__MAIN_TEXT__

Page 1

Provincia di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

Arti Marziali - Lotta - Karate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213

Comune di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

Arti Marziali - Sport da combattimento . . . . 235

Accademia Navale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

Braccio di Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243

CONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

Nuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

Gare remiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

Pallanuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252

Liceo Scientifico Enriques . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

Pallacanestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia . . . . . . . . . . . . . . . 27

Pallavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267

Veterani dello Sport Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

Pesi e Cultura Fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273

Veterani dello Sport Collesalvetti . . . . . . . . . . . . . 59

Pesca da natante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281

Veterani dello Sport Cecina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73

Subacquea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289

Presentazione Almanacco 2016 . . . . . . . . . . . . . . . 76

Rugby . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295

Miss Almanacco dello Sport 2017 . . . . . . . . . . . . . 83

Scherma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307

Automobile Club d’Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85

Equitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329

Diversamente abili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

Tennis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333

Ciclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

Tennis Tavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346

Baseball - Softball . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

Tiro a volo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353

Atletica leggera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133

Tiro con l’arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356

Canottaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145

Triatlhon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363

Canoa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

Vela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371

Danza Sportiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157

FISW . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377

Cronometristi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

Motociclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382

Calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

Pugilato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 394

Calcio da tavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183

Biliardo sportivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407

Ginnastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185

Scacchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413

Football americano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191

Dama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417

Pattinaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197

Indice sponsor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 422/423

INDICE

INDICE

Golf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209 1


Roberto Scotto

U

n altro anno è trascorso, così denso e ricco di avvenimenti sportivi che, grazie agli altrettanto numerosi risultati vincenti, hanno esaltato ancora una volta la nobile tradizione del movimento agonistico labronico. Un talento sfaccettato, poliedrico, un DNA da numeri uno che si riflette nelle moltissime discipline che anche nell’anno passato hanno visto grandi protagonisti gli atleti della città dei Quattro Mori. Tanti successi e altrettanta cronaca da raccontare sulle pagine di un Almanacco dello sport che, nel corso delle stagioni, si è trasformato in uno strumento indispensabile per raccogliere e custodire la memoria di tante imprese, così differenti tra loro ma accomunate da un unico comune denominatore: la livornesità. L’Almanacco è quindi diventato molto di più di una pur voluminosa pubblicazione annuale, articolandosi anche sotto forma di un’ulteriore rivista, l’Almanacco News, resasi indispensabile al fine di ampliare quanto più possibile lo spazio per trattare con merito e pari dignità tutto il vasto panorama dello sport labronico a 360 gradi. Un movimento in crescita costante e progressiva, sia sotto il profilo quantitativo sia sotto quello qualitativo, che ha fatto sì che la visbilità dell’Almanacco si espandesse anche al mondo del web, attraverso le vetrine aggiuntive fornite dal nostro sito, dalla pagina facebook e dal canale youtube appositamente dedicati. Una comunità sempre più al-

largata, accomunata dalla passione per lo sport, sia esso anche solo praticato a livello amatoriale, è quella che ci segue con fedeltà edizione dopo edizione. Sapere che l’uscita dell’Almanacco viene attesa con trepidazione per arricchire la collezione con i volumi relativi alle annate precedenti, essere certi che si tratta di un’ opera fatta con il massimo amore e con altrettanta stima e apprezzamento viene accolta dalla città e dal suo territorio circostante, ci riempie di gioia. Perché, non a caso, il motto della redazione è sempre stato: “Orgogliosi di essere livornesi”. Anche il 2017 ci ha visto così impegnati a seguire i campioni di casa nostra e fare con loro festa, al di là degli straordinari risultati centrati e delle mirabili performance sfoderate in molti casi. Una vera e propria festa dello sport che, ogni anno, ci troviamo a celebrare anche in occasione della presentazione ufficiale della nostra voluminosa pubblicazione. Una cerimonia ufficiale, alla quale tutti gli addetti ai lavori e gli appassionati sono invitati, che viene officiata sempre con modalità e in locations differenti ma che non può prescidere da un angolo di doverosi e sentiti ringraziamenti. Un grazie che non è certo scontato o di semplice facciata, bensì sinceramente sentito, va a tutti i membri dello staff che hanno collaborato alla buona riuscita dell’Almanacco. Dalle nuove entrate di

Il magico team “Almanacco dello Sport”

valore costituite da Andrea Puccini e Nic olò Cecioni, alle conferme sotto il profilo della professionalità e dell’affidabilità di Fabio Giorgi e Andrea Masini. E poi naturalmente un grande e sincero ringraziamento ai collaboratori storici, come Isabella Scotto, Mario Orsini, Michela Demi, Foto Novi, Foto Salvini, Foto Bizzi e Foto Mura. Senza dimenticare una firma come quella di Antonella De Vito, collaboratrice di punta de L’Almanacco, che sino alla passata edizione ha contribuito a promuovere e a far crescere questo volume. Il tutto senza dimenticare ovviamente la ‘materia prima’, vale a dire gli sportivi di città e provincia. Un particolare ringraziamento è poi da rivolgere agli inserzionisti: sia quelli fedeli che rinnovano la loro fiducia anno dopo anno, sia quelli che solo da poco tempo si sono aggregati con il sorriso a questa grande famiglia de L’Almanacco ma che ne hanno già cominciato ad apprezzare i benefici in termini di visibilità e riscontro mediatico sulla loro clientela. Un grazie enorme a tutti loro che, malgrado la congiuntura economica non semplice, credono concretamente nel valore di questa pubblicazione. E grazie naturalmente anche al Coni, alle Federazioni, alle Associazioni sportive, agli Azzurri d’Italia con Rodolfo Graziani e i Veterani dello Sport con Cesare Gentile: soggetti che rappresentano un punto di riferimento per noi e per tutti gli sportivi locali. La medesima riconoscenza va, inoltre, alle istituzioni locali, che ci accompagnanoda anni nella realizzazione di questo ambizioso progetto editoriale: Comune e Provincia di Livorno, Accademia Navale e le Forze dell’Ordine. Il nostro lavoro quest’anno è dedicato alle vittime dell’alluvione del 2017 e ai fantastici “bimbi motosi”. Qust’ultimi, come i nostri campioni, ci hanno fatto sentire “orgogliosi di essere livornesi”.

Il saluto di Roberto Scotto

Il saluto di Roberto Scotto Sempre al fianco dei campioni di casa nostra

3


©

Petergraf


Provincia Il saluto del presidente della Provincia di Livorno Alessandro Franchi

È

con vero piacere che porgo il saluto dell’Amministrazione Provinciale allo staff dell’Almanacco che ogni anno celebra gli sportivi, gli atleti e i personaggi che fanno grande lo sport del nostro territorio. Una provincia che vanta un indice di sportività tra i più alti in Italia e che si colloca saldamente al primo posto tra le province toscane per numero di tesserati e per i per risultati olimpici ottenuti dai suoi atleti. Valori che ci vedono primeggiare in molte discipline e, dato di grande importanza, anche nella partecipazione attiva dei bambini e dei ragazzi. Numeri che testimoniano un impegno diffuso e capillare delle società sportive, nella promozio-

Livorno e il suo territorio primeggiano per indice di sportività in Toscana e in Italia ne della pratica sportiva a tutti i livelli e a tutte le età. Un impegno che emerge nei suoi risultati sportivi grazie anche a pubblicazioni come l’Almanacco, che ci fa conoscere, attraverso le imprese degli atleti, le decine e decine di associazioni e gruppi sportivi locali che continuano ad assicurare a tutti la possibilità di esercitare un’attività sportiva. Una ricchezza irrinunciabile per il nostro territorio, consolidata grazie anche al lavoro di chi si prodiga per garantire il mantenimento in efficienza degli impianti e lo svolgimento di gare e competizioni, dando l’opportunità a tutti gli sportivi, bambini, ragazzi e adulti, di vivere lo sport come appuntamento della loro

quotidianità. Un ruolo sociale, quello dello sport, che dobbiamo sempre sottolineare e difendere come strumento di educazione e di formazione, di integrazione sociale e di valorizzazione della persona. Iniziative come questa aiutano a diffondere l’idea di un’attività sportiva che contribuisce non solo a migliorare il benessere personale ma, soprattutto, a prevenire il disagio e l’esclusione attraverso una pratica sportiva che non può prescindere dal rispetto per l’avversario e dalla correttezza nei confronti degli altri competitori e dei propri compagni. Per uno sport pulito, sano, che rifiuta la violenza e promuovere la partecipazione e l’amicizia.

Provincia di Livorno

Alessandro Franchi Presidente Provincia di Livorno

Le autorità durante l’esecuzione dell’Inno nazionale

5


gioielleria - oreficeria laboratorio orafo • creazioni e riparazioni

Da oltre 40 anni condividiamo le vostre gioie... es t ’ y a N

Scotto Pubblicità Livorno by Isabella Scotto

Nov i

No

t à 2016

Livorno - Via Grande, 160 tel. 0586 219005 www.arteorafa.livorno.it info@arteorafa.livorno.it

Arte Orafa di Silvia Cara

vi t à 2016


Comune Il saluto del Sindaco del Comune di Livorno Filippo Nogarin

I

l prezioso lavoro svolto dalla redazione dell’Almanacco dello Sport ci racconta una verità incontrovertibile: Livorno, sportivamente parlando, è la capitale di’Italia e i risultati sono lì a dimostrarlo. Dopo un 2016 che ha visto gli atleti livornesi eccellere alle Olimpiadi di Rio, il 2017 è stato l’anno della consacrazione per una città che da sempre è ai primissimi posti delle classifiche nazionali per quanto riguarda l’indice di sportività. Pensate che un trofeo di nuoto nobile e internazionale, come il Lombardi - Mussi - Femiano, ha deciso di cambiare casa e trasferirsi a Livorno, portan-

L’Almanacco è una testimonianza preziosa della città dei Quattro Mori come capitale dello sport tricolore do con se alcuni tra i migliori nuotatori del mondo pronti a sfidarsi in una competizione esaltante, che è stata seguita da migliaia di persone sugli spalti. E’ la prova che Livorno ha fame di sport. Di eventi sportivi certo, ma anche di emozioni. Un’esempio perfetto è la mostra del Livorno calcio che abbiamo allestito ad aprile insieme alla società sportiva ai Granai di Villa Mimbelli. Oltre 5mila visitatori in meno di un mese. Segno di un attaccamento alla squadra della nostra città, certo, ma la prova che lo sport può essere uno straordinario veicolo di promozione turistica. Ecco perchè, se il 2017 è stato l’anno della consacrazione, il 2018 e il 2019 saranno gli anni del cambio di passo. Quest’estate il tema scelto per Effetto Venezia sarà appunto lo sport e in questo modo, idealmente inizieremo il cammino che ci condurrà ad ottobre, quando ospiteremo il mondiale master di scherma. Stiamo parlando di 900 atleti in gara, che soggiorneranno in città dal’8 al 14, insieme alle loro famiglie e accompagnati da uno staff tecnico di almeno 3mila persone. Un’occasione unica per Livorno, che dovrà dimostrare di essere quella città accogliente, inclusiva e unica che noi conosciamo bene. E’ chiaro però che lo sport non è e non può certo essere promosso e sviluppato in un’ottica squisitamente economica. Al contrario. Ciò che più conta e che può fare la differenza è il ruolo sociale dello

sport, capace di creare aggregazione là dove si rischia di sprofondare nell’individualismo più spinto e capace di azzerare le differenze di religione, etnia, pensiero politico. Nel corso degli anni Livorno si è dotata di una rete di palestre, piscine, centri sportivi, scuole di scherma, boxe e pallacanestro da fare invidia a mezza Italia. Una rete che diventa fondamentale anche come protezione dai rischi che possono svilupparsi in un momento difficile dal punto di vista economico e occupazionale per Livorno. E’ anche grazie alle associazioni e ai centri sportivi se noi siamo in grado di tenere sotto controllo l’abbandono scolastico e contrastare il disagio giovanile. Lo sport dunque è il tratto che accomuna la Livorno di ieri, di oggi e che caratterizzerà quella di domani. Siamo candidati a capitale europea dello sport 2019 e non potrebbe essere altrimenti. Non tanto e non solo per gli eccezionali risultati internazionali e italiani raggiunti dai nostri atleti professionisti. Ma soprattutto per la varietà di sport che caratterizza la nostra città. Dalla vela al nuoto, dal calcio alla scherma. Uno spettro ampio di attività che meglio di ogni altro ricalca la versatilità livornese.  Per questo il mio augurio quest’anno è ancora più deciso: buon lavoro a tutti coloro che vivono di sport, che credono nei valori alti dello sport e che ogni giorno si impegnano per fare di Livorno la capitale europea dello sport che tutti noi conosciamo e amiamo.

Comune di Livorno

Filippo Nogarin Sindaco di Livorno

7


TI ASPETTIAMO NEI NOSTRI PUNTI VENDITA ED ONLINE SU NENCINISPORT.COM NENCINI SPORT 1 LA CITTA’ DELLO SPORT NENCINI SPORT 2 LIFESTYLE NENCINI SPORT 3 OUTLET NENCINI SPORT 4 BIKE & MOTO NENCINI SPORT MONTECATINI NENCINI SPORT PISTOIA NENCINI SPORT VALDARNO NENCINI SPORT LIVORNO

Via Ciolli 12/14, Calenzano-FI

INFO LINE: 055.88.26.000

Via Ciolli 8/10, Calenzano-FI

INFO LINE: 055.88.26.000

Via Salvanti 47/49, Calenzano-FI

INFO LINE: 055.88.26.000

Via Ciolli 9/15, Calenzano-FI

INFO LINE: 055.88.26.000

Via Fermi 49/51, Montecatini Terme (c/o IperCoop)

INFO LINE: 0572.91.06.11

Via N. Copernico 140, S. Agostino, Pistoia

INFO LINE: 0573.53.42.88

Uscita 25 A1 Autosole, Terranuova B.ni

INFO LINE: 055.91.99.129

Via Firenze 144, Livorno

INFO LINE: 0586.44.46.51


Il saluto dell’Assessore allo Sport del Comune di Livorno Andrea Morini

Andrea Morini Ass. allo Sport Comune di Livorno

O

gni anno l’Almanacco ci da l’opportunità di fare un bilancio dello sport livornese, ed è sorprendente constatare la regolarità con la quale i nostri concittadini e le nostre concittadine sappiano affermarsi nelle discipline più diverse. Mettere in fila tutti i successi degli atleti livornesi è praticamente impossibile, ma non posso non ricordare il 2017 di Irene Vecchi che dopo aver conquistato, nella sciabola, la medaglia d’oro a squadre agli europei in Georgia, si è poi confermata ai mondiali di Lipsia, oro a squadre e bronzo individuale. Un vero e proprio capolavoro sportivo di una ragazza nemmeno trentenne, che nel suo palmares conta già due ori europei, un oro mondiale e sette bronzi. Cosa dire poi di Gabriele Detti? Dopo aver stabilito a Riccione il record italiano 400 metri stile libero, consegnando alla storia il tempo di Massimiliano Rosolino, ai campionati mondiali di Budapest si è aggiudicato il bronzo sempre nei 400 stile ma soprattutto l’oro negli 800 metri, stabilendo il nuovo record europeo.

Successi internazionali che gli atleti labronici non sarebbero stati in grado di conseguire se dietro di loro non esistesse una squadra di tecnici altrettanto eccellente. Anche negli sport più praticati e seguiti, che spesso escono dai radar quando si parla dello sport livornese. Penso in particolare a Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, capace di conquistare quattro campionati di Serie A e quattro Coppe Italia in quattro anni. Per non parlare della pallacanestro: le panchine di A1 parlano sempre più livornese, a cominciare da quella della Reyer Venezia, guidata dal nostro Walter De Raffaele che lo scorso anno è stato capace di riportare lo scudetto nella città veneta dopo quasi 75 anni. E concludo con il nuoto azzurro, ricordando il lavoro svolto da Stefano Morini e Stefano Franceschi, il primo, allenatore dei plurimedagliati Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri, il secondo, preparatore della giovanissima Sara Franceschi, promessa della vasca lunga e già detentrice di tre record giovanili italiani e del capitano della nazionale azzurra di nuoto Federico Turrini. Un bilancio sicuramente positivo, dunque, ma assolutamente non scontato. Se vogliamo mantenere alto il livello di qualità dello sport cittadino, però, dobbiamo saper pianificare il futuro. Ecco perché come amministrazione abbiamo deciso che il prossimo anno metteremo a gara la gestione di tutte le palestre comunali e dei due palazzetti, in modo da dare a tutte le società sportive la possibilità di sviluppare le loro attività e svolgere quel ruolo fondamentale per la crescita dei nostri ragazzi. Parallelamente continueremo a investire e potenziare i grandi eventi sportivi capaci di attrarre visitatori, tifosi e

quindi “turisti” da tutto il mondo. La Settimana Velica, le gare remiere e il Trofeo internazionale di nuoto Lombardi Mussi Femiano. Gli appuntamenti importanti non mancheranno nemmeno nel prossimo anno. È importante che le strutture ricettive colgano la sfida, si rilancino e crescano di numero, in modo da fornire un servizio sempre più di qualità. Lo sport livornese non ha forse ancora sviluppato la piena consapevolezza di quante energie positive è in grado di sprigionare a partire da quello spirito di solidarietà che abbiamo visto concretizzarsi lo scorso novembre, in occasione della tragedia dell’alluvione. Nelle prime ore di quella domenica, tra i primissimi a lanciarsi in strada e dare una mano ai loro concittadini ci sono stati sportivi, dirigenti, allenatori, atleti più e meno giovani. E nelle fasi immediatamente successive all’emergenza, molti ragazzi e molte famiglie si sono rifugiate proprio nello sport per riprendere una vita quanto più possibile “normale”. È anche per questo che abbiamo deciso di dedicare l’edizione 2018 di Effetto Venezia allo sport, che è la vera e più alta forma di energia alternativa che abbiamo nella nostra città.

Comune di Livorno

Una lunga lista di nomi e squadre hanno rinnovato la storica tradizione vincente dell’agonismo labronico

9


Accademia Navale

I

Negli anni l’Almanacco dello Sport è stato – e continua ad essere – testimone fedele di tutti gli eventi agonistici del territorio e testimonia la passione sportiva dei livornesi, portatrice di valori positivi e genuini. Nell’opera di diffondere la cultura dello sport, l’Almanacco e l’Accademia non possono che trovarsi fianco a fianco. Lealtà, autodisciplina, sacrificio e costanza non sono solo parole, ma qualità fondanti che, oltre a costituire la base di una società civile, sono principi cardine della vita militare ed in particolare della formazione degli Allievi Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno. Volendo fare dei bilanci, il 2017 è stato per noi un anno particolarmente intenso: i nostri allievi si sono cimentati in numerose competizioni regionali, nazionali ed internazionali. L’Accademia crede dunque nello sport come strumento educativo, e avvalendosi dei propri insegnati di educazione

L’Accademia e lo Sport: leadership e spirito di squadra fisica, degli istruttori militari e degli impianti sportivi “a km 0”, mette in condizione gli oltre 500 Allievi Ufficiali di poter praticare diverse discipline sportive in acqua e su terra. L’Accademia Navale, anche quest’anno, ha partecipato con le sue rappresentative d’Istituto a diversi tornei e gare esterne; per citarne alcune, il campionato Unione Italiana Sport per tutti (U.I.S.P.) di pallacanestro, di pallavolo e di nuoto; anche il canottaggio, ha visto gli allievi gareggiare oltre che nelle gare regionali anche in eventi nazionali ed internazionali, spesso a fianco delle altre società canottiere livornesi. Non manca l’equitazione che ha visto il suo momento clou nel 76° Concorso Ippico, organizzato presso gli impian-

ti sportivi dell’Accademia colla la partecipazione dei prestigiosi reparti provenienti dall’Accademia Militare, dal Rgt. Savoia Cavalleria e dal Reggimento Carabinieri a cavallo L’Accademia Navale ha inoltre partecipato in maniera convinta alle tradizionali competizioni della nostra città, coll’obiettivo di aprirsi sempre più a Livorno e ai Livornesi. A cominciare dalla Half Marathon, che quest’anno – alla seconda edizione – ha visto la partecipazione di quasi 200 allievi dell’Accademia Navale su un percorso che si snodava lungo i viali dell’Accademia e con un suggestivo passaggio intorno al celebre Brigantino. Colgo quindi l’occasione per ringraziare vivamente la redazione dell’Almanacco dello Sport per essere i testimoni delle attività della realtà labronica ed i migliori auspici per le sfide di questo anno che vedranno gli atleti livornesi competere in Italia e nel mondo, nel solco del bel legame che unisce Livorno al mare e all’Accademia Navale. Infine, rivolgo un saluto particolare agli atleti diversamente abili (e ai loro familiari) che, con il loro esempio, ci dimostrano la relatività degli ostacoli e la potenza del coraggio e della perseveranza.

Accademia Navale

Pierpaolo Ribuffo Contrammiraglio

Il saluto del Comandante dell’Accademia Navale, Contrammiraglio PIERPAOLO RIBUFFO

Nelle immagini momenti dedicati allo sport in Accademia Navale Le foto sono dell’archivio dell’Accademia Navale che le ha gentilmente concesse per la pubblicazione

11


Coni regionale Il saluto del Presidente del CONI regionale Salvatore Sanzo Salvatore Sanzo Presidente CONI regionale

“L’Almanacco è diventato un punto di riferimento per ogni appassionato”

L'intervento di Sanzo durante la recente visita del Presidente del CONI Malagò a Livorno

l’intero territorio, che nel panorama sportivo italiano occupa un posto nell’Olimpo delle Regioni, avendo donato al movimento azzurro molti dei protagonisti dei grandi eventi del passato e candidandosi ad un ruolo importante anche negli appuntamenti futuri. Un futuro che, come sempre, verrà poi raccontato dalle pagine sapienti dello stesso Almanacco dello Sport. Un ciclo fatto, dunque, di gesti da ricordare e di ricordi da gestire che il testo, da ormai tantissimi anni, propone al pubblico con genuinità e calo-

CONI regionale

L

a bellezza di un gesto sportivo o di un risultato importante risiede anche un po’ nel suo dolce ricordo. Riportare alla mente l’emozione di una medaglia o il brivido di un traguardo raggiunto diventa un piacere sia personale, quando lo si vive in prima persona, che collettivo, qualora lo si condivida con chi certe performance le ha viste e assaporate da spettatore. L’Almanacco dello Sport di Livorno è dunque questo: una fonte di sensazioni e gioie da trasmettere verso chi vuole rievocare i risultati, spesso anche di prestigio, degli atleti o delle squadre labroniche, ripercorrendo quello che è stato un anno ricco di sport e soddisfazioni. Un’opera ormai diventata punto di riferimento per ogni appassionato e per

re, ricreando l’atmosfera vivida ed elettrica di un osservatore sugli spalti delle varie competizioni. Nel futuro si guarderà ovviamente ai prossimi appuntamenti internazionali, da Buenos Aires 2018 a Tokyo 2020, in cui i livornesi potranno dimostrare al mondo intero il valore e la competitività che li ha da sempre contraddistinti; nel presente, invece, auguro agli amici della redazione, alle istituzioni e a tutti coloro i quali contribuiscono attivamente alla stesura di queste pagine di continuare al meglio un lavoro che rappresenta una fonte, oltre che di informazione, anche di ispirazione verso chiunque voglia approcciarsi allo sport in modo sano ed appassionato.

13


Scotto PubblicitĂ Livorno


Coni provinciale Il saluto del Delegato provinciale del CONI Giovanni Giannone

C

ome ogni anno l’occasione della presentazione dell’ Almanacco è un gioioso rivivere un anno di successi sportivi per la nostra città, una città che purtroppo nel 2017 è stata duramente colpita dall’alluvione del 9 settembre che però nella suo estremo dramma ha mostrato una città con un grande spirito di solidarietà che ha visto fin dalle prime ore e nei giorni successivi una grande presenza di giovani molti dei quali appartenenti al mondo dello sport. È questo sicuramente l’aspetto che più di ogni altra cosa ci ha gratificato, vedere i tanti giovani impegnarsi in prima persona senza essere stati chiamati ma con uno slancio di vero altruismo dove si è dimostrato come questi giovani hanno dentro di se dei valori molto forti che forse vengono anche dall’insegnamento che lo sport da loro. È stato bello avere su questo tema la presenza del nostro Presidente Giovanni Malagò che ha voluto dedicare un’intera giornata a visitare i tanti impianti danneggiati dalla violenza dell’acqua per poi rendere onore alla nostra città, alle 548 medaglie vinte durante le olimpiadi, i campionati mondiali ed europei a livello assoluto dai nostri concittadini che rendono la città di Livorno la più titolata d’Italia con tanti grandi campioni ma anche con un tessuto di tanti dirigenti, tecnici e giudici, una miria-

La visita del Presidente Giovanni Malagò come riconoscimento alla storia e ai successi dello sport livornese de di volontari ai quali dobbiamo solo dire “grazie” per quello che fanno per i giovani, per la nostra città con grande dedizione. Il 2017 è stato un anno con molti appuntamenti ed allora ci piace ricordare il record europeo, la medaglia d’oro e di bronzo agli europei di Budapest di Gabriele Detti, la medaglia d’oro nella sciabola a squadre ai Campionati mondiali e la medagli di bronzo individuale di

Malagò e Giannone con il nostro Almanacco

Irene Vecchi , la medaglia di bronzo nel fioretto alle universiadi per Edoardo Luperi, l’oro a squadre nel fioretto alle universiadi di Olga Calissi, quella di bronzo sempre a squadre sempre nel fioretto per Lorenzo Nista agli europei, la medaglia di bronzo individuale e a squadre di Alessandro Paroli, l’argento agli europei laser per Francesco Marrai, la medaglia d’argento ai campionati europei di pattinaggio di Agnese Mori e la medaglia d’oro negli esercizi obbligatori per Benedetta Niccolini, la medaglia d’oro ai campionati del mondo under 18 di volley di Elena Pietrini e la medaglia d’oro ai campionati europei under 16, sempre di volley, per Emma Graziani solo per citarne alcuni ma non possiamo dimenticare le imprese dei nostri fantastici tecnici di scuola livornese nel basket con Walter De Raffaele campione d’Italia con la Reyer di Venezia, di Massimiliano Allegri con la Juventus, di Stefano Morini nominato per la terza volta consecutiva miglior tecnico di nuoto, gli arbitri a livello internazionale come Luca Banti nel calcio e Matteo Liperini nel rugby. Questo solo per dare l’idea di cosa è lo sport a Livorno, una tradizione, un amore, un qualcosa che è dentro il nostro dna, dentro il quale ogni traguardo non è per noi impossibile. Questo è Livorno, i colori amaranto dentro il nostro cuore.

CONI provinciale

Giovanni Giannone Delegato provinciale CONI

15


Gare remiere A cura di Nicolò Cecioni

Gare Remiere, ecco il futuro: parola di Maurizio Quercioli

M

anca ancora un po’ a uno degli appuntamenti sportivi livornesi più attesi, quello con il Palio Marinaro. I lavori del Comitato Organizzatore procedono senza sosta già dalla fine dell’estate scorsa, in vista delle tante novità che caratterizzeranno la stagione 2018. Questi aggiornamenti sono stati presentati a Palazzo Comunale nel corso di una conferenza stampa che si è aperta con la proiezione del video sulla vita all’interno delle sezioni nautiche livornesi realizzato dal fotografo Lorenzo Serafini Boni in collaborazione con Nicolò Cecioni, che ha curato la regia.

Ciak, si voga

Il Presidente del Comitato Palio Marinaro ha annunciato le novità ne dei marchi alla Camera di Commercio è stata propedeutica a tale scopo”.

Cantine mature

Le sezioni nautiche avranno la possibilità di essere le protagoniste al Villaggio del Palio, che si svolgerà per il secondo anno consecutivo alla Terrazza Mascagni nei giorni della regata. “Dopo le prove generali, quest’anno sarà la versione 1 del Villaggio del Palio. Abbiamo allargato il nostro bacino d’udienza. Stiamo lavorando per una festa che partirà il giovedì e si concluderà la domenica. Stand, banchetti, punti ristoro e spettacoli renderanno la Terrazza un riferimento per tutta la città, che siamo sicuri risponderà presente. Le cantine avranno carta bianca per allestire stand con vendita di merchandising, per farsi pubblicità e servire cibo”.

tori difficilmente tornerebbe. Inoltre, per i vogatori è uno sforzo non indifferente continuare ad allenarsi ancora per sette giorni, dopo aver faticato una stagione. Senza considerare che gli atleti vanno in ferie e non è detto che siano ulteriormente. In questo modo, la domenica diventa invece un giorno di riserva che può far comodo”. Le premiazioni si svolgeranno a distanza di un giorno. “Finita la regata non c’è mai tempo di godersi le premiazioni perché gli equipaggi tornano nelle rispettive cantine. Perciò in passato le medaglie sono state consegnate in un secondo momento, spesso senza la presenza dei vogatori. Ora invece la cerimonia si svolgerà con calma la domenic sera”.

Il filmato è il frutto del lavoro durato oltre due mesi, tra riprese nelle cantine e immaDi tutti i colori gini della città, per raccontare la vita all’inLa grande novità 2018 riguarda le imbarterno delle sezioni nautiche. “Il video – ha Il sabato del Villaggio cazioni: sia i gozzi a 10, che quelli a 4. “Per spiegato il presidente del Comitato Palio Il Palio si svolgerà un giorno in anticipo quanto riguarda i nuovi gozzi a 10, abbiamo Marinaro Maurizio Quercioli – è dedicato ai rispetto alla tradizione. “Negli ultimi anni individuato il cantiere che dovrà realizzarli. vogatori, ai presidenti e a tutte le persone la gara è sempre stata a rischio per colpa del Si tratta del Cantiere Tripesce della Navicelli che animano le nostre sezioni nautiche. Nei meteo e la partenza rimandata di diversi mi- Yacht Service. Un’azienda locale che ci ha procirca 9’ di filmato, non si parla né di boe, né di nuti. Nel 2017 siamo arrivati a gareggiare al posto il miglior rapporto tra qualità e prezzo. gare, ma solo della passione e dell’impegno tramonto. Far slittare il Palio di una settima- Volevamo che i soldi dei livornesi rimanessedegli atleti e dei dirigenti. Sono loro i veri na è un enorme danno che la città non si può ro sul territorio. Per gli 8 gozzi verranno spesi protagonisti di questa tradizione”. permettere, perché buona parte degli spetta- 130mila euro, Iva esclusa. Stiamo lavorando anche sulle gozzette a 4 remi. Serafini Boni e Cecioni hanSono barche che hanno 27 anno visitato tutte le cantine, parlando con i vogatori e i dini, sempre state bianche. Il Corigenti durante gli allenamenmitato Organizzatore è stato ti, in modo da rendere più auaccusato di essere monocrotentiche le immagini. “Dietro matico, così abbiamo smentito tutti verniciandole con i alle gare, c’è un lavoro increcolori sociali delle rispettive dibile. Bisogna ripartire dalle cantine se vogliamo che il Palio cantine. Foto e informazioni sono rintracciabili sul sito intorni a risplendere – sottolinea Quercioli – L’obiettivo è metteternet delle Gare Remiere Città di Livorno e sulla pagina Facere le sezioni nautiche in condibook. Quest’anno in acqua vezione di andare avanti con le dremo un vero mare di colori”. proprie gambe. La registrazioUno scatto spettacolare della partenza dell’anno passato

Gare remiere

Maurizio Quercioli Presidente Comitato Palio Marinaro

17


Gare remiere

PALIO MARINARO

Il Palio è la più classica delle gare livornesi: si tratta del trofeo che conclude la stagione remiera, una spettacolare festa in mare che esprime meglio di ogni altra manifestazione l’anima più vera di Livorno, tra storia, tradizione e spirito identitario. Si svolge ogni anno durante la prima domenica di luglio, nel tratto di mare al largo della Terrazza Mascagni, spettacolare platea che garantisce una visuale d’eccezione su tutta la competizione, e viene fatto precedere dalle gare a quattro remi che coinvolgono gli under 18 e gli equipaggi femminili. Si tratta di una sfida all’ultima remata in cui si fondono sudore e salmastro, voglia di vincere e sana competizione, entusiasmo e tanta fatica. Al Palio partecipano otto rioni che gareggiano sui gozzi, imbarcazioni a dieci remi formate da un equipaggio di dieci robusti vogatori più un timoniere che si distingue dal resto della ciurma per la posizione a poppa, il fisico più esile e il ruolo di “direttore d’orchestra”, con il compito di coordinare, manovrare, guidare, dare il ritmo e incitare a più non posso la sua squadra. La gara dura all’incirca dieci minuti ma lo sparo che dà il via alla sfida è preceduto da mesi e mesi di duro lavoro, soprattutto per gli atleti che, nell’anno precedente, fanno esercizio nelle Cantine – i luoghi di ritrovo delle Sezioni Nautiche – e vogano direttamente in mare o lungo i Fossi, i caratteristici canali d’acqua che percorrono alcuni quartieri livornesi. L’arte di remare, del resto, ha bisogno di esperienza e costanza per raggiungere i suoi livelli più alti: non si tratta di una questione di pura e semplice resistenza. Bisogna avere confidenza con le

(foto Dani)

18

Gare Remiere: la tradizione cala un poker sempre vincente Quattro competizioni animano la stagione cittadina dei gozzi e remi

(foto Dani)

correnti, saperle sfruttare e assoggettare alle proprie esigenze, imparare a diventare un tutt’uno con il resto dell’equipaggio. E poi sentire l’altro, calibrare le forze, calcolare la giusta inclinazione della pala in mare, creare un ritmo ciclico e univoco, dando vita a quello spettacolare movimento a onda umana, simile a una danza, che tanto emoziona il pubblico. Per raggiungere questi livelli i ragazzi dei rioni lavorano tutti i giorni, specie da febbraio in poi, quando la gara è alle porte e il Comune consegna finalmente i gozzi con cui gli equipaggi parteciperanno al Palio. Poco importa che si tratti di una torrida e afosa serata estiva o di una rigida giorna-

ta invernale, con libeccio e salmastro che rendono la vita in mare difficile: a muovere gli atleti sono la passione, l’amicizia, la voglia di fare sport, l’agonismo, il piacere di stare all’aria aperta, l’amore per il territorio, per Livorno, per la sua tradizione. Tanto sforzo è ripagato dalla soddisfazione e dal calore dei rioni che, già qualche giorno prima del Palio, mettono in mostra le bandiere con i colori del quartiere. Ai vincitori, oltre alle coppe, spetta il giro d’onore lungo i Fossi, per gioire all’ombra del Voltone con il resto della tifoseria, mentre a chi raggiunge per primo il traguardo di tre edizioni vinte (non necessariamente consecutive), tocca di diritto il

(foto Dani)


Lo spettacolare momento dell'arrampicata finale sull' Antennna (foto Filippelli)

della gara remiera ha luogo una processione delle barche storiche illuminate che, partendo dalla statua della Madonna dei Popoli, situata all’ingresso del porto, scorta le reliquie di Santa Giulia fino al luogo di gara, nel cuore storico e marittimo della città.

COPPA BARONTINI

La prima edizione della Coppa Barontini venne organizzata nel 1966 dalla Sezione del PCI “San Marco Pontino” e dall’associazione Amici de l’Unità per ricordare il leggendario Comandante partigiano livornese Ilio Barontini, membro dell’Assemblea Costituente e Senatore della Repubblica, scomparso in un tragico incidente stradale, alle porte di Firenze, il 22 gennaio 1951. Sin dal suo esordio, grazie all’elevato contenuto identitario e spettacolare che mescola sport, storia e tradizioni, la gara entrò prepotentemente nel cuore dei livornesi diventando ben presto una delle “classiche” della stagione remiera labronica. La rivalità agonistica tra i rioni è infatti ancora oggi fortissima e ogni anno la partecipazione è sempre più entusiasta, colorata e partecipata da spettatori e sostenitori che, sporgendosi dalle “spallette” per incitare i propri beniamini, vivono la gara gomito a gomito con i vogatori. Diversamente da tutte le altre gare remiere livornesi, la Coppa Barontini si disputa a cronometro, solitamente nel mese di giugno. Le imbarcazioni dei rioni cittadini (gozzi a 10 remi e gozzette a 4 remi che gareggiano in prove distinte) partono una dietro l’altra, a intervelli stabiliti, dallo slargo degli Scali delle Cantine, di fronte al pratone della Fortezza Nuova, e devono completa-

Gare remiere

to ideale formato dai 4 Controventi (Grecale, Scirocco, Libeccio e Maestrale). Ciascun equipaggio, partendo dalla base dell’antenna e vogando verso il proprio controvento, dopo avere effettuato un giro antiorario (il percorso misura circa 600 mt), deve tornare alla propria corda di salita che Giostra dell'Antenna 2017, il Borgo festeggia la vittoria (foto Dani) viene utilizzata da un “montatore” per simbolico drappo dipinto per l’occasione raggiungere l’apice del pennone sul quada un artista. Una festa unica e spettaco- le sventola un drappo amaranto chiamalare che rende vive ancora oggi le antiche to “Cencio”. Il primo che se ne appropria ha vinto la gara. Contrariamente alle altre tradizioni marinare della città. manifestazioni della tradizione remiera GIOSTRA DELL’ANTENNA Unica nel suo genere, la “Giostra livornese, nel Palio dell’Antenna l’abilità dell’Antenna” è la più antica e caratteri- dei vogatori non è quindi meno imporstica manifestazione remiera livornese. tante di quella del montatore che spesso Di origine medievale, è inserita nell’albo determina le sorti della gara. Al termine delle manifestazioni di rievocazione sto- della competizione l’imbarcazione vincirica della Regione Toscana che si prefig- trice consegna il “Cencio” al Sindaco della ge l’obiettivo di tutelare e valorizzare le città e riceve in cambio il Palio vero e proidentità culturali del territorio regionale. prio. Come di consueto la manifestazione La gara, che vede protagonisti gli otto ri- prevede due gare, una per le gozzette a 4 oni remieri della città di Livorno, si svol- remi ed una per i gozzi a 10 remi, entramge nella Darsena Nuova del Porto Medi- be con due batterie a eliminazione e una ceo di Livorno la sera del 21 maggio, alla finale che si disputa tra i primi 2 armi clasvigilia della festa di Santa Giulia Patrona sificati di ciascuna batteria. Nelle semifidi Livorno. Al centro del campo di rega- nali, alla sommità dell’antenna vengono ta viene posta un’antenna d’acciaio alta posti due cenci e i due montatori che ri12 metri dalla quale partono quattro fu- escono a sventolarli per primi fanno acni che delimitano gli angoli di un quadra- cedere il proprio gozzo alla finale. Prima

Festeggiamenti nel quartiere Pontino nella notte della Barontini (foto Dani)

19


Il pubblico degli appassionati alla Coppa Risiatori (foto Dani)

più boe, correnti diverse, traiettorie particolari. Là fuori gli 8 gozzi a 10 remi sono tutti sullo stesso livello e, essendo un percorso libero, non sono esclusi neppure eventuali scontri tra equipaggi, gli spettacolari “abbordaggi”, o tentativi di ostacolare gli avversari. La linea dell’arrivo è invece nello specchio d’acqua degli scali Novi Lena, nel cuore di Borgo Cappuccini e proprio di fronte alla cantina bianconera. Gli spettatori possono assistere alla gara salendo su appositi rimorchiatori o su proprie imbarcazioni. Lo scenario che si prospetta nella domenica della gara è comunque fantastico, con centinaia di imbarcazioni che seguono la gara ai bordi del campo di regata, e una gran folla concentrata nella zona di arrivo, in Darsena Nuova. Oltre ai gozzi a 10 remi, viene disputata anche una gara per le gozzette a 4 remi che prevede tuttavia un percorso ridotto di 2500, dalla diga della Vegliaia allo stesso punto di arrivo delle imbarcazioni a 10 remi. Tra i vogatori anche il premio della gara è altrettanto ambito quanto la vittoria, una medaglia d’oro massiccioper ognuno, che i vecchi indossavano con giusto orgoglio anche quando ormai non erano più in attività, magari andando agli stabilimenti balneari o nei circoli della città, facendone motivo di vanto con gli amici e con i familiari. In effetti, aver vinto una gara così massacrante è senza dubbio segno di forza e determinazione, oltre che di tenacia e resistenza. (Le immagini pubblicate in queste pagine sono tratte dall’archivio del sito www.gareremierelivorno.it e sono scattate da Marco Filippelli e Andrea Dani)

Gare remiere

di giugno e che insieme al Palio Marinaro, alla Coppa Ilio Barontini e alla Giostra dell’Antenna, è compresa nelle quattro grandi “classiche” della tradizione remiera livornese. Nata nel 1978 su iniziativa della famiglia Neri, porta il nome dei “Risiatori”, gli Tanto pubblico sulle spallette lungo i Fossi durante la Barontini (foto Dani) impavidi scaricatori di porto ricordati re nel minor tempo possibile un circuito per le loro imprese di salvataggio mendi 3.200 metri che si dipana lungo i fossi tre, sfidando le tempeste a bordo di picMedicei del centro storico di Livorno per coli gozzi, cercavano di assicurarsi il diritconcludersi infine al punto di partenza. to a scaricare le navi in entrata nel porto Un vero e proprio slalom sull’acqua lungo di Livorno. Anche oggi la Coppa Risiatori i fossi Medicei tra ponti, strettoie e sca- è una gara fatta di forti emozioni, enorme landroni nel quale l’abilità dei timonieri fatica, impegno, coraggio e determinae l’affiatamento generale dell’equipaggio zione. Tutto insieme freneticamente, per rappresentano il vero valore aggiunto ri- 35 lunghissimi minuti. Non a caso, gli atspetto alla potenza della voga. Per oltre leti arrivano al traguardo completamente un decennio (le edizioni del 1971 e 1972 stremati e stravolti dalla stanchezza. 7600 non vennero disputate) hanno parteci- metri di voga a tutta forza in mare aperto pato alla gara solo gli armi a 10 remi, nel non fanno infatti sconti a nessuno. Trat1978 vennero inserite anche le gozzette a tandosi di una gara di fondo, è quindi ri4 remi con il Trofeo Edda Fagni, dal 1984 chiesta una grande preparazione atletica gli equipaggi maschili under 18 sempre degli equipaggi e una buona di strategia a 4 remi con il Trofeo Dino Lorenzini e, a di gara da parte dei timonieri. In ogni capartire dal 2011 le gozzette a 4 remi con so, alla fine, è veramente il più forte che equipaggi femminili del Trofeo Nino Bal- vince. Si parte dalla Torre della Meloria, situata a circa 5 kilometri fuori dalla diga leri. del Molo Novo, che rappresenta l’ingresCOPPA RISIATORI Spettacolare ed estremamente impe- so del porto di Livorno. Dopo la fase di partenza ogni timognativa per gli equipaggi, la Coppa Risiatori è una gara remiera in mare aperto che niere può decidere la strategia e la rotsi svolge a Livorno solitamente nel mese ta da seguire. A quel punto non ci sono

Un momento di piena competizione della Risiatori 2017 (foto Dani)

21


Liceo Enriques A cura di Andrea Puccini

Indirizzo Sportivo al Liceo Scientifico Enriques: una scelta lungimirante

“A

livello generale, come Liceo Enriques, sono uscite cinque classi quinte ma abbiamo iscritto ben 14 prime. L’incremento è stato quindi molto sensibile, il più alto registrato tra gli istituti superiori cittadini” racconta con soddisfazione la Dirigente Scolastica Manuela Mariani, alla guida dello storico Liceo di via della Bassata dal settembre 2016. “Per quanto concerne il ramo del Liceo Sportivo, il trend positivo è il medesimo: quest’anno abbiamo registrato tre classi in più rispetto alla stagione scolastica precedente – racconta la professoressa Mariani – Inoltre, per l’anno 2018-2019, sono già assicurate una cinquantina di iscrizioni che andranno a comporre un paio di nuove classi.” Un vero e proprio successo in termini di gradimento. “Il Liceo Sportivo è un progetto ormai ben assimilato dalla città e soprattutto dagli studenti. Al di là delle oscillazioni annuali dei numeri (l’anno scolastisco 2017-18 ha presentato ai nastri di partenza tre classi prime, due seconde, altrettante terze, una quarta e una quinta, ndr) , ci fa piacere che sia diventato un punto di riferimento a livello persino provinciale, richiamando studenti pendolari malgrado la concorrente presenza nelle vicinanze di un paio di realtà scolastiche dall’offerta formativa analoga, almeno sulla carta. A giugno 2018 poi, ci sarà l’esame di maturità per la prima classe in assoluto che si era iscritta, quella dell’anno in versione sperimentale. A giugno 2019 invece, a uscire diplomati spettarà ufficialmente agli studenti del primo quinquennio ufficiale.”

La Dirigente Mariani disegna una panoramica lusinghiera dell’attività condotta in via della Bassata Un titolo di studio vero e prezioso, da spendere nel prossimo futuro di questi promettenti studenti-atleti. Ma anche futuri medici, dirigenti, manager e imprenditori del settore sportivo… “Il Liceo è uno Scientifico a tutti gli effetti, in grado di far conseguire a chi lo frequenta un diploma di maturità importante. Le condizione imprescindibili chieste ai ragazzi sono serietà e impegno: non si viene certo qui per fare ginnastica a tutte le ore, pensando di non dover aprire un libro. Per esempio, lo studio dell’anatomia è stato anticipato dal quarto al terzo anno proprio per coordinare e collegare meglio alcune lezioni. Oppure, dal terzo anno, nel piano di studi ci sono anche tre ore settimanali dedicate al management sportivo, dove l’insegnante di diritto gioca un ruolo chiave e, a volte, viene affiancato anche da interventi formulati da dirigenti sportivi esterni. La declinazione ‘sportiva’ rappresenta quindi un’aggiunta d’ulteriore valore al tradizionale corso di studi. Diciamo che dalla nostra, abbiamo il vantaggio di offrire contatti veri e consolidati con le Federazioni locali e provinciali. I nostri studenti partecipano alle più importanti manifestazioni agonistiche.

Giovani studenti impegnati al camposcuola

Addirittura, in collaborazione con Inail e CIP, organizziamo un corso di orienteering per promuovere la pratica sportiva per i disabili. Un’iniziativa apripista, perché lo sport dev’essere di tutti ”. Un percorso di studi all’avanguardia, che ha saputo precorrere i tempi e alcuni trend per le figure professionali che saranno certamente richieste in un imminente domani… “Tutto questo anche nell’ambito dello sviluppo dei progetti di alternanza ‘scuola-lavoro’ che scattano dalle classi terze: c’è chi trova collocazione per uno stage nella segreteria del CONI provinciale o chi affianca per un determinato arco di tempo i professionisti della fisioterapia nei loro studi . Ad esempio, nel settore del nuoto, chi frequenta il Liceo sportivo può iscriversi ai corsi e, grazie alle convenzioni in essere, conseguire a un costo molto vantaggioso il brevetto di bagnino per trovarsi poi un lavoro stagionale nel corso dell’estate. Oppure, nell’ambito del volley e del rugby, si può seguire un corso per diventare allenatori dei bambini più piccoli. Idem per chi intende invece seguire un percorso da arbitro o addirittura da scout, una figura sempre più cruciale per quanto concerne la raccolta dei dati e l’analisi statistica a supporto del miglioramento delle perfomances collettive e/o individuali. L’occasionale presenza di atleti e campioni più o meno famosi è poi propedeutica non soltanto ad attirare l’attenzione bensì a veicolare valori come l’importanza di sacrificio e impegno nel metodo di allenamento per arrivare a conseguire risultati di eccellenza ”.

Liceo scientifico Enriques

Manuela Mariani Dirigente scolastica

23


Parola ai protagonisti Molto più di un indirizzo sportivo: la voce di due studenti-atleti di successo Monica Isolani

La Prof. Isolani illustra la crescita di un progetto formativo ormai apprezzato dal territorio

Liceo scientifico Enriques

M

onica Isolani è una delle insegnanti che ha abbracciato sin dall’inizio il percorso ‘pioneristico’ dell’indirizzo sportivo nel Liceo Scientifico Enriques. Un progetto che la professoressa ha visto crescere in un primo quinquennio che sta per volgere al termine e che è decisamente cresciuto, sino a consolidarsi e consacrarsi definitivamente nel panorama dell’offerta formativa livornese di città e provincia. “Pensare che, il primo anno in versione sperimentale, ci fu soltanto una ragazza iscritta al corso – ricorda la Isolani - Adesso invece, il rapporto tra maschi e femmine nelle classi è molto più equilibrato.” Tanta strada è stata fatta, anche grazie a una visione lungimirante che ha visto

Lezione di pallanuoto per la 3 F

24

Posa di gruppo per una classe che segue l'indirizzo sportivo

l’indirizzo sportivo inserirsi in una visione ben più completa e ampia rispetto al tradizionale piano didattico…

“Il progetto di alternanza scuola lavoro richiede 200 ore di esperienza sul campo ai ragazzi, spalmate negli ultimi tre anni di

La classe prima a lezione di ginnastica presso AGL


La squadra di rugby

Un perfetto esempio di bilanciamento tra risultati in pista e rendimento tra i banchi. Niccolò Costella, sciatore, è invece uno di quegli studenti-atleti che beneficia di un piano di studi personalizzato proprio in virtù delle sue esigenze di allenamento in montagna nel corso del lungo periodo invernale. Abbiamo rivolto qualche domanda a questi due esempi virtuosi che riescono a coniugare un ottimo rendimento sui libri con altrettante perfomances di spessore in ambito agonistico. Cosa vuol dire fare un Liceo Scientifico ad indirizzo sportivo? Valentina: “Questo tipo di liceo ti insegna ad avere entusiasmo per lo studio in generale e nella specificità dell’indirizzo. Imparare a

Liceo scientifico Enriques

La 3 E dopo la lezione di pallavolo con il tecnico Luca Poggetti

scuola. In più, per alcuni atleti che sono anche d’interesse nazionale per la propria disciplina, in base a uno specifico protocollo il Miur permette di attivare percorsi di studio personalizzati e a distanza, nel caso vi sia necessità per l’allievo di assentarsi fisicamente dalla classe per periodi più o meno lunghi per far fronte a impegni di allenamento o gare. Questo consente agli atleti-studenti di non vedere inficiate le performances agonistiche solo perché potrebbero essere psicologicamente disturbati da preoccupazioni e stress legati al rendimento scolastico”. Valentina Arcamoni, classe 2003, campionessa di salto in lungo e tesserata per l’Atletica Livorno nella categoria cadette, è una punta di diamante anche quando si tratta di voti in pagella.

connettere la cultura con l’attività sportiva e con l’acquisizione della propria personalità. Ci permette di poterci organizzare e acquisire una gestione autonoma dello studio con l’attività sportiva attraverso un calendario annuale concordato con i professori, che si dimostrano disponibili, e con le società sportive.” Come avete vissuto questi tre anni di liceo? Niccolò: “In questi tre anni abbiamo imparato a conoscere il nostro corpo internamente, fisiologicamente ed esternamente. Abbiamo imparato le regole della disciplina e del rispetto nei luoghi sportivi ( e non solo ) e verso gli altri. Abbiamo conosciuto le regole e i principi di altri sport a noi sconosciuti trasmettendoci i valori fondamentali che ci aiutano a crescere e a diventare delle persone responsabili.” Come gestite il rapporto tra scuola e sport? Niccolò: “Io pratico Sci alpino a livello nazionale. Questo sport mi toglie tanto tempo dalla scuola, specialmente nel periodo invernale, ma riesco ugualmente a gestire la mia situazione scolastica grazie alla disponibilità dei professori a farmi recuperare compiti o interrogazioni prima o dopo le mie assenze. In questo modo posso tranquillamente fare ciò che più mi piace senza sentire il peso di altri pensieri.” Valentina: “Io faccio atletica leggera e spesso nel fine settimana sono occupata in gare a livello nazionale. La comprensibilità dei professori mi aiuta tanto a poter gestire tranquillamente lo studio con le trasferte. Anche se non faccio tante assenze, essere sicura di potermi preparare al meglio, sia per una gara che per lo studio, mi permette di sentirmi sicura anche sul mio futuro.”

La ginnastica presso l’AGL con Lara Filippi

25


Azzurri d’Italia A cura di Rodolfo Graziani

Il saluto del Presidente Rodolfo Graziani

N

ella ormai più che decennale Presidenza della Sezione Provinciale dell' Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d'Italia, ho sempre sentito la necessità oltre che il dovere di impegnarmi al massimo affinchè questa nostra Associazione, per gli innumerevoli successi ottenuti dagli atleti livornesi sui campi di gara di tutto il mondo, avesse, in ambito nazionale ed internazionale, quella visibilità che da sempre merita e quel posto di eccellenza nello Sport che ci viene da tutti riconosciuto. Ancora oggi non tutti fra i nostri concittadini (anzi direi una minoranza) nonostante i nostri ripetuti tentativi di far conoscere questo “snobbato” patrimonio, sono al corrente dell'enorme potenziale sportivo che Livorno ha espresso nel corso degli anni e che continua ad esprimere in tutte le discipline sportive ad eccezione degli sport invernali. È abitudine corrente di limitarci a glorificare il campione di turno nel giorno della sua vittoria per poi, il giorno successivo, metterlo nel dimenticatoio con l'inevitabile risultato che, salvo rare eccezioni, di certe memorabili imprese non se ne ha più memoria! Quando nell'anno 2000 fui eletto a ricoprire questa importante carica, succedendo al mitico “scarronzone“ Oreste Grossi, mi posi quattro obbiettivi: 1°) L'inaugurazione della Piazza Atleti Azzurri d'Italia 2°) L'Almanacco dello Sport come

Abbiamo raggiunto 3 dei 4 obiettivi che mi posi molti anni fa. Manca solo il quarto, il più importante prestigiosa vetrina di tutti i successi degli atleti livornesi del presente e del passato 3°) La realizzazione di un film che accumunasse campioni sportivi e artisti livornesi sullo sfondo di una Livorno anteguerra con i suoi splendori paesaggistici e architettonici 4°) Il Museo dello Sport perchè ritengo importante che una città, considerata da tutti la “Capitale dello Sport Italiano“, abbia una “casa” che onori quei tanti figli che l'hanno resa famosa nel mondo. L'inagurazione della Piazza Atleti Azzurri d'Italia, dopo innumerevoli vicissitudini, avvenne il 16 Dicembre 2003 con una cerimonia suggestiva che vide i parà della Folgore portare a terra, da 4000 mt. di altezza, le bandiere degli Azzurri, dell'Italia, dell'Europa, del Comune e della Folgore con un ultima immagine indimenticabile che disegnava, nel cielo azzurrissimo, un enorme scia tricolore. L'Almanacco dello Sport, nato da una lungimirante idea con l'editore Roberto Scotto, è divenuto da subito un insostituibile punto di riferimento dello Sport livornese oltre ad essere molto apprezzato e richiesto in ambito nazionale. Il film “Livorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni” del regista Rossano Vittori rappresenta il fiore all'occhiello dell'Associazione. Il film premiato con la “Mention d'Honner” al Festival Mondiale del Cinema e della

Televisione Sportiva, col Paladino d'Oro allo Sport Film Festival di Taormina, con la ”nomination” a Los Angeles nell' ambito di “All Sport Film Festival”, fino alla proiezione a Hollywood durante l'annuale Convention della Comunità italo-americana, racconta Livorno a 360 ° e rappresenta una pietra miliare e un prestigioso biglietto da visita da esibire per una conoscenza completa ed approfondita della nostra città sotto l'aspetto sportivo, culturale, artistico ed architettonico. Manca ancora il 4° obbiettivo forse il più importante: il “Museo dello Sport“. In tutti questi anni, viaggiando in l'Italia e all'estero, sono sempre rimasto colpito dal fatto che, in moltissime città, ci fossero Musei dedicati anche ad un solo campione mentre, nella nostra Livorno che di campioni ne ha in quantità industriale (ed è proprio per questo che è conosciuta nel mondo), non si abbia la sensibilità o non si senta la necessità di onorare questi grandi atleti, se non proprio con un Museo, magari con una Struttura Museale di più facile realizzazione. A tal proposito desidero rivolgere al Sindaco, all'Assessore allo Sport, all'Assessore al Turismo, di impegnarsi ad individuare, fra le varie proprietà comunali, una “struttura” adeguata e fruibile per realizzare finalmente questo ambizioso progetto che, senza alcun dubbio, darà ulteriore lustro e visibilità alla nostra amata Livorno e la riconoscenza di tutto il mondo sportivo.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Rodolfo Graziani Presidente Azzurri d’Italia

27


Scotti

CONCESSIONARIA E SERVICE VOLKSWAGEN PER LIVORNO E PROVINCIA

Via dell’Artigianato, 97 Livorno - Tel. 0586 404157 - Fax 0586 420161 - www.scottiugoautomobili.it


A Roma i premi nazionali ANAOAI

Da sx: Nino Benvenuti, Livio Berruti, Rodolfo Graziani e Klaus Di Biasi

lo” con cui festeggia il suo goal nella finale dei Campionati del mondo in Spagna. Centrocampista di sicura classe, con la Juventus vince cinque scudetti e tutte e tre le principali competizioni UEFA per Club, collezionando 81 presenze in nazionale e, in veste di allenatore, conquista l’oro ai Giochi del Mediterraneo per poi vincere il Campionato Europeo con la nazionale Under 21. Il “Premio Giornalismo Sportivo” è stato appannaggio di Gianni Minà che nella sua carriera di giornalista, oltre ad essere stato Direttore di “Tuttosport” e conduttore della “Domenica Sportiva”, realizza decine di reportage e documentari che rivoluzionano il linguaggio televisivo italiano, intervistando di persona, i più grandi personaggi che hanno segnato la storia politica e sportiva degli ultimi cinquanta anni. Uno speciale Premio “alla memo-

ria” è stato assegnato a Carlo Pedersoli, alias “Bud Spencer”, uno dei più amati atleti di sempre, pluricampione italiano sui 100 mt. stile libero, primo nuotatore italiano a scendere sotto il minuto sulla stessa distanza, olimpico ai Giochi di Melburne 1056; conclusa la carriera agonistica, per il suo fisico massiccio ed imponente, viene notato nell’ambiente cinematografico e, scritturato dal regista Giuseppe Colizzi per un ruolo nel film “Dio perdona, io no”, che riscuoterà un grande successo di critica e di pubblico e segnerà la nascita del popolarissimo ed amato Bud Spencer. Una premiazione che ha radunato a Roma il fior fiore delle leggende dello sport italiano; da Livio Berruti, a Nino Benvenuti, a Klaus Di Biasi, tanto per fare qualche nome, tutti presenti, per rendere omaggio agli amici di tante battaglie sportive e di tanti successi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

I

n occasione del Convegno “Sport e lavoro futuro “ organizzato dalla Confederazione dello Sport, ha avuto luogo a Roma, nel Salone d’Onore del Foro Italico, la cerimonia di consegna dei Premi Nazionali ANAOAI. I prestigiosi riconoscimenti vengono assegnati annualmente a personaggi del mondo dello Sport che, più di altri, hanno saputo promuovere e valorizzare l’immagine e la reputazione dell’Italia nel mondo, incarnando gli ideali più profondi della Maglia Azzurra e imponendosi come esempi positivi sia durante la carriera agonistica che nel prosieguo della loro vita sociale. Su invito del Presidente nazionale Stefano Mei, hanno partecipato all’evento il Presidente della Sezione ANAOAI di Livorno Rodolfo Graziani con il Consigliere Ilio Barontini, quali rappresentanti di una realtà sportiva di vertice in campo nazionale ed internazionale. Consegnati dal Presidente del CONI Giovanni Malagò i premi “Prestigio ed Esempio” sono andati al ginnasta Juri Chechi, il “Signore degli Anelli”, medaglia d’oro olimpica ad Atlanta e di bronzo ad Atene e pluricampione mondiale ed europeo; a Giuseppe Gentile, pluricampione e recordman italiano nel Salto in Lungo e nel Salto Triplo, medaglia di Bronzo nel Salto Triplo alle Olimpiadi del Messico dove per due volte batte il record mondiale della specialità che non gli basterà per vincere l’oro; a Franco Sar, icona del decathlon azzurro, otto volte campione italiano dal 1958 al 1965, riuscendo a migliorare per ben nove volte il record italiano; memorabile il suo sesto posto alle Olimpiadi di Roma in una gara mitica, passata alla storia della disciplina come la più bella e cambattuta di sempre. Fra i premiati non poteva mancare Marco Tardelli che, a tutt’oggi, rappresenta l’immagine simbolo del calcio italiano con quel famoso “ ur-

29


Vita da sportivi Nedo Nadi Nedo Nadi

“S

iete ancora qui, Monsieur Nadi?” domandò con un aria regalmente divertita il Sovrano in alta uniforme come si addiceva in quella solenne occasione”. “Con il vostro permesso, conto di tornare ancora davanti a Vostra Maestà” rispose per nulla imbarazzato il fortissimo schermitore livornese. Quella era infatti la terza volta, in pochi giorni, che Nedo Nadi saliva sul gradino più alto del podio olimpico di Anversa e, come da previsione, non fu l’ultima. Prima che i Giochi Olimpici del 1920 chiudessero i battenti ad Alberto I° di Sassonia Coburgo Gotha, re del Belgio, sarebbe toccato premiare altre due volte l’atleta azzurro eletto protagonista assoluto di quella Olimpiade. La storia di Nedo Nadi, a ben vedere, assomiglia a quella di un predestinato. Il padre Beppe, severo Brigadiere dei pompieri, era il maestro d’Armi e istruttore nel Circolo Fides di cui era stato fondatore. I due figli Nedo e il più piccolo Aldo calcarono ben presto la pedana di quella palestra. Il “training” a cui furono sottoposti i due ragazzi fu, da subito, oltremodo duro in quanto il padre trattò i suoi figli senza sconti, allenandoli con la stessa intransigenza riservata agli altri aspiranti schermitori. L’insegnamento del Fioretto e della della Sciabola fu preferito all’insegnamento della Spada, le cui regole di assalto meno rigide, erano ritenute dall’intransigente Beppe Nadi non adatte all’etica schermistica. Ma non per il piccolo Nedo che, affascinato proprio dalla sostanziale assenza di convenzioni che rendono l’assalto con la Spada molto simile ad un vero duello, decise di impararne la tecnica studiandola di nascosto al padre. I due fratelli crebbero dunque a pa-

ne e scherma ed i risultati non tardarono ad arrivare. Nel 1905, appena dodicenne, Nedo vinse la sua prima gara di Fioretto a Vigevano nella categoria giovanetti mentre nel 1909 riportò a Vienna il primo successo internazionale nel Torneo dell’Imperatore al cospetto dei più forti schermitori dell’epoca. La Federazione, colpita da tanta bravura, lo convocò, appena diciottenne, nella squadra che avrebbe gareggiato all’Olimpiade di Stoccolma del 1912. Una fiducia ben ripagata con la vittoria nel Fioretto individuale dove, tra la sorpresa generale, il nostro campione sconfisse in finale il celeberrimo connazionale Pietro Speciale. Fu quello l’unico oro olimpico nella Scherma in terra scandinava e ciò fece aumentare oltre misura le già considerevoli quotazioni dell’atleta livornese. L’irresistibile scalata al successo, fu però interrotta dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale dove, Nedo arruolato come ufficiale di Cavalleria, fu impegnato per quattro anni al fronte distinguendosi per coraggio ed abilità, meritando due decorazioni al valor militare ed avendo anche la soddisfazione di essere uno dei primi italiani ad entrare nella Trento liberata. Con la fine del conflitto il campione livornese riprese ad allenarsi con determinazione e sacrificio ed in poco più di un anno, riuscì a tornare ai suoi massimi livelli. Iniziò quindi una corsa contro il tempo; il suo chiodo fisso era infatti la partecipazione alle Olimpiadi di Anversa del 1920 con un sogno nemmeno tanto segreto di vincere la medaglia d’oro nelle discipline del Fioretto, Sciabola e Spada sia nelle gare a squadre che in quelle individuali. Mai sogno fu così vicino ad essere realizzato al cento per cento! Da vero leader trascinò i compagni di squadra sul più alto gradino del podio olimpico in tutte e tre le discipline vincendo il Concorso a squadre rispettivamente contro Francia, Belgio e ancora Francia. Ma il campione livornese non

si adagiò sugli allori! In uno stato di forma strepitosa, si agggiudicò l’oro nel fioretto individuale battendo in finale il francese Cattiau e l’oro nella Sciabola sconfiggendo il fratello Aldo dopo una finale che scatenò l’entusiasmo del pubblico presente ed è ricordata come uno degli assalti più belli che la storia schermistica ricordi. Mancò l’en plein perchè non riuscì a disputare la gara di Spada individuale a causa di un improvviso quanto violento attacco intestinale che, debilitandone le forze, gli impedì di salire in pedana per completare l’opera che aveva tanto sognato! Con cinque ori al collo l’Olimpiade di Anversa aveva consacrato un atleta formidabile e il suo bottino di medaglie d’oro nella Scherma in una sola Olimpiade rimarrà ineguagliato fino ai giorni nostri. La grande impresa di Nedo fece passare quasi inosservate le suberbe prestazioni del più giovane fratello Aldo che riuscì a fregiarsi di ben tre medaglie d’oro e una d’argento dando ragione al babbo Beppe che un giorno ebbe a dichiarare “Nedo vincerà tutto quello che si potrà vincere nella Scherma, quando si stancherà Aldo sarà il suo degno sostituto”. Al massimo della fama accettò un offerta dal Jockej Club di Buenos Aires che lo tesserò come atleta professionista-istruttore; una decisione che risultò non proprio fortunata in quanto, a parte il florido conto in Banca che ne ricavò, contrasse una malattia mai ben diagnosticata che, alla fine del 1923, lo costrinse a far rientro in Italia dove fu nominato Presidente della Federazione Italiana Scherma. Ricoprì questo ruolo fino al 29 Gennaio 1940 quando un “ictus” lo colpì nella sua casa di Portofino; quella sera stava pregando, quando improvvisamente si fermò, afferrò la mano della moglie, si accarezzò la tempia, per poi reclinare il capo per sempre. Moriva così quello che è stato definito da tutti il più grande schermitore di tutti i tempi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

La leggenda della scherma

31


Al S m a PN CO an i le EU N ac tto MA TI co ri TI de del CI llo lo Sp or t

Stoccaggio pneumatici

TI ICI ie ON AT i di tiz SC UM or No

Cambio gomme delle migliori marche

E tt o PN le c ai nac a m Al

Officina meccanica • ampi locali Lucidatura • fari

Riservato ai lettori Almanacco presentando questo coupon

Pneumatici a partire da 38 € - Sconto 10% per tagliando auto

OFFICINA: Via Torino int. 4/E - Livorno - Tel./fax 0586.857117 REVISIONI: Via Napoli, 14 - Livorno - Tel. 0586 864594


N

Fabrizio Mori

ell’Atletica Leggera, i 400h sono sempre stati una terra di conquista degli atleti statunitensi che in tutte le Olimpiadi dell’era moderna e in tutti i Campionati Mondiali, da Glenn Davis a Edwin Moses, hanno dominato questa specialità dall’alto di una classe, di una tecnica e di una superiorità fisico-strutturale che raramente può essere riscontrata negli atleti degli altri Continenti. In questo contesto, sono gli atleti di colore che hanno sempre spadroneggiato in questa gara, grazie ai loro fisici da superman ma anche ad una armonia e una ritmica di corsa che ben si addice a questa specialità dell’atletica. Qualche volta, però, può accadere che anche nei “ banchetti più esclusivi “ ci sia qualcuno che, inaspettato ospite, si sieda a tavola e si accaparri la “ fetta più grossa della torta “ lasciando agli altri solo le briciole. E’ il caso del nostro Fabrizio Mori uno dei “grandi” fra gli atleti italiani di tutti i tempi capace di vincere la Medaglia d’Oro ai Campionati Mondiali di Siviglia del 1999 a dispetto della presenza dei miglior ostacolisti americani, primo fra tutti il formidabile Angelo Taylor, ed, europei, ben rappresentati dal campione mondiale 1997 Stephane Diagana. La favola del nostro campione inizia quando la maestra della Scuola Elementare frequentata da Fabrizio chiamò i genitori per avvertirli che il loro figlio, avendo una vivacità non comune, “non stava mai fermo in classe “ disturbando le lezioni a danno dell’apprendimento degli altri alunni e consigliando loro, come rimedio, di iscriverlo ai Corsi di Atletica Legge-

ra. Il consiglio fu recepito immediatamente, con grande gioia di Fabrizio che in tal modo incominciò a sfogare tutta la sua esuberanza fisica sul prato del Campo Scuola e, a posteriori, dell’Atletica Leggera italiana che, vent’anni dopo, si sarebbe ritrovata, grazie a quel consiglio, un campione di levatura mondiale. E’ facile immaginare come questa esuberanza abbia subito destato l’interesse dei tecnici e in particolare del Prof. Vittoriano Drovandi che per primo intravide in questo “puledrino di razza” le stigmate del futuro campione. I 100 mt. piani e i 110H furono le specialità in cui gareggiò a livello giovanile cogliendo importanti successi in ambito regionale e nazionale ma, col progredire dell’età, una volta raggiunta la categoria “ Assoluti “ fu deciso di lasciare i 100 mt. ma sopratutto i 110H stante la difficoltà di superare gli ostacoli di 1, 06 mt per un atleta alto 1, 75mt. Con il passaggio ai 400 H e sotto la guida competente del tecnico Paolo Falleni, inizia “l’escalation” del nostro atleta verso i traguardi mondiali. Pluricampione italiano, cinque volte Medaglia d’oro in Coppa Europa vince numerosi meeting a livello internazionale e, nel 1991, ancor giovanissimo, ai Campionati Mondiali di Tokio, riesce a battere il record italiano dei 400 h detenuto da ben 21 anni da Roberto Frinolli che in seguito diventerà il suo coach. La voglia di emergere, lo spirito di sacrificio, la ferrea determinazione negli allenamenti hanno rappresentato la quotidianità per far lievitare il suo grande talento naturale e spingerlo verso i massimi traguardi. Dal punto di vista agonistico, i grandi risultati in ambito internazionale iniziano nel 1996 quando ai Giochi Olimpici di Atlanta, a sorpresa, centra la finale cogliendo un insperato 6° posto. È la svolta della carriera! Ormai consapevole dei suoi enormi mezzi, sente di poter raggiungere quei traguardi da sempre sognati per cui, con spirito quasi fachiresco, in allenamento, aumenta la qualità e la quantità dei carichi di lavoro che lo porteranno nel 1998, da favorito, ai Campionati Europei di Budapest. Ma la sfortuna è dietro l’angolo! Superate in scioltezza batterie e semifinali, durante il consueto allenamento di scarico, Fabrizio avverte delle fitte dolorose al piede destro; viene subito portato in una Clinica di Budapest per i necessari controlli radiografici che purtroppo daranno un responso allarmante: microfrattura dello scafoide! Nella squadra azzurra regna

il più profondo sconforto per una medaglia sfumata ma proprio in questa occasione il nostro campione dimostrerà quel carattere indomito che lo contradistinguerà per tutta la sua vita agonistica. Al di là del grave handicap e contro i consigli dello staff medico decide di partecipare alla finale e, dopo una partenza lenta che lo relega per i primi 300 mt. in ultima posizione, all’inizio del rettilineo d’arrivo, trova dentro di se quelle energie e quella rabbia che lo porteranno, dopo una fantastica rimonta, ad un incredibile medaglia di bronzo. La vittoria ”in rimonta”, l’esaltarsi nella sofferenza agonistica, il non sentirsi mai battuto anche contro avversari anche di lui più prestanti atleticamente, saranno le caratteristiche fondamentali di questo formidabile atleta, caratteristiche che ritroveremo, in maniera esaltante, ai Campionati Mondiali di Siviglia, quando innescato il turbo nell’ultima curva, “ingoierà” tutti i suoi avversari e volerà verso una storica medaglia d’oro, interrompendo per la prima volta il predominio degli atleti statunitensi in questa specialità. La storia si ripeterà, due anni dopo, ai Campionati Mondiali di Edmonton in Canada dove, dopo un testa-testa esaltante nel rettilineo finale col dominicano Felix Sanchez, conquista una prestigiosa medaglia d’argento a soli quattro centesimi dal vincitore ma battendo, per l’ennesima volta, il record italiano della specialità e portandolo al fantastico tempo di 47”54 ancor oggi imbattuto e immaginiamo ancora per moltissimo tempo!Il grande rammarico di questo superbo atleta è di non essere riuscito a conquistare una medaglia olimpica cosa che era sicuramente alla sua portata alle Olimpiadi di Sidney; ma, come a Budapest, la sfortuna ha avuto un peso determinante, nel destino sportivo del nostro atleta! A venti giorni dall’inizio dei Giochi, Fabrizio era in una condizione psico-fisica così smagliante da dargli la certezza di un sicuro posto sul podio olimpico. I riscontri cronometrici nelle varie prove di allenamento al Centro CONI a Tirrenia, infatti, davano tempi mai fatti nelle precedenti preparazioni ma uno stiramento al bicipite femorale della gamba destra ancora una volta gli tarperà le ali verso la conquista dell’alloro olimpico anche se, è fuor di dubbio, che nell’Olimpo dei grandi atleti dello sport italiano Fabrizio Mori avrà sempre quel posto di prestigio che nessuna sfortuna potrà mai cancellare.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Fabrizio Mori “il piu’ grande”

33


Letizia Tinghi

Letizia Tinghi, premiazione dell ultimo mondiale a Reus Spagna,1997

C

i sono alcune parole che definiscono molto bene questa splendida campionessa; quella più importante è sicuramente PASSIONE. “Per passione ho iniziato a pattinare all'età di 4 anni estasiandomi nel vedere alla TV i campioni del Pattinaggio sul Ghiaccio“. TENACIA. “Nella mia carriera sportiva ho passato dei periodi di difficoltà; per ragioni politiche non venivo convocata in nazionale benchè mi piazzassi sempre nei primi posti ai Campionati italiani assoluti; non mi sono mai arresa a questi soprusi e questa mia tenacia mi ha reso più forte e determinata nel raggiungere i traguardi che ho sempre sognato fin da piccola”. PAZIENZA. “Dopo il commissariamento della vecchia Federazione e l'elezione del nuovo staff tecnico, finalmente le convocazioni in nazionale venivano fatte in base ai risultati sportivi per cui, sia per me che per altri pattinatori, fu possibile indossare la tanto agognata “maglia azzurra” che ho onorato vincendo campionati mondiali, europei e molte gare internazionali.” SCONFITTA. “Ai Campionati Mondiali di Mar del Plata in Argentina, dopo prestazioni di altissimo livello negli esercizi di Scuola che mi ponevano nettamente in prima posizione, ho avuto una lieve indecisio-

ne nella fase finale dell'ultimo esercizio obbligatorio purtroppo penalizzato con un voto molto basso da un giudice giapponese alle prime armi in queste competizioni. A giudizio di tutti fu una votazione quasi scandalosa ed, ancor oggi, ripensando a quella assurda decisione, sento molta amarezza per una medaglia d'oro sfumata non per miei demeriti ma per incompetenza di un giudice. In un altra occasione dove, mio malgrado, ho dovuto assaporare l'amaro calice della sconfitta, è stata ai Campionati Mondiali del 1994 svoltisi a Salsomaggiore; mentre mi accingevo ad entrare in pista, sono caduta accidentalmente lussandomi una spalla ma, essendo in lizza per vincere la medaglia d'oro, nonostante il dolore, ho deciso di continuare la gara portandola a termine con molta sofferenza ed orgoglio ma, ovviamente, con un risultato finale lontano dalle mie aspettative”. PAURA. “Mai avuta neanche quando, ancora Allieva, mi sono fratturata l'omero sinistro il giorno prima di un campionato provinciale molto importante per approdare alle finali regionali e nazionali. Un medico, di cui non ricordo il nome, si prese la responsabiltà di farmi gareggiare e, nonostante il braccio ingessato, riusci a vincere il campionato e le successive selezioni, mettendo una pietra fondamentale per il futuro della mia carriera sportiva”. INSEGNAMENTO. “A me piace molto insegnare perchè donare agli altri le mie conoscenze lo trovo un dovere e una soddisfazione; la cosa più bella e gratificante dell'insegnamento infatti è quella di riuscire ad instaurare un rapporto di fiducia, di conoscenza e rispetto con gli allievi che stai seguendo con la logica conseguenza di vederli crescere giorno per giorno, trovando per ciascuno di loro quel “mix” ottimale di lavoro che ne migliorerà l'autostima e li porterà ad ottenere i risultati che si sono prefissi”. SUCCESSO. “Fare una scelta di quale sia stato il mio successo più importante è difficile dirlo anche perchè li ricordo tutti con grande emozione ma, se proprio devo fare una scelta, penso ai Campionati Mondiali di Bordeaux quando, al termine della performance che mi assegnò la medaglia d'oro, alzai lo sguardo e vidi 20000 persone in piedi ad applaudirmi”. SODDISFAZIONE. “La soddisfazione più grande è quando, ogni volta che scrivo il mio curriculum sportivo e lavorativo, devo aggiungere sempre qualcosa di importante e gratificante; recentemente infatti sono stata eletta nel Consiglio Nazionale dell'Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d'Italia, un riconoscimento prestigioso che Livorno merita a pieno titolo essendo la città più medagliata d'Italia e che, a titolo personale, sono orgogliosa di rappresentare in questo alto consesso sportivo”.

PREOCCUPAZIONE. “Sicuramente la preoccupazione più grande l'ho provata durante il Campionato Mondiale di Bucaramanga in Colombia quando, all'ingresso del Palazzetto dove si svolgevano i campionati, fui presa in consegna da militari con cani a guinzaglio e condotta all'interno; per il ritorno in albergo si ripetè la stessa cosa, questa volta col pullman scortato da soldati in assetto di guerra. Ancora ignara di quello che stava accadendo, pensai ad un eccesso di sicurezza da parte degli organizzatori ma in effetti poi venimmo a conoscenza che si trattava di una vera e propria guerra fra bande rivali per accaparrarsi il mercato della droga. Fu una settimana di sparatorie ma devo dire che l'albergo dove alloggiavamo insieme alle altre delegazioni era ben presidiato e, per fortuna, non abbiamo mai avuto problemi. A distanza di anni sento ancora di aver vissuto un esperienza surreale perchè, a differenza dei tragici fatti che accadevano all'esterno, dentro il Palazzetto si respirava aria di normalità come se si vivesse in una bolla di vetro, con la gente che applaudiva felice le nostre esibizioni. In quei campionati la nazionale azzurra vinse il più alto numero di medaglie forse anche grazie al rito propiziatorio che un cronista radiofonico ci suggerì di fare prima delle gare e cioè “mangiare le formiche giganti; io e Francesco Cerisola, anche lui poi campione del mondo, ci demmo un'occhiata e la formica era già nel nostro stomaco. .... UNA!! IL MIO MOTTO: “Ogni volta che devo fare qualcosa di importante mi dico sempre“ Dai Lety ce la puoi fare, rientra nelle tue possibilità “.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

La regina del pattinaggio

Letizia Tinghi, vittoria di un Campionato italiano

35


Dipingi il tuo sport

varie province italiane; agli insegnanti dei vari Istituti è stato proposto il tema “Dipingi il tuo sport” nell’intento di contribuire all’alfabetizzazione di base per quanto riguarda sopratutto la conoscenza di quelle discipline sportive definite superficialmente e con buona dose di ignoranza “sport minori”. A tal proposito lo svolgimento delle Olimpiadi di Rio 2016 è stato l’evento stimolante per giovani e giovanissimi che, attraverso le riprese televisive, sono venuti a conoscenza di sport per lo più trascurati dai “media”. È stata, infatti, una gradita sorpresa poter constatare, durante la visione e la valutazione dei disegni, come la maggior parte degli alunni si fosse impegnata a rappresentare proprio quelle discipline di cui raramente si parla. Agli studenti è stato trasmesso un reDa sx si riconoscono Rodolfo Graziani, Livio Berruti, golamento a cui attenersi e, una Stefano Mei, Michele Maffei e Gianfranco Baraldi

S

ullo sfondo della splendida “location“ dell’Hotel Atlantic di Castiglioncello, si è svolta la finale nazionale del Concorso “Miss Arte Moda Italia” un evento ideato non solo per promuovere la bellezza delle concorrenti ma anche per scoprire e valorizzare il loro talento artistico, culturale e sportivo attraverso dimostrazioni pratiche proposte dalle “miss” in gara. Un interessante ed originale idea promossa dall’infaticabile e creativo promoter della manifestazione Dr. Nicola Gualerci che nell’occasione ha voluto rendere omaggio al mondo dello Sport Azzurro istituendo, nell’ambito del Concorso, anche la fascia di “Arte Moda Lady Sport Italia” affidando la selezione delle concorrenti ad una Giuria composta esclusivamente da atleti azzurri livornesi. Erano presenti, come giurati, il Presidente della Sezione ANAOAI di Livorno Rodolfo Graziani con il campione olimpico di Sciabola a Monaco ‘72 Rolando Rigoli, il quattro volte campione mon-

volta da questi realizzate le opere, si è provveduto a classificare i più meritevoli in base all’originalità e alla creatività del disegno presentato. La premiazione si è svolta a Firenze, ospiti del Circolo Canottaggio della Rari Nantes, con la presenza del Presidente nazionale Stefano Mei del past-President Gianfranco Baraldi, del Presidente della Sezione di Firenze GianPaolo Innocenti, del Presidente della Sezione di Livorno Rodolfo Graziani e di campioni olimpici come Livio Berruti, Michele Maffei, Gianni De Magistris, Riccardo Zandonella, Elena Gigli e Piero Vannucci tutti facenti parte della Giuria. Il gentil sesso questa volta ha surclassato per bravura artistica i coetanei maschi in quanto i la classifica dei primi tre posti ha recitato così: 1° Margherita Panti 2° Maria Teresa Papagni 3° Sonia Fabbrini. Una vera e propria “valanga rosa” che, in questa occasione, ha tenuto lontani dal podio i maschietti che siamo sicuri nel Concorso dell’anno prossimo vorranno rifarsi.

È torinese la prima Lady Sport Italia

Giusy Mercury Miss Arte Moda Italia Lady Sport 2017

diale di Canottaggio Filippo Mannucci, la medaglia d’Argento di Pugilato alle Olimpiadi di Melburne Franco Nenci, l’olimpionico di Lotta Libera a Mosca ‘80 Riccardo Niccolini, l’ex campione mondiale di Nuoto di Fondo Samuele Pampana, la pluricampionessa mondiale ed europea di Pattinaggio Artistico Letizia Tinghi e il pluricampione mondiale di Vela Matteo Savelli. Un foltissimo pubblico ha assistito ammirato alla sfilata delle Lady provenienti da tutta Italia; la loro bellezza e bravura ha reso particolarmente difficile per gli Azzurri presenti in Giuria il compito di scegliere la candidata vincente anche se poi la quasi totalità dei voti ha premiato la splendida torinese Giusy Mercury che con pieno merito si è fregiata della fascia di Lady Sport Italia 2017 dando una inequivocabile dimostrazione dello stretto legame esistente fra sport, salute e bellezza.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

È

stata un importante iniziativa realizzata in ottemperanza agli impegni presi fra il CONI nazionale e l’ANAOAI affinchè la nostra Associazione si impegnasse a fare una promozione attiva per far conoscere ai giovani l’importanza dello sport e dei suoi valori in una società, come la nostra, in cui spesso possono trovarsi ad affrontare problematiche a volte insuperabili. L’iniziativa ha coinvolto centinaia di studenti delle Scuole Elementari delle

37


Da oltre 60 anni al vostro servizio NANNIPIERI assicurazioni di Nannipieri Roberto e Verdiani Riccardo & C. Via Grande, 204 - LIVORNO • Tel. 0586 895508 - 880733 - Fax 0586 893351 e-mail: nannipieriassicurazioni@virgilio.it

Srl


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

ARTI MARZIALI

Giulia Quintavalle - Alessandro Fasulo.

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Emiliano Ceccatelli - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Luca Ferretti - Samuele Pampana - Ilaria Tocchini - Federico Turrini - Gabriele Detti

PALLACANESTRO

Alessandro Fantozzi - Massimo Bulleri.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO Duilio Brignetti. PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Mario Lenzi - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

PATTINAGGIO ARTISTICO Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi - Roberta Belluchi. SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi - Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini - Irene Vecchi.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai - Andrea Martignoni.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Francesco Marrai - Giuseppina Miglioranza - Giovanni Ruberti - Matteo Savelli - Marco Savelli.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Atleti Azzurri livornesi vincitori di medaglie Olimpiche - Mondiali - Europee e Assolute

Gli Atleti livornesi hanno conquistato 528 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute. Un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nell’élite dello Sport Mondiale. 39


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 2004 1992 1993 1994

med. Bronzo sq. med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo sq.

Campionati Europei Olimpiadi Pechino Campionati Europei Campionati Europei

1972 2008 2010 2015

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo med. Argento

Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Atene Campionati Europei

1928 1928 2004 2012

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro

Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei

2001 2004 2005 2006 2008 2010 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929

ATLETICA PESANTE Monti Michele Locci Stefania

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

ARTI MARZIALI

40

Alessandro Fasulo Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia

CALCIO

Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

CICLISMO Bianchi Bianco Bettini Paolo Mancini Ivo Simonetti Mauro

CANOTTAGGIO

Agamennoni Luca Balena Attilio Balleri Mario Barbieri Renato Barbini Fortunato Barsotti Dino

Bartolini Enzo Bertolani Alberto Bonciani Alberto Bracci Renato Brondi Vinicio Carlesi Ezio Cecchi Dino Checcacci Mario Ceccatelli Emiliano Cioni Vittorio Del Bimbo Guglielmo Garzelli Mario Godini Ottorino Gragnani Corrado Grossi Oreste Lari Dario

med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo

Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati mondiali Campionati mondiali

1930 1931 1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895 1896 1897 1899 1938 2009 1937 2009 2010 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938 1998 2005


DAMA

Borghetti Michele

med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1983 2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899 1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

2013 2015

med. Argento

Olimpiadi Parigi

1900

med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

Ferretti Luca Pampana Samuele Tocchini Ilaria Turrini Federrico

Fantozzi Alessandro med. Argento med. Argento Bulleri Massimo

PALLANUOTO

Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

NUOTO Detti Gabriele

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2012 2013 2014

1991 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1962 1968 1930 1956 1957

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

2004 1990 1991 1992 1993 1993 1993

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Mancino Luciano

med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio

PUGILATO Brondi Franco Golfarini Remo Lenzi Mario Nenci Franco Sitri Mario

PATTINAGGIO ARTISTICO

MOTONAUTICA Neri Enzo

Campionati Europei Olimpiadi Atene

PARACADUTISMO SPORTIVO

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio

2015 2015 2015 2016 2016 2016 2016 2017 2017 2008 2010 2011 2012 2012 1995 1998 2000 2001 1987 1995 2010 2013 2014 2016

PALLACANESTRO

SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei v. l. med. Argento Campionati Europei v. l. med. Oro Campionati Europei med. Argento Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Olimpiadi med. Oro Campionati Mondiali med. Bronzo Campionati Mondiali med. Oro sq. Campionati Europei med. Oro Campionati Europei med. Oro sq. Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Oro sq Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Oro sq. Campionati Mondiali med. Argento sq. Campionati Mondiali med. Argento Campionati Europei med. Argento Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei med. Bronzo Campionati Europei

Balluchi Roberta Tinghi Letizia

med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Lari Stefano Mannucci Filippo Milani Cesare Nenci Eugenio Persico Giovanni Quaglierini Ottorino Razzaguta Niccolò Rodinis Giovanni Saettini Silvio Sebastiani Ettore Secchi Dante Taddei Alfonso Vestrini Renzo Vestrini Roberto Vestrini Pier Luigi

41


Vivaldi Elisabetta

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

PESCA SUBACQEA

42

Bacci Giuseppe Bellani Raffaele Bellani Stefano Casini Guerrino Gasparri Carlo Giachini Cesare Mazzarri Renzo Paggini Marco Ramacciotti Maurizio

PESCA SPORTIVA

Berlucchi Massimo Canaccini Andrea Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino Mugnai Francesco Meloni Marco

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

1994 1995 1995 1985 1986

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1983 1968 1970 1992 1994 1995 1995 1996 2001 2001 2003 2004 2004 2008 2009 2010 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2002 2002 2004 2008 2009

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990

Volpi Marco

SCHERMA

Abati Luciano Anselmi Renato Baldi Baldo Baldini Andrea Bini Bino Chiavacci Giorgio

med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq.

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1997 1999 1988 1990 1992 1993 1994 1995 1999 1999 2000 2000 2004 2005 2005 2009 2009 2011 2011

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq med. Bronzo sq. med. Argento sq med. Oro sq. med. Argento sq med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Londra Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2009 2009 2009 2009 2010 2010 2010 2011 2011 2012 2012 2013 2013 2014 2014 2015 2016 1924 1926 1928 1928 1926


Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Campionati Mondiali

1926 1928 1931 1931 1960 1964 1966 1968 1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 2015 1920 1928 1932 1932 1932 1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951 1936 1948 1938

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro Nadi Nedo med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Londra Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa

1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 2008 2009 2010 2010 2011 2011 2012 2013 2015 2015 2017 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978 1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920 1912 1920 1920 1920 1920

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo Chicca Pier Luigi med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Curletto Mario med. Argento sq. Di Rosa Manlio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo Luperi Edoardo Marazzi Andrea med. Oro sq. Marzi Gustavo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

43


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia 44

Pellini Giorgio Puliti Oreste Rastelli Giorgio Rigoli Rolando Scuri Angelo Tanzini Athos Ughi Ugo Urbani Dino Vaselli Maurizio Vecchi Irene

TIRO A SEGNO

Balloni Matteo Bernardini Rosanna Martignoni Andrea Menicagli Ottaviano Ticchi Riccardo

med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960 2009 2010 2011 2012 2013 2013 2013 2017 2017 2017

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq.

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977 1981 1985 2015 1930 1904 1908 1910

Renai Bruno

VELA

med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

Barozzi Paolo med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Marrai Francesco med. Argento Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Marco med. Bronzo Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1912 1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1991 1998 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 2012 2013 1966 1966 1967 2017 1985 1983 1987 2000 1981 2006 2006 2007 2008


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975

Scali Cerere, 15 - 57122 LIVORNO • ITALY Tel. +39 0586 890.328/884.094 - Fax +39 0586 015722 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITE - NOLEGGI

Container

“i vantaggi”

Interventi in tutte le zone d’Italia

Consulenze in ambito: • Trasporti Terrestri • Trasporti Marittimi Perizie in ambito: • Merceologico • Assicurativo • Marittimo:

Inizio e fine noleggio navi Inizio e fine noleggio containers

Verifiche e controlli su: • Autovetture nuove sbarcate da navi

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessità I mpermeabile all’acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente • Vendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

• Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

Misure esterne del container (in metri) 10’ box 20’ box 40’ box 40’ HC

lungh.

largh.

2,99 6,06 12,19 12,19

2,44 2,44 2,44 2,44

alt. 2,59 2,59 2,59 2,89

cub. mc.

tara q.li

16 33 66 76

9,55 23,30 40,00 42,00

Monoblocchi

“con / senza servizi” DIMENSIONI STANDARD

Lunghezza: da 2 mt. a 12 mt. Larghezza: 2,40 mt./4,80 mt. (semplici/accoppiati) Altezza interna: 2,45 mt./2,70 mt.


Veterani dello Sport di Livorno La riunione regionale delle sezioni toscane

Cesare Gentile premia lo staf dirigenziale

proprietario Federico Ficcanterri e la direttrice Sabrina Meini. Al termine della cena ricca musica dal vivo con una deliziosa

Cesare Gentile riconfermato Presidente

S

i è riunito il consiglio direttivo della sezione Unione Nazionale Veterani dello Sport di Livorno. Nella riunione è stato riconfermato come presidente Cesare Pasquale Gentile (nel riquadro). Sono entrati a far parte del consiglio: Sergio Veracini, Piero Lilla, Mauro Martelli, Mario Tinghi, Corrado Salvini, Roberto Bastrei, Silvestro Contessa, Guelfo Guelfi, Glauco Cintoi, Franco Albanesi e Luciano Della Bella. Collegio sindaci revisori: Maurizio Baldi, Ezio Di Censo e Rolando Ceccotti.

orchestra. La Sezione di Livorno ringrazia tutti gli intervenuti, con l’auguri di vederci al prossimo anno in perfetta salute.

Veterani dello Sport di Livorno

S

abato 21 e domenica 22 gennaio 2017, si è tenuta presso l’hotel Marinetta di Marina di Bibbona, la 1ª riunione Regionale delle Sezioni toscane ed il torneo di burraco, memorial Gabbanini, organizzato dalla Sezione di Massa. La riunione, perfettamente organizzata e curata dal Presidente della Sezione di Livorno Cesare Gentile, ha visto la presenza della seguenti Sezioni: Cecina, Collesalvetti, Firenze, Follonica, Livorno Massa, Piombino, San Giovanni Valdarno, Siena, Pistoia e Viareggio. Per il direttivo Nazionale Sani, Persiani, Miceli, Poli, Salvatorini, Orioli, il segretario generaleEttore Biagini ed il padrone di casa, il delegato Regionale Salvatore Cultrera. La riunione iniziata, alle ore 15, 30, ha avuto un nutrito ordine del giorno che ha tenuto impegnati i partecipanti fino, alle ore 19, 30.Conteporaneamente, in altro locale, si teneva il torneo di burraco. Dopo la nomina del presidente e segretario della riunione, prendeva la paraola il Vice Presidente Nazionale Federigo Sani e successivamente il delegato regionale, il segretario generale e diversi presidenti di Sezione. Molto discusso il tema principale della riunione circa la candidatura alla Presidenza Nazione di Scotti Alberto e di Vergnano Gianfranco. A larga maggioranza è emersa, alla fine, una mozione, nella quale si auspica una soluzione unitaria che preveda al massimo vertice SCOTTI con VERGNANO in veste di vice per il Nord Italia.Con la presenza, nel gruppo, di consiglieri: due del Nord, due del centro e due del Sud. Poiché lo statuto è da correggere, non si può permettere che i nominativi dei candidati si conoscano solo 20 giorni prima dell’Assemblea. Si chiede una modifica. Solo conoscendo i nominativi almeno tre mesi prima dell’Assemblea Elettiva si può lavorare in armonia. Durante la riunione, si è venuti a conoscenza della proposta, a delegato regionale, di ALLEGRETTI Paolo della Sezione di Firenze, in sostituzione dell’amico Salvatore Cultrera. Il Delegato, ha fatto conoscere che Allegretti aveva aperto una nuova Sezione a Empoli. Al termine della riunione e del torneo di burraco si è tenuta una conviviale con la partecipazione di 140 persone. Durante la cena sono stati premiati i vincitori del torneo “ Sezione di Livorno” Cirasaro-Puppo. Il presidente Gentile ha omaggiato il

47


Il socio veterano Giovanni Giannone nuovo delegato del Coni

Veterani dello Sport di Livorno

G

Giovanni Giannone

iovanni Giannone, imprenditore livornese, uomo assai conosciuto in tutti gli ambienti ma soprattutto nel mondo dello sport per la sua costanza, è il nuovo delegato Coni di Livorno. Diciamo nuovo ma per Giannone è un ritorno dopo che lo era stato nel 2013 e 2014 per poi interrompere il tutto per un brusco scontro con il Presidente regionale Salvatore Sanzo. È stato proprio Salvatore Sanzo a sancire il ritorno di Giannone al vertice dello sport livornese in una sala gremita di rappresentanti dello sport livornese tra cui presidente regionali di federazione. “Gianni è l’uomo giusto, ha grandi conoscenze del territorio e soprattutto è un grande appassionato ed intenditore dello sport - ha specificato l’ex schermidore azzurro - le società, le federazioni me lo hanno chiesto sottoscrivendo la sua candidatura, giustamente, non ho esitato un attimo è un amico sincero e lo ha dimostrato in questi anni in

Il tavolo del Comitato organizzatore

cui non ha rivestito l’incarico di delegato ma ha continuato a collaborare”. Piena sintonia sui programmi che Giannone ha brevemente illustrato partendo dalla necessità di creare un grande contenitore dove ci siano tutte le forze sportive della provincia di Livorno per meglio collaborare in vari progetti ed essere il punto di riferimento per le amministrazioni comunali. Progetti per lo sviluppo

Giannone premia Rachela Giovannini

48

delle attività di base rivolte verso i giovani, monitoraggio della situazione impiantistica, innovazione dialettica per un migliore approccio con le nuove generazioni, valorizzazione dei tanti atleti azzurri della nostra provincia affinché possano anch’essi contribuire allo sviluppo del nostro territorio della nostra costa per una crescita del nostro turismo non solo sportivo.

Giannone e Morini premiano gli atleti del Jitsu


La 56ª Assemblea Nazionale UNVS

I componenti del Comitato nazionale UNVS

funivia per raggiungere la meravigliosa città di Orvieto, molto particolare costruita sul tufo con il suo splendido DUOMO, famoso in ogni dove con possibilità di visitare il bellissimo pozzo di San Patrizio e le sue stupende chiese. Ore 17,30 tutti sul pullman per far rientro alla base, Ore 2010, tutti sul nostro mezzo, compresi i soci di Parma, per raggiungere il salone “NERVI” dove era programmata la cena di gala. Salone stupendo, la cena ha lasciato desiderare tutti i convenuti. Siamo dei Veterani ed il motto è, vivere insieme, ci siamo accontentati senza colpo ferire.

D

Alle ore 23,55 tutti in albergo. Domenica 26 partenza per Siena con visita alla Piazza del Campo, dove svetta la torre del Mangia e dopo acquisti vari tutti a pranzo nel caratteristico ristorante “GALLO NERO” dove abbiamo gustato dei cibi veramente stupendi che hanno fatto dimenticare la cena di gala. Ore 16,30 tutti in pullman per rientro alle rispettive sedi. Tutti hanno ringraziato il presidente Gentile per la grande programmazione ed assistenza data a tutti i partecipanti con l’augurio di rivederci, al prossimo anno, tutti insieme. Auguri a tutti gli eletti.

Le nostre attività associative dell’estate

omenica 25 giugno c.a., alle ore 06,00, 51 gitanti prendevano posto sul pullman, da noi organizzato per la gita Giannutri-Giglio. Dopo circa 90 minuti di viaggio, sosta a Venturina, per le varie esigenze fisiologiche.. Alle ore 09,15 arrivati a Porto S. Stefano si prendeva imbarco sulla M/n. Everange per raggiungere Giannutri. Arrivati si sbarcava ed, ognuno raggiungeva la propria spiaggia o scogli, per fare un bagno nelle splendide acque. Alle ore 13,00, come da disposizioni impartite dal comandante tutti a tavolo, nei posti assegnati. Si dava inizio al rito con un primo e secondo a base di pesce,

con tanto di vino bianco fresco. Alle ore 14,30 partenza per Giglio. Sbarcati gli incoscienti facevano il bagno nelle splendide acque ed i saggi facevano shopping tra Giglio paese e Giglio Castello. Alle ore 7,30, tutti a bordo per la traversata e dopo 45 minuti si sbarcava e si raggiungeva il pullman per rientro a Livorno. Durante il viaggio alcuni nostri soci prendevano la parola e ringraziavano il presidente Gentile per la perfetta organizzazione. Con entusiasmo chiedevano la ripetizione della gita per gli anni futuri Questo è lo spirito di fratellanza tra i tutti i soci .

Veterani dello Sport di Livorno

V

enerdì 24 marzo 2017, alle ore otto, siamo partiti dalla nostra sede di Livorno con un nuovo pullman da 53 posti, messo a disposizione dal socio amico Stefano CORTI. Dopo circa 20 minuti si imbarcavano i soci della Sezione di Pisa e Lucca (12) quindi si proseguiva per raggiungere Pistoia dove salivano n° 5 soci. A pullman completo, dopo una sosta per il pistop, si proseguiva per Chianciano ove si giungeva alle ore 11, 30 circa. Eseguite le formalità, ognuno raggiungeva la propria camera assegnata. Alle ore 13.00 ognuno raggiungeva il proprio tavolo già assegnato da Gentile. Alle ore 15, 00 tutti in pullman per visita alla città di Montalcino, cittadina importante per essere stato l’ultimo punto di rifugio dei Senesi prima di arrendersi ai fiorentini. Ore 20, 00, cena e subito dopo nel salone per la partiti di calcio Italia - Albania e le donne, come al solito, occupavano i tavoli per la partita, volontaria al burraco. Sabato 25, i delegati, preposti dalla Sezione, raggiungevano il salone dove, alle ore 09,30 si è svolta l’Assemblea Nazionale. Dopo i vari interventi di rito, relazione del Presidente, del Revisore dei Conti, dei Probiviri e la presentazione dei vari candidati per il nuovo consiglio direttivo si è passato alle votazioni degli stessi. Alle ore 12,00 dopo che sono state effettuate le premiazioni, si è venuti a conoscenza che Alberto Scotti è il nuovo Presidente Nazionale dei Veterani dello Sport. Lo ha stabilito l’Assemblea Nazionale. Scotti ha ottenuto 116 voti su 131 votanti. Sono stati eletti, inoltre, per il Nord Gianfranco Vergnano e Prando Prandi. Vergnano è il nuovo Vice presidente vicario. Per il centro Francesca Bardelli e Giuseppe Orioli, per il sud Antonino Costantino e Martino Di Simo. Grosse polemiche per i due eletti del centro, in quanto sono stati esclusi i soci Quintino Miceli e Rudi Poli. Completano i quadri dirigenziali dell’organismo per i revisori dei conti Giuliano Persiani Presidente, Gianni Micheli e Vito Tisci; per il collegio dei probiviri Paolo Mantegazza Presidente, Pierluigi Tassi e Luciano Vannacci; per la commissione nazionale di appello Daniele Biagini Presidente, Paolo Risuglia e Federico Sani. Ore 12,30, i soci della comitiva di Livorno raggiungevano l’albergo per il pranzo. Ore 14,30 tutti sul pullman compresi 15 soci di Parma, che si trovavano abbandonati e senza alcuna assistenza nell’albergo. Alle ore 15,15, arrivo alla stazione di Orvieto, scesi dal pullman si raggiungeva la

49


Soci che si fanno onore

Michele Borghetti

Dopo tanti titoli italiani e mondiali, il nostro socio Michele BORGHETTI è stato insignito dal Coni Centrale di Roma con medaglia d’oro al valore atletico per meriti Sportivi. Di fatto nessun damista mai prima di lui era riuscito a ricevere questo tipo di riconoscimento. Il campione oltre che ad essere stato ricevuto dal Presidente della Repubblica oggi, è stato incontrato dal Presidente del Coni Malagò. Interpellato il socio ha riferito di essere molto contento di questa onorificenza perché viene riconosciuto alla dama un valore sportivo importante. Grazie Michele, I Veterani dello Sport di Livorno ti sono sempre vicini. Come Presidente, mi sia permesso di complimentarmi con te e con i tuoi familiari per i grossi sacrifici. Auguri

Mauro Martelli e Andrea Carbone

Nei giorni 6, 7 e 8 giugno, neilo stabilimento balneare “ Bagni Lido di Livorno, due nostri soci unitamente ad altri 8 Atleti, dopo due giorni e mezzo di duro impegno, hann ottenuto il primato mondiale maschile, pesi leggeri, di remo ergometro sulla distanza di 1000 km. con una prestazione che ha abbassato di circa 4 ore e mezzo il tempo del record precedentemente appartenente ad atleti statunitensi. Rispetto al precedente tempo di 65 ore 37 minuti, la squadra italiana ha impiegato 60 ore 59 minuti e 52 secondi. I nostri atleti indoor hanno dato fondo a tutte le energie, per portare a casa un primato che potesse durare nel tempo. Grazie vice presidente UNVS nonché capitano Mauro Martelli per le soddisfazioni che dai a noi Veterani.

Marco Volpi

Il nostro socio, grande pescatore con canna da natante, non finisce di stupirci per la sua grande passione ed impegno per il suo sport. Domenica 8 giugno, dopo tre giorni di gare in mare aperto, ha conquistato il suo 40° titolo italiano, nelle acque di Livorno. Chi ha seguito la manifestazione come giudice di gara, il nostro vice Pre sidente Piero LILLA, mi ha riferito ”è BRAVO”. Grazie Marco dai Veterani dello Sport di Livorno

Veterani dello Sport di Livorno

Piero Lilla

Il 15 giugno 2017, nella cerimonia di presentazione dell’ALMANACCO DELLOSPORT, tenutasi presso la Sala Coinsiliare della Provincia di Livorno, il nostro socio e vice presidente diSezione Piero LILLA, a sorpresa, ha ricevuto un bellissimo Trofeo con la motivazione “UNA VITA PER LO SPORT”. Durante la cerimonia sono sti premiati tanti Atleti e dirigeni sportivi. Sono stati premiati Igor PROTTI per il calcio ed ATLETI DELL’ANNO Maschile e femminile “Francesco MARRAI (Vela) e Sara FRANCESCHI (Nuoto)”. La manifestazione perfettamente riuscita, ha avuto come Spikker Enrico CERRI, presidente della Sezione di Cecina. Il Consiglio Direttivo, lo scrivente e tutti i soci si congratulano con il nostro socio organizzatore Roberto SCOTTO.

51


Valfrè Biagi

Campione senza età. Dopo il titolo mondiale conquistato ad Anversa, per la sua categoria, il 3 giugno; con alzata da panca di kg 118. A Mantova ha conquistato anche il titolo italiano. Questa manifestazione, a noi Veterani, fa comprendere che lo sport è salute. Tutti, a qualsiasi età dobbiamo fare una pratica sportiva. Solo così ci dimentichiamo dei medici e siamo di sprone per i giovani. Grazie Ilio e complimenti dai Veterani.

Il nostro socio, domenica 18 giugno c.a., ha partecipato, a Viterbo, al raduno nazionale di “SLOOTEK MODERNI” . Al termine della manifestazione è stato premiato con Coppa, mentre, alla nostra Sezione è stata consegnata una targa di riconoscimento della manifestazione. Il Consiglio Direttivo si complimenta con il socio.

Benedetta Niccolini

Commemorazioni

La giovane nostra socia atleta si è qualificata nona al Campionato del mondo di pattinaggio artistico svoltosi in Cina. Il Consiglio direttivo e i soci della sezione si congratulano con Benedettta per il risultato.

Il 25 giugno 2017, è deceduto a Livorno il nostro socio nonché Presidente del Panathlon Lorenzo Gremigni. Diversi nostri soci hanno dato, nella camera mortuaria, l’ultimo saluto al grande uomo. Il Consiglio Direttivo ed i soci della nostra Sezione formulano sentite condoglianze alla famiglia. Il 7 settembre è deceduto a Livorno il nostro socio Alessandro Maisto. Il Consiglio direttivo e i soci della sezione porgono sentite condoglianze alla famiglia. Il 9 settembre è deceduto a Roma Giovanni Bagaglia. Il consiglio direttivo e i soci della sezione porgono sentite condoglianze alla famiglia.

Veterani dello Sport di Livorno

Ilio Polese

Lorenzo Gremigni

53


Giornata del Veterano dello Sport

Veterani dello Sport di Livorno

3 Dicembre 2017

D

Il numeroso pubblico presente

omenica 3 dicembre 2017, nel salone Riunioni della Cassa Edile, si è svolta la cerimonia di premiazione dell’’’ATLETA DELL’ANNO 2017”, individuata in Rachele GIOVANNINI, appartenente alla disciplina del Ju-Jitsu. Nell’anno ha vinto il campionato italiano, 2° al campionato del mondo e diversi tornei internazionali. Al tradizionale evento erano presenti: l’Assessore allo Sport del Comune di Livorno Stefano MORINI, il Delegato Provinciale del Coni Giovanni GIANNONE e il Presidente degli Azzurri ed Olimpici Rodolfo Graziani, il Consigliere Nazionale Giuseppe ORIOLI, il segretario genera-

le Ettore BIAGINI, il membro dei probiviri Luciano VANNACCI, tredici Presidenti delle varie Sezioni Toscane UNVS e il delegato Regionale Toscana Paolo ALLEGRETTI. La scelta dei premiati è avvenuta dalle segnalazioni ricevute dai Dirigenti Sportivi e dalle Federazioni di appartenenza. E’ stata scelta la giovane di 21 anni, Rachele GIOVANNINI, alla quale è stato assegnato il premio “ATLETA DELL’ANNO 2017”. Giovane emergente Asia MORI Premio d’ Onore Antonella DE VITO , Distintivo argento UNVS Corrado SALVINI, Premio amicizia Pierluigi FICINI Pi-

Cesare Gentile premia Rachele Giovannini Atleta dell’anno

54

sa e Mauro PINI San Giovanni Valdarno e Roberto SCOTTO. Fedeltà alla Sezione 30 anni Renzo SUSIA, Roberto TURCHI e Luigi Raugi, Sono stati assegnate delle medaglie agli atleti del Rugby, Pattinaggio, Karate, Special Olympics SportiLandia, ai Veterani dello Sport distintisi nell’anno: Ilio POLESE, Marco VOLPI, Giulio PAROLI, Giovanni LATINI, Ilio BARONTINI, Giuseppe BILOTTA, Benedetta NICCOLINI, Mauro MARTELLI, Andrea CARBONE, Pirro STEFANINI, Valfrè BIAGI, all’associazione Sportiva Zenith ONLUS, Rugby, Scherma, Karate, Pesistica, Atletica Leggera, Pesca Sportiva, Tiro con l’Arco, Danza Sportiva e Pattinaggio, Ju-Jitsu. La sala era stracolma. Il Consiglio della Sezione ed il presidente hanno avuto il plauso per la bella riuscita della Manifestazione. Al termine, il presidente Gentile ha ringraziato tutti i convenuti ed in particolare al Delegato Coni, il Signor Michele della Cassa Edile, Tele granducato TV, Roberto SCOTTO, gli operatori del Tirreno, la insostituibile socia ed amica Marzia CHIOCCHI e a Michela DEMI per l’assistenza volontaria offerta alla Sezione. in chiusura di cerimonia in segno di ringraziamento ha donato un oggetto personale e particolare. Un grazie ai i collaboratori: Piero Lilla, Sergio Veracini, Maurizio Baldi, Corrado Salvini, Mario Tinghi e Mauro Martelli,che comprendendo il mio stato di salute hanno portato avanti la festa con grande amore e passione. La festa è proseguita presso il Grande Hotel Continental di Tirrenia con un grande convivio.

Cesare Gentile premia Antonella De Vito


55

Veterani dello Sport di Livorno


D F 45 F 45 F 55 F 55 F 70 F 70 F 70 F 75 F 75 F 75 F 75 F 80 F 80 M 45 M 45 M 50 M 50 M 50 M 50 M 55 M 55 M 55 M 55 M 55 M 55

Ronchieri Federica 50 Ra 00.44.25 Ronchieri Federica 50 Sl 00.33.09 Reggiani Gabriella 100 Do 02.05.15 Reggiani Gabriella 100 Sl 01.37.59 Orvieto Eleonora 100 Ra 02.15.00 Orvieto Eleonora 50 Ra 01.01.60 Micheli Marcella 100 Do 02.14.13 Ramagli Paola 50 Fa 01.11.42 Ramagli Paola 50 Sl 00.52.93 Faucci Losito Laura 200 Sl 03.47.28 Faucci Losito Laura 100 Sl 01.41.17 Corti Delia 50 Sl 01.25.53 Corti Delia 50 Do 01.27.41 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° Sostegni Simone 200 Sl 04.14.75 Sostegni Simone 100 Do 02.33.08 Zazzetta Massimo 100 Do 01.14.38 Zazzetta Massimo 100 Fa 01.15.86 Balucchi Giulio 50 Sl 00.35.92 Balucchi Giulio 50 Ra 00.47.72 Paghi Marco 100 Sl 02.64.63 Paghi Marco 50 Fa 00.46.37 Mollo Giacomo 100 Sl 02.54.63 Mollo Giacomo 50 Do 00.43.38 Bradaschia Maurizio 100 Do 01.43.07 Bradaschia Maurizio 100 Fa 01.57.54

Campionato Italiano di Nuoto UNVS trocinio dei Veterani della Sezione “Nedo NADI” di Livorno. La manifestazione ha registrato la presenza di circa 500 atleti di

Massa Massa Parma Parma Pisa Pisa Livorno Livorno Livorno Savona Savona Livorno Livorno

12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12

Firenze Firenze Livorno Livorno Massa Massa Siena Siena Livorno Livorno Livorno Livorno

12 12 12 12 12 12 12 12 9 12 12 12

M 60 M 60 M60 M60 12 M 65 M 65 M 70 M 70 M 70 M 70 M 70 M 70 M 75 M 75 M 75 M 75 M 75 M 80 M 80 M 80 M 80

varie società nazionali, tra cui 23 atleti veterani di 9 Sezioni UNVS, che hanno conseguito i seguenti risultati :

Panicucci Marco Panicucci Marco Vestri Nicola Vestri Nicola

50 Do 100 Fa 50 Sl 50 Ra

00.42.68 01.29.30 00.43.12 00.49.20

Pisa 12 Pisa 12 Pisa 12 Pisa

Gric0’ Oliviero Grico’ Oliviero Balli Mario Balli Mario Becchetti Romolo Becchetti Romolo Rossi Marco Rossi Marco Citti Alfredo Citti Alfredo Fabbri Piero Fabbri Piero Razzauti Paolo Benvenuti Mario Benvenuti Mario Bertuccelli Osvaldo Bertuccelli Osvaldo

100 Sll 50 Ra 200 Sl 100 Do 100 Sl 50 Sl 50 Ra 100 Ra 50 Ra 50 Do 100 Sl 100 Do 50 Do 50 Do 100 Do 100 Ra 100 Sll

01.35.85 00.6566 05.03.14 02.54.59 01 22.06 00.36.31 00.44.72 01.44-23 00.59.73 01.06.63 02.23.75 02.28.51 01.35.24 00.51.91 01.54.45 01.52.73 01.31.16

Pisa Pisa Firenze Firenze Livorno Livorno Firenze Firenze Lucca Lucca Firenze Firenze Livorno Livorno Livorno Viareggio Viareggio

12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12

CLASSIFICA PER SEZIONI

1° LIVORNO 179 2° FIRENZE 96 (diversi atleti hanno una maggiore eta)’ 96 3° PISA 4° MASSA 48 5° VIAREGGIO 24 SAVONA 24 LUCCA 24 PARMA 24 SIENA 24

La Sezione di Livorno, per la tredicesima volta, vince “ IL CAMPIONATO ITALIANO UNVS DÌ NUOTO”. Ringraziamo tutti gli atleti, il DLF, i cronometristi e l’amico Enzo SAGONE per la perfetta organizzazione e collaborazione. Arrivederci al 16 dicembre 2018.

Campionato italiano mezza maratona ETÀ COGNOME NOME M.30 M 35 F 35 M40 F.45 M 45 M 50 M 55 M:60 M.65 M 70 M 85

TANZI Claudio LOMBARDI Marco GRECO Simona CAROTI Roberto FABBRI Francesca CARBONE Massimo GORI Roberto GORI Riccardo BAMBINI Alberto CASSOLA Fausto CECCHELLI Giancarlo SARTORI Massimo PALMINI Stefano BORGHETTI Alessandro ROLLA Vladimiro GELLI Sergio BENZI Romano MOSCARELLI Stefano BRAGA Ferrari Edoardo SQUADRONE Angelo

TEMPO SEZIONE PUNTI 1.16-06 1.17 55 1.45.12 1.33.20 1.41.40 1.38.20 1.41.40 1.45.22 1.20.49 1.29.23 1.31.22 1.32.38 1.42.00 1.57.29 1.42.32 1.44.12 1.34.50 1.35.00 2.23.58 3.02.00

Piaceza Livorno S:G:Valdarno Livorno S:G:Valdarno Follonica Pistoia Pistoia Collesalvetti Piacenza Volterra Piacenza Piacenza Livorno Collesalvetti Pistoia Piacenza Torino Lucca Pisa

12 12 12 12 12 12 9 6 12 9 6 3 1 12 12 9 12 9 12 12

CLASSIFICA 1 ° PIACENZA 37 36 2° LIVORNO 3° COLLESALVETTI 24 PISTOIA S:G:VALDARNO

4° PISA 12 LUCCA FOLLONICA 5° TORINO 9 6° VOLTERRA 6

Il Presidente, il Consiglio Direttivo e i soci della Sezione di Livorno ringraziano tutti gli Atleti per la loro partecipazioneIL PRESIDENTE Cesare Pasquale Gentile

Veterani dello Sport di Livorno

omenica 10 dicembre 2017,nella piscina Camalich di Livorno, si è svolta la tradizionale manifestazione natatoria “Festa degli Auguri” e “Campionato italiano UNVS di Nuoto”, organizzato in modo encomiabile dal Dopolavoro Ferroviario di Livorno, con il pa-

Maratona 2017

57


Veterani dello Sport di Collesalvetti Buona partecipazione alla 23esima edizione

L’

edizione numero ventidue della “Coppa per lo Sport” 11° Memorial “Ivo Mancini” organizzata dalla Polisportiva ARCI Stagno con il patrocinio della sezione dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport di Collesalvetti. Oltre 100 iscritti in rappresentanza di venti società provenienti anche da fuori regione si sono presentati al via 87 concorrenti suddivisi nelle nove categorie (Elite, M1, M2, M3, M4, M5, M6, M7, M8) categorie. Il ritrovo era previsto presso il Circolo ARCI di Stagno. Il percorso si snodava all’interno della campagna del comune di Collesalvetti, attraverso le frazioni di (Stagno, Guasticce, Bivio La Berte, Nugola Nuova, SS4, Piersanti, Cisternino, Pian di Rota, Ponte Ugione e Stagno da ripetere tre volte per un totale di circa Km. 70. Presenti il presidente della sezione colligiana Gino Massei con il consigliere Romano Livi responsabile del settore Ciclismo, l’assessore del comune di Collesalvetti Roberto Menicagli e Stefano il figlio in rappresentanza della famiglia Lenzi. Presenti alcuni soci della sezione Unvs colligiana dal vice presidente Maurizio Ceccotti, ai consiglieri Giuliano Santucci, Andrea Moretti e il segretario Gianfranco Baldini.

“1° Memorial Carlo Lenzi” 12° Memorial “Ivo Mancini” CLASSIFICHE Categoria M8 1° Carratore Fausto - Asd Trycicle Colonna 2° Micchi Orfeo M &G Sport Asd

Categoria M7 1° Biasci Alessandro 2° Bensi Franco 3° Menconi Franco

Asd La Belle Equipe Asd Team Vallone Gs Quercia

Categoria M6 1°Garuzzo Francesco Fabrizio Acconciature 2°Nesti Luca Ciclo Point Cicli Puccinelli 3°Barsotti Alberto

Categoria Elte S 1° Elefante Nicky 2° Sbrana Lorenzo 3° Carlotti Michele

Asd La Belle Equipe Asd Team Stefan Asd La Belle Equipe

Categoria M5 1° Lamberti Marco 2° Macchiaroli Dany 3° Marchetti Mauro

Asd Team Vallone M &G Sport Asd Cicli Tarducci Asd

Categoria M4 1° Grandi Andrea 2° Gonfiantini Leo 3° Vallini Simone

Gc Falaschi Asd New Mt. Bike Team 2001 Asd La Belle Equipe

Categoria M3 1° Barni Francesco 2° Andolfo Mirco 3° Nannatti Alex

Gs Baglini Asd Asd Team Cicli Mori Asd Team Bike Ballero

Categoria M2 1° Bianchi Mario 2° Rofi Marco

Cicli Puccinelli Asd La Belle Equipe

Categoria M1 Tavolo premiazioni

1° Bozzi Daniele G.s. Baglini Asd Uisp Terre Etrusco 2° Russo Rosario 3° Gomes De Andrade Asd La Belle Equipe

Il figlio di Carlo Lenzi premiato dall’Assessore Sport del Comune di Collesalvetti

Classifica Società 1ª Asd La Belle Equipe 2ª G.s. Baglini Asd 3ª Asd Team Vallone 4ª Cicli Puccinelli 5ª M &G Sport Asd 6ª Asd Team Stefan 7ª Ciclo Point 8ª Asd Trycicle Colonna 9ª Fabrizio Acconciature 10ª G. C. Falaschi Asd 11ª Asd Team Cicli Mori 12ª New Mt. Bike Team 2001

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Da sz Carlo Lenzi premiato

59


Una data da non dimenticare 10 Aprile 1991

Veterani Collesalvetti

by Prince andò a cozzare con la petroliera Agip Abruzzo, ferma in rada. Nel rogo che seguì, perirono tutti gli occupanti del traghetto, ovvero 140 persone ad eccezione

60

O

Alla manifestazione hanno aderito 11 comuni e la provincia di Pisa e Livorno. Le autorità presenti al passaggio delle varie staffette: Cascina il vice sindaco, Michele Parrini Vicopisano il sindaco Juri Taglioli, Calcinaia l’assessore alle politiche sociali Giuseppe Mannucci, Pontedera l’assessore allo sport Matteo Francioni, Ponsacco il sindaco Francesca Brogi, Casciana Terme Lari l’assessore alla cultura Chiara Ciccarè, Crespina - Lorenzana Irene Taliani, Fauglia l’assessore allo sport Claudio Politi, Collesalvetti il vice sindaco Libera Camici, Stagno il presidente dell’UNVS di

Vice Sindaco Michele Parrini Cascina

Valeria Antoni premia Loris Rispoli

del mozzo che riuscì a gettarsi in acqua e quindi recuperato dalle unità di soccorso. Sono trascorsi 26 anni da quel tragico giorno ed ancora i familiari chiedono chiarezza e giustizia sull’esatta dinamica dell’incidente e che siano individuate con esattezza cause e responsabilità. Va ben oltre il significato sportivo dunque questa staffetta che è stata ricevuta dalle autorità locali lungo vari comuni da Cascina a Livorno che ha appunto lo scopo di tenere vivo il ricordo di quella tragica data e il dolore dei familiari delle 140 vittime. La manifestazione, giunta alla 24esima edizione, è partita da Cascina. Organizzata dal Coordinamento Podistico Moby con il patrocinio della sezione dei Veterani dello Sport di Collesalvetti, hanno aderito oltre 100 atleti che si sono alternati lungo i vari tratti prima di giungere al Porto.

Stagno, Irene Visone Pres. Consiglio Collesalvetti

Libera Camici, V. Sindaco Collesalvetti

ltre 90 atleti si sono alternati lungo i vari comuni da Cascina a Livorno con l’arrivo al Piazzale Moby Prince lunedì10 aprile La Staffetta Podistica organizzata dalla sezione UNVS di Collesalvetti in collaborazione con il Coordinamento Podistico Moby denominata “10 aprile 1991 Una data da non dimenticare”, la manifestazione sportiva che tiene vivo il ricordo del tragico rogo della Moby Prince, il più grave incidente nella storia moderna della marina civile italiana. Come è noto il 10 aprile del 1991, nelle acque poco fuori il porto di Livorno, il traghetto Mo-

Corteo

Collesalvetti Gino Massei e il presidente del consiglio comunale Irene Visone con il consigliere Giovanni Biasci del comune di Collesalvetti, Livorno Loris Rispoli presidente Associazione 140.

Crespina

L’Assessore Giuseppe Mannucci Calcinaia


Lari L’Assessore allo Sport

Ponsacco Il Sindaco Francesca Brogi

Vicopisano Il Sindaco Juri Taglioli

Porto, i partecipanti

Cascina, i partecipanti

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Pontedera L’Assessore Matteo Francioni

61


ESTETICA ELEONORA

Nel Centro Estetico

su appuntamento si possono prenotare consulenze mediche: Dietologo nutrizionista, Dermatologo, Fisioterapista Chirurgo estetico

 Estensione ciglia  Fotoepilazione  Trattamenti viso-corpo personalizzati  Massaggi  Pressoterapia  Ricostruzione unghie smalto semi-permanente  Sauna e Solarium

Via Galileo Galilei, 159/A - Vicarello (LI) Aperto dal martedì al sabato, dalle 09.00 alle 19.00 Per appuntamenti: Eleonora 347 0081810


La festa La Storia dello sport di Colle. L’Unvs premia i fedelissimi

Gino Massei

U

na festa in famiglia nella storica sede del Circolo di Stagno in via Curiel. L’occasione i festeggiamenti della “Giornata del fondatore della sezione Ivo Mancini”, da parte dell’Unione nazionale veterani dello sport di Collesalvetti. E la premiazione, oltre dei fondatori della sezione, di quanti hanno tagliato il traguardo dei dieci anni di appartenenza all’associazione. Una sezione, quella colligiana, datanti anni sulla breccia dell’onda con una

I premiati

serie di importanti iniziative, nata da una costola della sezione Unvs di Livorno per identificarla e radicarla ancora di più sull’ampio e variegato territorio comunale colligiano. A fare gli onori di casa il presidente Gino Massei, il suo vice Maurizio Ceccotti e il dinamico segretario Gianfranco Baldini. Tra i presenti c’erano anche il delegato regionale dell’Unvs Toscana Paolo Alegretti e i presidenti delle sezioni livornese e pisana,rispettivamente Cesare Gentile e Pierluigi Ficini. Prima delle premiazioni dei soci fondatori della sezione colligiana ed i quanti sono iscritti alla sezione da oltre dieci anni, il presidente Massei – ex campione in età giovanile di lotta libera e greco-romana ha ringraziato tutti i graditi ospiti, i colleghi del consiglio direttivo e in particolare il segretario Baldini. Belle parole nei confronti della sezione Unione nazionale veterani dello sport di Collesalvetti per la sua efficienza e operosità sono state espresse dal presidente livornese Cesare Gentile da una vita nello sport prima come canottiere, karateka e calciatore e successivamente come dirigente. <Solita partecipazione e grande entusiasmo>, ha detto Gentile. SOCI FONDATORI PREMIATI: Fabio Bacci, Gianfranco Baldini, Michele Cicheddu, Pierluigi Dodoli, Aldo Tani. Assenti: Giorgio Bacci, Gianluca Baldini, Enrico Meucci e Pierluigi Ottone. DIECI ANNI CON L’UNVS Alberto Bambini, Maurizio Ceccotti, Franco Paolini, Bruna Lucchesi, Giuliano Santucci (presente il figlio Michele), Romano Livi e Luciano Profeti (assente).

Delegato Reg. Paolo Allegretti

ORGANICO Sez. Unvs “Ivo Mancini”

Fabio Bacci, Giorgio Bacci, Ivo Bacci, Lorenzo Bacci, Alessio Baldini, Gianfranco Baldini, Gianluca Baldini, Alberto Bambini, Veronica Benvenuti, Filippo Bianchi, Yari Bulgarelli, Loriano Bufalini, Manola Bonsignori, Libera Camici, Patrizia Cantone, Andrea Ceccotti, Francesco Ceccotti, Maurizio Ceccotti, Michele Cicheddu, Pierluigi Dodoli,Jessica Ferretti, Adriano Fiordi, Marco Gambacciani, Riccardo Gennari. Alessandra Grilli, Paolo Gregori, Matteo Guidi, Romano Livi, Bruna Lucchesi, Gianluca Mancini, Roberto Manni, Stefano Mansani, Gino Massei, Enrico Meucci, Federico Meucci, Andrea Moretti, Roberto Nicolucci, Mario Orsini, Pierluigi Ottone, Franco Paolini, Cinzia Pinzi, Luciano Profeti, Vladimiro Rolla, Cristina Salvadori, Carlo Santucci, Giuliano Santucci, Roberto Sardi, Donato Savino, Ettore Scarabelli, Aldo Tani

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Di Mario Orsini

Cesare Gentile

63


La Società dell’U.C. Donoratico per il 3° anno si aggiudica il 4° Trofeo “Officine Fratelli Santucci La carica dei 200 giovanissimi corridori In evidenza gli atleti Alessio Anguillesi (GS Butese) e Edoardo Cipollini UC Montecarlo

gno di (zio Mario ex campione del mondo) si è scollato i sei compagni. Belle e combattute anche le altre 10 gare, al termine in un clima di allegria le varie premiazioni sotto la regia di Gianfranco Baldini e Giuliano Santucci. Tra le società sugli scudi U.C. Donoratico che conquista per il terzo anno il trofeo, seguito da U.C. Coltano Grube Costruzioni e Velo Club SC Empoli.

212

iscritti e 174 partenti, corridori delle categorie Giovanissimi in gara sabato pomeriggio nella zona artigianale del Picchianti. In programma il 4° Trofeo: Officine Santucci IVECO, SVS, Rettifiche Barni, organizzato dalla Società A C Colognole con il supporto dei veterani dello sport sez. “Ivo Mancini”di Collesalvetti, presenti il presidente Gino Massei e i soci Carlo Santucci, Gianfranco Baldini e Giuliano Santucci. ” sul percorso da ripetere più volte, circa 800 metri, con una leggera salita realizzato presso la sede centrale dell’S.V.S. nella zona del Picchianti a Livorno Per i più piccoli della categoria G1 tre giri complessivi, 5 invece per la G2, 7 per la G3, l0 per la G4, 12 per la, G5 e 15 per la G6: 12 Km in totale.

In evidenza tra i G5 Alessio Anguillesi. il campioncino di S. Giovanni alla Vena, figlio e nipote d’arte, con uno sprint maestoso ha centrato l’ennesima vittoria stagionale mentre nella categoria G6 si imponeva Edoardo Cipollini nella volata finale con un guizzo de-

G5F Letizia Tasciotti

Prima società

G4M Pavi Degl’Innocenti Giulio (San Miniato)

G3M Massimo Mezzasalma - ASD Colognole

G6M 1° Edoardo Cipollini

G3F Margherita Mariottini (Grube Costruzioni)

G2F Ginevra Bacci - Castelfiorentino

G6F 1a Beatrice Bertolini- U.C. Coltano Grube

GLF Giulia

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Di Mario Orsini

65


L’Armando Picchi si impone nel 12° Memorial Baconcini – Guglielmi Armando Picchi nella categoria Juniores e la Pro Livorno Sorgenti con gli Esordienti A 2005 hanno iscritto a caratteri cubitali, vincendo le finali con lo stesso punteggio (2-0), il loro nome nel 12° “Memorial Renato Baconcini” - 9° Trofeo “Ivo Guglielmi”, due grandi arbitri e dirigenti scomparsi. A organizzare il Memorial andato in scena nell’ultimo weekend a Vicarello, è stato il Collevica con il patrocinio dell’Associazione italiana arbitri Livorno e dell’Unione veterani dello sport di Colle (sezione “Ivo Mancini”), motore pulsante dell’iniziativa con in cabina di regia i suoi dirigenti: il presidente Gino Massei, il suo vice Maurizio Ceccotti e il segretario Gianfranco Baldini. Bella e ben diretta dall’arbitro Dario Liperini la finalissima del torneo Juniores, vinta dal Picchi di Andrea Dome-

nici sui padroni di casa con una doppietta nel secondo tempo del bomber Leonardo Grossi. Il successo bianco amaranto, è bene precisarlo, non fa una grinza. Gli ospiti, peri 70 minuti dell’incontro, hanno quasi costantemente tenuto in mano il gioco e costretto spesso gli avversari a ripiegare nella propria metà campo. Il Collevica, pur subendo I’iniziativa, non è stato a guardare e ha messo in mostra una retroguardia arcigna e un centrocampo robusto e duttile, ma più votato a contenere le folate degli avversari che a impostare. I campioni avevano staccato il biglietto per la finalissima battendo di misura l’Ardenza Petrarca (2-l), mentre i colligiani erano riusciti a superare 6-5 l’Orlando in una partita pazzesca. Nell’altra finalissima, quella della cate-

goria Esordienti A, a prevalere è stata la Pro Livorno Sorgenti. Sui bravi, volonterosi e mai domi ragazzini del Collevica. A decidere la sfida (2-0 con reti di Mazzoli e Petrignano) hanno contribuito in maniera decisiva due errori difensivi dei padroni di casa. Le due squadre, Pro Livorno Sorgenti’ e Collevica, erano arrivate alla finalissima battendo in maniera netta e perentoria con l’identico punteggio (5-0) rispettivamente il Livorno 9 e Orlando Calcio, sconfitto poi 5-1 dai rossoblù nella finale per il terzo posto. Juniores: Finalissima: Armando-Picchi - Collevica 2-0 Armando Picchi: Pezzini. Cini, La Bella, Martelli, Vanni, Marconi, Mauriello, Mantegna, Cozzi, Grossi, Giusti. A disposizione: Bartolini, Quirici, Canessa. All. Andrea Domenici Collevica: Mondini, Battaglia, Gambacciani, Galluzzi, Fastami, Mazzei, Cavalli, Pellicci, Kadiu, Troudi, Scarcia. A disposizione:Braccini, Fantozzi, Casarosa, Capocci, Piazza, D’Aleo. All. Carmelo Giacalone. Arbitro: Dario Liperini. Reti: Grossi al 19’ e al 30’ s.t.

L’arbitro Lorenzo Chisari

Il presidente Gino Massei e Maurizio Ceccotti

L’arbitro Jari Bulgarelli

Premiazione del Collevica

Premiazione di Mario Orsini

Premiazione del Collevica

Di Mario Orsini

Veterani Collesalvetti

L’

66


Finalissima: Pro Livorno Sorgenti Collevica 2-0 Pro Livorno Sorgenti: Barinci, Bimbi, Lorenzo, Di Tora, Cappuzzo, Ghezzani, Mazzoli, Palma, Petrignano, Perfetti, Scicolone, Stinga, Visciarello. All. Adamo Ciaponi. Collevica: Lulliri, Bacci, Carmassi, Tren-

tini, Giari, Bacci, Veneziani, Tani, Manetti, Moggrino, Dinisi, Pistoia. All. Fabrizio Baldacci. Reti: Mazzoli al 14’ e Petrignano al 37’. Finale 3° posto: Livorno 9-Orlando Calcio 5-l Livorno 9: Bonsignori, Balleri, Disgraziati, Nassi, Altamira, Mannucci, Biscardi,

“Armando Picchi” cat. Juniores

Bartolini, Morelli, Filippi, Breschi, Pugliese. All. Massimiliano Politi. Tre & 23: Coltelli, Barbato, Miccoli, Michicich, Cataldi, Giusti, Cillari, Barbensi, Morelli, Tamberi, Bernini, Vicini. All. Bruno Ciardelli. Reti: Mannucci, 2 Bartolini, 2 Morelli S., Morelli M.

1a società classificata: “Armando Picchi”

Esordienti Livorno 9

Esordienti Collevica

1a società esordienti A

Esordienti Pro livorno

2a società classificata: “Collevica”

Arbitro Dario Luperini

Pro Livorno Sorgenti

Esordienti A Tre & 23

Juniores Collevica

Veterani dello Sport di Collesalvetti

ESORDIENTI A

67


Conseguimento di tutte le categorie di patenti:

A-B-C-D-E

in tempi rapidi e a prezzi convenienti

Corsi A.D.R.

(trasporto merci pericolose)

a ciclo periodico

Corsi per patenti professionali (CQC) merci e persone


Assemblea delle sezioni UNVS della Toscana 22 ottobre 2017 Gianfranco Baldini

O

I partecipanti all’assemblea regionale

rganizzato dalla Sezione UNVS “Ivo Mancini” di Collesalvetti e dal Delegato Regionale per la Toscana, l´evento si è svolto all´Hotel Il Romito il 21 ottobre 2017. Nel corso della mattinata, si è tenuta la terza assemblea regionale delle Sezioni Toscane dell´anno 2017, nella quale sono state discusse varie problematiche riguardanti la vita e le attività delle Sezioni e della Delegazione. Dopo alcune importanti comunicazioni del Presidente Nazionale e del Delegato Regionale, molta attenzione è stata rivolta agli argomenti riguardanti la situazione dei tesseramenti nelle varie Sezioni e l´attività della Commissione Sviluppo che opera per la costituzione di nuove Sezioni. Altri argomenti hanno riguardato la programmazione delle assemblee regionali del 2018 già in programma per il prossimo anno a Marina di Bibbona il 20 gennaio 2018. Presenti: Alberto avv. Scotti Presidente Nazionale , Ettore Biagini Segretario Generale, Giuliano Persiani Presidente Collegio dei Sindaci Revisori, Francesca Bardelli Consigliere Nazionale Vice presidente Centro Italia, Giuseppe Orioli Consigliere Nazionale, Luciano Vannacci e Pier Giacomo Tassi componenti del Collegio Nazionale dei Probiviri, Paolo Allegretti Delegato Regionale, presenti i i rappresentanti delle sezioni della regione: Cecina, Firenze, Follonica,Livorno, Lucca, Massa, Montevarchi, Pisa, Pistoia, Pontremoli, San Giovanni V/A, Giancarlo Gosti Vice Pres. te Vicario CONI. Regionale e

Mario Tinghi della Federazione Pattinaggio. A rappresentare il comune di Collesalvetti il Vice Sindaco Libera Camici con delega allo Sport. A seguire la cerimonia di premiazione degli Atleti Toscani dell´Anno 2016. A ricevere il premio “Atleta Toscano dell´Anno 2016” è stato Alessio Gangi, Campione di pattinaggio artistico a Rotelle, già Atleta dell´Anno della Sezione di Pistoia, mentre il premio “Giovane Atleta Toscano Emergente dell´Anno 2016” è andato al sedicenne Tommaso Poggi (Bocce), già Atleta Emergente della Sezione di Firenze. I due premiati sono stati selezionati da una speciale Commissione composta dal Vice Presidente Nazionale UNVS Centro Italia, dal Presidente del CONI regionale della Toscana, da tre giornalisti sportivi (Rai 3, la Nazione e Il Tirreno) e dal Delegato regionale della Toscana, fra tutti gli Atleti dell´Anno 2016 premiati dalle Sezioni toscane. È stata, come sempre, una gior-

L’atleta toscano Alessio Gangi

nata di festa sportiva molto ben riuscita grazie all´organizzazione della Sezione di Collesalvetti presieduta da Gino Massei, a cui vanno i nostri più sinceri e meritati complimenti.

Curriculum Atleta Toscano dell´Anno 2016

(Pattinaggio artistico a Rotelle)

Un bronzo mondiale sulle rotelle. Alessio Gangi, classe 98’ è nato a Firenze 1998, abita a Agliana provincia di (PT). Inizia l’attività del pattinaggio artistico all’età di 8 anni, quasi per gioco, ma diviene amore a prima vista e, giorno dopo giorno, la passione cresce, tanto che diventa parte integrante della sua vita. Le ore di allenamento alle quali si sottopone sono numerose, indispensabili per raggiungere e mantenere i successi in campo nazionale e internazionale. I sacrifici e le rinunce si moltiplicano e, alla fine, capita che inficino la voglia e la motivazione per continuare nell’attività, specialmente in un ragazzo così giovane. L’amore per la competizione e l’adrenalina, combinata alle emozioni forti che lo sport gli regala, alla fine vincono su tutto e non viene mai definitivamente meno la volontà di proseguire per raggiungere il traguardo e per continuare a sognare in grande. I suoi risultati più rilevanti sono la conquista di 4 ori al Campionato Europeo, 6 ori nel Campionato Italiano. In occasione del 61° Campionato del Mondo nel 2016 disputato a Novara, esordio in campo mondiale, conquista il terzo posto battuto di pochi centesimi.

Curriculum giovane atleta toscano emergente dell´anno 2016 (Bocce)

Tommaso Poggi Le bocce sono una malattia dai famiglia in quanto Tommaso I’ha ereditata dal nonno e dal padre, validissimi giocatori tuttora in attività Nato nel 2001e tesserato per la Polisportiva “U.S. AFFRICO’ di Firenze, si allena quasi quotidianamente nonostante gli impegni scolastici. Nel 2016 ha ottenuto risultati importanti, Infatti, oltre numerosi piazzamenti in gare regionali e provinciali, ha conquistato la medaglia d’argento al Campionato Italiano di Bocce “Tiro combinato individuale Under 15” ed un oro in una gara individuale di beneficenza “Pro Amatrice” aperta a Senior e Juniores. Anche nel 2017 registra notevoli successi in numerosissime gare. Gianfranco Baldini Segretario Sez. Collesalvetti

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Premiazione degli atleti toscani dell´anno 2016

69


Giornata del veterano sportivo Collesalvetti premia le stelle senza età Di Mario Orsini

Veterani Collesalvetti

D

70

a Turrini all’ex ciclista Biddle passando da tanti bambini e giovani promesse: Atleta dell’Anno 2O17 per i risultati nella lunga carriera agonistica La lieta novella per Federico Turrini. Da una dozzina d’anni sulla cresta dell’onda” nelle piscine nazionali e internazionali comprese quelle olimpiche e mondiali, nella sala spettacolo di Collesalvetti, in occasione “Giornata del Veterano Sportivo” organizzata dalla sezione“Ivo Mancini” dell’Unione Veterani dello Sport di Collesalvetti. A consegnargli l’ambito riconoscimento tra scroscianti applausi, il sindaco Lorenzo Bacci e il seg. Nazionale dell’UNVA Ettore Biagini. Dopo Turrini a salire sul palco delle premiazioni, per ricevere, dalle mani della vice sindaco e assessore allo sport Libera Camici e delegato regionale Paolo Allegretti, il premio “Atleti Emergenti”, sono stati Giulia Senesi e Francesco Spurio: due campioncini del Canoa Club Livorno con sede a Stagno.

Al grande ex ciclista Bruce Biddle nato a Warkworth in Nuova Zelanda il 2 novembre 1948 ma “trapiantato” a Collesalvetti da quasi mezzo secolo, è stato, invece, assegnato l’ambito premio “Una vita per lo Sport”. A consegnarglielo il comandante della Stazione dei Carabinieri di Collesalvetti logo tenente Francesco Relli. Infine ad aggiudicarsi il premio “Attività Sportiva” è il pensionato-maratoneta Enzo Perrone. Nel suo curriculum sportivo la partecipazione a tante maratone e mezza maratone: “Ho iniziato sei anni fa quando sono andato in pensione e annualmente in gara percorro circa tremila chilometri sono arrivato a quasi ventimila chilometri> ha detto tra lo stupore dei presenti. Altri premi. A fare gli onori di casa, alle premiazioni, oltre al sindaco Lorenzo Bacci e la vice sindaco Libera Camici, il presidente dell’UNVS di Collesalvetti, Gino Massei, il suo vice Maurizio Ceccotti, il segretario Gian-

franco Baldini e i consiglieri Andrea Moretti, Giuliano Santucci e Veronica Benvenuti. Sul palco o in prima fila in platea anche dirigenti nazionali e regionali e rappresentanti delle sezioni toscane dei Veterani e del Coni: Mario Fracassi e Daniele Martinucci. A fare da apripista alle premiazioni l’inno di Mameli e gli interventi del sindaco Bacci, di Libera Camici, di Gino Massei, Ettore Biagini e Paolo Allegretti.

Il dott Ettore Biagini

Pierluigi Ottone

Atleta dell’anno Federico Turini

Il dott. Lorenzo Bacci


Un Lorenzo Bacci “onorato di aver partecipato alla Giornata del Veterano dello Sport 2017 organizzata in modo impeccabile dalla sezione Unione Veterani di Collesalvetti presieduta da Gino Massei”. E stata - ha aggiunto come ogni anno l’occasione per avere una panora-

Il Comandante Francesco Relli

Dirigenti Livorno Cycling Team

Il Sindaco Lorenzo Bacci

Sport e Campionati Nazionali Pierluigi Ficini. Atleti premiati Volley Etruschi Stagno: Giorgia Pasquini, Elisabetta Scarabelli e Serena Scavone. Società Arcobaleno (Atletica) premiati: Matteo Ciulli, Tommaso Danese, Emiliano Malaguti, Ettore Pesciatini, Greta Morreale, Benedetta Olivola, Sara Picchi e Aurora Giovannini. Livorno Cycling Team (ciclismo).Premiati: Lorenzo Galli, Lorenzo Busdraghi, (Cat. Juniores), Mattia Citi, Fabio Mansani (Cat. Allievi), Simone e Matteo Tarantino (Cat Giovanissimi). Soc. A. S. Colognole. Ciclisti premiati: Iacopo Galazzo, Giacomo Massaini, Massimo Mezzasalma, Lorenzo Guidi, Luca Luschi, Federico Orsini, Davide e Tommaso Bufalini, Francesco Orsini e Filippo Buresta.

Veterani dello Sport di Collesalvetti

Il maratoneta Enzo Perrone

mica completa di quanto sia in grado di offrire il nostro territorio a livello di sana aggregazione sportiva, rivolta a giovani e meno giovani”. Poi gli altri premi. Alla società Canoa Club Livorno presente con i suoi atleti: Tommaso Tremolanti, Edoardo Orsini, Flavio Spurio, Federico Nannoni e Nicolò Neri. Alla Palestra Iokoama. Atleti presenti: Mario Berretta, Matilde Mazzantini, Alessia Venturelli e i piccolissimi: Daiana Sartori e Michael Batini, che hanno dato, tra l’altro un saggio (applauditissimo) della loro bravura. L’Unione Nazionale Veterani dello Sport con il suo plauso ed il suo grazie ha conferito a Pierluigi Ottone il Distintivo d’Argento per la sua assidua passione a favore della nostra Unione. Atletica leggera (premiati): Alberto Bambini e Vladimiro Rolla, che in occasione della mezza maratona di Città di Livorno, valida per il Campionato Italiano UNVS, i due soci della sezione Ivo Mancini si erano imposti nella propria categoria al primo posto, nell’occasione sono stati premiati dal Coordinatore della Consulta

Premiazione atleti emergenti

71


Veterani dello Sport di Cecina Giovanna Lenci è l’Atleta dell’Anno 2017 alla 31a Festa Veterana Di Paolo Marsili

La premiazione dell’Atleta dell’Anno 2017 Giovanna Lenci

tosettanta a ritirare medaglie, targhe e crest. Con una particolare ovazione per l’Atleta dell’Anno Giovanna Lenci e

On. Maria Grazia Rocchi premia atleta emergente Cristian Grilli

per il giovane Cristian Ghilli, Giovane Emergente, premiati mentre scorrevano i loro filmati sullo schermo. Giovanna Lenci, portacolori e socio onorario del Circolo Nautico Foce Cecina (psicologo clinico di professione), è campionessa mondiale 2017 di vela, classe laser radial master. Cristian Ghilli, sedicenne, ha inanellato una splendida serie di successi fino alla conquista del titolo italiano di categoria giovanile; ma già tira nel piattello skeet con i grandi. Ricordiamo ancora altri due prestigiosi premi maggiori assegnati. Quello di Omino di Ferro andato a Renzo Zazzeri, oggi ottantenne, che fu tennista, calciatore e dirigente delle società rossoblù di calcio e pallavolo. E quello di Amore per lo sport consegnato a Giacomo Toninelli, imprenditore che si è impegnato a promuovere il turismo attraverso lo sport. Premi a parte, è stata una mattinata di grandi emozioni suggellata dalla

Veterani dello Sport di Cecina

I

Veterani dello sport cecinesi della Giorgio Chiavacci anche quest’anno hanno celebrato, in pompa magna, la loro festa, giunta felicemente alla 31a edizione, come sempre imperniata sulla proclamazione dell’Atleta dell’Anno e del Giovane Emergente. Ad aggiudicarsi i premi rispettivamente la velista Giovanna Lenci e il tiratore Cristian Ghilli. L’evento si è svolto, per la prima volta, presso il rinnovato Teatro “Eduardo De Filippo” reso stracolmo dalla presenza di atleti ragazzi e ragazze, giovani e meno giovani, allenatori e dirigenti, genitori, nonni e amici. E tutti non hanno lesinato applausi manifestando così immediata simpatia e grande sportività. Cambio pure per il ruolo di speaker, visto che il microfono è passato dalle mani di Mauro Guglielmi (vice presidente della sezione) a quelle di Giancarlo Orlandini figlio del sempre compianto Mario che fu il promotore e tra i fondatori della sezione, primo e per molti anni presidente. Lungo l’elenco dei premiati, cosa del resto usuale per la Festa del Veterano Sportivo di Cecina, che comprende pure le società della città, e da qualche anno anche quelle della zona collinare limitrofa. Trentacinque le chiamate, ma sul palco sono saliti ben in cen-

73


Veterani dello Sport di Cecina

Dott. Sidoti Medico Naz. della Cina agli ordini di Claudio Lippi

presenza di Giulia Quintavalle, oro olimpico di judo, mentre purtroppo non è potuto intervenire (per un impegno inderogabile) Paolo Bettini, oro olimpico di ciclismo. Due persone, oltre che valenti atleti, di sommo valore umano che continuano ad essere vicini allo sport locale conferendone ulteriore lustro. Simpatico siparietto con la Quintavalle, che è giunta sul palco accompagnata dai piccoli che allena alla palestra del Kodokan Judo Cecina. Ospiti di riguardo della manifestazione l’onorevole Maria Grazia Rocchi, l’assessore comunale allo Sport Mauro Niccolini e il delegato provinciale del Coni di Livorno Gianni Giannone. Per

Beppe Papadopulo consegna alla vedova di Paolo Capanna

Giornalisti: Luca Filippi, Michele Falorni e Enrico Salvadori

74

l’Unvs, con il presidente sezionale Enrico Cerri, il presidente emerito Gian Paolo Bertoni, il segretario generale nazionale Ettore Biagini, i consiglieri Orioli, Vannacci, Ficini e Tassi, oltre al Delegato regionale toscano Paolo Allegretti e a quasi tutti i presidenti delle sezioni toscane. Il presidente Cerri nel porgere il saluto ha voluto sottolineare che “… il territorio continua ad esprimere eccellenze sportive con grande passione e sacrifici di tutti… lo sport ha un decalogo che deve essere osservato da tutti, atleti, dirigenti e sportivi… alla base stanno l’umiltà e il rispetto delle regole, la piena sportività, l’altruismo e la capacità di reagire alla sconfitta…”.

L’Assessore Niccolini premia il Direttore “Buca del Gatto”


Franco Rindi

Le autorità durante l’inno nazionale

Giovani judoka col maestro Cantini e l’olimpionica Giulia Quintavalle

Dr. De Feo premia Volley Cecina under 16

Squadra di ginnastica ritmica Rosignano

Veterani dello Sport di Cecina

Renzo Zazzeri “Omino di ferro”

75


Presentazione Almanacco 2016

S

76

i è rinnovato l’annuale appuntamento con la presentazione dell’ormai celebre ‘Almanacco dello Sport’ livornese, la pubblicazione ideata da Roberto Scotto e introdotta come da tradizione al folto pubblico di professionisti e amatori, nonché appassionati di sport in generale, radunati nella sala Consiliare del Palazzo Granducale. Al fianco di atleti (molti anche di vertice e ‘azzurri’ nelle rispettive discipline), tecnici presenti in gran numero presso la sede della nostra Provincia. Nella sala Consiliare di Palazzo Granducale. invitati autorità civili e militari: Prefettura, Comune, Provincia, Accademia Navale, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia dello Stato, Capitaneria di Porto, Vigili del Fuoco, Folgore. Oltre ovviamente a Giovanni Giannone, delegato provinciale Coni, gli Azzurri d’Italia, i responsabili dei Veterani dello Sport di Livorno e Collesalvetti, del Comitato organizzatore del Palio Marinaro e del Centro di Mondialità, la preside del liceo scientifico Enriques con un gruppo di ragazzi dell’indirizzo Sportivo. Tutti presenti per sfilare sul podio e ricevere riconoscimenti, applausi e complimenti da parte della competente giuria che ha eletto il velista classe ’93 Francesco Marrai in campo maschile e la nuotatrice Sara Franceschi per quanto concerne il settore femminile della categoria ‘Atleta dell’anno 2016’. Entrambi la scorsa estate hanno difatti partecipato alla prima Olimpiade della loro ancor pur breve carriera, in occasione degli ultimi Giochi ospitati da Rio de Janeiro. Con indosso i colori della nazionale azzurra, il finanziere delle Fiamme Gialle si è piazzato 12esimo nella classifica generale della gara a cinque cerchi categoria laser; la concittadina della Nuoto Livorno, talento emergente dei 200 e 400 misti, con i suoi 17 anni è stata invece la più giovane iscritta della spedizione italiana a salire sui blocchi di partenza della piscina brasiliana. Un riconoscimento speciale in quanto ‘mito dello sport’ è stato poi consegnato anche all’ex bomber e bandiera del Livorno Calcio nonché attuale club manager degli amaranto Igor Protti. Un Almanacco in versione deluxe, con ben 426 pagine ricche di articoli, interviste, commenti e fotografie, distribuito dalle mani di Miss Livorno e Miss Almanacco in carica che hanno allietato la platea con la

Presentazione Almanacco 2016 A cura di Andrea Puccini

Almanacco dello sport livornese: un successo inarrestabile Riscontri positivi da una città di amatori e campioni, verso un’iniziativa editoriale giunta ormai all’edizione numero 27

La Direttrice Responsabile uscente dell’Almanacco, Antonella De Vito, premia i due atleti dell’anno Marrai e Franceschi

loro bellezza e simpatia. “Questo è il ventisettesimo anniversario dell’Almanacco dello Sport. Davvero un bel traguardo – racconta con un pizzico di orgoglio l’editore Roberto Scotto - Nel 1990 debuttammo in maniera sperimentale. Poi, anno, dopo anno, abbiamo allargato gli orizzonti e aumentato numero delle pagine e loro qualità. Parimenti sono aumentate anche le gratificazioni. L’anno scorso l’abbiamo presentato in pompa magna al PalaModigliani. Stavolta invece siamo tornati nella splendida location di Palazzo Granducale”. Un successo inarrestabile, per una pubblicazione ormai diventata un punto di riferimento per l’intera città. La ragione che ha velocemente trasformato in vincente questa iniziativa editoriale è molto semplice, specie in un contesto come quello labronico dove la città risulta una tra le più

alte in tutta Italia a livello di tasso di sport praticato, sia a livello agonistico sia semplicemente sul piano amatoriale. Una città che continua tutt’oggi a sfornare campioni sia in campo maschile che in quello femminile, a tutto tondo in molteplici discipline. Come ben si sa, sono ormai più di cinquecento le medaglie olimpiche, mondiali o europee, conquistate dagli atleti nati e cresciuti all’ombra dei Quattro Mori. Un ringraziamento di cuore va ad Antonella De Vito, la quale per motivi personali lascia la direzione della pubblicazione ma che ha curato per anni, con la consueta passione e professionalità, le puntuali uscite de L’Almanacco dello Sport Livornese e de L’Almanacco Notizie. A lei vanno i migliori auguri da parte dell’Editore e della redazione tutta per quelli che saranno i prossimi impegni lavorativi.


Sport e professionalità: una carriera di successo Appena spente le 60 candeline, l’editore Roberto Scotto celebra un curriculum colmo di amore per la città natale ne così ampia e professionale. Credo che possa essere considerato un valido contributo alla diffusione dello sport fra i giovani, che attraverso L’Almanacco possono magari considerare l’agonismo come una futura possibilità professionale.
Inoltre, la pubblicazione è uno strumento di divulgazione che per mostrare oltre i confini locali la tradizione d’eccellenza dei livornesi nello sport.” Un’evoluzione verso il miglioramento dei contenuti, con il panorama sportivo locale trattato a 360 gradi. Una visione sempre più esaustiva, con un occhio di riguardo a quelle discipline considerate a torto ‘minori’, che ha condotto di conseguenza al progressivo aumento del numero delle pagine.

“Nel ’98 si aprì una nuova Era con il sottotitolo “Notizie e cronache sportive di ieri e di oggi” coniata da Mario Gherardi. Questo in simbiosi con le iniziative del Comune, del CONI provinciale e della sezione locale degli Atleti Azzurri d’Italia che vollero intitolare tutti gli impianti di proprietà comunale a illustri sportivi labronici. Lo stesso Almanacco intese dedicare diverse pagine ad alcuni campioni nostrani di tutti i tempi e di tutti gli sport.” Una pubblicazione che, di anno in anno, non delude mai le aspettative degli appassionati e dei curiosi di statistiche e risultati: al suo interno articoli, interviste, commenti e foto l’hanno sempre fatta da padroni. “L’Almanacco è sempre stato
distribuito in omaggio – tiene a sottolineare l’editore - Un ‘sacrificio’ al quale ci siamo sottoposti volentieri. Un altro grande sogno poi, che ho il piacere di condividere con gli Azzurri d’Italia e il loro presidente Rodolfo Graziani, sarebbe quello di contribuire alla realizzazione di un Museo dello Sport cittadino. Sarebbe il giusto coronamento alla carriera”. “Solitamente preferisco pensare al futuro, ma per progettare è importante non dimenticare da dove si viene – chiosa Scotto, con un sorriso che contiene la soddisfazione per il traguardo anagrafico raggiunto e l’orgoglio per gli obiettivi professionali centrati - Mi considero fortunato, perché ho avuto l’opportunità di abbinare lavoro e passione: sono sempre stato uno sportivo praticante. Un connubio vincente che mi ha permesso di impiegare sempre tanto entusiasmo. Una gioia di fare riversata anche nelle collaborazioni con gli amici professionisti che si sono alternati al mio fianco nel corso di tutte queste avventure lavorative”.

Roberto Scotto editore

“I

l mio percorso professionale si è concentrato interamente sullo sport, sulla sua promozione e divulgazione sotto tante forme diverse – ci racconta Roberto Scotto, ideatore di un primo volume dedicato esclusivamente al campionato amatori di calcio a 11 UISP già nel 1990 – L’ attività non si è limitata solo alla carta stampata, bensì è stata costellata dall’organizzazione di numerose iniziative che hanno avuto il merito di coinvolgere tante persone in iniziative a favore della beneficienza e della solidarietà.” Da quella prima, pur ancora acerba edizione de L’Almanacco (già abbinata a simpatici appuntamenti come lo storico Torneo “Città di Livorno” e al “Baby Mundial”), Scotto ha coltivato gradualmente la propria creatura editoriale. Passando da L’Almanacco Amatori alla carrellata sui neonati ed emergenti campionati di calcio a 5 (lo stesso Scotto fu precursore nel 1985 del 1° evento ufficiale “Trofeo Città di Livorno”, con la caratteristica di far scendere in campo le selezioni di Istituzioni, Enti e soggetti rappresentativi della città, seguito poi dal Trofeo 25 Aprile e Trofeo di Gorgona), fino a raggiungere le 27 uscite consecutive. Una pubblicazione mai interrotta. E che, al contrario, è andata via via perfezionandosi, consolidando la diffusione capillare tra gli affezionati lettori e collezionisti labronici. “Già nel ‘94 ebbi modo d’illustrare che Livorno era un habitat dove l’attività dilettantistica si viveva ogni giorno ed era praticata da migliaia di persone – ricorda Scotto – Era doveroso rendere omaggio a tutti coloro che dedicavano il tempo libero alla passione per lo sport. E dal 2002, abbiamo abbinato al volume anche lo slogan a effetto ‘Livorno fra le più grandi dello sport mondiale.’ Un claim veritiero: quella dei Quattro Mori è tra le città più medagliate al mondo nell’ultimo secolo. Il livornese, carattere puro e ribelle, sa impegnarsi quando c’è da tenere alto il pennone amaranto: L’Almanacco è lo specchio fedele di questo carattere genuino. Un fiore all’occhiello perché nessun’altra città beneficia di una pubblicazio-

81


Miss Almanacco A cura di Andrea Puccini

Conosciamo Miss Almanacco dello Sport 2017 Alice Magelli, studentessa 16enne con la passione per l’agonismo a tutto campo

L’atteso momento della consegna della fascia

Alice in una posa da modella

ganizzatori e abbiamo deciso di iscriverci per gioco: anche lei ha 16 anni e alla fine di tutto è rimasta contenta”. Qual è stata la cosa più divertente di tutto il concorso? “La serata finale, senza alcun dubbio. Le sfilate, la Terrazza Mascagni, centinaia di persone, gli spettacoli. Sì, è stata una serata veramente indimenticabile. E ricevere la fascia di miss Almanacco dello sport è stato davvero emozionante”. Beh, per una sportiva come te… “Appunto, io amo lo sport e sono orgogliosa di questa bella vittoria. Da piccola facevo danza, poi ho smesso e ho seguito altri sport. Adesso mi sono tuffata nel mondo dell’atletica leggera: corsa, velocità, sudore e sacrifici. Mi alleno tre volte a settimana al campo scuola con l’Atletica Livorno, ma per il momento non a livello agonistico”.

Hai altri hobby o passioni? “Sì, la musica: ascolto canzoni pop, commerciali, e amo soprattutto i Maroon 5. E poi nel tempo libero mi piace uscire con le mie amiche, come tutti i ragazzi e le ragazze della mia età”. Un tuo pregio? “Credo di essere abbastanza simpatica”. E un difetto? “Impulsiva nel fare le cose e nel prendere delle decisioni. Ecco, su questo devo lavorarci…”. Ma da grande ti piacerebbe restare nel mondo della moda o hai un sogno in particolare? “Se arrivano delle proposte per le sfilate, le accetto molto volentieri, ma sicuramente non è questo il mio chiodo fisso. Dopo il liceo vorrei studiare per diventare medico, anche se per il momento non so ancora in quale campo”.

Miss Almanacco dello Sport

D

anza, equitazione, tennis, pallavolo e ora atletica leggera. È una sportiva a 360 gradi, Alice Magelli. E la fascia di miss Almanacco dello Sport, quest’anno, non poteva che andare a lei. Studentessa del liceo Enriques, la 16enne è stata incoronata dal nostro editore Roberto Scotto durante l’ultima edizione di miss Livorno, nella notte tra sabato 26 e domenica 27 agosto. E per lei è arrivato anche il terzo posto nella classifica generale, alle spalle della vincitrice Matilde Domenichini (“Giusto così, lo meritava più di tutte”, sottolinea Alice) e ad Asia Pantosti. “Per me era la prima volta in assoluto sulla passerella - dice Magelli, classe 2001, che succede a Camilla Serra - è stato emozionante e sono rimasta soddisfatta di come sono andate le cose. Vincere non mi interessava più di tanto, avevo deciso di sfilare solo e soltanto per divertimento: ho conosciuto tantissime persone, ho trovato nuove amiche e il prossimo anno ci sarò ancora”. Insomma, è stata una bellissima esperienza. “Esatto, proprio così. Mi sono divertita tantissimo sotto ogni punto di vista e adesso non vedo l’ora di arrivare alla prossima estate per partecipare di nuovo. Non pensavo che sfilare fosse nelle mie corde, invece mi sono sentita a mio agio e voglio continuare ancora su questa strada”. Ma com’era nata la decisione di partecipare a miss Livorno? “Insieme a una delle mie migliori amiche, Eva Menichetti. Ci siamo informate con gli or-

83


ACI A cura di Andrea Puccini

Rallye Elba: tanta soddisfazione per la promozione ‘tricolore’

Marco Fiorillo Vice Presidente Aci Livorno

A fine maggio 2018, l’evento di automobilismo sportivo è stato promosso nel circuito del Campionato Italiano re la vetta a piccoli e significativi passi. Nei due anni addietro la gara si è fregiata della titolazione tricolore “WRC”, ancora prima ha fatto parte della serie IRCup, certamente opifici importanti per oliare tutti i meccanismi umani, economici e territoriali e preparare l’evento al grande ritorno nella massima serie tricolore. Il Rallye Elba rappresenta un patrimonio storico-sportivo che non è proprio della sola Italia, ma anche di un respiro internazionale. Sono poche, infatti, le gare italiane che all’estero so-

no conosciute come un “must”, come un appuntamento irrinunciabile tanto per chi corre quanto per gli addetti ai lavori che soprattutto anche per gli appassionati di rally. Uno di questi è appunto il Rally Isola d’Elba. Proprio gli appassionati di motorsport, appena appresa la notizia, hanno espresso consensi di gioia, soprattutto sul web e mediante le più conosciute piattaforme di aggregazione sociale. Già questo è un segnale che il 2018, per il Rallye Elba è stato un sicuro successo come pochi.

G

ioia e orgoglio. All’Automobile Club Livorno, l’atmosfera è davvero di grande festa. La Giunta Sportiva dell’Automobile Club d’Italia, nella sua riunione dello scorso 2 novembre, decidendo le titolazioni 2018 delle varie serie dell’automobilismo sportivo nazionale, ha decretato che il Rallye Elba 2018 – svoltosi a cavallo tra il 24-26 maggio scorso, è stato promosso tra le otto gare valevoli per il Campionato Italiano Rally. Era un’assenza, quella del Rallye Elba dal Campionato Italiano Rally, che durava dal 1993 e dopo la rinascita come una semplice ronde nel 2007 per merito dell’impegno di Aci Livorno Sport - che ha il mandato da ACI Livorno di gestire lo sport in terra labronica - e grazie anche all’intera comunità elbana, in pochi anni ha saputo scala-

A.C.I.: Automobile Club Livorno

Luciano Fiori Presidente Aci Livorno Sport

Grande soddisfazione per il Presidente di Aci Livorno Sport Luciano Fiori

85


A.C.I.: Automobile Club Livorno

A seguito della decisione della Giunta Sportiva ACI, i vertici di ACI Livorno ed ACI Livorno Sport hanno commentato così la notizia: Marco Fiorillo, il vice presidente dell’Automobile Club Livorno, con delega allo sport: “Come Direttore di Gara e responsabile delle attività sportive dell’Aci Livorno, vorrei ripercorrere brevemente la strada che abbiamo fatto per arrivare al Campionato assoluto e al Campionato Europeo autostoriche dopo i fasti degli anni ‘70-‘80 ACI LIVORNO decise di non organizzare più la gara in quanto l’allora CSAI, ci tolse il titolo italiano ed europeo per questioni “politiche”. Dopo anni bui e di rapporti difficili con la Federazione, grazie agli amici di Porto Azzurro ed all’Amministrazione di questo comune siamo ripartiti con l’ACI Livorno Sport da una ronde, siamo saliti su una Un riconoscimento importante anche per Marco Fiorillo scala molto stretta facendo la giusta gavice Presidente AC Livorno con delega allo sport vetta e rodando il motore a dovere, dopo essere passati anche per il campiona- per lo sport elbano, un anno che torna a davvero di tutti. Sull’isola c’è grande ento IRC. segnare davvero la storia dei rallies. Ab- tusiasmo, cercheremo di lavorare tutti inLa Commissione, dopo la dovuta ispe- biamo anche avviato contratti con possi- sieme, con il grande ed appassionato apzione Federale ci chiese, di entrare nel bili partner dell’evento, stiamo lavorando porto di Elio Niccolai, affinché il ritorno programma federale del tricolore WRC davvero senza soste per dare il giusto ri- che tutti auspicavamo sia l’inizio di nuoed oggi eccoci qua, sul podio delle mani- salto e la dignità che merita alla gara. ve pagine di storia sportiva!”. festazioni italiane. Una sfida che ci emoNel quadro del nuovo calendario del Un grazie alla Federazione, che ha creziona, ma anche una consapevolezza di duto nelle nostre forze e nelle possibilità Campionato Italiano Rally 2018, che si essere pronti”. di poter far tornare il Rallye Elba al mas- è aperto nel mese di marzo 2018 con Luciano Fiori, il presidente di ACI Li- simo livello nazionale, lo sforzo è stato il 41° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio vorno Sport: ed è proseguito“Un grande trapoi tra aprile e guardo, una granmaggio con il 65° de soddisfazione e Rally di Sanremo motivo di orgoglio! e la 102° Targa Un orgoglio che deFlorio, l’appunve essere dell’intera tamento con il Isola d’Elba, di tutRally Elba numeto lo sport italiano, ro 51 ha sancito di ognuno che ama il giro di boa del i rallies! tour tricolore. Non stiamo coPoi si prosegue munque soltanto a a luglio con il 46° festeggiare, abbiaRally San Marimo già incontrato no e il Rally Roma tutte le istituzioni Capitale, nel melocali le quali hanse di settembre no confermato il locon il 25° Rally ro massimo sosteAdriatico e infine gno, hanno capito gran finale a ottoche il 2018 sarà un bre con il 36° Rally anno importante I partecipanti dell’edizione 2017 posano per una foto ricordo Due Valli.

87


Un successo tutto bresciano al Rallye Elba-Trofeo Bardahl

Il delegato ACI di Portoferraio Elio Niccolai è anche uno degli storici fondatori del rally sull’Isola d’Elba

I

l Rallye Elba-Trofeo Bardahl, primo atto del Campionato Italiano WRC, ha visto la vittoria dell´equipaggio bresciano composto da Stefano Albertini e Danilo Fappani, su una Ford Fiesta WRC. Al debutto sulle strade elbane, Albertini ha avuto lo spunto più veloce dai primi chilometri competitivi, prendendo quindi la testa della corsa con autorità senza più lasciar-

L’equipaggio composto da Pedro e Baldaccini impegnati durante una Piesse

Sul podio finale si fa festa a colpi di spumante

la, per poi consolidare il primato sino alla bandiera scacchi. La seconda posizione finale è stata per il giovane milanese Simone Miele, con Castiglioni, su una Citroen DS 3 WRC. Al debutto pure lui all´Elba, Miele si è reso autore di una bella e concreta progressione, sempre ai vertici, rivelando un ottimo feeling con il percorso, del quale ha saputo bene interpretare le insidie pur vedendolo per la prima volta. Il podio finale è stato completato dal comasco Paolo Porro (Ford Focus WRC), con navigatore il friulano Cargnelutti. Dopo una prima giornata di gare opaca, Porro, con una vettu-

ra più “vecchia” della concorrenza (una Focus di 11 anni), ha operato il classico “colpo di reni” nel finale di gara sopravanzando il conterraneo Corrado Fontana, affiancato da Arena sulla Hyundai i20 WRC, autori di una gara sempre di vertice. Nella top five, al quinto posto, il Campione in carica del CIWRC, il trevigiano Marco Signor, affiancato da Bernardi. Una gara costellata da problemi tecnici alla sua Ford Fiesta WRC, quella di Signor, e problematica anche la due giorni elbana del siciliano Salvatore Riolo, assecondato da Floris (Ford Fiesta WRC), grande amante del Rallye Elba. È stata una foratura dovuta a un cerchio danneggiato, la causa dell´oltre un minuto perso durante la seconda prova speciale, un fattore vincolante per non farlo andare oltre la sesta posizione finale. Alle spalle di Riolo ha chiuso, settimo assoluto, il molisano Giuseppe Testa insieme al sammarinese Massimo Bizzocchi, anche loro al debutto sulle strade dell´Elba e con la Ford Fiesta WRC. Spettacolare la lotta nella categoria R5

A.C.I.: Automobile Club Livorno

Vittoria per Albertini-Frappani a bordo della Ford Fiesta WRC. Ai posti d´onore Miele su Citroen DS3 WRC e Porro su Ford Focus WRC

89


A.C.I.: Automobile Club Livorno

L’equipaggio vincente in azione sui tornanti elbani

90

che ha riguardato la parte finale della top ten. A conquistare la categoria sono stati i pistoiesi Federico Gasperetti e Federico Ferrari (Ford Fiesta) alla fine ottavi nell´assoluta, alla loro prima uscita con la vettura dell´ovale blu, davanti ai lucchesi Rudy Michelini e Michele Perna, anche loro su Fiesta, mai entrati in sintonia con il setup della vettura. Il migliore dei driver locali è stato di nuovo Francesco Bettini, in coppia con Acri, su una Peugeot 208 T16 R5, che guidava per la seconda volta. I due sono giunti decimi assoluti e terzi in classe R5. Sempre in chiave locale, grande è stato il ricordo del compianto Claudio Caselli, il pilota simbolo del rallismo elbano prematuramente scomparso alcuni anni fa. Quest´anno ricorreva il 25esimo anniversario della sua celebre vittoria al Rallye Elba del 1992 con la Lancia HF integrale e per ricordarlo, tutti e 22 gli equipaggi isolani sulle loro vetture hanno attaccato un adesivo “Ciao Claudio” in suo ricordo, e la stessa grafica era quella di uno striscione posizionato nel tracciato della prova spettacolo di Portoferraio. In gara c´era poi il figlio, Niccolò, con una Renault Clio RS. Fra i ritiri “eccellenti”, il trevigiano Forato (incidente PS3 ), il pugliese Bergantino (uscita di strada PS1) ed uno degli attesi driver locali, Anselmi, per un guasto poco dopo il via della PS2. Nel Suzuki Rally Cup la vittoria elbana è andata all´emiliano Simone Rivia affiancato da Matteo Maini, davanti al giovane piacentino Giorgio Cogni, navigato da Andrea Tumaini. Terzi e quarti assoluti tra le Suzuki Swift Sport R1B hanno chiuso il trentino

Roberto Pellé e l´aostano Corrado Peloso, vincitore della scorsa edizione. Tanto il pubblico lungo il percorso, un vero e proprio “must” rallistico, e tanto, davvero tanto interesse anche per la prova spettacolo allestita nella zona industriale di Portoferraio, la vera novità dell´edizione 2017 del Rallye Elba. Alessandro Bugelli

‘We are Elba’: il reclutamento tra i giovani

Il Rally Elba e i giovani elbani. Un evento storico raccontato dalla voce dei ragazzi, protagonisti di una due giorni a contatto diretto con organizzatori, piloti, commissari di gara, classifiche e premiazioni. Grazie all’ottimo rapporto di collaborazione tra la dirigenza ACI Livorno e ACI Livorno Sport e l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Portoferraio, oltre che

con tutta l’Amministrazione Comunale, il Rallye Elba è stato inserito all’interno di We Are Elba, progetto di alternanza scuola-lavoro creato per offrire agli studenti degli istituti superiori elbani l’opportunità di cimentarsi con il mondo della comunicazione pubblica e che ha già coinvolto decine di allievi, sia dei licei che dell’istituto tecnico. Questa volta è stato un gruppo di studenti dell’ITCG Cerboni a confrontarsi con questa esperienza e ad avere l’onere e l’onore di descrivere con le loro parole e con le loro immagini il Rally Elba, competizione motoristica importantissima (e non solo a livello sportivo), e quello che rappresenta e ha sempre rappresentato per il nostro territorio. Il 4 maggio, giornata delle verifiche, sono stati impegnati con le interviste agli organizzatori e ai piloti. Il giorno successivo invece, i giovani si sono cimentati nel reportage, testimoniando con foto e video alle fasi della partenza della gara in Piazza Cavour a Portoferraio. In questo modo i ragazzi hanno goduto dell’occasione, sicuramente non comune, di capire da vicino quanto lavoro ci sia dietro una competizione di questo respiro, di conoscere piloti di livello nazionale e di osservare da una posizione privilegiata le macchine in gara.

Gli amici sponsor

Anche nel 2017 ACI Livorno ha potuto contare sul conforto ed il sostegno di molte entità: dalle Amministrazioni Locali, agli operatori economici sul territorio, dai tanti appassionati isolani che hanno avuto parte attiva nella realizzazione della gara, sino ai partner e sponsor, senza il cui appassionato apporto non sarebbe stato possibile

Tanti gli amanti dell’automobilismo sportivo intervenuti alla serata in ricordo di Caselli


hanno capito che la promozione è la carta vincente per chi si voglia distinguere e voglia raggiungere obiettivi importanti ed in questo caso il Rallye Elba si configura ai massimi livelli di immagine e di etica, legati ad una emotività sana, equilibrata e competitiva. Un’opportunità di grande valore, data da questi nomi importanti che considerano lo sport un irrinunciabile motore di sviluppo e per il rilancio dell’economia.

Spazio anche ai memorabilia per festeggiare la nuova edizione del celebre Rally

allestire un Rallye di questo livello. Si saluta con grande gioia l’ingresso, al fianco dell’organizzazione, da parte di BARDHAL, che è diventato title sponsor, e con grande soddisfazione si evidenziano gli impegni profusi da BIG BLU PISCINE SIENA, EMMAVILLAS AFFITTI VILLE DI LUSSO, GRUPPO NOCENTINI CONAD PORTOFERRAIO, BARONTINI PETROLIPE PORTOFERRAIO, BANCA CRAS SMS CRAS SIENA, ACQUA ULIVETO, GIGONI, MOBY E TOREMAR, BULKY SOFT, AUTOPARTS RICAMBI ROSIGNANO, PISTA DEL MARE KARTODROMO DI CECINA, un impianto che assume sempre più importanza nazionale, SALES, TRAGHETTI LINES, NAPOLEON TOUR OPERATOR, ELBA BEVANDE. Tutti

A margine del Rallye Elba 2017, si è tenuta una bella serata a tema ospitata dal Bar Arcipelago toscano. Un appuntamento pensato per i tanti appassionati di automobilismo sportivo e dell’evento motoristico elbano in particolare. Insieme alla presentazione della scuderia E.R.T. e dei suoi piloti beniamini di casa in quanto nativi dell’Isola, la serata ha fornito l’occasione di ricordare un altro eroe elbano delle quattro ruote agonistiche. L’emozione tra i

Un bello scatto di una vettura in piena azione

Come al solito, il pubblico ha risposto con calore facendo il tifo a bordo strada

presenti si è fatta tangibile infatti quando il consigliere comunale Vincenzo Fornino ha ricordato il campione Elbano Claudio Caselli, prematuramente scomparso ma giustamente celebrato in occasione della ricorrenza del 25esimo anno della sua vittoria al Rallye dell’Elba. Di comune accordo con il Vice Sindaco di Portoferraio Marini e con il centro grafico Erredue chiamato alla realizzazione materiale, è stato infatti deciso di comporre un poster di grandi dimensioni con l’immagine dello sfortunato Caselli e posizionarlo lungo la zona industriale del capoluogo isolano dove lo stesso pilota ha sempre vissuto. Una bella e gradita sorpresa, in primis per i familiari.

A.C.I.: Automobile Club Livorno

Una piesse e un poster nel nome di Caselli

91


Livorno Grand Prix: un successo di pubblico sotto l’egida dell’AC Livorno

S

i è conclusa la prima edizione della gara di regolarità turistica Livorno Grand Prix. Sotto la prestigiosa egida fornita dall´Automobile Club Livorno che ha anche contributio in loco e in maniera fattiva alla perfetta organizzazione insieme allo staff della Scuderia Barone Rosso, si è svolta l’edizione inaugurale di un evento che ha ha fatto rivivere agli appassionati di motori i veri fasti dell’automobilismo sportivo che fu. La gara infatti si è articolata lungo un tracciato mitico come quello del Circuito di Montenero: dopo l’inusuale partenza nella cornice suggestiva offerta dall’Accademia

Una vettura sul podio in fase di partenza dall’interno dell’Accademia Navale

Un suggestivo scatto di una vettura sportiva in sosta all’ombra del celebre brigantino

Navale di Livorno (uno scenario che ha atteso i partecipanti anche al momento dell’arrivo), la carovana degli iscritti al via ha raggiunto la Rotonda di Ardenza. Il torpedone si è poi arrampicato finalmente lungo i selettivi tornanti del Circuito di Montenero, toccando in collina le località del Sonnino, di Quercianella, della via Aurelia fino a Castiglioncello, Castelnuovo della Misericordia, Gabbro per poi tornare in direzione opposta verso Livorno. Un bellissimo show offerto da mezzi a quattro ruote dal gusto ‘vintage’, su un percorso che venne eletto addirittura a teatro prestigioso del quindicesimo Gran Premio d’Italia nell’ormai lontanissimo 1937. Forte di una quarantina di iscritti al via e della buona compagnia di un meteo decisamente favorevole con temperature già al di sopra della media estiva, la gara è stata seguita da una folta schiera di amanti delle quattro ruote di un tempo e di un pubblico di curiosi in generale, accorso lungo le diverse prove speciali che hanno composto il sopra citato percorso per ammirare le vetture impegnate nelle prove di precisione cronometrico al decimo di secondo. Dopo l´arrivo, la carovana si è diretta al ristorante Sassoscritto, i cui locali hanno ospitato la cerimonia di premiazione e il suc-

cessivo momento conviviale con un pranzo a base di pesce che coinvolto partecipanti e organizzatori. Nella classifica generale della categoria auto storiche, sul gradino piu´ alto del podio è salita la coppia formata da Barbara Zazzeri e Cristiano Androvandi, alla guida di una Renault 5 Alpine, scuderia Kinzica. I punti di penalità dei vincitori sono stati appena 115; seguono da secondi Gabriele Tonarelli e Lorenza Borgogno, in tandem sulla A 112 della scuderia Biondetti (164 le penalità accumulate). Il gradino piu basso del podio è andato alla coppia della Gherardesca corse Lotano / Ulivelli, a bordo di una Fiat 128 (penalità 174). La classifica generale della categoria delle auto moderne ha visto prevalere l´equipaggio numero 36 di Alessandro Fratini, navigato dalla svizzera Karin Heubergher su Fiat Uno turbo con i colori della Scuderia pisana Kinzica (penalità 290). Medaglia d’argento a Jacopo Scoscini, un altro ‘rossocrociato’ navigato da Edoardo Cipriani su Bmw 320 XD coupé del team Maccanocar (416 penalità). Terzo posto per l’altra coppia del team Meccanocar formata da Roberto Fracci e dalla navigatrice Angela Basta, che hanno chiuso su Fiat coupè con 1687 penalità.

A.C.I.: Automobile Club Livorno

Lungo il mitico percorso del vecchio GP d’Italia, sui tornanti di Montenero, si è consumata la prima edizione della gara di regolarità turistica

93


Rallye Storico Graffiti 2017: i ‘Galletti’ alzano la cresta L’equipaggio francese Comas-Roche ha vinto l’edizione 29 della gara valida anche per il Campionato Italiano ed Europeo di specialità

I trionfatori fanno festa sul podio

de elbane. “Lucky” ha fatto suo il quarto raggruppamento, meritandosi ampiamente l’argento di una gara che lo ha ben ispirato in ogni sua prova speciale, acquisendo comunque punti preziosi in chiave sia italiana che continentale.

Un suggestivo momento della partenza sul palco di Capoliveri

Terzo assoluto ha finito il sempre affidabile Lucio Da Zanche, in coppia con Daniele De Luis, su una Porsche 911 RS. Il pilota valtellinese ha sempre gravitato nelle posizioni al sole della classifica assoluta, confermando anche in questo caso un notevole feeling con le strade dell’Elba, non certo facili da interpretare con le potenze della sua coupé “di Stoccarda”. Anche fuori dal podio è stata bagarre, tanto spettacolare quanto tirata sino alla bandiera a scacchi. La quarta piazza finale è andata in mano ai senesi Salvini-Tagliaferri, (Porsche 911 RS), particolarmente grintosi e decisi. Due caratteristiche che sono sicuramente servite per avere ragione, anche in questo caso sul filo di lana del piacentino Elia Bossalini, affiancato dal siciliano Granata (Porsche 911 SCrs), meritevoli di elogio per aver onorato un Rallye Elba con grandi prestazioni cronometriche. Nel terzo raggruppamento è stata lotta accesa tra l’austriaco Karl Wagner (Porsche 911 SC) ed il pisano Gian Marco Marcori (Porsche 911 SC), ma solo nella prima tappa, perché nella seconda odier-

A.C.I.: Automobile Club Livorno

V

ittoria d’effetto, per i francesi Eric Comas e Yannick Roche, su una Lancia Stratos, al XXIX Rallye Elba Storico – Trofeo Locman Italy, settimo appuntamento del Campionato Europeo Rally Storici e penultimo del Campionato Italiano. L’equipaggio transalpino aveva già concluso al comando la prima tappa, passando al comando della classifica dalla quarta prova speciale, sopravanzando la Lancia Delta Integrale 16V del vicentino Luigi “Lucky” Battistolli, in coppia con Fabrizia Pons. Sono stati autori di una grintosa prima parte di gara, il driver vicentino e la copilota piemontese, i quali è stato ingaggiato uno spettacolare duello durato sino all’ultimo metro di gara. Infatti, l’ultima giornata di sfide ha conosciuto una notevole reazione da parte di “Lucky” fattosi pericoloso in tutte e quattro le “piesse” in programma, costringendo Comas a dar fondo ad ogni energia possibile per poter concludere vittorioso in centro a Capoliveri con soli 4”2 di vantaggio, abbracciato da un pubblico caldo e numeroso. Comas, che si è aggiudicato anche il secondo raggruppamento, ha dunque sfruttato al meglio l’agilità e l’affidabilità della vettura “Regina” dei rallies negli anni settanta, oltre che giocare di tattica con le migliori scelte degli pneumatici e del set-up ottimale per le insidiose stra-

95


A.C.I.: Automobile Club Livorno

na il driver di Santa Croce sull’Arno, dietro al rivale ieri sera di soli 9”4, ha dovuto alzare bandiera bianca durante l’ottava prova per rottura del motore. Dietro all’austriaco ha dunque finito l’acclamatissimo locale Andrea Volpi, con una VolksWagen Golf GTI, affiancato da Maffoni. Già dalle prime battute di gara si sono imposti all’attenzione generale con prestazioni cronometriche di alta classifica, che li hanno portati sempre nell’orbita della top ten assoluta con grande merito e salutate dall’apoteosi dei tanti loro tifosi. Ed in Piazza Matteotti a Capoliveri, all’arrivo è stata grande festa, con appunto il decimo posto assolto incamerato dal pilota di Portoferraio. Il primo raggruppamento è stato vinto dai varesotti Dell’Acqua-Paganoni (Porsche 911S), con oltre due minuti su Parisi-D’Angelo (Porsche 911S) e tre su Giuliani-Sora, con una meno potente Lancia Fulvia HF. La classifica finale rispecchia quella registrata al termine della prima tappa, a conferma dell’egemonia di Dell’Acqua. Il migliore dei driver stranieri, che in questa gara soffrono costantemente l’iniziativa “dei nostri” è risultato lo spagnolo Daniel Alonso, sesto assoluto con una Ford Sierra Cosworth, sempre a ridosso dei migliori in entrambe le tappe. Nel Trofeo A112, vittoria “virtuale” per l’umbro Giorgio Sisani, fuori classifica in

Tanta la curiosità intorno ai fascinosi bolidi d’epoca

quanto non ha utilizzato gli pneumatici previsti dal monomarca “dello scorpione”, per cui ufficialmente il successo è andato al piemontese Maurizio Cochis, davanti a Battistel e Scalabrin. La competizione di “Regolarità Sport” è stata vinta da Andrea Marani- Rita Sartorio, con una Porsche 911 (1973). La prima tappa era stata nelle mani del tedesco Hanno Mayr, con una VolksWagen “maggiolino” del 1974, che correva curiosamente da solo, senza il passeggero.

Tanto pubblico ha seguito anche questa edizione 2017

96

Un evento a 360 gradi: sport, cultura e turismo Il XXIX Rallye Elba Storico ha confermato di essere una costante oramai da anni per il periodo post-vacanziero, la classica collocazione al termine dell’estate perfetta a favorire l’allungamento della stagione turistica sull’isola più grande dell’arcipelago toscano. Un appuntamento ideale per gustare le sensazioni di un territorio unico e la magia di una delle storie sportive tra le più appassionanti di sempre. Valida come settimo appuntamento del Campionato Europeo Rally Storici e penultimo del Campionato Italiano, la gara ha compreso la possibilità di disputare la “Regolarità Sport” mentre, in parallelo al main event, si è gareggiato per la validità nel Trofeo A112 Abarth, per il Trofeo Michelin e per il Memory Fornaca. Il classico, irrinunciabile, rendez-vous proposto da ACI Livorno Sport - organizzatore e promotore dell’evento su mandato di ACI Livorno – ha rinnovato le sfide con il cronometro presentandosi sulla scena italiana ed internazionale con una veste in parte rivista, ovviamente ispirata dalla tradizione di un evento che ogni anno conosce un’edizione unica. Forte dell’ampio consenso ottenuto dal 2011, da quando cioè la logistica generale passò a Capoliveri, ACI Livorno


modifica per adeguarsi alle normative internazionali, soprattutto per quanto riguarda le prove da svolgersi con il buio ma comunque procedendo al massimo del chilometraggio consentito, proprio per rendere la sfida come appassionante e ricca di spunti tecnici. Quello della sicurezza è un argomento imprescindibile, l’organizzazione ha sempre mostrato ampia sensibilità ed anche quest’anno ha riconfermato il massimo impegno. Un look rinnovato ma non troppo, apprezzato in primis da chi corre.

Le prove in notturna sono da sempre quelle più spettacolari

Sport ha disegnato l’edizione 2017 consolidando l’elevata qualità offerta nelle edizioni passate. Come consuetudine, si è trattato di un evento pensato per l’intera isola. Il territorio beneficia della valorizzazione d’immagine, della comunicazione positiva ed anche della ricaduta economica portata indirettamente dal cosiddetto turismo emozionale al seguito dell’evento. Nel 2016, ben tredici furono le nazioni rappresentate dagli equipaggi in gara e oltre 8mila unità circa il movimento registrato dei presenti con vari ruoli all’evento. Nulla di modificato, rispetto alle quattro edizioni precedenti, per quanto riguarda la logistica del Rallye: il Quartier Generale della manifestazione è stato confermato a Capoliveri, presso le funzionali ed esclusive strutture dell’Hotel Elba International, location esclusiva che sovrasta il Golfo di Porto Azzurro, dove saranno organizzate la Direzione di Gara, la Segreteria e la Sala Stampa.

ta di una delle gare italiane più conosciute al mondo, ACI Livorno Sport ha previsto ancora una volta tre giorni di sfide, con un totale di 10 Prove Speciali (136,900 chilometri competitivi, vale a dire il 33,47% dell’intera distanza che è di 446,580). Sono percorsi storici, che in più di un’occasione sono stati teatro di affascinanti gesta sportive. In ampia parte è stato mantenuto il tracciato del recente passato, si è apportata qualche

Locman Italy, Moby/Toremar, Comune di Capoliveri, Comune di Marciana, Comune di Rio nell’Elba, Comune di Porto Azzurro, Comune di Rio nell’Elba, Comune di Rio Marina, Comune di Portoferraio, Comune di Campo nell’Elba, Comune di Marciana Marina, Eni, Bardahl, Gigoni, Uliveto, Conad Gruppo Nocentini, Acqua dell’Elba, Sales, Sara Assicurazioni, Bulky Soft, Banca Cras, 3° Barontini, Hotel Elba International e l’Automobile Club Livorno. Un lunghissimo elenco di amici che anche per l’edizione 2017 sono stati al fianco dell’organizzazione, confermando la forte passione per lo sport dell’automobile e in particolare per il Rallye storico all’Isola d’Elba. Alessandro Bugelli

A.C.I.: Automobile Club Livorno

I partner

Il percorso: tradizione e modifiche

Competizione, duelli emozionanti con le vetture che hanno fatto la storia delle corse su strada ed anche cultura. Cultura di storia dell’industria automobilistica. Sono state sempre queste le ispirazioni della gara per la quale si è lavorato con passione per renderla ancora più appassionante. Per questo rally, il cui brand è una garanzia di successo visto che si trat-

La macchina vincente con un bel panorama elbano

97


C

onclusa la stagione 2017 per il team automobilistico GSG MOTORSPORT anche quest’anno con ottimi risultati. I piloti si sono cimentati in particolare nelle specialità di velocità in pista e rally. Giovanni Galleni ha partecipato al Time Attack Italia con una Ferrari 550 Maranello ancora in via di sviluppo del Team En.Ro. Competizioni di Civitanova Marche. Ha proseguito la stagione sportiva nei campionati di rally con una Peugeot 208 Turbo 16 con la quale ha partecipato anche al Motor Show di Bologna per la 7° volta. Negli anni scorsi aveva già ottenuto un brillante primo posto alla kermesse bolognese. Con la Peugeot 208 Turbo 16, preparata nell’officina della Sportec Engineering di Carcare (SV), anche quest’anno ha dato spettacolo nella storica Area 48 della Fiera Motoristica più conosciuta in Europa. Si è fermato purtroppo nei quarti di finale eliminato da Alessandro Perico, uno dei piloti più forti del panorama rallistico nazionale, già vincitore del rally di Sanremo. Nel Mondiale rally ancora ottimi risultati per il Campione del Mondo 2016 WRC3 Simone Tempestini che ha condiviso l’abitacolo della Citroen DS3 R5 con l’esperto Giovanni Bernacchini. L’equipaggio ha conquistato un brillante 7° posto nel campionato Mondiale. Discorso a parte per il Campionato Time

Manuel Villa

GSG Motorsport, tanti podi in una stagione condotta a tutto gas Un altro anno di grandi risultati per il team automobilistico capitanato da Giovanni Galleni

Galleni con la Ferrari 550 Maranello del Team di Civitanova Marche al Time Attack

Attack Italia al quale Matteo Gualandi ha partecipato per il 4° anno consecutivo. Il pilota livornese, che ha debuttato nei rally da giovanissimo con una Opel Kadett per poi passare alle gare in pista, è rimasto fedele in questa specialità al marchio Mini. Con una versione della vettura inglese sovralimentata con un turbo compressore assiale che sviluppa 500 cavalli, ha inanellato una serie di brillanti risultati che lo hanno visto alla fine del campionato conquistare la vittoria a pari merito con Fabbri, che, a causa di un ritiro di Gualandi dovuto a un guasto meccanico, lo ha relegato sul secondo gradino del podio. Marco Nannipieri e Luca Ambrogi hanno partecipato al campionato di zona a bordo di una Renault Clio

RS Light preparata nella officina Giulianetti di Livorno inanellando una serie di risultati positivi con due 6° posti nel rally di Casciana Terme e Pomarance. Nella gara più difficile della stagione, il rally delle Colline Metallifere, è riuscito a salire sul secondo gradino del podio nonstante la strada resa viscida ed insidiosa dalla pioggia e dal fango. Nelle vetture di Formula Luca Reboa ha portato i colori amaranto tre volte sul podio nel Campionato VSC al volante di una Tatuus Formula 3, velocissima vettura da 250 cavalli che pesa appena 410 kg. Reboa si è classificato due volte secondo ed una volta terzo nella propria categoria. Manuel Villa ha partecipato ad alcune gare del Campionato Italiano Rally alternandosi alla guida di più vetture. Ma il risultato più eclatante l’ha ottenuto alla penultima prova di Campionato Mondiale in Galles. Al volante della piccola ma combattiva Peugeot 208 R2 è arrivato 4° nella affollatissima categoria riservata alle 2 ruote motrici.

A.C.I.: Automobile Club Livorno

GSG MOTORSPORT

99


Parola di fuoriclasse

Irene Bubola

Pilota e navigatrice del padre Giancarlo che ha disputato 200 rallies in carriera

avigatrice e pilota. Irene Bubola nel mondo dei Rally, in cui la parità di genere è un’utopia e i “maschietti” sono la stragrande maggioranza, non ci vuole molto a capirlo, è una “mosca bianca”. O se preferiamo, una bella ragazza 24enne, estroversa, gentile, solare, grintosa, determinata e brava. A farle assaporare e toccare con mano quel mondo, fin da quando era in fasce, è stato babbo Giancarlo che nel novembre 2017, a Pomarance, ha disputato il suo duecentesimo Rally. Naturalmente con la figlia Irene al suo fianco come navigatrice e la moglie Cristina e il babbo Eos a dare il loro qualificato contributo. In un gioco di squadra, fortificato da passione e affetti. Ma Irene è andata oltre le aspettative del padre. E un paio d’anni fa ha fatto anche l’esordio al volante, in maniera quasi casuale, quasi come segno del destino. “Fin da piccola ho vissuto in maniera diretta il mondo dei Rally e sono stata a contatto con alcune di quelle stupende auto. La prima volta che ne ho guidata una è stato nel 2016. Era la mitica Autobianchi A 112 Chardonnet. Con mio padre Giancarlo eravamo in auto a una manifestazione di beneficenza a Castagneto

Irene Bubola pilota

N

Irene e Giancarlo Bubola in assetto di gara

Carducci. Improvvisamente mi ha detto di provare a guidarla io e mi ha ceduto il posto di guida. Come se stare al volate di una macchina da Rally fosse la cosa più naturale del mondo”. Le tappe successive? “Nel maggio 2017 ho partecipato allo Slalom di Guardistallo: nonostante mio padre mi dicesse di usare prudenza, ha prevalso l’indole di tenere il piede pesante sull’acceleratore. Poi ho partecipato ad altri eventi sempre al volate dell’ A112 Chardonnet. Tra questi, uno a Le Morelline a Rosignano Marittimo, su un tracciato impegnativo. E poi il primo Motor Festival a Livorno, su un percorso abbastanza impegnativo, più adatto alle macchine da drifting”. A Natale 2017 per te una stupenda sorpresa? “Una meravigliosa Citroen C1 Cup. Un gioiellino che ho guidato in una gara a Castagneto Carducci, benché i sedili fossero ancora da regolare e per arrivare ai pedali abbia avuto bisogno di mettere qualche giacchetto sotto il sedere. Ma la voglia di guidarla era troppa”. Più bello fare il ruolo di navigatrice o pilota? “Come navigatrice ho fatto una quindicina di gare. Sono due emozioni, seppure simili, con prerogative diverse.

Il ruolo del navigatore è complesso e impegnativo. Ha su di sé molte responsabilità. Oltre al compito primario di comunicare bene le note al pilota e di rendersi conto se c’è da fare qualche modifica durante una prova speciale.” Ti sei mai sentita a disagio in questa realtà che, nell’immaginario collettivo, è prevalentemente maschilista? “Assolutamente no. Mi sento una forza, una potenza dentro, perché noi donne non siamo da meno dei maschietti. Anche noi del resto abbiamo le nostre passioni e le nostre capacità ed è giusto tirarle fuori e coltivarle”. Il fidanzato cosa pensa di questa passione viscerale? “Gli piacciono i motori e la velocità. Mi ha sempre seguita cercando di tenermi su il morale e di farmi passare l’ansia.”. Rally, quindi come sport ma anche come collante di interessi e sentimenti? “Questa passione l’ho ereditata esclusivamente da babbo Giancarlo. Per me è stato sempre un esempio. Fin da quando ero piccola io e mia mamma seguivamo mio padre e non ci siamo mai perse neanche un rally. All’appello non è mai mancato neanche nonno Eros con il ruolo di fulcro dell’assistenza”.

A.C.I.: Automobile Club Livorno

Irene Bubola, un’erede in ‘rosa’ a bordo della dinastia di famiglia

101


Viale Ippolito Nievo, 58 - centro@livorno.privatassistenza.it


N

ata dall’idea e dall’iniziativa di Claudio, Alessandro e Stefano, tre amici impegnati in attività sportive e culturali, Sport Insieme Livorno, è diventata nel tempo una realtà ben radicata nel territorio. Dopo anni di iniziative, progetti e manifestazioni organizzate, è diventata una Onlus e da allora ha continuato a lavorare per i ragazzi disabili con ancor più passione. Praticare sport “Insieme” con spirito agonistico ma anche e soprattutto come momento di aggregazione sociale tra le persone, indipendentemente dalla loro condizione fisica e mentale, rappresenta uno dei punti fondamentali della filosofia dell’associazione. Pari opportunità anche nel praticare sport senza distinzioni. Universalmente riconosciuta è, infatti, l’importanza dello sport nel processo e nel mantenimento di un equilibrio psicofisico della persona e come veicolo d’informazione nelle problematiche inerenti al mondo dell’handicap. Il tennis su sedia a rotelle rappresenta lo sport principale di cui l’associazione si occupa, ma sono davvero tante le discipline che Sil abbraccia. «Siamo presenti sul territorio da 30 anni – spiega il presidente Claudio Rigolo – e ci occupiamo di sport e tempo libero, con un particolare impegno sociale rivolto ai disabili. Siamo partiti con il tennis sulla carrozzella e perciò quello è il nostro sport principale. Ma con il tempo ci siamo allargati anche a tante altre discipline». Dal 1993, comunque, il fiore all’occhiello dell’associazione è il torneo internazionale “Città di Livorno” che si svolge ogni anno la prima settimana di settembre a Livorno, al Circo-

Un atleta disabile impegnato durante il blasonato torneo internazionale di tennis

Diversamente abili A cura di Nicolò Cecioni

Sport Insieme Livorno, un’attività decennale al fianco dei disabili che superano i propri limiti Non solo il prestigioso torneo internazionale di tennis: 30 anni di una realtà radicata sul territorio lo Junior Club di Via dei Pensieri, e il Tor- aprire una scuola di vela con barche apponeo ‘Costa degli Etruschi’, nato nel 2010, sitamente attrezzate per i portatori di hanche si svolge a Marina di Cecina. «Il Città dicap fisici». di Livorno è arrivato alla 26’ edizione e quest’anno, finalmente, è tornato a essere veramente internazionale, grazie alla partecipazione di tanti atleti provenienti da varie parti del mondo. Il primo torneo, nel 1993, permise che a Livorno si sviluppasse il tennis in carrozzella ed è per questo che, ancora oggi, nella nostra città arrivano molti atleti da tutta la Toscana perché qui abbiamo ottime strutture attrezzate». Un momento conviviale tra gli associati La scuola di tennis Sil presso il Circolo tennis Libertas Sport, a Porta a Terra, a livello nazionale è una realtà importante per tutti coloro che con piccoli o grandi deficit motori vogliono cimentarsi nel gioco del tennis. Ma come detto, l’associazione si occupa anche di altre discipline per atleti disabili: vela, ciclismo, atletica, nuoto e sport invernali. «Abbiamo una barca attrezzata e insieme all’Inail organizziamo gite in mare porLa prima edizioe del torneo di tennis a machio SIL tando le persone con disabilità alla è datata ormai 1993 Meloria o davanti alla nostra costa. Spesso organizziamo anche tour lungo i fossi per spiegare la storia della nostra città. Inoltre con Massimiliano Mattei organizziamo lezioni di surf e questa è una delle tante altre attività che prepariamo». Con l’Inail, infine, è in cantiere un altro progetto. «Stiamo lavorando alla realizzazione di un centro velico, in collaborazione con i circoli nautici livornesi. Ci piacerebbe

Diversamente abili

SIL

103


I

l prossimo anno spegnerà dieci candeline, un traguardo importantissimo del quale tutta la città deve andar fiera. Stiamo parlando di Sportlandia, un progetto serio, autorevole e concreto che unisce lo sport alla disabilità. Tutto è nato da un’idea della Uisp, di Mauro Martelli, Giuliana Bertoli (direttrice provinciale Special Olympic Livorno) e Manlio Grossi. E da quel momento è diventata una realtà profondamente radicata non solo nel territorio ma anche fuori città. «Ne è passata di acqua sotto i ponti – spiega Mauro Martelli – da quando ci chiamarono per partecipare al primo campionato Special Olympics a La Spezia, per i Giochi Nazionali del Canottaggio. Andammo io, Claudio Cecconi e due ragazzi affetti da disabilità e tornammo a casa con

La squadra Sportlandia che ha partecipato al Palio

Una posa corale per il team Sportlandia nel corso dell'ultimo Palio Special Olympics

Sportlandia, un anniversario in doppia cifra che si avvicina in mezzo a tanti progetti Tanti eventi di canottaggio ma anche bowling e voglia di andare oltre le disabilità la medaglia d’oro al collo. Fu un grandissimo successo per noi e una bella sorpresa per tutta Livorno. Nessuno, infatti, si aspettava quella vittoria, anche perché in acqua c’erano equipaggi molto attrezzati con atleti accreditati a bordo, compreso qualche olimpionico». Tornati a casa, dunque, i 4 canottieri furono accolti da un incredibile entusiasmo e quella vittoria ebbe un enorme riscontro mediatico. «Non ce l’aspettavamo, ma visto che tutta la città ci accolse in quel modo, decidemmo di non fermarci lì. Così ci rivolgemmo ad altre associazioni, chiedendo loro di unirsi. Nessuno accolse il nostro appello e allora creammo una nuova associazione». Quell’associazione, oggi, ha ben 14 atleti tesserati per il canottaggio, più molti altri che praticano bowling, grazie all’impegno di Manlio Oliviero. «In totale siamo circa 25 atleti e come obiettivo principale abbiamo quello dell’inclusione, perché nello sport è fondamentale riuscire a coinvolgere i ragazzi con disabilità. L’attività fisica, per loro, è importantissima non solo dal punto di vista atletico, ma anche mentale. Ognuno di loro cresce in maniera esponenziale giorno dopo giorno e ne sono l’esempio i gemelli De Concilio, due atleti che si sono aggiunti di recente alla famiglia Sportlandia. In meno di un anno sono cresciuti e migliorati tantissimo perché da noi gli allenamenti sono molto intensi e tutti devono faticare perché lo sport è fatica. Stimoli, personalità e impegno ci devono essere, a prescindere dalle disabilità fisiche. E questa è una cosa che ti fa migliorare anche sotto l’aspetto caratteriale perché l’allenamento produce benefici anche a livello psicologico. Tutto ciò, ovviamente, viene monitorato dal nostro dottor Luciano Bientinesi». Quest’anno è andata in scena l’ottava edizione del Palio Special Olympics che ha visto oltre 100 atleti partecipanti. «La città ci tiene molto a questa manifestazione che ormai è entrata nel cuore dei livornesi. Il movimento sta crescendo,

così come l’interesse nei nostri confronti. I ragazzi hanno gareggiato in mare su due gozzi e a terra, sui remergometri. Per questo a Livorno sono arrivati vogatori da diverse città d’Italia e sono stati due giorni molto intensi, sia dal punto di vista sportivo che emotivamente. Per noi, infatti, è fondamentale la socialità. Qui siamo tutti volontari e le donazioni che ci vengono fatte vanno tutte ai ragazzi e alle loro attività. Gli allenamenti sono 3 giorni alla settimana, ma l’impegno è sette su sette».

Tanti gli eventi di canottaggio organizzati dall'associazione

Diversamente abili

SPORT LANDIA

Un atleta Sportlandia premiato dopo una vittoria

105


SEDE: Via Fabio Filzi 19 int.11 57122 LIVORNO Tel. 0586 403211 Fax 0586 424963

SUCCURSALE: Via Garibaldi, 361 57122 LIVORNO Tel. 0586 014862 Cell. 338 3438350

• Batterie per auto/nautica

• Filtri aria, olio, gasolio e carburante

• Filtri aria, olio e carburante

• Batterie per moto

• Filtri aria, olio e carburante • Ricambi nazionali ed esteri

• Lubrificanti, liquidi freni

magazzino@lucautoricambi.com


D

a 16 anni la Zenith Livorno Onlus è impegnata nel sociale, per promuovere le attività sportive rivolte ai disabili e organizzare manifestazioni che mettano in risalto inclusione sociale e solidarietà. È questo lo spirito dell’associazione presieduta da Davide Simoni che oggi vanta un gran numero di iscritti. «Un altro anno è passato – spiega Simoni – e l’associazione Zenith Livorno Onlus può guardarsi indietro ed essere molto soddisfatta del proprio tragitto. Un tragitto non solo fatto di traguardi sportivi, ma soprattutto di impegno sociale, attenzione verso i più deboli e inclusione. Noi siamo nati nel 2001 e da allora abbiamo sempre lavorato per incrementare l’attività sportiva per i ragazzi disabili perché crediamo che il fisico abbia bisogno di essere costantemente tenuto in movimento per rimanere in salute. Attualmente abbiamo 28 atleti che partecipano a diverse discipline, come l’atletica, anche se principalmente noi ci occupiamo di nuoto». “Che io possa vincere, che se io non riuscissi che io possa partecipare con tutte le mie forze” è il motto degli atleti Special Olympisc, un movimento mondiale al quale anche la Zenith Livorno ha aderito. «Siamo fieri di far parte del movimento degli Special Olympics e stiamo cercando di onorare quel nome nel migliore dei modi. Per questo portiamo avanti un progetto ben definito che coinvolge il settore della salute e quello della disabilità». Quest’estate la Zenith è stata protagonista a Biella dove si sono svolti i Giochi Nazionali Special Olympics.

I portacolori del sodalizio livornese festeggiano sul podio

Zenith, una onlus che da 16 anni si impegna per far partecipare lo sport disabile con tutte le proprie forze La soddisfazione delle vittorie e dei risultati arrivati ai Giochi Nazionali Special Olympics di Biella «Eravamo presenti con 16 atleti e abbiamo portato a casa diversi titoli italiani e varie medaglie d’oro nelle categorie in cui abbiamo gareggiato. Da sottolineare la presenza di tre nuovi ragazzi, come, Lorenzo Pardini, Giacomo Lagorio e Matteo Giari, oltre agli ormai veterani Luca Baffigi, Federico Bartorelli, Massimo Bruno, Andrea Lo Schiavo, Manuela Maggi, Marco Masciullo, Gabriele Morelli, Giacomo Oliviero, Silvia Paperini, Antonio Sartori, Davide Simoni e Cristina Tomei. Per quanto riguarda i nostri atleti, possiamo dire che hanno dimostrato di La squadra Zenith ai Giochi Nazionali Special Olympics ospitati a Biella avere migliorato la loro autonomia. Un’occasione che è servita a vivere e a confrontarsi con gli altri atleti, ritrovando qualche vecchio amico». Ma quella in Piemonte è stata solo una delle tante esperienze dell’associazione livornese. «Abbiamo iniziato ad allenarci a ottobre, due volte alla settimana, sotto lo sguardo attento dei nostri mitici tecnici MariaRosa Passariello, Manuela Micheli, Laura Jacopani e Silvia Bonaretti. Nello stesso periodo, come di consueto, abbiamo anche organizzato il nostro meering Zenith in Onda, arrivato all’ottava ediUn atleta che in vasca difende i colori dello Zenith zione. Hanno aderito numerose associazioni provenienti da Toscana, Liguria e Marche, per un totale di 110 atleti. Al termine delle gare gli atleti sono stati tutti premiati con medaglie». Molto bello, poi, anche il meeting degli auguri di dicembre. «A marzo 4 nostri atleti hanno partecipato ai campionati italiani Fisdir, in vasca corta a Fabbriano conquistando medaglie e ottimi piazzamenti. Dopo aver partecipato ai vari meeting organizzati in Toscana, Davide Simoni ha partecipato ai campionati assoluti a Poggibonsi, accompagnato da MariaRosa Passariello, conquistando il terzo Momenti fdi felicità e aggregazione per gli posto in stile dorso e il quarto delfino». sportivi arancioni

Diversamente abili

Zenith

107


Abbigliamento tecnico e accessori per tutte le esigenze Training test:

Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√ Tempo libero da passeggio e da turismo

(con possibilità di noleggio)

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

NUOVA SEDE:

Scali delle Cantine, 16/20 - 57151 LIVORNO Tel. 0586 800093


Ciclismo A cura di Mario Orsini

Un bilancio ok e tanti progetti in cantiere

D

Dal 2016 Venanzoni è al timone della FCI provinciale

a novembre 2016 al timone del- direttivo. Persone, brave, motivate, compe“Nessun ripensamento. Sono veramente la FCI livornese: (Federazione Ci- tenti, disponibili con le quali, fin primo gior- contento di aver accettato questo incarico. clistica Italiana), con la passione no, abbiamo lavorato in piena armonia. Il Per questo ringrazio pubblicamente ancora e l’entusiasmo del primo giorno, anche se nostro motto è sempre stato: uno per tutti una volta le società ciclistiche che, al moha dovuto confrontarsi e fare i conti con e tutti per uno, per il bene del ciclismo livor- mento delle elezioni, hanno avuto fiducia alcune impreviste e poco piacevoli novità, nese e non solo”. e creduto in me. La speranza è di non aver specialmente a livello economico. Non per deluso nessuno”. Chi fa parte del direttivo? sua colpa ma per decisioni piovute dall’al“Oltre al sottoscritto Roberta Santini Da super esperto, ormai da una ventito. O se preferiamo dai ‘sacri uffici’ romani come vicepresidente. E inoltre Paolo Fruz- na d’anni, della sicurezza nelle corse codella federazione. zetti, Corrado Mori e Andrea Senigaglia. E sa vuol dire? Davide Venanzoni, 42 anni compiuti il come presidente onorario Paolo Quaglieri“Le basi per garantirla ci sono. Certo 6 luglio, residente a Castellina Marittima, ni. Una persona stupenda e umile. Un pun- come tutte le cose si potrebbe fare di più. lato Pomaia, nonostante queste vicissi- to di riferimento per tutti, anche per la sua A darci una bella mano nella provincia di Livorno sono anche operatori Asa. Persone tudini traccia un bilancio, tutto sommato enorme esperienza”. soddisfacente di questa nuova avventura Di che cosa avrebbe bisogno la FCI competenti che hanno fatto, a loro spenel mondo delle ruote: “Oltre a presiden- provinciale per fare un altro salto di qua- se, corsi specifici e anche per questo deve essere garantito, quando offrono la loro te della FCI ho continuato a svolgere l’inca- lità? rico di responsabile alla sicurezza in diverse “In primis di qualche sponsor importante collaborazione, quantomeno un piccolo competizioni ciclistiche e anche di direttore per poter dare linfa anche alle società. Spe- rimborso spese. In questo campo abbiamo anche un di corsa. Un incarico che ormai svolgo dal cialmente quelle che lavorano con bambini 2014”. e adolescenti dai 7 ai 12 anni: le sei catego- ottimo rapporto di collaborazione con l’iA tale proposito aggiunge: “Fare il diret- rie Giovanissimi. Piccoli atleti che sono il spettore dei vigili urbani di Livorno: Stefano tore di corsa è un ruolo a cui sono molto af- cuore pulsante e il domani di questo sport”. Marconi. Una persona che ad una grande fezionato, perché mi consente di poter vivere Con franchezza mi dica se è contento professionalità e competenza, anche in da vicino, in tutte le sue sfaccettature, i mo- di essersi preso questa gatta da pelare. tema di sicurezza durante le corse, associa menti cruciali di una corsa. A dicembre 2017 Oppure qualche volta le viene da pensa- grandi doti di sensibilità e disponibilità”. ho sostenuto un ulteriore esame a Firenze e re: chi me l’ha fatto fare? Qualche novità in cantiere? grazie a questo ho conseguito il pa“Stiamo lavorando per attuare nella provincia di Livorno un tentino di direttore di corsa a livello challenge su cinque gare della internazionale. Ovvero di corse riservate a tutte le categorie, esclucategoria Esordienti. In estrema so i professionisti. Una possibilità sintesi, cinque corse riservate a che mi consentirà di moltiplicare le quella categoria, organizzate sul territorio della nostra provincia. soddisfazioni in quel settore. E di riAlla fine verrà stilata una classiflesso anche le responsabilità”. Facciamo un passo indietro. fica computando i punti ottenuQual è il bilancio di quest’anno ti da ogni singolo corridore nei abbondante alla guida della FCI cinque appuntamenti. Insomma provinciale? qualcosa di analogo al Memorial Osvaldo Ferrini, riservato alle ca“Un bilancio tutto sommato Fruzzetti, Santini, Venanzoni, Casini (ex presidente) e Mori tegorie Giovanissimi”. positivo grazie anche al comitato

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

Davide Venanzoni Presidente Provinciale FCI

109


2017: tutti i risultati Trofeo Barni-Iveco, Giovanissimi in parata (metà femminili). Al termine, in un clima di grande allegria le premiazioni, con Giuliano Santucci bravo a scandire i tempi e Gianfranco Baldini sempre pronto a dare una mano e qualche prezioso consiglio. Complimenti meritatissimi, pure al direttore di corsa, alla giuria e al mitico Paolo Quaglierini, sempre al posto giusto al momento giusto, con il suo grande carisma e la sua enorme esperienza a fare, come consueto la differenza. Ordine d’Arrivo. G1M 1) Lorenzo Moneti (Velo Club Empoli), 2) Sebastian Del Carlo (Montecarlo Ciclismo), 3) Christian Lucherini (GS Stabbia Ciclismo), 4)Yasin Houria (Velo Club), 5) Mattia Benedetti (Pedale Pietras.). G1F. 1) Giulia Campani (T. Mamma e Papà Fanini Liv.), 2) Elena Geppi (Costa Etrusca), 3) Gresia Bertola (Piano di Mommio). G2M. 1) Lorenzo Luci (Velo Club Empoli), 2) Mattia Masi (Stabbia C.), 3) Emanuele Favilli (Donoratico), 4)Leonardo Pavi Degl’Innocenti (S. Miniato), 5)Mattia Meacci (Stabbia). G2F. 1) Ginevra Bacci (CastelF. Banca di Cambiano.), 2)Clara Fondelli (Coltano Grube Costr.), 3)Rachele Paternostro (Donoratico), 4) Ginevra Fialdini (Donoratico), 5) Asia Giudici (Coltano Grube). G3M. 1) Massimo Mezzasalma(AS Colognole), 2)Giacomo Poli (Pedale Pietras.), 3) Lorenzo Guidi (Colognole), 4) Willian Luciano

Cipollini sul podio più alto, alla sua sinistra Cavallaro e a destra, (terzo), Creatini

Giuliano Santucci, (a sinistra), con i baby ciclisti del Colognole e Fabiana Tancredi (a destra)

In baby del pedale si sono sfidati lungo le strade in zona Picchianti Gaggioli (Stabbia), 5)Matteo Cialdini ( S. Miniato e S. Croce). G3F. 1) Margherita Mariottini (Coltano Grube C.), 2) Aurora Salvestrini (Donoratico), 3) Martina Miglia (Mamma e Papà Fanini), 4) Melia Viviana Caico (S. Miniato, S. Croce). G4M. 1) Giulio Pavi Degl’Innocenti (S. Miniato), 2°Lorenzo Bertelli (Pedale Pietr.), 3) Luca Luschi (Colognole), 4) Diego Buti (Alta Vald, 5) Jacopo Belmonte (Donoratico). G4F. 1) Angelica Coluccini(UC Donoratico), 2) Emma Franceschini (Costa Etrusca) 3) Vittoria Cappellini (S. Miniato.). G5M. 1) Alessio Anguillesi (GS Butese), 2) Filippo Piacenza(UC Donoratico), 3)Mattia Simonetti ( Pian di Mommio), 4) Christian Caponi (Butese), 5) Damiano Gallerini (S. Miniato). G5F. 1)Letizia Tasciotti (Cicl. S. Miniato - S. Croce), 2) Ilenia Nicolucci (Mamma e Papà Fanini), 3)Aurora Chiti (S. Miniato - S. Croce). G6M. 1) Edoardo Cipollini(USD Montecarlo Cicl.), 2) Alberto Antonino Cavallaro (Coltano Grube Costr.), 3)Matteo Creatini(Donoratico), 4)Riccardo Lorello (Velo Club E.), 5)Andrea Baglione (GS Via Nova). G6F. 1)Beatrice Bertolini(Coltano Grube Costr.), 2) Lavinia Frollani(UC Donoratico), 3) Carolina Toska (Abitare Circ. Arci Allende, 4) Cecilia Dei (Arci Allende), 5) Rebecca Tomei (Montecarlo).

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

I

n gara nelle sei categorie Giovanissimi quasi duecento baby ciclisti, dai sette ai dodici anni, provenienti da mezza Toscana. In programma su un circuito di circa ottocento metri, a ridosso della sede SVS, di via delle Corallaie e dintorni, in zona Picchianti, il 4° trofeo Rettifiche Barni e Officine Iveco. Una grande kermesse, ottimamente organizzata dall’Associazione Sportiva Colognole e con la ‘regia’ illuminata del grandissimo Giuliano Santucci. Spettacolari e appassionanti, dal primo all’ultimo secondo, tutte le gare. Tra quelle tecnicamente più belle anche per l’età e il numero di partecipanti, quella della categoria G6, o se preferiamo dei bambini più grandicelli e pronti, anagrafe alla mano, a gareggiare, nel 2018, nella categoria Esordienti primo anno. A mettere la sua ruota davanti a tutti, con uno spunto finale degno dello zio Mario (ex campione del mondo), Edoardo Cipollini. Un ragazzino che promette davvero bene e durante tutta la corsa ha fatto vedere di essere il più forte e di meritare la vittoria. La corsa? Pronti, via ed Edoardo Cipollini era già in fuga solitaria. Dopo essere rimasto in avanscoperta per oltre metà della gara, non riuscendo, però a fare il vuoto, si è lasciato riassorbire e poi nella volata finale, con un guizzo portentoso, si è scollato di ruota i sei compagni d’avventura e ha vinto in maniera netta. Tra le gare più belle e spettacolari anche quella dei G5, con il successo, per un’inerzia, del talentino, della Butese, Alessio Anguillesi sull’ottimo Filippo Piacenza (Donoratico). Belle e combattute anche le altre dieci gare

Categoria G5 al centro Anguillesi (rosso) alla sua destra Piacenza (giallo) e alla sua SX Simonetti (blu)

111


Coppa Montenero, Crescioli vince in solitario

a settantaquattresima Coppa Montenero, trentanovesima Coppa Ilio Filippi, organizzata dal glorioso G.S. Montenero 1926. Ai nastri di partenza domenica 2 luglio quasi un centinaio di scalpitanti giovanotti, di 15 o 16 anni (Allievi primo e secondo anno) della Toscana e dintorni. Il “go on” ufficioso alle 9 e 20 minuti dal Centro Sociale Gioli in vetta al Castellaccio dove, come negli anni precedenti, era localizzato il quartier generale della corsa e la fettuccia d’arrivo. La partenza ufficiale della corsa, per ragioni di sicurezza, a causa della discesa abbastanza impegnativa, alle ore 9.30 all’innesto tra la discesa del Castellaccio e la panoramica del Romito a ridosso del Castel Sonnino. Alle ore 11,30, minuto più, minuto meno, l’arrivo. A trionfare a braccia alzate Giosuè Crescioli, il longilineo campioncino di Lazzeretto (Cerreto Guidi). La svolta sulle prime rampe della lunga e impegnativa salita finale. Giosué Crescioli, fino a quel momento guardingo, nella ‘pancia’ del gruppo, ha rotto gli indugi e con uno scatto repentino ha salutato i com-

pagni d’avventura e, dopo essere passato in solitudine sotto lo striscione del GPM, a due passi dal Santuario di Montenero, ha proseguito, solo, soletto, senza mai voltarsi indietro, fin sotto lo striscione d’arrivo. Per Giosuè Crescioli (20/04/2001), il trionfo, in solitudine, in vetta al Castellaccio, è coinciso con il sesto successo stagionale, sempre per distacco. A tessere le lodi di questo ragazzo che nel fisico, snello e asciutto (191 cm) ricorda il fuoriclasse inglese Chris Froome, qualche minuto dopo la conclusione della corsa è stato il suo Direttore sportivo Luca Bartalucci: “Crescioli è un bravo ragazzo e un eccellente ciclista. In salita ha una marcia in più. Per lui questa è stata la sesta vittoria stagionale. Anche in questo caso come nelle altre circostanze per distacco”. La corsa come accade comunemente per queste categorie si è snodata su un canovaccio ben definito, con continui scatti e controscatti. Tutti, però, a esclusione di quello decisivo di Crescioli, rintuzzati dal gruppo. Gli attaccanti pur rimanendo in avanscoperta, da soli o a gruppettini a ranghi ridotti, per qualche chilometro, non sono mai riusciti a fare veramente il vuoto. Complice anche un’andatura davvero sostenuta a quasi 37 Km orari, nonostante il percorso davvero impegnativo specialmente nei chilometri finali verso la vetta del Castellaccio. Felicissimo, non poteva essere altrimenti, appena messo il piede a terra dopo l’arrivo trionfale, Giosuè Crescioli: “Sono un passista scalatore.

Giosuè Crescioli e Tommaso Dati

L’arrivo del gruppo

Giosuè Crescioli (UC Empolese)

L

Giosuè Crescioli arrivo solitario

Avevo ipotizzato di attaccare sulla salita finale. È andato tutto come previsto. Ringrazio i compagni di squadra. E’ anche grazie a loro che ho potuto tranquillo con la consapevolezza che sarebbero stati bravi a non far scappare nessuno”. Iscritti alla corsa 86 corridori. Partiti in 75. E arrivati appena in 56. A determinare, la significativa selezione, la durezza del percorso e non certamente le condizioni climatiche. Nella circostanza, quasi ottimali.

Ordine d’arrivo

1) Giosuè Crescioli (UC Empolese) Km 69, media 36,98 Km/h; 2) Tommaso Dati (C. S. Miniato- S. Croce) a 17”; 3) Emanuele Galli (Bessi Calenzano); con lo stesso tempo: 4) Samuele Gimignani (SS. Aquila); 5) Daniele Colacione (Bessi Calenzano); 6) Pietro Salvadori, 7) Danilo Masi; 8) Lorenzo Tedeschi; 9) Alessandro Rocchiccioli; 10) Gregorio Butteroni.

GPM Montenero Alto

1) Giosuè Crescioli; 2) Gregorio Butteroni; 3) Samuele Gimignani.

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

Il talento di Cerreto Guidi ha dominato in salita l’edizione numero 64

Premiazioni

113


Memorial Bettarini, vittoria di Pisani

Alessio Pisani, vincitore del 6° Memorial Bettarini

G

uizzo vincente di Alessio Pisani nel 6° Memorial Amelio Bettarini. Il campioncino di Capannori (Lu) con un rush degno di Fernando Gaviria, a Shangai sul vialone Fabio Filzi, ha messo tutti d’accordo e scritto il proprio nome nell’albo d’oro di questa splendida gara ciclistica. Una competizione riservata ai corridori della categoria Allievi, ottimamente organizzata, come nelle precedenti edizioni, dal GS Cantiere Navale F.lli Orlando capitanato da Gino Fussei. L’epilogo al termine di una corsa, senza un attimo di pausa, volata via alla media, davvero interessante di 40 Km/h, soprattutto tenendo conto dell’età dei giovani corridori e del percorso piuttosto variegato: ricco di saliscendi, insidie e con l’impegnativa salitella, ‘spezzagambe’, di S. Martino. A recitare il ruolo di assoluto protagonista lo squadrone dell’USD Montecarlo: grazie a uno splendido lavoro di equipe ha tenuto quasi sempre sotto controllo la corsa, nonostante i continui scatti e controscatti di ardimentosi giovanotti, decisi a mettersi in bella evidenza. Tra i tanti attaccanti l’unico a cercare di rompere le uova nel paniere, ai campioncini della compagine lucchese, è stato Gregorio Butteroni. A una quindicina di chilometri dalla fettuccia d’arrivo, sulle dure rampe della salita di Parrana S. Martino, il talentuoso grimper della Ciclistica Cecina, ha salutato compagni d’avventura e dopo aver scollinato per primo sul Gran Premio della

Matteo Bettacchi campione provinciale

Montagna di Pietreto, ha innestato il turbo e puntato dritto verso Livorno. Un’azione davvero stupenda quella dell’ottimo Butteroni, vanificata, però, a cinque chilometri dall’arrivo, quando il gruppo gli è piombato addosso come leoni affamati su una malcapitata gazzella nella savana. Il ricongiungimento, nonostante la bravura di Butteroni, è facile intuirlo, dopo l’innesto con via delle Sorgenti, in località Bellavista, è stato favorito, dal terreno per lunghi tratti pianeggiante e qualche lungo rettilineo specialmente in via Pian di Rota, prima dell’innesto con la statale Aurelia. Tratti di strada nei quali, il fuggitivo poteva essere messo visivamente nel mirino. A guidare la pattuglia dei contrattaccanti, con un bel gioco fatto di cambi regolari, è stato il team della Montecarlo Cicli spalleggiato anche da altri campioncini di altre squadre. L’epilogo? Il primo troncone del gruppo ha imboccato a velocità sostenuta il lungo vialone Fabio Filzi seguito da altri piccoli gruppettini che, però, non sono riusciti a colmare il gap. Alessio Pisani, grazie alle sue ottime doti di sprinter, è stato tenuto al coperto dai compagni di squadra. Poi, quando la fettuccia d’arrivo era ormai a un tiro di schioppo, è uscito a velocità doppia dalla ruota del compagno Alessandro Fruzzetti e con una violentissima accelerata, ha messo la sua ruota magica davanti a tutti, sulla fettuccia d’arrivo.

Interviste

Felicissimo Alessio Pisani: “Per me è la terza vittoria in meno di un mese. Livorno mi porta bene. Qui avevo già vinto il 7 maggio a Salviano a una settimana esatta dal successo di S. Marco a Cintoia nel trofeo Ballerini. Ringrazio i compagni di squadra bravi a tener sotto controllo la corsa, dal primo all’ultimo metro. Nelle prossime gare cercherò di dare continuità a questi straordinari risultati”. Contento anche Gregorio Butteroni, seppure il suo sogno sia svanito a un pugno di chilometri dall’arrivo. “Per un po’, dopo aver staccato tutti sul GPM, ho pensato di potercela fare. Mi sentivo bene, le gambe giravano a mille e in alcuni tratti, anche di pianura, viaggiavo a 50 Km/h. Peccato. Spero presto di poter bissare il successo di Civitavecchia di due settimane fa. Nonostante non sia riuscito a centrare la vittoria questa bellissima prestazione è una notevole iniezione di fiducia per il prossimo futuro”.

Partenza 6° Memorial Bettarini

Da segnalare, un paio di chilometri dopo il traguardo volante di Guasticce, una caduta nella pancia del gruppo, che ha coinvolto una trentina di corridori, fortunatamente senza gravi conseguenze per nessuno. Soddisfatti di come sono andate le cose oltre agli organizzatori e la quasi totalità dei team partecipanti anche i membri della famiglia Bettarini, cominciando dalla figlia Grazia e proseguendo con i nipoti e pronipoti del grandissimo Amelio, fondatore della Bettarini Group. Società leader, da oltre sessanta anni, nel settore noleggio per la movimentazione del materiale per l’intera Toscana e oltre.

Ordine d’Arrivo

1° Alessio Pisani (Montecarlo Ciclismo) che copre i 60 Km in 1ora e 30 minuti alla media di 40,5 Km/h, 2° Tommaso Perazzolo (Cycling Team Valdera), 3° Gabriele Arzilli (Ciclistica S. Miniato-S. Croce), 4° Alessio Riccardi (GS Pozzarello), 5° Pietro Salvadori (UC Empolese), 6° Salvatore Giannini, 7° Mirco Favetti, 8° Alessandro Fruzzetti, 9° Lorenzo Bertolini, 10° Matteo Bettacchi (Cicl. Cecina) Campione prov. Livorno. Gran Premio della Montagna di Pietreto (P. S. Martino). 1° Gregorio Butteroni, 2°Filippo Cecchi, 3° Pietro Salvadori. Traguardo Volante di Guasticce: 1°Thomas Vignoli, 2° Francesco Franchini, 3° Thomas Simoncini. Partiti 95 arrivati 55.

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

La gara Allievi, giunta all’edizione 6, è stata un successo

Alessio Pisani sul podio

115


• Possibilità di pagamento rateizzato a tasso 0

• Trattative dei danni con la compagnia assicuratrice gratuite

• Soccorso stradale per i primi 10 km gratuito

• Prezzi modici

• Macchina sostitutiva • Lavori garantiti 24 mesi • Assistenza con studi legali e medico-legali

• Cabina di verniciatura con nuovo sistema VERTA • Banco Diagnostic System Globaljig • Lucidatura con protezione al Teflon

• Abbiamo rinnovato le attrezzature con sistemi di alta tecnologia tipo: IRT 5000, impianto di essicazione vernici, ed altro


AS Colognole con Giuliano Santucci 2

Memorial Ferrini, una grande festa dei giovanissimi Da tutta la Toscana, hanno ritirato premi i migliori baby talenti per l’affermazione di uno sport, leale e pulito”, le parole, pronunciate con un pizzico d’orgoglio e enfasi dal figlio Valter. Parole, quelle dette da Valter Ferrini, che hanno il loro riferimento oggettivo nella strenua battaglia portata avanti dal babbo Osvaldo, contro la piaga del doping nei primi anni novanta. Un periodo in cui molti, anche nelle stanza dirigenziali nazionali, preferivano chiudere un occhio e in qualche caso anche entrambi su quella piaga sportiva dilagante. Osvaldo, invece, nonostante molti, in quel periodo, gli avessero voltato le spalle tirò dritto a testa alta. Avendo in ogni circostanza come fil rouge, come faro, l’idea e la convinzione, del trionfo di un ciclismo bello e pulito con etica, moralità, lealtà e rispetto di se stessi e degli altri, come valori irrinunciabili. Tra gli interventi emotivamente più partecipati quello del consigliere regionale Francesco Gazzetti: “Chi avuto il privilegio e la fortuna di incontrarlo e ascoltarlo, ha imparato sempre qualcosa da lui e poi ha fatto tesoro dei suoi insegnamenti”. Nelle parole di Giovanni Giannone, invece, la sottolineatura della valenza educativa dello sport: “come elemento basilare per una crescita equilibrata”. E anche il ricordo: “della facilità con la quale, insieme a Osvaldo, riuscivamo a risolvere qualsiasi problema a livello di palestre e non solo”. A far sorridere a crepapelle grandi e piccini un aneddoto raccontato dall’ex ciclista Mario Berretta. Un atleta, guasticciano doc, classe 1942, per 13 anni, dal 1956 al 1969, bravissimo corridore (tante vittorie) nelle categorie giovanili e tra i dilettanti. “Una volta – ha raccontato con il microfono in mano durante una corsa a Altopascio forai. Prima di aver riparato la gomma passarono diversi minuti e io ero rimasto solo. Quando ripresi la corsa mi trovai invischiato in un gruppone di corridori che andavano forte. Io con un po’ di fatica rimasi nelle prime posizioni e all’arrivo feci la volata e arrivai terzo. Dopo un po’ però l’amara sorpresa. Con il numero 22 eravamo in due e io ero quello che aveva sbagliato corsa. E invece che, ad Altopascio, che era la cittadina dove era posto il traguardo della mia corsa, ero andato a finire a Lunata. Fortunatamente un signore mi caricò su una Topolino e mi ri-

portò a Guasticce”. Altri tempi e altre storie! Ma anche altra umanità. I premiati? Tra loro tanti livornesi specialmente della zona sud a ridosso di Cecina. Davvero un serbatoio inesauribile di campioncini, di uno sport bello ed educativo come pochi altri. Premiati Trofeo Osvaldo Ferrini. G1M 1° Cosimo Topi, 2° Marco Dell’Amico, 3° Christian Lucherini, 4° Mattia Benedetti, 5° Sebastian Del Carlo. G1F. 1° Elena Geppi, 2° Giulia Campani, 3° Gresia Bertola, 4° Letizia Maestrini, 5° Luna Bettini. G2M 1° Emanuele Favilli, 2° Mattia Masi, 3° Lorenzo Luci, 4° Mattia Puccini, 5° Tommaso Fogli. G2F. 1° Rachele Paternostro, 2° Clara Fondelli, 3° Ginevra Fialdini, 4° Ginevra Bacci, 5° Asia Giudici. G3M. 1° Massimo Mezzasalma, 2° Lorenzo Guidi, 3° Giacomo Poli, 4° Aljeandro Di Riccio, 5° Luciano Gaggioli. G3F. 1° Aurora Salvestrini, 2° Margherita Mariottini, 3° Martina Miglia, 4° Nicole Pennino, 5° Sara Spinelli. G4M. 1° Jacopo Belmonte, 2° Lorenzo Bertelli, 3° Luca Luschi, 4° Diego Buti, 5° Giulio Pavi Dell’Innocenti. G4F. 1° Angelica Coluccini, 2° Emma Franceschini, 3° Vittoria Cappellini, 4° Ginevra Di Girolamo, 5° Alessia Morganti. G5M. 1° Alessio Anguillesi, 2° Filippo Piacenza, 3° Christian Caponi, 4° Mattia Simonetti, 5° Tommaso Bufalini. G5F. 1° Letizia Tasciotti, 2° Ilenia Nicolucci, 3° Martina Castagna, 4° Aurora Chiti, 5° Giulia Rossi. G6M. 1° Thomas Del Frate, 2° Alberto Cavallaro, 3° Edoardo Cipollini, 4° Riccardo Lorello, 5°Matteo Creatini. G6F. 1°Beatrice Bertolini, 2°Lavinia Frollani, 3° Virginia Gelichi, 4° Ilaria Leardini, 5° Delia Todaro e Carolina Toska. Classifica per Società. 1° UC Donoratico, 2° UC Coltano, 3° US Butese, 4°Costa Etrusca, 5° AS Colognole.

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

N

ella prima decade di Novembre per i baby ciclisti, delle sei categorie Giovanissimi dell’intera Toscana, un atteso e partecipato appuntamento: il Memorial-Challenge “Osvaldo Ferrini”. O se preferiamo le premiazioni degli aspiranti campioncini del pedale che si sono maggiormente distinti, nelle sei gare a loro riservate, disputate, durante l’anno solare, a Livorno e provincia. Location delle premiazioni il grande salone della Scuola Edile di via Piemonte a Coteto. La bellissima manifestazione, ormai giunta alla sesta edizione, anche nel 2017, è stata promossa e organizzata dai figli Donatella e Valter, del compianto Cav. Osvaldo, insieme ai dirigenti del Gruppo Sportivo G.S. Montenero 1926. La società ciclistica nella quale, all’indomani del secondo conflitto bellico mondiale, l’allora giovane Ferrini, mosse i primi passi a livello dirigenziale, prima di iniziare a scalare le vette nazionali di questo sport. A ricevere coppe e coppette, come era accaduto negli anni precedenti, sono stati una sessantina di baby ciclisti, delle categorie Giovanissimi: femminili e maschili (7-12 anni). Bambine e bambini che hanno occupato i primi cinque posti, di una classifica stilata dagli organizzatori, computando i punti conquistati, da ogni piccolo atleta, nelle sei corse organizzate a Livorno e provincia. Tra i presenti sul palco accanto a Donatella e Valter Ferrini, il presidente regionale della FCI Giacomo Bacci e quello provinciale David Venanzoni, il consigliere regionale Francesco Gazzetti, il delegato provinciale Coni, Giovanni Giannone, l’assessore Andrea Morini, il giornalista Roberto Sardelli e il mitico Paolo Quaglierini. Ottimo speaker, il vice presidente del G.S Montenero, Giacomo Marchesini. In platea, insieme ai piccoli corridori e ai loro cari: genitori, fratelli, sorelle, nonni, anche ex corridori, dirigenti ciclistici e appassionati. Insomma una bellissima festa di sport, nel nome e nel ricordo di: “Un uomo che amava in maniera viscerale il ciclismo. E ha combattuto, anche controcorrente,

UC Donoratico

117


Parola ai protagonisti Bevilacqua, un’ubriacatura di successi

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

Mattia Bevilacqua

118

Mattia, già campione italiano junior, emerge ora tra gli U23

L’

astro nascente del ciclismo labronico. Quasi due anni fa a Solbiate Arno, nel varesotto, ha vinto il campionato italiano Juniores su strada, mettendo in rigorosa fila indiana quasi duecento compagni d’avventura. Nel 2017 ha fatto il salto tra gli under 23, con sulle spalle la prestigiosa maglia della Hopplà Petroli Firenze: una delle corazzate del ciclismo dilettantistico nazionale e non solo. Una categoria quella degli under 23 in cui lui, Mattia Bevilacqua, che di anni ne compie 20 ha dovuto confrontarsi con corridori più grandi anche di cinque-sei anni e in qualche caso anche ex professionisti che, regolamento alla mano, avevano scelto di fare il cammino a ritroso e tornare a correre tra i dilettanti. Nonostante questo rilevante salto di categoria e gli impegni scolastici tutt’altro che trascurabili, Mattia a luglio 2017 è riuscito a diplomarsi con il massimo dei voti (100), all’istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei, nell’indirizzo Meccanici e a ritagliarsi momenti di gloria anche in campo ciclistico. Insomma un bell’esordio tra i dilettanti. “Il 2017 per me è stato, l’anno del grande salto a livello ciclistico. Tra la categoria Juniores e gli under 23, ci sono grandi differenze, cominciando dall’approccio alle corse e proseguendo con il modo in cui vengono affrontate le salite e sviluppate le tattiche di corsa. Tattiche simili a quelle dei professionisti. Le squadre che vogliono fare la corsa lasciano poco o nulla al caso e rimangono vigili dal primo all’ultimo metro”. L’approccio con la nuova realtà come l’hai vissuto? “Con umiltà e voglia di imparare come ho sempre fatto. Prima di tutto ho cercato di ambientarmi nella nuova categoria e di imparare dai corridori più grandi e esperti. Perché durante le corse non c’è nulla di scontato e devi

Mattia Bevilacqua sul traguardo

dare il massimo per cercare di far bene quando è possibile. Oppure cercare di rimanere a galla in situazioni più complicate. Soprattutto se ti ritrovi a correre e confrontarsi con atleti più grandi anche di cinque-sei anni”. Che voto, del tuo 2017, in termini numerici ti dai? “Un bel 6,5/7. Nella prima parte della stagione sono stato un po’ altalenante, poi ho staccato la spina, a ridosso dell’ultimo periodo dell’anno scolastico e degli esami di maturità. Il finale di stagione è stato, invece, buono e spesso mi sono trovato nelle prime posizioni del gruppo”. Risultati più importanti? “Ho ottenuto tanti buoni piazzamenti. Tra questi un il quinto posto nel Gran Premio Ezio Rosso, il nono posto a Montanino a Reggello, l’ottavo a Garrufo in Abruzzo e a Lamporecchio, il decimo al campionato regionale e nella gara internazionale Marmo a Carrara.

E a queste ho aggiunto tante altre belle prestazioni. La vittoria più importante però è stato il 100 conseguito alla maturità. Ci tenevo tanto a concludere, il ciclo delle superiori, in maniera soddisfacente e ci sono riuscito in maniera ottimale. Il voto finale 100 su 100 è stato il coronamento degli sforzi fatti per conciliare bicicletta e studio”. Cosa ti è mancato, naturalmente se ti è mancato qualcosa durante la stagione agonistica? “In primis l’esperienza, poi la partecipazione a un giro a tappe. Sono entrato in categoria in punta di piedi. Nella prima parte di stagione non ho creduto molto nei mei mezzi. È stato bene cosi. Prendere della batoste fa bene e aiuta a crescere”. Che ruolo pensi di ritagliarti nel 2018? “Non lo so ancora. Saranno le corse deciderlo. Sicuramente in alcune aiuterò i miei compagni. In altre se dimostrerò di stare bene saranno loro a darmi una mano. Perché


Mattia Bevilacqua primo a sinistra

professionisti. Un altro corridore che stimo è Nicola Conci. Ho corso qualche volta con lui. Ha grande classe e va forte. Tra i miei compagni di squadra invece uno di quelli che mi ha impressionato di più è stato Andrea Cacciotti. Un ragazzo che è arrivato da noi a metà stagione e nei mesi successivi è andato fortissimo. Ho corso qualche volta con lui e ogni volta ho cercato di imparare il più possibile osservando il suo stile di corsa. Andrea Cacciotti, pur essendo ancora relativamente giovane aveva già avuto un’ esperienza con i professionisti, per due anni nella Continental Italia. Molto forte, durante tutta la stagione, è andato anche Massimo Rosa. Grazie al suo modo di correre è riuscito a infilarsi in tante fughe e a concludere, moltissime corse nei primi posti dell’ordine d’arrivo. Un plauso meritato lo merita anche Federico Burchio, bravo anche lui a inserirsi in tante fughe e a portare a casa risultati importanti”. Cosa chiedi al 2018? “Un salto di qualità rispetto all’ anno passato. E continuità nelle mie prestazioni. Bello sarebbe tornare a vincere”. Sogni nel cassetto? “Sarebbe stupendo vincere il campionato italiano che quest’anno si disputerà il 23 giugno a Taino in provincia di Varese. Il percorso è adatto alle mie caratteristiche. Però, prima di tutto occorrerà essere selezionato dalla mia squadra. Tutto dipenderà dalla condizione atletica, dalla bravura degli avversari e tanti altri fattori. Naturalmente se sarò ai nastri di partenza Un altro sogno sarebbe tornare ad indossare la maglia azzurra. Ma per adesso, però, sono solo sogni. L’unica certezza è che metterò il massimo impegno, come ho sempre fatto! ”.

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

il ciclismo è al tempo stesso sport individuale e di squadra”. Lo studio l’hai messo da parte? “Per adesso ho deciso di interrompere gli studi. Forse in futuro inizierò nuovamente a studiare, ma per adesso i progetti sono altri e sono focalizzati sul ciclismo agonistico. Quando smetterò di correre mi piacerebbe rimanere in questo ambiente”.

Con quale ruolo? “Difficile dirlo adesso con precisione. Diciamo che fare il preparatore atletico, il nutrizionista o il massaggiatore, potrebbero essere ruoli che mi si addicono. Prima, però, tenendo conto che non ho ancora vent’anni, di acqua sotto i ponti ne dovrà passare ancora tanta”. Tra i compagni di squadra e gli avversari chi ti ha impressionato di più? “Senza ombra di dubbio Alexandr Riabushenko, il corridore bielorusso, classe 1995, arrivato in Italia quando era ancora Juniores. Si tratta di un grande talento. Nel 2017 ha disputato una stagione fantastica, ma anche negli anni precedenti si era sempre messo in grande evidenza. Nel 2018 correrà nello squadrone dell’UAE Team Emirates e sicuramente si farà valere anche tra i

119


Vita da sportivi Gruppo SportivoCarli tutta la gloria di un tempo

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

Roberto Ballini

R

impatriata di vecchie glorie del pedale, a ottobre, al G.S. Carli Coop La Variante, la gloriosa società ciclistica pilotata dal presidente Loredano Zannotti, con al fianco il mitico e amico fraterno Luciano Nannipieri. Un signore di oltre ottant’anni che vive in simbiosi con questa società da mezzo secolo abbondante. A organizzare l’evento, oltre ai dirigenti del G. S. Carli La Variante, anche ex dirigenti e corridori gruppo ciclistico Brondi. Una società in grande auge negli anni sessanta con baricentro nel quartiere La Venezia e in sana concorrenza con altre realtà, delle due ruote, cittadine tra cui appunto quella ‘salvianese’. Prima di sedersi tutti intorno a un tavolo, o meglio a quattro tavoli, gli ex ciclisti hanno dato una bella rispolverata a tanti ricordi, sempre freschi nella loro mente, benché il tempo e la lucidità mentale

I dirigenti della Coop La Variante hanno riunito le vecchie glorie degli anni ‘60 abbia cercato di confinarli nell’oblio. “Ti ricordi quando ti scrollai di ruota e mi rivedesti all’arrivo…..”. Oppure: “In pianura andavi benino ma salita eri un po’ scarsino, anzi parecchio scarsino….”, alcuni dei tanti aneddoti tornati d’attualità. Come tutte le ricorrenze che si rispettano ci sono state anche un paio di premiazioni. A ricevere una bella targa ricordo sono stati Franco Bertini e Luciano Nista. Due ‘giovanotti’ ottantacinquenni che per strade diverse hanno legato in maniera indissolubile al G.S. Carli Coop La Variante (Bertini) e al G. C. Brondi: Nista. A consegnare, tra scroscianti applausi la targa ricordo a Franco Bertini è stato il presidente del circolo Carli Salviano Fabio Altini insieme al grandissimo Mauro Simonetti. Un ciclista, classe 1948, con un fisico statuario, che quando innestava il turbo, specialmente in pianura, riusciva a fare il vuoto dietro di sé.

Mauro Simonetti consegna a Franco Bertini la targa ricordo Al centro Fabio Altini, presidente del Circolo Arci Salviano

120

Mauro Simonetti, alle Olimpiadi del Messico del 1968, nella prova a squadre, sui cento chilometri, si mise al collo la medaglia di bronzo, insieme ai compagni d’avventura Giovanni Bramucci, Vittorio Marcelli e Pierfranco Vianelli. Nel palmares di Mauro, che attualmente vive a Cecina, anche tante belle vittorie e la partecipazione, come professionista, a una mezza dozzina di giri d’Italia, due Tour de France e tre campionati del mondo su strada. Performance e successi che l’hanno consacrato come uno dei più grandi corridori livornesi di tutti i tempi. A consegnare la targa a Luciano Nista, oltre al presidente Fabio Altini, l’ex ciclista Vinicio Sainati. Un ex corridore quest’ultimo, che negli anni sessanta e settanta, insieme a tanti altri eccellenti ciclisti, teneva alto il vessillo labronico sulle strade regionali e non solo.

Umberto Del Signore, Mauro Simonetti, Carlo Viviani, Mario Berretta e Primo Mori


Un premio super meritato, inutile sottolinearlo, per Franco Bertini e Luciano Nista, due grandi uomini di vita e di sport, con l’amore per la bicicletta ed etica, rettitudine, moralità e rispetto di se stessi e degli altri come compagni di viaggio. “Avremmo voluto premiare tutti ma siccome era materialmente impossibile, la scelta, in seno al direttivo del G.S. Carli Coop La Variante, è stata focalizzata su un grandissimo campione degli anni cinquanta e sessanta: il salvianese doc Franco Bertini. E sul decano dei direttori sportivi labronici: Luciano Nista”, ci hanno detto all’unisono Daniela Del Signore e Loredano Scardigli, vicepresidente e membro del direttivo del G.S. Carli La Variante.

Il pranzo

A sedersi intorno al tavolo, una settantina di ex ciclisti. Tra i presenti oltre a Franco Bertini e Luciano Nista, il grande Roberto Ballini classe 1944. Un campione delle due ruote con una bella carriera professionistica alle spalle nonostante qualche malanno di troppo specialmente alla gamba sinistra, in alcuni momenti topici della sua bella carriera. Roberto Ballini, già da giovanissimo si mise in bella evidenza in epiche gare, sul filo dei quaranta, cinquanta chilometri all’ora. Tra i suoi super avversari, di quel fecondo periodo del ciclismo livornese, Paolo Pancaccini. Una rivalità, la loro, stile Bartali-Coppi che divise anche i tifosi labronici, in due fazioni. A riscaldare il cuore dei fans, in quegli anni d’oro e non solo, anche il colligiano Antonio Salutini, classe 1947, prima come valido ciclista e poi, fino a pochi anni fa, come eccellente direttore sportivo di campionissimi che hanno bisogno di poche presentazioni, come: Mario Cipollini, Silvio Martinello, Francesco Casagrande, Michele Scarponi, Cadel Evans, Paolo Savoldelli, Giovanni Battaglin, Michele Bartoli, Massimiliano Lelli, Ivan Gotti e per qualche mese anche di Marco Pantani, tanto per citarne qualcuno! Altro ex grande professionista presente: Primo Mori, classe 1944. Un passista scalatore di S. Miniato, capace di mettersi in grande evidenza anche sulle strade del giro d’Italia e del Tour e padre dell’ex professionista Massimiliano e di Manuele, attualmente alla UAE Abu Dhabi, capitanata da Diego Ulissi. E inoltre Mario Berretta, classe 1942, l’ex ruota d’oro di Guasticce con decine e decine di vittorie nel suo palmares.

Ma l’elenco dei presenti che hanno scritto pagine importanti in questo sport e hanno regalato montagne di emozioni a tanti tifosi delle due ruote non si ferma certamente qui. Ognuno di loro avrebbe montagne di aneddoti da raccontare. Di un ciclismo, più umano, genuino, schietto e meno tecnologico di quello odierno. Un ciclismo autentica metafora della vita, in cui ognuno non è mai solo con se stesso, ma sempre in compagnia del suo presente e del suo passato. Un passato glorioso come quello di questi stupendi campioni che, con le loro imprese, hanno fatto soffrire, gioire, trepidare, esultare migliaia di persone. O se preferiamo regalare emozioni. Tante emozioni!

Al centro, Nista Roberto Ballini (maglia verde) e Loredano Scardigli (blu)

Partecipanti al pranzo

Roberto Ballini, Franco Bertini, Luciano Nista, Mauro Simonetti, Antonio Salutini, Bruno Fanucchi, Vinicio Sainati, Mario Berretta, Paolo Pancaccini, Aldo Scarpa, Primo Mori, Luca Brondi, Carlo Guidi, Sirio Audiberti, Avansinelli, Giancarlo Bacci, Baglini, Ivano Baldanzi, Roberto Bernini, Luca Brondi, Canessa, Mario Cicero, Libero Colombini, Carlo Contini, Corradetti, Giovanni De Batte, Nedo De Batte, De Quirico, Umberto Del Signore, Daniela Del Signore, Edoardo Anguillesi, Franco Facchin, Giuliano Gazzetti, Mino Guidi, Filiberto Lelli, Gino Mataresi, Alberto Mazzoni, Vinicio Michelucci, Maglio Minati, Mauro Morelli, Guido Murra, Luciano Nannipieri, Roberto Nardini, Renato Petrini, Paolo Quaglierini, Ribecchini, Rolando Ricciardi, Goffredo Ruberti, Giuliano Santucci, Loredano Scardigli, Serafini, Romano Simonini, Paolo Tarsucci, Paolo Tognetti, Toni, Sergio Tramonti, Mario Vatteroni, Savona, Carlo Viviani, Loredano Zannotti, Adriano Del Pistoia, Savona, Orzalesi, Vito Palmiero, Mario Gorelli (Cimabue), Campochiari, Giancarlo Pogni, Giuliano Nori, Battaglia.

A destra (più basso) Vincio Sainati consegna la targa ricordo a Luciano Nista

Franco Bertini, Loredano Scardigli e Luciano Nista

F.C.I.: Federazione Ciclistica Italiana

Premio super meritato

Tavolata di ex ciclisti

121


Baseball e Softball Livorno, una tradizione blasonata che vale quanto un fuoricampo Aldo Peronaci Delegato Regionale FIBS

Crescono i tesserati e le squadre tra le migliori, sia tra gli uomini che tra le donne

A

ldo Peronaci, già presidente Fibs della provincia di Grosseto, da sette anni ormai è in carica come delegato federale responsabile per l’intera regione. “Sino a tre anni fa esistevano anche i delegati provinciali, poi la struttura è stata rivista” spiega il dirigente riconfermato con il 61 per cento dei voti a inizio 2017 per il quadriennio olimpico che arriverà fino al 2020. In Toscana, sono attive 22 società sulle 8 province, con i soli territori di Pisa (dove in passato è stato attivo un club) e Prato (storicamente assente) che ancora non rispondono all’appello dello sport della mazza e del guantone. All’ombra dei Quattro Mori invece, si respira da sempre un’aria ben più positiva. “Il movimento è fortemente radicato a Livorno e provincia e la prospettive per un’ulteriore crescita nel futuro prossimo sono buone – racconta il numero uno del baseball toscano – La programmazione socie-

Il saluto pre gara degli under 18

Un faccia a faccia ravvicinato in base

taria è una fattore decisivo e i due club locali sono solidi sotto questo punto di vista. Inoltre, gli impianti sportivi sono più che dignitosi e ben mantenuti. Un altro segnale importante che fa capire come si tratti di sodalizi sani e lucidi nella loro gestione oculata e sinergica tra uomini e donne, tra baseball e softball”. Con entrambe le formazioni ammiraglie militanti in serie A2 e B, le società locali (Softball Liburnia e Livorno Baseball) si sono confermate una splendida realtà conquistando con entrambi i team un posto tra le migliori quattro della Coppa Italia di categoria. “Livorno è un po’ il traino di una Toscana che vede in crescita il numero dei propri tesserati – racconta con orgoglio l’Avvocato Peronaci – Dovrebbero addirittura

essere quattro in più rispetto a quelle dello scorso anno le formazioni iscritte ai nastri di partenza dei prossimi campionati che si svolgono ovviamente nel corso della bella stagione, durante la primavera e l’estate. Tra queste, un paio potrebbero essere livornesi, specificatamente per quanto riguarda la categoria giovanile degli under 12.” Numeri confortanti, che evidenziano come sia stato centrato l’obiettivo del reclutamento di nuove leve operato sull’intero territorio nazionale dalla neo presidenza Federale all’interno delle scuole. “Anche a livello locale su Livorno, la collaborazione strutturata e duratura con gli istituti, nel quadro del progetto GiocoSport del Coni, sta dando frutti – si rallegra il delegato – In più, c’è in cantiere per l’anno in corso l’organizzazione in città di un bel torneo di spessore internazionale, confortati dall’appoggio economico di uno sponsor importante. La Fibs toscana fornisce tutto il proprio sostegno, anche solo a livello politico-burocratico, a questo tipo di iniziative”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

A cura di Andrea Puccini

123


2017: tutti i risultati

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

LIVORNO 1948 BASEBALL

Tante squadre tra le migliori mentre i prospetti del diamante sbocciano

L’

attività del Livorno 1948 Baseball nel 2017 si è strutturata con queste formazioni: Esordienti, ovvero un gruppo composto da ragazzi di età compresa tra i 5 e gli 8 anni, Under 12, Under 15, Under 18 e Seniores. Ovvero, quest’ultima selezione, quella deputata a disputare il torneo di serie B maschile in un campionato di spessore nazionale. Per quanto concerne i giovanissimi e inesperti Esordienti, c’è da dire che i quindici piccoli talenti del vivaio che sta alla base del batti e corri amaranto hanno debuttato con merito nel piccolo campionato organizzato in concentramenti. E il successo più grande non è maturato sul diamante bensì per i dirigenti di via Sommati, alla voce iscrizioni: già nello scorso settembre 2017 il numero di praticanti che si sono avvicinati al baseball in tenera età era sensibilmente aumentato. La formazione Under 12 è anch’essa maturata considerevolmente grazie al lavoro tecnico svolto dagli allenatori Claudio Baglini, dall’ex giocatore di serie A Stefano Caval-

Il gruppo under 12 fa festa

124

Livorno 1948 Baseball, la tradizione prestigiosa si rinnova nel futuro

Posa di gruppo per il team under 18

lini, da Riccardo Marziani e Luca Lomi. Uno staff assai affiatato, capace di coinvolgere spesso la domenica sul campo i propri ragazzi per portarli a svolgere un allenamento intenso e proficuo: una seduta speciale, extra rispetto alla tabella di lavoro tradizionale, che permette all’intero collettivo di coordinarsi e ricevere contemporaneamente indicazioni tecniche e tattiche in modo chiaro e univoco. Tutto questo anche per merito degli allenamenti specifici, differenziati per gli elementi di ciascun ruolo dal metodo puntuale e preciso seguito dal Direttore Sportivo Franco Grappolini: un grossetano di nascita ma livornese ormai d’adozione. Gli under 15 sono stati formati anche in questo caso da circa una quindicina di giocatori, allenati prima da Luciano Vitiello insieme a Matteo Razzauti i quali poi hanno ceduto il testimone nel settembre scorso al grossetano Andrea Morandi. La nuova entrata ha ereditato la guida di un collettivo capace di piazzarsi tra le prime realtà toscane della propria categoria d’età e pure di ben figurare nelle gare di Coppa Toscana.

Gli Under 18 sono stati invece condotto altrettanto egregiamente da Federico Gentini, un ex giocatore passato ora a vivere di baseball ma dalla panchina. Dopo un avvio di stagione un po’ stentato a causa di parecchi problemi di formazione dovuti alla carenza di elementi tesserati a disposizione, alla rosa si si è aggiunto in corsa un terzetto di prospetti giunti a Livorno in prestito da Massa. Purtroppo, la partenza ad handicap e il mancato ricambio generazionale ha penalizzato non poco il cammino seguente dei labronici, giunti terzi al termine della prima fase. Un piazzamento più che onorevole ma che non è stato sufficiente a guadagnare il pass per i playoff: una mezza delusione per il clan amaranto, se si pensa che la stessa squadra u18 si era addirittura arrampicata fino alla final four nazionale nel 2016. Venendo infine alle sorti della prima squadra che milita in serie B, l’annata 2017 si chiude con alcuni sorrisi: Livorno ha tenuto alto il blasone della propria gloriosa tradizione, confrontandosi con rivali non certo materasso ma che comunque non gli han-


della propria categoria. “L’obiettivo che stiamo inseguendo già tempo sarebbe quello di riuscire un giorno a formare una squadra davvero a chilometro zero, vale a dire interamente composta da giocatori nati e cresciuti a Livorno”: questo il sogno confidatoci dal Presidente Andrea Comparini.

Un momento di una partita della squadra di serie B

no impedito di centrare la qualificazione alla fase due del torneo grazie al secondo posto nella prima parte a dimensione interregionale (concorrenti toscane ed emilianoromagnole). La corsa della compagine allenata da Maurizio Sbandi e Virgilio Perra, entrambi confermati dalla stagione precedente sulla panchina labronica (a settembre però Sbandi è stato sostituito da Antonio Modestino), si è fermata solo ai quarti di finale nazionali. Mentre addirittura, Livorno è giunta quarta nella Coppa Italia della propria categoria. In mezzo a tutti questi piazzamenti degni di nota, per il sodalizio risorto nel 2015 con l’attuale denominazione c’è stato anche spazio per festeggiare la consacrazione di alcuni talenti del proprio vivaio. A testimonianza del buon lavoro svolto, al Torneo delle Regioni ben quattro giocatori livornesi sono stati inseriti nella selezione che ha difeso i colori della Toscana: Francesco Fioravanti, Flavio Repetti, Gabriele Galli e Andrea Bettarini. Tutti under 18, con quest’ultimo che ormai frequenta da tempo e in pianta stabile l’Accademia Fibs che ha sede fissa presso le strutture del CONI di Tirrenia. Un lanciatore con serie prospettive azzurre, già convocato più volte dalle squadre nazionali

Under 18, il lancio visto dalla prospettiva del catcher

A Livorno, teatro della prima partita di baseball in Europa nel lontano gennaio del 1884(con tanto di targhetta C.O.N.I. a ricordo al Gymnasium), gli americani vi giungono il 19 Luglio 1944 e la loro permanenza nella città labronica dura addirittura sino al 14 dicembre del 1947, in quanto viene riconosciuto al suo porto la funzione di ” 10th Port of Embakation”. In questi 42 mesi di presenza statunitense , molti giovani livornesi incuriositi da questo nuovo sport, lasciano l’antico gioco del ghinè e cambrì (una sega da cucì) sostituendolo con quello del baseball, inizialmente da pochi pionieri e con regole rudimentali, ma poi sempre più perfezionato e con un crescente numero di partecipanti. Sono i giovani del quartiere della Stazione, dove già si giocava con passione alla pallacanestro con la Stella Rossa, ad organizzarsi per primi e ha fondare nel Dicembre 1948 il Baseball Club Livorno con presidente l’instancabile Alfredo Sisi. Successivamente troviamo i Diavoli Verdi del quartiere San Jacopo e i Diavoli Rossi di Piazza Mazzini, che si fusero in unica grande squadra insieme al B.C. Livorno. Nel 1952 avviene l’affiliazione alla Federazione ed hanno inizio i Campionati Italiani, che si svolgono in condizioni precarie, migrando da un campo ad un altro, dal Gymnasium, al Campo di Marte , all’Armando Picchi e al campo di rugby di via dei Pensieri. Intanto nel 1970 un gruppo di Boyscout del Villaggio Scolastico del quartiere Corea, all’epoca dell’indimenticabile Don Alfredo Nesi, costitusce una squadra di baseball denominata ASCI Baseball The Pards, che svolgerà regolare attività per diversi anni, addirittura su un proprio campo appositamente costruito. Nel 1983 nasce il Softball Club Liburnia con l’intento di curare il settore femminile, con sede nell’impianto di via Campania. Finalmente, nel 1991 viene inaugurato il campo di Banditella che segna la fine di una vita da nomadi del B.C. Livorno. Nel 2002 il baseball livornese ha voluto fare un salto di qualità adottando una gestione più moderna, trasformandosi nel Nuovo Baseball Club Livorno, realizzando subito importanti iniziative con particolare riferimento alla cura dell’immagine societaria , alla fruttuosa collaborazione con le

Un'azione di gioco di una partita under 15

scuole organizzando corsi di minibaseball con istruttori qualificati, alla realizzazione di un nuovo campo per l’attività giovanile. La cura dei giovani atleti viene tenuta in grande considerazione proprio perché essi rappresentano il vero patrimonio societario; e per questo che ad inizio 2006 sono i nati i Sailors, la nuova società che cura esclusivamente il settore giovanile. I successi ottenuti dalle squadre Ragazzi, Allievi , Cadetti, Under 21 e dalla squadra maggiore di serie A2, e le numerose convocazioni di giovani atleti amaranto nelle varie selezioni regionali e nazionali testimoniano la bontà della linea adottata dalle due società. A conferma dell’importante ruolo del baseball livornese, dei suoi risultati e dai valori su cui si poggia, si ricordano le stelle di bronzo(1970), d’argento(1982) e d’oro (2003) conferite dal Coni alla società amaranto. Ad inizio 2008 ecco nascere i Blue Angels Baseball Livorno, nuova società che intende promuovere il baseball tra i giovanissimi, nella fascia di età che parte dai cinque i sino agli otto anni e che si affianca all’alta società labronica esistente Sailor Baseball Team. Nel 2015, dopo la promozione in serie B, nuovo fiocco azzurro ed ecco LIVORNO 1948 BASEBALL ASD, la nuova società sportiva amaranto che intende creare nuove opportunità agli amanti di questo sport nella città di Livorno, creando eventi internazionali e nazionali, non solo con tornei ma anche con una serie di iniziative di spettacolo e di aggregazione. Affiliata alla Federazione Italiana Baseball Softball, Livorno 1948 aderisce al centro nazionale sportivo Libertas.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

LA STORIA

125


LIBURNIA SOFTBALL

PDE Liburnia Softball, la vita ‘in rosa’ del batti e corri

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

La proficua sinergia tutta toscana ha portato al meritato ripescaggio in A2

Josè Antonio Hidalgo, un tecnico livornese ormai d'adozione

L

a Softball Livorno della Presidentessa Sonia del Nero ha cullato per un’intera stagione il sogno di centrare una storica promozione. In barba alla delusione per il mancato allestimento di una selezione da iscrivere al via del campionato under 21 a causa della carenza di giocatrici con quei requisiti anagrafici a disposizione, la formazione labronica ha sfiorato un clamoroso doppio salto in avanti dopo che nel 2016 aveva chiesto e ottenuto il ripescaggio in serie B. Il team allenato dal manager ex Cosmos Gianni Masi e da uno staff tecnico

Una delle giocatrici livornesi in battuta

126

Il collettivo del softball Livorno al completo

composto da Piero Gemignani, arrivato da Massa, e dai due cubani Josè Cruz Hidalgo e Manuel Iglesias Cruz meglio conosciuto da tutti come Manolo, si è infatti piazzato al secondo posto nel girone nazionale, guadagnandosi l’accesso al concentramento playoff andato in scena a Cairo Montenotte e Villa Verucchio. Sul diamante della provincia ligure infatti si è decisa la squadra neopromossa in ISL 2018: nel girone preliminare l’ha spuntata la formazione del La Loggia, che ha battuto in apertura il Langhirano per 7-0 in 5 riprese, e dopo la vittoria del PDE Livorno sulle parmensi per 2-1, ha affrontato le livornesi nel match decisivo, uscendo vincitrice per 13-6 in 6 riprese. Un’uscita a testa più che alta per le livornesi, piazzatesi tra le prime anche nella Coppa Italia di categoria: un’avventura chiusa con un brillante terzo posto. Prestazioni ottime che hanno dato ragione a chi ha creduto nel progetto di ricostruzione del Liburnia dopo la ridiscesa in B per problemi finanziari patita forzatamente all’indomani della prima

Tutta la concentrazione di una portacolori amaranto


Un'altra azione di gioco durante un match di serie B

esperienza vissuta nel mondo della serie B nel 2013. Nel giro di un biennio infatti, gli accordi con altre realtà toscane limitrofe (le White Tigers di Massa e le senesi del Cosmos di S.Casciano, hanno fatto sbocciare buoni frutti. E altri talenti in arrivo da Arezzo si sono aggiunte, maturando in campo e permettendo di creare quel nucleo affiatato necessario per raggiungere i risultati sperati. Merito anche non secondario dello sponsor PDE di Francesco Picchiotti, un’azienda importante nel settore della consulenza elettronica per le industrie. Sarà invece la Mukki il partner fondamentale al fianco dei due sodalizi livornesi che hanno in cantiere l’edizione 2018 del Trofeo Internazionale dedicato alla memoria di un personaggio chiave per la storia del movimento locale e non solo come Alfredo Sisi. Il torneo, che dovrebbe disputarsi a cavallo dei mesi di luglio e agosto, è aperto a squadre nazionali e internazionali e prevede la partecipazione di 5 squadre Under 15, altrettante Under 12, quattro seniores di baseball e un altro poker di iscrizioni per il softball. Una manifestazione importante, che richiamerà in città appassionati e addetti ai lavori, creando in paralello un indotto turistico-economico non trascurabile: lo scopo primario del torneo però resterà quello di far divertire tutti gli atle-

ti e accompagnatori, favorendo l’interscambio culturale attraverso una sana competizione sportiva.

Questa la rosa del team PDE Liburnia che ha chiuso la stagione 2017:

Irene Gianni, Nora Ferrucci, Margherita Conti, Giorgia Dall’Aglio, Stefania Balloni, Giulia Catalano, Francesca Gemignani, Valentina Carlesi, Flavia Esposito, Stefania Venuti e Ginevra Comi.

La Storia

Il Softball Club Liburnia è stato fondato il 13 gennaio 1982, anche se fin dal 1972 veniva svolta l’attività di softball sotto la denominazione di Sez.

Softball del Baseball Livorno. Rappresenta la città di Livorno in campo femminile nella massima Serie dal 1991 dopo aver militato nelle Serie C e B. Nel 1993 e nel 1994 ha vinto la Coppa Italia, ed è stata la prima squadra livornese a partecipare due volte alla Coppa delle Coppe Europea conquistando un argento nel 1994 e un bronzo nel 1995. Nel settore giovanile partecipa ai campionati Juniores e Cadette. Proprio nel settore giovanile ha conquistato nel 1990 e nel 1992 il titolo di Campione d’Italia della categoria Cadette e nel 1993 quello di Campione d’Italia della Categoria Juniores.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Un'azione spettacolare con l'arrivo a casa base

Il saluto pre match delle livornesi schierate sul diamante

127


Bettarini Rent s.r.l.

info@bettarinirent.it


Parola ai protagonisti

Andrea Bettarini

A

Il talento 18enne è stato riconfermato all’interno dell’Accademia Federale di Tirrenia

ndrea Bettarini, nato nel novembre l’anno scorso sono andato anche in Canada se di Marzo sono andato a Barcellona al Trodel 2000 e quindi prossimo a com- – spiega lo studente che si diplomerà in ra- feo delle Accademie, dove abbiamo battuto piere la maggiore età, è forse il pro- gioneria al Vespucci - In quell’occasione, ve- in finale la nostra più temuta rivale, l’Olanda spetto più interessante della florida scuola ramente abbiamo visto ragazzi della nostra (proprio con un ko con i coetanei dei Paedel baseball livornese ai giorni nostri. Lan- stessa età ma con bagagli di lavoro e esperien- si Bassi aveva chiuso la scorsa estate l’especiatore, nel giro delle selezioni nazionali gio- ze anche molto più ricchi dei nostri. Lo scorso rienza ai Mondiali U18 nella finale per l’ottavanili ormai da almeno 5-6 anni e dall’anno anno vivevo al Coni e la mattina andavo a vo posto, ndr) – riprende il filo Andrea - Non scorso in pianta stabile nei magnifici 19 gio- scuola mentre il pomeriggio ci allenavamo.” posso neanche descrivere a parole la tensiovani talenti inseriti nel progetto dell’AccaPoi a Settembre 2017, dopo poco il ritor- ne di trovarmi all’ultimo inning a lanciare a demia Federale di stanza al centro Coni di no dal Canada, una brutta disavventura: “Ho basi piene. E’ stato come puntare tutto su un Tirrenia (è tra i 7 confermati rispetto al 2016- avuto un incidente piuttosto grave viaggian- numero alla roulette: il rischio era alto ma 2017), Bettarini è un punto di forza del soda- do in motorino e, a causa di questo infortu- ho mantenuto il sangue freddo e, alla fine, la lizio amaranto. nio, mi sono dovuto fermare per un periodo squadra ha vinto.” “Ho iniziato a giocare a baseball quando – rammenta Bettarini, a proposito del moUn ritorno con il botto per un futuro che si ero alle elementari. Come tutti i bambini ho mento più difficile per la sua carriera agoni- prospetta ancora più roseo di prima. “Ora andiamo avanti, l’obiettivo è partecipaprovato vari sport tra cui tennis, nuoto e calcio stica - Questa esperienza poco felice però mi è ma mentre ero in terza elementare vennero a servita comunque: mi ha permesso di matura- re e fare bene al Campionato Europeo in agenscuola due allenatori di baseball, un ragazzo re e capire quanto tenessi a questo sport. Così, da quest’estate 2018 – confida il labronico e una ragazza e ci insegnarono le basi di que- mi sono rimboccato le maniche e ho lavorato - Spero di essere tra i protagonisti del torneo sto gioco – ricorda Andrea - All’inizio era uno sodo per tornare al livelli a cui mi prefiggevo di continentale e di fare del mio meglio.” Gran finale per alcune considerazioni lesport come un altro ma poi mi decisi ad anda- arrivare prima dell’incidente.” re al campo di Antignano ed entrai nella squaUn percorso di ripresa duro ma andato gate al movimento locale e non. “Cosa potrebbe essere migliorato nel badra di Livorno. Mi piacque subito: i tempi, la a buon fine: “Ho fatto tanti sacrifici ma, altecnica, le tattiche. E forse sono stato fortuna- la fine, sono tornato a allenarmi tutti i giorni seball, per far sì che come me altri ragazzi si to a incontrare ragazzi con cui ho fatto subito al Coni. Gli allenatori hanno visto il mio im- avvicinino e si appassionino sempre di più pegno e hanno creduto in me. Lo scorso me- a questo meraviglioso sport? Beh, tante coamicizia e allenatori in gamba.” “La mia prima esperienza in Azzurse potrebbero essere messe in campo ro è stata a 12 anni. Ho fatto delle se– conclude Bettarini - Prima di tutto però, la diffusione nelle scuole e l’aperlezioni e sono stato convocato per il tura a tanti ragazzi che preferiscono Mondial Hit – è il dolce ‘souvenir’ per il livornese legato alla nazionale - È stata passare le giornate alla play station o al cellulare, diventa cruciale. Veicolare un’esperienza indimenticabile, la prila bellezza della disciplina tra i banchi, ma volta lontano dalla mia famiglia e ai bambini più piccoli, diventa impreprima volta che incontravo ragazzi di scindibile. Serve trasmettere l’amore altre nazionalità con cui confrontarper la vita e per i giochi all’aria apermi. Tornato a casa, ero carico e pronta. In più, a livello locale, il Baseball Lito a dare tutto per migliorarmi e fare vorno è una delle poche società fortudel mio meglio per crescere in questo sport.” nate a poter beneficiare di un ottimo Un feeling con l’azzurro che non si è impianto. Sarebbe fondamentale che mai più interrotto, sino ai giorni nostri. queste condizioni diventassero la nor“Ho avuto anche esperienze più remalità per tutti i club di un certo livelIl lanciatore livornese impegnato sul monte con la nazionale nel torneo di Barcellona centi con la nazionale Under18 con cui lo in Italia.”

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Andrea Bettarini lancia la speranza del baseball livornese in azzurro

129


Serramenti a marchio Attestazione SOA OS6 II n° 23880/17/00

LA TIRRENA S.R.L. PIETRASANTA (LU)

EDILIZIA RESIDENZIALE LOCALITÀ MONTENERO (LI)

EDILIZIA RESIDENZIALE FORTE DEI MARMI (LU)

RISTORANTE FORTE DEI MARMI (LU)

LIVORNO RISTRUTTURAZIONE EX BORMA

Via Napoli, 20 - 57124 LIVORNO • Tel: 0586 852028 - Fax: 0586 869434 e-mail: catarsiserramenti@alice.it - www.catarsiserramenti.com


Softball: successi in rosa sul diamante per le amanti del ‘batti e corri’ in rosa

Giulia Catalano

G

iulia Catalano, 26 anni, nata e cresciuta nel vivaio del softball labronico ma anche all’ombra dell’altra sorella giocatrice Francesca, più grande di sette primavere. “La passionaccia per questo sport me l’ha trasmessa lei. Ma anche i miei fratelli, anche loro innamorati e giocatori di baseball – racconta la ragazza che di ruolo fa l’esterno, all’occorrenza anche terza base come ammette lei stessa – Insomma, una famiglia di appassionati. E, tranne una breve parentesi a Firenze nel Cosmos, nel campionato di serie B, ho sempre vestito la casacca amaranto di casa”. Attiva a livello agonistico ormai da oltre un decennio, sono state quattordici le presenze collezionate in serie A2 nella stagione passata: “Sono soddisfatta del rendimento che ho avuto l’anno scorso, soprattutto in difesa. In attacco invece, devo migliorare qualcosa…Diciamo che ho attraversato picchi di rendimento soprattutto in coincidenza dell’inizio e della fine della stagione”. A livello di squadra, il bilancio per Giulia è poi ancor più roseo: “Trattandosi di un collettivo fortemente rinnovato, non ci aspettavamo di andare così avanti nel corso della stagione – ammette la Catalano – Partecipare ai playoff sino alle sue fasi conclusive è

Stefania-Balloni, punto di forza del Team 2017

La Balloni impegnata a lanciare

stato davvero un bel traguardo, che ci fa ben sperare anche per il prossimo futuro”. E per il domani del movimento del ‘batti e corri’ in rosa invece, cosa si prevede anche a livello locale? “Rispetto a quando ho iniziato a giocare, diciamo che ho percepito una leggera flessione nel numero di nuove giocatrici che si avvicinano a questa disciplina – è la riflessione della livornese – C’è soprattutto una diminuzione nell’età dell’adolescenza, quando l’attenzione delle ragazzine è catalizzata da molte altre distrazioni anche extra sportive. Occorre molta passione e determinazione per non sentire il peso di lunghe trasferte a seguito della squadra nei fine settimana”. L’amore per il softball che anima ormai da tempo anche la ‘veterana’ del collettivo livornese, Stefania Balloni. Rientrata a casa dopo un biennio tra il 2015 e il 2016 trascorso sportivamente a Firenze nella massima serie, l’esperta lanciatrice che ha realizzato il sogno di marcare presenza in sere A1 con la Sestese, la Balloni è ormai alla seconda stagione dopo il ritorno all’ombra dei Quattro Mori. “Il mio compito è quello di tenere unito il gruppo, visto che siamo una realtà piuttosto eterogenea con giocatrici provenienti da molte parti differenti della Toscana. Ma per me, non si tratta certo della prima esperienza in questo senso” racconta l’ex azzurrina della selezione juniores. Una che ha cominciato a far roteare la mazza e lanciare la palla cucita molto presto sul diamante. “Avevo otto anni, conobbi questo sport grazie a un incontro organizzato con la scuola – ricorda la Balloni – La speranza è che, anche grazie a progetti importanti come il Gioco Sport allestito tra i banchi degli istituti cittadi-

ni con la collaborazione del Coni provinciale, possa succedere lo stesso ad altre bambine. Purtroppo Livorno, come molte altre città di mare, è una realtà un po’ particolare: i nostri campionati e i relativi impegni si concentrano nel corso della bella stagione, viaggiando al contrario rispetto a molti altri sport. E questo motivo limita spesso la voglia delle famiglie di farsi coinvolgere in un mondo che, al contrario di quanto si possa credere secondo qualche luogo comune, ha molta femminilità e valori sani al proprio interno. Oltre all’indiscutibile vantaggio di avere un limite temporale di chiusura delle partite molto inferiore rispetto quelle del baseball, a volte lunghe ore e ore ”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Giulia Catalano e Stefania Balloni, protagoniste del collettivo di serie A2

La Catalano sorridente in campo durante una pausa di gioco

131


Agostini srl Via dell’Industria, 9 - 57122 LIVORNO Tel. 0586 895358 - Fax 0586 891354 info@gruppoagostini.it web: www.agostinisrl.it

Tutto ciò che serve per ottimizzare il lavoro di ufficio • STAMPANTI e FOTOCOPIATRICI MULTIFUNZIONE in B/N e COLORE • COMPUTER e SERVER • SOFTWARE GESTIONALI

Scotto Pubblicità Livorno

• ARREDAMENTI UFFICIO


Atletica leggera Tanta voglia di atletica e di successi corre intorno al camposcuola labronico Lucio Sangiacomo Delegato Provinciale FIDAL

Lucio Sangiacomo illustra presente e futuro di un movimento locale in piena salute

“L

a nostra provincia è la seconda per numero di iscritti alla Federazione e per tesserati praticanti – sottolinea con orgoglio il delegato provinciale Lucio Sangiacomo, eletto a dicembre 2016 dopo aver rivestito anche il ruolo di braccio destro come vice di Claudio Cerrai nel corso del precedente Consiglio – Siamo secondi solo al capoluogo di regione: ovviamente, il paragone con il bacino di utenza di una città come Firenze non si pone neanche.” Atletica Livorno e Libertas Runners Livorno si spartiscono quindi una sostanziosa torta di appassionati dell’atletica leggera, in primis per quanto concerne l’attività condotta a livello di reclutamento giovanile e di crescita e sviluppo dei talenti emergenti. Nel 2017, sono stati infatti circa 400 i bambini e ragazzi attivi sotto i colori biancoverdi dell’Atletica Livorno, intorno alla metà quelli che invece hanno gareggiato sotto le insegne amaranto del club cugino. In pratica, il Comitato Provinciale labronico della FIDAL concentra i propri sforzi per l’organizzazione degli eventi sportivi riservati alla categoria Esordienti (piccoli atleti con età compresa tra 6 e 11 anni) e a quella Cadetti (che spazia dalla parentesi compresa tra gli 11 sino ai 15 anni). “Il numero degli iscritti nella fascia che arriva fino agli 11 anni è anche cresciuto nell’ultimo anno – racconta con soddisfazione Sangiacomo – I motivi sono legati al limitato sforzo economico che le famiglie dei ragazzi devono affrontare per farli praticare, oltre al fatto che si tratta di una disciplina completa e salutare che si svolge all’aperto e per questo Livorno rappresenta un’oasi felice a livello meteo-climatico per gran parte dell’anno. Il movimento labronico è quindi in crescita, anche grazie all’attività portata avanti da società assennate sotto il profilo della gestione economica e logistica, oltre che ormai molto

Un gruppo di giovani talenti dell'Atletica Livorno

esperte in materia di reclutamento e valorizzazione dei talenti.” È per questa ragione che, tra le categorie giovanili, Livorno primeggia spesso. “Si vedano ad esempio le performances più recenti di Mannucci, campione italiano nel disco, di Picchiottino, numero uno della marcia tricolore, della convocazione tra gli azzurri agli Europei Allievi del saltatore in alto Belli – evidenza il delegato Fidal – Senza contare che l’Atletica Livorno si è confermata ormai una delle realtà più in salute a livelo nazionale, tra le società top 20 d’Italia”. Il Comitato Regionale si concentra invece sulla regolamentazione e la promozione dell’altrettanto variegato e nutrito movimento degli adulti. Un popolo di appassionati del podismo amatoriale che da vita ogni anno anche al Trofeo Podistico Livornese: una manifestazione composta da ben 18 gare allestite lungo l’intero anno solare su tutto il territorio provinciale e non solo. La versione “moderna” del Trofeo è stata proposta già nel 2003 e, anno dopo anno, ha raccolto consensi da entrambe le parti, sia in termini di numero di iscritti, sia da parte degli orga-

nizzatori: da qualche anno, sono entrate nel calendario anche gare sul territorio dei Comuni vicini e della provincia di Pisa. Apprezzatissime anche le premiazioni finali che arrivano a coronare non solo i risultati, ma anche la presenza assidua alle gare del circuito. Per la cronaca, nel 2017, il Trofeo ha salutato la partecipazione di atleti tesserati per ben 19 società toscane. La vittoria nella classifica finale per club è andata ancora una volta alla Livorno Team Running, con gli ‘arancioni’ labronici in grado di trionfare con netto distacco sulle inseguitrici. “L’obiettivo che la Fidal labronica si pone anche per il 2018 è confermare i buoni risultati delle annate precedenti – chiosa Sangiacomo – Da migliorare resta la questione relativa all’impiantistica: il campo scuola Martelli è sovraffollato e si sente la mancanza in città di una struttura coperta per l’indoor nei mesi più freddi. In provincia, addirittura, a Collesalvetti ci sono campi di calcetto ‘adattati’. A Cecina invece si provvederà prossimamente ad ammodernare l’impianto presente e integrarlo con le pedane per i lanci”.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

A cura di Andrea Puccini

133


2017: tutti i risultati F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

LIBERTAS RUNNERS

L

a Libertas Runners Livorno si è presentata all’appuntamento con il 2017 riorganizzando la propria squadra dirigenziale e tecnica. In particolare il Presidente Giannone ha lavorato per poter avere nel settore dirigenziale l’ex presidente del CP Fidal, Antonio Caprai, nominato Direttore Sportivo. Dopo pochi mesi è entrato come coadiutore tecnico Antonio Petruccione. Nel settore giovanile è stato nominato Giuseppe Giovinazzo responsabile del settore esordienti e Paolo Dinatti responsabile settore ragazzi. Rimane Vice presidente Alberto Cencetti e responsabile tecnico Silvio Laudani. Altri tecnici di valore sono entrati in società e questo ha portato ad una crescita dei nostri atleti, che si sono distinti sia in

Giacomo Belli in maglia azzurra agli Europei Juniores di Grosseto

134

Libertas Runners Livorno, un assetto tutto nuovo per ripartire in pista con slancio e velocità L’innesto dell’esperto Diesse Caprai e l’entusiasmo di una dirigenza rinnovata hanno portato molti successi regionali campo regionale che nazionale. La scelta della Società è in ogni caso quella di privilegiare il coinvolgimento e l’aspetto formativo-educativo dei ragazzi, convinti come siamo, che l’atletica leggera sia un veicolo formidabile di cultura a 360°. La valutazione dell’annata sportiva non può comunque prescindere dai risultati sportivi individuali che hanno visto primeggiare in Italia il marciatore Gianluca Picchiottino e il saltatore in alto Giacomo Belli. Sempre nella marcia è entrato, seppur giovanissimo, nel giro della nazionale italiana Davide Finocchietti, campione Italiano allievi di marcia su pista. E’ da citare Marco Lombardi, che ha vinto il titolo italiano S/M 35 nell’ultramaratona di 100 Km e delle cui imprese parliamo poche pagine più avanti. Tanti i titoli toscani vinti, tanti record ma soprattutto tanto lo spirito di squadra che ha portato a questi risultati. Gli atleti hanno una marcia in più quando sanno di far parte di una rappresentativa, quella amaranto, che li segue, li sprona e li aiuta nel momento del bisogno. È stato questo un anno davvero effervescente che ha regalato alla Libertas la consapevolezza di poter puntare a raggiungere obiettivi ambiziosi, a risultati che possano dare soddisfazione e soprattutto a vincere come squadra nella compattezza e nella gioia. Un risultato importante è stato quello di aver costruito una succursale a Collesalvetti, guidata da Warin Garry, che sta dando un supporto notevole sia numerico che di valore sportivo

alla Libertas Runners Livorno. L’obiettivo che la società si prefigge di raggiungere nel 2018 è quello di formare un gruppo di ragazzi, di atleti, di dirigenti e di tecnici che si sentano orgogliosi di indossare la maglia amaranto. Di seguito, i nominativi degli atleti maggiormente meritevoli e i risultati più importanti da loro conseguiti. Giacomo Belli (salto in alto): Campione Italiano Allievi, Azzurro ai Campionati Europei U20 a Grosseto, Campione Toscano Assoluto e Allievi; Gianluca Picchiottino (marcia): Campione Italiano Promesse marcia su pista 10 km e su strada, Azzurro ai Campionati

I quattro alfieri della squadra amaranto vittoriosa nel Trofeo Nazionale di marcia Cadetti


Europei U23, campione Toscano di marcia su strada, primato toscano Assoluto e Promesse di marcia su pista; Davide Finocchietti (marcia): Campione Italiano marcia su pista allievi e su strada, Azzurro Campionati Europei U20 a Grosseto, Azzurro al Triangolare Indoor U23, Record Toscano marcia 5 km e marcia 10 km; Marco Lombardi (ultramaratona): Campione Italiano S/Master 35 di ultramaratona 100 km; Sara Torrini (lancio del martello): vice

Gianluca Picchiottino

Nicoletta Citi

campionessa Campionati Italiani Cadette; Sergio Palumbo, Mirco Pini, Fabrizio Caprai, Claudio De Santis: primi classificati Trofeo Nazionale di marcia; Lisa Dotti (300 mt ostacoli): Campionessa Toscana Cadette; Samuele Froglia (2000 mt): Campione Toscano Cadetti; Edoardo Pasquale (300 mt ostacoli): Campione Toscano Cadetti; Cavallini Federico (salto con l’asta): Campione Toscano Cadetti; Sergio Palumbo (marcia): Campione Toscano Cadetti su pista outdoor, indoor e su strada; Sergio Palumbo, Mirco Pini, Fabrizio Caprai e Claudio De Santis (marcia): Campioni Toscani di società su pista e su

strada; Giacomo Belli (salto in alto): Campione Toscano Allievi; Daria Lyadova (100 mt ostacoli): Campionessa Toscana Allieve; Juan Carlo Acosta (110mt ostacoli): Campione Toscano Allievi; Nicoletta Citi (lancio del giavellotto): Campionessa Toscana Juniores, Campionessa Toscana Invernale; Federico Quinti (110 mt ostacoli): campione Toscano Juniores; Josphat Kimutai Koech (3000mt siepi): Campione Toscano Assoluto; Ilaria Piazzi (800 mt): Campionessa Toscana Assoluta; Fabio Chiellini (lancio del giavellotto): Campione Toscano Master SM60.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

La lanciatrice del martello Sara Torrini dopo il successo alle finali regionali di lanci

Davide Finocchietti è stato protagonista di una stagione da incorniciare

135


ATLETICA LIVORNO

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

S

econdo la pubblicazione delle classifiche italiane del Progetto Qualità – Continuità, per la terza volta consecutiva, la squadra maschile dell’Atletica Livorno si è piazzata tra le prime dieci realtà italiane. Nel quadro del progetto, studiato per monitorare e premiare le società nazionali che allevano e fanno proseguire nel tempo i loro migliori atleti, la squadra maschile livornese ha conservato la stessa posizione del 2016, attestandosi all’ottavo posto. Allo stesso tempo però, i biancoverdi si sono guadagnati il privilegio di essere la prima società a livello toscano, mettendo un passo davanti ai cugini del capoluogo della Firenze Marathon: un risultato tutt’altro che scontato, se si considera che nell’anno agonistico appena chiuso Livorno si è potuta avvalere delle brillanti prestazioni dei gemelli Dini. Di rilievo anche il piazzamento della compagine femminile, 24esima assoluta, che ha perso due posizioni rispetto al 2016 ma che rimane sempre la seconda realtà in Toscana: un piazzamento ottenuto peraltro anche con la ciliegina del record di punti e non lontanissima dalla sua miglior classifica di sempre (un 17esimo posto ottenuto alla fine della stagione 2010).

Rachele Mori, campionessa Italiana Cadette nel lancio del martello

136

Atletica Livorno: la conferma di una realtà competitiva tra le top ten a livello nazionale Un 2017 biancoverde all’insegna di tanti successi e una ‘campagna acquisti’ mirata per crescere ancora

Foto di gruppo

A livello di risultati individuali, tante le soddisfazioni collezionate dai portacolori dello storico club fondato nel 1950. Ai campionati Italiani infatti, Alessio Mannucci si è laureato Campione Italiano Juniores nel lancio del Disco, Rachele Mori è la Campionessa Italiana in carica nel Lancio del martello categoria cadette, Joao Bussotti (tesserato anche per

l’Esercito Italiano) è il Campione italiano assoluto sulla distanza dei 1500 metri. E poi, sempre parlando di titoli nazionali, a livello colletivo la squadra di marcia ha vinto il tricolore assoluto maschile nella categoria Juniores e Allievi. Un team competitivo composto da Giacomo Gugliemi, Fabio Barattini, Lorenzo Grossi, Giulio Scoli, Marco Melis e Giacomo Francia.

Ilenia Carriello impegnata in un salto


Gli obiettivi per il 2018

Joao Bussotti

Sempre a livello di squadra, il gruppo livornese è giunto quinto assoluto in campo nella finale Argento mentre la squadra femminile è arrivata seconda nella finale B del gruppo Tirreno. Eric Fantazzini, specialista del lancio del Martello, è stato medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Promesse; stessa posizione, sul gradino più basso del podio e sempre agli Italiani Promesse, per la compagna di club Giulia Morelli impegnata nei 3000 siepi. Altro terzo posto, in questo caso ottenuto in occasione dei Campionati italiani Juniores, per Andrea Rinaldi nel salto in lungo. Per quanto concerne le categorie Promozionali, da segnalare la brillante Coppa Toscana vinta dalla selzione labronica nelle categorie Ragazzi, Ragazze e Cadette. Da menzionare anche il Campionato di Società regionale vinto dai gruppi delle categorie Ragazzi e Ra-

Alessio Mannucci

ni allieve indoor) si allena a Livorno con Giuseppe Pucini e a Collesalvetti con Daniela Pistoia. Il secondo è anche lui un ottimo velocista con 8”9 negli 80 e 36”8 nei 300 (anche per lui minimo per gli Italiani Allievi) e stesso accordo con i due tecnici. C’è poi Michela Cicinelli, che ha iniziato come mezzofondista veloce e poi ha virato sulla velocità prolungata. È la figlia di Daniela Pistoia, atleta biancoverde che ha vestito anche la maglia della Snam e quella azzurra. Il quarto è Simone Bientinesi, giovane di Fauglia che si sta allenando nei lanci con il neo tecnico Davide Paolini. Del team anche Sara Davide, Leon Lunghi e Fabio Rovere. Da Pontedera arrivano Augusto Casella e Veronica Cai. Si tratta di buoni mezzofondisti che abitano a Bientina e sono passati sotto le cure del tecnico Daniele Milani. Il primo ha partecipato anche ai Campionati Italiani Cadetti nelle siepi e ha dominato le ultime due campestri del 2017 (San Bartolo e Castello) da cadetto. Anche Veronica è una mezzofondista junior. Alla Galla Pontedera è stata ceduta la velocista Irene Bini. Dai cugini della Libertas Runners è passata Altea Lenzi, mezzofondista con tre gare nel 2016 (3’19”3 nei 1000) e nessuna nel 2017 ma che ha ripreso ad allenarsi sotto le cure di Paolo Angioni. Da Viareggio e Pietrasanta arrivano anche il velocista Nicola Pinori e i mezzofondisti Gabriele Servolini e Dario Santambrogio. Ceduto invece in prestito alla Free Zone di Brescia i mezzofondisti Sonia Ruffini e Mirko Becherini.

Nuovi innesti sono giunti a rafforzare per il nuovo anno l’Atletica Livorno. Sono un bel gruppetto quelli che hanno da poco cominciato a vestire il colori biancoverdi: tutto merito dei buoni rapporti del club labronico con una serie di società collegate. Tre elementi arrivano in prestito dal C.G. Atletica Costa Etrusca: Alessandra Lessi, lanciatrice di belle speranze con un terzo posto nei campionati italiani cadette nel lancio del martello e che quest’anno sotto le cure di Cristina Sanfilippo è progredita da poco più di 40 metri a 51,15. La quindicenne, valida anche come pesista e discobola, nel 2018 si allena nel gruppo del prof. Ceccarini. Gli altri due sono Lorenzo e Leonardo Caneve: due gemelli che da poco si sono dedicati al mezzofondo con coach Simoncini. Con la società della presidente Sonia Falchetti e del DT Simone Francalacci si è fatto anche uno scambio di extra comunitari con il passaggio in bianco verde di Talla Diop, mezzofondista junior senegalese, e il passo inverso del mezzofondista moldavo Julian Gilca, fratello maggiore di Ion che arriverà anche lui all’Atletica Livorno appena avrà risolto i problemi di permesso di soggiorno in Italia. Dal G.P. Arcobaleno della presidente Umberta Nencioni è invece arrivato un poker di nomi. Due sono stati buoni protagonisti nella categoria cadetti con partecipazione ai Campionati Italiani di Cles: Greta Morreale e Matteo Ciulli. La prima, che ha la madre a suo tempo tesserata per l’Atletica Livorno, è un’eccellente velocista, con possibilità di digressione negli ostacoli, ha corso gli 80 in 10”52 e i 300 in 42”0 (minimo per gareggiaAlessandra lessi, una novità in casa biancoverde, riceve una medaglia re nei 400 agli italia-

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

gazze. Il tutto condito da molteplici titoli toscani in tante altre categorie giovanili.

137


Marco Lombardi, un’altra stagione da incorniciare con il titolo nazionale SM35 Marco Lombardi

Q

uello di Marco Lombardi, ultramaratoneta labronico, è stato un anno davvero molto intenso sotto il profilo agonistico. Alla fine del marzo 2017, dopo una fase di preparazione invernale, il portacolori amaranto della Libertas ha corso la 100 km di Seregno, valevole anche come Campionato Italiano FIDAL Assoluto e Master di 100 km su strada. Una prova d’esordio già soddisfacente, considerato il sesto posto assoluto con il traguardo tagliato in 7 ore e 40 minuti. Un rilievo cronometrico che è valso all’ultra maratoneta labronico il titolo di Campione Italiano FIDAL Master categoria SM35. Considerate le premesse incoraggianti, un mese più tardi, il già medaglia di bronzo tra gli open al prestigioso Mondiale di 100 km a finbe 2016, non ha voluto mancare alla prestigiosa “100 km del Passatore” Firenze-Faenza. Una gara dove Lombardi è riuscito a rientrare nella Top10 maschile (10° uomo a livello assoluto) con il tempo di 8 ore 12’42”. A conferma della buona forma fisica, c’è stato poi il risultato centrato a Serra de’ Conti, in provincia di Ancona, con la caratteristica “6 ore de’ Conti”: vittoria meritata per il livornese, sbaragliando l’agguerrita concorrenza sui 77,840 km di distanza. Stesso risultato positivo ottenuto a Ravenna, alla “Sei ore di Teodorico”: gara nella quale Lombardi è riuscito a spuntarla solo nel finale, vincendo in volata, con 77,894 km. Sempre nello stesso mese, il podista labronico ha poi partecipato alla prestigiosa “Mugello Marathon”, la maratona più antica d’Italia, che si tiene come di consueto in quel di Borgo San Lorenzo, a Firenze.

Un traguardo davvero ‘Ultra’ per un maratoneta abituato a correre oltre ogni limite Conducendo una gara in rimonta, Lombardi è riuscito nell’impresa di tornare sul podio con un soddisfacente terzo posto assoluto, grazie al cronometro fermato sulle 2 ore e 59’. Una medaglia di bronzo dedicata con grande sensibilità dal campione al ricordo delle vittime dell’alluvione che pochi giorni prima aveva flagellato la sua Livorno. Il 7 Ottobre scorso è maturato poi anche un secondo posto alla 100 km delle Alpi Torino-Foglizzo, a pochissima distanza dal vincitore. Finale con il botto poi a Dicembre, alla Coast ti Coast Ultramarathon Sorrento-Positano di 54 km, una gara internazionale e spettacolare anche dal punto di vista paesaggistico sulla bellissima costiera

amalfitana, Lombardi si è issato ancora sul gradino più basso del podio: al traguardo in 3°43’45”, terza posizione assoluta. A soli 5 giorni di distanza, il tour de force del livornese si è poi allungato in provincia di Palermo per correre la “6 ore di Mondello”, nota località balneare siciliana. Invitato dagli organizzatori, percorsi gli 80,456 km previsti, Lombardi non ha tradito le attese e si è piazzato secondo assoluto, alle spalle di un atleta di casa ben più riposato. E il 2017 si è chiuso, con un altro secondo posto anche nel Grand Prix Iuta: un triplete sfiorato clamorosamente, visto che il labronico era il campione uscente delle ultime due edizioni. “Forse il 2017 non è stato per me un anno molto fortunato, a causa di alcuni problemi che non mi hanno permesso di allenarmi come avrei voluto, ma stringendo i denti sono riuscito comunque a raggiungere una parte degli obiettivi che mi ero prefissato” è il bilancio finale di Lombardi “Gli appuntamenti per il 2018 sono il Campionato Italiano della 100 km a Marzo a Seregno, il Passatore e qualche gara all’estero nella seconda parte di stagione. Vorrei ringraziare i miei sponsor: Inkospor, nella persona di Benedetto Catinella, che mi sostiene alla grande per quanto riguarda l’integrazione; Sogese nelle persone di Luca e Andrea Monti, Cuore Liburnia Sociale nella persona di Vladimiro Tognarini; il Centro di medicina dello Sport Salus Itinere nella persona di Luca Cecchetto e Sport al centro nella persona del Dott. Luca Brinoni; Veloce Triathlon Store, nella persona di Gennaro de Concilio.”

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

Vita da sportivi

139


Enzo & Luca Parrucchieri

NUOVA SEDE: Via Borsellino, 2 - Collesalvetti (LI) EnzoeLuca Parrucchieri Tel. 0586 962379


I

l 2017 è stato un anno con grandi risultati per i ragazzi del Gruppo Podistico Arcobaleno. Come sempre partiamo con le gare indoor a Firenze dove sono da rimarcare le due prestazione di squadra per le staffette 3x2 giri Cadette che conquista il 4° posto con Picchi, Olivola e Morreale e quella maschile che fa ancora meglio e si piazza al 3° posto con Ciulli, Sciapichetti, Danese. Ma ancora meglio vanno le cose a livello individuale, con 2 titoli indoor nei 55 piani Matteo Ciulli e nel salto in Lungo con Tommaso Danese. Le buone prestazioni dei ragazzi continuano anche durante la stagione estiva, tanto che sempre Matteo Ciulli, Tommaso Danese e Greta Morreale vengono convocati a rappresentare la regione Toscana a Fidenza in una importante competizione a livello italiano. Comunque anche a fine estate i nostri atleti si fanno trovare pronti con la conquista del titolo regionale outdoor di Matteo Ciulli nei 300 metri e di Tommaso Danese sempre nel salto in lungo. Risultati importanti anche per Greta Morreale seconda sia negli 80 che nei 300 piani, Olivola Benedetta nel lungo e nel triplo, Michela Cicinelli e Giulio Sciapichetti nei 1000 metri e Emiliano Malaguti e Asia Falaschi nei lanci e da non dimenticare anche il contributo di Ettore Pesciatini che insieme a Malaguti, Ciulli e Danese componeva il quartetto della 4 x 100 terza classificata ai campionati regionali. Scen-

Matteo Ciulli e Tommaso Danese fanno festa insieme sul podio

Tutti i colori dell’Arcobaleno in un 2017 ricco di soddisfazioni per i podisti colligiani Due titoli indoor individuali, ok i gruppi con le staffette e ottime partecipazioni agli Italiani di categoria

Uno scatto di gruppo per i partecipanti al raduno estivo sulla Dolomiti

dendo di categoria, buoni risultati anche per Aurora Giovannini, terzo nel salto in alto, e Giuliano Micevi, sesto nel lancio del peso. Quest’anno, l’Arcobaleno ha avuto anche tra le proprie fila una pattuglia di atleti più grandicelli che si sono tutti ben comportati a partire da Luca Mannari e Luca Masi velocisti, Leon Lunghi, Fabio Rovere, Eugenio Colucci e Leila Kadiqi lanciatori. Ultima fatica della stagione per i cadetti ai campionati italiani di categoria a Cles (TN) con la partecipazione di Matteo Ciulli negli 80 metri e nella staffetta 4 x 100, Tommaso Danese nel salto in lungo e Greta Morreale negli 80 metri. Anche quest’anno, l’ASD ha riproposto il ritiro estivo di una settimana a Trentino, accolto con entusiasmo da i nostri atleti: una settimana di allenamento ma anche divertimento ed escursioni. Momenti di svago che hanno permesso ai partecipanti di visitare alcune tra le più tipiche località delle Dolomiti. Da non dimenticare, come sempre, anche tutte le altre attività con i non competitivi: la partecipazione alle camminate domenicali del Trofeo delle Tre Province che vedono il loro culmine con l’organizzazione della marcia, or-

mai giunta alla 21esima edizione, che ha visto domenica 15 ottobre oltre 1500 partecipanti.

Chi siamo

Il Gruppo Podistico Arcobaleno Associazione Sportiva Dilettantistica ha sede a Collesalvetti ed è affiliata allo CSAI. La loro principale attività è quella di promuovere l’atletica organizzando gare sul territorio e corsi per bambini, ragazzi e adulti. L’attività è incentrata sia sullo sviluppo delle capacità motorie e fisiche degli atleti, sia sulla implementazione di quelle qualità personali che si acquisiscono quotidianamente affrontando sfide articolate. Proprio per questo motivo gli istruttori sono tra i più preparati della provincia e sono in grado di trasmettere quegli ideali in cui Gruppo Podistico Arcobaleno Associazione Sportiva Dilettantistica crede fin dalla sua genesi. La passione, i sacrifici e la continua ricerca della chiave per crescere e superare i propri limiti personali rendono l’atletica uno sport unico e da cui si viene immediatamente colpiti. Gruppo Podistico Arcobaleno Associazione Sportiva Dilettantistica è una grande comunità in cui potrai trovare nuovi amici con cui allenarsi, istruttori qualificati e un ambiente sereno.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

ARCOBALENO

141


N

el mese di aprile 2017, presso il Circolo “La Leccia” di via Guadalajara 1, di fronte all’azzurra, viola e pietrosa “casa delle fiabe”, si è rinnovato un appuntamento ormai divenuto vera istituzione. Una manifestazione storica per la città di Livorno e dintorni, una di quelle che hanno dato origine al movimento ludico motorio, meravigliosamente salutare e socializzante a cui tutti dovrebbero guar-

Il primo Gruppo Militare dell'Accademia Navale

Marciagiro di Salviano: un appuntamento ormai classico del podismo amatoriale Il gruppo AIG4 Mori ha rinnovato la tradizionale riunione per gli amanti della corsa, giunta all’edizione numero 45 dare con maggiore attenzione e rispetto. Stiamo parlando del “45° Marciagiro delle Colline Livornesi”. Perché la città dei Quattro Mori non è solo mare e lungo costa, ma possiede anche un entroterra di belle, varie e panoramiche colline che nulla hanno da invidiare a quelle di altre zone. La competizione, perfettamente organizzata dal Gruppo AIG4MORI, consiste in una marcia non competitiva a passo libero aperta a tutti, che si snoda prevalentemente su sentieri e strade sterrate ed in parte su asfalto nella zona compresa tra Montenero, il Castellaccio e Pian della Rena. La prova, patrocinata dal Comune di Livorno, rappresenta anche una tappa nel più complesso sistema di eventi che compongo-

45° MARCIAGIRO

I volontari sorridenti aspettano i corridori presso il punto ristoro

I partecipanti del Gruppo Podistico Arcobaleno

A quarantacinque sei arrivato ma quanti pensieri ci hai procurato! Ci sarà il sole, pioverà? Questo certo nessun lo sa. Sei ormai nostra creatura Non c’è dubbio, son sicura. Tanto bene hai donato a chi con te ha camminato: aria buona, niente fumo c’è un amico per ognuno anzi amici sono tanti la domenica mattina per andare sù in collina e a chi dice vengo anch’io dai la mano, amico mio. Vi aspettiamo il 9 aprile alla Leccia di Salviano non sarà di certo vano per far festa ai “marciagiri” non dormite come ghiri!

no il trofeo Tre delle Province (vale a dire quelle di Livorno, Pisa e Lucca) di podismo. Di seguito, un paio di poesie in rima dedicate da Maria Luisa Tognelli a questa vera e propria festa del podismo nostrale:

La felicità all'arrivo del gruppo podistico La Verru’a

PALMA E OLIVO AL MARCIAGIRO

Il Marciagiro ormai è andato... molto ha preso e molto ha dato: cielo azzurro, aria buona; la campana or per noi suona e col suono suo giulivo ci ricorda dell’olivo. Sulla collina ad ammirare con lo sguardo il nostro mare, questo a noi certo basta per motivo di far festa. Ma bolliam come idiozia insensata burocrazia che ci tassa, non ci credi? perfin l’andare a piedi. Anatema quindi mando alla legge in questo mondo:

la più saggia e più sicura è la legge… di natura. Chiedo scusa agli avvocati che son qui mal sopportati; e la legge dell’”imbuto”: chi di voi l’ha conosciuto? La questione è presto detta: c’è una parte stretta stretta, mentre invece all’opposto vedi largo e grande posto: all’onesto duole assai quella grande avere mai. Ma a chi era al Marciagiro abbracci e baci ancor io tiro, ma saluti cari e contenti mando pure agli assenti. Altre parole più non trovo, Buona Pasqua, aprite l’Uovo!

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

AIG

143


Canottaggio A cura di Andrea Puccini

Edoardo Nicoletti Delegato regionale FIC

Per il delegato regionale Edoardo Nicoletti, l’armo di Livorno resta in auge

“N

ella provincia di Livorno, le società attive nel canottaggio sono al giorno d’oggi ben sette: oltre alla squadra dell’Accademia Navale, quella dei Vigili del Fuoco Tomei, i Canottieri Marconcini e l’Unione Canottieri Livornesi, ci sono anche altre realtà ben radicate in provincia come il Foce Cecina, il CC Solvay a Rosignano e il Canottaggio Porto Azzurro all’Isola d’Elba” racconta con orgoglio Edoardo Nicoletti, numero uno della Federazione Toscana ma anche labronico doc. Nicoletti, eletto delegato regionale nel gennaio 2013 e già riconfermato Edoardo Nicoletti durante una premiazione

Nicoletti durante un sopralluogo sul pontile dei Canottieri Livornesi

per un secondo mandato, ha 72 anni ed è stato uno storico membro del Consiglio Direttivo dell’Unione Canottieri livornesi nonché ex consigliere del Comitato FIC Toscana, è stato insignito della Stella al merito sportivo del CONI. Nicoletti è stato poi rieletto all’unanimità per il quadriennio 20172020 alle elezioni tenutesi nella sede della Navicelli Spa a Pisa. “Il principale risultato colto dagli atleti livornesi nell’anno solare 2017 è stata la partecipazione di Andrea Cattermol, tesserato per il VVF Tomei, ai Mondiali Under 23 di Plovdiv. Nella kermesse iridata andata in scena sulle acque bulgare, il labronico ha chiuso al quinto posto nella finale del quattro di coppia Pesi Leggeri maschile

– fa notare Nicoletti - Per quanto riguarda invece i Campionati Italiani, tricolori ospitati in quel di Sabaudia, l’unica vittoria è stata quella a livello Master fatta registrare da Walter Bollati e Claudio Cecconi, altri due atleti portacolori della Tomei, nella specialità dell’atto” . Nicoletti nel 2011 ebbe l’onore di ricevere il riconoscimento del CONI toscano in veste di storico dirigente dell’Unione Canottieri Livornesi e, ai tempi, già consigliere del Comitato Regionale della FIC, in virtù di una vita intera spesa attorno a barche e remi dello storico circolo remiero di Livorno e in supporto delle varie selezioni Toscane in occasione delle manifestazioni internazionali.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Sette sodalizi per una tradizione storica che continua a vincere con under e over

145


F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

D

a anni un otto iscritto dal GS VVF Tomei mancava dalle competizioni nazionali. Il rientro però sulle scene agonistiche, seppur in versione over 50, è stato però di quelli con il botto. L’attesa è valsa, visto che alla prima uscita i portacolori della sezione dei Vigili del Fuoco labronici si sono infilati subito una medaglia d’oro al collo. Ribalta d’eccezione per questo ritorno di fiamma, i campionati italiani Master che si sono svolti lungo le acque del Canale dei Navicelli nella vicina Pisa. L’otto livornese ha rinverdito così i fasti della blasonata scuola remiera della città dei Quattro Mori, battendo sulla distanza dei 6mila metri una concorrenza agguerrita composta dall’equipaggio del Caprera Torino (distanziato di 20”) e dell’equipaggio della Pro Monopoli in primis (giunto al traguardo molto più staccato), che hanno completato il quadro del podio. Agli ordini del timoniere esordiente e subito vincente Alberto Sciuto, i canottieri trionfatori sono stati Claudio Cecconi (capo voga), Daniele Ceccarini, Leonardo Magnatta, Augusto Carparelli, Simone Santi, Giancarlo Tarchi, Giorgio Banio e a prua Vittorio Pasqui. Alla Navicelli Rowing Marathon, Campionato Italiano di Fondo svolto a Pisa, buono anche il comportamento del doppio formato dai due under 23 Andrea Cattermol e Edoardo Benini che si sono classificati al 7 posto in una agguerrita competizione del doppio che ha visto la partecipazione di ben 22 equipaggi.

Tomei Livorno, la gloria degli equipaggi grigiorossi senza età Dopo anni, la sezione del remo del GS Vigili del Fuoco torna a vincere un titolo nazionale Master

L'Otto master sul gradino più alto del podio al tricolore di Gran Fondo

Piazzamento onorevole che fa intravedere potenziali miglioramenti per il doppio junior composto da Alessandro Bernardini e Nico Guidi, dove quest’ultimo gareggiava peraltro nella categoria superiore. Da segnalare il 28° posto per Jacopo Giusti e Matteo D’Acquino il 38° di Alessio D’Acquino con Pietro De Maria di Orbetello nel doppio tra i Cadetti chiamati a fare esperienza.

Walter Bollati e Vittorio Pasqui, campioni nazionali Master

146

La società grigiorossa sta lavorando con impegno alla crescita del settore giovanile che vede impegnati anche su questo fronte i tecnici Gino Montanelli e Gianluca Caschetto. Si sono svolte anche regate con rappresentative regionali, sia per i master che per i cadetti. Nell’equipaggio toscano primo classificato nell’otto master era presente l’inossidabile Claudio Cecconi che ha così conquistato un’al-

Alberto Magagnini


Jacopo Giusti

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

pia master over 54 tra medaglia d’oro, e composto da Claudio nell’otto cadetti reCecconi, Augusto Cargionale buon seconparelli, Vittorio Pasqui do posto per Jacopo e Walter Bollati si è imGiusti. posto su ben 15 equiGrande partecipapaggi. zione poi alla gara internazionale D’InTrasferta da incorverno sul Po di caniciare infine anche nottaggio di 5000 mt quella nelle acque di svoltasi nel febbraGenova Prà per il primo Meeting Nazionale io 2018 a Torino. Dopo la partecipazioGiovanile e Master. In un veneto che ha ne dello scorso anno registrato la presenai mondiali under 23 za di oltre 1000 ca(5° classificato agli irinottieri, i risultati del didati nella categoGS Tomei sono andati ria quattro di coppia, pesi leggeri,) Andrea al di la di ogni più roL'otto che ha trionfato agli Italiani Master di Fondo lungo il canale di Navicelli Cattermol, si è piazzasa aspettativa: Alberto to nel 2 senza e nel quattro senza se- a fronte di 18 partecipanti e medaglia Magagnini ha conquistato una medanior partecipando con equipaggi misti d’oro nell’otto della Rappresentativa glia d’oro ed una d’argento nel singolo insieme ad atleti della Soc. Armida di Toscana. 720 Allievi B2 e il cadetto Jacopo Giusti Torino. Buon piazzamento per dall’allievo B ben due medaglie d’oro nel singolo 7,20 Anche le categorie Juniores e Ragaz- Alberto Magagnini nel singolo 720 che e nello skiff nelle due giornate di gare. Ottima la prestazione alla prima uscizi hanno visto equipaggi sperimentali lascia ben sperare per futuri impegni. con la partecipazione di rappresentati- Conferme e ancora medaglie si sono ta della stagione del doppio ragazzi di ve a livello regionale. avute dalla forte rappresentativa ma- Davide Cini e Guidi Nico che ha conquiVicino alla zona medaglia Ales- ster che in tre gare disputate si è por- stato una splendida medaglia d’argensandro Bernardini che si è classifica- tata a casa tre medaglie importanti: oro to. L’altro doppio ragazzi composto da to quinto nel singolo junior e quarto nel singolo Master e con Walter Bolla- Giulio Simonini e Lamberto Bettinetti, nell’otto. ti, che ha bissato la vittoria dello scorso all’esordio assoluto, è giunto sesto. Tra i ragazzi progressi per Nico Guidi anno, bronzo per l’inedito doppio forEnnesime soddisfazioni infine dalla che ha gareggiato nell’otto regionale e mato da Claudio Cecconi e Vittorio Pa- già menzionata categoria Master dove nel due senza. si sono continuate ad incrementare le squi. Novità e medaglie sono venute dal Il risultato di prestigio è arrivato nel- vittorie già ottenute nelle gare di fondo settore giovanile con il Cadetto Jacopo la gara internazionale, valida anche con il primo posto del doppio compoGiusti, medaglia d’Argento nel singolo per il tricolore master, dove il 4 di cop- sto da Walter Bollati e Vittorio Pasqui.

Un giovane atleta Tomei in azione sul Po

147


canoa club LIVORNO

Canoa A cura di Andrea Puccini

5 marzo, Castelgandolfo:

Orsini Edorado Campione D’Italia K1 2000 metri ragazzi Più di 500 atleti in rappresentanza di 57 società, si sono cimentati nella prima gara a livello nazionale che apre la stagione agonistica 2017 e valevole come Campionato Italiano 2000 metri. Lo scenario è quello di sempre, il lago di Castel Gandolfo. Il tempo non è stato amico, rovesci d’acqua hanno caratterizzato la prima parte della mattinata, per fortuna dopo un interruzione di circa 2 ore la pioggia e notevolmente calata dando spazio ad un timido sole ha permesso agli organizzatori di continuare le gare e assegnare i titoli Italiani in palio. Il Canoa Club Livorno si è presentato al via con 12 atleti, sotto la stretta vigilanza del responsabile del settore tecnico Mancini Gianluca e dal veterano degli allenatori Sardi Roberto. I nostri ragazzi si sono ben comportati portando a casa un titolo Italiano in K1 ragazzi e un secondo posto in K2.

Canoa Club Livorno, una delle realtà più prolifiche a livello giovanile nazionale Tanti titoli tricolori e qualche prospetto nell’orbita azzurra per il sodalizio 14esimo su 172 realtà in Italia

9 aprile, Candia:

Tremolanti Tommaso-Neri Niccolò-Nannoni Federico e Spurio Flavio campioni d’Italia K4 5000 metri ragazzi

Il k4 tricolore l'allenatore Roberto Sardi con Neri-Spurio-Nannoni e Tremolanti

Campioni italiani K2 Maratona Tremolanti Tommaso e Neri Niccolò

Tra aprile e maggio gare nazionali e internazionali di Mantova ancora protagonisti con le vittorie di Spurio Flavio-Neri Niccolò e tanti altri buoni piazzamenti. L’8 ed il 9 aprile sono state due giornate di gare intense nella citta di Mantova sul lago inferiore proprio davanti al castello dei Gonzaga. Due giorni dove si sono cimentati più di 600 atleti in rappresentanza di Austria, Croazia, Portogallo, Finlandia, Israele, Lituania, Slovenia, Svizzera, Canada, Turchia, Germania e circa 70 società italiane provenienti da tutto lo stivale. Come da previsione gli atleti del Canoa Club Livorno accompagnati dal sempre presente allenatore Roberto Sardi e dal responsabile del settore tecnico Mancini Gianluca, hanno ben figurato, conquistando un oro due argento e un bronzo, portando quasi tutta la squadra nelle finali A e nelle

finali B. Primo giorno dedicato alle batterie e semifinale sulle distanze di 200, 500 e 1000 metri, la domenica tutte le finali. Sulla distanza dei 200 metri siamo protagonisti, in K1 ragazzi Flavio Spurio si aggiudica il 2° posto, mentre il compagno di squadra Edoardo Orsini arriva 8°, Flavio Spurio insieme al compagno di squadra Niccolò Neri in k2 si aggiudicano il 1° posto portandosi sul gradino più alto del podio, l’altro equipaggio formato da Tommaso Tremolanti e Edorardo Orsini 8° posto; sempre in categoria ragazzi in finale b Tommaso Tremolanti 2° e Federico Nannoni 7°; nella categoria junior Francesco Spurio in k2 con il compagno Lorenzo Mazzara si aggiudicano il secondo posto, in k1 Franesco Spurio  e Giulia Senesi vincono le proprie finali B. Bella la prova del k2 femminile formato da Giulia Senesi e Ra-

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Q

uesti i miglior risultati ottenuti dal Canoa Club Livorno nell’anno 2017.

149


F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak 150

gara di quest’ultimo che deve abbandonare a metà percorso per motivi tecnici, mentre Neri, su un totale di 42 partenti si aggiudica il titolo Italiano  con il tempo di 53 minuti 36 secondi e 50 centesimi, ottima la prova di Tremolanti che sfiora il podio arrivando 4°. La domenica tutti in K2, la coppia formata da Neri e Tremolanti, confermano lo stato di forma andando a prendersi il titolo Italiano davanti a 18 equipaggi con il tempo di 50’43’’70’’’. I nostri atleti erano accompagnati da due tecnici di basi Tremolanti Valerio e Neri Michelangiolo che con grande soddisfazione portano alla società due titoli Italiani.

22-26 giugno, Belgrado (Serbia): Allenatore Sardi Roberto -campione italiano 2000 metri Orsini Edoardo - responsabile settore tecnico Mancini Gianluca

chele Raugi che si aggiudicano la terza posizione avendo la meglio su delle rivali molto agguerri te. 500 metri ragazzi, finale A con tre nostri rappresentanti, Orsini-Neri-Tommaso Tremolanti, giunti rispettivamente 4°, 5° e 8°, finali B per Francesco Spurio, Senesi, Raugi e Flavio Spurio. Da segnalare le buone prove di Giacomo Tremolanti, Marco Vannini e Kilian Graus. Tutti questi risultati hanno permesso di piazzarsi noni in classifica generale e sesti in quella giovanile.

13-14 maggio, Lago di Ledro:

Maratona, Neri Niccolò campione Italiano che si ripete in coppia con Tremolanti Tommaso in K2 Cat. Ragazzi Il 13 e 14 maggio sul lago di Ledro che si trova in una valle sospesa che congiunge la valle del Chiese con il lago di Garda, ad un’altezza di 655 metri sul livello del mare e una superfice di 2187 Km, si sono svolti i campionati Italiani di maratona in canoa. La maratona consiste, per la categoria Ragazzi, in un percorso di 11250 metri con due trasbordi a terra di circa 100 metri l’uno, ogni 4000 metri di percorso in acqua. Il sabato 13 viene dedicato agli equipaggi in K1, mentre la domenica 14 è per i K2, 285 gli atleti provenienti da tutta Italia in rappresentanza di 58 società. Il Canoa Club Livorno, mentre la maggior parte della squadra si sta preparando per i prossimi impegni sulla velocità (1000-500 e 200 metri) si presenta all’appuntamento con solo 3 atleti, ma come al solito è protagonista su questa distanza. In K1 si presentano alla partenza Niccolò Neri, Tommaso Tremolanti e Edoardo Orsini. Sfortunata la

Campionati Europei junior Senesi Giulia esce in semifinale K2 500 metri --- Spurio Francesco 7° posto K4 500 metri La partecipazione agli Europei junior/ under 23 di fine giugno a Belgrado hanno portato buoni risultati, Senesi Giulia in K2 si è arresa nelle semifinali, mentre Francesco Spurio in equipaggio in K 4 nella finale si è aggiudicato il settimo posto. I nostri due atleti dopo la prima esperienza in campo Europeo sono tornati a casa con un bagaglio di esperienza che è servito per affrontare il seguente impegno ai Campionati del Mondo junior/under 23 svoltisi a Pitesti in Romania. Tra i due Campionati poi, a Auronzo di Cadore si è svolta una gara a livello internazionale: il Canoa Club Livorno, dovendo rinunciare ad alcuni atleti, Neri Niccolò e Tremolanti Tommaso, convocati a rappresentare l’Italia con la Nazionale Junior, ha potuto formare equipaggi (permesso dal regolamento) con atleti della società  Canoa Mutina di Modena.  La sinergia tra queste due società a portato  a risultati più che soddisfacenti, dove su 58 società partecipanti in rappresentanza di 11 paesi stranieri, tra i quali Pakistan e Israele per un totale di 557 atleti, la nostra società si piazza al nono posto in classifica finale e al settimo in quella giovanile (junior/under 23). I primi posti conquistati in totale sono stati cinque tra cui in risalto la vittoria i K1 1000 metri di Raugi Rachele, tre secondi posti e altri bei piazzamenti.

Campione italiano Maratona K1 Neri Niccolò

di gare inserendo il K4 – 500m maschile come specialità olimpica (negli ultimi anni era stata indicata solo come specialità femminile). La prima a scendere in acqua è Giulia Senesi che passa agevolmente la batteria e nella semifinale arriva al secondo posto aggiudicandosi così la finale del mondiale. Il podio del mondiale conquistato dal forte equipaggio Ungherese davanti alla Spagna e Bielorussia. l’equipaggio targato Italia arriva ottavo davanti ai padroni di casa al termine di una bellissima gara combattuta sino all’ultima pagaiata. L’altro nostro atleta è

23-29 Luglio Pistesi (Romania):

Campionati Mondiali junior Senesi Giulia 8° posto K4 500 metri-----Spurio Francesco 2° posto finale B I due atleti si sono cimentati in equipaggio K 4 sulla distanza di 500 metri. Recentemente la Federazione ha rivisto alcuni tipi

Francesco Spurio in nazionale italiana


2-3 settembre Caldonazzo:

Meeting delle regioni Freschi Tommaso 1° posto in K4 2000 metri

15-17 settembre, Milano:

Campionati Italiano velocità Spurio Francesco e Mazzara Lorenzo titolo italiano K2 500 metri iunior un 3° posto nei 1000 metri K2 e 3° posto con Spurio nel K1 200 metri - 2° posto per K4 1000 metri-K2 500 metri K4 200 metri e k1 200 metri tutti in categoria ragazzi con Tremolanti-NeriOrsini e Spurio Flavio – due terzi posti in K1 1000 metri con Raugi Rachele (ragazzi) Senesi Giulia (junior) Nello splendido scenario dell’idroscalo di Milano, ideale per lo svolgimento di gare di canoa, nei giorni 15, 16 e 17 settembre si sono svolti i campionati italiani di velocità 200, 500 e 1000 metri per le categorie ragazzi (15-16 anni), junior (17-18), under 23 senior e master. La squadra del Canoa Club Livorno allenata dal veterano e sempre competente Roberto Sardi e dal responsabile del settore tecnico (già vice campione del modo) Gianluca Mancini, si è presentata a Milano con solo 10 atleti a causa di alcune indisponibilità. Nonostante questo, i labronici hanno conquistato ottimi risultati e portato a casa 4 terzi posti, 4 secondi posti e un titolo Italiano. In virtù di questi risultati il Canoa Club Livorno si è classificato nono nella classifica giovanile su un totale di 1038 atleti in rappresentanza di 114 società provenienti da tutta Italia, confermando di essere tra le prime società d’Italia. Il venerdì giornata dedicata alla distanza più lunga (1000 metri), cat. ragazzi, dove Niccolò Neri sfiora per poco il podio giungendo 4°, stessa sorte per la gara in K2 dove Niccolo gareggiava in equipaggio insieme al compagno Tommaso Tremolanti. Rachele Raugi conquista un bel terzo posto

in una combattutissima gara mettendosi al collo un meritato bronzo. Nella categoria junior pure Giulia Senesi si aggiudica il terzo posto seguito dalla ritrovata coppia Lorenzo Mazzara – Francesco Spurio in K2 pure loro terzi. Mazzara in coppia con Giacomo Tremolanti nella categoria senior si devono accontentare (per così dire) del 5° posto, mentre il nostro master Marco Galvagno al termine di un 1000 Ambrosini Benedetta, Arzela Fabio, Del Gratta Sara, Del Gratta Lorenzo, classificati secondi al trofeo Coni metri tiratissimi non va olin rappresentanza della Toscana tre il 5° posto. Il sabato era dedicato ai 500 metri: il K4 ragazzi formato da Tommaso Tremolanti – mentre Francesco Spurio in una gara entuNiccolò Neri – Flavio Spurio – Edoardo Or- siasmante replica il podio dell’anno precesini mancano il titolo per soli 9 centesimi di dente aggiudicandosi un ottimo terzo posecondi, Spurio e Orsini replicano in K2 ar- sto. Solito risultato del giorno precedente rivando secondi, Rachele Raugi nella finale per Marco Calvagno, che conquista la quararriva sesta, nella cat. Junior Giulia Senesi si ta posizione. classifica all’ottava posizione. La coppia Lo- 21-24 settembre Senigallia: renzo Mazzara – Francesco Spurio, sbaraTrofeo Coni con Arzelà Fabio-Ambrosigliando un gruppo di agguerriti rivali, conni Benedetta-Del Gratta Sara e Del Gratta quista il titolo italiano in K2. Infine, Giacomo Lorenzo 2° posto in rappresentanza della Tremolanti in cat. Under 23 si aggiudica la finale arrivando 6°, mentre Marco Galvagno Toscana Questi risultati hanno permesso al Canoa sfiora il podio con un buon 4° posto. Club di classificarsi al 14° posto nella clasDomenica dedicata alla velocità pura 200 metri: per il K4 ragazzi con Tremolan- sifica nazionale categoria giovanile su 172 ti-Neri-Spurio-Orsini replicano il risultato società sparse in tutta Italia, grazie alla coldel giorno prima arrivando secondi, Fla- laborazione e programmazione degli alvio Spurio IN K1 a circa 40 metri dall’arrivo lenatori Roberto Sardi, Yuri Arzelà, Valerio quando era ampiamente primo subisce la Tremolanti, Ilenia Pellegrini e del responrottura della pagaia e per soli 5 centesimi di sabile del settore tecnico Gianluca Mancini, secondo perde il titolo Italiano. Nella cate- oltre all’impegno del Presidente Alessandro goria Junior, Giulia Senesi dopo la terza fi- Pagni. E il 2018 è partito ugualmente sotto nale conquistata in tre giorni, arriva quinta i migliori auspici, con ben tre atleti convocati ai ritiri collegiali della nazionale che come da consuetudine si svolgono durante le festività Natalizie. La prima è stata Giulia Senesi che dal 27 al 30 dicembre si è cimentata nei test e negli allenamenti della nazionale, mentre Francesco e Flavio Spurio sono partiti pochi giorni dopo. I collegiali della nazionale sono un momento importante per atleti e tecnici perché offrono la possibilità di affinare gli equipaggi e la preparazione degli atleti anche nel periodo invernale, tipicamente privo di gare e raduni. Senesi Giulia in testa al K4 italia

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

stato Francesco Spurio: passando anche lui agevolmente la propria batteria, in semifinale si è trovato equipaggi forti come Polonia (vincitrice dell’ultimo Europeo), Danimarca e Germania (che si aggiudicherà il mondiale) e per 7 decimi arrivano quarti, rientrando nella finale B. La domenica, l’equipaggio italiano, dopo un gara tiratissima sul finale, è stato raggiunto dai Portoghesi e si è dovuto accontentare per solo tre decimi della seconda posizione.

151


UNIONE CANOTTIERI LIVORNESI

Unione Canottieri Livornesi, la rinascita comincia dalla squadra della canoa

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

L’ex campione olimpico Puccetti sta ricostruendo un settore biancoblù vincente a livello nazionale

152

U

n sodalizio storico, fondato addirittura nel lontano 1919, che in occasione del prossimo centenario, si sta riorganizzando a livello agonistico per riportare in auge i propri colori. La stessa ragione sociale della società tradisce la finalità originaria: nata come Unione di dirigenti, di mezzi, di soci, di vogatori tra altri tre soggetti pionieri del movimento del remo livornese. Ovvero l’Alfredo Cappellini, nato nel 1876, il Club Nautico Il Remo (datato 1895) e il Club Nautico Livorno (1908), con quest’ultimo che aveva la sede proprio nelle stesse cantine lungo gli Scali d’Azeglio dove oggi si trova la storica sede. La tradizione vincente dei canottieri labronici risale subito ai primi anni di attività agonistica, con titoli italiani cominciati a infilare in bacheca già negli anni ’20. Il tutto senza dimenticare i mitici ‘Scarronzoni’ con un otto pigliatutto a livello nazionale e internazionale nel periodo compreso tra il 1928 al 1941: 12 titoli italiani, due titoli europei, due medaglie d’argento alle olimpiadi di Los Angeles nel 1932 e Berlino 1936, tre secondi posti agli europei del 1930, 1931, 1933, e un terzo nel 1938, tre secondi posti ai campionati italiani del 1934, 1942, 1947. Il tutto agli ordini del maestro Mario Ghiozzi che è stato anche commissario tecnico unico della nazionale. Ma anche la sezione della canoa, pur sorta soltanto più tardi, precisamente nel 1963, nei primi 15 anni di attività aveva contribuito a portare gloria ai colori biancoblù con ben 19 i titoli italiani vinti tra junior e senior. Al giorno d’oggi, dopo un periodo travagliato e contraddistinto da diffi-

La squadra UCL in un podio vittorioso agli ultimi nazionali di velocità svolti sul canale dei Navicelli

coltà di natura logistica ed economica ni e nei Master B con Jari Pantani. che hanno impedito all’Unione di parNel k1 junior femminile anche artecipare all’attivtà agonistica nel 2017, gento con Rachele Agostinettie il 4° la canoa biancoblù ha comunque tro- posto di Alessia Agostinetti. Ok anche vato le forze e la voglia di risorgere il bronzo (Senior femminile) conquicon risultati di livello. stato da Rachele Puccetti, tornata alle Molto del merito va anche all’ex gare dopo mesi di inattività. campione olimpico Pierduilio Puccetti, mai domo nella volontà di ricostruire la “pattuglia della pagaia” attraverso un lavoro quotidiano tra acqua e palestra. Sul lago di Roffia, a San Miniato, nella gara interregionale di fondo, sui 5mila metri, alla prima uscita stagionale c’è stato subito l’exploit labronico. Gli acuti sono arrivati nel k1 junior maschile e femminile con Edoardo Orsini e Chiara Agostinetti, mentre nei MaPieduilio Puccetti, oggi allenatore dell'UCL, assieme a Paolo Lepori ster A con Federico Franchi-


Argento pregiato anche per il K4 senior maschile con Gianmarco Gagliardi, Francesco Masoni, Giacomo Tacconi e Daniele Murra. Da registrare anche il 10° posto di Luca Bianchi nel K1 ragazzi maschile. Nel tricolore di Maratona che si è disputato a Firenze invece medaglia d’ argento nel K2 Junior con Chiara Agostinetti e Rachele Raugi, le quali poi nel K1 si sono infilate al collo, rispettivamente, un argento e un bronzo. Brillante terzo posto anche per Giacomo Tacconi (tre volte tricolore) nel K1 Master B. Bronzo anche per il K2 composto da Francesco Masoni e Daniele Murra nei Master A. Assegnati a Mantova, sul Lago Superiore, i titoli italiani di fondo 2018. Ben 874 gli atleti in gara, appartenenti a tutte le categorie per 106 società presenti sulla lunga distanza dei 5mila metri. L’Unione Canottieri Livornesi, ha partecipato con quattro equipaggi: K1 senior maschile con Gianmanrco Gagliardi, giunti ottavi, il K1 junior Maschile con Edoardi Orsini che si sono cuciti al petto lo scudetto di categoria. Nel K4 Senior Femminile con Agostinetti Chiara, Agostinetti Alessia, Raugi Rachele, Puccetti Rachele, stesso epilogo trionfale a tinte tricolori. Il K1 Master B maschile con Giacomo Tacconi invece è giunto secondo.

Esordio convincente degli atleti biancoblù anche al Meloria Paddling Cup, la manifestazione giunta alla sua quarta edizione e caratterizzata dalla distanza considerevole che viene raggiunta in mare aperto con i concorrenti che partono dal Bagno Lido di Calambrone alla volta dei due isolotti sui quali sono poggiati i Fari della Meloria, al largo del porto di Livorno e ritorno. In occasione dell’eccezionale gara in altura, unica nel proprio genere in Italia e per questo compresa nel circuito di Coppa Italia Ocean Race, gli alfieri UCL si sono cimentati su due differenti distanze. Sui 6 km, successo per il SS2 (doppio) cmnposto da Orsini e Puccetti. Trionfo anche per Tacconi nel SS1 (singolo), con terza piazza per Orsini, e nel SS1 femminile con Paolicchi. Sui 16 km invece Daniele Murra è arrivato quarto assoluto nel SS1 e nella stessa categoria, Masoni ha vinto la propria categoria L'ingresso della storica sede sugli Scali d'Azeglio (Master B).

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Un panoramica degli atleti impegnati nella Meloria Paddling Cup

Sempre nel SS1 ‘in rosa’, vittoria per Agostinetti. Infine al Campionato Toscano 200 mt, la distanza più corta e spettacolare della canoa velocità ospitata sul canale pisano dei Navicelli, il team UCL si è distinto con la conquista di ben 7 titoli regionali, oltre ad essere andata a podio in quasi tutte le gare a cui ha partecipato. Di seguito i risultati: K1 master B 1 cl Campione Toscano Tacconi Giacomo / 3 cl Pantani Yari; K2 senior F 1 cl Campione toscano Puccetti Rachele-Raugi Rachele; K2 junior F 1 cl Campione toscano Agostinetti Alessia-Agostinetti Chiara; K2 master A 1 cl Campione toscano Murra Daniele-Masoni Francesco; K2 senior M 2 cl Gagliardi Gianmarco-Orsini Edoardo; K1 senior F 3 cl Puccetti Rachele; K1 junior F 2 cl Agostinetti Alessia / 3 cl Agostinetti Chiara / 5 cl Raugi Rachele; K4 master A 1 cl Campione toscano Murra Daniele-Tacconi Giacomo-Matteo Orsini-Masoni Francesco; K1 senior M 7 cl Gagliardi Gianmarco; K4 senior F 1 cl Campione toscano Agostinetti Alessia-Puccetti Rachele-Agostinetti Chiara-Raugi Rachele K4 senior M 1 cl Campione toscano Murra Daniele-Gagliardi GianmarcoEdoardo Orsini-Masoni Francesco; K1 junior M 8 cl Orsini Edoardo.

153


Officina autorizzata

Carrozzeria Gommista Noleggio auto Via Firenze, 138 - 57121 (LI) Tel. 0586 425880 - Fax 0586 445760

email: b.auto@tin.it

Partner www.glassdrive.it

800010606


Unione Canoisti Livornesi, un’alleanza insolita che produce risultati eccellenti Lungo i Navicelli, la sinergia con i cugini pisani della Canottieri Arno per gestire un centro federale

Uno scatto di gruppo tra pisani e livornesi partecipanti sul Lago di Candia agli Italiani di Fondo 5000 mt

uno stage di Sup e alla delegazione della squadra nazionale femminile junior di Maratona, sta nella primavera 2017 stava preparando l’Europeo portoghese, di recente lo scorso febbraio 2018 ai Navicelli si sono allenati per tre giorni anche i talenti emergenti selezionati per l’azzurro Junior della specialità Maratona. A gestire il centro è quindi la joint venture delle due società. “Un accordo che rappresenta solo l’inizio” spiega Roberto Volpi dell’Unione Canoisti Livornesi, assieme al 23enne figlio Matteo, ex agonista che rappresenta la nouvelle vague dei tecnici livornesi, ha optato per la coraggiosa decisione di concentrare i propri sforzi sul settore giovanile e, in particolare, le attenzioni una decina di giovani competitivi nelle categorie allievi e cadetti.

Padre e figlio, la dinastia Volpi alla guida dell'UCL

“Abbiamo concretizzato un qualcosa di costruttivo, abbattendo le divisioni storiche – prosegue Volpi - Qui il clima difficilmente scende sotto i 14-15 gradi e anche la temperatura dell’acqua non va quasi mai sotto i 9-10. Condizioni ideali con un canale in sicurezza, largo 30 metri e lungo 15 chilometri, nel quale allenarsi riparati da vento e onde grazie alla fitta boscaglia di pini marittimi che affianca il corso d’acqua sul quale si pagaia.” Agli oltre 30 posti interni si possono così aggiungere nei periodi estivi anche altri spazi destinati a far vivere campus, allenamenti, raduni e collegiali, anche per squadre extraregionali (già ospitati club dal Trentino e dal Lazio) nonché estere. E non solo per la canoa, bensì ampliando il proprio raggio di manovra anche a specialità affini come lo stesso sup.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

O

ltre il tradizionale campanilismo, per concretizzare l’unico modello attualmente sostenibile per le società che praticano gli sport cosiddetti minori. Discipline che, di conseguenza, beneficiano di minori risorse economiche e non godono certo dello stesso appeal mediatico di altre discipline. L’Unione Canoisti Livornesi, un sodalizio giovane che ha visto la luce soltanto nel 2014, è protagonista di un esperimento che vede la città dei Quattro Mori e quella della Torre Pendente insolitamente unite, per uno scopo comune e per il bene della canoa italiana. In evidenza infatti la collaborazione finalizzata con i cugini del Canottieri Arno Pisa, con il benestare del Comitato regionale FICK Toscana. Una sinergia che nell’ultimo anno ha rivalutato un edificio di due piani, compreso nel cuore di un grande spazio verde ampio circa un ettaro: il centro di specializzazione giovanile FICK “Marco Fagioli” rappresenta una struttura importante e ceduta in comodato d’uso alla canoa italiana dalla Navicelli Spa, con accesso diretto al limitrofo canale percorribile proprio tra le due città per un tratto lungo 15 Km. Inaugurato alla presenza del numero uno federale Luciano Buonfiglio e di Michele Baldeschi, Presidente del Comitato Regionale Toscano, il centro offre la possibilità di poter pagaiare tutto l’ anno: per questo motivo, la stessa Federazione ha eletto questo sito come cruciale per il futuro sviluppo dei propri progetti dell’area del Centro Italia. E come location ideale, vista anche la possibilità di creare un’infrastruttura ad uso foresteria e un centro adeguato per la paracanoa, per molti stage delle selezioni nazionali. In primis quelle giovanili: da menzionare che, non a caso, oltre a

I convocati della selezione nazionale di maratona allo stage dei Navicelli

155


Danza sportiva A cura di Andrea Puccini

Pierluigi Berti Delegato regionale FIDS

A partire dal delegato regionale, con allenatori di fama internazionale e atleti vincenti

T

ra città e provincia, sono una trentina le scuole di danza affiliate alla Federazione Italiana Danza Sportiva. Di queste, oltre la metà (precisamente 17) sono aperte nel capoluogo. Segno che Livorno è una città da sempre vogliosa di ballo agonistico e che vanta una bella tradizione anche a livello di maestri campioni che, in tempi più o meno recenti, hanno ottenuto risultati di discreto livello. Sia sul piano sia nazionale, sia oltre confine. “Quella dei Quattro Mori è una delle città in Italia con il maggior numero di iscritti praticanti che disputano anche competizioni” racconta con soddisfazione Pierluigi Berti, numero uno regionale della FIDS, riconfermato in carica nel 2016 dopo il primo mandato quadriennale maturato ormai sei anni orsono. “Il saldo per Livorno è quindi positivo: è incrementato sia il numero dei tesserati agonistici, sia quello dei tesserati tecnici in qualità di allenatori e di giudici – continua Berti – Secondo alcuni criteri maggiormente rigorosi di cui la nostra Federazione ha difatti deciso di dotarsi a partire dalla stagione in corso, non può infatti più esistere il doppio ruolo di tecnico che, in occasione delle gare, si sedeva dietro il banco e rivestiva anche i panni del giudice. Al fine di evitare polemiche e potenziali conflitti d’interesse che avrebbero potuto influenzare le valutazioni, adesso la figura del giudice è stata resa completamente separata e indipendente. Anche sotto il profilo della remunerazione economica da parte della Federazione per i servizi svolti.” Un boom che ha spiegazioni tecniche ma che affonda le proprie motivazioni anche nelle radici solide che il movimento

Una panoramica del palasport dove si sono esibiti gli atleti in Coppa Italia

ha saputo far crescere negli anni nel cuore del nostro territorio. “Livorno vanta un’ottima tradizione nella specialità della danze standard e latine. Almeno in Toscana, i tecnici labronici di questo settore sono i più numerosi nonché competenti – racconta Berti - Su tutti, mi viene da fare i nomi di Rosanna Ciancetta, la pioniera della danza sportiva a livello italiano, e di Fabio Selmi, già suo allievo ed ex grande campione, il quale oggi fa parte addirittura del Coordinamento Tecnico della Federazione Internazionale. Proprio grazie a Selmi, più volte l’anno, si attira in città la presenza del russo tre volte consecutive Campione Mondiale di Danze Standard: il livornese è il suo allenatore ormai da molte stagioni”. Sin qui, gli aspetti felici della disciplina a livello locale. Veniamo però anche alle dolenti note. “Il problema della Danza Sportiva è che, dalle Amministrazioni locali, viene fortemente sottovalutato il potenziale del suo appeal sotto il punto di vista del cosiddetto

‘turismo sportivo’ – si lamenta Berti – Ogni gara regionale muove periodicamente un grosso indotto che orbita intorno a un migliaio di atleti circa, più accompagnatori, allenatori e spettatori vari. Per albergatori, ristoratori e commercianti sarebbe una manna dal cielo. E invece, almeno a Livorno, manca anche una struttura adatta ad ospitare eventi del genere: il Palasport di Porta a Terra infatti è sin troppo ampio e costoso mentre per gli altri impianti non c’è mai la disponibilità per i 2-3 giorni indispensabili all’allestimento, visto che sono già occupati da altri eventi sportivi. E’ quasi paradossale che ci si trovi costretti a migrare a Montecatini o Prato per organizzare i tre Campionati Toscani in agenda ogni anno (uno, quello più frequentato, per le Danze Standard, un altro per chi pratica Jazz Freestyle e Street Dance e quello dedicati agli amanti dei caraibici, danza del ventre e danze d’epoca, dove in quest’ultima specialità la Toscana vanta il secondo numero di tesserati a livello nazionale, ndr)”.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Ballando con le stelle: Livorno si conferma al top del ballo sportivo

157


2017: tutti i risultati

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

“T

158

ra il 2017 e il 2018, la nostra Federazione ha subito un’importante trasformazione a livello strutturale e, di conseguenza, ha introdotto novità sostanziali anche per quanto riguarda l’organizzazione degli atleti tesserati. E’ stato perciò istituito il Club Azzurro, che trova sede a Roma e del quale fanno parte molti nomi toscani e livornesi in particolare, i quali sono riusciti a raggiungere affermazioni a livello di Assoluti” spiega Pierluigi Berti. Il riferimento della FIDS regionale snocciola qualcuna tra le performances più rilevanti dei danzatori livornesi che si sono distinti nel 2017. Di tale élite fanno parte integrante in primis alcuni elementi seguiti dalle maestre Sonia e Marina Filippi della scuola Livorno Danza, che hanno condotto i suoi ragazzi alla medaglia d’oro ai campionati Italiani di Rimini a luglio 2017 e, proprio grazie a tale successo, ha strappato il pass per partecipare anche ai Mondiali di Copenaghen che si sono svolti in ottobre. La crew labronica che ha gareggiato nella categoria 16 anni e oltre classe internazionale, denominata “Overdose” è stata formata da: Giorgia Bandinelli, Francesco Luciano Benucci, Irene Berlani, Alice Cardosi, Diego Cavataio, Chiara Cordoni, Melissa Falaschi, Davide Fedele, Federica Lomi, Alessia Mari, Lorenzo Martelli, Francesco Meucci, Federica Nucci, Eleonora Philippe, Emma Pieri, Deborah Stefani. In precedenza, nel mese di giugno 2017, in Polonia in quel di Walbrzych, la stessa scuola delle Filippi aveva portato alti i colori della tradizione livornese partecipando con un proprio terzetto di rappresentati al Campionato Europeo di Street Dance, sempre per il settore Hip Hop. Melissa Falaschi, Francesco Meucci e Lorenzo Martelli si erano confermati ad alti livelli nel proprio settore (nel 2016 Martelli si era piazzato quarto nel singolo e Meucci secondo nelle battle agli Italiani, mentre Falaschi, in coppia con Cavataio, aveva conquistato il sesto posto nel duo sempre ai Mondiali) ed erano stati nuovamente chiamati a rappresentare l’Italia. Una sfilza di successi maturata anche nel primo scorcio di 2018, ai campionati Italiani assoluti di Hip Hop di Pescara. Gli atleti della Livorno Danza si sono confermati leader nel settore della street dance nazionale. I portacolori labronici si so-

Livorno Danza, una tradizione vincente anche per i balli più moderni La maestra Sonia Filippi ha condotto i suoi giovani allievi ai vertici mondiali della specialità

La Crew campione d'Italia d'Hip Hop della maestra Filippi

no distinti sia nel singolo maschile over 16, con tre atleti in finale tra cui Lorenzo Martelli medaglia d’oro, seguito al quarto posto da Francesco Meucci e al sesto da Francesco Luciano Benucci. Anche l’over 16 femminile ha regalato soddisfazioni con un’altra medaglia, quella d’argento di Melissa Falaschi. Ad arricchire il palmares, i piazzamenti del singolo maschile 12-15 anni, con l’oro del dodicenne Leonardo Di Grande nella sua prima gara in questa categoria d’età, e il quarto posto di Daniel Di Nasso. Declinata al femminile, la categoria 12-15 ha regalato l’argento a Federica Lomi e un quarto posto a Rebecca Riu. Soddisfazioni anche dal duo, con la vittoria di Lorenzo Martelli e Francesco Meucci tra gli over 16, e il quarto e sesto posto di finale del duo Luca Antonio Sommati-Rebecca Riu, e Daniel Di Nasso-Leonardo Di Grande.

con passione e determinazione dalla figlia Sonia Filippi con il prezioso contributo della nipote Marina e del marito Giovanni Adamo. La scuola è frequentata da allievi di ogni età e condizione sociale, accomunati dalla passione per questa attività motoria fatta di movimenti armoniosi, coordinazione, grazia e sincronismo.

Livorno danza

La scuola, vero polo di attrazione di quanti amano il ballo in tutte le sue varietà, ha una storia quarantennale al suo attivo. Fondata nel 1975 da Pasquale e Licia Filippi, oggi è diretta

I protagonisti livornesi medagliati agli Italiani d’inizio 2018


Vita da sportivi

Fabio Selmi

F

abio Selmi, classe 1966, è un vero e proprio punto di riferimento per chi sogna di sfondare e arrivare ai massimi livelli della danza sportiva. Il livornese, che cominciò ad appassionarsi al ballo intorno ai 10 anni, ha costruito in quarant’anni una carriera gloriosa. Un curriculum di prestigioso suddiviso in due tappe, entrambe altrettanto ricche di soddisfazioni: prima nei panni di campionissimo vincente in pista e poi, da quindici anni a questa parte, anche in veste di tecnico ‘guru’ capace di scoprire talenti e lanciarli ai vertici del firmamento della disciplina. “Sono partito nel 1976, quando ancora come tanti miei coetanei mi dilettavo a giocare a calcio nell’Armando Picchi – esordisce Selmi, oggi stimato nell’ambiente anche come giudice delle massime competizioni internazionali – Avevo però un cugino amante del ballo, che mi invitò ad uno spettacolo esibizione in piazza Mazzini: rimasi affascinato dai colori dei costumi indossati dai protagonisti. Così decisi di provare anch’io e, dopo un periodo di pratica con-

Fabio Selmi, ex campione e oggi insegnante dei più forti danzatori sportivi temporanea tra calcio e danza, la passione per quest’ultima si rivelò troppo più forte. Più potente anche dei dubbi di mio padre: anche se negli anni ’70 i praticanti del ballo erano molti di più rispetto al periodo attuale, un certo pregiudizio legato al presunto orientamento sessuale dei ballerini era molto marcato a questi tempi…” Contro ogni perplessità e maldicenza quindi, Selmi ha anche avuto la fortuna di crescere all’ombra degli insegnamenti di una vera e propria pioniera della danza sportiva in Italia come la maestra Rosanna Ciancetta, ex presidente della federazione regionale, pescarese di nascita ma livornese d’adozione. “Lei ha visto subito che avevo talento e mi ha supportato molto, portandomi a vincere presto competizioni a livello anche nazionale” ricorda Selmi, ritiratosi poi all’apice della carriera nel 2002 quando, nel giro di tre anni, aveva da poco colto le affermazioni migliori. Nel palmares, anche il titolo di vice campione europeo tra i professionisti e il terzo posto sul podio dei Campionati Mondiali. Da insegnante poi, ha saputo trasmettere altrettanta fiducia nei loro mezzi ai propri allievi: come maestro, il labronico ha saputo portare il pisano Mirko Gozzoli qualcosa come otto volte consecutivamente al titolo di Campione del Mondo di danze Standard. Una continuità di rendimento anche fuori dalla pista che gli ha permesso di farsi notare anche all’estero, in primis nell’Europa dell’Est: già oltre un decennio ormai, Selmi vola periodicamente in Russia per seguire i migliori prospetti dell’ex Unione Sovietica, in primis quel Dmitry Zharkov che, in coppia con Olga Kulikova, dal 2015 ha messo in bacheca il titolo di

Campione del mondo di danze Standard per le ultime tre edizioni di fila. “Dal 2007 ho intrecciato questa collaborazione che sta dando buonissimi frutti. Anche perché a sua volta, anche lui insegna e una volta cresciuti allievi di alto livello, li passa a me per cercare di portarli a uno step ancora superiore” è la descrizione di Selmi riguardo a questa vera e propria ‘filiera’ di talenti. Nonostante nel suo curriculum figurino anche presenze di spicco dietro il tavolo dei giudici in occasione delle principali gare internazionali (eventi del Grande Slam, Campionati del mondo, eccetera), il livornese afferma di prediligere molto di più l’impegno attivo vicino alla pista. “A un giovane che intende avvicinarsi alla danza sportiva, dico che deve avere la fortuna di incappare in un’insegnante capace di fornire le giuste dritte non solo sul piano tecnico, bensì anche i consigli indispensabili su quali errori evitare – è il parere di Selmi – E poi gli consiglierei di viaggiare tanto e prepararsi al sacrificio di tante ore trascorse in palestra: una volta toccati certi livelli, non esistono più fine settimana liberi.” La ricetta per rilanciare il movimento nazionale invece, ultimamente appannatosi a livello di vittorie (dal 2000 al 2009 l’Italia aveva piazzato addirittura due coppie sul podio per quattro volte, ndr) sta nella suddivisione dei tecnici. “Nel panorama locale, si è assottigliata la domanda di persone che vogliono ballare mentre, al contrario, si trovano molti tecnici in più rispetto al passato – conclude Selmi – Per risollevare la qualità dell’insegnamento, occorrerebbe istituire tre fasce differenti e distinte: una dedicata ai principianti e ai senior amatori, una per il livello intermedio e una invece esclusiva per gli allievi avanzati e top.”

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Una vita sulla pista da ballo: un maestro della danza parla livornese

159


Cronometristi A cura di Andrea Puccini

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

ASD Cronometristi Livornesi: tanta voglia di vivere gli eventi da protagonisti

160

Federico Baldi Presidente ASD Cronometristi

“Q

Federico Baldi racconta il ruolo del cronos: un tecnico imprescindibile nello sport moderno

uello che ci muovo è una gran- salite, così come l’ippica o i kart. E molte al- nibile per malattia: servirebbero più uomini.” Nel 2016, ad esempio, gli eventi coperti de passione per lo sport in gene- tre – snocciola un lungo elenco il presidenrale, la vogli di vivere gli even- te Baldi – I servizi prestati poi, si differenzia- dall’ASD Cronometristi Livornesi sono stati agonistici in prima linea, accanto ai primi no in una doppia tipologia: quelli normali e ti 120. Di questi, un terzo esatto sono staattori se non , pur indirettamente, da prota- quelli che richiedono alcune competenze o te gare di nuoto, spalmate su 56 settimane gonisti dell’appuntamento” spiega Federico tecnologie prettamente specializzate in un nel corso dell’anno: un impegno cospicuo Baldi, numero uno dell’ASD Cronometri- settore, come ad esempio, può essere l’utiliz- e costante. I rallies invece sono stati ventisti Livornesi. Un collettivo che attualmente zo delle piastre per rilevare il tocco del nuota- cinque. Tra quelle prestigiose coperte oltre i raggruppa qualcosa come una cinquantina tore in vasca. Inoltre, anche all’interno di una confini regionali (il Rally Alpi Orientali a Udidi appassionati, oltre agli otto nomi bene- stessa disciplina come possono essere i rallies, ne e quello nido dell’Aquila nel perugino, su meriti che nel passato si sono guadagnati lo vi è l’esigenza di differenziare alcune compe- tutti) e le corse disputate in Toscana, con i status di socio per il prolungato impegno ri- tenze considerato l’alto numero di persone due appuntamenti internazionali dell’Isola d’Elba in primis. Due appuntamenti preveversato in favore della causa. coinvolte”. La criticità più sentita da chi subisce il dono un dispiegamento massiccio di forze: “Siamo orgogliosi di vestire le nostre divise nei più disparati contesti nei quali ci trovia- fascino del timing perfetto è quella, ancor in media, sono impiegati oltre 30 uomini mo ad operare, dall’indoor delle piscine e del- prima della scarsità di fondi economici a per un sistema di gestione tempi e compile palestre agli spazi aperti degli ippodromi e supporto del movimento, legata alla pro- lazione delle relative classifiche disponibidelle strade. E’ solo la passione che ci spinge gressiva erosione d’iscritti per un mancato li in tempo reale, sia in sala stampa che sul web. Un fiore all’occhiello del movimento a sacrificare tante ore del nostro tempo libe- ricambio generazionale. “Il nostro è tutto volontariato e molto spes- labronico, progettato proprio dallo staff dei ro solo per alzarci presto o restare svegli fino a tarda notte anche nel weekend. Un’espe- so, per quanto riguarda la nostra realtà pro- fedelissimi di Baldi. Uno che nel ’95, dopo rienza fatta di tanto sacrificio ma anche di vinciale, il numero degli effettivi disponibi- aver assistito da spettatore alla Coppa Ligratificazione per il senso di collaborazione e li ogni fine settimana per coprire le diverse burna, decise di seguire le orme di un colleamicizia che inevitabilmente nasce quando si competizioni in agenda è vicino a non essere ga di lavoro: per una passione che dura oropera spalla a spalla verso un unico traguar- completamente sufficiente – lamenta Baldi- mai da 23 anni, con gli ultimi 5 spesi a capo do: il nostro unico obiettivo e riferimento in- Ovviamente, su 50 persone potenzialmente dell’ASD livornese. arruolabili, non si può contare sempre su tutfatti resta il tempo”. “I nostri cronos vengono chiamati spesso Un ruolo chiave, imprescindibile quello ti. C’è chi ha esigenze familiari, chi è indispo- a effettuare questo tipo di servizi anche per altre province e/o regioni – sottodei cronometristi. Figure senza le quali non si potrebbero dispulinea con orgoglio Baldi – Negli tare tantissime manifestazioni anni infatti la funzione del cronosportive, dalle realtà più piccometrista è mutata: da semplice rilevatore dei tempi, con i progresle e locali sino a quelle blasonasi della tecnologia a disposizione te di rilievo nazionale e internafattasi sempre più sofisticata, si zionale. “Siamo presenti al fianco di è passati a profili di vero tecnico specializzato. tutte quelle discipline che necesUn lavoro il cui valore è riconositano di rilevazioni cronometriche. A livello provinciale quindi, si sciuto e apprezzato ormai universpazia quindi dal nuoto, alle gare salmente. Un fattore d’eccellenza di cui la nostra Federazione può remiere, al canottaggio, all’atletica, al pugilato, i rallies e le corse in Lo staff livornese impegnato all'ultimo Rally Elba Storico del settembre 2017 andare fiera.”


Parola ai protagonisti

Vittorio Tajariol

“S

e vuoi vivere una manifestazione sportiva dall’interno, se sei curioso di sapere che cosa si nasconde dietro ad un record del mondo o come funziona il famoso “fotofinish” (oggi finish lynx), se vuoi controllare il tempo e fermare il millesimo…” Questa potrebbe essere una frase da poter usare come propaganda per far si che giovani e meno giovani si avvicinino al cronometraggio ed inizino il cammino come allievi. Purtroppo, questo non basta. Io personalmente, insieme ad un altro consigliere, siamo andati ad interpellare i giovani direttamente nelle scuole, nelle “quinte”, ma la ricerca non è stata molto proficua, anche perché la prima domanda che abbiamo ricevuto dai ragazzi è stata: “ma quanto si guadagna?”. Ma il cronometrista è uno che sacrifica famiglia o amori o la fidanzata il sabato e/o la domenica e nei giorni festivi e non guadagna nulla se non il rimborso

Curiosità e voglia di fornire un contributo fondamentale alle manifestazioni agonistiche

spese. Infatti, trattandosi di volontariato, l’unica cosa che possiamo dire è che non c’è rimessa, cioè, in sintesi, le spese di trasporto o tutte le altre spese che si debbono “sopportare” nello svolgimento del servizio, vengono rimborsate. Nella nostra Associazione gli allievi sono venuti dai più svariati settori: c’è stato il sommozzatore dei Vigili del Fuoco, la mamma con i figli piccoli, lo studente universitario, il volontario della Croce Rossa, per citarne alcuni. Comunque, diventare Cronometrista è un’avventura entusiasmante e ricca di sfide interessanti, un ruolo al centro di oltre 30 discipline sportive. La figura del cronometrista è spesso sottovalutata, ma in alcuni sport invece è veramente una figura essenziale; senza il cronometrista, non sarebbe possibile calcolare i tempi d’arrivo nelle gare automobilistiche, non si potrebbero tenere le gare di sci, e tutte quelle competizioni dove vince chi ha percorso il tragitto nel minor tempo possibile. Per capire meglio qual’ è il valore da attribuire all’impegno dei cronometristi è necessario, in primo luogo, tenere conto delle difficoltà ambientali, logistiche ed operative in cui i cronometristi, a volte, devono operare. Sedi disagiate, percorsi di gara rudimentali (in modo particolare i trials, i rally, i cross) rendono estremamente complicato Cronos 'in azione' sul campo all'Elba in occasione del Rally il lavoro dei cronome-

tristi che, malgrado tutto, devono sapersi trovare al posto giusto ed al momento giusto per dare validità ad una prestazione o sancire il risultato finale di una competizione. Non è raro che i cronos compiono il loro lavoro sotto la pioggia battente o sotto il sole più infuocato, su piste sterrate, dimostrando una professionalità ed un rigore che, ai più, passa inosservato. Senza pensare che classifiche, vittorie e graduatorie si devono al lavoro oscuro, puntiglioso e preciso dei cronometristi che, ribadisco, non svolgono la loro attività per professione e, quindi, a scopo di lucro. Per fare una comparazione, gli altri Paesi si avvalgono di tecnici esterni, ma in Italia esiste una federazione che cerca di professionalizzarsi giorno per giorno. Ha le capacità uniche per venire incontro alle esigenze che sono sempre più crescenti, anche con i media, cercando di dare tutti i supporti possibili, anche nel rapporto crono e televisione, a partire dalla tempistica e la grafica. La tecnica del cronometraggio va aggiornandosi in maniera entusiasmante, soppiantando quasi del tutto il cronometraggio manuale. Tarature delle apparecchiature con sistemi gps, cronometri multiprogrammabili al millesimo, fotocellule e tabelloni luminosi per la visualizzazione dei tempi, sono ormai una realtà consolidata, così come i risultati su tablet e smatphone. La tecnologia corre veloce e credo che l’offerta dell’evento in tempo reale sulle dirette in streaming, sia il futuro della multimedialità applicata allo sport e allo spettacolo ed è la tecnologia che la Federcronos riesce ad usare. Valerio Moggi Vicepresidente ed Addetto Stampa ASD Cronometristi Livornesi

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

Cronometristi, un modo indiretto di vivere da protagonisti gli eventi sportivi

161


2017: tutti i risultati

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

E

ccoci di nuovo qui, anche per l’anno 2017 e grazie alla Redazione dell’Almanacco dello Sport, a stilare il consuntivo dell’attività svolta dall’Associazione Cronometristi Livornesi. Permettetemi, però, di aprire una piccola parentesi sulla figura del cronometrista sportivo in generale. Il cronometraggio sportivo è una disciplina affascinante perché percorre trasversalmente tutti gli sport: quelli in cui si rinnova da secoli la sfida dell’uomo contro il tempo, ma anche quelli in cui le macchine, i motori e, oggi più che mai, le tecnologie offrono un contributo tutt’altro che trascurabile. Nei 97 anni che segnano la nostra storia (la Federazione Cronometristi è nata, infatti, il 3 novembre 1921), i cronometraggio ha avuto uno sviluppo enorme al pari e, forse, più di tutte le discipline sportive. La tecnologia e la formazione professionale sono per noi punti di riferimento indispensabili. Crediamo di poter affermare che dietro l’angolo c’è per tutti noi un ruolo sempre più elevato (ed in qualche modo anche sofisticato) al servizio dello sport. “Vediamo il fotofinish”, “attendiamo il responso del cronometro”, sono frasi ripetute migliaia di volte da telecronisti e speaker prima di poter affermare con assoluta certezza una vittoria oppure un

Posa collettiva per gli amanti del timing

162

I Cronometristi livornesi anche quest’anno in prima fila nelle manifestazioni sportive Il bilancio, tempi alla mano, dell’attività svolta nel 2017 dai tanti appassionati del tempo sportivo

Cronometristi divertiti al Rallye Elba

record di un’atleta. L’immagine del cronometrista con la “cipolla” in mano, ormai fa parte del passato e di sbiadite fotografie, in bianco e nero, di eventi sportivi ormai lontani nel tempo. Negli anni la sua professionalità ha saputo e dovuto evolversi coi tempi ed ha saputo impadronirsi e dominare una tecnologia incalzante ed implacabile. Ed ora veniamo al 2017, anno che ci ha

visto ancora pronti a fornire il nostro importante contributo per la realizzazione degli eventi sportivi. L’Associazione Sportiva Dilettantistica Cronometristi Livornesi è una delle 108 Associazioni sparse sul territorio nazionale e conta circa 55 cronometristi ufficiali e 6 allievi. Essendo il nostro un impegno di volontariato e svolgendosi, le manifestazioni sportive, principalmente nei weekend, il numero dei nostri cronos, non risulta spesso sufficiente a coprire i servizi, dati gli impegni di famiglia e di lavoro di ognuno di noi. Ecco perché siamo sempre alla ricerca di nuovi “adepti” e, comunque, si sopperisce a eventuali mancanze, interpellando altri cronometristi delle Associazioni viciniore. Il nuoto, sport importante nella nostra città, ci ha visti impegnati per


molteplici eventi sia nelle piscine di Livorno, sia in altre disseminate nelle province limitrofe e ciò lo dobbiamo al fatto di avere due team specializzati sull’uso delle piastre di contatto. E’ un bel vanto per la nostra Associazione, ma portare avanti un impegno di questo genere, credetemi, non è semplice, visto che la parte logistica di preparazione e smontaggio di queste apparecchiature, comporta del tempo in più da dedicare alla manifestazione sportiva. Altresì, siamo stati impegnati, anche per quest’anno, in numerosi concorsi ippici, in primis quello prestigioso dell’Accademia Navale, fornendo al pubblico presente, tramite il software impiegato, una molteplice serie di informazioni supplementari oltre, ovviamente, al tempo impiegato dai concorrenti. L’atletica leggera, altro sport che vede a Livorno un gran numero di appassionati praticanti, ha veduto i nostri cronometristi oltre che ad essere impiegati al “campo scuola”, soprattutto alla Maratona Città di Livorno, di valenza internazionale, dando modo alla nostra Associazione di fornire una prova concreta della propria professionalità e capacità su di un campo di gara molto specifico e particolare, fornendo i tempi relativi alle differenti categorie. E veniamo agli sport motoristici, ma forse sarebbe meglio dire soltanto automobilistici visto che ormai a Livorno e dintorni non esiste più una pista di motocross. La nostra Associazione ha conti-

nuato ad essere impegnata sia localmente, con le gare organizzate da ACI Sport Livorno quali il Rallye Elba Storico, l’Elba Graffiti e l’Historic Regularity Sport, ma anche nella nostra Regione e fuori di essa per appuntamenti motoristici. Questo scaturisce dalla possibilità, ormai consolidata nel tempo, che hanno i nostri cronometristi di elaborare i tempi impiegati dai singoli concorrenti, rendendoli disponibili in tempo reale sia per il centro classifiche che per la sala stampa e, ove possibile, sulla pagina web della manifestazione stessa. Anche quest’anno l’alta preparazione dei cronometristi livornesi è stata oggetto di ottimi riconoscimenti sia da parte degli organizzatori, sia dai rappresentanti dei media. Oltre a quelli appena citati, siamo stati presenti sui campi di gara di altri sport, quali il ciclismo, il pattinaggio, il karting,

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

Ancora una postazione dei cronometristi al Rally Elba Storico del 2016

il triathlon e il pugilato. Da non dimenticare che la nostra Federazione è l’unica riconosciuta dal CONI, quale unica a disciplinare, regolare e gestire il cronometraggio e l’elaborazione dei dati delle manifestazioni sportive che si svolgono in Italia. Ho tenuto per ultimo, ma soltanto per dargli il risalto che gli spetta, le gare remiere livornesi. A Livorno, città d’acqua e di tradizioni sportive e marinare, le gare remiere sono una sfida che ha radici storiche lontane e gli organizzatori della Coppa Risi’atori, del Palio Marinaro, della Coppa Barontini, della Coppa Santa Giulia, del Palio dell’Antenna, svoltesi nella suggestiva scenografia dei fossi medicei e in mare aperto, hanno manifestato un grande apprezzamento per l’alta professionalità dimostrata dai nostri cronos a gestire eventi sportivi di questo genere. In conclusione posso affermare di essere soddisfatto dell’andamento del nostro operato anche per quest’anno in cui le manifestazioni sportive a cui abbiamo preso parte, sono state, per numero, simili a quelle del 2017 e terminerei affermando che diventare cronometrista è un’avventura entusiasmante e ricca di sfide interessanti ed approfitto di queste pagine per invitare tutti coloro che potrebbero essere interessati al cronometraggio, a contattarci inviando una mail a crono.livorno@ficr.it o contattandoci al numero 0586/862711 dalle ore 21,00 alle ore 23,00. Buon tempo a tutti. Federico Baldi Presidente ASD Cronometristi Livornesi

Anche i cronos labronici alla manifestazione ‘AiutiamoLI’ organizzata lo scorso novembre a favore degli alluvionati livornesi

163


Calcio A cura di Andrea Puccini

Paolo Pasqualetti Delegato provinciale FIGC

“Tante iniziative e ben 4831 tesserati: molto lavoro, molte soddisfazioni”

“D

ai Piccoli Amici del 2011, alla Terza Categoria, di lavoro da fare ce n’è tantissimo e la delegazione provinciale Figc di Livorno è impegnata nel rispondere nel miglior modo alle richieste delle varie società”. Impegno, passione e voglia di crescere. Sono questi i principi sui quali si basa il lavoro di Paolo Pasqualetti, il delegato provinciale della Figc. Tra Terza Categoria e Juniores, Livorno ha ben 31 squadre iscritte. Mentre nei vari settori giovanili, sono 4831 i tesserati delle società. Questo significa che il nostro territorio ha un enorme bacino d’utenza. “Ad oggi – spiega – il numero delle squadre partecipanti ai vari campionati, non permette più di rimanere vincolati alla provincia di appartenenza, ma dobbiamo attingere ad altre delegazioni o viceversa mandare delle nostre squadre in supporto ad altre realtà. I tesserati per la delegazione di Livorno, sono circa 4831. La nostra città ha numeri importanti, ma quello che ci interessa maggiormente è che i ragazzi si divertano e che si mantenga un buon livello di partecipazione delle nostre società”.

Un'immagine tratta dell'ultima Festa del Pulcino

Grandi celebrazioni per l'appuntamento con la Festa del Pulcino

Tra l’altro tutte le società stanno tenendo un comportamento perfetto. “A livello di giustizia sportiva possiamo ritenerci abbastanza soddisfatti. Non si sono verificati episodi di grande rilievo, come non abbiamo avuto episodi di razzismo”. Sono tante, inoltre, le iniziative organizzate per i più piccoli. “Organizzeremo due manifestazioni, una provinciale allo stadio Armando Picchi, l’altra regionale. Alla prima parteciperanno 400 ragazzi che anche solo per un giorno potranno coronare il proprio sogno di calcare lo stadio più importante della propria città, sotto gli occhi degli allenatori, genitori e parenti, essendo la manifestazione aperta a tutti. La seconda, di carattere regionale, è la famosa “Festa del Pulcino” sull’Isola d’Elba. Quest’anno sarà dedicata in particolar modo all’ex Presidente del Comitato Regionale Toscano, il

dottor Fabio Bresci, recentemente scomparso, che ha sempre voluto questa manifestazione. La kermesse si articola in due giornate, la prima con la sfilata di tutte le squadre partecipanti, la seconda con incontri non agonistici disseminati su tutti i comuni dell’Elba. Ringrazio, a proposito, il dottor Onorato, come al solito, che garantisce tariffe ridotte per consentire a tutti i piccoli calciatori di partecipare al torneo raggiungendo l’isola con una convenzione speciale sulle navi Moby Lines. Ricordo, infine, che la delegazione di Livorno, tramite un nostro rappresentante, è arrivata a ricoprire per la prima volta una carica prestigiosa a livello regionale. Il nostro consigliere Bruno Pernicioni è stato nominato vicepresidente vicario del Comitato Regionale Toscano, carica che dà lustro a tutto il movimento della nostra provincia”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Scuole calcio e giovanili: il punto di Paolo Pasqualetti

165


Dieci Settembre 2017 e il calcio diventa solidarietà

Tutti insieme per ilDerby del cuore

La locandina dell'evento benefico

L

a terribile alluvione che si è abbattuta sulla città lo scorso 10 settembre, portandosi via 9 vite e distruggendo case, ponti e macchine, ha sconvolto tutti. E il mondo dello sport non poteva rimanere impassibile difronte a una tragedia del genere. Per questo motivo, da subito, società, associazioni e club livornesi si sono attivati per cercare di dare il proprio contributo. Da questo punto di vista, il Livorno Calcio è stato in prima linea, devolvendo l’intero incasso del derby tra Livorno e Lucchese, che si sarebbe dovuto disputare proprio nel giorno del nubifragio, e – soprattutto – organizzando un vero e proprio derby del cuore con il Pisa. Davanti a una cosa così terribile, infatti, anche le rivalità più accese passano in secondo piano e le due città, comprese ovviamente le due tifoserie, hanno messo da parte il campanile per contribuire ad aiutare gli alluvionati. E così, al Picchi,

la sera del 3 ottobre si è svolta una bella amichevole tra vecchie glorie amaranto e nerazzurre, insieme a tanti personaggi dello spettacolo e dello sport nazionale. La partita è finita 2-2 in virtù delle reti di Protti, Buscè, Savoldi e Volandri, ma quello che più conta è stato il tanto affetto che la città ha dato ai più bisognosi seguendo lo slogan “AiutiamoLi” creato da Giorgio Chiellini e Lamberto Giannini con la Caritas locale. E proprio l difensore livornese è stato uno dei principali testimonial della serata, giunto al’Ardenza in rappresentanza della Nazionale Italiana di Calcio. Con lui c’era anche Massimiliano Allegri, un altro livornese doc che sin dai primo momenti post alluvione ha contribuito ad aiutare la città. La serata è stata molto partecipata dal pubblico che ha voluto partecipare in massa per dare il proprio contributo. Ecco i giocatori delle due squadre:

AS Livorno Calcio:

Andrea Ivan, Marco Amelia, Fabrizio Boccafogli, Francesco Palmieri, Fabio Galante, Alessandro Doga, David Balleri, Juriy Cannarsa, Gennaro Ruotolo, Paolo Strin-

gara, Riki Di Bin, Cristian Scalzo, Claudio Ramacciotti, Enio Bonaldi, Stefano Fanucci, Gianpietro Piovani, Mauro Nardini, Jorge Vargas, Michele Gelsi, Igor Protti, Davide Mezzanotti, Davide Matteini, Claudio Grauso, Andrea Bagnoli, Mattia Lucarelli, Matteo Melara, Antonio Filippini, Emanuele Filippini, Paolo Migone, Filippo Volandri, Luciano Mucci, Leonardo Fiaschi, Michele Crestacci, Paolo Bettini, Federico Turrini. Allenatori: Allegri-Burroni

Pisa Sporting Club:

Luca Righi, Alessandro Mannini, Gianluca Neri, Alessandro Birindelli, Gabriel Raimondi, Ildebrando Stafico, Mirco Taccola, Emiliano Niccolini, Jacopo Balestri, Alessandro Baroni, Francesco Gabrielli, Marco Masi, Franco Ipsaro, Davide Cei, Luca Mattei, Ubaldo Pantani, Alessio Di Petrillo, Paolo Andreotti, Alessandro Volpa, Christian Amoroso, Claudio Di Prete, Federico Balestri, Giovanni Corrado, Jerry Cavallo, Vittorio Calissi, Mirko Paletti, Lido Malasoma, Massimo Gargani, Luca Cecconi, Gianluca Savoldi, Vitaliano Bonuccelli, Paolo Ghezzi, Samuele Pampana. Allenatore: Giannini

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Dopo la tragica alluvione, un derby tra amaranto e nerazzurri per beneficienza

I protagonisti del Derby del Cuore al gran completo

167


Dal campo alla società, il cuore di Protti non smette di stupire Il club manager amaranto è rimasto al suo posto per amore della maglia

A

lla fine ha prevalso il cuore e Igor Protti resterà in società. Dopo essere tornato nella sua squadra del cuore come club manager nell’estate del 2016 e aver onorato questo ruolo fino all’ultima goccia di sudore, nell’ultimo periodo il Signore delle Reti ha un po’ tentennato. A farlo traballare sono state tante cose, ma principalmente il timore di non riuscire più a trasmettere alla squadra il senso di appartenenza e l’attaccamento alla maglia. I dubbi e le perplessità sono durati qualche giorno e sono cresciuti da gennaio in poi. Ma dopo la vittoria con il Siena, dopo le lacrime e quella corsa negli spogliatoi senza andare sotto la Curva Nord, il “capo degli ultrà” ha deciso di rimanere nel Livorno. “Quando sono venuto un anno e mezzo fa – ha spiegato in un’apposita con-

Uno scatto d'annata per 'Re' Igor sotto la sua amata Curva Nord

Igor Protti mentre segna il celebre gol della promozione in B a Treviso nel 2002

ferenza stampa al Centro Coni di Tirrenia – l’ho fatto per riportare il Livorno in serie B e ci credo ancora. Ma è ovvio che prestazioni come quella di Piacenza, mi hanno buttato giù e mi hanno fatto pensare di lasciare. Avevo parlato con i ragazzi e avevo chiesto loro di darmi un segnale. E la risposta che mi hanno dato martedì sera è stata inequivocabile». Ma alla base del tentennamento di Protti, non c’erano solo motivazioni legate al campo e alle sconfitte. «Pensavo di essere io che non riuscissi più a trasmettere i valori alla squadra. Poi ci sono state anche tante altre cose...”. Le dimissioni di Sottil, il suo ritorno, il nuovo esonero, l’arrivo di Foschi, l’addio di Pecini, il declassamento di Facci e l’arrivo di Signorelli. È tutto questo insieme di cose ha fatto riflettere Igor. “Con Signorelli mi dovevo chiarire, c’erano stati dei malintesi, perciò dovevamo parlare. Lo abbiamo fatto e abbiamo messo il Livorno davanti a tutto, perciò adesso è tutto ok. Mi è dispiaciuto che siano an-

dati via Sottil e Pecini. Io comunque sono pronto a combattere e non ho paura di niente quando so che ho una squadra che lotta per un unico obiettivo. Con la vittoria contro il Siena ho avuto delle risposte importantissime dal gruppo. Quando Mazzoni e Foschi sono venuti ad abbracciarmi, ho capito che il mio posto era questo e che il mio obiettivo è quello di far tornare il Livorno in serie B”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Igor Protti

Braccia alzate per ricevere il tributo dei tifosi

169


Parola ai protagonisti Murilo: dal Brasile all’Ardenza con il gol nel sangue

M

L’attaccante si è dimostrato l’arma in più: pazzesca la sua tripletta a Pontedera

urilo è uno che non realizza mai gol casuali, ma quando segna lo fa sempre in gran-

de stile. Lo ha fatto contro la Lucchese, nella serata in cui si ricordavano le vittime per la tragica alluvione, lo ha fatto aprendo le danze nel 3-0 contro la Pro Piacenza all’andata, lo ha fatto a Gorgonzola, con una doppietta che restituito la vittoria al Livorno dopo più di 2 mesi di astinenza. E poi, soprattutto, lo ha fatto a Pontedera, con una tripletta in rimonta che è rimasta nella storia. Gli amaranto, infatti, erano sotto 2-0 a meno di un quarto d’ora dalla fine della partita. I suoi tre guizzi nel finale, però, ribaltarono il risultato e fecero letteralmente esplodere il settore ospiti del Mannucci. Mendes è così. Sangue brasiliano che scorre nelle vene, qualità da vendere e tocco di palla vellutato. Forse neanche lui credeva che avrebbe rimontato la partita, segnando quei tre gol. O forse sì. Fatto sta che la sua corsa sotto la curva dei livornesi in delirio è una delle cartoline più belle di questo campionato. “Sono arrivato qui – ha spiegato in una recente intervista sul profilo Facebook del Livorno Calcio – che ero ancora giovane, venivo dalla Primavera del Napoli e dovevo imparare tutto. Quell’anno, il Livorno era in serie A ed era un altro mondo rispetto ad adesso, perché la C purtroppo è tutta un’altra

L'esultanza del brasiliano al Picchi dopo aver segnato un gol

cosa. Ma io sono convinto che il Livorno in questa categoria non ci possa stare, non le appartiene. Ha una storia, una tifoseria, una squadra e una società che meritano altri palcoscenici”. Oltre all’ambiente, allo spogliatoio e alla squadra, Murilo si è affezionato anche alla città e ai livornesi, visto che siamo un popolo caldo e accogliente, proprio come i brasiliani. Ed è per questo che, dopo un periodo un po’ sottotono, il sudamericano è tornato in gran forma.

Altri due gol fondamentali, infatti, li ha segnati a Viterbo, nell’1-3 che ha permesso agli amaranto di rimanere a più 2 sul Siena. “Ci impegniamo tanto in allenamento – ha detto subito dopo la bella doppietta – e i due gol li ho fatti io, ma in realtà il merito è di tutta la squadra. Penso che non ci siamo mai dimenticato come si gioca. C’è stato un leggero periodo di calo che non è piaciuto a nessuno. Siamo un gruppo che ha voluto riportare questa squadra in B. Tutto è dipeso da noi.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Mendes Murilo

171


Vita da sportivi La grinta di Cannarsa per trasmettere passione ai giovani

Il settore giovanile del Livorno è cresciuto molto negli ultimi anni. La società, infatti, ha deciso di investire tantissimo sui ragazzi livornesi e questa scelta ha portato degli ottimi frutti. Lo scorso anno, non a caso, la Berretti allenata da Marco Nappi, si è laureata campione d’Italia, conquistando lo scudetto nella finalissima di Prato contro il Renate. La partita non ha mai avuto storia e i campioncini livornesi si sono imposti 2-0 grazie alle reti di Filippo Bardini e Matteo Pallecchi. Centrato questo importante traguardo, però, i dirigenti amaranto non si sono certo fermati, ma anzi hanno continuato a lavorare sodo per mantenere il livello altissimo anche in futuro. Ed è proprio questo l’obiettivo di Juri Cannarsa che con il Livorno ho ottenuto una storia promozione in serie A dopo 55 anni di attesa e adesso è protagonista di un buon campionato alla guida degli Under 17. “Per me – ha spiegato l’ex difensore in un’intervista sulla pagina Facebook del Livorno Calcio – è un onore far parte delle giovanili del Livorno. È già la seconda stagione che alleno gli Under 17 e stiamo crescendo molto. Tra l’altro quest’anno la rosa è un po’ più piccola del nor-

Un'immagine simbolica della grinta che Cannarsa metteva in campo da giocatore

L’ex difensore artefice della promozione in A, oggi allena gli Under 17

L'ex difensore amaranto è oggi al timone della selezione under 17

male perché non essendoci l’obbligo di allestire anche l’Under 16, abbiamo scelto di fare un unico gruppo, amalgamando le due categorie e creando una squadra che possa rimanere unita anche per il futuro”. Impegno, passione e tanto lavoro, dunque, per Juri Cannarsa che si sta sempre più trovando a suo agio in panchina dopo una vita passata in campo. “Il mio compito è insegnare ai ragazzi i principi del calcio, quelle basi sulle quali ognuno deve lavorare per crescere. Sono come dei fondamenti che spero si possano portare dietro nelle rispettive carriere, che mi auguro siano nel Livorno”. I ragazzi, comunque, sono migliorati tantissimo, non solo sotto il profilo del gioco, ma anche dal punto di vista del carattere. “Nel calcio la grinta è fondamentale. I giocatori stanno tirando fuori il carattere in un campionato che è molto competitivo e perciò è necessario che oltre all’aspetto tecnicotattico si curi anche quello della personalità”.

Invece, per quanto riguarda il modulo, Cannarsa non ha dubbi. “Tutto il settore giovanile è orientato sul 4-3-3, un modulo che ti permette di avere maggiori possibilità a seconda di come si mette la partita. In questo modo, i ragazzi possono muoversi parecchio e imparare a stare in campo nelle varie situazioni di gioco”. E a proposito di settore giovanile, il progetto della società è quello di creare una sorta di “cantera” da poter sfruttare in futuro. “La nostra unica politica è quella di far approdare i ragazzi in prima squadra il più presto possibile. Già quest’anno quattro ragazzi sono stati convocati con la Berretti allenata da Pagliuca e questo per me è un grande orgoglio, significa che c’è sintonia e che stiamo lavorando bene. Uno di questi è addirittura del 2002. Poi ci sono altri giocatori che sono già nel giro della Nazionale. Il progetto è bello e importante perché la società lavora seriamente e in ottica futura. Tutti noi, sia i giocatori che il sottoscritto, siamo stimolati a fare bene”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Juri Cannarsa

173


Continuiamo a stare… Allegri: uno dei più vincenti di sempre

Il livornese riceve ancora una volta il premio come miglior tecnico italiano

È

livornese l’allenatore più bravo d’Italia. Stiamo parlando di Massimiliano Allegri che per la terza volta consecutiva si è aggiudicato l’ambitissima “Panchina d’Oro” 2018, il premio organizzato dalla Figc che celebra i migliori allenatori della stagione precedente. Le votazioni sono state organizzate dall’Assocalciatori e hanno potuto esprimere il proprio giudizio i tecnici di tutti i tre campionati professionistici italiani maschili e dei due principali campionati femminili. Dopo aver ottenuto questo importante riconoscimento nella stagione 2008/09, quando era alla guida del Cagliari, Max ha fatto il bis nel 2014/15 alla sua prima stagione in bianconero, quando arrivò a un soffio dalla conquista della Champion’s League. Questo è il terzo premio, arrivato al termine dell’ennesima stagione esaltante sulla panchina della Juventus. Alle sue spalle, Giampiero Gasperini, mister dell’Atalanta, e

Max Allegri con la coppa riservata ai vincitori dello Scudetto

Allegri concentrato prima di un match

Maurizio Sarri, tecnico del Napoli. “Acciuga” da quando è arrivato a Torino ha conquistato tre Campionati Italiani (2014/15; 2015/16; 2016/17), una SuperCoppa Italiana (2015) e tre Coppe Italia (2014/15; 2015/16; 2016/17). Mentre se consideriamo anche le sue stagioni al Milan, dobbiamo aggiornare la bacheca con un altro Scudetto (nella stagione 2010/11) e un’altra SuperCopp Italiana (nel 2011). Allegri, inoltre, è arrivato per ben due volte (nel 2015 e nel 2017) in finale di Champion’s League. Entrambe le volte, però, purtroppo la Coppa dalle “grandi orecchie” gli è sfuggita dalle mani, prima per colpa del Barcellona, che tre anni fa si impose 3-1 all’Oympiastadion di Berlino, e poi del Real Madrid, che nel 2017 ha battuto i bianconeri 4-1 nella sciagurata finale di Cardiff. Ma queste due sconfitte non possono certo macchiare la carriera dell’allenatore livornese che è senza dubbio tra i più forti d’Europa, oltre che il numero uno in Italia. Max, infatti, ha inventato un nuovo modo di interpretare il calcio, molto più tattico e aggressivo di quello che conoscevamo. Ed è grazie a queste sue doti, oltre a una rosa di indiscussa qualità, che la Juventus in questi anni sta letteralmente dominando in Italia e sta facendo benissimo in Champion’s. Insomma,

grazie ad Allegri, anche un po’ di Livorno sta primeggiando nel nostro campionato.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

“Acciuga” viene eletto per la terza volta il miglior allenatore d’Italia

Il tecnico della Juventus impegnato a impartire ordini a bordo campo

175


Pavoletti, il bomber con il cuore d’oro e i piedi vellutati Dopo una stagione sottotono a Napoli, a Cagliari ha finalmente trovato la seconda casa

D

alla serie D con il Picchi, all’Europa. Leonardo Pavoletti è l’attaccante livornese più forte del momento. Preciso con i piedi, concreto, potente sia di destro che di sinistro e ottimo colpitore di testa, il “Pavo” è un vero e proprio panzer che sta facendo impazzire tutti gli amanti del bel calcio. Dal Sassuolo a Genoa e poi dal Napoli al Cagliari, Leonardo ha sempre fatto sognare i tifosi. Purtroppo per i tanti amici ed estimatori che ha in città, per il momento non è ancora riuscito a giocare con la maglia amaranto. Ma comunque, in ogni occasione, si è sempre sentito orgoglioso di essere livornese. Sia in seguito all’alluvione che ha colpito Livorno lo scorso 10 settembre, che nel recente, tragico, incidente che è costato la vita a due operai, l’attaccante ha sempre fatto sentire la propria vicinanza alle vittime. Risale a poco tempo fa, infatti, la sua

Uno striscione che inneggia al giocatore con il soprannome che gioca con le parole

Il bomber labronico esulta dopo una rete segnata con il Cagliari

“Instagram Story” con la statua del Marinaio all’Accademia con il lutto al braccio e la scritta “Non si dovrebbe morire a causa del proprio lavoro. Tutta la mia solidarietà alle famiglie delle due vittime livornesi”. Ma oltre a essere un ragazzo con un cuore d’oro, Pavoletti è anche un giocatore di grandissima qualità, che ovunque è andato, ha sempre lasciato un ottimo ricordo. Dopo aver segnato 16 gol in 68 presenze tra 2005 e 2008 nello splendido triennio al Picchi, lasciò Banditella per approdare al Viareggio e per poi iniziare un lento girovagare in su e in giù per l’Italia, tra Pavia, Juve Stabia, Casale e Lanciano. Il suo ritorno a Livorno, seppur da avversario, lo ha avuto nella stagione 2012/13 quando il suo Sassuolo si presentò a Livorno nel giorno di Santo Stefano. Dopo essere passati in vantaggio per 0-2, i neroverdi furono rimontati e superati grazie a un siluro da fuori di Salviato che fece esplodere lo stadio. Nonostante il ko, però, gli emiliani ottennero la promozione in A, ma Pavo-

letti rimase in B e con il Varese realizzò 20 gol in 36 presenze, un bottino di tutto rispetto che gli permise di approdare nella massima serie. Dopo una seconda (brevissima) parentesi a Sassuolo, Leonardo è approdato al Genoa dove ha giocato le sue due più belle stagioni della carriera. E questo, non solo per i gol (23 in 45 apparizioni) ma anche per un forte legame creato con la Gradinata Nord e con tutta la città di fede rossoblù. Nel gennaio dello scorso anno, però, decise di andare a Napoli, sperando di trovare spazio e mettersi in mostra, sostituendo l’infortunato Milik. Ma Sarri non lo ha quasi mai preso in considerazione. E così, in estate si è trasferito ancora e siccome ha il salmastro nelle vene, ha scelto di nuovo una città di mare. Da settembre a oggi ha giocato più di 20 partite ed è arrivato quasi in doppia cifra. Nella squadra in cui Corrado Nastasio vinse lo storico Scudetto, il Pavo spera di trovare finalmente una seconda casa.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Leonardo Pavoletti

177


2017: tutti i risultati

Q

uest’anno a Livorno è nata la Quarta Categoria. Si tratta di un progetto del Csi, il Comitato Sportivo Italiano, in collaborazione con la Figc, la Federazione Italiana Gioco Calcio. In ogni città, la squadra professionista si impegna ad “adottare” una formazione di ragazzi diversamente abili, fornendo loro palloni, divise da gioco e attrezzatura. Questo è ciò che è successo tra il Livorno Calcio e la Nuova Arlecchino, una società che da anni si occupa di sport e disabilità. “Per tutti noi – ha spiegato Natascia Lombardi – è una soddisfazione immensa rappresentare la città e indossare la divisa del Livorno. La Nuova Arlecchino sta vivendo questo progetto come un vero e proprio sogno perché per chi ama il calcio ed è nato in questa città, giocare nel Livorno rappresenta il massimo delle aspirazioni. Il Csi ci ha contattati per sapere se fossimo interessati all’iniziativa e noi ovviamente abbiamo risposto di sì”. E così il Livorno ha “adottato” la Nuova Arlecchino, fornendo loro quanto necessario per giocare. Le partite, invece,

La selezione formata da calciatori diversamente abili prende parte al progetto del Csi e della Figc

Una selezione della Nuova Arlecchino che partecipa alla quarta categoria

Un'altra posa di gruppo per la squadra nata dalla collaborazione con Il Livorno Calcio

si disputano allo stadio di Pontedera. Il campionato è iniziato il 17 marzo e gli amaranto si stanno comportando alla grande. “Quando andiamo in giro per l’Italia, lo facciamo in modo ancor più orgoglioso, visto che portiamo addosso i colori del Livorno. Dobbiamo affrontare squadre come Pisa, Fiorentina e Pontedera, tutte formazioni di disabili”. Si tratta di un campionato di calcio a 7, senza partner e

in campo scendono solamente i ragazzi diversamente abili. “Il progetto “Quarta Categoria” prevede molte altre iniziative che faremo insieme al Livorno Calcio e questo ci fa grande piacere. Inoltre, come Nuova Arlecchino, continueremo a portare avanti tutti gli altri nostri progetti e siamo impegnati in partite a Massa, Siena e Arezzo per il campionato Special Olimpics di calcio a 5, con squadre composte da 3 disabili e 2 normodotati. Ogni mercoledì ci alleniamo al campo delle Sorgenti, abbiamo 12 ragazzi. E poi organizziamo tante altre iniziative per fare socializzazione e aggregazione”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Nasce la quarta categoria: Livorno Calcio e Nuova Arlecchino uniscono le forze

NUOVA ARLECCHINO

179


GIOVANISSIME e PULCINE

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

A

more per il calcio, passione e voglia di abbattere gli ultimi residui di quel terribile pregiudizio secondo il quale le donne non possono giocare a calcio. Oggi il Livorno ha un settore giovanile importante, che vanta tante ragazze tesserate e che guarda al futuro con grande ottimismo. Il motore di tutto è Martina Angelini, una donna che è riuscita a unire la passione per il calcio al lavoro e che sta tramandando il suo amore a tantissime piccole livornesi. Lei è la responsabile del settore femminile ed è grazie a lei se a Stagno le amaranto stanno facendo dei passi da gigante. Quest’anno il Livorno è riuscito ad allestire due squadre, una della categoria Giovanissime, che ha partecipato al campionato regionale, e una con le Pulcine, che disputano il campionato provinciale 2007 insieme ai maschi. “Le Giovanissime – spiega – sono arrivate terze nel loro campionato. È stato un ottimo risultato per un gruppo che è cresciuto tantissimo. Tra l’altro abbiamo avuto il miglior attacco de girone e questo non può che essere un motivo d’orgoglio per tutto il gruppo. Ad arrivare primo è stato l’Empoli, che ha ragazze di grandissima qualità. Ma all’andata siamo riusciti a battere le azzurre che contro di noi hanno subito l’unica sconfitta di tutto l’anno. La terza posizione ci dà accesso alla fase nazionale del campionato Under 15. Credo sia un’enorme gratifica-

Il futuro del calcio è rosa. E il Livorno ha un enorme potenziale Il settore femminile amaranto è il fiore all’occhiello che vanta anche Giovanissime e Pulcine

Il collettivo amaranto 'in rosa' della stagione corrente

zione per tutti gli sforzi che abbiamo fatto”. Tra l’altro la società ha scelto di non inerire 4 fuori quota per non alterare gli equilibri del gruppo e, soprattutto, perché crede fortemente in queste ragazze che, confrontandosi con le migliori squadre d’Italia, potranno crescere ancora tantissimo. “In rosa abbiamo tutte giocatrici del 2003, 2004 e 2005, allenate da Cristiano Simoncini. Adesso andremo alla fase nazionale e affronteremo squadre molto importanti, per questo il gruppo si allena 4 volte a settimana”. Oltre alle Giovanissime, a Stagno ci sono anche le Pulcine. “Loro – continua la Angelini – disputano il campionato provinciale 2007, insieme ai maschi. Il regolamento ci consente di avere in rosa

Capitan Luci posa con due colleghe del Livorno Calcio Femminile

180

anche qualche bimba del 2005 e del 2006, ma in realtà sono quasi tutte di pari età dei ragazzi”. Quest’anno, inoltre, le Pulcine allenate dall’ex giocatrice Laura Teodori partecipano anche alla Danone Cup, manifestazione che le ha viste arrivare quarte la passata stagione. “L’anno scorso arrivammo quarte dopo Juventus, Milan e Roma. Proveremo a difendere quella importante posizione, ma non sarà facile perché ci sono ben 68 squadre. Ringraziamo il Livorno, e nello specifico il responsabile del settore giovanile Alessandro Doga, che ci ha sempre sostenuto e ha dato a tutte queste ragazze la possibilità di giocare. Spero che nei prossimi anni il settore femminile amaranto s’ ingrandisca ancora”.

Il gruppo delle Giovanissime giunte terze nel loro campionato


C

alcio popolare, passione, attaccamento al territorio e senso di appartenenza. In una sola parola Fc Magenta. In uno sport che è sempre più dominato dai soldi, esiste ancora chi porta avanti valori come amicizia, aggregazione, socialità e fratellanza. La squadra è nata nel 2013 da un gruppo di ragazzi che si conoscevano da una vita e oggi partecipa al campionato Uisp Amatori del comitato Terre Etrusche Labroniche. Purtroppo le realtà di quartiere non esistono più e perciò il Magenta è forse l’ultimo esempio rimasto del calcio popolare, quello che parte dal basso e che va avanti solo ed esclusivamente grazie agli sforzi – anche economici – di giocatori e dirigenti. Sudore, fatica, rinunce e tantissima passione. Con la maggior parte della gente che ti prende per matto. Ma a loro, di cosa pensano gli altri non interessa niente. Anzi, è uno stimolo per fare ancora meglio. È forse proprio per questo che, quest’anno, i biancorossi sono in testa al campionato e hanno segnato una raffica di gol. Ma serve anche tantissimo cuore. I ragazzi del Magenta, infatti, quest’anno non hanno effettuato una normale preparazione estiva, ma per mettersi in forma in vista del campionato, si sono dati da fare andando a spalare il fango nelle zone colpite dalla tragica alluvione.

Magenta: calcio popolare, antichi valori, passione e amicizia In un ambiente spesso rovinato da interessi, c’è chi porta avanti solidarietà e tradizione ‘dal basso’

Il gruppo al completo del Magenta di quest'anno agonistico

“È vero – spiega Federico Sportielo, uno dei fondatori del gruppo – quest’anno abbiamo saltato la preparazione. In quel periodo, infatti, nel tempo libero andavamo a spalare il fango nelle zone alluvionate. Abbiamo solo fatto un po’ di corsa sul lungomare o qualche esercizio fisico in piazza Magenta”. Con grinta, cuore e tanta buona volontà, i biancorossi stanno scrivendo una splendida pagina di sport popolare livornese, anche se la stagione è ancora lunga e nello spogliatoio la parola d’ordine è una sola: umiltà.

Una vecchia formazione del Magenta, datata 2016

“Lo scorso campionato è finito abbastanza sottotono, abbiamo fallito l’accesso ai play off proprio all’ultima giornata. Perciò quest’anno ci siamo voluti rifare e abbiamo allestito una rosa molto competitiva. Dalla terza giornata in poi siamo sempre stati in cima e vogliamo continuare a rimanere lassù a lungo, ma servirà mantenere la massima concentrazione e i piedi per terra”. Il segreto di questa squadra si chiama Fabio Dazzi, un allenatore che ha portato freschezza e mentalità offensiva a tutto il gruppo. “Tra dirigenti e giocatori, siamo circa una trentina, ma l’arma in più è l’allenatore. È arrivato quest’anno e si è subito fatto sentire. È uno che queste categorie le conosce come le sue tasche e ci ha fatto fare il salto di qualità”. Ma la vera forza del gruppo sono i tifosi. “Andiamo avanti grazie all’autofinanziamento, alle cene che facciamo e alle magliette o ai cappellini che vendiamo. Spesso a noi stessi. A darci forza sono i tifosi che ci seguono sempre in tantissimi, sia nel nostro impianto di casa, il Gymnasium, che in trasferta. Spesso riusciamo ad avere un seguito numerosissimo che lascia sbalorditi anche noi. I tifosi sono la nostra marcia in più, è bello sapere che c’è così tanta gente che ti sostiene”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

MAGENTA

181


• Auto di cortesia sostitutiva • Montaggio di pellicole oscuranti

• Carro Attrezzi • Assistenza legale e medico legale


LIVORNO Table Soccer

Calcio da tavolo

F

orse non tutti lo sanno ma tre sono i campioni del Mondo livornesi nel calcio da tavolo: Leonardo (under 15) e Giorgio e Francesco Tozzi (under 12) incarnano i fiori all’occhiello del movimento locale del gioco più bello del mondo riprodotto in miniatura. Ma non finisce certo qui. Nel subbuteo, la versione cioè più classica, quella con le basi basculanti e in gran voga tra gli anni ’70 e ‘90, la piazza all’ombra dei Quattro Mori non è da meno a livello di soddisfazioni. Il Livorno Table Soccer ASD madre è in serie A; tra le sue filiali, la Spes che la massima divisione l’ha dovuta lasciare dopo una amara retrocessione nella scorsa stagione, farà la serie cadetta. Il tutto mentre le altre due formazioni, il Subbuteo Club Labronico e l’Acidulo Derma, parteciperanno di nuovo alla serie C. Se si prende in considerazione poi l’intera provincia, sono ben sette le formazioni attive a livello agonistico: un vero e proprio record. Anche a livello organizzativo poi la Livorno del ‘soccer’ in punta di dita si è data un gran da fare in questi anni: dopo aver allestito per due anni consecutivi il campionato italiano a squadre di tutte le categorie, quelli del club livornese hanno deciso di declinare l’invito della Federazione a ripetere l’esperienza. Bellissima, specialmente l’ultima disputata nell’impianto della Bastia, ma troppo impe-

I tre giovani campioni del mondo posano con i trofei appena vinti in Belgio. Da sx Giorgio e Leonardo Giudice, Francesco Tozzi

Calcio in miniatura, Livorno vanta un tris di giovani campioni del mondo Un’ASD locale che racchiude quattro compagini tutte attive nella Federazione Italiana Sportiva Calcio Tavolo gnativa a livello logistico-organizzativo. L’evento tricolore giocherà quindi a Roma il prossimo giugno dove Cafaggi (due scudetti e una finale perduta negli ultimi tre anni, nonché attuale numero 3 del ranking nazionale) e Michele Giudice (numero 11 nella lista dei migliori d’Italia) sapranno dare battaglia a tutti per un buon piazzamento nella serie A. Un appuntamento nel quale la Spes, capitanata da Flavio Lombardi, (campione toscano e ad oggi numero 14) ha cercato di piazzarsi fra le prime due, centrando così l’agognato obiettivo della promozione nella categoria superiore. Questo terzetto è stato impegnato anche su un altro fronte precedentemente: nel mese di maggio, in quel di Napoli, si sono disputati infatti i campionati italiani individuali. E nel calcio tavolo i tre giovani labronici nominati in apertura, sono stati fra i favoriti per la vittoria finale.

Livorno e il calcio in miniatura: storia di un grande amore Il ritorno di fiamma del subbuteo e del calcio da tavolo a Livorno tra gli appassionati più o meno nostalgici è una scintilla che si è riaccesa più o meno nove anni orsono. Non si è trattato però di un fuoco di paglia, visto che dalla partecipazione di pochi appassionati nel tempo si è arrivati a contare quasi cinquanta tesserati. I pionieri fondatori hanno dato via a un’associazione sportiva dilettantistica iscritta alla federazione italiana sport calcio tavolo. Un’ASD che

riunisce le quattro squadre, di cui due fanno sia attività di Subbuteo, sia di calcio da tavolo. Il settore giovanile è però la vera punta di diamante del movimento locale, con una squadra primavera che è stata detentrice della Coppa Italia conta come detto tre campioni mondiali. Come sottolinea il presidente Michele Giudice: “Per noi questo settore è di vitale importanza. Cerchiamo con le nostre iniziative di strappare i ragazzi alla Play Station, alla televisione e di avvicinarli a questo mondo che ha visto crescere decine di generazioni. L’adesione è positiva, soprattutto grazie al passaparola di amici e conoscenti e un po’ di promozione, devo dire che alle nostre serate ci sono sempre numerosi partecipanti”. Un gioco che appassiona da sempre grandi e piccini. “Un gruppo così numeroso non è poi così facile da trovare: è uno dei più grandi d’Italia. Quando posizioniamo i nostri campi nelle associazioni e nei locali, ci sono sempre un gran numero di persone che ci chiedono informazioni e sono interessate al gioco e a partecipare”.

Igor Protti e il Sindaco di Livorno Nogarin impegnati in una dimostrazione, durante gli scorsi campionati italiani a squadre giocati alla Bastia

F.I.S.C.T.: Federazione Italiana Sportiva Calcio Tavolo

A cura di Andrea Puccini

183


Scotto PubblicitĂ Livorno


Ginnastica A cura di Andrea Puccini

AGL, un’istituzione nel movimento a livello nazionale

Il delegato FGI Fabrizio Lupi al centro

“I

n Toscana, si è registrato sicuramente un incremento dell’attività a livello di tesserati e d’iniziative organizzate sul territorio. Questo grazie a nuovi programmi ideati dalla Federazione che hanno facilitato l’accesso della disciplina anche fuori dai canonici centri e palestre dove la ginnastica si pratica tradizionalmente” è il bilancio positivo stilato da Fabrizio Lupi, numero uno del Granducato per quanto riguarda i vertici della FIG. “Per quanto concerne quella livornese in particolare, si tratta di una piazza storica e cruciale a livello regionale – conferma il Presidente del Comitato Regionale - Questo grazie soprattutto alla storia unica e prestigiosa che contraddistingue l’attività agonistica condotta ormai da quasi 70 anni dall’Associazione Ginnastica Livornese. Una realtà quasi unica a livello nazionale per longevità, popolarità (sono

Ma è tutto il territorio provinciale a rappresentare un fiore all’occhiello per la disciplina circa 600 addirittura i tesserati iscritti, ndr), successi messi in bacheca a livello individuale e a squadre (attualmente, la formazione ammiraglia del sodalizio amaranto di via Piccioni milita nella massima serie, ndr) ma soprattutto anche per il fatto di possedere un impianto di proprietà. In Italia, pochissime altre squadre possono godere di un vantaggio del genere: non a caso, anni fa proprio nel loro quartier generale venne organizzato un importante meeting internazionale mentre, ogni stagione, competizioni del circuito regionale vengono organizzate proprio in questo che è uno dei soli due impianti del genere in Toscana, ovvero esclusivamente dedicato all’artistica (per la ritmica invece, la scelta ricade quasi sempre sui palasport, ndr): l’altro è Montevarchi”. Per quanto concerne l’attività di base e il reclutamento giovanile (ma ci sono anche due formazioni biancoverdi che dispitano quest’anno il campionato di Serie D di Ginnastica Ritmica, ndr), un’altra realtà tanto bella quanto relativamente nuova è il CEC, il Centro Educazione Corporea sorto intorno al 1992 , grazie all’iniziativa di

Lupi durante una premiazione a Montevarchi

una decina di soci fondatori ed insegnanti. Cecina è un’altra cittadina abbastanza proficua per quanto concerne la disciplina mentre anche il resto della provincia labronica, con Piombino ed Elba in testa, sono scene emergenti dal punto di vista della crescita numerica dei praticanti. “A livello agonistico, l’AGL resta comunque il faro di riferimento. La formazione ammiraglia milita da tanti anni in serie A ed è stata capace di produrre o attirare talenti per un ricambio generazionale fondamentale in uno sport come il nostro che consuma e considera ‘vecchi’ atleti che, almeno a livello anagrafico, sarebbero ancora nel pieno di una carriera in quasi tutte le altre discipline – racconta Lupi – Tra questi, sul piano individuale, possiamo menzionare Massimo Poziello (25enne di Pontedera ma da anni adottato sportivamente dalla nostra città, ndr), già azzurro juniores nonché capace di vincere il titolo nazionale Gold Senior a Civitavecchia. Vale a dire il massimo riconoscimento possibile, subito dopo gli atleti che orbitano nel giro azzurro: la nazionale l’aveva sfiorata un paio di anni fa. E poi, il ventenne Simone Houryia, svezzato e cresciuto dal vivaio amaranto sino a diventare un pilastro inamovibile della prima squadra”. Consolidata la tradizione della scuola livornese anche quando si parla di tecnici. “Certo, l’AGL vanta nel proprio staff nomi di spicco come Riccardo Brilli, che è un valido collaboratore del Team Italia e come Lara Filippi ex ginnasta nazionale, figlia d’arte che da anni ha preso il testimone dei genitori fondatori della stessa società e alla cui memoria è stato intitolato proprio l’impianto di via Piccioni con una cerimonia ufficiale” ribadisce Lupi .

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Fabrizio Lupi Delegato FGI

185


2017: tutti i risultati

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Associazione ginnastica LIVORNese

L

ivorno è stata sin dall’800 un “laboratorio” di ginnastica al quale hanno partecipato numerosi appassionati. Da atti ufficiali (Decreto Reale 8 settembre 1896 n. 365) si rileva che a Livorno esisteva la Società Ginnastica Livornese “Sebastiano Fenzi” fondata il 1° ottobre 1876. Probabilmente su questa scia, seppure qualche decennio più tardi (nell’immediato dopoguerra 1939-1945), si è maturata in alcuni amanti dello sport il desiderio di dar vita ad una nuova società che rappresentasse degnamente la Ginnastica Livornese nell’arengo sportivo nazionale e possibilmente anche in quello internazionale. Tale progetto trova la sua realizzazione per volontà di alcuni appassionati sportivi quali: Adriano Pitto (padre dei nazionale di calcio Alfredo), Federico Del Vita, Kellermann ed i fratelli Bruno e Fulvio Romboli che fondano ufficialmente nel 1950 il nuovo sodalizio denominandolo “SOCIETA’ GINNASTICA LIVORNESE”, che poi prenderà il nome di “Associazione Ginnastica Livornese” (A.G.L.).

La visita del Presidente del CONI Malagò al PalaFilippi

186

Associazione Ginnastica Livornese, una fucina inarrestabile di talenti e di successi Una valanga di titoli regionali e nazionali, con la permanenza in A2 della squadra maschile La nuova società, ad onor dei vero, “prende le mosse” qualche tempo prima (settembre ottobre 1948) ad opera di un gruppo di giovani, formatosi spontaneamente, che “si allenano” con mezzi di fortuna in un giardino di via Micali (sede dell’ACLI), poi in un vecchio e disastrato locale messo a disposizione dall’istituto per anziani “Giovanni Pascoli” in via Maria Terreni. La Società Ginnastica Livornese, nata con lo scopo di diffondere tra i ragazzi livornesi la pratica della ginnastica artistica maschile, radunò alcuni giovani desiderosi di far ginnastica. A questo primo nucleo, nel giro di poco tempo, si aggiunsero altri giovani dai quali poi uscì la prima rappresentativa della Ginnastica Livornese partecipando ad una gara ufficiale il 9 luglio 1950 in occasione del “Convegno Ginnico di Siena”. Nel 1951 poi la Livornese partecipò al “CONCORSO INTERNAZIONALE Di FIRENZE” con 26 ginnasti. Alla fine del 1968 nasce anche la sezione femminile che con il trascorrere degli anni si è notevolmente sviluppata divenendo nel tempo una irrinunciabile componente dell’Associazione. La Livornese nel corso della sua storia ha partecipato sia con la sezione maschile che con la sezione femminile a numerosissime manifestazioni nazionali ed internazionali raccogliendo, fino a nostri giorni, “allori” più o meno importanti e significativi ma, comunque, sempre facendosi distinguere per il comportamento corretto, leale e rispettoso dei suoi atleti nei confronti degli avversari su

tutti i vari campi di gara. Dal 1950 ad oggi, molta acqua è passata sotto i ponti e molte sono state le esperienze che hanno fatto crescere il Sodalizio; molti gli eventi che hanno fatto vivere momenti particolarmente belli ed entusiasmanti: basti ricordare le MAGLIE AZZURRE vestite dai suoi atleti partecipando alle competizioni internazionali, così come l’organizzazione a Livorno di gare di spessore altrettanto importante. I sessanta anni di sport sopra sintetizzati sono stati tali che il CONI li ha voluti premiare nel 2009 conferendo alla nostra Società la “Stella d’Oro al Merito Sportivo” con la seguente motivazione “.... in riconoscimento delle benemerenze acquisite dal Sodalizio in tanti anni di attività. L’onorificenza vuole attestare di fronte al mondo sportivo i meriti degli atleti, dei tecnici e dei dirigenti della Società ed esprimere insieme la più sentita gratitudine del

Le giovani ginnaste livornesi di serie C alle finali nazionali di Jesolo


CONI per il contributo offerto alla crescita e all’affermazione dello sport italiano.” Attualmente la Livornese conta centinaia di atleti che svolgono attività di ginnastica artistica maschile e femminile. Con i suoi rappresentanti, la Livornese ricopre tutta l’attività della Federazione Ginnastica d’Italia partecipando a campionati e gare nazionali, regionali e provinciali, ai campionati UISP ed AICS. In particolare dal 2003 partecipa ai campionati nazionali di serie A con la squadra maschile che nel 2008 e nel 2009 si è potuta fregiare del titolo di “vice campione d’Italia” essendosi classificata seconda alla fine dei due campionati. Lo scorso 28 marzo 2018 la sede di via Piccioni ha ospitato con piacere la storica visita del Presidente del CONI Malagò, arrivato a Livorno per sincerarsi della pronta ripresa delle strutture sportive danneggiate dal devastante alluvione del settembre 2017. Il numero uno del Comitato a Cinque Cerchi Italiano è stato ricevuto dal vice presidente AGL Alberto Ricci e dalla figlia, Valentina Ricci, dall’ex atleta azzurra Filippi Lara e dal direttore sportivo, Riccardo Brilli. Ripercorriamo allora, nel dettaglio, in ordine cronologico, le tappe più significative della straordinaria annata AGL:

Febbraio:

Prima prova regionale CAMPIONATO GOLD. Categoria GOLD - Allievi prima fascia: Caltabiano Lapo secondo classificato. Junior: Biagetti Roberto secondo. Senior: Hourya Simone vincitore.

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Massimo Poziello campione d'Italia per la terza volta

GOLD specialità SENIOR: Piz- in B NAZIONALE Nella prima prova SILVER ECCELLENZA zini Davide quarto al corpolibero, terzo ad anelli e sbarra, Irene Falleni al rientro nelle competizioni secondo al volteggio, primo al dopo una lunga assenza conquista il pricavallo con maniglie. mo posto sia a corpo libero che a trave. Nel frattempo, si alza il sipa- Nella prima prova GOLD J/S femminile, rio sulla serie A1, A2 e B Nazio- pioggia di podi per Virginia Lazzara (S1) nale. Marzo: La squadra maschile dell’A.G. A Montevarchi, la seconda prova reLivornese impegnata nel cam- gionale GOLD ha regalato altre soddisfapionato di serie A2 dopo la re- zioni all’AGL. Nell’Individuale AA per la trocessione dalla massima se- prima fascia Lapo Caltabiano ha difeso il rie dell’anno precedente. secondo posto in campionato. Una discesa che ha condotto Passaggio da Silver a Gold per Franchi a una decisione di svolta: per Luca (A2). la prima volta dopo tanti tanti Assente purtroppo in questa fascia Leanni, i labronici hanno comin- one Valerio in recupero da un infortunio, ciato il campionato contan- mentre Biagetti Roberto (J2) rimane fuodo sulle esclusive forze loca- ri dal podio, penalizzato dall’influenza. li. Protagonisti quindi Massimo Poziello, Battaglia in casa nella categoria Senior impegnato su tutti e 6 gli attrezzi Simo- che per poco non finisce a sorpresa. ne Houryia, anche lui impegnato sul giro Vince il capitano Massimo Poziello, con completo, Davide Pizzato, impegnato su solo 6 decimi di vantaggio su Simone 4 attrezzi e Roberto Biagetti, impegnato Houriya in una bella gara condizionata sui restanti 2 attrezzi. Una stagione diffi- da un adattamento difficoltoso con l’atcile, con due promosse molto preparate trezzatura. in serie A2 e retrocesse altrettanto illustri Individuale specialità: dominio di Davicome la Juventus Nova Melzo e la tosca- de Pizzato che vince corpo libero, voltegna Aurora Montevarchi. gio, cavalo con maniglie. Secondo a sbarParadossalmente, ci si è aspettati un ra per solo mezzo decimo e solo quarto campionato di serie A1 “più semplice” agli anelli. Stessi risultati per la classifica visto che molti ginnasti di valore hanno di campionato tranne a corpo libero dosmesso o sono scesi in A2. ve finisce terzo unendo i punteggi della L’esordio per la squadra di serie A2 ma- prima gara. Montemaggi Amir quarto a schile dell’A.G.Livornese ha fatto così re- corpo libero e secondo a volteggio. gistrare un sesto posto, con il sorpasso A Livorno, si è poi consumata la la terpurtroppo all’ultima rotazione da par- za prova e finale regionale GOLD allieve. te dell’EUR Roma soltanto per un mez- Carlotta Tedeschi in A2 e Scotti Anita in zo decimo di punto. Forlì, solo 6 decimi A1: entrambe conquistano il quinto poe mezzo avanti, si è attestata in quarta sto in classifica. posizione. Un debutto comunque felice, anche per i punti speciali portati a casa che tengono subito la zona retrocessione a debita distanza. Per la femminile nel frattempo vedevamo impegnata la nostra ginnasta Sveva Caschili nella max serie di A1 a dare una mano alla SOC. GIMNASYUM TREVISO e la compagna Virginia Lazzara in forza alla ginnastica La squadra che ha conservato il diritto di militare anche la prossima stagione in sere A2 PONSACCO militante

187


F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana 188

Nel giugno 2017, l'intitolazione dell'impianto di via Piccioni alla memoria dell'ex Presidente Paolo Filippi

Nella seconda prova e finale regionale SILVER ECCELLENZA, nelle Junior 3 Giorgia Taddeini quarta classificata nella generale, quarta al volteggio e seconda alla trave. Tra le Senior 1, Sveva Bracci settima al corpolibero e quarta a un decimo dal podio alla trave. Irene Falleni terza alla trave conquista il titolo di Campionessa Regionale 2017. Tra le Senior 2, Lotti Rachele medaglia di bronzo alla trave e al corpo libero. Nella seconda prova e finale regionale GOLD J/S, hanno partecipato Sveva Caschili, CAMPIONESSA REG.LE TRAVE e 3a classificata a corpo libero e Virginia Lazzara CAMPIONESSA REG.LE PARALLELE e 2a classificata a corpo libero.

tegoria A2 a Cesena ha ben figurato. Per i Seniores, Davide Pizzato si è guadagnato l’accesso tra i migliori 18 di tutta Italia per la finalissima tricolore in agenda Civitavecchia: in una nazione di grandi specialisti non è tanto scontato riuscire a superare tale sbarramento. Basti pensare che solo nel 2016 la finale era aperta ad i primi 72 ginnasti d’Italia. Davide riesce a centrare la qualificazione a cavallo con maniglie, volteggio e sbarra. Purtroppo Amir Montemaggi invece rimane escluso a volteggio e Corpo libero. Ok pure il giovane Caltabiano Lapo. Tra gli Juniores e i Seniores, Roberto Biagetti nella categoria J1 esegue una gara pressochè perfetta che gli regala un ottimo ottavo posto nella classifica finale. Per i più maturi invece, Massimo Poziello e Simone Houriya si regalano le migliori soddisfazioni. Simone a fine giornata risulta sesto nonostante due cadute. Massimo, con uno stellare 79.800 si laurea Campione Interregionale e si prepara a difendere il titolo conseguito l’anno prima. Nell’interregionale GOLD individuale, Sveva Caschili e Virginia Lazzara portano a termine una buona gara e conquistano l’accesso alle finali nazionali rispettivamente a trave, corpo libero e volteggio per Sveva e parallele e corpo libero per Virginia. Anche in questa occasione tanti i podi per le due ginnaste nate e cresciute nella nostra società.

In un campionato molto equilibrato Livorno si trova sempre, con un po’ di sfortuna, nell’ultima delle posizioni ottenibili. La classifica generale vede gli amaranto settimi con 10 punti sulla sesta e 10 sull’ottava, tranquilli anche se ancora non matematicamente salvi. Il tutto mentre il veterano Massimo Poziello si laureava ancora una volta, la seconda in fila e la terza complessiva, Campione d’Italia ai tricolori di categoria GAM. Buonissimo risultato anche di Simone Hourya che conclude la gara al decimo posto. A Civitavecchia, alla finale nazionale GOLD GAM, ottime prestazioni anche per i più giovani. Roberto Biagetti, sedicesimo e Lapo Caltabiano, nella prima fascia la categoria dei più piccoli su un totale di ben 48 ginnasti partecipanti, guadagna un buon 22 posto in classifica. A Torino, alla finale nazionale GOLD GAF ottime prestazioni per Caschili e Lazzara. Al termine di una gara tirata e dove sono presenti le BIG della ginnastica italiana, Caschili sfiora la finale a 8 a corpo libero per un solo decimo concludendo la gara di qualificazione al 10° posto.

Giugno:

Nel contesto del ‘Ginnastica in festa 2017’, a Rimini si sono svolti Campionati italiani. Per la Categoria Eccelenza Junior prima fascia All-round, secondo Classificato Del Vivo Alessio. Medaglia di bronzo anche per il compagno Brogi Francesco. Maggio Maria Mannucci e Matilde Rotondo Ad Ancona, terzo atto di serie A2. nella prima divisione prima fascia, hanno Aprile: Prova emozionante penalizzata da 2 ben figurato al debutto in un campionaNella Capitale, si è consumata la se- cadute (sbarra ed anelli) ed un inciampo to nazionale. conda tappa del campionato di serie A2. di troppo (sbarra e cavallo) che termina Nella gara di qualificazione invece, il Una sorta di “copia ed incolla” del com- con un settimo posto ma a un solo punto più esperto Enrico Melis nella seconda mento sulla prima gara per raccontare dalla quarta. divisione seconda fascia sfiora la finalisanche la prova successiva dei sima per pochissimi decimi. labronici, compresi gli stesDavide De Giovanni invece si errori. Alla fine il risultato è passa l’ostacolo nella seconpressoché identico nel punda divisione prima fascia e teggio, che consiste in un otpatecipa alla finale. tavo posto a soli 3 decimi dalTozzi Mattia in seconda dile seste a pari merito. visione terza fascia si qualiLa classifica generale vede fica per la finale con il nono così scendere Livorno al settipunteggio assoluto e poi rimo posto, a 6 punti da Ferrara esce a strappare un ottimo (quarta a Roma) e con altretdodicesimo posto su una concorrenza di 50 ginnasti. tanto distacco dalla ottava Sighieri Matteo in prima diche significa retrocessione. visione terza fascia, entra in Nell’Interregionale GOLD infinale a Cavallo, sbarra e VolIl successo regionale del team di serie C livornese al maschile dividuale, Franchi Luca in ca-


Settembre:

La gara più importante del campionato individuale, maschile, femminile e di trampolino elastico che incorona i campioni d’Italia dell’anno sportivo in corso si svolge a Perugia. In un contesto tanto competitivo quanto prestigioso, dove i ginnasti e le ginnaste ammessi sono solo sotto

convocazione, figurano ben due ginnasti Labronici. Per la categoria Senior, c’è il capitano AGL Massimo Poziello, mentre per la Criterium Giovani convocazione a sorpresa di Leone Valerio, classe 2003. A Eboli, in provincia di Salerno, cala poi il sipario sulla quarta e ultima tappa del campionato di serie A2. Con un’ottima prova, in barba a qualche emergenza fisica, testa e cuore dei ragazzi AGL hanno permesso di chiudere in bellezza. A partire da capitan Poziello, che completa il giro sui sei attrezzi senza errori e ottiene il migliore punteggio a livello individuale. Nello score complessivo di squadra, Livorno si attesta sopra la forte Roma 70 per pochi decimi, quinta nella classifica del giorno e settima in quella di campionato. Decisamente sopra le aspettative.

Ottobre:

Alla prima prova regionale del campionato di serie C maschile GOLD, Livorno si presenta ai nastri di partenza con un collettivo competitivo. Capitan Leone Valerio con i compagni Sighieri Matteo e Franchi Luca conquistano subito la prima prova toscana della rinnovata stagione agonistica. Infine, la squadra maschile si aggiudica anche il Campionato Regionale 2017 C2 classificandosi alla fase nazionale. Bene anche la prima uscita della serie C ‘in rosa’, con Livorno che schiera ben tre formazioni. Per la categoria delle più piccole in C3A, a squadra composta da Simonatti Alessia, Scotti Anita, Tedeschi Carlotta e Quilici Giulia conquista il terzo gradino del podio. In C2, secondo posto con la squadra composta da Pellegrini Ales-

Una delle formazoni di serie C femminile dell'AGL/GOLD

sia, Rizza Giulia, Candela Kristel e Ghiselli Marta. La C3B con una gara veramente degna di nota conquista il primo gradino del podio con Lo Cicero Aurora, Deriu Luna, Ferralis Anna, Simonetti Chiara, Bardi Caterina e Matteoli Gaia. Ok a Civitavecchia anche il secondo atto finale di campionato. La C2 integrata per l’occasione da Pellegrini Alessia (che ha dovuto affrontare la competizione in assenza di Giulia Rizza ferma per infortunio) si è aggiudicata il titolo di vice campionesse toscane mentre nella zona tecnica ha ottenuto un buon sesto posto assoluto. La C3B invece ha fatto anche meglio e conquistato il titolo regionale CAMPIONESSE REGIONALI 2017; sfiorato poi il podio nella zona tecnica con un buon quarto posto assoluto. Per la C3A terzo gradino del podio nella finale regionale, mentre ha conquistato l’ottavo posto nella zona tecnica. Impegni finali poi per queste squadre anche a Jesolo, qualificatesi ai campionati nazionali di serie C GOLD. Meglio di tutti la C3B che sfiora di un soffio la qualifica per la finalissima a dieci. A Eboli è andata in scena la quarta e ultima prova della serie A2 2017

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

teggio: in quest’ultima specialità, si piazza addirittura quinto. I più cresciuti, nel campionato di Eccellenza, partecipano nella classifica all round: Francesco Brogi medaglia di bronzo e Del Vivo Alessio d’argento. Undicesimo punteggio italiano su ben 88 squadre rivali per le stelle marine livornesi, alcune di esse all’esordio tricolore. Un tema composto da Artz Dalia, Becherucci Chiara, Durante Chiara, Franceschi Carolina Magherini Martina, Piccinno Giulia, Simonetti Giulia. Un gruppo seguito dall’ istruttrice Elisa Dellavalle. Nel campionato individuale di prima e seconda divisione, grandi risultati per le 20 ginnaste impegnate con i colori AGL. In seconda divisione A2, Quilici Giulia ha chiuso 13esima assoluta. In seconda divisione A3 hanno sfilato anhe Bardi Caterina e Simonetti Chiara. In seconda divisione A4, Ferralis Anna, Matteoli Gaia 99, Lo Cicero Aurora, Deriu Luna 133. In seconda divisione J1, Barbini Alessia giunta settima assoluta, Becherucci Martina quinta e Ghelardi Vittoria, quattordicesima. In seconda divisione J3, Casalini Giada, Niccolai Chiara, settima in finale, Borgiotti Margherita e Borghini Giada 53. In prima divisione A3, Candela Kristel settima assoluta, si è qualificata in finale per ciascun attrezzo. Ok anche Ghiselli Marta, in finale per attrezzo a volteggio, parallele (splendida medaglia d’argento) e corpolibero. Bene anche Rizza Giulia. In prima divisione A4 Pellegrini Alessia chiude nona assoluta. In prima divisione J1, Martinelli Giulia è invece decima. Per l’Eccellenza S2, Lotti Rachele in qualifica sia a trave che a corpolibero. Nell’Eccellenza S1 Falleni Irene è prima sesta in qualifica alla trave e poi sale sul terzo gradino del podio in finale.

189


Football americano A cura di Andrea Puccini

Una fusione fa la storia della palla ovale ‘a stelle e strisce’

P

isa e Livorno, una squadra insieme? Là, dove si arenò la provocazione di Romeo Anconetani per il calcio, hanno saputo fare due società di football americano. Gli Etruschi Livorno e gli Storms Pisa. Non si chiama Pisorno, ma West Coast Riders. Che quest’anno ha intrapreso l’avventura nel campionato di seconda divisione (serie B) con l’esordio assoluto lo scorso febbraio nella trasferta sull’insidioso campo del Barletta. Una franchigia che realizza un sogno nato 30 anni fa, quando, un gruppo di giocatori livornesi si unì a un gruppo di Pontedera, di scuola pisana, grazie all’intuizione di due presidenti che si incontrarono e decisero di fondere le due realtà. Si chiamava Etruschi Pontedera e dette materiale umano agli allenatori per creare un gruppo molto forte, al punto che fu vinto il campionato di A2. A fine stagione però, problemi fra dirigenti fecero naufragare tutto. La società fu chiusa. Nicola Minervini, presidente degli Etruschi Livorno, confida: “Di quello splendido gruppo facevamo parte sia io che Antonio Adori, attuale numero uno degli Storms. Molti di noi alla fine emigrarono altrove. Alcuni a Firenze, vincendo un campionato, altri a Grosseto. Fra gli esponenti di maggior spicco, figuravano elementi di primo piano, come Matteo Dinelli, capo allenatore oggi dei West Coast Riders”. Gli Etruschi, dopo varie peripezie, si sono ricostituiti nel 2014, e, Minervini, con Adori, sempre rimasti carissimi amici, hanno pensato di rispolverare il progetto. E di farlo decollare definitivamente questa volta. Come avete fatto? “È partito il lavoro ai fianchi dei nostri allenatori, un po’ troppo presi dal campanilismo e che non vedevano di buon occhio una simi-

La squadra di tutta una costa: il football riesce laddove il campanilismo calcistico non era mai arrivato le iniziativa. L’occasione è arrivata dopo l’epilogo della scorsa stagione. Con Pisa in seconda divisione da tre anni, gli Etruschi un po’ più indietro per motivi di programmazione e consolidamento, una categoria sotto, ma con molti bravi elementi, pronti ormai a cimentarsi a livello superiore. Insomma, due realtà belle, ma alle quali, forse, mancava qualcosa per definirsi compiute. Grosso merito, va ai tecnici, in particolare Paolo Campora, Antonio Mertoli, Jacopo Pardini (anche giocatore, ex Guelfi Firenze e da un anno tornato a Livorno), Emanuele Altobel, Marino Gragnani (preparatore atletico e uno della vecchia guardia), Marco Orsolini (Etrusco dal primo

Alessandro Campora impegnato a lanciare nell'amichevole con Sarzana di inizio stagione (foto di Stefano Frascati)

allenamento, uno che è stato un centro fortissimo a livello italiano e che sta trasferendo la sua tecnica sulle linee d’attacco con grande passione) e Gabriele Gabbani, pisano ma da sempre giocatore di Livorno ed attualmente capo allenatore della difesa. Tutti quanti, in breve tempo, si sono accorti che la strada della fusione era giusta. Si è creato quindi un clima fantastico, goliardico (perché gli sfottò ci sono ancora), e dai grandi valori sportivi”. E c’era da scegliere il nome. Pisorno, però, suonava male... “Sì, un lavoro di brain storming, ed ecco che il nome alla fine lo abbiamo fatto scegliere ai protagonisti del campo, i giocatori. Che hanno deciso pure i colori: grigio e nero. Colori sobri, eleganti. Come vogliamo essere noi. Facendoci notare, semmai, per cosa riusciremo a produrre sul campo, facendo leva sulle nostre fondamenta tecniche che, nel tempo, son sicuro, emergeranno”. Campo di casa, a fasi alterne (perché la metà delle partite si giocheranno a Pisa), Shangai. “Abbiamo una bella struttura qui in città - continua Minervini - che condividiamo con una squadra di amatori di calcio, l’Atletico Etruria, una struttura fruibile grazie alla sensibilità dell’assessore allo sport Andrea Morini, grazie ai dirigenti dell’ufficio sport Bendinelli e Repetti. Qui, gioca la prima squadra, ma facciamo un bel lavoro a livello giovanile e di reclutamento nelle scuole. Dove il campo è a disposizione di tutti. Per feste di quartiere come lo scorso aprile, per ricevere i ragazzini che non devono passare dal buco della rete al sabato pomeriggio o alla domenica per farsi una partita a calcio, ma tranquillamente passare dall’ingresso principale. Questa, sia ben chiaro, è la casa di tutti quelli che vogliono venire. Chissà, che col tempo, non venga voglia a tanti, di lasciare da una parte il pallone rotondo e provare a tenere in mano uno ovale dei nostri”.

Football americano

Nicola Minervini Presidente Etruschi Livorno

191


2017: tutti i risultati ETRUSCHI LIVORNO

Football americano

A

Livorno, pensi al football e dici Etruschi. Che hanno la loro base lungo quel campo ben visibile sull’Aurelia dalla parte di Shangay. Una formazione di punta a livello senior, ma anche un vivaio che vuole crescere. Paolo Campora è il coach dell’attività under e ci spiega la realtà in salsa giovanile. “Si tratta di una attività cominciata da poco, il nostro primo reclutamento lo abbiamo compiuto a fine 2016. Disponendo di una decina di ragazzi di età compresa fra i 12 e i 14-15 anni. Partendo da zero, sono stati insegnati loro i fondamentali di uno sport che in Italia non è conosciuto. Applicando per gradi le varie tecniche di gioco. Riuscendo lo scorso settembre ad allestire una squadra under 13, categoria nella quale si gioca 5 contro 5, su campo da 50 yards. Cinque ragazzi che sono stati veramente in gamba nell’affrontare il loro

Etruschi: il football a Livorno è un nome e una garanzia di qualità, anche per il settore giovanile Due selezioni under 16 e under 13 stanno crescendo sotto le cure del coach del vivaio, Paolo Campora primo campionato, un campionato che è stato il primo nella storia a livello giovanile in cui gli Etruschi si sono impegnati. L’esito sportivo non ci interessava, mentre eravamo curiosi di vedere come questi ragazzi avrebbero reagito al confronto con realtà certo più attrezzate e competitive. Il giudizio? Encomiabili. Hanno sfoderato un vero carattere tutto made in Livorno, al cospetto di squadre che avevano il doppio ed anche più, di giocatori. Il football è sport di specializzazione, nel quale, avendo abbondanza, puoi dividere il gruppo in squadra di attacco e squadra di difesa. Quindi, schierare ciò che ti serve per una particolare fase. I nostri, hanno disputato tutte le partite giocando indistintamente

Una posa collettiva per la selezione under 13 degli Etruschi

192

in attacco ed in difesa. Dando l’anima e mostrando a sprazzi anche un discreto livello di gioco. A parte il match contro Sarzana, team superiore che ha giocato poi addirittura la finale nazionale contro Milano. Ma sia gli impegni che ci hanno visti opposti ai Guelfi Firenze, campioni italiani uscenti, sia contro i Gladiatori Roma, abbiamo riscontrato partite combattute fino all’ultimo punto, fino all’ultima azione. Si, lo spirito livornese esaltato. Compreso il nigeriano, nato e cresciuto respirando il salmastro. Uno spirito degno degli Etruschi, uno spirito dove prima di tutto si onora la maglia che si veste.  Ma l’ultima stagione, è stata positiva anche  quelli che erano della under 19, inseriti con la realtà che mette insieme le realtà di Cecina, Pisa e Firenze, il Toscana Team. Questi ragazzi si sono fatti le prime esperienze sul campo. Tre di questi hanno proseguito l’attività e sono entrati nella rosa della prima squadra che affronterà la prossima serie B.” Le prospettive, le ambizioni, i programmi... “Avremo una under 16 formata da quelli che sono saliti dall’under 13. Abbiamo tutta la stagione davanti per prepararci ed affinare quel che già assimilato fino ad ora. Che si uniranno a nuovi elementi che certamente troveremo.  Per l’under 13, abbiamo ancora un elemento che resta in categoria, più quelli che arrivano dal reclutamento nelle scuole.” Quali sono le strategie per il reclutamento? Ed un motivo per il quale un genitore dovrebbe incoraggiare il pro-


Una foto di gruppo per alcuni ragazzi del settore giovanile dopo un allenamento intenso

stiano Conte, Iacopo Civetta, Umberto Frascati, Gabriel Huaypa, Riccardo Galleni, Amin El-Farissi, Joshua Buti, Diego Cuomo, Ryan Alderigi Dallo scorso settembre è poi ripresa l’attività della ETRUSCHI AMERICAN FOOTBALL ACADEMY, che con il progetto “Youth” 2017-2018 si pone, per il secondo anno, come obbiettivo quello di diffondere la conoscenza e la pratica del Football Americano nella città di Livorno tra i ragazzi di età compresa fra i 10 e i 15 anni, per il settore junior, e dai 16 anni in su per il settore under 19 e senior. Proprio sui più giovani (Under 13 e Under 16) è puntato l’interesse del Progetto “Youth”, rivolgendosi ad essi con l’intento di divulgare e insegnare uno sport ricco di elementi formativi sia da un punto vista fisico, che umano e caratteriale. Privo degli eccessi tipici del

I talenti amaranto mentre si allenano sul campo di via Turati

professionismo statunitense, il Football Americano declinato all’italiana, mantiene tutte quelle caratteristiche di spettacolarità, atletismo ed esaltazione delle qualità tecniche, tattiche e mentali, che hanno reso questo sport il più amato oltreoceano. Ciò che tuttavia caratterizza di più questo magnifico sport è lo spirito di squadra e il legame che si instaura tra i compagni di campo e spogliatoio. E’ proprio su questi valori che punta l’Academy per formare ragazzi, atleti e uomini nei quali prevalgano lo spirito di solidarietà, la disciplina, il rispetto per l’avversario, per il compagno e per chiunque scenda in campo o che ne stia al margine, la tenacia e l’umiltà che occorrono che praticare una disciplina dura ma che sa dare grandi soddisfazioni a chi la pratica. (ha collaborato Flavio Lombardi dell’Ufficio Stampa Etruschi Football)

Football americano

prio figlio a praticare questo sport... “Continuare a operare nelle scuole è essenziale. Il quartiere Shangay ci ha già portato in dote 9 ragazzi, ma contiamo di accoglierne altri. Con una spesa limitata, circa 300 euro l’anno, forniamo tutto l’occorrente che serve per giocare. Questo grazie ad un grande sforzo societario, perché si tratta di attrezzatura molto costosa.” Il motivo per il quale uno dovrebbe provare a giocare a football americano? “In primo luogo, si tratta di una disciplina dal grande valore morale. E’ uno sport di contatto, di squadra, dove l’esito di una azione non dipende dall’agire del singolo ma da quello che riesce a fare il collettivo. Sport duro, dove quello che riesce a fare un compagno può evitare una situazione di pericolo per te. Questo cementa lo spirito di gruppo, in cui ciascuno si affida all’altro. Si diventa fratelli, insomma. Per sempre. In questo sport c’è sempre la voglia di ritrovarsi per una cena, per una birra, anche quando si sono appese le scarpette al chiodo. Un po’ come succede anche nel rugby. Si insegna il rispetto per i compagni, per gli avversari, per gli arbitri. La consapevolezza, la gioia di praticare uno sport con alti contenuti atletici, tecnici, tattici, mentali. Certamente si va per gradi. Per i più piccoli si privilegia l’aspetto ludico ed istintivo, per approfondire sempre più, man mano che si cresce. Prima si inizia e meglio è. Questa è una regola che vale per qualsiasi disciplina”. Ecco i ragazzi attualmente in rosa: Under 16: Leonardo Manattini, Mattia Vincenzoni, Nicolas Bracaloni, Dobpson David Hopson, Luca Campora, Edorardo Comparini Under 13: Gregorio Vinciguerra, Cri-

Alcuni giovani del vivaio Etruschi in allenamento

193


EDILBITTA S.R.L.S.

Piazza XX Settembre, 18 - Livorno Tel./Fax 0586 959621 Cell. 328 1575418 • 338 2625948

edilbitta@virgilio.it

• Ristrutturazioni interne • Appartamenti, negozi e altro • Ristrutturazioni esterne • Tetti e facciate • Opere idriche • Opere elettriche • Cartongesso • Posa in opera di pavimenti • Tinteggiatrure • Lavorazioni spatolature • Posa in opera di parquet • Infissi e porte • Piccole costruzioni


Parola ai protagonisti Jacopo Bardini: un ritorno al passato per fare grande un progetto futuro

Un bel momento tra compagni di squadra, Bardini con Lucchesi

T

ornato a giocare per la sua Livorno dopo tanti anni passati fra Guelfi Firenze, Rhinos Milano, Red Jackets American Football Team e Hospitalet Pioners, non poteva esserci persona migliore di Jacopo Bardini per parlare della stagione Senior 2017 degli Etruschi Football Americano Livorno - ASD e del nuovo progetto “West Coast Raiders”, che vedrà i labronici competere nel Campionato Italiano Football Americano II Divisione grazie ad una fusione con gli Storms Pisa. Il Wide Receiver con il numero

Il Wide Receiver è stato tra i convocati per il match ‘All Star’ nazionali a nove 1 sulle spalle ha vissuto un’annata divisa fra tracce da seguire in prima persona sul campo e sideline, dove ha vestito i panni dell’Offensive Coordinator (mettendo al servizio degli amaranto tutta la sua esperienza nel mondo del football americano). Il coordinatore dell’attacco labronico è difatti un prodotto di qualità della stessa società, visto che ha mosso i primi passi proprio con i colori degli Etruschi. Un trampolino di lancio per una carriera che lo ha visto valicare i confini nazionali, sino in Spagna alla corte dei Pioners L’Hospitalet di Barcellona, e soprattutto indossare la maglia della nazionale italiana. Nella scorsa stagione ha fatto registrare ben 7 touchdown in altrettante partite giocate (meglio di lui solo Alessandro Campora), piazzandosi sul gradino più basso del podio per quanto riguarda la statistica “All Purpose” dei livornesi. Il classe ’83 ha concluso la sua stagione con la partecipazione alla due giorni di Castel Giorgio, dove ha preso parte al match fra “All Star” di Campionato Italiano Football a 9. “L’analisi della scorsa stagione è certamente positiva per quanto concerne la regular season, dove siamo riusciti a metabolizzare un nuovo sistema di gioco mettendo in campo un foot-

Bardini in campo con la maglia degli Etruschi

ball diverso a quello cui eravamo abituati ed ottenendo un ottimo bilancio vittorie-sconfitte di 5-1. Non si può però prescindere dal computare nell’analisi la sconfitta nel Wild Card Round, per cui direi che è stato un anno interlocutorio nel quale, ciò che abbiamo seminato, speriamo possa convogliarsi con profitto nel progetto West Coast Raiders”. Come si stanno fondendo assieme le due unità pisana e livornese? “In realtà molto meglio del previsto, o meglio, più velocemente del previsto. Il gruppo appare già molto unito e le due anime Etruschi e Storms convivono nello spogliatoio con estrema armonia e voglia di crescita. Anzi questa nuova competizione è molto stimolante per realtà nelle quali, per motivi numerici, qualcuno era solito essere praticamente certo del proprio posto in campo”. Ovviamente è presto per fare pronostici, ma qual è la prima impressione sul nuovo progetto? “C’è un ottimo livello di talento sui due lati della palla e questo fa ben sperare, sarà compito del coaching staff saper trasformare tutto ciò in vittorie sul campo.” (Intervista rilasciata al sito della Fidaf Toscana)

Football americano

Jacopo Bardini

Uno scatto degli Etruschi impegnati nel Wild Card Round 2017

195


Vieni a trovarci

TI ASPETTIAMO!


Pattinaggio A cura di Mario Orsini

Benedetta Niccolini Oro agli europei Senior 2017

D

a sedici anni con i pattini ai piedi, prima sulle piste nazionali e poi continentali e mondiali. Sempre con il sorriso sulla labbra, la voglia di non accontentarsi mai e il desiderio di arricchire il suo stupendo palmares. La data indelebile impressa a caratteri cubitali nei cassetti dei suoi ricordi il 2 febbraio 2002. “Quel giorno varcai per la prima porta del circolo pattinaggio La Stella e fu amore a prima vista. Rimasi incantata da quelle bambine che avevano i pattini ai piedi e da quel momento è inizia-

La 22enne è ormai la pattinatrice più vincente nella storia del movimento rotellistico livornese to il mio percorso sportivo e il mio sogno. Un’emozione che rimarrà impressa nella mia mente per tutta la vita”. Benedetta Niccolini, 22 anni compiuti l’otto febbraio 2018 è la più brava pattinatrice labronica degli ultimi anni e una delle più brave in assoluto. Nel suo palmares: cinque campionati italiani, una medaglia d’oro e una di bronzo europee, un argento mondiale e tanti ottimi piazzamenti. Poi un piccolo retroscena. “L’input di varcare la porta del circolo Pattinaggio Artistico La Stella non me l’ha dato nessuno. È stata una questione casuale. Con mamma e babbo avevo scelto di fare anch’io scherma, come mio fratello Matteo. Però per fare scherma dovevo avere sei anni compiuti. In attesa di iniziare pensammo di fare un altro sport e la sorte volle che passassimo proprio davanti a quel circolo di pattinaggio”. Prerogative per essere un’ottima pattinatrice? “La componente psicologia é importante quanto quella fisica, anzi forse di più. In gara e non solo occorre rimanere concentrati per il raggiungimento dei propri obiettivi. E per riuscirci è più difficile di quanto possa apparire a chi vive questa realtà da spettatore. A fare la differenza oltre a una predisposizione naturale è anche passione e amore per questo sport”. Cosa ha di speciale per te il pattinaggio? “Non saprei. So solamente che quando ho i pattini hai piedi tutto il resto non conta. Tutto il male e tutte le cose negative di questo mondo si azzerano improvvisa-

mente, quando le ruote dei miei pattini girano”. Chi ha contribuito alla tua crescita come atleta? “Davvero in tanti. Nelle società in cui ho gareggiato, nei raduni collegiali e negli stage ho avuto tanti bravi allenatori. Se devo dire qualche nome dico: Barbara Audiberti, Raffaele Melossi e Laura Ferretti. Tre super allenatori fondamentali per la mia crescita sportiva”. Cosa ti ha dato e cosa ti ha tolto il pattinaggio? “Mi ha dato tutto e non mi ha tolto niente, perché l’ho sempre affrontato con entusiasmo e non ho mai sentito sacrifici”. L’esordio in nazionale? “A maggio 2011. Un giorno che non posso dimenticare”.

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

Benedetta Niccolini: un’ascesa con i pattini ai piedi verso il podio mondiale

197


Le soddisfazioni più grandi? “Il secondo posto ai Mondiali Junior a Calì in Colombia nel 2015 e la vittoria ai campionati europei 2017 a Roana, sempre negli Obbligatori, la mia specialità”. La delusione più cocente?” Non essere riuscita appieno a dimostrare le mie capacità ai campionati del mondo 2017 a Nanchino in Cina”. Un nono posto in un appuntamento planetario, per una ragazza di appena 21 anni, non mi sembra un cattivo risultato? “Sì però le aspettative erano altre. Aspettative supportate dalla consapevolezza di esserti allenata con il massimo dell’impegno e della concentrazione per tutta l’estate. Vederle poi vederle in parte vanificate da qualche errore ti lascia un po’ di amaro in bocca e ti fa venire voglia di dire mi rimetto in gioco e quest’anno darò il meglio di me stessa”. A chi devi dire grazie oltre ai tuoi allenatori? “A mamma Barbara e a babbo Andrea. Due genitori splendidi. Entrambi hanno contribuito molto alla mia crescita e a realizzare i miei sogni anche come atleta. Appoggiando sempre le mie scelte e supportandole anche con sacrifici personali, soprattutto quando frequentavo ancora al liceo scientifico Cecioni e dovevo andare ad allenarmi, già dal primo pomeriggio a Calenzano. Loro ogni volta venivano a prendermi a scuola e mi accompagnavano agli al-

lenamenti sempre con il sorriso sulle labbra”. Poi aggiunge? “Un pensiero particolare va anche a Glauco Cintoi. Un uomo stupendo, che ci ha lasciati troppo presto e rimarrà sempre nel mio cuore. Glauco è stato il mio primo fan e ha sempre fatto il tifo per me ovunque io fossi a gareggiare. E, sono certa continuerà a incoraggiarmi e starmi vicino anche da lassù”. Tappe più importanti della tua carriera? “Bronzo ai campionati italiani FIHP Junior 2014 e ai campionati europei junior

Nelle immagini Benedetta Niccolini

Il palmares: • Terza campionati italiani FIHP • • • • • • • •

junior 2014 Terza campionati europei junior 2014 Prima campionati italiani fihp junior 2015 Seconda campionati mondiali junior 2015 Prima campionati italiani fihp senior 2016 Quinto campionati mondiali senior 2016 Seconda campionati italiani fisr senior 2017 Prima campionati europei senior 2017 Nona campionati mondiali senior 2017

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

2014. Oro ai campionati italiani FIHP Junior 2015. Argento ai mondiali Junior 2015. Oro ai campionati italiani FIHP Senior 2016. Quinto posto ai mondiali Senior 2016. Argento ai campionati italiani FISR senior 2017. Oro agli europei Senior 2017. Nono posto ai mondiali senior 2017”. Ultima curiosità. L’università? “Per quanto un percorso universitario sia una cosa importantissima e assolutamente da consigliare a tutti, attualmente però la mia quotidianità è tutta concentrata sul mondo del pattinaggio. Fra spostamenti e allenamenti, tempo per dedicarmi ad altre attività ne rimane pochissimo. E l’Università è una cosa che non si può prendere sottogamba e fare nei ritagli di tempo”.

Benedetta con mamma Barbara

199


2017: tutti i risultati

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

Due bronzi tricolori

Due splendide medaglie di bronzo tricolori. Entrambe nella specialità degli Obbligatori. A mettersele al collo, a maggio 2017, Olivia Di Giorgi e Giada Niccolai, sulla bella pista del Palapilastro di Bologna, in occasione dei campionati italiani di pattinaggio artistico, delle categorie Divisione Nazionale A-B-C-D, sotto l’egida FISR, acronimo di: Federazione Italiana Sport Rotellistici. Nella città felsinea buone prestazioni pure di Alessia Perugini, Alessia Cellini e Francesca Grossi. Le nostre cinque bravissime pattinatrici si erano guadagnate il pass per la grande kermesse tricolore grazie alle ottime prestazioni prima nei campionati provinciali e poi regionali. Ma torniamo alla rassegna tricolore di Bologna. Olivia Di Giorgi si è messa la medaglia di bronzo al collo nella categoria Divisione Nazionale B, una gara che ha visto ai nastri di partenza ben 39 atlete provenienti di tutta Italia. Tra loro anche Francesca Grossi, pure lei del Circolo La Rosa. Francesca complice un po’ di emozione ha chiuso la sua ga-

Olivia Di Giorgi

200

Federazione Italiana Sport Rotellistici: nuova denominazione, soliti successi livornesi Gli atleti di casa nostra saliti sul podio sia in occasione dei Campionati Italiani, sia nell’evento regionale ra a metà classifica: ventesima. La brava Giada Niccolai, pure lei del circolo pattinaggio La Rosa, invece, la sua bella medaglia di bronzo, l’ha conquistata nella categoria Nazionale C. In gara, numericamente molto affollata, nella quale ha ottenuto un lusinghiero settimo posto anche Alessia Cellini, del circolo pattinaggio La Cigna Gymnasium. Da sottolineare, inoltre il sesto posto, nella categoria Divisione Nazionale A, di Alessia Perugini, anche lei del circolo pattinaggio La Rosa. Un risultato che evidenzia una volta di più il lusinghiero livello complessivo del nostro pattinaggio cittadino.

Campionati Regionali FISR

Ma facciamo un passo indietro e torniamo ai regionali di San Rocco a Pilli organizzati federazione FISR (ex FIHP: Federazione Italiana Hockey Pattinaggio), sempre nel mese di maggio. Una grande kermesse regionale nella quale erano in palio anche i ticket per poter gareggiare ai campionati italiani. E nella quale le nostre pattinatrici avevano ottenuto straordinari risultati. Ma vediamo i più eclatanti cominciando da Olivia Di Giorgi che nella cat. Divisione Nazionale B aveva conquistato ben due medaglie d’oro.

Giada Niccolai


La prima nei Liberi e la seconda nella Combinata. Un trionfo, quello della Combinata, ottenuto grazie al quinto posto negli Obbligatori e naturalmente al primo nei Liberi. Nella stessa categoria Francesca Grossi con l’ottavo posto negli Obbliga-

Di Giorgi e Grossi

tori e il 19° nei Liberi si era classificata settima nella Combinata. A San Rocco a Pilli doppia medaglia d’oro al collo anche per Giada Niccolai. La stupenda Giada dopo aver trionfato negli Obbligatori, com’è ormai abituata a fare da anni, aveva vinto anche nella Combinata in virtù del secondo posto nei Liberi. A conti fatti si era quindi portata a casa

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

Niccolai e Di Giorgi

ben tre medaglie: due d’oro e una d’argento, in una volta soltanto. Straordinario risultato, quello di Giada Niccolai ma bellissimo pure quello di Alessia Cellini, del circolo Pattinaggio La Cigna Gymnasium, sempre nella categoria Divisione C. Per super Alessia, oro nei Liberi, davanti a Giada Niccolai e quarto posto negli Obbligatori e argento in Combinata alle spalle di Giada Niccolai. A conti fatti una medaglia d’oro e una d’argento. Tuffo nell’oro regionale della Combinata, però a Luni Mare nella categoria Divisione Nazionale A, anche per Alessia Perugini. La brava portacolori del circolo La Rosa era salita sul podio più alto grazie alla doppia medaglia di bronzo nei Liberi e negli Obbligatori. Da segnalare infine, sempre nei campionati regionali, nella specialità degli Obbligatori, ma della categoria Allievi regionali B, il bel quarto posto di Giorgia Geppetti e il tredicesimo di Matilde Gelli. Risultati complessivi sottolineati con enfasi dal presidente regionale, della FISR, Mario Tinghi. “La Toscana è una delle culle del pattinaggio nazionale grazie anche a tanti bravissimi maestri di questo sport. Con un pizzico di orgoglio livornese, vorrei sottolineare una volta di più, l’ottimo livello qualitativo messo in evidenza anche in questa circostanza da tante nostre eccellenti pattinatrici”. Mario Tinghi, lo ricordiamo è pure presidente del circolo pattinaggio La Rosa.

Cellini, Niccolai, Di Giorgi e Blasizza

201


F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

M

ontagne di emozioni e spettacolo sopraffino. E un super finale come ciliegina sulla torta. Il campionato provinciale di pattinaggio artistico, sotto l’egida FIHP (acronimo di Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio) in programma ai primi di marzo 2017 al PalaBastia, non ha tradito le attese. In pista, una sessantina di splendide farfalline delle società cittadine: Circolo Pattinaggio La Rosa, Pattinaggio Artistico La Stella e Circolo Arci La Cigna Gymnasium e Divo Demi. Prima negli esercizi Obbligatori e successivamente nei Liberi. A fare da cornice, come consueto, un discreto pubblico, pronto a sottolineare con scroscianti applausi le esibizioni delle atlete. Tra le tante stupende performance da sottolineare quella davvero sublime di Diletta Peralta negli esercizi Liberi. Una pattinatrice, la bella e brava Diletta, figlia d’arte dei maestri Debora Possenti e Leandro Peralta, che non ha certamente bisogno di presentazioni e ha già scritto pagine importanti in questo sport anche sui palcoscenici nazionali. Nel tardo pomeriggio, di domenica 5 marzo, Diletta Peralta ha deliziato la platea con una prova eccezionale. Un mix davvero incantevole di: classe, eleganza, armonia di movimenti e leggiadria. Subito dopo Diletta Peralta sono scesi

Olivia Di Giorgi

202

Campionati provinciali FIHP, sessanta le ‘farfalle’ livornesi impegnate in pista Diletta Peralta, figlia d’arte, si è distinta con un esercizio bellissimo nei Liberi

Greta Bitossi

in pista, nella prova a Coppie Jeunesse, Agnese Mori e Giuseppe Fusco. E, grazie alla loro bravura, hanno continuato a far vibrare l’applausometro in maniera quasi assordante. Agnese Mori, lo ricordiamo, è una pattinatrice del circolo La Rosa e Giuseppe Fusco della Polisportiva Rinascita Sport-Life di Rimini. Da un po’ di tempo, entrambi, oltre a gareggiare nelle prove individuali, hanno scelto di esibirsi anche nella categoria Coppie. Pur essendo, come residenza, abbastanza distanti, per potersi preparare insieme agli appuntamenti agonistici non badano ai sacrifici.

“Due volte alla settimana, si allenano a Bologna. A metà strada tra Livorno e Rimini.

Alessia Torri, Marta Pellegrini, Sara Russo


Combinata

Podio Allievi Reg. A: Marta Pellegrini, Martina Grechi, Greta Bitossi e Rachele Caruccio

E lo fanno in maniera eccelsa e con grande passione”, le parole del presidente, del circolo La Rosa e regionale della FIHP, Mario Tinghi, presente anche in qualità di presidente del Circolo Pattinaggio La Rosa. Tra i presenti alla bella manifestazione di pattinaggio provinciale anche la dinamica responsabile della Lega Uisp di Pat-

tinaggio Ilaria Stefanini Goti che oltre a elogiare le tante bravissime pattinatrici presenti ha ringraziato anche l’assessore allo sport Andrea Morini, che, ha detto: “Ci ha onorati della sua presenza”.

Giovanissimi A. 1° Martina Vanni, 2° Yoeily Sanchez Cordero, 3° Viola Menicagli. Giovanissimi B. 1° Mya Balloni, 2° Asia Giommi. Esordienti B. 1° Alessia Torri. Allievi A. 1° Sara Russo, 2° Michelle Figoli. Allievi B. 1° Agnese Mori. Div. A. 1° Alessia Perugini. Div. Nazionale B. 1° Olivia Giorgi, 2° Francesca Grossi. Div. Nazionale C. 1° Alessia Cellini, 2° Giada Niccolai.

Coppie

Jeunesse Coppie 1° Agnese Mori e Giuseppe Fusco.

Risultati. Campionato provinciale FIHP 2017 Obbligatori.

Esordienti B. 1° Alessia Torri. Allievi A. 1° Sara Russo, 2° Michelle Figoli. Giovanissimi A. 1° Viola Menicagli, 2° Martina Vanni, 3° Yoeily Sanchez Cordero. Giovanissimi B. 1° Asia Giommi, 2° Mya Balloni. Allievi B. 1° Agnese Mori. Esordienti Reg. A. 1° Giulia Marcaccini, 2° Maria Antonini. Allievi Reg. A. 1° Rachele Caruccio, 2° Marta Pellegrini, 3° Martina Grechi. Allievi Reg. B. 1° Giorgia Geppetti, 2° Matilde Gelli. Div Nazionale A. 1° Alessia Perugini, 2° Martina Puliti, 3° Lucrezia Pappalardo. Div. Nazionale B. 1° Olivia Di Giorgi, 2° Francesca Grossi. Div. Nazionale C. 1° Giada Niccolai, 2° Alessia Cellini. Cadetti. 1° Martina Mazzoni, 2° Viola Barni. Cadetti Short. 1° Viola Barni.

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

ni, 2° Yoeily Sanchez Cordero, 3° Viola Menicagli. Giovanissimi B. 1° Mya Balloni, 2° Asia Giommi. Esordienti B. 1° Alessia Torri. Allievi A. 1° Sara Russo, 2° Michelle Figoli. Allievi Reg. A. 1° Marta Pellegrini, 2° Martina Grechi, 3° Greta Bitossi, 4° Rachele Caruccio. Allievi Reg. B. 1° Giorgia Geppetti, 2° Adele Salemmi, 3° Matilde Gelli. Allievi B. 1° Agnese Mori. Juniores. 1° Diletta Peralta. Div. Nazionale A. 1° Viola De Vizia, 2° Alessia Perugini, 3° Martina Mazzoni. Div. Nazionale B. 1° Olivia Di Giorgi, 2° Francesca Grossi. Div. Nazionale C. 1° Alessia Cellini, 2° Giada Niccolai. Cadetti. 1° Viola Barni.

Libero.

Alessia Cellini (1°) e Giada Niccolai (2°)

Giovanissimi A. 1° Martina Van-

Di Giorgi e Mori

203


F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

S

abato speciale il 10 giugno 2017 per oltre un centinaio (131 per la precisione) di giovani e giovanissime pattinatrici di Livorno e provincia, in rappresentanza dei circoli cittadini: Pattinaggio La Rosa, Pattinaggio Artistico La Stella, Circolo Arci La Cigna Gymnasium e circolo Divo-Demi e, inoltre dei Falchi di Venturina. In mattinata in programma, sulla magica pista della Sovrana, il trofeo Promo, riservato agli atleti che sono saliti per la prima volta sui pattini da uno o al massimo due anni. Per loro dopo il trofeo Promo a squadre, di fine maggio, è giunto “battesimo” ufficiale a livello individuale. Il pomeriggio, invece, trofeo Discobolo, un appuntamento con radici lontane (inizio anni ottanta) riservato a bambine o bambini che avevano già preso familiarità con questo sport, bello e affascinante come pochi altri, da almeno tre anni. Per le piccole atlete del trofeo Promo poi replica a settembre per i campionati provinciali. E per le più brave pass in tasca per i regionali. Disco verde, invece, per la grande kermesse regionale, a ottobre e novembre per coloro che avevano gareggiato a maggio nel torneo Discobolo. Insomma una partenza sprint, scaglionata nel giro di quattro o cinque mesi. Ma torniamo alle gare di inizio giugno. Da sottolineare in mattinata la presenza dell’assessore allo Sport del Comune di Livorno Andrea Morini. Un Andrea Morini prodigo di elogi verso le piccole pattinatrici, gli organizzatori e maestre e maestri di pattinaggio: “Le bambine state tutte bravissime. E’ un onore per me essere stato invitato a presenziare a questo evento sportivo. L’Amministrazione Comunale è sempre a fianco di queste

Trofeo Promo e Discobolo: due battesimi sulle rotelle per le speranze livornesi Tradizionale appuntamento con l’esordio agonistico per oltre cento pattinatrici di città e provincia

Gruppo La Cigna Gymanasium Divo Demi

iniziative”, le sue parole gonfie di elogi e di soddisfazione. Stanca ma contenta che le cose siano andate benissimo la coordinatrice del Pattinaggio Artistico Provinciale Uisp Ilaria Stefanini, super impegnata a far “girare” le cose per il verso giusto, in quella giornata del 10 giugno densa di avvenimenti: “Sono qui dalle 6.30 di stamattina e vado via adesso che sono le 20”. Al fianco della presidentessa Ilaria Stefanini, con i compiti di segretario, Ettore Carpenè. Anche lui super attivo. E a dare una mano pure il presidente regionale, Pattinaggio Uisp, Glauco

Podio Cat 1 B

204

Cintoi. Un signore del pattinaggio livornese, regionale nazionale che poi ci avrebbe lasciato, a causa di una malattia improvvisa e devastante, il 29 novembre 2017. Alle premiazioni dei trofei Promo e Discobolo hanno partecipato anche il presidente del Comitato Territoriale Uisp Terre Etrusche e Labroniche: Daniele Bartolozzi e la referente del tesseramento Laura Romboli.

Tutti bravi

Stupende le bambine e i bambini: pochi ma davvero in gamba. Ma bravi pure i loro Maestri e Aspiranti Maestri. Per il Circolo Pattinaggio La Rosa: Linda Mattei, Greta Malloggi, Silvia Rachini ed Eleonora Caselli. Per il Circolo Pattinaggio Artistico La Stella: Irene Anselmi, Camilla Serraglini e Benedetta Andreani. Per i Falchi di Venturina: Giulia Tarrini, Giulia Merli e Sofia Neri. E per i “padroni di casa” del Circolo La Cigna Gymnasium e Divo-Demi: Leandro Peralta, Debora Possenti Peralta, Valentina Imbrogiano, Diletta Peralta, Alessia Cellini e Martina Blasizza. A portare il proprio saluto agli atleti e maestri anche il presidente regionale, della FISR Federazione Italiana Sport Rotellistici, Mario Tinghi, presente anche nella vesti di responsabile del circolo pattinaggio La Rosa. Da segnalare, infine, in gara con la maglia del circolo Patt. La Stella, in gara anche due bambini: Gabriele Tomati e Alessandro Davini. Per loro è proprio il caso di dire: “beati tra tante belle e brave fanciulline”.


Risultati

Trofeo Promo.

Categoria 1A. 1° Marta Alessio (Patt. Art. La Stella), 2° Aurora Gazzetta (La Cigna Gymnasium), 3° Asia Accardo (circ. Divo Demi), 4° Angelica Bonchio (La Stella), 5° Irene Marchini (Cigna Gym.), 6° Lucrezia Conte (Patt. La Rosa), 7° Emma Frati (La Rosa), 8° Bianca Pellegrini (Divo-Demi), 9° Martina Chieppa (cigna Gym.), 10° Giulia Braccini (Divo-Demi), 11° Beatrice Rossi ((divo-Demi), 12° Rita Mauriello (La Rosa), 13° Asya Benvenuti (La Rosa), 14° Asia Biagi (Divo-Demi), 15° Michelle Manolo (DivoDemi), 16° Noemi Cirillo (Divo-Demi), 17° Sara Celanti (Cigna Gym.), 18° Adelaide Bono (Divo-Demi), 19° Carolina Martini (DivoDemi), 20° Serena Notaristefano (Divo-Demi). Cat. 1B. 1° Giulia Cantagalli (Stella), 2° Greta Baldi (La Rosa), 3° Demi Martina (Ci-

gna Gym.), 4° Linda Papa (Cigna Gym.), 5° Nicole De Bellis (Cigna Gym.), 6° Chiara Di Fraia (La Rosa), 7° Giulia Mari (Stella) , 8° Giulia Pacchini (La Rosa), 9° Chantal Dentone (Cigna Gym.), 10° Elisa Villantieri (La Rosa), 11° Eleonora Bianchi (Divo-Demi), 12° Maya Travaglini (I Falchi), 13° Matilde Bicchierini (La Rosa), 14° Samira Carmignani (Divo-Demi), 15°Giorgia Schillaci (Divo-Demi), 16°Asia Acciai (I Falchi), 17Anita Palombo (I Falchi), 18° Maria Isabela Turceac (La Rosa). Cat. 1 C. 1° Helen Gelli (La Rosa), 2° Irene Di Carlo (Cigna Gym.), 3° Beatrice Villantieri (La Rosa), 4° Rebecca De Rosalia (Divo-Demi), 5° Alì Yasmine Ben (Divo-Demi), 6° Ileana Martello (I Falchi), 7° Elisa Boriello (La Rosa), 8° Terra Bartolini (La Rosa), 9° Eleonora Tosca (La Rosa), 10° Beatrice Fantelli (La Rosa), 11° Alice Camatari (Divo-Demi), 12° Giorgia Pavoletti (Divo-Demi), 13° Jennifer

Premiazioni Promo

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

Podio Discobolo 1C

Sozzi (I Falchi). Cat. 1D. 1° Letizia Mori (La Rosa), 2° Benedetta Fantelli (La Rosa). Cat. 2 A. 1° Greta Bianco (I Falchi). Cat. 2 B. 1° Anna Gambini (I Falchi), 2° Giorgia Lago (Patt. La Rosa), 3° Valentina Tomati (La Stella), 4° Denise La Rosa (Patt. La Rosa), 6° Vittoria Balestri (Patt. La Rosa) Cat. 2 C. 1° Cristina Potalivo (La Stella). Trofeo Discobolo. Categoria 1 A. 1° Viola Pancaccini (Cigna Gym.), 2° Giorgia Disgraziati (Cigna Gym.), 3° Matilde Faccin (La Rosa), 4° Bianca Mastrapasqua (La Stella). Cat. 1B Maschile. 1° Gabriele Tomati ((La Stella). Cat. 1B. 1° Martina Bonomo (Cigna Gym.), 2° Eva Perullo (Cigna Gym.), 3° Kendra Errante (La Rosa), 4° Emma Pecchioni (I Falchi), 5° Azzurra Allegranti (La Rosa), 6°Greta Scoli (La Stella), 7° Virginia Testa (La Rosa), 8° Greta Salemmi (La Stella), 9° Virginia Paglini (La Stella), 10° Alessia Calamari (La Rosa, 11° Mattia Sviato (La Stella). Cat. 1C. Maschile. 1° Alessandro Davini (La Stella). Cat. 1C. 1° Bianca Maggini (La Rosa), 2° Federica Ricciardi (La Rosa), 3° Sofia Mini (La Rosa), 4° Marina Zarcone (La Stella), 5°Azzurra Zini (La Cigna Gym.), 6° Silvia Antonelli (I Falchi), 7° Greta Paiella (I Falchi), 8° Clara Milardi (La Rosa), 9° Martina Prisco (Cigna Gym.) 10°Alessia Leone (La Rosa) Cat. 1 D. 1° Sofija Ceccarelli (La Rosa), 2° Sofia Neri (I Falchi), 3° Lisa Figoli (La Rosa). Cat. 2 A. 1° Gaia Pennacchia (La Stella), 2° Anna Grossi (La Stella), 3° Nina Succi (La Stella). Cat. 2 B. 1° Anna Pisano (La Rosa), 2° Vittoria Puccini (La Cigna Gym.), 3° Eliana Guarini (La Cigna Gym.), 4° Sara Ramacciotti (La Rosa), 5° Agata Pichi (La Rosa), 6° Eva Chiellini (La Rosa), 7° Emma Costa (La Rosa), 8° Arianna Bertini (La Stella), 9° Lisa Risaliti (Cigna Gym.) Cat. 2 C. 1° Carolina Ricci (La Cigna Gym.), 2° Elisa Antonelli (I Falchi), 3° Margherita Dal Canto (Cigna Gym.), 4°Letizia Santucci (La Rosa), 5°Serena Chiappa (La Cigna Gym.), 6° Chiara Fabbri (La Rosa), 7° Caterina Consani (La Rosa). Cat. 3 A. 1° Aurora Fioravanti (La Stella), 2°Chiara Fraschi (La Stella), 3° Alice Mancino (La Stella), 4° Sofia Pierdomenico (La Stella). Cat. 3 B. 1° Matilde Caleo (La Stella). Cat. 3 C. 1° Eleonora Minuti (La Rosa), 2° Nina Baldi (La Stella), 3° Giulia Merli (I Falchi), 4° Carmen Mocanu (La Stella), 5° Carolina Belliti (La Stella).

205


F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

P

er le piccole pattinatrici che qualche mese prima (Giugno) si erano messi in bella evidenza nei trofei Promo e Discobolo sotto l’egida Uisp, un inizio di autunno scoppiettante. Il 30 settembre sulla pista della Sovrana sono tornate in gara per disputare i campionati provinciali. Un appuntamento importante, ricco di pathos e di belle emozioni. Per le più brave oltre alla possibilità di portarsi a casa trofei e coppe anche quella di guadagnarsi i biglietti di accesso ai campionati regionali, in programma il mese successivo a Pisa. Insomma un bel test, affrontato con il massimo dell’impegno e con il cuore in gola di fronte a genitori, nonni e compagne di circolo, in una giornata, o meglio un pomeriggio, in cui i raggi del sole facevano fatica, in alcuni momenti, a trovare la strada tra le nubi. A darsi battaglia, con i pattini ai piedi e le bellissime tutine variopinte, una cinquantina di giovanissime farfalline, dei circoli cittadini: Pattinaggio La Rosa, Pattinaggio Artistico La Stella, Arci La Cigna Gymnasium e Divo-Demi. In cabina di regia la presidentessa provinciale del pattinaggio Uisp Ilaria Stefanini e in qualità di super visore, ma soprattutto d’innamorato di questo sport, Glauco Cintoi che un paio di mesi dopo, in maniera improvvisa ci avrebbe lasciato. Solerte e bravissimo il segretario della gara Ettore Carpenè. E corretti, attenti e scrupolosi i giudici: Sara Belloni, Ezio Cintoi e Marisa De Vanni. A scrivere il loro nome nell’albo d’oro del pattinaggio provinciale delle varie categorie, al termine di applauditissime esibizioni, nella categoria 1A Bianca Pellegrini, lasciandosi alle spalle ben 13 brave e agguerrite compagne d’avventura. Nella categoria 1 B trionfo di Giulia Cantagalli. Nella 1C, invece, vittoria di Helen Gelli e nella 1 D di Margherita Collecchi. Nelle categorie 2°, 2B e 2C, infine successi di: Nicole De Bellis, Vittoria Balestri ed Elisa Potali-

Campionati provinciali UISP, l’inizio dell’autunno è stato davvero scoppiettante Per le più brave, anche la chance di guadagnarsi i biglietti di accesso alla tornata dei Regionali

45 pattinatrici posano con i dirigenti, giudici e maestri di pattinaggio

vo. Al termine, prima delle premiazioni, a commentare i momenti più importanti della bella giornata di sport, con parole calde e appassionate è stata la coordinatrice provinciale pattinaggio Uisp Ilaria Stefanini Goti: “Il pattinaggio -ha detto- è uno sport in crescita. Una crescita lenta ma costante. Esprimo un sincero ringraziamento a tutti pe partecipanti e ai loro maestri per questa bella giornata di sport. Faccio, inoltre tanti auguri a tutti, con l’auspicio che quest’annata agonistica, che sta muovendo i primi passi, regali a ognuno di voi grandi soddisfazioni. Cominciando dalle nostre già bravissime pattinatrici. E proseguendo con dirigenti, allenatori, giudici e segretari. E più in generale a quanti, magari nell’ombra, lontano dai riflettori lavorano in silenzio per dare lustro al nostro sport ”. Poi i numeri: “Complessivamente a Livorno abbiamo circa 700 pattinatrici: così ripartite circa 400

Gruppo Cigna Gymnasium e Divo Demi

206

della categoria Promo, 200 della cat. Discobolo e un centinaio di agoniste. Numeri importanti che già nel 2018 speriamo possano crescere ulteriormente”. Ecco infine il nome dei maestri di pattinaggio delle piccole pattinatrici: Circolo La Rosa: Eleonora Caselli e Greta Malloggi. Circolo Patt. Artistico La Stella: Irene Anselmi, Benedetta Andreani e Silvia Lorenzelli. Circoli Arci La Cigna Gymnasium e Divo Demi: Valentina Imbrogiano, Debora, Diletta e Leandro Peralta. Risultati. Campionato Provinciale Promo Pattinaggio Artistico Uisp. Cat. 1 A. 1° Bianca Pellegrini, 2° Marta Alessio, 3° Giulia Braccini, 4° Angelica Bonchio, 5° Martina Chieppa, 6° Asya Benvenuti. Seguono: Emma Frati, Aurora Gazzetta, Noemi Cirillo, Sara Celanti, Asia Biagi, Serena Notaristefano, Emily Fina e Rita Mauriello. Cat. 1 B: 1° Giulia Cantagalli, 2° Giorgia Schillaci, 3° Giulia Mari, 4° Samira Carmignani, 5° Eleonora Bianchi. Seguono: Giulia Pacchini, Chiara Di Fraia, Francesca Barretta e Isabela Turceac. Promo 1 C: 1° Helen Gelli, 2° Beatrice Villantieri, 3°Beatrice Fantelli. Seguono: Giorgia Pavoletti e Terra Bertolini. Cat. 1 D: 1° Margherita Collecchi, 2° Benedetta Fantelli. Cat. 2 A.: 1° Nicole De Bellis, 2° Irene Marchini, 3° Beatrice Rossi. Seguono: Asia Accardo e Michelle Manolio. Cat. 2 B: 1° Vittoria Balestri, 2° Valentina Tomati, 3°Giorgia Lago, 4° Irene Di Carlo, 5° Denise La Rosa. Seguono: Chantal Dentone, Benedetta Rossi, Alice Camatarri e Martina Demi. Cat. 2 C: 1° Elisa Potalivo. Giudici: Sara Belloni, Ezio Cintoi e Marisa De Vanni. Segretario: Ettore Carpenè.


Campionato provinciale UISP, il solito stupendo spettacolo in pista Tutti i circoli livornesi in parata per l’atteso appuntamento ospitato dal parquet del PalaBastia E ognuna di loro, come d’abitudine ha dato il meglio di se stessa. Il pattinaggio artistico livornese, non sono io a dirlo, ma i fatti a dimostrarlo, viaggia davvero con il vento in poppa. E il domani non può che essere ancor più roseo”. Campionato provinciale Uisp Pattinaggio Artistico. Specialità Liberi. Risultati: Cat. Novizi.1° Martina Vanni (Cigna Gymnasium/Divo Demi). 2 Viola Menicagli (La Stella), 3° Cordero Sanchez (La Stella). Cat. Novizi Uisp. 1° Mya Balloni (La Rosa). Cat. Piccoli Azzurri. 1° Martina Sturli (Cigna Gymnasium/Divo Demi). Cat. Primavera. 1° Emi Antognoni (Cigna Gymnasium/Divo Demi). Cat. Allievi Giovani. 1° Michelle Figoli (Cigna Gymnasium/Divo Demi). 2° Sara Russo (La Rosa), 3° Anna Stern (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 4 Ilaria Derin (Cigna Gymnasium/ Divo Demi). Cat. Allievi Uisp. 1° Agnese Mori (La Rosa), 2° Margherita Zini (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 3° Jode Versa (Cigna Gymnasium/Divo Demi). Cat. Juniores 1° Viola De Vizia (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 2° Alessia Perugini (La Rosa). Cat. Azzurri Uisp. 1° Olivia Di Giorgi (La Rosa), 2° Francesca Grossi (La Rosa). Cat. Azzurri Uisp. 1° Giada Niccolai (La Rosa), 2° Alessia Cellini (Cigna Gymnasium/Divo Demi). Cat. Professional Cadetti 1° Viola Barni (La Rosa). Cat. Professional Junior. 1° Diletta Peralta (Cigna Gymnasium/Divo Demi).

Gruppo Cigna Gymnasium-Divo Demi

Categorie Formula Uisp: 1A. 1° Ilaria Pennacchia (la Rosa), 2° Linda Iriti (La Stella), 3° Vittoria Pireddu (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 4 Martina Freschi (Cigna Gymnasium/Divo Demi). 1B. 1° Melissa Branchetti (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 2 Rachele Cresci (La Stella), 3° Giulia Marchegini (La Stella). 1C. 1° Anna Falca (La Stella), 2° Aurora Bardi (La Rosa). 3° Eva Putrino (La Stella), 4° Tea Irene Liguori (La Rosa), 5 Martina Norfini( La Stella). 6 Giulia Grimaldi (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 7° Aurora Semboloni (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 8° Viola Guillet (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 9° Carolina Porciani ((La Rosa), 10° Giorgia Marini (La Stella), 11° Carolina Bontempo (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 12° Elisa Cottini (La Stella), 13° Camilla Bardocci (La Stella), 14° Giulia Golfarini (La Stella). 1D. 1° Emma Botteghi (La Rosa), 2° Martina Morandi (La Stella), 3° Veronica Bocelli (La Stella), 4° Nicole Tampucci (La Stella), 5° Giulia Baldacci (La Stella). 1F. 1° Isabella Gherarducci (La Rosa ), 2° Greta Marini (La Stella). 2°. 1° Alice Disgraziati (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 2° Natalia Cavallini (Cigna Gymnasium/ Divo Demi). 2B 1° Marta Pellegrini (La Rosa), 2° Rachele Carucci (La Stella), 3° Elisa Luzzi (La Stella). 2G. 1° Alice Pancaccini (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 2° Cindy Breghu (La Stella), 3° Ambra Vettori (La Rosa), 4° Alice Gasparri (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 5° Lucrezia Pappalardo (La Rosa), 6° Elisa Ciccotelli (La Stella). UISP. 1D 1° Gemma Tedeschi (La Stella). 3B. 1°Sara Voliani (La Rosa), 2° Adele Salemmi (La Stella), 3° Matilde Gelli (La Rosa), 4° Martina Grechi (La Rosa). 3 C. 1° Cecilia Aliboni La Rosa). 4B. 1° Martina Puliti (La Stella). 5A 1° Martina Mazzoni (La Rosa). Coppia Artistico. 1° Agnese Mori (La Rosa) e Giuseppe Fusco (Pol. Rin. Sport). Trofeo Pulcini. 1° Matilde Faccin (La Rosa), 2° Viola Pancaccini (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 3° Nina Scocchi (Cigna Gymnasium/Divo Demi), 4° Gaia Pinnacorda (La Stella).

F.I.S.R.: Federazione Italiana Sport Rotellistici

I

l solito stupendo spettacolo. In gara a metà marzo, sul magico parquet del PalaBastia. quasi un centinaio di splendide pattinatrici, dei nostri circoli di pattinaggio: Cigna Gymnasium-Divo Demi, Circolo Pattinaggio La Rosa e Pattinaggio Artistico La Stella. In programma la prova dei Liberi del campionato provinciale. Questa volta sotto l’egida Uisp. Tra loro tante bravissime farfalline che avevano già ottenuto splendidi risultati, anche su palcoscenici regionali e nazionali. E altre più giovani e inesperte. Tutte, però, vogliose di mettere in mostra quanto hanno imparato in tante ore di allenamento e di dimostrare così la loro bravura. A complicare un pochino le cose, anche per le più esperte, briciole di emozione che le più ansiose anche in quella circostanza, hanno cercato di stemperare, muovendosi su e giù con i pattini ai piedi a bordo pista, oppure dialogando con maestre e maestri o con le amiche e compagne, prima di affrontare le loro prove. Tra le più brave, come era accaduto una quindicina di giorni prima quando la gara era sotto l’egida FIHP, Diletta Peralta e nella prova a coppie Agnese Mori del circolo La Rosa e Giuseppe Fusco del circolo Rinascita Sport di Rimini. Due super pattinatori quest’ultimi che, nonostante la distanza tra le loro città di residenza (Livorno e Rimini) continuano a non far caso ai sacrifici e ad allenarsi di buona lena, in genere a Bologna, e a “sfornare” eccellenti prestazioni tutte le volte che scendono sul parquet. Nel caso di Agnese Mori, in maniera eccelsa anche a livello individuale. Il primo posto ottenuto nella categoria Allievi Uisp è stato l’ennesimo segno tangibile di questa sua capacità di svariare in entrambi i settori: a coppie e appunto individuale. Sempre tra le protagoniste di giornata belle prove di elle bravissime: Viola Barni, Giada Niccolai, Viola De Vizia, Olivia Di Giorgi e tante altre. Nella categoria Formula Uisp da sottolineare la stupenda performance di Anna Falca, del Pattinaggio Artistico La Stella. Una ragazzina capace di lasciarsi alle spalle, le tredici compagne d’avventura, in una gara molto più numerosa rispetto a tante altre. Commenti: decisamente contenta e compiaciuta, non poteva essere altrimenti, la responsabile del Comitato Provinciale, Uisp pattinaggio Artistico, Ilaria Stefanini Goti. Sentiamola: “Alla gara, con mia grande soddisfazione, hanno partecipato circa 100 atlete.

207


Golf A cura di Andrea Puccini

Golf Club, un modello esemplare per lo sviluppo del movimento nazionale

A

ndrea Scapuzzi, Presidente del Golf Club Livorno, traccia un bilancio dell’attività in zona Tre Ponti che dagli albori progettuali, con i primi veri disegni del campo maturati soltanto nel 2013 e la porzione di Campo Pratica attiva soltanto dal 2015, nel giro pochi anni si è consolidata come una graditissima realtà sportivo-ricreativa nel multidisciplinare contesto livornese. “Nell’ultimo anno abbiamo inaugurato la clubhouse, dotata di servizi con sala tv e riservata anche al gioco delle carte,

Una vista panoramica dalla buca quattro

Un colpo di uscita dal bunker del Presidente Andrea Scapuzzi

ristorante, terrazza panoramica con vista mozzafiato sul mare antistante. L’investimento più corposo è stato però effettuato sul manto erboso steso lungo il percorso delle nove buche: la collocazione geografica del campo, uno dei rari casi presenti in Italia a così pochi metri dal mare, ha necessitato di un impegno ulteriore e speciale rispetto a un tradizionale campo di golf – racconta Scapuzzi, commercialista di professione, dal 2009 anche alla guida del Comitato Regionale della Federazione Italiana Golf - I forti venti e il salmastro che arrivano dalla costa infatti avrebbero ben presto bruciato il tipo di erba che normalmente viene utilizzata. Questa tipologia alternativa invece è appositamente studiata per resistere bene anche in condizioni climatiche difficili come quelle presenti qui in zona Tre Ponti (tende solo a ingiallire nel corso della stagione invernale, ndr): una situazione che trova pochissi-

mi casi analoghi a livello nazionale è praticamente nessun altro sul piano regionale, se si esclude un campo dalle dimensioni ancor più ridotte che è oggi attivo all’Isola d’Elba. Il nostro rappresenta davvero un impianto innovativo per la scena italiana”. Grandi sforzi sono stati fatti anche sul piano del marketing, al fine di far conoscere e apprezzare questa splendida realtà sul territorio locale e non solo. “Ci impegniamo molto per sviluppare una campagna promozionale efficace per acquisire nuovi soci: in calendario abbiamo regolarmente organizzato giornate dimostrative e Open Day per far provare gratuitamente chiunque sia interessato. Abbiamo poi un accordo di partnership anche con il negozio cittadino di Decathlon – racconta Scapuzzi - Nello store in zona Levante, presso il quale è aperto un corner golf, abbiamo inserito una nostra immagine promozionale e sarà un punto

F.I.G.: Federazione Italiana Golf

Quella livornese è una bella realtà che ha ricevuto il plauso del Presidente del Coni in visita ai Tre Ponti

209


Malagò con Schneck, GM della FIG Toscana, Scapuzzi, Presidente FIG Toscana e del Golf Livorno, e Sanzo, Presidente Coni Toscana

del Presidente del CONI Malagò, accompagnato dal Dott. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022 e dal presidente della FIG Franco Chimenti, anche numero due del CONI nazionale. Malagò è rimasto molto impressionato dalla struttura e dall’evolversi del suo progetto, anche nell’ottica della prossima organizzazione di una manifestazione importante come la Ryder Cup in agenda nel nostro Paese a Roma nel 2022.” Il modello di Compact Golf livornese è stato quindi indicato come un vero è proprio modello da prendere ad esempio per essere esportato anche in molte altre città italiane, comprese altre due realtà cugine in Toscana. È stato infatti già presentato il Progetto  “50 Ryder Compact BioGolf”. La  Federazione Italiana Golf  – con la collaborazione dell’Istituto per il Credito Sportivo, Legambiente, FederParchi, Fondazione Univerde e Golf Environment Organization (GEO)  – si è posta l’obiettivo della realizzazione di circa cinquanta strutture golfistiche multifunzionali ad impatto ambientale basso o nullo in aree urbane fortemente degradate. Il terreno sul quale sorge l’impianto labronico è del Comune ma è stato dato in concessione alla Federazione Italiana Golf che, a sua volta, ha creato una società sportiva di propria emanazione. Quest’ultima, grazie al supporto di un pool di appassionati, a portato poi a termine il progetto che costituisce un fiore all’occhiello: l’area è stata completamente bonificata e rimodellata per essere in equilibrio con la paesaggistica.

F.I.G.: Federazione Italiana Golf

di appoggio importante per il nostro circolo per almeno due motivi. Sia per sdoganare il preconcetto storico che il golf sia solo una disciplina elitaria riservata a pochi ricchi, visto che la nostra quota associativa ammonta ad appena 850 euro annuali per poter giocare e usufruire delle strutture ogni giorno, sia per allargare il nostro bacino di utenza visto che dal punto vendita transita una potenziale platea di 150mila visitatori annuali.” Circa l’80% dei nuovi tesserati del circolo non arriva ad esempio da praticanti già attivi nei due circoli vicini (Cosmopolitan Tirrenia in primis) ma sono proprio persone che si avvicinano ex novo. “Attualmente, il circolo conta circa 200 iscritti ed è vicino al tetto massimo di 250-300 giocatori che la dirigenza si è prefissata di raggiun-

gere: il campo può supportare 36 giocatori in contemporanea, quattro per ognuna delle 9 buche. D’altronde si tratta di un Compact Golf dalle dimensioni ridotte rispetto a un campo ‘normale’ a 18 buche: la struttura è dotata di un campo pratica con 9 postazioni al coperto e altrettante all’aperto, un putting green e un pitching green di allenamento, oltre al menzionato percorso di 9 buche con 8 Par 3 e 1 Par 4.” Altro fattore è la collaborazione instaurata con il Liceo Sportivo: “E’ già in opera un accordo con l’istituto di via della Bassata che ha individuato una decina di alunni tra i suoi studenti per seguire un vero è proprio percorso didattico sul golf, passando dalla storia della disciplina, sino alla teoria e a momenti di stage pratico sul campo suddiviso in più giornate. Per quanto concerne l’attività agonistica invece, il circolo sta portando avanti una piccola squadra che partecipa a tornei del circuito regionale ma a volte anche di livello nazionale. Con regolarità organizziamo corsi per principianti, sia per grandi che per piccini, a condizioni veramente vantaggiose”. Infine, un’ulteriore novità é l’accordo con il movimento locale del Footgolf rappresentato dal pioniere Stefano Santoni: sino ad oggi gli appassionati di questa giovane specialità che ibrida il calcio con il golf e sostituisce il piede alla mazza e la sfera di cuoio alle palline si potevano cimentare solo sui green di Tirrenia. Da oggi hanno un punto di riferimento fisso anche a Livorno. “Fondamentale è stato poi il momento della visita nel marzo 2018 da parte

Lo scenario suggestivo offerto da una location unica nel suo genere per un campo da golf

211


Lotta Judo Karate Karate a Livorno: la parola d’ordine è reclutamento Alberto Toni Delegato Provinciale FIJLKAM

A

lberto Toni, maestro della palestra Ronin, è anche il neo delegato provinciale della FIJLKAM. Eletto solo da qualche mese, uno dei vanti principali del classe ’62, è quello di essere riuscito a riconnettere le dirigenze sino a oggi scollegate delle varie palestre cittadine, cercando di creare per quanto possibile i presupposti per una sinergia del movimento a livello locale. “Si tratta dell’aspetto del lavoro del delgato tra i più difficili e complessi – racconta Toni, attivo da praticante nel settore del karate sin da ragazzino – Si tratta di un mondo molto variegato, con ciascun soggetto portatori di interessi ed esigenze spesso differenti. Eppure, rivesto l’incarico con entusiasmo e tanta volontà di far crescere questa nostra amata disciplina. Per il quadriennio che sarà in carica ho molto progetti in cantiere da sviluppare”. In primis, Toni ha l’obiettivo di rilanciare il karate tra i bambini: “Il nostro è uno sport pulito e sicuro, nonostante qualche luogo comune lo intenda come pericoloso per i giovani – tiene a sottolineare - Io ho cominciato quando avevo soltanto 10 anni. Anziché iscrivermi a calcio, rimasi folgorato dopo aver messo piede in una palestra. Dopo tutta questa esperienza accumulata, mi sento in dovere di sfatare le false credenze e cercare di promuovere maggiormente la pratica del karate”. Un passato da dirigente anche nel Csen (Centro Sportivo Educativo Nazionale), Toni punta forte sulla piazza livornese: “C’è un bel numero di praticanti, nonostante il nostro sia considerato come uno sport di quelli ‘minori’ e quindi fa-

Il Maestro AlbertoToni è un delegato con talenti in orbita azzurra tichi a ritagliarsi visibilità sui media e l’attenzione degli sponsor – lancia la carica lo stesso delegato – D’altronde, ci troviamo anche in un momento storico cruciale per la disciplina: nel 2020 A Tokyo il karate sarà sport olimpico e alcune regole sono in fase di evoluzione e cambiamento. E’ l’ora di provare a cambiare passo partendo proprio dal basso. Ci stiamo sforzando di collaborare con gli istituti scolastici, anche nel quadro della campagna del CONI Gioco Sport alla quale contribuiamo già da due anni a questa parte: quattro maestri sono operativi nella varie classi delle scuole livornesi, per insegnare quanto questo sport possa essere utile ai bambini per assimilare valori sani quali il rispetto delle regole e dei diritti dell’altro”.

Un podio di una gara di Karate

Parola d’ordine quindi reclutamento, anche se tra capoluogo all’ombra dei Quattro Mori e provincia, le società affiliate FIJLKAM che praticano agonismo sono già intorno alla doppia cifra. Idem a livello di risultati dagli atleti portacolori dei sodalizi locali: a Livorno e dintorni c’è una tradizione di tutto rispetto che viene portata avanti da talenti emergenti che orbitano già nel settore delle nazionali giovanili. “Ci sono prospetti interessanti in ottica azzurra che vengono tenuti costantemente sotto osservazione dai tecnici federali – racconta con orgoglio Toni – E questo avviene non soltanto in campo maschile, bensì anche nel settore femminile: nelle categorie ‘in rosa’ Livorno ha vinto anche qualche titolo”. Solo per fare qualche nome, ad esempio si può citare Asia Tinti: esordiente, 13 anni, è già la migliore della sua età in Toscana ed è salita sul podio con un bronzo ai campionati Italiani nella propria categoria. Oppure Sofia Ranuci, campionessa nazionale CSEN nel Kata. A livello provinciale, grande tradizione invece la conserva anche sotto il profilo dei risultati conseguiti la società Okinawa. La storica realtà di arti marziali che ha sede a Venturina, guidata dal Maestro Roberto Ninci, ha ottenuto le soddisfazioni più grandi nel settore del Kata. Giulia Becherini, tra gli Esordienti A, a Certaldo è salita sul terzo gradino podio. In occasione del Trofeo Toscana di Kumite e Kata invece, i colleghi Alberto Morelli e Ilaria Ticciati si sono anch’essi infilati tra i primi nella classifica, Esordienti A .

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

A cura di Andrea Puccini

213


30 ANNI

1986 2016

Per frequentare corsi di:

Pilates

Step, Walk Ginnastica pugilistica Lotta libera per adulti Lotta libera per bambini JiuJitsu bambini Brazilian JiuJitsu Zumba, Wrestling Zumba sentao/fitness/step Dancheels


Lotta Riccardo Niccolini, il giusto riconoscimento al campione-maestro Riccardo Niccolini

“D

all’anno scorso, sono diventato collaboratore tecnico della nazionale. Un bel, primo riconoscimento alla carriera – racconta con un pizzico di orgoglio Riccardo Niccolini, l’ex campione, strappato prematuramente alle competizioni internazionali da un brutto incidente stradale che ne mise a repentaglio persino la vita – Ho ricevuto l’incarico di seguire il progetto di giovani talenti in altre regioni. Per questo, due volte al mese, mi reco sia in Piemonte che in Liguria per allenare questi giovani talenti”. Quasi un passaggio di consegne e un ciclo di vita che si ripete nella storia, per un destino quanto mai ironico. Nei primi anni Settanta, il giovane Niccolini fu a sua volta infatti scoperto e stimolato alla pratica della lotta da un vero e proprio mentore come Vittoriano Romanacci. “Mi iscrissi alla palestra Olimpia, allora in via Fiorenza – ricorda – Lo conobbi in quel contesto, dopo che mi aveva visto in allenamento. Mi insegnò molto, visto che proprio in quel periodo Romanacci era stato chiamato a svolgere il ruolo di commissario tecnico della Nazionale di lotta libera”. Oltre a questo importante riconoscimento, per Niccolini anche la soddisfazione di aver contribuito a portare Livorno alla ribalta del movimento della lotta in Italia. “Abbiamo organizzato il primo stage internazionale l’anno scorso e nel 2018 abbiamo già espletato tutte le formalità burocratiche per fare il bis – racconta il deus ex machina del Popeye - La prima edizione è stata un vero successo sotto il profilo della partecipazioni: circa 60 giovani lottatori si sono iscritti all’evento, sono accorsi da tutta Italia e anche da oltre confine. Ad esempio, molto lusinghiera è stata la partecipazione della campionessa Europea Cadetti Anna Szel (allenata dall’italiana Diletta Gianpicoli, guida tecnica della squa-

Nel 2017 il livornese è diventato collaboratore tecnico per un progetto giovanile della Nazionale dra nazionale ungherese femminile, ndr).” Al Circolo Divo Demi, per tre giorni, nell’ottobre 2017 si sono alternati così sul tappeto campioni italiani, atleti olimpici, lottatori di fama mondiale e maestri di grande esperienza. Sotto la supervisione di Michele Luizzi, Rinella Salvatore, Diletta Gianpicoli e tanti altri allenatori di livello internazionale, oltre al direttore tecnico Niccolini. Gli atleti sono approdati all’ombra dei Quattro Mori dalle palestre più famose d’Italia: Napoli, Chiavari, Terni, Firenze, Rovereto, la Sicilia. Dai 10 ai 35 anni, sia maschi che femmine, in rappresentanza di tutte le categorie di peso.

Niccolini: tanti record

Con la vittoria degli Italiani del figlio Gabriele, il maestro Riccardo Niccolini ha portato sul podio dei campionati italiani il suo quarto atleta. Da ricordare infatti gli altri campioni italiani nati dalla storica scuola Popeye: Daria Klimenko che ha conquistato la medaglia d’oro nella categoria juniores nonché terza agli assoluti, Saverio Ceccarini oro nella categoria Esordienti e Cadetti, e infine Simone Iannattoni medaglia d’ oro esordienti, nella categoria Cadetti, Juniores nonché vincitore del titolo italiano assoluto. Niccolini è stato peraltro primo atleta nel 1975 a vincere nello steso anno titolo Italiano Junior e Senior oltre alla Coppa Italia Assoluti, lottatore di spessore internazionale a cavallo dei primi anni ’80 nonché partecipante alle Olimpiadi di Mosca del 1980 dove si piazzò settimo a soli 22 anni. Un campione anche nel braccio di ferro, dov’è stato campione Europeo nel ’90 e addirittura Mondiale nel ‘91.

Progetto: “I giovani talenti della lotta”

Con l’inizio del Quadriennio Olimpico 2017-2020 il Settore Lotta della FIJLKAM

intende sviluppare sul territorio nazionale un Progetto atto ad incrementare il livello di professionalità dei nostri Insegnanti Tecnici e dei nostri giovani Atleti. L’obiettivo principale è quello di individuare un Gruppo di giovani Atleti talentuosi, che potranno essere seguiti direttamente dai Tecnici Federali con un percorso di allenamenti semipermanenti al Centro Olimpico “Matteo Pellicone” del Lido di Ostia e con Stage all’estero. Questo Progetto avrà anche la finalità di aumentare il bacino di reclutamento e di innalzare le basi tecniche degli Atleti sul territorio, ottenendo anche una maggiore capillarizzazione nelle Regioni. Il Tecnico del CTR dovrà attribuire ad ogni Atleta un punteggio da 1 a 10 in base ai criteri tecnici impartiti dalla DTN, mentre, con le stesse modalità, il Responsabile Federale presente agli allenamenti dovrà attribuirne da 1 a 20 e la Direzione Tecnica da 1 a 30. La media dei punteggi a fine anno determinerà la classifica finale. Alla fine dell’anno 2017 i primi 6 Atleti per stile, classificati in base al ranking, entreranno a far parte per tutto il 2018 del Gruppo “GIOVANI TALENTI DELLA LOTTA”. Il Gruppo sarà seguito direttamente dallo Staff Tecnico Federale ed avrà diritto a circa 90 giorni all’anno di raduni Collegiali, ripartiti anche in funzione delle esigenze scolastiche, presso il Centro Olimpico “Matteo Pellicone” del Lido di Ostia/RM o di Stage all’estero. Nel mese di dicembre del 2018 e degli anni a seguire, la DTN valuterà gli eventuali nuovi ingressi e le eventuali uscite dal Gruppo con le stesse modalità. I migliori tre Tecnici dei CTR, che avranno inserito il maggior numero di atleti nel Gruppo “Giovani Talenti della Lotta”, potranno diventare “Responsabili Federali ” nel progetto quadriennale.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

A cura di Andrea Puccini

215


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

2017: tutti i risultati

216

S

imone Iannattoni si conferma la punta di diamante del Popeye Club. A 20 anni, nel 2017 il campioncino livornese prodotto doc della scuola fondata e guidata da Riccardo Niccolini, ha ribadito di essere uno dei migliori prospetti della lotta a livello nazionale e non solo. Il titolo italiano Assoluto (bissato peraltro anche ad inizio 2018) ottenuto nella categoria dei 97 kg (l’aveva già vinto ma tra gli 86 kg) ha fatto il paio con la belissima medaglia d’argento infilata al collo al Campionato Europeo Juniores (manifestazione saltata invece nel 2016 a causa del concomitante impegno scolastico con gli esami di maturità). L’anno passato infatti è stata l’ultima stagione in cui il labronico ha potuto gareggiare tra i giovani junior: dalla stagione agonistica in corso, Iannattoni è entrato a far parte dello storico Gruppo Sportivo Fiamme Oro in virtù del suo ruolo di atleta di interesse nazionale. Al campionato continentale organizzato in quel Dortmund, Iannattoni, ha raggiunto la finale sconfiggendo nell’ordine lo slovacco Villiam Oross (6-4), il bulgaro Anton Zlatkov (10-0) e, in semifinale, il moldavo Dmitri Ceacusta (3-1). Nella finale che ha messo in

Gabriele Niccolini appena riconosciuto vincitore di un match

Iannattoni e Niccolini, due talenti che sono sbocciati made in Popeye Entrambi campioni italiani, tutti e due con un futuro sportivo luminoso in nazionale

Iannattoni di nuovo vincitore del titolo tricolore juniores

palio il titolo continentale, Iannattoni ha affrontato il georgiano Givi Matcharashvili: il caucasico ha subito iniziato con una proiezione da quattro punti, chiudendo poi l’incontro sul 10-0 dopo appena 44’ di tempo. L’argento di Iannattoni resta comunque un risultato più che lusinghiero. Ora, il salto di qualità tra i Senior con il sogno nel cassetto che resta sempre quello di poter partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Gabriele Niccolini, 13 anni ma già capace di fare il bis a livello tricolore tra gli Esordienti (dopo un terzo posto nel 2016, una doppietta tra 2017 e questo primo scorcio di 2018). È lui il nuovo prospetto sul quale lo staff Popeye e il babbo ex campione ripongono grandi speranze: già vincente come Esordiente anche nella categoria kg 57, vincendo tutti gli incontri per superiorità tecnica al Gran premio Giovanissimi (manifestazione più importante per i lottatori under 15), Niccolini junior è stato peral-

tro convocato già in nazionale. Agli Italiani, ospitati come di consueto presso il centro Olimpico Fijlkam di Ostia, in mezzo alla concorrenza di 200 atleti di età compresa dai 12 ai 15 anni, Niccolini ha confermato di essere in possesso di un’ottima preparazione tecnica, compiendo a detta dei presenti, la più bella azione del campionato e vincendo tutti gli incontri con l’oro nella categoria 47 kg. Con la tuta azzurra, è entrato nell’orbita del progetto giovani talenti: dopo la partecipazione dell’estate 2017 al Campionato Europeo School Boys a Belgrado, la conferma di essere seguito da vicino dagli osservatori della Federazione. Il progetto infatti prevede che i prospetti più interessanti vengano radunati in vari stage formativi, spalmati in 90 complessivi nel corso dell’anno. Il tutto in vista della prossima partecipazione ai Campionati Europei di giugno 2018.


Saverio Ceccarini e la lotta libera, una passione a prima vista

Saverio Ceccarini

S

averio Ceccarini è un 18enne, in procinto di affrontare un match impegnativo anche fuori dal tappeto come quello sui banchi scolastici dell’esame di maturità. Ma il ragazzo livornese, studente dell’indirizzo di logistica all’istituto Nautico, è anche un talento, l’ennesimo, della lotta nostrana. Un prodotto ancora una volta cresciuto e maturato sotto l’egida della palestra Popeye e delle dritte tecniche del ‘guru’ Riccardo Niccolini. “Mi sono avvicinato a questa disciplina da quando frequentavo la quinta elementare – racconta Ceccarini – La passione me l’ha attaccata uno zio che frequentava già questa palestra, anche se solo per fare pesistica. Mi ha introdotto lui nell’ambiente e da lì, non se sono più uscito. Praticavo jujitsu prima e mi sono sempre piaciute

Ceccarini terzo sul podio alla Coppa Italia 2017

Saverio Ceccarini sul podio dei campionati Italiani di Ostia

le discipline che prevedono contatto fisico ma che allo stesso tempo si basano anche sulla tecnica e sulla rapidità, non esclusivamente sulla violenza o la forza: la lotta è una miscela perfetta di tutti questi ingredienti”. Un amore a prima vista quello del giovane lottatore, laureatosi di fresco campione italiano juniores tra i 79 chilogrammi. “Sì, anche se in realtà il primo incontro a cui ho partecipato in assoluto da bambino lo persi – scherza – Poi però sono un po’ maturato e, ai tempi della terza media, nella categoria Esordienti, sono cominciati ad arrivare i risultati più importanti. All’ultimo anno di partecipazione in quella fascia di età infatti, riuscii a trionfare tra i 59 kg agli Italiani.” Uno scudetto di categoria cucitosi poi nuovamente addosso tra i

Cadetti nel 2016, dopo aver fatto le prove generali un anno prima con un brillante secondo posto a livello nazionale. “Sempre quell’anno, ho partecipato per la prima volta a un evento internazionale di livello come gli Europei. I campionati continentali si svolsero a Stoccolma. Ma da quell’esperienza, ho poi preso parte anche ad altri tornei oltre confine con la maglia azzurra della nazionale”. Più recente, datata ottobre 2017, la medaglia di bronzo infilata al collo da Ceccarini nella Coppa Italia Senior; ancor più vicino a livello cronologico nonché importante a livello di palmares individuale, il titolo nazionale juniores tra i 79 kg. Un bel viatico per Ceccarini, impegnato di media per tre ore al giorno dal lunedì al venerdì in palestra per coronare un sogno. “Speriamo che queste prestazioni siano di buon auspicio per l’appuntamento del prossimo 30 luglio a Roma: per la prima volta infatti, i campionati Europei saranno organizzati in Italia allo storico PalaPellicone. Sarebbe bellissimo riuscire a salire sul podio davanti al pubblico amico”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Il livornese si è laureato nuovo campione italiano anche tra gli Juniores nella categoria 79 kg

217


Franco Giardini: un vero pioniere della lotta e primo livornese in azzurro Franco Giardini

Un campione precursore ma dalla carriera sfortunata e che si è interrotta forzatamente sul più bello

A

ncor prima che il movimento della lotta livornese facesse rima con quello di Riccardo Niccolini prima e Igor Nencioni poi, il nome che è stato davvero pioniere della disciplina all’ombra dei Quattro Mori è quello di Franco Giardini. Primo lottatore livornese mai convocato per una selezione nazionale, Giardini è stato davvero l’apripista di questo sport a Livorno ad alti livelli, a cavallo tra la fine degli anni ’60 e l’inizio della decade successiva. Un precursore tanto precoce quanto fortunato, visto che la sua carriera agonistica che prometteva molto bene e avrebbe potuto consacrarsi anche a livello internazionale, s’interruppe poi prestissimo e proprio sul più bello, quando stava praticamente decollando verso un futuro fatto soltanto di sport a livello professionistico. “E pensare che iniziai a praticare quasi per caso, visto che a quattordici anni e mezzo avevo intenzione di cominciare a fare canoa – racconta Giardini, classe 1950 – Il caso però ci mise lo zampino e trovai chiuso l’ufficio per le iscrizioni. Così, insieme ad un altro gruppetto di amici, decidemmo allora di ripiegare su un’alternativa. Praticamente dopo poco tempo smisero tutti gli altri, mentre io fui l’unico determinato a continuare”. Il punto di riferimento di allora per la pratica della lotta in città, a metà anni ’60, era la palestra dei Vigili del Fuoco. “Nel 1966, ad appena 16 anni, vinsi al debutto il mio primo campionato Italiano nella categoria degli Esordienti. Da lì capii che probabilmente ero davvero portato per questo sport e potevo combinare qualcosa di buono con risultati sopra la media – ricorda – Eravamo un gruppo forte. Quella dei Vigili del Fuoco era una buona scuola, capace di portarci a vincere anche il Campionato Italiano a squadre: solo per citare alcuni nomi, sono stati miei compagni Bianchi, Romanacci, Giovannelli, Cappelli, Ferri e molti altri.”

Giardini in azione al torneo Platisinsky in Polonia, a Varsavia, nel 1972

Nel palmares di Giardini, anche una Coppa Italia alzata a 18 anni compiuti e qualche piazzamento sul podio in tornei internazionali ai quali partecipò in seguito alle ripetute convocazioni dei selezionatori azzurri nelle rappresentative prima giovanili e poi assoluta. “Il 1970 fu il mio anno agonisticamente migliore – prosegue la cronistoria dell’ex lottatore livornese – A 20 anni, riuscii a piazzare una bellissima doppietta di successi ravvicinati: prima vinsi il titolo nazionale tra gli juniores poi, subito dopo aver compiuto l’età necessaria per partecipare anche con i grandi, bissai il trionfo tra i Senior. Non a caso, al termine di quella stagione agonistica, mi fu conferito anche il premio come miglior atleta toscano dell’anno”. In cima a questa escalation inarrestabile di vittorie e gratificazioni sportive però, arrivò anche un tanto inatteso quanto brusco e definitivo stop. Con l’ulteriore beffa che tale interruzione forzata non fu legata a problemi fisici o infortuni, come purtroppo capita anche a giovani atleti talentuosi. “Purtroppo, dovetti prendere una decisione

dolorosa riguardo al mio futuro professionale – ricorda a malincuore Giardini, trasformatosi poi in carrozziere di successo nella vita Il mio ruolo precario all’interno del corpo dei Vigili del Fuoco non venne stabilizzato con un contratto a tempo indeterminato, così fu forzato a scegliere d’intraprendere un lavoro più stabile. Una svolta che però non mi avrebbe consentito di dedicare le tante ore di allenamento necessarie per continuare a praticare la disciplina agli alti livelli che avevo tocccato. Per questo, decisi di troncare di netto. Ero sposato da poco e avevo un figlio piccolo, a 22 anni ho dovuto maturare velocemente una scelta di vita difficile ma presa con consapevolezza: anche perché uno sport del genere, che richiede molto contatto, mi avrebbe esposto a un rischio d’infortunio troppo alto, incompatibile con il lavoro di un’attività condotta in prima persona come una carrozzeria. Una decisione di cui non mi pento di certo. Anche se ogni volta che ci ripenso, il rammarico per le soddisfazioni sportive che mi sarei potuto togliere, a partire dalla possibile partecipazione a un’Olimpiade, è quasi inevitabile”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Vita da sportivi

219


Livorno Fight Team, una fabbrica di talenti per rinnovare la storica scuola di lotta

l trio delle meraviglie si conferma ai vertici del movimento giovanile nazionale e non solo. Le tre promesse della lotta libera livornese sono Raùl Caso, Danny Lubrano e Vassilj Guccini, tutte unite agonisticamente sotto i colori del Gruppo Lottatori Livornesi, che fanno capo alla palestra della Livorno Fight Team diretta dall’esperto Igor Nencioni. Caso ha difatti già concesso il bis nel 2018 al campionato Italiano Esordienti, vinto per due edizioni consecutive dopo che già nella precedente categoria, quella dei Ragazzi ad appena 11 anni, aveva saputo issarsi sul tetto nazionale della lotta libera. “Mi alleno davvero tanto – dichiara il tredicenne che quest’anno ha frequentato la terza media e ha già in programma di iscriversi al Colombo - Fino a un’ora e mezzo al giorno e cinque volte a settimana. Insomma, il sacrificio c’è, ma è stato ripagato dalla soddisfazione del titolo appena conquistato. Questo è uno sport molto duro e senza applicarsi non si va da nessuna parte. E poi, siamo fortunati ad avere Igor come insegnante. Ha la grande capacità di tirare fuori il meglio da ogni suo atleta. Riesce a motivarci, oltre che a prepararci sul piano tecnico”.

Caso, Lubrano e Guccini sono solo la punta dell’iceberg di un movimento in piena ripresa

I

Da sx Emily Lubrano, Nencioni Caterina e Pirina Michela

Una panoramica della palestra di via Cimarosa

Le convocazioni dello scorso anno per gli stage collegiali di Faenza e Ostia, le gare internazionali vinte in Germania, Ungheria e Francia, il debutto anche nella lotta greco romana a livello Esordienti, i successi ai Campionati Regionali e al GranPremio Giovani: la stagione a cavall tra il 2017 e il 2018 è stata ricchissima di soddisfazioni per Caso. “Il mirino è puntato ora sugli Europei d’Ungheria a giugno – racconta il campioncino – Purtroppo, malgrado il successo nel campionato Italiano, non avevo potuto partecipare perché il regolamento prevede che si possa solo al secondo anno da Esordienti. L’obiettivo è calare di preso, da 55 a 52 kg, per rientrare in una categoria dove ho maggiori possibilità di essere competitivo”. Un campione d’Italia è anche il compagno Danny Lubrano: malgrado sia un classe 2004, in questa prima parte di 2018 è già arrivato anche un altro scudetto tra i Cadetti. A soli 13 anni, il giovane talento del gruppo lottatori vanta una bacheca di tutto rispetto, impreziosita anche dall’ulteriore tricolore vinto in finale contro Militano (peraltro unico avversario della stessa età con il quale si è confrontato), nell’unico match equilibrato finito 4-3 (tutti gli altri, il livornesi li aveva chiusi per manifesta superiorità). “Sapevo che potevo vincere. Ma tanti avversari non li avevo mai visti perché tutti più grandi di me” racconta il talento della palestra di via Cimarosa. Anche per lui,

il 2017 era già stato pieno di soddisfazioni: la partecipazione agli Europei in Serbia, le partecipazioni a manifestazioni di spessore internazionale in giro per il Vecchio Continente (e non solo, visto che davanti ad amici, parenti e al pubblico di casa ha vestito la maglia azzurra in occasione del torneo internazionale organizzato a Livorno), oltre al successo nel blasonato Gran Premio Giovani. Anche per Lubrano, l’obiettivo ora sono gli Europei: “Dovrò migliorare, devo ragionare di più. Io cerco sempre di fare il massimo, mi alleno anche 7 o 8 volte la set-

Da sx Lubrano Danny, Vassilj Guccini, Raul Caso

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

LIVORNO FIGHT TEAM

221


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali 222

Foto di gruppo per la squadra adulti

timana. Spesso anche prima di andare a scuola. Mi piace la lotta e spero che questo sport diventi il mio futuro. Voglio farmi trovare pronto”. Ribalta anche per Vassilj Guccini, uscito a testa alta con merito alla prima esperienza tra gli Esordienti al campionato Italiano 2017 (sconfitta ai punti), sia nel tabellone della libera sia in quello riservato alla greco romana; nel 2018 invece, il salto tra i Cadetti al tricolore d’inizio 2018 (con un già ottimo quinto posto in entrambe le specialità 3 Camp. It. Esordienti). Anche per lui, esperienza di respiro internazionale in Germania (secondo posto) e in Ungheria (terzo, in un torneo che ha chiuso una settimana di stage), la chiamata al collegiale di Faenza il buon piazzamento ai regionali di greco romana (“La competizione in una specia-

lità che non è proprio la nostra serve comunque per fare esperienza” suggerisce) e il successo nei 62kg all’ambito Gran Premio Giovani. Anche per Guccini, che ha iniziato a lottare a otto anni e il prossimo anno punterà a proseguire gli studi iscrivendosi al Liceo Sportivo, al soddisfazione di partecipare al Torneo Labrone e vincere un match di fronte agli applaudi di casa del palaBastia. Ma dietro il tris di punta, c’è tutto un settore giovanile in fermento e pronto a seguire le orme dei colleghi poco più grandi: sia in campo maschile, sia nel settore femminile. Gabriele Soldatini, 9 anni, ha iniziato a lottare quando ne aveva solo tre, complice l’amicizia del padre con Nencioni. “Per il momento ho avuto qualche piazzamento, non ho ancora mai vinto un torneo. Mi trovo meglio nella lotta libera – racconta – Gli amici, al massimo, praticano in qualche caso arti marziali o pugilato. Nessuno però fa lotta e quando lo racconto, mi guardano perplessi. Ma il mio sogno nel cassetto è quello di arrivare alle Olimpiadi.” Un’ambizione di sfondare condivisa con Lorenzo Lento, otto anni a giugno e da due stagioni passato alla lotta. “Non avevo né conoscenti, né familiari che praticavano. L’ho chiesto espressamente io di provaLa figlia d'arte di Nencioni, già seconda ai re – racconta convinto – Ho già campionati Toscani 2018

vinto un paio di tornei. Ma soprattutto, mi diverto a prescindere e non ho paura del contatto fisico.” Anche Leonardo Domenici e Cristiano Cerrai, rispettivamente quattro e cinque anni, sono piccoli lottatori in erba. “Non ci piace il calcio. Preferiamo questo bellissimo sport” raccontano in coro. Una passione sbocciata anche per le ‘girls’ del Livorno Fight Team. La sedicenne Michela Pirina ad esempio, ha effettuato un cambio drastico: una vera inversione a U, passando dalla ginnastica artistica alla lotta. “Ma in realtà, è successo perché pensavo di farmi meno male – scherza ma non troppo – L’obiettivo per il momento è quello ci arrivare a vincere una gara”. L’altra ragazza del gruppo, oltre alla figlia d’arte Caterina Nencioni 5 anni iniziata da babbo Igor e già capace di piazzarsi seconda ai campionati Regionali 2018 nella propria categoria, è Emily Lubrano. Altra sorella d’arte, più grande all’anagrafe (18 anni) ma molto meno esperta del fratellino Danny. “Ho cominciato solo da qualche mese – racconta – Prima, ho girato parecchi sport, anche altri cosiddetti ‘di contatto’. Dalla ginnastica, sono passata al pugilato e al rugby. Adesso, credo di aver trovato la giusta dimensione. Ho partecipato a un torneo in Francia e poi ho debuttato già agli Italiani di Ostia tra i 50 kg. Avendo cominciato così avanti con gli anni, mi trovo a pagare inevitabilmente lo scotto dell’inesperienza contro avversarie che magari vantano invece già convocazioni in nazionale. Sono soddisfatta di questo esordio”. E per concludere Isabella Ferrini 3a classificata ai Campionati italiani assoluti.

Tutti insieme i ragazzi della squadra giovani


Igor Nencioni, nuovi incarichi in nazionale per un futuro da talent scout Igor Nencioni e la figlia

“I

Ancora un campione del grappling, ha ricevuto però l’incarico di scoprire le promesse della lotta

l bilancio dell’annata della no“Siamo arrivati a vantare una settantina fase di transizione delicata. Da protagonista stra palestra, per quanto concer- di tesserati nella lotta, con appassionati che sotto i riflettori a deus ex machina dietro le ne il settore della lotta olimpica, partono da appena quattro anni di età sino a quinte. «Sarà strano perché è da quando ho è da considerarsi molto positivo. Ho creato qualche veterano – conferma Nencioni – Inol- 10 anni che vivo di lotta in prima persona. A12 uno staff di insegnanti molto validi che mi tre, il fatto di avere alcuni atleti ormai in pianta arrivai secondo alla fase nazionale dei giosupporta quotidianamente in palestra. Un stabile nel giro delle rispettive nazionali giova- chi della gioventù, quello che attualmente si gruppo di istruttori di comprovata qualità, nili, convocati puntualmente, ci costringe a un chiama GranPremio Giovani mentre l’anno composto da Emiliano Circonofri, Daniele lavoro supplementare. Un sacrificio che faccia- successivo vinsi addirittura il titolo – racconNiccolini, Giacomo e Dario e Corso, Mauro mo ben volentieri ma che è necessario a queste ta Nencioni – Poi, nonostante una pausa in Puccini.” Con l’apertura della propria palestra giovani promesse per beneficiare di una tabel- cui provai altri sport, a 17 anni ripresi a pieuna delle missioni di Igor Nencioni, vetera- la di allenamento programmata e differenzia- no ritmo l’attività agonistica, fino a vincere i campionati Italiani speranze e partecipare ai no anche nel grappling e per questo moti- ta rispetto al resto del gruppo”. Uno sforzo organizzativo di tutto rispet- Mondiali”. Tanti i titoli italiani in bacheca a vo premiato nel 2016 dalla Figmma con la carica di cintura nera per meriti sportivi, era to che catalizza ormai gran parte del tempo dispetto delle mancate chiamate in nazioquella di risvegliare una disciplina come la di Igor Nencioni, ad oggi atleta azzurro del- nale (“Non avevo la mentalità giusta per stalotta che in città e provincia negli ultimi anni la nazionale di grappling ma anche non più re in nazionale, la lotta non era una priorità era rimasta un po’ sopita. Una specialità che in grado di potersi dedicare all’agonismo co- quindi ero fuori da un certo gruppo” ammetin passato ha prodotto campioni di spessore me qualche tempo fa. “L’anno scorso ho volu- te) sino al sigillo del 2000 con il successo ai nazionale ma che di recente non aveva sa- to ugualmente partecipare al Mondiale, anche mondiali interforze di libera e grecoromana. puto rinnovarsi secondo quel ricambio ge- se ero ben consapevole di non essermi potuto “Ho avuto la soddisfazione di vincere gli Itanerazionale necessario per provare a coglie- preparare al massimo della condizione” am- liani di “MMA” dilettanti arrivando secondo re una pesante eredità. mette il livornese, che sta attraversando uan ai mondiali, ho vinto gli Italiani professionisti e svariate competizioni di grap“Abbiamo riportato entusiapling vincendo campionati itasmo nell’ambiente della lotta liliani e competizioni internaziovornese” commenta compiaciunali”. In più però, ora c’è anche to Nencioni, deus ex machina di un’iniziativa targata Livorno l’ulteriore onere-onore legaFight Team che si è progressito all’incarico di collaboratore vamente ampliata nei numetecnico della nazionale di lotri e, di conseguenza, nei locali. ta che la stessa Fijlkam gli ha Dopo il primo trasferimento in conferito lo scorso anno. “Ho via Martin Luther King, l’ulterioil compito di scovare nuovi tare trasloco nella base logistica lenti, seguirli e plasmarli prodi via Cimarosa 22 poco più di prio come ho fatto con Caso e Lubrano. Sono davvero fiero di un anno fa: un nuovo spostamento necessario per godere questa chiamata e mi tuffo neldi spazi adeguati a ricevere e la nuova avventura con grande entusiasmo. Lo stesso che metospitare una grande famiglia sempre più allargata ma altretto ogni giorno in palestra con i miei ragazzi. Ci tengo a ringratanto unita intorno ai valori e ziare tutti quelli che hanno avuall’amore per gli sport da comIgor Nencioni in azione nel match in occasione dell'anniversario to fiducia in me in Federazione battimento. per i 100 anni del Livorno Calcio

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Parola ai protagonisti

223


I

quadri tecnici con le “stellette” della sezione sportiva Daniele Pilagatti, Antonio Citi, Alessio Loni (in forza all’Esercito Italiano) e Alberto Piccinici dedicano l’educazione motoria in età evolutiva a partire dai 4 anni d’età per maschietti e femminucce. I protocolli di allenamento proposti, attinenti alla preparazione multilaterale giovanile e avviamento allo sport olimpico del Karate, sono stati acquisiti attraverso la frequenza dei corsi di formazione presentati dall’ “International Eurocamp di Cesenatico” secondo le linee guida della FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali). Tali vengono riproposti dal progetto “Multisport Marziale – Giovani Leve” a cui aderisce la ASD CAM Lucca di San Filippo presso il centro “APICI” e dalla ASD 187° di Livorno, che in sinergia organizzano periodicamente degli “allenamenti congiunti mirati ai preagonisti (4 – 11 anni d’età)” e dei “training di gara” specifici agli agonisti (a partire dai 12 anni) per le specialità del Kata (forma) e del Kumite (combattimento) del settore giovanile “Folgore”. Questi invece, i principali passaggi dell’esaltante annata sportiva:

Gennaio

Parte a tutta velocità l’anno nuovo per la ASD Esercito – 187° Folgore che con la sua rappresentativa composta dallo staff tecnico (formato dal Capitano della riserva selezionata Carlo Francesco Tomboli-

Andrea Bozzi sul podio

Karate A cura di Andrea Puccini

ASD Esercito 187° Folgore, un anno vissuto da assoluti protagonisti È stata come sempre molto attiva la presenza agonistica dei giovani atleti ‘folgorini’

16° Seminario Nazionale di Karate a Cesenatico

ni, dai graduati in forza all’Esercito Italiano Daniele Pilagatti, Antonio Citi, Alessio Loni, dal preparatore atletico dottore in scienze motorie Alessio Martelloni, da Rico Simonetti e dai paracadutisti non in servizio, Alberto Piccinini e Franco Bozzi), dall’atleta con le stellette Marco Sarnataro e tutto il settore giovanile con i 6 preagonisti (a partire dai 4 anni d’età) e i 10 agonisti (a partire dai 12 anni ) ha preso parte al “16° Seminario Nazionale di Karate”. Nel week end del 6, 7 e 8 gennaio presso la struttura dell’ l’Eurocamp di Cesenatico – FC i “folgorini” si sono cimentati nell’impegnativo programma tecnico/atletico finalizzato alla forma-

zione multilaterale giovanile che è stato presentato durante il citato “16° Seminario Nazionale di Karate”. Questa manifestazione organizzata sotto l’egida della Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali – FIJLKAM è sin dall’inizio guidata dal Direttore Tecnico della Nazionale Italiana settore Karate prof. Pierluigi Aschieri. Quest’ultimo ancora una volta, ha condotto in modo superbo il seminario accompagnando i giovani talenti attraverso l’articolato percorso tecnico/atletico servendosi per le dimostrazioni pratiche, di un modello di prestazione eccezionale quale l’atleta in forza all’Esercito Italiano Mattia Busato, Campione d’Europa nel 2014 e medaglia d’ argento agli European Games di Baku nel 2015.

Marzo

Il settore giovanile svetta nella serie “A” con la conquista di 6 medaglie alla Coppa Toscana FIJLKAM di Karate, svolta domenica 5 presso il palasport di Pisa. Due medaglie d’oro, 3 argento e una di bronzo è

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

ASD ESERCITO FOLGORE

225


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali 226

Tecnico Regionale – CTR Toscana FIJLKAM, presso il palasport di Certaldo – FI. La manifestazione è iniziata con la categoria “Cadetti” (16 – 17 anni d’età) femminili, le 3 atlete blu/azzurro, si sono confrontate con le rispettive avversarie sul quadrato di gara, dando prova della buona preparazione e delle prestazioni tecniche raggiunte, aggiudicandosi dopo 3 “match” la medaglia d’argento per Francesca Piccinini, mentre hanno seguito sul podio le medaglie di bronzo per Ilaria Bianchi e Agnese Fanti. Brilla anche la giovane atleta “Esordiente B” (14 – 15 anni) Rebecca Bozzi, che ha ceduto il passo in finale, aggiudicandosi il secondo gradito del podio con la medaglia d’argento. Complessivamente 4 su 4 sono le atlete “folgorine” qualificate per l’appuntamento tricolore.

Maggio Agnese Fanti

stato il bottino conquistato dai “folgorini” Andrea Bozzi, Luca Dalle Luche, Melissa Bonino e Giulio Citi nelle rispettive categorie di peso per la specialità del Kumite (combattimento) e per la specialità Kata (forma), un pomeriggio dedicato esclusivamente alla categoria giovanile degli Esordienti A (12 e 13 anni d’età) suddivisa in “serie A e serie B”.

Aprile

Un nuovo esordio è stato quello di domenica 2 aprile per i 10 atleti del settore giovanile, schierati alla competizione internazionale del “XVIII° Adidas Open d’Italia 2017”, allestita con 10 aree di gara (tatami) e organizzata dallo staff del dott. Emilio Appiana, presso l’impianto sportivo di Riccione – RN. Conquistano la medaglia d’argento per il Kata a squadre categoria “cadette – juniores”, le atlete dei “baschi amaranto”, Bianchi Ilaria, Rebecca Bozzi e Francesca Piccinini. I “folgorini” si sono confrontati sui “tatami” nelle specialità individuali e a squadre, del Kata (forme) e del Kumite (combattimento). Un altro successo è stato quello ottenuto domenica 30 aprile, con le atlete del settore giovanile schierate alla fase di qualificazione per il Campionato Italiano di Kata (forme), organizzata dal Comitato

Grande soddisfazione per gli atleti del settore giovanile, che il domenica 7 maggio hanno brillato alla competizione denominata “Trofeo Toscana”, nella quale è stata disputata anche la fase di qualificazione per la finale Nazionale del “Trofeo Coni 2017”, riservata alla categoria degli “Esordienti A” (12 – 13 anni d’età maschile per le categorie di peso 40, 50, 61 Kg e femminile 42, 53 Kg). La manifestazione sportiva suddivisa in serie A e B, organizzata dal Comitato Tecnico Regionale – Toscana della FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) settore Karate con V. Presidente M° Enzo Bertocci, si è svolta presso il palazzetto sportivo di Sesto Fiorentino – FI. Nella serie “A” sono state protagoniste le ottime prestazioni dei folgorini in forza ai “Baschi Amaranto” di Livorno. I ragazzi hanno primeggiato incontrastati nella specialità del Kata (forme) con l’atleta Luca Dalle Luche e nel Kumite (combattimento) nella categoria maschile con Giulio Citi nei 40 Kg e Andrea Bozzi nei 50 Kg. Ottimi risultati anche nel femminile: l’atleta Melissa Bonino nei 47 Kg. Tutti e 4 i “fighters blu/azzurro” sono

Jacopo Citi in azione

saliti sul gradino più alto del podio, premiati con la medaglia d’oro. Intensa anche la trasferta a Follonica, in occasione del “16° Open Toscana” organizzata dal Comitato Tecnico Regionale CTR FIJLKAM della Toscana settore Karate. All’importante competizione internazionale, alla quale hanno preso parte oltre i 1200 atleti provenienti anche dall’Estero, le atlete Ilaria Bianchi, Francesca Piccinini e Rebecca Bozzi, hanno conquistato, nella specialità a squadre femminile categoria “Cadette – Juniores”, la medaglia d’argento. Anche nella categoria giovanile degli Esordienti A (12 – 13 anni d’età) il folgorino Luca Dalle Luche, dopo una serie di scontri, si aggiudica la “combattuta” medaglia di bronzo. Buona prova anche per tutti i settimi posti raggiunti dai componenti della squadra schierata dai “Baschi Amaranto”.

Giugno-Luglio Dal 26 giugno al 2 luglio il settore giovanile ha preso parte sotto l’egida della

Agnese Fanti e Francesca Piccinini


previsione degli na, a cui hanno preso parte gli atleti del impegni interna- settore giovanile “Folgore”. L’iniziativa ha zionali orientati al dato opportunità ai folgorini di allenarsi Il gruppo ASD Esercito - 187 Folgore circuito di qualifi- con gli atleti seniores, modelli di presta“Golden League Competitors GLC of Italy cazione per le “Olimpiadi di Tokyo 2020”. zione, i campioni Angelo Crescenzo, Silvia – FIJLKAM”, al “10th WKF YOUTH TRAI- Nella programmazione e progettazione Semeraro, Lisa Pivi e Terryana D’Onofrio NING CAMP & KARATE 1 WKF YOUTH CUP”, del Centro rientra anche l’obiettivo di col- (tutti Graduati). La giornata si è articolaevento di caratura mondiale, organizzato tivare il “Settore Giovanile” costituito dall’ ta secondo il progetto denominato “Suldalla World Karate Federation – WKF pres- Associazione Sportiva Dilettantistica Eser- le orme dell’Atleta Militare” avanzato dalla so l’impianto sportivo di Umag - Croazia. cito – 187° reggimento paracadutisti “Fol- ASD 187°, con lo scopo di elevare i principi Lo stage, dai contenuti tecnici di alto pro- gore” in stanza a Livorno. La formazione umani e tecnici nel trascorrere la “giornata filo, è stato tenuto dai Campioni del Mon- dedicata specificatamente al vivaio, ha il tipo” a cui si presta l’atleta professionista do Davide Benetello (Italia), Stanislav Ho- compito e il fine di educare i giovani “fol- dell’Esercito Italiano. runa (Ucraina), Douglas Brose (Brasile), gorini” non solo al perfezionamento delle Agosto Junior Lefevre (Francia), Predrag Stojadi- capacità tecnico-sportive, ma anche al loDal 23 al 25 agosto, il setore giovaninov (Serbia) per la specialità del Kumite ro progresso umano e sociale, attraverso le ha preso parte ad uno degli eventi più (combattimento) e Luca Valdesi e Antonio l’elevazione dei valori di lealtà e rispetto prestigiosi e formativi dedicato al proDiaz (Venezuela) per le specialità del Ka- alla base dei principi dello sport. In que- gramma olimpico del Karate FIJLKAM, ta (forme). Buoni i risultati e le prestazio- sto panorama del “Karate di Forza Armata”, presso l’impianto sportivo di Lignano Sabni dei folgorini schierati nelle 3 giornate i “Tecnici con le Stellette” il Caporal Mag- biadoro - Udine. Lo “stage tecnico e il sedi gare in particolare quella dedicata alla giore Scelto Daniela Berrettoni (per la spe- minario internazionale di metodologia”, a classe degli Under 12. Per la specialità del cialità del Kata “forme”) e il Caporal Mag- carattere agonistico, è stato condotto dal Kumite l’atleta Andrea Bozzi ha conquista- giore Scelto Nello Maestri (per la specialità Direttore Tecnico della Nazionale Italiana to la medaglia d’argento nella categoria del Kumite “combattimento”) hanno con- prof. Pierluigi Aschieri. Il plotone dei “foldi peso + 45 kg, mentre per la specialità dotto oltre 4 ore di allenamento suddiviso gorini” è stato poi schierato al “32° Open del Kata Luca Dalle Luche si è aggiudica- nelle due sessioni, mattutina e pomeridia- Mondiale di Lignano”, con i suoi 1330 to una buona posizione, classificandosi al 5° posto nella graduatoria di specialità. Gli atleti sono stati accompagnati, per tutta la durata della trasferta, dai tecnici “WKF Accredited Coach” Veronica Maurizzi, Donatella Maneo e dal “basco amaranto del 187°” Antonio Citi. “Eccellenza” è la nota di merito attribuita al Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito CSOE di Roma, che nella giornata di martedì 18 luglio si è avviato l’iter formativo di alto profilo mirato agli atleti in forza all’ Esercito Italiano, con una serie di allenamenti e raduni tecnici rivolta alla disciplina del Karate FIJLKAM - Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, in Il team di Karate dell'Esercito Italiano

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

I folgorini: da sx . Bozzi, Dalle Luche, Citi, Stella

227


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Il collettivo che ha partecipato alle qualificazioni ai campionati italiani

iscritti e 20 Nazioni presenti, nelle giornate di sabato 26 e domenica 27. I 18 fighters blu/azzurro, dei “baschi amaranto”, hanno concorso nella specialità individuale di Kumite (combattimento a contatto controllato), conquistando la medaglia d’argento nella categoria “Esordienti A” peso 55 Kg, con il folgorino Andrea Bozzi e quella di bronzo per Nicola Nottoli peso 61 Kg. Nella specialità del Kata (forme) individuale categoria Juniores femminile, Agnese Fanti strappa una meritatissima medaglia di bronzo. I “folgorini” Francesca Piccinini e Luca Dalle Luche si classificano al 5° posto nelle rispettive differenti categorie di gara. Il team Kata composto da Francesca Piccinini, Rebecca Bozzi e Ilaria Bianchi, iscritto nella categoria Juniores femminile, si aggiudica la medaglia di bronzo nella competizione a squadre.

derazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali), al Campionato Italiano di Karate per la specialità del Kumite (combattimento a contatto controllato) e per la specialità del kata (forme), rivolto alla classe “Esordienti A” (12 – 13 anni) e alle squadre giovanili (14 – 17 anni d’età), presso l’impianto sportivo di Firenze. Brillante è stato il risultato dei folgorini della ASD Eser-

Novembre

Quello dell’11 e 12 novembre è stato un fine settimana intenso per i tecnici “con le stellette” e atleti del settore giovanile in trasferta a Caorle in occasione della “VENICE YOUTH CUP 2017”, una delle più prestigiose competizioni internazionali di Karate alla quale hanno preso parte oltre 1500 atleti, provenienti da tutto il mondo, che

Ottobre

Domenica primo ottobre si è svolta la fase di qualificazione, per il Comitato Tecnico Regionale CTR TOSCANA - FIJLKAM (Fe-

Il saluto al Trofeo Toscana

si sono dati battaglia durante le 3 intense giornate di gara. La fighter Agnese Fanti, svetta sul podio con i colori della ASD Esercito – 187° Folgore di Livorno, nella specialità del Kata (forme) nella categoria juniores (16 – 17 anni d’età) femminile, un’impresa che si è conclusa con la conquista della medaglia di bronzo.

Dicembre

Un altro scatto per il gruppo ASD Esercito - 187 Folgore

228

cito – 187° Folgore di Livorno, che hanno conquistato il podio più alto, con 2 medaglie d’oro per i “fighter blu/azzurro” Giulio Citi, categoria – 40 Kg nel Kumite, e Luca Dalle Luche nel Kata, laureandosi entrambi Campioni Toscani 2017. Argento per gli atleti Christian Stella, Melissa Bonino, Andrea Bozzi e una medaglia di bronzo di Luca Dalle Luche. Poker di gatleti del settore giovanile che si sono qualificati per disputare la finale il 4 e 5 novembre, mentre la squadra giovanile femminile di Kata, composta da Francesca Piccinini, Rebecca Bozzi e Ilaria Bianchi, è stata poi anch’essa presente il 26 novembre al PalaPellicone di Lido di Ostia – Roma.

1264 sono i Km della trasferta sostenuta dal settore giovanile della ASD Esercito – 187° Folgore di Livorno, per la partecipazione alla prestigiosa competizione internazionale di Karate denominata “IX° Open di Campania” - FIJLKAM, svoltasi il 2 – 3 dicembre, presso l’impianto sportivo di Ebo-


li - SA. Grande è stata l’impresa del folgorino Andrea Bozzi, che ha concorso nella specialità del Kumite (combattimento a contatto controllato) nella classe “Esordienti A”. Andrea, dopo una serie di ostici incontri, si arresta in finale, aggiudicandosi la medaglia d’argento nella categoria di peso 55 Kg. Per ultimo e non meno importante il risultato con le fighters blu/ azzurro schierate nella categoria seniores con la medaglia d’oro di Agnese Fanti, che è salita sul gradino più alto del podio. A ruota ha seguito Francesca Piccinini conquistando la medaglia d’argento replicata anche nella categoria Juniores. Domenica 3 dicembre, si è avviata l’ultima tappa del “Gran Premio Giovanissimi – GPG TOSCCNA”, organizzata dal Comitato Tecnico Regionale – FIJLKAM della Toscana, con Presidente del settore Karate Enzo Bertocci e condotta dal Responsabile Organizzativo Leonardo Marchi, presso l’impianto sportivo di Firenze. Numerosa è stata la presenza di atleti delle fasce giovanili pre agonisti, i quali hanno

Il podio della Venice Youth Cup 2017

dimostrato nei tatami (aree allestite per le dimostrazioni) le abilità motorie sviluppate, nella prova tecnica del “gioco del palloncino” (esecuzione di calci e pugni su un bersaglio, testimoniando controllo e precisione delle tecniche eseguite), nella “prova libera” (consiste nel presentare una serie di tecniche provando controllo motorio, equilibrio e atteggiamento posturale specifici della disciplina) e nel “percorso a tempo” (superamento di più ostacoli attraverso gli schemi motori di base, correre, saltare, ecc …). Nella categoria “fanciulli” (9 – 8 anni) il settore giovanile della ASD Esercito – 187° Folgore di Livorno brilla con il folgorino Jacopo Citi, che totalizza un punteggio complessivo tale da permettergli di aggiudicarsi il secondo posto con la medaglia d’argento. 16-17 dicembre. Sbanca il settore giovanile, conquistando 18 medaglie alla competizione internazionale denominata “X° Open di San Marino di Karate”, organizzata dalla Federazione Sammarinese Arti Marziali – FESAM. Nella specialità del-

Posano assieme i ragazzi del Settore Giovanile ASD Esercito - Folgore

la forma “Kata”, 4 sono state le medaglie d’oro vinte da Luca Dalle Luche e Melissa Bonino categoria di età Under 14, Agnese Fanti schierata negli Junior (16 – 17 anni) e nei Seniores (18 – 35 anni), 5 di argento con Rebecca Bozzi categoria Cadetti (14 15 anni) , Lorenzo Amari Junior, Luca Andreani negli U 21 e Gaia Morbini che ha preso parte sia negli U 21 e sia nei Seniores, e 1 di bronzo con Giacomo Marazzi gareggiando negli U 21. Nella specialità del Kumite “combattimento” Christian Stella, categoria U 14 peso 40 Kg, è salito sul podio con la medaglia d’argento. Questo è stato il bottino conquistato dai fighters blu/azzurro, totalizzando un punteggio tale da classificare al secondo posto la società su 60 presenti, per la giornata di sabato 16. Nella domenica 17, hanno brillato le abilità motorie sviluppate dai piccoli folgorini Jacopo Citi e Emma Frizzi (classe 2008 e 2006). Le prove tecniche a cui hanno concorso sono state quelle del “gioco del palloncino” (esecuzione di calci e pugni su un bersaglio, dimostrando controllo e precisione delle tecniche eseguite), della “prova libera” (consiste nel presentare una serie di tecniche provando controllo motorio, equilibrio e atteggiamento posturale specifici della disciplina) e il “percorso a tempo” (superamento di più ostacoli attraverso gli schemi motori di base, correre, saltare, ecc …) per le quali hanno conquistato complessivamente 1 medaglia d’oro, 3 di argento, e 2 di bronzo. Per la specialità del combattimento a contatto controllato “Kumite” il folgorino Lorenzo Gnudi, ha conquistato la medaglia d’argento nella categoria “Esordienti A” (12 – 13 anni) peso 40 Kg.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Kata a squadre, argento per i livornesi

229


Budokan portuali

Budokan Portuali, la storia del Karate livornese sin dal 1970

Il Maestro Giovanni Vivaldi, guida tecnica e non solo del gruppo Budokan

I

l Budokan Portuali Livorno è una società affiliata con la federazione FIJLKAM , che esercita ininterrottamente dal 1970 il karate, con corsi adatti a tutte le fasce di età: si va quindi dai bambini ai Master, svolgendo attività pre – agonistica e agonistica a livello provinciale, regionale, nazionale ed internazionale.

Nel 2017, oltre aver partecipato a ma- CAMP. NAZIONALE MASTER - Gara Nanifestazioni a carattere provinciale e re- zionale - 28/05: 1° Class. Vivaldi Ilaria Master “B” - 50 kg gionale, in eventi adatti alla fasce di età 2° Class. Impallazzo Alessandra Master più giovani, lo storico sodalizio guidato dall’esperienza e dai consigli tecnici “C“ - 68 kg 3° Class. Mara Gavino Master “D” - 84 kg del Maestro Giovanni Vivaldi, ha portato LIGNANO SABBIADORO - 32° OPEN avanti in parallelo anche una proficua attività agonistica. MONDIALE - Gara Internaz. - 26/08: Di seguito, ecco alcuni tra i migliori ri1° Class. Vernieri Gabriele Under 21 sultati conseguiti dagli atleti portacolori 75 kg del Budokan: 1° Class. Mara Gavino Master “D” -84 ISERNIA - 18° TROFEO MARCELLO. kg CANONICO Gara Nazionale - 19/03: Halle (Germania) - PREMIER LEAGUE 1 1° Class. Piattelli Diletta Assoluti - 68 - Gara Internazionale kg Partecipazione con Vernieri Gabriele e 3° Class. Bachi G.Carlo Assoluti -60 kg Parisi Anthony 3° Class. Lippi Francesco Assoluti – 67 kg ARICCIA - CAMP. ITALIANI A SQUARICCIONE - 18° ADIDAS OPEN D’ITADRE SOCIALI - Gara nazionale - 25/11: LIA - Gara Internaz. - 01/04: 5° Class. Con la squadra femminile 3° Class. Piattelli Diletta Senior 68 kg CERTALDO TROFEO TOSCANA - Gare Regionali 30/04 e 7/05: 1° Class. Barcacci Davide Esord. B. -63kg 1° Class. Giacalone Irene Esord. A - 47 kg Gli atleti Master Alessandra,Gavino, Ilaria QUILIANO (SV) -

Diletta Piattelli sul Podio Open Italia'17

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Anche nella stagione passata sono state tante le soddisfazioni maturate sul tatami

Gabriele Vernieri sul podio a Lignano

231


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

accademia dello sport

232

A

lessio Magnelli, tecnico di karate dell’Accademia dello Sport, in passato premiato in occasione delle presentazioni annuali de L’Almanacco dello Sport, stila un resoconto dell’attività del settore arti marziali. “Il mio gruppo, composto da circa 80 praticanti/atleti, copre un po’ tutte le età anagrafiche – racconta Magnelli – Nel bilancio del 2017, per quanto concerne il karate, ci sono parecchie soddisfazioni. Ad esempio, avevamo iniziato l’anno molto bene a livello di squadra piazzandoci al primo posto come società al secondo (e poi anche al terzo appuntamento, disputato a inizio giugno 2017) Trofeo CSEN di Figline Valdarno. Oppure la seconda piazza al 27esimo Trofeo carnevale di Lucca prendendo in considerazione tutte le categorie, che diventava un primo posto se si guardava soltanto alle categorie pre-agonistiche. Un primato ribadito anche a Cecina, in un trofeo a carattere regionale dove abbiamo battuto altre 14 sodalizi presenti. Ma siamo saliti sul podio anche al Campionato Regionale CSEN di Venturina (bronzo su 27 società partecipanti, anche grazie all’iscrizione record di ben 30 atleti tesserati per i colori gialloneri). E abbiamo finito in bellezza, a dicembre, piazzandoci secondi al decimo Open di San Marino, un meeting internazionale con la concorrenza di quaranta club presenti all’evento.” Il tutto senza dimenticare le belle performances sfoderate dai livornesi alla Coppa Italia CSEN di Montecatini, dove il team de L’Accademia dello Sport aveva centrato un grande sesto posto su 130 sodalizi partecipanti al ranking generale, con nello specifico un quinto posto nella specialità del percorso/palloncino, un nono e un decimo rispettivamente nel kumite e nel kata.

Accademia dello Sport, dove le arti marziali sono un affare di famiglia La stirpe del maestro Magnelli miete successi anche negli eventi internazionali

Le giovani promesse de l’Accademia

Alla fine dell’annata solare, il bottino dei labronici in trasferta in Svezia per lo accumulato nello specifico racconta di Swedish Karate Open 2018. 51 medaglie d’oro, 56 d’argento e 87 di Una gara internazionale dalla Fedebronzo infilate al collo dagli alfieri del- razione Svedese presso il palasport di Kristianstad, teatro delle imprese di la palestra di via Garibaldi. “Nel settore del judo invece, i giovani samurai che sono stati impegnati in gara stanno crescendo bene. Il valore di questi bambini che combattono e si mettono in gioco per essere migliori è un esempio che ci sprona a fare sempre meglio. Il coraggio si costruisce affrontando i propri limiti e le proprie paure. Ecco la nostra missione di costruire atleti e diffondere i valori dello sport” sostiene Magnelli. Una vera e propria stirpe di famiglia che si rinnova con lo stesso cognome anche tra le giovani promesse che stanno portando alto il nome dello storico sodalizio labronico. Una piccola rappresentanza a un torneo a Genova Non ultimo, il grande risultato


Emanuele Magnelli trionfatore recente all'Open di Svezia

Emanuele Magnelli

La festa di fine 2017 con gli attestati e le cinture

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali

Leonardo Magnelli, secondo nella spedizione in terra scandinava

Emanuele Magnelli nel kumite e del più piccolo Leonardo Magnelli, argento nel kata. Il primo, dopo quattro combattimenti gestiti con maturità e tecnica, ha superato avversari tutti scandinavi, vincendo la finale sul filo di lana 3-2 all’ultimo assalto. Bella prova anche del secondo, medaglia d’argento dopo aver battuto un concorrente danese ma superato dall’avverUn altro scatto relativo alla celebrazione di fine anno sario svedese padrone di casa. Grande la soddisfazione dei Ma- lini, Lorenzo Bertini, Andrea Bonacci. estri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia La cintura marrone è stata guadagnae Alessio Magnelli per un risultato In- ta dagli atleti più esperti Fedrico Bini, ternazionale di così grande valore. In Isabella Mannino, Alessia Marrati, Emauna palestra gremita di genitori e atle- nuele Pasquetti. ti, alla fine dell’annata 2017, sono staNell’occasione, il M°Alessandro Fasuti ben 27 gli atleti che si sono guada- lo, esaminatore Nazionale Csen nongnati la nuova cintura mostrando una ché vice-coordinatore, ha insignito ottima crescita sportiva e maturazione Alessio Magnelli del prestigioso grado personale. di 5° dan cintura nera. Hanno passato l’esame a cintura gialDopo gli esami i M° Carmelo Trigli e la Nicola Ferri, Davide Bevilacqua, Mat- Alessio Magnelli hanno voluto festegtia Cinquini, Francesco Puccinelli, Va- giare gli ottimi risultati dell’anno agolentina Stavridi, Nicolas Pietroni, Giada nistico che hanno visto la palestra di Calvaruso, Mihail Josan. Via Garibaldi presente in ben 13 comCintura arancio per Eleonora Mazzo- petizioni, di cui 5 Internazionali, porni, Federico Hai Baldi, Emanuele Fan- tando in gara 44 atleti, celebrando celli, Vittorio Fancelli, Fabrizio Ionescu, la partecipazione al Campionato EuLeonardo Magnelli, Robert Mihai, Viola ropeo SSEKF di Andorra degli atleTonini. ti Matteo Lanfranca, Diego Caponera, Cintura verde per Cristiano Battaglia Emanuele Magnelli e Giada Barontini, e Robert Bejan, cintura blu per Davide questi ultimi due vittoriosi della medaBonacci, Mirko Taglialatela, Valerio Bel- glia di Bronzo.

La festa dei piccoli che hanno passato l'esame per il passaggio di cintura

233


RENDOKI DOJO

Sport da combattimento Rendoki Dojo, una fucina di talenti vincenti di spessore internazionale Massimo Rizzoli, già pluricampione, ha ricevuto la palma di bronzo al Merito Tecnico dal CONI

Massimo Rizzoli dopo una vittoria

L

a chiusura del 2017 è stata significativa per la famiglia del Rendoki Dojo, la palestra di riferimento per gli sport da combattimento livornesi ma conosciuta a livello internazionale per la propria attività, amatoriale, agonistica e soprattutto professionale. In occasione dell’ultima Giornata Olimpica, organizzata dal CONI sull’intero territorio italiano attraverso una cerimonia allestita da ciascun Point a livello provinciale, Massimo Rizzoli è stato insignito della palma di bronzo al Merito Tecnico. La premiazione, svoltasi alla presenza delle massime autorità cittadine, è stata così l’ annuale occasione per consegnare riconoscimenti sportivi a numerosi dirigenti, atleti, tecnici e società sportive di Livorno e provincia. E giustamente il ‘deus ex machina’ del Rendoki è stato celebrato per la fervida e professionale attività portata avanti con l’ormai storica realtà sportiva che ha sede in via Grotta delle Fate. Anche perché l’ex campione del mondo di Boxe Thai, kickboxing e Full Contact agli innumerevoli meriti agonistici acquisiti combattendo in prima persona, in questi anni sta aggiungendo anche quelli di guida vincente per una nutrita trup-

Posa collettiva per la famiglia allargata di marca Rendoki

pa di talenti emergenti che si stanno già facendo conoscere nell’ambito professionistico del grappling e delle Arti Marziali Miste. Conosciamo alcuni di questi campioni, alcuni già affermati e altri promesse già mantenute nelle categorie giovanili. Dario Bellandi è rimasto scottato dall’esperienza mondiale a novembre. Uscito ai quarti di finale, al secondo match disputato, ai campionati del mondo Immaf. Il successo all’esordio nella manifestazione iridata che si è tenuta a Manama, in Bahrein, contro il neozelandese Ezekiel Weter con una vittoria per sottomissione all’inizio della seconda ripresa, poi l’inatteso scivolone contro l’inglese Cristian Leroy Duncan, pur perdendo solamente ai punti e con l’avversario che è riuscito a liberarsi da quattro sottomissioni ben chiuse da Dario nell’ultimo minuto di lotta. Ep-

pure, Bellandi, già laureatosi campione europeo uscente a 21 anni in quel di Sofia in Bulgaria e portacolori della nazionale italiana, è comunque entrato tra i migliori otto del mondo. In una kermesse che ha visto la partecipazione di 47 paesi, per un totale di 259 atleti provenienti da ogni continente. Prima dell’esordio al Mondiale, il record personale era immacolato e contava otto vittorie in altrettanti incontri: un vero e proprio talento, considerato che sono poco più di 3 anni che Bellandi si dedica alle MMA, dopo aver mosso i primi passi negli sport da combattimento con il grappling al Rendoki grazie al fratello che già frequentava la storica palestra livornese. Anche perché già nell’aprile 2017, ai Campionati Europei, il livornese aveva mostrato tutto il proprio valore lungo il cammino verso l’alloro continentale nella categoria Men’s Middleweight

F.I.G.M.M.A.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts

A cura di Andrea Puccini

235


(Bellandi il primo italiano peraltro a vincerla nella storia del movimento, ndr): primo successo lampo contro un austriaco per ko dopo una sola ripresa, poi ai quarti ok ai punti contro un inglese, in semifinale vittoria netta con una ‘ghigliottina’ e in finale il suggello contro un rivale di caratura come Khaled Iaallam, peraltro recuperando da una situazione di estrema difficoltà patita nel secondo round. “Sono una persona molto calma, sia fuori che dentro il ring. In questo sport è fondamentale mantenere sempre alta la concentrazione, non sono ammessi passi falsi. Mi alleno tutti i giorni almeno per almeno tre ore. Inizialmente ero più specializzato nella lotta libera, ma appena intrapreso questo percorso mi sono reso conto di come in questo sport sia necessario essere completi quindi piano piano sto migliorando anche nello striking e nei movimenti” racconta Dario. Il quale, nel frattempo, tra la fine 2017 e l’inizio del

Ashley Rosi sul podio

Alessio Pastifieri

delle semplici apparenze e dei luoghi comuni che erroneamente ci vedono solo violenza, ci sono grandi valori di condivisione – confida il classe ’89, pendolare tra la provincia e il tatami del capoluogo ormai da 5 anni – Per quanto individuale, molta forza in questo sport l’atleta la trae dai compagni di squadra e dello staff tecnico che lo supportano sino al momento del match: c’è un senso fortissimo di affiatamento e appartenenza al team e alla palestra dove ci allena. Una seconda famiglia che permette allo sportivo di crescere, dove spesso entra da ragazzo e ne esce maturato anche a livello umano da adulto.” Nicola Giusti è un 17enne promessa del Rendoki, dirompente già nel grappling e nell’ MMa light, dov’è stato sia campione regionale sia interregionale. Introdotto alla palestra di via Grotta delle fate sin da piccolissimo, quando a 4 anni il babbo ex appassionato di culturismo lo consegnò alle cure sportive di Massimo Rizzoli, ha fatto il botto all’ultimo Trofeo Italia. Non avendo altri avversari iscritti tra gli junior coetanei, è stato costretto a confluire nel tabellone e combattere con i ben più esperti e ‘piazzati’ senior del grappling. Questo però si è rivelato soltanto un semplice ostacolo sull’inarrestabile percorso di crescita del ragazzo, che ha strapazzato la concorrenza in tutte le tre lotte nelle quali si è cimentato. “Mi sono allenato tanto. Diciamo che,

F.I.G.M.M.A.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts

Ashley Rosi

2018 si è riscattato in un appuntamento classico e importante come il Venator a Milano, vincendo contro Adrian Grigorean già prima del termine del round ed ha anche esordito nella serie A di lotta arrivando sul podio, nonostante sia stato costretto a misurarsi con avversari ben più pesanti di lui (fino a 93 kg, per lui che invece ha il peso forma a 84 kg, ndr) a causa dell’accorpamento delle categorie per scarsità di contendenti iscritti. “Come ogni lottatore di Mma il mio sogno è quello di entrare nel circuito più prestigioso, l’Ufc. Ma prima, vorrei vincere i Mondiali Immaf – si confida il ragazzo, con soprannome di battaglia che è tutto un programma: ‘Neanderthal’ – So che avrei potuto già fare il salto tra i pro ma ho preferito apsettare e fare altra esperienza. So che la strada per costruirsi un record da professionista (dove molto probabilmente passerà alla categoria dei welter, a 77 kg, ndr) resta lunga e piena di ostacoli”. Davide Baneschi, per gli avversari nella gabbia meglio conosciuto come ‘The unbelievable’, è un altro professionista affermato che si allena stabilmente da anni al Rendoki. 29enne all’anagrafe e più che maturo da veterano dei combattimenti (uno dei pochi atleti che si è cimentato progressivamente con tutte e tre le categorie di peso, dai leggeri, ai piuma sino agli attuali gallo a 61 kg, ndr), vanta un record di 10 successi e 6 sconfitte. L’ultima è purtroppo maturata di recente, nel novembre 2017, in Svizzera contro il beniamino di casa Kenji Bortoluzzi. Nella sfida valida per il titolo SMAAC (Swiss MMA Championship), un’importante organizzazione europea che, complice il sostengo di un ottimo management italiano quale quello della Superbia Management SA, lo ha messo al centro di un incontro titolato, il cecinese ha purtroppo ceduto solo ai punti al termine di 5 riprese da 5’. “Ma l’obbiettivo resta quello di entrare, prima della fine del 2018, a far parte del prestigioso circuito del Cage Warriors, il più importante del settore nell’Europa Occidentale” racconta Baneschi, che nel frattempo è tornato a combattere nel prestigioso contesto del Venator dopo un biennio di assenza. “In questa disciplina, al di là

237


se non ero certo sicuro di vincere, confidavo comunque di strappare almeno un posto sul podio – ammette del giovane Giusti, che ha ricevuto i complimenti di molti addetti ai lavori dopo questo exploit tra i veterani dopo soli 4 anni e mezzo di agonismo vero – L’obiettivo ora è arrivare alla magli azzurra con un posto nella nazionale junior. Poi, a breve, appena maggiorenne, lo step ulteriore sarà quello di passare alle MMA”. Ashley Rosi invece, 22 anni, è ultimo acquisto in ordine cronologico nella scuderia dei cavalli di razza di Rizzoli. Alla quarta stagione di pratica agonistica della disciplina, sulle orme del padre Johathan istruttore di Valetudo, Rosi si è spostato nel febbraio 2018 alla palestra di via Grotta delle Fate dopo un divorzio piuttosto consensuale con il suo precedente allenatore. Il già detentore Slam della Fighting Championship Slam Fc 9 nei pesi piuma (66kg), con un record personale di 3 successi e altrettante sconfitte da pro, cerca nel Rendoki l’habitat ideale per compiere finalmente il salto di qaulità tanto atteso. “Devo recuperare un po’ di tempo perduto ma in fondo sono ancora abbastanza giovane – si confida – Sto attraversando un momento di transizione, vorrei riuscire a costruirmi un percorso nazionale e internazionale”. Intanto, nello scorso dicembre 2017, si è riaffacciato su una platea di prestigioso come quella del

Alcuni ragazzi del settore giovanile del Rendoki

Baneschi esulta per un successo

allora avrò di sicuro maggiore concorrenza”. “Anch’io nel 2017 ho debuttato nel contatto pieno dopo un paio di stagioni in cui ho praticato kickboxing. E’ sicuramente più divertente – ammette il 21enne Cuciniello – Al Trofeo Italia, dopo aver passato due incontri, sono stato stoppato in finale tra i -60 kg di terza serie, visto che sono già senior. Purtroppo nell’ultimo anno ho avuto meno tempo per allenarmi, considerato che sto portando avanti gli studi universitari al secondo anno della facoltà di Economia. Ora ho voglia di rivalsa”. “Il 2017 per me è stato invece un bell’anno: ho portato a casa il Trofeo Italia tra i -65 kg nel contatto leggero – ricorda con orgoglio Saltarelli, diventato maggiorenne a inizio 2018 – In più, a dicembre, ho debuttato nel contatto pieno qui a Livorno. Ma anche i mesi successivi sono stati proficui: ho vinto nella Coppa del Presidente, inserito nella seconda serie e pure al Trofeo Italia, tra i -67 kg.” “Io invece ho iniziato da pochissimo a combattere. A dicembre 2017 ho affrontato il mio primo match nel contatto leggero – si confida Alessandra, 17 anni e alfiera del movimento declinato ‘in rosa’ – Tra i -60 kg ho comunque già partecipato alla Coppa del Presidente e al Trofeo Italia.

F.I.G.M.M.A.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts

Bellandi fa festa dopo una vittoria

Venator, pur perdendo per sottomissione contro il più esperto bolognese Riccardo Cumani. “Ho cominciato a combattere a 17 anni ma sono stato subito squalificato al primo incontro di MMA light. Diciamo che sono sempre stato un po’ esuberante – scherza Rosi, atteso da un evento di spessore come il Lvctor in agenda a Montecatini per dare battaglia con un avversario armeno – Un anno più tardi, sono diventato subito professionista. E adesso, il futuro è dalla mia parte.” Menzione speciale per l’attualmente infortunato Giorgio Pietraini: lo sfortunato ‘Italian Bear’ così come da nickname di battaglia, è un professionista delle MMA, peso welter, atteso quanto prima al rientro alle competizioni dopo uno stop forzato per una grave lesione che ha necessitato di un intervento chirurgico. Tra gli esponenti di punta della nuova ‘linea verde’ del Rendoki ci sono invece Simone Bartolucci, Armando Lorenzo Cuciniello e la sorella Alessandra oltre a Simone Saltarelli. “Ho debutto nel contatto pieno al Trofeo Italia di Rimini, nella seconda serie, vincendo nella categoria dei 57 kg – racconta Bartolucci – Partivo con positività ma non mi sarei aspettato certo un esordio subito con primo posto. Mi sono sempre cimentato nel contatto leggero ma poi ho voluto svoltare. Ai campionati Italiani invece, sono stato sconfitto in finale nella prima serie. Tra poco passerò a combattere con i senior e

239


Una livornese del Rendoki sul tetto del mondo: una Barbie ‘bestiale’

L'immagine celebrativa dell'impresa iridata della Penco

C

hiara Penco, Beasty Barbie per le avversarie, è la nuova campionessa mondiale dei pesi paglia femminili (52 kg, categoria Strawweight) del circuito Efc (Extreme fighting championship). Il nuovo fenomeno delle MMA è una 22 livornese doc balzata agli onori delle cronache per l’exploit centrato ad inziio 2018 ma certamente preparato con meticolosa applicazione nel corso dell’anno precedente dalla ragazza e dal tecnico Massimo Rizzoli. A Carnival City, in quel di Johannesburg (Sud Africa), la Penco ha affrontato e battuto Danella Eliasov per una leva al braccio al 1’44” del quarto round. Dopo aver vinto i primi due round, la Penco ha subìto il ritorno della locale (tutt’altro però che beniamina di casa, visto che Chiara era riuscita ad accattivarsi anche i favori del pubblico) ma è riuscita comunque a portare a termine la terza ripresa, costringendo la contendente ad arrendersi nel quarto round dopo un armbar, una tecnica di sottomissione rivelatasi vincente. Terza vittoria in altrettanti match per submit della livornese , quest’ultima la più importante e prestigiosa. Dopo i successi al Golden Cage di Milano (dove tornerà a combattere anche nel 2018), la Penco aveva affrontato e battuto la francese Judith Levi, e poi in esta-

te, a Montecatini Terme, era arrivato il bis con la portoghese Diana Tavares. Prima del big match in Sudafrica, reso possibile dalla prestigiosa Superbia Management che ha voluto fortemente mettere sotto contratto il potenziale della labronica, complessivamente Chiara non aveva neanche messo insieme 5 minuti effettivi di combattimento. Oltre al fattore legato all’altura, l’incognita più grossa per la Penco alla vigilia del titolo mondiale era quindi legata a un possibile calo di tenuta e una carenza di esperienza, visto che il match iridato si disputava su 5 round da 5 minuti ciascuno. Un interrogativo però risolto a meraviglia dala cameriera di professione, anche se si spe- Chiara Penco con la prestigiosa cintura del titolo mondiale ra ancora per poco. Il sogno dell’ingresso nella blasonata e ben più ricca UFC mai e tocchi con mano i miglioramenti. Ti rende più sicuro di te. Non è vero che i fighter si avvicina sempre di più per la Penco. “Da piccola giocavo a pallavolo, ma lo sono tutte persone fuori di testa: per la magsport di squadra non mi piaceva, sicché un gior parte sono persone che affrontano la vipo’ per curiosità mi avvicinai al mondo delle ta e i problemi con massima serenità. Anche arti marziali miste: mi sono ambientata pre- questi sono gli insegnamenti di questo sport. sto. Nel giro di cinque anni sono arrivata sin Mi hanno sempre chiamato Barbie per il mio qui, da due mi alleno alla Rendoki” racconta aspetto fisico, però dentro sono una bestia. Fuori ci tengo all’eleganza e al mio aspetto con soddisfazione. “Ogni volta che combatti impari qualcosa fisico, dentro però ho una parte primitiva che di nuovo, è una sfida continua. Non ti annoi esplode e che mi permette di affrontare l’avversario quando salgo sul tatami”. Chiara si allena dalle tre alle quattro ore ogni giorno alla Rendoki, sulla gamba un tatuaggio raffigurante i suoi primi guantoni. “Non è stato facile convincere la mia famiglia che volevo proseguire, più che altro per la paura che provano i miei quando assistono ai combattimenti. La crescita di questo sport nel panorama femminile è lenta anche per via di questi pregiudizi. Tutti pensano che sia uno sport violento, non adatto alle ragazze. Si sbagliano: ti infonde sicurezza.” Penco e Rizzoli pochi istanti dopo il trionfo mondiale

F.I.G.M.M.A.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts

Chiara Penco vince in Sudafrica ed è la nuova campionessa mondiale del circuito EFC

241


Braccio di ferro A cura di Andrea Puccini

Daniele Sircana Direttore tecnico nazionale

A

ncora prima che per i risultati ottenuti sul tavolo di gara, dove malgrado il lento e progressivo recupero dai postumi lasciati da un recente intervento chirurgico sono comunque arrivati un brillante secondo posto ai Campionati Italiani tra i 110 kg e, in proporzione, un ancor più meritevole settimo posto a livello assoluto al cospetto della restante élite di vincitore ci categoria, Daniele Sircana può esultare per il prestigioso incarico di Direttore Tecnico nazionale di cui è stato investito a fine 2017 direttamente dalla Federazione. Un ruolo che sino a ieri non esisteva e che è stato quindi cucito appositamente su misura per un campione esperto anche in materia di divulgazione della disciplina (faceva già parte del Consiglio Direttivo Nazionale e del Board degli arbitri) di cui è ormai è a tutti gli effetti un veterano. “È per me un grandissimo onore poter mettere la mia esperienza a disposizione di tutta la SBFI. Le idee su come operare in questo nuovo interessante progetto sono tante ma una cosa è sicura mi avvarrò dell’aiuto e dell’esperienza di chi ha sempre dato il suo contributo agli atleti nazionali – è il commento orgoglioso di Sircana - Mi piacerebbe seguire una linea di pensiero che accomuni tutti gli insegnanti di armwrestling che si sono messi a disposizione finora. Ci saranno molti cambiamenti nei prossimi mesi, con novità interessanti. Adesso mi aspetta un duro lavoro per riunire tutte le idee che ho in testa e convertirle in qualcosa di concreto e utilizzabile da tutti.” Un riconoscimento importante che necessita di una lunga lista di grazie. “Ringrazio in primis il presidente federale Claudio Rizza, la sua vice Neddy Virna, il nuovo capo arbitri Katia Crucitti e tutti coloro che

Direttore Tecnico nazionale: per Sircana la vittoria più bella arriva fuori dai tavoli mi hanno votato dandomi questa grande opportunità: è stata davvero una bella sorpresa sapere in quanti hanno creduto in me – sottolinea il campione livornese - Ringrazio anche il presidente della squadra Tyrsenoi Cristiano Agosto sempre pronto a mettere in concreto le mie idee tecniche. Ringrazio l’amico Daniele Furiani che ci mette a disposizione ogni sabato la Jungle Gym, dandoci la possibilità di arricchire il nostro bagaglio tecnico. E infine, un grazie va a tutta la mia squadra che attraverso le proprie perplessità e idee porta avanti una lenta evoluzione in questo sport.”

mento fisso per il nostro successo” è il solo rammarico. A livello individuale, detto in apertura delle performance comunque ancora meritevoli malgrado l’anagrafe non più verdissima (“Arrivare settimo tra tutti i campioni assoluti agli italiano, con 25 stagioni di atività agonistiche sulle spalle, non è certo ancora da buttare” sottolinea con orgoglio), Sircana non è comunque intenzionato ad appendere ‘il braccio’ al chiodo. “Ciò che verrà d’ora in poi sotto il profilo dei risultati sarà solo di guadagnato. E magari, potrò puntare ancora al Mondiale Master”.

Un lavoro di squadra

Daniele Sircana è stato allievo di un altro campione labronico che ha scritto pagine importanti di questo sport, quando ancora i praticanti erano considerati un po’ pionieri della disciplina. Riccardo Niccolini del Popeye Club è stato infatti il mentore che, intorno ai 17 anni, ha scoperto e coltivato il talento innato di Sircana. Una dote naturale indiscutibile, visto che già al primo incontro ai Campionati Italiani si qualificò subito come secondo. Da lì, per Sircana è stata un’escalation di successi senza sosta: titolo tricolore nei 75 kg e terzo negli assoluti nel 1998, bis l’anno successivo tra i 95 kg e ancora terzo tra gli assoluti. Un poker di titoli italiani calato poi sino al 2001 con altri due successi di categoria, tra gli 80 e i 100 kg. Nel 2003, dopo un’ulteriore maturazione agonistica passata per un ottimo piazzamento come settimo al Mondiale e un nuovo titolo italiano nei 95 kg, la soddisfazione di fare enplein con tutti i match disputati, compresa la doppietta ai tricolori con la prima vittoria anche a livello assoluto (oltre che tra i 90 kg). Nel 2011, i titoli italiani messi in bacheca sono arrivati addirittura a toccare la doppia cifra.

Soddisfazioni sono maturate anche dai buoni risultati ottenuti dai ragazzi che allena. “Sono cresciuti molto e hanno ottenuto gratificazioni importanti – evidenza il Vigile del fuoco di professione – C’è del grosso potenziale di maturazione anche per le nuove leve.” Oltre quaranta i praticanti al Tyrsenoi, almeno più della metà gli agonisti con un’età compresa tra i 20 e i 30 di media. Un parziale ricambio generazionale è assicurato dalla fervida attività di reclutamento che viene portata avanti dalla società con dimostrazioni ed esibizioni allestite in concomitanza di eventi e fiere. Ma anche il web, con i video delle gare di alto livello visionabili comodamente sui social, ha aiutato a diffondere la passione tra i giovanissimi. E il Tyrsenoi, unico punto di riferimento di alto livello in tutta la Toscana, ha catalizzato iscrizioni anche persino da oltre i confini regionali. “Purtroppo, a differenza delle annate passate, nel 2017 è stato scelto di non far disputare il campionato italiano a squadre che ormai da anni era diventato un appunta-

Un nome, una garanzia

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

Tyrsenoi, il top dell’armwrestling italiano parla sempre più livornese

243


2017: tutti i risultati

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

Tyrsenoi LIVORNO

C

laudio Baronti, 44 anni, livornese doc, già tre volte campione italiano di categoria tra i Master e sei volte in precedenza tra i Senior, è un vero e proprio veterano del tavolo. Uno di quelli che è cresciuto, non solo tra le mura delle palestre, al fianco di Daniele Sircana. “Appena sono passato a gareggiare tra i Master per raggiunta età anagrafica, tra i 100 kg ho fatto tris portando sempre a casa il titolo tricolore – racconta Baronti con una certa soddisfazione – Sono stato anche fortunato perché, almeno sino a oggi, non ho mai avuto infortuni particolari e mi sono potuto sempre allenare con costanza. Il periodo di lavoro standard infatti precede che nei mesi autunnali sino a gennaio si lavori con una determinata tabella ma poi, in vista del riaccendersi della stagione agonistica con gli appuntamenti di primavera, si debba innestare la classica marcia in più intensificando la fatica”. Hassen Dhiaf è un livornese d’adozione ormai a tutti gli effetti: arriva da Firenze ma fidanzata e parenti sono labronici e anche la sua storia d’amore sportiva con il sodalizio della città dei Quattro Mori dura ormai da oltre due anni.

Tyrsenoi: un punto di riferimento sportivo per tutta la Toscana Baronti, Dhiaf, Dini e Gheorghita: nomi che compongono un lungo elenco di successi “livornesi”

Posa collettiva per la spedizione livornese al Campionato Italiano 2017

“Prima praticavo la disciplina ad Arezzo poi, grazie al passaparola di qualche amico e addetto ai lavori che mi ha raccontato la bontà del lavoro che si svolge qui al Tyrsenoi, ho deciso di venire a Livorno. Il 2017 per me è stato un anno proficuo, dove sono riuscito a vincere prima in un torneo internazionale nella categoria dei 90 kg tra gli Esordienti, poi ho bissato il

Un momento di un'esibizione dimostrativa durante l'ultima edizione del Lucca Tattoo Expo

244

successo anche ai campionati Italiani, sempre nelle stesse categorie.” Il classe ’81 è quindi felice del proprio rendimento. “Sì perché ho impreziosito l’annata anche con un buon secondo posto nella gara con il braccio sinistro, sempre tra gli Esordienti agli Italiani. In quell’occasione, è stato un vero in-

Il gruppo Tyrsenoi che ha partecipato all'edizione 2018 del Supermatch


Dini in azione

Dini festeggia un successo

Hassen Dhiaf sul podio

Baronti festeggiato da due modelle

con il sinistro e il destro nei 70 kg (in quest’ultima specialità, anche il terzo posto Assoluto, ndr). Idem, per il bis con i 75 kg in Coppa Italia”. Dopo un’annata così proficua e foriera di successi, l’asticella degli obiettivi non può che alzarsi per le stagioni a venire…. “Vincere i campionati Italiani tra i 75 kg con entrambe le braccia e, soprattutto, tentare la scalata al campionato Europeo che si terrà in Bulgaria, a Sofia, tra i 70 kg: questo è il target che mi pongo per il 2018”.

Gheorghita festeggia un successo

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

crocio del destino visto che ho dovuto cedere di fronte all’avversario che poi invece ho sconfitto gareggiando di destro”. Una passione, quella di Hassen per il braccio di ferro, che nasce con modalità molto moderne. “Avevo l’abitudine di seguire su youtube qualche canale dedicato a questo sport. E poi sono sempre stato uno sportivo, visto che in precedenza mi sono cimentato anche nel Pugilato, nuoto, basket. Ma di professione, nella vita, faccio l’idraulico e la voglia di lavorare con le mani, nel vero senso della parola, ce la devo avere proprio nel sangue…”. Il 30enne Paolo Dini è approdato anche lui da circa un anno e mezzo alla corte di Sircana e pare proprio a suo agio nella nuova realtà livornese: una vera e propria famiglia, sportivamente parlando, che l’ha accolto alla grande malgrado arrivasse dalla pratica di una disciplina decisamente differente dal braccio di ferro nonostante sia sempre uno sport ‘da palestra’. “Facevo sollevamento pesi, precisamente powerlifting – racconta Dini – Merito del passaparola di un amico se oggi sono qui. E in parte anche se sono riuscito a debuttare subito con qualche bel successo, come ad esempio le vittorie tra gli Esordienti nel Campionato Italiano. Una soddisfazione duplice, visto che ho

vinto sia tra i destri che tra i sinistri, ovviamente nella mia categoria di peso che sono oltre i 110 kg. Sempre gareggiando con il braccio sinistro poi, mi sono piazzato sul podio come terzo anche tra i Senior. E’ stato decisamente un bell’esordio”. Un neofita che scopre di avere qualche talento e l’appetito, o meglio la fame di vittorie, vien mangiando. “L’obiettivo che mi pongo ora è quello di arrivare primo anche tra i sinistri. E magari, riuscire ad inserirmi nel 2018 tra i primi 5 atleti a livello di ranking nazionale tra i Senior”. Silviu Gheorghita, 31 anni, è un’ex della thai boxe ma che tra i Senior ormai da ben cinque anni pratica il braccio di ferro a Livorno. Si allena in città almeno una volta a settimana e vanta già partecipazione ai Mondiali e alcune presenze a un grande evento internazionale come il classico SuperMatch. “Quello passato è stato l’anno migliore della carriera a livello di risultati – esordisce con soddisfazione - Al SuperMatch sono arrivato secondo tra i 65 kg, gareggiando con il braccio sinistro. Inoltre, mi sono piazzato sul podio Assoluto con un bronzo niente male. Successivamente, in altre due gare minori disputate al Centro e al Sud Italia, ho vinto sia di destro che di sinistro tra i 70 kg e mi sono piazzato terzo a livello Assoluto in entrambi i casi. Una doppietta che ho ripetuto ai campionati Italiani tra i 65 kg (anche ottavo Assoluto di sinsitro e nono di destro, ndr) e infine sono approdato all’evento più importante della stagione, il Mondiale”. Nel torneo iridato, rispetto alla parziale delusione sofferta nel 2016 dove pagò lo scotto per l’esordio assoluto in contesto talmente competitivo (eliminato al primo match tra i sinistri, undicesimo con il destro), è andata molto meglio. “In Ungheria, a Budapest, sono giunto ottavo e nono nei 65 kg. Posso ritenermi soddisfatto, considerato che i partecipanti erano circa 25”. Ma la lunga stagione di gare non è finita qui. “In un altro evento di respiro internazionale che si è svolto a Brescia, ho fatto doppietta

Dini

245


Casa del Gas di Emiliano Dalli

Centro servizi assistenza, riparazione e installazione di tutti i tipi di caldaie

Centro autorizzato assistenza

Via Provinciale Pisana, 29/31 - Livorno Tel. 0586 405222 - Fax 0586 405074 E-mail: casadelgas@hotmail.it


Nuoto Testi e foto di Andrea Masini

Mario Fracassi, il ‘braccio armato’ del nuoto a Livorno e in toscana Dal 1985, il delegato provinciale è impegnato in prima linea per la crescita della disciplina

D

al 1985 Mario Fracassi è il “braccio armato” della Federnuoto Toscana. L’uomo ovunque, l’organizzatore di tutti i campionati toscani, di tutte le categorie. E dal 1985 di campioni, il Fracassi, ne ha visti nascere, crescere ed esplodere in quantità industriale. “La tradizione livornese nel nuoto parte da lontanissimo e con il passare delle stagioni si è evoluto sempre di più, fino alle medaglie olimpiche di Gabriele Detti a Rio de Janeiro e al titolo mondiale conquistato a Budapest negli 800 stile libero. Ma Gabriele è la punta di un iceberg enorme e pregiato, fatto di talento, impegno e costanza. Basti pensare al record di atleti che il Nuoto Livorno è riuscito a qualificare per le Olimpiadi: 4 atleti, dello stesso club, in una botta sola è qualcosa di meraviglioso. Di impensabile finché non leggi la lista dei convocati. Eppure Carlo Chelli e Stefano Franceschi, dopo anni e anni di crescita smisurata, ci sono riusciti: Federico Turrini, Sara Franceschi (la più piccola dell’intera flotta ItaliaTeam, ndr), Martina De Memme e Chiara Masini Luccetti sono stati

Turrini capitano della nazionale è un grande orgoglio per il movimento locale

meglio di un poker d’assi all’ultima mano di una partita fiume ad un tavolo verde. E non è finita qua, questi ragazzi di pallottole in canna ne hanno ancora diverse: nel 2018 ci saranno gli Europei a Glasgow (Scozia), nel

Ben quattro atleti della NL alle ultime olimpiadi

2019 i Mondiali a Gwanjiu (Corea del Sud) e nel 2020 i Giochi di Tokyo. Spesso si dice che l’appetito vien mangiando. A quel punto speriamo in un’abbuffata. Per i ragazzi in primis, e per il prestigio della città”.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Mario Fracassi Delegato Provinciale FIN

Sara Franceschi è la più giovane dell'attuale giro di atleti della nazionale

247


2017: tutti i risultati

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

L

uglio 2017: il cielo sopra Budapest è amaranto. Lo ha dipinto Gabriele Detti, firmando un autentico capolavoro: dopo il bronzo nei 400 stile libero nella giornata d’apertura del Mondiale magiaro e i due bronzi di Rio, il livornese è salito sul tetto del mondo negli 800 stile libero riscrivendo la storia e spaccando la gara negli ultimi 100 metri. I suoi metri, quelli dello sprint che macinano gli avversari. Nato il 29 agosto del 1994, tifosissimo dell’Inter, fin da piccolo ha scelto il nuoto spronato dallo zio allenatore - tutt’ora il suo allenatore, anch’egli livornese -, Stefano Morini. Tantissimi i chilometri percorsi fra le corsie della piscina “Camalich” in cuffia Nuoto Livorno fino al 2012, in attesa di trasferirsi al centro federale di Ostia alla corte di Morini, appunto. Da quel momento in poi una crescita esponenziale: medaglie europee, il maledetto infortunio che gli negò il Mondiale nel 2015, i bronzi di Rio e, finalmente, la “vendetta”. Due piedi sull’olimpo, mentre sui social cinguetta il classico hashtag #boiadeh da labronico autentico. Un Mondiale che ha sancito la quarta partecipazione iridata del capitano li-

Non solo Detti sul tetto del mondo: è una città intera a nuotare fortissimo Il 2017 ha riservato soddisfazioni anche al neo capitano azzurro Turrini e al resto della Nuoto Livorno

Un simbolico scambio di testimone alla guida della nazionale tra Magnini e il 'nostro' Turrini

Martina De Memme, una delle beniamine di casa Livorno

248

vornese Federico Turrini (semfinalista nei 200 misti), oltre la presenza nello staff tecnico federale di Stefano Morini e Stefano Franceschi. Turrini che si poi tolto la soddisfazione di firmare uno stupendo bronzo nei 400 misti in Coppa del Mondo ma soprattutto - il 12 dicembre, nel corso della riunione tecnica a Copenhagen (sede degli Europei di vasca corta) - di essere eletto capitano della nazionale italiana al posto di Filippo Magnini, il quale aveva dato l’addio al nuoto agli Assoluti Invernali (1/2 dicembre). Assoluti che hanno celebrato il titolo italiano di Francesca Fangio (livornese trapiantata a Treviglio e tesserata per il Team Lombardia) nei 200 Rana e la benedizione di Matteo Ciampi, primo titolo in carriera (400 Stile Libero) che però non è bastato per strappare il pass continentale. Tornando alla Coppa Del Mondo, getto-


ne di presenza anche per Sara Franceschi (Berlino e Eindhoven) che già aveva stupito in occasione dei Campionati Italiani Estivi, frantumando finalmente il muro dei 2’12 (2’11’’98) nei 200 misti, crono che le è valso pure il record italiano della categoria Cadette. Una Franceschi perfetta (assoluta protagonista ai Criteria Nazionali Giovanili di marzo con 5 medaglie d’oro e un guizzo di valore continentale nei 100 Rana in 1’06’’38 al suo ultimo anno fra le Cadette…), a cui è mancata soltanto la convocazione per il Mondiale, dopo il sogno Rio 2016 vissuto l’anno precedente. Sempre in primavera, la stagione del Nuoto Livorno è stata beatificata dal il titolo regionale nel campionato a Squadre

Filippo dal Maso, selezionato dal settore squadre nazionali

cat. Esordienti B e dal 5° posto delle femmine e il 6° dei maschi nel campionato a squadre di Serie A1, senza dimenticare la splendida riuscita della Coppa Mar Tirreno (trofeo “Simeone Camalich”), giunta nel 2017 alla 25esima edizione. Un meeting di stampo nazionale, uno dei primi nel calendario di vasca lunga e quindi appetito da molte società toscane e non. Il risultato? Vittoria NL, in grande stile. Maggio e giugno invece sono filati via nel segno di Filippo Dal Maso, selezionato dal settore squadre nazionali per l’Energy Standard Cup di Lignano Sabbiadoro e successivamente, a cavallo fra giugno e luglio, per i campionati Europei Juniores svolti a Netanya, in Israele). Un 18enne

Il 'Turro' mentre sprigiona tutto il suo potenziale a dorso

eclettico, “Pippo”, capace di nuotare lo stile libero, i misti e il dorso con grande efficacia e naturalezza. Margini di miglioramento? Enormi. Il futuro è tutto dalla sua parte. A chiusura del cerchio la quarta volta in quattro anni per il tecnico Stefano Morini, nomiminato “Allenatore dell’Anno”. Un premio che ha suscitato non poche polemiche, in particolare lo scontro tra Federica Pellegrini e il figlio del coach, Tommaso. Tutto ciò a novembre, mese che ha permesso alla città di Livorno di riabbracciare il grande nuoto con il trofeo “Mussi, Lombardi, Femiano” a distanza di 10 anni, quando la piscina “Camalich” ospitò i trials per le Olimpiadi di Pechino.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Sara Franceschi, per lei nuovo record italiano Cadette agli Italiani Estivi nei 200 misti

Il DT del nuoto azzurro Butini premia il tecnico livornese Morini, per l'ennesima stagione allenatore dell'anno

249


Parola ai protagonisti Gabriele Detti, una stagione passata dentro una vasca placcata d’oro

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Gabriele Detti

Q

uel sorriso in corsia 2 rimarrà scalfito nella Bibbia dello sport labronico, nei secoli dei secoli. Una stagione placcata d’oro, dopo quella altrettanto preziosa di Rio de Janeiro che fruttò a Gabriele Detti due bronzi olimpici. Un Mondiale (di Budapest) che ci ha fatto commuovere, contemplando il bimbo di Ardenza in cima al mondo (7’40’’77). E’ mancata la terza gemma, la medaglia nei 1500 Stile Libero e il secondo podio con l’amico e compagno di allenamenti Gregorio Paltrinieri, ma va bene così. Detti, dopo 8 gare in 8 giorni, non ne aveva più. “Come si dice a Livorno, sono arrivato in fondo un po’ bollito - spiega - salire sul podio anche nei 1500 sarebbe stato il massimo. E infatti da settembre lavoreremo in questa dire-

Tutta la gioia del livornese mentre sale sul gradino più alto del podio iridato

Gabriele Detti, nel luglio 2017 si è laureato Campione del Mondo sugli 800 stile libero

250

Dopo i bronzi olimpici di Rio nel 2016, le due medaglie vinte ai Mondiali di Budapest

zione, per calibrare ulteriormente le energie e fare ancora meglio. Gregorio (Paltrinieri, ndr)? E’ stato decisamente bravo. Mi è piaciuta anche la sua esultanza di rabbia mista a gioia: è il numero uno nelle 30 vasche e mi auguro che possa avvicinarsi sempre di più al record del mondo”. Ama scherzare, Gabriele Detti. Oramai abbiamo imparato a conoscerlo e ad apprezzarlo, non solo per le gesta in acqua: “Sono contentissimo del mio Mondiale: campione negli 800, bronzo nei 400 e ho dato il 100% in tutte le gare che ho nuotato, forse troppe…”. Batterie e finali di 400, 800, 1500 e 4X200 stile libero per un totale di 5800 metri massacranti spalmate su 8 giorni. Tante, anche per uno stakanovista del calibro di Gabriele Detti, un ragazzo dotato d’incredibile talento che fa del lavoro quotidiano

uno dei suoi marchi di fabbrica: “Solo Horton ha fatto come me, Greg, il koreano Park e Sun Yang qualcosa hanno messo da parte. Riconosco che è stato faticoso, ma al tempo stesso non ho niente da rimproverarmi, anzi. Mi sono preso la rivincita sull’assenza di Kazan e ho addirittura vinto il Mondiale”. Detti, inoltre, ha contribuito in maniera preziosa all’edizione più prolifica dell’Italnuoto in un campionato del mondo (4 ori, di cui tre nel nuoto con Detti, Pellegrini e Paltrinieri, 3 argenti e 9 bronzi). Due metalli pesanti, splendidi. Che lo proiettano a cuor leggero verso un quadriennio olimpico che vedrà, a Tokyo 2020, l’inserimento degli 800 Stile Libero maschili e dei 1500 femminili nel programma: “Ce n’è di strada da fare, ma la notizia non può che farmi piacere. Guarderò di combinare qualcosa di buono anche lì”.


Mussi-Lombardi-Femiano: oltre la Pellegrini, un’edizione ‘Divina’ Il meeting, ospitato per la prima volta a Livorno, ha consacrato il talento emergente degli atleti di casa

La presenza di Federica Pellegrini ha attirato tanti appassionati sugli spalti del meeting livornese

cetti, appena ai piedi del podio nei 400 Stile Libero, oltre alla Franceschi in campo femminile (la ragazza del ’99 ha vinto l’oro anche nei 100 Rana), assieme al collega in ambito maschile Turrini: questi ultimi due entrambi vittoriosi nei 200 Misti. Medaglie di valore indiscusso quelle infilate al collo anche da Dal Maso (argento nei 200 Misti maschili) e dalla Luperi (bronzo nei 100 Farfalla femminili).

La gloria tra gli applausi del tifo di casa si è poi consumata anche a livello di squadra per la società ospitante: Nuoto Livorno si è assicurato infatti anche la vetta del ranking per società e il terzo posto in assoluto tra i partecipanti (dietro ovviamente i due nutriti e blasonati gruppi militari). Grande quindi la soddisfazione per il tecnico Stefano Franceschi e per il Presidente Carlo Chelli.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

L

a 41esima edizione del trofeo “Mussi, Lombardi, Femiano” ha costituito la vetrina ideale per mettere in mostra la preziosa miniera dei talenti che, nel solco della lunga tradizione di successo del movimento natatorio labronico, stanno emergendo ai massimi livelli del panorama nazionale e internazionale. Forti tinte ‘amaranto quindi per lo storico meeting natatorio, che per anni è stato organizzato dai cugini della vicina Versilia e poi costretto a migrare tra le polemiche a causa di problematiche logistiche legate a un’impiantistica non più al passo con i tempi e in grado di ospitare una tappa tanto storica quanto importante nella stagione agonistica del nuoto tricolore. Un meeting livornese non solo per via della location ma anche e soprattutto grazie alle brillante performances sfoderate dai nuotatori tesserati per la Nuoto Livorno. Sensibili i miglioramenti per Matteo Ciampi, già buono in occasione dell’altrettanto imperdibile ‘Nico Sapio’ ma arrivato addirittura a medaglia nei 200 Stile Libero con il record personale in 1’45’’68, battuto soltanto dal più blasonato ed esperto Filippo Magnini. Ancora migliore la prestazione dei 400 Stile Libero, che ha permesso al nativo di Latina ma livornese d’adozione di issarsi addirittura sul gradino più alto del podio, grazie al tempo di 3’45’’18. Ormai da un paio di stagioni in forza al Nuoto Livorno, Ciampi è ormai considerato dagli addetti ai lavori un elemento in costante ascesa. Ciampi è quindi uno dei sorvegliati speciali il cui nome è annotato sul taccuino del Commissario Tecnico Butini, peraltro avvistato sugli spalti dell’impianto livornese. In grande spolvero anche la Masini Luc-

251


Pallanuoto Testi e foto di Andrea Masini

In vasca con il pallone, in maniera differente ma sempre con gioia

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Andrea Benassi Tecnico Livornese

252

Andrea Benassi, tecnico livornese, ha inaugurato un corso per ragazzi normodotati e disabili conoscimenti ricevuti in vari festival in giro per l’ Italia e in Europa: ero quindi già avvezzo a un contesto nel quale ognuno porta la propria diversità per l’arricchimento reciproco Mai però mi sarei aspettato di vedere i ragazzi così felici, appassionati, entusiasti fin dalle prime bracciate. Non ho potuto far altro che impegnarmi affinché questa nostra passione prendesse vita con un qualcosa che non fosse eccezionale ma che si sostanziasse di occasioni frequenti e regolari e avesse un carattere, perché no, anche formativo oltre che ricreativo. Le difficoltà iniziali per riuscire in questo progetto sono state problematiche relative alla possibilità di avere degli spazi acqua in più. Ricordo che quando ne parlai al presidente dello “Zenith”, Luciano Simoni, mi dimostrò subito interesse ma dovette poi fare inevitabilmente i conti con le difficoltà di gestione che questo progetto comportava.”

Un’esperienza non semplice ma che adesso è diventata una splendida realtà, da prendere magari a modello per altre discipline. “Credo che questo caso debba necessariamente essere esportato ovunque perché è un bellissimo modello di integrazione socio-sportiva. Io vedo nello sport un contesto positivo di inclusione, sensibilizzazione e superamento di limiti e pregiudizi che incidono troppo spesso sulla qualità delle nostre vite e credo, quindi, che Il logo delle “Triglie in controfuga” questo modello debba necessariamente essere esportato ovunque perché è un randi novità in casa Zenith e Palbellissimo modello di integrazione sociolanuoto Livorno. La prima, sociesportiva.” tà che si occupa di nuoto per raQuali sono in concreto le maggiori difgazzi con disabilità (fisico-cognitive), ha ficoltà da superare ogni sabato, quando sposato l’operazione di lanciare un procirca 15-20 ragazzi si danno appuntagetto di pallanuoto per i suoi atleti. Una mento in vasca alla piscina Camalich? disciplina integrata, nel quale cioè insie“Come ogni allenatore progetto ogni me ai ragazzi disabili prendono parte agli singolo allenamento ma, quando mi riallenamenti anche ragazzi normodotati. trovo in acqua con i ragazzi, mi Andrea Benassi, già fautore del rendo conto a volto che ciò che ‘Triglie in Controfuga’ estivo, spiego loro e soprattutto la moè anche le mente che sta diedalità che avevo ipotizzato per tro al progetto tanto ambiziofarlo possono a volte non essere so quanto lodevole promosso adeguate anche solo per qualdalla società livornese. cuno dei ragazzi. Si tratta spesso “L’idea nasce nel 2012, quandi riuscire a capire come “aggirado alla prima edizione di un torre l’ostacolo” per far sì che ognuneo internazionale di beach-wano possa raggiungere, in funterpolo che organizzo insieme zione delle proprie possibilità, ad altri amici, mi venne in menl’obiettivo prefissato. E questi sote un’idea: una partita-esibiziono, in un contesto che permette ne di pallanuoto coinvolgendo i a tutti noi di vivere esperienze di ragazzi disabili. Da anni poi facconfronto, aggregazione, amicicio parte della “Mayor Von Frinzia, i momenti più significativi di zius”, compagnia teatrale comcrescita, vicinanza ed arricchiposta da 80 attori, la metà dei mento reciproci.” I ragazzi dello Zenith che si cimentano nella pallanuoto quali disabili, molto nota visti ri-

G


2017: tutti i risultati

P

assione e orgoglio, un pizzico di tradizione e la sana follia del nuovo che avanza: la pallanuoto livornese sta vivendo una seconda giovinezza, un cambio generazionale dopo i fasti dei bei tempi che futuro e il recente biennio in Serie B, sempre sotto la sapiente guida tecnica e organizzativa di Federico Romano, circondato dai validissimi collaboratori del calibro di Jacopo Toninelli, Matteo Chesi, Marco Paoli e la sorella, ex azzurra, Francesca. Uno staff affiatato, preparato, che nel corso del 2017 ha guidato la prima squadra al terzo posto nel campionato di Serie C con l’inserimento nel roster di Tommaso Fachinetti e Maryo Florio (classe 2001). Il campionato 2016/2017 è stato anche l’ultimo per uno dei ‘santoni’ della pallanuoto labronica anni 2000, quel Luca Biasci dal cuore infinito e stimato tutti. Compagni e avversari. Giù dal podio - invece - la compagine Under 20, composta prevalentemente da ragazzi Under 17 e quindi artefice di un gran risultato. E a proposito di Under 17, la formazione “A” guidata da coach Romano si è tolta lo sfizio di laurearsi campione regionale superando l’Azzurra Prato in finale (ai rigori) e staccando il ticket per le semifinali nazionali B (vinte…). Un traguardo di enorme prestigioso, migliorato ulteriormente con il passaggio

Pallanuoto Livorno, la miscela fra tradizione e nuovo che avanza è vincente Terzo posto in serie C e under 17 ai vertici della propria categoria nazionale

Il gruppo under 17 che è arrivato ai vertici nazionali di categoria fa festa con i tifosi

del turno alla fase finale da giocare al cospetto delle U17 dei club che non partecipato ai campionati Senior di A1 e A2 (5 vittorie su 5, un enplein al concentramento di Cremona: esordio con Velletri e successo per 6-2 con doppiette di Matteo Paoli e Florio; secondo step, la vittoria per 9-8 sull’Acquatica Torino, porta la firma di Fantini e Boldrini, quest’ultimo saracinesca su un penalty a pochi secondi dalla sirena. E poi Pescara, Bergamo e l’altra formazione di Velletri per completare l’opera). Per il Nuoto Livorno, alla fine sesta poltrona in Italia e materia prima pregiata dal valore inestimabile. Medaglia di bronzo anche per l’Under 15 “A” (finalina vinta sulla Sestese per 5-4), mentre la compagine “B” si è dovuta accontentare della penultima posizione maturando, però, un bel bagaglio di esperienza. A completare il quadro l’ennesima terza posizione dell’Under 13 (9-4 al Colle val d’Elsa) e l’Acquagoal, dove non c’è classifica per regolamento e vari concentramenti sparsi in tutta la Toscana e ai quali il Nuoto Livorno si è sempre esibito con due Una selezione livornese, agli ordini di coach Turrini, che ha formazioni (a conferma del costansfidato la nazionale giovanile di Malta in amichevole te incremento di bambini iscritti alla

pallanuoto…) con l’intento d’iniziare a masticare la pallanuoto e vincendo, per dovere di cronaca, nella maggior parte delle occasioni. Da menzionare poi, anche il ritorno della sesta edizione dell’ormai imperdibile happening estivo in mare, con il torneo amatoriale “Triglie in controfuga”. Nel 2017, sono state ben 23 le squadre iscrittesi da tutta Italia, con il contorno della bella iniziativa con il match che ha visto coinvolti i ragazzi disabili della compagnia teatrale Major Von Frinzius. La manifestazione organizzata da Andrea Benassi, Andrea Lampredi, Giovanni Sofia e Giacomo Sturla con la collaborazione di SSD Nuoto Livorno, del circolo Ardenza e, per la prima volta ,con il patrocinio del Comune di Livorno, si è svolta come di consueto nello specchio d’acqua fra il piazzale del Gabbiano e la spiaggia dei Tre Ponti. Qui, hanno dato vita alla manifestazione ben 18 selezioni maschili e 5 femminili, per un totale di circa 200 partecipanti. Tante le formazioni provenienti dal centro-nord, con una compagine in arrivo addirittura da oltre confine (da Zurigo). Le partite, della durata di circa 20 minuti sono state suddivise in due tempi e hanno visto fronteggiarsi squadre composte da 5 giocatori.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

NUOTO LIVORNO

253


Pallacanestro A cura di Andrea Masini

A ‘Basket City’ Livorno la passione per la palla a spicchi è sempre alta

I

Renato Graziani è soddisfatto per l’incremento sostanziale di tesserati in città

n sella alla Fip Livorno c’è Renato “Da anni - conclude il numero 1 della ri campi di pallacanestro (“playground”) Graziani, ieri giocatore e dal 2010 de- Fip Livorno - non si respirava un’atmosfe- presenti in diversi parchi pubblici citlegato provinciale di una federazio- ra simile, senza contare i brillanti risulta- tadini al fine di favorire la spontanea e ne che sta tornando ai fasti di un tempo ti ottenuti in ambito giovanile. La strada organizzata gestione di manifestazioni nonostante l’assenza di un movimento per tornare grandi è ancora lunga, ma è sportive rivolte ai giovani e migliorare lo di vertice. quella giusta. Perché al cuore non si co- standard qualitativo degli spazi verdi ur“Nell’anno solare 2017 il numero dei manda…”. bani. tesserati in città (esclusa la provincia, È stato quindi pubblicato un avviso Soddisfazione anche per l’iniziativa vondr) ha superato quota 1700 - ha spiega- luta dall’Assessore Comunale allo Sport pubblico rivolto a tutti i soggetti che poto Graziani - siamo secondi solo al calcio Andrea Morini e adottata la scorsa esta- trebbero essere interessati a curare la e per noi questo è motivo di vanto. L’u- te dalla Giunta che ha deciso di avviare manutenzione dei campetti presenti nel nico rammarico - appunto - sta nel fatto una procedura pubblica per la selezione parco di Villa Fabbricotti, nel parco Galliad’invidiare agli altri una Serie A, la gioia di sponsor cui assegnare la manutenzio- no Masini di viale Risorgimento, nell’area di poter andare la domenica al palazzo ne ordinaria e la riqualificazione dei va- verde c.d. Pinetina di viale della Libertà, dello sport e godersi il grande nell’area verde di via Goitobasket che la città di Livorno via Beppe Orlandi, nel parco meriterebbe per storia, tradiEnrico Berlinguer di via Torino, nell’area verde di via Sanzione e competenza degli addro Botticelli, nell’area verde detti ai lavori”. di via Martin Luther King, nel Nel maggio 2017, tuttavia, il braciere della passione parco di via Carlo Cattaneo, ha vissuto una seconda gionell’area verde di via Giovanni Piccioni e nell’area verde nei vinezza grazie al derby propressi di via Peppino Impastamozione fra la Libertas Liburnia e la Pielle Livorno (Serie C to. “L’iniziativa consente a tutGold): “Per dieci giorni è come ti gli appassionati giovani e meno giovani di riappropriarse fossimo saliti sulla macchisi di un momento importante na del tempo e sicuramente si di svago e aggregazione. Saè trattato di un momento eccitante. Tre partite tirate, anrà fondamentale coinvolgere che se poi la Libertas ha vinto le società, i tesserati e i tifomeritamente salendo in Serie si affinché ci sia un controllo per evitare atti vandalici che B. Sugli spalti del PalaMacchia c’erano oltre 3500 persone in purtroppo sono capitati di occasione di gara-3 che, se frequente – ha commentato vogliamo, rappresentano un Graziani – Nel prossimo futualtro incentivo per continuaro ci piacerebbe organizzare un torneo dei rioni, coinvolre a lavorare sull’amore per la palla a spicchi che scorre nelgendo la marea di tesserati e Le squadre vincitrici del torneo Join The Game che ogni estate anima il appassionati”. le vene dei livornesi.” playground allestito alla Rotonda d'Ardenza

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

Renato Graziani Delegato FIP Livorno

255


2017: tutti i risultati PIELLE e LIBERTAS LIVORNO

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

S

tessa ora, stesso parquet, ventotto anni e un giorno: tanto era passato dall’ultimo giocatore della Libertas visto salire sul canestro per tagliare la retina per festeggiare una vittoria. Il 27 maggio 1989 era stato Wendell Alexis, ma la festa del quasi scudetto durò solo pochi minuti e fu l’inizio della fine. Domenica 28 maggio, suonata la sirena della rinascita, è toccato a Edoardo Nesti, autore dei due liberi della staffa che hanno giustiziato la Pielle in gara-3 e regalato la promozione in Serie B ai gialloblù, fare pace con la cabala, dare un taglio al passato e firmare con un gesto simbolico il ritorno del club fra i professionisti dopo cinque lustri trascorsi a rincorrere il passato tra parquet di periferia. Stavolta niente Zeppilli, nessun canestro dubbio da rivedere (e maledire) e nemmeno scazzottate a fine gara, nonostante la tensione in campo e fuori. Solo lacrime e felicità da una parte e rabbia dall’altra sponda del palasport. Le prime lacrime (di gioia) sono quelle di coach Gabriele Pardini nell’abbraccio col padre Giovanni che si mischiano ai cori rivolti dagli “Sbandati”ai rivali biancoblù,

Una stracittadina infinita: il derby promozione spedisce la Libertas in serie B Onore alla Pielle, battuta in finale dai cugini ma dopo una stagione quasi perfetta

Un PalaMacchia gremito come non si vedeva da anni per la palla a due del derby storico

pietrificati dopo la terza beffa in appena sette giorni. Il risultato è una festa per

Scene di giubilo dopo la gara 3 che ha sancito la promozione per i gialloblù

256

lo sport, bella per i vinti e crudele per gli sconfitti, dentro un PalaMacchia gremito

La Pielle sconfitta ma giustamente onorata dai suoi tifosi


in ogni ordine di posti (quasi 4mila presenze…) arroccati perfino in piccionaia, vicino alle porte di sicurezza. Più squadra la Libertas capace anche ieri di maggiori alternative in attacco, in particolare con Armillei e Mariani che hanno segnato con continuità riempiendo i buchi lasciati da Dell’Agnello junior, limitato dai falli (il quinto è arrivato a 3’17” dalla fine) e la serata opaca al tiro di Marchini e Nesti. Ma se c’è stata una partita appassionante è stato soprattutto grazie ai giocatori della Pielle che potevano scegliere di morire in ginocchio dopo il ko rocambolesco di giovedì e l’infortunio del loro faro, Buzzo. E che invece hanno lottato con la furia agonistica di chi non ne vuol sapere di morire. E alla fine sono caduti in piedi, sfiniti, come vogliono i loro tifosi, anche nella sconfitta. Per 23’ hanno addirittura condotto le danze raggiungendo con Massoli, il migliore in casa piellina con Malvone, anche

Dell'Agnello in lunetta

Capitan Edoardo Nesti fa festa sotto lo striscione degli ultras Libertas

7 lunghezze di vantaggio (30-37 a 40” dalla fine del secondo quarto). Ma al rientro dagli spogliatoio è cominciata l’altra partita dove le “triglie” hanno litigato con il ferro (11/29 ai tiri liberi e 5/20 da tre). Così la Libertas è scappata via sulle spalle di Mariani (5147). Poi quando tutti pensavano che la passa fosse già al dente (57-47), “il barba” Malvone si è caricato la squadra sulle spalle riportandola sul -2 (59-57 a 2’ dalla fine). E dunque cancelli spalancati alla gara degli orrori: palle perse, contropiedi sbagliati e falli in attacco senza logica. Ma se in gara-2 l’eroe sfortunato era stato Massoli, stavolta è stato il turno di Tommaso Dell’Agnello: 1/3 ai liberi e soprattutto 0/2 a 14” dalla fine che avrebbero voluto dire sorpasso. Errori

che hanno steso il red carpet alla Libertas ma scritto, in ogni caso, una pagina storica della pallacanestro labronico.

Un duello Dell’Agnello - Siboti

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

Armillei intento a provare una tripla dall'arco

Coach Pardini celebrato dai tifosi dopo l'invasione di campo

257


L

a stagione dell’Us Livorno si è conclusa con un’amara retrocessione: il quintetto di coach Emanuele Caverni, al termine di una stagione a dir poco tribolata, non è riuscita ad avere la meglio su Viareggio ai playout e così ha dovuto salutare la Serie C. Tuttavia la società si è detta orgogliosa di quanto fatto del plotone amaranto: “Ci sono voluti tre giorni per rimettersi si legge in una nota della società - ma al contempo non possiamo dimenticare dei valori di questo grande gruppo, delle nostre amicizie e dei nostri sacrifici. Dopo un’annata strepitosa (2015/2016) che ci ha portato alla promozione in Serie C Silver, primi assoluti per tutto il campionato, siamo incappati in una stagione particolarmente sfortunata, con infortuni a ripetizione che non hanno permesso alla squadra di esprimersi compiutamente. La retrocessione in Serie D ci trova rammaricati ma non delusi, consapevoli che il gruppo tutt’altro meritava altro. L’impegno, l’agonismo, la voglia d’esserci non sono mai mancati e di questo ringrazia-

Claudio Volpi

Unione Sportiva Livorno, una retrocessione amara alla fine di una stagione tribolata Ma il ripescaggio ha riportato tra le grandi della C la prima squadra del sodalizio amaranto

La prima squadra dell'Us livorno che nel giro di pochi mesi è risalita sino ai playoff di C

mo lo staff tecnico, coach Caverni, il vice Sanna oltre a tutti i ragazzi: Orsini Paolo, Vukich Giovanni, Bettini Andrea, Volpi Massimo, Davini Giovanni, Seminara Matteo, Mariani Michele, Mealli Gabriele, Caparrini Lorenzo, Vannini Federico. Una menzione la meritano anche i giovani che hanno combattuto su ogni singolo pallone vagante e che ci hanno dato un grosso aiuto guadagnandosi rispetto: Ulivieri Lorenzo, Zucchelli Daniele, Ghezzani Edoardo, Lenzi Giorgio, Morucci Edoardo, Nigiotti Gianluca. Un ringraziamento speciale va inoltre all’accompagnatore Bartelloni Francesco al medico Gonella Marco, sempre presente, ai dirigenti Agostinetti Mario, Vannini Francesco e Lami Roberto, aiuti preziosi con l’Unione Sportiva Livorno nel cuore”. Durante l’estate, tuttavia, l’U.S. Livorno del presidente Vullo è stata riammessa al torneo di Serie C Silver, reintegrando due ex in uscita dalla Labronica: Riccardo Giardini e Simone Vaccai, due dei protagonisti della splendida avventura sopracitata e che infatti hanno trascinato i ragazzi di Caverni e Sanna alla qualificazione ai playoff nell’aprile 2018. Dall’inferno al paradiso in poco meno di un anno. Questa è la bellezza dell’U.S. Livorno, cresciuta a

dismisura anche a livello di settore giovanile e minibasket (con oltre 200 iscrizioni…) grazie al contributo dei Leoni Amaranto gestiti da Andrea Falleni, Riccardo Tedeschi e David Baggiani. Del resto, si dice che l’appetito vien mangiando…

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

Unione sportiva LIVORNO

Riccardo Giardini

259


Don bosco

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

U

na marea di successi in ambito giovanile, ma stavolta la Pallacanestro Don Bosco se l’è cantata anche sul pianeta Senior, in Serie C Gold, sigillando una splendida regular season al secondo posto alle spalle della Pielle. Un “argento” che ha scodellato ai ragazzi di coach Guido Saibene un quarto di finale playoff contro Agliana, autentica bestia nera di Graziani e soci per l’intero arco della stagione. Il Don Bosco sputa l’anima sul parquet in gara-1 ma deve arrendersi per la terza volta nel 2016/2017 agli uomini di coach Bertini pagando il break incassato nel secondo quarto (appena 8 punti realizzati, 42-59 il punteggio finale). Fin dalle primissime battute la tensione si taglia a fette, prevalgono le difese sugli attacchi e il primo spicchio di battaglia scorre sul filo dell’equilibrio. Agliana allunga nel secondo tempino, approfittando delle brutte percentuali al tiro dei rossoblù livornesi (7/28 all’intervallo lungo) e a metà partita si risveglia

Alessandro Banchi

Marco Creati

260

Don Bosco, una stagione ricca di soddisfazioni anche tra i senior Secondo posto in regular season di C Gold, oltre i titoli regionali di U14 e U18

La squadra Under 14 Elite che ha messo in bacheca il titolo di Campione Toscano

addirittura sul +14. Al rientro dagli spogliatoi la squadra di Saibene stringe le maglie e si arrampica fino al -7, ma i neroverdi di Pistoia rintuzzano il tentativo di rimonta dei labronici con giocate d’alta scuola. Maric e Marchini ci provano in tutte le maniere: sembra l’avvio della “remuntada” ed invece Agliana spacca la partita

segnando, psicologicamente, anche una gara-2 che ha sancito l’eliminazione del Don Bosco e l’addio a coach Saibene. In campo giovanile due i titoli toscani sistemati in una bacheca dal valore inestimabile (Under 14 Elite e Under 18 Eccellenza) e biglietti staccati per tre Finali Nazionali (5° posto per l’Under 14), di cui due inerenti al circuito del 3vs3 Join in The Game (Under 16 e Under 18) che dall’Olimpiade di Tokyo 2020 entrerà a far parte del programma gare. Dulcis in fundo il cambio di guida tecnica avvenuto durante la pausa estiva: via Guido Saibene, bentornato Roberto Russo, allenatore che non ha bisogno di presentazioni e che vanta un lunghissimo trascorso in Serie B (Lucca, Firenze, Bottegone…).

Filippo Creati


Una promozione storica e con il brivido per il Meloria in C Silver

a stagione magica del basket livornese (quattro promozioni, due finaliste) si è chiusa con il passaggio in Serie C Silver del Meloria al termine di una partita epica, che nessuno di quelli che c’erano, in campo e sugli spalti, potrà mai dimenticare. Due supplementari, cinquanta minuti di battaglia lontano da casa a causa un regolamento astruso che costringe alla “bella” in trasferta la squadra, in questo casa quella livornese, che pure aveva perso meno partite in campionato. Giovannetti assente per infortunio, idem Giua, mentre Pasquinelli è fuori uso dopo appena 5’, Barsotti e Vortici hanno già tre falli a testa nel primo quarto. Eppure, con il quintetto piccolissimo e le rotazioni all’osso, il Meloria sta sempre avanti prima di calare, fisiologicamente, nell’ultimo quarto. A 4’ dalla fine il tabellone segna +8 Laurenziana ma lì viene fuori tutta la voglia di cambiare la storia e i biancazzurri agguantano il supplementare di puro cuore, con già Bargelli, Marini e Vortici fuori per falli. Overtime che vede protagonisti due di quelli che meno avevano brillato in gara2, Michelini prima e poi Bonciani che nel secondo supplementare con 2 triple dà la spallata definitiva alla gara. Ma, in casi come questo, è del tutto inutile fare graduatorie di merito. Vittoria del

E la fusione con l’Invictus si sta già rivelando proficua a livello di settore giovanile

L

Carlo Michelini

La formazione del Meloria capace di centrare una promozione incredibile

gruppo, di Walter Angiolini al suo debutto da capo allenatore, della società che questa promozione l’aveva già ottenutà nel 2013 con la gestione Parcesepe-Dani salvo poi dover rinunciare alla C per problemi economici. Un salto di categoria meritato come in poche altre circostanze visto l’andamento della stagione, ed anche un premio alla costanza e a un ambiente nel quale si sta bene, dove si lavora senza troppa pressione. Non tutto è stato facile, nonostante l’avvio di stagione trionfale e l’inviolabilità della Bastia, durata per tutto il campionato. Infortuni pure ad elementi difficilmente sostituibili non sono mancati, ma non è mancata nemmeno la serenità, il saper stare insieme, magari discutere sì ma guardandosi negli occhi e non parlandosi dietro. Eccola la ricetta vincente di una cavalcata che comunque il Meloria ricorderà per sempre. «Sapevo di avere in mano un buon gruppo, competitivo per la categoria, ma non pensavo a una stagione quasi trionfale». Coach Angiolino non sta nella pelle: «Pensavo che fossimo una squadra destinata a lottare nel gruppetto delle quattro/cinque, non certo di perdere una sola partita nella regular season e due nei play-off ma sempre fuori casa. Il rischio è stato quello di giocare gara-3 in trasferta, ma quando ho chiesto minuto a 4’ dalla fine, sotto di 8, ho

visto negli occhi dei ragazzi la voglia di ribellarsi a un andazzo ingiusto, come quella norma arrivata in extremis che ha dato il fattore campo non a chi ha perso meno partite in stagione ma a chi ne ha perse di meno nei playoff. Detto questo segreti non ce ne sono. Tutto nasce dal gruppo, dallo staff che ho avuto a disposizione, che per la categoria è di primissimo livello». Promozione che fa rima con fusione. Parola che solo a sentirla pronunciare, nell’ambiente del basket livornese, provoca sudori freddi correre lungo la schiena. Ma quella andata a buon fine fra la neonata Invictus di Giovanni Littera (la società nata dopo il crack Labronica) e il Meloria di Maurizio Vortici è immediatamente sfociata in un progetto, serio, legato alla prima squadra e al settore giovanile. L’Invictus Meloria parteciperà al campionato di Serie C Silver e il campo gara per il 2017/2018 sarà la palestra D’Alesio (ex Gemini); dal punto di vista tecnico coach Angiolini (confermatissimo) potrà avvalersi delle prestazioni di Alessio Melosi e Leonardo Niccolai, entrambi ereditati dalla Labronica: guardia dall’atletismo eccezionale e dotata di gran tiro dalla lunga il primo, capace di occupare due se non tre ruoli il secondo. Due pedine di lusso da aggiungere al gruppo che ha dominato il campionato di Serie B.

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

Meloria LIVORNO

261


Parola ai protagonisti Walter De Raffaele: quasi 50 anni ma il meglio deve ancora arrivare

Q

Lo storico Scudetto con Venezia, i successi europei e il titolo di miglior coach d’Italia

uest’anno ha condotto la sua I suoi maestri in campo e in re’ qualcosa pur mai annullandomi completamente in loro, nel loro esempio, cercando Reyer sino all’atto conclusivo panchina della Fiba Europe Cup. Una finale “Sono cresciuto con Alessandro Fantoz- di rimanere fedele sempre alle mie idee che giocata e vinta (la prima della sua carriera, zi, con lui ho condiviso davvero tante cose. con queste esperienze inevitabilmente si irroperaltro tutta italiana contro Avellino) che Penso poi ad Andrea Forti e più in generale bustivano, si arricchivano. Da Charlie ho cersi aggiunge al trionfale cammino europeo a tutto lo straordinario gruppo di Livorno, cato in particolare di assorbire la sua straordi un anno fa in Champions League, do- capace di darmi un bell’imprinting, segnan- dinaria capacità di gestione del gruppo, da ve Venezia arrivò a giocarsi la Final Four domi indelebilmente in tutto il mio futu- Bucci invece ho preso più ispirazioni di nae, ovviamente, allo scudetto. Tutti meri- ro cestistico, ma anche umano proprio. tura tecnico-tattica. Ho avuto molti altri alti che hanno condotto l’ex play di scuola Un’esperienza capitale per me furono que- lenatori da cui ho imparato qualcosa, come Libertas ad essere protagonista premiato gli anni. Uno dei miei idoli poi era senza Duško Vujošević a Pistoia, che mi ha davvero sul palco della 32esima edizione del pre- dubbio Mike D’Antoni, playmaker di rara in- aperto gli occhi sull’importanza capitale dei mio “Reverberi-Oscar del Basket”. Il tecni- telligenza, ora grande coach, il che era scrit- fondamentali del gioco.” co granata è stato infatti insignito del ti- to già dai suoi primissimi anni in campo. Walter De Raffaele fuori dal tolo di “allenatore dell’anno”, ricevendo Rimanendo sempre a quell’esperienza livor- rettangolo di gioco un plebiscito nella votazione. “Questo ri- nese, devo proprio ad Alberto Bucci il mio “(…) Il mio futuro lo vedo sempre a Livorno, conoscimento mi onora, ma lo condivido innamoramento per il ruolo dell’allenatore; con una mia società sportiva, impegnato ad con il club, lo staff e i giocatori - ha com- mi è sempre piaciuto rompere le scatole ed insegnare ai bambini e avere la soddisfazione mentato De Raffaele in seguito alla con- andare ad analizzare le partite. Con lui sin di vederli crescere, come atleti e come persosegna del premio - mi gratifica di tanti dai primi momenti è nato un rapporto pro- ne. La mia giornata-tipo ideale prevede l’alleanni di lavoro”. Il coach livornese, che ha fondo, come altrettanto profonda si è rivelata namento dei ragazzi nel pomeriggio e le matcompiuto 49 anni lo scorso 31 ottobre, ha poi la collaborazione con Recalcati. Entrambi tinate passate con mio cognato su un nostro infatti il grande merito storico di aver ri- allenatori da cui ho sempre cercato di ‘ruba- peschereccio, accompagnando i sommozzaportato il tricolore della paltori in giro per le varie isole e fala a spicchi sulla Laguna: i socendoli poi pranzare a bordo. So li scudetti dei veneti infatti già che ci guadagnerei dieci anrisalivano infatti alla preistoni di salute! (…) Il basket mi ha ria del basket di casa nostra, lasciato e mi regala ancora queconquistati a cavallo tra il sta straordinaria rete di relazioni 1942 e il ’43. Il primo scudetcon persone dai mondi i più dito dell’era moderna di Veneversi, che se vivi con la giusta cuzia invece porta il sigillo inriosità ti sprovincializza, ti apre cancellabile di De Raffaele, necessariamente il cervello. Da legato professionalmente alun lato sono un irriducibile livorla città del Leone Alato ormai nese, da un lato mi sento un po’ figlio del mondo. Questa doppia da sei lunghi anni. polarità mi regala grandi stimoQuesti alcuni passaggi inli, con un attaccamento alle rateressanti di un’intervista dici che si alimenta dalla fame di rilasciata di recente da WDR Walter De Raffaele esulta dopo una delle tante vittorie con l'Umana (foto tratta da reyer.it) esperienze altre (…)” al sito venezianews.it:

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

Walter De Raffaele

263


F.I.B.: Federazione Italiana Basket

N

el quadro delle numerose iniziative benefiche organizzate prontamente dall’intero panorama dei sodalizi sportivi cittadini al fine di sostenere concretamente l’operazione’ ‘AiutiamoLI’, ha contributo anche il mondo della palla a spicchi locale attraverso l’organizzazione di un derby speciale intitolato “Forza LI”. La stracittadina più classica e sentita dalle parti dei Quattro Mori, quel confronto infinito tra Pielle e Libertas che anche stavolta ha stuzzicato la curiosità di molti appassionati di basket e l’antica rivalità tra le tifoserie storiche di entrambe le fazioni. Niente a che vedere però con il clima infuocato che si era respirato solo qualche mese prima in occasione della finale playoff che aveva messo in palio la promozione in serie B: sotto la cupola del pala-

‘AiutiamoLI’: un derby solidale per vincere anche sotto canestro Sul parquet, la stracittadina tra Pielle e Libertas con tanti vip e vecchie glorie

Posa collettiva per i protagonisti del derby benefico

Fantozzi, indimenticato capitano gialloblù

Macchia di via Allende, i colori biancoblù e gialloblù si sono fusi in armonia tra sorrisi e abbracci per dare vita a una lodevole iniziativa benefica per aiutare chi ha perso tutto o quasi nell’alluvione dello scorso 10 settembre. Un evento che ha raccolto circa 4 mila euro d’incasso, allestito con la gradita collaborazione della selezione Basketartisti, oltre ovviamente a quella delle due società e anche grazie al patrocinio dello stesso Comune di Livorno. Sul parquet, per quello che conta in questi casi la fredda cronaca numerica, si è imposta la formazione della Pielle con il punteggio di 76-58.

L’ex idolo Libertas fa festa con i compagni per una buona causa

264

A scaldare gli animi però ci hanno pensato su tutti le giocate degli intramontabili beniamini del decennio d’oro della pallacanestro livornese, vale a dire quegli anni ’80 che videro la nostra città competere ai massimi livelli nazionali, con entrambe le squadre a darsi battaglia contemporaneamente in serie A. Claudio Bonaccorsi per le Triglie pielline e Alessandro Fantozzi per le Vele della Libertas, oltre alla classe del mitico Antonello Riva, hanno impreziosito una sfida che ha salutato anche l’intervento di tanti personaggi del mondo dello spettacolo.

Un’azione con il figlio d’arte Dell’Agnello, punto di forza della prima squadra Pielle in C


E

Piccoli campioni crescono sotto canestro anche al Camp dell’Arcipelago Toscano L’appuntamento estivo con il basket al Giglio ha riscosso ancora grande successo

Basket ma non solo al camp dell'Arcipelago

Coach Luca Bechi è uno dei grandi nomi presenti al camp

istruttori e allenatori che si sono dedicati all’affinamento della tecnica individuale e di squadra e alla scoperta di nuovi particolari e piccoli segreti da inserire nel bagaglio di ogni futuro giocatore”. Come nelle precedenti edizioni, il Camp ha goduto di uno staff tecnico di altissimo livello: “L’uomo nuovo per il 2017 è stato Maurizio Mondoni, istruttore nazionale benemerito di minibasket - continua Falleni - Mondoni nella sua lunga carriera ha ricoperto cariche di enorme prestigio, vedi la presidenza del Comitato Tecnico Europeo FI-

Un momento di gioco per i tanti partecipanti

BA Minibasket (1999-2002), oltre ad essere relatore a congressi e clinic nazionali e internazionali di minibasket in giro per il mondo. Insieme a lui Roberto Verdile dell’Argentario Basket, Riccardo Tedeschi e David Baggiani dei Leoni Amaranto, Daniele Bolioli, Manrico Vaiani, Gianluca Presto, Franco Del Viva e Leonardo Sonaglia, 14 stagioni fra A1 e A2, mentre gli ospiti saranno coach Luca Bechi, Edoardo Persico e Tommaso Tempestini, giocatori di A2 e Serie B”.

F.I.B.: Federazione Italiana Basket

nnesimo successo per il Basketball Camp dell’Arcipelago Toscano - ancora una volta griffato Pediatrica e Pediatrica Specialist – giunto alla 7ma edizione: quattro settimane (dal 10 giugno all’8 luglio) di sport sano ed istruttivo in riva al mare di una località di inestimabile bellezza e suggestione, quale l’Isola del Giglio. Il camp - oramai famoso in tutta Italia e non solo - per la prima volta è stato organizzato dalla neonata A.S.D. Giglio Pallacanestro del presidente Andrea Falleni, artefice di questa “manifestazione” fin dalla nascita. “Il Camp per i più piccoli (Scoiattoli e Pulcini, dal 2008 al 2011) s’identifica nella conoscenza del prossimo e del basket – ha spiegato Falleni – i partecipanti hanno avuto un primo contatto con il loro giocosport preferito, divertendosi sui campi di gioco posizionati a due passi dal mare. Per le categorie Aquilotti ed Esordienti l’obiettivo è virato – invece – sul miglioramento delle basi tecniche grazie alla qualità di

Una panoramica delle strutture che ospitano l'evento

265


REGGIO EMILIA Chiostra espositiva - 10x9 mt

CIRCO PINDER - PARIGI Chapiteaux - 56x68 mt

CIRCO ALEGRIA - BARCELLONA Chapiteaux diam. 34 mt e Foyer ingresso 12x24 mt

INTERPORTO CAMPANO: VARCO DOGANALE Nola: tettoia ellittica - 50x10 mt

Ortona S.R.L. Via dello Struggino, 16 - 57121 Livorno Tel. +39 0586 400426 - Fax +39 0586 400175 www.ortonasrl.com - tecnico@ortonasrl.com


Pallavolo A cura di Fabio Giorgi

Roberto Ceccarini Presidente territoriale Comitato Basso Tirreno

I

l Presidente Territoriale Comitato Basso Tirreno della FIPAV Roberto Ceccarini non nasconde la propria soddisfazione nel tracciare un bilancio nell’attività svolta nell’intenso 2017. “La sfida - illustra Ceccarini - che il nuovo Consiglio del Comitato Territoriale Basso Tirreno (che comprende le province di Pisa, Livorno e Grosseto, ndc) si è dato al momento delle elezioni federali per il quadriennio olimpico 2016/2020, è proprio quella di accelerare la qualificazione dei Settori Giovanili al fine di poter, prima possibile, consentire alle società sportive affiliate di partecipare ai campionati maggiori con atleti e atlete di qualità provenienti dal proprio vivaio. I primi segnali ottenuti sui campi di gioco ci hanno confortato sul fatto che i nostri sodalizi stanno lavorando per migliorare il livello medio di gioco. Infatti in occasione dell’ultimo ‘Trofeo dei Territori’ della Regione Toscana giocato a Cecina e Rosignano, la nostra squadra maschile ha ottenuto lo scudetto come prima classificata. A ottobre la stessa squadra ha partecipato all›edizione del ‘Trofeo Bussinello’, organizzato a Pontedera dalla Scuola di Pallavolo Anderlini di Modena e si è piazzata al primo posto maturando il diritto ad essere invitata alla fase finale che si è tenuta a Modena nella settimana antecedente Pasqua. Alla manifestazione, oltre alla nazionale di Categoria della FIPAV, parteciperanno altre società provenienti dal territorio nazionale e dall’estero. Siamo sicuri che i nostri ragazzi daranno il massimo e ci faranno fare bella figura. Il Consigliere di Comitato responsabile del Centro di Qualificazione Territoriale e quindi anche delle Selezioni, Alessandro Orsucci, è altrettanto determi-

La soddisfazione del Presidente Territoriale Comitato Basso Tirreno nato a raggiungere un risultato sensibile. Ma non è tutto. L’Attività Promozionale, under 12 Femminile/Maschile e Progetto Scuola 3 (più avanti PS3), ha preso avvio e sta coinvolgendo numeri importanti di mini atlete e atleti che rappresentano soprattutto il nostro futuro. Il nuovo progetto PS3, che vede in Andrea Lucchetta l’uomo immagine per la FIPAV, sta prendendo sempre più spazio anche all’interno del nostro Territorio e i sodalizi si stanno comportando bene. Sta per partire anche una attività di formazione per gli allenatori impegnati in queste attività, denominati Smart Coach, che avranno il compito di far appassionare tutti i nuovi tesserati alla nostra disciplina. L’impegno verso questa attività è massimo, confidiamo su altrettanto interesse da parte dei sodalizi affiliati. Di questo ne è certa la Consigliera di Comitato Responsabile dell’Attività Promozionale, Valeria Loni, che ha partecipato a questa attività di formazione rivolta ai docenti allenatori. Per favorire, poi, la massima diffusione della nostra disciplina anche nei licei scientifici ad indirizzo sportivo che operano nel nostro territorio (Cascina, Livorno, Piombino, Cecina e Grosseto), abbiamo avuto contatti con i direttori didattici per stipulare accordi di collaborazione che permettano agli studenti di approfondire la conoscenza della nostra disciplina partecipando a corsi di formazione per aspiranti arbitri, allenatori, segnapunti e scout-man. L’attività seguita in prima persona dal Consigliere Massimo Banducci (Grosseto), dal Vice Presidente Piero Menicucci (Livorno e Cecina) e da Claudio Bianchi (Delegato CONI a Piombino), è in corso e, siamo certi, riscontrerà, alla fine, l’interesse dei partecipanti soprattutto ricordando l’im-

portanza che i Licei Scientifici ad indirizzo sportivo danno all’alternanza scuola/lavoro”. Ceccarini aggiunge: “Non possiamo dimenticarci della Commissione Organizzante Gare guidata dal Consigliere Maurizio Bellandi e dal VicePresidente Vicario Paolo Duè, responsabile dell’omologa campi di gara. Ogni settimana si disputano più di 150 gare, dai campionati di categoria a quelli di divisione: stiamo definendo le classifiche definitive che determinano il “ranking” per la partecipazione alle fasi finali che, oltre a identificare le società vincenti, danno accesso alle fasi regionali. Un’attività quotidiana che vede impegnati sia gli allenatori, per i quali stiamo ultimando il corso di formazione per allievo allenatore primo livello giovanile, che gli arbitri, federali ed associati, verso i quali è rivolta una attenzione per migliorarne i numeri dei tesserati con interventi specifici soprattutto nelle zone di Piombino, Follonica e Grosseto. E poi, non è possibile non ricordare che in questo 2018, dal 9 al 20 settembre, avremo l’enorme piacere di vivere, dal vivo, le fasi finali del Campionato Mondiale Maschile di Volley nel girone che vedrà presente anche l’Italia a Firenze. Un’occasione veramente unica che ci avvicina molto al volley di altissimo livello che ci permette di portare i nostri piccoli talenti a bordo campo per esultare dei punti fatti dalla nostra nazionale maggiore. Insomma, per concludere, un’intensa e diversificata attività di formazione e qualificazione, iniziata già dal precedente Presidente Territoriale Prof. Pino Cornelio di Cecina, che vede impegnati i nostri oltre settemila tesserati in un›avventura che ci riempie la vita e ci gratifica ogni giorno”.

F.I.Pav.: Federazione Italiana Pallavolo

Livorno un’eccellenza che si rinnova

267


2017: tutti i risultati

Scotto Pubblicità Livorno F.I.Pav.: Federazione Italiana Pallavolo

TORRETTA VOLLEY LIVORNO

268

Torretta, la qualità è garantita Per il 2018-19, la Federazion conferma il Marchio di Qualità al sodalizio labronico

C

on delibera del Consiglio Federale Nazionale sono stati pubblicati nelle scorse settimane i dati relativi all’assegnazione dei Marchi di Qualità per il Settore Giovanile relativi al biennio 2018-2019. Il Torretta Volley Livorno si è visto assegnare il marchio di qualità di color argento. Il sodalizio labronico, per la terza volta consecutiva, si è meritato (a pieno titolo, aggiungiamo noi) tale importante certificato: nel 2014/15 era stato riconosciuto il marchio standard, nel 2016/17 il marchio color argento, confermato, appunto, nel nuovo biennio. La società, già dal 2013 Scuola Federale di Pallavolo, non può nascondere la propria grande soddisfazione per questo riconoscimento. Si tratta di un traguardo di prestigio ed evidenzia il serio lavoro svolto in queste stagioni agonistiche. Il Marchio Qualità premia la lungimiranza del Torretta. Premia gli investimenti effettuati nel settore giovanile. Premia i programmi di lungo periodo. Premia programmi ritenuti qualitativamente validi dalla stessa Federazione. Con questi attestati, il Torretta entra nel ristrettissimo gotha delle miglior società, a livello giovanile, del Comitato Basso Tirreno (che comprende le province di Pisa, Livorno e Grosseto). A parte il club livornese, solo altri sei sodalizi, nel territorio, si possono fregiare di questo marchio. I criteri sono veramente rigidi. Vengono paramentri considerati quali: 1) i risultati raggiunti nel settore maschile (il Torretta da anni accede ai sistematicamente campionati regionali e

Il saluto del maxi gruppo al primo raduno della stagione agonistica

negli ultimi anni diversi atleti sono stati convocati nelle selezioni territoriali e regionali); 2) il numero degli atleti iscritti (a Livorno, per iscritti, il Torretta è la più grande società); 3) le attività svolte a livello federale, il numero dei campionati a cui si partecipa, i tornei organizzati o partecipati; 4) la qualifica degli allenatori (il Torretta può contare addirittura su tre professori); 5) l’attività svolta nelle scuole, la presenza sui media e i progetti di responsabilità sociale.

I campioni regionali under 14

Apprezzabile è il lavoro svolto dal direttore della Scuola Federale di Pallavolo, prof. Franco Fabbri, ma il marchio di qualità va condiviso con tutti coloro che collaborano con il Torretta: gli allenatori, gli atleti, i dirigenti accompagnatori, i dirigenti e gli stessi genitori che non ostacolano mai le sedute settimanali e non creano problemi per le lunghe trasferte da affrontare. Instancabile l’opera di chi dirige la società. Presidente è Emilia Crescenzo, vice presidente Marco Rinaldi, segretario tesoriere Giovanni Bosco, consiglieri Enrico Del Chicca, Adriano Di Pirro, Piero Menicucci e Fausto Galoppini. Il Torretta Volley è attivo nel campionato di serie D maschile, nella 1°, 2° e 3° divisione femminile, nel campionaro under 18, under 16 e under 14 maschile e nell’under 16, under 14 e under 13 femminile. Una grande famiglia, che sa come lavorare per ottenere buonissimi risultati. Il riconoscimento del Marchio di Qualità per il Settore Giovanile non viene certo assegnato a caso...


I

Volley Livorno, ben oltre la serie C Un 2017 d’oro: oltre alla promozione della prima squadra, sono arrivate gioie dalle formazioni giovanili

l 2017 è stato un anno d’oro per il Volley Livorno. La formazione prima allenata da Orsini e Aletto e poi passata nelle sapienti mani di coach Matteo D’Alesio ha ottenuto successi su successi, assicurandosi risultati di grande prestigio. L’anno solare si è infatti aperto con la conquista da parte delle ragazze gialloblù della promozione in serie C. Il salto di categoria è giunto con tre giornate di anticipo per una squadra che si è dimostrata, nel corso della stagione, un’autentica macchina schiacciasassi. Una vera e propria marcia trionfale con 23 vittorie e solo 3 sconfitte (rimediate contro Ponsacco, Ponte a Elsa e Tomei), che non hanno compromesso il cammino delle labroniche. Il Volley Livorno si è confermato come la prima potenza cittadina a livello di pallavolo femminile, continuando nel solco tracciato da anni all’insegna del duro lavoro e dello sviluppo delle proprie giocatrici, cresciute per

re all’occhiello della società labronica. Durante il Volley Day 2017 organizzato dal Comitato Territoriale Basso Tirreno, a sfilare sul palco è stata la formazione under 18 gialloblù, premiata per il titolo provinciale conquistato nel torneo 2016/2017 riservato alla categoria. Le giovani promesse del Volley Livorno hanno inoltre ricevuto La formazione ammiraglia è neo promossa in serie C un ulteriore premio per il titolo territoriale vinto su posizioni, affermandosi come una del- tra le compagini di Livorno, Pisa e Grosle realtà più importanti della serie C. Una seto, grazie al quale sono andate a dispucrescita esponenziale che ha permesso tare la fase regionale, conclusa al terzo alle gialloblù di ottenere, con pieno me- posto. Tutti gli sforzi, i sacrifici e la passiorito, numerose vittorie. ne che il Volley Livorno mette in campo Il 2017 è stato un grande anno anche con i suoi allenatori, i suoi preparatori e le per le formazioni giovanili, da sempre fio- sue strutture per la crescita della pallavolo giovanile giorno dopo giorno sono stati riconosciuti dalla Federazione Italiana Pallavolo, che ha assegnato al Volley Livorno il Certificato per il Settore Giovanile valido per il biennio 2018-2019. Nuovo grande riconoscimento per il lavoro che la società svolge ogni giorno per promuovere e migliorare l’attività dall’under 18 fino ai CAS sia nel panorama pallavolistico cittadino, sia in quello toscano e più in generale sull’intero territorio italiano, come dimostrano i tanti successi conquistati da atlete fuoriuscite dal vivaio gialloblù. Il team under 18 riunito sotto rete

la maggior parte nel vivaio gialloblù sul parquet del PalaFollati a Banditella, suo quartier generale. Durante l’estate il Volley Livorno si è rafforzato con l’arrivo di Viola Lucarelli, Bianca Grassi e Aurora Simoncini. Tre atlete di indubbio valore che sono andate ad arricchire una rosa già piena di talento, composta prevalentemente da elementi under 18. I risultati di queste mosse non sono tardati ad arrivare. Le ragazze del Volley Livorno targate Pediatrica Specialist, dopo un inizio caratterizzato da qualche difficoltà, hanno tirato fuori le unghie e scalato posizioni

F.I.Pav.: Federazione Italiana Pallavolo

VOLLEY LIVORNO

Una rappresentanza del club alla premiazione del Volley Day 2017

269


Parola ai protagonisti Emma Graziani: è nata una stella sotto rete F.I.Pav.: Federazione Italiana Pallavolo

Emma Graziani

270

N

La livornese si è laureata campionessa d’Europa con la maglia dell’Italia under 16

ella collana relativa alla ‘magi- hanno letteralmente stritolato le rivaca’ estate dello sport livornese, li, dimostrando la giusta cattiveria e un non è mancata una bella per- maggior tasso tecnico rispetto a tutte le la regalata dal volley femminile. La pic- antagoniste. Non è mancato, nell’atto cola-grande Emma Graziani - centrale, conclusivo con la Russia, nei primi due classe 2002 - si è laureata campionessa set, quel sano istinto del killer, che nello d’Europa con la maglia della nazionale sport tante volte fa la differenza. Nella under 16. Queste l’elenco delle magni- frazione d’apertura, l’Italia ha rimontafiche dodici giovanissime e validissime to dal 12-16, accelerando poi in maniepallavoliste azzurre, capaci di dominare ra decisiva, verso l’apoteosi. la scena nella competizione continenEmma Graziani ha contribuito all’imtale, svoltasi dal 21 al 29 luglio in Bul- presa. La centrale del Volley Livorno non ha giocato titolare: era giusto congaria. Sette le partite giocate dalle azzur- cedere spazio nel sestetto di base ad rine nel prestigioso evento. Sette gare atlete più esperte e con maggior pediconcluse, sistematicamente, con le lar- gree. ghe vittorie delle ragazze guidate da Non mancherà per Emma, anche nel prossimo futuro, l’opportunità di tocoach Pasquale D’Aniello. Un solo set è stato concesso, nell’arco gliersi soddisfazioni (da titolare) neldell’europeo, alle avversarie. Le azzur- le varie rappresentative azzurre. Le sue rine, nel proprio girone iniziale (pool ‘A’) hanno superato i Paesi Bassi, le padroni di casa della Bulgaria, la Danimarca, la Grecia e la Finlandia. Indiscutibili poi i 3-0 rifilati alle antagoniste nelle ultime due gare dell’evento. Significativi i parziali nella semifinale con la Bielorussia (2513, 25-6, 25-12) e nella finale con la Russia (2522, 25-22, 25-17). Un’autentica prova di forza da parte delle ragazze guidate da La livornese festeggia con le compagne di nazionale Pasquale D’Aniello che

grandi doti, in attacco e in difesa non stanno passando inosservate... La convocazione nella competizione continentale è stato un giusto premio per la sua tenacia e per le sue grandi qualità in ogni fondamentale. “Aver coronato - dice Emma - a soli 15 anni, un obiettivo tanto prestigioso, mi sta dando ulteriori stimoli per affrontare ulteriori sacrifici e provare a migliorarmi. Sono contenta per me e per la mia società di club, che voglio pubblicamente ringraziare”. Soddisfattissimo l’intero staff (tecnico e dirigenziale) del Volley Livorno nel vedere una propria rappresentante tanto in gamba. Il tutto a dimostrazione della vitalità del movimento pallavolistico cittadino. La speranza è che la positivissima esperienza in Bulgaria sia solo un punto di partenza per Emma, passata nell’infanzia dalla ginnastica ritmica prima di approdare quattro anni fa sotto la rete della Turris Pisa e ora pronta al salto di qualità nel Volleyrò Casaldepazzi. Nello stesso club romano che vanta una solida tradizione in termini di vivaio di qualità, dove milita già anche Elena Pietrini e quindi immediatamente al seguito delle orme sin qui calcate verso il successo dalla concittadina poco più grande.


Elena Pietrini, una livornese sul tetto del mondo U18

spiccare il volo nel volley che conta, forte anche dell’ ‘imprimatur’ di predestinaElena Pietrini ta ricevuto in dote nel corso dei recenti Campionati Mondiali Under 18. Quella kermesse iridata che ha visto trionfare utto in pochi mesi. Quella appena (nuovamente, dopo il titolo già vinto nelpassata è stata l’estate della con- la scorsa edizione) la selezione allenata sacrazione per Elena Pietrini, pas- da Mencarelli e dove la livornese in partisata nel giro di una manciata di settima- colare, è stata capace di aggiudicarsi con ne dallo status di giovane promessa nel merito il titolo di miglior giocatrice della ruolo di schiacciatrice a vero e proprio manifestazione argentina. astro nascente della pallavolo tricolore. “Non riesco ancora a descrivere bene Dopo il trasferimento al nuovo Club Ita- la valanga di emozioni che mi ha travolto lia dal Volleyrò Casal de’ Pazzi, club ca- negli ultimi mesi meravigliosi – racconta pitolino noto per aver lanciato numero- la Pietrini nel corso della breve parentesi si talenti e con la cui casacca ha centrato che l’ha vista tornare in famiglia per tradue brillanti scudetti a livello giovanile, la scorrere qualche giorno nella propria cit17enne livornese è pronta per il debutto tà natale, - Mi sono serviti almeno per tre nei senior a livello di serie A2 (appunta- giorni per realizzare bene cos’eravamo rimento in agenda l’8 ottobre in quel di Pe- uscite a fare. Vincere un Mondiale è qualrugia). cosa di indescrivibile. I premi individuali Al fianco di altre compagne di azzurro fanno piacere, ma è ancora più bello cone della collega Nwakalor, passata anch’es- dividere una grande vittoria collettiva”. sa dal Volleyrò, Elena è quindi pronta a Il grande salto arriva in coincidenza di un nuovo, importante step nel processo di maturità agonistica della stellina made in Livorno. “Dopo aver perso in finale il titolo Europeo U18 a luglio e aver archiviato positivamente il nono posto ai Mondiali U20 in Messico, di fronte ad avversarie più grandi ed esperte, è stata una bella rivincita – racconta la Pietrini - Negli ultimi due anni ho lavorato tanto per arrivare preparata all’appuntamento con il professionismo. Alla mia età sarà un bel banco di prova”. Ma d’altronde ‘The moment is now’ ovvero La schiacciatrice in azione sottorete durante i Mondiali il momento giusto da co-

T

gliere è adesso, quello presente: almeno così recita lo slogan-mantra che ha riecheggiato spesso nello spoagliatoio e che la stessa Elena si è tatuata momentaneamente sul corpo in forma scaramantica prima di ogni match. Un rito di passaggio necessario per una campionessa in erba che, pur tenendo parecchio alla propria privacy, legittimamente sogna in grande. “Tendenzialmente sono riservata ma mi fa piacere che le persone mi seguano, anche sul web (ha una pagina di facebook appositamente dedicata dai suoi fans, ndr). Cerco di restare con i piedi per terra ma il sogno è quello di raggiungere un posto in nazionale maggiore – confessa candidamente la promessa classe 2000, seguita con attenzione anche da alcune università statunitensi L’obiettivo massimo sarebbe partecipare alle Olimpiadi con la casacca azzurra.” Il viaggio con destinazione Tokio 2020 è appena cominciato.

Il trionfo

Al Mondiale argentino la squadra azzurra partiva con i favori del pronostico ma non per questo era così scontato che Pietrini e compagne riuscissero a gestire al meglio la grande pressione delle aspettative createsi intorno a loro. Invece battute senza patemi Serbia, Colombia e Thailandia nel girone preliminare, le nostre hanno allungato la striscia vincente anche nei match a eliminazione diretta con Perù e Stati Uniti. In semifinale contro la Turchia, l’unico momento di vera difficoltà (avanti 2-1 ma sotto 18-24 nel quarto set, con lo spauracchio del tiebreak due set a uno ma con le turche avanti 24-18, con lo spettro del tie-break ‘dentro-fuori’ a un passo) superato con un’incredibile rimonta (annullate sei palle set e successo ai vantaggi) vittoria ai vantaggi nel quarto set. Infine, la ciliegina sulla torta con la Repubblica Dominicana strapazzata in finale.

F.I.Pav.: Federazione Italiana Pallavolo

Ai campionati iridati, per la figlia d’arte di papà Alberto (ex campione di basket sponda Libertas) un trionfo anche individuale: MVP del torneo argentino

271


Pesistica A cura di Andrea Puccini

Max Martelli, un delegato diplomatico per far crescere l’intero movimento

M

ax Martelli è il delegato provinciale per la FIPE, una federazione che a livello locale ha vissuto un’altra annata di forte crescita del proprio movimento agonistico sul territorio. Una stagione, quella solare 2017, che peraltro ha visto anche gli atleti labronici raggiungere risultati significativi nelle varie competizioni nazionali e regionali nelle quali sono stati impegnati. “La gare hanno vissuto un’impennata in termini di partecipanti iscritti, con una conferma del trend positivo già instauratosi nel 2016 per quanto riguarda il settore femminile. L’impegno che stiamo mettendo nelle campagne promozionali del movimento tra le scuole del territorio sta dando buoni frutti, in primis utile per sfatare finalmente il mito negativo che vorrebbe la pesistica come dannosa o addirittura pericolosa per la crescita della struttura fisica dei giovani – racconta il numero uno del FIPE livornese, riconfermato nella propria importante carica e già giunto al quarto anno di ‘reggenza’- Ovviamente, il grosso di questa spinta giunge dalle palestre e dalle società del capoluogo (sette, ndr) anche se sono ben 15 le realtà complessivamente affiliate alla Federazione e oggi attive sull’intero territorio provinciale, con Cecina e Piombino tra le più prolifiche, per un totale di oltre 200 tesserati”. Numeri e trend in positivo che rispecchiano il buon lavoro svolto da Martelli negli ultimi tempi, anche sotto il profilo dei rapporti spesso non così diplomatici e collaborativi, tra i vari dirigenti rappresentanti delle differenti società. “Ho ricostruito con pazienza molti contatti che di recente erano labili o addirittura interrotti – racconta il delegato – Due anni fa fummo presenti

Una politica di collaborazione per raggiungere risultati, sognando un impianto dedicato in città alla manifestazione organizzata dal CONI provinciale con uno stand dedicato alla pesistica, per veicolare il messaggio di una disciplina funzionale anche alla crescita corretta dei più piccoli. Infine, altro aspetto da non sottovalutare, siamo stati inseriti all’interno della Consulta dello Sport costituita dall’Amministrazione Comunale, in modo da avere maggior voce in capitolo anche a livello ‘politico’ sul piano locale”. Mentre a Lido di Camaiore si organizzano da tempo manifestazioni di rilevanza nazionale e la stessa limitrofa Pisa è riuscita ad allestire nel 2016 una qualificazione regionale per le finali nazionali, per lo sviluppo e la crescita del movimento all’ombra dei Quattro Mori esistono invece delle criticità significative a livello logistico. In barba alla storica tradizione della disciplina, a Livorno non esiste un’impiantistica adeguata. “Ad oggi, manca una struttura in maniera del tutto o anche semi dedicata alla pesistica – si rammarica Martelli – Per

Il logo della FIPE toscana

praticare, serve in primis una condizione essenziale ovvero che il fondo sia almeno in cemento armato al fine di sopportare il forte carico di peso al quale viene sottoposta la pavimentazione. E al momento, dalle nostre parti il solo impianto che possiede tale requisito è la palestra delle scuole Lambruschini: uno spazio che certo che non ha dimensioni e caratteristiche adatte per essere candidato a ospitare un evento di carattere nazionale”. A margine, oltre che i panni di delegato superpartes, Martelli è anche il tecnico guida del Barbell Club. Un gruppo che, tra le proprie fila, vanta anche qualche atleta in grado di centrare risultati di un certo livello. Su tutti, Matteo Benetti che si è classificato primo alla Coppa Italia di distensione su panca nel giugno 2017; un successo poi replicato anche alle Qualificazioni per i Campionati Assoluti nel mese di ottobre. Alle finali dei Campionati Italiani Juniores che si sono disputate nel maggio 2017 in quel di Campobasso, si sono distinte anche due portacolori al femminile. Entrambe le alfiere del Barbell hanno guadagnato due posizioni ciascuna rispetto alle performances dell’anno precedente, peraltro cimentandosi entrambe in una categoria superiore rispetto a quella di effettiva appartenenza. Isabella Vinciguerra dall’ottava posizione è passata al sesto posto, confermando i propri record personali. Rebecca Carloni dalla settima posizione è saltata alla quinta, stabilendo anche il suo nuovo miglior risultato sempre nello strappo con 62 Kg sollevati. Inoltre per finire, sempre nel 2017, si è svolto il primo evento organizzato dalla Barbell Club, in collaborazione con la Polizia di Stato. I “Giochi Scolastici F.I.PE.”, svoltisi con successo nel mese di aprile.

F.I.PE.: Federazione Italiana Pesistica

Max Martelli Delegato provinciale FIPE

273


2017: tutti i risultati pesistica LIVORNese

Pesistica Livornese, c’è un degno erede di Cannavò all’orizzonte

Davide con la medaglia del terzo classificato assieme al nonno-tecnico Cannavò

U

n nuovo diamante grezzo che sta cominciando a brillare sulle pedane di tutta Italia. E un altro talento scoperto da chi, ormai dal lontano 1960 in veste di atleta prima e di tecnico poi, insignito per giunta dal CONI nel 2014 con la palma di Bronzo per i meriti

Pietro Cannavò nel 2014 mostra orgoglioso il riconoscimento del CONI nazionale

sportivi accumulati lungo una decennale carriera, sta cercando un nuovo degno erede che continui a portare alto il nome della gloriosa Pesistica Livornese. Stiamo parlando del mitico ex campione Pietro Cannavò, nonno del talentuoso 13enne Davide Borella, nipote d’arte predestinato nonché vincitore ai campionati regionali giovanissimi che si sono svolti nel 2017 proprio all’ombra dei Quattro Mori presso la palestra delle scuole Lambruschini alla Rosa. Borrella, leader toscano nella categoria al limite dei 56 Kg, ha piazzato per l’occasione una performance di tutto rispetto sollevando il bilanciere da 29 Kg nello strappo e quello da 35 Kg nello slancio, per un totale di 64 Kg. A ben 15 Kg di distanza si è piazzato il rivale secondo arrivato, a conferma dell’ottima prestazione sfoderata dall’adolescente che si allena presso il salone di pesistica dell’Accademia dello Sport alla caserma Lamarmora. A ribadire poi le grandi aspettative che la Pesistica Livornese ripone sulle potenzialità ancora tutte da esplorare del ragazzo, ci sono stati anche i buonissimi risultati ottenuti sulla scena nazionale. Pur confrontandosi con una platea di avversari maggiormente numerosa e concorrenziale sotto il profilo della qualità, Borrella ha centrato due podi anche nei successi appuntamenti tricolori. Prima a Copertino, in provincia di Lecce, dove nella finale nazionale della categoria Giovanissimi (la qualificazione era stata ottenuta proprio in virtù del successo ai regionali) il labronico ha alzato bilancieri per un totale di 68 kg, infilandosi al collo un prestigioso bronzo tra gli atleti con 56 kg di peso. Una medaglia dello stesso metallo che si è poi portato a casa tor-

Il delegato FIPE Martelli con Cannavò e il nipote pupillo alla premiazione del CONI provinciale

nando anche da Lido di Camaiore: nella successiva trasferta, sicuramente meno impegnativa a livello di chilometri rispetto a quella pugliese, Borrella è salito sul gradino più basso del podio sempre tra i Giovanissimi categoria 62 kg. In quest’occasione, il pupillo di casa Cannavò ha alzato 35 kg nello strappo e addirittura 41 kg nello slancio. Risultati che hanno consentito al ragazzo di essere inserito anche tra i premiati nel consueto appuntamento organizzato alla fine di ogni anno solare dal Coni Point provinciale per celebrare gli sportivi più meritevoli.

F.I.PE.: Federazione Italiana Pesistica

Si tratta di Davide Borrella, 13 anni e nipote d’arte del veterano del bilanciere

275


tomei

Per il GS Tomei, la pesistica è un affare vincente e di famiglia

ergio e i figli Maurizio e Andrea Mammarella Una palestra ‘a gestione familiare’ quella della sezione pesistica del Gruppo Sportivo ‘C.Tomei’. Un tris di tecnici che, di generazione in generazione, sono ancora alla guida di una sezioni sportive più longeve nel panorama nazionale. Circa 60 anni di attività appassionata e competente che ancora oggi vengono celebrati nella maniera migliore, attraverso la crescita umana di tanti giovani e, perché no, anche sotto il profilo dei brillanti risultati agonistici conquistati stagione dopo stagione. Scopriamo insieme qualche ‘cavallo di razza’ attualmente inserito nella scuderia dei Mammarella. Lorenzo Casula, 13 anni, soprannominato ‘Scheggia’ è un tipo rapido anche nell’apprendere. Perché al ragazzino è stato sufficiente praticare la pesistica soltanto da poco più di un anno per conseguire già risultati molto significativi a livello addirittura nazionale. “Mi sono innamorato della disciplina grazie al progetto portato avanti dalla FIPE negli istituti scolastici – racconta il giovane atleta, studente alle medie ‘Teseo Tesei’ e atteso quest’anno dall’altrettanto difficile sfida tra i banchi per l’esame d’ammissione alle Superiori – Grazie alla passione trasmessa da Sergio, ho cominciato a venire alla palestra di via dei Pelaghi. Qui ho trovato un ambiente sereno, pieno di amici e belle persone. Oltre al fatto che, prima di tutto grazie ai preziosi consigli tecnici e al duro allenamento con 3-4 sedute pomeridiane di un paio d’ore ogni settimana, sono riuscito a migliorare in fretta e raggiungere risultati davvero insperati soltanto qualche mese fa”. Casula infatti ha vinto il titolo regionale alle qualificazioni per i Campionati Italiani Giovanissimi e poi ha saputo addirittura bissare questo successo nel secondo appuntamento, quello ancora più importante, andato in scena in quel di Lecce. Un titolo tricolore ottenuto nella categoria dei 62 kg di peso, vinto grazie al sollevamento di ben 70 kg nello strappo e 92 nello slancio. Naturale che, dopo un esordio così repentino e soprattutto vincente, l’asticella delle aspettative si sposti più in alto per il prossimo futuro. “Mi aspettano i Campionati Italiani a Verona dove per la priam volta gareggerò nella categoria under

La direzione tecnica dei Mammarella sta sfornando ancora giovani talenti a livello nazionale

F.I.PE.: Federazione Italiana Pesistica

S

276

Lombardi, Ricci e Casula premiati dal CONI e accompagnati dai due tecnici Mammarella

15, pur essendo un anno più piccolo di quasi tutti i miei avversari – racconta Lorenzo – Inoltre, coltivo una piccola grande speranza di essere convocato dalla nazionale azzurra giovanile per i Campionati Europei che peraltro quest’anno si terranno proprio in Italia: dopo aver centrato i minimi per rientrare nella terza fascia (praticamente con pesi sollevati da suoi colleghi che però sono già under 17, ndr) dovrò confermarmi ai soliti livelli già nell’appuntamento di Coppa Italia a Camaiore. Poi, vedremo cosa succederà….” Un debutto altrettanto rapido quanto di successo nel panorama agonistico giovanile è stato quello del compagno di club nonché di scuola, anche lui iscritto alle Teseo Tesei, Eugenio Caruta. Coetaneo di Casula, di origine moldava ma ormai da 8 anni residente nel nostro Paese, il ragazzo condivide con il collega anche la modalità di avvicinamento alla disciplina. “Anch’io mi sono appassionato ai pesi grazie alla dimostrazione portata a scuola da Mammarella – racconta – ho iniziato soltanto dal novembre 2017 ma ho già vinto i campionati regionali nella categoria dei 94 kg di peso: la prestazione che mi ha permesso di salire sul gradino più alto del podio è stata di 65 kg nello strappo e 86 kg nello slancio”. Anche

lui, alla pari dell’amico, ha centrato i minimi per una fascia (la prima) che ha fatto sì che il suo nome finisse al’attenzione dei taccuini dei tecnici azzurri e che potrebbe regalargli in un futuro prossimo l’accesso al gruppo della nazionale. “Adesso sono già in grado di sollevare 90 kg di strappo e 100 kg nello slancio – precisa Eugenio – Merito dei consigli tecnici degli allenatori Tomei che ogni giorno mi consentono di fare un piccolo passo in avanti”. Niko Lombardi, classe 2001, è invece ormai un vero e proprio veterano della disciplina. Iscritto al terzo anno dell’Istituto Vespucci, pratica pesi dal 2014 con ottimi risultati. Anche lui ha seguito la stessa storia di avvicinamento alla disciplina, con un primo e felice contatto vissuto tra i banchi di scuola nell’ora di educazione fisica. “Dopo il terzo posto di Caltanissetta del 2016, l’anno scorso a Campobasso sono giunto quarto ai Campionati Italiani tra gli Juniores. Mentre nella categoria under 17, ai tricolori di camaiore, mi sono piazzato quinto nella categoria degli over 105 kg grazie al sollevamento di 83 kg nello strappo e 100 nello slancio. In questa prima porzione di 2018 invece, è già maturato un risultato importante con il piazzamento tra i primi ot-


to alle qualificazioni per i campionati Italiani Juniores: alle finali tricolori poi, andate in scena a Courmayeur a fine aprile, sono giunto sesto con 90 kg sollevati sia nello slancio sia nello strappo.” Da menzionare anche i risultati conseguiti dagli altri portacolori del grup-

Casula in azione

li tra i 62 kg, è un classe 2003 promettente. Gabriele Socci invece è un altro esperto della materia: 36 anni all’anagrafe, vanta anche il titolo di istruttore e pratica ormai dal ‘lontano’ 2003. Carabiniere Paracadutista di professione, nel 2017 si è piazzato terzo in Toscana tra i Senior. Daniele Baesso, tra i 77 kg è un quasi 30enne che, insieme al fratello Diego, si è avvicinato ormai circa 6 anni ai pesi. Ex canottiere, Vigile del Fuoco, si è piazzato quarto ai Regionali. Infine, menzione pure per Alfio Galvagno, che pratica le distensioni su panca gareggiando a buoni livelli nel panorama agonistico regionale.

F.I.PE.: Federazione Italiana Pesistica

Ricci e Casula nella trionfale trasferta leccese al Criterium nazionale

po Tomei, una decina di agonisti con una rappresentanza anche al femminile, nel corso dell’intensa annata sportiva. Emanuele Bardini, il vero veterano di lungo corso del team dei Vigili del Fuoco e reduce da un 2016 ricco di soddisfazioni (al primo anno da senior si qualificò quinto agli Italiani e quarto agli Assoluti, oltre ad aver vinto il quinto titolo italiano dei Vigili del Fuoco in carriera e quello tricolore degli Universitari) è stato costretto a rallentare la propria attività in palestra per lasciare spazio al conseguimento dell’ambita Laurea. Ilenia De Robertis, classe ’97, invece è l’alfiera ‘in rosa’ del collettivo Tomei: quest’anno si è piazzata quarta ai Criterium Universitari e medaglia di bronzo ai Campionati Regionali. Thomas De Bernardini, anche lui un ‘novizio’ dei pesi, invece si è piazzato subito ai piedi del podio ai Criterium Universitari e quinto ai Regionali. Giovanni Maiorano, quarto ai Regiona-

277


Via delle Corallaie n° 8 57121 Livorno Tel. Fax 0586 409695 Società riparazioni meccaniche veicoli industriali Furgoni attrezzati per il recupero e l’assistenza stradale Concessionaria numero uno al mondo nel semirimorchio allungabile Compravendita veicoli nuovi e usati Trasporto conto terzi Noleggio veicoli industriali Consulenza al trasporto Officina autorizzata alle revisioni con banco prova di proprietà Amministratore e Presidente Andrea Martignoni

DAL 1983 AL SERVIZIO DEL TRASPORTO


asd polizia di stato

ASD Polizia di Stato, un movimento importante per la pesistica locale

Il diploma attestante il bel risultato raggiunto dalla livornese

C

laudio Braschi, classe 1956, è ormai un decano del movimento della pesistica nella città dei Quattro Mori. Da anni infatti, il tecnico è il deus ex machina della fervida attività giovanile svolta dall’Asd della Polizia di Stato e orienta gli appassionati in erba a muovere in totale sicurezza i primi passi nell’ambiente agonstico di questa disciplina. Anche grazie al supporto di alcune scuole del territorio e dei loro insegnanti, Braschi predica il verbo della pesistica e dei suoi sani valori e principi sportivi anche tra i banchi degli istituti cittadini.

La Ferrari premiata ai Campionati Regionali in quel di Firenze

Ma non solo, visto che anche alcuni suoi atleti, tesserati per le gare regionali e nazionali con i colori dell’Asd Polizia di Stato, hanno raggiunto qualche risultato da segnalare durante la stagione trascorsa. Ad esempio, Paola Ferrari. Alla veneranda età di 57 anni, ha raggiunto il miglior risultato tra tutti i suoi compagni di sodalizio. L’esperta atleta livornese difatti ha trionfato ai Campionati Regionali Master grazie all’alzata di 84 kg di peso nella specialità delle distensioni su panca. Ma la portacolori ‘in rosa’ si è distinta nel proprio campo di competenza calando anche altre due vittorie che le hanno permesso di completare un tris di successi davvero notevole nel corso dell’anno solare 2017. La Ferrari ha infatti vinto pure i Campionati Italiani Master con 79 kg di alzata e gli Assoluti Senior con un’alzata di ancor più spessore, con ben 83 kg. Di seguito, ecco l’elenco degli agonisti dell’ASD Polizia di Stato di Livorno: Nicola benvenuti, classe ’97; Emiliano Ceccanti, classe ’71; Alberto e Edoardo Dainelli rispettivamente classe 2002 e 2001; Mattia De Ruggiero classe ’97; Bruno Ercolini, classe 2000; Paola Ferrari, classe 1960; Nicolino Gagliardi, classe ’72; Marco Galvagno, classe ’59; Gabriele Granieri, classe ’99; Tommaso Guidugli, classe 2001; Marco Lombardi, classe ’81; Matteo Moscardini, classe ’88; Gabriele Proietti Marchetti, classe 2001; Nicola Raciti, classe ’92; Rosario e Valerio Russo, rispettivamente classe ’81 e ’85.

La Ferrari sul gradino più alto del podio agli Italiani di Genzano, provincia di Roma

Claudio Braschi quando gareggiava in gioventù

F.I.PE.: Federazione Italiana Pesistica

Claudio Braschi è il tecnico esperto che da anni coinvolge anche giovani studenti

La campionessa veterana in azione ai Regionali

279


A cura di Andrea Puccini

Una pesca miracolosa: sono in aumento i tesserati Fipsas Andrea Lami Delegato Provinciale FIPSAS

Andrea Lami racconta la tenuta della passione a Livorno, pur minata da sempre nuovi ostacoli

L’

ultima amara novità, con l’ordinanza emanata dall’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale che per l’estate 2018, adducendo motivazioni legate alla scarsa sicurezza, ha vietato la balneazione e la pesca alle dighe foranee del porto di Livorno, è un’ulteriore colpo basso all’amore viscerale che la città dei Quattro Mori nutre per il suo mare. E di conseguenza, per lo sport della canna e dell’amo.

Un momento di una competizione di canna da natante

Marco Meloni di Piombino

“Con la progressiva chiusura alla pesca amatoriale delle aree portuali, quelli che possedevano una barca erano comunque ancora fortunati ad avere qualche oasi dove poter praticare. Adesso, con questo provvedimento, la piccola pesca socio ricreativa ha subito una nuova ferita che rischia di rivelarsi mortale”. Non le manda certo a dire Andrea Lami, presidente della sezione Fipsas di Livorno. “E dire che a livello anche provinciale, ormai da anni portiamo avanti importanti progetti didattici – racconta il delegato labronico – Solo nel capoluogo, sono coinvolti circa 160 bambini. All’Iso-

la d’Elba poi, vengono interessate tutte le scuole e il numero dei piccoli studenti ai quali vengono veicolati insegnamenti riguardanti non solo i rudimenti basilari della pesca ma soprattutto i principi per sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto delle norme che regolano la vita in mare e tutelano la fauna ittica, diventa praticamente è il doppio. Un’attività di base molto proficua che però si scontra ancora una volta con l’impossibilità materiale, dopo tanta teoria, di condurre i ragazzi sul mare per una dimostrazione pratica. Siamo costretti quindi a farli venire sui laghetti interni, chiusi, dove la pesca

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Pesca Sportiva

281


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee 282

ti continua un po’ a latitare. “C’è qualche talento che sta però ancora lottando per emergere dalla semplice dimensione provinciale e regionale e magari entrare definitivamente nel giro azzurro che conta” ammette Lami. Sotto il piano logistico invece, la sezione livornese è già da tempo un punto di riferimento imprescindibile per la manifestazioni più importanti di spessore nazionale. “Siamo al top per quanto riguarda l’organizzazione di eventi: d’altronde, abbiamo dalla nostra alcune location perfette per ospitare gare del genere. In primis le Secche della Meloria, ora però off limits dopo la costituzione dell’Area Marina Protetta, e le ‘cugine’ Secche di Vada. Quest’ultime hanno una conformazione di fondo ideale per la pratica della pesca da natante. Una vera e propria palestra per questa specialità” specifica con orgoglio il numero uno della Fipsas locale. Proprio a largo di Vada, a metà dello scorso mese di marzo, si è svolta la gara del “Club Azzurro di Canna da Natante 2018”, organizzata in collaborazione col Circolo Nautico Canottieri Solvay. Una competizione che ha messo in palio il pass per far parte della prossima Nazionale Italiana impegnata a settembre ai Mondiali. Alla gara hanno partecipato i migliori atleti del Bel Paese: i primi 20 classificati del Campionato Italiano 2017 e i componenti del Club Azzurro 2018 con all’interno la Nazionale uscente. La competizione si svolge con canna da pesca a bordo di Il podio dell'ultimo Club Azzurro svoltosi alle Secche di Vada grandi imbarcazio-

è ovviamente più agevole e viene percepita come meno stimolante in quanto ‘falsata’ dalle ristette dimensioni del bacino.” Eppure, nonostante le difficoltà concrete sopra elencate e sperimentate con cadenza quotidiana anche in fase di reclutamento di futuri amatori o agonisti della canna, la sezione livornese della FIPSAS vanta ancora numeri invidiabili. A testimonianza della passione ancora viva. “Dopo calcio e basket, siamo credo una delle federazioni che può fregiarsi del maggior numero di tesserati a livello provinciale – racconta Lami – Sono ben 43 i sodalizi iscritti, 18 sul territorio a sud e addirittura 25 concentrati in città all’ombra dei Quattro Mori. In fondo, lo scorso anno siamo stati l’unica sezione toscana a vedere aumentare il numero complessivo delle tessere di 180 unità: significa che abbiamo lavorato bene sul territorio, conservando aperto il dialogo e facendo vedere vicini alle istanze e alle criticità manifestate dai tanti pescatori amatoriali”. Per quanto concerne invece gli agonisti, oltre ai campioni già affermati da anni che ruotano nell’orbita delle varie squadre nazionali, il rinnovamento di qualità agli stessi livelli molto al-

Le operazioni di pesatura del pescato

ni. Il campo di gara viene quindi considerato tra i migliori esistenti in Italia, con una grande varietà di specie ittiche rigorosamente catturate nella taglia di legge. “Senza l’aiuto del Marina e del Comune di Rosignano Marittimo che ci agevola nello svolgimento delle pratiche che occorrono per effettuare tali eventi sportivi, non sarebbe stato possibile far nascere a Rosignano un punto di riferimento per questa specialità” fa sapere Lami. Nel 2017 invece, la Fipsas Livorno aveva ospitato per la canna da natante (oltre al riconfermato Club Azzurro) anche il campionato Italiano Individuale e il tricolore del Surfcasting, sempre individuale, lungo la spiaggia di Rimigliano a San Vincenzo. Per la canna da riva invece, fatti salvi i problemi esposti sopra, solitamente i campionati provinciali vengono allestiti tra Vegliaia e Molo Novo (a Livorno) oppure a san Vincenzo e a Salivoli. Senza contare che la Fipsas nostrana gestisce ormai da 8 anni uno dei migliori e più capienti campi gara per la pesca nelle acque interne, presso lo Scolmatore.


Circolo della pesca di LIVORNO

Circolo della Pesca di Livorno: titolo provinciale per le acque interne

Q

Il sodalizio degli Scali d’Azeglio insignito dal CONI con

uando si parla di canna e amo all’omla Stella al Merito Sportivo bra dei Quattro Mori, non si può non pensare immediatamente al Circolo della pesca di Livorno. L’Associazione Sportiva Dilettantesca, sponsorizzata dall’inizio del 2017 dalla ditta fiorentina Colmic (una brillante realtà regionale specializzata nel settore degli articoli da pesca), rappresenta un vero e proprio riferimento per tutti gli appassionati a livello locale. Il sodalizio è stato difatti premiato proprio di recente dal CONI con la Stella al Merito Sportivo. Ad inizio 2018, presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio in Firenze, nel mese di febbraio si è consumato l’apLe società affiliate FIPSAS che a oggi han- Paola, Roberto Cavallini e Alberto Boldrini, puntamento con la cerimonia di premiazione degli atleti che, anche nel 2017, hanno no già raggiunto o superato questo incredi- hanno centrato un secondo posto provinciale anche nella canna da riva e in quella da contribuito a far sì che la FIPSAS fosse la Fe- bile traguardo, sono ben 108. E tra queste spicca ovviamente il blasone natante. derazione più medagliata del CONI e dell’inGli stessi Di Paola e Mungai si sono piazzati tero sport italiano. Le medaglie difatti vinte e la tradizione del Circolo della pesca di Lidalla FIPSAS nel 2017 sono state ben 90, del- vorno (che conta circa 200 soci, con 32 ago- sul podio individuale del Club Azzurro nella le quali 25 d’oro, 30 d’argento e 35 di bronzo, nisti) che nel 2017 ha aggiunto l’ennesima specialità da riva (rispettivamente secondo e in quasi tutte le discipline federali. A latere perla alla sua infinita collana di successi, gra- terzo), al termine di tre gare concentrate in di questa cerimonia tradizionale, è stata pe- zie al trionfo della squadra nel Campionato un solo weekend nelle acque antistanti La Spezia. Medaglie che peraltro hanno fornito rò effettuata anche quella relativa alla prima Provinciale delle acque interne. Il team è stato composto dalla ‘stella’ Fran- accesso diretto a entrambi per far parte dei Edizione del “Premio Società FIPSAS - Stelle nello Sport 2018”. La manifestazione, realiz- cesco Mungai, Stefano Falchi, Carlo Cuoco e prossimi impegni che attendono la squadra zata in collaborazione con la Presidenza del Enrico Palmerini mentre altri agonisti, pra- nazionale. Non a caso, dal 1997 a oggi, il sodalizio Consiglio dei Ministri - Ufficio per lo Sport ticanti differenti specialità sono stati Teo Di labronico ha fornito in quantità tae che ha visto la partecipazione del lenti messi al servizio della nazionaMinistro per lo Sport On. Luca Lotti, le: ogni stagione, sui cinque convosi è fondata sulla scelta di premiare cati, perlomeno due elementi (ma la storia societaria, quindi l’apparteancor più di frequente tre, con addinenza alla Federazione tramite l’inrittura un anno in cui si rischiò di ardividuazione della data di prima afrivare al poker) finiscono per rinforfiliazione. zare il team azzurro. Senza contare A questo giro quindi, sono state che prima del cambio di regolamenpremiate tutte quelle Società che, to, quando ai campionati Europei si ininterrottamente, da almeno 60 anpartecipava come atleti tesserati al ni hanno diffuso sul territorio le molproprio club, il Circolo della Pesca di teplici discipline sportive della FedeLivorno ha rappresentato alla granrazione attraverso la promozione e il de il nostro Paese in ambito intercoordinamento della pesca sportiva, nazionale, vincendo senza interrudell’apnea o del nuoto pinnato, anzioni il titolo continentale dal 2002 che con la collaborazione dei CONI al 2005. regionali e provinciali.
 Alcuni portacolori del Circolo dopo una battuta di pesca

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

2017: tutti i risultati

283


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Parola ai protagonisti

284

Un lupo di mare che di cognome fa Volpi: è livornese il pluricampione Marco Volpi

Marco, 49 anni, ha un fiuto infallibile con la canna sulla barca tra europei e mondiali

U

n palmares infinito, ricco di successi presi all’amo a livello globale nelle acque internazionali. Sono ben ventinove i campionati del Mondo vinti e altrettanti i campionati italiani, sia individuali che a squadre, messi infila in bacheca grazie al talento indiscusso espresso negli anni nella specialità della canna da natante. Il livornese Marco Volpi, prossimo al traguardo significativo dei cinquant’anni (classe 1969), è reduce dall’ennesima annata ricca di successi e soddisfazioni maturate a bordo di una barca, con la canna tra le mani. Poco male se il Mondiale per nazioni, svoltosi nel 2017 in Croazia, si è chiuso con una leggera nota stonata data dal secondo posto alle spalle proprio del team padrone di casa. Unico toscano nella squadra composta da cinque titolari e una riserva, Volpi Il livornese mostra fiero una bella preda

recrimina perché in realtà la medaglia d’argento rappresenta una mezza beffa per una selezione azzurra che negli anni precedenti è uscita quasi sempre vincente e che anche stavolta rappresentava l’avversaria da battere, favorita per l’ennesimo trionfo. “Diciamo che i croati hanno giocato un po’ sporco, conducendoci anche un po’ contro la nostra volontà, complice la barriera linguistica, con la barca in zone conosciute per la loro scarsità di pesce – racconta il vulcanico campione livornese – Per protestare, il secondo giorno su tre di gara non mi sono presentato. Abbiamo presentato anche un ricorso ma ovviamente è stato respinto. Per fortuna, episodi del genere a questi livelli non avvengono di frequente. Ma i croati e i francesi non sono certo conosciuti nell’ambiente per il loro senso del fairplay…”. Fortuna che Volpi si è poi rifatto con gli interessi sempre nelle acque dei balcani, preci-

samente in Montenegro, con i Mondiali per club. Praticamente la Champions della pesca da natante, vinta ancora una volta dalla società per la quale è tesserato: la Tubertini Lenza Emiliana. “Dal 2008 a oggi, abbiamo trionfato in otto edizioni – racconta il recordman labronico – Nelle altre due occasioni, ci siamo comunque piazzati sul podio con un secondo e un terzo posto. E dire che poteva finire molto peggio stavolta, visto che siamo partiti un po’ ad handicap, con un pessimo avvio che ci aveva visto chiudere al sesto posto su 18 formazioni al termine della prima prova. Invece, i successi nella seconda e terza gara ci hanno consentito di scalare di nuovo la classifica generale, fino a conquistare la vetta”. Nel bottino della scorsa annata agonistica, anche un secondo posto al campionato Italiano a squadre che tradizionalmente si tiene in quel di Chioggia, dove per un soffio è sfuggito il tricolore andato invece ai rivali


Con i compagni della Tubertini Lenza Emiliana e la coppa del Mondiale per club

di Venezia. “Un piccolo smacco per un grande club come il nostro – ammette Volpi – Ma ci sarà utile per tornare ad avere fame di rivincita nel 2018”. Una voglia che il livornese dovrà dimostrare di avere anche nei prossimi Mondiali: quello per nazioni in agenda a settembre in Portogallo (“Un paese che mi porta fortuna e che mi piace come tipo di pesca che si può praticare, a largo delle coste di Setubal, nell’Oceano Atlantico dove nuota una fauna ittica ricca e di grossa taglia” commenta compiaciuto) e quello immediatamente successivo, per società, in programma in Italia nelle acque sicule di Lampedusa (“Un posto meraviglioso, dove accorreranno 20 club da tutta Europa nonostante la logistica per portare in loco attrezzatura, mezzi e persone tra atleti, dirigenti e addetti ai lavori, sia ovviamente molto più difficoltosa rispetto ad altre località non insulari” racconta). Un doppio appuntamento concentrato nel giro di appena un mese, un periodo cruciale sul calendario agonistico per l’uomo immagine di Tubertini, Suzuki e Garmin. “Gli sponsor sono in pratica seconde famiglie e li ringrazio per il supporto incondizionato che mi forniscono e rinnovano anno dopo anno. Ma anche la famiglia, quella vera, non è da meno. Specie nelle settimane a ridosso di questi grandi eventi, sopportano i grossi carichi di tensione e di allenamento che sono costretto a fronteggiare” rivela Volpi, in certi periodi in barca an-

che quattro volte a settimana.”“La nostra di“Mia moglie Irene, con la quale mi sono fisciplina rappresenta il fiore all’occhiello per la danzato dall’età di 17 anni mentre lei ne aveFederazione, le nostre specialità portano ogni va soltanto 15, e i miei figli Nicola, 15 anni, anno tanti titoli: l’Italia è la nazione più forte in e Sara, 13: tutti vivono con me mare e pesce. assoluto, da sempre- continua - Per conserva- Per ottenere i successi che ho centrato, è stare certi standard qualitativi però, serve un gran to basilare avere accanto una grande donna lavoro. Sia tecnico, psicologico ma anche fisico: che comprendesse la passione e le ore ad esabituarsi a essere lucidi nel ragionamento tat- sa dedicate, perché in fondo era anche la sua. tico, anche quando si è trascorso otto ore don- Il fatto di essere l’atleta al mondo più medadolando su una barca, è imprescindibile. Siamo gliato è motivo di grande orgoglio. È una vita un po’ come i piloti di Formula Uno della pesca”. di enormi sacrifici: non si ottiene niente nella Tante gioie ma anche altrettanta devozio- vita se non si spendono tutte le energie che si hanno. Ci sono momenti nei quali conteggio ne per la pesca. “Mi piacciono tutti i tipi ma, se devo sceglie- da quanti anni svolgo gare ad alto livello. E, re, prediligo quella dalla barca alle grosse ora- se da una parte sono soddisfatto dei risultati, te nel periodo autunnale. La passione me la dall’altra mi chiedo dove voglio ancora arriporto dentro da quando sono nato. All’età di vare e quando finirò. Ma ho un carattere partre anni, già all’asilo portavo galleggianti, filo, ticolare, riesco sempre a trovare nuovi stimoli piombi ma non gli ami, che mi venivano tolti per andare avanti, sono nato per le competiper paura di far male ad altri bimbi. Ho sempre zioni e per guardare sempre a nuove sfide da nutrito grande amore verso il mare e un rispet- vincere”. to massimo per le numerosissime specie che vi abitano. Ricordo che il sogno era di diventare il pescatore più forte del mondo. Guardavo il cartone animato Sampei e pensavo che se avessi preso in mano una canna, lo avrei battuto. Ai tempi, computer e cellulari non esistevano e si viveva molto di più all’aria aperta. Ricordo che eravamo un folto gruppo di ragazzi dai 10 ai 16 anni che si trovavano quasi tutti i giorni al porto per pescare insieme. All’età di 12 anni ho iniziato a fare le gare da riva con un primo assoluto al mio esordio: ricordo che non esisteva la categoria juniores, mi imposi tra i grandi e fu la prima grande soddisfazione”. Una ‘febbre’ condivisa anche Marco Volpi (il primo accosciato da dx) con il resto dei con il resto della famiglia. compagni in nazionale

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

La soddisfazione per una bella pescata

285


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Francesco Mungai, un livornese che pesca nel mare ‘Azzurro’ da oltre 20 anni Titolo a squadre e bronzo individuale anche nell’ultimo Campionato Europeo di canna da riva Francesco Mungai

F

rancesco Mungai, livornese classe 1973, è da anni uno dei pilastri inamovibili della formazione italiana che si è laureata campione europeo in carica di pesca da riva. Un titolo, l’ennesimo per il portacolori del Circolo della Pesca di Livorno ASD, ottenuto nelle acque dell’Oceano Atlantico antistanti Lisbona. In Portogallo peraltro, Mungai si è infilato al collo anche la medaglia di bronzo a livello individuale.

Mungai dopo la vittoria del Club Azzurro 2015

286

“Ho iniziato a gareggiare nel 1990, “Nella prima gara ho vinto il settore B con 3 cefali, presi nei primi 20 minuti pe- presso le strutture del Moletto Nazario scando a vista con la pallina e sardina Sauro. Ad introdurmi nel mondo dell’acome esca ed una decina di aguglie, sul- gonistica è stato il mio amico Claudio la cui pesca ho ripiegato dato che le cat- Polese (peraltro già campione provinture dei muggini apparivano assai spo- ciale di pesca da natante, ndr), che era radiche in tutto il settore – racconta uno già attivo a livello competitivo mentre dei cinque alfieri azzurri che, con Iacopo io, sino a quel momento, avevo semCollavoli, Paolo Lacerenza, Davide Mori pre espresso la mia innata passione per e Marco Meloni, ha sbaragliato la con- la pesca soltanto a livello amatoriale. I correnza. primi passi con la canna in mano li feci Nella seconda il sorteggio purtroppo infatti a soli cinque anni, alla Terrazza mi poneva nella seconda postazione del Mascagni, accompagnato dal mio babsettore terminale; nonostante questo nei bo”. Mungai, dopo un biennio di ambienprimi 40 minuti ho catturato cinque cefali, con uno slamato a tiro di guadino. tazione nel mondo delle gare, si spostò Poi, nel resto della gara, sono riuscito poi a quello che al tempo era il Circolo I ad incannarne solo uno, unitamente a Caimani, oggi non più attivo. qualche aguglia, sempre con la tecnica della pallina, alternando la sarda con la tremolina ed il filetto di sugarello. Sfortunatamente sul finale sono stato superato dal concorrente del picchetto terminale che mi ha soffiato il titolo individuale. L’obiettivo era comunque quello della vittoria a squadre e grazie a tutto il team, questo è stato raggiunto! Un ringraziamento personale va quindi alla Fipsas, al ct Redamo Ravaioli, agli accomapagnatori Luigi Russo e Mimmo Ruggero ed a Massimo Ferrara e Teodoro di Paola che hanno guidato il furgone con il materiale in un lungo viaggio dall’Italia”. Eppure questa è soltanto l’ultima ciliegina su una torta ricca e gustosa che Mungai ha preparato con sapienza, anno Il team nazionale al completo sul podio di Lisbona dopo anno.


“Passai sotto le cure di Pino Castellucci, una figura storica della pesca sportiva a Livorno: un vero e proprio maestro per tanti appassionati della nostra città, che ha fatto proseliti ammaliando con la sua grande tecnica tanti giovani del tempo” ricorda Mungai, specializzatosi presto nella pesca da riva ovvero quella pra-

Mungai prepara la pastura

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

La squadra azzurra campione continentale di canna da riva in Portogallo

ticata con i piedi ben saldi sugli scogli o sul cemento dei moli (a differenza del surf casting, vale a dire la specialità ‘cugina’ praticata sulla battigia delle spiagge). “Dopo un altro biennio lì, mi spostai definitivamente al Circolo della Pesca nel 1996 ma già un anno prima, ero giunto quinto al campionato Italiano. Fu per quello che marco Volpi, al tempo tesserato per il Circolo, mi chiede di passare a competere per loro per allestire una squadra forte – ricorda il campione che fa parte del giro del Club Azzurro ormai da oltre 20 anni e che ha vinto per quattro volte in carriera – Nel 1997 arrivò così la chiamata della maglia azzurra, con la quale ho vinto ininterrottamente l’Europeo (al tempo riservato solo ai club, ndr) dal 2002 al 2005 e a squadre nel 1999, 2000, 2001, 2008 e 2009. In totale, con la nazionale italiana ho vinto 8 volte a squadre e sette volte sono salito sul podio a livello individuale in occasione dei campionati continentali (la massima competizione a livello internazionale, visto che ad oggi Mungai con la coppa a squadre e il titolo per il non esistono Mondiali per mancanza terzo classificato a livello individuale di adesioni da parte anche di una sola nazione extraeuropea, ndr) ”. re articoli da pesca che da anni ha scelIl 2006 è stato forse l’anno agonisti- to di abbinarsi al testimonial livornese, co più brillante per il livornese (vittoria non è una chimera il sogno di arricchidella Coppa Latina dove partecipano re ulteriormente un già florido palmarappresentanze di Francia, Italia, Spa- res. gna e Portogallo) oltre alla doppietta Anche in occasione della prossima europea, sia a squadre sia individuale. partecipazione agli Europei 2018 che si Ma anche più di recente Mungai ha terranno nel Mar Mediterraneo a Creta. continuato a issarsi tra l’élite della specialità a livello tricolore: Campione Italiano individuale nel 2013, lo stesso anno in cui ha concesso il bis infilando di nuovo in bacheca il prestigioso trofeo dell’ ‘Amo d’Oro’ già meritato nel 2010 e consegnato al miglior pescatore della stagione. E per l’uomo immagine dell’azienda Colmic, l’impresa Mungai con i compagni del Circolo della Pesca fiorentina del setto-

287


da: Presidente e addetto agli ormeggi: Silverio Badalassi Vice Presidente e addetto stampa: Alberto Galeno Amministrazione: Marco Ulivi Sede: Piero Lilla Rapporti FIPSAS: Roberto Borra Agonismo: Roberto Mattera Didattica: Andrea Rossi Manutenzioni e coadiutore ormeggi: Daniele Bacci

Coadiutore agonismo e didattica: Emiliano Torrini Messasi subito al lavoro per le incombenze correnti, la nuova squadra si è anche posta l’obiettivo di individuare indispensabili aggiornamenti del Regolamento Ormeggi e Statuto Sociale, legati a diverse situazioni sopravvenute e realtà mutate che richiedono approcci e normative differenti, il tutto senza intaccare strutture e spirito cui si erano informate le precedenti scritture. La perdurante sinergia tra settore agonistico e didattica, ha consentito,

Pesca subacquea A cura di Andrea Puccini

2017: Un anno da incorniciare per Il Ci.Ca.Sub Garibaldi Oltre al nuovo Consiglio Direttivo, sono tornati risultati di livello nazionale della pesca subacquea in controtendenza con la maggior parte dei circoli italiani, molti dei quali sono scomparsi o stanno scomparendo, di incrementare fortemente il numero di atleti che si cimentano nelle gare sub, alcuni dei quali collaborano attivamente nell’attività didattica. Tutto questo anche grazie a quell’amalgama, tra i settori di Andrea Rossi e Roberto Mattera, che si era perso anni addietro ma che in altri tempi era stato trainante per la vita sportiva e sociale del Garibaldi. A livello agonistico, si è assistito ad una crescita costante a livello di risultati esaltanti iniziati ad arrivare già dall’autunno 2016, quando Federico Panariello si aggiudicò le gare di Talamone e Livorno mentre Alessandro Falciani ottenne un quarto posto all’Isola d’Elba e un sesto alla gara di casa. Nel 2017, lo stesso Panariello ha consolidato poi la posizione nella graduatoria di zona con il quarto posto a Follonica. Una gara dove è stato seguito a ruota da Falciani, capace in seguito di rifarsi comunque con gli interessi vincendo le tappe di Cecina e S. Vincenzo. Con questi risultati, entrambi gli atleti, hanno acquisito il diritto di partecipare ai Campionati di qualificazione. Un appuntamento però quello siciliano centrato solo a metà: a settembre, in quel di Trapani, i due alfieri labronici non sono riusciti ad inserirsi nel gruppo che dà diritto al salto in Prima Categoria. Altrettanta scarsa fortuna ha contraddistinto la spedizione delle

due squadre livornesi, impegnate al Campionato Italiano per Società a Civitavecchia nel mese di luglio: sulla costa laziale, la prima selezione composta da Falciani, Panriello e Sighieri si è piazzata solo al decimo posto mentre e la seconda compagine, composta da Torrini, Conti e Barsotti, è giunta addirittura 14esima. Due piazzamenti nella sostanza più che onorevoli e deludenti soltanto al cospetto delle ambizioni ben più alte nutrite dai ragazzi labronici. Il mese di ottbore 2017 però ha riservato solo magia per il Ci.Ca.Sub Garibaldi. Lo storico sodalizio che ha sede nella prestigiosa cantina sita lungo gli Scali d’Azeglio ha avuto il vanto di organizzare, con la tradizionale maestria logistica, il Campionato Italiano a coppie. Teatro della competizione le acque antignanesi, con partenza dall’Hotel Rex, la prestigiosa struttura alberghiera che ha messo a disposizione locali, stanze ed approdo per le varie fasi dell’evento. La coppia di punta di ca-

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

N

ella primavera 2017, dalle elezioni, ha visto la luce il nuovo Consiglio Direttivo composto

289


Nelle foto in queste pagine, tre momenti del campionato italiano a coppie, alcuni scatti tratti dalla cena sociale di fine anno e, in alto a sinistra, la squadra posa sorridente alla premiazione dei campioni toscani per società. Da sinistra: Mattera, Conti, Lilla, Panariello e Falciani.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

sa, composta da Falciani e Panariello, forte di una perfetta conoscenza del campo gara, si è perfettamente riscattata delle precedenti delusioni. Un tandem motivato fortemente anche dalla formula della competizione, che riservava alla coppia vincitrice l’accesso diretto agli assoluti di Prima Categoria del 2018 che si terranno in Sardegna. Una prospettiva talmente allettante da convincere alla partecipazione anche alcuni ‘mostri sacri’ della disciplina del calibro di Stefano Bellani e Maurizio Ramacciotti (giunti poi decimi). La competizione è stata quindi di altissimo livello, molto agguerrita vista la presenza ai nastri di partenza di quasi 60 coppie, alcune delle quali molto titolate: alla fine però i beniamini locali Falciani e Panariello, con 12 prede valide ed uno scarto di 570 punti sulla coppia Diversi-Lippi, si sono laureati nuovi campioni italiani a coppie. Non sazi di questo trionfo, appena due settimane dopo, gli alfieri cicasubbini, accompagnati anche dal promettente Francesco Conti, si sono aggiudicati pure il Campionato Toscano per Società. In quel di Vada, i livornesi hanno preceduto, con i soliti 570 punti (combinazione) la squadra di casa. E come se non bastasse, lo stesso Alessandro Falciani ha recitato la parte del “cannibale” insaziabile, vincendo anche la graduatoria del Campionato Sociale svoltosi su varie pescate nelle acque del litorale livornese. Di quest’ultimo evento, riportiamo la classifica con punteggio:

1 Falciani Alessandro 7 2 Sighieri Marco 8 3 Mattera Roberto 18,5 4 Torrini Emiliano 19,5 5 Conti Francesco 21,5 6 Marini Cristiano 27 7 Nigiotti Gabriele 31,5 8 Trombin Fabrizio 33,5 9 La Rovere Andrea 35,5 10 Carrai Claudio 37 11 Ingrasciotta Filippo 37,5 12 Lo Bartolo Leonardo 40 13 Lo Bartolo Edoardo 41,5 14 Guidi Mauro 42 15 Casciaro Andrea 43,5 16 Barsotti Diego 46,5 17 Lo Galbo Fabrizio 47 18 Bacci Luca 48 19 Adragna Girolamo 49,5 20 Rossi Fernando 50 21 Ramacciotti Maurizio 52 22 Micheli Lorenzo 54,5 23 Messina Marco 55 24 Melani Lido 55,5 25 Aceto Ivan 55,5 26 Orazio Matteo 55,5 27 Panariello Federico 63 Dal numero dei partecipanti menzionati sopra, si può desumere la consistenza numerica degli atleti tesserati per il Ci.ca.Sub: un movimento che davvero gode di ottima salute, anche tra i non giovanissimi ma che sono ricchi di entusiasmo e spirito di partecipazione.

291


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Vita da sportivi

292

Ci.Ca.Sub: un tuffo in apnea nella storia della scuola più longeva d’Italia Andrea Rossi

Nuovo quadriennio olimpico: la tradizione vincente per far crescere un movimento che gode già di ottima salute

Q

uattro anni alla guida della scuola più longeva di Italia sono passati veramente in fretta e ora è giunto il momento di effettuare i primi bilanci. Lo scorso anno, grazie all’investimento della scuola e alla passione di alcuni ex allievi, quattro di loro sono riusciti a portare a termine il lunghissimo percorso d’istruttore andando ad aumentare in maniera considerevole il team Istruttori Apnea. Grazie al loro supporto e alla loro passione e alla gradita riconferma alla guida della scuola di Andrea Rossi per il prossimo quadriennio, è stato deciso di iniziare un nuovo ciclo di rinnovamento che nei prossimi anni porterà la scuola ad intraprendere nuove attività oltre a consolidare le attuali. Nonostante il periodo di crisi economica e la presenza sul territorio di altre realtà formative, a ogni corso il trend delle presenze è sempre positivo da molti anni ed analizzando i risultati negli ultimi 5 anni, posso confermare che molti allievi che hanno effettuato un corso di apnea, hanno deciso di rimanere legati alla società sportiva andando a formare una squadra di atleti agonisti molto importante sia come numeri, che come qualità. Stiamo parliamo di circa trenta atleti, che negli ultimi anni si sono laureati campioni regionali e nazionali e che hanno partecipato a un corso di apnea presso la nostra scuola. Tutto questo è il giusto premio per il duro lavoro che ognuno di noi svolge ogni giorno

Un gruppo di aspiranti apneisti

a bordo vasca, in aula oppure in mare senza mai tralasciare niente al caos e curando ogni singolo dettaglio, portando gli allievi a effettuare un salto di qualità nell’apnea che mai si sarebbero immaginati il primo giorno di lezione. Grazie ad una forte sinergia con la squadra agonistica e il suo direttore Roberto Mattera, il lavoro della scuola non si ferma solo ai corsi, ma vengono effettuate altre attività come ad esempio gli allenamenti in piscina per atleti agonisti, dove decine di ragazzi si muovono all’unisono in vasca per raggiungere uno scopo comune e cioè essere in forma per le gare selettive durante la stagione. Quest’anno, memore dei racconti dei soci storici del circolo, sono riuscito a riportare in essere una piccola ma-

nifestazione natalizia, ove atleti ed ex atleti di ogni età, si sono cimentati in tre prove di apnea dove ognuno di loro gareggiava allo stesso livello, grazie ad un particolare regolamento. Grazie a due sponsor che ci fornito alcuni premi, S-Life e Caccia e Pesca, la piccola manifestazione ha avuto un enorme successo tanto che a Pasqua lo stesso evento verrà ripetuto nuovamente. La storia della scuola ed i brevetti Fin dalla sua nascita, la scuola federale ha eseguito corsi per rilasciare brevetti. Agli inizi partecipare a un corso voleva dire frequentare per mesi lezioni molto impegnative sia in vasca sia a terra, con metodologie e rigidità di esecuzione che rendevano la didattica similare a una formazione militare.


Quest’atteggiamento ha permesso alla scuola di valutare e formare atleti che poi sarebbero diventati i campioni sportivi di punta di quegli anni facendola però rimanere un’attività molto selettiva e ristretta solamente alle poche persone che riuscissero a seguire con costanza i corsi. A metà degli anni novanta la situazione ha cominciato a evolversi: il rilascio dei brevetti è diventato appannaggio

Uno studente dei corsi di apnea riceve l'ambito brevetto conseguito con i corsi Cicasub

di strutture didattiche turistiche sparse in ogni parte del mondo e la federazione, dopo aver passato un periodo di crisi, ha deciso di rinnovare tutto il settore didattico adattandolo alle nuove esigenze e facendolo diventare molto più competitivo nei confronti della didattica subacquea turistica. Gli studi scientifici, l’arrivo con prepotenza della tecnologia e il normale evolversi delle discipline subacquee alla richiesta del mercato, hanno permesso alla scuola di migliorare ed ampliare l’offerta formativa con innumerevoli specializzazioni senza tralasciare i brevetti canonici che oramai da più di mezzo secolo vengono rilasciati.

Ancora un momento degli allenamenti in piscina

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Un momento dei corsi di apnea organizzati dal Cicasub

L’attuale offerta formativa si divide: Corsi Base Sommozzatore di 1° Grado 
 Sommozzatore di 2° Grado 
 Sommozzatore di 3° Grado 
 Apnea 1° Grado 
 Apnea 2° Grado 
 Pesca sportiva agonistica 
Specializzazioni 
 Orientamento e Navigazione Sub 
 Immersione Notturna o con Scarsa Visibilità 
 Immersione su Relitti o Secche 
 Immersione in Corrente, Profonda o nel Blu 
 Immersione con Muta Stagna 
 Fotografia Subacquea di 1° Grado 
 Fotografia Subacquea di 2° Grado 
 Video Sub 
 Nitrox Base 
 Nitrox Avanzato 
 Monopinna 


293


Rugby A cura di Fabio Giorgi

Nino Saccà Vice Presidente FIR

Sfilata di fine anno con il vice presidente FIR, l’avvocato livornese Saccà

ella serata dedicata agli auguri di fine anno, curata dal Comitato Toscano della FIR e tenutasi lunedì nel dicembre scorso a Firenze, hanno ricevuto significativi riconoscimenti, tra gli altri, quattro giovanissimi atleti del Granducato Livorno – la Franchigia nata nel 2015 grazie al lavoro sinergico tra le società Lions Amaranto ed Etruschi – ed un ‘personaggio’ livornese un po’ meno giovane. A far da cerimoniere dell’evento il presidente del CRT Riccardo Bonaccorsi. Hanno partecipato al tradizionale incontro rappresentanti di tutte le società toscane. Presenti anche Giovanni Riccetti, Mauro Fraddanni, Carlo Ghiozzi e Loredana Russo, presidenti, rispettivamente, del Livorno Rugby, dei Lions Amaranto Livorno, degli Etruschi Livorno e del Granducato Livorno. È stata l’occasione per effettuare un consuntivo di un anno solare positivo per la palla ovale della regione. L’auspicio, come ha sottolineato nel suo intervento il vice presidente federale, l’avvocato livornese Nino Saccà, è che in futuro i vari sodalizi

toscani riescano a collaborare in modo più stretto per il bene comune. Il tutto nella speranza che nuovi atleti toscani (e perchè no livornesi...) possano vestire la maglia della nazionale maggiore. Al termine della ‘cerimonia’, relativa ai saluti istituzionali ed alla premiazione, con tanto di consegna di targhe personalizzate, il Comitato Toscano della FIR ha offerto agli intervenuti una cena a buffet. Premiati, per l’atIl 'nostro' Fabio Giorgi premiato per il suo impegno come cronista tività internazionale specializzato nella palla ovale svolta nel corso del 2017 e relativa alle loro presenze nella na- to Livorno Albert Eistein Batista, Gianmarzionale under 17 i giocatori del Granduca- co Lucchesi, Nadir Krifi e Federico Mori. Premiato pure il giornalista sportivo livornese Fabio Giorgi (tra l’altro redattore dell’Almanacco), per la sua attività di cronista specializzato (dal lontano 1988) nello sport della palla ovale.

N

Gli atleti premiati sono stati:

Una panoramica della platea presenta alla festa di fine 2017

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Festa per quattro portacolori del Granducato in nazionale under 17

Nazionale Under20: Cannone Niccolò, Bianchi Jacopo, Mancini Parri Michele Nazionale Under 18: Bientinesi Leonardo, Chianucci Andrea, Mariottini Leonardo Nazionale Under18: Femminile: Ferrarini Jessica Nazionale Under17: Mori Federico, Scott Lawrence, Barista Albert Einstein, Krifi Nadir, Lucchesi Gianmarco.

295


2017: tutti i risultati LIVORNO RUGBY

Livorno Rugby, voglia di serie A E le ambizioni sono alimentate da un vivaio in salute

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

I

l campionato 2017/18 del Livorno Rugby è iniziato a fari spenti. Poi, però, strada facendo, gli obiettivi sono diventati sempre più importanti. La squadra biancoverde, impegnata in serie B, girone 2 (il raggruppamento del centro Italia) sta lottando per la conquista del gran balzo in A. Al termine della regular season, la prima di ciascuno dei quattro gironi di B salirà direttamente nella categoria superiore, mentre le quattro seconde giocheranno, tra loro, a maggio, tre spareggi, che sanciranno altre tre promosse. Mentre scriviamo queste righe, durante la pausa di tre settimane da osservare per i primi due turni del ‘Sei Nazioni’, Bertini e compagni occupano la seconda piazza, con tre lunghezze di margine sulla più immediata inseguitrice. Insomma una situazione invidiabile, frutto di un girone d’andata sugli scudi.

Il collettivo under 14 sorride sotto i pali del campo di casa

Il Livorno Rugby, dopo la nona posizione ottenuta nella stagione 2016/17, si è rafforzato, nel corso dell’estate, con i rientri di pedine esperte e di spessore,

La squadra under 8

296

quali Squarcini, Tangredi, Bottari e Reistma. La formazione, sotto la guida tecnica di Marco Zaccagna (alla sua prima volta come coach di una prima squadra) ha subito ingranato le marce alte. La vittoria ottenuta nel turno di apertura del torneo, sul terreno dei Medicei Firenze cadetti, ha permesso di riempire il serbatoio di fiducia ed entusiasmo. Neppure la sconfitta interna della seconda giornata (contro il Pesaro, che mentre scriviamo queste righe è imbattuto e primo in classifica) ha scalfito i biancoverdi. Dalla terza all’undicesima giornata, il Livorno Rugby ha inanellato una favolosa sfilza di nove affermazioni di fila. Successi figli di prestazioni ricche di contenuti. Non è mancato, soprattutto nelle gare interne, anche quel ‘sano istinto del killer’ con il quale i biancoverdi hanno risolto, nel finale, gare viaggiate sui binari di un grande equilibrio. La squadra è composta da elementi dall’età media piuttosto bassa, ma, anche grazie alla guida e all’esperienza degli


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

te, giocatori nati e motrice dell’iniziativa legata alla Francresciuti nel viva- chigia della Costa Toscana. La sinergia io. D’altra parte chi con altre società del comprensorio ha vestito la ca- (Emergenti Cecina, Amatori Rosignano sacca del Livorno e Bellaria Pontedera) sta permettenRugby la sente co- do di disputare, con due squadre, sia il me una seconda campionato under 18 élite, sia il torneo pelle. Nei suoi pri- under 18 regionale. mi 87 anni d’attiNel girone élite – raggruppamento vità, caratterizzati del centro Italia – gioca la formazione anche da tantissi- della Costa Toscana ‘A’, di fatto composta me stagioni vis- solo da elementi di formazione Livorno sute nei maggiori Rugby. Tale compagine sta sgomitando campionati nazio- nella parte centrale della classifica e sta nali, è rimasta in- dimostrando buonissimi numeri dometatta e costante nica dopo domenica. una forte identità Pure la rappresentativa under 16 del di squadra. Livorno Rugby è impegnata nel campioAnche in que- nato élite e si sta ritagliando un ruolo da Una mischia di giovani atleti under10 st’annata, lo spiri- protagonista. uomini di cui sopra, ha saputo compiere to del ‘vero’ rugbista, da parte di questi Non mancano soddisfazioni per gli rispetto alle stagioni passate un chiaro impagabili atleti (tutti realmente dilet- under 14 biancoverdi, che stanno giosalto di qualità. Tradizionalmente, nella sua gloriosa storia, iniziata nel lontano 1931, il Livorno Rugby (o Rugby Livorno che dir si voglia) ha puntato molte delle sue carte sulla freschezza degli atleti, su azioni in velocità, cercando di tenere viva la palla e di coinvolgere il più possibile la linea arretrata. In quest’annata, oltre a trequarti di qualità, si sta mettendo in vetrina pure la mischia – una mischia solida ed affidabile –: sono stati gli avanti ad aver compiuto il ‘primo passo’ verso le ‘mete’ più belle. La formazione under 12 posa al completo Ad indossare la maglia biancoverde, anche nella stagione in corso, so- tanti) non sta mancando. Salvo piccole cando addirittura due campionati reno protagonisti, quasi esclusivamen- parentesi, il Livorno Rugby ha costru- gionali: la prima squadra, composta da ito i suoi succes- elementi del 2004, è in lotta nelle prisi grazie ad atle- missime posizioni del girone toscano ‘1’, ti nati e cresciuti la seconda squadra, composta da gionel proprio flori- catori del 2005, sta giocando, con ecdo vivaio. L’opera cellenti risultati, il girone toscano ‘2’. Di nel settore junio- spessore pure le ‘mete’ colte nei vari ragres riveste dun- gruppamenti (o concentramenti che dir que un’importan- si voglia) dalle formazioni labroniche under 12, 10, 8 e 6, tutte quante attiza fondamentale. Nell’estate del vissime, in questi mesi primaverili, in 2016, proprio nel- prestigiosi tornei interregionali. l’ottica di agevoD’altra parte, fin da giovani, la maglia lare nella crescita biancoverde è sentita come una seconi propri giovani, la da pelle. società biancoverDa 87 anni è sempre viva una forte de si è fatta pro- identità di squadra. Un'azione di gioco del team under 18

297


LIONS

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

D

Il ruggito dei Leoni amaranto I Lions festeggiano la ‘maggiore età’ grazie ai talenti nell’orbita azzurra

a pochi mesi, i Lions Amaranto Livorno sono diventati maggiorenni. L’attivissimo sodalizio labronico è infatti nato il primo gennaio del 2000. Soci fondatori sono Mauro Fraddanni ed Emanuele Bertolini, due ‘personaggi’ instancabili da sempre in carica, nell’organigramma del club, con mansioni tutt’altro che marginali. Fraddanni ricopre tutt’ora il ruolo di presidente, mentre Bertolini, che negli anni è stato giocatore, coach della prima squadra e direttore sportivo, è ora allenatore della rappresentativa under 14 e dirigente tutto-fare. Nei propri primi 18 anni di vita, i ‘Leoni’ hanno colto importanti risultati, hanno lanciato nel mondo della palla ovale giocatori di interesse nazionale ed hanno creato una struttura solida. La prima squadra sta ‘sgomitando’ con il Cus Siena in vetta alla classifica della C1, girone F, poule 1. Al termine della regular season, la prima accederà agli spareggi per la promozione in B, contro la prima del girone della Sardegna. La sensazione è che chi vincerà la poule 1 (composta solo da formazioni toscane) avrà poi vita facile nei playoff. Insomma, mentre scriviamo, i Lions sono più che mai in corsa per tornare in B. La prima (ed unica, almeno per ora) pro-

Un bello scatto colletivo al momento della presentazione stagionale

mozione tra i cadetti dei livornesi è datata giugno 2008. Dall’annata 2008/09 al 2010/11, gli amaranto hanno disputato la serie B. Nel 2011 è giunta l’amara retrocessione in C. Inserito nella ‘C elite’ (o C1 che dir si voglia), la formazione labronica ha sempre messo nel mirino, dal 2011 in poi, il ritorno in B. Un salto mancato talvolta solo per piccoli dettagli. I Lions, in particolare, sono andati ad un passo dalla ‘meta-promozione’ nel 2013 (sfortunata l’ultima e decisiva trasferta di Jesi) e nel 2014 (rocambolesca - a dir poco - la sconfitta nella doppia finale con il Paganica). Pure nel 2016, i Lions sono stati beffati nella doppia finale, dal Viterbo. La sfortuna è anche relativa alla formula del cam-

Lions Amaranto Livorno under 10

298

pionato, che non prevede vere prove d’appello. Nel campionato 2016/17, dopo le tre sconfitte rimediate nelle prime quattro giornate, ogni ambiziosa velleità degli amaranto è venuta meno. È stato, il torneo di C1 2016/17, per Scardino e compagni, un’annata di transizione, vissuto lontano dalla testa. Ben più brillante il cammino nel nuovo campionato - quello in corso -, nel quale, anche grazie ad innesti importanti (Rolla, Imafidon ed Agostini; quest’ultimo costretto a dicembre ad uscire dalla mischia per un serio infortunio al ginocchio), la rosa ha compiuto il salto di

La formazione ammiraglia che milita in C1 impegnata in una touche


qualità. La squadra dei ‘leoni’, guidata per il terzo anno consecutivo da Marco Milianti, può contare su buonissimi requisiti in tutti i settori e in tutti i reparti. Dopo una partenza sprint (quattro vittorie, tre delle quali ‘condite’ dal bonus-attacco, nelle prime quattro giornate), sono arrivate, negli ultimi due impegni del 2017 (coincise con le ultime due giornate del girone d’andata) due sconfitte amare ed evitabili, a Portoferraio e a Siena. Poi la larga affermazione colta con il Sieci (addirittura 61-5) ha consentito di ridurre il ritardo in graduatoria dallo stesso Cus Siena. Formazione, quella amaranto, composta in prevalenza da giovani, con i quali si può aprire un ciclo ricco di soddisfazioni. Da sempre, la società amaranto cura con puntiglio il proprio vivaio. ‘Brillanti’ le mete ottenute dalle verie rappresentative under 6, 8, 10, e 12, protagoniste non solo nei vari raggruppamenti regionali, ma anche di prestigiosi tornei nazionali.

Lions Amaranto Livorno under 8

Due parole doverose sono da spendere per la squadra under 14, guidata dagli allenatori-educatori Emanuele Bertolini e Davide Mantovani. Tale formazione, composta da validi elementi nati nel 2004 e nel 2005, è impegnata nell’elitario girone ‘1’ regionale di categoria. Un torneo nel quale militano le migliori dieci squadre della Toscana. Per precise indicazioni da parte dalla Federazione, non viene stilata, a livello under 14, una ‘vera classifica ufficiale’. Però, considerata la ‘classifica ufficiosa’ calcolata dagli allenatori, in base ai vari risultati, i ‘leoncini’, grazie ai propri ‘fragorosi ruggiti’ ed all’ingente bottino di punti conquistati soprattutto tra le mura amiche del campo della via della Chiesa di Salviano, occupererebbero una delle primissime piazze. L’under 14, in questi mesi primaverili, è impegnata anche in tornei di spessore, a Parma, in Corsica e a Perugia. L’intensissima attività Lions è completata da

Old Lions

una formazione di irriducibili (gli ‘Old’, soprannominati i Rino..Cerotti), attivi nel campionato di categoria e da una squadra davvero speciale, quella composta da detenuti dell’istituto carcerario ‘Le Sughere’ di Livorno (formazione che con grande autoironia si è ribattezzata ‘Le Pecore Nere’). L’iniziativa della palla ovale da far viaggiare all’interno della casa circondariale labronica è iniziata quattro anni fa sta continuando in modo instancabile, grazie alla sensibilità della direzione dell’istituto stesso ed all’opera degli stessi Lions, da sempre attenti a questioni legate al sociale. Grazie in particolare al lavoro degli ex giocatori Manrico Soriani e Michele Niccolai, all’interno de “Le Sughere”, si svolgono, ogni domenica, allenamenti riservati ad una trentina di detenuti. Tutto ebbe inizio nel settembre del 2014, quando 22 giocatori Lions (delle varie categorie) dettero vita, sul terreno di gioco del carcere, ad un allenamento piuttosto sostenuto, con tanto di partitella in famiglia. La seduta fu seguita da cento detenuti, che fin da subito mostrarono entusiasmo e grande partecipazione. Dopo il (riuscitissimo) approccio, la società amaranto ha dunque dato continuità all’iniziativa. Le partite amichevoli all’interno dell’istituto tra ‘Le Pecore Nere’ e formazioni federali (Old, ma non solo) si giocano con piccole deroghe al regolamento: squadre composte da 12 elementi (senza terze linee ali e senza estremo), niente calci da fermo e niente touche. Si tratta, soprattutto, di gare all’insegna dello sport genuino ed autentico: incontri che vanno ben al di là del risultato tecnico....

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Lions Amaranto Livorno under 6

299


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

ETRUSCHI LIVORNO

300

Il Rugby Etruschi Livorno, nato nel 1995 su iniziativa dell’impagabile socio fondatore Gino Galletti, è riuscito a togliersi nel giro di pochi lustri non poche soddisfazioni. Brillanti i risultati colti dal club verde-amaranto nei vari campionati di categoria. Durante le ultime stagioni sportive la prima squadra ha militato anche in C1 affrontando persino i play off per la promozione in serie B, ‘meta’ che la società si è prefissata di raggiungere ben presto. Con gli anni molti giocatori, dopo aver ‘appeso le scarpette al chiodo’, si sono trasformati in dirigenti ed allenatori dando così vita al settore giovanile, altro fiore all’occhiello del sodalizio. E’ così nata la collaborazione con vari Enti Scolastici, tra cui le Scuole Medie Mazzini, Micali, gli Istituti Comprensivi Picchi, Micheli-Bolognesi e Benedettini, l’Istituto Santo Spirito e Maria Ausiliatrice, che ogni anno, con centinaia di studenti, partecipano al campionato locale e nazionale delle scuole piazzandosi sempre nelle primissime posizioni di classifica. Le rappresentative giovanili che comprendono under 6, under 8, under 10, under 12 , under 16 e under 18 (queste ultime due partecipano, in sinergia con i Lions Amaranto Livorno, al progetto di formazione sportiva di alto livello del Granducato Rugby, con tecnici federali qualificati) contano circa 250 tesserati e sono tutte impegnate in campionati, concentramenti e tornei regionali, nazionali ed internazionali. Le squadre giovanili del Rugby Etruschi Livorno in questi anni hanno dimostrato di aver maturato con il tempo un ottimo gioco sia per quanto riguarda il settore della mischia sia nel gioco al largo con i tre quarti: i buoni risultati sono stati conquistati sul campo e questi fanno certamente ben sperare la società per il futuro. Alla fine di ogni partita viene ‘disputato il terzo tempo’: una delle tradizioni più significative del rugby. Inizia con il fischio dell’arbitro che conclude la partita. Da quel momento le squadre mettono da parte la rivalità e, dopo la meritata doccia, la partita finisce ai tavolini allestiti ai bordi del campo davanti a un piatto di pasta e ad un buon bicchiere di vino o di birra. Anche tutto questo rappresenta il vero spirito del rugby. Anche i tifosi partecipa-

Etruschi, non solo storia passata Il futuro è radioso per un club forte anche grazie al settore giovanile

Ecco il saluto agli avversari prima di una partita di campionato

no a questa festa, in modo da eliminare le distanze che si creano tra spalti e il campo. In Gran Bretagna l’usanza è quella di concludere i match nelle Club House del team ospitante, fornitissimi pub situati nelle vicinanze dei campi da gioco. Anche il Rugby Etruschi ha realizzato, nel proprio ‘quartier generale’ dell’impianto ‘Tamberi’ di via Russo, la propria Club House. In queste occasioni si crea una forte legame fra giocatori di squadre diverse che culmina spesso in amicizie durature. La prima squadra degli Etruschi, sponsorizzata ‘’Fulgida’, in questa stagione 2017/18 sta giocando il campionato regionale di C (o C2 che dir si voglia). Il quarto posto ottenuto nella prima parte dell’annata ha permesso di qualificarsi alla così detta ‘poule silver’, che mette in palio la Coppa Toscana. Il presidente-giocatore Carlo Ghiozzi, nel corso dell’annata, ha sostituito nelle mansioni di allenatore Daniele Conflitto, che per motivi professionali ha dovuto lasciare l’incarico. Questo il lungo elenco dei giocatori della prima squadra: Amadori, Bartoli, Bonaretti, Bonomo, Bonuccelli A., Bonuccelli F., Borella, Braccia, Brilli, Brozzi, Capobianchi, Chabbar, Chiarugi, Ciampagna, De Robertis, Demiri, Ghiozzi, Giordano, Gracci, Ianda, Incrocci C., Incrocci M., Lomi, Ma-

raviglia, Mariotti, Masè, Mini, Paperini, Perciavalle, Peruzzi, Petrantoni, Rab, Ruffino, Sanacore, Shani, Toncelli, Trinca. L’under 12, guidata dagli allenatori-educatori Francesco Consani e Daniele Campani è composto da Campani, Merlo, Consani, Ungarini, Papucci, Perciavalle, Giusti L., Giusti E., Nuterini, Ceccarini, Tognetti, Parziale, Sgherri, Puddu, Savi, Sangiorgi e Melani. L’under 10, allenata da Nicolas Borella, Carlo Ghiozzi e Federico De Roberti è formata da Peruzzi, Serra, Consani, Parenti, Del Secco, Guantini, Nuti, Biagi e Cervelli. L’under 8 diretta da David Franceschi, Fulvio Incrocci e Mario Pracchia può invece contare su: Biagi, Brunelli Felicetti, Biasin, Ciuperca, De Giulli, Dell’Unto, Ferri, Ferro, Franceschi, Fraschi, Gennari, Guidi, Incrocci, Michel, Niang, Pitotti, Potenza, Ricci, Romano. L’under 6 affidata agli allenatori-educatori Silvia Nocelli, Stefano Biagi e Andrea Brondi è composta da Angeli, Ascenzi, Bani, Bianchi, Bollaro, Conforti, Marinari e Serra.

I ragazzini del gruppo under 12


D

a quel 22 luglio 2015, quando il progetto fu ufficialmente presentato nella sala Ferretti della Fortezza Vecchia, messa gentilmente a disposizione dall'Autorità Portuale, sono trascorsi (circa) tre anni e poco più di mille giorni. In un lasso di tempo relativamente breve, il Granducato Livorno è diventato una solidissima realtà del rugby nazionale. La società giallobianco-rossa (dal 2006 a tutti gli effetti 'Franchigia') è nata dal proficuo accordo di collaborazione fra Etruschi Livorno e Lions Amaranto Livorno, con il preciso compito di formare le leve degli under 16 e degli under 18. Etruschi e Lions hanno girato, fin dal 2015, tutti i propri elementi delle due categorie al 'nuovo' sodalizio sinergico. La meta più importante realizzata da Etruschi e Lions nel far nascere il Granducato Rugby è stata quella di aver messo da parte rivalità e campanilismi. Il tutto per il bene comune, per far crescere (sul piano sportivo, ma non solo) i propri ragazzi. Di primissimo piano lo staff dirigenziale e tecnico. Presidente è Loredana Russo, mentre i ruoli di vice presidenti sono ricoperti da Mauro Fraddanni e Carlo Ghiozzi (rispettivamente presidenti di Lions ed Etruschi). Tecnici under 16: Giampaolo Brancoli, Michele Pelletti e Alessandro Crivellari. Tecnico under 18: Fabio Gaetaniello. Gli impianti per partite ed allenamenti sono il Tamberi (quartier generale degli Etruschi) ed il campo di Montenero Basso (campo assegnato ai Lions). In questi tre anni, di grandissimo prestigio i risultati ottenuti. Subito al primo

Granducato Livorno: uniti si cresce e si vince Eccezionali i risultati della società giallo-bianco-rossa nata grazie al lavoro sinergico tra Lions ed Etruschi

Under 18 trionfa nel trofeo degli Appennini

anno di attività, l'under 16 ha sfiorato il titolo tricolore di categoria, fermata – non senza una buona dose di sfortuna – a livello di semifinale tricolore dalla Capitolina Roma. Poi, nel 2017, l'under 18 si è assicurato, con un cammino trionfale, il Trofeo degli Appennini e la promozione dal campionato regionale a quello elite. Nell'annata 2017/18 i 'Granduchi' under 18 si stanno assicurando, nel campionato elite, centro Italia, grandissime soddisfazioni. Grazie ad un gruppo di grande qualità (atleti nati negli anni 2000 e 2001: si tratta, in buona parte, di quei giocatori andati ad un passo nel 2016 dello scudetto under 16), i giallo-bianco-rossi hanno chiuso il proprio duro girone al secondo posto e

possono confrontarsi con le altre 'big' nazionali per lo scudetto. I mezzi per puntare ad importanti traguardi non mancano certamente. La squadra annovera, nelle proprie fila, numerosi elementi brillanti protagonisti nelle nazionali giovanili. L'under 16 – rinforzatasi nel corso dell'annata con elementi del Bellaria Pontedera –, dopo aver perso ad inizio stagione i barrage per l'accesso al girone elite, ha disputato il campionato regionale. La squadra del Granducato Livorno under 18, capace di lottare per il vertice del campionato nazionale di categoria è composto da questi atleti: Del Fiorentino, Orifici, Mori, Barsali, Chiarugi, Batista, Sheu, Tonelli, Jelic, Mannelli, Bonaccorso, Pacini, Lucchesi, Krifi, Della Valle, Migliori, Rum, Vitiello, Bertini, Andorlini, Freschi, Del Bono. L'under 16 giallo-bianco-rossa è invece formato da: Abanaritei, Barba, Bardacchi, Barbieri, Bicchierai, Brondi, Cadau, Capobianchi, Cappelli, Castelli, Chiarini, Chiarugi, Dalla Valle, Falaschi, La Rosa, Lentini, Lischi, Lococo, Madrigali, Marchi, Mazzoni, Meini, Nencioni, Novaro, Paolini, Pellegrini A., Pellegrini L., Persiani, Pioli, Porciello, Tondelli, Sula, Taddeini, Tellini, Uccetta

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

granducato LIVORNO

301


Vita da sportivi Sessent’anni anni vissuti sempre a faticare nella mischia

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Fabio Gaetaniello

302

Fabio Gaetaniello, ex campione, ha ancora un paio di mete da centrare nella vita sportiva

È

stato protagonista, in campo, ad Auckland, nella prima partita giocata, in senso assoluto, in un campionato del mondo di rugby. Fabio Gaetaniello era titolare di quella nazionale italiana che il 22 maggio 1987, nella gara d’apertura della prima manifestazione iridata, sfidò i fortissimi padroni di casa della Nuova Zelanda. L’incontro si chiuse con il largo successo (70-6; all’epoca le mete valevano 4 punti) degli All Blacks, che poi vinsero il mondiale. Gaetaniello ha giocato per intero tutte le sei partite disputate dall’Italrugby nei mondiali del 1987 e del 1991. In tutto il trequarti livornese, classe 1958, vanta 32 ‘caps’ e 5 mete con la maglia della nazionale maggiore. Per lui anche la grande soddisfazione di far parte della selezione del ‘resto d’Europa’ nella prestigiosa partita in beneficenza svoltasi nel 1991 a Twickenham, contro la squadra ‘locale’ dei Lions, la rappresentativa con i migliori giocatori del campionato inglese. Dopo aver appeso le scarpette al chiodo, Gaetaniello ha allenato, a livello di squadre di club, Quasar Fides Livorno, Cus Pisa, Livorno Rugby (insieme a Massimo Goti) e Cavalieri Prato (insieme ad Andrea De Rossi). Nel suo curriculum anche lunghi anni nelle mansioni di tecnico federale, alla guida della nazionale italiana seven. La sua eccellente carriera di giocatore era iniziata nel Cus Pisa sotto la guida tecnica del padre Luigi e insieme a suo fratello maggiore Fabrizio, anch’egli una vera e propria ‘gloria’ della palla ova-

L’esperienza del tecnico è un valore aggiunto per gli under del Granducato

le nazionale. Fabio Gaetaniello ha poi esordito in campionato con il Rugby Livorno nel 1978; due anni dopo fu la volta della sua prima partita in nazionale maggiore, contro la Spagna. Ha rappresentato, a livello di club, anche il Parma, per sei stagioni, prima di fare ritorno a Livorno e chiudervi la carriera da giocatore nel 1994. Ha fin da subito creduto nel progetto del Granducato, la Franchigia livornese – attiva nei campionati under 18 e under 16 – nata nell’estate del 2015 e frutto del lavoro sinergico tra le società cittadine dei Lions Amaranto ed Etruschi. È stato subito inserito nello staff

tecnico ed ha contribuito alla crescita dei ‘Granduchi’ ricoprendo il ruolo di allenatore del reparto arretrato. La sua esperienza, la sua affidabilità ed il suo carisma sono risultati preziosi per raggiungere, nelle annate 2015/16 e 16/17, importanti risultati. “Il progetto di crescita delle squadre – dice l’ex trequarti azzurro – non conosce sosta. Il tutto grazie ad uno staff tecnico di primo piano, nel quale tutti quanti portano il loro valido contributo”. A metà della stagione 2017/18 ha assunto il ruolo di head coach dell’under 18. “Mi premeva – spiega – che il lavoro impostato potesse proseguire senza intoppi e


Il tecnico impegnato a dirigere un allenamento sotto la pioggia battente

forza della formazione livornese ‘resta’ quel Federico Mori, nazionale giovanile e trequarti centro: stesso ruolo ricoperto da Gaetaniello… “Fare un raffronto – sorride l’allenatore del Granducato under 18 – è fuori luogo. Il rugby è cambiato in modo notevolissimo in questi pochi decenni. Prima curavamo di più la parte squisitamente tecnica, ora, anche sui trequarti, il gioco si basa soprattutto su un confronto fisico. Posso solo dire che si tratta di un elemento di grande qualità. Le sue doti sono state già notate dai tecnici azzurri: Mori è un giocatore in grado di togliersi non poche soddisfazioni nella sua carriera. Ma anche altri atleti del Granducato, quali Lucchesi, Krifi, Batista, Del Fiorentino, Jelic e Del Bono, hanno doti di primissimo piano e possono rag-

Un bel primo piano dell'attuale guida degli under 18 Granducato

giungere, nella loro vita sportiva, mete di grande prestigio”. Se è l’opinione di un giocatore che ha fatto la storia della palla ovale italiana, c’è da crederci.

Fabio Gaetaniello Nazionalità: ITALIA Altezza: 183 cm Specialità: Rugby a 15 Ruolo: tre quarti centro

Carriera 1978 - 1982 LIVORNO 1982 - 1988 PARMA 1988 - 1994 LIVORNO

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

dunque ho accettato l’incarico di trainer di tale rappresentativa. È, quella dell’under 18, una formazione con mezzi tecnici notevoli. Può vantare nelle proprie fila giocatori di interesse nazionale”. “Tanti giocatori della ‘nostra’ squadra sono impegnati nelle attività dei centri tecnici di formazione permanente di Prato. Una ‘palestra’ importante che consente loro di allenarsi costantemente. Tali giocatori rientrano alla base, a Livorno, solo nel fine settimana e dunque solo nell’allenamento di rifinitura del venerdì e nelle partite della domenica sono realmente a fianco dei compagni della propria squadra di club. Non è facile, con due gruppi divisi – uno costantemente a Prato, l’altro a Livorno – effettuare una preparazione ‘compatta’”. Nonostante l’incidente di percorso relativo ad una sconfitta a tavolino rimediata nel primo turno del proprio campionato élite, il Granducato under 18 sta lottando addirittura per lo scudetto di categoria. A grandi linee con lo stesso organico, nella stagione 2015/16, l’attuale squadra under 18 sfiorò il titolo italiano under 16. “Da allora – puntualizza il 60enne ex trequarti della nazionale – la rosa si è allargata con nuovi elementi di spessore”. Uno dei punti di

Allenatore 1994 - 2004 LIVORNO 2004 - 2006 ITALIA Seven 2006 - 2011 I CAVALIERI 303


Parola ai protagonisti Albert Einstein Batista: un genio della palla ovale

Una bella posa plastica di Batista in azione

D

a Santo Domingo alla maglia della Nazionale italiana under 20. Il tutto passando da Livorno. È intrigante la storia di un (più che promettente...) trequarti classe 2000, che di nome si chiama Albert Einstein, proprio come il genio della relatività, e di cognome Batista. Il rugbista diventerà maggiorenne il prossimo 10 giugno: la strada verso la maturità si è tinta di azzurro perchè il ragazzo, che gioca nella Franchigia del Granducato Livorno, sta disputando – almeno mentre scriviamo il pezzo – il prestigioso ‘Torneo delle Sei Nazioni under 20’. Batista ha vestito la maglia da titolare, nel ruolo di ala, nella gara di esordio, giocata a Gorizia contro i campioni uscenti dell’Inghilterra. Un incontro perso a testa altissima, per 17-27. Mentre scriviamo, Albert Einstein Batista è in Irlanda, perchè a Donnybrook gli azzurrini affronteranno proprio gli irlandesi

Una promessa del rugby azzurro con una moderna storia cosmopolita e un futuro promettente nel secondo impegno del ‘Sei Nazioni giovanile’. Il trequarti ala del Granducato è stato convocato per i primi due confronti dell’importantissima manifestazione. Dopo l’amichevole giocata in Francia nel 2017, con la nazionale under 17, Batista ha effettuato – anche a giudizio dei coach dell’Italrugby under 20 Fabio Roselli e Andrea Moretti – un ulteriore salto di qualità. “Sono sincero – dice Batista rispondendo con il suo cellulare dall’Irlanda – non mi aspettavo quasta chiamata. Sono contentissimo e sto cercando di dare il massimo. Sono soddisfatto della prova offerta con l’Inghilterra e mi tengo pronto per le nuove partite”. Come sei arrivato a Livorno? “Sono nato a Santo Domingo. Sono arrivato in Italia, a 9 anni, nel 2009, con la mia famiglia. Siamo andati a vivere a Castagneto Carducci. E qua ho iniziato a giocare a rugby con la maglia del Rufus San Vincenzo”. E poi cosa è successo? “Nel percorso di crescita sportiva, il tecnico

regionale Andrea Brancoli mi ha portato a giocare nel Livorno Rugby. Successivamente sono passato nel Granducato”. Nel Granducato under 18, grazie ad una squadra di buonissimo livello e grazie alla guida tecnica di Fabio Gaetaniello, state viaggiando a mille... “Siamo un gruppo affiatato, con tanti giocatori di spessore. Stiamo meritando la prima posizione nel nostro girone elite di categoria. Vogliamo giocare le finali per lo scudetto”. Batista, da tempo nel giro azzurro, sta migliorando costantemente il suo rendimento. Insieme al trequarti del Granducato, selezionati nell’Italia under 20 anche altri quattro giocatori toscani (tutti di mischia). Si tratta dei pilone Michele Mancini Parri e Leonardo Mariottini, del seconda linea Niccolò Cannone e del terza linea Jacopo Bianchi. Dopo la sfida con l’Inghilterra e con l’Irlanda, gli azzurrini se la vedranno con Francia e Galles, in trasferta, e Scozia, in casa, a Bari, nel match conclusivo del Torneo.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Albert Einstein Batista

Una posa sorridente per Batista (il quarto da sx) e alcuni compagni di nazionale giovanile

305


Scherma A cura di Mario Orsini

Beppe Pierucci, un’estate al massimo in giro per il globo tra States e Cina

U

n’estate, quella 2017, movimentata, anzi super movimentata per Giuseppe Pierucci, 39anni compiuti a fine aprile, ex eccellente fiorettista e arbitro internazionale e attuale responsabile del settore fioretto del circolo scherma Fides. Il circolo schermistico più medagliato del mondo. Per super Beppe due trasferte lontano dall’Europa. La prima in California e la seconda a Pechino. Viaggi quelli di Pierucci, ogni volta con lo zaino zeppo di fioretti e la testa ricolma d’idee. Ad accompagnarlo in questi viaggi un gruppettino di giovani fiorettisti del Fides e qualche loro genitore. La trasferta americana Insieme al maestro Pierucci, hanno varcato l’oceano quattro giovani talenti del Fides: Karen Biasco, Gregorio Isolani, Elia Sardelli e Alex Milano. Quattro bravissimi fiorettisti che non hanno bisogno di grandi presentazioni e hanno già, nonostante la giovanissima età, scritto pagine importanti in questo sport. Ma focalizziamoci sul viaggio a S. Francisco. Dove siete andati? “A Palo Alto nella Contea di Santa Clara di S. Francisco in California. Un posto relativamente tranquillo e accogliente. Eravamo ospiti dell’amico Alex Kutnetzov, ex fiorettista ucraino e arbitro internazionale di scherma. Per tanti anni anche CT della nazionale Canadese. Attualmente Kutnetzov è proprietario di una palestra di scherma che ha una settantina di iscritti. Schermitori dai sei-sette anni in su. Tra loro anche un paio di amatori”. Come hai conosciuto Alex Kutnetzov? “Ci siamo conosciuti sulle pedane internazionali quando anch’io ero arbitro di scherma. È una persona splendida e un ottimo professionista. Mi ha invitato lui. Io ho detto che sarei venu-

Per l’ex fiorettista e arbitro, ora tecnico del Fides, due trasferte intercontinentali to solamente se potevo portare anche qualche mio allievo del Fides. Così è stato. Le famiglie dei nostri ragazzi hanno pagato solamente il biglietto aereo. Al resto ha pensato lui”. Qual è il livello della scherma americana? “Negli ultimi 15 anni ha fatto un salto di qualità impressionante. Adesso, specialmente nel fioretto maschile e femminile, sono al top mondiale”. Com’era organizzata la giornata tipo a Palo Alto? “I nostri ragazzi si allenavano insieme ai loro coetanei statunitensi e prendevano consigli e lezioni anche dal maestro Kutnetzov. Io in genere andavo in palestra molto presto e davo anche lezioni private, di 20-30’ ciascuna, ai fiorettisti americani. Complessivamente ho fatto una sessantina di lezioni di fioretto”. Differenze sostanziali? “Molte. Sia dal punto di vista tecnico ma pure motivazionale”. Cosa vuoi dire? “Il maestro Kutnetzov, viene dalla scuola russa e ha un ottimo bagaglio schermistico. Le differenze sostanziali relativamente ai ragazzi sono nell’approccio alla disciplina sportiva e

Gruppone italo americano in palestra a Palo Alto

nella loro voglia di riuscire. Per frequentare la palestra spendono 500-600 dollari il mese e la loro mentalità è sempre vincente. Pensare di poter vedere qualche ragazzino che sbadiglia, si annoia o fa lezione di scherma in maniera svogliata è un’utopia. Anche perché se sei bravo hai ottime prospettive future. In quel caso a chiamarti è qualche Università e per frequentarla non devi pagare quelle rette annuali, esorbitanti, di diverse decine di migliaia di dollari. Una bella differenza rispetto alla nostra realtà cittadina. Da noi, infatti, le quote d’iscrizione alla palestra sono più basse e qualche volta i ragazzi arrivano demotivati, spinti magari a fare questa scelta sportiva dai genitori. Sia chiaro bravi, motivati e vogliosi di imparare ci sono anche da noi. Poi il 24 luglio siamo riparititi per Pechino fino al 5 agosto”. Con te chi è venuto? “Di nuovo Karen Biasco, Gregorio Isolani e Alex Milano. Inoltre Filippo Marchi, Penelope Biagi e i fratelli Tommaso e Giulio Lombardi. Inoltre Roberto Bellucci, mio braccio destro al Fides insieme a Eleonora Malquori. Roberto Bellucci ed Eleonora Malquori, tra l’altro, a metà giugno hanno superato gli esami e sono diventati maestri di scherma di secondo livello. E io nella stessa sessione ho ottenuto la qualifica di maestro di scherma di terzo livello; il più alto”. Dove siete andati? “Al Training Fencing Center di Pechino. Tra noi e loro c’è un gemellaggio. A febbraio vennero loro, per dieci giorni, a Livorno. In tutto 8 ragazzi e due maestri. Adesso a essere inviatati siamo stati noi. Ai nostri schermitori, coloro che ci hanno invitato, pagano vitto e alloggio e a Roberto Bellucci anche l’aereo. Sono stato io a proporre anche Roberto Bellucci per premiarlo dell’amore, la passione e dedizione con cui svolge il proprio lavoro giornalmente al Fides”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Giuseppe Pierucci Resp. sett. Fioretto circolo Scherma FIDES

307


2017: tutti i risultati

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

308

n tuffo nella storia e nella leggenda. Nel 2017 il glorioso circolo Fides ha festeggiato i suoi “primi” 125 anni. Il battesimo ufficiale, di un anno da riporre gelosamente nel cassetto dei ricordi, domenica 22 gennaio, al Pala Bastia di via Mastacchi con la prima prova del “Triangolare Mediceo”. Poi, durante i restanti undici mesi abbondanti, un crescendo d’iniziative. E quello che più conta, tanti spadaccini giovanissimi, giovani e meno giovani, bravi a far sventolare, non solo metaforicamente, il vessillo del circolo schermistico più medagliato del mondo sulle pedane di tutto il pianeta. Un circolo, il Fides di via Allende, benché da quel lontano 1892 siano passati cinque quarti di secolo, ancora ridondante vivacità agonistica e capace di continuare a sfornare campioni e campioncini con sconcertante attualità come ha sempre fatto, grazie ai suoi bravissimi maestri e a un eccellente staff dirigenziale. Ricordare gli atleti che hanno vestito almeno un giorno la casacca del Fides e sono saliti in pedana con un fioretto, una sciabola o una spada in mano, è impresa ardua. E difficile se non impossibile, enumerare gli spadaccini che si sono messi al collo, almeno una medaglia in gare olimpiche, mondiali, europee o sempli-

Fides, sono già 125 anni di storia. E non è certo finita qui… Un compleanno speciale celebrato con un crescendo di iniziative organizzate durante la stagione

cemente nazionali. Tutti, sia chiaro meriterebbero, magari fugacemente di essere citati. Essendo, però, una “mission impossible” ci limitiamo a ricordare alcuni degli spadaccini livornesi che, dagli inizi del Novecento, hanno fatto risuonare l’inno di Mameli e sventolare il tricolore sui pennoni Olimpici, dei campionati mondiali, di quelli europei e nelle manifestazioni internazionali importanti, in primis Coppa del Mondo. Tra loro, tanto per volare alto, i fratelli Aldo e Nedo Nadi, Renato Anselmi, Baldo Baldi, Andrea Marazzi, Gustavo Marzi, Manlio Di Rosa, Bino Bini, Giorgio Chiavacci, Athos Tanzini, Giorgio Pellini, Oreste Puliti, Ugo Ughi, Maurizio Vaselli, Dino Urbani, Giorgio Rastelli, Alessandro Mirandoli, Luciano Abati, Mario Curletto, Pier Luigi Chicca, Rolando Rigoli, Angelo Scuri, Andrea Baldini. E inoltre la dinastia Montano. Iniziando da Aldo Senior e proseguendo con il figlio Mario Aldo, per tutti Mauzzino, Mario Tullio, per tutti Mariolone, prematuramente scomparso a luglio 2017. E inoltre Carlo, attuale presidente del Fides, Tommaso e ultimo, ma solamente per questioni anagrafiche Aldo Junior, classe 1978, olimpionico di sciabola individuale ad Atene 2004 e campione del mondo a Catania 2011. Nel palmares dell’Aldone nazionale, inoltre decine e decine di medaglie individuali e a squadre conquistate sulle pedane di tutLa squadra maschile di fioretto festeggia dopo una vittoria a Mosca to il mondo. E, essendo

ancora vegeto e pimpante e in piena attività, nonostante la soglia dei quarant’anni sia dietro l’angolo (18 novembre 2018)…”non è finita qui….”. Un’affermazione non casuale, la nostra, che ha i suoi fondamenti in un suo desiderio che ci esternò un giorno proprio del 2017. “Mi piacerebbe – ci disse- salire in pedana alle Olimpiadi di Tokio 2020. Sarebbe bello che in gara nei 400 ostacoli, con la maglia azzurra addosso, ci fosse anche mia moglie Olga Plachina”. Olga Plachina, per i pochi che non lo sanno, è una bella ragazza russa che Aldo ha sposato nel 2016 e gli ha già regalato una splendida bambina dal nome benagurante: Olimpia.

Aldo Nadi


Per finire in bellezza, questa carrellata di campioni, nel senso più lato del termine, un posto di riguardo lo merita, senza mezzi termini, la splendida e già super medagliata Irene Vecchi: classe 1989 (10 giugno). L’ultimo siparietto in questa carrellata di ricordi, del circolo Fides, lo merita senza voler far torto a nessuno, Giuseppe

U

n grande spettacolo e un bel biglietto da visita per la città di Livorno, nella splendida location del Terminal Crociere nel cuore del porto Mediceo. In programma nel febbraio 2017 la gara internazionale di scherma: “I love Fencing”, organizzata dal circolo Fides, in occasione della ricorrenza dei festeggiamenti dei suoi “primi” 125 anni di storia. La gara, diciamolo subito con franchezza, non ha tradito le attese e ha regalato spettacolo ed emozioni. Fantastico anche il colpo d’occhio, con decine e decine di bambine e bambini, con le loro belle tutine indosso, le maschere e il fioretto o la sciabola in mano e tanta voglia di gareggiare su una delle 15 pedane disseminate nell’immenso salone del Terminal Crociere. Piccoli atleti e adolescenti, dai nove ai 14 anni, arrivati dai più importanti circoli schermistici del bel paese e dall’estero. Il gruppo più numeroso è giunto addirittura dal Fencing Center di Pechino, ed è rimasto in città per una settimana abbondante anche per allenarsi al Fides.

Nedo Nadi

I love fencing, una dichiarazione appassionata per la nobile arte del tirare in pedana Successo per l’evento organizzato dal Fides nel quadro delle celebrazioni per i 125 anni d’attività

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Mario e Aldo nella stanza di comando al loro Cantiere Navale

Nadi, classe 1860, pistoiese di nascita e livornese d’adozione, dopo esserci arrivato giovanissimo. A Livorno, Giuseppe Nadi mise “radici” anche perché s’innamorò di una bella ragazza: Assuntina Pistolesi, figlia dell’allora custode del Comune. Dalla loro unione nacquero i due figli Nedo e Aldo. Il primo Nedo, classe 1893, nella soffitta del comune, proprio un anno dopo quel 1892 (23 gennaio) in cui Beppe Nadi aveva iniziato a insegnare scherma in una stanzetta di via della Posta. Un posto angusto nelle cui vicinanze pullulano case di tolleranza. E in cui mancava la corrente elettrica e di sera si tirava al lume di candela, perché attivare la lampada a petrolio costava troppo. Come insegna della sua scuola Beppe Nadi scelse: “Circolo Fides”. Un nome estrapolato dal motto Fides, che splende sullo stemma di Livorno, la città fedele ai Medici. Da lì nasce la storia infinita del Fides, il circolo schermistico che nel 2017, come detto, ha festeggiato i cento anni e che continua a guardare lontano a testa alta. E a far risuonare l’inno di Mameli nel mondo.

Le gare

Davvero suggestivo vedere in azione contemporaneamente tanti baby spa-

Gruppo con i maestri Rigoli, Bellucci, Pierucci e Tai Yu

309


Beppe Pierucci “Cinese”

Tai Yu (maestro cinese), Antonio Di Ciolo, Beppe e Giovannino Pierucci

daccini. E a fare da cornice i loro genitori che, come una lunga onda, si muovevano da una parte all’altra del salone per vedere, in azione più da vicino, i loro figli. Tra i risultati più importanti quello del solito Gregorio Isolani. Per “super Greg” un primo posto nella sua categoria (Ragazzi 2004) e un terzo posto in quella AllieviRagazzi (2003-2004). E soprattutto tanto sudore lasciato in pedana: ”Fa un caldo bestiale”, le sue parole tra un assalto e l’altro, mentre cercava per qualche secondo, un po’ di refrigerio, fuori da una porta del Terminal. Bravissima come consueto anche Karen Biasco terza nella cat. Ragazze (2004). E, inoltre, la sempre più promettente Marta Cavallini seconda nella categoria Bambine (2006). In pedana anche le due categorie Esordienti e Prime Lame. Per loro, però, più che una gara è stata un festa. Una vetrina e un incentivo alla scherma. Per questo la federazione

Matilde Picchi arbitro

Il maestro Pierucci, lo ricordiamo, è stato l’ideatore e il promotore della manifestazione. “Con l’aiuto fondamentale di tanti genitori di ragazzi del Fides. E pur essendo la prima volta che organizzavamo questo tipo di manifestazione stato un successo enorme”, la sua chiosa, prima di dare attualità al passato prossimo. “Lo scorso Luglio mi è stato proposto uno stage in una palestra di Pechino. Venuto a contatto con quella realtà, ho pensato che sarebbe stato bellissimo e stimolante poter unire le nostre culture e dare l’opportunità di farla conoscere ai ragazzi che alleno quotidianamente. Così ho proposto agli amici cinesi lo stesso stage qui a Livorno. Da li, è nata l’idea di organizzare una gara “Mondiale” cercando, cioè di coinvolgere schermitori under 14 provenienti da realtà schermistiche sparse per tutto il pianeta. Una competizione, nelle nostre intenzioni, da riproporre, con cadenza annuale, in futuro. Anche come stimolo e vetrina, per i ragazzi che alleno. Sulle pedane del Terminal, lo ricordo, oltre agli schermitori del China Fencing Center di Pechino, erano presenti atleti di: Inghilterra, Polonia, Ungheria, Francia e addirittura Venezuela. Otre a tantissimi ragazzi giunti da ogni parte d’Italia, dalla Sicilia al Veneto”. Poi, da Pierucci, un “modus operandi” per lui sempre d’attualità “Da quanto ho iniziato la mia carriera di maestro ho sempre creduto fortemente nello scam-

bio culturale, di idee e tecniche. Per questo ho sempre cercato di creare situazioni di allenamento varie e differenti. Pian, piano, grazie a queste nostre idee cui abbiamo dato gambe stiamo diventando un centro di attrazione internazionale. Tutto ciò oltre a fare bene al circolo Fides e ai nostri ragazzi, credo che faccia bene alla città di Livorno sotto tutti i punti di vista”. Infine da Pierucci: “Un ringraziamento agli sponsor: linfa vitale della macchina organizzativa.

Risultati

Fioretto Giovanissime-Bambine (20052006).23 partecipanti. 6° Ginevra Manfredini, 10° Silvia Pieroni, 12° Marta Cavallini. Cat. Bambine (2006): 2° Marta Cavallini. Fioretto Giovanissimi Maschietti (20052006). 50 partecipanti. 31° Elia Rossi, 32° Gualtiero Tognelli, 34° Gregorio Perini, 37° Gabriele Garzelli, 47° Leonardo Maggini, 49° Francesco Rencricca, 50° Lorenzo Capolicchio. Fioretto Ragazze-Allieve (20032004).32 partecipanti. 7° Karen Biasco, 9° Beatrice Prusciano, 11° Costanza Pensabene, 28° Chiara Torri. Nella cat. Ragazze (2004). 3° Karen Biasco, 4° Beatrice Prusciano, 5° Costanza Pensabene. Fioretto Ragazzi-Allievi (2003-2004). 47 partecipanti. 3° Gregorio Isolani, 13° Alexander Milano. Cat. Ragazzi (2004). 1° Gregorio Isolani, 4° Alexander Milano. Esordienti (classe 2007). Oltre 30 baby schermitori. Gruppo Fides: Ruben Bellandi, Pietro Magherini, Veronica Pritelli. Prime Lame (classe 2008). Un’altra trentina abbondante di bambini. Gruppo Fides: Dalia Rinforzi, Camilla Rossi e Giorgia Ruta. Lorenzo Cattani, Cristiano Fusco, Martino Melucci e Gianluigi Tognelli.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

vieta, per piccoli atleti di quell’età, classifica e punteggi degli assalti. Nell’occasione spazio anche alle premiazioni dei più piccoli. A riceverli sono stati una sessantina di piccoli atleti.

Niccolò Cillari arbitro

311


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

P

312

Al prestigioso Gran Prix under 14, il Fides cala un poker vincente

oker di successi per il glorioso circolo Fides nel Gran Prix di Scherma under 14. L’appuntamento più importante della stagione agonistica 20162017, insieme al campionato italiano. A scrivere a caratteri cubitali il loro nome nell’albo d’oro del prestigioso trofeo nazionale di scherma giovanile, sono state le fiorettiste Karen Biasco, Ginevra Manfredini, il fiorettista Gregorio Isolani e lo sciabolatore Edoardo Cantini. Sul podio (terzo posto) anche Matteo Pupilli dell’Accademia della Scherma. Le liete novelle nell’ultima decade di marzo 2017 dopo la seconda e definitiva prova nazionale svolta a Riccione per i fiorettisti: Gregorio Isolani, Karen Biasco e Ginevra Manfredini e a S. Severo per lo sciabolatore Edoardo Cantini. La prima prova, con tutti e quattro i moschettieri del Fides sul primo gradino del podio (ci mancherebbe altro !) e tanti preziosi punti in “saccoccia” si era svolta a novembre 2016 a Montecatini per gli sciabolatori e ad Ancona per i fiorettisti. Oltre al pokerissimo di super spadaccini, considerando anche il piccolo (11 anni a Giugno prossimo) ma promettentissimo Matteo Pupilli dell’Accademia della Scherma, in bella evidenza anche tanti altri aspiranti campioncini cominciando da: Noemi Monaldi, Federico Chiesa, Beatrice Prusciano, Costanza Pensabene, Viola Fioriti e Alexander Milano (assente a Riccione) il ragazzino parigino che un paio di volte il mese viene ad allenarsi al Fides, alla corte del maestro Beppe Pierucci. Un Pierucci, inutile sottolinearlo euforico, insieme al maestro Nicola Zanotti, per questi nuovi straordinari successi. “Quello che hanno fatto questi quattro giovani atleti è qualcosa di storico. Nessuno mai ave-

va vinto quattro Grand Prix nello stesso anno al Fides e forse, tutti della stessa società, neppure da altre parti ”. Da Pierucci, e successivamente da Zanotti, elogi distribuiti a piene mani, collegialmente e a livello individuale. Cominciamo ascoltando quanto ha detto super Beppe all’indomani di quegli straordinari successi: “Secondo Gran Prix consecutivo per Karen Biasco. Una ragazza forte, glaciale, matura, tenace e con una tecnica sopraffina. Addirittura terzo Gran Prix consecutivo per Gregorio Isolani. Un fiorettista, in continua crescita. Nessuno in tutta la gara, tra i suoi avversari, è riuscito ad arrivare in doppia cifra e hanno dovuto inchinarsi al suo talento e alla sua classe. Davvero un rullino di marcia incredibile. Forte di tecnica e di testa, Gregorio sa bene cosa vuole e più matura, più si esalta. Oro per Ginevra Manfredini, più piccola di Karen, ma altrettanto determinata. Ha vinto convincendo tutti e forse anche convincendosi lei stessa. Ha delle ottime qualità nelle quali deve credere un po’ di più. Ginevra ha dominato la finale portando a casa meritatamente il suo primo Gran Prix. Belle prestazioni anche da tanti altri fiorettisti. A testimonianza di un gruppo forte, coeso, che non si accontenta mai

e cerca sempre di migliorarsi”. Da Nicola Zanotti lodi a piene mani a Edoardo Cantini e a tanti altri baby sciabolatori: “Grande Edo, “Nano” (il nomignolo che gli ha affibbiato Zanotti, ndr). Ha vinto meritatamente il Gran Prix grazie al primo posto di Montecatini e al secondo di S. Severo dov’è giunto facilmente in finale. Bel passo avanti anche di Noemi Monaldi davvero a un’inerzia (sconfitta sul filo di lana 15-14) dal terzo gradino del podio. Bravi pure Federico Chiesa, Gianluca Santini, Sofia Vesciano, Michelle Monaldi e tanti altri”. Infine da Beppe Pierucci belle parole nei riguardi di tutto il gruppo fioretto: “Pur essendo dei bambini, questi risultati sono più che meritati, anche per l’atteggiamento che hanno nell’allenamento, nella serietà che ci mettono. Per ben tre volte alla settimana fanno una preparazione atletica mirata appena escono da scuola, poi studiano tutti insieme per continuare ad allenarsi fino a notte. Ringrazio e condivido i meriti di queste vittorie con tutto il resto dello staff del fioretto che lavora con serietà, armonia e unità d’intenti. Uno staff, lo ricordo, eterogeneo formato Roberto Bellucci, Anna Kassianovich, Eleonora Malquori. E che ha nel preparatore atletico prof. Franco Fabbri, il

Il maestro Zanotti con Cantini e Ilaria Bianco

Biasco e Pierucci a Riccione

Monaldi e Cantini

In uno degli appuntamenti più importanti, gli allievi dello storico circolo scrivono il proprio nome nell’albo d’oro


Matteo Pupilli

Gregorio Isolani a Riccione

qualificato e insostituibile supporto. Persone che vivono questo impegno più per passione che per denaro e per questo meritano un applauso speciale. Un grazie infine alle famiglie dei piccoli atleti”.

(Acc. Scherma). Maschietti (145 part. Anno n. 2006). 7° Matteo Pupilli e 13° Cristiano Sena dell’Acc. della Scherma. Seguono: Leonardo Maggini, Alessandro Biondi (Acc.) Gualtiero Tognelli e Gabriele Garzelli del Fides. Giovanissimi (166 part. Anno n. 2005). Discrete prove di Gregorio Perini, Jader Venuta (Acc. Scherma) e Elia Rossi.

Risultati. Riccione. Fioretto Femminile

Ragazze (82 part. Anno nascita 2004). 1° Karen Biasco, 13° Costanza Pensabene, 18° Beatrice Prusciano, segue Chiara Torri. Giovanissime (87 part., Anno n. 2005). 1° Ginevra Manfredini, 49° Silvia Pieroni. Bambine (120 part. Anno n. 2006). 41° Marta Cavallini. Allieve (90 part. Anno n. 2003). 7° Viola Fioriti (Acc. Scherma).

S. Severo. Sciabola

Ragazzi (136 part. Anno n. 2004). 1° Gregorio Isolani, 16° Carlo Maria Politi

Ragazzi. 2° Edoardo Cantini. Giovanissimi. 9° Federico Chiesa, 18° Gianluca Santini, 27° Marco Casavecchia, 41° Federico Baracchino (Acc. Scherma). Maschietti (48 part. Anno n. 2006). 27° Davide Mannucci. Allievi (62 part. Anno n. 2003) Vittorio Fera (Acc. Scherma). Sciabola Femminile. Allieve (44 part. Anno n. 2003). 8° Noemi Monaldi, 23 Diletta Becucci. Giovanissime

Karen Biasco

Ginevra Manfredini e Beppe Pierucci a Riccione

Fioretto Maschile

Nicola Zanotti, Noemi Monaldi e Ilaria Bianco

16° Sofia Vesciano, 28° Azzurra Strati. Bambine (31 part. Anno n. 2006). 18° Michelle Monaldi, 22° Anna Gambogi.

Spada Valide prove di Alessandro Biondi e Matilde Cigliano dell’Acc. della Scherma,

Classifica finale del torneo nazionale (Gran Prix) (migliori classificati)

Fioretto Ragazze. 1° Karen Biasco, 13° Beatrice Prusciano, 15° Costanza Pensabene. Ragazzi. 1° Gregorio Isolani, 9°

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Un quartetto dell’Accademia di Scherma con Dario Finetti da Sx Biondi, Pupilli, Venuta e Sena

Bellucci, Isolani e Pierucci

313


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

314

n mix di ricordi ed emozioni. Di gioia, divertimento e giovanile agonismo. Conditi da tanta spontanea e genuina solidarietà. La settima edizione delle “Stoccate del Cuore”, organizzata dal comitato Regionale Fis (Federazione Italiana Scherma), in collaborazione con glorioso circolo scherma Fides, sulle magiche pedane del “tempio” della scherma di via Allende, non ha tradito le attese. Assoluti protagonisti, in un weekend di metà maggio, tanti baby schermitori. Un salone quello del Fides, addobbato, per l’occasione, con palloncini rossi e bianchi, a forma di cuore, nel ricordo dell’indimenticata Silvia Pierucci. In pedana bambine e bambini con, con tra le mani, i loro “adorati” fioretti o le loro sciabole e spade, rigorosamente di plastica, e addosso le loro belle tutine. In parte livornesi ma tanti altri arrivati da mezza Toscana. Tutti rigorosamente delle categorie Esordienti, (classe 2009-2010 e 2011) e Prime Lame (nati nel 2007 e 2008). Per loro attività ludico motoria, di fronte a mamme, babbi e nonni, pronti a immortalare, in video e fotografie, le gesta agonistiche dei loro “piccoli angeli” e a sommergersi di applausi e complimenti, in gare in cui i risultati, una volta tanto, avevano un peso specifico davvero trascurabile. Perché le vere finalità, della manifestazione schermistica, nel nome di Silvia Pierucci, erano altre. In primis coinvolgere, rendere partecipe i baby schermidori di un’esperienza speciale, finalizzata oltre che a tenere vivo il ricordo di una persona davvero speciale, volata in cielo troppo presto, anche per una nobile causa: quella della solidarietà con la S maiuscola. L’intero ricavato delle iscrizioni al torneo, è stato, infatti, donato all’Associazione Onlus “I Cuori di Silvia”, attiva al fianco di bambini e famiglie con difficoltà. ormai da qualche anno: “Non c’è cosa più bella d’una manifestazione per bambini che contribuisca ad aiutare altri bambini”, lo slogan del trofeo. Uno slogan, davvero esplicativo e indovinato che avrebbe apprezzato e fatto felice anche Silvia Pierucci: ottima psicologa, schermitrice e arbitro internazionale di scherma, prematuramente scomparsa nel 2010. Una persona con un cuore grande che, per la sua innata gentilezza, bravura, ge-

Le Stoccate del Cuore alla settima edizione, organizzata dalla Federazione e dal Fides In ricordo di Silvia Pierucci e del suo grande cuore che batteva per la scherma e la solidarietà

Una panoramica dell’evento

nerosità e simpatia e amore per i bambini e verso il prossimo, ha lasciato una striscia di ricordi difficili da cancellare, anche in coloro che hanno avuto l’opportunità di conoscerla solo marginalmente.

Fast Track Pediatrico A corollario di questa iniziativa sportiva ricordiamo che nella primavera 2018 l’associazione Onlus “I cuori di Silvia” ha donato, all’ospedale di Livorno, la bella cifre di 20mila euro per l’acquisto di tutte le attrezzature necessarie per l’allestimento dell’ambulatorio Fast Track Pediatrico (corsia privilegiata pediatrica). In particolare monitor multi parametrico con accessori, carrelli, paraventi, e arredi. A spiegare i contorni di quella donazione la mamma Maria Teresa Pierucci nel corso di una conferenza stampa indetta nel reparto di pediatria in quella circostanza. Ecco alcuni suoi commenti: “Da uno dei dolori più grandi che un genitore possa subire – ha detto – abbiamo deciso di fare qualco-

sa di bello, di creare questa associazione per fare cose concrete. Il nostro aiuto, il nostro modus operandi in generale, è quello di raccogliere fondi per dare linfa a iniziative benefiche. Tra queste, in particolare, sostenere progetti rivolti ai bambini che lei tanto amava. Da qui l’idea di mettersi al servizio del reparto di Pediatria e di donare tutto quanto necessario per questo nuovo ambulatorio. La raccolta dei fondi è stata complessa, ma Livorno si è dimostrata ancora una volta una piazza stupenda e dalla generosità infinta. Ai tanti donatori il nostro sentito ringraziamento”.

I bambini con i cuori in alto pronti a volare


Partecipanti alla gara

Tornando agli aspetti pseudo-agonistici, tra gli schermitori in pedana anche il nipotino di Silvia: Giovanni Pierucci, figlio del fratello Giuseppe (per tutti Beppe), cuore pulsante della macchina organizzativa insieme alla sorella Simona Pierucci. Ma vediamo il nome di alcuni baby schermitori del Fides che hanno partecipato

Circolo Fides Esordio stagionale con il turbo innestato, per i giovani spadaccini del Fides, nell’Interregionale Liguria-Toscana per il Fioretto e Liguria-Toscana- Piemonte a La Spezia. A fare la parte del leone, con la sciabola in mano, o se preferiamo con la bilama, gli “eredi” di Aldo Montano e di Irene Vecchi, tutti aspiranti campioncini pronti a rinnovare una tradizione che ha radici lontane e ha visto salire i primi atleti in pedana, dalle nostre parti, con un’arma in mano nel lontano 1892. A conti fatti 126 anni fa non l’altro giorno. A mettere più fieno nella cascina amaranto del Fides gli sciabolatori, ma la loro bella figura l’hanno fatta pure i fiorettisti. Ennesima testimonianza delle potenzialità di un circolo schermistico, l’abbiamo detto altre volte, più medagliato al mondo. Nell’interregionale è facile intuirlo lo squadrone di via Allende si è issato in vetta alla classifica per società, come sua abitudine. Andando ad analizzare le singole prestazioni, onore e meriti vanno in primis a hi ha occupato i primi gradini del podio. I loro nomi? Medaglia d’oro per: Veronica Pritelli, Edoardo Cantini e Filippo Picchi. Argento, invece, per Karen Biasco e Gregorio Isolani. E medaglia di bronzo per Alexander Milano, Davide Mannucci, Andrea Artuso e Giorgio Favilla.

al trofeo. Fioretto 2009-2008-2007: Elena Picchi, Giovanni Pierucci, Giorgio Pini, Francesco Baroni, Ambra Barbato, Matteo Casavecchia, Francesco Sperandeo, Emanuele Nardini, Giulia Saracaj, Anna Serino, Ginevra Zucchelli, Agata Sitta, Gianluca Guadagni, Andrea Bazzi, Ottavia Santiglia, Nicola Manfrè, Giorgia Ruta, Gialui-

gi Tognelli, Lorenzo Cattani, Dalia Rinforzi, Camilla Rossi, Ludovica Fannelli, Andrea Benetti, Veronica Pritelli, Pietro Magherini, Brando Barbieri Melissa Sitta. Spada: Rachele Saracaj, Mattia Signorini e Christian Torri. Sciabola: Filippo Picchi, Diego Bottari, Mattia Santerini, Claudia Bandini, Rocco Biagi, Andrea Artuso.

Nell’interregionale Liguria-Toscana, gli schermidori livornesi fanno la parte del leone Una pioggia di vittorie e piazzamenti sul podio per gli allievi delle scuole Fides e Accademia dello Sport

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Pierucci con i bimbi partecipanti

Un podio al maschile con i bimbi amaranto del FIDES

315


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Fioretto

316

Sul primo gradino del podio Veronica Pritelli, 10 anni di talento e classe genuina. Super Veronica, nella categoria Bambine, con una bellissima prestazione ha messo d’accordo le 22 compagne d’avventura. Nella cat. Ragazze/Allieve, medaglia d’argento per Karen Biasco, stoppata in finale da Irene Bertini (Pisa Scherma). Settimo gradino del podio per Beatrice Bibite che si è arresa nei quarti proprio a Karen. Più indietro alla spicciolata, di una classifica che ha visto ai nastri di partenza 42 partecipanti, Beatrice Prusciano (9°), Ginevra Manfredini, Costanza Pensabene, Chiara Torri e Silvia Pieroni. Nella categoria Giovanissime valida prova di Marta Cavallini e Giorgia Fannelli. Nella categoria Ragazzi/Allievi, invece, medaglia d’argento per Gregorio Isolani e bronzo per Alexander Milano e poco più indietro Elia Rossi. Super Gregorio in finale si è arreso a Joseph Ceroni del Cus Siena. In bella evidenza anche i Giovanissimi grazie a una bella prestazione collettiva del gruppo degli undicenni: Gualtiero Tognelli, Leonardo Maggini, Francesco Rencricca, Lorenzo Capolicchio e Gabriele Garzelli.

Sciabola

15-5 e 15-6 nella finalissima. Insomma un degno erede di Aldone Montano. Nella categoria Giovanissimi, invece, 3° Davide Mannucci, 7° Nicolò Bechini e 11° Edoardo Betti. Tra le Giovanissime: 7° Michelle Monaldi, 8° Giulia Gambogi. Infine, come ciliegina sulla torta l’exploit dei più piccoli nella categoria Maschietti (10 anni), Un trionfo collettivo che lascia stupefatti: Primo posto per Filippo Picchi, terzo per Andrea Artuso e Giorgio Favilla, sesto per Lorenzo Stefanutti, settimo per Mattia Pappalardo e ottavo per Alessandro Perri di una classifica in cui anche Rocco Biagi e Diego Bottari hanno fatto la loro bella figura.

Spada

Buone prove di Camilla Cavalieri e Tommaso La Comba. Affidiamoci, questa volta per i commenti alla dirigenza del Fides: “I nostri leoncini hanno dato dimostrazione di grande grinta e capacità, conquistando tanti ottimi piazzamenti e costruendo tutti insieme l’eccellente risultato di oggi. A tutti i nostri atleti ed al Corpo Magistrale rivolgiamo il vivo compiacimento del Circolo per i risultati di oggi, che testimoniano l’impegno e la bontà del lavoro che quotidianamente viene svolto da tutti”.

Accademia della Scherma

Medaglia d’oro al collo per Edoardo Cantini. Alle sue spalle tante altre belle prove della florida pattuglia di sciabolatori del Fides cominciando da Marco Casavecchia (7°) e proseguendo con Federico Chiesa, Umberto Maria Ribaudo, Cosimo Bertini, Gianluca Santini e Giulio La Comba. Sontuoso il cammino di Edoardo Cantini verso la vittoria cominciando dai gironi in cui ha messo a segno la bellezza di 30 staccate e ne ha subite solamente 4. Poi, nella sua cavalcata trionfale verso la gloria, cinque assalti vincenti su cinque nelle dirette con punteggi che lasciano pochi dubbi anche agli scettici più incalliti. Basta guardare i punteggi: 15-4 (3 volte),

In bella evidenza nell’Interregionale del GPG anche i baby spadaccini dell’Accademia della Scherma. Alcuni di loro, essendo, però, tesserati con le Fiamme Oro, hanno dovuto disertare le gare di La Spezia e salire in pedana ad Ariccia nell’Interregionale Lazio-Campania. Il più bravo di tutti Elijah Samuel Robson. Dopo aver conquistato la medaglia d’oro nel Fioretto si è messo al collo anche quella d’argento nella Spada, sempre nella categoria Giovanissimi. Sul podio più alto, nella stessa categoria Matteo Pupilli che, però, essendo tesserato per le Fiamme

Veronica Pritelli sul primo gradino del podio Fides

Matteo Pupilli dell’Accademia

Oro ha gareggiato ad Ariccia. Con una super prestazione Pupilli, nella cittadina laziale, ha messo in rigorosa fila indiana tutti i fiorettisti e il giorno dopo ha ottenuto un bel nono posto nella sciabola. Tra i risultati più importanti, nella categoria Bambine, la medaglia d’argento della piccola Elena Cigliano (10 anni) nella Spada e quella di bronzo della coetanea Aurora Pisà nel Fioretto. Ma vediamo i risultati complessivi del circolo, di via Garzelli: con sul ponte di comando la presidentessa Jennifer Cerrai, cominciando proprio dai più piccoli. Categoria Bambine (10 anni). Elena Cigliano ha conquistato una medaglia d’argento nella Spada e un nono posto nel Fioretto. Bronzo, inoltre di Aurora Pisà nel Fioretto. Giovanissimi (11 anni). Elijah Robson: oro nel Fioretto e argento nella Spada. Matteo Pupilli (Fiamme Oro) 1° nel Fioretto e 9° nella Sciabola. Samuele Rossi 18° nella Spada e 30° nel Fioretto. Cristiano Sena 11° nel Fioretto e 17° nella Spada. Alessandro Biondi (Fiamme Oro) 34° nel Fioretto e 25° nella Spada. Allievi/Ragazzi. Fioretto: 20° Carlo Maria Politi, 33° Federico Baracchino e 39° Mauro Bartaloni. Inoltre nella Spada: 24°Mauro Bartaloni e 35° Jhon Venuta (Fiamme Oro). Infine nella categoria Allieve/ Ragazze: 18° nella Spada Matilde Cigliano e 10° posto di Azzurra Strati nella Sciabola. Ottimistico il commento del responsabile del settore giovanile dell’Accademia Dario Finetti. Ascoltiamolo: “Sono contento della prova complessiva dei nostri atleti. Abbiamo conquistato due medaglie d’oro nel fioretto e una d’argento e una di bronzo, con due nuove leve, dell’Accademia. Benché l’alluvione abbia colpito la nostra palestra, la voglia di fare scherma non è diminuita!”

Biasco, Bibite, Isolani, Milano del Fides


Tommaso Lombardi

Italiani a squadre: Fides e Accademia navigano con il vento in poppa L’appuntamento tricolore di Bolzano ha riservato parecchie soddisfazioni per i team delle società livornesi

Un quartetto targato Fides con Beppe Pierucci

sco, Beatrice Prusciano, Costanza Pensabene e Chiara Torri, nella categoria superiore (più grandicelle). La sconfitta nei quarti, con il C. S. Jesi per 45-40, che ha spinto fuori dal podio le fiorettiste del Fides è arrivata dopo un assalto sostanzialmente equilibrato. A fare la differenza anche in questo caso la loro minore età rispetto alle avversarie. Le fiorettiste: Biasco, Prusciano, Pensabene e Torri sono tutte e quattro sono del 2004, mentre ben tre atlete della compagine iesina erano tutte del 2003. E un anno di differenza in queste categorie, non ci vuole molto a capirlo, ha un peso specifico notevole.

La gara?

Girone perfetto con le vittorie su Treviso (45-22), Siena (45-29) e Brescia (4529). E solo per differenza tra il gap di stoccate messe a segno e quelle subite, quinto posto nel tabellone delle dirette che ha consentito loro di accedere direttamente agli ottavi dove hanno battuto, per 44 a 34 il C. S. Torino. Tra le più brave Karen Biasco: “autrice di una splendida prestazione. Ma brave anche le compagne”, il commento di Roberto Bellucci. Nella categoria Maschietti-Giovanissimi (2005-2006), si sono presentate ai nastri di partenza ben 43 squadre. A penalizzare i baby sciabolatori: Gual-

tiero Tognelli, Leonardo Maggini, Gabriele Garzelli e Lorenzo Capolicchio, tutti quattro del 2006, è stata la carenza di esperienza e un po’ d’emozione. Nella stessa gara invece note lusinghiere per il quartetto dell’Accademia della Scherma composta da Alessandro Biondi, Matteo Pupilli, Cristiano Sena e Jhon Jader Venuta. Per loro tre vittorie su tre nel girone e pass in tasca nella prima diretta. Poi, nel tabellone delle eliminatorie, due successi per 36-27 su D.L.F. Venezia e Sporting Cento, prima di arrendersi nei quarti al C.S. Jesi sempre 36-27. In tanta abbondanza di squadre partecipanti, una prestazione complessiva molto valida per i nostri piccoli schermitori.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

n inizio di febbraio 2017 con il vento in poppa per i baby spadaccini di Fides e Accademia della Scherma. Ai campionati italiani a squadre di Bolzano, nella prima decade del mese, le fiorettiste del glorioso circolo di via Allende hanno conquistato una bella medaglia d’argento nella categoria Bambine-Giovanissime (2005-2006). Protagoniste della ottima performance: Ginevra Manfredini, Silvia Pieroni e Marta Cavallini. Quinto posto finale, sempre in casa Fides, nella città trentina, nella categoria Ragazze-Allieve (2003-2004) di fioretto, invece, per Karen Biasco, Beatrice Prusciano, Costanza Pensabene e Chiara Torri. E ottavo posto nella categoria fioretto Maschietti-Giovanissimi (2005-2006) del quartetto dell’Accademia della Scherma, composto da Alessandro Biondi, Matteo Pupilli, Cristiano Sena e Jhon Jader Venuta, In questa gara, lontano dal podio il team Fides della sciabola formato da: Gualtiero Tognelli, Leonardo Maggini, Gabriele Garzelli e Lorenzo Capolicchio. Ma andiamo nel dettaglio cominciando dall’argento tricolore di Ginevra Manfredini, Silvia Pieroni e Marta Cavallini. Lo stop per loro è arrivato a un passo dal sogno tricolore, per 36-29, di fronte alla corazzata Frascati Scherma. Meritati gli elogi a piene mani dell’istruttore Roberto Bellucci presente a Bolzano. “E’ stata una prestazione fantastica, in cui è le tre ragazzine del nostro team hanno espresso un’ottima scherma, con costanza e lucidità. Bravissime davvero”. I numeri? “Percorso netto e secondo posto nel girone e pass diretto per gli ottavi, grazie alle vittorie su Brescia (36-9) e C.S. Aretino (36-9). Poi, prima dell’epilogo, tris di successi in rapida successione sempre su C.S. Aretino (367), Comense S. (36-30) e in semifinale su Cus Siena (36-27). Buon quinto posto, ma con un pizzico di rammarico, invece, per Karen Bia-

Da sx Biasco, Pieroni e Manfredini

317


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

n inizio dell’anno il 2017 scoppiettante per la scherma livornese. In dettaglio alcuni dei risultati più importanti. Cominciamo da Irene Vecchi uno dei simboli del “made in Leghorn” della nostra scherma nel mondo. Venerdì 27 gennaio, a New York, la bella Irene, nelle sale del “New York Marriott” nei pressi del ponte di Brooklyn, nella gara americana di Coppa del Mondo ha ottenuto un ottimo terzo posto. E grazie anche ai venti punti messi in saccoccia ha fortificato la sua posizione nella “top ten” del ranking mondiale. A dire la verità il verdetto newyorchese per la nostra campionessa poteva essere decisamente migliore, se dopo essere stata in vantaggio per 14-11 in semifinale, contro la francese Cecilia Berder non si fosse fatta raggiungere sul 14 pari e poi “bruciare” sul filo di lana 15-14. Per la cronaca poi la transalpina, nella finalissima, ha piegato la coreana Kim e ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro, della prestigiosa prova di Coppa del Mondo d’oltre oceano. La gara? Fino agli ultimi sussulti della semifinale, numeri alla mano, Irene Vecchi aveva condotto una gara quasi perfetta, dimostrando una volta di più di essere in un ottimo stato di forma. Dopo l’esordio in pedana, senza troppi patemi contro la magiara Laszlo (15-7), Irene Vecchi si era ripetuta in rapida successio-

Irene Vecchi e Gregorio Caranti, due talenti livornesi alla conquista del Nuovo Mondo all’inizio del 2017 Doppia gioia negli Stati Uniti per la coppia di schermidori che tiene alto il nome della scuola nostrana in giro per il mondo

Irene Vecchi (a dx) mostra il bronzo vinto a New York

ne contro le polacche Bogna Jozwiak per 15-9 e Marta Puda per 15-7. E nei quarti aveva piegato (15-13) una delle beniamine di casa: la statunitense Dagmara Wozniak. La bella nella grande Mela per Irene, diciamolo con franchezza, non è un lampo a ciel sereno. Nelle prime due gare di Coppa del Mondo 2016-2017 aveva fornito due belle prestazioni: sesto posto a novembre a Orleans e settimo a Cancun in Messico a dicembre. Lo stop nei quarti in entrambe le gare era arrivato di fronte a due autentiche fuoriclasse: la giovane (20 anni) ed emergente francese Manon Brunet a Orleans. E in Messico, per 15-12, davanti alla campionessa olimpionica di Rio 2016 e a quel momento leader del ranking mondiale, la russa 23enne Yana Egorian.

Gregorio Caranti

Nicola Zanotti e Gherardo Caranti

318

Gli Stati Uniti hanno regalato gioie e soddisfazioni anche al giovane (1 Luglio 1997) sciabolatore del Fides Gherardo Caranti. A Phoenix, in Arizona, il 21 e 22

gennaio, in una delle tappe di Coppa del Mondo Giovani (under 20), il bravo Gherardo dopo un buon undicesimo posto nella gara individuale ha trionfato nella prova a squadre insieme ai compagni d’avventura: Matteo Neri, Dario Cavaliere, Leonardo Dreossi. Il team azzurro, splendidamente guidato dal C.T. Giovanni Sirovich, in semifinale ha costretto alla resa 45-35 lo squadrone statunitense e in finale ha maramaldeggiato: 45-25 il Canada, meritandosi i complimenti da parte di tutto lo staff cominciando dal C.T. Giovanni Sirovich che ha guidato a bordo pedana gli azzurrini. Per Gherardo Caranti elogi meritatissimi anche dal Fides per: “la bellissima medaglia d’oro conquistata al termine di una gara nella quale è stato uno dei protagonisti, con un gap positivo di dieci stoccate nell’assalto contro gli Yankees e di tre stoccate contro i canadesi in finale. Bravissimo Gherardo siamo fieri di te”, il commento a questo importante successo.


Italiani a squadre

Le fiorettiste Eleonora Malquori, Francesca Romanelli, Penelope Biagi e Ginevra Eleuteri hanno imposto i diritti della loro classe sopraffina. Prima con un percorso netto nel girone, grazie a due vittorie, per 45-25 su Modena e 45-37 contro Verona. E successivamente, senza patemi d’animo, nelle tre dirette, vinte in scioltezza mettendo a segno ben 135 stoccate e subendone solamente 94 subite. Un risultato, quello ottenuto dal magico quartetto composto da: Eleonora Malquori, Francesca Romanelli, Penelope Biagi e Ginevra Eleuteri, difficilmente ipotizzabile alla vigilia tenendo conto anche della loro giovane età. Basta ascoltare il super maestro Beppe Pierucci. “Bellissima vittoria, personalmente inaspettata, delle nostre splendide “bimbe”. L’obiettivo era di entrare nelle prime quattro posizioni e salire in B1. Invece le ragazze sono andate oltre e hanno centrato addirittura una stupenda vittoria. Da sottolineare l’affiatamento, lo spirito di gruppo e la scherma di ottima qualità messa in mostra nel corso della gara. Davvero grandissime”. In grande spolvero pure le spadiste dell’Accademia della Scherma, in una specialista che ultimamente, anche dalle nostre parti, comincia a regalare, con discreta continuità, soddisfazioni. A centrare la storica promozione al piano di sopra (da C1 a B2): Francesca Bargagna Carolina Giovannoni, Alice Valtriani e Lucrezia Vicari. Le prime

Italiani a squadre e campionato regionale: la scherma livornese si tinge di rosa In campo femminile, per Fides e Accademia arrivano promozioni e vittorie individuali due classe 1999 e le altre addirittura classe 2002. A conti fatti 66 anni in quattro. E quello che più conta un’autostrada agonistica tutta, o quasi, ancora davanti e da percorrere in bellezza, dando concretezza a tanti loro sogni riposti nel cassetto.

La gara?

Disco verde nel girone (doppia vittoria) e nelle prime due dirette. Pollice verso invece nella finalissima contro il C.S. Apuano, davvero per un’inerzia: 45-42, quando la promozione era già acquisita e si gareggiava solamente per il titolo tricolore di categoria.

Campionato regionale

Sul podio più alto della sciabola Margherita Cappelli, una sciabolatrice che da un po’ di tempo si allena al C. S. Oreste Puliti di Lucca. Nella stessa gara medaglia di bronzo al collo per Camilla Michelucci e Matilde Picchi: sconfitta da Margherita Cappelli in semifinale. E poi dietro

alla spicciolata altre cinque sciabolatrici del Fides: Concetta Julia Terreni, Angelica Cardi, Matilde Freschi, Marta Bozzi e Giulia Pitzolu. Nella sciabola maschile, invece, terzo gradino del podio per Leonardo Tomer. Sempre in casa Fides nell’ottetto dei finalisti pure Niccolò Cillari, Lorenzo Cambini e Pietro Torre. E tra gli “accademisti” Alberto Fidanzi. Più indietro: Giorgio Gradassi, Lorenzo Attanasio, Edoardo Bertocchini, Mario Romboli e Alberto Baracchino (Accademia). Tra i fiorettisti bella vittoria di Tommaso Lombardi (del CS Agliana) che però, da novembre, ha scelto di allenarsi al Fides alla corte di Beppe Pierucci: “ Da quando è arrivato è riuscito a collezionare ottimi risultati: 2° posto alla prova del campionato italiano under 17, 5° alla gara internazionale di Pisa under 17 e convocazione ai campionati Europei di categoria sfiorata. Adesso arriva questo titolo che fa bene al morale e gli permetterà di affrontare le ultime gare della stagione con maggiore consapevolezza e determinazione. E’ un ragazzo, come il fratello più piccolo Giulio, di grandi capacità tecniche e sensazioni schermistiche davvero di elevato pregio” Nella gara stupenda prestazione (secondo) pure di Matteo Valtriani (Accademia) e Filippo Marchi del Fides (sesto). Nella spada, invece, terzo gradino del podio per Francesca Bargagna e Alice Valtriani. E, sempre in casa Accademia, 6° e 7° posto con il fioretto in mano di Lucrezia Vicari e Carolina Giovannoni. Insomma la solita abbuffata di grandi risultati.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

P

romozione nelle categorie superiori per la squadra delle fiorettiste del Fides e delle spadiste dell’Accademia della Scherma. L’ennesima performance, in salsa livornese, ai campionati italiani di Casale Monferrato, dal 24 al 26 febbraio. Per le fiorettiste del Fides salto dalla categoria B2 alla categoria B1. Le spadiste dell’Accademia, invece, hanno salutato la categoria C1 e sono salite in B2. Me le “buone nuove” per i nostri spadaccini, nell’ultimo weekend di fine febbraio 2017 non sono limitate alle stupende prestazioni a squadre e hanno riguardato anche i campionati regionali assoluti di Pontedera.

Risultati

Matilde Picchi e Camilla Michelucci sul terzo gradino del podio

Sciabola Femminile: 1° Margherita Cappelli (O. Puliti Lucca), 3° Matilde Picchi e Camilla Michelucci, 6° Julia Terreni, 7° Angelica Cardi, 11° Matilde Fre-

319


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Quartetto Fides Eleonora Malquori, Beppe Pierucci, Ginevra Eleuteri, Francesca Romanelli e Penelope Biagi

M

edaglie d’oro tricolori al collo per Ginevra Manfredini e Matteo Pupilli. E d’argento per Edoardo Cantini e Gregorio Isolani. E come se non bastasse tanti altri buoni piazzamenti, cominciando dal settimo posto di Karen Biasco e proseguendo con Alexander Milano, Noemi Monaldi, Beatrice Prusciano, Marta Cavallini e tanti altri. In una competizione il Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” trofeo “Kinder +Sport” 2017 in programma a Riccione, a cavallo tra la fine d’aprile e i primi di Maggio, in cui e già motivo di grande soddisfazione essere presenti. Figurarsi quando, come nel caso dei nostri due circoli cittadini, molti bambini e adolescenti con il suo fioretto, la sua sciabola o la sua spada in mano, riesce a salire sul podio o ad avvicinarcisi. Fatta questa doverosa premessa è facile capire che la grande kermesse nazionale di scherma under 14, anche in questa circostanza, non ha tradito le attese. E ha regalato tante belle soddisfazioni a molti baby spadaccini di casa nostra. In palio, sulla riviera adriatica, è bene sottolinearlo, c’erano le maglie tricolori della scherma, in quello che è ritenuto, l’appuntamento stagionale della scherma giovanile italiana più importante dell’anno, unitamente al Gran Prix (due prove una a novembre e l’altra a Marzo).

Oltre 40 spadaccini labronici

In gara a Riccione 35 giovani schermitori del Fides e 8 dell’Accademia della

320

schi, 13° Marta Bozzi, 14° Giulia Pitzolu. Sciabola Maschile. 3° Leonardo Tomer, 5° Niccolò Cillari, 6° Alberto Fidanzi (Accademia), 7) Lorenzo Cambini, 8° Pietro Torre, 9° Lorenzo Attanasio, 10° Giorgio Gradassi, 11° Edoardo Bertocchini, 13° Mario Romboli, 19° Alberto Baracchino (Acc.). Fioretto maschile: 1° Tommaso Lombardi, 2° Matteo Valtriani, 6° Filippo Marchi, 11° Roberto Bellucci, 24° Andrea Pironti (Acc.), 27° Elia Sardelli, 30° Giulio Lombardi, 35° Michele Di Lallo (Acc.). Fioretto Femminile. 6° Lucrezia Vicari, 7° Carolina Giovannoni (entrambe Acc.). Spada Femminile. 3° Francesca Bargagna e Alice Valtriani, 15° Lucrezia Vicari (tutte e tre “accademiste”).

Un quartetto dell’Accademia con Claudio Del Macchia (Maestro)

Pioggia di medaglie livornesi al Gran Premio Giovanissimi trofeo “Kinder+Sport” 2017 Passerella per oltre 40 talenti labronici ai tricolori di scherma giovanile di Riccione

Giorgio Scarso (presidente FIS) premia Pierucci

Scherma. Ma andiamo nel dettaglio analizzando i risultai più importanti, cominciando dalle due medaglie d’oro. Nel fioretto Giovanissime (classe 2005) bis tricolore, nel giorno del suo dodicesimo compleanno, di Ginevra Manfredini del circolo Fides. “Una medaglia d’oro che corona una stagione perfetta. Gine-

vra, grazie anche a un’intelligenza sopraffina, quest’anno, in tutte le gare ufficiali che portavano punti nel ranking, ha sempre vinto. Un rullino di marcia davvero impressionante considerando anche la giovane età”, il commento del suo maestro Giuseppe Pierucci. Nella categoria Maschietti (classe 2006)


di fioretto trionfo di Matteo Pupilli dell’Accademia della Scherma. Un successo salutato con gioia da tutto l’equipe tecnica e dirigenziale della società capitanata dal maestro Marco Vannini e con al timone di comando la sua consorte Jennifer Cerrai. “Matteo ha tirato in maniera eccelsa. Questo eccezionale risultato ripaga me e tutto lo staff del lavoro che svolgiamo quotidianamente, con passione entusiasmo, senza trascurare nessun dettaglio, compreso lo studio delle situazioni tecnico-tattiche”, il commento del responsabile del settore giovanile dell’Accademia della Scherma, Dario Finetti. Medaglia d’argento al collo, invece, per Gregorio Isolani. Per super Greg una sconfitta sul filo di lana (14-13), nella finalissima, nel derby toscano con Joseph Ceroni (Cus Siena). “ Gregorio ha sfiorato l’annata perfetta. Come livello e qua-

Pierucci e Biasco

tà schermistiche disseminate nel bel paese. A contribuire a far volare il Fides, tra i fiorettisti, oltre a Ginevra Manfredini, Gregorio Isolani, Karen Biasco, Beatrice Prusciano e Marta Cavallini, anche: Costanza Pensabene, Silvia Pieroni, Elia Rossi, Gregorio Perini, Chiara Torri, Lorenzo Capolicchio, Leo Maggini, Gabriele Garzelli, Gualtiero Tognelli e Francesco Rencricca. E tra gli sciabolatori insieme a Edoardo Cantini e Noemi Monaldi anche: Giulio La Comba, Diletta Becucci, Beatrice Andreanini, Arianna Matronola, Giulia Cuccuini, Ludovica Ceppi, Sebastiano Paoli, Alberto Benetti, Alessandro Barinci, Sofia Vesciano, Marco Casavecchia, Gianluca Santini, Federico Chiesa, Davide Mannucci, Edoardo Betti, Michelle Monaldi e Anna Gambogi. Tra gli “Accademisti”, invece, oltre a super Matteo Pupilli buone prove pure di Alessandro Biondi, Viola Fioriti, Carlo Maria Puliti, Jhon Jaider Venuta, Matilde Cigliano, Cristiano Sena e Vittorio Ferra.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Da dx Bellucci, Isolani, Pierucci e Milano

lità di scherma è indubbiamente il più forte della categoria. In finale ha peccato un po’ in tatticismo. Una finale che ha approcciato nella maniera sbagliata e che, ne sono sicuro, gli servirà per crescere facendo tesoro degli errori commessi. Bellissimo l’incontro dei quarti di finali con l’amico, compagno di sala, Alexander Milano. Purtroppo i malefici schemi dell’eliminazione diretta li hanno posti troppo presto uno di fronte all’altro. Ha avuto la meglio Gregorio ma Alex ha venduto cara la pelle. Davvero ad un assalto meraviglioso!”. Per Gregorio Isolani, Ginevra Manfredini e Karen Biasco la soddisfazione di ricevere dalle mani del presidente federale Giorgio Scarso il premio del trofeo Grand Prix. Argento nella sciabola categoria Ragazzi (classe 2004) per Edoardo Cantini. Un argento con qualche rimpianto per il maestro Nicola Zanotti: “Ottimo secondo posto di Edoardo che ha disputato una gara eccellente fino alla finale, cui è giunto dopo aver vinto tutti gli assalti di girone e in maniera netta tutte le dirette. Addirittura per 15-2 in semifinale In finale, invece, si sono trovati di fronte i due atleti più forti della categoria. E Sarcinella, del Club scherma Roma, ha impostato il match tutto in attacco, essendo dotato di ottime qualità atletiche, esaltate anche dal nuovo regolamento in fase sperimentale quest’anno, con la messa in guardia più vicina: 3 metri anziché 4 metri come accadeva in precedenza. Edoardo, più dotato di varianti tecnico/tattiche, nella prima parte del match ha fatto fatica a trovare i ritmi giusti, per contrastare gli avanzamenti del suo avversario e ha subito un gap di stoccate negative che non ha più recuperato. Grandi qualità espresse in pedana dal “ Nano” che si è› aggiudicato il Gran Prix. Tra i più piccoli da sottolineare la bella prova di Davide Mannucci nella categoria Maschietti. E quella, un po’ al disotto delle sue grandi potenzialità, di Monaldi Noemi, che in vantaggio 8-2 alla pausa si è fatta recuperare e battere sul filo di lana 15-14.

Società

Pierucci e Manfredini

Per il glorioso circolo Fides il quarto posto nella classifica per società dietro le due super corazzate romane: Club Scherma Roma e Frascati Scherma, e il Circolo Scherma Terni e davanti a altre 264 socie-

Finetti e Pupilli

321


• Terapie fisiche • Fisiokinesiterapia • Riabilitazione neuromotoria • Massaggio terapeutico • Linfodrenaggio manuale Via Adua, 6 - 57126 LIVORNO Tel. 0586 887367 - Cell. 347 1484397 fisiolablivorno@gmail.com

Per i pazienti convenzione Parcheggio Odeon


Coppa Italia

Spadaccini in pedana anche a Caorle in una tre giorni dedicata alla Coppa Italia ed al Campionato Italiano di serie A2 a squadre. L’impresa più bella del fantastici quattro moschettieri del fioretto del Fides: i fratelli Enrico e Roberto Bellucci ottimamente spalleggiati dai giovani Elia Sardelli e Filippo Marchi. Per loro gara in discesa fino alle semifinali. Poi dopo lo stop con la corazzata C.S. Salerno (vincitrice della gara), lo stupendo trionfo con il C.S. Torino (45-20) nella finale per il terzo posto. E quello che più

Scherma olimpica e paralimpica, si parla sempre livornese in giro per il mondo Dalla tappa di Coppa del Mondo di San Pietroburgo, passando per la Coppa Italia, la scuola di casa nostra è sempre al top

La squadra di sciabola con i maestri Nicola Zanotti e Ilaria Bianco

conta la promozione nell’elite nazionale ovvero l’A1. Davvero super bravissimi. Ma brave pure le giovanissime sciabolatrici: Matilde Picchi, Camilla Michelucci, Julia Terreni e Angelica Cardi. Un mix di talento, classe e gioventù: settant’anni in quattro. A Caorle, con un po’ di fatica, ma tanto impegno, classe e determinazione, sono riuscite a mantenere il glorioso circolo Fides nella categoria A2 della sciabola femminile.

Martino stratosferico

A livello individuale inarrestabile Martino Seravalli, dell’Accademia della Scherma. Con il fioretto in mano, nell’ultima tappa di qualificazione della scherma Paralimpica della categoria C, quella degli atleti tetraplegici, si è issato sul primo gradino del podio, grazie a una semifinale e finale da favola nelle quali ha costretto alla resa prima, per 15-2, D’Alessandro e poi, per 15-5, Radicello. Per l’immenso Martino anche il secondo posto nella spada alle spalle dello storico avversario William Russo (15-11). Terzo gradino del podio invece per lo sciabolatore del Fides Indrit Gjonku, nella categoria B, riservata agli atleti paraplegici non deambulanti Anche lui un concentrato di bravura e simpatia.

Scherma Olimpica

La squadra di fioretto con il Maestro Beppe Pierucci

Nella scherma Olimpica, sempre a Caorle, nella Coppa Italia nazionale di sciabola, ottima prova del 20enne Ghe-

rardo Caranti (terzo) costretto alla resa in semifinale dal forte ed esperto romano Riccardo Nuccio. Classe 1991. In campo femminile, sempre con la “bilama” in mano e la maglia del Fides addosso, buon 16esimo posto per Camilla Michelucci e valida prestazione anche di Matilde Picchi costretta, però, alla resa anzitempo, dopo un buon girone, per la miseria di una stoccata (15-14). E stop anticipato anche per Julia Terreni e per gli sciabolatori: Enrico Barsotti, Leonardo Toner, Lorenzo Prusciano, Niccolò Cillari, Giorgio Gradassi, Edoardo Bertocchini e Pietro Torre. Tra i fiorettisti, a livello individuale, apprezzabile 20esimo posto del 17enne Filippo Marchi. Discrete prestazioni, infine, di Roberto Bellucci, Elia Sardelli e Penelope Biagi. In casa Accademia della Scherma, invece, eccellente, performance, come consueto, della 16enne Giorgia Marazzini, Una ragazzina davvero brava, tesserata per la sezione giovanile delle Fiamme Oro con sede a Livorno. Per Giorgia, grazie all’undicesimo posto finale, anche il pass di qualificazione ai campionati assoluti del mese dopo a Gorizia, dove poi salirà in pedana, oltre che nella prova individuale, anche in quella a squadre, nel Dream Team del fioretto delle Fiamme Oro. Davvero super brava. Sempre in casa Accademia qualificazione agli assoluti sfumata per i fiorettisti: Eleonora Dini, Matteo Valtriani e Giacomo Lucchesi e la spadista Francesca Bargagna.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

S

padaccini labronici con il vento in poppa sulle pedane internazionali e nazionali all’inizio di maggio 2017. A San Pietroburgo, in Coppa del Mondo di fioretto, nel giorno del trionfo dell’olimpionico di Rio de Janeiro, Daniele Garozzo, su Andrea Cassarà (15-13), si è fermata, tra gli applausi, a un passo dalle semifinali, la splendida cavalcata, di Alessandro Paroli. A stopparlo il russo Timur Safin, non certamente l’ultimo arrivato. Proprio Garozzo negli ottavi aveva costretto alla resa Lorenzo Nista (tredicesimo). Derby indigesto anche per Edoardo Luperi (31esimo posto) contro Andrea Cassarà, suo ex compagno di sala all’Accademia della Scherma, un paio d’anni fa. Decisamente non fortunato Andrea Baldini (25esimo) sconfitto per un’inerzia (1413) dal forte americano Race Imboden. Per la scherma labronica, in ogni caso, una trasferta più che positiva. Inserire ben quattro livornesi doc: Alessandro Paroli, Lorenzo Nista, Andrea Baldini ed Edoardo Luperi nel primo troncone di una gara di Coppa del Mondo che ha visto ai nastri di partenza 162 tra i migliori fiorettisti del pianeta è un privilegio che solo poche città, per non dire poche nazioni, se lo possono permettere.

323


Jacopo Rubini: un enfant prodige tra gli arbitri internazionali di scherma A 28 anni compiuti, ha partecipato ai campionati mondiali, (Cadetti e Giovani), di Vero

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Jacopo Rubini

324

U

na super carriera sprint, grazie a talento, passione e amore per la scherma. Jacopo Rubini, 28 anni compiuti, dal 1 al 9 aprile 2018 ha partecipato, come arbitro, ai campionati mondiali, Cadetti e Giovani, di Scherma di Verona. “Questa convocazione è stato motivo di orgoglio e al tempo stesso un sogno che si è avverato. Sogno che, in occasione dei mondiali under 20 di Verona, ho condiviso con Simona Pierucci, anche lei a bordo pedana. Simona è una persona squisita e, professionalmente, una bravissima collega, che ha sempre qualcosa da insegnarti”. Poi da Jacopo qualche flash sulla carriera: “Ho iniziato a praticare scherma al Fides quando avevo nove anni”. Una carriera, come sciabolatore, condivisa con tanti altri campioncini Livornesi, che in età giovanile gli ha regalato tante belle soddisfazioni, sulle pedane regionali e qualche volta anche nazionali. La svolta, per Jacopo nel 2008, quando di anni ne aveva diciotto e come studente frequentava l’istituto tecnico industriale Galileo Galilei. A raccontare quei momenti destinati a imporre un brusco cambiamento al suo modo di fare e vedere lo sport è lui stesso: “Un giorno, in maniera inattesa, il mio allora maestro di sciabola Nicola Zanotti, chiese a me e ai miei compagni schermitori, se eravamo interessati a frequentare un corso di arbitri. Un’attività che ci avrebbe consentito di guadagnare qualche soldo e di responsabilizzarci un po’ di più”. Un consiglio, una proposta, quella del maestro Nicola, che per Jacopo e qualche altro schermitore del Fides, non cadde nel vuoto: “Io accettai con entusiasmo quella nuova sfida. Nel 2010 sono diventato arbitro nazionale e due anni dopo,

a soli 22 anni, ho arbitrato ai campionati italiani assoluti. Facendo un parallelo, i tricolori di scherma, sono come la serie A del calcio. Insomma hai la sensazione di aver fatto un bel passo in avanti e di aver tagliato un importante e significativo traguardo”. Poi l’altra faccia della medaglia. Un risvolto importante per un giovane. “Grazie ai compensi ricevuti, come mi sono potuto pagare, in parte, gli studi Universitari alla facoltà di Fisioterapia della Sapienza di Roma dove mi sono laureato”. Studi che, però, non hanno frenato la sua carriera. Anzi in un certo senso l’hanno accelerata. Le due attività: studio e arbitraggio, pur viaggiando su corsie diverse e apparentemente lontane, sono state per lui l’una lo stimolo dell’altra. “A 24 anni sono diventato arbitro internazionale in tutte e tre le armi: fioretto, sciabola e spada. E questo importante risultato mi ha consentito di essere stato scelto per arbitrare anche gare di coppa del Mondo under 20”. Tre anni fa, per Jacopo, un’altra impennata alla già bella carriera: la convo-

Jacopo Rubini impegnato in un arbitraggio

cazione come arbitro ai giochi del Mediterraneo di Guadalajara. Un’impennata importante, perché, in quella circostanza, è arrivata la prima partecipazione a una gara internazionale a livello assoluto e non solamente giovanile, com’era già accaduto in altre occasioni. “E l’anno dopo nel 2016 -aggiunge Jacopo Rubini- ho varcato nuovo i confini nazionali per arbitrare i campionati europei under 20 a Novi Sad in Serbia”. Nel 2017, altro tassello alla già bella carriera. “Ho arbitrato –chiosa- nel “trofeo Luxardo: una delle gare, se non la gara più importante di Coppa del Mondo di sciabola maschile del vecchio Continente”. Infine da Jacopo una sfumatura personale: “Gli week-end, passati annualmente tra le pedane sono tanti. A essere penalizzati, a farne le spese sono stati i momenti di svago da poter passare con gli amici. E gli affetti più cari: in primis la mia famiglia e la mia santa fidanzata, che tra l’altro vive lontano da Livorno. Con il loro sostegno e la passione trovo, però, ho sempre trovato gli stimoli per andare avanti in questo percorso. Per questo li ringrazio anche pubblicamente”. Ringraziamenti che Jacopo, tambur battente, quando è quasi ai titoli di coda della nostra chiacchierata, estende a Massimiliano Viti, proprietario dello studio Fisiolab dove collabora. Riconoscenza e gratitudine che naturalmente allarga a tutto lo staff dello studio: “Per avermi sempre aiutato a coltivare questa passione”. Poi il sogno. Al tempo stesso, nel cassetto e a cuore aperto: “Quello di poter partecipare e essere protagonista, come arbitro, a bordo delle pedane Olimpiche”. Il traguardo, è facile capirlo, di ogni arbitro e ogni sportivo e anche il suo da quando mi si è avvicinato al mondo della scherma”. Se continuerà di questo passo, il sogno di Jacopo potrebbe concretizzarsi anche a Parigi 2024. Quando di anni ne avrà trentaquattro. Un’età ottimale per un arbitro internazionale.


Simona Pierucci: quando la passione per la scherma è un’affare di famiglia

Simona Pierucci

P

assione e amore per la scherma sono il suo il valore aggiunto. Simona Pierucci, ai campionati mondiali Cadetti e Giovani di Verona 2017, ha indossato, per l’ennesima volta, i panni di arbitro internazionale. Una convocazione che seppure per lei non fosse una novità, è stata accolta con il consueto entusiasmo. “Ho appreso con gioia la convocazione a questo grande evento sportivo, organizzato dal patron del Chievo Verona, Luca Campedelli. Rappresentare l’Italia e Livorno è un onore e un privilegio”. Perché? “Premetto che non mi piace parlare dei miei traguardi. Questa convocazione, però, ha un sapore speciale. Mi ha fatto guardare indietro e ripercorrere il cammino, anche faticoso, che mi ha condotto fin qui ”. Quando ha iniziato ad arbitrare? “A darmi l’input, a 15 anni quando ero ricoverata in ospedale per un infortunio, fu il mio allora maestro di scherma Mario Curletto. Quando venne a farmi visita, come regalino, mi portò il regolamento FIS: Federazione Italiana Scherma, e mi disse di studiarlo perché aveva in mente un altro progetto per me. Appunto quello di arbitro”. Le tappe della sua carriera?

Da sx Simona Pierucci con la sorella Silvia prematuramente scomparsa

“Dal 1987 sono Arbitro della FIS. E dal 2000 te. Ad esempio l’attenzione alle “quote rosa” arbitro internazionale di Fioretto e Spada ma- sono una discriminante. Le donne non sono e non devono essere una categoria protetta. schile e femminile”. L’uguaglianza di giudizio deve essere una cosa Soddisfazioni più grandi? “Davvero tante. Nel 2008 ho arbitrato ai naturale non una corsia preferenziale.”. Campionati Europei Giovani. E nel 1997 a Si spieghi meglio? “Una donna ha le stesse capacità di un Londra, nel 1998 a Bonn e nel 2011 a Catania i campionati del mondo in carrozzina. Inoltre uomo e come tale deve essere valutata. Ovho arbitrato centinaia di gare di Coppa del viamente è un problema sociale non certo Mondo, assolute e under 20. E dal 1990 a oggi circoscritto all’ambito arbitrale. Ci sono molti ragazze/i del circolo Fides, come di altre socon continuità i campionati italiani assoluti”. cietà della Toscana, che hanno deciso di inRiconoscimenti? “Tanti. Nel 2011 ho ricevuto il premio alla traprendere questa carriera. Io con loro, come carriera, insieme al Premio Siclari, come mi- delegata alla formazione, sono durissima. In glior arbitro dell’anno. E dal 2012 sono delega- primis cerco di trasmettergli passione e amore ta regionale del GSA per la Toscana (acronimo per questo sport. Il regalo più grande che so di di: Gruppo Schermistico Arbitrale), con compiti fargli è che, per me, non sono: “maschi” o “femdi formazione e designazioni in ambito regio- mine” , livornesi o pisani, belle/i o brutte/i, ma persone che meritano le stesse opportunità”. nale”. Prerogative di un bravo arbitro? Quanto ha pesato essere donna? “Molto, specialmente all’inizio. Per farmi “Saper gestire le emozioni. Avere la capacità prendere sul serio ho dovuto faticare. Soprat- di assumersi delle responsabilità in un tempo tutto perché ero l’unica donna arbitro e anche molto breve. Sapersi rapportare con gli altri, per la giovane età e l’aspetto da bambina. Ma all’interno di forme di educazione verbale carattere, tenacia e voglia di arrivare non mi ormai molto rare. Saper fare gruppo, in un sono mai mancati. La scherma è la passione ambiente con regole ferree che non possono di una vita: mia, dei miei fratelli, di mio padre essere ignorate. e ancora prima di mio nonno. Con Silvia –preSicuramente è un’esperienza formativa, immaturamente scomparsa nel 2010, ndr- mia pegnativa ma pure divertente. Con benefici a sorella, ho arbitrato tante gare e, nonostan- livello di ricchezza interiore, analoghi, sia per te non sia più fisicamente con me continuo chi arriva ad arbitrare alle Olimpiadi o solaad averla sempre accanto. Non affronto una mente sulle pedane regionali”. gara senza il simbolo del “Cuore” dell’Associazione “I Cuori di Silvia”, fondata in onore di mia sorella per aiutare i bambini. Beppe, mio fratello,  alla brillate carriera come atleta e Maestro ha abbinato, per un certo periodo anche quella di arbitro”. Da quell’avvio pioneristico è cambiato qualcosa? “Molto. Una volta abbattuto il muro della differenza di sesso, con tutto ciò che ne consegue, i compagni di pedana da una vita, sono diventati i miei amici più cari, con i quali ho condiviso tante trasferte in giro per il mondo. Anche donne arbitro adesso ce ne sono molte. La queSimona Pierucci riceve dal vice pres. nazionale il Premio Siclari 2011 stione, però, non è risolta totalmen-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Per l’arbitro internazionale ‘in rosa’, professionalità e carisma sono i suoi biglietti da visita

325


Vita da sportivi Omaggio a Mario Tullio Montano, uno dei miti della scherma livornese

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Mario Tullio Montano

326

‘Mariolone’ ricordato da familiari e appassionati nel ‘tempio’ sportivo del Fides

D

i nuovo uno accanto all’altro, sabato pomeriggio 9 settembre 2017 al circolo Fides, nel “sacro tempio” della scherma nazionale e mondiale, per ricordare e rendere omaggio alla memoria di Mario Tullio Montano: il cugino, l’amico, il compagno di tante avventure sulle pedane planetarie: nazionali, europee, mondiali e olimpiche, prematuramente scomparso poco più di un mesetto prima (27 luglio), a settantatré anni compiuti il 7 febbraio. Mario Tullio Montano, per tutti Mariolone, non per l’imponenza fisica, come i più potrebbero pensare, ma per distinguerlo dal cugino Mario Aldo (babbo di Aldo junior), per tutti Mauzzino, più piccolo di quattro anni. All’appello lanciato da Carlo Montano, presidente del Fides in carica si sono presentati tutti gli straordinari protagonisti di quella stagione schermistica che, a cavallo tra gli anni sessanta e settanta, vide gli spadaccini labronici dettare legge da tutte le parti. Ognuno dei presenti, in quel sabato pomeriggio di fine estate, ha rispolverato aneddoti curiosi, sarcastici, divertenti ma anche “seriosi” che riguardavano Mario Tullio Montano. Il ritratto che ne è emerso è di una persona schietta genuina, colta, intelligente, allegra e, da buon livornese, pronto alle battute ironiche e frizzanti. Capace però anche di chiudersi, da un momento all’altro, in se stesso e diventare, schivo e riservato. Su una cosa sono stati tutti d’accor-

Da sx Mario Aldo Montano, Rolando Rigoli, Cesare Salvadori e Michele Maffei con la foto di Mario Tullio Montano, vincitori dell'oro a squadre a Monaco '72

do. Mariolone con la sciabola in mano, prima come atleta e poi come maestro è stato un numero uno. Il momento più splendente della straordinaria parabola sportiva di Mario Tullio Montano fu alle Olimpiadi di Monaco di Baviera nel 1972 quando al fianco del romano Michele Maffei, del torinese Cesare Salvadori e dei concittadini Rolando Rigoli e Mario Aldo Montano (cugino) si mise al collo la medaglia d’oro nella specialità della sciabola a squadre. Nel palmares dell’indimenticato Mario Tullio

Montano, tanto per volare alto, anche l’argento a squadre alle Olimpiadi di Montreal 1976 e le medaglie di bronzo sempre a squadre ai mondiali di Vienna (’71) Goteborg (’73) e Grenoble (’74). Tra i presenti arrivati da lontano, il romano-genovese Michele Maffei che tra il 1968 e il 1983 collezionò la bellezza di un oro e tre argenti olimpici. E inoltre una medaglia d’oro, tre d’argento e sei di bronzo mondiali. Tre le medaglie mondiali (una d’argento e due di bronzo) e tre quelle olimpiche


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

(una d’oro e due d’argento), vinte, in- medaglie di tutti i tipi. Per Carlo addi- plina. Lo zio Aldo ci ha indirizzato tutti vece, da Cesare Salvadori. rittura sette mondiali: 4 d’argento e 3 all’amore per la scherma, per alcuni di Da Padova è giunto, invece, l’ex di bronzo. noi è stata anche imposizione ma, senschermitore e maestro Ugo Panella. za dubbio i risultati che abbiamo otteGli altri Tra tanti campioni di un tempo orTra coloro che hanno risposto all’ap- nuto ci hanno ripagato. mai lontano non poteva mancare, il pello pure il maestro di scherma, l’eMariolone era il maggiore di noi, caro amico di sempre di Mario Tullio vergreen Carlo Alberto Picchi, impa- non aveva avuto un’infanzia felice e Montano, il grande, straordinario Ro- rentato anche lui con i Montano. la scomparsa della mamma, quando lando Rigoli. E l’ex olimpionico di fioretto a squa- aveva 10 anni, ha segnato tutta la sua Un signore con la “S” maiuscola per il dre, Maurizio Vaselli, sul podio olim- vita futura. quale Mariolone era come un fratello. pico di Roma insieme all’indimentiChi lo ha conosciuto sa che era tutE infine, gli altri straordinari compo- cato Mario Curletto, altro livornese to una contraddizione: sportivo, intelnenti della “dinastia” Montano comin- doc e “monumento” della scherma ligente, profondamente colto, allegro, ciando da Mario Aldo Montano, per labronica. con le sue battute ironiche. Infatti sa tutti Mauzzino, il più grande sciabolapure che allo stesso tempo poteva diA completare il gruppo dei presentore livornese del dopoguerra, prima ti Aldo Montano, classe 1978, ultimo ventare brusco, schivo e chiudersi in dell’arrivo, sul proscenio planetario, se stesso. anello della dinastia, che come capodel figlio Aldo. Mario Aldo Montano, Di lui ricordo ragazzino un viaggio stipite ha avuto il nonno Mario senior, tanto per ricordare alcuni suoi succescon la sua mitica Porche. Andavamo a classe 1910, babbo di Mario Aldo e zio si, è stato capace di mettersi al collo una gara e i miei mi avevano affidato a di tutti gli altri Montano. due medaglie d’oro individuali monlui per il viaggio. Forse se avessero vidiali: Goteborg (’73) e Grenoble (’74), Il ricordo di Mariolone nelle sto il tachimetro se ne sarebbero ben una d’argento e 4 di bronzo. E all’oro parole del cugino Carlo guardati, ma per me fu un’esperienza a squadre del ’72, aggiunse anche l’ar- Montano indimenticabile. Ma torniamo a Mario Tullio Montano, gento del ’76 e dell’80. Certamente Mariolone non era un tiNel parterre de roi dei presenti pure o meglio a Mariolone. E ricordiamo con po facile, ma le dimostrazioni d’affetto Alamanno, fratello di Carlo, ortopedi- le parole e i pensieri di chi l’ha cono- che abbiamo ricevuto per la sua scomsciuto bene ed è stato il promotore di parsa mi hanno dato la consapevolezco di fama nazionale. E il notaio Mario Miccoli, prometten- questa iniziativa: il cugino Carlo Mon- za che chi lo ha conosciuto veramente te spadaccino negli anni cinquanta tano. Ecco i suoi struggenti ricordi. lo ha amato e gli ha voluto sincera“La nostra è stata una grande fami- mente bene, con i suoi pregi e i suoi che dopo essersi tolto tante belle soddisfazioni in pedana, con la sciabola in glia, sia perché molto numerosa, sia difetti. mano, decise di appenderla al chiodo per i risultati ottenuti in questa disciNegli ultimi anni i suoi problemi di quando capì che era salute hanno fatto difficile conciliare, in si che s’isolasse dal maniera ottimale, gli resto del mondo e studi universitari giuspesso gli aiuti che ridici e notarili con la gli sono stati rivolti scherma ad alti livelli. e proposti sono staTommaso Montati vani. Di una cosa no, quasi coetaneo però sono sicuro che (un anno più giovaoggi sarebbe contenne) di Carlo Monto di vedere riuniti i tano, invece, alla suoi amici di sempre, sciabola preferì il fiomagari non risparretto. Un’arma con miandoci qualcuna cui insieme proprio a delle sue famose batCarlo conquistò l’artute, ma senz’altro gento a squadre alle sarebbe felice di veOlimpiadi di Montrederci qui per lui. al. A quella medaglia Oggi non posso nella bacheca persoche sperare che abnale di Tommaso, co- Cesare Salvadori, Carlo Montano, Michele Maffei, Rolando Rigoli, Mario Miccoli, Mario Aldo bia potuto trovare la me in quella di Carpace e la serenità che Montano, Tommaso Montano, Ugo Panella, Alberto Picchi, accosciati lo, fanno compagnia meritava”. Aldo Montano e Alamanno Montano

327


Equitazione A cura di Andrea Puccini

Massimo Petaccia Presidente Comitato Regionale FISE

Petaccia è il numero uno del FISE Toscano che sta crescendo nei numeri e nei progetti

M

assimo Petaccia è il presidente del Comitato Regionale della Federazione Italiana Sport Equestri. In carica dal 2013, è stato riconfermato alle redini del movimento toscano con il 58,41% dei voti, anche a inizio 2017. “Come Presidente del Comitato FISE Toscana ho lavorato e lavorerò il più possibile per lo sviluppo dell’attività di base e per la crescita dei nostri giovani. Abbiamo già ottenuto ottimi risultati con i pony club. I numeri delle Ponyadi sono cresciuti e nell’ultima edizione 2017 abbiamo raggiunto il record di 140 ragazzi”. Splendida è stata l’ultima edizione delle Ponyadi 2017 ospitate all’Arezzo International Horse. Circa mille i bambini che hanno partecipato alle gare (solo 140 sono confluiti dalla stessa Toscana) con un affluenza di visitatori che si è attestata sulle 4mila persone. Il medagliere alla fine ha visto trionfare la Toscana, che ha superato il record storico di medaglie. Il 2017 ha fruttato 44 piazzamenti sul podio per i rappresentanti della nostra regione (l’anno precedente il record si era fermato a quota 35), di cui ben 20 d’oro, 13 d’argento ed 11 di bronzo. Una super prestazione per la Toscana che è riuscita a riprendersi la Coppa Challenge (un trofeo che passa di anno in anno alla regione campione). C’è stato quindi di che festeggiare per il movimento nostrano all’ultimo Galà dell’equitazione toscana. La festa, andata in scena a Viareggio alla mitica Capannina di Franceschi, ha visto sfilare sul podio tutti i suoi migliori atleti, dai giovanissimi protagonisti alle Ponyadi, ai bambini e ragazzi premiati nel Galachildren fino ai cavalieri di punta.

La rappresentanza dei giovani toscani alle ultime Ponyadi di Arezzo 2017

“Ogni anno l’elenco dei premiati si allunga – dice Petaccia - segno che i nostri cavalieri e le amazzoni centrano sempre più successi. Siamo stati felici di poter premiare quasi 300 bambini e ragazzi che sono non una promessa, ma una sicurezza di tanti risultati sportivi anche a livello nazionale e internazionale”. Da ricordare anche un progetto lodevole presentato lo scorso anno dal Presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno Riccardo Breda che, incontrando nella sua sede di Livorno i vertici regionali e nazionali della Federazione Italiana Sport Equestri e del Centro Sviluppo Brevetti, ha esaminato il risultato del primo test prodotto di un nuovo prototipo di sottosella denominato Eolo. Un gadget innovativo per le caratteristiche tecniche di altissima traspirabilità, dedicato agli appassionati che hanno a cuore la salute del proprio cavallo.

Altro progetto lodevole portato avanti anche sul territorio labronico è quello denominato “A scuola di cavallo”, che si rivolge alla scuola primaria e che ha in programma l’avvicinamento al mondo equestre di un numero notevole di circa duemila bambini. L’avviamento alla pratica sportiva equestre, uno step rivolto alla scuola secondaria di primo grado e ai Licei sportivi, l’organizzazione dei Giochi Equestri Studenteschi e il progetto di alternanza scuola-lavoro come esperienza di gestione di attività nazionali e internazionali quale iter di formazione di operatore e tecnico equestre, che ha la finalità di creare un collegamento sinergico tra il mondo della scuola, quello dello sport e quello del lavoro, attraverso il riconoscimento degli sport equestri come opportunità professionale e il riconoscimento dei brevetti Fise dal mondo della scuola come opportunità di lavoro a carattere tecnico.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

Una disciplina che galoppa veloce, saltando un record dopo l’altro

329


2017: tutti i risultati

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

ASD SPORT EQUESTRI CECINA

F

rancesca Gori è una degli allenatori che, assieme a Roberto Bizzarri, porta avanti la fervida attività di uno dei punti di riferimento più consolidati nello scenario del movimento equestre di Livorno e provincia. La ASD società sport equestri Cecina è stata infatti fondata addirittura nel 1965 e nel corso di oltre 50 anni di attività ha avuto tra i propri tesserati numerosi allievi che si sono distinti in plurimi risultati, sia a livello nazionale che internazionale. Oltre che ad appassionati che sono riusciti a trasformare una grande passione per il cavallo in una vera e propria professione a tutto tondo. Presso la prestigiosa scuola di equitazione cecinese infatti, si può imparare ad andare a cavallo e montare, sia a carattere agonistico sia semplicemente per fini ludici. Sito in via del Galoppatoio 1, in un suggestivo scenario racchiuso tra mare e pineta, con a disposizione una struttura dotata di un campo coperto, uno all’a-

Giulia Marrucci con Donnalier

330

La gloria dell’equitazione livornese resta salda in sella grazie alla provincia Francesca Gori e Davide Lazzeri, due tecnici che sfornano vittorie e talenti

Il podio under 14 agli Italiani Elite dei Mounted Games con l'equipe di Lazzeri, giunta seconda

perto in sabbia e uno in erba, nel centro si tengono corsi con istruttori F.I.S.E di 1° e 2° livello. Per quanto riguarda i risultati del 2017, le migliori performances dei portacolori cecinesi sono stati: la medaglia d’oro a squadre vinta in occasione dei campionati Toscani indoor. Un plauso al collettivo composto da Enrico Ferrara , Vittoria Nucciotti , Samuele Dal Canto e Tessa Gallesi. Proprio quest’ultima, si è tolta anche lo sfizio a livello personale, vincendo un argento al campionato toscano brevetti e un oro, sempre al campionato regionale ma in versione indoor. Giulia Peluso, una livornese doc, si è infilata al collo la medaglia d’oro ai Campionati Toscani indoor nel trofeo senior. Infine, ribalta per Giulia Marrucci. La cavallerizza è stata uno splendido argento a squadre nel contesto del prestigioso appuntamento del Piazza di Siena. Senza dimenticare la sua partecipazione, sem-

pre in gruppo, al tradizionale ‘Fieracavalli’ di Verona e il quinto posto centrato 5 ai Campionati Italiani. Da ricordare che gli atleti cecinesi sono stati impegnati in ben 24 competizioni nel corso dell’anno, sia per difendere i colori societari, sia in rappresentanza della casacca della selezione toscana. A livello individuale invece, la Gori continua comunque a competere a livello agonistico con buone prestazioni: a cavallo tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, sono arrivati quattro piazzamenti tra il quarto e il quinto posto tra il concorso Nazionale A5 e quello indoor destinato ai Maestri di equitazione. Davide Lazzeri, ufficiale dell’Accademia Navale di Livorno, già più volte vincitore in passato del tradizionale concorso ippico che ogni anno viene organizzato nel campo ostacoli “Capitano Federigo Caprilli” della “Villa Chayes” in Accademia Navale, è anche insegnante presso l’Associazione Ippica La Farnia di Fauglia.


Lazzeri è un altro tecnico che nel 2017 ha ricevuto parecchie soddisfazioni dai propri allievi e ha visti riconosciuti propri meriti non solo in termini di risultati raggiunti ma anche dal Consiglio della stessa Federazione che lo ha inserito nel ristretto lotto degli osservatori (cinque, più un selezionatore) che avranno il compito di visionare i binomi nelle tappe di selezione per Europei e Mondiali nel corso del 2018. Una nomina prestigiosa che giunge a conferma dei meriti acquisiti dai suoi ‘pupilli’ (allenati assieme all’altra istruttrice Sonia Saviozzi) sul campo di gara. Ad esempio, il secondo posto di squadra tra gli under 14 e il il terzo nella categoria open (con due equipe miste con altri ragazzi provenienti da veneto e piemonte) agli Italiani di Mounted Games Elite, evento andato in scena nel maggio 2017 a Pontedera al Centro Lo Scoitattolo. E nella stessa occasione, un altro successo per La Farnia si è registrato con il primo posto ottenuto tra gli under 17, stavolta tutto farina del sacco dei suoi iscritti. A livello individuale invece, Maria Gi-

Tessa Gallesi con Viorike

nevra Chiavaccini dell’A.I. La Farnia, classe 2004, è stata medaglia sia d’oro sia di bronzo a coppie, rispettivamente impegnata ai Campionati Italiani con le più grandi under 17 e poi con le coetanee under 14. Soddisfazioni anche per Lorenzo e Simone Lazzeri, sempre dell’associazione di Fauglia, i quali, rispettivamente in sella a Cymboliek-C e Imka, hanno risposto a una prestigiosa convocazione per l’individuale open dei campionati Europei di Mounted Games che si sono tenuti a Cluny, in Francia, lo scorso agosto 2017. L’altra Chiavaccini dell’A.I. La Farnia, Maria Cristina, è stata invece convocata per i sopra menzionati campionati continentali di mountend games, sia nella Squadra Under 12 in sella alla fidata Gina, sia per far parte delle più grandi under 14, in tandem con Tyfri Tristan. Sofia Amato, un’altra under 14, è stata premiata al Gran Galà di fine anno per il bronzo a coppie ottenuto al B3 Trofeo Ludico. Sempre della stessa fascia di età, riconoscimenti anche per Giulia Corsini (bron-

Il trionfo degli under 17 de La Farnia del tecnico Lazzeri ai tricolori elite di Mounted games

zo e argento a coppie, prima al B3 Trofeo Ludico e poi ai tricolori elite), Giada Osmani (oro e argento sempre a coppie, prima al Trofeo Ludico b3 poi al B3 Pony Games Trofeo Ludico) e Samuel Bellei (oro e argento a coppie, prima al B3 trofeo Ludico e poi al B3 Pony Games Trofeo Ludico). E poi, tra i classe 2000-‘02 con Emily Bellei e Beatrice Faccia (oro a coppie agli Italiani elite under 17) e con Leone Buggiani e Lorenzo Lazzeri (bronzo a coppie). Tornando all’attività di Lazzeri, da menzionare quindi il già citato storico appuntamento con la 76ª edizione del Concorso Ippico dell’Accademia Navale, nato nel 1926, Il 2017 ha visto competere oltre 90 binomi, nelle quattro categorie principali: la C130, la C115, la B100 e la L60. L’addestramento equestre praticato in Accademia Navale fa storicamente parte della formazione dei futuri Comandanti della Marina. Determinazione, autocontrollo e capacità di leadership – qualità che ciascun frequentatore deve sviluppare sin dalle prime fasi della propria formazione – sono messe alla prova nell’esercizio dell’arte equestre.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

Samuele Dal Canto con Allegreta

Giulia Peluso premiata dal numero uno FISE della Toscana Petaccia

331


Tennis A cura di Fabio Giorgi

Vittorie sotto rete e solidarietà fuori dal campo

I

l pomeriggio in cui ‘L’Almanacco dello Sport’ ha fissato l’appuntamento con Gino Baccheretti, delegato provinciale della Federazione Italiana Tennis, è grigio e uggioso, ma solo a livello meteorologico. In realtà, a livello tennistico, è una giornata splendente e allegra: l’appuntamento con Baccheretti è fissato per lunedì 5 febbraio, il giorno dopo il favoloso successo dell’Italia, trascinata dallo stakanovista Fognini, in Giappone, nel primo turno di Coppa Davis. “Siamo tra le prime otto potenze del mondo - sorride il delegato provinciale - e siamo sicuri della permanenza nel tabellone principale della prestigiosa manifestazione. La Coppa Davis è trascinante per tutto il movimento. Alle spalle dei nostri atleti di punta, che peraltro stanno ottenendo buonissimi risultati, in Davis e non solo in Davis, non manca un valido ricambio. Possiamo contare su giovani con cui, magari tra qualche anno, si potrà aprire un nuovo ciclo”. È giusto ricordare che nel 2004, fu il circolo Tennis Club Livorno ad ospitare la sofferta affermazione della nazionale italiana sulla Polonia: una vittoria (3-2) che consentì di salire in B e di compiere il primo passo verso il ritorno nell’elite del tennis mondiale. “A breve - dice Baccheretti - tornare ad organizzare qua a Livorno eventi del genere sarà difficile. È bene continuare a volare bassi. È opportuno limitarci a compiere un passo alla volta, senza voli pindarici. È già più che soddisfacente il dato di tre tornei Open organizzati dai nostri circoli nell’arco di un solo anno”. A Livorno, dopo i favolosi risultati ottenuti dai davis-man Filippo Volandri

Bilancio positivo per il movimento, con due nuovi circoli affiliati FIT e Marzio Martelli, quale è la situazione agonistica? “È chiaro che non è facile ‘sfornare’ campioni come quelli che hai appena menzionato, ma, a livello giovanile e non solo giovanile, il nostro è un movimento in chiara crescita. Tutti i circoli sono attivi e con le loro squadre si stanno ritagliando importanti soddisfazioni. Penso al campionato di C maschile, nel quale il TCL è andata davvero ad un passo dal salto in B. Penso alla permanenza in B della squadra femminile dello stesso TCL. Non dimentichiamo che Davide Galoppini, numero 500 al mondo, si allena insieme ad altri ottimi giocatori presso la 100% tennis allo Junior Club Livorno. Non dimentichiamo gli ottimi risultati ottenuti da alcuni atleti della Cooperativa Tennis Livorno (Maria Vittoria Casucci, Paolo Griselli e Filippo Grillo). E poi non dimentichiamo la vittoria del Campionato Italiano under 12 di doppio di Edoardo Pierini e Alessandro Benedetti, tutti e due tesserati per lo Junior Club Livorno. Sono convintissimo che tutti quanti, qua a Livorno e in provincia, stiano remando nella direzione giusta. Volandri e Martelli, anche dopo gli eccellenti risultati ottenuti a livello professionistico, sono rimasti sempre molto attaccati alla loro città. Martelli è maestro al Circolo Libertas, Volandri allena gli under 18 di interesse nazionale nel centro federale del Centro Coni di Tirrenia”. Significativo, nel 2017, il riconoscimento riservato al TCL.. “Il Tennis Club Livorno ha chiesto e ottenuto il riconoscimento del titolo di Super School. È un biglietto da visita davvero importante. Per avere tale riconoscimento, è necessaria una brillante organizzazione, che va dal gruppo di maestri, ad uno staff

con un preparatore fisico di secondo livello, ad un mental coach. Il tutto, oltre ad una foresteria e a campi con più superfici a disposizione. È l’unico circolo a livello provinciale a poter vantare tale titolo”. Nel 2017 anche il mondo del tennis cittadino si è dimostrata concretamente vicina a quei livornesi duramante colpiti dal tragico alluvione del 10 settembre... “Significativo - annuisce Baccheretti - l’organizzazione dell’evento pro-alluvionati. I proventi sono stati destinati ai nostri sfortunati concittadini. A tale riuscitissima kermesse, tenutasi al TCL, hanno partecipato tra gli altri Filippo Volandri e Paolo Lorenzi. Il tennis e tutto il mondo dello sport livornese si sono subito attivati per promuovere iniziative all’insegna della solidarietà”. Nuovi circoli livornesi si sono affiliati alla FIT... “Siamo davvero contenti che si siano aggiunti al già lungo elenco il Circolo Tennis Porto di via Emilio Zola e la Polisportiva Arena Astra. È la dimostazione che il nostro sport vive di ottima salute”. Il padel tennis è sempre più in voga, a livello nazionale e non solo. A Livorno quali sono le novità su questa disciplina, nella quale vengono utilizzate delle racchette più piccole e a piatto pieno con forellini, ossia non incordato, e nel quale le dimensioni del campo da gioco sono meno della metà di un campo da tennis? “Per ora, a Livorno, non ha avuto quel successo che ha riscosso altrove. Campi per il padel tennis si trovano a San Vincenzo e a Cecina. Insomma per ora ha uno sviluppo maggiore nelle altre realtà della provincia, e meno nel capoluogo”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Gino Baccheretti Delegato provinciale FIT

333


2017: tutti i risultati LIBERTAS SPORT

Una serie di talenti forgiati a colpi di Martelli

D

ivertirsi con in mano la racchetta, nel circolo Libertas Sport, nel quartiere di Porta a Terra, è bello ad ogni età e in ogni stagione dell’anno. Quella di via dei Condotti Vecchi è ormai una consolidata realtà dello sport toscano. La struttura, immersa in 37.000 mq di verde, può contare su un campo da calcetto, su una palestra attrezzata, su una sala per bridge e burraco, su un ristorante/club house, e, soprattutto su 12 campi da tennis. Dei 12 campi, 4 sono situati all’interno di altrettanti ‘palloni’ e dunque sono fruibili anche quando si scatena Giove Pluvio. Gli inverni freddi e gli autunni piovosi non creano imbarazzi ai 20 agonisti tesserati per il circolo ed ai soci attivi nel circolo. “Così come invita la stessa FIT – illustra con giustificato orgoglio il presidente della Libertas Sport Andrea Vettore – abbiamo in egual misura terreni in sintetico e terreni in terra rossa. Per migliorare il proprio tennis, ogni giocatore deve, necessariamente, conoscere da vicino le caratteristiche tecniche di ogni tipo di superficie”. I corsi Sat, guidati da quattro maestri di fama, non sono frequentati solo da bambini o da ragazzi. “Siamo fra i pochissimi

Uno scatto collettivo per i giovani talenti di scuola Libertas

po, strutture importanti (centro commerciale, cinema e non solo, ndc). Siamo in una zona periferica della città, in un quartiere praticamente nuovo, facilmente raggiungibile dalla variante Aurelia. Non è un caso che tanti soci e tanti allievi dei nostri corsi siano di paesi vicini: vengono dalle vicine Stagno, Guasticce e Collesalvetti. Peraltro abbiamo allestito un immenso parcheggio a disposizione di soci e allievi”. E ‘a disposizione’ del circolo c’è anche chi ha giocato ad altissimi livelli, toccando anche la convocazione in Coppa Davis. Vettore annuisce e dice: “È per noi un Martelli, il primo a sx, posa con gli altri colleghi insegnanti onore annoverare fra i nostri maestri Marzio Martelli. È un privilecircoli di tennis della zona – sottolinea il gio ed un onore poter anche solo scambiare massimo dirigente – ad organizzare corsi qualche colpo con chi, fino a pochi anni fa, anche per gli adulti. Un’iniziativa che, nume- stazionava fra i primi 100 giocatori al monri alla mano, è molto apprezzata da chi, non do”. più giovanissimo, vuole iniziare l’attività”. Di tutto rispetto sono i risultati ottenuti A fianco del circolo sorge il PalaModi- dai 20 agonisti del circolo Libertas. E apgliani, il palasport che, nelle intenzioni ini- prezzata è l’organizzazione di tornei che ziali (si parla di qualche lustro fa..) dove- coinvolgono atleti di spicco non solo tova servire per ospitare partite della scani, ma anche di altre regioni. “La FIT ha massima serie di basket. E proprio individuato una macro area, compo sta da dalla pallacanestro, il circolo di Porta Sardegna, Lazio, Umbria e, ovviamente Toa Terra deve il suo nome. “Nel 1991, scana, ed invita a far disputare partite fra i due anni dopo il famoso ‘quasi scu- migliori giovani di questi territori. Credo che detto’ dell’Enichem (e peraltro nello solo con una serie di condivisioni e di constesso anno della ‘famigerata’ fusio- fronti sia possibile crescere anche a livello ne, ndc), l’indimenticato Sandro Lomi tecnico. Tutti quanti dobbiamo imparare a ha fondato il nostro circolo tennistico non coltivare solo un piccolo orticello: per che, in onore della sua storica società questo è importante stringere ulteriormencestistica, ha chiamato Libertas”. te rapporti con gli altri circoli della zona, di Da allora molta acqua è passa- Livorno e delle realtà limitrofe, per crescere ta sotto i ponti. “Qua intorno, ol- e, soprattutto, per far maturare ai nostri giotre al palasport, sono sorte, nel tem- catori significative esperienze”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Per crescere la Libertas si affida al maestro Marzio, un campione ex atp del recente passato

335


COOPERATIVA TENNIS LIVORNO

CTL Banditella, due promozioni e tanti festeggiamenti Salto di categoria per gli uomini (dalla D3 alla D2), addirittura doppio (dalla D3 alla D1) per le donne.

Uno scatto di gruppo per gli allievi di Banditella

nuovi spazi verdi che hanno contribuito a creare un ambiente rilassante e particolarmente adatto all’impiego del tempo libero, anche al di fuori dei campi da tennis. Un’attenzione speciale, fin da subito, è stata dedicata nel tempo al tennis agonistico con manifestazioni di alto livello: prima fra tutte il “Torneo Internazionale under 14” ospitato dal 1989 al 2010, la partecipazione all’organizzazione dell’incontro di Coppa Davis Italia-Polonia nel 2004 - con la collaborazione degli altri circoli tennistici della città -, oltre a ripetute manifestazioni ed esibizioni di campioni di tennis al top delle classifiche. Molto sentita è la partecipazione degli atleti CTL ai vari campionati di categoria delle squadre ed ai corsi di avvicinamento al tennis per i più giovani e di perfezionamento per i ragazzi di maggiore età. Ben nove sono i campi in terra rossa di cui due con tecnostruttura permanente ed uno, il Centrale,

Un’altra posa collettiva per le squadre impegnate nei vari campionati

con tribuna. Il circolo vanta anche un campo in erba sintetica, ben due muri da allenamento, un campo da calcio e zona verde per training atletico. Inoltre il CTL vanta una palestra attrezzata di oltre 350 mq e annessa zona spinbike, zona fisioterapia e sauna nonché, unico a Livorno, zona con solarium e piscine rigorosamente riempite di acqua di mare (che dista dal circolo poche decine di metri). Un ambiente sano e protetto in cui passare giornate indimenticabili sia per i più sportivi ma anche per chi predilige la socialità del gioco carte. Inoltre i bambini sono benvenuti e trovano nel circolo ampi spazi attrezzati per giocare, anche all’aria aperta. Nella clubhouse la zona ristorante dispone di oltre 90 coperti che grazie alla veranda che si affaccia sulla piscina aumentano sensibilmente. Non mancano sale gioco carte, sale tv e sale appositamente dedicate ai bambini. Insomma un ambiente unico e dinamico dove trascorrere giornate splendide. Tutto ciò avviene grazie alla concreta attività ed alla volontà di dedizione dei presidenti che si sono avvicendati sin dalla fondazione e nell’ordine: Piero Cassuto, Giorgio Fanfani, Carlo Emanuele Costella, Piero Falleni, Amerigo Danti, Roberto Diddi, Giorgio Costella, Guido Fanfani, Piero Dinelli e Giuseppe Rambaldi. Gli attuali instancabili dirigenti stanno continuando l’opera dei predecessori con un team motivato e composto anche da giovani che ai tempi della fondazione del circolo erano i ‘primi ragazzini’ che si cimentavano nei campi di ‘Banditella’.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

È

stato un 2017 davvero ricco di soddisfazioni per il Circolo di Banditella (il CTL, Tennis Livorno Soc. Coop a r.l. SSD). Nel corso dell’anno solare, la squadra maschile del Circolo labronico ha conquistato la promozione dalla D3 alla D2, mentre la formazione femminile ha colto il doppio salto, dalla D3 alla D2 e poi dalla D2 alla D1. A livello di risultati individuali, si sono messi particolarmente in luce MariaVittoria Casucci, salita in seconda categoria, e Paolo Griselli che si è meritato l’ingresso in classifica 3.1. Frenetica l’attività agonistica pure per chi non è più giovanissimo: vinto il titolo toscano over 50 maschile grazie alla formazione composta da Alessio Langella, Maurizio Asei, Massimo Asei e Marco Rambaldi. Si sono distinti nei vari tornei individuali Camilla Garzelli, Pietro Asei, Tommaso Grillo, Filippo Grillo, Matilde Rosellini e Valeria Casile. Il CTL - uno fra i più conosciuti circoli a livello nazionale grazie alle sue imponenti e qualificanti strutture sportive - è stato fondato il 7 aprile 1979. Il prossimo anno, dunque, sarà pronto a festeggiare i suoi primi 40 anni di vita. Fu un gruppo di soci dello storico Circolo di tennis di via Roma - trasferitosi poi a Villa Lloyd dagli anni ‘50 - a gettare le basi per il progetto CTL. Il primo atto fu l’acquisto di un terreno per la realizzazione di una moderna struttura in una bella zona vicino al mare. Nel corso degli anni, si sono registrate, nella già ampia struttura, aggiunte significative, quali la piscina e la palestra. Si sono inoltre registrati miglioramenti per quanto riguarda l’acquisizione di

337


V

TC Livorno: un 2017 biancoverde da record Il bilancio è incredibile: 28 tornei, 2 titoli toscani e 2 promozioni a squadre in un solo anno

18 (Salvetti e Invernizzi) giungono terze in Toscana. A giugno, la squadra femminile di B del capitano Piero Cocchella conquista la salvezza dopo aver sfiorato l’accesso ai play-off, mentre la C maschile sfiora la promozione nei cadetti perdendo la finale con Trento. Nell’Open Costa Etrusca, nuova manifestaSumberaz, Vaselli, Paoletti, Barriera Lepri e Renai zione organizzata dal circolo, Alessandra Di Batte arriva in finale anche una serie di eventi che hanno pordove si arrende solo a Jelena Simic; terza tato nel circolo biancoverde centinaia e Camilla Cellieri. Pietro Damiani conquista centinai di appassionati. Qualche esemil titolo Toscano di 4° Categoria. Arriva una pio? Il bellissimo pomeriggio che gli alliecoppa da mettere in bacheca anche per vi biancoverdi hanno trascorso con Giulia Claudia Capocchi e per Teresa Invernizzi Gatto Monticone e il suo allenatore Tomche si aggiudica il Contessini Romito (nel maso Iozzo, l’esibizione con in campo Marmaschile 2° posto per Edoardo Cocchella). tina Trevisan, il fratello Matteo, Gregorio Alessandro Antoni centra la vittoria nel 3a Lulli, Jelena Simic e Tathiana Garbin capicategoria a Banditella. In Spagna la nostra tana della nazionale italiana di Fed Cup, e Maria Masini vince due tornei di doppio Itf l’evento solidale pro alluvionati con Filippo Volandri e Paolo Lorenzi protagonisti. scalando posizioni nella classifica Wta. Negli ultimi mesi dell’anno l’under 14 Alice Spagnoli vince il super Slam a Montecatini mentre Silvia Salvetti si aggiudica il Trofeo Romoli a Firenze (bissando la vittoria ottenuta in primavera al Tc Apua). La stagione si chiude con le vittorie al master Sabatini (Spagnoli e Porrino) e al master regionale della Fit (Spagnoli). I successi ottenuti sono lo specchio del bel lavoro portato avanti con oltre 150 allievi da parte dei maestri Lucia Della Fazia, Marco Lepri, Veronica Volandri, Edoardo Paoletti, Piero Cocchella, Paolo Pavoletti e Susanna Paoletti. In 12 mesi Villa Lloyd ha confermato la sua centralità nel movimento tennistico citMaestra Susanna Paoletti assieme ai piccoli allievi Spagnoli, Porrino De Federicis Una bella foto di gruppo per le squadre under tadino organizzando

entotto tornei individuali vinti, due titoli toscani, due promozioni nei campionati a squadre e tre eventi di assoluto richiamo. Il 2017, per il Tennis Club Livorno è stato un anno record in quanto a vittorie nelle competizioni individuali, rendimento nei campionati a squadra e manifestazioni di grande richiamo. Il dettaglio in ordine cronologico. Nei primi mesi dell’anno si registra il successo nel campionato indoor di seconda divisione femminile. Mirea Signorini, Camilla Cellieri, Silvia Salvetti e Teresa Invernizzi conquistano la promozione in prima divisione. Intanto giungono i primi due sigilli con Ginevra De Federicis e Giorgio Porrino. I due promettenti ragazzini, nell’arco della stagione, finiranno per vincere rispettivamente 4 e 7 tornei, confermandosi tra i migliori prospetti del panorama toscano. Nelle prime settimane dell’anno Pietro Papi vince a Marina di Massa mentre la giovanissima Sveva Fumagalli, di appena nove anni, assapora il primo successo. A primavera Costanza Benini compie un bel salto di qualità e comincia ad imporsi in alcune manifestazioni under (alla fine saranno 4). I piccolissimi della categoria Red (Vaselli, Sumberaz, Barrera) guidati dalla maestra Susanna Paoletti si assicurano il titolo toscano di categoria e si presentano come il futuro più promettente della scuola biancoverde. Nei campionati a squadre la giovanissima formazione di D3 (Bini, Rapone, Porrino, Damiani, Papi) mette insieme un torneo da incorniciare e viene promossa in D2, mentre le ragazze dell’under

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

TENNIS CLUB VILLA LLOYD

339


I

l 2018, per l’ASD Tennis Ferrovieri, è stato un anno di transizione dal punto di vista dei risultati. Dopo la rinuncia alla serie C e la salvezza acquisita sul campo, la squadra del club di via Benga-

Michele Quaglia con il campione Paolo Lorenzi

si (constatato i cervellotici nuovi regolamenti), ha preferito ripartire dalla serie D3. La promozione istantanea alla categoria superiore si è dimostrata solo una formalità, vista la partecipazione alla competizione degli insegnanti Michele

Davide Galoppini

ASD Tennis Ferrovieri, una stagione interlocutoria per provare a ripartire alla grande Non è bastata la salvezza sul campo per la prima squadra di serie C: ripartenza dalla D3 e promozione al volo Quaglia e Giulio Puccini coadiuvati dalla generosità di Carlos Florio, Luca De Federiciis e Gianluca Fastame, buoni quarta categoria. Gli stessi Quaglia e Puccini si sono confermati al vertice nei tornei individuali. Quaglia, nei tornei di terza categoria di Ponsacco e Marina di Carrara, ha sbaragliato il campo, imponendosi sempre, senza lasciare agli avversari neanche un set. Puccini ha fatto man bassa nei tornei limitati 3/4, vincendo in casa il torneo di categoria e aggiudicandosi la prestigiosa coppa Lang al TC Livorno. Puccini ha chiuso l’anno imbattuto sia nelle competizioni a squadre, sia nei tornei individuali. Grande, per il DLF, la risonanza per l’edizione del Torneo Open, denominato Costa Etrusca con l’abbinamento nella stessa settimana della competizione femminile ospitata dal TC Livorno: un comitato organizzatore veramente dinamico ed affiatato è riusciuto a far convergere un buon numero di sponsor appassionati regalando una finale spettacolare con la vittoria di Matteo Trevisan (ex 267 Atp) su Gregorio Lulli speranza Labronica della 100% tennis del tecnico Claudio Galoppini. Comprensibile quest’anno la rinuncia al DLF di Davide Galoppini, ex atleta di casa ora impegnato, a pieno regime, nell’attivita’ internazionale. Quella di via Bengasi è una consolidata realtà del tennis cittadino. La sua storia ha avuto inizio nel 1977, quando 80 ferrovieri firmarono un documento e lo presentarono all’allora presidente del DLF Giuliano Bagnoli. Con quel ‘fatal’ documento veniva richiesta la possibilità di costruire un campo da tennis nel terreno antistante la ferrovia. Insieme alla richiesta, gli 80 ferrovieri presentarono la somma di mille lire: una cifra con la quale, simboli-

camente, si dovevano finanziare i primi lavori. Con somma abilità, Bagnoli andò ben oltre la richiesta e ‘strappò’ alle allora Ferrovie dello Stato un accordo per l’utilizzo di quel terreno dando così via al progetto Tennis di via Bengasi. In questi quattro decenni, di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta e anche grazie all’instancabile opera di Roberto Rinaldi, dapprima responsabile dell’allora Gruppo Tennis del DLF e poi presidente del DLF, sono stati compiuti passi da gigante. Dal 2009 la struttura, che conta su quattro campi (due coperti) è gestita dall’Asd Ferrovieri Livorno. 50 sono i soci, ma la struttura è sempre aperta anche agli ‘esterni’, che possono liberamente prenotare i campi e divertirsi - più o meno ad alti livelli - con le loro racchette. In particolare durante i freddi inverni e le giornate piovose, vengono ‘sfruttati’, i due campi al chiuso. Da quando, 41 anni fa, gli 80 ferrovieri presentarono al presidente Bagnoli il ‘fatal’ documento, sono stati davvero notevoli i miglioramenti. Ed è bello vedere in campi adiacenti la preparazione di maestri e giocatori capaci di vincere importanti tornei e al loro fianco atleti, magari non più giovanissimi, che nei ritagli di tempo, si confrontano in ‘appassionati’ partite lunghe solo un set.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

ASD TENNIS FERROVIERI

Uno dei campi di gioco

341


N

ella ‘cittadella dello sport’ di Ardenza, si allenano, pressoché fianco a fianco, campioni di primissimo piano. La ‘storica’ struttura dello Junior Tennis è situata, come noto, all’interno di un’area (la ‘cittadella’ appunto) nella quale sono concentrati i maggiori impianti sportivi di Livorno. La struttura è attigua allo stadio, all’ippodromo, alle piscine comunali, al campo da rugby e non è certo lontana dal campo scuola e dai palazzetti di via Allende. Una zona della città unica nel suo genere, situata peraltro a pochi passi dal mare. Una zona nella quale si allenano in contemporanea, a poche decine di metri di distanza l’uno dall’altro, campioni di varie discipline. Tra i campioni che possono essere ammirati, figura tra gli altri Paolo Lorenzi, il tennista toscano, Davis-man, capace di raggiungere, nel 2017, il 43° posto nelle classifiche Atp. Lorenzi, durante la sua ‘classica’ preparazione, è di stanza al Centro Coni di Tirrenia, ma spessissimo, sotto la guida del suo allenatore, il livornese Claudio Galoppini e del suo preparatore atletico Stefano Giovannini, si sposta da Tirrenia al circolo di via dei Pensieri, per effettuare il suo lavoro di preparazione e di avvicinamento ai vari e prestigiosissimi tornei internazionali. Allo Junior, vicino a Lorenzi – magari in uno dei tre campi al chiuso – si allena il livornese Davide Galoppini, il tennista labronico, tesserato dapprima per una società veneta (più precisamente di Este, nel padovano) e poi per un circolo di Napoli. Davide Galoppini, nato e cresciuto – anche sportivamente parlando – a Livorno, è

Il maestro Claudio Galoppini con Azzurra Papa e Eleonora Apolloni

Junior: una ‘cittadella dello sport’ dove si allenano campioni Lorenzi e Galoppini si preparano sui campi di via dei Pensieri. Eccellenti i risultati delle rappresentative giovanili il numero 530 nelle classifiche mondiali. Un giovane in costante ed inesorabile crescita. Lo Junior Tennis, grazie all’opera dei maestri Claudio Galoppini, Michele Quaglia e Fausto Criscuolo, ha creato un settore agonistico di primissimo piano. Nel 2017, nel campionato femminile under 14, la squadra composta dal ‘terribile duo’ Azzurra PapaLisa Morfini ha colto un eccellente secondo posto nel campionato regionale di categoria. Azzurra Papa si è meritata pure l’accesso ai Master regionali. Sempre nel campionato toscano e sempre per la categoria under 14, è stata capace di salire sul podio (con la terza piazza), in campo maschile, la squadra composta da Alessandro Benedetti e Lorenzo Pierini. Nel Master regionale, prima piazza per lo stesso Benedetti (finalista nel campionato regionale) e semifinale raggiunta da Pierini (battuto nel ‘derby’ dall’amico-rivale Benedetti). Sono attivi al circolo Junior altri giocatori giovani e di altissimo livello, quali Gregorio Lulli, Tommaso Schold, Andrea Di Meo e Francesco Maestrelli. Alberto Schold è giunto secondo nei master under 10, mentre lo stesso Martino Crocetti (13 anni da compiere) si sta ritagliando un ruolo sempre più importante nel panorama tennistico regionale. Di primissimo piano, il terzo posto a livello regionale, colto nel 2016 e con-

Benedetti, Crocetti e Pierini

fermato nel 2017, degli under 8. La squadra è composta da Simone Bonaccorsi, Sara Carrara, Niccolò Anastasia e Gianmarco Morroni: i quattro giovanissimi atleti fanno parte, insieme ad Alberto Schold, della rappresentativa regionale. Tra i ‘grandi’ la squadra composta da Niccolò Fusari, Lorenzo Apolloni, Lorenzo Pellegrino e Nathan Iacopinelli sta lottando ai vertici del campionato di D1 e nel 2017 è andata ad un passo dalla promozione in C. Claudio Galoppini, maestro dal 1994, prima di ‘approdare’ allo Junior, ha fatto crescere, durante la sua attività di tecnico federale, campionesse quali Pennetta, Vinci e Zanetti. Proprio in queste settimane di fine primavera, l’intera struttura dello Junior dovrebbe conoscere un importante sviluppo: è imminente la vendita ad un gruppo imprenditoriale desideroso di farle compiere un grande salto di qualità. I risultati agonistici dei campioni che si allenano sui vari campi, non mancano certamente, ma il desiderio è quello di far arrivare ai massimi livelli l’intera area. All’interno della cittadella dello sport non può mancare un circolo tennistico di primissimo piano.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

JUNIOR CLUB

Galoppini con Alessandro Benedetti e Lorenzo Pierini

343


Vita da sportivi Marzio Martelli, un vero Maestro di professionalità e impegno

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Marzio Martelli

344

S

ervizio potente grazie al quale era in grado di prendere in mano il gioco sin dai primi scambi ed un rovescio spesso vincente col quale lasciava gli avversari fermi sul posto. Questi gli ingredienti principali nella ricetta ideale di Marzio Martelli, ex tennista livornese, classe ‘71, in grado di raggiungere nel mese di settembre del 1997 la posizione numero 96 del ranking Atp. Persona simpatica e con la battuta sempre pronta. È riuscito a trasferire questa sua personalità anche nello stile di gioco: un tennis vario e divertente ed un servizio che rispondeva presente ogni qualvolta ce n’era bisogno. Memorabili sono le partite giocate negli Slam contro Agassi e Ivanisevic, senza dimenticare la partita in Coppa Davis a Pesaro contro Carlos Moya. Oggi maestro al centro Libertas Sport di Livorno, non ha mai abbandonato negli anni la sua più grande passione, il tennis, unita all’amore per le moto fuoristrada. Partiamo dagli esordi: come è iniziata la tua storia col tennis? “La mia storia è molto particolare, credo di essere tra i pochi ad aver iniziato prima come maestro di tennis e poi come tennista professionista. All’età di 20 anni saltai un anno per il servizio militare senza essermi mai allenato. In quegli anni, nel periodo invernale aiutavo nella scuola agonistica di Livorno ed in estate disputavo i tornei di serie B (in quei tempi la Serie A non esisteva ancora) coi quali cominciai a guadagnare qualcosa. Al professionismo non ci pensavo ancora, non avevo un allenatore che mi seguiva, né tantomeno uno sponsor che mi finanziasse. Dopo qualche anno mi cimentai anche nei tornei satelliti. Questi ultimi erano davvero pochi in Italia ma erano gli unici a cui potevo partecipare non avendo classifica.

“Con Ivanisevic ed Agassi i ricordi più belli di una lunga e soddisfacente carriera” L’unico modo per progredire ed accumulare punti era dunque quello di andare all’estero. Ciò significava andare incontro a delle spese difficili da sostenere per cui inizialmente lasciai perdere. Nel ‘96 arrivò la prima svolta: parecchi circoli organizzarono tornei satelliti. Intrapresi la mia avventura nel mondo dei pro, proprio in quell’anno. A gennaio partii con Ettore Rossetti verso l’India e conquistai i miei primi 15 punti Atp. In primavera giocai i primi nuovi tornei satelliti in Piemonte, Lombardia e Toscana che mi permisero di costruire un buona classifica (n.159 al mondo). Un ottimo trampolino di lancio che mi spinse a

Il tennista labronico ha giocato match esaltanti contro grandi campioni

provare a giocare le qualificazioni in tornei challenger. Ad Olbia poco dopo, dalle qualificazioni raggiunsi la finale e tutto ciò non fece altro che incrementare la fiducia in me stesso e nelle mie capacità. A fine stagione tentai le qualificazioni al mio primo torneo Atp. Andai a Palermo e con mio stupore riuscii a raggiungere le semifinali. In un solo anno ero riuscito ad ottenere risultati e successi che mi permisero un salto nel ranking mondiale non indifferente. Molto probabilmente questo salto repentino dai tornei di serie B ad una semifinale di un torneo Atp non l’ho assimilato al meglio: sarebbe stato meglio arrivarci per gradi”. Le partite più rappresentative della tua carriera: prima con Agassi agli Australian Open nel ‘98, poi la vittoria contro Ivanisevic al Roland Garros, sempre in quell’anno. Ci racconti i momenti e le sensazioni di quei match? “La partita vinta a Parigi contro Goran Ivanisevic sarà sicuramente uno dei ricordi più belli della mia carriera. Un match storico per me contro un grande campione (tre anni dopo vincitore a Wimbledon) e soprattutto un ottimo servitore. Non fu un caso che quell’incontro si giocò in tre set tiratissimi terminati al tie-break. Strappare la battuta non fu esattamente un’impresa semplice, tanto per me quanto per lui. Ricordo piacevolmente, nonostante la sconfitta, anche la partita contro Agassi a Melbourne. Mi ero portato avanti di un set e conducevo 6-5 nel secondo. La mia arma in più quel giorno fu il servizio, riuscii a mettere a segno più di 25 ace puliti. Più la partita si prolungava però, più l’americano cresceva di livello: se avessi vinto anche il secondo set, sono certo che lui non avrebbe mai mollato la partita anche perché successivamente accusai un vistoso calo fisico. Il set purtroppo se lo aggiudicò al tie-break e


la partita finì in quattro set. Fermo, coi piedi piantati sulla riga di fondo e colpi di contro balzo coi quali ti costringeva ad indietreggiare e correre molto. Agassi era davvero un tennista straordinario, unico nel suo genere, seppur nel periodo in cui lo affrontai non era al top della sua forma”. Tra i vari tennisti che hai affrontato, chi ti ha impressionato maggiormente a livello di gioco? “Sono stati tanti i talenti ad esprimere un tennis straordinario. Alcuni solo a vederli erano capaci di far sembrare facili dei colpi di una difficoltà pazzesca. Due nomi su tutti, Petr Korda e Marcelo Rios, classici esempi di genio e sregolatezza. Col ceco giocai agli Us Open nel ‘97 e persi con onore 6-3 7-6 7-6. In quella partita credo che ho messo in mostra un grande gioco. Lui disputò un ottimo incontro tanto che nei successivi ottavi di finale batté Pete Sampras in cinque set a coronamento di un torneo sensazionale. Nonostante un fisico esile, sapeva inventare qualsiasi tipo di giocata sul campo, era davvero imprevedibile se in giornata ideale. Un altro giocatore che adoravo e che possedeva delle potenzialità innate, seppur sia sempre stato poco assistito dalla testa, era Marcelo Rios. Un talento incredibile contro cui ebbi la fortuna di giocare nel ‘98 a Roma. In quel match persi per 6-3 6-1, tant’è che una volta metabolizzata la sconfitta pensai: “Cavolo, questo non mi ha fatto proprio giocare”. Nell’arco del torneo poi mi resi conto che anche gente come Tim Henman, Thomas Muster, Richard Kraiicek e Gustavo Kuerten non vinsero un set. Si allenava pochissimo, pensava più

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Martelli, classe '71, ha cominciato proprio come maestro nei circoli

semmai alla serata in discoteca che non ad praticamente concluso. Questo perché ormai allenarsi il giorno dopo. Nonostante questo, tirano talmente forte che non c’è neanche biarrivò senza mai vincere un Grande Slam alla sogno di andarci o al contrario giocando con prima posizione al mondo. La domanda mi è tanta potenza non hanno neanche il tempo sempre sorta spontanea: ‘Uno come Rios, se di fare giocare la volèe.” Hai qualche rimpianto in carriera? Sarefosse stato seguito in un certo modo o avesse avuto un altro tipo di testa, che traguardi sti stato in grado di raggiungere in carriera risultati migliori? avrebbe potuto raggiungere in carriera?’”. “È una domanda che mi faccio spesso Quali sono gli aspetti più importanti su ancora oggi. Vedevo all’epoca dei giocatori cui si fonda la forza di un giocatore? “Campioni si nasce, un po’ come Rios. E’ attorno alla 50esima posizione che a livello alla fine una questione genetica, seppur ci tecnico e fisico erano meno dotati di me. La siano comunque altri fattori. Il talento ha differenza sostanziale è che loro sono arrivati più sfaccettature, non c’è nel tennis un solo e io no, c’è poco da aggiungere. Oltre ad un modo per intendere questo termine. Madre dritto che andava un po’ a fasi alterne il mio natura può donare un grandissimo braccio, vero tallone d’Achille è stata la discontinuità. un grande fisico ed importanti qualità men- Una discontinuità dovuta molto probabiltali. Il grande giocatore è chi riesce ad avere mente ad una mia mancanza di tranquillità queste tre caratteristiche seppur in percen- interiore. Se fossi riuscito a trovare un equituali diverse. Per ordine di importanza metto librio a tutto questo avrei potuto ottenere al primo posto la testa, è necessario avere qualcosina di più a livello sia di classifica che una predisposizione mentale volta al sacrifi- di risultati. Inoltre anche tra i pro, al posto di cio. A pari merito ci vuole il fisico, che vanno 3 anni, avrei potuto ambire ad almeno 5-6 a mio avviso di pari passo. Non si può avere anni di attività in più a quel livello. A bocce una o l’altra caratteristica per giocare tra i ferme poi penso alle difficoltà iniziali dovute pro. La qualità è importante, ma senza quelle alle ingenti spese iniziali e al fatto che nel giro due prerogative aggiunte al lavoro quotidia- di un solo anno sono stato in grado di scalano, è quasi ininfluente. Al giorno d’oggi tutti re posizioni su posizioni in classifica. Inoltre sanno giocare bene a tennis entro certi livelli, io ed il mio ex coach Piero Cocchella intrala differenza credo si veda nei punti impor- prendemmo quest’avventura insieme senza tanti. Il campione vero sa quando difendere nessuna esperienza passata. Col senno di poi ed aspettare un gratuito dall’avversario o posso ritenermi abbastanza soddisfatto e fequando aggredire per ottenere direttamente lice di ciò che ho fatto e sono tuttoggi”. il punto”. Quali differenze riscontri maggiormente tra il tennis odierno e quello di 20 anni fa? “Il primo dato di fatto è che la palla ora viaggia molto di più. Il tennis odierno si è velocizzato, vuoi per i nuovi materiali, vuoi pure per l’evoluzione fisica dei giocatori. Vedo sempre gente più alta che serve fortissimo come Raonic o Isner mentre ai miei tempi nonostante ci fossero tennisti alti, la media di allora non credo sia quanto quella attuale. D’altronde l’altezza comporta un fisico di un certo tipo, leve più lunghe che spingono di conseguenza di più. Oggi ciò che manca rispetto al passato è la ricerca della rete, quando vedi un giocatore nei pressi di questa è solo per stringere la mano a fine partita o a punto Un bel rovescio di Martelli in azione

345


Tennis Tavolo A cura di Andrea Puccini

F.I.Te.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

Per Niagol “il livornese” due tricolori e un sogno olimpico

346

Niagol Stoyanov Campione d’Italia

Stoyanov jr., già protagonista nel Campionato francese, si è laureato ancora Campione d’Italia

A

Terni, tradizionale sede ospitante dei campionati italiani, dopo il successo nel 2014 Niagol Stoyanov è tornato ad infilarsi al collo sia la medaglia dell’oro nell’individuale (un tabellone dove in finale si è imposto sul rivale Mutti tesserato anch’esso per un Gruppo Sportivo delle Forze Armate, precisamente per l’ Aeronautica Militare), sia quella del doppio maschile (un successo con percorso netto, ottenuto in coppia con l’aviere bresciano Marco Rech Daldosso nonchè vero recordman della specialità al sesto successo consecutivo). Una soddisfazione impreziosita pure dalla rivincita che Stoyanov jr. si è preso in semifinale contro il ‘nemico-amico’ di una vita, Mihai Bobocica: lo stesso che ebbe la meglio su di lui, all’atto conclusivo nel 2017. La dinastia Stoyanov ha arricchito quindi il proprio palmares grazie agli ultimi successi. Un talento tramandato at-

Il podio del singolare maschile di Terni 2018 con Stoyanov esultante (fonte- toscana.fitet.org)

traverso il Dna e coltivato poi subito in tenerà età sui tavoli livornesi da babbo Ivan, nazionale bulgaro nonché ex numero 36 del mondo, che subito l’anno dopo la sua nascita si era trasferito all’ombra dei Quattro Mori nel 1987 per giocare nella massima serie con la casacca della gloriosa Tripcovich. Nella bacheca di famiglia, oltre ai 16 titoli ottenuti a livello giovanile, dopo l’ultima doppietta ai tricolori 2018, quelli assoluti sono diventati già sei. “Mio padre è sempre Stoyanov jr. con i compagni azzurri in occasione di uno stage molto esigente per quan-

to riguarda il tennistavolo ma è anche il primo supporto concreto in ogni scelta, sportiva e non, che mi sono ritrovato a prendere – racconta Niagol con obiettività – Non perde mai il punto di vista dell’allenatore che ti riprendere per qualcosa che poteva essere fatto o gestito meglio ma, allo stesso tempo, è altrettanto tifoso quando si tratta di incoraggiarmi e spronarmi”.

La svolta

“L’estate 2016 ha rappresentato un crocevia chiave per la mia carriera – racconta il trentunenne, che aveva toccato quota 88 nel ranking mondiale nel novembre 2014 – la mancata qualificazione per le Olimpiadi di Rio de Janeiro, obiettivo al quale tenevo più di ogni altro, mi ha costretto a rimettere in discussione un po’ tutta la mia vita sportiva. La chiamata in Francia, da un club che in quel momen-


to era campione oltralpe e soprattutto detentore della Champions League, è arrivata nel momento perfetto. Anche se in qualità di quarto elemento della squadra. Solo per stravolgere e rivedere tutte le abitudini, anche solo quelle quotidiane legate agli orari, agli spostamenti e ai metodi di allenamento. Il tutto, in un Paese straniero.” Al termine della stagione di debutto con il Pontoise, una formazione di punta della massima serie francese (la Pro A) vicino a Parigi, si è piazzato secondo in campionato e terzo nella più importante competizione continentale. Visto il buon rendimento, Stoyanov è stato poi confermato anche per una seconda annata non così fortunata come la precedente. Né in campionato (dove il Pontoise è sì terzo ma tagliato fuori dal discorso scudetto visto che al termine delle 18 giornate di stagione regolare la formula non prevede playoff), né a livello europeo, (visto il terzo posto nei gironi preliminari di Champions e l’uscita poi altrettanto prematura nell’altra Coppa in cui il club francese era confluito).

zio sicuramente meno prestigioso (gioca nella Pro B) ma altrettanto ambizioso. “Lì sarò il leader, il numero uno che deve trascinare i compagni alla promozione nella massima serie – racconta Niagol, ad oggi numero 180 del Mondo e 31 del torneo dei ‘galletti’ – Il loro interessamento mi ha gratificato, spero che il prossimo sia solo un veloce anno di transizione per tornare a giocare ai più alti livelli. Il progetto della società però è chiaro (Il Caen TTC era in A solo due anni orsono e sta lavorando per un nuovo palasport dove ospitare 500 spettatori in occasione dei match casalinghi, ndr) e quest’anno hanno dovuto rimandare la risalita solo per colpa di un cattivo avvio di stagione (5 vittorie, 4 sconfitte, ndr).” Definito dalla dirigenza ‘un peso massimo che frutterà dal 70 al 90% dei successi

Il futuro

Un’annata agonistica che sta volgendo al termine e alla quale Niagol, che pur viaggia tra il 40-50% di vittorie nei match disputati, ha già praticamente voltato pagina. Questo per via dell’ufficializzazione del suo imminente passaggio al Caen. Un sodali-

Niagol con la casacca transalpina del pointoise

Il figlio d’arte in azione

nei suoi scontri diretti’ nella categoria dove giocherà dal prossimo autunno (per gli allenamenti invece, il luogo deputato continuerà a essere quel grande centro polisportivo all’avanguardia nella periferia parigina chiamato Insep), Stoyanov jr. ora punta dritto al sogno olimpico di Tokyo 2020. “Viste le precedenti delusioni, non voglio che diventi un chiodo fisso o una sorta di maledizione. Quindi, cerco di pensarci il meno possibile – racconta Niagol, più che maturato alla soglia dei suoi 31 anni – Se in una disciplina come la mia arrivi a un certo livello, è ovvio che anche solo la partecipazione o meno all’evento più importante come lo sono i Giochi, fa la differenza in una carriera. Diciamo che l’esperienza francese, nel continuo confronto con avversari quasi tutti nazionali nei loro rispettivi Paesi di provenienza, mi sta regalando qualcosa che ancora mi mancava nei momenti clou delle competizioni internazionali. Il livello tecnico è molto alto: una squadra che retrocede dalla Pro A ambirebbe a vincere lo scudetto dalle nostre parti. In Francia poi, si impara a gestire la pressione davanti a centinaia di persone tra il pubblico ad ogni giornata di campionato: in Italia, solo la finale playoff è un evento in grado di catalizzare un po’ più di attenzione tra gli spettatori.”

F.I.Te.T.: F.I.T.: Federazione Federazione Italiana Italiana Tennis Tennis Tavolo

Niagol Stoyanov all'Open di Germania (fonte fitet.org)

347


2017: tutti i risultati

Il collettivo TT Bernini festeggia uno dei tanti successi di squadra ai tornei regionali

Tennis tavolo Bernini Livorno un’altra annata da primi della classe Sono circa 70 gli appassionati per un sodalizio storico che non conosce crisi di risultati

Una tranquilla seduta di allenamento in casa TT Bernini

no verde, in campionati sia a dimensione regionale ma anche di livello nazionale. È il caso delle formazioni ammiraglie che hanno militato in serie C1 in campo maschile (ben due rappresentative) e in serie B per quanto concerne il settore femminile. Nel primo caso, il gruppo B si è salvato con serenità chiudendo quarto a quota 16 punti grazie alle prestazioni di Leonardo e Marco Iannis, Jacopo Raffaelli e soprattutto dell’inossidabile cpitano-giocatore Ivan Stoyanov (solo 1 ko a fronte di 33 vittorie stagionali). Peggio per la selezione A, giunta penultima nello stesso girone H e retrocessa: 10 punti complessivi collezionati, frutto dell’impegno comunque meritevole di tanti nomi al maschile (i ‘titolari’ Matteo Bagnoli, Lorenzo Domenici e Alessandro Nori, oltre a Manuel Boldrini, Carlo De Pasquale, Giuliano Nori, Francesco Orsini) e uno al femminile (Valia Vassileva, con quattro incontri disputati). Le ragazze invece hanno dominato il girone F di serie B, vincendo con 17 punti (7 incontri vinti e soli 3 stop) davanti al

TT Lugo e guadagnandosi il pass per la partecipazione ai playoff promozione: purtroppo però, il forfait tanto improvviso quanto pesante di Alessia Mirabelli ha penalizzato in maniera irreversibile le chance di gloria delle livornesi, capaci

F.I.Te.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

I

l Tennistavolo Bernini guidato dal veterano Ivan Stoyanov non smette di stupire. Un sodalizio longevo, in grado di svicolare dalle mille difficoltà logistiche, burocratiche e soprattutto economiche che incombono sempre più anno dopo anno sul destino di uno sport considerato erroneamente dai più come ‘di nicchia’: di conseguenza, anche poco considerato da sponsor e potenziali partner in grado di fornire un concreto contributo alla causa della racchetta in miniatura. Eppure, come certificato dai risultati ottenuti nelle manifestazioni ufficiali e confermato dal numero degli iscritti che praticano quotidianamente i tavoli all’interno della palestra delle scuole De Amicis, il tennistavolo a Livorno rimane un feudo importante per l’intero movimento nazionale di questa gloriosa disciplina. Quella dei Quattro Mori è una piazza che conserva una buona storia in fatto di giocatori e risultati di livello, anche grazie ai numeri collezionati al giorno d’oggi: sono ancora circa una settantina infatti gli appassionati, compresi i semplici amatori che dilettano a sudare palleggiando in allenamento, che orbitano intorno alla società guidata dal tecnico e factotum Ivan Stoyanov. Un club che porta però a gareggiare anche tanti giocatori dall’anagrafe più o me-

Un momento degli allenamenti nella palestra delle De Amicis

349


F.I.Te.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo 350

Ritiratasi purtroppo la selezione di D2, miglior sorte è toccata al collettivo di D3. Nel girone A si sono alternati con successo, chiudendo terzi a fine annata, un sacco di giovani emergenti, sia maschi che femmine: Daniele Balestri, Tommaso Banti, Manuel e Matteo Bonarelli, Iacopo Caprino, Federico De Memme, Elia Delfino, Bruna PaLa prima squadra che ha disputato il campionato femminile stori. Più sfortunate le ragazze di serie C, gio dal lunedi al venerdi. Una vera e propiazzatesi agli ultimi due posti del girone pria missione di vita quella del bulgaro B toscano: ha quota 6 punti, penultime, classe ’54, una sorta di leggenda vivenAlcuni ragazzi del vivaio TT Bernini sono giunte Sofia Arias, Margherita Ba- te nel proprio Paese natale (nel 1978 ha nonostante tutto di vincere 4-0 il primo ni, maria Cebotari, Bruna Pastori. Hanno toccato anche il numero 36 del ranking match e di pareggiare 3-3 il terzo e ultimo chiuso la classifica, con due punti in me- mondiale) ma anche inossidabile punto impegno (bandiera bianca alzata solo con no (e una vittoria nel derby di casa con- di riferimento per i tantissimi più o metro le compagne di club) Matilde Bellata- no giovani praticanti, amatori e non, che il Verzuolo poisalito di categoria). hanno attinto a piene mani dai suoi insePer quanto concerne invece i tornei a di- la, Sivlia Gabiccini e Sara Truono. gnamenti nel corso di questi decenni. Una lunga tradizione mensione regionale. La Serie C2 maschile “Assieme a mia moglie Valia Vassileva, Ivan Stoyanov ha cominciato a pratiè retrocessa purtroppo nel girone A con fondammo la scuola tennistavolo dell’AClaudio Casarano, Sandro Giovannini, Gio- care il tennistavolo a soli 8 anni in Bulgagip Petroli in Viale Ippolito Nievo. Un’avvanni Grassi, Giorgio Pirina, Massimo Pisa- ri e già due anni più tardi, a riprova del ventura che è andata avanti fino al 2004, suo innato talento, era già nella top ten ni, Lorenzo Scalici. Decisamente migliore la stagione per la fpormazione di serie D1 dei Giovanissimi. Due titoli juniores na- quando poi sostituimmo quell’impegno che, all’interno gruppo A, si è salvata con zionali poi, a 18 anni, la prima partecipa- con il progetto della nuova società Berniun discreto margine di tranquillità chiu- zione con la casacca della nazionale di ni Livorno. Una denominazione che abbiadendo quarta a soli due punti dal Forte dei categoria in una manifestazione interna- mo voluto conservare per rispetto a marino Marmi secondo e promosso per miglior zionale. Dal 1977 al 1998, dal primo Mon- Bernini, nostro ex sponsor, nonostante sia differenza punti ai danni di Carrara: del te- diale all’ultimo Europeo disputato, per scomparso ormai da tanti anni” racconta il am hanno fatto parte i due fratelli Barsan- vent’anni una carriera di vertice condot- nativo di Sofia, che ha preso parte a qualti, Daniele Marco, oltre a Lorenzo Frosini e ta tra i nomi più grandi del pongismo in- cosa come nove Campionati Mondiali e l’ ‘imbucata’ tra i colleghi maschi, Lisa Belli. ternazionale. E in mezzo, lo sbarco datato ben dieci Europei. 1987 nel massimo campionato italiano, prima a Ragusa e poi nella nostra Livorno. Una città dove Ivan ha messo radici, dove ha cresciuto il figlio e suo degno erede sui tavoli Niagol e per la quale ha combattuto agonisticamente in alcuni dei periodi di massimo fulgore del movimento locale (due semifinali playoff disputate sotto l’insegna Tripcovich). Nonostante questi trascorsi gloriosi, da anni Ivan è attivo e presente quotidianamente in palestra, precisamente alle scuole elementari De Amicis, in La formazione ammiraglia livornese che milita L'inossidabile Ivan Stoyanov va avanti nel in serie C maschile doppio ruolo di giocatore-allenatore Viale Marconi 79, ogni pomerig-


Parola ai protagonisti

Leonardo Iannis

L

eonardo Iannis, 17 anni, studente modello che frequenta l’ITIS Galilei a Livorno, è il volto copertina del movimento pongistico all’ombra dei Quattro Mori. Il talento livornese è fresco reduce da tre ottimi piazzamenti ottenuti nei più recenti tornei giovanili di qualificazione ai campionati nazionali : un primo, un secondo e un terzo posto conquistati negli appuntamenti a livello regionale hanno chiuso il cerchio di un momento magico per Iannis. Un ragazzo sulle cui capacità la stessa Federazione Italiana ha messo gli occhi già da tempo, tenendolo sotto osservazione e convocandolo anche per un raduno azzurro organizzato all’interno della Scuola Nazionale ACSI Tennis Tavolo Pisa di San Giuliano Terme, in quel di Pisa. Nel settembre 2017 infatti si è tenuto il primo stage giovanile della stagione agonistica in corso (2017-2018) per quanto concerne la Toscana e la lista dei partecipanti ha incluso per la prima volta negli ultimi anni anche alcuni atleti juniores: una scelta dettata dalla volontà di favorire la presenza di giocatori di più alto livello che possano favorire la crescita degli atleti più giovani. Iannis, che ha compiuto gli anni lo scorso 15 gennaio, assieme ai Giovanissimi Daniele Balestri ed Elia Delfino (classe 2007), ai Ragazzi Marco Matteucci e Leonardo Samuele (un anno più grandi), ai tre Allievi Manuel Boldrini, Gianlu-

Iannis e Matteucci sono i due esempi più brillanti del buon lavoro portato avanti da Stoyanov con i giovani ca laucci e Federico De Memme (nati nel 2004) e alle altre compagne di squadra ‘in rosa’ (Sara Truono e Matilde Bellatala per le Ragazze del 2005, Vittoria Margherita Bani per le Allieve classe 2003) ha quindi portato alto i colori del TT Bernini tra i 25 atleti che si sono succeduti negli allenamenti guidati in due giornate dal nuovo tecnico regionale Marco Galli e del tecnico uscente Christian Ghelardi, con la collaborazione di Andreas Furrer come sparring partner. A settembre 2017 ha trionfato prima nel Trofeo Open di Cascina, poi sempre nel tabellone del singolo maschile del torneo nazionale di quarta categoria, disputato in provincia di Piacenza a Cortemaggiore, battendo in finale per 3-1 il rivale Gusberti. Ma successi sono arrivati, sempre tra i quarta categoria, anche nel Trofeo regionale di San Giovanni Valdarno e nel Campionato Provinciale

Leonardo Iannis impegnato sul tavolo

che ha chiuso l’anno solare proprio a Livorno. L’enfant prodige del pongismo locale, che ha cominciato a impugnare la racchetta in miniatura solo dal 2011, si è qualificato poi per i campionati italiani giovanili che come da tradizione vengono ospitati in quel di Terni. Spera di seguire a ruota le orme promettenti del compagno anche il Giovanissimo Marco Matteucci, nato il 26 luglio del 2006. Dodici anni ancora da compiere, studente di prima media, ha avuto un exploit di risultati assai convincenti nell’ultimo biennio, dopo un primo anno di sperimentazione visto che gioca a livello agonistico da appena tre stagioni. Di recente, Matteucci si è piazzato al primo posto in Toscana e al quinto posto tra della sua categoria ai Campionati Italiani. Per questo, nella stagione corrente è stato ‘promosso’ tra i Ragazzi: dove, pur dovendo ripartire dallo status di testa di serie non di prima fascia, sta già riscontrando buone prestazioni (nel torneo nazionale giovanile è partito da numero 11 del ranking ed ha chiuso al sesto posto finale). A riprova delle speranze riposte anche dalla Fitet stessa nelle qualità del giovane livornese, il nome di Matteucci risulta tra i convocati del prestigioso torneo internazionale Ittf Italian Junior & Cadet Open, che si è tenuto a Lignano Sabbiadoro a fine marzo scorso.

F.I.Te.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

Due talenti certificati TT Bernini: il futuro è radioso per il tennistavolo livornese

351


Tiro a volo A cura di Andrea Puccini

Andrea Martignoni Campione nazionale, europeo e mondiale

Martignoni concentrato in gara

I

nossidabile Andrea Martignoni, livornese classe 1955, già pluri campione nazionale, europeo e mondiale, sia a livello individuale sia a squadre, nella specialità del tiro con l’elica 28 grammi. Il ‘cecchino’ sponsorizzato Fiocchi Munizioni e parte integrante del team di tiratori della prestigiosa Perazzi, che vanta un palmares impressionante all’interno del quale è diventato ormai

Il tiratore sale ancora sul podio internazionale: piazzamenti in Coppa del Mondo e ai Mondiali complicato tenere il conto degli allori (è ori, un argento e tre bronzi, a conferma sufficiente solo ricordare che è stato in- del’alto valore agonistico della scuola signito dal Coni con la Medaglia d’Oro italica, ha riservato anche un’altra, enneper Meriti Sportivi già nel 2015), è stato sima soddisfazione per l’atleta che è anun protagonista assoluto del Campiona- che responsabile regionale della Fedeto del Mondo organizzato per la prima razione per quanto concerne la propria volta nela storia negli Stati Uniti (un mer- specialità. Partendo dalla classifica Open, Robercato emergente e sempre più attento al movimento del tiro a volo), precisamen- to Proietti di Terni e il campione italiano te a Dallas. Quella consumata nel no- Leandro Prado, ad un passo dal podio invembre 2017 ha rappresentato l’ultima dividuale, si sono assicurati la medaglia delle tre prove valide per l’assegnazio- d’argento nella classifica a squadre Sene della Coppa del Mondo 2017 di Tiro nior proprio insieme al labronico Martiall’Elica. gnoni di Collesalvetti. Per i tre tiratori un La nazionale azzurra ha ben figura- punteggio complessivo di 55, piazzatito sui podi della Coppa, aggiudicando- si secondi alle spalle degli statunitensi si ben due dei cinque trofei in palio e al- d’oro. Se per il titolo quindi non c’è statre cinque medaglie. Tra questi, il nostro to niente da fare visto la strapotere dei Martignoni, che si divide tra i poligoni di beniamini di casa, i campioni del mondo tiro della Cascine a Firenze (società di cui americani guidati da capitan Rick Mein, fa parte integrante anche dello staff di- Martignoni e i due compagni d’azzurro rigenziale) e quello di Bologna che l’ha hanno comunque stacca di quattro eliadottato tesserandolo sportivamente che l’Argentina di Gustavo Bonino: i suormai da anni, ha confermato di essere damericani si sono stoppati a quota 51. ancora più che competitivo nella propria categoria anagrafica. Per stilare la classifica finale sono stati presi in considerazione i punteggi realizzati dai tiratori in un Gran Premio della stagione, nel Campionato continentale di riferimento e nel Mondiale. Tra i Veterani, Martignoni è stato bronzo individuale con il 257.86 %. Ma l’avventura a stelle e strisce della squadra di Elica, Martignoni , al centro,premiato a Bologna tornata dagli Stati Uniti con 2

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

Andrea Martignoni, una mira che non ha età e fa centro anche oltreoceano

353


2017: tutti i risultati

A

nche sul territorio provinciale, la scuola del tiro a volo labronica si reitera collezionando risultati di prestigio. E la tradizione dei ‘cecchini’ nostrani prosegue con una vittoria di blasone, ottenuta dal team dell’ASD Tiro a Volo Cecina laureatosi nuovamente Campione Italiano a squadre per quanto concerne la specialità dello skeet. Il sestetto composto da Cristian Ghilli, Adriano Bandini, Enzo Rosseti, Mauro Baronti, Moreno Taddei e Fulvio Vitarelli ha sbancato i campi di gara messi a disposizione dagli amici-rivali del Tav Falco a Capua. Come già accaduto in passato, Cecina si è cucita lo scudetto sul petto dominando una tanto numerosa (oltre 130 tiratori facenti parte di 23 società provenienti da tutta la Penisola) quanto agguerrita concorrenza. Mira praticamente infallibile per uno score complessivo davvero impressionante: 540 su 600 piattelli totali il bottino dei cecinesi, trascinati da una prestazione sopra le righe della giovane promessa Cristian Ghilli. Il 15enne, uno dei talenti di maggiori prospettive della specialità a livello nazionale, ha difatti chiuso con un quasi enplein personale (98 su 100).

Cecina ‘olimpica’ è la nuova capitale italiana dello skeet La squadra di Tiro a Volo della provincia ha trionfato con merito ai campionati Italiani 2017 di specialità

Le giovani promesse azzurre del tiro a volo radunate a Cecina

Oltre alla promessa, con uno score ottimo di 90 su 100, ha fornito un contributo di sostanza anche il veterano Adriano Bandini. Un nome ben conosciuto dagli addetti ai lavori, visti gli scalpi importanti, a volte anche di caratura olimpionica, collezionati lungo una decennale carriera agonistica. Bandini infatti è stato anche campione italiano assoluto a livello individuale. Grazie a queste performance, Cecina ha messo in fila sul podio i pugliesi del Tav Ilva Taranto e i veneti del Tav Scaligero, che hanno concluso rispettivamente a distanza di sicurezza: 529 e 524 i piattelli colpiti dagli avversari. Una vera e propria ciliegina per una stagione da incorniciare tra le fila del Tav cecinese. Nel bottino del sodalizio, anche diversi podi individuaI campioni d'Italia dello skeet sono i tiratori cecinesi li prima della vittoria del

Campionato Italiano a squadre che ha visto partecipare anche altri sette protagonisti come Roberto Ferri, Salvatore Romano, Giovanni Menghi, Simone Giannelli, Iacopo Cavallini e Renato Ribecai oltre alla tiratrice Paola Dolenska. In più, sempre nel 2017, nel corso del mese di maggio, il campo di tiro Il Paiolo ha avuto anche l’onore di ospitare una tre giorni di full immersion di giovani prospetti di interesse nazionale. Ben 33 talenti emergenti del tiro a volo, agonisti nelle competizioni delle tre specialità attualmente comprese nel panorama olimpico, accompagnati dai commissari tecnici Lamberto Castellani, Antonello Iezzi, Christian Eleuteri e Francesco Belluco. In visita alle pedane cecinesi è sono transitati anche il consigliere federale Luciano Innocenti e il delegato regionale Fitav Mario Nencioni: i due ha portato il saluto del Presidente ed elogiato Claudio Cavallini e Renato Ribecai, artefici dei progressi della struttura tiravolistica presieduta da Sebastiano Alvares.

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

asd Tiro a volo cecina

355


Tiro con l’arco

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco

A cura di Andrea Puccini

356

Il tiro con l’arco fa centro in città: il numero dei tesserati è in piena crescita Fabio Palandri Delegato provinciale FITArco

I

l tiro con l’arco, e Livorno non fa eccezione, si sta confermando una disciplina che ‘va di moda’ anche tra i ragazzi e dalla quale sempre più piccoli sportivi sono attratti, almeno per un tentativo arco alla mano. “Nei tempi passati, l’attività degli arcieri era quasi prettamente individuale – spiega Fabio Palandri, atleta sui campi di tiro dagli anni ’90 ma soprattutto in carica nei panni del Delegato provinciale FITArco ormai da una decade – Oggi invece il prezioso lavoro svolto sul territorio a livello locale dalle varie compagnie, le quali si sono dotate di una struttura tecnica e organizzativa sempre più complessa, fa in modo che la preparazione e la crescita degli atleti sia molto più omogenea e tutt’altro che casuale. Si sta superando di conseguenza anche il luogo comune che, sino a qualche tempo fa, accomunava il tiro con l’arco con l’atavico strumento nato per cacciare e difendersi”. Il movimento è quindi in salute e la situazione di Livorno e provincia ne è il ritratto fedele. “I numeri sono in crescita esponenziale per quanto riguarda i tesserati a livello nazionale – racconta Palandri, da poco insignito con la Stella d’Argento al merito sportivo, in realtà consegnata

A Stagno, un impianto invidiato da tutta la Toscana e il Trofeo Renato Doni ospita arcieri da tutta Italia agli Arcieri Livornesi per essere riusciti a centrare i dieci titoli nazionali complessivamente accumulati in bacheca - Ci sono corsi e nuovi inserimenti a livello di reclutamento. Questo anche grazie all’efficace campagna divulgativa che abbiamo intrapreso da tempo al fianco del CONI in ogni iniziativa che il Comitato promuove tra i ragazzi. In più, spesso le compagnie organizzano open day appositi durante i quali accolgono i curiosi e stimolano i neofiti ad approcciarsi a questa meravigliosa disciplina.” Uno sport che, nell’immaginario collettivo comune, solletica molto anche le aspettative di chi conosce poco o niente delle regole o dei meccanismi fisici ma è suggestionato dall’idea romantica legata all’aspetto più coreografico e spettacolare del tiro. “E poi, da non sottovalutare, c’è l’appeal legato al fatto di stare spesso e tante ore all’aria aperta. Molti scelgono il tiro proprio per questo motivo ‘salutare’” sottolinea Palandri, che ricorda come oltre agli Arcieri del capoluogo in provincia siano attivi anche altri club di appassionati come Piombino, San Vincenzo e il Sei Rose Rosignano, con i propri alfieri specializzati maggiormente

proprio nella specialità campagna. E’ stato però proprio il tradizionale campo di gara dedicato alla memoria di ‘Dino Sani 1973’ in località Stagno ad ospitare, nella primavera scorsa, un gran bel torneo intitolato a ‘Renato Doni’ e che ha salutato la partecipazione di delegazioni provenienti da oltre i confini strettamente regionali. “L’impianto di via Aiaccia è un vero gioiello - conclude Palandri - È costituito da una linea di tiro di 25 piazzole che consentono la presenza contemporanea in linea di 50 atleti anche diversamente abili. La distanza massima di gara è 90 metri ed è dotato di un campo dedicato al tiro di campagna. È fornito inoltre di un settore coperto che consente l’allenamento anche in condizioni di maltempo. A livello di servizi, oltre ad essere provvisto di un ampio parcheggio interno e di ambienti al chiuso per il montaggio e la manutenzione delle attrezzature, è privo di barriere architettoniche e tra i servizi igienici vi è compreso quello per le persone diversamente abili. Il campo è inserito in un splendido contesto naturale ed è’ considerato uno tra i migliori impianti per il tiro con l’arco della Toscana. Per questo è spesso sede di raduni di squadre regionali e di gare di livello nazionale”.


Dritti al bersaglio: la Compagnia Arcieri Livornesi ha fatto centro con tanti successi regionali e nazionali Un tris di talenti sono frecce all’arco dello storico sodalizio labronico, forte di un settore giovanile in crescita

Fabio Palandri alle Universiadi

L

a Compagnia Arcieri Livorno, presieduta ormai dal lontano 2001 dallo stesso Fabio Palandri, ha continuato anche nel 2017 a centrare obiettivi rilevanti tra quelli fissati sul proprio bersaglio. “Abbiamo conseguito risultati importanti con atleti di punta di caratura nazionale – gongola il numero uno dirigenziale, insignito nel 2016 con il prestigioso riconoscimento della Stella d’Argento al Merito Sportivo da parte della FITarco proprio in virtù dei tanti riconoscimenti conseguiti dai talenti tesserati per il suo sodalizio – In tutto contiamo circa 50 iscritti, con meno di un quarto di questi che sono minorenni, quindi in pieno settore giovanile”. Le frecce più brillanti all’arco del team labronico sono un tris d’assi davvero vincente, che anche nel corso della passata stagione agonistica hanno sa-

puto eccellere e portare in alto il nome della compagnia. Un terzetto perfettamente variegato ed equilibrato anche nelle caratteristiche che lo contraddistinguono: si spazia dal campione italiano assoluto nel paraarchery Matteo Panariello, al veterano nonché campione regionale Roberto Nevischi, sino alla giovane promessa anch’essa già numero uno a livello nazionale nel H&F Davide Chiari. Nel dettaglio, Panariello si è classificato secondo ai Campionati Italiano Indoor nella categoria V1 CO (peraltro, la stessa che l’ha visto invece trionfatore a livello regionale) e terzo tra gli assoluti.

Anche nel Targa, vale a dire in aperta campagna, il 30enne livornese ha concesso il tris toscano tricolore, sbancando sia nel V1 CO sia tra gli assoluti. Nevischi invece è un Master, specializzato nella disciplina del compound vale a dire quel tipo particolare di arco ‘composito’ che usa un sistema di carrucole per ridurre lo sforzo della tensione. Il livornese nel 2017 ha collezionato ancora successi in serie, sia ai Campionati Regionali come Master Maschile HF e HF assoluto ma soprattutto a quelli nazionali (sempre primo in entrambe le classifiche). Brillante anche il decimo posto conquistato in occasione della Coppa della Regioni.

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco

2017: tutti i risultati

Matteo Panariello, campione italiano paraarchery

357


F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco 358

La compagna Eleonora Del Seppia ha sbaragliato invece la concorrenza nella propria classe ed è salita sul gradino più basso del podio sempre ai Regionali Indoor. Infine, Davide De Giovanni è giunto sesto di classe alla fase nazionale del trofeo Pinocchio ed è uscito vincitore con la Toscana al Trofeo Nazionale, contribuendo a regalare la prima e storica gioia alla selezione nostrana che mai aveva centrato tale obbiettivo.

Il blasone

Davide Chiari, campione tricolore nel mixed team

Infine, la ciliegina sulla torta degli arcieri di casa in fondo a via Aiaccia, in quel di Stagno, l’ha messa l’ulteriore tappa di crescita di Davide Chiari: già campione italiano HF 2016, quinto classificato ai Campionati Italiani dello scorso anno a Cortina d’Ampezzo. È però ai campionati Regionali indoor 2017 e soprattutto agli Italiani di Oderzo che si è posizionato primo davanti a tutti, in quest’ultima occasione nel Mixed Team. Il resto dei compagni però c’è da dire che non ha certo sfigurato al cospetto delle performance sopra menzionate. Ad esempio Valerio Palandri, figlio d’arte del babbo presidente ma soprattutto capace per meriti propri di arrivare a livelli davvero importanti nella propria carriera agonistica (quinto ai campionati italiani, bronzo a squadre ai Mondiali Universitari di Madrid e in maglia azzurra alle Universiadi di Izmir in Turchia fra le altre cose), ha centrato nel 2017 due affermazioni: primi posti sono maturati nel campionato regionale Indoor e in quello HF tra i Senior Maschile nel Compound. Secondo posto invece tra gli Assoluti HF, sempre ai Regionali e bronzo invece tra gli assoluti Regionali ma indoor. Da segnalare anche Franca Bacherini, la quale ha partecipato al Campionato Regionale HF classificandosi al

secondo posto tra le MM AN e quarta assoluta tra le AN femminile. Federica Pistone ha preso parte anche’essa al campionato toscano piazzandosi seconda tra le SM AN e argento assoluta AN femminile. Jacopo Palandri ha partecipato al Campionato Regionale indoor attestandosi all’ottavo posto SM nel Compound. Eleonora Balducci è giunta terza nella propria classe e ottava assoluta al Campionato Regionale Indoor.

Una compagnia quella livornese che vanta una ricca tradizione di successi e affermazioni addirittura in campo internazionale. Già nel 1974, Maurizio Tredici partecipò ai Campionati Europei e Mondiale H+F a Zagabria (Jugoslavia). Poi, nel 1990 Valentina Del Nista e Giovanni Ricci parteciparono, con la squadra regionale, alla fase Italiana della Coppa Europa ad Arco in quel di Trento. L’anno successivo toccò a Margherita Del Nista, ancora a Valentina Del Nista, Giovanni Ricci e Elena Sardelli vestire sempre la casacca della rappresentativa regionale alla fase Italiana della Coppa Europa ad Arco. Nello stesso anno, fu Giovanni Ricco a prendere parte, con la squadra regionale, alla fase Tedesca della Coppa Europa a Bad Aumburg. Poi, nel biennio 2004-2005, il magic moment del

Eleonora Del Seppia, bronzo ai regionali indoor 2017


Come iniziare

Paolo Del Nista

figlio d’arte Valerio Palandri che si classificò al 3° posto (a squadre) nei Campionati Mondiali Universitari di Madrid e fu protagonista sul campo alle Universiadi di Izmir in Turchia.

La storia Le storie più belle iniziano sempre in modo semplice e casuale, addirittura inaspettato, tanto che, la nascita della compagnia è legata ad un articolo pubblicato nel 1967 nella nota rivista a fumetti “Topolino”.

 Maurizio Tredici incuriosito da quell’articolo ne parlò a Massimo Soldatini suo amico di sempre ed insieme decisero di approfondire la questione.

Cercarono un arco e lo trovarono da Tutto Sport, un negozio di articoli sportivi di Via Magenta, il cui proprietario, Gianfranco Galli, li aiutò molto fin dall’inizio.
Lo stesso Gianfranco Galli sarebbe poi stato il primo presidente della Società.

 Le prime frecce furono scoccate nella pineta lungo l’Aurelia accanto a Camp Darby e l’esordio non fu dei migliori; l’attrezzatura rudimentale e le frecce di qualità scadente facevano in modo che dopo due, tre tiri, fossero completamente inutilizzabili.

 Nel 1968 “i nostri eroi” decidono di fare sul serio, si mettono in contatto con una società di Firenze, dove grazie alla disponibilità di Guido e Sergio

Cavini, acquisiscono informazioni di carattere generale sul movimento arcieristico Italiano di quel tempo e apprendono le prime “vere” nozioni di tiro anche per quello che riguarda la scelta dell’attrezzatura.

 Il tempo passa, Maurizio Tredici ritrova un lontanissimo parente, Italo Gualtierotti, il quale sta lavorando alla costruzione della nuova Variante Aurelia e tira con l’arco da qualche anno.
 Gualtierotti si unisce a loro e il gruppo, se pur di poco, si allarga ulteriormente.

Nel 1969 il Comune di Livorno concede in uso la palestra di Via Tiberio Scali, allora abbandonata, che diventa

Per chi fosse interessato al tiro con l’arco, la Compagnia, sotto la guida dei propri tecnici (istruttori federali), organizza corsi per l’apprendimento di tale disciplina. I corsi possono essere individuali e di gruppo e sono bimestrali per una durata complessiva di 2-3 settimane. Lo scopo del corso è di fare apprendere le tecniche di base. Successivamente l’interessato può proseguire con corsi di approfondimento propedeutici all’attività agonistica. Gli allenamenti si svolgono nelle strutture di cui dispone la società: durante il periodo invernale nella palestra scuola media Mazzini, nella primavera ed estate invece sul campo storico di via Aiaccia. L’attrezzatura necessaria per effettuare il corso viene messa a disposizione dalla Compagnia stessa. (Le foto in queste pagine sono tratte dalle pagina facebook degli arcieri e da quella ufficiale della Compagnia)

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco

il loro ritrovo del dopo cena e dove si allenano per tutto l’inverno.

 La prima svolta avviene alla fine del ‘69: nasce il “Club di tiro con l’arco di Livorno”.
 I soci sono tre: Massimo Soldatini, Maurizio Tredici e Roberto Petracchi.

Il club nasce sotto l’appoggio del CONI Provinciale, nella persona del Rag. Mario Cini, il quale collabora anche nella stesura del regolamento interno.
 (Racconto tratto da www.arcierilivornesi.it)

Un momento della gara ospitata a Stagno

359


Parola ai protagonisti

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco

Occhio al bersaglio: obiettivi ben Chiari e il sogno è quello delle Olimpiadi

360

Davide Chiari

È

arrivato un altro titolo tricolore per Davide Chiari, il ‘golden boy’ del tiro con l’arco. Il 18enne labronico è fresco di successo ai Campionati Italiani Targa che l’hanno visto trionfare sui campi di gara di Oderzo, in provincia di Treviso, al fianco della collega Vanessa Landi. Dopo lo ‘scudetto’ nel Campagna categoria Allievi conquistato un anno fa in quel di Pinerolo alla prima partecipazione assoluta, Chiari ha concesso il bis. Stavolta in una diversa variante della disciplina e soprattutto in tandem: un duo allestito in via temporanea ed eccezionale con la compagna grossetana, tesserata per la Compagnia Arcieri Montalcino. Reduce dall’esperienza maturata nel corso della settimana precedente a Cortina d’Ampezzo, con un comunque brillante quinto posto negli Italiani Campagna, il portacolori degli Alfieri livornesi già campione Regionale Targa ha scagliato le frecce migliori proprio nel Mix Team. Un tabellone dominato in lungo e in largo persino nel match finale, stravinto con il punteggio di 5-1. Anche grazie a questa ennesima affermazione, le quotazioni del classe ’99 nel ranking nazionale sono in costante ascesa. E pensare che sono passati appena sei anni da quando Chiari ha imbracciato un arco: “Da piccolo ero attirato dagli animatori di un villaggio turistico in Sardegna dove andavo ogni estate con i miei e che facevano provare a tirare i villeggianti. Poi, alle scuole medie, una giornata evento organizzata alla Terrazza Mascagni mi fece capire che il tiro con l’arco non è un semplice passatempo – racconta il neo maggiorenne - Da lì, l’iscrizione a Stagno alla Compagnia Arcieri Livornesi, complice anche la passione per il

Davide, giovane talento livornese delle frecce, ha conquistato un nuovo titolo italiano personaggio arciere di Legolas della saga cinematografica del Signore degli Anelli”. Molto più di un semplice hobby per Chiari: uno pronto a sacrificare energie, denaro e tempo libero (ma non quello da dedicare allo studio per lo studente frequentante la quarta dell’ITI con indirizzo meccanico) pur di raggiungere i livelli più alti dello sport con le frecce. Ore di allenamento quotidiano (anche training psicologico per stimolare una capacità fondamentale ai fini della performance come la respirazione diaframmatica) e molte trasferte su e giù per lo Stivale per partecipa-

La concentrazioneDavide Chiari

re alle tante competizioni in calendario. Naturali i ringraziamenti agli sponsor (Arco Sport Spigarelli che gli fornisce stabilizzatori e mirino, oltre alla Gas Pro che produce alette) al primo allenatore che l’ha preso sotto la propria ala e l’ha iniziato al tiro, Paolo Del Nista. Recente invece la separazione dal tecnico fiorentino Leonardo Terrosi, con il quale il livornese aveva instaurato una collaborazione per poter allenarsi una volta alla settimana in strutture più avanzate. Adesso Chiari è invece seguito a Grosseto dall’esperienza di Stefano Mazzi, pluricampione italiano. “Il sogno naturalmente è quello di partecipare alle Olimpiadi, quindi sarà inevitabile concentrarsi in futuro sulla disciplina Targa – svela il campioncino che è passato proprio quest’anno alla categoria juniores - Anche se il Campagna è una tipologia di sfida più difficile ma anche più divertente e meno ripetitiva rispetto al tiro classico, con un gesto tecnico reiterato più e più volte”. Il campo di gara è dentro un bosco dove vengono posizonati 24 paglioni lungo il percorso, con distanza variabile dai 5 ai 50 metri. La sistemazione dei primi dodici bersagli è nota ma la restante metà resta un’incognita: il mirino varia e in pratica è quasi come colpire alla cieca. In più, ci si trova a mirare con i piedi poggiati su differenti dislivelli. “Il Campagna è molto più imprevedibile e variegato, con l’incognita di non conoscere neanche le performance dei tuoi concorrenti. Io mi alleno su entrambi i fronti, anche se ovviamente serve maggiore sacrificio poiché servono due preparazioni differenti” racconta Chiari, che solo al compimento dei ventuno anni passerà tra i senior e intanto, a breve termine, punta già l’appuntamento dei Campionati Italiani indoor.


Matteo Panariello: da quattro anni una freccia scagliata contro le barriere della disabilità

M

atteo Panariello, per il secondo anno consecutivo, nel 2016 aveva già vinto il campionato italiano di Tiro con l’arco ParaArchery. Un bel traguardo, specie per uno che si era approcciato alla disciplina da poco più di due anni. Classe 1988, il 30enne Matteo è stato capace di abbattere le barriere dell’handicap che lo ha reso non vedente sin dalla nascita ed è pure andato oltre, arco e frecce alla mano, continuando a confermarsi come leader della propria specialità a livello sia toscano, sia nazionale. Vittorie a raffica ai Campionati Regionali e Italiani ParaArchery nella categoria V1, sia indoor che Targa con l’arco Compound. Matteo Panariello con i compagni di club

Matteo Panariello

Arrivato all’arte dello scoccare frecce passando dalla danza sportiva, Panariello racconta questa sua traiettoria agonistica così anomala e differente dal solito da renderla una grande storia capace di trasmettere forti insegnamenti anche sotto il profilo dei valori umani. “A fine 2013 attraverso l’Inail, contattai la Compagnia Arcieri Livornesi e il Presidente Regionale Tiziano Faraoni per entrare nel gruppo Para Arcieri della Toscana. È stato subito amore con il tiro con l’arco che mi trasmette un sacco di emozioni: mi arrabbio facilmente perché sono un perfezionista. E purtroppo, questo sport non perdona chi non si allena duramente: al contrario, diventa davvero complicato avere risultati in gara. Anche perché nel ParaArchery si usa la maschera e quindi tutti partono sullo stesso piano: anche chi ha residui visivi non gode di vantaggi, un sistema molto democratico”. Sessioni di lavoro alternate per trequattro volte la settimana sul campo, ol-

tre ai compiti per casa: “Ho un bersaglio con cui mi alleno da tre metri senza mirino tattile (una sorta di elle a due aste: una che poggia a terra per metterci i piedi e indicare la direzione, l’altra verticale che sale ha in cima una staffetta dove si appoggia il dorso della mano per capire la direzione del bersaglio che dista trenta metri, ndr)” svela il talento seguito con eccellenti risultati dal tecnico Paolo Del Nista. “Mi piacerebbe arrivare a vivere esperienze di gara internazionale – è il sogno nel cassetto - Tutti dicono che la cecità sia un limite, ma i limiti sono quelli che uno si pone. Io potevo scegliere di adagiarmi sulla mia condizione e farmi compatire, ho scelto di vivere e ho fatto tante belle esperienze. Ho avuto la fortuna di avere due genitori che mi hanno aiutato tanto permettendomi di affrontare al meglio la mia situazione e la vita. Grazie a loro ho potuto godermi belle esperienze come la bici, i video games e i miei studi al Liceo Cecioni”.

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’Arco

Matteo Panariello

Il tiratore non smette di dominare nel tiro ParaArchery e sogna la chiamata in azzurro per rappresentare la nazionale in una competizione internazionale

361


di Mirco Dr. Paggini, dietista

Alimenti e accessori per lo sport

NEGOZIO: Via Maggi, 80 - LIVORNO • STUDIO: Via S. Barbara, 9 - LIVORNO (c/o Studi Medici) Tel./Fax 0586 894393 •Cell. 370 1259643 • email: mircopaggini@yahoo.it Performance di Paggini Mirco


Triathlon A cura di Fabio Giorgi

Tanti i livornesi premiati per i buoni risultati nell’annata

L

a festa del triathlon, anzi la festa dei triatleti Toscani di ogni età ha chiuso con unanime coro di consensi, il 2017 del movimento multidisciplinare toscano. È stato, dunque, più forte di ogni scetticismo il successo riscosso della manifestazione targata CRTO. Tante le generazioni a confronto in un pomeriggio decembrino dalle temperature pungenti che però non hanno impedito, ad una consistente cornice di pubblico, di intervenire in massa. Ma a scaldare il cuore dei tanti sportivi, praticanti e non, ci hanno pensato loro i giovanissimi atleti delle tante società della regione accorsi a Ospedaletto, in provincia di Pisa nonché sede dell’evento. Uno spettacolo autentico in cui si sono alternati momenti di coinvolgimento empatico, di divertimento, di aggregazione, di motivazione e anche di emozione. Una cerimonia dinamica con contributi filmati, musiche trascinanti, interviste, scambi di battute ed intrattenimento. Dagli atleti del Paratriathlon, Pier Alberto Buccoliero e Gianluca Valori, ai giovani atleti delle varie compagini toscane, passando attraverso gli Age Group – zoccolo duro del Movimento multidisciplinare regionale, e concludendo con “L’Orgoglio Toscano 2017”: oltre ai già citati atleti del Paratriathlon e Marta Bernardi atleta di assoluto valore continentale ed internazionale. Un pomeriggio che ha visto coesistere le tante anime della multidisciplinarità toscana tra momenti cerimoniali e momenti conviviali. Proprio questo aspetto ha reso il CRTO orgoglioso per la scel-

ta effettuata e per la formula adottata in questa Festa del Triathlon 2017. Nell’elenco dei premiati, sono spiccati alcuni nomi labronici. Ecco il dettaglio:

Per le categorie CU e MCU

DEL PUNTA Agata, LASCHI Vittoria, BICCHI Agnese, TRILLO Sara, CIANDRI Lorenzo, SERIPA Ricardo, MELAI Pietro, BOGANI Diego, CEZZA Pietro, IACOPI Leonardo, PRATOLINI Cosimo, IUDICE Antonio, FASANO Nicol, ERMAN Esma, BONDI Allegra, CASINI Stella, GIGLI Bianca, GIUNTA Sofia, SACCOCCI Tommaso, CASINI Giacomo, DEL PUNTA Livio, SANTILLI Matteo, BERNARDESCHI Gabriele, ROSSI Diego, CIANDRI Jacopo, BILIOTTI Ernesto, RICCHI Alessio, FANTI Niccolò, MUSUMECI Giordano, MONTICINI Roberto, MAZZARELLO Tommaso e TRILLO Tommaso. Delle società: FIRENZE Triathlon, Nuoto Livorno 3 Triathlon, MUGELLO Triathlon, Pisa Road Runner Triathlon, SBR3 Triathlon, Phisio Sport Lab Triathlon, Sesto sport Triathlon, Meraviglie Triathlon.

Per la categoria ESORDIENTI:

Tra gli uomini, primo Federico Fasano del Nuoto e terzo Edoardo Manfanetti, entrambi del Nuoto Livorno 3 Triathlon.

Per la categoria RAGAZZI:

Tra le ragazze, seconde a pari merito Giulia Rossi e Margherita Violani del Nuoto Livorno 3 Triathlon. Tra gli uomini, Lorenzo Scali altro compagno di club del Nuoto Livorno 3 Triathlon.

Per la categoria Youth A:

Tra le femmine, seconda Alessia Berti del Nuoto Livorno 3 Triathlon e stesso piazzamento per il compagno di club Samuele Froglia al maschile.

Per la categoria JUNIOR:

Terzo Matteo Coturi, sempre del Nuoto Livorno 3 Triathlon, nella classifica maschile.

TROFEO CONI:

Federico Fasano e Edoardo Manfanetti del Nuoto Livorno 3 Triathlon.

CIRCUITO REGIONALE TRIATHLON GIOVANI TOSCANA (SOCIETA’) che comprendeva le gare del Campionato Regionale Aquathlon Livorno, del Campionato Regionale Triathlon Cascina, del Campionato Regionale Duathlon Marina di Grosseto:

2° premio per la Nuoto Livorno 3, arrivata soltanto alle spalle del SBR3.

TRIATHLON DAYS classifica per Società

Terzo posto e gradino più basso del podio per il Nuoto Livorno 3 Triathlon, attestatosi a quota 1728 punti. Davanti, il SBR3 Triahlon con 2025 punti e vincitore il Mugello Triathlon forte di 2444 punti.

COPPA TOSCANA 2017 Premiazione indiv. FEMMINILE:

Categoria M1: Elisa Papini (Livorno Triathlon); Categoria M3: Simonetta Bernardini (Livorno Triathlon); Categoria M4: Elisabetta Fanucchi (Livorno Triathlon).

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

Conviviale 2017: la festa della triplice Toscana

Premiazione indiv. MASCHILE

Categoria M1: Francesco Balestrini (Livorno Triathlon); Categoria M4: Riccardo Fraschetti (Livorno Triathlon). Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni CRTO

363


Utilizzabile anche per feste di compleanno con servizio catering


Un anno da Campioni Elbaman 2017, che peccato! Sarebbe stata l’edizione dei record ma il maltempo ha costretto gli organizzatori alla cancellazione

Una suggestiva entrata in acqua nell'edizione 2016

Canada e da Israele. Come ogni anno Elbaman avrebbe dovuto rappresentare l’occasione per un grande evento di triathlon internazionale, ma anche un momento di espressione dei più alti valori dello sport da condividere con lo splendido territorio che ospita la gara. La frazione di nuoto sarebbe stata ospitata nella baia di Marina di Campo su un percorso di 1900 metri ripetuto due volte con uscita (temporanea) sulla spiaggia alla fine del primo giro. Il percorso ciclistico si sarebbe snodato su tre duri giri nella parte ovest dell’Isola seguendo un percorso orario, con partenza ed arrivo a Marina di Campo. La salita che parte da Chiessi e arriva a Marciana, avrebbe presentato una prima parte più impegnativa fino a “Punta nera” dove la fatica sarebbe stata mitiUna panoramica spettacolare dei partecipanti all’edizione 2015 gata alla vista di un pano-

rama spettacolare a picco sul mare. Usciti dalla seconda zona cambio, i concorrenti sarebbero quindi entrati nel percorso podistico, sulla distanza della maratona: un circuito pianeggiante (eccezion fatta per alcuni lievi cambi di pendenza nel passaggio in centro al paese e verso il primo giro di boa dove si trova una brevissima salita al 4-5%) di circa 7 km da ripetere sei volte. Alla fine dell’ultimo giro l’arrivo, con la finish line posta nella piazza del Comune di Marina di Campo. Quella dell’Ironman è una delle distanze standard del triathlon: definita “super lungo” è la più dura ed estrema competizione dello sport multidisciplinare Gli Ironman si svolgono in tutto il mondo negli scenari più belli e suggestivi. L’Ironman è molto più selettivo rispetto al Triathlon Olimpico, che prevede ‘solo’ 1.500 metri di nuoto, 40 km in bicicletta e 10 km di corsa. Nelle gare di triathlon, le distanze sono le stesse sia per i maschi che per le femmine. L’appuntamento però è solo rimandato: l’edizione 2018 si confermerà un grande successo.

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

L

a XXIII edizione di Elbaman, che avrebbe originariamente disputarsi domenica 24 settembre, doveva frantumare ogni precedente record. Impressionante sarebbe stato il numero dei partecipanti e impressionante il numero dei chilometri percorsi, senza soluzione di continuità dai concorrenti, a nuoto, in sella alla bici e a corsa. Invece, com’è ben noto, è andata diversamente: un’allerta meteo diramata per le previsioni di condizioni pessime ha convinto gli organizzatori all’annullamento per tutelare in primis la sicurezza degli atleti. Nel programma della riuscitissima e ormai tradizionale kermesse isolana, spiccava una gara Ironman, che presentava 3,86 km di nuoto (2,08 miglia nautiche), 180,26 km in bicicletta (112 miglia) e 42,195 km di corsa (26 miglia e 385 yards). Una roba pazzesca. In tutto 920, erano gli atleti partenti (300 quelli al via sulla distanza Iron). Sold out tutte le categorie: Full Distance, Half Distance e, per la prima volta, anche le staffette. Un evento di richiamo intercontinentale. Il numero delle nazioni rappresentate era salito a quota 21. Tanti gli italiani. La più numerosa tra le delegazioni straniere sarebbe stata quella inglese, seguita da quella francese e da quella tedesca. Rappresentate tutte le maggiori nazioni europee. Al via inoltre atleti provenienti dal Sud Africa, dalla Nuova Zelanda, dagli Stati Uniti, dal

365


F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

Nuoto LIVORNO Triathlon

366

Nuoto Livorno Triathlon: un salto di qualità per il vivaio di talenti della multidisciplina Traguardi prestigiosi sono stati tagliati dal tandem di promesse che fa ben sperare gli addetti ai lavori: Samuele Froglia e Federico Fasano

nella fase nazionale del trofeo Italia. A livello regionale in quasi tutte le categorie le due giovanissime promesse si sono aggiudicati i posti sul podio. I tecnici Enzo Fasano e Viviano Vanni stanno continuando a lavorare sulla crescita qualitativa del gruppo e parallelamente alla promozione della multidisciplina sul territorio labronico. Questi i componenti della squadra che hanno dato lustro ai colori sociali della Nuoto Livorno Triathlon: Vittoria Laschi (seconda al circuito regionale), Lorenzo Ciandri (primo al circuito regionale), Leonardo Iacopi, Allegra Bondi (terza al circuito regionale), Diego Rossi, Jacopo Ciandri, Gabriele Bernardeschi, Nicole Fasano (prima al circuito regionale), Bianca Gigli, Edoardo Manfanetti (secondo al circuito regionale), Un portacolori della NL in azione Dario Porri, Federico Fasano (primo al circuinel segmento podistico to regionale), Martina Moscato, Snegiana Puel 2017, il movimento giovanile del- glia, Margherita Voliani (seconda al circuito lo sport multidisciplinare, con la regionale), Lorenzo Scali (secondo al circuiNuoto Livorno Triathlon, ha compiu- to regionale), Giulia Rossi (seconda al circuito to un ulteriore salto di qualità. Il traguardo regionale), Rachele Laschi, Aurora Riccobopiù prestigioso è relativo alla convocazione no, Alessia Carlesi, Jacopo Tavella, Samuele di Samuele Froglia, al raduno della nazionale Froglia (secondo al circuito regionale), Alesgiovanile per le qualificazioni alle Olimpiadi sio Bellini, Alessia Berti (seconda al circuito giovanili di Buenos Aires 2018. regionale), Lorenzo Lauretti, Gianmarco PicA livello nazionale gli atleti del team si chi e Matteo Coturri (terzo al circuito regionasono piazzati sempre nei primi posti delle le). Preziosissimo il lavoro effettuato nell’arclassifiche e i risultati di maggior rilievo so- co dell’anno nell’ambito del ‘Triathlon Days’, no stati il terzo posto ai campionati italiani la manifestazione organizzata dal Comitato di duathlon di Samuele Froglia e il secondo Toscano della Fitri e riservata ai triathleti di di Federico Fasano nella gara di aquathlon, età compresi tra i 6 i 23 anni. I risultati cronometrici hanno sorpreso, in positivo, gli stessi tecnici. Il ‘Triathlon Day’ è uno strumento utile per la costante crescita ed evoluzione delle nuove leve. Ai giovani e giovanissimi viene offerto un calendario di incontri, di raduni ed eventi volti a porre maggiori opportunità di confronto ed ulteriore coordinamento tra le sinergie presenti sul territorio. Il successo del ‘Triathlon Days 2017’ è testimoniato dal nuPosa di gruppo per le giovani promesse del triathlon labronico mero record di partecipanti.

Ben 150 gli atleti, giovani, ragazzi e bambini presentatisi nella prima tappa nella piscina ‘Camalich’ di via Allende, a Livorno. L’evento è stato organizzato dalla Nuoto Livorno Triathlon. Dopo il ritrovo, fissato alle 9,30, i tantissimi triathleti provenienti da ogni angolo della Toscana hanno saggiato la propria condizione in un percorso podistico, all’aperto, all’interno della struttura sportiva, ed in un percorso natatorio, nella piscina di 50 metri, al chiuso. Al di là del circuito del Triathlon Days, c’è stato spazio, per i più giovani, per gare effettuate in tutta la regione. Impegnate le categorie dei minicuccioli, cuccioli, ragazzi, youth A, youth B e juniores.

N

Non si è mai troppo piccoli per cominciare con la multidisciplina


L

a stagione agonistica 2017 della Livorno Triathlon ASD che compete allo sport multiplidisciplinare, dove cioè le tre prove (nuoto – bici – corsa) si svolgono in sequenza senza interruzioni, è stata archiviata con un discreto numero di successi a livello assoluto e di categoria, con un consistenze aumento dei tesserati e con un netto incremento del numero delle ragazze tesserate (ben sei), tanto da figurare al 26° posto (su 412 squadre) nel Rank Nazionale Italiano. In primavera, dopo l’ottimo successo organizzativo nel Triathlon Sprint Città di Livorno, la società labronica ha subito inanellato, il 30 aprile, un piazzamento di assoluto prestigio, grazie a Francesco Balestrini che ha vinto la seconda edizione dell’Halfcastman, il triathlon su distanza olimpica (1,5 km a corsa, 40 Km in bici e 10 km a corsa) di Marina di Scarlino, nel grossetano. Alla sua seconda uscita stagionale, dopo il 15° posto al duathlon sprint di Livorno, Francesco Balestrini ha trionfato nell’impegnativa kermesse maremmana, organizzato dalla SBR3 Triathlon e valida per il circuito regionale di Coppa Toscana. La stagione è proseguita con partecipazioni a numerose gare del circuito nazionale (Garmin Trio, Bardolino, Campionato Italiano assoluto e a Squadre), alle tappe della Coppa Toscana ed anche a gare su lunga distanza internazionali. Daniele Cioni, dopo l’Half Ironman Challenge di Roma e il Mezzo Ironman al Mugello, ha chiuso

Esponenti di ogni età per il parco atleti labronico

Un 2017 da incorniciare per la Livorno Triathlon: Balestrini vince l’Halfcastman e molto altro Grazie ai brillanti risultati dei suoi atleti, la società si attesta al ventiseiesimo posto nel Ranking Nazionale

Il team labronico in posa collettiva prima di una gara

sesto nella categoria M1 all’Ironman Chal- vorno Triathlon ASD è nata nel 2011, dopo lenge di Venezia, piazzandosi 46° assoluto. la scissione con la Nuoto Livorno TriathLicio Torre e Guido Di Marzio si sono distin- lon. Questa sofferta divisione si era resa ti all’estero, rispettivamente nell’Ironman necessaria dall’esigenza di allestire una Vichy, in Francia e nell’Half Ironman Chal- società, la Nuoto Livorno appunto, attiva lenge di Palma di Maiorca, in Spagna. Nel esclusivamente nel settore giovanile; tale circuito di gare della Coppa Toscana, una progetto è portato avanti, egregiamente, sorta di campionato regionale che si arti- dai due validi triathleti Viviano Vanni ed cola su diverse gare nel territorio nel cor- Enzo Fasano. In questi sette anni la Livorso della stagione, invece, si sono registrati no Triathlon è cresciuta in modo esponeni successi nelle classifiche di categoria per ziale, è una consolidata realtà a livello naFrancesco Balestrini, primo M1 e instanca- zionale ed è sempre presente in ogni gara bile triathleta con 14 gare totali, per Ric- su territorio regionale e nelle più imporcardo Fraschetti, primo M4, per Simonetta tanti gare nazionali ed internazionali. Bernardini, prima M3 e atleta donna della Livorno Triathlon con ben 12 gare all’attivo e per Elisa Papini, prima M1. Nella disciplina parallela dell’Aquathlon (corsa – nuoto – corsa) la società labronica si è oltresì distinta per la vittoria del titolo di categoria M3 con Sandro Prosperi, campione italiano di Aquathlon 2017 ai campionati Sorrisi per il team amaranto al completo di Recco in luglio. La Li-

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

LIVORNO Triathlon

367


Vita da sportivi Un 2017 sfortunato e un periodo di transizione per rilanciarsi tra i migliori al mondo

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

Domenico Passuello

D

omenico Passuello, il triathleta livornese tra i migliori Ironman in Italia (e non solo in Italia), non si accontenta di stagioni di transizione. Un infortunio alla caviglia, nel corso del 2017, lo ha costretto a rivedere i programmi. “Per me - dice il campione labronico - il 2017 è stato un anno discreto, positivo, ma non come avrei voluto. Per me è giunta una vittoria ‘di tappa’ importante. Una vittoria in Cina di grande prestigio, che però non è sufficiente per rendermi pienamente soddisfatto”.

Un bel dettaglio dell'arrivo felice a Qujing

Passuello si è scoperto ironman di talento dopo una carriera da ciclista

368

Domenico Passuello: l’apice del trionfo in Cina, al rientro dall’infortunio, fa ben sperare

Quali, in dettaglio, i tuoi risultati? “Ho aperto la stagione, ad aprile, con una top ten all’Ironman 70.3 California. Si tratta di una gara importantissima e questo mi aveva fatto ben sperare perchè partire con il piede giusto è già qualcosa in uno sport cosi complicato. Piccola, diciamo così, ma orgogliosa vittoria nel ‘Triathlon di Livorno’ subito dopo, in una gara del calendario nazionale ma alla quale mi ha fatto molto piacere partecipare soprattutto per i miei amici della Livorno Triathlon che sono gli organizzatori. Speravo poi di poter raccogliere molto durante la primavera ma una bruttissima slogatura in allenamento, rimediata proprio sul nostro lungomare, mi ha costretto a perdere 2-3 mesi di gare e addio ai molti

programmi che avevo in mente, qualifiche ai mondiali comprese”. Poi però, al tuo rientro agonistico, ti sei permesso in lusso di ‘trionfare’ in una gara in Cina... “Ho ripiegato sul mese di agosto e a fine stagione. Sono riuscito a salire dapprima sul podio all’Ironman 70.3 Bintan, secondo per poco dietro ad un fuoriclasse australiano in questa isola paradisiaca ma anche caldissima di fronte alla città di Singapore. Successivamente ho centrato la bellissima vittoria all’ironman 70.3 China: una gara incredibile sotto tutti i punti di vista, in primis per la presenza dei media quasi inusuale per il nostro sport. La stagione poi è terminata con alcune disavventure nel finale ma ormai dopo la vittoria cinese


Il talento dell'ironman livornese impegnato in una frazione di corsa

La felicità per la vittoria 'casalinga' nella manifestazione organizzata dalla Livorno Triathlon

Messico, valevole per acquisire punteggi per il campionato del mondo di Ironman. Andò decisamente meglio di quanto sperato: arrivai addirittura terzo, in una competizione che complessivamente durò 8 ore e mezzo”. Sempre in quell’anno giunse un trionfo che poi ti ha dato il giusto riconoscimento anche in Italia.. “Sì, vinsi il Challenge Rimini, che faceva parte di uno dei circuiti più importanti e concorrenziali. Al via c’erano i migliori atleti europei ed anche alcuni provenienti da fuori continente. Un successo che mi permise di consolidare il mio ruolo di atleta di valore”. Quello rimediato nel 2017 non è stato per te l’unico infortunio in carriera... “Nel 2015 - ricorda Passuello - dopo aver vinto l’importante Ironman lungo a Taiwan, ho incontrato problemi fisici uno dopo l’altro. Si sa, in una disciplina usurante come il triathlon, gli incidenti purtroppo sono sempre in agguato. A giugno del 2015 ho accusato una noiosa sciatalgia, che, curata in ritardo, mi ha causato la fascite plantare e mi ha impedito di allenarmi. Ho dovuto, a malincuore, già a giugno, sospendere le competizioni. Una disdetta, visto che nella prima parte del 2015, in soli tre mesi, avevo chiuso al primo posto ben cinque gare, tutte di livello internazionale. Soprattutto in quei primi mesi del 2015 ho vinto, come detto, a Taiwan, il mio primo Ironman di lunga distanza (3,860 km a nuoto, 180,260 km in bici e 42,195 km a corsa, ndr). Sono stato il secondo italiano di tutti i tempi a

conquistare la medaglia d’oro”. Sempre nel 2015 si è accorto di te anche il principe del Bahrein... “Arrivai settimo al Challenge Dubai, la gara più prestigiosa dopo il Campionato del Mondo. È una competizione ad invito organizzata dal principe del Bahrein, con un montepremi altissimo. Sono stati invitati i primi 70 atleti al mondo e già rientrare in questo gruppo è stata una grande soddisfazione, alla quale poi si è aggiunta la settima piazza. Al termine di quella kermesse, insieme ad altri ‘colleghi’ sono stato scelto dal principe per una sponsorizzazione. Infatti, almeno fino all’infortunio, ho partecipato alle successive gare con la scritta Bahrein sulla maglia. Poi, a causa dei problemi fisici, la cosa è andata naturalmente a scemare” Nel 2016, sei finalmente rientrato sulle scene nazionali e internazionali... “Ho chiuso la gara di Barcellona, svoltasi a maggio, al sesto posto. Purtroppo per il riacutizzarsi di problemi dovuti alla fascite plantare ho dovuto nuovamente sospendere le gare, fino a settembre, quando ho partecipato e vinto all’olimpico (‘solo’ 1,5 km a nuoto, 40 km in bici e 10 km a corsa, ndr) di Forte dei Marmi. Poi sono stato al Challenge Gran Canaria e all’Ironman 70.3 Lanzarote: in entrambe le occasioni sono giunto terzo”. Se gli infortuni lo lasceranno in pace, in questo 2018 Passuello ha i mezzi per tornare a gareggiare e a lottare per le posizioni migliori nelle più importanti kermesse a livello mondiale.

F.I.TRI.: Federazione Italiana Triathlon

diciamo che potevo già ritenermi soddisfatto. Chiudere al primo posto una gara del circuito ironman ha sempre un grande valore. Questa era la mia terza del circuito. Spero di fare ancora meglio nel 2018, magari aiutato un po’ di più dalla fortuna”. Sei diventato triathleta quasi per caso.. “La mia ‘storia’ di sportivo nasce come ciclista professionista, attività che ho coltivato per alcuni anni. Poi ho abbandonato tale disciplina, essenzialmente per mancanza di stimoli. Così, dopo essermi ritirato dal mondo dell’agonismo a due ruote, mi sono dedicato al nuoto, per puro diletto. In piscina ho incontrato i ragazzi che praticano triathlon: sono stati loro a incoraggiarmi a partecipare ad alcune gare dello sport multidisciplinare. Così, dopo aver constatato che potevo dare molto a questa nuova attività, ho messo a disposizione della nuova avventura tutto il tempo necessario, diventando un professionista”. Una crescita inesorabile, a livello di risultati.. “Il riconoscimento ‘ufficiale’ come grande atleta di Ironman è giunto nel 2014. In quell’anno, a febbraio, mi misurai nel campionato spagnolo di duathlon lungo (17 km a corsa, 70 in bici e altri 8 km a corsa, senza soluzione di continuità, ndr). E’ un tipo di competizione (senza la parta natatoria, che nelle ‘classiche’ gare di triathlon risulta la frazione iniziale, ndr) che solitamente non pratico. Partecipai a tale kermesse soprattutto per cercare un po’ di caldo e allenarmi meglio. Durante tale gara, trovai buone energie e vinsi. Sempre nel 2014, ricordo con piacere una gara in

369


Vela A cura di Andrea Puccini

Una disciplina che a Livorno naviga ancora con il vento in poppa

A

ndrea Leonardi è da ormai tre anni il Presidente del Comitato di Zona II della Federazione Italiana Vela, la cui direzione si è spostata proprio all’ombra dei Quattro Mori in onore della lunga e blasonata tradizione di Livorno per quanto concerne la marineria e la vela. Anche se il Comitato di Zona racchiude una porzione geografica ampia nel cuore del Centro Italia (Toscana e Umbria), con annesso un proporzionalmente cospicuo impegno organizzativo (oltre 500 le manifestazioni organizzate in totale, l’area con maggior numero di tesserati assieme a quella limitrofa al Lago di Garda, con più regate svolte e con i partecipanti impegnati sull’intero arco delle possibili specialità, a differenza ad esempio delle zone di Napoli e della Campania in generale dove esiste una maggiore specializzazione solo su un paio di classi), Livorno resta quindi il cuore pulsante di una delle ben quindici zone in cui la FIV ha suddiviso le competenze e l’operatività di tutta Italia. “È vero che la zona d’interesse per quanto concerne la nostra disciplina si estende anche da sud di Quercianella fino in territorio pisano, comprendendo parte del lungomare del Calambrone. Sono 10 i circoli velici attualmente attivi e che praticano attività agonistica, i quali hanno creata una proficua rete di collaborazione in occasione dell’organizzazione di gare. Se si considera la proporzione con la densità abitativa, si tratta di una concentrazione importante. A livello strategico, quella labronica è una realtà cruciale per i progetti della Federazione e del movimento a livello giovanile. Livorno porta difatti avanti un’attività considerata d’eccellenza: i circoli nautici vantano grande esperienza e mettono in campo professionalità e competenze preziose

Una scuola storica fa della città dei Quattro Mori la capitale del movimento nel Centro Italia acquisite lungo decenni di impegno sul campo, con un centinaio di ragazzi che navigano a bordo degli Optimist fino ai 15 anni”. Se comunque fino ai 26 anni compiuti nella vela si può parlare di movimento giovanile, in questa categoria sono sicuramente ricompresi i due talenti sfornati dal Circolo Velico Antignano: Guglielmo e Pietro Frangi, già campioni italiani under 19 nel 2014, sono stati protagonisti prima del Campionato Nazionale (secondi) e poi del Campionato Mondiale andato in scena in Australia, compresi nella rappresentanza azzurra dei sette equipaggi sui ben 63 scafi in partenza a Freemantle tra i 420 Open a fine dicembre 2017. Molto prolifico e vincente è anche la scuola del Circolo Nautico Livornese, come si può leggere più avanti. Ma anche con i veterani più attempati da queste parti non si scherza, visto che grazie alla provincia arrivano allori importanti: a Cecina si è trionfato nel Mondiale Femminile Master per la specialità Laser. Giovanna Lenci, nominata per questo successo anche Atleta dell’Anno dai Vetera-

Piccoli velisti livornesi crescono

ni dello Sport, ha centrato il massimo alloro all’evento iridato di Spalato nell’ ottobre 2017. La Coppa Kinder + Sport a inizio 2018 ha rappresentato poi un momento cardine per la crescita del movimento a livello locale. 400 Optimist sono arrivati da tutta Italia per ‘varare’ il nuovo punto dedicato alla vela in zona Bellana. “Una bella spinta all’indotto economico del territorio, regalato da questo tipo di turismo sportivo che dovrebbe essere maggiormente tenuto in considerazione da parte degli Amministratori, in primis al momento di accettare richieste e sviluppare progetti per l’organizzazione di eventi”. Tra le novità sperimentate nell’arco della scorsa stagione, anche il kitesurf d’interesse giovanile affiancato al windsurf. “Complici le condizioni ambientali che in questa zona sono generalmente ottime e ideali per la pratica di questa particolare disciplina, si sta sviluppando un movimento sino a oggi rimasto un po’ nel sommerso della pratica amatoriale e che ben presto emergerà” racconta Leonardi. Non è però ovviamente un quadro tutto rose e fiori quello che dipinge il delegato. “Per quanto riguarda le problematiche, c’è quella delle necessità di sostegno concreto espressa quotidianamente dai vari circoli: la vela viene seguita principalmente da personale volontario, serve manodopera per un ricambio generazionale all’interno dei vari organigrammi societari con mentalità maggiormente manageriale. Il carico di responsabilità a livello di gestione burocratico-legislativa ed economica è notevolmente aumentato: questo trend tende a scoraggiare l’impegno in prima persona di molti appassionati. Oltre naturalmente alla necessità di incrementare i finanziamenti economici, anche da parte dei privati”.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Andrea Leonardi Pres. Comitato di Zona II FIV

371


2017: tutti i risultati

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

CIRCOLO NAUTICO LIVORNESE

372

N

el dopoguerra, alcuni appassionati di vela, per poter coltivare il loro sport preferito, fondarono il Circolo Velico Livornese, con sede nell’allora attivo stabilimento balneare Scoglio della Regina. In seguito la società si trasferì all’interno del Porticciolo Nazario Sauro dove tuttora risiede e, in quell’occasione, fu modificata la denominazione sociale in “Circolo Nautico Livorno”, consentendo così l’ingresso anche a soci simpatizzanti, e alle loro imbarcazioni da diporto. Fin da allora, l’indirizzo dei vari consigli direttivi e dei soci in genere, è sempre stato rivolto al continuo sviluppo e sostegno dell’attività sportiva, consentendo a numerosi atleti di ottenere importanti affermazioni in campo Nazionale ed Internazionale. “Per il contributo offerto alla crescita e all’affermazione dello sport italiano”, nel 1982 alla società, è stata conferita dal CONI la Stella d’Argento al merito sportivo e nel 2010 la Stella d’Oro al merito sportivo. Questo prestigioso riconoscimento, il più alto che possa essere assegnato a una società sportiva, è stato attribuito per l’attività svolta per il contributo offerto alla diffusione dello sport e per i risultati agonistici conseguiti nell’arco di tanti anni. Nella sua storia, dal ’60 a oggi, sono stati tantissimi i campioni nazionali, europei e mondiali nelle varie specialità che si sono issati vertici della propria disciplina portando altrettanto in alto i colori rossoblù dello storico circolo labronico per i quali erano tesserati. Tra gli ultimi da menzionare in ordine cronologico, Enrico Voltolini (campione italiano ed Europeo Classe Star), Francesco Marrai (campione tricolore ed europeo under 21, ancora prima anche Mondiale under 19) nel-

Circolo Nautico Livornese, un prestigio che si perpetua a vele spiegate sulle onde del tempo È sempre florido e vincente il movimento velistico dello storico sodalizio con sede al porticciolo Nazario Sauro

Posa di gruppo con la Talluri portata in trionfo agli Italiani

la classe Laser, Simone Mancini (vincitore la Bassata, al fine di essere davvero ‘uscio della Coppa Italia classe Finn), Claretta e bottega’ con il limitrofo campo di alleTempesti (campionesa nazionale under namento) è reduce a fine 2017 dal brillan19 nella Laser Radial) e il veterano Stefa- te trionfo ai Campionati Europei under 19 no Carnevali, campione italiano tra i Ma- disputati sulle acque ungheresi del lago Balaton. Una vittoria ottenuta al cospetster nella Laser nel 2013). Anche tra gli ultimissimi risulta- to di una nutrita concorrenza composta ti conseguiti dagli alfieri del CNL, ci so- da oltre 50 avversarie e maturata in mano successi e piazzamenti prestigiosi. Ad elencarli con soddisfazione, il neo Direttore Sportivo e istruttore FIV Marcello Turchi, alla seconda stagione con quest’incarico presso il sodalizio che ha sede al porticciolo Nazario Sauro. In prima fila si attesta la promessa del Laser Matilda Talluri: fiorentina d’origine ma labronica d’adozione sportiva (tanto da essersi trasferita all’ombra dei Quattro Mori ed iscritta al Liceo Matilda Talluri fa festa sul podio dei campionati continentali 2018 Radial destinati alle categorie giovanili Sportivo Enriques di via del-


F.I.V.: Federazione Italiana Vela

allenato dal tecnico Buti (13esimo) e Massimo Massini (23esiGianni Galli. Sempre mo). lo scorso settemNei Laser Radial, divisi in due batterie bre 2017, il vetera- che però sono riusciti a disputare solo cinno Stefano Carnevali que regate, hanno trionfato i già menzioha impreziosito ulte- nati Tocchi e Talluri. Alle spalle dell’amica, riormente la bache- anche l’altro talento di casa CNL Claretta ca del CNL portando Tempesti, arrivata da Castiglioncello. Nela casa la Coppa Ita- la classe 4.7, partecipazione anche per lia Laser Master. La Adele Di Sante. Coppa Italia si articoPer chiudere, serve ricordare anche le la su tre regate, svol- affermazioni di un talento allevato dal tesi tra Alassio, Napo- circolo livornese che adesso ha spiccato li e Acquafresca, oltre il salto tra i big ma che ancora, ogni tanalla tappa finale del to, gareggia con i colori del cuore del suo campionato italia- primo amore. Francesco Marrai, ora tesseno ospitato sul lago rato per il SV Guardia di Finanza e di cui di Bracciano. Nel po- parliamo più approfonditamente nelle ker di appuntamenti, interviste a seguire, all’inizio del 2018 è Tocchi si è laureato campione italiano Radial nel 2017 il quasi 50enne livor- tornato a fare grande il CNL, vincendo la niera netta (oltre 21 punti di vantaggio nese ha conseguito un primo, un secondo Classe Laser Standard al classico Trofeo nella cloassifica finale sulla seconda) che e due quarti posti in apertura e chiusura Lupidi. Una manifestazione che ha visto rappresenta un’ulteriore step di crescita di circuito, che gli hanno permesso di vin- impegnate in acqua 50 imbarcazioni. dopo già buon 25esimo posto ottenuto cere con un buon distacco sul resto delDi dimensioni ancora maggiori e paralal Mondiale Radial Youth in Olanda, dove la flotta composta da circa 80 concorrenti. lelamente impegnative la più importanhanno partecipato 110 rivali provebien- Da ricordare anche la sua partecipazione te regata nazionale mai organizzata dal ti da 32 nazioni. Invece, al Radial Youth al Mondiale Master che si è disputato in CNL: la Optimist Kinder+Sport allestita Europe Championship in Polonia, si era Croazia. in collaborazione il Comune di Livorno, piazzata sesta. Infine, tra gli altri impegni della folta l’Accademia Navale e tutti gli altri CircoMedaglia d’argento in rimonta invece truppa di agonisti tesserati per il glorioso li FIV cittadini. Un evento epocale per la ai campionati Italiani Laser radial ospita- circolo labronico (circa 45 atleti, di cui una vela giovanile locale, con al via oltre 400 ti da Crotone a settembre 2017: la stelli- ventina praticano a bordo di imbarcazio- partecipanti, che si è articolato in cinque na del CNL ha recuperato nelle due rega- ni Laser), c’è stata la convocazione al Mee- regate svoltesi nel corso della Settimana te conclusive. Nella medesima occasione, ting di Portoferraio, importante rassegna Velica Internazionale Città di Livorno. Una gli altri atleti del Circolo Nautico Livorno dello sport velico della II Zona, per Eva Ar- grande soddisfazione per l’intero movisi sono piazzati così: Lorenzo Rizzo chiu- mocida, Gregorio Perini, Giovanni e Leo- mento labronico. de al 24° posto nella classifica generale nardo Micheli, Roberto CiGold Radial, mentre è 58° Giorgio Perrina. pullo accompagnati dagli Nella flotta Radial Silver un 4° per Davide istruttori Palandri e PasquiPuccinelli, un 48° per Emanuele Catteddu, nucci. Nella flotta 4.7 Silver Adele Di Sante è 2° Oppure, nel primo score Martina Castellano conclude al 35° po- cio di 2018, la nuova tapsto. Per la Classe Optimist Coppa del Pre- pa dell’Italia Cup a Torbosidente Adalberto Parra si classifica 33°. le partecipata da oltre 300 Nel Campionato Italiano 95° Antonio laseristi tra cui una ventiGasperini, 105° Ilaria Pardini, 127° Ele- na di rappresentanti strana Pardini. Sempre per quanto riguardo nieri. In quest’occasione, la Talluri, da menzionare anche la quarta menzione per Davide Dopiazza nel ranking femminile all’Italia Cup meneghetti, 28enne che si di Ragusa a fine 2017. cimenta nella classe StanRibalta anche per Federico Tocchi, vitto- dard: in un contesto di sei rioso nel 2017 all’Europa Cup Classe Radial prove dominate il nome da in Germania e poi laureatosi anche cam- Robert Scheidt, il livornese pione nazionale grazie al secondo posto si è ritagliato un angolo di (con la vittoria andata al rivale gardesa- gloria vincendo la seconda no Guido Gallinaro, sfumata a causa di un e piazzandosi nono assoluOCS) conquistato nell’Italia Cup di Ragu- to nella classifica finale, dasa. Un bilancio soddisfacente per l’atleta vanti ai compagni Filippo Federico Tocchi, secondo a La Rochelle ai Campionati Europei

373


Parola ai protagonisti Francesco Marrai: un raggio Laser in un mare d’argento

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Francesco Marrai

374

Il campione livornese, secondo agli Europei, naviga a vele spiegate verso la seconda Olimpiade della carriera

“D

al 2013, a discapito del fatto che è stato davvero denso di impegni, quello appena messo in archivio è stato il mio anno migliore sotto il profilo dei risultati conseguiti”. Da quando ha cominciato a gareggiare a livello professionistico grazie al tesseramento per il Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle, il livornese Francesco Marrai non aveva mai veleggiato così in alto a livello di ranking list mondiale: addirittura quinto dopo l’ultimo aggiornamento del mese di novembre. Una crescita costante che ha toccato l’apice (ci auguriamo solo momentaneo, con la speranza che nel 2018 possa migliorare ulteriormente) grazie a una serie di risultati prestigiosi collezionati nel 2017 agonistico. Solo un piazzamento fuori dai primi dieci in tutte le gare disputate in stagione, con

Sorriso con la coppa per il successo ottenuto nel Laser Standard al prestigioso Trofeo Princesa Sofia Iberostar 2017

la collana impreziosita da perle rappresentate dai due successi in Coppa Europa, da un secondo posto ottenuto in occasione di una tappa di Coppa del Mondo, dalla nona piazza alla kermesse mondiale ma soprattutto dalla bellissima medaglia d’argento infilata al collo ai recenti Campionati Europei di Barcellona. Oltre che nell’indiscusso talento cristallino del 24enne figlio d’arte (papà Antonio, uomo di fiducia del team Prada di Patrizio Bertelli, ha dispuMarrai sotto pressione nella prima tappa di Coppa del Mondo, organizzata di recente nelle acque di Tokyo tato quattro America’s

Cup a bordo di Azzurra prima e Luna Rossa poi, oltre ad aver alzato al cielo una Louis Vuitton Cup nel 2000, ndr) l’impennata subìta dal trend in costante ascesa affonda le proprie motivazioni in ragioni concrete e perfettamente spiegabili. “Dal gennaio 2017, ho cambiato metodo di allenamento, ho cominciato una preparazione autonoma anche se sempre concordata con la Federazione. Ciò mi consente di sviluppare un lavoro più mirato sulle mie esigenze, con il nuovo allenatore Enrico Strazzera e un team dedicato che segue i miei progressi. Il fatto che il neo coach sia anche un quasi coetaneo è un fattore positivo, considerato anche il fatto che questa disciplina prevede di trascorrere molto tempo insieme, specie nel corso delle frequenti e lunghe trasferte in giro per il mondo. Almeno sulla car-


ta, ho preferito sacrificare qualcosa a livello di esperienza ma guadagnarlo sul piano dell’intesa intorno ai metodi di lavoro e soprattutto sulla fame condivisa di successi e di raggiungimento dei traguardi prefissati. Una scelta rivelatasi giusta poiché premiata dai risultati. E, di conseguenza, dall’appoggio della Federazione che mi infonde la necessaria serenità.” Marrai ammette di lavorare tanto sul livello tecnico quanto su quello mentale. “Fondamentale non accontentarsi mai e curare sempre di più i dettagli. La componente psicologica è fondamentale nel nostro sport, anche se non sono proprio un tipo da ‘mental coach’. La ricerca degli stimoli e della concentrazione necessaria preferisco processarla da solo”. Intanto, nelle acque di Barcellona in occasione degli Europei, il livornese ha firmato la sua performance più bella, piazzandosi alle spalle del rivale britannico Nick Thompson (già Campione del Mondo nel 2015 e nel 2016) e soprattutto davanti al collega cipriota Pavlos Kontides, fresco di titolo Mondiale vinto in Croazia un mese prima. Un argento che addirittura racchiude anche qualche rammarico, anche se ovviamente la soddisfazione è il sentimento prevalente: “Se in qualificazione un neozelandese già fuori classifica non mi fosse venuto addosso facendomi fatto scuffiare e scivolare dalla quinta alla dodicesima posizione, forse avrei potuto anche puntare all’oro – racconta il talen-

to del Laser tricolore - Considerando però anche le condizioni meteo non proprio favorevoli e del fatto che si tratta del primo podio a un Europeo, non posso davvero lamentarmi”. Ai campionati iridati ospitati invece in Croazia a Spalato, Marrai non è salito sul podio ma si è comunque inserito tra i migliori dieci al mondo. Il bilancio di dieci prove e sette giorni di regata è stato pregiudicato da due dubbie penalità inflitte da giudici e dall’annullamento dell’ultimo giorno di gare a causa delle avverse condizioni meteo: alla fine, è arrivato un nono posto. “E’ stato un Mondiale comunque positivo, specie se confrontato con quello dell’anno prima dove rimasi fuori dalla top ten” sintetizza il labronico che spiega anche il motivo per il quale ha deciso di restare nella sua classe. “Il Laser è una barca dove è difficile vincere presto. L’età media dei timonieri vincenti è piuttosto alta, spesso la maturazione agonistica non arriva che intorno ai 30 anni visto che il fattore esperienza risulta decisivo. A livello tecnico, si tratta forse di una categoria più facile rispetto a altre ma il livello Il campione labronico sorridente sul podio, con al collo la medaglia d’argento agli Europei di Barcellona della concorrenza è altissimo.”

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

Il talento azzurro impegnato in un’azione di gara, in occasione della tappa francese di World Cup 2017

L’obiettivo è naturalmente puntato sulle Olimpiadi di Tokyo 2020: quelli nipponici sarebbero i secondi Giochi a cinque cerchi della carriera, dopo il debutto coinciso con il dodicesimo posto ottenuto Rio nell’estate dell’anno scorso. Anche se gli addetti ai lavori ipotizzano per Marrai anche un futuro non troppo lontano in Coppa America, al timone di Luna Rossa. “Sarebbe un bel sogno che mette i brividi e se dovesse arrivare la chiamata un tentativo lo farò – ammette il 24enne concentrato anche sul portare a termine gli studi, visto che gli mancano ormai appena due esami prima della tesi alla facoltà di Ingegneria Nautica dell’Università di Genova - Il mio allenatore è di Cagliari (Marrai fa la spola tra la città dei Quattro Mori e la Sardegna, con una parentesi estiva di un paio di settimane sul Lago di Garda in concomitanza delle gara nazionali in zona, ndr). Anche la base di Luna Rossa è programmata nel capoluogo isolano, un modo per conciliare gli impegni potrei trovarlo …”. Niente pare precluso per il golden boy della vela italiana. Un campione con la testa sulle spalle che in barca racchiude ambizione e umiltà, dedizione al lavoro e talento naturale.

375


N

el Gennaio del 2017 nasce dall’attività svolta quotidianamente da Paolo Pacelli, Martino Rogai, Brenno Benedetti, l’idea di costituire e creare una nuova realtà sportiva sul territorio livornese. Grazie a un ottimo background di vela e di canoa viene creata la Livorno Sup Academy, il gruppo sportivo della del Circolo Velico Antignano. Nel corso dell’anno passato quindi, la squadra ha cominciato ad incrementare il numero dei suoi elementi. Tra questi la giovanissima Chiara Nordio di Chioggia, già due volte campionessa Italiana; Paolo Marconi di Piombino, atleta della nazionale italiana e tra i migliori al mondo. Questi i migliori risultati conseguiti dai tesserati SUP Academy nel corso del 2017. Martino Rogai: è considerato la punta di diamante in questa e altre attività della società sportiva. Ha partecipato a tutti gli eventi più importanti del panorama internazionale nei circuiti professionali e come esponente della Nazionale Italiana al campionato del mondo ISA (International Surfing Federation) nel Settembre 2017 in Danimarca, e nel giugno 2016 in Francia. - Campionato Mondiale ISA Danimarca 2017: 7° Long Distance Race - 9° Relay Race - Campionati professionali internazionali 2017: 2° Happy Sup Namur (Belgio) maggio 2017, 2° Sieravuori Sup Master (Finlandia) luglio 2017, 3° 11 City Tour (Olanda), settembre 2017. Campione Italiano 2015. Chiara Nordio: Originaria di Chioggia (VE) e trasferitasi a Livorno per studio e allenamento, ha arricchito e portato un grande bagaglio di esperienza alla nostra squadra nonostante la giovane età. Insieme alla compagna di nazionale ed avversaria Caterina Stenta, è parte della nazionale italiana dal 2016 e ha partecipato al Campionato del Mondo ISA in Danimarca, dove si è classificata al diciottesimo ed un venticinquesimo posto tra le migliori atlete del panorama mondiale. - Campionato Mondiale ISA Danimarca 2017: 18° Long DIstance Race, 25° Technical Race - Vice campionessa italiana 2017, Campionessa Italiana 2016/2015 Paolo Marconi: tra i più forti atleti del panorama Italiano da di-

FISW A cura di Andrea Puccini

Livorno SUP Academy, una realtà emergente ma che è diventata già vincente Fondata a inizio 2017, vanta tra i propri tesserati alcuni campioni della nostra nazionale azzurra versi anni, si allena soprattutto a Piombino nel suo centro Sup Salivoli, e a Livorno presso il Circolo Velico Antignano con il compagno di nazionale Martino Rogai, con cui ha condiviso un superlativo risultato nel Campionato del Mondo ISA, che lo ha portato all’ottavo posto nella gara Long Distance. Grande prova anche nella Technical Race che prevede lo ha visto al decimo posto. Paolo ha preso parte al Campionato Italiano Assoluto SUP & Paddleboard FISW ad Oristano proclamandosi Vice Campione Italiano. - Campionato Mondiale ISA Danimarca 2017: 8° Long Distance Race, 10° Technical Race - Vice Campione Italiano SUP & Paddleboard FISW 2017 - Campionati professionali internazionali 2017: 2° Agios Nikolaos Sup (Grecia) maggio 2017, 3° Fuerteventura Downwind master (Spagna) luglio 2017: 2° Noli Sup Race (Italia) Il neonato sodalizio rivolto inoltre grandissimi complimenti anche agli altri membri della sua squadra: Paolo Pacelli, Brenno Benedetti, Filippo Mingrelli, Alessio Landi, Mar-

Martino Rogai saluta dopo un successo

co Gherarducci. Un collettivo affiatato che ha preso parte a molte delle tappe dei calendari di riferimento nazionali, portando sempre alto il nome di Livorno Sup Academy del Circolo Velico Antignano e il valore dello sport. Da segnalare anche l’alta professionalità dello staff, in grado di organizzare eventi di livello internazionale come quello di recente ha animato l’Arno e il suggestivo scenario fiorentino. La prima edizione della Florence Paddle Games a Firenze è stata uno spettacolo, sia per la partecipazione, sia per l’organizzazione. La gara svoltasi nell’aprile 2018 alla Canottieri Firenze ma organizzata dai ragazzi della Livorno Sup Academy del Circolo Velico Antignano, era valida sia per il Campionato Italiano Surfing FISW (la federazione nazionale affiliata al CONI che dal 2017 detiene la disciplina del SUP) sia per il circuito professionale The Paddle League World Tour. In quest’occasione, da menzionare il quarto posto della sopra menzionata Chiara Nordio, che per tutta la gara si è contesa il bronzo con la francese Lafenetre, arrivandole dietro per pochissimi centesimi di secondo nello scatto finale. In campo maschile invece, gradino più basso del podio per il citato Rogai che, insieme allo staff del Circolo Velico Antignano, di Toscanasup e di Innate Sport Excellence, è stato uno degli organizzatori dell’evento, e la conquista del podio è stato un eccezionale traguardo vista la fatica nella gestione da fuori di questa gara. Sono arrivati ottimi risultati anche dagli altri atleti tesserati CVA, come Paolo Marconi, altra punta di diamante del Circolo, che ha chiuso sesto. Fantastico risultato anche per Paolo Pacelli, sesto nella sua categoria.

F.I.S.W.: Federazione Italiana Sci nautico e Wakeboard

LIVORNO SUP ACADEMY

377


Centro Windsurf Sup Tre Ponti, un progetto consolidatosi in oltre 20 anni di attività A inizio 2018 il successo organizzativo con l’edizione numero uno della ‘Sup Race Città di Livorno’

I

n questo primo scorcio di 2018 si è consumato in città un evento sportivo per certi versi ‘storico’, almeno per quanto riguarda il movimento sempre più emergente in termini di adesioni e praticanti nella città dei Quattro Mori. Stiamo parlando del “Sup Race Città di Livorno”, la prima edizione di una competizione di stand up paddle svoltasi lungo un percorso Long Distance di 10,5 km e che ha animato lo specchio di mare antistante la spiaggia dei Tre Ponti. La tappa labronica, parte integrante della serie di eventi che hanno animato in città la Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno, ha celebrato un momento importante per il sup cittadino. L’appuntamento ha messo in palio punti validi per la classifica del circuito Nazionale Surfing Fisw, con la conseguente partecipazione di parecchi atleti d’interesse azzurro. L’evento, aperto a partecipanti provenienti da tutta Italia, ha comunque riservato spazio e scena anche per i tanti appassionati amatori grazie a una paralle-

Un momento della premiazione della Sup Race

Una visuale panoramica dall'alto per il Centro Surf 3 Ponti in occasione di una gara di windsurf

la corsa promozionale articolata su una distanza ben più breve di 3,5 km. Una manifestazione allestita alla perfezione dal sempre attivo Centro Surf 3 Ponti dell’ormai consolidato tandem di professionisti del settore composto da David Gabbriellini e Dario Guarducci. Il Centro dei Tre Ponti rappresenta difatti a oggi il polo di aggregazione più numeroso per quanto concerne il movimento giovanile agonistico di windsurf italiano. Alla fine del 2017 è nata però anche la nuova sezione, affiliata alla Surfing FISW e appositamente dedicata agli amanti della tavola da cavalcare in piedi e con il remo. La nuova branca è stata affidata alle cure tecniche dell’esperto Duccio Lazzerini, già atleta nonchè istruttore federale per la Surfing Fisw Isa (International Surfing Association, organizzazione nella quale la neo riconosciuta federazione da parte del Coni è entrata a far parte) e ora anche Direttore Sportivo del settore Sup del Centro livornese. Il Centro svolge corsi individuali e collettivi di windsurf, kitesurf, sup e surf per tutte le fasce di età, dai bambini agli adulti e per tutti i livelli di preparazione, dai principianti ai più esperti. Inoltre la scuola è tra le poche sul territorio nazionale ad essere aperta per l’intero anno solare grazie alla presenza co-

stante degli istruttori federali, offrendo così la possibilità agli allievi di allenarsi in palestra, in piscina e naturalmente anche in mare. Da citare anche l’organizzazione di un altro appuntamento importante come la seconda tappa del Circuito Nazionale della Classe Windsurfer, la specialità praticata con le tavole old style e le vele triangolari.

Il vincitore della prima edizione della Sup Race livornese esulta all'arrivo

F.I.S.W.: Federazione Italiana Sci nautico e Wakeboard

CENTRO WINDSURF TRE PONTI

379


Francesca Bagnoli vince e diverte volando sopra un mare di acrobazie Francesca Bagnoli

T

Francesca Bagnoli

erzo posto nel circuito internazionale World Kiteboarding League e un primato da record, visto che è stata la prima atleta italiana in campo femminile a salire su un podio iridato. Francesca Bagnoli, campionessa di ventitré anni trasferitasi da qualche tempo in Sicilia ma livornese al 100% all’anagrafe, ha il salmastro nel sangue sin dalla nascita. Già molto sportiva nell’adolescenza, ha presto trasferito e messo a frutto con successo anche in mare le grandi doti di scioltezza, coordinazione e dedizione al lavoro in allenamento imparate in palestra con la ginnastica artistica. “Pratico kite con continuità dal 2009, anche se i primi approcci con la teoria a terra li ho avuti già dall’anno precedente in quel di Vada alle Spiagge Bianche. Ai tempi frequentavo ancora le scuole superiori ma avevo già grande voglia di seguire le orme del mio babbo Andrea, appassionato di windsurf a livello amatoriale già dagli

La livornese, trapiantata in Sicilia, è entrata nella storia del kite tricolore con il bronzo mondiale anni ’80. È lui che ha attaccato la passione anche a mio fratello Marco, specializzatosi nel surf e spesso in giro per il mondo a cavalcare le onde.” E dire che all’inizio proprio il padre era stato restìo a insegnare alla figlia i rudimenti del cavalcare il vento per mare. Forse per un pizzico di timore legato alla sicurezza di un fisico piuttosto esile, eppure rivelatosi capace di spigionare un’energia e una reattività incredibili quando si tratta di schizzare sulle onde al seguito della sua vela. “Ho però insistito talmente tanto che alla fine, nel gennaio 2009, durante la consueta vacanza ‘al caldo’ in Brasile (nella località a nord di Fortaleza dove tuttora continua a tornare ogni anno a cavallo dei mesi di novembre e gennaio per allenarsi al caldo con le condizioni di vento ideali, ndr), è capitolato” ricorda Francesca”. Da lì, un’escalation velocissima verso la gloria: con nel mezzo un diploma conseguito, il trasferimento nel 2014 un po’ per lavoro e un po’ per amore in località Lo Stagnone a gestire una scuola di kite tra Trapani e Marsala, quattro titoli italiani vinti, il salto tra i professionisti nel 2016, un titolo di vice campionessa continentale. Sino al sigillo storico della medaglia di bronzo infilata al collo al termine dell’esordio nell’intero circuito iridato 2017 (negli anni precedenti, aveva presenziato solo a qualche tappa sparsa): un tour che ha toccato tappe intorno al mondo, spaziando dalla Francia, all’Olanda, alla Turchia (una mèta inedita), Egitto e proprio il Brasile. Con l’epilogo felice a Duro Beach, Cumbuco, che incoronato per la terza volta di fila la beniamina di casa Bruna Kayia ma che ha premiato con il podio anche gli incredibili progressi della nostra Bagnoli. “L’esperienza più originale del 2017 però è stata la trasferta in Siberia, sul lago Baikal (il più profondo del mondo, ndr) – rivela Francesca - In Russia c’è un insolito fermento intorno alla nostra disciplina e la nostra missione è stata quella di realizzare un photoshooting con

tutto il team internazionale Northkitebording. Quest’ultimo, assieme a Ion e Pixar Printing, è tra gli sponsor principali che ringrazio per il supporto economico-logistico fondamentale”. “In acqua si provano delle emozioni indescrivibili – prosegue la ragazza, pronta ad affrontare una nuova stagione agonistica già scattata nel mese di aprile - Grazie al kite sto facendo delle esperienze fantastiche e mi ha portato a conoscere il mio ragazzo, anche lui atleta professionista (5 volte campione italiano e secondo agli Europei 2014, ndr)”. Una passione per tutto ciò che è mare, vento e caldo, da vera labronica. “Mi capita spesso di pensare a Livorno – conclude con un pizzico di nostalgia - Mi manca il lungomare, di una bellezza che ancora ho mai ritrovato altrove. E poi la famiglia e gli amici: il tempo a casa passa sempre troppo veloce”.

F.I.S.W.: Federazione Italiana Sci nautico e Wakeboard

Parola ai protagonisti

La Bagnoli da piccola con il babbo allenatore

381


Motociclismo A cura di Andrea Puccini

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

In sella a tutto gas: una specialità da non confondere con il motocross Marco Piazzini Delegato provinciale FMI

M

olto spesso si sente parlare erroneamente di motocross quando invece si tratta di Enduro, vediamo di chiarire una volta per tutte di cosa si tratta. La differenza principale fra motocross ed enduro è che il primo si svolge all’interno di circuiti chiusi mentre l’enduro si svolge su strade sterrate aperte anche se chiuse in occasione di manifestazioni agonistiche, più o meno la stessa differenza che esiste tra le corse in circuito e i rally per le auto. In Italia le prime gare motociclistiche di regolarità iniziarono a vedersi nei primi anni 30. Erano gare che si svolgevano prevalentemente su strade secondarie di campagna o di montagna che a quei tempi erano prevalenUn raduno di appassionati di Enduro (foto tratta dalla Pagina FB Enduro)

Alessio Paoli, endurista del Moto Club Torre della Meloria

382

Parliamo di Enduro, una disciplina tanto spettacolare quanto ancora oggi poco conosciuta

temente sterrate. La gara consisteva nel percorrere tratti di strada a una media stabilita ed arrivare a posti di controllo (controlli orari) in un tempo ben preciso (veniva misurato al decimo di secondo con la massima precisione possibile per l’epoca). Venivano poi aggiunte delle particolari prove, dette “prove speciali”, come il test di accelerazione tipicamente su 200 metri o prove di abilità e destrezza. Le gare più famose erano la “Sei giorni Internazionale” detta anche Olimpiade della Moto, che era un vero e proprio campionato del mondo a squadre e, dagli anni 50 in poi la mitica “Valli bergamasche”. I mezzi impiegati furono dapprima moto di derivazione stradale opportunamente adattate all’impiego fuoristrada e poi di volta in volta, nacquero mezzi sempre più specifici per l’impiego racconta Giovanni Collina (uno dei personaggi storici della regolarità italiana insieme ad Arnaldo Farioli) che in certe edizioni di 200 partenti ne arrivavano a malapena 10.

Arrivati agli inizi degli anni 70, si assiste al vero e proprio boom del fenomeno fuoristrada, sia motocross sia regolarità: le moto son diventate molto specialistiche, Morini e Gilera insistono col quattro tempi, mentre le tedesche Zundapp, DKV-Sachs, Hercules e soprattutto l’austriaca KTM portano avanti i motori a due tempi; ne derivano moto leggere e potenti molto più performanti delle quattro tempi. LA SWM è una delle tante case motociclistiche che negli anni 70, seguendo la moda, nascono e producono in Italia ottime moto da fuoristrada oltre ad Ancillotti, Gori e Beta di Firenze che pur essendo realtà praticamente artigianali, erano in grado di competere ai massimi livelli internazionali sia nel motocross che nella regolarità, da ricordare anche Fantic Motor, Gabor, AIM, CMK. L’Italia aveva in quegli anni i piloti che hanno fatto la storia di questo sport: Gritti, Brissoni Taiocchi, Testori, Andrioletti, Capelli, Rottigni, Petrogalli, Miele e molti altri.


L’Italia fu in grado di vincere diverse volte sia il Trofeo sia il Vaso in varie Sei Giorni, potevano gareggiare per il “Trofeo Nazioni” solo squadre formate da piloti nazionali, con veicoli prodotti nella medesima nazione, il che limitava la partecipazione alla gara dei soli Paesi produttori di motocicli per ovviare al problema venne istituito il trofeo “Vaso d’Argento”, nel quale potevano concorrere squadre nazionali di piloti con motocicli prodotti in altra nazione. La struttura delle gare era sempre quella già descritta, in più bisogna specificare che per regolamento era solo il pilota a poter eseguire interventi meccanici sul mezzo, il pilota doveva essere anche meccanico, in più alcune parti, come telaio, motore, ruote e tubo di scarico, non potevano essere sostituite. Le moto naturalmente dovevano essere in regola con il codice della strada dato che le gare si svolgevano anche su strade aperte al traffico (solo trasferimento ovviamente) . Arrivati al 1980 con la Sei Giorni dell’Isola d’Elba, vinta dall’Italia sia nel Trofeo che nel Vaso, alla Regolarità fu cambiato il nome in Enduro. Le gare sono su tracciati in parte aperti alla circolazione e quindi moto in regola col codice, prove speciali di enduro (in linea nel bosco) e di cross in fettucciato. L’accelerazione è andata via via sparendo, così come la regola per gli interventi meccanici sulla moto da parte del pilota. I controlli orari tirati (con un tempo imposto praticamente non realizzabile) son praticamente scomparsi e la gara si decide in pratica con i tempi delle prove speciali (un po’ come i rally automobilistici). Questi cambiamenti che hanno senz’altro snaturato la vera essenza della regolarità, sono stati dettati da motivi di sicurezza, ottenimento dei permessi e ricerca di una spettacolarità più visibile al pubblico. L’Enduro attuale, se praticato a livello ago-

nistico, è uno sport che richiede molto impegno ed una preparazione sia atletica che tecnica di guida molto importanti. Le gare si svolgono su durate che vanno dalle 4 alle 6-8 ore, pertanto l’aspetto della resistenza è fondamentale, inoltre, il pilota deve essere in grado di affrontare qualsiasi tipo di terreno, quindi anche la tecnica di guida deve essere molto curata. L’Enduro amatoriale è praticato dai “mototuristi del bosco”, motociclisti anche ex agonisti appassionati del fuori strada e della natura che amano percorrere strade sterrate per arrivare a vedere posti altrimenti difficilmente raggiungibili, cosa che incrementa il turismo e porta economia anche in periodi dell’anno altrimenti morti per molte zone d’Italia. Purtroppo i posti dove praticare questa attività sono sempre meno specialmente nelle nostre zone, ultimamente è sempre più un pro-

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

La squadra campione Regionale '96 di Enduro targata White Blue Team

liferare di divieti senza impegnarsi per trovare delle soluzioni che accontentino tutte le realtà. Le ragioni ambientaliste sono molto importanti e da non sottovalutare assolutamente, fa parte del nostro futuro, ma individuare delle aree dove gli appassionati possano praticare il loro sport sarebbe l’alternativa migliore anche per dare impulso ad un turismo sportivo bene sfruttato in altre zone d’Italia, è di pochi giorni la comunicazione che gli Assoluti d’Italia di enduro si svolgeranno in Franciacorta zona dal particolare interesse ambientale. Speriamo che anche da noi nasca quella comunicazione che possa portare a qualcosa di positivo per tutti gli aspetti legati al mototurismo ed all’ambiente e si riesca a sciogliere quegli integralismi deleteri in qualsiasi campo. Il fuoristrada motociclistico si è rilevato molto importante anche per il settore dei soccorsi tant’è che la Federazione Motociclistica Italiana è stata riconosciuta ed iscritta ufficialmente nell’Elenco Centrale delle Organizzazioni di Volontariato del Dipartimento della Protezione Civile – Presidenza del Consiglio dei Ministri. Riconoscimento ricevuto con la sottoscrizione del protocollo di intesa tra la FMI il Corpo Forestale dello Stato e le Misericordie della Toscana. I motociclisti tra l’altro sono stati tra i primi a portare soccorso nella zona dell’albergo Rigopiano in occasione del terremoto e della conseguente valanga. Per migliorare ulteriormente questo servizio volontario la Federazione Motociclistica sta organizzando dei corsi per “volontari motociclisti di Protezione Civile FMI”. Marco Piazzini delegato Provinciale FMI (con la preziosa collaborazione di Massimo Storai)

Giovanni Galleni per il White Blue Team in uno scatto d'epoca, impegnato in una gara di Enduro datata anni '90

383


MOTO CLUB LIVORNO 1921 - 2018 Programma delle manifestazioni 2018 21 gennaio • Pistoni d’epoca alla Rotonda. La manifestazione, con la collaborazione del Topolino Club, si svolge la terza domenica mattina di ogni mese del 2018. Si tratta di una Mostra Statica di moto e auto d’Epoca, dove i proprietari portano i loro mezzi e rimangono lì finché ne hanno voglia. La mostra chiude alle 12,30

17 giugno • 40° Motoincontro, aperto a tutti i tipi di moto e scooter con gita turistica e pranzo. Possono partecipare anche i non iscritti alla F.M.I.

24 giugno • 17° Giro della Toscana, prova valida per il trofeo regionale motoraid (regolarità) aperto a tutti i tipi di moto e scooter

Sede: ViaNino Bixio, 7 - Livorno Presidente: Mauro Papucci, 340 2727829 e-mail: epoca@motoclublivorno.it • web: www.motoclublivorno.it


2017: tutti i risultati

A

nche quest’anno cogliamo l’occasione per tracciare il bilancio delle attività annuali programmate per mantenere vivo ed efficacemente vitale l’attaccamento al Moto Club labronico e a tutto lo sport motociclistico labronico, in una fase dove le attività svolte volontariamente diventano sempre più difficili da portare avanti. Purtroppo dispiace doversi ripetere ma le associazioni come quella locale vivono principalmente grazie alla passione e alla partecipazione dei soci che, prestando la loro opera gratuitamente, danno all’associazione la possibilità di organizzare manifestazioni e incontri, che sono poi lo scopo stesso dell’associazione. In questi ultimi anni la partecipazione dei soci è in costante calo e quindi lo è anche il numero delle attività del Moto Club e questo fatto sta entrando in una fase molto preoccupante. Poi c’è l’aspetto economico: dal 2003 a oggi gli iscritti sono calati del 40% circa; gli sponsor che ci hanno sostenuto con piccoli aiuti si sono dileguati a causa della “crisi” e l’unica manifestazione che ci portava un piccolo contributo, La Mostra Scambio all’Ippodromo, non possiamo più farla perché l’Ippodromo è “fuori servizio”. Sommando l’aspetto economico al calo di partecipazione, la situazione del Moto Club Livorno sta diventando sempre più critica. Ma questo non vuol dire che l’attuale consiglio si dia per vinto: la nostra passione e l’esperienza accumulata in

Moto Club Livorno, una passione che romba ancora forte in città Nonostante le difficoltà, gli appassionati delle due ruote motorizzate sono ancora molto attivi

Gruppo del Vespa Club Livorno alla Rotonda, in occasione del “Pistoni d’Epoca”, Natale 2017

tutti questi anni ci consentirà, anche per il 2018 e anche dopo, di tenere alto il nome del nostro Moto Club facendo poche cose ma di ottimo livello tecnico e organizzativo, come ci viene regolarmente riconosciuto a livello regionale e anche nazionale. Le attività svolte dal Moto Club Livorno, affiliato alla Federazione Motociclistica Italiana, e iscritto al Registro CONI, nel 2017, sono state apprezzate e seguite da una folta schiera di motociclisti provenienti da tutta la regione. Un anno che ha visto impegnata la Dirigenza del Moto Club Livorno nell’organizzazione e nella pratica delle nostre tradizionali attività motociclistiche.

Le manifestazione organizzate e svolte nel 2017 sono state: 1 – 39° Moto Incontro a carattere regionale 2 – 16° Giro della Toscana, gara valida per il Trofeo Toscano Moto Raid 3 – “Pistoni d’Epoca” alla Rotonda, tutte le terze domeniche di ogni mese 4 – Attività turistica 2018: ci stiamo impegnando seriamente nella realizzazione di un calendario turistico che comprenderà un certo numero di gite in moto a carattere culturale e, perché no, gastronomico. Le località e le date scelte sono visibili sul nostro sito www.motoclublivorno.it e sulla relativa pagina FB. Come già detto, anche nel 2017 non è stato possibile organizzare la nota

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

MOTO CLUB LIVORNO

385


Mostra-Scambio che oramai da decenni si svolgeva all’Ippodromo di Livorno, per le note vicende che stanno ancora impedendo l’uso dell’impianto. Il 2017 è stato un anno di conferma delle manifestazioni classiche del Moto Club Livorno, anche se le nostre intenzioni sarebbero state quelle di ampliare la nostra presenza sul territorio. Possiamo però dire che ciascuna di quelle effettuate, nel suo genere, ha raggiunto gli obiettivi prefissati che sono sempre, ancora prima di tutti gli aspetti tecnici pure importantissimi, quelli di raggiungere la massima soddisfazione dei partecipanti. Una cosa di cui andiamo fieri è il sempre maggior consenso che, nel 2017, ha avuto la Mostra Statica periodica di auto e moto d’Epoca alla Rotonda, in collaborazione con il Topolino Club e il Vespa Club Livorno, dove da luglio 2015, ogni terza domenica del mese si svolge questa manifestazione, denominata “Pistoni d’Epoca”. Questo fatto da noi fortemente voluto, continua a riscuotere ogni domenica un successo sempre maggiore di partecipanti e di pubblico e la cosa ci ha dato molta soddisfazione. Si tratta di un momento di incontro tra appassionati che portano i loro mezzi d’epoca e li espongono in quel bel-

lissimo spazio che è la nostra Rotonda. Sicuramente il tipo di formula usata, che consente a espositori e visitatori la massima libertà di orario e di spostamento, ha contribuito in modo determinante a questo successo. Gli ottimi risultati riscontrati nelle manifestazioni del 2017, sia in termine di numero di adesioni, sia di gradimento sono stati tali da spingere il Consiglio Direttivo a riproporre le ini-

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Il consigliere Fabrizio Cherici in attesa di portare doni ai bambini dell’ospedale Stella Maris al Calambrone

ziative con la stessa formulazione anche per il prossimo anno sociale. Nel 2018 il Moto Club Livorno cercherà, per quanto possibile, di mettere in campo un maggiore impegno nella diffusione della sicurezza stradale intesa come fattore culturale fondamentale per la convivenza civile. Rimane forte infine l’impegno nel settore dei motoveicoli d’interesse storico e collezionistico, chiamati comunemente “d’epoca”, verso il quale l’attenta dirigenza del Club volge una attenzione particolare all’evolversi della normativa e svolge una capillare informazione nel riguardo dei propri soci e di chiunque abbia dubbi e domande da fare in merito. Settore particolarmente importante anche per i risvolti normativi soprattutto da quando il Registro Storico della Federazione è entrato a far parte dell’articolo 60 del Nuovo Codice della Strada, dando così la possibilità, ai mezzi iscritti, di usufruire delle agevolazioni previste per questo tipo di veicoli. Il Moto Club Livorno saluta tutti i lettori dell’Almanacco, nella speranza di vederli sempre più partecipi alle nostre manifestazioni, anche solo come spettatori. Per noi sarebbe già una soddisfazione.

Cherici, Papucci e Tavaroli al Raduno del Carnevale di Viareggio

387


MOTO CLUB Torre della meloria

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

I

l 2017 che ha archiviato la sua stagione agonistica, porta con sé il bilancio di parecchi mesi di gare e il sodalizio labronico ha saputo essere protagonista ed è riuscito ad imporsi sui tracciati di tutta Italia. “Un bilancio che non può essere fatto solo di numeri” ha commentato il team manager Ivano Zanatta. “Su tutti rimangono indelebili i titoli conquistati da grandi atleti come Alessio Paoli, Diego Pitzoi, Fabio Mugnai, Mirko De Felice e Lorenzo Staccioli, atleti che hanno dimostrato ancora una volta tutto il proprio valore e il proprio attaccamento a questo sport e alla nostra maglia. Poi ci sono le perle dei numerosi risultati a podio e tutti gli altri che, al di là dei successi, hanno dimostrato l’importante crescita atletica, alcuni dei quali sono le colonne portanti del gruppo futuro”.

Il sodalizio del Team Manager Zanatta vanta un bilancio positivo: i suoi piloti sono ancora ai vertici delle classifiche dei campionati nazionali

Un successo in numeri

Alle emozioni, vanno aggiunte le cifre che anche nel 2017 hanno promosso a pieni voti il sodalizio labronico: sette ti-

Mattia Paglionico (Ktm Alo's), terzo assoluto Selettive di Campionato Italiano MX Junior al “San Pacifico” di San Severino Marche

388

Moto Club Torre della Meloria, un 2017 con tante emozioni e altrettante soddisfazioni

Una posa collettiva per il team del Moto Club livornese

toli stagionali centrati da ben 6 elementi della rosa. Sei le seconde posizioni conquistate e quattro terzi posti nei vari campionati, 30 i piloti che sono rientrati nella top ten e circa quaranta le gare disputate. Numeri importanti per un gruppo che da sempre spicca nei confronti più importanti organizzati dalle Federazioni FMI e FIM Europe. E’ una delle squadre più importanti da sempre, e riescono a dimostrarlo con i costanti successi che i vari piloti ottengono in ogni campo. “Il gruppo ha confermato le grandi aspettative riposte nel nostro team nel corso dei mesi invernali. I ragazzi hanno lavorato con umiltà e hanno trovato il giusto feeling superando tutte le avversità e riuscendo a conquistare alcuni dei traguardi più prestigiosi – ha aggiunto il team manager Ivano Zanatta - Abbiamo incontrato sulla strada una concorrenza spesso agguerrita e di alto livello, è stato bello misurarci su questi terreni riuscendo a far emergere le qualità, il coraggio e le ambizioni dei nostri piloti“.

I programmi futuri “Per la prossima stagione vorremmo costruire una buona squadra per disputare i campionati internazionali, nazionali e regionali con più mordente, un gruppo ancora più competitivo, e tentare così di risalire ai vertici nei campionati più importanti” spiega il manager livornese. Ormai è quasi definita la squadra che rappresenterà sia il Team che il Motoclub nella prossima stagione sportiva 2018. Come nelle tradizioni ormai consolidate, verrà posta grande attenzione al lavoro sui giovani: un’attività su cui il club labronico punta moltissimo. L’intenzione è formare una squadra di validi piloti che possano crescere bene ma che ambiscano anche ad obiettivi interessanti.

30 anni in poche righe: breve storia del gruppo livornese Il Motoclub Torre della Meloria è uno dei Moto Club più blasonati d’Italia, grazie non solo ai fantastici risultati conquistati dai propri piloti in campo re-


Alessio Paoli in sella a una moto Enduro

1. Lorenzo Staccioli (Ktm Alo’s – MC Torre della Meloria) EN classe J1 con 5 vittorie su cinque gare e 14° assoluto 1. Mirko De Felice (Honda – MC Torre della Meloria) EN classe M1 con cinque vittorie su cinque gare

gionale, nazionale e internazionale, ma anche dal suo Team “Gruppo Saporito Beta Trasporti asd” in tanti anni, ogni anno sempre con grandi soddisfazioni. Il Motoclub “Torre della Meloria” nasce a Livorno nel 1991 ma il suo Team Macota Gruppo Saporito si è costituito nel 1987 – quest’anno il Team compie 30 anni di attività – per volontà del lungimirante Ivano Zanatta che ha sempre avuto innata la passione per le moto da fuoristrada ma anche per le bici.

I podi ottenuti nel 2017 dal Moto Club Torre della Meloria:

1. Alessio Paoli (Beta – MC Torre della Meloria) EN Assoluta dopo 4 vittorie su cinque e un secondo posto 1. Alessio Paoli (Beta – MC Torre della Meloria) EN Top Class TCU dopo 4 vittorie su cinque e un secondo posto 1. Diego Pitzoi (Ktm Alo’s – MC Torre della Meloria) Minienduro classe MB Baby 1. Fabio Mugnai Over 21 MX1 (Honda – MC Torre della Meloria) Enduro Master Beta

Alessio Paoli e Fabio Pampaloni sul podio di classe (primo e secondo) al Campionato Toscano Enduro in Lunigiana

1. Filippo Colarusso (Beta 50 2T – MC Torre della Meloria) Enduro Master Beta cl. Z 1. Squadra MC Torre della Meloria EN Campionato Toscano 2. Lorenzo Galluzzi 125 Over 17 (senior) (Ktm Alo’s – MC Torre della Meloria) 2. Davide Pitzoi (Ktm Alo’s – MC Torre della Meloria) Minienduro classe MX Aspiranti 85 2. Alessio Paoli (Beta – MC Torre della Meloria) EN C.I. Major Top Class 2. Fabio Pampaloni (Beta – MC Torre della Meloria) EN Top Class TCU con quattro secondi posti e una vittoria 2. Fabio Pampaloni (Beta – MC Torre della Meloria) EN Assoluta con quattro secondi posti e una vittoria 2. Fabio Pampaloni (Beta – MC Torre della Meloria) Enduro Master Beta Top Class 2. Filippo Colarusso (Beta – MC Torre della Meloria) EN classe ZU con una vittoria, due secondi posti, un terzo e uno zero 3. Alessio Paoli (Beta – MC Torre della Meloria) Enduro Master Beta – Assoluta 3. Andrea Marco Serafini (Beta – MC Torre della Meloria) EN classe S2 con due zeri, una vittoria e un secondo posto 3. Niccolò Cerone Over 21 MX2 (Honda – MC Torre della Meloria) 3. Fabio Pampaloni (Beta 300 2T – MC Torre della Meloria) EN C.I. E3 Junior

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Thomas Ramon in azione all'open 125 di Ponte a Egola, dove si è piazzato secondo

389


LIVORNO - Via Mondolfi, 192 - Tel. 0586.501668 - info@kawaplanet.com PISA - Via Lenin n° 132/a, 56010 S.Martino Ulmiano - Tel 050.864621

Versys 1000

GSX-S 1000

500 Five Hundred

www.kawaplanet.com

: kawaplanet


WHITE BLUE TEAM

Il futuro della moto livornese si tinge ancora dei colori bianco e azzurro

Diego Barsacchi

A

ncora successi nella stagione sportiva agonistica 2017 del Moto Club White Blue Team di Livorno. L’associazione labronica, che quest’anno ha festeggiato i quarant’anni anni di

Simone Gonnelli in sella durante una gara cross

Da sx verso dx: Ferrarini, Gonnelli e Bertolucci

affiliazione alla Federazione Motociclistica Italiana, ha visto i propri piloti impegnati in varie discipline: velocità in circuito, enduro e motocross. Il sodalizio livornese, diretto da sempre dal Presidente Pino Santacroce, ha potuto iscrivere ancora il proprio nome negli albi d’oro dei Campionati Italiani di Velocità Scooter e Motocross. Tra gli atleti meglio classificati spiccano i nomi di Nico Morelli per la velocità e del giovane Simone Gonnelli nel motocross. Morelli, in sella ad un Piaggio 100 preparato dalla Ottopunto1 di Fiorenzuola D’Arda, capace di raggiungere la velocità di circa 150 km/h, ha partecipato al Campionato Nazionale Scooter Velocità Trofeo Italia Polini. Si è aggiudicato 3 manche nell’arco di tutto il campionato collezionando 6 podi. La classifica finale lo vede al 5° posto dopo il titolo di vice campione italiano del 2015 e 2016. Nella stessa categoria Jo-

nathan Zucchi si è classificato 21° assoluto in finale di stagione. Cristian Luperini ha partecipato nella classe scooter 70 evolution su Piaggio classificandosi al 16° posto assoluto nel Campionato Italiano Scooter. Ottimo debutto nella velocità nazionale in pista per Diego Barsacchi, alla guida di una Honda CBR 600 ha esordito nella Italian Cup accumulando esperienza e migliorando le sue performance gara dopo gara. Di rilievo gli ottimi tempi fatti segnare a Imola in occasione della gara di Campionato. Nella stessa categoria ha partecipato saltuariamente anche il suo preparatore Manuel Greco della GPONE di Livorno che seguirà Barsacchi anche nella stagione 2018. Nel settore cross, il giovane quattordicenne Simone Gonnelli ha partecipato al Campionato Italiano motocross classe 50cc in sella ad un Ancillotti. La clas-

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Il Moto Club White Blue Team: quarant’anni di attività festeggiati attraverso tanti successi agonistici

391


Adriano Ferrarini

Nico Morelli

sifica finale lo vede vice Campione Italiano. Nel 2018 cambio di categoria per il pilota del team livornese, parteciperà infatti con una Yamaha 125 cc. del Team Bardahl al Campionato Italiano Assoluto motocross. Discorso a parte per il veterano Gianluca Gonnelli, già protagonista negli anni 90 del Campionato Mondiale Cross classe 500. Il pilota ha partecipato con una Tresoldi 80 al Campionato Italiano Motocross d’Epoca aggiudicandosi il titolo di vice campione italiano pur avendo disputato una gara in meno ed avendo vinto 8 delle 12 manche in programma. Il centauro livornese Adriano Ferrarini dopo aver ben figurato nel campionato regionale in sella ad una CRM 250, a fine stagione si è aggiudicato il Trofeo Penco, gara di motocross organizzata in memoria di Stefano Penco, ex pilota del Moto Club White Blue Team recentemente scomparso, svoltasi nel crossodromo di Prunetta, in provincia di Pistoia. Peccato che questa manifestazione si sia svolta fuori dal nostro territorio in quanto Livorno è l’unica provincia in Toscana a non avere un impianto di motocross ed un percorso regolarizzato per la disciplina dell’enduro fuoristrada agonistico. Tra gli altri piloti si sono distinti Alessandro Bertolucci, Davide Ciolini, Aldo Grassi e Valter Pucci.

Trofeo Penco: quando una passione non muore mai Ormai nel novembre 2016, il Motoclub W.B.T. ha deciso di istituire a partire dal prossimo anno il Trofeo Stefano Penco, una gara di Enduro a cadenza annuale in memoria di Stefano, un amico e tesserato storico del Motoclub fin dal primo anno della fondazione. Un malore fatale lo ha stroncato forse mentre era ancora in sella alla sua mountain bike, su un sentiero boscoso in una zona impervia, dove non prendono nemmeno i telefoni cellulari, dalle parti della Puzzolente. A 61 anni, Penco era un conosciuto e stimato istruttore tecnico della prevenzione del Comune di Livorno. Ma soprattutto era un grande appassionato di motocross. La gara quindi rappresenta un modo per onorarne e rinnovarne la memoria ogni anno. Un appuntamento che viene riservato ai tesserati del White Blue Team e agli amici del gruppo E.A.L. di cui Stefano faceva parte, oltre a tutti gli amici di Stefano che nel passato hanno corso o praticato il fuoristrada insieme a lui.

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Cristian Luperini

393


Pugilato A cura di Mario Orsini

Franco Nenci, il saluto degli allievi alla leggenda del pugilato livornese F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Franco Nenci Una leggenda del pugilato livornese

U

n mito, una leggenda del pugilato cittadino. L’unico livornese ad aver vinto una medaglia olimpica nella boxe: argento a Melbourne nell’estate del 1956. Franco Nenci, 83 anni compiuti lo scorso 27 gennaio, dopo quasi settant’anni di attività prima come atleta e poi come maestro di pugilato, ha deciso di appendere i guantoni al chiodo. “A convincermi a prendere questa difficile e sofferta decisione - ha spiegato - è stato qualche problemino fisico, specialmente nell’ultimo periodo”. La festa per l’addio alla boxe, sobria e partecipata, si è tenu-

Franco Nenci ai tempi dell'argento alle Olimpiadi di Melbourne '56

394

A 83 anni, l’ex medaglia olimpica a Melbourne ’56 ha deciso di ritirarsi dall’insegnamento ta all’Accademia dello Sport di via Garibaldi. La sede in cui ha insegnato, a generazioni di boxeur livornesi, la noble art negli ultimi 26 anni. Gran ‘cerimoniere’ della festicciola il direttore Damiano Bani con al fianco lo staff della sezione pugilistica, e come cornice tanti pugili agonisti e amatori oltre alle operatrici della reception. “Franco è con noi da quando abbiamo aperto i battenti - ha detto Bani - in questo lungo periodo è sempre stato un esempio di gentilezza, serietà e professionalità. Grazie alla sua dolcezza, ai toni pacati, alla voce a volte sommessa, alla bontà scritta a caratteri cubitali nel suo Dna, è riuscito a entrare e rimanere nel cuore della gente. Per lui, benché abbia deciso di mettersi da parte, le porte rimangono sempre aperte. Quando vorrà venire a trovarci sarà sempre il benvenuto». Bani, in nome dell’Accademia dello Sport, gli ha poi consegnato una targa ricordo nella quale si legge ‘A Franco Nenci, ringraziandolo per averci trasmesso l’arte del pugilato e della vita’. Un’altra targa gli è stata invece donata dai pugili agonisti e amatori. A testimonianza di grande affetto e simpatia verso uno straordinario maestro di pugilato. Stima e simpatia reciproca, naturalmente. «Neppure io - ha ammesso Nenci - sono felice di lasciare. Qualche avvisaglia e alcuni problemini fisici, però, mi hanno spinto a prendere questa decisione. Il mio cuore, sportivamente e umanamente parlando, rimarrà però sempre tra quelle mura, in cui ho trascorso più di un quarto di secolo. E nel quale ho visto crescere e affermarsi tanti bravi pugili. A dare conti-

nuità al mio lavoro, comunque, sono contento che sia Luca Tassi con il babbo Gigi e lo staff con cui abbiamo sempre lavorato in serenità, armonia e unità d’intenti». Tra i presenti alla cerimonia di saluto, oltre al direttore Bani, a Luca e Gigi Tassi, Marina Casini, Daniele Ebraico, Francesco Lami, Fabrizio Lenzini e Federico Gonzaga. Nenci, è il momento dell’addio e dei ricordi... “Grazie al pugilato ho girato il mondo e ho potuto vivere una vita economicamente dignitosa. Cominciai a praticare nella palestra del Cral Stanic, sul viale Ippolito Nievo, sotto la guida del grande maestro

Un momento della festa celebrativa del boxeur organizzata all'Accademia dello Sport


Aldo Giovannelli all’inizio degli anni Cinquanta. Un paio d’anni dopo ho disputato i campionati regionali e ho iniziato a scalare le classifiche nazionali. Risultati che mi hanno consentito di essere selezionato per le Olimpiadi di Melbourne dove ho vinto la medaglia d’argento.” Una medaglia che poteva essere d’oro se l’arbitro americano non avesse dato la priorità al mio avversario, il russo Vladimir Yengibaryan, dopo che i giudici avevano decretato la perfetta parità. A quelle Olimpiadi c’era anche il mio grande amico Mario Sitri. La sfortuna però, nei quarti di finale, gli voltò le spalle, mettendogli davanti un irlandese davvero forte. Il match fu di una crudezza inimmaginabile. Se le dettero in una maniera così intensa da annientarsi praticamente a vicenda. Come fu il ritorno a casa? “Alla stazione fummo accolti in maniera trionfale, come due eroi, e i festeggiamenti andaro-

Franco Nenci con un suo allievo

Franco Nenci oggi

vo perso per infortunio. Per questo chiesi e ottenni la possibilità di avere la rivincita. Fino alla nona ripresa lo dominai. Non contento, però, mi misi a fare lo scemo, ad abbassare la guardia e a irriderlo. Lui, con un guizzo d’orgoglio, mi centrò con un tremendo montante e mi mandò a gambe levate ad ammirare le stelle. Morale: sul ring il rispetto viene prima di tutto”. Poi la carriera come maestro. “Una carriera infinita. E come ciliegina sulla torta, la nomina a maestro della Nazionale al fianco del direttore tecnico Franco Falcinelli per quasi 10 anni, comprese le Olimpiadi di Seul 1988 e Barcellona 1992. Infine i tanti anni, stupendi, passati qui all’Accademia dello Sport, dove ho visto crescere tanti bravissimi pugili. Parecchi dei quali sono rimasti in questo mondo come maestri”. Ma questo è un addio definitivo? “Con la bella stagione qualche capatina all’Accademia la farò sicuramente. Al cuore non si comanda e il mio rimarrà per sempre legato con un filo sottile a quella stupenda realtà”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Un'altra foto vintage di Nenci in gioventù

no avanti per giorni. Fui ricevuto in pompa magna anche dall’allora sindaco Nicola Badaloni”. Poi il passaggio tra i professionisti? “Con Mario Sitri e Franco Brondi siamo stati un ottimo terzetto per diversi anni. In tante circostanze abbiamo riempito lo stadio comunale e teatri come il Politeama, l’Odeon e il Lazzeri. E anche lontano da Livorno e all’estero abbiamo tenuto alto il vessillo labronico”. Onore e gloria ma pure soldi, no? “Sì, in qualche match anche parecchi. Con i soldi guadagnati mi comprai prima una Giardinetta e successivamente una Millecento. La patente però la presi solamente sette anni dopo. Quando i vigili mi fermavano e si accorgevano chi ero io, mi facevano una ramanzina ma niente multe. Da professionista ho disputato una sessantina di match. Alcuni memorabili. Tra questi quelli contro Garbis Zakaryan a Istanbul, Omrane Sadok a Tunisi e Epiphane Akono a Ginevra. Ecco, questo fu un incontro bellissimo. Andai al tappeto tre volte ma mi rialzai sempre e alla fine uscii imbattuto. Tra gli incontri più belli e spettacolari ricordo quello contro Charley Duglas a Livorno nel 1959”. Cosa ricorda dell’addio alla boxe agonistica? “Era il 1967. Avevo 32 anni. Decisi decisi di smettere benché fossi imbattuto da due anni. Sul volto, però, s’iniziavano a vedere i segni di qualche battaglia e gli stimoli erano calati. L’unica sconfitta vera per ko la subii da Castoldi a Roma nel’60. Tre mesi prima, contro di lui a Pavia, ave-

395


2017: tutti i risultati Bottai, una dubbia sconfitta ai punti che fa più male di un ko

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Sfuma, per un verdetto molto dubbio e contestato, il sogno del tito