__MAIN_TEXT__

Page 1

Provincia di Livorno Il saluto del Presidente e dell’Assessore allo Sport...................... 3

Comune di Livorno Il saluto del Sindaco e dell’Assessore allo Sport ........................... 5 A scuola di Giocosport ................................................................................ 7 La stagione remiera labronica................................................................ 9 Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno ................................. 13 Protti diventa… livornese ................................................................... 13 Livorno Azzurra 2007 ............................................................................... 15

CONI Il saluto del Presidente............................................................................ 17

Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Il saluto del Presidente............................................................................ 19 Livornesi vincitori di medaglie Olimpiche, Mondiali, Europee .. 21 Medagliere olimpico, mondiale, europeo, assoluto ................ 22 La storia degli Azzurri .............................................................................. 27 Seminario scuola e Sport ....................................................................... 29 Premio Internazionale San Valentino d’Oro ................................. 31 Gli Azzurri livornesi all’America’s Cup .............................................. 33 Gli Azzurri a Brunico ................................................................................. 37 Lo Sport nell’Europa dei 27................................................................... 39

U.N.V.S. - Unione Nazionale Veterani nello Sport .......... 43 Almanacco dello Sport Livorno “tra le più grandi del mondo” Una importante vetrina per gli atleti azzurri livornesi........... 49

ACI - Automobile Club d’Italia Un glorioso passato da far rivivere ................................................... 55 Come avvicinare le nuove leve al mondo dei rally ................... 59

F.I.Cr. - Federazione Italiana Cronometristi Come nasce la misura del tempo....................................................... 61 Un tempo ad ogni sport ......................................................................... 61

F.C.I. - Federazione Italiana Ciclismo I personaggi .................................................................................................. 63 Bettini bi-campione del mondo......................................................... 65 Elba Bike A.S.D. ........................................................................................... 69

F.I.B.S. - Federazione Italiana Baseball e Softball Il baseball di altri tempi. Anni ‘40 – ‘50 ......................................... 71 I Sailors ............................................................................................................ 73 Asd Livorno Softball e Softball Club Liburnia.............................. 75

F.I.C. - Federazione Italiana Canottaggio Dal lontano ‘800 fino ai nostri giorni ............................................... 77 Problemi di ieri… problemi di oggi................................................ 83 Un appello per poter continuare a crescere campioni locali ... 85

F.I.D.A.L. - Federazione ItalianaDi Atletica Leggera La ricchezza dei giovani .......................................................................... 87 La lunga lista dei campioni .................................................................. 87 Le speranze olimpioniche...................................................................... 93

F.I.G.C - Federazione Italiana Giuoco Calcio I padri del calcio livornese ..................................................................... 95 Le star dell’attualità.................................................................................. 97 Una fucina di talenti nelle giovanili ................................................. 97

F.G.I. - Federazione Ginnastica Italiana Nient’altro che grande passione e tanta buona volontà ....... 99 I successi dei ginnasti .......................................................................... 101 Gruppi sperimentali verso il futuro ............................................... 103

F.I.H.P. - Federazione Italiana Hockey Pattinaggio Laura Ferretti ............................................................................................ 105 Non solo pattinaggio ............................................................................ 107

F.I.D.S. - Federazione Italiana Danza Sportiva Una vita dedicata al ballo. Rosanna Ciancetta ........................ 109 Esercizio fisico e arte: la danza del ventre.................................. 113

F.I.N. - Federazione Italiana Nuoto Gino Piccini racconta ............................................................................. 115 Alla seconda stagione è Serie A! ..................................................... 117 L’opinione degli allenatori .................................................................. 121 Associazione Sportiva Dilettantistica DLF Nuoto ................... 125 Non solo competizioni.......................................................................... 127 Pallanuoto Livorno: realtà in crescita!.......................................... 129

F.I.J.L.K.A.M. - Fed. It. Judo, Lotta, Karate, Arti Marziali Il Karate a Livorno ................................................................................... 133 Il Judo a Livorno....................................................................................... 139 La Lotta a Livorno ................................................................................... 141

F.I.P. - Federazione Italiana Pallacanestro Quando ogni angolo della città ci parla del basket............... 145 Le glorie di oggi ....................................................................................... 149 Cosa possiamo diventare .................................................................... 153

F.I.P.C.F. - Fed. Italiana Pesistica e Cultura Fisica I medaglieri del passato ...................................................................... 155 La ricca realtà della pesistica livornese ....................................... 157 Scuola e gare per i più giovani ......................................................... 157

F.I.P.S.A.S. - Fed. It. Pesca Sportiva e Attività Subacquee CI.CA. SUB “Guido Garibaldi”............................................................. 159 Una grande tradizione ......................................................................... 159 Orgoglio e nuove sfide ......................................................................... 161

F.I.R. - Federazione Italiana Rugby Bozzi Livorno Rugby .............................................................................. 163 Rugby Livorno Speranze Biancoverdi ........................................... 167 Lions Amaranto Livorno ...................................................................... 173 Rugby Fulgida Etruschi Livorno ....................................................... 175

A.S.Ha. - Associazione Sportiva Handicappati S.I.L. Sport Insieme Livorno .............................................................. 179

F.I.S. - Federazione Italiana Scherma Circolo Scherma Fides ........................................................................... 185 Scuola Rolando Rigoli........................................................................... 191 Club Scherma Livorno........................................................................... 195

1

F.I.PAV. - Federazione Italiana Pallavolo I primi anni della pallavolo a Livorno .......................................... 199 La pallavolo di alto livello sbarca a Livorno............................... 201 1,2,3 Minivolley!...................................................................................... 203

F.I.T. - Federazione Italiana Tennis Carrellata sui circoli e i giocatori livornesi .................................. 205 Marco Monnecchi dello Junior Club .............................................. 207

F.I.TE.T. - Federazione Italiana Tennis Tavolo Gli anni d’oro del tennistavolo ......................................................... 209 La scalata verso la Serie A................................................................... 211 Giovani ma grintosi................................................................................ 213

F.I.P.M. - Federazione Italiana Pentathlon Moderno Caro Maestro.............................................................................................. 215 Il Pentathlon ieri, oggi e domani .................................................... 215

F.I.TRI. - Federazione Italiana Triathlon Una disciplina in evoluzione ............................................................. 221 Un professionista del Triathlon ........................................................ 221 Come nasce un campione................................................................... 223

F.I.V. - Federazione Italiana Vela Un’intervista a Oreste Vaglini............................................................ 225

F.I.M. - Federazione Italiana Motociclismo Moto Club Livorno .................................................................................. 231 Moto Club Stop and Go ........................................................................ 235 Moto Club Torre della Meloria .......................................................... 237 White Blue Team ..................................................................................... 239

F.I.S.E. - Federazione Italiana Sport Equestri Federico Caprilli: l’inventore della moderna equitazione .. 243 Il cavallo: un amico per sempre....................................................... 245

F.I.T.A.V. - Federazione Italiana Tiro A Volo Cecina e Livorno....................................................................................... 247 Turismo e sport: campi a norma vicini al mare ....................... 247

U.I.T.S. - Unione Italiana Tiro a segno Un anno brillante e le speranze del futuro ................................ 249

F.P.I. - Federazione Pugilistica Italiana Romano Fanali si racconta ................................................................. 251 Luca Tassi: il ritorno della corona italiana di pugilato.......... 253 Voglia di pugilato.................................................................................... 257

IAKSA - International Amateur Kick Boxing Sport Association Massimo Rizzoli pluricampione di Kick Boxing e non solo 259

F.I.P.A.P. - Federazione Italiana Palla A Pugno La pallapugno a Livorno...................................................................... 263

F.I.D. - Federazione Italiana Dama Grande storia della dama labronica ............................................. 265

Ringraziamenti ....................................................................................... 271 Indice Commerciale ............................................................................. 272

INDICE Provincia di Livorno: i saluti del Presidente e dell’Assessore allo Sport

Indice


Il saluto del Presidente della Provincia di Livorno

Con piacere saluto, anche a nome della comunità che rappresento, questa edizione dell’Almanacco dello Sport e gli sportivi, praticanti e non, che avranno l’opportunità di leggerne le pagine. Questa ventiduesima edizione si caratterizza in modo diverso dalle altre, sono stati gli sport cosiddetti

minori a tenere banco e il nostro territorio ha contribuito in modo sostanziale. Livorno si è presentata allo sport italiano con iniziative di forte rilievo; dopo aver ospitato, lo scorso anno, il Giro D’Italia, quest’anno è stata La World League di Volley a tenere alta l’attenzione degli sportivi livornesi. Il 3 giugno sul parquet del PalaMacchia la nostra nazionale maschile si è scontrata contro quella francese. La Provincia di Livorno ha colto l’occasione per organizzare iniziative collaterali, con la presenza dei ragazzi delle scuole e dei campioni del Volley, come Marco Bracci, Giuseppe Sciascia vice allenatore, nonché ex campioni del mondo e Serena Ortolani, schiacciatrice di quella selezione azzurra che si è poi aggiudicata il titolo europeo e mondiale. È proprio di questi giorni la notizia che il 18 maggio 2008 il Giro d’Italia toccherà di

nuovo la nostra provincia con l’arrivo a San Vincenzo. Non posso esimermi, parlando di ciclismo, dal ricordare il nostro Paolo Bettini, pluridecorato campione, il Livorno Calcio e poi Aldo Montano, erede di quella dinastia di campioni che l’Italia intera ci invidia e poi tanti altri ancora sarebbero i campioni nati nel nostro territorio che valgono un ricordo, ma citarli tutti è impossibile, quindi mi limito ad omaggiarli dalla pagine di questo Almanacco. Il mio saluto, però, si rivolge soprattutto a tutti quegli sportivi non professionisti che celebrano lo sport nella quotidianità, con il sano agonismo del dilettante, dettato solo dalla passione. Vorrei che questa filosofia fosse tramandata alle giovani generazioni, perché vivano lo sport come una piacevole abitudine ed un sano stile di vita, ma senza dimenticare il coraggio di “mettersi in gioco”.

Il saluto dell’Assessore allo Sport della Prov. di Livorno

Fausto Bonsignori

Anche quest’anno mi è gradita l’occasione per porgere un saluto caloroso ai lettori di questa bella pubblicazione che ogni anno accompagna e da visibilità agli atleti che tanto della loro vita impegnano con lo scopo di raggiungere l’eccellenza nella specialità praticata dando applicazione a quelli che sono i valori basilari dello sport. Qualche mese fa la Provincia di Livorno ha approvato il Piano Provinciale per lo Sport, strumento che traccia le linee fondanti delle azioni a favore dell’attività sportiva, nel nostro territorio, per i prossimi tre anni.

Nello sforzo progettuale, condiviso con tutti gli attori territoriali, abbiamo inteso evidenziare la centralità del principio guida della carta europea dello sport che recita “ciascuno ha diritto di praticare lo sport”. Da questo deriva che chi pratica sport non deve avere limiti ne discriminazioni ne nella provenienza, ne nel genere, ne nella diversa abilità. L’insegnamento che ne consegue è il rispetto per i compagni, per l’Avversario, per le regole. Si conviene che in campo sociale questo diviene uno strumento per favorire la coesione l’integrazione sociale, la cultura. Lo sport è materia multidisciplinare e l’Amministrazione ha inteso fare propria questa asserzione programmando investimenti per l’impiantistica e legando la promozione sportiva anche all’organizzazione di grandi eventi presentando iniziative di carattere nazionale ed internazionale. L’organizzazione di grandi manifestazioni è sempre stata effettuata con il pieno coinvolgimento dei Soggetti che a vario titolo si occupano di promozione sportiva. Questo ha fatto si che il grande evento non sia stato un avvenimento isolato gra-

3

zie alle numerose iniziative collaterali. Per quanto riguarda questo aspetto della nostra attività possiamo comunicare ufficialmente che nel 2008 il giro ciclistico d’Italia tornerà nella nostra provincia con un arrivo di tappa. Sarà un’ulteriore occasione per coinvolgere tutto il movimento giovanile ed amatoriale. Desidero concludere questo mio saluto con la soddisfazione di poter annunciare la costituzione della Consulta dello Sport. La Consulta è formata da rappresentanti della Provincia, dei Comuni, del CONI Provinciale, dell’Ufficio scolastico provinciale, dell’ASL, delle varie Discipline sportive, Associazioni sportive, Istituti religiosi e forze Armate. Essa avrà il compito di favorire lo sviluppo della pratica sportiva, operando per affermare il concetto di Sport come diritto per tutti i cittadini ponendo, all’attenzione della Provincia, oggetti di analisi e di dibattito, esprimendo pareri, d’indirizzo e controllo in merito all’attività del Consiglio di Gestione del Piano Provinciale dello Sport. Questo organismo va a colmare una lacuna nella nostra realtà territoriale. Un cordiale saluto e augurio a tutti gli sportivi.

Provincia di Livorno: i saluti del Presidente esident e dell’Assessore allo Sport

Giorgio Kutufà


4


Il saluto del Sindaco di Livorno È con viva soddisfazione che porgo il saluto mio personale e quello dell‘Amministrazione Comunale ai redattori dell’Almanacco sportivo 2006/2007. Una pubblicazione che promuove tutti gli sport, evidenziando i risultati straordinari ottenuti ogni anno dagli atleti livornesi. La nuova edizione, si preannuncia ancora più ricca del solito dato che sarà possibile trovare dati informativi utili per il lettore. L’Almanacco è uno strumento di informazione, che rievocando tutte le iniziative agonistiche e non, realizzate nella nostra città, è sempre più richiesto dagli appassionati di sport.

L’attività sportiva, intesa come sana competizione, rappresenta un momento di incontro e di inclusione sociale davvero significativo soprattutto per le giovani generazioni. Il volume, nato da una stretta cooperazione tra istituzioni e realtà sportive, rappresenta un rilevante ed importante risultato raggiunto ed è per questo che auspico che possa continuare nella sua opera di promozione sportiva. Alessandro Cosimi

Il saluto dell’Assessore allo Sport del Comune di Livorno

Attilio D’Alesio Completa ed esauriente, l’annuale pubblicazione dell’Almanacco è sempre più attesa dagli appassionati di sport e vero punto di riferimento e di sintesi dell’attività svolta nel 2006/2007, che ha elargito immense soddisfazioni nelle più diverse discipline. La sua consueta struttura, ormai consolidata e apprezzata anche fuori dall’ambito cittadino, consentirà al lettore di avere un quadro completo ed esaustivo di tutti i risultati, classifiche e cronache degli avvenimenti sportivi più importanti. Sfogliando le sue pagine sempre più ricche di particolari e di cronache sportive riferite anche al passato, si potrà idealmente navigare nell’universo dello sport labronico, facendo la conoscenza dei Campioni che con i loro successi, hanno regalato forti emozioni ed onorato e reso importante la città di Livorno

5

nel mondo. Ampio spazio viene dato anche ai principali progetti ed alle iniziative realizzate dall’Amministrazione comunale che tessono una trama lunga un anno nella quale, si delineano i momenti più esaltanti dell’agonismo ricostruiti in maniera sistematica e analitica. L’Almanacco rivela come l’attività fisica ed agonistica sia un grande mezzo di comunicazione, un momento di integrazione e crescita, lo sport come strumento per promuovere i valori della partecipazione e di positiva socializzazione. Sono certo che l’Almanacco conseguirà, anche quest’anno, il successo che si merita, rendendosi protagonista ed elegante portatore della gloriosa tradizione dello sport labronico che ogni hanno riesce a scrivere pagine indimenticabili. Attilio D’Alesio

Comune di Livorno: i saluti del Sindac Sindaco e dell’Assessore allo Sport

Alessandro Cosimi


6


È il bambino che sceglie lo sport e non lo sport che sceglie il bambino L’Amministrazione comunale, il Coni e l’Ufficio Scolastico Provinciale, ha promosso e incentivato un progetto di Promozione Sportiva, in ambito scolastico, rivolto alle scuole elementari cittadine, pubbliche e private, denominato “A scuola di Giocosport”: - è il bambino che sceglie lo sport e non lo sport che sceglie il bambino- che si è largamente esteso anche alle ultime sezioni delle scuole d’infanzia comunali e statali. Giunto alla sua quinta edizione, la risposta di quest’anno da parte delle scuole è stata quasi plebiscitaria. Al progetto hanno partecipato circa 6000 bambini in rappresentanza di tutte le scuole elementari pubbliche e private della nostra città. Il Progetto, come peraltro indica il sottotitolo: “è il bambino che sceglie lo sport e non lo sport che sceglie il bambino”, ha appunto come obiettivo principale quello di mettere il bambino in relazione con diverse discipline sportive in modo da orientarlo verso una scelta consapevole delle attività più idonee alle sue inclinazioni e possibilità; il bambino è inteso quindi come figura centrale e decisionale di tutte le

azioni educative che attraverso l’essenza dello sport, conosce se stesso, impara a rispettare le regole e l’altro. Lo svolgimento del progetto, al quale partecipano e collaborano società sportive, è affidato ad insegnanti di educazione fisica o tecnici delle società sportive con qualifiche federali e specializzati in ambito giovanile, previa selezione e corsi di formazione/aggiornamento ogetto e specifici per le finalità del progetto comprende anche attività collaterali finalizzate ad una corretta informazione dei genitori attraverso incontri con medici sportivi e rappresentanti del Coni. Si riporta di seguito il programma dettagliato delle feste finali al Campo scuola “R. Martelli”, a cui hanno partecipato anche gli insegnanti e genitori: • Feste ludico-motorie l’8 maggio con i bambini delle scuole d’Infanzia statali e comunali. (600 bambini) I giorni 8 e 9 maggio sono stati coinvolti i bambini del primo ciclo della scuola elementare (circa 3000) • Feste polisportive: il 15 e il 16 maggio, sempre al Campo scuola, hanno partecipato le classi del secondo ciclo della scuola elementare (circa 3000). Per i bambini, queste manifestazioni, sono state un vero proprio evento e non è mancato neppure un pizzico di

7

emozione, quando enemo ione q ando i bambini sono en trati in pista per una vera e propria parata, preceduti dalla bandiera tricolore. Ogni scuola aveva il proprio striscionesimbolo ed era contraddistinta da un colore diverso dalle magliette indossate. Ogni volta che lo speaker annunciava l’ingresso di una scuola, dalle tribune scrosciavano applausi. Ogni scuola poi ha preso posto sul campo di gara e i piccoli atleti sono entrati in azione per correre, saltare nei cerchi, superare piccoli ostacoli, effettuare movimenti ludico-ginnici e sperimentare le varie discipline sportive svolte durante l’anno scolastico. Uno spettacolo davvero entusiasmante in un clima festoso andato avanti per due ore, dove il mondo della scuola e dello sport si fondono all’insegna di importanti valori. Servizio fotografico © Alessio Vallese

Comune di Livorno: a scuola di Giocosport

A scuola di Giocosport


:aavv

ECOLOGIA INDUSTRIALE E TECNOLOGIE AMBIENTALI Ecomar Italia è attiva nel trattamento di rifiuti speciali, solidi e liquidi, ed ha sviluppato la sua attività in quello dei reflui contaminati da idrocarburi, nella bonifica di siti contaminati e nella certificazione analitica chimicoambientale. Anni d’esperienza maturata nel settore ecologico e la disponibilità d’impianti a tecnologia avanzata, hanno consentito ad Ecomar Italia di affermarsi con successo, fornendo ad utenti pubblici e privati servizi ambientali integrati sempre qualificati da un’alta professionalità.

STABILIMENTO DI COLLESALVETTI

Via Pisana Livornese, 9 COLLESALVETTI (LI) Tel. 0586.96371 - Fax 0586.963737 Fax Comm. 0586.963732

STABILIMENTO DI VADA

Via Polveroni, 9-11 VADA - ROSIGNANO MARITTIMO Tel.0586.788265 Fax 0586.786060

8


La stagione remiera labronica

Classifica: Maschile:

1) ITI 2 2) ITI 1 3) IPSIA Orlando1 4) ENRIQUES 5) CAPPELLINI 6) VESPUCCI 7) BUONTALENTI 8) COLOMBO 9) IPSIA Orlando 2

Femminile:

1) ITI 2) VESPUCCI 3) ENRIQUES 4) COLOMBO 2 5) BUONTALENTI 6) COLOMBO1

4’09’’94 4’18’’31 4’28’’50 4’32’’31 4’32’’35 4’32’’81 4’45’’72 4’49’’04 4’57’’68 4’50’’ 5’08’’4 5’23’’78 5’31’’50 5’32’’62 5’55’’78

Misti:

1) ITI 4’46’’66 2) VESPUCCI 4’54’’85 3) ENRIQUES 5’12’’41 Orlando-Palli-Nautico

11 giugno Coppa Risi’atori “Tito Neri” 29a edizione

La Champions League del mare, che ricorda le gesta degli arrisi’atori, ha visto il trionfo del Venezia dopo un duello mozzafiato con l’Ovosodo nello sprint finale ma, per tutta la spettacolare gara, che si svolge in mare aperto sulla distanza di 7. 600 metri dalla Torre della Meloria allo Scalo Umbria, gli equipaggi si sono contesi la testa della maratona a colpi di remo di grande potenza ed effetto. Organizzata dai Bianconeri del Borgo, è stata seguita da un folto pubblico che ha incitato l’immane fatica dei vogatori dagli Scali Novi Lena e direttamente in mare su centinaia di barche.

Classifica:

1. Venezia 2. Ovosodo 3. Ardenza La Rosa

35’33’’4 35’43’’5 36’49’’9

23 giugno Coppa Dino Lorenzini 24a edizione - Gara U. 18

Per la prima volta protagoniste anche le ragazze con ben cinque equipaggi femminili a fronte dei 4 maschili. Vittoria di “Riccioli d’oro” abbinato alla Sezione Nautica Shangay-Torretta in una battaglia con “Bella Stella”, abbinata all’Ovosodo, combattuta all’ultima palata. I ragazzi del Venezia hanno vinto la Coppa Lorenzini e manca solo la vittoria del Minipalio per conquistare il “grande slam”, vale a dire tutte le gare del programma stagionale. Un pubblico numeroso ha gremito le strade limitrofe ai fossi partecipando alla serata organizzata dalla Circoscrizione 2 con l’ormai consolidata iniziativa “A veglia sul Pontino”, arricchita quest’anno dai podisti del Palio delle circoscrizioni.

Classifica:

Gozzette femminili

1. Riccioli d’oro 2. Bella Stella 3. Briciola 4. Raggio di luna 5. Pandora

Coppa Lorenzini:

1. Venezia 2. Pontino S. Marco 3. Borgo C. 4. Sorgenti-Corea Cigna 5. S. Jacopo

2’09’’4 2’10’’6 2’13’’5 2’20’’4 2’23’’1 4’15’’8 4’24’’3 4’25’’5 4’27’’2 5’11’’0

24 giugno Coppa “Ilio Barontini” 29a edizione

Splendida vittoria dell’Ovosodo nella Coppa Barontini e affermazione netta dello Shangay- Torretta nella Coppa intitolata ad Edda Fagni. L’anfiteatro, stretto tra gli Scali delle Cantine e le mura della Fortezza Nuova, è stato illuminato dalle Torri faro della Compagnia Portuale per consentire la disputa di questa attesa gara a cronometro, nella quale tutti i

9

pronostici si sono ribaltati creando suspance tra gli appassionati. Al secondo posto lArdenza-La Rosa, staccata di soli 96 centesimi. La maggiore sorpresa negativa è stato l’ultimo posto in classifica occupato dal Borgo Cappuccini.

8 luglio Palio Marinaro 83a edizione

La gara remiera è stata preceduta da una settimana di iniziative, raggruppate sotto il titolo “Aspettando il Palio”, per coinvolgere nella festa del mare tutta la città e ogni evento è stato accompagnato dalla proiezione, su maxischermo, di immagini del palio: - Cena dei vogatori e dirigenti di tutte le Sezioni nautiche presso la Rotonda di Ardenza (la terrazza de il Gabbiano) - Concerto per i giovani, alla Terrazza Mascagni, a cura degli studenti degli Istituti superiori di Livorno - Aspettando il palio con Mascagni: nella piazza Cavallotti, che ha visto i natali del grande compositore livornese, si sono esibite, in concerto, le bande dell’Istituto Musicale Mascagni, la banda cittadina, la banda dell’Accademia Navale; i commercianti del mercato centrale hanno partecipato alla serata con il “Padellone di pesce fritto”, devolvendo il ricavato in beneficenza; - Sorteggio delle boe nella sala del Consiglio comunale. Seconda, superlativa, vittoria dell’Ovosodo che ha dato vita ad una bella e gratificante stagione remiera, tirando questa gara con palate di una rapidità impressionante in un duello testa-testa con il Venezia ed il Pontino; retrocessione del Montenero mentre la Stazione conquista il gozzo a 10 remi.

Classifica: gozzi a 10

1. Ovosodo (Benci Centro) 2. Venezia 3. Pontino S. Marco 4. S. Jacopo 5. Salviano 6. Ardenza 7. Borgo Cappuccini 8. Montenero

9’51’’7

9’54’’3 9’56’’9 10’00’’9 10’03’’8 10’06’’1 10’12’’4 10’18’’8

Comune di Livorno: la stagione remiera labronica

Nel giorno della del e la Festa della Repubblica sono scesi in mare 120 studenti, aggregati in equipaggi maschili, femminili e misti, che hanno dato vita ad una bella competizione a cronometro sul seguente percorso: partenza e arrivo dalla Sezione Nautica Shangay con giro di boa davanti ai 4 Mori. L’ITIS Galilei ha fatto da “asso pigliatutto” confermando la qualità dell’impegno ed il rigore con il quale gli equipaggi si sono allenati.


10


11’24’’1 11’25’’4 11’36’’4 11’39’’8 11’42’’5 11’46’’9 12’10’’5

1. Venezia 2. Pontino S. Marco 3. Borgo C. 4. Sorgenti Corea 5. Magenta O. 6. Ovosodo (donne) 7. S. Jacopo (donne)

5’26’’1 5’34’’0 5’44’’0 5’57’’9 6’09’’8 6’25’’7 7’30’’8

Gozzette Juniores

21 luglio Palio dell’Antenna Inserito nella Notte Bianca

Sfida, di origine rinascimentale, tra i gozzi; i primi 4 equipaggi classificati al Palio Marinaro, si sono contesi il drappo sull’antenna, rizzata in Darsena del Porto Mediceo, in una gara a inseguimento su un percorso di 600 metri. Riproposto nel 2005 dopo un lungo silenzio di 74 anni (ultima edizione del 1931), ha visto, come sempre, una grande partecipazione di pubblico che ha trovato posto sulle tribune, ma anche sui moli e sui ponti con-

tribuendo a creare la speciale atmosfera delle gare in notturna: un vero trionfo di gente! Successo del Venezia, soprattutto per la velocità del suo montatore che ha battuto l’arrampicatore del Pontino, giunto primo sotto l’antenna. Nella manche delle gozzette ha vinto il Magenta, sempre per l’abilità di Stefano Mininni che ha svolto il ruolo di arrampicatore non solo per il Venezia ma anche per il Magenta.

4 Agosto Palio dell’Arcipelago 5a edizione.

Sfida tra le isole Elba, Giglio, Capraia e Livorno per Isola di Gorgona. Quest’anno, essendo il turno di Livorno, è stata organizzata all’interno di Effetto Venezia, nel suggestivo scenario tra la Fortezza Nuova e gli Scali del Pontino, in una gara, per la prima volta, ad eliminazione diretta. Ottocento metri di percorso con due giri di boa, ha visto gli equipaggi lottare strenuamente in una rincorsa che sembrava, per la velocità, una gara di ciclismo! Ha vinto l’equipaggio amaranto, costituito da vogatori giallorossi del Pontino, che si è preso la soddisfazione della vittoria sull’isola del Giglio sotto lo sguardo attento degli addetti ai lavori,

Seconda ediziona del Palio dell’Antenna

11

ma con una veramente scarsa presenza di pubblico, nonostante fosse il week end di Effetto Venezia.

All’arrivo: Semifinali

Giglio (4’10’’8) batte Elba (4’24’’8) Livorno (4’06’’8) batte Capraia (4’18’’8) Finale 3°- 4° posto Elba (4’17’’2) batte Capraia (4’23’’6)

Finalissima

Livorno (4’10’’7) batte Giglio (4’16’’2).

7 Agosto Palio delle Circoscrizioni 4a edizione

Gara remiera a cronometro, inserita negli eventi di Effetto Venezia, che si disputa su un percorso tra i canali medicei: partenza dal Ponte dei Domenicani in direzione ovest, giro di boa in Darsena davanti al monumento dei “4 Mori”, ritorno al Ponte di partenza per dare, al gozzo con il miglior tempo, la vittoria dopo una maratona di 1.500 metri. Organizzato dalla circoscrizione 2 come gara inserita nel Grand Prix delle circoscrizioni e dal Comitato della Coppa Ilio Barontini, è un momento forte di aggregazione sociale e non solo sportiva. Vittoria della Sezione nautica Venezia.

Comune di Livorno: la stagione remiera labronica

Gozzette - 4 remi:

1. Stazione 2. Shangay Torretta 3. Magenta Origine 4. Quercianella 5. Sorgenti Corea 6. Antignano 7. Fabbricotti


12 12


Trofeo Accademia i Navale e Città di Livorno Si è svolto dal 20 aprile al 1° maggio 2007, il Trofeo “Accademia Navale e Città di Livorno”, gara velica pluriclasse, nato in occasione della celebrazione del centenario dell’Accademia Navale nel luglio 1981 con la denominazione di “Regata del Centenario”. Il Comune di Livorno e l’Accademia Navale, in collaborazione con i Circoli Velici Livornesi sono tra i principali membri del Comitato Organizzatore di questa manifestazione velica di dimensioni e caratteristiche tali da richiamare interesse sia in ambito nazionale che internazionale: tutto questo in una sede come quella di Livorno, ricca di tradizioni marinare e veliche che per dieci giorni diventa la Capitale della Vela.

Da anni,i ormai,i il carattere iinternaD zionale della manifestazione, che fa da apertura del calendario annuale della vela agonistica, si rinnova attraverso la numerosa partecipazione di regatanti provenienti da varie parti del mondo. Il Trofeo non è solo regate: manifestazioni ed eventi a carattere sociale, musicale, culturale, espositivo e turistico si

l Vill i Tuttovela T l all svolgono presso il Villaggio lestito sulle banchine del Porto Mediceo con presenze stimate in oltre 150. 000 visitatori. Particolarmente importante e ricca di eventi sarà la XXV edizione del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno 2008, che si svolgerà dal 24 aprile al 4 maggio.

Protti diventa… di livornese li Per il campione ione una festa e le chiavi della città

Il campione che ha saputo interpretare nel modo più alto gli autentici valori dello sport è divenuto cittadino onorario di Livorno. Igor Protti, re dei bomber amaranto, con oltre 100 gol realizzati, nel corso di una cerimonia solenne che si è svolta nella sala consiliare del Palazzo comunale il 17 marzo u.s. ha ricevuto la pergamena con le motivazioni del conferimento e la “chiave della città” Il Consiglio comunale - è scritto nella pergamena - considerati gli alti risultati ottenuti nella fantastica carriera agonistica nel corso della quale si è distinto per essere l’unico calciatore in Europa ad aver vinto la classifica capocannoniere nella serie A B e C; tenuto conto che durante la militanza nella squadra del Livorno calcio si è fatto apprezzare per l’impegno profuso non soltanto in campo calcistico, ma anche in quello sociale, rendendosi protagonista di iniziative assistenziali a sfondo benefico e prestando la sua im-

magine per la causa di importanti attività manifestando un’evidente emozione. Il sotto l’egida dell’Unicef; considerato che momento ufficiale e solenne si è concluper il complesso delle sue qualità sporti- so con un brindisi in Sala Cerimonie. ve e morali, non disgiunte da particolare Il “Protti Day” comunque non è finitosensibilità sui temi che investono la so- qui, infatti la sera i festeggiamenti si sono cietà civile, la città di Livorno tributando- spostati al Teatro Goldoni dove al mitico gli affetto e stima, lo ha eletto a proprio bomber è stata dedicata una serata spebeniamino rilevando la necessità di testi- ciale circondato dagli amici, dai collemoniare l’elevato profilo di uomo calcia- ghi, dagli sportivi che lo hanno seguito tore e valorizzando contestualmente le e apprezzato nel corso della sua carriera gesta sportive e l’impegno sociale. sportiva. La cerimonia alla presenza di tutte le massime autorità, è stata aperta dal presidente del Consiglio comunale Enrico Bianchi e dal Sindaco Alessandro Cosimi. A seguire sono state lette le motivazioni ufficiali e il conferimento della cittadinanza attraverso la consegna simbolica della “chiave della Città”. Protti soddisfatto e molto grato alla città di Livorno è intervenuto raccontando i suoi Igor Protti e Attilio D’Alesio - Foto Novi molteplici ricordi labronici

13

Comune di Livorno: TAN e Città di Livorno vorno - La cittadinanza a Igor Protti

TAN e Città di Livorno


Livorno Azzurra 2007 Ecco di seguito l’elenco degli azzurri, suddivisi secondo le federazioni di appartenenza, che hanno portato la città di Livorno nello sport mondiale:

• Baseball:

Stefania Balloni, Edoardo D’Alesio, Virginia Martini

• Ginnastica:

Enzo Bernardoni

• Canottaggio:

Jacopo Biagi, Luca Agamennoni, Dario Lari, Elisabetta Marconcini, Alessio Melosi.

• Kayak:

L’Assessore allo sport Attilio D’Alesio premia l’atleta Alberto Chiesa

• Rugby:

Federico Bellini, Giacomo Bernini, Alberto Chiesa, Matteo Mazzantini, Willem Reitsma.

Samuel Pienotti

• Atletica:

Matteo Andreani

• Scherma:

• Judo:

Lisa Ageno, Andrea Aldini, Ilaria Cariello, Marco Ciari, Niccolò Marinari, Alessandro Paroli, Giulio Paroli, Jacopo Rubini, Francesco Senni, Elena Terreni, Marco Tannini, Irene Vecchi.

Camilla Magnolfi

• Kick Boxino: Romina Succi

• Nuoto:

Eva Crestacci, Giulia De Fusco, Luca Ferretti, Silvia Florio, Federico Francolini, Eva Giuliani, Veronica Neri, Federico Turrini.

• Ippica:

Federico Fanfani.

• Tennis:

Alessandra De Batte, Filippo Volandri.

• Basket:

• Vela:

• Pentatlon moderno

• Pesi:

Tommaso Fantoni Luigi Quarto

Benedetta Danti, Lisa Lardani. Simone Bigazzi.

• Pesca:

Stefano Bellini, Diego Di Fiandra, Francesco Mungai, Maurizio Ramacciotti, Marco Volpi.

Gino Calderini (presidente C.P. CONI livorno) Attilio D’Alesio (Assessore politiche sport) Giancarlo Trevisone (prefetto di Li) Fabrizio Grisostomi (Com.te Guardia di finanza)

• Calcio:

Giorgio Chiellini, Cristiano Lucarelli. Servizio fotografico Del Secco

Parla il Prefetto.

15

Comune di Livorno: Livorno Azzurra

L’annuale edizione della Livorno Azzurra, si è svolta all’interno della prestigiosa sala convegni della “Fondazione Lem” il 30 maggio u.s. Nella giornata di gala sono stati premiati ben 54 atleti che nell’anno 2006 hanno vestito la maglia azzurra nelle varie discipline, ai quali l’Amministrazione comunale esprime, ogni anno, l’importante riconoscimento della città nei confronti di questi atleti particolarmente meritevoli. I premi sono stati consegnati dall’Assessore alle politiche dello Sport Attilio D’Alesio oltre alle numerose autorità cittadine civili e militari intervenute alla manifestazione, un’occasione, questa, per ribadire l’importanza dei valori trasmessi dallo sport e dei risultati raggiunti esclusivamente grazie al grande sacrificio quotidiano ed all’infaticabile impegno. Gli unici assenti giustificati erano Cristiano Lucarelli e Giorgio Chiellini, impegnati nelle rispettive nazionali di calcio e poi i tennisti Filippo Volandri e Alessandra De Batte a Parigi per il Roland Garros, oltre al canottiere Luca Agamennoni e il cestista Tommaso Fanfani anche loro in piena attività agonistica; ovviamente tutti questi atleti sono stati adeguatamente rappresentati dai loro familiari orgogliosi ed emozionati per l’occasione. La giornata è stata allietata dai divertenti sketch sceneggiati da Leonardo Fiaschi il simpatico comico – imitatore livornese.


Una goccia per la vita Protagonisti nello sport Fortunatamente oggi stiamo molto più atat tenti al nostro stile di vita e a ragione, pretendiamo di sapere cosa mangiamo e cosa beviamo. L’acqua ha un ruolo centrale nel nostro organismo ed è fondamentale per il nostro benessere. Ecco perché è importante sapere cosa c’è nell’acqua che tutti i giorni portiamo sulle nostre tavole. Antonio Mambrini vicepresidente di “Una goccia per la Vita” ormai da anni conduce un’importante battaglia a favore di un’acqua sana, ottenuta grazie allo speciale processo di filtrazione, totalmente meccanico

“Il mondo dello sport ci vede protagonisti in primo piano. Quest’anno in collaborazione con il Coni abbiamo partecipato a diverse manifestazioni che ci hanno portato in piazza, a fianco degli sportivi, soprattutto dei giovanissimi, per rifornirli di acqua potabile e sana durante e dopo le loro fatiche, proprio quando l’organismo ha più bisogno di reidratarsi. E così il nostro stand è stato presente a Cecina, Rosignano e Livorno in occasione della manifestazione Sport per Tutti che ha visto il patrocinio della Provincia di Livorno, della Regione Toscana e del Coni Provinciale ed è stata organizzata nei mesi di settembre ed ottobre”. Un impegno che vi ha visto presenti anche in altre occasioni. “Sì, abbiamo partecipato anche ai Giochi Sportivi Studenteschi organizzati dal Comune di Castagneto Carducci, dal Coni, dalla Provincia e dall’Ufficio scolastico della Provincia di Livorno nel mese di dicembre. Inoltre, siamo stati presenti anche alla giornata della sicurezza stradale che ha voluto sottolineare quanto lo Antonio Mambrini e il Presidente del CONI Gino Calderini sport delle due ruote sia molto più bello quando lo si pratica in chiamato ‘osmosi inversa’ nel quale non vie- sicurezza. Un’importante manifestazione orne usata nessuna sostanza chimica e rende ganizzata dall’Azienda Usl 6, dalla Provincia, l’acqua del rubinetto perfettamente pota- dall’Ufficio Scolastico Provinciale, dal Comubile, oltre che gradevole al nostro palato e ne e dalla Regione”. assolutamente sicura per la nostra salute. Vi interessate anche delle scuole? L’impegno di Mambrini e del suo staff si “Certo, cerchiamo di sensibilizzare anche i concentra soprattutto in campo sportivo e giovani perché dobbiamo costruire per loro sociale, con la partecipazione a numerose un futuro sano. Così abbiamo organizzato con l’Ufficio Scolastico Provinciale un conmanifestazioni sportive ed educative. Abbiamo chiesto ad Antonio Mambrini di corso rivolto a tutte le terze, quarte e quinte classi delle scuole elementari di Livorno e Colspiegarci la sua attività.

lesalv lesalvetti intitolato “La mia goccia d’acqua” quale si chiedeva ai bambini di elaborare nel qu disegno sull’argomento. Il bambino che ha un dis creato il lavoro più significativo ha permesso alla ssua scuola di aggiudicarsi una colonnina ad osmosi inversa che permetterà a tutti bambini dell’istituto di bere acqua purificata i bam con il giusto equilibrio di sali minerali”. Quali vantaggi si hanno nell’installare un impianto ad osmosi inversa? “Le persone che hanno deciso di installarla e collegarla alla rete idrica delle loro case hanno subito notato un immediato miglioramento del sapore del cibo come la pasta, il minestrone e tutti quegli alimenti dove si usa l’acqua per la preparazione, inoltre, le persone si sentono subito meglio, più leggere, meno gonfie. Nel tempo poi ci sono i grossi vantaggi sulla salute, derivanti dal non assumere più cloro e altre impurità. Forse non tutti sanno che la ricerca medica ha dimostrato una correlazione diretta fra i tumori del colon e del fegato con l’assunzione di cloro, sostanza chimica purtroppo molto presente nelle nostre acque”. La foto qui accanto la ritrae a fianco del presidente del Coni durante la presentazione dell’Almanacco dello Sport 2005/2006. “Sì, non potevamo mancare a questo evento del quale siamo stati anche sponsor, dove tutti gli sport e tutti i campioni labronici sono giustamente onorati”. Ci parli delle importanti novità aziendali di questo anno. “La società ha ampliato la gamma dei suoi prodotti avvalendosi di due prestigiosi marchi, sempre nel settore dell’acqua: la Frizzy srl e Axel H2O”, azienda leader, da decenni all’avanguardia nelle richieste di mercato


Anche il 2007 è stato un anno molto importante per lo sport di Livorno e provincia. Numerosi atleti hanno vestito la maglia azzurra ottenendo risultati e successi in campo internazionale, tenendo ancora alto il nome della nostra città e della nostra provincia e sottolineando ancora una volta come lo sport sia un elemento trainante nel tessuto sociale che esprime grandi quantità non lasciando da parte la qualità che permette il raggiungimento di tali risultati. In quest’anno abbiamo compiuto un passo avanti con il minuzioso e lungo lavoro del Censimento delle Società Sportive e degli atleti, un lavoro questo che favorisce spunti per riflessioni sia interne al mondo sportivo sia in relazione al mondo scolastico, sia per le scelte strategiche delle Amministrazioni Comunali e Provinciale. I dati in esso contenuti testimoniano l’importanza che lo sport riveste nel tessuto sociale per le quantità che aggrega e per la qualità che esprime. Spunti e riflessioni che debbono far parte di una logica di rete che vede tutti i soggetti interessati operare sia per far crescere la pratica sportiva e motoria sia per affermare i valori dello sport in una fase sociale di grandi difficoltà. Recentemente tutti gli organi di informazione, riprendendo i dati ISTAT, dimostrano come il fenomeno delle nuove povertà aggredisca prevalentemente la popolazione giovanile. Capire che lo sport non è un optional ma uno strumento che può favorire la coesione sociale e una crescita corretta e rispettosa delle giovani generazioni, credo che sia un dovere di noi adulti e di tutti i Dirigenti sportivi e scolastici e degli Amministratori dei Comuni e delle Province. Circa 63.500 atleti ed atlete praticano attività sportiva codificata, cioè sono tesserati per Federazioni.

Gino Calderini

Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione; su una popolazione di circa 336.000 significa che circa uno su cinque pratica sport presso Società Sportive. Aggiungendo tutti coloro che lo praticano in forma libera e non codificata sicuramente raggiungiamo il rapporto di uno ogni 4 cittadini. Il nostro Censimento evidenzia inoltre che a fronte dell’indice nazionale del 14,52% di praticanti in rapporto alla popolazione da noi raggiungiamo la percentuale del 18,88%. Questi dati, insieme agli altri contenuti nel documento elaborato, non stanno solo a testimoniare la vitalità di questo settore ma impongono riflessioni e indicano strade anche nuove da percorrere sia sul fronte strategico sia su quello delle risorse economiche. Lo sport ha una grande importanza sia per il raggiungimento degli obiettivi (risultati) sia, oggi più che mai, come fattore di educazione. È necessario superare la cultura storica che vede nello sport unicamente lo strumento per raggiungere risultati e quindi la centralità della “prestazione”. Ripeto spesso che questo settore ha una grande influenza nel campo dell’educazione, nel rapporto con la scuola, con l’università, con la medicina e la tutela sanitaria, è uno dei fattori trainanti nell’in-

17

dustria e nei mezzi di inford mazione e in questa società m massificata dalla cultura del m ““tutto e subito” dimostra invvece che per vivere correttamente in un sistema demom ccratico occorre rispettare le persone (siano amici o avp vversari), le regole, i limiti e ssoprattutto non si può avere ““tutto e subito” e sono periccolose le “scorciatoie”. Lo sport livornese con i ssuoi campioni e con il gran numero di atleti che pratican no tantissime discipline è a n disposizione delle amminid strazioni, della scuola, dalle forze sociali e delle famiglie, per un “PROGETTO EDUCATIVO” che favorisca una crescita delle giovani generazioni, che abbandoni i percorsi dell’intolleranza, dell’egoismo, della paura e privilegi invece i percorsi della solidarietà, dell’amicizia, dell’amore fra culture ed etnie diverse. Fra i dati che emergono dal Censimento leggiamo una larga diffusione della pratica sportiva su tutto il territorio provinciale, anche se in percentuali diverse nelle 4 aree (Livorno/Collesalvetti – Bassa Val di Cecina – Val di Cornia, Isola d’Elba). Un’altra riflessione importante emerge dalla percentuale di praticanti suddivisa per sesso: il 66,1% dei praticanti sono maschi, il 33,9 % sono femmine. Questo dato dimostra che negli ultimi 20 anni la pratica femminile ha avuto un notevole sviluppo, ma indica anche la necessità di continuare a favorire tutte quelle discipline che permettono alle bambine, alle ragazze e alle donne di avvicinarsi alla pratica sportiva. Queste sono solo alcune indicazioni emerse dal lavoro del Censimento che, insieme a tante altre, possono favorire un’interessante sinergia fra tutti i soggetti che operano nello e per lo sport e dare possibilità di giovani di utilizzare questo strumento e costruire una cultura fondata sui Valori.

CONI

Il saluto del Presidente del CONI Gino Calderini


18


Il saluto del Presidente dell’Associazione Atleti Olimpici Azzurri d’Italia

Molto spesso il “ripetersi” è sinonimo di un progressivo “rincoglionimento” della persona; al contrario, per quanto mi riguarda, il doversi ripetere ogni anno è una piacevole consuetudine oltre, ovviamente, ad una grande soddisfazione. E’ chiaro che mi riferisco ai tanti successi degli atleti livornesi che anche nel 2007 si sono distinti nelle varie discipline sportive, raccogliendo una messe di medaglie che consolidano ancora di più il primato di Livorno sportiva in ambito nazionale. Nel Ciclismo dobbiamo ricordare le storiche imprese dell’immenso Paolo Bettini e dell’astro nascente Diego Ulissi che si sono riconfermati campioni del mondo Professionisti ed Juniores centrando una duplice accoppiata che non ha precedenti nella storia delle “ due ruote”. Nella Scherma splendide riconferme per i D’Artagnan livornesi: il talentuoso Andrea Baldini ha conquistato nel fioretto la medaglia d’Oro individuale ai Campionati Europei e la medaglia d’Argento individuale ai Campionati Mondiali di S.Pietroburgo, successi che lo hanno proiettato al vertice

del ranking della specialità; da parte sua Aldo Montano, una volta superati i guai fisici che lo hanno condizionato negli ultimi due anni, è ritornato prepotentemente alla ribalta conquistando nella sciabola la medaglia d’Argento individuale e il bronzo a squadre e zittendo in un sol colpo tutte le “cornacchie” che, per invidie assortite, lo davano ormai su un precoce viale del tramonto. Da segnalare inoltre la continua ascesa della diciottenne Irene Vecchi che, dopo i tanti successi nelle categorie giovanili, si trova spalancate le porte della nazionale maggiore con la fondata speranza di poter staccare un biglietto per le Olimpiadi di Pechino magari come componente del terzetto che parteciperà alla prova di sciabola. Nella Vela si è riproposto ad altissimi livelli Matteo Savelli che ha arricchito il suo “palmares“ con il titolo italiano assoluto match-race ed il titolo mondiale Farr-40; questo giovane skipper è destinato, per classe innata, intelligenza tattica, versatilità, a diventare un “numero uno” in grado di regatare da pari a pari con i migliori nelle massime competizioni veliche internazionali. Nel Canottaggio “exploit” di Filippo Mannucci nella specialità “Remoergometro” con la medaglia d’Argento ai Campionati Europei e il Bronzo ai Campionati Mondiali in attesa di una chiamata per Pechino sul “doppio di coppia” che rimane la sua vera aspirazione per il 2008. Da segnalare, inoltre, le ottime prestazioni a livello nazionale ed internazionale di Filippo Volandri (indimenticabile la sua “performance” ai Campionati Internazionali di Tennis a Roma dove è riuscito a sconfiggere il “mostro” Roger Federer), di Giorgio Chiellini e Cristiano Lucarelli nel Calcio, di Luca Ferretti, Samuele Pampana e Federico Turrini nel Nuoto, di Stefano Bellani e Maurizio Ramacciotti nella Pesca Subacquea, di Luca Agamennoni e Elisabetta Marconcini nel Canottaggio, di Luca Tassi nel Pugilato, di Camilla Magnolfi nel Judo, di Enzo Bernardoni nella Ginnastica, di Luigi Quarto nel Pentatlhon e di Michele Borghetti vero e proprio genio della Dama. Con particolare affetto lasciatemi celebrare la Medaglia

19

d’Oro che Andrea Lo Schiavo ha conquistato nella 4x100 stile libero agli Special Olimpics Games di Pechino; conosco Andrea e i suoi genitori da molto tempo e posso affermare con certezza che mai medaglia fu più meritata per l’entusiamo, la volontà, la determinazione e i sacrifici che questo atleta ha saputo sopportare per raggiungere traguardi così prestigiosi. Come è facile notare, questi risultati rappresentano un ulteriore conferma delle grandi potenzialità del nostro movimento sportivo; dobbiamo quindi dire “ grazie “ a questi atleti che oltre a dare continuità ai successi del passato, accendono le luci della ribalta sulla nostra città e sull’Associazione. È auspicabile perciò che Istituzioni, Enti Pubblici e Privati, prendano sempre più coscienza di quale straordinario patrimonio siamo depositari supportando, con contributi materiali e di idee, quegli eventi che hanno, come fine, di dare un’immagine sempre più positiva alla nostra città e visibilità a questi mai troppo celebrati campioni. A questo proposito voglio ringraziare l’armatore Vincenzo Onorato per la disponibilità e la squisita ospitalità che caratterizza le sue splendide navi-crociera, gli sponsor Port-Authority, Compagnia Lavoratori Portuali, Porto di Livorno 2000, Automatic s.r.l., Terminal Darsena Toscana, Meucci Premiazioni Sportive, Labronica Corse Cavalli, Delta Uno, Costieri D’Alesio per averci permesso l’organizzazione di manifestazioni che hanno riscosso unanimi ed entusiastici consensi a livello nazionale. Nel 2007 inoltre è avvenuta la definitiva omologazione della denominazione associativa in “ Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia; questo rappresenta l’ingresso ufficiale degli iscritti all’Associazione nel Comitato Olimpico Internazionale. In ottemperanza alle disposizioni della Presidenza nazionale, le nuove prestigiose tessere, distintivi e vetrofanie saranno consegnate a quegli atleti che, nel corso di questi anni, abbiano dimostrato senso di appartenenza alla “famiglia azzurra” rispettando quelle normative e quegli obblighi morali e materiali che da sempre regolano la nostra vita associativa.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: il saluto del Presidente

Rodolfo Graziani


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini - Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Samuele Pampana - Ilaria Tocchini.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO

Duilio Brignetti.

PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

PATTINAGGIO ARTISTICO

Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi.

SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti - Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi - Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Giuseppina Miglioranza Giovanni Ruberti - Matteo Savelli.

Gli Atleti Azzurri livornesi hanno conquistato alle Olimpiadi, ai Campionati Mondiali ed Europei assoluti 187 medaglie d’oro , 119 medaglie d’argento e 51 medaglie di bronzo. Complessivamente gli Atleti Azzurri livornesi sono saliti sul podio per ben 377 volte un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nell’élite dello Sport Mondiale . 21

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Medagliere

Atleti Azzurri livornesi vincitori di medaglie Olimpiche - Mondiali - Europee e Assolute


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio ATLETICA PESANTE Monti Michela Locci Stefania CALCIO Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Medagliere

CICLISMO Bianchi Bianco Bettini Paolo

Mancini Ivo Simonetti Mauro CANOTTAGGIO Agamennoni Luca

Balena Attilio Balleri Mario

Barbieri Renato

Barbini Fortunato Barsotti Dino

Bartolini Enzo Bertolani Alberto Bonciani Alberto Bracci Renato Brondi Vinicio Carlesi Ezio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 1992 1993 1994

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo

Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Atene

1928 1928 2004

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo

Campionati Mondiali Olimpiadi Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei

2001 2004 2005 2006 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895

med. Bronzo med. Argento med. Argento Cecchi Dino med. Bronzo Checcacci Mario med. Argento med. Oro Cioni Vittorio med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento Del Bimbo Guglielmo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento Garzelli Mario med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Godini Ottorino med. Argento Gragnani Corrado med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento Grossi Oreste med. Argento med. Oro med. Bronzo Lari Dario med. Bronzo med. Bronzo Lari Stefano med. Bronzo Mannucci Filippo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Milani Cesare med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo Nenci Eugenio med. Oro med. Argento med. Argento Persico Giovanni med. Oro med. Bronzo Quaglierini Ottorino med. Argento med. Oro med. Bronzo Razzaguta Niccolò med. Argento Rodinis Giovanni med. Argento

22

Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1896 1897 1899 1938 1936 1937 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938 1998 2005 1983 2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899


Saettini Silvio

med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

med. Argento

Olimpiadi Parigi

1900

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

MOTONAUTICA Neri Enzo

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

1998 2000 2001 1987 1995

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

PARACADUTISMO SPORTIVO Mancino Luciano med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1968 1956 1957

Campionati Europei Campionati Mondiali

1990 1991

Sebastiani Ettore Secchi Dante

Taddei Alfonso Vestrini Renzo Vestrini Roberto Vestrini Pier Luigi SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

NUOTO Pampana Samuele Tocchini Ilaria PALLANUOTO Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

PUGILATO Brondi Franco med. Oro Golfarini Remo med. Oro Nenci Franco med. Argento Sitri Mario med. Argento PATTINAGGIO ARTISTICO Tinghi Letizia med. Argento med. Bronzo

Vivaldi Elisabetta

med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro

PESCA SUBAQUEA Bacci Giuseppe Bellani Raffaele

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Bellani Stefano med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. Casini Guerrino med. Oro sq. med. Bronzo sq. Gasparri Carlo med. Oro sq. Giachini Cesare med. Argento sq. Mazzarri Renzo med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro Paggini Marco med. Oro sq. med. Bronzo sq. Ramacciotti Maurizio med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. PESCA SPORTIVA Berlucchi Massimo Canaccini Andrea Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino

Mugnai Francesco Meloni Marco Volpi Marco

23

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

1992 1993 1993 1993 1994 1995 1995 1996 1997 1985 1986

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1983 1968 1970 1992 1994 1996 2001 2001 2004 2004 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990 1997 1999 1988 2003

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Medagliere

Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI SCHERMA Abati Luciano Anselmi Renato

Baldi Baldo

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Medagliere

Baldini Andrea

Bini Bino

Chiavacci Giorgio

Chicca Pier Luigi

Curletto Mario Di Rosa Manlio

Marazzi Andrea Marzi Gustavo

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles

med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. Montano Mario Aldo med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 1924 1926 1928 1928 1926 1926 1928 1931 1931 1960 1964 1966 1968 1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 1920 1928 1932 1932 1932

24

Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951 1936 1948 1938 1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978


med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento Nadi Nedo med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. Pellini Giorgio med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. Puliti Oreste med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. Rastelli Giorgio med. Argento sq. Rigoli Rolando med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Scuri Angelo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Tanzini Athos med. Argento sq. Ughi Ugo med. Argento sq. Urbani Dino med. Oro sq. Vaselli Maurizio med. Oro sq. TIRO A SEGNO Balloni Matteo

med. Oro sq. med. Oro sq. Bernardini Rosanna med. Argento med. Bronzo

Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma

1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920 1912 1920 1920 1920 1920 1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977

med. Bronzo med. Argento Menicagli Ottaviano med. Oro Ticchi Riccardo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro Renai Bruno med. Oro VELA Barozzi Paolo

med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro

25

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1981 1985 1930 1904 1908 1910 1912 1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 1966 1966 1967 1985 1983 1987 2000 2006 2006 2007

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Medagliere

Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI


26


La storia degli Azzurri

Oreste Grossi - Roma 1938 Medaglia al valore atletico

smisurato orgoglio di essere italiani, una volontà ferrea di lottare “uniti” nel nome dell’Italia anche se, qualche anno prima, per le vicende belliche e per personali scelte politiche, alcuni di loro, dopo il 20 Settembre, si erano trovati a combattere contro. Lo Sport, ancora una volta, aveva ottenuto una grande vittoria facendo superare quelle divisioni, incomprensioni e lacerazioni che le appartenenze politiche avevano creato. Ed è proprio questo il motivo per cui l’Associazione ha sempre dichiarato la

Amsterdam, Campioni d’Europa 1937: Bonciani, Quaglierini, Bartolini, Cecchi, Milani, Checcacci, Grossi, Garzelli

ssua apoliticità e apartiticità. A d’Italia è rimasta in vita nell’arco di questi LLivorno la Sezione Atleti Azzurri cinquanta anni, tutto il merito deve essed d’Italia fu costituita il 16 Novem- re attribuito alle capacità intellettuali ed organizzative del “mitico” Oreste che, pur b bre 1958. La cerimonia si svolse nella Sala in mezzo ad incomprensioni e difficoltà C Consiliare del Palazzo della Pro- di ogni genere, è sempre riuscito a salvavvincia alla presenza dei più bei guardare un Associazione che rappresenn nomi dello Sport livornese ; da ta uno dei più prestigiosi emblemi della A Alfredo Pitto a Aldo Montano, da nostra città. Non và dimenticato, infatti, M Manlio Di Rosa a Giorgio Pellini, che Livorno è la provincia che ha conquid da Franco Nenci a Mario Sitri, da stato, dal 1900 ad oggi, il maggior numeIIvo Mancini all’armo degli “Scar- ro di medaglie olimpiche, mondiali ed eurronzoni” oltre alla partecipazione ropee assolute, occupando quindi la pod di moltissimi altri di ogni discipli- sizione di vertice a livello nazionale e ponendosi fra le prime a livello mondiale. n na sportiva. Fu proprio lo, “ “scarronzone“ Oreste Grossi ad avere l’onore e l’onere di essere eletto primo Presidente dell’Associazione e, a parte un interregno quadriennale del campione olimpico “Mauzzino” Montano, Grossi ha mantenuto l’importante carica fino all’anno 2000 per poi lasciarla definitivamente all’attuale Presidente Rodolfo Graziani. Senza tema di smentita si può affermare quindi che, se la Sezione Provinciale Atleti Azzurri L’Azzurro Giorgio Sonetti premia Oreste Grossi

27

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: la storia

L’Associazione Nazionale e Atleti Azzur Azzurri d’Italia è stata costituita nel 1948 da parte di un gruppo di 18 atleti reduci dai Giochi Olimpici che si tennero a Londra in quell’anno. Và ricordato che l’Italia fu ammessa all’ultimo momento e solo dopo un estenuante trattativa diplomatica fra il nostro governo e i membri del Comitato Olimpico Internazionale. La quasi totalità delle nazioni, infatti, avevano posto il veto alla nostra partecipazione in quanto alleati della Germania e del Giappone nell’ultimo conflitto mondiale. È facile quindi immaginare il “clima” che i nostri atleti trovarono nel Villaggio olimpico; costretti ad un quasi totale isolamento, guardati con sospetto, osteggiati, a volte derisi, sentirono nascere dentro di se un prepotente senso di ribellione, uno


28 28


Seminario scuola e Sport pi da proporre. E’ questo il filo conduttore che ha spinto il Preside del prestigioso Liceo Scientifico “D. Cecioni” Prof. Paolo Eppestheingher, il Prof. Silvio Laudani, il Prof Mario Orsini e il Presidente della Sezione Provinciale dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Rodolfo Scuola e Sport, baluardi importanti di Graziani ad organizzare questo Seuna realtà nella quale i nostri giovani fan- minario fra gli studenti dell’Istituto no sempre più fatica ad individuare robu- e illustri campioni come Fabrizio sti punti di riferimento. Mori, Letizia Tinghi, Daniela Galeotti o e Filippo Mannucci. Proprio Graziani ha spieP gato come è nata l’idea g Seminario dello Sport, Liceo Scientifico Cecioni. “Abbiamo pensato che “ Da sx: la Vicepreside, Tinghi, Mori, Graziani, fosse giusto portare tra f Marconcini, Galeotti e Laudani i giovani studenti di un Liceo così importante, una testi- sapevolezza da parte degli organizzatori L monianza genuina di atleti che che questa rappresenta la strada maestra m hanno saputo regalare tante per educare e far crescere i nostri giovani h soddisfazioni alla nostra città e con sani e solidi principi morali. s che c hanno costruito i loro successi con volontà e granc di d sacrifici perché deve essere chiara una cosa: e nessuna medaglia dei n nostri atleti è mai stata n Allegri Campioni. Da sx: Fabrizio Mori associata a pratiche illeDaniela Galeotti, Letizia Tinghi cite e antisportive “. Il SeScuola e Sport, modelli positivi di una minario è iniziato con la proieziosocietà sana e genuina soprattutto quan- ne di un filmato in cui sono narrate do riescono a far capire ai ragazzi che at- le gesta degli atleti intervenuti ed traverso l’impegno, il desiderio di emerge- è proseguito con una serrata serie re, di migliorarsi e sacrificarsi, si possono di domande dei numerosi studenti ottenere soddisfazioni e gratificazioni an- cui hanno fatto riscontro risposte che in maniera copiosa. La nostra Livorno esaurienti e divertenti aneddoti in questo senso sia fra i banchi di scuola che hanno creato un atmosfera che in campo sportivo ha tantissimi esem- simpatica Alunni presenti al seminario e coinvolgente e la conp g

Alunni presenti al seminario

Foto ricordo della manifestazione

29

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: seminario Liceo Cecioni

L’Associazione Atleti tl ti Azzurri d’Italia mette in campo i suoi campioni


30 30


Prestigioso riconoscimento a Fabrizio Mori

Fabrizio Mori e Rodolfo Graziani

L’Accademia Valentiniana, con il Patrocinio della Regione Umbria, istituisce ogni anno il Premio Internazionale “San Valentino d’Oro“, un riconoscimento che viene assegnato a personalità che si sono distinte nel campo delle Scienze, delle Arti, della

Fabrizio Mori

LLetteratura, tt t d dell Ci Cinema e dello Sport. Nomi prestigiosi figurano nell’Albo d’Oro di questa manifestazione; dal Nobel Carlo Rubbia ad Antonino Zichichi, da Pier Paolo Pisolini a Mario Monicelli, da Indro Montanelli a Enzo Biagi, da Anna Magnani ad Alberto Sordi, da Gino Bartali a Livio Berruti, solo per citarne alcuni! Nello splendido Teatro d’Essay di Terni momenti di suspence alla lettura delle nomination per lo Sport e grande emozione ed inPremio San Valentino d’oro. contenibile gioia di Mori e L’Azzurro Ernesto Sabbati premia Fabrizio Mori del Presidente della Sezione livornese degli Atleti Olimpici ed Az- soddisfazioni, ma anche momenti di zurri d’Italia Rodolfo Graziani, all’an- amarezza per quella serie di infortuni nuncio che l’ambitissimo premio ve- che mi hanno impedito di conquistaniva assegnato al nostro campione. re quella medaglia olimpica che ho Un caloroso e prolungato applauso sempre ritenuto alla mia portata per i ha accolto il nostro atleta alla conse- valori espressi lungo tutto l’arco della gna del “ San Valentino d’Oro “, un ap- mia carriera”. plauso ancor più significativo perchè veniva da una platea ricca dei più bei nomi della cultura italiana che, già nei preliminari della manifestazione, aveva dimostrato vivo interesse per le sue indimenticabili imprese. Sereno e simpatico come sempre Fabrizio ha voluto ringraziare Giuria e pubblico con semplici e significative parole. ”Questo premio che m mi fà entrare nel gotha d dello Sport mondiale aaccanto a tanti grandisssimi campioni e i tanti aattestati di stima ed aaffetto che ho ricevuto d da voi in questi giorni, m mi riempiono di orgog glio e rendono meno d dolorosa la decisione d di porre la parola fine Premio S. Valentino d’oro. aad una carriera che mi Giovanna Ralli (attrice), Fabrizio Mori h ha regalato incredibili e Rodolfo Graziani

31

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: San Valentino d’Oro

Premio Internazionale San Valentino d’Oro


Capraia, una delle “sette perle” dell’Arcipelago Toscano, è l’isola più distante dalla Costa Toscana, 36 miglia. Vicinissima alla Corsica, 15 miglia, le è molto simile nel modo di vivere e nel dialetto. La sua origine vulcanica, una prima eruzione risale a circa nove milioni di anni fa ed una seconda a circa quattro, l’ha resa isola selvaggia, aspra con coste a picco sul mare. Queste sono le caratteristiche che la distinguono dalle altre isole ma, è grazie a queste, per scelta degli isolani storici che hanno ritenuto essenziale mantenere e conservare così il suo aspetto, che è oggi frequentata da molti turisti alla ricerca della sua natura incontaminata. Ha una superficie di 20 Kmq circa ed è possibile visitarla attraverso i vecchi sentieri usati una volta dai contadini, dai carbonai e dalla Marina Militare che aveva una postazione di rilevamento meteorologico sul Monte Arpagna , meta di coloro che amano fare belle passeggiate immersi nella natura.

L’isola fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha una perimetrazione a mare divisa in due zone: la zona 1 che è riserva integrale e quindi inaccessibile e la zona 2 nella quale si può transitare, sostare, fare il bagno ed in una zona limitata,con apposito permesso, è possibile pescare. Ha una popolazione di 350 persone che vive prevalentemente di turismo, pesca ed edilizia. Il collegamento marittimo è garantito giornalmente dalla Soc. Toremar con potenziamento estivo tramite mezzi veloci di società private. Dal 1873 al 1986 è stata Carcere Agricolo, con un massimo 350 detenuti. Attualmente le strutture dell’ex-carcere sono abbandonate ma, fanno parte di un progetto di recupero attraverso il piano strutturale comunale, così che Capraia continuerà a crescere nel rispetto dell’ambiente e di un turismo consapevole di quello che l’isola offre.


Gli Azzurri livornesi all’America’s Cup Un’ospitalità signorile e raffinata ha contraddistinto il soggiorno valenciano grazie alla professionalità della deliziosa segretaria Paola Stropeni, fac-totum dell’incontro e di tutti i “Mascalzoni”. Un giusto “mix” di eventi sportivi e mondani ha caratterizzato questi giorni; indimenticabile la visita alla “base”di Mascalzone Latino che ha lasciato dentro ciascuno dei partecipanti un effetto comparabile a quello che può essere Sulla Goletta Mascalzone Assai, F. Mannucci provato ai box di un CampionaR. Graziani, F. Zanella. Si parte! to Mondiale di Formula 1 o di un lo scambio di doni e la consegna del Olimpiade; dalla terrazza della” base” “logo”che come detto dallo skipper Vainfatti si potevano osservare, troneg- sco Vascotto “ dovrà rappresentare uno gianti sugli enormi hangar affacciati su stimolo in più per raggiungere gli amport Re Juan Carlos, i nomi prestigiosi biziosi traguardi che tutto il team si audi team come Luna Rossa, New Zeland, gura e si propone “. Da parte sua il PreAlinghi, Shosholosa, Desafio Espanol sidente Rodolfo Graziani ha parlato “ ovvero la top-class della vela mondia- di un invito che dimostra la considerale; un esperienza entusiasmante resa zione che l’Associazione, grazie ai tanancor più entusiasmante in quanto gli ti successi dei suoi campioni, gode in azzurri hanno potuto ammirare l’alle- campo nazionale ed internazionale e namento del sailing-team a bordo del dell’onore di essere in un contesto così Mascalzone Latino ITA 99 lussuoso motor-yacht d’epoca “ Ma- prestigioso orgogliosi ambasciatori di Invitati dall’Armatore Vincenzo Ono- scalzone Assai” messo gentilmente a Livorno sportiva”. rato, venerdi 23 Marzo, il Presidente Ro- disposizione dall’Armatore Vincenzo dolfo Graziani e il Consiglio Direttivo Onorato. nazionale guidato dal Presidente GianA bordo di ITA 99 è tutto un sussefranco Baraldi, sono volati a Valencia, guirsi di virate, strambate, andature sede della 32° America’s Cup, per con- varie col comandante di Mascalzone segnare al team di Mascalzone Latino il Assai impegnato al massimo per far vi“logo”degli Azzurri da apporre su ITA 99, vere agli ospiti, il più vicino possibile, le la barca prescelta per la Vuitton Cup. straordinarie evoluzioni dei “Mascalzon ni “. Sul lussuoso yacht inttanto si fanno notare sempre di più lo “chef”e i suoi p ccollaboratori che, mano a mano, riescono a distogliere dal mare l’attenziog n ne e gli sguardi degli Azzzurri per indirizzarla verso iinvitanti piatti di antipassti, spaghetti, torte salate, sspecialità valenciane, dolcci, il tutto accompagnatto da vini e champagne di q qualità. A sera la Cena di Gala Sulla Goletta Mascalzone Assai Rodolfo Graziani e Vasco Vascotto skipper è stata l’occasione per dell’armatore Vincenzo Onorato di Mascalzone Latino. America’s Cup

33

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: gli Azzurri in Coppa America

Vetrina V i internazionale i i l per la l sezione i livornese dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia.


Rodolfo Graziani consegna il logo degli Atleti Azzurri a Vincenzo Onorato e Signora

Il Campione Olimpico Seul Fiorenzo Zanella consegna berretto Italia a Mauro Pelaschier

Rodolfo Graziani consegna a Marco Savelli il libro omaggio del Comune di Livorno

Gli Azzurri d’Italia alla base di Mascalzone Latino a Valencia

Foto di Gruppo nella base di Mascalzone Latino

35

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: gli Azzurri in Coppa America

Rodolfo Graziani consegna il logo degli Azzurri al Team Manager di Mascalzone Latino


366


L’Associazione Atleti Azzurri livornese al 30 Jahre Sportanlagen Reiperting La considerazione che l’Associazione e il movimento sportivo livornese godono in campo nazionale, ha avuto un ulteriore conferma dall’invito che l’Assessorato allo Sport della Provincia di Bolzano ha mandato al Presidente Rodolfo Graziani in occasione del 30 Jahre Sportanlagen Reiperting. L’evento si è svolto nella Club House della Sport-Zone di Riscone di Brunico alla presenza del Presidente della Giunta provinciale di Bolzano Dr. Luis Durnwalder, del Sindaco di Brunico Christian Tschurtschentaler, da sempre fautori di un grande impegno politico per lo Sport, di Autorità civili e militari e famosi atleti del presente e del passato come Irmgard Trojer, Alexia Oberstolz , Lucas Rifferser e Christian Neunshauser. Gran cerimoniere della manifestazione il “ mitico” Maestro di Sport Gert Crepaz, uno dei più esperti e

preparati allenatori di Atletica Leggera in ambito internazionale e punto di riferimento, insieme alla moglie Prof. Christina Mutschlechner, di quei giovani che vogliono dedicarsi allo Sport con serietà senza peraltro trascurare gli impegni scolastici. Presentando la manifestazione il Prof. Crepaz ha voluto riUna fase del 30° Jahre Sportanlagen Reiperting vendicare, anche a nome dei rappresentanti delle Isti- favorire la pratica di questi sport ma tuzioni, l’orgoglio di poter mettere anche in discipline come l’Atletica a disposizione della comunità i più Leggera dove le stesse condizioni avveniristici e polifunzionali impian- sono di ostacolo ad un allenamento ti sportivi costruiti in Italia, al fine di continuo e produttivo. permettere al meglio quella pratica È chiaro quindi che quegli impiansportiva che indubbiamente porta a ti così avveniristici e polifunzionali, salvaguardare e migliorare la salute dovuti alla lungimiranza degli Ammipsico-fisica di ogni praticante. nistratori e alla competenza dei DiriNon è un caso, infatti, che una città genti sportivi della città, permettono come Brunico di appena quindici- agli atleti di praticare lo Sport preferimila abitanti sforni in continuazione to senza alcun problema nella prepaatleti che primeggiano a livello na- razione e quindi di poter affinare e far zionale ed internazionale non solo risaltare il proprio talento. negli Sport Invernale come Sci, Bob, Un modello sicuramente da ammiSlittino, Hockey su Ghiaccio dove la rare, possibilmente da seguire, diffinatura e il clima della zona possono cilmente da imitare.

Saluto di benvenuto del Sindaco di Brunico Christian Tschurtschentaler a Graziani e Signora

Il Presidente Rodolfo Graziani consegna il logo degli Azzurri d’Italia a Luis Durnwalder, Presidente della Giunta Provinciale di Bolzano

37

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: gli Azzurri a Brunico

Gli Azzurri a Brunico


Un successo di Livorno sportiva Sabato 24 novembre, col patrocinio dell’Unione Europea, del Comitato Olimpico Internazionale e del CONI, si è svolto al Grand Hotel Continental di Tirrenia il Convegno “Lo Sport nell’Europa dei 27”, sicuramente il più importante evento a livello nazionale, sia per i temi in agenda sia per i relatori di prestigio che sono intervenuti. Erano presenti infatti la Prof. Angela Teja, Presidente della Commissione di Storia dello Sport dell’Unione Europea che ha svolto il delicato compito di moderatore; il Dr. Bruno Rossi-Mori, Direttore dell’Ufficio Statistica del CONI che si è occupato “della diffusione dello Sport in Europa” con una serie di slide e grafici degni di un aula universitaria; l’Administrateur Orazio Parisotto che ha affrontato il tema “della certificazione di qualità della U.E per l’attività motorie” e l’Avv. Roberto De Felice che si è soffermato” sulla dimensione giuridico-economica dello Sport secondo il “Libro bianco” dell’Unione Europea. Nell’affollata “Sala Ferretti” facevano inoltre bella mostra, campioni come Li-

vio Berruti, Klaus Di Biasi, vere leggende d ll Sport S t italiano, it li Fili M dello Filippo Mannucci,i Giuseppe Compagnoni, Letizia Tinghi, Tania Romano, Daniela Galeotti, Patrizia Gini, Manuela Martinelli, Vittoriano Drovandi, Alberto Buonaccorsi, Presidenti di Federazioni e Associazioni e sportivi d.o.c. Simpatica e significativa la presenza dei giovanissimi del “ Livorno Calcio”, del CircoloPesca Subacquea “ Garibaldi”, del Circolo Pattinaggio“ La Rosa “ che, nonostante la giovanile esuberanza, hanno avuto un comportamento esemplare dimostrando sensibilità, rispetto educazione e meritando il plauso di tutti i presenti e della Prof. Teja in particolare che, nella sua relazione sul Convegno, ne ha poi ampiamente parlato a Bruxelles! Da sottolineare inoltre gli interventi dell’Assessore allo Sport del Comune di Livorno Attilio D’Alesio che dopo un breve excursus sui successi di Livorno sportiva, ha posto l’accento” sul rispetto dell’etica e delle regole” meritando i pubblici elogi di Livio Berruti. Da parte sua il Presidente del CONI Gino Calderini che ha bacchettato i politici, ritenuti incapaci di far rispettare le elementari regole di convivenza dentro e fuori gli stadi. Piena soddisfazione infine per il Presidente Rodolfo Graziani e per tutto il Consiglio Direttivo perché ancora una volta la Sezione Provinciale degli Atleti

Klaus Di Biasi Oro Olimpico tuffi piattaforma

39

Livio Berruti - Oro Olimpico 200 mt

Olimpici e Azzurri d’Italia è stata prescelta per organizzare un evento di così grande richiamo e ancora una volta, come sottolineato dal Presidente Nazionale Gianfranco Baraldi, la risposta è stata adeguata alle aspettative tanto da meritare i lusinghieri apprezzamenti delle autorità sportive e istituzionali presenti.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Convegno “Lo Sport nell’Europa dei 27”

Lo Sport nell’Europa dei 27


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975 Scali Cerere, 15 - 57122 LIVORNO • ITALY Tel. +39 0586 890.328/884.094 - Fax +39 0586 278.645 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITA CONTAINERS

Interventi in tutte le zone d’Italia

Consulenze in ambito: • Trasporti Terrestri • Trasporti Marittimi Perizie in ambito: • Merceologico • Assicurativo • Marittimo:

Inizio e fine noleggio delle navi Container Autovetture

Verifiche e controlli su: • Attrezzature Meccaniche • Attrezzature Elettroniche

I vantaggi del Container

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessità I mpermeabile all’acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente I nostri servizi

• Vendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

• Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

• Vendita e/o noleggio di prefabbricati, box,

monoblocchi, moduli abitativi di ogni dimensione

Misure esterne del container (in metri) 10’ box 20’ box 40’ box 40’ HC

lungh.

largh.

2,99 6,06 12,19 12,19

2,44 2,44 2,44 2,44

alt. 2,59 2,59 2,59 2,89

cub. mc.

tara q.li

16 33 66 76

9,55 23,30 40,00 42,00


Gianfranco Baraldi, Presidente Nazionale ANAAI

Da sx: Sign.ra Di Biasi, Rossi, Mori, Klaus Di Biasi, De Felice, Trainni, Barontini, Nati, Parisotto

Prof.ssa Angela Teja, Presidente Commissione Storia dello Sport dell’Unione Europea

Foto di gruppo dopo il convegno

Attilio D’Alesio, Assessore allo Sport Comune di Livorno

41

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia: Convegno lo Sport nell’Europa dei 27

Inno Nazionale. Da sx: Zanella, Calderini, D’Alesio, Baraldi, Teja, Berruti, Graziani


Siamo quegli queg gli sportivi che hanno prapra ticato sport agonistico e che oggi taluni praticano ancora. Siamo gli intramontabili appassionati di tutti gli sport, che uniti dallo slancio di una mai assopita vocazione, ci siamo associati all’Unione Nazionale Veterani dello Sport per condividere gli autentici ideali degli sportivi. L’Unvs, ente benemerito del Coni, di importanza nazionale, senza scopi di lucro ha filiazioni e scopi apolitici e finalizza le proprie iniziative all’attività, alla promozione e alla cultura dello sport, con particolare sensibilità a valorizzare ed incentivare i giovani anche sul piano culturale, morale e sociale. Il veterano sportivo è colui che è stato uno sportivo agonistico praticante in una delle federazioni affiliate al Coni per almeno 5 anni. In tale caso può essere ammesso come socio ordinario dall’età di 30 anni. Non necessariamente deve essere stato praticante di una disciplina, ma anche tecnico, dirigente, arbitro, massaggiatore, medico sportivo e ufficiale di campo. Il veterano dello sport non deve considerarsi un anziano, ma un esperto delle attività sportive a qualsiasi età; può par-

tecipare alla vita sociale e associativa, associativa anche se oggi non pratica dello sport, ma ne condivide gli alti ideali. La nostra sezione è nata nel 1963, in occasione di una visita a Livorno del consigliere nazionale Pietro Tamisari di Roma che esortava gli amici livornesi a prendere l’iniziativa per costituire anche da noi una sezione Unvs. Le parole di Tamisari vennero accolte da Sandro della Pace, vecchio sportivo livornese e coadiuvato da Antonio Villa e con altri 24 appassionati costituì la sezione “Nedo Nadi” alfiere della scherma livornese. Oggi, grazie alla comprensione degli sportivi locali il numero degli iscritti è salito a 481, facendoci diventare la prima sezione in Italia. Non si contano le iniziative che di anno in anno si programmano a favore dei giovani. E di questi un numero considerevole vengono premiati durante la giornata del veterano che si organizza la prima domenica di dicembre. La sezione livornese “Nedo Nadi” dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport ha proclamato domenica 2 dicembre, come atleta dell’anno 2007 lo schermitore Andrea Baldini (classe 1985) spe-

Da sinistra: Domenico Vaccaro consigliere Nazionale, Enzo Pantani Presidente Onorario, Giampaolo Bertoni vicepresidente Vicario Nazionale, Cesare Gentile Presidente Provinciale UNVS, Piero Lilla vice Presidente Vicario

43

cialità fi oretto, iscritto al club Fides da fioretto quando ha iniziato a praticare la scherma e appartenente all’Aeronautica Militare, che ha un ricco curriculum professionale di successi: campione del mondo a squadre A.20 nel 2003, vincitore della coppa del mondo A.20 nel 2004, vincitore delle Universiadi nel 2005 e, infine, nel 2007 campione italiano e campione assoluto, vincitore della coppa del mondo e medaglia d’argento mondiale assoluto individuale. Il giovane atleta è stato premiato dal Presidente della Provincia Giorgio Kutufà e dal vice Presidente vicario dell’Unvs Gianpaolo Bertoni nel corso di una cerimonia che si è svolta a bordo dell’incantevole nave “Moby Freedom”, alla quale erano presenti anche l’assessore comunale allo sport Attilio D’Alesio e il presidente del Coni Gino Calderini, il presidente nazionale Unvs Domenico Vaccaro e i consiglieri di altre sezioni toscane. La 35a giornata del Veterano Sportivo “Festa Atleta dell’Anno” è stata aperta da Cesare Gentile, presidente della sezione “Nedo Nadi”, che ha rivolto un saluto a tutti i presenti e ha dedicato un minuto di silenzio per ricordare la memoria di tutti i soci di questa istituzione purtroppo deceduti; un particolare ringraziamento è stato rivolto successivamente all’armatore Vincenzo Onorato per aver messo a disposizione una nave della sua flotta, che per la prima volta ha ospitato questa manifestazione. Sono stati attribuiti i seguenti premi: Premio “Atleta Emergente” consegnato a Luca Ulivieri pattinaggio A.S.D. Vada dal Presidente del Coni Provinciale Gino Calderini, Premio Speciale “Unvs” consegnato ad Andrea Lo Schiavo nuoto disabili A.S. Zenith di Livorno dal Presidente della Provincia Giorgio Kutufà, Premio “D’Onore Unvs” consegnato a Ilio Polese (pesista) e Massimo Terreni (lancio del martello) dal consigliere nazionale Unvs Domenico Vaccaro, Premio “Riconoscenza” consegnato a Vincenzo Onorato (pluricampione del mondo di vela classe Farr 40) che essendo assente è stato ritirato dal responsabile dell’Agenzia “Moby” di Portoferraio, dal presidente Cesare Gentile.

U.N.V.S.: Unione Nazionale Veterani nello Sport

Unione Nazionale Veterani nello Sport


44 44


45

U.N.V.S.: Unione Nazionale Veterani nello Sport

ropeo e medaglia d’argento ai mondiali NUOTO La cerimonia è poi proseguita con la Sandro Sartini campione italiano 100 cadetti fioretto maschile. consegna delle medaglie Unvs ai sefarfalla categoria juniores, Nicola Scaguenti atleti e atlete: TIRO CON L’ARCO ramelli argento al campionato italiano Jacopo Palandri campione italiano mt. ATLETICA LEGGERA Ivan Mach di Palmistein (classe 1992) 4x100 e 4x200 stile libero categoria junio- 18,00 tiro di campagna e argento nel tiro campione italiano cadetti di salto in alto res, Federico Secchi argento al campio- alla targa, Valerio Palandri campione itacon la misura di 199 centimetri, Elisa Ma- nato italiano 200 dorso categoria cadetti, liano under 18 e campione regionale assogni (classe 1991) bronzo ai campionati ita- Federico Turrini (classe 1985) campione luto. TENNIS liani, Matteo Andreini (classe 1998) cam- mondiale militare 400 misti e vice campioIrene Andoncecchi (classe 1996) campione italiano e primatista italiano indoor ne mondiale universiadi 400 misti. NUOTO DISABILI pionessa toscana e 4a ai campionati italiajuniores nei 60 ostacoli. Michela Cenci bronzo ai campionati ni, Carlotta Nassi (classe 1997) campioBASEBALL SOFTBALL Edoardo d’Alesio (classe 1994) ha fatto italiani 25 rana, Silvia Paperini bronzo ai nessa toscana e 4a ai campionati italiani, parte della Nazionale nel torneo svoltosi in campionati italiani 25 stile libero, Elena Emma Ciaponi (classe 1991) campionessa Giappone, Virginia Martini (classe 1992), Volpi bronzo ai campionati italiani 50 ra- regionale, qualificata per i campionati itaAlessia Banchelli (classe 1995), Michele na e 100 misti, Antonio Sartori campio- liani, Lisa Tognetti campionessa regionaTomei (classe 1992), Phillips Premutati ne italiano 25 stile libero, Davide Simoni le a squadre e promossa in serie B, Camilla (classe 1996) hanno fatto parte della Na- bronzo ai campionati italiani 25 stile libe- Cellieri campionessa regionale a squadre zionale nella categoria cadette al Mundia- ro, Gabriele Morelli campione italiano 50 e promossa in serie B, Giulia dell’Agnelstile libero, Manuela Maggi campionessa lo campionessa regionale a squadre e prolito. italiana 25 stile libero e 25 rana. mossa in serie B. CANOA PESCA SPORTIVA Rachele Puccetti (classe 1993) campioVELA Raffaele Aceto (classe 1990) bronzo nessa italiana categoria K1 mt 2.000 e 200, Matteo Santelli e Daniele Fiaschi per vincitrice di 7 gare, Ermes Bacci (classe ai campionati italiani con canna da riva, aver fatto parte dell’equipaggio che ha 1993) bronzo ai campionati italiani di K1 Giacomo Aceto (classe 1986) bronzo ai vinto il campionato del mondo Farr 40 mt. 2.000 e argento in altre gare, Samuel campionati italiani con canna da natante), sull’imbarcazione Mascalzone Latino. Pienotti (classe 1998) campione italiano Francesco Mancai (classe 1990) bronzo ai PATTINAGGIO campionati italiani con canna da riva. K1 mt. 5.000 e 1.000 bronzo K4 mt. 1.000. Rachel Ignudi (classe 1991) argento PUGILATO CICLISMO ai campionati italiani categoria juniores Giada Landi (classe 1989) nell’anno ha esercizi obbligatori, Diletta Perlata (clasEmma Barsotti (classe 2000) vincitrice di 18 gare su strada nell’anno 2007, due vinto le 5 gare disputate ed è entrata nel se 1999) argento ai campionati regionali terzi posti al Meeting Regionale e Nazio- giro della nazionale. giovanissimi combinata e 5a al trofeo nanale su strada, un posto al trofeo RampiSCHERMA zionale. chino, campionessa Provinciale a squadre Edoardo Superi (classe 1993) campione PESISTICA E CULTURA FISICA di gimkana, Emiliano Cicero (classe 1994) italiano categoria allievi fioretto maschile, Irene Di Bartolomeo (classe 1990) campione provinciale, Mattia Bevilacqua Beatrice Monaco (classe 1992) campio- bronzo ai campionati italiani e argento ai (classe 1998) nell’anno in corso ha vinto nessa italiana categoria cadetti fioretto campionati unione europea, Sara Tinagli 29 gare su strada e ottenuto 8 secondi po- femminile, Tommaso Lari, campione eu- (classe 1994) 1a alla fase regionale e alla fasti. E’ l’unico giovanissimo sse finale G.S.S. Gardaland, della toscana ad ave vinto Alice Bono (classe 1994) A la gara su strada al Meeccampionessa regionale e ting Regionale e due gare provinciale. p su due al Meeting NazioGINNASTICA nale. Enzo Bernardoni (clasJUJITSU sse 1984) azzurro, ha parDaniela Botti (classe ttecipato ai campionati 1997), Matteo Bartolami mondiali, Thomas Pagni m (classe 1998), Elia Bracci ((classe 1989) ha partecipa(classe 1998), Sara Guidetto ai campionati italiani di ra (classe 1998), vincitori sserie A/1, Luca Giannassi del Campionato Italiano, ((classe 1994) campione inCoppa Italia e Campionato tterregionale categoria alMondiale di Katà, Michele llievi, qualificatosi per la fiSilvestri (classe 1990) ha nale nazionale. n partecipato a sei campionati mondiali vincendo CANOTTAGGIO l’oro per quattro volte e Emiliano Beccatelli due argenti, a Carrara gli ccampione italiano singoè stata tolta la medaglia llo senior, argento al meeDa sinistra: Giampaolo Bertoni vicepresidente Vicario Nazionale, Andrea d’oro meritata. Baldini Atleta dell’Anno, Giorgio Kutufà Presidente della Provincia ting di Piediluco, Lorenzo


metri piani, Mario Trainni ha partecipato ai campionati del mondo nel salto in lungo, Rodolfo Graziani campione italiano master ostacoli, Veronica Becuzzi campionessa mondiale master giavellotto, Mauro Del Rosso medaglia di bronzo ai campionati mondiali nel giavellotto con 30,91 metri, Rossella Bardi campionessa italiana nel disco, martello e martello corto, ha partecipato ai mondiali classificandosi al 7° posto nel martello, Mario Poropat allenatore della campionessa Bercuzzi. SCHERMA Giulio Paroli campione italiano master di sciabola e di fioretto, Nicola Canotti campione italiano master di sciabola individuale e a squadra AUTOMOBILISMO Massimo Corto campione italiano Rally CALCIO Andrea Albanesi, Stefano Bacci, Nicola Bigini, Davide Lorenzini, Nicola Polverino, Flavio Occhini, Fabio dell’Innocenti, Sergio dell’Innocenti, Alessandro Sottile, Alfio Petraia, Filadelfio Incauto, Riccardo Lippi, Riccardo Tafani, Corrado Salvatori, Flavio Pini, Riccardo Perini, Massimo Di Rosa, Massimiliano Del Vivo, Riccardo Cipriani, Giovanni Biasci, Cesare Viola.

PREMI U.N.V.S. CHE HANNO DEDICATO UNA VITA PER LO SPORT

Carlo Nardi, Franco Nenci, Maurizo Ottone, Rolando Rigoli, Marco Romito, Romano Casali, Mario Tinghi, Fulvio Alessi, Duccio Arrighi, Nello Bartorelli, Alberto Buonaccorsi, Maurizio Ferretti, Paolo Cantini, Franco Giannini, Pirro Stefanini, Bruno Gabbi, Luigi Laudani, Silvio Laudani, Libero Michelacci, Massimo Pili, Carlo Vennero, Giovanni Ferretti, Aldo Scarpa, Luigi Rocchi, Massimo Spagnolo.

RICONOSCIMENTI ALLE AUTORITA’

Giorgio Kutufà Presidente Provincia di Livorno, Attilio D’Alessio Assessore allo Sport del Comune di Livorno, Fabio CanacPREMIO U.N.V.S. cini Dirigente ufficio sport Comune di LivorA VETERANI DELLO SPORT no, Gino Calderini Presidente Provinciale NUOTO del Coni, Nello D’Alesio sponsor della maMarcella Micheli campionessa italiana nifestazione, Enzo Sagone presidente del 50 e 100 dorso, Paola Ramagli campionesDlf, Daniela Becherini responsabile unità sa italiana 50 farfalla e 50 stile libero, Ilio funzionale Usl 6, Franco Poli Presidente Barontini campione italiano 50 e 100 stile provinciale pallavolo, Biagina Petreccia relibero, Luciano Fattori campione italiano sponsabile sport scolastico, Mario Fracassi 200 stile libero, Luciano Vanessa campioPresidente nuoto livorno, Maurizio Ottone ne italiano M85 – 100 e 200 stile libero, RoPresidente rugby Livorno, Ferruccio Vinelberto Petronici campione italiano 200 e li Presidente del tennis Livorno, Guido Do400 stile libero, Sauro Toffi campione itanati Presidente C.I.P., Vittorio Tajarol Presiliano 200 e 50 stile libero, dente della Federazione d Manrico Paoli campioCronometristi di LivorC ne italiano 100 e 50 rana, no, capitano di vascello n Delia Corti campionessa Paolo Rebuffo in rappreP italiana 200 e 100 dorso, ssentanza dell’Accademia Paolo Razzauti campioNavale di Livorno. N ne italiano 100 e 50 stile Al termine della presenlibero, Giulia Zanda camttazione il Presidente Cesapionessa italiana, Giorgio rre Gentile ha dato appunFalchi campione italiano ttamento alla 36a Edizione 50 stile libero, Giancarlo della Giornata del Veterad Pedani 2° nella traversa no n di Livorno. La manifetadello stretto di Messina, stazione è proseguita con s Alessandro Gennai camun u pranzo conviviale nella pione italiano. sala s della nave; purtroppo ATLETICA rimaneva vuoto un tavolo: r Roberto D’Ambra camera e quello prenotato dal pione toscano di maratosocio Luigi La Porta deces na, Renzo Susia ha parduto poche ore prima che d In prima fila da sx: Domenico Vaccaro Consigliere Nazionale, Giuseppe tecipato ai campionati iniziasse la manifestazioSavarese direttore ufficio marketing Moby, Giorgio Kutufà Presidente della del mondo di maratona ne, mentre faceva footing Provincia, Cesare Gentile Presidente Provinciale UNVS, Giampaolo Bertoni mt. 10.000, Antonello sul lungomare labronico, Vicepresidente Vicario Nazionale, Gino Calderini Presidente Coni Provinciale, Zangara ha partecipato ma di questo triste episoAttilio D’Alesio Assessore comunale allo Sport. ai campionati del mondo dio tutti ne sono venuti a In seconda fila da sinistra: Ilio Polesi Campione del mondo Master di maratona mt. 10.000, conoscenza solo nel posollevamento pesi, Andrea Lo Schiavo Campione del Mondo nuoto disabili, Patrizio Serru ha partemeriggio. Andrea Baldini Atleta dell’Anno, vice Campione del Mondo cipato ai campionati del Cesare Gentile di Scherma-Fioretto, Luca Ulivieri Campione del mondo di Pattinaggio, mondo nella staffetta 100 Massimo Terreni Campione del Mondo Master Lancio del Peso. Pres. Provinciale Unvs

47

U.N.V.S.: Unione Nazionale Veterani nello Sport

Lazzeri campione regionale singolo cadetti, Giacomo Provinciali oro al meeting nazionale di san Miniato singolo cadetti, Mauro Martelli campione italiano indoor remo ergometro, campione italiano staffetta 4X1.000 KARATE Daniele Pelagatti oro al 5° trofeo Funakoshi, oro al 3° trofeo Sardegna, argento al 4° Kup Tad Rijeka, Antonio Citi (classe 1977) oro al 2° trofeo Magna Grecia, oro al 3° trofeo Sardegna, oro all’Euro Kup 2007 Istre. EQUITAZIONE Filippo Conte (classe 1993) 1° classificato a squadre categoria B/3 Pony Games, vincitore della coppa Toscana, Mita Ceruso (classe 1993) classificata a squadre categoria B/3, vincitrice della coppa Toscana.


Almanacco dello Sport Livorno “tra le più grandi del mondo”

Il Salone principale dell’Hotel Continental di Tirrenia, affollato da atleti azzurri di ieri e di oggi, da Autorità Civili e Militari, da Dirigenti di Federazioni e Società Sportive, ha ospitato la presentazione della 21a Edizione dell’Almanacco dello Sport Livornese.

Pubblico

Risultati, statistiche, bilanci, notizie sui numerosi protagonisti dello Sport locale e provinciale relativi all’anno 2006/2007 sono riportati in questa preziosa opera, nata per dare visibilità a imprese e ad atleti che hanno fatto grande il nome di Livorno nel mondo. A far da prologo al ben riuscito appuntamento un eccellente filmato interamente dedicato alle memorabili gesta dei nostri più rappresentativi campioni quali Ilaria Tocchini, Argento ai Campionati Europei di Nuoto, gli Ori mondiali di Fabrizio Mori nei 400 ostacoli, di Letizia Tinghi nel Pattinaggio Artistico, di Filippo Mannucci nel Canottaggio, di Alberto Fantini nella Vela fino agli Ori Olimpici di Atene di Paolo Bettini nel Ciclismo e Aldo Montano nella Scherma. Al filmato ha poi fatto

seguito una simpatica sorpresa: l’ingresso in sala del neo-campione d’Italia di pugilato, categoria pesi medi, Luca Tassi accolto con le suggestive note del film Rocky e dagli scroscianti applausi del pubblico presente. La parola è passata successivamente al Presidente del CONI Gino Calderini, al Presidente dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Rodolfo Graziani e infine a Roberto Scotto, deus ex machina di questa ventennale pubbliccazione, che hanno illlustrato gli aspetti più ssignificativi di questo ccorposo Almanacco. Il Presidente Graziani iin particolare ha parlato del vivo interesse che d questa pubblicazione q rraccoglie in ambito nazzionale. “Nei prossimi giorni, aad esempio, saremo a Valencia, ospiti dell’ArV matore Vincenzo Onom rrato, per festeggiare la

Presentazione Almanacco 2006 Alberto Buonaccorsi e Claudio Rigolo

partecipazione in Coppa America di Mascalzone Latino che abbiamo l’onore di annoverare nella nostra Sezione; mi è stato chiesto dal team-manager di portare anche laggiù copie del nostro Almanacco per far conoscere le numerose performances dei campioni dello Sport livornese del presente e del passato descritte e illustrate in ogni dettaglio con passione e professionalità”.

Da sx: Scotto, Tassi senior, Calderini, Luca Tassi, Graziani, Buonaccorsi

49

Presentazione Almanacco 2006

Una importante vetrina per gli atleti azzurri livornesi


Pubblico presente, durante l’inno Nazionale

Il Presidente del CONI, Gino Calderini (a dx), premiaAlfredo Sisi della Federazione Baseball e Softball

Il rappresentante della Brigata Folgore, premiato da Roberto Scotto

I rappresentanti della Federazione Sub CICA con Rodoflo Graziani

Il rappresentante della Guardia di Finanza premiato da Rodoflo Graziani

51

Presentazione Almanacco 2006

Rappresentanti delle Forze Armate, Accademia Navale Guardia di Finanza


La rappresentante della Federazione Sport Equestri, Angela Toschi, premiata da Gino Calderini

Il rappresentante della Federazione Canottaggio premiato da Roberto Scotto

Il rappresentante della Federazione Pattinaggio premiato da Gino Calderini

Il Presidente della SocietĂ Rugby Etruschi Gino Galletti premiato da Gino Calderini

Da sx: Buonaccorsi, Tassi senior, Calderini, Luca Tassi, Graziani

Il rappresentanti della Fedarazione Pugilato premiati da Roberto Scotto

53


'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +

!!!"#$"$%&$

Un glorioso passato da far rivivere La nostra è da sempre una città dove lo sport dell’automobile ha esercitato un gran fascino ed ha avuto insieme ad un gran numero di bravi piloti anche un’eccezionale quantità di pubblico. La specialità prediletta è sempre stata quella dei rally, derivati dalle corse che in origine si svolgevano su strada e su circuiti stradali, ed è qui dove i livornesi sono emersi fin dagli albori, nel settore sia della competizione che in seguito dell’organizzazione. Già alla fine degli anni 60 erano in evidenza in gare importanti Pino Santacroce, Roberto Volpi, Armando De Paolis, Asei, Reboa, ma la nascita del grosso dei conduttori avvenne quando presero vita le tre belle corse di casa: il Rally dell’Elba, la Coppa Liburna ed il Rally di Vallechiara, divenuto in seguito Tirrenia Rally inventate ed organizzate da Dado Andreini ed il suo staff. Ecco alla ribalta “Piombanti”, Paolo Contesini, Claudio Wiegand, Piero Filippi, Paolo Neri, Fabrizio Benini, Fabrizio Gigoni che partecipavano anche a gare internazionali e Paolo Tripodi, Giancarlo Beltramini, Paolo Benedetti, Franco Trumpy, Carlo Alberto Foresi, Ivo Campani, Alessandro Gualandi, Luca Neri, Andrea Tanzini, Massimo Ceccherini, Freddy Fatticcioni, Paolo Biasci, Antonio Liberato, Massimo Magonzi, Marco Spadoni, Raoul Duranti, Stefano Gatti, i fratelli Giovacchini, Nigiotti, Trobaugh, Giorgio Mariotti, Andrei che gravitavano per lo più in zona. Siamo in tanti a ricordare con nostalgia le

nottate alla curva Nuvolari e sui tornanti della Valle Benedetta a veder provare i piloti della Coppa Liburna e le trasferte all’Elba, magari in vespa, per farci incantare dai passaggi spettacolari dei più blasonati partecipanti al Campionato Europeo sull’isola. All’inizio degli anni 80 ecco un altro folto gruppo di giovani livornesi che, sempre sull’onda dell’entusiasmante successo delle gare di casa, coronano il loro sogno e cominciano a correre. Sono Claudio Mecarelli, Alessandro Sgarallino, i fratelli Marcacci, Francesco Ristori, Luca Taddei, Franco Perossini, Alessandro Belloni, Gino Papini, Alessandro Catania, Michele Paoletti, Giorgio Bacci, Andrea Aghini, Marco Cecchi, Giorgio Ceccarini, i fratelli Maglieri, Giancarlo Bubbola, i fratelli Donati, Stefano Casini, Riccardo Bardini, Alessandro Giulianetti, Giorgio Vacca, Giovanni Galleni e Fabrizio Bacci, attuale presidente della scuderia labronica Proracing. Nel 90 con lo scomparire della Coppa Liburna, con le mitiche prove del Castellaccio, della Valle e della Traversa e con il declino del Rally dell’Elba, purtroppo si assiste anche alla riduzione dell’attività dei nostri piloti. Comunque l’amore per i rally non si spenge ed entrano in scena, Claudio Puhar, Massimiliano Restano, Bob Volpi, Paolo Tondini, Iuri Fedi, Marco Ricca, Federico Mannelli, Alberto Cavallini ed i giovanissimi Ciro Rinaudo e Matteo Gualandi. Un capitolo a parte per Andrea Aghini che ha collezionato grandi successi, ha vinto anche una

55

prova di Campionato del Mondo, è stato Campione Italiano per due anni consecutivi ed attualmente è pilota ufficiale Subaru Italia. È d’obbligo anche un breve asterisco per ricordare i navigatori livornesi storici, espressione di 4 diverse generazioni. Silvano Maffei che è sicuramente il capostipite, Daniele Ciocca e Max Chiapponi, poi Silvia Galleni e Massimiliano Cerrai, ed infine, Maurizio Nassi e Alessandro Floris. Quest’anno, dopo un’assenza durata 6 anni l’Elba ha rivisto vetture moderne sfrecciare sulle sue strade ed un gruppo di piloti di casa ha potuto riprovare l’emozione di correre sull’isola che ha fatto parte della storia del rallismo italiano ed europeo. Marco Ricca (Mitsubishi), Ciro Rinaudo (Peugeot), Paolo Tondini (Rover) e i bravi Massimiliano Restano (Renault) e Fabrizio Bacci (Peugeot) sono saliti sul podio delle rispettive categorie e Giovanni Galleni (Skoda Fabia WRC) si è classificato addirittura 2° assoluto. In quest’occasione è stata un’emozione veramente forte visitare la mostra sul Rally dell’Elba allestita con grande cura, competenza e passione dal bravissimo Davide Costa che è riuscito a collezionare tutto quanto ha riguardato la storia del rally dal 1968 ad oggi, incluso una serie di bellissime fotografie. Questo elenco, scusandoci per eventuali omissioni, non vuol essere niente di più che uno spunto a cui ogni appassionato possa attingere per ripescare nei propri ricordi corsaiolli. Questo vale per ttutti gli addetti ai llavori: piloti, navvigatori, ufficiali di gara, cronomed ttristi, fotografi e, iin senso più estesso, tutto il grande ccaloroso pubblicco livornese che hanno un granh de sogno, quello d di vedere ancora d ssfrecciare i nuovi bolidi sulle mitib cche prove speciali delle nostre collid ne e sull’isola nan poleonica. p

A.C.I.: Automobile Club Livorno

L’ACI a Livorno


56


!!!"#$"(//$

Un campione di rally: Andrea Aghini Quando si parla di grandi piloti livornesi saliti alle glorie nazionali e internazionali dello sport automobilistico il pensiero corre subito ad Andrea Aghini, classe 63 che può vantare importanti vittorie. Lo abbiamo rintracciato telefonicamente perché vive a Montecarlo e anche se spesso torna per far visita ai genitori, non è ovviamente semplice incontrarlo. In qualità di ottimo rappresentante della provincia labronica in campo rallistico gli abbiamo rivolto alcune domande. Come è iniziata la tua passione per le quattro ruote? “Per essere sinceri da giovane, prima dei diciotto anni, la mia passione era rivolta alle due ruote, ma i miei genitori non volevano che facessi motocross perché lo consideravano troppo pericoloso. Così passata la maggiore età mi sono dedicato ai rally e questa da una passione

sportiva è diventata poi anche la mia attività professionale”. Un’attività condotta ai massimi livelli, hai infatti vinto più di ogni altro pilota livornese e soprattutto hai raggiunto le vette nazionali e internazionali. Ripercorriamo brevemente la tua storia “Ho iniziato a correre negli slalom nel ‘85 per passare l’anno dopo ai rally. Nel ‘87 sono cominciate ad arrivare le prime vittorie con il trofeo Peugeot che ho corso come privato, mentre nel ‘88 sono diventato pilota ufficiale della casa. Nel ‘91 con il permesso della Peugeot ho disputato due gare con la Lancia ufficiale e nel ‘92, sempre con la stessa casa ho vinto la prova italiana del Mondiale Italiano Rally di Sanremo. Nel ‘94 ho corso con la Toyota, nel ‘95 con la Mitsubishi e nel ‘96 con la Ford. Ho vinto il Campionato Italiano nel ‘98 e nel ‘99 con la Toyota Corolla della scuderia Grifone di Genova. Dal 2000 ho ricoperto un ruolo di collaudatore ufficiale in Peugeot e ho partecipato al Campionato Mondiale. Nel 2000 sono tornato alla Subaru con la Protar di Pistoia e nel 2001 alla Mitsubishi. Dal 2002 al 2005 ho lavorato con la Peugeot Italia e dal 2005 sono con la Subaru”.

Come è andata la stagione 2006-2007? “È iniziata non molto bene per problemi di potenza al motore, ma poi in Inghilterra abbiamo sviluppato la macchina con il preparatore ed il finale di stagione è andato migliorando con la vincita in Sardegna”. Progetti futuri? “Ho il contratto con la Subaru e quindi continuerò a lavorare con loro”. Sei soddisfatto del fatto che la tua passione sportiva si sia trasformata in una professione? “Sì, molto”. Un consiglio per i giovani? “L’automobilismo è uno sport molto bello, ma è necessario saper equilibrare tutte le risorse sia dal punto di vista economico sia fisico, in questa disciplina l’ostacolo è sempre in agguato, anche in termini di sicurezza. Perciò è necessario avere sempre molta attenzione”. Le soddisfazioni più grandi della tua carriera? “Sono tante, sicuramente molta soddisfazione l’ho avuta vincendo i Campionati Italiani, alcune prove dei Campionati del Mondo e la Corsa dei Campioni alle Canarie nel ‘92”.

A.C.I.: Automobile Club Livorno

'& '&()*'* +, +,(&-$.*!!!

57


!!!!"#$"#(0*)$

Come stimolare le nuove leve ad entrare nel mondo dei rally: la parola a Marco Ricca Innanzitutto una breve presentazione: non sono certo tra i piloti di rally più conosciuti e attivi, ma a 32 anni posso vantare un’esperienza poliedrica, dato che quando non corro, sono comunque presente alle gare in veste di commissario, organizzatore o di supporto alla mia scuderia. Tutto è iniziato nel ’96, quando mi iscrissi ad un (allora affollato) corso per commissari di percorso all’ACI di Livorno, la mia città. Da allora ho partecipato come ufficiale di gara a oltre 120 rally e come pilota a 21, sempre sulla mia Saxo N2, tranne per l’ultima gara, dove sono salito su una esaltante Mitsubishi; negli ultimi anni ho anche ricoperto spesso il ruolo di apripista, prendendo decisioni molto importanti per lo svolgimento delle gare. È paradossale che sul futuro debba scrivere una persona che ha un’età che in qualunque altro sport sarebbe “da ritiro”, ma la verità è che i rally sono una pratica molto difficile per i giovani; vuoi per i costi alti, vuoi per una passione che non è più quella di 20 anni fa, il rally si è un po’ chiuso su se stesso. Pur non essendo in crisi, non c’è ricambio generazionale, e questo preoccupa per l’avvenire. Pensando al futuro, la prima cosa che mi chiedo è proprio come favorire questo ricambio e riaccendere la passione. Difficile dirlo, perché questi fenomeni sembrano seguire, più di ogni altra cosa, le sfuggenti leggi della moda. Io ho scelto di provarci

seguendo una strada che mi appassiona: non essendo oggi pensabile investire solo su se stessi, più concretamente ho pensato di costruire “qualcosa” per correre come piace a me, ovvero formando un bel gruppo con la mia scuderia e utilizzarlo per diffondere un po’ di passione per i rally nella mia città. La scuderia è la Proracing Livorno, fondata dal pilota Fabrizio Bacci nel 2003 insieme a Catia Creatini, Alessandro Giulianetti e Fabio Quadelli, e alla quale dal 2008 parteciperò come dirigente a fianco di Bacci. Il progetto che abbiamo studiato prevede l’apertura di una sede a Livorno che diventi un riferimento per tutti gli appassionati di rally della zona. Una sede che ci permetterà di svolgere in modo più agevole ciò che adesso già facciamo per i piloti associati, ovvero gestione sportiva, gestione sponsor, supporto in gara, ma soprattutto che ci permetterà di dare agli appassionati un ritrovo dove incontrarsi, confrontarsi, e, perché no, fare un po’ di confusione tutti insieme. Non esiste niente del genere nelle vicinanze. Ampio spazio sarà dato alla gestione delle vetture: ciò che adesso viene fatto in maniera dispersiva in varie officine della città, sarà accentrato e anche ingrandito grazie all’acquisto di nuove auto e di mezzi di assistenza. Da un punto di vista imprenditoriale non abbiamo grandi aspettative, ma poco importa, lo scopo è dividere i costi per ottimizzare il budget e quindi potersi permettere qualche rally in più o magari un campionato. Insomma, correre e far correre: va da sé che sarebbe di gran-

59

de soddisfazione riuscire a far progredire qualche “nostro” pilota giovane fino ad alti livelli. Parlando sempre di giovani, come non ricordare il mio impegno all’ACI di Livorno, presso il gruppo ufficiali di gara Elbauno, dove faccio da istruttore per chi deve staccare la prima licenza di pilota o navigatore. Insieme ai direttori di gara Marco Fiorillo e Riccardo Heusch, stiamo cercando di dare sempre più consistenza alle lezioni di avvicinamento, che per il 2008 saranno dei veri corsi non solo sui regolamenti (come imposto dalla CSAI), ma anche su altri aspetti, dalla guida alla navigazione, e quando possibile anche con test su strada. Il tutto gratis. Ritenendo molto importante, soprattutto in ottica di sicurezza, la conoscenza dei regolamenti, il prossimo anno sarà poi organizzato un corso di aggiornamento per i piloti e i navigatori già in attività: un esperimento un po’ nuovo, che servirà anche per avvicinare la sfera dei praticanti a quella degli organizzatori, che spesso stanno (inspiegabilmente) distanti. Sempre con il gruppo Elbauno, lavoriamo molto per la sicurezza sul campo di gara: già da questo anno abbiamo reso più severi i controlli che facciamo con gli apripista prima dei rally e contiamo di essere ancora più esigenti per gli anni prossimi, cercando di far crescere l’attenzione degli organizzatori su questo aspetto, che è di importanza basilare. Chiudo con quello che, più che un progetto, è un sogno: riavere un rally a Livorno. La nostra provincia ha avuto alcuni tra i rally più c prestigiosi, e adesp so s si ritrova orfana di d eventi. L’ACI di Livorno, insieme agli v appassionati elbani, a ha h il grande merito di d aver fatto rinascere r nel 2007, sebbene, n in veste ridotta a Ronde, il rally dell’ElR ba: adesso sarebb be b bello riavere una Coppa Liburna a LiC vorno. Chissà che v negli anni a venire n non mi lanci anche n in i questo progetto! Marco Ricca

A.C.I.: Automobile Club Livorno

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&


'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +

!!!"#$"$%&$

Come nasce la misura del tempo La F.I.Cr. (Federazione Italiana Cronometristi) è quella Federazione di servizio, responsabile del tempo, laddove c’è un rilevamento del tempo in qualunque sport: automobilismo, nuoto, atletica, pugilato, ciclismo, canottaggio, ecc.. L’attuale F.I.Cr. nasce il 3 novembre 1921 con il nome S.I.C.U. (Sindacato Italiano Cronometristi Ufficiali) a Milano e muore nel 1927 per lasciare il posto all’A.I.C. (Associazione Italiana Cronometristi) ed entrare così nel 1932 a far parte ufficialmente del Coni, come si può leggere dalla stessa ‘carta statutaria’ emessa dall’Ente stesso. Alla presidenza si sono succeduti personaggi come Bonmartini, il marchese fiorentino Ridolfi e poi l’ingegnere Giovanni Romagna che fu designato dal Coni. Come primo atto l’A.I.C. nel 1933 si trasferisce da Milano a Roma e nel 1936 il Coni delibera la nuova denominazione in F.I.C. (Federazione Italiana Cronometristi) fino al 1978 quando prese la “r” finale trasformandosi in F.I.Cr per distinguersi dalle federazioni del nuoto e del canottaggio. A Livorno i primi fautori di questa nascente federazione furono l’ingegnere Vito Cionini e Mario Pettinelli ed altri

' '&()*'* +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Un tempo ad ogni sport L’anno 2007 ha visto la nostra segreteria impegnata su vari fronti, come del resto è la nostra prerogativa. Siamo stati a seguire il campionato Italiano Clienti Ferrari che ci ha portato a frequentare tutti gli autodromi italiani con una puntata a Le Castelet in Francia. Ci ha visto impegnati con i rally, dove abbiamo gestito sia i centri classifiche che le prove speciali o riordini sulla strada con alcune prove del campionato italiano velocità salita di auto moderne e storiche, gare di regolarità sia in regione che fuori. Il motociclismo ci ha visto sui campi di gara di enduro e di cross, mentre la fine dell’anno ci ha visto impegnati con le gare

che si raggrupparono come soci nel nome di Unione Fascista dei Cronometristi, dopo la guerra restarono alla guida del gruppo, ma il nome si trasformò in F.I.C. Livorno. Livorno era come tutte le province Segreteria Provinciale ed il suo primo segretario fu Vito Cionini, che in seguito lasciò la carica, pur rimanendo nell’organizzazione, a Mario Cambi morto nel 1960 a causa di un incidente stradale. Furono nominati commissari i ‘crono’ Iginio Pieracci e Roberto Freschi che indissero l’assemblea nella quale venne eletto segretario Giorgio Galleni nell’inverno del 1961. Giorgio Galleni restò in carica fino al settembre del 1985 quando dette volontariamente le dimissioni, rimanendo nell’organizzazione; durante in periodo in cui rimase in carica promosse l’evoluzione tecnica grazie anche a validi collaboratori come: Marcello Pinqué, Vincenzo Falcone, Ulrico Carrai, Giovanni Bilenchi, Gianmauro Agen, Silvano Masoni, Vittorio Gatto ed altri. Dal 1985 al 1998 occupò il posto di segretario Silvano Masoni ed in quel periodo furono aggregati elementi importanti come Vittorio Tajarol (che ha occupato anche la carica di Commissario per i rally e regolarità in seno alla federazione), Silvio Mascagni, Maria Massai, Massimo Livocci, Fulvio Mangani, Luigi Mencacci e altri. Nel 1998 è stato eletto Vittorio Tajariol e la carica di segretario provinciale è stata sostituita da quella di Presidente dell’Associazione. Tajariol è stato anche nel consiglio regionale, carica lasciata

poi a Federico Baldi, e con la collaborazione di Fabio Daini e dello stesso Baldi è stato dato un notevole impulso alla realizzazione di molti programmi per lo sviluppo del rilevamento dei tempi in automatico per tutte le manifestazioni motoristiche (velocità in salita con le varie telemetrie in alcuni punti del percorso, rally ecc.). Grande spinta è stata data anche al nuoto (rilevamento automatico con piastre) nelle piscine della città e in altre città d’Italia dove la Federazione ritiene utile inviare il gruppo livornese.

di Kart e nel 2008 ci impegneremo nel camquesta specialità. Le pionato regionale di q giornate di gare che ci hanno impegnato di più sono senza dubbio quelle a bordo vasca con il nuoto, avuto a Livort infatti, i f tti abbiamo b no i campionati italiani assoluti invernali e primaverili, vari meeting, da quello internazionale di Viareggio a quelli di Chianciano e Forlì, svolti sempre con rilevamento automatico con le piastre Omega, fin alle gare manuali giovanili nella nostra piscina Camalich da 50 metri olimpica e quella da 25 metri. Senza dubbio le gare del campionato italiano che hanno visto la nostra presenza con le apparecchiature automatiche ed il sistema manuale, sono quelle che ci hanno occupato molto come tempo e come numero di crono. Abbiamo seguito tutte le gare remiere che si sono svolte nella nostra città, anche in questo caso con rilevamento automatico del tempo e alcune gare di canottaggio sul lago. Per quanto riguarda

l’atletica siamo stati impegnati nel giro podistico dell’Isola d’Elba, cinque giornate di gare, nelle varie prove al campo scuola con apparecchiature automatiche e non, e le varie maratone e mezze maratone che si sono svolte nella nostra provincia. Abbiamo presenziato ai concorsi ippici, Accademia Navale, Cecina, Rosignano, Pisa ecc. Ci sono state anche gare di ciclismo su pista a San Vincenzo con l’aiuto del Finisch Link, apparecchio che rileva al millesimo il transito dei vari concorrenti sul traguardo dando così un arrivo veloce e senza errori. Si sono svolte anche alcuni incontri di pugilato a Livorno, Cecina e Piombino. Come si vede la nostra tipologia di sport è variegata e ci vede presenti su tutti i campi e agire con la maggiore tranquillità e conoscenza dei vari regolamenti sportivi. Abbiamo effettuato anche gare di pattinaggio a rotelle su pista e su strada con campionati regionale e nazionali.

61

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

Associazione Cronometristi Livornesi


Fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Collesalvetti, seguita successivamente da quella di livorno, con il coinvolgimento di tutti gli appassionati di questo meraviglioso sport del territorio, finalmente è stata costruita un pista ciclistica anche nella provincia di Livorno.

Vista aerea della Pista.

Un percorso di poco più di un kilometro, ondeggiante con varie dolci curve e un ponticello, che si colloca nel parco sportivo di stagno, uno dei punti più belli della frazione alla periferia di Livorno, dove già insistono impianti sportivi e dove è in progetto un’aria di svago pubblica. Finanziata con un contributo regionale agli impianti sportivi e cofinanziata dal comune di Collesalvetti in maggior parte e dal comune di Livorno, la pista ciclistica di Stagno risponde alle esigenze di uno sport, soprattutto giovanile, che a visto nell’ultimo biennio tragici momenti date dal fatto che per usufruirne bisogna frequentare soprattutto le strade cittadine sempre più trafficate. Sull’onda entusiastica del Campione de Mondo PAOLO BETTINI, si sono avvicinati moltissimi giovani, che da oggi potranno tranquillamente svolgere la propria attività su di un anello lontano dal traffico, lontano dai pericoli.

La pista deve essere ancora inaugurata, ma l’amministrazione colligiana promette che prima della stagione agonistica sarà pronta, in attesa anche della conferma dei Campionati del mondo UISP che si svolgeranno a Stagno dal 05 al 07 Settembre, dove proprio la pista farà da campo base per le squadre ciclistiche. Quindi “pronti ?? via !!”, in primavera, saremo tutti ad ammirare migliaia di piccoli campioncini in erba che con le maglie colorate riempiranno il circuito ciclistico di Stagno.


Il ciclismo livornese !!!"#$"$%&$

1936: passa professionista ma a causa di una malattia dovràà abbandonare l tti d bb d l’l’attività. tti ità

I personaggi Tra i personaggi del passato che hanno regalato prestigio allo sport Italiano e in particolare alla Provincia di Livorno si inseriscono di buon diritto Ivo Mancini e Olimpio Bizzi.

Storia di Ivo Mancini Il Guasticciano IVO MANCINI fu capace di conquistare il titolo di campione del Mondo dilettanti su strada il 18 Agosto 1935 sul circuito di Floreffe a Namur in Belgio, l’eco di quel trionfo ha rappresentato e rappresenta ancora oggi un ottimo propellente per alimentare quel genuino e colorito senso di orgoglio provinciale e paesano. Ivo MancinI: nato a Guasticce il 4 luglio 1915: 1930-1931: corre nella categoria Allievi e vince 62 gare 1932: passa dilettante vince il Gran Premio Martini a Pistoia e complessivamente 21 gare 1933: ottiene 23 vittorie 1934: ottiene 11 vittorie 1935: a soli venti anni e dopo soli due mesi dall’ aver vinto il Campionato Italiano conquista il titolo di Campione del mondo su strada dilettanti.

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Straordinario risultato al Torneo Iridato di Aguascalientes (Messico) Su un percorso dove era difficile fare la differenza DIEGO ULISSI ha conquistato il secondo titolo iridato, un colpo da maestro messo a segno con lucidità e freddezza, ed il capolavoro si è completato con il terzo posto dell’altro beniamino livornese ELIA FAVILLI conquistando

siddette grandi imprese, che contribuirono a creare lla curiosa personalità i lità di questo campione. 1938: Campione Italiano su strada 1939: Campione Italiano su Pista eliminando il campionissimo Fausto Coppi 1937 e 1943: vince il giro della Toscana 1937 e 1939: vince la Tre Valli Varesine 1941: vince il giro della Campania, la Gorizia-Lubiana-Gorizia e il Trofeo dell’Impero Vincitore al Giro d’Italia di 13 tappe 1947: vincitore della Coppa “Penzo” Ed infine, nel 1950 si aggiudica il Giro del Marocco.

Storia di Olimpio Bizzi (il morino di Livorno)

Nacque a Livorno il 1° agosto 1916, questo importante personaggio del ciclismo italiano, protagonista di una lunga e luminosa carriera. Le sue vittorie e le sue affermazioni furono molte, anche da dilettante, e ancor più numerose le sue co-

la medaglia di bronzo. Diego ed Elia FaUlissi Daniele Ratto e sono usciti villi al quarto giro so una azione allo scoperto con un evidentemente studiata, nella fuga con loro uno slovacco ed un polacco hanno contribuito al successo del tentativo indebolendo il fronte degli inseguitori. È stata una lotta serrata fino al termine, ma il trenino azzurro ha tenuto duro presentandosi all’arrivo con un risultato veramente sorprendente, primo Diego Ulissi, secondo Daniele Ratto, terzo Elia Favilli.

63

Olimpio l Bizzi

Da sinistra: D i i t Daniele D i l Ratto R tt (A (Argento), t ) Di Diego Uli Ulissii (O (Oro), ) Elia Favilli (Bronzo).

F.C.I.: Federazione Italiana Ciclismo

'&()*'* +,(&-$.*!!!


122$/3$*0%)-("-%')$'("%"*''%++(&$ ,%&"-4--%"3%"%+$/%)5% Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

Training test: per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√ Tempo libero da passeggio e da turismo

(con possibilità di noleggio)

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

Viale Italia, 5 - 57126 LIVORNO Tel. e Fax 0586 800093

64 64


Paolo Bettini si è confermato campione del mondo, in una gara perfetta che ha trovato il pieno sostegno della squadra azzurra, capace di attaccare e di rintuzzare tutte le fughe avversarie. Dopo l’oro di Atene può ora vantare una doppietta iridata, che era riuscita solo ad un altro italiano Gianni Bugno. “Il ciclismo è uno sport duro, di fatica, non potevo che rispondere con una vittoria come questa”, queste sono state le parole di Paolo rispondendo alla polemica della sua partecipazione alla gara

nel fitto calendario agonistico e capace di ritagliarsi a pieno merito un posto al sole nel panorama del pedale nostrano, quest’anno a maggior ragione in quanto gara valida come Campionato Regionale Toscano per la categoria allievi, gara organizzata magistralmente dal gruppo sportivo “CARLI COOP LAVARIANTE”.

Da sx: Mirco Ulivieri (2°, G.S. Stabbia) Simone Antonimi (1°, G.S. Stabbia ) Gianni Bellini (3°, A.S. Bessi Seano) Nannipieri Lugiano (Pres. G.S. Coop Lavariante).

Pisa - Livorno Prima edizione della corsa Pisa Livorno, riservata alla categoria Juniores, organizzata congiuntamente dai comitati provinciali di Livorno e Pisa e dalle società Cantiere Orlando di Livorno e A.S. Marcianese. Un grosso merito va alle Amministrazioni Comunali e Provinciali di Livorno e Pisa che hanno sostenuto questa iniziativa, riuscendo a dare un senso di unione e collaborazione fra le due città, oltre al fatto sportivo e tecnico. La corsa ha avuto il suo epilogo alla terrazza Mascagni tra due ali di folla e alla presenza dei rappresentanti delle Amministrazioni Comunali e Provinciali delle due città, a completare il successo di questa manifestazione il vincitore della gara, il livornese Elia Favilli, portacolori della squadra Arianna Rimor. LLa ffucilata il di SStoccarda: d cosìì B Bettini i i celebra l b il bis iridato

Principali manifestazioni dell’attivita’ 2007 Una delle manifestazioni più importanti dell’attività 2007 nella provincia di Livorno è stato il trofeo “CLASS S.p.a. Concessionaria Renault” gara che rappresenta ormai un appuntamento classico, una gara da non perdere assolutamente

Da sinistra Claudio De Angeli (Pres. C.P. F.C.I. Pisa), Mirko Piccioni (Pratese 1927) Elia Favilli (Arianna Rimor) Nunzio Palombo (Pozzarello), Giorgio Bacci (Pres. C.P. F.C.I. Livorno)

65

Attività 2007 Settore GIOVANISSIMI: da mettere in evidenza il forte incremento in questo settore, dove siamo passati da un totale di 70 tesserati nel 2006 a 110 del 2007; sicuramente hanno influito molto le vittorie mondiali dei nostri campioni livornesi: Paolo Bettini e Diego Ulissi, ma anche la volontà organizzativa e la voglia di crescere delle nostre società, che hanno reso visibile questa nostra disciplina. Da mettere in evidenza Emma Barzotti (U.C. Livorno), Daniela Alfani (A.S. Costa Estrusca), Giada del Gianda (A.S: Costa Estrusca), Morioni Matteo (U.C. Livorno) e Bevilacqua Mattia (U.C. Livorno) vincitore quest’ultimi al meeting nazionale di Treviso, sia nel settore fuori strada sia nella gara su strada. Una società in particolare U.C. Livorno ha ottenuto brillanti risultati: Campionato Regionale Gimkana, Trofeo Provinciale Gimkana (9 gare nell’arco della stagione) secondo posto nella classifica finale del trofeo Rampichino Junior di MTB e un ottimo risultato al meeting nazionale che ha visto la partecipazione di 230 società e dove U.C. Livorno sie è classificato quinto sodalizio Toscano e trentaseiesimo a livello nazionale. Cat. ESORDIENTI: n°25 atleti U.C. Donoratico, Ciclistica Cecina, U.C. Rosignano Colognole, G.S. Carli Coop. La Variante e 6 atleti Elba Bike come MTB, da notare la partecipazione al Campionato Nazionale per il titolo Tricolore dell’ atleta Marco Cossentino dell’ Uc Rosignano Colognole e il Camp. Prov. Esord. 2° anno sempre a Marco Cossentino, mentre quello del 1° anno è stato conquistato da Emiliano Cicero del GS Carli Coop La Variante. Cat. ALLIEVI: 26 atleti ripartiti nelle società UC Rosignano Colognole, Ciclistica Cecina, GS Carli Coop La Variante, unica vittoria del cecinese Francesco Sileoni mentre il Campionato Provinciale è andato all’atleta del Rosignano Colognole Iacopo Casarosa. Nel settore femminile da evidenziare la vittoria di Caterina Lazzerini del GS Termoinpianti la quale ha fatto suo anche il titolo di Campione Provinciale. Nel 2007 ha preso piede l’attività di Mountain Bike (MTB) grazie al gruppo avviato all’attività di bikers all’Isola d’Elba, da Monica Maltinti che dopo una sperimentazione nell’ambito dei Giochi Studenteschi ha tesserato ben 17 atleti

F.C.I.: Federazione Italiana Ciclismo

Bettini bi-campione del mondo


Alessia Bulleri: Elba bike (prima da dx) premiata da Renato Di Rocco, Pres. della F.C.I

'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

Un ciclodromo per garantire la sicurezza Il princiale scopo del C.P. FCI di Livorno è la promozione del ciclismo e in particolare nel settore “ GIOVANISSIMI”: le difficoltà che abbiamo sempre incontrato per avvicinare i ragazzini alla nostra disciplina sportva , è la sicurezza sulle strade. I ragazzi dai 7 ai 12 anni necessitano di allenarsi in luoghi sicuri. È doveroso riconoscere alla Amministrazioni dei vari comuni della Provincia una certa sensibilità a questi problemi, spesso mettono a disposizione (dove non ci sono impianti) luoghi e strade meno frquentate dove viene data la possibilità per alcuni giorni della settimana di allenarsi. Premesso questo vogliamo mettere in evidenza il grosso impegno fatto dall’Amministrazione Comunale di Collesalvetti n collaborazione con il Comune di Livorno per la costruzione del Ciclodromo in località Stagno. L’impianto è pressoché ultimato: la pista ha una lunghezza superiore ai 1000 metri, il suo tracciato è tale da offrire tre alternative, una prima di 500 metri la seconda 750 metri, ed infine, la lunghezza massima

Unica società per la cat. Juniores è il GS Cantiere con 7 tesserati. Hanno preso parte a gare nazionali e internazionali gareggiando spesso fuori regione ed ottenendo numerosi piazzamenti, da evidenziare Perazzolo Luca al suo secondo anno nella categoria ha ottenuto il titolo di Campione Provinciale nella gara Pisa-Livorno del 6 maggio. Il GS Cantiere ha fatto un’affiliazione plurima con la società Ozierese Carrera di Nuoro per agevolare la partecipazione a gare nazionali di corridori sardi: nel settore del ciclocross sono stati convocati in nazionale Biddau Antonio e Aru Fabio e Saiu Giancarlo, quest’ultimo ha partecipato a gare di Coppa del Mondo, sicuramente questa esperienza è da ripetere e i dirigenti del GS Cantiere sapranno coglierla.

Anche quest’anno è continuato il rapporto di collaborazione tra il GS Cantiere e il GS Termoinpianti (quattro atleti sono passati dalla categoria Juniores alla categoria Under 23) società con 14 under, espleta la propria attività inserita nel calendario regionale e nazionale. Nella stagione agonistica 2007 si sono messi in evidenza Pingue Antonio (Benevento) Saitta… ottimo scalatore Fratarcangeli Michele (Lazio) e il livornese Casini Alessio. Di rilievo anche l’attività organizzativa del gruppo Termoinpianti guidato dll’infaticabile Loris Mugnaini che in collaborazione con Mario Tempestini del ACD La California hanno organizzato il 2° Trofeo Città di San Vincenzo e l’11° Trofeo Ledo Tempestini gare nazionali Under 23 riscuotendo grossi successi.

che supera i 1000 metri, e ci permetterà gare tipo pista per di poter organizzare organ superiori. È intenzione delle le categorie sup Amministrazioni Comunali inaugurare la Amministrazion Pista lla prossima primavera. Pi i

Da parte nostra faremo il possibile per coinvolgere il maggior numero di società a frequentare questo impianto in quanto crediamo che questo sia il modo di incamminarci:

Per informazioni P i f i i rivolgersi: i l i

Comitato Provinciale FCI Livorno Via Piemonte 52/a 57124 Livorno Tel Fax 0586- 861385 cpfcilivorno@interfree.it - www.federciclismolivorno.it

Il presidente Giorgio Bacci

67

F.C.I.: Federazione Italiana Ciclismo

tra Giovanissimi Esordienti e Allievi nella società Elba Bike ottenendo grossi risultati, il più grande l’argento di Alessia Bulleri nella prova di Rovereto valida come campionato Italiano individuale di mountainbike specialità cross country categoria Esordienti.


L’Associazione Sportiva Dilettantistica ica “Elba Bike” nata nel 2006 con lo scopo di promuovere il ciclismo all’isola d’Elba, ha operato nel corso dell’anno 2007 con grande impegno portando soddisfacenti risultati in termini di partecipazione dei ragazzi/e a questo sport. Grazie alla concessione del Comune di Marciana della sede sociale nel Parco Attrezzato di Procchio, insieme ai ragazzi ed alle loro famiglie, si è sviluppata una realtà sociale che ha dato vita alla Scuola di Ciclismo Fuoristrada riconosciuta dalla F.C.I. (vd. allegato), possibile Centro di Avviamento e Perfezionamento alla disciplina per giovani dai 7 ai 16 anni. Alcuni atleti Elba Bike hanno dato risalto all’immagine dell’isola d’Elba grazie alla partecipazione a competizioni regionali e nazionali, dove alcuni di essi hanno conseguito risultati brillanti dei quali tutti noi andiamo orgogliosi. Primo, secondo, quarto posto ai Campionati regionali di Ciclocross 2007-08, secondi ai Campionati Italiani di mountain bike 07, terzo posto in Coppa Italia 07, così come l’ottimo impegno delle nuove leve, i “Giovanissimi” nei campionati regionali. La Scuola si avvale di due Maestri di Ciclismo Fuoristrada Alessia Bulleri, Elisabetta Mazzei, Matteo Anselmi, Andrea Brogi, Matteo Spinetti, Francesco Campo, Francesca Paolini sono i “mini-testimonial” dell’impegno di Elba Bike, un impegno costante, attento e profondo non solo dei ragazzi ma anche dei genitori. Grazie al loro esempio molti i ragazzini facenti parte della nostra Scuola di Ciclismo, seguono ed aspirano ad ottenere i loro successi. Le gare alle quali partecipiamo: mountain

bike e ciclocross a livello locale, regionale e nazionale, sono un momento importante della nostra attività. Il nostro programma di espansione relativo alla Scuola sul territorio elbano, appena partito sta coinvolgendo anche i giovani del Comune di Campo nell’Elba e di Portoferraio poiché Procchio è il crocevia del versante occidentale dell’isola. Vedo già una sensibilità da parte degli Enti Locali, di alcune scuole pubbliche, di alcune attività commerciali, Aziende che ci hanno dato fiducia e spero sia un crescendo di interesse e di investimenti. Da pochi mesi abbiamo avut notizia della partecipazione to d della nostra Isola ai “Jeux des l lies Guadeloupe 2008” (vere e p 0/2 500 proprie mini-olimpiadi con 2000/2.500 p partecipanti provenienti da tutto il m mondo) ed una delle discipline per i r ragazzi/e dai 13 ai 16 anni è il ciclismo s pista. I Comuni hanno insistito per su l nostra rappresentativa così potremo la p partecipare con 3 atleti. Ci lanciamo in q questa nuova esperienza poiché il ciclis smo è una multidisciplinarietà e ritenia-

69

mo utile, formativo essere aperti a nuovi input anche se richiederanno impegno e sacrificio ma confidiamo nel sostegno datoci dalla F.c.i. Nel mese di Ottobre 2007 abbiamo organizzato la nostra prima manifestazione, una prova del Trofeo Rampichino Junior regionale alla

quale hanno partecipato ben 18 80 iscritti 180 di cui 36 tesserati ma gli altri per lo più giovanissimi elbani alle prime esperienze. Questa e stata un’importante finestra per farsi conoscere sul territorio elbano e ora che avviamo la scuola di ciclismo ci auguriamo un buon successo! Prof.ssa Monica Maltinti Presidente A.S.D. Elba Bike

F.C.I.: Federazione Italiana Ciclismo

Elba Bike A.S.D.


Il Baseball a Livorno '&()*'* '& +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

Eravamo da poco usciti da quel po’ po’ di terremoto rappresentato dalla seconda guerra mondiale ed il panorama non era certo attraente: macerie materiali e morali da tutte le parti, case crollate, industrie a pezzi, famiglie distrutte, miti e valori morali più o meno azzerati, segnorine, mercato nero, sciuscià, Tombolo paradiso nero! Eppure (e non è per fare l’apologia di una generazione che, sotto molti aspetti, non la merita) non era ancora invalsa la pratica di sfuggire ai problemi ricorrendo al ‘buco’ di eroina. Se ci tiravamo su le maniche non era per usare la siringa, ma per lavorare e rimettere a posto i pezzi. Anche in campo politico, nella mia città, persone di opinioni contrastanti, molte volte mettevano da parte i principi astratti e collaboravano sul concreto per ricostruire. In quei tempi tutta l’Italia respirava un’aria molto americana e Livorno, con il suo Tenth Port of Embarkation, in modo particolare. La valuta corrente era rappresentata dalle Amlire di formato dollaro che avevano so-

Alfredo Sisi

1946 Gli esordi del baseball a Livorno

stituito i bigliettoni a lenzuolo della Banca d’Italia: avevamo conosciuto la Coca Cola, il chewing-gum, il corned beef, il meat and vegetables stew, e in una palazzina in via Coccoluto Ferrigni era stata installata (antesignana di concorrenza all’ente radiofonico di Stato) un’emittente radio denominata A.E.S. (American Expeditionary Station) che trasmetteva per la maggior parte musica registrata sui V Disc e che aveva come sigla la Moonlight Serenade di Glenn Miller. I programmi erano destinati ai militari della P.B.S. (Peninsular Base Section), ma erano molto graditi anche ai livornesi. E capitava spesso di vedere per le strade, nelle piazze, sulle banchine del porto ed in qualsiasi altro spiazzo libero, ragazzoni ben vitaminizzati bianchi e neri che passavano un sacco di tempo a tirarsi una pallina bianca con cuciture rosse e a raccoglierla in un guantone e che a volte, con strane uniformi, si entusiasmavano ed entusiasmavano i loro connazionali giocando strane partite nell’attuale stadio Armando Picchi, sul cui fronte la scritta Stadio Edda Ciano Mussolini era stata sostituita da quella di Yankee Stadium. Un giorno capitò a casa mia un amico che, non si sa bene come, era riuscito a procurarsi dal 4th Logistical Command, presso il quale lavorava, otto guantoni, tre palline, due mazze e una maschera da baseball e, con altri amici del nostro gruppo, cominciammo anche noi a tirarci e a raccogliere le palline nei guantoni, ma probabilmente i fondamentali della presa e del tiro

71

non dovevano essere quelli giusti, almeno a giudicare dalle condizioni delle nostre mani al termine dei primi esperimenti. Però il solo tirarci e raccogliere la palla, anche se era un buon esercizio fisico, non è che fosse molto divertente e decidemmo quindi di approfondire la conoscenza del baseball, magari per capire i rudimenti delle regole e per conoscere come si svolgeva una partita. Ci procurammo un Offcial Rules Book e ci accingemmo a tradurlo, ma la cosa si rivelò piuttosto difficile poiché disponevamo solo di un vecchio vocabolario Roberts di inglese, non molto aggiornato in fatto di termini tecnici di baseball e non risultava chiaro perché su una collinetta (mound) sul campo di gioco ci dovesse stare una brocca di terracotta a collo lungo (pitcher) e che dopo tre scioperi (strikes) un battitore dovesse essere messo fuori (forse per una questione di scarsa sensibilità sindacale?). Siccome la pratica vale più della grammatica pensammo che era meglio vedere le cose sul campo. Riuscimmo ad assistere alle gare che si svolgevano sul ‘diamante’ di Camp Darby e, con l’aiuto di un certo Lt. Osoweiky, capo dello Special Service, disponibile per illustrarci l’andamento delle partite, cominciammo a farci una certa cultura di baseball, disciplina che frattanto iniziava a svilupparsi in diverse città italiane come Nettuno, Roma, Firenze, Torino, Milano, Trieste, Grosseto. Fu nel pomeriggio del 4 dicembre 1948 che in una stanza piuttosto fredda (gli im-

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Ill b baseball b di altri tempi. Dalla mia memoria personale. Anni ‘40 – ‘50


72


'& '&()*'* +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

I Sailors Coniugare la tradizione del baseball amaranto, che dal lontano dopoguerra fornisce alle nazionali italiane numerosi atleti, con quella della nostra città. Da questa precisa e ferma volontà è scaturita la scelta sul nome dei “Sailors” appunto marinai, con il logo di una simpatica testa di Braccio di Ferro. Il nuovo Club, che è frutto di una decisione presa a fine anno 2005 di comune accordo con il N.B.C. Livorno dopo la sua promozione in A2, si occupa del settore giovanile in piena autonomia, nelle tre categorie nazionali Ragazzi, Allievi e Cadetti, offrendo a questi atleti la possibilità di essere seguiti con la massima attenzione e con le migliori risorse disponibili, consapevoli del fatto che i giovani talenti del baseball livornese sono un patrimonio da difendere. I risultati della stagione agonistica 2007 certificano positivamente il buon lavoro sino ad ora svolto dalla dirigenza dei Sailors: la squadra Ragazzi, guidata dai tecnici Sergio Banchelli, Mario Gentini e Lu-

1949, le prime divise

dell’operazione. D’altra parte era necessario trovare una certa quantità di stoffa bianca con discreti requisiti di resistenza e fu così che una ventina di famiglie livornesi si chiese che fine potevano aver fatto alcune lenzuola dei rispettivi guardaroba, ma i giovani rappresentanti di quelle famiglie, grazie anche all’improvvisata capacità sartoriale di uno di loro (per la cronaca mio fratello Giovanni con una vecchia Singer a mano-

ciano Vitello hanno raggiunto dopo un ottimo campionato, le fasi eliminatorie delle finali Nazionali Italiane, non superandole, ma riscattandosi prontamente centrando il successo della Coppa Toscana in settembre. Tra i Ragazzi vanno menzionati Lewis Sanchez convocato nella selezione Toscana e Premutati Philips per la Nazionale Italia Centro. Per quanto riguarda la squadra Allievi condotta da Maurizio Sbandi e Virgilio Perra, l’anno agonistico è iniziato nel migliore dei modi, perché la compagine labronica si è aggiudicata nel mese di febbraio, a Bologna, la Winter League 2007, torneo a carattere nazionale. Sono poi continuati i successi nel campionato toscano che ci hanno permesso di accedere alle fasi finali nazionali. La stagione agonistica si è conclusa con la bellissima vittoria al Torneo Internazionale delle Tuscany Series chiudendolo con 8 vittorie su 8 partite, e con il secondo posto alla Coppa Toscana. Tra gli Allievi va menzionato Eduardo D’Alesio per la sua convocazione nella selezione Toscana. Nella categoria Cadetti, l’allenatore Riccardo La Rosa pur affrontando alcune difficoltà legate all’organico, è riuscito a disputare un buon campionato. Buono anche il piazzamento della squadra durante il Torneo Internazionale di Sala Baganza. Nella selezione Toscana Cadetti troviamo con-

73

vvella) furono in grado di scendere in campo con le loro divid sse, certamente non griffate, ma ccomunque niente male. La cossa, vista con la mentalità di oggi, ffa sorridere, ma è realmente succcessa. Adesso il Nuovo Baseball Club Livorno ha la sua adeguata C sstruttura vista con occhio manageriale ed ovviamente le divise g degli atleti non sono quelle fatd tte in casa, anche se i problemi finanziari non mancano, ma non n si dimentica di una tradizione, della quale va piuttosto orgoglioso, fatta di sacrifici e di miracoli di fantasia. Alfredo Sisi Vicepresidente del Panathlon Club Livorno Past President del Baseball Club Livorno

LIVORNO BASEBALL A.S.D. (già Nuovo Baseball Club Livorno a.s.d.) SSede Se de e campo di gioco: Via Sommati, 11 - Livorno Presidente: Massimo Banchelli

vocati Buono Tommaso e Tomei Michele, quest’ultimo anche in Nazionale. Il 2008 sarà un anno ricco di novità: a iniziare dal nuovo Presidente Paolo Nencini che sostituisce Marco Piludu dimissionario. L’ultimazione ormai prossima del nuovo campo di gioco collocato nelle immediate vicinanze dell’altro campo di Via Sommati, frutto in gran parte del lavoro volontario di genitori, dirigenti e appassionati, permetterà la realizzazione di molti progetti, tra cui anche lo svolgimento di tornei a carattere nazionale e internazionale, con il patrocinio del Comune di Livorno, con il quale sta crescendo un’ attiva collaborazione. Ricordiamo che in occasione della manifestazione CAPIRE UN “ACCA” COME L’HANDICAP FA CULTURA, la nostra socie-

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

pianti di riscaldamento a quel tempo lasciavano un po’ a desiderare) della mia abitazione sul viale Carducci, fu ufficialmente stilato l’atto costitutivo del Baseball Club Livorno, approvato lo Statuto e assegnate le cariche sociali. Iniziò quindi l’attività agonistica vera e propria, in un primo tempo limitata ad incontri preparatori quasi giornalieri con altre due squadre che si erano nel frattempo costituite in città: i “Diavoli Rossi” ed i “Green Devils” che successivamente si sarebbero fuse con il Baseball Club Livorno. È del 1950 la prima partita con una squadra “di fuori” (le “Pantere” di Lucca), del 1951 la partecipazione ad un torneo ufficiale toscano e dal 1952 la partecipazione ininterrotta sino a ad oggi ai campionati nazionali nelle varie serie dalla D alla A1. Naturalmente per questi incontri furono necessarie le divise, ma le disponibilità della cassa sociale non permettevano il... finanziamento


Via Napoli, 20 - 54124 LIVORNO Tel: 0586 852028 - Fax: 0586 869434


tà è riuscita ha concretizzare un esibizione di baseball con palla sonora a cura dell’associazione AIBXC di Firenze (Associazione

Italiana Baseball giocato da ciechi), davanti ad un folto pubblico esterrefatto di ragazzi.

Non dimentichiamo poi, che ormai è divenuto un appuntamento abituale per molti livornesi, la presenza della nostra struttura gonfiabile nel periodo estivo durante le manifestazioni cittadine, che attirano sempre un notevole gruppo di pubblico, bambini e adulti che gratuitamente, possono provare a giocare a baseball, naturalmente assistiti dallo staff dei tecnici dei Sailors.

Softball Club Liburnia Il softball femminile è nato a Livorno nel 1970 quando un gruppo di allora ragazzine (oggi mamme) chiese al Baseball Club Livorno di organizzare la loro attività, ed infatti, tale società creò una sezione softball. La prima scesa in campo fu quella dei Giochi della Gioventù, ai quali seguirono i tornei regionali e successivamente i campionati nazionali. Nel frattempo erano nate altre squadre in città come quella del Villaggio scolastico di Corea e quella della Uisp che confluirono poi nel B.C.Livorno. Nel 1982 l’attività si rese autonoma con la fondazione del Softball Club Liburnia, che continua ancora oggi la sua marcia attraverso le varie serie di campionati. Ricordiamo il raggiungimento nel 1996 della serie A1 e la partecipazione di molte atlete alla nazionale che hanno avuto l’onore di indossare la maglia azzurra.

Asd Livorno Softball La società è stata costituita nel 2007 per rendersi efficace per la stagione 2008, nell’ambito della ristrutturazione del gruppo Livorno Baseball (Livorno Baseball e Junior Livorno Baseball Sailors) è stata inserita anche l’attività femminile (Livorno Softball). Presidente del Livorno Softball è Antonio Martini, che ha lasciato la presidenza del Livorno Baseball a Massimo Banchelli, mentre Paolo Nencini è presidente dello Junior Livorno Baseball Sailors. I tre con Comparini formano i ll’aggiunta aggi ag g unta di Andrea Com consigli consig iglil direttivi di tutte e tre le Società. La mission de dell Livorno Softball Softba è quella di por-

La società ha la sua sede storica al campo di via Campania (una volta via dei Pelaghi) di fronte al comando dei Vigili del Fuoco, sul quale sono state disputate varie gare internazionali come il Campionato Europeo di Softball Juniores nel 1993 e le finali della Coppa Europea nel 1994 e 1995. Il Softball Club Liburnia ha sempre curato il settore giovanile con squadre aliene, cadette e juniores. Nel 2007 per problemi di carattere organizzativo, il Softbal Liburnia ha deciso di non partecipare al campionato di serie B con la propria squadra senior, ma ha invece partecipato a quello juniores con ottimi risultati. Infatti, ha conquistato il titolo regionale vincendo tutte le gare disputate, ed ha anche preso parte al III Torneo Internazionale di Boves (Cuneo) contro le squadre dello stesso Boves di Vercelli, Ancona e Tolone classificandosi al terzo posto. Per il 2008 il programma prevede la ripresa delle attività seniores nel campionato di serie B e la partecipazione a quello

delle juniores. La società, inoltre, si propone di intensificare l’intervento nelle scuole in modo da promuovere l’attività partendo dalle più giovani, cioè dalle ragazzine di sei anni con il mini-softball e con la partecipazione, a partire dai 9 anni, ai campionati giovanili.

tare la città, in questa disciplina sportiva, a partecipare ad un campionato di livello, di fatto stiamo trattando da una società toscana, i diritti per partecipare ai Campionati Serie A2, con l’intento nel giro di un paio di anni, di arrivare al massimo campionato di serie A1. Raggiungeremo questi obiettivi con una precisa strategia, per quanto riguarda le atlete dopo aver constatato che ve ne sono alcune toscane che militano in società di serie A1 e A2 fuori regione, abbiamo deciso di convocarle e chiedere la loro disponibilità per creare una società forte in Toscana. La risposta è stata estremamente positiva e ci ha posto in condizioni di partire. Per quanto riguarda lo staff tecnico, ab-

biamo già concluso con Erio Bosi di Lucca (che ha allenato per svariati anni in serie A2 le Pantere di Lucca) e siamo in dirittura d’arrivo per un coach di scuola cubana e per un preparatore atletico di indiscussa qualità. La società si avvarrà dello sponsor Catarsi Serramenti. Naturalmente quanto prima ci adopereremo per creare un’attività giovanile, in modo da avere rifornimenti per gli anni futuri. Il campo di gioco del Livorno Softball sarà presso l’adiacente struttura dello Stadio del Baseball di Banditella.

75

SOFTBALL CLUB LIBURNIA A.S.D. Sede e campo di gioco: Via Campania, 12/14 - Livorno Presidente: Mauro Gallinari

LIVORNO SOFTBALL A.S.D. (nuova società) Sede Se ede e campo di gioco: Via Sommati, 11 - Livorno Presidente: Antonio Martini

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

A.S.D. JUNIOR LIVORNO BASEBALL (già Sailors Livorno Baseball a.s.d.) Sede e campo di gioco: Via Sommati, 11 - Livorno Presidente: Paolo Nencini


Abbigliamento - Calzature Accessori

LAVORAZIONI ELETTRICHE MECCANICHE INDUSTRIALI COMMERCIO SERVIZI

Via dell’Impresa 18, ss 206 - Collesalvetti LIVORNO


F.I.C. Fed. Italiana Canottaggio !!!"#$"$%&$

Dal lontano ‘800 fino ai nostri giorni Il passato remiero nella nostra città, riconduce inevitabilmente ai suoi più famosi protagonisti, gli Scarronzoni, un equipaggio formidabile entrato nella leggenda non solo del canottaggio italiano. Sarebbe però ingiusto limitare il ricordo solo ai canottieri che fecero parte di questo insuperato armo, dimenticando altri grandi atleti che li precedettero e quelli che in tempi successivi sono succeduti. Nella nostra città il canottaggio nasce ufficialmente nel 1876 con la società Alfredo Cappellini, fu in questo periodo che i banchi fissi delle imbarcazioni furono sostituiti da sedili scorrevoli, nacquero le jole da mare e gli outrigger meglio conosciuti come fuoriscalmo. Nel 1890 venne fondato il Club Nautico Il Remo, e gli equipaggi di questa società non tardarono a mettersi in evidenza aggiudicandosi negli anni 1895, 1896, 1897 e 1899 i titoli italiani nel quattro con timoniere, e sempre con la medesima imbarcazione furono terzi agli europei del 1896 e secondi in quelli del 1897 e 1899. Dei vari equipaggi fecero parte Ettore Sebastiani, Fortunato Barbini, Alfonso Taddei, Ezio Carlesi, Silvio Saettini, Alberto Bertolani, Attilio Balena, Niccolò Razzaguta, Giovanni Rodinis, Corrado Gragnani. Nel 1910 a conquistare un titolo italiano è il 2 jole di Ugo Gallinari e Umberto

Il Doppio della Unione canottieri Livornesi composto da Silvio Ferrini e Fabrizio Biondi

impresa che ripeterono nel 1929 anno in cui vinsero ancora il titolo europeo. In appena 4 anni l’equipaggio arricchì il palmares della società con 3 titoli europei e 4 italiani. Con i Vestrini si affacciò alla notorietà Cesare Milani, il loro timoniere C del d “2 con”, che tanti allori raccoglierà al timone degli Scarc ronzoni. r Nel 1928, Carlo Mazzanti formò m un 8 jole con Cioni, Garzelli, Del D Bimbo Guglielmo, Del Bimbo b Mario, Barsotti, Nenci, Favilla, l Tognaccini, al timone Mario Ghiozzi; nacquero gli ScarronG zoni. Questo nome rappresenta z una leggenda tutta livornese u del d remo nazionale e mondiale, ili mitico “Otto” composto da atleti tutti livornesi dominò la scele Il quattro di coppia con i Livornesi Silvio Ferrini al na internazionale dal 1929 sino quarto remo e Fabrizio Biondi al secondo remo all’immediato dopo guerra. È quindi da questa triplice fusione, Sotto questo nome, che andò a tutte operazione della quale fu tenace promo- gli equipaggi che si alternarono sull’otto, tore Gino Benini, che nacque nel 1919 furono vinti dal 1928 al 1941: 12 titoli ital’Unione Canottieri Livornesi; come colori liani, due titoli europei (nel 1929 a Bydsociali fu scelto il blu con banda bianca, goszcz in Polonia, e 1937 ad Amsterdam), sede sportiva le cantine degli Scali D’Aze- due medaglie d’argento alle olimpiadi glio. Presidente venne eletto il Comm. di Los Angeles nel 1932 e Berlino nel Gino Benini, vice presidente Vincenzo 1936, tre secondi posti agli europei dei Razzauti, direttore di voga Carlino Maz- 1930, 1931,1933, e un terzo nel 1938, tre zanti. Lo sport del canottaggio sembrava secondi posti ai campionati italiani del fatto apposta per il carattere dei livor- 1934,1942,1947. nesi, guascone e irridente, smargiasso, Questi i loro nomi: Mario Balleri, Renageneroso e combattivo e, infatti, la socie- to Barbieri, Renato Bracci, Dino Barsotti, tà iniziò subito bene, con la vittoria nel Guglielmo Del Bimbo, Alberto Bonciani, 1920 e nel 1921 col titolo italiano nel 4 Vittorio Cioni, Mario Checcacci, Eugenio jole e nel 1925 con il 2 jole. Nenci, Cesare Milani (timoniere), GiovanIl 2 jole del 1925 era formato dai fratelli ni Persico, Dante Secchi, Roberto Vestrini, Pier Luigi e Renzo Vestrini, “I Due Mori”, un Enrico Garzelli, Oreste Grossi, Enzo Bartoequipaggio che in pochi anni entrò nella lini, Ottorino Quaglierini, Dario Lavoratori, storia del canottaggio: nel 1926 furono secondi ai campionati europei, nel 1927 vinsero due titoli italiani nello stesso giorno, alternando il “due con” e il “due senza”, impresa che fu ripetuta a pochi giorni di distanza nei campionati europei. Nel 1928 parteciparono alle olimpiadi, dove però furono eliminati in semifinale per un malore dei capo- voga, nello stesso anno Il doppio di Silvio Ferrini e Fabrizio Biondi in azione allo Scolmatore vinsero il titolo italiano nel “2 con”,

Rodinis, del Club Nautico Livorno sodalizio fondato nel 1908. La svolta del canottaggio livornese avvenne prima nel 1915 con la fusione della Cappellini e del Remo, alle quali nel 1919 si unì il Club Nautico Livorno.

77

F.I.C. Federazione Italiana Canottaggio

'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +,(&-$.* *


78


Il D Doppio i dei d i Vigili Vi ili del d l ffuoco Tomei T i composto da Stefano Lari e Marco Marconcini

Con il 1941 si chiuse per l’Unione Canottieri Livornesi un periodo irripetibile: due medaglie d’argento alle olimpiadi, cinque titoli europei, 24 titoli italiani. Nel 1946, dopo gli eventi bellici, si riaprì la sede, furono sostituite le barche, si riprese a vogare, e si tentò di formare un nuovo otto senza però riuscire a centrare i risultati di una volta. Nel 1949 tuttavia un nuovo otto vinse il Campionato Italiano del Mare ed il titolo junior con l’equipaggio composto da Cecchi, Savi, Unico Marconcini, Magherini, Fiorini, Balleri, Basoni, Palmerini, tim. Langella; dieci anni dopo l’otto juniores si ripeté ancora, con l’equipaggio compo-

Marco Marconcini sul podio dei campionato mondiali juniores del1973

sto da Bollati, Raveggi, Giusti, Del Bimbo, Menicagli, Umberto Marconcini, Brondi, Citi, tim Langella. Dopo la scomparsa di Mario Ghiozzi e Cesare Milani, agli allenamenti degli equipaggi si avvicendarono Secchi, Persico, Unico Marconcini, Canzio Vivaldi, Alvaro Rossetti, al timone erano passati Elio Langella, e poi Umberto Ceccarelli. Negli anni 60, atleti livornesi, in forza a gruppi sportivi militari, si riaffacciarono alle regate internazionali: Luciano Ciucci olimpioni- FFrancesco Marconcini M i i premiato i t con lla medaglia d li di bronzo ai campionati Italiani assoluti del 2002 co di Roma 1960, Vinicio Brondi campione europeo con l’otto della Dopo un periodo di appannamento Marina Militare nel 1961, lo stesso Bron- anche la Canottieri Livornesi trovò nuodi, e Egidio Valli, nel 1962, parteciparono va linfa; in campo nazionale gli equipagai campionati mondiali nell’otto, mentre gi bianco azzurri conquistarono vari titoli altri atleti come Giorgio Sonetti, Sansoni, italiani: nel doppio (1973,74,76,77) nel si distinsero in gare pre-olimpiche. singolo (1976), e nel quadruplo (1976 e Nel 1963 nacque la società Vigile del 1977) e si aprì poi per loro il sipario interFuoco Tomei, ma fu con l’arrivo di Uni- nazionale: il doppio di Ferrini, Biondi, nei co Marconcini nel 1965 che il sodalizio campionati mondiali fu sesto nel 1974 a si affacciò al mondo delle competizioni Lucerna e ottavo nel 1975 a Nottingham. sportive. Nel 1975 il canottaggio livornese perLasciata l’Unione, Unico diventò prima se la grande occasione di puntare ad direttore del Circolo Stanic poi venne un podio olimpico, forse il più alto, in chiamato ai Vigili del Fuoco Tomei che quell’anno si pensò di formare un quattro avevano come comandante l’ing. Luigi di coppia che poteva rivelarsi come il più Brozzi, segretario del sodalizio fu Gino forte in assoluto mettendo sulla stessa Patanella , ancora oggi in carica direttore barca Silvio Ferrini e Fabrizio Biondi della sportivo fu nominato Mario Giochetti. Unione Canottieri Livornesi e Marco MarNei primi anni di attività gli equipaggi concini e Casprini del Tomei. L’idea però del Tomei cominciarono ad affermarsi sfumò, ai Giochi Olimpici di Montreal funelle gare regionali, e nel 1971 Mauro Masnada e Vittorio Pasqui furono chiamati a far parte della nazionale junior, ma è in questo periodo che cominciò a gareggiare Marco Marconcini, figlio di Unico. Marco nel 1973 conquistò il titolo italiano junior, ma l’anno d’oro fu il successivo perché ai Campionati Mondiali Juniores di Ratzeburg in Germania, Marconcini conquistò il titolo mondiale nel singolo juniores, primo titolo mondiale della Fej derazione Italiana. Nel 1975 Marconcini conquistò il primo titolo italiano senior, davanti al compagno Casprini, mentre un altro atleta del Tomei, Alessando Ciari, partecipò ai campionati mondiali di Montreal. Marco Marconcini allenato dal padre Unico, dopo il titolo mondiale fu medaglia d’oro in Coppa Europa 1975 e d’argento nel 1976 e vincitore di 5 titoli italiaMarco Marconcini con il padre Unico e il ni nelle varie categorie. segretario Gino Patanella

79

F.I.C. Federazione Italiana Canottaggio

Antonio Colonnacchi, Ottorino Godini, Corrado Neri, Pio Manteri, Mario Magherini, Enzo Favilla, Renato Tognaccini, Mario Dei Bimbo, Raffaele Cioni, Dino Cecchi, Canzio Vivaldi, i fratelli Marino e Pescino Pescia, Malacarne, e il loro maestro Mario Ghiozzi che fu anche Commissario Tecnico Unico del canottaggio Italiano. In quell’epoca memorabile, la società conquistò altri titoli italiani, nel 1936 con il 2 senza, nel 1929 e nel 1934 nell’otto jole e poi tante altre vittorie in regate nazionali e internazionali.


80 80


L’equipaggio azzurro con il capovoga Stefano Lari impegnato in una gara internazionale a Mosca nel 1982

alle a FF.GG. ottiene la medaglia g di bronzo alle Olimpiadi di Atene 2004. A Dario Lari (nipote di Stefano), anche lui in forza alle f FF.GG., terzo ai mondiali del F 1998, vincitore della Coppa 1 del d Mondo nel due senza timoniere, ottavo alle Olimpiadi m di d Atene 2004 Nel 2005 Dario Lari e Agammenoni conquistano la medam glia di bronzo ai mondiali nel

81

F3 Sulla sinistra della foto le atlete della canottieri Livornesi Rosi Ravetta e Laura Molinari seconde classificate ai campionati italiani assoluti 2001

F.I.C. Federazione Italiana Canottaggio

di d coppia under 23 formato da Dario due senza. Filippo Mannucci, rosignaneLari, Agammenoni, Camus, Dalli, nel- se, del G.S. del Corpo Forestale, è vinciL lo stesso anno Dario Lari conquistò la tore di 4 Campionati del Mondo nel 4 di medaglia di bronzo nei campionati coppia pesi leggeri nel 2001, 2002, 2003 m e 2005. Mondiali. M Altri atleti livornesi, in forza a sodalizi Due anni dopo il GS Tomei bissa il successo nei campionati under 23 militari o di altre città si mettono in evis sempre con il quattro di coppia com- denza in campo nazionale e internazios posto da Gambacciani, Lari Camus, nale negli anni dal 1989 al 1997 come p Massimo Biondi, Michele Quercioli, MiAgamennoni. A Nel 2000 i vigili del fuoco conqui- chele Menicagli, Daniele Panicucci, Masstano la medaglia d’argento ai tricolo- simo Marconcini, Riccardo Nannipieri. s In campo femminile, sono due atlete ri r juniores nell’otto formato da Stasi, Silvio Ferrini e Fabrizio Biondi premiati per la vittoria nei campionati italiani Barghigiani, Tedeschi, Gambacciani, della Canottieri Livornesi, Laura Molinari Galoppini, Righini, Balleri, Pretini, tim. e Rosetta Ravetta, campionessa di canoa, rono ancora Ferrini, settimo nel doppio e Poli, con l’ossatura di questo equipaggio, passata al canottaggio, a mettersi in eviBiondi decimo nel singolo a portare alto il e con l’unica variante di Camus al posto denza con il secondo posto ai campionati vessillo della Canottieri Livornesi e del ca- di Galoppini, si forma l’otto pesi leggeri italiani assoluti nel 1999 nel due senza. nottaggio livornese. Biondi, che nel frat- che ottiene la medaglia di bronzo ai camLa rassegna del passato si chiude con tempo era passato alle Fiamme Gialle, fu pionati italiani. Francesco Marconcini, atleta prima del sesto ai mondiali di Amsterdam nel 1977 e dodicesimo in Nuova Zelanda nel 1978. Altra società labronica che emerse fu il Circolo ricreativo dei Portuali di Livorno i cui atleti come Piero Costanzo, Vladimiro Mannocci, Fabrizio Mondolfi, Vito Palazzolo vestirono più volte la maglia della nazionale in competizioni importanti come i Campionati del Mondo Junior. Negli anni ‘80 l’atleta di spicco fu Stefano Lari, atleta prima dei Portuali poi dei VV.F. Tomei, che entrò a far parte della Nazionale nel 4 di coppia, barca che alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984 fu i i azzurro con il capovoga livornese li Stefano S f LLarii alle ll olimpiadi li i di del d l 1984 a Los L Angeles A l quarta per pochi decimi di secondo dai L’L’equipaggio terzi, ma il podio arrivò anche per questo Tiziano Camus vince l’oro nella Coppa GS.VVF Tomei, poi della Canottieri Liatleta con la medaglia di bronzo ai mon- delle Nazioni Under 23 nel 1999 e l’argen- vornesi, azzurro senior B e partecipe ai diali assoluti del 1983. to nel 2002, nello stesso anno è medaglia Mondiali Universitari del 2004 con all’atDa parte del GS Tomei in campo na- d’argento nel singolo ai campionati ita- tivo il terzo posto ai campionati assoluti zionale furono conquistati i titoli italiani liani assoluti, e nel 2004 è terzo con Emi- del 2002 e Daniele Ceccarini, atleta nanel singolo con Massimo Marconcini nel liano Ceccatelli nei campionati italiani. zionale in forza alle Marina Militare di Sa1991, nel quattro di coppia, con QuercioNegli anni 2000 Livorno vanta altri atle- baudia, vincitore dei Mondiali Militari e di li, Panicucci, Marconcini, Nannipieri nel ti nazionali. Luca Agamennoni è argento diversi titoli italiani. 1992 e nel doppio con Quercioli, Nan- nel 2001 nel quattro senza ai Mondiali niperi nel 1993, nel 1997, con il quattro Assoluti poi passato in forza A


8822


!!!"#$"(//$ !!!

Problemi di ieri… problemi di oggi Per avere un’idea sul presente del canottaggio livornese si può prendere come riferimento un articolo pubblicato sul giornale “La Nazione” 19 luglio 1959 dal titolo “Nel ricordo degli Scarronzoni i livornesi tornano sul mare”. L’articolo che auspicava la ricomposizione di un otto di valore, che potesse emulare le gesta degli Scarronzoni, analizzava la situazione del momento, e indicava le difficoltà che incontrava al tempo l’Unione Canottieri Livornesi.

Il quattro con timoniere azzurro impegnato ai mondiali Under 23 del 2007 al secondo remo Alessio Melosi

Quello che colpisce dell’articolo è, purtroppo, la sua attualità, essendo rimasti i problemi di allora più o meno gli stessi dei tempi odierni … I giovani poi irriconoscibili, hanno altro per la testa che andare a rompesi la schiena piegarsi su e giù ai remi, al ritmo del timoniere. Il calcio li ha fatti rovinare… A che serviva l’entusiasmo degli anziani, di quelli che avevano vissuto essendone protagonisti i tempi d’oro del remo livornese. Colpa dei tempi? Ma Quaglierini, Secchi, Magherini, Mario Spazzola, Razzauti, e tutti gli altri, hanno deciso di muoversi. Sono stufi a parlare di far la corte dei ricordi. È cominciata a serpeggiare una vecchia idea. E’ proprio impossibile rifare a Livorno un otto come di deve? Si, no, bisognerebbe qui, bisognerebbe là. C’è stato qualcuno che si è deciso e in pochi mesi è stato ricostituito un armo fuoriscalmo. L’allestimento costa un occhio e alla UCL i Creso non esistono. La socie-

tà va avanti con i contributi dei dirigenti. per fare grandi cose, Non sono sufficienti p servono per tirare avanti ava dignitosamente. annuale porta scarsi conIl reclutamento annu tributi… … I club privati, si trovano in grande imbarazzo se non hanno solide basi economiche. Non possono competere con l’efficiente organizzazione dei gruppi sportivi militari che possono avere continuamente a disposizione i loro atleti, possono svolgere una attività senza impegni. “Da noi la gente lavora – diceva Magherini – e remare per perdere uno stipendio che non possiamo rimborsare, non piace a nessuno per quanto entusiasmo possa avere. Anche troppo se riusciamo a combinare tre incontri settimanali per gli allenamenti. In questo settore agonistico, la pur qualificata iniziativa privata non può competere con l’attività statale. Il problema non riguarda solo l’Unione Canottieri Livornesi. Si assiste così al fenomeno sempre più vasto e ampio dell’espansione remiera dei “militari”. Le regate italiane vedono in lizza gli equipaggi dei corazzieri, marina militare, carabinieri, finanzieri, eccetera…” Oggi le cose non sono cambiate molto, i gruppi sportivi militari sono, Fiamme Gialle, Fiamme Oro, Forestale, Marina Militare, e questi assieme ad altri pochi sodalizi privati sono i soli che possono permettere agli atleti d’alta specializzazione di poter continuare a fare sport ad alto livello. Il canottaggio, che a Livorno è una realtà consolidata e praticata da oltre cento anni, è rappresentata da quattro società: Unione Canottieri Livornesi, G.S. Vigili del Fuoco Tomei, Accademia Navale e Canottieri Marconcini, che seppure in modo diverso svolgono la propria attività coprendo tutte le categorie che vanno dagli allievi ai senior. Tra gli esponenti del remo livornese brilla su tutti Elisabetta Marconcini della Canottieri Marconcini, che nel 2006, dopo aver collezionato una serie di ottimi piazzamenti nei Meeting Nazionali, ha conquistato il titolo italiano nel singolo femminile junior. Nello stesso anno, dopo il tricolore storico e la convocazione in azzurro, l’atleta livornese ha conquistato il decimo posto ai campionati mondiali juniores di Amsterdam nel quattro di coppia e nel finale di stagione il secondo posto nel singolo canoino, sempre nei campionati italiani juniores femminili. Ancora nel 2006 nei campio-

83

nati mondiali universitari disputati a Trakai (Lituania), sono stati due atleti del G.S. Vigili del Fuoco Tomei a mettersi in evidenza, Jacopo Biagi e Alessio Melosi, terzi classificati nel quattro senza. Nel 2007 ancora Melosi in evidenza, con il 7° posto ai Campionati Mondiali Under 23 nel quattro con e Emiliano Ceccatelli atleta del Tomei, terzo classificato ai Campionati Assoluti e primo classificato nel Gran Premio Società nella specialità del singolo. L’atleta più rappresentativo del canottaggio livornese è Luca Agamennoni ora in forza alle Fiamme Gialle Sabaudia, l’atleta ha all’attivo tutta una serie di risultati importanti tra i quali un terzo posto ai giochi olimpici del 2004 nel quattro senza, un terzo ai mondiali del 2005 nel due senza, un secondo posto ai mondiali del 2006 con l’otto e sette titoli tricolori dal 1998 al 2006. Come atleta simbolo del canottaggio livornese di oggi si può indicare senza ombra di dubbio Elisabetta Marconcini, portabandiera di una disciplina che nasce, cresce, e rema tra difficoltà sempre più grandi e tra queste lo Scolmatore, unico bacino remiero che scade sempre più in condizioni precarie. I successi degli atleti livornesi sono il simbolo della volontà e determinazione delle società di canottaggio livornesi che vanno oltre i sacrifici ben conosciuti e detti di discipline sportive come il canottaggio.

Eli b tt Marconcini M i i aii mondiali di li Elisabetta juniores 2006 (foto D. Zangla)

F.I.C. Federazione Italiana Canottaggio

'&()*'* +,(&-$. . +,(&-$.*!!!


84 84


!!!!"#$"#(0*)$ !!"#

Un appello per poter continuare a crescere campioni locali

in tutte le specialità che singolo all’otto? vanno dal sing Livorno è una città dalle grandissime, potenzialità g ma purtroppo molto frazionate, si pensi alle società di canottaggio, ma anche alle tante sezioni nautiche. Ci sono alcuni elementi legati al futuro del canottaggio da valutare con la massima serietà e con propositi risolutivi, tra questi la possibilità di stabilire un rapporto diverso pp

Il futuro è nei giovani, ma il passato ci insegna. Parlare di canottaggio a Livorno è come fare un tuffo nel passato e ritrovarsi al fianco di grandi atleti, in qualElisabetta Marconcini sulla barca azzurra ai mondiali juniores 200 ( Foto D. Zangla) che caso rudi vogatori, ma è anche fare un tuffo nel presente e nel fugli uomini che vi si dedicano, atleti, alturo per cercare di capire quanlenatori, dirigenti, sono un patrimonio ti dei giovani che oggi sacrifidi questa città, delle sue tradizioni e cano le loro giornate a questo della sua storia e vanno salvaguardati sport, che può dar loro al mascon una programmazione che non si simo qualche attimo di gloria, proponga di mantenere le scadenze, saranno ancora li a difendere i bensì intenda potenziarle facendone colori delle loro società. qualcosa di importante da sviluppare Proprio il passato, se non per il bene della città. sapientemente preso come riViviamo un momento di svolta assai ferimento, può rappresentare importante e denso di incognite, e se un ostacolo per il futuro, un vogliamo dare alla nostra tradizione grosso fardello per gli addetti remiera il respiro indispensabile per Elisabetta li b premiata i per la l vittoria i i aii campionati i i ai lavori, molti si domandano andare avanti e sviluppare le proprie italiani juniores 2006 (Foto Cecchin) quando Livorno potrà espricapacità è necessario muoverci con urmere nuovamente un otto che tra il mondo del canottaggio e quello genza e idee chiare. possa rinverdire le gesta degli Scar- delle sezioni nautiche, al fine di conEdoardo Nicoletti ronzoni, come se questo possa essere sentire agli atleti di poter gareggiare l’unico obiettivo. liberamente, sia nelle gare remiere citLa domanda dovrebbe essere un’al- tadine sia in quelle di canottaggio. tra: quando la nostra città potrà vantaI pareri su questo tema sono molti e re altri canottieri, capaci di affermarsi diversi, l’unica cosa certa è che il mondo del remo livornese d ha bisogno di una svolta h cconcreta per dare nuova llinfa all’attività promozionale e agonistica, occorre n muoversi con urgenza e m cchiarezza di idee, affincché la tradizione remiera possa andare avanti e p ssviluppare le proprie capacità e potenzialità, per p evitare che il canottaggio e llivornese continui a vivvere solo nel ricordo dei ssuoi miti e delle sue leggende. g Le gare remiere siano esse di canottaggio ope L’allenatore Stefano Lari con l’atleta Emiliano Ceccatelli L’atleta del Tomei Alessio Melosi con la vincitore del Gran premio Società 2007 (Foto D Cecchin) divisa della nazionale Under 23 pure quelle dei gozzi, e

85

F.I.C. Federazione Italiana Canottaggio

'&()*'*"+,(&-$.*!!!


Le nostre sedi Deposito: 57025 Piombino (LI) Loc.tĂ Fiorentina, 61 Tel.0565-276060 Telefax 0565-276040 0586-430141

Centro Operativo Containers: 57017 STAGNO (PI) Via Aurelia Sud, 57 Tel. 050-988045 Telefax 050-988044 0586-430240

Sede Sociale e deposito: 57121 LIVORNO (LI) Via Firenze, 12 Tel. 0586-430111 Telefax 0586-407254 e-mail: info@coecitransoil.it 86 86

C/TO Deposito: Montedoglio Petroli s.r.l. Via UnitĂ d'Italia, 54/a 52036 Pieve S. Stefano (Ar) Tel.0575-797070 Telefax.0575-799116 - 0586-430243 e-mail: montedoglio@coecitransoil.it


L’atletica leggera e Livorno

Basta andare al Campo sportivo scolastico intitolato al campione dirigente dell’Atletica Livorno “Renato Martelli”, per rimanere senza parole alla vista di centinaia e centinaia di ragazzi che si allenano, al caldo, al freddo ma sempre con la stessa passione e la stessa intensità. Perché, ed è bene dirlo subito, l’atletica leggera è passione, è intensità, è fatica… tanta. Ma soprattutto è GIOIA di appartenere ad un mondo sportivo che non ha eguali. Solidarietà, cultura fisica e mentale, insieme al divertimento sono alla base di questa disciplina che tanto ci ha dato e tanto ci darà in futuro. Livorno e l’atletica leggera. Un binomio che da sempre ha onorato lo sport della città, vuoi per i suoi campioni di ieri e di oggi, vuoi per i successi delle nostre Società, vuoi per l’immagine organizzativa che non ha pari in Italia, vuoi per un Gruppo Giudici Gare che da sempre è al top in Toscana e non solo. Tecnici, Dirigenti di altissimo livello che ci sono invidiati da tutta la Toscana, che sono fra i migliori in Italia. Questa è la base per parlare da subito del Domani. Un domani che sulla base dell’esperienza storica e sull’attività di oggi si presenta facile da pronosticare. ECCELLENTE, come fino ad ora è stato.

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

La lunga lista dei campioni

Un riferimento al passato è doveroso perché l’attività di Atletica è nata nel 1945, quando gli americani usarono una sorta di carbonella per pareggiare la pista dell’attuale Armando Picchi. Allo stadio si allenava un certo Dillard, centometrista che alle olimpiadi di Londra si laureò campione olimpico. L’aria di Livorno lo aveva “caricato” al punto giusto. Nello stesso anno, il 45 nasce la prima Società di Atletica: la TSC Ardenza. Andò avanti per pochi mesi. Nel 1946 la Società calcistica Pro Livorno fonda al suo interno una Società di Atletica Leggera che porta lo stesso nome. Va avanti per due anni. Nel 1947 Renato Martelli e Alfredo Damiani danno vita alla Associazione Sportiva Livornese. Nello stesso anno “Sandrino” Lomi e Luciano Fenzi fondano la Polisportiva Libertas Livorno di cui Antonio Are è il Presidente. Nel 1950 i già citati Renato Martelli e Alfredo Damiani, con Mario Pardini, Francesco Calderini e Luigi Meschini fondano l’Atletica Livorno. Da quegli anni, fino ai giorni nostri, sono

nati e nascono atleti che hanno vestito la maglia azzurra, sono diventati campioni italiani, sono diventati campioni del mondo. Per l’Atletica Livorno sono: Drovandi Vittoriano (alto), Ulivelli Luigi (lungo), Buonaccorsi Alberto (lungo), Marconcini Paolo (peso), Nevini Canzio (fondo), Gini Leonardo (velocità), Ferrazzuto Daniele (giavellotto), Calamari Fulvio (velocità), Casali Roberto (giavellotto), Rachedi Omar (1500), Lemmi Andrea (Alto), Pericoli Roberto (triplo), Vizzoni Nicola (martello), Formichi Roberto (lungo), Cellai Alessandro (siepi), Augusti Antonio (giavellotto), Volandri Luca – Foresi Fausto – Turini Mauro (4x100), Fioravanti Gino (peso), Rosetti Antonio (100), Cellai Andrea (1000 e 3000), Mori Fabrizio (400 Hs), Pannocchia Riccardo (lungo). Per l’Atletica Libertas Livorno sono: Dani Marcello (velocità e mezzofondo), Luigi Ulivelli (lungo), Lenzi Alvaro (mezzofondo), Trainni Mario (lungo), Filippi Lucia (peso), Rovetto Francesco (peso), Bagnoli Claudia (disco), Zironi Lucia (disco), Zucchi Elisa (mezzofondo), Gini Patrizia (mezzofondo), Burchielli Letizia (disco), Fuduli Andrea (disco), Galeotti Daniela (alto), Gigliozzi Claudia (giavellotto), Matteucci Lorenzo (alto), Noverino Francesco, Capperi Veronica (peso), Gianna Lanzini (300 indoor).

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

La ricchezza dei giovani

Oggi, 2007, queste Società dalla lunga ed illustre storia sono ancora in ottima salute. L’Atletica Livorno ha avuto dal CONI la massima onorificenza sportiva, la medaglia d’oro al valore sportivo. L’Atletica Libertas Livorno segue a ruota con la medaglia d’argento del CONI. L’atletica leggera a Livorno, quella odierna, si fa apprezzare in tutta Italia per le numerose adesioni a livello giovanile, che da sole sono già una vittoria per le già citate Società e per le altre due Socie-

Un gruppo di esordienti Libertas che incita i partecipanti alle gare

87

F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica leggera

F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica Leggera


8888


non ritirato); 2005 - Francesco Gazzetti (Granducato TV) e Stefano Mensurati (RAI); 2006 - Stefano Angeli (il Tirreno) e Piero Dorfles (RAI). Inoltre, allo scopo di migliorare sempre la qualità dell’approccio con il mondo sportivo e non solo, abbiamo organizzato diversi seminari tenuti dal famoso sociologo Dott. Maurizio Cevoli. Ma in Atletica leggera sono i numeri a parlare, ed è per questo che facciamo subito dei numeri e dei nomi:

I numeri:

circa 500 atleti esordienti solo a Livorno

Massimo Terreni, campione mondiale Master

I nomi invece sono: Attività Internazionale onale

ANDREANI MATTEO (Atl. Livorno) • Partecipato ai Camp Europei Junior a Hengelo • Incontro Ita-fra-ger Indoor Junior a Vittel • Incontro Ita-Fra -Spa-Cina indoor Junior a Fi • Campione Italiano Junior indoor dei 60 ost. • Primatista italiano Junior dei 60 ost • Argento Camp. Ita junior 110 ostacoli • Camp. Tosc. assoluto 55 ost. indoor • Camp. Tosc. assoluto 200 • Camp. Tosc. junior 100 e 200 MASSIMO TERRENI (Lib. Livorno) • Campione mondiale master • Primatista italiano lancio del martello MASSIMO LATINI (Run.Livorno) • Campione italiano master 800 metri

Attività Nazionale

IVAN MACH DI PALMSTEIN (Run. Li.) • Campione regionale indoor di salto in alto • Campione regionale indoor 55 hs • Campione regionale outdoor salto in alto • Campione regionale pentathlon • Campione italiano cadetti salto in alto • Miglior risultato italiano nel 1997 nei 100 hs MAGNI ELISA (Atl. Livorno) • Bronzo italiani allieve nel martello • Camp. tosc. martello allieve lanci invernali • Camp. tosc, martello allieve MARSI LUCA (Atl. Livorno) • Bronzo italiani junior decathlon • Camp. tosc. assoluto di eptathlon indoor • Camp. tosc. junior di asta e peso • Camp. toscano junior di decathlon BERNINI FABRIZIO (Atl. Li.) • Bronzo camp. italiani master getto del peso • Camp. toscano getto del peso master

89

FAVORITI MASSIMO (Atl. Li) • Bronzo camp. italiani master salto in lungo • Camp. toscano master salto in lungo • Camp. toscano master 4x100

Attività Regionale ALBERO ANDREA (Atl. Li) • Camp. toscano assoluto indoor del lungo BACCI ALESSANDRO (Atl. Li) • Camp. toscano m. 300 cadetti • Camp. toscano 4x100 cadetti • Camp. toscano di squadra di pentathlon BACCI ANDREA (Atl. Li) • Camp. toscano di squadra di cross ragazzi • Camp. toscano di squadra di corsa ragazzi BANESCHI DAVIDE (Atl. Li) • Camp. toscano junior cross • Camp. toscano junior 5000 BELFIORE TOMMASO (Lib. Li.) • Camp. toscano salto triplo cadetti BERNINI LORENZO (Atl. Li) • Camp. toscano di squadra di corsa cadetti CARLÀ GIANMARCO (Lib. Li) • Campione toscano salto triplo allievi CAPRAI CLAUDIO (Atl. Li) • Camp. tosc. di squadra di marcia ragazzi • Camp. toscano marcia su strada ragazzi CAROTI GIACOMO (Atl. Li) • Camp. toscano di squadra di corsa ragazzi CONTINI MATTIA (Lib. Li.) • Camp. toscano 4x100 ragazzi CORSI NICOLAS (Atl. Li) • Camp. toscano di squadra di corsa ragazzi CROSATO LUCA (Atl. Li) • Camp. tosc. ragazzi di alto indoor

F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica leggera

tà, la UISP Agostini Livorno, legata all’Atletica Livorno e la Runners Livorno legata invece all’Atletica Libertas Livorno. La Società Atletica Livorno è quella che vanta senza dubbio una attività di ottimo livello in tutte le categorie sia nel settore assoluto che giovanile. I suoi quadri tecnici e dirigenziali sono invidiati da tutti. E’ campione regionale di Società nella maggior parte delle categorie giovanili, vanta ottimi piazzamenti nei campionati nazionali di serie A giovanili. Inoltre, da qualche anno dalla passione e dalla grande capacità tecnica del Prof. Bruno Gabbi è nata di nuovo una disciplina che era assente dal panorama labronico da vari anni, la marcia. Emergono oltre a vari talenti individuali anche grandi prestazioni di squadra, la prima in Toscana. La Società “cugina”, la Libertas Atletica Livorno dopo alcuni anni in cui si è dedicata unicamente alla cura del settore giovanile, grazie anche ad un accordo di fusione con la Società Runners Livorno, sta rimettendosi in movimento per ritornare ai fasti di qualche anno fa con l’intenzione di riprendere una buona attività nel settore assoluto. La Società possiede talenti individuali di grande valenza che con l’apporto di validi tecnici hanno avuto molti successi in ambito nazionale e regionale. La Società ha inoltre brillato ai Campionati Italiani Libertas, conquistando ben quattro medaglie d’oro e numerose di argento e bronzo. Numerose sono anche le attività amatoriali che sono portate avanti dalle altre Società: la già citata Libertas Runners Livorno, i Podisti Livornesi, il Livorno Team Running. Poi c’è la società militare Accademia Navale, e la Livorno Marathon, che tutti gli anni organizza la ormai classica maratona di Livorno che riscuote sempre maggiore successo. Da segnalare che il Comitato provinciale della FIDAL promuove l’atletica attraverso numerose attività che danno il segno dell’interesse verso questa disciplina, portandola fuori dai circuiti classici. Il C.P. organizza, inoltre, una premiazione ogni anno in cui vengono premiati i cinquecento esordienti e tutti i campioni regionali nelle varie categorie. Diamo anche riconoscimenti a valenti giornalisti che si occupano di sport, atletica in particolare, e di cultura: 2004 - Doriana Laraia (RAI), Umberto Broccoli (RAI-premio


90


seguono i nomi: FROGLIA SARA (Atl. Li)

• Camp. tosc. a squadre di tetrathlon ragazze • Camp. toscana m. 1000 ragazze • Camp. toscana 3x800 ragazze

FORESI GIACOMO (Atl. Li) • Camp. toscano 4x100 cadetti GARZELLI GIULIA (Atl. Li) • Camp. toscana 4x100 ragazze GIANASSI ELENA (Atl. Li) •Camp. tosc. a squadre di tetrathlon ragazze • Camp. toscana 3x800 ragazze GIRARDI FILIPPO (Atl. Li) • Camp. toscano marcia km. 4 cadetti GIRARDI MICHELLE (Atl. Li) • Camp. toscana assoluta m. 100 e 200 GIUFFRIDA PAOLO (Atl. Li) • Camp. toscano promesse di giavellotto GUERRAZZI FEDERICA (Atl. Li) • Camp. toscana junior di cross • Camp. toscana junior di 1500 e 3000 GUGLIELMI GIACOMO (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre marcia strada ragazzi LAZZERI GIANMARCO (Lib. Li) • Camp. Tosc. 4x100 Ragazzi LODOVICHI MATTEO (Atl. Li) • Camp. toscano junior martello MALQUORI VITTORIO (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre tetrathlon ragazzi MARSI FEDERICO (Atl. Li) • Camp. toscano cadetti asta indoor • Camp. toscano a squadre pentathlon cadetti MATTEUCCI LORENZO (Lib. Li) • Camp. toscano salto alto assoluto • Camp. toscano asta cadetti

Il campione italiano cadetti Ivan Mach di Palmstain

MEAZZA STEFANO

• Camp. toscano lungo e 4x100 master

MESSERI LUCA (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre cadetti di marcia MENICI FLAVIO • Camp. tosc. a squadre cadetti di corsa NOTTOLI MICHELE • Camp. tosc. a squadre ragazzi di marcia PAOLOTTI LUCA • Camp. tosc. 4x100 master PERONI FRANCESCO • Camp. tosc. 4x100 cadetti PISANI GIACOMO • Camp. tosc. a squadre di corsa ragazzi PISTOLESI TOMMASO • Camp. tosc. a squadre di corsa ragazzi PIVA REBECCA • Camp. toscana 4x100 ragazze PODERELLI LORENZO • Camp. tosc. allievi m. 3000 PUCCIANI COSTANZA • Camp. toscana 3x800 ragazze REPETI SARA • Camp. toscana 4x100 ragazze RISTORI NICOLA • Camp. toscano 4x100 master SPAGNOLI DAVIDE (Lib. Li) • Camp. toscano 4x100 ragazzi STRAZZABOSCO FABRIZIO (Lib. Li) • Camp. toscano 4x100 ragazzi TORI NICHOLAS • Camp. toscano 4x100 cadetti

Atletica Livorno Campione regionale Società di marcia

91

F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica leggera

DE BLASI MICHELE (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre di pentathlon cadetti DEGL’INNOCENTI GIORGIA (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre di tetrathlon ragazze • Camp. toscana ragazze 4x100 DI MAURO ALFREDO (Atl. Li) • Camp. toscano di squadra marcia ragazzi DINI LORENZO (Atl. Li) • Camp. toscano ragazzi staf 2x3x4 giri indoor • Camp. toscano ragazzi m. 1000 • Camp. toscano di squadra cross ragazzi • Camp. toscano 3x800 ragazzi • Camp. toscano di squadra corsa ragazzi DINI MICHELE (Atl. Li) • Camp. toscano m. 1500 allievi DINI SAMUELE (Atl. Li) • Camp. toscano ragazzi staf 2x3x4 giri indoor • Camp. toscano di squadra cross ragazzi • Camp. toscano 3x800 ragazzi • Camp. toscano di squadra corsa ragazzi FANUCCHI MATTEO (Atl. Li) • Camp. tosc. a squadre di tetrathlon ragazzi • Camp. tosc. a squadre di cross ragazzi • Camp. toscano 3x800 ragazzi FAVATI GIORGIO (Atl. Li) • Camp. toscano junior marcia 10 km. FIORELLI EUGENIA (Atl. Li) • Camp. toscana ragazze salto in alto indoor FREQUENTINI MICHAEL (Atl. Li) • Camp. toscano ragazzi 55 indoor • Camp. toscano ragazzi staf 2x3x4 giri indoor • Camp. tosc. a squadre di tetrathlon ragazzi • Camp. toscano m. 60 ragazzi • Camp. toscano m. 60 ostacoli ragazzi


92


'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&

!!!!"#$"#(0*)$

Le speranze olimpioniche

Rappresentativa provinciale femminile

Un gruppetto di esordienti della UISP Livorno

Il gruppo delle ragazze dell’Atletica Livorno

93

F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica leggera

Dopo ciò cosa si può dire del futuro? Che oggi forse siamo già nel futuro. La nostra è una atletica vincente, che gode di ottima salute, è un’atletica moderna ed efficace, che contrariamente a ciò che succede ed è successo ad altre Società in regioni piene di soldi, ma che non raggiungono i risultati e la storia che noi abbiamo, fondata su entusiasmo, capacità, cultura e, perché no, divertimento. Vedrete quello che succederà nei prossimi anni con i nostri atleti. Non sarebbe meraviglia vederne qualcuno alle olimpiadi… Ne siamo certi. E continueremo a gridare, come è successo negli ultimi anni Livorno-Livorno sui campi di tutta Italia. Una ultima annotazione critica: l’atletica livornese merita una attenzione da parte del mondo politico locale, molto, ma molto maggiore rispetto all’attuale. Non solo negli ultimi anni non è migliorata la situazione impiantistica come in tutte le altre provincie toscane, ma la situazione è gravemente peggiorata. E questo non è giusto per ciò che l’atletica ha dato, sta dando e darà alla nostra città. Antonio Caprai


PREMAMAN BAMBINO Abbigliamento e calzature da 0 a 16 anni migliori marche

!"#$%&"##%'$()*+$% ",,(-.(")*+$%&*&/".0"$1'* 2*'&."&/"//("&*&."&2*#/"

NEONATO

Carrozzine - Passeggini Accessori Chicco Giocattoli

TEEN AGER

Abbigliamento e calzature

3(/4(*5(&."&$*##*'"&21+$( *5&(+6%')"$(&#1&$1$$* .*&+%#$'*&%22%'$1+($7

!"#$%"&#'()$*+$,-../01.!/223$4.35$6$178"($8#9:;<=="( $2<&>$?@AB$CB*DBD$E$<67#"&F$"'G(7<9HIJ(9<>:(7 KKK>7<9HIJ(9<>"J$$<6:(77<9:<$6$L#M$L#&


'&()*'* '& +,(&-$.*!!! + ,

!!!"#$"$%&$

I padri del calcio livornese Un filo lungo quasi cent’anni che affonda le radici agli albori del Novecento e corre lungo tutti i crinali della storia, traforandola senza pietà, la Storia con la esse maiuscola. Quel lunghissimo filo del calcio ha traforato i drammi delle vite umane ai passaggi più delicati (il Ventennio, la seconda guerra mondiale, gli anni di piombo) portando conforto e sollievo in periodi in cui era difficile sorridere; ha toccato, senza essere scalfito, usi e costumi, mode e modi di fare. È stato cambiato, trasformato, si è adeguato. Ma il calcio è rimasto per almeno cent’anni una speranza in un mondo che sembra sempre sul punto di volerla perdere. E così è stato anche nella nostra città. Chi non conosce la mirabolante avventura che portò a sfiorare lo scudetto nell’estenuante duello con il Grande Torino? Chi non conosce i nomi di Magnozzi, Stua, il gigantesco Picchi? Per i più giovani sono i nomi che danno l’impressione di essere “lontani”: nomi di club di tifosi, nomi di impianti sportivi. Eppure quei nomi sono i padri della storia del calcio livornese. Scegliamo, senza particolari criteri, questi tre nomi, perché sono forse tra i più vivi nella memoria dei meno giovani, di quelli cioè che avevano già visto, prima del 2004, il Livorno in serie A. Mario Magnozzi nacque nel 1902 e questo già dà il segno di quanto la storia del calcio livornese abbia la capacità di andare indietro, quasi agli anni in cui il calcio stava emettendo i primi vagiti. Era un attaccante. Ma non era una punta qualsiasi. Era motorino: lo chiamarono così, i livornesi, perché riusciva a correre a perdifiato, senza soluzione di continuità, non consentendo mai al proprio corpo qualche istante di riposo, neanche mentre ci si avvicinava al novantesimo.

Dici Magnozzi e dici anche Villa Cha Chayes, il “vecchio stadio”, il campo dove giocava il Livorno della memoria annebbiata, l’impianto ricordato spesso anche dall’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi che a Villa Chayes andava a soffrire per la squadra, quand’era giovanissimo. È Magnozzi, con tre gol infilati nella porta della Roma a portare il Livorno in finale scudetto, già nel 1920. L’altra finalista è l’Inter, ma sul neutro di Bologna Motorino divenne anche un protagonista in negativo: nel primo tempo ha l’occasione di segnare dal dischetto, ma la fallisce. Non che quell’episodio sarà fondamentale: l’Inter aveva già segnato tre gol alla fine del primo tempo. Magnozzi si fa perdonare, e con gli interessi: nella ripresa mette a segno una doppietta. Un recupero che però non fu completato. Magnozzi fu anche il primo livornese a indossare la maglia azzurra, nel 1924: la vestirà per altre 28 volte, 26 delle quali mentre era ancora con il Livorno. Perché poi ci fu la parentesi di tre anni (e 32 gol) con il Milan. Un piccolo salto e ecco il campionato dei campionati. Si giocò tra il 1942 e il 1943, ma a Livorno lo conoscono anche i bambini. Gli amaranto quell’anno realizzarono 43

Mario Magnozzi

95

punti, Toripunti vincendo lo scontro diretto a Tori no per 2-1. 4-2 alla Lazio e all’Inter, 4-1 alla Fiorentina, 3-1 al Milan. Una specie di macchina da guerra. Fu la Roma a mettere il bastone tra le ruote, facendo vacillare tutto. Il Livorno perse la vetta della classifica e le ultime tre vittorie – le ennesime – non riuscirono a dare un punto del Torino. Nicolò Carosio assegno al Livorno lo scudetto morale; Mario Stua, il gigante “livornese” dal sangue giuliano, centrocampista dal tiro micidiale, digrignò i denti dalla rabbia: “In caso di spareggio – disse - ce li saremmo mangiati vivi”. La grande delusione per lo scudetto sfuggito dalle mani come un pesce vivo sembrò essere l’inizio del declino finché nel 1952, per la prima volta, il Livorno cadde in serie C, dalla quale non riuscirà a alzarsi per cinquant’anni. In mezzo, dopo un salto di mezzo secolo, ci saranno anche momenti di massima esaltazione, come la conquista della Coppa Italia di serie C. La febbre rimarrà sempre alta, perché ai livornesi piace soffrire e in C1 e in C2 si soffre davvero da cani. Anche se l’identità livornese – l’orgoglio, verrebbe da dire – viene riscoperta davvero quando il Livorno ritrova la serie B. La festa, con il senno di poi, è ancora più sentita di quella che avverrà r pochi anni più tardi per l’arrivo v nella massima serie. Il Duemila, d’altronde, è l’anno dell’apogeo d dello sport livornese, aperto con il d successo di Siviglia di Fabrizio Mos ri r (era il 1999). Poi Livorno è in serie A in calcio, basket, rugby, pallavolo; abbiamo b maglie azzurre in tre quarti delm le l discipline riconosciute dal Coni; n canottieri e schermidori proseguono l’enorme tradizione, con s ili grande oro di Aldo Montano a Atene. Il calcio livornese sembra A respirare quest’aria, insieme agli r altri a atleti della città. E tornano anche i livornesi che giocano a calcio e vincono e strag vincono. Non c’è solo la squadra, v insomma, ma torniamo a essere i capaci di “esportare” i nostri ragazc zi. z Cristiano e Alessandro Lucarelli fanno di tutto per tornare a giocaf re r in città, idem Balleri.

FF.I.G.C.: Federazione Italiana Giuoco Calcio

Il calcio a Livorno


96 96


!!!"#$"(//$

Le star dell’attualità Il sangue livornese scorre per davvero nelle vene dello sport che ci rappresenta, insomma. E negli anni di Mazzarri, poi, c’è un giovanissimo laterale sinistro che corre e calcia con una potenza inaudita. Sarà, anche lui, maglia azzurra. Attualmente tenta di scippare il posto a Zambrotta, su quella fascia. Si chiama Giorgio Chiellini: lo ha sempre voluto Capello alla Roma, ha giocato nella Fiorentina, ora è inamovibile nella Juventus. Partito dal Livorno 9, un gemello – Claudio – che continua a assaporare il calcio nel senso più puro (gioca da tempo in squadre dilettantistiche, dall’Eccellenza alla Promozione). Il p presente, insomma, è Chiellini.

Giorgio Chiellini

E insieme a lui, metteremmo Davide Matteini, sempre poco “frequentato” dalla mente dei tifosi, lui che è uno dei primi a sostenere il Livorno. Ora è a Parma, anche lì segna, come ha sempre fatto in ogni squa-

'&()*'*"+,(&-$.*!!! ' '&(

!!!"#$"#(0*)$ !!

Una fucina fuci di talenti nelle giovanili Il futuro, dunque. Un nome, su tutti, venuto alla ribalta in estate. Simone Dell’Agnello, 15 anni, cresciuto nelle giovanili del Livorno. Un altro esempio di come riusciamo a “produrre” talenti, quasi senza accorgercene. Dell’Agnello, classe 1992, è stato acquistato dall’Inter, e che brutta parola davvero è “acquistato”. Il giovanissimo livornese corona un sogno che però deve saper lavorare, giorno dopo giorno, con un impegno

Davide Matteini

dra in cui ha giocato: dal Gualdo, in C2, – in cui veramente esplose, arrivando alle vette delle classifiche cannonieri a 21 anni – fino all’Empoli (che lo ha lanciato) dove lo scorso anno trovò un habitat quasi perfetto con Gigi Cagni. Passando però per squadre e città diversissime tra loro come Pescara, Padova, Palermo. La speranza per questi due ragazzi ancora giovani è che a un certo punto le loro strade tornino a incrociarsi con la traiettoria del Livorno. Il futuro può ancora splendere per molto e di luce propria. Chiellini e Mattini sarebbero due certezze non dal punto di vista tecnico – che è pacifico – ma soprattutto nel loro petto, perché lì batte il cuore per la città. D’altronde è la storia di tanti – tantissimi – livornesi quella di non essere riusciti

che mai ha messo prima. Non è arrivato, è solo appena pa partito. Nel suo viaggio avrà bisogno, e tant tanto, della sua famiglia, della scuola e degl degli amici. Un nome che fa da icona, quello di Dell’Agnello, per tutti i ragazzi che le nostre società dilettantistiche e giovanili riescono a crescere. Come persone, prima che come giocatori. Grazie a centinaia di volontari che lo fanno solo perché si divertono a farlo, che consigliano e formano non solo per una crescita banalmente muscolare, ma anche per far diventare un bambino un giovane e poi un uomo. Perché, come diceva De Gregori, non è se si sbaglia un rigore, come fece Magnozzi 87 anni fa, “che si giudica un giocatore: un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia”. E anzi: “Il ragazzo si farà, an-

97

spesso a far combaciare la propria carriera con la storia del Livorno. Non solo perché la squadra negli ultimi trent’anni – prima della promozione in B – non viaggiava su acque calmissime. Ma anche perché a volte non siamo riusciti a far diventare i nostri ragazzi profeti in patria. Non è un caso, per dirne una, che l’Empoli – una delle migliori scuole calcio d’Italia – punti spesso lo sguardo verso le nostre squadre giovanili, riuscendo alla fine a soffiare qualche gioiellino che ha solo bisogno di essere accudito e cresciuto per poi farlo coltivare in Primavera. A proposito di calciatori “viaggianti” viene in mente il nome di Giampietro Tagliaferri che in un incidente stradale, lo scorso anno, lasciò la moglie e i figli giovanissimi. Girò l’Italia e si fece ben volere in tutte le città in cui giocò, specialmente a Avellino, dove ancora lo venerano. La figura di Tagliaferri forse appartiene al passato, ma può fare da simbolo anche nel presente e nel futuro.

Giampietro Tagliaferri

che se ha le spalle strette. Quest’altr’anno giocherà con la maglia numero sette”.

Simone Dell’Agnello

FF.I.G.C.: Federazione Italiana Giuoco Calcio

'&()*'* ' &( + ,( +,(&-$.*!!!


La ginnastica a Livorno d terra in quanto, seguendo da d l’l’inclinazione l del ramo erano ad altezza diversa; ripulire le parallele, scartavetrandole nei punti più usabili ed incollare qua e là dove era necessario. Le parallele erano di quanto più dozzinale si potesse immaginare; realizzate da un falegname, forse un maestro d’ascia; avrebbero ben figurato nei cartoni animati “I Cavernicoli”. […] Tuttavia in quelle due prime settimane Primi giorni di settembre 1948. La città si di attività, meglio di divertimento, avevasta riprendendo faticosamente dalle rovine mo notato che un signore sulla cinquantidella guerra. Il sottoscritto incontra l’amico na, rivolgeva la sua attenzione verso di noi, di scuola Gianfranco Domenici che nel 1940 ci osservava in silenzio e sempre a debita lo aveva invitato a fare un po’ di ginnastica distanza. Mi sembrava un volto noto, ma per “farsi il fisico”. Il luogo? Il magazzino del non riuscivo ad inquadrarlo. Continuò a vepadre impresario edile. Attrezzi? Un paio di nire almeno quattro volte; ci osservava per anelli trovati fra le macerie. Iniziò la guer- una mezz’ora e poi spariva. Intanto eravara e quelle prime idee non ebbero seguito. mo arrivati alla fine di settembre, di lì a poTuttavia, sulla spinta dei ricordi, Gianfran- co avrebbe fato buio e freddo. Quanto poco mi informò che in una villa di via Mica- tevamo resistere a giocare a fare i ginnasti? li, sede dell’ACLI, aveva notato in giardino, La stessa considerazione deve averla fatta a fianco del campo da tennis, una paio di quel signore perché un giorno si avvicinò e anelli legati ad un tronco d’albero ed un pa- con decisione ci disse: “Chi siete, come mai siete qui, cosa volete fare? Ginnastica? C’è io di parallele buttate fra i cespugli. […] qualcuno di voi che ne sa qualcosa? Sono Far ginnastica? Dove, come con chi? Federico Del Vita, insegnante di ginnastiComincia dal “con chi?”. cca…. “ Ecco chi era; l’avevo avuto come istruttore di Arte Navale al corm sso di capo-squadra quando nel ’38/’40 ero marinaretto. […] ’3 Intanto pochi giorni dopo (fine prima settimana di ottobre) il prof. p Del D Vita ci radunò, in ora solenne in i giardino; ci disse: “Ragazzi, ci credo, con voi si può ridare vita alc la l ginnastica livornese, che dopo una u notevole attività si è esaurita anche a causa della guerra. a 1953: Ginnasti agl allo Scoglio della Regina Però per realizzare la società ocPensai subito al mio amico Umberto Gre- corre: 1° la palestra, 2° costituire la società, co, una ragazzo di circa 18 anni, fisico adat- 3° le attrezzature, 4° l’allenatore. to per molti sport, un vero atleta. Gli parlai, Per la palestra ho già ottenuto dal Direttoaccettò subito con entusiasmo. L’indomani re dell’Istituto Giovanni Pascoli, dr.Romboli, visionammo insieme gli attrezzi. Ci convin- un vecchio magazzino per il quale non pacemmo che la ginnastica ci avrebbe fatto gheremo l’affitto; ma vi avverto è un fonun bel fisico, che ci potevamo invitare tanti do pieno fino all’inverosimile di suppelletamici, avere una palestrina con qualche at- tili inutili, danneggiate, lasciate lì da anni trezzo… il divertimento era assicurato. a marcire, ci sono cataste di materassi e al Reclutammo subito i primi due ragaz- momento non è neppure accessibile, bizi a disposizione e cioè i due nostri fratelli: sognerà sgombrarlo portando il materiale Sergio Cioni (15 anni) e Federico Greco (20 alla discarica; ci saranno da riprendere noanni). Cominciammo a frequentare il giar- tevoli superfici di intonaco e di pavimendino della villa anche perché nessuno ci ti, ammesso che si siano dei pavimenti acostacolava. Capimmo subito due cose pra- cettabili; speriamo che ci sia una fognatura tiche: mettere gli anelli alla stessa altezza funzionante, tanto da poter realizzare un '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Nient’altro che una grande passione e tanta buona volontà

99

servizio igienico, forse anche qualche doccia; dovremo realizzare l’impianto elettrico ed idraulico partendo da zero perché non esiste più niente; riparare le finestre, rimettere i vetri, pitturare qualche porta ed aggiungere le serrature; imbiancare tutto. Vi dico questo perché, è bene essere chiari, non abbiamo una lira. Ve la sentite?” […] Chiudemmo l’incontro con l’impegno di trovarci la domenica mattina alle 9 e mezzo all’Istituto Pascoli in via Galileo Galilei allora detta “ai riseccoli”, e precisamente sulla cantonata di via M. Terreni. Speriamo di poter entrare nella palestra. Rompete le righe e non perdiamo l’entusiasmo. Cominciammo col reclutare gli amici, i più a portata di mano, base di reclutamento il Bar CIONI meglio conosciuto “DA EDITTA” sugli scali delle Cantine 11, caratteristico perché si dovevano scendere due scalini.

Giuliano Batini, Campione Nazionale senior 21 dicembre 1969

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Siena 1950, 1a rappresentativa agl. Da sx: Dino Galoppini, Umberto Greco, Valter Cioni, Enrico Vannini, Piero Viola, Valeriano Birindelli,


Giuliano Batini

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

I successi dei ginnasti Un anno di importanti risultati che il presidente dell’Associazione Ginnastica Livornese Paolo Filippi ci ricorda sinteticamente, mettendo subito in evidenza l’ottimo risultato della squadra maschile di serie A1 che ha confermato il suo valore nel suo terzo anno di performance nel massimo campionato nazionale a squadre. Altro risultato di rilievo lo si riscontra con Enzo Bernardoni che ha vestito anche quest’anno la maglia azzurra e sta confermandosi meritevole della permanenza nel “Team Italia” che prepara i ginnasti per la partecipazione alle prossime Olimpiadi di Pechino. Sempre nella sezione maschile ottimo risultato è stato raggiunto dai ginnasti

Squadra A1

L’inaugurazione della palestra avvenne nel giorno di Befana del 1949. Il prof. Romboli affermò che la befana ci aveva… portato, in quanto bimbi buoni, la Palestra! Cerimonia molto semplice: il prof. Del Vita e Romboli avevano invitato un discreto numero di amici fra i quali il sig. Pitto Adriano (il cui figlio era il noto nazionale di calcio Alfredo), Martelli ed altri di cui oggi è difficile ricordare i nomi; c’erano funzionari della Prefettura, del Comune, della scuola e naturalmente noi con i nostri amici ed alcune decine di giovanottelli dell’Istituto Pascoli. Non ci furono grandi discorsi né una manifestazione ginnica, come sarebbe stato giusto, per la mancanza di attrezzi e di ginnasti. […] Valter Cioni Per leggere la versione completa del racconto di Valter Ciono si può consultare il sito: http://xoomer.alice.it/a. ginnastica.livornese/storia-e-memorie-dell’agl/copia-dimemorie-di-v.cioni.htm/odyframe.htm

Lara Filippi

nel campionato di serie C1 ed altrettanto bravi sono stati i più pi piccoli che hanno addirittura vinto il campio campionato interregionale di C2. Ambedue le squ squadre si sono qualificate per la Finale Nazionale di Ancona. Nella sezione femminile si sono ottimamente comportate le ginnaste della serie C1 che dopo le prove regionali hanno partecipato al campionato Interregionale qualificandosi anch’esse per la Finale Nazionale di Ancona. Altro risultato importante lo abbiamo ottenuto con il gruppo della Gymnaestrada della sezione della Ginnastica Generale sempre nell’ambito Federale.

Al secondo anno dalla sua costituzione, dopo essersi imposto all’attenzione dei Responsabili tecnici della Federazione per la bravura dimostrata e le coreografie presentate, è stato ammesso a partecipare ai Campionati Mondiale della Ginnastica per Tutti.

Thomas Pagni nazionale Junior

Enzo Bernardoni nazionale senior

101

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Mezzi di trasporto: la carretta del bar provvista di sponde, un carrettone senza sponde ma molto grande, forza lavorativa: una dozzina di ragazzi. […]


102


!!!"#$"#(0*)$

Gruppi sperimentali verso il futuro La storia dell’AGL, come si è visto, in quasi 60 anni si è dipanata con risultati molto spesso prestigiosi sia in campo nazionale che internazionale. Che cosa ci aspettiamo per il futuro? Nessuno ovviamente può dirlo con certezza; di una cosa siamo però sicuri: di avere profuso il massimo impegno nel porre le basi perché il sodalizio possa continuare a raggiungere con i suoi atleti ed atlete traguardi importanti. Traguardi che sono il frutto non solo di costanti e intensi allenamenti ai quali vengono sottoposti i ragazzi, ma anche di tutti quegli accorgimenti messi in atto, in sintonia con i genitori, indispensabili per un corretto sviluppo psico-fisico di un atleta. I traguardi che ci siamo prefissati sono: continuare l’avventura nella massima serie nazionale con la squadra maschile;

sviluppare un apposito programma te tecnico per portare la sez sezione femminile ad emulare quella emul maschile. Per questo obiettivo abbiamo istituito dei gruppi “sperimentali” di ragazzine e ragazzini (suddivisi per età omogenee) che presentano in fieri doti idonee per la ginnastica artistica. Abbiamo affidato la direzione tecnica di questi gruppi a due allenatori che sono tra i più qualificati in Italia, entrambi con vasta esperienza nazionale ed internazionale: Riccardo Brilli e Giovanni Innocenti. A chiusura di questo articolo ci sia passata una breve considerazione sui sacrifici e sulle difficoltà che si incontrano nella gestione di una società sportiva di puro dilettan-

Gruppo di base

tismo come la nostra, che pratica uno sport altamente selettivo, che però ti dà anche forti emozioni per la sua bellezza. Certamente la dirigenza della società si trova quotidianamente a dover affrontare e risolvere mille problemi organizzativi, economici e strutturali ed assumersi responsabilità di tutti i tipi. Alla lunga questa situazione può essere logorante e senz’altro lo è, però quando la sera, nell’assistere agli allenamenti, vedi l’entusiasmo dei tuoi “bimbi” e “bimbe” a stare in palestra per imparare l’arte della ginnastica, li vedi man mano crescere oltre che sotto l’aspetto sportivo ed agonistico anche sotto quello della maturazione corretta del proprio carattere, vedi in loro la voglia di superarsi rispettando i propri compagni e gli avversari, allora tutto ciò ti riempire il cuore di gioia e ti rendi conto che i sacrifici ed il tuo tempo libero spesi in questa impresa sono spesi bene, indipendentemente dai risultati sportivi ottenuti. E questo ti fa passare in secondo piano le fatiche e anche le amarezze per le critiche che a volte, ingiustamente, ti vengono fatte.

Gruppo di base maschile

103

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

'&()*'*"+,(&-$.*!!!


104


'&()*'* + +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Laura Ferretti Allenatrice del Circolo Pattinaggio “La Rosa”, Tecnico dello staff della Nazionale Italiana da molti anni

tempo naturalmente va anche a scuola e a 18 anni si diploma e decide di dedicarsi all’insegnamento. Nel 1971 un gruppo di dirigenti del Circolo Pattinaggio “La Rosa” convince Laura a trasferirsi a Livorno per prendere la guida tecnica della società. La decisione è presa e così inizia la sua avventura labronica, contemporaneamente partecipa a tutti i corsi Federali per ottenere il brevetto di allenatrice. Già a quel tempo il pattinaggio artistico a Livorno, era in espansione, esistevano altre società “CRAL Stanic“, il “Gynnasium”, il “Divo Demi”, i “Fratelli Gigli”, ma i risultati di grosso livello mancavano, solo negli anni seguenti dopo un particolare lavoro tecnico e un’allargata base di atleti, oltre 150 solo nella società CPLR, arrivano i risultati ai vari campioni regionali e italiani. Il bum vero e proprio è degli anni ‘80 con atleti ai vertici delle classifiche, in tutte le categorie; per diversi anni la società vince il titolo regionale come società ed è nelle primissime posizioni nelle classifiche nazionali. Per i migliori atleti arrivano le convocazioni in Nazionale: Elisabetta Vivaldi partecipa a diverse competizioni internazionali, vince 2 titoli Europei, partecipa ai campionati del Mondo a Tokyo con un 7° posto. Oltre agli atleti che vengono chiamati ai raduni di alta specializzazione, si fa strada Letizia Tinghi che vince dei titoli Nazionali, Europei e 6 titoli Mondiali. Altri atleti vestono la maglia

LLaura FFerrettii nasce a Pi Pistoia, i d da una famiglia dove lo sport è vissuto come la quotidianità dei pasti, naturalmente parliamo di pattinaggio artistico e hockey pista. Il padre è dirigente della società “Ex - combattenti” di Pistoia, e per il suo valore sportivo è anche Presidente della F.I.H.P. Laura cresce a pane e pattinaggio, all’età di 4 anni inizia l’attività sportiva, vuoi per gioco vuoi perché l’intera famiglia orbitava tra le piste di pattinaggio. Laura cresce e inizia, all’età consentita, a fare le gare, nel singolo e in coppia, su varie piste toscane e in Italia; nel frat-

105

Azzurra, come Elena e Francesca Polese, Azzurra Polese Francesca Bertini, Veratti, Balluchi, Ignudi alcune di loro hanno ottenuto titoli Italiani e sono salite sul podio ai campionati Europei. Inutile dire che tutti questi risultati sono stati frutto di un grande lavoro e sacrificio svolto da Laura e dai tecnici collaboratori che di volta in volta hanno fatto parte della società. È la stessa Laura che vuole ringraziare in modo particolare i dirigenti che in quegli anni hanno contribuito al raggiungimento di grossi traguardi come Carlotti Silvano, Sergio Montanari, Passerotti, Dinucci, Gigli, Palomba, Giuliani, Mario Tinghi, Rachini. Oggi Laura Ferretti è conosciuta in tutto il mondo ed è molto rispettata anche dai vari allenatori e allenatrici di altre Nazioni e molti sono gli atleti che desiderano completare il loro bagaglio tecnico nella società al Circolo Pattinaggio “La Rosa”, dove lei insegna. Uno degli esempi più significative è Tania Romano di Trieste, vincitrice di 11 titoli Mondiali, che da 3 anni si è trasferita a Livorno per allenarsi sotto la guida di Laura e frequentare all’Università di Pisa la Facoltà di Scienze Motorie, che possiamo definire la più grande pattinatrice di tutti i tempi. Questo ha portato il nome di Livorno e del Circolo Pattinaggio “La Rosa” ad avere una grossa risonanza in questa disciplina, tanto che nel 2008 arriveranno altri campioni ad allenarsi sotto la guida di Laura.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey Pattinaggio

Il Pattinaggio a Livorno


106 110 06


!!!"#$"#(0*)$

Non solo pattinaggio

Nel pattinaggio artistico è in atto un cambio generazionale, atleti affermati che per motivi di studio o lavoro stanno lasciando l’attività agonistica, passano il testimone ai giovanissimi che ancora dovranno lavorare molto, ma già rappresentano delle promesse per il futuro.

Al Circolo Pattinaggio “La Rosa”: FranSa Stefanini, Aurora Cencesca Grossi, Sara Filie Aliboni Cecilia, Giulia ti, Nicole Filie, Freschi. Alla Ci Cigna Gymnasium: Diletta Peralta, al Circolo Divo Demi Martina Blasizzi e a La Stella Giulia Gambicorti. Tutte atlete che in questi due anni si sono distinte in campo regionale. Per il futuro i progetti e le speranze sono molte a cominciare dalla possibilità di coprire la nuova pista di pattinaggio di via Dei Pelaghi che permetterà, una volta completata, di effettuare allenamenti più corretti rispetto ai pro-

grammi della FIHP. Nella famiglia federale dovrebbe entrare a far parte anche il FREESTYLE nel quale abbiamo già il Campione del Mondo Luca Ulivieri di Vada, che certamente saprà fare da traino verso nuovi giovani. Sta nascendo anche una nuova disciplina alla quale l’amministrazione ha trovato una giusta collocazione all’interno del parco del quartiere Corea, dove già si sta praticando lo SKATEBOARD settore dal quale sicuramente usciranno presto atleti acrobati di ottimo valore.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey Pattinaggio

' '&()*'*"+,(&-$.*!!!

107


Il FOCUS G.D.S.D. STARLIGHT DANCE STUDIO nasce nel 1987 con il nome di Club Liburnia, ispirandosi alla città di Livorno, e mutando nome, nel corso degli anni, fino al 1994, anno in cui ha assunto la denominazione di Starlight Dance Studio, modificata nel 2004 in Focus Starlight Dance Studio. La scelta del nome risale ad una scuola famosa del centro di Londra e significa Stella Lucente. Il membro fondatore di questa società sportiva è Andrea Marcacci, che assieme a Sabrina Pardossi, ricoprono la carica di Direttori Tecnici. In quasi vent’anni di vita il G.D.S.D. Starlight ha avuto un grande sviluppo ed è 300 mq di pista interamente in parquet. cresciuto sia nel settore competitivo che in Sala d’attesa e spogliatoi climatizzati quello propedeutico, trattando varie discipline, tra cui il ballo liscio e da sala, le danze standard, e le danze latino-americane. Molte delle coppie competitrici appartenenti al gruppo sportivo Starlight hanno ottenuto in questi anni ottimi risultati a livello nazionale e internazionale. Nei locali della scuola di ballo, la pista di 300 mq. è interamente in parquet di faggio. La sala è stata appositamente studiata per le danze competitive ed amatoriali; ed i materiali impiegati per la costruzione della pista, ne fanno un ambiente ideale per i ballerini che utilizzano calzature in bufalo e non. Ambiente climatizzato.

Insegnamento di:

• Danze Standard • Danze Latino Americane

• Ballo da Sala • Liscio Unificato

Visitate il nostro sito internet: http://digilander.iol.it/starlightlivorno e-mail: gds.starlight@tin.it

Direttori Tecnici: M.tri Andrea Marcacci e Sabrina Pardossi

Viale G. Leopardi, 39/A - 57121 Livorno Tel./Fax: 0586 408230


'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +

!!!"#$"$%&$

Una vi vita ita dedicata al ballo. La storia di Rosanna Ciancetta La storia di Rosanna Ciancetta è affascinante perché affascinante è il mondo della danza e avendole dedicato buona parte della sua vita non poteva essere altrimenti. Nata a Pescara conosce Livorno durante i periodi di vacanza che trascorre lungo il nostro mare, ed in seguito decide di trasferirsi definitivamente sulla costa labronica. Questo è stato il primo passo verso il mondo della danza, perché qui Rosanna inizia a frequentare il Maroccone dove va a ballare appena ha un attimo di tempo libero dal lavoro. E’ proprio qui che comincia a partecipare alle prime gare amatoriali nel fine settimane, dimostrando già all’epoca le sue qualità, infatti, riesce sempre a vincere, battendo anche quelli che sono considerati i migliori. Oggi Rosanna è presiedente del Fids regionale ed ama definirsi “La pioniera del ballo a Livorno”.

1973, Maroccone: Rosanna Ciancetta viene premiata donna dell’anno per la Regione Toscana

gioco, ma di diUna passione nata per gioco ventata una realtà bellissima, che Rosanna ha saputo anche trasmettere ai bambini, compresi i più piccoli, quelli di 5- 6 anni. “Fra un ballo e l’altro -racconta Rosanna- mi chiedevano di insegnare loro qualche passo di danza. Mi sono sempre divertita molto con i bambini e così ho cominciato a trasmettere la mia voglia di ballare. Io all’epoca non ero mai stata in una scuola di danza, quindi ero molto istintiva e spontanea nei miei movimenti, seguivo la musica e mi riusciva così bene che anche i bambini mi notavano e venivano al mio tavolo per imparare”. In quegli anni al Maroccone arrivò un maestro e questo segnò positivamente la storia di Rosanna, che con lui iniziò a frequentare dei corsi di ballo liscio fiorenEsibizione di Rosanna Ciancetta durante tino e ballo figurato. Raccontaci questo una gara al Malandrone periodo. “In quegli anni organizzammo anche il movevamo con tre pullman e vincemCampionato Italiano di Danza nazionale mo molti premi. I bambini di allora ogal quale parteciparono ballerini di tutta gi sono diventati quasi tutti insegnanti di ballo”. Italia. E la scuola? Scoprire una disciplina da seguire nel “Nel ’78 abbiamo dovuto lasciare il Baballo fu una cosa che mi piacque tantissimo, rimasi affascinata dallo stile. Trovai balù perché eravamo troppi e ci siamo anche un partner disposto ad appren- spostati prima all’Arci San Marco e condere ancora di più e a specializzarsi, co- temporaneamente fui chiamata ad insesì ogni domenica andavamo a Roma alla gnare all’Arci La Rosa dove si continua ad scuola di Danza Internazionale dove per insegnare il ballo”. Parlaci della tua carriera di insegnante sei ore studiavamo con un bravissimo “Nel ’77 facevo corsi anche al Malanmaestro. Questo lavoro ci ha dato molte soddi- drone con più di 100 coppie, mi chiamasfazioni, perché ci ha portato a vincere vano un po’ in tutta la Toscana, andavo due titoli di Campioni Italiani nel ‘77 e nel ad insegnare in 14 scuole e nel 1980 fui ‘79. In quegli anni i genitori dei bambini che mi seguivano al Maroccone, decisero di fondare una scuola, per adulti e per giovani, così nel novembre del ’75 aprimmo a Marina di Pisa all’ex Babalù, che ci faceva usare i suoi locali gratuitamente, ed i coniugi Buselli cominciarono a sponsorizzarci con magliette. A mano a mano la scuola è cresciuta e nel ’76 c’erano già oltre 90 coppie. Così cominciammo a fare gare in tutte Europa, ci 1978, Malandrone: saggio di scuola

109

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

La danza a Livorno


110


ticolare, basta mettere un po’ di musica e chiedere se piace. Secondo come uno si muove si capisce subito se ha talento. Non si può obbligare i bambini a fare cose che non vogliono, vanno lasciati liberi di seguire la musica e il loro cuore”.

Giuseppe Barone e Giulia Bernini

DANZE DI COPPIA

DANZE ARTISTICHE

DANZE ARTISTICHE

Le Danze di Coppia sono suddivise in quattro principali settori di attività: • Danze Internazionali IDSF: - Danze Standard - Danze Latino Americane - Combinata 10 Danze • Danze Internazionali IDO: - Danze Caraibiche - Danze Argentine - Hustle/Disco Fox • Danze Internazionali WRRC: - Boogie Woogie - Rock’n’Roll - Lindy Hop - Swing - Mixing Blues • Danze Nazionali: - Ballo da Sala - Liscio Unificato - Combinata Nazionale - Liscio Trad. Piemontese - Danze Folk Romagnole - Mix Dance

Sono classificate come danze ARTISTICHE le specialità di danza agonistica ballare individualmente, in duo e in squadra, caratterizzate dalla ricerca espressiva ed elementi tecnici e stilistici, del ballo, della musica, dell’abbigliamento e degli accessori, risultano inscindibili ed in continua evoluzione. Sulla base dei canoni generali del ballo classico e della danza contemporanea, sportiva deve tendere al virtuosismo tecnicointerpretativo. Pertanto le gare e campionati di Danze Artistiche sono da intendersi quali speciali “concorsi”, vota pura competizione. L’attività agonistica di base prevede generalmente gare di Choreographic Tean, squadre miste, mirate all’aggregazione e al facilitare il successivo inserimento nelle discipline e specialità più attinenti alle loro caratteristiche individuali. L’agonismo internazionale è praticato sotto l’egida della IDO International Da Organization che organizza le Coppe e i Campionati Europei e Mondiali.

Le Danze Artistiche sono suddivise in quattro principali settori di attività: • Danze Accademiche: - Danza Classica - Danza Moderna e Contemporanea • Danze Coreografiche: - Synchro Dance - Choreographic - Show Dance - Disco Dance • E.P0.CA.: - Tap Dance - Twist - Charleston - Belly Dance • Street Dance: - Hip Hop - Break Dance - Electric Boogie - Funk - Hype - Contaminazioni

111

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

cché sostengo i progetti che tendono g a far conoscere e a diffondere il ballo d nelle scuole. Vado n ssempre fra gli studenti per cercare d di trasmettere lod rro qualcosa. Anche ccon i diversamente aabili sono riuscita aad entrare in rapporto attraverso la p musica e la danza e m questa è stata una q delle più grandi d ssoddisfazioni avutte”. 1980, Campionato italiano al Palamacchia di Livorno: Ricorda una delubambini fra 6/9 anni e 10/11 (categoria juveniles). 280 coppie sione? “Un campionato italiano a Chianciano chiamata anche a Roma. Una carriera da insegnate che mi ha dato tante soddisfa- dove per la prima volta i miei ragazzi non zione, mi piace l’idea di lasciare qualcosa vinsero, a causa di strategie politiche che ai ragazzi toscani, e soprattutto a quelli preferisco non ricordare”. Cosa farebbe con una bacchetta malivornesi”. gica? Come definirebbe la danza? “Costruirei tante palestre, con ambien“Uno sport fatto di arte, amore per la ti adatti anche alla danza”. musica e una grande passione”. Cosa farebbe per convincere un ragazCome vede il futuro della danza? “Lo vedo attraverso i bambini, solo loro zo a ballare? “Non c’è bisogno di fare niente di parpossono essere il vero futuro, ecco per-


Il racconto di Monica Benvenuti in arte Nefer Scambio reciproco fra culture vuol dire imparare ad apprezzare e ad amare aspetti particolari di un popolo che ci appare lontano sulla carta geografica, ma che in realtà è vicino alla nostra vita quotidiana, più di quanto immaginiamo. È quello che sta succedendo alla danza del ventre, che arriva direttamente dai paesi arabi per diffondersi nella cultura occidentale, grazie alla passione di alcune donne che una volta conosciuta ed appresa quest’arte hanno deciso di comunicarla ad altre persone, perché come ci dice Monica Benvenuti “La danza del ventre è gioia di vivere e poterla trasmettere è una cosa bellissima”. Ed è proprio lei, Monica Benvenuti, in arte Nefer, che ci introduce in questo magico mondo fatto di ritmi e magia araba. Com’è nata la tua passione? Ho viaggiato molto in Egitto, in Turchia ed in altri paesi, dove sono venuta in contatto con le danzatrici del ventre ed è stata subito passione. Fin da piccola coltivo il mio interesse per l’egittologia, tramandatami da mio padre, che ho sempre continuato a studiare a livello amatoriale, e studio Lingua Araba Classica e Dialetto Egiziano, che mi hanno spinto a viaggiare in questi luoghi dove la danza e la musica diventano arte”. Qual è la storia di questa danza? “Anticamente nasce come danza propiziatoria per la fertilità della madre terra che si svolge attorno alla donna partoriente. Viene praticata in Egitto, Grecia, Turchia, Iran, Iraq, penisola arabica e il Maghreb. Naturalmente in ognuno di questi paesi vi sono ritmi e caratteristiche diverse,

ognuno ha un suo stile. Fu scoperta dai primi viaggiatori occidentali intorno al 1800 e lentamente è stata esportata in altri paesi. In Italia ha cominciato a diffondersi da circa 25 anni, con poche scuole, fra le quali mi fa piacere ricordare quella della mia insegnate bolognese Jamila Zaki titolare del circolo milanese ZAGHARID. Tu hai studiato in Italia? “Sì, ho seguito corsi inizialmente con Luisa Bandinelli a Livorno, poi con Lucia Nur, e con la brava insegnate di Bologna già citata. Ho poi perfezionato la mia preparazione attraverso maestri nazionali ed internazionale e dal 2007 sono riconosciuta come tecnico dalla Uisp”. Quali sono gli aspetti positivi di questa danza? “Ci sono molti benefici a livello fisico: si rinforzano gli addominali, la circolazione migliora grazie al piede scalzo che aderisce a terra, ci sono poi vantaggi per la muscolatura come i pettorali, le braccia ecc.. Per le donne è importante anche perché allevia i dolori mestruali e in molti ospedali viene usata come preparazione al parto in quanto aiuta lo sviluppo dei muscoli pubici che normalmente non si usano mai. Anche a livello psicologico non mancano certo i benefici, infatti, le donne riscoprono la loro femminilità, riescono a trasmettersi fra loro e agli altri la gioia. È un’arte che esprime un messaggio di pace. Voglio sottolineare che non si tratta

113

di una danza per allietare gli uomini, come spesso questi credono, certo ha i suoi movimenti sensuali, ma fondamentalmente è una danza delle donne per le donne. Questo non esclude che poi sia praticata anche da uomini se pur con aspetti diversi”. È impegnativa? “Sì, ci sono molti esercizi di preparazione. Come spesso dico per introdurre l’argomento, la donna deve diventare una specie di vespa, ed imparare a muovere la parte superiore del corpo tenendo ferma quella inferiore e viceversa. Non è una cosa semplice da fare, ci vuole esercizio”. Bisogna avere delle doti fisiche particolari? “No, anche le donne anziane mature lo possono praticare, naturalmente con le dovute precauzioni. Vorrei sfatare l’idea sbagliata che per fare la danza del ventre bisogna essere magre. Nei paesi arabi il modello femminile non è come il nostro, ma al contrario le donne devono essere piuttosto in carne”. Un aspetto negativo? “Il pregiudizio che si incontra nella gente che la vede come una danza erotica”. Il tuo ricordo più bello? “La prima esibizione in pubblico ad Agliana in provincia di Pistoia alla festa araba Hafla. Era la prima volta ed ero molto emozionata”. Un sogno nel cassetto? “Beh, l’ho già realizzato. Credo di aver rraggiunto un buon obiettivo trasmeto ttendo agli altri la mia passione. p Vedere la gratitudine delle mie allied vve perché imparano aad amare quest’arte è per me una grande ssoddisfazione”. Dove fai i tuoi corssi? “La mia scuola si cchiama El Warda ed opera all’interno del o Circolo Polisportivo C Arci La Rosa a LivorA no, dove il consiglien rre Mario Tinghi ha vvoluto inserire con ssuccesso questa danzza nell’ambito delle aattività sportive”.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Esercizio fisico e arte un binomio indissolubile per la danza del ventre


'&()*'* ' & +,(&-$.*!!! + +, ,

!!!"#$"$%&$

Gino Piccini racconta Alberto Cipriani (1910 – 1978), oltre a gestire in proprio la Te- Ca Travel, oltre ad essere Console dei Paesi Bassi, Decano del Corpo Consolare Livornese, presidente di sodalizi vari, si occupò anche di sport e nel 1956 fu il primo presidente della Libertas Nuoto Livorno, nata dalla fusione della Virtus Nuoto e Rari Nantes Libertas. Primi allenatori furono Gino Piccini e Bruno Sassu per il gruppo maschile e Liana Guidi, insegnate di educazione fisica, per la sezione femminile. Il parco nuotatori acquisito era di tutto rispetto e permise alla società di venire promossa in serie B (classificandosi 2a alle finali di Modena). Ai Campionati Italiani Assoluti si distinguono Marcella Micheli (4a), Giovanna Micheli (6a), G.B. Marsico (7°), Mauro La Ferlita (8°), mentre ai Campionati Regionali, oltre ai citati nuotatori, vincono il titolo regionale individuale anche Giulio Biondi Bartolini, Luigi Denoth, Marilena La Ferlita, Marilù Micheli, Aldo Colombini, Francesco Palandri e Paola Ruggeri. La Libertas vince ben 5 staffette. Altretanta gloria viene conquistata nel successivo 1957, mentre nel 1958, oltre ai successi sul campo, è opportuno ricorda-

re che la Libertas ha organizzato a Livorno il Congresso Nazionale Federale F.I.N., che M. Micheli, G. Piccini e A. Colombini vengono inseriti fra gli atleti di “interesse nazionale” e che comincia a farsi largo il nome di Massimo Rosi che vince i 100 metri rana ai Campionati Italiani di Roma. Ai Campionati Italiani di società la Libertas è ottava nella categoria femminile. Il 1959 si apre con Massimo Rosi che esordisce in campo internazionale nuotando nell’incontro Italia-Jugoslavia a Mantova ed è convocato con G. Piccini e M. Micheli alla collegiale “Atleti di Interesse Nazionale” a Roma. Gli stessi atleti insieme a P. Benfaremo prenderanno parte anche al Meeting Internazionale assoluto Jugoslavia - Francia - Italia a Roma e, sempre nella capitale, Rosi gareggia nel meeting Italia - Gran Bretagna - Svezia. Nelle attività nazionali la Libertas si piazza quarta nel Campionato Assoluto per società, seconda nella coppa Olimpia, quarta nella coppa d’inverno e al Trofeo Federale Nazionale Femminile. E’ prima assoluta ai campionati regionali. Arriviamo così all’anno 1960. Massimo Rosi partecipa alle Olimpiadi di Roma insieme all’allenatore Gino Piccini. L’ambiente sportivo livornese non parla d’altro; si tratta del primo nuotatore livornese scelto per una Olimpiade. Si sapeva dei ciclisti, degli schermitori, dei canottieri, dei cestisti, ma un nuotatore non se lo aspettava nessuno. Massimo fece il

Veronica Neri

suo dovere nei 1.500, nei 400 stile libero con risultati dignitosi, ma un po’ lontani da quelli degli australiani Konrads e Rose. Un anno di attività piena che vede i nostri presenti in tutte le competizioni nazionali: M. Rosi a Roma e Oro Assoluto nei 1.500 stile libero e Bronzo nei 400 stile libero (Campionati Assoluti), di nuovo a Roma è Oro nei 1.500 stile libero, G. Piccini è Oro a Roma e a Reggio Emilia nei 100 delfino, Bronzo a Milano nei 100 stile libero e quinta sempre nei 100 delfino a Roma, P. Benfaremo, Oro a Milano e Bronzo a Roma nei 200 rana, M. Micheli Oro a Reggio Emilia nei 100 dorso, quarta a Milano nei 100 dorso e 100 stile libero, P. Ramagli quarta a Milano nei 400 stile libero. Purtroppo però, a tanta attività nel campo, non fa riscontro una classe dirigente altrettanto solerte. Il 22 dicembre 1960, a seguito della riunione del presidente Carmelo D’Angelo, la Libertas Nuoto si scioglie e diviene Rari Nantes Livorno. Ci sono voluti degli anni prima che in Libertas si tornasse a “nuotare” e quando fu ripresa questa attività fu impostata su basi più proprie ad un Ente di Promozione Sportiva: solo settore giovanile e attività motoria per adulti. Naturalmente ai giovani occorre un minimo di attività agonistica, quindi abbiamo partecipato ai Campionati Libertas Nuoto, manifestazione nella quale la società si è quasi sempre conquistata le finalisti, ottenen-

Federico Franciolini

115

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Livorno Nuoto


116


'&()*'* ' +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Alla seconda stagione è Serie A! Alla seconda stagione del nuoto livornese riunito nella Nuoto Livorno arriva la serie A nel campionato a squadre. Un risultato prestigioso che pone il sodalizio labronico nel lotto delle migliori 8 squadre italiane assieme a veri e propri “colossi” del calibro della DDS Milano, La Presse Torino, Aurelia Nuoto di Roma, Circolo Canottieri Aniene di Roma, Ispra Nuoto Lombarda, UISP Bologna, Team Veneto; tutte squadre che sono quasi da considerarsi alla stregua di rappresentative regionali o in diversi casi anche interregionali. Il risultato di squadra è stato fantastico ma l’ultima stagione ha regalato al nuoto livornese anche molte altre soddisfazioni: Federico Turrini ha conqui-

degli atleti, impegno costante da parte dei dirigenti per soddisfare le giuste ambizioni di tutti. Nel campo amatoriale la ripresa dell’attività è stata avvantaggiata dallo scioglimento della società TG5 Centro Nuoto. Il 13 ottobre 1991, sulle cronache sportive dei quotidiani “La Nazione” e “Il Tirreno”, apparvero rispettivamente questi titoli: “Vanno alla Libertas i Master TG5” e “Torna la Libertas e assorbe i Master TG5 Centro Nuoto”. Ed era proprio così. Il pri-

mo gruppo di Master era costituito da cinque donne e sette uomini: Ale e Nara Cioni, Liliana Canaletto, Mirella Stagi e Liliana Sabadin, Roberto Bernini, Riccardo Vanni, Luciano Banchieri, Antonio Jurinovich, Ivo Cioni, Gianpaolo Ferrini e Luciana Canessa. La nuova squadra, non completa, ebbe il “battesimo” nelle gare del 29 ottobre 1991 a Sturla, in occasione del XVII Meeting Supermaster F.I.N. Questi i risultati: ottomedaglie d’oro, tre bronzi, un quinto posto e un nuovo primato italiano.

stato il bronzo alle Universiadi di Bangkok ed il titolo Mondiale Militare ad Hyderabad in India oltre a 6 medaglie individuali agli assoluti; Veronica Neri ha ottenuto due finali individuali ai Campionati Europei Juniores di Anversa ed una medaglia di bronzo agli assoluti di Pesaro nei 100 dorso (a soli 2 centesimi dall’oro!!); Martina De Memme ha vinto il bronzo ai Campionati Europei Juniores di Anversa nella staffetta 4x200 stile libero; Eva Crestacci, reduce da un intervento alla spalla sinistra, ha vinto l’argento nella 10 km in acque libere di Augusta; Samuele Pampana ha vinto il bronzo nella 25 km in acque libere del lago di Bracciano; Luca Ferretti è giunto ottavo nella 5 km in acque libere dei Campionati Mondiali di Melbourne. In campo nazionale buone prove sono state quelle di Federico Franciolini, 5° agli assoluti, di Sandro Sartini, Campione Italiano Juniores, di Silvia Florio, finalista agli assoluti, di Francesca Fangio, argento ai Campionati Italiani giovanili. Ma quel che è incoraggiante è soprattutto il fatto

che dietro a loro ci sia una crescita generale del movimento che lascia intravedere prospettive molto interessanti per gli anni a venire. In questo panorama generale da rilevare peché ha scalato molte posizioni nel ranking nazionale, attestandosi al 24° posto, anche il Nuoto Sincronizzato che ha visto la partecipazione ai Campionati nazionali giovanili di atlete della categoria juniores, ragazzi ed esordienti A, e la partecipazione di alcune atlete ai Campionati Assoluti. Importante anche la crescita dell’attività di Nuoto per Salvamento che, grazie alla pazienza ed alla professionalità di Stefano Frediani ha portato alle fasi Nazionali molti atleti che sono stati in grado di competere al meglio. Da segnalare anche l’inizio delle attività del settore giovanile del Triathlon che, sotto l’attenta guida di Viviano Vanni, ha portato alcuni giovani atleti alle fasi nazionali dei Campionati per categoria. Una bella esperienza è stata anche quella legata al Fitness Agonistico che

Sandro Sartini

Silvia Florio

117

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

do, talvolta, risultati di un certo interesse con Daniele Morelli (2’ 17”16) nei 200 farfalla e nella staffetta 4x200 stile libero con Pisano, Rocchi, Meari e Morello (9’17’90). In questa fase i genitori, quasi sempre divenuti dirigenti della società, hanno permesso che il sodalizio conservasse la capacità di soddisfare, a livello cittadino, il bisogno di nuoto sempre crescente nella popolazione. I ragazzi e i loro genitori trovano da noi una grande famiglia: partecipazione, allenatori rispettosi


di Bagnoli Sidonia

Dolci e rinfreschi per • Compleanni • Feste • Cerimonie GGIOS I A T N A V I Z Z PRE

1,%&-$"2*"#(0%)$'*"0*--$)* 10,$(",*&'3%//$( Via Costanza, 46/48 (zona Salviano) - 57124 LIVORNO Tel. 0586 861818


ha visto la Nuoto Livorno presentarsi al primo Campionato Nazionale, svoltosi a Firenze, con 2 squadre che si sono classificate rispettivamente al sesto ed ottavo posto. Tutti questi sono segnali evidenti di un movimento in crescita che dimostrano soprattutto quanto importante sia la programmazione societaria unita alle capacità dei singoli. Tutto ciò è possibi-

le soprattutto grazie ad uno staff tecnico preparato ed attento, che unisce la competenza di veri e propri professionisti alla passione tipica degli amanti di una disciplina che richiede tanti sforzi ma non concede grandi palcoscenici. Ma dopo aver fatto questa panoramica sul movimento complessivo riteniamo che in questa circostanza sia giusto citare i 9 atleti azzurri Livornesi, gli altri 8 capa-

ci di conquistare medaglie ai Campionati Italiani ed i 53 atleti livornesi che hanno partecipato alle fasi finali Nazionali nelle specialità del Nuoto, Nuoto per Salvamento, Nuoto Di Fondo, Nuoto Sincronizzato, Nuoto Pinnato. Anche perché il risultato complessivo di 72 atleti in giro per l’Italia a rappresentare la nostra città è, senza ombra di dubbio, il dato più importante.

AZZURRI Antonelli Fabrizio Crestacci Eva De Memme Martina Ferretti Luca Florio Silvia Franciolini Federico Neri Veronica Pampana Samuele Turrini Federico

MEDAGLIATI AI CAMPIONATI ITALIANI

(oltre ai sopracitati) Secchi Federico Turzo Dominic Castellini Marco Sartini Sandro Scaramelli Nicola Fangio Francesca Mori Martina Tistarelli Barbara

Federico Turrini

PARTECIPAZIONE ALLE FASI FINALI DEI CAMPIONATI NAZIONALI

Turini Alberto Chelli Camilla Barbieri Chiara Lontano Camilla Rognini Michele Bientinesi Simone Sarti Ambra Ferroni Camilla Camporeggi Chiara Carneglia Federica Buccolini Jessica Solari Selene Biondi Carolina Salvadorini Marta Costa Gret Tognetti Talitha Piccioli Silvia Felice Elena Piancastelli Giada Lo Coco Martina Gambini Silvia Falleni Alice Cartelloni Noemi Toni Elisa Bongini Luca

(oltre ai sopracitati)

Pelli Dario Spoleti Alessandro Paoletti Giorgio Turrini Sara Chelli Daniele Gualandi Chiara Saletti Costanza Cialdini Giulia Tarquini Giulia Fanciullacci Federica Masini Alessandro Attanasio Gabriele Balestri Linda Pilloni Federico Turrini Nicola Filippelli Roberto Carotenuto Agostino Salutelli Luca Licciardiello Alessio

Sara Turrini

119

Fanucchi Jacopo Morlacchi Francesco Tonsa Lorenzo Lenzi Camilla Norci Naomi Livori Greta Lenzi Giorgia Rocca Nicola De Vanni Valerio Rosselli Gianriccardo Banfi Valerie De Cesari Marcella Cignetti Barbara Salvafondi Silvia Messina Lucia Bernini Raffaella Venturi Martina Carlesi Linda Carelli Camilla Braccini Serena Penco Eleonora Neri Cecilia Scardigli Veronica Orsini Michela Leonardini Serena Chirici Erika

Samuele Pampana

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Quindi eccoli tutti:


!!!"#$"#(0*)$ !!

L’opinione degli allenatori Nell’affrontare un ragionamento complessivo sulle prospettive del nuoto livornese ci è sembrato opportuno, in questo contesto, mettere insieme i punti di vista di tre allenatori che stanno collaborando al buon andamento del progetto agonistico della Nuoto Livorno: Corrado Rosso, Stefano Franceschi e Stefano Frediani. Corrado Rosso è uno dei tecnici più medagliati della storia del nuoto nazionale, ha portato all’argento europeo la campionessa labronica Ilaria Tocchini ed è alle soglie dei 90 titoli assoluti conquistati dai suoi atleti. Sentiamo il suo pensiero. Come vede il nuoto livornese in prospettiva? Sono arrivato a Livorno nella consapevolezza che questa piazza sia una delle migliori d’Italia, che la società è sana e che ha un progetto agonistico importante e stimolante. Non mi dimentico inoltre che a Livorno ci sono sempre stati atleti di valore, perché prima di Ilaria ci sono stati i vari Rosi, Camalich, Paterni e numerosi altri che sotto la guida di una delle figure storiche del nuoto Italiano, Gino Piccini, hanno portato lustro alla città con grandi successi. Quindi la città e la storia natatoria, ma anche sportiva in generale, denotano una certa predisposizione allo sport di li-

Martina M ti De D Memme M

vello; sull’onda di questa predisposizione raggiungere risultati consoni vorrei tanto rag rinverdire la presenza di nuoal passato e rinv tatori livornesi ai Giochi Olimpici, ferma a Rosi e Tocchini (c’è anche Lara Bianconi che ha partecipato ai giochi nuotando a Livorno ma non è livornese). Più che una prospettiva è quindi una realtà dei nostri giorni, se si riferisce a Pechino? Certo, è una realtà attuale, mi sono posto assieme alla società obiettivi ambiziosi in un tempo mediamente lungo (2 stagioni) per poter valutare serenamente, ma attentamente, se quanto fatto nei primi due anni risponderà ai propositi. In prospettiva credo comunque che a Livorno ci siano tutti i presupposti per far bene, ci sono belle strutture, ci sono bravi tecnici e ci sono bravi atleti. Quello che mi pare si sia un po’ smarrito negli ultimi anni è il carattere: mi avevano sempre parlato, e l’ho sperimentato con Ilaria, del carattere dei livornesi come di coloro che lottano senza arrendersi, senza paura e senza reverenza per nessuno. In questo oggi difettiamo ancora un po’, non vedo grandi artisti, ma constato che ai nostri ragazzi viene meglio fare gli imbianchini. La metafora l’ho anche detta più volte a loro, lo sport si fa in gara, è inutile nuotare ed allenarsi su livelli stratosferici se poi nella gara si parte senza l’impulso della vittoria. Molto meglio avere meno desiderio di competizione in allenamento, ma diventare leoni in gara. Quindi livornesi senza carattere? Il carattere ce l’hanno di sicuro, è una fase però questa nella quale non viene sempre fuori abbastanza. Ma sono con-

Nicola Scaramelli

121

vinto che il carattere possa esprimersi meglio nella piena consapevolezza dei mezzi individuali e di squadra. Sono stato molto felice del risultato di squadra che ci ha promosso in serie A e di tanti risultati individuali nel corso della prima stagione, tutto deve contribuire a far capire ai ragazzi che hanno i mezzi per essere competitivi a livello assoluto. Ecco forse l’obiettivo dei prossimi anni, ma iniziato ora, è proprio quello di trasferire la loro mentalità vincente dall’ambito giovanile a quello assoluto. Stefano Franceschi è uno dei tecnici della Nuoto Livorno (oltre che uno dei soci fondatori) ed è anche parte dello staff della Nazionale Italiana di nuoto in acque libere. Essendo parte in causa nella duplice veste di tecnico e dirigente sentiamo anche la sua opinione. Come vede il nuoto livornese in prospettiva? Ritengo che il nuoto livornese abbia grandi possibilità. Nell’estate del 2005 abbiamo deciso io, Ilaria Tocchini e Carlo Chelli di riunire le forze per costruire una società meglio organizzata e che avesse un progetto serio sul quale puntare. La scelta di Corrado Rosso è stata fatta proprio in funzione di questo ed oggi siamo tutti consapevoli di aver fatto la cosa giusta proprio in prospettiva. Ben vengano i risultati di oggi, per i quali ci impegniamo strenuamente, ma pensando a quelli di domani, pensando a quanto è importante per l’ambiente sapersi muovere e riconoscersi nei comportamenti e nelle abitudini di sportivi di livello, sportivi non professionisti, ma dalle abitudini e dall’atteggiamento tipici dei professionisti.

Alberto Turini

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

'&()*'*"+,(&-$.*!!! ' &


Stefano Frediani è allenatore del Nuoto Livorno ed è a Livorno dal 2000, è docente di Nuoto all’Università di Pisa (Facoltà di Scienze Motorie). Essendo persona di grande competenza e buon conoscitore delle abitudini locali, essendo a Livorno da 7 anni, chiediamo anche a lui una opinione. Iniziamo con la stessa domanda fatta agli altri, come vede il nuoto livornese in prospettiva? Io lo vedo davvero molto bene, mi sembra che il modo di operare della società sia assolutamente eccellente ed essendo chiamato a dare il mio contributo ho cercato, e cercherò sempre, di farlo con grande partecipazione professionale ed emotiva. Gli atleti a Livorno ci sono sempre stati ed anche buoni, il livornese (e lo dice un pisano!) è uno sportivo nato, ha lo sport nel DNA. Quello che trovo fondamentale è che si sia anche capito l’importanza della condivisione degli intenti. L’unione di Nuoto Amaranto e di Regina Nuoto nella Nuoto Livorno è stata importante non in quanto fine a se stessa, ma proprio per aver dato a tutti la possibilità di condividere un percorso. E l’arrivo di Corrado Rosso ha fatto il resto, un tecnico unico, capace e preparato che ha alle spalle decine e decine di atleti arrivati al vertice, un tecnico con il quale tra l’altro è anche impegnativo collaborare tanta è l’attenzione maniacale che dà a talune sue scelte metodologiche. Molto impegnativo ma anche molto gratificante. Prospettive buone con grandi meriti a Corrado Rosso, ma se il suo rapporto con la Nuoto Livorno cesserà la prossima stagione da dove ripartirete? Io mi auguro che il rapporto non cessi, mi piacerebbe vederlo portare a termine l’opera alla quale si sta dedicando

con tanta passione, e penso che per farlo abbia bisogno di più di due stagioni. Ma questi sono pensieri personali, le scelte deve farle la società con lui, io sono sicuro che le faranno ben ponderate. Resta il fatto che se anche ci sarà la partenza di Corrado noi ripartiremo avendo accresciuto il nostro bagaglio di esperienza grazie a lui e cercheremo di continuare da dove siamo arrivati. Come diceva il grande Andrea Pazienza “mai fare un passo indietro, nemmeno per prendere la rincorsa!”, ed avendone fatti molti in avanti, con fatica e sudore, non corriamo davvero il rischio di farne neanche uno indietro. Quindi anche senza il tecnico torinese lei ha fiducia nello staff? Non vedo come potrebbe esser diversamente, io faccio parte di uno staff tra i più eccellenti che le squadre italiane possano vantare e sono orgoglioso di farne parte. Uno staff che si è impreziosito con l’arrivo di Corrado, ma che ha al suo interno altri tecnici capaci e preparati. Non ho dubbi che saremo capaci di andare avanti proseguendo il progetto tracciato con Corrado anche senza di lui, mi auguro però che lo si possa fare ancora insieme. Il nuoto livornese ha tutto per far bene: impianti, società, staff tecnico, gruppo. Penso proprio che tutto concorra a spingerci verso il vertice, aspettiamo ancora un po’ e lo vedremo tutti il potenziale dei nostri ragazzi. Non dimentichiamoci che si parla di loro, noi tecnici non siamo altro se non validi strumenti che gli atleti possono, anzi debbono, utilizzare per coltivare le loro ambizioni. Speriamo che ne abbiano di importanti perché le capacità le hanno, se ci mettono anche l’ambizione tutto sarà più semplice.

Marco Castellini

Dario Pelli

Dominic Turzo

123

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Possiamo dire che vivete il presente guardando con attenzione al futuro? Certo che possiamo dirlo, noi abbiamo tutte le intenzioni di riportare il nuoto livornese ai livelli che gli competono. Non ci dimentichiamo che a Livorno c’è una tradizione importante e che, dopo un periodo di transizione abbastanza lungo, oggi gli stimoli sono quelli giusti per tornare ai vecchi fasti. Tutto passa attraverso il lavoro quotidiano, un lavoro incessante che riesca a trasmettere a quanti più atleti possibile la mentalità giusta, e quanti più saranno tanto più sarà possibile farlo diventare un atteggiamento di squadra. Ma lei vede qualche giovane livornese in piscina oggi che possa emulare le gesta di Ilaria Tocchini? Riuscire ad emulare un modello come quello di Ilaria non è affatto semplice. Più passa il tempo e più il nuoto diventa sport per tutti, ci sono ormai, e per fortuna, anche Amministrazioni Comunali di paesi di 5-6 mila abitanti che investono risorse nella costruzione e gestione di piscine. È chiaro che tanto più si allarga la partecipazione tanto più crescono le difficoltà di emergere, e non è un caso se il nuoto Italiano negli ultimi anni ha raggiunto livelli di grandissima eccellenza. È certo anche che giovani promettenti ne vedo diversi, il problema è che per arrivare fino al vertice c’è bisogno che tutto fili alla perfezione e quindi non è sufficiente solo il talento. Noi ce la mettiamo tutta per dare le migliori opportunità di poter emergere, speriamo che anche le famiglie siano compartecipi dei nostri progetti affidandoci i loro figli in modo incondizionato, senza quelle interferenze che spesso minano sul nascere ogni potenziale atleta.


Associazione Sportiva Dilettantistica DLF Nuoto '&()*'* ' & +,(&-$.*!!! + +, ,

!!!"#$"$%&$

Fra le più antiche d’Italia La presenza nelle piscine del Dlf nuoto Livorno è datata dal lontano 1951 con i vari passaggi che accompagnano la vita sia sportiva che sociale ed hanno fatto di questa società una delle più longeve nel campo nazionale e per la nostra città certamente la più ricca di storia. Oggi il Dlf Nuoto è presente nelle piscine Comunali di Livorno con il settore Masters, una attività che parte dall’età di 25 anni fino agli oltre 80/90, una scelta non imposta, ma condivisa con le altre due società che si occupano, la prima di nuoto assoluti giovanile e corsi di qualsiasi genere, mentre l’altra si occupa di pallanuoto maschile e femminile. Negli anni 50/60 esisteva una attività prevalentemente amatoriale inserita nella UISP, ogni anno si partecipava agli incontri dei Dopolavoro Ferroviario nelle varie città organizzatrici, Milano – Cremona – Taormina – Riccione – Trento ed altre ancora, dove oltre alle gare dei figli dei ferrovieri si trascorrevano da parte dei genitori, anche momenti di aggregazione e socialità. Negli anni a seguire 60/70 emerse l’esigenza di consolidare un gruppo crescente mese per mese tanto che nel 1967

oltre all’attività UISP si unì la prima affiliazione alla Federazione Italiana Nuoto, attività che con gli anni ha completato quasi tutti i settori natatori dal nuoto giovanile a quello assoluti, dalla pallanuoto maschile e femminile che raggiunse la serie B a tutto il settore giovanile, un movimento che in totale aveva circa 250 atleti tesserati. Grande merito nel gestire il gruppo pallanuoto che raggiunse le maggiori soddisfazioni negli anni 80/90 è dovuto ai dirigenti Nencioni, Colorà, Ferrucci, e Lami. Negli anni seguenti con il lievitare dei costi, si pensò di creare un’unica squadra con la società Livorno Nuoto e da questa fusione in breve tempo la pallanuoto femminile raggiunse la serie A. In questo ambito, Silvia Moriconi figlia di Aldemaro, ferroviere del deposito locomotive di Livorno, portiera della squadra Livornese, è stata nella Nazionale per tanti anni, vincendo molti titoli Italiani, Europei e Mondiali. L’anno 1989 fu l’ultimo anno che le ferrovie banGruppo dlf Molveno, 1991

125

dirono l’organizzazione dei Campionati Italiani di Nuoto dei Ferrovieri e questi si svolsero a Livorno organizzati dalla locale sezione. Il 37° Campionato Italiano dei Ferrovieri i cui proventi furono destinati all’Unicef, inaugurò l’impianto della Bastia nei giorni 8 e 9 dicembre 1989, un evento impegnativo per la grande partecipazione di atleti e la sistemazione logistica di tanta gente venuta dalla Sicilia al Trentino. Gli anni 90/95 furono anni in cui il Dlf Nuoto Livorno si affermò in campo Nazionale sia nel nuoto giovanile, come pure nel Pentathlon Moderno. Un gruppo di atleti che seppero distinguersi a tutti i livelli individuali (Urgias – Lemmi – Marinari – Barsotti – Sammuri – Mantovani) come pure a squadre tanto che nel Pentathlon arrivammo alla serie A ai Campionati Italiani nel giugno del 1991 con (Barsotti, Barontini e Demi) per la squadra femminile e poi (Sammuri, Barini e Urgias) per la squadra maschile che ottennero il sesto posto. Chiara Barsotti con riferimento ai risultati ottenuti ebbe la convocazione per il raduno con la Nazionale a Fasano. Dal 1 al 10 settembre 1991, la squadra giovanile di nuoto andò in ritiro sulle Dolomiti del Brenta a Molveno per la preparazione ai Giochi della Gioventù, il 15 settembre ad Acireale in Sicilia ed i Campionati Italiani di Pentathlon in ottobre a Roma.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Gruppo dlf, Padova 1988


126


'&()*'* ' +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Non solo competizioni Ogni anno presso i locali della colonia marina del Calabrone, si organizzavano le feste della Befana e del Carnevale, le premiazioni degli atleti con musica, dolci e spettacoli anche per i genitori, mentre nel periodo estivo si utilizzava la piscina scoperta per gli allenamenti da maggio a settembre. I brillanti risultati ottenuti, valsero nell’anno 1993 alla Giornata olimpica svolta presso l’Accademia Navale di Livorno la premiazione del Meloria da par-

Giornata olimpica Accademia Navale, 1993

te del Coni Provinciale (Presidente sig. Zuzzolo) per Merito Sportivo, indubbiamente un importante riconoscimento. Dal 1996 ad oggi, l’attività del Dlf Nuoto Livorno è quella relativa al settore adulto dei Masters, con una piccola parte di attività per i ferrovieri che non possono partecipare alle gare. Il fiore all’occhiello è senza dubbio la manifestazione che ogni anno si svolge la settimana prima di Natale i cui proventi vengono destinati alla Solidarietà con progetti mirati ai bambini del mondo svantaggiati (vittime delle guerre), alle Onlus come Emergency, M.S.F., Balobasha, Cure Palliative e Telethon. L’anno agonistico 2006/07 ha visto la società primeggiare in campo Nazionale ottenendo il 4° posto nella classifica del circuito supermasters della Fin ed un set-

127

timo posto a squadra ai Campionati Italiani di Chianciano. Questi risultati ci pongono al primo posto nella Toscana. Il consiglio lio direttivo dell’ A.S.D. A S Dlf Nuoto Livorno è composto da: Presidente ENZO SAGONE Vic. Pres. VITTORIO GALLO Segretario STEFANO MENICUCCI Consigliere Amm. DINO BONCOMPAGNI Consigliere MAURIZIO PAOLI Consigliere ANDREA DE VINCENTIIS Consigliere FRANCO NATALE Revisore Conti MAURO IACOPONI Medico Sociale DINO SAMARITANI Tecnico Coord. M.ROSA PASSARIELLO Tecnico LOREDANA SORBO Tecnico BARBARA GIANNETTI Tecnico ILIO BARONTINI

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Gruppo dlf Molveno, 1991


!"#$%&'$(

)*+,-., +*/0!1*02,33*/4,-*0!1)0+14-,5067890:;$<=0>&<<?&@A'&B 4";=09C6D0EF6FGH0I03@J09C6D0EF6FGF KKK=;"%%&%&'"L&=&'000M000"IL@&;(0&NN&O@P&$A"Q;"%%&%&%'"L&=&'

PROGETTAZIONE FORNITURA POSA IN OPERA per

Lâ&#x20AC;&#x2122; I R R I G A Z I O N E di

IMPIANTI SPORTIVI - PARCHI PUBBLICI E PRIVATI CONCESSIONARI

PROGETTAZIONE, FORNITURA e INSTALLAZIONE

PISCINE

DISTRIBUTORE DI ZONA

128


Pallanuoto Livorno: Giocare a pallanuoto nella Livorno del passato significava fare parte di un gruppo, di una nicchia, di un “clan”. Essere uno di quei fortunati rendeva fieri, orgogliosi, sicuri del supporto del compagno in acqua e fuori, nelle piscine o nei quadrati di mare che a quel tempo venivano montati per garantire lo svolgimento di una partita. Essere uno di loro significava possedere uno spirito di sacrificio, di lealtà, di correttezza, spirito che li ha portati alle soglie del campionato di maggior blasone e che ha fatto si che il settebello Livornese raggiungesse livelli mai più raggiunti dalla pallanuoto maschile di casanostra. Parlo delle squadre allenate da Gino Piccini e Pino Sturla dei vari Paterni, Carnevali, Romano, Piccini, Sturla, di at-

leti così particolari e appassionati che tutt’oggi non è raro incontrare in piscina ad allenarsi o fare un bagno per ridere scherzare, rivivere i momenti del passato e perchè no dare qualche consiglio sulla attuale prima squadra. Lo stesso spirito a mosso le “bimbe” di Marco Paoli che nei primi anni novanta riuscirono ad essere per quattro anni nella massima serie e a disputare un prestigioso play off scudetto arrendendosi in semifinale di fronte all’armata Orizzonte, futura squadra campione d’italia. Quella squadra fatta in casa era ricca di campionesse, di atlete come Marica Carrozi, Francesca Romano, Silvia Morriconi e Daniela Lavorini, che successivamente sarebbero andate a rendere servizio ed a portare allori alle squadre di mezza Italia e alla Nazionale Maggiore.

Era quel modo di interpretare lo sport che rendeva così forti, ed è quel modo che la Pallanuoto Livorno di oggi sta cercando di riprodurre. Le difficoltà non sono poche, perchè supportare una società in piscina al giorno d’oggi è economicamente impegnativo, probabilmente i valori di un tempo sono rari da riscontrare e sicuramente le antagoniste sempre più numerose ed agguerrite. La direzione che abbiamo intrapreso però è quella giusta e non ha tardato a dare i suoi frutti, infatti un gruppo di ragazze, unitesi per diletto, in cinque anni sonno riuscite a raggiungere “la pallanuoto che conta” scalando tutte le classifiche fino ad arrivare nel giugno 2007 a vincere una finale play off per l’accesso alla serie A2. Un evento che la pallanuoto aspettava da molto, raggiunto con fatica, sacri-

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Realtà in crescita!

129


130


Ultimo, ma non in ordine di imporl d d tanza, riguarda il campionato Allievi del 2007, la squadra di Michele De Zordi si impone su squadre più blasonate e quotate portando a Livorno lo scettro di campioni regionali.

che SSono questi i risultati l h più ù ci inorgogliscono, ci ripagano dei sacrifici profusi e ci sottolineano che soltanto aumentando gli sforzi nel settore giovanile potremo “sopravvivere” e auspicare in una crescita generale.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

ficio, con spirito di gruppo, una vittoria maturata dopo un campionato condotto dall’inizio alla fine, una dimostrazione di forza ed unità che rende fieri ed orgogliosi di aver avuto la fortuna di parteciparvi. Nell’ambito maschile il progetto è partito dalla scorsa stagione e procede a ritmi serrati, partecipiamo al campionato di serie C con ambizione di crescere. La squadra è costituita al cento per cento da ragazzi di casa nostra, nati nelle giovanili, cosa difficile da riscontrare nell’ambiente, dove tutte le società sono solite comprare e cedere giocatori compromettendo molto spesso il bilancio e il futuro. Riteniamo che questa sia la strada giusta per poter credere in una evoluzione generale ed in un salto di categoria sostenibile e siamo sicuri che ben presto i risultati verranno. Ciò di cui andiamo più fieri però sono i centocinquanta bambini e ragazzi che quotidianamente vanno in acqua a formare le dodici squadre che la Pallanuoto Livorno mette in campo, raggiungendo risultati importanti.

131


di Rico e Christian Simonetti

• Auto sostitutiva

• Ricarica A/C

• Soccorso stradale 24 h

• Assistenza pratiche assicurative per danni meccanici e/o fisici

• Banco riscontro scocche

132


'&()*'* '& +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

Carlo Simonetti: un indimenticato campione Quest’anno vogliamo ricordare la storia del Karate a Livorno parlando del maestro Carlo Simonetti indimenticato campione, che inizia la pratica del Karate nel 1966, sotto la guida del Maestro Alfredo Gufoni detto Bibi, distinguendosi nel kumite agonistico conquistando il 2° posto ai Campionati Italiani del 1967 del 1968 e del 1969, vinse anche la Coppa Italia e si classificò terzo ai Campionati Italiani a Squadre. Cessata nel 1970 l’attività agonistica da atleta, si dedicò all’insegnamento presso il Budokan Portuali Livorno tenendo corsi per ragazzi ed adulti fino al 1972 quando fonda il Karate Livorno con il quale raggiunge ottimi risultati sia a livello regionale che nazionale. Da questa scuola escono atleti quali Sergio Pardini, Renato Barontini, Etto-

Da sx: Renato Barontini, Maestro Carlo Simonetti, Maurizio Baldi

Fabrizio Novelli, Maurizio Baldi, Renato Barontini, Ettore Senesi, M.stro Carlo Simonetti, Raffaele Montenero, Walter Pesco, Massimo Susini, Pietro Casaceli, Piero Attanasio Puliti

re Senesi, Maurizio Baldi, Raffaele Mon- a livello regionale che nazionale aggiutenero, Fabrizio Novelli, Massimo Spiga, dicandosi più volte il trofeo Autunno e il Roberto Cavalli, Pietro Casacieli. Trofeo Satura, manifestazioni di valore naAlcuni di loro diventeranno pluricam- zionale, riservate alla categoria ragazzi. pioni d’Italia e faranno parte della nazioIl maestro Simonetti in seguito ai risulnale Fik, altri saranno vincitori di Coppa tati ottenuti dalla società Karate LivorItalia e innumerevoli piazzamenti. Tut- no fu nominato Direttore Tecnico delti questi atleti insieme ad altri (nominar- la Nazionale Italiana, insieme al maestro li tutti è impossibile) diretti ed allenati Aschieri e al maestro Grasso sotto la predal maestro Simonetti hanno permesso sidenza del dott. Porzio. alla società Karate Livorno di vincere numerosi Trofei per società e nel 1976 la vittoria del Campionato Italiano a Squadre serie A consacrò il Karate Livorno come la prima società classificata nella graduatoria stilata annualmente dalla Federazione. Anche nel settore Kata (Forma) il Karate Livorno ottie1975: Campionati Senior. La scuadra del Karate Livorno ne ottimi risultati sia

133

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo - Lotta - Karate - Arti Marziali

Il Karate a Livorno


'&( '&()*'* +,( +,(&-$.*!!!

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo - Lotta - Karate - Arti Marziali

!!!"#$"(//$

I campioni labronici Parlando del karate labronico, note d’attenzione si presentano su atleti di valore che ben figurano in campo regionale, ed hanno conquistato meritatamente il podio, mentre più complesso è il raggiungimento di quello nazionale, ed ancora più faticosa è la riconferma della posizione conquistata, che fa emergere il campione, cioè la continuità. Atleti emergenti e di valore labronici sono: KATA SENIORES: Loni Alessio, Taddei Claudio, Novi Riccardo. CADETTI: Pagni Jacopo, Melani Giacomo. ESORDIENTI: Lunghi Stefano, Stinziani Diego, Pucci Giulia, Magnani Lisa, Tucci Federico, Piattelli Diletta, Paganucci Martina, Ragusa Nicola, Monterier Raffaele, Fanciullo Giada, Scontrino Virginia, Lombardo Marco, Binetti Benedetta, Taddei Melissa, Parolini Massimiliano, Siluis Stefano, Anguierre Villa, Labos Rubeu, Marinai Simone, Barsotti Chiara, Merula Silvio.

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '

!!!!"#$"#(0*)$

Di l Divulgazione e promozione Presentiamo un passato glorioso illustre e forte di elementi carismatici, ma da un decennio ed oltre l’evoluzione del karate sportivo si presenta in maniera diversa. Un regolamento arbitrale, svolto a proteggere gli atleti dagli incidenti di gara a beneficio della velocità e dall’alto profilo tecnico espresso, porta a svolgere un lavoro con gli agonisti molto accurato, progressivo, costante, impegnativo della forma atletica, della tecnico, della tattica, ed infine, del coraggio, dote che fa parte dell’animo umano. Nel Katà (forme) sia singolo che a squadra e i loro Bunkai esprimono perfezione d’esecuzione e verità d’applicazione. La pratica di questa disciplina sportiva porta al semiprofessioni-

Trofeo Simonetti 2007. Tecnici Livornesi: Mario Ribecai, Giovanni Vivaldi, Viviano Biagi, Rico Simonetti, Cap. Cesare Gentile, Presidente Veterani Romano Casali, Maurizio Baldi, Giorgio Fedi

RAGAZZI: Cristofoni Nicola, Sitri Gabriele, Perullo Alessio, Pagni Claus, Matteucci Rosa, Francesco Iachipino, Melani Tommaso, Repetti Claudio, Zuin Vanessa, Ferrucci Filippo, Angulo Wendy, Lorenzoni Leonardo, Maurizio Nizzi, Aguisanti Umberto, Selmi Lorenzo. KUMITE SENIORES: Citi Antonio, Pilagatti Daniele, Del Moro Luca, Lomonaco Giovanni, Barontini Antonio, smo con 4/5 allenamenti settimanali. Auspichiamo per il karate labronico una riconferma ed una un maggiore conquista dei podi regionali e nazionali, in maniera più determinata. Un ampliamento del settore d i U giovanile tutto agonistico e preagonistico, tenendo conto, per quest’ultimo settore la specializzazione precoce, a cui la Fijlkam pone molta attenzione, come linea guida

JUNIORES: Guarnotta Alessio, Variale Cristian, De Lorenzo David, Tinucci Giada. CADETTI: Scontrino Eva, Sacripanti Ginevra, Malasoma Diana ATLETIC CLUB BUDOKAN PORTUALI OLIMPO CLUB, COLOSSEUM CLUB CENTER 187° reggim. Paracadusti Folgore Affiliati FIJLKAM CONI W.K.F.

federale, grazie anche ad un sostanziale aumento della divulgazione e promozione sportiva, con il progetto scuola, e gioco sport scuola, in collaborazione con enti locali e CONI provinciale. Vorrei precisare che la Fijlkam è l’unica riconosciuta dal CONI e dal CIO a promuovere le discipline, ed a organizzare campionati italiani e gare internazionali. Chiudiamo su questa panoramicca con alcune notizie d’interesse nazionale, l’Italia è campione del n mondo per nazioni in carica fino m aal 2008 per medaglie vinte, e plurricampione del mondo specialità ((Kata/Bunkai) a squadra seniores, vvice campioni del mondo Juniores SSpecialità (Kata/bunkai) a squadra 2007/2008. 2 Ricordiamo inoltre che nella nosstra città si organizza con piacere ed entusiasmo e con il contributo e degli sponsor il trofeo” Carlo Simod netti” gara d’interesse Nazionale, in n memoria del capo scuola del (Karam tte Livorno) scomparso nel 2003. La società si è sciolta nel 1989, dopo Pluricampioni del Mondo 2005/2006 2007/2008: KATA/ aver costruito pluricampioni che BUNKAI FIJLKAM EKFWKF. Lucio Maurino (Finanza), hanno fatto parte della Nazionale Vincenzo Figuccio (Carabinieri), Luca Valdesi (Finanza), FIK oggi FIJLKAM. Alessio Martelloni, Maurizio Baldi

134


1 8 13 138


'&()*'* '& +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

I primi passi del Judo a Livorno ed i suoi campioni di ieri e di oggi Il CONI tramite la sua Federazione FIJLKAM opera in maniera importante nella nostra città cosi come nella provincia. L’Athetic Club Livorno è stata la prima associazione sportiva a curare il settore delle arti marziali, judo e karate. Nella sede di Viale Italia i F.lli Riccardo ed Enrico Bagnoli, il dott. Benito Bianchi, Franco Nigiotti e Alfredo (Bibi) Gufoni (attualmente Consigliere nazionale Fijlkam) introdussero per primi il judo nel panorama sportivo labronico. Era il 1963: gli istruttori

'& '&()*'* +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Dalle olimpiadi a judogiocando Il futuro più immediato è riposto nelle sopraccitate Giulia Quintavalle e Camilla Magnolfi; sulle quali la nostra provincia e la FIJLKAM ripongono grandi speranze per Pechino 2008 e sui giovani talenti emergenti come Simone Taiocchi (Ronin Livorno) già 4 volte medagliato ai Campionati Italiani delle classi giovanili, attualmente

Panoramica Trofeo Topolino Torino 2007.

venivano da fuori poiché a Livorno ancora non c’era uno staff tecnico in grado di insegnare. La prima cintura nera con qualifica di Istruttore è stato Alberto Regnani seguito da Vittorio Domenici, successivamente vi sono stati altri insegnanti tecnici, già atleti di spicco, che hanno acquisito tale qualifica tra cui Marco Griselli (attuale Maestro dell’A.S. Ronin). Poco dopo nasceva a Cecina la Società Kodokan; che sapientemente guidata dal decano dei tecnici della provincia Renato Cantini (Maestro 6° Dan e docente federale) iniziava a sfornare una serie impressionante di talenti che hanno fatto la storia del Judo Toscano, ma anche Nazionale. Marco Tarchi (attualmente tecnico del Judo Rosignano), Roberto Cardosi (tecnico del Colosseum Livorno), Luca Aiello (tecnico del Gruppo Sportivo VV.FF. Livorno), Andrea Falso i F.lli Giannellini, Giacomo Pallini, Federico Cappagli e tanti altri. Un capitolo a parte meritano tre atleti cresciuti sempre alla scuola del Maestro

Cantini, FiamCantini ed attualmente in forza alle Fiam me Gialle: Michele Monti (plurimedagliato a livello Europeo e Mondiale e partecipazioni Olimpiche), Camilla Magnolfi (probabile Olimpica ed anch’essa con importanti affermazioni a livello Mondiale ed Europeo) e la Giulia Quintavalle recente 5 posto ai mondiali in Argentina e grande speranza del judo italiano per una medaglia alle prossime Olimpiadi di Pechino. Un’altra società storica della nostra provincia è la A.S. Judo Piombino; nata nel 1968 e guidata nel tempo dal Maestro Pier Luigi Masetti con il suo collaboratore Carlo Tomei. Questa società ha avuto molti ottimi atleti, tra tutti ha brillato nei passati anni Maurizio Benvenuti sportivo di livello europeo più volte nazionale; da ricordare anche i risultati a livello assoluto conseguiti negli anni settanta da Danilo Rocchi, Sirio Fiaschi e Andrea Camerini. Sull’Isola d’Elba il judo è stato portato dal Maestro Giuseppe Calogelo. Atleta di spicco a livello nazionale è stata la bravissima Paola Postiglioni.

ancora categoria Junior ed il giovanissimo Marco Torrente (As Judo Piombino), che proprio recentemente ha colto ad Ostia la sua prima medaglia di argento ai Campionati Italiani Esordienti. Nel contempo prosegue intenso il lavoro del Comitato Provinciale, portato avanti dal delegato Luca Magnolfi e dal responsabile settore Judo Maestro Marco Griselli, che si sviluppa con allenamenti provinciali e la partecipazione (insieme alla provincia di Grosseto) alle manifestazioni propedeutiche (riservate ai bambini e ragazzi) denominate “Judogiocando” da cui si spera escano altri talenti di cui la nostra provincia è sempre stata ricca. Attualmente le società FIJLKAM della provincia dove si può praticare Judo sono: - Athletic Club Livorno Via Marradi Tecnici Sergio Marcucci e Vittorio Domenica - Colosseum Livorno Via dei Bagnetti Tecnico Roberto Cardosi - Gruppo Sportivo VV.FF. Livorno Viale Tetrarca Tecnico Luca Aiello - Accademia dello Sport Livorno Via Garibaldi Tecnici Paolo Augusta e Damiano Bani - A.S. Ronin Livorno c/o Centro Salus Via del Vigna Maestro 5 ° Dan Marco Griselli docente regionale

- Budokan Portuali Livorno P.zza Unità d’Italia Tecnici Adriana Musumeci (responsabile settore scuola) Luigi Piazzi (responsabile settore Kata) - Budokan San Vincenzo Via Santa Caterina Tecnico Ennio Cecchini - Kodokan Cecina Piazza Carducci Maestro 6° Dan Renato Cantini docente nazionale - A.s Judo Piombino Via Fucini Maestro Pier Luigi Masetti tecnico Carlo Tomei - Judo Isola d’Elba Portoferraio Salita Napoleone Maestro Giuseppe Calogelo - Judo Rosignano Via Nievo Tecnico Marco Tarchi

139

Quintavalle contro Gravenstijin Campionati mondiali Argentina 2007

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo - Lotta - Karate - Arti Marziali

Il Judo a Livorno


• Pesi • Ginnastica • Cardio Fitness pugilistica • Ginnastica • Sauna • Lotta È nata una nuova scuola che ha come insegnanti istruttori federali qualificati: Riccardo Niccolini per la lotta Fabrizio Trinca per il pugilato Maurizio Rolla collaboratore

Puoi frequentare corsi di:

Ginnastica pre-atletica Ginnastica pugilistica Body step Lotta libera per adulti Lotta libera per bambini


'&()*'* '& +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

La carriera sportiva di Antonio La Bruna

Ho iniziato la lotta stile libero all’età di quattordici anni e cioè nel 1973, a quei tempi facevo già due sport; calcio (visto che mio padre era allenatore) e pugilato al c.r.a.l. Stanic. Ad avvicinarmi a tutti questi sport, ed anche alla stessa lotta, è sempre stato mio padre che sognava per me un futuro da campione. Quando mi disse che aveva letto di alcuni corsi di lotta per ragazzi e intendeva farmi provare, io gli risposi che assolutamente non ne volevo sapere perché era uno sport troppo violento. Lui non si perse d’animo ed il giorno successivo mi portò in palestra ai V.V.F. Tomei alla sezione Porto per vedere di che si trattava e quando vidi un Campione Italiano di quei tempi della Categoria 48 Kg. Mario Giovannelli lottare con una promessa di circa 80 Kg. mi resi conto della bellezza di questo sport e di quanta tecnica era necessaria per praticarlo al punto che pensai: “non riuscirò mai ad imparare tutte queste cose”. Purtroppo ancora oggi questa bellissima disciplina non è conosciuta e molti, come è successo a me, pensano che sia uno sport violento. Così è iniziata la mia avventura come lottatore e devo dire che imparavo molto in fretta, mi veniva tutto facile, anche perché ero cresciuto in un quartiere come “La Rosa” di 40 anni fa e gli incontri di “lotta” tra ragazzi erano all’ordine del giorno. Il mio primo e indimenticabile allenatore e stato Dino Bianchi, mi viene in mente quando mi disse che, vista anche la mia predisposizione, avrei partecipato ai Campionati Italiani. Non mi sentivo all’altezza, era circa un mese che avevo iniziato. A pochi giorni dall’attesa manifestazione mi ammalai, presi una brutta bronchite che mi costrinse a letto e a dolorose punture di penicillina, la gara sembrava saltata, invece mi ripresi in tempo, feci l’ultima iniezione e il giorno dopo partii. Arrivati al palazzetto, dopo l’estrazione necessaria per formare le coppie che dovevano combattere, ricordo l’allenatore che venne da me e disse: “Hai il primo incontro con un compagno di squadra e non voglio che arriviate ai prossimi gironi stanchi viste anche le tue condizioni. Il primo incontro

non andò bene e finii KO all’inizio della seconda ripresa, però gli incontri successivi li vinsi tutti con facilità, non fu così per il mio compagno di squadra che comunque vinse e arrivò primo, per me fu un bellissimo e indimenticabile secondo posto. Una svolta importante alla mia carriera di atleta la dette Vittoriano Romanacci della scuola dello Sport di Roma che rivoluzionò i metodi di allenamento; aveva una notevole preparazione in questo campo, ma quello che fece la differenza, fu la sua capacità di entrare nella “testa” di noi atleti, facendoci rendere sempre al massimo. Per molti di noi fu come un padre, una persona con cui confidarsi, un esempio da seguire per il futuro. Il momento più bello è stato sicuramente partecipare alle olimpiadi, vivere l’atmosfera del villaggio olimpico essere lì con i migliori atleti del mondo. LOTTA 1973 Kg. 36 2° Camp. Ital. Esordienti 1974 Kk. 48 1° Camp. Ital. Allievi 1975 kg. 52 1° Camp. Ital. Studenteschi 1975 Kg. 52 2° Camp. Ital. Juniores SAMBO 1976 kg. 56 1° Camp. Ital. Sambo LOTTA 1976 kg. 57 1° Camp. Ital. Società 1976 Kg. 52 3° Camp. Ital. Juniores 1977 Kg. 57 1° Camp. Ital. Juniores 1977 Kg. 57 1° Camp. Ital. Speranze 1977 Kg. 57 1° Trofeo Milone under 18 1978 Kg. 57 1° Camp. Ital. Assoluti 1978 Kg. 57 1° Camp. Ital. Juniores

Antonio La Bruna

141

1978 1978 1978 1978 1979 1979 1979 1979 1979 1979 1980 1980 1980 1980 1980 1980 1981 1981 1981 1981 1981 1982 1982 1982 1982 1982 1983 1983 1983 1984 1984 1984 1985 1985 1985 1986 1986 1986 1986

Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 68 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 57 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 57 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 57 Kg. 62 Kg. 57 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 62 Kg. 68 Kg. 62 Kg. 68 Kg. 62

1° Coppa Italia Seniores 2° Gran Premio Austria 1° Torneo Internaz. Juniores Vevey 3° Trofeo Azzurro Seniores 1° Camp. Ital. Assoluti 1° Camp. Ital. Juniores 1° Coppa Italia Seniores 2° Giochi del Mediterraneo 2° Torneo Internaz. Seniores Atene 3° Torneo Internaz. Seniores Mosca 80 1° Camp. Ital. Assoluti 1° Coppa Italia Seniores 1° Torneo Internaz. Seniores Mosca 80 1° Torneo Internaz. Seniores Skopje 9° Camp. Europei Seniores 10° Olimpiadi Mosca 80 1° Camp. Ital. Assoluti 2° Camp. Ital. Sq. x Regioni 3° Torneo Internaz. Seniores Milone 3° Torneo Internaz. Seniores Struga 4° Campionati Europei Seniores 1° Camp. Ital. Assoluti 1° Torneo Inter. Seniores 6 nazioni 4° Camp. Europei seniores 4° Torneo Internaz. Seniores Milone 5° Torneo Internaz. Seniores Coulon 1° Coppa Italia Seniores 2° Giochi del Mediterraneo 5° Camp. Europei Seniores 1° Camp. Ital. Assoluti 6° Olimpiadi Los Angeles 84 6° Torneo Internaz. Seniores Milone 1° Camp. Ital. Assoluti 1° Torneo Internaz. Seniores Milone 8° Camp. Europeo Seniores 1° Camp. Ital. Assoluti 1° Torneo Internaz. Seniores Akropolis 2° Coppa Italia Seniores 5° Torneo Internaz. Seniores Intranszmas 1986 Kg. 62 6° Torneo Internaz. Seniores Matura 1987 Kg. 68 1° Coppa Italia Seniores 1987 kg. 62 3° Camp. Ital. Assoluti 1987 Kg. 62 5° Camp. Europei Seniores 1987 Kg. 62 5° Torneo Internaz. Seniores Milone 1988 Kg. 68 1° Coppa Italia seniores 1988 Kg. 68 2° camp. Ital. Assoluti 1988 Kg. 68 2° Torneo Internaz. Seniores Milone 1989 Kg. 68 1° Toeneo Internaz. Seniores Yasar Dogu 1989 kg. 68 6° Torneo Internaz. Seniores Milone Attualmente ho riscoperto la passione di allenare, trasmettere agli atleti quello che ho imparato in anni di sacrifici mi dà soddisfazione, per questo motivo vado ad aiutare Riccardo Niccolini nell’unica palestra di lotta che c’è a Livorno il Popeye in via san Matteo. Per il futuro mi piacerebbe riuscire a preparare dei lottatori fin da quando sono piccoli e portare la lotta femminile anche a Livorno. Antonio La Bruna

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo - Lotta - Karate - Arti Marziali

La Lotta a Livorno


i d à t i l i e b i i l n a o p d s n i i d e r i t a z t e a s i t Va tture ilom n on e m li c a ve erok i i z b e n z t a a a z n r i z i F nali n i m i o l s i r b pe redi c n i Vuoi vendere il tuo usato…? Ci pensiamo noi!!!

Via M. Mastacchi, 212 (ang. Aurelia) - 57122 LIVORNO Tel. 0586 425094 • Fax 0586 425426

www.4Ruote-Livorno.com • E-mail: info@4Ruote-Livorno.com


!!!"#$"(//$

Un importante riconoscimento per Riccardo Niccolini Il 2007 si è concluso con grande soddisfazione per Riccardo Niccolini che è stato premiato come Tecnico Regionale dal Coni di Firenze che gli ha così riconosciuto i suoi meriti di allenatori, incoronandolo il migliore della Toscana, grazie anche ai risultati che come società ha saputo raggiungere. Ed infatti, Riccardo ci ricorda i successi dell’anno: “Siamo arrivati primi come società ai Campionati Regionali, primi come società alla Coppa Toscana estesa anche alla Liguria, secondi come società al Trofeo città di Genova. Abbiamo poi alcuni atleti che ci hanno dato delle importanti soddisfazio-

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '

!!!!"#$"#(0*)$

Spiegare ai giovani cos’è la lotta “In questo momento la lotta livornese è tutta incentrata sui giovanissimi, è proprio loro che vogliamo curare in modo particolare per formare i campioni di domani.

ni, come Micael Marini,15 anni, arrivato terzo ai Campionati Italiani Cadetti e medaglia d’argento ai Giochi della Gioventù; Giacomo Dentone, 12 anni, secondo classificato ai Giochi della Gioventù; Igor Nencioni, 30 anni, che ha vinto tutte le gare di qualificazione ed il torneo Internazionale di Palermo, purtroppo è arrivato 5° ai Campionati Assoluti perché ha avuto un frammento osseo nel ginocchio che gli ha impedi-

Nico Tonci, 3° class. Giochi della Gioventù Marini Micael, 3° class. Camp. Italiani Cadetti 2° class. Giochi della Gioventù

Un lavoro che stiamo portando avanti -spiega Riccardo Niccolini- grazie alla collaborazione di Mauro Puccini e dell’allenatore Antonio La Bruna. Purtroppo il nostro è una disciplina sportiva poco conosciuta, la gente dimentica che è lo sport più antico del mondo, che risale addirittura agli antichi greci.i C’è un po’’

143

to di esprimersi al meglio, ma adesso si è operato e sta riprendendo gli allenamenti”.

di prevenzione nei nostri confronti perché credono che sia un’attività violenta, ed invece non lo è, abbiamo regole che rispettiamo. Purtroppo la moda televisiva del wrestling ci ha danneggiato, perché la gente ci accomuna a questo spettacolo, ma noi siamo una cosa completamente diversa, uno sport ufficiale riconosciuto dal comitato olimpico. Stiamo progettando un intervento nelle scuole per poter informare i giovani, spiegare la differenza fra le due cose, parlare della lotta e sperare così di avere nuovi appassionati per uno sport molto bello come il nostro”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo - Lotta - Karate - Arti Marziali

'&( '&()*'* +,( +,(&-$.*!!!


'&()*'* '& +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

Quando d ogni angolo della città ci parla della storia del basket Vai in giro per Livorno e ti accorgi che la storia del basket non va ricercata chissà dove, in chissà quali bacheche, in chissà quali foto. La storia del basket labronico è un po’ ovunque in città, nelle scritte con lo spray sulla finale del 1989 tra Libertas e Milano, che ancora sopravvivono in piazza Roma. O in via Cecconi, nel quartier generale della Pielle, dove ancora oggi si allena la squadra rinata dalle ceneri della serie B. Il basket labronico viene dal basso, viene dal popolo. È per questo che, di diritto, nella storia del basket labronico, può entrare anche il “campino” all’aperto della Pinetina, il giardino pubblico tra viale della Libertà e i cimiteri di Ardenza. Un rettangolo di asfalto in mezzo agli alberi e un canestro tutto in ferro. Resiste da vent’anni, o forse di più. In pochi, forse nessuno sa quando è stato

su. Anzi Anzi, nessuno lo vuole sapere sapere, tirato su un po’ come accade per i miti. Quel canestro? È lì da sempre, e ha fatto giocare generazioni di livornesi. Partite a 32, squadre di quattro, chi perde esce e ne entrano altri quattro. Ci sono stati tutti: gli sconosciuti e i giocatori di serie A, i talenti che si sono persi per strada e quelli che sono diventati famosi in città proprio grazie al basket all’aperto, che ha regole tutte sue. Anche coloro che fondarono la pallacanestro all’ombra dei Quattro Mori, era il 1932, in fin dei conti erano “bimbi” di Livorno, ragazzi che avevano trovato interessante questo sport. E anche loro iniziarono all’aperto. Nei campi di terra battuta, e guardando le foto ti chiedi come facesse a rimbalzare il pallone. Ma pensi anche che quelle maglie di lana, la divisa da riposo con la scritta “Livorno”, riproposta oggi andrebbe molto di moda. Il “padre” di tutti i cestisti labronici è Bruno Macchia: c’era anche lui tra i “bimbi” del ’32, quelli che fondarono la pallacanestro, e in tutta la sua vita, vero pioniere, non ha mai abbandonato questo sport fin quando le gambe e la mente lo hanno retto.

Libertas-Eldorado - 1971

145

Negli anni Trenta le squadre avevano nomi che richiamavano al regime fascista, come Guf (Gruppo universitario fascista). Dopo la guerra le cose cambiano. Arrivano Pro Livorno e Stella Rossa, che dopo la fusione divennero l’Us Livorno di Gaetano D’Alesio, il “patron” per eccellenza, la cui famiglia sarebbe rimasta legata per un cinquantennio al basket cittadino. Nel 1947 nasce la Libertas. Nel 1960 la Pallacanestro Livorno prende parte al primo suo vero campionato. Due date da memorizzare. Perché le sfide tra Libertas e i “cugini” piellini infiammeranno i quarant’anni successivi. Impossibile ricordare tutti i nomi che hanno fatto la storia delle due squadre. Vasco Suggi, Stelio Posar e le sue partite da quaranta punti, Alfredo Damiani per la pielle. Gianfranco e Piero Benvenuti, Silvio Gatto, Otello Formigli per la Libertas. Anni di passione e voglia di emergere. Una storia che passa anche dai luoghi in cui il basket viene “santificato”. Il “palazzettino” di via Allende, che nasce nel 1961, oggi il PalaCosmelli: poche centinaia di spettatori la capienza ufficiale, molti di più gli spettatori reali nelle sfide più calde tra le due squadre citp ttadine. Nel campionato ‘59/’60 i campi all’aperto non sono più amp messi e il nuovo impianto è m provvidenziale. p Gli anni ’70 sono quelli dellle prime sponsorizzazioni per lla Pielle, con Toncelli e Umbertto Foresi a capo della società. È iin questi anni che si gettano le ffondamenta della Pallacanestro LLivorno che poi approderà in sserie A. Sono anche anni di passsaggio per il basket livornese. La LLibertas, dopo alcuni salti in A, ttorna in B nel ‘70/’71 e ci rimarrà per dieci anni. p Nel ’76 l’inaugurazione del PalaAllende, quello nel quale in P pratica fino ai primi anni 2000 p passerà tutta la storia del basket p llabronico. La fine degli anni ’70 coincide con l’arrivo di Alessandro Fantoz-

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

La pallacanestro a Livorno


Visita oculistica (su appuntamento)

Occhiali da vista e da sole per tutti

Visita optometrica gratuita (tutti i giorni)

Consulenza personalizzata e controllo visivo gratuito

Garanzia di protezione contro le rotture accidentali degli occhialida vista

Prova gratuita di tutti i tipi di lenti a contatto

Promozioni periodiche

Garanzia su lenti progressive

1146 14 46


decorano perfino il soffitto dell’impianto di via Allende. La gara cinque di finale è il 27 maggio ’89: Livorno gioca la bella in casa, ma tra follia e recriminazioni il canestro sulla sirena di Forti non fu considerato valido. La Phillips vinse 86-85 e si portò a casa lo scudetto. Fu uno shock assoluto per Livorno. Passano un paio di anni e le due realtà cittadine si fondono. Arriva il buio per il basket livornese dopo tanta luce. I labronici sembrano non riprendersi dalla batosta. La squadra, divenuta una realtà unica, non decolla anche se il tifo non manca. C’è tempo per vedere Ray Sugar Richardson in maglia amaranto oltre a Stefano Attruia. Poi la nuova realtà naufraga. Il basket a Livorno, a metà anni ’90, può però risorgere. Dalla B arriva il Don Bosco Basket, una realtà che la famiglia D’Alesio fa crescere anno dopo anno grazie anche all’eccezionale settore giovanile che porterà alla conquista di quattro scudetti juniores. I livornesi piano piano si affezionano al nuovo team, che il 26 maggio ’96 fa trova-

Fantoni

147

re di nuovo la serie A2 ai livornesi, grazie alla promozione contro Viterbo. Sono gli anni dei due fratelli Gigena, Silvio e Mario, in una squadra che aveva anche Alessandro Fantozzi come immarcabile play. Gli anni dell’A2 fanno arrivare a Livorno stranieri che poi avrebbero avuto il loro bel futuro, come Brad Miller, ora pivot titolare Nba a Sacramento o Miles Simon, uno dei tiratori più incredibili che Livorno ricordi. Lo straniero del cuore rimarrà però per sempre Ken Barlow. L’ex mattatore della Milano anni Ottanta non è più un ragazzino quando arriva sotto i quattro mori. Ma insegna al popolo livornese che la classe non è e non sarà mai acqua. È la stagione 2000/2001 e Barlow da pivot si trasforma in incredibile tiratore da tre, diventando con Simon una coppia mortifera. Il 3 giugno 2001, nella gara cinque per salire in A1 contro Reggio Emilia al PalaBigi di via Guasco, Livorno con un canestro di Ken Barlow all’ultimo secondo dall’angolo conquista la serie A1. Gloria per coach Alessandro Finelli e per i supporter amaranto. Che l’anno dopo tornano a vedere l’A1 in un memorabile esordio d casalingo, pur nella sconfitta, contro la storica Kinder di Ettore c Messina e Manu Ginobili. Il resto è M storia di questi anni. s Nel 2006/2007 la retrocessione di d nuovo in A2, dopo sei campionati n di vertice. Quanti personaggi, quante immagini, quanti cimeli: q manca solo una hall of fame, e chism sà s che qualcuno, un giorno, magari r tra le istituzioni locali, non pensi a relizzarla. Il basket a Livorno non smette di vivere comunque, ed è s nel n cuore anche e soprattutto delle centinaia di appassionati dilettanti. c Che C davanti a loro vedono scorrere le l immagini delle vecchie glorie, le canotte di lana, le foto in bianco e c nero, le domeniche al palazzetto di n via v Allende con l’odore di pop corn e il fumo delle sigarette che all’intervallo creava una cappa sopra il t campo che andava via solo a metà c secondo tempo. s Ognuno tiferà sempre per i propri p colori, ma quelle sensazioni sono n un patrimonio di tutti i livornesi. Di D tutti quelli che hanno la fortuna n di essere nati alla prima, vera basket city. b Francesco Marinari

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

zi per la Libertas e Giovanni Diana per la Pallacanestro Livorno: due bandiere che i rispettivi tifosi non smetteranno mai di amare. Nel 1980, il 1 giugno, la Pielle sale in serie A2. La Libertas ci riuscirà il 27 maggio 1981, un anno dopo. Anni d’oro questi per il basket dei quattro mori. Livorno comincia a diventare basket city, semmai non lo fosse stata prima. La famiglia D’Alesio rientra nella dirigenza della formazione libertassina, mentre la Pielle acquista i suoi primi stranieri indimenticabili come John Grochowalski. A Livorno arrivano Restani ma soprattutto Jelani, ad oggi ancora considerato il miglior straniero mai venuto a Livorno da molti addetti ai lavori. Per arrivare ai primi derby in A1, la massima serie, bisogna attendere l’86/’87, con la Libertas targata Enichem contro la Pielle con il marchio Allibert. Il basket diventa tutto: la città non vive di altro se non degli scontri tra i libertassini, considerata la squadra nobile della città, e la più “popolare” Pielle, che rivendica a sé il ruolo di squadra dura e pura, sempre col coltello tra i denti, mai doma. Sono gli anni delle prime foto-icona che raccontano un cinquantennio: Fantozzi sollevato dai tifosi dopo la conquista della A2, o i piellini in campo, sudati e festanti, che “chiamano” i cugini dopo la vittoria in un derby. Si arriva al 1988/89, il punto più alto della Livorno cestistica, con la Libertas di Carera, Fantozzi, Tonut, Forti, Binion che arriva fino alla finale scudetto contro la Philips. Nessun piellino lo ammetterà mai, ma nei giorni delle finali, con una Livorno impazzita, nella quale ogni attività che non avesse a che fare con il tifo era sospesa, qualcuno della sponda opposta tifò per la Libertas. Per un senso di appartenenza alla città. Per un senso di riscatto, perché Livorno poche volte nella storia moderna dello sport in genere era arrivata alle soglie di uno scudetto in una qualsivoglia disciplina. Le finali sono drammatiche sia a Livorno che a Milano. Per i labronici è, comunque vada, un delirio. I nastri gialloblù, i colori della Libertas,


Via degli Arrotini, 37 (Zona Picchianti) - Livorno Tel. 0586 424011 - Fax 0586 400043 - e-mail: tecno@tecnograficaitaliana.com

AMPIO PARCHEGGIO


!!!"#$"(//$

Le glorie di oggi Dalla A2 alla Promozione, decine di team e centinaia di atleti, tra prime squadre e giovanili. Livorno e la sua provincia si dimostrano grati alla palla a spicchi, “celebrandola” ogni settimana nei palazzetti da Livorno fino all’isola d’Elba. Un movimento importante, che negli anni ha visto alternarsi allenatori e giocatori, giovani promesse accanto ad atleti più “maturi” ma ancora in grado di dire la loro sui parquet labronici e su quelli di tutta la Toscana. Società nate dal niente, animate dalla passione di piccoli e piccolissimi imprenditori, entusiasti di sedersi in tribuna nei weekend a tifare per la squadra da loro creata. Molti sono atleti non professionisti, che durante la settimana svolgono altri lavori, e che la sera aprono le borse e allacciano le scarpe per amore, e solo per amore, della palla a spicchi. Inverni passati in palestra, estati spese sui “campini” all’aperto, per sfide tre contro tre che, soprattutto in zona

labronica, non contano niente per i referti ufficiali ma sono ormai un vero e proprio prolungamento della stagione appena finita o in procinto di iniziare. In cima alla piramide c’è la serie A2, con la Tdshop.it Basket Livorno, che è riuscita a iscriversi al campionato dopo un’estate di incertezze. La retrocessione dalla serie A1 non ha spento la passione. E così, dopo il salvataggio della società da parte degli empolesi dell’Use Basket, che militano in serie B2, c’è stata la cessione della maggioranza delle quote a Valterio Castelli, titolare appunto di Tdshop, società di informatica. Castelli è dunque il presidente di una squadra che in estate è stata rifondata anche dal punto di vista sportivo. Ceduto il livornese Fantoni, approdato alla Benetton Treviso, unico giocatore di punta ancora “patrimonio” della società. Sotto i Quattro Mori sono arrivati un Q gruppo di giovanissimi tra i 18 g e i 20 anni, tra cui il play D’Erccole da Siena e il talentuoso difensore Giuri, entrambi già d nel giro delle nazionali giovan nili. Insieme a loro la coppia di n guardie Usa formata da Boyetg tte ed Anderson, ottimo penettratore il primo, grande tiratorre il secondo. Con loro il pivot Malagoli dalla Virtus Bologna M e l’uruguayano Aguiar. A completare il roster il giovane Troy p Ostler, ala forte con un passaO tto universitario alle Hawaii. Il giocatore, che ha subito uno stop per ernia del disco, u è stato rimpiazzato da Milos Paravinja, ala forte di 212 cm, P nato in Croazia ma di passan porto sloveno. Una squadra p molto giovane, che quindi ha m dei limiti oggettivi in un camd pionato competitivo come p quello di A2. Un team votato q aalla difesa e al contropiede. Un gruppo che dà pochi rifeU rrimenti all’avversario, e che

149

proprio per la sua età media non elevata potrebbe offrire interessanti sorprese nel corso dell’anno. Seconda squadra della provincia è il Basket Cecina, che nel girone C della B2 lotterà per un buon piazzamento, anche grazie all’esperienza del suo coach, quell’Alessandro Fantozzi stella della Libertas di fine anni ’80. L’arrivo quest’anno del tecnico sulla panchina rossoblu ha destato interesse intorno ad una quadra che, guidata dall’appassionato presidente Elio Parietti, dopo aver perso la B1 è pronta al rilancio. In serie C2 troviamo i livornesi della Libertas. È stata una vera “rifondazione” quella della società gialloblu. I nostalgici dello scudetto virtualmente vinto nell’89 ma poi assegnato alla Philips Milano, giurano che dal basso la Libertas tornerà nell’olimpo del basket italiano. Per ora i tanti tifosi della “elleelle” si radunano intorno ad un sito internet dedicato e affollano la palestra “Gaetano D’Alesio”, quartiere di Coteto, nel fine settimana. Ma la strada per risalire è lunghissima. Coach Marco Mori può contare su elementi interessanti, tra cui il lungo suo omonimo Mori, particolarmente duttile ed abituato nel tiro da fuori, oltre al 22enne Sidoti prelevato da Rosignano ma cresciuto nelle giovanili del Don Bosco, ala

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

'&()*'* ' &( + , +,(&-$.*!!!


151

C’è poi la Virtus del presidente Giovanni Pardini: la squadra esiste da cinque anni. Da quattro è in Promozione. Si affaccia alla Promozione anche il Meloria Basket di Maurizio Vortici, squadra forte fino a questo momento solo a livello giovanile ma che dirà adesso la sua anche in questa serie. L’allenatore è Alessandro Stolfi. Nasce quest’anno invece il Dlp, con l’allenatore Luca Castiglione. Completano il quadro il Basket Cecina, il Basket Uisp Donoratico, la Pallacanestro Cecina e l’Elba Basket. E per quanto riguarda le donne? Niente paura, anche qui la provincia labronica è rappresentata al massimo. In serie A2 è ormai una realtà: dalla stagione ‘90/’91 le ragazze labroniche hanno partecipato a dodici campionati di A2, togliendosi notevoli soddisfazioni. La squadra ha avuto uno storico ed indimenticato presidente: Sergio Baldacci, che in passato sponsorizzò anche la squadra con il suo marchio, il Base Spedizioni. A raccogliere il testimone di Baldacci, scomparso nel 2004, è stato il costruttore Piero Bottoni. Quest’anno il Girls Basket Livorno Villaggio Solidago punta a un piazzamento importante in serie A2. Un roster che è un mix di esperienza e atletismo, con Sara Giorgi, atleta già nel giro della nazionale approdata un anno fa a Livorno ed Elisa Buccianti, play di grandissima qualità tecnica, nata a Venturina e cresciuta nel Base, oggi divenuta una delle atlete italiane emergenti. Un gruppo di qualità per coach Pandolfi: il tecnico di San Miniato, che ha saputo creare un interessante collettivo, particolarmente unito e compatto, dovrà vedersela con tante agguerrite avversarie. Un salto al palazzetto di via Allende, per vedere le sfide di A2 del team, è fortemente consigliato. In serie B2 troviamo invece il Jolly Aclibasket del coach Paolo Balestri. Un team partito ad handicap in campionato, con un paio di sconfitte che le ragazze vogliono immediatamente riscattare. Accanto a Tampucci e Picchi, c’è un gruppo di atlete più giovani, da Cervino a Lombardi a Malfatti. Un Jolly presente, con sue atlete, anche nel campionato Under 15 femminile e nell’Open. Da applausi l’impegno della società per promuovere il basket tra le ragazze. La ciliegina sulla torta di una provincia che vive basket tutto l’anno. Francesco Marinari

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

piccola, il play Cascavilla e la guardia Jacopo Stolfi. Un anno questo che servirà a consolidare il gruppo per poi tentare, magari, il salto che tutti chiedono. In C2 troviamo anche l’Us Livorno, squadra che da diversi anni si presenta nei campionati minori con successo. Il tecnico Paolo Boccardi, storico allenatore delle giovanili della Pallacanestro Livorno, può contare sulla super-stella Mattia Sacconi, 25 anni, guardia/ala con grande tiro da fuori e soprattutto potenza fisica da categoria superiore. Un talento non raffinato, ma che porta decine di punti alla causa dell’Us. Peccato solo che sia in parte difficile da gestire: l’esperienza di Boccardi serve molto a questo proposito. Con Sacconi un gruppo ormai collaudato, composto anche da Vukic e Salvadori. Da segnalare anche il neo-acquisto Giardini. Un team di cui il presidente Paolo Vullo può andare orgoglioso. Cinque sono i team livornesi nel girone B della serie D. C’è la Mabo Don Bosco Livorno. Un settore giovanile di primo piano, che negli anni ha dato ai campionati di vertice tan-

ti t giocatori. E una squadra, in i D, allenata da Riccardo Tedeschi per far crescere i T possibili campioni di domap ni. n Sette le squadre giovanili, l dagli Esordienti all’Under 19 1 di Eccellenza, più tutti t i piccoli del minibasket: un’università del basket tra u i fiori all’occhiello nel panorama della provincia di Lir vorno. Ma in D c’è anche la v Pallacanestro Livorno. P Le sfide con la Libertas, che c in decine di anni hanno infi i ammato il basket italiano n di vertice all’ombra dei Quattro Mori, si ripetono a Q distanza. Il presidente Mad nolo Burgalassi e il coach n David Fini lavorano duro D per p dare soddisfazioni ai tantissimi tifosi piellini che t seguono tuttora la squas dra d con la stessa passione di d venti anni fa. Un team che c lo scorso anno ha vinto t in Promozione, passando aal gradino di sopra. Un nuccleo di giovanissimi tra i 19 e i 20 anni insieme ad altri elementi esperti: la Pielle, se al completo, può dire la sua con chiunque. Dopo il grande salto di categoria lo scorso anno, il Jolly Acli Basket può contare su un nucleo storico che è la sua vera forza: Marino, Panattoni e Marella fanno parte di un gruppo in cui gioca anche l’interessante centro Ferretti. Coach Agretti ha diverse frecce al suo arco. Completano il panorama l’Acli Stagno e l’Ecomar Rosignano Sei Rose. Gli addetti ai lavori hanno indicato Rosignano come la squadra da battere: di certo ha un grande giocatore come l’ala piccola Raffaelli. Grande fermento in promozione, con quattro squadre livornesi e tre della provincia. Tra le labroniche doc, il Basket and Friends, squadra che ha nella grande amicizia e nella voglia di stare insieme il suo motore. Sbaglia però chi pensa che sia solo un gruppo di appassionati che vuole divertirsi: fisicamente è di gran lunga il team meglio piazzato in Promozione. Tutte le altre dovranno fare i conti con i ragazzi di Parcesepe. Impossibile non soffermarsi sull’aggiornatissimo sito del team (www.basketandfriends.it).


!!!!"#$"#(0*)$

Cosa possiamo diventare È il 2010, e dopo anni di ammirevoli sforzi da parte delle istituzioni locali e di alcuni imprenditori guidati dalla passione, il Basket Livorno è riuscito a trovare un compratore definitivo. Un livornese trapiantato negli Stati Uniti molto interessato al basket, che negli ultimi anni aveva seguito da lontano le vicende cestistiche labroniche, le incertezze e i sogni di un popolo assolutamente affamato di basket ad alti livelli. Un “patron” dalle grandi disponibilità economiche ma soprattutto accentratore di sponsor grazie alla sua capacità nelle pubbliche relazioni. Un uomo pronto a tornare in Italia e dare a Livorno una squadra di vertice, che possa arrivare in Europa e che dia ulteriore impulso a un movimento molto vivace in tutta la provincia. Non arrivano solo molti soldi, ma anche la volontà di programmare a lungo termine, di creare un settore giovanile degno del nome di Livorno. La squadra amaranto fino a quel momento aveva lottato in serie A2, e grazie a Tdshop e a un manipolo di imprenditori era riuscita non solo a sopravvivere al piano di sotto, ma anche a togliersi diverse soddisfazioni, partecipando ai playoff nel campionato 2008/2009.

Il nuovo patron è un’acpronto a dare u Bastano alcelerata. Bastan dichiaracune sue dich zioni dagli Usa per incendiare i tifosi e creare entusiasmo, dimostrando come la piazza labronica abbia, sotto la cenere, il fuoco che anima solo le grandi piazze europee. Il ritorno in Italia del “patron” coincide con l’apertura di nuove sue attività economiche in Europa. Il passaggio di consegne con Tdshop, che rimarrà comunque nel consiglio di amministrazione, avviene nelle sale di quel Comune dove, estate dopo estate, i tifosi livornesi aspettavano di sapere se, tra mille difficoltà economiche, la squadra sarebbe sopravvissuta. Un’estate magica, quella del 2010 per Livorno e tutta la provincia. Alla corte del Basket Livorno arrivano Mason Rocca e Bulleri e gli amaranto tornano a mani bassissime in serie A. Potremmo continuare e raccontare ancora per pagine e pagine. La fantasia di chi scrive, ma sicuramente anche dei tifosi, corre lontana in questi ultimi due anni nei quali gli amaranto sono sempre saldamente rimasti nella parte destra della classifica di Televideo. L’inizio della storia appena raccontata è verosimile. Ogni tifoso spera in cuor suo che da qualche parte ci sia un personaggio forte in gra-

Palasport

153

Palasport

do di dare la scossa alla piazza. Una piazza, vogliamo chiarire, nella quale in questi anni gli addetti ai lavori, gli imprenditori e il Comune, hanno svolto un lavoro ammirevole, con competenza e passione, a cominciare dall’attuale presidente Castelli. Ognuno può pensarla come vuole a livello politico, ma è certo che Palazzo Civico ha avuto il pregio di riuscire a mantenere il basket in città, dopo aver ricevuto, anni prima, lo stesso titolo sportivo dalla famiglia D’Alesio. Che invece di venderla ad altre piazze, regalò ai livornesi la possibilità di godere ancora della palla a spicchi di vertice. E in questi ultimi anni, pur nelle ristrettezze economiche, i tanti giocatori che si sono alternati nel roster hanno fatto togliere qualche soddisfazione ai tifosi. Eppure, manca qualcosa ai livornesi. Manca un “patron”, manca la certezza di sapere che fra quattro anni gli amaranto ci saranno ancora. Il futuro, in un’epoca in cui sono i “pool” di sponsor a mantenere in vita tante squadre di vertice, dipenderà da quanto interesse delle aziende italiane, ma anche straniere, Livorno e la sua provincia sapranno attirare. C’è un palazzo dello sport da oltre ottomila posti, c’è una storia prestigiosa alle spalle. C’è soprattutto un movimento giovanile assolutamente vivace, dal quale possono nascere campioni su campioni, grazie alla passione di giovani e preparatissimi allenatori. Ci sono squadre “minori” ma degne di altrettanto massimo rispetto in serie B e in C. Manca il posto per il “patron” che, in qualche calda estate, dica chiaro e tondo che è pronto a far tornare grande Livorno. I tifosi continuano a sognare. Francesco Marinari

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&


'&()*'* '&() '& +,(&-$.*!!! + , ,(&-

!!!"#$"$%&$

I medaglieri del passato Sono molti gli atleti livornesi che nel passato hanno saputo mettersi in evidenza a livello Nazionale. A partire dal 1980 possiamo ricordare: nei primi 3 posti a livello Nazionale Andrea Fuduli, Marco Romagnani, Massimo Ramagli, Maurizio Mammarella, Massimiliano Braschi, Fabrizio Parrella, Catia Rosellini, Stefano Armani, Silvia Pannocchia, Melania Locci, Stefano Armani e Moreno Baldini. Quest’ultimo è stato l’unico livornese a vincere l’Oro ai Campionati Italiani Assoluti a Teramo nella cat. Kg. +110 nel 1982. Maurizio Mammarella ha vinto l’Argento ai Campionati Italiani Junior nel 1991 a Catania, Stefano Armani a conquistato la Medaglia d’Argento ai Campionati Italiani Cadetti a Pavia 1992, Andrea Fuduli è stato Medaglia d’Oro ai Campionati Italiani Allievi cat. Kg. +110 svoltisi a Rieti nel 1983 con un totale sollevato di kg. 190, Dalia Del Nista è stata Campionessa Italiana per ben 2 anni di seguito nella classe Juniores categoria kg. 61 negli anni 1984/85, ed ha conquistato anche la Medaglia d’Argento ai Campionati Italiani Assoluti svolti a Trecate nel 1985 nella Classe Junior categoria kg.61.

La nostra carrellata continua con Massimo Ramagli Medaglia d’Oro alla Coppa Italia categoria kg. 48 sollevando nel totale 165 chili, svoltasi a Ostia 1993, mentre è arrivato 2° al Campionato Italiano Assoluti kg.170 categoria kg. 48 svoltisi a Trecate (No). Dal 1988 al 1995 ha sempre montato il podio tra il 1° 2° 3° posto, ha vestito la maglia Azzurra ai Campionati Europei Cadetti nella ex Cecoslovacchia nel 1991 arrivando 6°, ha ottenuto la Medaglia d’Argento con la squadra azzurra incontrando ka Francia a Bordeaux nel 1992. Maurizio Mammarella è arrivato 2° ai Campionati Italiani Juniores svoltisi a Catania 1990 cat. Kg.67. Catia Rosellini 2° alla Coppa Italia femminile categoria kg. 48 sollevando nel totale 105 chili, svoltasi a Torino 1993. Massimiliano Braschi ha vinto la Medaglia d’Oro ai Campionati Italiani Esordienti 1993, nella categoria kg. 70 svoltisi a Ostia, sollevando nel totale kg. 162,5. Ha conquistato il Bronzo ai Campionati IItaliani Cadetti categoria kg. 76 aad Ostia nel 1994 con un totalle di kg. 180. Successi che sono proseguiti anche negli ann ni successivi: 1995 con l’Oro al n Campionato Italiano Cadetti a C Ostia nella categoria Kg.76 toO ttale sollevato kg. 220, 1997 con ll’Oro ai Campionati Italiani Under 18 a Trieste categoria Kg. 85 d ttotale sollevato kg.230, 1998 Medaglia d’Argento ai CampioM nati Italiani Juniores di Foligno n ccategoria Kg. 85 totale sollevatto kg.235.

155

Locci: Altra grande atleta è Melania Locci 1990 1° Coppa Italia – Verona 1991 1° Campionati Italiani - Udine 1991 1° Italiani Assoluti- Novara 1992 1° Coppa Italia-Roma 1992 1° Italiani Assoluti-Roma 1993 1° Coppa Italia-Roma 1993 3° Europei Athene 1995 3° Europei Aarhus 1996 3° Europei Chemnitz 1997 1° Italiani Senior-Ostia 1997 2° Italiani Assoluti-Bari 1998 1° Italiani Senior-Ostia 1998 2° Italiani Assoluti-Borgomanero 1999 3° Coppa Italia-Ostia 1999 2° Italiani Assoluti-Teramo.

Malania Locci

Ed infine, ricordiamo Marco Romagnani: 1982 Fase Fin. Giochi della Gioventù-Roma 1983 1° Fase Fin. Giochi della Gioventù Cecina (Li) 1985 1° Camp. Italiani Cadetti-Foggia 1986 1° Camp. Italiani Juniores-Napoli 1989 1° Camp. Italiani Juniores-Roma Romagnani rimane tutt’ora primatista dei Record Italiani, Classe Cadetti Categoria Kg.60, sia nello strappo che sul totale. Record che non potranno essere battuti a causa delle modifiche Federali apportate alla Categoria).

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesistica e Cultura Fisica

Pesistica a Livorno


156


!!!"#$"(//$

La ricca realtà della pesistica livornese Attualmente le palestre che partecipano e organizzano gare sono 3: A.S.D. Polizia di Stato, la Pesistica Livornese e la G.S. VV.F. C. Tomei. Queste si occupano non solo delle gare di pesistica ma anche di Cultura Fisica, come il Biathlon, settore nel quale 2 atleti livornesi sono saliti sul podio: Marco Galvagno 3° classe Master “B” e Paola Ferrari 2° classificata Master “B”. Per la Polizia di Stato ricordiamo Ornella Ricci con l’Oro nei Senior, Camilla Matteuzzi con l’Argento nella Speranze, e sempre Argento per Andrea

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&() '

!!!"#$"#(0*)$ !!!!"

Scuola e g gare per i più giovani Come tutti gli anni, la F.I.P.C.F. in accordo con la Pubblica Istruzione Ufficio per le attività sportive organizza i Giochi della Gioventù. di Pesistica, riservato alle 2° e 3°

Duran negli Juniores. Il Bronzo è invece Adriana Pinna Corda stato conquistato da A nei Master “B”, Barbara Bianchi Master “A” e “A”. La Polizia di Francesco Domenici Master Ma cata 1° come società FemStato si è classifi classificata minile, e 2° come società Maschile. Sempre per la Cultura Fisica parliamo del Braccio di Ferro che ha fatto emergere gli atleti: Rossi Valerio con l’Oro, nella categoria kg 75 classe Senior, Mariangela Pelagatti Oro Categoria kg. 60 Senior, Giorgio Cucchiarella con l’Argento negli 85 chili Senior. Particolare attenzione quest’anno la vogliamo dedicare a Simone Bigazzi che nel 2007 ha vinto: febbraio: 3° Coppa Italia categoria kg 62 marzo 2° Camp. Unione Europea U.23 categoria kg 56. aprile: 9° Camp. Europei Assoluti categoria kg.

56 Record di slancio kg 118 maggio: 3° Camp. Ital. Speranze kg 62 agosto: 7° Camp. Europei Giovanili categ. kg 62 Altra particolare attenzione a Irene Di Bartolomeo, nata il 5 Agosto 1974. Dal 2003 è tesserata con l’A.S.D Polizia di Stato Livorno e svolge attività agonistica nell’ambito del settore della pesistica, sotto la guida dell’A.C. Andrea Fuduli. Durante la stagione 2007 ha ottenuto il 3° posto nella categoria entro i 53 kg ai Campionati Italiani Senior di Pesistica, disputati il 24 marzo ad Ostia; ha vinto due Trofei Toscani, il “Trofeo Pelliccia” di Massa a febbraio ed il “Trofeo Bacinetti” Di Siena svoltosi il 27 Ottobe e valevole per la qualificazione ai Campionati Italiani Assoluti che si sono svolti a Cervignano (Udine) il 2 dicembre.

medie (anni 13 e 14). Le fasi sono 2: quella provinciale quella quel regionale. Il progetto “A Scuola di Pesistica” (salto triplo, lancio palla pa medica 3 kg. e strappo giocattolo), consente a tutcon bilanciere g te e due le fasce d’età di gareggiare insieme. Finito il programma dei G.D.G., e sempre durante l’anno scolastico, le 2° medie potranno partecipare alla qualificazione dei Giochi Sportivi Studenteschi con finale a Gardaland. Le 3°classi invece potranno

confrontarsi con i Campionati Italiani Esordienti. Quest’anno 4 Livornesi sono andati a disputare la fase finale, classificandosi: Sara Tinagli medaglia di Bronzo, Alice Bono 4° classificata Fabrizio Strazzabosco 6° classificato Giorgio Marchesini 10° classificato. Alice per differenza peso ha perso il Bronzo, Fabrizio avendo sbagliato un’alzata è scivolato al 6° posto, perché in questa fascia di età le alzate vengono sommate, per evitare il sovraccarico.

157

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesistica e Cultura Fisica

'& '&()*'* &() +,(& + , +,(&-$.*!!!


d a l 19 31 s.r.l.

Concessionaria Livorno e Prov. e Prov. Pisa Sud SEDE: Livorno, Via Firenze, 91/93 - Tel. 0586 447600 - Fax 0586 447630

www.baroncini.peugeot.it

La nostra concessionaria vi offre i seguenti servizi Un magazzino ricambi ben fornito con consegna a domicilio Una officina con personale specializzato Prova auto su strada Vetture di cortesia Grande disponibilità di vetture pronta consegna Preventivi personalizzati Ampio parcheggio

e in più Full leasing Peugeot Gop 2+2

Peugeot più

Peugeot Renting Peugeot assistance


'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +

!!!"#$"$%&$

Una grande tradizione Come in tutti i Circoli e le Società sportive, si avvicendano cicli positivi e negativi. In questa compensazione tuttavia, nel lungo periodo, emergono sempre i più forti, imponendosi nelle competizioni con maggiore frequenza rispetto agli altri e spesso emergendo all’interno delle strutture Federali di appartenenza.

A destra Cesare Giachini rappresentante del Cica Sub nel 1953

Questo è il CI.CA. SUB GARIBALDI, questa è, da quasi sessanta anni, la sua tradizione. Abbiamo avuto, e tutt’ora abbiamo, dirigenti di alto profilo con importanti incarichi all’interno della FIPSAS: Roberto

Borra Maurizio Ramac Borra, Ramacciotti, Marco Paggini, ricoprono attualmente funzioni di assoluto rilievo, anche internazionale, nell’ambito della pesca subacquea. Nell’agonismo abbiamo mietuto successi, in campo nazionale ed internazionale che ci hanno portati ad essere il Circolo subacqueo italiaGit sociale Gita i l a Baratti B tti nell 1952 no più prestigioso: Dove risiede il segreto di questi suc- titoli mondiali individuali e per naziocessi nel tempo e di questa visibilità a ne - titoli europei individuali ed a squadre tutti i livelli del CICA SUB GARIBALDI? E’ nella solidità delle nostre radici, nel - titoli nazionali individuali nel campiocontinuo impegno di soci che hanno apnato di 1° cat. - titoli nazionali individuali nel campio- portato ed apportano costantemente, anno dopo anno, il proprio fattivo connato di 2° cat. tributo: Piero Lilla, Amerigo Ramacciot- titoli nazionali per Società ti, Giuseppe Santeusanio, Franco Petri, - titoli regionali - numerosissime vittorie individuali ed Luciano Spalti, Cesare Giachini, sono tre a squadre nelle gare nazionali di sele- esempi storici. Anche in momenti di difficoltà il “GAzione Cito alcuni nomi recenti e passati: Ste- RIBALDI” ha saputo trovare al proprio f fano Bellani, Maurizio Ramacciotti, Mar- interno l’orgoglio e lo stimolo per anco Paggini, Guerrino Casini, Giuseppe e dare oltre non vivacchiando, ma perseDaniele Bacci, Giorgio Leonardi, Paolo guendo caparbiamente i propri obiettivi Bencini, Raffaele Bellani (padre di Stefa- sportivi, organizzativi, istituzionali. È questa la nostra GRANDE TRADIZIOno). Molti altri Circoli sono nati in questi NE che intendiamo perpetrare certi delanni in Italia e nella nostra città, anche la solidità delle nostre radici e della orriportando apprezzabili ma sporadici ri- gogliosa volontà di mantenere il nostro sultati agonistici, poi sono scomparsi o CIRCOLO ai vertici nazionali. Alberto Galeno caduti nell’anonimato.

Gara selettiva G l i per i Campionati C i i Italiani I li i nell 1960 svoltasi l i ai Bagni Roma di Livorno

Cesare Giachini al centro con il fucile in mano al Campionato Italiano a Capraia

159

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee ee

CI.CA. SUB “Guido Garibaldi”


160 16 60


!!!!"#$"#(0*)$

Orgoglio e nuove sfide Quando mi è stato chiesto di scrivere questo articolo è parso sulle prime compito semplice: a livello nazionale siamo il Circolo subacqueo più titolato e forse, lo siamo a livello mondiale. Grandi nomi nel passato e nel presente, campioni mondiali, europei, italiani, incarichi Federali di prestigio. Di questo però abbiamo scritto molto, immodestamente vantandocene, ma a buon diritto.

Stefano Bellani al Campionato Italiano di Palermo 2007

Cosa dire ancora senza ripetersi? Ho trovato spunto sfogliando il numero unico celebrativo del nostro cinquantenario, dall’articolo di Giuseppe Bacci, uno dei migliori atleti della nostra storia.

Maurizio Ramacciotti ripreso durante una gara

Il giovanissimo appassionato di conosce atleti in attività, mare che conos e si dedica con si iscrive al Circolo Circ all’agonismo, alla dientusiasmo all’ dattica, all’organizzazione ed alla vita sociale: cioè il futuro verso il quale proiettarsi. Questa è la grande sfida, la missione che il CICA SUB ha davanti a sé, consapevole di dover onorare il lavoro, l’impegno e la passione di coloro che lo hanno fondato e lo hanno portato ad essere una grande Società sportiva . Se vogliamo continuare ad essere ai massimi livelli sportivi e feUn altro momento dei Campionati Europei di Rota derali, dobbiamo essere coscienti in testa Maurizio Ramacciotti che occorre crearsi un retroterra solido, che cresca vivendo la nostra real- che ci appare strategicamente più intetà, ma in grado di apportare nuove ener- ressante ed indiscutibilmente più importante, è quella che vogliamo definire gie, nuove idee, nuovi entusiasmi. Non è cosa facile in quanto occorre “progetto giovani”. Un progetto il cui fine sarà il proselitimuoversi contemporaneamente su tre principali direttrici: attività agonistica, at- smo e la crescita di nuove e giovani leve, tività didattica (Scuola Federale), attività fondamentali perché la vita del Circolo sia vivace e coinvolgente. sociale. È questo il vero grande obiettivo nel Sono i tre elementi che devono essere sempre presenti in un Circolo di grande quale credere ed investire risorse, impetradizione come il GARIBALDI, ed evol- gno, entusiasmo. Intraprendere e sviluppare nel tempo versi in simbiosi con lungimiranza ed un’azione informativa e formativa rivolta apertura al mondo esterno. Da queste tre anime, con i giusti equi- ai giovani, perché si accostino al mare ed libri e le indispensabili sinergie, il CICA alla vita del CIRCOLO con passione e consapevolezza, certi che troveranno, negli SUB saprà trarre la nuova linfa. In questa ottica, dovremo intraprende- esempi del passato e del presente, gli stire azioni che vadano nella direzione in- moli per crescere come sportivi e come uomini. dicata. Il CICA SUB GARIBALDI ha di che essere La Scuola Federale, nel prossimo anno, oltre ai consueti corsi, ne organizzerà an- orgoglioso di quanto ha fatto sino ad ogche uno per Istruttori, teso ad incremen- gi, ora è determinato ad essere orgoglioso anche del proprio futuro. tare lo staff attualmente disponibile. Alberto Galeno Saranno poi attivate iniziative di confronto ed aggiornamento che, nel medio termine, consentiranno di accrescere e mantenere un buon profilo qualitativo, essenziale per sviluppare al massimo le potenzialità individuali ed il lavoro di gruppo, così ottimizzando il risultato finale. Ma l’iniziativa ad ampio respiro Squadra italiana al Campionato Europeo 2007 a Rota

161

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Gli albori del rugby La storia del rugby non è cosa da poco, molto è stato scritte a livello mondiale, nazionale e locale. Noi abbiamo fatto riferimento a Maurizio Ottone e al suo lavoro, prendendo solo una minima parte di quello che lui ha scritto per ovvi motivi di spazio, ma per approfondimenti vi rimandiamo al suo bel libro Livorno Rugby 1931 Storia e cronache di un’avventura sportiva livornese, che in modo esauriente potrà portarvi nel mondo di questa affascinante disciplina sportiva. “In un pomeriggio del 1823, sul campo del College nella cittadina di Rugby, in Gran Bretagna, si stava giocando una partita di football, quando contro le regole che erano praticate in quel tempo, l’allievo William Webb Ellis, prese il pallone con le mani e corse verso l’area di porta. Da questa idea nacque un nuovo sport che conquistò le platee, prima britanniche e poi del resto del mondo, dando vita ad una nuova disciplina che gli educatori inglesi trovarono istrutti-

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Promozione in serie A O forse meglio dovremmo dire ripromozione in serie A. Infatti, il Livorno Rugby non è certo nuovo agli allori della vittoria, già due anni fa la squadra era in serie A, retrocesse nel 2006 in B, per tornare quest’anno in prima categoria. Il presidente della società è l’avvocato Fabio Squarcini che fin da giovane ha frequentato l’ambiente, prima come giocatore, poi come padre di due giocatori e oggi anche come presidente.

va e formativa per curare il fisico fisico e il caca rattere dei giovani allievi dei loro collages […] Fu nel 1931 che un giovane livornese di buona famiglia portò il gioco della pallovale nella nostra città, da Bologna, dove studiava e dove l’aveva visto praticare. Questi era Piero Sandonnini che insieme a James Lamb ed Angiolino Belais riuscì in breve tempo a riunire un gruppetto di appassionati con i quali trovarsi a Villa Chayes, quando era disponibile, o al Campo di Marte. Bene o male, forse con un po’ di apprensione circa la conoscenza delle regole del gioco, nacque a Livorno la prima squadra di rugby. Giocavano con una comune palla, ma dopo un po’ decisero che era necessaria una palla vera e propria e per dare un po’ di fascino e di buon augurio vollero che fosse veramente autentica. Perciò Sandonnini e Angiolino Belais racimolarono con una colletta, la somma per l’acquisto e ordinarono la palla direttamente a Londra tramite la ditta Stadium. L’attesa fu lunga, ma alla fine la palla arrivò ed insieme a questa arrivarono le maglie, gradito dono dell’Unione Sportiva Livorno…!

Nel frattempo il gruppo si era infol infoltito e, ai pionieri veri e propri, si erano uniti Bientinesi, Alberto e Giuseppe Aurili, Paolo Pieri, “Beppe” Tonietti, Del Gratta, Aldo Bardelli (noto giornalista), Nuti, Bertoletti, Falaschi e Corrado Neri che fece parte del leggendario equipaggio degli “Scarronzoni”. Durante questi primi anni l’attività agonistica si concretizzò in confronti amichevoli con le squadre universitarie di Firenze, Genova e Bologna. Persistendo la mancanza a Livorno di una società regolarmente costituita e volendo disputare un vero campionato, i livornesi si affidarono al G.U.F. di Pisa. Pisa divenne così il fulcro dei rugbisti livornesi i quali in breve tempo si imposero per qualità tecniche ed agonistiche destando l’attenzione di società di buon nome e rugbisticamente progredite come il Parma che ingaggiò alcuni tra i migliori giocatori come Paolo Pieri, Giuseppe Tonietti, Guido Garibaldi e Gallinari. […] La storia del rugby livornese naturalmente non finisce qui, speriamo, con piccolo assaggio, di avervi incuriosito abbastanza e quindi vi rimandiamo al sopra citato libro di Maurizio Ottone che ringraziamo per averci autorizzato a riportare alcuni brani del suo lavoro.

Livorno ha una tradizione in questa disciplina sportiva? “Sì, siamo fra le storiche società italiane, possiamo vantare la nostra data di nascita nel 1931 e da allora abbiamo sempre mantenuto una presenza importante in campo nazionale. Inizialmente il rugby si è giocato senza particolari organizzazioni agonistiche, basti pensare che la prima Coppa del Mondo si è disputata nel ‘87 e fra pochi giorni inizierà la sesta edizione. Il successo però è stato grande, infatti, si tratta della terza manifestazione sportiva più seguita dopo le Olimpiadi e la Coppa del Mondo di calcio”. I suoi due figli giocano nella squadra?

“Sì, Enrico di 25 anni e Riccardo di 23 giocano entrambi nella squadra che ha conquistato la serie A”. Com’è iniziata la sua avventura di presidente? “Cinque anni fa, quando la squadra stava attraversando un particolare momento di crisi, con un gruppo di amici decidemmo di prenderne in mano le redini ed impegnarci per risollevarne le sorti. Decidemmo di affrontare la situazione con un gruppo di giovani che aveva vinto il campionato giovanile e con qualche giocatore più anziano. Il nostro impegno ci ha dato grande soddisfazione e siamo riusciti a tornare in serie A”.

163

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Bozzi Livorno Rugby


164


'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

L’impianto e il consolidamento dei giovani Un progetto che si sta concretizzando è la realizzazione dell’impianto di via Settembrini dove si stanno concludendo i lavoro per gli spogliatoi, l’infermeria, la segreteria, il club house. Fra i progetti che riguardano il futuro naturalmente ci sono le promozio-

mente ottenuto con il Comune una convenzione per 18 anni: noi stiamo realizzando dei lavori e loro scorporeranno le nostre spese dall’affitto. Manca però una palestra dove allenarsi, convenzioni con centri di fisioterapia con piscina. Ci aspettiamo molto dall’Amministrazione e dalla città, perché la squadra merita di più”. I momenti più brutti?

“Le difficoltà, le incomprensioni, talvolta le invidie, purtroppo come negli altri ambienti sono presenti anche nel nostro e non sono piacevoli”. I momenti più belli? “Le promozioni ed il piacere di stare con i giovani”. Un sogno nel cassetto? “Far sviluppare la società per poter dare di più ai giocatori, e farli crescere sportivamente”.

ni nelle categorie superiori e per fare necessario incrementare riquesto è nece sorse umane ed e economiche, perché raggiungersi obiettivi alla nopossano raggi stra portata. Consolidare la struttura dei settori giovanili è uno dei nostri impegni primari, perché rappresenta il più importante sostegno per una realtà dilettantistica al fine di limitare al minimo nel settore seniores la necessità di giocatori provenienti da altri club. Una scelta questa altrimenti ineludibile quando rimangono scoperti ruoli (come i piloni), per i quali occorrono giocatori dalle caratteristiche fisi-

che non altrimenti rimediabili. I nostri programmi a breve prevedono quindi il completamento delle strutture in fase di costruzione e far si che la società, per tutte le categorie nelle quali è impegnata, occupi stabilmente i vertici in armonia con le nostre risorse tecniche ed economiche: serie A seniores, gruppo 1 nazionale per la giovanile. Ogni ulteriore progresso sarà determinato prima dalla conferma dello stabile raggiungimento di questi obiettivi e successivamente, ogni miglioramento sarà condizionato dalla possibilità di trovare sponsor interessati ad investire nel settore.

La squadra promossa in serie A

165

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Che tipo di problemi si incontrano nel gestire una squadra di rugby? “Molti, intanto c’è quello economico, avendo 200 ragazzi le spese sono molte, tra le trasferte, le maglie ecc. i costi lievitano. C’è poi il problema delle strutture, abbiamo il campo Aldo Montano di via dei Pensieri che è molto bello e il Maneo, vicino alla coop della Rosa, che però non ha strutture. Abbiamo final-


Rugby Livorno Speranze Biancoverdi !!!"#$"$%&$

Allenatori e educatori Dieci anni fa, da un idea di un gruppo di soci del Rugby Livorno nasceva, incorporata nel club stesso, l’Associazione Sportiva RUGBY LIVORNO SPERANZE BIANCOVERDI, con lo scopo di promuovere il gioco del rugby tra i giovani e gestirne poi l’attività in modo specifico affidandosi a personale educativo competente. Il mondo del rugby stava vivendo in Italia l’avvento del professionismo con le tensioni che ne conseguivano. Il cammino verso una separazione gestionale ed organizzativa per settori specifici - professionale, amatoriale, sviluppo e propaganda -, indicato dalle Unions anglosassoni, che questa crisi l’avevano già vissuta e superata, era ancora da venire, ed in tale contesto questo esperimento livornese fu qualcosa che oggi possiamo definire veramente importante, perché anticipatore di un modello che avrebbe poi trovato difatti diffusa applicazione. A quelle persone, tuttora appassionati “addetti ai lavori”, và g il riconoscimento dell’aver colto il segno

deii ttempii che d h mutat vano, a noi che portia portiamo avanti oggi questo progetto l’impegno di i questa t iintuit i seguire zione di adeguamento ai tempi ed alle necessità come modello da seguire. Lo sport è tuttora il grande assente dalla Scuola Italiana. Non è certo questa la sede per discuterne i motivi ma certamente, noi che “lavoriamo” nelle età scolastiche, dobbiamo prendere atto della grave deficienza che rende assurdamente mutilata questa nostra fondamentale Istituzione. E’ stata quindi scaricata su migliaia di piccole società ed associazioni l’onerosa incombenza della educazione sportiva dei nostri giovani, affidandola ad una moltitudine di volontari ed ex-giocatori, per la stragrande maggioranza umanamente meritevoli al di là di ogni altra considerazione, ma dai metodi pedagogici improvvisati. E quando si vuole svolgere una funzione educativa e formativa nell’età dello sviluppo sappiamo bene che non basta certo la passione a garantire la riuscita dell’intento. I genitori richiedono giustamente competenza e qualità, la comunicazione g g g gg con i ragazzi ha bisogno di “linguaggi”

Under 13

167

Under 11

specifici. Il bambino moderno, super stimolato fin dall’infanzia, esprime già dalla prima età scolare un proprio senso critico per cui l’autorità necessaria ad instaurare una comunicazione che produca concreto insegnamento non può che basarsi su un rapporto educatore/bambino/gruppo tutt’altro che improvvisabile. Il grande Maci Battaglini allenava i suoi bambini alla mischia dell’uno contro tutti nel corridoio di scuola. Chi, come me e prima di me, ha praticato sport negli anni passati ricorda ambienti totalmente inadeguati. La nostalgia che ne permane non riguarda certamente la mancanza spesso totale di qualsiasi servizio, i pezzi di macerie affioranti dal terreno ed il presidio medico costituito da secchio, spugna, alcol canforato e tè caldo il giorno della gara. Dobbiamo preservare lo spirito di quei tempi ma, nello stesso tempo, essere coscienti che la richiesta di competenza e di qualità, nell’allenamento, nelle strutture e nei servizi, è più che legittima ed indispensabile soprattutto quando si abbia a che fare con bambini e ragazzi. Questi sono i nostri scopi. Migliorare e migliorarsi è il punto chiave del nostro programma. Intendiamo lo sport come educazione fisica in un ambito irrinunciabile di divertimento e serenità. Cerchiamo, nei nostri allenatori/educatori esattamente questa miscela: la passione del rugbista e la competenza dell’educatore. L’una al servizio dell’altra. Per quanto riguarda i risultati sportivi potrei citarne a decine ma lascio, con orgoglio, che ne troviate traccia non solo in queste pagine, ma anche in quelle relative al rugby italiano, dove il contributo livornese continua a mostrare il suo valore con le continue e numerose convocazioni.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Il vero spirito del rugby

Michelangelo

ca sportiva. Secondo le indicazioni della nostra Federazione, nella preparazione di base si dà importanza all’aspetto tattico più che ad elaborate tecniche individuali: realizzare la propria posizione nel campo, confrontarla con quella dei compagni e degli avversari ed elaborare il movimento seguente, questo il succo dell’allenamento. I regolamenti aiutano questo percorso. Senza voler entrare in noiose esposizioni teoriche vi assicuro che la potenza pedagogica del gioco del rugby – che lo ha portato ad essere scelto come sport scolastico primario in diversi paesi del mondo – trova la sua motivazione nell’aver aggiunto a questa somma di sollecitazioni spaziali, visuali e dinamiche una componente unica di estrema importanza: il contatto. Attraverso il contatto nel bambino si sommano gestualità ed emozioni, vissute come affetti, nel realizzare i primi com-

Under 15

169

portamenti sociali: affrontare l’avversario, sostenere il compagno, cercare lo spazio, gestire responsabilità. La lotta è la primordiale forma di gioco e di confronto, non c’è cucciolo di uomo o di animale che non la pratichi naturalmente, come se geneticamente ne fossimo in qualche modo programmati per prepararci alla sfida della vita, al confronto con noi stessi e con gli altri senza falsità. In un mondo come il nostro dove l’apparire sembra travalicare l’essere ormai ad ogni età, dove i modelli di comportamento vengono sempre più uniformati su basi e per fini che di umano hanno ben poco, lo sport in generale e il nostro rugby in particolare appaiono come baluardi di una educazione alla verità, ai valori veri, all’amicizia, al rispetto, alla possibilità di un confronto anche duro ma assolutamente rispettoso degli altrui diritti e dignità. Il Rugby aiuta ad essere sicuri di se, stimola l’audacia, premia il coraggio, insegna come sia importante dare e ricevere sostegno integrando le diverse capacità, come sia possibile che l’individuo e il gruppo si possano esaltare reciprocamente evitando quel conflitto che spesso annulla l’uno o l’altro, e come tutto questo sia così importante e proficuo al fine di raggiungere mete comuni. Insegnando questo ai nostri bambini ne faremo degli uomini consapevoli, aperti, sinceri e senza paura, senza necessità di aggredire o prevaricare: degli uomini forti dentro, degli uomini giusti. Sergio Tobia Presidente Rugby Livorno Speranze Biancoverdi

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

I nostri giovani giocatori sono divisi per fasce di età comunemente definite con il termine inglese Under seguito dal limite massimo. Abbiamo quindi l’Under 7, Under 9 e così via. A me piacerebbe chiamarle tutte Rugby Livorno, come la prima squadra, con poi l’anno in cui il sogno si realizzerà: Rugby Livorno 2010, 2011, 2012… Basta guardarli giocare per capire il perché, per capire che lo spirito del rugby in fondo non ha età, o forse ha proprio quella età, che noi tutti ci portiamo dentro come è bene che sia perché gli anni non passano, ma si sovrappongono, come le stagioni per gli alberi, come una somma di esperienze e sensazioni sempre disponibili. Difatti in questa nursery di rugbisti, per un’altra stranezza del rugby dove la passione si tramanda anche per vie contrarie, non crescono solo bambini, ma anche genitori che, scoprendo un ambiente estremamente aperto alle istanze di ritrovo, amicizia e divertimento in un contesto di buoni valori, creano gruppi dai quali poi nascono i vari collaboratori e dirigenti del club stesso. Sulle basi di questo sano convivere si fanno programmi, si distribuiscono compiti non solo connessi alla gestione societaria e sportiva, ma anche a quella ricreativa, nel pieno spirito di questo sport che, unico, eleva a III tempo di ogni match la parte conviviale, quasi come il match stesso non potesse avere fine senza, quasi come una celebrazione, una rappresentazione unica della vera eti-


Marea Arredi e Design

Marea Arredi e Design

Marea Arredi e Design

Marea Arredi e Design

Marea Arredi e Design

Marea Arredi e Design


Under 9/11 - 2002/2003 Under 9: Degortes, Calvetti, Campani, Lucarelli. Under 11: F. Ardita, Bacci, Benedetti, K. Campani, D. Campani, Casalini, Citi, Germano, Nannini, Seghetti, Rotini, Pellegrini, Daniel Poggioli, Damiano Poggioli, M. Incrocci, Paganelli, Bitossi. Allenatore: Daniele Campani Responsabile di Squadra: Paolo Nannini

Under 13 - 2002/2003

Under 13: M. Ardita, Brancoli, Caccavale, S. Calvetti, Campatelli, T. Chiesa, A. Fogli, Ianniciello, Neri, Spolverini, M. Valente, U. Valente, Maggi, Kaminsky, Pannocchia, Esposito, Cardosi, Friscia, Redi, Rossi, Cicchitto. Allenatore: Giampaolo Brancoli Responsabile di Squadra: Piero Chiesa Ente Scolastico - Scuola Media Michelangelo All. Ins. E.F. Stefano Biagi

Under 17

Under 15 - 2002/2003

Under 15: Boccini, Braccini, A. Chiesa, Cirafici, Filacanapa, G. Fogli, Fossi, Garzella, Giannoni, Iacopini, Pracchia, Sussi, Bellini, Bernardini, Favati, Gai, Martinucci, Pellegrini, Querci, Vezzino, Ferazzuto, Fiorelli, Rocchi, Carone, Lastrucci, Burgio, Bertuccelli, Giuliano. Allenatore: Daniele Conflitto e Vincenzo Viscariello Responsabile di Squadra: Marina Roselli

Under 19

Under 19 - 2002/2003 Prima fila: Bernini (accompagnatore), Milianti (allenatore), Rossi, Del Bubba, Ghini, Pini, Botteghi, Bernini, Baldrati, Reitsman, Bani, Lecci, F. Squarcini (presidente), Dott. Rossi (medico sociale). Seconda fila: Consani, Banchieri, ---, Vitti, Pracchia, Buffa, Malerbi, Poscente, R. Squarcini, Curzi. Allenatore: Massimo Milianti Responsabile di Squadra: Fernando Botteghi - Fabrizio Bernini

CAMPIONI Dâ&#x20AC;&#x2122;ITALIA IMOLA 4 GIUGNO 2000

FINALE NAZIONALE CAMPIONATO UNDER 18 Rugby Livorno - Petrarca Padova 12-7 Rugby Livorno - Milan 11-5 Prima fila: Sanna, Rossi, Ceccherini, Biagi, Toncelli, Figone, Falleni, E. Squarcini. Seconda fila: Buffa, Lischi, Santoni, Pannocchia, Milianti, Fedi, Liperini, Pacini, Pavoletti, Brancoli, A. Lecci, Paolinetti, R. Chiesa, Marrandino.

Campioni

171

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Under 17 - 2002/2003

Under 17: Antraciti, Barghi, Bellini, Burani, D. Calvetti, Caredda, Cavallini, Ciapparelli, Di Cosmo, Donatini, Fantozzi, Gambini, Goti, Gentili, Mantovani, Sajeva, Tobia, Turio, Costagnoli, Mannucci, Faleni, Demiri, Mosconi, Abdelrhani, F. Incrocci, Perna. Allenatore: Igli Borsato Responsabile di Squadra: Paolo Bellini


Lions Amaranto Livorno !!!"#$"$%&$

Lions Amaranto sul campo dal 2000 È una grande realtà quella del rugby Livornese che si articola in numerose società e squadre. Una di queste è la Lions Amaranto che ha dato spazio a tutti gli atleti, comprese le donne, che con grande passione, impegno e capacità fisiche non sono restate indietro ai colleghi maschi. Il Lions Amaranto nasce nel 2000 grazie all’impegno di Emanuele Bertolini, del suo gruppo scout e di alcuni geni-

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Le squadre e i campi da gioco Anche l’anno 2007 ha rappresentato un ulteriore passo in avanti. Infatti, è nata la squadra Senior che ha partecipato al campionato di serie C Elite. Tutto il gruppo, composto da oltre 200 ragazzi, può vantarsi di fare progressi. Diamo molta importanza alla squadra Senior perché deve fare da locomotiva e

'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

La prima squadra e il gioco per i più giovani “Naturalmente -continua Fraddanniè nella nuova squadra che riponiamo le nostre speranze future.

tori e amici come Mauro Fraddanni, Fraddanni ogog gi dirigente della società socie che ci racconquesta avventura ta come è cominciata q sportiva. “Appena fondata la società partecipammo ai primi concentramenti con un gruppo di ragazzi per l’under 10 e per l’under 12. L’anno successivo, vista l’esperienza positiva, ed incoraggiati dai genitori abbiamo deciso di andare avanti e così lentamente siamo cresciuti, salendo ogni anno uno scalino in più, con la partecipazione a campionati sempre più importanti, di categoria superiore a mano a mano che i ragazzi crescevano. Sono talmente cresciuti, fisicamente e sportivamente, da essere arrivati ai 18 anni e alla partecipazione nei campionati Senior di serie C.

agNaturalmente con gli anni si sono ag giunti altri giocatori. La cosa più bella è che in questi anni abbiamo partecipato a molte iniziative come il trofeo Topolino, siamo andati in Corsica a Lucciana ed anche in Francia a Capestang dove con l’under 15 siamo arrivati secondi. Abbiamo avuto ragazze molto brave e abbiamo partecipato alle selezioni regionali, abbiamo anche avuto un ragazzo che è stato chiamato nella nazionale under 18, Giacomo Bernini che si è allenato all’Accademia del Rugby di Tirrenia. I nostri sponsor che ringraziamo sono il Mil Group per la squadra maschile dei grandi, la Uno Gas per le giovanili maschili e la Baracchina Bianca per la squadra femminile che è nata nel 2002.

trascinare anche le altre. Abbiamo ottetramite la partecipanuto dal Comune, tr pubblica, il campo di zione ad una gara pu Montenero M Mo ntenero e questo ci permette di dare sfogo a tutte lle esigenze degli atleti. f Allo storico campo di Salviano si allenano i ragazzi fino a 15 anni e la squadra femminile, mentre al campo di Montenero, anche se non è regolamentare, possiamo lavorare con gli altri ragazzi. La prima squadra invece si allena a San Piero a Grado nei campi di proprietà dell’università. Un campo molto bello che ospita anche molte partite programmate dalla Federazione per l’under 17 e l’under 20.

Ci aspettiamo che faccia un bel campoii cchissà, magari il passaggio pionato e po p di una squadra ben in serie B. Si tratta tr formata da ottimi elementi strutturata e fo guidati dall’allenatore Massimo Goti che ha giocato in nazionale. Per il resto è importante che i ragazzi crescano dal punto di vista fisico, sportivo e tecnico e soprattutto è fondamentale che si divertano. Ci piacerebbe anche avere un campo regolamentare su Livorno, ma questo per ora riguarda proprio il futuro”.

173

Lions Femminile Amaranto

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

'&()*'* +,(&-$.*!!!


PRODUZIONE E VENDITA DIRETTA • • • •

Canali di Gronda - Tubi - Inox Accessori Standard e Disegno in Rame Alluminio e Acciaio Preverniciato Lamiere Grecate a disegno per Coperture e Rivestimenti

INTERVENTI CON PIATTAFORME AEREE MOBILI • Riparazione, sostituzione e pulizia gronde • Noleggio piattaforme con e senza operatore


Rugby Fulgida Etruschi Livorno Oltre 100 giocatori

Femminile under15

Femminile under15

te della società E. S. Mazzini, che ha sempre creduto nel successo di questa iniziativa sin dai tempi dell’Under 13 da cui le ragazze provengono. Godiamoci comunque, come accennato all’inizio, lo sviluppo numerico e quantitativo del gruppo Etruschi/Mazzini che in questa stagione 2007/2008 ha, per la prima volta, schierato in campo le categorie Under 11 e Under 17 che stanno dignitosamente onorando la loro partecipazione dietro le guide rispettivamente di Davide Martini, Luca Buscarino e Sergio Gracci. Tecnici dell’Under 13 e dell’Under 15 sono Carlo Ghiozzi, Andrea Bertuccelli e Alessandro Lari. La propaganda nella scuola è invece affidata a Antonello Jacopo e Daniela Mazzocca. Come si evidenzia in queste rrighe siamo di fronte aad un gruppo di lavorro sostenuto da tutti i dirigenti delle due sod ccietà Etruschi – Mazzzini. In questa cosiddettta famiglia del rugby non si può dimentin ccare il contributo dellle “mamme” per tutto quello che riguarda q ll’attività complementtare e in particolare i tterzi tempi, un fiore aall’occhiello della società, che sono prelic

175

batamene curati. Di questo ne è una testimonianza il classico torneo estivo in notturna a nove giocatori denominato “Rugby Sotto le Stelle” giunto alla IX edizione e che ha visto la partecipazione di una squadra londinese. Tutta questa attività non avrebbe avuto luogo senza l’apporto degli sponsor Fulgida Servizi Integrati, Erre Ti Rame, Inkospor e senza la disponibilità dell’impianto Dlf (Dopolavoro Ferroviario) che ha rappresentato un punto di ritrovo, una vera casa che ha dato identità ed immagine al movimento. La società si aspetta molto dalla sua squadra senior che sin dal 1995 la rappresenta degnamente Daniele Campani, nato rugbisticamente a 30 anni negli Etruschi di cui è stato a lungo capitano; oggi non è solo l’allenatore, ma anche l’emblema di questo gruppo. A lui la società chiede che il motto “men et cor magis” sia rappresentato sul campo e che oltre a curare l’importanza del gioco e la cura dei dettagli sappia trasmettere la voglia e lo spirito necessario in uno sport di combattimento. Più di tutto, infatti, sarà l’atteggiamento giusto di chi scende in campo a fare la differenza con l’obiettivo di salire nel girono 1 della serie C. importante è finire in crescendo i campionati ottenendo buoni risultati come la vittoria dello scorso anno nel Torneo Regionale dei giochi scolastici per le scuole medie. Gino Galletti

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Se il movimento del rugby a Livorno è in crescita è sopratutto sul numero dei praticanti, oltre cento, che un riconoscimento di merito va attribuito anche ai verde-amaranto Etruschi - Mazzini. I risultati, quelli sul campo, infatti, non sono ancora arrivati, ma arriveranno considerando la fiducia, la competenza e la tenacia con cui stanno lavorando sia gli allenatori che i dirigenti del club di Colline - Salviano. La pura passione è il vero motore che ispira la loro attività e che trascina l’intero ambiente. E poi non è vero che i risultati non siano del tutto arrivati. Infatti, alle finali di categoria svoltesi a Padova nel giugno 2007 le “Chiome” Etrusche, la rappresentativa Under 15 femminile, hanno conquistato un apprezzabile 6° posto al termine di un girone composto dalle otto formazioni che si erano meglio piazzate nei numerosi concentramenti nordovest, nord-est e centro sud. E questo traguardo è ancora più valorizzato se si considera che la gran parte delle “Chimere” erano in realtà di età Under 14 in un contesto, quello delle finali, in cui potevano eccezionalmente essere schierate anche ragazze Under 16. A parte gli indubbi meriti dei due allenatori Paolo Barsotti e Antonio Iannì, un riconoscimento particolare spetta alla professoressa Elena Malechini, presiden-


La nostra Associazione sportiva A.S.Ha. Livorno è nata nel 1983 e si occupa di attività sportiva di ragazzi con disabilità fisica, psichica e sensoriale. Per questo motivo l’associazione ha sempre offerto una ampia scelta di attività, per permettere la partecipazione di tutti i ragazzi. In passato eravamo più numerosi e presenti in molteplici discipline sportive: atletica leggera, nuoto, tiro a segno, tiro con l’arco, ippoterapia, equitazione e pesca sportiva, partecipando a gare a livello provinciale, regionale e nazionale in cui abbiamo ottenuto ottimi risultati. Oggi l’attività prevalente dell’associazione è l’atletica leggera, con una frequenza di tre ore settimanali. Sotto la guida delle professoresse Cristina caluri e Nadia Vitulano il programma annuale di preparazione fisica è specifico per ogni specialità e per ogni soggetto,per arrivare in primavera a partecipare alle gare provinciali e regionali. Il nostro lavoro è migliorato negli ultimi anni, grazie alla ristrutturazione della palestra e di nuovi acquisti di attrezzi all’avanguardia, che ci permettono durante l’inverno di lavorare su tutto il corpo in maniera specifica. Con l’arrivo della primavera disponiamo di un ampio spazio all’aperto dove proviamo le varie discipline delle gare: le corse, i salti e i lanci.

Per quanto riguarda la palestra, nostra intenzione è quella di migliorarci ancora tenendoci sempre aggiornati su nuove attrezzature, sperando di incrementare le prestazioni dei nostri atleti e confidando nell’inserimento di nuovi ragazzi su cui poter lavorare. L’ultima novità è stata la costruzione di un pallaio ad una corsia per gli allenamenti al gioco delle bocce. La nostra volontà è quella di costruire un gruppo di

177

età non più giovanile che possa partecipare un domani a gare di questa disciplina, che è stata da poco inserita nella nostra federazione sportiva. Stiamo aspettando una risposta per poter riprendere l’ippoterapia e l’equitazione, da noi sospesa per mancanza di fondi. Cogliamo inoltre l’occasione per richiamare altri ragazzi disabili che abbiano intenzione di fare dello sport alla nostra Associazione.

A.S.Ha: Associazione Sportiva Handicappati Livorno

A.S.Ha: Associazione Sportiva Handicappati Livorno


178


S.I.L. Sport Insieme Livorno !!!"#$"$%&$

10 anni di storia ricchi di attività per l’Associazione Sport Insieme Livorno La Sport Insieme Livorno (S.I.L.), nasce il 3 febbraio del 1997 dall’idea e dall’iniziativa di Claudio Rigolo, Alessandro Franchi e Stefano Calamai, che già da qualche anno si occupavano di sport con l’Associazione ASHA Pisa in qualità di atleti praticanti e dirigenti. Già dai primi anni molti atleti Sil hanno avuto l’opportunità di svolgere un’attività sportiva sia a livello dilettantisticoamatoriale che agonistico. Alcuni di loro hanno indossato la maglia azzurra e partecipato con risultati di rilievo ad eventi Nazionali ed Internazionali come Campionati Mondiali e Paralimpiadi. Il Tennis in sedia a rotelle è stata l’attività principale dall’inizio della costituzione della SIL, ma altre discipline come la Vela, lo Sci, Il Ciclismo, il Tiro con l’arco, Ippoterapia, le Attività subacque, si sono nel tempo affiancate all’attività principa-

'&()*'* ' + +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Tennis, subacquea, sci, tiro con l’arco e non solo La principale attività della nostra associazione è indirizzata verso la pratica e la promozione sportiva a vari livelli. Due scuole di tennis per giocatori disabili fisici offrono sul territorio una adeguata risposta alle numerose e crescenti richieste per questa disciplina sportiva. Presso il Circolo Tennis Libertas Sport

le dando variegate opportunità a molti giovani disabili di fare sport. Praticare sport “Insieme” con spirito agonistico, ma anche e soprattutto come momento di aggregazione sociale tra le persone, indipendentemente dalla loro condizione fisica e mentale, rappresenta uno dei punti fondamentali nella filosofia dell’associazione. Dal 1993 il fiore all’occhiello dell’associazione è l’organizzazione del torneo internazionale “INAIL Città di

Livorno” che si svolge ogni anno la pripri ma settimana di settembre a Livorno. La scuola di tennis SIL presso il Circolo tennis Libertas Sport, sede anche del torneo, è da anni una realtà importante per tutti coloro che con piccoli o grandi deficit motori vogliono cimentarsi nel gioco del tennis. Si sono, inoltre, svolte nel recente passato, nei locali della sede sociale, attività culturali come: corsi di pittura, di informatica e di lingue straniere.

Claudio Rigolo

a Livorno in via dei condotti Vecchi (zona porta a terra) e presso l’Associazione Tennis Cecina in via Aldo Moro, il Coach Claudio Rigolo, allenatore della Nazionale femminile di tennis in carrozzina, opera per l’intero anno con corsi indirizzati a principianti, amatori e giocatori agonisti di livello internazionale. Docenti SIL svolgono sul territorio nazionale corsi di formazione rivolti ai maestri di tennis, per la specializzazione sul tennis in sedia a rotelle. In collaborazione con la scuola Diving di Antignano organizziamo corsi di subacquea con autorespiratore per soggetti disabili fisici. I corsi sono diretti da istruttori qualificati e da accompagnatori abilitati.

179

Vengono rilasciati brevetti certificati PADI. In collaborazione con l’Associazione Sportabili di Predazzo, organizziamo corsi di sci per disabili. Istruttori qualificati effettuano corsi di Tiro con l’arco. Oltre alle attività sportive sul campo, la SIL si occupa dell’organizzazione di eventi sportivi a carattere Nazionale ed internazionale. La più importante manifestazione, il torneo di tennis in carrozzina “INAIL CITTA’ di LIVORNO”, ha portato anche quest’anno circa 150, tra atleti ed accompagnatori che hanno dato vita ad avvincenti partite e offerto uno spettacolo di assoluto valore.

S.I.L.:Sport Insieme Livorno

'&()*'* +,(&-$.*!!!


180 118 80


Buoni i risultati ottenuti in Sudafrica dai due atleti italiani, Silvia De Maria e Fabian Mazzei, impegnati nella corsa per la qualificazione a Pechino 2008.

Silvia De Maria

Nel primo torneo di East London Silvia raggiunge la semifinale battendo facilmente prima Sibanda Tsholofelo e poi Botha Celia, entrambe sud africane ed entrambe con il punteggio di 60 - 60. Perde invece dalla più quotata Ohmae, Chiyoko ma non senza lottare. Silvia, infatti, si aggiudica il primo set per 76 ma, cede alla ripresa della giapponese nei set successivi per 64 - 62 in una partita caratterizzata soprattutto dal forte vento. Esce di scena, invece, al primo turno Fabian Mazzei

perdendo da Lachen Majdi in una strana partita dove Fabian domina il primo set vincendo per 60 e poi subisce il ritorno del francese perdendo i due set successivi per 62 - 61. Majdi risulterà poi il vincitore del torneo e Fabian il vincitore del torneo di consolazione a spese del giappoM Momento di ffesta per il Sil nese Honma Masahiro per 62 - 62. In coppia con l’unghe- colas per 64 - 62 e prendendosi la rivincirese Laszlo Farkas, Fabian raggiunge la ta contro Majdi battuto questa volta con semifinale perdendo, con il punteggio il punteggio di 63 - 16 – 62. di 75 - 63, ancora una volta da Majdi che Fabian lotta anche in finale sfoggianin coppia con l’altro francese Cazeau- do un tennis di livello mondiale ma niendumec. Silvia invece raggiunge la finale te può contro il francese Cattaneo che in coppia con l’israeliana Ilanit Fridman si aggiudica il torneo vincendo 75 - 61. perdendo con il punteggio di 26 - 62 - 75 Ancora abbastanza facile il raggiungidalla coppia testa di serie n.1 formata da mento della semifinale per Silvia che afarnoult-ritthaler, Beth Ann (USA) Ohmae fronta nei quarti l’unico scoglio che può Chiyoko (JPN). impensierirla e cioè la migliore delle gioLa settimana successiva la carovana si catrici sud africane Montjane Kgothatso sposta a Pretoria dove Fabian si toglie la che però impensierisce la portacolori itasoddisfazione di arrivare in finale batten- liana solo nel secondo set. do in sequenza il sud africano Mathonsi Silvia, pur non giocando al massimo Sydwell per 62 - 62, il francese Peifer Ni- del suo livello riesce a portare a casa la partita per 62 - 75 p per poi perdere la sep mifinale contro la più m fforte americana Arnoult-Ritthaler Beth n Ann per 62 - 61. A Nel torneo di doppio Fabian, ancora p in i coppia con Farkas esce al primo turno e nuovamente contro n la l forte coppia francese Majdi-Cazeauc dumec con il pund teggio di 26 - 63 -63 t e Silvia gioca ancora r la finale, stavolta in i coppia con la russa s Bubnova Ludmila perdendo ancora da p Arnoult Ritthaler-OhA mae stavolta con il m punteggio di 60 - 75. I partecipanti alle selezioni in Sudafrica

181

S.I.L.:Sport Insieme Livorno

Pensando alle Olimpiadi le selezioni del Sudafrica


!!!"#$"#(0*)$

Mare e Olimpiadi Molte le idee ed i progetti che la Sil ha in prospettiva futura. Accanto alle già varie attività vorremo svilupparne di nuove sfruttando la grande risorsa naturale che Livorno ha, il mare. Per molti disabili ad oggi, è difficile poter vivere il mare in piena libertà, già solo fare una nuotata in acque libere è cosa complicatissima, raggiungere il mare dalle nostre coste è per un disabile, in molti casi impossibile e rappresenta una insuperabile barriera architettonica. Per questo vorremmo realizzare una barca accessibile, dotata di ausili ed accessori che potranno consentire piena autonomia al disabile nella conduzione dell’imbarcazione e nelle attività nautiche. La realizzazione di questo progetto darebbe altresì l’opportunità alla nostra associazione di sviluppare attività ricreative come pesca-turismo, diportismo nautico, attività balneari e sportive come corsi di subacquea con autorespiratore o in apnea, ed inoltre, creare servizi rivolti a disabili e non, per giri turistici compreso il giro dei fossa medicei. Nel futuro più prossimo, quello che ormai sta per diventare presente ci

sono le reali possibilità di tre atleti Silvia, Monica e Davide, che con grande tenacia e sacrificio, sotto la guida dell’esperto tecnico Claudio Rigolo, hanno incrementato notevolmente la qualità del loro gioco fino a raggiungere livelli che potrebbero portarli a raggiungere ambiziosi traguardi. Nel settembre 2008 si svolgeranno a Pechino le paraolimpiadi e il tennis è una disciplina olimpionica. Avranno accesso a tale prestigiosa manifestazione, come da regolamento dell’International Paralympics Committee (IPC), le donne classificate nelle prime 24 posizioni al mondo del ranking mondiale, gestito dall’International Tennis Federation (ITF), alla data del 20 maggio 2008; Silvia e Monica stanno lavorando per poter entrare in questa classifica ed avere questa grandiosa possibilità. Sempre nel 2008 verrà organizzata in Italia, la Coppa del Mondo a squadre, e per la prima volta nella sua storia il Comitato Paralimpico ha in progetto di presentarsi anche con la squadra Juniores e Davide Nevola ha la possibilità

Silvia De Maria

Monica Quassinti

di essere chiamato in nazionale e rappresentare l’Italia. Raggiungere tali obiettivi, oltre che a gratificare e inorgoglire gli atleti e l’associazione per i risultati raggiunti dopo anni di lavoro svolto con professionalità e sacrificio, sarebbe anche dirompente come promozione all’avvicinamento alla pratica sportiva di molti altri atleti disabili, in particolar modo bambini, che attualmente sono semplicemente esonerati dall’ora settimanale di educazione fisica che la scuola propone emarginando tutti coloro che hanno una pur piccola menomazione fisica.

Davide D id N Nevola l

183

S.I.L.:Sport Insieme Livorno

'&()*'*" +,(&-$.*!!! '&(


di di Anversa riceve un invito a corte da Re Alberto, avviando così una interminabile sequenza di allori ottenuti dagli atleti livornesi, che lasceranno sempre un indelebile ricordo del loro carattere, di veri signori della pedana, rispettosi dell’avversario, ma forti e tenaci nel raggiungere il massimo del risultato. Atleti come Manlio De Rosa che nonostante sia over 40 riesce a vincere la medaglia d’oro a Melboure, oppure Mario Curletto un vero gentlemen delle pedane e maestro di vita per tanti atleti che hanno avuto la fortuna di averlo come istruttore. In tutti gli anni successivi quindi non c’era gara al mondo che non vedesse sul podio più alto uno schermitore livornese del Fides: Oreste Puliti 4 ori olimpici, Baldo Baldi e Bino Bini 1 oro, Dino Urbani 2 ori, Giorgio Chiavacci 1 oro, Gustavo Marzi 2 ori, Athos Tanzini che alle Olimpiadi di Berlino vide sfumata la medaglia d’oro per una sola stoccata, che è la memoria vivente di quella scherma che ha permesso di lanciare i nuovi atleti post bellici. Negli anni cinquanta e sessanta il Fides primeggia grazie ad atleti del calibro di Pier Luigi Chicca, Maurizio Vaselli, Giorgio Pellini, Ario Cantini che saranno poi gli ispiratori dei giovani e futuri campioni, che iniziano numerosi a frequentare i nuovi locali in Via Allende nell’attuale palazzetto costruito appositamente per

la scherma, dove si intravedono già giovani speranze guidate dal mitico Maestro Athos Perone, che sforna campioni come la numerosa dinastia dei Montano. I cugini Mauzzino e Mariolone Montano insieme a Rolando Rigoli e Michele Maffei vincono la storica medaglia d’oro alle Olimpiadi di Monaco nel 1972 nella La storia del Circolo Scherma Fides nasciabola a squadre e anche singolarmensce a Livorno nel lontano 1892 nei locali te Mauzzino, padre del noto Aldo, si ridi un appartamento rimediato in quella pete a Goteborg nel 1973 vincendo l’oro via della Posta tanto famosa a quei temmondiale così come nell’anno successivo pi, non certo per la scherma. Niente luce, a Grenoble. poco spazio, ma tanta voglia da parte dei La dinastia Montano segna altri due primi intrepidi atleti di affinare le tecnicampioni, Carlo detto Carlino e Tommaso che schermistiche ricche di stile ed eleche sia singolarmente che a squadre hanganza nei movimenti, lungo le pedane di no onorato i colori della maglia azzurra e legno arrangiate nei corridoi. del Circolo Fides. In epoca più recente AnQuelle persone hanno segnato la storia gelo Scuri conquista la medaglia d’oro a della scherma mondiale, ed avviato i coLos Angeles e altri due ori nelle competilori del Circolo Fides verso una interminazioni a squadre a Barcellona e Sofia. bile sequela di successi che ancora oggi Negli anni subito successivi abbiamo non hanno eguali in tutto il mondo. Il suo una parentesi riflessiva, dove i maestri lafondatore Beppe Nadi, un brigadiere dei vorano con passione e determinazione pompieri di origini pistoiesi, approdato a per formare i campioni dei nostri tempi Livorno per passione amorosa verso Asche vedono Aldo Montano crescere a visuntina, è descritto come uomo tutto di sta d’occhio fino a raggiungere la medaun pezzo, severo bercione ed intransigenglia d’oro individuale alle Olimpiadi di te verso i suoi due figli maschi Nedo e AlAtene nel 2004. do, che subito, fin dalla tenera età vengoMa la cosa molto importante da dire è no instradati verso questa arte sportiva. che sebbene la scherma, come tutti gli Di Beppe Nadi si è scritto molto come sport, abbia avuto una profonda evoluziouomo come schermitore e soprattutto ne nella sua tecnica, lo spirito e gli ideali come maestro; pretendeva rimangono ancora quelli del r sempre l’eccellenza da parte vecchio Beppe Nadi: rispetto v dei suoi allievi che rischiavano per p l’avversario, volontà, vodolorose sfiorettate sugli stinglia g di vincere, sacrificio e sana chi se qualche attacco o paracompetizione sportiva. c ta veniva eseguita con il temQuesti basilari concetti si sopo e la classe sbagliata. Un no n tramandati nel tempo indeinprinting forte ed indelebile lebili, ed oggi sono il verbo e le che ancora oggi è presente la filosofia operativa nelle maall’interno del Circolo Fides. ni n dei responsabili d’arma che Arrivano i primi successeguono i nostri futuri cams si sportivi che vedono impepioni. I Maestri Nicola Zanotti p gnati i due figli Nedo ed Ale Diego Pardini per la sciabola, do, quest’ultimo il più piccolo, gli g Istruttori nazionali Marco poco orientato ad uno stile di Vannini, Athos Tanzini e BranV vita troppo inquadrata rispetdo d Messinese per il fioretto, e to a quelle distrazioni che si l’allievo istruttore Jacopo Rel’ chiamano donne e gioco, e la ali, a che hanno la responsabilirincorsa di un sogno di diventà t di guidare e formare quegli tare un attore. I risultati più siatleti che già hanno iniziato a a gnificativi arrivano invece da collezionare risultati sia a livelc Nedo Nadi che con le sue 5 lo nazionale che importanti almedaglie vinte alle OlimpiaIl passato ed il presente : Athos Tanzini Senior e Athos Tanzini Junior. lori mondiali. '&()*'* ' +,(&-$.*!!! +,

!!!"#$"$%&$

Da Beppe Nadia ai nostri giorni

185

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Circolo Scherma Fides


GUARNIZIONI DI TENUTA PER FLUIDI IN PRESSIONE PER QUALSIASI APPLICAZIONE INDUSTRIALE

Hallite Service

Hallite Italia Srl Via Leopardi,24/1 57121 LIVORNO â&#x20AC;&#x201C; ITALYE mail: seals@hallite.it TEL: +39-0586-428287 FAX. +39-0586-429845

www.hallite.com www.cdipolytek.com


!!!"#$"(//$

Una presenza importante Negli anni la scherma ha cambiato pelle, la tecnica è divenuta sottile ed astuta, pronta a fronteggiare con parate complesse gli attacchi degli avversari. La tecnica è importante quanto lo è anche la preparazione fisica e psicologica, la capacità di sopportare gare che si snodano per ore e dove gli atleti sono impegnati in momenti diversi in assalti di difficoltà crescente, dove non è assolutamente possibile perdere la concentrazione. I nostri atleti oggi sono in grado di partecipare a molte più gare a livello internazionale, e quindi scontrarsi con le varie tecniche utilizzate dalle altre scuole mondiali: un processo sicuramente importante che rende lo scenario altamente competitivo. Per potere raggiungere importanti risultati come sono stati ottenuti da molti dei nostri atleti è necessaria quindi una presenza a livello internazionale

Andrea Baldini

del corpo magistrale, uno scambio di relazioni che sviluppa nuove tecniche che poi vengono adottate anche ad personam sugli atleti, che permettono di fare emergere doti particolari insiste in ciascun schermitore. È un lavoro difficile che necessita impegno, volontà e serietà nel raggiungere gli obiettivi che ogni anno il corpo magistrale si pone, e su cui si lavora per mesi e mesi, grazie anche ad un forte senso di responsabilità ed impegno da parte degli atleti che riescono a conciliare i molteplici impegni sportivi con l’attività scolastica. L’anello di congiunzione fra i campioni del passato e quelli di oggi si chiamano Andrea Baldini nel fioretto, che a soli 22 anni è vice campione del mondo e primo nel ranking mondiale, e la giovanissima Irene Vecchi fresca dell’alloro mondiale nella categoria Giovani di sciabola. Se questi sono due “pezzi da novanta” non possiamo dimenticare tutti gli altri atleti che a più riprese hanno solcato i podi internazionali e nazionali, quali Tommaso Lari nel fioretto primo classificato ai campionati europei Under 17 e medaglia d’argento nella stessa categoria nel campionato mondiale, più altri piazzamenti da podio ad altre gare internazionali, la giovane Beatrice Monaco campionessa italiana nel fioretto individuale nella categoria Cadetti, la promessa emergente Edoardo Luperi Campione italiano nella categoria Fioretto Allievi, e sempre per il fioretto la vitto-

187

Irene Vecchi

ria del titolo italiano della squadra femminile. Nella sciabola invece abbiamo Marco Ciari che a più riprese si impone in gare nazionali ed internazionali fino alla recente 3° posto alle selezioni nazionali, Jacopo Rubini, Niccolò Marinari, Jacopo Michelucci e Tommaso Saviozzi, nella categoria Giovani e Cadetti e tanti risultati di quei giovanissimi che sono il primo frutto dei nostri maestri: Gherardo Caranti, Giovanni Pirrone, Emanuele Santalena, Enrico Barsotti, Margherita Cappelli, Flavia Manca, Valentina Menichetti e molti altri di altrettanto valore ed importanza. Molti di questi atleti nominati hanno partecipato a più riprese a collegiali delle squadre nazionali di arma, oppure sono stati convocati per gare di prove di Coppa del Mondo guadagnando dei piazzamenti importanti che fortificano la loro crescita tecnica: questo aspetto è molto gratificante sia per gli atleti che per i maestri, ma sono un preciso segnale che la nostra presenza e la nostra crescita attuale è reale e costante

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

'& '&()*'* ' +, +,(&-$.*!!!


188


Visibilità e vittorie

dalla Federazione, con un numero elevapartecipanti ad ogni gara nazionale to di partecipan esserci meritati l’appellativo di tanto da esserc “squadrone Fides”. Fide I risultati arrivano e sono importanti, non c’è infatti gara che uno dei nostri atleti non sia presente sul podio. Questa particolare situazione produce un forte senso di competizione e di volontà fra i ragazzi nel raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi, ed è compito dei maestri gestire questi piccoli, ma agguerriti spadaccini, verso risultati sempre più importanti. Come già accennato in precedenza vi sono altri due aspetti che risultano di fondamentale importanza, perchè tutto il meccanismo funzioni. Uno è la parte atletica affidata al professor Fabbri ed al suo staff, che segue ininterrottamente 12 mesi l’anno gli atleti prima durante e dopo le competizioni sportive, con programmi tecnici generali ed altrettanti studiati appositamente per i singoli atleti. Un compito di assoluta importanza per preparare gli atleti a sopportare sessioni di allenamento continue e diverse a secondo del periodo specifico, ma soprattutto a gestire in maniera oculate gli sforzi fisici durante le competizioni, dove l’aspetto fisico è divenuto di assoluta importanza.

189

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

L’altro elemento sono i genitori degli atleti: non è la prima volta che mi soffermo su questo aspetto, chi scrive ne è di!!!"#$"#(0*)$ !! mostrazione vivente. La collaborazione dei genitori è assidua, continua e di elevato valore per il Circolo, per la continua disponibilità con cui supportano le molteplici attività e le innumerevoli trasferte La storia si ripete e quindi non c’è fusul territorio italiano per accompagnare turo se non esiste un buon presente: e gli atleti. Un patrimonio di assoluta imsu questo il corpo magistrale e l’intero portanza che dimostra una continuità e consiglio Direttivo del Circolo stanno alagenera sempre nuovi stimoli costruttivi e cremente lavorando. Negli ultimi anni la volontà di aggregazione. visibilità della scherma è stata maggiore Il Circolo Scherma Fides è un luogo dosotto ogni punto di vista, la vittoria di Alve ogni giorno si alternano a più riprese do Montano ha bucato lo schermo e ha almeno tre generazioni di atleti in pedafatto uscire la scherma da quella situana: uno scenario senza precedenti dove zione di sport misterioso, mai presente in il bambino ai suoi primi assalti può ostelevisione, se non durante le apparizioni servare la tecnica del più anziano, dove alla Olimpiadi. La stessa attività del Circol’atmosfera che si respira dimostra che la lo Fides si è spostata all’esterno partecischerma è uno sport che non si smette pando a varie iniziative benefiche e di camai. rattere promozionale che hanno reso la Anche se l’ultima parte di questo artischerma meno intoccabile e forse molto colo è impostata sul futuro, non possiapiù facile di quanto si possa pensare. mo non parlare del futuro di coloro che Un notevole sforzo da parte del circolo hanno abbracciato questa disciplina Fides che ha impegnato sul campo i mamolto tempo fa e che nel futuro hanno estri e gli atleti sempre pronti a risponobiettivi di carattere nazionale e mondere positivamente a queste chiamate. diale. Atleti come Giulio Paroli campione Questa situazione ha prodotto un notemondiale ed italiano di Fioretto indivivole afflusso di nuovi iscritti, bambini che duale categoria Master e Fabrizio Filippi, ogni giorno riempiono la sala di scherma, che solcano ancora le pedane con preche si allenano con una passione incredisstigio internazionale, racbile e non perdono una occcogliendo allori che fanno casione per salire in pedana iinvidia al più giovane schere fare valere la propria permitore. Nei recenti campiom sonale tecnica di assalto o nati italiani della categoria n di difesa. Master gli atleti livornesi olM Questi bambini sono un ttre a quelli già nominati, Niincredibile ed importante ccola Zanotti, Diego Pardini, patrimonio per il Circolo e Athos Tanzini, hanno colleA quindi i maestri sono ancozzionato titoli italiani sia nelra più tesi a curare questo lla categoria individuale che settore che sarà il serbatoa squadre nelle varie armi. io di nuove promesse. E che Una ulteriore conferma di U la strada intrapresa è quella quanto questo sport indiviq giusta, lo dimostra il fatto duale sappia entusiasmare d che nessuno dei nuovi giossempre tutti coloro che lo vani iscritti ha lasciato, conpraticano. p fermando che questo sport Come potrete comprencon le nuove tecniche di indere, la storia non finisce d segnamento produce le atqui, la interrompiamo solq mosfera e gli ambienti giuttanto per attendere i risulsti, poi il resto è ovviamente ttati futuri, in quanto come farina del sacco di ogni ataaffermato recentemente dal leta. nostro Presidente Dottor n L’attività giovanile del cirMarcello Fremura, “il Circolo colo si snoda attraverso tut- Giovani promesse: Giovanni Pirrone e Emanuele Santalena con il Maestro M Fides è nato per vincere”. Diego Pardini e l’aiuto maestro Jacopo Reali te le categorie contemplate '&()*'*"+,(&-$.*!!! '


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Come nasce la scuola di Scherma Rolando Rigoli Nel già ricco panorama sportivo labronico è nata un’altra realtà, da un’idea che ha preso corpo in una riunione di amici, appassionati di scherma, già schermidori loro stessi o padri di giovani schermidori. Chiamare questa nuova entità “Scuola”, costituiva già un programma: si voleva, infatti, non limitarsi ad assumere una connotazione sportiva, agonistica o meno, che nel momento attuale è così universalmente diffusa, ma ribadire il concetto che la Scherma, si avvale delle qualità più nobili del praticante, quali l’attenzione, la concentrazione, il ragionamento, l’intuizione, il grande sacrificio e la volontà, è, se non il più, almeno uno degli sport che tendono a sviluppare, oltre la componente fisica, la personalità, il carattere, il corretto comportamento. Si volle, inoltre, affidare la direzione tecnica a due fra i professionisti più esperti che da più di 40 anni avevano operato nell’ambito schermistico a livello locale e, per più di un decennio, a livello nazionale e mondiale: Il Maestro Rolando Rigoli e il Professore Pier Paolo Macchia, che potevano offrire garanzia di esperienza, di serietà, di professionalità e di impegno costante per curare e far crescere la nuova creatura. Insignito dal Presidente della Repubblica dell’onorificenza di Commendatore per meriti sportivi, il Maestro Rolando Rigoli ha calcato le pedane di tutto il mondo, rappresentando il nostro paese in olimpiadi e campionati del mondo; ha vinto un titolo Italiano Assoluto di sciabola, 5 titolo a squadre, è stato 5° assoluto nelle Olimpiadi di Città del Messico nel 1968 e medaglia d’argenta a squadra nella stessa Olimpiade, ha vinto la medaglia d’oro nell’Olimpiade di Monaco nel 1972, con la squadra formata per tre quarti da livornesi. Erede diretto di quel Monumento della scherma che è stato il Maestro Athos Perone, sa insegnare forse come nessun altro, indifferentemente fioretto, sciabola e spada e tutte ad alto livello, anche se è meraviglio-

so vedergli dare una lezione a dei bambini piccol piccoli con una pazienza ed una capacica tà veramente rare. Il professor Pier P Paolo Macchia nasce come ostacolista di buon livello con due argenti ai Campionati Nazionali nel 1955 e ‘56. Ottiene la cattedra al Liceo Scientifico di Livorno dove insegna dal 1954 al 1972. Intanto si diploma Maestro di Scherma nel 1963. Dal 1972 al 1992 viene chiamato ad insegnare all’Accademia Navale di 2004 - A dx il M° P. Paolo Macchia con Allievo Riccardo Ageno Livorno. Subito dopo avere conseguito il diploma Magistrale di Sche- po schermistico il Coni gli ha conferito la ma, il circolo Scherma Fides lo affianca al stella si Merito Sportivo. Si è dedicato anMaestro Perone, come preparatore atleti- che al campo atletico formando il nazionaco; da allora inizia anche la collaborazio- le del peso Paolo Marconcini, al canottagne con la Federazione Italiana Scherma. gio preparando Marco Marconcini (MonPrepara lo sciabolatore Rigoli per le Olim- diale Junior nel singolo), Alessandro Ciari piadi di Città del Messico del 1968, allena e Marco Bertini (Campioni Italiani nel due tutti i rappresentanti nazionali (maschili e con), in campo tennistico preparando due femminili) per le olimpiadi di Monaco del vincitrice di Coppa Lambertenghi: Michela 1972 e per quelle di Montreal 1976, per Vaselli e Cecilia Paletti. Inoltre ha pubblicacinque Campionati del Mondo, due Gio- ti diversi manuali di larga diffusione sull’alchi del Mediterraneo e due Universiadi. lenamento generale per varie federazioni La collaborazione con il circolo Fides du- (Atletica Leggera, Scherma, Pallacanestro). rerà 43 anni. Per quanto realizzato in cam- Pur essendo anch’egli maestro di scherma, fin dall’inizio ha sempre privilegiato l’aspetto della preparazione atletica che negli anni ’60 non era stato ancora completamente recepito nella sua importanza: in quest’ottica e in collaborazione stretta, prima con il Maestro Perone e successivamente con Rigoli, tanti campioni sono cresciuti e si sono sviluppati facendo tesoro degli schemi di lavoro da lui proposti, da Carlo Montano allo stesso Rigoli, da Mario Tullio Montano ad Angelo Scuri, a Tommaso Montano, e più recentemente Athos Tanzini, Francesco Senni, Aldino Montano, Riccardo Ageno, Elena Terreni, Virginia Di Franco, Irene Vecchie e poi un po’ più sotto, ma comunque vincitori di titoli nazionali di categoria, Gian Luca Ciapini, Jacopo Illusi, Enrico Filippi, Giulio Vecchi. Risolto il problema del cast tecnico, mancava soltanto la Sede. Interpellati in merito, i dirigenti del CNFO di piazza Luigi Orlando, il presidente Gino Matarresi e l’Amministratore Piero Sartorio si mostrarono entusiasti di accogliere nel complesso polifunzionale, da loro diretto l’attività 2006 - D Da sx: M° R R. Ri Rigolili con l’l’ex presidente id t schermistica che mancava. della Federazione Scherma Antonio De Blasi

191

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Scuola Rolando Rigoli


!!!"#$"(//$

Gli atleti e le gare Il 18 marzo 2006, riunitisi in consiglio, quel manipoli di appassionati dette vita alla scuola di scherma “Rolando Rigoli”, siglando lo statuto ufficiale. Essi erano: Gabriele Campoccio, Mario Ciano, Franco Filippi, Daniela Garsia, Gabriella Giuliani, Pier Paolo Macchia, Giulio Magnaini, Enrico Parisi, Monica Petri, Rolando Rigoli. Subito dopo si passò all’elezione del Primo Consiglio Direttivo, così composto: Rolando Rigoli (Presidente), Pier Paolo Macchia (Vice presidente), Enrico Parisi (Segretario), Franco Filippi (Consigliere), Gabriele Campoccio (Consigliere). Ma la neonata Società non aveva ancora veste ufficiale. Si è provveduto quindi all’iscrizione presso la Federazione Scherma e alla registrazione presso il Coni Nazionale e Provinciale, ottemperando agli obblighi imposti dal censimento delle entità sportive cittadine.

'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

rilievo, che danno la certezza di un roseo futuro. Basterà sapere aspettare e lavorare in serenità. Attualmente il parco atleti della Scuola “Rigoli” è così formato.

È da questo momento che la Scuola di Scherma “R. Rigoli” Rigol ha iniziato veramente la sua storia. Il piccolo manipoli di atleti si è subito adattato ad un lavoro minuzioso ed impegnativo, sotto la guida dei due tecnici, cui successivamente si è aggiunto Silvio Sardi, schermidore di buona esperienza che collaborerà nell’insegnamento. In breve tutti hanno preso coscienza del soddisfacente grado di preparazione raggiunto. Restava il test: la gara. Ebbene, con autorevolezza il giovane sodalizio si è affacciato nell’ambito dell’attività federale e in quello ugualmente impegnativo dell’attività di propaganda partecipando con dignità alla finale Nazionale del Gran Premio Giovanissimi a Rimini con Dario Busoni e Lorenzo Sorelli e ai Campionati di staffetta mista con gli sciabolatori Giulia Cini, Michela Mugnaini, Daniele Mintone, Enrico Filippi. L’attività di propaganda è stata impegnativa, ma ha dato anche notevoli soddisfazioni; nei vari appuntamenti a Pontedera a San Rossore, a Lucca, a Navacchio, a Cascina, dove i nostri piccoli sono stati, impegnati, hanno riportato vittorie, secondo posti e piazzamenti di

Categorie Prime Lame Niccolò Ferrari, Emanuele Renda, Andrea Trivella. Categoria Pulcini Julia Terreni (1999), Saverio Aiello (1999), Giacomo Biasci (1999), Ruben Pasta (1999). Categoria Cuccioli Niccolò Cillari (2000). Categoria Minicuccioli Noemi Pasta (2002), Gabriella Zanfagna (2001).

le aree di parcheggio sia per la possidi persone, stabile come bile presenza d

pure occasionale. Un futuro tutto da vivere…

Categoria Cadetti - Giovani Assoluta Enrico Filippi, Luigi Cini, Giulia Cini, Michela Mugnaini, Gabriele Fancellu, Isabelle Hochberger, Andrea Mugnaini, Daniele Mintone, Jacopo Shekari, Mario Ciano, Giorgio Busoni, Boris Puz, Gabriele Campoccio, Benedetti Demi, Costanza Corrieri, Jacopo Pazzagli. Categoria Allievi Dario Busoni, Lorenzo Sorelli.

V Verso nuovii spazii sempre più grandi L’impianto in cui la scuola opera è ancora sufficiente al fabbisogno; tuttavia, in previsione di un aumento del numero dei praticanti nel prossimo futuro, sorge la necessità, se non immediata, di una disponibilità di più ampi spazi. Fortunatamente esiste un piano di ristrutturazione dell’intero impianto che prevede il trasferimento della palestra di scherma in ambiente più ampio, con conseguente aumento del numero di pedane. Nel futuro c’è anche la realizzazione della Porta a Mare per cui l’impianto, tutto, si verrà a trovare in una situazione invidiabile, sia per quanto concerne

2007 - Sculoa di Scherma M° Rolando Rigoli

193

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

'&()*'* +,(&-$.*!!!


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Le radici del neonato Club Scherma Livorno Il 2007 vede la nascita di una nuova realtà schermistica che da ottobre ha iniziato la sua attività. Se pur neonata, il Club Scherma Livorno può parlare a buon diritto di Storia, presentando il Maestro e Fondatore Paolo Paoletti, nato a Livorno nel ‘48 e avviato alla scherma all’età di 9 anni dal padre Alberto, (Schermitore Nazionale, classe 1912, Campione Italiano di fioretto individuale di 2° cat. e a squadre assoluto nel 1954 con la società Fides Livorno). Paoletti ha frequento la sala di scherma ininterrottamente fino al 1966 sotto la direzione del maestro Athos Perone e del maestro Gino Caioli. Pur non smettendo di frequentare la sala di scherma, nel ’67 ha iniziato a praticare il Judo (allenato dal maestro di Firenze Silvano Giraldi, più volte Campione Italiano nella categoria medi e nazionale) ottenendo buoni risultati in campo regionale e nazionale, acquisendo la qualifica di cintura nera. A questa disciplina deve molto per la metodologia dell’insegnamento attuale. Nel 1972, presta servizio militare di leva nel centro sportivo dell’Arma dei Carabinieri sezione scherma. Dal ’90, anno in cui va in pensione dalla sua attività professionale, si dedica a tempo pieno alla scherma, seguendo direttamente i figli Luisa e Lorenzo. Nel ’90 a Selva di Fasano consegue l’abilitazione a tecnico delle attrezzature elettriche. Nel Giugno del ‘93 consegue il titolo di istruttore di scherma presso l’Accademia Nazionale di scherma di Napoli, nel ‘95 Istruttore Nazionale a Madonna di Campiglio, nel ‘96 Istruttore dei centri giovanili CONI, nel ‘97 Maestro di

scherma presso l’Accademia Nazionale di Napoli. Per la for formazione tecnica e didattica di Maestro ha partecipato ai corsi federali di Ma Madonna di Campiglia (Agosto ‘95), Misano Adriatico (Agosto ‘96), Formia (Luglio ‘98), Sportilia S.Sofia, Forlì (Settembre ‘98), Norcia (Luglio 2003) con i maestri G. Toran e Gnisci per la spada, Alberto Coltorti per la sciabola; Ruggero D’Argenio, Rocco La Mastra, Antonio Di Ciolo e Egon Franke per il fioretto. Inizia l’attività di maestro nel settembre del ‘93 con la società schermistica Polisportiva Palazzaccio di Cecina, presieduta dalla Signora Mila Masini e il Signor Enio Casini. Proprio nel ‘93 la società fu riconosciuta dalla F.I.S. Dal ‘95 al ’97 collabora al Fides Livorno con il maestro Antonio Di Ciolo. Dal ’97, anno del ritorno del M° Di Ciolo a Pisa, diventa responsabile presso il suddetto Circolo per il fioretto e la spada fino al 2006.

Nella stagione 2006/2007 ha allenato a Cecina. Dal 1998 è Direttore tecnico e maestro del centro Junior vacanze sportive a S.Ginesio (MC), in collaborazione con Valentina Vezzali, Giovanna Trillini e il M° Lorenzo Angelelli. Nella stagione 2002/2003 e 2004/2005 è convocato dalla Federazione Italiana Scherma (CT A. Magro) prima a Vigna di Valle e dopo a La Spezia per gli allenamenti collegiali under 20 di fioretto maschile e femminile. Nel Marzo 2005 è designato maestro di staff per il fioretto maschile, insieme al M° Di Ciolo di Pisa e Di Naro di Frascati (CT Stefano Cerioni). Ha fatto parte delle delegazioni F.I.S per i Mondiali Giovani di Linz 23-30 Marzo 2005, dei XV Giochi del Mediterraneo ad Almeria dal 25 al 27 giugno 2005, dei Mondiali Giovani di Taebaek City Korea dal 8 al 17 aprile 2006, dei Mondiali di Torino 2006 e dei Mondiali di S. Pietroburgo 2007.

Paolo Paoletti con il figlio figlio Lorenzo Paoletti

195

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Club Scherma Livorno


!!!"#$"(//$

Principali risultati degli atleti del settore fioretto dal 97’ all’Ottobre 2007 Per il presente lasciamo parlare i risultati che il Maestro Paoletti ha raggiunto con i suoi allievi negli ultimi anni N° 15 TITOLI ITALIANI (1 Assoluto; 2 Under 20 ; 13 Under 14) N° 36 TITOLI REGIONALI N° 2 Argento Mondiali Assoluti individuali Torino 2006 e S.Pietroburgo 2007, (Baldini) N° 1 Bronzo a squadre Mondiali Assoluti Torino, (Baldini-Vanni) N° 1 Argento Mondiali Assoluti a squadre Lipsia 2005 (Baldini) 5° cl Mondiali Assoluti Individuali Lipsia 2005 (Baldini) N° 1 Argento Mondiali Junior individuali Linz 2005 (Baldini) N° Oro Europei Assoluti a squadre 2005 (Baldini) N° Bronzo Europei Assoluti individuali 2005 (Baldini) N° 1 Oro Europei Assoluti individuali Gand 2007 (Baldini) N° 1 Coppa del Mondo fioretto Assoluto 2007 (Baldini) N° 1 Oro Torneo Internazionale Assoluto individuale Espino 2005 (Baldini) N° 1 Oro Universiadi Izmir 2005 (Baldini) N° 1 Coppa del Mondo fioretto under 20 (Baldini)

'&()*'*" +,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

Le promesse del domani Citiamo alcune delle migliori spade che promettono un futuro costellato di successi. Olga Calissi, 15 anni, già convocata in nazionale, classificata seconda alla prima prova Cadetti che si è tenuta ad Ariccia. Lorenzo Nista, 14 anni, con già una convocazione in nazionale. Ci sono poi i giovani allievi promettenti come: Roberto ed Enrico Bellucci (di 11 e 14 anni), Matteo Trovato (14 anni), Angelica Orfino (13 anni) e Rachele Fattorini (13 anni).

N° 1 Oro Torneo Internazionale Assoluto in- N° 3 Ori Tornei under 14, Trofeo Stamuradividuale Seoul 2007-10-29 città di ANCONA 200 N° 1 Argento Europe Europei Junior a squadre N°3 Ori Trofeo under 14“ Gambarotti Lucca 2003 (Baldini) N°1Oro Torneo Open Città di Desio N° 1 Oro O Mondiale M di l a squadre Under 20; N° 2 Ori Coppa Italia fase regionale 2003 (Baldini) Una particolare citazione la meritano: N° 1 Oro Mondiale a squadre Under 20; Andrea Baldini (Aviere) che ha vinto la 2006 (Senni) Coppa del Mondo 2007 e per la seconda N° 1 Titolo Italiano a squadre A1, 2005 (Pie- volta è arrivato secondo ai Campionati del rucci) Mondo Assoluti. N° 1 Titolo Italiano a squadre A2 2005 (SenSimone Vanni (Polizia di Stato) olimpioni, Lucchesi, Paroli, Lari) nico di Atene, finalista ai Campionati MonN° 3 Ori Coppa Italia Nazionale (Celati 2005; diali Assoluti nel 2007 a San Pietroburgo. Pierucci 2006; Calissi Olga 2007) Allenato dal Maestro Paoletti nell’ultimo N° 1 Oro Prova Nazionale Cadette 2005 anno e mezzo è risalito nel ranking mo(Celati Ilaria) diale dalla 25° posizione alla attuale 9a N° 8 Ori Tornei Internazionali Under 20 (Ott, classificandosi nell’ultimo mondiale al 8° Baldini, Senni) posto. N°2 Ori Tornei Internazionali Under 17 N° 2 Ori Open Pellegrino N° 6 Ori Prove Nazionali Giovani Fior. Masch. N° 1 Bronzo Campionato Italiano Allieve Spada (Orsoline Ilenia) 2006 N° 1 Argento Campionato Italiano 3° Cat. Spada femminile (Ginevra Ott) 99’ N° 24 Ori Tornei interregionali under 14 N° 12 Ori Prove di Gran Prix under 14 N° 7 Ori Tornei Nazionali unDa sx: Andrea Baldini, Stefano Cerioni commissario tecnico der14 “ Coppa Perone “ fioretto maschiel, medaglia d'Oro alle olimpiadi di Seul, Paolo Paoletti e Simone Vanni. N° 3 Ori Grand Prix under 14 Naturalmente il Club vuole creare una degli 800 metri. Per eventuali contatti Tel.: 347 3127712 sorta di leva fra i giovani che saranno i protagonisti di domani, per questo da gennaio sono iniziati anche i corsi per i ragazzi delle scuole elementari. Questo però non vuol dire escludere tutti gli altri, infatti, anche gli adulti possono frequentare la scuola di scherma e imparare a cimentarsi con la spada. Il nuovo Club ha sede nel Complesso polifunzionale sportivo della “ Bastia” in via M.Mastacchi 188 e si avvale della collaborazione dell’istruttore nazionale Lorenzo Paoletti, di Anna Kassianovich istruttrice regionale, e Gini Patrizia preparatore AtleDa sinistra Lorenzo Nista, Roberto Bellucci, Olga Calissi, tico già Campionessa Italiana Paolo Paoletti, Enrico Bellucci, Matteo Trovato.

197

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

'&()*'* +,(&-$.*!!!


La pallavolo a Livorno '&()*'* ' &( +,(&-$.*!!! + ,(

!!!"#$"$%&$

Subito dopo la fine della guerra, in una Livorno duramente colpita e semi distrutta dai bombardamenti, la voglia di ricominciare a vivere una vita normale passa attraversa iniziative anche sportive. E così all’interno di una delle più grandi industrie di Livorno, la Richard Ginori, si costituisce un circolo ricreativo che, tra le altre attività, decide di praticare la pallavolo. E’ un circolo aperto così come lo è il carattere dei livornesi; tant’è che nella squadra di pallavolo aziendale vi giocano, oltre a gio1964. La squadra è composta da atleti del Torretta e del Tomei in occasione del torneo vani dipendenti Richard Ginori, anche alnazionale estivo “Città di Livorno” disputato del campo all’aperto della Misericordia. Gli cuni vigili del fuoco appassionati di volley allenatori sono Adriano Meini (Tomei - l’ultimo a dx) e Attilio Cornelio (Torretta - il primo a sx). provenienti dal comando Vigili del Fuoco Atleti: Pulidori, Valeri, Conti, Pannocchia, Bernardoni, Saettini, Montagnani e Faggin. di Trieste. La squadra, con alterne fortune, Nel 1955, nella parrocchia di San Mat- spesso ad incrementare, con gli atleti mipartecipa a campionati ufficiali in ambito teo del quartiere di Fiorentina, si costitui- gliori (Montagnani, Pannocchia, Pulidori locale. All’inizio degli anni ‘50 nel quartiere sce la società di pallavolo Acli che utilizzò ed altri) l’organico dei G.S. VVFF Tomei. Nel 1958, ad opera dei fratelli Cornelio, chiamato Venezia, poiché in quella parte il campo all’aperto posto nel cortile dietro della città ci sono numerosi canali e pon- la chiesa. Parteciperà per alcune stagione nasce nell’oratorio della parrocchia di San Giuseppe, nel quartiere omonimo, il grupticelli, sorgeva la caserma provinciale dei al campionato di serie C. L’anno dopo l’oratorio Salesiano di Livor- po sportivo COR.SA.RI. Che dopo due anVigili del Fuoco di Livorno. Nel cortile di tale caserma, posto davanti alle autori- no, alle sezioni del calcio e della pallacane- ni, a seguito di difficoltà ambientali di vamesse dei mezzi antincendio, era stato stro aggiunge quella della pallavolo; darà rio genere decide di trasferirsi nella vicina tracciato un campo di pallavolo con una vita ad un vivaio assai prolifico che andrà parrocchia di Torretta: è l’anno 1960. L’anno di fondaziorete ‘artigianale’ fatta ne dell’U.S. CSI Torretn con la rete dei pescatta, nel quale a febbratori a trame fitta. Su iio 1966, si costituirà la quel campo, è il caso prima sezione di volp di dirlo, si svolgevano lley rosa a Livorno. partite ‘infocate’, talIn seguito nascevolta interrotte sul più ranno altre società r bello dalle sirene che che andranno a coc segnalavano una parstituire un tessuto s tenza immediata per sportivo importante s interventi anche riper p il proseguimento schiosi. L’arrivo dell’indella storia del volley, d gegnere Brozzi alla dima m certamente le rarezione del comando gazze del Torreta ed g provinciale dei Vigili i ragazzi del Tomei del Fuoco di Livorno scriveranno negli ans sancì la costituzione ni n a seguire le prime ufficiale della sezione importanti pagine di i di pallavolo che subistoria della pallavolo s to iniziò a partecipare 1968. A sinistra Patanella Gino accanto all’allenatore Attilio Cornelio. Livornese. ad un campionato ufA destra il vice comandante Silvestri ed il segretario Rossi. Gli atleti: Pulidori, Montagnani, Zanghi, Cantù, Giacobbe, Bernardoni, Della Rosa e Conti. Attilio Cornelio ficiale zonale.

199

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

I primi anni della pallavolo a Livorno


200


È attualmente, a Livorno, il dirigente di società con la maggiore anzianità sportiva nella pallavolo: si chiama Gino Patanella; una vita spesa fra lo sport ed i doveri di funzionario del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Livorno. Raramente il suo nome compare nelle cronache sportive, anche se è sempre testimone degli avvenimenti di volley che si susseguono nel tempo. E tempo ne è passato non poco, visto che Gino Patanella segue ininterrottamente la pallavolo fin dai primi anni ‘50; subito dopo la breve esperienza da pallavolista. Fu il comandante Brozzi a dargli l’incarico: “durante i mesi invernali devi organizzare e gestire la sezione pallavolo e, nei mesi estivi, la sezione di canottaggio”. Nel canottaggio curava la logistica di molti grandi atleti tra i quali il campionato del mondo di singolo Mario Marconcini. Ma la maggior realizzazione è indubbiamente nella pallavolo con l’incarico prestigioso e impegnativo di Direttore Sportivo.

Lo ricordo con simpatia quando, nei lontani anni 1965, per alcune stagioni, ho avuto il privilegio di allenare il Tomei in serie B: erano gli anni dei Montagnani, Pulidori, Conti Zanghi, Faggin, Della Rosa, Cantù, Tavaroli, Bernardoni, Maurizio Giacobbe, Saettini e altri ancora. Personaggio schivo per carattere sapeva trovare sempre le giuste parole dopo una sconfitta bruciante o prima della partita, sapeva tranquillizzare gli iper-agonisti o incitare i timorosi. Nei successivi anni ‘80 l’arrivo dell’ingegnere Fabrizio Ceccherini alla Direzione del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco determina un rilancio esponenziale della sezione pallavolo. Si costituì e prese forma un tandem formidabile che, dal 1980 al 2000, diede lustro a grandi soddisfazioni alla pallavolo maschile livornese: il presidente Ceccherini, uomo di grandi capacità personali, creava linee di politica sportiva puntualmente in concreto. Arrivarono in quegli anni al Tomei che giocava in A2 grandissimi campioni italiani quali Lazzeroni, Fedi, In-

'&()*'* ' &( + ,( +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

La pallavolo di alto livello sbarca a Livorno Incontri nazionali e “Alla mia ho ttrovato “All i elezione l i h t un comii internazionali per un pubblico tato provinciale molto organizzato e visempre più numeroso La pallavolo è sicuramente uno degli sport più diffusi e conosciuti nel nostro paese. Le iniziative e i successi sono sempre stati molti. Scopriamo il presente di questa disciplina attraverso le parole del suo presidente Franco Poli, che fin dal 2002 lavora duramente e costantemente perché la pallavolo possa diventare sempre più grande.

vo, e squadre importanti come il Tomei in serie A per il maschile ed anche il settore femminile a livelli nazionali. Il nostro compito come nuovo comitato è quello di creare ulteriori impulsi allo sviluppo della pallavolo e lo stiamo facendo portando a Livorno la ‘pallavolo importante’ con partite di alto livello e selezioni nazionali sia maschili che femminili. Crediamo che questo possa servire a creare nuovi consensi, il vedere giocare ai mas-

201

nocenti ed altri ancora. Ma soprattutto arrivarono dei campioni stranieri olimpionici che destarono meraviglia per le loro capacità morali e fisico-tecniche. Nessuno potrà dimenticare il cubano Valdes o l’argentino Milinkovic o il russo Cerednik e le capacità di salto del giovane cubano Marshall appena diciannovenne. Fu la partenza del comandante Ceccherini, unitamente ad una crisi economica improvvisa, a determinare un brusco ridimensionamento della sezione pallavolo. Le conseguenze furono la cessione del prestigioso titolo di A2. Ma questo grave evento sportivo non determina in Gino Patanella alcun disimpegno di carattere personale: prima seguiva al meglio i grandi campioni in serie A; oggi cura con la stessa attenzione di sempre, la squadra che, nonostante sia molto giovane, gioca già in serie B! Sono questi gli uomini di cui lo sport non può fare a meno. Grazie Gino a nome della pallavolo livornese! Attilio Cornelio

ssimi livelli è importante per gli appassionati di questa disciplina, ma può anche n aiutare a far avvicinare nuovi spettatori e magari futuri giocatori e chissà futuri campioni”. Ed infatti, nel 2007 sono stati organizzzati due tornei internazionali femminilli e due Word League: Italia – Cuba che ha fatto contare 9.500 spettatori e Itah llia- Francia con 6.500 a dimostrazione di quanto la pallavolo di alto livello possa rriscuotere un grande interesse. “Altra operazione che stiamo portando avanti -continua Poli- è il progetto nelle scuole chiamato 1,2,3 Minivolley, che ci ha permesso di far conoscere la nostra disciplina a 1.800 ragazzi in tutta la provincia. Abbiamo poi un ruolo molto importante come formatori e non solo per gli allenatori, ma anche per gli arbitri e per i dirigenti”. Il mese di giugno è stato molto impegnativo e ricco di iniziative dalla World League a tutte le manifestazioni collaterali, come la mostra di dise-

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

I personaggi


202 220 02


pito di portare a Livorno la pallavolo di alto livello con la collaborazione di tutte le società. Ad oggi devo purtroppo affermare che questa collaborazione non si è realizzata pienamente, ma non è detto che in futuro non si riesca a lavorare meglio con le 30 società affiliate: come comitato provinciale siamo aperti a tutte le proposte”. Le eccellenze del 2007 sono state la squadra maschile Tomei in B2 e

La squadra di Donoratico nella stagione ’82 ’83

'&()*'*"+,(&-$.*!!! ' '&(

!!!"#$"#(0*)$ !!

11,2,3 23M Minivolley! in Il futuro è rappresentato dai bambini e dalla capacità di tutti gli addetti del settore ad unirsi per lavorare insieme e trovare così un nuovo impulso, che possa modificare questa situazione di attuale stasi”. Con queste parole Franco Poli incita le società della provincia a modificare il loro atteggiamento e ad investire sui giovani, che inizialmente vengono avvicinati dal progetto nazionale ministeriale, ma poi lo sport lo praticano nelle società e sono proprio loro, quindi, che devono investire su queste nuove energie. Il progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la

la squadra femminile Donoratico in B1. “Il maggior problema –conclude Poli- è la scarsità di sponsor, ce ne sono pochi per poter affrontare una eventuale serie A, che è sicuramente una realtà economica molto importante. Le potenzialità come giocatori per fare il salto in A ci sono, come ci sono state in passato, ma è l’aspetto economico che non riesce a stare al passo con i tempi”.

La squadra di Donoratico nel 2007

scuola primaria chiamato 1,2,3, Minivolley! preved ede un sistema di monitoprevede raggio interme intermedio e finale per verificare il raggiun raggiungimento degli obiettivi prefissati, rappresentato dal numero di utenti effettivamente coinvolti ed il grado di soddisfazione riscontrato. Il progetto si rivolge alle scuole primarie distribuite su tutto il territorio

Concentramento di mini-volley

203

nazionale, e Livorno ha partecipato con determinazione per il buon svolgimento del programma nella nostra area. La diffusione del minivolley ha lo scopo di esaltare gli aspetti formativi del gioco, proponendolo come strumento didattico in grado di contribuire, in armonia con altri insegnamenti, ad un equilibrato sviluppo della person nalità del bambino. Il minivolle ley è proposto come un gioco ssemplice da apprendere e da iinsegnare, in cui è possibile in ttempi brevi ottenere risultantti gratificanti per il bambino. TTutto questo viene realizzato aattraverso corsi, tornei e man nifestazioni che vedono prottagonisti gli alunni e le inseg gnanti in collaborazione con le società. Il progetto viene p portato avanti con l’uso di un llinguaggio fatto anche di imm magini, filmati e tecnologie m multimediali.

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

gni per i bambini, il concorso fotografico, il convegno su etica e sport con i ragazzi dell’Istituto Tecnico Industriali che ha visto la partecipazione dei giocatori nazionali Serena Ortolani campionessa europea nel 2006 e Marco Bracci tre volte campione del mondo, vincitore di 4 scudetti e di 2 World League, ed ora allenatore della nazionale femminile. Come comitato provinciale abbiamo il com-


1(&+$"#$"-%))$+

Invernali (campo coperto) ed estivi per tutti i livelli di preparazione per adulti e bambini tenuti da Maestri Federali e coordinati dal Direttore Tecnico Sportivo del Circolo

M° Andrea Floris

Promozioni e sconti particolari per gli iscritti al Gruppo Tennis e Ferrovieri Per informazioni Via Bengasi, 113 - LIVORNO - Tel. 0586 424236 - Cell. 349 7631162


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Carrellata sui circoli e i giocatori livornesi LIVORNO- L’anno arrivato ormai a capolinea consegna al 2008 un tennis in forte ripresa, dopo un lungo periodo di crisi su tutto il territorio nazionale, che aveva visto in difficoltà gli stessi circoli di Livorno e Provincia ed alcuni di essi addirittura uscire di scena, come il Ct. Villaggio Emilio ed altri nelle zone limitrofe alla città. Tornato finalmente un po’ di sereno, anche il tennis di casa nostra ha subito ripreso a crescere, a cominciare dallo Junior Club brillantemente classificatosi, al termine del 2006, al 27esimo posto nel trofeo Fit (Federazione Italiana Tennis), che assegna ad ogni fine anno una particolare graduatoria di merito, basata sui risultati ottenuti nel corso della stagione dai quasi tremila circoli affiliati dell’intera Penisola, nelle numerose competizioni nazionali a squadre in programma da quelle giovanili e per adulti, fino a quelle riservate alle categorie dei veterani, che nel tennis sono assai numerose e combattive. Alle spalle del sodalizio di via dei Pensieri finirono nell’ordine, alla chiusura dello stesso 2006: il Tennis Club di Villa Llyod, la Cooperativa Libertas e la Cooperativa Tennis di Banditella, piazzatisi rispettivamente numero 105, 144 e numero 186 della stessa classifica Fit. Un bilancio particolarmente lusinghiero per lo Junior Club, non altrettanto per Tennis Club, Banditella

Alessandro Botrini e Gabriele Fastame

e Libertas Libertas, annunciano peraltro un bilancio 2007 assai più significativo. Ma anche lo stesso Junior Club dovrebbe migliorare ancora, nel consuntivo di quest’anno, grazie alla promozione nella serie A/2 della propria rappresentativa femminile, formata da: Raffaella Bindi, Lisa Tognetti, Giulia Dell’Agnello e Camilla Cellieri, ed alle buone prove di quella di serie B maschile, guidata da Marco Monnecchi e Matteo Baldi. Mentre i circoli della città si fanno onore nelle competizioni nazionali a squadre, il nostro impareggiabile campione Filippo Volandri, uscito tanti anni fa dalle file del Tennis Club, continua a mietere allori nel circuito mondiale dei professionisti, nel quale occupa il 40esimo posto ed è secondo in Italia dietro al tennista campano, Potito Starace, dopo circa quattro anni da incontrastato numero uno. Ma il nuovo sorpasso per Filippo potrebbe essere imminente, magari dalla primavera prossima. Riccardo Vaselli - Tennis coop Banditella Basti ricordare, a proposito del suo ruolino di marcia, il favoloso exploit del maggio scorso, splendida avventura di questo sport in città. nel Masters Series di Roma, uno dei più im- Al Tennis Club si affiancò, qualche anno doportanti tornei d’Europa, nel quale raggiunse po, lo Juinor Club di via dei Pensieri seguito, le semifinali, dominando sul campo: il leader nel 1981, dalla Copperativa Tennis di via Silmondiale Federer ed altri due campioni come vestro Lega e, circa dieci anni più tardi, dalla il francese Gasket e Berdich (Resp. Ceca), en- Cooperativa Libertas Sport di via dei Condottrambi attestati fra i top ten del circuito Atp. ti Vecchi. Proliferavano intanto, a fianco dei Dietro a Volandri c’è naturalmente un gran più grandi altri circoli minori: il Dopolavoro vuoto, ma non certo per demerito di chi è di- Ferroviario di via Bengasi, la Polisportiva Cnfo stante da lui, ma per il suo straordinario ta- (Cantiere Navale Fratelli Orlando), con i suoi lento, che non ha precedenti nella pur glo- due campi di cemento, il Ct. Villaggio Emilio, riosa storia del tennis livornese. Dedicatosi in località Stagno, e l’altro circolo aziendale, infatti all’insegnamento del tennis il grande agi Petroli (questi ultimi due purtroppo non Marzio Martelli, dopo esser stato l’artefice più attivi). E ancora: il Ct. Roma, sulla via omodella promozione nella massima serie nazio- nima, che occupa la vecchia sede del Tennis nale a sqaudre del Tc. Italia di Forte dei Mar- Club trasferitosi, all’inizio degli anni settanta, mi, per i colori del quale ha giocato quest’an- nella nuova grande sede di via Petri, e infine no, il tennis livornese è adesso rappresentato l’ex Tennis Giovanile, adesso Polisportiva Arnel circuito dei pro dalla sola Lisa Tognetti, 23 denza, in via Pietro Nenni (località Tre Ponti), anni, numero 552 del mondo in novembre, e dalla diciottenne Alessandra Di Batte, pressoché all’esordio nelle competizioni internazionali riservate alle tenniste adulte. Fatte queste promesse, il momento favorevole c’invita ad una carrellata oltrechè sul tennis degli anni passati, su quello attuale e su quello del futuro. Cominciando dal 1950, anno della fondazione del primo autentico circolo livornese del dopo guerra, il Tennis Club, con i suoi tre campi di terra rossa, nella storica sede di via Roma, dalla La squadra femminile dello Junior quale si può dire che prese il via la Club neo promossa in serie A/1

205

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Il Tennis a Livorno


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Marco Monnecchi dello Junior Club una maestro di tennis ancora in carriera LIVORNO- fra quanti contribuiscono a tener alto il nome dello sport livornese non poteva mancare Marco Monnecchi, giovane maestro tennis, 32 anni, originario di Cecina da tempo insegnante allo Junior Club; dotato di un personale carnet ricco di buoni successi in carriera, sia nei tornei individuali che nelle competizioni a squadre. A Marco, che dell’insegnamento ha fatto la propria professione, abbiamo rivolto alcun domande. Quando iniziasti a giocare e in quale circolo? “Cominciai a otto anni, al dopolavoro Ferroviario Tennis di Cecina, con gli insegnanti Curzio Camerini e Fabrizio Franchini, che ricordo ancora con affetto e simpatia” Parlami dei tuoi primi succei giovanili “Riuscii a mettermi in evidenza fin da under 12, arrivando al secondo posto in Italia nella mia categoria. Nel 1998, ancora tredicenne, passai nelle file del Ct. Firenze, un club di grande prestigio, sotto la guida del maestro Fabrizio Fanucci, attuale coach di Volandri. A Firenze resati per tre anni, raggiungendo

ecc. Tra i migliori giocatori livornesi di quegli anni e di quelli immediatamente successivi anche: Giorgio Fanfani, fratello maggiore di Giuliano, Luciano Bonati, Piero Falleni, Armando Talaric, Enrico Contessini, Roberto Pellegrini, cinque volte campione italiano di doppio di seconda categoria, Meccheri, Roberto Menasci e, dietro di loro: Andrea Marsili, Piero Cocchella, Paolo Pavoletti, David Ciurli, Giancarlo Galletta, Fausto Crisuolo, anche lui tennista di grande qualità arrivato alla prima categoria, Alessandro Ferretti, Cristiano Gallinari e Francesco Mori. Nel tennis in gonnella: Monica Giorgi, numero un o di tutti i tempi del tennis femminile livornese, finalista nei campionati assoluti (giocati a Firenze) circa quarant’anni fa, alle spalle della mitica Lea Pericoli. E, in periodi assai più recenti: Daniela Dazzi, Cecilia Bargagni, che arrivò al 250esimo posto nel mondo, Laura Andrei, Elena Cordano, Simona Ferretti, e le due vincitrici della Coppa Lamber-

tenghi: Susanna Paoletti e Federica Vaselli. Passando ai migliori di oggi: oltre al favoloso Marzio Martelli, 36 anni ormai in procinto di lasciare il tennis per dedicarsi definitivamente all’insegnamento, Marco Monnecchi, Matteo Baldi, Michele Quaglia, Enrico Frusoni, Riccardo Vaselli e, nel femminile: Lisa Tognetti, poco oltre il 50esimo posto nella classifica mondiale, Alessandra Di Batte, Camilla Cellieri, Giulia Dell’Agnello, Martina Fratini, Rachele Bertacchi, Veronica Volandri, Nicole Pietra Caprina, Federica Abrans. Cominciando dal maschile, indichiamo adesso i possibili protagonisti del tennis di domani: Edoardo Paoletti, Davide Galoppini, Emma Ciaponi, Gabriele Fastame, Alessandro Botrini, Diletta Griselli, Carlotta Nassi, Irene Adonecchi, Andrea Di Meo, Edoardo Cocchella, Giacomo Veroni, Alessandro Campora, Mirea Signorini, più tanti giovanissimi, che già stanno emergendo dal ricco vivaio livornese. Ferruccio Vianelli

la maglia azzurra nelle categorie under 14 e under 16, prima di trasferirmi all’As Le Pleiadi di Moncalieri, fucina dei campioni dell’epoca, sotto la presidenza del grande appassionato di tennis , Carlo Buccero. Al college del circolo piemontese c’erano Furlan, Caratti, il doppista Brandi, Mordegan e Camporese, che aveva anche il proprio allenatore personale, l’argentino Infantino, quasi tutti approdati nella squadra italiana di Coppa Davis”. Quali di questi giocatori hai incontrato sul campo? “Un po’ tutti. Ricordo in particolare la vittoria su Omar Camporese, reduce dal trionfo in Coppa Davis contro la Spagna, di poche settimane prima”.

Hai gareggiato anche per i colori delle Pleiadi? Per due anni consecutivi, nella categoria under 18 a squadre, conquistando entrambe le volte il posto d’onore in Italia. Fra i miei avversari di allora: il doppista di Davis, Galimberti e, fa gli stranieri, i davismen svedesi Johansson e Norman, il russo Kafelnikov e lo spagnolo Alberto Costa” E dopo l’esperienza di Moncalieri? “Tornai al Ct. Firenze, nella formazione di serie B maschile (in quegli anni la serie A era stata temporaneamente soppressa), prima di cambiare ancora passando al circolo di Bassano del grappa che, forse anche per i miei successi, raggiunse dalla serie B la A/1, la massima serie nazionale di tennis a squadre” d La scelta di dedicarti all’insegnamento ti ha costretto a ridurre l’attività? h “L’insegnamento del tennis allo Junior Club mi ha cambiato in senso positivo. Pur C dovendo trascurare la preparazione, ho cod munque continuato a guidare la squadra del ccircolo nei campionati di serie B e a gareggiare nel circuito Open, soprattutto nelle provve toscane, conquistando un buon numero di primi posti, l’ultimo dei quali nell’agosto d sscorso a Rosignano Solvay”. Sarai ancora in campo nel 2008? “Certamente: continuerò con la mia proffessione di maestro di tennis e resterò alla guida della squadra si serie B dello Junior g Club ritagliandomi un po’ di tempo per i torC nei del circuito Open nei quali, perché no, ccercherò ancora di uscire da vincitore”. Ferruccio Vianelli

Il maestro di tennis Marco Monnecchi

207

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

con i suoi otto campi di terra rossa, che al termine di un’esistenza assai travagliata, non è più neppure affiliato alla Federazione Tennis. Al circolo auguriamo di poter rientrare nella famiglia del tennis appena possibile. Elencate le strutture aggiungiamo i nomi dei giocatori più noti, che dettero lustro al nostro sport dagli inizi a oggi, e coloro, ancor giovanissimi, a cui verrà consegnato il testimone per il futuro. Al primo posto, nel vecchio del tennis, mettiamo l’indimenticabile Giuliano Fanfani, anno di nascita 1940, prematuramente scomparso, più volte azzurro nelle competizioni giovanili e protagonista di straordinarie imprese, quali la conquista, negli anni sessanta, di tre titoli italiani in una sola edizione dei campionati di seconda categoria: di singolare, doppio maschile e doppio misto. Fanfani si guadagnò anche la promozione nella massima serie del tennis nazionale, quando ancora imperavano i grandi campioni dell’epoca: Pietrangei, Sirola, Gardini,


208


F.I.TE.T. Fed. Italiana Tennis Tavolo !!!"#$"$%&$

si, Sergio Bosco, Pier Francesco Canigiani, Roberto Simonetti, Pierluigi Fabbrini, Paolo Berti, Giancarlo Antonella, Ezio Bargigli.

Gli anni d’oro del tennistavolo Sessant’anni sono ormai passati da quando l’indimenticato livornese Gino Mario Cini, all’epoca segretario della Federtennis italiana, insieme ad alcuni amici labronici si recò a Genova per raccogliere le ceneri di un maldestro tentativo di fondare una Federazione del Ping Pong in Italia: era il 1947, esattamente 60 anni fa, e Gino Mario Cini fece centro riuscendo ad aggregare la sua organizzazione alla già collaudata Federazione Italiana Tennis; nacque così il G.I.Te.T. (Gruppo Italiano Tennis Tavolo) e la sua sede fu proprio Livorno. Di quei tempi pionieristici e stracolmi di difficoltà, onestamente, conosco poco, ma qualcuno mi ha parlato spesso di tanto entusiasmo e di una crescita immediata di società e di atleti labronici, che già si facevano valere in Italia ed all’estero con la maglia della Nazionale: per timore di dimenticarne qualcuno non me la sento di fare nomi, voglio però ricordare per tutti Vincenzoni, che ho conosciuto ed apprezzato. Per essere però più aderente alla storia del tennistavolo livornese, che ho più direttamente vissuto, devo dire che il tutto nacque nei anni ‘60 da un gruppo di ragazzi che frequentavano la parrocchia di San Benedetto in piazza XX settembre: a quell’epoca divertimenti e passatempi ce n’erano veramente pochi ed i giovani si dividevano tra parrocchie e case del popolo, lasciando alla domenica gli ‘extra’ del cinema e di qualche festa da ballo. Tra le parrocchie S. Benedetto è sempre stata quella massa peggio per quanto riguarda gli spazi da riservare ai giovani: niente campetto da calcio o pallavolo, niente spazi aperti e dunque biliardino o tavolo da ping pong. Veri campioni (magari locali!) per queste due discipline... ed il ping pong soprattutto. Mi dimentico certamente di qualcuno, ma di quel gruppo facevano già parte Mauro Budas-

L’entusiasmo di “quei ragazzi” era comunque talmente forte che tutte le difficoltà venivano man mano superate e arrivarono i primi veri successi: la promozione in Serie C, il miglioramento tecnico e conseguentemente la necessità di migliorare l’organizzazione e di trovare nuovi spazi (il locale parrocchiale non bastava più).

Da dx: Sergio Bosco, Pier Francesco Canigiani, Mauro Budassi, Angelo Lo Coco, Danilo Fattorini

Il C.S.I. Organizzava i Campionati ed i tornei ed anche tra le parrocchie esisteva una certa rivalità (memorabile il match con il S. Pio X alle Sorgenti di Andrea Macchi, Attilio Billocci e Milo Simonetti): cominciarono così le prime sfide, le prime vittorie e le sconfitte, ma piano piano si faceva strada l’idea di poter fare qualcosa di più e appena saputo che esisteva un’organizzazione nazionale che faceva ancora più seriamente attività di tennistavolo ci volle poco a decidere e ad affiliarsi al GITeT: era il 1963 e nasceva il G.S. A. Marcozzi Tennistavolo; la società che poi negli anni cambiando diverse volte il nome (Portuali Livorno, Don Bosco Livorno) sarebbe diventata forse con poca modestia, ma con molto orgoglio il Tennistavolo Livorno. Tengo a precisare che nessun aiutò quei ragazzi né con supporti economici né con quelli morali (consigli, suggerimenti...), infatti, l’intensa attività degli anni precedenti, pur avendo prodotto campioni eccellenti soprattutto per merito del grande Cral Stanic (tra gli altri Augusto Bachini) si era via via diradata e quasi dissolta: esisteva un delegato provincia il buon Federico Fini che con pochi aiuti, tra cui il notaio Riccetti, portava avanti stoicamente l’organizzazione di un Torneo nazionale che si svolgeva al Palazzo dei Portuali e l’attività di base dei campionati provinciali, ma di lì a poco anche lui abbandonò l’attività.

209

“Gruppo sportivo Portuali Livorno” da sinistra: Mauro Budassi, Sergio Bosco, Pier Francesco Canigiani, Danilo Fattorini

Fu cambiata sede più volte: il Palazzo dei Portuali, la sede del Psi di via Verdi, Villa Letizia (proprio nella palestrina della villa fu coronato il sogno della promozione in Serie B con il decisivo apporto di Danilo Fattorini, G. Carlo Giusti, Roberto Mameli, Carlo De Pasquale e Carmelo Attanasio) ed i Salesiani dove si procedette alla storica fusione con il Don Bosco di Giuseppe Montella che portò in dote un nugolo di giovani promesse che diventarono poi ottimi giocatori come Massimo Pisani, Armando Zuanigh, Vico Giunchini,

“Assicurazioni SAPA TT.T. T Livorno” da sinistra in alto: Patrizio Serru, Paumgathen, Manrico Montanelli, Stefano Mansani, Marco Montella, Armando Zuanigh; Da sinistra in basso: Luciano Porcellini, Vico Giunchini, Pier Francesco Canigiani, Massimo Pisani, Giuseppe Montella (Presidente)

F.I.TE.T. Federazione Italiana Tennis Tavolo

'&()*'* +,(&-$.*!!!


210


Nazionale città di Livorno, Livorno Primo torneo Nazionale, la platea con 16 tavoli

Crescevano anche la capacità ed il prestigio del T.T. Livorno cui venne affidata l’organizzazione di tornei e campionati di livello nazionale: arrivarono quindi, in rapida successione il 1° Torneo Nazionale “Città di Livorno” su 16 tavoli al Pala Allende, i Campionati Italiani assoluti, i Campionati Giovanili e di 3a categoria (a Pisa) ed altre manifestazioni minori.

1977 premiazione del singolare assoluto da sx: Cav. Gino Mario Cini (presidente CONI Provinciale), Giuseppe Montella (Presidente T.T. Livorno), Stefano Bosi (1° Classificato, oggi presidente ETTU Federazione Europea Tennistavolo)

Arrivano anche i primi sponsor: Sapa Assicurazioni, Londi Alimentari, Serrande Budassi e con la venuta a Livorno di Claudio Eccardi e di altri amici triestini si cominciò a parlare anche di settore femminile conquistando subito la serie A con Alessandra Eccardi e Marina Cergol in prima fila. Superato il trauma della perdita della sponsorizzazione della Budassi con l’in-

gresso della “Tripcovich agenzie marittime” il settore maschile scalò in rapida successione la A2 e con l’arrivo in squadra del grande Ivan Stoyanov, di Giovanni Bisi e di Ricci la A1, partecipando con onore a due edizioni della Coppa Evans europea. Il problema sponsor, la mancata costruzione del “Pala Tennisitavolo” già finanziato ed alcune conseguenti lacerazioni interne portarono negli anni ’90 ad un ridimensionamento doloroso della società e delle attività di punta con conseguente esodo dei migliori elementi verso altri lidi, ma chi è rimasto, e qui vorrei ricordare l’impegno di Simone Lubrano, ha continuato ad alimentare la speranza di un altro “rinascimento” del tennistavolo livornese… ma questa è storia di questi giorni… Pierfrancesco Canigiani

1987 Serie A2, da sx: Armando Zuanigh (Allenatore), Pagano, Lotti, Di Cristofano

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

La scalata verso la Serie A Ed eccoci ai nostri giorni… Dopo un periodo “grigio” costellato da pochi lampi (grazie soprattutto all’entusiasmo messo in campo dalla Famiglia Stoyanov: Ivan, Niagol e Valia) da tre anni il mondo “pongistico” labronico vive una nuova giovinezza. La squadra maschile professionistica trascinata dal “sempreverde Ivan” dopo aver vinto il campionato di B1 milita da due anni nel campionato di A2. Lo scorso anno (quello da neopromossa) ha

SSx: Al Alessia i Mi Mirabelli, b lli Ivan I Stoyanov St e Sandro S d Giovannini Gi i i

211

conquistato uno strepitoso 2° posto!!! Ha acceso entusiasmi dimenticati e quest’anno è attesa dall’ennesima prova. Tutto l’ambiente, trascinato dai vari Stoyanov, Cini, Taccini (e da quest’anno dall’ultimo acquisto il giovane venticinquenne livornese doc Alessio Zuanigh) è carico di entusiasmo.

F.I.TE.T. Federazione Italiana Tennis Tavolo

Patrizio Serru, Manrico Montanelli ed arrivò da Pescara il bravo Luciano Porcellini. Da quel momento il Cral Stanic tornò ad essere il luogo privilegiato per gli amanti del ping pong: si affacciarono alla ribalta nuovi campioncini come Valery Carraresi, Stefano Mansani, Montella, Lido Giusti, Paumgharten e tanti altri, mentre in città fiorivano nuove società come l’Arci La Stazione di Giorgio Galassi, l’Ignis Antignano di Marcello Covezzi e lo stesso Cral Stanic che mise in campo tra gli altri Dino Troiani e Pierluigi Berti mentre in provincia crescevano prepotentemente Cecina, Piombino, Castagneto Carducci e Rosignano. Si può senz’altro affermare che quella fu la vera epoca d’oro del tennistavolo in tutta la provincia livornese che, infine, crebbe in maniera esponenziale anche a livello dirigenziale con l’elezione della cecinese Grazia Lotti a presidente del Comitato Regionale.


212


Idem per le due squadre di D1 dove brillano altri due d giovani (Ion Marius !!!"#$"#(0*)$ e Alessio Norc Norcini) ambiziosi e grintosi per condurre anche il campionato di categoria. Ma, e qui si intreccia il presente con Ne traggono beneficio i giovani ta- il futuro, ciò che conforta ed incoraglenti Alberto Andreani (14 anni), San- gia di più sono i 50 iscritti alla gloriodro Giovannini (15 anni) Jacopo Raffa- sa palestra (ed altri stanno arrivando) elli (18 anni) che proprio quest’anno in tra i quali spicca una pattuglia di gioSerie C (guidati da Armando il padre vanissimi che guidati dal giovane Lodi Alessio; un altro sempreverde) stan- renzo Scalici promettono un luminono addirittura guidando il campionato so futuro per i colori del TT Bernini (invidiati da tutta la regione essendo la Livorno. Ultime, ma non per importanza, le squadra più giovane). “nostre donne” che militano sia in serie C che in serie B, brillando per continuità e risolutezza. Fra esse spicca Alessia Mirabelli una quindicenne tutta grinta che è ormai stabilmente tra le prime 10 italiane di categoria. Tutto questo, l’onestà lo impone, non sarebbe stato possibile senza l’aiuto di alcuni sponsor che per amicizia e per passione ci stanno sostenenLa Società Società. Campionati Italiani 2006-2007 '&()*'*"+,(&-$.*!!!

213

Presente: Alessia Mirabella , 1° posto 3a categoria Torneo Nazionale a Livorno Settebre 2007. Da sx: Ferdinando Colombini, Marino Bernini

do. Allo ‘storico’ Bernini si sono affiancati nel tempo la Ced Servizi, l’immobiliare Alfano, la Marittimo Sped e la Nuova Orizzonte di Colombini permettendo di poter far fronte a tutta quella miriade di piccoli – grandi impegni che costellano la galassia del tennistavolo livornese.

F.I.TE.T. Federazione Italiana Tennis Tavolo

Giovani ma grintosi


214


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Caro Maestro Tradizionale, storica, a noi tutti carissima figura del pentathlon moderno italiano ed internazionale è stata quella di Duilio Brignetti. Improvvisamente scomparso nel 1993, ha lasciato i suoi figli, gli amici, gli atleti, i tecnici ed i dirigenti della Fipm con la profonda amarezza ed il dolore per la perdita di una persona ancora “a metà del suo cammino”. Duilio Brignetti si era imposto all’attenzione della scena agonistica internazionale in occasione del Campionato del Mondo del 1950, grazie alla medaglia d’Argento vinta a Berna – la seconda medaglia di prestigio vinta da un italiano (la prima fu quella di Abba nelle olimpiadi del 1936). Aveva preso parte anche all’Olimpiade del 1948, ma senza molto successo in quanto la prova di equitazione gli aveva pregiudicato il buon risultato finale. Nel corso di una passata intervista aveva così ricordato quell’esperienza: “Montavo un po’ da incosciente, mi lanciavo ed arrivavo sempre primo. L’equitazione di allora era diversa da quella attuale; si trattava di un percorso di 5 chilometri accidentati, di campagna, con 24 ostacoli fissi alla distanza di

Il Pentathlon ieri, oggi e domani

500 metri. Io “chiudevo” le gambe e partivo, ma fu proprio questo a compromettere la mia prima olimpiade. Il cavallo che mi avevano assegnato ai Giochi di Londra era un bel morello con gli occhi rossi; partii come al mio solito piuttosto forte e rimasi in testa fino al 4° chilometro circa, ma all’improvviso il cavallo scoppiò, si afflosciò sotto le mie gambe e fui costretto ad arrivare al traguardo al passo. L’occhio rosso del morello mi aveva ingannato!”. Ma proseguì per anni nella sua attività sportiva, sia come atleta di spicco a livello nazionale, sia come Maestro di scherma. Per tutti noi, infatti, Duilio Brignetti è sempre stato il “maestro” colui che per ore e ore, ogni giorno con pazienza ed assiduità, ripeteva assalto dopo assalto, i suoi suggerimenti tecnici lasciando trasparire le preziose qualità di insegnate e di amico. Generoso, disponibile, di una estrema modestia e cortesia, quelle tipiche di una generazione per la quale i valori di signorilità e galanteria sono prioritari. Prima che fosse introdotto il computer nel settore del centro classifiche, era usuale incontrare Brignetti nei campi gara, sotto un’infuocata tenda od un gelido container (a seconda delle stagioni), intento a stilare i risultati con la sua inseparabile macchina da scrivere. Tanto prezioso il suo supporto operativo, quanto prezioso

Sport prettamente militare, il Pentathlon (letteralmente penta –âthlon ,”cinque gare”) fu introdotto nei Giochi di Olimpia nel 708 a.c. Originalmente si articolava sulle cinque discipline più significative dei Giochi: le prime due, il salto e il lancio del giavellotto, riducevano drasticamente i partecipanti a quattro atleti. La terza, la corsa veloce sulla distanza di un giro di stadio, eliminava un concorrente la quarta, il lancio del disco, determinava i due finalisti. Questi si contendevano la vittoria nell’ultima gara, la lotta, che incoronava il vincitore e consacrava il vero soldato greco. Dopo due millenni, nel 1894, i Giochi Olimpici rinascono ad opera del Barone De Coubertin, mentre il Pentathlon riappare nei Giochi del Decennale nel 1906 con cinque nuove discipline, da cui la denominazione di Pentathlon Moder-

215

il suo ‘bagaglio’ umano, di una figura così atletica per un campione del passato, al quale non piaceva troppo vantarsi e mettersi in mostra con i successi e i trascorsi sportivi. Ben pochi conoscevano alcuni “scorci” della sua storia, che quest’oggi appaiono vere rarità, per una frenetica e tecnologica vita moderna. Duilio Brignetti era nato e vissuto per tutto il periodo dell’infanzia all’Isola d’Elba. Figlio del guardiano del faro, veniva accompagnato ogni giorno dal padre a scuola, via mare, in una barchetta a remi. Ad ogni inizio di stagione estiva inaugurava il periodo dei bagni con un tuffo dalla Torre, per un’altitudine di circa 10 metri, lasciandosi poi cullare dalle onde per un po’ di tempo; a volte, si addormentava così, in quella posizione, a volte iniziava a pescare i “suoi” polpi: la pesca era uno degli hobbies più amanti. E la zuppa di pesce, naturalmente, il suo piatto preferito. Forse, erano stati soprattutto gli anni trascorsi al faro, con i soli giochi e divertimenti che la natura può offrire ad un bambino, oltre alla compagnia del fratello divenuto poi uno scrittore, che avevano profondamente influenzato il suo carattere, così come lo abbiamo potuto scoprire noi: spontaneo, riservato, timido, silenzioso ma con uno spiccato senso dell’ironia, vivace, determinato. Barbara Cardinali

F.I.P.M.: Federazione Italiana Pentathlon Moderno

Il Pentathlon a Livorno


â&#x2C6;&#x161; Revisioni generatori ed elettropompe

â&#x2C6;&#x161; Vendita motori nuovi â&#x2C6;&#x161; Riavvolgimento motori elettrici in corrente alternata e continua - indotti trasformatori - ecc. 216 216


no: il nuoto, la corsa, il tiro, la scherma e l’equitazione, specialità che rispecchiavano, secondo De Coubertin le doti richieste ad un buon ufficiale napoleonico. Inizialmente la gara si sviluppava in cinque giornate, una per ogni specialità, mentre dal 30 luglio 1996, per esigenze di spettacolarità, le stesse gare si svolgono in un giorno soltanto. Il primo concorso olimpico di Pentathlon si ha con l’Olimpiade di Stoccolma del luglio 1912 che vede vincitore lo svedese Liliehöök, mentre al 5° posto, per curiosità storica, si piazza l’allora tenente americano Patton, il famoso generale dello sbarco in Normandia nella II guerra mondiale.

Le più prestigiose vittorie olimpiche, il Pentathlon Italiano le ottiene nel 1984 a Los Angeles con l’oro di Daniele Masala, il bronzo di Carlo Massullo e l’oro a squadre con Masala-Massullo-Cristofori; nel 1988 a Seoul con l’argento di Massullo e l’argento a squadre con Massullo-Masala-Tiberti; nel 1992 a Barcellona con il bronzo a squadre con Bonprezzi-Massullo-Tiberti. La prima società che approda al Pentathlon nelle provincia di Livorno è l’ Elba Records di Portoferraio ed i suoi atleti, allenati dal maresciallo della Guardia di Finanza Adolfo Tirelli, dal prof. Francesco Sodgiu e dal rag. Gianfranco Coletti, gareggeranno negli anni ‘70 e ‘80 a livello nazionale nelle varie categorie cadette piazzandosi onorevolmente.

Acquacetosa 1/3-11-76: Brignetti, Magnoni, Colombo, Ridi, Burchielli

Acquacetosa 1/3-11-76: Colombo, Dapoian, Tirelli, Burchielli

Lo svedese Liliehöök

Il tedesco Handrick

217

Nel 1986, in occasione dei Campionati Mondiali di Montecatini, il Pentathlon nasce anche a Livorno per iniziativa del rag. Magnoni Gabriele, delegato regionale e in seguito provinciale, oltre che componente del collegio nazionale dei sindaci revisori per un quadriennio olimpico.

F.I.P.M.: Federazione Italiana Pentathlon Moderno

Nell’Olimpiade di Berlino del 1936, vvinta dal tedesco Handrick, l’Italia cconquista il suo primo podio olimpico con la medaglia di bronzo del p ccapitano di cavalleria Silvano Abba. L’elbano Duilio Brignetti conquissta invece la prima medaglia d’argento per il Pentathlon italiano nei g Campionati del Mondo svoltisi a C Berna nel 1952. Lo stesso atleta si B qualificherà e parteciperà alle Olimq piadi di Londra nel ‘48 ottenendo un p buon piazzamento, pur tradito dalb llaa prestazione del cavallo non abbasstanza potente per quel percorso. LLa sua partecipazione non passerà iinosservata neanche alle Olimpiadi di Helsinki nel 1952. d Nel 1960 è Roma ad ospitare le Olimpiadi che saranno archiviate O ccome le più belle nella lunga storia dei Giochi: monumenti, strade e ard cchitetture antiche tra le quali passavvano gli atleti, si trasformeranno nel naturale legame tra Olimpia e la Citn ttà Eterna.


Le società affiliate sono: Livorno Nuoto, D.L.F. Pentathlon , Livorno Pentathlon ed il Gruppo Sportivo Pentathlon Accademia Navale. Atleti di rilievo tra i tanti: Dino Urgias, denominato l’ungherese italiano per la sua eccezionale combinata nuoto/corsa, Diego Suligoi, Jonathan Mantovani, Alessio Barontini, per la categoria maschile. Per quella femminile: Irene Piancastelli, Rossana Riccarda, Monica Costanzo, Michela Mecacci, Alice

1989 - Masala, Dott. Berti e Rag. Magnoni

Mariotti, Elisa Gambardella. Di rilievo la squadra master del D.L.F. che ha raggiunto i primi posti nelle classifiche nazionali diretta dalla competente professionalità di Enzo Sagone. Infine, nel 2005 si corona il sogno sempre perseguito dal Delegato provinciale di portare un atleta livornese a distinguersi a livello internazionale. Luigi Quarto, vincerà infatti il campionato italiano di Pentathlon nella categoria juniores; nel settembre del 2006 il Campionato Mondiale di Pentathlon a

Brignetti con la squadra femminile di ginnastica

219

staffetta a Shanghai in Cina, e nel luglio 2007 il titolo mondiale militare a squadre a Rio de Janeiro. Pechino 2008 potrebbe riservare una bella opportunità per l’atleta che ha saputo sino ad oggi dare grandi soddisfazioni a Livorno. Infine, ci sono le nuove promesse: Lontano Camilla e Lontano Martina l’11 novembre 2007 hanno vinto a Lignano Sabbiadoro il Campionato Italiano a squadre nella categoria ragazze (Triathlon). Per il futuro Livorno potrebbe avere molte possibilità di annoverare campioni italiani ed olimpionici, sia perché esistono tutte le attrezzature sportive necessarie per praticare i cinque sport, sia perché gode di un grosso bacino di ottimi nuotatori e corridori, oltre ad annoverare scuole di scherma, tiro ed equitazione tra le più quotate in Italia. La collaborazione degli allenatori di queste discipline potrebbe creare le condizioni necessarie al raggiungimento di tali mete, oltre a procurare gratificazioni agli istruttori e agli atleti. Il Delegato Provinciale Magnoni Gabriele. Alcune fotografie e le immagini dei francobolli sono state riprese dall’opuscolo di Bruno Cataldi Cassoni, Pentatelia, pubblicato dalla Federazione Italiana Pentathlon Moderno in occasione dei Campionati del Mondo di Montecatini, 1986.

F.I.P.M.: Federazione Italiana Pentathlon Moderno

1973 - Trofeo Ferrari, Modena


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Una disciplina in evoluzione Viviano Vanni è un personaggio che nel mondo del triathlon non avrebbe bisogno di presentazioni: tralasciamo dunque il suo curriculum. A quei lettori che non seguono abitualmente lo sport multidisciplinare, indichiamo unicamente che Vanni, in questo momento, è allenatore all’interno della società Nuoto Livorno ed è referente della Federazione (la Fitri) per la Toscana. “Il triathlon - commenta Vanni - sta cambiando velocemente. Sta crescendo sotto ogni aspetto. Da quando, nel ‘93, ho iniziato l’attività amatoriale, come master, molta acqua è passata sotto i ponti e notevoli sono state le novità. L’evoluzione si è registrata soprattutto dopo il 2000, dopo le olimpiadi di Sydney. Da quel momento, da quando

'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Un professionista del Triathlon Marco Quintavalle è il presente del triathlon della costa toscana. L’atleta cecinese, classe ‘77, è da tre anni tesserato per le Fiamme Oro Roma. Grazie all’appoggio della società della Polizia di Stato, Quintavalle è da considerare un professionista del triathlon. “Sì - conferma il trentunenne atleta di Cecina - ormai faccio lo sportivo non

cioè il triathlon è diventato a tutti gli effetti effetti sport olimpico, si sono regolarizzate determinate regole e, a livello sportivo, l’attività è cresciuta. Ci sono ancora da perfezionare alcuni aspetti. Per portare un esempio, da quando è consentito sfruttare la scia degli avversari, la frazione in sella alla bicicletta è diventata meno determinante. Chi viaggia forte a nuoto è avvantaggiato rispetto a chi è particolarmente abile nella frazione ciclistica. L’organizzazione delle varie gare si è perfezionata. In più con l’avvento del professionismo, il livello tecnico è cresciuto nettamente”. Uno sport in evoluzione, che sta cercando nuovi ragazzi, pronti a tuffarsi nelle emozioni delle gare. “Stiamo effettuando un grosso lavoro alla base. L’età ideale per affacciarsi al triathlon sarebbe a circa 10 - 11 anni. Fuori da Livorno, il reclutamento sta portando buoni frutti e, a livello quantitativo, le risposte sono decisamente incoraggianti. Da noi, a livello numerico, non abbiamo ancora raggiunto risultati eccellenti: non sono tantissimi i giovani che si cimentano nello sport multidisciplina-

re” Poca quantità, quantità ma tanta qualità re”. qualità… “Sì “Sì, in effetti quei ragazzi livornesi che hanno iniziato da poco l’attività, hanno già ottenuto buonissimi risultati. Speriamo che, nei prossimi mesi, il numero degli atleti possa aumentare. Il lavoro che, anche nella nostra provincia, la Federazione sta svolgendo per reclutare nuovi elementi, è intenso e capillare”. Uno sport aperto a tutti quanti, anche se chi ha già praticato nuoto o ciclismo appare avvantaggiato. “Spesso - annuisce Vanni - atleti provenienti da altre discipline trovano nel triathlon nuovi stimoli e riescono a cogliere discreti risultati. Noi cerchiamo soprattutto ragazzi sui 10 - 11 anni, da inserire nelle varie squadre. Però anche giovani con qualche anno in più, se hanno già esperienze specifiche in una delle tre discipline in cui si compone in triathlon, possono, lavorando in modo serio, ambire ad ottenere buone soddisfazioni. Il nostro è uno sport giovane, già cresciuto notevolmente, ma che può ulteriormente prendere piede. Tutti quanti, dirigenti e tecnici, ci stiamo organizzando per allargare la base”. (f. g.)

per diletto, ma per lavoro”. Inevitabilmente, dedicandosi esclusivamente al triathlon, i suoi risultati tecnici, negli ultimi tempi, sono migliorati. Prima di entrare nelle Fiamme Oro - dice - ho dovuto conciliare allenamenti e gare con lo studio universitario. Una volta laureatomi, invece, mi sono dedicato al triathlon pressochè a tempo pieno”. Difficilmente arriverà per lui la soddisfazione di difendere i colori dell’Italia alle prossime olimpiadi di Pechino. “Credo che sarà dura, anche per un discorso prettamente tecnico. Io prediligo le distanze lunghe. Mi sono ormai specializzato nel doppio olimpico (che consiste in 3 km a nuoto, 80 km in bici e 20 km a corsa ndr). Nella

classica distanza olimpica (1,5 km a nuoto, 40 km in sella e 10 km a corsa ndr), ci sono atleti italiani più preparati di me. Peraltro la selezione sarà molto dura. A livello maschile, la competizione olimpica vedrà al via elementi di grandissimo valore. Per poter partecipare alla gara a cinque cerchi, occorrerà raccogliere punti nelle varie competizioni di Coppa del Mondo”. Quintavalle, durante il periodo di preparazione invernale, si allena normalmente a Firenze. “Svolgo - illustra - gli allenamenti del nuoto presso le strutture della società gigliata della Rari Nantes. Sono seguito da vicino dal tecnico Pasquali. Per la parte podistica mi alleno con il professor Marconi.

221

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

Il Triathlon a Livorno


2222 22 22


'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!!"#$"#(0*)$

Come nasce un campione Il futuro del triathlon passa anche dalle mani (e dai muscoli e dalla resistenza) di Nicola Rocca, livornese, classe ’90. l giovane atleta labronico è al suo quarto anno di attività agonistica nello sport multidisciplinare. “In precedenza - dice - ho praticato nuoto. È stato importante poter contare su un’esperienza natatoria di buon livello per poter raggiungere buoni risultati nel triathlon”. Risultati davvero importanti per Nicola che nell’ultima stagione si è laureato campione regionale e interregionale (cioè del centro Italia) della sua categoria.

Fabio Giorgi

Fino allo scorso anno, nella sua categoria, disputava il super sprint (500 metri a nuoto, 10 km in sella alla bici e 2,5 km a corsa). Da quest’anno, passando fra gli juniores, Nicola Rocca si cimenterà sulla distanza sprint (750 metri a nuoto, 20 km nella frazione di ciclismo e 5 km nella frazione podistica). “Aumentano - illustra l’atleta livornese le difficoltà ed aumentano gli sforzi da effettuare per rimanere fra i migliori. Sto effettuando in questo periodo invernale la classica preparazione. Cerco di conciliare gli allenamenti (due - tre ore quotidiane ndr) con gli impegni di studio. Non è facile, ma quando si è spinti dalla passione e dalla consapevolezza che solo con il lavoro serio giornaliero si possono ottenere buoni risultati, si sente ben poco il peso del sacrificio”. Rocca consiglierebbe il triathlon anche ad altri giovani. “È una disciplina divertente, nella quale si praticano tre sport differenti.

223

Talvolta, concentrandosi solo su una singola attività, un atleta, alla distanza, può stancarsi mentalmente. Dividendo l’attività fra nuoto, ciclismo e corsa, invece, si trovano costantemente forti stimoli e forti motivazioni”. Livorno è una città ideale per gli allenamenti invernali e non solo per le gare da disputare durante la classica stagione agonistica estiva. “Non mancano le piscine per effettuare una buona preparazione per la frazione di nuoto. Poi, con vicine le colline, c’è la possibilità di praticare buoni allenamenti in bici, anche su percorsi abbastanza impegnativi. Per quanto riguarda la preparazione podistica, c’è solo l’imbarazzo della scelta”. Grazie all’aria di casa, Nicola Rocca sta dunque affilando le armi in vista di un 2008 nel quale cercherà di ripetersi sugli alti livelli degli scorsi anni. L’appetito vien mangiando: dopo aver collezionato grandi successi, la voglia di vincere ancora aumenta… (fa. gio.)

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

P quanto riguarda Per i d lla preparazione i specifica in bici, normalmente sono attivo nel corso del fine settimana”. Insomma, cinque o sei ore al giorno di preparazione, per presentarsi in buone condizioni al via della sta-

gione agonistica. “L’obiettivo - dichiara l’atleta toscano - è di confermare e se possibile migliorare i risultati dello scorso anno”. Risultati davvero brillanti, a livello nazionale ed internazionale. Quintavalle, rispetto a molti suoi coetanei, ha iniziato piuttosto presto l’attività del triathlon. “Quando ero molto giovane ho praticato mountain bike e, successivamente, nuoto. Il passaggio ad uno sport multidisciplinare è diventato quasi naturale. A Cecina ho mosso i primi passi. Poi sono cresciuto passando al Balena 2000 Viareggio. Dopo aver terminato l’università, ho avuto la fortuna di vincere il concorso in polizia ed ora eccomi qua, professionista a tempo pieno”. Le olimpiadi forse rimarranno un sogno irrealizzabile. Però è bello pensare che una sana passione ed un’attività sportiva condotta ad alto livello possa diventare un vero e proprio lavoro...


'&()*'* ' &( +,(&-$.*!!! + ,(

!!!"#$"$%&$

U ’i t Un’intervista a Oreste Vaglini, classe 1937, velista impenitente Raccontaci una tua avventura sportiva, quella che ricordi meglio o che, secondo le tue impressioni, ti pare originale e degna di menzione. “Mi metti in difficoltà perché mi dai poco tempo e poco spazio e, per me, decidere non è facile. Ma dal momento, che mentre parliamo ho sotto gli occhi la targa commemorativa della vittoria, mia e di Albertino Fantini, appena sedicenne, al campionato italiano Vaurien del 1975 - pare ieri - ti voglio raccontare del campionato mondiale svoltosi l’anno dopo a Montecarlo, al quale fummo ammessi di diritto. Tanto per cominciare non siamo andati sul posto, come comunemente si fa, con auto e barca sul rimorchietto. Come sai, a quel tempo, avevo un Comet di 9 metri, così ci piacque per aggiungere avventura all’avventura, di andarci via mare con, a rimorchio, il povero Silpao che era il Vaurien col quale avevamo vinto il campionato italiano.” Non ti pare alquanto pazzesco? “L’idea ci alluzzava e poi, lo sai, si vive anche di cazzatone, anzi soprattutto”. Comunque non abbiamo scherzato: prima tappa Imperia. Purtroppo le condizioni meteo non erano le migliori e

quando alla fine quando, fine della seconda tappa ci siamo presentati davanti a Montecarlo c’erano un mare ed un vento tali che ho pensato – se continua questo mare qui, si more tutti e due- Le onde erano pazzescamente alte ed il vento sferzante. Il Silpao faceva fatica a stare a rimorchio, si riempiva d’acqua per cui perdeva stabilità, alcune volte si è rovesciato e noi, con quel tempo, a rimetterlo dritto e a vuotarlo. Tuttavia, siccome, pare che davvero la fortuna aiuti gli audaci e gli incoscienti, siamo entrati nel lussuoso porto di Montecarlo”. Tutto è bene quel che finisce bene. Ma raccontami, chi sa quale organizzazione faraonica vi aspettava. “Col c….! Lì non ci aspettava, né ci voleva nessuno, ma io ho detto ad Albertino: - Deh, qui si fa come i pirati, il primo buo che si trova ci si infila e poi si sta a vedé! Come era da presumere, una città ricca come quella, di pirateria se ne intendeva e, infatti, s’è visto poco poiché ci hanno mandato via subito. Guarda ci ho avuto dispetto, ma anche piacere perché lì davano schiaffi alla miseria e le oneste intenzioni di un’armata Brancaleone come la nostra, non potevano essere né comprese, né apprezzate. Siamo andati al porto di Fontevielle, la police è intervenuta per cacciarci nuovamente, allora, ormai già prede della stanchezza e dello sconforto, ab-

225

D’ail. In que quebiamo cercato riparo a Cap D’ail sto ultimo asilo, pur sempre insensibili al fatto che noi fossimo atleti fin là giunti per un campionato mondiale, ci hanno permesso di restare per la notte. Il bello è che di posto ce n’era tanto e che i padroni di barche da molti miliardi facevano perfettamente i loro comodi. A questo punto ce ne siamo fregati di ogni intimazione e ci siamo rimasti per tutto il campionato. Come? Semplice, non ci facevamo beccare dalla police, rientrando a notte fonda per dormire e abbandonando il Comet la mattina presto”. Evidentemente lo spirito dilettantistico e avventuroso che da noi ha caratterizzato il periodo gioioso e giocoso della vela negli anni ’70, nel ricco Principato era già morto. Ma adesso se ti fa piacere, entra un po’ nel vivo di quei campionati. Cosa è successo sul campo di regata? “Tralasciando tutte le possibili considerazioni sulle stazze, sempre fonte di contestazioni e di sospetti, una cosa ci è sembrata paradossale: non siamo riusciti a capire dove mai avesse sede la società organizzatrice del campionato. Un fatto è certo, eventuali proteste, come si evinceva dalle istruzioni di regata, avrebbero dovuto esser consegnate alla sede dello Yacht Club, distante dalla base logistica ben 5 Km., entro un’ora dalla fine delle regate, cosa, per noi, assolutamente impossibile. m Tuttavia, finalmente, t giunse il giorno della prima prova, d ma il battello del Com mitato, che avrebm be dovuto posare b e gestire il percorso, non riuscì neppure n aad ancorarsi. Caussa? Cavo di ancoraggio, evidentemeng tte unico, incredibilmente imbrogliato, m tanto che nessuno t a bordo fu capace di d metterlo in chiaro. r Forse anche per-

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

La vela a Livorno


226


227

no dal nostro buon Circolo Velico, aveta scritto che tale organizzazione sapeva molto di commedia dell’arte. E allora a Montecarlo nella ricca e famosa città del principe Ranieri e dell’ammirata diva holliwoodiana, che cosa stavano organizzando se non una farsa? L’organizzazione era tale che molti atleti non potevano neppure soddisfare decentemente i più elementari bisogni corporali. Per fortuna il mio Comet era dotato di wc marino; ma gli altri? Dovevano accontentarsi di far ricorso alle rustiche virtù di Cincinnato che si presume caasse nel prato”. Oreste io non vorrei dirtelo, ma mi sembra che foste un po’ ingenui. Scommetti che quelli che alloggiavano, a caro prezzo, presso qualche albergo, non avevano i vostri problemi? Montecarlo, come tutte le città famose e piene di turisti, è viziata da tutto il denaro che vi circola. Di avventurieri girovaghi, di gente originale che non vuole accettare le regole del gioco, non sa che farsene e ritiene un bene allontanarla quale portatrice di un pensiero distruttivo per l’ordine costituito. “Non voglio scendere nel campo della sociologia e della politica. Io ho avuto l’impressione che fossimo, fin dal principio vittime designate di una situazio-

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

ché sul battello la disorganizzazione era notevolmente aggravata e complicata, da frequenti visite liberatorie alle murate, eseguite da alcuni membri dell’equipaggio. Che pena, neppure il mare sapevano reggere! Così le prove del giorno iniziale se ne andarono in fumo. Ad onor del vero non era proprio la giornata ideale per regatare. Mare ancora da - qui si more tutti – vento estremamente irregolare: da insostenibile a calma piatta, un diluvio di pioggia che rendeva addirittura problematico svuotare l’imbarcazione. Quindi, dopo quattro ore passate fra tali tribolazioni, in vana attesa che il Comitato si decidesse a far qualcosa di sensato, la bandiera a scacchi bianchi e blu, che mandava tutti a terra, fu salutata con vivo sollievo. Non che a terra si stesse meglio. Il campeggio dei partecipanti era stato realizzato su di un ripiano di duro calcare, nel quale i picchetti non penetravano e dove la pioggia abbondante e ininterrotta scorreva a fiumi sotto e dentro le tende. Alla fine, il Club organizzatore, mosso a compassione, fece il grande sforzo di trasferire noi alluvionati in una cantina adibita a magazzino vele. Ed eccoci alla seconda giornata. Finalmente la barca del Comitato riesce ad ancorarsi correttamente; ci sono, è vero, ancora onde massicce, ma qualcuno, a bordo, vista l’esperienza del giorno prima, si deve essere preparato

con c una buona pillola. l Vento poco, in più una notevop lle corrente; fatto, per noi, inconsuep tto ed importuno. Comunque si parC tte. Alla fine della secconda bolina, il Comitato ritiene opm portuno segnalap rre una riduzione di percorso. Arriva il p primo, poi altri cinp que, tutti gli altri q ffuori tempo masssimo. Nel momento in cui la barca dei giudici ha abbandonato la linea di arrivo, ci trovavamo in ottava posizione. Prova ad immaginare la soddisfazione. Io penso che in città si siano sentite suonare le campane dei vari campanili, percosse dalle mie ed altrui bestemmie. A questo scoramento seguì poi un conforto, se tale si può chiamare: la Giuria annullò la prova per un errore formale del Comitato. Due giornate, nessuna prova valida; a quel punto correvamo realmente il rischio di aver fatto un bel po’ di sacrifici per nulla. Infatti per convalidare il Campionato era necessario aver disputato almeno quattro prove. Restavano due giorni, ma dati i precedenti! A quel punto ho cominciato ad avere nostalgia di casa e mi è tornato a mente un articolo scritto da un certo monsieur Menard che, riferendosi al campionato mondiale dell’anno precedente, organizzato ad Antigna-


228


nizzatori. E allora si parte per quella che, per il bene o per il male, sarà l’ultima prova. Per cominciare si rompe subito la prolunga della barra ed il mio già pesante debito di moccoli si accresce ulteriormente.Il vento fa le bizze e scende sul campo da tutte le direzioni possibili. Nei dintorni c’erano barche che, contemporaneamente, praticavano tutte le possibili andature e mure. Il Comitato fa finta di niente e fa terminare la prova. Il campionato è salvo! Se si può chiamare salvo uno che è nato morto. A terra, per consolazione, hanno offerto a tutti i partecipanti, un giro di pizzette, poo bone anche quelle. La premiazione, alla quale non ho partecipato, mi hanno detto che si è intonata perfettamente a tutto il resto: all’aperto, sotto la pioggia, con premi da festa paesana. Sul mio Comet, mentre mi lasciavo alle spalle l’opulenta “ville”, speravo di lasciarmi dietro nello stesso modo il ricordo di quella sfortunata impresa, per rivederlo, poi, a bocce ferme, come sto facendo adesso”. Dato che ormai, anche se ti incazzi sempre, non ti stupidisci più, mi aspetto che, ormai, quella tragicomica esperienza abbia perduto le punte più aspre e sia fra le cose da ricordare con gli ami-

229

ci a cena o mentre si ciondola per qualche banchina. Tuttavia, un’ultima cosa ti chiedo: due considerazioni tecniche. “A quel tempo, in quella Classe, devo ammettere la superiorità degli equipaggi stranieri. Erano tecnicamente superiori e meglio preparati per condizioni dure e difficili, quali quelle che hanno caratterizzato quel Campionato. Ad esempio: quando, dopo l’arrivo della quarta prova, mentre aspettavamo che il Comitato desse inizio a una seconda manche ed il vento ed il mare stavano divenendo veramente paurosi, fu comunicato a tutti di tornare a terra, gli equipaggi italiani tirano un bel sospiro di sollievo. Ad ogni modo, vidi che alcuni equipaggi nordici, nonostante la loro abitudine a condizioni simili, erano in forte difficoltà, subirono anch’essi danni alle imbarcazioni ed io personalmente assistetti al disalberamento di un’imbarcazione olandese travolta da un’onda maligna. Tanto per dare un’idea delle dimensioni dei marosi, dirò che quando uno si trovava nella concavità fra due creste non riusciva a vedere neppure le alture dietro Montecarlo; solo acqua”. Insomma una vera disgrazia per dei regatanti che amano le brezze incostanti, dalle quali sanno trarre, con maestria, molto vantaggio. Per finire, dato cche con te c’era Albertino Fantini che b iin seguito sarebbe divenuto il camb pione che il monp do conosce e del d quale ci siamo ocq ccupati un po’ tuttti quando era un ragazzino, trovanr dolo estremamend te t vivace e tagliato t per la vela, penssi che questa esperrienza sia stata fformativa per lui? “Questa come altre t e poi, quando uno è nato lepre u non n è difficile farlo correre”. c

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

ne per la quale il Circolo organizzatore si era sentito intrappolato da un’incombenza non cercata e a stento digerita, per cui stava gestendo la manifestazione alla stregua di una formalità da sbrigare. D’altra parte la piccola classe Vaurien, la deriva più economica e popolare del momento, doveva esser vista in loco come un mendicante alla porta”. Allora lo sai. “Bah, tiriamo innanzi! Avrai capito che il giorno di riposo previsto era andato a farsi fottere. Peggio per noi che, come quasi sempre, dei posti dove andiamo a regatare, non vediamo che l’acqua e la concitata base nautica; peggio per loro che non hanno avuto la possibilità di drenarci di quei pochi soldi che i turisti frettolosi sogliono buttare. Ma torniamo in carreggiata. Alle 11 del quarto giorno, finalmente, riusciamo a portare a termine una prova valida. Il dì seguente le cose sembrano tornare nella normalità: si riesce a disputare due prove. Il clima si distende un po’; gli organizzatori sono i più felici poiché incominciano ad intravedere la possibilità di cavarci le zampe; i conforti a terra per noi, poveri attori del circo, continuano ad essere inesistenti. Sesta giornata di Campionato: siamo all’epilogo. Giornataccia, non si capisce che cosa voglia fare il tempo. Una prova, cui era stato dato il via, sebbene con condizioni palesemente balorde, viene annullata per mancanza di vento e corrente eccessiva – per inciso, al momento dell’annullamento mi trovavo in seconda posizione. A questo punto il Campionato è appeso ad un filo: una quarta prova dev’essere portata a termine o ci sarebbe stato lo scroscio di pioggia finale e fatale su di un terreno già abbondantemente scivoloso per gli orga-


Moto Club Livorno '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Un ricordo lungo più di mezzo secolo Oggi ho 82 anni ed ho dedicato una vita alla moto fin dal 1948 partecipando sempre all’organizzazione delle gare del Moto Club Livorno. Dal 1953 ho ricoperto diversi incarichi: commissario sportivo nazionale e internazionale per la Federazione Motociclistica Italiana, commissario tecnico della Csai per il karting ed ho inoltre

Manifesto originale

ricevuto dal Coni la stella di bronzo e d’argento per meriti sportivi. Ho partecipato come direttore di gara e commissario a circa 400 gare, fra le quali le più importanti sono state quelle organizzate dal Moto Club Livorno come il circuito velocità viale Italia del 1953, il giro motociclistico della Toscana con gara di velocità con partenza da Livorno e arrivo a Firenze nel1954, la XVIII Coppa del Mare con circuito velocità lungo il viale Italia del 1973 e molte altre gare di velocità in salita lungo le strade di Popogna, del Malavolta, del Limoncino e della Valle Benedetta. Nel 1969 iniziò il periodo dedicato al motocross sul campo del Gabbro e su quello di Valle Benedetta. Il 1971 è sta-

1976 - Campionato Mondiale cl. 125

to l’anno più felice perché la Federazione Moto Italiana a conoscenza della buona organizzazione del Moto Club Livorno, quando doveva sperimentare nuove manifestazioni le assegnava a noi. Così organizzammo nel 1973 per la prima volta il Campionato Italiano motocross cadetti vinto da Felice Agostini, fratello del campione del mondo Giacomo. Nel 1974 ci furono gli allenamenti collegiali Italia-Cecoslovacchia, nel 1976 organizzammo il Campionato del Mondo motocross classe 125, la più importante manifestazione e per la prima volta organizzata in Italia, ripresa in diretta tv dalla Rai con i piloti di 16 nazioni, che riscosse un gran successo.

1976 - Campionato Mondiale cl. 125

231

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

1973 - Viale Italia XVIII Coppa del Mare, partenza della classe 50 cc.


232


In tutti questi anni furono organizzate gare di regolarità e motocross cadetti, junior e senior, inoltre, nel 1979 il Moto Club Livorno con alcuni moto club della Toscana inventò un nuovo tipo di gara per il motocross, chiamata super-motocross, che per molti anni ebbe successo. Nel 1980 fummo sfrattati dal campo di motocross di Montenero così organizzammo gare a Ponte a Egola e al Malandrone, ed ancora gare di regolarità, mostre, raduni e rievocazioni storiche.

Nel 1980 il Coni ci assegnò la Stella d’Oro per meriti sportivi, ritirata da me e dal campione italiano Pier Luigi Conforti in rappresentanza dei piloti livornesi. L’onorificenza ci fu consegnata nel salone del Foro Italico dall’allora presidente del

1996 - Rotonda d’Ardenza. Rievocazione storica

'&()*'* + +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Giro della Toscana Il primo (e unico) vero Giro della Toscana si svolse il 17 ottobre del 1954. Si trattò di una gara di velocità su lunga distanza; un tipo di manifestazione molto in voga all’epoca, come appunto il giro motociclistico d’Italia o la Milano-Taranto. In queste manifestazioni si impegnavano molto seriamente le migliori case costruttrici, in particolare quelle italiane, per dimostrare che le loro moto erano le migliori o comunque erano di ottima qualità. Di conseguenza anche i piloti erano i migliori in circolazione (In quel tempo i piloti non facevano distinzione tra gare di velocità, regolarità o durata). Il

C Coni Onesti. Fummo ricevuti anm cche dal Presidentte della Repubblicca Sandro Pertini al Quirinale: un n momento che rim ccordo ancora con grande emoziog ne. n In questi anni di passione sportiva

ho svolto anche, su incarico della federazione nazionale, incarichi di prestigio come commissario nel rally dell’amicizia in Venezuela, il Campionato velocità in Portogallo, istruttore dei commissari in Etiopia, e in molte gare di velocità ai Campionati del mondo a Misano, in Mugello, a Imola,a Vallelunga, così come ai campionati di trial a Gallarate, Maggiora, Faenza, Canzo, Firenze, Montevarchi e molte altre. Luciano Fedi

giro prese il via da Livorno e il percorso re da Livorno, Mazzoni prese contatto attraversò le province di Pisa, Massa, col Moto Club Livorno e gli propose di Lucca, Pistoia, Firenze, Siena, Arezzo e farsi carico dell’organizzazione della poi di nuovo Firenze, dove si concluse, gara, mentre lui avrebbe tenuto i conper un totale di 506 Km. di strade di tatti con i Moto Club dei luoghi che quei tempi. Verso la fine del 2002 il responsabile regionale delle Moto d’Epoca Fabio Mazzoni ebbe l’idea di organizzare una rievocazione di quel Giro fatto nel 1954. Non sarebbe stata più, ovviamente, una gara di velocità, ma una manifestazione di regolarità per Moto d’Epoca. Poiché la partenza, nel rispetto del vero giro, doveva avveniAlcuni concorrenti prima della partenza a Livorno

233

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

2001 - Stazione Marittima di Livorno. Gara di velocità supermotocross


zione che riesce a unire l’aspetto agonistico con il piacevole fascino del turismo in Moto d’Epoca. I partecipanti vengono da molte parti d’Italia e si crea un clima di incontro e di festa tra appassionati che si rivedono magari solo in quell’occasione, ma che sono ben lieti di esserci. La formula organizzativa è rimasta la stessa, con il coinvolgimento dei Moto Club che si vengono a trovare sul percorso stabilito. Purtroppo, con grande dolore di tutti quelli che lo conoscevano e apprezzavano, nell’ottobre del 2006 Fabio Mazzoni è mancato. Noi del Moto Club Livorno, anche per onorare il suo ricordo, ci auguria-

Alcuni concorrenti prima della partenza a Livorno

mo che questa manifestazione continui e si rinnovi ogni anno, per soddisfare sempre di più tutti coloro che vi prenderanno parte. Persino la famosa rivista inglese per Moto d’Epoca “The Classic Motor Cycle” ha pubblicato, sul numero di gennaio 2008, un articolo di cinque pagine con molte foto, sull’ultima edizione del 2007 (che tra le altre località ha raggiunto i passi delle Radici e dell’Abetone), e questo ci ha fatto veramente tanto piacere. Mauro Papucci Informazioni sulla manifestazione del 2008 si possono chiedere al 340 2727829 o alla sede del Moto Club Livorno in Via dell’Oriolino, 30

Paolo Mattioli vincitore del Moto Giro d’Italia 2007 in una prova speciale

Moto Club Stop and Go '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Il 2007 è stato un anno importante per il m.c. Stop and Go ricco di successi e glorie nel ambito delle competizioni agonisti che settore velocità. Partecipa con alcuni suoi piloti a competizioni di carattere nazionale (trofeo italiano Amatori, termorace cup, trofeo m. papa, e campionato regionale super moto) i suoi piloti riescono ad ottenere con merito i seguenti risultati: 1°

classifi cato categoria teclassi s ficato am trofeo italiano Amatori, Alessandro Coltelli 1° assoluto classe 1000 cc tr Amatori, Andrea Tedesco 5° assoluto tr Amatori classe 1000 cc, Andrea dati 20° assoluto tr Amatori, Caggiano Salvatore 26° assoluto tr Amatoro e 17° assoluto nella over 35, Umberto Falaschi 2° assoluto

235

F.I.M.: Federazione one Italiana Motociclismo

il percorso avrebbe attraversato, per avere la loro collaborazione in loco. La manifestazione fu inserita nel calendario del Trofeo Nazionale Moto Raid d’Epoca di regolarità e si svolse in due giorni, nel primo fine settimana di Giugno 2003. I partecipanti alla prima rievocazione si trovarono ad attraversare, il primo giorno, la provincia di Grosseto per proseguire erso Chianciano. La domenica partenza da Chianciano attraverso le colline senesi fino a Volterra e la provincia di Pisa per poi rientrare a Livorno per la conclusione. Da allora ogni anno si svolge, sempre su percorsi diversi ma con partenza e arrivo da Livorno, questa bella rievoca-


t Amatori classe 600 cc tr - 5° assoluto tr termorrace cup - 8° assoluto ttr marco papa, Manuel Del Greco 27° assoluto D ttr termorace cup (dopo un brutto infortunio), alu ttre ottime performance ssono state ottenute dai piloti: Benedettini Bep nedetto tr Amatori 1000 n ccc, Saviozzi Francesco tr Amatori 1000 cc, Cristian A Nicotra super moto, che N purtroppo a causa di un p po’ troppa sfortuna non p ssono rientrati in posizio-

ni di rilievo nelle rispettive classifiche finali. Il m.c. Stop and Go oltre a partecipare alle gare di velocità su pista ha organizzato anche una gara di campionato regionale minimoto sul tracciato labronico di via Firenze, ottenendo con soddisfazione il consenso e la gioia dei partecipanti e degli spettatori. Oltre a queste attività il nostro moto club ha provveduto ad organizzare anche attività ricreative di tipo sociale come gite in moto, cene, gite ai saloni di Milano e Padova e corsi di guida teorici e pratici presso il circuito di Magione. Con soddisfazione abbiamo potuto constatare che la passione per la Moto ha consentito a tutti i piloti e tesserati di partecipare alle nostre iniziative.

'& '&()*'* + +, +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Una grande stagione La stagione agonistica 2007 doveva essere come una pausa di riflessione per il Team Macota Beta Trasporti – Moto Club della Meloria, infatti, dopo lo strapotere dimostrato nella stagione 2006, campioni toscani assoluti sia nel motocross che nell’enduro, il titolo italiano enduro nella categoria Senior 250 4T con il pilota Mirko De Felice ed il secondo posto nella categoria Maior con Fabio Occhiolini, ci siamo presentati alle gare con il solo scopo di fare bene senza pressioni e senza stress da classifica. La partenza di Mirko De Felice, approdato ad un team di Carrara con grandi obiettivi e la defezione di un paio di sponsor importanti ci ha spinto verso un impegno più leggero. Una previsione non azzeccata, una previsione che non ha certo calcolato la grande classe dei piloti che vestono i colori del team livornese, un team che da vent’anni è l’asso pigliatutto ne fuori strada regionale e che spesso sfodera i suoi artigli anche nelle prove nazionali e mondiali portando a casa risultati di grande spessore.

inizio saputo conquiPartiamo dall’end dall’enduro ro do dove e Fabio Oc Oc- ini io stagione ha sap to reagire conq i chiolini ha di nuovo centrato l’obiettivo stando importanti piazzamenti nelle ultiportando la sua KTM 525 4T sul gradino me prove dei Campionati Italiani. Ottima dell’assoluta del campionato toscano, de- stagione anche per Alessio Bonaccorsi, gna di nota la sua partecipazione in rap- Marco Bertini, Fabio Mannini, Massimiliapresentanza della Toscana al Campionato no Zurli, Roberto Fabbri e Marco Zeppi. Italiano per Regioni dove ha conquistato Importanti risultati ottenuti con il grande il nono posto assoluto ed il primo di cate- impegno di questi atleti coordinati dal regoria trascinando la Toscana al secondo sponsabile del team Ivano Zanatta e graposto assoluto. Bene hanno fatto anche zie all’insostituibile e primario sostegno Stefano Sordi, 3° classificato nella oltre 4T di importanti aziende come Macota, Beta e Michele Pellegrini che con la sua Honda Trasporti, e Labromare oltre all’importan250 4T è giunto secondo. Buone presta- te supporto tecnico di primarie aziende zioni anche per Paolo Ghezzani e Massi- leader nel settore come Golden Tyre che ha fornito straordinari gomme in grado mo Borri. Eccellenti i risultati anche nel moto- di esprimersi al meglio su ogni terreno, la cross con Simone Lorenzoni secondo as- Bardahl lubrificanti, la Homdahm, la Did per g gli oli e le trasmissioni soluto nella 450 4T. Lorenzo Massini ha Ognibene g p conquistato il secondo posto nell’italiano under 21 con la sua Honda 250 4T oltre al terzo posto nel toscano, quarto sempre nel toscano 250 4T Giacomo Lucchesi. Si è laureato campione toscano nella categoria Prom. 450 4T Tiziano Scordo che sempre su Honda ha disputato nelle cinque prove disputate. Ottimi risultati anche per Riccardo Cencioni che dopo un infortunio ad Fabio Occhiolini, Campione toscano assoluto Enduro 2007

237

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

Moto Club Torre della Meloria


!!!!"#$"#(0*)$

Un sogno che viene da lontano La stagione 2007 è finita ma già stiamo affilando le armi per quella 2008. Un anno per il quale oltre a cercare di portare le maglie giallo rosse sui podi di tutta Italia, abbiamo nel cassetto la speranza che si avveri un sogno, quello di poter dotare la nostra città di un impianto motoristico polivalente. Un impianto che comprenda, oltre che ad un percorso per il motocross, un impianto asfaltato dedicato al supermotard, agli scooter, alle auto con la possibilità di effettuare non solo allenamenti e gare, ma anche corsi di apprendimento alla guida delle due e quattro ruote. Corsi

di guida sicura e corsi evoluti per la gui- la memoria di Stefano Catuogno, un noda sportiva, perché al di là di “tante chiac- stro grande amico appassionato di fuori chiere” la miglior prevenzione è quella di strada, che nel 2007 ci ha tragicamente mettere in condizione l’automobilista e il lasciato. Ci ha lasciato però solo con il suo motociclista di reagire con modi certi e corpo, perché lui è ancora tra noi ed è per consapevoli alle molte insidie che il traf- questo che con grande orgoglio vogliamo ricordarlo. fico mette sulla sua strada. Per realizzare questo sogno abbiamo aperto da un lungo periodo (anni) un tavolo con la nostra amministrazione, quindi confidiamo che il nostro sindaco Alessandro Cosimi valuti una volta per tutte se esiste veramente questa possibilità oppure chiuda definitivamente la partita. Vorremo, inoltre, organizzare una gara di Da sx: Riccardo Cencioni e Lorenzo Massini enduro da dedicare al2° Campionato italiano di motocross. Moto Club della Meloria

White Blue Team Successi di oggi e progetti futuri per il Moto Club White Blue Team Il Moto Club White Blue Team, guidato dal presidente Pino Santacroce, ha festeggiato i suoi 20 anni di attività spaziando come di consueto nei vari settori delle competizioni a due ruote con prestigiose partecipazioni ed importanti risultati. 2 i titoli italiani: nel campionato Radi

Francesco Scicchitano

TT Marathon M th con il piloil ficandosi d i 4° alla ll fine di un ta elbano Stefano Danesi ccampionato combattutise in quello Moto D’Epossimo sin dall’inizio. Nella Velocità Scooter, per il seca con Gianluca GonnelV li. Nell’enduro Under 23 ccondo anno consecutivo, Cristian Luperini su Piaghanno ben figurato i gioC gio, ha gareggiato nella vanissimi Antonio Falleg ni ed Alessandro Crocchi. ccategoria Maxi ed ha già pronto un più potente Nella Velocità in Pista si p Yamaha TMAX per il 2008. sono messi in grande eviY Nel motocross l’inossidadenza Nico Morelli e FranN bile Adriano Ferrarini è di cesco Scicchitano che si b nuovo emerso con la sua sono misurati nella Coppa n Italia 600 cc. con moto Yacclasse nel Campionato Regionale finché un inmaha R6. Il diciannovenR ne Morelli in sella alla più ffortunio lo ha purtroppo potente R1 ha partecipaffermato. Nel Minicross il Moto Club White Blue Tetto anche al Mondiale EnM durance all’Oschersleben d aam in quest’anno 2007 si Motorsport in Germania M è impegnato nell’attività propedeutica con corsi dove ha totalizzato un d p per bambini da 7 a 13 anpunteggio che gli è valp ni a cui hanno partecipasso la chiamata “wild card” n aalla prova di Campionatto Matteo Cinini, Cesare tto del Mondo di ValleFFreschi, Alessandro Giusti lunga. Qui, pur partendo e Filippo Cagliata. Nico Morelli Per il 2008 gli istruttori dall’ultima fila, è riuscito d a rimontare fino ad un ottimo 12° posto Giovanni Galleni e Andrea Freschi hanno aassoluto. Sempre Morelli in Coppa Italia già programmato 2 sessioni di test di guiha mancato per un soffio il podio classi- da per selezionare nuovi piccoli centauri.

239

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo ismo

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '&


'&()*'* ' +,(&-$.*!!! +

!!!"#$"$%&$

Federico Caprilli: l’inventore della moderna equitazione Non è possibile nel 2007 parlare della storia livornese dell’equitazione senza raccontare la storia di Federico Caprilli di cui sì è quest’anno celebrato il centenario della morte. Federico Caprilli nasce a Livorno l’11 aprile 1868 da padre livornese e madre pisana. Nel 1881 entra nel collegio militare di Firenze dove dimostra subito di essere portato per la ginnastica e la scherma. Più tardi si trasferisce al Collegio militare di Roma dove per la prima volta monta un cavallo e da allora non smetterà più. Nel 1886 diventa aspirante alla cavalleria alla Scuola Militare di Modena, anche se durante l’esame fisico fu giudicato come un soggetto “un po’ lungo di vita e con le gambe piuttosto corte”, ma l’esiguo numero di domande presentate in quell’anno lo aiutarono ad essere accettato.

' '&()*'* + +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Una disciplina che può educare a quello splendido sport che è la vita L’equitazione nella provincia di Livorno è seguita da un gran numero di appassionati e vanta numerose discipline. Si può cominciare all’età di 5 anni praticando attività ludico-addestrative come i Pony games, utilizzando animali adatti al primo approccio all’equitazione, che poi insieme a piccoli cavalieri, con il dovuto allenamento, potranno partecipare a gare organizzate a squadre. Questo tipo di disciplina permette di sviluppare, giocando, il senso motorio, la socializzazione, ed il rispetto per l’animale,

Federico Caprilli si fa subito conoscere come persona amante del progresso utile e fecondo. Carlo Giubile parla di Caprilli all’età di 21 anni descrivendolo come: “Alto, magro, robusto e svelto, con due baffetti castani e una fitta selva di capelli scuri e fortissimi, gli occhi grandi e fieri sotto le sopracciglia folte, eppure piene di grande bontà nel sorriso dolce; il berrettino basso, la giubba corta, i pantaloni attillati, gli stivaloni alti foggiati a larghe pieghe e gli speroni sonanti dalle grosse rotelle piantati nei tacchi, tutte fogge volute dalla moda di allora, Federico Caprilli era un bell’ufficiale destinato a colpire l’attenzione e far palpitare i cuori delle donne che gli passavano accanto [...] Ben presto Caprilli acquistò, con le sue maniere affabili e rispettose, energiche e nel tempo stesso gentili, la simpatia e la stima di tutti i camerati, i superiori ed inferiori”. Il primo cavallo acquistato da Caprilli, che voleva continuare a cavalcare anche al di fuori delle ore di servizio, fu da lui chiamato Sfacciato e con questo sauro arrivò a saltare 1 metro e 82 quasi un record per l’epoca, con lui vinse molti concorsi e proprio con lui cominciò ad elaborare un nuovo approccio all’equitazione. Caprilli studia dal vivo i cavalli e il modo di con-

durli, diventando il fondatore della moder moderdurli na equitazione. Dure erano però a morire le vecchie pratiche dell’esercito, e questo gli procuro non pochi oppositori. Caprilli sosteneva, ad esempio, che non si doveva terrorizzare le nuove reclute facendoli subito montare i cavalli nelle condizioni più difficili, cioè senza sella. In questo modo molti allievi si spaventavano, cadevano, alcuni si facevano male e questo comprometteva il loro futuro a cavallo, allo stesso modo l’animale strattonato e maltrattato manteneva un pessimo ricordo dell’incontro. Caprilli credeva fermamente che cavallo e recluta dovevano allo stesso modo essere trattati con tranquillità fin dall’inizio, scegliendo il convincimento sulle percosse. Ma soprattutto nel salto Caprilli portò le maggiori innovazioni eliminando l’uso di tirare le redini del cavallo durante il salto con l’idea di aiutarlo, mentre in realtà si martoriava solo la sua bocca. Il nuovo metodo di Caprilli con il tempo ebbe il sopravvento, quando durante gare e manifestazioni pubbliche riuscì a dimostrare la validità delle sue idee. Caprilli fu consacrato maestro dell’equitazione prima italiana e poi anche degli altri paese e divenne una leggenda in questo campo.

fattori molto importanti nello sviluppo e per questo meno rilevante. Specialità riscoperta “gli Attacchi“ (gare di carrozze trainabambini. nella crescita dei bamb La nostra provincia accoglie alcuni po- te da 1 o più cavalli) la quale permette di organizzano gareggiare anche agli sportivi non più giony club che periodicamente periodica e partecipano a manifestazioni Regionali e vani. Anche in queste gare sono i nostri rat i if Nazionali. Proseguendo in questa passio- gazzi più giovani a regalarci risultati eccelne abbiamo l’onore di vantare numerosi praticanti nella famosa disciplina Olimpica del Salto Ostacoli, partendo dagli junior che si distinguono sia in campo nazionale che internazionale, fino ad arrivare a famosi cavalieri, che da anni gareggiano anche a livelli Internazionali. In fase di sviluppo c’è anche il Dressage attività, meno praticata, ma non Francesca Conte - disciplina attacchi

243

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

L’Equitazione a Livorno


244 244 24


lenti a carattere Nazionale (Oro alle Ponyadi tenutesi a Roma nel 2007). Finiamo questo bellissimo elenco di attività sportive con l’Equiturismo (trekking a cavallo), che ben si presta a unire le bellezze naturali del nostro territorio alla passione per questi splendidi animali, grazie anche all’impegno della nostra Provincia e soprattutto ai rappresentanti delle nostre associazioni Ippiche che ci permettono di mantenere in perfetto stato le Ippovie le quali collegano le colline Livornesi ai Parchi della Val di Cornia. Scrivendo queste poche righe il mio più grande desiderio sarebbe di far avvicinare al mondo Equestre più sportivi possibile condividendo con loro la passione per gli animali, la possibilià di vivere all’aria aperta e praticare una disciplina che può educare a quello splendido sport che è la vita.

!!!!"#$"#(0*)$

Il cavallo: un amico per sempre Che il cavallo appartenga al nostro futuro è cosa certa: un rapporto uomo animale che viene da lontano ed è destinato ad andare molto lontano. Fra i mille progetti che prevedono la presenza del cavallo ci piace in questa occasione parlare del suo valore terapeutico e riabilitativo. Oggi sempre più spesso si parla di Pet Terapy, cioè di terapia con gli animali domestici, nei quali sono entrati a pieno titolo cani, gatti, conigli ecc., ma il cavallo è forse stato il primo ad avvicinarsi a persone con problemi fisici e mentali per aiutarli nella loro terapia. Questo risale già ad alcuni anni fa, quando il concetto di terapia con gli animali era ancora pochissimo conosciuto e diffuso. Nei recinti, accompagnato da istruttori esperti e specializzati, il cavallo si è preso cura dell’uomo,

aiutandolo a migliorare le sue condizioni fisiche, sociali ed emotive. L’interazione ccon il cavallo agisce soprattutto sul suppor supporto emozionale che l’animale riesce a creare, sull’affetto e il rapporto interpersonale che costruisce con l’uomo. Una riabilitazione, quella fatta con il cavallo, che attraversa un percorso di sport e di gioco. Oggi la riabilitazione equestre può essere suddivisa in quattro parti: l’ippoterapia dove il cavallo è il mezzo dotato di ritmicità e corporeità; la rieducazione equestre

Iacopo Provinciali, Giulia, Francesca Conte Oro attacchi a ponyadi 2007

245

dove si usa questa disciplina con pazienti che hanno un po’ di autonomia; la fase pre-sport dove i disabili lavorano per prepararsi ad un inserimento nella società; la fase dello sport dove si realizza una socializzazione grazie all’accesso dei ragazzi ai centri sportivi tradizionali e alle gare ufficiali. Dunque dal cavallo può venire un aiuto per tutti, sia sul piano fisico dove la riabilitazione di alcune disabilità è resa più facile, sia sul piano psicologico dove lo sviluppo delle relazioni e la socializzazione diventan no elemento fondamenttale. Non dimentichiamocci poi che comunque il ccavallo ha un effetto possitivo su chiunque, anche ssu coloro che non hanno u un problema specifico da aaffrontare, ma semplicem mente persone che desid derano rilassarsi, instaurrare un rapporto affettivo e di comunicazione con l’l’animale. Anche solo accarezzarre o spazzolare un cavallo p può suscitare sensazioni p positive in chi le svolge, e ecco perché il cavallo sarà ssempre presente nel nosstro futuro e continuare a lavorare con questo anim male, mettendo in campo n nuovi progetti e attività rrappresenterà sempre un segno di grande civiltà.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

'&()*'*"+,(&-$.*!!! '

Sofia Vanigli - gimkana Sofia


La FITAV a Livorno !!!"#$"$%&$

Cecina e Livorno i due poli del Tiro a volo provinciale La Fitav Federazione Italiana Tiro a Volo disciplina le varie specialità, sia quelle amatoriali sia quelle olimpiche rappresentate da: fossa olimpica, Skeet, Dubel Trap sia il percorso di caccia in pedana che l’Elica per le quali organizza campionati regionale e nazionali. Nella nostra provincia sono affiliate alla Fitav due società: A LIVORNO: A.S.D. Skeet Club Il Bossolo che dispone di un impianto sportivo in località Corbo-

Campionato Italiano di Società 1990. 2° classificata

'&()*'*"+,(&-$.*!!!

!!!"#$"#(0*)$

Turismo e sport: campi a norma vicini al mare Nonostante la nostra disciplina abbia raggiunto molti risultati anche in sede olimpica e nei campionati mondiali ha vissuto nel recente passato e tutt’ora sta vivendo momenti difficili in nome dell’ecologia, spesso in modo pretestuoso. Purtroppo gli ambienti dove si usano le armi non sono mai visti di buon occhio, perché si crede che un’arma debba sempre e comunque offendere, e non si tiene in considerazione che le nostre sono armi per uso sportive . Inoltre, si dimentica che le persone che praticano questa disciplina

lone, attrezzato con due fosse olimpiche, Skeet, un percorso di caccia caccia, un campo di Skeet due impianti per l’elica. Su questo campo si svolgono gare di ogni tipo, anche di importanza nazionale e le attrezzature sono funzionanti per tutto l’anno. Negli anni ‘80 e ‘90 la società disponeva di un gruppo di tiratori di Fossa Olimpica che composero una squadra vincitrice di vari titolo nazionali. Inoltre, il tiratore Nesti Andrea vinse nel ‘94 il titolo italiano della massima categoria; sempre nella Fossa Olimpica il giovane tiratore Balloni Matteo componente della squadra nazionale giovanile vinse nel ‘94 il titolo europeo e nel ‘95 quello mondiale. Nella specialità Skeet l’odierna istruttrice federale Rossana Bernardini conquistò negli anni 77 e 81 la medaglia di bronzo e l’argento nel ‘75 e lo stesso anno l’argento agli europei. A CECINA: A.S.D. Tiro a volo Cecina dispone di un impianto sportivo a Cecina Mare sul Viale Galliano, attrezzato di due Fosse Olimpiche, un campo di Skeet, un percorso di caccia. Anche qui si svolgono gare soprattutto di Fossa Olimpica specialmente nel periodo estivo che terminano con il mese di agosto con gare di importanza regionali quando viene assegnato il trofeo Città di Cecina che vede in gara i migliori tiratori italiani: basti citare che per questo trofeo hanno gareggiato e vinto anche tirato-

1996 Campionato Italiano a squadre. 1° Paolo Fantoni 2° Ferruccio Morelli e 3° Mauro Gaggi

ri campioni olimpionici e mondiali, come Luciano Giovannetti, Carlo Danna, Daniele Cioni, Ubaldesco Baldi, Albano Pera e ultimamente Marco Venturini. '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Nel 2007 i tiratori livornesi si sono imposti a livello nazionale nella specialità di Skeet, dove la squadra di Cecina per il terzo anno consecutivo si è aggiudicata i Titoli, e cosa veramente piacevole la giovanissima tiratrice livornese Erica Pucci continua a mietere successi in tutte le gare a cui partecipa e nel ‘96 si è aggiudicata il titolo nazionale di percorso di caccia in pedana con il punteggio di 96/125. Alberto Villani Delegato Provinciale Fitav

sono tesserate ed in possesso di un porto valorizzato è un valido elemento di incred’armi d armi rilasciato solo a coloro che non han- mento turistico, chi pratica questo sport si macchia penale. Inoltre, si trat- sposta con la famiglia e spesso decide di no nessuna mac ta di un’attività sana che si svolge all’aria fare le vacanze in luoghi dove vi sono camaperta. Purtroppo negli ultimi anni molti pi attrezzati e Cecina e Livorno sono due campi sono stati chiusi a causa del rumore esempi di come si possano abbinare le fee dell’inquinamento da piombo, però nel- rie e la passione sportiva. C’è la possibilità futura che venga realizzala nostra provincia grazie f to alla lungimiranza di alcut un campo a norma lungo ni nostri amministratori g la costa, vicino al mare, con che molto si sono adopec tutti i requisiti per evitare inquinamento acurati, per mettere a norma t stico e da piombo, dove le strutture di Cecina e Lis si vorno, da noi l’attività è s potranno svolgere gare nazionali e internazionali. potuta continuare regon Noi larmente; amministratori N speriamo molto nella realizzazione di questo che ancora si stanno improgetto e faremo tutto il pegnando molto su più p possibile per realizzarlo. fronti per rendere semp Alberto Villani pre più praticabile questa Il delegato provinciale disciplina. Il tiro a volo se Delegato provinciale Fitav Alberto Villani

247

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro a Volo o

'&()*'* +,(&-$.*!!!


2248 24 48 48


Il Tiro a Segno a Livorno '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Nel corso del 2007 abbiamo gareggiato in nuove specialità ottenendo risultati eccellenti che vogliamo ricordare. Il Campionato Long Range cioè il tiro dalle grandi distanze, 100 e 200 metri con armi che rispecchiano l’epopea del West, ossia fucili da caccia al bisonte, ed armi ad avancarica dell’ottocento e dei primi del novecento. In questa occasione hanno vinto i soci Ottorino Andreini, Roberto Lomi, Marcello Ottaviani ben qualificati in tutte le gare del circuito, ottenendo al Campionato Italiano il 1° posto con Marcello Andreini e il 2° con Roberto Lomi. Altra specialità che ci ha visto partecipare con buoni piazzamenti nella gare disputate in tutta Italia è stato il Campionato Armi EX Ordinanza, cioè armi

che sono state in dotazione agli eserciti nelle ultime guerre. Nello specifico hanno partecipato i soci Ottorino Andreini, Roberto Lomi, Nunzio Montenero, Leonardo Begliuomini e Stefano Fondati. Per quanto riguarda il campionato Uits abbiamo avuto due ammessi ai Campionati Italiani: Raffaele Montenero campione regionale e finalista nazionale a squadre per la toscana e Riccardo Finoccki. Nelle gare varie i nostri tiratori si sono piazzati ai primi posti in molte discipline, come Riccardo Finoccki, Leonardo Mele, Sara Raponi, Raffaele Montenero, Lorenzo Casali e altri. Le nostre strutture sono state utilizzate per l’addestramento dei corpi armati dello Stato, in modo particolare dal Rgt “Col Moschin”, dal Rgt 185° Rao “Folgore” dal Comando della Polizia Municipale di Livorno con il supporto degli istruttori Antonella Chirici e Carlotta Avelardi dello stesso Comando. Abbiamo organizzato anche il Trofeo E. Serafini, vecchia gloria del tiro a segno con una buona partecipazione di tiratori da tutta la Toscana. Per quanto riguarda il futuro speriamo di continuare su questa strada e cresce-

249

re nella formazione di nuovi elementi che possano continuare una tradizione costellata di notevoli successi. I nostri impianti sono aperti nelle ore pomeridiane.

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

Un anno brillante e le speranze del futuro


250 225 50


'&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"$%&$

Romano Fanali si racconta

Da Romano Fanali a Luca Tassi. Dal lontano 1975 ai giorni nostri. In mezzo un lungo interminabile blackout. Un oblio rotto soltanto dal sussulto di qualche giovane scalpitante. Poi poco o niente. Romano Fanali ha un piccolo, grande, primato. È stato l’ultimo pugile livornese, prima di Luca Tassi, ad alzare la corona tricolore al cielo, della straordinaria nidiata di campioni di casa nostra che, per vent’anni - da metà degli anni cinquanta a metà degli anni settanta - hanno dominato sui ring italiani ed europei. Era il 17 Settembre del 1975 quando Fanali, davanti agli occhi dei propri tifosi, conquistava per la terza volte la corona italiana dei superleggeri costringendo all’abbandono l’udinese Bruno Freschi. Una corona che avrebbe poi perso definitivamente, qualche mese dopo, a Forlì contro Bandini, anche: “A causa - sono sue parole - di una giuria partigiana, per non dire scandalosa”. Adesso Romano Fanali è un tranquillo pensionato che vive nella periferia di Sta-

Romano Fanali e Luciano Guerrini

gno. La passione per il pugilato è rimasta intatta. Alle riunioni pu pugilistiche è sempre in prima fila. Vicino a lui tanti pugili che hanno scritto pagin pagine indelebili nella d questo sport, non solamente a storia di livello nazionale: Franco Nenci, Remo Golfarini, Pietro Ziino, Piero Del Papa (pisano) e Franco Brondi, tanto per citare i più grandi. Unico pugile sempre assente, per ragioni di salute, il grande Mario Sitri che, con Franco Nenci, partecipò alle Olimpiadi di Melbourne del 1956.

Romano Fanali (a sin.) e Piero Del Papa

Benché abbia sostenuto “mille battaglie” sul ring, Fanali ha ancora un’invidiabile lucidità mentale e un fisico ancora integro. Quando parla della sua vicenda agonistica è un piacere ascoltarlo. Anche perché le sue paitaliana Romano Fanali non si arrende e guarda addirittura al palcoscenico europeo. Il 28 marzo del ’76, ad Oslo però, contro Paulsen, subisce una nuova ingiustizia e lui dice basta e attacca i guantoni al chiodo. Cominciamo però dagli inizi. A che età ha cominciato? “A quindici anni al Cral Stanic di via Ippolito Nievo con il maestro Aldo Giovannelli. Un gran maestro. Bravo a parlare, spiegare e trasmettere i consigli giusti. Un tecnico impareggiabile”. A quel tempo a Livorno c’erano due scuole di pensiero pugilistiche diverse? “Oltre al gruppo di Giovannelli c’era l’APL di Piero Scardino e del ex suo maestro Amaro, che basavano i propri insegnamenti anche sull’esperienza”. Quanti incontri ha disputato? “Circa centoventi, metà dei quali da professionista”.

251

La vittoria più bella? “A Madrid, il 21 Febbraio 1975, contro l’allora campione del mondo Perico Fernandez. Vinsi ai punti in dieci riprese, senza titolo in palio. La stampa spagnola dette grandissimo risalto all’avvenimento. Un successo che mi consentì, quattro mesi dopo, di battermi nuovamente per il titolo europeo contro un altro spagnolo Fouz Gomez”. Come andò a finire? “Persi ai punti in quindici riprese con un verdetto casalingo, ma non scandaloso”. Gli esordi? “Il primo incontro l’ho fatto alla Stanic, categoria novizi, il 14 Maggio 1958. Non avevo ancora sedici anni essendo nato il 29 luglio del 1942 potei combattere solo perché era fondamentale l’anno di nascita. Vinsi agevolmente”. E tra i prof? “A febbraio del 1965 contro Cosimo Lacirignola”. Quando diventa per la prima volta tricolore? “A Livorno nell’agosto del 1968 allo stadio Comunale contro Bruno De Pace. Vinsi per KOT alla seconda ripresa con il pubblico delirante. L’allora sindaco Dino Raugi mi donò una bella targa che conservo con cura e affetto. A quel tempo, da parte delle istituzioni, c’era un occhio di riguardo per gli atleti che portavano lustro alla città. Io, che abito da sempre a Stagno, fui assunto al comune di Collesalvetti come vigile urbano. Ad altri miei colleghi che abitavano in città fu offerta la possibilità di lavorare in Comune o al porto”.

Romano Fanali, Luciano Guerrini e Aldo Giovannelli

F.P.I. Federazione Pugilistica Italiana

Il Pugilato a Livorno


252 225 52


“Dopo la vittoria di Livorno contro Bruno De Pace ho difeso la corona tricolore contro Consolati a Roma e contro Fasoli, per ferita, a Livorno. L’ho perduta per la prima volta, sempre contro Fasoli, a Cecina a Settembre del ’69”.

Quando si è ripreso la corona tricolore?

Quante volte ha combattuto con il titolo europeo in palio? “Due. Oltre che con Fouz Gomez anche con il francese Roque, a Lione nel dicembre del 1970. Un avversario tosto che aveva vinto anche con il grande Lopopolo. Io persi ai punti in quindici riprese al termine di un match equilibrato”. Ci faccia una cronistoria dei suoi incontri con il titolo italiano in palio. '&()*'* +,(&-$.*!!!

!!!"#$"(//$

Luca Tassi

Il ritorno della corona italiana di pugilato Il bravo ragazzo della porta accanto. Corretto, educato, gentile. Niente a che vedere con lo stereotipo del pugile che alberga nell’immaginario collettivo. Luca Tassi, classe 1979, dopo trentun anni, ha riportato una corona italiana di pugilato a Livorno e soprattutto ha rinverdito l’amore per uno sport che, dalle nostre parti, ha sempre avuto tanti ammiratori. Dopo una bella carriera dilettantistica, tre anni fa si è tuffato nel mondo dei professionisti con la consapevolezza di poter giocare tranquillamente le proprie carte.

Una scelta che alla luce dei fatti si è dimostrata vincente. Finora ha disputato undici incontri ottenendo altrettante vittorie, di cui ben quattro prima del limite. Niente male per un pugile che non è considerato un picchiatore. Per tifosi e tecnici, infatti, eleganza, freschezza atletica, lucidità e facilità di lettura del match, sono le sue armi migliori. Un po’ come faceva Nino Benvenuti prima e Ray Sugar Leonard. Proprio i suoi due miti. “Immenso Nino e stupendo magnifico Ray Sugar Leonard”, ci dice per sottolineare due pugili a cui, con le dovute proporzioni, si è sempre ispirato. Adesso Luca Tassi dopo l’ennesimo successo tra le sedici corde, guarda giustamente lontano. Guarda a quei palcoscenici europei che, da un momento all’altro, potrebbero aprirsi davanti a lui. Intanto, in attesa degli eventi, si gusta la corona tricolore dei SuperMedi

253

Franco Nenci, 1965 circa

La famiglia? “Ho conosciuto mia moglie Franca Giovannetti quando avevo 18 anni e lei 15. Abbiamo due figli Michela e Stefano. Stefano ha fatto Kick Boxing ed è stato anche campione toscano, italiano e in nazionale”. I livornesi più bravi dei suoi tempi? “Franco Nenci, Franco Brondi, Piero Golfarini, Mario Sitri e Pietro Ziino”. Mario Orsini conquistata, al PalaMacchia di Livorno contro Emanuel Zuanel il 20 Ottobre del 2006, e difesa al PalaBastia prima contro Vincenzo Imparato (23 febbraio 2007) e poi contro Antonio Di Feto: il 21 Settembre scorso. Sempre davanti a “Mamma RaiSat” e con i complimenti di addetti ai lavori, tifosi e grandi pugili del passato.

Luca Tassi e Antonio Di Feto

F.P.I. Federazione Pugilistica Italiana

Romano Fanali e Eddie Blay

“Nell’agosto del ’72 battendo per KO alla 5a ripresa Piero Cerù. Successivamente l’ho nuovamente difesa contro Marocco ad Enna vincendo per KO alla 11a ripresa. Cerù l’ha riconquistata, a giugno del ’73 a Caorle”. Infine, a settembre del ’75, a Livorno, battendo per abbandono, alla sesta ripresa, Bruno Freschi”. Le sue caratteristiche? “Un pugile tecnico con buona velocità e potenza”. I compensi di allora? “Non alti. Quando ho conquistato il primo titolo italiano ho ricevuto la miseria di duecentomila lire”. E la borsa più alta? Circa quattro milioni e mezzo, nel match in cui ho messo in palio il titolo italiano a Forlì contro Bandini. Una bella cifra che mi consentì di comprarmi un casolare con il terreno intorno da cui ho ricavato due appartamenti. Uno è questo in cui abito mentre nell’altro abita mio fratello”.


254


Mario Orsini

in maglietta bianca

255

SCHEDA TECNICA

Luca Tassi, classe 1979, Peso Supermedio, I serie. Società: “Rosanna Conti Cavini” Record Professionismo: Campione italiano assoluto SuperMedi. 11 incontri disputati. 11 Vittorie di cui 4 prima del limite (2 per KOT e 2 per KOTC) Titolo italiano conquistato il 20/10/ 2006, a Livorno, contro Emanuel Zuanel (KOTC). Difeso il 23/02/2007, a Livorno, contro Vincenzo Imparato (vittoria al termine delle dieci riprese). Difeso il 21/09/2007 contro Antonio Di Feto (vittoria per KOT alla seconda ripresa). Altre otto vittorie da professionista: 07/08/04 a Campo Bello di Mazara (TP) contro Gaetano Nespro. 25/02/05 a Gubbio contro Stan Vasile. 20/05/05 a Marina di Grosseto contro Arpad Buzasi (KOT). 19/06/05 a Braccagni (GR) contro Ferente Olah. 23/09/05 a Livorno contro Ivica Cukusic 04/12/05 a Settimo Torinese (TO) contro Andrei Berendi (KOT). 23/04/06 a Scandicci (FI) contro Andrei Toth. 14/07/07 a Sequals (PN) contro Bela Kiss. Record Dilettante: 74 incontri, 4 pareggi, 10 sconfitte. - Campione Italiano Assoluto I serie. - Campione Italiano Juniores - Classificato nei primi posti nell’INTERNATIONAL ITALIAN TOURNAMENT di Roma - 15 incontri con la Nazionale Olimpica Italiana - Classificato nei primi posti all’ACROPOLIS CUP di Atene - Classificato nei primi posti all’ INTERNATIONAL TURHIA TOURNAMENT di Istambul - Cinque volte Campione Interregionale. Sei volte Campione Toscano

Luca Tassi

F.P.I. Federazione Pugilistica Italiana

bi, perplessità, ma anche qualche certezza. Sentiamolo. Come mai i pugili sono così mal pagati? “Difficile capirlo. L’unica cosa certa è che non siamo come i calciatori che possono contare sui soldi di televisioni, sponsor e presidenti dal portafoglio gonfio”. Condannati a raccogliere le briciole? “Speriamo di no. Il cammino però è lungo e irto di difficoltà. Dobbiamo essere noi a cercare di aumentare la credibilità del nostro sport e a batterci per avere maggiore visibilità a livello mediatico. In fondo non partiamo battuti. Il pugilato con la ‘P’ maiuscola è sempre piaciuto e continua a piacere. Per capirlo basta assistere a riunioni pugilistiche come quelle che si sono svolte a Livorno nell’ultimo anno. Rispetto ai calciatori, però, abbiamo anche un altro handicap. Loro giocano tutte le domeniche. Noi se va bene saliamo sul ring un paio di volte l’anno. La speranza è che pian piano ci sia una inversione di tendenza”. Le forze istituzionali secondo lei potrebbero fare di più? ”Certamente…” Ad esempio? “Mettermi a disposizione una palestra per la mia società: la Boxe Livorno. E poi, tenendo conto che ho riportato il titolo italiano in città dopo oltre tre decenni, ed ho risvegliato l’interesse per questo sport, poq ttrebbero darmi una mano a trovare un m llavoro sicuro e non eccessivamente ime pegnativo che mi p permetta di contip nuare ad allenarmi. n IIn fondo, in passato era quasi una prase ssi. Un piccolo aiuto per uno sport che p non ha mai nuotan tto nell’oro, ma che è sempre piaciuto aalla gente anche per la sua virilità, p correttezza e lealc Foto di gruppo della Boxe Livorno, la società di Luca Tassi. In primo piano ci sono il babbo Luigi (maglia bianca e cappellino) e Luca Tassi tà”.

Un paio d’anni fa-gennaio 2006- ha inoltre aperto una società pugilistica la “Boxe Livorno”, con sede presso la palestra Eos di Stagno. Una palestra in cui ha possibilità di allenarsi e inoltre di fare da maestro, a dilettanti e amatori, insieme a babbo Luigi, a Roberto Maltinti, Daniele Ebraico e Nancy Galatolo (sua fidanzata e istruttrice giovanile). Anche, lei nei quadri dirigenziali, la società è zeppa di parenti cominciando dalla presidentessa Maria Teresa Cirillo (mamma di Luca), la vicepresidentessa Nancy Galatolo (fidanzata) e il direttore sportivo Cristiano Tassi (cugino). Luca Tassi, è bene ricordarlo, non è arrivato ai vertici nazionali casualmente. Alle spalle ha una brillante carriera dilettantistica. A livello regionale e interregionale ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Sei volte si è laureato Campione Regionale. Cinque a vinto il Campionato Interregionale. Per quindici volte è salito sul ring con la maglia Azzurra della nazionale addosso. Prima di diventare campione italiano assoluto dei SuperMedi ha alzato al cielo la corona italiana tra gli juniores. Insomma, non si è fatto mancare nulla. L’unico rammarico è di non poter monetizzare i sacrifici fatti come accade in altri sport. Soprattutto il calcio. Anche da parte delle istituzioni non c’è quell’occhio di riguardo che meriterebbe. Su entrambe le questioni ha dub-


2256 25 56


Suddivisi in tre categorie: “Cuccioli” (sei e sette anni), “Cangurini” (otto, nove e dieci anni), “Canguri” (undici e dodici anni), un gruppetto di baby pugili, arrivati da tutta la Toscana hanno sostenuto una serie di belle prove sempre con il sorriso sulle labbra. Tra queste esibizioni tecnico tattiche al sacco, corsa sui 25 metri, circuiti di abilità psicomotoria, sparring condizionato senza contatto fisico e serie di saltelli con una corda tra le mani.

Bimbi con i loro maestri Donato Salvemini e Franco Nenci

!!!"#$"#(0*)$

Voglia di pugilato La noble art dopo un lungo periodo d’appannamento è tornata di moda. “Non siamo ai livelli degli anni cinquanta, sessanta e settanta ma sicuramente sulla buona strada”. Ad affermarlo, con convinzione, è il “mitico” Franco Nenci. Un pugile rimasto nel cuore dei livornesi nonostante siano passati più di cinquanta anni da quando, alle Olimpiadi di Melbourne (1956), conquistò una storica medaglia d’argento e a questa seppe aggiungere tante indimenticabili prestazioni sui ring di mezza Italia e qualche volta anche all’estero. Come esempio di questa rinnovata voglia di boxe, che zampilla qua e là per la città, porta la sezione pugilato dell’Accademia dello Sport di via Garibaldi dove insegna, i segreti di questo sport, insieme al giovane e bravissimo Donato Salvemini. “Noi -spiega Nenci- abbiamo tanti amatori, diversi dilettanti, tra questi alcune belle promesse come Michele Ciabattari. Inoltre, non manca neppure una bravissima ‘pugilessa’, la giovane Giada Landi, ed anche cinque ragazzini dai sette ai dieci anni.

Giada Landi una ragazzina di 18 anni che ha disputato cinque o sei incontri vincendoli tutti

Questi ultimi svolgono ginnastica pugilistica. Un’attività molto formativa dal punto di vista fisico e psicologico. L’unica cosa che ci manca è qualche pugile professionista. Però quella è merce rara. In futuro però non disperiamo di colmare anche questa lacuna”.

Franco Nenci con un allievo (foto di sette o otto anni fa) ormai cresciuto

Ma l’Accademia dello Sport non è l’unico posto dove sedici corde e guantoni hanno un ruolo di primo piano. A permettere di praticare il pugilato, nei modi e con le modalità desiderati, ci sono anche la gloriosa “APL” e la “Fortitude”. Inoltre a Stagno, presso la palestra EOS, opera la “Boxe Livorno” della famiglia Tassi. Una società che nonostante la giovane età -è stata fondata meno di due anni fa: gennaio 2006 - ha due professionisti (Luca Tassi e Samuel Da Valle) una decina di dilettanti e più di una sessantina di amatori. Proprio la palestra dell’APL di via Lamarmora, i primi di novembre, ha ospitato i “Giochi della Gioventù” di pugilato. Una manifestazione sportiva di impronta essenzialmente ludica.

257

F.P.I. Federazione Pugilistica Italiana

Bimbi con i loro maestri Donato Salvemini e Franco Nenci

Prove in cui a prevalere è stato l’aspetto ludico come ha spiegato il presidente del comitato regionale Giuseppe Ghirlanda: “In certe iniziative le classifiche hanno un peso del tutto marginale per non dire trascurabile. Importante è che i bambini si divertano”. Alle sue parole hanno fatto eco quelle di Luca Tassi: “Ho partecipato per ben cinque volte ai giochi della gioventù di pugilato, vincendo sempre la fase regionale e piazzandomi bene in quelle nazionali. Mi è sempre piaciuto il loro aspetto gioioso e formativo. La ginnastica pugilistica ti abitua a coordinare ed armonizzare i movimenti. Ad impegnare tutti i muscoli del corpo. Non è detto poi che uno debba fare per forza il pugile. Anzi la maggior parte di questi ragazzini sicuramente non lo farà”. A rappresentare degnamente la nostra città sono stati proprio i bambini dell’Accademia dello Sport, accompagnati da Franco Nenci e dal loro maestro Donato Salvemini. Un Salvemini visibilmente contento: “Abbiamo onorato questa manifestazione. Tutti i nostri bambini sono stati bravissimi”. Filippo Gressani, infatti, ha vinto tra i Cangurini precedendo l’amico Nico Lami. Alessandro Lonzi, invece, si è piazzato al secondo posto tra i più grandicelli (Canguri), superato da un ragazzino della Boxe Mugello. Assenti giustificati nella circostanza: Federico Massa e Lorenzo Amadori, altri due aspiranti Cassius Clay, o se vogliamo Muhammad Alì. A coordinare le attività, con solerzia e zelo durante tutta la manifestazione, è stato il responsabile regionale, dei “Giochi della Gioventù”, il fiorentino Emilio Pisani. Tra i presenti anche tanti personaggi del pugilato di casa nostra: il gran maestro di pugilato Luigi Tassi (babbo di Luca), l’evergreen Luciano Guerrini, la presidentessa della “Boxe Livorno”, signora Maria Teresa Cirillo. Mario Orsini

'&()*'*"+,(&-$.*!!!


• Forniture nautiche • Materiale per ormeggi (catenarie) • Materiale per fornitura navale e industriale • Cavi acciaio, sintetici e manilla • Materiali da rizzaggio e sollevamento • Legname Sede e magazzino: Via L. Salmi, 17/19 - 57121 LIVORNO Tel. 0586 406420 - Fax 0586 440336 Cell. Fabio 340 6996115 -258 Cell. Claudio 340 6996116 2 8 25


Raccontaci come ti sei avvicinato alla Kick Boxing. “A dieci anni ho cominciato a fare Ju Jitsu e non ho mai smesso di praticarlo, ma era una disciplina che non prevedeva Lasciate i pregiudizi e gli stereotipi fuo- competizioni, mio padre era stato un puri, leggete questa intervista con la men- gile, così mi mancavano le gare ed a 15 ante libera, e la disposizione d’animo di chi ni ho iniziato Kick Boxing e Full Contact”. La tua è una carriera molto ricca di sucvuol conoscere qualcosa di nuovo. Solo così si può entrare nel mondo della Kick cessi, proviamo a sintetizzarla toccando Boxing e apprezzare uno sportivo come le tappe più importanti. “Finito il militare ho ripreso a fare sport Massimo Rizzoli. Lo scrivo perché credo anch’io di aver a tempo pieno e sono diventato Campioavuto inizialmente un approccio sbaglia- ne Italiano 2a serie, a 21 anni e l’anno doto, ma che nel corso dell’intervista si è po Campione Italiano 1a serie. A 23 anni ho vinto la selezione per i tramutato grazie alle parole che Massimo ha saputo trovare, dimostrandosi una Campionati del Mondo ed ho vinto anpersona intelligente. Il difficile è ora, per che i Giochi del Mediterraneo. A 24 anni è arrivata la medaglia d’ora me, trasmettere questo messaggio sulla carta stampata, per far capire che la Kick di Campione del Mondo. Quell’anno soBoxing non è uno sport violento, certo si no passato al professionismo e a 25 anni combatte, ma con delle regole da rispet- ho vinto il titolo europeo dopo solo 4 intare e nessuno pensa ad insegnare l’ag- contri, e l’ho mantenuto per due difese, sempre in quel periodo ho vinto il titolo gressività. La Kick Boxing è una disciplina sporti- Mondiale di Full Contact che si svolse a Liva, una passione come tutte le altre, an- vorno e che ho conservato per un anno. A 26 anni sono passato alla Kick Boxing che se non è facile da far comprendere a che vedevo come una specialità un po’ chi è lontano da questo mondo. Dunque abbandonate pregiudizi e ste- più difficile, con la quale volevo misurarreotipi se avete deciso di continuare a mi e poi mi dava la possibilità di confronleggere e seguitemi in questa conversa- tarmi anche con atleti asiatici. Sono dizione con il pluricampione Massimo Riz- ventato subito Campione del Mondo, ho combattuto un po’ in tutti i 5 continenti, zoli. ed e ho mantenuto il titolo fino a 37 anni. A 38 ho dato l’addio alle a competizioni”. Hai combattuto anche in altre specialità? “Sì, ho fatto 3 incontri nel n Valetudo una specialità arrivata dal Brac sile s che permette di colpire p anche quando uno è a terra e poi ho vinto ili titolo mondiale a 29 anni nella Shoot Boxe e a per p due anni di seguito ho h vinto il Golden Dragon, e a 32 anni il titog lo mondiale nella Boxe Titolo mondiale contro Nuno Neves Thai”. T

Massimo Rizzoli pluricampione di Kick Boxing e non solo

259

Valetudo ad Oktagon Millenium

Dopo esserti ritirato hai partecipato ad un altro combattimento? “Un anno e mezzo fa, a 40 anni e mezzo mi hanno chiesto di combattere contro Artur Tozlyan un russo di 24 anni, all’epoca il più forte nella Kick Boxing. Ho accettato la sfida e sono stato sconfitto. La cosa curiosa, se così vogliamo chiamarla, è che dei tre arbitri quello croato mi ha dato la vittoria, mentre i due italia-

in allenamento con Ernesto Hoost.psd

IAKSA: International Amateur Kick Boxing Sport Association

IAKSA: International Amateur Kick Boxing Sport Association


260


ni hanno votato per un pareggio con preferenza al russo e così è stato dichiarato lui vincitore del titolo. Per quanto mi riguarda ritengo sia stato un match molto equilibrato e il giudizio di una mia vittoria di stretta misura è quello che mi vede più d’accordo, ma Tozlyan è un grande atleta e porta con merito la cintura di campione”. Oggi come si svolge la tua attività? “Sono tecnico federale e alleno la nazionale italiana. Siamo stati a Belgrado ai Campionati del Mondo dilettanti dove abbiamo vinto 7 medaglie nei diversi “colori”. E poi sono manager di professionisti. Da 15 anni ho fondato l’associazione Rendoki che in cinese indica l’energia

Prima della riunificazione mondiale

alleniamo e abbiamo delle regole che rispettiamo. È uno sport leale e onesto. Giudico molto più violente l’ipocrisia e l’indifferenza. Duro, crudo, con l’obbligo di affrontare e superare infinite paure senza scappare ma, ripeto, uno sport leale e onesto”. È considerato uno sport individuale? “È individuale nel momento della gara, ma nello stesso tempo è di squadra perché per allenarti ti serve un’altra persona, possibilmente sempre diversa. In questo sport si crea un forte spirito di squadra, perché quando uno di noi combatte tutti vengono a vederlo, dimostrando così amicizia vera. Rispettare i propri compagni considerandoli vitali per la propria crescita. Questo è quanto”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì. Voglio chiedere due favori. Il primo a chi giudica queste specialità senza conoscerle. Avvicinati e impara a guardare dentro alle cose. Scoprirai un mondo particolare e meraviglioso e potresti finire con l’apprezzarlo. Il secondo favore lo chiedo ai tecnici e agli atleti che praticano sport del ring. Smettete di fare in modo che l’opinione generale pensi che siamo dei decerebrati capaci di usare solo le maniere forti, con livello culturale azzerato e viziati al punto di prendersi la ragione con le cattive. Dimostriamo al mondo che il viaggio all’interno di un uomo passa attraverso una palestra, un ring ed un paio di sacchi dove portare calci e pugni”.

Riunificazione

261

IAKSA: International Amateur Kick Boxing Sport Association

Rizzoli al K-1

dell’uomo che combatte d e gestisco la palestra che porta questo nome e si trop vva in via Grotta delle Fate a LLivorno. Inoltre, ho creato metodiche di allenamento m cche oggi insegno ai tecnici di tutto il mondo”. d Quindi hai viaggiato molto e hai imparato le linm gue? g “Sì, conosco l’inglese, aabbastanza il francese, un po’ di spagnolo e un po’ di p rrusso. Ho viaggiato un po’ iin tutto il mondo, ma i luoghi che più mi sono piaciug tti sono stati la Grecia e la TThailandia”. Come si possono avvicinare i bambini a questo sport? Fin dai quattro anni possono iniziare con il Ju Jitsu, a 7 anni possono fare anche Kick Boxing. Si tratta di uno sport molto educativo, che ti insegna ad accettare vittorie e sconfitte e ti dà una formazione che ti serve ad affrontare la vita, sviluppa la personalità, quella vera e non quella indotta per diventare merce nella merce. Sono convinto che non esista uomo migliore del combattente da ring con cervello e cultura. Credo che andrebbe insegnato anche nelle scuole”. Cosa rispondi a quelli che ti accusano di praticare uno sport violento? “Violenza è quando si fa qualcosa ai danni di un altro, noi siamo sportivi, ci


262 26 262


Lo sport della Pallapugno, pugno a lungo denominato come Pallone Elastico, non vanta tradizioni particolarmente significative in Toscana, in quanto la disciplna si è sviluppata soprattutto in Liguria e Piemonte, mentre negli sferisteri del Gran Ducato l’interesse degli spettatori era principalmente concentrato sul Tamburello e sul Pallone a Bracciale, specialità dove Livorno in passato, tra la fine degli anni’30 e la prima metà degli anni ’40, fu ai vertici nazionali. A ricordarci questa disciplina, che dopo un lungo oblio, sta cercando di rilanciarsi, praticata nelle Marche, Romagna, Toscana e Piemonte, resta in piazza Orlando lo Sferisterio, l’Arena

Astra, allora intitolata a Giovanni Marradi, che ora ospita il Circolo Ricreativo degli ex Cantieri Orlando. A Livorno si è iniziato a parlare di Pallapugno,

o come allora veniva chiamato chiamato, di Pal Pallone Elastico, attraverso la sua versione leggera, praticabile in palestra, verso gli inizi degli anni 80 grazie alla Scuola Elementare di Guasticce, che prese parte, ottenendo brillanti risultati, ad alcune manifestazioni nazionali promosse dalla Federazione nell’ambito dei Giochi della Gioventù. Mancando però del tutto un presidio federale sul territorio labronico, l’esempio di Guasticce rimase isolato e così per qualche tempo non si seppe più nulla della disciplina. Verso la seconda metà degli anni ’90 la pratica del pallone elastico leggero, poi divenuta pallapugno leggera, è riapparsa a Livorno e provincia, come iin altre province toscane, atttraverso i Giochi Sportivi Stud denteschi, nelle Scuole second darie di I e II grado. Così, proprio nell’ottobre 2 2007, Livorno è stata per un g giorno la capitale di q questo sport ospitand do il Criterium Nazion nale Studentesco jun niores, valido come 1a edizione del Trofeo Città C di Livorno. Fino ad ora, dunque l’attività l svolta dalla l FIPAP nella provincia livornese è solo scolastica e promozionale, ma presto cominceranno a sorgere le prime società.

263

F.I.P.A.P.: Federazione Italiana Palla A Pugno

La pallapugno a Livorno


264


Grande storia della ella dama labronica e i suoi campioni mondiali

Ci sono sport, la maggior parte, in cui prevale la forza dei muscoli del corpo, ce ne sono altri in cui i muscoli in movimento sono quelli cerebrali, ma che richiedono un impegno e un notevole sforzo anche fisico. Tra questi il gioco della dama, come pure quello degli scacchi, del bridge et similia. Questi sport sono, per certi versi, sottovalutati ma, credete, sono da consigliare a tutti, piccoli, grandi e anziani. La dama è il gioco più praticato e conosciuto d’Italia. Un tempo la “damiera” era presente in ogni famiglia e padri e nonni giocavano spesso con figli e nipoti. Un luogo classico dove si trovava sempre una damiera era il salone del barbiere. Oggi, con l’avvento del progresso, la dama è in parte andata in disuso come gioco di massa, sostituita fra i giovani dai giochi elettronici. Ma, comunque, esiste una Federazione sportiva il cui scopo è l’esercizio del gioco e della sua divulgazione. È la Federazione Italiana Dama (F.I.D.) fondata nel 1924 e strutturata come ogni organizzazione sportiva. Dal 1993 è riconosciuta dal Coni e conta oltre 42.000 associati e ogni anno, oltre a centinaia di gare, si svolgono campionati delle più svariate discipline e categorie. Quello che, a livello internazionale, penalizza la dama è la sua frammentazione in tanti regolamenti diversi nelle varie nazioni in cui si pratica: abbiamo, infatti, la dama italiana, quella inglese, la spagnola, la russa, la turca, la polacca ecc. Troppe!! Anche se poi, per far sì che i giocatori delle varie nazioni possano affrontarsi ne viene adottata una, una specie di esperanto, chiamata appunto “internazionale”. Comunque, qualsiasi sia il tipo di dama

giocata una cosa hanno in comune: si può giocata, giocare a qualsiasi età, come richiama il titolo di un famosissimo libro: La dama spiegata ai ragazzi dagli 8 agli 80 anni. Pensate che all’ultimo campionato italiano assoluto appena concluso, torneo che vede confrontarsi i migliori giocatori della penisola, erano presenti, fra i 20 finalisti, Francesco Gitto di Cosenza (16 anni) e Antonino Maijnelli di Messina che di anni ne ha ben 76 e che ha disputato il suo primo campionato assoluto nel 1958! E da allora è sempre stato considerato uno fra i migliori in assoluto, vincendo oltretutto 3 volte il titolo nel 1965, 1966 e 1989, quest’ultimo ben 23 anni dopo il precedente. In quali altri sport questo potrebbe essere possibile? Altra meravigliosa caratteristica di questo sport, la più importante sul piano sociale, è che la dama non è preclusa ad alcun portatore di handicap ed, anzi, mette tutti sullo stesso piano senza dover per questo fare “campionati riservati”. Ma se tutti possono giocare a dama, ovviamente non tutti possono diventare “campioni”. Come per ogni sport è necessario avere “attitudine”. Per giocare a dama quali attitudini occorrono? Vediamone alcune: passione, memoria, capacità di elaborazione, intuizione, fantasia, pazienza e, da non trascurare, vero spirito sportivo e assoluta indifferenza ai facili guada-

gni Qui non ce ne sono, sono per nessuno, nessuno ulgni, timi o primi che siano. Ma quanta soddisfazione c’è in quella stretta di mano che, comunque vada il risultato, si dà all’avversario di turno, prima e dopo la partita!!. E quella medaglietta e coppa portate a casa nelle occasioni migliori valgono più di tanti soldi guadagnati con doping, compravendite e quant’altro sta purtroppo accadendo in tanti sport. Veniamo ora alle origini del gioco della dama: le ricerche archeologiche hanno confermato che già molti secoli prima dell’era cristiana esistevano giochi con la damiera (tavola) e le pedine, addirittura si trovano tracce nel 5.000 a.C. circa negli scavi della città di El-Mahash, in Egitto. Nel museo etrusco-gregoriano del Vaticano si trova un’anfora di Exekias (datata 530-525 A.C.) in cui sono raffigurati Achille e Ajace che, seduti, giocano a dama. Fu tuttavia intorno all’undicesimo secolo, in Francia, che si iniziò a sviluppare un gioco molto simile a quello moderno. Ma fu poi la Spagna che ne influenzò l’evoluzione e fu sempre in Spagna che comparve il primo libro dedicato al gioco della dama a cura di Antonio de Torquemada. In Italia le prime tracce del gioco risalgono al quattordicesimo secolo ma, per un gioco tipicamente italiano, bisogna attendere il sedicesimo secolo col manoscritto di Ulisse Aldrovandi, anche se il primo vero t trattato di dama in Ital fu ad opera del dotlia t tore fiorentino Cesare M Mancini del 1830, ment quello storicamentre t più noto è del 1837, te a autore l’Abate Michel langelo Lanci. Nell’ambiente della d dama, da un estremo a all’altro della Penisola, ili parere è unanime: la r roccaforte della dama è Livorno. Parlare di Livorno d damistica significa rip percorrere la storia dell Federazione Italiala n Dama, fondata nel na 1 1924 e che già l’ann successivo annoveno r rava fra i primi circoli i iscritti, proprio quello Miki in simultanea contro alcuni ragazzi ai GSS l labronico.

265

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

La dama a Livorno


267

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

L Un paio di anni di ambientamento in L’unico modo per p potergli far sape- questa categoria che raccoglie pochi eletti r quale mossa, e poi inizia a vincere un campionato assore o ogni volta, face- luto dopo l’altro:1992, 1993, 1995, 1997 e v l’avversario di poi tutti dal 1999 al 2005 compresi. Un veva t turno, era quel- ro fenomeno della damiera, riconosciuto lo di dirgli le “co- anche nei paesi in cui la dama è consideo ordinate” del mo- rata uno sport a tutti gli effetti e i migliori v vimento della pe- rappresentanti sono professionisti. d Michele viene anche invitato, unico itadina. Sapendo che la liano nella storia, a far parte di una squadra d damiera ha 32 ca- olandese, paese dove si gioca un altro tipo s selle attive e che di dama, quella a 100 caselle, denominao ognuna di que- ta “internazionale”. Borghetti si è dimostras è contraddi- to un vero “mostro” anche in questo sisteste s stinta da un nu- ma di gioco dove, pur giocando raramente m mero, a Miche- e disputando pochissimi campionati, vinle veniva comu- ce 3 titoli assoluti abbinandoli, cosa unica n nicata ogni volta nella storia della Federazione, per ben due la mossa effet- volte al titolo assoluto a sistema italiano Michele Borghetti premiato in un torneo a Pontedera tuata dall’avver- (2004 e 2005). Fatto sta che Michele si reE da allora Livorno è sempre stata sul- sario, ad esempio 22-18. Questo signifi- ca in Olanda e vince, anche nei Paesi Basla breccia in tutto ciò che concerne que- ca che l’avversario aveva spostato la pro- si, altri 3 campionati. Un vero idolo anche sto sport della mente, troppo spesso sot- pria pedina dalla casella 22 alla casella 18; in una delle patrie della dama a 100 caselil nostro rappresentante dava la sua rispo- le. Ma anche in Russia, vera patria dei giotovalutato. Diamo una scorsa, piuttosto lunga per la sta con lo stesso meccanismo senza pe- chi da tavola, il suo nome è famoso. Piero Piccioli vinse invece i suoi 7 titoverità, ai risultati ottenuti in campo agoni- rò vedere e la sua mossa veniva effettuastico, arbitrale, problemistico e organizza- ta dall’arbitro. Un media di circa 30 mos- li nel 1951-54-56-58-59-60 e 67, un vese a partita e quindi un numero di mosse ro “campionissimo”, come veniva definito. tivo. Dal primo campionato italiano assolu- impressionante nel computo totale delle Peccato che la sua dipartita (1987) e l’inizio to svolto nel 1925 ad oggi ci sono state 23 partite che alla fine, Michele, lasciando dell’attività da parte di Michele (stesso an71 edizioni: di queste ben 25, e quindi ol- strabiliati gli astanti, ha ripetuto a memo- no) non abbiano permesso un confronto tre un terzo, vinte dai livornesi. Ben 11 da ria, una per una. Oltretutto, nelle 23 par- fra questi due immensi giocatori. La morMichele Borghetti, considerato unanime- tite giocate, Michele Borghetti ha ottenu- te del Piccioli e l’inizio dell’attività da parte mente il più grande giocatore della sto- to ben 17 vittorie, 6 pareggi e nessuna (!) di Borghetti sembrano quasi una scelta del ria della dama; poi Piero Piccioli con 7, Ne- sconfitta, facendo 40 punti sui 46 in palio destino, quella di creare fra i due un’idealusco Botta e Antonio Coppoli con 2, Ren- (2 punti per ogni vittoria e 1 per ogni pa- le staffetta. Oltre ai già citati campioni italiani aszo Ambrosi, Manlio Ganni e il piombinese reggio. Un record straordinario, superiore a qualsiasi aspettativa anche nel risultato soluti ricordiamo Nelusco Botta, Antonio Claudio Ciampi con 1 titolo assoluto. Michele Borghetti nato nel 1973 e Piero finale, se si considera che per l’omologa- Coppoli, Renzo Ambrosi, Manlio Ganni e Piccioli nato nel 1912 e deceduto nel 1987, zione del record erano sufficienti 33 punti. Claudio Ciampi. Ci sono molti altri i giocaCome si diceva Michele Borghetti, nato tori di alto livello che, pur non avendo mai sono di gran lunga i giocatori italiani più titolati. Il giovane Michele, in totale, ha vinto nel 1973, ha vinto ben 31 titoli italiani in vinto il titolo individuale assoluto hanno ben 31 titoli, considerando anche le varie poco più di 15 anni di gioco; attualspecialità (a squadre, internazionale, lam- mente si è preso una pausa di riflessione anche perché, ahimè, le sodpo, semi-lampo, soluzionistica). Dopo i 25 titoli assoluti di dama italiana disfazioni sono state tante ma, a lidi Livorno, a notevole distanza, troviamo vello economico, vincere un titolo Roma con 8 e Milano con 6; a seguire Sa- comporta avere in premio una piccola medaglia d’oro e una coppa. vona, Mantova e Verona con 5 ecc. Per Michele Borghetti, come accenna- Nient’altro! Aveva iniziato, giovanissimo, nel to, è unanime la definizione di più grande giocatore nella storia della dama, non so- 1987 e da allora è stata una contilo per il numero dei titoli vinti, ma anche nua ascesa. In 2 anni esplode la sua per il prestigioso record mondiale stabili- immensa capacità tecnica e così, da to nel 2003 quando giocò bendato contro semplice debuttante, raggiunge la più alta categoria consentita: quelben 23 avversari. In pratica giocò queste 23 partite, in si- la di Maestro, categoria nella quale Gianfranco Gi f Borghetti B h tti coll grande d Gianni Gi i Rivera Ri multanea, senza poter vedere la damie- debutta nel 1990 vincendo tornei in e col Presidente della F.I.D., On. Renzo Tondo exPresidente della Regione Friuli ra in quanto girato di schiena e bendato. tutta Italia.


• Progettazione giardini • Manutenzione del verde condominiale • Pulizia e taglio erba • Potature piante basso e alto fusto e alberi da frutto • Impianti d’irrigazione e microirrigazione


269

organizzativi di un tempo. Questo grazie alla preziosa opera di diffusione del gioco garantita dai vari Simone Ghezzani, Giuseppe Amoroso, Massimo e Massimiliano Boldrini, Alessandro Borgiotti, Andrea Cardosi, i già più volte nominati Michele e Gianfranco Borghetti, Franco Manetti e Mauro Giusti, stimatissimo Fiduciario Provinciale. Qualcuno però va ricordato ancora: i grandi problemisti livornesi, quelli cioè che poi troviamo con i loro lavori sulla Settimana Enigmistica e giornali simili: alcuni di loro hanno vinto più volte il campionato italiano problemisti compositori: ricordiamone alcuni: quello che a nostro parere è stato il più grande Aurelio Cucciolini, ma anche Ranieri Foraboschi. Armido Mencacci e tanti tanti altri. Ruoli importanti, nelle varie discipline – arbitrali, organizzative, agonistiche – hanno ricoperto anche i vari Otello Bellagotti, Benito Vaglini, Danilo Magnani, Virgilio Padoan, Nello Pescioli, Leonardo Ales, Primo Banti, Otello Lavoratori, Valentino Bimbi, Renè Cavallini, Lionello Pratali, Ilio Meozzi.

Sfida in famiglia

Decine e decine, per non dire centinaia, sono i giocatori che nel corso degli anni hanno frequentato con ottimi risultati l’ambiente damistico livornese e molti di loro non sono stati citati per mancanza di spazio. Nel frattempo, grazie anche alla Circoscrizione 1 e al suo Presidente Gulì, la dama è tornata nelle scuole e questo permetterà, si spera, di avere quel cambio generazionale che possa permettere di seguire la scia luminosa dei nostri grandi Campioni. La scia tracciata da tanti campioni, ma soprattutto da Michele Borghetti e da Piero Piccioli. Ed è a questo obiettivo che il Circolo Damistico Livornese e i suoi dirigenti stanno puntando. Perché a Livorno di continui a parlare di dama, dopo oltre un secolo dal suo “debutto”. E se ne parli in termini da primato.

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

ta 11 vittorie con i vari e già citati Manetti, Ciampi, Fantozzi, Bertini, Benito Gennari, Piero Piccioli, Gianfranco Mariani, Piero Greganti, Michele e Gianfranco Borghetti. Più volte sono state modificate le formule per tentare di arginare la supremazia labronica, ma niente è riuscito a fermarla. Dopo le 11 edizioni vinte da Livorno, vengono le 2 di Venezia e Cagliari e una ciascuna di Prato, Roma e Latina La storia damistica livornese non è fatta solo dai giocatori; enorme è stato anche l’apporto organizzativo che ha permesso di svolgere nella nostra città manifestaF M tti Franco Manetti zioni ricordate con simpatia e nostalgia da ottenuto grandi risultati a livello naziona- tantissimi giocatori italiani. Fondamentale. Un nome su tutti: quello di Franco Ma- le è sempre stata la presenza della Comnetti, vincitore di ben 11 titoli assoluti a pagnia Portuale nei cui locali si svolgeva la squadre, anche questo record assoluto. gara più famosa d’Italia, una specie di MiDa notare che Manetti, nonostante l’età lano-Sanremo del ciclismo. La dirigenza di ancora giovane (quasi 60 anni) gioca da allora, col suo storico Console, Italo Picciben 45 anni, ed è, da anni, l’allenatore pre- ni, non faceva mai mancare l’apporto ecoferito da Michele Borghetti. nomico e questo permetteva di organizzaGianfranco Mariani, Mario Vestri, Arturo re gare di altissimo livello. Si ricorda la prie Benito Gennari, Libero Coresi, Ivo Bertini, ma grande manifestazione svoltasi in via Marcello Fantozzi, Alessandro Malotti, Gui- San Giovanni, nel 1963, col giovane Condo Greganti e Gianfranco Borghetti sono sole eletto da pochi mesi e che già amaaltri validi Maestri livornesi. Quest’ultimo, va frequentare il circolo damistico situato oltre ad essere Maestro anche nel sistema al primo piano del glorioso palazzo, laddointernazionale ha dalla sua una gamma di ve ora, ben altre sono le esigenze e le pre“specialità” essendo anche arbitro interna- senze. zionale e Presidente Nazionale della ComUn grande merito di questa collabomissione Tecnica Federale, oltre che Pre- razione della Compagnia Portuali andasidente di questo glorioso circolo fin dal va ascritta agli storici organizzatori Man1983. sueto (Corrado) Francalacci, al suo braccio Nonché, per finire, vincitore di ben 9 ti- destro Otello Pistolesi e a quel Renzo Paci toli italiani, di cui uno a squadre nel 1999. che, a distanza di quasi 50 anni, continua a E, a proposito di vittorie a squadre, si ca- dare il proprio prezioso contributo. pirà ancora di più la stragrande supremaUn’altra grande gara è stata organizzia di Livorno - e provincia - in questa atti- zata a Livorno a metà degli anni ’80, gavità: nella ultime 18 edizioni Livorno van- ra che detiene, a tutt’oggi, il record di pres senze con quasi 220 giocator provenienti da tutta la peniri s sola, nonostante una bufera di n neve che si era abbattuta su tutt il Nord-Italia. Ma le cose belle to n durano mai in eterno e conon s col passare del tempo e nosì, n nostante i nostri grandi e mag ci campioni, certe manifegnifi sstazioni di simpatia sono andatte sempre più scemando e sul p piano organizzativo Livorno è sscesa di molti gradini. Pazienza! A Attualmente il Circolo Damisticco livornese ha trovato una calo lorosa accoglienza presso il CirGianfranco col Prof. Honsel - Magnifico Rettore colo dell’A.T.L, in via delle Galere dell’Università di Udine - per molti mesi ospite di e, piano piano, si stanno gettanFabio Fazio a “Che tempo fa”, (fra parentesi, gli stavo spiegando il meccanismo del calcolo della data) do le basi per ritornare ai fasti


Roberto Scotto con Ruggero Ruggeri, rappresentante della Federazione Sport Invernali

Dopo oltre 250 pagine che parlano di successi sportivi e campioni, concludere l’Almanacco non è mai un compito facile. L’emozione che questo volume ogni anno riesce a darmi è molta. Potete immaginare come mi sento ogni volta che lo vedo finalmente stampato, dopo tanta fatica ed impegno. Una pubblicazione che ho fatto nascere più di vent’anni fa e alla quale ho sempre lavorato con maggior interesse e determinazione per creare un prodotto ogni anno sempre più professionale. Questo non solo per la passione verso il mio lavoro che mi spinge a fare sempre meglio, ma anche per un doveroso tributo alla città di Livorno e ai suoi sportivi, unici in Italia per numero e qualità. L’orgoglio di pubblicare l’Almanacco dello Sport viene anche dal fatto che nessun altra realtà nazionale e probabilmente internazionale, potrebbe mai realizzarlo perché priva di quel materiale umano

che invece noi livornesi possediamo. Lo abbiamo già detto tante volte e con soddisfazione possiamo continuare a ripeterlo: siamo i migliori in campo sportivo, ogni disciplina è rappresentata, ed il nostro medagliere non ha concorrenti. Ultimamente è stato affermato dagli addetti ai lavori che a Livorno, rispetto alla densità della popolazione, vi sono più impianti che in qualsiasi altra città. Dunque l’Almanacco è, per tutti questi motivi, una pubblicazione unica in tutta Italia e di questo ne vado particolarmente fiero. Arriva sempre alla fine il momento dei ringraziamenti, che non devono essere interpretati come una stanca routine, una di quelle cose che vanno semplicemente fatte. Vi garantisco che in questo caso i miei ringraziamenti sono sinceri e sentiti. Se me lo permettete vorrei cominciare dalle mie due collaboratrici, la giornalista An-

271

tonella De Vito e la grafica Isabella Scotto, che dallo scorso anno mi affiancano in questa avventura mettendoci tutta la loro professionalità e tanta determinazione, perché vi garantisco che dare alle stampe l’Almanacco è un grosso impegno. Quando la pubblicazione è nata si occupava di sport amatoriale, ma nel tempo gradualmente si è rivolta al professionismo grazie alla collaborazione dei presidenti delle federazioni, che ogni anno si impegnano a fornire il materiale riguardante le loro specialità e i loro campioni; un grazie al presidente del Coni Gino Calderini che non ci ha mai fatto mancare il suo appoggio; un grazie agli Azzurri d’Italia e al suo presidente Rodolfo Graziani, uomo dalle inesauribili risorse ed energie che sempre ci ha accompagnato nel nostro cammino; ed infine grazie agli sportivi livornesi di tutti i livelli e naturalmente anche a tutti gli appassionati di sport. Con piacere salutiamo l’ingresso, avvenuto quest’anno, dei Veterani dello Sport che si sono uniti all’Almanacco con le loro importanti ed interessanti iniziative, grazie all’entusiasmo del presidente Cesare Gentile. Questo è un anno particolarmente importante per tutti noi, infatti, con trepidazioni stiamo aspettando l’apertura dei giochi olimpici di Pechino. Il nostro pensiero va agli sportivi livornesi che vi parteciperanno facendosi onore. Un evento che non mancheremo di seguire, certi delle emozioni che ci farà vivere. Dunque il mio appuntamento è per il prossimo anno, quando con la nuova edizione dell’Almanacco potremo parlare di olimpiadi e festeggiare tutti i nostri campioni labronici. Inoltre per celebrare l’atleta che nel 2008 si distinguerà per le proprie imprese sportive, stiamo ideando una scultura-trofeo che possa opportunamente ricordare e sottolineare i successi ottenuti, che, ne siamo certi, saranno veramente grandiosi.

Roberto Scotto

Ringraziamenti

Una tradizione che dura da oltre vent’anni, unica nel panorama sportivo italiano


Indice Commerciale

Indice Commerciale

Un grazie particolare a tutti gli sponsor che hanno reso possibile la pubblicazione e la distribuzione gratuita “L’Antico Egitto di Nefer” - Scuola di Danza del ventre ...112 4 Ruote - L’autoidea ................................................142 A.S.D. Karate Livorno ...............................................132 Abate Movimento terra ............................................10 ACI Livorno Automobil Club d’Italia ..........................54 Agostini srl ...............................................................88 AICA ACAM ..............................................................184 Amaranto Traslochi .................................................260 Amedeo s.r.l. ...........................................................258 Arca Assicurazioni .....................................................20 Aretusa Costruzioni srl ............................................154 Associazione Ginnastica Livornese ............................98 Automatic - ConcessionAria.......................................18 Baracchina bianca - Elba bike ....................................68 Baracchina Bianca - Pallanuoto ...............................130 Baracchina Bianca - Rugby ......................................172 Baroncini Nello dal 1931 ........................................158 Bartolozzi - Costruzioni edili ...................................200 Bi.Emme Elettronica..................................................36 Biscottificio Pannocchia ..........................................212 Bozzi - Meccanica di precisione ..............................162 Caffè Smeraldo ..........................................................80 Capraia Isola .............................................................32 Carletto Moto ..........................................................230 Carrozieri Riuniti .....................................................224 Carrozzeria Franchi ..................................................256 Carrozzeria La Stazione ...........................................232 Cartolandia .............................................................102 Catarsi Serramenti ....................................................74 Circolo Polisportivo ARCI La Rosa ............................104 Circolo Tennis D.L.F ..................................................204 Co.E.Ci. - Transoil .......................................................86 Co.M.Ed.A. srl - Pavimenti rivestimenti ...................220 Complesso Le Ali .....................................................206 Conad Kasmene ........................................................78 Contar Costruzione Teloni .......................................210 CTS - Carpenteria, tubazioni, saldature ...................166 Di Biagio Elio - Cambio olio .....................................190 DTD Terminal Darsena Toscana .................................26 Ecomar Italia spa ........................................................8 EM Eurometallica srl ...............................................150 Enzo e Luca Coiffeurs ................................................46 Erre Ti Rame ............................................................174 Etrusca New Garden Line ..........................................90 F&M di Mariottini - Macchine caffè ........................100 Falaschi Moto snc ...................................................234

Fratelli Bernini Officina ...........................................200 Fratelli Niccolini Officina .........................................196 Fratelli Santucci srl ...................................................66 Fratelli Venuta snc Autodemolizioni .......................228 Galleria Smeraldo Centro Commerciale ....................76 Gastropizzicheria Marinari ......................................160 GFB dal 1983 ..........................................................192 Gigoni Arreda ...........................................................56 Gioielleria due ee ......................................................30 Hallite - Guarnizioni industriali ...............................186 Ianda Paolo - Impresa edile ....................................226 Idea Sardegna .........................................................156 Il bello delle donne - Parrucchiere unisex ...............106 Il Colibrì Tabaccheria ...............................................254 Il Sole e la Luna - Bar - Ristorante - Pizzeria ............236 Il Sorriso - Panetteria, pasticceria ............................118 Il Sottobosco - Giardinaggio ...................................268 Il Velodromo..............................................................62 Imballaggi 2001 srl ................................................120 Impianti sportivi “La Gabbia”...................................222 Ippodromo Caprilli ...................................................14 ItalG - Coperture & Architetture metalliche ............164 J&J Moto Multimarche ...........................................238 L.M.C. Manetti srl - Grastronomia ...........................214 L’Isonzo Società Cooperativa ...................................248 La Dimora Immobiliare .............................................44 La Maison Ottica Gioielleria ......................................12 Labromare.................................................................34 Labronica Elettromeccanica - Officina .....................216 Landi - Pavimenti, rivestimenti ...............................188 Lelli srl - Officina meccanica ...................................168 Livorno Serramenti ...................................................52 Ma.Ca.Ba. Edilizia Industriale .................................176 MA.RE.A. - Arredamenti ..........................................170 MaFa - Elettrauto ....................................................218 Maffi - Officina ortopedica .....................................182 Magia Abbigliamento ...............................................82 Marcello Cerretini Officina Carrozzeria ....................266 Maricar Carrozzeria....................................................58 Merj Store - Abbigliamento .......................................94 Meucci Gioielleria - Premiazioni ...............................38 MG Officina Centro revisioni ...................................122 Nigiotti - Distribuzione bevande e alimenti ............116 Nuoto Livorno Piscina .............................................114 Oasi del lavasciuga ....................................................46 Oasi Spondone ............................................... 240-241

Oasi Spondone - Lago di Stigliano ..........................246 Oasi Spondone - Le Scuderie ..................................242 Oasi Spondone Ristorante ......................................244 Oleo Impianti s.a.s. .................................................124 Oleo Ricambi snc ....................................................126 Ortopedica Michelotti .............................................178 Ottica Lilla ...............................................................146 Ottica Modì .............................................................190 Ozzys Impresa di Pulizie e Servizi ...........................144 Palestra Popeye .......................................................140 Pantagruel ................................................................48 Passuello Biciclette ...................................................64 Perullo C.P.S. srl ........................................................40 Piscine - Irrigazione.................................................128 Pizzeria Da Cecco ....................................................260 Playpas Morrone Pneumatici ....................................60 Pony Pizza 2 ............................................................152 Porto di Livorno 2000 .................................................6 RAAN Global - Servizi di supporto ...........................250 Ricci Marmi .............................................................202 Ristorante Pizzeria 10+10 “2” ...................................72 RTM - Rossi Tecnologie Meccaniche srl ...................194 S.A.T. - Servizi automobilistici .................................266 Safety Car Auto Multimarche ....................................28 Scotto Pubblicità ....................................................270 Sergio Gomme ........................................................262 Settimo Cielo - Istituto di bellezza...........................110 Simonetti Carrozzeria ..............................................132 SNIAP srl .....................................................................4 Soing - Gestione noleggi ........................................264 Solari & C. Antincendio ...........................................208 Spiaggia La Siesta ....................................................96 Star Light Dance Studio ..........................................108 Stefanini Caffè ...........................................................70 Succi Termoidraulica ...............................................252 Superfici Pavimenti - Rivestimenti ...........................50 Tecno Grafica Tuto per il party ................................148 Telepoint Telefonia ...................................................84 Trattoria “In Caciaia” ................................................180 Trelleborg - Soluzioni di tenuta .................................92 Una goccia per la vita ...............................................16 Veroni Edilizia..........................................................198 Vetrate Artistiche dal 1980 .......................................42 Vincis S.A.S. .............................................................260 Vitarelli Vito spa .........................................................2

La pubblicità: UTILE per chi cerca, UTILE per chi vuol farsi trovare! 272

Profile for scottopubblicita

Almanacco 2007  

Almanacco 2007  

Advertisement