e le sue sbalorditive imprese Vincitore della semifinale internazionale di dama inglese, si prepara per la sfida finale con il campione del mondo

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

I

ncontriamo Michele Borghetti dopo qualche mese dalla sua ultima incredibile impresa. Sì, Michele riesce a sempre a stupire il pubblico quando siede davanti ad una damiera, perché le sue capacità vanno al di là di quello che uno potrebbe immaginarsi. Lo ricorderete, quando nel 2003 ci lasciò a bocca aperta per aver sfidato 23 avversari bendato e in contemporanea, raggiungendo in 7 ore un risultato incredibile: 17 vittorie e 6 pareggi. Adesso Michele ha conquistato la ribalta internazionale vincendo le semifinali di Dama inglese e qualificandosi per le finali mondiali dove sfiderà il campione in carica. Il suo risultato ha ancora una volta dell’incredibile, ma ascoltiamo direttamente da lui com’è andata. “A settembre la Federazione Dama mi ha chiesto di andare a rappresentare l’Italia al Campionato mondiale di dama inglese che si è

Michele Borghetti

svolto a Dublino. Ho accettato, ma sono partito con l’idea di fare una gita, perché la dama inglese non è la mia specialità e avevo cominciato a praticarla da poco. Ed invece ho vinto la semifinale battendo tutti i giocatori più forti del mondo, infatti, erano presenti americani, inglesi, irlandesi, tedeschi e tante altre nazionalità. La mia vittoria ha sbigottito tutti perché è la prima volta che un italiano arriva a questi livelli”. Ad agosto ti aspetta la sfida finale in America. “Sì, dal 13 al 23 agosto 2011 incontrerò il campione del Mondo Alex Moiseyev, che è un russo naturalizzato americano. La sfida sarà a Cleveland nell’Ohio, dove giocheremo 40 par partite in dieci giorni, praticamente 4 al giorno della durata di 3 – 4 ore l’una”. Che differenze fferenze ci sono fra la dama italiaff na e quella inglese? “Il gioco, come si capisce dal nome, è nato in Inghilterra e il primo incontro mondiale è stato disputato nel 1847. Si differenzia fferenzia per il fatto che ff in Italia la damiera deve essere posizionata in modo da avere l’ultima casella scura sulla destra, mentre in Inghilterra deve essere quella bianca. Poi vi sono differenti ff fferenti regole, ad esempio in quella inglese la pedina può mangiare anche la dama. Vi è inoltre una maggior libertà di scelta in cosa mangiare, mentre nell’italiana è obbligatorio muoversi in modo da mangiare il più possibile, in quella inglese si può optare anche sulla situazione che inizialmente appare di minor vantaggio. Questo naturalmente fa sì che si creino molte più strategie, rispetto alla dama italiana”. Come ti stai preparando a questo incontro? “Con un allenamento molto duro, anche perché la dama inglese non è la mia specialità. Insieme al mio team sto studiano le tecniche del mio avversario per individuar individuarne i punti deboli, ma analizziamo

354

anche le tattiche di altri atleti importanti. Naturalmente devo giocare molto e farò anche dei match di allenamento sia in Italia che all’estero e in particolare mi incontrerò con un giocatore molto forte, ma non posso dire chi è per non dare troppi elementi al mio rivale. Dovrò essere pronto a giocare 12 - 14 ore al giorno e sto iniziando anche una preparazione fisica perché devo dimagrire qualche chilo, è importante non essere appesantiti durante il match”. Non hai difficoltà a passare da una dama all’altra? “Non è una cosa semplicissima. Bisogna fare attenzione a non confondere le regole di una dama con l’altra, e quindi bisogna essere molto concentrati anche sotto questo aspetto”. Possiamo considerarti un figlio d’arte, infatti, anche tuo padre Gianfranco è molto conosciuto in questo campo. “Sì, mio padre è arbitro internazionale e nel 2011 festeggia i suoi 50 anni di attività. Anche lui ha delle particolarità mentali che lo hanno reso famoso. Se uno gli dice la data di nascita, riesce in un tempo incredibilmente rapido a calcolare il giorno della settimana in cui è nato. Per questa caratteristiche è stato anche in diverse trasmissioni alla Rai, dove ha sfidato, e naturalmente vinto, un computer, riuscendo ad essere più veloce di lui a fare questo calcolo”. Raccontaci come hai iniziato? Giocavi fin da piccolo con tuo padre? No, non credo di aver mai giocato con mio padre quando ero piccolo, conoscevo le regole, ma non me le aveva insegnate lui. Però spesso lo seguivo nei suoi arbitraggi, e così quando avevo 12 anni, in Trentino dopo un torneo, il segretario della federazione mi incoraggiò ad iniziare a giocare e mi promise in regalo una damiera se avessi provato. Così feci la mia prima gara con due vittorie e tre sconfitte”. Come hai proseguito? “A 16 anni e mezzo, passando da tutte le categorie, sono riuscito ad acquisire il titolo di maestro. Sono il più giovane nella storia ad essere diventato maestro sia nella dama nazionale che in quella internazionale”.


355

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

“Frequentare un circolo, dove si incontrano a compiere errori anche banali. Dopo la partita cerco di riposar riposar- persone più esperte che possono insegnare, mi, ma anche fra una match e ma oggi c’è anche internet dove si possono col’altro perché la freschezza men- noscere avversari di tutti i livelli. È poi importante cominciare a studiare le tale è importantissima”. Quando hai capito che ave- strategie. La dama si può iniziare a 5 - 6 anni vi i numeri per farti strada in e non ci sono limiti di età per continuare a praticarla. Noi abbiamo un giocatore a Piombino questo settore? “Quasi subito. Non avevo anco- che ha 88 anni”. Oggi sei anche gran maestro. ra acquisito le tecniche più impor impor“Sì, è un titolo particolare che pochi hanno e tanti, ma mi accorsi che vedevo delle cose che gli altri non notava- si raggiunge dopo aver conquistato due titoli no. Una volta provai per scherzo italiani. In Italia siamo una decina ad averlo a fare una partita bendato e vidi conquistato”. Un sogno nel cassetto? Naturalmente che ci riuscivo bene e così ho continuato, consapevole di potermi escludiamo il match mondiale di agosto… “L’incontro di agosto lo considero il match togliere delle soddisfazioni”. Che caratteristiche deve della vita. Ma se non guardiamo a questo, avere chi vuole intraprendere posso dire che a lungo termine mi piacerebbe questo sport? avvicinarmi al professionismo, cosa molto dif dif“La passione. È uno sport dove ficile in Italia”. Il complimento più bello che ti è stato la fortuna non ha alcun peso, vai avanti solo sulla base delle tue fatto? “Quando feci il record mondiale bendato, capacità”. Quali caratteristiche si svi- un caro amico oggi purtroppo scomparso, Michele Borghetti premiato da Renzo Tondo luppano praticando questa Pino Croce, mi disse che in 53 anni non aveva Presidente della Federazione Italiana Dama e mai visto una cosa così stupefacente”. disciplina? della regione Friuli Veneza Giulia Cosa ti aspetti dalla tua città per il match “Capacità di concentrazione. Ai bambini serve molto per au- mondiale di agosto? Cosa ti è piaciuto della Dama? “Spero che si facciano avanti degli sponsor. “Ne sono stato affascinato ffascinato subito. Il bello di toregolarsi e imparare a rispettare le regole e ff questa disciplina è che inizialmente le regole l’avversario. Prima e dopo una sfida a dama ci L’incontro di agosto è un’opportunità per le aziende locali perché potranno acquisire visisono molto semplici, ma a mano a mano che si dà sempre la mano, al di là del risultato”. Cosa consiglieresti ad un ragazzo che bilità fuori Livorno a livello mondiale”. si alza il livello della competizione diventa sempre più spettacolare e anche difficile. Du- vuole iniziare? Antonella De Vito rante le partite ci sono strategie particolari, e si richiede una capacità di analisi in profondità, cioè il prevedere cosa accadrà nelle mosse successive. È necessario avere un’analisi che vada dalle 15 alle 25 mosse, ma diciamo che quando si arriva a fare almeno una previsione sulle sette mosse ci si può considerare già un giocatore di una certa qualità”. Soddisfazione più bella? “Il record mondiale bendato che è ancora imbattuto. È stata un’impresa titanica. Altra importante soddisfazione l’ho avuta nel 2001 quando vinsi il titolo italiano per un solo punto rispetto al mio avversario, che era veramente forte. E poi naturalmente c’è questa ultima vittoria alle semifinali di Dublino con la dama inglese”. Una cosa da dimenticare? “Mi è successo una volta di arrivare ultimo, in un gruppo di 15 giocatori. Era veramente una giornata no”. Come affronti lo stress prima e dopo la partita? “Con l’esperienza. Cercando di affrontare ff ffrontare le partite con rispetto, ma senza timore per l’avversario. Il timore è pericoloso perché ti La sfida di agosto per il titolo mondiale di dama inglese può mettere in stato di sudditanza e indurre


Scacchi

Scacchiere labroniche all’attacco:

N

el corso del 2010 il Circolo Libertas Livorno Scacchi ha svolto una intensa attività torneistica e di promozione della cultura degli scacchi. Le iniziative che si sono succedute sul piano agonistico hanno avuto inizio con il Torneo Provinciale svoltosi a gennaio ed il CIS (Campionato Italiano a Squadre) svoltosi a cavallo tra inverno e primavera. Si tratta di due manifestazioni di notevole importanza in quanto omologate FSI (Federazione Scacchistica Italiana) e perché legate direttamente alla realtà cittadina; la prima si richiama al territorio attirando i giocatori limitrofi alla nostra città e conferendo il titolo di Campione Provinciale, il secondo vede impegnate in una competizione di livello nazionale, di cui il nostro circolo cura l’organizzazione e la parte tecnica, due squadre della città.

L’8° Campionato Provinciale di Livorno, svoltosi il 9 il 10 il 16 e il 17 gennaio è stato meritatamente vinto del CM livornese Riccardo Franceschi con 5 punti su sei incontri, in un torneo che ha regalato emozioni a ripetizione e nel quale il vincitore ha dimostrato una continuità ed una sicurezza che, uniti ad una tecnica di ottimo livello, gli hanno consentito di condurre in porto una meritata vittoria, riportando al Circolo scacchi di Livorno il titolo di Campione provinciale, emigrato nel 2009 al Circolo “G.Greco” di Cecina grazie al giovanissimo Matteo Giuntoli, classificatosi quest’anno secondo tra i giocatori della provincia. Per quanto riguarda il CIS, conclusosi domenica 11 aprile, il circolo ha seguito con soddisfazione l’andamento positivo delle compagini: la squadra più forte, dopo aver conquistato due anni fa la serie A2 si

357

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

le numerose iniziative agonistiche e culturali dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Scacchi


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

è confermata nella categoria raggiungendo la salvezza, obbiettivo dichiarato della squadra al debutto nella serie superiore. La squadra era costituita dai Maestri Federali Andrea Raiano e Francesco Rinaldi, dai Candidati Maestri Riccardo Franceschi, Marco Ceccarini, Davide Contini e G. Carlo Cheli, e primi Nazionali Maurizio Soventi e Valerio Leone. La seconda compagine del circolo, militante in serie promozione, ha brillantemente vinto il proprio girone non essendo mai stata battuta e avendo portando a casa quattro vittorie e un pareggio. Questo risultato gli dà il diritto di partecipare il prossimo anno al Campionato di serie C. La manifestazione agonistica di maggior rilievo però, anch’essa omologata FSI, è il Torneo Internazionale “Città di Livorno” che si tiene ormai da sei anni e che richiama giocatori di categoria superiore, GM e MI, ma che vede anche una intensa partecipazione di giocatori locali. Il torneo si è svolto, il 18, 19 e 20 giugno, tra le accoglienti mura della sala convegni della “Cassa Edile”, organizzato dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Scacchi; questo nuovo appuntamento del ciclo di tornei internazionali che si svolgono nella nostra città è stato realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Livorno e della SPIL, Società Porto Industriale. La manifestazione, ospitata nel 2009 tra le austere mura della Fortezza Vecchia, e negli anni 2007 e 2008, sotto le volte della magnifica sala degli Archi della Fortezza Nuova, ha visto quest’anno, una partecipazione qualitativamente superiore alle edizioni precedenti, grazie alla presenza di 2 Grandi Maestri, il russo Igor Naumkin (Elo 2480) ed il filippino Joseph Sanchez (Elo 2478), due Maestri Internazionali, il bulgaro Dimitar Marholev (Elo 2433) ed il filippino Virgilio Vuelban (Elo 2369), 1° Maestro Fide, il fiorentino Doriano Toc-

chioni, ed un maestro federale, il livornese di adozione Francesco Rinaldi. La manifestazione si è sviluppata lungo un unico fine settimana, nel quale i giocatori si sono affrontati divisi in tre categorie (A–B–C), determinate da un “punteggio di merito” o Elo, ottenuto tramite un sistema di calcolo stabilito dalla Federazione Internazionale, che valuta in punti, proporzionalmente alla forza dell’avversario, il valore di una vittoria o di una sconfitta. Partendo dal basso le categorie sono: esordienti o non classificati, categorie nazionali (3°, 2° e 1°), Candidati Maestri (punteggio Elo > 2000) e Maestri (punteggio Elo > 2200); la classificazione dei Maestri, determinata in maniera differente fferente ed anff cora più complessa da regolamenti internazionali, li suddivide, partendo sempre dal basso in: Maestri Fide, Maestri Internazionali e Grandi Maestri; sono stati disputati complessivamente cinque turni di gioco ed ogni giocatore ha avuto a disposizione, per terminare la partita, 90 minuti più trenta secondi di incremento a mossa. La prima partita è iniziata venerdì 18 giugno alle ore 15,30. Il montepremi era rilevante e rifletteva il livello dei partecipanti; i tre raggruppamenti erano così costituiti: Open A o Magistrale, che vedeva la partecipazione di maestri e candidati maestri con un premio per il vincitore di 400 euro e premi minori a seguire fino al 5° posto; Open B, per categorie nazionali con Elo inferiore a 1800, con un premio di 150 euro per il vincitore e premi a scalare fino al 5° classificato; Open C, per esordienti senza categoria nazionale, con un premio di 50 euro per il vincitore e coppe fino al 5° classificato. Per incentivare la partecipazione femminile negli juniores, che purtroppo nelle manifestazioni scacchistiche in generale scarseggia sempre, alla quale invece teniamo molto,

358

e degli over 60 che vogliamo incoraggiare a proseguire, erano previste coppe ed altre forme di riconoscimento, anche queste, senza dubbio, ambite. Il torneo si è da subito attestato su livelli di competitività elevati, con partite combattute fino all’ultima mossa, ed alcune vinte addirittura per il tempo, senza particolari tatticismi e calcoli combinati. I quattro maestri non italiani, dopo aver vinto, non senza qualche difficoltà, le prime due partite, hanno pattato, incontrandosi tra loro, nel terzo e quarto turno; purtroppo per loro non hanno considerato che dalla battaglia alle loro spalle sono emersi due combattenti della scacchiera che con un rush finale sono riusciti a conquistare, con enorme merito, la terza e quarta posizione finale, scombinando forse una classifica per alcuni già scontata. Infatti la conquista del terzo posto da parte del Maestro Federale pisano Francesco Rinaldi e la quarta da parte del Maestro Fide fiorentino Doriano Tocchioni hanno ancora una volta dimostrato che la battaglia, sempre e comunque sportiva, senza esclusione di colpi porta a risultati superiori alle aspettative. Nell’Open A ha vinto il GM Joseph Sanchez con 4 punti su cinque partite, davanti al GM Igor Naumkin con lo stesso punteggio ma peggiore Buholtz; terzo, come già detto, il M Francesco Rinaldi anch’esso con 4 punti, e quarto il MF Doriano Tocchioni, con 3,5 punti; solamente quinti e sesti gli IM Virgilio Vuelban, con 3 punti e lo IM Dimitar Marholev, anch’esso con 3 punti. L’Open B è stato vinto con quattro punti su cinque partite, dal Maestro comasco, ma livornese di adozione, Giampiero Rossi il quale, nonostante la non più Nelle foto: Sesto Torneo internazionale “Città di Livorno” disputato il 18/20 giugno 2010 nei locali della Cassa Edile di via Piemonte


Massimo Guantini, grande appassionato scacchista e attento interprete delle esigenze di questa disciplina.

Scacchi in libreria

Il Circolo ha sviluppato nel 2010 la stretta e preziosissima collaborazione con la Libreria Gaia Scienza, che ha trovato negli scacchi un’attività aggregativa in linea con il proprio profilo commerciale e di promotori culturali cittadini. Anche per quest’anno abbiamo avuto a disposizione i locali del secondo piano che sono perfettamente attagliati alle nostre esigenze e che abbiamo potuto utilizzare il sabato pomeriggio a partire dalle 15:30 fino alle 18:00 – 18:30. Inutile ripetere i numerosi vantaggi che ci porta questa collaborazione che per noi è di enorme valore. Attraverso la Libreria Gaia Scienza, il Circolo ha infatti realizzato ben due corsi di scacchi, che hanno avuto un riscontro assolutamente soddisfacente, costituiti da una serie di 10 lezioni “di base” tenute dall’istruttore federale elementare Alessandro Rizzacasa che hanno riguardato i fondamenti del gioco, sia per quanto riguarda le regole che le idee strategiche e tattiche; inoltre è stata iterata l’esperienza del Torneo “Gaia Scienza”, svoltosi per il secondo anno consecutivo, sabato 23 ottobre, un open semilampo su sei turni, che si è concluso con un notevole successo sia dal punto di vista tecnico che di pubblico. La manifestazione ha visto ben 26 giocatori presenti al nastro di partenza provenienti da Livorno, Cecina, Pisa, Lucca e Firenze. Alto il livello qualitativo della manifestazione che annoverava 6 Candidati Maestri, 2 Maestri Federali e 1 Maestro FIDE

359

(titolo della Federazione Internazionale). Completavano il lotto dei concorrenti diversi NC (Non Classificati), appassionati che, pur non praticando agonismo, spesso sono giocatori in grado di esprimersi ad ottimi livelli. Intensa la partecipazione del pubblico, il quale ha seguito numeroso, durante l’intero arco della manifestazione, le fasi del torneo. Ha vinto meritatamente il CM Marco Ceccarini con 5 punti, seguito a quota 4,5 punti da ben 4 giocatori: nell’ordine, deciso dallo spareggio tecnico, Claudio Evangelisti (FM) II, Francesco Saverio Rinaldi (MF) III, Matteo Giuntoli (CM) IV e Andrea Raiano (MF) V. Dietro, a quota 4 punti, i livornesi Riccardo Franceschi VI e Davide Contini VII nonché il lucchese Francesco Frugoli VIII. Ceccarini continua ad attraversare un momento di grande forma, dopo aver sconfitto quest’estate il Grande Maestro Igor Efimov al Torneo Internazionale di Bratto. Il titolare della libreria Gaia Scienza, Franco Ferrucci, durante la premiazione, ha annunciato l’intenzione di proseguire l’attività scacchistica della sua libreria e di sostenere lo scacchiamo livornese, promuovendo anche un torneo primaverile, oltre a quello autunnale. Sul piano culturale il Circolo ha promosso una serie di iniziative legate alla cultura degli scacchi in cui, se possono essere inquadrati i corsi di cui sopra, a maggior ragione possono essere annoverate conferenze sulla storia degli scacchi, specialmente riguardanti Livorno, che fu grande centro del gioco nell’Ottocento. Particolare interesse ha poi incontrato una formula speciale di “Caffè ff filosofico”, un’iniziativa ffè di libero confronto dialogico che si è svi-

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

giovanissima età, è riuscito ad imporsi, con un tour de force non indifferente, fferente, coff stituito da cinque partite ravvicinate ed estremamente combattute; secondo il giovane Ivan Carosi con 4 punti, davanti al livornese Alessandro Rizzacasa il quale, dopo un inizio folgorante, si è un po’ perso nelle ultime due partite. Nell’Open C ha prevalso con 4 punti, Alessandro Salvadori, davanti ad Eugenio Cignolini e Marco Casini; quarti e quinti due giovanissimi, che hanno dimostrato grinta e qualità e quindi promettono molto bene in un futuro prossimo: Edoardo Favilli ed Enrico Di Meo. Particolarmente apprezzata è stata la partecipazione della giovanissima Dea Natara Malescusi, la quale è stata premiata, al di là della classifica finale, pur ottima, quale unica rappresentante femminile e per aver dimostrato un impegno ed una convinzione non comune. Con questo festival Livorno ha inteso proseguire quel cammino intrapreso da qualche anno, in grado di farla crescere e sperare di tornare ad essere una piazza scacchistica di grande rilievo. Dopo un passato che l’ha vista letteralmente rifulgere, Livorno si era dimenticata di questa sua grandezza scacchistica e dell’importanza che molti livornesi hanno avuto nella storia del gioco: lo testimonia l’ampio lavoro di Alessandro Rizzacasa, Livorno nella storia degli scacchi, recentemente pubblicato dal Comune, che ha avuto eco in ambito nazionale con un denso articolo dello stesso Rizzacasa su Torre e Cavallo, la massima rivista italiana del settore. Importante sottolineare il ruolo di sostegno insostituibile avuto in questo percorso dall’assessore alle Culture della passata amministrazione cittadina


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

luppata negli ultimi anni a livello internazionale, anch’essa organizzata in collaborazione con la Libreria Gaia Scienza, che prende spunto dalla vastissima produzione artistica in cui gli scacchi sono incorporati come elemento caratterizzante.

Café philo Il café philo (o caffè ff filosofico) è stato ffè presentato in ottobre e si è tenuto ogni prima domenica del mese. Si tratta di un incontro pubblico, talvolta occasionale, tra individui che non necessariamente si conoscono e che, indipendentemente dalla provenienza culturale e formativa, sono liberi di proporre un tema coinvolgente; un tema che possa essere condiviso e sul quale poter esprimere una riflessione argomentabile. Il consulente filosofico in questo caso svolge il ruolo del moderatore o conduttore. Ciò che differenzia fferenzia que ff sto tipo di incontri dalle più tradizionali conferenze è il fatto che il filosofo non è il protagonista, ma lo è il pubblico: non è il conduttore che sceglie il tema e neppure lo introduce preliminarmente alla discussione, lasciando che siano gli altri a parlare per primi. L’argomento oggetto della riflessione viene scelto all’inizio del dibattito, attraverso una decisione comune o un metodo condiviso. In questi «pubblici dibattiti» il filosofo consulente ha la funzione di esperto non già dell’argomento, ma degli strumenti con i quali esso viene elaborato. Il Caffè ffè Scacchi della Libreria Gaia Scienff za nasce aspirando a fondere la prospettiva del caffè ff filosofico con il “clima” del ffè Café de la Régence, mitico caffè ffè parigino ff settecentesco dove si davano convegno

i più grandi giocatori di allora. L’idea è di sostituire agli scacchi giocati il loro valore simbolico e la loro dimensione culturale, prendendone spunto per l’attività dialogica. Gli scacchi hanno suggerito innumerevoli riflessioni di tipo filosofico puro o filtrate attraverso la maglia espressiva dell’arte. Partendo dalle domande suscitate nei convenuti da una delle tante riflessioni sugli scacchi che troviamo disseminate nelle opere di grandissimi artisti, e pensatori, Borges, Pessoa, Wittgenstein, Carroll, Nabokov, Bufalino, Murensing, Canetti, Beckett, Omar Khayyam, Bak, Duchamp, Bueno…, di cui vengono letti i testi, visionati i dipinti, ascoltate le musiche, inoltre viene generata un’agenda e individuato un tema di discussione. Su quello si muove il dialogo fra i partecipanti…, sorseggiando un caffè. ff ffè.

Il derby Di seguito ricordiamo altre manifestazioni di successo organizzate dal Circolo Scacchi di Livorno: sabato 9 maggio si è svolto, tra le mura amiche della libreria Gaia Scienza in via Di Franco, sponsor principale della manifestazione, il derby di scacchi con cui la compagine degli

360

scacchisti livornesi ha sconfitto quella dei cugini pisani con il punteggio di 21 a 19. Dopo un primo confronto nel settembre 2008, vinto anch’esso dai labronici, le due città hanno deciso di giocarsi la rivincita e gli scacchisti della torre pendente sono “calati” a Livorno intenzionati a prendersi la rivincita. La formula prevedeva una “battaglia” su otto scacchiere con cadenza rapid-chess (30 minuti di tempo a testa per finire la partita). Il gruppo pisano ha schierato Francesco Rinaldi, fantasioso e roccioso Maestro originario di Manfredonia, i CM Michael Saliba, vecchia volpe maltese dimorato a Pisa da un’eternità, capace di mettere in difficoltà chiunque e Antonio Pinto, dal rating di quasi 2000 punti, sulla carta pericolosissimo ed altri validi giocatori. Livorno ha risposto con il Maestro Andrea Raiano ex campione italiano UISP, i CM Riccardo Franceschi, dal gioco attendista e soffocante, ffocante, Davide Contini, brillantissiff mo scacchista dalle mille risorse, Marco Ceccarini e Giancarlo Cheli, oltre ad altri ottimi giocatori. I premi, assicurati dagli sponsor Libreria Gaia Scienza e Buffetti ffetti - prodotti per ufficio, ff sono stati assegnati ai giocatori che hanno realizzato il maggior punteggio individuale; a fine gara il migliore è risultato il CM Riccardo Franceschi di Livorno.

Con la scacchiera all’Ippodromo Caprilli

Sabato 21 agosto si è svolto presso l’Ippodromo di Livorno, il 2° torneo semilampo di scacchi “F. Caprilli”; la mani-


Una partita in costume

Altra manifestazione di successo, anche di pubblico, è stata la partita di scacchi in costume, svoltasi alla Terrazza Mascagni domenica 10 ottobre; la manifestazione, organizzata dall’Associazione culturale “La Livornina” con la collaborazione tecnica del circolo Livorno Scacchi, ha coinvolto un gran numero di spettatori, in parte appassionati del gioco degli scacchi ed in parte semplici curiosi attirati inizialmente dalla spettacolarità dei costumi messi in campo. Gli scacchi non sono di solito considerati spettacolari, anche se nessuno nega che

siano uno dei giochi più intelligenti ed interessanti, ma la partita in costume va annoverata tra le manifestazioni “più da vedere” che si conoscano, perché il connubio tra un gioco sicuramente serio ed impegnativo, ma che mantiene pur sempre un’attrattiva non comune ad altri giochi e la maestosità e l’eleganza dei costumi sfarzosi, messi in campo dalla Livornina, ha da sempre appassionato e coinvolto il pubblico, il quale ha partecipato in modo attivo allo svolgimento della partita; la cattura di un pezzo e la conseguente uscita dalla scacchiera del relativo figurante venivano infatti sottolineati dagli applausi del pubblico, che dimostrava così la sua partecipazione. Il match è durato un’ora, con gli spettatori che seguivano l’andamento della partita con una tale attenzione che alla fine si mostravano dispiaciuti che fosse terminata. Bisogna dunque ammettere che il gioco degli scacchi accende la fantasia anche delle persone che non lo conoscono: ha una magia che affascina ffascina la gente e ff la seduce. Tutti conoscono la famosa partita di scacchi in costume di Marostica; la partita che si gioca è ripresa di volta in volta dalle più famose partite del passato e del presente giocate da grandi campioni; senza misconoscere la tradizione e la spettacolarità di questa manifestazione, la partita svolta alla Terrazza Mascagni ha avuto sicuramente qualcosa in più: la diretta, nel senso che la partita rappresentata sulla

361

scacchiera vivente è stata giocata in contemporanea da due maestri del circolo scacchi di Livorno; questo fatto ha sicuramente aumentato la suspense, perché nessuno sapeva quale delle due squadre avrebbe vinto la partita, ma ha aumentato l’impegno sia dei giocatori, ma soprattutto dei figuranti, che si sono dovuti muovere sulla scacchiera dietro le estemporanee indicazioni del conduttore del gioco e dei mossieri.

Nome e consiglio direttivo

Infine, dato che non sarà più necessario essere un circolo Libertas, che era la condizione richiesta per poter occupare una volta la settimana i locali della Misericordia, ai quali non abbiamo più potuto accedere da settembre, il Circolo ha modificato la ragione sociale dal primo gennaio 2011 assumendo la semplice denominazione di Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Scacchi. Ciò è stata deciso in occasione dell’assemblea ordinaria dei soci, indetta nel mese di novembre, durante la quale è stato rinnovato il consiglio direttivo; le elezioni hanno confermato Carlo Falciani, Presidente, Alessandro Rizzacasa, Segretario e promosso Riccardo Franceschi, Direttore Tecnico, Ennio Panizi, Tesoriere e Valerio Leone, Consigliere. Carlo Falciani Presidente Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Scacchi Nelle foto: Il trofeo alla Gaia Scienza

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

festazione, organizzata dal “Circolo Livorno Scacchi”, in collaborazione con la “Labronica corse dei cavalli”. Vittoria netta e meritata, con 7,5 punti su otto partite, del maestro Claudio Evangelisti, che ha dominato la gara, nonostante che il lotto di partecipanti fosse di tutto rispetto, ad iniziare dal secondo classificato, il giovane CM lucchese Giacomo Paolinelli, con 5,5 punti, unico avversario che è stato in grado di strappare una patta al vincitore, e dall’altro CM lucchese, Cristiano Novelli, terzo classificato, anch’esso con 5,5 punti, ma con peggiore punteggio buholz. Premiati con una coppa sono stati: Ennio Panizzi tra gli esordienti e Edoardo Favilli tra i giovanissimi. L’ambiente sicuramente confortevole e di prestigio, particolarmente apprezzato e gradito dai giocatori, e la squisita accoglienza riservata dalla Direzione dell’Ippodromo, ha favorito il successo di questa manifestazione, che ha confermato quello della scorsa edizione, grazie anche alla partecipazione di giocatori di alto livello, di giovani e di giocatrici femminili, presenza rarissima in tornei di scacchi; effettiva ff ffettiva mente giocare un torneo di scacchi in un Ippodromo è un felice connubio il cui filo conduttore e protagonista è sicuramente il cavallo: da una parte cavalli che corrono su una pista per giungere alla vittoria, dall’altra cavalli che, insieme ad altri pezzi, si muovono sulla scacchiera, ma entrambi protagonisti di una gara tra contendenti agguerriti, che hanno come obiettivo la vittoria. L’estrema correttezza e sportività dei giocatori ha consentito, inoltre, lo svolgersi di un torneo, benché agguerrito nelle singole partite, complessivamente tranquillo, anche se “caldo”, date le temperature piuttosto elevate registrate nella giornata.


Bridge La storia del bridge dal locale all’internazionale

F.I.G.B.: Federazione Italiana Gioco Bridge

I

l gioco del bridge ha avuto in tutto il mondo una grande diffusione, specie a partire dalla prima metà del secolo scorso. Il bridge deriva dal gioco del whist già in vigore in Inghilterra nel 1800. Anche in Italia e a Livorno nel dopoguerra (dal 1950) il bridge ha avuto molta diffusione, diventando da gioco di élite un gioco di massa, tanto che verso la seconda metà del secolo scorso gli italiani hanno primeggiato fin a diventare per molti anni di seguito “Campioni dl Mondo” (13 vittorie di fila nei Campionati del mondo), sconfiggendo gli anglosassoni e i francesi che fino ad allora avevano dominato quasi indisturbati. Livorno in questa fase ha avuto un ruolo importante, tanto che alcuni suoi giocatori hanno fatto parte della nazionale italiana (Blue team) evidenziando il proprio talento, fino a creare dei sistemi licitativi originali (come il Quadri Livorno). Il gioco si divide in due parti. La licita (o dichiarazione) e il gioco vero e proprio della carta. Gli italiani hanno primeggiato sia nella tecnica di gioco che nei sistemi di licitazione, creando dei sistemi (Fiori Romano, Fiori Blu Team ecc.) che hanno fatto scuola in tutto il mondo. A Livorno agli inizi degli anni sessanta si è cominciato a giocare con continuità al Tennis Club di via Roma, dove sono emersi i più forti giocatori locali: Benito e Marisa Bianchi, Paolo e Anna Valenti, Giorgio Matteucci, G. Battista Brogi. Essi hanno creato il sistema di licitazione detto “Quadri Livorno” in analogia al “Fio “Fiori na-

poletano” (primo sistema italiano in ordine di tempo), “Fiori Romano”, ecc. aumentando il numero e l’interesse, i giocatori livornesi vollero avere una loro sede dedicata esclusivamente al bridge. Negli anni settanta sorse così sugli Scali D’Azeglio il “Circolo Unione” dove si riunivano buona parte dei bridgisti cittadini. Nel 1978 l’adiacente circolo delle Stanze Civiche (il più antico della città, la cui fondazione risale al 1806) aveva necessità di rinsanguare il numero dei soci a causa delle forti spese di gestione non più sostenibili dai pochi soci rimasti. Il Presidente del Circolo Unione, Benito Bianchi, colse l’occasione per fondere in un’unica sede le due realtà. Da allora la sede di Scali D’Azeglio 10 vide un susseguirsi di trionfi a livello europeo e mondiale. Di conseguenza anche il numero

dei soci crebbe fino a superre di qualche decina le 200 unità. La coppia Marisa Bian Bianchi e Anna Valenti vinse un Campionato del Mondo femminile, Benito Bianchi con Pietro Forquet fece più volte parte del Blue Team: Anna Valenti fu per diversi anni l’uni l’unica giocatrice donna a far parte del “Ma “Master” dei 16 giocatori più forti del mon mondo. Poi con il passare degli anni una volta esaurita la spinta provocata dai Campioni del mondo (Bianchi, Valenti, Matteucci, Brogi ecc.) e venuta meno la loro autorità e la loro presenza, sono sorte anche altre realtà locali, sia per la forte spinta della federazione Italiana Gioco del Bridge (F.I.G.B.) interes interessata più a sviluppare il numero che la qualità dei circoli del brid bridge e sia per la vanità di taluni

362

che volevano creare una loro sede personale. Oggi si gioca a Livorno in una mezza dozzina di circoli, alcuni dei quali in condominio con altri sport. La sede attuale delle Stanze Civiche comprende tutto il piano nobile (1° piano) dello stabile degli Scali D’Azeglio 10 con locali dai soffitti affrescati e dall’arredamento appropriato e signorile. La denominazione “Stanze Civiche” discende dalla singolare circostanza che all’atto della fondazione del 1920 i soci di allora abbandonarono le “stanze” comunali e si comprarono una sede autonoma già di proprietà della Comunità israelitica. Fin ai primi anni ‘90 i soci con più di 10 anni di associazione erano qualificati “Soci Fondatori” e godevano della proprietà dell’immobile. Poi sfruttando le agevolazioni di legge emanate per favorire le associazioni sportive in generale (qual è l’attuale circolo, associato alla Figb e al Coni) i soci rinunciarono alla proprietà dello stabile diventando di fatto una “No Profit” esente da Ici e con facilitazioni amministrative, contabili e fiscali. Momenti di gioco nelle stanze del Circolo delle Stanze Civiche


Cinzia Agrillo

Cinzia Agrillo

N

elle belle ed eleganti sale del Circolo delle Stanze Civiche incontriamo la presidenta Cinzia Agrillo ed il marito e consigliere Mario. Prima che arrivino i numerosissimi appassionati di bridge ad affollare ff ffollare gli ampi locali al primo piano degli Scali D’Azeglio 10, proviamo a farci spiegare in cosa consiste questo gioco di carte. Per pudore non vi diciamo il risultato ottenuto da questo tentativo e passiamo subito all’intervista. In quanti si gioco a bridge? “Si gioca a coppie, e ad ogni tavole ve ne sono due. Ci sono poi le partite a squadre. Le carte in mano sono 13 ed inizialmente la coppia si scambia delle informazioni sulla qualità delle carte, successivamente non si può più parlare, ma vi sono dei segni convenzionali che permettono un minimo di comunicazione”. Perché il bridge è definito lo sport della mente? “In ogni partita i giocatori devono prendere 40 - 50 decisioni. Se le moltiplichiamo per

il numero di partite previste in una serata, si può calcolare che le scelte da fare in poche ore sono circa 400. È necessario poi avere una buona memoria perché è indispensabile ricordarsi tutte le carte”. Come si può iniziare? “Come circolo facciamo dei corsi. Agli allievi mettiamo subito le carte in mano e li facciamo giocare immediatamente, comprenderanno meglio le regole e si perfezioneranno strada facendo, ma è meglio provare subito a stare seduti davanti al panno verde”. Come si fa a creare una buona coppia? “Non è una cosa molto semplice. Perché ci sia un buon affiatamento in una coppia ci vogliono circa due o tre anni”. Il vostro circolo com’è organizzato? “Il lunedì sera c’è l’allenamento di squadre, il martedì generalmente facciamo un tor torneo, il mercoledì i corsi, il giovedì e il venerdì si svolgono i tornei federali, ed il sabato e la domenica, anche durante il pomeriggio, facciamo attività libera, con partite fra noi, oppure partecipiamo ai Campionati in giro per l’Italia a coppie e a squadre”. Quanti soci siete? “Circa una sessantina. Però ai tornei ci sono molte più persone che vengono anche da fuori”. Voi quando e come avete iniziato? “Nel ‘87 in questo circolo. Prima però giocavamo a carte fra amici, ma poi uno del nostro gruppo si iscrisse ad un corso di bridge e cominciò ad insegnarci le prime regole, trasmettendoci la passione. Per chi inizia l’importante è entrare in un gruppo rodato e fare un corso”. Giocano più le donne o gli uomini? “Qualche anno fa c’erano sicuramente più uomini, adesso forse ci sono un po’ più di donne. Però dobbiamo sottolineare che oggi le donne sono avvantaggiate perché possono partecipare a più campionati. Infatti, ci sono tre categorie: open, misti e donne. Le donne possono partecipare a tutti e tre, gli uomini solo ai primi due. Secondo me però giocano meglio gli uomini perché si distraggono meno”. Quanto il gioco del bridge è legato al denaro?

363

“Questo tipo di bridge non è legato ai soldi, ricerchiamo il gusto di giocare ad armi pari e cercare di essere più bravi degli altri. Gli unici soldi che girano nei nostri tornei sono le quote d’iscrizione, che corrispondono più o meno ad un biglietto del cinema, e ci servono per affron ff ffron tare le spese di gestione dei locali del Circolo”. Avete molto giovani? “Purtroppo no. I giovani non lo sentono molto questo gioco, ce ne sono pochissimi. Anche l’età media degli allievi si è alzata, spesso la gente comincia ad avvicinarsi al bridge all’età della pensione e quindi è limitativo nei confronti dei risultati agonistici. Oggi ci sono altre distrazioni, altri giochi più veloci da imparare, più immediati rispetto al bridge, e questo ci ha tolto varie potenzialità. Anche a Pisa che pur è una città universitaria e quindi frequentata da molti giovani, la situazione è la stessa”. Quanto tempo passa prima di poter affrontare una gara? “Dipende dalla persona. C’è chi dopo tre anni ancora non se la sente di partecipare a partite ufficiali, mentre altri dopo tre mesi scalpitano. Dipende molto dalle qualità personali”. C’è molta rivalità fra voi? Al tavolino non ci sono amici, come in qualsiasi altro sport, però finito il torneo ceniamo insieme da buoni amici”. Quanto siete seguiti dalla stampa? “Possiamo dire praticamente niente. Pur essendo affiliati Coni, la stampa non ci segue mai, neanche quando ci sono i Campionati mondiali in Italia. In tutto il resto del mondo però è maggiormente considerato”. Per invogliare un ragazzo giovane a cominciare a giocare a bridge cosa gli direste? “Non saprei. Per un certo periodo abbiamo portato avanti un progetto nelle scuole, dove andavamo a presentare il gioco e c’erano anche degli insegnanti che facevano dei corsi per imparare e spiegare poi ai ragazzi le regole, ma anche questo non ha funzionato, non è servito a far appassionare i giovani al bridge”. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito della federazione www.federbridge.it Antonella De Vito

F.I.G.B.: Federazione Italiana Gioco Bridge

Bridge ovvero lo sport della mente


Scotto PubblicitĂ Livorno


Ringraziamenti La storia continua e l’Almanacco ne resta sempre il testimone Ancora un anno di successi e grande impegno sportivo per i labronici o spazio dedicato ai ringraziamenti è Vogliamo credere che il nostro Almanac- che non ha mai mancato nel corso di tutto quello che preferisco, un po’ perché final- co sia stato di esempio e di incoraggiamento l’anno di darci il suo apporto con le foto dei mente posso dire la mia, dopo tante pagi- alla realizzazione del film, perché pur usando campioni labronici, che segue in ogni parte ne di interviste, commenti e risultati, arriva mezzi diversi, l’intento è comune: un omag- del mondo quando vanno a conquistare i anche per me il momento di prendere la gio ai nostri grandi campioni. Campioni, che podi migliori. La mia famiglia ancora una volta è stata parola, e poi perché è l’occasione per tirare voglio ricordarlo, sempre più devono la loro le somme, fare un bilancio e ciò mi dà mol- tranquillità e la possibilità di allenarsi, alle capace di assecondarmi in questo lavoro, ta soddisfazione, anche perché mi accorgo, forze Armate, che prendendo sotto la loro che senza l’appoggio di mia moglie e mia ogni anno che passa, che i risultati sono ala protettiva i migliori atleti, contribuisco- figlia non potrei mai portare a termine. Non sempre più positivi. no a tenere alto il nome dell’Italia in campo hanno mancato di farci sentire tutto il loro appoggio il Coni, con il presidente Gino CalLe pagine della nostra rivista crescono sportivo. senza sosta e ormai siamo costretti a metteDevo ora passare ai singoli ringraziamen- derini, il segretario Claudio Bianchi, le ragazre un limite, anche per problemi strettamen- ti, cosa che faccio sempre volentieri perché ze della segreteria Maria Cristina Daddi e Sate tecnici, che ce ne impedirebbero la rilega- il nostro gruppo anno dopo anno si è allar allar- rah Salvini e naturalmente il nostro grande tura se l’Almanacco gonfiasse troppo e poi, gato, conquistando nuove “penne” e quindi e sempre bravissimo speaker Alberto Bonacforse, diventerebbe anche difficoltoso coltoso por por- nuove “energie”. Oltre alle ormai storiche An- corsi. Un grande ringraziamento agli amici tarsi in giro una pubblicazione così volumi- tonella De Vito come direttora responsabile, Rodolfo Graziani presidente degli Azzurri e nosa. Anche il trimestrale Almanacco News Isabella Scotto e Massimo Acquaviva come Cesare Gentile presidente dei Veterani. Un abbraccio caloroso a tutte le Federaci sta dando tante soddisfazioni, ed anche in grafici, la nostra redazione si è allargata a questo caso il problema è quello di contene- tre nuovi validissimi collaboratori. Nuovi per zioni, le Società, le Associazioni, gli atleti re le pagine. Tutto questo mi fa capire come le pagine dell’Almanacco, ma naturalmente professionisti e gli amatori, gli appassionati lo sport livornese sia in ottima salute, gli giornalisti di notevole esperienza sportiva: e i tifosi delle diverse discipline, che hanno atleti non mancano e neanche le medaglie, Gianni Picchi, Mario Orsini e Gianni Tacchi. dato il loro contributo, a tutti i livelli, affinma soprattutto sono orgoglioso del fatto Già dalle pagine del trimestrale avrete no- ché una nuova edizione dell’Almanacco veche la città ci segue con entusiasmo, ormai tate il loro lavoro, ma con l’Almanacco an- desse la luce. Le istituzioni e le autorità citavere un articolo sulle nostre pubblicazioni nuale, il loro ingresso diventa ufficiale e le tre tadine sono sempre state presenti e desidero è considerato positivamente e molti vi ambi- firme andranno sempre più ad impreziosire ringraziarle in modo speciale perché sono scono. Ciò va a dimostrazione del fatto che le nostre pubblicazioni. Un grazie anche ad parte integrante della nostra livornesità, e in questi anni abbiamo lavorato bene e con Augusto Bizzi, fotografo di grande valore quindi ricordo il Comune, la Provincia e l’Accademia Navale. serietà, e non può esserci, dal Per ultimo, ma non certo mio punto di vista, una soddiper importanza, un ringraziasfazione maggiore. mento doveroso va a tutti gli Il tema conduttore di sponsor, l’anima economica quest’anno è il film dedicato ai dell’Almanacco dello Sport, Campioni livornesi che Rodolche spesso anche a costo di fo Graziani, presidente provinsacrifici continuano ad apciale degli Azzurri d’Italia, ha poggiarci. La crisi economica voluto con tutte le sue forze. si è fatta sentire e alcuni non Infatti, sulla copertina, oltre hanno potuto rinnovare la alle immagine dei nostri camloro presenza, ma ringrazio pioni, ormai da tutti conoanche loro perché so che la sciute, trovate una pellicola, volontà di tornare a far parte simbolo del film e di una storia delle nostro gruppo è molto che non ci stancheremo mai di forte e tutti speriamo che ciò raccontare, grazie anche agli si possa avverare nel prossimo atleti labronici che mai smetDa sx: Renzo e Alice Scotto, Isabella Scotto, Antonella De Vito, futuro. teranno di fornirci materiale Giorgio Kutufà, Gino Calderini, Rodolfo Graziani, Roberto Scotto con le loro gesta atletiche. una rappresentante di Alleanza Assicurazioni, Roberto Scotto

365

Ringraziamenti

L


GRAZIE!

Indice Commerciale

dell’Almanacco d

10+10, ristorante pizzeria napoletana - Livorno .. 172 A Abate, movimento terra -Livorno .................................... 142 ACI Livorno, ....................................................................................62 ACI Vicarello, di A.P.A.M. Ughi..............................................74 AGIP staz. di servizio - Livorno.......................................... 180 A.G. Multiservice - Livorno.................................................. 270 Agostini - Livorno ........................................................................80 AIL - Sez. Prov.le Livorno.........................................................34 Alessandro Coiffeur uomo-donna - Vicarello ........... 108 A.P.A.M. Ughi, Assicurazioni - Livorno .............................82 ARCI La Rosa, Circolo Polisportivo - Livorno ............... 156 Aretusa Costruzioni - Livorno ............................................ 214 Associazione Ginnastica Livornese................................. 146 Associazione Ippica Livornese........................................... 286 Atletica Livorno - UISP Agostini Livorno ........................78 Autorità Portuale Livorno ..........................................................4 Autoscuola Lomi - Livorno .....................................................84 Autoscuola Toscana - Collesalvetti ................................. 260 Autotrasporti Martelli - Livorno ...................................... 128 AVIS comunale Livorno ...............................................................2 B Balestrini Triathlon Team - Livorno ................................ 328 Balestrini Triathlon Team - Livorno ......................328-329 Baraccani A. & C., antinfortunistica - Livorno........... 242 Baroncini Nello, conc. Peugeot - Livorno ..................... 210 BC Service -Livorno.................................................................. 272 Bettarini, noleggio autogru - Livorno ........................... 262 Blue Angels, Baseball - Livorno...........................................88

Bozzi, meccanica di precisione - Livorno ...................... 292 Bruno Landi, pavimenti e rivestimenti - Livorno ..... 326 Busdraghi, servizio pedicure ............................................... 120 C Caffè da Vinci, bar ristorante - Livorno ......................... 228 Caffè Smeraldo, Gall. Smeraldo - Collesalvetti ........ 198 Caffè Stefanini - Livorno ....................................................... 170 Calidario Terme Etrusche - Venturina (LI).........................6 Capraia Isola ...................................................................................16 Carige Assicurazioni ...................................................................24 Carletto Moto, conc. Honda - Livorno............................ 154 Carrozzeria Elleci - Livorno .................................................. 118 Carrozzeria Franchi - Livorno ............................................. 306 Carrozzeria Nuova Azzurra Car - Livorno..................... 276 Carrozzieri Riuniti - Livorno ................................................ 340 Catarsi, serramenti - Livorno .............................................. 100 Cerretini - Officina, Carrozzeria ............................................ 302 Chalet dei Fiori di Stefania e Marina - Livorno ........ 130 Chean, soluzioni costruttive - Livorno/Carrara ............ 264 Cheddite - Livorno ................................................................... 318 Cicasub “Guido Garibaldi” - Livorno ............................... 216 Clima Mio - Livorno ................................................................. 254 CONAD Supermercati - Collesalvetti ............................... 196 Contar, costruzione teloni - Livorno ................................ 232 CTS, carpenteria tubazioni saldature - Livorno ........ 246 D D.B.M. Impianti Elettrici - Livorno .................................. 256 Di Biagio Elio, cambio olio.................................................... 302 Di Gabbia A. & figlio, - Livorno ......................................... 338

Di Liberti, ricambi moto - Livorno ................................... 164 Doctor Glass - Livorno ...............................................................64 Due EE, gioielleria oreficeria - Livorno........................... 102 E Edil, di Antonio Tinella - Livorno.........................................42 EmmeEffe Elettromeccanica - Livorno ......................... 238 Enzo e Luca, parrucchieri - Collesalvetti ...................... 148 F Falaschi Moto - Collesalvetti .............................................. 182 Falciani, traslochi - Livorno/Pisa ...................................... 312 F&M, conc. La Cimbali - Livorno ....................................... 222 Fortuna Slot - Livorno ................................................. 184-185 Francesco Tosi, accessori e armi soft air - Livorno...... 322 Fratelli Santucci, officina - Stagno (LI) ......................... 140 Fratelli Venuta, autodemolizioni - Livorno ................. 304 G Galleria Smeraldo - Collesalvetti ..................................... 194 Garden Idea - Collesalvetti.................................................. 150 G&B Store, forniture sportive - Livorno ........................ 192 Gestione Serivizi Portuali - Livorno................................ 342 Gigoni, arredamento ..................................................................66 Grand Hotel Continental - Tirrenia (PI) ...........................56 G.R.S. General Renting Services - Collesalvetti.......... 268 H H2O di L. Mambrini, “Una goccia per la vita” - Livorno .... 368 Hoasy Surf - Livorno ............................................................... 346 Holly Dance, scuola di ballo - Livorno ........................... 106 Hotel Atleti - Livorno .............................................................. 296 I Idea Sardegna - Livorno ....................................................... 356

Se cerchi qualcosa di speciale, o anche solo la risposta ai tuoi problemi, consulta questo indice! Perché... 366


A tutti gli sponsor che hanno reso possibile anche quest’anno la pubblicazione, ma soprattutto la distribuzione gratuita,

IES solare, energie alternative - Livorno....................... 252 Il Borgo dei Celti - Fiumalbo (MO) ............................. 40-41 Il Carro, Soc. Coop. Agricola Forestale - Livorno ............ 364 Impianti Sportivi “La Gabbia” - Livorno ....................... 330 Inkospor, integratori professionali - Livorno.............. 134 Interdonato, carrozzeria auto moto - Livorno ........... 126 Isofer di Calenda, tubi acciaio - Livorno....................... 324 L Labromare -Livorno ...................................................................14 Laghetto “La Bua” - Livorno................................................ 212 La Mela Stregata, gelateria - Livorno............................ 110 Le Ali, complesso commerciale - Livorno ..................... 226 Libertas, società cooperativa servizi - Livorno ....... 76-77 Linker, autonoleggio con autista - Livorno ....................86 L’Isonzo Società Cooperativa - Guasticce (LI) ........... 220 LMC Manetti, gastronomia - Livorno ............................ 236 Lorenzini & C. Impresa imbarchi - sbarchi - Livorno .....22 Luca Frangione, hair & makeup - Livorno................... 158 M MA.CA.BA. Edilizia Industriale - Livorno .................... 278 MAFA Elettrauto - Livorno ................................................... 240 Magia, abbigliamento- Gall. Smeraldo, Collesalvetti .... 200 Manifatture Rossi - Loc. Accaiolo, Fauglia (PI) ........ 258 Maricar, autocarrozzeria - Livorno......................................70 Mario Stampa, imbiancatura e verniciatura - Livorno .. 280 Martelli Termoidraulica - Livorno ................................... 190 Matteo Unisex Hair - Livorno............................................. 248 Merj Store, abbigliamento - Collesalvetti ......................54 Modul Print - Livorno ............................................................. 244

...

Momenti Conviviali, catering - Campiglia M.ma (LI) ... 8 Morrone Pneumatici - Collesalvetti ..................................92 Moto Club Livorno.................................................................... 178 N New Game, slot machine - Livorno................................. 124 Nigiotti, acque minerali - Livorno.................................... 314 Nuovo Mercatino Americano - Livorno...........................96 O Officina dello Sport - Livorno ............................................ 186 Officina F.lli Niccolini - Orciano Pisano (PI)................ 290 Officina MG - Livorno ............................................................. 308 Oleodinamica Livorno - Nugola ....................................... 114 Oleo Impianti - Livorno ......................................................... 350 Oleo Ricambi - Livorno .......................................................... 352 Olimpic Sails, veleria - Livorno .......................................... 336 Ortona - Livorno ........................................................................ 160 Ortopedia Michelotti - Livorno ......................................... 282 Outlet Moto - Livorno ............................................................ 176 Ovo Team, windsurf center - Livorno ............................. 348 P Pannocchia, biscottificio - Livorno .................................. 234 Papillon, caffetteria - Livorno ............................................ 166 Passuello biciclette -Livorno .............................................. 138 Pasticceria Labronica - Livorno......................................... 136 Perullo C.P.S. - Livorno ........................................................... 266 Piscina Lustrissimi - Livorno............................................... 188 Pneu Center, di Elio Cataldo - Livorno .............................98 Porto di Livorno 2000................................................................10

Q Quattro Ruote ................................................................................68 R RadecoGroup, agenzia immobiliare - Livorno .......... 174 Ricci, marmi e graniti - Collesalvetti .................................52 Rossi, ottica gioielleria - Collesalvetti...............................38 RTM Rossi - Cenaia / Accaiolo-Fauglia (PI) ................ 274 RV Vetrate Artistiche - Vicarello (LI) .................................50 S Scotti & Co., Conc. Audi-Volkswagen - Livorno ...........36 Scotto Pubblicità - Livorno.................. 205-206-207-208 Skeet Club “Il Bossolo” - Livorno ...................................... 320 Solari Antincendio - Livorno .............................................. 230 Sorsi e Morsi - Livorno ........................................................... 288 Spiaggia La Siesta - Calambrone (LI) ............................ 116 Sport Combat Club - Livorno ............................................. 168 Stefanino & Cinzia, Ristorante Pizzeria - Livorno ......... 298 Strapoggia, scuola di vela - Livorno ............................... 344 T TecnoGrafica - Livorno ........................................................... 104 Tele Point - Livorno.................................................................. 202 Tennis Ferrovieri Livorno ...................................................... 300 U Unione Canottieri Livornesi ................................................ 122 V ViziVirtù Enoteca - Livorno.....................................................20 W Winner Eagle, baseball & softball trophies - Livorno .......90 Y Yacht Club Livorno ................................................................... 334

la pubblicità è UTILE per chi cerca, e per chi vuol farsi trovare! 367

Indice Commerciale

dello Sport 2010


H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini Protagonisti nello sport e nella vita

L’acqua che genera salute E non potrebbe essere diversamente visto che il nostro corpo è formato per la maggior parte proprio d’acqua; quindi questa deve essere necessariamente buona e sana. L’azienda, H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini, esclusivista di Una Goccia per la Vita e della Frizzy srl porta avanti tale concetto, ormai da anni, infatti, grazie ai suoi impianti, attraverso un processo di osmosi inversa, rendono sana e pura l’acqua del rubinetto, conferendole il giusto equilibrio di sali minerali e rendendola anche gustosa al palato. Lorenzo Mambrini per promuovere quella che ormai possiamo definire una filosofia di vita, improntata sulla qualità e la salute del prodotto, instancabilmente si mette al servizio delle maggiori manifestazioni sportive e non solo, che nel corso dell’anno sono organizzate in tutta la provincia di Livorno, dove certo non può mancare la giusta acqua da offrire agli atleti, ai bambini, ma anche agli adulti e agli anziani, perché è giusto pensare alla propria salute ad ogni età della vita. E così l’anno 2010 è iniziato con la partecipazione al 69° Concorso Ippico dell’Accademia Navale, patrocinato dal Comune, dal Coni e dalla Fise, che ha visto importanti fantini confrontarsi sul campo ad ostacoli del Centro Ippico dell’Accademia Navale. Un’occasione per offrire acqua agli atleti e al pubblico giunto numerosissimo, anche per ammirare uno dei più prestigiosi luoghi della città di Livorno. Il 23 maggio l’Aido, l’Associazione Italiana Donatori Organi è scesa in molte piazze italiane, per fare sensibilizzazione. Anche Livorno è stata una protagonista con giochi e sport dedicati ai bambini e la presenza della società H2O ha sottolineato ulteriormente l’importanza di una vita sana. ““Anche quest’anno -sottolinea Lorenzo Mambrini- si è rinnovata la collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e con tutte le iniziative che hanno riempito l’intero mese di maggio con la promozione dello sport e la giornata conclusiva sulla Sicurezza Stradale. Perché non si può parlare di vita sana senza ricordare quanto sia importante guidare correttamente evitando di mettere a rischio la propria vita e quella degli altri”. L’H2O non poteva mancare alla stagione estiva dell’Ippodromo Caprilli: “Ed infatti -continua Mambrini- abbiamo offerto fferto una coppa in nome ff di Una Goccia per la Vita che è stata conquistata dal fantino Salvatore Sulas con il cavallo Ramolaccio della scuderia Venus”. ““Sport per Tutti” organizzato dal Coni Coni, è ormai un appuntamento fisso, che girando per le piazze del territorio porta lo sport a contatto con la gente, affinché i bambini possano conoscere il maggior numero possibile di discipline, per poter scegliere quella che più si avvicina ai loro gusti e alle loro caratteristiche fisiche. “Il binomio bambini e sport –afferma fferma Lorenzo ff Mambrini- è per noi inscindibile, perché non si po’ pensare di crescere sani e forti senza un’attività sportiva, naturalmente adeguata a tutte le possibilità fisiche”. Ma una vita sana piace a tutti, anche agli anziani, che a maggior ragione possono testimoniare dell’importanza di un buono stile di vita, ed allora la società H2O si è messa a disposizione con la sua acqua, anche durante la manifestazione chiamata Anziani in Piazza organizzata dal Comune di Castagneto Carducci in collaborazione con le Organizzazioni Sindacali dei pensionati, svoltasi il 10 ottobre, dove il tema di un’acqua sana e buona ha fatto da filo conduttore all’intera giornata, animata da un convegno, dal pranzo sociale, dal ballo e dallo spettacolo musicale. L’anno si è infine concluso con la classica Campestre al Campo Scuola con centinaia di ragazzi di tutta l’età, che non potevano certo essere privati del piacere di gustare un bicchiere dell’acqua dell’azienda H2O, con tutto il suo valore sociale, sportivo, salutista ed educativo. Ma quest’anno l’H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini ha fatto ancora di più, diventando sponsor ufficiale del Rugby Etruschi Collesalvetti, squadra emergente, dotata di un gruppo di atleti e di un team spumeggiante d’entusiasmo. E siccome questa realtà commerciale non può esimersi dal guardare al futuro con un occhio di riguardo verso i giovani, lancia un’opportunità riservata proprio a loro, perché possano diventare dei professionisti e promuovere la filosofia dell’acqua come concetto cardine di una vita sana, come promotori e consulenti della società.

Da sx: Lorenzo Mambrini Responsabile Commerciale H2O, Fabrizio Mangini Responsabole Tecnico H2O, Gaetano Villano Amministratore unico Frizzy srl e Antonio Mambrini

Premiazione al Caprilli. Corsa “Una goccia per la vita”, agosto 2010. Da dx: Lorenzo Mambrini Responsabile Commerciale H2O, Salvatore Sulas della scuderia Venus e Antonio Mambrini

Chi fosse interessato a questa occasione può mettersi in contatto con la società

“H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini” telefonando allo 0586 400155 o mandando una e-mail a:

lorenzo.mambrini@dittah2o.com

Profile for scottopubblicita

Almanacco 2010  

Almanacco 2010  

Advertisement