__MAIN_TEXT__

Page 1

Provincia di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

Nuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249

Comune di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

Pallanuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256

CONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

Basket . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249

AZZURRI D’ITALIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

Pesca da natante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263

Veterani dello Sport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

Cica Sub . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267

Veterani dello Sport Collesalvetti . . . . . . . . . . . . . 49

Webba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273

Presentazione Almanacco 2012 . . . . . . . . . . . . . . . 67

Pesi e Cultura Fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

Automobile Club d’Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75

Pugilato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287

Atletica leggera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

Rugby . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308

Baseball - Softball . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

Scherma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323

Calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117

Diversamente abili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351

Canoa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135

Equitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358

Canottaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141

Tennis Tavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351

Ciclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157

Tennis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365

Cronometristi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176

Triatlhon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371

Danza Sportiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180

Tiro a Segno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379

Football americano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

Tiro a volo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383

Pattinaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185

Tiro con l’arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385

Arti Marziali - Judo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195

Vela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389

Arti Marziali - Lotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198

Windsurf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392

Arti Marziali - Karate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213

Dama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395

Karate - Folgore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219

Scacchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393

Braccio di Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

Indice sponsor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401

Motociclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237

Accademia dello Sport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408

INDICE

INDICE

1


2


Il saluto del Presidente della Provincia di Livorno

GIORGIO KUTUFÀ

L’

Almanacco dello Sport: qua sono racchiuse grandi prodezze e piccole storie, speranze e impegno, sfide e successi degli atleti livornesi. Un anno di sport della nostra città e della nostra provincia fatto di allenamenti, gare, piacere e fatica, soddisfazioni e delusioni e certamente moltissima passione ed impegno. Un ringraziamento va alle numerose società presenti nel nostro territorio che con grandi sforzi, anche organizzativi e con risorse sempre più esigue, riescono

a coinvolgere tantissimi ragazzi e ragazze, bambini e bambine, atleti e atlete di tutte le età. Uno straordinario mondo che pone la provincia di Livorno ai primissimi posti nazionali nella pratica sportiva, che rappresenta uno degli aspetti più positivi del nostro vivere sociale. Livorno ha non solo tanti campioni, ma moltissimi atleti e questo è, per noi, motivo di grande soddisfazione. Giorgio Kutufà Presidente Provincia di Livorno

Il saluto del Vicepresidente della Provincia e Assessore a Cultura, Istruzione e Sport

FAUSTO BONSIGNORI

Continuiamo a consolidare le pratiche sportive

A

nche quest’anno, l’Almanacco dello sport, importante pubblicazione del mondo sportivo cittadino e non solo, viene a ricordarci un anno di vita della

nostra comunità, letto attraverso il punto di vista dell’attività sportiva. Atleti, dirigenti di associazioni e di federazioni, gruppi, campioni e non solo, giovani speranze impegnate a diventare realtà, che si dedicano e praticano lo sport con passione e sacrificio. Ho avuto modo di esprimere molte volte, anche in virtù della mia professione, quanto sia importante, anzi necessaria, l’attività sportiva nella vita di ciascuno. E non si confonda lo sport con l’agonismo: si può fare sport a tutti i livelli, non solo per primeggiare, ma anche per “crescere”, a qualsiasi età, in modo armonico. Non si può certo sottacere il fatto che Livorno sia abituata all’eccellenza sportiva. Nel 2013, la città si é stretta attorno ai suoi atleti nel festeggiare il raggiungimento delle 500 medaglie conquistate nel corso degli anni, a partire da quella del 1895 nel quattro senza, che inaugurò una serie di trofei vinti ai campionati europei, ai

campionati del mondo e ai Giochi Olimpici. Una grande soddisfazione per chi vive lo sport nella nostra città, e un incitamento a proseguire su questa strada. La Provincia di Livorno, in accordo con gli indirizzi della programmazione regionale, ha finora definito criteri ed obiettivi all’interno dei quali collocare gli interventi volti a garantire il consolidamento della pratica sportiva esistente e la crescita delle attività sportive e motorie. Non sappiamo se a questo Ente, visto l’iter di legge che tende a ridurne sensibilmente le competenze, verrà mantenuta la delega alla questione “sport”. Sono però sicuro che, se ce ne saranno le possibilità, il patrimonio di relazioni e di conoscenze accumulato in questi anni continuerà ad essere impiegato al servizio della cittadinanza. Fausto Bonsignori Vicepresidente della Provincia di Livorno Assessore a Cultura, Istruzione, Sport

Provincia di Livorno

Allenamenti, gare, piacere e fatica, soddisfazioni, delusioni e tanta passione: questo lo sport livornese

3


Capraia, una delle “sette perle” dell’Arcipelago Toscano, è l’isola più distante dalla Costa Toscana, 36 miglia. Vicinissima alla Corsica, 15 miglia, le è molto simile nel modo di vivere e nel dialetto. La sua origine vulcanica, una prima eruzione risale a circa nove milioni di anni fa ed una seconda a circa quattro, l’ha resa isola selvaggia, aspra con coste a picco sul mare. Queste sono le caratteristiche che la distinguono dalle altre isole ma, è grazie a queste, per scelta degli isolani storici che hanno ritenuto essenziale mantenere e conservare così il suo aspetto, che è oggi frequentata da molti turisti alla ricerca della sua natura incontaminata. Ha una superficie di 20 Kmq circa ed è possibile visitarla attraverso i vecchi sentieri usati una volta dai contadini, dai carbonai e dalla Marina Militare che aveva una postazione di rilevamento meteorologico sul Monte Arpagna , meta di coloro che

amano fare belle passeggiate immersi nella natura. L’isola fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha una perimetrazione a mare divisa in due zone: la zona 1 che è riserva integrale e quindi inaccessibile e la zona 2 nella quale si può transitare, sostare, fare il bagno ed in una zona limitata,con apposito permesso, è possibile pescare. Ha una popolazione di 350 persone che vive prevalentemente di turismo, pesca ed edilizia. Il collegamento marittimo è garantito giornalmente dalla Soc. Toremar con potenziamento estivo tramite mezzi veloci di società private. Dal 1873 al 1986 è stata Carcere Agricolo, con un massimo 350 detenuti. Attualmente le strutture dell’excarcere sono abbandonate ma, fanno parte di un progetto di recupero attraverso il piano strutturale comunale, così che Capraia continuerà a crescere nel rispetto dell’ambiente e di un turismo consapevole di quello che l’isola offre. 4


Il saluto del Sindaco del Comune di Livorno

ALESSANDRO COSIMI Lo Sport come valore formativo

Grazie a tutti coloro che hanno realizzato questo volume che considero un vero e proprio concentrato di emozioni. Alessandro Cosimi Sindaco di Livorno

Il saluto dell’Assessore allo Sport del Comune di Livorno

Comune di Livorno

È

molto emozionante salutare per l’ultima volta da sindaco della città di Livorno l’Almanacco dello Sport, una pubblicazione che in questi anni ho sempre seguito, da sportivo e da tifoso. Un volume, questo, che anche in questa edizione ricorda le tante sfide che hanno visto impegnati i nostri atleti. Come ormai è consuetudine abbiamo promosso il Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno, ab-

biamo avuto le sfide dei rioni nelle storiche gare remiere, eventi questi, che intrecciano sempre più il mondo dello sport con il turismo. E come non ricordare l’esaltazione dei tifosi del calcio che hanno gioito in questo 2013 per la squadra labronica che è passata in serie A. E poi i risultati della scherma, solo per citarne alcuni. L’Almanacco dello Sport raffigura la bacheca per rendere visibili i valori formativi trasmessi dalle singole società e i risultati sportivi delle squadre e dei ragazzi che ne fanno parte. Noi come Amministrazione abbiamo sentito sempre molto forte l’impegno rispetto allo sport, sostegno che trova limiti solo nelle difficoltà economiche con cui tutti gli enti si trovano a fare i conti. Le istituzioni, in sinergia con la città, hanno lavorato anche quest’anno per sostenere ogni evento sportivo, impegnandosi per lo sviluppo e l’ottimale progettazione degli eventi. È quindi un rendiconto di sforzi comuni tesi alla valorizzazione dello sport. E non solo.

MAURIZIO BETTINI

Verso un ruolo essenzialmente educativo

A

nche quest’anno giunge l’Almanacco dello Sport, un volume che si rivolge ad un’ampia platea di lettori con una grande passione in comune: lo sport. E così con le foto e i dati l’Almanacco accompagnerà per mano i lettori tra gli avvenimenti sportivi dell’anno 2013. A Livorno sono moltissimi coloro che praticano attività sportiva e non è indispensabile approdare all’agonismo affinché lo sport svolga un ruolo, soprattutto educativo: nella nostra

città infatti è difficile trovare ragazzini che dopo la scuola non siano iscritti a qualche attività sportiva senza avere la meta di divenire campioni, ma soprattutto per socializzare. E poi se magari arriva un successo, anche piccolo, dobbiamo esser sempre felici ed esultare insieme ai compagni. Dunque come assessore allo Sport del Comune di Livorno, e come amante dello sport, spero che il lavoro svolto per concretizzare questo Almanacco possa servire come esempio per le future generazioni ed ampliare la passione verso il mondo sportivo. Rivolgo il mio augurio a tutte le società sportive e voglio esprimere le più sincere felicitazioni all’Almanacco dello Sport per

l’ormai ferma tradizione che esso raffigura nell’informazione labronica. Maurizio Bettini Assessore comunale allo Sport

5


6


Il saluto del Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno

Ammiraglio di Divisione

In quest’ottica, come Comandante dell’Accademia Navale, quest’anno mi sono concentrato nella riqualificazione dell’Efficienza Fisica e dell’attività sportiva all’interno dell’Istituto, materia già molto seguita ed importante

Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone

È

con rinnovato piacere che, anche quest’anno, in qualità di Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno colgo l’invito a rivolgere a nome mio personale e di tutta la popolazione militare della provincia di Livorno un cordiale ed amichevole saluto ai lettori dell’Almanacco dello Sport. L’Almanacco è diventato, negli anni, la pubblicazione di riferimento nell’ambiente sportivo locale per ripercorrere le tante attività svolte dagli atleti e società sportive che operano sul nostro territorio con l’auspicio di avvicinare all’attività fisica e sportiva sempre più bambini, giovani e adulti di ogni età.

I cadetti durante una partita di Rugby

che ha ispirato varie attività durante le quali gli atleti hanno avuto l’opportunità di transitare in Istituto o in altre Caserme del Presidio durante eventi sportivi. Concludendo queste poche righe desidero ringraziare, a nome di tutti i militari del Presidio di Livorno, tutti gli addetti ai lavori, gli atleti di ogni ordine e grado augurando loro un 2014 ricco di soddisfazioni con l’invito a perseverare nel proprio impegno per il conseguimento di risultati sempre più importanti. Un saluto particolare agli atleti diversamente abili (e ai loro familiari) che con il loro esempio ci insegnano il significato di parole come “coraggio” e “perseveranza”. A tutta la redazione dell’Almanacco dello Sport, un “grazie” per essere i tenutari a futura testimonianza delle attività della nostra Allievi dell’Accademia Navale mentre si allenano comunità, un saluto e un sincero nella difesa personale augurio per le prossime edizioni.

nella vita del Frequentatore e imprescindibile per ogni buon militare di qualsiasi FF.AA. nel prosieguo della vita professionale. Abbiamo quindi, oltre alle discipline sportive tradizionali già presenti, deciso di inserire discipline nuove come il “Rugby” e la “Difesa Personale” che hanno riscontrato subito molto interesse fra i frequentatori e che hanno dato risultati di assoluto rilievo, non solo nel migliorare ulteriormente la forma fisica, ma anche nel processo di formazione caratteriale e della autostima. È con vivo piacere che sottolineo inoltre il sempre maggiore connubio tra “sport” e “FF.AA.” della nostra Provincia

Comune di Livorno: Accademia Navale

GIUSEPPE CAVO DRAGONE

I cadetti durante una partita di Rugby

Foto dell’archivio dell’Accademia Navale

7


Vivere il mare match race Vendita, assistenza, etc. Via F. Filzi 19/3 - 57122 LIVORNO • Tel. 0586 421740 - Fax 0586 402205 www.matchrace.it - info@matchrace.it

Vendita - Assistenza - Ricambi - Motori fuoribordo Barche - Gommoni - Nuovo - Usato - Permute - Noleggio Allestimenti personalizzati - Accessori - Abbigliamento

8


30° TAN La più grande festa della Marineria Italiana La 30a edizione del Tan Città di Livorno per grandi campioni, appassionati di mare, giovanissimi e diversamente abili caratura mondiale, tra i quali Ignazio Bonanno, campione europeo con il J24 “La Superba” della Marina Militare, la coppia Di Salle-Paternoster, campionesse mondiali classe 420, Giorgio Gorla, due bronzi olimpici nella classe Star. Debutto inedito per il kitesurf, disciplina emergente nel panorama sportivo mondiale, con l’esibizione avvenuta il 25 aprile e che ha visto la partecipazione di 5 campioni di livello internazionale, tutti toscani e giovanissimi. Il 30° TAN è stato anche il palcoscenico per uno storico gemellaggio tra l’Acca-

demia Navale e lo Yacht Club de Monaco, che ha portato per la prima volta le barche monegasche al Trofeo ed ha aperto le porte ad ambiziosi progetti per la prossima edizione. Leitmotiv della manifestazione è stato l’impegno della Marina Militare nel sociale, concretizzatosi in diverse iniziative, tra le quali il charity program “La Regata della Solidarietà”. Gli 8000 € raccolti saranno devoluti alla Fondazione Meyer, alla Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia ed all’Unione Italiana Vela Solidale, così da poter contribuire alla ricerca scientifica,

Comune di Livorno: TAN

C

ampioni di fama mondiale, più di 2000 regatanti, 500 barche, 16 classi di regata, 50 giudici federali, 27 equipaggi stranieri da 4 continenti e più di 180.000 visitatori al Tuttovela. Questi i numeri della trentesima edizione del TAN, conclusasi il 1° maggio con una inedita Veleggiata Costiera che ha concluso in grande stile la più grande festa della vela italiana. Nato nel 1984, il Trofeo nel corso degli anni è cresciuto sino a divenire uno degli appuntamenti irrinunciabili per tutti gli appassionati della vela, accogliendo persone e barche provenienti da tutto il mondo. Con la sua trentesima edizione il Trofeo si è confermato la più grande festa della marineria italiana, capace di combinare agonismo, passione per il mare, grande tradizione e solidarietà, accomunando nella vela un pubblico di grandi campioni, semplici appassionati, giovanissimi e diversamente abili. In mare le condizioni metereologiche talvolta estreme hanno reso la competizione ancora più appassionante, mettendo a dura prova gli equipaggi delle oltre 450 barche partecipanti. Grandi numeri e grande agonismo sugli otto campi di regata che hanno visto impegnati atleti di

9


alle cure ed al sostegno di ragazzi malati che necessitano di assistenza psichica e fisica. Il connubio tra Unione Italiana Vela Solidale, Tuttovela ed Accademia Navale ha inoltre portato al TAN MareLibera, evento solidale che ha coinvolto in una tre giorni di convegni e regate 36 barche, 400 velisti normodotati o diversamente abili ed ospiti d’eccezione, tra i quali Don Antonio Mazzi fondatore di Exodus. A conclusione del Trofeo un evento nell’evento, la Veleggiata Costiera, rivoluzionaria novità in una manifestazione in passato riservata alle sole regate di classe. Il 1° maggio il lungomare di Livorno è stato imbiancato dalle vele di ben

64 cabinati di ogni tipo, dal modernissimo Farr40 Cacharaza, sino alle meravigliose Capricia e Stella Polare della Marina Militare. Hanno partecipato alla Veleggiata anche tutte le barche di MareLibera, Un momento del Tan. Foto Roberto Onorati tra cui Bamboo e Maria Teresa della fondazione Exodus. tusiasmante edizione del Trofeo AccadeArrivederci all’anno prossimo, per cele- mia Navale e Città di Livorno. brare insieme ancora una volta la grande Michele Sancricca festa della vela per tutti con un’altra, enCapitano di Corvetta

Comune di Livorno: TAN

Un momento del Tan. Foto Roberto Onorati

11


12


Palio Marinaro La stagione remiera all’insegna della “livornesità” Prima edizione dopo la riforma del regolamento di Giampaolo Biagi

Regione Toscana con il Palio dell’Antenna, il sorteggio delle boe è coinciso con una grande manifestazione all’aperto, il remo nero e remo d’oro hanno dato risalto ai partecipanti a 4 remi, il coinvolgimento del mondo del volontariato è stato un grande veicolo di diffusione dei valori di solidarietà, il Palio Special Olympics ha attratto società da tutta Italia. Ovviamente sarebbe necessario molto di più, ma l’attuale situazione del Paese e di riflesso della città consiglia di orientarsi alla sobrietà e alla cura dell’essenziale. Quest’anno è stato anche l’anno della riforma del remo con accorpamenti delle cantine. Con la riforma c’era da prendere atto di un mondo che si trasformava. Intanto, dopo

molti anni, abbiamo avuto in acqua 8 equipaggi a 4 remi e 8 a dieci remi. In alcuni equipaggi ci sono stati esordienti. Un plauso a tutte le sezioni nautiche. Infine, abbiamo visto una grande determinazione di tutti per fare bene al Palio Marinaro e un’apprensione per la gara che da tempo non si vedeva e questo è un segnale importante per un Palio. Anche in questi giorni si sente parlare di sezioni nautiche agguerrite per la preparazione del Palio 2014 e si confida in un sempre maggior livellamento delle forze in campo. Dal punto di vista agonistico abbiamo assistito ad un incontrastato dominio da parte del Rione Venezia che si è aggiudicato il famoso “trittico”, vittoria nelle tre gare maggiori.

Comune di Livorno: Palio Marinaro

B

ilancio positivo per la stagione remiera 2013, buona la partecipazione soprattutto se messa in relazione al panorama di crisi di tutte le manifestazioni di massa. Il Palio e la tradizione remiera sono la memoria storica di Livorno: 220 vogatori nelle diverse categorie, otto equipaggi a dieci remi e a 4 remi in mare aperto, che si sono sfidati a colpi di remo e giri di boa, sono uno spettacolo unico nel panorama delle gare remiere nazionale ed internazionale. Molti comitati di altre città marine sono increduli di fronte al patrimonio che abbiamo, basterebbe solo esserne consapevoli e piangerci meno addosso. Anche il Palio dell’Antenna che quest’anno è stato fatto senza fuochi d’artificio e tribune per mancanza di risorse ha avuto una partecipazione insperata. Per attrarre ancora più pubblico e risorse bisogna esaltare, più di quanto è stato fatto, le nostre tradizioni. Se il prodotto è originale le risorse e il pubblico arriveranno. La vera “livornesità” è apprezzata nel mondo, ma la gente deve vedere qualcosa di unico e non uno pseudo canottaggio, la vera scommessa è credere nelle nostre tradizioni e porle al centro di un nuovo e necessario sviluppo della città. Da quest’anno il mondo del Palio è entrato nell’albo delle manifestazioni di rievocazione storica della

13


Comune di Livorno: Palio Marinaro 14

La prima gara della stagione, Coppa Gaetano D’Alesio, è stata vinta dal Venezia a 10 remi. Il Borgo Cappuccini si è aggiudicato il 4 senior e junior, il primo posto delle donne è andato al Livorno Sud. Alla Coppa Santa Giulia, dopo una lunga serie di eliminatorie combattute con grande animosità da parte di tutti gli equipaggi, abbiamo visto la vittoria del Borgo Cappuccini nei 10 remi e nel Minipalio, la vittoria del 4 è andata al S. Jacopo, nelle femmine ha vinto il Livorno Sud. Alla Mini Risi’atori ancora il Borgo si è aggiudicato il primo posto nelle femmine e nei giovani. Il giorno dopo grande edizione della Coppa Risi’atori Tito Neri con il maxischermo che ha consentito di vedere anche le fasi della gara a largo. Nei quattro remi, con partenza dalla diga della Vegliaia, il primo posto è andato al San Jacopo. Nei dieci remi non c’è stata gara, il Gozzo del Venezia ha messo la prua avanti fin dall’inizio concludendo con un distacco sorprendente su il Borgo secondo e il S. Jacopo terzo.

Negli stessi giorni al Musa Caffè dell’Attias il palio entrava in città con l’inaugurazione di una mostra, sulle mura e nelle vetrine del locale venivano esposte foto, manifesti, cimeli e modelli di gozzi. Il curatore della mostra, Enrico Campanella, ha cer-

cato di portare all’attenzione aspetti diversi da quelli agonistici evidenziando momenti di allenamento sui fossi e di partecipazione della città al palio negli anni ‘50 e ‘60 attraverso le foto di Luciano Ciriello grande fotografo della Livorno di quell’epoca. Alla Coppa Lorenzini bis del Borgo Cappuccini nel femminile e nei giovani, mentre nella magica notte della Coppa Barontini, disputata il giorno successivo, ancora meritata e indiscussa supremazia del Venezia a 10 remi e del Borgo a 4 remi (Coppa Edda Fagni). Il Palio Marinaro inizia al mattino con la gara femminile e del minipalio. Dopo la vittoria del Borgo Cappuccini nel femminile che conclude una stagione da incorniciare, è il Labrone che a sorpresa vince il mini palio dopo un’agguerrita lotta con il Salviano ed il

Venezia. Alle ore 19.25 il cielo della Terrazza Mascagni si colora di rosso. Il Cavallino rosso del Venezia vince per la sua 23a volta il Palio aggiudicandosi definitivamente il Cencio del pittore Roberto Pampana avendolo vinto


per la terza volta. Suo degno avversario l’Ovo Sodo che fino ai 250 metri dall’arrivo è stato inaspettatamente a fianco del gozzo rosso bianco. Questa 74a edizione sarà ricordata come una delle migliori degli ultimi anni. Da non dimenticare la gara delle gozzette a 4 remi, dove il Livorno Sud è salito sul gradino più alto del podio, sotto di lui San Jacopo ed Ovo Sodo, che hanno tenuto testa ai vincitori fino alla terza boa. Il pomeriggio aveva aperto la manifestazione il 4° Palio nazionale Special Olimpics per diversamente abili,

Comune di Livorno: Palio Marinaro

vinto da Sportlandia Livorno che ha visto la partecipazione di atleti e società provenienti da tutta Italia. Notevole anche la sfilata dell’Associazione “La Livornina” con i nuovi costumi ottocenteschi. Come ormai da anni la stagione si è conclusa con Il Palio dell’Antenna. La prima gara in programma, le gozzette a 4 remi, è vinta dal S. Jacopo. Nei 10 remi alla partenza sono schierati Venezia, Ovo Sodo, Livorno Sud e Salviano. Alla prima boa Salviano e Livorno Sud escono allineati, poco dopo gli altri. Nel percorso intorno al campo di gara il Salviano mantiene un leggero

vantaggio su l’Ovo Sodo ed il Venezia, e rientra, all’interno, per primo. Sotto l’Antenna il Salviano ha il solito leggero vantaggio sugli altri il suo arrampicatore è Silingardi già vincitore nella gara precedente con il S. Jacopo. Anche questa volta il montatore incrementa il vantaggio nella salita e conquista il “Paliotto” per il Salviano. Nelle immagini vari momenti delle gare remiere Foto di Giampaolo Biagi 15


CONI

L’INTERVISTA

GIOVANNI GIANNONE

Un innamorato dello sport alla guida del CONI. Il nuovo gruppo di lavoro

CONI

A

16

l timone del Coni provinciale livornese dal 2013. Raccogliendo la pesante eredità del grande Gino Calderini. In un momento di transizione, piuttosto delicato a livello nazionale, per l’avvicendamento tra lo storico –in sella per quattro mandatipresidente Giovanni Petrucci e il nuovo arrivato Giovanni Malagò. Giovanni Giannone, per tutti Gianni, cinquantatré anni davvero ben portati, imprenditore nel settore privato postale, direttore dell’Agenzia Espressi di Livorno, nonostante le oggettive difficoltà, derivanti anche da qualche cambiamento di rotta pregno di novità piovute dall’alto, ha saputo guidare, il “vascello” dello sport livornese in maniera ottimale, ricevendo unanimi consensi da parte di tutti. Portavoce di queste considerazioni Mario Tinghi: “Gianni è davvero la persona giusta al posto giusto. Bravissimo, modesto, disponibile e preparato”. Nella lunga chiacchierata, a quattr’occhi, fatta con Gianni Giannone nella sede del Coni di Coteto la prima cosa che è emersa, in maniera lampante, è stata la stima, il rispetto e la gratitudine nei riguardi del suo predecessore: “Ho avuto l’onore di lavorare insieme a Gino, per tanti anni. Le prime volte quando lui era responsabile dell’Uisp provinciale ed io della Libertas. In quel periodo, anche di sana e onesta competizione, abbiamo fortificato la nostra amicizia e condiviso percorsi e progetti.

di Mario Orsini

Giovanni Giannone

Più tardi quando lui, nel 2003, è stato chiamato a dirigere il Coni provinciale mi ha invitato a far parte della Giunta esecutiva. Per me è stato un grande onore. Del grande Gino ho apprezzato le sue grandi qualità manageriali e la visione dello sport come momento di aggregazione sociale e di fortificazione dei valori etici e morali. Dopo la sua prematura e dolorosa scomparsa, quando da gennaio del 2013 sono stato chiamato a sedermi, su quella che per tanti anni era stata la sua poltrona, ho cercato di far sempre tesoro dei suoi insegnamenti”. Con un aggettivo come definirebbe questo suo primo anno di lavoro? “Molto impegnativo. Ho passato diverso tempo a riflettere e a cercare di capire. Essere stato tanto tempo in Giunta al fianco di Gino mi ha aiutato. A darmi una bella mano, lo dico con sincerità, è stato anche il gruppo di lavoro che abbiamo attivato. Il nuovo statuto non prevede infatti una Giunta”. Chi fa parte di questo gruppo? “Mario Tinghi, Mario Fracassi, Paolo Corrieri, Daniele Martinucci, Sergio Ceccanti, Giovanni Ferretti, Claudio Bianchi, Sigrid Baldanzi, Elisabetta Panicucci e Patrizia Gini”. Una bella squadra? “Un ottimo team anche ben radicato e distribuito sul territorio che, non lo dimentichiamo, va da Livorno all’Isola d’Elba”. Direttive di lavoro? “Stiamo proseguendo il lavoro ideato e impostato da Gino Calderini. Un lavoro

con tanti progetti davvero interessanti e propositivi”. Quali? Ci ricordi i più importanti? “Il progetto sull’etica sportiva. Quello multietnico, per accelerare il processo di integrazione dei bambini stranieri all’interno delle varie società sportive del territorio, aderenti all’iniziativa. Un progetto davvero significativo sviluppato in collaborazione con la comunità di S. Egidio. Altro progetto è il gioco-sport nel quale sono stati coinvolti diecimila bambini, molti dei quali, per tante ragioni, sarebbero esclusi dalla possibilità di svolgere una qualunque attività sportiva”. Ci tolga una curiosità è vero che la sua e quella dei suoi collaboratori è un’attività di puro volontariato? “Proprio così. È una cosa piacevole e gratificante mettersi a disposizione degli altri. Io mediamente dedico un paio di giorni pieni alla settimana a questa attività, sottraendoli alla mia attività di imprenditore. Poi, quando è necessario, recupero il tempo perduto facendo qualche piccolo sacrificio. Ma non ne sento la fatica anche perché l’ho sempre fatto seppure in altri settori. Ad esempio alla Misericordia di Livorno nella quale ho avuto l’onore anche di essere Preposto”. Qual è lo stato di salute dello sport livornese? “Variegato. Alcune discipline sportive sono in ascesa e altre, invece, specialmente a livello assoluto sono un po’ in ribasso.


CONI

Nel primo gruppo come sport trainan- e psicologica dei nostri ragazzi. Una gli viene voglia di emularlo e di provare, ti ci sono: pugilato, scherma, atletica. buona, direi eccellente cultura sportiva, quindi quel tipo di sport”. A Livorno, benché sia una città esNell’altro la pallavolo e ancor più la pal- è sinonimo di salute e benessere. I bamlacanestro. Il riferimento in questi ultimi bini, fortunatamente non tutti, passano senzialmente pianeggiante, purtropdue casi, lo ripeto, è ai risultati odierni troppe ore incollati a giocare davanti a po, c’è la cultura del motorino. Cosa rispetto a quelli di alcuni anni fa, quando strumenti, sempre più sofisticati che la pensa in proposito? “È una cultura sbagliata. Anzi dopLivorno primeggiava a livello nazionale”. tecnologia mette a loro disposizione. OlL’impiantistica sportiva di base ol- tre a essere penalizzati dal punto di vista piamente sbagliata. I ragazzini quando tre che carente ci sembra un po’ vetu- fisico, in alcuni casi devono fare i conti sono piccoli raramente vanno in bicicletanche con contraccolpi psicologici, per- ta. Poi appena hanno compiuto i quatsta. È solo un’impressione? “No. Purtroppo è la realtà. Ci sono tan- ché perdono il contatto con la realtà e tordici anni salgono in motorino. In questo modo i pericoli sono doppi, perché ti, troppi, problemi specifici sul tappeto. tendono a vivere in un mondo virtuale”. L’agonismo è da mettere dietro la avendo saltato la fase in cui potevano È necessario fare un monitoraggio completo delle strutture sportive esistenti e lavagna o ha una propria valenza im- acquisire e fortificare il senso di equilibrio sulle due ruote, da un giorno all’altro si poi iniziare ad agire. Per questo siamo portante? “La ricerca spasmodica del risultato trovano a guidare un mezzo, meno mapronti ad aprire un tavolo di confronto con i nuovi vertici istituzionali dello sport è una fatto negativo, specialmente per neggevole e in grado di andare più velocittadino dopo le elezioni. Spesso basta i più giovani. I risultati sportivi secondo cemente su strade congestionate da una poco per avere grandi vantaggi. In pro- me devono essere una conseguenza e traffico spesso caotico e disordinato”. Cosa pensa della grande moda del posito porto sempre due esempi positivi. non un fine. Gli aspetti ludici devono essere il faro ciclismo amatoriale? Il primo riguarda la palestra Gymnasium, “Se ognuno andasse in bicicletta teall’angolo tra l’Aurelia e il viale Carducci. dello sport. Poi se uno è bravo, e fa lo È bastata una ristrutturazione mirata sport con passione, il resto è una logica nendo conto delle proprie capacità e effettuata, a proprie spese, dalla Volley conseguenza. In questo senso prima dei potenzialità sarebbe una bella cosa. Un Libertas per restituirle la piena efficienza ragazzini devono avere le idee ben chia- modo per smaltire lo stress e svolgere re i loro genitori, che spesso scaricano sui una salutare attività fisica. e funzionalità. Spesso però c’è il rovescio della medaLo stesso dicasi della palestra scolasti- loro figli aspettative difficili da concretizca, di Cecioni e Geometri, in via Zola. Qui zare. Sia chiaro non sono da demonizza- glia. La salutare gitarella in bicicletta si a intervenire in maniera ottimale è stata re i grandi risultati sportivi. Anzi hanno trasforma in una gara senza regole, per la Pallacanestro Livorno con un interven- spesso un ruolo trainante per giovani e cercare di primeggiare, pur non essendoci niente in palio. to migliorativo davvero ben articolato. giovanissimi. Per questo si cercano e spesso si trovaSe un ragazzino vede casualmente un In città, e non solo, esistono delle criticità che riguardano alcuni sport. Ad esempio campione trionfare alle Olimpiadi o in no integratori proibiti che danneggiasocietà pugilistiche e schermistiche e un campionato europeo o del mondo no in maniera devastante il fisico di chi le assume e lasciano non solo, che da tempo strascichi psicologici e rivendicano spazi aufisici, negativi, permatonomi più funzionali nenti”. alle loro esigenze, per La ricetta giusta far allenare i propri raquindi qual è? gazzi”. “Più piste ciclabili Salvatore Sanzo, sicure e adatte a tutti. presidente regionale Più bambini in bicidel Coni, in un’intercletta, fin da piccoli, vista, ha sottolineamagari insieme ai loro to l’importanza dello genitori. Più biciclette sport, non necessada passeggio per tutti. riamente agonistico, E auto in garage quancome veicolo di bedo non è strettamente nessere fisico e psiconecessario usarle. logico. Lei cosa pensa A trarne vantaggio in proposito? sarebbe anche l’aria “Salvatore Sanzo ha che respiriamo. E di perfettamente ragione. conseguenza la salute Lo sport è determinandi tutti i cittadini”. te per la crescita fisica Giovanni Giannone con l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone

17


festeggia i suoi 20 anni ■

■ ■ ■ ■ ■

Laboratorio analisi cliniche e chimiche

Medicina del lavoro

Sicurezza sul lavoro Tossicologia Formazione

Corsi di primo soccorso

Analisi microbiologiche e degli alimenti

LIVORNO

sede: VIA MARCH, 20 • TEL. 0586.429971 VIA ROMA, 51 • TEL. 0586.803486 (c/o Studio Roma 51) P.ZZA D. CHIESA, 31 • TEL. 0586/1868439 (c/o Farmacia Colline)

ROSIGNANO

VIA DELL’ARTIGIANATO, 8 • TEL. 0586.793947

18

POGGIO A CAIANO • PRATO • MONTEMURLO • SIENA • LUCCA

biolabor scrl

www.biolabor.it • biolabor@biolabor.it

@biolaborlivorno


Azzurri d’Italia Il saluto del Presidente dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

RODOLFO GRAZIANI

S

Rodolfo Graziani

e mi avessero detto che un giorno sarei stato il depositario e il principale testimone del raggiungimento di un prestigioso traguardo come quello della conquista delle 500 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute da parte degli atleti azzurri livornesi traguardo che consegna alla nostra città, senza ombra di dubbio, il titolo di “Capitale dello sport italiano”, avrei pensato alla trovata di un visionario! Se poi mi avessero detto che questo prestigioso traguardo avrebbe avuto la sua degna celebrazione nella splendida cornice del Teatro Goldoni che rappresenta da sempre il massimo emblema della nostra arte e della nostra cultura, gli avrei dato addirittura del matto! Domenica 27 ottobre 2013, invece, tutto questo si è avverato suscitando in tutto il Consiglio Direttivo dell’Associazione e in tutti gli atleti azzurri presenti una profonda soddisfazione e un comprensibile orgoglio per essere riusciti a realizzare un evento che ha avuto vasta eco anche a livello nazionale. Molte sono le persone a cui debbo rivolgere un sentito ringraziamento per averci aiutato ad organizzare questa storica manifestazione; mi riferisco al Sindaco del Comune Dr. Alessandro Cosimi, all’Assessore allo Sport Dr. Maurizio Bettini, alla Direttrice dell’Ufficio Sport Dr.sa Marcella Previti e alla Sig. ra Rossella Miniati, al Direttore dei Servizi Culturali Dr. Cerini, al Presidente della Fondazione Goldoni Dr. Marco Bertini e alla Dr.sa Laura Tamberi che, in ogni momento, hanno dato il loro valido ed appassiona-

to contributo organizzativo per la perfetta riuscita di un evento così importante per l’immagine della nostra città. Una menzione particolare desidero dedicarla a nostri sponsor che, nonostante la crisi economica che attraversa Livorno, non hanno fatto mancare il loro appoggio sostenendoci con un contributo materiale e di idee; mi riferisco ai Sig. Ugo Grifoni e Enio Lorenzini della Lorenzini & C.s.r.l, al Dr. Piero Neri della Fratelli Neri S.p.A , al Dr. Edo Spagnoli della Soc. Costruzioni Immobiliari, a Enrico e Federico Meucci della Soc. Meucci Gioielleria e Premiazioni, al Dr Luciano Bar otti e alla Dr.sa Sireno della Fondazione Livorno, al Dr. Nello D’Alesio della D’Alesio Group, tutti grandi personaggi che amano sicuramente lo Sport ma sopratutto desiderano che la nostra città abbia, come merita, una visibilità e un immagine di prestigio in ambito nazionale. Da parte nostra, senza ombra di dubbio, abbiamo cercato, con l’organizzazione di certi prestigiosi eventi, con la divulgazione e la distribuzione gratuita di questo Almanacco, col successo internazionale del docu-film “Livorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni” di dare un significativo contributo per far conoscere le caratteristiche peculiari della nostra città e dei livornesi, con la speranza di essere riusciti a soddisfare tutti coloro che hanno riposto una grande fiducia nel nostro operato. Nel “puzzle” dei nostri desideri manca

però un ultimo e importantissimo tassello: il “Museo dello Sport” ovvero la “Hall of fame” di tutti i grandi atleti azzurri livornesi che, con le loro imprese, hanno portato Livorno ai vertici dello Sport e la cui memoria deve rappresentare una testimonianza e uno stimolo per i giovani e per sempre nuovi successi. Faccio appello quindi a tutte le Istituzioni, agli Imprenditori della nostra città, affinchè questo sogno possa avverarsi. LIVORNO LO MERITA

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Un’ Associazione che promuove gli ideali della Maglia Azzurra

Il Teatro Goldoni

19


20


Livorno festeggia il traguardo delle 500 Medaglie Olimpiche, Mondiali e Europee Assolute

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

D

omenica 27 ottobre nello splendido scenario del Teatro Goldoni, emblema dell’arte e della cultura labronica, si è svolta la celebrazione del raggiungimento dello storico traguardo delle 500 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute, che gli atleti livornesi hanno conquistato nel corso degli campioni le luci in sala si sono spente per Stefano Morini (Nuoto) Riccardo Ceccadare spazio alla proiezione del trailer del rìni (Atletica Leggera - Lancio del Maranni sui campi di gara di tutto il mondo. Erano presenti i personaggi più impor- film “Livorno e la sua Provincia terra di ar- tello) Gianluca Guidi (Rugby). Un riconotanti delle Istituzioni: dal Sindaco Ales- te, sport e campioni” del regista Rossano scimento particolare a tre grandi azzurri sandro Cosimi, all’Assessore allo Sport Vittori che ha montato i “momenti di glo- del passato quali Luciano Bonati (Tennis) Maurizio Bettini, al Presidente della Pro- ria” dei numerosi atleti labronici racco- Paolo Macchia (Scherma) Renato Carnevincia Giorgio Kutufà, al Delegato Pro- gliendo anche le dichiarazioni di ciò che vali (Atletica Leggera) che nell’occasione vinciale del CONI Giovanni Giannone ol- le vittorie hanno rappresentato per la lo- hanno festeggiato le “nozze di diamante“ con lo sport. Sul palco anche la moglie tre ovviamente al Presidente Nazionale ro vita. Ad aprire le premiazioni è stata l’as- e il figlio di Vittoriano Drovandi, il comANAOAI Gianfranco Baraldi, al Segretario Renzo Pedone e al Presidente ANAOAI segnazione del “Premio Atleta Azzurro pianto campione di salto in alto, tre voldella Sezione di Livorno Rodolfo Grazia- Prestige” alla giovane schermitrice Ire- te vincitore dei campionati italiani scomni. Un evento che ha radunato il meglio ne Vecchi, un’atleta cresciuta sulle pe- parso a Luglio. Tappeto rosso infine per tutti i premiati dello sport della città, una concentrazio- dane del glorioso Circolo Scherma Fides ne di campioni per ribadire quello che le ed allenata dal maestro Nicola Zanotti. delle varie discipline sportive: da Fabrizio statistiche evidenziano da anni: Livorno Nonostante la giovane età questa atleta Mori a Ivan Mac Di Palmestein (Atletica nonostante abbia solo 180.000 abitanti, vanta già un curriculum di tutto rispetto Leggera) da Luca Agamennoni a Filipdal punto di vista sportivo è una vera ec- avendo ottenuto nella sciabola la meda- po Mannuccì (Canottaggio) ai nuotatori cellenza in Italia in quanto sforna da sem- glia di bronzo individuale e a squadre ai Martina De Memme, Ilaria Tocchini, Luca pre un invidiabile numero di atleti pluri- Campionati Europei del 2013 e la meda- Ferretti, Gabriele Detti, Federico Turrini, medagliati a livello internazionale. Da glia di bronzo individuale ai Campionati alla Judoka campionessa olimpica Giulia Federico Caprilli, inventore della Equita- Mondiali, oltre ad aver partecipato alle Quintavalle, all’olimpico di Mosca Riccarzione moderna e prima medaglia olimpi- recenti Olimpiadi di Londra ed essere sa- do Niccolini (Lotta Libera) alla medaglia ca livornese, a Nedo Nadi, ai mitici “Scar- lita più volte sul podio in Coppa del Mon- d’argento di Melburne Franco Nenci (Puronzoni” fino ad arrivare ai più recenti do. A seguire sono stati premiati i tecnici gilato) all’ex campione europeo dei medi Fabrizio Mori, Luca Agamennoni, Alberto livornesi che, col loro prezioso ed assiduo Remo Golfarìni (Pugilato) fino ai plurìcamFantini, Paolo Bettini, Aldo Montano, Giu- lavoro, hanno portato i loro atleti ai fasti pioni mondiali della Vela Alberto Fantini lia Quintavalle, Andrea Baldini, solo per olimpici, mondiali ed europei come Pao- e Matteo Savelli e ai campioni olimpici e citarne alcuni; non c’è disciplina olim- lo Paoletti e Nicola Zanotti (Scherma) mondiali della Scherma Rolando Rigoli, Aldo Montano e Anpica in cui un atleta lidrea Baldini. L’evento ha vornese non abbia priavuto larga eco mediatimeggiato con l’unica ca in ambito provinciaeccezione degli sport le e nazionale tanto da invernali. meritare una lettera di A stupire, comunque, complimenti per il prenon è solo la quantità stigioso traguardo ragdelle medaglie conquigiunto dal Presidente state ma sopratutto la del CONI Giovanni Maqualità delle stesse: Il laga con grande soddi67% infatti è costituisfazione del Presidento da medaglie d’oro, il te Rodolfo Graziani e di 21% da medaglie d’artutto, il Consiglio Diretgento e solo il 12% da tivo orgogliosi di aver medaglie di bronzo e organizzato, ancora una stiamo parlando di mevolta, una manifestaziodaglie assolute non di ne che ha dato lustro e competizioni mondiaprestigio alla nostra Asli ed europee a livello Juniores o giovanile! Cesare Gentile, Giovanni Giannone, Renzo Pedone, Gianfranco Baraldi, Rodolfo Graziani, sociazione e alla nostra Giorgio Kutufà e Alessandro Cosimi città . Prima della sfilata dei

21


22


Il Presidente ANAOAI Gianfranco Baraldi

Il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi

Il Delegato CONI provinciale Giovanni Giannone

Il Presidente Rodolfo Graziani premia Irene Vecchi

Irene Vecchi col premio “Atleta Azzurro Prestige”

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Il Presidente ANAOAI sez. di Livorno Rodolfo Graziani

23


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia 24

Renzo Pedone, Gianfranco Baraldi, Rodolfo Graziani, Giorgio Kutufà, Giovanni Giannone, Alessandro Cosimi

Paolo Macchia, Luciano Bonati, Giorgio Kutufà, Renato Carnevali

Renzo Pedone, Enrico Meucci, Rodolfo Graziani, Edo Spagnoli

Jmmy Morrone, Rossano Vittori, Rodolfo Graziani, Tommaso Imbimbo, Roberto Scotto

Nicola Zanotti, Irene Vecchi, Riccardo Ageno, Olga Calissi, Tommaso Lari, Rolando Rigoli, Gianfranco Baraldi

Giannoni, Ughi, Martelli, Nicoletti, Agamennoni, S. Ferrini, Mannucci, Puccetti, Marconcini


Mario Diorto, Franco Nenci, Giancarlo Ferrini, Remo Golfarini, Renzo Pedone, Andrea Sacca, Stefano Gesi

Marco Baldocci, Vasco Bertei, Riccardo Niccolini, Alessandro Gonnelli, Luigi Luschi, Franco Giardini, Giovanni Giannone

G. Kutufà, O. Rachedi, P. Pescia, N. Parigi, M. Trainni, A. Buonaccorsi, M. Magni, A. Lemmi, P. Gini, A. Cosimi

Giovanni Giannone, Mauro Bernardini, Letizia Tinghi, Giuliano Garibaldi, Fabio Vatteroni, Valerio Vatteroni

Vinicio Fraschetti, Daniele Bacci, Roberto Borra, Gianfranco Baraldi, Maurizio Ramaciotti, Piero Lilla

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Giorgio Kutufà, Ilio Barontini, Martina De Memme, Marcella Micheli, Samuele Pampana, Ilaria Tocchini, Federico Turrini

25


Da 60 anni al vostro servizio

NANNIPIERI assicurazioni di Nannipieri Roberto e Verdiani Riccardo & C. Via Grande, 204 - LIVORNO • Tel. 0586 895508 - 880733 - Fax 0586 893351

26

e-mail: nannipieriassicurazioni@virgilio.it

Srl


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

ARTI MARZIALI

Giulia Quintavalle

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Emiliano Ceccatelli - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Luca Ferretti - Samuele Pampana - Ilaria Tocchini - Federico Turrini - Gabriele Detti

PALLACANESTRO

Alessandro Fantozzi - Massimo Bulleri.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO Duilio Brignetti. PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Atleti Azzurri livornesi vincitori di medaglie Olimpiche - Mondiali - Europee e Assolute

PATTINAGGIO ARTISTICO Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi - Roberta Belluchi. SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti - Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini - Irene Vecchi.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Giuseppina Miglioranza - Giovanni Ruberti - Matteo Savelli - Marco Savelli.

Gli Atleti livornesi hanno conquistato 505 medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute. Un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nell’élite dello Sport Mondiale. 27


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 2004 1992 1993 1994

med. Oro med. Oro sq.

Olimpiadi Pechino Campionati Europei

2008 2010

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo med. Argento

Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Atene Campionati Europei

1928 1928 2004 2012

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro

Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei

2001 2004 2005 2006 2008 2010 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929

ATLETICA PESANTE

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Monti Michele Locci Stefania

28

ARTI MARZIALI

Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia

CALCIO

Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

CICLISMO Bianchi Bianco Bettini Paolo Mancini Ivo Simonetti Mauro

CANOTTAGGIO

Agamennoni Luca Balena Attilio Balleri Mario Barbieri Renato Barbini Fortunato Barsotti Dino

Bartolini Enzo Bertolani Alberto Bonciani Alberto Bracci Renato Brondi Vinicio Carlesi Ezio Cecchi Dino Checcacci Mario Ceccatelli Emiliano Cioni Vittorio Del Bimbo Guglielmo Garzelli Mario Godini Ottorino Gragnani Corrado Grossi Oreste

med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo

Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei

1930 1931 1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895 1896 1897 1899 1938 2009 1937 2009 2010 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938


med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Berlino Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1998 2005 1983 2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899 1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

med. Argento

Olimpiadi Parigi

1900

med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio

MOTONAUTICA Neri Enzo

Detti Gabriele Ferretti Luca Pampana Samuele Tocchini Ilaria Turrini Federrico

med. Argento med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq med. Bronzo med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Bronzo

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2012 2013 2008 2010 2011 2012 2012 1995 1998 2000 2001 1987 1995 2010 2013

Campionati Europei Olimpiadi Atene

1991 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1962 1968 1930 1956 1957

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

2004 1990 1991 1992 1993 1993 1993 1994 1995 1995 1985 1986

PALLACANESTRO Fantozzi Alessandro med. Argento Bulleri Massimo med. Argento

PALLANUOTO

Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

PARACADUTISMO SPORTIVO

Mancino Luciano

med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio

PUGILATO Brondi Franco Golfarini Remo Lenzi Mario Nenci Franco Sitri Mario

PATTINAGGIO ARTISTICO

SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

NUOTO

Balluchi Roberta Tinghi Letizia

Vivaldi Elisabetta

med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Lari Dario Lari Stefano Mannucci Filippo Milani Cesare Nenci Eugenio Persico Giovanni Quaglierini Ottorino Razzaguta Niccolò Rodinis Giovanni Saettini Silvio Sebastiani Ettore Secchi Dante Taddei Alfonso Vestrini Renzo Vestrini Roberto Vestrini Pier Luigi

29


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

PESCA SUBAQUEA

30

Bacci Giuseppe Bellani Raffaele Bellani Stefano Casini Guerrino Gasparri Carlo Giachini Cesare Mazzarri Renzo Paggini Marco Ramacciotti Maurizio

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1983 1968 1970 1992 1994 1995 1995 1996 2001 2001 2003 2004 2004 2008 2009 2010 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2002 2002 2004 2008 2009

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq.

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990 1997 1999 1988

PESCA SPORTIVA

Berlucchi Massimo Canaccini Andrea Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino Mugnai Francesco Meloni Marco Volpi Marco

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1990 1992 1993 1994 1995 1999 1999 2000 2000 2004 2005 2005 2009 2009 2011 2011

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Londra Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2009 2009 2009 2009 2010 2010 2010 2011 2011 2012 2012 2013 2013 1924 1926 1928 1928 1926 1926 1928 1931

SCHERMA

Abati Luciano Anselmi Renato Baldi Baldo Baldini Andrea Bini Bino Chiavacci Giorgio


Campionati Europei Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Campionati Mondiali

1931 1960 1964 1966 1968 1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 1920 1928 1932 1932 1932 1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951 1936 1948 1938

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro sq. Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento Nadi Nedo med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Londra Campionati Europei Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa

1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 2008 2009 2010 2010 2011 2011 2012 2013 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978 1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920 1912 1920 1920 1920

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

med. Bronzo Chicca Pier Luigi med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Curletto Mario med. Bronzo med. Argento sq. Di Rosa Manlio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. Marazzi Andrea med. Oro sq. Marzi Gustavo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

31


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Pellini Giorgio Puliti Oreste Rastelli Giorgio Rigoli Rolando Scuri Angelo Tanzini Athos Ughi Ugo Urbani Dino Vaselli Maurizio Vecchi Irene

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq med. Bronzo

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali

1920 1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960 2009 2010 2011 2012 2013 2013 2013

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977 1981 1985 1930 1904 1908 1910 1912

TIRO A SEGNO

Balloni Matteo Bernardini Rosanna Menicagli Ottaviano Ticchi Riccardo

32

Renai Bruno

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1991 1998 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 2012 2013 1966 1966 1967 1985 1983 1987 2000 1981 2006 2006 2007 2008

VELA

Barozzi Paolo med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Marco med. Bronzo Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975

Scali Cerere, 15 - 57122 LIVORNO • ITALY Tel. +39 0586 890.328/884.094 - Fax +39 0586 015722 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITE - NOLEGGI

Container

“i vantaggi”

Interventi in tutte le zone d’Italia

Consulenze in ambito: • Trasporti Terrestri • Trasporti Marittimi Perizie in ambito: • Merceologico • Assicurativo • Marittimo:

Inizio e fine noleggio delle navi Container

Verifiche e controlli su: • Autovetture nuove sbarcate da navi

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessità I mpermeabile all’acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente • Vendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

• Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

Misure esterne del container (in metri) 10’ box 20’ box 40’ box 40’ HC

lungh.

largh.

2,99 6,06 12,19 12,19

2,44 2,44 2,44 2,44

alt. 2,59 2,59 2,59 2,89

cub. mc.

tara q.li

16 33 66 76

9,55 23,30 40,00 42,00

Monoblocchi

“con / senza servizi” DIMENSIONI STANDARD

Lunghezza: da 2 mt. a 12 mt. Larghezza: 2,40 mt./4,80 mt. (semplici/accoppiati) Altezza interna: 2,45 mt./2,70 mt.


di Mirco Dr. Paggini, dietista

Alimenti e accessori per lo sport

Richiedi

AMICA CARD

e otterrai il 15% di sconto su tutta la merce

Via Maggi, 80 - 57125 LIVORNO • Tel./Fax 0586 894393 mircopaggini@yahoo.it - www.italiadiscovery.it Performance di Paggini Mirco


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

E

“Campioni livornesi“ conquista anche Palermo

nnesimo successo per il docufìlm sulle storie dei più grandi atleti labronici e sui grandi artisti che hanno dato lustro alla nostra città. E vince la 34a edizione dello “Sport film Festival 2013“ Il film il cui titolo per esteso è “Livorno e la sua Provincia terra di arte, sport e campioni“, è stato prodotto dalla Se- provenienti da tutto il mondo ed esse- ri, Caproni e, grazie alla collaborazione zione livornese dell’Associazione Na- re riusciti ad ottenere la preziosa sta- con l’Istituto Luce, si possono rivivezionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Ita- tuetta è stato motivo di grande gioia re le grandi emozioni che ci vengono lia per la regia di Rossano Vittori con il e indescrivibile orgoglio sopratutto dal guardare le immagini della nostra montaggio di Tommaso Imbimbo del- per aver fatto conoscere la nostra cit- bellissima città anni ‘30, il suo folklola Job dv Digital Movies e la colonna tà a 360°; va ricordato infatti che oltre re, i suoi eventi e purtroppo le immasonora a cura di Riccardo Joshua Mo- ai grandi campioni in senso sportivo, gini struggenti delle sue rovine dopo retti già direttore musicale del Teatro nel film trovano spazio artisti livornesi il bombardamento subito nell’ultima Bolscioj di Mosca. doc come Modigliani, Mascagni, Fatto- guerra. La pellicola è stata Un premio di tutto ripremiata col “Paladispetto, se è vero che in no d’oro“ nel corso passato ad aggiudicarsi della 34esima edizioil “Paladino d’oro” sono ne dello “Sport film stati grandi registi e Festival 2013“ un apsceneggiatori del capuntamento annuale libro di Luigi Comenche si svolge a Palercini considerato insiemo e che rappresenme a Risi e Monicelli ta la più antica rasil padre della commesegna internazionale dia italiana; un impordella cinematografia tante riconoscimento, sportiva. Alla cerimoquindi, per la Sezione nia erano presenti ,tra livornese dell’Associagli altri, il Direttore arzione Atleti Olimpici tistico Roberto Mare Azzurri d’italia, per il co Oddo, l’ideatore suo Presidente Rodoldel Premio Vito Magfo Graziani, per il regio, il Presidente del gista Rossano Vittori CONI Sicilia Giovane per il direttore della ni Caramazza, il PresiJob dv Digital Movies dente della Provincia Tommaso Imbimbo e di Palermo Giovanper l’ideatore della coni Avanti, il Consiglielonna sonora Riccardo re Nazionale ANAOAI Joshua Moretti che, al e Delegato Regionale di là di inevitabili conLeonardo Sorbello, nutrattempi e problemamerosi rappresentanti tiche organizzative, delle Federazioni sporhanno voluto fermative olimpiche e paramente la realizzazioolimpiche oltre ovviane di questo docu-fìlm mente al Presidente che, nominato e preRodolfo Graziani e al miato nei vari Festival regista Rossano Vittointernazionali, rappreri che hanno ritirato il senta un prestigioso prestigioso premio. “biglietto da visita“ per I film in concorso erala nostra città e per no circa un centinaio Il Presidente Rodolfo Graziani e il regista Rossano Vittori ritirano il prestigioso premio l’Associazione.

35


Cosa fare in caso di sinistro

• inserisci data/ora/luogo in cui si è verificato il sinistro • inserisci nel CID tutti i tuoi dati e quelli della controparte (dati del contraente/targa del veicolo/assicurazione/ numero di polizza/dati del conducente) • con una X barra la casella corrispondente alla dinamica del sinistro • IMPORTANTE! Ricorda le firme di entrambi i conducenti in fondo al centro

CARROZZERIA PLURIMARCHE - OFFICINA MECCANICA TAGLIANDI - SOSTITUZIONE PNEUMATICI - AUTONOLEGGIO

RESTAURO AUTO D’EPOCA LIVORNO

Da ritagliare e conservare in auto

PORTACI LA PRIMA COPIA DEL CID... PENSEREMO NOI ALLA COMPLETA GESTIONE DEL SINISTRO!

Via degli Acquaioli, 70 (Zona Ind. Picchianti) • Tel 0586/426012 - Fax 0586/440344

info@nuovagozzoli.it - www.nuovagozzoli.it PER URGENZE: 392 1340549


Vittoriano “Babbo” Drovandi ci ha lasciato

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

L’

atletica italiana e tutto il mondo dello sport hanno perso un campione ed un grande uomo. Vittoriano Drovandi, per tutti il “Babbo”, ci ha lasciato il 1° luglio al termine della grave malattia che lo aveva colpito da oltre un anno. L’anno successivo, aveva 25anni, una munità dei Tecnici delle società di atletiConosciutissimo, da tutti nell’atletica svolta determinante per la sua futura vi- ca. Per tutti era il “Babbo” ma non in senleggera da oltre 50 anni, era l’uomo dei ta. Decide di fare il concorso per entrare so paternalistico quanto piuttosto nella Campionati Italiani. In quella manifesta- all’ISEF di Bologna, risulterà 1° fra i 30 vin- veste di un fratello maggiore il cui insezione sapeva trasformarsi e dare sempre citori, e di passare al Gruppo Sportivo dei gnamento proveniva più dal comportail meglio di se stesso riuscendo a vincerli Carabinieri con la cui maglia conquisterà il mento e dall’esempio che dalla parola, per ben 3 volte (1964-1965-1967) e met- suo ultimo titolo italiano nel 1967. generalmente usata con molta moderatendo una grande paura ad Erminio AzzaConseguito brillantemente il Diploma zione. Grande amante dello sport puro e ro e Gianmarco Schivo nei Campionati del ISEF torna a casa, nella sua Atletica Livor- degli ideali olimpici rifiutava, sempre in 1970, quando stabilì con 2.10, (gli valsero no, dove oltre l’insegnamento, peraltro forma garbata e signorile, gli eccessi del il 3° posto), quello che rimane il suo record nella scuola che l’aveva visto studente, ini- professionismo e del campionismo. personale. Mai favorito, sempre protago- zia l’attività di tecnico in sostituzione dei Serio e riservato, all’occorrenza severo, nista, spesso vincente. suo primo maestro. Gareggerà nell’attivi- incuteva a prima vista un po’ di soggezioNasce nel 1941 nelle campagne pisa- tà assoluta fino a 35 anni con record sta- ne e molto rispetto e tutto ciò derivava dal ne, da poco è scoppiato il secondo con- gionali sempre abbondantemente sopra i carisma della sua storia e della sua spiccaflitto mondiale, le origini sono quelle con- 2.00 mt. ta personalità. Chi lo conosceva bene sa tadine; nel 1952, il padre, carabiniere è Nel suo palmares 9 presenze in maglia che in fondo amava e conduceva una vita trasferito a Livorno. Sportivamente na- azzurra, ma anche una lunga e strepitosa semplice. Grande professionalità nell’insce, come quasi tutti in quel tempo, con i carriera nell’attività master dove è ripetu- segnamento; costante impegno tecnico Campionati Sportivi Studenteschi cimen- tamente campione italiano nelle varie ca- nella società sportiva; vita in famiglia con tandosi su ostacoli e salto in alto. La sua tegorie. Ricordiamo il suo 1.84 a 52 anni l’amata sig.ra Luciana ed il figlio Raffaele; struttura longilinea da fenicottero non ne ed 1.75 nella categoria over 55, tuttora re- viaggi in camper per tutta Europa; gli amifanno un talento precoce ma sotto la gui- cord italiano. Come allenatore è stato un ci. Soprattutto amici. da del Prof. Ervino Biasi riesce progressiva- importante punto di riferimento per olVittoriano ne aveva tantissimi, nuovi mente a scalare le graduatorie nazionali fi- tre 40 anni, allevando un infinito numero ed antichi, colleghi all’ISEF o compagni no a raggiungerne i massimi livelli. di atleti e qualche campioncino, Andrea dell’atletica che spesso si ritrovavano in Diplomatosi Perito Chimico all’ITI di Li- Lemmi 2.25 e Filippo Lari 2.09 al 1° anno di allegre ed un po’ nostalgiche serate nel vorno, inizia l’attività lavorativa come tec- allievo i suoi ultimi discepoli. giardino della casa dei suoi suoceri in quel nico di laboratorio in un’azienda di PorcaFigura ed animo signorile, quasi aristo- di Banditella, zona periferica di Livorno. In ri conciliando, con qualche difficoltà, sport cratico, personalità carismatica senza vo- quelle serate tanti ex avversari sportivi e lavoro. Con grande sorpresa è campione lerlo, Vittoriano era un leader naturale. Lo e\o compagni di squadra si sono ritrovaitaliano nel salto in alto a Milano nel 1964 è stato fra i suoi amici all’ISEF di Bologna, ti a distanza di anni rievocando e rivivencon 2.00 mt, eè finalista nei 110 Hs con 14.8 non solo perché era capo corso, all’inter- do i giorni bellissimi della gioventù e delle suo record personale. Debutta in azzurro, no degli atleti del GS dei Carabinieri, fra i battaglie sportive. Era iscritto alla Sezione ad Annecy contro la Francia, e si conferma colleghi insegnanti della scuola e nella co- Livornese della nostra Associazione e frecampione italiano nel 1965, anquentava assiduamente l’atticora con 2.00 mt. Insieme a Luigi vità e gli eventi organizzati dal Ulivelli, lunghista olimpico a RoPresidente Rodolfo Graziani. La ma, fu il migliore prodotto degli sua vita è trascorsa in simbiosi con l’Atletica Leggera e fino ad anni d’oro dell’Atletica Livorno, una settimana prima della sua periodo in cui diversi livornesi scomparsa, con la passione che sono approdati alla maglia della superava la sofferenza, era preNazionale maggiore (Nevini, Casente al Campo Scuola, aiutato lamari, Casali, Buonaccorsi, Marda tanti amici e particolarmenconcini). Il suo stile era etereo da te da uno dei suoi primi atlemanuale, l’azione della gamba ti, Fabio Canaccini, ad allenare di volo non aveva pari, sempre Andrea Lemmi e Filippo Lari. bello a vedersi anche quando Grazie “Babbo”, tutti quelcadeva l’asticella. Per gli amili che ti hanno conosciuto si ci del tempo, prima ancora che sentono onorati di aver con“Babbo” era “Valéry” (Brumel), diviso una parte della loro visoprannome che gli attribuì il Gianfranco Baraldi, la moglie e il figlio del “grande” Vittoriano Drovandi ta con te. discobolo Giovanni Morelli.

37


Ba

Cell. 328 1060554

r Area giochi per compleanni bambini

di GIRALDI LISA

Pizza e torta da asporto

€ 150,00 Sale private per compleanni ed eventi

Da lunedì a venerdì pranzi di lavoro da € 8,00 a € 10,00 Cene a tema

Tutti i venerdì pizza al metro, min x 4 persone

Tutti i giov., ven. e sab. sera menù Carne/Pizza Specialità Pesce

€ 10

Scotto Pubblicità 336 710317

O

e t s

Via Roma, 53/57 - Collesalvetti (LI) z z i e P r • ia • Tel. 0586 962854 ria


l nuovo anno è iniziato per i Veterani dello Sport di Livorno con le elezioni delle cariche sezionali che saranno valide fino al 2016. Ecco i risultati. Consiglio Direttivo GENTILE Cesare P. Presidente LILLA Piero Vice Presidente Vicario GUALFI Guelfo Vice Presidente BASTREI Roberto Vice Presidente ABATI Gianfranco Tesoriere e add. stampa MACCHIA Pier Paolo Segretario ALBANESI Franco Consigliere BALDI Maurizio Consigliere BIANCHINI Mario Consigliere FRACASSI Mario Consigliere LIBERATO Mario Consigliere LUNARDI Massimo Consigliere MARTELLI Mauro Consigliere PAOLI Maurizio Consigliere VERACINI Sergio Consigliere Collegio dei Revisori dei Conti CAROTI Piero Presidente CANESSA Luciano Membro Effettivo BORONI Pier Luigi Membro Supplente DÌ CENSO Ezio Membro Supplente

Riunione delle Sezioni Toscane e 2° Memorial Gabbanini di Burraco

Il 19 e il 20 gennaio, le Sezioni toscane si sono riunite all’Hotel Marinetta di Marina di Bibbona, per la prima riunione annuale, perfettamente organizzata e curata dal Presidente della Sezione di Livorno Cesare Gentile, che ha visto la presenza delle seguenti Sezioni toscane: Carrara, Castel Fiorentino, Cecina, Collesalvetti, Firenze, Follonica, Grosseto, Livorno, Massa, Montevarchi, Piombino, Pisa, Rosignano, San Giovanni Valdarno, Siena, Pistoia, Siena, Viareggio e Volterra. Era inoltre presente il Direttivo Nazionale con il presidente Gian Paolo Bertoni, il consigliere Federigo Sani, il segretario Generale Salvatorini, il Presidente dei Revisori Giuliano Persiani con i membri Pallini Renzo e Poli Rudy, oltre al delegato regionale Ettore Biagini. La riunione, iniziata alle ore 15,30 del sabato pomeriggio, aveva un nutrito ordine del giorno che ha tenuto impegnati partecipanti fino alle ore 19. Collate-

Veterani dello Sport Attività, iniziative, incontri, manifestazioni, gare e tanto altro ancora per un dinamico 2013 I cinquanta anni di vita della sezione Nedo Nadi dei Veterani d ello Sport di Livorno ralmente si teneva, in altro locale, il 2° Torneo di Burraco a coppie che vedeva in gara 60 partecipanti. Dopo la nomina a presidente della riunione di Cesare Gentile e del Segretario Gentili di Massa, ha preso la parola il presidente Nazionale Gian Paolo Bertoni che ha fatto il punto della situazione della nostra Unione. Successivamente la parola è passata al Delegato regionale Ettore Biagini che ha elencato gli appuntamenti significativi dell’anno 2013. Alla riunione ha presenziato l’Assessore allo Sport del Comune di Cecina Luciano Ballati che ha portato il saluto del sindaco. Terminata la cena conviviale con le premiazioni, si sono aperte le danze al-

le quali hanno partecipato anche 25 ragazzi diversamente abili di “Sportlandia” di Livorno, La Spezia e Tevere Roma suscitando commozione per la loro sfrenata gaiezza.

Presepe vivente

Un 6 gennaio veramente festoso ed intenso di spiritualità, quello vissuto dai fedeli che, nel pomeriggio dell’Epifania, hanno assistito alla celebrazione del “Presepe Vivente” organizzato, da ormai quasi quindici anni, presso la Parrocchia di San Ferdinando in Crocetta a Livorno. Sempre emozionante e vissuta questa rappresentazione, che vede, tra gli oltre cinquanta figuranti, la presenza dei veterani dello sport di questa Sezione: Massimiliano Bardocci, Franco Trumphi, Gra-

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

Elezioni del consiglio: Cesare Gentile confermato alla presidenza

Presepe vivente

39


UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport 40

ziano Spagnoli, Cesare Gentile, Lorenzo Moretti e Michele Sigillino. In abiti d’epoca, sono apparsi pastori, contadinelle, Re Magi e Patrizi Romani che in processione hanno raggiunto la capanna della Natività allestita di fronte all’Altare, per venerare Maria (Veronica Nini), Giuseppe (Nicola Barboni) e il Bambin Gesù (figlio di un figurante). La grande partecipazione di pubblico e la presenza delle emittenti Tv locali, hanno dimostrato l’interesse e la popolarità che continua a rappresentare la manifestazione. I Veterani ringraziano i parroci della Parrocchia Lorenzo Moretti e Michele Sigillino per la riuscita della manifestazione.

In ricordo di Alfredo Sisi

Il 1° giugno scorso si è spento serenamente, all’età di 89 anni appena compiuti, il nostro socio, amico e collaboratore Alfredo Sisi. La sua scomparsa ha avuto una vasta eco cittadina, per quanto Alfredo aveva fatto in tutta la sua vita nell’ambito sportivo, prima come giocatore di baseball poi come dirigente della locale Federazione. Non intendiamo enumerare qui i suoi meriti sportivi in quanto già fatto dalla stampa cittadina, quello che ci è più caro è il ricordo della persona in possesso di una cultura, un’educazione, una disponibilità per tutto e verso tutti, raramente riscontrabile. La sua discrezionalità era scambiata erroneamente per timidezza, ma non era così, perché Alfredo aveva anche una forte tempra ed una volitività non indifferente, solo che non la faceva pesare a chi gli stava vicino. Maestro di tatto e di tratto. Tante altre considerazioni positive si potrebbero elencare del caro Alfredo, ma riteniamo che la più esemplificativa sia la pubblicazione delle sue ultime volontà, autorizzata dalla famiglia. Questo documento, che abbiamo salvato nei nostri archivi per rileggerlo e rinverdire la memoria di Alfredo, rappresenta in tutto e per tutto la grandezza e lo stile di vita dell’uomo che, come era vissuto ha voluto morire. “Livorno, 6 ottobre 2006 Dato che, in rapporto all’età, le mie facoltà di intendere e di volere sono attualmente ancora abbastanza soddisfacen-

ti, credo opportuno di esprimere alcune considerazioni e desideri per quando (non ho alcuna fretta perché in questa “valle di lacrime” ci piango molto volentieri) sarà giunta la mia ora, affinché chi dovrà risolvere i problemini che si presentano a chi rimane dopo la dipartita di un familiare, sappia come la penso al riguardo. Nel corso della mia vita ho sempre cercato la “Fede” ma (forse non ci avrò messo sufficiente impegno) non sono riuscito a trovarla. Sono un non credente al 90% con un margine di un 10% di dubbi. Sono stato battezzato, ho fatto Cresima e Comunione, mi sono sposato in chiesa ma non sono mai riuscito a credere in Dio. Ho sempre comunque cercato di mettere in pratica quelle due regolette cristiane che mi sono rimaste in mente sin dalla fanciullezza: “Ama il prossimo tuo come te stesso” e “Non fare agli altri quel che non vorreste fosse fatto a te”. Dico questo per far capire che non sono un nemico della religione e quindi, forse per motivi sentimentali o di rispetto per le tradizioni (la fantasia a volte vince sulla razionalità) non ho niente in contrario, quando il mio cuore avrà cessato di battere, a ricevere un ultimo saluto in una Chiesa, purché sia una cosa semplice e breve. Per quanto riguarda la vestizione gradirei quale ultimo abito una delle mie tute sportive e vorrei essere alloggiato in una cassa molto modesta, possibilmente di legno grezzo e mettiamoci pure sul coper-

chio una piccola croce, non di metallo ma fatta con due semplici stanghette di legno più scuro. Ho riflettuto a lungo se scegliere cremazione o inumazione. Per molti anni mi sono orientato verso la prima, poi avevo scelto la seconda cioè il riposo nella madre terra, ma ultimamente sono tornato sulla precedente e stamani mi sono iscritto alla Società per la Cremazione (con relative dichiarazioni testamentarie che troverete in copia in questa busta) sia per il trattamento della salma evitando la maleodorante decomposizione e affidandomi alla potente pulizia del fuoco, sia per la disposizione delle ceneri in mare o nell’aria evitando la tristezza di una tomba con la lapide. Chi vorrà ricordare potrà farlo guardando le onde del nostro bel mare o le nubi che viaggiano libere nel cielo. E poi, possibilmente, non fiori ma opere di bene, come si dice con frase fatta. Per l’eredità patrimoniale non dovrebbero esserci problemi perché, a parte la modesta casa, non ci sono ad oggi sostanze di rilievo. Fate come prevede la legge e affidatevi al buon senso. Questi miei desideri, comunque se dovessero sorgere difficoltà, fate come meglio credete. Un caro pensiero a tutti coloro ai quali ho voluto bene e che mi hanno voluto bene. E così sia. Alfredo”

Alfredo Sisi


Nei campionati italiani UNVS di atletica leggeri svoltisi a Forlì dal 28 al 30 giungo si sono particolarmente distinti i nostri soci: Rossella Baldi che ha vinto tre titoli italiani nella categoria lancio

Campionati Italiani UNVS di atletica leggera

del peso, disco e martello maniglia corta; Roberto Onorati che ha vinto due titoli italiani nel lancio del giavellotto e del peso mentre si è classificato terzo nel lancio del disco; Re Mida Paroli, quel che tocca diventa oro! Terni- Per essere considerato un vero spadaccino, uno schermitore può fermarsi davanti al cambio di arma? No, davvero. È il plurimedagliato Giulio Paroli ad insegnarcelo nel dettaglio. Schermitore, classe ‘52, una delle colonne portanti del glorioso circolo scherma Fides insieme all’amico fraterno Fabrizio Filippi, Paroli ha dato ancora una volta saggio della sua classe e del suo strapotere nella categoria Master alla rassegna continentale, appena conclusasi a Terni. Oro nel fioretto. Oro nella sciabola. Non c’è differenza per chi ha la scherma che scorre nel sangue. Nella gara di fioretto, la cattiveria e il cinismo del tabellone ad eliminazione diretta (i sedicesimi per la precisione) hanno subito messo di fronte i due alfieri labronici: Fabrizio Filippi e Giulio Paroli, appunto. La spuntava quest’ultimo, con un perentorio 10-4. Dopo aver passato

agevolmente gli ottavi, Paroli si è ritrovato a dover affrontare un doppio scontro con gli acerrimi nemici francesi: prima Le Monnier, 10-3 il risultato, poi l’ostico Pincemaille in semifinale che ha fatto sudare le famigerate sette camicie al Giulio nazionale: 7-6 il punteggio finale, frutto di un assalto tutto nervi e attributi. Respinti gli assalti transalpini Paroli non si è fatto sfuggire il metallo più prezioso regolando senza se e senza ma il magiaro Jeno Papp, per 10-4. Vittoria finale che va a bissare l’oro nel fioretto ottenuto a Vocklabruck nel 2007. Neanche il tempo di festeggiare la vittoria nel fioretto, che Paroli è dovuto scendere nuovamente nell’arena per la competizione di sciabola. Ed è qui che Giulio ha compiuto la vera impresa: affaticato e un po’ acciaccato dagli sforzi della gara precedente, l’atleta livornese non si è fatto intimidire e ha tirato fuori tutta la fame di medaglie che lo contraddistingue da sempre. Niente ha potuto Anastasov (10-5); niente ha potuto il connazionale Parisi, 10-6 il finale. Nemmeno l’amico e compagno di nazionale Bocconi è riuscito a fermare in semifinale l’onda d’urto di Paroli: 10-3 e finale conquistata. A quel punto troppo grande l’occasione di una storica doppietta, troppo forte la tentazione di azzannare il secondo oro. Il povero francese Bellet ha potuto assistere impotente allo show del livornese, che ancora una volta, è salito sul gradino più alto del podio a far suonare l’inno di Mameli.

L’equipaggio del Venezia partiva per prima e, con un ritmo di palate forti e precise, faceva segnare un grande tempo: 8’30”. Di seguito scendevano in campo le altre imbarcazioni delle Sezioni Nautiche e nessuno riusciva a battere il tempo registrato dalla Sezione Venezia. Esultavano gli equipaggi durante la premiazione nel salone tutto vela. Grande partecipazione di pubblico. Erano presente tutte le autorità cittadine con a capo Nello D’Alesio. Bella manifestazione con ricchi premi. I Veterani dello sport ringraziano: il presidente organizzatore nostro socio Massimo Lunardi, i soci che hanno collaborato per la riuscita dell’evento e soprattutto Nello D’Alesio che, con amore, ricorda la figura del grande uomo Gaetano D’Alesio, che tanto ha dato alla città di Livorno.

22a edizione open karate

Il 3 e il 4 maggio il “Palamodigliani” ha accolto la 22° edizione dell’Open di Karate Toscana alla presenza di un folto pubblico che ha riempito le gradinate del palazzetto. Hanno partecipato all’evento 1500 ragazzi provenienti da tutta l’Italia e dalle Spagna. Una gara di Ranking ed ogni atleta ha puntato a fare il maggior pun-

Trofeo Gaetano D’alesio

Sabato 25 aprile, nelle acque antistanti il molo Mediceo - Cantiere Navale, gli equipaggi remieri cittadini, a partire, dalle ore 9 nel campo allestito per un totale di 900 metri per le categorie femminili, 1700 mt. per i senior, con barche a 4 e 10 remi, si sono dati battaglia. Nella gara a 4 remi ha vinto il rione Borgo Cappuccini aggiudicandosi, per le sue tre vittorie, negli anni, il trofeo messo in palio. La temperatura della gara iniziava a sentirsi sulla spallette degli scali Novi Lena e sul ponte girevole, all’ingresso in campo delle barche a 10 remi.

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

Soci che si fanno onore: Rossella Baldi, Roberto Onorati e Giulio Paroli

Roberto Onorati e Cesare Gentile

41


Trofeo Velico Accademia Navale e Città di Livorno

Quest’anno, il 30° anniversario del trofeo Velico internazionale Accademia Navale e città di Livorno, si è tenuto, nelle acque antistanti la costa livornese, dal 20 al 28 aprile.

Cesare Gentile mentre premia un ragazzo

Grande successo dal punto di vista sportivo. Hanno partecipato 450 imbarcazioni , 1500 regatanti, 70 giudici di gara e circa 200 barche di assistenza. La sezione Veterani dello Sport ha messo in palio alcune coppe. Il primo premio è nella classe optimist è stato conquistato da Federico Caldarati di otto anni. Grande ritorno di immagine per la Sezione. Per il bell’evento, il nostro Consiglio Direttivo ringrazia: il Comandante dell’Accademia Navale, tutti i circoli nautici, gli equipaggi e tutto le maestranze del comitato organizzatore.

Campionati italiani di nuoto Unvs

Domenica 15 dicembre 2013, nella piscina Camalich di Livorno, si è svolta la tradizionale manifestazione natatoria “Festa degli Auguri”, all’interno della quale si sono svolti i Campionati italiani di nuoto Unvs. La manifestazione è stata organizzata in modo perfetto dal Dopolavoro ferroviario di Livorno con il patrocinio della Sezione Unvs di Livorno. Sono stati ben 682 gli atleti master in gara, di varie società natatorie nazionali, fra i quali 42 atleti veterani di 12 Sezioni Unvs, che hanno conseguito i seguenti risultati: F50 Federica Ronchieri, 50 Stile Libero, punt. 10 Federica Ronchieri, 50 Rana, punt. 10 F55 Beatrice Inghilleri, 50 Stile Libero, punt. 10 Beatrice Inghileri, 50 Dorso, punt. 10 F65 Eleonora Orvieto, 100 rana, punt. 10 Eleonora Orvieto, 100 Stile Libero, punt. 10 F70 Marcella Micheli, 50 Dorso, punt. 6 Marcella Micheli, 50 Rana, punt. 10 Paola Ramagli, 50 Stile Libero, punt. 6 Paola Ramagli, 50 Farfalla, punt. 10 Laura Faucci Losito, 50 Stile Libero, punt. 10 Laura Faucci Losito, 200 Stile Libero, punt. 10 F75 Delia Corti, 100 Dorso, punt. 10 Delia Corti, 100 Stile Libero, punt. 10 Marie Salakova, 100 Dorso, punt. 6 Marie Salakova,50 Dorso, punt. 10 Mirella Stagi, 200 Stile Libero, punt. 10 Mirella Stagi, 50 Stile Libero, punt. 10 M30 Gabriele Giordano, 200 Stile Libero, punt. 10 Gabriele Giordano, 50 Rana, punt. 10 M35 Giampiero Vangelisti, Stile Libero, punt. 10 Giampiero Vangelisti, 50 Farfalla, punt. 10 Luca Signorini, 50 Dorso, punt. 10 Luca Signorini, 50 Farfalla, punt. 10 M45 Alessandro Gennari, 50 Farfalla, punt. 10

Alessandro Gennari, 50 Rana, punt. 10 Alessandro Piovesan 100 Stile libero, punt. 10 Alessandro Piovesan, 200 Stile Libero, punt. 10 Massimo Zazzetta, 100 Dorso, punt. 10 Massimo Zazzetta, 50 Dorso, punt. 10 Simone Sostegni, 100 Stile Libero, punt. 6 Simone Sostegni, 200 Stile Libero, punt. 6 Duccio D’Aniello, 50 Stile Libero, punt. 10 Duccio D’Aniello, 50 Dorso, punt. 6 Giulio Berlucci, 50 Stile Libero, punt. 6 M50 Alberto Bordigoni, 50 Stile Libero, punt. 6 Alberto Bordiglioni 100 Farfalla, punt. 10 Marco Colombo, 50 Dorso, punt. 10 Marco Colombo, 50 Stile Libero, punt. 10 Maurizio Paoli, 100 Rana, punt. 10 Maurizio Paoli, 100 Dorso, punt. 10 Massimo Giagnoni, 100 Stile Libero, punt. 10 Massimo Giagnoni, 50 Stile Libero, punt. 6 M55 Marco Paghi, 200 Stile Libero, punt. 10 Marco Paghi, 50 Farfalla, punt. 10 Stefano Menicucci, 100 Rana, punt. 10 Stefano Menicucci, 200 Stile Libero, punt. 6 Marco Panicucci, 100 Dorso, punt. 10 Marco Panicucci, 100 Farfalla, punt. 100 M60 Ilio Barontini, 100 Dorso, punt. 10 Ilio Barontini, 200 Stile Libero, punt. 10 Uliviero Grigò, 50 Stile Libero, punt. 10 Uliviero Grigò, 200 Stile Libero, punt. 6 M65 Mario Balli, 100 Dorso, punt. 10 Walter Carpi, 100 Farfalla, punt. 10 Walter Carpi, 100 Stile Libero, punt. 10 Marco Rossi, 100 Rana, punt. 10 Marco Rossi, 50 Rana, punt. 10 Giovanni Lupi, 200 Stile Libero, punt. 10 Giovanni Lupi, 50 Stile Libero, punt. 10 M70 Alfredo Citti, 100 Rana, punt. 10 Alfredo Citti, 50 Rana, punt. 6 Alessandro Clerici, 200 Stile Libero, punt. 10 Alessandro Clerici, 50 Rana, punt. 10 Piero Fabbri, 100 Dorso, punt. 6 Piero Fabbri, 100 Dorso, punt. 10 Franco Natale, 100 Dorso, punt. 10 Franco Natale, 50 Dorso, punt. 10 Paolo Razzauti, 50 Rana, punt. 3 Paolo Razzauti, 50 Stile Libero, punt. 10 M75 Osvaldo Bertucelli, 100 Stile Libero, punt. 10 Osvaldo Bertucelli, 50 Rana, punt. 10 Giuseppe Bilotta, 100 Stile Libero, punt. 6 Giuseppe Bilotta, 200 Stile Libero, punt. 10 M80 Massimo Paghi, 50 Dorso, punt. 10 Massimo Paghi, 50 Rana, punt. 10 M85 Ezio Cardera, 50 Rana, punt. 10 Ezio Cardera, 50 Stile Libero, punt. 10 M95 Francesco Giannetta, 50 Rana, punt. 10 Francesco Giannetta, 50 Stile Libero, punt. 10

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

teggio per conquistare l’ambita convocazione nelle varie rappresentative giovani azzurri, in vista del Campionato europeo. Erano presenti sul tatami: 1500 atleti, 500 tecnici, 1500 accompagnatori e 80 ufficiali di gara. L’organizzazione della federazione Fijlkan Toscano è stata presente con a capo il nostro consigliere nazionale Maurizio Baldi, i soci e maestri Casali, Vivaldi, Biagi, il presidente regionale Bertocci e il presidente onorario dal Karate Livorno Cesare Gentile. La nostra Sezione ha patrocinato una parte dell’evento. Alla manifestazione hanno partecipato diverse cinture nere, tra cui, l’unico ottavo Dan d’Italia, il grande Bibi Gufoni. Per la bella manifestazione, il nostro Consiglio Direttivo ringrazia: il presidente regionale, il presidente provinciale, gli atleti, i giudici di gara e il pubblico, per la grande disciplina dimostrata durante le competizioni.

43


UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport 44

Gli atleti primi classificati hanno ricevuto la medaglia dorata e lo scudetto tricolore, offerto dal Consiglio Direttivo Nazionale Unvs, ai secondi classificati è stata donata la medaglia argentata mentre ai terzi è stata assegnata la medaglia bronzata. Alla Sezione di Livorno, 1a classificata è stata consegnata la Coppa offerta dal Consiglio Direttivo Nazionale, alle Sezioni 2a e 3a Classificata le coppe offerte dalla Sezione Organizzatrice. La Sezione Unvs di Livorno ringrazia il Consigliere Mario Fracassi, il socio Unvs e Presidente Onorario del Dopolavoro Ferroviario Enzo Sagone e tutto il suo staff, per la perfetta riuscita della manifestazione. A tutti i giudici di gara il plauso per l’enorme lavoro svolto con precisione ed efficacia. Le gare, che si sono svolte in due turni, mattutino e pomeridiano, hanno visto sugli spalti numerosi sportivi e familiari che hanno incitato a gran voce gli atleti in gara. Particolare ovazione ha ricevuto il concorrente, socio di Arona, che con i sui impensabili 97 anni ed il carattere gioviale ha entusiasmato il pubblico che lo ha incitato per tutti i 50 metri percorsi sia a rana che a stile libero.

Memorial Fabio Tola di tiro a volo a Mores Tanti campioni di tiro a volo si sono uniti, nella seconda decade di agosto, a Mores (SS), nel ricordo di Fabio Tola, nella 2a edizione del memorial a lui dedicato, presieduta da Pasqualino Ghighine e vinto dal socio dei veterani dello Sport di Livorno Antonello Campus. Tre giorni di gare di assoluto livello, anche grazie alla partecipazione di campioni del calibro di: Massimo Fabbrizi, argento ai giochi olimpici di Londra 2012 e detentore di tre titoli italiani e Giovanni Pellielo, plurimedagliato olimpico, vincitore di cinque campionati del mondo e undici titoli italiani. Protagonisti del barrage finale, i sei qualificati della competizione: Piscitelli, Frasca, Fresu, Santoni, Lutzu e Campus, che alla fine si è aggiudicato il titolo dedicandolo alla famiglia Tola. Al nostro socio, i Veterani di Livorno, formulano ringraziamento per il ritorno d’immagine alla Sezione. Mauro Martelli Dopo lunghe cure e un delicato intervento chirurgico, con grande tempra e volontà, Mauro Martelli, con altri sette compagni di squadra ha stabilito il nuovo primato italiano di mezza maratona nel remo ergometro, fissando il tempo

a 1 ora, 01’ e 46” mentre il precedente tempo era di 1 ora, 06’ e 56”. La memorabile impresa è stata compiuta all’Isola del Giglio, nell’ambito della manifestazione “Un Record per non dimenticare”, dedicata alle vittime e ai dispersi nella tragedia della Costa Concordia. Un altro successo di questo valoroso atleta che ha affrontato e vinto la dura battaglia contro la malattia impiegando la stessa determinazione con la quale spinge i remi fino a stabilire un record dopo l’altro. Campionati italiani di Nuoto in acque libere Nella prima decade di settembre si è svolto a Lerici il Campionato italiano di Nuoto di Fondo Unvs in acque libere. Vi hanno partecipato i nostri soci Maria Cristina Rovida, Marco Broccolino e Walter Carpi che, con i risultati conseguiti, hanno portato la Sezione di Livorno a conquistare il titolo di Campione italiano di Nuoto Unvs 2013 in Acque Libere. Marco Volpi Dal 4 al 12 settembre 2013 il nostro socio Marco Volpi, a Settubal (Portogallo) ha vinto il sesto titolo mondiale individuale e il 18° mondiale a squadre di Pesca da Natante con la Nazionale Italiana. Ilio Barontini Hanno partecipato un numero di atleti davvero consistenti (375 in totale tra donne e uomini) capaci di produrre ben trenta titoli Continentali tra fondo e mezzofondo in acque libere e poi in vasca. Questi sono i risultati che hanno portato le varie società di nuoto master italiane, presenti dal 31 agosto all’8 settembre in Olanda a Eindhoven. Era presente anche la squadra del Dlf Nuoto Livorno capitanata dal suo allenatore e atleta, il socio veterano della sezione di Livorno, Ilio Barontini che è riuscito a ottenere risultati di prestigio internazionali, conseguendo il sesto posto nei 100sl e piazzato nei 50sl. Oltre al nostro socio hanno conseguito brillanti risultati anche gli altri componenti la squadra del DLF Nuoto Livorno: Mario Paterni, argento nei 3000 in acque aperte,

Ilio Barontini

Gianni Cavallini, piazzato nei 50 dorso, Mario Banvenutti, piazzato nei 50 dorso e nei 50 rana e Andrea Tistarelli, Dino Samaritani, Riccardo Libralato piazzati nei 50 e 100 stile libero. Walter Carpi e Giuseppe Bilotta Walter ha vinto la medaglia d’argento nel Campionato di fondo in acque libere, mente Giuseppe ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati italiani di nuoto di messo fondo. Augusto Zamboni Riportiamo quanto pubblicato nella pagina “Genova Sport” del quotidiano Il Secolo XIX di mercoledì17 luglio 2013:

Mauro Martelli


Giornata del Veterano dello Sport e 50° Anniversario della Costituzione della Sezione di Livorno

Domenica 1° dicembre, nel Salone Riunioni della Cassa Edile di Livorno, si è svolta la cerimonia di premiazione “Atleta dell’anno 2013”, che ha avuto per protagonista Francesco Marrai, campione del mondo di vela. Al tradizionale evento, erano presenti, oltre alle maggiori Autorità civili, militari e sportive, il Presidente Nazionale Unvs Avv. Gian Paolo BERTONI, alcuni consiglieri nazionali, il presidente della Sezione Unvs di Livorno Cesare Gentile, il Consiglio Direttivo, i presidenti delle Sezioni toscane e numerosi atleti giovani e veterani. Sono stati premiati, inoltre, i seguenti atleti: Premio Speciale: Mauro Martelli, per i suoi risultati nel remo ergometro. Premio d’Onore: Bruno Di Batte, per la sua lunga militanza nei Veterani dello Sport e per il contributo nella storia della tipografia livornese. Premio giovane Emergente: Gherardo Caranti, per i brillanti risultati nella scherma. Distintivo d’Argento UNVS: Franco Albanesi, per l’anzianità d’iscrizione nell’Unvs e per la collaborazione alla vita sezionale. Premio riconoscenza per meriti sportivi: Rossella Bardi, Luigi Rocchi, Roberto Onorati, Giulio Paroli, Ilio Barontini, Augusto Zamboni e Maurizio Silvestri. Premio gratitudine: Enzo Sagone, Roberto Scotto e Mario Fracassi. Premio amicizia: ai Presidenti delle sezioni gemellate Luciano Vannacci di S.

Giovanni Valdarno, Pier Luigi Ficini di Pisa nuele Massimo Santini, Michele Terreni, Massimo Stiaffini, Filippo Gressani. e Marcello Patacchini di Montevarchi. Medaglie dorate agli atleti giovani ve- Scherma Accademia dello Sport Fiamme Oro: Eleonora Dini, Giorgio Ciocca, Giorgia terani distintisi nell’anno 2013 Arbitri di calcio Aia-Figc: Luca Testi, arbitro Marrazzini. Scherma Circolo Fides: Angelica Cardi, Piee Dario Garzelli, assistente arbitrale. Associazione Sportiva Zenith Livorno On- tro Torre, Camilla Michelucci, Edoardo Calus Nuoto: Manuela Maggi, Silvia Paperi- stellani, Matilde Picchi, Elisabetta Saviozzi. ni, Giacomo Oliviero, Luca Baffigi, Edoardo Scherma Circolo Rigoli: Giacomo Biasci, Julia Terreni, Nicolò Cillari, Giorgio GradasMoscato, Gabriele Morelli. Atletica leggera master: Laura Fiorentini, si, Enrico Filippi, Alberto Grassi e Andrea Ulivieri. Alessandro Borghetti. Atletica leggera: Sara Biricotti, Irene Busel- Tennis: Gregorio Lulli, Carlotta Nassi, Mirea li, Silvia Dini, Nicola Palomba, Andrea Ri- Signorini, Maria Vittoria Casucci. Tiro con l’Arco: David Chiari, Tommaso Del naldi, Emma Susini, Ilaria Cariello. Baseball: Federica Baule, Gabriele Galli, Corso. Il Consiglio Direttivo Sezionale esprime Raffaele Cecchinato, Stefano Trocar, Daparticolare compiacimento sulla riuscita niele Piludu. Canottaggio remoergometro disabili – as- della premiazione che ha visto la partecisociazione Sportlandia Onlus: Anna Fre- pazione di tantissime persone, tanto da schi, Giacomo Glagorio, Daniel KojiraI, riempire oltremodo la sala, gentilmente concessa, che ci ospitava per la prima volFrancesco Rossi. Canottaggio: Alessandro Bernardini, Ga- ta. L’avvenimento è stato particolarmente briele Brilli, Lorenzo Tintori, Luca Perfetti, esaltato dai media locali e da TelegranduLuca Baldanzi. Ciclismo: Ilenia Niccolucci, Gianmarco Ba- cato che ha trasmesso gran parte della cerimonia. lestri. La giornata è terminata con una riuscita Danza sportiva: Melissa Falaschi, Denise Lenzi, Lorenzo Martelli, Melissa Ceccarini, conviviale al Grand Hotel Continentale di Tirrenia in occasione della quale sono stati Diego Cavatoio. Hockey e pattinaggio: Giulia Gambicorti, distribuiti ricchi doni ai partecipanti. Denise Bendinelli Alessia Cellini, Giada Niccolai, Sara Russo, Michelle Frigoli. Ju jitsu: Cristian Rannisi, Rachele Giovannini, Cristian Andreini. Nuoto master: Delia Corti, Marcella Micheli, Paola Ramagli, Mirella Stagi. Nuoto: Matteo PASQUETTI, Matteo Della Monica, Filippo Del Maso, Lorenzo TORRE. Pesca sportiva da natante: Alessio Gamucci Pesca sportiva subacquea: Roberto Poggioli, Leonardo Lo Bartolo ed Emiliano Torrini. Pesistica – Biathlon: Stefania Lubrano, Emiliano Ceccanti, Rosario Russo, Pesistica: Andrea Bonaccorso, Alessio Di Maio, Manuele Bardini, Beatrice Grassi. Pistola standard juniores: Alberto Caroti, Francesco Lazzeri, Tommaso Chelli. Pugilato: Manuel Boldrini, EmaFrancesco Marrai campione della mondo della vela

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

“Non si ferma il mondo delle corse genovese nel periodo estivo, molte le gare anche fuori Liguria come, ad esempio, l’estenuante GranTrail di Courmayeur di 80 km e 4.500 metri di dislivello. Ottima prestazione per la stella nascente Augusto Zamboni del G.S. Città di Genova (e socio Unvs della Sezione di Livorno, ndr) che chiude la fatica al sesto posto assoluto in 12h03’ dietro campioni di specialità. Per “Zambo”, com’è soprannominato, è il secondo trail nella sua carriera di corsa, infatti, aveva già dimostrato le sue qualità conquistando il mese scorso la medaglia di bronzo al suo esordio, il Notturno Night Trail 50Km di Genova”.

45


Vendita  guarnizioni, raccordi, oli, tubi flex, elettrovalvole, pompe, giunti, tubi rigidi (per condotte oleodinamiche)

 Costruzioni e assemblaggio tubi flex  Costruzioni e assemblaggio tubi flex raccordati inox

Tubi raccorderia  elettrovalvole per impianti pneumatici, raccorderia valvole e tubi inox AISI3 16

 Distributore Hallite Italia  Costruzione impianti idraulici e pneumatici (cilindri, centraline a disegno)

Progettazione  impianti

DISTRIBUTORE E RIVENDITORE AUTORIZZATO

F.LLI TOGNELLA

46

Via delle Sorgenti, 108 - Nugola (LI) Tel. 0586 977325 - Fax 0586 978063 - Cell. 333 6384883 www.oleodinamicalivorno.com • E-mail: oleodinamica.li@tiscali.it


Andrea Martignoni

Andrea Martignoni: l’uomo della doppietta fa tripletta Ventiquattro grammi, doppietto e tripletto. Anzi, una tripletta. Sono le specialità di tiro a volo che hanno consacrato una stagione agonistica da incorniciare per Andrea Martignoni. Il campione livornese è stato infatti capace di centrare tre “scudetti” e dominare gli eventi dell’elica italiana nonostante un grave ‘handicap’ tecnico patito subito in avvio dell’avventura sportiva 2013. Malgrado le difficoltà incontrate per un problema tecnico, Martignoni ha saputo risalire la china in tempi serrati. Prima è stato in grado d’imporsi nel Campionato italiano 24 grammi sul campo Tav Le Cascine. Un successo che ha ridato a Martignoni la necessaria convinzione nelle proprie capacità e nel proprio fucile, tornato ad essere attrezzo ‘confidenziale, ed affidabile’ anche nel successivo evento tricolore del tripletto, andato in scena a San Cesario sul Panaro in provincia di Modena. Ma, non contento, Martignoni ha fatto en plein ottenendo anche la medaglia d’argento assieme ad un bresciano. Una trance agonistica che gli ha poi permesso di puntare con successo il proprio mirino anche all’obiettivo dello scudetto nel doppietto, lo scorso 3 agosto, in quel di Lugo di Romagna, Martignoni è riuscito a entrare tra i dieci finalisti capaci di mettere a segno un doppietto nelle qualificazioni e poi si è ripetuto per primo con uno-due che ha strappato la ‘standing ovation’ al pubblico presente sugli spalti. Sulla scia dell’entusiasmo, la ciliegina sulla torta l’ha messa poi con la maglia azzurra, vincendo il titolo continentale a squadre a Brescia e ha sfiorato l’incredi-

Il saluto di Giovanni Giannone per il cinquantesimo anniversario Unvs

È con immenso piacere che porgo il saluto del Coni ad una così importante manifestazione che è anche anniversario, i primi cinquant’anni, della Associazione benemerita Veterani dello Sport di Livorno. Un’associazione che con i suoi numerosissimi soci e con un direttivo molto attivo e ben condotto dall’amico Cesare Gentile ha saputo negli ultimi due anni dare lustro all’attività svolta a favore dello sport con una presenza capillare. Ma come Coni desidero cogliere l’occasione per ringraziare gli amici per la loro opera profusa e spiegare la funzione di un’associazione benemerita, come i veterani dello sport, in quanto ritengo che molti non ne conoscano, fino in fondo, le finalità. I Veterani dello sport sono, come mi piace definirli, il senato dello sport, ossia coloro i quali, giovani o meno giovani, si impegnano nella divulgazione dei valori dello sport in maniera trasversale con l’unico obiettivo di essere un sostegno alle federazioni, alle Società, in una difficile missione, quale il portare il “verbo” dello sport non concepito solo come attività sportiva, ma come esperienza e cultura acquisita nel tempo e grazie all’esperienza maturata. Purtroppo troppe volte si pensa che l’esperienza è qualcosa di secondario, ma da sempre affermo che freschezza giovanile, l’inesperienza sono molto importanti perché portano nuove idee, ma anche l’esperienza, quella non ingombrante, ha una grande valenza. Orbene ritengo che questo ruolo, il ruolo di diffondere la cultura dello sport, l’esperienza semplice ma silenziosa e attenta siano le virtù dei nostri amici Veterani, che con le federazioni, le discipline associate, gli enti di promozione sportiva rappresentano l’intelaiatura dello sport, vera colonna per i nostri giovani, vero punto di aggregazione per tutte le etnie, vero punto di

ascolto per i meno giovani con l’unico vero obiettivo di mettersi a disposizione del prossimo. Quindi sono i valori per cui tutti noi, il mondo dello sport, tutte le migliaia di volontari che giornalmente pullulano i campi sportivi, le sedi sociali hanno come obiettivo unico ed indissolubile. Grazie amici veterani, la vostra presenza, i vostri consigli sono la forza per uno sport migliore, per un Paese migliore e poi, non ultime, non dimentichiamoci delle vostre attività sportive, quelle svolte dai soci sui campi di gara. Siete un esempio. Un abbraccio fraterno.

Il saluto di Cesare Gentile per il cinquantesimo Unvs

Il cinquantesimo anniversario della costituzione della Sezione “Nedo Nadi” di Livorno è un’occasione per riflettere su cosa significa essere sportivi oggi, sul ruolo dello sport per chi lo pratica, per chi ne è appassionato e per chi lo sostiene a livello nazionale e locale, tra cui la nostra Sezione che oggi conta 573 iscritti. A loro, ai promotori di questo bel momento, va il mio saluto e la mia gratitudine per l’azione costante che viene portata avanti a livello locale e nazionale, per promuovere i principi e gli ideali che fanno dello sport uno strumento sano per la crescita fisica, morale ed educativa oltre a diffondere valori quali la solidarietà, l’amicizia, la capacità di misurarsi con se stessi e con gli altri in piena serenità, elementi portanti per la formazione non solo dello sport, ma della persona nel proprio contesto sociale.

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

bile bis alla rassegna iridata svoltasi a Porto. Per il tiratore 58enne le peggiori premesse hanno partorito, contro ogni aspettativa, un’annata da ricordare. Martignoni, come il vino di qualità, più invecchia più diventa buono.

Cesare Gentile presidente Veterani Livorno

47


Mai più da soli!

Vieni a trovarci e la tua vita cambierà!

1° P I A N O

Troverai l’amore, o l’amicizia e conoscerai tante persone che come te hanno voglia di stare insieme

Ti aspettiamo! Agenzia matrimoniale e di incontri

di

Marzia Marchetti

Via dell’Impresa, 18 int. 13 - Collesalvetti (LI) (c/o Galleria Smeraldo) Tel. 349 3027686


Veterani dello Sport Collesalvetti

Prem. Corale e Gino Massei

atto, di una giornata importante: la “Giornata del Veterano Sportivo”. Giornata del Veterano Sportivo della sezione Unvs “Ivo Mancini” di Collesalvetti. Teatro della manifestazione il ristorante “Il Rotino”. A premiare gli atleti, e le Associazioni, il presidente nazionale avvoca-

Gruppo Coro

I Veterani dello Sport premiano i migliori atleti dell’anno to Gian Paolo Bertoni, il consigliere nazionale Federigo Sani, Ettore Biagini segretario generale, Giuliano Persiani presidente Collegio nazionale dei Revisori dei Conti, Michele Q. Miceli presidente Commissione nazionale d’Appello, Rudi Poli Componente Commissione nazionale d’Appello, Giovanni Giannone Delegato Provinciale Coni Livorno e Giuliano Salvatorini Coordinatore della Consulta Nazionale dello Sport. Presenti i presidenti di sette sezioni toscane: Alfio Pellegrinetti, Cesare Gentile, Pier Luigi Ficini, Mauro Balloni, Pietro Ginanni, Paolo Allegretti, Marcello Patacchini e Luciana Franceschi, oltre ai consiglieri della sezione ospitante: Giuliano Santucci, Romano Livi e Giorgio Bacci e i sindaci revisori Aldo Tani e Pier Luigi Dodoli. Dopo il saluto del presidente nazionale, la parola al presidente della sezione Mancini, Sergio Massei, che ha voluto sottolineare l’ottimo lavoro svolto dal segretario Gianfranco Baldini, e dal vice presidente Maurizio Ceccotti, oltre ai soci Pier Luigi Dodoli e Aldo Tani. Ha iniziato il Gruppo folkloristico de “ir Barroccio Fiorito” con le loro canzoni, e stornelli popolari, poi il via ufficiale alla manifestazione con la Corale “Filippo De Monte”, che innalzava note e voci, dall’Inno di Mameli fino al Nabucco. E

Gino Massei

sugli applausi dei presenti, atleti, dirigenti ed accompagnatori hanno iniziato a salire sul “palco” i premiati.

Atleta dell’anno: Alessio Taliani

Inizia a gareggiare all’età di dodici anni con la società Asd Colognole sotto la guida di Giuliano Santucci e Giorgio Bacci. Poi per 4 anni con i colori dell’Uc Rosignano Colognole. Con questa Società conquista il titolo di campione provinciale. Dopo lo troviamo con la maglia

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

l pranzo era terminato. I camerieri avevano servito il dolce, quando il presidente nazionale Gian Paolo Bertoni chiede un attimo di silenzio… ed appone il Distintivo d’Argento alla giacca di Gino Massei, presidente della sezione di Collesalvetti con la motivazione “per la sua assidua passione a favore della nostra Unione”. Applausi e… partono verso il cielo i tappi dello spumante. La sezione “Ivo Mancini” compie dieci anni della sua vita nell’Unvs, mettendosi in evidenza per il lavoro svolto, per l’organizzazione, e come è riuscita a trovare consensi e simpatie, nel territorio colligiano, e non solo. Questo è stato l’ultimo

Alessio Taliani, Bertoni e Biagini

49


UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

della “Vangi Ambra Cavallini (4 vittorie). Nel 2009 passa negli under 23 e si aggiudica la gara nazionale “Memorial Piconi e Coli (Massa) con la Società Hopplà Seano”. Nel 2012 passa al “Team Futura Matricardi”, guidato dal Ds Franco Chioccioli (5 vittorie). Bacheca 2013: Coppa della Pace Trofeo Città di Malmantile - Villafalletto Terme di Vinadio - Giro Nazionale del Valdarno - Coppa 29 Martiri di Figline di Prato - Giro del Casentino (2°) - Giro delle Valli Cuneesi nelle Alpi.

Atleta emergente: Erica Filippelli

Inizia all’età di 6 anni con la palestra Jokoama, allieva di Adriano Fiordi. Nel 2008 partecipa ai Campionati regionali (3° posto individuale, Kata). 2008, 1° posto, individuale, ai Campionati italiani a Pontedera, Kumite e Kata. 2011, 1° posto ai Campionati italiani, e medaglia d’argento a squadre, specialità Kata. 2013 Campionessa italiana nel Kumite, e 3a a squadre nel Kata.

Premio speciale: Antonino Verde

Adriano Fiordi e Giuliano Persiani

ternazionale e responsabile, coordinatore, della nazionale azzurrina Wtka Italia karate.

Premio alla carriera: Roberto Sardi

Figura tecnica nel mondo canoistico livornese. In veste di allenatore ha partecipato a ben 15 Campionati mondiali e 7 Campionati europei. Inizia a 18 anni, nel 1964, nell’Unione Canottieri Livornesi. Vincenzo Raveggi gli consiglia la canoa, non essendo molto alto. Sardi brillò, così, nei 100 metri con il K1 ai Campionati di Mantova nel 1967. Nel ’79 si ferma per motivi militari e di lavoro, ed inizia ad allenare per i Canottieri Portuali. Oggi Sardi al Canoa Club Livorno è stato testimone dell’evoluzione dalla vetroresina alla fibra di carbonio. I suoi allievi hanno conquistato titoli italiani e mondiali. Nell’86 a Montreal è tecnico federale, nella rosa di canoa c’erano 4 suoi pupilli livornesi.

Da giovane ha militato in squadre giovanili di calcio. Frequenta il corso per arbitri Uisp nel 1986. Arbitra fino al 1988, dirigendo 62 gare. Nel 1988 frequenta il corso per arbitri Figc. Nel ’90 passa in Regione, debuttando in 2a categoria nel ’94. Nel ’97 passa in 1ª categoria.

Antonino Verde e Giovanni Giannoni

Nel ’95 debutta nel campionato calcio a 5, ad oggi 265 presenze. Nella sua carriera può contare 2.041 gare. È un Socio della sezione colligiana.

Premio speciale: Alessio Pacini

Erica Filippelli e Federigo Sani

Una vita per lo sport: Maestro Adriano Fiordi

Debutto a 7 anni con il judo, per proseguire con il Karate. A 14 anni è cintura nera di 1° Dan. Nel 1984, nella palestra del Circolo Arci di Stagno, inizia la strada dell’insegnamento. Partecipa come arbitro, ed accompagnatore della Nazionali giovanili in molte gare internazionali di Karate. Nel 1967 si avvicina al Tai Chi Cuan, ottenendo l’abilitazione all’insegnamento. Adesso è 7° dan di Karate, ed arbitro in-

50

’03, ’04, ’05, ’06, ’08 e 2010, nella specialità Kata. Nella prova individuale, di Kata, si laurea campionessa italiana nel 2001, ’02, ’04, ’05, ’08 e nel 2011. Cintura nera 3° Dan nel 2008, poco dopo ottiene il brevetto di istruttore. Oltre che gareggiare, adesso segue i corsi dei giovani atleti.

Roberto Sardi e Giuliano Salvadorini

Premio Fiaccola d’oro: Marta Dello Iacono

Frequenta la palestra Jokoama del maestro Fiordi. Curriculum: medaglia d‘oro ai Campionati regionale. Campionessa italiana a squadre negli anni 2001, ’02,

Sotto la guida del Maestro Fiordi inizia giovanissimo alla Palestra Jokoama nel Karate, e nelle arti marziali specialità Kumitè. Campionati toscani nel 1990-2004. 6 Campionati italiani nella specialità Kumitè. 1° posto al Campionato internazionale in Svizzera nel 1993. 3° posto nel 2006 al Campionato internazionale in Ucraina. Nel 2007 4° posto ai Campionati mondiali di Okinawa, torneo a squadre, specialità Kumitè. Nel 2010 ottiene il brevetto di istruttore Kick Boxing di Krav maga e Kick jitsu, oltre che istruttore di arti marziali, 3° Dan. Al momento è impegnato nel conseguir la cintura nera di Judo.


Giocatore, ruolo portiere. Inizia a giocare nel 1954 nel settore giovanile della Folgore. Subisce un infortunio e torna in campo nel Don Bosco (’60) 2ª categoria. Nel 1965 cambia tipologia di lavoro. Teatro. Tournè con Aichè Nanà. Al calcio

varie testate giornalistiche. Dal 2000 cura programmi televisivi di Promosport, calcio a 5 calcio a 8. 200’/’12 collabora con l’Almanacco dello Sport di Roberto Scotto. E nel 2010 entra a far parte della redazione sportiva del “Corriere di Livorno”. Dal 2011 collabora con “Qui Livorno”.

Premio cadetti: Sara Orrù

Classe 1988 pratica Atletica leggera con la Libertas Runners di Livorno. Nel 2001 viene convocata nella rappresentativa Toscana, categoria cadetti. Al termine della stagione partecipa ai Campionati toscani nei 1000/2000, e nei 3000 su strada. Il 2013 la consacra campionessa To-

Nel 2013 è medaglia d’oro nel singolo, al Campionato toscano a San Miniato. Podio nel doppio e nel singolo al “Festival dei Giovani” a Ravenna.

Giovane esordiente: Tommaso Del Corso

Classe 2002 categoria Giovanissimi maschile. Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani. 6 primi classificati e 3 secondi in vari tornei toscani

Giovane esordiente: Leonardo Baroncini

Classe 2002, categoria Giovanissimi Maschile. Fa parte della Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani. Nel 2013 fa 3 primi classificati, 3 secondi classificati, in vari tornei toscani.

Premio speciale: Società Ac. Colognole di Ciclismo

Fondata nel 1963. I componenti della squadra sono 14 atleti, fra cui Tommaso Bufalini, Davide Bufalini, Martina Bufalini, Carolina Tozzi, Mattia Citi premiati per i risultati conseguiti.

Società Canoa Club Livorno:

Giovanni Picchi e Michele Quintino

torna come allenatore dei portieri con la Pro Sorgenti. Due anni dopo Passa alla Folgore. Tesserino di “Aspirante Allenatore, l’anno dopo frequenta un corso per allenatore dilettante, e si abilita. In uno dei suoi ritorni a Livorno Giorgio De Biasi, con cui aveva giocato nel Don Bosco, gli chiese di far l’allenatore dei portieri nella società Pro Sorgenti. Accetta allenando nella categoria allievi. Due anni dopo il presidente della Folgore lo porta con sé, e inizia ad allenare nel settore giovanile. L’esperienza dura tre anni con lusinghieri successi. In quel periodo, un allenatore livornese, Vasco Lenzi, gli fa ottenere la tessera di “aspirante allenatore”, l’anno dopo (1967) frequenta il corso di allenatore, dove si abilita. Da allora ha allenato 24 squadre, due rappresentative di Dilettanti di Livorno, e due squadre femminili. Conclude nel 2010 Curriculum giornalista: inizia nel 1961 con “Livorno Cronaca” (sport e teatro), nel 1963 collabora con il Tirreno per lo sport locale. In questi anni nasce Telecentro, telecronache Livorno calcio e rubriche sportive, fino al 2003. Nel 1998 è iscritto nell’albo dei giornalisti pubblicisti. Dal ’90 al ’94 direttore di TeleVip. Nel ‘98/’2000 direttore de “Il Gazzettino”. In questo periodo collabora con Radio4 e

Sara Orrù e Rudi Poli

scana nella campestre su 2 Km, 2ª nella gara 800 mt. Indoor, e terza nei 3000 metri su strada. Con la rappresentativa Toscana partecipa al Criterium dei cadetti, ed al trofeo Ceresini.

Premio cadetti: Elena Luti

Classe 1996 fa parte della Compagnia Arcieri Livornesi Dino Sani. La sua specialità “Arco Compount”. Ottimi risultati in manifestazioni regionali ed interregionali. 10a nel Ranking List. Per i risultati ottenuti è stata convocata il 14 settembre in nazionale giovanile a Massa.

Allievi B Tommaso Tremolanti, Flavio Spurio, Nicola Mazzara, Riccardo Fogli, Federico Nannoni. Cadette A Flavia Matteoli, Giulia Senesi, Chiara Agostinetti, Alessia Agostinetti, Diletta Lemmi. Cadetti A Luca Arzelà, Gabriele Lemmi, Marco Vannini. Cadetti B Lorenzo Mazzara, Francesco Spurio, Filippo Bigonii, Leonardo Simonetti e Simone Mazzara

Premio speciale:

Al Gruppo Folkloristico “Ir Barroccio Fiorito”, Foto Club Collesalvetti, Asd Portuale Guasticce, Il Rotino calcio a 5 Asd, Associazione Corale e Strumentale “Filippo De Monte”, Polisportiva Arci Stagno, Palestra Athletic Club Livorno.

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

Giornalista sportivo: Gianni Picchi

Giovane promessa: Diego Savattieri

Classe 2002. Inizia con il calcio nell’Intercomunale Collesalvetti. L’anno successivo va a Zambra, dove rimane fino al 2011. Nel 2012 passa all’Unione canottieri Livorno. Al termine della stagione cambia casacca per i Vigili del Fuoco, gareggiando nella categoria allievi.

ASD Il Rotino e Cesare Gentile

51


52


53

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport


54


Campionato toscano UNVS di canoa 2013. Vivere lo Scolmatore

Arrivo

1° classificato

Roberto Sardi premia

Partenza

Pubblico presente

Premiazione allievi Premiazione dei Campioni toscani

La classifica finale valida per l’assegnazione del titolo di Campione toscano Unvs: Nella categoria femminile W45 Ornella Ricci, nella categoria maschile M35 Luca Lombardi, nella M40 Gianluca Mancini. Alla premiazione erano presenti, oltre al presidente Alessandro Pagni in rappresentanza della Canoa Club, anche i rappresentanti della sezione Unvs con il presidente Gino Massei, i consiglieri Pierluigi Matteoli e Piero Pierini oltre al segretario Gianfranco Baldini.

Premiazione cadetti

Arrivo

Premiazione cadetti femmine

Premiazione master

Gino Massei premia

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

Ottimo ritorno in termini di partecipazione. L’anno prossimo l’iniziativa sarà ripetuta, perché con oltre 50 iscritti fra agonisti e amatori, a pagaiare lungo lo Scolmatore, la manifestazione entra di diritto fra le più importanti del territorio, sia in termini sportivi che in rapporto alla promozione turistica. La cronaca di “Vivere lo Scolmatore”, disputata domenica 13 ottobre scorso, si chiude con un bilancio molto positivo. La manifestazione giunta alla quinta edizione, è stata organizzata dalla società Canoa Club Livorno con il patrocinio del Comune colligiano e con la collaborazione dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport sezione “Ivo Mancini. La gara era valida anche per il 2° “Campionato Unvs di Canoa”. La distanza da coprire era di circa 8 km e gli atleti, dal più piccolo al più anziano, si sono dati battaglia lungo tutto il percorso.

55


56


Memorial Renato Baconcini - Ivo Guglielmi sempre di misura (ancora 1 – 0) contro il Livorno: a risolvere la sfida un bel gol di Ribaudo dopo diciotto minuti dal fischio d’inizio. Ottima poi la reazione del Livorno, più volte vicino al pareggio, ma rimasto a secco di gol per la poca fortuna e la poca precisione degli attaccanti sotto porta. Gli amaranto avevano battuto in precedenza con un secco 2 – 0 il Tuttocuoio, con le reti di Picchi e Di Sacco, per

trale, composta da Jari Bulgarelli, Gregorio Cioppa e Alessio Paoli, che ha diretto il triangolare. La sezione Aia di Livorno, inoltre, è stata vicina all’iniziativa anche con la presenza alle premiazioni del tor-

Il Delegato regionale UNSV Salvatore Cultrera

La terna da sx: Bulgarelli, A. Paoli e Cioppa

cui sarebbe bastato un pari ai ragazzi allenati da Juri Cannarsa contro il Pontedera per alzare al cielo il trofeo. In ogni caso è stata una bella festa dello sport, che da otto anni viene promossa per mantenere

neo del vice presidente Giovanni Nannipieri. Tra le autorità intervenute alle premiazioni anche il delegato regionale dell’Unvs Salvatore Cultrera, il presidente e il vice presidente della sezione Unvs colligiana, rispettivamente Gino Massei e Maurizio Ceccotti. In rappresentanza della famiglia Baconcini il genero Marco Di Bisceglie. Questi i ragazzi della squadra Giovanissimi regionali del Livorno calcio che hanno preso parte alla competizione: Di Sacco, Canessa, Salvadori, Mecacci, Arena, Grasso, Pellegrini, Bani, Sparaciari, D’Acunto, Romani, Gemignani, Pini, Contini, Piccione, Marcaccini, Amore, Simeone, Stoppa, Lenzi, Picchi, Parigi. Allenatore: Cannarsa.

A.C. Tuttocuoio 1957

Livorno e Tuttocuoio, infatti, sono state le altre due società impegnate nel torneo, in cui hanno saputo ben figurare nonostante la forza superiore della vincente Pontedera. La quotata formazione della Valdera ha superato di misura (1 –

U.S. Città di Pontedera

0) il Tuttocuoio nel primo match, giocato sul filo dell’equilibrio, grazie ad una prodezza di Micheletti nel finale del primo tempo. I ragazzi di mister Niccolini hanno poi bissato il successo, decisivo ai fini della conquista della coppa in palio,

A.S. Livorno calcio

Il Vicepresidente AIA Giovanni Nannipieri e la terna

vivo il ricordo di due uomini di sport, Renato Baconcini e Ivo Guglielmi appunto, che hanno dato un importante contributo al mondo del calcio, in particolare nel panorama labronico, nelle loro vesti di arbitri di ottima caratura. Il torneo è stato organizzato con la collaborazione del Livorno Calcio e della sezione Aia (Associazione Italiana Arbitri) di Livorno, la quale ha fornito gratuitamente la terna arbi-

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

l Pontedera si aggiudica l’ottava edizione del trofeo calcistico giovanile “Memorial Renato Baconcini – Ivo Guglielmi”, disputato negli impianti sportivi di Stagno. Quest’anno, per la prima volta, la manifestazione promossa dalla sezione Unvs “Ivo Mancini” di Collesalvetti ha visto protagonista la categoria Giovanissimi professionisti regionali, con la formula, e qui sta l’altra novità, del triangolare.

Il Sig. Massei premia la 2a squadra

57


Conseguimento di tutte le categorie di patenti:

A-B-C-D-E

in tempi rapidi e a prezzi convenienti Con servizio navetta da Stagno Lun/merc/ven partenza dalle Poste di Stagno ore 18.20 per tutti coloro che dovranno conseguire la patente auto

Corsi A.D.R.

(trasporto merci pericolose)

a ciclo periodico

Corsi per patenti professionali (CQC) merci e persone

58


Domenico Passuello e Diego Giuntoli Si giocano tutto negli ultimi chilometri CLASSIFICA GENERALE 1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12° 13° 14° 15° 16°

Passuello Domenico Giuntoli Diego Grandi Andrea Truden Andrea Lencioni Giovanni Edifizi Emanuele Cittadini Francesco Del Carlo Stefano Valentini Fulvio Ciambriello Giovanni Pelorossi Daniele Dell’Innocenti Stefano Freschi Alessandro Rocchi Luca Mastrovito Leonardo Dossena Andrea

GC. FALASCHI Asd ASD TRYCICLE GC. FALASCHI ASD TRYCICLE BALDOSTEFAN SPEEDY BIKE Asd U.I.S.P. LUCCA BALDOSTEFAN FANINI STORE Asd ASD CM 2 TERNA CICLO PONTEDERA GS. RAMINI Asd TEAM BALLERO ASD TRYCICLE ASD CICLO POINT SPEEDY BIKE A.S.D.

Località “La Berte”

categorie. Presenti anche cinque atleti tesserati per l’Unione Nazionale Veterani dello Sport. Al termine della corsa solo tre atleti appartenenti alla gloriosa sezione di Massa concludevano la gara. Il percorso si snodava all’interno della campagna del comune di Collesalvetti e attraverso Stagno, Guasticce, Bivio La Berte, Nugola, SS4, Piersanti, Cisternino, Pian di Rota, Ponte Ugione Stagno da ripetere tre volte per un totale di circa Km. 70

BALDOSTEFAN A.S.D. SPEEDY BIKE A.S.D. U.I.S.P. LUCCA A.S.D

1° 2° 3° 4° 5°

A.S.D. CICLOPOINT SPORT GROUP A.S.D. TEAM BALLERO CICLI PUCCINELLI CICLI PUCCINELLI

CATEGORIA A4

Bandini Fabrizio Ballati Dario Schiavetti Fabio Pollacchi Rossano Pasqualetti Alessio

CATEGORIA A 5

1° Angeli Roberto 2° 3° Gioli Manrico 4° Diara Marco 5° Iacopini Nedo 6° Santucci Franco

A.S.D. CICLOPOINT

1° 2° 3° 4° 5°

GC. FALASCHI A.S.D. VELO CLUB S. VINCENZO GC, QUERCIA A.S.D. TEAM STOCCHETTI POL. ARCI STAGNO

CATEGORIA A 6

Gremigni Livio Bendinelli Bruno Basteri Giuseppe Campani Eros Spagnoli Luciano

CLASSIFICA SOCIETA’

Dalle Mura Attilio del GC. Quercia

CATEGORIA A1 1° 2° 3° 4° 5°

Giuntoli Diego Pelorossi Daniele Rocchi Luca Doveri Davide Cataldo Lorenzo

A.S.D. TRYCICLE CICLO PONTEDERA A.S.D. TRYCICLE A.S.D. CICLI TADDEI MTB GABBRO 89

1° 2° 3° 4° 5°

Passuello Domenico Dell’Innocenti Stefano Mastrovito Leonardo Dossena Andrea Tamberi Paolo

GC. FALASCHI A.S.D. GS. RAMINI A.S.D. A.S.D. CICLO POINT SPEEDY BIKE A.S.D. CICLI PUCCINELLI

CATEGORIA A2

CATEGORIA A3 Località “Nugola”

3° Lencioni Giovanni 4° Edifizi Emanuele 5° Cittadini Francesco

1° Grandi Andrea 2° Truden Andrea

GC. FALASCHI A.S.D. ASD TRYCICLE

1ª GC. FALASCHI A.S.D. 2ª A.S.D. CICLOPOINT 3ª CICLI PUCCINELLI

CICLI PUCCINELLI GC. FALASCHI A.S.D. GS REA AMBIENTE A.S.D. GC, QUERCIA

Punti 17 Punti 13 Punti 10

Andrea Grandi, Davide Poli e Fabrizio Taranto

PREMIAZIONE 1° CAMPIONATO TOSCANO UNVS Premia il presidente Gino Massei

1° Santucci Franco

1° Delle Mura Attilio

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

L’

edizione numero venti della “Coppa per lo Sport” organizzata dalla Polisportiva Arci Stagno con il patrocinio della sezione dell’Unione Nazionale dello Sport “Ivo Mancini” di Collesalvetti, e con la collaborazione del Velo Club San Vincenzo quest’anno valida per il 1° Campionato Toscano Unvs, non delude le attese della vigilia e regala una gara particolarmente combattuta con Domenico Passuello del Gruppo Ciclistico Falaschi a festeggiare sul traguardo posto in via E. Berlinguer a Stagno. Il secondo posto è di Diego Giuntoli della Asd Trycycle mentre Andrea Grandidel GC Falaschi si accaparra il terzo gradino del podio. Al via 99 concorrenti di 21 formazioni suddivisi nelle sei

1ª Sezione Class. Massa

59


UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

l 2 marzo 2013, in un noto Ristorante di Livorno, in occasione della riunione regionale Unvs e quindi alla presenza delle massime cariche nazionali e regionali, si sono svolte le premiazioni del 1° Gran Prix Unvs di Mezza Maratona, patrocinato dalla sezione locale “Ivo Mancini”. Alla presenza di Gian Paolo Bertoni presidente nazionale, Federigo Sani consigliere nazionale, Giuliano Salvatorini segretario generale, Giuliano Persiani presidente del Collegio Nazionale Revisori dei Conti, Ceccotti Rolando componente, Renzo Pallini membro del Collegio Nazionale dei Probiviri, Rudy Poli membro Commissione Nazionale d’Appello, Ettore Biagini delegato regionale per le sezioni della Toscana. Erano presenti i presidenti di: Carrara con Galeotti Erberto, Cecina con Cerri Enrico con

il vice Ginanni Pietro e il consigliere Villani Alberto, Grosseto con Rita Gozzi e con Nella Migliorini presidente Onorario, Livorno con Cesare Gentile, Massa con Mauro Balloni e il consigliere Agusto Fruzzetti, Pistoia con Francesca Bardelli, Rosignano Solvay con Stefano Tempesti, San Giovanni Valdarno con Alberto Galli Segretario, Siena con Bruno Bianchi, Viareggio con Franco Mencacci e Raffaele Del Freo presidente Onorario, Volterra con Fosco Maielli, Piombino con Edo Marchionni vice presidente e La Spezia con Francesca Bassi. Le sezioni di Lucca e Pisa erano rappresentate dai soci: Michele Quintino Miceli e

Salvatore Cultrera per Collesalvetti erano presenti dal neo presidente Gino Massei, dal vice Maurizio Ceccotti e dai soci Gian Franco Baldini, Romano Livi, Pier Luigi Dodoli. Pierluigi Mattioli e Aldo Tani. Erano inoltre presenti gli atleti: Alberto Bambini, Laura Fiorentini, Maurizio Maggi, Giorgio Cioni, Giancarlo Schiano, Ornella Ricci, Vladimiro Rolla, Angelo Squadrone e Flavia Rejec Flavia. Presenti anche i responsabili della mezza maratona di Pisa Tiralongo Gabriele e di San Miniato Ivano Leoni, con la moglie del compianto Giuseppe Cerone. Infine, il presidente della sezione della Spezia Francesca Bassi.

Ivano Leoni premia

Angelo Squadrone premiato al centro Rudi Poli premia

Salvatore Cultrera premia

60

Premiazione 1° Grand Prix UNVS

Alberto Bambini

Giorgio Cioni premia


Giancarlo Schiano

Mirco Maggi

Flavia Rejec

Miceli e Bandew

Ornella Ricci

Laura Fiorentini

Alberto Bambini

Vladimiro Rolla

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

Atleti premiati

61


ESTETICA ELEONORA

Nuova gestione Nel Centro Estetico su appuntamento si possono prenotare consulenze mediche: Dietologo nutrizionista, Dermatologo, Fisioterapista Chirurgo estetico

 Estensione ciglia  Fotoepilazione  Trattamenti viso-corpo personalizzati  Massaggi  Pressoterapia  Ricostruzione unghie smalto semi-permanente  Sauna e Solarium

Via Galileo Galilei, 159/A - Vicarello (LI) 62

Aperto dal martedì al sabato, dalle 09.00 alle 19.00 Per appuntamenti: Eleonora 347 0081810


Una giornata di festa all’aria aperta Una Gimkana per il “Progetto Ciclismo”

Scuola Media 1ª Class. Collesalvetti

Dopo la finale tra i due istituti delle scuole medie, il turno è passato alle elementari di Nugola e Guasticce. Gli alunni si sono intervallati sulle piste, alternando

na del 20 e 28 aprile in due brevi tracciati ad ostacoli per studenti appartenenti alle Scuole Medie di Collesalvetti e Stagno accompagnati dai professori Marradini e Valeri, che hanno partecipato alla “Gimkana” organizzata dall’As Colognole, con il patrocinio della sezione locale dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport. Una gimkana che ha coinvolto oltre cento ragazzi suddivisi fra maschi e femmine. I partecipanti si sono cimentati lungo altrettanti percorsi separati, ma identici, con slalom fra birilli, passaggio sotto

gli incontri con le varie classi. L’iniziativa, ha lo scopo di far avvicinare il giovane al mondo dello spot e, in particolare, vuole insegnare il comportamento da tenere quando si è in sella alla bicicletta. Il parcheggio del compresso sportivo di Collesalvetti si è trasformato nella matti-

Bottiglia

un arco, una prova di abilità che prevedeva il prendere al volo la borraccia e gettarla nel cestino accanto, posare un piede a terra davanti alla striscia dello stop ed un giro attorno ad una piccola rotatoria, ripetendo la prova due volte. Al termine delle due giornate sono stati premiati i

Campo di gara

primi dieci classificati con coppe e medaglie. Presenti fra gli organizzatori i soci Giorgio Bacci, Luciano Profeti, Giuliano Santucci, Aldo Tani e Gianfranco Baldini con il fattivo supporto dei soci del GS Palazzone di Guasticce: Carmelo Cannistraro, Angelo Beccio e Antonio Conforto, inoltre, il sevizio fotografico è stato realizzato da Claudio Ciangherotti e Giovanni Bracaloni del Foto Club Colle.

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

N

onostante le incertezze meteorologiche di questo maggio, la quarta edizione “Progetto Ciclismo” si è conclusa con successo.

Campana

63


Q UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

uest’anno nella scuola elementare di Guasticce e Nugola, per la prima volta dopo le esperienze passate, ha fatto il suo debutto il corso di sicurezza stradale con l’ausilio del Corpo della Polizia Municipale locale. Il progetto ciclismo è stata una novità sportiva che ha creato nei partecipanti una fattiva partecipazione con doman-

A Collesalvetti il progetto SPORT E VALORI de e conseguenti risposte dei conduttori, Giorgio Bacci e Giuliano Santucci, che si sono avvalsi della proiezione di filmati riguardanti competizioni sportive ed hanno richiamato l’attenzio-

Scuola Primaria Giuseppe Mazzini di Nugola (Foto ricordo degli alunni con gli insegnanti e i componenti del progetto)

1ª classe Insegnante Maria Masci con Eva Sagona

2ª classe Insegnante Susanna Pietrini (Nugola)

3ª classe Insegnante Serena Gozzani (Nugola)

Insegnante Claudia Tosolini (Nugola)

Nugola, foto di gruppo delle scuole

64

ne sul comportamento da tenere sulla strada, oltre ad evidenziare i valori sociali educativi quali l’osservanza delle regole, la lealtà e il rispetto dell’avversario.

Insegnante Angela Madioni


5ª Classe Insegnante Claudia Tosolini (Nugola)

4ª Classe Insegnante Angela Madioni Nugola)

Scuola Primaria Falcone-Borsellino di Guasticce (Foto ricordo degli alunni con gli insegnanti e i componenti del progetto)

Foto ricordo classi 5ª e 4ª Guasticce

Foto ricordo classi 1ª e 2ª Guasticce Ins. Monica Landi

Foto ricordo 3ª Classe Guasticce

Foto ricordo classe 4ª Guasticce

Foto ricordo classi 3ª e 4ª Guasticce

UNVS: Unione Nazionale Veterani dello Sport

4ª Classe Insegnante Angela Madioni Nugola)

Foto ricordo classe 4ª Guasticce

65


66


Presentazione 2012 Livorno sul tetto dello sport mondiale di Mario Orsini

Ricordo di Giovanni Orsucci e Alfredo Sisi

Speaker della cerimonia il professor Alberto Buonaccorsi, con la regia dell’editore dell’Almanacco Roberto Scotto. L’inizio, con tutti i convenuti in piedi, è quanto mai toccante e suggestivo. A stimolare le corde dell’amor patrio sono le note dell’inno di Mameli. Momenti partecipativi che fanno da prologo a quelli di commozione, quando il professor Buonaccorsi traccia un breve e partecipato profilo di due grandi personaggi dello sport labronico che ci hanno lasciato nel 2012. I dirigenti di Pattinaggio e Baseball: Giovanni Orsucci e Alfredo Sisi. Due autentiche colonne che hanno dedicato parte della loro esistenza allo sport, abbinando alla straordinaria competenza passione e impegno quotidiano. Alcuni fermi immagine dei loro volti sereni e gioiosi, sulle note dell’Inno al Sole, e il successivo minuto di raccoglimento, rispolverano, in tanti dei presenti, bei ricordi che il tempo non potrà cancellare. A fare da “apripista” agli interventi di autorità civili e militari, Roberto Scotto e il direttore responsabile dell’Almanacco Antonella De Vito.

Premiazioni

A ricevere l’ambito premio di atleta femminile dell’anno, dell’Almanacco 2012, la giovane e bella campionessa, di sollevamento pesi, Beatrice Grassi, studentessa del quarto anno del liceo scientifico Enriques. Una ragazzina tutta acqua e sapone innamorata del suo sport e dello studio. Ad accompagnarla lo storico maestro Pietro Cannavò, mentre nel salone risuonano, le note di “WE are the Champions”, il capolavoro dei Queen, scritto da Freddie Mercury nel lontano 1977 e tratto dall’album News of the World. A premiare la brava Beatrice il presidente Kutufà, l’ammiraglio Cavo Dragone, lo sponsor del trofeo atleta dell’anno Vittorio Rocchi e il vincitore dell’edizione precedente, il nuotatore Luca Ferretti. L’ambito premio di atleta dell’anno, questa volta in campo maschile, va, invece, ai surfisti: Massimiliano Mattei e Martino Seravalli. Anche in questo caso sulle note di uno dei grandi capolavori di musica leggera dell’ultimo mezzo secolo: “Eye of the Tiger” del 1982. La canzone dei Survivor che raggiunse straordinari vertici di popolarità, come brano dell’azzeccatissima colonna sonora, del film Rocky III. A premiare i bravissimi Massimiliano e Martini ancora Kutufà, Cavo Dragone, Rocchi e Ferretti. Premi speciali sono stati inoltre consegnati, da Giovanni Giannone, Roberto Scotto e Rodolfo Graziani, Cesare Gentile ad atleti azzurri ed ex azzurri che hanno tenuto alto il nome di Livorno nel mondo. Tra questi premi quello alla memoria dell’indimenticato ex calciatore della nazionale, dell’Inter e del Livorno: Armando Picchi. A ritirarlo la nipote Paola Picchi. A ricevere premi speciali per quanto hanno fatto o continuano a fare (atleti in attività) nella loro carriera sono stati poi: Rolando Rigoli, Letizia Tinghi, Franco Nenci, Luciano Bonati, Mario Trainni, Ivan Palmeistain, Roberto Bastrei, Paolo Macchia, Diego Saccà, Luca Ferretti e altri.

Presentazione Almanacco 2012

I

l suo biglietto da visita sono le 500 medaglie olimpiche, mondiali ed europee conquistate a tutte le latitudini, in un secolo abbondante di sport. Un numero destinato a crescere grazie ai tanti ottimi atleti che Livorno ha il privilegio di avere in parecchie discipline. A certificare annualmente le performance di questi campioni, con il cuore dipinto di amaranto, e a scriverle, in maniera indelebile, nell’album dei ricordi, da un quarto di secolo, ci pensa l’Almanacco dello Sport. Un’azzeccatissima idea editoriale di Roberto Scotto, ormai diventato un cult, o se preferiamo un must, dello sport. Giovedì 6 giugno 2013, in pompa magna nella sala Consiliare di Palazzo Granducale, come è d’obbligo per un grande avvenimento, la presentazione ufficiale dell’edizione relativa agli avvenimenti del 2012. Un volume di circa quattrocento pagine redazionali nelle quali sono condensati i risultati sportivi più importanti, con commenti, interviste e foto a colori. A fare gli onori di casa il presidente della Provincia Giorgio Kutufà. Al suo fianco autorità civili e militari. Tra loro il comandante dell’Accademia Navale ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, l’assessore al bilancio del comune di Livorno Valter Nebbiai, il responsabile provinciale del Coni Giovanni Giannone, il presidente dell’associazione atleti olimpici azzurri d’Italia Rodolfo Graziani, il tenente Giovanni Angelini della guardia di Finanza, il direttore marittimo: capitano di vascello Arturo Faraone e il tenente colonnello Giuseppe Crielesi della brigata Folgore. Insomma un parterre de rois d’eccezione, com’è giusto che sia.

67


Presentazione Almanacco 2012 68

Foto delle Autorità durente l’Inno nazionale

Foto delle Autorità durente l’Inno nazionale

Premiazione dell’Atleta dell’anno 2012 Beatrice Grassi

Nella foto il team dei collaboratori dell’Almanacco dello Sport

Premiazione Federazione Ciclismo

Premiazione Federazione Scherma


Premiazione Federazione Pesca Subacquea

Premiazione Federazione xxxxxxxxxxxxxxxxx

Premiazione Federazione Braccio di Ferro

Premiazione Federazione Pugilato

Premiazione Federazione xxxxxxxxxx

Presentazione Almanacco 2012

Premiazione Federazione Canottaggio

69


Presentazione Almanacco 2012 70

Premiazione Federazione xxxxxxxxxxxxxxxx

Premiazione Federazione Pattinaggio

Premiazione Federazione xxxxxxxxxxxxxxxxx

Premiazione Federazione Pesi

Premiazione Federazione Pugilato

Da sx: Graziani, Rigoli, Nenci, Lessi e ???????


71


72


Onore e gloria ai nostri campioni… il Museo dello Sport questo sogno possa diventare finalmente realtà. Come vedrete dalle pagine della pubblicazione, abbiamo voluto dedicare il 2013 alle “Donne nello Sport”, che talvolta sono ingiustamente messe da parte dalla grande comunicazione, ed invece, ognuna a livello diverso, investe energia, tempo e passione. Campionesse e atlete amatoriali, tutte legate da una determinazione tipicamente femminile che ha molto da insegnare al mondo maschile. Un altro anno entusiasmante è trascorso in compagnia degli atleti di tutti i livelli che ci hanno regalato soddisfazioni di ogni genere, ma certo si è fatta sentire la mancanza di due grandi dirigenti, che mai rimpiangeremo abbastanza: Alfredo Sisi e Giovanni Orsucci. Quando parliamo di baseball e pattinaggio non possiamo evitare di pensare al loro impegno e alla disponibilità che hanno sempre dato a queste discipline, ma vogliamo anche ricordare l’aiuto che davano all’Almanacco, affinché le loro amate discipline facessero la bella figura che meritano. Ed ora i ringraziamenti per tutti coloro che, anche quest’anno, ci sono stati vicini e hanno reso possibile che un nuovo numero dell’Almanacco dello Sport potesse vedere la luce. Al centro del nostro lavoro ci sono proprio gli atleti che ringrazio per quello che fanno quotidianamente e la pa-

Una sala del Museo dello Sport di Torino

zienza che sempre ci dimostrano, mettendosi a nostra disposizione per raccontarci i loro successi, i sogni e la quotidiana fatica. Anche quest’anno la “mia squadra” mi è stata vicina, sopportando le mie ansie che aumentano a mano a mano che si avvicina il giorno della pubblicazione, e sono motivate dal desiderio che tutto sia perfetto, come il mondo dello sport livornese merita. Quindi ringrazio: Isabella Scotto, Antonella De Vito, Mario Orsini e Michela Demi, Foto Novi, Foto Salvini e Foto Bizzi. Purtroppo anche quest’anno la crisi economica ha continuato ad accompagnarci, ma i nostri inserzionisti sono veramente fantastici, e pur con tanti sacrifici continuano a seguirci, perché insieme a noi credono in questa pubblicazione, quindi un grande grazie va anche loro. Rinnovo la gratitudine alla mia famiglia che ogni anno mi supporta in questo oneroso lavoro e naturalmente al Coni, alle Federazioni, alle Associazioni sportive, agli Azzurri d’Italia con Rodolfo Graziani e i Veterani dello Sport con Cesare Gentile, che sono sempre al nostro fianco per incoraggiarci e indirizzarci con professionalità. La nostra riconoscenza va, inoltre, alle istituzioni locali, che ci accompagnano ormai da anni nella realizzazioni del nostro progetto, dunque un sentito ringraziamento al Comune, alla Provincia, all’Accademia Navale e a tutte le Forze dell’Ordine che ci sostengono. Dunque grazie a tutti e arrivederci al prossimo anno, ma nel 2014 non dimentichiamoci del Museo dello Sport, continuiamo a parlarne, a progettarlo, a mettere insieme tutti coloro che possono dare un contributo e chissà che alla prossima presentazione dell’Almanacco dello Sport non si possa dare l’annuncio dell’imminente apertura… Roberto Scotto

Ringraziamenti

A

nch’io ho un sogno nel cassetto! Ma spero di potercelo togliere presto per poter vedere con i miei occhi la realizzazione di un museo dedicato ai nostri campioni e alle loro imprese sportive. È un progetto che Livorno può permettersi grazie alla vocaRoberto Scotto zione atletica dei suoi cittadini. Se ogni anno riusciamo a pubblicare un Almanacco di oltre 400 pagine, se è stato possibile realizzare un film apprezzato fino in America, il merito è proprio dei tanti sportivi che hanno reso la nostra città la più “medagliata” d’Italia. Ed allora, perché non realizzare anche un museo che renda gli onori e la gloria dovuti ai nostri protagonisti e a tutti quelli che da tempo lavorano per creare gli atleti? Penso al Museo dello Sport di Torino, che con molti meno campioni e medaglie di noi ha saputo costruire uno spazio museale dedicato all’argomento, che ospita anche manifestazioni culturali ed educative, e riserva iniziative a favore dei giovanissimi. Non c’è bisogno di dire che ciò rappresenta un’attrazione turistica, che potrebbe essere sfruttata anche a Livorno. Sarebbe bello ed interessante poter mostrare a tutti i cimeli della nostra storia sportiva: il cappello che Fabrizio Mori indossò quando vinse i mondiali, i pattini di Letizia Tinghi, il costume di Ilaria Tocchini, le scarpe del lottatore Riccardo Niccolini e non sto a continuare questa lista che potrebbe riempire pagine e pagine del nostro Almanacco. Quest’anno ho voluto iniziare i miei ringraziamenti, a coloro che rendono possibile la realizzazione della nostra pubblicazione, parlando del Museo dello Sport perché è un progetto al quale tengo veramente molto e credo nella sua utilità. Spero con il mio lavoro e con la mia passione per il mondo dello sport di dare un impulso, affinché

73


p o C

a f s l t o A a n r u b i pa L

Con il patrocinio di

Provincia di Livorno

Comune di Livorno

Comune di Rosignano

1 -2 Febbraio 2014

è Ente promotore

b a l E e y l l a R

Con il patrocinio di

10 -12 Aprile 2014

Provincia di Livorno

Comune di Marciana Marina

Comune Campo nell’Elba

Comune Rio nell’Elba

è organizzatore di:

R

i t f f a r G a b l E e y l l a

18-20 Settembre 2014

74

Con il patrocinio di

Provincia di Livorno

Comune di Capoliveri


ACI Coppa Liburna 2014 Un trionfo annunciato

Pedersoli, il favorito della vigilia, in trionfo

L’

edizione 2014 della Coppa Liburna Ronde Asfalto premia il favorito Luca Pedersoli, il pilota bresciano che già alla vigilia i pronostici davano come papabile trionfatore. Sul gradino più alto del podio, si è confermato quindi l’esperto driver che ha viaggiato in tandem con il fidato navigatore Matteo Romano. Sin dalla prima Piesse coperta nella tarda serata di sabato, il duo si è rivelato imprendibile.

Pedersoli, a bordo della datata ma efficace Peugeot 206 WRC della Vieffecorse, ha preso il comando già dal primo dei quattro passaggi previsti, riuscendo a contenere le incursioni del massese Gabriele Ciavarella su Ford Fiesta R5, vettura dell’ultima generazione, sulla quale è stato affiancato da Perna. Tutto ciò malgrado si fossero moltiplicate le insidie nascoste, dovute alle condizioni meteo avverse ed all’asfalto ampiamente bagnato dall’abbondante pioggia caduta anche a cavallo del fine settimana. Così il teatro del confronto andato in scena sulla tanto celebre quanto probante prova speciale della “Traversa Livornese” ha messo alla prova i 54 equipaggi partiti dalla Rotonda dell’Ardenza: alla bandiera a scacchi sono giunte appena 37 vetture, a conferma della selettività di un tragitto anche in versione “rovesciata” ha saputo regalare sensazio-

ni forti. Specie al folto pubblico che ha risposto con entusiasmo alla chiamata di Aci Livorno Sport. Per Pedersoli solo un piccolo brivido nel corso della seconda prova di sabato sera, a causa di un guasto occorso all’impianto interfonico dei caschi. Poi la gara ha assunto il tono di una cavalcata trionfale. Ciavarella, alla sua seconda gara con la Fiesta R5, ha firmato un meritevole secondo posto. Il driver

ACI: Automobile Club d’Italia

di Andrea Puccini

75


OPEL Livorno Emmepi Auto s.r.l. Wir leben Autos

Unica Concessionaria Opel per Livorno e provincia

Stagno (LI)

via U.La Malfa, 3 (di fronte al McDonald) Tel. 0586.942356 • Mob. 348.0628392 www.opel-livorno.it • info@opel-livorno.it

i n o i oz i e personalizzati

m t a o l r o Superp nti agev

con fnanziame

76

Seguici anche su OPEL Livorno - Emmepi Auto s.r.l.


Il vincitore Pedersoli in azione (foto V.Incerpi)

via, il pisano Senigagliesi (Peugeot 207 S2000) era uscito di strada. Particolare interesse ha suscitato l’iniziativa dedicata agli sponsors “Parti con noi”. Il nome ed il logo dei partners sono stati abbinati mediante estrazione alle vetture. La vittoria è andata a PAPINI DANORO. La Liburna 2014 ha rappresentato anche la prima tappa del neonato Trofeo “Corri con Hankook 2014”, promosso da ERTS. La struttura ha supportato ACI Livorno Sport e Proracing fornendo mezzi e logistica per la gara.

Menzione infine per il confermato happening “Area Birra” di Rosignano Marittimo, produttore di birra artigianale toscana”. Un contest parallelo che ha eletto il passaggio più bello in un punto preciso, ovvero l’inversione del bivio per Nibbiaia. Nel terzo passaggio, una commissione ha espresso il verdetto: il più spettacolare è stato il lucchese Luca Bertolozzi con una Fiat 600 Sporting-classe A0.

CLASSIFICA FINALE (top ten):

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Pedersoli-Romano (Peugeot 206 Wrc) in 23’48.6 Ciavarella-Perna (Ford Fiesta R5) a 21.3 Artino-Tricoli (Skoda Fabia S2000) a 1’32.6 Scattolon-Grimaldi (Peugeot 208 R2) a 2’03.7 Restano-Scalabrini (Renault Clio Rs) a 2’40.1 Bonuccelli-Marchetti (Peugeot 106) a 2’45.0 Bertini-Campilli (Renault Clio W.) a 2’46.5 Morelli-Guazzini (Renault Clio Light) a 2’59.8 Casipoli-Ciardi (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 3’06.1 Galliani-Galeotti (Renault Clio S1600) a 3’15.2.

ACI: Automobile Club d’Italia

di Massa ha anche calzato per la prima volta gommature Michelin: l’unico brivido è arrivato durante la seconda prova, con una “toccata” posteriore che ha danneggiato solo il paraurti. Sul gradino più basso del podio si è accomodato il pistoiese di Lamporecchio Luca Artino, affiancato da Tricoli, alla sua seconda gara al volante della Skoda Fabria S2000. Notevole la bagarre che si è creata dietro, con protagonisti il pavese Giacomo Scattolon (Peugeot 208), il friulano Dimitri Tomasso (Renault Clio S1600) ed il locale Massimiliano Restano (Renault Clio RS). Scattolon ha sfruttato al meglio la 208 di soli 1600 cc. La terza prova ha visto l’incidente di Tomasso cosicché Scattolon ha potuto veleggiare verso una meritata quarta piazza, e soprattutto verso il primato tra le vetture derivate dalla serie. Tra le delusioni illustri, quella del vecchio detentore: già pochi metri dal

77


Officina Autorizzata dalla Motorizzazione Civile

Officina autorizzata

M.C.T.C.

autoveicoli e motocicli

REVISIONI

Concessione n. 00AP000012 del 08/06/2009

di Cataldo D, F, R, & C. snc

NOVITĂ€

SOLUZIONE 4 STAGIONI

Semplicemente perfetto! Senza uso di catene

QUATRAC 3

Esclusiva per Livorno Un pneumatico per tutte le stagioni, per autovettura e suv.

OFFICINA: Via Torino int. 4/E - Livorno - Tel./fax 0586.857117 REVISIONI: Via Napoli, 14 - Livorno - Tel. 0586 864594


Rallye Elba Storico - Graffiti Decima prova del Campionato Europeo Rally Storici e penultima del Campionato Italiano di Andrea Puccini

all’Isola d’Elba e trovato nell’Arcipelago Toscano il proprio habitat ideale, inserito in uno dei pochi contesti geografici al mondo che sembrano fatti apposta per ospitare una competizione motoristica. Il Comune di Capoliveri, che dal 2011 ha ospitato il cuore nonchè quartier generale della manifestazione, Acqua dell’Elba, Locman Italy e Moby: un poker che anche per l’edizione dei venticinque anni della gara si è confermato vincente, ormai parte integrante del territorio che li vede coinvolti. Per quanto concerne l’aspetto sportivo invece, la vittoria di Montini, venticinquenne bresciano di Sabbio Chiese affiancato da Ognibeni, é arrivata al fotofinish, nel dettaglio con le ultime due prove speciali. La cronaca racconta di un confronto sportivo avvincente ed incerto, con ben sette passaggi di testimone per la leadership. Il primo ad andare al comando era stato, nella prima serata del giovedì, il bresciano “Pedro” (Lancia Rally 037, Campione Europeo uscente e vincitore della gara nel 2012), poi dalla seconda alla terza prova ha comandato la verde Porsche 911 di Luigi Marchionni appaiata a quella di Lucio Da Zanche. Tutto questo per poi vedere

quest´ultimo cercare l´allungo e chiudere in testa la prima tappa dopo aver piegato la resistenza dello stesso “Pedro”, il quale per la sola sesta prova era riuscito a tornare davanti a tutti. 
Nella giornata di chiusura invece, una nuova doccia fredda è stata quella che ha visto coinvolto il leader Da Zanche, prima afflitto da problemi alla frizione, poi affondato in classifica per una foratura (PS 11). A quel punto è passato al comando il senese Alberto Salvini, alla sua seconda gara con l´Audi Quattro. Quando il pilota di Castelnuovo Berardenga pareva avviato all´alloro è arrivato un nuovo colpo di scena: Salvini ha sofferto l´iniziativa del giovane Montini che intanto si era insediato al secondo posto dopo una prestazione sempre a toni alti. Un attacco deciso nelle due “piesse” finali ha permesso al giovane valsabbino di cogliere un risultato significativo, quello che ha sancito la sua prima vittoria assoluta conquistata al primo anno di esperienza con la spettacolare coupé di Stoccarda.

Salvini dunque a terminato al posto d´onore mentre la terza piazza è andata al biellese Davide Negri (Porsche 911), attardato di circa 2´ da una foratura patita durante la sesta prova speciale ma

I • n.3 Anno XII re 2013 Settemb

R I CO

AU H A M P TO I O N S H I P S TO R I C H E

per i non soci i soci - 50 cent.

S TO

Y

C

no Un autun o ic t t a did per l’AC

ni invenzio Salute e una guida per a più sicur Sopra i vincitori Nicholas Montini e Michele Ognibeni (Porsche 911) A sx la copertina della rivista ACI news dedicata all’evento

orizzazione Tribu

16 co .00 pi 0 e

nale n°685 del

13 marzo 2001

• Poste Italia

ne s.p.a. - Sped

izione in Abbo

namento Posta

L. 27/02 003 (conv. in le - D.L. 353/2

/2004, n. 46)

a 1, CB Livor art. 1, comm

no - Aut. del

PI

.

o 40 cent. per - Livorno • Prezz

ELBA

LL O N EUROP RA Y ATO E A N H I S TO R I C R AL L EUROPEO

nship

25°

pio

VERI ( LI ) POLI CA . 2013 31 19. 9

A F. I .

21/03/2001

ic Rally C ham istor H n CAM

F.I.A. Europ ea

N

570

RNO LIVO S E W

2013: a Storico ne’ lb E e y ll a R a collezio 25 anni ‘d

ACI: Automobile Club d’Italia

T

re giornate di gara e quattordici Prove Speciali, hanno decretato i bresciani Nicholas Montini e Michele Ognibeni (Porsche 911) quali vincitori del XXV Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy.
La competizione, organizzata da ACI Livorno Sport, decima prova del Campionato Europeo Rally Storici e penultima del Campionato Italiano, svolta con l´organizzazione di ACI Livorno Sport, ha avuto nuovamente come quartier generale Capoliveri. 
Una competizione che ha vissuto momenti decisamente esaltanti e spettacolari, per la gioia dei numerosi appassionati arrivati all´Isola d´Elba per vedere proseguire la tradizione di uno dei rallies più amati al mondo.
L´evento infatti, confortato da una temperatura estiva oltre che da una cornice di pubblico delle grandi occasioni, è stato nuovamente inteso anche come veicolo di promozione del territorio. Si celebravano infatti le nozze d’argento del Rallye Elba Storico e la festa si è consumata scrivendo un’altra pagina memorabile della storia di ACI Livorno trascorsa al fianco di amici con la A maiuscola, i quali ormai da tempo supportano concretamente l’evento. Un nuovo esaltante capitolo, l’ennesimo, partorito anche dalla penna dei partner che supportano l’organizzazione di ACI Livorno Sport. Compagni d’avventura che puntualmente, edizione dopo edizione, si ritrovano a regalare nuova linfa alla macchina organizzativa per proseguire con passione. È anche grazie a loro che il Rallye ha affondato le radici

79


ACI: Automobile Club d’Italia

Salvini

80

rivalutatosi bene nel finale di quello che è stato il suo primo Rallye Elba.
Ai piedi del podio, in quarta posizione, ha finito Enrico Brazzoli (Lancia Rally 037), attardato sulla PS 8, l´ultima della prima tappa, da una foratura. Un fuori programma al quale il cuneese ha reagito in concreto con una prestazione decisamente cristallina oggi che gli ha permesso di tenersi dietro il norvegese Walter Jensen, al via con una vettura analoga “griffata” Martini, ricordo concreto degli anni ruggenti dei rallies mondiali.
Sfortuna per diversi, a partire da “Pedro”, fermatosi per problemi al cambio ed alla trasmissione allo start della PS12, quindi a due impegni dalla bandiera a scacchi. Anche il pavese Matteo Musti (Porsche 911) non ha sorriso: pesantemente attardato in avvio di gara ed affondato in classifica

Pedro

per problemi ad una bobina, quelli che pur con un tentativo di rimonta gli hanno inibito di entrare anche nella top ten assoluta.
Nel Primo Raggruppamento CSAI ha chiuso al comando Luigi Zampaglione (Porsche 911), primo anche nella Categoria 1 della corsa continentale, il Secondo Raggruppamento CSAI è andato a Montini, il Terzo Raggruppamento all´austriaco Wagner (Porsche 911, vincitore anche nella Categoria 3 dell´Europeo), dopo che aveva concluso al comando la prima tappa Marco Raoul Domenicali (Porsche 911 SC), poi fermatosi oggi. Tornando alla lettura della gara in chiave europea, nella Categoria 2 ha primeggiato lo svedese Mats Myrsell, anche lui su una Porsche 911 e la Categoria 4 è stata appannaggio di Salvini.

Notevoli le per-

formances, con punte di vero spettacolo e “numeri” da manuale, da parte del sammarinese Giuliano Calzolari (Ford Escort RS), grande ottavo nella generale (davanti a Da Zanche) e primo delle “due litri” ed anche dell´indimenticato Campione biellese degli anni ottanta Federico Ormezzano, con la Talbot Lotus 2.2, applauditissimo dal pubblico, così come è stato per il primo degli elbani, Marco Galullo, con una Lancia Fulvia HF.
 La Coppa Porsche-Michelin è andata a Montini ed il Trofeo A112 Abarth, che in questa occasione prevedeva una classifica separata per entrambe le tappe (e relativo punteggio) ha visto primeggiare in entrambe le giornate il trentino Tiziano Nerobutto. La vittoria assoluta del Trofeo 2013 è stata invece della vicentina di Arzignano Lisa Meggiarin.


Le nozze d’argento con il Rallye Elba Storico ed un’altra pagina memorabile scritta da ACI Livorno al fianco di amici con la A maiuscola, i quali ormai da tempo supportano concretamente l’evento. Un nuovo esaltante capitolo, l’ennesimo, partorito anche dalla penna dei partner che supportano l’organizzazione di ACI Livorno Sport. Compagni d’avventura che puntualmente, edizione dopo edizione, si ritrovano a regalare nuova linfa alla macchina organizzativa per proseguire con passione. È anche

I nostri fidati compagni di viaggio

grazie a loro che il Rallye ha affondato le radici all’Isola d’Elba e trovato nell’Arcipelago Toscano il proprio habitat ideale, inserito in uno dei pochi contesti geografici al mondo che sembrano fatti apposta per ospitare una competizione motoristica. Il Comune di Capoliveri, che dal 2011 ospita il cuore nonchè quartier generale della manifestazione, Acqua dell’Elba, Locman Italy e Moby: un poker che anche per l’edizione dei venticinque anni della gara si è confermato vincente, ormai parte integrante del territorio che li vede coinvolti.

Negri

Mercattilli


Galullo

L’Amministrazione Comunale di Capoliveri ha difatti voluto con forza la gara ospitando anche una Prova Speciale dentro il centro cittadino, un caso raro nel mondo. Oltre all’istituzione poi, vi sono le imprese private. Due “griffe” prestigiose come Acqua dell’Elba e Locman Italy: entrambe eccellenze che valicano i confini isolani, conosciute in tutto il mondo, nate all’Elba da una forza imprenditoriale dinamica ed innovativa. La ciliegina sulla torta poi arriva da Moby, un partner che gioca un ruolo strategico anche a livello logistico considerato che, attraverso la propria flotta, assicura il flusso turistico e lavorativo in entrata ed uscita. Risulta fisiologico che tutte queste entità imprenditoriali si siano ritrovate al fianco dell’organizzazione. Una joint venture utile a regalare al Rallye il necessario sostegno per le necessità attuali e la rassicurazione verso un futuro sereno. Fabio Murzi, socio insieme a Marco Turoni e Chiara Murzi di Acqua dell’Elba (profumi unici creati all’ Isola d’Elba con materie prime naturali e tecniche di manifattura artigianali), conferma lo slancio con cui l’Azienda è al fianco dell’organizzazione: “Per noi è un piacere partecipare, in particolare di essere partner in un’edizione carica di ‘storia’ che celebra 25 anni di successi. Acqua dell’Elba sostiene con entusiasmo la manifestazione che permette al territorio di essere protagonista e in grado di coinvolgere numerosi appassionati, addetti ai lavori e semplici spettatori con una grande ricaduta economica e di immagine”. Locman Italy è da anni una realtà di spicco nel campo dell’orologeria. Un’azienda con una forte impronta familiare che ha

spiccato il volo, un limpido esempio dell’eccellenza del Made in Italy. “Il Rallye all’Elba, storico o moderno che sia, è un mito. La nostra Azienda - dice Marco Mantovani, il fondatore del marchio e amministratore delegato del gruppo - è sempre stata legata agli eventi del territorio ed alla valorizzazione di esso: non potevamo non interessarci. Negli anni vi sono stati alti e bassi, da quando il Rallye Elba era uno dei riferimenti mondali della specialità. Grazie allo sforzo dell’Automobile Club Livorno e dei tanti appassionati isolani, direi che si è riusciti a riportare in alto il nome Rallye Elba con le vetture storiche, a farle riprendere un significativo livello di eccellenza. La gara è in crescita, il lavoro dietro le quinte carico di passione ed estremamente professionale”. “Per Moby è significativo aver rinnovato la partnership - ha dichiarato Eliana Marino, Direttore Commerciale di Moby- Questa collaborazione rappresenta un ulteriore tassello nel percorso intrapreso dalla nostra Compagnia, volto alla promozione del territorio e alla destagionalizzazione del turismo in un luogo incantevole come l’Isola d’Elba”. Un pensiero simile a quello del Dott. Ruggero Barbetti, Sindaco del Comune ospitante: “Siamo soddisfatti della sinergia e del rapporto umano che si sono creati in così poco tempo con gli organizzatori. Speriamo che l’evento rimanga a Capoliveri. Teniamo particolarmente ad un evento di grande risonanza che regala valore aggiunto al territorio. Quest’anno avremo molti iscritti che potranno ammirare le bellezze elbane e tutti saremo parte attiva per accogliere al meglio i protagonisti”.

Le auto in attesa del via

Brazzoli

ACI: Automobile Club d’Italia

Matteucci

81


VUOI VENDERE SUBITO LA TUA AUTO?

A U T O M O B I L I Franchising

NOI CI RIUSCIAMO ANCHE IN

48 ORE !!

Possiamo trovare compratori anche per Auto con motore fuso, Auto incidentate, Auto da rottamare, Autocarri

Agenzia di intermediazioni Automobilistiche Responsabile Commerciale Livorno cittĂ e comune

Responsabile per la provincia di Livorno

Michele Biondi cell. 335 6080670

Emiliano Creatini cell. 331 1874549

Livorno Via degli Arrotini, 14 int. 3 (Zona Picchianti) autolivorno@freecarautomobili.com 82

Cecina (LI) Via Don Minzoni, 11 autolivornosud@freecarautomobili.com

www.freecarautomobili.com


Perego, il bis è servito Al Rallye Elba 2013, secondo successo consecutivo per il pilota valtellinese che si riconferma campione

Pronostico rispettato

Tutto secondo copione per l’equipaggio dato per favorito dagli addetti ai lavori, nel quale figura con merito anche il navigatore livornese Alessandro Floris: unica differenza dal successo di dodici mesi prima, il fatto che il bis sia mayurato a bordo di una vettura diversa, una Mitsubishi Lancer Evo IX gruppo N firmata da Silvio Terrosi. Per il resto, la cronaca della competizione sportiva ha ricalcato temi già sperimentati, con Perego che si è proposto in testa sin dal primo impegno cronometrato, per poi finire con un progressivo allungo sulla concorrenza a conferma del predominio annunciato. Il pilota di Tirano, ex Campione Italiano ‘Produzione’ ed innamorato degli storici tornanti elbani, ha passato solo alcune stagioni lontano da un bolide della Casa giapponese “dei tre diamanti”. A differenza del passato, questa volta a fare la differenza c’è stata anche la scelta azzeccata dei pneumatici coreani Hankook: un mix asiatico estremamente redditizio, dato che Perego ha siglato il

I primi tre equipaggi della classifica generale festeggiano insieme sul podio

miglior riscontro cronometrico in tutte le sei “piesse” disputate. “Non è stato facile riprendere in mano la Lancer, peraltro dotata delle nuove omologazioni con la flangiatura del turbo e soprattutto con gomme mai usate, rivelatesi competitive” ha confermato il driver, gratificato dall’enplein al momento della partecipata cerimonia di premiazione. Un momento di festa nel quale hanno trovato spazio anche i beniamini di casa Alberto Anselmi, elbano di Marciana Marina, in coppia con Allori su una Peugeot 207: un equipaggio giunto secondo a causa anche di un errore penalizzante proprio sulla scelta di gomme nelle prime battute di gara e della carenza di feeling con la

due litri francese. Piazza d’onore sul podio per un altro elbano doc, Emanuele Mannoni di Campo nell’Elba assecondato dall’esperto lucchese Castiglioni e più che soddisfatto visto che per lui si trattava del debutto assoluto su una Subaru Impreza Gruppo N. Onore delle armi anche per Francesco Bettini e Luca Acri, protagonisti di una gara emozionante quanto un giro sulle montagne russe: piazzatisi quarti assoluti sulla loro Renault Clio R3, prima sono partiti forte, poi hanno patito un contrattempo durante la terza prova speciale (una “toccata” con una protezione e il conseguente spegnimento della vettura gli hanno fatto perdere circa un minuto, affondandoli in classifica al decimo posto) ma hanno avuto forza e talento per risalire la china con una rimonta che è valsa loro il titolo nel Trofeo Renault Clio.

ACI: Automobile Club d’Italia

P

erego cala la doppietta. È Andrea Perego, già campione uscente nell’edizione 2012, a scrivere nuovamente il proprio nome nell’albo d’oro del Rallye Elba. La manifestazione che nel weekend appena trascorso ha rappresentato il secondo atto del Challenge di VI zona, valida anche per il prestigioso circuito dell’Open Rally Toscano, ha confermato quindi le attese della vigilia. Il ritorno della gara a Portoferraio ha coinciso con l’ennesimo successo organizzativo da parte di AC Livorno e ACI Livorno Sport, i quali hanno orchestrato un evento che, in barba alla crisi economica, ha conservato alto il blasone e la significativa tradizione dell’appuntamento motoristico isolano. Sempre più vicino al ritorno ai fasti degli anni d’oro.

CLASSIFICA ASSOLUTA:

1. Perego-Floris (Mitsubishi Lancer Evo IX) in 46’00.1 2. Anselmi-Allori (Peugeot 207 S2000) a 50.3 Portoferraio è tornata protagonista dell'importante evento motoristico

83


Tre partners d'eccezione hanno confermato il proprio sostegno ad un appuntamento di valenza ormai internazionale

Sempre più online

Molto gratificanti anche i numeri provenienti dalla ‘realtà virtuale’ di internet. Il sito ufficiale della manifestazione, rintracciabile all’indirizzo www.rallyelba.com, è stato infatti ‘cliccatissimo’. E non solo nel corso della settimana che culima poi nella tre giorni di gara a cavallo del weekend, quando diventa più prevedibile l’innalzarsi dell’interesse del mondo del web intorno alla competizione elbana (visite: 17 mila

Perego

pagine visitate: 53 mila, visitatori diversi: oltre 13 mila, accessi: 425 mila). Infatti, già durante la prima parentesi del 2013, compresa nel periodo gennaio-aprile, le visite singole al sito sono state oltre 26 mila. Le pagine visitate addirittura 100 mila, i visitatori diversi 20 mila per un totale di accessi attestatosi intorno all’nvidiabile quota di 790 mila.

Sponsors e turismo

Un paniere statistico che fa ben sperare gli organizzatori per un sempre crescente interesse di pubblico e, di conseguenza, di sponsors: la linfa della gara portata in dote da aziende che hanno unito il proprio nome e marchio all’evento con passione. Sono i partner ENI, MOBY e API-IP, che hanno assicurato un appoggio determinante. Tutti nomi blasonati ed importanti, raggruppati intorno ad una ‘per il territorio, che va oltre il semplice momento sportivo. Il Rally è un perfetto veicolo per la valorizzazione dell’immagine turistica dell’intera isola, specie per favorire l’incoming durante un periodo ancora lontano dal clou della stagione estiva grazie al classico turismo emozionale. Le location infatti hanno fatto da palcoscenico ideale: il centro storico di Portoferraio ha accolto con calore la partenza e l’arrivo in Piazza Cavour, mentre il parco Una suggestiva immagine del palco, posizionato nel centro di Portoferraio

partenze e il parco chiuso dopo l’arrivo hanno trovato il proprio habitat naturale nell’adiacente Piazza della Repubblica. Oltre alle verifiche tecniche, Portoferraio l’ha fatta da ‘mattatrice’ anche per quanto concerne il parco assistenza ed ovviamente per il quartier generale. I bellissimi locali dell’Hotel Airone, con un servizio professionale e quanto mai curato, sono stati il cuore pulsante dell’happening: un ringraziamento particolare va anche alla Direzione del’albergo che ha deciso di anticipare l’apertura stagionale proprio per aprire i battenti in occasione del rally. Una significativa richiesta di coinvolgimento l’ha espressa anche il Comune di Marciana Marina, sul quale si sono accesi i riflettori attraverso il riordinamento organizzato nella giornata della domenica, oltre allo “shake down” avvenuto in coincidenza della celeberrima PS della “Civillina”.

ACI: Automobile Club d’Italia

3. Mannoni-Castiglioni (Subaru Impreza) a 1’06.1 4. Bettini-Acri (Renault Clio) a 1’24.0 5. Volpi-Scalabrini (Renault New Clio) a 1’24.4 6. Giacomelli-Giacomelli (Renault Clio S1600) a 1’26.2 7. Galullo-Pieri (Renault Clio Sport) a 1’32.6 8. Gamba-Maggio (Renault Clio S1600) a 1’47.0 9. Baisi-Tricoli (Peugeot 207 S2000) a 1’56.3 10. Panzani-Grilli (Renault Twingo) a 2’25.4.

Ottima la cornice di pubblico che ha gremito i tornanti elbani

85


86


Il Nuovo Team Squadra Corse ai vertici nazionali Silvia e Giovanni Galleni: i fratelli del rally

Andrea Perego - Alessandro Floris

go, con alle note il livornese Alessandro Floris ha vinto il Rally dell’Elba e ha dominato il Gr.N alla Ronde Liburna Terra sempre al volante della Mitsubishi Evo IX. Nel trofeo nazionale Corri con Clio, i portacolori del Nuovo Team Livorno Piergiorgio Deila e Alessandro Marchesini si sono aggiudicati il secondo posto. Un tocco di internazionalità è dato dall’equipaggio composto da Marco Tempestini e Lucio Baggio che hanno portato i colori della squadra corse livornese in giro per l’Europa, partecipando al Campionato Europeo ERC con una Subaru N14 in versione Gr.R e una Skoda Super 2000 all’inizio della stagione che hanno concluso a bordo della nuovissima Ford Fiesta R5. Da sempre i fratelli Galleni si occupano di seguire sin dai primi passi i giovanissimi che desiderano cimentarsi nello sport dell’automobile. Grandi soddisfazioni sono arrivate da Alberto Rossi, figlio del velocissimo pilota degli anni 80 Pierangelo, che ha partecipato con successo a diverse gare in zona, ottenendo risultati di rilievo. Altro “figlio d’arte” seguito sin dai suoi 14 anni è Simone Tempestini. Giovanni Galleni

Il giovanissimo pilota trevigiano ha iniziato la sua esperienza in Romania in quanto in Italia è vietata la partecipazione ai non patentati. Al compimento dei fatidici 18 anni e finalmente con la patente, il giovane Tempestini è potuto uscire dai confini della Romania e partecipare anche a gare importanti. Simone ha vinto nel 2013 la classifica Junior nel Campionato Rumeno ed ha partecipato anche a 2 gare di Campionato Mondiale, il Rally di Finlandia e il Rally di Gran Bretagna, per fare esperienza in vista delle partecipazioni al Campionato Junior Mondiale che lo vede impegnato in questa stagione. A fine 2013 Simone, a 19 anni, ha partecipato alla sua prima gara al volante di una Skoda Super 2000, il Prealpi Master Show classificandosi 1° delle vetture Super 2000 e 6° assoluto.

ACI: Automobile Club d’Italia

N

ato nel 1987 il Nuovo Team Squadra Corse di Livorno è sempre ai vertici del rallismo nazionale. La società fondata dai fratelli Silvia e Giovanni Galleni è da molti anni un punto di riferimento per i giovani piloti che vogliono iniziare la loro attività nel mondo delle 4 ruote. Esperienza, competenza, successi e passione sono gli ingredienti alla base dei risultati conseguiti nel corso degli anni dai piloti supportati dal sodalizio livornese. Nel 2013 l’equipaggio composto da Max Restano e Simone Scalabrini, a bordo di una Renault Clio RS Gr.N ha primeggiato nelle gare di zona. Gli altri equipaggi composti da Marco Nannipieri e Alessandro Raugi, David e Daniel Giacomelli, Paolo Tondini e Andrea Nencini, Claudio Mecarelli e Stefano Santucci e Riccardo Noe’ con Fabrizio Paoli hanno conseguito ottimi risultati classificandosi sempre tra i primi nelle rispettive categorie. Nelle auto storiche Michele Paoletti e Rossano Mannari con la piccola A112 Abarth hanno vinto il Rally Storico di Casciana Terme. Nelle specialità slalom è doveroso ricordare i brillanti risultati di Claudio Puhar e Mimmo Cecere rispettivamente alla guida di Peugeot 106 Gr. A e Subaru N12 Gr.N. Sempre nella stessa specialità Giovanni Galleni si è imposto nella categoria Autostoriche sia a Castellina che a Castelnuovo della Misericordia al volante della sua potente Opel Ascona 400 Gr.4. Importanti risultati il Nuovo Team li ha conseguiti con i propri piloti “fuori zona”. Andrea Pere-

Paolo Tondin

87


Proracing: il buongiorno si vede dal mattino Inizio di stagione con una vittoria assoluta

Fabrizio Bacci na con la loro inusuale Seat Ibiza N3, che si è rivelata competitiva tanto da dare del filo da torcere agli avversari con vetture più moderne. A far loro compagnia, Giannone, che può vantarsi di essere uno degli ultimi interpreti della gloriosa Renault 5 turbo. Rimanendo tra le auto piccole, non possiamo non citare Lonzi e Morelli, due piloti spesso sul podio delle rispettive classi N2 ed N3. In Toscana è un “affare” Proracing anche la combattuta classe R2B, riferimento tra le vetture medie: Volpi e Bozzi,

le alle Super1600. Sui fondi sterrati, si sono ben comportati anche gli specialisti di queste gare, tutti protagonisti nelle combattute classi minori: Coppola, Morgantini, i fratelli Calvani, Oretti, Gallinaro hanno animato le proprie categorie facendo valere la loro esperienza di guida. Proracing ha

ACI: Automobile Club d’Italia

O

rmai da alcuni anni la stagione del rallysmo labronico si apre molto presto, già alla fine del mese di gennaio, proprio con l’appuntamento più atteso: il rally Liburna, che ha luogo sulle strade di casa, rinverdendo i fasti del mitico rally che negli anni ’80 e ’90 ha fatto avvicinare alla specialità tanti equipaggi della nostra città. Per la scuderia livornese Proracing non poteva esserci migliore inizio di quello di una vittoria assoluta con Senigagliesi-Morganti: il forte pilota della Val di Cecina, affiancato dall’esperto navigatore livornese, è stato l’alfiere della scuderia per tutta la stagione, ottenendo sulla Peugeot 207 S2000 anche la vittoria ai rally del Monteregio, di Casciana Terme e dell’Alta Val di Cecina. Con Senigagliesi si sono messi in evidenza anche altri piloti della zona, ad iniziare da quello che, ormai da alcuni anni, è probabilmente il più forte dei molti equipaggi presenti sull’Isola d’Elba: Bettini-Acri, sempre presenti nelle parti alte della classifica, a bordo della Renault Clio R3C che ormai calza loro come un guanto, tanto da ottenere la vittoria nel trofeo Renault di zona. E come non citare un equipaggio tra i più esperti, gli intramontabili Bolognesi e Baldi, hanno saputo trovare la quadra della loro potente Lancer Evo9, ottenendo anche un podio dal quale mancavano da tempo, e proprio nella gara di casa. Il sodalizio guidato già da 11 anni da Bacci, Creatini, Giulianetti, Ricca, Franchi e Quadelli non ha mancato di supportare anche i piloti delle classi più piccole, specialmente quelli giovani, e ovviamente, livornesi, aiutato da alcuni team che hanno fornito un prezioso supporto tecnico per le vetture: GRT, Mecauto, Terrosi. Proprio tra i più giovani, Laudicina-Pinna hanno corso nelle gare del challenge di zo-

Daniele Giulianetti

Francesco Laudicina

gentleman livornesi, si sono cimentati durante la stagione sulle proprie Citroen C2 Max. In evidenza già nelle prime gare Mori-Meini, che sono stati i più poliedrici, cambiando spesso vetture e tipologie di gare, dall’asfalto ai fondi sterrati, dalle vetture a trazione integra-

allungato i suoi rami anche nelle provincie e regioni vicine. Il lucchese Fanucchi si è dimostrato tra i più forti piloti nella classe N3 e ha portato alla scuderia la 5a vittoria della stagione, al rally del Ciocco. Il fiorentino Fatichi ha invece portato la scuderia in gare ai confini del nordest Italiano per cimentarsi in ambienti nuovi. Bene in Liguria l’ex motociclista Borgogno, sempre a podio nelle sue apparizioni ai prestigiosi rally di Sanremo e Appennino Ligure. Nel 2014 passaggio di colori del Valtellinese ex campione italiano Andrea Perego, che con una Mitsubishi Evo X parteciperà al Campionato Italiano Assoluto gommato Hankook.

89


90


Atletica leggera Una finestra sul futuro Il resoconto di Antonio Caprai presidente della Federazione provinciale

Mattia Contini Europei Rieti

I

l 2003 è stato un anno importante sotto diversi punti di vista, ad iniziare ovviamente da quello sportivo. Infatti le due Società maggiori, l’Atletica Livorno e la Libertas Runners Livorno hanno collezionato una serie di titoli che fanno “bonaria invidia” ad Associazioni sportive ben più ricche economicamente. Cominciamo con la Società Atletica Livorno, quella che ha collezionato i maggiori successi, citando solo le prestazioni ed i titoli a livello nazionale: LORENZO DINI Campione Italiano Junior 5000 e Cross. Argento Campionati Europei Junior 10000. Quinto Campionati Europei Junior di cross. Partecipante ai Campionati Mondiali Junior di cross.

SAMUELE DINI Argento Campionati Europei Junior 5000. Argento ai Campionati Italiani Junior 1500 e nel Cross. Diciottesimo Campionati Europei Junior di cross. Partecipante ai Campionati Mondiali Junior di cross. FILIPPO LARI Campione italiano indoor allievi salto in alto. Finalista Campionati Mondiali Allievi di salto in alto. Oro nel salto in alto nelle Gymnasiadi di Brasilia. CATERINA BIANCHINI Campionessa Italiana Junior 4x100. Quinta ai Campionati Italiani Assoluti 4x100. GIORGIA DEGL’INNOCENTI Campionessa Italiana Junior 4x100. VALENTINA LENSI Campionessa Italiana Junior 4x100. Quinta ai Campionati Italiani Assoluti 4x100. SARA REPETI Campionessa Italiana Junior 4x100. Quinta ai Campionati Italiani Assoluti 4x100. SARA BIRICOTTI Campionessa Italiana Cadette del triplo. ANDREA RINALDI Terzo ai Campionati Italiani Cadetti nel triplo. A livello societario tante belle soddisfazioni per i biancoverdi con il quinto posto nella finale argento disputata a Vicenza, la squadra femminile è giunta terza nella finale A1 disputata a Sulmona, questo per quanto riguarda le finali nazionali.

Un gruppo di ragazzi e ragazze della Libertas

Gianluca Picchiottino agli italiani Indoor

A questi risultati si aggiungono numerosi titoli toscani di Società. Per i cugini della Libertas Runners Livorno si sono avute belle soddisfazioni nei settori della marcia, dei lanci e degli ostacoli. In particolare si sono distinti: GIAN LUCA PICCHIOTTINO 4° ai Campionati italiani di marcia allievi su pista. 2° ai Campionati italiani di marcia allievi su strada. 3° prestazione italiana allievi 5 Km in pista. MATTIA CONTINI - JUNIORES - 400 Hs: 9° ai campionati europei nei 400 Hs 2° ai Campionati italiani Migliore prestazione italiana di categoria.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

di Antonio Caprai

91


Agostini srl Via dell’Industria, 9 - 57122 LIVORNO Tel. 0586 895358 - Fax 0586 891354 info@gruppoagostini.it web: www.agostinisrl.it

Tutto ciò che serve per ottimizzare il lavoro di ufficio • STAMPANTI e FOTOCOPIATRICI MULTIFUNZIONE in B/N e COLORE • COMPUTER e SERVER • SOFTWARE GESTIONALI

Scotto Pubblicità Livorno

• ARREDAMENTI UFFICIO


GIACOMO GROTTI Partecipazione ai Campionati Europei. Terza prestazione italiana di categoria. MARCO LOMBARDI Ultramaratone: 1° gran prix 100 Km, 1° gran prix 50 Km, 2° nella classifica nazionale delle ultramaratone, 1° nella 100 Km di Asolo. Una messe di titoli sono venuti anche dal settore amatoriale in cui hanno brillato specialmente gli atleti della Livorno Team. Altre belle realtà sono quelle relative all’opera del Gruppo Giudici Gare di Livorno che si riconferma come uno dei più consistenti e bravi a livello nazionale. Ai Giudici di Gara, guidati dal fiduciario Sergio Raminghi, deve essere riservato un posto di onore nell’ambito delle attività svolte a Livorno ed in provincia. Collaborazione, spirito di sacrificio e professionalità ne fanno un punto di riferimento per tutto il mondo sportive dell’Atletica Leggera. Questi sono stati i migliori risultati dello scorso anno, ma anche da altri punti di vista ci sono buone notizie. Finalmente dopo almeno dieci anni di richieste qualcosa si sta muovendo nel settore impiantistico.

Giacomo Grotti Europei Tampere

È certo che la pista, logoratissima, sarà ristrutturata per poter continuare a svolgere anche organizzativamente manifestazioni a livello regionale. Purtroppo le carenze strutturali rimangono, in particolare non vi è uno spazio minimo per potersi riparare in caso di pioggia e gli spogliatoi versano sempre in condizioni critiche. Ma intanto qualcosa si sta muovendo e questo è comunque importante. Il titolo di questo articolo è “una finestra sul futuro” ed allora vediamo quali sono i progetti del Comitato Provinciale della FIDAL che saranno sviluppati insieme alle Associazioni Sportive. Innanzitutto abbiamo la consapevolezza di partire da una numericamente validissima attività giovanile che è una delle più prospere in Toscana e che certamente garantirà una continuità nello svolgimento di attività ad alto livello nel prossimo futuro. Abbiamo la speranza che grazie alla competenza dei Dirigenti e dei tecnici presenti tutti i giorni al campo sportivo scolastico, un grande numero di piccoli atleti che sono attualmente nella categoria “esordienti” rimangano a praticare questa disciplina straordinaria che è l’atletica leggera. Fondamentalmente i presupposti ci sono. Un altro obiettivo è quello di tipo “culturale e storico”. Vorremmo creare all’interno del campo sportivo scolastico una struttura mobile che sia un “museo dell’atletica”, che permetterà di rivivere quelle prestazioni grandi degli atleti livornesi. Prestazioni indimenticate ed indimenticabili, anche recenti come la medaglia d’oro ai Campionati del Mondo di Fabrizio Mori. Saranno esempi per tutto il nostro bacino di utenza. Sarà effettuata anche una rievocazione delle prime olimpiadi e cercheremo di realizzare una serie di premiazioni con corone di olivo per i concorrenti. Svilupperemo ancor di più il sito web che è molto visitato ed è un

Marco Lombardi 1° class. nella 100km di Asolo

supporto importante per tutti. Ovviamente la collaborazione fra tutte le componenti è indispensabile per sviluppare tante altre attività, ma la crescita è assicurata da progetti comuni, da capacità tecniche e dirigenziali che non mancano a Livorno. Il futuro ci dovrà vedere protagonisti e creare una nuova storia di successi a tutti i livelli, sportivi ed umani. I successi umani, di fair play, di sano agonismo e di rispetto dell’avversario fanno parte della nostra storia e della nostra realtà. I risultati che le nostre Associazioni sportive hanno raggiunto non sono frutto del caso, ma del lavoro fatto sul campo da tutti, nessuno escluso. Un rapporto privilegiato è stato aperto con la scuola, attraverso collaborazioni organizzative ed attraverso corsi di perfezionamento per insegnanti di scuole primarie. In particolare poi la FIDAL ha raggiunto un accordo con il liceo scientifico “Enriques” con il quale collabora con propri tecnici per sviluppare definitivamente un indirizzo sportivo all’interno della scuola superiore. Tutte queste collaborazioni sono frutto di contatti e di rispetto delle istituzioni che sono fra di loro intrecciate anche se apparentemente indipendenti. Così sarà la nostra “finestra sul futuro”.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

Partenza per i CDS

93


APPARECCHI ACUSTICI Dottoressa Emanuela Menicagli 388 4737563

 Terapia laser per acufeni  Laringofoni ILE! OFFERTA P4,50 €

ne 1 confezio ni 17 € 5 confezio

 Fornitura ASL e INAIL  Consulenza a domicilio  1 MESE DI PROVA GRATUITO

Via delle Sorgenti, 102 - Livorno Tel. 0586 404881 connexina@libero.it

STUDIO DENTISTICO OTORINO

ESTETICA MEDICALE NON INVASIVA

Calderini Fulvio

Specialista in implantologia guidata a carico immediato, con possibilità di sedazione per trasformare in 1 solo giorno la protesi mobile in protesi fissa, senza dolore né sanguinamento

CON RADIOFREQUENZE

Trattamenti mirati non invasivi per: • contorno del viso • rughe superficiali e profonde del viso • ptosi del braccio, dell’addome, interno cosce, • rilassamento dei tessuti del viso e del collo cellulite edematosa e fibrosa • acne • solco nasogenieno Primo controllo abbinato ad un trattamento dimostrativo gratuito

I lettori di ACI Livorno News e i loro familiari potranno usufruire di una prima visita gratuita e dello sconto del 20% sugli eventuali futuri lavori Possibilità di pagamento con finanziamenti

Per maggiori informazioni visita il sito internet: www.studiodentisticocalderini.it CECINA: Via Circonvallazione, 11 - Tel. 0586 372700 o 333 1332868 LIVORNO: Via P. Donnini, 11 - Tel. 0586 410904 o 333 1332868 Prossima apertura S. Miniato Basso


ILARIA CARIELLO Grinta e voglia di divertirsi per gareggiare contro se stessi

L’INTERVISTA

La gioia di Ilaria Cariello dopo aver superato per la prima volta i 6.01 metri a Campi Bisenzio a maggio del 2013

I

laria Cariello, 23 anni, studentessa di Veterinaria, ha iniziato a praticare atletica 4 anni fa, dopo 14 anni di scherma con la Fides. “Ho smesso perché era troppo impegnativo, e lo studio richiedeva maggiore attenzione. Sono sempre stata un tipo sportivo e non riuscivo a stare ferma, così quando per caso vidi alla televisione una gara olimpica di salto in lungo, decisi di provare. Ho incontrato un bel gruppo formato sia dai miei compagni di atletica che dall’allenatore ed anche questo, oltre alla passione per la disciplina, mi ha spinto a continuare”. Parlaci del tuo Curriculum sportivo. “Quando ho iniziato saltavo veramente poco, ma la voglia e la grinta c’erano, così sono migliorata, fino ad arrivare seconda agli italiani, ho poi continuato facendo sempre progressi e adesso posso dire di essere ad un buon livello nazionale e sono contenta”. Il 2013 com’è andato? “Molto bene, sono soddisfatta. Mi rammarico per i Campionati assoluti dove per il troppo caldo non ho dato il meglio di me, ma sono soddisfatta per i Campionati italiani a Rieti

Ilaria nel salto in lungo

dove sono arrivata quarta nel triplo, facendo anche il mio record personale, mi sono poi qualificata nona nel lungo e ho avuto delle gratificazioni anche nella velocità”. La soddisfazione più bella? “A maggio quando ho raggiunto per la prima volta i 6 e 01 metri. Il tempo non era neanche favorevole, perché pioveva, ma ce l’ho fatta comunque. È stata una soddisfazione per me, per il mio allenatore Ilaria nel salto triplo a Rieti con 12.14 metri nel giugno 2013 Massimo Favoriti e per i miei genitori che erano fra il pubblico e mi sostengono che ha nello stare dietro a tutti noi, ed infine, i miei compagni che sono sempre presenti per sempre”. Quale caratteristica deve avere chi pra- dare sostegno, anche quando le cose non vanno bene”. tica atletica? I tuoi amici ti seguono in questo sport? “Sicuramente la grinta, perché ci si trova “Sì, anche quelli della scherma mi sono a gareggiare soprattutto contro se stessi, più che contro gli altri, per conquistare sempre un molto vicini e mi appoggiano, anche se talvolcentimetro in più. Ma un’altra caratteristica ta provano a farmi tornare con loro. Anch’io continuo a seguire la loro attività agonistica”. importante è avere la voglia di divertirsi”. Cosa ti ha insegnato questo sport? Cosa ti dà questo sport? “Che anche quando le cose vanno male c’è “Appagamento. Ho iniziato anche per scaricarmi dopo aver passato le giornate a stu- sempre da imparare qualcosa”. diare, e lo sport aiuta molto in questo senso”. Un sogno nel cassetto? “Le olimpiadi. Però punto a qualcosa di più abbordabile, magari preparandomi per qualche gara più importante negli italiani”. Qual è il complimento più bello che hai ricevuto? “Più che un complimento è stata un’affermazione, quella del mio allenatore che quando ho fatto i sei metri ha detto: ce l’abbiamo fatta”. Il tuo maggiore fan? “Mio padre. Mi ha sempre seguita e appoggiata in qualsiasi sport che ho praticato”. Anche l’atletica è impegnativa... non solo la scherma. “Sì, alla fine tutto quello che si fa è impegnativo. Forse il fatto che il nostro tecnico si alleni con noi alleggerisce la fatica, trasformandola in un divertimento”. Una cosa da dimenticare? “I miei primi tre nulli. Fortuna che è stata una défiance di un solo giorno, poi mi sono ripresa subito”. Chi ti senti di ringraziare? “Prima di tutti i miei genitori che mi soIlaria Cariello ai Campionati Toscani Indoor stengono, poi il mio allenatore per avermi con il suo allenatore Massimo Favoriti, dove si è classificata 1a insegnato quello che so e per la pazienza

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

di Antonella De Vito

95


caroleisas@gmail.com

➠ Muratura in genere

➠ Impermeabilizzazioni,

➠ Ristrutturazioni

isolamento acustico e termico su tutte le superfici

➠ Rifacimento tetti e

➠ Realizzazioni piazzali,

complete chiavi in mano facciate di ogni genere

dependance, ecc.

Preventivi e consulenze gratuite Ditta referenziata con possibilità di visionare nostre realizzazioni Impiego di personale altamente specializzato Rilascio di garanzie pluriennali per varie tipologie di lavori

96

SIAMO QUI PER VOI! METTETECI ALLA PROVA


SARA BIRICOTTI

La vittoria ai Campionati italiani

L’INTERVISTA

Sara Biricotti mentre sta per effettuare un salto triplo ai Campionati Italiani Cadetti a Jesolo

S

i dedica all’atletica da due anni, ma alle spalle ha l’esercizio fisico che 8 anni di ginnastica artistica le hanno dato. Sara Biricotti ha 15 anni, frequenta l’Istituto Alberghiero a Pisa, e le sue specialità sono il salto triplo e quello in lungo. “Ho incontrato l’atletica attraverso le gare scolastiche, dove andavo abbastanza bene con il salto in alto e le prove di velocità, più tardi ho provato il

U

na ragazza di poche parole e molto concisa nelle sue risposte, guarda più all’aspetto concreto delle cose, che non alle chiacchiere. Terminato l’allenamento delle ragazze, prima che inizi il suo, riusciamo a strapparle qualche considerazione sulla sua carriera sportiva. Moira Pachetti ha 25 anni e racconta: “Faccio atletica dalla seconda media, mi sono avvicinata a questo ambiente grazie alla campestre organizzata dalla scuola e ad una mia amica che già stava praticando tale sport. Precedentemente facevo Judo, ma ho smesso appena sono entrata al campo scuola. Oggi la mia specializzazione è il fondo”. Sintetizziamo il tuo curriculum sportivo. “Ho partecipato sempre agli italiani sia indoor che outdoor, ed ai campionati italiani promessa da juniores vincendoli”.

salto in lungo ed il triplo, ed ho capito che ero portata per questo tipo di disciplina”. Raccontaci la tua avventura sportiva in questi due anni. “Il primo anno sono andata subito agli italiani e mi sono qualificata dodicesima. Il secondo anno, cioè nel 2013, invece, gli ho vinto. Grazie al mio allenatore, Massimo Favorito, sono riuscita a migliorare e a raggiungere buoni risultati”. Fare ginnastica artistica per tanti anni ti ha aiutata in atletica? “Diciamo che in alcune cose mi ha aiutato molto, come per la forza e la potenza, ma in altre mi ha lasciato alcuni difetti, ad esempio nella tecnica della corsa”. Quali emozioni ha saputo suscitare questa nuova disciplina? “Mi ha dato subito grandissime soddisfazioni, ed in poco tempo mi sono innamorata dell’Atletica”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Tutto”. Ci sarà pure un piccolo aspetto negativo? “Quando dobbiamo allenarci dopo una giornata di pioggia e la sabbia è bagnata.

Questa è l’unica cosa negativa”. Quanto ti alleni? “Dalle 4 alle 5 volte alla settimana, un’ora e mezzo, due. Qualche volta mi alleno anche la domenica mattina”. Un sogno nel cassetto? “Avere la possibilità di rappresentare l’Italia con risultati importanti”. La soddisfazione più bella? “Vincere gli italiani nel 2013, mi sembrava una cosa impossibile ed invece ce l’ho fatta”. Quale caratteristica deve avere un’atleta che affronta le tue discipline? “Avere tanta potenza nelle gambe, ma anche elasticità soprattutto nel triplo”. Il complimento più bello che hai ricevuto? “Dal mio allenatore. Anche prima di vincere gli italiani ha sempre creduto in me e questo mi ha motivata molto”. Il tuo o la tua più grande fan? “Mia sorella più grande. Ha 18 anni”. I tuoi amici ti seguono? “Sì, molto. Mi chiedono anche come vanno gli allenamenti, mi fa piacere che non si interessino solo dei risultati delle gare, ma anche della preparazione atletica”.

MOIRA POCHETTI

L’INTERVISTA

Atleta e allenatrice specializzata nel mezzofondo. È importante comprendere le problematiche degli atleti La soddisfazione più bella del 2013? “Gli italiani assoluti”. Cosa ti dà questo sport? “Non so spiegarlo. Mi piace, mi svago. Faccio la geometra e appena mi libero del lavoro corro al campo scuola, tutti i giorni sono qui. Concilio con sacrificio, ma ce la faccio”. Un sogno nel cassetto? “Partecipare ad una rappresentativa all’estero con la maglia italiana”. Da quando sei diventata istruttrice? “Da quest’anno. Era un po’ che ci pensavo, ma ho aspettato che il corso per di-

ventare tecnici si svolgesse a Livorno, per problemi organizzativi mi sarebbe stato difficile andare fuori città”. Che qualità deve avere un buon tecnico? “È importante che capisca gli atleti, comprendendone le problematiche. Deve poi trasmetterli grinta e voglia di allenarsi”. Quale fascia di età alleni? “Le ragazze del 2001 e 2002”. Che soddisfazioni ti danno? “I buoni piazzamenti alle gare”. Vuoi ringraziare qualcuno? “I miei allenatori”.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

di Antonella De Vito

97


Agenzia Marittima & Spedizioni Internazionali dal 1876

98

Via delle Cateratte 94, 57122 Livorno Tel. 0586 214611 - Fax 0586 214625 - www.fanfani.eu


Atletica leggera - Podismo

SIMONA COSIMI La sensazione di libertà della corsa Un anno da maratona

L’INTERVISTA

di Antonella De Vito

Il tuo curriculum sportivo? “Le gare a cui ho partecipato sono tantissime, anche perché se ne organizzano veramente molte. Io ho provato un po’ di tutto, sono passata dalle mezze maratone, per arrivare finalmente alla mia prima maratona che ho fatto a novembre 2013, che rappresenta il clou dell’atleta. Il 2013 è stato uno dei miei anni migliori, ho superato anche i problemi di saluti legati alla carenza di ferro, che influiva negativamente sulla corsa”. La soddisfazione più bella del 2013? “La maratona che ho fatto a novembre a Firenze, fra le altre cose c’era il ventennale di questa manifestazione ed è stata bellissima”. Obiettivo del 2014? “Migliorare il mio tempo personale in una maratone. Sarà poi da decidere in quale”. Dove preferisci correre? “Su strada, anche se è uno dei terreni peggiori perché è duro, ma avendo le caviglie deboli, quando vado sullo sterrato ho paura di farmi male e mi concentro più su dove metto i piedi che non sulla gara”. Un sogno nel cassetto? “Correre la maratona di New York. Ci sono stata, ma ho fatto solo da spettatore, purtroppo non avevo la preparazione per partecipare. Correva il mio compagno che è il presidente dell’associazione e l’allenatore della squadra. Per New York ci vuole una bella preparazione, però è meravigliosa, perché tutta la città si dedica all’evento”. Quanto ti impegna questa disciplina? Simona Cosimi (Foto di Belinda Sorice)

“Solitamente mi alleno 5 volte a settimana, compreso le gare, poi faccio anche un giorno di preparazione atletica in palestra”. Segui un particolare tipo di alimentazione? “L’alimentazione naturalmente incide, perché per correre hai bisogno di un fisico leggero che non pesi troppo sulle gambe. Comunque consumando tanto ci si può concedere qualcosa in più, io stessa non sto particolarmente attenta”. Come sono considerate le donne in questo campo? “Non c’è discriminazione. Ci sono meno donne, ma fra queste ce ne sono tantissime che sono molto più forti degli uomini”. È una disciplina che consiglieresti? “Sì, perché ti dà degli obiettivi, degli sproni che ti permettono di raggiungere delle soddisfazioni personali. Inoltre, funziona veramente nei casi in cui uno o una desidera dimagrire, ed è un’attività che fa molto bene sul piano della salute fisica. Nel nostro caso non consideriamo il podismo uno sport individuale, perché cerchiamo di allenarci insieme, facciamo gruppetti, scherziamo, ci divertiamo, organizziamo cene e alla fine nascono tante amicizie”. Qual è la cosa più importante che la corsa ti ha insegnato? “Che volere è potere”. Quanti siete in squadra? “A livello regionale siamo molto conosciuti con i nostri 92 atleti Noi non cerchiamo nessuno, è la gente che viene da noi perché ci vedono per strada e capiscono che siamo un gruppo unito. Ad ogni manifestazione a cui partecipiamo vinciamo sempre qualcosa, perché siamo una squadra, ci sentiamo tali e se anche il risultato è individuale, alla fine è il Livorno Team Runner a vincere”.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

C

orrere, correre e ancora correre per percepire un’emozione di libertà. E questo può avvenire a qualsiasi età. Simona Cosimi ha 43 anni, fa parte del direttivo dell’associazione Livorno Team Runner e ci racconta la sua esperienza. “Ho iniziato a correre tanto tempo fa, ma lo facevo a livello individuale, andando un po’ sul mare prevalentemente la domenica mattina. Dal 2005 invece ho iniziato ad allenarmi con l’associazione e poi anche a livello agonistico”. Come ti sei avvicinata al Team Runner? “Gestivo l’edicola vicino al campo scuola e questo mi ha dato l’opportunità di conoscere gli atleti dell’associazione”. Perché ti piace correre? “Perché è uno sport che può essere praticato ovunque e in qualsiasi momento e ti permette di gestirti al meglio. Essendo uno sport aerobico anche se fai solo un’ora di corsa, consumi circa tre volte di più di chi, ad esempio, fa un’ora di bicicletta. Si inizia con una camminata veloce, poi si fanno tratti di corsa, che nel tempo aumentano, fino a quando non si riesce a correre per un lungo periodo. È bello correre, è una vera e propria passione, è una continua sfida con te stessa, ti poni degli obiettivi che vuoi raggiungere e superare e ti impegni per farlo”.

99


si.

Nunzia Aiello ha 46 anni ed ha iniziato a correre da sola un paio di anni fa, con la musica nelle orecchie e con l’unico obiettivo di mantenersi in forma. Come è nata la tua esperienza? “Inizialmente camminavo e poi ho cominciato ad abbinare un po’ di corsa. Ad un certo punto ho capito che correre mi piaceva e la mia vita è cambiata. Correre è fatica e saper gestire questa fatica, anche dopo tanti anni che fai questa attività, è dura, quindi se non ti appassiona smetti subito”. Quando hai deciso di unirti alla squadra? “A primavera, perché ad un certo punto ti rendi conto che se vuoi fare il salto di qualità e passare dalla corsa domenicale ad un livello, sempre amatoriale, ma che ti dia delle soddisfazioni maggiori, con il raggiungimento di alcuni traguardi, devi allenarti in un certo modo, seguendo delle regole, dei programmi, ed avere un allenatore che ti dà i consigli giusti. Ed infatti, da quando sono entrata in squadra ho visto dei miglioramenti importanti”. La soddisfazione maggiore del 2013? “Aver fatto la mezza maratona, quella di Livorno a novembre. A maggio volevo fare una corsa di 10 chilometri, ma non ce la facevo, ed a novembre sono riuscita invece a fare la mezza maratona. C’è una differenza abissale”.

La squadra del Team Runner

NUNZIA AIELLO La neofita del gruppo Conciliare la corsa con la famiglia

L’INTERVISTA

di Antonella De Vito

Nunzia Aielli (Foto di Belinda Sorice)

Un sogno nel cassetto? “Riuscire a fare una maratona, senza tempi o record, mi basta arrivare alla fine. Il massimo sarebbe fare quella di New York, ma qui bisogna metterci anche il viaggio e l’organizzazione familiare”. Come gestisci la famiglia con gli allenamenti? “Ho due figli di 7 e 9 anni e lavoro tutto il giorno a Pisa. La gestione del tempo è difficile, prima di tutto perché è complicato far capire alla famiglia che sono entrata in un meccanismo così impegnativo e, per di più, alla mia età. Loro non comprendono perché non mi limito ad andare in palestra tre volte alla settimana. Solitamente corro a Pisa nell’ora della pausa pranzo e in primavera la sera verso le 18 quando rientro a Livorno”. Invece la squadra ti sostiene?

“Certo. La squadra è come una famiglia. Gli amici mi dicono che ho un grande carattere e una grande passione. Solo i componenti della squadra possono capirti, perché fanno la tua medesima fatica, hanno la stessa passione e sono passati dalle stesse fasi che stai attraversando tu”. La cosa più bello che ti dà la corsa? “Un grande senso di libertà e la capacità di gestione il corpo. L’aver raggiunto e superato dei limiti ai quali non avrei mai pensato di potermi neanche avvicinare. Mi sono accorto che mente e corpo vanno all’unisono e ti permettono di terminare la gara”. Possiamo concludere dicendo che è un’attività che si può iniziare a qualsiasi età? “Ci sono anche persone più grandi di me. Però corrono da tanto tempo o vengono da altre esperienze sportive. La vera neofita del gruppo sono io e rappresento la dimostrazione che è possibile cominciare anche se non si è più giovanissimi”.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

È

la più giovane della squadra, non per età, ma per essersi unita al Livorno Team Runner da pochi me-

101


IMPRES

A

L E I D E

www.impresaedilegradassi.it

F.lli Gradassi S.n.c.

Ristrutturazioni Restauro facciate Rifacimento tetti Coibentazioni Impermeabilizzazioni Posa di ponteggi Lavori in cartongesso Intonacatura

PREVENTIVI GRATUITI

Posa pavimenti Tinteggiatura impianti idraulici ed elettrici Architettura e Ingegneria per progetti particolari Consulenze e arredatori specializzati aggiornati su tutti i corsi di lavoro Garanzia su ogni lavoro

Via Curiel, 33 - 57017 COLLESALVETTI (LI) frazione di Stagno

Tel. 0586 420053 - Cell. 338 1009927 • 331 4491288 - crisa@email.it


Belinda Sorice (Foto di Belinda Sorice)

BELINDA SORICE

L’INTERVISTA

Guardare oltre la strada alla scoperta di nuovi luoghi, con la testa più che con le gambe di Antonella De Vito

“Fra i tanti aspetti positivi prediligo quello ludico: la gioia di stare insieme agli altri e condividere quel momento della giornata dedicata alla nostra passione, anche se spesso è molto faticosa. Trovo particolarmente gratificante anche approfittare di una gara o corsa di altro genere per visitare luoghi mai visti ed abbinarci un’opportunità gastronomica! Non saprei identificare un aspetto negativo del correre: certo, richiede impegno, dedizione e costanza, soprattutto se hai qualche obiettivo agonistico, ma se non mi piacesse... non lo farei!” La soddisfazione più bella che ti ha dato la corsa? “Credo che per quasi tutti i podisti la soddisfazione più grande sia quella di portare a termine una maratona, davvero la prova più difficile, quindi non poteva mancare nel mio archivio”. Un episodio da dimenticare? “Nel corso degli anni, sono tanti, piccoli o grandi, gli episodi da dimenticare: infortuni, gare non proprio soddisfacenti per il rendimento o per i servizi (non) offerti dall’organizzazione; ma fa tutto parte del gioco, ogni giorno si riparte e si guarda al domani”. Parlaci del tuo curriculum sportivo. “Nella mia vita ho sempre praticato sport fin da piccola: pattinaggio a rotelle, atletica, tennis, ginnastica artistica, pallavolo e poi ho frequentato la palestra per tanti anni prima di lasciarla per dedicarmi esclusivamen-

te alla corsa. Le gare più rilevanti in questa disciplina sono state le 5 maratone che ho corso, non si contano tutte le altre tra mezze maratone e tantissime corse su strada, campestri ed anche qualche gara in pista”. Cosa ti dà il podismo a livello emotivo? “Ognuno vive la corsa in modo personale e ne avverte sensazioni diverse: a me piace correre guardando anche oltre la strada che percorro, dare un’occhiata in giro ed apprezzare i luoghi, anche in gara”.  Quanto ti impegna? “La corsa richiede tanto impegno, non solo di tempo: è soprattutto al serbatoio di energie, fisiche e mentali, che bisogna attingere ogni giorno”. Il tuo stile di vita è mutato? “Avendo sempre praticato sport, la corsa non ha cambiato molto del mio stile di vita: forse la pratica agonistica di questa attività ha riempito le domeniche che prima erano dedicate ad altro”. Desideri ringraziare qualcuno? “Sicuramente quell’istruttore della palestra che ci coinvolse nella partecipazione a Vivicittà che per me è stato l’inizio di tutto. Successivamente, tutte quelle persone che mi hanno elargito consigli e suggerimenti”. Qual è la dote migliore che ti attribuisci? “Penso di poter contare sulla razionalità e sull’importante ruolo della testa nella corsa, prima ancora delle gambe...”

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana di Atletica Leggera

B

elinda Sorice ha 48 anni ed anche lei ha una bella storia da raccontare legata a quella sfera dove si trovano coniugati sport e passione. “La corsa è entrata nella mia vita inizialmente come attività complementare alla palestra: mi trovavo con alcune amiche per correre una mezz’oretta la domenica mattina oppure nel periodo in cui la palestra era chiusa in estate. L’ingresso nel mondo agonistico, per quanto amatoriale, è nato dalla partecipazione nel 2000 al Vivicittà, sempre con la comitiva della palestra. Da quel momento, ho cominciato a partecipare ad alcune gare e successivamente mi sono iscritta ad una società”. La cosa che più ti piace di questa disciplina?

La squadra del Team Runner

103


104


C

Baseball MARIO FALASCHI

L’INTERVISTA

Mario Falaschi ci racconta della World Baseball Classic, l’evento più importante del 2013 di Antonella De Vito

Mario Falaschi allo stadio Chase Field di Phoenix in Arizona, prima della partita Italia-Usa, valida per la qualificazione alla fase successiva del World Baseball Classic.

no sono veramente tante. Anche per la Federazione è un impegno economico notevole, ma viene affrontato volentieri, perché da qui escono degli atleti molto preparati”. La Festa del Diamante? “Anche quest’anno si è svolta a Parma, che ha l’unica struttura adeguata ad accogliere 800- 900 persone. I partecipanti aumentano di anno in anno e questo è un bene, perché vuol dire che la disciplina è conosciuta sempre più, ed ha un seguito maggiore”. Ci sono stati livornesi premiati? “I labronici premiati sono stati cinque, in quanto sono stati chiamati in rappresentativa regionale. Possiamo dire che il baseball a Livorno si sta avviando su un buona strada, ha avuto il coraggio di dire basta con il passato, quando si prendevano giocatori stranieri che poi non servivano. Le nostre società hanno avuto la forza di ricominciare da capo con i ragazzi, e crescerli di stagione in stagione”. Come sta andando l’esperimento con il Liceo Sportivo? “È un’opportunità molto bella. Il Ministero ha previsto l’attuazione nell’anno scola-

stico 2014-2015 dell’indirizzo sportivo, ed il Liceo Enriques di Livorno è stato scelto per anticipare di un anno, in via sperimentale, il progetto. Il merito va a Marcello Manuli insegnante di educazione fisica al liceo e tecnico di baseball, anche se in questo momento non esercita, e alla professoressa Monica Isolani, che hanno illustrato il piano ad una riunione del Coni provinciale, ed hanno scelto tre sport da cui iniziare, fra cui appunto il baseball. Ci ha fatto molto piacere essere selezionati, e ci siamo messi subito al lavoro per organizzare al meglio il nostro contributo. Faremo 20 lezioni, di cui alcune anche in inglese”. Diamo un’occhiata al 2014. “Possiamo annunciare che nel mese di aprile ci sarà un importante evento al campo di Bandinella che è stato rifatto, ed adesso è perfettamente a norma e può ospitare tutti i tipi di manifestazioni. Infatti, accoglierà il Torneo delle Accademia, cioè l’incontro che viene fatto fra tutte le Accademia di Baseball europee, che quest’anno si svolgerà a Tirrenia e, appunto, in Banditella”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

resce il baseball nostrano, con imprese che scavalcano i confini nazionali per diventare sempre più di qualità. È Mario Falaschi ha raccontarci il 2013 “Quest’anno abbiamo avuto un’importante svolta grazie al presidente Fraccari, che in accordo con gli americani, ha fatto sì che la World Baseball Classic diventasse Campionato del mondo. Precedentemente era una manifestazione che si svolgeva ogni quattro anni, e vi si accedeva se invitati dall’MLB ovvero la Major League Baseball, cioè l’organizzazione dei professionisti americani, che sceglievano le nazionali di maggior prestigio, senza nessun tipo di qualificazione. Noi avevamo comunque acquisito il diritto a partecipare perché nella precedente manifestazione avevamo fatto una buona classifica, che automaticamente ci permetteva l’accesso alla competizione”. Come è andata la nazionale italiana? “Il nostro girone si è svolto a marzo in Arizona, dove abbiamo vinto tutte le partite tranne quella con gli americani. Abbiamo poi giocato in Messico e in Canada, ed infine, in Florida, conquistando un ottimo settimo posto, risultato mai ottenuto prima, che ha destato lo stupore di tutti i vertici mondiali del Baseball. Avevamo veramente una buona squadra”. L’allenatore della nazionale? “È sempre Marco Mazzieri che sta ottenendo ottimi risultati, è un grande allenatore, un grande psicologo, conosce tutti gli atleti e fa gioco di squadra”. Altre manifestazioni del 2013? “Ovviamente la più importante è stata la World Baseball Classic, ma abbiamo anche fatto, come tutti gli anni, lo Star Game. Questa edizione è stata organizzata a Ronchi dei Legionari a Trieste”. A Livorno com’è andata la stagione? “Le società hanno fatto un buon passo avanti, prendendo accordi per fare una franchigia per la massima seria, in modo da presentarsi al campionato con una squadra unica e più competitiva. Però questo accordo potrebbe anche essere esteso alle altre categorie”. L’Accademia del Baseball al Centro Coni di Tirrenia? “L’Accademia ha aumentato il numero dei ragazzi stabili, passando a 20. Il softball, invece, fa stage di due o tre mesi, invitando le atlete di rilievo nazionale. La novità di quest’anno riguarda l’abbassamento dei limiti di età per poter accedere all’Accademia, che è diventato di 15 anni, praticamente ci sono atleti che frequentano la prima superiore. Il progetto sta andando molto bene, anche se per noi è ovviamente molto più impegnativo, ma le soddisfazioni che questi ragazzi ci dan-

105


Nuovo

Mercatino Americano zona Stazione Marittima

Li vor no

Ampio parcheggio

i n r o i g i i t t u t o t r e p A 106


La squadra dei ragazzi

MARIO GENTINI

L’INTERVISTA

Un impegno a tempo pieno: tecnico, vice presidente dei Blu Angeles, consigliere del Softball Club Liburnia e membro dell’Accademia di Tirrenia

Gli atleti di serie C durante un briefing

con gli allievi e i ragazzi, ma dobbiamo ancora discuterne”. Un buon tecnico che qualità deve avere? “Bisogna distinguere. Per quelli che si occupano dei giovani l’impegno è arduo, perché devono iniziare dai concetti fondamentali, e poi bisogna motivare i ragazzi, presentando l’attività come un gioco e nello stesso tempo far fare dei progressi tecnici. Ci vuole tanta pazienza, questa forse è la dote principale, oltre all’attitudine e alla disponibilità”. Un sogno nel cassetto? “Qualche soddisfazione me la sono già levata. Siamo partiti da zero alcuni anni fa e devo dire che abbiamo già un buon numero di ragazzi sufficientemente bravi. Mi piacerebbe che questo bellissimo sport avesse più visibilità, più risonanza anche all’interno della città”. Chi si sente di ringraziare?

“Un po’ tutto l’ambiente. Io sono anche uno dei membri dell’Accademia di Tirrenia, opero con la Federazione e mi sento di ringraziare il presidente Federale Fraccari, al quale sono molto legato e costantemente in contatto. Ringrazio anche il presidente dei Blu Angeles Comparini, con il quale abbiamo avuto l’idea di fondare questa società, e poi naturalmente tutti i collaboratori”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

M

ario Gentini è il tecnico e il vice presidente dei Blu Angeles, oltre a far parte del consiglio direttivo del Softball Club Liburnia. Com’è andata la stagione? “Il campionato ragazzi è andato molto bene, siamo arrivati dopo il Grosseto. Per la squadra degli allievi è stato il primo anno di partecipazioni al campionato di categoria, non ci sono stati grandi risultati, ma hanno tenuto bene il campo. C’è da considerare che era il primo impatto con la categoria superiore e ovviamente devono ancora crescere. La squadra di Serie C anche quest’anno è arrivata seconda, sul filo di lana non ce l’abbiamo fatto ad accedere in B. Abbiamo perso la partita più importante, quella con la Fiorentina che ci ha escluso dai Play Off”. I ragazzi sono soddisfatti? Sì, alcuni di loro hanno partecipato alle selezioni regionali e uno di questi è arrivato fino al Torneo delle Regioni. Inoltre, abbiamo partecipato ad alcuni tornei ed anche in questo caso ci sono stati buoni risultati. Piano, piano stiamo crescendo”. Altre attività? “Abbiamo partecipato a Scuola Sport, andando in giro con il nostro gonfiabile nelle manifestazioni cittadine e fuori, per far conoscere la disciplina. Questa è un’attività che vogliamo allargare sempre più, perché è molto importante”. Cosa state programmando per il 2014? “Stiamo accordandoci con l’altra società per costruire una franchigia e partecipare al campionato di serie C con una squadra più forte che ci permetta di salire in B. Lo abbiamo chiamato Progetto Livorno, stiamo anche pensando di fare la stessa cosa

Due giocatori di serie C

107


Serramenti a marchio

Via Napoli, 20 - 57124 LIVORNO • Tel: 0586 852028 - Fax: 0586 869434 e-mail: catarsiserramenti@alice.it 108


GABRIELE GALLI, KAVIN LUCCHESI e COSMIN IONITA

L’INTERVISTA

Federica Baule e Gabriele Galli

C

ominciamo dal figlio d’arte Gabriele Galli di 12 anni. “Frequento la seconda media e mio padre era un giocatore di serie A. Da piccolo mi parlava sempre di questo sport, e così un giorno ho voluto provare anch’io e mi è piaciuto”. Cosa vuol dire avere il padre allenatore? “Mi piace, ma avendo tanti atleti da seguire mi tratta come tutti gli altri”. Come concili sport e scuola? “Prima facevo anche tennis, ora però ho dovuto rallentare un po’, perché anche se sono in secondo media, devo comunque studiare di più”. Com’è andato il 2013? “Bene, volevo andare in nazionale ma per poco non ce l’ho fatta, però sono andato ai regionali ed è stata una bella esperienza.

Soprattutto personale, l’ho desiderato tanto e mi è piaciuto”. In che ruolo giochi? “Come interbase e lanciatore”. Cosa ti piace di più? “Prendere la palla e fare le azioni. Tipo quando ricevi, momento in cui devi controllare il gioco”. C’è un aspetto negativo in questo sport? “La corsa. Non sono un grande corridore, però me la cavo”. Un sogno? Giocare nella Major League”. Cosa ti proponi per il 2014? “Voglio riprovare e riuscire ad entrare in nazionale”. La soddisfazione più bella? “La prima volta che siamo andati a Sala Baganza, in provincia di Parma, ad un torneo. Era poco che giocavo e mi è piaciuto dover affrontare una squadra”. Chi vuoi ringraziare? “Mio padre, che mi ha allenato e mi ha seguito, ma anche il tecnico Mario, che mi ha dato l’opportunità di migliorare”. Qual è la cosa più importante che ti ha insegnato tuo padre? “Ad essere concentrati e seguire l’azione. Anche quando sei in panchina”. Secondo te, i tecnici che qualità devono avere? “La pazienza di aiutarti quando non ti riesce una cosa”. Rapporti con la squadra? “Mi sono inserito bene e siamo diventati subito amici”. Paragona il baseball con il tennis che è invece uno sport individuale. “Mi piace di più il baseball. Nel tennis devi decidere tutto da solo, in squadra invece si ragiona insieme, siamo uniti, ci aiutiamo”. Kavin Lucchesi ha 14 anni e fa baseball da quattro. “Mi sono avvicinato a questo mondo tramite la scuola, dove sono venuti a presentare il baseball. Prima avevo fatto piscina e calcio. Per il calcio ero troppo timido, avevo paura di far male agli altri, mentre a nuoto non

mi sono trovato bene cambiando istruttore e così ho preferito smettere”. In che ruolo giochi? “Interbase e adesso mi sto allenando per fare il lanciatore e il ricevitore”. Quale ruolo preferisci? “Lanciatore”. Un sogno nel cassetto? “Giocare a livelli più alti. Tipo la nazionale”. Cosa ti proponi per il 2014? “Migliorare sempre più e cercare di far vincere le partite alla mia squadra”. Cosa ti piace di questo sport? “È una disciplina che comprende tutto, sia logica, quindi cervello, che fisico. Devi muoverti e ragionare insieme e velocemente”. Cosa pensi dei tuoi allenatori? “Sono persone molto positive, ci comprendono e ci aiutano a migliorare”. Chi vuoi ringraziare? “Beppe, Mario, Massimo e i due allenatori cubani”. Anche Cosmin Ionita gioca da 4 anni, approdando al baseball dopo aver provato molti sport: “Ho fatto calcio, danza, rugby, tennis, ma nessuno aveva suscitato il mio interesse, come invece ha fatto il baseball”. Com’è andato il 2013? “Abbiamo fatto tante cose, ma la soddisfazione più bella è stata la partecipazione al torneo di Sala Baganza dove ci siamo divertiti molto e abbiamo giocato con gli amici”. Cosa ti piace di questo sport? “Il fatto che sia un gioco di squadra. Mi piacciono anche gli allenamenti e il rapporto con i miei compagni”. Un sogno? “Vorrei essere un lanciatore e un ricevitore bravo e magari arrivare in nazionale. Ora gioco in entrambi i ruoli, ma preferisco fare il ricevitore”. Quali doti hanno i tuoi allenatori? “Mi allenano molto bene, e per questo sono diventato un lanciatore e un ricevitore”. Chi vuoi ringraziare? “In particolare il mio allenatore Mario, per tutto quello che mi ha insegnato”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

Il futuro del baseball labronico tra divertimento e tanti sogni nel cassetto

109


GIOELE D’ANGELO e LUIGI GALLO

L’INTERVISTA

Le punte di diamante dei Seilors va l’allenatore del baseball ed ha convinto mio padre a farmi provare. Lui inizialmente non era favorevole, propendeva più per il calcio. Poi però si è appassionato e adesso fa l’allenatore”. Cosa ti proponi per il 2014? “Cercare di superare le selezione per entrare in Accademia”. Di un anno più grande Luigi Gallo, frequenta la terza liceo scientifico al Cecioni. “Ho iniziato a 7 anni, invogliato da mio padre che da ragazzo giocava. Così, quando sono nato, ha tirato fuori i guantoni e mi ha detto ‘giochiamo’”. Hai fatto anche altri sport? “Un po’ di nuoto, cercando anche di abbinarlo al baseball, ma poi ho smesso, perché non mi piaceva, e intanto il baseball mi stava affascinando sempre più”. Come è andato il 2013? “Bene. Siamo andati ad Arezzo a fare un torneo, poi sono stato in rappresentativa alle regionali, e con soddisfazione ci siamo qualificati terzi”. In che ruolo giochi? “Come terza base e lanciatore”. Quale ti piace di più dei due ruoli? “Mi piacciono entrambi, non ho preferenze”. Un sogno nel cassetto? “Andare a giocare in Major League”. Un atleta mito? “Non ne ho”. Qual è l’aspetto migliore di questo sport?

“Soprattutto il fatto che non è legato ai soldi, come invece è per il calcio, e chi ci gioca lo fa solo per passione”. E dal punto di vista tecnico? “Prediligo la difesa, stare in campo, prendere le palline ecc.”. Cosa puoi dire del tuo allenatore? “Il mio allenatore è La Rosa ed è molto serio e professionale. Abbastanza severo dal punto di vista del lavoro, ci richiede impegno”. I rapporti con la squadra? “Mi trovo bene, sono tutti bravi ragazzi, io sono uno dei più piccoli, ma nonostante tutto mi hanno accettato bene, sono stati molto amichevoli”. I tuoi amici cosa pensano di questa disciplina? “Il primo impatto è sempre impegnativo, mi chiedono come funziona, quali sono le regole”. Secondo te, di cosa avrebbe bisogno questo sport? “È perfetto così com’è, forse potrebbe essere un po’ più conosciuto, soprattutto in Italia e in Toscana”. Chi vuoi ringraziare? “Un po’ tutti, dagli allenatori ai compagni di squadra, che hanno sempre creduto in me”. La soddisfazione più bella? “Andare al Mondialito due anni fa”. La più brutta? “Un Torneo delle Regioni molti anni fa, esattamente non ricordo neanche quanto, ma andò male, soprattutto per me perché giocai male”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

T

anto entusiasmo anche per i giovani atleti dei Seilors, come Gioele D’Angelo 15 anni, seconda Iti. “Gioco da quando ne avevo 7, grazie ad un mio compagno di scuola che già lo praticava e mi incoraggiò a provare”. Hai fatto anche altri sport? “Sì, due anni di calcio, poi nuoto, ma non mi appassionavano”. Cosa ti è piaciuto del baseball? “È una disciplina dove nella squadra sono tutti importanti, cosa che assolutamente non avviene negli altri sport”. In che ruolo giochi? “Mi piacerebbe fare l’interno in seconda base, ma faccio un po’ di tutto, sono il jolly”. Com’è andato il 2013? “Siamo arrivati secondi e non abbiamo avuto l’opportunità di andare alle nazionali”. Un sogno nel cassetto? “Entrare in Accademia e poi giocare ad alti livelli”. Atleta preferito? “Derek Jeter”. Cosa ti piace di più degli allenatori che hai avuto? “Ho avuto Otello Cavallini e Marco Rosellini. La loro caratteristica migliore è l’averci saputo preparare bene”. Secondo te di cosa avrebbe bisogno il baseball? “È poca conosciuto in Italia. La cosa non mi pesa, ma credo che sarebbe meglio se fosse più praticato nelle scuole e maggiormente visto in televisione”. Cosa pensano i tuoi amici di questa disciplina? “I miei compagni pensano che sia un sport bello, ma con regole troppe complicate”. Chi ti senti di ringraziare? “La mia maestra Francesca Imparato, conosce-

Via dei Grilli, 1/3 - 09134 PIRRI - CAGLIARI Ufficio Traffico e Terminal LIVORNO: Via dei Trasportatori, 2 Tel. 0586 402054 - Fax 0586 408574 - E-mail: transsea@lamiapec.it@interfree.it 111


112


A

Softball SONIA DEL NERO

Anima del softball livornese. Un anno sfortunato per gli infortuni, ma con tante soddisfazioni

L’INTERVISTA

Partita amichevole con gli Usa

bassa di quella che avremmo potuto raggiungere con la squadra di A2 al completo”. Chi vuoi ringraziare? “Tutte le mie atlete”. Tu fai anche l’allenatrice? “Sì, mi occupo del mini baseball e vado nelle scuole a presentare lo sport, grazie al Gioco Sport del Coni”. Sta crescendo l’interesse a Livorno per questa disciplina?

La quadra che ha giocato in A2

“Direi di sì. In questi ultimi anni sono riuscita a riportare l’interesse verso questo sport, che in passato era un po’ calato. E questo oltre che con le piccoline si è visto con i nuovi ingressi nelle under 21. Devo dire che sono molto contenta”. Che difficoltà hanno le donne che praticano questo sport? “Con la passione riesci a superare qualsiasi difficoltà, barriera o mentalità”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

nima del Softball Club Liburnia è Sonia Del Nero, presidente della società, ma ci viene voglia di chiamarla anche amica e forse un po’ “mamma” delle atlete. Come è andato il 2013? “Quest’anno ho avuto molte soddisfazioni, sia con le Under 21 che con la Serie A2. Il campionato è stato molto corto ed abbiamo avuto diversi infortuni, ma al di là di questo le nostre ragazze hanno fatto un’ottima stagione e hanno avuto buoni risultati a livello regionale e nazionale. La serie A2, pur con tutti gli infortuni è riuscita a mantenere la posizione, abbiamo avuto addirittura delle atlete che hanno giocato in ruoli diversi per sostituire chi si era fatta male, e nonostante tutto la squadra è rimasta in Serie A2”. Le più giovani come sono andate? “Fra le under 21 abbiamo avuto Federica Baule che è andata in nazionale under 13 e la squadra si è classificata al primo posto. Poi c’è Azzurra Baroncini, Arianna e Francesca Mazzanti che hanno partecipato al campionato regionale con ottime prestazioni”. La partita più bella? “La prima partita in cui hanno stravinto, giocata con Azzurra come New Entry”. Cosa state progettando per la prossima stagione? “Ci sarà sempre la squadra under 21, e per la A2 ci stiamo organizzando, speriamo di poterla mantenere, faremo di tutto”. Chi sarà il tecnico? “Antonio Idalgo Cruze, allenatore della nazionale cubana, che dallo scorso anno è il nostro allenatore. Ci sarà poi il preparatore atletico Andrea Bellandi e Riccardo Vaccino tecnico delle lanciatrici”. La difficoltà più grossa del 2013? “Quattro giorni prima dell’inizio del campionato, abbiamo avuto degli infortuni non indifferenti per 4 giocatrici e questo ci ha costretto a giocare con dei jolly, stravolgendo i ruoli e quindi avendo una prestazione più

La squadra delle under 21

113


L’INTERVISTA

Il campionato di A2 per il Club Liburnia Dal baseball al softball per le giovani atlete che crescono

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

S

114

ara Berni ha 21 anni e dal 2003 gioca a softball. “Una ventina di anni fa le mie zie giocavamo a softball ed erano allenate da Renato De Notta, che è anche un amico di famiglia. Ed è stato proprio lui ad incoraggiarmi a provare. Così sono andata al campo di Banditella ed ho cominciato con il baseball per passare l’anno dopo al softball”. Raccontaci le tue esperienze agonistiche. “Dal 2004 al 2007 sono andata al regionale e con il Liburnia ho fatto il Campionato juniores. Poi verso i 17 anni ho cominciato a giocare in serie B con il Padule di Firenze. Adesso sono tornata e gioco a Livorno”. Hai fatto anche altri sport? “A sei anni ho fatto ginnastica ritmica e poi 3 anni di basket, ma il baseball mi ha catturata e dopo averlo conosciuto non ho più cambiato disciplina”. Cosa ti piace di più? “È uno sport molto bello, che mette insieme la semplicità e nello stesso tempo la complessità delle regole. Questo connubio mi ha affascinata ed essere riuscita ad entrare dentro il regolamento mi ha dato soddisfazione”. Com’è andato il 2013? “È stato un campionato piuttosto complicato, perché abbiamo avuto un inizio faticoso per problemi di infortuni, ma abbiamo lottato fino in fondo”. La soddisfazione più bella? “Ho fatto due campionati, quello degli under 21 e quello di A2. La soddisfazione più grande è stata quella di aver potuto giocare in A2, dove non ero mai arrivata prima”. Un sogno nel cassetto? “Essere chiamata in una squadra importante, svolgendo il ruolo di ricevitrice. Ho sempre giocato in esterno perché gli allenatori mi hanno indirizzata su questa strada, ma la scorsa stagione per i problemi di infortuni avuti dalla squadra, ho avuto l’opportunità di fare anche la ricevitrice e mi è piaciuto: ho iniziato ad affezionarmi al ruolo”.

Francesca Mazzanti alle selezioni toscane

Qual è l’obiettivo del prossimo campionato? “Mi piacerebbe avere una squadra senza infortuni, sperando in un campionato migliore, con le stesse giocatrici con le quali mi sono trovata bene, come Stefania Balloni, la lanciatrice che ha giocato anche in nazionale”. Chi vorresti ringraziare? “Il mio allenatore Idalgo e Stefania Balloni perché con lei sono riuscita a crescere nel ruolo di ricevitrice”. Una passione di famiglia per le sorelle Mazzanti. Francesca ha 16 anni e frequenta il Liceo Enriques. Come e quando hai iniziato? “Ho cominciato due anni fa, seguendo l’esperienza di mia sorella. Prima facevo pallavolo e nuoto, ma non mi trovavo bene. Il baseball mi è sembrato subito un ambiente più tranquillo”. Come è andata la stagione? “Bene, pur essendo poco tempo che gioco sono stata chiamata in regionale sia lo scorso anno che questo”. Cosa ti piace di più? “Lo spirito di squadra, ci aiutiamo molto fra noi. E poi non essendo uno sport

molto praticato c’è maggiore possibilità di arrivare a livelli più alti”. La soddisfazione più bella del 2013? “Quando sono andata ad Arezzo e mi hanno messo come terza base titolare”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare più in alto possibile, magari in nazionale. Mi piacerebbe che il softball diventasse la mia professione”. Cosa ti piace dei tuoi allenatori? “Idalgo ha sempre il consiglio giusto al momento giusto”. Chi vuoi ringraziare? “La società, Sonia, che ci sta dietro, Idalgo e le mie compagne di squadra”. Il rapporto con le compagne di squadra? “Siamo molto unite, soprattutto da quando abbiamo rappresentato Livorno alle regionali”. Com’è andato il 2013? “Faticoso, ma alla fine soddisfacente”. La sorella Arianna l’abbiamo già incontrata la stagione precedente, quando ci raccontò come iniziò a fare baseball a soli 7 anni, grazie ad una presentazione fatta a scuola. Com’è andato il 2013?


“Nel periodo in cui si sono gli allenamenti sì, perché ho tutta la settimana impegnata. Quest’anno poi ho anche gli esami di terza media”. Chi vuoi ringraziare? “Tutti gli allenatori e la squadra”. Qual è la qualità migliore dei tuoi allenatori? “Avermi fatto capire cosa vuol dire fare il gioco di squadra”. 14 anni per Azzurra Baroncini, che da 5 ha seguito le orme del fratello e si è dedicata al baseball. Com’è andata la stagione? “Sono stata chiamata in regionale ed è stata una nuova esperienza, molto bella. Un’occasione importante per fare amicizia anche con altre ragazze della regione”. Hai fatto altri sport? “In passato ho fatto basket per due anni e poi nuoto, ma mi annoiavo”. Un sogno? “Entrare in nazionale. Lo scorso anno ci ho provato e sono rientrata nelle riserve”. Ti piace giocare più con i maschi o le ragazze? “Inizialmente mi piaceva giocare di più con i ragazzi, ma poi cominciando a fare softball dopo un po’ mi sono abituata e mi è piaciuto. All’inizio dispiace fare il cambio”.

Federica Baule in nazionale

Chi vuoi ringraziare? “Prima di tutto l’allenatore Idalgo che è una persona molto disponibile, ti incoraggia ad imparare e poi tutte le mie compagne”. In che ruolo giochi? “In prima base, ricevitrice e ora sto iniziando a fare un po’ la lanciatrice”. Un aspetto negativo? “Le trasferte più lunghe, ma relativamente, poi alla fine si fanno anche quelle”. Federica Baule di anni ne ha 13 e frequenta la terza media. “Ho iniziato tre anni fa, quando mi è capitato di prendere in mano una palla, durante una partita di mio fratello e provare a giocare. Mi ha vista un allenatore e mi ha consigliato di andare a provare, così ho fatto, mi è piaciuto e sono rimasta”. Hai fatto altri sport? “Nuoto, ma era noioso”. Cosa preferisci fra il baseball e il softball? “Il softball”. Com’è andato il 2013? “Softball è andato meglio perché sono andata prima in regionale e poi in nazionale. Nel baseball invece non posso entrare nella regionale come ragazza”. Raccontaci l’esperienza regionale. “Abbiamo giocato diverse partite con un buon risultato, ancora meglio è andata in nazionale perché siamo arrivate prime”. Dove ti ha portato la nazionale? “A Collecchio, vicino a Parma e mi sono divertita molto a stare con la squadra”. In che ruolo giochi? “Interbase esterno, quando serve ricevitrice e aspirante lanciatrice”. Un sogno? “Lanciare come Stefania Balloni”. Cosa ti proponi per il 2014? “Riuscire a migliorare nel lancio”. Cosa puoi dire dei tuoi allenatori? “A volte brontolano perché siamo un po’ pigre, ma poi sono bravi, scherzano, sono amichevoli”. Chi vuoi ringraziare? “Riccardo Vaccini, Massimo Galli, Idalgo e Mario Gentini”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “Il gioco di squadra, mi piace stare in campo, fare le partite e divertirmi”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

“Ho fatto sia la categoria degli allievi con il baseball che il softball. Ho 13 anni e posso stare ancora in entrambe le discipline”. Come ti sei trovata con il softball? “È stata un’esperienza nuova, perché non avevo mai giocato seriamente a softball. Ho anche capito maggiormente il gioco e sono entrata meglio nella squadra, mentre prima conoscevo poco le persone. Ho fatto il torneo regionale ed è stata una bella esperienza. Sono stata contenta della convocazione”. Ti piace giocare più con le ragazze o con i ragazzi? “Sinceramente mi diverto con entrambi, con i ragazzi ormai sono affezionata, perché è tanto che gioco con loro, ma anche con le ragazze mi sono integrata bene, chiaramente essendo tutte femmine interagiamo meglio. Certo, quando sarò costretta a lasciare il baseball per raggiunti limiti di età mi dispiacerà”. Ed invece con il baseball com’è andata? “È stata una bella stagione. Abbiamo fatto la squadra degli allievi che non avevamo, abbiamo rafforzato i nostri rapporti, siamo migliorati anche come gioco”. Fare entrambe non è troppo impegnativo?

115


IL VOSTRO CUORE

VIAGGIA CON NOI DA SEMPRE Donati Trasporti è un’azienda leader nel trasporto di persone con vetture, van, minibus e autobus gran turismo, garantendo i più alti standard di affidabilità e sicurezza. Il nostro servizio con Bus Gran Turismo di ultima generazione non più vecchi di 5 anni, ci consente di trasportare fino a 53 persone per gite turistiche, di istruzione o di lavoro, sia in Italia che in Europa. Tutto con un bassissimo impatto ambientale.

PARTI CON NOI, VISITA www.donatitrasporti.it

116


Cenni di storia, agli albori del calcio livornese

Livorno calcio

La stagione che porta alla Serie A

“Fra tre anni torneremo in seria A” Parola di Aldo Spinelli... e fu serie A Di Gianni Picchi

tero il brillante risultato alla loro resistenza e ad una grande tenacia di tutti i loro elementi, sorretti da un meraviglioso entusiasmo» L’Associazione Sportiva Livorno ha disputato 29 stagioni al più alto livello del campionato italiano, 18 delle quali nella massima serie a girone unico. Dopo aver raggiunto la finalissima nazionale nella stagione 1919/1920, è stata una delle 18 squadre ammesse, nel 1929, a disputare il primo campionato di A, dove vanta come miglior risultato il secondo posto conseguito nel 1942/1943. Nel suo palmarès annovera inoltre la vittoria di vari campionati e coppe minori nazionali, mentre in campo europeo vanta una partecipazione alla Coppa Uefa nell’annata 2006/2007. Unione Sportiva Livorno, 1919-1920 la formazione

gio Campi, che scrisse, poi, l’Inno del Livorno, venne sottoscritto il 14 febbraio; ma fu reso noto, ufficialmente, il 17 febbraio, poiché si temeva il malcontento dei tifosi delle due compagini, divisi da un forte antagonismo. Il primo presidente fu Arrigo Galeotti. Il colore sociale scelto fu l’amaranto, simbolo della città. Il primo terreno di gioco fu quello di Villa Chays. Il Livorno ebbe il suo battesimo calcistico a livello nazionale nella stagione 1919/1920, quando sfiorò addirittura il titolo di campione d’Italia: trascinati dai gol del giovanissimo Mario Magnozzi, gli amaranto vinsero infatti il campionato centro-sud battendo in finale la Fortitudo Roma 3-2, e si qualificarono, per la finalissima contro l’Inter, vincitrice del campionato del nord, perdendo

per 3-2 (doppietta di Magnozzi), una partita disputata per la maggior parte in inferiorità numerica per un infortunio (All’8’, della ripresa, il giocatore neroazzurro Viganò, si infortunò e, anche se riuscì a rientrare in campo, il suo rendimento ne risentì molto) Tale fu il giudizio de La Stampa sul Livorno (21 giugno 1920): «L’Internazionale F.C. ha arrischiato di farsi mettere in scacco dall’[...]audace squadra dell’U.S. Livorno, campioni di football dell’Italia centro-meridionale. L’U.S. Livorno dev’essere tornata piena di orgoglio ai propri lari. Cedere di misura ad una squadra come quella dei nero azzurri, per due gol contro tre, dopo di aver giuocato due terzi della partita con dieci uomini, può essere considerato dai livornesi come una mezza vittoria. Essi dovet-

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

L’

Unione Sportiva Livorno nacque nel 1915, il 17 febbraio, dalla fusione delle due preesistenti realtà calcistiche cittadine, la Virtus Juventusque e la Spes Livorno. L’accordo di unione, voluto dai dirigenti di Spes e Virtus, in particolare dall’avvocato Gior-

Mario Magnozzi

117


118


SERIE A

De Bellis al 86’, gli autori dei gol dei patavini). Da allora fu una gran bella cavalcata. La classifica finale dirà: terzo posto, a causa della sconfitta di Sassuolo alla 42a, ed ultima, giornata. Rete di Missiroli al 9’. L’incontro si svolse all’Alberto Braglia di Modena. E furono Play-off. Prima eliminata il Brescia, in semifinale, poi pareggiano l’andata della finale con l’Empoli. Al ritorno vinsero gli amaranto (1-0) gol di Paulinho. Dopo 3 stagioni il ritorno in Serie A.

Il Livorno inizia il campionato con la vittoria a Castellammare di Stabia allo Stadio Romeo Menti, il 25 agosto 2012, ore 20:45. Dopo essere stato sotto di una rete (34’ Murolo), gli amaranto rispondono con Salviato al 43’, Siligardi al 64’ e Dionisi, 72’. L’arbitro era Borriello di Mantova. Poi il debutto al Picchi, con l’esordio, fin dal primo minuto, di Emerson, che era entrato al posto di Molinelli, davanti alla difesa, con la Juve Stabia. Di fronte il Padova, arbitro Di Bello di Brindisi. Emerson al 9’, Siligardi al 29’, Bernardini al 69’, firmano i gol della vittoria. Il risultato finale sarà di 3-2 (De Vitis al 11’,

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Campionato 2012/2013 La stagione 2011/12 non fu un finale sereno per i tifosi amaranto. La squadra si salvò dalla retrocessione all’ultima giornata. L’estate fu vissuta con ansia, attendendo le mosse del presidente Aldo Spinelli. Riscatta completamente dall’Inter Luca Siligardi, rinunciando a Francesco Bardi, che viene sostituito da Vincenzo Fiorillo, proveniente dalla Sampdoria, insieme al greco Savvas Gentsoglou. Sulla panchina si siede Davide Nicola, ex giocatore del Genoa di Aldo Spinelli.

119


• Auto di cortesia sostitutiva • Montaggio di pellicole oscuranti

• Carro Attrezzi • Assistenza legale e medico legale


Serie B: Punti 80 IN CASA - Giocate 21 /// Vinte 13 /// Nulle 3 /// Perse 5 /// Gf 44 /// Gs 29 /// IN TRASFERTA - Giocate 21 /// Vinte 10 /// Nulle 8 /// Perse 3 /// Gf 33 /// Gs 18 /// Play - Off - Giocate 2 /// Vinte 1 /// Nulle 1 /// Perse 0 /// Gf 2 /// Gs 1 /// Coppa Italia - Giocate 2 /// Vinte 2 /// Nulle 0 /// Perse 0 /// Gf 6 /// Gs 2 // Presenti Paulinho: Presenze 47 /// Gol 23 /// Ammonizioni 6 /// Espulsioni 0 Emersono: Presenze 46 /// Gol 3 /// Amminizioni 6 /// Espulsioni 0 Luca Belinghieri: Presenze 44 /// Gol 14 /// Amminizioni 9 /// Espulsioni 0 Alessandro Bernardini: Presenze 44 /// Gol 1 /// Amminizioni 8 /// Espulsioni 0 Giuseppe Gemiti: Presenze 42 /// Gol 0 /// Amminizioni 5 /// Espulsioni 0 Federico Dionisi :Presenze 35 /// Gol 40 /// Amminizioni 4 /// Espulsioni 0 Andrea Luci: Presenze 42 /// Gol 2 /// Amminizioni 7/// Espulsioni 0 Alessandro Lambrughi: Presenze 42 /// Gol 0 /// Ammonizioni 10 /// 1 Pasquale Schiattarella: Presenze 39 /// Gol 3 /// Ammnizoni 1\0 /// Espulsioni 0 Simone Saviato: Presenze 38 /// Gol 2 /// Ammonizioni 4 /// Espulsioni 0 Savvas Gentsoglou: Presenze 35 /// Gol 0 Ammonizioni 5 /// Espulsioni 0 Vincenzo Fiorillo: Presenze 29 /// Gol -26 /// Amminizioni 1 /// Espulsioni 1 Luca Mazzoni: Presenze 24 /// Gol - 24 /// Amminizioni 3 /// Espulsioni 1 Joseph Duncan: Presenze: 23 /// Gol 2 /// Amminizioni 6 /// Espulsioni 1 I dati si riferiscono a: Serie B, Paly-Off, Coppa Italia Goleador Paulinho 23 /// Belinghieri, Dionisi, Schiattarella, Siligardi 13 /// Emerson 3 /// Duncan 2 /// Bernardini, Luci 1 Miglior Serie Positiva serie B: 14 risultati consecutivi (dall’11a alla 24a) Spettatori: 7° posto, Media: 5667 /// Max: 9737 Totale: 1119 003 I Protagonisti della promozione in Serie A Portieri: Gabriele Aldegani, Vincernzo Fiorillo, Luca Mazzoni Difensori: Alessandro Bernardini, Federico Ceccherini, Saul De Carli, Emerson, Giuseppe Gemiti, Alessandro Lambrughi, Simone Salviato C.c: Luca Belinghieri, Mirko Bigazzi, Joseph Duncan, Andrea Luci (cap.) Andrea Molinelli, Antonio Vacca, Pasquale Schiattarella Punte: Tommaso Biasci, Gaston Cellerino, Simone Dell’Agnello, Federico Dionisi, Luca Siligardi, Paulinho Cessioni a gennaio: De Lucia (Nocerina) Meola (Lumezzane) Jurgen Prutsch (Barletta) Remedi 8 Pontedera) Piccolo (Lanciano AREA TECNICA Responsabile: Attilio Perotti Allenatore: Davide Nicola Allenatore in 2a: Ezio Gelain Preparatore dei Portieri: Rossano Berti Tem Manager: Paolo Nassi Magazzinieri: Rossano Bianchi e Massimiliano Lucigna AREA SANITARIA Responsabile sanitario: Manlio Porcellini Massofisioterapista: Gianni Scappini Massiofiosioterapisti: Giacomo Bolognesi e Claudio Nencioni AREA DIRETTIVA Presidente: Aldo Spinelli V. Presidente: Silvano Siri Consigliere: Mauro Malatesta Responsabile Finanza: Giovanni Gnecco Responsabile Comunicazione: Paolo Nacarlo Direttore Sportivo: Elio Signorelli Segretari generali: Alessandro Bini e Silvia Scaramelli Segretaria organizzativa: Cristina Martorella

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Statistiche Squadra

121


122


ALDO SPINELLI

Fra mito e contestazioni, l’inizio della sua storia con il Livorno Calcio

L’INTERVISTA

Di Gianni Picchi

Aldo Spinelli è un uomo che ama il calcio. Ogni tanto “sforna” qualche frase, che resta nella mente dei tifosi. Quando si retrocesse dalla Serie A disse: “Fra tre anni torneremo”… quella volta fu di parola. Quando parla con i giornalisti è schietto e diretto nelle sue risposte. Vogliamo riportare una parte di un intervista, a firma di Raffaello Panizza, pubblicata su Panorama.it, in data 1/10/2013. Dalla fine degli anni 90 a oggi ha detto «smetto» almeno due volte l’anno. Parla da drogato, lo sa? “Il calcio ti entra dentro. Vendere è difficile, a Livorno l’ultima giornata abbiamo incassato 15 mila euro: tra steward, Croce d’oro, energia, ogni domenica ho 40 mila euro di spese”. Quanti allenatori ha potato?

“Una trentina, direi. È capitato anche che ne pagassi quattro contemporaneamente”. L’esonero più sbagliato? “Quello di Roberto Donadoni: credetti ad alcuni giocatori che mi parlarono male dei suoi metodi. Una delle mie tante belinate”. Mi dica il difetto peggiore dell’osannatissimo Walter Mazzarri. “Quando ha screzi coi giocatori, non affronta la situazione e tira in ballo la società. Gli piace che gli si levino le castagne dal fuoco”. Il suo gruista più pagato, al porto, quanto guadagna? “Intorno ai 7 mila euro, lordi”. Il suo calciatore più pagato? “Paulinho: ne prende 800 mila”. Se domani si licenziasse il migliore dei suoi portuali, oppure se ne andasse Paulinho, quale perdita le arrecherebbe il danno maggiore? “Eh, «belìn», non scherziamo, eh: Paulinho. Perdere lui, vuol dire perdere la Serie A”. ...Paulinho è rimasto nel Livorno… I tifosi si augurano che, Spinelli, ancora una volta, sia nel giusto.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

A

ldo Spinelli nasce a Palmi il 4 gennaio 1940. Ma lui si considera genovese, essendosi trasferito nella città ligure sin da giovane. Il 7 maggio 1985 rileva il Genoa in Serie B. Per 13 stagioni alla guida della società ligure, di cui 6 anni in Serie A. Ottimi successi fino ad arrivare alle semifinali di Coppa Uefa, vincendo tra le altre, le gare di andata, e ritorno, con il Liverpool (prima squadra italiana ad imporsi all’Anfield) e la Coppa anglo-italiana. Ha lasciato la presidenza della società genoana nel 1997. Lunedì 1° marzo 1999, ore 20, assistito da Roberto ed Italo Piccini, presso il Palazzo dei Portuali avviene il passaggio del Livorno calcio da Achilli-Deodati a Spinelli. Subito dopo la firma, si trasferiscono nella sala delle Cerimonie del Comune dal sindaco Gianfranco Lamberti. A fianco del sindaco l’assessore allo sport Vezio Benetti e l’onorevole Marco Susini. Dopodiché Spinelli farà il suo primo ingresso all’Armando Picchi, dove si sta giocando Livorno - Lumezzane, in notturna. I tifosi lo accolgono con un gran boato. Mentre in curva Nord veniva spiegato uno striscione con la scritta “Grazie Spinelli”. L’incontro finì 1-1. In vantaggio gli amaranto con Giraldi, 14’, poi raggiunti al 94’, con la rete segnata da Donà. Da subito mette a frutto l’esperienza maturata nella gestione rossoblu, dando inizio alla scalata del Livorno. Dalla serie C1 fino alla Coppa Uefa in sette anni. Dopo appena un anno di purgatorio in Serie B (2001/2002). Nel 2003/2004 il Livorno conquista la Serie A, dopo un’attesa di 55 anni, che dura solo un anno. Retrocede in Serie B nel campionato 2009/2010. Dopo tre anni in serie cadetta, il 2 giugno 2013, il Livorno torna in Serie A.

Nelle foto Aldo Spinelli 123


124


DAVIDE NICOLA

Un Mister da 110 e lode. Ecco come si avverano le fiabe

L’INTERVISTA

Di Gianni Picchi

ne ha preso spazio la settimana prima di Sassuolo, al girone di ritorno. Perché prima non ho mai dedicato molto tempo, a veder dove potevamo arrivare. Col passar delle giornate vedevo la squadra crescere, migliorarsi, e tenere posizioni importanti. In quella partita spendemmo molte energie nervose, perché la posta in palio era elevata, e non ci eravamo abituati”. Durante la stagione, vi è mai stato un moneto, in cui hai avuto il timore di non farcela? “No, perché in quell’anno, non ho mai pensato di allenare, ponendomi l’obiettivo della Serie A. Durante il campionato è stata brava la Società a non riversare carichi importanti. Ricordiamo che, la squadra, veniva dalla salvezza, all’ultima giornata di campionato. Quindi, la Società, così facendo, ci ha

permesso di scoprire i nostri valori di volta in volta. Quindi non avevamo né timori, né ansie”. C’è un giocatore che ti ha dato di più per questa promozione? “No, credo che i giocatori si siano… fusi, uno con l’altro, formando un gruppo di una entità importante, soprattutto morale, poi a livello tecnico-tattico. Direi che, chimicamente, siamo riusciti a creare un ambiente di fiducia, ad accettarsi così come erano”. La stagione prima il Livorno non brillò. Qual è stato il motivo scatenante, che ha permesso il grande salto nel calcio che conta? “Non so perché non brillò l’anno prima, e non avanzerei nessuna ipotesi, perché sarebbe altamente scorretto valutare senza aver vissuto la situazioni dal di dentro. Per quanto riguarda la nostra stagione credo che, quattro/cinque giocatori, fossero di livelli importanti per la Serie B. Gli altri erano giocatori, che volevano scoprire le loro qualità. Ed alcuni erano... feriti, perché volevano rilanciarsi. E da questo punto di vista c’è stato il mix giusto”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

P

er parlare con Davide Nicola abbiamo scelto il mare. Alla Rotonda. Il mare lo ama e lo distende. La mattina era speciale, il sole ed un mare azzurro e calmo. Il tutto, ha fatto da cornice alla chiaccherata con il “Mister 110 e lode” (il voto della commissione, ed erano anni, che non veniva assegnato, che lo esaminò al corso per allenatori professionisti.) Se dico domenica 2 giugno 2013, cosa ti viene in mente? La faccia è come quella di un bambino, quando riceve un regalo... “L’apoteosi. Riconoscimento di un processo di crescita e di un cammino, fatto insieme ad un gruppo di uomini, e ad un acittà intera. E l’avverarsi di una frase che io dissi...credo alle favole”. Chi ti contattò per venire a Livorno? “Perotti. Ci trovammo alle finali del campionato di primavera, a Gubbio. E lì parlammo del Livorno. Già lo conoscevo, perché lo avevo avuto, per 3 anni, come allenatore”. Descrivi Perotti con una parola. “Un signore. In tutto e per tutto. A lui sono legato in modo particolare, perché nella mia carriera professionale, è comparso due volte in maniera decisiva. È stato lui che mi ha dato la possibilità di passare dalla Primavera, alla Serie B. Ed iniziare una carriera importante come allenatore”. Quando hai capito che il Livorno poteva salire in Serie A? “Io ho sempre sperato in un piazzamento di play-off. Però la vera convinzio-

Nelle immagini Nicola dopo Livorno Empoli in mezzo ai tifosi

125


il fa Vien agl scin i a sc fat i ogg o de opri ti lr re e dal conqu tti de idare la m ist l pa vit ani are ssat a a d anc o, ell’ he usa tu to

modernariato - collezionismo antiquariato - abbigliamento

Usatomania è il posto giusto per non rinunciare alla tua passione per l’antiquariato, la tua collezione e il tuo stile: vieni a scoprire il negozio dell’usato di qualità al giusto prezzo. Non perdere l’occasione di risparmiare senza rinunce, vieni da Usatomania

Valutazione a domicilio GRATUITA

Via dei Pelaghi, 188 (dietro ad Expert) LIVORNO - Tel. 0586 854447 126 www.usatomanialivorno.it - info@usatomanialivorno.it


“Q

Calcio PAOLO PASQUALETTI Il calcio giovanile è un ambiente sano e non va criminalizzato

L’INTERVISTA

Di Antonella De Vito

cano di fare sacrifici, ma tengono comunque il bambino”. Negli ultimi mesi il calcio dei giovani è salito alla ribalta della cronaca. “Purtroppo si è voluto fare del sensazionalismo presentando i fatti sotto una brutta e falsa luce. È successo che due ragazzini si sono picchiati in campo, come può succedere a quest’età, ma i giornali hanno voluto contrabbandare l’episodio come un atto di razzismo, sfruttando il fatto che i due avevano la pelle di colore diverso. In un anno e mezzo, da quando cioè sono delegato provinciale, non c’è mai stato un atto di razzismo. Anzi i ragazzini ci stanno dando un insegnamento, perché ci mostrano come per loro la differenza di nazionalità o di colore non esiste, e quando si devono picchiare lo fanno come se fossero tutti uguali, senza pensare al colore della pelle. Purtroppo siamo noi che ci vediamo quel che non c’è. I dati degli ultimi tre anni dimostrano un calo di sanzioni verso le società, e una riduzione di squalifiche per i ragazzi e i dirigenti, non mi sembra quindi giusto dipingere il mondo del calcio giovanile della nostra provincia come violento, perché non lo è assolutamente. Mi ha fatto piacere leggere, in questi giorni, come un componente della grande famiglia del calcio livornese, si è reso protagonista di un atto di generosità. Lui è allenatore e dirigente di una società di seconda categorie, ma è anche disoccupato così come sua moglie e suo figlio, ma quando ha trovato 7.000 euro più un iPad non ha esitato a restituire tutto al proprietario. Questo è il miglior spot che poteva essere fatto al calcio dilettantistico, perché ha dimostrato che questo ambiente è formato da persone oneste”.

Altro tema al quale la stampa ha dato risalto è quello che riguarda il “caro biglietto”. “Siamo stati convocati in Comune dall’assessore allo sport Maurizio Bettini. Abbiamo spiegato il momento di grande difficoltà che le società attraversano, perché non hanno più sponsor e contemporaneamente hanno subito un aumento delle spese di gestione, come l’affitto delle strutture e le bollette di luce, gas e acqua. Anche in questo caso si è voluto creare un polverone e dipingerci come i cattivi, quando non c’è niente di cattivo, ma c’è solo da essere realisti. Da qualche parte la società deve reperire dei capitali per poter permettere lo svolgimento dell’attività dei ragazzi e non dimentichiamo che l’organizzazione è tutta basata sul volontariato e non incide sul piano economico”. Parliamo delle feste del 2013. “La Festa dei Piccoli Amici si è svolta come tutti gli anni allo stadio ed è stata una bellissima giornata, sono rimasti tutti molto soddisfatti. E, voglio sottolinearlo, l’ingresso era gratuito. Meravigliosa anche la Festa regionale del Pulcino all’Isola d’Elba. È stato un grande successo, ed i complimenti sono arrivati da tutti, anche dagli alti livelli della Federazione. L’organizzazione è tutta del comitato regionale, noi come provinciale ci siamo messi a disposizione come manovalanza”. La soddisfazione più bella del 2013? “Per me è stato il buon funzionamento della delegazione di Livorno. Se il comitato locale porta avanti il suo dovere senza intoppi, senza problemi, senza creare difficoltà alle società, per me questa è una bella soddisfazione, la più importante”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

uest’anno sento il bisogno d’iniziare con i ringraziamenti, per rendere merito, in tutta sincerità, a quanti orbitano intorno al nostro mondo e con il loro impegno permettono ai ragazzi di poter continuare a praticare il calcio”. Così esordisce Paolo Pasqualetti delegato provinciale della Figc. “Il primo ringraziamento va alle famiglie che in questo momento di crisi stanno combattendo con il bilancio familiare, e spesso si sacrificano per dare ai figli l’opportunità di dedicarsi allo sport del cuore. E poi non dimentichiamo il grosso impegno, che devono affrontare soprattutto coloro che hanno i bambini più piccoli che devono essere accompagnati, non solo agli allenamenti, ma anche alle partite. Voglio poi ringraziare le società, per il loro impegno volontario che rende possibile lo svolgimento dell’attività sportive. Ed infine, un grosso ringraziamento va alla Moby Line che anche quest’anno ci ha confermato per la stagione 2013-2014 la convenzione che permette agli atleti, agli allenatori e ai dirigenti delle società di viaggiare sui traghetti alle stesse tariffe dei residenti, e ciò nonostante sia aumentato il numero delle persone che devono andare e venire dall’Isola d’Elba. Questo per noi è un aiuto importantissimo, di vitale importanza”. Come è andata la stagione? “È stata abbastanza soddisfacente. Si è avuto un leggero incremento d’iscrizioni sia come società che come calciatori, e ciò rappresenta un importante cambio di tendenza, che ci lascia ben sperare”. Avete dei progetti per aiutare le famiglie che non riescono a pagare la retta? “Partecipiamo al progetto che ha sviluppato il Coni e che si chiama Multietnico. Come federazione abbiamo fatto il censimento nelle società di calcio della provincia, per vedere se ci sono delle persone in difficoltà e abbiamo stilato una graduatoria per il Coni, che provvederà aiutando con il pagamento della retta. Attualmente il progetto è riservato alle famiglie migranti, ma il delegato Coni ci ha detto che facendo uno sforzo e riuscendo a trovare i finanziamenti si potrebbe allargare anche alle famiglie italiani, che sempre più subiscono la crisi economica. Ma devo dire che anche da parte delle stesse società vi è un contribuito in questo senso, infatti, quando si rendono conto che ci sono famiglie in serie difficoltà cer-

127


Qual è stato l’appuntamento più importante del 2014? “Non posso evitare di parlare della Festa del Pulcino dell’Isola del’Elba che mi coinvolge personalmente, non solo per il ruolo che ricopro, ma perché ne sono stato l’ideatore. Un’iniziativa nata dall’esigenza di trovare un momento che potesse diventare di unione per tutto il territorio provinciale. Ricordo ancora la prima edizione che organizzammo come festa provinciale, facendo un treno speciale che si fermava in tutte le stazione per far salire i bambini, fino a Piombino, dove ci aspettava il traghetto. Fu la festa dei bambini che non volevano far sentire soli gli isolani, che spesso soffrono della separazione imposta dal mare. La Festa del Pulcino è un momento ludico, socializzante

BRUNO PERNICONI La festa del Pulcino emoziona fino alle lacrime

L’INTERVISTA

Di Antonella De Vito

e integrante per tutti. Dopo dieci edizioni abbiamo deciso di allargarla l’evento e così la gestione è passata al Comitato regionale. Ed oggi, che siamo alla sesta edizione di questa nuova versione della festa, possiamo dire di aver vinto la nostra scommessa. Adesso la manifestazione si svolge su due giorni per facilitare la partecipazione anche a coloro che vengono da lontano, come i senesi o gli aretini. Tutto quello che negli anni abbiamo raccolto con le pesche di beneficienza e altre iniziative è stato donato a varie organizzazioni come l’Unicef, l’Ospedale Gaslini o quello di Piombino. Per capire la portata di questo evento basta dire che partecipano 40 società, per un totale di 2.000 giovani. Nei giorni della festa l’Elba è la capitale del calcio giovanile. Da due anni ospitiamo sei squadre di ragazzi diversamente abili dello Special Olympics. È bellissimo vedere la loro gioia, ci gratificano con il loro entusiasmo. L’organizzazione è uno sforzo non indifferente, cominciamo a lavorarci fin da ottobre. Ci tengo molto a sottolineare che si tratta di una festa, non è un torneo, non è una gara, non ci sono classifiche. Quest’anno, al termine della sfilata delle squadre, con le musiche, l’inno di Mameli e lo spettacolo dei fuochi, siamo entrati in campo e ci siamo abbracciati con le lacrime agli occhi, tanto è stata l’emozione, la soddisfazione e la gratificazione”.

Cosa si propone per il futuro? “Continuare a fare come ho fatto fino ad ora. Non ho aspirazioni, farò quello che gli altri decidono per me. Per la provincia di Livorno credo sia una soddisfazione essere rappresentati alla vice presidenza della delegazione regionale, spero quindi che un domani, quando non ricoprirò più questa carica, Livorno possa continuare ad essere rappresentata da altri”. Oltre alla festa dell’Isola d’Elba cosa le piace ricordare della stagione passata? “Il progetto che abbiamo elaborato insieme alla Regione Toscana e alle Misericordie, presentato poco tempo fa a Coverciano. L’accordo prevede che le Misericordie, con la collaborazione della Regione e nostra, installino su ogni campo di calcio una colonnina di SOS, dove sarà collocato il defibrillatore e si avrà la possibilità, in caso di bisogno, di collegarsi con il 118 che oltre

ad inviare l’autoambulanza aiuterà a prestare i primi soccorsi. È un’iniziativa unica, la prima in Italia, un servizio che riguarda la tutela della salute. Naturalmente organizzeremo anche corsi di formazione per l’uso del defibrillatore. Come delegazione Toscana, siamo partiti con questo progetto in tempi non sospetti, prima del caso del povero Morosini. Sarà un bell’impegno per tutti. Nel 2015 avere un defibrillatore su ogni campo di calcio sarà obbligatorio, noi siamo partiti per tempo”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

B

runo Perniconi è il vice presidente del comitato regionale della Figc, livornese e inventore della Festa del Pulcino che da 16 anni si svolge all’Elba. Qual è il ruolo della Federazione regionale? “La delegazione regionale detta delle direttive che ogni delegazione provinciale deve supportare e seguire, rispettando le peculiarità del proprio territorio”.

Nelle immagini La Festa del Pulcino all’Isola d’Elba

129


L’INTERVISTA

ELENA TRAMONTI

Il calcio è una scuola di vita. Il sacrificio e l’impegno pagano sempre Di Antonella De Vito

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

C

resciuta sui campi di calcio seguendo il padre, prima atleta e poi allenatore, Elena Tramonti sviluppa una vera e propria passione verso questo sport, che ancora, all’età di 26 anni, continua a coltivare con impegno e sacrificio. Nella vita studia Scienze Motorie e per la squadra ricopre il ruolo di centrocampista. Esattamente quando hai iniziato? “Avevo 12 anni quando sui campi di Coteto vidi una partita di ragazze e chiesi a mio padre di poter cominciare a praticare il calcio. Mi aspettavo un parere favorevole da parte sua, ed invece non ci fu, meno che mai da parte di mia madre. Ma io ero decisa, avevo provato a fare tanti sport e pur essendo brava non mi ero appassionata ad alcuna disciplina. Così ho iniziato a fare calcio e da allora mi ci sono sempre dedicata con dedizione ed entusiasmo. Non ho mai smesso, mi sono sempre allenata anche quando ero malata, ho fatto tanti sacrifici, anche se per me non erano troppo impegnativi, grazie alla passione che ho”.

Nelle immagini Elena Tramonti

130

Raccontaci la tua carriera sportiva. “Ho sempre giocato nel Livorno, ma a settembre si è presentata l’occasione di fare il salto di qualità in Serie A, così sono andata a giocare con la Scalese che è una società di San Miniato. Però non mi sono trovata d’accordo con i metodi di allenamento e allora ho deciso di ritornare a Livorno. Purtroppo nel calcio femminile la passione non può diventare una professione e così ho pensato di fare una scelta più pratica. E poi a Livorno mi sono sempre trovata bene”. Cosa ti ha insegnato questo sport? “È sempre stato una scuola di vita. Mi ha aiutata a superare le difficoltà quando si sono presentate. Mi ha insegnato a non dire ‘non mi riesce’, perché le difficoltà piano piano si superano, con la determinazione. Il sacrifico e l’impegno pagano sempre. Mi ha insegnato che si possono trovare delle amiche, oltre che una squadra; mi ha insegnato che l’allenatore ti può arricchire non solo sul piano tecnico, ma anche a livello umano; mi ha insegnato a vivere, a portare lo sport nella vita”. L’esperienza più bella? “L’ultima stagione. Nonostante l’anno calcistico non sia andato benissimo, pur con tutte le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare, come il giocare in dieci, lo ricordo come uno dei migliori, perché eravamo un gruppo bellissimo con un mister che ci ha saputo trasmettere dei valori importanti. Questo mi ha fatto concludere la stagione con un sorriso e non con l’amarezza per le sconfitte”. Il tuo sogno nel cassetto? “Preparatrice atletica in un settore calcistico importante”. Cosa vuol dire essere donna in questo sport? “Attiriamo poco l’interesse economico. Avremmo bisogno di strutture, d’investimento, la federazione dovrebbe credere di più nel settore femminile, anche perché sempre più bambine si affacciano a questo sport. Quello che non si accorgono nel nostro ambiente è che le donne hanno molta più passione degli uomini, perché fanno molti sacrifici, nonostante il lavoro, la famiglia che spesso è contraria, le avversità delle strutture e dei campi.

Le donne ci sono sempre, continuano a crederci, a spendere il loro tempo e le energie”. Qual è stata la difficoltà maggiore da superare? “Difficoltà grosse non ne ho avute, ho sempre cercato di vedere il positivo, anche nelle sconfitte. Ho solo il rimpianto di non aver vinto il campionato contro il Pisa e il Firenze nelle due finali”. Ti piacerebbe un giorno diventare allenatrice? “Sì, infatti, sto facendo il corso. Siamo 35 di cui solo 3 donne”. Chi ti senti di ringraziare per la tua carriera sportiva? “Mio padre che crede sempre in me. Non è entrante, non l’ho mai sentito urlare. È sempre silenzioso, ma presente e mi sostiene. Credo che un legame così dovrebbe essere vissuto da tutti i genitori e dai loro figli”. Chi ti ha fatto il complimento più bello? “Le mie compagne di squadra, che hanno sempre creduto in me, e che mi vedono come una figura importante nello spogliatoio. Hanno talmente fiducia che mi hanno accompagnata e sostenuta nell’avventura in Serie A, anche se questo voleva dire separarci”. Un atleta mito? “Zambrotta”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Spero che questa intervista possa servire al calcio femminile, a renderlo più noto alle persone e in particolare ai genitori che si oppongono al desiderio delle figlie che vogliono praticare questa disciplina, non accorgendosi di tutto ciò che questo sport può regalare”.


volta in rappresentativa in Serie C, insieme ad altre ragazze della Toscana per giocare in un torneo regionale”. Cosa ti dà questo sport? “Quando la tua squadra vince provi delle emozioni molto forti. È uno sport che insegna tanto. Al nostro livello non si gioca per soldi, perché non ce ne sono, quindi tutto quello che facciamo è motivato esclusivamente dalla grande passione. E quando c’è questo sentimento riesci a vedere le cose in modo più ampio e le esperienze le vivi con intensità”. Ti pesano le differenze fra calcio maschile e femminile? “Non mi pesano, però indubbiamente la differenza è molto ampia. Noi siamo relegate nelle retrovie. Avremmo bisogno di più pubblicità, ciò aiuterebbe anche alcune ragazze a superare i pregiudizi che i genitori hanno su questo sport

“H

ALESSIA FOSSI

o iniziato per caso, da piccola ho fatto danza classica, ma al mare giocavo sempre a calcio con gli amici e mi piaceva. Dopo 5 anni di danza ho deciso di lasciare e dedicarmi al pallone”. Così introduce la sua storia sportiva Alessia Fossi, 17 anni, studentessa al Liceo delle Scienze umane, calciatrice da nove anni. Cosa ti piace di più di questo sport? “L’aspetto più bello è lo stare insieme, il condividere la stessa passione. È un gioco collettivo dove bisogna avere rispetto per le compagne e anche per le avversarie. Non è uno sport individuale dove sei sola, qui devi comunque confrontarti con le altre, non puoi pensare solo a te stessa”. L’esperienza più bella del 2013? “Aver fatto gol alla mia vecchia squadra. Lo scorso anno giocavo a Siena, ma adesso ho scelto di giocare a Livorno per ragioni logistiche, perché è più vicino a Venturina dove abito”. Qual è il tuo ruolo? “Gioco in attacco”. Cosa vuol dire fare gol? “Per un attaccante è il compito principale, il risultato di sforzi che fai durante tutta la settimana”. Qual è stato il tuo gol più bello? “A Lucca, a dicembre 2013. Mi è piaciuto perché c’è stata una bella azione di squadra ed anche una buona tecnica”. Un sogno nel cassetto?

GESSICA BALLERI

L’INTERVISTA

Una tradizione di famiglia coltivata al femminile. Tutto quello che facciamo è motivato esclusivamente dalla grande passione Di Antonella De Vito

praticato al femminile”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe entrare in nazionale”. Un atleta mito? “Non ne ho mai avuto uno in particolare”. In che ruolo giochi? “Come centrocampista”. Il rapporto con le compagne di squadra? “È buonissimo, naturalmente ci sono delle discussioni perché non tutte la vediamo allo stesso modo, ma ci troviamo benissimo fra di noi”. Hai provato a fare anche altri sport? “I miei genitori mi mandarono a fare ginnastica artistica, ma non resistetti più di 3 o 4 mesi”. I tuoi genitori ti appoggiano? “Inizialmente mio padre e mia madre non erano d’accordo, mia madre pensava che tanto avrei smesso, e mio padre era totalmente contrario, ma poi ha cambiato idea, ora mi appoggia ed è il mio più accanito fan”.

Un gioco dove bisogna aver rispetto per le compagne e le avversarie. Il ruolo dell’attaccante

L’INTERVISTA

Di Antonella De Vito “Cercare di arrivare il più in alto possibile, tipo nella nazionale. So che mi dovrò impegnare tanto e dedicarmi pienamente a questo sport”. Il complimento più bello che ti è stato fatto e da chi? “Dal mister, Renzo Bergamo, che non ha espresso un complimento diretto, ma mi ha fatto capire che sono fondamentale all’interno della squadra”. Cosa ti ha insegnato il calcio? “Lo stare insieme”. Un atleta mito? “Samuel Eto’o”. Come vivi la differenza fra calcio femminile e maschile? “Non bene, perché c’è troppa differenza. Non mi sembra giusta che nel maschile siano chiamati professionisti e noi dilettanti, perché comunque facciamo il solito sport. È ingiusto anche il fatto che per noi il calcio non può diven-

tare una professione, ma deve restare solo un hobby”. Di cosa avrebbe bisogno il calcio femminile? “Di più attenzioni”. Obiettivi del 2014? “Vincere il campionato e poi riuscire ad andare in rappresentativa”. Cosa rispondi a chi ti dice che è uno sport maschile? “Dico che non è vero e che ci sono tante ragazze che lo praticano con passione”. In famiglia cosa pensano? “Mi hanno sempre appoggiata. Se non era per mio padre non avrei mai fatto calcio, lui è il mio maggior fan e viene sempre ad assistere alle partite. Fin da piccola mi faceva vedere questo sport, da lui ho preso la passione. Mia madre non è mai stata molto contenta, però mi ha sempre rispettata e mi ha lasciata fare quello che volevo”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

F

in da piccolissima ha le idee chiare e niente la scoraggia. Gessica Balleri ha 19 anni, sta facendo un tirocinio come geometra in uno studio privato e gioca a calcio da quando aveva 4 anni e mezzo. “Quando ho detto ai miei genitori che volevo giocare a pallone non mi hanno presa sul serio. Hanno pensato che ero influenzata dai compagni dell’asilo, ma io sono andata avanti con determinazione e così mi hanno iscritta alla squadra delle Sorgenti, ma sempre credendo che in breve tempo mi sarei stancata di stare in un ambiente tutto al maschile. Non è andata così, mi sono appassionata sempre più e ho continuato”. Qual è stata la molla che ti ha fatto nascere questa passione? “Esattamente non lo so. Certo c’è una familiarità con questo sport, il cugino di mio padre è Davide Balleri, il calcio è un po’ una tradizione, ma nessuno pensava che potesse appassionare una bambina”. Dopo il Sorgenti come è proseguita la tua carriera agonistica? “A 14 anni ho deciso di lasciare i miei compagni e ho continuato con le ragazze, passando nel Livorno. Avrei potuto rimanere ancora un po’, ma con quelli più piccoli di un anno, e così ho preferito fare il salto”. La cosa più bella della tua esperienza calcistica? “Quando sono stata convocata per la prima

131


132


Uno Scudetto tutto livornese I Blues Officina MG Campioni d’Italia I ragazzi di Patron Bacci e Mister Simoncini vincono le finali nazionali Soccer League di calcio a 5 a Pesaro

sbarra la porta agli avversari, Baldassatici alza il muro in difesa e Sabbioni chiude i giochi in contropiede, e in semifinale, l’altra squadra della Toscana, il Livorno Popolare United, detentrice del titolo, in un emozionante derby vinto per 2-1, dopo aver recuperato l’iniziale svantaggio con Raddi e Sireno. La finale contro il Veneto, in cui resteranno indelebili l’impeccabile regia di Iacopo Simoncini e la pura classe di Mohamed, finisce 3-1 e i Blues officina MG si laureano Campioni d’Italia Soccer League 2013. Una menzione particolare la merita anche Mister Andrea Simoncini, che dalla panchina guida e gestisce la squadra con tan-

ta esperienza ed un talento unico. Come ultimo riconoscimento, convocazione azzurra per Sireno e Bacci. La Rosa Campione d’Italia: Alessio Bacci, Maicol Baldassatici, Alessio Belloni, Andrea Bernardini, Silvio Brilli, Jonathan Brizzi, Leonardo Cocchella, Mirko Disegni, Mattia Eschiti, Daniele Marchi, Karim Mohamed, Simone Raddi, Nicolò Rossetti, Mattia Sabbioni, Nicola Selmi, Iacopo Simoncini, Giacomo Sireno, Simone Sireno, Giorgio Vito, All: Andrea Simoncini. Nelle immagini i ragazzi della Blues Officina MG

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

U

n 2013 costellato di vittorie per i Blues Officina MG, squadra amatoriale di calcio a 5 presso Calcio Club Livorno, che in breve ha scalato le classifiche, fino ad arrivare al vertice italiano. Fondata soltanto nel 2010 dal Capitano Alessio Bacci e dal Vice Iacopo Simoncini, la squadra si è affermata da subito vincendo la prima edizione della Coppa Estiva in ricordo di Francesco Fabbri, per poi confermarsi nel successivo Campionato di Serie B 2010/11. L’anno seguente, i Blues riescono ad imporsi nel Campionato di Serie A 2011/12, nella Coppa Primavera Simone Talani e ancora una volta nella Coppa Estiva Francesco Fabbri, firmando uno storico triplete. Da neopromossa e contro ogni pronostico, la compagine livornese vince, alla sua prima apparizione, il Campionato di Superlega 2012/13, il vertice del calcetto livornese, e conquista anche la Coppa di Lega, siglando, per la prima volta nella storia, un binomio in cui mai nessuno era riuscito. Per strappare il biglietto per Pesaro è necessario vincere il Campionato Regionale, e la squadra riesce in questo intento sbarazzandosi per 14-7 della rappresentante di Rosignano. Ancora una vittoria, prima di Pesaro, arrivando così a ben cinque successi nel 2013: la Final Four Tre&23. Alle finali nazionali, i blues incappano in un girone di ferro, ma riescono a guadagnare il primo posto recuperando da 3-0 a 3-3 con il Molise allo scadere, e successivamente vincendo per 6-3 contro le Marche e per 2-1 contro la Lombardia. Approdati alle fasi eliminatorie, i Blues eliminano agli ottavi l’Emilia Romagna, con un 3-0 in cui è Capitan Bacci, con uno spettacolare goal di tacco, ad aprire le marcature, e Bernardini a fare fa saracinesca, ai quarti la formazione ostica del Piemonte, per 6-3, in cui Brilli

133


CARROZZERIA

CON ESPERIENZA 30ENNALE

Nuova gestione

Soccorso stradale Restauro auto - moto - vespe Oscuramento vetri Car wrapping

Via Aiaccia, 56 - Stagno (LI) • 0586 942172/338 2083403 nuova.suese@gmail.com


D

Canoa ROBERTO SARDI

L’INTERVISTA

Lo storico tecnico della canoa contornato dai suoi atleti. I risultati a livello regionale: 287 medaglie d’oro, 94 di argento e 38 di bronzo di Antonella De Vito

A sinistra Chiara e Alessia Agostinetti a destra Flavia Matteoli e Giulia Senesi

Canoa Club 2013

quinti. È un ottimo risultato per una società nata da 3 - 4 anni, come la nostra. Stiamo crescendo molto bene, i nostri 32 atleti ci danno tante soddisfazioni”. Passiamo poi ai ragazzi e alle ragazze, che dopo gli allenamenti in acqua, la palestra e la doccia hanno ancora la forza e la pazienza di risponderci. Giulia Senesi ha 13 anni, pratica canoa da 3 anni, e frequenta la terza media. “Ho iniziato perché la mia amica Flavia mi ha convinta. Facevamo nuoto insieme, ma durante la pausa

estiva lei è venuta a fare canoa perché già la praticava suo cugino, ed io che non volevo stare ferma, l’ho seguita. Mi è piaciuto e sono rimasta”. Com’è andato il 2013? “Bene, sono sempre stata sui primi e secondi posti in tutte le competizioni”. La soddisfazione più bella dell’anno passato? “La vittoria ai 2.000 metri al meeting di Caldonazzo con Chiara”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “Quando sono in acqua mi sento libera”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe entrare nel gruppo sportivo della Finanza”. Il complimento più bello che hai ricevuto?

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

ove poteva essere se non sulla riva dello Scolmatore, su delle tavole traballanti che lo salvano dal pantano causato dai lunghi giorni di pioggia? Quando si cerca il tecnico Roberto Sardi non si può sbagliare, a Stagno, il pomeriggio lo troviamo sempre impegnato a seguire i suoi ragazzi. Una volta rientrati nella sede, al riparo dal freddo e dall’umido ci facciamo raccontare come è andato il 2013: “In campo toscano abbiamo primeggiato, siamo stati la società più forte, oltre ad aver avuto anche il maggior numero di atleti partecipanti”. Il totale delle medaglie vinte è impressionante. “Abbiamo portato a casa 287 medaglie d’oro, 94 di argento e 38 di bronzo. Nel settore giovanile siamo la sesta società di canoa in Italia. È una bella soddisfazione ed un risultato non facile da raggiungere, perché sul panorama nazionale ci sono società molto più grandi di noi. Tutti i nostri ragazzi hanno vinto qualcosa al meeting o al Campionato italiano”. Ed in campo nazionale? “Valuto i risultati ottenuti buoni, abbiamo esordito con dignità, anche se non siamo stati molto presenti. Sono tre i ragazzi che sono andati al Campionato italiano a Milano: Tremolanti, Simonetti e Seminatore. Abbiamo fatto un ottavo posto in finale A con il K2 mille metri, ed in piccola finale siamo arrivati

135


F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Edoardo Orsini e Flavio Spurio

“Mi è stato fatto da un mio amico dopo una gara di K2 con una ragazza con la quale non ho trovato affiatamento. Siamo arrivate terze per questo motivo e io ero arrabbiata, ma lui mi ha detto che non mi dovevo preoccupare, perché sono comunque molte forte” Quali le qualità migliori dei tuoi allenatori? “Ci sopportano”. La tua qualità migliore? “La grinta. Ad esempio in questo periodo ho un dolore alla spalla, ma continuo ad allenarmi”. Il tuo maggior fan? “Il mio amico Maurizio, che mi aiuta sempre. Anche lui fa canoa”.

Marco Vannini al centro

136

Cosa vuol dire fare canoa per una ragazza? “Non c’è alcuna differenza, è uno sport che possono fare tutti. Le mie amiche mi dicono di smettere perché poi mi vengono le spallone o le braccia grosse, ma a me non interessa, mi piace e continuo”. Chi vuoi ringraziare? “Gli allenatori. In particolare Mancini e mio padre, perché lo scorso anno volevo smettere, ma loro mi hanno convita a fare una gara dove senza alcun allenamento sono arrivata prima, così ho capito che non potevo smettere, ed infatti ora sono contenta di non averlo fatto”. Francesco Spurio ha 14 anni, frequenta la prima classe dell’Iti. “Faccio canoa da 3 anni, grazie al mio professore di ginnastica che ci portò a provare questo sport. Facevo danza latino americana, ma ho smesso perché la canoa mi è piaciuta molto di più”. Com’è andato il 2013? “Con Lorenzo Mazzara ho vinto il K1 duecento metri al meeting delle regioni. Poi siamo arrivati secondi in K4 sempre al meeting, ed infine, terzi per società”. L’esperienza più bella? “La vittoria in K2”. Quella da dimenticare? “Il K2 su 2.000 metri, siamo arrivati esimi”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Mi piace tutto. Anche la tensione prima delle gare”. Un difetto? “Quando tira vento, ma per il resto va tutto bene”. Qual è la migliore qualità del tuo allenatore? “Ci allena bene, talvolta è un po’ irascibile, ma va bene, anche perché non è facile stare dietro a tutti noi”. La tua migliore qualità? “L’ostinazione nel provare a battere gli altri e andare avanti”. Un obiettivo per il 2014? “Vincere il titolo italiano a Milano”. Un sogno nel cassetto?

La staffetta vincente

“Olimpiadi, anche solo arrivarci”. Chi vuoi ringraziare? “Sardi e nonno Roberto che mi porta tutti i giorni agli allenamenti. Anche la mattina prima della scuola, faccio tre volte alla settimana la preparazione atletica, con la corsa o con la palestra. I miei compagni mi dicono che sono pazzo, loro non lo farebbero mai”. Il tuo maggiore fan? “Mio padre, oltre al nonno Roberto Manni. Abito a Castell’Anselmo e sono molti quelli che in paese mi chiedono come vado e si complimentano”.

Francesco Spurio e Lorenzo Mazzara


Leonardo Simonetti

Marco Vannini ha 14 anni, da 3 fa canoa e frequenta la terza media. “È stata una mia amica a convincermi a provare. Ho iniziato con una piccola squadra a Viareggio e poi sono venuto a Stagno” Com’è andato il 2013? “Sono arrivato terzo nei 200 k1 al meeting, secondo nei 2.000 K2 e primo in K4” La soddisfazione più bella del 2013? “Essere riuscito ad arrivare sempre fra i primi posti, risultati che a Viareggio non riuscivo ad ottenere”. Quali altri sport hai fatto? “Calcio e nuoto, ma non mi piacevano”. Cosa invece ti piace della canoa? “Le gare e il contatto con l’ambiente”. Un cosa che ti pesa? “Tutto l’allenamento che bisogna fare per migliorare”. L’obiettivo del 2014? “Vincere il meeting”. Un sogno nel cassetto? “Andare ai mondiali o alle olimpiadi”. Cosa puoi dire del tuo allenatore? “Ci allena bene, ed è simpatico. È un urlone, ma ci fa anche divertire”. La tua qualità migliore? “La passione, la voglia di fare, la determinazione”. Come concili sport e studio? “Sto attento in classe e concilio abbastanza bene”. Chi ti appoggia di più? “Mio padre e mio nonno”. Chi vuoi ringraziare? “Il Sardi”.

Leonardo Simonetti di anni ne ha 16, frequenta l’alberghiero a Pisa ed abita a Tirrenia. “Mi dedico alla canoa da 4 anni. Ho iniziato grazie a mio padre. Non sapevo che sport fare e lui mi ha consigliato di provare canoa”. Anche lui è stato un canoista? “Non proprio, lui vogava sui gozzi”. “Perché non ti ha indirizzato a canottaggio? “Lui mi ha proposto entrambi, ma io ho scelto canoa, perché mi piace guardare dove vado ed anche la pagaiata è più bella”.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Mirko Seminatore e Giacomo Tremolanti

Cosa ti piace di più di questa disciplina? “Quando entro in canoa sto bene, mi diverto e tutti i problemi svaniscono”. Come concili lo sport, la scuola e l’essere pendolare? “Con un po’ di fatica concilio tutto. Sfrutto anche i tempi in cui sono in autobus per studiare”. Com’è andato il 2013? “Abbiamo partecipato ai Campionati italiani e siamo andati bene”. La soddisfazione più bella? “Milano: fare la finalina sui 500 metri in K1”. Obiettivo del 2014? “È sempre Milano con i campionati nazionali. Mi piacciono le gare complesse”. Un sogno? “Vincere un Campionato italiano”.

Riccardo Fogli e Leonardo Randis

Filippo Bigoni

Chi fa il tifo per te? “Mio padre, la mia famiglia”. Quanto ti impegna questo sport? “Mi alleno 12 volte alla settimana. Tutti i pomeriggi e poi la mattina prima di andare a scuola. I miei compagni mi considerano fuori dal mondo, mi dicono che non è vita, ma a me piace”. Però è una disciplina che ti impone alcune rinunce.

137


F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak 138

na? “È bella perché è uno sport pulito e può darti grandi soddisfazioni nella vita”. I tuoi allenatori? “Il Sardi è molto bravo, anche dagli atleti meno portati riesce a tirare fuori del buono”. La tua qualità migliore? “Fisicamente l’altezza, a livello psicologico no so”. Chi vuoi ringraziare? “Gli allenatori e lo staff, composto anche da alcuni genitori e nonni che si impegnano e ci seguono”. Giacomo Tremolanti pratica canoa da poco più di due anni, ed ha iniziato per provare qualcosa di nuovo, dopo una lunga esperienza Gabriele Lemmi e Luca Arzelà con la tuta nera e verde con il Ju Jitsu, con il quale ha ragCome concili allenamenti e studio? giunto buoni livelli. Frequenta la secon“All’inizio ho avuto qualche difficoltà, da Nautico. Com’è andato il ma adesso sto riprendendo. Il sabato e la domenica mi avvantaggio e gli altri giorni 2013? “Ho vinto qualche studio subito dopo pranzo e poi riprendo titolo regionale e poi dopo cena”. Cosa pensano i tuoi familiari della tua ho partecipato ai Campionati italiani, attività agonistica? “Sono contenti, mio padre era un canoidove sono arrivato fra i primi: è stata sta”. Cosa pensano invece i compagni di una bella soddisfascuola? zione”. “Nella mia classe c’è chi fa canottaggio, L’emozione più bella della stagio- anche loro si allenano come me, e quindi ci comprendiamo a vicenda”. ne conclusa? Chi vuoi ringraziare? “Il campionato “Gli allenatori che mi hanno seguito”. italiano a Milano, Lorenzo Mazzara ha 14 anni e dopo perché mi sono poun’esperienza con l’Unione Canottieri è tuto confrontare Mirko Seminatore e Giacomo Tremolanti approdato al Canoa Club. con atleti bravi” Da quanto fai canoa? Il complimento più bello che ti è staCom’è andato il 2013? “Da 3 anni e mezzo”. “Abbastanza bene a parte dei brevi to fatto? Come hai iniziato? “Dal Sardi e dal Mancini che mi hanno infortuni. La gara più bella è stata a Melgozzo il 16 maggio perché sono arrivato detto che ho fatto delle primo nei 2.000 ed era anche il mio com- belle gare, che mi sono battuto bene”. pleanno”. Una qualità dei tuoi Come concili sport e studio? allenatori? “Abbastanza bene, non ho problemi”. “Sardi è bravo, ti preObiettivo del 2014? “Riuscire a rappresentare la Toscana al para bene per le gare, meeting sui 2.000 metri e riuscire a battere sia fisicamente che un avversario che però è anche mio amico. mentalmente”. La tua qualità miCi siamo conosciuti alle gare, è nata l’amicizia, ci scriviamo. Lui è più bravo ed è il mio gliore? “Sento di essere più punto di riferiremo. È da quando siamo piccoli che facciamo le gare uno contro l’altro”. allenato, più resistente Francesco Spurio e Lorenzo Mazzara Cosa ti piace di più di questa discipli- e veloce”. “Sì, certo. Frequento poco gli amici, ed il sabato sera esco saltuariamente, ma sono sacrifici che faccio volentieri”. Cosa possiamo dire del Sardi? “L’esperienza è la sua qualità migliore”. E la tua qual è? “La passione, sono innamorato di questa disciplina. Anche se la giornata va malissimo quando arrivo in canoa, mi sfogo e riesco a tirar fuori il meglio di me”. Chi vuoi ringraziare? “La famiglia, che mi ha sempre aiutato in tutto. Anche il sacrificio di portarmi agli allenamenti non è da sottovalutare, ho altri due fratellini, quindi per i miei genitori non è semplicissimo”. Gabriele Lemmi fa canoa da 5 anni e frequenta la terza media. “Ho iniziato perché consigliato da mio padre, che la prima volta mi ha costretto a salire in barca, ma poi mi è piaciuto e ho continuato con entusiasmo”.


“A 10 anni andavo al centro estivo Khoala dove ci facevano fare diverse attività legate al mare e all’acqua, compresa la canoa”. Hai fatto altri sport? “Prima facevo judo, ma non mi piaceva e non ci andavo molto volentieri”. Com’è andato il 2013? “È stato l’anno del passaggio di società e ho dovuto assestarmi un po’, nonostante tutto sono arrivato secondo al meeting. Però il mio anno migliore resta il 2012”. Parlaci del 2012. “La mia gara preferita è stata a San Giorgio di Nogaro dove arrivai primo nei 2.000 k1, nei 200 K1 e 200 k2”. Cosa pensi del tuo allenatore? “Sardi si sacrifica molto, viene tutti i giorni ad allenarci, io mi fido ciecamente dei suoi metodi, ho riposto tutte le mie speranze in lui”. “Un obiettivo per il 2014? “Vincere i Campionati italiani K1” Un sogno nel cassetto? “Non ce l’ho”. Come concili scuola e sport? “Faccio la prima classe dell’Iti e credo che sia tutta questione di organizzazione, sacrificio e voglia di studiare e allenarsi. Se si vuole si può mettere tutto insieme”. La tua qualità migliore? “Mettere il cuore in quello che faccio”. Chi ti senti di ringraziare? “Mancini e in particolar modo il Sardi che mi è sempre stato vicino da quando sono venuto qui”.

Mirko Seminatore ha 15 anni. Com’è andato il 2013? “Ho partecipato a diverse competizioni, sono andato bene e mi sono divertito. Ho vinto i regionali nei 5.000 metri e nel k2”. Qual è stata l’esperienza più bella? “I campionati nazionali di Milano. Era un bel campo di gare come struttura, organizzazione e partecipazione”. Come concili gli allenamenti quotidiani e lo studio? “Frequento la prima Nautica e non ho problemi”. Un obiettivo per il 2014? “Mi piacerebbe andare alle nazionali”. Quale specialità preferisci? “Il singolo mi piace, ma mi esprimo meglio nel doppio”.

Il tecnico Gianluca Mancini

Cosa ti piace del tuo tecnico? “La grande pazienza. È un ottimo allenatore”. La tua qualità migliore? “La passione”. Chi ti senti di ringraziare? “Gli allenatori, che fanno tanto lavoro per noi e poi i miei genitori per essere comprensivi”.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Squadra vincente a Caldonazzo

Filippo Bigoni

139


140


Canottaggio Tradizione centenario per il canottaggio livornese Un riassunto della stagione agonistica

Palco premiazioni con il presidente Giuseppe Abbagnale, il presidente della Canottieri Porto Azzurro Roberto Forti, e l’equipaggio misto VVF Tomei (Pasqui Vittorio, Ahmed H’moudi Said), Velocior, (Pintus Gorgio, Bermul Francesco) Aniene (Schettino Tommaso) classificato al 2° posto

Canottieri livornesi la 13a. Nella Coppa Montù, su 20 società classificate, il GS VVF Tomei guida le livornesi in 3a posizione, seguito dalla Accademia Navale 11a, e dalla Unione Canottieri Livornesi 15a. Si sono laureati campioni italiani nella categoria Master, due atleti livornesi, Claudio Cecconi e Michele Quercioli, tesserati però per il GS VVF Billi di Pisa. N e l l ’i n d o o r

Le imbarcazioni in allineamento per la partenza nella baia di Mola

rowing, il titolo di femminile è stato conquistato da Irene Vanucci del GS VF Tomei, vittoriosa anche nei Campionati italiani universitari, e maglia azzurra ai Campionati europei (5° posto nell’otto), e ai Mondiali (5° posto nel 4 senza e 9° nell’otto). Il 28 aprile 2013, si è disputata a Porto Azzurro, per la prima volta non solo in provincia, ma anche in regione una gara promozionale di Coastal Rowing, alla quale aveva presenziato il Presidente della Fic Giuseppe Abbagnale. Alla regata hanno partecipato atleti delle seguenti società: Foce Cecina, VVF Tomei Livorno, Amici del Remo Torino, Porto Azzurro, Eridano Torino, Velocior La Spezia, Aniene Roma, Canottieri Pontedera, Esperia Torino, Unione Canottieri Livornesi. Fonte: Comitato regionale Toscana

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

I

l Canottaggio, disciplina che a Livorno è praticata da oltre cento anni, è rappresentata da quattro società: Unione Canottieri Livornesi, G.S. Vigili del Fuoco Tomei, Accademia Navale e Canottieri Marconcini, che seppure in modo diverso svolgono la propria attività coprendo tutte le categorie che vanno dagli allievi ai senior. A stagione agonistica finita è tempo di classifiche, che rispecchiano l’attività delle singole Società in tutti i settori: quello scolastico (Coppa Caccialanza per il Remare a Scuola), il settore under 14 (Trofeo d’Aloja per allievi e cadetti), le categorie ragazzi, junior e senior (Coppa Montù), la Classifica Generale (che accomuna i punteggi di d’Aloja e Montù). In questa ultima, che dà la misura dell’impegno di una Società in tutti i settori, su 183 società classificate, il GS VVF Tomei occupa la 26a posizione, seguito dalla Accademia Navale 109a, e dalla Unione Canottieri livornesi 146a. Nel Trofeo d’Aloja, riservato ai giovanissimi (allievi B, C, cadetti), su 161 società classificate, il GS VVF Tomei occupa la 29a posizione, l’Unione Canottieri livornesi la 117a. Non gareggia con queste categorie l’Accademia Navale. Nella classifica di Coppa Montù, che valuta l’attività ragazzi, junior, senior e quella delle squadre nazionali, su 183 società classificate, troviamo ancora il GS VVF Tomei primo delle livornesi in 29a posizione, seguito dalla Accademia Navale 82a, e infine dall’Unione Canottieri Livornesi 146a. Nessuna società livornese è entrata nella classifica della Coppa Caccialanza, relativa al Remare a Scuola, e ai Giochi sportivi Studenteschi. Nelle classifiche regionali, è ancora il GS VVF Tomei a guidare le società livornesi. Nel Trofeo d’Aloja, su 15 società classificate, il GS VVF Tomei occupa la 4a posizione, l’Unione

141


L’INTERVISTA

IRENE VANNUCCI

Da apina sui gozzi ai Mondiale di Corea, una carriera agonistica rapida ed entusiasmante

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

I

l 2013 è stato un anno che ha premiato il canottaggio al femminile con Irene Vannucci di 23 anni. Dopo i successi della stagione passata Irene ha deciso di trasferirsi a Torino, dove può confrontarsi ed allenarsi con altre ragazze della sua categoria, cosa che a Livorno non sarebbe stato possibile per mancanza di atlete. Simpatica e determinata ci racconta della sua esperienza sportiva. “Ho iniziato tre anni fa, in doppio con la mia amica Jessica Crovetti. È stata lei che vedendomi in costume al mare mi disse che avevo il fisico adatto per questo sport, che conosceva bene perché lo aveva praticato da piccola, seguendo l’esempio di suo fratello. A quel tempo facevo la danza del ventre, così inizialmente non le detti peso, però rimasi incuriosita dalle sue parole, e alla fine decisi di provare”. Quali altri sport hai fatto? “Ne ho provati tanti, ma sempre per pochi mesi, perché niente mi era piaciuto, fino a quando il canottaggio ha catturato il mio interesse e le mie emozioni”. Come è cominciata questa avventura sportiva? “Sui gozzi, con una stagione che mi ha divertita molto. Con la mia amica abbiamo fatto un quartetto e abbiamo vinto tutte le gare. Una grande soddisfazione: delle esordienti che vincevano tutto, sembrava una storia assurda. Oltretutto, siccome i colori del Montenero sono il giallo e il nero, venivamo chiamate le apine, e si era creata un’atmosfera divertente, andavamo alle gare con la no-

stra mascotte, che era appunto un pupazzo di ape gigante e sui giornali ci descrivevano come le apine che vincono o le apine che pungono. Avevo il mio piccolo mondo oltre all’università e le amiche e questo mi ha molto coinvolto. I gozzi però sono limitati alla città di Livorno e visto i risultati positivi, volevo provare ad andare oltre, così con la mia amica abbiamo pensato di dedicarci al canottaggio olimpico e vedere come andava. Appena sono montata su una barca da canottaggio ho avuto la sensazione di volare, essendo molto più leggera rispetto al pesante gozzo, scivolava sull’acqua rapidamente. Ho così pensato: questo è il mio sport”. Raccontaci dell’aspetto agonistico. “Gli allenatori da come lavori all’ergometro, comprendono che capacità hai e quando è il momento di cominciare le competizioni. Naturalmente ho fatto le prime gare negli esordienti, alla prima competizione a livello regionale, ho partecipato in coppia con una ragazza di Pisa, ed abbiamo vinto. Però dopo due o tre mesi la mia compagna si è ritirata per problemi al ginocchio, ed io mi sono dovuta arrangiare da sola. Fra il doppio e il singolo c’è molta differenza, soprattutto nell’equilibrio, ed infatti, durante la mia prima gara in singolo a Genova cascai in acqua. Mi senti umiliata, ma nello stesso tempo mi venne la voglia di riscattarmi. E così è stato. Ho vinto il Campionato Italiano nel 2012, mentre la stagione precedente arrivai terza. Il 2013 è stato l’anno della nazionale, dove volevo arrivare a tutti i costi, ho fatto molto allenamento anche in palestra,

Irene Vannucci al Campionato Italiano per società

grazie al mio tecnico Stefano Lari che è stato molto bravo a prepararmi, ed ho partecipato anche al Mondiale in Corea del Sud, che non è andato molto bene, ma era la mia prima esperienza internazionale”. Raccontaci la tua vita a Torino. “Mi alleno con la società Sisport Fiat e faccio anche l’Università a Scienze Amministrative, che è una triennale sotto Giurisprudenza. Riesco a studiare, ma non molto, perché devo conciliare con gli allenamenti. L’università l’avevo già cominciata a Pisa, ho fatto il trasferimento a Torino e per fortuna mi hanno convalidato degli esami”. Come si svolge la tua giornata? “La mattina mi sveglio alle 7.30, faccio colazione, e poi con la bicicletta vado agli allenamenti che sono a un quarto d’ora da dove abito. Percorro il Parco del Valentino e questo già mi mette di buon umore. Faccio gli allenamenti con la corsa, l’ergometro o con l’uscita in barca. La cosa bella è che a Torino ci sono altre ragazze, così posso allenarmi in doppio, in quattro, cosa che non era possibile a Livorno, perché non ci sono atlete della mia categoria. È importante anche perché se un Irene al Mondiale assoluti a Chungju in Corea del Sud

142


“Quando fai una gara come l’avevi immaginata e vinci. Se invece devo fare riferimento ad un episodio particolare, devo citare quando Elisabetta Sancassani, che è una vera campionessa, ha fatto il tifo per me negli ultimi 500 metri durante un test, perché sapeva che ci tenevo molto, è stato bello. Ma vorrei citare un altro episodio. La corsa è il mio punto debole, non mi piace, e quando son riuscita a finire il giro del lago con i suoi 16 chilometri, il mio allenatore, che normalmente non si sbilancia mai, mi ha fatto i complimenti a tavola, davanti a tutti”. Una cosa da dimenticare? “Non c’è, anche perché da quelle negative trovi sempre il modo di rialzarti”. Sei fidanzata? “Quando si fa sport a questi livelli può essere un problema, perché se non trovi qualcuno dell’ambiente è difficile incontrare chi è disposto a capire e sopportare l’impegno che richiede questa disciplina”. Che consiglio daresti ad una ragazza di 12 anni che vuole fare canottaggio? “È uno sport che forma caratterialmente e alla sua età le serve un gruppo di amicizie sane, e con lo sport questo è possibile. È una disciplina molto bella perché è immersa nella natura e ti permette di fare amicizie in tutta Italia e può dare anche l’opportunità di andare all’estero”. Chi vuoi ringraziare? “Sicuramente Stefano Lari. È stato molto bravo. Mi dispiace aver lasciato Livorno, perché mi sono trovata bene con questo gruppo, mi hanno dato molto, anche se erano tutti più piccoli di me. Però a Torino sto bene, perché ho anche trovato una dimensione personale, che mi permette di non vivere più in famiglia e questo è fondamentale a 23 anni”. Qual è la cosa più importante che ti ha insegnato Stefano Lari? “Mi ha fatto capire, indirettamente, senza mai dichiararlo esplicitamente, che devo imparare a gestire le mie emozioni, ad essere più pacata”. Prima di una gara hai un rituale? “No, ma dopo sì”. Svelaci qual è. “Sono golosa, e dopo la gara, mi concedo un dolce, anche perché solitamente la settimana prima sono a dieta. Vado matta per la Nutella, e la cioccolata in generale”. Antonella De Vito

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Perché in questa disciplina ci sono pogiorno non ho voglio di allenarmi, c’è sempre una compagna che mi stimola, mi aiuta, che donne? “Si crede, e questo lo pensavo anch’io prie viceversa quando capita a lei, ad aiutarla ci sono io. Poi torno a casa a pranzo, riposo ma di avvicinarmi al canottaggio, che non un po’ perché sono stanca, ed il pomeriggio sia uno sport femminile e non costruisca un torno ad allenarmi. Mi ritaglio un paio di ore fisico adatto alle donne. Non è assolutamenal giorno per studiare, ma la sera sono stan- te vero, anzi direi che è proprio il contrario. È uno sport che coniuga la potenza alla rechissima”. Com’è avvenuto il contatto con la so- sistenza e quindi crea un fisico asciutto, ed è molto bello per una ragazza. Io credo che cietà torinese? “Ho fatto amicizia in nazionale con una una donna forte in questa società fa ancora ragazza di Torino, con la quale mi sono tro- paura, non piace. Ci bombardano con l’imvata benissimo, con lei ho molto feeling. Mi magine di donne non solo molto magre, ma ha detto che potevo provare a propormi, e si soprattutto deboli, che se le tocchi temi di è anche offerta di ospitarmi per qualche gior- romperle, un immaginario che è creato per no, per vedere se mi piaceva la vita a Torino”. continuare a tenerci sotto il dominio dell’uomo, anche da questo punto di vista. Una Un sogno nel cassetto? “Riuscire a migliorare il mio fisico, perché donna che dice ‘posso farlo anch’io’, in quevoglio che sia sempre più vicino a quello di sta società dà ancora fastidio”. Hai mai pensato a fare canoa? un’atleta di canottaggio, inoltre voglio mi“In realtà dopo l’esperienza dei gozzi volegliorare il mio tempo all’ergometro scendendo sotto i sette minuti, che vuol dire tanto in vo provare la canoa, ma la mia amica Jessica, Italia, solo poche donne da noi ci sono riusci- che aveva già fatto canottaggio, mi convinse te. Mi piacerebbe diventare forte per essere a cambiare strada. E devo dire che ora sono contenta di avere fatto questa scelta”. competitiva ad un mondiale”. Cosa ti dà questo sport? Da come ti esprimi si capisce che hai una “Mi sento migliore, da quando lo pratigrande passione per questa disciplina. “Ho tanto entusiasmo. Una persona che lo co ho modificato il mio carattere. Stando in pratica da tanti anni non lo trasmette, forse contatto con altre persone sono maturata, perché l’abitudine ti fa cadere nella quotidia- prima ero permalosissima, cosa che in quenità, invece per me è tutto nuovo, ed è mera- sto ambiente non puoi essere, perché sarebbe la fine, non smetterebbero mai di prenderviglioso”. Cosa vuol dire essere donna in questa mi in giro. Sono diventata molto più burlona, disciplina? Siete considerate in modo di- scherzo. Il canottaggio ha cambiato molto la mia verso? “Prima del 2008 sì, le donne non avevano vita, ad esempio, prima andavo in discoteun capo settore, e ciò comportava molti pro- ca, adesso no. Ho sempre sentito dentro me blemi. Poi è stato chiamato un olandese ad stessa che avrei fatto qualcosa di bello, staallenare la nazionale e lui ha creato il gruppo vo cercando la strada giusta e l’ho trovata femminile, puntando soprattutto a creare un nel canotaggio. Rifletto molto su di me e mi vivaio, anche in prospettiva futura. Oggi si sforzo di cambiare e di migliorare. Questo è il cerca di creare gruppo fra maschi e femmi- mio miglior pregio”. L’esperienza più bella? ne, infatti, ci alleniamo insieme, facendo gli stessi esercizi degli uomini. Da una parte è molto faticoso, ma è giusto, perché se sei considerata un’atleta di livello devi poter fare le stesse cose che fanno i maschi. Forse la cosa non tanto giusta, alla quale si dovrebbe trovare una soluzione, è che io devo farmi le stesse distanze spesso in singolo, perché ci sono meno atlete, mentre i ragazzi possono farlo anche in otto e naturalmente durano meno fatica”. Irene Vannucci al Campionato Italiano per società

143


Da destra Il tecnico Antonio Baldacci, il direttore sportivo Massimo Marconcini e il tecnico Andrea Brilli

compresi fra i 17 e i 18 anni con circa una decina di agonisti, nei Ragazzi, fra i 15 e i 16 anni, abbiamo una ventina di atleti, e poi c’è il settore dei più giovani, dai 10 ai 14 anni, anche loro formano un bel gruppo di circa 15-20 elementi”. Come è andato il 2013? “Bene. Abbiamo avuto Irene Vannucci, che ora si è trasferita a Torino, ma è cresciuta con noi, ed ha fatto i mondiale in Corea, una bella ed importante esperienza. Abbiamo poi il settore giovanile che sta andando molto bene”. Siete un gruppo che nel tempo ha creato diversi campioni. “Sì, abbiamo una bella tradizione. Ad esempio, nel 2009 Ceccatelli ha vinto il Mondiale, poi purtroppo ha avuto problemi fisici e non ha più potuto continuare a fare questo sport, sono sicura che senza tali difficoltà sarebbe stato ancora nella nazionale, perché aveva molte qualità. Noi dimentichiamo poi Luca Agamennoni, Dario Lari, Mannucci, tutti cresciuti con noi. Abbiamo sempre avuto degli atleti di interesse nazionale. Per allenare i nostri ragazzi abbiamo due tecnici che sono stati grandi agonisti, Antonio Baldacci di Limite sull’Arno, che è stato allenatore della nazionale under 23 fino all’anno scorso. Tutti i giorni viene da Firenze, ed è stato un olimpionico a Monaco,

MASSIMO MARCONCINI

L’INTERVISTA

La florida sezione del canottaggio dei Vigili del Fuoco Tomei con quaranta atleti in crescita Mosca e Seul. C’è poi Stefano Lari classe ‘61, anche lui è stato collaboratore della squadra under 23 ed olimpionico a Los Angeles e Barcellona”. Il vostro maggior problema? “L’unico problema che abbiamo è avere la sede un po’ fuori mano, una difficoltà, soprattutto per i bambini più piccoli, perché i genitori devono accompagnarli, comunque bene o male, vedo che la passione li porta fin qui, allo Scolmatore. Del resto non ci sono luoghi in città per poter fare questa attività. Attualmente abbiamo i nostri 40 atleti e sono sufficienti, anche perché a livello economico non è semplice far praticare sport a tanti, basta dire che una barca costa sui 5.000 euro”. Com’è andata la stagione a livello societario? “Con i bambini siamo arrivati fra le prime 20 società d’Italia, mentre ci siamo collocati fra le prime 30 a livello generale, considerando tutte le categorie. Abbiamo una crescita costante dal 2005 in poi, da quando è tornato Lari ad allenare a Livorno. Solo nel 2001 c’è stata una piccola crisi, non eravamo tanti, ma per fortuna è stata superata”. La soddisfazione più bella nel 2013 come direttore tecnico? “Vedere un’atleta ai Mondiali come è stato con Irene. Ma non solo questo. Io mi diverto molto a seguire le gare dei bambini, e lo scorso anno siamo andati a Ravenna per partecipare ad una competizione, ed ho visto un buon gruppo, che lascia ben sperare. Sono sempre stato convinto, e ne ho la prova, che parte tutto dai ragazzi, da come vengono impostati, da come vengono messi in barca e da come viene loro insegnato a praticare questo sport”. Obiettivo 2014?

“Naturalmente fare meglio del 2013. Abbiamo dei buoni atleti, ma le gare non sono ancora iniziate e non voglio dire altro, vediamo cosa succede”. Di cosa avrebbe bisogno il canottaggio a Livorno? “Di maggiore pubblicità, anche se noi i nostri atleti li abbiamo, grazie ad anni di buon lavoro. Diciamo però che ci dà fastidio essere confusi con quelli che fanno canoa o ancora di più con i gozzi, quando siamo uno sport totalmente diverso”. È una disciplina che può essere coniugato al femminile? “Nel canottaggio non occorre potenza, ma soprattutto resistenza. È uno sport che asciuga il fisco ed è molto più adatto alle donne, ed infatti, all’estero ci sono tante donne”. Non hai mai pensato di dedicarti alla canoa? “Non ho mai provato ad andare in canoa, ma è uno sport più di forza, è esplosivo. Il canottaggio usa tutto il corpo è più completo”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Sarebbero molte le persone da ringraziare. Ad esempio, la Tosco Petrol che ci ha dato la struttura dove ci alleniamo in comodato d’uso gratuito e tengono molto alla nostra attività”. A.D.V.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

M

assimo Marconcini, direttore sportivo della sezione canottaggio dei Vigili del Fuoco Tomei, ci introduce nella realtà del gruppo. “Attualmente abbiamo circa 40 tesserati, distribuiti nelle varie categorie. I Senior, al di sopra di 19 anni, è la categoria dove abbiamo meno atleti, in questo momento sono pochi, per il resto ci sono gli Juniores

Ragazzi in allenamento

145


SERVIZI INFORTUNISTICA STRADALE ente e non sai a chi rivol d i c n i n u o t u ge rti? Hai av Vieni con fiducia all’ESSE D. Troverai personale qualificato che ti indicherà la strada più breve per la riscossione del tuo sinistro. E ancora: Studi medici e fisioterapisti fiduciari Assistenza legale - Medici legali Periti di parte - Carrozzerie SENZA ALCUN ANTICIPO DI SPESE

Via Marradi, 149 LIVORNO - Tel. 0586 800782 Fax 0586 800303 - cell. 339 3847167 essedinfortunistica@gmail.com

SOCCORSO STRADALE

366 2429451


EDOARDO BERNINI

L’INTERVISTA

E

Edoardo Bernini

doardo Benini ha 16 anni e da 5 si dedica al canottaggio. “Prima facevo basket, ma ho smesso perché non mi piaceva. Una sera passeggiando con i miei genitori vidi passare i gozzi del Palio, mi incuriosii molto e chiesi a mio padre informazioni. Così lui mi ha portato a canottaggio, ho provato e sono rimasto”. Il 2013 com’è andato? “È stato un anno un po’ duro, perché ho fatto il passaggio alla categoria dei ragazzi e sono cambiati gli avversari, il tipo di gara, insomma

un po’ tutto, ed è stato difficile, c’è voluta più fatica per affrontare l’agonismo”. La soddisfazione più bella che hai avuto in questi anni? “Le più belle sono quando riesci ad arrivare sul podio, anche quando sei sul secondo o terzo gradino”. Un’esperienza da dimenticare? “Arrivare ultimo o penultimo e sapere che potevi dare di più, fare meglio”. Come concili con la scuola? “Frequento il secondo anno dell’Iti e concilio bene i due impegni, non ho problemi, anche se mi alleno tutti i giorni. Se c’è la passione e l’impegno di può fare tutto”. Perché ti piace questo sport? “Molti non lo considerano uno sport di squadra, ma in realtà lo è quando si fanno le barche multiple. Mi trovo bene perché siamo un bel gruppo, ci sto bene. È una disciplina che riesce sempre ad appassionarmi”. Un atleta mito? “I nostri Emiliano Ceccatelli e Agamennoni”.

LEONARDO BIENTINESI

Quale barca preferisci? “Varie: il doppio, il quattro. Il singolo è quello che preferisco un po’ meno”. Obiettivo del 2014? “Fare meglio dell’anno passato, dare il massimo e riuscire a fare delle barche competitivi per gli avversari”. Il sogno nel cassetto? “Arrivare al più alto livello, entrare in nazionale e partecipare ai mondiali e alle olimpiadi. Il problema è riuscire a realizzarlo questo sogno”. Qual è la qualità migliore del tuo allenatore? “Il mio allenatore è Stefano Lari e quando siamo in barca e sbagliamo la tecnica, lui ci spiega e rispiega il nostro difetto, fino a quando non capiamo e lo correggiamo, insomma, con noi è molto paziente e non si arrende mai”. Qual è la tua qualità? “L’altezza. Tutti dicono che in questo sport conta”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Tutti gli allenatori e i compagni”.

L’INTERVISTA

La passione è ciò che conta. Aumentare l’impegno per raggiungere il massimo

Leonardo Bientinesi

L

eonardo Bientinesi ha quasi 16 anni, ed anche lui voga da 5 anni. “Ho iniziato per curiosità. Mio zio Andrea Brilli, che ha vestito la maglia azzurra, mi ha spinto a provare e io per curiosità ho iniziato. Stavo facendo un altro sport, ma ho smesso per dedicarmi al canottaggio perché mi è piaciuto subito l’emozione della barca. Faccio lo scientifico a Rosignano Solvay dove abito e per allenarmi faccio il pendolare: è molto impegnativo”. Com’è andato il 2013? “Abbastanza bene, le soddisfazioni ci sono

state, nonostante fosse il primo anno nella categoria ragazzi, un salto solitamente molto difficile. La soddisfazione più bella e stato il Campionato Italiano, abbiamo messo molto impegno, non abbiamo vinto, ma siamo entrati in finale A e siamo stati contenti”. Obiettivo del 2014? “Aumentare la frequenza degli allineamenti per migliorare soprattutto i risultati ai Campionati italiani”. Come puoi aumentare la frequenza se già ti alleni tutti i giorni? “Mi allenerò due volte alla settimana, la mattina, prima di andare a scuola, con la preparazione atletica. Cerco d’impegnarmi al massimo per ottenere risultati sempre migliori”. I podi del passato? “I Festival dei Giovani sono sempre stati emozionanti. Vi ho partecipato dagli 11 ai 14 anni, sono come i Campionati italiani, ma per i ragazzi più piccoli e puoi gareggi con atleti di tutt’Italia. Ho sempre fatto il singolo e barche multiple

come il 4 di coppia e il doppio con Bernini, ed ho sempre conquistato le prime posizioni”. Un sogno nel cassetto? “Le olimpiadi, anche se sono lontanissime. Cerco di raggiungere sempre il massimo in quello che sto facendo”. Qual è la barca che preferisci? “Ora sto facendo la punta con un remo solo. È importante perché apre molte più strade, però io preferivo il doppio come facevamo prima. ”. Un atleta mito? “L’italiano Galtarossa”. Le qualità migliori del tuo allenatore? “Mi piace perché ti sprona a non mollare mai, anche quando senti la stanchezza, il dolore, e pensi di non finire l’allenamento, lui ti spinge ad andare avanti. Mi piace la carica che mi dà, anche quando ho dei periodi di calo, lui è sempre presente e mi stimola”. La tua qualità migliore? “La passione. Sono convinto che nello sport conti soprattutto questo”.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

La voglia di fare squadra, Conciliare gli impegni con passione e determinazione

147


148


Leonardo Romoli

LEONARDO ROMOLI Tirare fuori la rabbia al momento giusto, una passione legata al mare e alle sue attività “Conquistare qualche medaglia”. Era più facile vogare quando eri più giovane? “Da piccolo ero molto più forte rispetto a quanto lo sia ora, perché ero più cattivo in gara e vincevo spesso qualche medaglia. Mi divertivo molto più di ora. Adesso è più dura”. La soddisfazione più bella della tua carriera agonistica? “Il fondo sul Canale dei Navicelli due anni fa, quando siamo arrivati secondi in Coppa Italia sul 4 di coppia”. Un’esperienza da dimenticare? “Ce ne sono diverse. I Campionati italiani sono andati male, era la prima volta che li facevo”. Come concili sport e scuola? “È dura. Io non ce la faccio molto bene, e talvolta devo saltare uno o due dei sette allenamenti settimanali, per dedicarmi alla scuola, perché se mi alleno seriamente, la sera sono molto stanco e non ce la faccio a studiare”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare in nazionale, ma è difficile. Anche nei pesi leggeri sarebbe bellissimo, cercherò di mettercela tutta”. La tua barca preferita? “Il due senza, perché è una barca difficile da far andare, devi essere molto in sintonia con il tuo compagno, però se ti piace veramente è una bella

L’INTERVISTA

barca”. Un’atleta mito? “Ce ne sono molti. Forse quello che ho sempre ammirato di più è il ceco Sinek, che ha uno stile di voga tutto suo. È il secondo al mondo”. La qualità migliore dei tuoi allenatori? “Stefano Lari sa essere molto severo e pretende dai suoi allievi, ma sa motivarli a fare sempre meglio. È gentile al momento giusto e determinato quando serve. Antonio è simpaticissimo, lui ci fa ridere molto, ed è ferratissimo su questa disciplina, allena i più piccoli, ma è sempre disponibile anche con noi. E poi c’è Andrea anche lui è molto disponibile, scherziamo molto e gli vogliamo tutti bene”. Qual è la tua migliore qualità? “So tirare fuori la rabbia nei momenti giusti. La accumulo quotidianamente e poi la sprigiono quando mi può essere utile. Non serve a niente arrabbiarsi con una persona con la quale litighi o nei momenti in cui subisci cose brutte. La rabbia può essere utilizzata quando è necessario andare avanti”. Chi vuoi ringraziare? “Prima di tutto i miei genitori che mi hanno sempre portato in ogni luogo. Non è una cosa da poco, da casa agli allenamenti ci sono 25 minuti di auto. Poi il primo allenatore che ho avuto all’Unione Canottieri dove ho iniziato, non è mai stato amato dagli altri, ma a me ha dato tutto”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì, voglio consigliare a tutti di tenere duro, quando si presentano delle difficoltà. In questo sport si devono affrontare anche persone più grosse di noi, è quindi importante l’allenamento e la volontà, solo così si può andare avanti”.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

“M

i chiamo Leonardo Romoli, ho 15 anni e vado al Nautico. Ho iniziato con il canottaggio 5 anni fa, invogliato anche da mio fratello che vogava sui gozzi. Mi è sempre piaciuto il mare e tutte le attività che in qualche modo vi sono legate. All’inizio non andavo pazzo per questa disciplina, ma poi con il tempo me ne sono innamorato. È uno sport duro, i vogatori sono persone uniche, non ci sono altri sportivi come loro. Le gare, dopo tanti allenamenti e fatiche, sono comunque delle soddisfazione, anche se non si arriva sul podio”. Com’è andato il 2013? “C’è stato il passaggio alla categoria Ragazzi ed è stato duro. Ho dovuto gareggiare anche con quelli più grandi di me”. Obiettivo del 2014?

149


Tel. 0586 403211 Fax 0586 424963 Cell. 338 3438350

Via Fabio Filzi 19 int.11 57122 LIVORNO

• Batterie per auto/moto/nautica

• Ricambi nazionali ed esteri

• Filtri aria, olio, gasolio e carburante

• Filtri aria, olio e carburante

• Lubrificanti, liquidi freni lucautoricambi@alice.it


Marco Marconcini alla premiazione del Campionato del mondo

MARCO MARCONCINI

L’INTERVISTA

Una vita per il canottaggio. La storia di due famiglie intrecciate da un’unica passione di Antonella De Vito

Ritorno a casa dai mondiali

Fuoco Tomei per aprire il gruppo sportivo di canottaggio. Questo è avvenuto fra gli anni ‘64 e ‘65, ed io che ero ancora piccolo, avevo circa dieci anni, ero incuriosito nel vedere mio padre che ogni giorni alle cinque andava alla palestra dei Vigili dei Fuochi”. Tu come ti sei avvicinato? “I miei genitori per farmi fare attività sportiva mi portarono in piscina, ma a me il nuoto non piaceva, io ero attratto dall’attività che faceva mio padre, così ad un certo punto decise di portarmi con lui, pur non avendo ancora l’età per fare l’agonista. Così a tredici anni cominciai a frequentare la palestra, anche se non potevo fare attività”. Come hai continuato? “Nel ’70 raggiunsi l’età dell’agonismo, così cominciai gli allenamenti e le prime gare andarono bene, perché insieme ad un altro ragazzo vincemmo subito una gara nazionale. Accadde però che ebbi un incidente e mi causai una ferita alla testa, così dovetti fermarmi. Il mio compagno fu costretto a vogare da solo, ma alla vigilia dei Campionati toscani a Torre del Lago

si sentì male, ed io mi offrii al suo posto, nonostante avessi ancora i punti alla testa. Non tutti erano convinti, ma io volli provare e vinsi i Campionati. Così iniziai la carriera di singolista”. E fu subito successo. “Sì. Nel ’72, l’anno dopo, vinsi tutte le gare nazionali, escluso il Campionati italiano, perché negli ultimi 70 metri, mi passò a fianco un motoscafo che mi fece perdere il remo, riuscii a non cadere in acqua, però arrivai secondo. Rimasi con l’amaro in bocca, che mi tolsi l’anno successivo vincendo tutto, compreso il Campionato italiano, indossai la maglia azzurra e andai ai Mondiali Junior”. Come andò? “Arrivai quarto. Per me era la prima esperienza del genere, ed ero il più piccolo ed inesperto, ma mi servì molto per farmi le ossa. Ed infatti, l’anno dopo, nel ’74, dopo aver vinto tutte le gare italiane, andai ai Mondiali e questa volta vinsi e divenni Campione del mondo. Vinsi anche l’incontro organizzato dai paesi dell’Est in Jugoslavia, dove l’Italia era stata invitata”.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

U

n nome, una storia. E quello dei Marconcini è uno di quei cognomi che di storia, all’interno del mondo del canottaggio, ne ha scritta veramente tanta. Marco Marconcini è un illustre rappresentante di una stirpe di canottieri e sicuramente la persona migliore per raccontarci questa affascinante storia, insieme alla moglie, anche lei una Marconcini, che pur senza legami di parentela, non solo ha lo stesso cognome, ma anche le stesse radici nel mondo del canottaggio. Ma lasciamo la parola al protagonista. “Mio suocero è il famoso Umberto Marconcini detto ‘Uccellino’ nell’ambiente del Palio Marinaro, mio padre invece è Unico Marconcini che è stato il primo a fare il canottaggio a Livorno, cominciando nel ’47 all’Unione Canottieri, dove successivamente andò anche mio suocero e si trovarono a vogare insieme sulla stessa barca, ma non erano assolutamente parenti”. Qual è stata la carriere di tuo padre? “Mio padre ha vinto due titoli italiani sull’otto e poi ha partecipato a gare nazionali in singolo. Finito l’agonismo si è dedicato ad allenare, prima con l’Unione Canottieri, poi per un breve periodo al Cral Stanic, ed infine, fu chiamato dai Vigili del

151


NUOVA TRASLOCHI

BERNI & C.

snc di Claudio Aldegheri

Specializzati in traslochi • Custodia mobili in contenitori al coperto • Noleggio montacarichi • Polizza assicurativa su tutti i servizi Preventivi gratuiti e senza alcun impegno

Per informazioni: 335 5877689 oppure 347 2772287 152

Via di Collinaia, 16/18 int. 3 - Tel. 0586 867411 traslochiberni@iol.it - www.trasportiberni.it


Arriviamo poi al passaggio di categoria. “Sì, nel ’75 passai Senior sempre in singolo, e vinsi tre o quattro gare nazionali. All’epoca la categoria era divisa in due, perché chi aveva meriti sportivi, come me, gareggiava negli Assoluti. Quando feci le gare in questa categoria arrivai secondo per un decimo di secondo sul primo”.

Doppio Casprini-Marconcini

certo modo e quando andavo ai raduni nazionali mi davano una mascherina, come a tutti gli altri, che mi doveva abituare, secondo questo medico, tramite la carenza di ossigeno, all’acido lattico che si sviluppa durante lo sforzo fisico. Ero pronto per le olimpiadi, ma quando stavo ormai partendo, ero già a Milano, mi comunicarono che non avrei fatto parte del gruppo, così tornai a casa. E questa fu un’altra di quelle esperienze che segnano profondamente”. Come ti sei sentito? “L’anno dopo ricominciai ad allenarmi, ma certo con meno entusiasmo”. Le olimpiadi successive?

Premiazione gara Nazionale

“Furono quelle dell’80 in Unione Sovietica, quando ci fu il famoso boicottaggio. Io nel frattempo ero diventato Vigile del Fuoco e a quel tempo eravamo considerati come militari e ci dissero che non saremo andati, così decisi di operarmi alle tonsille, perché avevo avuto diversi problemi di salute. Ed invece, alla fine, trovarono un escamotage e l’Italia partecipò come Coni Italia, ma io a quel punto ero fuori allenamento e non ci andai. Finì così l’attività agonistica, anche se poi ho continuato a livello amatoriale, vincendo i Campionati assoluti con Stefano Lari. Ho fatto anche un po’ di palio vincendo con l’Ovosodo, ed ho avuto un’esperienza con i galeoni di Pisa, ed anche qui con

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Unico e Marco Marconcini, Casprini e M.llo Giachetti

Questo comportò dei problemi? “La Federazione nazionale convocò me e l’altro atleta, che era veneziano, per decidere chi dei due sarebbe andato ai mondiali e chi avrebbe fatto la riserva. Ci fecero fare una gara e vinsi io, lui a metà si fermò, quindi fu deciso che io sarei stato il titolare e lui la riserva. Ma dopo qualche giorno la Federazione ci ripensò e ci fece fare un’altra gara, dove lui, ancora una volta, vinse per un decimo di secondo. Pensavo che ci sarebbe stata una terza gara prima della decisione finale, ed invece, lui fu designato titolare e io riserva, ed al mondiale arrivò quarto. Fu un’esperienza negativa per me, di quelle che ti segnano”. Ti sei dato una spiegazione? “Non so. C’è da dire che in quegli anni non c’era un tecnico federale stabile, ogni anno cambiavano ed erano sempre del nord Italia. Questa situazione sfavorì anche un altro livornese, Marino Casprini, anche lui candidato ai mondiali, che fu addirittura lasciato a casa, non rientrò neanche nelle riserve. Anche Marino fu segnato da questi episodi”. Le olimpiadi? “Il ’76 era l’anno delle Olimpiadi di Montreal, così decidemmo di cominciare la preparazione molto prima, quando non era ancora terminata la stagione del ’75. Nel ’76 però la Federazione affidò al dottor Dal Monte, quello che inventò le ruote lenticolari di Moser, la dirigenza tecnica. Questi decise di cambiare il tipo di preparazione, sperimentando l’allenamento in debito di ossigeno, che era esattamente il contrario di quello che facevamo noi. Un metodo fortunatamente abbandonato ben presto, quell’anno le olimpiadi furono un disastro”. Questo cosa comportò per te? “Io ero abituato ad allenarmi a Livorno in un

153


154


Premiazione gara Nazionale a Livorno

al Ciucheba. Lui mi disse che gli ricordavo qualcuno... non sapeva che aveva appena salutato mio padre. Eravamo destinati ad incontrarci, fra le altre cose nessuno dei due quel giorno sarebbe dovuto andare in discoteca, ed invece per casi fortuiti entrambi cambiammo programma e ci conoscemmo… e fu amore a prima vista”. Torniamo a Marco e alla carriera da tecnico. “Ho cominciato a fare l’allenatore ai Vigili del Fuoco. Allenavo i ragazzi e poi li passavo a mio padre che continuava a crescerli. Purtroppo è morto troppo presto, doveva vivere di più per continuare ad insegnare. Mio padre non aveva mai voluto

fare un equipaggio di otto, perché per lui era una forma di rispetto verso i mitici Scarronzoni, ma quell’anno, sorprendendomi, decise di farlo. Era il ’94 ed io segui i ragazzi a Piediluco mentre lui restò a casa per guardarci alla televisione. Fu proprio in quel momento che morì”. La sua scomparsa segnò una svolDoppio Marconcini-Lari ta. “Sì, anche se non dipese da me. I Vigili del Adesso qual è la tua attività di tecniFuoco posero fine co? al nostro rapporto, “Al momento siamo fermi per causa di ed io per un breve forza maggiore, ma riprenderemo presto”. periodo andai ad Qual è la soddisfazione più bella che allenare all’Unione hai avuto? Canottieri, ma non “Come atleta aver vinto il titolo del monmi trovavo molto do in casa, cioè allenandomi a Livorno bene. Così, insieme con mio padre e la mia società, una vittoa mia moglie, decisi ria che ho molto sentito. Come allenatore di fare una socie- aver avuto l’opportunità di dimostrare, a tà, presi un mutuo chi non aveva fiducia in me, che qualcosa e comprai barche, la sapevo fare anch’io, avendo ereditato carrello e tutto quel- esperienze e insegnamenti da mio padre”. lo che serviva, comPer quello che hai fatto chi ti senti di presa la concessione ringraziare? di un pezzo di terra “Mio padre per quello che mi ha insealla Scolmatore. Ho gnato. Mia moglie perché ha avuto tanta così potuto seguire pazienza, e questo per me ha avuto una meglio i miei figli grande importanza”. togliendomi delle Un sogno nel cassetto? belle soddisfazioni. “Vedere un campo di gara allo ScolmaInfatti mio figlio, che tore”. non era stato valutato dall’ambiente per quello che valeva, arrivò terzo agli assoluti in singolo con un solo mese di preparazione e ha continuato poi a vincere tantissime gare nazionali ed anche il titolo ai mondiali Universitari. Anche mia figlia ha vinto il titolo italiano in singolo Junior ed ha fatto tre mondiali”. Fotofinish arrivo campionati del mondo

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

l’equipaggio vincemmo la gara delle Antiche Repubbliche Marinare”. E tua moglie Cinzia? “La sua famiglia ha una tradizione ancora più antica della mia. Suo zio era Renato Barbieri detto Attao, del famoso equipaggio degli Scarronzoni. È un secolo che la sua famiglia voga”. Passiamo la parola a Cinzia, perché ci racconti la loro storia d’amore, veramente particolare. “Mio padre era molto geloso e non voleva assolutamente che io frequentassi l’ambiente del canottaggio, ed infatti, non conoscevo nessuno degli atleti. Allo stesso tempo Marco, che conosceva bene mio padre e che vedeva tutti i giorni allo Scolmatore, ignorava che avesse una figlia. Ci siamo conosciuti un pomeriggio a ballare

155


Abbigliamento tecnico e accessori per tutte le esigenze Training test:

Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√ Tempo libero da passeggio e da turismo

(con possibilità di noleggio)

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

NUOVA SEDE:

156

Scali delle Cantine, 16/20 - 57151 LIVORNO Tel. 0586 800093


D

Ciclismo LUCA CASINI Il Presidente provinciale FCI ci spiega: “il ciclismo che vorrei”

L’INTERVISTA

di Mario Orsini

Luca Casini presidente provinciale Fci

capitanata dal presidente Gino Massei, è impegnata nel rilancio del settore Juniores e nel ‘lancio’ del ciclismo in gonnella. Una bella sfida e una risposta alle tante richieste di tesseramento. Anche la FCI regionale, si sta muovendo. A tale proposito è stata istituita una commissione coordinata da Gaetano Cutrupi e Valentina Romanelli per dare, con interventi mirati, alle ragazze che lo desiderano, la possibilità di poter dare sfogo alla loro passione sportiva. Attive in campo femminile, in provincia di Livorno, sono pure: la Polisportiva Marina di Cecina, nelle categorie Esordienti ed Allieve e l’Elba Bike nella MTB. Parlando di donne il pensiero va a Mario Venturi, recentemente scomparso. Mario insieme all’amico Renzo Parietti avevano dato vita a Rosignano, nel settore giovanissimi, all’ASD Costa Etrusca. E grazie alla brillante esperienza vissuta da Silvia Parietti, figlia di Renzo, nel mondo delle professioniste tra il 1999 e il 2009, avevano creduto nello sviluppo del settore femminile, formando a tale proposito un gruppo di ragazze che arrivavano anche da fuori Regione. Negli ultimi due anni Mario aveva portato la sua esperienza anche a Massa,

costituendo una nuova società deputata a cercare di incrementare l’interesse anche fuori della nostra provincia”. Il 2013 che anno è stato? “Un anno importante anche a livello dirigenziale provinciale con il rinnovo delle cariche. Al posto del vice presidente Paolo Quaglierini, del tesoriere Alfredo Battinelli e del consigliere Leo Tronconi sono subentrati: il tesoriere Enrico Pierini e ben due donne: la vicepresidente Roberta Santini di Cecina, la consigliera Barbara Rossi di Donoratico e il consigliere Paolo Fruzzetti di Livorno. Riconfermati, invece, il giovane Simone Dardini di Cecina e il sottoscritto come presidente. Una bella squadra che ha appena superato il primo anno di rodaggio esprimendo grandi potenzialità. A livello agonistico una discreta attività è stata svolta sull’Isola d’Elba dove le società, del settore fuoristrada, stanno lavorando molto bene in tutte le categorie. In particolare l’Elba Bike, ottimamente guidata da Monica Maltinti e Enrico Lenzi, sforna giovani talenti a ripetizione. Sull’isola sono state organizzate diverse manifestazioni. Tra queste la 1a tappa del Giro d’Italia Cross, a Portoferra-

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

a cinque anni al timone della federazione provinciale. Di uno sport, il ciclismo, metafora della vita e, da oltre un secolo, nel cuore della gente. Luca Casini, in questa breve chiacchierata a cuore aperto, fa un’analisi realistica dello stato di salute del ciclismo labronico. Evidenziando con competenza, passione e entusiasmo e la sensibilità e la correttezza che lo hanno sempre contraddistinto non solo le criticità, ma anche le auspicabili correzioni di rotta e i rimedi per riaccendere, specialmente nelle giovani generazioni, il desiderio di avvicinarsi a questo sport. Le prime considerazioni, non potevano certamente essere diverse, sono sullo “stato di salute” del ciclismo tra le mura cittadine e più in generale nell’intera provincia. Le sue parole, oltre a fare una “diagnosi” attenta sono soprattutto propositive. Basta ascoltarle. “Il ciclismo livornese è buono, grazie sopratutto alla dinamicità di alcune società che meglio interpretano il momento di trasformazione che stiamo vivendo. Sicuramente le società ciclistiche della provincia godono di maggiori attenzioni perché, nelle comunità più piccole, gli enti locali sono più vicino alle esigenze di tutto lo sport e quindi anche al ciclismo. Le società hanno così maggiori opportunità di far avvicinare bambini e bambine alle due ruote. Altra cosa è un città come Livorno. Il ciclismo, per vari motivi, non ha saputo rimanere ai livelli degli anni settanta e precedenti. A questa parziale decennale involuzione ha contribuito la quasi generale carenza di interesse a livello istituzionale, verso il settore ciclismo. Una ‘sofferenza’ che ha penalizzato, ma non demotivato, le nostre due società cittadine: U.C. Livorno e Carli Coop La Variante, impegnate nelle categorie Giovanissimi, Esordienti ed Allievi. Il panorama complessivo, numeri alla mano, non è esaltante, nonostante l’impegno anche a livello di “proselitismo” delle due società. I tesserati sono appena trentacinque, in una città che ha un bacino potenziale di ben quarantamila ragazzi e ragazze, tra i cinque i diciannove anni. Tra i settori in espansione ci sono, invece, fuoristrada MTB: giovanile e amatoriale. In recupero c’è anche il segmento pista. A San Carlo (San Vincenzo) c’è un velodromo, nel quale, un nuovo gruppo dirigente, sotto la guida del giovane Giacomo Carducci, sta dando gambe a un progetto di rilancio del settore. In forte crescita è pure il cicloturismo. Nel settore strada, l’ ARCI. Stagno,

157


158


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

io il 10 ottobre. E nel settore Amatoriale la spettacolo proposto sulle strade a contat“Nella stagione delle semplificazioni orCapoliveri Bike Park, dal 23 al 28 aprile e ben to della gente e senza pagare il biglietto. ganizzare una gara a livello giovanile è un tre manifestazioni di Cross. Una nota a par- Le grandi imprese dei campioni venivano impegno pari ad un lavoro vero e proprio o te merita la nuova Società Ciclismo Sport esaltate dai media e catturavano l’attenzio- forse anche qualcosa di più. Il nostro territoCultura, nata a Livorno, per contribuire allo ne e l’interesse dei giovani, stimolandoli ad rio ha delle ottime caratteristiche per un cisviluppo degli eventi del settore giovanile avvicinarsi a questo sport. Poi complici tanti clismo di qualità. Grazie alla presenza della e cicloamatoriale, in supporto alle società. fattori, tra i quali la sicurezza delle strade, pianura con a ridosso le colline. La ristrettezLa nuova società ha supportato il GS CNFO. è iniziata la parabola discendente a livello za della fascia di territorio provinciale livornell’organizzazione del II Memorial Amelio di praticanti. Non degli appassionati che nese, confinato tra quello della provincia di Bettarini e il G.S. Montenero 1926 Tecnocar- continuano numerosissimi a seguire questo Pisa e il mare, però è un limite perché comrelli, nella settantesima Coppa Montenero. sport. L’aumento del traffico motorizzato, plica, burocraticamente, la pianificazione In maniera autonoma, con l’aiuto di società non compensato da un adeguamento della dei percorsi. La sicurezza delle gare, richielivornesi e del CONI provinciale hanno orga- viabilità, hanno creato criticità e finito per sta agli organizzatori, una volta era affidata nizzato pure il 1° Memorial Gino Calderini. penalizzare ancor più il ciclismo, rispetto ad alle forze dell’ordine in moto e ai volontari a Gara Juniores da San Vincenzo a Livorno. altri sport praticati in strutture protette, pe- terra ed espletata gratuitamente. Un bel modo per ricordare il grande Gino raltro in aumento. E qui mi casca l’asino. In Per vari motivi tutto ciò è venuto meno e prematuramente scomparso e, al tempo cinquanta anni non siamo stati capaci di re- oggi la sicurezza è affidata a specialisti del stesso, per valorizzare il nostro territorio”. alizzare un impianto deputato allo sviluppo settore che ovviamente gravano, dal punto Di cosa ci sarebbe bisogno per un pie- del ciclismo, sul territorio comunale. Quando di vista economico, sulle spese organizzatino rilancio del ciclismo livornese? passo da Porta a Terra e vedo l’area comu- ve. Quindi una difficoltà in più nel pianifica“La strada, l’ho già detto e ripetuto, è il nale attrezzata, per gli eventi socio culturali re le corse, un aggravio dei costi, e difficoltà, nostro teatro di gara. Anche chi non va in saltuari, non posso non pensare a quale svi- soprattutto nel periodo estivo, di poter utibicicletta ha davanti agli occhi le condizio- luppo e serenità potrebbe dare, quella strut- lizzare le strade secondarie anche per, fortuni dei manti stradali e del traffico. La pista tura protetta, alle nostre società ciclistiche e natamente, la massiccia presenza di turisti. Ivo Mancini di Stagno è ormai ferma da ai giovani appassionati di questo sport, se Se a questo aggiungiamo la carenza di quattro anni, in attesa di essere ristruttu- fosse a loro completa disposizione tutto l’an- sponsor e di supporto, a volte modesto, rata e messa a norma. Quindi mancano gli no. Pregiudizio verso le due ruote derivano degli Enti Locali, la minor attenzione dei spazi idonei e protetti per la promozione del anche nel considerarlo solo sport di fatica e media, è facilmente capibile la difficoltà ad ciclismo. È insufficiente anche l’attenzione quindi poco snob. Uno sport dove si suda e si organizzare una corsa”. dei media quando si parla di gare, di rispet- sgobba, in antitesi a modelli sociali e comTrofeo Calderini? to del ciclista e delle regole che disciplinano portamentali nei quali è ‘eresia’ pensare di “La CSC sta lavorando insieme al CONI il traffico nelle manifestazioni ciclistiche. fare a meno del climatizzatore. Sicuramente provinciale per la replica del Memorial Gino Occorre aprire una linea di credito verso i il ciclismo è uno sport impegnativo e neces- Calderini. Una corsa che in futuro, mi augugiovani e la loro formazione. Le conoscenze sità di importanti doti fisiche e umane. Ma è ro possa ripetersi e diventare una classica dei nuovi dirigenti non possono dipendere anche sport socializzante e aggregante. Un annuale, nel ricordo del grande Gino”. solo dall’esperienza tramandata dai più mix di capacità fisiche, caratteriali e intelletTra Giovanissimi, Esordienti e Allievi esperti. Occorre creare dei team dove l’espe- tive. Nel ciclismo non esiste la ‘sostituzione’ c’è qualche ciclista, di scoglio, che ha le rienza dell’ex professionista, si confronta o ce la fai da solo e al più con l’aiuto della potenzialità per emergere? con le conoscenze e professionalità del lau- squadra, oppure devi arrenderti”. “Ritengo la categoria dei Giovanissimi Perché tante difficoltà a organizzare esclusivamente ludica e non significativa di reato in scienze motorie. E, lo psicopedagogo fa altrettanto con il direttore sportivo e corse a livello giovanile? possibili indicazioni, mentre nelle categorie l’esperto, che ha vissuto una vita Esordienti ed Allievi si sono mesnel ciclismo giovanile. Un conto si in evidenza tanti ciclisti”. è la politica sportiva, altra cosa Dopo David Mucelli un alsono le corse e gli allenamentro quasi livornese di scoglio, ti. Il sistema che ha governato Alessio Taliani, approda tra i e che attualmente governa il professionisti. Contento? “Certamente. Alessio ha tutmondo del ciclismo, ma credo te le potenzialità per far bene. I di tutto lo sport, sta vivendo la miei migliori auguri, per la prosstessa crisi della politica con la P sima stagione ciclistica, vanno maiuscola. Occorre avere nuove ad Alessio e Davide. La speranregole condivise e attivare nuovi za è che sappiano tenere alto il progetti da realizzare in modi e nome di Livorno. tempi certi”. Il mio augurio, allargando Perché sono pochi i minil’orizzonte sulla provincia va anciclisti rispetto ai minicalciache a Diego Ulissi ed a Elia Faviltori? “Il ciclismo era e rimane uno la, nell’ultima stagione, a dire la degli sport più popolari. Uno verità, un po’ sotto tono”. Da sinistra: Fruzzetti, Casini, Santini, Dardini e Quaglierini

159


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

P

160

er tanti aspiranti campioncini delle due ruote, di Livorno, Pisa e dintorni, una giornata speciale. Le premiazioni del 2° Memorial Osvaldo Ferrini, organizzato dal G.S. Montenero, unitamente alla famiglia Ferrini e con il patrocinio di FCI, Comune e Provincia di Livorno e del CONI provinciale. Anche quest’anno a ricevere coppe e applausi sono stati i cinque corridori più bravi di ognuna delle sei categorie Giovanissimi: dal G1 al G6, maschile e femminile che, nel 2013, hanno accumulato i maggiori punteggi nelle nove prove organizzate nella città di Livorno e nell’intera Provincia. La cerimonia di consegna degli ambiti riconoscimenti a metà novembre nel salone “Pamela Ognissanti”, in via Gobetti n°11 in Corea. A fare gli onori di casa il figlio Walter. Al suo fianco il presidente regionale, della FCI, Giacomo Bacci. Quelli provinciali di Coni e FCI: Giovanni Giannone e Luca Casini. E i due dirigenti del GS Montenero: Giacomo Marchesini e Paolo Quaglierini. In sala, accanto ai piccoli ciclisti, genitori, nonni e amici di Osvaldo, tra loro anche Umberto Del Signore, che come consueto non ha voluto mancare alla cerimonia organizzata in onore dell’amico Osvaldo. Prima delle consegna dei premi ricordi e aneddoti del più grande dirigente ciclistico livornese di tutti tempi. Il primo a intervenire, con parole di stima e affetto, verso l’amatissimo padre, non poteva essere altrimenti, è stato il figlio Walter. “Babbo ha dedicato la vita alla famiglia e al ciclismo. Come dirigente mosse i primi passi nel 1948 nel G. S. Montenero. Passo dopo passo, arrivò a ricoprire la carica di vicepresidente federale nazionale, al fianco del mitico Rodoni e poi di Omini”. Tra i meriti di Osvaldo, sottolineati dal figlio, le tante crociate contro il doping. In un periodo storico, siamo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, in cui omertà e connivenze erano pane quotidiano per quasi tutti. E in tanti, anche tra chi aveva i piedi nella stanza dei bottoni, non si sognavano, neppure lontanamente, di mettere un freno a un andazzo generalizzato che nel giro di qualche anno poi avrebbe trascinato questo sport quasi sull’orlo del baratro. E chiudere un occhio e in alcuni casi tutte e due, in quegli anni, era, se non

Premiazioni giovanissimi per futuri aspiranti campioni delle due ruote Tanta commozione al 2° Memorial Osvaldo Ferrini di Mario Orsini

come grande famiglia, subito dopo Bacci si è soffermato, pur con sfaccettature diverse, anche Luca Casini. Belle parole sono poi arrivate da Giovanni Giannone del Coni. Nel suo intervento oltre a soffermarsi sui tanti meriti di Osvaldo Ferrini, ha ricordato anche il suo impegno come reggente del Coni nei primi anni del terzo millennio. L’unica nota un po’ stonata, di una manifestazione che resterà a lungo nella memoria di tanti Butese con Osvaldo Ferrini e Giacomo Bacci baby ciclisti, qualche asproprio una prassi, una spiacevole abi- senza di troppo tra i piccoli corridori. A tudine. Osvaldo, con la sua grande retti- sottolinearlo con un pizzico di amarezza tudine morale, che veniva prima d’ogni il vice presidente del Montenero Giacocosa, affrontò la questione, quando fu mo Marchesini, un dirigente che si era necessario. Di petto e a testa alta, senza impegnato, unitamente a Paolo Quagliepensarci due volte, pur nella consapevo- rini ed a tanti altri, ad organizzare la bella lezza che estirpare le “erbacce” era diffici- manifestazione. le. Per non dire praticamente impossibi- Classifiche premiati le, tanto era radicato quel malcostume. 2° Memorial Ferrini. 2013 Nel pomeriggio di festa, per tanti aspiG1 Maschile: 1° Alessio Anguillesi, 2° ranti campioncini, parole di gratitudi- Tommaso Bufalini, 3° Davide Bufalini, 4° ne e affetto nei riguardi di Osvaldo Fer- Matteo Posillipo, 5° Alessandro Puccini. rini sono state pronunciate, con il cuore G1 Femminile: 1a Ilenia Nicolucci, 2a Lein mano anche da tanti altri. Tra loro an- tizia Tasciotti, 3a Serena Masi, 4a Martina che il presidente della Federazione Cicli- Castagna, 5a Federica Magri. G2 Maschistica regionale Giacomo Bacci. Un Bacci le: 1° Flavio Venomi, 2° Matteo Anguillein vena di ricordi: “Osvaldo mi ha lancia- si, 3° Tommaso Bambagioni, 4° Matteo to in questo mondo e insegnato a fare Creatini, 5° Thomas Del Frate. il dirigente. A trent’anni quando sono rimasto orfano, in alcuni frangenti, mi ha fatto anche da padre. A lui devo davvero tanto”. Sul ciclismo, Giacomo Marchesini, Giovanni Giannone, Osvaldo Ferrini, Giacomo Bacci e Luca Casini


Balestri, 3° Matteo Leporini, John Barbieri, Mario Venomi. G4 Femminile: 1a Melissa Nannini, 2a Bianca Barsotti, 3a Florina Grigoras, 4a Zoe Ceccanti, 5a Asia Mazzuola. G5 Maschile: 1° Mattia Citi, 2° Gregorio Butteroni, 3° Federico Moriconi, 4° Flavio Santucci, 5° Sebastiano Anello. G5 Femminile: 1a Martina Bufalini, 2a Selene Salvadori, 3a Caterina Fuselli, 4a Matilde Bertolini, 5° Sara Scarselli.

G6 Maschile: 1° Tommaso Perazzolo, 2° Tommaso Pozzolini, 3° Alessandro Venturini, 4° Pietro Scacciaferro, 5° Matteo Bettacchi. G6 Femminile: 1a Gaia Bevilacqua, 2a Raissa Spagnolo, 3a Jennifer Bindi, 4a Maria Margineau, 5a Alessia Scarselli. Società Premiate: 1° G.S Butese, 2° AS Colognole, 3° UC Coltano Grube Costruzioni, 4° UC Livorno Mamma e Papà Fanini, 5° VC La California.

Giovanni Giannone, Osvaldo Ferrini, Giacomo Bacci e Luca Casini

Il pubblico durante la premiazione

Osvaldo Ferrini con Perazzolo e Bettacchi

Luca Casini con due premiate

Govannii Giannone con Panicucci, Leporini, Barbieri e Venoni

Osvaldo Ferrini con Bufalini, Fuselli e Bertolini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

G2 Femminile: 1a Carolina Tozzi, 2a Beatrice Bertolini, 3a Caterina Senesi, 4a Giorgia Sartoro, 5a Carolina Toska. G3 Maschile: 1° Francesco Menghi, 2° Edoardo Bartalesi, 3° Federico Savino, 4° Marco Serni, 5° Nicola Arrigoni. G3 Femminile: 1a Alessia Paccalini, 2a Valeria Pifferi, 3a Greta Zingoni, 4a Camilla Mattolini, 5a Eva Bianchi. G4 Maschile: 1° Tommaso Panicucci, 2° Giammarco

161


Da oltre sessant’anni la Bettarini è leader nel settore del noleggio per la movimentazione di materiale per tutta l’Italia Disponiamo di 170 mezzi tra autogru, piattaforme aeree di ogni tipologia, camion gru e trasporti di varie tipologie, il tutto anche senza operatore

Via F. Pera, 17/19 - Livorno Tel 0586 404050 / Fax 0586 405139 www.bettariniautogru.it - bettarinisrl@bettariniautogru.it 162


Duecento giovani corridori ai nastri di partenza Secondo Trofeo Amelio Bettarini di Mario Orsini

Presenti anche il presidente della FCI, Luca Casini, il consigliere Paolo Fruzzetti, la memoria storica del ciclismo labronico Umberto Del Signore, gli ex corridori Mario Berretta e Ferretti, il genero, di Amelio, Roberto Poli.

La doppia gara degli Esordienti

Davvero bella avvincente, senza un attivo di pausa, come era nelle previsioni, la corsa degli Esordienti. Una gara, confortata e resa più avvincente, anche da un caldo sole primaverile. Tra gli Esordienti del primo anno successo di Andreas Del Nista. Mentre tra quelli del secondo, vittoria di Simone Peschiera. Entrambi della società ciclistica Usd Montecarlo. Alla partenza oltre un centinaio di corridori, quasi equamente suddivisi tra Esordienti del 1° (47partenti) e 2° Anno (59). La corsa? Pronti via ed è stata subito bagarre. Gli scatti si sono susseguiti, uno dietro l’altro, ma nessuno tra i girini è riuscito a salutare la compagnia, anche perché si viaggiava a ritmi forsennati, per ragazzini di tredici e quattordici anni. L’epilogo nella curva, a novanta gradi, che immette sul rettilineo d’arrivo, a quattrocento metri dal traguardo. Simone Peschiera e Leonardo Pelosi, mettendo in mostra scaltrezza e furbizia ed emulando Mark Cavendish, l’hanno imboccata dimenticando di avere anche i freni e come due navigati pistard non si sono lasciati risucchiare. Poi Simone Peschiera, con un ultimo guizzo, è stato bravo a precedere di qualche metro l’amico e compagno di squadra Leonardo e quel che restava del gruppone. Nelle prime poPresentazione trofeo. Luca Casini, Grazia, Massimo Bettarini sizioni del plotone è riuscito e Gino Fussei

Corridori alla partenza

a farsi largo Andreas Del Nista e a trionfare, precedendo Vladyslav Myronyuk, tra gli Esordienti del 1° Anno. Delusi, tra i più grandicelli, Andrea Innocenti e Mattia Russillo, che fino all’entrata in via Grande avevano disputato una corsa di testa e aspiravano a concluderla nel migliore dei modi: “Abbiamo preso la curva troppo stretta e siamo stati costretti a frenare e ripartire mentre Simone e Leonardo volavano via. Sarà per un’altra volta”.

Ordine d’arrivo.

Esordienti 1° Anno. 1° Andreas Del Nista (Usd Montecarlo) Km 30, in 50’ alla media di 36Km/h 2° Vladyslav Myronyuk (Uc Coltano) 3° Dario Salvadori(S. Miniato Cicl.) 4° Denis Gocaj (Pol. Milleluci) 5° Niccolò Degli Innocenti (S. Miniato Cicl.). Esordienti 2° Anno. 1° Simone Peschiera (Usd Montecarlo) 2° Leonardo Pelosi (Usd Montecarlo) 3° Andrea Innocenti (Pol. Milleluci) 4° Mattia Russillo (team Valdinievole) 5° Simone Innocenti ((Pol. Milleluci).

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

U

n grande appuntamento del ciclismo giovanile. Il 2° trofeo ciclistico in onore di Amelio Bettarini, fondatore della omonima grande ditta la: “Bettarini Group”, di sollevamento e trasporti, con sede in piazza S. Marco, anche nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle, non ha tradito le attese. Ai nastri di partenza, domenica 26 maggio, Esordienti del 1° e 2° anno ed Allievi. In tutto quasi duecento giovani corridori proventi da mezza Toscana e qualcuno anche più da lontano. Nel 2013 la bella manifestazione ciclistica, organizzata dal GS Cantiere Navale F.lli Orlando, per la famiglia aveva un sapore speciale. Amelio Bettarini, qualche giorno dopo, il 5 giugno, avrebbe compiuto cento anni, essendo nato il 5 giugno 1913. Insomma tanti motivi di interesse per uno sport che il grande Amelio, nella sua lunga esistenza, ha sempre amato in tutte le sue sfaccettature: atleta, tifoso, direttore sportivo, sponsor e tifoso. La gara, era inoltre valida come prova unica per l’assegnazione delle maglie di campione provinciale. Suggestivo anche il percorso, o meglio il doppio percorso. Più agevole e breve, quasi tutto per le strade cittadine, quello degli Esordienti. Piuttosto impegnativo con l’impennata di Parrana S. Martino, per i più grandicelli. In pompa magna anche la presentazione ufficiale, dell’evento sportivo, martedì 21 maggio, nella sede della ditta in piazza S. Marco. A fare gli onori di casa l’amministratore Massimo Bettarini, con al fianco la zia Grazia e il presidente, del GS Cantiere Navale F.lli Orlando, Gino Fussei.

La corsa degli Allievi

Nella categoria Allievi zampata vincente del campioncino di Altopascio Gioi Dhamo. Un ciclista di cui sentiremo parlare anche in futuro, se manterrà la testa sulle spalle. Gioi, con un sprint regale sul traguardo posto a metà via Grande ha bruciato, sulla fettuccia d’arrivo, il compagno d’avventura Fabrizio Galeno, al ter-

163


bella ricorrenza. Felicissimo Gioi: “Quest’anno, per malanni di stagione vari, non ero mai riuscito a esprimere al meglio le mie potenzialità. Ringrazio anche i compagni di squadra che hanno protetto la mia uscita dal gruppo nel finale”. Soddisfatto anche Massimo Bettarini. “Nonno, lassù in cielo, sarà stato contento di vedere gareggiare, in un trofeo Damiano Santucci Massimo Bettarini e Gabriele Tesi a lui dedicato, tanti bravissimi giovani e promettenti corridori in una bella giornata di sport, confortata anche da un caldo sole primaverile. Ringrazio tutte le persone che si sono impegnate per la realizzazione di questo bellissimo evento sportivo. Uno sport che nonno amava tanto”. E tra coloro che si sono dati veramente da fare perché tutto filasse liscio un grosso plauso, meritano senz’altro il presidenCasini, Callaioli e Massimo Bettarini te del GS Cantiere Navale F.lli Orlando, Gino Fussei, il presidente provinciale, della FCI, Luca Casini che alla grande professionalità, l’impegno e la competenza, ha associato, anche in quella circostanza, una passione e un entusiasmo fuori del comune. Ma l’elenco di quanti si sono dati daffare perché tutto filasse liscio è davvero lungo. Tra loro l’evergreen Paolo Quaglierini, il bravissimo Paolo Fruzzetti e il dinamico Un momento delle premiazioni Giovanni Guidi, un innamorato da sempre Ordine d’Arrivo. Allievi. 1° Gioi Dhamo (Usd Montecarlo) Km 60 di questo sport. in 1h e 34’ alla media di 38,3 Km/h 2° Fabrizio Galeno (Cycling Team Coratti) s.t. 3° Nicolas Nesi (Usd Montecarlo) a 16’ 4° Samuele Luppichini (UC Coltano Grube) Allievi Gioi Dhamo 5° Rossano Mauti (Cycling Team Coratti). batte Fabrizio Galeno

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

mine di una corsa bella e avvincente dalla prima all’ultima pedalata, volata via, alla media quasi stratosferica, di poco meno di 39 Km/h, nonostante il vento e i tanti saliscendi spaccagambe. La gara, dopo qualche allungo iniziale rintuzzato dal gruppo, si è accesa sull’impennata di Parrana S. Martino e da lì in poi è stata una continua bagarre. Bravo Gioi Dhamo ma bravissimo, volata a parte, anche a Fabrizio Galeno, schizzato via dal plotone, come una scheggia, quando la strada ha iniziato a scendere, verso Bellavista. Pennellando le curve come un novello Giotto, in pochi chilometri, Fabrizio Galeno, è riuscito a scavare un divario di una ventina di secondi tra sé e il resto della truppa e poi a dilatare, quel vantaggio, fino a quasi a un minuto. Quando il traguardo era ormai a un tiro di schioppo e stava già assaporando il gusto del meritato successo, si è però visto piombare addosso, come un falco, Gioi Dhamo. Insieme e dandosi anche cambi regolari hanno proseguito di buon accordo e divorato gli ultimi scampoli della corsa fino al rettilineo d’arrivo. Ai trecento metri, Fabrizio Galeno, scaricando sui pedali le ultime energie, ha cercato di sorprendere Gioi. Un tentativo vano perché il ragazzo, del team Usd Montecarlo, prima l’ha affiancato e poi lo ha battuto a mani alzate sulla fettuccia d’arrivo. Onore e merito a Gioi per essere riuscito a riacciuffare il fuggitivo quando ormai la corsa sembrava compromessa per tutti. Ma tanti meritatissimi complimenti pure a Fabrizio Galeno che con il vento in faccia, è riuscito a rimanere in avanscoperta, solo, soletto, per una quindicina di chilometri, benché il gruppo lo braccasse come una muta di cani, nella caccia alla volpe nel regno di sua maestà Elisabetta. Per Fabrizio Galeno, del Cycling Team Coratti, il trofeo Amelio Bettarini aveva un sapore speciale perché coincideva con il giorno del suo sedicesimo compleanno (26 maggio 1997), quindi una vittoria sarebbe stato il modo migliore per festeggiare quella

165


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

T

166

re aspiranti campioncini del pedale. Nel trofeo Amelio Bettarini, di fine maggio, si sono messi addosso le maglie di campione provinciale: Esordienti 1° e 2° Anno e Allievi. Protagonisti della bella performance: il 13enne Gabriele Tesi, dell’UC Mamma e Papà Fanini Livorno; il 14enne Damiano Santucci, della Ciclistica Cecina e il 16enne Tommaso Callaioli, dell’UC Donoratico. Tre bravi ciclisti con una montagna di sogni nel cassetto. Il cucciolo della brigata è Gabriele, un peperino, classe 2000, che quando c’è da buttarsi nella mischia, nelle volate, non si tira davvero indietro. “Corro da quando avevo 7 anni. Ho fatto tutta la trafila nei Giovanissimi, partendo dalla G1. Complessivamente ho vinto una quarantina di corse”. Il tuo idolo? “Mark Cavendish, il miglior velocista al mondo”. Ciclista per passione e vocazione Damiano Valentino Santucci, di Pomaia, pronto a rinverdire, senza porre limiti alla provvidenza, le prestazioni sportive di una casata di ciclisti che, negli anni ottanta e novanta, con Carlo, Valerio e Michele

L

o sport come pane quotidiano. Affrontato con passione ed entusiasmo fin da piccolina. Beatrice Lischi, diciotto anni il prossimo 26 ottobre, studentessa della classe quarta al liceo Scientifico Cecioni, dopo aver praticato nuoto, pallacanestro, pattinaggio e ginnastica artistica, si è dedicata anima e corpo alle corse in bicicletta. Una scelta che le ha regalato tante soddisfazioni. “Mi piace allenarmi e gareggiare. Quando sono in bicicletta non sento fatica. Di solito uso la bicicletta anche per gli spostamenti in città. Ho iniziato a correre a undici anni, prima su strada e in seguito nel fuoristrada: ciclocross e mountain bike. Da allora non ho mai smesso di correre. E a smettere non ci penso nemmeno”, le sue prime parole. Alla bicicletta Beatrice è arrivata quasi casualmente. A spiegarlo è lei stessa: “Quando ero in quinta elementare un mio amico di classe, Graziano Cannì, che gareggiava in bicicletta, un giorno mi disse se volevo provare anch’io e mi invitò a farlo nel parcheggio davanti a Decathlon. Io dopo qualche insistenza salii in bicicletta e da qual momento la voglia di smettere non mi ha mai fatto capolino”. Poi aggiunge: “Il mio primo

Gabriele Tesi, Damiano Valentino Santucci e Tommaso Callaioli: campioni provinciali Esordienti e Allievi di Mario Orsini

si tolsero tante soddisfazioni. Di Damiano (7 aprile 1999) si dice un gran bene perché abbina, alle indubbie doti naturali, serietà e impegno. Nel 2012 scorso vinse un paio di corse e ottenne tanti ottimi piazzamenti. Inutile dire che anche da grande vorrebbe fare il corridore. “Ho iniziato a correre nel 2009 nella categoria G4 e mi sono trovato subito a mio agio. Vado benino in salita e in volata, ma se sto bene me la cavo abbastanza bene anche in pianura. Spero di diventare professionista”. I miei idoli? “Vincenzo Nibali e Peter Sagan. Due autentici fuoriclasse”. Un aitante ragazzo, di Donoratico, Tommaso Callaioli (8 ottobre 1997). A Livorno nel trofeo Bettarini fu un po’ frenato dai crampi. Poi si è rifatto con buoni risultati in seguito.

Callaioli è cresciuto in una società capace di sfornare campioni a ripetizione. Senza andare troppo lontano basta pensare a Diego Ulissi. Il modello di Tommaso è: “Alberto Contador. Un corridore capace di mettere tutti in fila su qualsiasi percorso”. Anche se, a dire la verità, negli ultimi tempi, sulle strade del Tour, sembra un po’ con le polveri bagnate. Tra i ciclisti del recente passato le sue simpatie vanno a Paolo Bettini: “Bettini è cresciuto alla California a pochi chilometri da casa mia ed è stato capace di vincere due mondiali e le olimpiadi di Atene. È attuale CT della nazionale”. Come fonte di ispirazione non è davvero male! Per tutti e tre gli elogi meritati del presidente provinciale Luca Casini.

Beatrice Lischi: l’angelo del fuoristrada La passione per il ciclocross e la mountain bike di Mario Orsini

maestro, alla Mamma e Papà Fanini, è stato Alessandro Brondi. Un maestro straordinario che oltre a insegnarci tante cose sui segreti della bicicletta ci faceva divertire. Se non c’era lui non so se avrei continuato. Alessandro aveva sempre il sorriso sulle labbra. Era un piacere allenarsi con lui. Bravi come maestri di ciclismo per me sono stati anche Riccardo Roselli e l’ex professionista Fausto Terreni”.

Passione ma anche talento

Alla passione Beatrice ha avuto la fortuna di associare anche predisposizione e attitudine. In una parola sola: talento. Beatrice Lischi sul gradino più alto del podio

Grazie anche a un fisico asciutto e longilineo.


tre bambine che avevano iniziato qualche anno prima: dal G1 o G2. Il primo successo l’ho ottenuto nel trofeo Rampichino di Mountain Bike (MTB). Per me è stato come toccare il cielo con un dito, perché ho avuto la consapevolezza che potevo cavarmela abbastanza bene in questo sport”. Nell’anno successivo, il 2008, Beatrice passa nella categoria G6 e conferma le buone qualità ottenendo un terzo posto ancora nel trofeo Rampichino di

Mountain Bike. Nel 2009, lascia le categorie Giovanissimi per approdare tra le Esordienti primo anno. Grazie anche a un’esperienza che continua a fortificarsi, le soddisfazioni sportive crescono. Tra le sue più belle performance i successi nel trofeo Rampichino e nel campionato toscano di MTB: titolo poi non assegnato dalla Federazione Ciclistica. Inoltre un bel secondo posto nel Livorno- Mundialito MTB. Nel 2010 gareggia nella categoria Esordienti 2° anno, sempre con la maglia della “Mamma e Papà Fanini di Livorno”. Al termine della stagione agonistica, la brava Beatrice, mette in bacheca due successi: il Campionato toscano di ciclocross e nella Livorno Mundialito di MTB. Cui aggiunge anche tanti bei piazzamenti: il terzo posto nel trofeo Rampichino MTB e nel Campionato toscano MTB. E, davvero da incorniciare, il 13° posto nel Campionato italiano di ciclocross. Nel 2011 saluta la categoria Esordienti per approdare tra gli Allievi FCI, con sulle spalle la maglia “Elba Bike”. Tra i risultati più belli due stupendi piazzamenti. Il doppio secondo posto nel Campionato regionale di ciclocross e di Mountain Bike. E l’ottimo dodicesimo posto negli internazionali di Alpago. Il 2012, negli Allievi secondo anno, per Beatrice è un anno interlocutorio e senza tanti sussulti. Il motivo? Basta ascoltarla: “Mi sono allenata poco e ho gareggiato ancor meno”. E siamo al 2013. L’anno che ci siamo lasciato alle spalle. Beatrice, ormai quasi diciassettenne sale nella categoria Juniores ottenendo subito, con la casacca “Elba Bike”, un bel terzo posto nel Campionato regionale di ciclocross. A febbraio però la svolta. Beatrice dà l’addio alla compagine elbana della coppia Enrico Lenzi e Monica Maltinti e passa sotto l’egida Uisp, alla “Mania delle 2 Ruote”. I risulta-

ti non tardano ad arrivare. Tra i più belli la vittoria del trofeo Gran Fondo Colline Toscane e ben quattro grandi piazzamenti: il secondo posto nel Campionato italiano e in quello toscano di MTB, nella Gran Fondo “Costa degli Etruschi” e nel Gampionato regionale Gran Fondo. Il terzo nel trofeo Interprovinciale e il quinto nel trofeo Mediavalle. Risultati che la “consacrano” come una delle più brave e promettenti cicliste del fuoristrada del panorama regionale e in parte anche nazionale. Nel 2014, ormai quasi diciottenne, per Beatrice la strada sarà ancor più in salita. Al suo fianco, in gara, oltre alle sue coetanee avrà atlete molto più grandi ed esperte di lei in una categoria, al femminile, unica che, regolamento Uisp alla mano, abbraccia un ventaglio d’età che va dai 13 ai 65 anni. Però, grazie a passione, talento e classe, che davvero non le mancano, vittorie e bei piazzamenti, ne siamo certi, continueranno ad arrivare ed andranno a impreziosire, ancor di più, il palmares di una ragazzina dal viso d’angelo, con i muscoli d’acciaio e una grinta, determinazione e coraggio da vendere. Correre in bicicletta, non siamo noi a scoprirlo, ha sempre richiesto sacrifici. Ma farlo in Mountain Bike, su terreni scoscesi, pregni di pioggia, o arsi dal sole non è pane quotidiano per tutti i comuni mortali. Anche per questo, al di là della scia di ottimi risultati che ha già messo in bacheca, Beatrice merita un grande immenso applauso da parte di chi ama lo sport, anche come metafora della vita.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

“Il mio peso forma attuale e la mia altezza -aggiunge- sono cinquantasei chilogrammi e un metro e settantasei centimetri”. Inutile sottolineare che, con queste prerogative, era quasi impossibile per lei non ottenere tanti ottimi risultati già dell’esordio, nell’agone agonistico, sulle due ruote. “Ho iniziato nel 2007, con la maglia della squadra Mamma e Papà Fanini di Livorno, nella categoria Giovanissimi, sotto l’egida della federazione: FCI, nella categoria G5 e mi sono trovata subito a mio agio pur non avendo l’esperienza di al-

Nelle immagini Beatrice Lischi

167


SI APRE UN NUOVO

CICLO

Via dei Ramai, 1 - zona Picchianti emilio@quattro-ruote.it

168

www.bikestorelivorno.it


Stefania Bagnoli e Giacomo Mazzuola

Spettacolo su due ruote sul lungomare Ciclismo amatoriale a coppie di Mario Orsini

Da sottolineare anche la bella performance della coppia mista, formata da Stefania Bagnoli e Giacomo Mazzola. Eccellente, come consueto, l’organizzazione curata da Fabrizio Bernabei, Massimo Iacoponi, Alberto Pasquinelli e Maurizio Petroni. Un quartetto davvero ben affiatato e con le idee chiare. A presenziare alle premiazioni anche la moglie Adelina e i figli Yuri e Barbara del compianto Mario Romboli. Tra i presenti pure il presidente dell’Uisp Michele Barzagli, Roberto Fiaschi, Roberto Fiorini e tanti altri dirigenti e tecnici delle due ruote di ieri e di oggi. Soddisfattissimo Bernabei: “Questa corsa è ormai una classica del ciclismo amatoriale di cui, come livornesi, dobbiamo andare fieri. Ringrazio quanti si sono adoperati per dare gambe a questa stupenda iniziativa sportiva”. Risultati. Fascia A (0-78 anni): 1° Diego Giuntoli e Federico Colonna (Asd Tricycle) in 12’ e 19”. 2° Federico Marchini e Michele Stefania (Tricycle) in 12’ e 37”. 3° Giovanni Busdraghi e Alessandro Nannetti (Team Bike Ballero) in 12’ e 41”. Fascia B (7994). 1° Giuseppe Liberatore e Roberto Cavallaro(Monegliese) in 12’ e 25”. 2° Alessandro e Alessio Freschi (Bike Ballero) in 12’ e 53”. 3° Emanuele Sani e Carlo Mancini (GS Tondi) in 12’ e 58”. Fascia C (95-110). 1° Roberto Rosati e Enrico Grimani (Bike Ballero) in 12’ 35”. 2° Paolo Bibbiani (GC Falaschi) e Franco Bensi (Bike Ballero) in 13’ e 24”. 3° Rolando Pucci e Patrizio Segni in 13’ e 33”. Fascia D (oltre 110 anni). 1° Tiziano Mariotti e Claudio Nidiaci (Sovigliana) in 13’ e 25”, 2° Rossano Signorini e Giuseppe Nacci (Cicli Puccinelli) in 13’ e 35’, 3° Lorenzo Mori e Osvaldo Franceschini (Invercolor) in 14’ e 23”. Coppie Miste (uomo e donna). 1a Stefania Bagnoli e Giacomo Mazzuola in 13’ e 07”. 2a Sara Ficini e Rinaldo Barabotti in 14’ e 16”. Donne. 1a Andreina Armogida e Tiziana Ghignola (Folgore Bike) in 16’ e 01”.

Vincitori fascia D

Vincitori fascia A e assoluti

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

D

ieci chilometri e mezzo divorati in una dozzina di minuti, a oltre 50 Km/h, nonostante il doppio giro di boa ai “Tre Ponti”, che costringeva i corridori a frenare e a ripartire quasi da fermi. La cronometro a coppie di ciclismo, in notturna, sul lungomare di Antignano, organizzata dal G. C. Carrozzeria Roma, in collaborazione con la lega Uisp Livorno, valevole come Coppa: “Sergio Marchetti”, “Mario Romboli” e “Bar la Baracchina Azzurra”, nella prima decade di giugno, ha regalato emozioni in quantità industriale. Al via, 46 coppie di maschi, 11 miste e una di donne, in sella a biciclette con ruote lenticolari. E con caschetti super aerodinamici e tutine spaziali. Nella fascia A, quella dei più giovani, trionfo meritato per Federico Colonna (classe 1972) e Diego Giuntoli (classe 1983). Ex professionista, anche del team Mapei, con ben 18 successi in carriera, Federico e ottimo dilettante, invece, Diego Giuntoli. Nella fascia B, invece, vittoria per i due marcantoni spezzini: Giuseppe Liberatore e Roberto Cavallaro. E tra le donne successone per Andreina Armogida e Tiziana Ghignola capaci di viaggiare a oltre 40 Km/h di media. Ottima la prestazione (appena 16” più dei vincitori), nonostante la rilevante differenza d’età, pure di Roberto Rosati e Enrico Ghignami, degni vincitori nella fascia C. A Mariotti e Nidiaci, la soddisfazione di precedere tutti i compagni d’avventura nella fascia D.

I livornesi Giusti e Marchetti

Adeliana Romboli, Tiziana Ghignola e Andreina Armogida

169


170


Alessio Taliani con i baffetti in prima fila

Alessio Taliani professionista A Guasticce si avvera un sogna di Mario Orsini

Alessio Taliani vince la Giro Valdarno

dore, del panorama nazionale o internazionale, del presente o del passato, gli ricordava Alessio Taliani, ha sorpreso un po’ tutti facendo il nome di Miguel Indurain. Un nome davvero “ingombrante”. Per i pochi che non lo sanno, vincitore di cinque Tour de France consecutivi, dal 1991 al 1995, e di due giri

d’Italia. Un passista-scalatore formidabile, abile discesista e eccellente nelle gare contro il tempo (cronoman). Doti che gli permisero di dominare per una decina d’anni abbondanti, dalla metà degli anni ottanta al 1996 la scena internazionale. In attesa di vederlo all’opera in sella alla sua bicicletta abbiamo chiesto a Alessio Taliani le prime impressioni a caldo su questa avventura, nel mondo dei professionisti, ancora tutta da scrivere. “Le prime sensazioni -spiega Alessio- sono state tutte positive. Mi hanno trattato bene e fin dal primo giorno mi hanno subito fatto sentire a mio agio. Ho trovato ragazzi semplici, alla mano, compreso Franco Pellizzotti. Benché abbia una carriera di tutto rispetto alle spalle, non lo fa pesare. Anzi. A stupirmi è stata la sua meticolosità negli allenamenti”. Contentissimo Alessio ma molto soddisfatti sono stati anche i membri della famiglia. “Sono stati veramente felici del mio passaggio nei professionisti. Tutti a partire dai nonni. Mi sono stati vicino quando aspettavamo l’ufficialità del passaggio e hanno gioito con me quando ho messo nero su bianco”. Anche la fidanzata ha condiviso la scelta del “suo

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

N

ero su bianco all’ultimo tuffo. Alessio Taliani, il principino delle due ruote del paesino colligiano, quando ormai parecchi avevano perso la speranza, è approdato nel mondo dei professionisti. In una squadra: l’Androni Giocattoli Venezuela diretta da Gianni Savio. Una compagine tra le più blasonate del panorama internazionale. Alessio, 23 anni compiuti l’11 ottobre, passista-scalatore di buon livello, nel 2013 ha confermato l’ottima stagione 2012. Benché come velocista sia -come afferma sorridendo lui stesso- “modesto”, è riuscito a vincere cinque corse e ottenere tanti validi piazzamenti. Dimostrando, anche se non ce n’era bisogno, di essere tra i più bravi dilettanti del panorama nazionale e di avere tutte le carte in regola per dire la sua anche nel difficile mondo dei professionisti. Inutile sottolineare che Alessio appena ha avuto la certezza del passaggio, al “piano di sopra” -il professionismo- non stava nella pelle: “Sono felicissimo di aver firmato per una squadra importante come l’Androni Giocattoli Venezuela. La speranza è di essere competitivo anche in questa categoria”, le prime parole, all’altro capo del telefono, dell’ex pupillo di “Coppino”, alias Franco Chioccioli, nella Futura Team Matricardi, nei due anni precedenti. Proprio Franco Chioccioli quando gli è stato chiesto quale corri-

171


172


campione”. “È stata contenta -aggiunge Alessio- che sia riuscito a realizzare il mio sogno. E lo sono stati anche i suoi genitori che, mi hanno seguito molto spesso nelle gare da dilettante. Un po’ meno contenta è Sara, perché abbiamo meno occasioni per stare insieme anche per i miei impegni in corse all’estero. In compenso avrà più tempo da dedicare all’Università. E qualche volta mi potrà vedere in televisione. Speriamo anche sul podio” Poi uno sguardo a ritroso: “L’accordo con il team diretto da Gianni Savio non è stato un fulmine a ciel sereno. I contatti l’avevamo da tempo. Poi per una ragione o per l’altra qualcosa andava storto”. Pur non sbilanciandosi sul suo futuro,

strette. Ha però talento e classe da vendere e quando la corsa si fa dura è uno che non molla. Anzi. Tra i dilettanti spesso era colui che rilanciava l’azione”. Giorgio Bacci ha anche un altro merito. Di fatto è stato lui che l’ha convinto a scegliere come sport il ciclismo, quando aveva undici anni. “Nel 2001 -ricorda- ero allenatore della squadra dei Giovanissimi del Colognole. Sempre alla ricerca di qualche ragazzino da portare nella mia squadra. Un giorno mia figlia Chiara, allora catechista presso la chiesa di Guasticce, il nostro paesino, mi disse che tra i suoi allievi, che stava preparando per la prima comunione, aveva un bambino con la passione per il ciclismo. Quel bambino era Alessio. Dopo qualche test lo invitai a gareggiare nei Giovanissimi sesto anno, tenendo conto dell’età. E da allora è stato un crescendo e mi ha regalato tante soddisfazioni. Spero che questa favola si arricchisca di nuovi bellissimi capitoli. Sarebbe davvero bello”. Contento come una pasqua anche Umberto Del Signore, la memoria storica del ciclismo toscano e non solo. “Finalmente si avvera un sogno. Vedere correre Alessio tra i professionisti sarà una cosa bellissima. Noi a Guasticce abbiamo una bella tradizione. Basta pensare a Ivo Mancini, campione del mondo dilettanti nel 1935, a Giancarlo Giusti cugino di Mancini. E inoltre, Franco Meini, Mario Berretta, Pierluigi Benvenuti. Per adesso mi fermo qui ma l’elenco è davvero lungo”.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Alessio Taliani vince la Coppa della Pace

Alessio Taliani, non ha nascosto neppure spiragli di ottimismo: “Il mondo dei professionisti è un mondo a parte. Chi ha talento però in genere viene fuori e riesce ad esprimerlo. La speranza è che con umiltà e sacrifici riesca a ritagliarmi un piccolo spazio. Molte persone, anche tra gli addetti ai lavori, anche in un recente passato, mi hanno sempre detto che con le mie caratteristiche ho le potenzialità per mettermi in mostra anche tra i professionisti. Speriamo siano parole profetiche. Io ce la metterò tutta per non tradire le aspettative di chi ha avuto fiducia in me”. Tra quanti hanno davvero sempre tanta fiducia in lui, in pole c’è senz’altro il suo compaesano Giorgio Bacci, ex presidente provinciale della FCI e suo primo direttore sportivo. “Alessio lo conosco da quando era in fasce. È un ragazzo d’oro. Serio e senza grilli per la testa che ama questo sport come pochi. Sono certo che riuscirà a farsi valere anche tra i professionisti, pur non avendo lo spunto sufficientemente veloce per mettere tutti in fila indiana sul traguardo, anche in volate ri-

Alessio Taliani

173


• Possibilità di pagamento rateizzato a tasso 0

• Trattative dei danni con la compagnia assicuratrice gratuite

• Soccorso stradale per i primi 10 km gratuito

• Prezzi modici

• Macchina sostitutiva • Lavori garantiti 24 mesi • Assistenza con studi legali e medico-legali

174

• Cabina di verniciatura con nuovo sistema VERTA • Banco Diagnostic System Globaljig • Lucidatura con protezione al Teflon

• Abbiamo rinnovato le attrezzature con sistemi di alta tecnologia tipo: IRT 5000, impianto di essicazione vernici, ed altro


U

Vecchie glorie del pedale Gli evergreen con tanti ricordi di Mario Orsini con le maglie della S. Pellegrino e Ignis. Lo squadrone con Ercole Baldini, Gastone Nencini -“l’amico Gastone”- e Arnaldo Pambianco. Tra i suoi successi una coppa Sabatini, una tappa al giro del Portogallo e un trofeo Matteotti. L’unico rammarico di Giuseppe: “Essere stato costretto a smettere di correre, quando Borghi, patron dell’Ignis, tolse la sponsorizzazione. Oltre a me rimanemmo a spasso davvero in tanti”. Altro campione indimenticato Bruce Biddle, classe 1948. Il fedele gregario di Francesco Moser. L’uomo per tutte le stagioni, arrivato dalle nostre parti dalla stretto di Cook in Nuova Zelanda, dopo aver peregrinato per l’Europa. Per lui le porte del vecchio continente si spalancarono all’indomani della conquista della medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Città del Messico del ’68. Fisico ancora asciutto e bicicletta nel cuore ricorda, con una montagna di aneddoti, la rivalità tra Moser e Saronni e

in tante occasioni l’impegno, qualche volta vano, di tutta la squadra, per cercare di non far vincere il giovane Beppe. “A quei tempi la rivalità era davvero accesa”, le sue parole pregne di nostalgia. Ad organizzare la bella festa Umberto Del Signore, memoria storica del ciclismo. Ecco infine il nome degli ex ciclisti presenti: Mario Ciabatti, Bruce Biddle, Flaminio Giusti, Giuseppe Pardini, Loriano Sgherri, Ilio Soldani, Franco Ferretti, Mario Gavarrini, Giorgio Masi, Vinicio Michelucci, Luigi Colombaro, Giuliano Gazzetti, Aurelio Guerrini, Luciano Cirinei, Gino Salvadori, Elio Testi, Umberto Del Signore, Guido Murra, Vito Palmiero, Gianfranco Pogni, Attilio Morgé, Luciano Nista, Renato Chiavacci, Giancarlo Cordoni, Alvaro Meucci, Sergio Colombi, Mario Berretta, Mario Gorelli, Nori, Faemino, Giancarlo Bacci, Modiano Freschi, Goffredo Roberti.

Mario Berretta e Mario Ciabatti

Umberto Del Signore, Mario Ciabatti, Aurelio Guerrini e Giuseppe Pardini

Umberto Del Signore, Aurelio Guerrini, Mario Berretta, Mario Ciabatti e Pardini

Pardini junior, Mario Ciabatti, Umberto Del Signore, Giuseppe Pardini, Mario Berretta e Simonelli

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

n tuffo tra i ricordi seduti intorno al tavolo di un ristorante cittadino. L’occasione giusta per rispolverare un passato ricco di soddisfazioni in sella all’amata biciletta. Tra i presenti, nell’incontro conviviale di metà novembre, campioni che hanno scritto pagine indelebili in questo sport come il mitico Mario Ciabatti, classe 1928: campione italiano indipendenti nel ’52, vincitore della Coppa del Mobilio a Ponsacco, del trofeo Morgagni, della Firenze Viareggio e di tante altre corse. Gregario di lusso, forte in salita e sul passo ha nel suo palmares anche due partecipazioni al Giro d’Italia del 1953 e ’54, con la maglia della Frejus, capitanata da Ferdi Kubler. Tra i suoi ricordi la tappa Roma-Napoli, di 320 Km, del ‘53 in una giornata afosa. “Mi fermai a fare scorta di borracce. Con il gruppo andava a mille feci una faticaccia per rientrare. Appena ne consegnai un paio a Ferdi mi disse che l’acqua era troppo calda! La sera, però mi chiese scusa, perché aveva capito di aver sbagliato”. Tra gli evergreen Giuseppe Pardini, classe 1936. Uno scoiattolo, in sella alla sua amata bicicletta, quando la strada s’impennava sotto le ruote. Professionista dal 1958 al ’62,

175


Cronometristi Il cronometraggio, un hobby unico e affascinante

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

di Federico Baldi, Presidente A.S.D. Cronometristi Livornesi

176

Gennaro Di Fraia, Senio, Tagliaferri e Fausto Veratti

L

’Associazione Cronometristi Livornesi, dal 2013, ha un nuovo presidente e quindi per me è un onore ed un piacere scrivere, per la prima volta, su queste pagine. Più volte mi sono trovato a considerare la fortuna che abbiamo, noi cronometristi, a poter frequentare e conoscere le diverse discipline sportive, nelle più disparate situazioni ambientali e non. Solo noi possiamo passare dal freddo di una gara di sci, al fascino di una gara di moto o auto o di motonautica, all’emozione di una gara di nuoto e di atletica leggera e così via. I cronometristi sono uno degli elementi chiave del sistema Sport, la componente capace di certificare imprese e successi, passando per i record e gli arrivi al fotofinish.

Per fare questo, però, occorre un aggiornamento costante, direi quasi maniacale e l’implementazione delle attrezzature assicurando, altresì, la massima attenzione alla formazione delle nuove leve. Non è facile andare avanti in uno scenario dove i competitor privati sono sospinti da mezzi economici a noi sconosciuti, ma la garanzia dei nostri servizi e il riconoscimento della nostra professionalità restano armi vincenti che ci consentono di occupare un ruolo di primo piano nel settore e ci lasciano anche intravedere nuove opportunità da cogliere. Anche per il 2013, grazie a queste pagine, ci troviamo a compilare un consuntivo delle attività svolte. Lo sport che più di tutti ci ha visto impegnati maggiormente, è stato il nuoto

e questo, come per gli anni passati, è dipeso dal fatto che la nostra Associazione è stata chiamata a svolgere servizi anche per le altre province della Toscana e, in alcuni casi, per le regioni vicine. Ormai tutti gli organizzatori delle gare di nuoto, richiedono il servizio di cronometraggio che utilizza la tecnologia delle piastre di contatto e questo comporta, per noi, la necessità di aumentare il numero di crono impegnati in queste manifestazioni. Il 27 e 28 aprile 2013, l’Associazione Cronometristi Livornesi è stata impegnata presso la piscina “Camalich” di Livorno, per i Campionati Italiani Assoluti Primaverili di Salvamento, interessando un numero elevato di cronometristi ed ottenendo, per il lavoro svolto, un coro di apprezzamenti da parte della Federazione Nuoto – Settore Salvamento e della carta stampata. L’atletica leggera ci ha visto impegnati, oltre che ai servizi svolti presso il “Campo Scuola”, il 10 novembre alla 33a edizione della Maratona Città di Livorno, gara che ha dato prova sostanziale della professionalità ed efficienza dei nostri crono. Anche nei concorsi ippici ci siamo impegnati a fornire il nostro importantissimo apporto: manifestazioni che ormai si svolgono da anni a Cecina e Rio Torto e quello affascinante in Accademia Navale giunto, quest’anno, alla 72a edizione. Il pubblico presente a queste manifestazioni ha ricevuto, tramite il software applicato, informazioni supplementari oltre, ovviamente, il tempo impiegato dai concorrenti, cosa risultata molto apprezzata. Gli organizzatori delle gare remiere livornesi, dalla Coppa Risia’tori, al Palio Marinaro, dalla Coppa S. Giulia al Palio dell’Antenna e alla Coppa Barontini, svoltesi sia nei fossi medicei, che in mare aperto, hanno espresso un grande apprezzamento per l’alta professionalità dimostrata dai nostri crono. Come già detto, gli sport in cui siamo impegnati sono svariati. Ciò deriva dal fatto che la F.I.Cr. è riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni), quale unica Federazione autorizzata a disciplinare, regolare e gestire il cronometraggio e l’elaborazione dei dati delle manifestazioni sportive che si svolgono in Italia.


Gennaro Di Fraia, Sandra Biancani e Fulvio Mangani durante una gara di nuoto

manifestazioni motoristiche (corse in salita, in autodromo), anche da parte di altre Associazioni in tutta Italia.

La nostra Associazione pensa sempre al futuro cercando il più possibile di adeguarsi alle sempre più crescenti esigenze tecnologiche che lo sport richiede, organizzando sempre più spesso corsi di aggiornamento su apparecchiature e normative. Gli ottimi risultati fin qui ottenuti, sono la dimostrazione che stiamo camminando sulla strada giusta, ma non dobbiamo cullarci sugli allori. I cronometristi nella nostra Associazione sono 60, ma impegni ed esigenze di varia natura, famiglia, lavoro ed altro comportano difficoltà nel gestire le richieste di servizio. Cerchiamo di invogliare i giovani ad avvicinarsi al cronometraggio, giovani che potrebbero essere il futuro della nostra organizzazione, ma la cosa non è così semplice. Concludo inviando a tutta la redazione dell’Almanacco dello Sport, un saluto sincero ed un augurio per le prossime edizioni.

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

Anche in questo 2013, oltre a quelli appena citati, siamo stati presenti in gare di ciclismo, pugilato, karting, motocross, pattinaggio a rotelle, triathlon. Permettetemi di parlare, per ultimo, ma non per importanza, degli sport motoristici, in particolare dei rally. L’Associazione di Livorno riveste una figura importante in questo settore sia negli appuntamenti livornesi, quali il 2° Rally Liburna Asfalto, il XXV Rally Elba Storico, il XXVI Rally Elba Graffiti, che in altri svoltisi in diverse regioni italiane. La nostra capacità ad elaborare i tempi impiegati dai singoli concorrenti, rendendoli disponibili in tempo reale sia per il centro classifiche che per la sala stampa ed anche, ove esista, sulla pagina web della manifestazione stessa, hanno fatto si che sempre maggiori riconoscimenti siano arrivati alla nostra Associazione, in campo nazionale, da parte degli organizzatori e dai rappresentanti della carta stampata. Manifestazioni che hanno sancito l’alta preparazione dei cronometristi livornesi, impegnati in forze, anche nella conoscenza delle tecnologie applicate in questo campo. Per questa nostra caratteristica riceviamo diverse richieste di servizio per altre

Marco Paglioni alla partenza di una Prova Speciale del rally Coppa Città di Lucca

177


L’INTERVISTA

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

A

178

MONICA POLI Cresce l’interesse delle donne per il cronometraggio

nche nel mondo dello sport, così come in molti altri ambiti della società attuale, si fa un gran parlare del ruolo delle donne. La voglia di cronometrare e di migliorarsi all’interno dell’Associazione Cronometristi Livornesi, è sempre in aumento da parte delle donne ed è conseguenza diretta di un impegno entusiasta e ben seguito, evidente miglioramento sul campo e, quindi, del servizio offerto allo sport. Attualmente su un totale di 60 cronometristi, la nostra Associazione ha in organico 17 donne, circa un terzo. Ho intervistato Monica Poli, veterana ormai, che ci racconta un po’ di lei e il suo rapporto con il cronometraggio. Dimmi qualche cosa di te. “Mi chiamo Monica Poli, sono nata nel Comune di Campiglia Marittima 49 anni fa, vivo a Cecina. Sono sposata ed ho un figlio di 15 anni. Gestisco, insieme a mio marito, un negozio e adoro il mare, ma la mia passione più grande sono le terme”. Come mai hai scelto di fare la cronometrista? “All’attività di cronometraggio mi sono avvicinata circa dieci anni fa, in quanto spesso prestavo servizio come ufficiale di gara nei rally e, quindi, coadiuvavo ed ero spesso a stretto contatto con i cronometristi. Principalmente mi attraeva l’idea di stare a contatto con ogni tipologia di sport”. Come sei arrivata all’Associazione Cronometristi Livornesi? Chi ti ha consigliato? “Mi sono avvicinata molto in punta di piedi perché ho sempre ritenuto particolare e delicato questo ‘hobby’. Come già detto, militavo nelle direzioni gara dei rally e ho manifestato l’intenzione di diventare cronometrista, ai responsabili del servizio cronometraggio presenti per il Rally di Monteregio. Ricordo che il signor Tajariol si anno-

tò i miei dati e, successivamente, venni contattata per l’inizio del corso”. Come sono stati i primi passi? In pratica, come ti sei sentita nei primi servizi di cronometraggio? “Be’, ricordo che durante i primi servizi la paura di sbagliare spesso si impossessava di me, comunque, ho sempre cercato di rimanere calma e continuare a fare quello che avevo appreso dagli istruttori durante il corso di preparazione. All’inizio ogni gara che terminava era un grande successo per me”. Qual è la disciplina sportiva che più ti piace cronometrare e quella che sopporti meno e perché? “Lo sport che mi piace cronometrare è senz’altro quello motoristico, nello specifico i rally. Ciò perché, comunque, sono vent’anni che frequento l’ambiente ed è anche lo sport dove, normativamente parlando, mi sento più preparata. Di contro, la disciplina, non antipatica, ma sicuramente la più “pesante” da cronometrare è quella del nuoto, quella in cui alla lunga puoi perdere la concentrazione necessaria. Quando si è in piscina da quatto, cinque ore, con un clima troppo umido, non si è più tanto lucidi, ma occorre rimanere sempre concentrati anche pensando all’aria aperta delle piste di atletica”. In questa attività, com’è il rapporto con l’altro sesso? Ritieni sia positivo o ci sia una certa rivalità tra membri femminili e maschili? “Assolutamente no, per me non c’è alcuna rivalità tra ‘maschietti’ e ‘femminucce’. Come in tanti altri ambienti, ho trovato ottimi colleghi maschi e femmine, come, di contro, ho incontrato tra loro persone che non mi sono piaciute. Credo che il cronometrista in gamba lo faccia la persona, indipendentemente che sia maschio o femmina, come succede un po’ nella vita. Posso dire che nell’associazione di cui faccio parte, ho ottimi rapporti di col-

laborazione sia con i maschi che con le femmine”. Quali sono i tuoi piani futuri? Dove vorresti arrivare? “Il futuro? Sinceramente nel mondo del cronometraggio non ambisco a cariche istituzionali particolari, attualmente sono consigliera dell’Associazione Cronometristi Livornesi. Il sogno nel cassetto sarebbe saper organizzare il servizio di cronometraggio per qualsiasi tipologia di sport, cosa che ad oggi so di non saper fare per alcune gare molto impegnative”. Come concili l’impegno del cronometraggio con la famiglia ed il lavoro? “Fortunatamente lavorando in proprio riesco a gestire il tempo per i miei hobby. Forse in passato, qualche volta, ho dedicato poco tempo al bambino per andare a cronometrare, ma non ho nessun rimpianto di averlo fatto. Quelle uscite mi ridavano, mi ridanno la carica. Ho necessità di questo hobby che è mio, solo mio; mi rigenero staccando dalla vita di tutti i giorni anche per poche ore. È una cosa che faccio troppo volentieri, non provo sacrificio ad alzarmi presto, stare fuori un giorno, mangiare un panino e… cronometrare. Fino a quando questo sarà puro divertimento, credo che lo farò”. Cosa diresti ai giovani per pubblicizzare questa attività ed invitarli a far parte di questa Federazione? “Una frase che è stata usata molte volte per fare pubblicità è ‘se vuoi vedere lo sport da vicino e stare a contatto con i concorrenti di qualsiasi disciplina sportiva, diventa cronometrista’. Be’ sono d’accordissimo perché è la verità. Il cronometraggio è sport, è tecnologia, è stare insieme e conoscere tanta gente, il cronometraggio è un’attività che ti forma anche sul piano caratteriale. Pertanto invito i giovani che leggeranno queste pagine a contattarci e almeno provare che cos’è il cronometraggio”. Valerio Moggi Addetto Stampa A.S.D. Cronometristi Livornesi


179


Danza Sportiva La pioggia di medaglie della scuola Livorno Danza Maestra Filippi

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Tutti in pista: dagli 8 anni agli over 66

E

d è subito oro per la Livorno Danza Maestra Filippi che ha iniziato il 2013 con le vittorie degli specialisti delle Danze Caraibiche con la coppia formata da Diego Cavataio e Giuditta Novelli categoria 19-27 classe B3, che hanno saputo superare la dura e faticosa selezione per lasciarsi alle spalle le 48 coppie partecipanti alla competizione. Risultato: ben due medaglie d’oro, una nella Salsa Cubana e l’altra nella Combinata Dominicana che comprende la Bachada e il Merengue. Ma la scuola Danza Maestra Filippi si è messa in mostra anche con la coppia Cri-

stian Taddei e Lisa Cheti e la loro medaglia d’oro conquistata nella categoria 27-34 classe B1, specialità Combinata Caraibica che comprende Salsa Portoricana, Merengue, Bachata e Salsa Cubana. La prima tappa di una stagione ricca di soddisfazione, che è continuata con la pioggia di medaglie conquistate a Rimini ai Campionati italiani, che ha visto la presenza di 34.000 atleti distribuiti nei vari padiglioni della Fiera. La scuola Livorno Danza si è presentata a Rimini con i maestri federali Sonia Filippi, Giovanni Adamo e Marina Filippi, insieme ai trainer Lisa Cheti e Alessio Neri e ben 75 atleti compresi fra gli 8 anni e gli over 66. Il bottino: 11 medaglie d’oro, 8 di argento, 7 di bronzo e un’infinità di piazzamenti importanti. Dopo la pausa estiva gli atleti si sono invece diretti verso la Danimarca per il mondiale di Hip Hop. Sotto i riflettori Melissa Falaschi, Alessia Mari, Matilde Domenichini, Francesco Meucci, Elonora Philippe, Elisa Fazio e Francesco Grossi. Riportiamo nel dettaglio i risultati dell’intera stagione.

Risultati Campionati italiani 2013

11 medaglie d’oro, 8 medaglie d’argento e 7 di bronzo

Risultati disciplina Show Dance Duo Categoria 12-15 classe B2 Oro per Silvia Aloi e Aira Ladu

Risultati disciplina Show Dance Singolo

Aira Ladu e Silvia Aloi

180

Categoria 10-11 classe C 4a classificata Alice Satta Categoria 10-11 classe B 4a classificata Aira Ladu Categoria 12-15 classe B 8a posizione Silvia Aloi

Ladu Aira, Campionati italiano FIDS Rimini 2013

Disciplina Show Dance di Gruppo

Categoria over 16 classe B 4a posizione per Camilla Casagrande, Ludovica Poli, Silvia Rossi e Irena Marras.

Risultati Disco Dance singolo

Medaglia d’argento per Alessia MIchelucci nella categoria 12-15 Classe C Medaglia d’oro per Alessandra Periotti nella categoria over 16 classe C

Risultati Ballo da Sala e Liscio Unificato

La coppia formata da Carlo Balestri e Sirenella Salvadori si è classificata al 4° posto nel liscio unificato che comprende il Valzer Viennese-Mazurka e Polka. Ed un 5° posto nel Ballo da Sala che comprende il Valzer-Lento-Tango-Fox-Trot. Categoria 62-65 classe B2

Risultati Danze Caraibiche

Nella categoria 8-9 anni classe C. Settima posizione per Alessandro Grachi e Lisa Salvati specialità Salsa Cubana. Nella categoria 10-11 anni classe C, 7° posto per Francesco Mazzoni e Alessia Bella specialità Salsa Cubana. Nella categoria 12-15 classe C, 5° posto per Thomas Zocchi e Giulia Chiarello. Nella categoria 19-27 classe B3 Doppia. Medaglia d’oro per Diego Cavataio, Giuditta Novelli nella Salsa Cubana e Combinata Dominicana che comprende Bachata e Merengue.


Risultati HIp-Hop Duo

Cristian Taddei e Lisa Cheti

Risultati Campionati italiani 2013 Disciplina Hip-Hop singolo

Categoria 8-9 anni classe C 3a classificata Dafne Chelli. Categoria 10-11 anni classe C, 4a classificata Rebecca Riu. 5° Luca Antonio Sommati. 6a Alessia Bello. 7° Tommaso Toso. Categoria 12-15 classe C: 4° Lorenzo Martellli, 7° Francesco Luciano Benucci, 8a Melissa Ceccarini, 10° Nicholas Baroni. Categoria 12-15 classe C: 2a Francesca Grossi, 3a Federica Nucci, 5a Eleonara Philippe , 9a Alessia Mari. Categoria 12-15 classe A: 1a Matilde Domenichini, 2a Melissa Guidugli, 3a Alice Cardosi, 8a Elisa Fazio, 9a Irene Carpita. Categoria 12-15 classe A Maschi: 3° Francesco Meucci. Categoria 12-15 classe AS: 1a Melissa Falaschi, 2a Denise Lenzi Categoria 16-34 classe B: 8a Deborah Stefani, 11a Noemi Riu Categoria 16-OL Maschi classe AS: 2° Diego Cavataio, 4° Lorenzo Zuniri, 6° Bruno Tassari, Categoria 16-OL Femmine classe AS: 2a Irene Berlani, 9a Virginia Terreni.

Categoria 10-11 classe C: primi Tommaso Toso e Luca Sommati. Categoria 12-15 classe C: primi Lorenzo Martelli e Melissa CEccarini. Categoria 12-15 classe B: primi Davide Fedele e Francesco Meucci, seconde Francesca Grossi e Federica Nucci. Categoria 12-15 classe A: terze Elenora Philippe e Alice Cardosi, quinte Alessia Mari e Irene Carpita, seste Chiara Cardoni e Elisa Del Pero. Categoria 12-15 classe AS: prime Denise Lenzi e Melissa Falaschi, terze Melissa Guidugli e Elisa Fazio, quarte Giulia Orsini e Matilde Domenichini Categoria 16-OL classe AS: oro per Diego Cavataio e Giuditta Novellil, terzi Irene Berlani e Lorenzo Zumiri, settimi Bruno Tessari e Giulia Cipolli.

Nella medesima categoria si classifica al secondo posto il gruppo Star Dance formata da Giulia Orsini, Federica Nucci, Irene Carpita, Melissa Guidugi e Alice Cardosi. Ed infine, al quarto posto il gruppo Urban Legend Formato da Melissa Falaschi, Denise Lenzi, Chiara Colombi, Chiara Cordoni, elisa Del Pero. Ed infine, quarto posto per la coppia formata da Christian Taddei e Lisa Cheti nella combinata Caraibica che comprende quattro balli, Salsa portoricana- Merengue-Bachata e Salsa Cubana nella Categoria 27-34 anni Classe B1.

Risultati Gruppi Hip-Hop

Il gruppo Black Feet formata da: Virginia Terreni, Irene Verlani, Diego Cavataio, Giuditta Novelli e Lorenzo Zumiri si è classificato al secondo posto nella categoria over 16. Il gruppo Street Crew formata da: Noemi Riu, Bruno Tessari, Giulia Cipolli, Linda Lenzi e Deborah Stefani si è classificato al sesto posto categoria over 16. Nella categoria under 15 vince la medaglia d’oro il gruppo Ajà Crew formato da: Matilde Domenichini, Francesco Meucci, Alessia Mari, Elisa Fazio, Eleonora Philippe, Francesca Grossi.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Da sx: Salvatori Sirenella, Balestri Carlo, Giannini Marco, Martelli Soriana, Taddei Paolo, Simi Nadia

Diego Cavataio

181


Football americano Ritorna il Football Americano con gli Etruschi Livorno F.I.D.A.F.: Federazione Italiana di American Football

Una storia lunga trent’anni

D

opo oltre un anno di attività non organizzata ufficialmente, il 6 dicembre 1984, sulla scia dell’entusiasmo provocato dall’approdo del Football Americano in Italia, furono registrati a tutti gli effetti gli Etruschi Livorno. Guidati dal fondatore e Presidente Walter Prosetti gli Etruschi iniziano la loro avventura in uno sport capace di muovere passioni travolgenti in chi lo segue e soprattutto in chi lo pratica. Gli anni ’80 furono gli anni d’oro per il Football Americano made in Italy, con la creazione di una federazione in grado di organizzare i primi campionati nazionali, numerose città videro nascere le proprie squadre e un numero sempre crescente di atleti si avvicinò a questo sport. Gli Etruschi, grazie all’interesse che si diffondeva attorno alla squadra e grazie al supporto tecnico di alcuni Coaches americani, si consolidarono come una delle realtà più importanti del panorama nazionale, e parteciparono con alterne fortune a diversi campionati di serie A. La scuola livornese ha visto in quegli anni emergere atleti stimati e rispettatati per la loro durezza, il loro coraggio e la loro lealtà, alcuni di essi sarebbero in seguito approdati al traguardo della Nazionale. Alla presidenza della squadra si avvicendò Massimiliano Dinelli che la condusse fino al 1990, anno in cui gli Etruschi interruppero la loro attività sportiva. Gli anni ’90 videro scemare l’interesse per questo Foto di gruppo della squadra

182

meraviglioso sport e a livello nazionale il movimento si ridimensionò notevolmente, tanto che molte squadre furono costrette a chiudere i battenti per mancanza di fondi. Con lo scioglimento degli Etruschi molti atleti furono emigrarono verso altre squadre della Toscana, mantenendo tuttavia il loro cuore amaranto e la voglia di indossare ancora la maglia degli Etruschi. Questo fuoco che ancora ardeva sotto le ceneri della vecchia squadra, fece sì che nel settembre del 1994, su impulso di alcuni degli ex-giocatori labronici, rinascessero gli Etruschi e ritornasse il Football Americano a Livorno. Fu organizzata una leva che vide l’adesione di numerosi giovani, la maggior parte dei quali senza alcuna esperienza di Football Americano. In due soli anni, alla guida di Michelangelo Diana, in qualità di Presidente, di Andrea Dinelli, allenatore, giocatore e successivamente anche Presidente e di suo fratello Matteo, allenatore della difesa oltre che giocatore, i nuovi Etruschi riusci-

rono ad allestire una squadra in grado di partecipare al Campionato di Football a 8, una variante con un minor numero di giocatori in campo, che meglio si adattava alle ristrettezze economiche e di popolarità che pativa il Football Americano nostrale negli anni ‘90. La nuova generazione di Etruschi, ispirata dagli stessi principi di lealtà, disciplina e correttezza della vecchia guardia vide fiorire atleti di alto spessore, riconosciuti e stimati a livello nazionale e grazie ad un forte e radicato spirito di squadra riuscì nella stagione 1999/2000 ad approdare, dopo due campionati di rodaggio, alla finale nazionale di Football a 8 e dopo un’altra stagione nella categoria minore, nel 2001 riuscì a iscriversi nuovamente al campionato Golden League di football a 11. Purtroppo, ancora una volta, le difficoltà economiche, la mancanza di strutture adeguate capaci di coinvolgere un costante numero di atleti che assicurassero il ricambio generazionale, hanno fatto sì che gli Etruschi nel 2002 chiudessero di nuovo i battenti e interrompessero la loro attività. La squadra tuttavia rimase viva nel cuore degli atleti della vecchia e della nuova generazione, che continuarono a sentirsi Etruschi, nonostante alcune esperienze agonistiche in altre piazze, continuarono a incontrarsi ogni anno per celebrare il rito del Superbowl, continuarono a sentirsi una famiglia e a pensare al Football e all’idea che prima o poi gli Etruschi sarebbero tornati. Oggi dopo dieci anni di attesa gli Etruschi sono tornati e sono tornati ripartendo dal loro fondatore, Walter Prosetti, che


a quasi trent’anni dal giorno in cui radunò intorno a se un gruppo di ragazzi per spiegare loro come si praticasse quello strano gioco con la palla ovale, ha accettato con rinnovato entusiasmo e con qualche capello bianco in più, la presidenza della Etruschi Football Americano Livorno a.s.d. La nuova entità, con un gruppo di dirigenti derivante dalle precedenti generazioni di giocatori, animata dalla volontà di riportare a nuovi fasti gli Etruschi e il Football Americano a Livorno, si prefigge di creare un movimento sportivo a partire dai giovani, tale da creare una base solida per l’avvenire della squadra. Per la prima volta gli Etruschi hanno un campo sportivo a loro completa disposizione in modo da creare le strutture per svolgere al meglio le sessioni di allenamento e le partite

Il folto pubblico presente ad un incontro

Un gruppo di giocatori

di III Divisione al cospetto dei Vicecampioni Italiani dei Red Jackets Sarzana.Sono 39 le squadre al via divise in 9 gironi, 3 dei quali composti da 5 team (oltre ai liguri il girone degli Amaranto prevede Trappers Cecina, Storms Pisa e White Tigers Massa, con i quali si preannunciano derby toscani “infuocati”) e 6 da 4 squadre. 24 formazioni andranno ai playoff in cerca del raggiungimento dell’epilogo della stagione fissato per il 28 giugno, con il NineBowl. A circa due anni dalla rinascita ecco, dunque, che la parola sarà finalmente lasciata al campo dove i giovani Etruschi dovranno dimostrare i miglioramenti evidenziati nel precampionato per poter ambire ad un piazzamento ai playoff.

F.I.D.A.F.: Federazione Italiana di American Football

Azione di gioco

e fornire agli atleti un punto di ritrovo e di aggregazione. La società con alla Presidenza il già citato Walter Prosetti, coadiuvato dal Vice Presidente Nicola Minervini, schiera un coaching staff forte dell’esperienza maturata negli anni di gioco prima e nell’aver contribuito alla nascita e alla guida della squadra degli Storms CUS Pisa successivamente; vediamo così il settore tecnico degli Etruschi annoverare tra le proprie fila Antonio Mertoli (Head Coach), Marino Gragnani (Preparatore atletico), Paolo Campora (Offensive Coordinator), Emanule Altobel (Defensive Coordinator), Jacopo Bardini (Receivers & Defensive Backs Coach), Jacopo Diaco (Quarterbacks Coach). Il 22 febbraio segna dunque una data storica per il Football Livornese con il rientro sui campi nell’esordio del Campionato

183


Vieni a trovarci 184

TI ASPETTIAMO!


Pattinaggio Volano le stelline del pattinaggio nel Libero al PalaBastia Campionato provinciale Uisp di Mario Orsini

Alessia Cellini, Alessia Villano e Martina Blasizza

tanti anni a Bientina, per permettere loro di poter gareggiare. A Livorno, prima di cominciare a farlo al PalaBastia era impossibile trovare un luogo che permettesse questa possibilità negli obbligatori. Adesso, ne siamo certi, da lassù, il grande e indimenticato Giovanni, continuerà a guardare con i suoi occhi zeppi d’amore le sue atlete mentre volteggiano felici, sui loro pattini, con indosso le loro belle tutte e il sorriso stampato sulle labbra. Campionato Provinciale Uisp. Liberi. Risultati. Formula Uisp 2B: 1a Alessia Perugini, 2a Aurora Paretti, 3a Erika Cingolani, 4a Francesca Grossi, 5a Altea Lenzi, 6a Giulia Giovacchini, 7a Sara Pipola, 8a Giulia Antonini. Roberta Bruni (ass.). Formula 3C: 1a Greta Gronchi. Formula 4A: 1a Elisa Pagliai. Formula 4B: 1a Camilla Paggini, 2a Maria Melandri. Novizi Giovani: 1a Sara Russo, 2a Giorgia Gianetti, 3a Mi-

chelle Figoli. Novizi Uisp: 1a Denise Bendinelli, 2a Agnese Mori. Piccoli Azzurri. 1a Viola Barni, 2a Swamy Cancelli. Primavera: 1a Aurora Carnieri, 2a Viola De Vizia, 3a Chiara Gai. Allievi Giovani. 1a Elisa Ianda. Allievi Uisp. 1° Martina Blasizza, 2a Olivia Di Giorgi. Francesca Grossi (assente). Juniores Giovani. 1a Nicole Filié, 2a Alessia Cellini, 3a Alice Villano, 4a Giada Niccolai. Juniores Uisp. 1a Giada Romano, 2a Sara Gai, 3a Aurora Centi. Azzurri Giovani. 1a Martina Ferri. Azzurri Uisp. 1a Matilde Bonaccorsi. Master. 1a Camilla Serraglini. Professional Cadetti. 1a Diletta Peralta, 2a Aurora Gianetti. Professional Junior: 1a Giulia Gambicorti. Programma. Campionati provinciali FIHP. Sabato 16 marzo Obbligatori (14-20) (32 partecipanti). Domenica 17 marzo. Liberi. 14-20 (29 partecipanti). Combinata: 25 partecipanti. Giovedì 28 marzo. Gara Obbligatori (51 partecipanti).

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

V

olteggiano e svolazzano regalando emozioni. La prova dei Liberi, targati Uisp, non tradisce le attese. Tra le più brave, di giornata, Diletta Peralta. Ad applaudirla, “in diretta“, mamma Debora Possenti e babbo Leandro Peralta, maestri storici del circolo Arci La Cigna Gymnasium e la grandissima Tanja Romano che da un paio d’anni ne cura alcuni aspetti della preparazione, anche adesso che è tornata nella sua Trieste. Proprio sulla sua allieva livornese la grandissima si sofferma con alcune considerazioni quanto mai pertinenti: “Diletta è una bravissima allieva con ampi margini di miglioramento. Per ottenere grandi traguardi deve continuare a lavora con quest’intensità”. Poi, con un pizzico di nostalgia, rivolge uno sguardo al passato. Ai suoi quindici titoli mondiali, alla montagna di successi internazionali e nazionali ed a quelle Olimpiadi sempre sognate e mai disputate. “È quasi inconcepibile che uno sport bello, affascinante e armonioso come il pattinaggio non sia previsto nel panorama olimpico”, le sue parole. Tra le vincenti di giornata la bella Camilla Serraglini, con la maglia del Pattinaggio Artistico La Stella, studentessa del primo anno d’infermieristica: “Mi sarebbe piaciuto fare la pediatria, ma il cammino è troppo lungo”. Tra le più brave Martina Blasizza, 13 anni di simpatia, studentessa alle medie Mazzini e ascoltando le sue parole: futura maestra di pattinaggio. Diversi invece i sogni di Aurora Gianetti: “Da grande mi piacerebbe fare la geometra e la stilista”. Felice il presidente provinciale della Lega pattinaggio Giovanni Orsucci che un paio di mesi dopo ci avrebbe lasciato. Anche in quella circostanza il grandissimo e indimenticato Giovanni, nonostante le forze lo stessero ormai abbandonando fece di tutto per essere puntuale all’appuntamento con il suo amato sport: “Sono davvero soddisfatto di come sono andate le cose. Ringrazio quanti hanno lavorato per quest’importante avvenimento cittadino”. Poi, con un pizzico di orgoglio si soffermò sugli obbligatori previsti il sabato successivo. “Finalmente potremo organizzarli a casa nostra, senza dover emigrare a Bientina. Per il pattinaggio livornese è una bella pagina che si apre”. Il riferimento oggettivo, anche se mascherato era alle tante difficoltà, per aver dovuto “emigrare”, con le sue stelline, per

185


Bravissime come al solito Campionati regionali FIHP

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

di Mario Orsini

186

O

Giulia Gambicorti

ttime prestazioni delle farfalline del pattinaggio artistico labronico ai Campionati regionali di Calenzano sotto l’egida della Federazione (FIHP). Due splendide medaglie d’oro ottenute da: Irene Anselmi (La Stella) e Giulia Gambicorti (La Cigna Gymnasium) e ben sei d’argento: due ciascuno conquistate da Diletta Peralta e Alessia Cellini e una ciascuno da Giulia Gambicorti e Valentina Imbrogiano (tutte della Cigna), sono davvero un bilancio più che lusinghiero, cui si aggiungono una lunga serie di ottimi piazzamenti. A ribadire questa bella prestazione collettiva del pattinaggio artistico di casa nostra è il presidente regionale della FIHP Mario Tinghi. Tra l’altro presidente anche del Circolo Pattinaggio La Rosa. Ascoltiamolo: “Possiamo dire di essere davvero soddisfatti, di questi risultati. Soprattutto se teniamo conto che, a causa della pioggia incessante, praticamente da ottobre in poi, le nostre

atlete, non disponendo le loro Società di impianti al coperto, sono state penalizzate negli allenamenti. Quindi quando sono scese in pista hanno dovuto gareggiare in condizioni non certamente ottimali. L’unico impianto disponibile per loro, ma solo per poche ore settimanali, in caso di pioggia, è stato quello della Bastia. Nostro obiettivo è quello di risolvere quanto prima questo annoso problema”. Risultati. Div. Nazionale A Liberi: 2a Alessia Cellini, 5a Giada Romano, 17a Sara Gai, 19a Camilla Paggini, 22a Giada Romano. Div. Naz. A Obbligatori: 4a Sara Gai, 5a Giada Niccolai, 7a Alessia Cellini, 9a Alice Villano. 13a Aurora Centi, 21a Camilla Paggini. Div. Naz. A Combinata: 2a Alessia Cellini, 3a Giada Niccolai, 12a Camilla Paggini. Div. Naz. B Liberi: 22a Martina Ferri. Div. Naz. C Obbligatori: 5a Sara Mannucci, 6a Chiara Badari- Div. Naz. C Liberi: 8a Matilde Bonaccorsi. Div Naz D Obbligatori: 1a Irene Anselmi, 2a Valentina Imbrogiano. Div. Naz. D Liberi: 7a Camilla Serraglini. Cadetti Obbligatori: 5a Diletta Peralta, 20a Giada Romano. Cadetti Liberi: 2a Diletta Peralta, 13a Aurora Gianetti. Cadetti Combinata: 2a Diletta Peralta. Jeunesse Obbligatori: 7a Benedetta Niccolini. Juniores Liberi: 2a Giulia Gambicorti. Juniores Obbligatori: 6a Giulia Gambicorti. Juniores Combinata: 1a Giulia Gambicorti. Circoli di appartenenza. Arci La Rosa: Giada Niccolai, Aurora Centi, Camilla Paggini, Chiara Badari, Sara Mannucci, Benedetta Niccolini. La Cigna Gymnasium: Sara Gai, Alice Villano, Alessia Cellini, Martina Ferri, Diletta Peralta, Valentina Imbrogiano, Aurora Gianetti, Giulia Gambicorti, Matilde Bonaccorsi. Associazione La Stella: Giada Romano, Irene Anselmi, Camilla Serraglini.

Imbrogiano, Niccolini e Gambicorti

La presidente della Circoscrizione 1, durante le premiazioni


Una scorpacciata di medaglie Campionati regionali Uisp (La Rosa), Michelle Figoli (La Rosa). E bronzo per Martina Lugli (Stella), Valentina Imbrogiano (Cigna), Giada Niccolai (La Rosa), Sara Russo (La Rosa).

Risultati completi

Irene Anselmi e l’insegnante Silvia Bartoletti

I

l pattinaggio artistico labronico, ai Campionati regionali, anche sotto l’egida Uisp, fa il solito bel figurone. Con ben sessantadue farfalline in gara. In uno sport bello affascinante che non conosce i morsi della crisi. Anzi viaggia a gonfie vele. Soddisfattissimo Mario Tinghi, in questa circostanza, però, come presidente del Circolo Arci La Rosa. E soprattutto come innamorato, da sempre, di questa disciplina sportiva. “Dopo il grandissimo successo, ai Campionati regionali organizzati dalla federazione FIHP, le nostre bravissime pattinatrici si sono ripetute a grandi livelli in quelli sotto il patrocinio dell’Uisp dimostrando, una volta di più, che questo sport a livello cittadino è davvero una bella realtà”. A mettersi la medaglia d’oro al collo sono state Alessia Cellini (Cigna Gymnasium), Irene Anselmi (AS Pattinaggio La Stella) e Sara Gai (Cigna Gymnasium). Argento invece per Aurora Centi

Novizi Giovani Liberi: 3a Sara Russo (La Rosa), 7a Giorgia Gianetti (Cigna). Obbligatori: 2a Michelle Figoli (La Rosa), 13a Sara Russo, 24a Giorgia Gianetti, 25a Emily Valenty (Cigna). Novizi Uisp Liberi: 9a Denise Bendinelli (Cigna), 19a Agnese Mori (la Rosa). Obbligatori: 5a Agnese Mori, 7a Denise Bendinelli. Piccoli Azzurri Obbligatori: 5a Viola Barni (La Rosa), 8a Martina Mazzoni (la Rosa), 9a Swamy Cancelli (La Rosa), 12a Martina Puliti (Stella). Liberi: 4a Viola Barni, 9a Swamy Cancelli. Primavera Obbligatori. 16a Sara Gai (Cigna), 18a Aurora Carnieri (Cigna). Liberi: 9a Viola De Vizia (Cigna), 11a Aurora Carnieri, 16a Sara Gai. Allievi Giovani Liberi e Obbligatori: 9a Elisa Ianda (La Rosa). Allievi Uisp Obbligatori: 14a Olivia Di Giorgi (La Rosa), 19a Martina Blasizza (Cigna). Liberi: 8a Martina Blasizza, 12a Olivia Di Giorgi. Juniores Giovani Obbligatori 3a Giada Niccolai (La Rosa), 5a Nicole Filiè (la Rosa), 7a Alice Villano (Cigna), 12a Alessia Cellini (Cigna), 20a Camilla Paggini (La Rosa). Liberi: 1a Alessia Cellini, 6a Giada Niccolai, 7a Nicole Filiè, 12a Alice Villano. Juniores Uisp Obbligatori: 1a Sara Gai (Cigna), 2a Aurora Centi (La Rosa). Liberi: 4a Aurora Centi, 8a Sara Romano (Stella),

Alice Villano e Martina Blasiizza

13a Sara Gai. Azzurri Giovani Liberi: 18a Martina Ferri (Cigna). Azzurri Uisp Obbligatori: 6a Anna Mannucci (La Rosa), 7a Chiara Badari (la Rosa). Liberi: 5a Matilde Bonaccorsi. Master Obbligatori 1a Irene Anselmi (Stella), 3a Valentina Imbrogiano (Cigna). Professional Cadetti Obbligatori 13a Diletta Peralta (Cigna), 19a Giada Romano (Stella). Liberi: 7a Diletta Peralta, 11a Aurora Gianetti (Cigna). Professional Jeunesse Obbligatori: 6a Benedetta Niccolini (La Rosa). Formula 1C Libero: 12a Benedetta Bagnasco (Cigna), 19a Giulia Lonzi (La Rosa), 22a Martina Milazzo (Cigna), 36a Martina Terreni (Cigna), 41a Giulia Perfetti (Cigna), 47a Margaux Balyat (Cigna), 53a Rachele Di Ciuccio (la Rosa), 62a Sara Della Sbarba (Cigna). Formula 1D Libero: 12a Greta Malloggi (La Rosa). Formula 3 B Libero: 5a Chiara Cecchini (Cigna), 18a Federica Capuano (Stella). Formula 4 A Libero: 9a Elisa Pagliai (Stella). Primavera Debuttanti Obbligatori: 3a Martina Lugli (Stella), 4a Alessia Perugini (La Rosa), 7a Erika Cingolani (La Rosa), 15a Romina Magaletti (la Rosa), 17a Sofia Bientinesi (La Rosa), 24a Margherita Ginevra Del Bono (Cigna), 26a Sara Voliani (Stella). Allievi Debuttanti Obbligatori: 6a Altea Lenzi, 8a Elisa Pagliai (la Stella), 12a Chiara Cecchini (Cigna), 17a Rachele Di Ciuccio (La Rosa), 18a Giulia Lonzi (la Rosa), 24a Francesca Grossi (la Rosa), 25a Sara Pipola (la Rosa).

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

di Mario Orsini

Olivia Di Giorgi, Giada Niccolai e Altea Lenzi

187


Valentina Imbrogiano

metà giugno, negli esercizi obbligatori, sono state Benedetta Niccolini, Michelle Figoli e Valentina Imbrogiano. Le prime due del Circolo Pattinaggio La Rosa e Valentina Imbrogiano del Circolo

Michelle Figoli

I pattini a rotelle d’oro di Benedetta, Michelle e Valentina Campionati italiani Uisp di Mario Orsini

La Cigna Gymnasium. A sfiorare il trionfo davvero per poco è stata, invece, Sara Gai, anche lei della Cigna Gymnasium. Per la brava Sara una bella medaglia d’argento, nella categoria Juniores Uisp. Particolarmente contento, di questo nuovo exploit del pattinaggio labronico, Mario Tinghi, basta ascoltare le sue parole: “Nonostante la grandissima concorrenza siamo riusciti a esprimerci ancora una volta a grandissimi livelli. In pedana sono saliti oltre 1.500 atleti in rappresentanza di 210 società provenienti da tutta Italia. Oltre che nella specialità dei liberi e degli obbligatori, maschili e femminili sono state disputate anche le gare a coppia di pattinaggio artistico e danza”. Ma andiamo con ordine ricordando tutti i piazzamenti delle nostre brave pattinatrici. Professional Jeunesse obbl. 1a Benedetta Niccolini. Master obbl. 1a Valentina Imbrogiano, 12a Irene Anselmi (C. Patt. Stella). Novizi Giovani obbl. 1a Michelle Figoli (La Rosa). Junior Uisp obbl. 2a Sara Gai (Cigna), 7a Aurora Centi (La Rosa). Liberi: 23a Aurora Centi, 32a Sara Gai, 36a Giada Romano (La Stella). Piccoli Azzurri Liberi. 10a Viola Barni (La Rosa), 24a Swamy Cancelli (La Rosa). Obbl. 15a Martina Mazzoni(La Rosa), 22a Swamy Cancelli, 24a Viola Barni. Primavera Liberi: 15a Aurora Carnieri (Cigna) , 28a Viola De Vizia(Cigna),

Benedetta Niccolini

32a Chiara Gai(Cigna). Azzurri Uisp Liberi: 20a Matilde Buonaccorsi (Cigna). Obbl. 7a Anna Mannucci (La Rosa), 15a Chiara Badari (La Rosa). Allievi Uisp Liberi. 16a Olivia Di Giorgi(La Rosa), 18a Martina Blasizza(Cigna). Novizi Liberi. 7a Sara Russo (La Rosa), 10a Michelle Figoli (La Rosa) e 43a Giorgia Gianetti (Cigna). Junior Giovani. Liberi: 5a Alessia Cellini (Cigna), 17a Giada Niccolai (La Rosa), 33a Alice Villano(Cigna). Obbl. 11a Alice Villano, 12a Alessia Cellini, 17a Giada Niccolai. Novizi Uisp Liberi: 13a Agnese Mori(La Rosa), 18a Denise Bendinelli (Cigna). Obbl. 13a Denise Bendinelli. Da Mario Tinghi, questa volta anche in qualità di presidente regionale FIHP, oltre che del circolo La Rosa, un meritato plauso all’Hockey Follonica che ha curato nei minimi dettagli questa bella e importante manifestazione tricolore.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

T

re medaglie d’oro e una marea di buoni piazzamenti. I Campionati italiani di pattinaggio artistico a rotelle, sotto l’egida Uisp, vanno in archivio con tante belle soddisfazioni per le nostre splendide stelline. A mettersi le medaglie più belle al collo, nella grande kermesse nazionale di Follonica di

189


F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

D

avvero brave, ad agosto, le pattinatrici del circolo La Rosa, selezionate per partecipare, con la maglia azzurra addosso, alla trasferta di Rence in Slovenia. Un trofeo internazionale ormai all’undicesima edizione, nel quale viaggiano a braccetto Sport e Turismo. Per le nostre splendide pattinatrici, accompagnate dalle maestre di pattinaggio Cinzia Savi del Circolo Pattinaggio La Rosa e Elisabetta Iacoponi della Polisportiva Follonica, è stata una bella esperienza, lontano da casa, che ha regalato grandissime soddisfazioni. Per alcune di loro, per non dire per tutte, difficili da dimenticare. Ai nastri di partenza di questa manifestazione, nella ridente cittadina slovena, oltre alle padrone e padroni di casa anche altre pattinatrici e pattinatori, provenienti da Austria, Germania e naturalmente da altre parti d’Italia. In tutto oltre un centinaio di atlete e atleti. Lusinghiero il risultato complessivo delle nostre stupende dieci farfalline. Tre vittorie, un secondo posto e quattro terzi posto e tanti altri buoni piazzamenti sono davvero un bel bottino. A salire sul podio più alto la stupenda Giada Niccolai (doppio oro) e la splendida Viola Barni. Ma vediamo in dettaglio i risultati completi delle nostre dieci splendide farfalline. Categoria Giovanissimi (classe 2004). Triplice quinto posto: liberi, obbligatori e combinata, per Agnese Mori. Piccoli Azzurri (classe 2003): Oro (liberi) per Viola Barni. Bronzo (obbligatori) per Martina Mazzoni; argento (liberi) e bronzo (combinata) per Swamy Cancelli. Pulcini (2002): Bronzo (obbligatori) per Erika Cingolani e quinto posto per Alessia Pe-

Pattinatrici in Slovenia di Mario Orsini

Il gruppo del pattinaggio La Rosa andato in Slovenia

rugini. Orsetti (2000-2001): doppio quarto posto e un ottavo posto per Olivia Di Giorgi. Ragazze (1996/’98): Doppio oro (obbligatori e combinata) e quinto posto nei liberi per Giada Niccolai. Master (1995 e precedenti): Bronzo per Anna Mannucci e 5a posto (obbligatori) per Chiara Badari. Inutile sottolineare la grandissima soddisfazione del presidente del Circolo La Rosa Mario Tinghi. “Le nostre bravissime pattinatrici hanno dimostrato di sapersela cavare in maniera egregia anche sul un palco-

scenico internazionale e di fronte a un pubblico caldo e numeroso. Il nostro plauso va anche ai loro splendidi insegnanti: Laura Ferretti, Cinzia Savi, Linda Mattei, Silvia Rachini e al preparatore atletico, anche della nazionale come la maestra Ferretti, Andrea Bientinesi. Certi risultati si raggiungono con un lavoro di equipe finalizzato a obiettivi comuni che, in primis, sono la crescita tecnica e atletica delle nostre farfalline. Senza dimenticare gli aspetti educativi e formativi”.

Sara Russo Una farfallina con le ali dorate di Mario Orsini

Sara Russo

S

ara Russo, appena otto anni, è stata l’unica pattinatrice labronica ad essere convocata per partecipare, con addosso la maglia del Granducato, al trofeo delle Regioni di Castiglion della Pescaia. Una manifestazione giovanile di pattinaggio artistico, riservata

190

Un successone

alle categorie Giovanissimi ed Esordienti. Sara si è guadagnata questa convocazione grazie al secondo posto ottenuto nella specialità del Libero nel Campionato regionale FIHP. In quella circostanza, l’allieva, al circolo pattinaggio La Rosa, delle maestre Laura Ferretti, Cinzia Savi e Linda Mattei e del preparatore, anche della nazionale, Andrea Bientinesi oltre alla medaglia d’argento aveva conquistato anche quella d’oro della combinata. Il trofeo delle Regioni è, di fatto, un Campionato italiano riservato alla specialità del Libero. Logica quindi la soddisfazione dello staff tecnico del Circolo Pattinaggio La Rosa. Portavoce la maestra di pattinaggio Linda Mattei: “Sara, oltre ad avere grande talento si allena, con passione ed entusiasmo, tutti i giorni, per due o tre ore”. Contento anche il presidente Mario Tinghi: “Sara si è tolta la grandissima soddisfazione, con pieno merito, di poter partecipare, insie-

me a 400 tra pattinatrici e pattinatori, provenienti da 19 regioni, alla più prestigiosa manifestazione giovanile di pattinaggio artistico del nostro paese, per le specializzazioni del singolo, maschile e femminile, delle coppie artistico, delle coppie danza e solo dance”. La competizione è il massimo torneo per la fascia d’età in questione, inoltre rappresenta una tra le manifestazioni più piacevoli ed interessanti nell’ambito del calendario nazionale. I pattinatori che poi hanno partecipato erano stati selezionati grazie ai risultati ottenuti ai Campionati regionali della regione di appartenenza. Un privilegio riservato solamente alle prime tre nel campionato regionale FIHP, nella specialità del Libero. Il trofeo delle Regioni è di fatto un Campionato italiano di federazione, perché per queste categorie non è previsto uno specifico a differenza delle altre.


Glauco Cintoi Passione competenza e amore per il pattinaggio

M

Glauco Cintoi

edaglia d’argento al merito sportivo a Glauco Cintoi. La consegna, ufficiale, all’apertura dei lavori dell’Assemblea Regionale della FIHP (acronimo di: federazione italiana hockey e pattinaggio) una domenica mattina del marzo 2013, a Calenzano. Quanto mai lusinghiere le considerazioni, sulle motivazioni dell’assegnazione dell’importante riconoscimento, espresse nei suoi confronti dal presi-

A

l timone del Granducato della federazione italiana FIHP per un altro quadriennio. Per il settantenne evergreen e stacanovista, Mario Tinghi, a marzo a Calenzano nell’assemblea regionale delle società, una riconferma scontata. A fare la differenza: esperienza, carisma, disponibilità e professionalità. Nel consiglio direttivo, eletto anche Glauco Cintoi. Quello tra Tinghi e lo sport è un amore con radici lontane. “Da giovane, come la maggior parte dei miei coetanei, mi piaceva fare il calciatore. Dal

Mario Tinghi

dente regionale, della FIHP, Mario Tinghi: “Desidero cogliere l’occasione per esprimerle personalmente il compiacimento per quanto fatto per lo sport e per i brillanti risultati ottenuti”. Ricevere un’onorificenza sportiva per Glauco Cintoi non è una novità. Anche perché, nella sua lunga carriera dirigenziale ha sempre lavorato con amore, impegno, competenza e passione fuori del comune, per valorizzare il pattinaggio in tutte le sue sfaccettature. Tra i premi più belli ricevuti, in tanti anni, un posto di riguardo l’ha, senz’altro, la Stella di bronzo al merito sportivo che il Coni gli assegnò nel 2001. Un premio che di fatto è propedeutico a quest’ultimo riconoscimento. Ma l’impegno e i meriti di sportivi di Glauco Cintoi, oltre ad essere legati alla FIHP, di cui tra l’altro è delegato provinciale, abbracciano anche la lega pattinaggio a rotelle Uisp, di cui è presidente regionale. Fino allo scor-

so quadriennio, inoltre, Cintoi è stato vice presidente della lega nazionale UISP di pattinaggio artistico a rotelle. Una carica che ha dovuto abbandonare, non per demeriti, ma semplicemente perché non era più prevista nel quadriennio appena iniziato. Cintoi, in ogni caso è rimasto nella direzione nazionale della Lega. Oltre a questi incarichi, nel recente passato, alla soglia degli anni 2000, ha fatto parte della giunta del Coni provinciale: “La prima giunta presieduta dell’amico e grandissimo dirigente Gino Calderini”, ci dice con un pizzico di commozione. Infine, Cintoi è stato anche vice presidente del comitato territoriale UISP di Cecina. Insomma una medaglia davvero meritata. Anzi super meritata per quanto ha fatto per tanti anni e continua a fare con impegno, passione, competenza e abnegazione per il pattinaggio artistico a rotelle e più in generale per lo sport, non solamente cittadino.

Mario Tinghi Dirigente di lungo corso di Mario Orsini 1956 al 1959, cavandomela discretamente, ho giocato nel G. S. Venezia”. Chiusa la parentesi giovanile con le scarpette ai piedi, le maggiori soddisfazioni, però, Tinghi se le è tolte come dirigente. L’esordio, dall’altra parte della barricata, nel 1975, nel direttivo del settore pattinaggio del Circolo Arci La Rosa. Complice la figlia Letizia che aveva cominciato a volare sui pattini e a vincere da tutte le parti. Da allora per Mario Tinghi un crescendo rossiniano, prima nell’Uisp, poi nella FIHP e nel Coni provinciale. Nel 1978 fu eletto consigliere nel direttivo toscano del settore artistico della lega pattinaggio Uisp. E, grazie a doti e carisma che non si comprano al mercato, appena due anni dopo, siamo nel 1980, ne diventa presidente regionale. Nel 1983 entra anche nel direttivo nazionale della lega Uisp di pattinaggio. Oltre che nell’Uisp comincia a fare piccoli passi anche nella Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio. Dal 1993 a tutt’oggi e come visto continuerà per altri quattro anni, è responsabile del direttivo toscano della FIHP. Nel 2004, con Gino Calderini al ponte di comando, assume la carica di vicepresidente del Coni provinciale. Ma le soddisfazioni a Mario Tinghi,

arrivano, in quantità industriali, anche dalla straordinaria figlia Letizia: pluricampionessa europea e mondiale di pattinaggio artistico a rotelle. E di riflesso pure da tante sue atlete. In primis quelle del circolo La Rosa: la sua seconda casa. Mario Tinghi non è stato l’unico livornese ad essere stato premiato a Calenzano. Premi speciali sono stati assegnati pure a Glauco Cintoi, alla giudice internazionale labronico Denise Maffei. Insieme alla sorella Deborah, Denise, a cavallo degli anni ottanta e novanta, è stata un’ottima pattinatrice. Dopo aver appeso i pattini al chiodo entrambe le sorelle Maffei hanno partecipato a corsi federali e sono diventate rispettivamente giudice di gara e segretaria di gara a livello internazionale. A questi incarichi di tutto rispetto, Denise Maffei, ha aggiunto anche quello prestigioso di membro della giunta nazionale Fihp. Come si evince dalle belle notizie, per il pattinaggio livornese, da anni in grandissimo spolvero, le soddisfazioni, non arrivano mai da sole, a testimonianza che questo sport è davvero nel cuore di tanti giovani e giovanissime atlete e delle loro famiglie. O più semplicemente che sui pattini, nella nostra bella Livorno, si continua a volare.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

di Mario Orsini

191


192


Addio Giovanni Il pattinaggio, sport con la “S” maiuscola

Giovanni Orsucci

A

metà maggio se n’è andato in punta di piedi. Come sua abitudine, senza disturbare, dopo aver lottato, in silenzio e inutilmente con tutte le sue forze, contro un male incurabile. Qualche giorno dopo il 27 maggio, Giovanni Orsucci, il caro Giovanni, avrebbe compiuto 74 anni e guardato avanti, come aveva sempre fatto, con il sorriso sulle labbra, la considerazione e il rispetto da parte di tutti. Una vita, quella di Giovanni, zeppa di normalità. Quella normalità che da qualche anno, in una società che corre a velocità stratosferica, non è più troppo di moda. Il baricentro dei suoi pensieri sono sempre stati famiglia, lavoro e sport. Sport con tante sfaccettature, ma con il pattinaggio artistico in prima fila. Più anche di quel calcio che aveva praticato, con entusiasmo e buoni risultati, in gioventù e continuava ad amare, come tifoso appassionato. Con il cuore colorato amaranto e la passione quasi a livelli di guardia, tutte le volte che i giocatori del Livorno scendevano in campo, specialmente allo stadio Picchi, a due passi da casa sua. Ma a piacergli erano anche le gare remiere. Quando era necessario era pron-

to, in maniera disinteressata e con il massimo impegno a dare una mano, pregna di competenza e ed esperienza, in alcuni gangli delicati della macchina organizzativa. Il pattinaggio, però per lui era un’altra cosa. Era lo sport per eccellenza e con la “S” maiuscola da quando lo aveva scoperto, quasi casualmente, una quarantina d’anni fa. Nel raccontarci dove e in che modo, oltre a tanta genuino compiacimento, aggiungeva un pizzico di enfasi. Un’enfasi, uno slancio che non stonava assolutamente, ma anzi arricchiva, quei racconti, di genuina umanità. “Mi sono avvicinato a questo sport –ci diceva- per consentire alle mie bambine e a quelle di amici, che abitavano nella zona dello Stadio, di praticare un po’ di pattinaggio, a due passi da casa e in sicurezza. Per questo abbiamo pensato di fondare una società. Come pista di pattinaggio ne abbiamo individuata una, preesistente, a ridosso dell’allora Gasometro. Per tutti i livornesi il famoso ‘Bombolone’. Un grosso contenitore di gas un tempo utilizzato per il rifornimento della zona sud della città”. Poi il racconto si soffermava anche sui tempi pioneristici, in cui ingegno e voglia di fare, avevano viaggiato a braccetto per poter raggiungere lo scopo prefissato. E le parole, in quel frangente, erano ancor più incisive e circostanziate: “Gli inizi per la Stella furono complicati. Lo dico con franchezza. Spesso abbiamo dovuto, non solo letteralmente, rimboccarci le maniche e aguzzare la fantasia. Non c’era illuminazione e gli spogliatoi erano all’interno di un paio di autobus, in disfacimento. Autobus che avevamo prelevato da un attiguo deposito di stoccaggio. A darci la voglia di andare avanti, che in qualche momento latitava per le difficoltà, erano i sorrisi dei nostri bambini. La loro grande felicità quando si mettevano i pattini ai piedi. Per le mie due bimbe Silvia e Claudia, appena varcavano il cancello era sempre una festa. E per noi genitori una grande, immensa soddisfazione di aver costruito, dal nulla, qualcosa di piacevole e divertente per i nostri ragazzi.

Fare pattinaggio, specialmente, per una femminuccia, per me è il massimo. Da piccolini occorre prima tutto privilegiare gli aspetti ludici. Poi, ma a piccole dosi e senza stimolare grandi aspettative, quelli agonistici. Senza fretta e soprattutto, senza tarpare le ali e togliere spazi, a chi non è nato fuoriclasse e vuole continuare ancora a divertirsi”. Qualche tempo dopo, siamo agli albori degli anni novanta, Giovanni Orsucci inizia a percorre la carriera dirigenziale, con la nomina a responsabile provinciale della Lega Uisp di pattinaggio. Un incarico che pian, piano, lo assorbe come una spugna e, fino all’ultimo dei suoi giorni, ha sempre svolto, o meglio onorato, in maniera egregia. Qualche mese prima di lasciarci, quando la malattia non si era ancora manifestata in tutta la sua devastante crudezza, ci diceva: “A settembre 2013 scade il mio ennesimo mandato quadriennale. Mi piacerebbe lasciare il posto a qualche giovane dirigente volonteroso e pieno d’entusiasmo. Per adesso, però, non si è fatto avanti nessuno. Speriamo, in un prossimo futuro, le cose possano cambiare e qualche giovane donna o uomo senta il desiderio di fare qualcosa, anche da dietro la scrivania, per questo sport. Io se necessario sono pronto anche a dargli una mano”. Parole che lette con il senno di poi sembrano stonate, ma in realtà non lo sono. In quel ruolo di maestro lo avremmo visto volentieri. E siamo sicuri che i suoi “allievi” avrebbero veramente imparato tanto da lui. Invece il destino se lo è portato via con largo anticipo, lasciando nel cuore di quanti lo hanno conosciuto, noi in primis, tanti ricordi difficili da cancellare. Negli ultimi giorni della sua esistenza terrena, in alcuni momenti, forzando la ragione, ci eravamo attaccati alla speranza di un miracolo, che purtroppo, non c’è stato e non poteva esserci. Anche se, per la sua umanità, la sua bontà, la sua gentilezza e il suo attaccamento alla vita lo avrebbe ampiamente meritato. Ciao grande, immenso Giovanni.

F.I.H.P.: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

di Mario Orsini

193


Si effettuano preventivi gratuitamente

IMPRESA DI PULIZIE E SERVIZI

194

Via Castelli, 20 - 57123 Livorno Tel/Fax 0586 887642 fiorellaesposito@alice.it


Arti marziali - Judo

MARCO GRISELLI

L’INTERVISTA

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

J

udoka di riferimento per la città di Livorno e maestro della Fijlkam, Marco Griselli continua ad occuparsi con dedizione agli atleti dell’Accademia dello Sport di via Garibaldi. Insieme al maestro Paolo Augusta, che si occupa del settore giovanile, sta credendo i nuovi agonisti del judo nazionale. Infatti, dopo anni di costante lavoro stanno arrivando le prime sod- Tornano i risultati dal mondo disfazioni che proprio Marco ci racdell’agonismo internazionale conta. Com’è andato il 2013? “Il 2013 ha rappresentato l’anno in una disciplina semplice, per ottenere Siamo fiduciosi, gli atleti ci sono cui stiamo cominciando a raccogliere risultati bisogna affrontare percorsi e l’impegno pure, quindi andiamo quello che abbiamo seminato negli lunghi e impegnativi. avanti e guardiamo al 2014 con ottiultimi tempi. mismo”. Dopo un periodo di asIl settore giovanile senza dalle gare importancom’è andato? ti, abbiamo portato 5 atleti “Il maestro Paolo Augualle finali nazionali. sta segue con molto imVoglio citare questi ragazpegno questa fascia di età zi che sono: nella categoria che va dai 5 agli 11 anni, ed Esordienti B Giulia Rhaè chiamato pre-agonismo. li, nella categoria Cadetti Infatti, si svolgono solo Matteo Favilla e Richard Di attività propedeutiche, per Lorenzo, per la categoria avvicinare piano piano i Juniores Samuele Taiocchi giovani all’agonismo. La e nella categoria Senior la nostra federazione, la Fijlnostra punta di diamante kam, ha studiato delle maSimone Taiocchi. nifestazioni adatte ai più Di questi cinque finalipiccoli, alle quali ha dato sti due sono andati vicini il nome di ‘Judo Giocando’, alla vittoria, arrivando alla dove i ragazzi si incontrasemifinale, anche se dobno e si confrontano in base biamo sottolineare degli all’età e alla fascia di peso. Gli atleti fanno un miniarbitraggi discutibili, che mo di due incontri a testa, ci hanno un po’ penalizzaadottando le regole del to, ma comunque per noi il Judo protetto, escludendo bilancio è molto positivo in cioè le cose che potrebbero quanto siamo rientrati nelle essere pericolose. competizioni nazionali”. Alla fine di ogni piccolo La soddisfazione più girone c’è un primo, seconbella? do e terzo classificato, ma “Indubbiamente questi alla fine tutti sono premiati, risultati sono stati una bella tutti sono contenti e nello soddisfazione. stesso tempo si avvicinano Siamo stati la società ligradualmente all’agonivornese che ha avuto magDa destra il Maestro Marco Griselli con Claudio Tamburini smo”. giori finalisti. Judo non è

195


Via M. Mastacchi, 212 (ang. Aurelia) - 57122 (LI) Tel. 0586 425094 • Fax 0586 425426 • E-mail: info@quattro-ruote.it

AZIENDALI E KILOMETRI ZERO… E RISPARMI PER DAVVERO

www.quattro-ruote.it

NU OV E

AU TO

ZE

KM

AU TO

AU TO

AZ

IE

ND AL

I

RO

R e nt


CLAUDIO TAMBURINI, SIMONE, SAURO e SAMUELE TAIOCCHI

L’INTERVISTA

Cosa ti piace di più dei tuoi maestri? “Mi piace il metodo d’insegnamento, negli altri sport i tecnici urlano troppo, qui non succede, i maestri spiegano con calma gli errori, ci seguono bene”. La soddisfazione più bella? “Indubbiamente il secondo posto alla competizione nazionale del 2013”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare primo ai Campionati italiani e poi partecipare agli europei”. Chi ti senti di ringraziare? Da sx: Sauro Taiocchi, Samuele Taiocchi, il Maestro Marco Griselli, “I maestri Marco e PaoClaudio Tamburini e Simone Taiocchi lo ed in questo ultimo periodo in modo particolare imone, Sauro e Samuele oltre ad Marco che mi ha fatto migliorare molto”. avere in comune la “S” iniziale del Un’esperienza da dimenticare? nome, portano lo stesso cognome: “Quando mi feci male alla spalla meno di Taiocchi. Sono i tre fratelli del judo, tut- un anno fa”. ti cinture nere proiettati nell’agonismo Tornando al trio Taiocchi, scopriamo di alto livello. Possiamo definirli “la fami- che sono tre fratelli molto affiatati, ma glia del judo”, perché anche la madre ed naturalmente animati da un sano spirito il padre hanno praticato questa discipli- competitivo. Samuele Taiocchi ha 20 anni na. Con il trio Taiocchi incontriamo anche ed è un atleta di ottimo livello, ha fatto nuClaudio Tamburini, che come lo definisce merose medaglie ai campionati regionail suo maestro Marco Griselli è una pro- li ed è arrivato alla finale dei Campionati messa del futuro. italiani. Claudio Tamburini ha 15 anni frequen“Sono il più piccolo dei fratelli, pratico ta lingue al liceo e si dedica a judo da 8, judo da 15 anni e attualmente sono in cerfa parte della categoria Cadetti, è cintura ca di lavoro”. marrone ed ha vinto diverse gare regioQual è stata la soddisfazione maggionali. re della passata stagione? “Prima facevo calcio, ma sono rimasto “La cosa migliore dell’anno è stata l’avedeluso, così ho provato con il judo e mi è re conquistato la cintura nera, era un po’ di piaciuto”. tempo che ci stavo lavorando, però anche Quali sono stati i tuoi risultati più im- la partecipazione alla finale nazionale è portanti? stata una bella soddisfazione”. “Ho vinto i regionali nella categoria raCosa ti piace di questa disciplina? gazzi e poi sono arrivato secondo ad un “Il suo essere uno sport individuale”. evento nazionale nel 2013”. Un sogno nel cassetto?

S

“Partecipare ad un mondiale”. Chi ti senti di ringraziare? “Il mio Maestro per quanto mi ha saputo insegnare, ma anche i miei fratelli che mi hanno aiutato ad apprendere il mestiere di judoka”. Un’esperienza da dimenticare? “Un infortunio al ginocchio che mi ha tenuto fermo diversi mesi”. Sauro Taiocchi ha 25 anni, lavora, ed anche lui, come gli altri due fratelli è di poche parole. “Pratico judo dal ’96, ed ho iniziato guardano mio fratello più grande”. I migliori risultati che hai avuto? “Ho sempre fatto buoni piazzamenti ai tornei a cui ho partecipato”. La cosa che più ti piace di questa disciplina? “Vincere le gare è una cosa bella, non ce n’è una in particolare da ricordare, tutte le vittorie sono belle”. Cosa ti ha insegnato il judo? “L’autocontrollo, la sicurezza e il rispetto per le persone”. Ed infine parliamo con Simone Taiocchi, 28 anni, la punta di diamante dell’Accademia dello Sport. Ha vinto tantissimi campionati regionali e tornei, ha fatto tre terzi posti nei Campionai italiani e altrettanti in Coppa Italia. “Ho iniziato nel ’94, incoraggiato da mia madre che a suo tempo faceva judo e da mio che lo ha praticato come addestramento in ambito lavorativo. È stata mia madre a portarmi in palestra la prima volta per vedere un allenamento, mi piacque subito e decisi di praticarlo”. Cosa ti piace di più? “Allenarmi e poi vedere i risultati in gara”. Ed invece, un aspetto negativo? “Quando si perde una competizione, magari dopo aver fatto anche tanti chilometri”. Cosa ti ha insegnato il judo? “L’autocontrollo”. Il complimento più bello che hai ricevuto? “Non saprei. Forse qualcuno in campo molto tecnico”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Le promesse del judo labronico. Autocontrollo, sicurezza e rispetto per gli altri

197


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Arti marziali - Lotta

198

L’INTERVISTA

RICCARDO NICCOLINI

Maestro di Lotta e tecnico regionale Una stagione eccezionale per il Popeye Club

C

Foto di gruppo per i lottatori della Popeye Club, allenati da Riccardo Niccolini

on giustificato orgoglio Riccardo Niccolini ci parla di un 2013 eccezionale: “Abbiamo vinto due titoli italiani, uno con Saverio Ceccarini negli esordienti l’altro con Simone Iannatoni (16 anni) che ha conquistato il titolo Cadetti. In più Simone ha avuto la soddisfazione di essere chiamato in nazionale ed ha partecipato sia ai Campionati europei che a quelli del mondo. È stato dieci giorni in ritiro di preparazione in Austria, è un grande atleta, sta crescendo bene, nella passata stagione è stato in assoluto il migliore dei cadetti, nel 2013 ha vinto tutte le gare alle quali ha partecipato, comprese due fasi della Coppa Ita-

lia, mentre alla terza tappa non abbiamo partecipato perché era troppo lontana. Anche per la prossima stagione Simone sarà chiamato in nazionale e farà due gare europee di approccio, prima di andare ai Campionati europei. È già al terzo titolo italiano che vince”. Com’è andata a livello regionale? “È stato un anno eccezionale anche a livello regionale. In Toscana abbiamo dominato nettamente, vincendo come società sia nei giovani che nei ragazzi più grandi. Siamo arrivati terzi come società al Campionato regionale Cadetti. È una bella soddisfazione perché vuol dire che i ragazzi stanno crescendo bene e si impegnano”.

Come prosegue la tua carriera da tecnico? “Ho fatto il corso del livello massimo e sono diventato maestro, sono attualmente l’unico in Toscana e questo ruolo mi dà molta soddisfazione. Inoltre, continuo ad essere il tecnico regionale e quest’anno ho fatto il docente nei corsi degli aspiranti allenatori”. Continuiamo a parlare dei risultati della stagione 2013. “Abbiamo Giacomo Dentone che ha avuto un quinto posto assoluto, nella categoria 60 chili. È un buon risultato. Saverio Ceccarini (15 anni) è arrivato secondo, ha perso un incontro in finale, molto contestato, ma comunque per noi è un risultato buonissimo, perché Saverio pur essendo giovane ha gareggiato nei Cadetti esordienti. Certo, si meritava di vincere, ma è stata sempre una bella soddisfazione. Abbiamo poi Federico Scaramelli che si allena da pochi mesi, ha 16 anni ed alla sua prima gara nazionale è arrivato quinto. Gigi Annarelli ha calato un po’ la prestazione verso la fine ed è arrivato quinto. Poteva fare meglio per le sue potenzialità, ma va bene così, sono cose che capitano, è un giovane molto promettente si riprenderà presto”. I più piccoli? “Con loro abbiamo formato un bel vivaio. Iniziamo a fare Lotta a sei anni con piccoli approcci, alcune tecniche e partecipano alle prime gare regionali, con le prove attitudinali. Abbiamo almeno 4 ragazzini che sono dei veri talenti, se non si perdono crescendo, quando arriveranno a 12 – 13 anni, faranno notevoli risultati”. Come sta andando l’inizio della nuova stagione? “Bene, al Campionato Cadetti abbiamo portato 4 atleti, di cui due sono andati in finale e due in semifinale. Simone ha riconfermato il titolo nella categoria superiore di peso, perché ora è cresciuto ed ha gareggiato negli 85 chilogrammi, mentre alle gare internazionali lo farò calare, agli europei concorrerà per i 76 chili per essere più competitivo”.


AgenziA di multiservizi per lA promozione

1978-2013

35

anni di creativitĂ

Via Bengasi, 109 - LiVorno 57124 Tel. e fax: 0586 403003 - Cell. 336 710317 e-mail: scottopubblicita@tin.it

199


1978 2013

35 anni di creatività

Gestione campagne pubblicitarie e promozionali • CartellonistiCa

(gestione spazi Galleria Smeraldo, Livorno)

• Fornitura e distribuzione mirata di depliant e volantini • locandine, manifesti, inserzioni • Biglietti da visita e adesivi • Decorazioni mezzi e vetrine • striscioni, stendardi e bandiere • stampa digitale, offset, a caldo

200

AgenziA di multiservizi per lA promozione


AgenziA di multiservizi per lA promozione

35 anni di creatività

1978 2013

Forniture e accessori per tutti gli sport e per il lavoro • AbbigliAmento sportivo e dA lAvoro • promozione mAnifestAzioni sportive • gestione pubblicitAriA spAzi sportivi • servizio di stAmpA con: • Serigrafia • Ricamo • Transfer

Gadget, regalistica aziendale e premiazioni • 1.000.000 di Articoli promozionAli ! Realizzazione e personalizzazione gadget tradizionali ed innovativi, materiale per congressi, fiere ed eventi di ogni genere, realizzazione e personalizzazione divise

• Allestimento e decorazioni fiere e manifestazioni • Agende, calendari, planning, organizer

201


1978 2013

35

AgenziA di multiservizi per lA promozione

anni di creatività

La tua pubblicità vincente su riviste, periodici e pubblicazioni • L’ALmAnAcco deLLo Sport

Livorno tra le più grandi dello sport mondiale (periodico annuale) tra Livorno

le più

oggi i e di di ier tiva

sport

iale

mond

notizie i dello

grand

or aca sp

Cron

Livorno tra Cronaca Anno II - N. 1 Maggio/Giugno 2010

le più gran

sportiv

a di ieri e di ogg i

OMAGGIO

OMAGGIO

LIVORNO N E W S

- 50 cent. per

i non soci

RNO LIVO S E W

/2009 del 07/05 n° 1109 Livorno nale di ione Tribu

la rivista trimestrale del Socio ACI

soci - 50 cent.

cent. per i

Prezzo 40

(concessionario spazi pubblicitari)

21/03/2001

- Livorno •

1, CB Livorno

- Aut. del

n. 46) art. 1, comma

art. 1, comma

1, CB Livorno

in L. 27/02/2004,

n. 46) 27/02/2004,

353/2003 (conv.

(conv. in L.

Postale - D.L.

- D.L. 353/2003

in Abbonamento

per un Grandi n noi : co giorno ello nel a Maran rrari Fe tempio

00 15.5 pie co

Italiane s.p.a.

15 co .500 pie

2001 • Poste 13 marzo n°685 del Tribunale

I programm della Comm i 2010 issione Sportiva

ci a dei So Assemble te della e Giorna : tutta za Sicurez ca na cro la

Autorizzazione

15 co .500 pie

Convocazion dell’Assemb e lea dei soci

- Spedizion

e in Abbonam

ento Postale

s.p.a. - Spedizione 2001 • Poste Italiane del 13 marzo e Tribunale n°685 Autorizzazion

Lo stile lib ero di Martina De Memme

• Aci Livorno newS

Nuova col laborazio ne Amministra tra AC Livorno e zione Comu le nostre pro nale: poste

- Aut. del 21/03/2001

cent. per i soci • Prezzo 40 1 - Livorno - Aut. del 21/03/200 CB Livorno 1, comma 1, 4, n. 46) art. 27/02/200

(conv. in L.

- D.L. 353/2003

nto Postale

in Abboname - Spedizione Italiane s.p.a. 2001 • Poste

i, o-Graffit a Storic Ronde e Rally Elb Elba : Asfalto Liburna Sport no or ACI Liv vincente s cala il tri

per i non soci

- Livorno • Prezzo

i non soci - 50 cent. per

nti: Luca Ba da un socio A serie

del 13 marzo

RNO S LIVO E W N

40 cent. per i soci

N

Tribunale n°685 Autorizzazione

sport mondiale

notizie

Ivan Mach di Palmstein: a Doha la sua nuova ro medaglia d’o

Autorizzaz

Anno X • n. 1 Aprile. 2010

rally: Il grande del ca la crona torico, Graffiti-S prossimi i tutto su e e nd Elba Ro Asfalto Liburna

più grandi dello

• n. 2 Anno X 2010 Luglio

• n. 3 Anno X 2010 Ottobre

ione La posiz orno dell’AC Liv etto sul prog o ‘Pensiam ’ de in Gran

Livorno tra le

OMAGGIO

L’ALmAnAcco notizie • (periodico trimestrale)

t mondiale

e di oggi iva di ieri Cronaca sport

Anno I - N. 4 Dicembre 2009 2010 Gennaio-Febbraio

- N.1 Anno I 2009 Luglio

Cronaca sportiva livornese

di dello spor

notizie

pubblicazioni in occasione di eventi • e manifestazioni di grande interesse

Contattaci direttamente

presso la nostra sede in via Bengasi 109, Livorno tel. e fax 0586 403003 - cell. 336 710317 email: scottopubblicita@tin.it

202


FEDERICO SCARAMELLI, MATTIA PARISE e SIMONE IANNATTONI

L’INTERVISTA

O

ltre a quelli che possiamo definire i “giovani veterani”, ovvero, quei ragazzi che fin da piccoli si allenano nella palestra Popeye Club di Riccardo Niccolini, ci sono i nuovi arrivi, che pur essendo alle prime armi promettono bene, come Federico Scaramelli di 16 anni, che pur avendo iniziato da pochi mesi ha conquistato il quinto posto ai Campionati italiani. Federico frequenta l’Istituto Commerciale Vespucci e ci racconta: “Praticavo pugilato, ma mi ero un po’ annoiato, così quando ho incontrato un mio amico che mi ha parlato della Lotta, mi sono incuriosito ed ho voluto provare. Mi è piaciuta subito è sono rimasto, decidendo di abbandonare la boxe per dedicarmi esclusivamente a questa nuova disciplina”. Cosa ti è piaciuto della Lotta rispetto al pugilato? “La Lotta è una disciplina completa, molto più faticosa, ma è più bella. Io sono un appassionato degli sport da combattimento e volevo provare un’altra disciplina. Prima ancora facevo calcio”.

Federico Scaramelli

Pur avendo iniziato da settembre hai già fatto buoni risultati. “Riccardo mi ha dato fiducia, siamo andati a Roma ai Campionati italiani, è stata la mia prima gara nazionale, non mi aspettavo di fare il quinto posto, è stato veramente un buon risultato per me che avevo solo cinque mesi di allenamento alle spalle”. Quale obiettivo ti sei dato per il 2014? “Spero di continuare a fare buoni risultati e a ricambiare la fiducia che il mio maestro mi dà”. Un sogno nel cassetto? “Le olimpiadi… però sono proprio un sogno”. La soddisfazione più bella avuto in questi cinque mesi? “La consapevolezza di essere arrivato alle semifinali del Campionato italiano”. Qual è la tua migliore qualità? “Nello sport mi impegno tanto, metto il cuore, e nella Lotta questo è fondamentale”. Cosa ti piace del tuo allenatore? “È un grande maestro, è molto esperto. Segue molto gli allievi, si vede che tiene a noi. Mi ha fatto molto piacere avere la sua fiducia, nonostante fosse poco tempo che mi allenavo”. Come vedono i tuoi amici la Lotta? “Alcuni non hanno le idee chiare, credono che sia uno sport barbaro dove ci si fa del male. Ma non è così, al contrario è una disciplina eccellente, che insegna i valori dello sport”. In famiglia cosa pensano? “Hanno un po’ paura perché è pur sempre uno sport da combattimento, ma ho sempre trovato sostegno da parte loro”. Un po’ più “anziano” per esperienza ed età è Mattia Parise, 17 anni, alunno dell’Istituto per Geometri e lottatore da 3 anni. “Prima facevo ju jitsu, ma dopo aver fatto gare anche internazionali, ed aver raggiunto buoni livello, mi ero un po’ stancato e volevo cambiare disciplina. Avevo sentito parlare di Riccardo come campione della Lotta, ed ho voluto diventare un suo allievo. Ho capito subito che era lo sport adatto a me. Infatti, sono convintissimo di praticarlo ed ho avuto delle belle soddisfazioni”.

Mattia Parise

Raccontaci la tua carriera sportiva. “Feci la mia prima gara a Chiavari, ma non riuscii a qualificarmi. Riccardo però mi disse che avevo lottato bene e così continuai. La prima competizione che invece ho vinto è stata a Firenze, ed ha rappresentato una grandissima soddisfazione per me, infatti, da quel momento ho cominciato ad andare bene, ho partecipato nuovamente alla competizione di Chiavari e sono arrivato secondo. Fra le tappe più importanti c’è la partecipazione ad un raduno con gli americani ed una gara a Trieste nel 2013, dove ho dovuto gareggiare nella categoria di peso superiore alla mia, perché non c’era nessuno della mia corporatura, e nonostante tutto sono arrivato secondo. Sono poi andato al primo Campionato nazionale dove mi sono qualificato quinto, e per me è stato un bel risultato. Era tanto tempo che non ero così felice e soddisfatto di praticare uno sport”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

“Nuovi” arrivi e “vecchi” campioni. Storie sportive diverse, stessa passione

203


Per frequentare corsi di:

Body mind Step

Ginnastica pugilistica Ginnastica posturale Walk Lotta libera per adulti Lotta libera per bambini Brazilian JiuJitsu Ginnastica pre-atletica Zumba

204


Interrompiamo brevemente il suo allenamento per farci aggiornare sulla stagione appena conclusa. Qual è stata la soddisfazione più bella del 2013? “Prima di tutto andare in Nazionale Cadetti e poi fare gli Europei e i Mondiali con la nazionale”. Obiettivi del 2014? “Vincere delle gare internazionali. Spero di mettermi in mostra soprattutto all’estero dove ci sono avversari forti”. Il sogno nel cassetto? “Partecipare alle olimpiadi”. Come ti senti rispetto alla nostra ultima intervista di due anni fa? “Sono cambiato caratterialmente, ciò è dovuto al fatto che facendo gare all’estero mi sono potuto confrontare con altri atleti. Ho potuto scoprire alcune cose non solo sul piano sportivo, ma anche a livello umano e caratteriale. Naturalmente anche agonisticamente mi sento cambiato perché ho imparato molto, anche in questo caso, confrontandomi con avversari più forti”. Quindi cosa è diventata per te la lotta? “Uno sport che mi piace molto e che continuerò a fare anche da grande”. I tuoi genitori? “Sono molto contenti, mi seguono nelle gare internazionali, anche per loro è una bella soddisfazione”. Il complimento più bello che hai ricevuto?

Simone Iannattoni

“Quando Riccardo mi ha detto che se continuo così, mi si apriranno nuove strade”.

GABRIELE e ALESSIO I cugini Niccolini, giovani promesse del futuro

L

I cugini Niccolini. Da sinistra Alessio e Gabriele

a palestra Popeye Club ha quello che possiamo definire “un asso nella manica”, anzi due: i cugini Niccolini. Ovviamente figlio e nipote “d’arte”, hanno una propensione naturale verso la lotta. Gabriele è il figlio di Riccardo, mentre Alessio è il nipote, entrambi hanno 9 anni e mezzo, fra le loro nascite passa solo una settimana di differenza. Cosa vi piace di più della lotta? Gabriele. “Prima di tutto mi piace perché l’ha praticata mio padre, ed è stato un grande campione e poi io in palestra ci sono nato. È bello lottare, non è uno sport violento, ed è educativo.

L’INTERVISTA

Alessio. “Un giorno mio padre mi ha portato in palestra a vedere e mi è piaciuto subito. Inizialmente ero un po’ timido, ma poi ho superato questa fase”. Qual è stata la soddisfazione più bella avuta dalla lotta? Gabriele. “Quando vinco le gare sono sempre soddisfatto. La migliore però è quando nel 2012 mi hanno premiato ad un torneo regionale a Firenze, come migliore atleta della manifestazione. Alessio. “Quando ho vinto la mia seconda gara a Bergamo nel 2013, dove ho fatto tre incontri vincendoli tutti. Una bella soddisfazione”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Qual è la tua migliore qualità? “Impegno e passione, quando c’è questo c’è tutto”. E la qualità migliore del tuo maestro? “Sono tante: mi piace perché ci tratta come amici e poi naturalmente il suo modo di allenarci”. La soddisfazione più bella in assoluta? “Ne ho tante. La prima che mi viene in mente è la gara di Trieste, quando ho combattuto nella categoria superiore e mi sono qualificato secondo”. Un’esperienza da dimenticare? “Non ne ho. Anche se sbaglio capisco i miei errori e posso rimediare subito, grazie a Riccardo che mi aiuta”. Il tuo maggior tifoso? “La mia ragazza, la mia famiglia, i ragazzi della palestra”. In famiglia chi tifa di più? “Mio padre. Quando non può venire alle gare lo chiamo per avere consigli da lui, anche se non è un lottatore, ha però sempre fatto da spettatore, gli piace questa disciplina e quindi mi aiuta parlare con lui”. Chi vuoi ringraziare? “Riccardo, la famiglia i compagni della palestra”. Simone Iannattoni è l’atleta di punta della Popeye Club, cresciuto di età e come sportivo è invidiato da molti tecnici che lo vorrebbero nel loro team. Nel 2013 ha ottenuto il titolo italiano Cadetti nella categoria 85 chili, vincendo nel totale 4 incontri.

205


206


C

arlo Buldrassi oggi ha 72 anni e la grande passione per la lotta lo porta ad andare ancora alla palestra Popeye Club a seguire gli allenamenti dei giovani atleti seguiti da Riccardo Niccolini. Ci racconti la sua storia con la lotta. “Ho iniziato abbastanza giovane per quei tempi, era la fine degli anni 50, ed

Carlo Buldrassi

Gabriele e Alessio. “Vincere le olimpiadi”. Cosa dicono i vostri compagni di scuola di questa disciplina ? Gabriele e Alessio. “Dicono che è un brutto sport perché in Italia fanno quasi tutti calcio. Ma questo succede perché non lo conoscono, noi diciamo loro che se vengono a provare si accorgeranno che avranno anche tante soddisfazioni”. Una cosa che non vi piace della Lotta? Gabriele. “La tecnica, perché mio padre ci fa fare sempre le stesse, mentre io vorrei provarne di nuove. Alessio. “Quando mi scaldo il collo e faccio il ponte. È un esercizio che non sopporto”. Ed invece l’esercizio che preferite fare? Gabriele. “Quando alla fine dell’allenamento facciamo un po’ di lotta e l’acrobatica. Alessio. “La tecnica”.

CARLO BULDRASSI

La memoria storica della lotta livornese. Da atleta a Maestro. avevo 17 – 18 anni. Ho fatto l’atleta per un certo periodo, poi sono entrato alla Scuola dello Sport del Coni a Roma e sono diventato Maestro di Lotta. Sono rimasto alla scuola per 5 anni come insegnante, poi mi sono trasferito in Toscana, dove ho trascorso altri 5 anni al Centro Federale di Firenze e poi a quello di Tirrenia. Restando a Roma avevo la possibilità di fare una carriera dirigenziale all’interno del Coni, ma non mi interessava, mi piaceva di più lavorare da tecnico e l’ho fatto per 25 anni, facendo anche corsi a quelli che sarebbero poi diventati allenatori. Ho continuato ad allenare i ragazzi fino a una decina di anni fa e poi ho lasciato tutto nelle mani capacissime di Riccardo Niccolini”. Fra gli atleti da lei seguiti quale gli è più rimasto nel cuore? “Ne ho allenati tanti e citarne uno vorrebbe dire fare torto agli altri, fra le altre cose ho allenato anche mio figlio. Comunque fra gli atleti che preparavo saltuariamente, perché facevano parte della nazionale e quindi erano allenati princi-

L’INTERVISTA

palmente da Romanacci, c’era Riccardo, ed era un piacere, vederlo muoversi e lottare. C’è stato un periodo in cui Livorno era una delle città più forte d’Italia nella Lotta, aveva sei o sette atleti che a livello nazionale vincevano sempre”. Perché ha scelto la Lotta? “Le combinazioni delle vita. Io sono sempre stato amante dello sport in genere, ma ad un certo punto mi trovai a frequentare un gruppetto di tre o quattro ragazzi, fra cui c’era anche Romanacci che già facevano la Lotta, e così comincia anch’io. Inoltre, andavamo tutti al Nautico che all’epoca era nel Palazzo dei Portuali e la palestra dove si praticava lotta era proprio al terreno dello stesso edificio. Ero dotato, mi piaceva e così sono andato avanti”. La maggiore soddisfazione avuta? “Forse ne ho avuto più come allenatore che non come atleta. C’è più emotività quando si riesce a far vincere un Campionato italiano ad un ragazzo che hai preparato fin da piccolo, perché possa raggiungere il podio”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I cugini Niccolini durante un esercizio

Cosa fate prima di una gara? Come contrastate l’emozione? Gabriele e Alessio. “Facciamo solo riscaldamento. Noi lottiamo quasi sempre insieme, perché siamo nella stessa categoria, e spesso sembra un allenamento. Normalmente ci riscaldiamo e ripassiamo un po’ di tecnica”. Siete molto legati? Gabriela e Alessio. “Sì, stiamo quasi sempre insieme”. Qual è la qualità migliore di Riccardo, dimenticandovi che è per voi padre e zio? Gabriele. “Mi piace tutto di lui, per me è un bravo allenatore perché dà molta attenzione agli atleti. Ci fa anche giocare e fare acrobatica. Alessio. “Insegna bene, mi fa divertire e alle gare è sempre con noi a sostenerci”. Il sogno nel cassetto?

207


208


IGOR NENCIONI

L’INTERVISTA

N

on ci sono dubbi che sia uno degli sportivi labronici più conosciuti e amati. Igor Nencioni, 38 anni, ha sempre dato il cuore nella sua attività agonistica e questo, oltre ai risultati ottenuti, lo ha fatto apprezzare ed amare dai suoi concittadini e non solo. Possiamo sintetizzare la sua carriera dicendo che ha iniziato a praticare la lotta olimpica - stile libero, fin dall’età di 11 anni e a 13 si era già classificato al 2° posto nella fase nazionale dei Giochi della Gioventù e l’anno dopo è salito sul primo gradino del podio. Successivamente è diventato più volte Campione italiano e vincitore

Igor Nencioni con la Figlia Caterina e Daniele Anghileri

di diverse Coppe Italia. A 18 anni arriva la convocazione in nazionale e la partecipazione al Campionato mondiale di categoria. Più volte si qualifica terzo ai Campionati assoluti. Ha partecipato a due Campionati mondiali interforze, di lotta stile libero e greco romana, dove nel 2001 conquista l’oro in libera e in greco romana e nel 2008 l’argento; esperienze che lo portano in giro per il mondo, fino in Australia e Nuova Zelanda. Fra gli sport da combattimento Igor Nencioni si dedica anche ad altre discipline, conquistando nel 2012 il primo posto in Coppa Italia nel Grappling o Subbmission, mentre nel 2013 è campione italiano di MMA ed entra a far parte della nazionale Figmma sia di MMA che di Grappling, partecipando ai Campionati mondiali in Canada, dove conquista il 2° posto nel MMA, mancando purtroppo il primo gradino del podio a causa di un infortunio alla spalla, che lo costringe a ritirarsi a pochi passi dalla vittoria. Successivamente conquista il titolo italiano professionisti di MMA della Wtka. Nel 2014 è primo classificato ai Campionati italiani di Kombat League e di Grappling. Fra le sue tante attività, dal 2011 si dedica anche ad allenare i bambini, ed infatti, lo incontriamo alla Palestra Combact Club in via Firenze a Livorno, circondato dai suoi allievi, che sono anche e soprattutto suoi grandi fan. “Mi è sempre piaciuto allenare i bambini, perché puoi crescerli sportivamente e li senti un po’ tuoi. È diverso rispetto a preparare un atleta di vent’anni, già formato e strutturato sportivamente. Così quando con Antonio La Bruna e Mauro Puccini abbiamo deciso di fondare l’Associazione dei Lottatori Livornesi, ci siamo rivolti prima di tutto ai più giovani. Naturalmente poi ci sono tutte le fasce di età, ma io mi dedico a quelli compresi fra i sei e gli undici anni”. Qual è la migliore qualità che ti riconosci come tecnico? “Nel corso degli anni ho provato tante discipline, ancora pratico sport in prima persona e quindi ho un approccio diretto con tutti quelli che possono essere i problemi che si incontrano, e credo di poter comprendere e aiutare più facilmente gli atleti. Nel tempo

ho avuto tanti allenatori e penso di aver preso il meglio da ognuno di loro, eliminando il peggio, ciò che a me dava fastidio”. Per allenare i bambini però occorre avere una marcia in più. “Sicuramente. È necessario prima di tutto conquistare la loro fiducia e poi bisogna lasciarli parlare e saperli ascoltare, ma non sempre è facile, molti bambini sono introversi. Però danno tante soddisfazioni, perché li vedi assimilare e mettere in pratica i tuoi insegnamenti”. Cosa ti affascina delle discipline da combattimento? “Forse il contatto fisico. Il combattimento si svolge in due tutto dipende da te, gioie e dolori”. Tornando indietro cosa non rifaresti? “Sono convinto di non aver avuto tanta fortuna nella mia carriera agonistica, ma questa non la puoi cambiare, anche potendo tornare indietro. Io ho sempre dato il massimo dell’impegno, quindi non ho niente da rimproverarmi, non tutte le cose sono dipese da me”. La soddisfazione più bella? “L’ultimo match che ho vinto perché ho potuto prendere in braccio mia figlia Caterina, di un anno e mezzo e indossare la cintura con lei, è stata una bella soddisfazione”. Una cosa da dimenticare? “Nella vita ci sono esperienze positive e negative. Queste ultime servono ad imparare e a dare modo a quelle positive di concretizzarsi. Tutto insegna, quindi non ho niente da dimenticare”. Come tecnico cosa ti proponi per il futuro? “Riuscire a portare i ragazzini che seguo a gare nazionali importanti e a far vincere loro qualche medaglia”. Un sogno nel cassetto? “Come atleta non ne ho più, volevo andare alle olimpiadi come lottatore, ma ormai ho superato i 35 anni, che è un limite solo italiano. Come allenatore vorrei riuscire a preparare un ragazzo perché ci possa andare lui alle olimpiadi”. Raccontaci come ti sei avvicinato al MMA. “Faccio MMA dal 2002, quando feci qualche incontro, ma smisi dopo poco, perché ero

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Dalla Lotta Libera al Grappling al MMA. Una vita dedicata agli sport da combattimento

209


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali 210

gestito male da chi mi preparava al tempo. Mi sono riavvicinato alla disciplina lo scorso anno, con altri preparatori e ho vinto i Campionati italiani, sono arrivato secondo ai Campionati del mondo in Canada, ed ho vinto il titolo italiano professionisti che si è svolto a Livorno, ed a marzo del 2014 lo difenderò”. Quale discipline preferisci? “La Lotta Libera”. Perché hai voluto provare l’MMA? “Per una sfida personale che mi sono posto, volevo dimostrare di essere in grado di fare anche questa disciplina. Nasco come lottatore e nelle altre specialità riporto la mia esperienza, gli sport da combattimento hanno sempre alla base la lotta”. Che effetto fa lottare dentro una gabbia? “Nessuno. Io combatto, non importa dove lo faccio. La gabbia comunque dà più sicurezza, nessuno può scappare e si evita di cadere dal ring”. Progetti futuri? “Sono nazionale di MMA e di Submission quindi farò altre gare internazionali, voglio togliermi ancora un po’ di soddisfazione. All’ultimo mondiale in Canada sono arrivato secondo, ma non ero in piena forma, il mese prima mi era uscita la spalla, e pur avendo

L’INTERVISTA

fatto tanta fisioterapia, in finale mi è uscita nuovamente, e questo mi ha costretto a ritirami, nonostante stessi vincendo. Voglio quindi riprendere il discorso interrotto a causa dell’infortunio e salire il primo gradino del podio mondiale”. Non ti fermi mai? “Il dolore fisico non mi ha mai fermato. Non sono queste le cose che mi hanno fatto ‘soffrire’ quanto la totale sfortuna in alcune occasioni, che lascia l’amaro in bocca, un dolore morale e psicologico, che provi quando sei ad un passo dalla vittoria e non riesci ad afferrarla”. A cosa ti riferisci? “Ad esempio nel 2004 ho perso di un punto con l’atleta che poi è andato alle olimpiadi, molti campionati assoluti li ho persi di un punto o per sbagli arbitrali. Ma riuscire a rialzarsi da queste esperienze mi ha fatto crescere agonisticamente e credo anche come allenatore”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Sì, tutti quelli che mi hanno allenato e sostenuto, dal mio primo allenatore Carlo Buldrassi, per poi passare ad Antonio La Bruna, Mauro Puccini e Riccardo Niccolini che mi ha insegnato tanto sia di Lotta che di preparazione fisica”.

ISABELLA FERRINI

Conferma il titolo regionale, prossimo obiettivo i Campionati italiani

È

passato un anno dall’ultima intervista e, ancora più determinata, la troviamo al lavoro sul tappeto della palestra Sport Combat Club in via Firenze ad allenarsi per diventare un’atleta di lotta sempre più competitiva. Isabella Ferrini nel 2013 ha dato prova delle sue qualità sportive vincendo il Campionato regionale, e arrivando sempre in buone posizioni a gare di diversa importanza. Adesso il prossimo impegno importante sono i Campionati italiani del 2014. Ricordiamo che ha iniziato da poco meno di due anni, grazie al consiglio di un amico di famiglia, ed oggi che ne ha compiuto 19 può già vantare alcune soddisfazioni. Cosa ti dà questa disciplina? “Prima di tutto mi dà tanta sicurezza e poi mi dà una piena gratificazione”.

Cosa ti piace di più? “La preparazione atletica perché fai di tutto, è molto dura, ma ti dà tanto. Inoltre, mi aiuta a formare il carattere”. Continui a giocare anche a Rugby? “No, era troppo impegnativo fare entrambi, e così ho preferito scegliere la Lotta”. Quanto ti alleni? “Tutti i giorni, escluso il sabato se non ho le gare”. Sei riuscita a diventare vegetariana? “Sì. Completamente”. Come ti difendi da chi ti dice che non è uno sport femminile? “Non si vede la femminilità dallo sport che si pratica. Non è detto che tutte le ragazze devono fare danza, ci si può dedicare anche ad altre discipline, senza dover essere giudicate, ed essere ugualmente donne”.

Igor Nencioni durante un combattimento di MMA

C’è qualcosa in questa attività che non ti piace? “Per ora non l’ho trovata”. Come convinceresti una tua amica a dedicarsi alla Lotta? “Le direi che se ha voglia di impegnarsi ed essere costante, può scoprire quanto la Lotta sia un bello sport, perché può cambiarti la vita e darti tante soddisfazioni. Personalmente le emozioni provate sul tappeto non le ho mai provate in nessun altro sport”.

Isabella Ferrini


GIOVANI LOTTATORI

L’INTERVISTA

Crescono sotto la guida di Igor Nencioni e apprendono giocando sul tappeto dimostrato”. “Ho iniziato facendo arti marziali –continua- in particolare Brasilian ju jitsu, ma dopo sei mesi mi hanno chiesto se volevo fare una gara di lotta, per provare. L’ho fatta e mi è venuta subito la passione. Ho iniziato con Igor e poi ho continuato con Antonio La Bruna. Mi piace allenarmi con gli adulti. È molto più duro, ma mi diverto e do il massimo. La Lotta mi piace anche perché non sono solo, ci alleniamo tutti insieme e i tecnici sono sempre presenti e ci spiegano come migliorare”. Cosa pensi quando sei sul tappeto? “Ripenso a tutto l’impegno messo in campo durante gli allenamenti, mi concentro e ce la metto tutta”. Un sogno? “Diventare allenatore”. La soddisfazione più bella che hai avuto? “Vedere che nel corso del tempo miglioro. Partecipo alle gare per divertirmi, certo se vinco non mi dispiace, ma lo scopo principale è essere contenti”. Rincontriamo anche Filippo Capezzoli, 11 anni, soddisfatto per aver partecipato a tante gare, con un secondo posto e altri buoni piazzamenti. E naturalmente nel 2014 alza la posta puntando a migliorare i risultati. Del suo allenatore ci dice: “Di Igor apprezzo tutto, è bravo come insegnante, ed

Un gruppo di ragazzi allenati da Igor Nencini

è molto livornese, questo mi piace perché e simpatico. Riesce a tirarmi su quando sono triste. La cosa che preferisco sono le lezioni di tecnica, di meno le flessioni”. Filippo non nasconde che la cosa che più ama di questo sport è lottare sul tappeto e vincere. “Perdere invece non è bello –sottolinea- ma le sconfitte sono importanti, perché servono a capire dove sbagli e a non ripetere l’errore in futuro”. Pur essendo giovane ha già chiari i suoi idoli, primo fra tutti Igor Nencioni e poi tutti gli altri allenatori: “Si comportano bene con me e cercano d’insegnarmi a lottare spiegandomi dove sbaglio”. Filippo ci svela anche il suo metodo per sentire meno lo stress prima di una gara: “Cerco di sapere chi sono i miei avversari, poi vado in un angolo tranquillo e ascolto la musica con il mio Mp3, perché mi piace e mi rilassa, dopodiché mi riscaldo un po’ in preparazione della gara”. Vassili Guccini viene da un anno d’oro e precisamente dai regionali di Cascina che ha vinto. “Nel 2014 vorrei diventare più bravo e riuscire a difendermi da solo, imparare altre tecniche perché è sempre utile nelle gare e anche nella vita”. Vassili ha 9 anni e da quattro si dedica a questa disciplina con crescente entusiasmo. “Desideravo fare questo sport fin da quando ero piccolo. Igor è un amico di famiglia e sono sempre andato a vedere i suoi combattimenti, così ho conosciuto questa disciplina e mi sono appassionato”. Ama l’ambiente della palestra e si trova molto bene con i suoi compagni, che sono diventati amici. Non elude la domanda che lo pone davanti al significato delle sconfitte: “Quando perdo penso che il mio avversario è stato migliore. Ma comunque mi diverto ugualmente, perché l’importante non è vincere, ma partecipare. Quando vinco, invece, penso che sono stato più bravo io, ma questo potrebbe cambiare in una gara futura, quindi è importante continuare sempre ad allenarsi con impegno”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

l tappeto sembra essere il loro elemento naturale. E non potrebbe essere altrimenti per dei giovanissimi ragazzi che possono “scatenarsi” dando sfogo a tutta la loro vivacità e contemporaneamente iniziare ad imparare delle tecniche di Lotta. Francesco Poltrette ha 9 anni e mezzo, ed ha iniziato da un mese. Prima faceva ju jitsu, ma per motivi tecnici il corso è terminato e lui ha dovuto scegliere una nuova disciplina. Ha provato con la Lotta, gli è piaciuta e ha deciso di continuare. “Mi piace tutto di questo sport –afferma Francesco- ma, l’esercizio che preferisco è quando devo ribaltare il saccone. Invece non amo molto fare lo stritolamento. Igor ci allena tanto, più di quanto facevano i tecnici negli altri sport. Adesso sono più stanco, però quello che faccio mi piace di più. Spero nel 2014 d’iniziare a fare qualche gara. Non ho paura di farmi male, mentre mia madre si preoccupa un po’”. Anche Danny Lubrano ha 9 anni, proviene dal ju jitsu ed ha iniziato da un anno. “Volevo fare qualcosa di più serio –racconta- proprio come la Lotta. Mi piace tutto di questo sport. Frequento la quarta elementare e ho un amico che vorrebbe iniziare a lottare, ed io cerco di incoraggiarlo. Igor mi ha detto che nel 2014 potrò iscrivermi ai Campionati italiani, non me lo aspettavo e sono molto contento. Prima mi allenavo 3 volte alla settimana, ma adesso che devo prepararmi al campionato cerco di venire di più. Il mio sogno nel cassetto è quello di arrivare ai Campionati mondiali e magari vincerli. Igor è bravo e ci allena bene. Fra le cose che preferisco fare in palestra ci sono i tornei fra noi, mentre non mi piace dover scaldare il collo con degli esercizi particolari. I miei genitori sono contenti e mi incoraggiano ad andare avanti”. Federico Perini è una “vecchia” conoscenza dell’Almanacco, perché lo abbiamo già intervistato per l’edizione precedente. Oggi ha 12 anni e dopo aver provato a fare anche un po’ di pallanuoto con gli amici, ha deciso che il suo sport è la Lotta. “Nel 2014 farò i regionali e mi alleno 3 volte alla settimana per quasi tre ore, per arrivare ad essere competitivo. Il complimento più bello me lo hanno fatto Igor e Antonio che hanno sempre creduto in me, nelle mie capacità e me lo hanno sempre

211


212


Karate Do Tradizionale.

Il Karate tradizionale è l’arte di autodifesa personale che utilizza il corpo umano nei modi più efficaci, vengono usate tecniche di parata, di pugno, di percossa, di calcio, combinate con spostamenti in avanti ed arretramenti appropriati a destra e a sinistra. Il continuo allenamento (pratica), la tecnica si perfezionano con l’ ampliamento di tutte le capacità umane. L’espansione delle potenzialità e le capacità umane sono traguardi che richiedono continua ricerca. Secondo la tradizione gli strumenti per la pratica del Karate sono tre: kion (esercizi di base), Kata (esercizi di forma) e Kumite (esercizio per il combattimento). Il Kion consente l’esecuzione di tecniche singole o in combinazione, prima lente, poi veloci per renderle istintive. L’allievo impara ad usare correttamente le tecniche e la propria energia, la respirazione, ed il funzionamento del proprio corpo .Il Kata è un insieme di tecniche codificate obbligate, di pugno, di calcio, di parate e Contrattacchi, mettendo in evidenza una serie di parametri o valori, come tecnica, potenza, ritmo (significato), kime (contrazioni isometriche), espressività (significato del movimento), nel

Arti marziali - Karate MAURIZIO BALDI: il karate come filosofia di vita Il karate tradizionale, quello sportivo e quello a misura di bambino confronto ipotetico e immaginario di combattere con più avversari. Bunkai nel kata è la scomposizione dei movimenti codificati che si assumono nei kata, trasportando le tecniche in azioni reali, con uno o più avversari migliorando la conoscenza dei movimenti in esso contenuti. Il Kumite,combattimentoper il quale vengono messe in pratica le tecniche apprese, che permettono di valutare ed affrontare con consapevolezza di spirito, di lealtà e correttezza lo stato fisico e psichico della propria persona e del presunto avversario (o atleta), nelle dignità e capacità. Nessuna tecnica deve essere fatta con l’intenzione di ferire, ma nel pieno rispetto dell’avversario, il kumite e suddiviso in tre proveclassiche; fondamentale, semilibera e libera.

Karate Sportivo.

È svincolato e privato in gran parte della sua componente marziale e finalizzato alla competizione sportiva, una prova che mette in evidenza non la forza, ma la componente tecnica, esso infatti mette a confronto due contendenti o atleti, ambedue vincolati a non nuocersi (regole-regolamento). Ciò avviene attraverso il controllo dei colpi con funzione cinetica che trasferisce l’azione di attacco dal piano reale a quello simbolico Si tratta di un combattimento virtuale, gli atleti si confrontano nell’ambito disegnato sulla base di capacità ed abilità psicofisiche. Considerando che le azioni debbano esprimere reali quantità di energia cinetica, comunque prima del contatto, il problema e quello di realizzare una si-

tuazione reale ( potenza ) e simbolicità (controllo) che evidenzia che in questo sport la vittoria premia non la superiorità oggettiva ma la superiorità Tecnica Espessa. Un Karate a misura di bambino. Un costante lavoro basato ad acquisire la più ampia conoscenza motoria e mobilità articolare tramite i giochi inerenti la disciplina stessa con maggiore sviluppo della percezione dello spazio, e nel rapporto di sviluppo neuro cognitivo della propria area personale. Dall’età di cinque anni in poi, possono accedere ai corsi loro destinati con un apprendimento basato graduale, capace di favorire l’espressione spontanea e gioiosa, imparando dai propri errori. L’insegnante ha il compito di dare e costruire stimoli, per evitare che i bambini siano sopraffatti Dall’insuccesso o motivati a non ripetere questa esperienza. La richiesta di svolgere quest’attività deve partire dai bambini, il karate deve essere un momento liberatorio, bello da fare, che porta il piccolo atleta a percorrere una strada costruttiva nella crescita emotiva e psichica. Imparando a rispettare regole e regolamenti, socializzando in un quadro educativo e formativo per la disciplina svolta. Evitare lo stress agonistico, perché l’ansia potrebbe essere maggiore del piacere della pratica sportiva. Ecco perché la specializzazione deve essere affrontata in età maggiore, a partire dai 12 anni con la categoria Esordienti A. Maurizio Baldi

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

l karate è conosciuto in tutto il mondo, ma solamente una minoranza di persone è al corrente dei valori che esso racchiude. Karate viene tradotto letteralmente in via (do) della mano (te) vuota (kara), dove ‘vuota’ si riferisce soprattutto ad uno stato della mente. Questa, infatti, deve essere libera da ogni idea preconcetta, da ogni influenza esterna, per disporsi in stato di ricettività totale, pronta ad agire in ogni momento e nel migliore dei modi. Le “vie “ sono discipline che permettono, a chi le percorre, di realizzarsi le proprie potenzialità. L’apprendimento del KarateDo comincia con le tecniche corporee, ed è essenziale che attraverso di esse la nostra consapevolezza esista in ogni istante e in ognuno dei nostri movimenti. Il fine dell’uomo è di raggiungere l’armonia con tutto il mondo che lo circonda. La crescita interiore, il cambiamento dell’essere, dipendono dal lavoro che ognuno di noi deve fare su se stesso.

213


214


Quando le madri seguono la passione dei figli

Da destra Elena Bernardini con il figlio e Cristina Dosso con suo figlio

E

lena Bernardini, 40 anni, indossa il suo kimono, mentre il figlio di 8 anni si è appena cambiato e la osserva dal bordo del Tatami. “Mi sono avvicinata al karate da novembre, mentre mio figlio ha cominciato un mese prima. Era tempo che avevo il desiderio di praticare questo sport, ma poi per una serie di motivi non l’ho mai potuto fare”. In passato quale sport hai fatto? “La Zumba, poi acqua gym e altre discipline”. Cosa ti piace del karate? “Il fatto che sia un’arte marziale e che combini in sé diversi elementi. Uno di quelli che preferisco è il doversi concentrare per entrare all’interno della disciplina stessa, a livello mentale: questo mi aiuta molto e mi rilassa. È una cosa che prima di cominciare a frequentare questo corso non credevo che sarei riuscita a fare. Quando sono qui, sono dentro il karate, non penso ad altro, svaniscono tutti i problemi. Naturalmente c’è anche l’attività fisica che viene svolta all’interno della disciplina”. Come ti sei organizzata con tuo figlio? “Prima fa il corso lui e io lo guardo, poi lo faccio io e lui guarda me e gioca con i figli delle altre due donne che fanno karate. È una cosa molto bella che ci accomuna, quando siamo a casa parliamo spesso del gergo usato in questa disciplina, non è facile imparare le parole nuove, ci confron-

tiamo anche con le mosse. È divertente. Ci correggiamo a vicenda”. Precedentemente avete condiviso altre discipline sportive? “Andavamo in piscina insieme, ma facevamo cose differenti, in orari diversi e quindi non lo condividevamo. Qui invece abbiamo la possibilità di essere veramente insieme. Inizialmente avevo qualche dubbio perché mi sembrava di fare troppo tardi la sera, ma il problema in realtà non si è posto, mio figlio si è subito adattato, è molto contento di vedermi e mi incoraggia”. Cosa pensi che questa attività stia dando a tuo figlio? “È importante il confronto che ha con gli altri bambini, può rendersi conto di come i suoi amici si approcciano al karate. Inoltre è un bambino piuttosto chiuso, quindi il rapporto con gli altri gli fa bene. Il karate, per essere praticato, ha bisogno di molto carattere e vedo che un po’ alla volta lo sta tirando fuori, in senso positivo”. Un sogno nel cassetto? “Il mio sarebbe arrivare a fare qualche competizione, mi potrebbe piacere molto la cosa. Lui non credo abbia sogni nel cassetto è ancora piccolo. Il mio sogno per lui, invece, è che affronti questo sport con serietà”. La soddisfazione più bella, in questo breve periodo? “Anche se sono pochi mesi ho avuto tante soddisfazioni perché ho dei maestri veramente molto bravi, che mi stanno insegnando anche cose che non è facile apprendere, soprattutto alla mia età. L’aspetto che più mi ha dato soddisfazione è l’aver imparato a muovermi sul tatami, cosa che non era assolutamente scontata”. Cosa possiamo dire dei tuoi maestri? “Sono diversi, Agostino è riflessivo, Maurizio ti fa affrontare il lavoro direttamente. Si completano a vicenda e io apprezzo entrambi, perché a volta ho bisogno di tranquillità, ed altre di stimoli e Maurizio me ne dà tanti”. Altra mamma in Kimono è Cristina Dosso, 44 anni. “Mi sono avvicinata perché mio figlio di sei anni e mezzo ha deciso di fare questo sport. Anch’io ero alla ricerca

di una disciplina un po’ diversa dalle solite, lontana dalle mode del momento”. Che attività hai fatto in precedenza? “Avevo già fatto Tai Chi, poi yoga, quindi mi piaceva qualcosa che rimanesse in questo campo. Portando qui mio figlio, ho conosciuto Elena, che mi ha parlato del suo fare karate e dei cambiamenti che in poco tempo ha osservato, così ho deciso di iniziare anch’io, un po’ incoraggiata da lei, un po’ dal mio desiderio di fare qualcosa per me”. Come ha reagito tuo figlio a questa decisione? “È stato contentissimo. È stata proprio Elena che ha chiesto a Leonardo cosa ne pensava della possibilità che io iniziassi a fare questo sport come lei. Lui ha reagito con un salto di gioia, è stato felicissimo e ha detto subito che così avremmo potuto fare le mosse insieme, anche a casa”. Quali vantaggi c’è in questa condivisione? “Per me è importante, perché ognuno di noi fa questa attività a modo sua e nello stesso tempo la condividiamo. Inoltre averlo con me, mi permette di autogestirmi meglio e non devo chiedere niente a nessuno”. Come hanno preso questa vostra attività gli altri figli? “Uno ha 18 anni e mezzo e fa scherma storica, l’altra ne ha 14 e pratica la Zumba. Non sono assolutamente gelosi di questa attività che faccio con il più piccolo”. Che benefici ha avuto tuo figlio? “Leonardo è più sereno, si addormenta prima, mangia di più”. Un sogno nel cassetto? “Per mio figlio vorrei che potesse provare la soddisfazione di percepire i progressi che può raggiungere apprendendo questa disciplina, con i suoi tempi e senza imposizione. Per quanto riguarda me, invece, il sogno è proprio quello di vederlo soddisfatto. Io la mia esperienza l’ho già fatta con il nuoto agonistico e sincronizzato, e so cosa vuol dire avere soddisfazione durante le competizioni. Lui è ancora troppo piccolo per avvertire questo aspetto, ma anche se in futuro non lo percepisse andrà bene ugualmente, l’importante è il suo essere soddisfatti”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Uno sport da condividere

215


216


L’ASD KARATE LIVORNO diretta dal Maestro MAURIZIO BALDI

Gli Open Karate di Toscana

Ricordiamo il 1° posto come Campione Assoluto regionale nel kumite kg-83 di Nico Cialandroni. Nel settore tecnico si è visto prendere la qualifica di Aspirante Allenatore a Agostino Costantini Inquadrato cosi nel settore tecnico del karaté Livorno superando brillantemente gli esami del C.R.T. evidenziamo anche il 1°

Da sx: Nico Cialandroni, Rico Simonetti, Maurizio Baldi e Nicola Spadoni

posto come Campione Assoluto regionale nel kumite kg-83 di Cialandroni Nico. Sempre presenti in tutte quelle manifestazioni sul territorio organizate dal Coni vedi progetto Multietnico .Gioco sport a scuola Pegaso e per il 6° anno consegutivo nell’opuscolo Comunale Scuola- Citta con il nostro progetto di karaté sport a scuola Fijlkam per exstracomunitari -diversamente -abili e normodotati -ATTUATO PER IL 2013-2014 PRESSO LA SCUOLA LAMBRUSCHINI LA ROSA (LI) VIA R. VILLARI N°l

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

A.S.D. KARATE LIVORNO propone corsi per bambini/e a partire dai 5 anni - propedeutici al karate, corsi per ragazzi: esordienti, cadetti, juniores, seniores, master (agonistici e amatoriali) Lunedi- martedi -giovedi 1° corso 1718,15 – 2°corso 18,15 - 20. Classi di età in FIJLKAM L’attività agonistica svolta dall’Asd Karate Livorno nel 2013 ha visto un rallentamento forse causato da fattori del quotidiano, che impongano esigenze e priorità impellenti diverse. Vogliamo ricordare la nostra presenza collaborativa al C.R. Toscana Karate, ad una delle manifestazioni più importanti del 2013 svolta a Livorno: il 12° Open di Toscana di karate svoltasi al PalaModigliani valevole per il ranking internazionale E.T.K.F. e W.K.F. cadetti, juniores, il 4 e 5 maggio patrocinata dal Comune, Provincia, Regione Toscana, Coni regionale e Unvs Livorno. Presenti 1.500 atleti, 200 società, 250 tecnici, 87 ufficiali di gara,1500 accompagnatori. Il 4 e 5 maggio si è svolto il 3° Memorial Carlo Simonetti, fondatore del karate a Livorno nel 1971. Nel settore tecnico Agostino Costantini ha preso la qualifica di aspirante allenatore.

Un gruppo di giovani atleti dell’Ads Karate Livorno

217


218


La visita del presidente nazionale del settore Karate della Federazione Italiana Fijlkam

I

l Presidente Nazionale del settore Karate della Federazione Italiana Judo, Lotta, Karate e Arti Marziali - Fijlkam Sergio Donati è stato ricevuto dal Comandate Colonello Rodolfo Sganga, in visita al 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore”, sede del Corpo Istruttori del Metodo Autodifesa Militare – MAM e della “Sezione Sportiva” per gli sport da combattimento denominata Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito - 187° Rgt Par. “Folgore” con annesso il Settore Giovanile, stanziato nella Caserma Paolo Vannucci di Livorno.

Il Comandate del 187° Rgt Col. Rodolfo Sganga e il Presidente Nazionale del settore Karate dottor Sergio Donati presidente e comandante

G

Campionato toscano

li atleti del Settore Giovanile della Asd Esercito – 187° Folgore, hanno concorso al Campionato Toscano di Karate indetto dall’ente di promozione Csen (Centro Sportivo Educativo Nazionale), presso il palazzetto di Venturina in provincia di Livorno. Si tratta del primo impegno agonistico che giunge al termine di una intensa serie di aggiornamenti per i tecnici dell’attivissima sezione sportiva.

Arti marziali - Folgore La Folgore e lo sport giovani promesse, tecnici di livello nazionale e addestramento di difesa personale per i militari La rappresentativa Esercito – Folgore era iscritta nelle categorie giovanili specialità Kumite (combattimento) Esordienti “A” (12 – 13 anni) cintura verde/blu, dove Luca Marzocchella conquista la medaglia d’argento nei 50 Kg. Nelle cinture marroni/nere è Giorgio Oliverio a conquistare la medaglia d’oro nei 40 Kg. mentre nella categoria Esordiente “B” (14 – 15 anni) nelle cinture marrone/nere, l’argento è andato a Alessia Romano, per i 60 Kg. Atleti e genitori sono stati accompagnati dalla dirigenza sportiva della Sezione: il Vice Presidente 1° Mar. Costantino Oliverio e i tecnici C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e 1° C.le Magg. Alessio Loni.

Kumite (combattimento) e congratulazioni per la medaglia d’argento conquistata da Roberto Sganga nella categoria Esordienti A (12 – 13 anni) 35 Kg e la medaglia di bronzo di Chiara Salvi nella categoria Esordienti A (12 – 13 anni) 60 Kg . La rappresentativa era accompagnata dal Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga, il Vice Presidente 1° Mar. Costantino Oliverio, i tecnici C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti e 1° C.le Magg. Alessio Loni.

Chiara Salvi Dirigenza da sinistra: 1° Mar. Costantino Oliverio, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, 1° C.le Magg. Alessio Loni. Gli atleti: Alessia Romano, Giorgio Oliverio e Luca Marzocchella

Secondo tappa del Trofeo Veneto

S

i è svolta ad aprile la competizione di karate denominata 2a Tappa del Trofeo Veneto 2013, presente con gli atleti Roberto Sganga, Francesco Pilagatti, Giorgio Oliverio e Chiara Salvi del Settore Giovanile Esercito – Folgore del 187° Reggimento di Livorno. Grande soddisfazione per l’impegno di tutti nella specialità del

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Piccoli campioni crescono: i risultati delle competizioni di karate

Roberto Sganga

219


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

Antonio Pignata

Da sinistra C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, il Comandante del 187° Colonnello Rodolfo Sganga e il C.le Magg. Sc. Alessio Loni

Giorgio Oliverio Christian Stella

12° International Eurocamp

D Roberto

220

All’evento era presente il 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” con il Settore Giovanile di Karate Esercito – Folgore, rappresentato dagli atleti Roberto Sganga, Francesco Pilagatti, Marco Pilagatti, Giulio Citi, Luca Pilagatti, Jacopo Citi e Marta Calzecchi, insieme ai rispettivi genitori ed agli accompagnatori Col. Rodolfo Sganga ed i tecnici C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e 1° C.le Magg. Alessio Loni. Alle manifestazioni di apertura e chiusura del Camp, il 187° reggimento ha contribuito con una dimostrazione di combattimento ravvicinato a mani nude e con armi bianche eseguita dagli insegnanti tecnici Citi e Loni ed una dimostrazione di Pancrazio Athlima eseguita dagli atleti del settore giovanile.

L’esame finale

l 10 giugno è terminato il corso di Karate del Settore Giovanile Esercito – Folgore presso il 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Livorno attivo dal 2006, concludendosi con l’esame finale per il passaggio di graduazione della cintura. Il Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga tecnico di karate, assieme al corpo istruttori C.le Magg. Capo Scelto Daniele Pilagatti, C.le Magg. Capo Scelto Antonio Citi e 1° C.le Magg. Alessio Loni hanno esaminato i 42 allievi di età compresa tra i 4 anni ai 12 anni. A seguito la dimostrazione dei campioni italiani di pancrazio athlima nel combattimento totale. I ringraziamenti sono stati estesi a tutti i genitori e atleti presenti, per l’impegno nel condividere la crescita e la formazione attraverso lo sport sano ed educativo del Karate.

al 23 al 29 giugno si è svolto il 12° International Eurocamp di Karate presso la struttura sportiva di Cese-

natico. Il Direttore Tecnico della Nazionale Fijlkam professor Pierluigi Aschieri ha tenuto il corso per gli insegnanti tecnici di Karate sulle tematiche della formazione negli sport di combattimento, seguendo anche gli allenamenti giornalieri per le categorie giovanili.

Il D.T. Nazionale prof. Pierluigi Aschieri e Jacopo Citi del Settore Giovanile Esercito – Folgore del 187°


I

l 3 novembre al Barberino di Mugello, si è svolta la competizione sportiva organizzata dal Comitato Regionale Fijlkam della Toscana valevole per la qualificazione al “Gran premio Giovanissimi 2013” nella specialità Kumite (combattimento) della categoria Esordienti A (12 – 13 anni). Giornata di esperienza per gli atleti del Settore Giovanile Esercito – Folgore del 187° con Roberto Sganga e Giorgio Oliverio che hanno difeso i colori sociali. Nella categoria di peso – 40 kg, conquista la medaglia d’argento Giorgio Oliverio qualificandosi per il “Gran Premio Giovanissimi” tenutosi a dicembre al Palafjlkam di Lido di Ostia - Roma, mentre a Roberto Sganga è sfuggita la finale per la medaglia di bronzo. I giovani atleti sono stati accompagnati dal Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga, il Tecnico C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e il 1° Mar. Costantino Oliverio.

Medaglia d’argento per Marta Sganga nella categoria “Esordiente B” (14 – 15 anni), peso 70 Kg Medaglia di Bronzo per Giorgio Oliverio nella categoria “Esordiente A”, peso 40 Kg Medaglia di Bronzo per Alessia Romano “Esordiente B”, peso 56 Kg Presente lo staff dell’ Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito – 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” con il Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga, 1° Mar. Costantino Oliverio e i tecnici C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti e C.le Magg. Sc. Alessio Loni.

I

Il kumite

n rappresentanza del Settore Giovanile Esercito – Folgore l’atleta Roberto Sganga che ha concorso nella categoria “Esordiente A” di peso – 40 kg nella specialità Kumite (combattimento), conclude il percorso di gara a metà strada con una buona prova e incrementando l’esperienza agonistica. Durante la competizione il Presidente del Comitato Regionale Veneto settore Karate Roberto Baggio, coglie l’occasione per premiare dirigenti, tecnici e atleti distintisi nell’arco dell’anno nelle attività federali, tra cui il Comandante del 187° Colonnello Rodolfo Sganga e del Capitano della riserva selezionato Carlo Francesco Tombolini.

1° Mar. Costantino Oliverio, Presidente CTR settore Karate Enzo Bertocci, Comandante del 187° Col. Rodolfo Sganga, Tecnico C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e gli atleti Roberto Sganga e Giorgio Oliverio

Le medaglie del kumite e kata alla Coppa Toscana

I

l 10 novembre a Montelupo Fiorentino si è svolta la competizione sportiva organizzata dal Comitato Tecnico Regionale della Fijlkam denominata “Coppa Toscana” nelle specialità Kumite (combattimento) e Kata (forme), rivolta a tutte le categorie (da “Esordienti A” a “Master”) maschili e femminili. Successo tra le schiere del Settore Giovanile Esercito – Folgore del 187° reggimento con Roberto Sganga, Giorgio Oliverio, Francesco Pilagatti, Alessia Romano e Marta Sganga nella specialità del Kumite. Risultati: Medaglia d’oro per Francesco Pilagatti nella categoria “Esordiente A” (12 – 13 anni), peso 50 Kg

187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Livorno al “Campionato Nazionale 2013 di Karate, organizzato dallo Csen. Il 30 novembre hanno concorso nella specialità Kumite (combattimento) Giorgio Oliverio e Roberto Sganga nella categoria “Esordiente A” peso 40 Kg, concludono la competizione con una prova soddisfacente. Nella mattina di domenica 1 dicembre, nelle categorie giovanili, hanno gareggiato nelle prove il “Percorso a tempo”, il “Palloncino” e il Kata (forme), con i colori del Reggimento, gli atleti Jacopo Citi nella categoria samurai (5 – 6 anni) e Giulio Citi nella categoria bambini (8 – 9 anni) suddivisi per cinture.

1° Classificato Jacopo Citi Esercito – Folgore al Campionato Nazionale 2013

Nella prova del “Palloncino”, ove l’atleta si presta nel tempo previsto a esplicitare una serie di tecniche di pugno e calci in azione dinamica (come la specialità del Kumite – combattimento), sul bersaglio fisso (il palloncino) senza coglierlo, gli arbitri giudicano le abilità motorie specifiche di ogni singolo bambino. Si classificano al primo posto, nelle rispettive categorie i fratelli Jacopo e Giulio. Nella prova del Kata (forme), Giulio si aggiudica la medaglia di bronzo. I tecnici C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e C.le Magg. Sc. Alessio Loni hanno accompagnato il Settore Giovanile.

Da sinistra: Arbitro Mondiale Claudio Scattini, Cap. ris. Carlo Francesco Tombolini, Presidente del Comitato Regionale Veneto settore Karate Roberto Baggio e il Comandante del 187° Colonnello Rodolfo Sganga

Campionato nazionale a Foligno

P

er convenzione stipulata tra la Federazione Italiana Fijlkam e lo Csen, l’Esercito è presente con il “Settore Giovanile Esercito – Folgore” del

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Qualificazioni per il Gran Premio Giovanissimi

1° Classificato Giulio Citi Esercito – Folgore al Campionato Nazionale 2013

221


Sempre più Pancrazio e non solo…

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

222

Distintivo dello Sport e la Stella d’Oro

l Comandante del 187° Reggimento Col. Rodolfo Sganga consegna le onorificenze sportive conferite dallo Stato Maggiore della Difesa, agli atleti della Sezione di arti marziali denominata Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito – 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Livorno. Il prestigioso “Distintivo dello Sport” con stella d’Oro è stato assegnato al C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e stella di Bronzo al C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti, in riferimento alle medaglie conquistate al “World Pankration Championship 2009” in Lituania (indetto dalla Federation Internationale des Luttes Associees – FILA), “Azzurri” della Nazionale Italiana della Federazione Italiana Pancrazio Athlima – FIPA.

& Combat Sport” di Terni. Durante le 4 ore di allenamento, i frequentatori hanno sperimentato alcune tecniche di “combattimento corpo a corpo” (percussioni, squilibri, atterramenti e lotta a terra), integrate con una attività funzionale a corpo libero finalizzata al potenziamento dell’apparato muscolare e cardiovascolare. In sostanza, un condizionamento globale “corpo e mente” frutto dell’esperienza maturata dagli insegnanti tecnici della Folgore che da anni si cimentano in diverse discipline di combattimento. Presente all’evento il Presidente dell’ASD Esercito - 187 “Folgore” il Comandante di Reggimento Colonnello Rodolfo Sganga.

Da sinistra: Doc. Naz Vitantonio Sacco, Resp. Uff. di Gara Pompeo Giancane, Pres. Fipa Italo Morello, Antonio Citi, Alessio Martelloni e Alessio Loni della Sezione Sportiva Folgore

Da sinistra: M° Claudio Guazzaroni (7° dan), 1° C.le Magg. par. Alessio Loni, Col. par. Rodolfo Sganda, Gianluca Guazzaroni (6° dan) e C.le Magg. Ca. Sc. par. Antonio Antonio Citi

N Consegna delle onorificenze. Da sinistra: Antonio Citi, il Colonello Roberto Sganga e Daniele Pilagatti

S

Pankration

abato 21 settembre i tecnici della Asd Esercito – 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Livorno, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi e 1° C.le Magg. Alessio Loni, su iniziativa promossa dal M° Claudio Guazzaroni (Allenatore della Nazionale Italiana Fijlkam di Karate), hanno tenuto uno stage di lotta ravvicinata “corpo a corpo” del Pankration sui temi di Autodifesa e Sicurezza Personale, presso la struttura sportiva “Guazzaroni Fitness

gnamento nel settore giovanile del Karate e Pancrazio. E proprio l’attenzione rivolta dai tecnici militari C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti e C.le Magg. Sc. Alessio Loni supportati da Alessio Martelloni, alle metodologie di allenamento in età giovanile, ha suscitato l’interesse dei dirigenti federali al punto da prevederne l’inserimento nella metodica d’insegnamento della Fipa.

Pancrazio Athlima

elle giornate del 29 – 30 settembre, presso il Centro Olimpico della Fijlkam-Coni di Ostia (RM), si è svolto il corso di Aggiornamento Nazionale dedicato ai tecnici della Federazione Italiana Pancrazio Athlima – Fipa. In questa occasione, l’Asd Esercito – 187° Folgore ha ricoperto un ruolo di primo piano garantendo la partecipazione, in veste di Docente Federale, del laureando in Scienze Motorie Alessio Martelloni e del tecnico Antonio Citi che hanno tenuto il seminario sulla metodologia d’insegnamento giovanile. Lo studio presentato alla Fipa è frutto di un progetto denominato “come formare un pankratiastis (combattente di pancrazio) dall’età evolutiva” ed è stato sviluppato d’iniziativa dalla Asd della Folgore sulla base delle esperienze derivanti dai numerosi titoli nazionali, europei e mondiali conseguiti dal 2009 ad oggi. Come noto, i baschi amaranto non addestrano soltanto il personale militare al Metodo di Combattimento Militare nell’ambito del servizio, ma esercitano attività di inse-

S

Coppa Italia 2013 di Pancrazio Athlima - Fipa

i è svolta la competizione denominata “Coppa Italia 2013” della Federazione Italiana Pancrazio Athlima in collaborazione con l’ Associazione Sportiva Dilettantistica Nike di Guidonia, con le specialità da combattimento Agon “contatto leggero”, Pankration “contatto pieno” e delle specialità tecniche dimostrative del Palesmata “a 2 atleti” e Polydamas “a 4 atleti”, presso l’impianto sportivo di Guidonia - Roma. Il “Settore Giovanile Esercito – Folgore” del 187° Reggimento concorre con gli atleti pankratiastis “lottatoti di pancrazio”,

Da sinistra i tecnici: C.le Magg. Sc. Alessio Loni, C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti, C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi, l’Allenatore Nazionale FIPA Alessio Martelloni e il paracadutista del 187° 1° C.le Magg. Mauro Trichini. Da sinistra gli atleti: Francesco Pilagatti, Jacopo Citi, Giulio Citi, Marco e Luca Pilagatti


I

Pankration

l motto del TEAM FOLGORE PARACADUTISTI potrebbe essere il titolo del 1° seminario delle tecniche da combattimento attinte dalla antica disciplina “Pankration”, in provincia di Parma, tenuto dalla ASD ESERCITO - 187mo REGGIMENTO PARACADUTISTI FOLGORE- invitata dal nostro giornale. Gli istruttori erano il Caporal Maggiore Scelto Capo Antonio Citi coadiuvato dal Caporal Maggiore Scelto Alessio Loni, che costituiscono con il CM Capo Scelto Daniele Pilagatti anche il corpo istruttori del 187mo Reggimento della Folgore. Si è trattato di due giornate con una tabella di marcia intensa, gli istruttori hanno offerto ai partecipanti, cinque dei quali con meno di 26 anni di età e ben 13 ore di lezioni, in due giorni, basate sull’immediata collegamento tra teoria “basica” e combattimento, anche assai ruvido, secondo il principio “tutta forza” (tradotto dal greco Pankration, ndr); l’istruttore Antonio Citi ha definito la modalità di insegnamento come “finalizzata ad aumentare in poco tempo le probabilità del combattente di dominare uno scontro fisico adattandosi alle situazioni”. Il gruppo, negli ultimi “scontri”, con la avvenuta acquisizione di comportamenti di combattimento attivi ed efficienti ha dato la prova che il metodo funziona e che si conferma come uno strumento di pronto impiego, che riassume la filosofia in uso anche alla Folgore e nei reparti addestrati dai nostri istruttori. Questo è il significato di “ Pankration”, da tremila anni: azione e reazione energica con tutte le forze e con tutte le parti del corpo, senza paura dei colpi in arrivo e senza risparmiarsi, per far durare il meno possibile lo scontro e neutralizzare l’elemento ostile. Il Caporal Maggiore Capo Scelto Antonio Citi e il Caporal Maggiore Scelto Alessio Loni hanno messo a disposizione dei propri allievi scudi, corpetti, caschetti e guanti con sotto guanto, tutti nuovi e di alta gamma: si tratta della una sponsorizzazione tecnica della Jute Sport, proprietaria del marchio “Vandal”, considerato il numero uno del settore del-

le attrezzature per arti marziali. Provenienti da Verbania, Lodi, Varese, Firenze e Parma i 12 Paracadutisti allievi del seminario si sono dati appuntamento; un luogo ideale per un “ritiro”, tanto da stimolare alcuni allievi ad effettuare una sessione aggiuntiva di corsa notturna. La base logistica è stata la attrezzata e confortevole baita del gruppo sportivo Kino-Mana di Parma, i cui 130 iscritti praticano triathlon, corsa in montagna e mountain bike con risultati nazionali. Poco lontano alcuni campetti e sentieri sono stati il “palazzetto dello sport” naturale, particolarmente idoneo per il tema delle due giornate.

racadutisti da oltre 25 metri. I paracadutisti hanno dimostrato alcune tecniche di combattimento a distanza ravvicinata a mani nude, armati con baionetta e bastoni, nonché tecniche di disarmo contro avversari con armi lunghe e pistola.

Rimini Wellness

I

n uno degli eventi sportivi più avvincenti per gli appassionati del mondo del fitness, del body building e delle arti marziali, il “Rimini Wellness” tenutosi maggio, il corpo istruttori di difesa personale e paracadutisti del 187° Reggimento della Brigata paracadutisti “Folgore” hanno dato una dimostrazione del Metodo di Combattimento Militare (MCM). Sintesi di diverse discipline di combattimento a distanza ravvicinata, il Metodo di Combattimento Militare nasce come parte integrante dell’addestramento individuale al combattimento, con lo scopo di garantire la sopravvivenza del militare sul campo di battaglia, completamente equipaggiato e senza l’impiego di armi da fuoco.Il Metodo è stato sviluppato da un gruppo costituito da elementi del 187° Reggimento, atleti e tecnici di provata esperienza in diverse discipline, quali il Karate, il Ju Jitsu, l’Aikido, il Pankration, Metodo Globale di Autodifesa e MMA.

Momenti del seminario tecnico di Pankration

Il Metodo di Combattimento Militare Gli Open di Toscana

I partecipanti al Rimini Wellness

ntervento del Metodo di Combattimento Militare – MCM presentata alla competizione internazionale di Karate FIJLKAM – “12° Open di Toscana”. Durante la cerimonia di apertura tra le Autorità militari della Brigata Paracadutisti “Folgore” erano presenti il Comandante del 187° Reggimento Col. par. Rodolfo Sganga e il Comandante del 2° Btg “Tarquinia” Ten. Colonnello par. Roberto Vergori. A corollario della cerimonia di apertura della competizione sportiva che ha visto la partecipazione di oltre 1400 atleti, un plotone del 187° reggimento Paracadutisti “Folgore” in assetto operativo, sotto la guida del corpo istruttori MCM del reggimento ha condotto una dimostrazione pratica di MCM, iniziata con la spettacolare discesa in corda doppia di quattro pa-

Anniversario di El Alamein

I

S

i è svolta nella città di Livorno la celebrazione del 71esimo anniversario della battaglia di El Alamein, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Gioacchino Alfano e del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Claudio Graziano. L’attività è proseguita con gli stand dimostrativi della Brigata Paracadutisti “Folgore”, installati presso la zona “ La Rotonda”. Nell’area dedicata al 187° Reggimento, un plotone completamente equipaggiato anche con materiale antisommossa, ha condotto una dimostrazione di Metodo di Combattimento Militare, evidenziando i differenti livelli di violenza applicabili dal combattente individuale in funzione della tipologia di minaccia.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

nella specialità del Palesmata la coppia Giulio Citi - Marco Pilagatti nella categoria bambini 9 – 10 anni conquistano la medaglia d’Oro e nel combattimento totale della specialità Agon, Francesco Pilagatti nella categoria Esordienti peso 55 Kg, si aggiudica la medaglia di Bronzo.

223


L’INTERVISTA

Rodolfo Sganga

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Colonnello, Comandante del 187° Reggimento Paracadutisti Folgore e Presidente dell’Associazione Sportiva dilettantistica 187° Reggimento Paracadutisti

224

Padre e figlia insieme nel Karate

A

Livorno da oltre un anno, il Colonnello Rodolfo Sganga, comandante del 187° Reggimento Paracadutisti Folgore e presidente dell’Associazione Sportiva dilettantistica 187° Reggimento Paracadutisti, ci racconta la sua esperienza sportiva strettamente legata al ruolo di militare che ricopre. “Ho iniziato a praticare sport nel 1979 con il judo. Nella stessa palestra di Varese, vi era un insegnante di karate molto bravo e carismatico, che mi ha trasmesso la passione per il karate, inducendomi a dedicarmi a questa disciplina. Per diversi anni ho svolto attività agonistica e poi sono diventato insegnante tecnico”. Qual è la soddisfazione più bella che le ha dato il karate? “Indubbiamente l’avere due figli che si dedicano con impegno a questa disciplina. Sul piano più tecnico, devo dire che una cosa molto bella è l’esistenza di un parallelo forte fra la pratica di allenamento del karate e l’addestramento individuale al combattimento dell’appartenente all’esercito. Sono due cose che vanno assolutamente d’accordo. Un soldato non può prescindere dall’addestramento individuale al combattimento a distanza ravvicinata. E quindi la pratica di una disciplina sportiva da combattimento, come il karate, facilita in questo specifico ruolo. C’è poi la forma mentis, il karate insegna a porsi un obiettivo, come ad esempio il raggiungimento di risultati agonistici, e lavora sempre più intensamente per arrivare allo scopo, proprio come deve essere nella carriera militare e nella vita”. Com’è andato quest’anno il gruppo sportivo? “L’associazione sportiva del reggimento esiste da diversi anni. Io ho assunto il comando poco più di un anno fa e devo dire che nel 2013 abbiamo dato un grosso impulso alle attività dell’associazione, non

per merito mio, ma grazie agli insegnanti tecnici, che da anni lavorano al progetto. In particolare ci sono stati due importanti eventi, il primo riguarda l’inizio delle attività agonistiche dei nostri allievi, tutti bambini, che hanno raggiunto l’età minima per poter gareggiare. L’altro è stato il dare la possibilità di frequentare l’associazione sportiva, che ha sede all’interno della caserma, anche a persone che non sono figli o parenti di militari. Abbiamo aperto alla cittadinanza, in modo da costruire un legame sempre più solido tra la nostra struttura militare e i livornesi. E poi abbiamo naturalmente lavorato molto e bene sullo specifico fronte militare. I nostri tecnici sono insegnanti di diverse discipline, e ciò ci ha permesso di travasare la loro poliedrica esperienza nel nostro campo, per addestrare al meglio i militari al combattimento individuale. Dal mio punto di vista la caratteristica più importante della nostra associazione sportiva dilettantistica è proprio questa duplice anima”. Cosa le piacerebbe realizzare con questa associazione? “Il sogno nel cassetto intanto è continuare a lavorare con il bambini, che è il punto di forza di questa associazione, ed ha un importante valore educativo. Poi mi farebbe piacere che i tecnici, che si sonno impegnando molto mettendo anima e cuore, avessero qualche soddisfazione sostanziosa dai loro allievi nei risultati agonistici”. I suoi figli praticano karate? “Sì. Sia Marta di 15 anni che Roberto di 13 praticano karate da diversi anni”. Anche attraverso i suoi figli ha potuto notare delle differenze fra ragazzi e ragazze nella pratica di questa disciplina? “Differenze fra i due sessi ce ne sono poche. Basta vedere una qualsiasi lezione, per scoprire che maschi e femmine si

allenano insieme, combattono insieme, praticano insieme, fanno ginnastica insieme. A livello agonistico naturalmente c’è qualche differenza in più, soprattutto nelle competizioni di livello più alto, quando le prove per i maschi diventano un po’ più difficili per il numero di prove, per l’elevato contenuto tecnico e per le prestazioni fisiche. Al di là di questo non vedo alcuna differenza”. Come ha trasmesso la passione per il karate ai suoi figli? “Su di loro ho costruito un progetto. Da piccoli, fin da 4 anni, hanno praticato ginnastica artistica, perché credo che dia buone capacità motorie. Dopo qualche anno invece li ho indirizzati in maniera scientifica al karate, attraverso il gioco, lasciandoli liberi di sperimentare, esplorare. La chiave del successo è proprio questa: se il bambino in palestra si annoia, smette immediatamente. In qualche occasione li ho dovuti spingere un po’ di più, perché arrivati ad una certa età i ragazzini si innamorano facilmente anche di altre attività, ed allora serve la spinta del genitore che li porta sul binario principale, altrimenti finisce che provano un po’ di tutto, ma non imparano niente”. Quanto questa attività sportiva l’ha messa in contatto con la città. E quanto la città si è accorta della vostra attività sportiva?


ragazzi hanno potuto fare una bellissima dimostrazione. Nel 2013 abbiamo portato a termine un progetto iniziato nel 2008, volto alla definizione di una disciplina di combattimento che risponde alle esigenze dei militari, che normalmente operano con una serie di equipaggiamento che altri non usano, ad esempio il giubbetto antiproiettili, l’elmetto, ecc. Noi abbiamo lavorato come gruppo di progetto per individuare, affinare e svi-

F

Marta Sganga

iglia d’arte, dotata della stessa determinazione del padre, Marta Sganga 15 anni, percorre con fierezza la sua carriera sportiva nel karate. “A 4 anni ho praticato ginnastica artistica ed a 9 ho cominciato con il Karate. Inizialmente sono stata indirizzata da mio padre attraverso il gioco, ma un po’ alla volta ho acquisito la mia personale passione, ed anche dopo l’infortunio, non mi è passata la voglia di continuare”. Che tipo di infortunio hai avuto? “Ho sovraccaricato troppo il ginocchio ed il menisco si è rotto. Ho fatto un’ope-

Marta Sganga

luppare una serie di tecniche adatte al combattimento individuale e abbiamo sintetizzato il tutto in una tecnica che abbiamo chiamato appunto Metodo di Combattimento Militare, che attualmente è all’approvazione dello Stato Maggiore dell’Esercito e che verrà utilizzato da tutte le unità dell’esercito italiano, in maniera da standardizzare la pratica di questa disciplina da combattimento all’interno della Forza Armata”.

L’INTERVISTA

Figlia d’arte con la passione per il karate, 15 anni e tanta determinazione razione in artroscopia e adesso sto lentamente riprendendo gli allenamenti”. Parlaci della tua carriera sportiva. “Ho fatto alcune gare, sia a livello nazionale che internazionale. Ho vinto diverse volte le tappe del Trofeo Veneto, una gara interregionale che si svolge in diverse città della regione. Ho gareggiato anche all’estero, in Slovenia dove mi sono qualificata terza in un torneo internazionale, in Croazia ed in Austria dove ho fatto un quinto posto. Tutte gare impegnative”. Cosa ti piace di più del karate? “Non c’è un aspetto che prevale, è lo sport in sé che mi piace nella sua totalità, perché esprime bene il mio carattere: sono determinata, quando voglio ottenere qualcosa mi impegno in tutti i modi per raggiungere l’obiettivo che mi sono prefissata”. C’è qualcosa di negativo in questa disciplina? “Non c’è. Forse un po’ la fatica durante gli allenamenti, ma ne vale la pena, alla fine i risultati arrivano”. Le esperienze più belle che il karate ti ha regalato? “La possibilità di viaggiare all’estero, vedere posti nuovi e conoscere tanta gente appassionata al tuo stesso sport, con la quale puoi confrontarti. Anche se spesso non parliamo la stessa lingua, la passione per il karate ci accumuna”. Un sogno nel cassetto?

“Intanto riprendermi bene dall’infortunio e poi vorrei arrivare a fare gare importanti e magari vincerle”. A tuo fratello, due anni più piccolo, fai da insegnante? “Sì, soprattutto in questo periodo in cui non posso allenarmi più di tanto, lo aiuto, gli do dei consigli, gli faccio notare dove sbaglia durante i combattimenti, basandomi sulla mia esperienza, ricordandomi dei miei errori”. Come ti senti come ragazza che pratica questo sport? “Non mi sono mai posta il problema. Secondo me ognuno ha le sue passioni e deve portarle avanti senza farsi condizionare dall’opinione di altri. Qualcuno mi ha detto che è uno sport maschile, ma non mi interessa il giudizio degli altri, sono un’appassionata di karate e lo pratico”. Come ti senti prima di una competizione? “Solitamente sono agitatissima, mi tremano le mani, ma ho voglia di fare la gara e alla fine sono sempre andata bene, perché riesco a trasformare l’emozione in forza e grinta”. Cosa possiamo dire dei tuoi istruttori? “Sono bravi. Chiedono molto, ma serve se si vuole raggiungere buoni obiettivi”.

CONTATTI: C.le Magg. Ca. Sc. Antonio Citi tel. 3496901153 C.le Magg. Ca. Sc. Daniele Pilagatti 3316648731 C.le Magg. Sc. Alessio Loni 3351849465

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

“Lo sport facilita i contatti. Nella mia carriera militare ho fatto molti trasferimenti e devo dire che non ho mai avuto difficoltà a fare amicizie esterne alla caserma, grazie alla passione per lo sport. Inoltre, ho notato che Livorno è una città molto sportiva, ed infatti, ho fatto molte amicizie”. Come sono andati gli Open di Toscana? “Molto bene, quest’anno si sono svolti al Palamodigliani a Livorno ed i nostri

225


226


MASSIMO RIZZOLI

L’INTERVISTA

Praticante, esperto e insegnante di sport da combattimento: 93 incontri: 80 vittorie, 10 sconfitte, 3 pareggi negli anni combatte in quasi tutto il mondo e mantiene il titolo fino a 37 anni. Ma la sua grinta non si esaurisce con queste discipline, fa anche tre 3 incontri nel Valletudo, una specialità arrivata dal Brasile che permette di colpire anche quando l’avversario è a terra, vince anche il titolo mondiale a 29 anni nella Shoot Boxe, per due anni di seguito si aggiudica il Golden Dragon e a 32 anni il titolo mondiale nella Boxe Thai è suo. Si ferma qui? Figuriamoci, non sarebbe da lui! Prova anche a ritirarsi, dando ufficialmente l’addio alle competizioni, ma dopo qualche anno, dieci per la precisione, gli torna la voglia e questa volta vuole confrontarsi con la gabbia, cioè le MMA, così fa un match a Livorno che però perde. Da qui ricomincia la storia, questa sconfitta riaccende la grinta, la voglia di combattere e soprattutto di vincere. Ed infatti, si allena e disputa altri tre incontri che lo vedono trionfare. È in assoluto l’italiano che ha vinto di più. Il bilancio dei combattimenti ad oggi è di 93 incontri di cui 80 vittorie, 10 sconfitte, 3 pareggi. Cosa ha significato per te questa sconfitta? “Ho un buon rapporto con me stesso e non sono rimasto contento del match in cui ho perso, non tanto per la sconfitta, che avevo già assaporato nel corso della carriera, ma per come ho affrontato il combattimento, ero completamente svuotato, demotivato. Il primo minuto ho dominato, poi mi sono spento”.  Cosa ha voluto dire dedicarsi a tempo pieno allo sport? “Ho rinunciato a quasi tutto, ai sabato sera, alle uscite con gli amici, ma sinceramente non è stato un grosso sacrificio, la banalità, il fare tanto per fare, non mi appartiene. Contemporaneamente ho aperto la mia palestra, dove ho cresciuto campioni del mondo. È attualmente una delle  scuole migliori in Italia, e l’ho chiamata Team

Massimo Rizzoli con il figlio Cosmo.

Rendoki. Inoltre, sono tecnico federale ed alleno la nazionale”. Qual è il tuo metodo di insegnamento? “Trasmetto la passione, la grinta, cerco di far capire ai miei allievi che sono capaci di fare qualcosa. Per male che vada, se nello sport non diventeranno campioni, l’insegnamento avuto comunque sarà utile nella vita, secondo me, questo è il modo migliore per utilizzare la nostra disciplina. Durante gli allenamenti degli agonisti voglio vedere la determinazione, la grinta, altrimenti li mando a fare la doccia, su questo sono esigente. Con gli amatori invece il rapporto è ovviamente diverso, sono molto più simpatico e disponibile, a maggior ragione con i bambini”. Come si costruisce un campione? “Faccio capire loro che possono provare a diventare dei campioni. Poi gli do i mezzi, gli stimoli, gli incentivi. In cambio chiedo una grande passione per quello che stanno facendo”.  E con i bambini? “I bambini possono cominciare a venire in palestra a tre anni con la propedeutica

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Q

uello che certamente non gli manca è la grinta. E non è solo per quello che dice, ma soprattutto per quello che ha fatto e continua a fare. Proviamo a sintetizzare l’intensa carriera di Massimo Rizzoli, che possiamo definire come: praticante, esperto e insegnante di sport da combattimento come la Kickboxing, il K-1 e le MMA (Mixed Martial Arts). Ha iniziato a 10 anni con il Ju-Jitsu perché lo faceva il fratello maggiore di 13 anni. Ma il suo desiderio era quello di combattere ed in questa disciplina, al tempo, vi era solo l’esibizione, così preferisce dedicarsi alla Kick Boxing. Terminato il periodo della leva militare, decide di impegnarsi a tempo pieno allo sport per arrivare ai massimi livelli, ed infatti, diventa prima Campione italiano di 2a serie a 21 anni e l’anno dopo è Campione italiano 1a serie. A 23 anni vince la selezione per i Campionati del Mondo ed é primo anche ai Giochi del Mediterraneo. A 24 anni arriva la medaglia d’oro ai Campionati del Mondo. Quello stesso anno passa al professionismo e a 25 anni vince il titolo europeo dopo solo 4 incontri, mantenendolo per due difese, sempre in quel periodo vince il titolo Mondiale di Full Contact che si svolse a Livorno e che ha conservato per un anno. Sempre alla ricerca di nuova esperienze e curioso per natura a 26 anni si dedica alla Kick Boxing e diventa subito Campione del Mondo;

227


228


“Mi piacerebbe che almeno una parte dell’opinione pubblica, i media e gli sponsor si occupassero di queste specialità come meritano. Un altro sogno importante è vedere questi sport regolamentati in modo più rigido di come sono adesso, per evitare che si infiltrino insegnanti o presunti tali, poco seri e poco preparati. Spesso vedo atleti in mani che non dovrebbero gestire neanche un sacco di cemento, figuriamoci un atleta. Siamo riconosciuti dal Coni e adesso aspiriamo (fra qualche anno) a diventare sport olimpico, quindi deve finire l’approssimazione”. Chi ti senti di ringraziare? “Mio fratello Patrizio, che mi ha allenato fino dai primi incontri professionistici per poi lasciarmi seguire la mia strada. I miei allievi che hanno permesso al sogno Rendoki di diventare realtà. Mia madre e mio padre. La prima perche non ha mai amato che facessi questi sport, e la ringrazio per-

ché opponendosi mi ha sempre stimolato ad andare avanti. Con il tempo è diventata la mia fan principale, prendeva le registrazioni dei miei combattimenti e le faceva vedere alle amiche, e quando combattevo soffriva tantissimo. E poi mio padre perché in silenzio, come era nel suo carattere, mi ha sempre insegnato attraverso l’esempio e appoggiato a continuare. Mia moglie Elena, perché mai ha cercato di cambiare la mia folle mentalità. Mio figlio Cosmo, soprattutto, perché guardandolo tutti i giorni ‘vivere’ la vita, me ne ha ridonata una parte importante e perché è la cosa più bella per la quale possa aprire gli occhi ogni mattina”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

alle Arti Marziali, e giocando cominciano ad assimilare qualche tecnica. Poi a sei anni possono provare ad indirizzarsi verso una disciplina. A sette anni inizia l’agonismo dimostrativo e a 13 quello vero e proprio”. Fino a che età si può praticare questo sport? “Qui, in palestra si può fare sempre, io ho atleti che si allenano anche a 65 anni, l’agonismo ‘dovrebbe’ finire a 40 anni...” Quali sono le differenze tecniche delle tre discipline? “Nella Kickboxing si posso dare pugni e calci, nel K-1 sono ammessi pugni, calci e ginocchiate, mentre nelle MMA si può anche afferrare l’avversario, proiettarlo al suolo, colpirlo e poi finalizzarlo, cioè sottometterlo con leve o strangolamenti”.  Ma perché quest’ultima disciplina si svolge in una gabbia?

“Inizialmente fu provato il ring, ma gli atleti volavano di sotto, così è stata adottata la gabbia. Tutti l’associano ad un’area di combattimento per cani, bestiale, ma non è così, in questo modo è molto più sicura per gli atleti”. Quale fra queste discipline ti piace di più? “Mi piacciono tutte, ma in questo momento preferisco le MMA. Nelle altre discipline ho già dato, sono stato campione del mondo in tre categorie di peso. E poi entrare in una gabbia, fa tutto un altro effetto, ti isola dal resto del mondo. È una sensazione in più che mi piace”. Quanto è pericoloso?  “Molto meno degli altri sport. Nelle percentuali di colpi e fasi di lotta la testa subisce quella più bassa. Qui si portano calci, ginocchiate e in percentuale minore pungi alla testa, che sono quelli pericolosi, quelli che fanno male al cervello. Inoltre, nei combattimenti di MMA si usano i guanti piccoli, non si può stare troppo a scambiare pungi”.  Quanto ti sei fatto male nella tua carriera?  “Qualche frattura, cinquanta punti in faccia e contusioni”.  La soddisfazione più bella? “Recentemente quando ho potuto dedicare una vittoria a mio figlio Cosmo che ha un anno. Tornando indietro nel tempo, invece, la medaglia d’oro nei dilettanti a 24 anni”. Un’esperienza da dimenticare? “L’incontro che ho fatto un anno fa nella gabbia, quando sono tornato. In realtà me lo voglio ricordare per tutta la vita, perché ogni volta che rivedo le immagine, scopro una versione di me che non mi piace, e che mi ha insegnato a riacquistare la grinta”.  Un sogno nel cassetto?

Nelle immagini Massimo Rizzoli Le foto sono di Riccardo Cicco

229


Nuova gestione Ampio locale con veranda all’aperto

Cucina tipica e tradizionale Aperto anche a pranzo con

MENù lavoro € 12.00

Pizza, anche da asporto Trattamenti particolari per compleanni, cene di lavoro o prenotazioni numerose

230

Via Firenze, 42/44 - LIVORNO • Tel. 0586 404270 Per prenotazioni ROBERTO: 339 1349354


Braccio di ferro DANIELE SIRCANA

L’INTERVISTA

S

ono bastati pochi anni perché diventassero la migliore squadra italiana, oltre ad essere la più numerosa e meglio organizzata. I Tyrsenoi hanno brillato anche nel 2013, raggiungendo ottimi risultati e riconoscimenti a livello nazionale. A farci il riassunto della stagione è Daniele Sircana, coach del team labronico, dieci volte Campione d’Italia di Braccio di ferro, mentre alla palestra Sport Combact in via Firenze, a Livorno, allena i suoi ragazzi. “Il Campionato italiano a squadre ci ha visto diventare vicecampioni, considerando che lo scorso anno eravamo solo una squadra di esordienti, possiamo dire che il successo è stato veramente notevole. Nel 2013 si sono aggiunti a noi altri atleti, adesso siamo 36 ed altri si stanno avvicinando per provare la disciplina, insomma, siamo in espansione. Questo ci ha permesso di trovare degli sponsor che ci hanno consentito di dotare gratuitamente ogni atleta di tuta, magliette e borsa; un aspetto molto importante, perché fa spirito di squadra al quale tengo molto”. Sappiamo che c’è un’altra importante novità che ti riguarda. “Sì, nel 2014, nella seconda metà dell’anno tornerò a gareggiare. È un rientro senza pretese, mosso dalla voglia di competere, se poi verranno anche i risultati, naturalmente, saranno i benvenuti”. Parliamo della squadra femminile. “Sono state molto brave, nel Campionato a squadre la veterana campionessa Elisabetta Volponi si è aggiudicata con facilità ben due gare, così come Michela Russo che nonostante abbia iniziato a dedicarsi a questo sport da poco è riuscita a fare un primo e secondo posto, stessa cosa per Claudia Marchiò con un argento e un bronzo”. Gli altri atleti?

“Hanno ottenuto veramente ottimi risultati. Per capire però il successo di alcuni devo fare una premessa per spiegare le regole del nostro sport. Le gare vengono svolte per categorie e poi ci sono gli assoluti, dove si incontrano i migliori delle diverse categorie di peso, cosa che non avviene negli altri sport. Così può capitare che uno di 65 chili si trovi a sfidare uno di 100. Sono gare di esibizione, ma alla fine gli atleti si allenano per poter raggiungere il primo posto. Io, ad esempio, nel 2003 vinsi gli assoluti d’Italia e questo voleva dire che ero, in assoluto, il più forte di tutte le categorie. Questa premessa era necessaria perché uno dei nostri ragazzi, Enrico Catanzaro, ha fatto una bella prova proprio negli assoluti”. E quando parliamo di ranking, cosa intendiamo? “All’interno della federazione ci sono degli esperti che stilano una classificazione nazionale per la categoria senior e per gli assoluti. Una classifica che non va a punteggio, ma è ragionato ed elaborata dagli esperti. Il ranking si ferma alle prime 4 posizioni. Essere in queste liste vuol dire essere nelle elite, e quest’anno noi abbiamo avuto ben due atleti nel ranking”. Com’è andata la gara di Enrico Catanzaro?

La squadra dei Tyrsenoi

“Enrico è uno storico della squadra e quest’anno ci ha regalato uno spettacolo molto bello, facendo il secondo posto sia di destro che di sinistro, in una categoria difficile come i 90 chili, e negli assoluti è riuscito a mettere in forte difficoltà l’atleta che è poi arrivato terzo e pesa 130 chili, con circa 40 chili di differenza è quasi riuscito a buttarlo giù”. Sono stati Campionati italiani molto emozionanti. “Sì, inoltre ci è anche stato dato un riconoscimento per il numero e per l’organizzazione. La federazione dice che quando arriviamo è un piacere vederci, tutti con la stessa tuta, sullo stesso pulmino, nello stesso albergo: il Braccio di ferro è uno sport nato come individuale ed essere squadra è una novità importante, che la federazione premia”. Come sono accolte le donne nel team? “Bene, sentiamo e abbiamo bisogno del tocco femminile. Non sono molte, ma la loro presenza è apprezzata, hanno fatto gruppo con la squadra”. Raccontaci anche di Nicolò Ragusa che lo scorso anno ci presentasti come una promessa. “Infatti, quest’anno ha fatto gli juniores ai Campionati italiani arrivando primo sia di destro che di sinistro. Ha poi deciso di fare anche la categoria Senior e si è qualificato quarto con il destro. Dopo il Campionato italiano ha partecipato alla Coppa Italia, che è l’ultima gara della stagione, incontrando e battendo quello che nel ranking degli ottanta chili era secondo. Ha poi sfidato con successo altri avversari e ha vinto la Coppa Italia. Due giorni dopo è uscito il nuovo ranking degli 80 chili e lui si è posizionato al secondo posto. Quindi noi, unica squadra in Italia, abbiamo due atleti nel ranking nazionale”.

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

Allenatore dei Tyrsenoi, la migliore squadra d’Italia

231


F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

L’INTERVISTA

232

I

NICOLÒ RAGUSA Una promessa mantenuta: secondo nel ranking nazionale

l suo coach l’anno passato, lo aveva previsto. Ed infatti, così è stato. Nicolò Ragusa ha vissuto un 2013 raggiante, ricco di successi e soddisfazioni. Ce li racconta con semplicità, senza false modestie. “Il Campionato italiano a squadre è stata la prima gara alla quale ho potuto partecipare dopo l’infortunio all’avambraccio, che mi portavo dietro dal 2012. È andata ben, abbiamo vinto, ed è stato molto più gratificante di quando salgo sul podio come singolo, vedere vincere la squadra è la cosa più bella. C’è stata poi il Campionato italiano ad Ancona, dove ho deciso di partecipare a quattro

competizioni. Il sabato ho gareggiato di sinistro con gli esordienti e gli juniores, diventando campione negli esordienti, cosa che mi ha gratificato tantissimo, anche perché di sinistro non mi ero alle-

nato molto, ed invece ho battuto anche alcuni mancini. Soddisfatto anche del risultato con gli juniores dove sono arrivato secondo. La parte più bella però è stata con il destro, il giorno dopo, dove ho vinto il Campionato degli esordienti e mi sono qualificato quarto negli juniores. Mi sono poi confermato nella nazionale italiana per il secondo anno di fila, e sono stato convocato ai mondiali. Ma la cosa che più mi ha gratificato è l’aver vinto la Cappa Italia, che mi ha permesso di essere secondo nel ranking nazionale”. Dopo un anno così brillante quali sono gli obiettivi del 2014? “Mantenere questo standard e cercare d’infastidire il 1° del ranking, che è bravissimo. Cercherò di rivincere il titolo italiano e puntare a fare bene il mondiale che sarà in Lituania. Sarebbe una bella soddisfazione, anche per la squadra”. Ricordiamo che Nicolò è stato scoperto da Daniele Sircana cinque anni fa. Il primo anno ha partecipato solo a gare amatoriali. Nel 2010 si è piazzato al 3° posto al Campionato italiano a Macerata, mentre nel 2011 ha partecipato al Campionato del Centro Italia vincendo due ori nelle categoria juniores ed esordienti. Sempre nel 2011 ha vinto il Campionato italiano nella categoria esordienti e si è qualificato terzo nella categoria Juniores, ancora nel 2011 ha fatto la Coppa Italia e si è qualificato secondo. Nel 2012 ha conquistato il secondo posto nel Campionato del Centro Italia per la categoria seniores, così come nei Campionati italiani con gli juniores. Ma il 2012 gli ha portato anche un infortunio al polso che lo ha tenuto fermo per un po’, fino all’exploit del 2013. Nelle immagini Nicolò Ragusa


CRISTIANO AGOSTO Il ruolo del manager di una squadra di Braccio di ferro

L’INTERVISTA

Sulla destra il manager Cristiano Agosto con il coach Daniele Sircana

a vicenda, quando io sono negativo, lui è positivo e viceversa; in questo modo i ragazzi hanno sempre del positivo da poter prendere, da una parte o dall’altra. In trasferta ci divertiamo, stiamo bene insieme. Cerchiamo d’insegnare ai ragazzi il rispetto per l’avversario e lo spirito di squadra, pur essendo uno sport individuale”. Un sogno nel cassetto? “Be’ il sogno si è già avverato. Io e Daniele ci siamo conosciuti più di vent’anni fa a scuola, fui io a portarlo in palestra. Vederlo gareggiare e raggiungere il top dei risultati; averlo rincontrato dopo anni; decidere di mettere su una squadra ed esserci riusciti; avere i risultati che stiamo ottenendo, è un sogno che si è realizzato. Sinceramente non saprei cos’altro sognare. Insieme abbiamo avuto molte soddisfazioni come l’aver organizzato il Campionato italiano

a Livorno nel 2011, che è stato il più grande campionato da quando è nato il Braccio di ferro, abbiamo avuto riconoscimenti dalla federazione che nessun altra squadra ha avuto, siamo considerati molto bene in Italia e chiedono di noi anche all’estero. Se devo proprio esprimermi su questo punto, posso dire che mi piacerebbe vedere salire uno dei nostri atleti sui podi mondiali”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Sì, tutti i ragazzi della squadra, sono loro che mi fanno andare avanti in questo ruolo. Naturalmente ringrazio anche Daniele che ha permesso tutto ciò e lo Sport Combact Club, che ci offre la possibilità di allenarci nella loro struttura. Non è facile trovare una palestra con la loro disponibilità, e questo vale veramente tanto, per noi è importante”.

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

U

n lavoro dietro le quinte che dà tante soddisfazioni Quando nelle squadre le cose funzionano bene, da tutti i punti di vista, dietro le quinte c’è sempre un buon manager che lavoro in silenzio, ma con determinazione. Siamo andati a scoprire chi ricopre questo ruolo nel Tyrsenoi, ed abbiamo incontrato Cristiano Agosto, che simpaticamente si definisce: “Quello che trova gli sponsor, organizza le trasferta, si occupa dell’abbigliamento dei ragazzi e di tutto quello di cui hanno bisogno”. Qual è l’aspetto più importante del tuo ruolo? “Non avere tante pretese e prendere la cosa come un divertimento. Il Braccio di ferro è uno sport povero, ed è sempre difficile trovare sponsor, non è certo come il calcio. Fortunatamente negli ultimi tre anni siamo cresciuti, diventando la squadra più forte d’Italia e ciò ci ha agevolato anche nella ricerca degli sponsor”. La difficoltà più grande di un manager? “Trovare gli sponsor, soprattutto in questi tempi di crisi economica. Per il resto non ho difficoltà, i ragazzi sono sempre condiscendenti sulle decisioni che prendo insieme a Daniele Sircana. Solitamente viene tutto facile”. Come presenti il Braccio di ferro ai finanziatori? “Racconto come stanno le cose, cioè che la squadra è la più numerosa e forte d’Italia, e con i nostri 36 ragazzi giriamo tutta la nazione, e quindi siamo dei buoni diffusori di sponsor. La maggior parte storce un po’ la bocca, perché la visibilità di questo sport non è quella del calcio, ma c’è chi ci aiuta”. Come si tiene unita una squadra? “Questo è uno dei miei compiti, insieme a Daniele, ed è fondamentale essere in due, perché ci compensiamo

233


F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

L’INTERVISTA

234

E

ENRICO CATANZARO Un senior molto temibile e una carriera agonistica rapidissima

nrico Catanzano ha 29 anni ed ha percorso una carriera agonistica nel Braccio di ferro rapidissima, che in tre anni lo ha portato a trasformarsi da esordiente ad uno dei più temibili senior. “A livello amatoriale è tanto che mi sono avvicinato al Braccio di ferro, perché andavo al Popeye Club da Riccardo Niccolini e avevo modo di vedere il tavolo degli allenamenti: mi è stato impossibile restarne lontano. Poi smisi per un po’, fino a quando non incontrai per caso Daniele, che mi convinse a ricominciare. Ho fatto la preparazione per gli italiani nel 2010 in soli due mesi e mezzo, ma nonostante tutto vinsi il Campionato italiano esordienti e questo ha molto contribuito a farmi ritrovare la passione”. Un bello stimolo ad andare avanti. “Capii che lavorando di più ed allenandomi con Daniele sarei riuscito ad ottenere dei risultati. L’anno dopo ebbi una leggera flessione, perché il passaggio nei professionisti non è semplice. Il 2013 invece è andato molto bene, ho fatto dei risultati che non avrei mai creduto di poter realizzare. Mi sono presentato indeciso se fare anche il braccio sinistro, perché con questo non avevo fatto molto allenamento. Alla fine mi sono lanciato e mi sono scritto agli esor-

dienti di sinistro che ho vinto, così ho fatto anche gli esordienti di destro e sono arrivato secondo con una finale combattuta. Il giorno dopo nei professionisti con il destro sono riuscito ad arrivare in finale, dove ho perso dopo una gara impegnativa, una sconfitta da attribuire più all’inesperienza che non alle capacità. A fine giornata ho partecipato anche gli assoluti, dove non vi sono le categoria di peso e ho dato filo da torcere al 4° classificato: anche se ho perso è stato un buon risultato che mi ha permesso di piazzarmi fra i primi 10 atleti d’Italia”. Gli obiettivi del 2014? “Ho un obiettivo molto grande, che riguarda il mondiale di settembre in Lituania, dove mi sono qualificato. Non voglio dire niente di più, mi allenerò molto e poi vediamo cosa succede”. Qual è il complimento più bello che ti hanno fatto? “In tanti mi hanno detto che non si aspettavano il miglioramento che ho fatto quest’anno. Tanti, ma non Daniele, che alla fine delle gare mi ha confessato che lui sapeva che avrei fatto molto bene”. L’esperienza più bella? “Aver vinto il Campionato italiano esordiente. È stata la prima gara

dopo che mi sono riavvicinato al Braccio di ferro ed è stata una grande soddisfazione. Inoltre, si sono svolti a Livorno ed ho gareggiato davanti a tutti i miei amici, anche questo è stato molto bello”. Un’esperienza da dimenticare? “Gli italiani due anni fa. Ero un po’ emozionato, era il mio primo anno nei professionisti e non ho fatto buoni risultati, diciamo che è stato un periodo di esperienza, non da dimenticare, ma da tenerne conto”. Cosa ti dà questa disciplina? “Sono appassionato di sport di forza, essendo anche molto portato a livello fisico e mi sono sempre allenato in questo senso”. Quali altri sport hai fatto? “Da piccolo facevo sci, mi piaceva, ma dopo qualche anno ho smesso perché comunque era difficoltoso doversi spostare. In seguito ho praticato tennis, con buoni risultati, ma anche in questa disciplina il mio gioco era improntato sulla potenza. A 18 anni ho smesso perché non avevo più voglia, ho cominciato ad andare in palestra da Riccardo Niccolini e qui mi sono appassionato a Braccio di ferro”. Un sogno nel cassetto? “Vincere il mondiale a 90 chili. È veramente un sogno, ma ci lavorerò”. Chi vuoi ringraziare? “Non uno, ma mille ringraziamenti vanno a Daniele, che mi segue in modo particolare, ad ogni mia richiesta lui c’è sempre, ed è disponibile ad aiutarmi”. Come i tuoi amici considerano questa disciplina? “Solo qualcuno pensa al Braccio di ferro come ad una disciplina un po’ strana, perché non la conoscono da vicino. La domanda che più mi rivolgono riguarda il tipo di allenamento che faccio: preparazioni estenuanti, che però chi è al di fuori del nostro ambiente ignora”. Nelle immagini Enrico Catanzano


MICHELA RUSSO Una forza al femminile. Il primo anno di gara con tante sorprese

L’INTERVISTA

Michela Russo

Il miglior complimento che ti è stato rivolto? “Ai Campionati italiani ho gareggiato con ragazze molto più forti di me e naturalmente ho perso, ma nonostante ciò le mie avversarie si sono complimentate, perché con la pur breve esperienza che ho alle spalle ho gareggiato bene”. Un’esperienza da dimenticare? “Quest’anno ai Campionati italiani perché non sono riuscita a gestire le mie emozioni e quando sono arrivata al tavolo ero stremata dallo stress”. Cosa fai prima di una gara? “Cerco di non pensare che poi tocca anche a me”. Pratichi altri sport? “Vado a cavallo con la monta all’americana e partecipo anche alle gare. Amo fare sport che mi fanno sentire viva”. Che differenza c’è a livello emotivo fra le due discipline? “La gara con il cavallo la sento solo mia. Mentre a Braccio di ferro sento di concorrere per la squadra”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Tutta la squadra. Mi rendo conto che allenarsi con me a loro non serve dal punto di vista sportivo, perché sono molto superiori, ma lo fanno ugualmente e per questo

li ringrazio veramente tanto. Naturalmente in questi ringraziamenti rientra Daniele e il manager che mi hanno fatto sentire a casa, e mi hanno aiutato anche quando ho pensato di lasciare perché stavo affrontando un momento difficile, loro mi sono stati vicino e io sono sempre qua e adesso sono felice di esserci”. Prova a convincere una donna a praticare questa disciplina. “Fare Braccio di ferro non vuol dire diventare un maschio, è uno sport come tutti gli altri. La donna che gareggia può far vedere chi è, e cosa può fare. È importante riuscire a confrontarsi con gli altri. Questo sport non nega la mia femminilità. Le unghie le porto corte perché devo farlo per regolamento, ma sempre con lo smalto. Le donne non praticando questo sport si perdono molto”.

F.B.F.I.: Federazione Braccio di Ferro Italia

L

e donne che si dedicano al Braccio di ferro sono poche, ma quello che lo fanno ci mettono tanto impegno e passione, come Michela Russo 38 anni, da poco più di un anno con i Tyrsenoi. “Mi sono avvicinata a questa disciplina per caso. Sono andata a vedere gareggiare un mio amico, che poi ha smesso, ai Campionati italiani. In quella occasione sono rimasta molto colpita, non conoscevo la disciplina, mi è piaciuta ed ho deciso di provare. Mi sono trovata benissimo, oltre alla soddisfazione sportiva ho trovato una famiglia, io non gareggio mai per me, mi piace vincere per portare lustro alla squadra”. Com’è andato il 2013? “È stato il mio primo anno di gare, e sono soddisfatta di quello che ho fatto. Devo ringraziare i ragazzi della squadra, che si sono resi disponibili durante gli allenamenti”. Come donna che pratica questa disciplina cosa ti piacerebbe avere? “La possibilità di allenarmi anche con donne. Elisabetta Volponi è molto brava e disponibile, quando mi alleno con lei imparo tante cose, ma essendo di Firenze i nostri incontri sono limitati”. Perché è difficile trovare nuove donne che si avvicinino a questo sport? “Viene visto come una disciplina tipicamente maschile. Qualcuna addirittura mi ha detto che non lo farebbe mai perché le si sciuperebbero le unghie, che vanno tenute corte per regolamento di gara. Forse la donna vede lo sport solo come una questione estetica. Per me non è così, lo sport è relax, e poi il nostro ambiente è molto amichevole, mi trovo proprio bene”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire a vincere i Campionati italiani”. La soddisfazione più bella? “È stata la mia prima competizione, dove ho gareggiato con ragazze più pesanti. Il primo incontro l’ho vinto con una ragazza della mia categoria ed è stata una grande soddisfazione, ho capito che potevo mettere a frutto quello che avevo imparato”.

Da sinistra: Enrico Catanzano, Daniele Sircana, Michela Russo, Nicolò Ragusa

235


236


Motociclismo Motociclisti ovvero appassionati di adrenalina

P

arlare di motociclismo in questi momenti di crisi sembra una cosa fuori dal mondo. Molto spesso dall’esterno i motociclisti che praticano attività agonistica vengono ritenuti dei privilegiati benestanti. Esiste sì, come in ogni sport il privilegiato, buon per lui, non è una colpa, anzi, ma in realtà molto spesso non è così. È vero lo sport motociclistico è dispendioso, la moto, le gomme, le protezioni, i turni in pista per le specialità che lo richiedono, ma l’appassionato è disposto a fare tutti i sacrifici possibili per sentire l’adrenalina che il nostro mezzo ci trasmette. Io stesso da giovane non ho acquistato l’auto pur di non rinunciare alla moto. Dunque l’attività del nostro settore in questo periodo di vacche magre è più difficile per tutti: agonisti, appassionati, Moto club, Team agonistici, i loro sforzi devono essere sostenuti anche da sponsor e molto spesso non è possibile, i marchi che una volta avevano la possibilità di offrire un aiuto, ora arrivano male in fondo all’anno economico, gli sforzi sono numerosi e coloro che praticano il motociclismo sono da apprezzare in modo particolare. I nostri sforzi sono maggiori, ma proprio

Il ricordo di Luciano Fedi di Marco Piazzini, Delegato provinciale FMI

Luciano Fedi alla Coppa del Mare del 1973

per questo hanno un valore particolare, valore aggiunto che deve essere di stimolo per tutti noi. A tal proposito non posso non ricordare un grande appassionato che ha sempre spronato l’attività motociclista a livello sia nazionale sia livornese: Luciano Fedi, scomparso recentemente, è stata una delle figure di spicco nell’attività federale del Motociclismo: Direttore di gara e Commissario di gara, cariche svolte a livello internazionale, delegato provinciale FMI, segretario del Moto club Livorno. Tutti i giovani motociclisti che hanno svolto attività agonistica dagli anni ‘60 fino ai ‘90 sono passati sotto le “amorevoli mani” di Luciano. Chi non è mai andato al banco di elettronica di piazza XX Settembre per parlare di motociclismo praticato? Sempre pronto all’azione, mi ricordo quando come segretario del MCL, volevo organizzare il Supermotard a LivorLuciano Fedi al Campionato mondiale cross 125 del 1976 no. La prima cosa che mi disse fu: “A

Livorno non ce lo faranno mai fare”, ma poi “via Marco dai, diamoci da fare” e partì con le telefonate, e riuscì nel suo intento. La manifestazione fu organizzata ed andò a buon fine. Prendo lo spunto per ricordare anche l’aiuto avuto dagli amici del White Blue Team per la manifestazione. Inoltre, come non menzionare le gare organizzate da Luciano primo fra tutti il Campionato del mondo di Motocross cl. 125 nel circuito di Montenero nel 1976, la “Coppa del Mare” gara di velocità nel 1973 sul lungomare livornese, l’incontro internazionale di motocross fra Italia e Cecoslovacchia sempre a Montenero ed altre. Non c’è bisogno che lo dica, chi pratica e sostiene il motociclismo è sempre dinamico e non ha bisogno di sprone. Con queste parole vogliamo onorare il nome di Luciano e promuovere ed organizzare il motociclismo in modo ancora più intenso, nel rispetto dell’immagine che uno sport come il nostro richiede. Un cordiale saluto a tutti gli sportivi.

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Marco Piazzini, delegato provinciale FMI

237


MOTO CLUB LIVORNO 1921 - 2014 Programma delle manifestazioni 2014 23 marzo • 3° Trofeo sociale aperto a tutti i soci del M.C. e anche ai non iscritti alla F.M.I. La graduatoria finale si baserà su semplici e divertenti prove di abilità e ci saranno ottimi premi di natura gastronomica e non 11 maggio • 36° Motoincontro, aperto a tutti i tipi di moto e scooter con gita turistica e pranzo. Possono partecipare anche i non iscritti alla F.M.I. 15 giugno • 12° Giro della Toscana, prova valida per il trofeo regionale motoraid (regolarità) aperto a tutti i tipi di moto e scooter 13/14 settembre • 1° Giro della Toscana turistico, manifestazione di due giorni all’insegna del sano piacere di guidare la moto per le bellissime strade della nostra regione senza trascurare l’aspetto gastronomico. Aperta a tutti i tipi di moto, anche con passeggera 20/21 Settembre • 22a Mostra - Scambio per moto e auto d’epoca e modernariato, all’interno dell’ippodromo di Livorno

238

Sede: ViaBacchelli, 70 - 57124 Livorno Presidente: Mauro Papucci, 340 2727829 e-mail: epoca@motoclublivorno.com • web: www.motoclublivorno.com


Moto Club Livorno Sempre alta la partecipazione degli appassionati alle manifestazioni organizzate colline livornesi, che è sempre cosa gradita, poi premiazioni, dalle quali, sempre a scopo promozionale, sono esclusi tutti i consiglieri, e pranzo. Il tutto si è svolto nell’area privata davanti alla sede del Moto Club, con buona affluenza di iscritti e soddisfazione per tutti. A maggio si è svolta la 35a edizione del nostro Raduno aperto a tutti i tipi di moto. La manifestazione ha avuto luogo sul sagrato del Santuario di Montenero, con la benedizione delle moto e poi la partenza per il giro turistico, con co-

Mauro Papucci

lazione lungo il percorso e pranzo sul lungomare di Vada. Gli iscritti sono stati numerosi e l’organizzazione ha funzionato a dovere per il piacere di tutti i partecipanti. A giugno abbiamo organizzato la 11a edizione della rievocazione del Giro della Toscana. Si tratta di una gara di Moto Raid valida per il Trofeo Toscano di categoria. Hanno partecipato numerosi concorrenti toscani ma anche di altre regioni, anche se fuori classifica, perché ormai affezionati alla nostra manifestazione da quando faceva parte del Campionati Italiano. La gara si è svolta regolarmente, con un’ottima organizzazione, come nella tradizione del Moto Club Livorno, permettendo a tutti di passare una sana giornata in serenità, condividendo la passione per questo sport tanto amato da noi motociclisti. Il clou della nostra attività è stata La Mostra-Scambio di settembre, all’Ippodromo Caprilli. Mai come quest’anno ci sono stati espositori di settore così numerosi e qualificati. La risposta del pubblico è stata veramente buona grazie anche alla bella stagione, che forse ha voluto ripagarci del nubifragio, con relativo allagamento dello scorso anno. Anche il prezzo del biglietto, di 2 €, ha favorito il maggior afflusso di pubblico. Si sono svolti buoni affari e tutti gli espositori sono rimasti soddisfatti. La nostra speranza è quella di sviluppare anno dopo anno questa manifestazione e farla crescere sempre nell’interesse del Moto Club e della città. Il programma del Moto Club del 2014 sarà più o meno lo stesso del 2013 cercando sempre di migliorare, grazie alla passione che tutti noi abbiamo e per tenere sempre alta la lunga e importante tradizione del motociclismo livornese. Il presidente del Moto Club Livorno Mauro Papucci

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Q

uest’anno le manifestazioni del Moto Club Livorno sono state abbastanza numerose e hanno avuto un discreto successo. È in atto anche un inizio di riorganizzazione interna nel tentativo di dare sempre maggiore spinta al nostro club. Il 2013 è iniziato a marzo con lo svolgimento del 2° Trofeo Sociale riservato ai soci, ma aperto anche ai non soci affinché tutti potessero partecipare, a scopo promozionale. Si è trattato di una semplice gara sul modello del Moto Raid, dove i partecipanti devono percorrere alcuni tratti ben segnalati, della lunghezza variabile tra 10 e 25 metri circa, in un tempo stabilito. Vengono assegnate delle penalità per ogni centesimo di secondo impiegato in più o in meno. Tra una prova e l’altra si fa un giro turistico sulle

239


240


Dall’enduro al motocross, tutte le vittorie del Moto Club Torre della Meloria

zo posto nel Campionato Toscano categoria Top Driver con la KTM 125 cc. Alo’s, Giordano Manzoni è giunto secondo nella MX 2 Top Driver, Michele Manili e Iacopo Mannucci, primo e terzo nella MX2 categoria Under 21 con le Honda PMR 250 cc, 4T, Matteo Toci terzo nella under 17 125 cc. con la Yamaha PMR, Luca Donati secondo nella MX2 over 40 con la Honda 250 cc 4T PMR oltre ai buonissimi piazzamenti di Antonio Tagliareni, quinto nella 85 cc. con la KTM Alo’s, Alessio Cardelli quarto nella MX1 over 40, Marco Zeppi sesto nella Over 21 MX1 e Alessandro Guidi quarto nella MX2 over 40. Davvero grandi risultati ottenuti grazie al grande impegno dei piloti e l’ot-

L

a stagione 2013 è stata archiviata e importanti affermazioni si sono andate ad aggiungere al già ricco palmares del sodalizio livornese. Una società che vede difendere i suoi colori dai più forti piloti dell’enduro e del motocross toscani. La stagione 2013 ha visto i piloti del Moto Club Torre della Meloria - Team Lanzi Macota primeggiare nei vari campionati di enduro e motocross sia a livello regionale, che nazionale. Iniziamo dall’enduro, Marco Casucci con la KTM 450 4T Alo’s ha vinto la classifica assoluta, oltre alla sua classe, nel campionato toscano e per un solo punto ha perso la terza posizione nell’italiano senior. Sempre nel campionato regionale Enduro bellissima vittoria di classe per Andrea Sassoli con la KTM 300 2T Alo’s. Risultato di prestigio anche nella Sei Giorni Internazionale di Enduro svoltasi in Sardegna, centocinquanta squadre di tre piloti per un totale di quattrocentocinquanta piloti provenienti da tutto

il mondo, la squadra livornese composta da Fabio Occhiolini, Daniele Tellini e Glauco Ciarpaglini ha conquistato la diciassettesima posizione assoluta e la settima tra le italiane, per la prima volta un sodalizio livornese ha partecipato alla gara di enduro più prestigiosa del mondo ottenendo un risultato di grande prestigio. Sempre nell’enduro ottimo piazzamento nel campionato toscano per Emanuele Bigiarini, quinto nella 450 4T e Marco Ceccarelli sesto nella 125 cc. 2T. Anche nel motocross i risultati sono stati ottimi, Fabio Occhiolini ha centrato una vittoria ed un terzo posto in due prove nell’italiano over 40 campionato che non ha continuato per preparare la sua partecipazione alla Sei Giorni, ha inoltre vinto il Campionato Toscano over 40 ed il trofeo Yamaha riservato al pilota che nei vari campionati, italiano + regionale, conseguisce il maggior punteggio. Lorenzo e Michele Galluzzi hanno conquistato il primo ed il ter-

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

Delusione per la mancata realizzazione di un centro motoristico polivalente

241


242


dall’Amministrazione comunale, dopo l’individuazione di una zona da dedicare al motorismo da parte della giunta del sindaco Lamberti, dopo il parere favorevole della Regione Toscana, dopo anni di rinvii pensavamo che nel suo ultimo periodo la giunta presieduta dal sindaco Cosimi facesse il suo dovere, ovvero darci il via alla costruzione... ed invece niente, dopo numerosi nostri appelli ed inviti ad assemblee pubbliche alle quali non si è mai degnato di intervenire, ne delegare qualcuno, sta finendo il suo mandato e non è successo niente. Come cittadini, come dirigenti e come sportivi esigiamo una risposta dal nostro signor Sindaco... deve spiegare perché su quell’area che ha tutte le caratteristiche tecniche a posto, lui e la sua giunta hanno dato un No politico, quando la tecnica dice che l’impianto può sorgere.

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

timo lavoro del team con il responsabile Ivano Zanatta, il direttore sportivo Alessandro Galluzzi, il responsabile enduro Fabio Brocchi e grazie all’importante supporto di aziende come il Prosciuttificio Lanzi di Norcia, la Macota autocosmesi e colori, la Maglieria Francesca, Toci Roberto conc. Joannes, Inplaf, Fulgida, Borri Bibbiena, CGM3Esse, C.G.M., Labromare, Capaldi Pneumatici, KM2006 lavorazione pelli, Dekor Toscana, LMC Meccanica, Maggi Massimo ed il gradito supporto di aziende che operano nel settore come Pirelli Pneumatici, FM abbigliamento, Elf lubrificanti, Ognibene Franco, D.I.D., Nissin, PMR Moto, KTM Alo’s che hanno fornito i migliori materiali, a Jonathan Domenici che ci ha reso visibili sul Web alla ditta Fratelli Santucci che ci tiene in ordine tutti i nostri mezzi, camion e furgoni per gli spostamenti, alla stampa livornese che rende visibile al pubblico il nostro lavoro sui campi di gara di tutta la nostra Italia. Purtroppo oltre ai risultati sportivi attendevamo anche un altro importantissimo risultato, quello di far sorgere a Livorno un importantissimo centro motoristico polivalente, dopo anni di attesa, otto per la precisione, pensavamo che in base a tutte le documentazioni fornite e richieste

Nelle immagini Campionato toscano Enduro seconda prova Massa Marittima 16.03 243


244


Moto Club White Blue Team Cresce nelle specialità di velocità in circuito

Nico Morelli

sificato 11° assoluto. Ottimo risultato se si pensa che per la prima volta il pilota labronico ha partecipato alle competizioni in sella ad una moto in configurazione Superbike. Adriano Ferrarini su Suzuki 250 RMZ della CRM, ha partecipato ad alcune gare del Campionato Regionale Motocross classe MX2, ben figurando nelle prove di Ponte a Egola e di Ponte alla Chiassa. Ferrarini ha anche contribuito in maniera determinante allo sviluppo della nuovissima moto CRM, costruita interamente a Livorno che ha la peculiarità unica al mondo di avere un telaio completamente in fibra di carbonio. La CRM 250 in carbonio versione 2014, progettata da un altro livornese, Flavio Cavallini, parteciperà quest’anno al Campionato del Mondo femminile. Nel motocross d’epoca ancora soddisfazio-

Adriano Ferrarini

ni sono arrivate dal forte pilota Gianluca Gonnelli. Il forte centauro, 5 volte Campione Italiano della specialità, ha portato al debutto la sua Kawasaki 125 ottenendo prestigiosi risultati e la vittoria assoluta in ben 2 manches. Per quanto riguarda il settore giovanile, la mancanza di impianti vicini e la scarsa volontà del Comune a crearne, solo il quattordicenne Matteo Cinini è riuscito a svolgere un’attività agonistica, disputando alcune gare di Campionato Toscano.

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

S

empre attiva la partecipazione del Moto Club White Blue Team nelle varie specialità motociclistiche in campo nazionale. Accantonate le specialità di motocross ed enduro sempre in salita, a causa dei regolamenti nazionali e delle regolamentazioni locali, che vedono l’impossibilità di praticare questi sport, il sodalizio livornese è andato avanti nelle specialità di velocità in circuito. Il veloce pilota ardenzino Nico Morelli, si è cimentato per la prima volta nel campionato Polini Italian Cup, gare di velocità in sccoter, in sella ad un Piaggio assistito in gara dalla Ciemme Motor Sport di Castorvillari (Cosenza), aggiudicandosi 6 delle 12 manches in programma nel campionato. Sfumata purtroppo la vittoria assoluta nel Campionato causa un infortunio che non gli ha permesso di partecipare ad una gara, conquista comunque il secondo gradino del podio. Buone anche le prestazioni di Filippo Bianchini, anche lui su Piaggio, che ha ottenuto brillanti risultati alle gare a Castelletto di Branduzzo e a Viterbo. Nella velocità in pista, Campionato Michelin Power Cup, Manuel Del Greco, in sella ad una Yamaha R1 cc.1000, si è cals-

Manuel Del Greco

245


246


Moto Club STOP & GO

UMBERTO FALASCHI

L’INTERVISTA

Da 16 a 80 anni: i veri appassionati non si fermano mai

“Come presidente vorrei che il Club crescere di numero e con buoni risultati. Mi piacerebbe che anche i giovani si avvicinassero, per crescere sportivamente con noi, come sta facendo Manuel. Come atleta, invece, mi piacerebbe vincere nel 2014 la Master Cup o il National Trophy” Chi ti senti di ringraziare? “La Falaschi Moto e la Suzuki Italia sponsor del Moto Club. Poi mio padre, Enrico Falaschi che è sempre presente alle gare, il consigliere Panella Jonathan, anche lui ci segue alle gare ed è sempre pronto a dare una mano, così come Giovanni Brandoli, altro consigliere sempre disponibile, Giancarlo Cordoni un tesserato molto attivo, nonostante i suoi 80 anni, Frank Ristori grande appassionato e Marco Moretto, il vicepresidente, che appena può ci aiuta”. Altre attività? “Nel corso degli anni ci siamo dilettati anche ad organizzare corsi di guida per dilettanti, cercando di avvicinarli all’agonismo”. Quando hai iniziato? “Da bambino con le minimoto, grazie agli insegnamenti di mio padre, e già a quel tempo avem-

mo buoni risultati anche in quella categoria. Poi ci siamo fermati fino al 2005, quando abbiamo ricominciato vincendo subito all’esordio il Trofeo italiano Amatori. Da allora abbiamo proseguito sempre con ottimi risultati. Complessivamente, ad oggi, abbiamo partecipato a 120 gare, con circa 95 podi, e posso affermare di essermi tolto qualche soddisfazione”. Che caratteristica deve avere chi vuol fare questo sport? “Richiede tanto sacrificio sia dal punto di vista fisico che economico. Ci vuole un’ottima preparazione atletica, tanta concentrazione mentale, forza fisica, fiato. Facciamo bicicletta, palestra e tanta pista con la moto per non perdere l’occhio alla velocità, alla lucidità mentale e alla concentrazione”. Dove fate la pista? “Purtroppo in Toscana ce n’è una sola che è quella del Mugello”. Il nome del Club come nasce? “Lo abbiamo deciso con tutti i soci. Lo stop e il go sono le fasi tecniche delle corse: lo stop quando ti fermi per cambiare una gomma o altro, e poi il go per ripartire. Inoltre, era un nome che non aveva nessuno e così lo abbiamo adottato”.

F.M.I.: Federazione Motociclistica Italiana

U

n punto di riferimenti per il motociclismo della provincia di Livorno è Falaschi Moto con il suo Club Stop & Go, il cui presidente Umberto Falaschi vive a tempo pieno fra le due ruote. Qual è la storia del Club? “Il nostro Club è nato per la passione di alcuni per le moto e le gare, ed è stato fondato nel 2005 da un gruppo di amici che volevano dedicarsi all’agonismo, finalizzato alla promozione sportiva. Ci siamo sempre occupati di gare nazionali”. Le vostre attività? “Come Moto Club abbiamo vinto tre titoli ai Campionati italiani nella categoria amatori, abbiamo vinto nella categoria Irp con Manuel Doria di 16 anni, il Trofeo Honda moto 3, al quale parteciperà nuovamente il prossimo anno con il Team di Iannone. Organizziamo, inoltre, anche varie gite a livello sociale, promuovendo il mototurismo”. Com’andato il 2013? “Bene. Abbiamo gareggiato in tre categorie, io ho affrontato con la 600 Supersport il Trofeo Master Cup e la National Trophy, abbiamo poi partecipato al Trofeo Moto 3 con Manuel Doria e con il pilota Dario Cecconi abbiamo fatto tre gare stradali in Irlanda, sull’Isola di Man”. Progetti per il 2014? “Ripeteremo le tre gare sull’Isola di Man, la Master Cup, il National Trophy e il Trofeo Honda”. La soddisfazione più bella avuto come presidente nel 2013? “Vedere Manuel crescere e sapere che è una promessa del motociclismo italiano”. Un sogno nel cassetto?

Nelle immagini Umberto Falaschi durante le competizioni

247


! i o n a e m e i s n i o v o di nu

www.melazetagrafica.it

...

Lu

TI

RET

ER ca F

Click!

Dall’esperienza del passato... oggi insieme per costruire un futuro ancor piÚ avvincente! Together to be 248

Per informazioni : contattare le segreterie La Bastia 0586 424222

4974 Piscine Comunali 0586 80 65 Nuoto Livorno 0586 5053


Nuoto Un carniere stracolmo di medaglie per il Nuoto Livorno Martina De Memme regina assoluta del’estate 2013 di Andrea Masini

Martina De Memme alle Universiadi in Kazan

Federico Turrini ai Campionati Assoluti

nale) nei 400 Misti. Un campionato, quello di Riccione, che ha incoronato anche Martina De Memme, regina dei 400 e 800 Stile Libero nonché protagonista assoluta dell’estate 2013. Ma prima di godersi l’incredibile spiedino di metalli composto dai nuotatori livornesi, una menzione su tutte la merita ancora Turrini, protagonista a Verona in occasione della Finale Scudetto (Coppa “Caduti di Brema, vasca da 25 metri) del nuovo record italiano nei 200 Misti (1’54’’53); un crono che lo ha lanciato nell’orbita del nuoto azzurro (e non solo) spalancando appunto le porte di una fase estiva aperta con i Giochi del Mediterraneo (Mersin) e un relativo bottino di 10 medaglie: 4 d’oro griffate De Memme (200, 400, 800 e 4X200 Stile Libero), 2 d’oro (200 Misti e 4X200 Stile Libero) e 2 d’argento (200 Dorso e 400 Mi-

sti) Turrini e altre 2 d’oro di Chiara Masini Luccetti (4X200 Stile Libero e 4X100 Mista), atleta tesserata per il G.S. Forestale ma a tutti gli effetti membra del nucleo labronico. Dalla Turchia alla Russia, con vista su Barcellona. Eppure in tal caso a prendersi tutti gli applausi è stata la stakanovista De Memme, sul gradino più alto del podio anche alle Universiadi di Kazan (400 e 800 Stile Libero) con due gare di rara bellezza tecnica e agonistica. Un autentico treno labronico, che si è proiettato poi sulla Catalunia (finale iridata degli 800 Stile Libero) in compagnia di Turrini, Stefano Franceschi (capo allenatore del Nuoto Livorno e tecnico dello staff azzurro) e Luca Ferretti, punto fermo della nazionale di nuoto in Acque Libere guidata dal ct piombinese Massimo Giuliani,

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

C

on le unghie e con i denti. Con gli occhi della tigre. Con la forza dell’orgoglio in acqua, e con la voce sugli spalti. Concentrati sull’obiettivo. Colpito, e affondato. Al termine di un lunedì incredibile per adrenalina ed emozioni che ha permesso alla Nuoto Livorno di qualificarsi alla Finale Scudetto in programma il 13 aprile (Coppa “Caduti di Brema) sia con la squadra maschile che con il team femminile. La ciliegina su un 2013 che la città di Livorno ricorderà per molto tempo anzi, per sempre. Perché una mole tale di successi e medaglie, forse, non la si era mai vista: nel mese di marzo il via vai sui podi nazionali è cominciato con 3 titoli italiani giovanili (2 di Filippo Dal Maso e 1 di Alessandro Tedesco), da aggiungere ad altre 9 medaglie tra argenti e bronzi. Nel frattempo riflettori accessi pure sugli Open di Spagna, dove Federico Turrini ha inaugurato il suo personale cammino con due ori nei 200 Dorso e 400 Misti, in attesa di uno storico “triplete” agli Assoluti Primaverili (200, 400 Misti e 200 Dorso) con tanto di 1° tempo al mondo (stagio-

249


F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

senza dimenticare i livornesi di stanza ad Ostia, Gabriele Detti e Stefano Morini, e la giudice Cristina Bianchi. A Roma intanto spettacolo pure a livello giovanile, con il primato italiano (categoria Ragazze) di Sara Franceschi durante la Coppa Co.Me.N. di San Marino (un oro e 2 bronzi), 2 titoli italiani e 5 argenti ai Campionati Italiani Giovanili del Foro Italico, mentre Giulia De Fusco dopo le ottime performance offerte agli Assoluti

non ancora al limite della capienza. Tant’è che il nuovo corso (2013/2014) ha portato in dote la seconda medaglia internazionale di Turrini ai recenti Europei di Herning in vasca corta (bronzo nei 400

Luca Ferretti ai Mondiali di Barcellona

Federico Turrini ai Mondiali di Barcellona

di Fondo si è andata a prendere il bronzo nella seconda tappa di Coppa Len svolta a Hoorn (10km), proprio in contemporanea delle ultime fatiche di Turrini (Coppa del Mondo di Eindhoven) e Martina De Memme (doppio titolo italiano a Roma). Bisaccia piena? Decisamente sì. Ma

Misti). Il penultimo sussulto di un 2013 stellare, archiviato con altri due titoli italiani Assoluti (200 e 400 Misti, per un totale di 21 in carriera), un poker d’argenti tra la De Memme e la Masini Luccetti e l’oro della junior Franceschi all’Energy Project Standard Championship (Ucraina). E c’è chi dice che il bello debba ancora venire. La Nuoto Livorno, e la città di Livorno, se lo augurano davvero.

Collegiale a Riccione

250

Marchio Odisport

Nasce dall’unione tra Officina dello Sport e Nuoto Livorno il progetto per il rilancio delle attività sportive e amatoriali della nostra Città. Un progetto ambizioso, che prende lo spunto dai successi sportivi ottenuti negli ultimi anni dalla Nuoto Livorno per cercare di trasferire all’intero sistema natatorio quelle eccellenze che si è stati in grado di costruire nei settori agonistici. Settori capaci di “produrre” risultati in serie così come non accadeva da tempo immemore. Il pensiero, caldeggiato dai vertici di Officina dello Sport e recepito con sod-


attività sportive acquatiche attraverso idee, programmi e condivisione di intenti che dovranno vedere tutti gli attori protagonisti concorrere alla realizzazione di questo progetto comune che, questo è l’auspicio, potrà regalare soddisfazioni paritetiche a quella agonistiche anche

mune da adottare in tutte le piscine livornesi. Un linguaggio fatto di passione, partecipazione emotiva, competenza e disponibilità. Un linguaggio che si dovrà vedere riflesso nelle facce soddisfatte di tutti i soci frequentatori delle piscine e che dovrà essere rappresentato anche e soprattutto dalla soddisfazione di tutti gli operatori di Odisport nel lavorare in una squadra di questo tipo. I punti cardine di questo progetto sono la condivisione ed il senso di appartenenza, che siamo convinti potranno dare una rinnovata spinta positiva ad un ambiente che ha risentito di una serie di

disfazione da quelli di Nuoto Livorno, vede l’impegno verso la causa comune da parte di due Società che possono essere l’una il compendio necessario per l’altra. Da una parte Officina dello Sport con la gestione tecnico - industriale delle piscine anche con sistemi di produzione di Energia da fonti rinnovabili che rappresenta un punto di interesse ma soprattutto la sostenibilità della gestione delle piscine, impianti energivori per eccellenza, dall’altra la Nuoto Livorno con l’esperienza di anni nella gestione dei settori agonistici, ma anche delle attività amatoriali rivolti a tutta la cittadinanza. Un incontro che avviene nella nuova società sportiva Odisport, che sarà compartecipata dalle altre due e che rappresenterà il “motore” per lo sviluppo delle

in tutte le altre attività organizzate in piscina. Attività che saranno tante e che saranno seguite da uno staff tecnico all’avanguardia e con un programma didattico unitario in tutte le piscine livornesi. E proprio l’unitarietà della proposta didattica, a tutti i livelli ed in tutte le Federico Turrini Campionati Assoluti attività, sarà l’aspetto focale di novità rispetto al passato. congiunture negative che lo hanno pePerché il futuro va costruito pensando nalizzato. Perché l’immagine dei 50 e passa bimad un linguaggio tecnico-gestionale cobi con le maglie colorate festanti alla Bastia dopo la prima o comunque una delle prime gare della loro vita, è l’immagine positiva con la quale si è chiusa la scorsa stagione, ma è anche l’immagine positiva con la quale vogliamo che si apra la nuova stagione e quelle ancora a venire. Loro sono l’immagine di Odisport, loro sono l’immagine della gioia, della soddisfazione e della condivisione. Loro sono la base ed il fulcro del nostro modo di fare sport. Loro sono lo spot migliore per poter dire: INSIEME SI PUÒ!!!

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Federico Turrini agli Europei di Herning

NL Swim Camp.

Le Atlete NL Head

Un tuffo dove l’acqua è più blu, un tuffo in compagnia dell’elite del nuoto azzurro che prima ancora rappresenta l’eccellenza del nuoto livornese. Stiamo parlando di Federico Turrini e Martina De Memme, ma soprattutto dei 70 e più ragazzi di scuola Nuoto Livorno che a inizio set-

251


tembre hanno partecipato alla seconda edizione del “NL Swim Camp” tra le corsie della vasca scoperta dello “Stadio del Nuoto” di Riccione. Un’esperienza formativa all’insegna del divertimento (più che della fatica), visto che oltre alle classiche sedute in acqua la comitiva labronica, impreziosita da alcuni gruppi delle sedi distaccate di Follonica, Pescia e Impruneta, si è resa interprete di allenamenti a secco sulla spiaggia e di numerosi momenti di svago divisi tra partite di beach volley, basket e doppio gettone all’Aquafan. Davvero un bel modo per ricaricare le pile, all’indomani di una stagione meravigliosa che, lo ricordiamo, ha prodotto soddisfazioni in

Gruppo Giovanile

Golden Nuoto Livorno a Nizza

oni (7° nei 200 Rana) e Giulia Olmastroni (7° nei 100 e 200 Rana). Di notevole spessore pure l’impatto offerto dai giovani, molti dei quali alla primissima esperienza in un contesto internazionale, ma al contempo capaci di farsi valere conquistando il diritto di gareggiare nelle Finali B e C: “Il dato statistico più interessante –conferma il tecnico Alessandro Spoleti– è rappresentato dai numerosi pass conquistati per le finali (44 atleti sui 70 partecipanti, ndr); un traguardo confortante, che attesta il valore complessivo di una squadra in costante crescita e al quale va aggiunto il prestigio di una gara d’interesse continentale con tutte le differenze e le difficoltà del caso”.

E come se non bastasse, nel mese di gennaio, trasferta ricca di soddisfazioni Filippo Dal Maso ai Campionati Italiani per il team “Aldilà degli aspetti tecnici e agonistilabronico in Costa Azzurra: al cospetto dei migliori club francesi ci –chiosa Carlo Chelli, presidente della e di un nutrito gruppo di atleti Nuoto Livorno– il fatto che ancora una azzurri (Luca Dotto e Ilaria Bian- volta rappresenta, a mio modo di vedechi su tutti), la squadra labronica re, la nostra più grande qualità è la caha infatti conquistato 15 Finali A pacità di stare insieme nel rispetto della per mezzo di esaltanti prestazio- convivenza civile. Ribadisco un concetto che ho già ni targate Erik Regini (4° nei 50 Farfalla, 6°nei 100, 8° nei 50 e 100 espresso più volte, ma che vorrei ribaStile Libero), Alessandro Tedesco dire: portare in giro questi ragazzi è un (4° nei 400 Misti, 8° nei 200 Dor- piacere e un divertimento perché oltre so), Giulia De Fusco (4° nei 1500 ad essere brillanti e intelligenti si muoe 8° negli 800 Stile Libero), Lo- vono sempre con estrema educazione renzo Torre (5° nei 50 Rana), Sara verso gli altri e le strutture che ci ospiFranceschi (quattro volte sesta 6° tano”. nei 200 e 400 Misti, 200 Dorso e 200 Rana), Carlotta Meoli (7° nei Le foto sono di Andrea Masini, Insidefoto, Deepbluemedia, NL Ptoho Service 200 Stile Libero), Lorenzo Matte-

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Sara Franceschi ai Campionati Italiani

quantità industriale, eppure un bel modo di dare il benvenuto ai nuovi arrivati, ovvero Marco Bartolommei (ranista classe ’96 di Piombino), Ludovica Galli (fondista 19enne di Pesaro) e Nicola Bolzonello (atleta tesserato per il C.S. Carabinieri e il Veneto Banca Montebelluna, medagliato europeo in Acque Libere). “Abbiamo scelto nuovamente Riccione –sottolinea Stefano Franceschi, capo allenatore del Nuoto Livorno– perché l’esperienza di un anno fa si rivelò straordinaria. E infatti ne abbiamo avuto conferma, il gruppo partecipante si è allargato e la soddisfazione di p a r t e c i p a re è stata notevolissima per tutti, da Martina e Federico (De Memme e Turrini, ndr) fino alle più piccole Cocco, Sardelli, Bicicchi ecc. La socializzazione e l’allenamento sono il miglior viatico per affrontare la nuova avventura nel modo migliore”.

253


TOMMASO MORINI

L’INTERVISTA

L’anno del debutto. Dario Verani campione europeo juniores nel fondo “Molto bene, anche quest’anno la nostra sinergia con questo team è proseguita”. Quali i risultati degli agonisti più grandi? “Dario Verani è diventato campione europeo juniores nella specialità del fondo, vincendo le finali in Turchia. Poi abbiamo avuto tantissimi altri risultati con Michele Abbagnale, Simone Taccola, Marco Buonasera, Veronica Neri, Thomas Rofrano e Giordano D’Eccliis. Una bella prima squadra, che si è qualificata per i Campionati italiani assoluti con buoni risultati. Sono tutti ragazzi nati fra il ’92 e ‘97”. Com’è andato il campionato europeo? “È stata una bella esperienza che ho condiviso con Samuele Pampana. Prima di arrivare in Turchia abbiamo avuto un mese molto intenso, Dario ha disputato due qualificazioni a Milano dimostrando di essere il più forte. Ad una delle due gare di Milano, quella di 7 chilometri e metri, però non ha trovato l’imbuto, ed è passato accanto all’arrivo. Questo ha comportato la squalifica, ma siccome aveva vinta con molto distacco sugli altri è stato comunque convocato agli europei in Turchia e qui ha vinto. Era la sua prima esperienza, dove sapeva di poter fare bene, era in vantaggio di un centinaio di metri e l’emozione ha giocato in questo senso, sono cose che succedono, fortunatamente è

andato tutto bene, e lo possiamo raccontare sorridendo dell’episodio”. I progetti per il 2014? “Continuare la sinergia con il Team Lombardia, ed allargare il gruppo dei giovani cercando di crescere anche qualche nuova speranza”. Chi vuoi ringraziare? “Davide Borella e Pietro Scola i tecnici della sezione di Cecina che stanno ben lavorando ed hanno una squadra sempre più numerosa e compatta”. Raccontaci i vostri rapporti con l’associazione onlus “Sui passi di Ale”. “Ale era un ragazzo di Cecina che nuotava con il nostro gruppo, scomparso a soli 15 anni a causa di una grave malattia con la quale ha dovuto combattere per diversi anni. Organizziamo una gara di nuoto proprio alla piscina di Cecina, che abbiamo chiamato ‘Nuotare con Ale’ il cui ricavato è devoluto all’associazione che la madre e il padre hanno creato, per aiutare i giovani ragazzi che devono lottare con la malattia. Il testimonial della manifestazione del 2013 è stato Paolo Ruffini e speriamo di poterlo coinvolgere nuovamente per il prossimo anno. Paolo ha aiutato molto il progetto dell’associazione girando un docufilm sul problema e facendosi promotore di questa associazione”.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

D

opo un anno rincontriamo il Team Acqua Sport, che come promesso ha lavorato molto per far crescere il gruppo dei ragazzi. A fare il riassunto della stagione è Tommaso Morini, uno dei tecnici della società, che rientrato a Livorno nel 2011 insieme a Lorenzo Rocchi e Riccardo Balsano ha creato la nuova società che si occupa della scuola nuoto cioè insegnano ai bambini l’abc del nuoto. Inoltre, hanno formato anche una squadra agonistica con delle punte importanti di ragazzi che gareggiano a livello nazionale e partecipano ai Campionati italiani assoluti, tesserati con il Team Lombardia, società nella quale Tommaso ha il ruolo di allenatore. “Possiamo definire il 2013 un po’ come l’anno del nostro debutto, con la convocazione dei nostri gruppi sportivi sia di Cecina che di Livorno. È stato una stagione importante, perché abbiamo dimostrato di essere una società solida nel panorama toscano”. Ricordiamo qual è la vostra filosofia? “Cerchiamo di seguire quello che ci ha spinto ad intraprendere questa strada, cioè trasmettere la passione per gli sport acquatici.” Agonisticamente parlando, come è andato il 2013? “Abbiamo ben figurato nei Campionati regionali a squadre, nella categoria esordienti, con ragazzini molto motivati, come è normale nel nostro spirito, che mette sempre al primo posto il divertimento e l’educazione sportiva, più del risultato che da solo sarebbe fine a se stesso”. Come va il rapporto con il Team Lombardia?

II gruppo di ragazzi della Team Acqua Sport

255


Pallanuoto Nuoto Livorno e Pallanuoto Livorno. Insieme per un grande agonismo Soddisfazioni per la promozione in Serie C di Andrea Masini

in base all’effettivo numero di ragazzi che aderiranno al progetto”.

Serbatoio

“Questo telaio –prosegue Marco Lessi, presidente della Pallanuoto Livorno– dovrà rappresentare il fulcro del sistema, prima attraverso il lavoro comune da compiere durante l’estate negli stabilimenti balneari livornesi dei Tre Ponti e dei Bagni Tirreno (a tal proposito vorrei ringraziare sentitamente Massimo Sichi dei Bagni Tirreno, in qualità di tecnico assai preparato di uno sport come lo Sci Alpino, ndr), e successivamente coltivando la collaborazione che inizierà dalla prossima stagione agonistica con Officina dello Sport al fine di alimentare un vero e proprio serbatoio di bambini per la pallanuoto livornese”.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Settore giovanile

Promozione in Serie C

I

nsieme, per una grande pallanuoto livornese. Un’idea concepita qualche mese fa, e che le due società storiche del panorama acquatico livornese, la Nuoto Livorno e la Pallanuoto Livorno, hanno ufficializzato nei giorni scorsi manifestando un percorso di collaborazione che porterà a condividere la programmazione tecnica della prossima stagione in funzione del comune obiettivo del raggiungimento dei massimi successi sportivi. Obiettivo che dovrà essere garantito anche dalla sostenibilità dell’intero impianto organizzativo, facendo leva sulla comune passione e sul concetto di senso di appartenenza al mondo sportivo natatorio e tentando di ottimizzare le risorse tecnico-organizzative attraverso un’ambizione di prospettiva.

Conduzione tecnica

“Il progetto si articolerà in quattro fondamentali punti –ha commentato Carlo Chelli, presidente del Nuoto Livorno– la

256

conduzione tecnica, il serbatoio, il settore giovanile e le prime squadre; inoltre il fatto che i due club continuino entrambi a esistere e a essere iscritti ai vari campionati è da considerarsi soltanto una risorsa in più per dar modo a quanti più atleti possibile di trovare spazio giocando da protagonisti. Il ruolo di capo allenatore, nonché di direttore tecnico dell’intero settore comune sarà affidato a Federico Romano, mentre gli altri allenatori saranno Fabio De Prophetis, Luca Cossettini, Francesca Romano, Marco Paoli, Jacopo Toninelli, Matteo Chesi, Alice Benni e Federico Gelli, oltre ad eventuali inserimenti da valutare

Sulla stessa lunghezza d’onda, Federico Romano: “Disponendo di un numero tanto elevato di ragazzi, dovremo provvedere gioco forza a dividerli per l’una o per l’altra società considerando che ognuna delle giovanili “forti” dovrà essere seguita da una della categoria superiore della stessa. Ciò consentirà di far maturare esperienza nella categoria superiore, ma aldilà del mero aspetto tecnico il cambiamento sostanziale avvolgerà le metodologie di allenamento. Seguendo il programma tecnico del nostro settore nuoto, che sforna risultati in serie, c’impegneremo a creare i presupposti tecnici per far sì che i nostri giovani creino le basi, cui poi dovranno seguire impegno e forte motivazione, per diventare atleti assoluti di valore, senza cercare nessun

Niccolò Russo


Prime squadre

A chiusura del cerchio il panorama senior: “Verrà mantenuto in toto –chiosa Maurizio Ramacciotti, ex atleta e da poco consigliere della Pallanuoto Livorno– due in C e la femminile in B, utilizzando una delle rappresentative maschili per lanciare i giovani più promettenti; i roster saranno quindi predisposti in base alle capacità tecniche, ma anche e soprattutto alla predisposizione individuale a quei principi sportivi che si ritengono indispensabili per poter essere considerati esempi di riferimento per i ragazzi del vivaio. Perché alla resa dei conti il senso di appartenenza al movimento dovrà cementarsi pure ritrovandosi sugli spalti della ‘Camalich’ per incitare le nostre prime squadre”.

in Serbia. Una piscina ricolma di passione, illuminata dai fumogeni degli ultras ed esplosa al termine delle ostilità per festeggiare la promozione dei ragazzi di Federico Romano. Un traguardo storico per il club dei Tre Ponti, che espugnando la piscina Nannini di Firenze (tana dell’Acquasport, 8-7 lo score finale) ha suggellato una stagione ricca di soddisfazioni, condotta con maestria da un gruppo più unico che raro guidato dall’ardore e l’esperienza di Federico Romano. «Dopo esserlo stato per tanti anni per il nuoto, da domenica l’acqua di Bellariva sarà per me sinonimo di pallanuoto – ha commentato il presidente Carlo Chelli – un campo di battaglia

Promozione in Serie C

dotato di un umorismo superiore e di una passione fuori dal comune. Quello che ci accomuna a lui non sono le competenze o il desiderio di eccellere, ma quello che ci fa stare insieme bene, con stima e rispetto profondi, è il cuore». Ciò che però merita un plauso particolare sono senza dubbio i passi in avanti compiuti dal settore giovanile con il primo posto nel girone Under 20 (Nuoto Livorno), la vittoria in Toscana dell’Under 17 (Pallanuoto Livorno), protagonista poi anche nel raggruppamento interregionale, e il bis di pass per le Final Four Re-

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

risultato immediato per mezzo di un lavoro di condizionamento fisico e psicologico troppo impegnativo.

Final Four Regionali Under13

Nel frattempo l’avventura è iniziata nel migliori dei modi. E l’auspicio comune è quello nel giro di qualche anno di fare in modo che la pallanuoto livornese non sia perennemente il “figlio minore” del nuoto, ma assuma un ruolo e un’importanza centrale negli sport agonistici di vertice della nostra città.

Doppia Serie C

Se da un lato la Pallanuoto Livorno la categoria l’ha salvata, dall’altra la Nuoto Livorno l’ha conquistata. In una vera e propria bolgia, degna della tradizione balcanica. Nel senso che, un clima del genere solitamente lo si trova in Croazia e

che ci ha regalato il nostro primo campionato vinto, quello che dalla Promozione ci porta in serie C, un risultato sportivo che in sé potrebbe voler dire poco, ma che in realtà nasconde un bel po’ di cose in più; quindi onore al merito a tutti i ragazzi e a un super Federico Romano, abbiamo creduto in lui, nelle sue capacità professionali, nei suoi valori e nella sua sagacia. Federico prima di essere un bravo allenatore è un uomo intelligente,

Fabio De Prophetis

gionale colte dai gruppi Under 13, segno tangibile di un vivaio che sta pian piano rinascendo.

Le foto sono di Andrea Masini, Insidefoto, Deepbluemedia, NL Ptoho Service 257


258


U

Under 19 eccellenza.

I ragazzi hanno raggiunto direttamente le finali nazionali di Udine. In campionato sono arrivati al 3° posto, ed alle finali nazionali sono usciti dopo la prima fase, arrivando ottavi su dodici partecipanti.

Under 17 eccellenza.

L’ostacolo con le finali nazionali under 17 è stato lo spareggio contro l’Avellino, giocato in campo neutro a Roma. Partita persa e occasione sfumata per un soffio.

Under 15 eccellenza

Raggiunta l’interzona con la posizione di secondi in campionato. Una volta arrivati all’obiettivo i ragazzi si sono piazzati al secondo posto, strappando così un bi-

Pallacanestro Don Bosco Basket, una società in crescita Puntando sui giovani si coltiva il futuro glietti per le finali nazionali di Cento. La squadra ha concluso fra le prime otto d’Italia.

Under 14

Ha disputato un buon campionato senza tuttavia raggiungere traguardi importanti.

Under 13 blu

La squadra ha dominato il campionato finendo da sola al 1° posto. Gli atleti hanno affrontato anche la seconda fase con determinazione riuscendo a ribaltare la differenza canestri sull’insidioso e mai scontato campo di Sancat Firenze (che fra le altre cose si è piazzata come miglior seconda).

Gli Under 13 si sono qualificati al Final Four regionali a San Giovanni Val d’Arno, dove si sono confrontati con l’Use Empoli, il Sancat Firenze e il Pol. Galli. Dopo il primo giorno di gare il Don Bosco ha vinto contro Empoli arrivando in finale al 1°-2° posto, per poi incontrare i padroni di casa Pol. Galli che si sono aggiudicati la partita. Under 13 rosso (formica - bargigli) Buon Campionato anche per questa squadra, che contro ogni pronostico strappa al 6° posto un biglietto per la seconda fase. Qui però non brillano particolarmente, anche perché devono confrontarsi con le squadre di massimo livello della Toscana.

ANDREA DA PRATO

L’INTERVISTA

Identikit di un coach, l’importanza dei buoni rapporti con gli atleti

Q

uando la passione colpisce in modo massiccio, liberarsene diventa difficile e si è “condannati” a portare avanti, in un ruolo o nell’altro, il proprio amore per la disciplina prescelta. Così è capitato, ma è in buona e numerosa compagnia, ad Andrea Da Prato classe ‘68 che ha cominciato a giocare a Basket da piccolo nella Libertas e nel Don Bosco fino a 18 anni. A 21 ha iniziato a dedicarsi al ruolo di allenatore, sempre nel Don Bosco, occupandosi dei ragazzi del minibasket e facendo da assistente alle squadre più grandi, con allenatori molto bravi che adesso sono arrivati a livello nazionale, come Luca Banchi che attualmente è il coach dell’Armani Jeans a Milano in A, e sta facendo l’Euro Lega o Alessandro Ra-

magli tecnico della Tezenis Verona. Dopo dieci anni di esperienza a Livorno, passa alle categorie senior ed allena 5 anni a Empoli, 2 a Firenze e poi a Omega per altre due stagioni. Da 4 anni è tornato al Don Bosco e si occupa prevalentemente del settore giovanile. Negli ultimi due anni ha assunto anche la guida tecnica della squadra in serie B, che poi ha una grandissima componente giovanile, infatti, in squadra ci sono ben otto atleti che fanno parte della under 19. Possiamo fare una distinzione fra il tecnico del passato e quello di oggi? “Sicuramente, 20 anni fa, al tecnico si chiedeva di avere soprattutto caratteristiche tecniche e tattiche. Adesso la componente mentale e psicologica, soprattutto

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

na società, il Don Bosco, che sta risorgendo puntando sui giovani. Riassumiamo la stagione 2012 – 2013 nelle diverse categorie. DNB Per quanto riguarda la divisone Nazionale B, il campionato è stato veramente buono, la parola playoff era sulla bocca di molti sostenitori della squadra, per la maggior parte del campionato, obiettivo non raggiunto per una sola posizione, infatti, la prima squadra ha concluso il campionato al 9° posto.

259


F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro 260

per i ragazzi che affrontano per la prima volta un campionato, è molto importante. Così la figura dei mental coach o degli psicologi si è diffusa sempre più, perché adesso il modo in cui ci si relaziona con gli atleti è molto importante. Con i ragazzi di oggi è molto problematico parlare, in quanto ognuno ha una storia diversa, una famiglia diversa, delle problematiche diverse. Mentre prima i ragazzi erano molto più simili fra loro, ed il modello di riferimento nelle relazioni, poteva essere similare, oggi non è più possibile, il tecnico si deve adattare a chi ha di fronte, deve essere camaleontico e sapere se essere più o meno severo, se comportarsi da fratello maggiore, da amico o da padre. Adesso ciò fa la differenza, ed è indispensabile riuscire a trovare la chiave giusta per far rendere i ragazzi al 100%”. Lei urla in campo (pratica piuttosto antica)? “Sì, ma quando è necessario. Anche urlare rientra nella psicologia di un allenatore. Non si può alzare sempre la voce, altrimenti nessuno ti ascolta, perché diventa un’abitudine. Si urla quando la squadra deve essere richiamata all’attenzione su

un aspetto particolare. Io non urlo molto, perché guardo soprattutto all’intensità, infatti, le mie squadra sono sprecise, ma intense”. Cosa intende per sprecise? “L’allenatore ordinato e schematico guarda a quanto è preciso il gioco, io invece preferisco che i ragazzi stiano in campo con intensità e grinta, e questo li porterà ovviamente a compiere più errori, ad essere così più sprecisi. Chi è preciso però ha un gioco più lento, mentre secondo me il basket è veloce, adatto a menti rapide. Quindi urlo nella misura in cui cerco di stimolare i ragazzi, non per massacrarli o ridurli a soldatini, voglio ragazzi che pensano”. Che differenza c’è fra allenare bambini e agonisti? “Con gli agonisti, soprattutto quelli che hanno più esperienza, il mio compito è di programmare un allenamento equilibrato, adatto alle loro caratteristiche fisiche. Con i giovani è diverso, vanno seguiti e indirizzati in tutto, compreso il ricordare loro di asciugarsi i capelli dopo la doccia ed evitare di prendere freddo e ammalarsi”. La caratteristica più importante di un tecnico? “Sono tante, fondamentalmente deve essere un mixer. La prima che mi viene in mente è la capacità di dare sicurezza, perché deve essere un punto di riferimento, e soprattutto essere equo nei rapporti. Inoltre, deve avere un background di cestistica, perché i ragazzi fanno delle domande per imparare, ma anche per metterti alla prova, ed infine, come già detto bisogna essere anche un po’ psicologo, anche se questa è una parola grossa e impegnativa”. Le è mai capitato di dover dire a qualche atleta che non era portato per il basket? “Mi è capitato di spiegare a dei ragazzi che non erano al top della squadra di provare a fare i tecnici o gli arbitri. Quelli che hanno la passione, ma non giocano bene e si stanno demotivando, prima che lascino l’ambiente, cerco di coinvolgerli in altri ruoli. Dire che non sei tagliato per questo sport non è una Nelle immagini Il coach Andrea Da Prato cosa bella, non lo faccio. A me è caLe foto sono di Andrea Trifiletti pitato a 14 anni e non è stato facile”.

La soddisfazione più bella? “Sul piano sportivo la vittoria della Coppa Italia con l’Empoli nel 2007 in serie B, vinta al Forum di Milano dopo una partita molto difficile. Da un punto di vista umano, l’aver incontrato dopo qualche anno, il padre di un ragazzo che allenavo, che mi ha abbracciato per salutarmi, e mi ha raccontato che suo figlio continua a seguirmi attraverso i giornali”. Un’esperienza da dimenticare? “La mia pessima scelta di andare ad allenare una squadra che non era adatta alle mie caratteristiche. Dovevo accorgermi subito che non ero la persona giusta per quella realtà”. Un sogno nel cassetto? “Cercare di fare sempre meglio e portare a Livorno uno scudetto giovanile”. Si sente di ringraziare qualcuno? “Tante persone. Tutti quelli che mi hanno dato l’opportunità di percorrere questa strada, a partire dal Don Bosco, e tutti i collaboratori incontrati nel tempo”. Antonella De Vito


MARIO ALBERTO GIGENA

L’INTERVISTA

I

fratelli Gigena sono molti noti nel mondo cestistico e soprattutto sono molto amati a Livorno, dove hanno iniziato la loro carriera anni fa, arrivando dall’Argentina. Incontriamo negli spogliatoi del Don Bosco Mario Alberto Gigena, 36 anni. Raccontaci la tua storia sportiva. “Sono di origine italo - argentina e sono venuto in Italia a 14 anni per diventare un professionista di Basket, ed ho iniziato proprio dal Don Bosco, con mio fratello. Ho giocato nel ruolo di ala piccola nelle giovanili e nella stagione 1996-97 ho debuttato in serie A2. Dal 1999 al 2003 ho militato quasi ininterrottamente, salvo una breve parentesi con la Pallacanestro Varese, con l’Aurora Jesi. Mi sono poi trasferito all’Olimpia Milano, dove con l’Armani Jeans ho raggiunto la finale dei playoff scudetto nel 2005. Nell’estate del 2007 sono passato alla Nuova Sebastiani Basket Rieti con un contratto triennale. Nell’autunno del 2009 i molteplici problemi della società, che nel frattempo si era trasferita a Napoli, mi hanno spinto a cercare un’altra sistemazione che ho trovato a dicembre con Veroli, club di Legadue.

Nella stagione 2010-2011, assieme a mio fratello Silvio, ho fatto parte del roster dell’Ostuni Basket. Un anno dopo ho giocato a Fabriano, ma nel febbraio 2012 sono stato ingaggiato dal Recanati sempre in DNA. Nell’inverno della stagione 2012-2013 mi sono trasferito in Argentina per giocare con l’Obras. Nell’estate 2013 sono tornato al Don Bosco”. Progetti futuri? “Giocare finché mi diverto, fino a quando avrò gli stimoli. Non ho pensato al futuro, poi vedrò. Mi piacerebbe, forse, fare qualcosa con i bambini”. L’esperienza più bella? “Quando sono stato a Milano, ed ho raggiunto il top della mia carriera, sfiorando uno scudetto, perso all’ultimo secondo. Ma potrei elencare tante altre cose belle che ho vissuto andando in giro per l’Italia”. Dove sei stato meglio? “Sono stato bene ovunque, ma più di tutto a Milano, che è una città grande ed inizialmente si fatica ad inserirsi, ma quando ci si riesci, ti dà tanto in cambio, anche amicizie vere”. Un’esperienza da dimenticare? “Aver aspettato tanto per fare una scelta che dovevo fare prima e andare via da una società dove non mi trovavo bene, anche perché c’erano problemi economici”. Un sogno nel cassetto? “Continuare a giocare ancora a Livorno. Ho due figlie piccole una di sei anni e l’altra di sei mesi”. Vuoi ringraziare qualcuno? “Ci tengo a ringraziare la famiglia d’Alesio che mi ha aperto le porte al professionismo. Quando sono arrivato a Livorno era proprietaria del Don Bosco, ha creduto in noi e ci ha dato delle possibilità. Naturalmente ci sono molti altri che vorrei ringraziare, ma sarebbe troppo lungo citare tutti”. Qual è stata la molla che ti ha fatto iniziare a giocare a basket? “Io e mio fratello eravamo più alti della media e vicino casa avevamo un campetto dove andavamo a giocare a pallacanestro”. Quali emozioni ti dà questa disciplina? “Ogni azione è diversa, non è uno sport monotono, fino alla fine devi avere il controllo della palla. Inoltre, è una disciplina veloce e richiede prontezza fisica e mentale. E poi è bel-

lo perché è uno sport di squadra e si imparano tante cose stando con gli altri”. Quale la caratteristica più importante di un atleta? “Impegno e dedizione a quello che si fa. Ed essere costanti”. Il complimento più bello che ti hanno fatto? “Ne ho avuto tanti belli. Forse quello che preferivo era quando un amico o sul giornale, mi classificavano come giocatore di squadra, uno che fa spogliatoio”. Una critica immeritata? “Quando scrissero che ero solo un buon difensore e non un attaccante; ma queste sono etichette che ti danno quando la stagione non va molto bene”. A.D.V.

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

Campione internazionale. Giocare e divertirsi finché ci sono gli stimoli giusti

Nelle immagini Mario Alberto Gigena Le foto sono di Andrea Trifiletti

261


262


Terza ed ultima gara del Mondiale

Pesca da natante MARCO VOLPI

Una supremazia assoluta: un anno di “sole” vittorie

L’INTERVISTA

Due dentici presi a pochi minuti uno dall’altro

Come è possibile restare in barca tutto questo tempo, ogni giorno? “È necessario stare bene fisicamente, oltre che di testa, altrimenti non si regge lo stress. La barca si muove sempre, anche quando il mare è buono, e questo mette sotto pressione tutti i muscoli, sul momento non lo percepisci perché restare in equilibrio è istintivo, ma in realtà è una bella fatica che aumenta ancora più quando hai una canna in mano. Bisogna allenarsi costantemente a stare in barca”. Come è andato il Mondiale a squadre? “Si è svolto a Setubal in Portogallo, dove conoscevo abbastanza bene i campi gara, perché era già il quarto mondiale che vi facevo. Comunque siamo andati ugualmente qualche giorno prima a fare un sopralluogo. Avevamo le idee molto chiare, ed infatti,

abbiamo fatto bene, vincendo la prima e la terza prova, e conquistando il secondo posto nella seconda competizione, stravincendo così il Campionato mondiale a squadre”. Da chi era formata la squadra? “Oltre a me, c’era Paolo Volpini, Mauro Salvadorini e come terza forza il padre Domenico. È stata per i Salvadorini una grande soddisfazione, già essere padre e figlio, insieme nella nazionale è una bella esperienza, ma vincere un mondiale insieme è veramente grandioso. Domenico ha 62 anni e Mauro 35 ed hanno potuto vivere questa emozione perché la pesca è uno sport che consente di dedicarsi all’agonismo anche in età avanzata, almeno fino a quando uno è in salute e ci vede bene. In altre discipline non sarebbe stato possibile”. Raccontaci invece del Mondiale individuale.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

U

n altro anno positivo per Marco Volpi che non smette di stupirci con i suoi successi agonistici, dimostrando una supremazia assoluto in campo internazionale. Inoltre, c’è anche da sottolineare, che le sue vittorie non sono mai sul filo del rasoio, ma il distacco che dà ai suoi avversari è sempre molto grande. Insomma, non ci sono dubbi che sia “Il Pescatore” con “I” e “P” maiuscole. Raccontaci il tuo 2013. “È stato ancora più positivo dell’anno precedente, perché ho vinto il mondiale a squadre e l’individuale in Portogallo. Ho così raggiunto il sesto titolo individuale e il ventiquattresimo in totale”. Un anno molto prolifero di successi. “A livello agonistico ho vinto praticamente tutto, mi hanno assegnato nuovamente l’Amo d’Oro come miglior agonista dell’anno. Come società ho vinto gli italiani e la classifica individuale, ho vinto poi la super sfida, che sarebbe l’ultima qualificazione per gli italiani, dove ci sono i migliori dodici pescatori d’Italia, selezionati attraverso diverse competizioni. L’ultima gara rappresenta la super sfida, e vi partecipano i sei atleti della nazionale più i sei selezionati. Anche questa non è per me una novità, in 25 anni di carriera ho vinto questa super sfida 23 volte, e mi dà sempre soddisfazione perché è la competizione più importante in Italia, conta anche più del Campionato italiano individuale. I gareggianti sono tutti su un’unica barca, per due gare al giorno, per un totale di otto competizioni. Considerato che ogni gara dura almeno 5 ore, più i tempi di trasferimento, si resta in mare dalle 14 alle 15 ore”.

263


264


“Sì, ed è una attività che mi dà molta visibilità, più dell’agonismo. Chi mi vuole seguire deve andare sul canale 811 di Sky che è in chiara, basta avere la parabola. Altrimenti su YouTube, digitando il mio nome escono molti dei filmati che ho realizzato”. Non hai paura di svelare troppi segreti? “No, a me fa piacere ricevere i complimenti e i ringraziamenti di quelli che mettendo in pratica i miei insegnamenti si sono trovati bene, ed hanno sperimentato che funzionano. Magari a livello agonistico mi tengo qualcosa per me, ma nella pesca dilettantistica no, anzi mi gratifica spiegare trucchi o tecniche che ho scoperto e messo in pratica da anni. È inutile tenersi tutto per sé”. L’emozione più bella del 2013? “A livello sportivo naturalmente il Campionato del mondo individuale, che è il top per un agonista, un’esperienza alla quale ripensi per tutto l’anno successivo. A livello di pesca le emozioni sono tante perché vado molto in mare e prendo tanti pesci. La migliore del 2013 è stata quando durante le vacanze estive all’Elba ho invitato un amico a pesca, ma in tutta la mattina non abbiamo preso niente, così ho deciso di cambiare zona e dopo venti minuti sono entrato in un branco di Ricciole, ne ho agganciata una di 25 chili, ci abbiamo messo mezz’ora per tirarla su, e naturalmente ho fatto partecipare anche il mio amico nei momenti in cui la preda era più stanca. Una bella emozione, nei nostri mari non è facilissimo prendere un pesce così”. Riesci a riconoscere il tipo di pesce e le dimensioni quando è ancora in mare?

“Sì, è una cosa normale per me, talvolta riesco anche a capire su che amo è, se sul primo in alto o il primo in basso. Ogni pesce ha una sua tirata, con l’esperienza si comprende anche se si tratta di uno o più pesci che stanno mangiando sullo stesso amo”. Ma non ti sei stancato di vincere, l’emozione non cambia con il tempo? “L’emozione c’è sempre. A me piace vincere, perché è l’ultimo anello dei sacrifici che faccio tutto l’anno, anzi da tutta la vita. Ogni vittoria è sofferta, è voluta. Fino a quando c’è questa voglia è bello vincere”. Cosa hai in programma per il 2014? “Ci sono delle belle gare in programma, perché il mondiale per nazioni nel sud dell’Inghilterra ha un campo gara bellissimo, ci sono stato solo una volta, nel 2005, nell’unico mondiale organizzato dall’Inghilterra, dove vinsi come individuale e anche a squadra. Un campo di gara che possiamo definire come la Wimbledon della pesca, perché è bellissimo per la quantità, per la qualità e per la diversità delle specie. Un posto difficile, con correnti fortissime, provocate dalle maree con un dislivello di sei metri. L’altro mondiale, quello per club, al quale parteciperò per la Tubertini, si svolge in Portogallo, anche questo in un campo importante. Saranno due campionati eccezionali, in posti pescosi e con organizzazioni perfette”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì, voglio ringraziare tutti quelli che mi seguono in televisione e sull’Almanacco. Sono tanti i livornesi che tifano per me, è un popolo che mi sostiene, non certo le autorità locali. Mi piace che sia così, perché la gente che mi sostiene è quella vera, sincera, spontanea”.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

“Le prove si sono svolte su barche insieme ad altri otto agonista, e nei giorni di gara mi è sempre capitato di avere a fianco qualche grande concorrente. Ho fatto tre gare perfette, con tre primi posti. Nell’ultima prova ho raggiunto un risultato eccezionale: 154 punti. Ogni pesce ha un valore da 1 a 6, il punteggio più alto viene attribuito al pesce più raro, quello più difficile. Ho catturato Saraghi, Tanute, Prai, pesci di fondo, raggiungendo i 25 chili di pesce valido. Il bello è che ho dato 50 punti al bravissimo croato che avevo a fianco e ho doppiato l’altro bravo francese che avevo all’altro lato. Così mi sono qualificato primo assoluto con un bel distacco dal secondo, ed ho fatto il mio sesto titolo mondiale individuale”. Ci sono a Livorno giovani ragazzi che si dedicano a questa disciplina? “C’è il figlio di un mio amico, Alessio Gamucci che ha 14 anni ed è stato chiamato nella nazionale under 21 ed ha potuto partecipare ai Mondiali in Portogallo. Una esperienza molto importante per lui. Alessio ha una passione totale per la pesca, è all’inizio e promette bene, si potrà levare delle belle soddisfazioni”. Lo hai seguito dal punto di vista agonistico? “Ho seguito lui e tutta l’under 21, è naturale che fossi il loro punto di riferimento, anche se molti si vergognavano e non volevano disturbarmi, così ero io che quando avevo un po’ di tempo andavo da loro per dare qualche dritta sulle lenze e su come pescare in gara”. Continui con la tua attività in televisione?

265


266


A

CiCa Sub Il Ci.Ca Sub Garibaldi si conferma ai vertici nazionali Il ricambio generazionale che mantiene alto il nome del circolo di Alberto Galeno

Altro risultato di rilievo è il 15° posto conquistato da Roberto Poggioli ai campionati individuali di 2a categoria che consentirà all’atleta livornese di partecipare agli assoluti di 1a categoria del prossimo anno. Nelle gare di qualificazione, inoltre, i nostri subacquei si sono aggiudicati il 1° posto a

Roberto Poggioli

Premiazione di fine anno per i componenti della squadra che ha partecipato al Campionato italiano per società

squadre a Follonica ed il 2° all’Elba. Grande partecipazione alle pescate sociali non agonistiche, ma con punteggio, che costituiscono un simpatico momento di aggregazione sportiva. Purtroppo le condizioni meteo hanno consentito lo svolgimento della manifestazione in due sole prove su cinque previste con il seguente risultato:

1° Alessandro Falciani 2° Lido Melani 3° Marco Sighieri 4° Federico Panariello 5° Marco Baroncini 6° Leonardo Lo Bartolo 7° Daniele Quercioli 8° Filippo Ingrasciotta 9° Cristiano Marini 10° Roberto Mattera 11° Claudio Carrai 12° Marco Golfarini 13° Daniele Martelloni 14° Massimo Milani 15° Emiliano Torrini 16° Edoardo Lo Bartolo

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

nche quest’anno, come nel precedente, il titolatissimo Circolo livornese si è piazzato al secondo posto nella competizione a squadre che si è svolta a Civitavecchia il 28 e 29 settembre. Non erano presenti, come nella precedente edizione, i tre ex campioni internazionali Bellani, Ramacciotti e Paggini, ma i tre nuovi partecipanti, Roberto Poggioli, Leonardo Lo Bartolo e Emiliano Torrini, hanno ottenuto l’identico piazzamento in un campo gara difficile per la scarsità di pesce e i numerosi titolatissimi concorrenti. Per pochissimi punti il Garibaldi non si è aggiudicato la medaglia d’oro, ma i nostri atleti, se pure non aiutati dalla fortuna, hanno condotto una gara grintosa che, soprattutto nell’ultima ora, ha consentito loro di ottenere il prestigioso risultato. Il ricambio generazionale è quello che ci conforta perché costituisce pur sempre sintomo di vitalità agonistica e gestionale. Identico risultato è stato raggiunto nel Campionato regionale a squadre, da noi organizzato il 20 ottobre, da Marini, Carrai e Panariello nelle acque antignanesi. I fondali poco pescosi e le acque non limpide hanno costituito per tutte le formazioni partecipanti un grande handicap, impegnando molto gli atleti sul piano fisico.

267


268


La pulizia dei fondali della Meloria di Andrea Rossi

Gli ultimi tre presidenti: da sx Santeusanio, Borra e Badalassi

C

ome tradizione si è svolta, presso i locali dello YCL la cena di fine anno del CI.CA SUB GARIBALDI. Quest’anno, dopo molti anni, abbiamo avuto il nuovo Presidente del Circolo, Silverio Badalassi, che è succeduto allo storico Roberto Borra. Il nuovo Consiglio Direttivo eletto è così composto: -presidente: Silverio Badalassi -vice presidente: Amerigo Ramacciotti -addetto alla sede: Piero Lilla -agonistica: Roberto Mattera e Cristiano Marini -relazioni federali: Roberto Borra -didattica: Andrea Rossi -amministrazione: Valerio Sammuri -pubbliche relazioni: Alberto Galeno

Pulizia dei fondali della Meloria

Notevoli gli impegni che il nuovo CD dovrà affrontare nel quadriennio di incarico. Il primo, già in corso, è la ristrutturazione della cantina che, oltre all’onere economico, viene eseguita in conformità alle vecchie tecniche costruttive, per mantenere la caratteristica delle antiche cantine prospicienti i fossi livornesi, con volte ad archi e pavimento in pietra. Particolare riguardo sarà osservato anche per l’illuminazione che dovrà essere funzionale, senza incidere sul progetto stilistico adottato. Altro impegno di carattere strategico organizzativo, sarà quello di individuare nuovi soci che, al termine del quadriennio, possano inserirsi fattivamente nel futuro Consiglio ove, con probabilità, non saranno più presenti Borra, Ramacciotti e Lilla che per decenni sono stati veri pilastri del Garibaldi e cui dobbiamo, senza iperbole, la vita della Società. Dovremo anche affrontare la mutata realtà ambientale creatasi con

Badalassi e Ramacciotti insieme all’assessore Gulì alla cena di fine anno

la nascita dell’AMP Secche della Meloria e le conseguenti restrizioni al nostro sport. Anche la didattica è stata differentemente ed egregiamente aggiornata nei metodi e nella proposizione da Andrea Rossi che riesce a raccogliere risultati soddisfacenti, se pure in considerazione delle difficoltà economiche in cui versano le famiglie. Il 2013 ha anche visto il CI.CA SUB GARIBALDI in prima linea sull’iniziativa ambientale di pulizia dei fondali della Meloria, cui abbiamo partecipato con 3 imbarcazioni e relativi equipaggi. È stato molto bello, in occasione della cena, vedere accanto gli ultimi tre presidenti, che in passato, e per Badalassi nel presente e futuro, hanno avuto l’onore e l’onere di rappresentare il più medagliato Circolo subacqueo italiano. Sono stati anche premiati tutti gli atleti che hanno partecipato alle manifestazioni agonistiche e con grande merito e piacere, è stata consegnata la targa d’argento, annuale riconoscimento per i soci maggiormente distintisi in attività agonistica o sociale, ad Adriana Antonelli, moglie di Piero Lilla, cui il Circolo deve non solo succulente pietanze, ma anche l’amore e l’impegno che ha sempre profuso nella vita del Garibaldi. Ospite d’onore della cena, Massimo Gulì, assessore comunale all’ambiente, che ringraziamo per la simpatica compagnia e la confermata disponibilità dimostrata a seguire con attenzione le nostre richieste di revisione del regolamento dell’AMP secche della Meloria.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

Eletto il nuovo consiglio direttivo: progetti e prosettive future

269


www.technosub.it di cappanera daniele

Lavori subacquei - Costruzioni metalliche Via N. Magri, 62 57121 LIVORNO

Cell. Daniele 328 9555340 info@ info@technosub.it

Agente Nastritalia

Via N. Magri, 62 57121 Livorno

Cell. Claudio 392 6920073 info@rcservices.livorno.it

• Costruzione corpi morti in cemento • Forniture catene-cime per l’ormeggio e catenarie 270


Andrea Rossi è il nuovo direttore della scuola sub Cesare Giachini Continua il rinnovamento dei corsi

portare avanti il processo di trasformazione della scuola iniziato alcuni anni fa. Fin dalla sua nascita, la scuola federale ha eseguito corsi per rilasciare brevetti. Agli inizi partecipare a un corso voleva dire frequentare per mesi lezioni molto impegnative sia in vasca sia a terra, con metodologie e rigidità di esecuzione che rendevano la didattica similare ad una formazione militare. Questo atteggiamento ha permesso alla scuola di valutare e formare atleti che poi sarebbero diventati i campioni sportivi di punta di quegli anni, facendola però rimanere un’attività molto selettiva e ristretta solamente alle poche persone che riuscissero a seguire con costanza i corsi. A metà degli anni novanta la situazione ha cominciato a evolversi: il rilascio dei brevetti è diventato appannaggio di strutture didattiche turistiche sparse in ogni parte del mondo e la federazione, dopo aver passato un periodo di crisi, ha deciso di rinnovare tutto il settore didattico adattandolo alle nuove esigenze, facendolo diventare molto più competitivo nei confronti della didattica subacquea turistica. Gli studi scientifici, l’arrivo

con prepotenza della tecnologia ed il normale evolversi delle discipline subacquee alla richiesta del mercato, ha permesso alla scuola di migliorare ed ampliare l’offerta formativa con innumerevoli specializzazioni senza tralasciare i brevetti canonici che oramai da più di mezzo secolo vengono rilasciati. L’attuale offerta formativa si divide: Corsi Base - Sommozzatore di 1° Grado - Sommozzatore di 2° Grado - Sommozzatore di 3° Grado - Apnea 1° Grado - Apnea 2° Grado - Apnea 3° Grado - Pesca sportiva agonistica Specializzazioni - Orientamento e Navigazione Sub - Immersione Notturna o con Scarsa Visi bilità - Immersione su Relitti o Secche - Immersione in Corrente, Profonda o nel Blu - Immersione con Muta Stagna - Fotografia Subacquea di 1° Grado - Fotografia Subacquea di 2° Grado - Video Sub - Nitrox Base - Nitrox Avanzato - Monopinna

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquea

E

con quest’anno siamo arrivati a 49! Eh sì, la scuola di immersione federale Cesare Giachini si avvicina al mezzo secolo. Nonostante la sua “tenera età”, quest’anno la scuola ha iniziato un nuovo ciclo nominandomi a nuovo direttore. Quando in primavera il consiglio mi ha chiesto di diventare il nuovo direttore della scuola, per un momento mi è tornato in mente la prima volta che ho frequentato un corso di apnea ed il senso di smarrimento che provavo appena mi immergevo sott’acqua. Un respiro più profondo però mi ha aiutato a tornare alla realtà pensando ai sacrifici che ho fatto per arrivare a questo traguardo e senza indugi ho accettato con molto entusiasmo l’incarico. Il periodo economico sfavorevole non aiuta molto l’affluenza ai corsi, ma alcune iniziative che si sono svolte nell’ultimo anno, sono riuscite a riportare moltissime persone alla scuola ed al circolo, come non accadeva oramai da anni. I nostri due team di istruttori (Apnea e Sommozzatore) sono composti da professionisti volontari al servizio dei neofiti che si avvicinano alle due discipline acquatiche e la loro passione per il mare e la dedizione per questo sport accompagnano gli allievi nel loro percorso. Ad ogni corso mi viene chiesto dagli allievi alle prime armi, soprattutto apneisti, a che profondità riusciranno ad arrivare con i nostri corsi. Ogni volta li tranquillizzo dicendo che il nostro scopo, non è quello di creare persone che tocchino profondità inaspettate una sola volta, ma quello di insegnare tutti i dettami della sicurezza per raggiungere una eccellente qualità nel loro approccio alle nostre discipline. Concludo dicendo che il prossimo anno sarà attivissimo e sono in programma numerose iniziative per

Nelle immagini istruttori e partecipanti dei corsi 271


Natural Line di Alessio Mantovani

Il Negozio per il tuo Benessere ✰ Integratori alimentari e sportivi ✰ Alimentazione per diabetici ✰ Consulenza specializzata su integrazione alimentare e preparazione atletica Via dei Pelaghi, 10/a - LIVORNO - Tel. 0586 864477 Alessio Natural Line Mantovani natural_line@tiscali.it

... È proprio nei momenti di crisi che dobbiamo coccolarci di più! ✹ Manicure ✹ Pedicure ✹ Massaggi Via Antonio da Sangallo, 7 57123 Livorno Tel. 344 0716273

✹ Trattamenti personalizzati viso /corpo

✹ Trucco permanente ✹ Solarium Via G. Pascoli, 45 57128 Quercianella (LI) Tel. 328 7108113


U

WABBA ALESSANDRA TAMBERI ed ALESSIO MANTOVANI

L’INTERVISTA

Insieme nella vita e nel bodybuilding Alla ricerca del benessere di Gianni Picchi

WABBA

ngheria e Germania, quest’anno, hanno usato lo stesso inno per dare il riconoscimento agli atleti che sono saliti sul gradino più alto del podio, sia per i Mondiali sia per l’Universo: l’Inno di Mameli, che ha suonato per Alessandra Tamberi ed Alessio Mantovani. I sacrifici, la tensione sono cominciati all’inizio dell’anno, per arrivare fino a maggio, a Roma, ai Campionati italiani di categoria, per ottenere la qualificazione per i mondiali in Ungheria, dove Alessandra aveva di fronte 14 atlete di livello internazionale. Poi l’Universo, in Germania, dove, per poco non sale sul podio nel singolo; ma nel doppio la bandiera, che sale sul pennone più alto, è quella tricolore dell’Italia. Ritornano in Italia, anzi a Livorno, con i fregi sul petto. Poche ore dedicate a “brindare” con gli amici, e poi ritorno in palestra. Per poter “chiaccherare” con loro siamo scesi in mezzo agli attrezzi sportivi di una palestra. Il tempo di asciugarsi il sudore, e pronti a rispondere alle nostre domande. Uscendo dalla palestra abbiamo capito quanto siano in sintonia Alessandra ed Alessio, anzi un corpo solo. Non solo per le risposte date; ma il modo in cui si guardavano, come si parlavano. E ci è venuto in mente una frase, che ci aveva detto, giorni prima, Alessandra: “Cerchiamo di regalare benessere. Sia sul lavoro che nello sport. E per regalare qualcosa dobbiamo possederla prima, noi”. E loro ce l’hanno a 360°. Che sia la forza per vincere così tanto? Alessandra, come hai iniziato il bodybuilding e perché? “Ho iniziato grazie alla passione per i pesi. Prima avevo avuto buoni successi con il nuoto sincronizzato, ma dopo sport di gruppo avevo la voglia di fare i conti con me stessa. Così ho iniziato a far bodybuiding, che è la costruzione del corpo”. Quanto ha influito Alessio nella tua scelta? “Alessio è il mio secondo allenatore, ed ha influito notevolmente sull’andamento delle gare. Conoscendolo meglio sono nate due passioni, la prima per il preparatore e la seconda per l’uomo. Così siamo diventati… compagni nella vita”.

Proclamazione Mr e Miss Unoverso

Quanto ti alleni? “Tutti i giorni, tranne il sabato. Adesso ho aumentato due sedute, il lunedì ed il mercoledì. Ogni seduta dura un ora”. E quando non ti alleni? “Sono al lavoro, nel mio negozio. Quindi mi resta poco tempo per la casa, che accudisco la sera. Lavoro e palestra, riesco a tenere questo ritmo anche perché non ho figli”. Se tu tornassi indietro rifaresti questo sport? “Sì, certo, ma incominciando qualche anno prima. Mi sono accorta che ho perso tempo prezioso, per cause personali. Questo sport, non solo mi diverte; ma mi fa riflettere molto. E mi ha permesso di conoscere tante persone meravigliose.

Infine, mi aiuta ad avere un comportamento migliore nel mio lavoro e con il mio compagno. Lo sport è la mia vita” A cosa hai dovuto rinunciare per raggiungere questi obiettivi? Le rinunce sono moltissime: al cibo, alla vita sociale, anche perché chi non vive in questo ambiente, non riesce a capire certe esigenze, che vanno invece rispettate”. Qual è il titolo a cui tieni maggiormente? “Tengo in particolar modo al titolo mondiale. Innanzi tutto perché è arrivato inaspettatamente. Le mie colleghe, o avversarie, già dalle prime fasi del campionato, mi facevano i complimenti e i fotografi erano sempre intorno a me. Mi

273


WABBA 274

sembrava di essere diventata una diva. Ed infine, il momento in cui viene pronunciato il tuo nome per l’assegnazione del titolo. Impossibile descrivere le sensazioni di quell’attimo. Stavo sognando ad occhi aperti.Nella vita ho provato tante altre e belle emozioni, ma sono state diverse da questa”. Da grande cosa vorrai fare… (quando cessi l’attività)? “Vorrei viaggiare, conoscere, mi piacerebbe anche fare altri sport e migliorarmi come estetista”. Il matrimonio?… Figli? “Per il matrimonio ci stiamo pensando. Alessio ha avuto un precedente matrimonio, io no. Per me è già mio marito. Ad essere sincera non credo di avere la vocazione di mamma, mi dispiace per Alessio, che adora i bambini”. Cosa suggerisci ad una giovane donne che vuole iniziare a praticare questa disciplina? “Le direi di non fare le ‘cavolate’, che possono proporre alcuni preparatori. Il corpo lo formi in palestra al 40% e al 60% con l’alimentazione. La passione deve nascere a tavola, ed in palestra. La salute avanti a tutto. Però il mio consiglio spassionato è… sport sì, ma gare no”. Anche tu Alessio, comincia raccontandoci come hai iniziato. “Erano gli anni ’70, ed i nostri eroi erano i personaggi dei cartoni animati, dall’aspetto fisico particolare. All’asilo ed alle elementari avevo un fisico esile. Quando iniziai l’università questo era l’unico sport che potevo fare senza avere problemi di orari per andare in una palestra”. Sei stato consigliato da qualcuno? “No, inoltre la mia famiglia non approvava che facessi questo sport. Negli anni ’90 le palestre non erano come i centri benessere di oggi. Erano piccoli fondi gestiti da appassionati: chi non voleva andare al bar andava in palestra”. Quanto ti alleni? “Quando sono lontano dalle gare 4 volte alla settimana, quando mi avvicino alle competizioni passo a 5/6 giorni. Trascorro in sala pesi un’ora e mezzo circa e poi mi dedico alla aerobica per mantenere un allenamento cardiovascolare”. Come trascorri le tue giornate libere dallo sport?

“Resto sempre nell’ambiente allenando altri atleti o studio per tenermi aggiornato o trascorro il tempo nel mio negozio di integratori alimentari”. Se tu tornassi indietro rifaresti questo sport e perché? “Sì, perché mi ha dato tanto”. A cosa hai dovuto rinunciare per raggiungere questi obiettivi? “A molte cose. Per esempio alla vita sociale, per non incorrere in trasgressioni alimentari ho dovuto dire di no anche alle feste di compleanno di cari amici”. Qual è il titolo a cui tieni maggiormente? “Onestamente non miro a vincere un mondiale, che sono livelli troppo alti, e per essere raggiunti necessitano di compromessi. Per quest’anno mi piacerebbe il Campionato italiano”. Da grande cosa vorrai fare… (quando cessi l’attività)? “Una volta terminata l’attività agonistica vorrei dedicarmi alla attività di preparatore atletico, per cercare di avvicinare più ragazzi a

praticare questo sport, e magari aiutarli a conquistare qualche titolo importante”. Il matrimonio?… Figli? “Ho un matrimonio alle spalle, finito dopo alcuni anni, ma non ho figli e


ALESSANDRA TAMBERI Nata a Livorno il 25/02/1971 Altezza: 1,53 - Peso: 52 kg. Studi: Diploma Professionale (Analista contabile) Film preferiti: Romantici e di Azione Attore preferito: Nicolas Cage Attrice preferita: Nicole Kidman Musica preferita: Tutta; ma in particolare quella degli anni 70-80 Canzone preferita: Dancing Queen degli Abba Piatto preferito: Carbonara Una nazione che vorresti visitare e perché: Spagna, perché mi fa pensare all’allegria Sogno nel cassetto: Migliorarmi nel mio lavoro

Fidanzata con Alessio Mantovani BACHECA 2013 Maggio: Titolo Campionessa regionale, ToscanaRomagna, a Cesena Maggio: Titolo di Campionessa italiana a Roma Giugno: Titolo di Campionessa Mondiale a Budapest (Ungheria) Novembre: 4a classificata al Campionato Universo a Essen (Germania) Novembre: Campioni Universo (a coppia) con Alessio Mantovani a Essen (Germania) ALESSIO MANTOVANI Nato a Livorno il 28/11/1973 Altezza: 1,68 - Peso: 80 kg. Studi: Laurea in Economia e Commercio Film preferiti: Thriller

Attore preferito: Robrt De Niro Attrice preferita: Julia Roberts Musica preferita: Anni 70-80 Canzone preferita: I Will Survive di Gloria Gaynor Piatto preferito: Bistecca alla fiorentina Una nazione che vorresti visitare e perché: Cuba, per l’orgoglio del suo popolo Sogno nel cassetto: ???? BACHECA 2013 Cesena: Titolo Campione regionale (Toscana-Romagna) Roma: 2° classificato ai Campionati italiani Linea Sport: 1° classificato e selezionato per la partecipazione al Mr. Universo Essen: Campionato Universo (Singolo: 6° classificato - Coppie: 1° classificato con Alessandra Tamberi)

WABBA

questo mi ha permesso di mantenere un buon rapporto con la mia ex moglie. Se non fossi legato all’età mi piacerebbe aver un figlio. Adesso sono molto più maturo”. Cosa suggerisci ad un giovane ragazzo che vuole iniziare a praticare questa disciplina? “A tutti suggerisco di fare attività sportiva. Palestra e fitness, con buona alimentazione. Il bodybuilding agonistico comporta molti sacrifici. Prima di iniziare a preparare i miei atleti per le gare espongo loro tutti i problemi che incontreranno. Dopodiché possono prendere la loro decisioni”. Vista la tua esperienza, cosa cambieresti nel tuo sport? “Vorrei che ci fosse una maggiore conoscenza degli allenamenti e dell’integrazione. Mi piacerebbe, inoltre, che all’interni di questo sport vi fosse più amicizia e meno invidia”.

Nelle immagini Alessandra Tamberi ed Alessio Mantovani 275


Pesi Associazione Sportiva dilettantistica Polizia di Stato Livornocampioni F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Finale nazionale “giovanissimi”: 2 bronzi a Livorno

A

Lignano sabbia d’oro, località la cui bellezza non necessita di commenti, si è svolta il 4 maggio la fase nazionale giovanissimi di pesistica olimpionica. Alla gara si erano qualificati, tramite le selezioni regionali, 4 atleti livornesi: Alice Liperini, Giulia Senesi, Alessio Di Maio e Andrea Bonaccorso, tutti provenienti dalle scuole medie statali Mazzini, e allievi dell’insegnante di educazione fisica Monica Vestrini, coadiuvata nell’allenamento specifico della pesistica dal tecnico federale Claudio Braschi dell’A.S.D. Polizia di Stato, società per la quale i ragazzi sono tesserati e dove si allenavano. La cittadina prescelta è da anni sede consueta per la Federazione italiana pesistica, quale teatro ove far svolgere i giochi sportivi studenteschi, inclusi quelli denominati “giovanissimi”. La risonanza dell’evento viene così amplificata dalla notorietà del luogo determinando una validissima promozione. Da quest’anno la federazione ha variato il regolamento di gara abolendo la somma delle tre alzate di slancio a disposizione di ciascun atleta. Tale regola era stata introdot-

ta per evitare che i giovani spingessero ai limiti estremi le loro performance, ciò in virtù della particolare criticità insita nella fase evolutiva, propria della giovane età. Preme ricordare come il già citato tecnico federale livornese si è rigorosamente attenuto a questa regola, mentre coach di altre regioni non lo hanno fatto, profittando di questa occasione per ottenere dai giovani atleti misure più elevate, magari puntando meno sulla tecnica esecutiva del gesto, che come in tutti gli sport complessi, nella specifica età dell’accrescimento e dell’apprendimento motorio, dovrebbe essere curata in maniera preponderante. Anche la federazione, almeno sulla carta, dichiara di riconoscere un punteggio alla tecnica esecutiva, privilegiandola rispetto al carico sollevato. Diciamo “sulla carta” perché, come vedremo, tale precetto non è

Al centro Cluadio Braschi con un gruppo di atleti

276

purtroppo, stato ben applicato. Venendo alla gara citiamo: Alice Liperini cat. Kg 50 ha sollevato kg. 21, 22, 23 in modo perfetto, ma non ha ottenuto un’importante posizione di classifica proprio perché è stata disattesa la norma federale che prevedeva due classifiche distinte: una del peso sollevato e l’altra dalla tecnica di esecuzione. Giulia Senesi ha gareggiato nella cat. kg. 66 con un peso corporeo appena sopra i 57 kg, confrontandosi così con atlete molto più pesanti di lei, sollevando kg. 30 e fallito le altre due prove per l’emozione e si è comunque piazzata 5a.

La delegazione livornese

Alessio Di Maio cat. kg. 50 ha sollevato kg. 35, 36, 37 con grinta e sicurezza conquistando un bel bronzo. Andrea Bonaccorso ha gareggiato nella cat. kg. 57, avendo superato di poco il limite della categoria inferiore. Si è così trovato di fronte atleti molto più pesanti e nonostante ciò ha colto un bel 3° posto. I risultati ottenuti hanno consentito alla nostra Toscana di ottenere un 4° posto a pari merito con la Puglia.

Gli atleti ai campionati di Lignano


Beatrice Grassi e Pietro Cannavò

BEATRICE GRASSI: uno schiaffo alla forza di gravità Vincitrice della Coppa Italia Juniores di Mario Orsini

Beatrice Grassi durante una gara

“Ma come fa? Dove prende la forza? A vederla sembra tutto eccetto una sollevatrice di pesi?”. Lei quando le chiediamo delle spiegazioni sorride compiaciuta e aggiunge: “Mi viene tutto naturale. Forse avrò una predisposizione naturale per questo sport. L’unica certezza è che mi piace e non faccio fatica ad allenarmi e gareggiare. I meriti vanno anche al mio allenatore Pietro Cannavò.”. Poi si sofferma sugli aspetti tecnici della sua prova di Carrara: “Nello strappo, cioè con un movimento continuo, ho alzato, da terra a sopra testa, mantenendocelo poi qualche secondo con le braccia rigorosamente tese, il bilanciere di cinquantasette chilogrammi. Nello slancio ho fatto altrettanto, con gli interessi, con un bilanciere da settantatre chilogrammi. Con l’unica eccezione, come prevede il regolamento, di una

breve sosta dell’attrezzo, all’altezza delle spalle”. Nonostante questo straordinario risultato, nobilitato dal fatto che gareggiava nella categoria al limite dei sessantatré chilogrammi pur non pesandone neppure sessanta, Beatrice guarda avanti: ”Ho già messo nel mirino i centoquaranta chilogrammi. Un obiettivo che sento alla mia portata e spero di centrare presto”. Da brava ragazzina, senza grilli per la testa, Beatrice non trascura certamente lo studio: “Quest’anno ho l’Esame di Stato al liceo scientifico Enriques. L’impegno nello studio dovrà naturalmente essere maggiore. Mi piacerebbe uscire dalla scuola superiore con una buona votazione. Conciliare l’allenamento quotidiano con gli impegni scolastici sarà più impegnativo. Con la buona volontà e qualche piccolo sacrificio spero di fare entrambe le cose in maniera ottimale. Per il dopo liceo ho molti progetti in mente. In primis superare lo scoglio dell’ammissione all’università nella facoltà di scienze motorie. Inoltre, studiare per diventare tecnico di sollevamento pesi. Un giorno, speriamo non lontano, mi piacerebbe insegnare lo sport del sollevamento a tanti giovani e meno giovani in palestra. Perché è lo sport più bello del mondo”.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

N

ei primi giorni di ottobre a destare stupore e suscitare unanimi attestati di simpatia, stima e apprezzamento, nella sezione di sollevamento pesi con sede alla ex caserma Lamarmora e non solo, è stata la grande performance di Beatrice Grassi, nell’interregionale Toscana-Emilia Romagna di Carrara, di Coppa Italia Juniores. Beatrice, in barba a quanti hanno sempre ritenuto il sollevamento pesi uno sport per maschietti, ha lasciato tutti a bocca aperta scagliando, come un fuscello verso il cielo, tra strappo e slancio, ben centotrenta chilogrammi complessivi. Per la precisione cinquantasette nella prova di strappo e settantatre in quella di slancio. Roba da far impallidire anche i tanti emuli di vecchi scaricatori di porto, magari con i muscoli gonfiati a dismisura in accoglienti palestre. Beatrice, una bella ragazzina di poco più di diciotto anni, compiuti il 1° settembre, studentessa al quinto anno al liceo Enriques, con il volto angelico e due grandi occhi dolci, a dire la verità non è nuova a certe prestazioni e a portare a casa medaglie e coppe c’è abituata da tempo. Quando si raggiungono certi traguardi, però, meraviglia e sbalordimento sono quanto mai pertinenti, specialmente per i non addetti ai lavori. Quanto mai pertinenti sono quindi gli interrogativi spontanei che corrono di bocca in bocca, tra i comuni mortali che fanno fatica a portare a casa un cartone di sei bottiglie d’acqua acquistate al supermercato:

277


EDILBITTA di Poli

Fabrizio

Piazza XX Settembre, 18 - Livorno Tel./Fax 0586 959621 Cell. 328 1575418 • 338 2625948

edilbitta@virgilio.it

• Ristrutturazioni interne • Appartamenti, negozi e altro • Ristrutturazioni esterne • Tetti e facciate • Opere idriche • Opere elettriche • Cartongesso • Posa in opera di pavimenti • Tinteggiatrure • Lavorazioni spatolature • Posa in opera di parquet • Infissi e porte • Piccole costruzioni


I “pesi” dei Vigili del Fuoco Tomei

L’INTERVISTA

I

l 2013 ha portato tante soddisfazioni, vittorie e buoni piazzamenti alla pesistica Vigili del Fuoco Tomei. Il Tecnico Sergio Mammarella fa un riassunto della stagione: “Ai Campionati italiani assoluti abbiamo avuto il 25esimo posto di Daniele Baesso, che nel 2012 arrivò secondo al Criterium di pesistica universitario e nel 2013 al 3° posto. Nell’estensione su panca Fabio Colacino è arrivato sesto ai Campionati italiani assoluti a Varese. E il nostro atleta di punta Manuele Bardini ha vinto i Campionati italiani assoluti a luglio a Courmayeur. È stata una battaglia non indifferente perché i suoi avversari erano tutti più grandi di lui di due anni. Con questa vittoria Manuele si è aggiudicato per tre anni consecutivi il Campionato italiano, i primi due negli under 17 e adesso negli Juniores, conquistando il primo scalino del podio subito al primo anno di passaggio di caIl gruppo di atleti della pesistica V.F. Tomei

Emanuele Bardini

tegoria. Altra bella soddisfazione per lui è il sesto posto ai Campionati italiani assoluti di novembre”. Intanto fra una vittoria e l’altra la “famiglia Tomei” si è allargata con nuovi atleti, diventando un bel gruppo agonistico. Camilla Paretti ha 18 anni e frequenta l’ultimo anno del Vespucci. “Faccio pesistica da pochi mesi. Conoscevo già tutti i ragazzi della palestra, così un giorno sono andata ad assistere ad una gara, ed ho conosciuto Sergio che mi ha convinta a provare. Inizialmente ero perplessa, ma quando ho partecipato ai primi allenamenti mi sono divertita, mi è piaciuto e sono rimasta”. Hai fatto altri sport? “Da piccoli ne ho provati tanti, adesso erano quattro anni che ero ferma”. Cosa ti piace di più di questa disciplina? “È uno sport che tira fuori una forza esplosiva che nelle altre attività fisiche non avevo mai provato”.

I tuoi amici come commentano? “Le mie amiche sono rimaste incuriosite, mi chiedono informazioni, dicono che è bello, però non sono ancora riuscita a convincerle a provare”. Come ti senti a praticare una disciplina considerata maschile? “La percezione comune è quella di uno sport per uomini, ma in realtà lo possono fare tutte le donne, non è questione di sesso. Mia mamma inizialmente era rimasta un po’ perplessa, temeva che diventassi muscolosa. Le ho spiegato che in realtà si sviluppano tutte le parti del corpo, così capendo il vero spirito dell’attività mi ha appoggiata”. Hai ricevuto delle critiche? “Per adesso no, ma anche se succedesse non mi importerebbe, perché mi piace e non mi interessa il giudizio degli altri”. La soddisfazione più bella avuto in questo breve periodo di allenamento? “L’essere riuscita a fare molti miglioramenti, e adesso posso usare il bilanciere

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Con il Campione italiano Emanuele Bardini, una famiglia in crescita alla quale si sono aggiunte anche due ragazze

279


F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

da venti chili. Soprattutto ho fatto progressi, non tanto sul peso, ma sulla tecnica e questo mi fa piacere”. Quale deve essere la caratteristica di un atleta di pesistica? “Molta pazienza perché è uno sport difficile. Se uno vuole migliorare si deve applicare molto, i risultati non si possono vedere subito. Alla fine sei solo tu e il bilanciere”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe che andasse bene la prima gara. E naturalmente migliorare fino a conquistare qualche medaglie”. La migliore qualità di Sergio? “È un bravissimo allenatore. Ci tratta benissimo, ci vuole bene, e questa è una cosa che trovi in pochissime persone. Lo ringrazio perché mi ha spronata ad incominciare, mi ha data fiducia e ha avuto ragione”. Kristina Kolaksazova è nata in Bulgaria, ma vive qui da tanti anni ed è italiana a tutti gli effetti. Ha 24 anni studia Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici e del Lavoro.

Camilla Paretti

280

“Ho iniziato a fare pesistica un anno fa, consigliata dal mio allenatore di Kettkebell, che ha visto le mia potenzialità”. Spiegaci cos’è il Kettkebell. “È uno sport che nasce in Russia e che riprende i movimenti della pesistica, però utilizza un attrezzo diverso, costituito da una palla con il manico. Anche in questo caso bisogna fare prove di strappo e lancio. Adesso non lo pratico più per dedicarmi completamente alla pesistica”. La soddisfazione più bella? “Ancora non ho fatto gare. La soddisfazione più bella è quando Sergio mi dice che sono un orso per dirmi che sono forte. A gennaio 2014 parteciperò alla prima gara”. Cosa ti piace di questo sport? “La velocità, tutti pensano che sia uno sport statico, ed invece, oltre alla potenza, che ovviamente deve esserci, se non siamo veloci a fare il movimento non portiamo su il peso. La velocità conta e mi piace. Mi piace la forza. Mi piace che sia uno sport singolo”. Un sogno nel cassetto? “Entrare nell’Esercito”. Un sogno legato a questo sport? “Fare buoni risultati. Vincere gli italiani, non credo di essere all’altezza delle olimpiadi”.

Kristina Kolaksazova

Perché hai scelto di studiare Logistica, se ti piace lavorare nell’Esercito? “È un campo che mi interessa e se non dovessero andare bene tutti i concorsi che sto facendo per l’Esercito, mi dedicherò a questa attività lavorativa”. Come ti senti a praticare questo sport da donna? “Io non ho nessun problema ma, ad esempio, mia madre non è assolutamente contenta e mi critica. Infatti, non le parlo della mia attività. Quando un giorno avrò conquistato una medaglia allora potrò provare a spiegarle la mia passione. Certo non è come la danza classica, dove ci vuole un fisico longilineo, ma a me piace e non mi pongo il problema. Ho sempre praticato sport considerati maschili. Ho fatto appassionare anche il mio ragazzo, ed ha cominciato da qualche mese a venire in palestra”. E del tuo desiderio di entrare nell’Esercito tua madre cosa ne pensa? “Sa che è il mio sogno e spera che lo realizzi”. Quale caratteristica deve avere un atleta di pesistica? “Essere determinato, credere in se stesso e seguire i consigli dell’allenatore”. Qual è il miglior pregio di Sergio? “Sergio i pregi li ha tutti: sa spiegare, sa trasmetterti la passione, sa aiutarti quando sei in difficoltà, magari perché non riesci ad alzare un peso o sei in affanno con un esercizio. È il maestro vero e proprio”. A chi consiglieresti questo sport?


di vincere, era il mio primo anno in categoria, ed infatti, il secondo e terzo qualificati sono più grandi di me di due anni. È stata una gara molto combattuta”. Progetti per il 2014? “Rifare il Campionato e vincerlo nuovamente e possibilmente partecipare a qualche gara internazionale”. Altri risultati? “Ci sono stati i Campionati italiani assoluti dove mi sono qualificato ottavo. E poi sono arrivato sesto, sempre agli assoluti, nonostante un dolore alla schiena che non mi ha permesso di fare quello che volevo”. Come sta andando con il gruppo che si è formato in palestra? “Molto bene. Ho portato diversi amici che si stanno allenando con passione, adesso possiamo anche cominciare a pensare di salire sul podio come squadra”. I tuoi genitori? “Mia madre continua a non venire alle gare perché le dà fastidio vedermi sforzare, mio padre invece mi segue sempre”.

Il Ghiri sport: pesistica direttamente dalla Russia Valerio Perullo: il pluricampione livornese “Il Ghiri sport è una pesistica basata sulla forza e la resistente, ovvero l’atleta compiendo il gesto tecnico dello strappo, slancio e slancio completo porta in fissazione sopra la testa l’attrezzo (chiamato ghiria) del peso di 32 chili per braccio. L’atleta più forte è colui che nel tempo di 10 minuti compie il massimo dei sollevamenti. Il Ghiri è lo sport di pesistica Nazionale Russo”. A spiegare cos’è il Ghiri è Valerio Perullo, atleta di categoria di peso 75 kg, 5 volte campione del mondo, vincitore di 1 europeo, di 2 coppe di Russia, di 1 open in Croazia, di 1 open in Germania e 22 titoli italiani. Il gruppo fa parte dei V.F. Tomei.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

sistica l’impegno è molto maggiore”. E finalmente arriviamo alla punta di diamante dei V.F. Tomei con Emanuele Bardini, ‘vecchia conoscenza’ dell’Almanacco al quale chiediamo di aggiornarci sui risultati del 2013. “Nel 2013 ho avuto la possibilità di fare tre ritiri in nazionale, dove mi sono potuto confrontare con i ragazzi più bravi, che si sono messi in luce nei Campionati italiani”. Emanuele Bardini con il tecnico Sergio Mammarella Qual è stata la “A chi piace anche un po’ la fatica. Oggi gara che ti è piaciuta di più? molti credono che sudando venti minuti si “I Campionati italiani dove sono arrivapossono ottenere risultati, ma con la pe- to primo. Sinceramente non mi aspettavo

Per ulteriori informazioni: MASTER OF SPORT- MS.

Valerio Perullo

Preparatori: Mattia Amodio - Mammarella Sergio Telefono 346/8788100

Valerio Perullo

281


282


Pesisitca Libertas Livorno: un anno da incorniciare Dalla pesistica alla panca al biathlon

La squadra della ASD Pesistica Libertas Livorno ai Campionati italiani di Biathlon atletico 2013

Nei master 55 ottimo piazzamento di Massimo Vallari, che nonostante una contrattura al trapezio, porta a termine la gara realizzando 115 kg nella panca e 7,36 minuti nei 2000mt di corsa. Questo è stato il suo 13mo campionato italiano consecutivo. Grande soddisfazione per lo staff dirigenziale della ASD che conquista grazie ai suoi 6 atleti un insperato terzo posto a squadre maschili sulle 31 presenti provenienti da tutta Italia. A livello femminile, la sola Stefania fa piazzare la squadra al 7° posto sulle 18 squadre partecipanti: questi preziosi ri-

sultati sono frutto di duri allenamenti compiuti presso la palestra della Polizia Penitenziaria che gentilmente ospita il gruppo sportivo presso la propria struttura. I risultati ottenuti nel 2013: Pesistica: Irene Di Bartolomeo a 3 alla coppa Italia senior strappo 57 slancio 71 tot.128 Panca: Rosario Russo 6° Campionati italiani Biathlon: Stefania Lubrano 1a master45 Campionati italiani Rosario Russo 3° senior cat85 Campionati italiani Emiliano Ceccanti 3a master45 Campionati italiani.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

A

i Campionati italiani di biathlon atletico svoltosi nella caldissima e lontanissima Lauria (PZ) lo scorso 13 ottobre, la squadra della Pesisitca Liberats Livorno ha fatto incetta di medaglie. Tra le donne master 45, primeggia Stefania Lubrano medaglia d’oro e quindi campionessa Italiana, sbaragliando tutte le avversarie con 60kg nella panca e con 8.40 nella prova di corsa su 2000mt. Stefania è stata premiata anche come migliore prestazione agonistica femminile della manifestazione. Un ottimo traguardo dopo quattro anni di secondi posti. Nei senior uomini ottimo risultato per Rosario Russo cat. 85 kg che realizza 155 di panca e 7.35 nei 2000mt di corsa, per il terzo anno consecutivo sale sul podio portando alla squadra una preziosa medaglia di bronzo. Ottimo sesto posto per Valerio Russo nella cat. 85 kg che realizza 120 kg di panca e impiega 7.35 nella corsa. Un plauso a questo atleta che un dolore alla schiena non gli ha permesso di esprimere al meglio le proprie potenzialità. Lode anche a Paolo De Marinis cat. 85 kg, che alla sua prima esperienza ad un campionato italiano, intasca un prezioso decimo posto e realizza 120 kg nella panca e impiega 7.44 minuti nella corsa. Saverio Amoroso conquista un ottimo quarto posto nella categoria +85 kg: anche per lui 155 kg di panca ed un buon 8.07 nella corsa. Negli uomini master 45 grande medaglia di bronzo per Emilano Ceccanti che arriva sul podio dopo anni di attività agonistica, duri allenamenti e sacrifici. Per lui ci sono i 107 di panca e gli 8.25 sulla corsa.

283


284


STEFANIA LUBRANO Campionessa di Biathlon per la categoria Master 45

Stefania Lubrano durante la prova di panca

L’INTERVISTA

Stefania Lubrano sul primo gradino del podio

successivamente il quarto. Passando nella categoria Master, dove siamo un po’ meno, ho fatto sempre i secondi posti, e nel 2013 invece ho vinto, diventando campionessa di Biathlon per la categoria Master 45”. Cosa vuol dire essere una donna che fa questo sport? “Sono rimasta sola, le donne sono poche, l’impegno è grande, se non c’è collaborazione fra noi, va a finire che anche la voglia diminuisce”. Fra le due discipline quale preferisci? “La pesistica, infatti faccio anche le gare di panca, dove ho vinto il titolo quattro anni fa e negli anni successivi mi sono qualificata sempre al secondo posto”. Cosa dicono gli amici di questa attività? “Stentano a crederci. Non capiscono come una piccolina come me e alla mia età, riesca a sollevare pesi”. Cosa ti dà questa disciplina? “La completezza della preparazione fisica e la possibilità di stare a contatto con la natura quando corro”.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

L

a incontriamo al campo scuola, dove si allena per la corsa, una delle discipline che insieme al sollevamento pesi, l’hanno resa campionessa italiana nei Master 45. Stefania Lubrano è tesserata con la Pesistica Libertas Livorno e fa Biathlon Atletico. Che tipo di gare fai? “Con la pesistica faccio tre alzate di massimale di panca e poi due chilometri di corsa, che può essere in pista di atletica o su un percorso regolamentato anche sterrato”. Quando hai cominciato? “Nel 2007 . Già da tempo correvo da sola, ma decisi di iscrivermi in palestra per lavorare anche con le braccia. Così ho conosciuto Andrea Fuduli e con lui abbiamo costituito un gruppetto con diverse ragazze, ma adesso sono rimasta sola”. Hai fatto altri sport prima? “Vengo dal nuoto agonistico che ho praticato fino a 17 anni e che poi ho insegnato fino a 28”. Come concili il lavoro con gli allenamenti? “Lavoro con i turni impostati sulla mattina o sul pomeriggio e gli allenamenti posso spostarli senza problemi, sulla base degli altri impegni”. Chi ti allena nella corsa? “Paolo Angioni dell’Atletica Livorno”. Facciamo un rapido riassunto della tua attività agonistica nel Biathlon. “Ho partecipato a vari Campionati regionali e agli italiani. Nella categoria Seniores ho fatto il settimo posto il primo anno e

285


286


Pugilato Una riunione dietro l’altra PalaCosmelli e Eos di Mario Orsini

Ad alzare le braccia al cielo il giovane talento Filippo Gressani, la bravissima Matilde Cammarota, il torello Nicola D’Andrea, il panzer Diego Tomassini, il simpaticissimo Francesco Passeri e l’emergente Diego Musti. Disco rosso ai punti, invece, per il giovane Mattia Demi e l’ingegner Valerio Pirone. Iniziamo da super Filippo. Ad arrendersi di fronte al sedicenne Gressani, al termine delle tre riprese, il diciottenne Cristian Sapone della Boxe Verbania. Al giovanotto piemontese, non sono bastati: grinta, esperienza (una trentina di match all’attivo) e aggressività per arginare, mobilità, varietà e precisione di colpi di “Pippo”. Successo meritato di Matilde Cammarota. Con una prestazione, sopra le righe costringe alla resa l’azzurra Catarina Gallo, in procinto di partire per i campionati mondiali juniores. Disco verde pure per Nicola D’Andrea che, nei superwelter elite prima serie, ha costretto a miti consigli il forte Cristian Zahe della Thai e Boxe. Per il mai domo Nicola, un tripudio d’applausi. Successone, per arresto del match da parte dell’arbitro, nella prima ripresa, per

All’Eos a settembre

A metà settembre, il 16, solita bella serata di pugilato organizzata della Livorno Boxe Salvemini, questa volta a Stagno. In cartellone otto i match.

Lenny Bottai

il 25enne Diego Tomassini nei mediomassimi. Dopo qualche scaramuccia iniziale Federico Labroca, della Thai Boxe, accusa più del previsto un violento gancio di Diego. Il relativo conteggio non basta a fargli riordinare le idee e al successivo devastante affondo di Diego l’arbitro giustamente impone lo stop anticipato. Vittoria prima del limite anche per Francesco Passeri perché l’avversario Cristiano Del Seppia, della Pugilistica Cascianese, accusa un imprevisto attacco di vomito che gli impedisce di continuare. Successo anche per Diego Musti a spese di Daniele Rossi anche lui della Pugilistica Cascianese al termine di un incontro molto intenso. Sconfitta ai punti di Valerio Pirone contro l’ottimo 25enne Spiro Sponza. Ormai prossimo al grande salto tra i professionisti. Stop infine di misura per il 16enne Mattia Demi di fronte al piemontese Fabien La Fratta di ben due anni più grande di lui. Contento di questa nuova performance a livello organizzativo il deus ex machine dell’iniziativa Donato Salvemini: “Con volontà e impegno, facendo tesoro dell’esperienza ormai acquisita, riusciamo, in tempi relativamente brevi, ad allestire manifestazioni pugilistiche di valido spessore tecnico come questa, dando la possibilità ai nostri ragazzi di salire sul ring e di fare esperienza, in vista di impegni più importanti come i campionati regionali e per i più bravi anche nazionali. Ringrazio oltre ai nostri boxer, il responsabile dell’Eos Stefano Biagi, e i validi collaboratori: Sergio Pulimeno, Alessandro Del Corona e Giovanni Gentili”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

A

fine maggio, il 31, l’ennesima riunione di pugilato. Sul ring del PalaCosmelli tanti scalpitanti boxer di casa nostra e i due big professionisti: Lenny Bottai e Domenico Salvemini. Ingredienti giusti per moltiplicare l’interesse e richiamare il pubblico delle grandi occasioni. A fare da cornice alla bella serata di pugilato circa mezzo migliaio di spettatori. Lenny Bottai, come al solito in grande spolvero, impiega solo qualche minuto per archiviare la pratica, per KO alla seconda ripresa, con l’ungherese Csaba Torma. Domenico Salvemini fa altrettanto, però al settimo round con l’abruzzese Maurizio Amadeo. Per super Domenico è il ritorno al successo dopo l’ingiusta sconfitta di un paio di mesi prima, nel match con il titolo tricolore dei superwelter, con Orlando Fiordigiglio. Ma a regalare spettacolo, nell’occasione, sono stati anche tanti pugili dilettanti. Eloquente in proposito il commento a caldo di Donato Salvemini: cuore pulsante della macchina organizzativa. “Mi sono particolarmente piaciuti i miei due giovani talenti Mattia Demi e Filippo Gressani. Entrambi vittoriosi a spese di Gesuel Piani e Kevin Albini”. Per la cronaca, ricordiamo che a vincere nella serata del PalaCosmelli, sono stati pure Matilde Cammarota, ai punti contro Lucia Marsi. E inoltre Davide Sbarbati (Apl) per squalifica su Francesco Passeri (Boxe Salvemini). Match pari, invece, tra Alessio Poggetti (Fortitude) e Valerio Pirone (Boxe Salvemini). Vittoria, infine, di Nicola D’Andrea (Boxe Salvemini), sempre ai punti, su Lorenzo Barotti della Pugilistica Massese. Il successo organizzativo di Donato Salvemini e dei suoi più stretti collaboratori, cominciando da Sergio Pulimeno, danno linfa e moltiplicano l’ottimismo e la voglia di migliorarsi di Donato Salvemini. Nelle sue parole, a caldo, c’è tanta voglia di guardare avanti senza rimanere a compiacersi di quanto di buono è stato fatto per l’ennesima volta.

287


 VENDITA E MANUTENZIONE ESTINTORI  STAZIONE AUTORIZZATA PER COLLAUDO RESPIRATORI I.S.P.E.L.S. e R.I.N.A  IMPIANTI FISSI DI RILEVAMENTO E SPEGNIMENTO  MATERIALE POMPIERISTICO  PORTE TAGLIAFUOCO - R.E.I. 60/120  CONSULENZE E RILASCIO CERTIFICATI ORDINANZA MINISTERO INTERNO

Consulenze e sopralluoghi GRATUITI per la nuova legge 81/8 per tutti i tipi di attività LIVORNO - Via Leonardo Da Vinci, 4 • Tel. 0586 408207 (2 linee) Fax 0586 409644 • E-mail: solariantincendi@tin.it 288


Bottai annienta l’ungherese Laszlo Haaz Ventesimo trionfo

Laszlo Haaz e Lenny Bottai

C

ucinato a fuoco lento. Lenny Bottai annienta la resistenza, del coriaceo e generoso ungherese Laszlo Haaz, e mette in bacheca il ventesimo successo da professionista. Il quarto consecutivo per KO. L’epilogo dopo 63 secondi della quarta ripresa. Una violenta combinazione, a due mani di Lenny, al bersaglio grosso, annienta definitivamente la strenua resistenza del bravo Laszlo e lo fa sbandare come un’auto impazzita su un lastrone di ghiaccio. L’arbitro Luigi Boscarelli, per evitare guai peggiori, impone giustamente lo stop anticipato. Per Bottai è l’ennesimo trionfo, in un tripudio di applausi da stadio. Per Laszlo la consapevolezza di aver lottato con dignità, lealtà e correttezza, raschiando, finché forze e lucidità l’hanno sorretto, fino in fondo il barile della generosità, contro un avversario più forte. Il match? L’inizio ha un canovaccio ben definito. L’ungherese chiude la guardia a riccio e usa il jab sinistro, mulinato a grande velocità, come fuoco di sbarramento e auspicabile apripista a un destro niente male. Bottai capisce l’antifona e usa il cervello prima di gambe e braccia. A testa alta aspetta l’occasione propizia e quando si apre qualche pertugio centra, al volto e al costato, con montanti e ganci devastanti l’avversario. La

Spagnoli, Garzelli, Poggetti e Gassani

seconda ripresa, seppure con qualche accelerazione in più, si snoda sulla stessa falsariga. Il terzo round è, di fatto, quello della svolta. Bottai centra l’ungherese, in faccia e al fegato e lo costringe a mettere le ginocchia sulla stuoia e a subire il relativo conteggio, per ben due volte, in un batter di ciglia. Fortuna per lui arriva provvidenziale il gong a consentirgli di riprendere fiato, cercare di riordinare le idee e riaccendere il lumicino della speranza. Un lumicino che, purtroppo si spegne quando Lenny decide di affondare i colpi Lenny Bottai, Federico Gassani e Alessio Poggetti decisivi, con precisione chirurgica. Sottoclou. A impreziosire lo spettacolo e Riguardo alla possibilità di combattere per regalare emozioni, nella settima edizione dei il titolo italiano, invece, è un po’ trapattonia“Pugni Amaranto”, ai bagni Lido, ci pensano no: “Aspetto di vedere l’ufficialità. In questo anche tanti bravissimi dilettanti di casa no- sport tante cose si decidono nelle stanze”. stra, opposti a colleghi emiliani e lombardi. Insomma: “Non dire gatto se non l’hai nel Il match più bello ed entusiasmante è tra Fe- sacco”, sembra essere il suo credo. derico Gassani e Stefano Failla (Boxe Parma). Poi i ringraziamenti di rito: ai suoi splendiIl grande Chico con una prestazione stupen- di tifosi, a Sergio Cavallari, a Riccardo Ganni, da manda in un brodo di giuggiole la platea a babbo Paolo e a tutto il team Mangusta. E meritando alla fine il premio come miglio un caro ricordo al compianto Gino Calderiboxer della serata e i complimenti merita- ni: “In prima fila a sostenerci da lassù anche ti di Franco Nenci: “Ha disputato un incon- questa volta”, cui si sono aggiunti quelli dei tro stupendo. Un mix di classe e intelligenza neo presidente provinciale del Coni: Giovantattica”. Le lodi per Gassani anche dal mana- ni Giannone. ger Sergio Cavallari che annuncia il suo passaggio nei professionisti, nella sua scuderia. Scontento, non poteva essere altrimenti, Alessio Poggetti. A costringerlo al pareggio, dopo un match gladiatorio, contro Martin Muckay, un richiamo ufficiale mal digerito: “Non lo meritavo assolutamente, e avevo vinto ugualmente”. Felicissima, invece, Irene Spagnoli al debutto vincente, contro Silvia Barzaghi (Cesano) tra le sedici corde. “Anche la mia avversaria è stata brava. Alla fine ero un po’ stanca ma sono contentissima”. Bella vittoria anche di Matilde Cammarota (Boxe Salvemini) contro Liliya Borshchyk (Cesano). Disco rosso, invece, per William Rojas Luna (Fortitude) contro Nunzio Orefice (B. Tricolore R.E.) e del giovanissimo (15 anni) Junior Alessio Garzelli (Fortitude) di fronte a Daniel Adami: “un peperino con l’argento vivo addosso”, le parole di Nenci. Commenti. Bottai si sofferma su suo successo: “È stato un bel match. Laszlo ha dimostrato serietà, professionalità e grande geNicola e Irene Spagnoli nerosità, andando avanti finché ha potuto”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

di Mario Orsini

289


Lenny Bottai Ventunesima sinfonia vincente

Bottai e Sannino

A

pochi giorni dal Natale, sul ring del PalaBastia, Lenny Bottai, saluta il 2013 con una bella vittoria ai punti contro Nodar Robakidze: un ragazzo ventenne georgiano davvero in gamba. Il match, diciamolo subito per Lenny non è stato una passeggiata. Il biondino di Borzhomi ha dimostrato di saperci fare grazie anche a una condizione atletica straripante. E prima di arrendersi ha raschiato dal barile tutte le risorse fisiche e mentali a sua disposizione. Bottai, sospinto dal calore del numeroso pubblico presente, ha replicato alla sua maniera, con la guardia chiusa, una buona mobilità sulle gambe e sul tronco e una varietà di diretti, montanti e ganci, scagliati con precisione chirurgica, al volto e al bersaglio grosso. Per capire che Nodar non era venuto, in gita prenatalizia, a visitare Quattro Mori e Fortezze, è bastato poco. Al suono del primo gong ha innestato il turbo e con tattica garibaldina, mulinando le braccia a velocità impressionante, ha cercato di mette-

re in difficoltà il quotato avversario. Lenny ha capito l’antifona e senza farsi trascinare nella bagarre ha tirato fuori dal cilindro il meglio del suo repertorio, per arginare l’esuberanza fisica del giorgiano. Dopo un paio di riprese abbondanti, con questo canovaccio, il volto del giorgiano ha iniziato a mostrare i segni della battaglia e gambe e braccia si sono fatte più pesanti. Così Bottai, facendo tesoro anche dei preziosi consigli all’angolo di Cristiano Mazzoni e senza andare incontro a rischi inutili ha saputo intelligentemente condurre in porto una bella vittoria. Al termine tanto fair play e complimenti, da parte di Lenny all’ avversario: “Match bello e avvincente. Quello che volevamo per testare la condizione e guardare avanti. Spero che il pubblico si sia divertito. Sapevamo che i georgiani sono duri. Fino all’ultimo Nodar ha lottato gettando sul ring ogni goccia di energia. D’altronde se nel suo paese è secondo nel ranking, davanti a una ventina di pugili, c’era da aspettarcelo. Ringrazio Cristiano che dall’angolo mi ha dato i consigli giusti al momento giusto”.

Bambini e Dilettanti

La bella serata di pugilato è iniziata con una esibizione del gruppo di baby aspiranti pugili, del settore giovanile della Spes Fortitude, curato dal maestro Francesco Boldrini. Per Jacopo Del Rio, Riccardo Benni, Manuel e Mitia Boldrini, Tommaso Bombaci e Giacomo Morelli, un applauditissimo saggio di: sparring condizionato, figure e salti con la cordicella diretti e incrociati. Sette invece i match tra dilettanti. Alcuni davvero belli, come quello vincente e spettacolare di Jonathan Sannino (Fortitude) contro il “filiforme” e mobilissimo Alonso Hernandez (Boxe Luminati). “Davvero forte. Quando colpiva faceva male. Comunque penJonathan Sannino con mamma e babbo

Nodar Robakidze

so di aver vinto meritatamente”, le parole di Jonathan. Successo prima del limite, per intervento medico, invece, di Alessio Poggetti (Fortitude) nel derby cittadino contro Mattia Eliseo, allievo del maestro Alessandro Landi allo Sport Combat Club. “Con Mattia siamo amici. Io non ho reso al massimo perché negli ultimi giorni non sono stato bene. A fare la differenza un colpo alla milza che ha determinato un conato di vomito di Mattia”. Felice il 25enne di origini peruviane (da 10 anni in Italia) William Rojas (Fortitude) per il successo sul forte Quirino Di Rocco (Boxe Luminati). Vittoria, ai punti, pure del giovanissimo Francesco Carannante (Fortitude) su Yuri Andreani (U. Schiano PT). Match pari invece per Irene Spagnoli (Fortitude) contro Martina Righi (CSC Firenze). A penalizzarla problemi respiratori nel terzo round: “Avevo difficoltà a respirare ed ho dovuto accontentarmi”. Parità pure per tra Matteo Sannino ( Fortitude) e Andrea Capogiri (Luminati). Disco rosso anticipato, con qualche polemica nei confronti dei giudici, infine per Devid Brongo contro Kolland (Galilei Pisa). “Ingiusto il terzo richiamo comminato a Devid, a pochi secondi dalla fine del match”, le parole del babbo, visibilmente contrariato.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

di Mario Orsini

291


292


Pugilato a Tirrenia Uno sport che ancora piace e diverte

Veronica Ponsiglione

A

metà luglio 2013 emozioni e spettacolo ai bagni Nettuno di Tirrenia. A fare da cornice oltre duecento appassionati della noble art. Ad illuminare, con prestazioni davvero superlative, la bella serata di sport, organizzata, dalla Livorno Boxe Salvemini, sono stati: Filippo Gressani, Mattia Demi e Silvia Sassi. Pareggio, invece, per Nicola D’Andrea, Diego Mosti e Matilde Cammarota. Successo, infine, di Matteo Antonioli (Pug. Massese) su Antonio Lenti (Gym TO). Per super Filippo Gressani anche il premio, meritatissimo, di miglior pugile della manifestazione e i complimenti di Franco Nenci. “Ha disputato un ottimo match, dal

punto di vista tattico e agonistico, con accelerazioni improvvise, grande varietà di colpi e continui spostamenti sul ring. Per un pugile che ha appena sedici anni le prospettive future sono davvero incoraggianti. Speriamo che venga scelto per partecipare ai mondiali Juniores in Ucraina”. A tessere le lodi dell’altro sedicenne Mattia Demi è invece Gigi Tassi: “Mattia seppure abbia un fisico ancora acerbo ha vinto in scioltezza mettendo in mostra furbizia, variazioni di ritmo e un buon bagaglio tecnico. Oltre ad essere bravo ha ampi margini di miglioramento”. Per la cronaca Gressani e Demi hanno costretto a miti consigli: Alessio Passannante e Fabio Apolliani della Boxe Gym Torino. Complimenti meritati da parte di tutti anche per la brava Silvia Sassi che ha matato, prima del limite, Maddalena Boccacci della Boxe Ovada per RSCH, o se preferiamo KOT (prima si diceva così). Pari, con qualche codazzo di immancabili polemiche, per l’altra stellina della serata: Nicola D’Andrea. A penalizzarlo al momento del verdetto un richia-

mo ufficiale subito nel primo round, la voglia di strafare di fronte ai suoi tanti tifosi e soprattutto: destrezza e abilità dell’avversario Spiro Sponza della Boxe Gym Torino. Bravissima, come consueto, nelle vesti di arbitro, Veronica Ponsiglione, ormai una certezza in questo ruolo delicato specialmente per una giovane e bella ragazza come lei. Soddisfatto Donato Salvemini: Non pensavo che venisse così tanta gente. Evidentemente il pugilato è uno sport che piace e diverte”.

Domenico Salvemini e Silvia Sassi

Domenico Salvemini Delusione tricolore

D

di Mario Orsini

elusione olimpica. A metà marzo Domenico Salvemini fallisce l’assalto alla corona italiana dei superwelter. Ad alzare le braccia al cielo, al termine delle canoniche dieci riprese, al palazzetto Fabrizio Meoni di Castiglion Fiorentino, è stato l’idolo di casa Orlando Fiordigiglio. Una sconfitta, un annetto dopo quella con Adriano Nicchi, che lascia tanto amaro in bocca al 29enne pugile nativo di Andria ma ormai livornese dalla testa ai piedi. “Non meritavo di perdere. Per tutto il match ho rincorso Fiordigiglio su e giù per il ring. Ma evidentemente ai giudici non è bastato”. Domenico Salvemini

A rincarare la dose il fratello Donato. “Il verdetto è assolutamente ingiusto. Domenico ha attaccato per tutte e dieci le riprese, mettendo ripetutamente in difficoltà l’avversario e vincendo almeno sei, sette round su dieci”. Sulla stessa lunghezza d’onda Sergio Pulimeno, all’angolo con Donato e Franco Nenci. “Non è stata premiata la maggiore aggressività di Mimmo. Fiordigiglio ha combattuto solo di rimessa. Evidentemente per convincere i giudici non aveva altre alternative che mandarlo KO”. Commenti, che fanno a pugni con i cartellini di arbitro e giudici. Tutti e tre: 96 a 94 - 98 a 96 - 97 a 93, a netto favore del pugile aretino d’adozione, ma nativo di Torre del Greco.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

di Mario Orsini

293


294


Tanti tifosi a bordo ring

A Castiglion Fiorentino, Domenico Salvemini non era solo. A incitarlo, dal primo all’ultimo secondo, anche con l’ausilio di un megafono, c’erano tre o quattrocento tifosi arrivati non solamente da Livorno. “In alcuni momenti mi sembrava d’essere a casa. A sostenermi sono arrivati da Andria, la città dove sono nato, ma anche da Iesi e Frosinone dove ho tanti amici. Hanno fatto un gran tifo per me anche tanti aretini, tifosi di Nicchi, perché tra lui e Fiordigiglio i rapporti non sono propriamente idilliaci”.

RaiSport fantozziana

A moltiplicare la rabbia ci si è messa pure la Rai. La prevista e tanto strombazzata diretta delle ore 22.25 su RaiSport 1 è andata a farsi benedire. Solo a mezzanotte e mezzo, quando il match era in archivio da un pezzo, si sono viste le primi immagi-

Domenico Salvemini

Sereno e fiducioso

Ma torniamo a Domenico. Il giorno dopo, in tarda mattinata, era già fresco come una rosa e al lavoro dietro al bancone del suo bar sul viale Italia. Nonostante la delusione della nottata precedente non si è rifiutato di commentare il match: “Colpi ne ho presi davvero pochi. A infastidirmi, e cercare di mettermi in difficoltà, è stato solo qualche jab sinistro”. Differenza con il match tricolore con Nicchi di un annetto fa? “Abissale. Quello con Adriano è stato più duro. Lui mi ha permesso di combattere. Fiordigiglio

no. Sfruttava l’allungo e non accettava lo scambio”. E adesso? “Mi dedico alla fidanzata. Poi appena matura qualche possibilità di combattere, meglio se con qualche titolo in palio, anche internazionale di qualche sigla minore, mi rimetto in moto”. Poi il siparietto, con un montante al cuore della bella Laura, infermiera presso il carcere delle Sughere. “Domenico è un tesoro. Dolce, gentile, premuroso. Addirittura molto meglio di quanto appaia”. Insomma un tipo da sposare? “Perché no. Anche subito“. La replica di Domenico? “Vedremo”. Poi di nuovo sguardo rivolto al pugilato. Tricolore capitolo chiuso? “Assolutamente no. Finché non ci metto le mani sopra non mollo”.

Laura e Mimmo

Dispiaciuto? “Parecchio. Non per me, ma per i miei tifosi e per coloro che mi hanno aiutato in questo periodo di preparazione. In primis mio fratello Donato, Sergio Pulimeno, per me un fratello anche lui, e Franco Nenci. Inoltre i pugili della palestra: Michele Ciabattari, Valerio Pirone, Nicola D’Andrea. E anche Adriano Nicchi, con cui ci siamo dati reciprocamente una mano. Inoltre un grazie di cuore a mia madre Angela e mio padre Nicola che mi aiuta a condurre il bar”. Infine il suo solito motto permeato d’ottimismo: “Quando quello che ti accade non ti ammazza ti rende più forte di prima”. Un modo come un altro per dire che la “pratica” per cercare di portare a casa il titolo tricolore dei superwelter potrebbe arricchirsi di nuovi capitoli.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Donato Polimeni e Domenico Salvemini

ni. Dopo una quarantina di minuti, al termine della sesta ripresa, però altro colpo di scena, stile Alfred Hitchcock. La trasmissione dell’incontro è stata sospesa. Ma non per far sorbire agli assonnati spettatori un po’ di pubblicità, ma per trasmettere, il match tra Carmine Tommasone e Santos Medrano. Poi dopo un’altra mezz’oretta abbondante, forse pensando che qualche tifoso di Salvemini poteva essere ancora sveglio, bontà loro e senza alcun avviso preventivo, è stato mandato in onda il resto dell’incontro. “Nemmeno nella preistoria della televisione succedevano cose del genere. E poi hanno il coraggio di farci pagare il canone”, il commento di un paio di spettatori che avevano previsto di vedere lo spettacolo in un maxischermo, al bar Feeling del viale Italia, gestito da Salvemini e invece si sono dovuti accontentare, quelli che hanno resistito a tutte quelle vicissitudini mediatiche, di uno “spezzatino” tra le mura domestiche.

295


296


Filippo Gressani Bronzo europeo

Filippo Gressani

A

novembre Filippo Gressani, sedici anni compiuti il 23 agosto, sale per la prima volta sul ring con la maglia azzurra addosso. E lo fa in maniera egregia. Ai campionati europei junior di pugilato, a Anapa in Russia, conquista una stupenda medaglia di bronzo nella categoria al limite dei 66 Kg. Un eccellente risultato che accende l’entusiasmo di tutto lo staff della Boxe Livorno Salvemini, con sede nella palestra Eos di Stagno. Portavoce di una soddisfazione collettiva che si taglia a fette è il “capitano” Donato Salvemini, con l’amico Sergio Pulimeno cuore pulsante di una società che cresce a vista d’occhio, giorno dopo giorno. Nelle parole di Donato c’è tutta la soddisfazione di un maestro di pugilato che ha contribuito a far crescere, in maniera ottimale questo ragazzo: “Filippo è stato straordinario anche in questa circostanza. Esordire in maglia azzurra, in una competizione continentale, e mettersi subito al collo una medaglia di bronzo non capita tutti i giorni. Quando è partito, per la Russia, l’ha fatto con la consapevolezza e l’umiltà di andare a giocarsi una chance importante. E come consueto i risultati gli hanno dato ragione,

premiando la sua serietà, il suo impegno, la sua determinazione e le sue ottime capacità tecniche e agonistiche”. Per la cronaca Filippo Gressani, ad Anapa, nella prova d’esordio ha costretto alla resa, con un perentorio 3-0, il lituano Vytautas e nei quarti ha fatto il bis, facendo alzare bandiera bianca, con lo stesso punteggio, al forte scozzese Hutchinson. Lo stop, per lui e tutti gli altri sei reduci della pattuglia azzurra, è giunto in semifinale contro il georgiano Kharabadze. Felice anche il responsabile tecnico degli azzurri Raffaele Bergamasco. “Tornare a casa con sette medaglie di bronzo, alla fine di un torneo in cui i nostri ragazzi hanno sfoderato delle prestazioni eccellenti, non può che riempirmi il cuore di gioia. I nostri giovani pugili si sono trovati di fronte avversari con esperienza da élite e non hanno mai provato timore reverenziale. Anzi hanno sempre messo in difficoltà tutti. Dimostrando che c’è dell’ottimo materiale sul quale andare a costruire le Nazionali del futuro”. Questa medaglia di bronzo, per Filippo, va a fare compagnia a quella tricolore conquistata un mesetto fa a Mondovì e ai tanti successi ottenuti nei molti tornei cui ha partecipato, cominciando dai Giochi della Gioventù e proseguendo con gli schoolboys. “Il viatico giusto per aspirare a diventare un campione”, la chiosa finale di Donato Salvemini.

Scardino di bronzo

Per ritrovare un giovane boxer livornese su un podio planetario dobbiamo fare un salto a ritroso di trent’anni stecchiti. Nel 1983 a S. Domingo, ai campionati del mondo giovanili, il grande Alessandro Scardino, classe 1966 e figlio dell’indimenticabile Piero, conquistò una stupenda medaglia di bronzo. “In semifinale persi dal grande filippino Luisito Espinoza, che qualche anno dopo, tra i professionisti, si mise al collo prima la corona mondiale dei gallo e poi dei piuma”.

Intervista a Filippo

Domenico Salvemini e Filippo Gressani

All’indomani della conquista della medaglia di bronzo europea abbiamo fatto una chiacchierata con Filippo. In un mesetto hai vinto la medaglia d’oro ai campionati

italiani e quella di bronzo agli europei di Anapa in Russia, nella categoria Junior. Risultai che si commentano da soli. Ma come è nata la tua passione per questo sport per tanti versi molto differente da quello praticato dalla maggioranza dei tuoi coetanei? “Al pugilato ci sono arrivato quasi casualmente. Tutto è iniziato a nove anni guardando un film di Rocky. In quel periodo praticavo karate, però a stuzzicare la mia fantasia era soprattutto il pugilato”. Perché? Che cosa ha di speciale? “Penso sia lo sport più bello di tutti. Differente da tutti gli altri. Per tre round ti prendi a pugni contro una persona che non avevi mai visto o conoscevi a malapena. Poi, appena suona l’ultimo gong, l’abbracci e gli fai i complimenti qualunque sia il verdetto”. Il tuo modello? Il tuo idolo? “Nessun dubbio: lo statunitense di colore Floy Joy Mayweather. Il più forte e bravo di tutti. Capace di vincere il mondiale in cinque categorie diverse: superpiuma, leggeri, superleggeri, welter e superwelter”. A scuola come va? “Frequento la terza all’istituto Colombo”. In famiglia cosa pensano di questa tua passione? “Sono tutti felici e m’incoraggiano a continuare”. Che tipo di boxer sei? “Con un pizzico di immodestia dico che sono un pugile intelligente. La boxe che prediligo è fatta con cuore, mani e cervello. Esplicitando i concetti significa rifiutare la rissa. Rimanere sempre concentrato, portare colpi in maniera chirurgica e cercare di prendere pochi cazzotti”. Mai pensato: chi me lo fa fare? “Come ha detto Roberto Cammarelle, fare pugilato non è un sacrificio ma un nostro desiderio. Se incomincia a pesarti la testa significa che per te non ci sono prospettive ed è meglio lasciar perdere”. Cosa ti ha detto il CT Bergamasco? “Che come pugile gli piaccio”. Chi devi ringraziare? “Tutti quelli che mi sono sempre stati vicini e hanno creduto in me. In particolare Donato Salvemini, Sergio Pulimeno e Franco Nenci per avermi aiutato a crescere e migliorare”. Come lavoro cosa ti piacerebbe fare? “Il barman”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

di Mario Orsini

297


298


Domenico Salvemini Decimo trionfo

Giuseppe Rauseo

A

ottobre Domenico Salvemini torna sul ring. Questa volta al PalaCosmelli. A cercare di sbarragli la strada c’è Giuseppe Rauseo, un avversario davvero tosto e in possesso di una “castagna” in grado di abbattere un bue. Per costringerlo alla resa, ai punti in otto avvincenti riprese, Mimmo deve raschiare, fino in fondo, il barile delle sue grandi risorse fisiche e mentali. A termine la felicità gli si legge sul volto, mescolata ai segni di una bella faticaccia. Nelle sue parole c’è la consapevolezza di aver disputato un bel match e di aver superato un avversario degno di tale nome: “Non potevo permettermi un attimo di distrazione perché rischiavo di essere punito. I suoi colpi erano davvero efficaci. Un paio di volte mi hanno fatto vedere gli uccellini. Ringrazio il meraviglioso pubblico per il grandissimo tifo. Cominciando dal gruppo dei militari del 187esimo reggimento della Folgore, presente sugli spalti con il colonnello Sganga e il capitano Mascolo”. A complicare le cose a Mimmo la struttura fisica dell’avversario: un ammasso di muscoli impressionanti, dotati di un’agilità felina e concentrati in appena 163 centimetri. E una boxe mordi e fuggi, per tanti versi anomala, con colpi che arrivano da tutte le direzioni, spesso in antitesi ai ca-

noni elementari della noble art. Qualche volta imbevuti anche di piccole scorrettezze. A dare una spiegazione di questo modo di combattere, al termine della tenzone vinta da Salvemini con un gap di due punti (77 a 75) è proprio il pugile 35enne di Vallata (Avellino). “Sono arrivato alla boxe un po’ tardi. Prima ho fatto Kick Boxing, per sei o sette anni ad ottimi livelli. Qualcosa di quello sport mi è rimasto. Fisicamente sono ancora integro”. Anche sull’atterramento subito all’ottava ripresa e non sanzionato dall’arbitro ha la sua diagnosi. “A farmi finire con le ginocchia per terra è stato un diretto di Salvemini ma anche una leggera scivolata”. Poi le considerazioni sull’avversario: “È bravo. Ha una varietà di colpi che qualche volta si fanno sentire e notevoli risorse fisiche. In alcuni momenti però deve essere più riflessivo e frenare la sua innata impulsività”. A regalare grandi emozioni nella bella serata di pugilato, anche tanti dilettanti. In grande evidenza soprattutto, con quelli della Boxe Salvemini. Per loro: sei vittorie e un pareggio. Quello di Mattia Demi contro Gesuel Piani (Boxe Foligno). Gli altri. Diego Tomassini, tra i mediomassimi, dominando dall’inizio alla fine, costringe alla resa Riccardo Antano (Foligno). Bella prestazione pure di Marino De Sanctis contro un Federico Segoloni sempre in difficoltà, di fronte alla straripante esuberanza fisica e intelligenza tattica di Marino alla fine, giustamente un po’ affaticato. Eloquenti in proposito le sue parole: “Sono reduce da 4 giorni di esercitazioni tra i boschi per questo in alcuni momenti ho dovuto rallentare un po’ l’azione”. Vittoria prima del limite per Diego Musti. In appena due riprese, Musti, demolisce la resistenza di Jacopo Passarini (Foligno). Successo ai punti di Francesco Passeri nel derby contro Antonio Giambastiani al termine di un mach tiratissimo e spettacolare che ha infiammato

Rauseo e Domenico Salvemini

la platea. Braccia al cielo anche per la giovane promessa Matilde Cammarota (in odore di nazionale) contro Asia Secci (Sv). E per Sidorella Karafili a spese di Francesca Raffi (pugilistica. Massese). Successo scontato, senza infierire sull’avversario, dell’immenso Alex Ferramosca (pugilistica Pratese) su Michele Sensini (Foligno). Un pugile Alex abituato anche a calcare le scene mondiali. E di Leonardo Esposito (pugilistica Pratese) su Lorenzo Galloni (pugilistica Massese).

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

di Mario Orsini

Mimmo Salvemini

299


F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

E

300

vento storico per il baby pugilato cittadino. Sabato 5 e domenica 6 ottobre, Livorno ha ospitato, in pompa magna, le finali nazionali dei giochi della gioventù di pugilato: “Coppa Italia Giovanile”. Una manifestazione ludico-sportiva, riservata a bambini e adolescenti, dai 6 ai 13 anni. Ad organizzarla l’Apl, in collaborazione la FPI nazionale e toscana, l’Accademia Navale e il Coni, con il patrocinio di: Comune, Provincia e Regione. Ai nastri di partenza bambini di 12 regioni con sei atleti ciascuna. “È un sogno che si è avverato”, le parole, a caldo, di Gioia Tancredi, presidente dell’Apl e deus ex machina dell’organizzazione. Per la città dei Quattro Mori una prima in assoluto da quando, nel lontano 1976, questa disciplina è approdata sul grande palcoscenico nazionale. Tra i momenti più suggestivi la sfilata di atleti e tecnici, con in bella vista lo stendardo regionale di appartenenza, stile olimpiadi, sabato pomeriggio nei saloni del Terminal Crociere. A fare da apripista la banda dell’Accademia Navale e subito dietro, con i relativi stendardi, le delegazioni regionali. Poi il saluto ai piccoli atleti e alle loro famiglie delle autorità sportive e istituzionali. Tra loro il presidente nazionale della FPI Alberto Brasca, il comandante dell’Accademia Navale Giuseppe Cavo Dragone, il presidente della Provincia Giorgio Kutufà e del Coni cittadino Giovanni Giannone, i dirigenti della FPI nazionale e regionale Massimo Scioti, Domenico Virton e Giuseppe Ghirlanda, di Gioia Tancredi e del mitico Franco Nenci. Interventi preceduti da un doveroso minuto di raccoglimento

Giochi della Gioventù nazionali di pugilato all’ombra dei Quattro Mori Aspiranti boxer a Livorno di Mario Orsini

per ricordare le vittime dell’immane e assurda tragedia di migranti, nel mare a ridosso dell’isola di Lampedusa.

Giuramento di lealtà sportiva

Tra i momenti emotivamente più suggestivi, le note dell’inno di Mameli e il giuramento di lealtà dei piccoli atleti. A leggerlo Jacopo Piacentino, un baby boxer dell’Apl che pur non avendo conseguito risultati sportivi sufficienti per essere inserito nella compagine del Granducato, si è meritato questo onore per altre nobili ragioni. La scelta di Jacopo Piacentino non è stata casuale. A spiegarlo Marina Casini, elemento di spicco della macchina organizzativa: “Nei quattro in cui è stato con noi –ci ha detto- si è sempre distinto per impegno, serietà, correttezza, rispetto delle regole, dei compagni e degli insegnanti. Davvero un modello”. Tra le belle parole lette da Piacentino, cui gli atleti hanno risposto lo giuro: l’impegno a gareggiare con sportività, senza l’ausilio di droghe e doping, per la gloria e l’amore dello sport.

Le gare

La mattinata di domenica 6 ottobre è stata, invece, interamente dedicata a gare e premiazioni. Ai nastri di partenza si sono presentati 72 “miniatleti”, che si erano distinti nelle rispettive fasi regionali. Differenziate le prove effettuate dai baby aspiranti boxer, a seconda delle Categorie di appartenenza: Cuccioli, Cangurini, Canguri e Allievi. Tra quelle in programma: esibizioni tecnico tattiche al sacco, corsa sui 25 metri, circuiti di abilità psicomotoria, sparring condizionato senza contatto fisico e serie di saltelli anche incrociati a tempo con una cordicella tra le mani. In ogni caso Sul podio Santini e Terreni con Ghilardi e Diletta Terreni

Il gruppo Toscana

tutto in piena allegria come nello spirito di questo tipo di eventi A sottolinearlo è l’ex campione italiano e internazionale IBF dei supermedi Luca Tassi. “Tenendo conto dell’età e della valenza educativa di questo tipo di sport le classifiche, in questo tipo di manifestazioni, hanno un peso del tutto marginale, per non dire trascurabile. Importante è che i bambini, quando si avvicinano a questo tipo di attività, si divertano e non sentano il peso della competizione. Io ho partecipato per ben cinque volte ai giochi della gioventù di pugilato. Ho vinto la fase regionale e ottenuto ottimi piazzamenti in quella nazionale. Quello che però ricordo più con piacere è il loro aspetto ludico. Il divertirsi stando insieme”. Poi a corollario di quanto affermato ha aggiunto: “Mi hanno aiutato a crescere dal punto di vista fisico e psicologico. La ginnastica pugilistica a questi livelli, non sono io a scoprirlo, è un vero toccasana. Ti abitua a coordinare e armonizzare i movimenti. A impegnare tutti i muscoli del corpo. Ti dà sicurezza e autostima e t’insegna a rispettare le regole. Non è detto poi che uno debba fare per forza il pugile.


Terreni, Santini e Nenci

Anzi la maggior parte di questi ragazzini sicuramente non lo farà. I benefici che ne hanno tratto rimarranno invece per tutta la vita e i ricordi indelebili. Così come è accaduto a me”.

Terreni e Santini d’oro e Boldrini d’argento

A mettersi la medaglia d’oro nella categoria Canguri a coppie la premiata “ditta” Michele Terreni ed Emanuele Santini. D’argento, invece, la prestazione del bravissimo Manuel Boldrini. Un doppio risultato che ha mandato in brodo di giuggiole il presidente dell’Apl e vice presidente regionale Gioia Tancredi come si evince dalle sue parole pronunciate al termine delle premiazioni. “Alla soddisfazione di avere organizzato, in maniera ottimale, questa finale nazionale dei giochi uniamo la contentezza di vedere tre dei nostri ragazzi dell’Apl sul podio”. Per i tre baby aspiranti pugili di casa nostra anche la contentezza di mettersi al collo la medaglia d’argento della prova a squadre nel-

Santini e Terreni

Gianluca Urbani e del grande Luca Tassi. Entrambi i piccoli pugili, non ci è voluto molto a immaginarlo, sognano un futuro tra le sedici corde, non dimenticando però lo studio e tenendo gli occhi spalancati sul mondo. “Sfondare nel pugilato è difficile. La concorrenza è tanta ed è necessaria anche tanta fortuna. Noi siamo già contenti di questo successo”. Per questo, i due bambini, con lungimiranza hanno già previsto cammini, sui sentieri della vita, alternativi. “Come mestiere mi piacerebbe fare il farmacista. È un bel lavoro e c’è la possibilità di stare a contatto con la gente e dare anche consigli”, le parole di Emanuele. “Io, invece, vorrei fare il medico. È una professione bellissima perché puoi aiutare le persone che non godono di buona salute. Capisco che per riuscirci dovrò studiare molto. Se però vuoi raggiungere un obiettivo non devi Terreni, Mitolo, Boldrini e Santini fermarti di fronte alle prire fa sempre piacere, ma farlo nella pro- me difficoltà”, la replica di Michele. pria città, nella più grande manifestazioFelice ma anche un po’ distaccato il ne sportiva nazionale, ha un sapore del piccolo Manuel Boldrini. Lui, d’altronde a tutto speciale. “Quando lo speaker ha pronunciato i nostri nomi come primi classificati non ci credevamo. A farci capire che avevamo veramente vinto è stato il boato del pubblico. Essere lassù sul podio con tanta gente che applaudiva è stato bellissimo. Difficilmente ci dimenticheremo di quei momenti e anche di tutto il resto”. Dodici le primavere compiute, il 13 febbraio 2001, per Michele Terreni e da festeggiare, un mesetto dopo, il 15 novembre, per EmaSantini, Tassi, Terreni e Marina Casini nuele Santini. Due splendidi campioncini che negli ultimi tre an- quei successi c’era già un po’ abituato Bani hanno fatto una carriera sportiva quasi sta ricordare i risultati nell’ultimo trienparallela, allenandosi con serietà e impe- nio alle finali nazionali dei giochi della gno, all’Apl, sotto la guida del responsa- gioventù: 1° nel 2010, 2° nel 2011, 5° nel bile regionale dei giochi della gioventù 2012 e 2° quest’anno.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

la classifica per Regioni. La Toscana grazie agli undici punti conquistati dalla coppia Santini-Terreni e ai nove portati in dote da Manuel Boldrini si è classificata al secondo posto, con trentatré punti complessivi, alle spalle della Puglia (trentasei). Più indietro in fila indiana le altre regioni presenti, ognuna con sei piccoli atleti. Particolarmente felici i tre bambini: Michele Terreni, Emanuele Santini e Manuel Boldrini appena scesi dal podio. Vince-

301


F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

U

na macchina da pugni. Freddo, determinato e inarrestabile. Filippo Gressani, 16 anni compiuti il 23 agosto, a Roccaforte Mondovì ha conquistato la corona tricolore di pugilato nella categoria Junior, al limite dei 66 Kg. Per super Filippo un trionfo quasi annunciato e, tanto per non farsi mancare nulla, immediata partenza per il ritiro azzurro per prepararsi per i campionati europei Junior ad Anapa in Russia nei primi giorni di novembre. A brillare nella cittadina piemontese anche il bravissimo 14enne Massimo Stiaffini, con un ottimo secondo posto nella categoria Schoolboy al limite dei 54 Kg. Bronzo invece per il mai domo 16enne Mattia Demi, anche lui nella categoria, però al limite dei 50 Kg. A complicare le cose a Mattia un problemino non trascurabile alla mano destra. “Altrimenti la medaglia avrebbe potuto essere di un colore diverso”, il commento del suo maestro Donato Salvemini. Leggermente al disotto delle proprie grandi possibilità, sempre negli Junior, Mattia Boldrini e Gabriele Giovannelli. Entrambi sono usciti di scena al primo turno, ma con l’onore delle armi e qualche legittimo rimpianto. Mattia ha ceduto, davvero per un’inerzia (6-5), di fronte al poi finalista Luca Scarano. Gabriele Giovannelli si è, invece, arreso (7-4) a Andrea Gaggi nella categoria al limite dei 63 Kg. Per entrambi in ogni caso la soddisfazione di essere arrivati alle finali nazionali. Per la cronaca i loro avversari Scarano e Gaggi, sono tra i convocati, del responsabile tecnico azzurro Raffaele Bergamasco, per la trasferta europea in Russia. Un modo come un altro per dire che la fortuna questa volta ha voltato un po’ le spalle ad entrambi proponendogli due

Campione italiano Junior di Mario Orsini avversari di tutto rispetto nelle prime battute del torneo. Ma torniamo a super “Pippo”. La sua è stata una cavalcata trionfale grazie a una condizione fisica straripante e alla convinzione di avere le potenzialità giuste per dire la sua con qualsiasi tipo di avversario sul suolo italiano. Grazie a questo successo Gressani fa il bis a distanza di due anni con la vittoria di Verbania, allora negli Schoolboy. Se l’altra volta il successo di Filippo aveva colto qualcuno di sorpresa in questa circostanza era quasi annunciato. Un paio di mesi fa l’immenso Franco Nenci, uno che l’aveva plasmato da ragazzino e nonostante le 78 primavere è ancora in grado di fare le radiografie ai pugili e con lo sguardo, ci disse: “Filippo è ulteriormente migliorato e ha tutto per regalarsi grandi soddisfazioni in questo sport. Importante che mantenga i piedi saldamente per terra”. Per la cronaca Gressani, ha battuto nei quarti l’andrianese Ivan Paradies, in semifinale il lombardo Giorgio Mazzoleni e nella finalissima con un mix di classe e intelligenza tattica, Alessandro Azzaro, come

spiega il suo maestro Donato Salvemini: “Nel primo round Filippo ha spedito Azzaro al tappeto con un micidiale gancio sinistro e nel proseguimento del match ha gestito il vantaggio con la classe e l’autorevolezza del campione”. Stupenda la prova anche di Massimo Stiaffini. Lo stop per lui è arrivato dopo un ottimo cammino, nella finalissima contro il siciliano Giuseppe Ferlick. “Era un tipo molto robusto e aveva già una ventina di match alle spalle. Io invece, mi sentivo un po’ stanco”. Per Mattia Demi oltre alla sfortuna di dover combattere con l’handicap dell’infortunio alla mano destra, anche quella di incrociare anzitempo i guantoni con il sardo Cristian Zara, senza ombra di dubbio il più bravo degli otto finalisti nella sua categoria.

Filippo Gressani

Boxe Fortitude in riunione al PalaCosmelli

A

Alessandro Accorinti

302

Filippo Gressani

di Mario Orsini

ll’indomani della festa di Liberazione grande riunione pugilistica, organizzata dalla Spes Fortitude di Lenny Bottai, al PalaCosmelli, nell’occasione veramente gremito, sugli spalti e a bordo ring. A regalare spettacolo, accendere gli entusiasmi una decina di boxer di casa nostra e alcuni ragazzotti venuti da fuori. A illuminarla, con prestazioni super: Valerio Pirone, Alessio Poggetti e il ventenne Jonathan Sannino. Successi di serata pure di Matilde Cammarota, Antonio Giambastiani, Matteo Antonioli e Oreste Esposito. Nella sua corsa verso un successo senza grinze Jonathan Sannino, ha evidenzia-

to una tecnica sopraffina e una condizione fisica straripante. Con il suo saltellare, le schivate repentine, le sue toccate e fuga, i suoi colpi chirurgici, sembrava, fatte le dovute proporzioni, l’essenza del pugilato. Tradotto: è bene darle, ma soprattutto non prenderle. Certo dovrà ancora migliorare. Ma è già sulla buona strada. “Il mio sogno è fare il pugile professionista. Per riuscirci dovrò lavorare e imparare ancora molto”. D’accordo anche Lenny Bottai: “Jonathan ha tutte le potenzialità per diventare un ottimo pugile. In palestra entra alle quattro ed esce alle otto. Ascolta, impara, fa tesoro dei consigli, si allena con passione entu-


siasmo ed è un esempio per tanti giovani”. Onore a Jonathan, ma anche al suo bravo avversario il longilineo Issam Mezzi della Boxe Le Torri di Bologna, capace in alcuni momenti di tenergli testa. Vittoria sofferta ma meritata anche per l’ingegner Pirone, della Boxe Salvemini, a spese del forte po-

U

n fine anno scoppiettante per la boxe al femminile. Ai primi di dicembre è caduto uno degli ultimi steccati. Il pugilato è approdato, in pompa magna, nella città dei Quattro Mori, con una serata boxe interamente dedicata al gentil sesso. Sul ring della palestra Eos di Stagno, otto ragazze, con le casacche rosse, a difendere i colori del Granducato. Dall’altra parte, in maglietta azzurra, un’agguerrita e ben selezionata pattuglia di pugilesse provenienti da Campania e Lazio. Tra loro studentesse, imprenditrici, impiegate, operaie, manager, freelance. Insomma una bella e qualificata rappresentanza della società al femminile e un bel vedere, in barba a tabù, pregiudizi e preconcetti. A prevalere, nell’insolita tenzo-

Il mio sogno è diventare professionista”. Successo di Oreste Esposito (Landi), su Francesco Carannante (Fortitude). Di Antonioli (Boxe Massese) sul bravo e simpatico Francesco Passeri (Boxe Salvemini) e della giovane Matilde Cammarota, anche lei della Boxe Salvemini, su Francesca Raffi (Boxe Massese).

Passeri e Salvemini

Serata di pugilato tutta al femminile Boxe in rosa a Stagno di Mario Orsini

ne, le boxer arrivate da lontano, con cinque successi e un pareggio negli otto match in tabellone. Ma a trionfare è stata soprattutto la voglia di esserci e di partecipare a un evento che rimarrà negli annali dello sport livornese. Vedere solamente ragazze e giovincelle, tra le sedici corde dalle nostre parti è stata un’assoluta novità. Con solamente le donne sul ring si era assistito a un paio di confronti amichevoli della nazionale italiana rosa, prima contro l’Ungheria e Polonia nel 2002 e 2005, al PalaBastia e in piazza della Repubblica. In questa circostanza, però, a salire sul ring sono state giovani pugilesse che la nazionale l’hanno intravista o non la vedranno mai, ma che questo sport ce l’hanno nel cuore.

la bandiera italiana in mezzo. “Ci è sembrato il modo migliore per iniziare questa serata storica per il pugilato rosa non solamente livornese. E anche per ribadire il senso di appartenenza, di omaggio e di rispetto verso la nostra patria”, le parole all’unisono di Donato Salvemini e Sergio Pulimeno, cuori pulsanti della Livorno Boxe Salvemini e della macchina organizzatrice. Con “regia” per

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Veronica Del Giovane, Jonathan Sannino e Lenny Bottai

lacco Mateusz Matuszewski (Boxe Massese). “Per me è il secondo successo di fila in una decina di giorni, dopo quello di Padova con Davide Marangon. Con il polacco è stata dura ma seppure in maniera sofferta penso di aver vinto meritatamente”. Vittoria di Alessio Poggetti, del team Bottai, nel derby contro Mattia Eliseo: allievo di Alessandro Landi al Combat Club di via Firenze. Un match intenso e spettacolare con violenti scambi ravvicinati e il pallino dell’iniziativa quasi sempre in mano a Poggetti. Vittoria pure di Antonio Giambastiani (allievo di Landi), nel derby con Alessandro Accorinti. Un verdetto mal digerito da Lenny Bottai e il suo staff. Accorinti, invece, ha smaltito quasi subito lo stop inatteso e guardato avanti: “A volte si impara di più da una sconfitta che da una vittoria.

Note dell’Inno di Mameli

Il gruppo iniziale delle atlete

A dare importanza e solennità all’evento e a scaldare i cuori, delle protagoniste e degli spettatori, prima dell’inizio dei match, le note dell’inno di Mameli. Con le ragazze delle due rappresentative schierate ai lati opposti del ring e

Spegnoli e Del Giovane

303


F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana 304

mans B.) contro Gen- cato a calcio, pallavolo, basket e hockey sui ni Gori (Boxe Stiava). pattini. Il pugilato, però è unico. Mi regala Successo ai punti di emozioni, mi dà autostima. La boxe è la meMartina Scolastri (B. tafora della vita. Se cadi, non devi piangerti Center) contro Fran- addosso ma rialzarti e guardare avanti. Non cesca Di Gloria (S. A. è vero neppure che tende a togliere femminilità. La femminilità è una questione menFirenze). Successo ai punti tale non di facciata. Io ho un fidanzato, Paodi Annunziata Espo- lo di Fabbriche di Peccioli, che mi ha scelto sito (B. Vesuviana) e accettato così come sono. Ossia: pacchetcontro Matilde Cam- to completo senza se senza ma. Così ho fatmarota (Boxe Salve- to io con lui”. Ben inserita nel mondo del lavoro anche mini). E di Valentina Colabucci (B.F. Libe- Genni Gori, 33enne di Stiava. “Nella ditta rati) contro Sidorella dove lavoro prepariamo kit per le sale opeKarafili (Boxe Salve- ratorie. Con il mio fidanzato, che era all’anmini). Un verdetto, golo come secondo della Boxe Apuana, ci quello pollice ver- vogliamo bene. Qualche volta si litiga come Karafili, Pulimeno, Cammarata D. Salvemini e Sassi so nei riguardi del- le coppie normali. Naturalmente senza mela FPI di Gioia Tancredi. Tra i tre arbitri della la Cammarota, che ha inondato di lacrime il nare le mani. I pugni servono quando sei sul serata anche la bella e brava livornese Vero- bel visino della ragazzina di S. Marco Lucca ring non tra le quattro mura domestiche”. nica Ponsiglione. e fatto arrabbiare non poco il suo allenatore Donato Risultati Tra le pugilesse del Granducato succes- Salvemini. so in scioltezza, contro Miran Iapino (isola Pugilesse con la d’Ischia), della bella e brava Irene Spagnoli testa sulle spalle della Fortitude, con all’angolo Veronica Del Per i detrattori del puGiovane. A fare il tifo per lei tutta la famiglia gilato femminile un’occaal gran completo: mamma Stefania, babbo sione per stare zitti. La boRiccardo, il fratello Nicola. E inoltre i nonni: xe in gonnella ha poco da Sergio, Giuliana, Piera e Gigi. Vittoria prima invidiare a quella dei madel limite, alla terza delle quattro riprese, schietti. Tra le sedici cordi due minuti ciascuna, per R.S.C.I. (ferita al de si sono viste atlete vesopracciglio sinistro) di Silvia Sassi contro la re. Fredde, determinate e romana Roberta Margani. Equo pareggio, pronte a gettare sul ring invece tra Patricia Ciarloni (Boxe Luminati ogni goccia di energia. E, Firenze) contro Martina Giudici (romana). grazie a questa loro voglia Vittoria ai punti di Arianna Salatino (p. F. Ro- di non arrendersi, hanma) contro Beik Samin Kamal (S. A. Firenze). no saputo ritagliarsi spaCiarloni, Beik, Kemal, Gori e Sassi Vittoria ai punti di Annalisa Brozzi (O. Ro- zi importanti anche nella vita di tutti i giorni. Mamma guerriera Per accorgersene è Ottimo lavoro anche per la trentenne Pabastato ascoltare le tricia Ciarloni di Firenze. “Ho una bambina, loro parole. “Mio pa- Rebecca, di 6 anni. Lei è felice di avere una dre –le parole sono mamma pugile. Sono un’addetta al condi Silvia Sassi- è re- trollo di qualità della fabbrica di scarpe delsponsabile del te- lo stilista Ferragano e felice di fare questo am dei preparatori sport ormai da quattro anni”. Alle parole di Patricia fanno eco quelle atletici della Juve. Io ho ventisei anni, so- del suo attuale compagno di vita, il peruno laureata in lingue viano Alonzo Hernandez, anche lui pugiorientali e lavoro in le: “Patricia è una guerriera. S’impegna ed una casa di spedi- è brava in tutto quello che fa. È adorabile. zioni: la C.D.C. di Li- Andiamo d’accordo su tutto. E a cimentare vorno. Un lavoro che la nostra unione è anche il fatto che pratimi gratifica e mi por- chiamo lo stesso sport. Uno sport per tanta a viaggiare parec- ti, specialmente quello al femminile, un po’ chio, soprattutto in anomalo. Per noi, invece, assolutamente Asia. Prima di prati- normale. Anzi tra i più belli e formativi che Daniela Valeri e Annziata Esposito care pugilato ho gio- conosco”.


A dare un pizzico di internazionalità l’iraniana 24enne Beik Samin Kamal. “Sono in Italia da cinque anni. Studio scultura, all’Accademia delle belle Arti di Firenze. Ho già realizzato e venduto dodici grandi sculture, anche di due metri di altezza, in marmo e legno. Ho anche un fidanzato italiano. Mamma e babbo sono medici in Iran. Mamma nel settore ricerca ed a lavorato anche in Canada. Da noi il pugilato femminile è vietato. Qui fortunatamente le porte sono spalancate anche per le donne”.

ci sono le scienze. Da grande mi piacerebbe fare la biologa marina”.

Ex nuotatrice

Biondina di Montespertoli la 17enne liceale Francesca Di Gloria. “Dopo 9 anni di nuoto e tanti successi a livello regionale, specialmente nei 400 misti e nel delfino e rana, ho scoperto il pugilato. A sceglierlo non ho impiegato tanto perché è uno sport completo. Dal punto di vista psicologico e etico è impareggiabile”.

Matilde futura chef

Studentessa con le idee chiare la quindicenne Matilde Cammarota della Boxe Salvemini. “Frequento la seconda all’alberghiero a Viareggio- ci dice - il mio sogno è entrare in nazionale e aprire un ristorante tutto mio. Il fidanzato, se lo trovo, può stare tranquillo perché picchio solo sul ring”. Per Matilde anche la soddisfazione di aver assaporato la nazionale.

Appassionata di cucina

Irene futura biologa

Studentessa al quarto anno, del liceo scientifico Enriques di Livorno, Irene Spagnoli. “Dopo tanti anni di pattinaggio ho scoperto questo sport bellissimo. I professori quando capita di parlare di questo sport mi dicono di stare attenta. Perché hanno paura che mi faccia male. Io replico che non devono preoccuparsi per il pugilato a livello dilettantistico, con tutte le protezioni che abbiamo, è molto meno pericoloso di tanti altri sport. A scuola me la cavo abbastanza bene. Tra le materie che mi piacciono di più

Da una pugilessa con la casacca azzurra, infine, uno spot alla boxe al femminile: “Il pugilato dà tanto dal punto di vista fisico ma soprattutto mentale. È una continua iniezione d’autostima. L’allenamento è una specie di training autogeno. L’avversario da battere sei te stessa, con le tue paure, insicurezze e debolezze. Non puoi fare a meno di affrontarle. Appena le hai superate senti dentro di te una carica, un’energia mai provata, che non pensavi minimamente di avere. Mettersi i guantoni non significa far male all’avversaria. In questo sport è la tecnica che ti fa accumulare punti. Inoltre abbiamo protezioni per il seno, l’inguine, i denti e il caschetto. Insomma abbastanza per stare tranquille”.

Risultati

Mazzoni e Di Gloria

Cammarota e Sassi

Spot per la boxe rosa

Già nel mondo del lavoro la diciottenne Sidorella Karafili. Una ragazzina con notevoli potenzialità, innamorata di questo sport. Uno sport verso il quale sembra avere una predisposizione naturale e che affronta con serietà e passione. “Stasera non ho reso come avrei dovuto per l’eccessiva tensione”, le sue prime parole appena scesa dal ring. “Nella vita di tutti i giorni –aggiunge- lavoro già in una rosticceria. Un lavoro che mi piace e mi regala anche soddisfazioni. Il sogno sportivo è invece di fare carriera e magari un giorno anche in nazionale”.

Per Irene Spagnoli (Spes Fortitude), vittoria ai punti contro Mirian Iapino (Ischia). Pareggio tra Patricia Ciarloni (Boxe Luminati) e Martina Giudici (G. Sabatia). Successo ai punti di Martina Scolastri (B. Center) contro Francesca Di Gloria (S. A. Firenze). Vittoria ai punti di Arianna Salatino (p. F. Roma) contro Beik Samin Kamal (S. A. Firenze). Vittoria prima del limite (R.S.C.I. ferita al sopracciglio sinistro) di Silvia Sassi (Boxe Salvemini) contro Roberta Margani (B. Castelli Romani). Successo ai punti di Annunziata Esposito (B. Vesuviana) contro Matilde Cammarota (Boxe Salvemini). Successo ai punti di Valentina Colabucci (B.F. Liberati) contro Sidorella Karafili (Boxe Salvemini). Infine vittoria ai punti di Annalisa Brozzi (O. Romans B.) contro Genni Gori (Boxe Stiava).

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

L’iraniana scultrice

Faccina d’angelo

Una faccina d’angelo quella di Annunziata Esposito: 16enne napoletana di Torre Annunziata. “Ho vissuto otto anni in Toscana a Castelfiorentino con mamma e babbo, che era lì per lavoro. Prima di avvicinarmi alla boxe ero un’ottima ciclista. Il mio sogno è andare alle olimpiadi. Veline, concorsi di bellezza, sfilate di moda e feste del sabato sera non mi piacciono assolutamente”.

Beik Samin Kamal

305


F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

A

306

primi di maggio 2013 serata di pugni in piazza Cavallotti, organizzata dalla Fortitude per raccogliere fondi per l’acquisto di costose apparecchiature mediche per la piccola Asia Immi. Nonostante la delusione per l’annullamento, del match di Lenny Bottai la riunione pugilistica non ha tradito le attese. Sul ring nove bravissimi pugili di casa nostra e sette venuti da fuori. A fare da cornice diverse centinaia di persone, assiepate intorno al ring, per godersi uno spettacolo unico, in una piazza ricca di storia e di genuina tradizione popolare. A dare un volto nobile alla manifestazione e a stimolare sprazzi di sentita partecipazione, la piccola Asia, un angelo di appena otto mesi, reduce da ben tredici interventi chirurgici, quando è salita sul palco, tra scroscianti applausi, in collo ai propri genitori Stefano e Nadia, rivendicando, tramite le parole degli organizzatori e del babbo, il sacrosanto diritto a essere curata ed ad avere quanto le è necessario per guarire, per avviarsi, finalmente, verso una vita serena e piena di gioia e speranza come tutti i bambini della sua età. Complessivamente, grazie ai biglietti, alla generosità e al grande cuore dei livornesi, sono stati raccolti 3.750 euro, a cui vanno aggiunti quelli, di una sottoscrizione spontanea, nella palestra Valerio Verbano (gemellata con la Fortitude) nel quartiere Tufello di Roma. I Match. Otto in tutto. Nelle vesti di assoluto protagonista Jonathan Sannino, allievo di Bottai alla Spes Fortitude. Nella sua vittoria ai punti contro l’ex campione italiano Youth 2011, Francesco Barotti mette in mostra una eccellente condizione fisica e lampi di classe. “Un avversario degno che non si è mai tirato indietro”, le sue parole appena sceso dal ring, prima di essere sotterrato da abbracci. Successo sempre ai punti pure dei due allievi di Alessandro Landi: Oreste Esposito, ha piegato Ernesto De Barre (Boxe Tric.) e Mattia Eliseo, ha avuto la meglio contro Matteo Sannino (Fortitude). Sugli scudi pure il simpaticissimo Francesco Passeri, della Boxe Salve-

Boxe sotto le stelle in piazza Cavallotti Solidarietà per Asia di Mario Orsini

Pulimeni, Ponsiglioni, Passeri, Donato e Domenico Salvemini e Silvia Sassi

mini, vittorioso contro Donato Amal- colpo al fegato”, il commento del brafi (Boxe Mugello): “Finalmente un bel vo Daniele. Niente da fare, infine, per successo”, il suo commento a caldo. Di- Valerio Cucciolini (Boxe Salvemini) cosco rosso per Alessio Poggetti e Fran- stretto alla resa da Sinday Rente Gallo cesco Carannante della Spes Fortitude, (Boxe Parma). di fronte a Mauteusz Matuszwki (Puilistica. Massese) e Marco Dervishaj (Mugello). Per entrambi anche tante giuste lamentele sul verdetto, apparso francamente troppo pesante nei loro confronti. Sconfitta, infine, per KOT di Daniele Dell’Omodarme (Fortitude) contro Spinu Vitalie (Boxe Parma). “A metterMomenti della manifestazione in piazza Cavallotti mi in difficoltà un


Vieni a giocare a RUGBY! Prova GRATUITAMENTE

da Settembre a Giugno Corsi per bambini e ragazzi nati dal 1996 al 2010

Per info:

RUGBY ETRUSCHI LIVORNO Squadre maschili e femminili

Campo sportivo Tamberi

Via Luigi Russo, 15 - Livorno (Località Picchianti/Cigna - davanti al Concessionario Mercedes) PRENOTA LA TUA PROVA GRATUITA AL NUMERO: 393 9152452 - 328 9555496 www.rugbyetruschilivorno.it - info@rugbyetruschilivorno.it


to numerose vittorie ai concentramenti regionali. I baby verde-amaranto: Mannucci, Geremia, Bianchi, Schiaffino, Mazzoni, Bernocchi, Raffo, Santuari, Del Secco, Buda e Becucci.

Rugby

Under 12

I numeri record del Rugby Etruschi: ben 9 rappresentative in campo per una società ‘maggiorenne’, dalla forte identità e capace di andare in meta anche nel sociale di Fabio Giorgi

N

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

umeri record per gli Etruschi Livorno in questa stagione della ‘maggiore età’. Nell’annata 2013/14, la diciottesima vissuta nel mondo della palla ovale, la società verde-amaranto, nata nell’ormai lontano 1995, sta mettendo in campo ben nove rappresentative nutritissime anche grazie agli accordi ottenuti con le scuole Mazzini,

308

Under 6

Le formazione dei piccolissimi dell’under 6 sono seguite dal professor Stefano Biagi, da Luca Lomi e Marco Annunziata. I baby labronici si sono nettamente contraddistinti in Toscana per numerosi risultati messi a segno. Questo la rosa: Bartolini, Parenti, Salvadori, Consani, Annunziata, Angioli, Andreotti, Torri, Del Secco, Bianchi;

Under 8

La baby squadra degli under 8 è invece timonata dal duo Francesco Consani e david Franceschi vede tra la propria rosa i seguenti atleti: Agostini, Bartolini, Consogni, Consani, Ferrari, Garzelli, Giusti E., Giusti L., Izvira, Mannucci, Nuterini, Perciavalle, Sgherri

Under 10

La rappresentativa verde-amaranto under 10 è affidata a Alberto Mazzoni e Michele Malinconico, che hanno ottenu-

L’under 12 labronica è allenata da Giuseppe Ruffino, Nicola Giolli e Simone Campisi. I validissi Etruschini: Barba, Brondi, Calderano, Capobianchi, Castelli, Cavaliere, Ferretti, Giusti, Madrigali, Masi, Mazoni, Turini, La Rosa e Teitscheid.

Under 14

Gli under 14 stanno disputando il torneo di categoria con tanti buoni risultati grazie al duro lavoro portato avanti dall’inossidabile Alessandro Sarcina. La rosa: Ramagli, Lari, Fierro, Capocchi, Solimani, Iozzelli, Paris, Pellegrini, Salvadori, Bonaccorso, De Tullio, Iegre, Alimovic, Andorlini, Talabi, Xhuya.

Under 16

Gli under 16, agli ordini di Carlo Ghiozzi e Gabriele Marinai, coadiuvati dal preparatore fisico Dario Mencacci, hanno iniziato il proprio lavoro in piena estate ed hanno disputato, già nei primi giorni di settembre, i barrage per accedere al girone Elite di categoria ed attualmente stanno scalando la vetta del campionato regionale di categoria. La rosa: Alaimo, Capobianchi, De Robertis, Rugiati, Vitiello, Giordano, Bonucceli F, Bonuccelli A, Mirante, Tullio, Capaccioli, Sagone, Giordano, Donnini, Ciampagna, Perciavalle, Shehu, Maraviglia, Giuliani, Rizzello, Micheli, Mendieta, Brozzi, Masuottolo, Del Greco, Giorgi.

L’allenatore Daniele Campani

Santo Spirito e Bolognesi dove sono state realizzate ben 9 rappresentative scolastiche: 3 under 12, 3 under 14 femminili e 3 under 14 maschili le quali parteciperanno ai campionati studenteschi a Iesolo.

Under 16 Etruschi


Serie C

la rappresentativa maschile senior, che milita in serie C girone 3 e sta ottenendo buonissimi risultati (possibile infatti l’accesso alla prima fase dei play off di serie B), è tornato sulla panchina degli Etruschi una vecchia gloria verde-amaranto: Daniele Campani, storico capitano della formazione labronica. Ecco la rosa completa degli Etruschi edizione 2013/14: Dario Belfiore (pilone proveniente dal Rufus), Alessandro Bonsignori (2alinea), Silvio Cintio (mediano), Deashuwa Recchi (apertura/centro), Lorenzo Baldi (pilone), Matteo Sanacore (ala), Enrico Spagnolo (seconda), Nicolas Borella (tallonatore), Gabriele Marinai (3a linea), Simone Campisi (trequarti), Juri Morano (trequarti), Mirko Longo (mediano/apertura), Leonardo Bottoni (pilone),

Gli Etruschi

Femminile

La formazione femminile senior, che anche quest’anno lotta per la conquista della Coppa Italia seven, è invece allenata da Nubio Malerbi.

Squadra Old

Infine, l’ultimo traguardo degli Etruschi è relativo alla nascita della squadra old con i giocatori che, superato il limite di età di 42 anni, non possono più partecipare ai campionati agonistici, ma che sono ugualmente attivi nelle manifestazioni riservate agli over. La società livornese, al di là della propria opera in campo, è attiva pu-

I giovani degli Etruschi

Il logo dell’AIL appare nelle casacche della prima squadra. Nello scorso mese di dicembre, con la vendita di due calendari che ritraggono i giocatori della prima squadra maschile e di quella femminile, gli Etruschi hanno versato all’AIL significativi contributi in beneficenza. La rappresentativa verde-amaranto senior è un punto di riferimento dei tanti ragazzi protagonisti nelle varie under. Gli Etruschi, grazie anche al proprio quartier generale del ‘Tamberi’ (dove, oltre al campo da gioco, si trovano anche la segreteria, un’organizzata ‘club house’, una palestra ed un locale infermeria), hanno una propria precisa e forte identità.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Il capitano Mazzoni

Daniel Negrini (ala), Giuseppe Daniele Ruffino (2a linea), Luca Manucci (centro proveniente dal Cecina), Christian Incrocci (mediano), Blake Parvi (tallonatore), Tiziano Trinca (pilone), Valerio Bartoli (2a-3alinea), Mauro Incrocci (apertura/ trequarti), Samuele Banchini (ala), Kevin Campani (3alinea), Michele Malinconico (2alinea), Danni Barghi (3alinea), Andrea Rocchi (tallonatore), Diego Campani (pilone), Nicola Giolli (trequarti), Francesco Consani Il presidente Carlo Ghiozzi e l’allenatore Daniele Campani (3alinea), Marco Dello Sbardurante la presentazione della squadra ba (pilone), Alberto Mazzoni (3a linea), Matteo Bonaretti (tallonatore), re nel sociale. Non a caso anche in queLuca Buscarino (pilone), Cristiano Green sta stagione gli Etruschi sono testimo(ala), Enrico Pini (2alinea), Carlo Ghiozzi nial dell’AIL, l’Associazione Italiana (pilone), Alessio Calvaruto (ala), Vincen- contro le Leucemie. zo Russo (ala) , Andrea Paolini (ala), Filippo Franzoni (centro), Raffaele Di Martino (seconda linea). La Rosa: Leonardi, Grilli, Panichi, Di Domenico, Frasu, De Conno, Tamberi, Ferrini, Rosselli, Salsa

309


LE ETRUSCHE

L’INTERVISTA

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

In campo con la palla ovale, per una disciplina che si adatta benissimo alle donne

310

La squadra femminile degli Etruschi

G

li Etruschi hanno sempre dedicato molta attenzione al settore femminile del rugby, fino ad unificare tutte le forze livornese, assorbendo anche le atlete dei Lions e formando così una bella e competitiva squadra. Girando per il campo di via Luigi Russo, mentre il presidente Carlo Ghiozzi è in cucina a cuocere zuppa e salsicce per il consueto incontro conviviale della settimana, incontriamo le ragazze che arrivano al campo per l’allenamento. Cominciamo a parlare con Ilaria Arrighi 22 anni, che fa rugby da 6 – 7 anni: “Ho sempre avuto tanti amici che praticavano rugby, così guardando le loro partite mi è venuta voglia di provare”. Hai fatto altri sport? “Ho giocato otto anni a pallavolo, iniziando da piccola”. In quale ruolo giochi? “Sono il jolly”. Nella vita cosa fai? “Studio Scienze Agrarie e lavoro come cameriera. E poi faccio Rugby e frequento anche gli Scout. Sono molto impegnata”. La soddisfazione più bella che ti ha dato questa disciplina? “Vincere con il Benetton Treviso, quattro anni fa, una delle squadre più forti, riconosciute in tutt’Italia. Vincere in casa loro è stata

una bella soddisfazione, inoltre, era il primo anno che le atlete dei Lions giocavano con noi. Abbiamo superato le difficoltà della fusione e questa è stata la prima vittoria di squadra”. Un sogno nel cassetto? “Andare in nazionale”. Cosa pensa la tua famiglia di questo sport? “Si preoccupano. Ancora oggi, dopo tanti anni, quando finisco una partita mi chiedono come sto e se sono tutta intera; ma comunque ormai lo hanno accettato”. Ti sei mai fatta male? “Ho avuto un infortunio grosso al gomito e ho dovuto sospendere per due anni. Sono rientrata da poco a giocare”. Chi è il tuo fan maggiore? “Sono io. Non ho mai puntato ad avere l’approvazione di nessuno. È uno sport che mi piace, amo stare con la squadra e quindi lo faccio”. Il complimento più bello che ti è stato fatto? “Alla fine dell’ultima partita disputata l’allenatore mi ha dato una pacca sulla spalla e mi ha detto che ero stata brava”. Cosa ti piace di più del tuo allenatore? “È riuscito a farci ritrovare come squadra. Forse ci eravamo perse un po’ negli ultimi anni. Lui invece ci ha amalgamato, ha fatto un bel gruppo. È riuscito subito a capire come

funziona il rugby a sette, pur avendo fatto per una vita il rugby a quindici”. Chi ti senti di ringraziare? “Ne ho tanti di ringraziamenti da fare a partire da chi mi ha fatto avvicinare a questo sport, per proseguire con una mia amica che ha fatto il capitano qualche anno fa. Oggi in particolare ho voglia di ringraziare le ragazze di Pontedera, sono tre, fanno le pendolari, ma arrivano sempre con il sorriso e con tanta voglia di fare, e riescono a trascinare la squadra: è stato per noi un bell’acquisto”. Un’esperienza da dimenticare? “Il periodo in cui mi sono allontanata dalla squadra, un po’ per l’infortunio, un po’ perché non ho avuto la forza di mantenere i legami, e di questo ne ho risentito per tanto tempo, perché giocare a rugby è un po’ come trovare una famiglia”. Il terzo tempo esiste veramente? “Sì, ed è una delle più belle soddisfazioni. Se poi vinci lo è ancora di più”. Come ti senti in quanto ragazza che praticare uno sport considerato maschile? “Io sono fiera di giocare a rugby. Secondo me questa disciplina è tanto maschile quanto femminile, anzi le ragazze sono più portate, perché maggiormente competitive e sotto alcuni aspetti anche più aggressive”. La tua migliore dote? “Sono energica e determinata. Quando decido di fare un cosa metto tutta me stessa. Sono poi una ragazza solare, anche se ho un periodo negativo non smetto di sorridere, nel rugby i problemi si lasciano fuori e questo sport ti aiuta a scaricarti dalle tensioni e a ricaricarti di energia positiva”. Incontriamo poi Giulia Fresu di 18 anni. Frequenta il liceo di Scienze umane al Niccolini – Palli ed ha scelto di giocare a rugby da pochi mesi. “Era un po’ di tempo che avevo in mente di provare a giocare, ma non sapevo esattamente come fare. Poi, un giorno, a scuola è venuto un ragazzo a presentare questa disciplina ed allora, grazie alle sue indicazioni ho cominciato e me ne sono innamorata”. Hai fatto altri sport? “Fin da piccola ho sempre fatto sport singoli come judo, karate, nuoto e pugilato. Mi era venuta la voglia di dedicarmi ad uno sport di squadra e devo dire che ne valeva la pena”. La soddisfazione più bella in questi pochi mesi? “Domenica scorsa ho fatto una meta”. Un’esperienza da dimenticare? “Per ora non ce ne sono”. Quale aspetto ti piace di più? “È uno sport che dà molto, in questi pochi mesi ho legato molto con le ragazze della squadra, ci sentiamo anche fuori dagli allenamenti e quando giochiamo diamo il massimo”.


“I momenti più belli, tutti gli anni, sono sempre le finali, quando ti confronti con squadre provenienti da tutt’Italia e non sempre con le solite. Arrivare in finale è una grande soddisfazione”. Cosa è cambiato in questi ultimi anni? “Molte ragazze sono andate via ed è cambiato anche allenatore”. In famiglia cosa dicono? “Mia madre si è abituata, poi ho anche mio fratello che gioco a rugby”. Una vita per il rugby? “Sì, voglio provare a puntare in alto. È un sogno che ho sempre avuto e fin che posso ci provo. Già un’altra ragazza della squadra è andata a Bologna e si trova bene, gioca e si diverte”. Ed infine, incontriamo Alice Di Domenico, 23 anni che lavora come aiuto cuoco. “Ho iniziato a 13 anni, tramite le scuole medie, dove facevano dei corsi durante le ore di Educazione Fisica, e da qui è nata la passione”. Riesci a conciliare sport e lavoro? “Sì, non ho problemi, gli allenamenti sono sempre in serata, quindi ce la faccio bene perché lavoro mattina e pomeriggio”. Cosa ti piace di più del rugby? “Prima di tutto mi piace il fatto che sia uno sport di squadra. Ci sosteniamo, combattiamo insieme, una a fianco dell’altra. La passione che ci metti e l’ambiente sono gli altri elementi che mi piacciono. Non è uno sport violento, tutt’altro. A me ha aiutato a tirare fuori il carattere, mi ha dato molto, anche in periodo difficili mi è servito a sfogarmi, a liberare mente e anima”. In famiglia cosa pensano della tua scelta? “Inizialmente erano un po’ titubanti, poi quando hanno visto che non è così pericoloso come può sembrare e si sono accorti di quanta passione ci metto, si sono arresi. La cosa simpatica è che mio padre è sempre vissuto nel mondo del calcio, mia madre del pattinaggio ed io del rugby”. Un sogno nel cassetto? “Poter continuare a fare questo sport e vedere la squadra femminile cresca sempre di più”. Il terzo tempo è sincero? “Sì, è sincerissimo, si crea una bella atmosfera, come una famiglia”. La soddisfazione più bella? “Quando mi hanno assegnato la maglia numero 1, quella del pilone. Sei in prima fila, in mischia,

e trascini la squadra verso la meta. Questo è avvenuto quando avevo 16 anni”. Esperienza da dimenticare? “Una partita dove c’era acqua, freddo, vento e il campo era di sabbia e graffiava”. Obiettivo del 2014? “Andare alle finali a maggio e anche se non vinciamo, mantenere un’atmosfera positiva, senza scoraggiarci”. Che caratteristica deve avere una atleta che vuole fare rugby? “Carattere. Fisicamente tutti possono giocare a rugby, dalle persone robuste come me, alle più gracili, da quelle alte a quelle basse. La cosa veramente importante invece è il carattere e non avere paura di scontrarsi”. Qual è la tua caratteristica migliore? “Dal punto di vista fisico la potenza, caratterialmente la positività, in campo cerco sempre di aiutare e spingere anche gli altri ad impegnarsi e ad andare avanti”. La caratteristica migliore del tuo allenatore? “Anche lui è una persona molto positiva, ti trasmette la passione e prima delle partite ti carica. È una persona umile”. Chi vuoi ringraziare? “Il mio primo allenatore, Tommaso Chiavistelli, che mi ha aiutato tanto, con lui ho imparato veramente molto. È stato lui che mi ha cresciuta e mi ha trasmesso subito la passione. Poi ringrazio la mia vecchia capitana, Marinella, che mi ha dato tanto. Ed infine, Nubio Malerbi, l’allenatore attuale, che sta facendo un buon lavoro”. Come ti senti a praticare uno sport che viene considerato maschile? “Io sono onorata di rappresentare questo sport. Molti mi guardano male quando dico che faccio rugby, ma a me non interessa, spesso le persone hanno i paraocchi, ed invece è bene aprire i propri orizzonti e guardare oltre le apparenze e i luoghi comuni”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Cosa pensano in famiglia di questa scelta? “Mia madre non vuole venire a vedermi perché ha paura che mi faccia male”. Qual è la tua migliore dote? “Ho imparato a non mollare mai, neanche nelle difficoltà. Cado, mi faccio male, ma non mi arrendo, mi rialzo e continuo a giocare”. I tuoi amici cosa pensano di questa tua attività sportiva? “Sanno che ho un fisico abbastanza possente e non si sono scandalizzati”. Chi vuoi ringraziare? “Tutte le bimbe della squadra, che mi supportano tanto. Poi mia madre e mia sorella”. Un sogno nel cassetto? “Mi piacerebbe andare avanti come livello. Magari arrivare a giocare il rugby a 15”. Il terzo tempo esiste veramente? “Sì, ed è il momento migliore. Dopo tanta fatica stai con gli altri, mangiando, bevendo e scherzando”. La caratteristica migliore del tuo allenatore? “È un duro, ma sa essere dolce nei momenti migliori. Sa emozionarsi”. La capitana è Erica Tamberi, la rincontriamo dopo 4 o 5 anni e la troviamo sempre determinata. Com’è andata la stagione conclusa? “Diciamo che poteva andare meglio. Ci eravamo classificate nel girone Elite, però forse l’ansia di giocare contro squadre molto forti, ci ha un po’ abbattuto”. Progetti per il 2014? “Questo è il mio ultimo anno di rugby a sette, poi voglio andare a giocare il rugby a quindici a Bologna, la città più vicina dove lo si può praticare. Quest’anno mi diplomo e quindi sono libera dagli impegni scolastici e voglio realizzare il mio desiderio”. Come ti organizzerai? “Spero di poter lavorare, se poi non trovo niente mi metterò a studiare Giurisprudenza”. La soddisfazione più bella del precedente campionato?

Nelle immagini due ragazze della squadra fotografate per il calendario 2014

311


312


Lions Amaranto e Lions Salviano Protagoniste di una memorabile stagione. Ottimi i risultati sul campo, con la ‘ciliegina’ del defibrillatore donato da un generoso ex rugbista neozelandese di Fabio Giorgi

Under 16 Lions

Gli amaranto, in questo 2014, cercano e vogliono a tutti i costi la rivincita. Puntano dritto alla qualificazione ai play-off, per poi giocarsi la promozione in B negli spareggi della post-season. Differente la situazione dei Lions Salviano, che all’inizio dell’annata 2013/14 hanno raccolto l’eredità del Carli Salviano, secondo nel precedente campionato di C3. Nel torneo di C2 in corso, la squadra labronica (guidata dai tecnici Emanuele Bertolini e Antonio Cannavò) sta bruciando le tappe e battagliando per le posizioni di vertice. L’obiettivo, all’inizio della stagione, non era il salto in C1. La volontà era solo quella di far maturare i giocatori in rosa, quasi

tutti alle prime esperienze nella categoria. Il 2013 dei Lions è stato importante anche per un evento extra tecnico, che ha permesso al terreno di gioco della via della Chiesa di Salviano (da anni quartier generale del club amaranto) di dotarsi di un defibrillatore. Il tutto è nato da un incontro (piacevole e del tutto casuale), tra l’ex giocatore neozelandese Albert Mc Ilroy e l’allenatore dei Lions under 6 Alessandro Pozzetto. Durante il colloquio fra i due, è emersa la considerazione della necessità - spesso disattesa - che tutti i campi sportivi siano muniti di tale prezioso strumento (presenza resa obbligatoria dalla vigente legge). Spesso questa mancanza è dovuta a motivi di natu-

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

D

i tutto di più. Il 2013 dei Lions Amaranto e dei Lions Salviano è risultato intensissimo, pieno zeppo di brillanti vittorie, di memorabili mete e di successi speciali ‘extra-tecnici’, colti cioè lontano dal rettangolo di gioco. Mentre scriviamo, le due formazioni (che ufficialmente, a livello federale, sono divise e autonome, ma che di fatto vivono in strettissima sinergia) occupano le prime piazze delle classifiche dei rispettivi campionati. I Lions Amaranto, che giocano il torneo regionale di C1, hanno, nella scorsa primavera, sfiorato la promozione in B. Un salto di categoria mancato a causa di un regolamento cervellotico, che nei play-off ha imposto ai labronici, per tre domeniche di fila, tre trasferte (dure a livello fisico, tecnico e anche logistico). Tre gare ad eliminazione diretta, senza possibilità di appello. Dopo aver chiuso il campionato regionale di C1 2012/13 con un favoloso ruolino di 12 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta, la squadra amaranto, allenata da Daniele Conflitto e Alessandro Gragnani, ha affrontato (ribadiamo: in trasferta) e battuto nei play-off Correggio e Gubbio, per poi cedere sul terreno dello Jesi. Alla distanza, lo stress di partite così ravvicinate, da disputare lontano dal terreno amico ha giocato un brutto scherzo ai livornesi, che, contro una formazione - quella jesina - attrezzata, ma non certo irresistibile, hanno accusato di colpo la stanchezza (più mentale che fisica). Vincendo anche in terra marchigiana, i Lions sarebbero saliti nella categoria maggiore, abbandonata (non senza una buona dose di sfortuna) nel 2011.

La prima squadra Lions Amaranto Livorno

313


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

ra economica da parte delle società e può avere tragiche conseguenze. Il generoso Mc Ilory, messo al corrente di tali difficoltà, ha provveduto immediatamente ad acquistare il defibrillatore, donandolo alla società. Lo strumento è ora in dotazione al campo di Salviano. Successivamente, sempre presso il terreno dei Lions Amaranto Livorno si è tenuto un corso di formazione di B.L.S.D asic Life Support Defibrilation): l’esperienza è stata resa possibile grazie alla gentile autorizzazione del dottor Riccardo Ristori, medico del 118. Docenti, nell’occasione sono stati l’infermiere specializzato Alessandro Pozzetto e l’infermiere Luca Pancanti, entrambi attivi nella Croce Rossa

Lions Salviano

Lions Salviano

Italiana. Hanno partecipato al corso e sono stati brevettati i seguenti allenatori e dirigenti dei Lions: Mauro Fraddanni, Fulvia Catalani, Monica Granucci, Enio Tedeschi, Alessandro Landi, Francesca Lamioni, Maria Teresa Scarpellini, Alessandro Brondi, Giuseppe Orifici, Andrea Magni, Michael Bernardini, Saverio Crea, Alessandra Barga-

Lions Amaranto Livorno under 18

314

gliotti, Davide Mantovani e Manrico Soriani. Al solito intensissima l’attività giovanile Lions. Confermata la collaborazione con il Bellaria Pontedera per le rappresentative under 18 (guidata dal tandem Michele Pelletti - Rossano Campochiari) e under 16 (allenata da Manrico Soriani e Alessandro Crivellari). ‘Autonome’ le altre squadre Lions. L’under 14 è guidata dal terzetto Emanuele Bertolini - Davide Mantovani - Franco Mazzantini, l’under 12 dalla coppia Antonio Cannavò - Andrea Giugni, l’under 10 da Alessandro Landi e Alessandro Brondi e le formazioni under 8 e under 6 da Andrea Brondi, Michele Valente e Antonio Ventre.


I tecnici del Lions che si occupano delle categorie più giovani

L’INTERVISTA

Gioco, divertimento e fango, così crescono i piccoli leoni

Under 14

Under 14

ad esempio, i ragazzi si sono trovati a confrontarsi con croati, francesi, inglesi. Erano complessivamente 7.800 bambini. Lo scorso anno abbiamo partecipato con l’under 12 e l’under 10, nel 2014 vogliamo portare anche i bambini di 4 anni e mezzo”. Che impegno si richiede ai giovani atleti? “I bambini fino a sette anni si allenano due volte alla settimana e fanno un’ora e un quarto di gioco. Da dieci anni si passa a tre, poi dopo 14 si va a 4 e poi con l’età si arriva a 5”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Sono tante le emozione che i bambini ti danno, e la cosa migliore è sicuramente vederli crescere”. Che caratteristica deve avere un tecnico che si occupa di questa fascia di età? “Deve essere più un animatore che un tecnico. Fondamentalmente si deve prendere cura del bambino, la parte sportiva viene in seguito. In questa fase si devono introdurre i fondamentali attraverso il gioco”. Un sogno come tecnico? “Avere due squadra per categoria, anno per anno, invece che per biennio. Piano piano ci stiamo arrivando, già abbiamo due under 6, due under 8, due under 10 e due under12”.

Di cosa avrebbe bisogno il rugby livornese? “Stiamo vivendo un bel periodo, possiamo dire che sta andando quasi tutto bene. Si potrebbe aggiungere che mancano un po’ di soldi, ma questi portano del bene, ma anche del male, il rugby è sempre stato uno sport pulito perché non ci sono mai stati soldi”. Convinci una mamma a portare suo figlio a rugby. “Il bambino ha bisogno di muoversi e sfogarsi e questo è lo sport ideale per loro, perché serve a dare e a creare fiducia. C’è poi il contatto con il terreno, l’abitudine a cadere a terra, crea basi caratteriali e fisiche che ti permettono di affrontare la vita in modo diverso. Al campo i bambini possono fare cose che nel resto della giornata non gli sono permesse: possono urlare in campo, rotolarsi nel fango, avere un contatto fisico con gli altri ragazzini. Quando ai bambini di quattro anni e mezzo faccio toccare il fango, dopo il primo acquazzone, è per loro una vera e propria gioia. In più insegniamo anche il rispetto delle regole, che imparano divertendosi”. Obiettivo del 2014? “Arrivare a Treviso con due squadre”. Andrea Giugni ha 25 anni allena l’under 12 insieme ad Antonio Cannavò e gioca a Rugby in prima squadra. “Ho iniziato a 14 anni, invogliato da alcuni amici”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

U

n po’ di pazienza in più, ma tanta genuina soddisfazione per i tecnici che crescono sportivamente i bambini e i ragazzi nel mondo del rugby. Andrea Brondi ha 39 anni e da 30 gioco a rugby, oltre ad essere il tecnico dei ragazzi dai 4 ai 12 anni. “Ho iniziato perché un bambino che si chiamava Niko, mi lanciò questa parola incuriosendomi. Mi sono così dedicato a tale disciplina coinvolgendo tutta la famiglia, perché dopo di me si sono avvicinati al rugby anche mio fratello più grande, mia sorella più piccola e mio padre”. I tuoi figlio che sport praticano? “Ho una bambina di 4 anni e mezzo e un bambino di 10, ed entrambi giocano a rugby”. Come si diventa tecnico? “Per allenare fino a 12 anni basta frequentare un corso di 4 giornate, che ti dà la possibilità di essere animatore per bambini e che può valere anche per altri sport, perché non è specifico e non è organizzato dalle federazioni, ma dal Coni. Poi naturalmente noi lo facciamo sui fondamentali del rugby, perché ci interessa questo, ma è simile a quello di altre discipline”. Come è andato il 2013? “Ci sono state delle belle esperienze che i bambini hanno potuto vivere e che sono terminate con il Torneo Topolino di Treviso. Tre giorni di sport ai quali partecipano le migliori squadre italiane ed alcune straniere,

315


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby 316

Cosa ti è piaciuto di più? “Oltre al gioco in se stesso mi è piaciuto il rispetto fra avversari e l’atmosfera che c’è nella squadra, si crea una famiglia, un’amicizia che va oltre lo sport”. Come è andata la stagione 2013? “Abbastanza bene, siamo arrivati ai playoff, anche se poi la finale l’abbiamo persa. È stata comunque una bella soddisfazione”. Un sogno come atleta? “Sarebbe quello di ritornare a giocare con la nazionale. Ne facevo parte fino a 18 anni, un’esperienza importante, conosci tante persone e hai un altro ritmo di gioco”. Quando hai cominciato ad allenare? “Cinque anni fa, negli Etruschi con gli under 16, poi mi sono fermato per un anno e ho ricominciato quando sono venuto ai Lions e da quest’anno mi occupo dell’under 12”. Un sogno come tecnico? “Vedere crescere i bambini fino ad arrivare ad alti livelli di gioco”. La caratteristica più importante di un tecnico che si occupa di ragazzi? “Essere capaci di farli divertire”. La prima cosa che insegni loro? “Il rispetto per l’avversario, per i compagni e per se stessi”. Alessandro Brondi ha 43 anni, è stato giocatore e già da un po’ di tempo fa il tecnico, ma dopo tanti anni di allenatore di squadre senior, adesso si confronta con i bambini. “Mi occupo di far conoscere questo sport agli alunni delle scuole elementari e medie di Collesalvetti e vedo che anche nelle ragazze c’è interesse, qualche bambina l’abbiamo già al campo, quindi si potrebbe anche pensare di progettare un gruppo femminile”. Che differenze ci sono nell’allenare fasce d’età così diverse? “I bambini sono un settore dove predomina la propaganda, cioè l’allenamento è fondamentalmente un gioco”. La caratteristica sportiva dei bambini? “Io sono sempre stato un agonista e non mi vedevo bene a rapportarmi con i bambini, invece mi sto rendendo conto che possono dare tante soddisfazioni. Sono come dei libri bianchi su cui tu puoi scrivere, quindi la responsabilità che hai è maggiore rispetto a quella che ti assumi con agli adulti”. Con i bambini però ci vuole maggiore pazienza.

“Sì, però riescono a giustificare questa necessità, perché per loro è tutto nuovo ed è il tecnico che deve insegnare e far scoprire questo mondo. Gli adulti però sono più stressanti, soprattutto quando si inseriscono atleti già formati che non fanno il gioco di squadra e pensano più a se stessi”. Quali soddisfazioni sanno dare i bambini? “La soddisfazione è scoprire che i genitori sono contenti, che il bambino si diverte e vedere mese dopo mese che ha un’attitudine alla gestualità rugbistica sempre più adeguata. Nell’adulto invece puoi trovare anche delle capacità motorie scadenti, perché legate ad un vissuto atletico non adeguato e non si può migliorarlo più di tanto”. La cosa più bella da ricordare del 2013? “Ho cambiato società e mi sono affacciato a Lions dove c’era già mio fratello e mio padre. Ho affrontato il settore dei bambini e della scuola. Pensavo che mi sarei sentito penalizzato perché la mia ambizione era allenare una squadra agonistica senior, ed invece, mi sono accorto di essermi trovato benissimo e questa è stata una bella soddisfazione. La gioia più grande è stata quella di aver capito di poter dare qualcosa, senza necessariamente mettere in campo l’agonismo”. Un episodio simpatico? “A Natale quando ho fatto gli auguri ai ragazzi delle scuole mi sono accorto che mi trattavano come un professore. Allora ho spiegato loro che sono un tecnico federale e non ho le qualifiche per fare il professore, ma loro mi hanno risposto che per loro non c’era alcuna differenza e quindi mi trattavano come tale, con lo stesso rispetto e attenzione che rivolgono ai loro insegnanti.

Under 14

È una cosa che mi ha fatto piacere, non me l’aspettavo”. Alessandro Landi ha 39 anni ed è giocatore da quando ne aveva 14, incoraggiato da un professore di ginnastica delle scuole medie. Attualmente allena gli under 10. Come è avvenuto il passaggio al ruolo tecnico? “Come tecnico sono molto giovane, questo è il secondo anno che alleno. Per molto tempo ho contemporaneamente giocato a rugby, ed ho fatto l’arbitro di pallacanestro, ma poi per motivi di salute non ho potuto continuare. Due anni fa Andrea Brondi mi ha convinto ad intraprendere questa strada, ed ho accettato perché mi piace restare in questo ambiente”. Possiamo fare delle analogie fra basket e rugby? “Posso dire che io non ho applicato le competenze del basket al rugby, ma al contrario ho adattato le caratteristiche del rugby all’arbitraggio della pallacanestro, nella mentalità, nell’impostazione della partita, come, ad esempio, avere il capitano della squadra come vero riferimento e istaurare con lui un rapporto di fiducia. Questo mi ha permesso di portare avanti partite difficile senza problemi”. La caratteristica di un tecnico che allena i bambini? “Bisogna avere un atteggiamento credibile, essere lineari nelle decisioni e rispettare gli impegni presi, portandoli fino in fondo. Devi essere un duro, ma avere la capacità di abbracciare un bambino e farlo sentire al centro dell’attenzione”. La soddisfazione più bella della stagione appena conclusa? “Quella di aver potuto accompagnare i ragazzi al Trofeo Topolino e dopo tre giorni di attività, averli visti molto cambiati, sia a livello tecnico che come bambini”. Un progetto per il 2014? “Consolidare il vecchio gruppo del 2013 e migliorarlo per mandarlo in under 12 con un mentalità pronta per affrontare il campionato successivo. E poi mi piacerebbe terminare un concentramento con almeno una vittoria per motivare questi ragazzi, e far capire loro che i sacrifici che si fanno in allenamento sono propedeutici per avere soddisfazioni durante le partite”.


Il terzo tempo esiste anche per i bambini? “Sì, certo. A questa età si fa all’interno alla squadra ed è importante perché creano gruppo fra loro e a noi serve per istaurare un buon rapporto con i genitori”. L’esperienza più simpatica avuta con i bambini? “Ho notato che cercano il contatto, un gesto di affetto, magari un abbraccio all’inizio della partita”. Difficoltà da superare? “Gestire la squadra, perché non avevo esperienza, ho dovuto imparare. Ho capito quanto sia difficile il mestiere della maestra”. Un sogno nel cassetto? “È un’esperienza che vivo giorno per giorno, non ho obbiettivi particolari. Certo mi farebbe piacere vedere un bambino cresciuto con me proiettato in categorie superiori”. Chi ti senti di ringraziare? “Prima di tutto mia moglie che mi segue ed ha legato molto con i genitori dei bambini e Andrea Brondi che mi ha trascinato in questa avventura”. Michele Valente ha 23 anni, fa l’atleta e allena l’under 8. “Ho iniziato a 8 anni dopo aver conosciuto e praticato rugby a scuola”. Qual è il tuo percorso agonistico? “Ho giocato fino all’under 20 con il Rugby Livorno facendo il torneo Elite, poi sono passato agli Etruschi dove ho giocato in C1 e adesso, da due anni, sono con i Lions”. La soddisfazione più bella avuta come giocatore? “Ci sono state alcune belle partite in under 20. Ma forse la più importante in assoluto è stata lo scorso anno quando vincemmo una finale che ci avrebbe permesso di andare in B, se le cose fossero proseguite bene”.

partita mi lascia qualche ricordo di cui parlare. Comunque non posso non citare fra le soddisfazioni la promozione in B”. Quanto tempo è che fai il tecnico? “Sono tre anni e la cosa è nata un po’ per caso. In quel periodo aspettavo un figlio e decisi di lasciare, ma Fraddanni mi convinse a non abbandonare completamente l’ambiente e a diventare tecnico. Inizialmente ero perplesso, non mi vedevo in questo ruolo, ma poi ho fatto il corso e mi è piaciuto, i ragazzi regalano molte gioie”. Hai poi ripreso anche a giocare? “Il primo anno ho smesso, perché non ce la facevo a tenere i ritmi, ma poi ho ricominciato”. La cosa che più ti colpisce di questi ragazzi? “L’affetto e il rispetto, che non mi aspettavo. Il gesto più bello è il ‘grazie’ che ti dicono”. Qual è la caratteristica più importante di un tecnico che si occupa di questa fascia d’età? “La comprensione e la capacità di ascoltarli se hanno dei problemi. È vero che insegniamo rugby, ma a 12 anni si sta formando anche il carattere, ed è importante essere loro vicini quando ne hanno bisogno”. Qual è la cosa più importante che cerchi d’insegnare loro? “L’umiltà, la voglia di andare avanti e il rispetto per il compagno”. Quali sono i problemi a questa età? “C’è chi si lamenta perché i genitori hanno tolto loro la playstation per punizione, oppure qualcuno litiga con un compagno, altri hanno problemi di rendimento scolastico. Bisogna saperli ascoltare”. Un sogno nel cassetto? “Poter vedere qualcuno in nazionale e poter dire che da ragazzo si allenava con me”. Chi ti senti di ringraziare? “Prima di tutto mia moglie che mi dà il tempo di stare al campo e poi il mio amico d’infanzia che mi ha spinto a provare”. Come convinceresti una madre a portare suo figlio al campo di rugby? “I bambini si divertono e si sporcano, due cose che amano molto fare. Inoltre, è uno sport che dà degli ideali, il rispetto per i compagni e per gli avversari, cosa che non avviene sempre negli altri sport, quindi è una disciplina molto educativo. Dal punto di vista della pericolosità posso dire che un bambino ha più possibilità di farsi male a scuola o in altri luoghi, che non a rugby dove c’è chi gli dice come prendere lo scontro fisico o come cadere”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Under 10

Un sogno nel cassetto come atleta? “Arrivare in B con la prossima stagione”. Quando e perché hai deciso di diventare tecnico? “Quattro anni fa l’ho fatto per un anno, ma poi ho smesso. Ho sempre lavorato con i bambini, faccio l’animatore, studio riabilitazione nel bambino in un corso che si chiama Terapia della Psicomotricità, come tecnico della riabilitazione. Ho ricominciato ad allenare quest’anno. Mi piace stare con i più piccoli, mi viene naturale, è soddisfacente”. La caratteristica più importante di un allenatore di questa fascia d’età? “Conoscere il modo di approcciarsi al bambino, perché non è un adulto in miniatura. C’è un modo particolare per avvicinarsi e presentare loro il rugby, gioco nuovo perché comunque non è conosciuto come il calcio, in una fase in cui il livello di attenzione è basso”. L’obiettivo del prossimo anno? “Farli divertire, insegnarli qualche regola fondamentale ed arrivare al Torneo Topolino”. Chi ti senti di ringraziare? “Chi mi ha fatto iniziare e l’allenatore che mi sta allenando tutt’ora, Daniele Conflitto, che mi ha seguito negli under 16, negli under 20 e adesso”. Antonio Cannavò ha 34 anni, gioca nella seconda squadra e fa l’allenatore. “Ho iniziato tardi, a 18 anni. Venivo dal basket, ma poi la società fallì, e tramite un mio carissimo amico d’infanzia provai a giocare a rugby e mi piacque”. Cosa ti è piaciuto del nuovo sport? “L’ambiente. La pallacanestro è più fredda, anche se è un gioco di squadra c’è una ricerca dell’affermazione personale, cosa che non avviene nel rugby. Inoltre mi è piaciuto il terzo tempo, il ritrovarsi e poi anche l’idea del fango. A basket giocavo al coperto e non mi sporcavo, invece a rugby sì e la cosa mi ha affascinato”. Le tappe agonistiche? “Ho fatto con i bianco verdi l’under 20. Poi sono andato al Cus Pisa, ed infine, sono venuto ai Lions. La tappa più significativa è stata la promozione in B proprio con i Lions”. La soddisfazione più bella come atleta? “Il ricordo della prima meta fatta quando giocavo con gli under 20, ma alla fine ogni

317


REGGIO EMILIA Chiostra espositiva - mt 10x9

CAVALLINO MATTO Palatenda - 25x45

CIRCO ALEGRIA - BARCELLONA Chapiteaux diam. 34mt e Foyer ingresso 12x24 mt

INTERPORTO CAMPANO: VARCO DOGANALE Nola: tettoia ellittica - mt 50x10

Ortona S.R.L. Via dello Struggino, 16 - 57121 Livorno Tel. +39 0586 400426 - Fax +39 0586 400175 www.ortonasrl.com - tecnico@ortonasrl.com

318


RUGBY LIVORNO

L’INTERVISTA

La parola ai tecnici e al preparatore atletico. Crescere gli atleti da piccoli fino alla prima squadra a fare punti raggiungendo l’obiettivo della salvezza”. Il programma per il prossimo campionato? “Resta sempre la salvezza e mantenerci così nel Campionato Elite. Abbiamo la fortuna di avere un gruppo, inteso come tecnici e giocatori, cresciuti insieme, che segue una linea tecnico-federale ben precisa che ci sta dando delle soddisfazioni”. Un sogno nel cassetto? “Riuscire a raggiungere la finale del Campionato under 18”. Gli allenatori dell’under 16 sono Gianpaolo Brancoli e Massimiliano Ljubi. “Abbiamo 27 ragazzi. La stagione è andata bene perché abbiamo raggiunto l’obiettivo di piazzarci fra le prime 4 e questo ci ha permesso di partecipare al Campionato Elite. È stato un ottimo risultato, anche perché arrivare in Elite vuol dire essere fra le prime 16 squadre d’Italia di categoria”. Il progetto per la prossima stagione? “Sempre lo stesso, piazzarci fra le prime 4 in modo da rimanere nell’Elite”. Che caratteristica ha questa fascia di età?

Massimo Goti

“È un’età di transizione, i ragazzi hanno affrontato il passaggio fra le scuole medie e le superiori e devono adattarsi ad un altro tipo

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

D

ue tecnici per ogni categoria, circa trenta ragazzi di media per ogni settore. Più o meno questi i numeri del Rugby Livorno. Lasciamo la parola agli allenatori, intervistati a coppia Andrea Saccà e Riccardo Della Rosa per l’under 18. Com’è andata la stagione 2012-2013? “Per la prima volta gli under 18 hanno affrontato il campionato Elite, che è il massimo livello per questa categoria. Anche se era la prima stagione siamo riusciti ad arrivare quarti, con gare piuttosto difficili, perché vi erano comprese società del Centro Nord Italia e quindi abbiamo giocato spesso con squadre forti come Parma, Piacenza, Firenze, Prato ecc. Una stagione impegnativa e c’è voluto un discreto lavoro per affrontarla”. Quanti atleti avete? “Circa 35 ragazzi tesserati. Nella nostra rosa ci sono 5 ragazzi che fanno l’Accademia del Rugby a Prato. Vengono il venerdì sera, si allenano con noi, la domenica giocano e poi ripartono per Prato”. La soddisfazione più bella della stagione? “La salvezza che è arrivata nella seconda parte del campionato”. La partita più impegnativa? “Nella seconda parte del campionato le partite giocate in casa con il Parma, che hanno rappresentato per noi la svolta della stagione. La prima l’abbiamo vinta ed abbiamo acquistato più fiducia, e abbiamo cominciato

La prima squadra

319


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby 320

Diego Saccà

di vita. Noi ci siamo trovati bene, sono dei bravi ragazzi, che si sono impegnati tutto l’anno, hanno dovuto lottare l’intera la stagione e lo hanno fatto con coraggio e determinazione”. C’è un’Accademia per questa fascia di età? “C’è il Centro di Formazioni, ed il Rugby Livorno è uno dei tre presenti in Toscana, insieme a Firenze e Prato. I nostri ragazzi che partecipano alla formazione sono 14. Atleti che si allenano cinque volte alla settimana”. La partita più difficile del campionato? “Tutte le partite sono state belle, perché sapientemente strutturate. La bestia nera è stato il Prato. C’è da dire che mentre le altre squadre avevano in campo tutti ragazzi del ‘97, noi abbiamo portato anche alcuni del ’98, ed un anno di più si sente”. La soddisfazione più bella? “La vittoria con il Prato in casa. Punti che ci hanno consentito di arrivare quarti alla fine dell’anno. Era un derby e loro erano più forti, quindi la soddisfazione è stata tanta, abbiamo fatto una partita quasi perfetta”. Allenatori della prima squadra Diego Saccà e Massimo Gori. “Fanno parte della prima squadra 35 atleti. Siamo ripartiti dalla serie B, grazie anche ai ragazzi dell’under 20 che abbiamo inserito gradualmente. Questo è il risultato della formazione che facciamo con gli atleti a partire dalle categorie precedenti. In pratica cresciamo i giocatori fin da ragazzi che con la preparazione e l’impegno giusto arrivano a giocare in prima squadra”.

Com’è andato il campionato? “Ci siamo consolidati a metà classifica, che è un ottimo risultato per una squadra giovane come la nostra. È stato un campionato duro perché raccoglie società molto buone dislocate fra Toscana e Emilia Romagna, e questo vuol dire fare numerosi derby, che nel rugby sono molto sentiti”. Quanto si allenano i componenti della prima squadra? “I ragazzi fanno dai 4 ai 5 allenamenti alla settimana”. Che età ha la squadra? “Il più vecchi sono del ’77 ma sono solo tre, il resto della squadra è composta da ragazzi che vanno dal ’94 al ’97”. La partita che ti ha dato più soddisfazione? “Quella con il Noceto in casa, una società con una grande tradizione rugbistica, una partita iniziata con il loro vantaggio e terminata con la nostra vittoria. Una gara che ha dato fiducia ai ragazzi, infatti, da quel momento sono cominciate ad arrivare le vittorie sia in casa che fuori”. La partita più brutta? “Con il Noceto, ma a casa loro, dove non abbiamo fatto la nostra migliore prestazione”. Un sogno? “Tornare nella serie che l’impegno del Rugby Livorno merita”. Il preparatore atletico, complemento dei tecnici, è Andrea Fuduli e questa è la quarta stagione che si occupa del Rugby Livorno. Fuduli viene dall’Atletica e dalla pesistica, quest’ultima terminata pochi mesi fa, perché gli impegni diventavano troppi. Perché hai scelto il rugby? “Perché lo considero un terreno molto fertile”. Cosa ti ha dato questo ambiente? “È stata una crescita comune, io do quello che la mia esperienza mi ha insegnato e loro mi hanno fatto capire quanto il gioco del rugby sia sempre in evoluzione: insieme siamo arrivati ad un buon livello nel panorama nazionale”.

La squadra giovanile in campo

La soddisfazione più bella? “L’essere riusciti ad organizzare, grazie anche ad Andrea Saccà, i corsi estivi. Prima era impensabile, in estate ci si fermava e ciò non era positivo. Per noi preparatori atletici è proprio il momento di incrementare quelle caratteristiche fisiche necessarie a questo gioco, sulle quali però non possiamo lavorare durante il campionato perché ci sono le partite la domenica e gli atleti ci devono arrivare con le giuste forze”. Che tipo di allenamenti fai? “Lavoro sulla forza, velocità e resistenza. Ad esempio gli allenamenti alla forza iniziano fin da 13 anni, quando insegniamo ai ragazzi a sollevare i pesi”. Un sogno nel cassetto? “Che venga compreso che bisogna allenarci tutti i giorni. Quando i ragazzi avranno capito ciò e verranno al campo quotidianamente, come un normale momento della loro giornata, allora saprò di aver fatto qualcosa di bello per il Rugby Livorno”.

Le foto sono di Francesca Bartolini

Atleti in campo


Daniele Biagiotti

MATTIA GIGLIOLI e DANIELE BIAGIOTTI

L’INTERVISTA

Dal più “giovane” al più “grande”. Il campionato della prima squadra “Metterci grinta, voglia e cercare di dimostrare ogni volte di essere in grado di farcela”. Cosa pensi del terzo tempo? “È una cosa con la quale sono cresciuto. Reputo che sia una cosa molto importante per uno sport come il nostro, che ha in campo un contatto fisico con l’avversario. È importante riuscire a mettere tutto da parte finiti gli 80 minuti di gioco”. Come preparazione atletica cosa fai? “In estate mi alleno con i pesi e in inverno faccio mantenimento dal punto di vista pesistico, in più corsa ed altri esercizi. Ne ho avuto diversi benefici, sento di essere più resistente e forte ed avere una maggiore esplosività durante il gioco. Tutto questo mi dà anche più sicurezza”. Daniele Biagiotti si definisce simpaticamente il “vecchio” della squadra. Ha 36 anni ed ha iniziato a giocare a rugby quando ne aveva 8. “Ho avuto però un’interruzione per un infortunio nel 2006 e poi ho ripreso lo scorso anno”. Come concili con il lavoro? “Ho una ditta individuale quindi mi organizzo. Tempo a disposizione non ce n’è molto, ma comunque faccio in modo di non mancare agli allenamenti”. Chi ti ha incoraggiato ad iniziare? “Mio padre e mio fratello che giocavano”. Hai fatto altri sport? “Circa tre anni fa ho fatto un po’ di atletica per ritrovare un po’ la forma perché era da tempo che ero fermo. Mi sarebbe piaciuto fare qualcosa anche in questo settore, ma mi sono accorto che ero troppo vecchio e quindi sono tornato al rugby. Avrei voluto fare il velocista, ma effettivamente non ce la potevo fare, a vent’anni si va in un modo, a trenta in un altro”. La tua carriera nel rugby? “Sono arrivato a giocare in prima squadra a 18 anni. Sono stato per tre anni nelle nazionali under 20. Ho fatto quattro o cinque campionati in serie A e poi nelle categorie più basse”. La soddisfazione più bella? “La nazionale e le tre promozioni dalla serie B alla A che sono stati momenti molto belli”. Un’esperienza da ricordare?

“Quest’estate ho fatto una presenza con la nazionale Old. Una partita fatta per beneficienza, è stata una bella esperienza, ci siamo divertiti”. La soddisfazione più bella del precedente campionato? “La vittoria con il Piombino in casa, perché è quella che ci ha salvato”. Un sogno? “Fare altri due o tre campionati, se ce la faccio fisicamente e con il lavoratore. Ad allenare non ci ho mai pensato, però sicuramente voglio rimanere nell’ambiente”. Cosa ti hanno insegnato i tuoi allenatori? “Che ogni partita bisogna giocarsela, dobbiamo dare tutto ogni volta che si scende in campo”. Cosa è cambiato nella tua preparazione atletica? “Da quando ero giovane è cambiato tantissimo. Oggi ci si allena molto più in palestra e meno sulla corsa. Ho trovato un beneficio fisico, siamo più forti, anche se forse abbiamo un po’ meno fiato, ma il rugby di oggi è tutto fisico, quindi oggi è giusto prepararsi così”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

M

attia Giglioli ha 19 anni, da 8 fa rugby e studia ingegneria meccanica. “Ho iniziato grazie ad un progetto fatto alle scuole elementari, inoltre, mio padre da giovane giocava e così mi ha trasmesso la passione”. Hai fatto altri sport? “Ho praticato pallacanestro per 5 anni e un po’ di nuoto, ma ero molto piccolo”. Cosa ti piace di più del rugby? “Tutto quello che si è creato all’interno della squadra, lo spirito che c’è nello spogliatoio, la voglia di mettersi in gioco ogni domenica. Con alcuni ragazzi siamo cresciuti insieme, quindi abbiamo un buon legame e siamo tutti convinti di poter mostrare alle squadre di un campionato di serie B, che anche i giovani possono dire la loro”. La soddisfazione più bella? “L’essere stato chiamato in prima squadra l’anno scorso, quando ancora potevo fare un anno di giovanile, ed ho fatto tutta la stagione da titolare. Poi ci sono state anche soddisfazioni più piccole, come il vincere qualche torneo con le giovanili ed essere stato capitano in questa categoria”. La partita più brutta? “La sconfitta dell’anno scorso contro il Cecina”. Come ti organizzi con studio e sport? “Lascio la borsa in macchina alla stazione e appena rientro da Pisa vengo al campo”. Un sogno nel cassetto? “Un giorno diventare il capitano di questa squadra”. La cosa più importante che ti hanno insegnato i tuoi allenatori?

Mattia Giglioli

321


322


Scherma Irene e il Baldo subito sul podio Inizio del 2013 travolgente di Mario Orsini

Marco Vannini e Edoardo Luperi

rato 15-9 l’altra ucraina Olena Voronina. Inutile sottolineare la felicità nel clan azzurro a partire dal CT della sciabola Giovanni Sirovich. Basta ascoltare le sue parole: “Grande soddisfazione per un’atleta artefice di una prestazione straordinaria. Irene non solo ha tirato bene in finale e nella semifinale contro la temibile Kharlan, ma è stata protagonista di una prova eccellente sin dal primo assalto di giornata. Oggi merita davvero i complimenti più sentiti, così come il suo maestro Nicola Zanotti”. Nella stessa prova finisce nelle retrovie, anche per carenza d’esperienza Benedetta Baldini, sorellina di Andrea. Il giorno dopo per Irene nuova legittimazione come numero uno della pattuglia azzurra di sciabola. Nella prova a squadre il CT lascia a riposo le veterane e le affianca Caterina

Navarria e le due giovanissime Chiara Mormile e Sofia Ciaraglia. Dopo l’esordio fortunato, nel tabellone delle 16, con la vittoria contro la Bielorussia per 45-34, il percorso di gara ha visto le azzurre fermarsi contro la Polonia nei quarti, col punteggio di 45-40. Nel tabellone dei piazzamenti dal quinto all’ottavo posto, Irene Vecchi e compagne cedono per 45-42 all’Ungheria. Successivamente, però, sconfiggono la Cina nell’assalto valido per il settimo posto. A febbraio la stagione di Coppa del Mondo entra nel vivo. Il 16 febbraio, a Padova, nel trofeo Luxardo, la storica prova di Coppa del Mondo di sciabola, vinta dal napoletano Diego Occhiuzzi, Marco Ciari si ferma al 15esimo posto. A costringerlo alla resa negli ottavi il forte coreano Kim. Per la cronaca gli azzurri della sciabola vincono poi la prova a squadre.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

I

l 2013 per i nostri spadaccini inizia con il vento in poppa. Nell’ultima decade di gennaio, al proscenio della scherma mondiale, salgono prepotentemente Andrea Baldini ed Irene Vecchi. L’allievo del maestro Paolo Paoletti, al glorioso circolo Fides di via Allende, nella prova d’esordio di Coppa del Mondo: il Challenge International de Paris, in programma allo Stade Georges Carpentier, mette tutti in rigorosa fila indiana e scrive, per la seconda volta, il proprio nome in una delle prove più importanti, se non la più importante del circuito planetario. Per lui, dopo il successo del 2008, anche la soddisfazione di veder aggiungere una sua gigantografia, nella hall del mega impianto sportivo. Un privilegio riservato ai vincitori di ciascuna delle ultime dieci edizioni. Nella sua corsa verso il trionfo Baldini, dopo un cammino tutto sommato agevole, ha dovuto sudare un po’ più del dovuto per costringere alla resa due azzurri. Nei quarti Valerio Aspromonte (15-13) e in semifinale Giorgio Avola (15-14). Più agevole, infine, la finalissima contro uno dei pupilli di casa: il francese Jeremy Cadot (15-11). All’ombra della torre Eiffel bella prova pure del giovanissimo Edoardo Luperi, alla fine nono. A far alzare bandiera bianca al bravissimo allievo del maestro Marco Vannini, negli ottavi (15-7), è stato il bresciano Andrea Cassarà. Apprezzabile prestazione anche di Tommaso Lari, al termine 55esimo su un tabellone di 180 partecipanti. Per Tommy lo stop è arrivato nei trentaduesimi di fronte al russo Renal Ganeev (15-4). Nella prova a squadre, invece, la corazzata azzurra toppa decisamente e finisce solamente settima. Un risultato decisamente sconfortante per uno squadrone abituato a primeggiare a tutte le latitudini. A Londra, negli stessi giorni la sciabolatrice Irene Vecchi, allieva del maestro Nicola Zanotti al circolo Fides, conquista il secondo successo, in carriera, in Coppa del Mondo. Nella finalissima, la bella e brava Irene, supera 15-11 la russa Dyachenko. Prima del trionfo, in semifinale, si era tolta anche qualche sassolino dalle scarpe costringendo alla resa, all’ultima stoccata, 15-14, Olga Kharlan, da sempre sua “bestia nera”. Irene era approdata in semifinale, dopo aver supe-

323


A

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

metà maggio, a Terni in pompa magna, i Campionati europei Master. Ai nastri di partenza più di mille e duecento atleti, in rappresentanza di trentuno nazioni, provenienti da ogni angolo del vecchio continente. Un segno tangibile, anche se ormai non ce n’è più bisogno, di un movimen-

Giulio Paroli

to che negli ultimi anni è cresciuto a vista d’occhio, dal punto di vista numerico e qualitativo. Tra i partecipanti circa duecento italiani, ripartiti nelle varie categoria a seconda dell’arma e dell’età. A issarsi sul primo gradino del podio, per nazioni, la nostra bella Italia con un bottino di tutto rispetto: nove medaglie d’oro, una d’argento e sette di bronzo. Su ben due delle medaglie più pregiate c’è il timbro inconfondibile dell’in-

La sciabola e il fioretto d’oro di Giulio Paroli Europei e mondiali Master di Mario Orsini

gegner Giulio Paroli che, anche in quella circostanza, ha imposto i diritti di una classe cristallina sorretta da una passione fuori del comune. L’evergreen della scherma labronica, in una volta sola, nella categoria A3 (dai 60 ai 69 anni), si è messo al collo le medaglie di fioretto e sciabola individuale. Un’impresa che ha del sensazionale, accompagnata da una dedica del tutto speciale per l’adorato babbo Giordano: “Da lassù avrà gioito con me”, le parole di Giulio appena si è messo le medaglie al collo. La gara? Ai nastri di partenza del fioretto, una trentina di ottimi schermitori. Il primo ad arrendersi nelle dirette, a super Giulio, è stato l’amico e compagno di sala, al Fides, Fabrizio Filippi. Stessa sorte negli ottavi è toccata al tedesco Schefdel (10-3), poi nell’ordine, a due francesi di grande lignaggio schermistico: Le Monnier e Princemaille e, dulcis in fundo, al quasi coetaneo ungherese Papp. Quasi identica la cavalcata vincente nella sciabola. Con Anastasov, i due az-

Mondiali Paroli primo a sinistra e Filippi terzo a sinistra

324

zurri Parisi e Bocconi e il francese Bellet, infilzati uno dietro l’altro. A qualche mese dall’oro mondiale nella sciabola di Krems, il bravo Giulio, ha messo in bacheca altre due medaglie pesanti che vanno a far compagnia a quella d’argento (Limoges 2003), un paio di medaglie di bronzo e tanti successi continentali e mondiali a squadre, frutto di un talento straordinario, una passione senza confini e tanti sacrifici. Onore e gloria pure a Fabrizio Filippi, stoppato da Paroli, nei 16esimi del fioretto e da Andrea Bocconi, nei quarti della sciabola, dove ha chiuso al quinto posto. A gioire insieme con Fabrizio e Giulio, il presidentissimo Mario Miccoli e i maestri del circolo di via Allende, che l’hanno aiutato nella preparazione, cominciando da Alberto Picchi e proseguendo con Nicola Zanotti e Diego Pardini (sciabola), Paolo e Lorenzo Paoletti (fioretto), l’istruttore Claudio Avella (fioretto) e il preparatore atletico Franco Fabbri. Mondiali A ottobre i mondiali Master, a Varna in Bulgaria, Giulio Paroli e Fabrizio Filippi si mettono al collo una medaglia d’argento e una di bronzo nel torneo di sciabola categoria B. Giulio, inoltre, ottiene un

Mondiali Paroli primo da sinistra e Filippi in cima al podio


bel quinto posto e Fabrizio il decimo nel torneo di fioretto. A completare la bella prestazione degli spadaccini labronici anche la buona prova di Alberto Feira Chios, new entry nel team azzurro, nella sciabola categoria A, ovvero atleti nella fascia dai 50 ai 59 anni. Per super Giulio una medaglia d’argento che poteva essere tranquillamente d’oro. Basta ascoltarlo: “Nella finalissima, il presidente di giuria mi ha penalizzato con decisioni molto discu-

tibili, che mi hanno irretito facendomi perdere la lucidità necessaria per raddrizzare l’incontro”. Prima della finalissima, persa 10-7 con l’americano Seuss, Paroli aveva disputato un buon girone e poi nelle dirette aveva battuto con classe e autorevolezza nell’ordine: l’azzurro Carmina (10.6), il polacco Struk e in semifinale l’inglese Bonheill. Filippi, invece, dopo aver concluso imbattuto il girone eliminatorio aveva

Filippi Miccoli con Giulio Paroli

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Giulio Paroli, Irene Vecchi, Giovanni Pierucci e Andrea Baldini

matato l’americano Streb e il russo Slonov prima di arrendersi, in semifinale, anche lui a Seuss. Da sottolineare che, anno dopo anno, i campionati mondiali Master si arricchiscono di nuovi protagonisti, spesso usciti da poco dal circuito assoluto. Per questo, spiega Paroli: “Non possiamo più parlare di assalti facili”. Poi, da Paroli, le considerazioni sui compagni d’avventura: “Fabrizio ha tirato molto bene, mantenendo una grandissima concentrazione durante tutto il torneo. Avrebbe meritato di disputare la finale con me. Alberto Feira, invece, è stato un po’ tradito dall’emozione. Nel girone eliminatorio ha fatto un po’ di fatica, riuscendo comunque a passarlo brillantemente. Nel primo turno delle dirette ha regolato, con buona tecnica, un tedesco piuttosto ostico, per poi arrendersi ad un ungherese di buona levatura. Alla prima esperienza mondiale Alberto non ha affatto demeritato, ricevendo, anche dagli stranieri, numerosi attestati di stima per l’eleganza e la buona tecnica espressa in pedana”.

Picchi, Paroli, Filippi e Miccoli

325


. dal 1920 la famiglia Damiani continua la tradizione del gelato artigianale nella città di Livorno Via Magenta, 66/68 - 57125 Livorno - Tel. 0586 077961 - lamelastregata@gmail.com Orario invernale: 11.00-13.00/15.00-20.00 • Orario estivo: continuato 11.00-24.00 Domenica aperto - LunedÏ chiuso


Medaglie a squadre per i nostri spadaccini Campionati italiani

Irene Vecchi

A

i primi di giugno riflettori puntati sui campionati italiani assoluti di Trieste. In pedana tanti nostri concittadini. Molti anche con fondate ambizioni di portare a casa qualche medaglia. Unico assente importante Aldo Montano, ancora alle prese con i suoi guai fisici. Gli altri schermitori importanti di casa nostra, invece, ci sono tutti. Cominciando da Andrea Baldini e proseguendo con Irene Vecchi, Ilaria Bianco e tanti giovani e giovanissimi rampanti. Le cose però a livello individuale, complice anche un po’ di sfortuna, non vanno benissimo. Nessuno riesce a salire sul podio. Neppure sui gradini più bassi. Il primo a fallire l’obiettivo è Andrea Baldini, nella giornata di apertura della grande kermesse tricolore. La medaglia d’oro del fioretto se le mette al collo il romano Alessio Foconi, battendo in finale, 15-13, Valerio Aspromonte. Sul terzo gradino del podio, con le medaglie di bronzo al collo, si accomodano, invece, gli alfieri delle Fiamme Gialle: Giorgio Avola e Daniele Garozzo. L’unico a rasentare l’obiettivo podio è il giovane Edoardo Luperi, tra l’altro campione italiano nei due anni precedenti. A impedire a Edoardo Luperi di accedere alla zona medaglie è Giorgio Avola, reduce dalla bella prova (argento) di coppa del Mondo e in discreto spolvero finché le

energie lo hanno sorretto. Tra i suoi scalpi nobili del fiorettista di Modica che qualche volta si è allenato al Fides, anche il pisano, di nobile lignaggio, Simone Vanni nei sedicesimi. Dignitose, infine, le prove degli altri livornesi. Il ventenne Lorenzo Nista ottiene un nono posto, Alessandro Paroli è tredicesimo. Addirittura più indietro, invece, si fermano Tommaso Lari e Francesco Senni, livornese doc “emigrato” per ragioni sportive a Pisa. Nella sciabola maschile assente, come detto, per infortunio, Aldo Montano, dal cilindro è uscito fuori un po’ a sorpresa Luigi Miracco che, in finale, ha costretto alla resa il suo giovane e scalpitante concittadino romano Leonardo Affede: 15-12. Tra i livornesi, discreta prova di Marco Ciari, alla fine sesto, fermato proprio da Affede nei quarti di finale. Leggermente più indietro (quattordicesimo), l’altro talento del Fides: il ventunenne Tommaso Saviozzi. In questa gara a destare impressione è stata anche la medaglia di bronzo dell’evergreen (41 anni) Gigi Tarantino, sconfitto in semifinale da quell’Affede che nel 1994, quando l’eterno Gigi conquistò la sua prima medaglia d’oro tricolore non era ancora nato. Nella spada femminile, una specialità poco praticata all’ombra dei Quattro Mori da segnalare la splendida cavalcata della pisanina Camilla Batini, fino alla finalissima persa 15-11. A guidarla in pedana dalla bella e bionda 36enne Elisa Vanni, sorella di Simone. Stoppata nei quarti, per un’inerzia (13-12) dalla friulana Giulia Rizzi. Per la trentenne livornesissima Virginia Franco, delle Fiamme Azzurre, che si allena a Pisa, un buon settimo posto finale. Nella sciabola Irene Vecchi, indiscussa numero uno della specialità a livello nazionale, è costretta a rimandare l’appuntamento con la vittoria tricolore.

A mettersi la medaglia d’oro al collo nella terza giornata dei campionati italiani è l’inossidabile napoletana Gioia Marzocca. Per la bella Gioia, quello di Trieste è il sesto alloro in carriera. In finale l’atleta del gruppo sportivo Carabinieri supera, in maniera netta 15-8, Caterina Navarria (Esercito). Sul terzo gradino del podio, invece, salgono Loreta Gulotta, delle Fiamme Gialle, e la giovane Sofia Ciaraglia del C. S. Ariccia. Proprio la Ciaraglia, nei quarti, un po’ a sorpresa (15-13) aveva costretto ad alzare bandiera bianca a Irene Vecchi. Per la Vecchi, un quinto posto, e un po’ di rammarico. “Sono arrivata un po’ stanca a questo importante appuntamento nazionale a causa del tour de force in Coppa del Mondo. E non ho data il meglio”. Più indietro tutte le altre sciabolatrici del Fides. Benedetta Baldini, sorellina ventenne di Andrea, non va oltre il diciottesimo posto. Ilaria Bianco si ferma al ventunesimo, Maria Vittoria Sartori al quarantunesimo e Margherita Cappelli al quarantaduesimo. Insomma poteva andare meglio. Nel fioretto femminile Arianna Errigo impone i diritti di una classe cristallina in una specialità in cui le nostre azzurre sono, senza ombra di dubbio, le più brave del pianeta. A Trieste la giunonica fioret-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Lorenzo Paoletti, Lorenzo Nista, Paolo Paoletti e Andrea Baldini

327


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma 328

Ilaria Bianco e Marco Ciari

tista dei Carabinieri, prima di accomodarsi sul gradino più alto del podio, supera la giovane ventunenne senese Alice Volpi (15-7). Le medaglie di bronzo se le mettono al collo Carolina Erba delle Fiamme Gialle e Valentina Cipriani dell’Aeronautica. A tenere alto lo “stellone” labronico ci pensano Beatrice Monaco e Olga Rachele Calissi, con un più che onorevole settimo e undicesimo posto finale. Per Beatrice il rammarico di aver incrociato il fioretto magico della Errigo nei quarti e al tempo stesso di essersela cavata tutto sommato in maniera dignitosa (15-10 per la monzese). Trentesima invece la giovanissima Eleonora Dini, allieva del maestro Vannini al PalaModigliani.

Resurrezione nelle prove a squadre

Le cose per i nostri schermitori vanno decisamente meglio nelle prove a squadre. Il primo acuto è della squadra di fioretto delle Fiamme Oro. Gli atleti della polizia di Stato fanno saltare il banco e undici anno dopo l’ultimo successo (2002) salgono sul podio più alto. Fin qui la “sorpresina”. La “sorpresona” o se preferiamo la singolarità è però nella composizione della squadra vincente. Edoardo Luperi e Tommaso Lari sono nati e cresciuti nella città dei Quattro Mori e Michele Del Macchia e Simone Vanni vivono all’ombra della Torre Pendente. Proprio così due livornesi e due pisani insieme sul trono, in barba alla storica rivalità e più amici che mai. Anche perché Luperi, Del Macchia e Lari si allenano a Livorno sotto la guida del maestro Marco Vannini, anche lui livornese doc, ci mancherebbe altro. In finale le Fiamme Oro hanno pie-

gato, o meglio strapazzato (45-34) le Fiamme Gialle, di Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Daniele Garozzo e Martino Minuto. Una buona mano in termini d’esperienza, al team vincente la dà il pisano Simone Vanni: il veterano della compagnia. Al resto ci pensano, e bene, Luperi e Lari con il cucciolo (19 anni) Del Macchia pronto a intervenire. Ma la premiata ditta pisano-livornese fa anche qualcosa di più. In semifinale costringe alla resa (45-37) lo squadrone dell’Aeronautica vincitrice delle ultime tre edizioni e con in squadra il grande Andrea Baldini, il giovane Lorenzo Nista (coetaneo di Luperi, classe 1993), il vincitore dell’individuale Alessio Foconi e Alessandro Meringolo. Insomma anche in questo caso altri due livornesi: Baldini e Nista, dall’altra parte della barricata. A dare linfa a derby cittadini e pisani, dal sapore genuino. Nel fioretto femminile, bis dorato delle Fiamme Oro capitanate dalla campionessa olimpica 2012 Elisa Di Francisca. Al fianco di sua maestà Elisa la concittadina Claudia Pigliapoco, la senese Alice Volpi e pronta a intervenire la sedicenne e simpaticissima pisana, di S. Maria a Monte, Eleonora Dini che, tanto per cambiare, si allena a Livorno. Lo squadrone della Polizia di Stato in finale strapazza (45-19) la Forestale con nelle proprie file: Serena Teo, Francesca Facioni, Stefania Straniero e Martina Batini. Sul terzo gradino del podio, dopo aver vinto la finalina per il bronzo, le Fiamme Gialle di Carolina Erba, Camilla Mancini e delle due livornesissime Beatrice Monaco e Olga Rachele Calissi. Nella sciabola femminile l’alloro tricolore se lo mettono al collo le “aviere” dell’Aeronautica Militare. Un quartetto ben assortito capitanato da Ilaria Bianco, Alessandra Lucchino, Camilla Fondi e Francesca Buccione. In finale superano la compagine dei Carabinieri per il rot-

to della cuffia: 45-44 e dopo un bel testa a testa. A dare man forte a Gioia Marzocca e Livia Stagno sale in pedana anche Arianna Errigo, lasciando momentaneamente da parte il suo fioretto magico per impugnare, in maniera, comunque, ottimale la sciabola. Bronzo, invece per le Fiamme Gialle grazie alla vittoria, o meglio al trionfo (45-28) nella finalina per il terzo posto sul C.S. Roma. Per Irene Vecchi, Martina Petraglia, Lucrezia Sinigaglia e Loreta Gulotta qualche piccolo rammarico soprattutto per la sconfitta 45-44 in semifinale contro la squadra delle “Carabiniere”. Bravissime pure le sciabolatrici del Fides. Benedetta Baldini, Maria Vittoria Sartori, Margherita Cappelli e Flavia Manca concludono la loro fatica al settimo posto dopo aver ceduto nei quarti alla squadrone delle Fiamme Gialle. Nella spada femminile successo dell’Esercito sulle Fiamme Azzurre per 45-38. A mettersi la medaglia d’argento al collo anche la bravissima Virginia Di Franco. Prima della finalissima Virginia e compagne di squadra avevano faticato a costringere alla resa (36-35) l’Aeronautica in semifinale. Le cose per loro erano state più agevoli invece nei quarti contro il C.S. Pompilio Genova: battuto 45-33. Infine, nella sciabola maschile, trionfo dell’Aeronautica grazie alla netta vittoria in finale (45-30) sulle Fiamme Gialle. Nella finalina per il terzo posto successo, sul filo di lana (45-44) delle Fiamme Oro sui Carabinieri. Tra gli agenti di Polizia un ruolo importante lo recita il bravo Marco Ciari.

Eleonora Dini


L’oro a squadre di Aldo e triplo bronzo di Irene Vecchi e Andrea Baldini Europei di Zagabria

A

Baldini e Vecchi

giugno, dopo i campionati italiani di Trieste, arrivano quelli europei di Zagabria. Per i nostri spadaccini va tutto sommato abbastanza bene. Ilaria Vecchi si mette al collo una doppia medaglia di bronzo. Prima nella prova individuale e poi in quella a squadre. Andrea Baldini fa altrettanto nel fioretto maschile individuale. A squadre, invece, la corazzata azzurra del fioretto si arena inaspettatamente nei quarti di finale e deve accontentarsi del settimo posto. Meglio di tutti, nella competizione a squadre, va Aldo Montano. Lo squadrone azzurro della sciabola sale, un po’ inaspettatamente ma con pieno merito, sul gradino più alto del podio continentale, “bastonando”, 45-33, l’ostica Romania in semifinale e facendo altrettanto con “l’indigesta” Ungheria (45-40) in finale. Protagonisti della stupenda prova oltre ad Aldo Montano, anche Diego Occhiuzzi, Luigi Samele e Enrico Berrè. Proprio Enrico Berrè, al suo esordio con la maglia azzurra, è il vero “personaggio” della grande kermesse continentale in Croazia. Il ventenne di Genzano Romano, prima della bella performance nella prova a squadre aveva fatto vedere ottime cose nella prova individuale, mettendosi al collo una stupenda medaglia di bronzo. Aldo Montano, invece, alla prima gara dopo Londra 2012 a livello individuale, esce nei sedicesimi contro il forte, ma non irresistibile, romeno Badea 15-9. Per l’Aldone Nazionale, in ogni caso, tante attenuanti. A frenarlo un’infiammazione a un gomito e qualche acciacco muscolare non perfettamente guarito. A spiegare questo stop lontano dal podio è lui stesso. “Nei gironi mi sono sentito abbastanza bene. Dopo una lunga azione contro Badea, però, ho capito di aver finito la benzina. Mi sono sentito le gambe pietrificate. È stato un bene rientrare, ora spero di riuscire ad allenarmi con continuità verso i Mondiali”.

Andrea Baldini nella prova individuale si arrende, 15-11, in semifinale al pluricampione mondiale e sua ex bestia nera Joppich. Un Joppich in gran vena che poi si mette la medaglia d’oro al collo. Il Baldo prima dello stop aveva superato nei quarti, 15-12, il russo Khovanskiy, e nei turni precedenti il belga Lecocq e l’israeliano Or. Abbastanza realista la sua analisi a fine gara: “C’è un pizzico di delusione. Avevo buone sensazioni, ma ovviamente la sconfitta brucia, sebbene contro un plurititolato come Peter Joppich. Ovviamente non si fanno drammi, anzi, si punta dritto al Mondiale di Budapest di agosto”. Insomma i mondiali pur con quasi due mesi d’anticipo iniziano a fare capolino nella testa dei nostri due fuoriclasse. Nella prova di sciabola femminile, Irene Vecchi sale sul terzo gradino del podio dopo la sconfitta, 15-11, subìta in semifinale contro la greca Vassiliki Vougiouka. Per la bella Irene, in ogni caso, si tratta di una grandissima soddisfazione perché è la prima medaglia che si mette al collo in una competizione internazionale a livello assoluto. Prima di alzare bandiera bianca Irene aveva conquistato il pass per la semifinale, dopo aver vinto il match del turno delle 32 contro la romena Bulica col punteggio di 15-10, nel turno successivo, aveva fatto altrettanto nell’assalto contro la russa Gavrilova per 15-13 ed, infine, nei quarti aveva costretto a miti consigli, 15-10, la tedesca Kubissa. Piuttosto circostanziata anche la sua diagnosi a fine gara: “Sono arrivata qui non al top della forma a causa di un problema ai muscoli addominali. Ho stretto i denti e questo è il risultato. La sconfitta mi ha lasciato un po’ di rammarico perché probabilmente mi sono un po’ persa nel tentativo di cambiare tipo di stoccate. Se avessi proseguito a tirare come nella prima parte, chissà! Intanto però mi godo questa mia prima medaglia, poi penserò a rimettermi in piena forma e ad arrivare nel migliore dei modi ai Mondiali di Budapest”. Nella prova individuale non è andata bene, invece, a Ilaria Bianco, superata, 15-8 dall’ungherese Marton quando le posizioni che contano erano molto lontane.

Ma torniamo alla prova a squadre delle sciabolatrici. Irene Vecchi, Lucrezia Sinigaglia, Rossella Gregorio e Livia Stagni, confermano il bronzo conquistato nell’edizione 2012 degli Europei a Legnano. Sebbene con una squadra rinnovata per tre atlete su quattro. Di quella compagine è rimasta solo Irene Vecchi. Ed essendo la più esperta e brava è incaricata anche di chiudere ogni assalto. Cosa non facile perché oltre a talento e classe occorrono i nervi saldi. Decisiva per salire sul podio la vittoria sulla Polonia. Una vittoria un po’ al cardiopalma ma poi finita bene. Irene Vecchi dopo essere salita in pedana con l’Italia in vantaggio 40-30, ha avuto qualche battuta d’arresto. Così la sua avversaria, la polacca Socha, è riuscita a riportare sotto la sua squadra fino al 44-44. A quel punto, però, Irene ha sistemato la pratica con un affondo vincente. La strada che ha portato le azzurre sul terzo gradino del podio, era iniziata ai quarti quando hanno superato la Francia col punteggio di 45-41. In semifinale, contro la Russia, Vecchi e compagne sono state, invece, sconfitte per 45-35. Davvero inatteso il passo falso della squadra di fioretto. La loro corsa si è fermata al settimo posto. Il quartetto azzurro composto da Andrea Cassará, Andrea Baldini, Valerio Aspromonte e Giorgio Avola, è uscita sconfitto dal match dei quarti contro la Polonia, col punteggio di 45-40. Nel successivo tabellone dei piazzamenti dal quinto all’ottavo posto, ha poi perso del tutto la bussola e si è arresa alla Francia per 45-44.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

L’urlo di Montano

329


330


Storico trionfo Campionati italiani Cadetti e Giovani

S

Benedetta Baldini

torica tripletta. Gli spadaccini del Fides ai campionati italiani Cadetti e Giovani di Udine fanno saltare il banco. “Ben tre trionfi su dodici gare, da parte di schermitori di un solo circolo, è da guinness dei primati”, le parole del maestro Nicola Zanotti. Protagonisti della straordinaria e forse irripetibile performance, Gherardo Caranti, Benedetta Baldini e Lorenza Nista. A far brillare in alto lo stellone labronico pure il secondo posto di Edoardo Luperi, allievo del maestro Marco Vannini alla FF.OO. Tra gli otto finalisti pure il fiorettista delle FF.OO Michele Del Macchia (settimo), anche lui allievo di Vannini. E Roberto Bellucci (ottavo), allievo al Fides del maestro Paolo Paoletti. Il trionfo di Lorenzo Nista, arriva a pochi giorni da quello in Coppa del Mondo a Tarassa. Per super Lorenzo è il quinto successo in una competizione tricolore e va a far compagnia a quello nella categoria Maschietti del 2004, ai due tra i Cadetti (under 17) del 2009 e 2010 e a quello nei Giovani (under 20) del 2011. Per ottenerlo Lorenzo ha spolverato classe sopraffina, determinazione e forma straripante. “Sta bene mentalmente e fisicamente. Lo vedo sereno, tranquillo e convinto dei suoi grandi mezzi”, ci aveva detto una decina di giorni fa, il suo storico maestro Paolo Paoletti. E

i fatti gli hanno dato doppiamente ragione. Per mettersi al collo la medaglia d’oro tricolore, Nista non ha sbagliato nulla, cominciando dai gironi (sei vittorie su sei) e proseguendo nelle dirette. L’unico sussulto emotivo negli ottavi con l’emergente Schiavone battuto “solo” 15-13. Per il resto è stata una marcia trionfale. Compresa la finalissima, vinta 15-6, contro l’amico e storico rivale Edoardo Luperi. Un Luperi in ottima forma. Ad eccezione della finalissima ha giganteggiato in lungo e largo, anche lui, contro tutti gli avversari che gli sono capitati davanti, compresi quelli del girone eliminatorio e il compagno di sala Michele Del Macchia, battuto per 15-10 nei quarti. “L’anno scorso persi in finale con Caterina Navarria e ci rimasi un po’ male. Quest’anno, invece, ad eccezione dell’assalto degli ottavi con la De Martino, dove ho fatto un po’ di fatica a recuperare, è stata una gara tutta in discesa compresa la finalissima con la Ciaraglia, vinta 15-8”. Benedetta Baldini, sintetizza in poche parole il bel successo tricolore. Poi aggiunge. “È stata una giornata che non dimenticherò mai. Sono riuscita a portare a casa il mio primo titolo italiano. Volevo a tutti i costi questo titolo per dimostrare che qualche gene buono ce l’ho anch’io!. Sentirmi fare i complimenti da Andrea è un onore, perché oltre ad essere il mio fratellone, è un grande campione con la C maiuscola! Ho ricevuto un’infinità di complimenti. In primis quelli di mamma Rita di babbo Enrico, nonna Iole e dei miei fratelli: Giulia, Matteo e Andrea. E naturalmente del fidanzato e dei miei amici e amiche. Anche nonno Bruno da lassù avrà fatto il tifo per me”. Chi non cessa di stupire è il giovanissimo (1/7/’97) Gherardo Caranti. Il classico bravo ragazzo della porta accanto, con un fisico da corazziere che ricorda il giovane Aldo Montano. Per il suo maestro Nicola Zanotti, che ha guidato al successo anche Benedetta Baldini, un grande talento. Gherardo, risultati alla mano, non fa nulla per smentirlo. Anzi. Oltre a dominare nella

categoria Cadetti, pur essendo il più giovane tra i primi classificati, si è tolto anche lo sfizio di entrare nei top ten della categoria under 20. “Questo successo’ –spiega Gherardo- è il coronamento di anni di impegno. La gioia immensa di poter finalmente ricompensare con un’importante vittoria il mio fantastico maestro Nicola e tutti quanti al Fides che mi hanno aiutato a crescere, come persona e come atleta, cominciando dai maestri Diego Pardini, Iacopo Reali e dal preparatore Franco Fabbri e proseguendo con tanti altri. Se già la vittoria del campionato cadetti a soli quindici anni è un sogno diventato realtà, solo due giorni dopo, alla gara dei Giovani questo sogno si è dilatato. Per entrare negli otto ho tirato contro Luca Curatoli, il numero uno del ranking under 20. Un ragazzo che fino a tre mesi fa non sapeva neppure che esistessi. Poteva essere un incubo, una folla di maestri, arbitri, dirigenti Fis, ci osservava. Invece, sono arrivato ad un passo dal batterlo sul 13 pari ed ho addirittura ricevuto i complimenti proprio da Curatoli”. Poi le dediche: “A Nicola. Poi, a tutti quanti credono in me e mi vogliono bene. I miei genitori: Matilde e Roberto. I nonni: Piera, Carlo e Cortea. Gli zii e cugini, che si stanno appassionando, sempre di più, a questo sport. E al circolo Fides: la mia famiglia allargata. La forza di questo legame di affetto e amici-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Edoardo Luperi

331


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma 332

Miccoli con Nista

Lorenzo Nista Argento mondiale

A

ddio in bellezza. Lorenzo Nista e Edoardo Luperi, a Porec, nel giorno del loro congedo mondiale, per “raggiunti limiti d’età”, dalla categoria Giovani (under 20) si mettono al collo la medaglia d’oro nella prova a squadre di fioretto. Lorenzo, a dire la verità ha fatto anche qualcosina di più. Un paio di giorni prima ha conquistato anche una splendida medaglia d’argento a livello individuale. A impedirgli di salire sul gradino più alto del podio è stato l’americano Alexander Massialas. Uno dei più forti fiorettisti del pianeta anche a livello assoluto e in quel momento numero sei del ranking mondiale. Nista, nell’indiduale, era giunto in zona medaglia grazie alla vittoria per 15-4 ai quarti contro l’israeliano Sudilovsky e in semifinale contro, il compagno di sala

zia che mi lega a tutti quelli che ho appena nominato è stata amplificata, nelle ore successive: via telefono, Facebook, e-mail. Tantissimi, mi hanno esternato la loro gioia”. Sogni? “Come ho scritto in un compito d’italiano un paio di mesi fa, non desidero altro se non la mia vita attuale, fatta di affetto, amicizie, una scuola che mi piace: il liceo classico, altra indovinatissima scelta controcorrente. Gli allenamenti al Fides e l’adrenalina delle gare. Grazie a questa vittoria, stanno concretizzandosi altri tre sogni a breve termine: partecipare agli europei e ai mondiali Cadetti, con addosso finalmente il completo della nazionale ed essere convocato a settembre in ritiro con gli under 20”. Poi la chiosa finale. “Visto che si parla di sogni sarebbe bello diventare un fuoriclasse, in pedana e fuori, come Aldo Montano e, un domani, salire su un podio olimpico”. Gli altri: Roberto Bellucci dopo un inizio con il freno un po’ tirato e aver superato nelle dirette Tamburini e Gridelli ha ceduto nei quarti a De Rossi. Eleonora Malquori (16esima), anche lei allieva di Paolo Paoletti ha ceduto negli ottavi alla Spezzamonte. E la sciabolatrice Margherita Cappelli, allie-

va di Zanotti, si è arresa nella prima diretta. Tra le allieve di Marco Vannini stop negli ottavi, tra le Cadette, per Eleonora Dini (alla fine decima) di fronte alla patavina Claudia Borella. Nella categoria Giovani, invece, Noemi Bono, con la casacca dell’Accademia della Scherma, si è fermata, per un’inerzia (15-14) di fronte alla Del Zolt nei sedicesimi. Doppia fatica, infine, per Ginevra Burchi (classe 1997), dodicesima nella spada e venticinquesima nel fioretto Cadetti e anche lei dell’Accademia della Scherma.

Alexander Choupenitch e Lorenzo Nista

Lorenzo ed Edoardo salutano con la medaglia d’oro al collo Mondiali Giovani di Mario Orsini

al Fides, il ceco Alexander Choupenitch per 15-11. Entusiasmante soprattutto il derby cittadino, negli ottavi, con l’amico e rivale Edoardo Luperi, alla fine nono, dopo la sconfitta per 15-13 contro Nista. Nell’ultima giornata di gare, poi Nista e Luperi, questa volta uno accanto all’altro nella prova a squadre, hanno conquistato una splendida medaglia d’oro. Del quartetto azzurro, oltre ad Edoardo e Lorenzo, facevano parte anche Francesco Ingargiola e Piero Franco. Il successo per loro è arrivato in maniera netta, col

punteggio di 45-34, nell’assalto finale contro la quotata formazione degli Stati Uniti, composta oltre che da Massialas anche da Race Imboden. Ovvero metà della squadra statunitense giunta quarta ai Giochi Olimpici di Londra 2012. Non è andata, invece, bene alla squadra della sciabola femminile, della quale insieme a Benedetta Baldini facevano parte anche Martina Criscio, Chiara Mormile, Sofia Ciaraglia. Le azzurrine della sciabola si sono fermate, negli ottavi, di fronte alla Polonia, per 45-44.


La sciabola d’oro di Gherardo Campionati europei cadetti

Gherardo Caranti

D

opo la vittoria ai campionati italiani di sciabola Cadetti di Udine, il successo a quelli europei di Budapest. Per il quasi sedicenne Gherardo Caranti, il ragazzone tutto acqua e sapone, del Fides, un’altra cavalcata trionfale. Per mettersi la medaglia d’oro al collo, nella capitale magiara, Gherardo non ha sbagliato niente e ha concluso la sua corsa, verso il primo alloro continentale, imbattuto, con sei successi nel girone e un bel filotto di vittorie nelle dirette. L’ultima, la più bella e entusiasmante, in finale contro

Gherardo Caranti e Nicola Zanotti

l’ucraino Platonov, battuto nettamente 15-9. Dietro la vittoria di Caranti c’è indubbiamente tanto talento. Ma a fare la differenza, a dare quel quid in più, sono pure: passione e sacrifici. Non si diventa campioni europei per caso e per di più in una delle roccaforti planetarie, di questo sport, come l’Ungheria. Per Gherardo lo sport ha una valenza importante ma anche lo studio: “La scherma ha cadenzato tutte le mie giornate. Mi ha insegnato a razionalizzare il tempo e a non sprecarlo. Fare bene e abbastanza velocemente i compiti prima di recarmi al circolo Fides è fondamentale”. Gherardo, per la cronaca, frequenta con buonissimi risultati il liceo classico: “Una scuola che mi piace davvero tanto. È stata, come la scherma, una scelta indovinatissima e se vogliamo pure un po’ controcorrente”. Poi fa un passo indietro. “Ho cominciato questo sport per caso a sei anni. Era settembre e stavo per iniziare la prima elementare. Tornavamo dal mare un pomeriggio, imboccammo in auto via Allende. Mia madre mi faceva notare quali sport si potevano praticare là: nuoto, atletica leggera, basket e poi disse “scherma”. Io chiesi di cosa si trattasse, lei mi rispose “fare come Zorro”. Un nome che stimolò subito la curiosità del piccolo Gherardo. Quando la mamma gli disse se voleva andare a vedere di cosa si trattasse non se lo fece dire due volte. “Entrammo – aggiunge Gherardo- al Circolo Fides. A quell’ora c’era solo il padre di un atleta. Mi fece vedere la palestra, le fotografie, una stanza piena di coppe, mi disse che ero uno sciabolatore e di provare la mattina dopo. Per questo chiesi a mia madre di svegliarmi presto. Arrivato in palestra dovetti scrivere il mio nome. Lo feci in stampatello, con caratteri grandi, un po’ obliquo. Poi mi accolse il maestro Rolando Rigoli. L’olimpionico mi pre-

Caranti con le hostess

sentò agli altri bambini e ragazzi. Malgrado fossero tutti più grandi di me, si presentarono dandomi la mano”. Il racconto di Gherardo prosegue. “Poi ho conosciuto l’altro maestro, più giovane, Nicola Zanotti, e la sciabola. Da quel giorno non ho mai smesso. Anno dopo anno, sono stato abbracciato, sempre più, da quella stupenda rete di amicizia e affetto che fa da collante, tra grandi e piccini, maestri e ragazzi, genitori e atleti. Un luogo in cui essere campioni è del tutto normale. In cui si può da bimbi tirare o, almeno, giocare a pallone o ping pong con dei fuoriclasse della scherma di ogni età. A differenza di molti altri miei coetanei a livello nazionale, nessuno nella mia famiglia aveva praticato la scherma, e neppure l’avevano seguita. Ad eccezione di qualche gara olimpica vista in televisione”. Poi alcune difficoltà incontrate. “È stata dura andare controcorrente, praticare un sport dal nome incomprensibile alla maggior parte dei bambini. Aspettare i dieci anni per poter iniziare le gare col giubbotto elettrico. Grazie a Nicola, ho resistito e gli anni seguenti mi hanno più che ripagato, proiettando me e di conseguenza i miei genitori e nonni, in un incredibile ottovolante di emozioni e avventure. Regalandomi amicizie e conoscenze in tutta Italia, alcune anche all’estero, e facendomi maturare come persona”. Infine, una speranza? “Di poter meritare anch’io una foto con il mio maestro e il piatto della vittoria nel corridoio del circolo”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

333


334


Olga Rachele sul tetto d’Italia Campionati Italiani under 23

Olga Rachele Calissi

B

elle e brave. Per le nostre splendide spadaccine un campionato italiano under 23 da incorniciare grazie al trionfo di Olga Rachele nel fioretto individuale, alla medaglia d’argento di Benedetta Baldini e a quella bronzo, di Beatrice Monaco, nel fioretto. A completare le belle performance dei nostri schermitori il quinto posto della fiorettista Ilenia Orsolini e il sesto di Tommaso Saviozzi nella sciabola. Insomma un’affermazione collettiva esaltante, arricchita anche da tanti validi piazzamenti. Un risultato complessivo che poteva addirittura essere straripante se alcuni pezzi da novanta, come Edoardo Luperi, Tommaso Lari e Lorenzo Nista non avessero disertato l’appuntamento per partecipare alla Coppa del Mondo assoluta a Seul.

Fioretto Femminile

L’allieva del maestro Marco Vannini, Olga Rachele Calissi, nella sua corsa verso il trionfo, dopo aver matato la patavina Noè ha vinto ben tre derby di fila: due labronici e uno pisano-

livornese. Nei quarti ha costretto alla resa (15-7) la fidiessina, Ilenia Orsolini, allieva al Fides del maestro Paolo Paoletti. In semifinale ha fatto ammainare bandiera bianca (15-12) a Beatrice Monaco, sua compagna nelle Fiamme Gialle e studentessa di Scienze Biologiche a Siena, dove, presso il Cus, si allena con il maestro Daniele Giannini. In finale, poi Olga Rachele ha completato l’eccellente trittico piegando (15-12) la pisana Chiara Cini. Proprio La Cini negli ottavi aveva stoppato, l’altra allieva del maestro Paoletti al Fides, Eleonora Malquori, alla fine quindicesima.

Sciabola Femminile

Eccellente secondo posto di Benedetta Baldini, con dedica speciale per Carlo Pardini, ex presidente del circolo Perone e vice presidente del Fides, nonché padre del maestro Diego, scomparso prematuramente pochi giorni prima. Per la sorellina del grande Andrea, allieva al Fides del maestro Nicola Zanotti, una gara sontuosa iniziata con il primo posto dopo i gironi e proseguita battendo nell’ordine Maria Andrè Vullo, Paola Guarneri e Sofia Ciaraglia, prima di arrendersi in finale (15-12) in finale a Martina Petraglia. “Questo risultato è una bella iniezione di fiducia dopo la delusione nel mondiale”. Nella stessa gara tredicesima Maria Vittoria Sartori, 19esima Margherita Cappelli e 25esima Flavia Manca.

Sciabola Maschile

Bravo Tommaso Saviozzi, in grande crescita psicofisica e tecnica, fermato nei quarti da Matteo Gallo (15-13). Più indietro, invece, gli altri allievi del Fides: Marco Giambersi, Jacopo Michelucci e Guido Ferrini.

Baldini Benedetta alle Universiadi

gento nella prova a squadre di sciabola. Un risultato che va a fare compagnia alle tante belle performance ottenute, nel magico 2013, sulle pedane italiane e internazionali. Tra queste belle imprese sportive ricordiamo la medaglia d’oro conquistata nella gara individuale ai campionati italiani Giovani e quella d’argento, appena ricordata, tra le under 23. Il nono posto a squadre ai mondiali Giovani di Porec. Il 4° posto a squadre e il 13° individuale agli Europei Giovani di Torun. Il 7° posto a squadre ai campionati italiani assoluti e tanti bei piazzamenti in Coppa del Mondo Under 20. Prestazioni che fanno gonfiare, giustamente, il petto al suo maestro, del Fides e della nazionale, Nicola Zanotti.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Fioretto Maschile

Decimo Michele Del Macchia e 14esimo Dario Finetti, entrambi del team Vannini.

Benedetta argento alle Universiadi

Benedetta Baldini, vent’anni di bellezza, eleganza, simpatia e bravura, alle Universiadi di Kazan aggiunge un’altra perla alla sua bellissima stagione agonistica mettendosi al collo una stupenda medaglia d’arOlga Rachele Calissi

Nicola Zanotti e Benedetta Baldini

335


N

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

ella prima quindicina di agosto riflettori puntati su Budapest. In programma, l’avvenimento clou dell’anno: i campionati del mondo di scherma. A tenere alto lo “stellone” labronico è Andrea Baldini. Insieme ai compagni d’avventura: Giorgio Avola, Andrea Cassarà e Valerio Aspromonte

336

L’oro a squadre del Baldo e la sciabola di bronzo di Irene Vecchi Mondiali di Budapest di Mario Orsini

Squadra Fioretto Maschile

si mette al collo la medaglia d’oro del fioretto a squadre, riscattando, nel migliore dei modi la brutta figura di un paio di mesi prima agli Europei di Zagabria, dove l’Italia si era fermata al settimo posto. L’altra medaglia mondiale, colorata d’amaranto, la porta a casa Irene Vecchi, con un eccellente terzo posto nella prova individuale di sciabola. Per Irene anche una medaglia di “legno” (quarto posto) nella gara squadre. A mani vuote torna a casa, invece, Aldo Montano. La corsa dell’Aldone nazionale nella prova individuale si ferma addirittura nei sedicesimi di finale e in quella a squadre al sesto posto. Davvero poco per un quartetto che a Budapest aveva fatto il pieno (vittoria). Un po’ sottotono anche la prestazione nel fioretto individuale di Andrea Baldini, costretto alla resa nei sedicesimi dal non eccezionale giapponese Chida. Ma andiamo con ordine, iniziando proprio dal momento più bello per noi livornesi. Ovvero il successo del team azzurro del fioretto. Il primo a scen-

dere in pedana, nella finalissima con gli Stati Uniti, è stato Andrea Baldini. Con un parziale di 5-2 ha portato subito l’Italia avanti. Nei due assalti successivi bene anche Giorgio Avola e Andrea Cassarà che sono riusciti a incrementare il vantaggio azzurro fino al 15-7. Nella quarta e quinta manche gli Stati Uniti si sono rifatti sotto, portandosi sul 21-15. Nel sesto assalto Andrea Cassarà, con un parziale di 9-3, ha consentito all’Italia di allungare il passo fino al 30-18. L’ultima serie è iniziata con Giorgio Avola. Il fiorettista di Modica ha aumentato il

vantaggio azzurro fino al 35-21. Gli azzurri hanno poi controllato, negli ultimi due assalti, il tentativo di rimonta degli Stati Uniti. Prima Andrea Cassarà e, infine, Andrea Baldini, hanno messo in saccoccia i punti giusti per portare gli azzurri sul definitivo 45-33 a loro favore. Un trionfo che è andato a fare la pariglia con quello di Londra 2012, quando gli azzurri si misero al collo la medaglia olimpica del fioretto. Prima dell’epilogo, con gli americani, l’Italia aveva sconfitto la Repubblica Ceca al primo turno per 45-26. Si era poi imposta, 45-33 nei quarti, alla Gran Bretagna e in semifinale aveva sconfitto la Russia (45-44), al termine di una sfida tiratissima e davvero emozionante che merita di essere riassunta. Dopo aver condotto in vantaggio tre quarti del match, gli azzurri si erano fatti rimontare fino al 43-41 in favore della Russia a appena 49 secondi dalla fine.

Aldo Montano


vano maramaldeggiato con il Messico per 45-27. Per Aldo Montano, complice una condizione fisica, non certamente ottimale, nella prova individuale la resa è arrivata quasi subito, 15-12, di fronte al bravo Dolniceanu. Le cose per Aldo Montano sono andate poi leggermente meglio, come abbiamo visto in precedenza, nella prova a squadre, con un sesto posto finale non eccezionale ma quantomeno accettabile. Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Luigi Samele ed Enrico Berrè, dopo aver superato il primo ostacolo di giornata, il Giappone, nel tabellone dei 16, col punteggio di 45-32, hanno ammainato bandiera bianca, nei quarti, contro la Bielorussia per 45-43. In un incontro fotocopia del quarto di finale dei Giochi Olimpici di Londra 2012. Allora però a prevalere con quel punteggio furono gli azzurri. Nel tabellone per il quinto posto, l’Italia ha sconfitto, nel primo assalto, l’Ungheria per 4541, ma è uscita battuta dal successivo match contro la Germania, col punteggio di 45-40 a favore dei teutonici, concludendo quindi al sesto posto.

Irene Vecchi a Budapest

A quel punto, però, Baldini tirando fuori dal suo magico cilindro: classe, determinazione e rabbia agonistica, con un’impennata d’orgoglio aveva rimesso le cose a posto concludendo sul 45-44. Sull’altra medaglia c’è, invece, la firma di Irene Vecchi. Una medaglia di bronzo uguale a quella continentale di Zagabria. La brava Irene dopo una bella cavalcata ha dovuto arrendersi, in semifinale, alla russa Ekaterina Dyachenko per 15-12. La dolce Irene aveva raggiunto la semifinale battendo ai quarti per 15-13 la greca Vassiliki Vougiouka. Prima, però aveva fatto vedere cose ancor più egregie. Dopo il successo iniziale sulla giapponese Itoh per 15-6, ha sconfitto anche la polacca Kedziora per 15-11. Ilaria Bianco, invece, è stata superata 15-2 dalla russa Gavrilova molto prima. Nella prova a squadre di sciabola femminile l’Italia è stata sconfitta dagli

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Stati Uniti nella finalina per il terzo posto. La selezione americana si imposta in maniera netta per 45-30 e ha conquistato la medaglia di bronzo. Le azzurre hanno pagato più del dovuto il pessimo inizio, nel quale Irene Vecchi e Lucrezia Sinigaglia non sono riuscite a mettere a segno neppure una stoccate e avevano concluso la loro fatica con l’Italia irrimediabilmente sotto, per 100, a favore delle americane. I punti sono poi arrivati a raffica dall’ottima, e in grande spolvero, Rossella Gregorio, che ha riportato l’Italia in parità (13-13) e poi le ha consentito di mettere la freccia (15-14) con un clamoroso parziale di 15-4. Livia Stagni, subentrata alla Sinigaglia, ha poi duellato con Dagmara Wozniak e regalato alle compagne, seppure di misura, il nuovo vantaggio sul team a stelle e strisce (20-19). Negli ultimi assalti il divario si è allargato in favore delle americane, che hanno chiuso il conto: 45-30. A impedire all’Italia della sciabola di andare in finale era stata, 45-34, l’Ucraina. Nei quarti Irene Vecchi e le compagne avevano, invece, superato la Polonia per 45-41. E negli ottavi ave-

Aspromonte e Vecchi a Budapest

337


338


Il Corazziere bresciano all’ombra dei Quattro Mori Cassarà a Livorno

A

Andrea Cassarà

i primi di novembre Andrea Cassarà è “sbarcato” a Livorno. Il corazziere bresciano ha scelto Marco Vannini come suo nuovo maestro, dopo che Massimo Omeri, aveva fatto le valige per andare ad allenare la nazionale di Hong Kong. Ad accoglierlo a braccia aperte, un martedì pomeriggio, nella palestra dell’Accademia della Scherma, in un’ala del PalaModigliani, il nuovo maestro. A farlo sentire subito a casa sua una grande gigantografia, con bene in vista i principali risultati della sua straordinaria carriera di fiorettista: l’oro a squadre alle olimpiadi di Londra e Atene (anche bronzo individuale),

Andrea Cassarà

il campionato del mondo individuale di Catania e il successo in ben cinque coppe del mondo, comprese le ultime tre. Il bresciano Andrea Cassarà, trent’anni il prossimo 3 gennaio, ha scelto la nostra città, come oasi di pace e tranquillità per vivere e continuare ad allenarsi in maniera ottimale. “Conosco il maestro Marco Vannini da tempo. È giovane e bravo –le sue prime parole, poi ha aggiunto-, in palestra ci sono tanti ottimi fiorettisti con cui poter tirare. L’ambiente mi è sembrato quindi ideale per continuare ad allenarmi per poter gareggiare a grandi livelli”. Come residenza ha invece scelto Tirrenia. “È un posto tranquillo. Per adesso vivo da solo ma presto mi raggiungerà la mia fidanzata”. A dire la verità proprio solo, soletto non è perché all’accademia della Scherma è giunto in compagnia del uno splendido cane color marrone. Poi uno sguardo al futuro. “La scherma è la mia vita. A smettere non ci penso nemmeno”. Poi con il sorriso sulle labbra ha aggiunto: “Potrei continuare fino oltre i settant’anni, magari con Vannini sempre come maestro!”. Che la passione a Cassarà non gli manchi non ci è voluto tanto a capirlo. Alcuni minuti dopo aver fatto una breve chiacchierata a quattr’occhi, con il suo nuovo maestro, erano già uno di fronte all’altro ad allenarsi di buona lena. Appena terminato ha poi dovuto sperimentare cosa vuol dire essere una stella di prima grandezza di questo sport. I tanti bambini e adolescenti che frequentano la palestra lo hanno letteralmente assalito per chiedergli l’autografo. A dargli il benvenuto, con il sorriso sulle labbra sono poi arrivati la presidentessa Jennyfer Cerrai, il vice presidente Andrea Callai e i consiglieri Erica Panicucci e Marco Ristori. “Per il nostro circolo avere Cassarà è motivo d’orgoglio. Potersi allenare al suo fianco o addirittura, per alcuni, poter incrociare il fioretto con lui sarà di stimolo per tanti nostri atleti”, le parole di Erica. Tra le più felici di vederlo in carne e ossa anche tante ragazzine. “È più bello visto da vicino che in televisione”, ha detto una di loro. Fisico, da corazziere. Una montagna di muscoli distribuiti su un metro e novantadue centimetri d’altezza, ma un colpo d’occhio e un’agilità felina che mette subito in mostra quando incrocia il fioretto in pedana prima con

il giovane (19 anni) Michele Del Macchia e poi con Alessandro Paroli (24 anni). In due assalti piuttosto tirati e spettacolari. “Sono davvero bravi”, le parole di Andrea al termine dell’allenamento. All’Accademia della Scherma Cassarà avrà inoltre l’opportunità di salire in pedana con Tommaso Lari e Edoardo Luperi, due schermitori che non hanno certamente bisogno di grandi presentazioni. Oltre naturalmente, magari per pochi minuti, tanti giovanissimi in rampa di lancio. Ma facciamo un passo indietro. Il nome di Andrea Cassarà per un po’ di tempo, a partire dai primi giorni di agosto del 2008, fu associato, in maniera non propriamente idilliaca, a quello di Andrea Baldini. Quando, l’immenso fiorettista labronico, nonostante avesse conquistato la qualificazione a vele spiegate, fu escluso ingiustamente dalle olimpiadi di Pechino per presunto doping, per aver bevuto un sorso d’acqua, durante i campionati europei del mese prima, da una bottiglietta in cui una mano galeotta aveva messo un po’ di diuretico: il furosemide. Poi, per ironia della sorte, la furosemide per la sua inconsistenza a livello di doping, è stata cancellata dalla lista dei prodotti proibiti. Per Baldini i giorni successivi a quell’inizio agosto, mentre Cassarà prendeva il suo posto sulle pedane cinesi, furono di rabbia e sofferenza. Grazie anche alla determinazione, della sua famiglia e di tanta gente, subito credette nella sua innocenza e gli dettero una mano a scrivere la verità, Andrea Baldini ne uscì pulito e a testa alta e tornò a vincere e a sorridere, anche al fianco di Cassarà, sulle pedane planetarie.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Marco Vannini e Andrea Cassarà

339


D

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

a Abu Dhabi, il più grande degli Emirati Arabi, a Livorno, Pisa e Navacchio a lezione di scherma. Uno sport che si sta facendo largo e ogni giorno moltiplica il numero dei propri proseliti da quelle parti. A metà novembre sono arrivati una decina di giova-

340

I nipotini degli emiri a scuola di scherma a Livorno e dintorni Spadaccini arabi di Mario Orsini

me ha spiegato in maniera stringata, ma incisiva il Coach. Che gli atleti arabi non siano venuti a fare una gita di piacere si è capito subito. Il giorno dopo aver toccato il suolo italico erano già sotto pressione, a sudare in pedana, divisi in piccoli gruppi. A seconda della specialità, al Fides, dell’Accademia della Scherma, al C.S. Pisa Antonio Di Ciolo e al C.S. Navacchio. Per gli spostamenti, da un posto all’altro, in piena comodità non si sono davvero limitati e hanno noleggiato un mega pullman da cinquantadue persone. L’approdo degli schermitori arabi dalle nostre parti non è stato un fulmine a Un momento degli allenamenti dei ragazzi arabi ciel sereno. A spiegarcelo è stato lo sciabolatore trentenni spadaccini arabi, dai quindici ai venti anni, accompagnati dal loro Coach Cap- ne, del Fides e delle FF.OO, Marco tain Fathi Haffaur, dalla loro Woman team Ciari: “È il coronamento –ci ha detmanager Captain Aida Mohani e dal Man to- di un percorso iniziato a primateam manager Al Menhali Raled. La pic- vera. Ad aprile insieme allo spadicola e qualificata comitiva non è giunta sta pisano Stefano Cinotti e agli casualmente. La scelta, almeno per quel ex grandi fiorettisti Salvatore Sanche abbiano potuto capire, scambiando zo e la moglie Frida Scarpa, abbiaqualche opinione con loro, è mirata per- mo passato una settimana ad Abu ché Livorno anche a quelle latitudini è Dhabi a insegnare scherma, in una considerata una delle roccaforti mondia- grande palestra alla quale erano li della scherma. Un posto quindi dove si iscritti una cinquantina di giovani può carpire qualche segreto e migliorare e giovanissimi. Siccome l’esperimento è piaciuto ci hanno invitaalcuni aspetti tecnici. L’arrivo del gruppo martedì 17 dicem- to a tornare a novembre, addirittubre e l’arrivederci una settimana dopo. ra per due settimane. Cosa che abbiamo Con tanti buoni propositi. In primis quel- fatto con entusiasmo”. Poi Ciari aggiunlo: “di tornare in un prossimo futuro” co- ge: “Da loro la scherma è uno sport in crescita. Pur avendo ancora aspetti hobbistici se il trend è questo è facile intuire che i risultati, anche a livello mondiale, non tarderanno ad arrivare”. Quello che meraviglia, ma pensandoci bene non più di tanto, è che del gruppo facciano parte anche tre ragazzine. “Fino a qualche tempo fa –ci ha spiegato uno dei ragazzi- lo sport al femminile, da noi, era quasi inesistente. Ora, pur essendo ancora poche le atlete, è in buon crescita”. E la scherma, è facile intuirlo, è tra i più gettonati. Nel caso di ragazIl gruppo con Ciari

ze, infatti, si sposa perfettamente con la loro indole e tradizione, poiché quando salgono in pedana hanno scoperta solamente le dita della mano che non impugna l’arma. Spesso, inoltre, prima di indossare la maschera, per non lasciare i capelli scoperti mettono anche un cappello. Tra le prime a incrociare il fioretto e scambiare qualche parola con due ragazzine arabe, all’Accademia della Scherma presso il PalaModigliani, sono state la 16enne Eleonora Dini e la 15enne Sara Frosini. “Si vede che sono un po’ inesperte, ma hanno volontà e tanta voglia di imparare. E anche una buona predispo-

Ciari con un ragazzo arabo

sizione”, i loro commenti a caldo, mentre i ragazzi arabi stavano tirando con il maestro Claudio Del Macchia, il fiorettista Giacomo Lucchesi e altri atleti livornesi del team di Marco Vannini. Bravi in pedana ma anche simpatici e sorridenti e certamente non taciturni. Almeno alcuni di loro. Bastava invogliarli a esprimersi: “Da noi lo sport per eccellenza rimane il football, però, tanti giovani e giovanissimi si stanno avvicinando alla scherma”, le parole di Majed Al Mansoari, un fiorettista con la parlantina davvero sciolta. “Io ad esempio –aggiunge- l’ho preferito ad altri sport perché ha qualcosa di diverso. Per far bene, oltre ad avere una condizione fisica ottimale, durante una gara, è necessario riflettere e pensare


Gruppo Schermitori (Player) Al Mansoari Majed, Al Mosaabi Yazia, Al Mosaabi Ashwah, Al Hamadi Abdulah, Al Hamadi Ali, Al Graith Abdalah, Al Qubaiai Handa, Al Kebi Abdulah, Al Azaizi Nahyan, Al Zarouni Khalifa. Staff Coach Captain Fathi Haffaur, Woman team manager Captain Aida Mohani, Man team manager Al Menhali Raled

Al Mansoari Majed

Fides promosso in A1 Campionato italiano a squadre di Mario Orsini

Caranti, Saviozzi, Fidanzi e Ferreni promossi in A1

M

edaglia di bronzo al collo e promozione nella massima serie (A1). Per i bravissimi sciabolatori: Tommaso Saviozzi (classe 1992), Gherardo Caranti (1997), Alberto Fidanzi (1995) e Guido Ferrini (1994) una stupenda performance, a Lucca, nel campionato italiano a squadre A2. Ai nastri di partenza sedici squadre, con i giovani spadaccini del Fides a pigiare subito sull’acceleratore. Per loro tre vittorie, su tre, nel girone, grazie al successo su Mazara Scherma (45-28), CS Trentina (45-22) e Uisp Siena (45-33). Successo anche nei quarti con S. Severo FG e stop in semifinale con la co-

razzata CS Roma (34-45). I nostri bravis- Scuola Rigoli simi spadaccini però non si sono arresi conferma in B2 e nella finalina per il terzo posto, trasciAd Ancona, nei campionati italiani assonati da un Tommaso Saviozzi in stato di luti per società, categoria B2, la squadra di grazia, hanno costretto alla resa, sul filo sciabola composta da Enrico Filippi (gradidi lana, i colleghi del CS Torino (45-44), to ritorno), Alberto Grassi e Andrea Ulivieri, conquistando il terzo gradino del podio dopo un girone di qualificazione un po’ sofe la promozione nell’olimpo dei team ferto con Jesi, Vicenza e Campobello di Madella sciabola del bel paese. zara è finita ai Play-Out. Sempre a Lucca, nella prova di Coppa Pur sconfitti da Salerno nella prima diretItalia individuale di sciabola, ottima pre- ta, gli sciabolatori del team Rigoli con un stazione di Margherita Cappelli che gra- guizzo d’orgoglio, “Mostrando attaccamenzie al 14esimo posto, ottiene la qualifi- to alla maglia e grinta”, sono, infine, riusciti cazione ai campionati italiani assoluti di a superare Modica (45-41) ed a non retroceTrieste di fine mese e si aggiunge alle già dere in serie C. qualificate Maria Vittoria Sartori e Benedetta Baldini. Fuori di un soffio, invece, Gherardo Caranti. Niente da fare neppure per Marco Giambersi fermato da Galasso nella prima diretta e per Alberto Fidanzi, Lorenzo Prusciano, Guido Ferrini e Jacopo Michelucci, al Rigoli Scherma squadra B2. Il maestro Rigoli con Filippi, Grassi, Ulivieri palo dopo i gironi.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Il coach arabo

per trovare le soluzioni più opportune per tentare di recuperare o superare un avversario. Questo connubio tra preparazione fisica e impegno mentale mi ha subito affascinato”. Majed è contento che anche le ragazze facciano scherma. “Qualche volta tiriamo insieme. Al termine dell’assalto però, a differenza di quando tiriamo tra noi ragazzi, non ci diamo la mano”. Tra i suoi sogni nel cassetto di Majed Al Mansoari c’è un podio Olimpico o Mondiale. Uno di quelli che potrebbe concretizzare questo sogno, già ai mondiali giovanili 2014, è lo sciabolatore Al Hamed Alì: uno dei più bravi della compagnia. Alle parole di Major fanno eco quelle del Coach: Captain Haffaur Fathì. “Siamo venuti per dare la possibilità di migliorare il loro modo di fare scherma. C’eravamo venuti già l’anno scorso. Qui da voi nella scherma siete all’avanguardia mondiale. Quindi c’è tanto da imparare”.

341


342


Una scorpacciata di medaglie ai regionali under 14 Fides di Piombino

Torre (primo) e Bertocchini (terzo)

B

aby sciabolatori del Fides, in grandissima evidenza, ai campionati regionali, Memorial Enio Zanotti, di Piombino. La parte del leone la fa, senza ombra di dubbio, il bravissimo Edoardo Castellani che torna a casa con ben due medaglie d’oro al collo. Una ciascuno la conquistano, invece, Elisabetta Saviozzi, Camilla Michelucci, Angelica Cardi e Pietro Torre. Ma andiamo nel dettaglio. Categoria Allievi: Doppio successo per Edoardo Castellani. Per lui, classe di ferro 2000, vittoria tra gli Allievi (nati nel 1999) e nella categoria Ragazzi (nati nel 2000). Edoardo emula così Gherardo Caranti che tre anni fa aveva fatto il bis e dice a tutti: aspettatemi sto arrivando. Bene anche Cesare Freschi (15esimo) costretto alla resa negli ottavi dallo straripante Edoardo (1015). Buona prova infine di Raffaele Raiola: 14esimo, Filippo Taddei: 17esimo e Andrea Sarsale: 24esimo. Categoria Allieve: Successo regale di Elisabetta Saviozzi. Per lei anche il record, quasi ineguagliabile, di aver vinto tre derby di fila nella stessa prova. Nei quarti Elisabetta ha costretto alla resa Francesca Bargagna dell’Accademia della Scherma, in semifinale la compagna di sala Camilla Michelucci e in finale Julia Terreni della Scuola Scherma del maestro Rolando Rigoli. Decimo posto invece per Matilde Picchi. Ragazze: Camilla Michelucci, classe 2000, oltre alla medaglia di bronzo nella ca-

tegoria Allieve si mette al collo quella ben soluta a tutte le latitudini. Se piove di quel più prestigiosa e luccicante d’oro nella cate- che tuona ci sarà da divertirci” goria Ragazze. Categoria Bambine. Succes- Fioretto Fides so della piccola Angelica Cardi che in semiLa più brava a Piombino con un ottimo finale batte la compagna di sala Marta Bozzi terzo posto finale, nella categoria Bambie in finale Lea Rodriguez, il talentino della ne (classe 2002), è stata Penelope Biagi. Per scuola Rigoli in grande spolvero (imbattu- la sfavillante Penelope, dopo un bel girone ta) nei gironi. Maschietti. “Tutti a scuola dal (quattro successi su cinque) e tre vittorie di professor Pietro Torre, classe 2002. Uno che fila nelle dirette, lo stop arriva in semifinala scherma la fa da quando aveva 4 anni. A le davanti alla fortissima Sabrina Becucci Piombino ha dato un sagpoi vincitrice della gara. Digio delle sue grandi qualità screta prova pure di Emma battendo un grande EdoarRinaldi: 17esima; Ludovica do Bertocchini in semifinale Romeo: 19esima e Ginevra e il lucchese Garofalo in fiEleuteri 21esima. Nella canale”, il commento del mategoria Maschietti (classe estro Jacopo Reali. Bravi an2002) buon 12esimo posto che Edoardo Di Ficcio (8°) e per Elia Sardelli. Valide proLorenzo Cambini (9°), nonove pure per Bernardo Tadstante la scarsa esperienza. dei: 17esimo e di Luca BianGiovanissimi: Argento per chi: 24esimo. Tra gli Allievi Lorenzo Attanasio, sconfit(classe 2000) 46esimo poto in finale dal grande Dasto per Andrea Morelli e tra rio Orsi della scuola del male Allieve 19esima posizioestro Rigoli. Bronzo invece ne per Francesca Romanelli. per Marco Porfiri. CommenInfine, nella categoria Gioti: Quasi euforico il maestro vanissime (classe 2001): 31° Jacopo Reali: “Vedere tutti i Aurora Fanelli, 32° Angelica ragazzi tirare in maniera puMartini e 33° Martina Vivallita ed efficace è una grande di. Una prestazione colletsoddisfazione, ma vederli tiva, per i giovani fiorettisti vincenti e soprattutto felidel Fides, soddisfacente e ci non ha prezzo. La supeforiera di buone aspettatiriorità è stata schiacciante ve: “I maestri sono fiduciograzie al grande lavoro che si e ottimisti per i prossimi stiamo facendo a qualsiasi campionati italiani previsti livello. Il Fides è finalmente a maggio a Riccione”, le paEdoardo Castellani tornato a dettare legge asrole di Ilenia Orsolini.

Saviozzi (Prima) e Michelucci (terza)

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Cardi (prima) e Bozzi (terza)

343


ANDREA BALDINI

L’INTERVISTA

Un Baldo d’oro

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

È

un Andrea Baldini sorridente e con le idee chiare, pronto a rispondere anche con qualche battuta, alle nostre domande quello che abbiamo incontrato al circolo scherma di via Allende a fine anno. Contento di essersi lasciato alle spalle un buon 2013 e voglioso di continuare a far bene anche nel 2014. Basta ascoltarlo: “Sarei contento di ripetermi. Magari facendo un po’ meglio a livello individuale ai mondiali. Dopo il doppio argento di Torino e San Pietroburgo 2006 e 2007 e l’oro del 2009, ad Antalya, sono sempre rimasto lontano dal podio. Spero sia il momento di tornare a salirci sopra”.

Baldini con Boris Becker

344

Andrea Baldini

simi bambini, legati insieme dalla passione per la scherma ed i suoi valori. Inoltre, negli ultimi anni, la scherma italiana si è distinta non solo per i successi in pedana, ma anche per i progressi concreti raggiunti nel campo dell’inclusività, dell’integrazione degli schermidori in carrozzina, dei non vedenti, e degli stranieri. Sono contento dell’accordo propositivo tra Fis e Unicef già operativo dal mondiale di Budapest dello scorso agosto. Al mio fianco a Doha ho avuto l’onore di avere il dottor Davide Usai direttore generale dell’Unicef Italia”. A Benedetta, campionessa italiana under 20 di sciabola e argento a squadre alle Universiadi 2013, cosa le manca per non essere perennemente considerata la sorellina di Andrea Baldini? “Tecnicamente poco o niente. Psicologicamente un po’ più di fiducia nei propri notevoli mezzi. E anche un po’ di fiducia da parte degli altri nei suoi riguardi. Grazie ai risultati ottenuti meriterebbe di entrare in un gruppo sportivo. In questo modo, con una maggiore serenità, a trarne vantaggio sarebbero anche le prestazioni in pedana”. L’università come va? “A piccoli passi, nonostante gli impegni sportivi, sto andando avanti. Anche con qualche imprevisto. Una decina di giorni fa, ad un esame, mi hanno detto di tornare perché non ero sufficientemente preparato”. E la fidanzata Beatrice? “Lei sta procedendo a gonfie vele. Si è laureata in Giurisprudenza, con 110 e lode e sta frequentando la Scuola Superiore di Magistratura a Roma”. Le Olimpiadi di Rio? “C’è ancora tempo. Io cercherò di esserci. Come squadra siamo ai vertici mondiali. Ma in Italia, con tanti giovani che hanno già fatto vedere ottime cose anche a livello assoluto, la concorrenza è davvero notevole”.

Unico atleta italiano invitato e per la seconda volta consecutiva, al Doha Goals in Quatar. Quest’anno come testimonial Unicef. Per te è un onore e una grande soddisfazione? “Indubbiamente. Con me c’erano campioni che hanno scritto la storia dello sport come Nadia Comaneci, Boris Becker, Jan Thorpe. Nel mio intervento ho parlato della mia esperienza sportiva ed ho posto l’accento sul mio ruolo di testimonial Unicef. Un meraviglioso esempio d’impegno. Tra gli scopi primari dell’Unicef c’è la promozione dello sport. Un diritto fondamentale di tutti i bambini. Un’adeguata cultura sportiva nell’età giovanile costituisce la base più forte per il futuro di una persona. Le parole sport, integrazione, competizione, la non discriminazione e la passione possono riassumersi, per me, in un unico vocabolo: scherma. La Fis, che rappresenta la mia famiglia, è una realtà con oltre 20.000 atleti, tra cui tantisBaldini con il direttore generale Unicef Davide Usai


IRENE VECCHI

Irene a un passo dal cielo

L’INTERVISTA

Irene Vecchi

U

n 2013 zeppo di soddisfazioni. Irene Vecchi, a fine anno, tra un panettone, qualche ricciarello e un sorso di spumante, fa il bilancio di un’annata tra le più belle, se non la più bella della sua carriera. Una stagione che le ha consentito di issarsi tra le top five delle sciabolatrici mondiali. A ventiquattro anni, nel pieno della maturità atletica e tecnica non è tempo, però di guardare troppo indietro anche perché il 2014, con i suoi infiniti impegni agonistici è dietro l’angolo: “Esordirò in pedana, in Coppa del Mondo, a Orleans a fine mese. Cominciare bene sarebbe un ottimo viatico. Per questo sono necessari impegno, concentrazione, amore per lo sport e tanto sudore”. L’obiettivo è ripetere la stupenda stagione 2013 o miri a qualcosa di più? “Anche se avessi la certezza di una doppia medaglia di bronzo individuale, mondiale e europea, anzi tripla considerando quella a squadre, come l’anno scorso, forse ci penserei un po’ ad accettare. Ogni stagione è una

Zanotti e Vecchi a Roma

cosa a parte. Il bello è potersela giocare a piccole dosi senza voltarsi troppo indietro e mirando sempre al massimo obiettivo”. Al primo posto tra i tuoi sogni sportivi del 2014 cosa metti? “Il 2013 mi ha regalato davvero tante soddisfazioni. Credo sia stata la mia migliore stagione da quando faccio scherma. Spero che il 2014 non sia da meno. Per il resto i grandi risultati sono sempre graditissimi”. Tra le sciabolatrici italiane emergenti chi vedi già a buoni livelli? “La sciabola femminile è un’arma in continua crescita. Ci sono tante giovani atlete ad un passo dal diventare competitive, a livello assoluto, anche sulle pedane planetarie”. Benedetta Baldini è una di queste? “Certo. Benedetta ha solo bisogno di rispolverare, ogni volta, fiducia nelle proprie grandi potenzialità, per riassaporare quelle sensazioni che l’hanno portata a primeggiare sulle pedane nazionali e internazionali a livello giovanile. L’auspicio è di poter esultare insieme, un giorno spero non tanto lontano, per qualcosa di veramente importante”. Sei successi ai campionati italiani individuali. Uno tra le under 17i, tre tra le under 20, due tra le under 23. E solo un paio di “bronzetti” ai tricolori assoluti. È ansia da prestazione oppure c’è qualcos’altro? “Il campionato italiano, ormai la definisco una gara, tra virgolette, maledetta. Nicola Zanotti, il mio maestro, ci tiene particolarmente e io non sono da meno. Anche perché, considerando anche quelli tra le under 14, è l’unico traguardo tricolore che manca dal mio palmares. Fino ad adesso non sono ancora riuscita a regalare, a lui e a me stessa, questa soddisfazione. A influire è stato anche il calendario. Con europei e mondiali alle porte e le valige ancora da disfare,

perché arriviamo di corsa dalla prova di Coppa del Mondo in Cina, non è facile dare il meglio. Inoltre l’ansia di voler far bene forse ha avuto, qualche volta, il suo peso”. L’università come va? “Bene. Frequento la specialistica di economia a Pisa. Una facoltà che amo. Talvolta far conciliare gli studi con la vita, piuttosto movimentata di atleta, è difficile. Ma non mollo e guardo avanti. La laurea è davvero un bel traguardo!”. Rio de Janeiro 2016 lo vedi come un punto d’arrivo oppure, tenendo conto che avrai solo 31 anni, miri anche alle olimpiadi 2020? “Andiamoci piano. Un passettino alla volta. Per adesso è lontano anche Rio. Ci sono tante gare in mezzo e sarà necessario, per non dire fondamentale, far bene. Andarci sarebbe un sogno che si avvererebbe per la seconda volta dopo Londra. Sul resto ci rifletterò tra qualche anno”. Quando pensi di riporre la sciabola in naftalina e accendere il focolare domestico? “Amo la vita da atleta, soprattutto perché ho la fortuna di fare quello che mi piace! Le altre cose non si possono programmare. Quando suonerà il campanello lo ascolterò. E per adesso non ha suonato. Non nego però che sono alla ricerca di una casetta tutta per me”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Laura Fidanzi e Irene Vecchi

345


Un trattamento ‘regale’ Royalties è il nuovo Centro Revisioni convenzionato con l’AC Livorno Già dalla fine degli anni ‘80 esiste, a Livorno, un centro d’assistenza denominato Autofficina Royalties, comprendente due distinte entità: revisioni auto e officina meccanica. Diego Carnelosso è il titolare che conduce l’officina meccanica, su una superficie di oltre 400 m², operano con lui due collaboratori. Andi, che si dedica espressamente alle revisioni periodiche di auto e moto, curandone ogni aspetto tecnico e burocratico, Michael che assiste nella meccanica generale. Il campo di attività di Royalties è particolarmente ampio. Oltre che operare sulla completa meccanica del vei-

colo, si occupa di motor management elettronico, di parte elettrica e relativi accessori, meccanica generale, condizionatori, gomme ecc, non disdegnando complessi interventi su vetture d’epoca. L’ Autofficina Royalties offre qualità e convenienza. Le caratteristiche che contraddistinguono un’officina di successo sono la serietà e il positivo rapporto con il cliente. In più, è necessario operare con personale competente e attrezzature adeguate. Solo così è possibile conquistare la fiducia e la fedeltà dell’automobilista. Tutto ciò, naturalmente, implica notevoli investimenti.

Lo sconto riservato ai nostri soci è davvero imperdibile: l’iniziativa comprende una ricarica di 500 punti sulla tessera Aci Money per quanto riguarda le revisioni auto e moto, mentre uno sconto del 10% verrà applicato sulle eventuali operazioni legate alla manodopera, anche queste accreditabili sotto forma di ricarica punti sulla carta dorata targata AC Livorno.

Nuova sede: Via Dei Pelaghi 192/194, 57124 Livorno Telefono: 0586 858308/500458 - Fax 0586 1831055 www.revisioniautolivorno.it 346

Orario: da lun. al giov.: 8.30/12.30 - 15.30/18.30 • ven.: 8.30/12.30 - 14.30/18.30 • sab.: 8.30 - 12.30


Allievi Fioretto Fides: Karen Biasco, Lorenzo Panocchia, Gregorio Isolani e Niccolo Carnelosso. Allenatore Claudio

Leoni e leoncini per grandi e piccini Premiazioni Fides di Mario Orsini d’oro ai campionati italiani Cadetti individuali. 19° ai Campionati del mondo Cadetti. Infine, a Benedetta Baldini (15/05/1993): medaglia d’argento ai campionati universitari a squadre. Oro ai campionati italiani Giovani individuali. 9° ai mondiali e 7° agli europei Giovani a squadre. 4° ai europei under 23 a squadre. Leone Piccolo di plexiglass. Per i buoni risultati ottenuti a: Roberto Bellucci, Marco Ciari, Matteo Trovato, Margherita Cappelli, Pietro Torre, Angelica Cardi, Camilla Michelucci. Inoltre alla squadra di sciabola formata da Tommaso Saviozzi, Alberto Fidanzi e Gherardo Caranti per la promozione in A1 di sciabola. Ed ai tre super Master. Miccoli con Irene Vecchi Giulio Paroli: Medaglia d’oro ai campionati europei individuali di fioretto e sciabola. chia, Niccolò Carnelosso, Marta Cavallini, Medaglia d’argento ai campionati mondia- Silvia Pieroni, Karen Biasco, Gabriele Garzelli individuali di sciabola. Oro ai campionati li, Gregorio Perini, Dario Mirabelli, Gregorio italiani di fioretto e bronzo nella sciabola. Menicagli, Gualtiero Tognelli, Lorenzo MagFabrizio Filippi: bronzo ai campionati mon- gini, Ginevra Manfredini, Diego Antonelli, diali e oro a quelli italiani. Alberto Feira: ar- Linda Caselli, Beatrice Prusciano, Linda Pengento ai campionati italiani e nel team dei sabene, Enrico Donati, Riccardo Feroce, Vepartecipanti ai mondiali. ronica Frittelli, Enrico Bardi, Riccardo CiucMedaglie al merito alla squadra di fioret- ci, Gregorio Isolani, Angelica Martini, Giulia to composta da Claudio Avella, Matteo Tro- Cuccuini, Sebastiano Paoli, Nicola Fontani, vato, Roberto ed Enrico Bellucci, rimasta in Edoardo Cambini, Alessio Zampetti, NoeA2. Alla squadra di sciabola composta da Be- mo Monaldi, Indrit Gjonku, Ludovica Abrial nedetta Baldini, Margherita Cappelli e Maria Michela Marzucca, Giulietta Becucci, AmaVittoria Sartori, rimasta in A1. Inoltre per Sil- si Aveni, Pietro Mastropasqua, Marco Casavia Roccuzzo, Marta Bozzi, Edoardo Bertoc- vecchia, Nicola Marianucci, Cosimo Meschi chini, Penelope Biagi ed Edoardo Di Ficcio. e Giorgia Picchi. Bambini dai 6 ai 13 anni. Leone piccoPer Karen Biasco, ultimamente anche la lo. Per la medaglia d’oro conquistata ai re- grande soddisfazione, con i complimenti gionali a: Pietro Torre, Camilla Michelucci, del maestro Paolo Paoletti, di un bellissimo Angelica Cardi e Elisabetta Saviozzi. E per i sesto posto su un lotto di 21 partecipanti, buoni piazzamenti ottenuti a: Matilde Pic- tra maschi e femmine, al torneo Marzocco chi, Penelope Biagi, Edoardo Bertocchini, Prime Lame a Firenze. Edoardo Di Ficcio, Lorenzo Attanasio, Marta Bozzi, Emma Rinaldi, Bernardo Taddei, Francesca Romanelli, Andrea Moroni, Marco Porfiri, Lorenzo Cambini, Filippo e Elena Picchi, Luigi Tognelli, Luca Bendinelli, Filippo Bastiani, Alessandro Perri, Filippo Fantini, Giulio Gabrielli, Rachele Catastini, Adriano e Riccardo Corleone, Ginevra Eleuteri, Luca Bianchi, Elia Fidanzi, Miccoli, Saviozzi, e Caranti Sardelli, Lorenzo Pannoc-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

U

na valanga di premiati. Tutti con pieno merito. Per il circolo Fides le festività natalizie sono state anche l’occasione per un paio di incontri conviviali e per ricordare gli straordinari successi, ottenuti dai suoi tanti campioni e campioncini nel 2013. A consegnare gli ambiti premi ai più grandicelli, over 14, il presidentissimo Mario Miccoli, in occasione di una cena in un rinomato ristorante cittadino. Tra i big, unico assente ampiamente giustificato, Andrea Baldini, in “trasferta” a Roma, per ritirare il diploma d’onore da parte della Fis. Per i baby spadaccini, dai sei ai tredici anni, il circolo ha invece organizzato una bella cena e una gara sociale al termine della quale, i bambini hanno ricevuto dai loro maestri e istruttori i premi. A fare da gran cerimonieri, in un clima di grande allegria sono stati: Paolo e Lorenzo Paoletti, Claudio Avella, Nicola Zanotti, Ilaria Bianco, Jacopo Reali, Jacopo Michelucci e Anna Kassianovitch. Premiati. Con il Leone Grande di plexiglass, proprio dello stemma Fides, Andrea Baldini (19/12/1985) per gli straordinari risultati ottenuti. Tra questi la medaglia d’oro a squadre ai campionati mondiali ed europei e le vittorie (Parigi e Bonn), a livello individuale in Coppa del Mondo. Inoltre a Irene Vecchi (10/06/1989): medaglia di bronzo ai campionati del mondo individuali ed ai campionati europei individuali e a squadre e numero 5 del ranking mondiale. A Lorenzo Nista (21/01/1993): medaglia d’oro ai campionati del mondo Giovani a squadre e d’argento individuale. Medaglia d’oro, ai campionati europei Giovani, individuali e a squadre. Medaglia d’oro ai campionati italiani Giovani. A Gherardo Caranti (01/07/1997): medaglia d’oro ai campionati europei Cadetti individuali e d’argento a squadre. Medaglia

347


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

B

ambini della scuola del maestro Rolando Rigoli in grande evidenza a Piombino. Una medaglia d’oro con Dario Orsi. Due d’argento con Lea Rodriguez Prim e Concetta Julia Terreni. Quattro di bronzo con Giorgio Gradassi, Federico Livi, Niccolò Cillari e Giacomo Biasci e un lusinghiero ottavo posto nella classifica finale, su un lotto di ventisei circoli partecipanti. Per la Scuola Scherma Maestro Rigoli, i campionati regionali under 14 di scherma, Memorial Enio Zanotti, vanno in archivio con tante soddisfazioni. A portare punti alla società del maestro Rolando, del professor Paolo Macchia e dell’ottima maestra Cristina Abniacar Fantini, anche altri sei spadaccini. Con un bel quinto posto Elisa Volpi (classe 2001). E inoltre, lo spumeggiante Tommaso Giraldi (ottavo), Saverio Aiello (13esimo), Ginevra Luchi (14esima), Sara Stefanini (15esima), Tommaso Baracchini (21esimo). Dario Orsi, 12 anni compiuti il 9 febbraio, si conferma sul trono regionale con un percorso netto di tutte vittorie compreso i gironi. E naturalmente semifinali e finali, battendo il compagno di sala Federico Livi e Lorenzo Attanasio del Fides. Julia Terreni (20 settembre 1999), tra le Allieve, si arrende solamente nella finalissima contro la fidiessina ed ex compagna di sala Elisabetta Saviozzi.

Campionati regionali under 14 di Mario Orsini

Anche per la debuttante spagnola Lea tro presidenti di giuria della sciabola tre Rodriguez, undici anni compiuti il 18 erano livornesi tutti atleti del Circolo Figennaio, stop solo nella finalissima, 10-5, des. Senza mettere in dubbio le qualità e le di fronte ad Angelica Cardi. Tra i più bravi pure il nipotino del mae- virtù di ciascuno, sarebbe opportuno, stro Rolando: Giorgio Gradassi, ferma- in futuro, secondo noi, convocare arbitri to in semifinale dal lucchese Garofalo e neutrali provenienti dalle regioni confiinoltre Giacomo Biasci e Niccolò Cillari nanti”. che si è arreso di misura in semifinale, 15-12, al pratese Matteo Rossomandi. Soddisfazione e qualche puntualizzazione nella chiosa finale di Rolando Rigoli: “Nella classifica per società Memorial Enio Zanotti, indimenticato dirigente e caro amico, abbiamo ottenuto un bell’ottavo posto, sebbene gareggiassimo solamente nella sciabola maschile e femminile e non avessimo atleti nelle gare di fioretto e spada”. Rigoli Scherma al Campionato Regionale a Piombino Poi aggiunge: “Dei quat-

Chiusura in bellezza Scuola Maestro Rigoli a San Rossore

A

Il Maestro Rigoli a San Rossore con Mainardi, Ghelardi e Artuso

348

I cuccioli d’oro del maestro Rolando

di Mario Orsini

giugno per piccoli schermitori della Scuola di Scherma del maestro Rolando Rigoli, l’ultimo appuntamento stagionale con la manifestazione: “Insieme per giocare alla scherma”, promosso dell’Ente di Promozione sportiva C.S.A.IN, in programma a S. Rossore, hanno fatto il pieno. Gregorio Mainardi, classe 2005, ha trionfato, nella categoria cuccioli fioretto di plastica elettrificato, con otto vittorie in altrettanti assalti. Nella categoria minicuccioli, invece, successo a pari merito di Antonio Ghelardi e Andrea Artuso. Antonio grazie a una scherma più riflessiva ed efficace e Andrea ad una più guascona d’attacco.

Si conclude la stagione 2013 con tre medaglie d’oro dei piccolissimi D’Artagnan della Scuola di Scherma Rigoli. “Come sempre sono stati bravi tecnicamente e rispettosi degli avversari. Lo sport, in questo caso la scherma, ha valore in sé come educazione alla disciplina e può rappresentare una pratica che eleva l’autostima”, il commento di super Rolando. Poi i ringraziamenti da parte anche dei maestri Paolo Macchia e Cristina Abniacar: “Ai genitori che con passione seguono i figli durante gli allenamenti e le gare”. E un arrivederci alla prossima stagione agonistica dopo le meritate vacanze ai piccoli e bravissimi schermitori”.


Niccolò Cillari vince il trofeo Mangiarotti Un trofeo internazionale per gli under 14

Rigoli e Cillari

I S

l mese di marzo inizia all’insegna del ricordo del compianto Edoardo Mangiarotti. È a lui che infatti è dedicato il

ul trono della sciabola Allievi nella prima prova interregionale Toscana, Liguria e Piemonte del Gran Premio Giovanissimi di novembre. Niccolò Cillari, dopo aver concluso in maniera ottimale la precedente stagione agonistica, inizia alla grande quella nuova, vincendo una gara che ha visto ai nastri di partenza ben 31 partecipanti. Ma a La Spezia a lasciare il segno della scuola del maestro Rigoli sono stati anche la piccola Giulia Iervasi, (nata 21 novembre 2003), trionfatrice nella categoria Bambine, Giorgio Gradassi, classe 2002 (8 dicembre), medaglia di bronzo tra i Giovanissimi e Alber-

La Scuola Scherma Rigoli a La Spezia

trofeo, organizzato a Bolzano, che porta in pedana gli under 14 provenienti da ogni parte del Mondo. A salire prepotentemente alla ribalta nella categoria Ragazzi è Niccolò Cillari. Con una stupenda prestazione, regala alla Scuola Scherma del Maestro Rolando Rigoli, il primo successo di valenza internazionale, della sua storia. Per farlo non lascia nulla al caso. Primo dopo i gironi, con sette vittorie su otto assalti, il bravo Niccolò salta per meriti acquisiti la prima diretta. Poi innesta il turbo e costringe alla resa, uno dopo l’altro Alberto Panebianco (15-8), Tommaso Mariani (15-5) e nella finalissima il pisano Riccardo Rossi (15-8). Più che meritati, per lui, i complimenti del maestro Rolando: “Niccolò ha tirato per tutta la gara con una continuità di rendimento inusuale e un

crescendo di autostima”. Nella stessa prova discreta prestazione pure di Tommaso Baracchini alla fine undicesimo. Buon settimo posto nella categoria Allieve, invece, per Julia Terreni. “Julia deve essere più cattiva, agonisticamente parlando, e avere più convinzione delle sue validissime capacità”, il commento a caldo di Rigoli. Un po’ al disotto delle loro potenzialità, nella categoria Allievi, invece, i quasi 14enni Giacomo Biasci e Tommaso Giraldi, alla fine 11esimo e 14esimo. “Sono incappati in una brutta giornata, andando fuori tempo e fuori misura. Anche per la scarsa combattività, non sono riusciti a mettere in mostra il proprio notevole valore schermistico. Il loro rendimento non è stato all’altezza delle loro qualità tecniche”, la chiosa finale di Rigoli.

Piccoli schermitori crescono Prima prova interregionale di Mario Orsini to Benetti, classe 2003 (29 agosto), terzo nei Maschietti. Prove incoraggianti pure per Federico Livi (11°) nella scia di Cillari, Beatrice e Andreanini: 8° nella categoria Bambine e Alessandro Barinci (16°), anche lui al debutto in una gara importante come Giulia Iervasi e Alberto Benetti. Per la scuola del Maestro Rigoli quindi un risultato complessivo pienamente soddisfacente, grazie anche allo splendido lavoro di equipe, in piena armonia, tra super Rolando e i maestri Paolo Macchia e Cristina Abniacar Fantini. “Continuiamo a seminare bene, lavorando con pazienza e impegno per ottenere il massimo dai nostro bravissimi allievi, dal punta di vista tecnico e umano, nel rispetto delle regole e degli avversari. In pedana e fuori”, le parole di Rigoli. Il successo di Cillari non fa una grinza. Terzo dopo i gironi (sempre vincente) ha infilzato uno dietro l’altro gli avversari nelle dirette (cinque successi) facendo arrivare in doppia cifra (15-13) solo Giuseppe Lazzero di Voltri nella finalissima. “Sono davvero contento. Frequento la terza media alle Borsi. Il prossimo anno andrò al Cecioni. La scherma è la mia passione da quando avevo 8 anni. I miei idoli sono il Maestro Rigoli e Aldo Montano. Il mio sogno

andare alle Olimpiadi. A marzo a Bolzano ho vinto il mio primo trofeo internazionale. Quest’anno spero di migliorarmi”. Contenti anche Alberto Benetti e Giorgio Gradassi. Entrambi sognano di vincere tante gare e anche loro di andare alle Olimpiadi e: “di continuare a divertirsi”. Per quanto riguarda Gradassi anche di: “diventare bravissimo come nonno Rolando”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

di Mario Orsini

Niccolò Cillari e Giulia Iervasi

349


350


Diversamente abili L’ASSOCIAZIONE ZENITH LIVORNO alle finali nazionali di nuoto a Viterbo Che io possa vincere ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze

Da sinistra a destra: il DJ viterbese Marco, che ha allietato tutte le serate e le feste della manifestazione con la sua musica, gli atleti Marco Masciullo, Edoardo Moscato, l’istruttrice Maria Rosa Passariello, Manuela Maggi, Silvia Paperini, Massimo Bruno, Antonio Sartori, Andrea Lo Schiavo e Davide Simoni. In prima fila la Presidente dell’associazione, Stefania Tarabella Maggi, con la targa ricordo dell’evento.

Le borse personalizzate, che hanno accompagnato i ragazzi nell’avventura della nazionale di nuoto a Viterbo

cui manifestazioni sportive sono aperte a tutti e premiano tutti, sulla base di regolamenti internazionali continuamente testati ed aggiornati: questi “atleti speciali” trovano nello sport una delle più importanti occasioni per dare il meglio di loro stessi, come recita anche il motto del movimento, che ha milioni di aderenti in tutto il mondo: “Che io possa vincere ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. Nel fare un bilancio dell’anno trascorso, l’evento principale di cui occorre fare la cronaca, per la cittadinanza, sono le finali nazionali delle gare di nuoto tenutesi

a Viterbo. È stata una settimana molto intensa, ricca di avvenimenti sportivi e non, che ha coinvolto tutti i componenti della delegazione livornese (atleti, tecnici, dirigenti e familiari). La città di Viterbo è stata particolarmente ospitale, con una organizzazione impeccabile, che ha unito l’idoneità degli impianti sportivi con un programma di accoglienza che raramente si era visto nelle manifestazioni precedenti. Alcuni numeri: erano presenti 56 società sportive di tutta Italia, con oltre 420 atleti “speciali” e, complessivamente, oltre 2000 persone tra dirigenti, tecnici e familiari.

Diversamente abili: Special Olympics

U

n altro anno è passato e, nel momento in cui scriviamo, tutte le Società sportive sono nel pieno dell’attività, con gli atleti che aumentano i carichi di lavoro durante gli allenamenti, con le prime gare che si svolgono, con i dirigenti che programmano le future trasferte. Già : ogni atleta ha dei traguardi da raggiungere e lavora duramente per questi. Anche gli atleti dell’Associazione sportiva “ZENITH ONLUS” hanno in mente un traguardo importante: Piazza San Marco a Venezia, la sera del 26 maggio 2014, per la cerimonia di apertura dei 30esimi giochi nazionali estivi “SPECIAL OLYMPICS”, che quest’anno si svolgeranno nell’incantevole scenario della città lagunare. Con lo sguardo rivolto al futuro, è anche l’ora dei bilanci dello scorso anno. Un altro anno ricco di soddisfazioni e di traguardi raggiunti. Come gli altri anni, numerose sono state le manifestazioni sportive alle quali hanno partecipato gli atleti “speciali” dell’Associazione sportiva “ZENITH ONLUS”, aderente a “SPECIAL OLYMPICS”. Per i pochi che non lo sapessero, lo “Special Olympics” è un movimento internazionale, riconosciuto dal Coni, che adotta un particolare programma educativo che propone ed organizza allenamenti ed eventi solo per persone con disabilità intellettiva e per ogni livello di abilità, le

351


352


Il programma gare ha previsto l’effettuazione di 36 competizioni individuali oltre alle staffette e, per la prima volta, alcune gare di fondo in acque libere, nel vicino lago di Capodimonte, nonché una estemporanea gara a staffetta tra genitori, che ha suscitato l’entusiasmo tra tutti gli atleti. Entriamo nel dettaglio: “Zenith Livorno” aveva qualificato 12 atleti, nelle varie discipline e categorie, che alla fine hanno conquistato cinque ori, otto argenti e tre bronzi, oltre alla vittoria nella staffetta “4x50 misti”, gara che vede il sodalizio livornese trionfare ininterrottamente, oramai, da quasi dieci anni. Tutti gli atleti livornesi hanno gareggiato con impegno, migliorando i loro risultati e ben figurando. La delegazione era composta da: Luca Baffigi, Federico Bartorelli, Massimo Bruno, Andrea Lo Schiavo, Manuela Maggi, Marco Masciullo, Gabrielle Morelli, Edo-

Cerimonia di inaugurazione della nazionale di nuoto

rante la cerimonia erano presenti i “facchini di Santa Rosa”, nel loro classico costume bianco con fascia rossa. Vi sono state altre serate importanti come la “festa dell’ospitalità” nella piazza del Palazzo Papale, che costituiva un suggestivo scenario e dove i comuni del viterbese hanno offerto i loro prodotti e specialità tipiche, nonché la festa organizzata dai volontari, che, in oltre 300, hanno garantito, per tutta la settimana, il buon andamento della manifestazione. Indimenticabile è stata, poi, la cerimonia di chiusura, dove le delegazioni si sono salutate dandosi appuntamento, il prossimo anno, nella città di Venezia che ospiterà, nella fase nazionale, tutti gli sport che fanno parte del programma “SPECIAL OLYMPICS”. Per tutti è stato un evento indimenticabile che, oltre allo sport, ha consentito momenti di incontro ed amicizia, cementando quelle già esistenti ed aprendone di nuove. Un particolare ringraziamento deve essere rivolto alla Società Volontaria di Soccorso, che ha garantito la disponibilità di un mezzo per il trasporto degli atleti sia all’andata che al ritorno. Non meno importanti sono state le partecipazioni ai meeting di Viareggio, quello di Carnevale ed il Trofeo “MUSSI-LOMBARDI-FEMIANO”, che ogni volta suscitano l’entusiasmo delle centinaia di spettatori che si emozionano nel vedere il forte agonismo dei nostri atleti unito alla precisione del gesto atletico ed alla sportività dimostrata nel festeggiare i propri compagni, qualsiasi risultato abbiano ottenuto.

Diversamente abili

Cerimonia a bordo piscina

ardo Moscato, Giacomo Oliviero, Silvia Paperini, Antonio Sartori e Davide Simoni, accompagnati dal tecnico Maria Rosa Passariello (a cui va il ringraziamento di ragazzi e genitori per lo splendido lavoro svolto durante l’anno). Una particolare menzione merita l’atleta Federico Bartorelli, il quale, poco prima d’iniziare a gareggiare, ha avuto un banale infortunio che, dopo la visita al “Pronto Soccorso”, si è rivelato più grave del previsto impedendogli di scendere in acqua: nel dispiacere per l’infortunio, non ha però rinunciato a stare a bordo vasca con i suoi amici per tutta la manifestazione, dimostrando, così, l’amicizia ed il senso di appartenenza al gruppo. Tra i genitori presenti, Ilario SARTORI e Luciano SIMONI, hanno partecipato alla “staffetta dei genitori”, rispettivamente con le squadre di Viterbo e Milano, entrambi ben figurando : il prossimo anno sarà fatto il possibile per avere una squadra di genitori tutta livornese. Oltre alle gare, gli atleti livornesi hanno partecipato al nutrito programma spettacolare che comprendeva la cerimonia di apertura, allo stadio comunale, che ha visto momenti particolarmente toccanti come alla lettura del messaggio augurale di Papa Francesco, e che si è conclusa con un imponente spettacolo pirotecnico che ha illuminato a giorno la città di Viterbo. Du-

Un momento di relax fra una gara e l’altra

353


354


L’ASSOCIAZIONE SPORT INSIEME LIVORNO apre nuove frontiere alle discipline per disabili Dal tradizionale tennis al surf, dalle immersioni subacquee alla barca, fino al pugilato

Un gruppo di pugili alla manifestazione Pisa Abbraccia lo Sport

Un’intera giornata dedicata al surf per disabili, sia fisici che mentali. La scuola di surf ha reso possibile a me e a Massimiliano di andare in mare a prendere le onde, ed ha aiutato anche i ragazzi con disabilità mentale a provare l’emozione di questo sport. Sono due tipologie diverse di surf, ma la Sil si occupa di tutte le disabilità, ed è giusto che le specialità che pratichiamo come associazioni siano aperte a tutti, co-

me del resto è già per il tennis”. Martino è veramente molto soddisfatto per il motore arrivato dall’America, perché potrà permettergli una maggiore autonomia: “La nuova tavola assistita permette di andare a largo e sul picco dell’onda quando si infrange e poi ti consente di tornare a riva. È stata ideata in America per aiutare quegli anziani che volevano continuare a fare surf, successivamente un ragazzo tetraplegico ha capito che poteva essere utile anche a lui e così, mentre prima si faceva spingere in mare aperto, adesso può andare da solo ad aspettare le onde”. Abbiamo parlato del surf come del fiore all’occhiello della Sil, ma in realtà questa “qualifica” dobbiamo darla anche alla barca “Primo Pensiero”, che ha visto nel 2013 la sua consacrazione. “Le esperienze che abbiamo fatto grazie a questa imbarcazione adattata per i disabili sono state tante –torna a raccon

Diversamente abili

I

l 2013 è stato per la Sil (Sport Insieme Livorno) l’anno delle grandi soddisfazioni, quello in cui si sono concretizzati i tanti progetti sui quali i volontari si sono impegnati con tanta determinazione e volontà. Claudio Rigolo, presidente della Sil, ci riassume le attività. “Partendo dall’attività principale che è quella delle scuole di tennis, possiamo dire che continuiamo con successo la nostra attività sia al circolo Libertas di Livorno che al Mantoflex di Cecina. Proseguono anche i due Tornei di Tennis: l’Inail Città di Livorno giunto alla sua 21esima edizione, ospitato dallo Junior Club e il Costa degli Etruschi che si svolge al Tennis Garden di Cecina. Abbiamo deciso di anticipare il torneo di Livorno, che tradizionalmente si svolgeva a settembre, al mese di maggio, perché a fine stagione si fa più fatica a mettere insieme gli atleti, e a stimolarli a partecipare ad un altro torneo, quando considerano la stagione quasi conclusa”. C’è poi il surf, il fiore all’occhiello della Sil: primi in Italia a svolgere questo sport per diversamente abili. Martino Serravalli, appassionato della disciplina segue da vicino il progetto “Surfinsieme Mare in Libertà” e ci racconta con entusiasmo: “Abbiamo realizzato un grande sogno, riuscendo a comprare una tavola assistita da una motore WaveJet, ideato per la realizzazione della tavola a propulsione. L’abbiamo dovuta acquistare in America ed è costa 5.000 euro. L’associazione se n’è fatta carico in parte, per il resto abbiamo raccolto dei fondi con manifestazioni pubbliche, come quella organizzata il 14 settembre allo stabilimento balneare Big Fisch di Marina di Pisa, insieme all’associazione Alba e alla scuola Logical Surf.

Una parte del gruppo di surfisti che ha partecipato alla manifestazione organizzata a Marina di Pisa

355


Diversamente abili

Una fese del torneo di Tennis

tare Claudio Rigolo- abbiamo fatto delle uscite in collaborazione con il liceo Cecioni, con il quale già collaboriamo da tempo. In estate alcuni studenti volontari accompagnano al mare i bambini con difficoltà fisiche e mentali, ed uscire in mare è stata l’occasione per alcuni di loro di vedere per la prima volta La Meloria e la nostra costa”. Ma le emozioni non finiscono mai. “C’è stato poi il contatto con Daniele Deri di Cascina malato di Sla, all’ultimo stadio, che aveva il desiderio di poter uscire ancora una volta in mare prima di chiudere gli occhi, cosa che poi è accaduto 15 giorni dopo. Siamo usciti in mare montando la barella sulla barca, con l’ossigeno e l’assistenza medica. È stata una giornata che ci ha toccato nel profondo. Questa esperienza ha dato origine ad altre due uscite, sempre con malati di Sla, fra cui un ex Ammiraglio della Marina ed a noi si è unito anche il comandante dell’Accademia Navale di Livorno Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone”. Appassionate anche il consueto battesimo del mare, svoltosi durante la manifestazione organizzata annualmente dal porto di Cecina in collaborazione con la scuola di sub. “Ci siamo inseriti –continua Claudio- in questa iniziativa per permettere a tutti i disabili che lo desideravano di fare questa esperienza. Siamo rimasti poi nel porto di Cecina, per altri 15 giorni ad organizzare gite in mare e visitare la nostra costa”. Vale la pena ricordare quanti hanno contribuito a realizzare questo ulteriore sogno di vivere il mare in libertà: l’Inail, la Martino Serravalli in mare

356

Martino e Massimiliano: i grandi appassionati di surf della Sil

Fondazione Cassa di Livorno, la Regione Toscana, la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, la Banca Popolare di Lajatico e il cantiere Old Feschion Boat di Francesco e Francesca Crabuzza. Non stanchi delle varie iniziative, i volontari della Sil stanno mettendo in campo un altro interessante progetto: la boxe per disabili. Già un gruppo di sei ragazzi ha iniziato ad allenarsi con il grande Luca Tassi e già sono andati a fare esibizioni in varie parti d’Italia: a Firenze, a Pisa Abbraccia lo Sport, a Padova durante il Campionato italiano femminile pugilistico, insomma, il gruppetto sta attirando l’attenzione della federazione su di sé, infatti, il progetto che Luca Tassi sta meditando, insieme alla psicologa Marina Casini, vuole arrivare molto in alto e far diventare questa disciplina un’attività pa-

ralimpica. “Presto –conclude Claudio- faremo anche un convegno a Firenze dove saranno coinvolti allenatori e arbitri di boxe. Fino ad oggi, almeno in Italia, nessuno ha mai pensato di portare questa discipli-

La barca Primo Pensiero

na nel campo della disabilità, ma chi ama veramente questo sport, non può non desiderare una Special Boxe”. Un progetto ambizioso per il quale tutti noi tifiamo.


Così scrive Claudio Rigolo, presidente Sil, dopo la gita in barca con Daniele, malato di Sla … Verso l’isola che non c’è!!!

i sono cose che sono indefinibili, che appartengono al nostro animo più profondo, che albergano nel nostro immaginario, nelle nostre fantasie, nei nostri sogni; cose indefinite, sopite, spesso sepolte, appesantite dai fardelli che la vita talvolta ci impone. Sono le corde delle emozioni, per lungo tempo appena mosse, ma che in un attimo, da un momento ad un altro, quando meno te lo aspetti, vibrano come agitate e sconquassate, come travolte da un urgano, ti senti come in una centrifuga e avverti in un attimo di esserci come non mai, di essere vivo, di non essere un sem-

Claudio Rigolo alla guida di Primo Pensiero

plice spettatore ma il protagonista di questa tua meravigliosa vita, lucentissimo e vivo granellino del mondo! Ecco questo è quello, anche se credo di non essere riuscito a pieno nella descrizione, che ho sentito nel mio profondo ieri… quando abbiamo condiviso con Daniele, malato di Sla, sua moglie, gli amici del loro gruppo e della nostra associazione Sil, l’uscita in barca sulla “Primo Pensiero” coronando il sogno di Daniele di tornare a vivere il mare! Ero ai comandi e appena usciti dal porto, si avvicina il mio amico Alessandro, medico, grande esperto di mare, uomo speciale, che sicuramente ne ha viste più di tutti noi e mi dice: “Claudio a me viene da piangere!” L’emozione, è vero, non ha voce. È sensazione silente che si scatena nel pianto liberatorio di uomini forti, come le lacrime che solcavano il viso di Daniele, un gigante nella sua fragilità, mentre il venticello leggero dato dal nostro incedere, facendo rotta verso la Torre della Meloria, gli portava quei profumi e certo gli dava sollievo. In molti abbiamo pensato se gli sbuffi d’acqua che l’incedere della barca

alzava dietro di lui fossero un pensiero felice, se trovarsi in mezzo al mare davanti alla nostra scogliera possa essere stato uno spaccato di serenità. Quanto vicini siamo stati? Certo più di molte altre volte, anche noi tutti, semplici comparse di un evento speciale, incrociavamo gli sguardi e sentivamo la vicinanza dell’altro, abbracci e pacche sulle spalle che restituivano brividi! Voglio pensare che un giorno ci incontreremo tutti come alla fine della prorompente scia di una barca che nel perdersi lontano, alla fine del nostro sguardo si quieta. La mia testimonianza in questa intensa, delicata, appena sussurrata giornata non poteva che essere emotiva e ha dato il senso a tante cose, senso di appartenenza, di condivisioni forti, come dice di me la mia amica Caterina, in questo caso siamo stati un po’“anarchici, rivoluzionari e costruttivi” e certo un po’ cresciuti tutti insieme… felice di aver navigato con tutti voi, anche con quelli che non c’erano, verso l’isola che non c’è!!! Claudio Rigolo

Diversamente abili

C

Claudio Rigolo

357


Equitazione

L’INTERVISTA

SARA CANACCINI

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

Poche parole ma idee chiare e tanta determinazione. Giovanissima con la patente di agonismo di massimo livello

358

N

onostante il difficile periodo che l’equitazione sta attraversando in Italia, non mancano gli atleti di talento che quotidianamente si allenano, pur con tutte le difficoltà che devono superare, rispetto ai loro colleghi di altri paesi. Fra le punte di diamante livornese c’è Sara Canaccini di 16 anni e mezzo, che però in questo momento si è trasferita a Torre in Pietra, vicino a Roma, proprio per continuare a praticare al meglio la sua passione sportiva con il salto agli ostacoli. Nonostante sia così giovane, Sara ha la patente agonistica di 2° grado, che è il più alto livello di monta che si possa

ottenere e permette di gareggiare ad alto livello, saltando a partire da un metro e 40. Come hai iniziato? “Fin da piccola mi sono sempre piaciuti gli animali, di qualsiasi tipo. Ho provato molti tipi di sport, come il tennis, la pallavolo e altri, ma non mi piacevano e smettevo dopo poco. Un giorno per caso, quando avevo circa 8 anni, chiesi ai miei genitori di portarmi

a fare un giro con il cavallino, e fu subito amore. Da allora non ho mai smesso”. In quale maneggio sei stata? “Ho iniziato con l’Associazione Ippica Livornese, poi sono passata allo Spondone, poi a Pisa, a Marina di Pisa, a Viareggio e a Stagno. In quest’ultima sede decisi di non avere istruttore, perché non mi ero trovata bene in passato e quindi preferivo fare da sola, fino a quando a Follonica ho incontrato il mio attuale istruttore, Gabriele Grassi, che ho seguito fino a Roma per continuare ad allenarmi con lui”. Qual è la tua specialità? “Il salto ostacoli”. Sintetizzaci brevemente la tua carriera agonistica. “Ho conquistato diverse medaglie ai Campionati regionali assoluti, poi ho gareggiato ai Tornei più importanti organizzati in Toscana e ad alcuni di livello internazionale come quello di Cattolica, dove ad esempio, lo scorso anno sono arrivata diciannovesima su 130 partenti. Ho partecipato a tante manifestazione, qualificandomi sempre nei primi tre posti. Fra le cose più bello che ricordo la partecipazione alla coppa Bruno Scolari dello SCIO di piazza di Siena, in squadra per la Toscana”. La soddisfazione più bella? “Sicuramente gli internazionali di Cattolica dello scorso anno, nella gara di 1 metro e 35. Dopo poco più di un mese di lavoro con il mio istruttore sia io che la cavalla siamo migliorate molto, infatti, siamo riuscite ad andare bene in una


sono io e il cavallo, basta, il resto non c’è, quando cavalco penso solo a questo”. Il complimento più che hai ricevuto? “Un tecnico belga, che due anni fa fece uno stage in Italia, mi disse che gli piaceva veramente tanto come montavo. Proprio perché detto da lui, per me è stato un bel complimento”. Un’esperienza da dimenticare? “Tempo fa montavo un pony di un’altra ragazza, quando improvvisamente

tirò una sgroppata, inciampò e si cappottò, ed io con lui, visto che ero in sella. Questo mi causò la rottura della clavicola”. Quanto è pericolosa questa disciplina? “Penso sia fra gli sport più pericolosi. Capita di cadere, questo non lo si può decide, se sei bravo puoi attenuare un po’ gli effetti, ma niente di più. Molti, come le mie amiche, mi consigliano di smettere perché è pericoloso, ma a me piace, e quindi lo pratico comunque, senza curarmi troppo del rischio”. Di cosa l’equitazione avrebbe bisogno oggi in Italia? “Avrebbe bisogno di avere proprietari di cavalli disposti a spendere di più per comprare gli animali ai loro cavalieri. Aiuterebbe avere più sponsor, l’economia nell’equitazione deve girare. Negli altri paesi ogni cavaliere ha un grande ricambio di animali. Noi facciamo fatica a stare ad alti livelli, non abbiamo cavalli a sufficienza. Inoltre, la Federazione dovrebbe contenere i costi, è tutto una tassa: la mia patente, il passaporto del cavallo, i prezzi dei concorsi che aumentano sempre più. Non è mai stato uno sport economico, ma così è veramente troppo”.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

gara come quella di Cattolica che è di alto livello. Credevo fosse al di sopra delle mie potenzialità, ed invece ce l’ho fatta”. Presentaci la tua cavalla. “Si chiama Oceania di Campalto. Io la definisco una pony mancata perché al garrese è 1 metro e 58, ha 11 anni ed è baia. Caratterialmente è un po’ isterica come tutte le femmine, non si fa accarezzare, però quando la monti ti dà tutto il cuore. Non le piace fare le feste e i complimenti, ma mi trovo bene con lei, forse proprio per questo”. I programmi per il 2014? “Ancora non gli ho fatti con esattezza, con il mio istruttore dobbiamo programmare l’anno prossimo. Fra le varie cose punterò sicuramente a fare il Campionato italiano negli assoluti, mentre lo scorso anno feci il Criterium, per il resto vedremo”. Un sogno nel cassetto? “Rientrare nella nazionale giovanile Juniores”. Cosa ti dà emotivamente questo sport? “Non so più spiegarlo con esattezza, perché sono emozioni che ormai provo sempre e non ci faccio più caso. Però posso dire che sono sensazioni che mi fanno stare bene, la mente si assenta completamente dal resto del mondo,

Nelle immagini Sara Canaccini durante una gara

359


di Sabrina Frusoni

Prime colazioni

Aperitivi

Salateria

Il Bar degli sportivi livornesi

Pranzi veloci da 5/6 â‚Ź

Sala giochi interna

Piazza Mazzini, 82 - LIVORNO • Tel. 346 8425633 360

Sempre aperti


Tennis Tavolo Ivan Stoyanov: una stagione di equilibrio Gli atleti aumentano il loro livello sportivo e promettono promozioni per il futuro di Antonella De Vito ni, e quando può prende il primo volo e viene a giocare con i suoi compagni di squadra, ma certo non è come averlo sempre qui. “La squadra del prossimo campionato –spiega Ivan- sarà composta da me, Alberto Andreani e Sandro Giovannini, che hanno fatto insieme tutte le categorie fin da piccolissimi”. La seconda squadra della C1, è riuscita a non retrocedere nonostante un campionato difficile, grazie all’intervento, nelle ultime due giornate, di Lorenzo Galli, un ragazzo di 16 anni di Lucca, che giocava in C2, ma nel corso del campionato è riuscito a salire in C1 ed è venuto a Livorno, dandoci un contributo decisivo nelle ultime due giornate di campionato. L’inserimento di un nuovo atleta è stato importante, perché avevamo perso Fausto Mazzocco, che per motivi di lavoro periodicamente deve assentarsi per qualche mese. Altro atleta fondamentale, che nel tempo ha dato sempre di più alla squadra è Matteo Bagnoli. Dunque il team nel prossimo campionato sarà formata da: Fausto Mazzocco, Lorenzo Galli e Matteo Bagnoli. Matteo meriterebbe di giocare in B2, ma si sta sacrificando per salvare la C1. È molto bravo, normalmente fa il 90% di vittorie. Utilizzeremo poi qualcuno della C2 quando dovremo sostituire Mazzocco”. La C2 ha due squadre, una è composta da tre ragazzi giovani che nella precedente stagione hanno giocato nella D2, non sono saliti come squadra, ma hanno dimostrato di meritare la serie superiore e sono: Lorenzo Dominici (16 anni), Matteo

Da sinistra Ivan Stoyanov, il figlio Niagol e la moglie Vassileva

Anselmi (21), Giorgio Pirina (16). L’altra squadra è composta da: Lorenzo Scalici (18), Nico Ciucci (16), Paolo Bosioto (che ha più di 40 anni), e altri che dovrebbero entrare per sostituire quest’ultimo che dovrà spostarsi fuori città per motivi di lavoro nel corso del campionato. La D1 è invece composta da: Giovanni Rossi (16), Samuele Ghilardi (16), mentre Matteo Carnevali quest’anno per motivi di salute ha cambiato sport passando alla pallanuoto, mi dispiace che non giochi più con noi, ma sono contento per lui perché ha trovato la cosa adatta a lui, sta bene. Sarà sostituito da Valentina Nocchi. “Abbiamo fatto anche due squadre –continua Ivan- utilizzando gli under 50, per affiancarli ai più giovani, perché siano un punto di riferimento e possano dare qualche consiglio. La prima squadra è composta da Leonardo Iannis di 12 anni, che lo scorso anno ha fatto esperienza in D3 e quest’anno passa alla D2 dove troverà Francesco Viterbo e Paolo Andreani. L’altra squadra è formata da Diego Scalici che segue Francesco Orsini di 16 anni e Michael Citti anche lui di 16 anni, molto migliorato negli ultimi tempi. Poi faremo una D3 con i giovanissimi formata da Alessandro Citti di 9 anni, Alessandro Gori 15 anni, Daniele Barsanti e tanti altri giovani che vorrei mettere in questo primo campionato per fare un po’ di esperienza”. Ma, anche se poche, quelle che veramente sono andate forti sono le ragazze. “Le soddisfazioni migliori della stagione passata sono arrivate proprio da loro –conclude Ivan- Lisa Belli è qualificata quinta nella sua categoria ai Campionati italiani Juniores e quinta nella Terza categoria, perdendo solo con la campionessa italiana. Valentina Nocchi è arrivata terza ai Campionati italiani, un bel successo perché è una categoria dove ha incontrato atlete più grandi di lei, ed adesso è passata in terza categoria”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

M

attatore del Tennis Tavolo livornese, Ivan Stoyanov, non conosce sosta nella sua “missione sportiva” con i ragazzi di tutte le età, compresi fra i sei e i sessant’anni e qualche volta anche oltre. La scorsa stagione –racconta- abbiamo vinto con la serie C femminile e siamo stati promossi in B. dove avevamo già una squadra in questa serie, che ha fatto i playoff e per poco ha mancato il salto in A2. Così abbiamo deciso di non fare due squadre di B, che sarebbero state troppe impegnative, ma di realizzarne una che incameri tutte le potenzialità possibili e diventi molto concorrenziale. I componenti di questo nuovo team sono: mia moglie Vassileva, Lisa Belli, Valentina Nocchi che viene da una bellissima stagione in C, dove non ha mai perso una partita e Silvia Deri”. Passiamo al più numeroso settore maschile che nel 2013 è rimasto in una situazione di equilibrio: “Non abbiamo avuto né promozioni né retrocessioni -sintetizza Ivan- personalmente è stato un anno di verifiche, perché venivo da una operazione chirurgica della stagione precedente e non sapevo come avrei reagito, ed invece ce l’ho fatta ed ho potuto giocare. La squadra era forte, ma ha dovuto affrontare un girone molto impegnativo, e alla fine abbiamo concluso il campionato a pari merito con altre due squadre, ma la promozione è andata agli Alfieri di Romagna, una squadra di Forlì, che ha vinto grazie alle qualità di un ragazzo romeno molto bravo, fra i primi 50 in classifica nazionale, un giocatore fortissimo per la B2. La seconda qualificata è stata il Prato, anche in questo caso dobbiamo ricordare l’atleta nigeriano, proveniente dalla serie A, che ha saputo cambiare il destino della sua squadra”. Alla B2 labronica è mancato un nome importante come Federico Viterbo, che dopo la laurea in ingegneria è andato a lavorare in Inghilterra. È sempre tesserato con la Berni-

361


L’INTERVISTA

SILVIA e MATTEO Coppia nello sport e nella vita. Il bello di condividere lo stesso sport di Antonella De Vito

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

S

arà forse arrivato il momento di aprire una sezione di “gossip” sull’Almanacco dello Sport? A parte gli scherzi è stata un’intervista simpatica quella fatta alla coppia del tennis tavolo labronico: coppia nello sport e nella vita. Matteo Bagnoli ha 29 anni e gioca da quando ne aveva 13. Dopo 8 anni ha interrotto l’attività sportiva per problemi di lavoro, ma da sei anni ha ripreso per non smettere più. Silvia Deri ha una storia simile. Ha 27 anni ed ha cominciato a dedicarsi al tennis tavolo nel ’96, anche lei ha interrotto per una quindicina di anni per ricominciare nel 2011. Qual è stata la molla che vi ha fatto iniziare da piccoli a praticare questa disciplina? Matteo: “Al mare, giocavo molto con gli amici”. Silvia: “Frequentavo le scuole elementari con una bambina che lo praticava e fu lei a stimolarmi a provare a giocare”. Com’è andata la passata stagione? Matteo: “Ho fatto la serie C1 con Fausto Mazzocco e Lorenzo Galli. Siamo partiti benino, poi abbiamo rischiato la retrocessione, ma fortunatamente nelle ultime giornate c’è stata la svolta e ci siamo salvati”.

Silvia Deri

362

Silvia: “Io ho fatto la serie C femminile ed abbiamo vinto”. Qual è la soddisfazione più bella avuta durante la carriera agonistica? Matteo: “Il primo regionale vinto quando ho ripreso dopo l’interruzione di otto anni. Mentre prima di smettere la soddisfazione più bella la ebbi vincendo una partita in serie A. Ero andata solo per vedere giocare il figlio di Ivan, ma all’ultimo momento si ammalò un componente della squadra ed Ivan mi chiese di giocare, altrimenti sarebbero stati eliminati al tavolino. Io ero anche in jeans perché dovevo stare con il pubblico, ma giocai ugualmente e vinsi. Una bella soddisfazione”. Silvia: “A settembre quando sono riuscita a passare un girone ad un torneo nazionale. Ero contentissima, sono arrivata fra le prime 8 su 24 partecipanti. Nei tornei nazionali il livello è molto più elevato rispetto a quello regionale, e quindi il risultato mi ha dato un’ulteriore soddisfazione”. Che cosa vuol dire essere una coppia che condivide lo stesso sport? Matteo: “Devo esso grato al Tennis Tavolo perché l’ho conosciuta proprio grazie a questo. Condividere la tua passione con la persona che ti sta accanto vuol dire tanto, perché, ad esempio, si può andare ai tornei insieme. C’è però anche uno svan-

Matteo Bagnoli e Silvia Deri

taggio, rappresentato dal fatto di doverti mostrarti anche nei momento in cui sei più nervoso… in modo particolare lei, perché perde la pazienza se la correggo”. Silvia: “Non è come la racconta lui, il fatto è che spesso mi fa panchina, cioè da allenatore e quindi lo tratto come tale, non come Matteo, rispondendo anche male in un momento di nervosismo, perché magari sto perdendo. Non mi era mai capitato prima di condividere una passione in questo modo, pensavo che potesse essere noioso, ed invece ho scoperto che stiamo bene, ed è anche un argomento di confronto”. Avete altri interessi in comune? Matteo: “Camminiamo per i monti. Questa però me l’ha attaccata lei”. Silvia: “Si, è una cosa che mi piace tanto, un’altra grande passione”.

Matteo Bagnoli


SANDRO e ALBERTO

L’INTERVISTA

Gli amici del Tennis Tavolo Uno sport di cervello con molta tattica

Sandro Giovannini

S

andro Giovannini e Alberto Andreani sono amici fin da piccoli, e spesso hanno giocato in coppia, rafforzando il loro rapporto nella palestra di viale Marconi. Interrompiamo il loro allenamento per farci raccontare la passione per il tennis tavolo. Sandro Giovannini ha 21 anni e gioca da quando faceva la quarta elementare, dove incontrò Ivan che durante le ore di educazione fisica riuscì ad instillare in lui la passione per Tennis Tavolo. Alberto Andreani ha 20 anni ed anche lui ha iniziato a giocare fin dalla quinta elementare, ma in questo caso l’artefice dell’incontro fra lui e questa disciplina fu suo padre, appassionato e tutt’ora praticante di questo sport. Sintetizziamo il vostro curriculum sportivo.

Sandro Giovannini: “Mi piace ricordare il 2006, quando ho vinto la Coppa delle Regioni nel 2006 e poi tre anni fa, quando con Alessia Mirabelli siamo arrivati secondi ai Campionati italiani, nel doppio misto categoria Under 21. Nel 2013 per motivi logistici personali ho fatto un’esperienza ad Arezzo giocando il Campionato di B2, ma non è stata una bella stagione, infatti, la squadra è retrocessa, e adesso sono ritornato a Livorno dove posso riprendere ad allenarmi con Alberto, con il quale ho cominciato a giocare fin da quando avevo sette anni”. Alberto Andreani: “Difficile ricordare tutto, la prima cosa che mi viene in mente è il bronzo ai Campionati italiani del 2006 e poi ci sono le tante promozioni e i vari podi nei campionati giovanili. Il 2013 abbiamo giocato in B2 e purtroppo abbiamo mancato la promozione per pochissimo. Siamo arrivati a pari merito con altre tre squadre e per differenza set non siamo saliti nella categoria superiore”. Quanto vi impegna questo sport? Sandro: “Diamo il massimo cercando di sfruttare tutte le nostre capacità. Io mi alleno due volte alla settimana, perché ho iniziato a lavorare e non sempre è possibile conciliare gli orari”. Alberto: “Io riesco a venire in palestra dalle tre alle quattro volte. Frequento la Facoltà di Filosofia a Pisa e per me è più semplice incastrare gli impegni”. Cosa vi regala questo sport a livello emotivo? Sandro: “Tante soddisfazioni, perché essendo una disciplina anche individuale, ti dà la possibilità di confrontarti con giocatori diversi. Inoltre, quando arrivi a buoni livelli agonistici puoi anche divertirti molto”. Alberto: “Il tennis tavolo, è uno sport diverso dagli altri, anche per

Alberto Andreani

l’impatto mentale. È uno sport di cervello, c’è molta tattica, insomma è interessante. Praticarlo mi aiuta molto a scaricarmi, soprattutto dopo lo studio. Mi piace fare agonismo e confrontarmi con altri giocatori, per mettermi alla prova”. Progetti futuri? Alberto: “Dipende da che risultati otterrò nei prossimi anni, e dal tipo di impegni che dovrò affrontare, so già che nel 2014 lo studio mi assorbirà molto. Però cercherò di gestire tutto al meglio, per allenarmi di più ed arrivare in seconda categoria e magari riuscire a giocare in serie superiori all’attuale B2. Alla mia età ormai si gioca per passione e per scaricarsi, perché prima ci sono altri impegni. Comunque progetto per il futuro di continuare a divertirmi, cercando d’impegnarmi sempre più”. Sandro: “Anch’io lo prendo come un divertimento. Ci tengo a restare competitivo nella serie in cui sono, però non ho l’idea di andare molto più avanti”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

di Antonella De Vito

Alberto Andreani Sandro Giovannini

363


Tennis GINO BACCHERETTI

L’INTERVISTA

Nuovo delegato provinciale della federazione tennis Tutti i circoli hanno la stessa importanza

Gino Baccheretti delegato provinciale della Federazione Tennis

G

ino Baccheretti è il nuovo delegato provinciale della Federazione Italiana Tennis. Nominato nel 2013 ha iniziato il suo quadriennio olimpico mettendosi in relazione con tutti i circoli del territorio. “Ho accettato con entusiasmo questa carica onorifica, perché mi permette di continuare quel percorso che ho fatto nel tempo. Da oltre 40 anni sono sempre stato socio di un circolo di tennis: prima allo Junior Club per dieci anni e poi, da trentadue, con il Tennis Club Livorno, dove offro il mio contributo come consigliere. L’esperienza che ho maturata nel 2013 come delegato provinciale della Federazione, mi ha dato la possibilità di avere un contatto profondo con tutti i circoli della provincia, compresi quelli dell’Isola d’Elba. Reputo che tutte le strutture sono uguali, non nelle dimensioni, ma nella considerazione che devono ricevere da parte della Federazione italiana, non esistono circoli di serie A e di serie B”. L’esperienza più interessante dell’anno? “Quella vissuta grazie all’Associazione tennistica piombinese, che può vantarsi, già da diversi anni, di essere l’organizzatrice di un Torneo Atp unico in tutta la provincia, con 15 mila dollari come montepremi”. Qual è il miglior pregio di questa disciplina? “L’essere uno sport che si può gioca a tutte le età, dipende dallo spirito con cui si affronta, certamente con ritmi diversi con il passare del tempo, ma con lo stesso entusiasmo di sempre”. Tracciamo un quadro della situazione cittadina.

“A Livorno abbiamo 4 circoli più importanti: la Cooperativa Tennis Livorno; lo Junior Club; il Tennis Club Livorno e la Libertas Club Livorno. Sono circoli dotati di strutture molto belle, con diversi campi, circa 10-12 per ogni ognuno. Ci sono poi tanti altri circoli più piccoli, complessivamente in città c’è un buon movimento anche nei giovani, grazie alle scuole di tennis, che la Federazione segue, con visite costanti, anche per valutare il metodo d’insegnamento dei maestri”. Ci sono differenze fra uomini e donne in questo sport? “A Livorno i risultati migliori si sono avuti con i maschi, ricordiamo Filippo Volandri che a 31 anni è ancora 71° del mondo o Marzio Martelli che oggi ha 41 anni ed in passato ha giocato in Coppa Davis”. E fra i più giovani? “Dobbiamo dire che nei più giovani, fino a 18 anni, sono ancora i maschi ad essere più bravi, c’è ad esempio Gregorio Lulli, del ’97 che gioca per la Cooperativa Tennis Livorno che sta facendo buoni risultati. Ci sono poi bambini interessanti che stanno crescendo. Mentre nella ragazza c’è la De Batte che però la consideriamo adulta, in quanto ha 24 anni, poi abbiamo Irene Adoncecchi per la Cooperativa Tennis Livorno, Carlotta Nassi del Tennis Club, la Signorini che ha 20 anni ed è della Libertas. Tutte ragazze molto brave che rientrano nella seconda categoria. Tornando ai più giovani segnaliamo per il Tennis Club Edoardo Bini, Gherardo Lulli, Silvia Salvetti, Matilde Rosellini; alla Cooperativa Tennis c’è Griselli, Karipidis; la Libertas può vantare Ginevra De Federicis e al Tennis Club troviamo Alice Spagnoli, ma ci sono altre ragazzine brave che si stanno impegnando. Andando in provincia ricordiamo a Piombino la Pescucci, una bimba molto brava, che farà parte della Coppa delle provincie che è un torneo a squadra, che inizierà a gennaio del 2014”.

Le ragazze però sembrano essere più determinate dei loro coetanei maschi. “Sì, è vero, sono brave nello sport e anche a scuola. Si allenano con più determinate, sono meno giocherellone dei ragazzi che hanno uno spirito più goliardico. Le ragazze però poi tendono a perdersi crescendo”. Quale obiettivo si è prefissato per il suo mandato? “Sicuramente stare più vicino ai circoli, capirne le problematiche per poi riferire agli organi centrali. Ci proponiamo di trasmettere ai giovani il tennis, lo sport, il desiderio di stare in campo e soprattutto la voglia di divertirsi. Il tennis è uno sport individuale che forma molto il carattere, però i giovani devono andare in campo e divertirsi, sentire il meno possibile il fiato sul collo dei genitori. Perché come spesso accade in tutti gli sport sono proprio questi a danneggiare i loro figli. Durante gli allenamenti ci sono i maestri che devono essere vicini agli atleti, i genitori devono stare vicini ai ragazzi in famiglia, nello sport devo lasciarli liberi, ed inoltre, non possono pretendere di saperne più dei maestri”. Di cosa avrebbe bisogno il tennis a Livorno? “Di un po’ di fortuna e la possibilità di trovare dei campioni”. Di cosa avrebbero invece bisogno gli atleti? “È importante che gli atleti vadano all’estero a fare esperienza, però non è sempre possibile perché non tutti hanno le stesse possibilità economiche. Cerchiamo noi come Federazione provinciale di portare a Livorno i grandi campioni, in modo che tutti possano fare esperienze”. Un sogno nel cassetto nel suo ruolo? “Andare a premiare uno dei nostri ragazzi o delle nostre ragazze livornesi in qualche manifestazione importante”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

di Antonella De Vito

365


366


ALESSANDRA DI BATTE

L’INTERVISTA

di età. È stata una bella esperienza: sono dell’idea che lo sport forma molto di più di qualsiasi altra scuola, nei principi, nell’impegno, nella costanza. Durante l’università mi sono dedicata molto meno all’attività agonistica, ho concentrato lo sport in tre allenamenti settimanali e il resto del tempo studiavo”. Perché questa scelta? “Ho capito che vivere di tennis non sarebbe stato facile, magari avrei potuto arrivare ad essere una buona giocatrice, 300 o anche 200 nella classifica mondiale, ma quelle che possono investire nel futuro sono davvero poco, direi le prime cento. Così ho pensato che era meglio studiare, temevo che non mi restasse niente in mano e avrei dovuto fare obbligatoriamente la maestra di tennis, senza avere altri sbocchi”. Alessandra Di Batte Non ti piacerebbe fare l’istruttrice? “Sì, sì. Sono diventata istruttrice di primo lessandra Di Batte oggi ha 24 anni livello, e sto facendo già dei corsi ai bambie la prima volta che è entrata su un ni dell’agonismo del mini tennis. Mi piace campo da tennis ne aveva appena molto, ma volevo avere anche altre altersei. Attualmente in classifica è una 2.4. “Ho iniziato perché i miei genitori gionative professionali, per questo ho scelto di cavano entrambi e poi abitavo, e ancora studiare”. Stai lavorando come farmacista? abito, vicino al Tennis Club ed era molto “Ho fatto un tirocinio di sei mesi per l’unifacile andare ad allenarmi. Fino a 12 anni versità e mi sono accorta che mi piace staho giocato anche a basket, poi non ce la re in farmacia a contatto con i pazienti, gli facevo ad abbinare tutto, inoltre, la scuola anziani, i bambini”. diventava sempre più impegnativa e così Un’esperienza da dimenho scelto tennis”. ticare? Che studi hai fatto? “A Rapallo nel giugno del “Mi sono laureata in Farma2013 dove sono andate a giocia ad ottobre”. care per la promozione di seIl tuo curriculum sportivo? rie B, che però abbiamo perso “Tornando indietro nel per poco”. tempo, ho vinto a 12 anni la Cosa ti dà il tennis a livelcoppa Lambertenghi cioè i lo di sensazioni? Campionati italiani under 12 “Essendo uno sport individi doppio. Negli under 14 ho duale le emozioni sono fortisconquistato il titolo indivisime: quando vinci il merito e duale, così come nell’under 14 solo tuo e le soddisfazioni crea squadre, e nell’under 16 ho scono in modo esponenziale”. vinto nuovamente il titolo inChe tipo di sportività c’è dividuale, a squadre e di dopin questo ambiente? pio. Mi sono poi aggiudicata “C’è molta disciplina, anil titolo italiano di serie C a che perché sono molto severi squadre nel 2014 under 14, e se non rispetti le regole vieni insieme a Corinna Dentoni, Nicol Pietra Caprina e Fede- Alessandra Di Batte, prima classificata al Torneo Open di Pontedera a luglio 2013 subito espulso dal campo”.

A

rica Abrams. Dopo i 16 anni sono andata a giocare al Tc Prato per tre stagioni in A1, poi sono stata un anno allo Junior facendo la A2 e poi la serie B per Siena. Nel 2010 sono tornata. Per qualche anno ho vissuto al Centro Coni di Tirrenia, essendo nazionale italiana ho avuto diritto a far parte di questa scuola di tennis della federazione nazionale, dove puoi studiare ed allenarti. È sicuramente il miglior centro federale. Ho avuto l’opportunità di partecipare per tre anni al torneo individuale Orange Bowl negli Stati Uniti, un Campionato mondiale molto prestigioso che viene vinto dai big”. La soddisfazione più bella? “Vincere il Campionato italiano nel mio circolo nel 2004”. Progetti futuri? “Portare la squadra di serie C di Villa Lloyd in B, visto che sono due anni che ci proviamo e per pochissimo non ce la facciamo. Poi parteciperò a qualche Torneo Open e in base a come andranno deciderò cosa fare”. Un sogno nel cassetto? “Giocare il Roland Garros, ma ormai ho 24 anni”. Quanto ti ha impegnato questo sport? “Fino a 18 anni era la mia vita, in Accademia mi allenavo 8 ore al giorno, era uno stile di vita un po’ atipico per quella fascia

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

Disciplina in campo e nella vita Lo sport forma più di qualsiasi altra scuola

367


Un anno a Barcellona per meglio conciliare studio e sport

Irene Adoncecchi

U

n’esperienza particolarmente interessante quella di Irene Adoncecchi, 17 anni, vissuta fra l’Italia e la Spa-

gna. “Attualmente gioco per la Cooperativa Tennis Livorno. Ho iniziato quando avevo 5 anni, incoraggiata da mio fratello e da mio padre, entrambi giocatori”. Hai praticato altri sport? “Facevo ginnastica artistica e per tre anni ho praticato entrambe le discipline, poi ho dovuto fare una scelta e naturalmente mi sono dedicata al tennis. Ho pensato che questa attività, al di là dei risultati agonistici, nella vita mi avrebbe dato di più, perché avrei sempre potuto praticarla a livello amatoriale, magari in compagnia di amici, cosa che non puoi certo fare con la ginnastica artistica”. Che scuola fai? “Ho frequentato fino all’anno scorso il Liceo Enriques, poi ho deciso di andare a Barcellona per frequentare una scuola americana che mi ha permesso di abbinare il tennis allo studio. Qui mi sono diplomata, ma siccome in America le scuole superiori durano 4 anni, per iscrivermi all’università italiana devo rifare qui la maturità. Adesso mi alleno la mattina e il pomeriggio studio come privatista per l’esame di Stato che darò a giugno”. Perché hai deciso di andare a Barcellona?

“Ho scelto la Spagna non perché mi trovassi male con il mio circolo, ma in quanto la scuola mi creava dei problemi, non potendo fare più di un certo numero di assenze, era difficile anche poter partecipare ai tornei. E poi il carico di studio non mi permetteva di dare la priorità allo sport. Così sono andata a Barcellona, all’Accademia di Sànchez-Casal, fondata da questi due grandi tennisti, dove all’interno c’è una scuola americana, che può essere frequentata dagli atleti dell’Accademia che vengono aiutati anche con i recuperi”. Come era impostata la tua giornata? “La mattina mi allenavo e il pomeriggio andavo a scuola, facevo comunque sei ore di lezione. Ma potevo saltare la scuola per meriti sportivi e poi mi permettevano e mi aiutavano a recuperare. Avevamo, inoltre, la possibilità di accedere ad un sito internet attraverso il quale potevamo mandare i nostri compiti e ricevere gli esercizi dai professori e prepararci agli esami. La scuola è in inglese, mentre tutto il resto in spagnolo. C’ero già stata 5 mesi nel 2011, poi però decisi di tornare in Italia per finire la terza liceo. . Il tuo curriculum sportivo? “Negli under 12 ho fatto le semifinali in tre tornei, e negli under 14 ho partecipato alle semifinali dei Campionati italiani. Ho vinto anche un importante torneo in Turchia. Negli ultimi anni sono stata un po’ ferma per un dolore al polso, dovrei operarmi, ma per adesso non ho intenzione di farlo. Quando ero in Spagna non ho potuto partecipare ai tornei open per la classifica italiana e oggi sono 2.7. L’estate passata sono tornata per partecipare ad alcune competizioni almeno per mantenere la posizione e non retrocedere. Quest’anno ho fatto due tornei under 18 in Turchia e in Montenegro” Cosa ti ha dato la Spagna dal punto di vista sportivo? “L’organizzazione dell’Accademia è un po’ particolare. La mattina alle 7 eravamo in campo, facevamo tre ore di tennis e poi un’ora di atletica. Era tutto molto sistematico, le stesse cose tutti i giorni per tutti gli atleti, mentre in Italia si cura di più l’spetto individuale, cioè quello di cui hai bisogno in quel momento. Gli spagnoli non ti seguono singolarmente, ma a gruppi di non più di quattro tennisti, ognuno dei quali ha la possibilità di disporre di un

L’INTERVISTA

insegnante, un preparatore atletico, uno psicologo, un fisioterapista e un medico. È l’Accademia che organizza la tua partecipazione i tornei, e sono sempre loro che ti portano alle competizioni. In Italia invece, anche se fai parte di un circolo, sei comunque tu, in prima persona a doverti organizzare”. Quale dei due metodi preferisci? “Come metodo d’insegnamento tempistico preferisco quello italiano, perché credo che ogni persona abbia esigenze particolari, ed il tuo allenatore, quello che ti conosce bene da anni, sa come ti senti, di cosa hai bisogno, in cosa devi migliorare. In Spagna è invece molto migliore l’aspetto organizzativo, perché ti permette di avere più tempo per allenarti”. La soddisfazione più bella avuta in campo sportivo? “Vincere il torneo Eta in Turchia. Ci sono andata con mio padre, in un periodo in cui non stavo giocando bene. Tutto mi è apparso diverso: il luogo, i campi, la cultura. Durante le prime partite non mi sentivo a mio agio, mi accorgevo di non giocare bene. Poi mi sono resa conto che ce la potevo fare, ho acquistato fiducia in me stessa, ed infatti, è andata bene. Vedere mio padre contento quando ho vinto, è stata la più bella soddisfazione in assoluto. Un’altra bella esperienza l’ho avuta quando feci le semifinali agli italiani, vincendo ai quarti l’atleta che aveva vinto l’anno prima. Dopo quattro ore e mezzo di partita ho battuta Giorgia Brescia, una bella soddisfazione anche perché nessuno se lo aspettava. Quando partimmo, il mio maestro Galoppini, mi disse ‘Andiamo solo per vincere’ ed io ho accettato. Se qualcuna ha fiducia in me, mi dà tanta carica e così è stato con mio padre in Turchia e agli italiani con il mio allenatore”. E lo studio? “Voglio andare all’università, mi piace fare Giurisprudenza, ma non so quando e dove. Essendomi diplomata alla scuola americana, mi hanno offerto di andare a giocare per un loro college, dove con una borsa di studio ti permettono anche di fare l’università. Ma ho preferito prendermi questi due anni di libertà per giocare ed allenarmi Italia, poi deciderò cosa fare”. Un sogno nel cassetto? “Diventare una tennista di cui qualcuno si possa ricordare”.

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

IRENE ADONCECCHI

369


Utilizzabile anche per feste di compleanno con servizio catering


Triathlon Attività Giovanile: il bilancio 2013 e anteprima sulle novità 2014 Il resoconto di Francesco Laino presidente del comitato regionale

Triathlon Days 2014 a Pisa

no stati sicuramente di maggior rilievo, anche se a tal proposito, analizzati vari fattori si è potuto constatare che atleti cresciuti in contesti differenti sono maggiormente difficili da associare in modo diretto al lavoro sistematico e strutturato del Settore Giovanile Regionale. Quest’anno invece, non senza difficoltà, si sono poste le basi per un sistema di lavoro più strutturato ed ampio sulle Squadre Regionali Giovanili. Utilizzando un sistema di rimborsi e promozione è stato possibile coinvolgere i giovani in una serie di manifestazioni/raduni. Senza dubbio una novità rispetto al passato, con un numero di atleti e collaboratori, che ci consentono di strutturare un progetto di attività mirate alla crescita del settore. Riteniamo che quanto fatto sia stato un passaggio importante per creare un sistema di lavoro che deve essere realizzato già prima di avere un numero sufficiente di

atleti qualificati ad utilizzarlo. Riteniamo sia necessario fare esperienze in gare per gli atleti più giovani, che spesso attendono mesi per poter ave un primo confronto agonistico con altri di pari categoria. In questi appuntamenti hanno fatto preziose esperienze formative, non possibili solo nelle proprie attività sportive di società. Riteniamo che il sistema, se pure con i necessari aggiustamenti, sia valido e riproponibile il prossimo anno. Proprio perché il sistema è a supporto del lavoro dei singoli tecnici, che affrontano al meglio difficoltà quotidiane raggiungendo buoni risultati. Il nostro obiettivo è raggiungere il più alto livello possibile, che non è quello di fare risultati giovanili, ma quello di consegnare alle categorie superiori il maggior numero possibile di giovani in grado di continuare un percorso di crescita verso l’alta qualificazione.

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

L

e attività che questo anno hanno caratterizzato il mondo multidisciplinare Livornese hanno visto primeggiare l’orgoglio e la forza della compagine rosa. Le triathlete livonesi hanno saputo interretare lo spirito sportivo, facendo primeggiare la lealtà, il coraggio e la determinazione tipica Francesco Laino presidente delle donne. del comitato regionale L’altro tema necessario e fondamentale per raggiungere l’obiettivo citato è quello costituito dal riassetto dell’Attività Agonistica e Promozionale Giovanile. Quest’anno è stato proposto, l’attività mai realizzata negli anni precedenti con il circuito di Coppa Toscana, l’inserimento di gare kids di Aquathlon, Duathlon e Triathlon, apportando notevoli modifiche allo stesso circuito. Le condizioni esterne come quelle legate a determinate regolamentazioni ed autorizzazioni necessarie per lo svolgimento hanno influito e condizionato alcune tappe, anche se nel complesso i numeri di atleti coinvolti sono stati superiori rispetto al passato. Uno degli elementi più importanti rivolta all’attività giovanile 2014 sarà la creazione di un sistema che permetterà la sempre maggiore crescita del lavoro fatto dalle Società e dai loro tecnici con i giovani a livello locale e in modo strutturato e continuativo. Per consentire questo processo sarà necessario un maggior coinvolgimento delle società e di un coordinamento e sostegno da parte del Comitato Regionale. Questo anno è stato il primo di gestione del nuovo quadriennio. Abbiamo cercato di garantire ai giovani la migliore attività possibile e comunque iniziare un processo di miglioramento strutturale rispetto al passato. Il lavoro svolto ha sviluppato e svilupperà nella prossima stagione i due temi fondamentali del settore: l’attività agonistica e promozionale e la partecipazione a manifestazioni a carattere nazionale. I risultati agonistici dei nostri ragazzi sono stati in linea con quelli degli ultimi anni, anche se inferiori rispetto al 2012, anno in cui i risultati interregionali so-

371


F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

Livorno Triathlon

372

L

a LIVORNO TRIATHLON ASD nasce nell’ ormai lontano 2006 dalla fusione di due storiche societa’ livornesi di triathlon, prima con il nome nuoto Livorno 3 e poi appunto LIVORNO TRIATHLON. ormai vanta piu’ di 50 atleti provenienti anche da fuori citta. tutti atleti amatori che ben figurano in campo nazionale. anche Domenico Passuello, ora atleta di punta della nazionale italiana di triathlon lungo, ha militato all’ inizio della sua carriera agonistica nelle nostre file. le gare spaziano dal triathlon sprint all’ ironman, quest’ ultimo, sogno di tutti i triathleti, si sviluppa sulla mitica distanza di: 3,8 km di nuoto, 180 km di bici e 42 km di corsa, ovvero la maratona. infatti quest’ anno sono stati ben 5 gli atleti del Livorno triathlon a prenderne parte. Giovanni Picchi ha esordito sulla distanza a Nizza, Fabio Quaglierini, Piero PIcchi, Stefano Bartolozzi nel campionato europeo a Francoforte e Dario Bellia a Zurigo. nutrita partecipazione ai vari mezzi ironman, denominati 70.3, al campionato italiano disputatosi al mugello, nel chellenger di Rimini e a castiglione della pescaia hanno esordito sulla distanza Lorenzo Baldi, Luca Brancati, Fabio Bellini, Licio Torre e Graziano Martinelli. Si inizia a gennaio dove il solito Riccardo Rosselli inaugura l’ anno sportivo con il campionato italiano di Winter triathlon (corsabici in mtb-sci di fondo) a cogne in valle d’ aosta, per continuare con vari duathlon (corsa-bici-corsa) dove gli atleti scaldano i motori, in particolar modo quello svolto all’ interno dell’ autodromo del mugello dove ben figurano Giuseppe Gri e Simo-

netta Bernardini. con la bella stagione si prosegue con varie gare di triathlon sprint e olimpici, si parte da Andora (sv) dove Gabriele Baroni e Bellini centrano un bel secondo posto di categoria in una gara internazionale con più di 700 atleti al via molti dei quali provenienti dalla vicina Francia. l’ altra quota rosa del team, Cristina Valori, si distingue nel durissimo tri-olimpico (1,540-10) di Pietra ligure e a giugno buone prestazioni di Lorenzo Rossi, Riccardo Fraschetti e Daniele Ciandri nel circuito di gare elbane. il finale di stagione ci vede poi impegnati nel campionato italiano di trisprint di treviso dove schieriamo un buon numero di atleti sia nella gara singola che

quella a squadre, ma soprattutto siamo i protagonisti indiscussi del campionato regionale svoltosi a tirrenia dove vinciamo i titoli di categoria con Paolo Favilla(s1), Andrea Martinelli(S2), Gabriele Baroni(s4), Fabio Bellini(m2) e Giovanni Picchi(m3) e quello più ambito a squadre con Baroni, Martinelli, Bellini e Rossi. ora i ragazzi del presidente Cesare Taddei riprendono gli allenamenti nelle piscine comunali sotto la supervisione dei coach Luca Fanciulli e Riccardo Rosselli per esser pronti a uno spumeggiante 2014.

Nelle immagini gli atleti del Livorno Triathlon Asd


anno sportivo 2013 per Asd Aethalia Triathlon può certamente essere archiviato come quello di maggiore successo sportivo per l’unica Associazione di Triathlon con sede all’Isola d’Elba. Nata nel 2008, l’Associazione ha via via ampliato il proprio numero di iscritti andando a coinvolgere sempre più atleti anche non residenti sull’Isola, tanto che l’anno 2013 ha visto ben 28 dei complessivi 40 soci dal continente. Il traino di questa tendenza sicuramente dato dal successo per la manifestazione Elbaman che viene organizzata dal 2005 all’Isola d’Elba e che ogni anno conta al via centinaia di atleti da tutto il mondo. Sono stati, infatti, 720 da 18 nazioni i partecipanti alla IX edizione dello scorso 28 settembre decretando, se ce ne fosse ancora bisogno, come Elbaman sia una delle manifestazioni più apprezzate a livello Europeo e leader trascinante del movimento nazionale. L’attività agonistica vera e propria dei soci ha visto una serie di risultati davvero importanti per la piccola associazione che, storicamente, non ha mai voluto puntare su atleti Elite, ma principalmente a formare un gruppo di Age Group che

I triatleti dell’Isola d’Elba Cresce l’interesse dei giovanissimi

gareggiano per il puro spirito sportivo di partecipare divertendosi. L’ingresso in squadra del forte atleta Fabrizio Bartoli di Castagneto Carducci, ha però permesso al sodalizio di registrare le prime 2 vittorie assolute della sua storia con il primo posto nei duathlon di Lucca e di Livorno della prima metà di stagione. Inoltre, fatto forse ancora più importante, si è affacciato al triathlon per la prima volta il giovane 16enne Edoardo Casu, Elbano di Capoliveri classe 1986, che ha colto risultati assolutamente inaspettati da tutto il consiglio Direttivo, tanto che a fine stagione si è laureato Campione Regionale Assoluto di triathlon grazie ai moltissimi punti raccolti nelle gare di Coppa Toscana! Edoardo nel 2014 cercherà un ulteriore salto di qualità grazie all’aiuto dell’allenatore federale Leonardo Altamura di Viareggio che lo seguirà nel corso della stagione. Da segnalare anche il grande impegno sportivo dell’elbano Marcianese Spada Stefano Aronne che ha partecipato a molte competizioni in giro per l’Italia, ha portato a termine il durissimo Elbaman

sulla distanza ironman e si è classificato alla fine 2° nella Coppa Toscana di Categoria M1 (40-44). Questi e molti altri risultati hanno permesso alla società di cogliere il 3° posto assoluto in Coppa Toscana, davanti a sodalizi storicamente molto importanti per il movimento regionale e poco dietro ai colossi del Firenze e Lucca Triathlon. Ultimo, ma non di minore importanza, la riuscita della 5a edizione della gara giovanile Elbaman Kids che ha raccolto al via oltre 30 giovanissimi tra gli 8 ed i 13 anni perlopiù elbani ed alla prima esperienza nella multi disciplina. Per il 2014 il sodalizio continuerà nella sua politica di supporto al triathlon sull’Elba ed in particolar modo con l’aiuto dei giovani che vogliano provare a praticare Triathlon. Ovviamente già in calendario internazionale anche la X edizione di Elbaman per il weekend del 27-28 Settembre. Marco Scotti Presidente ASD Aethalia Triathlon

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

L’

Nelle immagini il campione regionale Edoardo Casu 373


Il Triathlon della Società Livorno Nuoto Il futuro dello sport olimpico e nei giovani

ti che sono il Trofeo Italia Giovanissimi di Duathlon (bici e corsa), Aquathlon (nuoto e corsa) e Triathlon (nuoto bici e corsa) otteneno buoni risultati con Emma Porciatti e Alessio Bellini entrambi del 2002, in altre gare si sono distinti anche Samuele Froglia, Janko Cerrai e Alessio Bellini. In questa stagione il gruppo si è accresciuto facendoci guardare al futuro con ottimismo.

È bene ricordare la componente ludica che distingue i più piccoli, infatti, in queste fasce di età la federazione premia più che l’individualità il risultato di squadra, l’individualità comincia ad essere importante dai 14 anni in poi, nella categorie Giovani. Chiunque si voglia avvicinare a questa disciplina può rivolgersi alle segreterie Nuoto Livorno per avere informazioni.

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

L

a società Nuoto Livorno da anni ha tra le sue discipline anche il Triathlon giovanile. Il motivo e la propensione all’attività agonistica giovanile per forgiare i campioni del domani e perché il nuoto è in età giovanile la componente più importante di questo sport. Il Triathlon è seguito dall’allenatore Viviano Vanni che da sempre crede che, il futuro di uno sport olimpico, ormai dal 2000, siano le categorie Giovanili, idea che si è ben sposata con la filosofia di Nuoto Livorno. Nel corso degli anni si sono avvicendati atleti ed atlete che hanno ottenuto risultati molto lusinghieri, che ha raggiunto l’apice con la convocazione e la partecipazione di Lorenzo Tonsa all’europeo Giovanile. Oggi l’attività sta continuando con rinnovato entusiasmo con i ragazzi e le ragazze più giovani delle cosiddette categorie Giovanissimi che vanno da un età di 8 anni ai 13 anni. Mentre prima si pensava di poter creare triatleti con ragazzi che provenivano da altre discipline come Nuoto o Atletica, oggi vista la forte specializzazione si cerca di crescere subito giovani Triatleti, che possano apprendere le tecniche del triathlon in modo più accurato. Il triathlon in età giovanile offre una vastità di schemi motori che trova eguali in poche discipline, da anni la federazione per agevolare il reclutamento in queste categorie chiede come bici una semplice MTB di cui spesso i bambini sono dotati, senza fare sport specifici. I nostri ragazzi nel 2013 hanno partecipato alle tre manifestazioni più importan-

Nelle immagini i giovanissimo triatleti della Livorno Nuoto

375


L’INTERVISTA

DOMENICO PASSUELLO

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

Con grinta e determinazione, a grandi passi verso il campionato del mondo

376

N

onostante gli infortuni Domenico Passuello riesce sempre a far parlare di sé, per i risultati che ottiene e per la determinazione con cui si dedica all’attività agonistica di una delle discipline più dure del panorama sportivo internazionale. Raccontaci come è andato il 2013? “È stato un anno particolare, perché nel 2012 avevo avuto parecchi infortuni e quindi avevo dovuto ridimensionare gli allenamenti e contemporaneamente mi ero dedicato di più al lavoro. Comunque all’inizio dell’anno avevo una buona condizione fisica, ed infatti, ho vinto il “Triathlon Elche”, una gara molto importante che si svolge in Spagna. È la seconda volta che la vinco. Questo è successo ad aprile, ma mi è costato tanto, perché lavorando non ho avuto tempo di recuperare e mi sono imbattuto in un nuovo infortunio, che mi è durato fino a luglio, da questo ne ho avuto un altro e la ripresa è stata lunga e faticosa. In pratica mi sono bruciato la parte centrale della stagione, come era già successo l’anno precedente”. Prima di fermarti però hai fatto anche il Campionato italiano. “Sì, sono arrivato secondo, perché dopo la gara in Spagna non mi ero più allenato nella corsa a causa dell’infortunio e la for-

ma non era buona. Però era una competizioni alla quale dovevo partecipare, la mia squadra ci teneva, in quanto valevole per il punteggio. Così dopo 25 giorni dal rientro dalla Spagna sono andato a Firenze e nonostante tutto sono salito sul secondo gradino del podio, ma la mia condizione fisica è peggiorata molto”. Quando ti sei ripreso dall’infortunio? “Non so dove ho trovato la forza, perché quando un atleta subisce infortuni così lunghi per due anni si demoralizza. Comunque ce l’ho fatta e a settembre sono andato a fare una gara molto dura in Francia dove sono arrivato sesto. È stato un buon inizio, perché la gara era impegnativa, ed io venivo da un periodo particolare, ed era importante per me rimettermi in gioco”. Com’era la condizione fisica? “Era ottima, così sono andato a fare un’altra gara in Francia importante, ma si è rotta la forcella della bici, ed ho rischiato tanto, sono caduto, mi sono fatto male, fortunatamente non ho avuto fratture, ma

solo escoriazioni. Purtroppo ho buttato via una gara importante di Coppa del Mondo, ma sono stato fortunato, la caduta poteva essere peggiore, sono cose che in questo sport dobbiamo mettere in conto”. Come hai proseguito? “Dopo poco sono andato a Lanzarote in Spagna a fare un’altra gara di Coppa del mondo, un mezzo ironman, e sono andato molto bene, arrivando terzo. Finalmente un bel risultato perché la gara era importante. Da qui sono finalmente rientrato nel giro, dopo i mesi d’infortuni”. Hai gareggiato anche fuori dall’Europa?


“A quel punto ho deciso di continuare la stagione, anche se in Europa era già finita, perché volevo anticiparmi un po’ con i punteggi per i mondiali, che già alla fine del 2013 si può cominciare a conquistare per l’anno successivo. Così a novembre sono andato a fare una gara in Sudafrica e poi una in Australia, dove sono arrivato, in entrambe le competizioni, nelle prime cinque posizioni. Un buon risultato considerando che in queste gare si incontrano atleti che sono freschi, perché ad inizio stagione, come gli australiani, mentre noi europei siamo più stanchi. Il risultato comunque è stato buono, e adesso sono rientrato fra i primi venti – trenta del mondo”. Una buona ripresa fisica. “Devo dire che durante queste gare non sono mai andato al 100%, a parte ad Elche dove ero in buone condizioni fisiche.

“Il fatto di essere riuscito a trovare la forza per ripartire dopo l’infortunio. Per il resto, atleticamente parlando è stato faticoso, ho avuto ottimi risultati ma io so di poter dare di più. La cosa veramente positiva di quest’anno è stata la grinta e la determinazione avuta a ritornare in campo, e senza l’aiuto di nessuno, ho fatto tutto da solo”. La location più bella? “Quella a Lanzarote che è un’isola bellissima della Spagna, però anche quella in Australia è stata bella, abbiamo nuotato in canali di mare che passavano vicino alle ville dei miliardari e le persone ci guardavano lungo la riva”. fine avevo accettato, ma è arrivato l’infortunio di aprile e ho dovuto rinunciare”. Quanti tipi di mondiale ci sono? “I mondiali sono di tre tipi: il mezzo ironman con 1.900 metri di nuoto, 90 chilometri di bicicletta e 21 di corsa; per l’ironman sono 3.800 metri di nuoto, 180 chilometri di bici e 42 di corsa; e infine ironman lungo, quello al quale avrei dovuto partecipare con la Federazione. Quest’ultimo mondiale però ha misure che sono sempre meno seguite, quelle che vanno di più a livello internazionale sono le altre due competizioni”. Tu quali preferisci? “L’ironman e il mezzo ironman, perché hanno le misure più adatte a me e poi sono le più importanti, si praticano in tutto il mondo”. La cosa che più ti è piaciuta del 2013?

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

La vittoria ai Campionati italiani a squadre

Comunque dovevo ripartire e da qualcosa era necessario cominciare, ma è stata molto duro. Un 2013 difficile”. Gli impegni con la Federazione? “Mi avevano proposto di fare il Campionato del mondo a giugno con la Federazione. Inizialmente non avevo accettato, perché non mi piacevano le distanze di questo tipo di mondiale, con 4 chilometri di nuoto, 120 di bicicletta e 30 di corsa, quindi molto proiettata sul nuoto, mentre io preferisco fare gare dove questa disciplina è meno preponderante. In seguito ci avevo ripensato, ed alla

Nelle immagini Domenico Passuello in gara

377


Tiro a segno Dall’amaranto al tricolore... Lo storico risultato ai Campionati italiani di Leonardo Mele

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

A

nnata strepitosa per i labronici del Tiro a Segno, iniziata con l’ammissione alla fase finale della Team Cup (competizione nazionale a squadre) e conclusasi con la conquista di un ambito titolo nazionale (sempre a squadra) dopo ben oltre 30 anni di digiuno... Ma vediamo nel dettaglio come si è svolta l’intera stagione. Le prime due gare, riservate alle sole specialità ad Aria Compressa, si sono svolte: la prima nei week-end 19-20 e 2627 gennaio 2013 presso il Tiro a Segno Nazionale di Pescia (PT) dove, tra i nostri colori, si è subito messo in evidenza Riccardo Finocckì che con un bel 383/400 si è piazzato al Primo posto del Gruppo “B” per la specialità di Carabina ad Aria Compressa. Per le Pistole Uomini invece, sempre nel Gruppo “B”, Leonardo Mele conclude la sua gara al Secondo posto mentre Emilio Carlesi al quarto. Bella sorpresa anche per le Donne di Pistola dove Gerarda Visconti conquista la vetta della classifica nel Gruppo “B” grazie anche al suo Record Personale di specialità mentre Camelia Ionici, come Emilio, termina la propria prova ai piedi del podio piazzandosi al quarto posto. Splendide anche le prove dei nostri juniores che vedono Tommaso Chelli aggiudicarsi il primo e Raffaele Montenero il terzo posto nel Gruppo “A”, mentre Alberto Luzzi chiude al terzo posto nel Gruppo “B”. Da evidenziare, infine il quarto posto di Federica Danti nella categoria Juniores Donne ed il quarto posto di Massimo

Leonardo Mele (a sinistra) con Tito Suss, vicepresidente dell’Unione Italiana Tiro a Segno durante la consegna del Premio Partecipazione Team Cup 2013

378

Minarelli nella categoria Master Uomini. La seconda gara invece, ha visto i nostri ragazzi gareggiare presso Tiro a Segno Nazionale di Cascina (PI) nei giorni 16-17 23-24 febbraio. Anche qui non sono mancati i podi e le soddisfazioni che riepiloghiamo brevemente: sia Riccardo Finocckì che Tommaso Chelli, confermano la propria leadership nelle rispettive Specialità/Categorie. Ottimi anche il secondo posto di Francesco Lazzeri nella Pistola a 10 metri Juniores Uomini - Gruppo “B” ed il secondo posto di Massimo Minarelli tra i Master che, oltretutto, conquista anche il suo Record Personale nella Specialità.

Il 13 ed il 14 aprile invece, si è svolta la finale nazionale della Team Cup che quest’anno ha visto per la prima volta i colori amaranto tra le linee di tiro allestite presso la Fiera dell’Exa di Brescia, location scelta dalla Federazione da oramai qualche anno per accogliere i tiratori delle prime 16 squadre di Pistola e delle prime 16 di Carabina che, confrontandosi in scontri ad eliminazione diretta, si aggiudicano l’ambito trofeo. L’inesperienza nel dover gareggiare in tali circostanze, inconsuete rispetto ai normali poligoni di tiro, alla presenza di un folto pubblico e di “rumorosi” curiosi, con regole e tempi di gara leggermente diversi dai normali, si sono rivelati fattori condizionanti la prestazione sportiva dei nostri “inesperti” ragazzi che, purtroppo, si sono visti sconfiggere al primo incontro dalla rappresentativa di Pesaro. Esperienza comunque più che positiva che rimarrà nella loro mente e che costituirà un sicuro e solido bagaglio da utilizzare nelle prossime occasioni. Con l’arrivo della primavera, spazio anche alle specialità a Fuoco che affiancano quelle ad Aria compressa e così, nei giorni 20-21 e 27-28 aprile, si è svol


Terzi classificati Pistola Libera Campionati italiani 2013

comportato da meno, concludendo terza gara con un Argento in P10. La 4a Regionale invece si è svolta a Pietrasanta (LU) ed anche questa volta, non sono mancate le soddisfazioni, le meda-

Primi classificati Pistola Standard Campionati italiani 2012

glie, i piazzamenti, ma anche le delusioni... Il miglior risultato tecnico è stato ottenuto da Raffaele Montenero il quale, con il suo 540 di Pistola Libera, non solo vince la gara ma si porta al Terzo posto in Classifica Nazionale tra gli Juniores Uomini e con questo risultato è riuscito anche ad ottenere il Nuovo Record Regionale Juniores (anche se per un solo punto), appartenuto fino ad ora a Luca Tesconi, Medaglia d’argento nella specialità di P10 alle ultime Olimpiadi di Londra. Sempre la quarta gara evidenzia il Record Personale di Alberto Caroti in P10, l’ennesima vittoria di Riccardo in C10, il secondo posto in PL di Dario, la splendida vittoria di Emilio in P10, il secondo posto in Psp di Camelia, la vittoria di Tommaso nella Psp e di Raffaele in P10. Con la 5a Regionale, valevole anche quale “Campionato Regionale”, si è conclusa la fase di qualificazione per i Campionati italiani per le specialità ad Aria compressa. Un grandissimo plauso va a Raffaele il quale, su quattro specialità praticate, porta a casa tre titoli di “Campione Regionale” - P10 - PS - PSP - migliorando in

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

ta a Lucca la terza gara di Campionato. Nell’occasione, Riccardo sfodera un ottimo 585/600 nella Carabina Libera a Terra Uomini - Gruppo “A” che gli vale il primo posto in classifica, affiancato dal terzo “primo” posto consecutivo nella Carabina ad Aria Compressa. Dario Brini vince nettamente nel Gruppo “B” di Pistola Libera, stessa specialità nella quale, Simone Sanguinetti, conquista il suo Personal Best piazzandosi al settimo posto e sempre Simone si aggiudica un Bronzo nella Pistola Standard grazie, anche in questo caso, al suo miglior risultato. Dominio assoluto sia nella Pistola Libera che nella Pistola Sportiva Juniores Uomini dove Raffaele e Tommaso chiudono rispettivamente, in entrambe le specialità, uno al primo e l’altro al secondo posto. Splendida anche la vittoria di Raffaele nella Pistola Standard, accompagnata da un ottimo quarto posto di Alberto Caroti. Non di minor soddisfazione sono stati il secondo ed il terzo posto di Tommaso e Raffaele nella P10 - Gruppo “A”, il secondo posto di Francesco nella P10 - Gruppo “B” ed il secondo e terzo posto di Federica, uno nella Pistola Sportiva e l’altro nella Pistola a 10 metri Juniores Donne. Anche Massimo, nell’occasione, non si è

379


U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno 380

due specialità i propri “Personal Best” ed un secondo posto in PL. Per lui, il 2013, è stato l’ultimo anno da Juniores. Dalla prossima stagione dovrà confrontarsi nella Categoria Uomini, ma è oramai pronto e con tutte le carte in regola per non sfigurare. Altro risultato di rilievo quello ottenuto da Massimo il quale porta a casa il titolo di Campione Regionale nella categoria Master di PL, un secondo posto nella P10 ed un terzo nella PS. Al termine delle cinque gare, nel Circuito Regionale Toscano, vediamo come si sono piazzate le squadre amaranto. Per l’Aria Compressa: - “CACIUCCO” inserita nel girone “A” e composta da: Carlesi, Chelli, Mele, Minarelli e Montenero, con grande soddisfazione, chiude la stagione sul podio (mai successo prima...) meritando ampiamente il Terzo Posto.

- Nella Pistola Libera “FRITTO DI PARANZA”, composta da Chelli, Mele, Minarelli, Montenero e Sanguinetti, consolida e conferma il Terzo posto in Classifica. Stesso posto ottenuto al termine del Campionato 2012. - Nella Pistola Sportiva, “BORDATINO” composta da Caroti, Chelli, Danti, Ionici e Montenero, seppur inserita in un girone con solo due squadre, conferma comunque il titolo di “Squadra Campione Regionale”. - Nella Pistola Standard, “RISO NERO” composta da Caroti, Chelli, Mele, Montenero e Sanguinetti, consolida il Quarto posto in classifica. Per essere il primo anno a cui si è partecipato anche in questa specialità, niente male. In sintesi, su quattro specialità praticate, un Titolo a Squadre confermato (PSP), due terzi posti (P10 e PL) ed un quarto (PS) non possono essere altro che motivo di soddisfazione e vanto per la Società in primis ma a seguire per tutti, consolidando le basi per una prossima stagione ancor più soddisfacente. Ma le soddisfazioni appunto aumentano quando si passa a vedere la situazione a Livello Nazionale, ed infatti, Chelli e Montenero sono qualificati alla fase finale dei Campionati Italiani in tutte e quattro le specialità praticate (P10 - PL - PS - PSP). Lazzeri, con il suo 368 ottenuto Squadra Pistola Standard Campionati italiani 2013 all’ultima gara in P10, riesce anch’egli a centrare - Sempre nel Girone A, “CINQUE & CIN- la qualifica in “in zona cesarini”. Brini, pur QUE” composta da: Bocci, Caroti, Danti, non avendo partecipato all’ultima gara, Ionici e Lazzeri, si ferma, purtroppo, al è ampiamente qualificato in PL. terzultimo posto in classifica e sarà retroIl massimo risultato mai ottenuto pricessa nel Girone B per la stagione 2014. ma si concretizza poi con l’ufficializzazioUn po’ sottotono le prime due gare della ne delle Squadre ammesse ai Campionati stagione, che ne hanno penalizzato il ri- Italiani Juniores. Ebbene i nostri ragazzi sultato finale ma... bravi comunque. hanno “centrato” la qualificazione in tut- Nel Girone B, “PONCE” composta da te e quattro le Specialità praticate... traLuzzi, Pratesi, Sanguinetti, Terzuoli e Vi- guardo questo, ripetiamo, mai raggiunto sconti, si piazza al sesto posto e confer- prima d’ora e che proietta il Tiro a Segno ma la permanenza nel Girone B per la labronico sempre più in alto in classifica prossima stagione. nazionale. Per le specialità a fuoco invece: Dal 5 all’8 settembre quindi, si e svol-

I magnifici 4 ai Campionati italiani 2013. Da sinistra: Alberto Caroti, Francesco Lazzeri, Raffaele Montenero e Tommaso Chelli

ta presso il Tiro a Segno Nazionale di Roma la fase finale dei “Campionati Italiani di Tiro a Segno 2013” riservati alle cate-

Coppe e medaglie conquistate ai Campionati italiani 2013


Rientrati alla base, reduci da uno storico risultato, circondati dall’affetto e dalla gioia dei loro familiari, i nostri quattro Campioni sono stati degnamente festeggiati della Società Sportiva di Tiro Labronica (un ringraziamento particolare va al presidente della stessa Ottorino Andreini per la disponibilità ed il supporto fornito alla squadra) e poi sono tornati alle loro case per un periodo di meritato riposo in attesa di riprendere la preparazione tecnico/ agonistica per la stagione 2014. La ciliegina sulla torta infine, a coronamento di un Squadra Pistola Libera Campionati italiani 2013 2013 ricco di successi, arriva dal Campionato Italiano siti rest, ad una distanza di 50 metri. La Trainer e SuperTrainer. Specialità que- squadra labronica, composta da Ottoriste ultime che si praticano con carabi- no Andreini, Fabrizio Cardini, Alessanne in Calibro 22.lr, in appoggio su appo- dro Guidi, Loriana Mencacci e Massimo Minarelli, forte dell’esperienza acquisita nell’ambito di un Campionato Regionale assieme ad altri tiratori dove si è sempre piazzata nelle prime posizioni, unitamente alle otto prove di qualificazione ai Campionati italiani, nelle quali, anche in questo caso, ha sempre ottenuto posizioni di rilievo, si è presentata, nel mese di ottobre, presso il poligono di Milano, molto ben preparata ed “agguerrita”. Nell’occasione, la tiratrice Loriana Mencacci, unica donna a partecipare alla finale del Campionato Italiano in una classifica di “soli uomini”, si è laureata “Campionessa Italiana” dimostrando che anche il “rosa” si sposa con “l’amaranto” e che insieme, i nostri colori, si sono fusi in un “tricolore” che ha portato lustro al nostro sport ed alla nostra città.

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

gorie Allievi, Ragazzi e Juniores. Spinti da una fortissima motivazione e da un incontenibile entusiasmo, i nostri quattro giovani, capitanati dal tecnico della Sezione Livornese Leonadro Mele, si sono presentati in quel di Roma con la volontà di riuscire ad ottenere il massimo dalle loro prestazioni. Volontà che ha permesso alla Squadra di Pistola Standard composta da Raffaele Montenero, Tommaso Chelli ed Alberto Caroti di raggiungere il gradino più alto del podio conquistandosi il meritato titolo di Squadra “CAMPIONE D’ITALIA 2013” nella suddetta specialità. Enorme la soddisfazione anche per la Squadra di Pistola Libera composta da Raffaele Montenero, Tommaso Chelli e Francesco Lazzeri che riesce ad ottenere una posizione di notevole prestigio salendo sul podio in Terza posizione. Piccoli problemi tecnici ed un pizzico di sfortuna, hanno tenuto i nostri tiratori lontani dal podio nelle specialità di P10 e Psp. Nell’occasione, a livello individuale, eccellenti sono state le prestazioni di Raffaele Montenero il quale, come già detto in precedenza, ha gareggiato per l’ultimo anno nella categoria Juniores Uomini ed ha conquistato l’accesso a ben due finali ad otto (P10 e PL) ottenendo un eccellente quarto posto nella P10 (a soli due decimi di punto dal podio) e confermando il settimo posto di ammissione nella specialità PL.

Loriana Mencacci

381


Tiro a volo ANDREA MARTIGNONI Oro da record. Un anno iniziato male ma finito molto bene

L’INTERVISTA

Campionato d’Europa a squadre Aprile 2013. Veterani, 1° assoluto

più negli assoluti, anche se poi a squadra siamo andati bene. Un anno di grandi soddisfazioni. Sarà difficilissimo ripetere una stagione come questa”. Obiettivi del 2014? “A marzo ci sarà la prima prova del Campionato italiano, ad aprile l’europeo in Spagna, a luglio il Campionato italiano e poi il Campionato del mondo a settembre a Bologna. Quest’anno il mondiale lo disputiamo in casa, in un campo che conosciamo bene perché frequentiamo, speriamo che questo ci aiuti. Inoltre, nel 2014 non ci sarà il Campionato 24 grammi, ma 28 grammi e si svolgerà sempre sul campo di Firenze, dove sono iscritto e faccio parte del consiglio”.

Il Campione del Mondo Juniores Alessandro Alderani

Un buon anno anche per Alessandro Alderani che nella classifica Juniores ha vinto il Campionato del mondo chiudendo la gara con 21/25 +5 battendo allo shoot-off l’inglese Jack Tucker, secondo con 21 +4. Terzo posto e bronzo invece per Giacomo Dal Porto di Lucca con 19/25. Il prossimo anno Alessandro per raggiunti limiti di età entrerà nei Senior, e dovrà confrontarsi con nuovi sfidanti. Alderani sta anche allenandosi con il tiro al piattello, altra specializzazione da lui praticata che lo ha già visto in passato protagonista di importanti competizioni.

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

U

n atleta tutto d’oro, che nel 2013 ha compiuto una impresa veramente ardua, vincendo 3 campionati italiani su 4 oltre alle medaglie agli europei e ai mondiali a squadre. Per lui l’elica non ha segreti, ed a 58 anni ha espresso il meglio di sé. “Il 2013 è iniziato male per un problema al mio fucile –racconta Andrea Martignoni- ma fortunatamente è finito bene a livello agonistico”. Cosa è successo? “Alla fine del 2012 lo avevo mandato a revisionare, ma hanno fatto degli errori e l’arma non era più come prima. Ho rimandato il fucile alla ditta e ho continuato la stagione con il mio vecchia Beretta S3, che è stato il fucile con cui ho iniziato”. Direi che il vecchio fucile si è comunque comportato bene. “È un’arma molto vecchia e mi ha sicuramente penalizzato. Non ha certamente gli accorgimenti dei nuovi fucili, ma non avevo altre soluzioni”. Nonostante tutto è stato un anno d’oro. “Sì, ho vinto il Campionato italiano 24 grammi a Firenze, il Campionato italiano tripletto a Modena, il Campionato italiano doppietto a Lugo di Romagna. Oro anche agli europei a squadre veterani a Ghedi e argento al Campionato del mondo, sempre a squadre, in Portogallo”. Com’è andata a finire con il fucile? “Me lo hanno rimandato con altri errori, questa volta non più rimediabili, così ho cambiato casa costruttrice e ho preparato un nuovo fucile per la prossima stagione, che mi sembra perfetto. Spero vada tutto bene”. Ricordiamo i componenti della squadra che ha vinto agli europei e ai mondiali. “Oltre a me la squadra era composta da Katia Lucidi di Roma e Giancarlo Benini di Riccione”. Qual è stata la soddisfazione più bella di questo radioso 2013? “L’aver vinto 3 campionati su 4. È un record, una vera sfida. Nessuno, credo, fino ad ora sia riuscito a vincere 3 Campionati su 4 durante la stessa stagione. Devo dire però che nel Campionato europeo e in quello mondiale potevo dare di

383


✾ Produzione propria ✾ Pizza da asporto ✾ Rinfreschi

✾ Compleanni ✾ Pasticceria fresca ✾ Focaccia con torta di ceci

Fornitura all’ingrosso per: Alimentari - Ristoranti Supermercati - Panetterie, su Pisa e Livorno Via Giotto, 37 - Centro Commerciale “La Leccia” • Tel. 0586 852088 384 nannore@virgilio.it • www.panificionannore.it


Tiro con l’arco

Atleta, presidente della Compagnia e padre di un agonista di qualità

Fabio Palandri

T

alvolta il destino pone sulla strada della vita, senza alcun preavviso, un oggetto o una persona capaci di rivoluzionare qualsiasi progetto. Quando questo oggetto assume la forma di un arco e di alcune frecce si può “rischiare” di diventare atleti e presidenti della Compagnia Arcieri Livornese, proprio come è accaduto a Fabio Palandri. “Sono tanti anni –racconta Fabio Palandri- che ricopro il ruolo di presidente di questa Compagnia. Ho iniziato per gioco con mio figlio Valerio, che all’epoca aveva 12 anni, a Madonna di Campiglio, dove trascorrevamo le nostre vacanze. Gli istruttori del luogo ci spinsero a prendere contatti con la Compagnia più vicina al nostro luogo di residenza, perché continuassimo l’attività anche dopo aver terminato il nostro soggiorno in montagna. Probabilmente hanno visto in noi delle qualità che valeva la pena coltivare”. Come è proseguita la storia?

“Fortunatamente a Livorno c’era una Compagnia di arcieri che ci ha permesso di dedicarci a questa disciplina, ed infatti, sono tesserato dal ’92”. Quali le vittorie più importanti? “Ho conquistato la medaglia di argento al Campionato italiano per società e sono sempre stato fra i primi dieci nella mia categorie. Continuo a fare gare, perché penso di poter dare ancora qualcosa”. Le soddisfazioni più belle come presidente? “Sono più di dieci anni che faccio il presidente e di soddisfazioni con questi ragazzi ne ho avute molte, perché sono bravi e motivati. Ovviamente quella che più mi ha emozionato di più è stata

L’INTERVISTA

quando Valerio ha conquistato il bronzo ai mondiale ed è stato convocato alle universiadi. È stata un doppia soddisfazione: da padre e da presidente”. La soddisfazioni più importante come atleta? “La migliore è sicuramente quella dell’anno passato, quando ho vinto uno scontro diretto per accedere alla finale Indoor del Campionato italiano. Ho fatto 10 mentre il mio avversario ha realizzato 9”. Un sogno nel cassetto? “Come atleta l’ho già realizzato perché era quello di andare in pensione e dedicarmi di più a questo sport. Anche come presidente ho già visto concre-

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

FABIO PALANDI

Fabio Palandri

385


F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO 386

tizzarsi alcuni sogni, grazie ai ragazzi convocati in nazionale, come Elena Liuti, constatare che i nostri atleti crescono bene, e sentirti dire che ciò accade grazie a noi. Cosa potrei voler di più?”. In questo momento la punta di diamante è Elena Liuti, ma anche gli altri stanno andando bene. “Sì, certo. Solo per ricordarne un altro cito Davide Chiari che è un atleta d’interesse regionale e sta crescendo molto bene”. Quante strutture avete? “Un’altra soddisfazione che ho avuto è stata il vedere l’incremento delle nostre strutture. Infatti, siamo riusciti a far crescere il campo che abbiamo in gestione a Stagno dotandolo di un tunnel di 24 metri, nel quale possiamo allenarci anche quando piove”. Chi ti senti di ringraziare come presidente? “Prima di tutto i genitori e i soci. Invece non mi sento di ringraziare più di tanto le istituzioni. Livorno è una città che vive solo di calcio, ed i giornali dedicano intere pagine a questa disciplina, ignorando il fatto che noi abbiamo ragazzi che vanno a fare gare internazionali. Ho un buon rapporto con l’assessore allo sport, ma poi alla fine ci rimbocchiamo noi le maniche, perché facciamo tutto da soli”. Di cosa avreste bisogno? “Una maggiore considerazione, equità con gli altri sport. Di noi ci si ricorda solo quando c’è qualcuno che partecipa

alle olimpiadi. Non abbiamo bisogno di grandi strutture, ma un aiuto per la manutenzione di quelle che ci sono servirebbe molto. Andiamo avanti con il volontariato e la federazione che ci aiuta per alcune cose, ad esempio, adesso stiamo adeguando il bagno per i diversamente abili”. Che tipo di disabili avete? “Attualmente abbiamo un non vedente, in passato abbiamo avuto un paraplegico. Il Tiro con l’Arco è uno sport che consente anche ai disabili di competere alla pari. Naturalmente ci sono anche le paraolimpiadi, ma i disabili concorrono anche nelle gare dei normodotati”. Un’esperienza da dimenticare? “Quando ho perso la medaglia d’ora ad un Campionato italiano, perché dall’emozione non mi sono accorto che si era svitata la punta della freccia. In realtà è un’esperienza che non dimenticherò mai”. Quale caratteristica deve avere un atleta di Tiro con l’Arco? “È necessaria avere la capacità di concentrarsi. E poi naturalmente ci vuole l’impegno e la voglia di ascoltare l’allenatore, insomma bisogna essere disciplinati”. Cosa ti ha insegnato questo sport? “L’amicizia. Il Tiro con l’Arco mi ha dato la possibilità di conoscere tante persone in tutt’Italia e costruire con loro importanti legami”. Come è andato il 2013? “Siamo una delle società più numerose a livello agonistico, almeno in Toscana.

Infatti, recentemente abbiamo vinto, a pari merito con una società di Massa, un premio per la maggior partecipazione. Siamo sempre in tanti ad andare alle gare, che si organizzano quasi tutte le domeniche e noi spesso siamo sul podio. Abbiamo avuto poi una buona partecipazione ai Campionati Italiani, ai quali si può accedere dopo delle selezioni, quindi l’aver potuto partecipare in tanti a questa competizione, vuol dire che abbiamo atleti che sono ai vertici. Un’altra cosa bella del 2013 sono stati i festeggiamenti per i 40 anni della nostra società”. Quanti tecnici avete attualmente? “Sono quattro: Paolo Tommasini, Paolo Del Nista, anche responsabile tecnico della Regione, Luca Falanga e Fausto Palandri, responsabile tecnico della Compagnia”. Come vuoi concludere la nostra chiacchierata? “Dicendo che vorrei che il Tiro con l’Arco fosse un’attività un po’ più di massa, rispetto a quanto è adesso. La colpa è del fatto che non è molto conosciuto e non per i costi dell’attrezzatura che non sono alti. Quando si inizia non serve niente perché forniamo tutto noi. In seguito, migliorando il livello e partecipando alle prime gare, si può cominciare a comprare un po’ di attrezzatura, ma ad un buon prezzo, solo quando si arriva ad alti livelli il materiale è più specializzato e i prezzi crescono un po’, ma non si arriva mai a grosse cifre”.


ELENA BALDUCCI La voglia d’iniziare a gareggiare. Essere riflessivi e presenti se stessi

L’INTERVISTA

Elena Balducci diamo qualche urlo quando non ascoltiamo, ma l’atmosfera è bella”. Quante ragazze siete adesso in Compagnia? “Quattro”. Esistono delle differenze fra atleti maschi e atlete femmine? “No”. Cosa ne pensano i tuoi amici di questo sport? “Dicono che è bello, ma nello stesso tempo un po’ strano. Però quando spiego in modo più approfondito come si svolge, si mostrano interessati, l’idea di usare l’arco piace, ed in-

fatti, è uno strumento molto bello”. Chi ti senti di ringraziare? “Prima di tutto mio padre che mi ha fatto scoprire questo sport, senza di lui non sarei qui. Poi i miei allenatori che mi seguono e mi aiutano quando ho problemi con l’arco e tutti gli arcieri livornesi”. Un piccolo neo? “Non aver ancora sperimentato le gare, ma ormai ci sono quasi”. L’ esperienza più brutta? “Quando ho dimenticato di mettere la Dragona e mi è cascato l’arco. Fortunatamente non si è rotto”.

F.I.T.ARCO.: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

È

giovane e da appena un anno è approdata alla Compagnia Arcieri Livornesi, ma ha le idee chiare e le esprime sinteticamente. Eleonora Balducci racconta: “Ho sempre avuto una buonissima mira, infatti, in passato ho fatto anche Tiro a Segno con la pistola ad area compressa, ma era uno sport molto particolare e non mi piaceva, così sono passata all’Arco”. Chi ti ha aiutato a fare questa scelta? “Mio padre, che mi ha consigliata e si è informato sulla Compagnia degli Arcieri”. Che differenza hai trovato fra le due discipline di tiro? “C’è un uso diverso dei muscoli e della respirazione. Io preferisco l’Arco”. Come è andato il 2013? “Ancora non ho fatto gare ufficiali, però ho partecipata a quella organizzata dagli Arcieri della Compagnia, e comunque è stata una soddisfazione perché ho vinto le mie tre prove. Nel 2014 inizierò con le gare ufficiali”. Perché ti piace questo sport? “Mi piace perché devi stare molto con te stessa. Io sono un tipo molto riflessivo, infatti, amo leggere. E poi mi piace l’ambiente della Compagnia, perché è una vera e propria famiglia”. Un sogno nel cassetto? “Arrivare a certi livelli”. Quali? “Quelli che l’allenamento è le capacità mi permetteranno di raggiungere”. Non ti vuoi sbilanciare! Secondo te quali caratteristiche deve avere un atleta che pratica questa disciplina? “Essere presenti a se stessi, non avere eccessi di emozioni. Ho fatto anche altri sport e questo aspetto è sempre molto importante”. Cosa possiamo dire dei tuoi maestri? “Mi piace l’approccio che hanno con noi e come spiegano. Sono molto aperti, familiari, ci diamo del ‘tu’ fin dall’inizio, magari ci pren-

Sede Amministrativa - Show Room - Magazzino

Via dei Fabbri, 10/12 (Zona ind. Picchianti) - 57121 Livorno Tel. 0586 409946 - Fax 0586 406115 - www.barbierilivorno.it - info@barbierilivorno.it 387


Yacht Club Livorno Associazione Sportiva Dilettantistica Molo Mediceo, 63 - 57123 Livorno dalle 08:30 alle 11:30 (lunedì, mercoledì, sabato) dalle 15:00 alle 19:00 (martedì, giovedì, venerdì)

Tel. 0586 896 142 - Banchina 0586 894123 - Fax 0586 895 355 eMail segreteria@ycl.it - Web www.ycl.it

FIV


Vela CLARETTA TEMPESTI

L’INTERVISTA

Campionessa italiana e bronzo ai mondiali. Pendolare per la passione della vela

Claretta Tempesti

Preferisci andare in mare o sul lago? “In mare, perché c’è molta più onda e riesco a dare il meglio”. Progetti per il 2014? “Visto che ho anche l’Esame di Stato ho fatto una selezioni delle regate. Dopo la maturità mi dedicherò di più alla vela”. Qual è la qualità migliore del tuo allenatore? “Sicuramente le qualità tecniche e il sapere insegnare, ma sa anche tranquillizzarmi dal punto di vista psicologico se sono agitata durante le regate”. Essere una ragazza che pratica vele è discriminante? “No, non mi sembra”. Chi ti senti di ringraziare?

“I miei genitori che spendono tanti soldi, che mi hanno sempre accompagnato soprattutto quando ero più piccola e i tecnici”. Come commentano i tuoi amici questo sport? “Mi sostengono, ma non conoscono molto l’ambiente. Comunque fanno il tifo per me”. Il tuo maggior fan? “La mamma”. Il complimento più bello che ti stato fatto e da chi? “Durante le regate internazionali, quando capisco il campo di regata, il mio allenatore si complimenta, ma questo avviene sempre un po’ in generale, come i rimproveri quando sbaglio”.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

C

laretta Tempesti 18 anni è una pendolare della vela, da Firenze, dove abita, con il treno o in macchina con i genitori, viene a Livorno per allenarsi con Gianni Galli sul Laser Radial. “Il primo corso di vela l’ho fatta a sei anni, durante l’estate trascorsa a Castiglioncello, dopo qualche anno ho cominciato ad andare in mare anche in inverno”. Sei stata incoraggiata da qualcuno? “Era un corso che aveva già fatto mia sorella più grande e mia cugina, così seguendo il loro esempio mi sono iscritta anch’io”. I tuoi risultati agonistici? “Sono cominciati ad arrivare quando sono passata al Laser 4.7, vincendo gli italiani under 16 a Marsala. Passata sul Radial ho vinto gli italiano under 19 gli ultimi due anni e poi sono arrivata terza al mondiale under 21 l’anno scorso”. La soddisfazione più bella del 2013? “Il terzo posto ai mondiali”. Come ti organizzi con gli spostamenti fra Firenze e Livorno? “Generalmente esco in mare tre volte alla settimana: il sabato, la domenica e una volta infrasettimanale. Fino allo scorso anno riuscivo a venire a Livorno una volta in più, ma quest’anno ho dovuto ridurre perché sono in quinta Liceo Scientifico e ho anche gli esami. E poi ho la preparazione atletica che faccio a Firenze in palestra”. Che sensazioni ti dà la vela? “È uno sport diverso dagli altri, ti dà la possibilità di stare all’aperto, in mezzo al mare. È una disciplina completa, devi essere sempre concentrata sotto più punti di vista; anche quando ti alleni non ci sono mai le solite condizioni, nessuna regata è uguale ad un’altra”. Qual è l’aspetto negativo di questo sport? “La quantità di tempo che richiese”. Qual è la tua migliore qualità? “La determinazione”. Un’esperienza da dimenticare? “Eurolymp sul Garda dello scorso anno: fu un disastro. Per me era una regata importante, perché valevole per le selezioni di un mondiale, ci tenevo molto, e forse l’emozione era troppa e mi ha condizionata”.

389


390


YCL La formazione degli istruttori federali di vela d’altura

Al Trofeo Accademia Navale con la Banda Bassotti, con gli istruttori Aielli e Gambacciani dello YCL

to lavorativo. Questa miscela di competenze ha delineato subito la figura di base dell’istruttore di 1° livello altura definendolo come persona capace di gestire un equipaggio di allievi in un corso d’iniziazione, sia navigando lungo costa uno o più giorni, oppure utilizzando le uscite quotidiane su imbarcazioni monotipo,senza tralasciare la possibilità di creare un equipaggio di allievi e allenarli ad una attività agonistica. Dal 2006 a oggi, nella sede dello YCL si sono avvicendati 15 corsi istruttori con un totale 400 partecipanti, questa presenza ha permesso allo staff insegnante di perfezionare i corsi che si sono specializzati nella sicurezza e prevenzione degli incidenti in mare, infatti è stato introdotto il brevetto di primo soccorso BLS,

Andrea Aielli durante la premiazione al Trofeo Accademia Navale con il figlio Pietro

l’esercitazione di sparo dei razzi di soccorso durante la navigazione, e soprattutto il brevetto OSR che prevede la simulazione in piscina dell’abbandono della barca e il riparo nella zattera. Le esperienze acquisite dallo staff insegnante hanno permesso di avere un 1° livello da cui escono istruttori coscienti delle loro competenze, ma anche delle loro lacune, perché conoscere i propri limiti favorisce la prudenza e la ricerca della sicurezza e prevenzione a bordo. Certamente non tutti ottengono il brevetto perché la griglia valutativa è molto fitta di verifiche e lo staff insegnante la rispetta in pieno per evitare dubbi o incertezze nel giudizio finale. Grazie a questa attività formativa gli istruttori della scuola vela dello YCL sono diventati la colonna portante dello staff nazionale, dove con la loro preparazione e professionalità hanno fatto del Yacht Club Livorno una realtà nazionale da imitare. Il gruppo dei formatori federali è composto da: Andrea Aielli, Fabrizio Allegrini, Guido Burattini, Paolo Cristofani, Massimo Gambacciani , Antonio Santalena, Riccardo Spanu.

F.I.V.: Federazione Italiana Vela

L’

origine di questa nuova qualifica FIV è avvenuta nel 2006 con il primo corso sperimentale in collaborazione con l’Accademia Navale di Livorno e fu subito una sfida nei confronti degli schemi della formazione federale, dove non era prevista la disciplina della vela d’altura. Ma l’organizzazione del corso, i suoi contenuti e gli stessi partecipanti hanno segnato il successo dell’iniziativa, dimostrando che si può insegnare a navigare anche se si usano altri tipi di barche. Certamente la novità non è stata considerata come una nuova opportunità di crescita, ma la determinazione e coerenza dello Staff dei formatori e dei Consiglieri Federali hanno permesso la crescita di questa iniziativa diventando un progetto formativo di primo ordine. Ufficializzata la figura dell’istruttore d’altura era necessario trovare una sede operativa per i corsi nazionali, un unico centro per tutto il territorio nazionale dove concentrare l’attività formativa e sperimentale della nuova disciplina. Dato che la nascita del progetto è avvenuta a Livorno, è stato facile per la FIV individuare nello Yacht Club Livorno la sede più opportuna per questa attività, anche se preparare il primo corso FIV non è stato semplice. Il corso era riservato a istruttori federali di vario discipline, che volevano specializzarsi in altura e per parteciparvi era necessario superare le prove di selezioni, che prevedevano una parte teorica e una pratica. Il numero dei candidati è andato oltre ogni aspettativa, ma grazie alla collaborazione tra lo staff federale e quello degli istruttori della scuola vela dello YCL il risultato è stato esemplare. Il corso ebbe un successo enorme sia di partecipanti che per l’impostazione data al programma, dove le competenze dei candidati erano la base portante per la loro formazione, oltre alla possibilità di ottenere degli attestati qualificanti utili in ambi-

391


Windsurf

F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

L’INTERVISTA

392

L

LISA TOGNETTI

Campionessa italiana di Techno e seconda nello Slalom

isa Tognetti ha 12 anni e frequenta la seconda media. Come e quando hai cominciato? “Ho cominciato da circa 5 o 6 anni. Un giorno passando con lo skateboard sul mare ho visto delle persone che facevano windsurf e mi è subito piaciuto”. Hai fatto altri sport? “Sì. Nuoto, ginnastica artistica e altri”. Cosa ti piace di questo sport? “Intanto è emozionante essere a contatto, in modo naturale, con il mare e poi gli allenatori sono diversi rispetto a quelli degli altri sport, i nostri non sono severi, vogliono che prima di tutto ci divertiamo”. Quanto ti alleni? “Tre volte alla settimana”. Le tue gare? “La prima regata a cui ho partecipato era per i bambini di 8 – 9 anni sul Lago di Bracciano e mi qualificai al terzo posto.

Poi ho fatto altre gare, e mi sono sempre avvicinata al podio, ma senza salirci, fino allo scorso anno quando nella Techno sono diventata campionessa italiana e nel Campionato di Slalom sono arrivata seconda”. Spiegaci cosa sono queste specialità. “Lo slalom usa una tavola più larga, più corta e ha una pinna grande senza deriva, cioè quella pinna in più che ti dà la direzione. Con questa tavola si può andare più veloci, ma quando c’è molto vento. La tavola del Techno invece è più lunga e pesante, e riesci ad andare anche quando c’è meno

vento”. Preferisci andare sul mare o sul lago? “Sicuramente sul mare, perché lo conosco meglio essendoci nata. I laghi sono completamente diversi fra loro e vanno studiati insieme ai loro venti”. Il complimento più bello che hai ricevuto e da chi? “I complimenti migliori me li fanno i miei allenatori, David Gabriellini e Dario Guarducci, che mi dicono che sono brava”. Qual è la loro qualità migliore come tecnici? “Il fatto che prima di tutto ci insegnano a divertirci, non devi mai affrontare una gara per la competizione fine a se stessa. Quando sbagliamo ce lo dicono sempre, ma sorridendo, sono molto bravi”. E la tua qualità migliore? “Sono molto determinata e sono schematica”. Obiettivo del 2014? “Vorrei migliorare nello Slalom che è la più difficile fra le due discipline che pratico, e riuscire a fare delle strambate, cioè delle manovre particolari. Spero anche di fare dei buoni risultati agli europei”. Un sogno nel cassetto? “Diventare una persona che non critica mai e non è gelosa degli altri. E poi vorrei praticare sempre questo sport con gioia”. Cosa provi quando sei in mare? “Mi sfogo, mi rilasso, anche se la giornata non è stata tanto bella”. Chi fa il maggior tifo per te? “Non ce n’è uno in particolare. I miei genitori perché mi vogliono bene, gli accompagnatori, i ragazzi del gruppo”. Chi ti senti di ringraziare? “Gli allenatori che ci incitano e vogliono sempre il bene per noi”.

Nelle immagine Lisa Tognetti


ALESSIA FULCERI

Campionessa italiana windsurf. La libertà di stare in mare

L’INTERVISTA

F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

A

lessia Fulceri ha 17 anni, fa windsurf da nove ed è al terzo anno di Ragioneria. “Ho iniziato in seconda elementare, c’erano dei miei amici che avevano iniziato da poco e ho voluto provare anch’io”. Il tuo percorso agonistico recente? “Due anni fa abbiamo partecipato ai mondiali come squadra e abbiamo avuto ottimi risultati. Nel 2013 ho vinto i Campionati italiani di windsurf”. La soddisfazione più bella? “Sicuramente la vittoria del Campionato italiano femminile”. Cosa ti piace di più di questo sport? “Il fatto che sia una disciplina singola e poi mi fa sentire libera quando sono in mare”. Preferisci il mare o il lago? “Il mare, perché il lago è più chiuso e limitato”. Un’esperienza da dimenticare? “Sul lago di Garda quando mi si è rotto il boma e non sapevo come rientrare”. Qual è la qualità che più apprezzi dei tuoi allenatori. “Ci seguono molto, sono un po’ come dei padri quando ci accompagnano alle regate”. La tua qualità migliore? “La grinta”. Il progetto per 2014? “Nel 2013 ho vinto una tappa di Sup Wave, così nel 2014 mi piacerebbe vincere i campionati femminili di questa disciplina”. Spiegarci cos’è il Sup Wave. “È quello che si fa con il remo, ma sulle onde”. Un sogno nel cassetto? “Fare un bel viaggio per partecipare a qualche gara internazionale”.

Chi è il tuo maggior fan? “Gli allenatori e la famiglia”. Chi ti senti di ringraziare? “Gli allenatori, tutti gli amici che fanno con me questo sport e la mia famiglia”. La cosa più bella di questa disciplina? “Mi ha fatto capire che quando si è in mare bisogna saper valutare bene la situazione, altrimenti può essere anche pericoloso”. Un aspetto brutto?

“È uno sport costoso e non sempre lo si può praticare perché non ci sono le condizioni”. Preferisci farlo in estate o in inverno? “In estate perché fa meno freddo”. È uno sport pericoloso? “Può succedere che il vento cambi improvvisamente e ti trovi in difficoltà per rientrare”. Il rapporto con gli scogli? “Doloroso. Anche con i ricci è doloroso”.

Nelle immagine Alessia Fulceri 393


Centro della Sicurezza Impianti di sicurezza meccanici:

Impianti di sicurezza elettronici:

• Centro duplicazione chiavi

• Antifurto

• Installazione serrature antifurto

• Antirapina

• Porte blindate

• Segnalatori d’incendio

• Chiavi a cilindro europeo

• T.V. a circuito chiuso

• Casseforti • Armadi di sicurezza, corazzati e incombustibili

• Controllo accessi • Automatismi

• Ritardatori di apertura

• Videoregistratori digitali su ip

• Chiavi elettroniche per auto

• Nebbiogeno

MARCHI SILCA - DOM - ISEO - CISA - MOTTURA MULTLOCK - LA GARD - SARGENT - TESIO STARK - EVVA

MARCHI AMC - BOSCH - DAITEM - VISONIC SONY - GESCO - TEKNOFOG ELKRON - SATEL

Servizio di controllo efficienza per gli impianti fisici ed elettronici Lista di referenze:

Nuovo Stadio Juventus | Università di Treviso Università di Trento I Palazzo Umanesimo- Latino | Università di Udine | Fondazione Cassa Risp. Trieste | Camera Commercio Milano | Agenzia Sviluppo Trentino Spa | Università Bicocca | Coop Lombardia | Geox, Treviso | Fincantieri | AVIS | Ospedale Regionale Treviso | Telecom Italia | Hypo Bank | Mercedes Italia | Ikea | Enel Energia | TAV | Università Trieste | Università Cattolica | Scalo Fluviale Venezia | Aeroporto, Monaco | Ospedale ebraico, Berlino | Ministero degli Affari Esteri, Roma | R.F.I. Ferrovie Italiane, Varie Sedi | Scuole federali, Austria | Banca di Roma | Impianti di risalita, Zermatt | Policlinico Univ. Tor-vergata , Roma | Centro congressi Telekom, Amburgo | Teatro Comunale Treviso | Parco Divertimenti Leolandia Minitalia, Bergamo | T-Mobile, Vienna | Ministero degli Esteri, Vienna

Via Provinciale Pisana, 246 - LIVORNO - Tel. 0586 405296 email: info@cds-livorno.it - www.cds-livorno.it


Dama La Dama Inglese consacra Michele Borghetti Campione del Mondo Un grande successo che si aggiunge alla fama del circolo damista livornese La dama inglese è notevolmente diversa da quella italiana e lo studio di questa disciplina comporta un modo di ragionare molto diverso rispetto a quello del nostro sistema. Miki ci si è dedicato attivamente solo nel 2010 e in nemmeno 3 anni ha ottenuto: nel 2010 a Dublino vince il Challenge per la sfida al campione del mondo; nell’agosto 2011 a Cleveland è vice-campione del mondo; nel luglio 2012 a Lille è medaglia d’oro ai Giochi Olimpici della mente; nel luglio 2013 a Livorno è CAMPIONE DEL MONDO! Da notare che la sfida del 2013 era la rivincita del match mondiale del 2011 fra i due stessi avversari, e allora la vittoria arrise a Moiseyev che batté un Miki praticamente inesperto e debuttante per sole 7 vittorie contro le 6 di Miki e 27 pareggi. Quindi quella del 2013 era la rivincita fra i due migliori giocatori del mondo. Il primo match di dama inglese, la più diffusa al mondo, quella

Michele Borghetti con il padre Gianfranco e la Coppa del Mondo

che ha visto il trionfo di Miki, è avvenuto nel lontanissimo 1847; da allora i vincitori sono stati giocatori esclusivamente americani, inglesi e comunque di madre lingua inglese. Quindi Miki è il primo che sia riuscito a spezzare un’egemonia che durava da ben 166 anni.

Differenze fra dama italiana e inglese

Il gioco della dama si pratica in modi molto diversi, in varie parti del mondo. Alcuni si giocano solo nella nazione da cui prende il nome, mentre altri sono diffusi in varie parti del mondo. Quello più conosciuto e praticato e che troviamo anche in tutti i programmi su internet è quello di dama inglese, quello nel quale Miki è diventato il Campione del Mondo. Premesso che il “campo di gioco” (damiera) è identico e cioè formato da un quadrato di 8x8, vediamo quali sono le differenze fra il nostre gioco e quello inglese. 1) A dama italiana la casella scusa (cantone) si colloca alla destra dei due giocatori e a dama inglese a sinistra; 2) a dama italiana muove sempre per primo il bianco e a dama inglese il nero; 3) a dama italiana la pedina non può mangiare la dama mentre a dama inglese ciò è possibile; 4) a dama italiana, quando si devono mangiare i pezzi dell’avversario bisogna rispettare il maggior numero di pezzi da mangiare e a parità di pezzi bisogna mangiare la migliore qualità e sempre con la dama piuttosto che con la pedina; a dama inglese la scelta è libera e quindi si può scegliere se mangiare 4 oppure un solo pezzo av-

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

C

ampione del Mondo di Dama, un sogno che si è realizzato!!! Il nostro concittadino Michele Borghetti è riuscito nella grandissima impresa conquistando il titolo mondiale di dama inglese (il sistema di gioco della dama più praticato e conosciuto al mondo), al termine di un match che lo ha visto prevalere contro il russo naturalizzato americano Alex Moiseyev. Da notare che Moiseyev deteneva il titolo da ben 11 anni, da quando nel 2002 lo conquistò battendo un altro americano, Elbert Lowder; da allora solo vittorie nei match successivi, fino a che non ha sbattuto, è il caso di dirlo, contro lo scoglio livornese. E in un campo, quello della dama inglese, la più diffusa nel mondo, nel quale il nostro concittadino si cimenta da soli 3 anni, per percorrere anche altre strade dopo che da oltre un ventennio ha dominato in lungo e in largo la dama italiana.

395


versario e se farlo con una pedina anziché con una dama. Mentre i punti 1 e 2 non sono molto influenti, rimane evidente che i punti 3 e 4 rendono il gioco, e quindi lo studio e la conoscenza, completamente diverso.

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

Luogo e cronaca dell’incontro

396

non è giocatore che si arrenda, vince la 17a e, dopo una lunga serie di pareggi, vince anche la 28a riportandosi quindi in parità 3-3. Da evidenziare che in caso di parità al termine delle 40 partite, il titolo sarebbe rimasto a Moiseyev, in quanto Campione in carica. Questa rimonta sembra influire negativamente su Miki ma, dopo il giorno di riposo, il nostro concittadino reagisce alla grande e si aggiudica le partite numero 31 e 34 portandosi sul 5-3 al termine della nona giornata e quindi dopo 36 partite. Sabato 6 luglio inizia l’ultima giornata, con 4 partite da giocare e un vantaggio incoraggiante da parte di Miki; dopo la 37a partita finita in parità, Miki gioca una 38a da manuale e si porta sul 6-3, rendendo inutili le ultime due partite.

Entusiasmo alle stelle da parte di tutti i suoi tifosi presenti all’Hotel La Vedetta e su collegamento streaming e invasione di messaggi di congratulazioni. Arrivano anche decine di telefonate e fra queste una graditissima: quella del Presidente Nazionale del Coni, Giovanni Malagò che si complimenta personalmente con Miki e lo invita a Roma dove viene ricevuto tre giorni dopo, durante una seduta collegiale della Giunta. Malagò si dimostra un perfetto ospite e fa sedere Miki sulla sua poltrona per farlo parlare.

Il match si è svolto a Livorno, negli accoglienti e spaziosi locali dell’Hotel “La Vedetta” di Montenero, una bellissima struttura immersa nel verde delle nostre colline, che ha permesso di trovare quella tranquillità e quel silenzio necessari per concentrarsi e poter dare il meglio di sé in questo sport del cervello Ringraziamenti nel quale la riflessione e il ragionamenÈ doveroso ringraziare anche chi, in to sono alcune delle armi principali per qualsiasi modo, ha contribuito alla riupoter esprimere il meglio di se stessi. scita del match con la presenza o in alLa direzione di questo complesso altro modo: il Circolo Damistico di Fogberghiero per due settimane è stata a gia (per il quale Miki è tesserato) col suo completa disposizione dei gioPresidente Alessandro Solazcatori, degli arbitri e di tutto zo, la Federazione Italiana Daquanto e quanti gravitavano ma e i suoi Consiglieri Claudio intorno a questo grande evenCiampi e Luca Iacovelli, il Circoto. lo Damistico di Bacoli, la CTT e A tutta l’equipe dell’Hotel “la il Circolo ATL di Livorno, il Coni Vedetta” va il ringraziamento nella persona del suo Presidendi tutti i damisti italiani. te Gianni Giannone che ha asIl calendario prevedeva 4 sistito a gran parte del match, partite al giorno e due giorni la Provincia di Livorno col vicedi riposo dopo la 12a e dopo la Presidente Bonsignori, Fabri28a partita, quindi dopo 3 e 7 zio Michelucci, e il Presidente giorni. Giorgio Kutufà (presente sia alPartenza in salita per Mila cerimonia di apertura che a ki che perde subito la prima quella di chiusura) e la sua separtita ma non si scoraggia gretaria signora Francesca, alperché sa bene che ha tutto il tre autorità e rappresentanti tempo per recuperare. Le altre dell’ordine pubblico quali l’ex 3 partite della giornata termiVice-Questore Luigi Canu, il nano in parità. Comandante della Stazione CC Seconda giornata: Miki vince di Montenero, il Presidente delsubito la prima partita e ragla Pro-Loco Mario Lupi, i consigiunge l’avversario. Anche in glieri del Comune di Livorno questo caso pari le altre 3. La Dinora Mambrini, Marco Canterza giornata vede 3 pareggi nito e Valerio Vergili; inoltre le iniziali e la vittoria di Miki nella centinaia di altri appassionati 12a partita, vittoria che gli cone giocatori di dama intervesente di passare in vantaggio nuti a Montenero da tutta Ita2-1. lia e molti amici personali, anDopo la giornata di riposo, si che se non appassionati, ma riprende e Miki, anche in quecome semplici tifosi di Miki. sto caso, vince subito la priUn ringraziamento particoma partita e pareggia le altre lare all’amico Mauro Giusti, il 3. Il punteggio è quindi di 3-1 più grande collezionista italiaMichele Borghetti Campione del Mondo, con il rappresentante del a suo vantaggio e 12 pareggi no di libri di dama, che ha forConi Provinciale Gianni Giannone (a sinistra) e il vicepresidente della Federazione Dama Claudio Ciampi dopo 16 partite. Ma Moiseyev nito a Miki tantissimo materia-


Michele Borghetti con lo sfidante Moiseyev e Michele Gasparri durante una pausa

co, senza nessun intoppo in quanto tutto ha funzionato alla perfezione, grazie all’ottimo lavoro dei tecnici della Securbyte che hanno curato tutta la trasmissione. La vittoria di Miki ha suscitato enorme sorpresa e ammirazione nell’intero ambiente damistico mondiale e il nostro concittadino è stato letteralmente sommerso da messaggi di congratulazioni; l’evento è stato seguito dai maggiori quotidiani nazionali e da riviste di grido quali Vanity Fair, Gazzetta del-

lo Sport, Corriere della Sera, Il Resto del Carlino, Gazzetta del Mezzogiorno, Famiglia Cristiana, ecc. ecc. ed ha avuto un seguito eccezionale dalla stampa locale, e in particolar modo su “Il Tirreno” e “La Nazione” e da quelli online “Amaranta“, “Quilivorno”, “Gianni Picchi”, “Costa Ovest” e molti altri ancora per un totale di oltre 500 articoli. La Rai, Telegranducato e altre TV regionali hanno dato ampio spazio all’evento. Il match non sarebbe stato possibile, come ben si capisce, se non ci fossero stati i numerosi sponsor.

L’impegno dei damisti livornesi

Moiseyev (a sinistra) contro Michele Borghetti durante il mondiale 2013. La 37esima e penultima partita: dopo meno di un’ora dopo Michele diventa Campione del Mondo

Per ultimi, ma primi per impegno e dedizione, tutti i componenti del Circolo damistico livornese (Antonio Tassone, Franco Manetti, Mauro Giusti, Matteo Bernini, Paolo e Fulvio Blandina, Luciano e Danilo Conterio, Massimo Boldrini, Andrea Cardosi, Gabriele Langella, Giuseppe Amoroso, Simone Ghezzani, Irene Persico). Infine, Gianfranco Borghetti, padre di Miki, che ha dato anima e corpo per la realizzazione di questo match. Ci scusiamo fin da ora se nel lungo elenco abbiamo involontariamente “saltato” qualcuno. Il prossimo match mondiale avverrà nel 2015 e lo sfidante di Miki uscirà fuori da un torneo da svolgersi nel 2014 e vedrà la partecipazione di tutti i migliori

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

le utile per studiare e per approfondire le proprie già enormi capacità. Unica a non essere presente l’Assessore allo Sport del Comune di Livorno Maurizio Bettini che è stato notato per la sua assenza e per aver negato ogni forma di contributo alla manifestazione. Ma sarebbe ingeneroso chiudere così il riferimento al Comune di Livorno senza nominare l’Ufficio Stampa, che si è invece prestato molto per la diffusione delle notizie. Per quanto riguarda il Sindaco, dopo il match, ha ricevuto Miki scusandosi per le manchevolezze di chi avrebbe dovuto essere più presente e dicendo che, se lo avesse saputo, sarebbe intervenuto personalmente. Al termine dell’incontro si è impegnato per l’organizzazione di una manifestazione, che si sarebbe rivelata bellissima, svoltasi poi nei saloni del Lem l’ 8 novembre, denominata “Giochiamo a dama con il Campione del Mondo” e che ha visto la partecipazione di circa 200 bambini di scuole elementari e medie di Livorno; questo grazie anche alla fattiva collaborazione dell’Assessore all’Istruzione signora Carla Roncaglia e della gentilissima e molto efficiente segretaria signora Antonella Panza. Il match è stato trasmesso in diretta streaming e seguito dagli appassionati di tutto il mondo che hanno potuto così godere di ben 100 ore esatte di gio-

397


F.I.D.: Federazione Italiana Dama 398

Franco Manetti (a sinistra) impegnato nel Campionato italiano a squadre articolo

giocatori del mondo, con esclusione ovviamente dello stesso Miki, che aspetterà il vincitore di questo challenge. C’è da ricordare che Miki, oltre al titolo mondiale e quello Olimpico dei giochi della mente, detiene ben 43 titoli italiani e un altro record mondiale che ha dell’incredibile: quello di aver giocato bendato ben 23 partite simultaneamente. Un record che ha dell’incredibile e che da un puto di vista delle difficoltà è sicuramente più impegnativo di qualsiasi altro titolo.

Sintesi delle vittorie dei campioni livornesi

Livorno è sempre stata considerata la “culla” del gioco della dama; oltre alle strepitose imprese di Miki ci sono da ricordare i titoli italiani di molti giocatori, per un totale che supera ampiamente il numero cento. Franco Manetti, 15 volte campione assoluto a squadre e altri titoli minori; Gianfranco Borghetti, campione assoluto sia a squadre di dama italiana che per corrispondenza a dama internazionale e vincitore anche di molti altri titoli, oltre ad essere un arbitro internazionale di lunga militanza; Matteo Bernini, campione assoluto a squadre e a coppie, nonché 5° classificato alle Olimpiadi della mente del 2012 a Lille, vinte da

Miki e che quindi hanno visto ben 2 livornesi ai primi 5 posti del mondo. Se poi andiamo a vedere i campioni del passato, ricordiamo i 7 titoli assoluti di Piero Piccioli, i due di Botta e Coppoli e quelli di Manlio Ganni e Renzo Ambrosi. Infine, una lunga serie di titoli minori per un totale di oltre 120, che nessun altro Circolo di dama può vantare in Italia. E pensiamo anche che la città di Livorno, che pure ha infiniti successi in vari sport minori, debba essere consapevole di quanti siano stati i nostri Campioni di Dama.

campionato italiano assoluto di dama internazionale, altro sistema di gioco e ben 3 gare nazionali di dama italiana. Ma anche i vari Matteo Bernini (la grande promessa del damismo livornese), il veterano Franco Manetti e i giovani Fulvio Blandina, Massimo Boldrini, Gabriele Langella e Giuseppe Amoroso hanno ottenuto ottimi risultati ponendo il Circolo Damistico Livornese, ancora una volta, all’attenzione nazionale. Un allievo di qualità è il giovanissimo Andrea Liguori. Utilissimi per tutti sono gli insegnamenti dei Maestri Borghetti e del Maestro Manetti e di Mauro Giusti, un vero punto di riferimento per tutti noi, per la sua disponibilità e per il tantissimo materiale che mette a disposizione. Dove giocare a dama a livorno? I damisti livornesi si ritrovano da molti anni al Circolo Atl, in via delle Galere 14 e, recentemente, anche al Centro Anziani del Forte San Pietro, nella omonima via. Chiunque fosse interessato ad apprendere o ad approfondire le conoscenze del gioco della dama, può recarsi quindi in queste due sedi dove troverà le opportune informazioni.

Attualità dei damisti livornesi

Nel 2013 i damisti livornesi hanno ottenuto, ancora una volta, grandi risultati. Michele Borghetti, oltre ad aver vinto il Campionato mondiale di dama inglese si è aggiudicato anche, per la quarta volta, il

Mauro Giusti


Foto di gruppo dei damisti livornesi

MATTEO BERNINI

Uno dei più giovani Maestri di Dama, allievo del campione del mondo e promessa futura

L’INTERVISTA

di Antonella De Vito

l’anno in cui sono diventato Maestro, e ho conquistato la vittoria al Campionato a Squadre e al Campionato a coppie insieme a Michele”. Quanto ti impegna la dama? “Abbastanza. Io mi diverto, gioco su internet, guardo le partite degli altri. Ho una buona memoria visiva e riesco ad assimilare subito le mosse. Bisogna dedicare un paio di ore al giorno per studiare anche sui libri, con una damiera accanto, per analizzare il gioco, le combinazione possibili, capire il perché di certe mosse. Tutto ciò richiede parecchio tempo”. Quale deve essere la caratteristica di un buon damista? “La pazienza e la capacità di analisi”. La memoria visiva in cosa ti ha favorito, oltre al gioco della dama? “Nello studio della geografia. A scuola era la mia materia preferita, sapevo tutte le capitali del mondo”. La soddisfazione più bella? “La più bella è stata sicuramente il quinto posto alle olimpiadi di dama inglese, poi c’è l’essere diventato maestro e la medaglia di bronza assegnatami dal Coni”. Quale deve essere la caratteristica di un buon maestro? “Spiegare bene, partendo dalle cose elementari e farsi capire”. Il tuo idolo? “Naturalmente Michele Borghetti, ma anche Gianfranco Borghetti e Franco Manetti. Sono i miei maestri, devo a loro quello che sono oggi”. Esperienze da dimenticare? “Per ora non ne ho”. Un sogno nel cassetto?

Matteo Bernini

“Provare a vincere il prossimo challenger. È dura, ma bisogna provarci”. Il complimento più bello che ti è stato fatto? “Non ricordo nello specifico cosa mi è stato detto, ma dopo il