__MAIN_TEXT__

Page 1

Provincia di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

Grappling . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209

Comune di Livorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

Motociclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211

CONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

Nuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219

AZZURRI d’ITALIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

Pallanuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226

Veterani dello Sport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

Pallavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

Veterani dello Sport Collesalvetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

Basket . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242

Panathlon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

Pesca da natante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

Presentazione Almanacco 2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

Cica Sub . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

Automobile Club d’Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65

Pesi e Cultura Fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263

Karting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79

Pugilato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271

Atletica leggera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83

Rugby . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291

Baseball - Softball . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

Scherma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305

Danza Sportiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

Diversamente abili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321

Calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

Equitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335

Canoa - Unione canottieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

Tennis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339

Canottaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

Tennis Tavolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345

Ciclismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133

Triatlhon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349

Cronometristi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148

Tiro a Segno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353

Ginnastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151

Tiro a volo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357

Pattinaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161

Tiro con l’arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363

Arti Marziali - Judo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172

Vela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367

Arti Marziali - Lotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175

Surf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384

Braccio di Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185

Dama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387

Arti Marziali - Karate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189

Scacchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391

Indice

INDICE

Karate - Folgore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198 1


Il saluto del Presidente della Provincia di Livorno

Giorgio Kutufà

Giorgio Kutufà

D

esidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione editoriale dell’Almanacco dello sport. Cronaca sportiva di ieri e di oggi. Con l’Almanacco disponiamo di uno strumento che racconta un anno di sport

Giorgio Kutufà e Luca Agamennoni, argento a Pechino

con sintesi puntuale ed esaustiva. Nel corso degli anni la qualità del prodotto è andata via via migliorando, riuscendo a divenire un appuntamento tanto atteso, quanto ricercato negli ambienti sportivi.

Giorgio Kutufà e Ivan Mach di Palmstein, atleta dell’anno 2009

Gli editori hanno dimostrato, di anno in anno, un’indubbia capacità professionale, sostenuta dal lavoro e dalla competenza dei redattori. L’Almanacco ha il pregio di non essere soltanto una “celebrazione” degli sport più ricchi, ma un contenitore che offre visibilità anche alle attività preparate con il duro lavoro degli atleti e la buona organizzazione, spesso frutto dell’impegno di tante famiglie, di numerose associazioni e società che, con poche risorse, senza sponsorizzazioni, senza diritti televisivi, continuano a sostenere i giovani, a educarli a una vita sana, al rispetto delle regole, alla disciplina del corpo e dello spirito. È con grande piacere, pertanto, che porto il saluto -mio personale, dell’Ente che presiedo e della comunità che rappresento- a tutti gli sportivi, praticanti e non, che avranno l’opportunità di leggere questa pubblicazione. Giorgio Kutufà Presidente della Provincia di Livorno

Provincia di Livorno

Grazie all’Almanacco dello Sport

3


amano fare belle passeggiate immersi nella natura. L’isola fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha una perimetrazione a mare divisa in due zone: la zona 1 che è riserva integrale e quindi inaccessibile e la zona 2 nella quale si può transitare, sostare, fare il bagno ed in una zona limitata,con apposito permesso, è possibile pescare. Ha una popolazione di 350 persone che vive prevalentemente di turismo, pesca ed edilizia. Il collegamento marittimo è garantito giornalmente dalla Soc. Toremar con potenziamento estivo tramite mezzi veloci di società private. Dal 1873 al 1986 è stata Carcere Agricolo, con un massimo 350 detenuti. Attualmente le strutture dell’excarcere sono abbandonate ma, fanno parte di un progetto di recupero attraverso il piano strutturale comunale, così che Capraia continuerà a crescere nel rispetto dell’ambiente e di un turismo consapevole di quello che l’isola offre.

Scotto Pubblicità Livorno

Capraia, una delle “sette perle” dell’Arcipelago Toscano, è l’isola più distante dalla Costa Toscana, 36 miglia. Vicinissima alla Corsica, 15 miglia, le è molto simile nel modo di vivere e nel dialetto. La sua origine vulcanica, una prima eruzione risale a circa nove milioni di anni fa ed una seconda a circa quattro, l’ha resa isola selvaggia, aspra con coste a picco sul mare. Queste sono le caratteristiche che la distinguono dalle altre isole ma, è grazie a queste, per scelta degli isolani storici che hanno ritenuto essenziale mantenere e conservare così il suo aspetto, che è oggi frequentata da molti turisti alla ricerca della sua natura incontaminata. Ha una superficie di 20 Kmq circa ed è possibile visitarla attraverso i vecchi sentieri usati una volta dai contadini, dai carbonai e dalla Marina Militare che aveva una postazione di rilevamento meteorologico sul Monte Arpagna , meta di coloro che


Il saluto dell’Assessore allo Sport della Provincia di Livorno

Fausto Bonsignori La diffusione quantitativa e qualitativa dello sport a Livorno

C

on piacere reco il mio saluto a questa importante pubblicazione del mondo sportivo cittadino e non solo.

Provincia di Livorno

Fausto Bonsignori

Dall’Almanacco emerge la diffusione della pratica sportiva a Livorno, in senso non solo quantitativo ma qualitativo. Nell’Almanacco, insieme alla presentazione delle esperienze delle moltissime associazioni sportive e delle gesta degli sportivi di eccellenza, possiamo leggere un importate spaccato della realtà cittadina.

Ho sempre sostenuto che lo sport costituisca un elemento molto importante dello sviluppo umano, della convivenza pacifica, della coesione e dell’integrazione sociale e culturale, della possibilità di entrare in relazione. La Provincia di Livorno, in accordo con gli indirizzi della programmazione regionale, definisce criteri ed obiettivi all’interno

dei quali collocare gli interventi garantire il consolidamento della pratica sportiva esistente e la crescita delle attività sportive e motorie. Intendiamo la pratica sportiva come bene sociale collettivo, elemento di promozione e di integrazione sociale e culturale, occasione di sviluppo delle varie realtà territoriali ed ambientali. Pur nelle difficoltà enormi a cui ci costringe la situazione economica del Paese e delle Amministrazioni locali, cercheremo di assicurare sempre al meglio il nostro impegno in questa direzione. Fausto Bonsignori  Vicepres. della Provincia di Livorno Assessore a Cultura, Istruzione, Sport  5


Comunale Livorno


Il saluto del Sindaco del Comune di Livorno

Alessandro Cosimi Una traccia a memoria degli avvenimenti sportivi livornesi soprattutto formativo: mai come adesso. E io, che sono uno sportivo, guardo con un sentimento di fiducia al lavoro e al gran-

E

ccoci col nuovo appuntamento con l’Almanacco dello Sport, continuando una tradizione cara ai nostri cittadini che amano conservare questa pubblicazione come traccia a memoria degli avvenimenti sportivi che si sono succeduti nel tempo. Come negli anni passati vi ringrazio per lo spazio che mi concedete per un saluto, per attestare con poche ma sentite parole il riconoscimento di questo libro di ricordi. Considero importante ogni sport e la giusta voglia di vincere che deve animare gli

Il Sindaco Alessandro Cosimi premia un giovane Aldo Montano

mo di se stessi nella ricerca del miglior risultato possibile: anche questo è crescere ed educare, perché lo sport è rispetto di sé, degli altri, è un continuo mettersi alla prova. In questo periodo di manovre anticrisi in cui i Comuni, in modo particolare, hanno da affrontare oneri senza precedenti, in questo periodo di crisi profonda della cultura, di paura verso l’altro e innanzitutto rispetto al diverso, lo sport deve avere un ruolo,

Comune di Livorno

sportivi; apprezzo l’importanza della gara quale esperienza e momento in cui ci si confronta coi propri limiti e si dà il massi-

de impegno degli sportivi livornesi che ci hanno regalato successi anche in competizioni mondiali. Nella nostra città infatti e nella nostra provincia sono molti gli atleti che, a vario livello, si mettono alla prova in qualche attività sportiva. Nell’Almanacco si leggono grandi abilità e piccoli fatti, speranze, competizioni e trionfi: anno dopo anno vi è in questa pubblicazione tutta la storia dello sport labronico. A quanti hanno lavorato anche quest’anno con passione alla realizzazione di questo libro vanno i ringraziamenti dell’Amministrazione Comunale e i miei personali, augurando ancora una volta la più ampia diffusione editoriale.

Alessandro Cosimi Sindaco di Livorno

Il sindaco con Roberto Scotto alla presentazione dell’Almanacco 2009

7


Per evitare un mare di guai‌ Affidati a chi può aiutarti a trascorrere ore di navigazione serene, tutelando il tuo capitale alle migliori condizioni del mercato assicurativo La nostra missione prevede una consulenza mirata alle tue personali esigenze con prodotti assicurativi moderni per garantire il godimento sereno delle tue ore di navigazione (e non solo).

Servizi Assicurativi Srl Via delle Cateratte, 64 - 57122 LIVORNO Tel. +39 0586 896901 - Fax. +39 0586 897018 e-mail: info@assimar.com


Il saluto dell’ex Vicesindaco del Comune di Livorno

Luca Bogi

L

’Almanacco dello Sport livornese è veramente una pubblicazione incredibile, non ti stanchi mai di sfogliarlo, alla fine ti piace anche la pubblicità! “Livorno tra le più grandi dello sport mondiale” e “Città più medagliata d’Italia” non sono slogan e non è un caso. Nell’Almanacco si mette orgogliosamente in evidenza che nella nostra meravigliosa città vengono praticati tutti gli sport (mancano solamente gli sport invernali per ovvie ragioni) ed i nostri atleti raggiungono vette di eccellenza; ne è testimonianza la lista degli atleti che costituiscono il medagliere “azzurro” aggiornato puntualmente ogni anno con medaglie in campo europeo, olimpico, mondiale. “Successi certo non casuali, legati forse – come dice il Presidente Rodolfo Graziani – alla diffusa pratica sportiva sul territorio, ad una non improbabile predisposizione genetica allo sport dei suoi abitanti, favorita dal miscuglio di razze che in passato hanno popolato Livorno e soprattutto, al carattere e allo spirito audace e battagliero della sua gente.” Quella giusta dose di genio e fantasia, aggiungo io, insito nell’animo labronico,

che unisce la tecnica acquisita con la pratica ferrea della disciplina sportiva, all’estro creativo, capace di rinnovare ciò che ha appreso per andare oltre verso vette inesplorate. Il Presidente Graziani ha voluto celebrare Livorno e la sua provincia con un DVD dal titolo “CAMPIONI LIVORNESI”. Livorno e la sua provincia terra di arte, sport e campioni, con la regia di Rossano Vittori. Dal “cavaliere volante” Federico Caprilli prima medaglia olimpica nel lontano 1900, a Nedo Nadi, il più grande schermidore di ogni tempo, fino agli ultimi gloriosi alfieri dello sport labronico. Tutti accomunati in un viaggio lungo oltre un secolo e raccontati attraverso interviste, foto e filmati di repertorio tratte dalle cineteche RAI e dell’Istituto Luce, che si intrecciano con la presentazione di concittadini artisti di fama internazionale, con immagini e musiche della città. Il DVD si è aggiudicato la Menzione d’onore «Sport Movie & Tv 2011» al campionato mondiale del cinema e della televisione, concorso al quale partecipavano ben 1000 film provenienti da 50 nazioni. Così oltre all’almanacco, non può mancare nelle case dei livornesi, questa opera d’arte cinematografica. Ora la domanda nasce spontanea e la rivolgo anche ai lettori dell’Almanacco: a quando un museo dello sport a Livorno? Parte del merito di questi successi possiamo attribuirla all’Amministrazione Comunale che provvede con l’Ufficio Sport a sostenere ed incoraggiare le tante espressioni sportive che si organizzano in maniera autonoma sul territorio. In collaborazione con gli uffici tecnici municipali, ha la responsabilità di mantenere in efficienza le decine e decine di strutture sportive comunali (stadio, palazzetti, piscine, campi di calcio, baseball, rugby, palestre, piste, etc). Compito tutt’altro che facile, non solo per la complessità della materia, ma oggi sempre

di più, per la gravissima carenza di risorse economiche a causa dell’attuale crisi e dei tagli ai Comuni da parte dello Stato. L’Amministrazione Comunale comunque è pronta a fare la propria parte per dare una risposta ai bisogni dei cittadini avendo ben presente che praticare sport è anche benessere, salute e socialità. Nell’Almanacco ha sempre trovato lo spazio che merita nel panorama sportivo, l’attività del CONI Provinciale. Tante le iniziative istituzionali e i progetti realizzati con il Presidente Gino Calderini in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e nel caso di “Giocosport” anche con l’Ufficio Scolastico Provinciale. Quest’anno, di fronte alla ipotesi di cancellazione dell’articolazione territoriale a livello provinciale del CONI formulata dal Presidente Nazionale CONI, ci sentiamo di esprimere tutta la nostra preoccupazione ed il nostro dissenso, perché riteniamo che con questa soluzione non si ottengano le economie di scala ipotizzate e per contro si riduca praticamente a zero l’attività del CONI sul territorio, creando grave nocumento alla cultura e alla pratica sportiva dei cittadini. Concludendo queste poche righe di sincero apprezzamento per il vostro lavoro, desidero ringraziare pubblicamente le tante persone che dedicano al mondo dello sport il loro tempo gratuitamente, con la soddisfazione di impegnarsi per la crescita dei nostri bambini/ giovani sul piano fisico, mentale, etico e sociale. In particolare, vorrei indirizzare un abbraccio agli atleti diversamente abili (ed ai loro genitori), che praticando lo sport migliorano la qualità della loro vita ed insegnano ai volontari che li seguono e a tutti noi, il significato delle parole coraggio, speranza e perseveranza. Luca Bogi Ex Vicesindaco Comune di Livorno con delega allo sport

Comune di Livorno

L’orgoglio di essere sportivi

9


Scotto PubblicitĂ Livorno


La piscina dell’Accademia Navale

Il saluto del Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno

Giuseppe Cavo Dragone L’amore per lo sport dei livornesi

Il Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno Giuseppe Cavo Dragone

se storiche così come richiamare alla mente eventi “minori” che altrimenti andrebbero persi. La grandezza dell’Almanacco è anche questa, trovare uno spazio adeguato anche per quegli sport che, ancorché meno praticati di altri, sono comunque portatori di quei valori che ho citato in precedenza. Ringrazio tutta la redazione

dell’Almanacco dello Sport e auguro a tutti gli sportivi livornesi un 2012 ricco di soddisfazioni assicurandoli, anche se non ce ne è bisogno, della vicinanza e dell’amicizia di tutto il personale del Presidio Militare. Giuseppe Cavo Dragone Comandante dell’Accademia Navale e del Presidio Militare di Livorno

Accademia Navale

R

ivolgo con amicizia e simpatia un saluto ai lettori dell’Almanacco dello Sport, pubblicazione che contribuisce, anno dopo anno, a tenere vivo e, se possibile, aumentare l’amore per lo sport degli abitanti del territorio livornese. Quell’amore per lo sport che è parte inscindibile della cultura militare ed in particolare della formazione degli Allievi Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno. I valori che caratterizzano la pratica sportiva quali solidarietà, rispetto, tenacia, spirito di sacrificio e di squadra sono anche indispensabili nella personalità del soldato di professione. Da sempre lo sport ha rappresentato un elemento di avvicinamento tra i militari del Presidio di Livorno ed i cittadini livornesi. Io stesso, quando riesco, cerco di ritagliarmi la possibilità di andare a correre sul lungomare dell’Ardenza ed incontro sempre tante persone, a prescindere dall’orario in cui lo faccia e, soprattutto, joggers di ogni fascia d’età. Cosa che invoglia ed entusiasma. L’Almanacco è testimone fedele di tutti gli eventi sportivi del territorio labronico e rappresenta la memoria storica degli appassionati livornesi che, a distanza di anni, possono ravvivare il ricordo di impre-

Esercizi al remo

11


A

12

28° TAN Lo straordinario bilancio di un’edizione davvero speciale formazione. Ad impreziosire ulteriormente la qualità sportiva del Tan ci sono anche i bei nomi della vela di livello internazionale che non hanno voluto perdere l’opportunità di misurarsi sui campi di regata, per mettere a punto barche ed equipaggi e per valutare le forze in campo nella stagione che si stava per aprire: Paolo Cian e Gabriele Bruni, campioni dell’America’s Cup, Andrea Trani, campione del mondo 4.70, Gianfranco Noè, vicecampione del mondo negli X-35, classe che ha debuttato quest’anno al Tan, solo per citarne alcuni. Alla dimensione davvero internazionale di questa manifestazione ha contribuito anche la partecipazione degli equipaggi di 18 accademie navali di tutto il mondo: Cile, Cina, Colombia, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Giappone, Gran Bretagna, India, Irlanda, Messico, Polonia, Portogallo, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia e Turchia. È stata un’occasione unica

di scambio e di confronto tra culture e tradizioni tanto diverse, nonché tra ragazzi in divisa e non. Tra gli elementi di novità che hanno caratterizzato questa 28° edizione del Tan va registrato anche il rafforzamento del legame tra le due tradizioni marinaresche della città di Livorno, quella velica e quella remiera, con l’armo dell’Accademia Navale impegnato per la prima volta nel Trofeo remiero D’Alesio, disputato, come quello degli Istituti Nautici, proprio durante i giorni del Tan. Nuovo è stato anche il fatto che il Tan abbia varcato i confini di Livorno, con un convegno sulla salvaguardia dell’ambiente e la sicurezza in mare organizzato a Portoferraio e una gara di cucina disputata a Rosignano, che ha visto i cuochi misurarsi sulle ricette di “Casa Garibaldi”. Quest’ultima è stata solo una delle tante manifestazioni dedicate a rievocare le tradizioni nazionali e i valori risorgimentali durante questa edizione del centocinquantenario: dall’esposizione di cimeli risorgimentali in Accademia e al Villaggio Tuttovela, al convegno storico navale dove “Garibaldi, uomo di mare” è stato raccontato dalla pronipote, Anita Garibaldi. In undici giorni, gli stand, gli eventi e gli spettacoli del Villaggio Tuttovela hanno raccolto un pubblico di oltre 100mila visitatori, hanno fornito supporto ai regatanti e permesso a tutti, appassionati e semplici curiosi, di toccare con mano il mondo della vela. Molti degli eventi culturali e di intrattenimento organizzati nell’ambito del 28° Tan hanno avuto come protagonisti i giovani, che hanno sempre messo in

Comune di Livorno: Tan

mmainate le vele di questo 28° Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno è il momento del bilancio per quella che si è rivelata un’edizione davvero speciale. Speciale per gli eventi che le hanno fatto da cornice – il 150° del’Unità Nazionale e il 130° dell’Accademia Navale – ma, soprattutto, per la straordinaria partecipazione del mondo della vela, della Città di Livorno, di appassionati e di turisti arrivati da tutto il mondo per vivere una delle manifestazioni veliche più importanti del Mediterraneo, quella che apre alla grande la stagione estiva delle regate. Il Tan ha visto crescere sia i numeri sia la qualità delle imbarcazioni partecipanti. Nelle 14 classi veliche ammesse hanno regatato 304 imbarcazioni, disputando 76 prove di regata, e gli oltre mille velisti partecipanti si sono contesi 35 premi messi in palio dall’Accademia e dagli sponsor. Ma, al di là dei numeri, è stata la qualità delle iscrizioni a superare le aspettative. Le barche iscritte nelle regate d’altura (un totale di 97) sono aumentate del 20 per cento rispetto alla scorsa edizione; incrementi ancora maggiori sono stati registrati per le derive riservate ai giovanissimi, con una flotta di ben 156 Optimist e O’Pen Bic. Così, a conferma della consolidata tradizione del Tan, si sono potuti misurare, in una sola grande manifestazione, campioni della vela di calibro internazionale e giovani promesse di uno sport che sa trasmettere ai ragazzi valori importanti per la


Un grazie speciale è andato a tutti gli operatori del mondo dell’informazione che hanno raccontato queste undici giornate di eventi, sportivi e non, con passione e competenza. Il sito web del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno (www.trofeoaccademianavale. eu) propone la rassegna delle immagini, i video ed i racconti più significativi, per consentire di viaggiare virtualmente attraverso la splendida cornice della manifestazione anche dopo la sua conclusione. Enrico Vignola Cap. di Corvetta Addetto stampa Trofeo Acc. Nav. e Città di Livorno

Comune di Livorno: Tan

campo entusiasmo e creatività: l’obiettivo del Tan di dare merito alle capacità dei giovani e di aiutarli a proiettarsi nel mondo del lavoro è stato pienamente conseguito. Per chi non c’era, questa ventottesima edizione del Tan è stata raccontata in televisione e sulla stampa dagli oltre 100 operatori dell’informazione accreditati e seguita sul sito web ufficiale del Trofeo da più di duemila persone al giorno. “L’anno scorso ci eravamo lasciati con la promessa di portare delle novità –ha detto l’ammiraglio Pierluigi Rosati, comandante dell’Accademia navale nel suo discorso di saluto, durante la cerimonia di chiusura- ebbene, la promessa è stata mantenuta e ora stiamo già pensando all’edizione 2012, per la quale nuovi progetti sono in cantiere”. La gestione di un’organizzazione di queste dimensioni, e così articolata, è stata possibile grazie alla collaudata sinergia tra l’Accademia Navale, la sua Sezione Velica Marina Militare “Riccardo Gorla” e il Comune di Livorno, nonché con i sei circoli velici membri del Comitato Organizzatore (la Sezione di Livorno della Lega Navale, il Club Nautico Versilia, il Circolo Nautico Quercianella, il Circolo Velico Antignano, il Gruppo Vela Assonautica Livorno e il Circolo Nautico Livorno) e il Villaggio Tuttovela. Il Presidente del Comitato Organizzatore, Capitano di Vascello Massimo Vianello, ha ringraziato in particolare i giudici dei Comitati di Regata per aver dato un significativo contributo alla perfetta riuscita di questa edizione del Tan, estremamente apprezzata anche da tutti i velisti e dagli armatori.

Alcuni momenti del Tan 2011. Le foto sono state gentilmente concesse dall’Accademia Navale di Livorno

13


Scotto PubblicitĂ Livorno


Palio Marinaro La storia del remo, dalle manifestazioni tradizionali alle discipline sportive Si apre per il mondo del Palio un periodo di riforma e di riflessione di Enrico Campanella e Vittorio Pasqui

Si comprende pertanto come le tradizioni remiere si fondino su importanti valori antropologici: valori legati al lavoro, alla fatica, all’alternanza delle stagioni ed al carattere mutevole della natura, ma anche alla capacità diplomatica ed alla ricerca perenne di un’identità e di un confronto. Un confronto dove non esistono nemici ma solo avversari. Da questi fattori nasce la necessità di attribuire alle attività quotidiane la ritualità propiziatoria che valorizza le usanze: ed a questo punto il costume si trasforma in tradizione strutturandosi in “monumento all’identità sociale”; un monumento

Comune di Livorno: Palio Marinaro

L’

origine del remo, considerato “sistema locomotore” è antichissima; e come tutti i sistemi locomotori anche il remo ha stimolato la fantasia dell’uomo, il suo senso ludico ed il suo spirito di competizione; pertanto, da accessorio locomotore, il remo ha subito un’interpretazione creativa ed è divenuto strumento “ricreativo”, e di conseguenza la fruizione del natante ha assunto un aspetto ludico. Da qui la formazione e la strutturazione di manifestazioni che nel tempo si sono consolidate in tradizioni; e successivamente dalle “giostre acquatiche” prenderanno origine delle vere e proprie competizioni che segneranno il passaggio dalle manifestazioni tradizionali alle discipline sportive. Il “remo”, quindi, ha contribuito allo sviluppo di profonde tradizioni le cui origini, tuttavia, non sono così chiare e scontate come talvolta siamo spinti a credere; anche se non dobbiamo trascendere dal fatto che nella storia, i miti sono importanti quasi quanto la realtà. E sulla base di questa considerazione non possiamo fare a meno di citare quei personaggi dalle tinte romantiche che si contendevano la prelazione per lo scarico dei bastimenti: gli Arrisicatori! Figure, senza dubbio pittoresche, che l’immaginario collettivo identifica in ciurme accorrenti incontro ai bastimenti; anche se in realtà, svolgevano le attività più disparate: dalla pesca alla vendita dei relitti recuperati in alto mare o trovati sulle spiagge dopo le burrasche.

Il Palio Marinaro vinto dal Venezia

15


Comune di Livorno: Palio Marinaro

intorno al quale la società si raccoglie per celebrare solennemente ricorrenze sacre o profane. Proprio per questi motivi riteniamo il Palio dell’Antenna una manifestazione importantissima dal punto di vista culturale: una manifestazione, quasi una celebrazione che raccoglie, a nostro avviso, gli stilemi che caratterizzano le radici della nostra storia. E certo si percepisce un vago sentore, ancora, dell’Arrisicatore che abborda il bastimento dove sale rampicando per concordare la tariffa; ma sapora anche di antichi conflitti all’ombra della Croce di Santo Stefano. Per tornare all’origine delle manifestazioni remiere, ricordiamo che nel 1876, la Società Ligure per il Salvamento dei Naufraghi di Genova organizza, la Seconda Regata Nazionale: una iniziativa che richiamò equipaggi da tutto il Paese, ad eccezione dei triestini e dei romani, vincitori dell’edizione precedente. Proprio questi ultimi avevano ordinato, in Inghilterra, due imbarcazioni da canottaggio di nuova generazione “di quelle che hanno i braccioli portaremi sporgenti fuori della banda”, come recitano le cronache del tempo: saranno i primi “fuori scalmo” del canottaggio italiano. Appare per la prima volta la gara “dei marittimi in rappresentanza del proprio Comune”, e per questo denominata Regata dei Comuni Italiani alla quale partecipano canotti a 10 remi: è il 1° agosto 1876, e a Genova si sfidano i gozzi a 10 vogatori con timoniere dei Comuni di Sampierdarena, Genova, Quarto al

Mare, Pisa e Livorno. Si prepara il terreno per lo sviluppo di nuove società sportive; infatti, nello stesso anno, a Livorno, sorge la Società Canottieri “Alfredo Cappellini”, e nel giro di pochi anni la città vedrà nascere altre Società di canottieri: il Circolo Nautico “Il Remo”, la Società di Ginnastica Livornese “Sebastiano Fenzi”, e la Società Canottieri “Garibaldi”. Da una costola della “tradizione” nasce la prestazione. Tuttavia, le attività sportive vengono caricate di profondi significati romantici, sotto certi aspetti cavallereschi, tanto da divenire epici quando si svolgono a contatto con gli elementi naturali. Il 17 giugno 1880, i canottieri genovesi, Vassallo, Solari, Castello, Rosasco e Bagnasco, fanno prua alla volta di Roma

a bordo della canoa Venezia. Il sabato 19 sostano a Livorno dove restano ospiti dei Canottieri Livornesi per poi ripartire diretti a Piombino; ma saranno costretti a riparare a Marina di Cecina per il peggioramento delle condizioni meteorologiche. Ripartiranno il mercoledì, e dopo nove giorni dall’inizio della loro avventura giungeranno a Roma. A Livorno, per allietare il periodo estivo e favorire l’attenzione turistica, si diffondono le “fiere” nei Rioni: a Salviano, all’Ardenza, all’Antignano e San Jacopo. E proprio ad Antignano, tra le tante manifestazioni troviamo le Regate di gozzi a remi, e le Regate di gozzi a vela. Nell’ambito delle feste organizzate a San Jacopo, invece, i canottieri della Società “Il Remo”, disputeranno la gara so-

In queste immagini il Palio Marinaro vinto dal Venezia

16


te delle competizioni remiere, e per la seconda volta consecutiva il Palio Marinaro, la gara più ambita. La vittoria del Palio Storico dell’Antenna è andata ad un inaspettato Pontino San Marco che si è ben piazzato anche nelle gare precedenti. Il Borgo Cappuccini è risultato ben competitivo vincendo la Coppa Barontini e l’Ovosodo che aveva negli anni trascorsi dominato il Palio Marinaro per 4 anni consecutivi ha ottenuto risultati di rincalzo scontando l’onere di un rinnovamento ormai inevitabile che getti le basi per il futuro. A 4 remi abbiamo assistito al dominio incontrastato della gozzetta dello Shangay - Torretta tornato negli armi a dieci remi.

Per il mondo del Palio si apre un periodo di riforma e di riflessione soprattutto in relazione alla necessità di un recupero della tradizione e dei valori richiamati nella prima parte del presente articolo. Un’esasperata ricerca della prestazione agonistica porta infatti a snaturare i fondamenti della nostra tradizione remiera che deve ancor più ancorarsi ai valori culturali storici che fanno del mondo del Palio marinaro un fenomeno originale che ben si distingue da una mera perfomance sportiva e che non dobbiamo perdere.

Comune di Livorno: Palio Marinaro

ciale ed in quell’occasione, per la prima volta, comparirà a Livorno un outrigger a 8 remi: è il 26 agosto 1894. Nel 1908 viene fondato il “Club Nautico Livorno”; ma la presenza di numerose Società se da un lato dimostra l’apprezzamento nutrito nei confronti del canottaggio, dall’altro determina una frammentazione ed una dispersione di energie e di risorse, che impediscono di mantenere efficaci i livelli organizzativi e competitivi. È una situazione che non sopravvive alla Grande Guerra; pertanto le Società “Alfredo Cappellini”, “Il Remo”, e successivamente anche il “Club Nautico Livorno” saranno costrette ad unirsi nella “Unione Canottieri Livornesi”: era il 1919. L’organizzazione degli eventi culturali, sportivi, turistici e folcloristici passa continuamente da un ente all’altro; ma è la Lega Navale Italiana del presidente Giuseppe Orlando, che promuove Livorno come città marinara. Nel 1925 sono

organizzate due settimane di festeggiamenti (dal 26 luglio al 8 agosto); e per la prima volta, la gara dei gozzi a dieci remi viene definita Gara dei Rioni: è il 9 agosto 1925. Nel 1926 la regata dei patini consolida la propria individualità, mentre la cosiddetta “Regata dei Rioni”, per gozzi a dieci remi acquisisce definitivamente un campo di regata di 2000 metri, con una virata a metà percorso. Importantissimo il valore antropologico nella scelta del trofeo: la cosiddetta “Bandiera Challenge”, dono del Capitano Nullo Sgarallino. Quella stessa bandiera conquistata cinquant’anni prima (nel 1876) a Genova dall’armo del Comune di Livorno; ed è in questa occasione che viene stabilita la regola periodica del trofeo. Infatti da quel momento in poi, il trofeo sarà disputato anno per anno nella “Regata dei Rioni”, e da una regata all’altra sarà detenuta dal Rione vincitore. Il resto è storia recente e tradizione che ogni anno si rinnova nelle acque davanti alla terrazza Mascagni con i livornesi che affollano le spallette. Anche nel 2011 la stagione remiera si è conclusa con il predominio incontrastato del Venezia che ha vinto gran par-

Nelle immagini in questa pagina il Pontino San Marco e la vittoria al Palio dell’Antenna

Le foto sono di Andrea Trifiletti 17


A

Coni La battaglia di Gino Calderini contro la chiusura del Coni provinciale di Mario Orsini suo “capo” nel quale dissentiva completamente da questa impostazione capestro per le sezioni provinciali. A conforto delle sue argomentazioni ha quantizzato in un risparmio di appena il 3%, gli effetti economici, della tanto strombazzata ipotesi di razionalizzazione. La replica di Petrucci, altrettanto sopra le righe e con toni non propriamente idilliaci, com’era prevedibile non si è fatta attendere. Per gli ulteriori e definitivi sviluppi ci sarà adesso da aspettare cosa effettivamente voglia fare il Governo che, di fatto, ha pieno potere decisionale in mano, ma è anche in tutt’altre faccende affaccendato. Gino Calderini, dall’alto della sua esperienza ha già bocciato in anticipo questa rivoluzione o controriforma: “Determinerà un peggioramento sostanziale, a livello organizzativo, dello sport locale in tutte le sue sfaccettature. Si andranno a tagliare i cordoni ombelicali dei gangli vitali periferici dove il confronto, in maniera costruttiva, ha la cadenza quasi quotidiana e produce risultati tangibili importanti”. Il riferimento oggettivo che più lo riguarda è ai tanti progetti, tutt’ora operativi, in qualche caso davvero innovativi, che la sezione livornese è riuscito a realizzare e far camminare speditamente durante il periodo in cui ha guidato il Coni provinciale. Tra questi il progetto Arcobaleno, attivo dal 2009, finalizzato a far svolgere attività sportiva, insieme ai propri coetanei italiani, ai bambini figli di genitori migranti, favorendone così una maggiore integrazione nel tessuto cittadino. Gino Calderini

E inoltre il progetto, ormai attivo da 10 anni: “A scuola di GiocoSport: è il bambino che sceglie lo sport e non lo sport che sceglie il bambino”. Un progetto rivolto agli alunni della scuola elementare, al fine di dare un efficace contributo alla loro formazione, non solamente sul piano fisico e motorio ma anche della loro personalità. Complessivamente interessa circa 12 mila bambini di 8 comuni: Livorno, Rosignano, Cecina, Sassetta, Campiglia, Piombino, Portoferraio, Campo dell’Elba. In collaborazione con diverse federazioni provinciali, il Coni ha pure attivato un progetto teso a far vivere consapevolmente lo sport, cioè a educare i genitori a rapportarsi ai loro figli in maniera corretta senza mortificarli e caricarli di assurde aspettative. Tra le iniziative del Coni provinciale del 2011 la convenzione stipulata il 12 aprile a Palazzo Ricci a Pisa, con il Centro Interdisciplinare di ricerche e servizi sulla comunicazione della facoltà di Lettere. “Un accordo finalizzato a ribadire il ruolo strategico della comunicazione nell’affermazione dello sport, come terzo pilastro della formazione educativa e nella diffusione dei suoi principi e valori. Dunque di una sana cultura sportiva”. Come dimenticare poi il progetto Fair Play corredato da una serie di incontri tra esperti e allievi delle scuole Medie. Ma l’elenco, per Gino Calderini, potrebbe continuare, dando così, in maniera ancora più tangibile, la reale dimensione e importanza del Coni, nelle realtà periferiche, a livello sportivo, educativo, formativo e sociale a dispetto di quanti vogliono cancellarlo o relegarlo in una nicchia con compiti marginali.

CONI

l timone del Coni provinciale dal 19 marzo 2003. Raccogliendo la pesante eredità dell’allora presidente regionale Ernesto Rabizzi, per qualche mese alla guida della scialuppa livornese come commissario. Gino Calderini, benché il Coni livornese, grazie anche alla sua leadership sapiente e lungimirante, sprizzi di salute da tutti i pori, rischia di passare alla storia come l’ultimo presidente del Coni di Livorno. Ipotesi non peregrina perché nel 2012, il Governo, ha messo in agenda una bella sforbiciata alla giungla delle spese periferiche e in quest’ottica, è prevista l’abolizione dei 101 comitati provinciali del Coni. Se tutto andrà come si vocifera qua e là e, da parte dell’esecutivo, non ci sarà una brusca virata nel momento decisionale, resteranno in piedi solamente i comitati regionali del Coni. Le strutture periferiche saranno, invece, rappresentate solamente da delegato provinciale. Inoltre le sedi in affitto e non di proprietà saranno chiuse. Insomma un mezzo cataclisma. Uno dei primi ad avallare queste ipotesi, nefaste per l’organo guida dello sport locale, è stato il presidente, nazionale Gianni Petrucci. Una presa di posizione quella di Petrucci che ha fatto adirare, e non poco, il presidente Gino Calderini. Appena venuto a conoscenza della questione, ha inviato un messaggio pepato al

19


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Rodolfo Graziani Il saluto del Presidente E come non ricordare che dietro i successi di questi atleti c’è il lavoro oscuro e determinante di tanti appassionati dirigenti, la competenza e la preparazione di tanti allenatori che mettono passione ed entusiasmo per forgiare il fisico e la mente dei nostri giovani affinchè possano trovarsi preparati non solo ad affrontare con successo l’agone sportivo ma anche le difficoltà che a volte la vita può riservare. Il 2011 è stato un anno a dir poco stupendo anche perchè abbiamo coronato quella che è sempre stata una delle massime aspirazioni dell’Associazione: produrre un film che riuscisse a dare un’immagine di Livorno a 360° ricordando oltre alle glorie sportive, i suoi grandissimi artisti e le bellezze del suo territorio. È stato un percorso lungo tre anni coronato alfine da un successo al di sopra di qualsiasi più rosea previsione e culminato con un riconoscimento insperato quale la “Mention d’Honner” al 14° Festival Mondiale del Cinema e della Televisione Sportiva. A questo proposito voglio esprimere un sentito ringraziamento al regista Rossano Vittori, alla Job dv Digital Movies nella persona del Sig. Tommaso Imbimbo, all’ideatore della colonna sonora Riccardo Moretti e agli atleti protagonisti che hanno sempre dimostrato un ampia disponibilità nonostante i pressanti impegni agonistici. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che con il loro sostegno materiale e di idee ci hanno permesso di realizzare questo film-documentario

Rodolfo Graziani

la cui rilevanza promozionale ed artistica ha avuto riscontri così positivi in ambito nazionale ed internazionale; mi riferisco ovviamente alle Istituzioni, al CONI, alla Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, alla Camera di Commercio, alla Port-Authority e a sponsor come D’Alesio Group, Lorenzini srl, Fratelli Neri S. p. A, Spagnoli Costruzioni Immobiliari, Meucci Premiazioni, Fratelli Bartoli s. r. l. Un grazie di cuore con la speranza di averli sempre al nostro fianco per promuovere iniziative di grande richiamo per il prestigio del nostro sport e per l’immagine della città.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

R

itengo doveroso oltre che estremamente piacevole iniziare, ancora una volta, questo saluto con l’esprimere la soddisfazione personale e di tutto il Consiglio Direttivo per gli straordinari risultati che gli atleti livornesi, anche nel corso del 2011, hanno ottenuto in campo internazionale. Mi riferisco alla conquista delle medaglie in ambito europeo e mondiale assoluto di Andrea Baldini, Aldo Montano e Irene Vecchi nella Scherma, di Luca Ferretti nel Nuoto, di Giulia Quintavalle nel Judo, di Marco Volpi nella Pesca Sportivaa cui si accompagnano, a livello giovanile, quelle di Tommaso Lari, Lorenzo Nista, Olga Rachele Calissi, Edoardo Luperi. In relazione a tutto questo, è doveroso rilevare che essere Presidente della Sezione Provinciale dell’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia è un onore e un privilegio che non ha uguali in nessun altra Associazione sportiva in quanto ho la fortuna di rappresentare atleti che da sempre, con stupefacente puntualità, rinnovano le grandi tradizioni sportive della nostra città con imprese che spesso sfiorano la leggenda. Ormai il nostro medagliere si sta avviando verso il traguardo delle cinquecento medaglie olimpiche, mondiali ed europee assolute; tengo a precisare, ancora una volta, che nel computo non sono conteggiati, ovviamente, i successi europei e mondiali degli atleti delle categorie Juniores e Giovanili altrimenti, per elencarli tutti, sarebbe necessario non più un Almanacco ma una vera e propria enciclopedia. Come non ricordare, inoltre, tutti i nostri “ Azzurri “ che nel corso dell’anno hanno primeggiato nella varie discipline sportive “ solo “ in ambito nazionale?

21


Prima della sottoscrizione leggere i Fascicoli Informativi disponibili in Agenzia e sul sito internet www.carigeassicurazioni.it (come da Regolamento Isvap n. 35/2010)

AGENZIA GENERALE NANNIPIERI assicurazioni S.R.L. Via Grande, 204 - LIVORNO Tel. 0586 895508 - 880733 - Fax 0586 893351 e-mail: age2863@carigeassicurazioni.net


ATLETICA LEGGERA

Fabrizio Mori.

ATLETICA PESANTE

Michele Monti - Melania Locci.

ARTI MARZIALI

Giulia Quintavalle

CALCIO

Mario Magnozzi - Alfredo Pitto - Giorgio Chiellini.

CANOTTAGGIO

Luca Agamennoni - Mario Balleri - Renato Barbieri - Dino Barsotti - Enzo Bartolini Renato Bracci - Alberto Bonciani - Vinicio Brondi - Tiziano Camus - Daniele Ceccarini - Vittorio Cioni Mario Checcacci - Emiliano Ceccatelli - Guglielmo Del Bimbo Enrico Garzelli - Oreste Grossi - Dario Lari - Stefano Lari - Filippo Mannucci - Massimo Marconcini - Cesare Milani Eugenio Nenci - Giovanni Persico - Ottorino Quaglierini - Dante Secchi - Pier Luigi Vestrini - Renzo Vestrini Roberto Vestrini - Balena Attilio - Barbini Fortunato - Bertolani Alberto - Carlesi Ezio - Cecchi Dino - Godini Ottorino Gragnani Corrado - Razzaguta Niccolò - Rodinis Giovanni - Saettini Silvio - Sebastiani Ettore - Taddei Alfonso.

CICLISMO

Bianco Bianchi - Paolo Bettini - Ivo Mancini - Mauro Simonetti.

SPORT EQUESTRI

Federico Caprilli.

GINNASTICA ARTISTICA

Vittorio Lucchetti.

MOTONAUTICA

Enzo Neri.

NUOTO

Luca Ferretti - Samuele Pampana - Ilaria Tocchini - Federico Turrini.

PALLACANESTRO

Alessandro Fantozzi - Massimo Bulleri.

PALLANUOTO

Marika Carozzi - Daniela Lavorini - Silvia Moriconi - Francesca Romano.

PARACADUTISMO SPORTIVO Luciano Mancino. PENTATHLON MODERNO Duilio Brignetti. PUGILATO

Franco Brondi - Remo Golfarini - Franco Nenci - Mario Sitri.

PESCA SUBACQUEA

Giuseppe Bacci - Stefano Bellani - Raffaele Bellani - Guerrino Casini - Carlo Gasparri - Cesare Giachini - Renzo Mazzarri - Marco Paggini - Maurizio Ramacciotti.

PESCA SPORTIVA

Massimo Berlucchi - Andrea Canaccini - Elvè Cerri - Aurelio Cucinotti - Dino Dilaghi - Marco Meloni - Francesco Mugnai - Marco Volpi.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Atleti Azzurri livornesi vincitori di medaglie Olimpiche - Mondiali - Europee e Assolute

PATTINAGGIO ARTISTICO Letizia Tinghi - Elisabetta Vivaldi. SCHERMA

Nedo Nadi - Aldo Nadi - Luciano Abati - Renato Anselmi - Baldo Baldi - Bino Bini Fernando Cavallini - Giorgio Chiavacci - Pier Luigi Chicca - Mario Curletto - Manlio Di Rosa - Gustavo Marzi - Alessandro Mirandoli - Aldo Montano - Carlo Montano - Mario Aldo Montano - Mario Tullio Montano - Tommaso Montano - Giorgio Pellini Oreste Puliti - Rolando Rigoli - Angelo Scuri - Maurizio Vaselli - Athos Tanzini - Dino Urbani - Andrea Marrazzi Giorgio Rastrelli - Ugo Ughi - Aldo Montano Jr. - Andrea Baldini - Irene Vecchi.

TIRO A SEGNO

Riccardo Ticchi - Ottaviano Menicagli - Rosanna Bernardini - Bruno Renai.

VELA

Alberto Fantini - Paolo Barozzi - Luca Bontempelli - Paolo Caramante - Paolo Carnevali - Marco Cerri - Leonardo Chiarugi - Marco Faccenda - Fabio Gavazzi - Fabrizio Gavazzi - Sabrina Landi - Giuseppina Miglioranza - Giovanni Ruberti - Matteo Savelli.

Gli Atleti Azzurri livornesi hanno conquistato alle Olimpiadi, ai Campionati Mondiali ed Europei assoluti 294 medaglie d’oro, 116 medaglie d’argento e 57 medaglie di bronzo. Complessivamente gli Atleti Azzurri livornesi sono saliti sul podio per ben 467 volte un risultato questo che proietta Livorno Sportiva nell’élite dello Sport Mondiale. 23


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI ATLETICA LEGGERA Mori Fabrizio

med. Bronzo med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1998 1999 2001

med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1997 1992 1993 1994

med. Oro med. Oro sq.

Olimpiadi Pechino Campionati Europei

2008 2010

med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo

Olimpiadi Amsterdam 1928 Olimpiadi Amsterdam 1928 Olimpiadi Atene 2004

med. Argento med. Argento med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo

Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Messico

1936 2001 2004 2006 2007 1935 1968

med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento

Campionati Mondiali Olimpiadi Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2004 2005 2006 2008 2010 1896 1929 1930 1931 1932 1933 1929 1930 1931 1932 1933 1895 1929 1930 1931

ATLETICA PESANTE

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Monti Michele Locci Stefania

24

ARTI MARZIALI

Quintavalle Giulia Quintavalle Giulia

CALCIO

Magnozzi Mario Pitto Alfredo Chiellini Giorgio

CICLISMO Bianchi Bianco Bettini Paolo Mancini Ivo Simonetti Mauro

CANOTTAGGIO

Agamennoni Luca Balena Attilio Balleri Mario Barbieri Renato Barbini Fortunato Barsotti Dino

Bartolini Enzo Bertolani Alberto Bonciani Alberto Bracci Renato Brondi Vinicio Carlesi Ezio Cecchi Dino Checcacci Mario Ceccatelli Emiliano Cioni Vittorio Del Bimbo Guglielmo Garzelli Mario Godini Ottorino Gragnani Corrado Grossi Oreste Lari Dario Lari Stefano

med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo

Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Campionato Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati mondiali Campionati mondiali Campionati mondiali

1932 1933 1936 1936 1937 1938 1896 1897 1937 1938 1931 1932 1933 1961 1895 1896 1897 1899 1938 2009 1937 2009 2010 1929 1930 1931 1932 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1933 1895 1896 1897 1899 1936 1937 1938 1998 2005 1983


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro (n° 2) med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Argento med. Oro med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro med. Argento med. Oro med. Argento med. Argento med. Oro (n°2) med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2001 2002 2003 2005 1927 1929 1930 1931 1932 1933 1936 1937 1938 1929 1930 1931 1937 1938 1936 1937 1938 1899 1899 1896 1897 1895 1897 1933 1936 1937 1938 1895 1899 1926 1927 1929 1932 1929 1930 1926 1927 1929

med. Argento

Olimpiadi Parigi

1900

med. Oro sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi

1920 1924

med. Oro

Campionati Mondiali

1967

GINNASTICA ARTISTICA Lucchetti Vittorio

MOTONAUTICA Neri Enzo

Ferretti Luca Pampana Samuele Tocchini Ilaria Turini Federrico

med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento med. Bronzo

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

2008 2010 2011 1995 1998 2000 2001 1987 1995 2010

Campionati Europei Olimpiadi Atene

1991 2004

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei

1995 1995 1997 1997

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1996 1997 1998 2000

med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1950 1950

med. Oro med. Oro med. Oro med. Argento med. Argento

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Olimpiadi Melburne Campionati Europei

1965 1962 1968 1956 1957

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei

2004 1990 1991 1992 1993 1993 1993 1994 1995 1995 1985 1986

PALLACANESTRO Fantozzi Alessandro med. Argento Bulleri Massimo med. Argento

PALLANUOTO

Carozzi Marika Romano Francesca Lavorini Daniela Moriconi Silvia

med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

PARACADUTISMO SPORTIVO Mancino Luciano

med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Bronzo sq.

PENTATLHON MODERNO Brignetti Duilio

PUGILATO Brondi Franco Golfarini Remo Nenci Franco Sitri Mario

PATTINAGGIO ARTISTICO Ballucchi Roberta Tinghi Letizia

SPORT EQUESTRI Caprilli Federico

NUOTO

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Mannucci Filippo Milani Cesare Nenci Eugenio Persico Giovanni Quaglierini Ottorino Razzaguta Niccolò Rodinis Giovanni Saettini Silvio Sebastiani Ettore Secchi Dante Taddei Alfonso Vestrini Renzo Vestrini Roberto Vestrini Pier Luigi

Vivaldi Elisabetta

med. Bronzo med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

25


Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

PESCA SUBAQUEA

Bacci Giuseppe Bellani Raffaele Bellani Stefano Casini Guerrino Gasparri Carlo Giachini Cesare Mazzarri Renzo Paggini Marco Ramacciotti Maurizio

PESCA SPORTIVA

Berlucchi Massimo Canaccini Andrea Cerri Elvè Cucinotti Aurelio Dilaghi Dino Mugnai Francesco Meloni Marco

26

med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1983 1968 1970 1992 1994 1995 1995 1996 2001 2001 2003 2004 2004 2008 2009 2010 1992 1994 1982 1954 1987 1987 1988 1988 1989 1998 2003 1992 1998 1998 1994 2002 2002 2004 2008 2009

med. Oro med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Argento

Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei

1988 1997 1999 1979 1968 1968 1958 1959 1962 1962 1968 1997 1999 1990 1997

Volpi Marco

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1999 1988 1990 1992 1993 1994 1995 1999 1999 2000 2000 2004 2005 2005 2009 2009 2011 2011

med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq.

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Parigi Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei

1964 1966 1966 1924 1928 1930 1931 1932 1920 1920 2005 2005 2005 2006 2006 2007 2007 2009 2009 2009 2009 2010 2010 2010 2011 2011 1924 1926 1928 1928 1926 1926 1928 1931

SCHERMA Abati Luciano Anselmi Renato Baldi Baldo Baldini Andrea Bini Bino Chiavacci Giorgio


med. Bronzo Chicca Pier Luigi med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Curletto Mario med. Bronzo med. Argento sq. Di Rosa Manlio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Bronzo med. Oro sq. Marazzi Andrea med. Oro sq. Marzi Gustavo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. Mirandoli Alessandro med. Oro med. Argento

Campionati Europei Olimpiadi Roma Olimpiadi Tokio Campionati Mondiali Olimpiadi Messico Campionati Mondiali Olimpiadi Roma Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Melburne Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Los Angeles Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Olimpiadi Berlino Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1931 1960 1964 1966 1968 1958 1960 1936 1948 1952 1952 1956 1933 1934 1934 1935 1937 1949 1950 1951 1951 1952 1953 1954 1954 1955 1920 1928 1932 1932 1932 1936 1936 1936 1929 1930 1931 1931 1931 1933 1933 1934 1934 1934 1935 1935 1937 1937 1937 1938 1938 1950 1951

Montano Aldo med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. Montano Aldo jr med. Oro med. Argento sq. med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro Montano Carlo med. Argento med. Argento med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Bronzo Montano Mario Aldo med. Oro sq. med. Argento sq. Montano Mario Aldo med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Oro med. Bronzo sq. med. Oro med. Argento sq. med. Bronzo med. Argento sq. Montano Mario Tullio med. Oro sq. med. Argento sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. Montano Tommaso med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo Nadi Aldo med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento

Olimpiadi Berlino Olimpiadi Londra Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Atene Olimpiadi Atene Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Pechino Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Olimpiadi Mosca Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Monaco Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Montreal Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa

1936 1948 1938 1938 1947 1947 1950 1935 1934 1937 2005 2005 2004 2004 2002 2003 2007 2007 2008 2009 2010 2010 2011 2011 1976 1974 1977 1979 1981 1975 1977 1982 1972 1976 1980 1971 1973 1973 1974 1974 1978 1979 1972 1976 1973 1974 1976 1973 1977 1920 1920 1920 1920

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI

27


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Medagliere olimpico, mondiale, europeo assoluto ATLETI AZZURRI LIVORNESI Nadi Nedo Pellini Giorgio Puliti Oreste Rastelli Giorgio Rigoli Rolando Scuri Angelo Tanzini Athos Ughi Ugo Urbani Dino Vaselli Maurizio Vecchi Irene

TIRO A SEGNO

Balloni Matteo Bernardini Rosanna Menicagli Ottaviano Ticchi Riccardo

28

med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Bronzo med. Oro sq. med. Argento med. Argento sq. med. Bronzo med. Bronzo sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Argento sq. med. Oro sq. med. Oro sq. med. Bronzo sq. med. Bronzo sq. med. Oro sq.

Olimpiadi Stoccolma Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Londra Olimpiadi Helsinkj Olimpiadi Helsinkj Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Anversa Olimpiadi Anversa Olimpiadi Parigi Olimpiadi Amsterdam Olimpiadi Amsterdam Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Olimpiadi Messico Olimpiadi Monaco Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Los Angeles Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Olimpiadi Berlino Campionati Europei Olimpiadi Anversa Olimpiadi Roma Olimpiadi Europei Campionati Europei Campionati Europei

1912 1920 1920 1920 1920 1920 1948 1952 1952 1947 1949 1949 1949 1950 1951 1920 1920 1924 1928 1928 1927 1929 1929 1934 1968 1972 1973 1974 1971 1984 1981 1981 1983 1983 1984 1986 1936 1933 1920 1960 2009 2010 2011

med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento med. Bronzo med. Bronzo med. Argento med. Oro med. Argento sq. med. Argento sq.

Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1994 1995 1975 1977 1981 1985 1930 1904 1908

Renai Bruno

VELA

med. Argento sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro med. Oro sq. med. Oro sq. med. Argento sq. med. Oro med. Oro

Barozzi Paolo med. Bronzo Windsurf med. Oro Windsurf Bontempelli Luca med. Oro Caramante Paolo med. Oro Carnevali Paolo med. Bronzo Cerri Marco med. Bronzo med. Oro med. Oro Chiarugi Leonardo med. Argento Faccenda Marco med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Bronzo Fantini Alberto med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro Gavazzi Fabio med. Oro Gavazzi Fabrizio med. Oro Landi Sabrina med. Oro Miglioranza Giuseppina med. Oro med. Bronzo Prunai Federica med. Oro Ruberti Giovanni med. Argento Savelli Matteo med. Oro med. Oro med. Oro med. Oro

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei

1910 1912 1912 1912 1914 1921 1922 1927 1968

Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali Campionati Europei Campionati Mondiali Campionati Mondiali

1985 1988 1984 1968 1998 1981 1989 1990 1997 1989 1990 1991 1992 1994 1989 1991 1992 1997 1999 2000 2002 2003 1990 1992 1993 1994 1996 1998 2001 2002 2003 1966 1966 1967 1985 1983 1987 2000 2006 2006 2007 2008


Campioni livornesi Sportivi e appassionati di sport hanno gremito il teatro 4 Mori per la proiezione del film Campioni livornesi del regista Rossano Vittori

F

inalmente il grande momento è arrivato. Dopo circa due anni di lavorazione il film sui campioni livornesi girato da Rossano Vittori e voluto dagli

Alberto Bonaccorsi e Rodolfo Graziani

Azzurri d’Italia, con il suo presidente Rodolfo Graziani è arrivato al debutto. In prima assoluta il lavoro è stato proiettato al Teatro 4 Mori con una sala gremita di pubblico. E non poteva essere altrimenti. L’Attesa ormai era molta, gli sportivi labronici sono tanti e così le loro medaglie vinte sui diversi podi del mondo. Ed è proprio con un podio che inizia il film, un podio polveroso abbandonato in un magazzino, quando all’improvviso una luce lo illumina per riportare alla memoria i grandi campioni della storia sportiva cittadina e ricordare a tutti che salire sopra questi scalini è un sogno, e se sei nato a Livorno hai qualche possibilità in più di realizzarlo. Polvere e oblio è quello che purtroppo spesso

rimane ai campioni che hanno portato in alto il nome della città vincendo medaglie ovunque e poi, una volta ritiratisi dall’agonismo, finiscono per essere dimenticati ed ignorati. Con il suo film Rossano Vittori ha voluto rendere omaggio a questi grandi campioni e far sì che la polvere voli via. Eh sì, è un po’ il difetto di noi livornesi, prima tanti festeggiamenti, strette di mano e applausi, e poi si dimentica, si diventa distratti di fronte a queste vite di sacrificio e di rinunce che stanno dietro al privilegio di salire

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Antonella De Vito

Da sx: Rodolfo Graziani, Maurizio Bimbi, Carlo Piebani

Gruppo di atleti sul palco

La platea al Cinema Teatro 4 Mori

29


Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

sul quel podio. Ascoltando le storie dei nostri campioni si comprende quanto sia ingiusto dimenticarne le imprese, che spesso hanno quel sapore dell’impossibile e del sovraumano.

Alberto Fantini

30

Ricordiamoli ancora i loro nomi, partendo dal passato, come fa Rossano Vittori che con grande maestria ricollega anni di storia labronica con lo sport: Federico Caprilli inventore della moderna equitazione, Nedo Nadi vincitore di ben sette medaglie d’oro a Stoccolma e ad Anversa nella scherma, il calciatore e allenatore Armando Picchi per arrivare alle recenti affermazioni di Giulia Quintavalle nel judo, degli schermidori Aldo Montano e Andrea Baldini, ma anche di Paolo Bettini nel ciclismo, Alberto Fantini nella vela, Riccardo Niccolini nella lotta, Fabrizio Mori nell’atletica, Franco Nenci e Remo Golfarini nel pugilato, Ilaria Tocchini nel nuoto, Letizia Tinghi nel pattinaggio, Luca Agamennoni e Filippo Mannucci nel canottaggio e naturalmente gli indimenticabili Scarronzoni. Tutti presenti gli atleti a noi contemporanei, ad esclusione di Paolo Bettini trattenuto da impegni legati al suo ruolo di ct della nazionale, a dimostrare ancora una volta la loro disponibilità, la loro semplicità, il loro essere parte del-

Andrea Baldini

la città. Con loro autorità, allenatori, dirigenti, insomma tutto il mondo dello sport al completo. Nel descrivere ogni disciplina il regista ha messo il suo ‘tocco’ d’arte e ci ha presentato campioni e storia locale in un intreccio magico, con note di poesia, musica e arte: in-

Luca Tassi con il padre Luigi


gredienti che certo non mancano alla nostra città. Genuini e livornesi doc ci sono apparsi i due pugili entrati nella storia del noble art, con aneddoti divertenti, ma anche commuoventi, sui tempi in cui calcavano i ring di tutto il mondo. Il canottaggio vive nelle imprese di Luca Agamennoni e Filippo Mannucci, ma le radici ci riportano alle mitiche imprese degli Scarronzoni che portarono il carattere labronico all’estero, passando per i palio con gli spezzoni d’epoca messi a disposizione dalle Teche Rai e dall’Istituto Luce. Ogni disciplina sportiva ha avuto la sua caratterizzazione e ci ha permesso di rivivere grandi momenti di gloria. Adesso al film di Vittori è affidato il difficile compito di pre-

venti, ma scorsa con leggerezza, senza lentezze nel suo svolgimento, i campioni hanno conquistato il palco del teatro, insieme al regista e ai tecnici della produzione. Ecco, vederli tutti insieme su quel palco, che a fatica gli ha ospitati dato il loro numero, è stata una vera emozione, i loro sorrisi hanno toccato i cuori dei presenti e forse qualcuno ha anche faticato a trattenere delle lacrime di gioia e riconoscenza per le emozioni che solo dei grandi campioni come loro possono regalare.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

Claudio Ritorni, Assessore allo Sport quando è stato presentato il film

sentare la città di Livorno in giro per l’Italia, per testimoniare non solo quanto siano numericamente i campioni della nostra terra, ma per parlare attraverso di loro di quale sia il vero spirito labronico, della sua tenacia ed anche della sua bellezza, troppo spesso nascosta dalle agenzie turistiche o dalle riviste patinate, ma presente in ogni angolo della città. La serata della presentazione è stata introdotta da Rodolfo Graziani che non ha saputo nascondere la sua emozione per un lavoro che ha fortemente voluto e che lo ha impegnato molto sul piano della ricerca di sponsor. Graziani è poi stato raggiunto sul palco dall’assessore comunale allo sport Claudio Ritorni che ha espresso tutto il suo compiacimento per il ruolo che ricopre, in una città dove certo non mancano le soddisfazioni. Al termine della proiezione durata due ore e

31


Vieni con noi, aiuta la ricerca per una migliore qualità della vita contro le malattie ematologiche Sede Provinciale

Scotto Pubblicità Livorno

Via G. Donegani 2 - 57123 livorno Tel./fax 0586 892295 Cell. 335 5877673 ail.livorno@ail.it • www.ailivorno.it

Sede Cecina Via C. Torres 27 - 57023 Cecina (LI) Cell. 333 9348435


Ciampi commosso dal filmato dei campioni livornesi

Carlo Azelio Ciampi

N

el precedente numero dell’Almanacco tra le tante belle iniziative abbiamo riportato la realizzazione di un film in lungometraggio intitolato: “Cam­pioni livornesi”. Filmato prodotto dalla nostra sezione di

Livorno e diretto dal regista Rossano Vittori, che ha avuto il migliore dei successi, anche perché il sottotitolo aggiungeva “Livorno, la sua Provincia, terra di arte, sport e campioni”. Un film a 360 gradi quindi, in cui sono ricordati personaggi della cultura come Amedeo Modigliani, Pietro Mascagni, Giovanni Fattori, Domenico Guerrazzi ed altri, il tutto accompa­gnato dalla preziosa colonna sonora del Maestro Riccardo Moretti.

Il Presidente della Sezione Rodolfo Graziani, che più di tutti si è battuto per la realizzazione dell’opera ed ha ottenuto l’indispensabile supporto delle Teche-RAI dell’Istituto Luce, della Mediateca Regionale Toscana, ha inviato al Senatore Emerito Carlo Azeglio Ciampi, considerato il più livornese dei livornesi, una copia della pellicola, ricevendo subito dopo la lettera che riportiamo di seguito. (R.R.)

Articolo ripreso dal trimestrale organo ufficiale Azzurri d’Italia “Maglia Azzurra”

Gentilissimo Presidente, ho ricevuto la Sua cortese lettera con la quale mi invia il DVD contenente il film-documentario “Livorno e la sua Provincia, terra di arte, sport e campioni”, realizzato a cura della Sezione di Livorno dell’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia. Ho molto apprezzato l’attenzione che Ella ha voluto riservare alla mia persona e per questo La rin­grazio di cuore, pregandola di estendere il mio grazie a tutta la Sezione livornese dell’Associazione. È inutile dirLe che la visione del documentario mi ha commosso, riportando alla mia mente tantissi­mi ricordi di gioventù e rinnovando il mio orgoglio di appartenere ad una terra che ha prodotto un gran­de numero di campioni (non immaginavo fossero così tanti!) ed ha fornito, ieri e oggi, un esempio di impegno e di educazione sportiva e civile che merita il più ampio ed appassionato elogio. Le immagini del film, fluide ed efficaci, mi hanno fatto rivivere persone e momenti per me indimenti­cabili, come la figura di Federico Caprini, inventore di un modo nuovo di cavalcare che ha fatto scuo­la, in tutto il mondo, oppure i grandi schermidori livornesi e i campioni di canottaggio, e tanti altri che non mi è possibile citare singolarmente. Ciò che mi ha colpito favorevolmente è come il documentario riesca a fornire una rappresentazio­ne quasi “plastica” del legame strettissimo che Livorno ha con lo sport. Ciò mi conferma nella convinzio­ne che proprio lo sport rappresenti uno degli aspetti più significativi dell’identità civile della città ed una componente essenziale della forte coesione sociale che tradizionalmente ne caratterizza il territorio. Le esprimo il più vivo apprezzamento per l’iniziativa ed invio a tutti i miei più cordiali saluti. Roma, 11 giugno 2011 Carlo Ciampi

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

“Orgoglioso di questa terra”

33


Rodolfo Graziani e Livio Berruti

Perché il Coni ha organizzato Sportsdays? “Lo scopo è quello di dare risalto alle Federazioni sportive e alle Associazione, ma in particolare agli Azzurri d’Italia”. Che spazio hanno avuto gli Azzurri livornesi? “Abbiamo avuto uno stand tutto per noi, che è risultato fra i più visitati.

Sportsdays premia la sezione livornese dell’Associazione Azzurri d’Italia Il film Campioni livornesi selezionato a Sport Movies & TV 2011 Come presidente di Livorno sono stato invitato a presentare il film che abbiamo realizzato con la regia di Rossano Vittori, la colonna sonora di Riccardo Moretti e Job – dv Digital Movies Livorno per le riprese e il montaggio. Il film è stato proiettato allo stand ed ha riscosso un risultato strepitoso. L’unico altro film in proiezione è stato quello del Coni sui 100 anni dello sport nazionale”. Cosa altro era presente allo stand labronico? “Pubblicazioni locali fra cui l’Almanacco dello Sport, che ha riscosso a sua volta molto successo, ho avuto molti compimenti per l’attività sportiva che si svolge nella nostra città sotto tutti gli aspetti”. Chi ha partecipato a questa manifestazione? “Molti sportivi, fra questi Giulia Quintavalle come sempre molto brava e simpatica. C’era poi Ercole Baldini campione Olimpico di ciclismo, Livio Berruti, Gianfranco Baraldi, Nino Benvenuti, Dick Fosbury che inventò una nuova tecnica nel salto in alto che permise all’atleta di saltare con la schiena rivota verso l’asticella, con la quale vinse la medaglia d’oro alle Olimpiadi estive del 1968. Fosbury è stato premiato durante la manifestazione”. Altri premi? “L’importante premio Sport e Impresa è stato assegnato, anche dietro nostra indicazione, a Vincenzo Onorato per il suo bel progetto dedicato ai ragazzi di strada di Napoli.

Con i soldi destinati alla Coppa America, Vincenzo Onorato aiuterà i ragazzi dei quartieri più poveri e degradati di Napoli ad andare a scuola la mattina e a fare gratuitamente vela nel pomeriggio, con la speranza di toglierli dalla strada e dare loro l’opportunità di avere un futuro migliore”. Hai parlato dei festeggiamenti dei 100 anni della Maglia Azzurra. Spiegati meglio.

Dick Fosbury con Rodolfo Graziani

“Quest’anno ricorrono i cento anni della maglia azzurra. La prima volta infatti, fu indossata durante la partita Italia Ungheria giocata a Torino nel 1911. L’Italia perse 1 a 0, ma fu la prima volta che indossò la maglia azzurra, che era il colore dei Savoia. A novembre sarà realizzato un evento a Livorno, organizzato dalla nostra sezione, per festeggiare questa ricorrenza insieme ai 150 anni dell’Unità d’Italia”. Ma la soddisfazione più bella arriva dal film Campioni livornesi. “Indubbiamente. Oltre ai tanti commenti positivi il film è stato inserito nell’elenco delle “Selected” a “Sport Movies & TV 2011 – 29 th Milano International Ficts Fest”, finale mondiale delle 14 fasi del campionato Mondiale del Cinema e della televisione sportiva del “World Fict Challenge” che si svolgerà a Milano dal 28 ottobre al 2 novembre, al quale naturalmente sono stato invitato”.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

U

n riconoscimento molto importante per la sezione livornese degli Azzurri d’Italia presieduta da Rodolfo Graziani è arrivato dalla prima edizione di Sportsdays organizzata dal Coni nazionale a Rimini dal 9 all’11 settembre. “I motivi di soddisfazione sono veramente tanti –spiega Graziani- intanto l’essere stati l’unica associazione provinciale ad essere invitata alla nuova manifestazione organizzata dal Coni internazionale, poi il grande successo avuto dal film Campioni livornesi, ed infine per aver ricevuto il mandato dall’Associazione Nazionale Azzurri d‘Italia per organizzare a Livorno i festeggiamenti per la ricorrenza dei 100 anni della maglia Azzurra”.

Giulia Quintavalle e la squadra Campione d’Europa di Judo con Rodolfo Graziani

35


“U

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

n riconoscimento che ci onora e ci inorgoglisce perchè, oltre a premiare tutti coloro che, da subito, hanno creduto nel difficile progetto di realizzare questo film, abbiamo raggiunto l’obiettivo primario per l’Associazione dì far conoscere Livorno, nei suoi poliedrici aspet-

ti, a livello internazionale: lo scopo è stato centrato al di là di ogni più rosea previsione!”. Gonfia il petto Rodolfo Graziarti, Presidente dell’ Associazione Provinciale degli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia. Il film diretto da Rossano Vittori con le riprese e il montaggio della “Job dv Digital Movies” e la colonna sonora di Riccardo Moretti, si è aggiudicato la “Mention d’Honner” nell’ambito del 14° Festival Mondiale del Cinema e del-

“Livorno e la sua provincia terra di arte sport e campioni” Il film premiato agli Sportmovies & TV Milano 2011 la Televisione Sportiva tenutosi a Milano. La pellicola è stata selezionata fra le 986 provenienti da 50 Nazioni e, alla fine della proiezione nella Sala Colonne di Palazzo Giureconsulti, gli applausi si sono mischiati con lo stupore degli spettatori increduli che tutti quei campioni e quegli artisti di fama mondiale fossero nativi di Livorno! Un attestato prestigioso, la certificazione di qualità di un filmato che ripercorre con passione e dovizia di particolari le imprese più gloriose degli atleti livornesi da Federico Caprilli, ai fratelli Nadì, agli Scarronzoni fino a Aldo Montano, Andrea Baldini, Fabrizio Mori, Paolo Bettini, Franco Nenci, Luca Agamennoni, Remo Golfarini, Riccardo Niccolini, Alberto Fantini, Filippo Mannucci, Armando Picchi e alle splendide amazzoni Giulia Quintavalle, Letizia Tinghi e Ilaria Tocchini; suggestivo ed emozionante il fatto che le loro storie siano accompagnate dai

Mario Trainni, Fabrizio Mori e Ilio Barontini alla presentazione del Festival mondiale del Cinema e della Televisione sportiva

36

capolavori d’autore di Amedeo Modigliani, Giovanni Fattori, dalle musiche immortali di Pietro Mascagni e Piero Ciampi, dalle poesie di Caproni, dai fotogrammi dei posti più belli del nostro territorio in un tripudio di livornesità

che ha ammaliato tutti ed ha contribuito a far conoscere la nostra città a chi non è livornese e, una volta tanto, ad esportare i nostri pregi in ambito nazionale ed internazionale.

Ivo Stefanoni, Ottavio Missoni e Rodolfo Graziani alla presentazione del Festival mondiale del Cinema e della Televisione sportiva


All’armatore Vincenzo Onorato il premio “Sport e impresa”

Piero Vannucci, Rodolfo Graziani, Achille Onorato, Gian Franco Baraldi e Livio Berruti

N

ato nel 1957 a Napoli, discende come quarta generazione, da una famiglia di armatori. Imprenditore di successo, laureato in Economia Marittima, attualmente è Presidente

merito a coloro che, svolgendo la propria attività sia nello Sport sia nel Lavoro, riescono a raggiungere massimi livelli di successo in ambito nazionale ed internazionale. Il Premio, alla sua prima edizione, è stato assegnato all’Armatore e Presidente del Consorzio “Mascalzone Latino” Vincenzo Onorato con grande soddisfazione della Sezione livornese degli Atleti Azzurri d’Italia di cui il team di “Mascalzone Latino” fa parte. La cerimonia di consegna si è svolta, a Rimini, in occasione della manifestazione “Sports Days” e, dopo la lettura della motivazione, il riconoscimento è stato consegnato al Dr. Achille Onorato, figlio primogenito dell’armatore, che ha ringraziato commosso per il gradito ed apprezzato omaggio reso al padre.

Vincenzo Onorato della Compagnia “Moby Lines”, società leader nei trasporti marittimi. Inoltre è Presidente del Consorzio velico “Mascalzone Latino“ da lui fondato nel 1998, coniugando al meglio la sua vita professionale con la passione per la Vela e divenendo socio agonista del Circolo Nautico di Roma dopo esserlo stato dello Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli. Il suo palmares velico conta molti successi, tra cui sei vittorie ai Campionati del Mondo, rispettivamente nella classer Farr 40 quindi nelle classi Ims, Mumm, Isaf off-shore World Championship e vittorie nella draglia, nella Regata dei Tre Golfi e nella Copa del Rey.

Nel 2007, a seguito dei numerosi successi ottenuti, è stato proclamato velista dell’anno. Con l’ormai famosa barca “Mascalzone Latino“ ha partecipato con ottime prestazioni a due edizioni dell’ America’s Cup. Comunque va detto che la sua ultima e più bella vittoria è quella di aver istituito una Fondazione (già operante) che ha come scopo primario quello di reclutare e dare un’assistenza continuativa e formativa a tutti quei ragazzini napoletani, poveri, sbandati, abbandonati a se stessi, togliendoli dai mille pericoli della strada e inserendoli nell’ambito della Scuola e dell’ambiente velico alfine di dar loro la possibilità concreta di costruirsi un futuro decoroso e sereno.

Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia

L’

Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia ha istituito, nel corrente anno, il “Premio Sport e Impresa” un importante riconoscimento che vuole dar il giusto

37


Scotto PubblicitĂ Livorno


Vediamole nel dettaglio.

Campionato Italiano UNVS di Tiro al Piattello

Il 25 aprile, sul campo di tiro al volo “Il Bossolo di Collesalvetti - Livorno”, si è svolto il Campionato Italiano di Tiro al Piattello Fossa. Nonostante la giornata festiva del lunedì di Pasqua, ben sessanta atleti maschi e due femmine (categoria Lady), si sono presentati sul campo di gara. Giornata mite e condizioni perfette del campo di gara. Alle 9 si è dato inizio alla manifestazione che è terminata alle 18. Sotto il controllo vigile dei giudici di gara si è svolta una bella manifestazione con i seguenti risultati:

CAT “B” 1° STABILE Pietro pt 48 2° CARMIGNANI Mario pt 47 3° PAOLOTTI Luca pt 47 CAT “C” 1° CARIGNANI Mauro pt 48 2° TRIGLIA Mireno pt 45 3° BOCCI Roberto pt 45 CAT “D” 1° GARGANI Osvaldo pt 45 2° FABBRI Giuseppe pt 45 3° ROMANINI Alcide pt 45 CAT “E” 1° LUCARELLI Sireno pt 42 2° PAGANUCCI Piero pt 41 3° VANNOZZI Goffredo pt 41 CAT “LADY” 1° BORGHI Giovanna pt 44 2° CAVALLINI Gabriella pt 37

Sez. Cecina Sez. Cecina Sez. Livorno

pt 6 pt 4 pt 2

Sez. Cecina Sez. Massa Sez. Cecina

pt 6 pt 4 pt 2

Sez. Cecina Sez. Massa Sez. Massa

pt 6 pt 4 pt 2

Sez. Castiglione P. pt 6 Sez. Livorno pt 4 Sez. Cecina pt 2 Sez. Cecina pt 6 Sez. Fin Emilia pt 4

Veterani dello sport Un anno di intense attività per i Veterani dello Sport Cesare Gentile, presidente e anima dei veterani labronici CLASSIFICA SEZIONI 1° CECINA Pt 42 2° MASSA 3° FINALE EMILIA 4° FOLLONICA 5° LIVORNO 6° CASTIGLIONE D. PESCAIA 7° COLLESALVETTI

CAMP. D’ITALIA UNVS Pt 19 Pt 17 Pt 13 Pt 11 Pt 6 Pt 1

Per la riuscita della manifestazione, la Sez.”Nedo Nadi” di Livorno, ringrazia vivamente la società Bossolo di Collesalvetti per la grossa disponibilità, sia nell’organizzazione generale sia per quanto ha fatto per la preparazione del campo di gara, con una particolare nota per il socio Enrico Quilici. Esprimiamo il nostro ringraziamento anche al Sindaco del Comune di Collesalvetti, al Presidente della locale Sez. UNVS, al Giudice di Gara Alberto Villani e, infine, al socio Roberto Canigiani, per aver messo a disposizione di tutti i partecipanti e ospiti il ristorante e il bar dell’impianto sportivo.

Trofeo “Olimpio Bizzi 2011” Gara per ciclisti dai 7 ai 12 anni

Domenica 3 aprile, per la 34a volta, si è tenuto a Livorno il Trofeo Olimpio Bizzi di ciclismo giovanissimi, valevole anche come 4° Trofeo Sergio Morelli. Un caldo sole primaverile ha accompagnato la manifestazione e l’atmosfera festosa, scaturita dai 132 ciclisti in erba (7/12 anni) e relativi familiari. I ciclisti, suddivisi in cinque categorie sia maschili sia femminili, si sono cimentati nella meravigliosa pista della Rotonda di Ardenza. Una grande giornata di sport quella organizzata dal Gruppo Sportivo Montenero e dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport Sez. “Nedo Nadi” di Livorno con la partecipazione del presidente Cesare Gentile, Ernesto Panariello, Gianfranco Abati,Vinicio Santini, Piero Lilla e del sempre presente Paolo Quaglierini. Al termine della manifestazione si sono avuti i seguenti risultati: 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1° 1°

G1M G1F G2M G2F G3M G3F G4M G4F G5M G5F G6M G6F

Edoardo Alessia Gianmarco Bianca Gabriele Selene Tommaso Camilla Alessandro Emma Michael Camilla

BARTALESI PACCALOINI BALESTRI BARSOTTI GUIDUGLI SALVADORI POZZOLINI ROSELLINI DEL RY BARSOTTI CERRI LONGI

Unione Nazionale Veterani dello Sport

S

empre più ricco di attività e manifestazione, anche il 2011 ha regalato a tutti i veterani e a tutti gli sportivi grandi emozioni.

Piccoli ciclisti alla partenza del Trofeo “Olimpio Bizzi”

39


Unione Nazionale Veterani dello Sport

I due Trofei maschili e femminili, messi in palio, sono stati assegnati alla “U.C. Mamma e Papà Fanini”. A tutti i partecipanti sono stati assegnati i seguenti premi: ai primi classificati la medaglia dorata, ai secondi argentata, ai terzi bronzata, a tutti gli altri medaglia di riconoscimento. Il Consiglio Direttivo della Sez. UNVS di Livorno ringrazia: il medico dott. Pierini, il Comune di Livorno per aver patrocinato ed assegnato il campo di gara con le rispettive transenne e i Bagni Lido per la sua gentile disponibilità decennale, nel mettere a nostra disposizione lo stabilimento balneare del Lido per i giudici di gara e le premiazioni.

12° Trofeo Gaetano D’alesio

Dodici volte Trofeo D’Alesio. La gara remiera, che vede in palio i rioni livornesi, annuncia l’arrivo della primavera ed ha avuto svolgimento sabato 16 aprile 2011 nelle acque antistanti il porto Mediceo – Darsena Nuova. La partenza e l’arrivo sono avvenute dal Ponte Girevole. I primi a partire sono state le gozzette a 4 remi categoria “giovani”, a seguire, sempre i 4 remi, categoria “senior” e “femminile”, in chiusura i gozzi a 10 remi “senior”. Nelle categoria giovani ha vinto l’armo del Venezia, in quello

Nello D’Alesio e Cesare Gentile

40

senior lo Shang a y / To r r e t t a , nel femminile il Montenero e nei 10 l’armo del Venezia. La manifestazione, perfettamente organizzata dai Veterani dello Sport di Livorno, con in testa il nostro Consigliere e Presidente Massimo Lunardi, l’armatore Nello D’Alesio e tanti nostri soci ha avuto un plauso da parte di tutti i presenti quali il Comandante dell’Accademia Navale di Livorno Pierluigi Rosati, l’assessore allo Sport Claudio Ritorni il presidente del Palio Marinaro Vittorio Pasqui e tante altre autorità. Al termine della manifestazione, nel “Villaggio Tutto Vela”, è stata effettuata la premiazione di tutti gli equipaggi, delle Autorità Presenti e il nostro Presidente di Sez. Cesare Gentile ha donato all’organizzatore Nello D’Alesio una targa quale riconoscimento della manifestazione. Alla fine della premiazione, il cronista della manifestazione ha voluto ricordare con questo pensiero: “Oggi e in futuro a noi mancherà tanto Luciano De Majo, un giornalista di razza, un grande appassionato ed esperto di gare remiere. Per noi un amico indimenticabile, ma soprattutto un padre ed un marito dolcissimo. Lo porteremo per sempre dentro di noi. Sono trascorsi tre mesi dalla sua scomparsa, ma non riusciamo a liberarci dal senso di vuoto che ci opprime”. Al termine della dedica c’è stato uno spontaneo e scrosciante applauso in ricordo dello scomparso ed in solidarietà con la famiglia. Il Consiglio Direttivo della nostra Sez., ancora una volta, vuole ringraziare Nello D’Alesio e Massimo Lunardi per la passione, impegno ed amore che mettono nell’organizzare questa mani-

festazione in segno di riconoscenza di un grande “uomo” che tanto ha dato alla città di Livorno.

Campionato Italiano Unvs di Mezzamaratona

Livorno Domenica 13 Novembre 2011 Sono stati moltissimi i cittadini livornesi che si sono soffermati sul lungomare, approfittando anche della splendida giornata di sole, per seguire le gesta dei corridori che hanno preso parte alla trentunesima edizione della Maratona Città di Livorno. Una bellissima mattina dal punto di vista del meteo, decisamente rinfrescata da un venticello di tramontana, non proprio gradito dagli atleti quando spirava di fronte, ma ben accetto quando li aiutava sospingendoli alle spalle. Qualcuno si è meravigliato di non vedere in azione i corridori africani provenienti dagli altipiani e grandi protagonisti in tutte le maratone, ma alla fine una presenza tutta italiana ha gratificato in pieno una manifestazione che ha avuto una grande partecipazione di atleti provenienti da tutto lo stivale. Le oltre mille iscrizioni registrate nella gara della mezza, a cui aggiunti i duecento della Maratona e i circa cinquecento che hanno preso parte alla stracittadina, hanno soddisfatto le aspettative del comitato organizzatore, che si adopera ogni anno per trovare


maggiori consensi partecipativi nella prova più impegnativa. Fino dalle prime ore del mattino, grande movimento nella zona degli impianti sportivi, dove le gare avevano partenza ed arrivo. Particolarmente festeggiata la partecipazione alla gara di Paolo Bettini, campione mondiale e olimpico del ciclismo professionistico su strada, attualmente commissario tecnico nazionale della stessa disciplina sportiva, che abbandonata l’attività ciclistica professionale ha riacceso la sua passione dilettantistica per la corsa podistica. Gradita la presenza delle Forze Armate di stanza a Livorno che, come sempre, hanno collaborato alla riuscita della manifestazione con l’esibizio-

LISCHI Sandro 1.36.37 BALDI Maurizio 1.51.18 GIUNTINI Alessandro 1.52.20 M55 ROLLA Vladimiro 1.23.22 BALDI Rinaldo 1.28.55 MANFREDI Galliano 1.32.28 GIANNOTTI Giuliano 1.58.03 M60 ALLORI Aldo 1.19.24 CASTROPIGNANO Emilio CARMIGNANI Arturo 1.57.21 M65 MILANI Giuseppe 1.30.48 DEL MORETTO Adriano MORICONI Vinicio 1.55.55 D’AMBRA Roberto 2.01.07 M70 CIONI Giorgio 1.40.27 SCHIANO Giancarlo 1.58.01 M75 IANNUZZELLI P. Donato 1.56.01 MOZZONI Giacomo 1.58.01 SQUADRONE Angelo 2.22.19

F35 FIORENTINI Laura 1.51.35 Livorno 6 Camp. Ital. F45 CARTEI Daria 2.00.32 Pisa 6 Camp. Ital. RENZI Fernanda 2.13.17 S. G. Valdarno 4 F50 ISOLANI Manuela 1.40.08 Collesalvetti 6 Camp. Ital. F55 REJEC Flavia 1.52.07 Pisa 6 Camp. Ital. FORTI Ornella 2.04.25 Pisa 4 F60 BIAGINI Marta 2.01.12 Pistoia 6 Camp. Ital. Campionato italiano maschile M35 PERRELLA Michelangelo 1.28.32 Volterra 6 Camp. Ital. LO PASSO Gianluca 1.31.40 Bari 4 M40 PERRETTI Stefano 1.14.04 Pisa 6 Camp. Ital. CARBONE Massimo 1.22.31 Follonica 4 ILLIANO Fernando 1.31.37 Montevarchi 2 RIDOLFI Mirco 1.32.23 Massa 1 GENNARI Alessandro 1.54.11 Livorno 1 M45 PERRELLI Massimo 1.23.28 A. Sabazia 6 Camp. Ital. ROMEI Andrea 1.31.19 Montevarchi 4. M50 RISTORI Massimo 1.29.50 Massa 6 Camp. Ital FAENZI Marco 1.32.11 Montevarchi 4 BRESCINI Fabio 1.33.17 A. Sabazia 2 VALERIO Leonardo 1.33.26 Bari 1

Pisa Collesalvetti Massa Montevarchi Livorno San Giovanni Valdarno Anguillara Sabazia Piombino, Pistoia, Tarvisio, Volterra Bari Follonica Viareggio

Campionato italiano femminile

Collesalvetti 1 Livorno 1 Pisa 1 Collesalvetti 6 Camp. Ital. S. G. Valdarno 4 Massa 2 Viareggio 1 Piombino 6 Camp. Ital. 1.37..06 Pisa 4 Pisa 2 Massa 6 Camp. Ital. 1.40.12 Massa 4 Viareggio 2 Livorno 1 Collesalvetti 6 Camp. Ital. Collesalvetti 4 Tarvisio 6 Camp. Ital. Pisa 4 Pisa 2

CLASSIFICA PER SEZIONI 35 23 19 10 9 8 8 6 5 4 3

1° Classificata 2° Classificata 3° Classificata

Campionato Italiano di Nuoto Master UNVS

Il 18 dicembre 2011 nella piscina Camalich di Livorno, si è svolta la tradizionale manifestazione natatoria “Festa degli Auguri” ed il Campionato Italiano master UNVS di nuoto, organizzato, in modo perfetto, dal Dopolavoro Ferroviario con il patrocinio della Sez. “Nedo NADI” di Livorno. La manifestazione ha registrato la presenza di ben 800 atleti di varie società notatorie nazionali, fra i quali 45 atleti veterani di 10 sezioni UNVS d’Italia, che hanno conseguito i seguenti risultati: F50 INGHILLERI Beatrice 03 49 83 200 rana INGHILLERI Beatrice 00 47 99 50 dorso F65 ORVIETO Eleonora 05 00 54 200 rana ORVIETO Eleonora 02 23 94 100 rana MICHELI Marcella 00 56 91 50 dorso MICHELI Marcella 00 48 33 50 s. lib. RAMAGLI Paola 01 08 59 50 rana F 70 CORTI Delia 02 22 61 100 dorso

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Il Pres. della sz. di Pisa Cultrera, premia Maurizio Paoli

ne della Banda della Brigata Folgore e con l’Accademia Navale presente in forza con tutti gli allievi nella stracittadina. La Sez. UNVS di Livorno, rivolge un sentito ringraziamento al Comitato Organizzatore della “Maratona Città di Livorno” ed ai volontari per la loro perfetta organizzazione e per la collaborazione ricevuta per il Campionato Italiano UNVS di Mezza Maratona. Per quanto riguarda la partecipazione degli atleti soci dell’UNVS che si sono dati battaglia nella mezza maratona, abbiamo registrato la presenza di sette donne e trentadue uomini conseguendo i seguenti risultati:

GENOVA 6 GENOVA 6 PISA 6 PISA 6 LIVORNO 6 LIVORNO 6 LIVORNO 6 LIVORNO 6

Partenza del Campionato italiano di nuoto Master

41


RAZZAUTI Paolo 01 11 13 50 dorso LIVORNO 1 NATALE Franco 01 08 30 50 rana LIVORNO 4 NATALE Franco 00 56 85 50 dorso LIVORNO 4 GIANNECCHINI Guido 00 42 15 50 dorso VIAREGGIO 6 GIANNECCHINI Guido 01 40 63 100 s. lib. VIAREGGIO 6 M 75 BERTUCCELLI Osvaldo 01 36 83 100 rana VIAREGGIO 6 BERTUCCELLI Osvaldo 00 34 47 50 s. lib. VIAREGGIO 6 M8O PAOLI Manrico 01 37 80 50 dorso LIVORNO 6 M85 TOFFI Sauro 01 22 65 50 s. libero LIVORNO 6 TOFFI Sauro 01 47 02 50 dorso LIVORNO 6

CLASSIFICA

1° LIVORNO

113

CAMPIONE ITALIANO UNVS

2° PISA 80 3° LUCCA 56 4° VIAREGGIO 36 5° GENOVA 34 6° FIRENZE 32 7° SAVONA 24 8° TREVISO - SIENA - LA SPEZIA 12 SEZ. PRESENTI 10 Soci atleti partecipanti 45 Atleti presenti per gli auguri 800 Gli atleti primi classificati hanno ricevuto la medaglia dorata e lo scudetto tricolore, gentilmente offerto dal Direttivo Nazionale, mentre ai secondi è stata assegnata la medaglia argentata. Alle tre Sezioni prime classificate sono state assegnate le coppe delle quali una offerta dal Delegato Regionale Toscana e le altre due dalla Sez. di Livorno. Oltre ai premi di cui sopra, la Sez. ha offerto: - una medaglia ricordo a tutti i partecipanti - una coppa alla signora Marianna Camalich, madre di Simeone nuotatore prematuramente deceduto nel 1991 per la caduta del suo eliccotero mentre era impegnato nello spegnimento di un incendio in Sardegma. La Sez. di Livorno ringrazia il presidente del Dopolavoro Ferroviario, Enzo Sagone, e tutto il suo staff, per la perfetta riuscita della manifestazio-

Gentile e Camalich

ne e tutti i giudici di gara compreso il nostro consigliere Mario Fracassi. Numerosi atleti e personalità nella Sala Consiliare della Provincia

38a Giornata del Veterano dello Sport

Domenica, 4 dicembre 2011, nella sala Consiliare della Provincia di Livorno, i Veterani locali hanno festeggiato la 38a edizione della Giornata del Veterano dello Sport. Erano presenti: il Presidente della Provincia Giorgio Kutufà, l’assessore allo sport del Comune di Livorno Luca Bogi, il Presidente del Coni Provinciale Gino Calderini e il Presidente degli Azzurri ed Olimpici Rodolfo Graziani. Per il Consiglio Nazionale UNVS: il Presidente Gian Paolo Bertoni, il Segre-

Unione Nazionale Veterani dello Sport

CORTI Delia 01 06 52 50 dorso LIVORNO 4 LOSITO FAUCCI Laura 01 00 85 50 dorso SAVONA 6 LOSITO FAUCCI Laura 01 37 90 100 s. libero SAVONA 6 F 75 SALAKOVA Marie 02 44 96 100 dorso LUCCA 6 SALAKOVA Marie 01 16 18 50 dorso LUCCA 6 STAGI Mirella 01 20 02 50 dorso LIVORNO 4 STAGI Mirella 50 s. libero LIVORNO 6 ZANDA Giulia 02 56 69 100 dorso LIVORNO 4 ZANDA Giulia 02 23 94 100 rana LIVORNO 6 M 30 SIGNORINI Luca 01 29 60 100 dorso PISA 6 SIGNORINI Luca 02 53 28 200 s. lib. PISA 6 BERGAMINI Daniele 01 00 81 100 s. lib. LIVORNO 6 BERGAMINI Daniele 01 04 55 100 farfalla LIVORNO 6 M 35 PERGOLA Nicola 01 03 71 100 s. lib. LUCCA 6 PERGOLA Nicola 01 04 93 100 dorso LUCCA 6 MOSCA Emanuele 02 33 22 200 s. lib. LUCCA 6 MOSCA Emanuele 01 28 15 100 rana LUCCA 6 VANGELISTI Giampiero 04 17 11 200 rana PISA 6 VANGELISTI Giampiero 00 52 62 50 rana PISA 6 M 40 GENNARI Alessandro 00 39 64 50 rana LIVORNO 6 GENNARI Alessandro 00 39 98 50 dorso LIVORNO 6 SOSTEGNI Simone 02 43 81 100 dorso FIRENZE 6 SOSTEGNI Simone 04 27 44 200 s. lib. FIRENZE 6 ZAZZETTA Massimo 01 14 93 100 farfalla LIVORNO 6 M 45 FANTOZZI Marco 00 48 13 50 rana PISA 6 FANTOZZI Marco 00 43 56 50 s. libero PISA 6 PIOVESAN Alessandro 01 00 39 100 s. lib. TREVISO 6 PIOVESAN Alessandro 02 13 86 200 s. lib. TREVISO 6 M 50 PAOLI Maurizio 01 43 61 100 dorso LIVORNO 6 PAOLI Maurizio 01 46 812 100 rana LIVORNO 6 PANICUCCI Marco 01 14 88 100 s. lib. PISA 6 PANICUCCI Marco 00 32 18 50 s. lib. PISA 6 PAGHI Marco 01 46 81 100 rana SIENA 6 PAGHI Marco 07 48 15 400 misti SIENA 6 M 60 BARONTINI Ilio 00 40 89 50 dorso LIVORNO 6 BARONTINI Ilio 00 30 82 50 s. lib. LIVORNO 6 CARPI Walter 03 49 29 200 s. lib. LIVORNO 2 CARPI Walter 02 09 42 100 farfalla LIVORNO 6 GRICO’ Uliviero 03 26 66 200 s. lib. PISA 6 GRIGO’ Uliviero 00 55 50 50 rana PISA 6 LUPI Giovanni 01 42 77 100 s. lib. GENOVA 6 LUPI Giovanni 03 45 22 200 s. lib. GENOVA 6 M 60 SPINELLI Silvano 00 39 98 50 s. lib. LUCCA 4 SPINELLI Silvano 00 52 69 50 dorso LUCCA 4 M 65 BALLI Mario 02 49 59 100 rana FIRENZE 6 BALLI Mario 11 50 96 400 misti FIRENZE 4 DI CARLO Federico 01 19 98 100 s. lib. LA SPEZIA 6 DI CARLO Federico 02 54 57 200 s. lib. LA SPEZIA 6 MELANI Agostino 01 41 16 100 farfalla VIAREGGIO 6 MELANI Agostino 07 30 47 400 misti VIAREGGIO 6 M 70 BALDACCI Giampiero 02 06 17 100 dorso PISA 6 BALDACCI Giampiero 00 57 10 50 dorso PISA 2 CITTI Alfredo 02 02 16 100 rana LUCCA 6 CITTI Alfredo 00 52 88 50 rana LUCCA 6 CLERICI Alessandro 04 29 83 200 rana GENOVA 6 CLERICI Alessandro 00 54 67 50 dorso GENOVA 6 FABBRI Piero 02 23 66 100 s. lib. FIRENZE 6 FABBRI Piero 04 55 52 200 s. lib. FIRENZE 6 RAZZAUTI Paolo 00 45 45 50 s. libero LIVORNO 6

Paghi, Gentile, Inghilleri, Clerici

43


Unione Nazionale Veterani dello Sport 44

tario generale Giuliano Salvatorini, il Revisore dei Conti Giuliano Persiani, il Delegato Regionale Ettore Biagini, il Presidente della Commissione d’Appello Pier Luigi Boroni ed il Membro Rudy Poli. I Presidenti delle Sezioni Toscane: Pietro Ginanni Cecina, Maurizio Ceccotti Collesalvetti, Elvio Ticciati Follonica, Orlando Venè Massa, Giancarlo Giannelli Piombino, Salvatore Cultrera Pisa, Gianfranco Zinanni Pistoia, Pier Giacomo Tassi Pontremoli, Luciano Vannacci, Raffaelle Del Freo Viareggio, Rita Gozzi Grosseto e Stefano Stefanelli Rosignano Solvay. Per la Sez. il Presidente onorario Enzo Pantani, i membri del Consiglio Direttivo e vari soci oltre a numerosi familiari ed amici degli Atleti premiati. Atleta dell’anno Francesco Bardi portiere della nazionale under 21 (calcio). Premio d’Onore prof. Luciano Vizzoni per l’umanità. Premio Speciale Mauro Martelli pluri campione del mondo di remo ergometro. Premio Giovane Emergente Francesco Lepri campione del mondo di JuJItsu. Distintivi d’argento UNVS Alfredo Sisi e Massimo Lunardi. Premio Amicizia con la Sez. gemella di S. G. VALDARNO. Prima di dare inizio alla premiazione, ha preso la parola il Presidente della Sez. di Livorno Cesare Gentile per relazionare l’attività della Sez. nell’anno e nello stesso tempo per ricordare, con gran tristezza ed affetto, i soci che ci hanno lasciato: Bruno Baldi- Umberto Ponti- Giancarlo Fenili- Mauro Gabbanini. Per loro ha chiesto un minuto di raccoglimento. Premi a Veterani distintisi nell’anno per meriti Sportivi: Tiro al Piattello Piero Paganucci argento al campionato italiano; Andrea Martignoni campione italiano alle eliche doppietto, Canottaggio Andrea Carbone campione del mondo 100Km.; Augusto Zamboni Campione italiano, europeo e mondiale di remo ergometro; Pesca Sportiva Marco Volpi campione del mondo; Calcio Alessandro Sottile allenatore e vincitore del torneo

di 3° categoria con la squadra locale “Livorno 9”; Atletica Rossella Bardi campionessa italiana di lancio del disco, martello e martello corto con maniglia e Laura Fiorentini campionessa italiana di mezza maratona. Medaglie dorate agli Atleti: Nuoto Sara Franceschi, Gemma Lombardi e Sara Terreni argento ai campionati italiani; Ju-Jitsu: Isacco Del Gratta, Lorenzo Ragusa e David Pacchetti campioni del mondo a squadra di difesa personale; Tiro con l’arco Francesco Montagnani, Elena Luti e Andrea Buonacquisto campioni regionali; Karatè Agostino Costantini oro master al Trofeo Primavera, Mattia Caracciolo oro al trofeo primavera di kumitè, Gabriele Vernieri 7° al campionato italiano, Lisa Magnani argento al campionato toscano di kumitè, Giada e Viola Fanciullo bronzo al campionato italiano; Diversamente abili di karatè paralimpico Filippo Ciolli; Lotta Simone Iannantoni, Gigi Annarilli e Saverio Ceccarelli vincitori di tornei vari; Pugilato Filippo Gressani campione italiano Kg. 69, Mattia Demi campione italiano kg; 48,5, Gabrielle Giovannelli argento al campionato italiano Kg. 56, Manuel e Matia Boldrini campioni italiani. Pesca sportiva Massimo Mazzanti, Andrea Vanni, Lorenzo Gogoni, Sara Gai, Giovanni Guarguaglini, Lisa Falchi e Nicola Martini campioni regionali di canna da riva; Canottaggio: Tommaso Bacci, Francesco Ferrini, Marco Galletti, Elia Lubrani, Edoardo Di Naso e Alessandro Toni; Canottaggio disabili- Associazione Sport Landia: Giacomo Oliviero, Anna Franceschi, Said Hamauidi e Gabriele Morelli Campioni italiani di remo ergome-

tro; Baseball Riccardo Trocar campione nel suo sport; Associazione sportiva Zenith Onlus Antonio Sartori campione italiano 50 stile libero, Manuel Maggi campionessa italiana 25 rana, Michela Cenci campionessa italiana 25 stile libero ed Elena Volpi campionessa italiana 25 stile libero. Riconoscenze: al Presidente della Provincia Giorgio Kutufà, al Presidente del Coni Provinciale Gino Calderini, all’Assessore allo Sport del Comune di Livorno Luca Bogi, al Direttore di Tele Granducato Fabio Daddi, al Presidente atleti Azzurri ed Olimpici Rodolfo Graziani e al Presidente Nazionale UNVS Gian Paolo Bertoni. Al termine della cerimonia, il presidente Cesare Gentile ha ringraziato: il presidente della Provincia, Gino Calderini, Enio Lorenzini ed Ugo Grifoni, Telegranducato per la sua fattiva partecipazione, il socio Enrico Cantone, titolare della “Cantone Ricambi Auto” e tutti gli intervenuti con l’augurio di ritrovarci al prossimo anno per festeggiare la 39° edizione della Giornata del Veterano dello Sport. La cerimonia si è conclusa con una ricca e felice conviviale presso il Grand Hotel Continetal di Tirrenia ove hanno partecipato 140 persone.


Grande partecipazione alla Riunione Regionale svolta sabato 22 e domenica 23 gennaio 2011, tenutasi all’Hotel Marinetta di Marina di Bibbona, con la partecipazione di venti Sezioni Toscane. Erano presenti i presidenti delle sezioni di Carrara Ernesto Galeotti, di Cecina Enrico Cerri, Collesalvetti Vittorio Rocchi, Firenze Silvano Francini, Follonica Elvio Ticciati, Grosseto Mario Carobbi, Livorno Cesare Gentile, Lucca Michele Quintino Miceli, Massa Marino Lippi, Piombino Giancarlo Giannelli, Pisa Salvatore Cultrera, Pontremoli Bellandi, Rosignano Solvay Raffaello Potenti, Siena Bruno Bianchi, Montevarchi Massimo Casi, San Giovanni Valdarno Luciano Vannacci, Viareggio Raffaele Del Freo, Castelfiorentino Tito Falorni. Ha presieduto la Riunione, il presidente, e l’organizzatore della festa, Cesare Gentile con l’ausilio del segretario preposto per queste riunioni Mauro Gabbanini. Presenti il Presidente Nazione Gian Paolo Bertoni, Il Consigliere Nazionale Federico Sani, il Collegio dei Probiviri Renzo Pallini, dell’appello Rude Poli, i Delegati per la Toscana Ettore Biagini e Lorenzelli di La Spezia, il Segretario Generale Nazionale Giuliano Salvatorini e il presidente della Sez. di Ravenna Giovanni Salbaroli. Prende la parola Gentile per passarla nell’ordine al Delegato Regionale Ettore Biagini, al Presidente Nazionale Gian Paolo Bertoni, al Delegato Regionale di La Spezia e al Presidente della Sez. di Ravenna Giovanni Salbaroli, per discutere i pt dell’Ordine del Giorno. Durante la discussione hanno preso la parola i vari presidenti di Sez. presenti per esprimere il proprio parere. Tutto si è svolto in perfetta armonia tanto che si è riusciti, per la prima volta, a parlare della varie ed eventuali. La riunione ha avuto inizio alle ore 15.30 ed è ultimata alle ore 19.30. Nel frattempo, in una sala perfettamente organizzata, si è tenuto il 1° Campionato Italiano di Burraco organizzato e presieduto dall’onnipotente Mauro Gabbanini. Alle ore 20.00, l’aperitivo e quindi la meravigliosa cena servita con maestria

dal personale del ristorante. Durante il convivio il presidente della Sez. di Livorno, ha offerto delle riconoscenze al proprietario dell’albergo Federico Ficcanterri, alla direttrice Sara Ranieri e alla segretaria Sabrina Meini. Poi sono stati premiati i vincitori del torneo di Burraco. Terminata la cena si è avuta una serata danzante in allegria. Il giorno 23 dopo una ricca colazione, alle ore 11.00, in un locale predisposto, si è avuta l’esibizione di Ju Jitsu da parte del maestro 8° Dan Maurizio Silvestri ed il figlio Campione del Mondo nonché Atleta dell’Anno della nostra Sez.. Tutto è riuscito bene con grande entusiasmo da parte dei soci presenti.

50a Assemblea Nazionale Unvs

LETOJANNI dal 4 al 8 maggio 2011 La nostra Sez. ha partecipato alla 50a Assemblea Nazionale dei soci UNVS, organizzando, come di solito, un pullman da 49 persone così composto: 14 soci di Livorno, 8 lucchesi, 8 di Pisa, 2 di Pontremoli, 16 di Viareggio e 1 di Montevarchi. Alle 7, del 4 maggio, partendo dalla sede del Coni di Livorno, l’elegante e confortevole pullman messo a disposizione dalla ditta Corti di Collesalvetti, ha intrapreso il viaggio per la Sicilia che abbiamo raggiunto il giorno successivo, dopo le soste all’Hotel Pavone di Cassino per il pranzo e all’Hotel Torino di Falerna per la cena ed il pernottamento. Alle ore 12 del giorno 5 abbiamo raggiunto l’albergo Antares di Letojanni dove avevamo prenotato la permanenza per la partecipazione all’Assemblea e quale base per le escursioni turistiche previste. Oltre ai lavori assembleari, a cui hanno partecipato sei nostri soci rap-

presentanti, sono state organizzate delle escursioni con visita a Catania, alla Madonna Nera di Tindari, a Taormina, Giardini Naxos, Siracusa, Noto e Messina. Nel soggiorno a Letojanni abbiamo avuto un eccellente trattamento sotto il profilo alberghiero e culinario. Nella mattinata dell’Assemblea sono stati assegnati i distintivi d’argento ai soci Alfredo Sisi e Massimo Lunardi, nonché una targa di riconoscenza al presidente Cesare Gentile per il numero dei soci presentati nell’anno 2010. Si è parlato della vita dell’Unione, dei Bilanci Consuntivi 2010 e Preventivi 2011 con approvazioni all’unanimità. Nel viaggio di ritorno abbiamo ripercorso le tappe dell’andata soffermandoci a Montecassino per la visita alla celebre Abbazia. La gita è stata apprezzata in tutto e per tutto dai partecipanti e la stanchezza, tanto temuta e paventata per la lunga trasferta, non si è fatta sentire per la perfetta organizzazione ed i tempi di sosta e riposo pianificati dal Presidente Cesare Gentile. Un ottimo autista del pullman, apprezzato da tutti i gitanti, ha dato fiducia e tranquillità. Prima di rompere le file, in arrivo a Livorno, nel pullman c’è stata una spontaneo “standing ovation” accompagnata da molti complimenti verso Cesare Gentile per l’ottima riuscita della spedizione.

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Riunione regionale sezioni toscane a Marina Di Bibbona

45


Veterani dello sport di Collesalvetti

Una gimkana che ha coinvolto oltre cento ragazzi suddivisi fra maschi e femmine. I partecipanti si sono cimentati lungo altret-

Iniziative per un anno: le manifestazione della Unvs di Collesalvetti Una Gimkana per il “Progetto Ciclismo” tanti percorsi separati, ma identici con slalom fra birilli, passaggio sotto un arco, una prova di abilità nel prendere al volo una palla e gettarla nel cestino accanto, posare un piede a terra davanti alla striscia dello stop ed un giro attorno ad una piccola rotatoria, ripetendo la prova due volte, ottenendo il migliore punteggio in base al tempo di percorrenza ed alle penalità. Al termine delle due giornate sono stati premiati i primi dieci classificati (maschi e femmine) con coppe e me-

daglie, offerti dalla sezione Unvs Ivo Mancini di Collesalvetti. In occasione della seconda giornata la premiazione è stata fatta dall’assessore allo sport del comune la dott.ssa Donatella Fantozzi che ha colto l’occa-

sione per ringraziare l’organizzazione per aver dato l’opportunità di vivere una giornata diversa all’insegna dello sport per tutti. Erano presenti fra gli organizzatori i soci Giorgio Bacci, Luciano Profeti, Giuliano Santucci, Aldo Tani e Gianfranco Baldini. Risultati: 1a Ferretti Rachele, 2a Matai Arsenida, 3a Convalle Margherita - 1° Grandi Matteo, 2° Pasquinelli Gianluca, 3° Dani Simone, 4° Pastore Alessio

Unione Nazionale Veterani dello Sport

I

l parcheggio del complesso sportivo di Collesalvetti si è trasformato nella mattina del 20 e 28 aprile in due brevi tracciati ad ostacoli per ciclisti (studenti appartenenti alla Scuola Media Statale “M. Marcacci” accompagnati dai professori Marradini e Novelli) che hanno partecipato alla “Gimkana” organizzata dall’As Colognole con il patrocinio dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport. sezione “Ivo Mancini di Collesalvetti.

I partecipanti della Scuola “M. Martano

47


7° Memorial “Ivo Mancini” Oltre 130 atleti in passerella a Guasticce

Unione Nazionale Veterani dello Sport

Il tavolo con i premi

S

uccesso di pubblico e partecipazione nella settima edizione del Memorial “Ivo Mancini” alla memoria, patrocinata dalla sezione Unvs colligiana, e organizzata dall’associazione sportiva A.S. Colognole in collaborazione con il GS Palazzone di Guasticce. La Kermesse si è disputata nella zona industriale, con una gara riservata alla categoria giovanissimi dai 7 ai 12 anni, sotto la supervisione del presidente del comitato provinciale di Livorno. Manifestazione nobilitata dalla presenza del vice presidente Unvs Gino Massei, che ha partecipato alle singole premiazioni coadiuvato con i consiglieri Pierini

e Giorgio Bacci. Hanno aderito al raduno circa centocinquanta giovani ciclisti in rappresentanza delle più importanti società della costa tirrenica. Numeroso il pubblico che ha assistito alle gare disposti lungo il percorso, dando coraggio con richiami ed applausi ai

L’arrivo del G3

Un momento della gara

giovani partecipanti. L'organizzazione è stata curata nei minimi particolari dal responsabile Giuliano Santucci con la collaborazione del Gs. Palazzone di Guasticce, coadiuvato anche dai soci Unvs: Carlo Santucci, Luciano Pro-

feti, Aldo Tani e Pierluigi Nista, che ha provveduto a mettere a disposizione i locali e premi vari. Tutti si sono prodigati procurando la massima collaborazione, assegnando coppe ai primi cinque classificati, e premi per tutti i partecipanti offerti da Il Tirreno, dalla Ditta Nencini Sport di Livorno e dal Consorzio Latte Maremma, mentre le società sono state premiate con due importanti trofei offerti dalla Ditta ”Il Vanto” di Stagno. Al termine, al momento delle premiazioni, giustificata la soddisfazione dei dirigenti della società organizzatrice, per il buon esito della manifestazione. Da registrare l’ennesimo successo nel G3 maschile di Tommaso Pozzolini del UC Mamma e Papà Fanini.

Il Distintivo d’Onore

I

n occasione della 50ª Assemblea Nazionale che si è tenuta il 6 maggio a Letojanni (Taormina) erano presenti in rappresentanza delDa destra il Vice Presidente nazionale Unvs Scotti e Baldini

48

la sezione i soci Gianfranco Baldini e Rolando Cecconi. Durante i lavori è stato conferito al segretario Baldini il Distintivo d’Onore. Un riconoscimento dovuto per il grande impegno che il nostro segretario ha sempre profuso a favore dello sport.


Simola premia l’arbitro Bertolini

Massei con Diego Rizzato

Memorial “R. Baconcini - Ivo Guglielmi” Gli Esordienti dell’Antignano Bandinella battono in finale (2-1) Armando Picchi, al 3° posto Pro Livorno - Sorgenti A fine torneo tutte e quattro le squadre partecipanti sono state premiate, insieme ai familiari di Renato Baconcini e Ivo Guglielmi, alla cui memoria di uomini di Sport è stata intitolata la competizione. Erano presenti, per i dirigenti dell’Unvs colligiana, il vice presidente Gino Massei, il segretario Gianfranco Baldini e il consigliere Maurizio Ceccotti, per la sezione arbitri il presidente Alessio Simola mentre in rappresentanza della società organizzatrice Diego Rizzato e Aroldo Tosti.

Alessio Simola premia i familiari

Il vice presidente Gino Massei premia la società Antignano Bandinella

Fin. 1° Posto Antignano Bandinella - Armando Picchi 2-1 Arbitro - Luca Bertolini Fin. 3° Posto Pro Livorno Sorgenti - Rosignano 6 Rose 3-2 Arbitro - Lara Toschi

Alessio Simola premia il rappresentante della sezione Aia Livorno

Unione Nazionale Veterani dello Sport

L

a manifestazione è stata organizzata dalla Società ASD Stagno, con il patrocinio della sezione Aia di Livorno e dalla sezione “Ivo Mancini” di Collesalvetti dell’Unione nazionale veterani dello sport e con il contributo di alcuni colleghi arbitri.

Il consigliere Maurizio Ceccotti premia la società A. Picchi

49


Alcuni partecipanti

Maratona fluviale del Nera Oltre 100 i partecipanti 70 anni) Pier Luigi Ottone, socio della sezione Unvs “Ivo Mancini” ha ottenuto il secondo posto sia nella discesa sprint, percorso di 600 metri nel tratto più difficile, che nella classica, 4,5 chilometri da Ferentillo ad Arrone. Il miglior tempo è stato realizzato dallo specialista Federico Castaldi della società “Canoa Club Tirrena Todaro” di Roma. Giustificata la soddisfazione di Mauro Pitotti, presidente del Gruppo Canoe Terni, associazione organizzatrice dell’evento: “Abbiamo la carica per migliorare ancora, rimanendo nel circuito nazionale del Tour Italy Marathon, quello che racchiude le quattro manifestazioni più importanti, con la due giorni dedicata agli sport all’aria aperta e a contatto con la natura svoltasi tra la cascata delle Marmore e la Valnerina

Ternana dal 10 al 12 settembre. L’evento, infatti, ha segnato numeri ragguardevoli: si parla di un’affluenza cresciuta del 30 per cento rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Da segnalare, infine, che lo stesso risultato si era verificato in occasione del Campionato italiano di maratona fluviale svoltosi nel mese di maggio sul fiume Ticino, da Vigevano a Pavia, per un totale di 38 km. Campionato Toscano di fondo Unvs Organizzato dalla società Canoa Club Livorno con il patrocinio della nostra sezione Unvs la manifestazione si è svolta venerdì 2 settembre. Molti i giovani che si sono cimentati nelle acque dello scolmatore a Stagno. La gara si è svolta su una distanza di 4.5 km, al termine le premiazioni suddivise per le varie categorie, infine un piccolo rinfresco offerto dal presidente Alessandro.

Il vice presidente UNVS Gino Massei Momenti della manifestazione in canoa sul fiume Nera

Pier Luigi Ottone M 70

Ornella Ricci W 40

Unione Nazionale Veterani dello Sport

O

ttimo ritorno in termini di promozione turistica. L’anno prossimo si rifà. Perché con oltre 100 iscritti fra agonisti e amatori, a pagaiare lungo il fiume Nera, la manifestazione entra di diritto fra le più importanti del territorio, sia in termini sportivi che in rapporto alla promozione turistica. La cronaca della Maratona fluviale del Nera, disputata sabato 10 e domenica 11 settembre, si chiude con un bilancio molto positivo per i Campionati italiani master, della Federazione Italiana Canoa e Kaiak, di discesa fluviale sia nella specialità sprint che classica. Il fiume Nera nasce dai monti Sibillini e scorre fra alte montagne di tipo carsico in una stretta valle aprendosi la strada fra strette gole in mezzo ad una fitta vegetazione. La corrente è veloce e le numerose rapide, anche se non violente, sono molto insidiose perché impegnano il canoista a manovrare il kayak per evitare alberi, arbusti e macigni. In queste splendido corso d'acqua il master categoria H (oltre

Gianluca Mancini M35

51


Panathlon International

I

52

n una recente riunione il consigliere Giorgio Galleni presentò la seguente proposta: da vari anni il nostro club ha istituito il Premio all’Atleta Livornese nella Storia ed è giusto che ci sia un riconoscimento a chi con le sue prestazioni nell’attività agonistica ha tenuto alto il nome di Livorno, ma nello sport ci sono tante altre persone che con un’attività di volontariato, svolta dietro una scrivania, contribuendo non poche volte di tasca propria al sostenimento delle spese necessarie per mandare avanti la barca, ha fondato e diretto società sportive, ne ha curato la parte organizzativa tenendo contatti con le autorità, gli atleti, loro familiari, i tecnici e, con vari miracoli, ha fatto il possibile e l’impossibile per raggiungere quei traguardi che hanno dato onore alla città ed è giusto che un riconoscimento vada anche a loro. Perché non istituire un premio anche per il Dirigente Sportivo Livornese nella Storia? La proposta fu accettata all’unanimità ed in occasione della tra-

Panathlon Paola Frittelli e Sandro Lomi premiati come atleta e come dirigente nella storia dello sport livornese L’attività del Panathlon labronico di Lorenzo Gremigni e Alfredo Sisi

dizionale Festa degli Auguri del 15 dicembre a chiusura dell’annata sportiva 2011, la prima edizione di tale premio ha visto la consegna della targa a Sandrino Lomi che purtroppo è deceduto il 9 marzo. Un personaggio che tutti gli sportivi livornesi, specialmente quelli avanti nel conteggio degli anni, hanno conosciuto e che, pur avendo già tagliato il 92° traguardo di età, conservava un’ottima lucidità mentale che gli permetteva di ricordare fatti e persone dei dì che furono. La targa all’Atleta Livornese nella Storia è andata invece a Paola Frittelli che è stata protagonista nella storia della pallavolo livornese e nazionale. Ha iniziato a giocare nella fucina importante di talenti al femminile di questo sport nel Torretta di Don Coperchini per poi essere protagonista con Livorno, Cecina, Siena e Santa Croce sull’Arno sempre in serie A, ma è stata soprattutto grande protagonista insieme alla “gemella” Gualandi nelle nazionali azzurre con cui ha messo insieme

circa 60 presenze, con una partecipazione alle qualificazioni olimpiche e la conquista di un oro e un argento ai Giochi del Mediterraneo. Sandro Lomi è uno dei dirigenti che hanno fatto la storia dello sport livornese. Fondatore nel 1947 della Polisportiva Libertas attiva a buoni livelli nel pugilato, nella pallavolo e soprattutto nell’atletica con atleti del valore di Malaguzzi, Paolo Macchia, Castelli, Trainni e il marciatore Giardini e nel basket è stato colui che ha lanciato, insieme ad altri dirigenti di ottimo livello come Pieri, Fenzi, Galleni e Bagnoli la Libertas Basket curando in modo particolare il settore giovanile nel quale sono stati conquistati vari titoli italiani juniores ed allievi e che doveva dare grandi giocatori e grandi soddisfazioni al movimento livornese fino a farle raggiungere, a metà anni ’50 del secolo scorso, la serie A con una politica che guardava ai propri prodotti, molti dei quali venivano anche ceduti alle società maggiori per tenere in pari il bilancio prima che l’avvento di altri dirigenti, primi fra tutti l’ing. Boris e i fratelli D’Alesio, lanciassero la società nell’elite del basket italiano. Ma Lomi non si è fermato qui e, sempre sensibile ai temi dello sport, è stato anche l’ideatore e il realizzatore di due impianti modello come il complesso polisportivo di Villa Letizia, oggi Junior Club, dove oltre al tennis si praticava il basket e quello del Circolo Tennis Libertas.


27 gennaio: conviviale presso il Circolo Tennis Livorno Banditella con Assemblea Generale Ordinaria dei Soci per l’approvazione della relazione sull’attività svolta nel 2010 e del relativo bilancio consuntivo. 12 febbraio: conviviale presso lo Yacht Club Livorno con relazione del past president Piero Dinelli sul tema “Il panathletismo: significato e obiettivi nella società attuale”. 19 marzo: partecipazione all’Assemblea Generale dell’Area 6 Toscana svolta a Grosseto. 24 marzo: conviviale presso lo Yacht Club Livorno con relazione del socio Alberto Ughi su “Il canottaggio”. 16 aprile: partecipazione alla riunione dei delegati dei club dell’Area Toscana per il Fair Play e per lo Sport dei Disabili. 21 aprile: conviviale presso lo Yacht Club Livorno con relazione del presidente del Circolo Fides Andrea Bichisecchi su “La scherma”. 21 maggio: fase finale presso il Circolo Tennis Livorno Banditella del Torneo di Tennis fra le squadre dei Panathlon Club dell’Area Toscana vinta dal club di Siena con il secondo posto alla nostra squadra composta dai soci Roberto Diddi e Luciano Nardi, seguita dalla conviviale e dalla premiazione. 17 giugno: convegno interclub dell’Area Toscana al Parco Termale di Uliveto Terme organizzato dai club di Lucca e Livorno su “La maratona” con la partecipazione di celebri personaggi di tale sport fra i quali i livornesi Roberto Onorati e padre Gabriele. 26 luglio: Festa dell’Estate alla “Locanda dei Grani” della Fortezza Vecchia. 22 settembre: conviviale presso lo Yacht Club Livorno con relazione del past president Piero Dinelli e della socia Daniela Becherini sul tema “Acqua e sport”.

PATROCINIO MANIFESTAZIONI SPORTIVE

Paola Frittelli premiata come Atleta livornese nella storia dello sport

27 ottobre: conviviale presso lo Yacht Club Livorno con la partecipazione di Igor Protti il quale ha parlato delle sue esperienze nel mondo del calcio. 17 novembre: conviviale presso il Circolo Tennis Livorno Banditella con Assemblea Generale Elettiva dei soci per il rinnovo delle cariche nel biennio 2012/2013. 15 dicembre: Festa degli Auguri con assegnazione dei Premi “all’Atleta livornese nella storia” e al “Dirigente Sportivo livornese nella storia”.

Torneo “La carica dei 101” di Scherma per bambini nati dal 2001 al 2005 organizzato dalla Scuola di Scherma del Maestro Rolando Rigoli con un contributo a favore dell’Associazione Cure Palliative. Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno con coppa Fair Play. Campionati Nazionali di Scherma con coppe Fair Play per normodotati e paralimpici. Premio Panathlon Club Livorno nella riunione di galoppo all’ippodromo “F.Caprilli” con coppa al proprietario del cavallo vincente e targa al suo fantino. Torneo Calcio a 8 per disabili con contributo per spese organizzative.

CRONOLOGIA DEL PREMIO ALL’ATLETA LIVORNESE NELLA STORIA (istituito nel 2006) 2006 Giusy Miglioranza Windsurf 2007 Letizia Tinghi Pattinaggio art. 2008 Rolando Rigoli Scherma 2009 Fabrizio Gaetaniello Rugby 2010 Massimo Cosmelli Pallacanestro 2011 Paola Frittelli Pallavolo

PREMIO AL DIRIGENTE SPORTIVO LIVORNESE NELLA STORIA (istituito nel 2011)

Panathlon International

SINTESI DELL’ATTIVITÀ 2011

2011 Alessandro Lomi

ORGANI SOCIALI PER IL BIENNIO 2012/2013 Presidente:

Roberta Naldini

Past president:

Lorenzo Gremigni

Consiglio Direttivo:

Daniela Becherini Bruno Bologna Piero Dinelli Giorgio Galleni Luciano Nardi Marco Paglioni Alfredo Sisi

Collegio dei Revisori Contabili: Rolando Ceccotti Effettivo Gino Galletti “ Mauro Gallinari “ Eugenio Lessi Supplente Enzo Pantani “ Collegio di Garanzia Statutaria: Giorgio Fanfani Effettivo Antonio Heusch “ Alberto Ughi “ Giorgio Guastalla Supplente Luigi Laudani “ 53


Presentazione Almanacco 2010 Venticinquesima uscita dell’Almanacco dello sport La presentazione al PalaBastia con centinai di bambini e atleti di Mario Orsini del Comune Claudio Ritorni, il presidente del Coni Gino Calderini e il suo vice Mario Tinghi, quello degli azzurri d’Italia Rodolfo Graziani, quello dei Veterani dello Sport Cesare Gentile, il consigliere comunale Valerio Virgili. Poi tanti sportivi e dirigenti di oggi, di ieri e dell’altro ieri: Remo Golfarini, Romano Mazzoni, Letizia Tinghi, Lara Filippi, Benedetta Niccolini, Ivan Palmstein, Massimo Spigoni, Domenico e Walter Passuello, Giorgio Bacci, Luciano Nannipieri, Glauco Cintoi, Andrea Comparini, Gabriele Balestrini e Francesco Tosi. Apprezzato speaker Alberto Buonaccorsi coadiuvato da Gianni Picchi. Deus ex machine, Roberto Scotto, da sempre braccio, mente ed anima dell’Almanacco dello Sport livornese, con la direttrice Antonella De Vito a suggerire idee e accorgimenti giusti al momento giusto. Insomma una coppia ben assortita sotto tutti i punti di vista. A Lorenzo Bogi, bravissimo navigatore di rally, nonostante sia costretto da quasi cinque anni a vivere su una sedia a rotelle, è andato, l’ambito premio: “sportivo dell’anno”. Particolarmente emozionante il momento dell’assegnazione del riconoscimento,

sulle note di “We are the Champions”, capolavoro dei Queen. A Rossano Vittori, regista del film “I campioni dello sport livornese”, presentato in anteprima ai Quattro Mori, un paio di mesi fa, il premio della famiglia del grande Armandino Picchi, nel 40esimo della prematura scomparsa del grandissimo difensore dell’Inter e della nazionale, nonché promettente allenatore prima del Varese (1968-1969), poi del Livorno (1969-1970) e infine della Juventus (1970-1971) prima della prematura scomparsa: il 27 maggio 1971. A conti fatti, questa stupenda presentazione, è stato un bel pomeriggio di sport ma, al tempo stesso, anche di solidarietà con la responsabile provinciale dell’Unicef e i dirigenti dell’Avis provinciale a sottolineare la rilevanza delle loro associazioni. L’Avis ha inoltre distribuito apprezzati gadget ai bambini. “Nei nostri sforzi redazionali e organizzativi c’è l’orgoglio di essere livornesi e italiani e la speranza di aver fatto qualcosa di apprezzabile per la nostra città”, le parole di Roberto Scotto. Come dargli torto!

Presentazione Almanacco 2010

U

n must della cultura sportiva labronica. Uno sguardo, a trecentosessanta gradi, sugli avvenimenti sportivi di casa nostra relativi al 2010. Un volumetto da custodire gelosamente nella biblioteca di casa. Per L’Almanacco: Livorno tra le più grandi dello Sport Mondiale, è stata una ricorrenza speciale. Anzi una doppia ricorrenza: i festeggiamenti del 150esimo dell’Unità d’Italia e il 25esimo dalla prima uscita. In tutto quasi 400 pagine di redazionali e foto a colori. Come corollario anche un supplemento trimestrale: “Orgogliosi di essere Livornesi”. Davvero una bel regalo per i tanti affezionati lettori di questo periodico che come il vino migliora al trascorrere del tempo. La presentazione ufficiale, del volume, il 7 maggio al PalaBastia. Presenti oltre un migliaio di persone. Stupenda la coreografia, con bandierine tricolori sventolanti da tutte le parti, inno di Mameli cantato a squarciagola e piccoli atleti, con “casacchine” distintive e cappellino versione tricolore in testa, a sfilare sul parquet, incolonnati dietro il cartellone dello sport di appartenenza, portato dai boy scout della Croce Rossa. Insomma un bel vedere. Tra gli intervenuti: campioni, ex campioni e autorità istituzionali, civili e militari. Tra loro il presidente della Provincia Giorgio Kutufà, l’assessore allo sport

55


Presentazione Almanacco 2010

Il momento della registrazione all’arrivo dei ragazzi

I volontari della Croce Rossa registrano l’arrivo dei ragazzi

La rappresentativa delle arti marziali

56

Le cheerleader consegnano i gadget


Presentazione Almanacco 2010

Inizio della sfilata delle rappresentative

Inizio della sfilata delle rappresentative

Ascolto dell’Inno Nazionale

Le rappresentative in posizione

57


Presentazione Almanacco 2010 58

La rappresentativa della pallavolo

La rappresentativa del pattinaggio

La rappresentativa del canottaggio e della canoa

La rappresentativa del basket

La rappresentativa delle arti marziali

La rappresentativa del triathlon


La rappresentativa del baseball e softball

La rappresentativa della danza

La rappresentativa del calcio

La rappresentativa del nuoto e pallanuoto

La rappresentativa della vela e windsurf

Presentazione Almanacco 2010

La rappresentativa del Cica sub

59


Presentazione Almanacco 2010 60

Lorenzo Bogi, premiato “Atleta dell’anno 2010”

Paola e Francesca Picchi premiano il regista Rossano Vittori

Da sx: Walter Passuello, Rodolfo Graziani, Domenico Passuello, Roberto Scotto e Gabriele Balestrini

Da sx:Vittorio Rocchi, Ivan Palmstein, Alberto Bonaccorsi e Rodolfo Graziani

Roberto Scotto e Rodolfo Graziani premiano Lorenzo Mambrini, titolare dell’H2O


Distributore esclusivo per la Toscana L’acqua di qualità nello sport: continua il successo dell’H2O

Chi fosse interessato a ulteriori informazioni può mettersi in contatto con la società

“H2O s.a.s. di Lorenzo Mambrini” telefonando allo 0586 400155 o mandando una e-mail a:

lorenzo.mambrini@dittah2o.com

L’ACQUA DI QUALITÀ DOVE VUOI TU: A TAVOLA, A LAVORO, AL RISTORANTE!


Competizione, estro, allenamento, passione, tutte doti necessarie affinché un atleta possa rendere al meglio nella sua attività sportiva. Caratteristiche essenziali anche nel mondo dell’arte, dove l’uomo, dotato di una sensibilità e di una creatività, riesce ad arrivare al suo “traguardo” con la realizzazione di un’opera d’arte. Ho voluto introdurre il mio intervento con questi pensieri che ben si sposano con due realtà come lo sport e l’arte livornese. Quando l’amico Roberto Scotto ha preso contatto per parlarmi di un nuovo progetto legato al suo “Almanacco dello sport”, subito ho accettato con entusiasmo all’idea, supportandolo per quanto riguardava la parte prettamente culturale.Tanti i pittori livornesi che nel corso degli anni hanno dedicato una particolare attenzione al mondo dello sport. Alcuni divenendo dei veri punti di riferimento per certe discipline.

Sport e arte: un legame tutto labronico volgerci ad un amico, a colui che oggi a Livorno svolge un’importante opera divulgativa in campo artistico, grazie alle sue competenze di studioso e alle sue doti di critico e amatore d’arte. Mauro Barbieri è l’uomo che ha saputo tradurre nel concreto la sua grande passione fondando la rivista “Arte a Livorno…e oltre confine”, rendendo un grande servizio alla città, che adesso può conoscere e approfondire anche in chiave scientifica gli autori e i temi legati all’arte. Una ricchezza locale che Mauro Barbieri ha spesso scoperto, valorizzato e messo in luce, in una Livorno che spesso non sa apprezzare le sue risorse. Il connubio fra sport e arte può

sembrare a “prima vista” un po’ strano, ma credetemi, non si tratta di una forzatura, perché si fonda su quei due solidi pilastri su cui poggia la nostra terra labronica e che hanno saputo far conoscere in tutto il mondo i suoi cittadini. Sarà adesso interessante, sotto la guida di Mauro Barbieri, seguire quel filo rosso che lega questi due pilastri e ci porta a parlare di arte quando si fa sport e di sport quando si fa arte, consolidando sempre più questo legame, che il mondo ci invidia e che sa restituirci la nostra più vera e importante autenticità di gente creativa, fantasiosa, artistica e naturalmente… sportiva! Roberto Scotto

Sport e Arte livornese Una realtà unica a livello nazionale Giò Di Batte per il ciclismo, è sicuramente l’artista che più di altri, ha focalizzato la propria attenzione ed attività artistica ad un mondo sportivo, mantenendo però la propria poeticità e sensibilità legata alla natura. Altri, come Mario Madiai, Massimo Lomi, Luca Bonechi, Tiziana De Felice, Dino Pelagatti e Araldo Camici, hanno, durante la propria carriera pittorica, affrontato temi legati a varie discipline dello sport, immortalando sulle proprie tele, attimi di vita sportiva. Così, con l’esperienza nel settore, acquisita in oltre vent’anni nel mondo dell’arte livornese, e l’amicizia che mi lega a tutti loro, ho rispolverato certi dipinti, che più di altri si rifacevano agli ideali dello sport. Le pagine, riservateci da Roberto, permetteranno ai lettori, di apprezzare certe realizzazioni artistiche, focalizzando l’attenzione, non solo sull’artista, ma anche sul messaggio che certi dipinti vogliono dare allo sport.

Alcune attività sportive, sono state “omaggiate” maggiormente dai pittori livornesi, mentre altre, salvo rari casi di cui però non abbiamo traccia fotografica, non hanno potuto avere quel giusto riconoscimento pittorico che meritavano. Il messaggio che però alla fine deve passare da questa nuova idea di Roberto, è l’unione di due realtà livornesi (Sport e Arte), che non hanno eguali in tutta Italia. Migliaia gli sportivi praticanti e gli artisti che quotidianamente esercitano la propria attività, esportando il nome di Livorno in tutto il mondo. Numerose le eccellenze nei due campi, dove tanti atleti e diversi artisti, hanno inciso i propri nomi nel panorama internazionale. Questo, è l’orgoglio di Livorno e di chi ama questa città. Questo deve essere lo spirito giusto per continuare ad alimentare le passioni di chi vive …con passione la vita. (Mauro Barbieri – Direttore Editoriale “Arte a Livorno… e oltre confine”)

Sport e Arte a Livorno

Il 2011 è stato per l’Almanacco dello Sport un anno di novità. Infatti, ci siamo accorti che sono molti i pittori che non disdegnano l’argomento sportivo per rappresentare le loro opere. Questo non solo in passato, ma anche in tutta la produzione artistica contemporanea. Abbiamo cominciato a guardare con più attenzione e con occhio diverso quanti hanno dipinto un atleta mentre si esprime al meglio delle sue forze o hanno ritratto un particolare legato ad una delle tante discipline sportive esistenti, ed abbiamo trovato dei lavori che ci sono sembrati interessanti. Non essendo degli esperti d’arte abbiamo deciso di ri-

63


ACI Livorno Sport L’Aci Livorno Sport cala il Tris d’Assi La Coppa Liburna, l’Elba Storico- Graffiti e l’ex Elba Ronde, oggi addirittura Rally Nazionale di Andrea Puccini emozioni di un tempo ai nostalgici ed appassionati residenti nella provincia labronica. Un lavoro incessante quello di Aci Livorno Sport che non si è adagiato sugli allori neanche all’indomani dei tanti complimenti ricevuti per l’impeccabile organizzazione dei suoi eventi. Da quelli più collaudati come l’intramontabile Elba Storico-Graffiti (un appuntamento che anche quest’anno chiuderà con il botto e con tante novità il gran ‘trittico’ labronico, alla fine del mese di settembre) ed il parallelo Elba Ronde. Un rendez-vous che arriva in anticipo nel mese di aprile, anch’esso in continua metamorfosi dopo il passaggio di 12 mesi fa allo status di Rally Due diventerà addirittura un rally del

circuito nazionale grazie all’imperdibile show dei migliori bolidi attualmente in circolazione che si sfideranno in ben tre Prove Speciali, da ripetere altrettante volte. Il miglior viatico per arrivare alla Liburna Asfalto che aperto i battenti dell’annata agonistica nel migliore dei modi. Incastonata da una location tanto spettacolare quanto inedita come da una cornice di pubblico quanto mai confortante e calorosa, presente sia nell’area del quartier generale ospitato quest’anno in riva al mare dal partner Porto Livorno 2000. Un segnale importante per il futuro dell’attività logistica di Aci Livorno Sport e di tutto il movimento dell’automobilismo livornese, una disciplina sportiva che lungo le strade di città e provincia abbonda storicamente di aneddoti, riguardanti trofei e piloti di successo. Un messaggio che autorità, amministratori e potenziali partner e sponsor non potranno ignorare, bensì hanno il dovere morale di recepire e tenere nella massima considerazione nell’ottica della continua e progressiva crescita di un evento che punta a toccare nuovamente i fasti degli anni d’oro. Quando la Coppa Liburna e i Rally dell’Isola d’Elba si erano talmente integrati nel tessuto storicoculturale del nostro territorio da venire considerati da tutti, profani del volante inclusi, un vero e proprio patrimonio da custodire e valorizzare quanto più possibile.

ACI: Automobile Club Livorno

L

a Coppa Liburna è tornata nel 2011 per rinverdire i fasti del rallismo nostrano ed ha già saputo rilanciarsi per le sfide future nell’edizione 2012. Crescono, per formula e attrattiva sul piano internazionale, anche le manifestazioni isolane dell’Elba Storico - Graffiti e dell’ex Elba Ronde, oggi addirittura Rally Nazionale. Il 2011 è stato un altro anno ricco di eventi e di altrettanti successi riscontrati dalla fervida ed incessante attività organizzativa dello staff targato Aci Livorno Sport. Il ‘braccio armato’ dell’Automobile Club Livorno nel settore delle competizioni automobilistiche ha infatti calato finalmente un tris d’assi. Una mano vincente vista l’aggiunta del ritorno dell’attesissima Coppa Liburna, già capace però di evolversi rispetto al suo glorioso passato e ‘promuoversi’ in questo primo scorcio di 2012, dopo appena un anno di vita, alla più ambiziosa formula di Rally Due. Una prima tappa che ha fatto da apripista agli altri due tradizionali appuntamenti motoristici allestiti sui mitici tornanti dell’isola d’Elba. Al fianco di quel paio di gare imperdibili per addetti ai lavori, trasformatesi ormai da anni in tappe fisse sull’agenda del movimento rallistico nazionale ed internazionale, la stagione appena trascorsa ha regalato così la ghiotta possibilità di rivivere ricordi ed

L’appeal mediatico dei rally labronici è ormai una certezza per organizzatori e sponsor

65


Il Primo Rally-Due d’Italia è all’Elba

I

l primo Rally-Due d’Italia, il 1. Rallye Elba, porta la firma di Emanuele Mannoni. Il pilota di Campo nell’Elba, in coppia con il lucchese David Castiglioni, debuttanti su una Ford Focus WRC, ha vinto la gara organizzata da ACI Livorno Sport. Erano due, le prove speciali disegnate, da ripetere altrettante volte, svolte tra la serata (la “Due Colli”) e la mattina (con la “Parata-Falconaia”), senza lo scarto del peggiore risultato, come avviene nelle ronde “classiche”.
 Malgrado l’insidia maltempo che ha pesantemente contraddistinto questa edizione del rally non ha comunque limitato l’organizzazione che ha portato a termine il proprio compito con la consueta professionalità e sicurezza. Già durante le prime battute di gara la pioggia aveva infatti penalizzato la prestazione di molti, tra cui appunto Mannoni, costretto ad una azione di difesa durante la prima prova speciale per via dell’acqua iniziata a cadere poco prima dello start, impegno affrontato con gomme inadeguate. Dalla seconda prova il pilota della Ford, portacolori del neonato Elba Racing Team, ha attaccato con decisione siglando il miglior tempo assoluto e

con il primo impegno della seconda giornata è passato al comando rilevando la Peugeot 207 S2000 del maremmano Daniele Batistini. 
Questi, con un’azione di forza aveva saputo portarsi al comando dalla seconda “piesse” in notturna, a sua volta rilevando il primato dal giovane locale Francesco Bettini (Renault Clio R3) che, con una scelta di gomme azzeccata e grazie anche ad un valore riconosciuto da tutti aveva preso in mano le redini della classifica con l’impegno inaugurale.
 La parte finale di gara ha invece regalato un successo pieno ai colori elbani: con Mannoni vincitore poi in sicurezza (tre i successi parziali per lui su quattro appuntamenti con il cronometro), la posizione d’onore l’ha fatta sua Bettini, approfittando della rottura della cinghia alternatore alla Peugeot 207 di Batistini (poi arrivato nelle retrovie) men-

tre terzo ha chiuso David Giacomelli (Renault Clio R3), in coppia con il fratello Daniel. Una prestazione maiuscola per entrambi gli esponenti locali, che hanno confermato il loro valore, spesso conosciuto anche oltre l’isola ed

una grande soddisfazione per il vincitore che ha così bissato il successo della Ronde dell’ottobre 2010: “Una nuova, grande emozione - ha commentato all’arrivo - per un elbano imporsi a casa propria è una emozione unica. Non è stata una gara facile, la vettura non la conoscevo è performante ma anche difficile, molto professionale, impararla in poco tempo è impensabile. Impone la massima concentrazione per guidarla ed allo stesso tempo si deve cercare di far bene contro avversari che ovviamente non ti lasciano mai la presa. Il maltempo non ci ha aiutati, in prima battuta abbiamo avuto difficoltà con le scelte di gomme, poi ci siamo risollevati riuscendo a rimanere calmi sino all’ultimo metro di gara”. 



ACI: Automobile Club Livorno

Emanuele Mannoni è profeta in patria: il pilota isolano vince su Ford Focus

Come al solito la risposta del pubblico livornese è stata molto ‘calda’ malgrado il freddo pungente

67


Tel. 0586 403211 Fax 0586 424963 Cell. 338 3438350

Via Fabio Filzi 19 int.11 57122 LIVORNO

• Ricambi nazionali ed esteri

• Filtri aria, olio, gasolio e carburante

• Filtri aria, olio e carburante

• Lubrificanti, liquidi freni lucautoricambi@alice.it

Scotto Pubblicità Livorno

• Batterie per auto/moto/nautica


Vincitori bagnati, vincitori fortunati!

I tornanti illuminati dai fari che squarciano il buio: il fascino del grande rally

ter Maggio, arrivato subito dietro all’altro, pur penalizzato di quattro minuti (40” reali) per ovviare ad un problema meccanico.
 Da ricordare che il momento sportivo è stato preceduto da un appuntamento molto simpatico, svoltosi presso il teatro Garibaldi di Rio nell’Elba: una proiezione di filmati di rally ha difatti rievocato gli anni ruggenti del Rally isolano e presentato anche il Premio “Sole e Mare Rio nell’Elba”. Un riconoscimento consegnato, nel contesto di questa gara, all’equipaggio migliore classificato tra quelli arrivati da più lontano (i trevigiani Tempestini-Baggio) con l’intento di associare sempre più il rally ad una terra a forte vocazione turistica. La serata ha avuto degna conclusione poi al Museo Archeologico di Rio nell’Elba, dove per una sera hanno convissuto foto e cimeli “rallistici” insieme ai reperti archeologici dell’antica terra di Rio e del versante orientale elbano. Il tutto raffinato da un’esposizione e degustazione di vini tipici isolani, assai apprez-

zati in tutto il mondo offerti, insieme a piatti locali, da ristoratori ed Aziende del luogo.


ACI: Automobile Club Livorno

Ai piedi del podio un’altra New Clio R3, quella del pistoiese Gabriele Tognozzi, che ha scelto il rally elbano e le sue strade tanto selettive quanto esaltanti per preparare al meglio la propria stagione 2011 e quinta piazza per il trevigiano Marco Tempestini (Peugeot 207 S2000), bravo a risalire la classifica dopo un avvio di gara anche per lui sofferto per via delle scelte di gomme. 
Notevoli, il fermento e la bagarre nelle posizioni centrali della top ten, con il pistoiese Cristian Fattorini in grande spolvero a bordo di una vecchia ma efficace Renault Clio Williams di “scaduta omologazione”, con la quale ha salutato la bandiera a scacchi in sesta posizione, davanti al livornese Luca Baldini (Peugeot 207 S2000) ed allo spezzino Claudio Arzà, brillante ottavo con la stessa vettura.
 La top ten assoluta è completata dalla nona posizione di Giuseppe e Stefania Romano (Renault Clio Williams), altri due validi esponenti del rallismo elbano, ed il grossetano Federico Di Buduo (Renault New Clio R3).
 In tema di prestazioni di alto spessore tecnico si sono segnalate quelle di altri due beniamini di casa: Riccardo Galullo, undicesimo assoluto con la Piccola Peugeot 106 XSi di scaduta omologazione ed anche quella di Wal-

69


Via C. Ferrigni, 9/A - LIVORNO Tel. 0586 372806 Scali del Pontino, 9 - LIVORNO Tel. 0586 219234 Via Provinciale Pisana, 177 - LIVORNO Tel. 0586 1864754 Via Conte Fazio, 35 - PISA Tel. 050 6138303 Piazza della Costituzione, 8 - PIOMBINO (LI) Tel. 0565 49646


XXIII Rallye Elba Trofeo Locman Italy: la tradizione si rinnova ancora

sa: il sammarinese Marco Bianchini, alla guida della Lancia Rally 037, una vettura peraltro ammessa al via del Campionato Europeo senza acquisire punteggio per la classifica. La tappa fondamentale per il Campionato Europeo ed Italiano Rally Autostoriche, in grado di conservare intatti i caratteri di essere un evento che appartiene all’intero territorio malgrado il cambio di scenario per il proprio quartier generale, ha fornito quindi materiale a sufficienza per i media specializzati. La storia dell’outsider vincente contro ogni pronostico risulta infatti un must da sempre affascinante: 
affiancato dal navigatore versiliese Emanuele Baldaccini, Bianchini infatti era partito in sordina prima di prendere il comando generale al termine della terza prova speciale. Una tattica prudente che ha fruttato, specie nella successiva strategia di controllo degli attacchi che arrivavano ripetutamente da diversi contendenti, in primis del senese Al-

berto Salvini e del lombardo di Lecco Marco Raoul Domenicali, entrambi iscritti a bordo di una Porsche 911. Proprio la giornata conclusiva, alle spalle di Bianchini, ha conosciuto difatti una spettacolare bagarre con Salvini che è riuscito ad emergere dalla mischia degli inseguitori e chiudere al secondo posto assoluto oltre che primo del secondo raggruppamento (riservato alle vetture comprese nel periodo 1970 - 1975), nonostante una difficoltà sofferta nel finale per aver centrato una pietra in traiettoria durante la decima prova (un problema che gli ha fatto finire la gara con una spalla dolorante). Un bello spavento per Salvini, che ha sudato freddo con la rottura successiva del braccio di una sospensione: nonostante questi handicap, ha saputo tenere ben salda la posizione d’onore nella graduatoria assoluta. ‘Medaglia di bronzo’ invece per il comasco Luca Ambrosoli (Porsche 911), autore di uno spettacolare ‘spalla a spalla’ con Domenicali. Quest’ultimo aveva chiuso la prima tappa sopra il gradino più basso del podio, per poi venire sorpassato dall’altro durante la PS 11, il primo giro sul Monte Perone, andando in crisi di gomme. Ambrosoli, con 9” di vantaggio finali, ha quindi vinto il terzo raggruppamento (vetture costruite dal 1976 al 1981). Bello il rush finale di categoria tra la Opel Ascona 400 del piemontese Bruno Migliara,

ACI: Automobile Club Livorno

I

l Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy, organizzato da Aci Livorno Sport e valido quale settima prova del Campionato Europeo Rally Storici e ottava dell’italiano di specialità, ha celebrato nel migliore dei modi il suo 23esimo compleanno. 
La gara, che nel 2011 ha cambiato ‘pelle’, traslando la propria location dalla storica sede di Marina di Campo sino all’altrettanto accogliente ed affascinante località isolana di Capoliveri, ha proposto come consuetudine tre giorni di sfide, concluse al termine di ben quattordici Prove Speciali. Un tour de force probante ed emozionante per piloti e pubblico che ha gremito le strade elbane, capace di regalare per la prima volta un vincitore a s o r p re -

La Lancia Rally 037 di Marco Bianchini sul gradino più alto del podio

Il cambio di location a Capoliveri ha portato nuova linfa alla manifestazione

71


Non sono mancate anche punte di vero spettacolo, certamente con la prova emozionante del giovedì sera a Capoliveri, sotto le cui luci artificiali hanno assistito migliaia di persone. 


Tra gli elbani, sempre molto acclamati dal caldo pubblico locale, hanno prevalso GianottiBonanno (Porsche 911),

diciottesimi nella generale e undicesimi nel terzo raggruppamento.
 Per gli amanti delle statistiche infine, è da sottolineare che al Rallye Elba Storico è stata interrotta una lunga serie di successi Porsche (dal 2000), mentre la mitica Lancia Rally è tornata al successo sull’isola dopo 26 anni dall’ultimo alloro conquistato da Dario Cerrato con l’esemplare del Jolly Club (1985).
 Nelle immagini momenti di pura adrenalina con i bolidi in azione

ACI: Automobile Club Livorno

penalizzato anche lui da un ritardo ad un controllo orario, contro il bresciano Roberto Montini (Porsche 911): ha prevalso all’ultimo tuffo il primo per un solo secondo. 
 Il primo raggruppamento (vetture costruite prima del 1969) è stato terra di conquista dell’esperto alessandrino Luigi Capsoni (Renault Alpine A110), anche lui passato al comando della categoria dalla terza prova dopo aver rilevato il testimonio dal torinese Adriano Salvi (Porsche 911 S), poi fermatosi verso l’epilogo di gara. Capsoni ha vinto davanti al finlandese Tuomo Liukkonen (Ford Escort) e terzo Luigi Zampaglione (Porsche). 
 Il secondo raggruppamento è stato vinto, come già accennato, da Salvini con il ternano Piero Carissimi (Porsche 911) al secondo posto, dopo una prestazione

definita maiuscola in quanto ha corso buona parte della gara debilitato da un fastidioso stato influenzale. Il terzo podio di categoria è andato al ceco Janota, con una Opel Kadett GT/E, rafforzando così la sua leadership continentale su Antonio Parisi (Porsche 911), giuntogli direttamente alle spalle in classifica.

 73


Coppa Liburna Asfalto: il salto di qualità vale lo status di Rally2

I

l via alla gara è stato dato dagli alti vertici ACI e CSAI, quindi con i migliori auspici per la stagione toscana e nazionale per il 2012.

 È partita sotto i migliori auspici, la stagione dei rallies in Toscana, con la prima edizione della Coppa Liburna Rally Asfalto, corsa tra la serata e la mattina successiva. Nel pomeriggio di sabato, alle 17,30, è stato dato il via dal Porto di Livorno alla

presenza del neo Presidente dell’Automobile Club d’Italia (nonché attuale Presidente CSAI), l’ing. Angelo Sticchi Damiani ed insieme a lui hanno presenziato i Vice Presidenti CSAI Mario Colelli e Bruno Longoni, oltre al Segretario Federale, il dottor Marco Ferrari.

DUE PROVE SPECIALI, PRESE DALLA TRADIZIONE LIVORNESE DEI RALLIES. Anche seconda gara di rallies in Italia, la Coppa Liburna Rally Asfalto, la gara è stata definita come tipologia “Rally2”, quindi due prove da ripetere altrettante volte. Indetta dall’Automobile Club Livorno ed organizzata da ACI Livorno Sport, con il suo nome ha riportato alla mente di molti momenti di grande storia della specialità ed una volta accesi i motori, affrontando le Prove Speciali di Sassetta (due passaggi ieri sera) e della Traversa Livornese (due passaggi oggi), è stato confermato l’elevato livello qualitativo del percorso, ricavato evidentemente dalla tradizione del rallismo livornese.

 BATISTINI HA MESSO AL SICURO IL SUCCESSO GIÀ LA PRIMA SERA A SASSETTA. Il successo è andato nella mani di Daniele Batistini, affiancato dal lucchese Pinelli, su una Peugeot 207 S2000. La coppia viceCampione 2011 del Trofeo L'equipaggio vincitore si gode la meritata ribalta

Rally Terra, ha messo al sicuro il risultato praticamente con i due passaggi della prova speciale corsa subito a Sassetta, percorso storico, che per Batistini è praticamente la gara di casa abitando nella vicina Suvereto (da dove partiva la prova). Il dualismo Batistini lo ha ingaggiato, come accadde durante la passate edizione, con Luca Baldini (Peugeot 207 S2000), rientrante dopo un anno di stop. I due si sono praticamente scambiate le posizioni finali del 2011. Al concreto attacco di Batistini sulla prima prova speciale, nonostante dovesse sistemare l’assetto della vettura, ha fatto da contraltare la difficoltà dell’altro, con l’appannamento del parabrezza e già dopo due impegni con il cronometro Batistini aveva il conforto di oltre 30” di vantaggio.

BALDINI HA PROVATO L’ATTACCO SULLA TRAVERSA LIVORNESE”. Baldini ha vinto entrambi i passaggi sulla “Traversa” Livornese”, ma non è bastato, Batistini ha saputo gestire la propria leadership andando così a cogliere un risultato decisamente esaltante pur terminando l’impegno con problemi all’interfono dei caschi, per la cui causa non ha potuto sentire scandite le note ed indicazioni del copilota Pinelli.

 LA TERZA PIAZZA A MATTEUCCI. Baldini da parte sua ha saputo tenersi ben saldo il posto d’onore, contenendo con tranquillità le incursioni del pistoiese Cristiano Matteucci, con Castiglioni alle note, pure lui su una Peugeot 207 S2000. Autore di una prestazione regolare, limitata durante le prime battute da una errata scelta di gomme, Matteucci ha colto la terza posizione finale, quindi una nuova soddisfazione al volante

ACI: Automobile Club Livorno

L’edizione 2012, la seconda consecutiva dopo il ritorno sulle strade di casa di Livorno e provincia, è ancora un grande successo. Specie per Daniele Batistini su Peugeot 207 S2000.

75


AUTOFFICINA PLURIMARCHE 1965 Presti & Sorrentino snc di Celesti & Paoli

SERVIZIO CLIMATIZZATORI DIAGNOSI COMPUTERIZZATA

SERVIZIO REVISIONI SOSTITUZIONI BATTERIE

Viale Italia, 75/77 - 57126 LIVORNO Tel. e Fax 0586 806420 - e-mail: offpresti@virgilio.it

Scotto Pubblicità Livorno

dal


Tante le presenze, specie al quartier generale della Porto 2000, per un’edizione record

della vettura francese che guida da solo un anno.

DANESI QUARTO, MORICCI RITIRATO. Ai piedi del podio, in quarta posizione, l’altro pistoiese Massimiliano Danesi, affiancato da Rosignoli, anche loro su una Peugeot 207 S2000. Danesi era al debutto con la vettura ed è stato limitato nella prestazione prima da una penalità di 10” per partenza anticipata sulla prima Prova Speciale e poi subito dopo da un problema sorto al cambio, poi ovviato con l’intervento riparatore alla service area. Dalla classifica è mancato il montecatinese Paolo Moricci, al debutto con la versione gruppo R della sua Mitsubishi Lancer EVO IX. Dopo aver terminato la prima porzione di gara in terza posizione, alla ripresa delle ostilità non ha potuto proseguire l’impegno per problemi tecnici.

DUELLO CECCHINI-PUCCI PER IL GRUPPO N. Bello e spettacolare il confronto nel gruppo N, con protagoniste le vetture a due ruote motrici. Il successo è andato all’emiliano Massimiliano Cecchini (Renault Clio RS) che ha saputo tenere sempre sulla corsa il pistoiese Leonardo Pucci (idem), il quale nell’ultima prova speciale ha avuto da recriminare l’essere

no 2000”, la Società che gestisce il Porto Passeggeri con il Terminal Crociere e la Stazione Marittima labronica. Le ampie strutture del Terminal Crociere che hanno ospitato la Direzione Gara, la Segreteria e la Sala Stampa, gli spazi antistanti che hanno accolto partenza e arrivo oltre che i riordinamenti ed il Parco di Assistenza, hanno permesso alla gara di offrirsi nel miglior modo possibile, certamente apprezzato da piloti, squadre ed addetti ai lavori. Non è mancato anche quest’anno il sostegno delle Amministrazioni Pubbliche. La Provincia di Livorno, che già salutò con entusiasmo il ritorno “alle origini” della

Una presenza prestigiosa ha battezzato l’edizione 2012: il neo Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani

Coppa Liburna nel 2011, ha conferito il suo patrocinio, così come hanno fatto il Comune di Livorno insieme a quelli di Rosignano Marittimo, Sassetta e Suvereto. La gara è andata dunque in archivio con un successo a tutto tondo, avvalorata dai 74 partenti. Un successo anche decretato dal consistente afflusso di pubblico sulle prove nonostante il freddo, altro sinonimo che nel contesto sportivo nazionale, della Coppa Liburna vi sono ampi spazi e possibilità concrete per tornare al fasto passato.

ACI: Automobile Club Livorno

stato rallentato dal concorrente che gli stava davanti in ordine di partenza, incappato in una foratura. Cecchi e Pucci sono arrivati sotto la bandiera a scacchi divisi da soli cinque secondi.

IL SUCCESSO ORGANIZZATIVO FA BEN SPERARE PER IL FUTURO. L’organizzazione ha potuto contare su una forte sinergia con “Porto Livor-

Grande la curiosità mostrata anche dai ‘neofiti’ delle quattro ruote sportive

77


È

Kart Marco Dell’Agnello Il nuovo progetto per diffondere il Karting in provincia Una stagione avara di soddisfazioni

Marco Dell’Agnello

C’è qualcuno che vuoi ringraziare? “Sì, mi sento in dovere di fare un ringrazia-

mento particolare a Roberto Scotto che per primo ci ha dato visibilità a livello provinciale, facendo sapere che sul nostro territorio esiste anche il karting, che dà lustro alla nostra città sia a livello nazionale che internazionale. Vorrei ringraziare anche tutto lo staff dirigenziale della scuderia Don Chisciotte che essendo molto attivo sul territorio ci ha dato la possibilità di fare delle piccole dimostrazioni con i nostri kart a contorno degli eventi da loro organizzati”. Vuoi lanciare un messaggio? “Più che un messaggio, vorrei invitare tutti gli appassionati a partecipare numerosi, la prima domenica di settembre a Collesalvetti dove farò da apripista allo stupendo spettacolo della corsa dei carretti su cuscinetti a sfera”.

F.I.K.: Federazione ItalianaKarting

stata da poco archiviata la stagione 2011 del campionato Easy Kart della Birel. Una stagione della quale Marco Dell’Agnello tira le somme cercando di trovare qualche lato positivo. Dopo i grandi successi del 2010, nei quali vale la pena ricordare il 3° posto ai Campionati europei in Polonia e il 15° posto al Campionato mondiale, dopo una gara esaltante dove aveva compiuto ben 16 sorpassi sotto un nubifragio incessante, la stagione attuale è stata avara di soddisfazioni, complice un grave infortunio che ne ha condizionato lo stato di forma. “Quando ci si abitua ad avere una certa competitività -spiega Marco- è difficile accettare di non aver raggiunto le posizioni alle quali mi ero abituato. Risalire la china è faticoso anche a livello psicologico, ma cerco di tenere duro e non demotivarmi”. Come ti sei organizzato in questo periodo? “Visto l’impossibilità di poter correre con una certa costanza insieme a mio fratello Andrea, abbiamo deciso di utilizzare il tempo disponibile per cercare di lanciare a livello provinciale il nostro sport e cercare di avvicinare tutte quelle persone che ci guardano con una certa curiosità. Questo progetto è stato appoggiato e rilanciato dal presidente del nostro Karting Club, Marco Orsini, che ha messo a disposizione dei kart per i ragazzi più giovani in modo da poter garantire la continuità e cambio generazionale”.

Marco e Andrea Dell’Agnello

79


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Massimo Lomi

L’Arte nello Sport

R

iuscire nel panorama dell’arte contemporanea ad esprimere un concetto innovativo senza perdere di vista la storia del “figurativo” e la sua tradizione è senz’altro il livemotiv che caratterizza la singolare pittura di Massimo Lomi. Che fin da bambino vive le esperienze artistiche del mondo livornese e nella città natale e dal nonno Giovanni assimila gli elementi essenziali della tradizione figurativa toscana. “Ricordo – ci dice- quando seguivo mio nonno nelle varie escursioni attraverso i musei, lui saltava di netto le sale neoclassiche per dirigersi esclusivamente in quelle degli artisti macchiaioli ed impressionisti”.

Massimo Lomi

Il 9 giugno 1969 muore il nonno, Giovanni Lomi, e nei tre anni successivi Massimo Lomi torna, seppur in chiave moderna, alla pittura figurativa. Durante l’ultimo anno di Liceo tiene la sua prima mostra alla Madonna del Cavatore a Carrara insieme ad altri quattro colleghi di studio e contemporaneamente tiene un’altra mostra a Milano alla Galleria da Grada. Sin da questo momento suo padre, uomo dalla vena musicale (faceva il jazzista), organizzatore delle mostre e promotore di Giovanni Lomi crede molto nelle capacità del figlio. È lui, infatti, il primo “sponsor” di Lomi sostenendo tutte le spese per l’or-

80

di un’attesa intensa, come per esempio in “Tabernacolo di Cordoba” (tempera del 1987). Ma è nel 1989, dopo il viaggio negli Stati Uniti d’America, che Massimo Lomi ha la sua svolta. Ed è in America che nasce la scelta dei soggetti, poi tornato in Italia elabora la sua pittura. Infatti, ci dice: “Dopo aver visto Eduard Hopper, è chiaro che si può fare del figurativo chiamandola pittura contemporanea. A volte ci sono manifestazioni di arte contemporanea, che escludono il figurativo e questo è sbagliato, dire che chi fa il figurativo non è contemporaneo è dire qualcosa che non è vero, perché nonostante il rapido corso tutto in avanti della tecnologia c’è natura intrinseca dell’uomo che gli permette ancora di vedere, respirare, sentire, di amare come Michelangelo, alla base ci sono le sensazioni e questo non si può dimenticare, pertanto facciamo quello che si vede con innovazioni personali, con tagli d’immagine, ma un minimo di leggibilità lasciamola”. Da qui, nasce la motivazione poetica e culturale dell’Artista. Ormai i riferimenti al passato non sono sufficienti per definire la serietà della sua ricerca della realtà e, soprattutto, la necessità del suo far pittura.

ganizzazione di mostre e sempre rimarrà per Lomi una figura importante. Negli anni ottanta Massimo Lomi ci offre una pittura ricca di nuove cromie, nuove architetture, nuove realtà di vita filtrate attraverso una personalità artistica ormai già definita. Sfruttando appieno il suo acuto senso di osservazione, Lomi non si ferma sulle coste labroniche, ma cerca nuovi stimoli e nuove esperienze in tutta Italia e all’estero Francia, Inghilterra, Africa, Estremo Oriente – particolare la sua bella esperienza di un mese in Sri Lanka, dove fu invitato insieme ad altri pittori. Apprezzò i paesaggi ed il popolo di questa regione asiatica restituendo questo incontro anche il alcune sue opere. Affronta tutte le tecniche grafiche dal disegno alla sanguigna, al pastello, alla china, all’acquarello, alla tempera – la sua preferita -. Queste tecniche, nelle quali si esprime con spontaneità e sicurezza, gli consentono di poter affrontare le più svariate tematiche valorizzandole al meglio. Affronta i grandi formati come le piccole tavolette. La linearità e la sintesi con cui l’Artista affronta e compiutamente risolve le tesi affrontate testimoniano le doti naturali e la sua preparazione. Attraverso la pittura Lomi ci indica che nulla è definitivo perché la progressione della logica che affronta l’esistenza, anche se letta in chiave attuale, è nonostante tutto perenne. Nelle sue opere si ritrova anche una grande speranza Massimo Lomi: “Momenti di golf” sotto il contrappunto


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

Massimo Lomi: “ippicando”

Quei riquadri ben delineati, quegli scorci architettonici o le brevi distese di mare, insomma quei tagli d’immagine si rivelano preziosa analisi di suggestive e fugaci malinconie e di solitudini taciute, che sembrano essere probabilmente gli unici segreti della sua vita e della sua pittura. Alla base della sua tecnica troviamo due fondamentali caratteristiche: il taglio del soggetto e quella che è la vera innovazione di Lomi, la scelta della ma-

teria legno come supporto alle sue opere. Per spiegarci da dove derivi la sua tecnica ci racconta della sua provenienza dalla grafica e di come ha preso a vedere le “cose” attraverso bilanciamenti e linee. E per quanto riguarda il taglio del soggetto, racchiuso in riquadri ben delineati a determinare la ricerca del particolare, ci precisa: “I miei soggetti difficilmente sono paesaggi, amo i tagli dell’immagine, la scelta del particolare, non cerco le caratteristiche che spesso accattivano il pubblico ovvero il cielo, la prospettiva, “l’omino”, i fiorellini”. Di fondamentale importanza per Lomi sono i supporti usati, che egli sceglie con cura: fondi di cassetto, ante, finestre, sportelli di comodino. La scelta della tavola scoperta si lega ancor più profondamente a quella incontrastata volontà di Lomi di personalizzare i suoi dipinti, infatti, qui l’Artista rivela la sua vera scoperta egli dipinge esclusivamente le luci, le superfici illuminate dal sole. “Più c’è sole – ci spiega – meno dipingo, meno c’è sole più lascio il legno, insomma in poche parole l’ombra è data dalla tavola scoperta”. Tuttavia anche quando l’opera è dipinta solo per pochi essenziali tratti,

Massimo Lomi: “Come nella vita”

Massimo Lomi: “Mitica terra rossa”

Lomi con questa tecnica riesce ad ottenere soluzioni di sintesi senza perdere la sua leggibilità, accentuando contrasti cromatici di sicuro effetto per l’osservatore. Si pensi ad opere come “Contrasti” del 1992 oppure a “Una bella giornata” sempre del ’92. E per farci capire meglio Lomi aggiunge “Nei miei dipinti ci può essere un 10, 20% di dipinto, il resto è legno. Nei quadri di Lega Cabianca vedi i quadri dipinti ed intravedi qua e là le venature del legno, io questa cosa l’ho capovolta: vedi la tavola scoperta e qua e là vedi il colore”. I dipinti di Lomi sono tempere anche se tanti credono che siano oli. La dominante dei gialli e delle terre in armonia con la superficie lignea, spesso ricavata da vecchie porte o finestre munite ancora dei loro serramenti, ci rivela una pittura particolarmente suggestiva ed una spiccata personalità di espressione non facilmente riscontrabile nel panorama artistico contemporaneo. Nella pittura di Massimo Lomi affiorano note poetiche evocanti una serenità che tuttavia non è mai decisione di sfuggire ad una realtà che comunque è tangibile. (Silvia Fierabracci

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

tratto da Arte a Livorno… e oltre confine)

81


Atletica Livorno UISP Agostini Livorno

Corsi di atletica Orario corsi 2011/2012 categoria

Corsi

PULCINI

Esordienti

allenamenti: martedì - giovedì

allenamenti: lunedì - mercoledì - venerdì

per Cadetti e Cadette

dalle ore 16.00 alle ore 17.00

dalle ore 15.30 alle ore 16.30 dalle ore 17.00 alle ore 18.00

lunedì - mercoledì - venerdì con orari disponibili in Segreteria

per Ragazzi e Ragazze

MAMME, mentre i vostri figli seguono i corsi, vi offriamo l’occasione di occuparvi della vostra forma fisica con attività pensate espressamente per voi!

Per ulteriori informazioni:

• telefona in sede al 0586 811117 • invia una mail al nostro indirizzo atletica.livorno@libero.it • collegati al nostro sito http://digilander.libero.it/atleticalivorno

Scotto Pubblicità Livorno

Orario segreteria lunedì - martedì - mercoledì - giovedì 15.30 - 18.00


C

Atletica Un anno fantastico per l’atletica livornese I nomi e i risultati delle stelle nascenti di Antonio Caprai rie Argento. Da segnalare per i colori biancoverdi anche i settimi posti nel campionato di società allievi ed allieve di serie A. Risultati storici per l’Atletica Livorno, in parte imprevedibili ad inizio stagione, ma che grazie alla tenacia degli Atleti, alla qualità dei Tecnici ed una valida Dirigenza è riuscita a raggiungere risultati che preannunciano un ottimo futuro. I cugini della Libertas Runners Livorno non sono stati alla finestra. Hanno avuto ottimi successi a livello regionale, sia di Società sia individuali. Si segnalano l’ottimo 2° posto nel campionato di società Cadette, ed il notevole 6° posto della squadra allieve che ha disputato la finale A1 a Formia. Gli amaranto si sono classificati anche al 5° posto nella finale A3 allievi di Isernia. Anche per la Società amaranto si prevede una prossima annata di successi che continuino la

stagione di quest’anno. La Società gode di individualità ad altissimo livello. È ovvio che l’atletica ha anche bisogno di risultati individuali: il carnet delle Società livornesi ne è ricchissimo e continua una tradizione fatta di successi a livello nazionale ed anche internazionale. Su tutti a livello internazionale si distinguono i gemelli Dini, Lorenzo e Samuele dell’Atletica Livorno che hanno partecipato ai campionati mondiali Allievi nella gara dei 1500 e 3000 metri rispettivamente piazzandosi fra i primi dieci atleti. Hanno conquistato anche il 3° ed il 2° posto ai campionati europei giovanili svoltisi in Turchia. Sempre per l’Atletica Livorno da segnalare Francesco Neri che ha raggiunto ottimi livelli partecipando ai campionati mondiali allievi e Filippo Girardi che ha partecipato ai Campionati Europei Junior marcia km. 10.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

he annata fantastica per l’atletica livornese. Non ci sono parole per descrivere ciò che è stato raggiunto sia a livello di risultati di società che prestazioni individuali da parte degli atleti labronici. L’atletica Livorno è la Società che più si è distinta in campo nazionale proponendosi come Società di riferimento nel panorama generale toscano. La squadra assoluta maschile ha vinto il Campionato Italiano di Società di A2, e la squadra assoluta Femminile si è classificata seconda nello stesso campionato. Entrambe le squadre hanno staccato il biglietto per salire di categoria. Per la prima volta nella storia, pur lunghissima di questa gloriosa Società, sia i maschi che le femmine saranno insieme in A1. I successi continuano per la squadra biancoverde degli allievi di marcia che con i suoi 5 atleti ha conquistato per la seconda volta consecutiva il titolo di campione d’Italia. Se pensiamo che mai nella sua storia la Società era riuscita a vincere un titolo italiano in questa specialità ed ora da due anni vince consecutivamente il titolo, significa che il tecnico del settore, Bruno Gabbi ha avuto il merito di formare degli Atleti molto validi. In Atletica leggera nulla avviene per caso. L’Under 23 maschile dell’Atletica Livorno si è piazzata al secondo posto nel Campionato Italiano di Società se-

83


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera 84

Per la Libertas Runners Livorno è necessario segnalare uno sfortunatissimo Mattia Contini che pur possedendo il miglior tempo nazionale dell’anno ha avuto un problema all’ultimo ostacolo della finale dei campionati italiani allievi 400 Hs ed ha perduto il podio pur avendo oltre due secondi di vantaggio sul secondo a pochi metri dall’arrivo. L’altro atleta che fa sognare è Giacomo Grotti nel lancio del disco che ha partecipato ai campionati europei giovanili in Turchia con ottimi risultati. Continuando con gli amaranto: Sono da segnalare i campioni della Società Libertas Runners Livorno a livello regionale: Dainelli Luisa - Campionessa Toscana Cross Km 1,5 ragazze Picchiottino Gianluca - Campione Toscano - Marcia Km.4 cadetti Fabbri Giada - Campionessa Toscana Marcia su strada cadette

Contini Mattia - Campione Toscano m. 110 HS e m. 400 HS allievi Borea Stefano - Campione Toscano salto in alto indoor ed outdoor allievi Froglia Sara - Campionessa Toscana m. 800 Indoor allievi Fagioli Chiara - Campionessa Toscana m. 200 Indoor allievi Lazzeri Gianmarco - Campione Toscano m. 800 Indoor m. 1500 Indoor allievi Siena Marco - Campione Toscano m.100 Juniores Da Prato Debora - Campionessa Toscana Peso Juniores Grotti Giacomo - Campione Toscano Disco - Campionati invernali e peso Indoor Juniores Bindi Marco - Campione Toscano m. 800 promesse Froglia Sara - Campionessa Toscana m. 800 Indoor assoluti Terreni Massimo - Campione Toscano MM 55 Martello Cassini Stefano - Campione Toscano MM 45 Lungo e Giavellotto Albieri Andrea - Campione Toscano MM 35 Martello Per i biancoverdi le cose a livello individuale hanno confermato quanto di buono c’è stato a livello societario, con delle prestazioni di assoluto livello nazionale, oltre che fare man bassa di titoli regionali. Sono da citare i campioni dell’Atletica Livorno a livello nazionale Dini Lorenzo - Campione italiano allievi nei 1500 e Campione Italiano Studentesco di cross Dini Samuele - Campione Italiano Allievi nei 3000 Magni Elisa - Campionessa Italiana Promesse di lancio del martello invernale ed estivo Lari Filippo - Campione italiano cadetti di salto in alto Benenati Stefano - Campione Italiano di Società Marcia allievi Caprai Claudio - Campione Italiano di Società Marcia allievi Di Mauro Alfredo - Campione Italiano di Società Marcia allievi

Guglielmi Giacomo - Campione Italiano di Società Marcia allievi Marri Luigi - Campione Italiano di Società Marcia allievi Si segnalano i campioni regionali dell’Atletica Livorno Argelassi Francesca - Campionessa toscana giavellotto giovanile invernale Bacci Alessandro - Campione toscano 400 junior Baldacci Davide - Campione toscano di società cross allievi Bianchini Caterina - Campionessa toscana 400 e 4x100 allieve Boccia Francesca - Campionessa toscana asta allieve Bottazzoli Lorenzo - Campione toscano di società cross allievi Bussotti Neves Joao - Campione toscano cross junior, Campione toscano assoluto 800 e 1500, campione toscano junior 800

Chiara Fagioli Campionato Regionale Allieve 2011 mt. 200 piani indoor


Paolini Davide - Campione toscano del peso allievi Peroni Francesco - Campione toscano asta junior Pistolesi Tommaso - Campione toscano asta allievi e vincitore del Gran Prix MPS dei salti Repeti Sara - Campionessa toscana 4x100 allieve Rinaldi Andrea - Campione toscano indoor e all’aperto lungo ragazzi, Campione toscano indoor 4x1 giro ragazzi, Campione toscano 4x100 ragazzi Selmi Gianluca - Campione toscano indoor 4x1 giro ragazzi, Campione toscano corsa su strada ragazzi Yahiaoui Abdessamad - Campione toscano indoor 4x1 giro ragazzi Cosa dire di questi risultati che fanno dell’atletica labronica una delle più importanti nel panorama nazionale e so-

prattutto come si raggiungono questi risultati? Da dire c’è solo Grazie Ragazzi per dare una immagine di Livorno degna della sua storia atletica, ripercorrendo le gesta dei nostri campioni del passato anche recente. Come raggiungere i risultati invece è una cosa abbastanza complessa e facile allo stesso tempo ed il merito va equamente diviso fra questi ingredienti: entusiasmo, capacità tecnica, capacità dirigenziale. C’è stato in tutto questo movimento anche un buon apporto del Comitato Provinciale della Fidal che nei momenti importanti ha saputo dare gli stimoli giusti alle Società. Un comitato che viene reputato da tutti un esempio da seguire in Toscana e che con i suoi componenti eletti Sergio Muzi, Claudio Cerrai, Luigi Lischi, con l’apporto dei componenti del Comitato Regionale Alberto Cencetti e Mauro Cortopassi, le fiduciarie settore giovanile Dunia Luciani e Cristina Sanfilippo, il responsabile stampa Luciano Della Bella, la responsabile del sito web Belinda Sorice ed ultimo ma non ultimo il Fiduciario del settore arbitrale (Gruppo Giudici Gare), ha dato vita ad iniziative importanti. Una parentesi deve essere aperta per parlare dell’ottimo Gruppo Giudici Gare di Livorno che con il suo staff ha saputo portare a termine ogni manifestazione in orario e senza mai generare polemiche. È stato un apporto fondamentale per l’attività, anche perché di fronte ad una situazione impiantistica assolutamente insufficiente rispetto alle altre realtà toscane, la capacità organizzativa è l’unica arma che rimane per organizzare manifestazioni nella nostra città. Un grazie quindi al Gruppo Giudici per la quantità e qualità dei suoi componenti. Auguriamo alle Società livornesi un 2012 ricco, ricchissimo di soddisfazioni. Viva l’atletica labronica.

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

Denza Fabio - Campione toscane indoor 4x1 giro ragazzi e 4x100 ragazzi Di Caro Lucrezia - Campionessa toscana indoor marcia 1 ragazze, Campionessa toscana marcia su strada ragazze, Campionessa toscana marcia 2 Km ragazze, vincitrice del Gran Prix Toscano di marcia ragazze Degl’Innocenti Giorgia - Campionessa toscana 4x100 e triplo allieve, vincitrice del Gran Prix MPS dei salti Di Mauro Alfredo - vincitore del Gran Prix Toscano di marcia allievi Dini Lorenzo - Campione toscano di società di cross allievi Dini Samuele - Campione toscano cross allievi, campione toscano di società cross allievi, campione toscano 800 allievi Fedele Leoluca - Campione toscano peso junior Ferrucci Filippo Maria - Campione toscano 4x100 ragazzi Girardi Filippo - Campione toscano junior 5 km marcia indoor Gori Eleonora - Campionessa toscana giavellotto allieve Guerrazzi Sharon - Campionessa toscana corsa su strada cadette Guglielmi Giacomo - Campione toscano indoor marcia 5 km allievi, Campione toscano marcia su strada allievi, Guidi Alessia - Campionessa toscana indoor marcia km. 3 junior Lari Filippo - Campione toscano indoor alto cadetti Lensi Valentina - Campionessa toscana 4x100 allieve Magni Elisa - Campionessa toscana invernale martello assoluti Marconi Emilio - Campione toscano 300 hs. cadetti Menicagli Sandro - Campione toscano 4x100 ragazzi Motta Simone - Campione toscano di società di cross allievi Neri Francesco - Campione toscano martello giovanile e allievi

85


Agostini srl Via dell’Industria, 9 - 57122 LIVORNO Tel. 0586 895358 - Fax 0586 891354 info@gruppoagostini.it web: www.agostinisrl.it

Tutto ciò che serve per ottimizzare il lavoro di ufficio • STAMPANTI e FOTOCOPIATRICI MULTIFUNZIONE in B/N e COLORE • COMPUTER e SERVER • SOFTWARE GESTIONALI

Scotto Pubblicità Livorno

• ARREDAMENTI UFFICIO


Silvio Laudani direttore sportivo dell’Atletica Libertas Runners “Niente. Diciamo che sono nato quasi per caso a Lipari ma mi sento livornese dalla testa ai piedi. Sono arrivato in città nel 1952. Avevo quattro anni. Babbo era finanziere ed era stato trasferito a Livorno. Da allora non mi sono più mosso”. Studi? “Ho fatto ragioneria. Anche in questo caso la svolta è stata radicale. Gli studi di ragioniere sono nell’album dei ricordi. Mi sono innamorato dello sport e l’ho preferito a un comodo posto in banca e a qualche soldino in più che avrei potuto guadagnare. Per questo mi sono iscritto e mi sono laureato all’Ise, acronimo di Istituto Superiore di Educazione Fisica. Oltre che come allenatore sono da vent’anni direttore sportivo di questa società”. Perché un ex mezzofondista allena da sempre nel settore lanci. Sembra quasi una contraddizione? “È stata una scelta quasi casuale. Quando il professor Renato Carnevali andò in nazionale il settore fu preso in mano da Lorenzo Gremigni. Successivamente Gremigni passò all’Atletica Livorno. Conseguentemente il settore, in casa Libertas, rimase privo di guida tecnica, con tanti ragazzi, che non l’avevano seguito, da allenare. Con tanta buona volontà e l’aiuto del professor Carnevali colmai quel vuoto”. Quanti atleti ha allenato in quarant’anni? “Tanti, davvero tanti”. Qualche nome? Nel giavellotto Fabio Chiellini, padre di Giorgio il giocatore della Juventus, e Dario Pistolozzi. Nel peso Lucia Filippi e Luigi Gragnani e nel disco Andrea Fuduli, Claudia Bagnoli, Lucia Zironi e le sorelle Tania e Marzia Piccioli. Molti di questi atleti oltre ad essersi distinti in ambito regionale hanno vestito, magari a livello solo giovanile la maglia azzurra”.

Insomma tante soddisfazioni? “Veramente tante anche perché con molti di loro il rapporto di amicizia e di stima reciproca è ancora attuale”. Attualmente chi allena? “Il discobolo Giacomo Grotti e la discobola e pesista Debora Da Prato entrambi di Pietrasanta. Giacomo, classe 1993, è il miglior lanciatore del disco junior della penisola e Debora una delle migliori pesiste dello stivale”. Come vanno le cose in casa Libertas Runners? “Bene. Abbiamo circa trecento tesserati dagli esordienti agli assoluti. Inoltre un piccolo ma qualificato settore Master”. Qualche nome di spicco? “L’ostacolista Mattia Contini, classe 1994, allenato dal professor Vittorio Vece, che su i 400h ha un record di 52” e 88 centesimi. Con noi è cresciuto e si è fatto le ossa il saltatore in alto e ostacolista Mach Ivan Palmstein, attualmente alla Atletica Riccardi Milano. Un ottimo atleta che continua ad allenarsi a Livorno con Fabrizio Mori”. Poi? “Il 23enne ostacolista Francesco Nocerino, attualmente tesserato per l’Atletica Virtus CR Lucca per i rapporti di collaborazione con la Libertas Runners. Francesco ha fatto da stimolo a Mattia Contini ed ha contribuito a farlo crescere. Inoltre il velocista Marco Sierra, le ottocentiste Moira Pachetti, classe 1989, e Sara Froglia, classe 1995, in possesso del terzo miglior tempo italiano con 2’ e 15” e 92 centesimi sugli 800 metri. Ma l’elenco potrebbe continuare”. Tanti bravi atleti ma anche ottimi allenatori? “Proprio così”. Qualche nome? “Vittorio Vece cura il gruppo velocità, il salto in alto e gli ostacoli. A dargli una mano è Dunia Luciani. Mario Trainni, ex grande saltatore e velocista, allena i saltatori del triplo. Andrea Alvieri gli astisti e anche il salto in alto. Andrea De Panfilo e l’ex nazionale di marcia Massimo Passoni allenano i mezzofondisti e nel caso di Passoni pure i marciatori”. Mario Orsini

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

L

’Atletica Libertas Runners quasi come una seconda pelle. Prima come atleta e poi come allenatore, dirigente e direttore sportivo. Un connubio che dura ormai da mezzo secolo. Silvio Laudani, nato a Lipari nel 1948, la passione per l’atletica leggera l’ha scoperta da giovane studente e l’ha coltivata con amore e passione fino ad oggi. “Ero un discreto mezzofondista sulle distanze dai 400 ai 1500 metri. A quei tempi si correva anche nei 600 e nei 1200, oltre naturalmente agli 800. Inoltre, qualche volta, mi sono cimentato, con apprezzabili risultati, pure nei 3000 siepi”, le sue prime parole. Insegnante di Educazione Fisica, con lunga militanza al liceo scientifico Cecioni, da un paio d’anni in pensione, il professor Silvio continua ad allenare, nel settore lanci, con immutata passione, come ha sempre fatto. Però solamente: Disco, giavellotto, peso ma non nel martello. “Verso questo attrezzo ho una certa repulsione forse più in maniera inconscia che reale”. La ragione? “Un giorno da adolescente mentre stavo allenandomi al Campo Scuola, in un momento di relax, mi misi a parlare, con un mio amico, sul prato a bordo pista, dimenticando che il martellista Roberto Capperi stava lanciando. A un certo punto, anche per nostra negligenza, il martello scagliato da Capperi, dopo avermi sfiorato la testa, mi colpì all’altezza della clavicola fratturandomela. Se la traiettoria del martello fosse stata leggermente diversa mi avrebbe preso in pieno il cervelletto e allora non saremmo qui a parlare. Da quel momento è finito l’amore per il martello”. Cosa le è rimasto delle sue origini siciliane?

87


F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

S

88

ettant’anni davvero ben portati e tanta voglia di guardare avanti. Di continuare ad allenare come ormai fa, ininterrottamente, da mezzo secolo. Bruno Gabbi, per tutti il professor Gabbi è un punto di riferimento dell’atletica labronica. Un maestro che ha plasmato generazione d’atleti con l’inconfondibile casacca biancoverde addosso. Quel simbolo che è al tempo stesso un elemento di distinzione e di appartenenza. Adesso il professor Gabbi della gloriosa Atletica Livorno è il Direttore Sportivo ma, con i suoi modi gentili, la sua competenza e disponibilità, è soprattutto un punto di riferimento per tutti. Con lui nella sede storica dell’Atletica Livorno, all’interno dello stadio Comunale in via dei Pensieri, abbiamo fatto una bella chiacchierata con un occhio all’amarcord e un altro all’attualità. Professor Gabbi, tanti anni fa, almeno coloro che guardavano l’atletica

Bruno Gabbi: un nome una garanzia Da 50 anni tecnico ha scritto la storia labronica dell’atletica livornese dall’esterno, abbinavano all’Atletica Livorno e all’allora Libertas, adesso Atletica Libertas Runners Livorno, colorazioni politiche e ideologiche diverse. In altre parole l’Atletica Livorno era considerata sinistroide e la Libertas, anche per quel nome che portava, democristiana. Esiste sempre questa differenziazione? “Le differenze erano più nel nome che nella realtà. La politica è sempre rimasta fuori di questo sport o, al più, in tempi lontani, lo ha solamente lambito”. Livornese da sempre? “No. Sono nato, quasi casualmente, a Bologna. Mio padre era un funzionario della polizia ferroviaria e spesso cambiava residenza. Livorno poi è stato un punto d’arrivo”. Bruno Gabbi atleta? “Fino a 24 anni ho giocato a pallone. Ero un discreto esterno sinistro, un cursore di fascia vecchia maniera. I primi passi, da piccolino, li ho mossi nella squadra del S. Giacomo in provincia di Bolzano e successivamente nell’Audace San Michele a Verona. In quella compagine c’era anche Mario Corso che ha solo cinque mesi più di me. Ricordo, anche se eravamo bambini, che si faceva già notare per il suo estro e la sua classe genuina. Tutti

lo chiamavamo Mariolino, un nome che gli è rimasto incollato addosso anche quando passò all’Inter e divenne uno dei giocatori più bravi del mondo. Nei primi anni cinquanta, quando siamo arrivati a Livorno, ho giocato dapprima nell’Edera e poi nel Labrone e nell’Audace sempre a livelli dilettantistici. Nel 1963 in una partita a Castiglioncello mi sono stirato i legamenti. Per la rieducazione mi sono affidato al signor Lascialfari a quel tempo massaggiatore del Livorno. Insieme a me stavano facendo rieducazione anche alcuni ragazzi che facevano atletica. Tra noi è nata un’amicizia e per me anche l’amore per questo sport, grazie anche al professor Renato Carnevali. Proprio il professor Carnevali, quando lasciò l’insegnamento per passare ad allenare, nel settore lanci della Nazionale, fece il mio nome per sostituirlo come insegnante all’Istituto Tecnico Industriale. Ricordo come adesso il giorno in cui mi arrivò la lettera di presentazione alla direzione della Scuola. Era il primo aprile del 1966. Inizialmente pensavo fosse uno scherzo. Invece quando mi presentai all’allora preside Gristina capii che era tutto vero. Da quel momento è iniziata la mia carriera scolastica che ho proseguito fino al 2000. Per scelta quasi sempre alla Scuola Media. Secondo me il luogo ideale dove poter veramente insegnare Educazione Fisica in maniera proficua”. Quando e perché ha iniziato ad allenare? “All’attività di insegnamento abbinai subito quella di allenatore di atletica. Una passione che si è fortificata negli anni e anche attualmente è ancora viva”. Differenza tra atleti di ieri e oggi ? “Molte. Fisicamente e caratterialmente. I ragazzi di oggi sono più alti, più robusti. Rispetto a quelli di tanti anni fa hanno però meno qualità fisiche. La strada era un’ottima palestra. Prima non c’erano tante automobili come adesso e specialmente nelle strade secondarie si poteva


Riccardo Ceccarini, un ex martellista, che attualmente allena Nicola Vizzoni e tanti giovani o giovanissimi promettenti lanciatori. Tra loro la ventenne martellista Elisa Magni che ha partecipato ai mondiali juniores in Canada, la giavellottista Francesca Argelassi e il giovane martellista Francesco Neri”. Pesisti all’orizzonte? “È una specialità in netto regresso anche perché occorre un fisico da armadi. Chi lo possiede magari preferisce fare il pilone in un campo di rugby. I martellisti invece hanno fisici più longilinei”. Perché la maggior parte dei nostri ragazzi pratica calcio? “Perché è lo sport più reclamizzato. Il 90% delle trasmissioni sportive televisive o di ‘Radio Sportiva’ è dedicato al calcio e il resto distribuito tra gli altri sport”. Perché un ragazzo o una ragazza al calcio dovrebbe preferire l’atletica o altri sport? “Un bambino, secondo me, oltre a imparare a nuotare dovrebbe camminare e correre in maniera corretta. L’Atletica leggera è la disciplina sportiva giusta per non dire fondamentale. Dopo sceglierà lo sport per cui si sente maggiormente portato e quello che pensa possa dargli le maggiori soddisfazioni”. Doping e atletica dalle nostre parti? “Dalle nostre parti il doping non ha avuto mai diritto di cittadinanza. Noi siamo sempre stati molto vigili in questo, anche se non occorreva. Quando un ragazzo non va e poi da un giorno all’altro inizia ad andare forte preferiamo cautelarci allontanandolo. Adesso i controlli anche a livello federale sono severissimi ed è impossibile barare. Quando ad esempio Nicola Vizzoni o altri atleti, vanno a gareggiare viene chiesto loro in anticipo in quale albergo soggiorneranno in modo da poter effettuare eventuali controlli a sorpresa. Insomma non si sgarra”. Per fare una maratona sotto le 2 ore e 10’ basta l’allenamento e il talento? “Di atleti che scendono sotto le due ore e10 minuti ne ho visti pochi specialmente con la pelle bianca. Quelli che hanno queste potenzialità sono quasi tutti africani. Ma loro la corsa l’hanno scritta nel Dna e sono abituati a correre appena nascono”. Tra gli atleti che ha avuto quale ricorda con maggiore piacere?

“In 50 anni da tecnico ne ho allenati migliaia. Se dicessi qualche nome rischierei di dimenticarne qualcuno altro. Se proprio insiste le ricordo qualche atleta che grazie anche a un grandissimo impegno hanno fatto negli anni progressi rilevanti. Tra loro ricordo Marco Milani, Roberto Orani, Gambacciani, Claudio Calvi, ma la lista è ancora lunga. Tra quelli, invece, che hanno dato un po’ meno di quanto avrebbero potuto, nella seconda metà degli anni ottanta, sono stati i gemelli Andrea e Alessandro Cellai. Due mezzofondisti fuori del comune che a diciotto, diciannove anni, correvano i 1500 metri in tempi eccellenti. Peccato che il loro disimpegno dall’atletica sia arrivato troppo presto. Altrimenti avrebbero potuto scrivere pagine importanti in questo sport. Una cosa che vorrei sottolineare e che tra me e un atleta non c’è mai stata una frattura e sono sempre rimasto in buoni rapporti con tutti, anche quando si sono allontanati dai campi di allenamento”. Chi allena attualmente? “I marciatori con grandi soddisfazioni. Qualche nome? Filippo Girardi, Giorgio Favati, Federico Semboloni. Luca Messeri, Claudio Caprai. Alessia Guidi, Alice Bonatti ma anche in questo caso l’elenco potrebbe continuare. Tra le maggiori soddisfazioni che mi hanno dato i marciatori, ultimamente, c’è quella di aver vinto per due anni consecutivi il titolo italiano allievi”. Tra i giovani e giovanissimi livornesi che praticano atletica chi vede bene in prospettiva? “Dell’Atletica Livorno i gemelli Lorenzo e Samuele Dini, due mezzofondisti straordinari, diciassettenni. Inoltre, il martellista sedicenne Francesco Neri e il saltatore in alto, quindicenne, Filippo Lari e la martellista ventenne Elisa Magni, nel 2010 settima ai campionati del mondo Juniores. In casa Libertas Runners Livorno l’ostacolista diciassettenne Mattia Contini”. Livorno quando manderà nuovamente un atleta alle Olimpiadi? “Quasi sicuramente, alle prossime olimpiadi di Londra, il martellista di Pietrasanta, ma naturalizzato livornese Nicola Vizzoni. Escluso lui, neppure alle Olimpiadi del 2016 vedo qualcun altro che possa raggiungere questo obiettivo. La speranza è di essere smentito”. Mario Orsini

F.I.D.A.L.: Federazione Italiana Di Atletica Leggera

giocare tranquillamente senza pericoli. I giovani erano più predisposti ai sacrifici. Adesso, salvo rare eccezioni, sono più pigri. Specialmente da piccoli, se cadono un paio di gocce di pioggia, i genitori o i nonni, vanno a prenderli a scuola anche se è dietro casa. Sono anche meno abituati ad allenarsi in maniera seria perché la famiglia inculca in loro l’idea che un paio d’ore al giorno d’allenamento, anche se gareggi a notevoli livelli, siano più che sufficienti per emergere”. Le metodologie di allenamento come sono cambiate? “Nelle specialità tecniche ci sono stati discreti cambiamenti. Nelle altre, invece, specialmente negli ultimi venti-trenta anni, è cambiato poco”. Una recente statistica colloca l’atletica all’ottavo posto, percentualmente il 3,5%, nella scala degli sport praticati dai bambini sotto gli undici anni. Soddisfatto? “Sì. Il termometro di questo momento felice dell’atletica è il Campo Scuola. Il pomeriggio del lunedì, del mercoledì e del venerdì è letteralmente invaso da bambini, giovanissimi e anche adulti di un certo livello che vogliono allenarsi. Molti specialmente tra i più grandi e gli amatori sono costretti a tornare dopo le sei del pomeriggio o in giorni della settimana diversi. La città ha riscoperto l’importanza dell’atletica leggera. Uno sport formativo e educativo come pochi altri. Uno sport individuale con tanti momenti socializzanti. Insomma completo”. I livornesi che praticano atletica come indole, carattere, peculiarità fisiche prediligono specialità come i lanci? Le corse su brevi distanze? Il mezzofondo? O le gare di sofferenza dai 1500 in su? “Da noi c’è una grandissima tradizione nei lanci. In Italia siamo tra le poche città che possono disporre di spazi esclusivamente dedicati a questo settore. Nel nostro caso a ridosso del campo scuola con due aree specifiche. Una per il martello e l’altra per il giavellotto in grandissima sicurezza per atleti e quanti passano da quelle parti. Il professor Renato Carnevali ha gettato il seme. Bravissimi maestri sono stati pure i professori Paolo Macchia e Lorenzo Gremigni. Tra i loro allievi più bravi c’erano i vari Cappelletti, Querci, Augusti e

89


Mario Falaschi in occasione della premiazione del Coni regionale

Cominciamo con il Baseball Livorno. “L’anno si è concluso positivamente, la squadra del Baseball Livorno che milita in serie C, non ha avuto la promozione, ma ha comunque partecipato ai playoff, persi all’ultima partita”. I Blue Angels? “La squadra di serie C ha partecipato al campionato regolare, mentre sta crescendo molto bene il settore dei giovani. I Blu Angeles curano in modo particolare questa fascia di età, un compito che stanno portando avanti molto bene, con notevoli sacrifici anche economici e un grande impegno di risorse umane. I ragazzi vanno cercati perché non si avvicinano spontaneamente a questa disciplina, è necessario fare opera di promozione nelle scuole e nelle piazze. In questo in Blu Angeles sono molto bravi e hanno fatto un bel lavoro. Un’attività che a medio e lungo termine darà i suoi frutti. Questa società fa attività anche con il Softball, con una squadra che ha giocato nel campionato di serie B”.

Baseball e Softball Mario Falaschi volontario per passione Baseball e softball: una disciplina in crescita di Antonella De Vito I Sailors? “Si occupano del settore giovani per il Baseball Livorno. Hanno partecipato alla serie C ottenendo buoni piazzamenti nel girone della Toscana”. Mi sembra che a Livorno c’è molta attenzione verso i giovani. “Sì, e lo dimostra il fatto che quest’anno abbiamo nuovamente iniziato a fornire giovani alla nazionale, infatti alcuni ragazzi sono stati chiamati al raduno delle nazionale juniores. Era un paio di anni che non succedeva, ciò vuol dire che il lavoro fatto sta cominciando a dare i suoi frutti che aumenteranno ancora di più in futuro”. A chi si deve questo progresso? “Alla passione che anima i molti volontari che sono nel nostro ambiente. Ci sono dirigenti che si impegnano moltissimo e spesso investono risorse economiche di tasca loro”. Le strutture cittadine sono sufficienti? “Facendo il paragone con le altre città possiamo dire che a Livorno siamo messi abbastanza bene. Abbiamo due campi per l’attività giovanile e il softball, lo stadio grande per i seniores. I due campi per l’attività giovanili sono gestiti dai volontari, perché il Comune ci ha dato solo il terreno, per il resto ci devono pensare le società con tanta buona volontà”. E l’Accademia Nazionale al Centro Coni di Tirrenia? “L’Accademia prosegue molto bene, non c’è più il softball perché era più difficile reperire le atlete e così la Federazione ha deciso di puntare su Accademie di softball regionali, che permetteranno alle ragazze di frequentare rimanendo a casa e nello stesso tempo più atlete potranno partecipare usufruendo di tecnici di alto livello, aumentando così il bacino femminile. Mentre a Tirrenia si è potuto far crescere il numero dei ragazzi fino a 18”. Come è andata l’attività agonistica del softball nazionale?

“La nazionale senior è arrivata alla finale perdendo con l’Olanda, nostra classica nemica sia nel softball che nel baseball. La squadra juniores invece ha vinto il campionato europeo”. Ed il baseball? “Grazie a Fraccari, il nostro presidente mondiale, da quest’anno è stato costituito un campionato mondiale under 12, e la nostra nazionale ha fatto il suo dovere battendo molte squadre forti: è stata una bella esperienza e questi ragazzi se lo ricorderanno per sempre. Le altre categorie? “I cadetti sono campioni europei, gli juniores sono arrivati in finale ma hanno perso. La nazionale seniores ha fatto il campionato del mondo a Panama che è iniziato molto bene, ma le partite finali non sono andate come speravamo e non ci hanno permesso di passare alla fase finale. Devo dire comunque che si è trattata di un’esperienza positiva, perché ci siamo confrontati con tutte le nazionali del mondo e abbiamo potuto constatare che le differenze in campo sono veramente poche. Come squadra ci hanno temuto, abbiamo constatato che finalmente l’Italia nel baseball si può battere, anche con squadre come Cuba. Pur non avendo vinto ci siamo mostrati moto bravi e competitivi”. Anche quest’anno si è festeggiata la Festa del Diamante? “Sì. È una manifestazione che è stata fortemente voluto da Fraccari, che voleva creare un momento in cui vengono premiate squadre e atleti per merito e con menzioni particolari, perché siano riconosciuti quelli che, a diversi livelli, hanno dato di più al baseball. La Festa del Diamante, che prende il nome dal campo su cui giochiamo, si svolge sempre l’8 dicembre, ma ogni anno in una città diversa”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

I

l baseball e il softball lui lo segue da tutti i punti di vista: provinciale, nazionale, internazionale, organizzativo, tecnico ecc. Del resto i suoi incarichi gli permettono di avere un’ottica ampia su questo mondo. Ed è proprio sfruttando queste sue capacità che ci facciamo guidare da Mario Falaschi in una rapida analisi del 2011, cominciando naturalmente dalla nostra realtà locale. “Possiamo dire che l’attività dell’anno appena trascorso è stata tutta proiettata nel futuro. Se oggi non vediamo localmente grossi risultati è perché le società stanno lavorando affinché si possano vedere in un futuro piuttosto vicino”.

91


L’attività promozionale che è stata svolta in questi anni nell’ambito cittadino, ma anche fuori le mura della città, come Cecina, non ha precedenti in questo sport. La nostra presenza è stata registrata ovunque ci sia stata una manifestazione

Il Blue Angels Baseball raggiunge la vetta dei 60 atleti e continua a salire con il tunnel gonfiabile facendo divertire migliaia di bambini ed anche molti adulti. Il tunnel gonfiabile, acquistato proprio al fine di promuovere questa disciplina, è stata la vera scintilla che ha acceso l’entusiasmo di molte persone ed ha fatto avvicinare al baseball molti ragazzi. I Blue Angels non hanno limitato la loro presenza alle piazze, ma si sono proposti anche per svolgere attività nelle scuole e anche in questa circostanza, sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi, oltre con il gioco-sport indetto dal Coni, anche direttamente con i progetti gratuiti e per tutta la durata dell’anno scolastico nelle classi di molti istituti di Livorno, Stagno e Guasticce, coinvolgendo un numero superiore ai 400 alunni. Il raccolto per ora ha dato buoni frutti e proseguendo su questa falsariga, la dirigenza ritiene che i risultati saranno ancora più evidenti, ma occorre naturalmente che la struttura sia adeguata e per questo già si pensa ad un allargamento del gruppo societario, spendere in risorse per l’aggiornamento e la qualifica di nuovi tecnici, di nuovi dirigenti e per migliorare le strutture impiantistiche.

Sul piano agonistico il 2011 è stato un anno ricco di soddisfazioni: la squadra maggiore Auto Italia Angels Livorno del manager La Rosa Riccardo che affrontava il Campionato Nazionale Federale di serie C, ha chiuso il campionato con un onorevole terzo posto, nonostante una rosa di giocatori abbastanza limitata. Il prestito dal Lucca Lenzini si è rivelato il migliore pitcher del team, mentre Federico Gentini è risultato il migliore battitore. Menzione particolare a Alberto Germano che lascia l’agonismo dopo una carriera quarantennale, indossando le vesti di arbitro. Per quanto riguarda la categoria giovanile dei Ragazzi, i Blue Angels sono intervenuti per aiutare l’altra società livornese, i Sailors Livorno in difficoltà numerica, presentando in campionato due squadre. Ottimo il lavoro svolto dai tecnici Mario Gentini, Luciano Vitiello, Massimo Galli e Laura Barghi che hanno condotto egregiamente i due team, piazzandosi in alta classifica. Chiusa egregiamente anche l’esperienza di Coppa Toscana. Per il 2012 il Presidente Andrea Comparini prevede un rafforzamento della squadra che milita in serie C, non nascondendo mire ambiziose, e l’iscrizione di una squadra categoria Ragazzi e una Allievi, testimonianza di un trend in crescita.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

L’

associazione sportiva Blue Angels Baseball Livorno nasce nel dicembre del 2007, per volontà di un ristretto numero di persone che hanno dovuto affrontare un percorso di crescita ricco di sacrifici, scelte difficili, ma ponderate con il dovuto criterio e la passione di chi ama lo sport, e in questo caso, il Baseball. In questi quattro anni la società si è imposta degli obiettivi che ha saputo concretizzare grazie ad una meticolosa pianificazione del gruppo dirigente. Ad oggi si contano circa 60 atleti tra giocatori seniores, juniores e minibaseball (età 5/8 anni).

Attività nelle scuole

93


Nuovo

Mercatino Americano zona Stazione Marittima

Li vor no

Scotto PubblicitĂ Livorno

Ampio parcheggio

i n r o i g i i t t u t o t r e p A


Il Livorno Baseball, che ha partecipato a tutti i campionati dal 1948 sino ad oggi, con fortune alterne in diverse categorie, compreso un campionato nella massima serie, dopo la prima esperienza, l’anno passato, nella categoria IBL 2, franchigia della compagine grossetana militante in IBL 1, ha ritenuto non soddisfacente l’esperienza, non tanto per la qualità del campionato stesso e la performance dei nostri giovani atleti, affiancati da altrettanti giovani atleti grossetani, con alla guida il manager Vick Luciani (italovenezuelano) e il coach (livornese) Mauro Belfiore, e il pitching coach Lorenzo Espino (cubano), ma per la sinergia tra le due società, ritenuta non all’altezza delle aspettative, per cui da valutare se essere continuata o meno. La scelta del Presidente Banchelli, condivisa da tutto il Cd, è stata quella di puntare solo ed esclusivamente su i nostri giocatori, in special modo i giovani e giovanissimi, e di ripartire dal campionato di Serie C per valutare quale sia il reale valore della squadra. Gli atleti con capacità dimostrate nel corso degli anni ed una età non proprio giovane o giovanissima, sono stati dati in prestito ad altre socie-

Il Livorno Baseball ricomincia dai giovani Le nuove scelte della società nella categoria IBL2 Antonio Martini tà militanti in Serie A Federale o in IBL2. I partenti sono stati: Coppi, Geri, Bosi e Cavallini. Coppi e Geri in terra emiliana con squadre partecipanti alla A Federale o all’IBL2. Bosi e Cavallini ad Arezzo in serie A Federale, dove tra l’altro hanno potuto cucire sulla casacca lo Scudetto 2011 di categoria. Il Livorno Baseball quindi si è presentato ai nastri di partenza del Campionato di Serie C con una rosa giovanissima, che spesso e volentieri ha attinto anche dalla categoria cadetti. Alla guida del gruppo la consolidata coppia Belfiore/Espino. Nonostante ripetute assenze dovute a motivi di studio, o per i cadetti per gli impegni con la propria categoria e la lunga serie di vari infortuni, non con sorpresa, la squadra ha vinto il proprio girone ed ha conquistato

il diritto ai play off per la promozione in serie B. I play off ci hanno visti gareggiare contro l’Olmedo (Sardegna) e anche se ogni gara di play off ha una propria storia ed un proprio pronostico, eravamo convinti di farcela. Le cose non sono andate così, abbiamo perso le prime due partite in Sardegna, vinto la prima in casa della serie di

tre rimanenti, ma perdendo la quarta abbiamo salutato quella che poteva essere una promozione storica al primo tentativo. Inutile descrivere l’amarezza dei nostri ragazzi, ai quali però va un sentito ringraziamento per l’impegno messo e per il buon risultato ottenuto. Certo il campo ha scritto il verdetto, questa squadra non era pronta per la serie B, ma umilmente e con la forza d’animo che ci contraddistingue ci riproveremo il prossimo anno. La novità vera del 2011 è stata quella che una Società storica come il Livorno ha fatto la giusta scelta di ricominciare da zero, solo ed esclusivamente con propri atleti e per di più in una fascia di età giovane o giovanissima. Una grande sfida, che comunque ci ha premiato con la partecipazione ai play off e che proietta questa giovane squa-

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

L

a stagione appena trascorsa ha visto il concretizzarsi di scelte effettuate nell’autunno scorso dal Consiglio Direttivo della Società di via Sommati.

dra in un futuro sereno.

Nelle immagini giovani atleti del Livorno Baseball

95


Since 1988 Auto & deluxe Minibus con autista - Chauffeured deluxe car & minivan

Ringraziamo tutti i nostri clienti che ci danno fiducia e con piacere prenotano i nostri servizi al 0586 211442 per servizi auto con conducente N. C.C. per trasferimenti in aeroporto, terminal crociere, fiere di settore, cerimonie, meetings, mostre d ’arte … e per tutte quelle occasioni in cui tu hai necessità di vetture confortevoli, autisti disponibili e professionali e… prezzi sorprendenti.

Cordialmente Alessandro Magei

Linker di Alessandro Magelli • Servizi auto con autista

Piazzale dei Marmi, 17 - 57123 Livorno • Ufficio: 0586 211442 • Fax 24h: 0586 200336 • Cellulare: 339 6158852 Mail: info@linkervan.com • Web: www.linkervan.com • Links: www.starcoast.it • T.O. www.enjoytuscany.net

Scotto Pubblicità Livorno

Ricorda … auto, minivan e van fino ad otto passeggeri, a Livorno dal 1988 verso tutte le destinazioni che desideri.


Un grande livello tecnico per i Sailors Riccardo Trocar la punta di diamante La categoria allievi è stata croce e delizia della nostra attività, purtroppo l’unica sconfitta che conta è avvenuta contro il Firenze, battuto quest’anno sette volte su otto scontri diretti tra amichevoli campionati, coppa toscana e tornei vari, avendo perso proprio la sfida diretta per accedere alle finali nazionali i ragazzi non hanno potuto avere questa soddisfazione importante per atleti che al massimo hanno 14 anni. Nel corso della stagione si sono messi in evidenza alcuni atleti all’esordio in questa categoria come Matteo Saccà che ha dimostrato grande maturità sul monte di lancio, vincendo alcune importanti partite in “batteria” con l’altro esordiente Raffaele Cecchinato, che ha saputo gestire la squadra nel momento in cui è stato chiamato a difendere la casa base come ricevitore. Ottime le prestazioni dei due “veterani” Emanuele Mottola e Luigi Gallo soprattutto nel box di battuta dove hanno dimostrato tutta la loro esplosività spedendo molte palline oltre la recinzione del “campino” di Banditella.

Completano le ottime prestazioni della squadra le prove dei tre esterni Nicola Antongiovanni, Daniele Piludu e Alessandro Gronchi, ormai sono delle sicurezze per gli allenatori. La categoria ragazzi ha visto emergere i già “noti” Stefano Trocar, Azzurra Baroncini, Andrea Bettarini e Michele Magnanini che dal 2012 faranno parte della squadra allievi. Nel corso della stagione abbiamo avuto la gradita “nascita” di una squadra amatoriale di softball misto che ha visti scendere in campo alcune vecchie glorie del batti e corri labronico, che con l’impegno di sempre sono riusciti ad arrivare terzi al torneo di fast pitch centro Italia, un traguardo che sarà il trampolino di lancio per ritrovare tutte le glorie del softball e del baseball che hanno dato lustro alla nostra città. Le novità per 2012 non finiranno qui, stiamo perfezionando un accordo con l’altra società di via Sommati per unire gli sforzi per garantire ai nostri atleti il percorso completo dalle giovanili fino alla prima squadra, obiettivo ambizioso, ma che sta diventando sempre più necessario.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

A

nche questo anno è tempo di bilancio per la nostra società, infatti la nostra disciplina ha uno svolgimento estivo e il passaggio verso l’autunno rappresenta per noi tempo di riporre le divise e di passare all’attività invernale che ci vede impegnati nelle palestra che il Comune e la Provincia di Livorno ci mettono a disposizione. Comunque come presidente di questa società e a nome del consiglio direttivo devo dire che ho visto per tutto il 2011 un impegno di grande livello tecnico da parte del nostro pool di allenatori, che ha permesso una notevole crescita tecnica di tutti gli atleti, che è culminata con la convocazione nella nazionale di categoria Cadetti di uno degli atleti più rappresentativi di questa nostra categoria: Riccardo Trocar. Riccardo è stato la punta di diamante di una compagine agguerrita e competitiva che ha giocato un ottimo campionato con Tommaso Launaro e Lewis Sanchez che hanno ricoperto il complicato ruolo di lanciatore con ottimi risultati, Alessio Baroncini nel ruolo di ricevitore “cervello” della squadra, Darko Leonardi difensore del cuscino di prima base, Gianfranco Vicari “guardiano” di seconda base e specialista di battute smorzate, Riccardo Trocar interbase e lanciatore, e notevole anche il reparto esterni con Nicola Vultaggio e Nicola Ingrasciotta molto dotato nel difficile ruolo di esterno centro.

Atleti dei Sailors

97


I

Il Softball Liburnia Le donne in campo dal 1982 gazze che hanno sempre saputo dare il meglio di loro stesse. Unico rimorso le sconfitte di misura patite nelle quattro partite contro una Sestese (FI) che è riuscita a chiudere il campionato a zero sconfitte, ma che hanno determinato l’esclusione ai play off per la A della compagine Amaranto. Per quanto riguarda il campionato giovanile, il Softball Liburnia continuando la collaborazione con la società Blue Angels, si è presentata con una squadra Under 21, costituita per l’occasione, da un apporto di diverse atlete provenienti da alcune società di softball toscane come il Pisa e il Massa

a seguito di un progetto comune di crescita. Ottimo il lavoro svolto dalla giovane allenatrice Francesca Blasi, buone le prestazioni delle livornesi Giulia Catalano, Valentina Carlesi e Sara Berni. Nel 2012 la nuova presidente del Softball Liburnia Sonia Del Nero spera di riconquistare un posto per la serie A, ma per questo è decisa, insieme al gruppo societario, a sviluppare il settore giovanile in primo luogo, valorizzando anche le nuove leve con l’utilizzo di un preparatore atletico e di un allenatore appositamente chiamato da Cuba.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

l Softball Liburnia rappresenta la città di Livorno nel campo femminile di questa disciplina dal 1982, collezionando diversi successi, tra i quali degni di nota, possiamo ricordare nel 1990 e 1992 il titolo di Campioni d’Italia categoria cadette, nel 1993 Campioni d’Italia categoria Juniores, nel 1993 e 1994 la Coppa Italia, e per finire nel 1994 un argento e nel 1995 un bronzo nella Coppa delle Coppe Europea. Nel 2011 il Softball Liburnia sponsorizzata dalla Tuscofarm, ha partecipato al campionato federale di serie B cercando di riconquistare la serie maggiore. Un’ottima prestazione quella del team capitanato da Simona Grateni, che ha potuto contare su due lanciatrici di alto livello e di grande esperienza come Marina Cardringen e Elisabetta Lombardi, e su una rosa di ra-

Le ragazze del Liburnia Softball

99


di Cataldo D, F, R, & C. snc

Officina meccanica autorizzata

Officina Autorizzata dalla Motorizzazione Civile

M.C.T.C. Concessione n. 00AP000012 del 08/06/2009

OFFICINA: Via Torino int. 4/E - Livorno - Tel./fax 0586.857117 REVISIONI: Via Napoli, 14 - Livorno - Tel. 0586 864594


Uno staff di tecnici di altissimo livello per l’Accademia del Baseball Antonella De Vito

Bill Holmberg aveva un aggancio in Italia e per me era una buona occasione per fare un’esperienza di gioco e di cultura. Poi sono tornato in America perché volevo costruirmi una carriera anche lì, infatti ho allenato nella scuola superiore più importante della Florida e sono diventato assistente principale del manager dell’istituto. Sono tornato in Italia perché mi sono sempre trovato bene qui e poi mia moglie è di Ravenna. Ci siamo conosciuti quando sono venuto a giocare la prima volta, ci siamo sposati e lei è venuta con me in Florida e poi siamo tornati in Italia”. Cosa succede quando da atleti si diventa tecnici? “Personalmente quando ero atleta credevo di sapere tutto sul gioco, ma da tecnico, dopo circa sei mesi, ho capito che non era così, che dovevo continuare a studiare, ad aggiornarmi perché le conoscenze che avevo non erano sufficienti ad insegnare. Al di là di questo però la mia mentalità non è cambiata molto, nel senso che io ho sempre allenato i ragazzi come ho sempre voluto essere allenato io: come un tecnico che comunica con i suoi giocatori”. C’è chi sostiene che un buon allenatore non deve essere stato un buon giocatore. Cosa ne pensi? “Esistono diversi tipi di giocatori. Ci sono le stelle della squadra, ovvero i leader e ci sono i giocatori operai, quelli che faticano più degli altri per portare avanti il gioco e spesso lo fanno dietro le quinte, ed infine, ci sono quelli che restano in panchina. Io sono stato una stella ad inizio della carriera, ma poi sono diventato soprattutto un giocatore operaio. I migliori coach degli Usa sono stati gli operai delle squadre, e questo credo sia anche il mio caso, grazie ad uno spirito altruistico che ho sempre avuto e che oggi continua ad animare il mio essere tecnico. Spero di essere abbastanza umile, per trasmettere quello che voglio dire ai giocatori, noi Bill Holmberg

tecnici non dobbiamo dimenticare che la cosa più importanti sono proprio gli atleti, senza di loro non ci sarebbe gioco”. Quali fasce di età hai allenato? “Tutte, fino a 40 anni, comprese le ragazze” Che differenza c’è fra allenare maschi e femmine? “Non lo so, io ho trattato sempre tutti nello stesso modo”. Qual è la fascia di età più difficile da allenare? “Dai 14 ai 17, perché i ragazzi stanno cambiando sia fisicamente che psicologicamente e bisogna capire quando è necessario allentare la pressione, non è semplice allenare i teenager”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Ho avuto tanti successi. Non è facile scegliere. Comunque mi piace ricordare quando ho vinto il titolo italiano con il Godo in provincia di Ravenna, con gli Under 18. Una squadra che ho preso quando gli atleti avevano 9 anni e li ho potuti formare fino a 18 anni, quando abbiamo vinto lo scudetto. Forse è l’esperienza più importante perché è stato un percorso molto lungo, che mi ha dato la possibilità di costruire i giocatori fin da piccoli”. Il miglior atleta allenato? “In quanto allenatore di lanciatori devo dire che quello che per ora mi ha dato più soddisfazioni e Alessandro Maestri”. La cosa più importante da trasmettere come tecnico? “Per diventare un bravo atleta in qualsiasi sport servono tre cose: essere umile, avere un po’ di intelligenza per capire quello che sta insegnando l’allenatore e poi avere la voglia di lavorare, cioè possedere un’etica di lavoro”. A te cosa ha dato il baseball? “Un lavoro e tante soddisfazioni. Sono contento di fare una cosa che mi piace, non mi fa fatica lavorare. Non guardo mai l’orologio quando sono con i ragazzi, perché amo quello che faccio”. I suoi figli giocano a baseball? “Ho quattro figli e solo due hanno giocato. Uno a smesso e l’altro sta giocando ancora in serie B a Godo”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

A

ll’Accademia Nazionale di Baseball al Centro Coni di Tirrenia scegliere un tecnico da intervistare non è facile, visto che se ne incontrano molti e tutti di altissimo livello. Così approfittando di una pausa prima del pranzo cerchiamo di parlare con il maggior numero possibile, prima che gli allenamenti li rendano per noi irraggiungibili, infatti, non c’è niente che possa distrarre la loro attenzione quando sono in campo con gli atleti. Cominciamo con Bill Holmberg direttore tecnico dell’Accademia, che ci racconta la sua carriera. “Sono di Miami ed ho cominciato a giocare quando avevo 5 anni. Il campo di baseball era a 300 metri da casa mia e vi si svolgeva un campionato con oltre 70 squadre e 800 bambini. Erano gli anni ’60 ed il baseball era il primo sport negli Stati Uniti, così come fanno molti ho iniziato a giocare come un passatempo e ho finito per fare tutto l’iter fino a 15 anni. Poi ho giocato alle scuole superiori per 4 anni, ed in seguito due anni al College e uno all’Università”. Quando sei venuto in Italia? “Terminata l’esperienza al College sono venuto in Italia a giocare per 4 anni, dopodiché sono tornato negli Stati Uniti, dove per 8 anni ho allenato alle scuole superiori, ed infine, nel 1990 sono tornato in Italia dove sono stato coach in diverse squadre e nel 2004 sono approdato all’Accademia Nazionale come direttore tecnico”. Perché hai scelto l’Italia? “La prima volta sono venuto perché il mio direttore tecnico al College

101


Scotto PubblicitĂ Livorno

Serramenti a marchio

Via Napoli, 20 - 57124 LIVORNO • Tel: 0586 852028 - Fax: 0586 869434 e-mail: catarsiserramenti@alice.it


Marco Mazzieri “È difficile fare un cliché. Personalmente posso dire che da giocatore mi piaceva apprendere da chiunque, avevo sempre gli occhi aperti per imparare. Oggi mi piace poter condividere con i miei giocatori quello che altri hanno voluto condivide con me”. È stato difficile il passaggio da atleta a tecnico? “Per me non è stato difficile passare al ruolo tecnico, perché già quando giocavo ero quello che si definisce l’allenatore in campo ed i miei compagni mi chiedevano consigli, quindi è stato un passaggio piuttosto naturale”. Quanto sei impegnato settimanalmente? “Vengo due volte alla settimana in Accademia e poi sono impegnato con la nazionale quando ci sono i ritiri, magari per periodo più lunghi. Inoltre vado a vedere le partite il fine settimana per seguire gli atleti che mi interessano”. Il baseball ti ha portato anche in America? “Spesso ci sono andato per imparare. Quando ero in nazionale avevo la possibilità di recarmi in America per allenarmi con i giocatori più bravi, ero mosso dalla voglia di apprendere. Tutte esperienze che ti segnano e che ti aprono nuove frontiere dal punto di vista mentale e ti predispongono all’insegnamento”. Qual è la fascia più impegnativa da allenare? “Ho allenato un po’ tutte le fasce di età. Bill ha ragione quando dice che l’adolescenza è un periodo difficile, però non è facilissimo allenare neanche i più grandi con altri tipi di problematiche. In nazionale ho atleti che vanno dai 18 ai 40 anni e sono i migliori delle squadre di provenienza, e non sempre è facile far capire che la squadra è più importante di qualsiasi loro ruolo. La gestione è complicata, certe volte per alcuni il non giocare può diventare motivo di disgregazione del gruppo, se la scelta del tecnico

Marco Mazzieri

non è capita nel modo giusto. Attualmente abbiamo un buon gruppo e questo tipo di problema non esiste, però il rischio c’è sempre e va tenuto presente”. Ti è mai capitato di ottenere risultati importanti con atleti considerati scarsi da altri tecnici? “Sì, in questi 4 anni alla nazionale mi è capitato di chiamare degli atleti che mi sono stati presentati dai loro allenatori in modo negativo sotto diversi aspetti. Ma io do la possibilità a tutti di ricominciare da capo, dimostrando quello che valgono, senza guardare cosa hanno fatto in passato. Per me conta come si comportano quando sono con me. Questo metodo mi ha portato molte soddisfazione con giocatori che altri tecnici non erano riusciti a gestire nel modo giusto, mentre con me sono stati dei veri esempi per tutta la squadra. Credo che ognuno di noi ha una chiave che apre la porta del proprio sé, credo molto nella parte mentale di questo sport, nella comunicazione e nella motivazione”. E quando bisogna mandare via qualcuno? “Non è mai semplice. Io ‘amo’ i miei giocatori e quando devo scartarne qualcuno non è mai facile. Chiamo sempre singolarmente ogni atleta e gli spiego perché ho deciso che non faranno parte del gruppo. Quando arriverà il momento in cui non mi dispiacerà più scartare dei giocatori, vorrà dire che sarà arrivato il momento di smettere di allenare”. Un allievo preferito? “Istintivamente mi viene da dire Alex Liddi perché è l’unico che è arrivato a giocare in Major League, ma in realtà ce ne sono tanti. Il mio giocatore preferito è chiunque riesca a migliorarsi dopo aver fatto un percorso con me”. Cosa vuol dire essere un leader? “Per me vuol dire assumersi le responsabilità nel momento in cui le cose vanno male e dare credito agli altri quando invece vanno bene. Una cosa che ho imparato da allenatore è che se non hai la preoccupazione di prenderti il merito di chi gioca bene, avrai più successo come tecnico. Questo vuol dire che il pregio è sempre del giocatore, io posso aiutarlo, ma il merito resta sempre suo. Un allenatore non deve essere

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

M

assima figura del baseball italiano è Marco Mazzieri. Oltre ad essere tecnico della nazionale senior è allenatore dei battitori all’Accademia Nazionale e atleta di rilievo che può vantare la vittoria di due scudetti nel’86 e ‘89, gli europei nel ’89, la Coppa Ceb nel ‘97 e la Coppa Italia nel ’99. Raccontaci come ti sei avvicinato al baseball? “Da piccolo abitavo a Roselle, in provincia di Grosseto, ed il mio vicino di casa Leo Falciani fondò una squadretta di baseball con i ragazzi del paese. Era il ’72 e mi chiese di andare a fare il raccatta mazze, visto che avevo 10 anni ed ero troppo piccolo per far parte della squadra. Da allora non ho più smesso”. Come hai proseguito? “Nel ’75 la società si consolidò e fondò anche una squadra di allievi dove ho cominciato a giocare. Ho fatto tutto il percorso del settore giovanile e poi nel ’78 - ’79 negli juniores giocavo nella serie B. Nel ‘80 sono passato al Grosseto. Ho iniziato la carriera da atleta come seconda base e ho finito come esterno”. E la carriera del tecnico? “Mi sono ritirato nel 2000 ed ho cominciato ad allenare: nel 2001 e 2002 sono rimasto nel Grosseto, nel 2003 ho cominciato a collaborare con la Federazione, ed ho avuto prima la nazionale cadetti, poi nel 2005, 2006 e 2007 la nazionale Juniores con la quale abbiamo vinto l’europeo nel 2007. Dal 2007 la Federazione mi ha affidato la squadra dei senior”. Come deve essere un allenatore?

103


F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

egoista ed egocentrico, ma deve mettersi a disposizione del gruppo”. Ti giudichi severo come allenatore? “No, mi giudico dettagliato. In questo sport un centimetro può fare la differenza e quindi non puoi permetterti di non gestire un gesto nel modo giusto. Quando ci si allena ci si allena, poi c’è anche il momento per scherzare”. Prossimo appuntamento importante con la nazionale?

“Nel 2012 abbiamo gli europei in Olanda e andiamo da campioni europei in casa dei campioni del mondo. Sarà interessante”. La soddisfazione più bella con la nazionale? “Le soddisfazioni più belle sono legate agli abbracci con i miei giocatori e a tutto lo staff e vedere la gioia negli occhi degli atleti. Emozioni e sensazioni che ti possono dare solo quelli che hanno lavorato con te a lungo e duramente”.

C

ubano, allenatore dei lanciatori Juan de Dios Peňa, da maggio è all’Accademia di Tirrenia, orgoglioso di essere nel luogo dell’eccellenza italiana del baseball. Con lui, da maggior tempo in Italia vi è anche Pedro Jova, che un’influenza tiene momentaneamente lontano dai campi, e quindi il compito di rappresentare i tecnici cubani, famosi in tutti il mondo spetta a Juan.

Juan de Dios Peña “Nel mio paese appena nasce un bambino gli vengono regalati guanto e mazza, e così anch’io come ogni altro cubano ho iniziato a giocare a baseball quando ho cominciato a fare i primi passi. A 11 anni sono andato ad una scuola, che noi chiamiamo di Iniziazione Sportiva e Scolastica, dove sono rimasto fino a 18 anni. In questo periodo ho potuto partecipare a molti eventi sportivi nella mia provincia di Spirito Santo nel centro del paese. Dopo questa esperienza sono andato alla scuola di primo livello e ho giocato nel ruolo di lanciatore. Ho avuto l’opportunità di giocare per sei anni nel campionato nazionale di Cuba con la mia squadra, ma poi a causa di un problema alla gamba, a 25 anni, ho dovuto ritirarmi” Così hai iniziato a fare il coach? “Sì, ho fatto la scuola di sport e poi ho cominciato a fare l’insegnante di educazione fisica. Sono venuto in Italia a maggio del 2011 per fare il tecnico in Accademia. Prima sono stato due anni a Panama e prima ancora, nel 2009 ero a Roma con una società che

Pedro Jova

104

Un sogno nel cassetto? “Ci piacerebbe vincere il mondiale”. La domanda più bella che ti è stata fatta da un giornalista? “Definire cos’è il successo”. E tu come hai risposto? “La prima vittoria è quella su noi stessi, cioè la consapevolezza di aver fatto tutto quello che potevi dentro e fuori dal campo. Se hai questa consapevolezza hai già vinto: questa è il successo”.

ha vinto il campionato di serie B ottenendo la promozione”. Cose pensi dell’Accademia Nazionale del Baseball italiana? “Per me è una nuova esperienza in Italia, ed è molto simile al lavoro che facevo a Cuba. I ragazzi ammessi all’Accademia hanno una grande opportunità, perché qui nascono i migliori giocatori del mondo. Lavoriamo tutti i giorni con serietà e continuità e questo ci permette di creare grandi atleti”. Qual è la cosa più importante da trasmettere ai ragazzi? “I ragazzi devono sentire che siamo vicini a loro. Chi viene in Accademia ha un talento naturale che noi dobbiamo far emergere ogni giorno in campo. Questi atleti si trovano nel migliore centro di Baseball d’Italia e hanno la possibilità di allenarsi con i migliori tecnici del mondo che non guardano l’orologio quando lavorano: sono in campo alle 5 di mattino e la sera dopo cena, perché vogliono stare a fianco dei ragazzi e prepararli al meglio”. La soddisfazione più grande che hai avuto come tecnico? “Un allenatore di lanciatori come me ha la maggiore soddisfazione quando vede lanciatori avvalersi dell’esperienza che gli ha trasmesso per raggiungere alti livelli. Io ho avuto più volte questa soddisfazione, con 4 lanciatori che a Cuba hanno potuto giocare in nazionale”.


Daniele Santolupo ne come nelle vicine Anzio e Nettuno. Mio padre si accorse di questa passione nascente e mi portò a giocare in una società del posto. Dopo due anni la squadra di Aprilia si sciolse e dovetti andare ad Anzio, che dista circa 20 chilometri, dove ho avuto la fortuna di fare tutte le categoria, dalla juniores fino all’under 21 sempre in nazionale. Ancora oggi sono di proprietà di quella società, anche se da 3 anni gioco in altre città, perché attualmente loro giocano in categorie inferiori”. Come concili il tuo lavoro in Accademia e l’impegno agonistico? “È impegnativo conciliare tutto, ma non sento il sacrificio perché è quello che amo fare. Mi sono trasferito a Tirrenia e vivo tutta la settimana con i ragazzi. Il campionato inizia a marzo e nei due mesi in cui Accademia e partite si sovrappongono, faccio il pendolare raggiungendo nel fine settimana la mia squadra nel luogo dove giochiamo”. Con la tua attività in Accademia cosa cerchi di trasmettere ai ragazzi? “Essendo un’accademia sportiva, vogliamo cercare di migliorare le qualità di questi ragazzi. Quindi cerchiamo di incrementare le qualità motorie, insieme ovviamente a quelle tecniche. Nel mio ruolo sono avvantaggiato perché essendo anche un atleta posso dare un aiuto anche sull’aspetto tecnico, abbinandolo a quello motorio che mi compete”. La preparazione atletica varia da ruolo a ruolo? Daniele Santolupo

“Sì. Anche se il baseball è un gioco di squadra, al suo interno vi sono ruoli diversi, che indirizzano i nostri programmi di allenamento, in modo che l’atleta sviluppi le caratteristiche di cui ha bisogno per svolgere il suo compito”. La soddisfazione più bella che hai avuto in questo ruolo tecnico? “Quando ho visto un atleta dell’Accademia fare una bella azione durante una partita di campionato. La cosa buffa è che in quel momento stavamo giocando in due squadre avversarie, e nonostante non sia stato contento come giocatore, mi ha fatto molto piacere vedere che i sacrifici fatti in Accademia, e gli insegnamenti che anch’io, insieme a tutto lo staff, gli avevamo dato, stavano portando i loro frutti”. Ed invece la soddisfazione più bella come atleta? “Quella che non dimenticherò mai è sicuramente quando nel 2004 con la nazionale juniores siamo arrivati quinti al mondiale, ed ho ricevuto il premio come miglior esterno di quel mondiale. Ero anche il capitano della squadra e al termine tutti i miei compagni mi hanno stretto la mano, si sono complimentati con me e mi hanno detto che per loro era stato un onore giocare con me”. Il tuo sogno come atleta? “Giocare ai massimi livelli”. E come preparatore? “Capire di riuscire a dare qualcosa agli altri atleti”. Qual è il messaggio che dai ai ragazzi dell’Accademia? “Mi piace far capire ai giovani atleti che si scende in campo per vincere, ma anche per divertirsi. In Accademia ci si allena seriamente, si hanno degli obiettivi, ma non devono dimenticare che questa è anche un’esperienza di vita molto importante, che insegna a crescere e ad essere autonomi e che ricorderanno sempre nella vita”.

F.I.B.S.: Federazione Italiana Baseball e Softball

I

l più giovane del team ha 25 anni e già da 3 si trova in Accademia per svolgere il suo ruolo di tutor tecnico. Daniele Santolupo è però anche un giocatore di baseball e in questo suo doppio ruolo sta probabilmente una parte della sua forza. “Faccio il tutor tecnico anche se il mio settore sarebbe quello di preparatore atletico, dato gli studi che sto facendo alla facoltà di Scienze Motorie. È stato Bill che 3 anni fa mi ha chiamato in Accademia. Ho avuto la fortuna di averlo come allenatore quando ero alla nazionale juniores. Sono anche un giocatore e attualmente faccio parte della squadra di Rimini con la quale gioco il campionato di massima categoria”. Cominciamo dall’inizio. Raccontaci come ti sei avvicinato al baseball. “Mi sono appassionato a questo sport a 7 anni grazie ad un cartone animato. Sono nato ad Aprilia in provincia di Latina, dove il baseball non ha mai avuto una grande tradizio-

105


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

O

Tiziana De Felice

L’Arte nello Sport

ltre ad essere un’artista che si dedica non solo alla pittura ma anche alla poesia, alla recitazione e alla musica dobbiamo ricordare che Tiziana è un medico anestesista, questo per darvi un’idea della sua eccletticità.

Tiziana De Felice è senza dubbio una persona solare dalle tante passioni, trasmette gioia di vivere ed incoraggia l’interlocutore ad accettare e superare con positività gli ostacoli della vita. Tiziana De Felice artista, crea la materia, gioca con gettate di colori elabora sensazioni e le sue opere sembra nascono da sole fuori uscendo dalla tela; sceglie con cura i suoi colori acrilici seguendo una logica interiore, li getta non a caso ma in un modo unico e fortuito si fondo-

Tiziana De Felice

Dipinge da autodidatta da oltre 20 anni anche se non in maniera continuativa, ricordiamo che più recentemente ha frequentato anche Atelier delle Belle Arti di Pucci e Bellandi; il suo primo approccio è verso la pittura en-pleinair, ma sentendosi limitata da questo tipo di pittura, dopo un periodo di studio dal vero inizia la sua fase chiamiamola “di sperimentazione” in studio ed il primo passaggio fondamentale che fa è inerente alla tecnica con l’utilizzo dell’acrilico al posto dell’olio. Tiziana a questo punto inizia uno studio di vera e propria ricerca interiore meno legata a schemi e a tecniche predeterminate ma più libera cercando di approfondire la dimensione umana indagandone l’anima, i sentimenti, le sensazioni. È presente nell’opera di Tiziana un riferimento al concetto di Armonia Univer106

sale che riesce ad esprimere sviluppando tematiche al limite dell’onirico, del fantasico. Non tratta problematiche sociali ma solo legate al sentimento, al ricordo e alla riflessione interiore. Un altro elemento significativo è l’accompagnamento sovente di stralci di poesie sue o di autori noti alle sue opere. Opera di Tiziana in breve si può identificare attraverso alcune caratteristiche come ad esempio i supporti ma soprattutto la sintesi oggettiva e coloristica.

Tiziana De Felice: “Sulle onde”


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

Tiziana De Felice: “Ballerina”

no ed il compito ultimo di Tiziana è quello di aiutare coi pennelli a far uscire quello che già c’è secondo semplici intuizioni; nascono così raffinati dipinti nei quali i

Tiziana De Felice: “Danzando sul lago”

colori si sovrappongono attraverso sottili velature creando immagini che altro non sono che pretesti oggettivi necessari all’artista per esprimere la sua voglia di comunicare le proprie sensazioni e trasportare sulla tela il suo mondo interiore. Nei dipinti di Tiziana De Felice solitamente primeggia un soggetto unico legato quasi sempre da un rapporto inscindibile con la natura oserei dire che a parlare è il profondo amore che la pittrice nutre per tutto ciò che si trova in natura. La natura come fonte ispiratrice, ma non già fine a se stessa in quanto tale, la natura vista e sentita come un contenitore di un tempo che è passato ed ha lasciato un segno quasi impercettibile agli occhi di molti ma non a quelli dell’artista che, con grande sensibilità, cerca di recuperare e riproporre all’osservatore disattento; si tratta di recuperi emozionali in parte riproposti attraverso la propria fantasia che ricerca nel passato una storia verosimile, che sia più o meno credibile, non ha importanza. Tiziana ama così immaginare che dietro ad un fiore reciso, ad un ramo abbandonato sulla spiaggia, ad uno sguardo trasognato ci sia stato un passaggio di vite vissute, di emozioni provate, di speranze future. Il colore è un elemento fondamentale nella ricerca

Tiziana De Felice: “Madame bovary”

artistica della De felice e come l’elemento oggettivo spesso è l’unico unico filo conduttore del suo racconto allo stesso tempo in ogni suo dipinto esiste un colore predominante necessario ad imprimere, in quello che può essere un qualsiasi supporto pittorico, sia essa tela o tavola, le sue emozioni. Tiziana usa il colore in base al suo stato d’animo e riesce a comunicare le proprie intime sensazioni con una sintesi cromatica che sprigiona una grande sensibilità interiore. Quello che personalmente mi colpisce di Tiziana De Felice è la naturalezza con la quale si relaziona all’arte, l’approccio col colore quasi fosse una necessità vitale, la creazione quasi manuale delle sue opere, l’amore dietro ad ogni storia pensata, sognata. Tiziana è un’artista che si è affacciata al Mondo dell’arte con molta positività ed umiltà d’intenti riuscendo così a trarre da questa le soddisfazioni che solo un animo pulito, onesto e sensibile come lei può meritarsi. (Alessandra Rontini)

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

TIZIANA DE FELICE www.artealivorno.it/defelice 107


U

Danza Sportiva 7 medaglie d’oro, 8 d’argento, 5 di bronzo ai Campionati italiani per la scuola Livorno Danza Un 2011 sotto l’insegna dei mondiali di hip hop quantità industriali. È un valore aggiunto e completa la vita a chiunque la pratichi. Un benessere fisico e mentale rilevante. Come non danzare!”. Ma vediamo nei dettagli i risultati cominciando dai Campionati italiani che hanno procurato alla scuola ben 7 medaglia d’oro, 8 d’argento, 5 di bronzo più altri buoni piazzamenti. Nella categoria danze caraibiche Diego Cavataio e Giulia Burgalassi si sono laureati campioni italiani di salsa cubana e secondi nella combinata dominicana (merengue e bachata) nella categoria 16 – 18 anni, classe B3. Fra le danze di squadra primo posto per il gruppo “Sabor Latino (Chiara Brusadin, Virginia Spagnesi, Jessica Maltinti, Irene Beraldi, Giuditta Novelli, Camilla Casagrande, Virginia Terreni, Giulia Burgalassi, Diego Cavataio, Lorenzo Zumiri, Valentina Menicagli), che ha presentato un mix di balli caraibici nella disciplina latin show under 21. Ottimi anche i risultati delle gare di street dance (hip hop - grup-

pi): il gruppo Hip Hop “The Family” under 15 ha conquistato la medaglia d’oro con gli atleti: Melissa Falaschi, Denise Lenzi, Greta De Vanni, Alessia Michelucci, Benedetta Del Bimbo, Martina Tacconi, Chiara Cordoni, Chiara Colombi, Emma Daveti, Bruno Tessari. Medaglia d’argento con il gruppo hip hop “Nuova Dimensione” categoria over 16 classe A, composto da: Lisa Cheti, Veronica Valente, Gessica Leoni, Sara Aprile, Diego Cavataio, Lorenzo Zumiri, Virginia

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

n grande specchio e tanta musica per accompagnare le lezioni della Scuola Livorno Danza diretta da Sonia Filippi e ospitata al Circolo Arci La Rosa. C’è sempre un grande movimento ed entusiasmo nei corsi che la scuola mette a disposizione e i risultati si sono visti anche quest’anno, con un gran numero di medaglie dai Campionati italiani e una importante partecipazione ai mondiali. I corsi sono molti e coprono tutte le discipline della danza: ballo da sala, standard, danze caraibiche, le street dance come il richiestissimo hip hop e la video dance, danza moderna, ballo di gruppo per i single, sia adulti che bambini e altri ancora. Nel 2011 la scuola ha compiuto 36 anni. Ricordiamo che i fondatori sono stati i genitori di Sonia, Licia e Pasquale entrambi maestri di ballo. Oggi presidente della Livorno Danza è Giovanni Adamo, marito di Sonia e fra le insegnanti c’è la nipote, la magica Marina, magica perché si dedica anima e corpo soprattutto all’hip hop sfornando campioni di tutte l’età, che quest’anno hanno addirittura preso il volo per il mondiale in Austria, riportando a casa una buona dose di soddisfazione. Gli occhi di Sonia non possono mentire e quando parla della danza esprimono una passione immensa. Insieme a noi ricorda come non abbia mai potuto gareggiare, perché il padre era geloso di eventuali partner e quindi si è dedicata all’insegnamento conseguendo ben 13 abilitazioni che fanno di lei una delle maggiori esperte italiane, corteggiata dalle organizzazioni delle gare perché faccia parte della giuria, un onore che le fa piacere ricevere, ma che finisce per toglierle il tempo da dedicare al ballo, che resta la sua vera passione. Ci dice Sonia: “La danza è libertà, bellezza, rispetto per la musica, espressione del corpo in movimento. Il ballo è in grado di suscitare e regalare emozioni interiori ed esteriori in

Marina Filippi

109


Scuola di ballo diretta dai Maestri

Veronica Garzelli e Alessio Mangini “Competitori Professionisti di Danze Standard e Latino Americane” Tecnici e Giudici F.I.D.S. Campioni Italiani, Maestri MIDAS 2011

combinata 10 danze Standard e Latino Americano

organizza per adulti e bambini

Corsi di Ballo 

Danze Standard e Latino Americane

Danze Caraibiche e Rueda de Casino 

Baby Dance da 5 anni in poi

Per info rivolgersi: Sede sociale:

331 3029376 (Veronica)

Via Salmi, 20 - 57121 LIVORNO (Zona Picchianti)

www.hollydance.it • v.garzelli@hollydance.it

Scotto Pubblicità Livorno

Ballo da Sala e Liscio Unificato


Categoria 16 – 43 classe A oro con Diego Cavataio e Giuditta Novelli, mentre Jessica Maltiniti e Virginia Spagnesi hanno preso l’argento. Nella stessa categoria classe AS, bronzo per Lorenzo Zumiri e Veronica Valente, quinto posto a Irene Berlani e Giulia Burgalassi. Risultati hip hop individuale: Greta De Vanni argento (10-11 anni classe A); argento Bruno Tessari, bronzo Benedetta Del Bimbo (12 – 15 classe A), bronzo Alessia Michelucci, settima Virginia Terreni (12 – 15 class As); sesta Linda Lenzi (16 – 34 B); argento Diego Cavataio quarta Lisa Spagnoli (16 – 34 A); quinto Zumiri (16 – 34 As maschi). Nel hip hop singolo da sottolineare il trionfo di Giulia Burgalassi (16 – 34 As femmine). I Campionati italiani sono l’appuntamento più importante dell’anno perché da qui si attingono i migliori atleti per inviarli alle competizioni internazionali, ed infatti, la scuola di Sonia Filippi è stata chiamata dalla Federazione Danza Sportiva alla

quale sono affiliati, per partecipare al Campionato del mondo. Il 2011 si è concluso veramente alla grande, con questa splendida competizione svoltasi dall’11 al 16 ottobre a Graz in Austria, che ha visto Greta De Vanni conquistare il risultato migliore della scuola a soli 11 anni, con il 18° posto su 88 partecipanti: una bella soddisfazione, considerando che per lei è stata la prima esperienza e si è trattato di un mondiale. “Un’occasione stupenda per questi ragazzi –racconta Sonia- che hanno avuto la possibilità di vivere e confrontarsi con ballerini provenienti da varie parti del mondo. Naturalmente loro non vedono l’ora di poter partecipare ai Campionati italiani assoluti nel 2012 per riconquistare la qualifica ai mondiali, perché vogliono tutti ripetere l’esperienza”. Ancora lungo sarebbe l’elenco delle gare, dei risultati e dei nomi. Ci limitiamo a ricordare il gruppo delle danze standard, da sala e caraibiche che ha ovviamente sposato la filosofia della scuola, cioè quella di essere un punto di aggregazioni, un momento di divertimento per offrire alle persone l’occasione di incontrarsi e fare nuove amicizie, ma ciò non toglie che al di là di questo anche fra loro ci siano buoni competitori, che stanno dando tante soddisfazioni anche dal punto di vista agonistico. Di grande nota anche il gruppo di danza moderna, arrivato alla finalissima dei campionati facendo il sesto posto con ben 50 gruppi. Ed ancora una nota per Lisa Cheti e Christian Taddei, bravissima coppia di competitori nelle danze caraibiche, con Lisa che ha iniziato anche a fare l’istruttrice alla scuola.

F.I.D.S.: Federazione Italiana Danza Sportiva

Spagnesi, Lisa Meluzzi, Irene Berlani, Giulia Burgalassi, Virginia Terreni, Jessica Maltinti, Giuditta Novelli. Secondo posto anche per il gruppo “57100” categoria over 16 classe B con Vittoria Mazzi, Linda Lessi, Martina Dendi, Noemi Riu, Martina Spagnoli, Giulia Hinton, Irene Bettarini, Chiara Napodano. Medaglie e prestazioni di valore anche nell’hip hop duo, nella categoria 10-11 anni classe B il podio è stato conquistato dalla Livorno Danza, che ha visto salire sul gradino più alto le atlete Matilde Domenichini e Giulia Orsini, seguite al secondo posto da Elisa Fazio e Melissa Guidugli, e al terzo posto Eleonora Philippe e Alice Cardosi. Nella categoria 12 - 15 anni classe A medaglia d’oro per Benedetta Del Bimbo e Martina Tacconi. Categoria 12 – 15 anni classe AS: oro per Melissa Falaschi e Denise Lenzi; categoria 16 – 34 anni, classe B: terzo posto a Martina Dendi e Linda Lensi, sesto a Martina Spagnoli e Giulia Hinton.

Il gruppo dell’hip hop che ha partecipato ai mondiali con Marina Filippi e Mario Tinghi a sinistra e Sonia Filippi con il marito Giovanni Adamo a destra del gruppo

111


 Costruzioni e assemblaggio tubi flex raccordati inox

Tubi raccorderia  elettrovalvole per impianti pneumatici, raccorderia valvole e tubi inox AISI3 16

 Distributore Hallite Italia  Costruzione impianti idraulici e pneumatici (cilindri, centraline a disegno)

Progettazione  impianti

DISTRIBUTORE E RIVENDITORE AUTORIZZATO

F.LLI TOGNELLA

Via delle Sorgenti, 108 - Nugola (LI) Tel. 0586 977325 - Fax 0586 978063 - Cell. 333 6384883 www.oleodinamicalivorno.com • E-mail: oleodinamica.li@tiscali.it

Scotto Pubblicità Livorno

Vendita  guarnizioni, raccordi, oli, tubi flex, elettrovalvole, pompe, giunti, tubi rigidi (per condotte oleodinamiche)

 Costruzioni e assemblaggio tubi flex


I

Festa del Piccolo Amico

Una di queste feste è quella del Piccolo Amico organizzata dalla delegazione di Livorno allo stadio Picchi, quest’anno riservata ai ragazzi nati nel 2003, che hanno svolto l’ultima

Calcio Aiutiamoli a crescere come atleti, ma soprattutto come uomini e donne Il calcio come attività educativa spiegata da Roberto Tramonti di Antonella De Vito

stagione nella loro categoria e si apprestano a diventare Pulcini. “Come delegazione di Livorno –afferma Roberto Tramonti- abbiamo osservato che tutte le categorie del settore giovanile, dagli allievi agli esordienti ai pulcini avevano delle occasioni di fine stagione con manifestazioni regionali o addirittura nazionali, e quindi una bella opportunità per festeggiare il salto di categoria. Gli unici che erano rimasti scoperti erano proprio i più piccoli, ed allora abbiamo pensato di organizzare una manifestazione provinciale allo stadio di Livorno. Una festa dove i Piccoli Amici fanno giochi di abilità, dal ruba bandiera ai percorsi con ostacoli ed alla fine si divertono anche con una partitella. La nostra idea si è rivelata una bella occasione per i più giovani per stare insieme e salutare la vecchia categoria ed entrare nei Pulcini. Quest’anno hanno partecipato circa 400 ragazzi e la manifestazione si è svolta l’8 maggio, approfittando della trasferta del Livorno Calcio che giocava fuori casa”.

Festa del Pulcino

L’altra importante manifestazione è la Festa del Pulcino organizzata tradizionalmente all’Isola d’Elba, che quest’anno ha visto protagonisti gli atleti nati nel 2000, che hanno salutato la categoria dei Pulcini per entrare in quella degli Esordienti. Quest’anno la festa si è svolta il 13 e 14 maggio ed ha interessato tutte le provincie della Toscana. Il comitato regionale ha voluto scegliere l’Isola d’Elba come tradizionale luogo di svolgimento della manifestazione per andare incontro alle esigenze e alle difficoltà della comunità isolana

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

l calcio per i più piccoli. Ovvero quando ancora rincorrere una palla è puro divertimento. Per aiutare a crescere sportivamente e nel migliore dei modi questi atleti in erba, la Fgci provinciale organizza ogni anno feste ed incontri dedicati alle diverse categorie. Il presidente Roberto Tramonti ci racconta il lavoro svolto dalla Federazione provinciale nel 2011: “L’attività giovanile per il settore scolastico ha riguardato quest’anno gli anni che vanno dal 2005 al 2000 divisi fra le categorie Piccoli Amici e Pulcini. Durante tutta la stagione queste categorie fanno attività e si incontrano con altre squadre, ma senza motivi agonistici, senza punteggi. Si arriva poi a dei momenti conclusivi che sono vissuti come feste. Questo riguarda i più piccoli con le due manifestazioni organizzate dalla federazione provinciale e regionale, ma anche i più grandi ai quali pensa il comitato regionale e quello nazionale”. Vediamo nel dettaglio.

113


F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

Momenti della festa del Piccolo Amico allo stadio Picchi

e farla conoscere al resto della regione. Anche quest’anno ogni provincia ha partecipato con 4 o 5 società ciascuna, facendo salire molto il numero dei partecipanti, che va ricavato dalla somma dei ragazzi e dei loro genitori, oltre agli allenatori e ai dirigenti delle varie squadre. “La cosa più bella –commenta Roberto Tramonti- è il coinvolgimento dell’intera popolazione elbana, con tutti i suoi comuni. Il sabato pomeriggio facciamo sempre l’inaugurazione con la presentazione di tutte le squadre, la sfilata, ed da quest’anno anche i fuochi d’artificio. Abbiamo inserito anche una manifestazione per i diversamente abili,

con i ragazzi di don Gnocchi di Massa Carrara, e quelli dell’Arlecchino di Livorno, con incontri fra loro e fra squadre miste con diversamente abili e normodotati. La domenica mattina invece si svolgono le partite vissute dal punto di vista ludico ed educativo, senza vincitori e senza classifiche e questa è una cosa molto apprezzata dagli stessi ragazzi”.

Sei bravo a

Per gli esordienti il discorso è completamente diverso perché i ragazzi si preparano ad entrare in una categorie agonistica, dove giocheranno con l’arbitro e dove tutto cambierà. Quindi per salutare l’età più giovane ed introdurli nel nuovo mondo si è pensato ad

I Giovani Amaranto alla giornata finale di Sei bravo a, svoltasi a Coverciano

114

una manifestazione con un forte messaggio educativo. L’iniziativa è quella del fair play che si conclude con la festa chiamata Sei bravo a. La classifica viene fatto sulla base del punteggio raggiunto in campo sommato con dei punti ottenuti sulla base dei comportamenti virtuosi dei ragazzi e dei dirigenti. Se una squadra fa giocare tutti i ragazzi senza compiere falli ottiene punteggi alti, se invece, ad esempio, il dirigente si fa squalificare il punteggio sarà penalizzante. Questa è una iniziativa obbligatoria per le scuole calcio che prevede una fase provinciale, una regionale e una nazionale. Se per i Pulcini non sono previsti punti e classifiche, in questo caso è necessario fare una selezione per scegliere la squadra che andrà alla fase finale nazionale, anche se i punteggi, come abbiamo visto sono dati anche dal comportamento. “Quest’anno –continua Tramontiabbiamo avuto la soddisfazione di vedere la Toscana rappresentata da una squadra livornese, i Giovani Amaranto che si sono saputi comportare benissimo sia nelle fasi provinciali che in quella regionale e naturalmente al nazionale, dove finalmente non c’erano più risultati e punti. Una edizione quella del 2011 particolarmente bella con personaggi autorevoli come Giancarlo De Sisti, Gianni Rivera che è il presidente del settore nazionale giovanile scolastico e Barbara Benedetti che è la segretaria


poi, senza definire un limite d’età rigido. Il progetto è rivolto ai bambini e ai ragazzi con disabilità intellettiva, sindrome di Down, disturbo generalizzato dello sviluppo, in assenza di deficit sensoriali (che invece richiederebbero necessariamente strutture adeguate, come ad esempio devono prevedere le attività con gli ipovedenti). Gli atleti sono seguiti da un team di lavoro formato da istruttori e psicologi. Gli allenamenti si svolgono tutti i sabati mattina, prevedendo ogni 15 giorni una seduta di gioco con i coetanei normodotati della scuola calcio. Gli obiettivi sono sia motori che relazionali, si collabora per sviluppare le potenzialità in competenze ed autonomia. Sei bravo a, svoltasi quest’anno a Coverciano e dedicata al Settore Giovanile e Scolastico chiamato Grassroots Festival, giunto quest’anno alla sua terza edizione, ha avuto RESPECT come parola d’ordine. Respect per i valori, il divertimento, il gioco, la salute, la sicurezza, le regole, gli avversari, l’integrazione con tutti i diversi. La giornata di sabato ha previsto anche l’intervento con don Ciotti in un convegno su calcio e legalità, durante il quale è stato ripreso l’intervento di Brandelli che due o tre giorni prima aveva annunciato che la nazionale si sarebbe allenata sui campi sequestrati alla mafia. Don Ciotti si è inserito su questo argomento ed ha affrontato anche il tema del sospetto che in alcune società ci possano essere delle infiltrazioni mafiose. La domenica c’è stata la vera e propria festa con la sfilata e la presentazione delle squadre, l’intervento di Rivera che ha ricordato l’attività educativa del calcio. Contemporaneamente sui 5 campi di Coverciano, aperto al pubblico per l’occasione, si sono svolte le varie partite, fino al pomeriggio con premiazione finali per tutti con ricordi uguali per ogni squadra, perché lo ricordiamo, in questa occasione non c’erano punteggi e classifiche, ma solo il gioco del calcio.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

generale nazionale del settore giovanile scolastico. Una grande festa ed un gran piacere vedere i giovani, che pur non avendo mai visto giocare questi due grandi calciatori, sapevano benissimo chi erano e qual è il loro valore, e lo hanno dimostrato attorniandoli per avere autografi e consigli. Queste occasioni sono dei momenti importanti da sfruttare per lanciare messaggi positivo ai giovani: non tutti diventeranno campioni, ma cerchiamo almeno di farli diventare uomini”. Solo un ragazzo su 50 mila arriverà in serie A. Ecco perché lo sport non può diventare un modo per cercare di selezionare i campioni del domani, ma una strada educativa da percorrere

che affianchi quella della scuola e della famiglia, perché tutte insieme possano creare gli uomini e le donne del futuro. “Quest’anno la fase nazionale si è svolta a Coverciano -spiega Roberto Tramonti- il 18 e il 19 giugno. Il sabato sono state accolte le squadre provenienti dalle diverse regioni ed una esibizione del Totti Soccer School, che è un tentativo riuscito e nobile di inserire persone diversamente abili nel calcio, cercando di farle giocare non solo fra loro, ma di mescolarle con persone normodotate”. Un’attività quella del Totti Soccer School che merita di essere raccontata. La scuola svolge la propria attività di settore giovanile all’interno del Centro Sportivo ‘Longarina’ ad Ostia Antica. Nello sviluppo dei vari progetti non solo calcistici, ma anche di tipo educativo e sociale, dal febbraio del 2006 ha attivato un progetto denominato ‘Diamo un calcio alla disabilità’ esperienza di gioco calcio per bambini e ragazzi con disabilità intellettiva a partire dalla categoria Piccoli Amici in

115


Scotto PubblicitĂ Livorno


Davide Canessa

“Ho iniziato a giocare a 5 anni con le Sorgenti, a 10 anni mi ha acquisito la Cuoio Pelli di Santa Croce sull’Arno che a quel tempo giocava in C2; era un settore giovanile importante perché era seguito dal Torino. Poi c’è stato il fallimento della società e sono stato preso da Euro Falorni e portato al Picchi dove sono rimasto per 16 stagioni. A 25 anni ho avuto lo svincolo del cartellino e ho cominciato a girare per vari paesi: Perignano, Cenaia, Ponsacco, Santa Maria a Monte per poi ritornare qui al Sorgenti”. Perché hai deciso di diventare un tecnico? “Per passione. Calcisticamente per problemi fisici non potevo più andare avanti e così

Davide Canessa: Giovane e promettente allenatore Divertimento e impegno: un binomio vincente di Antonella De Vito ho deciso di dedicarmi ad insegnare ad i ragazzi. Da tre anni seguo la stessa categoria, dovevo lasciarli dopo il primo biennio, ma in questa stagione erano attesi da un campionato piuttosto impegnativo che è l’elite, così la società mi ha chiesto di portare avanti ancora questo gruppo e cercare di ottenere buoni risultati”. La soddisfazione più bella che hai avuto come atleta? “Essere riuscito a seguire alcune persone adulte che mi hanno insegnato a giocare a calcio. Prima non c’erano le quote ragazzi e si giocava con i più grandi. La soddisfazione più bella è quella di essere stato inserito in squadra da Miguel Vitulano, a lui devo il mio esordio nella categoria dilettanti”. E come tecnico? Vedere i ragazzi che mi seguono giorno per giorno, arrivare alla domenica, metterli in campo e osservare come riescono a mettere in pratica le cose che gli ho insegnato negli anni che sono stati con me”. Cosa deve riuscire a trasmettere un tecnico? “L’amore per questo sport. Quando raggiungono questo obiettivo poi vanno avanti da soli. Alcuni però tralasciano questo aspetto e vengono qua per fare una partitella e passare un’oretta. Io invece cerco di spiegare loro che devono venire con l’idea di divertirsi, ma anche quella di impegnarsi. Solo questa può essere la mentalità giusta per affrontare il calcio”. Questi ragazzi possono ancora aspirare ad arrivare ad alti livelli? “Alcuni di loro hanno ancora dei margini per migliorare, non so se è tardi o meno per la serie A, ma so che nel campionato che stiamo affrontando ci sono numerosi osservatori, infatti ci hanno già richiesto dei ragazzi a Firenze, Siena, Grosseto per alcuni provini”. Loro sono consapevoli di questa possibilità, vi aspirano? “Alcuni sì, ma ad altri non interessa e desiderano solo divertirsi giocando il campionato”. Come affronti eventuali scorrettezze in campo? “Ai mie ragazzi chiedo sempre la massima disciplina. Anche quando affrontiamo

partite difficili con dure sconfitte e talvolta si rischia la rissa in campo, io spiego loro che bisogna accettare anche di perdere, ed è importante andare sempre a stringere la mano agli avversari. Esigo la massimo correttezza verso gli avversari, il pubblico e l’arbitro”. Quando comunichi chi giocherà la partita? “Il giorno stesso prima dell’incontro, se lo facessi durante la settimana non si allenerebbero tutti allo stesso modo”. È difficile comunicare a chi non giocherà la tua decisone? “Sì, lo è perché sono ragazzi che si impegnano tutti al massimo. Io ho 16- 17 calciatori e sono sempre in difficoltà quando devo fare questa scelta, ma per un allenatore è anche un bene trovarsi di fronte a queste situazioni, sarebbe troppo facile prendere sempre gli stessi 11 ed andare avanti. La formazione la faccio il sabato sera a casa mia e poi la domenica la comunico ai ragazzi. Qualche volta alcuni la prendono male, ma alla fine ci chiariamo, con loro ho un buon rapporto. Più difficile invece è far capire ad un genitore perché suo figlio non giocherà”. Il tuo sogno nel cassetto? “Riuscire ad allenare una prima squadra, anche nei dilettanti. Ho giocato per 16 anni in questo ambiente e lo conosco bene”. Come ti senti in questo ruolo? “Sono soddisfatto del lavoro che ho svolto in questi tre anni e sono contento che la società abbia creduto nelle mie capacità”. La caratteristica che deve avere un buon tecnico? “Saper trasmettere la determinazione agonistica cioè la grinta necessaria ad affrontare certi campionati impegnativi come il nostro, che possono diventare anche delle vetrine per i ragazzi”. Cosa dà il calcio? “La possibilità di socializzare, di stare in un gruppo di amici e tenersi lontani dalla strada”. Il rapporto con i genitori? “I commenti dei genitori non mi fanno cambiare idea su come formare la squadra e come gestire gli allenamenti, altrimenti non sarei un buon tecnico”.

F.I.G.C.: Federazione Italiana Gioco Calcio

N

onostante sia giovane nel suo ruolo di tecnico, Davide Canessa è già conosciuto nell’ambiente come uno dei migliori allenatori di calcio. Lo incontriamo sui campi del Pro Livorno Sorgenti mentre sta allenando i ragazzi del ’97. Lui di anni ne ha 37 anni ed ha conseguito il patentino da allenatore da tre anni.

117


N

Canoa Unione Canottieri Livornesi in crescita qualitativa e quantitativa Il gruppo degli agonisti sempre fra i primi in classifica nale dei navicelli e lo scolmatore quale tappa per perseguire i propri obbiettivi. Tutto il gruppo della Canoa Giovani, quindi tutti quei ragazzi e ragazze fino ai 14 anni, nell’anno passato hanno raggiunto quasi le quaranta presenze, che per una società in una città dove il calcio regna sovrano, non sono assolutamente poche. Gli istruttori che seguono questo così delicato settore, Alessandro Bini per i cadetti e Roberto Volpi per gli allievi, si sono dedicati a loro, con la solita passione e attenzione, seguendo attentamente chi questo sport lo voleva fare da agonista e chi invece sotto un aspetto più ludico. Questo grazie anche a come è strutturata la canoa, che permette ai giovani atleti di non dover scegliere se svolgere l’attivi-

tà agonistica pura, quindi con un impegno importante e un approccio più deciso, fino all’età di 13/14 anni. Infatti, l’età ideale per cominciare questa attività rimane la fascia compresa tra i 9 e i 12 anni. I piccoli canoisti si sono distinti in tutte le gare regionali, conquistando una moltitudine di medaglie pregiate e podi importanti, hanno partecipato con ottimi risultati alle gare nazionali, e non a caso l’Unione Canottieri Livornesi è stata la squadra maggiormente rappresentata all’interno della selezione Toscana al Meeting delle regioni di Caldonazzo a settembre. Per quanto riguarda i più grandi, si potrebbe scrivere un libro per quello che stanno facendo e per la serietà con la quale stanno affrontando i loro impegni durante tutto l’anno, che sicuramente farà di loro dei buoni atleti e degli ottimi uomini e donne. La stagione 2011 è cominciata ad aprile dove sono state messe subito in chiaro l’intenzioni della squadra, infatti nel Campionato italiano dei 5000 metri, il capo voga Michele Tavanti, con Davide Volpi, Marco Magnanini e Francesco Bogi, dopo una partenza non felice,

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

el 2011 i canoisti dell’Unione Canottieri Livornesi non si sono accontentati di confermare quanto di buono avevano fatto vedere nell’ anno precedente, ma hanno continuato a crescere sia in quantità, arrivando ad un numero di atleti mai raggiunto, sia in qualità, ottenendo quei risultati prefissi fin dall’inizio di stagione, ma non per questo facili da ottenere, come alcuni titoli italiani, importanti presenze in nazionale e importanti piazzamenti e vittorie in giro per tutta l’Italia. Tutto questo grazie al costante e metodico lavoro di tutto lo staff che, guidato dalla bandiera dell’Unione Pier Duilio Puccetti, ex olimpionico a Montreal, ed ora allenatore e dirigente della società, insieme ad un gruppo affiatato di collaboratori, che prima di tutto mettono avanti la passione per la canoa, e il piacere di crescere giovani atleti nell’ ottica di forgiare uomini e campioni. Senza dimenticare il prezioso apporto di un decano della canoa, Claudio Kaminsky ex allenatore della nazionale che non lesina consigli e suggerimenti. A tutti piace pensare, che il loro progetto, fatto di partecipazione e passione da parte di ex atleti come Stefano Tavanti e Alessandro Bini, ormai istruttori esperti, di genitori che giorno per giorno seguono l’organizzazione e la logistica per portare avanti l’attività, di appassionati che partecipano ognuno come può, per far crescere tutto il movimento, diventi nel tempo, il modello “Livorno”, come già gira voce nell’ ambiente, e dopo aver avuto più di una volta le congratulazioni e i dovuti riconoscimenti da parte del presidente della federazione. A dimostrare l’ottimo lavoro svolto fino ad ora, c’è la presenza in ritiro della nazionale maggiore a Livorno a marzo in preparazione per i mondiali di giugno, che sceglie il ca-

Una gara Fluviale

119


F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

con una rimonta strepitosa e dei giri di boa da manuale, sono giunti secondi a pochissimo dal più blasonato equipaggio delle Fiamme gialle. Nella stessa gara Matteo Volpi vince con una dimostrazione di forza quasi disarmante, rimanendo in testa per tutto il tempo insieme a un compagno di fuga quando a 500 metri dalla fine decide che è il momento di lasciarlo, allungando il passo e dimostrando anche una maturità in gara poco comune a un ragazzo di sedici anni. Rachele Puccetti dal canto suo, terza dopo una gara magistrale, cede solo nel finale dopo aver condotto tutta la gara in testa, battuta sul fil di lana da due avversarie che hanno puntato sul gioco di squadra. Ma anche in questa occasione la giovane canoista livornese ha mostrato la sua forza a livello nazionale. La stagione è proseguita quindi nel migliore dei modi, in particolare per Matteo Volpi e Rachele Puccetti che dopo le selezioni di Milano e Mantova, vengono selezionati per gli europei di fine giugno a Zagabria con la nazionale Junior, dove Rachele partecipa in equipaggio con il k4 cogliendo la finale e un ottavo posto, mentre Matteo viene “sacrificato” in k1 nei 500 metri dove con avversari più grandi di lui di due anni non sfigura, fermandosi in semifinale, e rimanendo per lui comunque una grande esperienza. Per Rachele,

Matteo Volpi agli europei di Zagabria

inoltre ulteriori soddisfazioni ai mondiali a Brandeburgo un mese dopo, dove insieme al k4 coglie stavolta un quinto posto in finale e un altro buon piazzamento nella finale dei 200 in k1. Le vittorie e i buoni piazzamenti, continuano per tutto l’anno, passando dal trofeo delle regioni dove Matteo Volpi vince le due gare in k1 e i 500 con il k4 della Toscana, insieme ad altri due ex compagni dell’ avventura croata. Mentre nell’occasione la Puccetti arriva seconda sia nei 200 che nei 500 solo dietro ad una specialista, ma comunque

sempre lì tra le prime. In questa gara dimostrano grande crescita Lorenzo Agostinetti, Marco Magnanini, Francesco Bogi, e Davide Volpi che conquistano risultati e finali a dimostrazione dell’ ottimo lavoro che stanno svolgendo. Ma l’appuntamento più importante, rimangono i Campionati italiani assoluti di settembre, dove avviene la definitiva consacrazione del gruppo, al quale si aggiunge l’ Under 23 Maurizio Giannini, proveniente da un’altra società, che per il 2011 si era dato un anno sabbatico dalle gare, ma che non ha potuto mancare a questo importante appuntamento che, nello specifico per lui, è servito per preparare la nuova stagione, dove tornerà a pieno ritmo alle gare. Maurizio ben figura, cogliendo le finali A e B e dimostrando che il cammino verso una completa ripresa alle gare è quello giusto. Infatti, già nel mese di febbraio del 2012 è stato convocato di nuovo nella nazionale di categoria dimostrando al raduno di essere tra i più in forma del gruppo. Rachele Puccetti nell’occasione non smentisce di essere sempre tra le più forti canoiste italiane, cogliendo due secondi posti nei 200 e nei 1000, mentre nei 500 si deve accontentare del Rachele Puccetti

120


quarto posto dopo una partenza sfortunata. Dimostrando comunque la sua polivalenza e preparazione a 360 gradi nella specialità. Ma un piccolo miracolo lo fa Matteo Volpi, che dopo aver gareggiato tutta la stagione ai vertici della sua categoria, vincendo tutte le gare, si presenta agli italiani come il grande favorito, e nonostante la pressione psicologica e le attese, svolge il suo ruolo con estrema serenità e sicurezza degne di un adulto, e vince in tutte e tre le specialità della velocità pura, 200, 500 e 1000 metri, e con il campionato sui 5000 vinto ad aprile realizza un poker non facile da ripetere. Anche gli altri ragazzi dello squadrone labronico non deludono le aspettative, conquistando piazzamenti onorevoli con Lorenzo Agostinetti, Francesco Bogi, Marco Magnanini e non ultimo Davide Volpi, gemello di Matteo che con un finale di stagione in crescendo, che lascia ben sperare per il futuro, conquista due finali su tre disputandole contro il fratello e permettendo all’Unione Ca-

nottieri Livornesi di essere l’unica squadra ad avere due atleti in finale. Per la stagione 2012, ci si aspetta ancora grandi cose da questi atleti, a cominciare da Michele Tavanti, fermato agli italiani da un problema fisico, ampiamente risolto e con grandi aspettative, capace sicuramente di misurarsi

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Maurizio Giannini

con gli avversari più forti. Sempre nella categoria ragazzi, un nuovo acquisto femminile, proveniente dal Mergozzo, Elisabetta Maffioli sarà sicura protagonista nella stagione futura, reduce da due secondi posti e un terzo agli ultimi campionati. Edoardo Falleni e Leandro Ricci sono le new entry dal vivaio, sulle quali puntano i tecnici sperando di farli emergere. Un altro arrivo “straniero” da Venezia, Piero Bellipanni lo vedremo in maglia bianco-blu dopo una stagione travagliata con la sua ultima società, ha intenzione di riscattarsi prontamente sul campo. Confermando Giannini, Puccetti, Volpi quali punti di forza di questa squadra, che mirerà ancora a piazzarli in nazionale per gli europei in Portogallo a luglio, si spera che a loro si possano aggiungere altri nomi, per traguardi prestigiosi e per una stagione ancora piena di soddisfazioni. I vari Bigoni, Gamucci, Mazzara, Orsini, Pace, Tamberi, Volpi C., insieme all’inserimento di Marco Cresevich proveniente dal canottaggio, rappresentano il futuro su cui conta la società per poterli integrare in quel gruppo già rodato degli agonisti. E per chi dice che la canoa è uno sport individuale, prima faccia un salto allo scolmatore e passi un giorno in mezzo a quei ragazzi a cui piace sentirsi “un gruppo”.

Una cartolina dei “Ragazzi dello Scolmatore”

121


I primi 25 anni del Canoa Club Un titolo italiano per la categoria esordienti ragazze con Karol Giannetti con il patrocinio della Provincia tra i quali: due corsi di avviamento destinati agli alunni delle scuole medie ed elementari di Stagno e Collesalvetti, durante i quali i ragazzi e le ragazze hanno avuto modo di imparare le nozioni base del gesto tecnico della pagaiata e della conduzione dell’imbarcazione attraverso lezioni teoriche e pratiche in acqua; un raduno amatoriale al quale ha aderito anche la sezione locale dell’Unione Nazionale Veterani

casco. Durante la manifestazione è stata presentata anche una vettura attrezzata per guidatori diversamente abili, realizzata con i contributi della Regione Toscana; la terza edizione della manifestazione “Vivere lo Scolmatore”, che è già diventata un appuntamento fisso tra gli amanti di questo sport oltre che un momento di scambio di esperienze e di incontro tra lo staff tecnico e dirigenziale del Club e la cittadinanza.

Orlando Bazzali

dello Sport (Unvs) con la cui collaborazione è stato organizzato il Campionato Toscano UNVS, e l’Associazione Paraplegici Livorno, che ha colto l’occasione per sensibilizzare i giovani sull’importanza della sicurezza stradale e dell’uso del

Nel corso dell’anno è stata, inoltre, siglata una convenzione tra l’associazione ed il Comune di Collesalvetti, da sempre sensibile alle tematiche sportive e con il quale il Club ha da anni rapporti di collaborazione.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

L’

Asd Canoa Club Livorno è una società sportiva dilettantistica riconosciutra dal Coni ed iscritta alla Federazione Italiana Canoa Kayak, (FICK), al Centro Sportivo Italiano (CSI) e figura tra le associazioni che svolgono attività di interesse sociale riconosciute dalla Provincia di Livorno. Il Club, nato nel 1986, ha festeggiato quest’anno i 25 anni di attività ininterrotta nel campo della canoa Fluviale e della canoa in Linea o olimpica così denominata perche tra le discipline praticabili in canoa, fu la prima ad essere inserita tra gli sport olimpici.Nella sede del Club, in corso Italia 51 in località Stagno, si possono praticare entrambe le attività, sia a livello agonistico (giovanile e non) che amatoriale e diportistico. Nella sede del Club è inoltre presente un circolo ricreativo, una sala teatro, una sala ricreativa, un campo di pallaccanestro ed un campo di calcetto che verrà presto ristrutturato. Per quanto riguarda le attività amatoriali e diportistiche il Club organnizza corsi per adulti e comitive, escursioni lungo i fiumi della Toscana e varie attività ricreative ed aggregative destinate ai propri soci.Tra i giovani e giovanissimi si sono distinte anche quest’anno le squadre agonistiche che hanno partecipato alle manifestazioni regionali e nazionali, ottenendo brillanti risultati e facendo incetta di medaglie sia nel settore femminile che maschile. In particolare tra le ragazze spicca il risultato conquistato dall’atleta Giannetti Karol nella categoria Esordienti Ragazze che è salita sul gradino più alto del podio ai Campionati italiani. Inoltre, come ogni anno il Club ha organizzato diversi eventi destinati alla diffusione della pratica sportiva della Canoa

Karol Giannetti

123


C

onosciuto da tutto il mondo canoistico livornese, Roberto Sardi, classe ’45, come allenatore ha al suo attivo 15 Campionati mondiali e 7 Campionati europei.

Roberto Sardi Il decano della canoa labronica Al suo attivo 15 Campionati mondiali e 7 europei

Roberto Sardi

“Ho iniziato a 18 anni nell’Unione canottieri. La mia passione sarebbe stato il canottaggio, ma siccome non ero molto alto il tecnico Vincenzo Raveggi mi consigliò la canoa. Come è avvenuto il passaggio da atleta ad allenatore? “Per caso. Il mio lavoro da macchinista navale mi portava spesso ad imbarcarmi e a restare lontano da Livorno per lunghi periodi, così allenarsi diventava difficile, abbandonare la carriera agonistica era una cosa piuttosto naturale in quelle condizioni. Nel ’79 iniziai ad allenare i canottieri portuali e da quel momento ho iniziato a fare i corsi per poter essere tecnico nelle diverse categorie, fino alla prima. Ho dovuto fare tanta gavetta, ma oggi posso dire di aver allenato tanti grandi atleti che poi sono diventati dei campioni”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Quando siamo arrivati secondi nel ’99 in Canada per soli 7 centesimi di secondo. Ero tecnico della nazionale che era composta da 8 atleti, con me c’erano

4 livornesi, il 50% della squadra: Gianluca Mancini, Alessio Bonomo, Claudio Gherardini, Francesco Masoni. Abbiamo mancato per un soffio la vittoria al Campionato del mondo. Anche la squadra femminile era molto brava a livello nazionale e internazionale, anche se eravamo nel periodo in cui vi erano molte atlete forti dei Paesi dell’Est. Nel 1984 non partecipammo alle Olimpiadi per una scelta della federazione, le livornesi non furono accettate perché considerate troppo basse, nonostante avessero vinto le pre-olimpiadi, ma alla fine nessuna squadra femminile italiana si presentò ai giochi olimpici”. L’atleta che più le ha dato soddisfazione? “Sono tanti, non vorrei fare torto a nessuno. Le punte di diamante sono tante: Gianluca Mancini, Alessio Banomo, Simone Del Tongo, Francesco Masoni, Claudio Ghelardini, Lami, Androlini, Campaccio, Boni, Manteri, Mangani, Pagni, Lombardi, Moggia, Pellegrini, De Gennaro, Suncini, Loreto, Scherly, Umpetti, Pierotti, Murra, Galvagno, Giannini, ma anche nel campo femminile con Ornella Ricci e Susy Ricci. Ho avuto veramente tante soddisfazioni”. Qual è la cosa più importante che un tecnico deve trasmettere ai suoi atleti? “Sembrano frasi fatte, ma la cosa più importante è educare i ragazzi ad essere responsabili delle loro azioni. Ragazzi che si formano fisicamente, ma anche internamente, nello spirito, nella mentalità. Questo l’ho riscontrato più volte, quando ho rincontrato atleti che mi

hanno ringraziato per averli aiutati a crescere anche caratterialmente”. Qual è la fascia più difficile da allenare? “Sicuramente i più piccoli. Oggi cominciano anche a 7 o 8 anni, e noi li aiutiamo ad affrontare il primo approccio con la canoa attraverso il gioco. Dopo un anno vediamo chi ha una predisposizione verso questa disciplina”. Cosa le piacerebbe vedere come tecnico? “Sono riuscito a portare diversi ragazzi agli europei e ai mondiali, ma mi mancano le olimpiadi. Mi piacerebbe che uno dei miei arrivasse fino ai giochi olimpici”. Di cosa avrebbe bisogno la canoa in Italia? “Di soldi. È uno degli sport più poveri. I ragazzi contribuiscono a pagare le trasferte perché la società non ce la fa più a sostenerle per intero. Le canoe continuiamo a comprarle noi, ma alcuni, soprattutto chi desidera una barca più evoluta, decide di acquistarla personalmente. Ci sono poi le spese della palestra, luce, acqua, manutenzione. I costi per affrontare un’attività di questo tipo sono notevoli”. Come si vede se un bambino è portato per questa disciplina? “Lo si capisce subito dall’atteggiamento che ha rispetto all’acqua. Naturalmente per far canoa devono saper nuotare, anche se per legge ci vuole il salvagente fino a 14 anni, regola che noi continuiamo ad applicare anche dopo quest’età, soprattutto quando c’è il mare mosso”. Cosa le ha dato questo sport? “Stare con i ragazzi mi fa sentire giovane, perché con loro ho un buon rapporto e spero di essere riuscito a prepararli anche ad affrontare la vita”.

F.I.C.K.: Federazione Italiana Canoa e Kayak

Antonella De Vito

125


Canottaggio Luca Agamennoni alle Olimpiadi di Londra Tanti giovani in crescita per riportare Livorno alla gloria del passato. Canottaggio e Palio a confronto fra le molte difficoltà del momento di Antonella De Vito avuto benefici dal punto di vista atletico. Andrebbero però perfezionate le regole sia nel Palio che nel canottaggio, ad esempio attualmente il regolamento comunale non permette alle Cantine di far gareggiare più di due atleti di canottaggio olimpico. Nello stesso tempo gli atleti del palio potrebbero partecipare alle gare di canottaggio in maggior numero di quanto avviene oggi”. Attualmente le società cittadine di canottaggio sono tre: Unione Canottieri livornese, Vigili del Fuoco e Canottieri Marconcini, ci sono poi a sud della provincia i Canottieri Solvay, i Tre Comuni di Montescudaio e il Circolo Nautico Cecina. Ma quelle che nel 2011 hanno raggiunto risultati più rilevanti fra i giovani sono state le prime due, le altre o perché molto giovani o perché di dimensioni piccole devono ancora rodare le capacità dei propri atleti. “Livorno ha una bella tradizione remiera -continua Filippo Mannuci- e non dobbia-

mo dimenticare che in generale lo sport ha un buon impatto sociale, i ragazzi quando si dedicano ad una disciplina stanno lontani dalla strada, acquisiscono uno stile di vita sano e restano fuori dai guai, ecco perché si dovrebbe investire di più per lo sviluppo dello sport. Parlando del remo posso dire che pur nelle difficoltà economiche in cui ci troviamo, se le risorse fossero gestite in modo più adeguato, si potrebbe ottenere molto di più, sia nel canottaggio che nel palio. Naturalmente le difficoltà ci sono e non possiamo negarle. Ad esempio, gli spazi dedicati al remo rischiano di diminuire notevolmente. Allo scolmatore l’Unione Canottieri rappresenta l’ultimo baluardo sportivo in un’area sempre più circondata dai cantieri cresciuti moltissimo negli ultimi anni, che hanno cementificato una zona che prima rappresentava uno spazio di verde molto bello, dedicato allo sport. Naturalmente se queste attività portano lavoro è giusto che ci siano, ma sarebbe anche necessario trovare nuovi luoghi adatti al canottaggio, come potrebbe essere l’adeguamento dell’altra riva dello scolmatore, che con un po’ di cura, di attrezzature e delle giuste autorizzazioni potrebbe trasformarsi in un polo sportivo, di richiamo anche per il turismo. Stessa cosa si potrebbe fare in città con l’adeguamento degli spazi lungo i fossi, che darebbero la possibilità agli atleti di evitare spostamenti faticosi e fastidiosi”.

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

I

l remo nella nostra città è una vera e propria passione. Un interesse che si divide fra il canottaggio olimpico e il palio marinaro. Due aspetti che in alcune occasioni si contrappongono ed in altre coincidono. Fra i campioni ancora in attività Luca Agamennoni ha già raggiunto la qualificazione per Londra dopo un anno impegnativo durante il quale ha cambiato equipaggio, unendosi a giovani atleti che avranno la fortuna di crescere all’ombra del grande campione. Ricordiamo il curriculum olimpionico di Luca con il bronzo ad Atene nel 2004 nel 4 senza e la medaglia d’argento a Pechino con il 4 di coppia. Nel settore giovanile invece c’è stato molto più fermento, l’Unione Canottiere e la società sportiva dei Vigili del Fuoco hanno raggiunto buoni risultati sia al Festival dei Giovani che al Campionato regionale, lasciando ben sperare per il futuro, perché Livorno possa tornare quella fucina di campioni del remo che è sempre stata. Ma come dicevamo in apertura, palio e canottaggio talvolta entrano in conflitto e i giovani che rappresentano il domani, per ogni disciplina, rischiano di essere contesi un po’ da tutti. Come ci spiega Filippo Mannucci, responsabile della Federazione provinciale: “Si potrebbe incrementare entrambe le discipline del remo, senza che l’una penalizzi l’altra. Nel palio mancano i giovani, mentre nel canottaggio olimpico mancano i senior. Se studiassimo una sinergia fra i due settori si potrebbe permettere agli atleti di praticare entrambe con buoni risultati. Io ad esempio ho fatto contemporaneamente le due discipline e ne ho

Il quattro di coppia azzurro secondo classificato alle Olimpiadi di Pechino, Luca Agamennoni è il primo da sinistra (a seguire, Venier, Galtarossa, Raineri) Foto A. Bartolozzi

127


Filippo Mannucci Quattro volte campione del mondo, ha spesso scelto di allenarsi da solo

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Le 4 medaglie d’oro dei Campionati del mondo

128

U

na delle bandiere del canottaggio livornese è Filippo Mannucci, oggi anche rappresentante provinciale della federazione. Nella sua carriera sportiva, prima di approdare nel 2000 alla Forestale, ha avuto modo di allenarsi in tutti i circoli della provincia e di conoscere diversi tecnici. Con una personalità indipendente, spesso Filippo ha preferito autogestirsi negli allenamenti e nella preparazione atletica. Passato alla storia del canottaggio per aver vinto 4 titoli mondiali nel quattro di coppia ha naturalmente un curriculum da campione che ricapitoliamo cronologicamente nelle tappe più importanti. Nel 1996 è 2° al Nations Cup, nel 1999 è 12° al World C h a m pionships; nel

2000 è 3° al World Cup Vienna e 5° al World Championships; nel 2001 e nel 2002 vince il World Championships; il 2003 lo vede vincitore al World Cup Lucerna e ancora 1° al World Championships; nel 2004 è 4° al World Cup Luzern; il 2005 sale sul primo gradino del podio nel World Cup Monaco, nel World Championships e nel World Cup Lucerna; nel 2006 è 2° all’Euro Open indoor; nel 2007 è 3° al World Rowing indoor e nel 2008 11° ai Campionati europei. Perché spesso hai scelto di allenarti da solo? “Fin da ragazzino sono stato sempre uno che voleva capire e sapere il perché degli esercizi che mi facevano svolgere. Crescendo ho cominciato anch’io a giocare con gli allenamenti e con la programmazione, ho compreso che tutti gli allenatori erano bravi, ma mi sono accorto anche dei loro limiti. Quando ho iniziato l’agonismo ho cominciato anche ad auto allenarmi. Mi sono sempre chiesto chi formava i formatori e mi sono reso conto ben presto che era un ambiente autoreferenziale. Anche quando sono entrato in nazionale ho visto che allenatori ben più blasonati di quelli locali, certe cose comunque non le sapevano, e così ho cominciato a documentarmi per conto mio. A partire dal ’94 ho fatto gruppo con altri ragazzi ed abbiamo iniziato ad allenarci insieme per verificare se stavamo procedendo bene”. Quindi ti sei dedicato anche ad allenare altri?

“Sì, prima con i miei compagni di canottaggio, poi con il tempo ho seguito anche ragazzi in altre discipline come la corsa, la mountain bike, ed ho visto che i principi di allenamento che avevo studiato erano validi e si potevano applicare anche ad altri sport. Per quanto riguarda la tecnica di voga nel canottaggio ognuno ha le sue teorie, ma possiamo dire che più o meno si equivalgono tutte, l’importante è mantenere alta la velocità. Nei gozzi invece spesso si vedono atleti che remano in modo diverso, spesso sbagliato e ciò può creare problemi fisici. Erroneamente si crede che vogare possa creare dolori alla schiena, ma questo non è vero quando il gesto tecnico è compiuto correttamente. Ho notato che nel palio vi sono notevoli differenze nel modo di utilizzare il remo, in alcuni casi è così errato che si penalizzano gli atleti perché ciò non permette di utilizzare al meglio la loro forza”.


mana, massimo tre, è la cosa migliore. Anche nell’esercizio con i pesi ci sono diverse teorie, con quelli che consigliano di trascorrere molto tempo in palestra e quelli che non includono la pesistica nell’allenamento, ma anche in questo caso è importante trovare una misura di mezzo. Quello che mi meraviglia è che stabilire la giusta misura è piuttosto semplice, ma molti allenatori continuano a perpetuare in questi gravi errori”. Cosa è importante trasmettere ad un ragazzo? “La motivazione e la passione. Siccome è un sacrificio allenarsi tutti i giorni, uno deve avere un obiettivo, ma deve essere realistico.

Non si può illudere un ragazzo facendolo sperare in un risultato che non farà mai, perché poi le delusioni arrivano e per lui può essere drammatico, può perdere la fiducia in se stesso e decidere di abbandonare tutto. Un allenatore deve dare un obiettivo realizzabile sia a lunga che a breve scadenza e quindi infondere la motivazione giusta. Devo poi insegnare la passione per lo sport, dimostrando che non si devono fare le gare solo per raggiungere il risultato, ma si fa sport anche perché ci si sente parte di un ambiente e perché ci si diverte. Questa è la vera passione”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Vedere ragazzi che erano stati scartati da altri allenatori perché considerati non bravi, che invece dopo essersi allenati informalmente con me, sono tornati a fare risultati riacquistando fiducia nei loro mezzi. Ho rivisto ragazzi a distanza di anni che ancora mi ringraziano per i consigli che gli ho dato”. Come si svolge attualmente la tua giornata? “La mattina lavoro per la Forestale a Cecina, mentre il resto della giornata ed il fine settimana sono sempre dedicati al canottaggio”. Antonella De Vito

F.I.C.: Federazione Italiana Canottaggio

Che fascia di età hai seguito? Dalla categoria ragazzi in poi. Al di sotto quell’età secondo me ci si deve avvicinare a questa disciplina per imparare il gesto tecnico e divertirsi. Siccome è uno sport molto faticoso, se i ragazzi comincia a sentire lo stress dell’allenamento quando sono troppo piccoli, arrivati all’adolescenza smettono di praticare agonismo. Ci sono sport in cui è necessario essere precoci ed in altri no. Nel canottaggio non è necessario, quindi è bene divertirsi quando si è più piccoli. Anche nei paesi anglosassoni, dove c’è una grande tradizione, e si producono tanti campioni di canottaggio, possiamo notare come molti intraprendono questa strada durante il periodo universitario ottenendo buoni risultati”. Che tipo di preparazione atletica è necessario fare nel canottaggio? “Con questa domanda entriamo nella parte dolente di questo sport. Al momento c’è un po’ di confusione creata da pareri discordanti. Ad esempio c’è chi non fa eseguire la corsa, e chi ne fa fare troppa. Secondo me il metodo migliore sta nel mezzo: la corsa allena molto il cuore e quindi va fatta, ma non troppa, perché i canottieri solitamente hanno un fisico piuttosto importante, sono almeno 70 chili, e quindi se corrono troppo le articolazioni sono sottoposte a logoramento e si rischia di fare grossi danni all’atleta. Correre nella maniera giusta, cioè due volte alla setti-

Filippo Mannucci al centro

129


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Giò Di Batte

N

L’Arte nello Sport

on lo scopriamo certamente oggi con la recente ed importante mostra tenutasi nella storica Bottega d’Arte a Livorno, l’artista Giò Di Batte.

130

Ed è proprio il colore insieme ad una luminosità particolare e poetica a far si che, la sua pittura entri in mondi avvolti da sottili sentimenti e delicati stati d’animo. Si perfeziona tecnicamente frequentando le prestigiose scuole di Parigi e Praga e successivamente grazie alla profonda amicizia con Pietro Annigoni e Ferruccio Mataresi affina ulteriormente la sua mano. Il ciclismo, sport della sua energica giovinezza, s’incontra con il delicato mondo dei colori, dei pennelli, delle tele e ben presto diventa uno dei più floridi punti di riferimento della sua intera produzione artistica.

Giò viene presto definito “il pittore delle due ruote”, l’unico artista in grado d’immortalare le varie rassegne ciclistiche, cogliendo oltre agli aspetti puramente figurativi anche gli stati d’animo dei personaggi. Ogni suo dipinto è un inno alla forza, al sacrificio, alla gioia, alla natura e attraverso delicati messaggi immortala per sempre i momenti più significativi. Conosciutissimi i suoi dipinti dedicati a Coppi, a Bartali, a Chioccioli, Cipollini, Bitossi, Amstrong ecc. Appassionato, testardo, coerente, è riuscito negli anni a salire nell’olimpo di uno sport che tanto ha dato all’Italia. I suoi dipinti hanno fatto bella mostra alle più importanti rassegne ciclistiche (Giro d’Italia, Milano-Sanremo, Costa degli Etruschi ecc.) e figurano nelle più grandi collezioni di personaggi dello sport, dello spettacolo, e della politica.

Gio Di Batte

Un evento, quello svoltosi a inizio 2012, per omaggiare il pittore labronico giunto ai suoi cinquat’anni di attività artistica. Alle sue spalle decine di esposizioni personali, riconoscimenti, presentazioni sui più importanti quotidiani a livello nazionale (La Repubblica, Tutto Sport, La Gazzetta dello sport, Corriere Stadio, Rai Sport ecc.) ma soprattutto tanta passione e professionalità. Incoraggiato dal padre fin da giovane nonostante le difficoltà economiche post guerra, Giò si getta con serietà sia nel ciclismo, sport che rimarrà nel sangue fino ai giorni nostri, sia nella pittura. Viene a contatto con due mondi diversi ma filosoficamente molto vicini. Forza, passione, esperienza, tecnica, sono alla base delle due discipline fino a fondersi insieme. Sport e pittura uniti da un amore comune, alimentato quotidianamente dall’estro di questo professionista del colore.

Gio Di Batte: “Sacrificio”


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

Gio Di Batte: “Disco in vinile”

La natura però è sempre stata la sua vera musa ispiratrice, con i suoi colori, i suoi toni, i suoi silenzi. Giò infatti non è solo il pittore delle due ruote come battezzato dai grandi dello sport. È un pittore dai modi di fare antichi, dalla delicatezza dei soggetti, dalla poeticità dei tramonti. Grazie ad una mano sciolta, decisa, morbida, spontanea, riesce

Gio Di Batte: “Ciclismo e natura”

ha creare momenti di profonda sensibilità attraverso le composizioni di oggetti di un tempo (calamai, brocche, oggetti antichi) . In una recente critica Stefano Barbieri scrisse di lui: … le sue opere sono viste in un ottica morandiana, esprimendo quel gioioso senso della materia e quella perfetta cura del particolare che richiamano i capolavori dei grandi artisti fiamminghi… Chi osserva le sue opere non rimane estasiato solamente dalla bravura tecnica stilistica ma soprattut-

to dalla forte sensibilità espressiva che trasmettono. Si possono respirare gli stati d’animo, i profumi degli oggetti, siano essi fiori colorati e luminosi come i girasoli o le sue inconfondibili mimose, siano essi semplici ma pittorici funghi, melograni, castagne ecc. Inquietanti e misteriosi anche i suoi pupazzi di legno cosi surreali e freddi ma al tempo stesso espressivi nella loro collocazione. La sua storia, che lo ha visto protagonista in gioventù, accanto a nomi come Renato Guttuso, Enrico Baj, Alberto Burri, Gianni Dova, Aligi Sassu, tanto per citarne alcuni, non è ancora finita, e siamo certi che Giò, riuscirà in futuro ad emozionarci ancora, perché un’opera, al di là dei gusti, deve saper trasmettere le giuste emozioni, e in questo… il nostro artista, è un vero maestro.

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

GIO DI BATTE www.artealivorno.it/dibatte 131


Abbigliamento tecnico e accessori per tutte le esigenze Biciclette: √ Da corsa personalizzate

per competizioni e non

Training test: per analizzare lo stato di forma e programmare un mese di corse dimensionate alle capacità del ciclista

√ Tempo libero (con possibilità di noleggio)

√ MTB bambino Esclusivista per Livorno biciclette:

Viale Italia, 5 - 57126 LIVORNO Tel. e Fax 0586 800093

Scotto Pubblicità Livorno

da passeggio e da turismo


G.S. Carli Coop La Variante

Ciclismo Fra passato, presente e futuro il ciclismo resta uno degli sport più amati di Mario Orsini Organigramma: Pres. Luciano Nannipieri, Vice Pres. Loredano Zannotti, Segr. Alessio Sinigaglia. Consiglieri: Aurelio Guerrini, Loriano Bufalini, Alberto Nanni, Vito Martelli, Alessandro Milianti, Giampaolo Palomba, Bruno Bendinelli, Sergio Tramonti. Dir. Sportivi: Alessandro Milianti, David Mancini. Dir. Tecnici: Loriano Bufalini, Paolo Palomba. Dir. di corsa: Enio Spadoni. Atleti 2012: Alberto Salvadorini, Tommaso Pini, Giulio Verbali, Jacopo Pironi e Christian Incoronato. Amatori: Luca Marinacci, Fulvio Bufalini, Ennio Spadoni, Alessandro Milianti, Giampaolo Palomba, Loredano Zannotti, Rolando Canneri, Carlo Cantini, Roberto Bernini, Paolo Menicagli, Marco Olivi (staffette moto). Atleti 2011: Andrea Tomati, Lorenzo Marinacci, Daniele Parrella (via Arci Stagno) nel 2012 al G. S. Rosignano Colognole.

Carlo Bartoli (segretario) e Nedo Contini (direttore sportivo). Nel 1967, con la squadra di allievi formata da Piero Bartorelli, Giampiero Pelosini e Carlo Canneri, arrivarono le prime vittorie. Successi a raffica L’attività del G.S. Colognole, corredata da tanti successi continuò, a spron battuto, con esordienti, allievi e dilettanti. Tanto da essere definita, nel 1979, la più forte squadra del settore della provincia di Livorno, grazie alle vittorie dei vari: Luigi Mencaroni, Dario Stendardi, Miriano Cirinei, Manrico Stefanini, Luciano Guidi, Osvaldo Pierigè, campione regionale di velocità su pista e Fausto Terreni, in seguito, nel 1985, professionista nella Dromedario Fibok Laminox. Negli anni seguenti, sempre nella categoria dilettanti, arrivano ancora tante vittorie con Massimo Biancani, Ricki Baldi e Ilario Spagnoli con

A.D.S. Colognole

Primi vagiti La storia siamo noi. Il primo vagito lo emise nel 1963. A far scattare la prima scintilla una gara ciclistica per esordienti, organizzata con il patrocinio del giornale L’Unità e del circolo ricreativo Endas. Da allora per il G.S. Colognole è stato un susseguirsi di successi. Dalla prima corsa all’allestimento della prima squadra il passo fu breve, grazie anche alla disponibilità come sponsor della “Prefabbricati Lino Veroni”. I primi atleti furono Salvadori, Morucci e Curtis. E i primi dirigenti: Enzo Silici (presidente), Carlo Lenzi (vicepresidente), Casini e Luciano Nannipieri

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

A pochi giorni dal Natale consueto scambio d’auguri di fine anno al gruppo ciclistico G. S. Carli Coop La Variante, nella sede rinnovata, all’interno della Polisportiva Circolo Arci di Salviano. A fare gli onori di casa, il presidente Luciano Nannipieri e il suo vice e amico fraterno Loredano Zannotti. Tra i presenti il responsabile provinciale, della FCI, Luca Casini, il suo vice Paolo Quaglierini, corridori con i loro genitori, membri del consiglio direttivo, amici e dirigenti delle società ciclistiche cittadine. Prima del tradizionale scambio di regali, Nannipieri e Zannotti, hanno augurato buone feste e un sereno anno nuovo a sponsor, gruppi ciclistici provinciali e al GS Sardo di Tempio Pausania. E più nello specifico a: direttori sportivi, direttori di corsa, staffette, volontari, compresa la Svs di Collesalvetti, i vigili urbani e al Comune di Livorno, alla Provincia, alla sponsor, fotografa e tifosa, Patrizia Bernini, al Centro Medico Sportivo, al Circolo Arci, alla Coop Immobiliare di Salviano, alla Polisportiva circolo Arci Salviano (presente il responsabile Mauro Morelli) e naturalmente: “ai magnifici sponsor Coop La Variante; Bernini Commerciale Spa, Clas Spa Renault e tutte le numerose ditte che ci onorano e gratificano del loro sostegno”. In bella mostra anche una delle nuovissime biciclette acquistate per metterle a disposizione dei corridori. Da Luciano Nannipieri, inoltre, tanti buoni propositi. Primo fra tutti, rivolto ai giovani ciclisti: “gareggiare e divertirsi in maniera corretta e nel rispetto delle regole, in sintonia a quello che è sempre stato l’obiettivo principe di questa grande società”.

Locandina della prima gara organizzata dal Colognole

133


azzurra professionisti Paolo Bettini, e Zuypynas Vladyslav e Simone Maurri (1 vittoria). Attualità Nell’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle il Colognole aveva ben 19 tesserati nel settore Giovanissimi. Nella Categoria G1: Cascione Desirè, Scerra Lucio, Fili’ Riccardo. Nella Categoria G2: Salvadorini Alessio, Marceddu Emanuele, Allegri Andrea. Nella Categoria G3: Losani Mattia, Citi Mattia, Ienna Gabriele. Nella Categoria G4: Corsini Alice, De Pompeis Nicola, Cascione Angelica, Filì Andrea. Nella Categoria G5: Signorini Gabriele, Memoli Simone, Milo Stefano, Lombardo Francesco, Pagni Simone e nella Categoria G6: Salvadorini Alberto. Tra i plurivittoriosi, con 10 vittorie, nella G3, Mattia Citi. Ma le piccole grandi soddisfazioni sono arrivate da tutte le parti, grazie all’impegno di tanti piccoli atleti che hanno saputo regalare a una società che si è sempre distinta per l’amore che sa trasmettere verso questo sport, l’entusiasmo, il gusto di divertirsi, di fare un’attività fisica sana. Da segnalare Citi Mattia plurivittorioso con 10 vittorie nella categoria G3 e tante altre soddisfazioni che questi piccoli atleti hanno saputo dare, allo stesso tempo la società cerca di trasmettere l’amore verso questo sport, entusiasmo, il gusto di divertirsi in bicicletta, fare sano movimento e la soddisfazione di dividere esperienze insieme ai propri compagni; presupposti per creare le condizioni per avere buoni atleti nelle categorie successive.

G. S. Montenero

Un pezzo di storia del ciclismo di casa nostra. Fondato nel 1926 il G.S. Montenero, dopo alcune interruzioni, è affiliata alla Federazione FCI e Coni, ininterrottamente dal 1972. Oltre che come fucina di talenti si è sempre distinto anche a livello organizzativo. Negli anni ottanta è arrivato a tesserare oltre trenta ragazzi per le CategoLuciano Nannipieri, Aurelio Guerrini e i giovani corridori del Carli

rie Giovanissimi, Esordienti ed Allievi, fra questi anche Casini Alessio che nel 2011 ha vinto due gare e ottenuto una serie di ottimi piazzamenti. A vestire qualche anno fa la gloriosa maglia del G.S. Montenero è stato anche Davide Mucelli che quest’anno, coronando un sogno, gareggerà tra i professionisti. Nel 2011, il G.S. Montenero, ha organizzato quattro gare con ai nastri di partenza i Giovanissimi e due di Allievi. Fra queste la classica Coppa Montenero, quest’anno arrivata alla 68esima edizione. Da una decina d’anni alcuni consiglieri della società, nel tempo libero, vanno nelle scuole per far conoscere il ciclismo in tutti i suoi aspetti, non ultimo l’educazione stradale, anche grazie alla collaborazione con i Vigili Urbani. Consiglio Direttivo: Presidente: Carla Ciantelli, V. Presidente: Ruggero Menegazzi, Segretario: Paolo Quaglierini. Consiglieri: Giacomo Marchesini, Pietro Bellavia; Franco Fiorini, Roberto Fiorini, Romano Lemmi, Carlo Spagnoli, Venio Marchesini. Tesserati Cat. Giovanissimi Simone Osmani 6 anni, Matteo Bufalini 8 anni, Giulia Costa Campetti 8 anni: 2 vittorie, Martina Bufalini 9 anni: 4 vittorie, 10 secondi posti e 7 terzi posti. Cristian Vadalà 9 anni, Alessio Stefanini 9 anni, Fausto Mattolini 9 anni, Luca Bollettini 9 anni, Luca Tomati 10 anni, Andrea Cappelloni 11 anni, Tommaso Pini 12 anni, Giulio Verbali 12 anni, Jacopo Pirone 12 anni. Direttori Sportivi: Fabio Bellavia, Alessio Sinigaglia con la collaborazione di Pietro Bellavia. Dirigenti responsabili: Loriano e Fulvio Bufalini. Nel 2012 l’attività del G.S. Montenero continuerà con il tesseramento di ciclisti nella Categoria Giovanissimi.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

addosso la maglia del G.S. Colognole Carrozzeria Reali. Alla fine degli anni ‘80 la società abbandonò le categorie superiori, per tanti motivi, non ultimo il fattore economico. La maggiore attenzione, da parte della società, venne focalizzata sul settore giovanile: esordienti e allievi, con lo sponsor Suma Calzature. Tra i talenti di quel periodo è doveroso ricordare Carlo Santucci, Davide Bondi e Antonino Labruzzo. Dal 1997 l’A.S.D. Colognole ha iniziato a curare il settore “Giovanissimi” con l’obiettivo di creare i presupposti di proseguire l’attività nelle categorie successive. A vestire la maglia in quel periodo furono tre ragazzi in gamba: Mario Paolillo nella categoria G6, Alessio Baroni e Alessio Bondi nella categoria G5. Negli anni successivi grazie all’impegno della società il numero dei ragazzi “ciclisti” aumentò fino a giungere a quota undici nel 2003. Tra i plurivittoriosi come non ricordare Irene Lucarelli che riuscì ad alzare le braccia al cielo ben 54 volte con la ciliegina sulla torta di vincere, nelle categorie G4 e G5, tutte le gare del calendario annuale. Ovvero 20 corse su 20 disputate. Nel 2002 da un’idea dei soci fondatori Carlo Lenzi e Enzo Sandri nacque l’U.C. Rosignano Colognole una società che attualmente, alle soglie dei 10 anni di attività, ha saputo conquistarsi un posto di rilievo nel ciclismo livornese, per i tanti successi (anche un titolo regionale su pista) ma anche per l’impegno profuso, la correttezza e la serietà nello svolgere un ruolo di insegnamento ai tanti giovani che hanno scelto il ciclismo. Nella squadra del 2011, nella categoria allievi, gareggiano Andrea Montagnani e Francesco Bettini (una vittoria), nipoti del CT della nazionale

135


S

Carlo Lenzi

ono trascorsi già due anni da quel 28 dicembre 2009 quando Carlo ci ha lasciati, ma il tempo non è riuscito a colmare la sua mancanza. Carlo ci ha lasciati improvvisamente all’età di 71 anni quando aveva ancora tanto da dare. ciclismo” con tanto amore e tanto entusiasmo e cosa più importante ha sempre condiviso con i propri atleti le gioie e le soddisfazioni che questo sport dà. Promotore di tante manifestazioni ciclistiche anche ad alto livello è sempre stato uno dei più apprezzati organizzatori delle gare ciclistiche a livello provinciale e regionale. A tale proposito ricordiamo due campionati regionali toscani Juniores, due tappe del Giro ciclistico internazionale della Toscana cat. Juniores, la coppa Macchiavello Macchi, ormai alla 40esima edizione e il Gran Premio Colognole che di edizioni ne vanta quarantadue. È stato per trent’anni giudice di gara nelle competizioni giovanili dello sport a due ruote. Nel 2008 aveva dovuto terminare per raggiunti limiti di età, si era candidato come consigliere regionale per mettere

un po’ della sua esperienza a disposizione di tutti. Alle elezioni, della primavera 2009, era stato eletto e gli era stato assegnato il settore “Pista”. Una passione nella passione, coordinava il lavoro dei velodromi di S. Vincenzo e Firenze. Nel mese di luglio 2008 aveva avuto la soddisfazione di vedere l’inaugurazione del ciclodromo al villaggio sportivo di Stagno. Un sogno inseguito per 40 lunghi anni. La sua vita era in mezzo ai ragazzi a sostegno dello sport giovanile di base: si è sempre impegnato per il coinvolgimento delle istituzioni locali nello sport. È stato, inoltre, uno dei soci fondatori della Pubblica Assistenza a Collesalvetti e ha dato una mano fino ai suoi ultimi giorni di vita. Saliva sulle auto che svolgevano servizi sociali come quelle che danno aiuto ai portatori di handicap. Anche in campo politico, nonostante l’età, pensava da giovane. Per questo era un loro punto di riferimento: stimato e apprezzato. Un uomo di altissima dirittura morale, una figura di combattente indomito, generoso e rispettoso verso gli altri. Ciao grande Carlo. Giorgio Bacci

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

Uomo dai mille interessi che si è speso fino all’ultimo per gli altri. Ciclismo, ambulanze e politica in primis. La sua grande passione il ciclismo. Nel 1963 è stato tra i fondatori dell’ASD Colognole, ha sempre coordinato l’attività della società che ha militato nelle varie categorie, allievi, juniores e dilettanti, ottenendo tantissime vittorie, tanto da essere definiti “i più forti nel 1979”(anno a cui fa riferimento la foto). Carlo ha saputo vedere lontano, nel 1997 ha aperto le porte al settore “Giovanissimi” in quanto si è reso necessario per il proseguo della propria attività nelle categorie successive curare questo settore e non ultimo nel 2002 ha abbinato il nome dell’ASD Colognole con quello dell’UC Rosignano formando una nuova società UC Rosignano -Colognole, permettendo ai propri ragazzi di iniziare il ciclismo fin dall’età di 7 anni nella categoria Giovanissimi e continuare con l’UC Rosignano Colognole nella categorie Esordienti e Allievi fino all’età di 16 anni. Carlo ha portato avanti questa “passione per il

uomo di sport e non solo

GS Colognole Carrozzeria Reali anno 1979 Dilettanti 1° e 2° serie numero 6 vittorie di cui n 2 Terreni, n 1 Cirinei, n1 Stefanini, n 1 Stendardi, n 1 Ciabatti. Da sX Contini, Stefanini, Mencaroni, Terreni, Ciabatti, Cirinei, Stendardi, DS Sabatini, Presidente Reali. In basso da Sx Biagini, Carlo Lenzi,

137


BA MBINO e TEEN AGER Abbigliamento e calzature da 0 a 16 anni

TANTE OCCASIONI SPECIALI A PREZZI IMBATTIBILI

Vasto assortimento

su

DELLE MIGLIORI MARCHE

ABBIGLIAMENTO CALZATURE ARTICOLI SPORTIVI

UOMO/DONNA/BAMBINO anche taglie forti

Aperto domenica pomeriggio (escluso agosto) Vasto assortimento abbigliamento e calzature per la caccia

Richiedi la tessera punti ed informati su tutte le nostre opportunità

Via Milano, 27 COLLESALVETTI (LI) - Ampio parcheggio Tel. 0586 962161 • e-mail: info@merjstore.com www.merjstore.it e-commerce - Pay Pal

Scotto Pubblicità Livorno

MAGLIERIA E INTIMO


U

Luca Casini al timone della FCI “A mettermi la passione addosso sono stati mio nonno Oscar e mio babbo Allirio. Specialmente nonno, quando la televisione trasmetteva qualche corsa importante, come l’arrivo delle tappe del Giro d’Italia, chiudeva la sua rivendita di latte e si incollava davanti al piccolo schermo, fino a corsa finita. Pur non avendolo mai praticato a livello agonistico il ciclismo era scritto nel dna di babbo e nonno”. Una passione che hanno trasmesso a suo figlio Alessio? “Penso proprio di sì. Alessio ha sempre amato questo sport. Lo pratica da quando era piccolino con buoni risultati. Quest’anno ha vinto due belle corse e ottenuto anche diversi piazzamenti importanti. È stata davvero una stagione positiva. Oltre ai bei risultati sono contento perché grazie a questo sport è cresciuto e maturato anche e soprattutto sotto il profilo umano acquisendo pure una valida autonomia personale”. Che tipo di ciclista è Alessio? “Un buon passista. In salita, però, ha forse qualcosa in più. Ad aiutarlo è anche un fisico longilineo e granitico con un peso forma di 64 Kg distribuiti su quasi un metro e ottanta centimetri d’altezza. Anche in volata ha un discreto spunto. Non è a livello dei velocisti puri, ma se la cava abbastanza bene”. L’esordio sulle due ruote di Alessio? “Nei giovanissimi del G.S. Montenero guidati dall’indimenticabile Giovanni Centelli. Un grande maestro di ciclismo. Con lui sono cresciuti quasi tutti i professionisti livornesi, tra gli ultimi ricordo Elia Favilli ed Davide Mucelli”. E tra gli esordienti con quale società ha iniziato a correre?

“Ancora nel Montenero, suo maestro di allora era Roberto Fiaschi. Un uomo e un maestro di ciclismo davvero bravo”. Poi? “Nella categoria allievi vestiva la maglia del Carli Salviano e come maestro aveva un altro bravissimo tecnico: Loriano Bufalini. Nella categoria juniores, invece, ha vestito la maglia del Cantiere e come tecnico ave-

Alessio Casini

va Gino Mataresi con il quale ha ottenuto i suoi primi piazzamenti. Nel 2007 e 2008 ha gareggiato con la casacca della Termo Impianti con allenatore Loris Mugnaini. L’anno dopo nel 2009 è passato alla Ciaponi Edilizia nel 2010 alla Brogio e nel 2011 alla Maltinti Lampadari”. Speranze di passare nel mondo dei professionisti? “Per adesso è prematuro parlarne. Se nel 2012 dovesse ripetere, magari migliorandola, la stagione agonistica passata potrebbero aprirsi prospettive nuove. Ma non mettiamo il carro davanti ai buoi e lasciamo crescere serenamente”. Lei da giovane ha mai corso in bicicletta?

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

no sport in salute. Ventisei società distribuite nella provincia di Livorno, tanti bravi corridori dagli esordienti ai dilettanti e una quindicina di corse organizzate, tra cui la quarta tappa del Giro d’Italia a maggio, sono davvero un bel biglietto da visita. E poi c’è una sterminata moltitudine di amatori che in sella a biciclette super tecnologiche percorrono annualmente migliaia di chilometri. Certo si potrebbe fare di più, però di questi tempi con il calcio che monopolizza tutto e gli sponsor che hanno poca voglia di investire nelle due ruote, anche a causa del doping che continua a far capolino, c’è da essere contenti. E il primo ad essere almeno parzialmente soddisfatto è Luca Casini, 55 anni compiuti il 18 maggio, livornese doc, dal 2009 al timone della federazione provinciale. “Le cose potrebbero andare meglio. Non sarei sincero se non lo dicessi. Però con questi chiari di luna c’è da essere contenti”. Cosa frena la voglia di ciclismo? “Prima di tutto lo stato di salute delle nostre strade, poco adatto per organizzare corse, ma anche per fare un proficuo allenamento in condizioni di dignitosa sicurezza. A causa del loro generale sottodimensionamento sono inoltre sempre abbastanza congestionate e i ciclisti, quando le percorrono, sono i più vulnerabili. Un vero peccato perché il ciclismo, dalle nostre parti, è sempre stato uno degli sport più amati. Le istituzioni, però, hanno sempre fatto davvero poco per favorirne lo sviluppo a differenza di altri sport quali il calcio”. Perché tanto amore da parte sua per le due ruote?

Alessio Casini

139


Scotto PubblicitĂ Livorno


mento dell’uso della bicicletta specialmente anche per i più piccoli. A livello agonistico, invece, come veicoli promozionali di questo sport sono state le grandi performance di Paolo Bettini e ultimamente dei nostri due professionisti Diego Ulissi e Elia Favilla. Il primo di Donoratico e Elia di Venturina”. Il prossimo anno tra i professionisti ci sarà anche Davide Mucelli? “Ne sono veramente contento. Davide in questi anni è cresciuto in maniera notevole. Sono sicuro che anche nel difficile mondo dei professionisti riuscirà a farsi valere. Nell’ultima stagione ha corso in una squadra importante, ha vinto meritatamente quattro corse ed ha ottenuto tanti buoni piazzamenti. Come caratteristiche tecniche è molto simile a mio figlio Alessio. Davide è un bravo passista-scalatore e ha un discreto spunto in volata”. Con il doping come la mettiamo? “Non nego che casi di doping ci sono stati e ci saranno sempre. Purtroppo è una piaga che affligge tutto lo sport a livello agonistico ma in qualche caso, in maniera assurda e pesante, anche a livello amatoriale. Il ciclismo purtroppo, per una serie di congiunzioni astrali è diventato il capro espiatorio. Sembra che quanti usano sostanze proibite siano tutti ciclisti. Da noi, in campo dilettantistico

Festa del ciclismo 2010 con Casini accanto all’ex CT Martini

e soprattutto professionistico, specialmente negli ultimi anni i controlli sono assidui. Le reti hanno rimpicciolito le maglie e, fortunatamente, è sempre più difficile passarci dentro. Anche a livello giovanile c’è molta attenzione verso questa piaga. I controlli iniziano a 13 anni, quando comincia l’attività agonistica e sulla carta dovrebbero essere molto capillari. A frenarli sono carenze di fondi. Il doping secondo me, specialmente a livello giovanile, è una questione mentale. Quando a un ragazzino metti sotto il sedere una bicicletta da quattromila euro crei delle aspettative e metti in secondo piano passione e divertimento. I ragazzi devono andare in bicicletta, allenarsi e correre perché a loro piace e si divertono. Poi se vengono i risultati tanto meglio. I risultati devono essere una conseguenza non un fine”. Con suo figlio Alessio ha mai parlato di doping? “Certamente. L’ho messo in guardia. Gli ho illustrato gli enormi lati negativi di questo bubbone anche se non ce ne era bisogno. La sua onestà mentale e correttezza, nei riguardi di se stesso e degli altri, sono sempre stati baluardi insuperabili per il doping. Da un po’ di tempo poi è diventato anche donatore di sangue, naturalmente con finalità sociali e altruistiche. In maniera indiretta però è un modo per dimostrare di essere pulito”. Il ciclismo e il gentil sesso dalle nostre parti vanno d’accordo? “Abbastanza. Abbiamo tante bambine e ragazzine cui piace andare in bicicletta e gareggiare. Dagli esordienti agli allievi e anche dilettanti. La punta di diamante è l’elbana Alessia Bulleri. Un vero talento. Fortunatamente però non è sola”. Mario Orsini

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

“No. Come sport, lo ripeto, mi piaceva ma ho preferito giocare a calcio”. Fino a quali livelli? “Ho fatto tutta la trafila nel Fiorentina, la squadra del quartiere, dai giovanissimi alla seconda categoria. Ero un discreto difensore. Ho giocato come terzino, mediano, stopper e libero. L’altro sport che ho praticato è stato un po’ il tennis specialmente in Algeria dove tra i 23 e i 26 anni mi sono recato per lavoro”. A risvegliare la sua simpatia per il ciclismo è stato il figlio Alessio? “Proprio così. Come genitore ho sempre seguito mio figlio fin da quando correva con gli altri ragazzini. Anche mia moglie Loredana, forse ancor più di me è sempre stata un’appassionata di ciclismo. Una passione che si è moltiplicata grazie a nostro figlio”. Lo stato di salute del ciclismo livornese? “Discreto. Con buoni margini di miglioramento. Abbiamo una bella nidiata di ragazzini dai 7 ai 12 anni, in tutto 159, rispetto al 2010 ben 14 in più, distribuiti, però, in maniera un po’ anomala sull’intera provincia, ovvero praticamente tutti residenti da Livorno a Donoratico e i restanti all’Isola d’Elba. Sono il domani di uno sport che è da sempre radicato nel cuore della gente”. Veicoli promozionali? “Da un paio d’anni stiamo attuando un progetto rivolto ai bambini delle classi terze, quarte e quinta della scuola elementare e anche, seppure in misura minore, a quelli della scuola media. Un progetto interessante che va dall’educazione stradale al potenzia-

141


La breve ma intensa carriera di Federico Profeti di Mario Orsini sori che riempiono l’esistenza e ci regalano un’infinità di soddisfazioni. A giugno dopo tanti anni di convivenza diventeremo marito e moglie”. Della breve ma intensa carriera prima da esordiente, poi allievo, dilettante e infine professionista rimangono tanti bei ricordi ma nessun rimpianto. Convinto di aver staccato la spina al momento giusto. “Eravamo nel 1998, un periodo in cui i corridori erano, ancora più di oggi, nell’occhio del ciclone, per presunti o reali casi di doping e il clima, sempre più spesso, era inquisitorio e, nei casi migliori, di dileggio, zimbello o sottile ironia. Quando andavo in luoghi dove non mi conoscevano neppure e scoprivano che ero un corridore professionista il discorso, spesso con sorrisini beffardi, cadeva sempre sul doping. Inutile dire che ci rimanevo male. Anche perché nella mia carriera ho sempre mantenuto a distanza di sicurezza questa pratica nefanda”. A far prendere la decisione di smettere di correre a Federico Profeti sono state altre concause. In primis una persistente tendinite che spesso presentava il conto e lo costringeva a lunghi periodi di stop. Inoltre la convinzione, sempre più radicata, di tuffarsi, ancora giovane, nel mondo del lavoro. “O sei figlio di nababbo, o un campionissimo, altrimenti a trent’anni passati, rischi di ritrovarti, senza né arte né parte, con pochi spiccioli in tasca e un futuro pieno di incognite. Così dall’oggi al domani, sorretto da voglia matta, mi sono improvvisato ristoratore”. Cosa le ha insegnato il ciclismo? “Il senso del sacrifico. La voglia di combattere e di non arrendersi

di fronte al primo inconveniente. Il saper mantenere i nervi saldi. Il saper spostare la soglia del dolore verso l’alto senza sentirsi eroi. La lealtà e il rispetto degli altri. In estrema sintesi il ciclismo è un’autentica palestra della vita. Educativo e formativo come pochissimi altri sport. Uno sport che mi ha dato tanto non solamente come risultati”.

Babbo Giorgio il suo mentore

A mettere a Federico la passione per la bicicletta addosso, babbo Giorgio che in gioventù aveva disputato qualche corsa a livello amatoriale. Un babbo che gli è stato sempre vicino, pronto a dargli un consiglio o una mano quando era necessario. “ Fino a 12 anni ho giocato a calcio, cavandomela anche piuttosto bene. Poi però ho scelto la bicicletta. Un sport che ha insito il senso di libertà. L’esordio, con la maglia dell’Edil Savini di Perignano 1986, a 14 anni. Nel 1987 e 1988 sono stato tesserato, nella categoria allievi con una squadra di Cascina, la Ciclo Moda”. La prima vittoria? “Per distacco a Castellina Marittima. Complessivamente tra esordienti e allievi ho vinto sei corse”. La più bella? “Senz’altro l’indicativa per i campionati italiani a Matassino. Anche in quel caso per distacco. Come caratteristiche tecniche ero un discreto passista scalatore che si faceva rispettare anche in volata, specialmente in

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

U

n lampo di luce nell’annebbiato mondo del ciclismo labronico di fine secolo. Federico Profeti, quarant’anni il prossimo 25 giugno, un diploma di ragioniere nel primo cassetto, ciclista per vocazione e ristoratore per passione, ha corso con campioni del calibro di Marco Pantani, Franco Ballerini, Giuseppe Chiappucci, Gianni Bugno, Michele Indurain, Lance Amstrong. A ventisei anni, con una carriera ormai spianata davanti, ha detto, inaspettatamente, basta e ha dato sfogo all’altra sua grande passione di adolescente. Quella di avere un ristorante tutto suo. Anche in questo caso, visto come sono andate e stanno procedendo le cose, nel bel locale “Le Volte”, all’ingresso del Porto, ha fatto centro. Inoltre ha messo su famiglia. “Con la mia compagna Natalia, una donna e mamma splendida, abbiamo due stupende figlie. Elisa di due anni e Alice di cinque anni e mezzo. Due te-

143


F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana 144

gruppi ristretti. Fatte le dovute proporzioni uno scattista alla Paolo Bettini”. Juniores dove? “Nel 1989 e all’Ader’s Pellicceria di S. Miniato e l’anno successivo alla Juventus Lari Falaschi con in ammiraglia, come direttore sportivo, Roberto Fiaschi. Come punteggio nelle classifiche nazionali ho chiuso al secondo posto. In due anni ho vinto otto corse ed ho ottenuto tanti ottimi e buoni piazzamenti”. Da dilettante invece? “Cinque anni di grandi soddisfazioni. Tre dei quali alla Grassi Mapei, un colosso del ciclismo dilettantistico. In tutto ho vinto 13 corse. Una delle più entusiasmanti a Montopoli battendo in volata Michele Bartoli e il pontederese di Cascine di Buti e coetaneo Fabrizio Guidi, un corridore forse un po’ meno noto di Bartoli che ha saputo ritagliarsi uno spazio importante nel mondo dei professionisti e in carriera ha vinto una cinquantina di corse”.

Ballerini uomo straordinario

Tra i corridori del suo periodo chi ricorda con maggior piacere?

“Senz’altro il compianto ex CT della nazionale Franco Ballerini. Una persona davvero speciale, con un cuore grande come una casa. Pronto a darti i consigli giusti anche se non eri della sua squadra. Come mentalità era già un tecnico anche quando correva. Suo allenatore da dilettante era stato Marcello Perugi. Un bravo tecnico che io ebbi alla Grassi Mapei”. E poi? “Il grande, immenso Marco Pantani. Ho fatto un Giro d’Italia con lui, nel 1998, e sono rimasto impressionato della sua potenza, del suo modo un po’ sgraziato, ma estremamente redditizio di affrontare le salite con le mani nella parte bassa del manubrio. Quando è scoppiata la vicenda doping di Madonna di Campiglio, nel 1999, pur non correndo più ci sono rimasto davvero male. L’impressione è che abbiano voluto colpirlo perché era un simbolo,

un’icona di questo sport. Marco Pantani non aveva bisogno di aiuti o aiutini della chimica. Lui quando la strada si inerpicava sotto i pedali era il numero uno. Ricordo una sua scalata della Valle Benedetta, quando stabilì il record dell’ascesa, ancora imbattuto. Io ero dietro in moto. A vederlo da vicino era impressionante. Concluse con oltre un minuto e mezzo sul secondo. Un abisso. Tutti gli altri arrivarono sgranati ma con distacchi, dall’uno all’altro, di pochi secondi. Troppo forte”. Altri campioni super che ha visto in gara da vicino? “Gianni Bugno. Stilisticamente il migliore di tutti. Specialmente nelle cronometro era una locomotiva. Incollato sulla bicicletta sembrava non fare fatica. Benché abbia vinto due mondiali e un giro d’Italia, indossando la maglia rosa dalla prima all’ultima tappa e abbia ottenuto tanti altri successi e ottimi piazzamenti, ha vinto molto meno di quanto le consentivano le sue enormi potenzialità. Gianni è venuto a trovarmi anche qui al ristorante”. E Chiappucci?


Ulissi e Favilli il nostro futuro

Tra i giovani di casa nostra chi pensa possa avere un futuro da campione? “In primis Diego Ulissi. Non si vincono due campionati del mondo juniores consecutivi, come ha fatto lui nel 2006 e 2007, se non sei un campione. Ha tutto per fare una bella carriera. Importante che sappia gestirsi. L’ho visto correre tante volte e mi ha impressionato in senso positivo. Il recente matrimonio dovrebbe dargli maggiore serenità. Quest’anno ha vinto anche una bella tappa al giro d’Italia, la Feltre-Tirano, seppure in maniera un po’ discussa su Visconti. E ha fatto il bis con un successo anche nel giro di Slovenia. Le maggiori soddisfazioni potrebbe togliersele nelle corse di un giorno”.

Come team manager, alla Lampre, ha Beppe Saronni uno che sa gestire i suoi corridori come pochi? “Proprio così. Saronni è bravo, competente e scaltro quanto basta. Il mondo del ciclismo in tutte le sue sfaccettature lo conosce come pochi. Ha tutte le peculiarità per farlo crescere, gestirlo e pilotarlo nel migliore dei modi. A me piace molto anche Elia Favilli, coetaneo di Ulissi, nato a Cecina ma residente a Venturina. Non siamo ai livelli di Ulissi, ma anche Elia potrebbe togliersi tante belle soddisfazioni. Adesso mi dicono che la nidiata dei livornesi si è ampliata con il passaggi tra i professionisti di Davide Mucelli. Non lo conosco bene ma mi hanno detto che è bravino. Speriamo faccia bene anche lui, anche se la concorrenza, nell’era della globalizzazione, anche del ciclismo, è spietata”. Continua a seguire il ciclismo? “Sì però attraverso i mezzi di comunicazione. Gli impegni di lavoro mi impediscono di farlo direttamente, anche se mi piacerebbe”.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

“Claudio non aveva la classe di Bugno e neppure la potenza, ma era un super combattente. Uno che non mollava mai. Aveva grinta e determinazione da vendere. In carriera è riuscito, grazie a queste caratteristiche, a ritagliarsi spazi importanti”. Mai corso con Indurain? “Sì, varie volte. Ricordo in particolare il giro dei Paesi Baschi. L’impressione vedendolo da vicino è che avesse doti fisiche fuori del comune. Nonostante il fisico imponente e massiccio riusciva a esprimersi ad altissimi livelli oltre che in pianura anche in salite importanti, come i migliori grimpeur. A cronometro poi faceva la differenza. D’altronde non lo scopro io. Basta guardare il suo eccezionale palmares”.

145


Nell’abbigliamento di gara continuerà, però, a mantenere marchi di sponsor delle nostre parti, anche nell’eventuale prova mondiale, nella quale la Scott Italia sarà sostituita dalla Scott International. A confermare questo salto di qualità, Monica Maltinti ed Enrico Lenzi, titolari della Elba Bike, il team dove Alessia ciclisticamente è nata e cresciuta. “Siamo felici di questa scelta di Alessia. A lei ci legano sentimenti di stima e affetto. Quando la accompagniamo alle gare ci chiedono spesso se

Alessia Bulleri incontra la Scott Italia di Mario Orsini

è nostra figlia. Continueremo a seguirla anche nella sua preparazione atletica e nei programmi di allenamento coadiuvati, come sempre, dal Centro Mapei Sport”. Quella di Alessia, nata a Marciana Marina il 19 luglio del 1993, è una favoletta sportiva tutta da raccontare. Tutto è iniziato circa sei anni fa quando Alessia frequentava la scuola media e al top dei suoi sogni sportivi giovanili c’era il desiderio di gareggiare in bicicletta. L’insegnante di Educazione Fisica, Monica Maltinti, coadiuvata dal marito Enrico Lenzi, per consentirle di correre fonda la Elba Bike. Una società che adesso ha ben quarantotto tesserati. Alessia in questi anni ha dimostrato che oltre a tanta passione c’era anche talento e versatilità. Per lei sono arrivati molti successi e ottimi piazzamenti, in MTB, su strada e qualche volta anche in pista. Una delle pagine più belle è la medaglia d’argento, su strada, alle Olimpiadi giovanili di Singapore. E inoltre la medaglia d’oro (nel 2010) e le tre d’argento (2008, 2009 e 2011) ai Campionati italiani di MTB. Nel 2008, Alessia, fa anche un’incursione tra le pistard, ai giochi delle isole alle Guadalupe. Trionfa nella prova in pista e giunge seconda nello Scratch. Nel 2011 Alessia ha indossato anche trentadue volte la maglia azzurra. Ha, inoltre, vinto quattro prove su sei negli Internazionali d’Italia, è giunta ottava in Coppa del Mondo in Val di Sole, undicesima al mondiale di Champery. Adesso brusca impennata sportiva con il nuovo sponsor ma anche maturità, nell’indirizzo turistico, a Portoferraio, a giugno. Un’altra bella arrampicata verso la gloria.

F.C.I.: Federazione Ciclismo Italiana

U

na svolta alla carriera. Alessia Bulleri, 18 anni compiuti il 19 luglio, quest’anno correrà con i colori della Scott Italia, tra le under 23 a livello internazionale ed élite in Italia. La Scott Italia è una delle società leader, a livello mondiale, nella produzione e distribuzione delle biciclette MTB e su strada. La brava Alessia oltre, naturalmente a continuare a vestire, quando ci sarà l’opportunità, la maglia azzurra, sarà tra le testimonial della comunicazione di Scott Italia.

147


F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

L

148

o scorso 3 novembre si è celebrato presso la sede generale del Coni, con una cerimonia sobria, ma importante questo grande traguardo. Dal 1921 al 2011: novant’anni nei quali la FICr vive il ruolo di “testimone e custode” del tempo sportivo con il compito di unico Ente sportivo al mondo riconosciuto da un Comitato Olimpico Nazionale, per provvedere alla misurazione delle competizioni. In novant’anni il mondo dello sport è sensibilmente cambiato e anche i cronometristi, pur rispettando la loro tradizione, si sono adeguati alle trasformazioni tecnologiche garantendo l’esattezza del tempo con nuove metodologie e testando sul campo l’applicazione delle nuove strumentazioni, conquistando, nel contempo, una sempre maggiore visibilità e garantendo costantemente

un servizio di alta qualità ed efficienza. Professionisti del cronometraggio sportivo, custodi di una tradizione quasi centenaria, al servizio del gesto sportivo per quantificarne la grandezza ed il valore in termini assoluti, questi sono i cronometristi che vivono in costante simbiosi con il riscontro dei sofisticati mezzi di cronometraggio, con la voglia di aggiornarsi costantemente per garantire l’oggettiva fotografia della realtà agonistica. La competizione sportiva è sempre più agguerrita, il confronto tra atleti vive di tecnolo-

Cronometristi I primi 90 anni dei signori del tempo Novant’anni al servizio dello sport per la Federazione Italiana Cronometristi di Valerio Moggi gie all’avanguardia, con materiali in grado di migliorare le prestazioni e di rendere sempre più complesso l’arrivo e il criterio di valutazione, dall’atletica alla canoa, dal ciclismo al nuoto. Ciò richiede quindi una preparazione scrupolosa, una conoscenza dei regolamenti di gara e una concentrazione sempre all’altezza del contesto. Un’attività delicata e molto importante che troviamo sia nelle piccole che nelle più importanti manifestazioni sportive realizzate sul territorio nazionale, così come nei grandi eventi internazionali. Da non dimenticare l’importante riconoscimento che la Federazione ha ottenuto nel 2009 dal Comitato Italiano Paralimpico, quale Federazione Sportiva Paralimpica.

Un ulteriore riconoscimento, questo, che va a sottolineare l’insostituibile ruolo che i cronos ricoprono nel panorama sportivo nazionale e ad evidenziare i principi cardine ai quali si ispira la loro attività: passione, onestà e senso di responsabilità. Novant’anni fa l’uomo correva i 100 metri in 10,6 secondi (lo fece Jackson Volney Scholz, americano, a Stoccolma); ora Usain Bolt, giamaicano, corre la stessa distanza in 9.58 secondi. L’uomo ha guadagnato un secondo in questi novant’anni. Rosicchierà qualcosa nei prossimi dieci. E i cronometristi saranno ancora là, con strumentazioni sempre più sofisticate a loro disposizione: ma c’è qualcosa che nessuno strumento tecnologicamente avanzato potrà mai sostituire: la passione del cuore, che si sia alle Olimpiadi o ancora a una di quelle gare sperdute, dove la fatica e il sudore sono compagni dell’atleta. Buon tempo a tutti.


I Cronometristi Uomini che scrivono lo sport nell’olimpo delle grandi realtà agonistiche vorno”, giunta quest’anno alla 31a edizione e seconda in Italia solo alla storica maratona del Mugello con valenza a livello internazionale. Questa manifestazione sportiva ha dato modo alla nostra Associazione di dare una prova tangibile della professionalità ed efficienza su di un campo di gara molto specifico e particolare, fornendo i tempi relativi alle differenti categorie durante i diversi passaggi della gara. Anche l’ippica, nello specifico i concorsi, ci hanno visti sempre presenti nel cronometraggio delle manifestazioni che si svolgono ormai da anni a Cecina e Rio Torto, senza tralasciare e dimenticare il prestigioso Concorso Ippico dell’Accademia Navale, che quest’anno ha raggiunto la 70a edizione. Il software impiegato per queste tipologie di manifestazioni, ha permesso di fornire al pubblico presente una ricca serie di informazioni supplementari oltre, ovviamente, al tempo impiegato dai concorrenti. Essendo la F.I.Cr. riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni) quale unica Federazione autorizzata a disciplinare, regolare e gestire il cronometraggio e l’elaborazione dei dati delle manifestazioni sportive che si svolgono in Italia, gli sport in cui siamo stati impegnati sono svariati. Oltre a quelli appena citati, siamo stati presenti nel ciclismo, pugilato, karting, motocross, pattinaggio a rotelle, triathlon. Un grande apprezzamento per l’alta professionalità dimostrata, l’abbiamo ricevuto dagli organizzatori delle gare remiere livornesi, dalla Coppa Risi’atori, al Palio Marinaro, dalla Coppa S. Giulia al Palio dell’Antenna svoltesi sia nei fossi medicei, che in mare aperto. Manifestazioni queste che ricordano le tradizioni, l’agonismo, il folklore, la secolare lotta dell’uomo con il mare, una serie di appuntamenti spettacolari e sportivi intrisi di sudore e salmastro, tra storia e cultura. Ultimi, ma non per importanza, gli sport motoristici. Al riguardo, permettemi di considerare l’Associazione di Livorno come fiore all’occhiello in ambito nazionale. Ciò dipende dalla nostra capacità ad elaborare i tempi impiegati dai singoli concorrenti, rendendoli disponibili in tempo reale sia per il centro classifiche che per la sala stampa ed anche, ove esista, sulla pagina web

della manifestazione stessa: per questo sempre maggiori gli ottimi riconoscimenti sia da parte degli organizzatori, sia dai rappresentanti della carta stampata. Le edizioni di quest’anno del Rally Elba Ronde e, soprattutto, del Rally Elba Storico hanno sancito l’alta preparazione dei cronometristi livornesi, impegnati in forze, anche nella conoscenza delle tecnologie applicate in questo campo. Per questa nostra caratteristica riceviamo diverse richieste di servizio per manifestazioni motoristiche (corse in salita, in autodromo e rallies), anche da parte di altre Associazioni in tutta Italia. Come prospettiva posso affermare che l’Associazione avverte in maniera costante e sensibile di trovarsi in una continua evoluzione che ci porta ad affrontare sempre nuove realtà in modo decisamente diverso. In tale contesto prediligiamo l’individuazione di determinate figure operative e la formazione di elementi ai quali affidare specifiche competenze. Per buona parte ci siamo riusciti, e gli ottimi risultati ottenuti ne sono la dimostrazione. Pur tuttavia non cullandosi sugli allori, pensiamo sempre al futuro cercando il più possibile di adeguarci alle sempre più crescenti esigenze tecnologiche che lo sport richiede. Ogni anno la FICr garantisce in ambito nazionale, lo svolgimento di oltre 30.000 manifestazioni sportive, contribuendo al successo dello sport italiano attraverso una capillare presenza sul territorio mediante 21 Comitati Regionali, 108 Associazioni ed oltre 5.500 cronometristi. Purtroppo, per quanto ci riguarda, la realtà è molto diversa ed i numeri sono molto inferiori. La nostra Associazione conta 50 cronometristi ufficiali e 11 allievi e proprio per queste cifre che siamo sempre alla ricerca di nuovi appassionati per poter esaudire tutte le richieste di servizio. Trattandosi di un hobby tutti debbono mettere in conto impegni ed esigenze di diversa natura, familiari, di lavoro ed altro. Cerchiamo di riparare a ciò, organizzando dei nuovi corsi di formazione, tentando di invogliare soprattutto i giovani che potrebbero essere la continuità ed il futuro della nostra organizzazione, ma la cosa non è così semplice. Vittorio Tajariol Presidente A.S.D. Cronometristi Livornesi

F.I.Cr.: Federazione Italiana Cronometristi

A

nche quest’anno l’Associazione Provinciale Cronometristi di Livorno, grazie a queste pagine, si trova a stilare un consuntivo delle attività svolte durante il 2011. Il nuoto, anche per l’anno appena trascorso, è stato lo sport che ci ha visto più impegnati e questo è dipeso altresì dal fatto che la nostra Associazione è chiamata ad effettuare servizi di cronometraggio anche per le altre province della Toscana e delle regioni vicinori. Le manifestazioni di nuoto ci vedono sempre più impegnati utilizzando la tecnologia delle piastre di contatto e questo ha comportato la necessità di aumentare il numero dei cronometristi che possono essere impiegati in servizi con tali apparecchiature. È per questo che l’evolversi delle discipline sportive, richiede uno sforzo sempre maggiore. Il mese di luglio 2011 ci ha visti partecipare con un nostro cronometrista specializzato nell’uso della tecnologia delle piastre di contatto, al Festival Olimpico della Gioventù Europea (Eyof ) che si è svolto nella città turca di Trazbon dal 25 al 29. Per queste “Olimpiadi Europei Giovanili”, rassegna sportiva giovanile più importante a livello europeo, è stata la nostra Federazione a cronometrare le manifestazioni di ciclismo (in linea e a cronometro) e nuoto con grande sforzo logistico e organizzativo per la Federcronos che ha spedito in Turchia un intero sistema di piastre per il nuoto, impianti di start e false partenze, tabelloni luminosi per la visualizzazione dei tempi, cronometri scriventi, computer per l’elaborazione dati oltre al FinishLynx e fotocellule. L’atletica leggera, altro sport “sovrano” a Livorno, oltre agli impegni dei servizi svolti al “Campo Scuola” ha veduto i cronometristi livornesi presenti alla “Maratona Città di Li-

149


U

Ginnaste di nuovo a grandi livelli

Per la ginnastica artistica femminile labronica un lento ma progressivo ritorno al passato. Ai livelli di qualche annetto fa quando le nostre ginnaste, prima fra tutte Lara Filippi, tenevano alto il nome di Livorno dentro e fuori il bel Paese. Il 2011 va in archivio con tante belle prestazioni. Le più belle arrivano ad autunno inoltrato. A metà novembre (il 13) a Montevarchi, nell’interregionale del centro Italia del campionato di serie C. Con una prova veramente sopra le righe, le nostre ragazzine ottengono un ottimo sesto posto su un lotto di ben 69 squadre e si guadagnano, a pieni voti, il pass per la fase nazionale prevista una quindicina di giorni dopo (il 3 e 4 dicembre) a Iesolo. Protagoniste di questa bella performance: Jennifer Atomi, Sveva Caschili, Dalma Chiapponi, Livia Fedi, Virginia Lazzara. Una prestazione la loro davvero sontuosa che riempie di gioia dirigenti e tecnici cominciando dai loro bravissimi maestri: Valentina Ricci e Ilic Nannetti. La replica, questa volta sul palcoscenico nazionale va oltre le più rosee previsioni, tenendo conto anche dell’età delle bambine di appena 11 o

Ginnastica Associazione Ginnastica Livornese tra attualità e ricordi Un anno di grandi soddisfazioni sia nel settore femminile che nel maschile di Mario Orsini 12 anni. A Iesolo, a un tiro di schioppo da Venezia, prima centrano l’obiettivo primario di classificarsi per le finali e poi si confermano tra le migliori squadre della penisola del settore femminile. “Sono stati due giorni zeppi di emozioni e soddisfazioni. Anche nel settore femminile stiamo tornando a grandissimi livelli. Merito di un gruppo di ragazzine davvero straordinarie, di un ottimo lavoro di equipe e di tecnici davvero super”, il commento del presidente dell’AGL Paolo Filippi.

Settore maschile Bravissime le ragazzine ma bravi pure i ragazzi autori anch’essi, nel corso dell’anno, di tante belle prestazioni. In tanta abbondanza sottolineiamo la prova di Prato di domenica 6 novembre. In programma c’era la seconda

prova del Torneo Regionale Allievi. A mettersi in bella evidenza nella circostanza Alessio Del Vivo, con un ottimo secondo posto parziale e un terzo nella classifica finale nella categoria Prima Fascia. Nella stessa categoria se la sono cavata in maniera più che soddisfacente anche Francesco Brogi e Alberto Dainelli, con un sesto e un undicesimo posto finale. Anche nella Seconda categoria buoni risultati sono stati ottenuti da Edoardo Tagliati, Andrea Bonaccorso e Francesco Giovannetti di appena otto anni, il più piccolo della nidiata, alla sua seconda prova agonistica dopo il debutto avvenuto appena qualche giorno prima: il 23 ottobre.

Quarti in Italia

Fiore all’occhiello della società di via Piccioni il team maschile della Serie A1.

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

n successo dietro l’altro. Per la gloriosa Associazione Ginnastica Livornese un anno zeppo di soddisfazioni, in campo maschile e femminile. Basta guardare i risultati. Cominciamo dal settore femminile.

151


tà materiale per ciascuna compagine sul campo, nei cui “ranking”. Il gruppo dell’Agl s’è attestato sulla media di 168,65 punti: soltanto quattro unità inferiori a quello della capolista SG Meda, per la decima volta Campionessa d’Italia. L’altro tipo di punteggio, quello “speciale” ha, invece, tenuto conto, di volta in volta, delle classifiche “ad attrezzo” con automatica attribuzione dei relativi bonus. “Con questo metodo, per la prima volta in sei anni, nonostante la presenza in arena di nomi

assolutamente altisonanti di alto riflesso continentale e mondiale come Koczi della Romania, Wammes dei Paesi Bassi ed altri ancora, abbiamo centrato prestazioni tanto quantitativamente utili, quanto pienamente interessanti per il futuro. Alcuni dei nostri più significativi piazzamenti sono stati l’oro nel volteggio, nelle parallele e nella sbarra e l’argento negli anelli. Apprezzabili, ma non altisonanti, invece, i risultati nel corpo libero e nel cavallo con maniglie. “Il Team labronico ha avuto anche un importante novità nel suo organigramma. Per la prima volta è stato identificato il ‘capo spogliatoio’, proposto dall’allenatore e riconosciuto all’unisono dall’intero gruppo. Una figura mutuata dai ranghi degli sport di squadra, avente la funzione di ‘sparring partner’ sia nell’amalgamare l’equipe, sia nell’affrontare avversità sempre dietro l’an-

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

Una compagine che milita con grandissimi risultati, ormai da sei anni, in pianta stabile, nella massima serie italiana della ginnastica artistica. Per due anni consecutivi (2008 e 2009) l’AGL si è potuta fregiare del titolo di “Vice Campioni d’Italia”. Anche nel 2011 i risultati non sono davvero mancati. Non è mancata neppure una ventata di rinnovamento. Al super terzetto formato dai beniamini azzurri: Enzo Bernardoni, Paolo Ottavi e Thomas Pagni, ai quali si sono aggiunti:

Jacopo Desolati e Massimo Poziello. Due ottimi innesti anche loro nel giro della nazionale. “Due atleti che, da subito, si sono perfettamente allineati sul medesimo “leitmotiv” dei veterani di scuderia: “audaces fortuna iuvant”. Tutto ciò ha reso possibile un più avvincente percorso di designazione della squadra da schierare in gara, nonché l ’a m p l i a m e n t o delle coperture di riserva per eventuali aggiustamenti strategici straordinari”, le parole del D.T. della sezione maschile prof. Giovanni Innocenti, nonché coach della squadra. Ma riassumiamo i risultati conseguiti nel Campionato Italiano. Quarto posto ad Ancona nella prima prova. Terzo a Bari nella seconda prova. Quinto a Padova nella terza prova e, dulcis in fundo, ancora terzo posto, a pari merito, nella prova finale di Firenze. Risultati che hanno permesso alla compagine amaranto di collocarsi al quarto posto, della graduatoria conclusiva. A determinare la definizione della classifica, delle gare, due ordini di punteggio, come indicatori di r i fe r i m e n t o. Quello “reale”, utile alla determinazione del potenziale di difficol-

153


Scotto PubblicitĂ Livorno


Ricordo di Giuliano Batini

Un pezzo di storia dell’Agl. Giuliano Batini, classe 1946, negli anni sessanta e settanta ha scritto pagini indelebili

zionali e non solo, condite, da grandi soddisfazioni. Con attestati di stima e riconoscimenti da parte, dei suoi allievi e di dirigenti e tecnici nazionali e da quanti hanno avuto la fortuna di incrociare il suo cammino. “Grazie alla sua vocazione di scienziato e alla passione per la ginnastica artistica, Giuliano riuscì a coniugare le due cose con studi di notevole spessore nel settore della biomeccanica, condensati in diverse pubblicazioni che hanno fatto letteratura in questa branca della scienza. Le qualità di Giuliano non sono però solamente quelle proprie di un atleta o di un tecnico, ma sono soprattutto la sua cordialità e la sua umanità che ha sempre mostrato nei confronti di tutti quelli che sono entrati in contatto con lui. È stato un esempio prima di tutto per i suoi compagni di squadra poi per i suoi allievi. Giuliano si è spento, prematuramente, l’11 aprile 1996 e per l’AGL è stato l’evento più triste della sua storia. Con la sua scomparsa la nostra società ha perso la sua Bandiera, la sua Colonna portante”, la riflessione conclusiva di Paolo Filippi.

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

golo”, la chiosa di Giovanni Innocenti. A ricevere l’investitura ufficiale di “capo spogliatoio” il leader riconosciuto e apprezzato del gruppo Enzo Bernardoni. “Il nostro super Enzino, rimessosi completamente in discussione dopo la stagione 2010, in cui è stato costretto ad estraniarsi suo malgrado dalla Serie A, è tornato a contribuire pienamente al risultato di squadra nelle specialità di corpo libero, volteggio, parallele e sbarra affiancato dall’inseparabile amico d’avventura Paolo Ottavi che ha saputo disimpegnarsi, come sempre abilmente, un po’ su tutti gli attrezzi. Thomas Pagni è risultato essere fondamentale agli anelli, Jacopo Desolati prezioso al cavallo e parallele, mentre Massimo Poziello, il più giovane del sodalizio, capace d’imporsi prepotentemente su corpo libero, cavallo e volteggio”, il commento finale del coach Innocenti.

con la maglia azzurra addosso. Purtroppo un male incurabile alla soglia del nuovo millennio lo ha strappato all’affetto dei suoi cari e alla schiera infinita dei suoi amici ed estimatori. A ricordarlo brevemente è il presidente Paolo Filippi. “Parlare di Giuliano è ricordare un atleta stupendo che ha dato tanto alla ginnastica artistica nazionale. Ma soprattutto un ragazzo e un uomo splendido che è riuscito ad associare a un impegno agonistico, di eccezionale livello, anche l’amore per lo studio, riuscendo a coronare il suo sogno di laurearsi in ingegneria. In questo senso un esempio per tanti giovani. Giuliano era un ragazzo molto dotato dal punto di vista fisico e aveva nel sangue la ginnastica. Un innamorato di questo sport che in pochissimi anni, con tenacia fuori del comune, riuscì a portarlo gli apici della ginnastica non solo nazionali. T ra i grandi risultati sportivi, di Giuliano Batini, il presidente Filippi ricorda la partecipazione all’incontro internazionale giovanile Italia-Francia del 1966. Alle Universiadi di Tokio, del ’67, al fianco dell’olimpionico Franco Menichelli. La partecipazione all’incontro ItaliaUrss sempre nel ’67, sempre a fianco di Menichelli, a Roma. La vittoria del Campionato Nazionale Senior a Pavia il 21 dicembre 1969. Il successo nel Campionato Italiano cat. Senior di Pavia nel ’69. Ma la lista potrebbe proseguire con un’altra miriade di ottimi e buoni risultati. Dopo una carriera così fulgida come atleta Giuliano si è dedicato, con il consueto entusiasmo, all’insegnamento della Ginnastica. Anche in questa nuova carriera ha raggiunto le vette na-

Presidenti Associazione Ginnastica Livornese dal 1950 a oggi

Bruno Romboli 1950 – 1950 Fulvio Romboli 1951 – 1969 Leo Picchi 1969 – 1976 Fulvio Romboli 1976 – 1977 Franco Albanesi 1977 – 1979 Mauro De Grate 1979 – 1981 Roberto Auteri 1981 – 1990 Antonio Bertelli 1990 – 1993 Paolo Filippi dal 1993

155


U

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

n’icona dello sport livornese. Prima come atleta e adesso come istruttrice, giudice e coordinatrice dello staff, della direzione tecnica, della gloriosa Associazione Ginnastica Livornese. Lara Filippi, a trentotto anni ancora da compiere (il prossimo 4 marzo) è l’emblema, al femminile, della ginnastica artistica di casa nostra. Ad appena quattro anni i primi passi in palestra. Una scelta non casuale ma quasi come “terapia”. Almeno ascoltandola.

156

Lara Filippi oggi

“Ero una bambina chiusa e parlavo poco. Il pediatra consigliò a mia madre di farmi fare uno sport, nel quale ci fosse anche la possibilità di socializzare. La ginnastica artistica fu un vero toccasana sotto tutti i punti di vista. Mi piacque subito e i risultati non tardarono ad arrivare. Il primo risultato di prestigio l’ho ottenuto ad appena otto anni conquistando una bella medaglia d’argento al Campionato regionale nella categoria allievi. Era il 1982. Nei quattro anni successivi sono poi arrivate altrettante vittorie, sempre nel campionato toscano allievi. E insieme a questi tanti altri successi e ottimi piazzamenti”. Inutile sottolineare che le performance agonistiche di Lara non passarono inosservate, neppure ai vertici federali, sempre alla ricerca di nuovi talenti. “Nel 1984 ad appena dieci ho fatto l’esordio in nazionale, nella categoria Junior e tre anni dopo in quella assoluta”. Una delle prime grandi soddisfazioni della sua carriera? “Il debutto in campo internazionale, alla soglia dell’estate 1987, con la partecipazione a uno stage in Texas di 15 giorni. Fu una cosa incredibile che mi riempì di gioia e moltiplicò la mia autostima”. Quanti anni ha vestito la maglia azzurra? “Complessivamente otto anni. Per tre quella juniores e cinque quella assoluta. Benché

Lara Filippi Emblema della ginnastica artistica labronica, e a 4 anni in palestra a 10 l’esordio in nazionale di Mario Orsini nel gruppo fossimo tredici o quattordici quando era il momento, da parte del commissario tecnico, della scelta delle sette che sarebbero partite per le gare io ero sempre tra quelle”. Tanto impegno e molti sacrifici ma anche l’opportunità di viaggiare su e giù per il mondo? “Proprio così. Con la maglia azzurra addosso ho gareggiato in tanti paesi europei. Tra questi Germania, Olanda, Spagna, Francia, Svizzera e la poverissima Romania. Qualche volta sono uscita anche dal vecchio Continente. Cominciando dalla ricchissima America e proseguendo con l’Africa. Nel 1991 abbiamo partecipato e vinto un torneo internazionale in Costa d’Avorio. Qui ho vissuto giorni indimenticabili anche dal punto di vista dell’arricchimento umano”. E l’episodio più triste? “La forzata rinuncia alle Olimpiadi di Barcellona, per infortunio ai legamenti della caviglia, a una ventina di giorni dalla partenza. Fu una mazzata tremenda. Avevo già la valigia pronta e stava coronandosi il mio grande sogno di partecipare ad un’Olimpiade. Quando capii che sarei dovuta rimanere a casa avrei voluto spaccare il mondo. Inutile sottolineare che per me Barcellona è una città che ho cancellato dalla mente. Non voglio neppure sentire parlare e non ho mai visitato e neppure visiterò mai la grande città catalana, nella mia vita. Da quel momento, benché avessi appena diciotto anni, la mia carriera agonistica si è praticamente chiusa”. Perché? “Arrivare alla successiva Olimpiade di Los Angeles, del 1996, era praticamente impossibile. La carriera agonistica nella ginnastica, generalmente, termina quando siamo relativamente giovani. A togliere gli ultimi dubbi un infortunio alla spalla nel 1993”. Momenti importanti della sua carriera sportiva? “Tanti. La partecipazione a due Campionati del Mondo. La prima volta nel 1989 a Stoccarda e due anni dopo, nel 1991, a Indianapolis nell’Indiana. Due esperienze stupende alle quali aggiungo anche i Campionati europei di Atene del 1990 e tante altre grandi e piccole soddisfazioni”. Cosa si prova a gareggiare a grandi livelli?

“È un condensato di emozioni. Difficilmente riscontrabili nella vita di tutti i giorni. In gara sei sola con te stessa, con l’attrezzo davanti. In poco più di un minuto devi dimostrare quanto sei in grado di fare dopo anni di lavoro. Sei concentrata al massimo e hai voglia di far bene. Non puoi permetterti di sbagliare. Basta un piccolo errore per mandare a monte ore e ore di allenamenti”. Dietro ogni grande atleta c’è un grande allenatore. Lei chi deve ringraziare? “Innanzitutto i miei genitori Paolo e Enrica e mio fratello Chico che mi hanno sempre sostenuta e incoraggiata nei momenti difficili ed hanno fatto tanti sacrifici per me. Non dimenticherò mai quando ero in ritiro con la nazionale a Roma in preparazione dei mondiali del 1991. Dopo tre mesi senza ritornare neppure per un giorno a casa volevo mollare tutto. Ma Chico al telefono mi disse: Non puoi mollare adesso. Darei chissà che cosa per essere al tuo posto. Se ti arrendi non hai carattere. Davvero belle parole che mi spinsero a guardare avanti e a tirar fuori grinta e carattere”. E poi? “Riccardo Brilli e Paola Guerrini. Riccardo più che un allenatore è stato un amico sincero che mi ha insegnato in più di un’occasione come interpretare e affrontare la vita di tutti i giorni, soprattutto nei momenti difficili. In estrema sintesi lui ha reso possibile l’impossibile”. E Paola Guerrini?


Dal diario di Lara

Cronaca di un Campionato del Mondo. Stoccarda 1989. Sensazioni di una gara: un Mondiale.

18 ottobre 1989 ore 10.30. È arrivato così il giorno conclusivo della Grande Avventura: sono molto impaurita e mi fa male tanto il piede, durante le prove ci metto il ghiaccio ad ogni minuto. Poi finalmente faccio l’ingresso in campo con l’accompagnamento della musica e ho i brividi che percorrono il mio corpo. Si inizia con il volteggio e sono la prima della squadra, il mio pensiero è sempre al piede che mi duole da impazzire. Sono sulla striscia; sento l’incitamento dei compagni e vado: volteggio, niente male. Passo alle parallele; la giuria non si trova d’accordo sul punteggio della ginnasta precedente, così devo aspettare 10 minuti: dal nervosismo continuo a darmi la magnesia sulle mani al punto che dopo un po’ ne ho sui paracolli, uno strato enorme. Poi finalmente tocca a me, entro, eseguo l’esercizio e “zac” stoppo l’uscita: il tifo mi esalta, ma cerco di essere calma: c’è la trave che mi aspetta. Salgo sull’attrezzo e vado, stoppo anche qui l’uscita e corro da Riccardo che mi dice: “Brava, ma la gara non è finita! C’è il corpo libero che ti aspetta e devi essere eccezionale”. Ecco l’ultimo attrezzo, parte la Marcelloni, poi la Vietti poi… vado io caricata al massimo, sono “gasata”, voglio fare un bel corpo libero. Parte la musica e parto anch’io: prima diagonale di acrobatica, stoppata, collegamenti; seconda diagonale, stoppata, collegamenti, mi manca l’ultima. Sono nell’angolo della pedana e respiro, sento un tifo della Madonna, parto, stoppo la finale e corro da Riccardo che mi stringe forte dicendo: “Lara sei fantastica, hai fatto un campionato del mondo eccezionale” e penso che sia vero, che ho terminato il mio primo campionato del mondo in modo eccellente”.

F.G.I.: Federazione Ginnastica Italiana

“Anche lei è stata un punto di forza della ginnastica livornese. Prima come atleta e poi come istruttrice. Paola ha sempre creduto in me e con la sua sensibilità mi ha aiutato a superare momenti di crisi che in sport individuali e altamente selettivi quali la ginnastica artistica sono più ricorrenti di quanto si creda”. Qual è lo stato di salute della ginnastica artistica livornese? “Ottimo. All’AGL abbiamo seicentoquaranta iscritti, dai tre ai quarant’anni. Di questi ben quattrocento gareggiano regolarmente e gli altri frequentano i corsi base. La nostra palestra apre alle otto di mattina e chiude le porte la sera, alle ventidue e trenta, ed è sempre piena di gente. I bambini si allenano dalle quattordici alle venti. Quello che è bello è il clima: allegro e gioioso”. Quali motivi spingono i bambini e più in generale tante persone a fare ginnastica artistica? “Il nostro è uno sport olimpico sia al ma-

schile che al femminile, propedeutico a tutti gli altri. È uno sport al tempo stesso individuale e di gruppo. Uno sport che riesce a coniugare velocità, armonia e coordinazione di movimenti a forza fisica. Insomma uno sport completo. Da noi a fare ginnastica vengono anche atleti che fanno altri sport per acquisire queste peculiarità e migliorarsi”. Lei insegna ginnastica anche nelle scuole? “Sì nel progetto, gioco sport, elaborato dal Coni per le scuole elementari. Tra i nostri ragazzi la conoscenza della ginnastica artistica e molto marginale e in molti casi poco chiara per non dire confusa. Quando arrivo, specialmente i maschietti sono scettici. Poi quando capiscono di cosa si tratta si dimostrano interessati e in molti casi entusiasti. Al termine del corso qualcuno esprime il desiderio di venire in palestra da noi”. I suoi figli che sport fanno? “La bambina di cinque anni ginnastica artistica. Il bambino di otto anni, invece, ha scelto il calcio. Dopo aver militato anche nelle giovanili del Livorno da quest’anno è passato all’Empoli”. Da chi ha ereditato questa passione? “Senz’altro da mio fratello Enrico. Da giovane era una delle promesse del calcio labronico. Poi si è un po’ perso per strada pur avendo grandi potenzialità”. Lei come coordinatrice, mamma nella stanzetta all’entrata della palestra e babbo come presidente. Tra la famiglia Filippi e l’AGL sembra esserci un gran feeling? “Proprio così. Mamma viene volentieri in palestra. Per babbo questa è una seconda casa. Lui arriva alle otto di mattina e qualche volte esce a notte inoltrata. È presidente dal 1993. Siamo a quasi vent’anni. È il presidente che è rimasto in carica più di ogni altro”. Tra i tanti ginnasti che hanno calcato le pedane dell’AGL chi l’ha maggiormente impressionata? “Davvero in tanti. Se devo limitarmi solamente ad un atleta dico Enzo Bernardoni che tra l’altro ha partecipato ai Campionati del mondo in Danimarca nel 2006 insieme a Paolo Ottavi”. E dell’AGL cosa vuole evidenziare? “Senz’altro la Stella d’Oro al merito sportivo ricevuta dal Coni nel 2009”. Le motivazioni? “Le leggo quelle ufficiali. Eccole: in riconoscimento delle benemerenze acquisite dal Sodalizio in tanti anni d’attività. L’onorificenza vuole attestare di fronte al mondo sportivo i meriti degli atleti, dei tecnici e dei dirigenti della Società ed esprimere insieme la più sentita gratitudine del Coni per il contributo offerto alla crescita e all’affermazione dello sport italiano”.

Lara Filippi durante la sua carriera agonistica

157


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Mario Madiai

L’Arte nello Sport

M

158

ario Madiai, nato a Siena il 14 maggio 1944, vive e lavora a Livorno.

una lungimiranza tutta sua particolare: senza dichiarazioni di principio, senza manifesti programmatici o promesse d’amore e di fedeltà eterne. Così, piuttosto, lasciando che lo sguardo s’impigli e si confonda, si lasci catturare da una vibrazione di colore, dalla curvatura morbida di un petalo, dal piacere di una nuova presenza sul

palcoscenico dello studio. Mario Madiai è persona di poche parole, che insiste a non progettare il proprio itinerario pittorico al di là di ciò che i suoi occhi vedono e scelgono. Per questo, anche la scelta delle rose è qualcosa di accaduto non tanto per una specie di improvvisa suggestione letteraria ma in un gesto di piena, insindacabile spontaneità, in grazia di un’esigenza intima, profonda. Che importa del giudizio di chi non sa vedere altrettanto a fondo e, persino, che importa del soggetto se il soggetto è sempre stato e resta, per Ma-

Mario Madiai

Si riesce ad immaginare un soggetto più convenzionale in pittura di un fiore, e che fiore!, la rosa? Quasi eccessivo il precipitato di metafore e di poesia e di riferimenti simbolici che nei secoli si sono addensati intorno alla sua corolla. E, di conseguenza, quasi provocatorio il fatto di addentrarsi con licenza e, addirittura, leggerezza in mezzo a questa selva di questioni che risalgono fino al Paradiso (il calice dei cieli è concepito e descritto da Dante proprio in forma di rosa) e si spingono, per altro verso, agevolmente fino alla canzone popolare (tutte le rose di tutti i roseti…), da parte di un pittore dei nostri tempi. Pittore che però, gli va riconosciuto, non ha mai fatto mistero della propria predilezione per oggetti profondamente attraversati dalla storia della pittura (nature morte, paesaggi, fiori vari) ma che li ha, per così dire, sempre avvicinati con una discrezione ed

Mario Madiai: “Omaggio al pattinaggio”


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

diai, uno strumento di contatto, una porta d’ingresso alla pittura? Infatti è di questo che dobbiamo parlare. E per farlo bisogna inseguire le trame ininterrotte del lavoro dell’artista livornese nei luoghi e nelle cose che di volta in volta hanno attirato il suo interesse; da un momento più apertamente scenografico di girasoli in studio, alle ciotole d’acqua, alle ciotole successive, semplicemente di plastica rossa, e, ancora più tardi, di nuovo ciotole ma in vetro, un’altra volta con fiori sparsi. Ma quello che conta non sono i soggetti in quanto tali bensì il fluire interno della pittura, il senso dello spazio e del vuoto e dei cosiddetto (impropriamente in questo caso) fondo: che proprio nelle ultime rose, apparentemente tradizionalissime, ha trovato il carattere più originale. La storia non incomincia ieri ma molto tempo fa, addirittura nei primi anni Settanta: quando Madiai si divertiva a collezionare quei piccoli ritratti ovali disposti secondo immagini bianco e nero che, una accanto all’altra, reclamizzavano le qualità di una bottega fotografica, quelle di una volta.

Mario Madiai: “Girasoli” - olio cm 110x120

Una collezione, s’intende, puramente virtuale, mnemonica prima e pittorica subito dopo, intitolata per esempio Fotografie a colori per i nuovi caduti. Determinante, in queste opere, un principio ritmico, sequenziale di forme regolari disposte tutte sul medesimo piano spaziale, secondo una grammatica propria soprattutto della decorazione (tessile o muraria); altrettanto determinante la distanza mentale dal “contenuto”, puro veicolo di un linguaggio di forme, di un’intenzione che Madiai veniva poco a poco precisando. Tanti anni dopo ecco le rose. Niente mazzi, no, e nemmeno superfici d’appoggio, spazi inclinati, più o meno profondi, nessuna naturalezza di oggetti fra altri oggetti come si trovano nella vita. Solo esili steli soli o in serie misurate (a due, a tre, a sei), steli con poche foglie per non turbarne la verticalità, steli che all’artista piacciono proprio per la loro esile fragilità, per la loro nitidezza quasi geometrica che non interferisce con il pieno dispiegamento dell’effetto pittorico. Appena una linea elegante che non infrange e non ingombra e su cui si sostiene la corolla, generalmente non tropo aperta o ancora in boccio, un centro in cui lo sguardo s’impiglia, si perde lungo i bordi del disegno accurato che delinea tutto, petalo per petalo, con una minuzia che ha dell’assurdo, oppure che si sfrangia quasi in un eco di colore, in un contatto intimo fra vuoto e pieno, corpi e spazio. A Madiai il naturalismo non è mai interessato così poco. La composizione piuttosto, il gioco cromatico di questi nuclei rossi o bianchi o rosa (raramente) o gialli (ancora più infrequenti) e il fluido pittorico mosso del fondo, questo campo di forza dove i giochi

Mario Madiai: “Le sue rose”

espressivi appaiono oggi più che mai aperti, liquidata ormai, per Madiai, la partita con la verosimiglianza rimasta a lungo sospesa. Il quadro stesso, ormai, si presenta come piano totale, di vibrazioni, di slabbrature e di corrugamenti, a volte approfonditi incollando sulla tela una carta spiegazzata, che intensifica l’effetto plastico e che traduce un puro effetto pittorico in materia fisica, una semplice rappresentazione in realtà tattile, da apprezzare non solo con gli occhi ma con le dita. Mentre l’immagine del fiore, frontale ma non appiattita, reiterata e insistita ed esibita, incorona il quadro (quadro che Madiai non vuole e probabilmente non vorrà mai soltanto informale) come un prezioso stemma nobiliare, o come un principio di appartenenza poetica. In nome delle rose, val la pena di ricordarlo, la storia ha visto scoppiare almeno una grande guerra; e sbocciare ben più di un amore. (Martina Corgnati tratto dal catalogo “Una rosa è una rosa è una rosa è una rosa)

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

MARIO MADIAI www.artealivorno.it/madiai 159


Vieni a trovarci

TI ASPETTIAMO!


L

Febbraio

A febbraio il Roller Skate lascia la scena al pattinaggio artistico a rotelle. Si gareggia a livello provinciale, negli obbligatori, ma come sempre in trasferta, per l’atavica mancanza di un palazzetto coperto nel quale sia possibile tracciare per terra cerchi e boccole senza produrre danni permanenti. Quattordici le gare previste. Alcune davvero agguerrite per l’alto numero di partecipanti. Soddisfatto, non poteva essere altrimenti, il presidente provinciale della Lega Uisp Orsucci. “Ho

Pattinaggio Un anno di emozioni per il pattinaggio I tanti talenti delle rotelle di Mario Orsini assistito a tante belle prestazioni. Sono certo che molte di queste atlete, prossimamente, sapranno tenere alto il nome del pattinaggio labronico anche in sede regionale e nazionale. Intanto però gustiamoci questa prima bella uscita”. Tra le più brave, di Bientina, Benedetta Niccolini, del circolo pattinaggio La Rosa che poi, nel corso dell’annata, si è messa nuovamente in grande evidenza. Tra le presenti alla gara di Bientina, in cerca di talenti con le potenzialità giuste per potersi affermare a grandissimi livelli, anche la pluricampionessa mondiale Tania Romano.

Risultati obbligatori Bientina

Novizi 2003: 1°Swamy Cancelli, 2a Viola Barni, 3a Martina Mazzoni. Allievi 1999: 1a Diletta Peralta, 2a Nicole Filiè, 3a Giada Niccolai, 4a Alice Villano, 5a Alessia Cellini. Uisp 2002: 1a Aurora Carnieri, 2a Luna Giuili, 3a Giulia Papa, 4a Viola De Vizia, 5a Chiara Gai, 6a Giulia Cecconi, 7a Erika Cingolani 8a Linda Chiappini. Piccoli Azzurri 2001: 1a Elisa Ianda, 2a Emma Caciagli. Allievi Uisp 1998: 1a Aurora Gianetti, 2a Aurora Centi, 3a Sara Gai, 4a Giada Romano. Juniores Giovani 1997: 1a Alessia Di Giorgio. Azzurri Giovani 1994/95: 1a Chiara Badari. Azzurri Uisp: 1a Monica Di Cocco. 2a Irene Anselmi Master Femminile 1991: 1a Valentina Imbrogiano Professional Cadetti 1996/97: 1a Benedetta Niccolini.

Professional Jeunesse 1994/95: 1a Giulia Gambicorti. Professional Junior 1992/93: 1a Linda Fabbri. Professional Senior 1991: 1a Enrica Gasperini, 2a Rachele Ignudi. Primavera: 1a Francesca Grossi, 2a Martina Blasizza

Marzo

A marzo le pattinatrici tornano a gareggiare tra le mura di casa. In programma al PalaBastia la prova dei liberi del Campionato provinciale, sotto il patrocinio Uisp. In gara una trentina di pattinatrici. Davvero suggestiva la cornice coreografica iniziale, con tutte le atlete schierate sul

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

e prime emozioni il pattinaggio labronico le regala a gennaio, con il Campionato toscano Indoor di pattinaggio corsa o pattinaggio di velocità, al PalaBastia, sotto l’egida della Fihp. In gara duecento atleti, suddivisi in quattro categorie, in rappresentanza di 14 società toscane. Tre quelle della provincia di Livorno: I Falchi di Venturina, i Pattinatori Piombinesi e il Roller Skate Livorno. Per tutti gli atleti doppio impegno, a seconda della categoria di appartenenza. Tre giri sprint e 1000 metri in linea per Allievi e Ragazzi. Due giri a cronometro e 800 metri in linea per la categoria Esordienti. Prova di destrezza e 400 metri in linea per la categoria Giovanissimi. Perfetta l’organizzazione curata da Roller Skate e Circolo Pattinaggio La Rosa. Tra le atlete in gara bravissima Lucrezia Palma. Per lei successo nella categoria Esordienti a cronometro e sesto posto negli 800 in linea. Doppia medaglia di bronzo, invece, per Valerio Boccassino tra gli Esordienti. Sul podio anche Rachele Sammuri (terza) nella categoria Esordienti a cronometro e settima in linea. A questi dobbiamo aggiungere il decimo e tredicesimo posto di Valentina Frisullo tra le Esordienti. Quarto e quinto posto, invece, per Matilde Lenzi tra le Giovanissime 2. Ottavo e nono posto per Martina Sardelli tra le Giovanissime 1. Infine, doppio nono posto per Martino Cecconi tra i Giovanissimi 2. “Sono veramente contento, benché fosse la prima gara agonistica della stagione tutto è filato liscio. Ringrazio quanti hanno contribuito alla realizzazione di questa bella e spettacolare manifestazione. Il pattinaggio corsa, è uno sport in crescita che abbina alla velocità dei movimenti, la reattività e la capacità di accelerazione e coordinamento. Insomma uno sport completo, come il nuoto, adatto ai nostri giovani”, il commento del presidente regionale della Fihp, Mario Tinghi.

Enrica Gasparini

161


F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

parquet ad ascoltare, e molte anche a cantare, l’inno di Mameli. A fare da portabandiera la piccola Denise Bendinelli, un pulcino di appena sette anni. Bandiere tricolori pure lungo il percorso di gara. “La direttiva di suonare prima delle prove l’inno di Mameli, per ricordare e onorare il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia, ci è arrivata dalla direzione nazionale del Coni. Inutile dire che siamo stati felicissimi di applicarla. Anzi siamo andati oltre. Abbiamo, infatti personalizzato l’evento facendo sfilare le pattinatrici”, le parole del presidente della Lega provinciale Uisp e deus ex machina Giovanni Orsucci. Insomma anche per il pattinaggio un piccolo tuffo nella storia.

Risultati prova Liberi

Cat. Pulcini 2004: 1a Denise Bendinelli. Piccoli Azzurri 2001: 1a Elisa Ianda. Primavera 2000: 1a Martina Blasizza, 2a Francesca Grossi. Cat. Allievi Giovani 1999: 1a Diletta Peralta, 2a Alice Villano, 3a Nicole Filiè, 4a Alessia Cellini.

162

Cat. Juniores Giovani: 1a Alessia Di Giorgio. Cat. Azzurri Giovani 1994/95: 1a Jessica Rosellini, 2a Chiara Badari, 3a Marika Centi, 4a Matilde Bonaccorsi. Cat. Azzurri Uisp 1992/93: 1a Camilla Serraglini, 2a Monica Di Cocco. Cat. Formula Uisp 1 B: 1a Aurora Paretti, 2a Roberta Bruni, 3a Emma Caciagli, 4a Elisa Pagliai, 5a Claudia Pacini, 6a Federica Capuano, 7a Alessia Failla, 8a Giulia Antonini, 9a Angelica Martini. Cat. Formula Uisp 2 B: 1a Chiara Cecchini, 2aOlivia Di Giorgio, 3a Camilla Paggini, 4a Camilla Grosso, 5a Elisa Stendardi, 6a Alice Gambogi, 7a Alice Donatucci, 8a Maria Melandri. Cat. Formula Uisp 3 B: 1a Giada Niccolai, 2a Asya Niccolai. A metà marzo al PalaBastia le pattinatrici sono tornate sul parquet, nella kermesse provinciale dei liberi, sotto l’egida Uisp. In gara le atlete che non avevano gareggiato, quindici giorni prima. A fare da cornice tanto pubblico. Oltre agli immancabili genitori, nonni e amici, sugli spalti, a moltiplicare gli applausi, anche persone venute ad assistere le gare di nuoto, nella piscina attigua. “È stata una bella faticaccia. Però siamo veramente felici che tutto sia filato liscio”, il commento del presidente della lega provinciale Giovanni Orsucci. Un Orsucci anche propositivo verso le istituzioni: “Senza venature polemiche”, precisa subito. “Anche in questo caso, come ormai accade da anni, per disputare gli obbligatori siamo stati costretti a emigrare a Bientina. Con tutti i problemi connessi. La questione, secondo noi, potrebbe essere risolta, in maniera definitiva, costruendo un parquet di legno, anche rimovibile, ad esempio al PalaMacchia o nel più picco-

lo PalaCosmelli. In fondo a noi serve una pista di appena 40 metri per 20 metri. La spesa non sarebbe proibitiva e i vantaggi enormi. Potremmo, tra l’altro, candidarci per disputare le prove regionali e forse aspirare anche a qualcosa di più. In fondo pensiamo di meritarcelo. Il nostro è uno sport radicato sul territorio che ha sempre dato lustro alla nostra città, anche a livello internazionale. Basta ricordare la medaglia d’oro europea e le sei medaglie d’oro mondiali di Letizia Tinghi e le due d’oro europee di Elisabetta Vivaldi. E ultimamente le performance planetarie della triestina, naturalizzata livornese, Tanja Romano. Ma l’elenco potrebbe continuare”. Oltre alle pattinatrici impegnate a livello provinciale da sottolineare, sempre a marzo, la bella prova di Giada Niccolai, Valentina Imbrogiano e Monica Di Cocco, negli obbligatori, ai Campionati regionali Fihp.

Campionato Provinciale Libero Uisp:

Cat. Novizi Giovani: 1a Viola Barni, 2a Swamy Cancelli. Cat. Novizi Uisp: 1a Aurora Carnieri, 2a Giulia Papa, 3a Viola De Vizia, 4a Chiara Gai, 5a Linda Chiappini, 6a Giulia Cecconi. Cat. Allievi Uisp: 1a Aurora Centi, 2a Aurora Gianetti, 3a Sara Gai, 4a Giada Romano. Cat. Professional Cadetti: 1a Brenda Palma. Cat. Professional Jeunesse: 1a Giulia Gambicorti. Cat. Professional Senior: 1a Isabella Martelloni. Formula Uisp F1 A: 1a Luna Giuli, 2a Erika Cingolani, 3a Mar-


Campionato Regionale Patt. Artistico (Obbligatori)

Allievi Reg. (32 partec.). 4a Giada Niccolai (Patt. La Rosa), 24a Camilla Paggini (Patt. La Rosa). Esordienti Reg. (30 part.) 19a Elisa Pagliai (Patt. La Stella), 20a Camilla Grosso (Patt. La Rosa), 22a Emma Caciagli (Patt. La Stella), 26a Chiara Cecchini (Patt. La Rosa). Div. Naz.A. 8a Alessia Di Giorgio (Patt. La Stella). Div. Naz. B. 12a Chiara Badari (Patt. La Rosa). Div. Naz. C. 5a Monica Di Cocco (Patt. La Cigna Gymnasium). Div. Naz.D. 2a Valentina Imbrogiano (Patt. La Cigna Gymnasium)

Maggio

A maggio in un’armonia di suoni e colori, sulla magica pista della Sovrana, si disputa il trofeo a squadre di pattinaggio. A fare da cornice, alle performance delle piccole pattinatrici, il pubblico delle grandi occasioni. Sul parquet, con le loro belle tutine variopinte, trentasei atlete ripartite in otto squadre. Il successo alla fine, tenendo conto del computo dei punteggi acquisiti da ogni singola pattinatrice della squadra, ha arriso a Denise Bendinelli, Nicole Chiama, Giulia Giovacchini e Martina Milazzo del Circolo Pattinaggio Cigna Gymnasium A. Alla loro spalle il Circolo Pattinaggio La Rosa C con Celeste Caia, Giulia Lonzi, Alessia Perugini e Sara Pipo-

Classifica finale.

1a Pattinaggio La Cigna Gymnasium A (punti 2831,7): Denise Bendinelli, Nicole Chiama, Martina Milazzo, Giulia Giovacchini 2a Circolo Pattinaggio La Rosa C (2578,5 punti): Celeste Caia, Giulia Lonzi, Alessia Perugini, Sara Pipola. 3a Circolo Pattinaggio La Rosa B (2470,5 punti): Martina Graziani, Altea Lenzi, Francesca Grossi, Rachele Di Ciuccio. 4a Pattinaggio La Cigna Gymnasium B (2354,7 punti): Giulia Mentessi, Martina Terreni, Romina Magaletti, Giulia Raffaelli, Benedetta Bagnasco. 5a Circolo Pattinaggio La Rosa A (2305,1 punti): Mischelle Figoli, Agnese Mori, Sofia Bientinesi, Clarissa Faccin, Sara Russo. 6a Circolo Pattinaggio La Stella (2149,7 punti): Rosita Biricotti, Viola Fioriti, Marta Nencioni, Martina Puliti, Chiara Turchi, Sara Voliani. 7a Circolo Pattinaggio Divo Demi A(1867,9 punti): Matilda Mazzariol, Giuliana Perfetti, Irene Ribecai, Giorgia Gianetti, Sara Franceschi. 8a Circolo Pattinaggio Divo Demi B (1682,3 punti): Francesca Antonelli, Chiara Ribecai, Valentina Piserini, Giulia Franceschi.

Giugno

A giugno un mix ben riuscito di spettacolo e solidarietà, sulla mitica pista di pattinaggio della Sovrana. In programma la 1a Coppa “Azzurra”. Una manifestazione nel nome di Azzurra Mascagni, un piccolo angelo, di neppure nove anni. La grande famiglia del pattinaggio, in una calda domenica di giugno, ha stretto in un grande, immenso, caloroso abbraccio la piccola Azzurra. Un angelo, di poco più di otto anni, colpito dalla sindrome di Leigh: malattia genetica degenerativa rara e gravissima con cui, quotidianamente, è costretta a combattere per la sopravvivenza. In gara una quarantina di brave pattinatrici, in rappresentanza di tre società cittadine e di una dell’entroterra pisano. Il successo, alla fine, ha arriso alla compagine ospite, la Cresco di Riglione. Dietro nell’ordine: Circolo La Rosa, La Cigna Gymnasium e Divo Demi. Eroi di giornata, nelle varie categorie, sono state invece: Genny Cellerini, Chiara Ballerini, Luna Giuili, Aurora Paretti, Giada Andreotti, Viola Barni, Aurora Carnieri, Alessandra Sodini e Aurora Gianetti. A far schizzare, verso l’alto, gli indici di gradimento ha contribuito pure l’esibizione

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

tina Mazzoni, 4a Martina Lugli. Formula Uisp F1 C: 1a Allegra Biagini. Formula Uisp F1 D: 1a Greta Malloggi. Formula Uisp F2 C. 1a Greta Gronchi. Formula Uisp F4 C. 1a Giorgia Cacciò

la. Bravissime anche tutte le altre sei compagini. A Giovanni Orsucci il compito di consegnare a tutte le atlete una coppetta ricordo della manifestazione e di fare la chiosa finale. “Parlare di successo della manifestazione è dire poco. Sono state tre giornate di sport vero, schietto e genuino. Un sincero ringraziamento a queste splendide bambine, ma grazie pure ai loro genitori e ai loro bravissimi maestri che fortunatamente abbiamo nella nostra città. Per molte di queste pattinatrici il prossimo anno ci sarà il passaggio nel settore agonistico. Per tutte, tre giornate indimenticabili da riporre, gelosamente, nei cassetto dei ricordi sportivi giovanili più belli”.

Le pattinatrici con le coppe vinte

163


Scotto PubblicitĂ Livorno


paterno. La conosco e la stimo da quando, ancora piccolina, insieme alla sorella Cristina, si metteva i pattini ai piedi per gareggiare. Quando ci ha proposto di fare qualcosa per la piccola e dolcissima Azzurra e per l’Aipa, l’associazione da lei fondata, abbiamo accettato con entusiasmo. La speranza è di essere stati all’altezza e di stimolo per spalancare, ancora di più, il gran cuore dei livornesi verso quest’associazione”.

Aipa: Associazione Insieme Per Azzurra

All’Aipa, acronimo di Associazione Insieme Per Azzurra, sono state devolute le quote di iscrizione alla gara e dei biglietti di una lotteria con in palio una bicicletta. Piccole gocce d’amore nel mare della solidarietà. Basta ascoltare la signora Cinzia: “La nostra è un’associazione nata per aiutare i bambini e le loro famiglie ad affrontare le malattie e gli handicap, in modo più sereno e del tutto gratuito, attraverso la strada riabilitativa. Essendo una Onlus sopravviviamo grazie alle offerte e alle donazioni dei privati. Siamo operativi solamente da qualche mese. Il

nostro auspicio è di incrementare il numero di volontari e persone che ci danno una mano. Al tempo stesso, di trovare risorse per rinnovare tecnologie e strumentazione e garantire terapie e continuità di assistenza a quanti bussano alla nostra porta. Manifestazioni culturali, spettacoli, feste e eventi sportivi sono i canali giusti per farci conoscere. Lo sport è un veicolo formidabile per ogni forma di aggregazione sociale, il luogo ideale per coinvolgere persone, per motivarle e sensibilizzarle a dare un piccolo aiuto ai soggetti bisognosi di cure”. Info: Aipa. Presidente: Cinzia Mascagni n° cellulare 3920022231, via Stenone 32/34 Li.

Risultati:

Cat. Primavera: 1a Chiara Ballerini. 2a Martina Blasizza. 3a Francesca Grossi. Cat. Novizi Giovani: 1a Viola Barni. 2a Veronica Sorrentino. Cat. Allievi Giovani: 1a Alessandra Sodini. 2a Nicole Filié. 3a Alessia Cellini. Cat. Allievi Uisp: 1a Aurora Gianetti. 2a Aurora Centi. Cat. Formula Uisp 1A: 1a Luna Giuili. 2a Erika Cingolani. 3a Martina Mazzoni. Cat. Formula Uisp 1B: 1a Aurora Paretti. 2a Giulia Antonini. 3a Claudia Pacini. 4a Alessia Failla. 5a Angelica Martini. Cat. Novizi Uisp: 1a Aurora Carnieri. 2a Viola De Vizia. 3a Chiara Gai. 4a Rita Dal Canto. 5a Giulia Papa. 6a Giulia Cecconi. Cat. Formula Uisp 2B: 1a Giada Andreotti. 2a Camilla Paggini, 3a Olivia Di Giorgio. 4a Camilla Grosso.

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

di due eccellenti pattinatrici: Brenda Palma e Giulia Gambicorti e per i bambini una brava animatrice dell’associazione Mondo Amabile. Al termine facce felici e coppe per tutte, offerte dalla MA.CA. BA. Il bel trofeo, messo in palio dalla famiglia di Azzurra, è andato, momentaneamente, al circolo Cresco di pattinaggio riglionese, che ha totalizzato il punteggio complessivo maggiore. Alla società pisana l’onore e la soddisfazione di custodirlo fino all’edizione del prossimo anno, quando sarà nuovamente messo in palio. A vederselo assegnato definitivamente, com’è accaduto nel calcio mondiale al Brasile, nel 1970 per la Coppa Jules Rimet, battendo proprio l’Italia, sarà la società che riuscirà, per prima, a vincere tre edizioni anche non consecutive. Chi, invece, la sua bella medaglia d’oro, se la portata a casa per sempre, con pieno merito, per la sua attività ultratrentennale di presidente prima alla società di pattinaggio La Stella poi della Lega Uisp provinciale, è Giovanni Orsucci. A consegnargliela la mamma di Azzurra la signora Cinzia Mascagni Incrocci. Un regalo inatteso e gradito: “Verso la signora Cinzia nutro un affetto quasi

165


Agosto

Ad agosto esodo quasi biblico, con addosso la maglia della nazionale, per sedici nostro bravissime pattinatrici, a Rence in Slovenia in un mix ben azzeccato di turismo e sport, sotto l’egida dell’Uisp. A darsi battaglia con i pattini ai piedi oltre alle nostre splendide atlete, le loro compagne di nazionale, austriache, tedesche e, naturalmente, le super agguerrite padrone di casa. A differenza dell’Italia, che in questo tipo di competizioni schiera le seconde linee, la Slovenia ha mandato sul

parquet molte pattinatrici, già con le valige pronte per i campionati europei, che poi si sono disputati a fine settembre a Reggio Calabria. A guadagnarci è stato lo spettacolo. I risultati, pur lusinghieri, delle pattinatrici livornesi, vanno quindi letti in questo senso, oltre che tenendo conto del numero d’iscritti a ogni prova. A determinare la classifica due giudici: uno sloveno e uno italiano che, con un eufemismo condito di sana ironia labronica, è stato definito: “poco nazionalista”. Responsabile del team azzurro la maestra Elisabetta Iacoboni di Grosseto. A fare il tifo anche tanti genitori, nonni e amici, giunti a bordo di due pullman per seguire le performance dei loro cari e di fare una bella gita oltre confine. “Quello di abbinare sport ad alto livello ed aspetti turistici importanti è un’idea vincente, ormai super collaudata, dell’Uisp. Il nuovo appuntamento è a Pasqua 2012, nei dintorni di Firenze, anche per la disponibilità della bella pista di Calenzano, nella quale oltre alle slovene speriamo di veder gareggiare pattinatrici spagnole, tedesche, austriache e altre nazioni straniere in modo da allargare gli orizzonti”, il commento del presidente provinciale della Lega Uisp Giovanni Orsucci. La visita alle grotte di Postumia e alle bellezze della città di Nova Gorica, con puntatina al Casinò, sono state tappe importanti del cammino turistico. A seguire le nostre ragazzine e dare loro i consigli giusti, al momento giusto, sono state le due bravissime insegnanti Debora Possenti Peralta, del Circolo La Cigna Gymnasium, e Cinzia Savi, del Circolo Pattinaggio La Rosa. Risultati delle nostre pattinatrici. Obbligatori: Azzurri ‘94/’95: 1a Chiara Badari. Master 1993 e precedenti: 1a Valentina Imbrogiano. Giovanissimi 2002: 4a Giulia Papa. Orsetti ‘98/’99: 10a Sara Gai, 16a Nicole Filié. Under 16: 4a Benedetta Niccolini. Liberi. Giovanissimi 2002. 2a Aurora Carnieri, 3a Chiara Gai, 7a Viola De Vizia, 10a Giulia Papa. Giovanissimi 2001: 3a Elisa Ianda. Pulcini: 7a Martina Blasizza. Orsetti: 6a Aurora Gianetti, 10a Nicole Filié, 11a Aurora Centi, 13a Alice Villano. Azzurri ‘94/’95: 2a Jessica Rosellini. Under 16 Jeunesse: 1a Giulia Gambicorti

Diletta Peralta

Combinata: Orsetti ‘98/’99: 9a Nicole Filié. Giovanissimi 2002: 5a Giulia Papa

Settembre

A settembre a salire prepotentemente alla ribalta è Enrica Gasparini. Negli obbligatori ai Campionati europei di Reggio Calabria conquista una bella medaglia di bronzo. Per la portacolori del Circolo Pattinaggio La Rosa, in riva allo Stretto, anche la conferma a numero uno della specialità in campo nazionale. A precederla, sul podio continentale, l’inarrivabile campionessa del mondo teutonica Sandra Woyciechowski e, davvero per un’inerzia (appena una frazione di punto su un totale di oltre duecento), la slovena Lucija Mlinaric: una delle veterane di questo sport a livello planetario. Grazie a questa medaglia di bronzo Enrica Gasperini si è guadagnata dapprima la convocazione al raduno premondiale e successivamente la convocazione per i Campionati del mondo, in Brasile. A sottolineare la bella performance continentale il presidente, del Circolo La Rosa, Mario Tinghi. Ascoltiamolo: “Enrica è una ragazza splendida, un esempio di serietà e attaccamento allo sport per tanti

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Cat. Discobolo 2011: 1a Genny Cellerini. 2 Martina Milazzo. 3aGiulia Lonzi. 4a Sara Pipola. 5a Sara Franceschi. 6a Irene Ribecai. 7a Giuliana Perfetti. Classifica per Società: 1° Circolo Pattinaggio Cresco di Riglione. 2° Circolo Pattinaggio La Rosa. 3° Circolo Pattinaggio La Cigna Gymnasium. 4° Circolo Pattinaggio Divo Demi. Giuria Presidente: Sandro Cintoi. Giudici: Maria Grazia Topolini, Rina Ricuciti, Itala Savi. Segretario: Ettore Carpenè. Speaker: Ilaria Goti Stefanini. a

167


Scotto PubblicitĂ Livorno


Novembre

Dal circolo La Rosa ai Campionati del mondo, di pattinaggio artistico, di Brasilia, per difendere i colori azzurri nella specialità degli obbligatori. Per Enrica Gasparini un sogno che si è avverato a novembre. Un diritto acquisito grazie all’ottimo terzo posto conseguito agli europei di Reggio Calabria e a tante altre ottime prestazioni, in campo nazionale e internazionale, negli ultimi anni. La convocazione mondiale, da parte del CT azzurro Antonio Merlo, inutile sottolinearlo riempì di gioia la brava Enrica. Basta ascoltare le sue parole pronunciate prima della partenza per il Brasile. “Rappresentare l’Italia in un Campionato del Mondo è al tempo stesso un bel risultato e un’eccellente opportunità. Nel pattinaggio artistico i posti disponibili sono veramente pochi. Sono quindi molto orgogliosa di essere stata scelta. Mi piacerebbe riuscire a dimostrare quello che so fare. Sono però cosciente che per riuscirci bisogna essere fredde e razionali. Al mio primo mondiale temo non sia facile. Da parte mia ce la metterò tutta, questo è certo”. Nativa di Carrara, 22 anni compiuti il 22 settembre, Enrica ha vissuto a La Spezia fino al conseguimento della maturità. Poi per ragioni di studio si è trasferita a Pisa per frequentare più proficuamente la facoltà di Ingegneria Civile e Ambientale e anche, sono sue parole: “Per essere vicina a Livorno”, dove ad allenarla è il tecnico della nazionale: la mitica Laura Ferretti. Questa partecipazione al mondiale è arrivata dopo ben cinque partecipazioni consecutive, con i piedi sempre sul podio, ai Campionati europei. L’esordio dorato nel 2007, agli juniores di Gujan Mestras (Bordeaux). L’anno dopo, nel 2008, salto nella categoria senior e argento a Fuengirola (Spagna). Nel 2009 bronzo a Nazarè in Portogallo, nel 2010 argento a Vic (Spa-

gna). Infine, quest’anno bronzo a Reggio Calabria. A Brasilia, pur con un pizzico d’emozione di troppo, Enrica Gasperini si è comportata molto bene conquistando un bellissimo quinto posto. Sempre a novembre, onore e gloria per cinque pattinatrici, del Circolo La Rosa, in trasferta a Monteprandone (Ascoli Piceno), accompagnate dalla loro brava insegnante Cinzia Savi. Tra andata e ritorno oltre un migliaio di chilometri, per tenere alto il nome di Livorno nel secondo “Trofeo delle Città Uisp” di pattinaggio. Una manifestazione, organizzata dalla Roller Cento e riservata alle rappresentative provinciali di pattinaggio artistico, per il solo esercizio libero. In pista nella cittadina marchigiana oltre cento pattinatrici, dagli otto ai tredici anni, suddivise in 27 squadre. Il successo finale è andato alla squadra di Grosseto seguita da Napoli e da Roma. Quarte, a pari merito: Pisa e Rimini, sesto posto per Savona, settimo per le padrone di casa di Ascoli Piceno, ottavo per Viterbo, nono per Bologna e decimo per le nostre bravissime pattinatrici. Un piazzamento più che onorevole, soprattutto tenendo conto dell’agguerrita concorrenza. “Il risultato sportivo in questo tipo di manifestazione ha una valenza relativa, anche perché le differenze di punteggio tra una posizione e l’altra della classifica, spesso sono esigue. Importante era essere presenti, in una competizione diversa da tutte le altre, dove le pattinatrici, a differenza da quanto accade abitualmente, non gareggiavano per loro stesse ma per la loro città. A regnare sovrano sono stati giustamente lo spirito di gruppo, gli incitamenti sinceri e con il cuore in gola, quando le magliettine amaranto scivolavano leggere, con il conforto di spettacolari scenografie, in un palazzetto gremito e plaudente” il commento di Orsucci.

26 Atlete hanno partecipato ai Campionati Regionali 8 Giovanissimi, 2 Esordienti, 7 Allieve, 1 Cadetta, 1 Jeunesse, 1 Senior, 6 Divisione Nazionale Migliori risultati ai Regionali: Diletta Peralta: 1a Libero e Combinata; Benedetta Niccolini: 1a Obbligatori, Giulia Gambicorti: 3a Combinata, Valentina Imbrogiano: 2a Obbligatori, Enrica Gasparini: 3a Obbligatori Campionati Italiani FIHP: Diletta Peralta: 3a Obbligatori e Combinata a Scanno (AQ), Benedetta Niccolini: 5a Obbligatori Calderara (BO), Giulia Gambicorti: 9a Combinata Perugia, Valentina Imbrogiano: 6a Obbligatori Calderara (BO), Enrica Gasparini: 2a Obbligatori Calderara (BO), Monica Di Cocco: 3a Combinata Mirandola (MO), Camilla Serraglini: 25a Libero Mirandola (MO), Chiara Badari 6a Obbligatori Calderara (BO) Risultati Internazionali FIHP: Benedetta Niccolini: 2a Obbligatori Coppa Di Germania; Enrica Gasparini: 3a Obbligatori Europei Barcellona, Enrica Gasparini: 5a Obbligatori a Brasilia

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

giovani. Lei è nativa di Carrara ma abita a La Spezia. Nonostante questo da quattro anni, tre volte alla settimana, viene ad allenarsi da noi con una serietà e un amore per questo sport encomiabile”. Gli elogi del presidente regionale Fihp Mario Tinghi vanno anche alla super maestra di pattinaggio Laura Ferretti e al preparatore atletico Andrea Bientinesi, entrambi del Circolo La Rosa e dello staff tecnico della nazionale, anche in occasione dei Campionati europei di Reggio Calabria: “Due tecnici bravi e preparati che non ci stancheremo mai di ringraziare”.

Atlete partecipanti

Novizi: Swamy Cancelli, Viola Barni, Piccoli Azzurri: Elisa Ianda Primavera: Francesca Grossi Allievi UISP: Aurora Centi

Riepilogo

Dei risultati più importanti ottenuti dalle nostre pattinatrici, di La Cigna Gymnasium; La Rosa; Divo Demi e La Stella lontano da Livorno nel 2011.

169


F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

A

metà gennaio 2012, nel salone della Circoscrizione 1, di Corea, la consueta festa di premiazioni del pattinaggio artistico. Per la sessantina di pattinatrici presenti attestati, battimani, ovazioni e gadget. A fare gli onori di casa il responsabile provinciale, della Lega Uisp, Giovanni Orsucci. Presenti anche il vescovo Monsignor Simone Giusti, il responsabile provinciale Uisp Michele Barzagli, il presidente regionale Fihp e vicepresidente provinciale del Coni Mario Tinghi, l’assessore allo sport, Luca Bogi e i dirigenti Giancarlo Giuntoli e Fabrizio Bernabei. Un Orsucci propositivo e critico:

Una grande festa per il pattinaggio artistico di Mario Orsini “Dobbiamo essere vicino alle famiglie disagiate e dare l’opportunità a tutti, anche in questi momenti di difficoltà economica per molte famiglie, di fare sport, per evitare che qualche giovane o adolescente, per troppo tempo libero, si incammini su brutte strade. Dalle istituzioni aspettiamo, dal 1985, un impianto adeguato che ci consenta di disputare la prova degli obbligatori dei Campionati provinciali a Livorno, senza dover emigrare, ogni anno, a Bientina”. Incoraggiante la risposta di Luca Bogi: “Siamo disponibili ad ascoltare le richieste e a cercare di dare le risposte”. A condividere l’attenzione, di Orsucci, agli aspetti sociali anche il vescovo Simone Giusti: “Siamo sempre pronti

Un momento della premiazione

170

a sostenere gli sport che mettono al primo posto socialità, divertimento e non fanno selezione. La vera vittoria è andare in questa direzione. Il caso del ragazzino emarginato dall’allenatore di calcio perché troppo grasso è stato emblematico”. Tra Curia e pattinaggio e in più in generale tra Curia e Uisp sembra essersi creato un asse preferenziale. A sottolinearlo Michele Barzagli: “Spero che Uisp e Curia continuino a camminare a fianco con obiettivi sociali. È necessario dare l’opportunità di fare sport a tutti anche in quegli sport dove non c’è business e latitano gli sponsor per carenza o assenza di visibilità”. Da Mario Tinghi, invece, una frecciatina al governo: “Tagliare contributi per 65 milioni alle attività sportive ed abolire i comitati provinciali del Coni è un errore. Livorno, la città più medagliata d’Italia, con il più alto rapporto, tra le città italiane, tra sportivi praticanti e abitanti. Quindi una delle realtà più penalizzate”. Premiate anche Ivonne Canessa


e Domenica Veratti, le due giudici di gara che in oltre quarant’anni hanno sempre dimostrato grande professionalità e quando è stato necessario hanno dato anche una mano a livello organizzativo. Non è mancato neppure un piacevole siparietto quando il presidente Orsucci ha eletto, honoris causa, “pattinatore ufficiale labronico”, il vescovo Simone Giusti, che in gioventù ha praticato questo sport con pattini in linea e sul ghiaccio.

Il gruppo de La Rosa

Pattinatrici premiate: Swamy Cancelli, Viola Barni, Martina Mazzoni, Aurora Carnieri, Viola De Vizia, Giulia Papa, Luna Giuili, Elisa Ianda, Francesca Grossi, Martina Blasizza, Diletta Peralta, Nicole Filié, Alice Villano, Giada Niccolai, Aurora Gianetti, Aurora Centi, Sara Gai, Chiara Badari, Jessica Rosellini, Camilla Serraglini, Valentina Imbrogiano, Enrica Gasparini, Benedetta Niccolini, Giulia Gambicorti, Rachele, Erika Cingolani, Martina Mazzoni, Au-

Il vescovo alla premiazione

rora Paretti, Roberta Bruni, Emma Caciagli, Greta Malloggi, Chiara Cecchini, Olivia Di Giorgi, Camilla Paggini, Greta Gronchi, Giada Niccolai, Asya Niccolai, Denise Bendinelli, Michelle Figoli, Sara Russo, Clarissa Faccin, Agnese Mori, Matilda Mazzariol, Nicole Chiama, Sofia Bientinesi, Chiara Turchi, Alessia Perugini, Romina Magaletti, Giulia Mentessi, Sara Pipola, Martina Milazzo, Giulia Lonzi, Altea Lenzi, Giulia Giovacchini, Martina Graziani.

F.I.H.P: Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio

Il tavolo delle autorità

Orsucci con il vescovo

171


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

È

172

già arrivata la qualificazione olimpica per il judo livornese con Giulia Quintavalle, che proverà a Londra a ripetere il successo di Pechino. Un oro che tutta la provincia aspetta, e che darebbe ancora una volta un bell’impulso alla disciplina su tutto il territorio. Il 2011 è stato un anno di transizione per il judo locale, soprattutto per gli atleti più grandi, quelli che rientrano nella categoria junior e senior, che pur non avendo fatto risultati eclatanti hanno continuato il loro impegno agonistico lavorando e concentrandosi su obiettivi futuri. Un buon movimento invece si è registrato fra i giovani, grazie ad alcune società come il Kodokan di Cecina del maestro Cantini e l’Assi di Piombino, che hanno potuto raggiungere buoni risultati anche a livello nazionale con gli esordienti e i cadetti. Discreto il numero dei ragazzi che in tutta la provincia pratica il judo. Alcune società nel corso dell’anno si sono fuse in modo da superare problemi economici, logistici e organizzativi e costituire gruppi più forti che possono appoggiare maggiormente gli atleti, soprattutto quando ci sono le trasferte, che comportano spese non da poco. Fra i tecnici più titolati di Livorno incontriamo Marco Griselli maestro di Judo, cintura nera 5° Dan, docente regionale, presidente provinciale della Fijlkam, e membro del comitato regionale. Raccontaci come ti sei avvicinato al judo. “Sono stato uno dei primi a Livorno ad avvicinarmi a questa disciplina, nel 1966 quando avevo 13 anni, con la società Athletic che all’epoca aveva la sede di fronte alla Terrazza Mascagni, il cui presidente era Gigi Gufoni, attualmente consigliere personale del presidente della nostra federazione, insieme al maestro Romanacci esperto di lotta libera, anche lui livornese. Ho fatto la carriera agonistica ed ho smesso di gareggiare a 35 anni e da qui ho cominciato la strada del tecnico”. Come si è sviluppata? “Ho allenato prima all’Athletic, poi al Kodocan Livorno, in seguito ho aperto la Società Ronin al centro Salus ed ora sono all’Accademia dello Sport in collaborazione con il maestro Paolo Augusta. Io seguo il settore agonistico mentre lui quello preagonistico”. Il tuo curriculum sportivo? “A parte la vittoria a numerosi Campionati regionali e ai tornei nazionali, ho conqui-

Judo Il maestro Marco Griselli cintura nera 5° dan Qualificazione olimpica per judo con Giulia Quintavalle stato il 4° posto al Campionato italiano alla fine degli anni ‘60 e un 5° posto alla selezioni per le Olimpiadi di Montreal”. Il passaggio a tecnico come è andato? “È stata una scelta piuttosto naturale, dopo una carriera agonistica impegnativa e sempre ad alti livelli, la mia società Athletic Club aveva bisogno di qualcuno che desse una mano al tecnico titolare, così ho iniziato e nel tempo ho conseguito le varie qualifiche fino a quella massima di maestro. Quest’anno proverò a fare gli esami per il sesto Dan. Continuerò ad insegnare fino a quando sentirò di poter dare qualcosa ai miei ragazzi e continuerò a ricevere da loro, poi vedrò”. Che fascia di età alleni?

“Esordienti dai 12 anni in poi, fino ai 35 anni, l’età massima consentita dalla federazione per l’agonismo. Dopo si può continuare a livello amatoriale”. La soddisfazione più bella come atleta? “Il Torneo nazionale Malatesti del ’73, all’epoca era una gara molto importante alla quale partecipavano tutte le società d’Italia, con 70 – 80 atleti per categoria. Arrivai primo vincendo la finale con un atleta dell’esercito per 15 secondi”. Come tecnico? “Essere riuscito a crescere atleti come Simone Taiocchi che ha vinto diverse medaglie ai Campionati italiani e in Coppa Italia, ed altri ragazzi molto bravi, non tanto per il risultato sportivo in se stesso, che comun-

Foto storica del gruppo Athletic Club dei primi anni ‘70. Si distinguono in piedi da sx: il 2° Riccardo Pucciarelli (ex capo vigili urbani e segretario generale del Sindaco), 3° Michele Malventi (medico specialista), 4° Marco Griselli, 5° Vittorio Domenici. Il primo in ginocchiato a sx è Paolo Paoletti (attualmente Maestro di scherma di Andrea Baldini e della Nazionale italiana)


La premiazione di Giulia Quintavalle e della squadra Nazionale ai camp. Europei di Vienna

Camilla Magnolfi

Cosa deve trasmettere un tecnico? “Prima di tutto l’entusiasmo e la voglia di acquisire certi obiettivi con l’impegno e la fatica. Purtroppo oggi la mentalità corrente è quella del ‘subito e facilmente’. Il judo è uno sport complicato, oltre ad implicare una scelta di vita, i movimenti e le situazioni sono tante e per acquisirle ci vuole tempo e impegno, anni e anni di allenamento. Bisogna cercare di dare motivazioni ai ragazzi perché riescano ad andare avanti”.

Qual è la cosa più importante che il judo ti ha dato? “L’emozione provata quando il comitato regionale 7 anni fa mi ha chiamato e mi ha proposto di fare la docenza al corso aspiranti allenatori, un corso che in passato faceva sempre il mio vecchio maestro. Ritrovarmi a fare le cose che faceva lui a quei livelli è stato per me molto importante, pur rendendomi conto dei miei limiti”. E come stile di vita? “La serenità, la capacità di mantenere gli impegni. Queste sono cose che poi ti servono anche nella vita, ma che possono dare tutti gli sport, se svolti seriamente”. Un sogno nel cassetto come tecnico? “Avere la possibilità di fare un bel viaggio in Giappone per frequentare qualche corso e poi riuscire a crescere qualche altro campione”.

Fisicamente che caratteristiche deve aver un ragazzo per far judo? “Se comincia nell’età giusta, fra i 6 e gli 8 anni, può sviluppare le doti che servono, cioè la velocità, la potenza, la destrezza ed a livello mentale la sicurezza in se stessi”. La cosa più bella che ti è stata detta da un atleta? “Dopo essere saliti sul podio in molti mi hanno dato il merito dei miei insegnamenti. Questa è una bella soddisfazione”. La prima cosa che spieghi ai tuoi atleti? “Cerco di insegnarli il rispetto per gli altri, spiego loro che andare sul tappeto non è come entrare in un campo di calcio, perché è un luogo dove altri si sono impegnati molto, hanno fatto tanti sacrifici e quindi anche per rispetto a queste persone, quando si è sul tappeto bisogna comportarsi bene”.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

que c’è stato, ma perché mi hanno sempre seguito, dandomi fiducia e nello stesso tempo mi hanno saputo trasmettere molto”. Se tu potessi tornare indietro quale errore non rifaresti? “Quello che ho fatto i primi tempi, quando volevo copiare il mio maestro. In realtà non tutti siamo uguali, non possiamo esserlo, ognuno deve cercare di esaltare quelle che sono le sue caratteristiche, prendendo spunto un po’ da tutti, ma non perdendo mai la propria identità”.

Un folto gruppo di praticanti dell’Accademia dello Sport

173


L

Memorial Savron

Prima gara ed è subito un torneo Internazionale, l’8° Memorial Savron svolto a Trieste in data 04.06.2011 dove a rappresentare la squadra c’era Mauro Puccini (allenatore) e tre atleti: Massimiliano Braschi oro nei 96 kg. Senior dopo aver vinto la finale contro il triestino Corazza, Dario Corso anche lui l’oro nei 96 kg. Classe Master, infine, primo posto, dopo un combattuto match contro il rumeno Turgav anche per Igor Nencioni che per strategia di squadra ha partecipato nei 120 kg.

Lotta È realtà la nuova associazione sportiva dilettantistica Gruppo Lottatori Livornesi La nostra città ha più lottatori di tutta la regione Grand Prix Sicily

Igor Nencioni, accompagnato da Mauro Puccini, non delude neanche questa volta le aspettative, infatti, ottiene un ottimo 2° posto alla fase Nazionale di coppa Italia svoltasi a Palermo ad ottobre.

Campionati del mondo Master

Altra manifestazione importante, che ha proiettato la nostra palestra a livello Mondiale, sono stati i Campionati del Mondo Master svolti a Tirana dal 14 al16 ottobre 2011, dove due allenatori della nostra palestra Igor Nencioni e Antonio La Bruna hanno partecipato come atleti, mentre il terzo allenatore Mauro Puccini è intervenuto a questa

manifestazione in veste di Coach. Risultato di rilievo ottenuto da Antonio La Bruna nella classe “D” 69 Kg. che, dopo un’assenza dalle gare di oltre 20 anni, ha conquistato la medaglia di bronzo battendo in finale il Bulgaro naturalizzato Francese terzo ai Mondiali del 2010.

Campionati interregionali di Firenze a novembre

Bel risultato dei nostri ragazzi accompagnati dall’allenatore Igor Nencioni e da Emiliano Cicconofri nelle seguenti categorie: bambini kg 30 Butteri Alessio 1ºclass., kg 34 Guccini Vassily 1º class., Da Valle Mattia 2ºclass. kg 38, Categoria senior: kg 74 Frassinelli Daniele 2º class., kg 84 Ferri Marco 3º class., Dario Corso 96 Kg 2º class. Sotto foto della gara

Trofeo Città di Perugia “Etruscan Games” SL (Coppa Italia) a novembre

Una delle gare più difficili a livello Nazionale dove Marco Imperata, al rientro da una lunga inattività e dopo una partenza indecisa, è riuscito a riprendersi fino a raggiungere il bronzo. Bella gara di Igor Nencioni che nonostante nella sua categoria oltre al suo, ci siano i nomi più noti della lotta Italiana, riesce ad arrivare in finale, ma risente della scarsa preparazione dovuta ad un infortunio e deve accontentare del 2° posto.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

a nostra Associazione sportiva dilettantistica è nata soltanto a marzo 2011 con Mauro Puccini, Igor Nencioni e Antonio La Bruna, ed oggi dopo solo 10 mesi dalla fondazione, può vantare un folto gruppo di atleti composto da bambini e bambine, ragazzi e ragazze, adulti e master, al punto che in occasione dei Campionati regionali svolti a Cascina a dicembre 2011, il Presidente Regionale della F.I.J.L.K.A.M. settore Lotta ha confidenzialmente detto che ci sono più lottatori a Livorno che in tutta la Toscana. Ora passiamo ad elencare i risultati ottenuti in campo Regionale, Nazionale, Internazionale e Mondiale, elencati in ordine di data di manifestazione, ottenuti dai nostri ragazzi nel 2011.

Campionati regionali

175


Gestione SERVIZI PORTUALI

s.n.c.

di Batini R. & Pierozzi M.

Scotto PubblicitĂ Livorno

Assistenza navi e disbrigo pratiche marittime e da diporto

Livorno - Via Pian di Rota, 7 Cell. 335 7851655/6 e-mail: info@g-s-p.it


Campionati regionali

Ultima gara della stagione i Campionati regionali toscani di lotta olimpica stile libero svolti a Cascina a dicembre. Il Gruppo Lottatori Livornesi si è presentato al gran completo dando battaglia a tutti gli avversari. I ragazzi sono tutti saliti sul podio; di seguito i risultati. Categoria bambini (fino a 10 anni): kg 24 Capezzoli Filippo 1º class., kg 30 Butteri Alessio 1ºclass., kg 34 Guccini Vassily 1º class., kg 40 Volpi Leonardo1º class., Da Valle Mattia 2ºclass., kg 38 Jamil Fatj 1º class., Perullo Leonardo 2º class.. Ragazze kg 34 Corso Elena 2a class..

I risultati ottenuti nel 2011 danno conferma della qualità degli allenamenti svolti dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “Gruppo Lottatori Livornesi” regolarmente affiliata alla FIJLKAM. Potete trovarci presso la palestra Sport Combat club di via Firenze n. 128, dove gli allenatori Federali Mauro Puccini, Antonio La Bruna e Igor Nencioni, con molta passione, svolgono corsi di Lotta Olimpica maschile e femminile per bambini, ragazzi e adulti, agonisti e amatori, cercando di far crescere sempre di più la lotta olimpica nella nostra città e in Italia. Per contatti: www.gruppolottatorilivornesi.it Siamo anche su Facebook, se volete inviarci una mail: gruppolottatorilivornesi@virgilio.it

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Lotta giovanile: 34 kg De la Rosa Polanco Ronaldi 1º class., Matteini Alessio 2º class., 38kg Perini Federico 3º class. Categoria senior: 60 kg Giacomo Corso 1º class., kg 74 Frassinelli Daniele 2º class., kg 84 Ferri Marco 2º class., Cicconofri Emiliano 3º class., Ceccardi Matteo 5º class., 96 Kg Nencioni Igor 1º class., Senzacqua Dario 2º class., 120 kg Dario Corso 1º class. Questa la classifica per società. Categoria bambini/lotta giovanile: 1º Gruppo Lottatori Livornesi, 2º Popeye club Livorno, 3º VV.F. Pisa, 4º VV.F Firenze; Categoria senior: 1º VV.F. Pisa, 2º Gruppo Lottatori Livornesi, 3º Popeye club Livorno, 4º VV.F. Firenze. Tutto ciò a conferma della bontà del lavoro dei tecnici federali Mauro Puccini, Igor Nencioni e Antonio La Bruna.

Campionati interregionali di Firenze

177


Antonio La Bruna Fra passato olimpico e presente da tecnico ci racconta la nuova avventura sportiva condivisa con Igor Nencioni e Mauro Puccini Seniores, argento e oro nel 1979 e 1983 ai Campionati Europei Seniores Market Championship. Quarto posto ai Campionati Europei Seniores del 1981 e 1982 e quinto posto nel 1983 e nel 1987. Ho vinto due volte la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo nel 1979 e nel 1983 e l’oro al Torneo Internazionale Milone del 1977 nella classe juniores, al Torneo Internazionale Juniores di Vevey nel 1978, al Trofeo Internazionale Seniores di Mosca nel 1980, al Torneo Internazionale Seniores Skopje nel 1980, al Torneo Internazionale Seniores 6 Nazioni nel1982, al Torneo Internazionale Seniores Milone nel 1985, al Torneo Internazionale Seniores Akropolis nel 1986 e al Torneo Internazionale Seniores

Iasar Dogu nel 1989. L’argento l’ho invece conquistato al Gran premio d’Austria Juniores nel 1978, al Torneo Internazionale Seniores Atene 1979, al Torneo Internazionale Seniores Milione 1988. Il bronzo è arrivato al Torneo Internazionale Seniores Mosca nel 1980, al Torneo Internazionale Seniores a Struga nel 1981 e al Torneo Internazionale Seniores Milone nel 1981. Complessivamente ho conquistato nove titoli italiani assoluti, infine, nel 2011, dopo 20 anni di inattività, ho ottenuto il Bronzo ai Campionati del Mondo Master” . Come ti sei avvicinato alla lotta? “Vengo dal pugilato, dove avevo già vinto la mia prima medaglia d’oro ai giochi della gioventù. All’età di 14 anni, dopo varie insistenze, mio padre riuscì a portarmi a vedere cos’era la lotta. Avevo delle resistenze perché, come la maggior parte delle persone, pensavo fosse uno sport violento e temevo di farmi male. Arrivato nella palestra dei V.V.F. sezione porto di Livorno, assistetti ad un incontro e fu subito amore a prima vista, rimasi affascinato perché vidi il campione italiano dell’epoca, di 48 chili, che lottava con uno di 90 ed il combattimento era alla pari. Dentro di me pensavo che non sarei mai riuscito ad imparare quelle tecniche bellissime che avevo visto. Iniziai a praticare la palestra e dopo appena un mese di allenamento, il mio istruttore dell’epoca Dino Bianchi, disse che ero dotato e mi portò a fare i Campionati ita-

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

numeri sono in crescita, sempre più giovani si rivolgono alla lotta per cercare la loro strada sportiva. Per questo motivo tre importanti lottatori labronici hanno deciso, da circa un anno, di fondare una nuova associazione che hanno chiamato Gruppo Lottatori Livornesi. Stiamo parlando di Antonio La Bruna, Igor Nencioni e Mauro Puccini, tutti allenatori federali che si sono divisi i ruoli per meglio assistere gli atleti di ogni età, che decidono di dedicarsi a questa disciplina. Antonio La Bruna si occupa della preparazione tecnica, Igor Nencioni è più concentrato sulla preparazione muscolare, mentre a Mauro Puccini è affidata la preparazione atletica. Ad introdurci nella palestra Sport Combat Club in Via Firenze n. 128, dove lo staff opera è Antonio La Bruna, ma prima ripercorriamo sinteticamente il suo curriculum sportivo. “Ho partecipato alle Olimpiadi del 1980 a Mosca e del 1984 a Los Angeles, classificandomi rispettivamente al decimo e al sesto posto. Nel 1982, ho ottenuto il decimo posto ai Campionati Mondiali

179


vidui e comunque trasmettere fiducia, sicurezza, entusiasmo”. L’esperienza più bella come tecnico? “Come tecnico sono ancora agli albori, ma insieme ad Igor e Mauro, iniziamo ad avere grosse soddisfazioni dai ragazzi e l’esperienza più bella, per adesso, visto che è circa un anno che abbiamo aperto i battenti, è stata vedere i nostri ragazzi sul gradino più alto ai Campionati Regionali, personalmente sono molto soddisfatto anche quando vengono per aggiornarsi, atleti da altre palestre e da quel che mi dicono, dopo poche lezioni, riescono a capire mosse che pensavano non potessero far parte del loro bagaglio tecnico.

Per me sono importanti conferme, che mi fanno molto piacere”. Quando si può iniziare a fare lotta? “Prima si inizia e meglio è, io personalmente preferisco bambini dai 10 anni in su ”. Quali caratteristiche deve avere un ragazzo per praticare questa disciplina? “Prima di tutto deve avere le motivazioni giuste, queste sono importantissime. Talvolta riesce a raggiungere migliori risultati un ragazzo molto motivato che accetta i sacrifici che la lotta impone, piuttosto di uno più dotato, ma meno disposto ad impegnarsi, inoltre, per essere un buon lottatore, occorrono altre qualità indispensabili come: resistenza, velocità, agilità, flessibilità, forza e capacità tattica. L’importante comunque per i ragazzi è andare in palestra, fare gruppo e divertirsi, poi quelli più dotati, con l’impegno, raggiungeranno i risultati meritati, ma senza discriminare gli altri”. Un sogno nel cassetto come tecnico? “Portare un ragazzo sui gradini del podio a una manifestazione importante come Olimpiadi, Mondiali o Europei”. Cosa può dare la lotta sotto il profilo pedagogico? “Dal punto di vista educativo la lotta è molta importante, perché ti pone di fronte a degli ostacoli e ti insegna a non aggirarli e oltretutto, essendo uno sport individuale, non puoi scaricare le responsabilità su nessun altro oltre a te e questo, secondo me, fa maturare molto, facendo crescere l’autostima. Con i ragazzi, in base alle loro possibilità, vengono prefissati dei traguardi raggiungibili, cerchiamo di far capire loro che per arrivarci bisogna lavorare duramente, tutte cose che li torneranno utili anche nella loro vita di adulti”. È uno sport violento? “No, anche se è uno sport di contatto fisico, insegna a rispettare le regole e essere corretto e leale con l’avversario”. a.d.v.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

liani dove arrivai secondo, nonostante la bronchite che mi tormentava da un po’ di giorni”. Come è avvenuto il passaggio da atleta ad allenatore? “Nel ’93 ho terminato la carriera agonistica e in quel periodo Vittoriano Romanacci, propose e ottenne dalla Federazione di aprire un C.A.S. a Livorno (centro alta specializzazione). Date le mie qualità tecniche e la capacità che ho di stare con gli altri mi offrì di fare l’allenatore. Assunsi questo compito per un anno, poi smisi, non ero ancora pronto per allenare i ragazzi, perché mi sentivo ancora troppo atleta. Per un po’ di anni sono stato al di fuori dell’ambiente e questo mi è servito anche per maturare questa scelta. Tre anni fa ho ripreso l’attività con l’entusiasmo e l’energia giusta. Adesso mi piace stare con i ragazzi, relazionarmi con loro, motivarli, trasmetterli quello che so”. Quanti corsi avete? “Abbiamo corsi per tutte le fasce d’età a cominciare dai 6 agli 8 anni, dagli 8 ai 10, dai 10 fino ai 13 e poi gli adulti e i Master. Nonostante sia poco tempo che abbiamo aperto la palestra abbiamo già avuto buoni risultati e nel 2011 abbiamo vinto il Campionato regionale per società”. Quanto vi allenate? “Fino a 13 anni tre volte alla settimana, oltre questa età tutti i giorni, anche in funzione degli impegni scolastici e di lavoro che i nostri atleti hanno”. Qual è la cosa più importante che un tecnico deve saper trasmettere ai ragazzi? “Il compito dell’allenatore non è un compito facile, perché deve essere in grado di miscelare qualità tecniche, tattiche, educative e psicologiche. Negli anni in cui ho girato il mondo come atleta, ho visto diversi metodi per interagire con i ragazzi, spesso molto diversi tra loro. Secondo me è molto importante tener conto dell’età degli indi-

181


F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Torna a Livorno un titolo italiano per categoria

182

P

er incontrarlo basta andare nella sua palestra, il Popeye Club e cercarlo fra i più giovani. Da quando Riccardo Niccolini ha lasciato l’agonismo, prima nella lotta e poi nel braccio di ferro, si dedica anima e corpo all’insegnamento, ed i risultati si sono visti anche nel 2011 e nei primissimi mesi del 2012. Attualmente il fiore all’occhiello della palestra è Simone Iannattoni 14 anni, che nel 2011 è arrivato secondo al Campionato giovani, ha vinto il Trofeo internazionale per Club di Trieste e poi quello di Bergamo, ma la grande vittoria è arrivata con l’inizio del 2012 con la conquista del titolo di campione italiano nella categoria esordienti 73 chili. “Una categoria -ci spiega Niccolini- che va dai 13 ai 15 anni. Nel 2012 partecipe-

Le nuove leve del Popey Club rà anche al Campionato italiano nella categoria cadetti che è quella superiore Credo che presto sarà chiamato nella nazionale perché è il più forte, veramente molto bravo. Era molto tempo che a Livorno mancava un titolo italiano per categoria, e averlo riportato con Simone è una bellissima soddisfazione”. Molto bravi anche gli altri atleti della palestra, come Riccardo ricorda: “Mio figlio Davide è arrivato terzo fra i giovani ai Campionati di Lotta Greco Romana e secondo al Gran Premio di Libera. In ogni gara ha sempre fatto un buon risultato. Ha 13 anni e compete fra gli esordienti A. Abbiamo poi Gigi Annarelli che ha 14 anni, è un esordiente B ed ha conquistato il 2° posto al Gran Premio di stile libero kg 53. Saverio Ceccarini è nella categoria ragazzi, ed ha vinto il Gran Premio Giovani”. Bravissimi anche i bambini con Gabriele Niccolini di 27 chili che ha conquistato il primo posto al Trofeo internazionale di Bergamo battendo in finale un ungherese. “È stata una bella soddisfazione –sorride il padre - perché per la prima volta ha fatto un incontro internazionale”. Riccardo Niccolini ha fatto la scelta di seguire i più giovani “Stiamo crescendo –conclude- i nostri ragazzi sono tutti in cima alle classifiche nazionali nelle loro categorie, mentre a livello giovanile abbiamo una delle squadre più forti d’Italia, lo dimostra il fatto che siamo

arrivati sempre in zona medaglie. Come società nel 2011 nelle classifiche nazionali abbiamo conquistato il 47° posto, mentre siamo primi nella graduatoria regionale. È veramente un risultato di grande soddisfazione per una società piccola come la nostra”.

Nel 2011 Riccardo Niccolini ha avuto anche il bel riconoscimento di essere fra i Campioni Livornesi che hanno rappresentato la città nel film voluto dagli Azzurri d’Italia girato da Rossano Vittori. A lui lasciamo la parola perché possa ricordarci la sua carriera di campione


Simone Iannattone durante gli allenamenti alla palestra Popeye Club

vincitori avrebbero fatto le comparse nel film Over The Top di Silvester Stallone. Superai le selezioni e trascorsi 15 giorni a Las Vegas per le riprese. Nel ’86 sono arrivato secondo ai Campionati italiani, mentre nel ’88, ’89 e ’90 mi qualificai secondo al Campionato del mondo e primo agli europei. I mondiali gli ho vinti nel ’91 a Tel Aviv e poi mi sono ritirato per dedicarmi all’insegnamento”. E come abbiamo visto i più giovani stanno dando tante soddisfazioni a Riccardo, che con costanza continua a prepararli, consapevole che questa disciplina può regalare loro: “La sicurezza in se stessi e la fiducia quando stanno con gli altri. Inoltre, lavorano per costruire una buona struttura fisica, si divertono molto e sviluppano anche capacità intellettive legate al dover avere una reazione immediata dopo un’azione”. Del resto, se non fosse così, non lo farebbe praticare anche ai suoi due figli.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

nella lotta e poi nel braccio di ferro: “Ho iniziato le prime gare a 14 anni, mentre oggi ci sono competizioni già per i bambini di 10. Fin da piccolo mi sentivo portato per questa disciplina, inizialmente ho provato con il pugilato, ma dopo un anno sono approdato alla lotta libera. Iniziai con un gruppo di 15 ragazzi del mio quartiere e dopo pochi mesi rimasi il solo a frequentare il corso. Mi trovavo a mio agio, feci subito dei risultati ed ebbi la fortuna di incontrare Vittoriano Romanacci, il miglior allenatore che questo sport abbia mai avuto. Nel ’74 arrivai secondo al Campionato italiano juniores, nel ’75 fui il primo atleta a vincere nello stesso anno il Campionato italiano juniores, il Campionato italiano senior e la Coppa italiana assoluti e nel ’77 ho avuto la prima esperienza internazionale con il campione del mondo senior. Lasciai il lavoro per potermi allenare due volte al giorno e nel ’78 ebbi la borsa di studio della federazione che a quel tempo si chiamava Filpj. Lo stesso anno conquistati la medaglia d’argento ai giochi del mediterraneo e al trofeo del Mec e nel ’79 ho vinto i Campionati assoluti. Dai 18 ai 24 anni ho partecipato a 50 gare internazionali qualificandomi sempre fra i primi posti. Nel 1980, quando

non avevo ancora 22 anni, arrivai settimo alle Olimpiadi di Mosca, da allora incominciai ad allenarmi per le olimpiadi seguenti, ma nel ‘83 ebbi un incidente stradale durante il quale mi ruppi la gamba in diversi punti”. Quando Riccardo arrivò all’ospedale non si prodigarono molto con le cure, perché erano convinti che in poche ore sarebbe morto, ma le cose non andarono così, la sua tempra e probabilmente anche la sua determinazione lo hanno fatto vivere, anche se l’incidente gli ha causato gravi conseguenze limitando la sua carriera di sportivo: “Ho perso i muscoli del polpaccio e un pezzo del piede -continua- ricominciai ad allenarmi, con la speranza di recuperare, ma mi accorsi subito che i livelli, pur essendo buoni, non sarebbero più stati quelli di prima, così mi sono ritirato dall’agonismo. Ho comunque intrapreso un’altra strada e nel ’85 ho partecipato ed ho vinto la prima gara italiana di Braccio di Ferro a Salerno. L’anno dopo lessi sul giornale che facevano una selezione per chi praticava questo sport; i

183


Per frequentare corsi di:

Body mind Step

Ginnastica pugilistica Ginnastica posturale Lotta libera per adulti Lotta libera per bambini Brazilian JiuJitsu Ginnastica pre-atletica Zumba

Scotto PubblicitĂ Livorno

Walk


Braccio di ferro Forza, resistenza e velocità per essere campioni di Braccio di Ferro e i suoi dieci titoli italiani di Antonella De vito

Daniele sul primo gradino del podio con il figlio Bryan

M

isurano la loro forza su un apposito tavolo, mettendo in campo tecnica, preparazione atletica, resistenza e velocità. Per dieci volte campione italiano, oltre ad aver conquistato altri titoli internazionali, Daniele Sircana, 35 anni, è oggi uno dei punti di riferimento di questa disciplina a livello nazionale. Come hai iniziato? “Da piccolo ho fatto tanti sport e dai 14 ai 17 anni ho vogato nel mini palio, ma decisi, per vari motivi, di prendermi un po’ di pausa e cominciai a frequentare il Popeye Club di Riccardo Niccolini, in attesa di ritornare a vogare. Andando in palestra mi capitò di provare a fare Braccio di Ferro, Riccardo mi vide e mi disse che secondo lui ero portato.

Così decisi di dedicarmi a questa disciplina allenandomi per un anno con intensità e poi cominciai a gareggiare. Al primo incontro agli italiani mi qualificai subito secondo”. Come hai proseguito? “Ho continuato ad allenarmi migliorando sempre più. Nel 2001 sono diventato il responsabile del settore, preparo i ragazzi, mi occupo delle manifestazioni e tutto quello che richiede questa disciplina”. Riassumiamo brevemente il tuo curriculum sportivo? “Ho esordito nel 1993 e fino al 1998 ho attraversato un periodo di formazione, perché non riuscivo a raggiungere la massima espressione, che si ottiene solo dopo molto lavoro. Sono comunque partito bene e nel ’96 -’97 mi sono qualificato secondo nella categoria degli 80 kg e 3° negli assoluti agli italiani. Agli europei del ’96 sono arrivato 5°. Finalmente nel 1998 ho vinto il mio primo titolo italiano nella categoria 75 kg e 3° negli assoluti. Nel ’99 ho vinto ancora gli italiano nella categoria 95 kg e terzo negli assoluti. Ancora primo nel 2000 negli 80 kg e nel 2001 nei 100. Mentre negli assoluti mi sono piaz-

zato 5° nel 2000 e 3° nel 2001. Il mondiale del 2001-2002 mi ha visto settimo negli 85 kg ed ancora primo agli italiani nei 95 kg. Nel 2003 è arrivata la vittoria, oltre che agli italiani di categoria nei 90 kg, anche negli assoluti. Un anno il 2003 durante il quale ho vinto tutte le gare a cui ho partecipato. Da questo momento ho continuato sempre con buoni risultati, piazzandomi in ogni gara nei primi posti, fino al 2011 quando ho conquistato il mio decimo titolo italiano. Ho avuto poi molti riconoscimenti e titoli internazionali”. Qual è l’età migliore per iniziare? “Consiglierei di non cominciare prima dei 14 anni. A questa età si può intraprendere la disciplina, ma con un buon allenatore, perché è un momento particolare nella cresci-

S.B.F.I.: Sezione Braccio di Ferro Italia

Daniele Sircana

Daniele festeggia il decimo titolo italiano

185


S.B.F.I.: Sezione Braccio di Ferro Italia 186

ta di un ragazzo, bisogna stare attenti che non si faccia male e seguire tutto lo sviluppo muscolare. Io alleno mio cognato che è stato campione juniores e quest’anno è arrivato secondo agli italiani. Abbiamo iniziato a lavorare insieme quando aveva 15 anni ed era un po’ sovrappeso; l’ho fatto dimagrire, l’ho accompagnato nella preparazione tecnica e atletica e adesso sta andando bene, ma è cresciuto con il giusto metodo di allenamento”. La soddisfazione più bella? “Sono due. La prima quando ho vinto l’assoluto, diventando così l’uomo più forte d’Italia. L’altra è stata quest’anno con la vittoria in casa, perché montare sul podio davanti a mio figlio mi ha dato molta soddisfazione”. Una cosa da dimenticare? “A livello agonistico non c’è, perché qualsiasi esperienze è comunque formativa per la carriera”. La cosa più bella che ti dà questo sport? “Basta vedere una gara per comprendere quanta sportività c’è nei nostri incontri. Dopo lo sforzo e l’impegno della gara, c’è sempre una stretta di mano o un abbraccio con l’avversario, che ti fa capire tutta la stima esistente fra gli atleti. Ci sono poi dei legami di amicizia che nascono all’interno di questa disciplina e che ti danno tanto. Ora che sono anche tecnico le soddisfazioni sono ancora maggiori quando vedo i miei atleti che portano titoli a casa e si impegnano in quello che fanno”. Un sogno nel cassetto?

“Vincere un mondiale, ma è un sogno irrealizzabile per i livelli a cui siamo arrivati oggi. Mentre un sogno più reale, se pur molto difficile, sarebbe quello di portare il professionismo in Italia. Mi piacerebbe vedere una forma di contributo verso atleti che si allenano seriamente anno dopo anno, senza mai smettere e con massima serietà”. Qual è la caratteristica più importante che deve avere un atleta per fare questo sport, sia a livello fisico che mentale? “La cosa più importante è l’atteggiamento mentale. Ci vuole molta passione, voglia di allenarsi, di soffrire, voglia di non rinunciare all’esercizio in più, al sacrificio in

più. Adesso fra Livorno e provincia ho una ventina di atleti più un’altra decina che viene da fuori per allenarsi con me, e a tutti loro dico che non importa quanto sono deboli nel momento, ma conta quanta voglia di allenarsi avranno nel tempo. Infatti, adesso sono tutti molto contenti, hanno visto i miglioramenti e qualche risultato, che non è facile raggiungere perché oggi vi è una grande concorrenza in questa disciplina. Bisogna incoraggiarli molto, far sì che non si fermino alle prime esperienze che possono essere negative”. Qual è la vostra federazione? “L’unica Federazione al mondo che fa il Campionato Mondiale è la Waf che vigila sulle federazioni di tutti gli stati che possono mandare i loro atleti al campionato del mondo. In Italia più di una volta si sono create due federazioni che facevano i loro campionati italiani, ma l’unica vera federazione italiana riconosciuta dalla Waf è la Sbfi (Sezione Braccio di Ferro Italia). Negli anni la Sbfi ha sentito l’esigenza di appoggiarsi su enti più forti, cercando di ottenere più risultati, attualmente siamo con lo Csen”. Raccontaci la tua esperienza di tecnico? Che tipo di gruppo hai? “Ho un gruppo molto misto. Il più giovane ha 16 anni e il più grande che fa parte dei master ha più di 40 anni”. La fascia più difficile da allenare? In questa pagina Daniele Sircana durante le gare degli italiani 2011, dove ha vinto il suo decimo titolo italiano


“La mia età. Prendere un ragazzo giovane e dargli degli obiettivi è molto facile, anche se durante l’adolescenza ci possono essere molte distrazioni. La fascia più difficile è quella composta dai ragazzi della mia età, perché per loro è più difficoltoso trovare degli obiettivi, spesso pensano erroneamente che i risultati che potranno ottenere sono pochi, insomma sono un po’ disillusi. Pensano di non poter dare altro, hanno paura di fare brutte figure. Ci vuole un po’ di lavoro per fargli capire che non è così”. Qual è la soddisfazione più bella che ti hanno dato i tuoi atleti? “Vorrei citarne almeno tre. Prima di tutto ogni ragazzo che non ha mai vinto un incontro e che finalmente raggiunge un risultato: vedere la sua espressione è una bella soddisfazione. Altra cosa importante è stato allenare Valerio Rossi uno dei più forti allievi che ho avuto, mi ricordo ancora quando qualche anno fa vinse gli italiani nei senior e venne ad abbracciarmi. Ed infine, una bellissima soddisfazione l’ho avuta lo scorso anno nel vedere vincere mio cognato Tommaso Marchiò al Campionato italiano juniores quando aveva 16 anni”. Quale sport preparatorio si può fare in attesa di avere l’età giusta per cominciare?

“Tutti gli sport dove avviene un lavoro di trazione sulle mani e sugli avambracci, sport di combattimento con prese, come judo, lotta libera, jujitsu, ma anche canottaggio dal quale io vengo”. Di media quanto ci si deve allenare? “L’allenamento va in base alla persona, rispetto anche alla sua età sportiva. Io quando ho iniziato mi allenavo anche 5 volte alla settimana, e spesso per due volte al giorno. Ma questo è una cosa che posso pretende da un ragazzo giovane, che non ha infortuni addosso. Con la crescita bisogna valutare con attenzione, pesare quanti anni di agonismo sono stati fatti e regolare l’intensità degli allenamenti, diminuendoli un po’”.

Un atleta mito? “Io sono nato nel mito di Riccardo Niccolini, adesso aggiungo a lui anche John Brzenk, che è stato uno degli atleti più forti al mondo”. Progetti per il futuro? “Prendermi una pausa come atleta per stare con mio figlio, ma continuare a fare con molta cura il tecnico. Poi penserò se riprendere l’agonismo o meno”.

S.B.F.I.: Sezione Braccio di Ferro Italia

Premiazione dei migliori d’Italia nelle varie categorie

Daniele Sircana con suo figlio Bryan

187


L

Karate L’Associazione Sportiva Karate Livorno ed i suoi atleti di punta Anche il paralimpico nelle arti marziali giorni. I risultati dell’associazione Sportiva Karate Livorno sono stati buoni perché si sono qualificati nella categoria 55 kg Francesco Matteini 2°, nella categoria 70 kg Alessandro Lazzeri con un 3° posto e nei 76 kg, per la secondo volta, Nico Cialandroni ha conquistato il titolo. Ormai da due anni il karate partecipa al progetto “Arcobaleno” dedicato ai bambini migranti in collaborazione con il Coni provinciale. Un’attività molto importante, perché i ragazzi oltre all’attività ludico motoria sono coinvolti in un programma di socializzazione. Le spese associative per questi atleti sono pagate dal Coni, mentre le federazioni forniscono le tute, spesso ritirate ai bambini più grandi che per motivi di crescita devono cambiarle. Fra gli eventi sportivi didattici sono da ricordare i due stage tenuti da Luigi Busà, delle Guardie Forestali,

Foto di gruppo: Agostino Costantini, il Maestro Maurizio Baldi, Mattia Caracciolo, Matteo Anglano, Alessandro Lazzeri. Accosciati: Rico Simonetti con la figlia Giulia, Handonui Wassim, Filippo Ciolli, Nico e Nicolas Cialandroni e Chiara Simonetti

atleta di punta della nazionale. Ed infine, non sono mancati i momenti puramente ludici con le feste per la fine dell’anno e per il termine dei corsi a giugno, nelle quali sono stati coinvolti anche i genitori.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

e cinture nere dell’Associazione Sportiva Karate Livorno hanno iniziato il 2011 in salita, con un po’ di difficoltà ad inizio anno, quando hanno mancato i risultati alla gara di Firenze per la qualificazione nazionale degli assoluti. I due atleti di punta dell’associazione Alessandro Lazzeri e Nico Cialandroni non sono rientrati nelle finali perdendo una buona occasione. Ma le cose sono migliorate a primavera con la Coppa Toscana dove nei 76 Kg Nico Cialandroni ha conquistato il terzo posto per categoria. Ancora meglio sono andate le cose nel Trofeo Arcobaleno che si è svolto a ottobre dove gli atleti hanno portato a casa tre primi posti fino alla cintura blu, fra questi: Agostino Costantini nel Kata Maseter e Giulia Nazzarri nel Kumite femminile, Mattia Caracciolo. Mentre Nico, prestato all’Athletic Club in Coppa Toscana, ha raggiunto una qualificazione per il 1° e il 2°posto. Lo sport è anche solidarietà, condivisione, superamento dei limiti ed anche il karate su questa strada ha sposato i valori del paralimpico partecipando a gennaio al primo Campionato italiano dell’ente di promozione Csen, organizzato dal Cip (Comitato italiano paralimpico), durante il quale si è qualificato nel Kata Filippo Ciolli atleta dell’Associazione Sportiva Karate Livorno. Alla fine dell’anno si sono svolti i Campionati nazionali Csen, dove c’è stata una grande affluenza con 1.500 atleti sia nel Kata che nel Kumite, divisi su due

Un gruppo di preagonisti

189


L

Maurizio Baldi La lunga storia sportiva del maestro ho lasciato il Budokan Portuali e sono stato un anno all’associazione sportiva della Guardia di Finanza e dopo con Biagi Vivano sono passato al Colosseum, dove ho allenato per 7 anni. Nel frattempo avevo acquisito i gradi di 5° Dan ed ero diventato istruttore, così quando ho rincontrato Rico, il figlio del maestro Carlo Simonetti, ottimo atleta e tecnico, ho deciso con lui di rifondare il Karate Livorno nel 2008 e di ritornare nella mia società” di appartenenza”. La soddisfazione più bella avuta come tecnico? “Avendo conosciuto diverse associazioni posso dire di aver avuto quasi tutte le punte di diamante di oggi. Atleti con i quali ho lavorato molto, infatti per fare un buon agonista occorrono almeno 5 anni di impegno e allenamenti. Ad esempio posso ricordare Stefano Lunghi, Giacomo Melani, Nicola Spadone, Christian Barriale, Alessandro Lazzeri e Nico Cialandroni”. Oggi hai anche un incarico Federale. “Dal 2012 rappresenterò la Federazione a livello provinciale, sono infatti stato nominato referente del karate. Mi impegnerò per risolvere i problemi del nostro territorio, ho già preparato un programma da seguire. Cominceremo ad incontrarci per confrontarci: il nostro settore è stato un po’ tralasciato e spero adesso, con la mia nomina, di ridare vigore a questo sport e poter riportare ‘i numeri’ che

Foto di gruppo: Natale 2011 (Babbo Natale consegna i regali agli atleti preagonisti)

un tempo hanno fatto grande il karate a Livorno. La partecipazione numerosa non deve essere un’esclusiva per pochi sport, anche il karate potrà averla nuovamente se facciamo una buona promozione”. Il tuo sogno nel cassetto come tecnico? “Vedere questa disciplina ufficialmente alle Olimpiadi. A livello mondiale la WKF Word Karate Federation conta 20 milioni di praticanti e non è poco, il karate si merita un posto nell’Olimpo. Ma ho anche un altro sogno, mi piacerebbe riportare a Livorno la vittoria del Campionato Italiano a squadra che è una delle competizioni più ambite. Nel ’77 il Karate Livorno conquistò il primo posto nel podio in serie A”. In serie A? “Sì, all’epoca vi erano dei circuiti, proprio come le squadre di calcio che hanno la serie A, B ecc. Era una organizzazione molto stimolante, perché ti spingeva di anno in anno a progredire per poter affrontare il circuito superiore ed incontrare solo le migliori società d’Italia. Se tornasse questo tipo di divisione ne sarei molto contento, perché credo che farebbe bene alla nostra disciplina. Le piccole società spesso si confrontano con grossi gruppi sportivi, come quelli militari, che per ovvie ragioni sono molto più forti e avvantaggiati, la divisione a circuiti permetterebbe di primeggiare anche a piccole società che potrebbero confrontarsi con atleti di pari livello”.

Lignano Sabbiadoro 26/27 novembre 2011 - Campionato nazionale C.S.E.V. Rico Simonetti con Chiara Simonetti, Maurizio Castellano, il Maestro Maurizio Baldi, Francesco Matteini (2° class. kg 55), Diego Cialandroni, Alessandro Lazzeri (3° class. kg 70), Nico Cialandroni (1° class. kg 76) con Nicolas Simonetti

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

a sua storia sportiva personale ricalca un po’ la storia del karate livornese e per questo può essere considerato uno dei karateca labronici più conosciuti. Ascoltiamo direttamente dalla sua voce la carriera sportiva di Maurizio Baldi distintosi prima come atleta e poi come tecnico. “Pratico questa attività dal 1971 quando con il Budokan Portuali e il M° Alessandro Fasulo, mi avvicinai per la prima volta al karate. Dopo pochissimo tempo si unì a noi il maestro Carlo Simonetti. Con lui mi distaccai, nel settembre dello stesso anno, per fondare il Karate Livorno. Con questa società (KARATE Livorno) sono stato Campione italiano a squadre serie A/76, vice Campione italiano a squadre serie B/75, vice Campione di categoria kg 65/anno 77, 1° classificato Coppa Italia 76. Più volte ho fatto parte della Rappresentativa regionale toscana e per tre volte il Titolo toscano di categoria kg 65. Nel 75 ho fatto parte della Nazionale per gli Europei seniores di Brema/Belgio e nel 77 agli Europei seniores Parigi Come hai proseguito? “Nel 1986 ho cessato l’attività perché mi sono dedicato all’equitazione, l’altra disciplina che amo tantissimo, ma nel 1997, per caso, rincontrai il maestro Simonetti e mi convinse a ricominciare l’attività con lui, ritornando alla società Budokan dove ero nato. A quel tempo ero cintura nera 2° Dan ed ufficiale di gara ed insieme facemmo un buon percorso, coinvolgendo anche vecchi compagni di un tempo, come Giovanni Vivaldi, che rincontrammo sulla nostra strada. La società Budokan era rimasta con pochi atleti e noi tre, con l’aiuto di Ivo Martinelli, quarto tecnico, abbiamo costruito un buon gruppo. Dopo diversi anni

191


Scotto PubblicitĂ Livorno


Athletic Club: l’associazione sportiva che ha portato a Livorno lo studio e la pratica delle arti marziali Corsi per tutte le età dai giovanissimi ai master

e praticati il Judo, Maestro Marianucci Sergio III Dan, il Ju-Jitsu Maestro Carpenè Marino e l’Aikido, che oltre al Karate rappresenta il settore più numeroso della palestra ed è il fiore all’occhiello dell’Athletic Club. Il settore agonistico è guidato dal Maestro Biagi Viviano cintura nera VI Dan nonché responsabile del settore regionale per il karate tradizionale di alta specializzazione, coadiuvato dal Maestro Bruno Giusti Cintura nera V Dan, con ottimo passato da atleta agonista. Il tutto sotto la supervisione tecnica del Maestro Alfredo ‘’Bibi’’ Gufoni cintura nera VIII Dan e dal direttore sportivo Domenici Vittorio cintura nera III Dan di judo e I Dan di karate. Da sottolineare che l’Athletic Club, insieme al Budokan Portuali, al Karate Livorno, al 187° Reg. paracadutisti Folgore, all’associazione sportiva Holimpo e alla palestra Club Sport Collesalvetti sono affiliate alla FI-

JLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali) che è la sola federazione in Italia che è riconosciuta dal Coni e che con il judo e la lotta ha conquistato medaglie alle Olimpiadi. La società ha aderito anche al progetto ‘’arcobaleno’’ voluto dal Coni provinciale per l’inserimento di bambini e ragazzi, figli di migranti nati in Italia. Come è già stato detto il karate può essere intrapreso da atleta giovane o vecchio che sia. La palestra Athletic Club Livorno offre corsi per tutti, dai bambini o ragazzi più piccoli con età media compresa fra 5 e 13 anni, passando ai più grandi con età tra i 14 e 36 anni che si dividono in 2 corsi: agonisti e non agonisti. Arrivando agli over 36 i cosiddetti “Master’’ i quali non sono più in attività agonistica.

Athletic Cub Livorno, una realtà di oggi nel karate labronico. Una società che per quanto riguarda il settore agonistico anche oggi è composta da atleti di alto profilo, che ogni anno prendono parte a competizioni di tipo regionale, interregionale, nazionale e internazionale.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

I

l karate è uno sport da combattimento basato su sani principi, ma prima ancora di questo è un’attività completa ed una filosofia di vita. Allo stesso tempo è arte e disciplina, rafforza il corpo e lo spirito. È un eccellente esercizio per la coordinazione, insegna la respirazione diaframmatica (naturale), sviluppa un’eccezionale prontezza di reazione e un grado elevato di attenzione. Offre tecniche di parata e attacco a corta e lunga distanza, tecniche di spazzata e proiezione, è una delle discipline più complete in assoluto. Una delle caratteristiche più singolari del karate è che può essere intrapreso da chiunque: giovane o vecchio, forte o debole, maschio o femmina. È ottimo a livello formativo perché insegna il rispetto per gli altri e per il mondo che ci circonda, sviluppa grande autocontrollo ed equilibrio psicofisico. In questa pratica il maestro educa l’allievo a coltivare un sentimento importante: IL RISPETTO. È consigliabile cominciare a praticare karate fin da piccoli perché è uno sport ad alto tasso tecnico, richiede quindi molta pratica, tempo ed esercizio, perché un atleta si formi sotto il profilo agonistico. Sono trascorsi 45 anni dalla nascita dell’Athletic Club Livorno, la prima associazione sportiva che in città ha iniziato lo studio e la pratica delle arti marziali. In questi anni diversi atleti hanno calcato la superficie dei tatami conquistando successi e medaglie sia a livello nazionale che internazionale. In questo importante sodalizio vengono insegnati

193


LIVORNO

Via del Mandorlo, 6 - Tel. 0586 401240 Chiuso mercoledì - con giardino

V.le Petrarca, 132 - Tel. 0586 853820 Chiuso lunedì

V.le Italia, 103/105 - Tel. 0586 803128 Chiuso mercoledì - Servizio a domicilio vincenzo.vitiello74@alice.it


Sul territorio italiano secondo la classifica nazionale definitiva 2011 l’Athletic Club Livorno si è classificata al 147° posto su circa 400 società. Questi i risultati dei suoi migliori atleti nella stagione 2011. Tutte le seguenti gare riguardano il Kumite (combattimento):

Filippo Lischi, Nicola Spadoni, M° Viviano Biagi, Christian Varriale, Nicola Daddi

Nicola Daddi II Dan

Campionati Italiani CSEN 2011 Varriale Christian 3° Class (-65 kg), Lischi Filippo 1° Class (-90 kg), Mannucci Anna 1a Class (-54 kg), Di Quinzio Melissa 1a Class (-45 kg). Dicembre Campionati Italiani assoluti a Squadre sociali 2011 La squadra labronica campione regionale va fuori al primo turno che l’ha vista subito opposta a una delle teste di serie, il gruppo sportivo “fiamme oro’’ della Polizia di Stato. La polizia perde in semifinale e la squadra labronica non viene così ripescata. La sede della palestra Athletic Club è in via Marradi 122, Livorno. Con allenamenti specifici ad alto tasso tecnico, nonché con duri sacrifici sostenuti dagli atleti agonisti, i risultati sinora ottenuti saranno sicuramente ed ulteriormente migliorati ed incrementati per l’attività agonistica del prossimo anno.

F.I.J.L.K.A.M.: Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali

Christian Varriale II Dan

Aprile 2° Trofeo Toscana (interregionale) Varriale Christian 2° Class (-67 Kg), Spadoni Nicola 3° Class (-75 Kg), Daddi Nicola 3° Class (-83 Kg), Mannucci Anna 3a Class (-54 Kg) Coppa Italia CSEN 2011 Varriale Christian 3° Class (-65 Kg), Spadoni Nicola 1° Class (-70 Kg), Lischi Filippo 2° Class (-90 Kg), Mannucci Anna 3a Class (-54 Kg). Settembre Campionati Regionali juniores 2011 Lischi Filippo 1° Class (-90 kg). Accede alle finale nazionali Ottobre Coppa Toscana 2011 Varriale Christian 1° class (-65 Kg), Daddi Nicola 3° class. (-83 Kg), Spadoni Nicola subisce un infortunio al 2° incontro ed è costretto ad abbandonare il tatami. La squadra composta da 5 pesi: Volpe Francesco (60 kg), Varriale Christian (67 kg), Spadoni Nicola (75 kg), Daddi Nicola (83 kg), Lischi Filippo (90 kg). Si classifica al 2° Posto. Novembre Campionati Regionali 2011 a squadre sociali Squadra composta da 7 pesi: Bachi Giancarlo (60kg), Volpe Francesco (65kg), Varriale Christian (70 kg), Ricci Alex (76kg), Cialandroni Nico (83 kg), Daddi Nicola (-90 Kg), Lischi Filippo (+90 kg). Si classifica al 1° posto, superando Sesto Fiorentino e Pisa, si laurea campione regionale e accede alle finali nazionali.

Un gruppo di atleti dell’Athletic Club

195


Scotto Pubblicità Livorno

• Possibilità di pagamento rateizzato a tasso 0

• Trattative dei danni con la compagnia assicuratrice gratuite

• Soccorso stradale per i primi 10 km gratuito

• Prezzi modici

• Macchina sostitutiva • Lavori garantiti 24 mesi • Assistenza con studi legali e medico-legali

• Cabina di verniciatura con nuovo sistema VERTA • Banco Diagnostic System Globaljig • Lucidatura con protezione al Teflon

• Abbiamo rinnovato le attrezzature con sistemi di alta tecnologia tipo: IRT 5000, impianto di essicazione vernici, ed altro


Il Maestro Daniele Angileri e il suo gruppo di karate allo Sport Combat Club Gli atleti dal 10 ai 25 anni scalano le classifiche Alessio Zoppardo, Mattia Sparacio, Leonardo Taliercio, Sara Gucciardo, Davide Aquilini e Luca Angeli, anch’essi sia nelle forme (kata) che nel combattimento (kumite), hanno sottolineato quella che

con l’intenzione di conquistare punteggi validi per arrivare agli assoluti di Rimini in aprile e contendersi il titolo italiano, hanno preso d’assalto le gare di Verona, Brescia, Modena con risultati

Un momento degli allenamenti

è la “potenza di fuoco” della palestra di via Firenze, che ha come obbiettivo il Campionato italiano per club. Molti sono stati i test di prova per affrontare i prossimi Campionati italiani come il Trofeo Rosignano, una raccolta di 300 atleti di solo karate dove i nostri ragazzi, anche in questo caso, hanno dato il meglio. A quest’ultima gara, si è aggiunta alla squadra, Sarina Rizzini che a soli 8 anni è una giovane campionessa al suo esordio nelle competizioni, distinguendosi subito “arrampicandosi” sul podio per il kata. Ormai partiti

eccezionali, in quanto: Simon, Fabiana, Leonardo, Alessio, Edoardo, Rachele e Mattia. sono a punteggio pieno nelle rispettive categorie, mettendo una seria ipoteca al titolo nazionale. La forza del gruppo di questa nostra palestra, non è solo merito dalla preparazione tecnica ed atletica, ma anche dall’unione stessa dei ragazzi, che formando un gruppo coeso, sebbene con un score d’età piuttosto lungo visto che si va dai 10 ai 25 anni, restano compatti, pronti a supportarsi gli uni con gli altri, in gara ed in palestra. Hanno preso con lo spirito giusto questa strada. Forza allora ed appuntamento alla conquista della Fiera del Fitness e Wellness di Rimini che sarà il teatro della finalissima per il titolo italiano WTKA. Sport Combat Club, ad un anno dalla sua apertura, fa già parlare di sé e del suo settore karate alla stregua delle palestre storiche, labroniche e non.

WTKA

L

a palestra Livornese Sport Combat Club di via Firenze, 128 ha spento la sua prima candelina il 12 marzo scorso, oltre alle numerose discipline di sport da combattimento, quali kick boxing, lotta olimpica, ju-jitsu, krav maga, pugilistica, submission westerling ecc.. ha anche il produttivo settore karate, diretto dal M° Daniele Angileri che nella sua trentennale esperienza nelle arti marziali, ha saputo costituire un gruppo di agonisti di diverse fasce d’età, questi ragazzi, preparati a dovere, sono stati accompagnati in molte competizioni di livello regionale, nazionale ed internazionale. Patiamo dalla Maratona Mondiale Open di arti marziali svoltasi a fine ottobre, a Marina di Carrara per conto della federazione internazionale WTKA, una kermesse con oltre 4000 atleti provenienti dai 5 continenti, Simon Botta (che è un atleta membro della nazionale maggiore WTKA) e Fabiana Gino nel combattimento (kumite) sono saliti sul gradino più alto del podio conquistando il titolo di Campioni mondiali WTKA, sul secondo gradino, Edoardo e Rachele Invernali per la disciplina kata tradizionali e con armi. Spenti i riflettori “mondiali”, senza perdere il ritmo, hanno ripreso gli allenamenti in vista degli eventi successivi, in questa nuova avventura i nostri ragazzi Simon, Fabiana, Edoardo, Rachele, questa volta affiancati dalle nuove leve:

197


S

ono tre gli esperti di arti marziali della Sezione Sportiva della Brigata Paracadutisti Folgore, regolarmente affiliata alla Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM) e alla Federazione Italiana Pancrazio Athlima (FIPA) denominata, Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito - 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore”, che indossano la doppia veste di atleti e tecnici. Specializzati nel karate e nel Pancrazio, oltre all’agonismo, si dedicano ad insegnare queste discipline ai ragazzi che hanno uno dei genitori appartenente alle Forze di Polizia e delle Forze Armate della città. Facciamo la loro conoscenza iniziando da Daniele Pilagatti, 36 anni, che ci introduce all’attività dei corsi di Karate per i più giovani che si svolgono all’interno della caserma Vannucci di Ardenza. “Ho cominciato a praticare il karate essendo figlio d’arte nel 1980 quando avevo 5 anni, sotto la guida di mio padre Francesco Pilagatti attualmente maestro V dan della Fijlkam. Nel luglio del 1993 mi sono arruolato nell’esercito ed ho seguito la formazione operativa. Dopo aver vinto due titoli nazionali negli individuali e a squadre, nel 2002 è nata la sezione sportiva all’interno della Folgore, della qua le faccio parte”.

198

Folgore Le arti marziali della Sezione Sportiva della Brigata Paracadutisti Folgore. I tre atleti e tecnici dell’esercito ci introducono nell’agonismo e nell’attività educativa

Daniele Pilagatti e i corsi di Karate alla Caserma Vannucci Come svolgi il tuo lavoro di tecnico? “Abbiamo la sezione sportiva per gli atleti militari e poi la sezione giovanile”. Quali le tue specializzazioni? “Sono un atleta di Kumite e come tecnico seguo entrambe le specialità (Kata e Kumite) per i grandi. Con i bambini il rapporto cambia, perché lavoriamo sulla psicomotricità, sulla coordinazione e l’intelligenza motoria, come indicato dalla Federazione. In modo particolare abbiamo due fasce di età, quella compresa fra i 5 e i 9 anni e quella dai 9 ai 12 anni, e sono tutti figli di genitori in divisa, quindi polizia, carabinieri, vigili del fuoco, ecc. Il gruppo è composto da circa 40 ragazzi con i quali abbiamo fatto alcune esibizioni alla festa della Brigata”. Il tuo curriculum sportivo? “Cominciamo dal Karate specialità Kumite, nel quale mi sono classificato 3° nel 2002 e 1° nel 2003 al Campionato Italiano Esercito a Roma; 3° agli Open di Liubljananel 2007; 2° al Kup Tad Rieka in Croazia nel 2007; 3° al Shotokan Karate Turnin sempre in Croazia nel 2007; 1° al Trofeo Sardegna nel 2007 individuale e a squadre; 1° all’Internazionale del Mediterraneo di Siracusa nel 2007; 2° all’Udine Trophy di Udine nel 2008; 2° all’European Master Games a Lignano Sabbiadoro nel 2011. Nel Ju Jitsu specialità fighting system ho conquistato il terzo gradino del podio al Campionato Italiano Assoluto a Roma nel 2008. Nella disciplina Pancrazio Athli-

ma specialità Agon mi sono qualificato 1° al Campionato Nazionale Assoluto a Roma nel 2009; 2°al Campionato Nazionale di Brindisi nel 2009; 4° al World Wrestling Games in Lituania nel 2009. Con la disciplina del Pancrazio Athlima specialità Polydamas mi sono classificato 2° al Senior European Championship in Polonia nel 2010; 1° al Campionato Nazionale Assoluto a Roma nel 2011; 1° al Senior European Championship in Ucraina

Giulio


AgenziA di multiservizi per lA promozione

1980-2010

30 anni di creativitĂ

Via Bengasi, 109 - LiVorno 57124 Tel. e fax: 0586 403003 - Cell. 336 710317 e-mail: scottopubblicita@tin.it


1980 2010

30 anni di creatività

Gestione campagne pubblicitarie e promozionali • CartellonistiCa

(gestione spazi Galleria Smeraldo, Livorno)

• Fornitura e distribuzione mirata di depliant e volantini • locandine, manifesti, inserzioni • Biglietti da visita e adesivi • Decorazioni mezzi e vetrine • striscioni, stendardi e bandiere

Scotto Pubblicità Livorno

• stampa digitale, offset, a caldo

AgenziA di multiservizi per lA promozione


AgenziA di multiservizi per lA promozione

30 anni di creatività

1980 2010

Forniture e accessori per tutti gli sport e per il lavoro • AbbigliAmento sportivo e dA lAvoro

• gestione pubblicitAriA spAzi sportivi • servizio di stAmpA con: • Serigrafia • Ricamo • Transfer

Gadget, regalistica aziendale e premiazioni • 1.000.000 di Articoli promozionAli ! Realizzazione e personalizzazione gadget tradizionali ed innovativi, materiale per congressi, fiere ed eventi di ogni genere, realizzazione e personalizzazione divise

• Allestimento e decorazioni fiere e manifestazioni • Agende, calendari, planning, organizer

Scotto Pubblicità Livorno

• promozione mAnifestAzioni sportive


1980 2010

30

AgenziA di multiservizi per lA promozione

anni di creatività

Riviste, periodici e pubblicazioni • L’ALmAnAcco deLLo Sport

Livorno tra le più grandi dello sport mondiale (periodico annuale)

• ALmAnAcco AmAtori

rivista sul campionato amatoriale di calcio a 5 e di calcio a 8

Livorno Cronac Anno I N.1 Luglio 2009

a spor tiva

tra le pi ù

di ieri e di og gi

OMAGGIO

grandi de

llo spor

t mondi

notizie

ale

• L’ALmAnAcco notizie del 07/0

5/2009

Cronaca sportiva livornese (periodico trimestrale)

unale di

Livorno

n° 1109

• Aci Livorno newS

one Trib Autoriz zazi

RNO LIVO S E W

COMUNE DI

LIVORNO

COMITATO DI LIVORN

O

PROVINCIA

Scopri

ia Aci prem ! deltà fe a tu la ozione la prom

15 co .500 pi e

ista L’interv oby’ M a ‘Lady ì ib Lara Cir

e Tribunale Autorizzazion

n°685 del 13

marzo 2001

• Poste Italian

e s.p.a. - Spediz

ione in Abbon

amento Postale

03 (conv. - D.L. 353/20

in L. 27/02/

2004, n. 46)

art. 1, comm

a 1, CB Livorn

o - Aut. del

21/03/2001

Prezzo 40 - Livorno •

cent. per i soci

- 50 cent. per

i non soci

N

ne La stagio lly de ra del gran Storico tra Elba burna Li e Coppa

DI LIVORN

O

Scotto Pubblicità Livorno

la rivista trimestrale del Socio ACI (concessionario spazi pubblicitari)

• progettazione grafica, impaginazione e stampa di periodici e/o riviste per conto terzi

• n. 3 Anno VIII 2008 Ottobre


nel 2011 e 1° al World Pankration Championship Senior a Belgrado nel 2011”. Come è andata l’esibizione alla festa della Brigata? “Alla manifestazione della Brigata svoltasi il 22 ottobre alla Rotonda d’Ardenza i bambini hanno avuto un loro spazio nel quale era compreso anche il tatami, che ci ha permesso di mostrare l’attività che svolgiamo in allenamento. Ad esempio, hanno fatto un circuito a tempo con ostacoli e attrezzi, che ha messo in evidenza le capacità di equilibrio, coordinazione, destrezza e agilità”.

Da sx: Alessio Lomi, Antonio Citi e Daniele Pilagatti

Campionato Italiano Ju Jitsu

“Un bambino lo cresciamo e lo formiamo come vogliamo, trasmettendo tutta la nostra esperienza e quindi è molto più facile. Gli adulti invece talvolta vanno riformati e reimpostati sportivamente”. Ti piace più fare l’atleta o il tecnico? “Entrambi, non smetterei mai di fare nessuno dei due. Adesso con i master abbiamo molti stimoli interessanti anche sul piano della formazione”. Vuoi ricordare invece un atleta adulto? “Sì, Marco Colaianni. È un nostro atleta ed è inserito nel settore giovanile in quanto ha 22 anni. È di Empoli, si allena nella palestra di suo padre e saltuariamente viene a Livorno per perfezionare la tecnica. Non è un militare, ma è un appassionato e vuole gareggiare con i nostri colori, ed i suoi importanti risultati agonistici a livello nazionale e internazionali lo permettono”. Per ulteriori informazioni: ww.asdesercito-187folgore.it A.D.V.

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore - Karate

Francesco

Come impostate il lavoro con i bambini? “Seguiamo il progetto della Federazione, che abbiamo appreso e continuiamo a tenere aggiornato grazie alla partecipazione a stage nazionali, internazionali e seminari scientifici che ci permettono di rimanere ad alti livelli come tecnici. Lavoriamo molto sotto l’aspetto educativo, motorio, ma anche sul piano psicologico. Ad esempio il karate insegna il rispetto dell’ambiente in cui si opera e del maestro, così iniziamo sempre gli allenamenti con un saluto, che tende anche a sviluppare il senso civico dei bambini”. Perché sei diventato tecnico? “Crescendo si ambisce ad essere tecnici perché è un ruolo che dà molte soddisfazioni. Io lo sono diventato nel 2003”. La soddisfazione più bella come tecnico? “La possibilità di formare i bambini ed in particolare i propri figli. Io ne ho tre (5, 8 e 10 anni) e tutti si allenano con me”. E da atleta? “La soddisfazione più grande è stata agli europei di Lignano Sabbiadoro a settembre 2011, dove mi sono qualificato vice campione d’Europa negli individuali di karate, e poi la vittoria a squadre ai mondiali di Pancrazio”. Cosa ti piacerebbe vedere in futuro? “Mi piacerebbe veder diventare i bambini che alleno oggi, atleti competitivi”. Qual è la cosa più importante da trasmettere ai giovani? “La passione e la mentalità giusta per affrontare questa disciplina”. Ti è mai capitato di fare il “miracolo”? Trasformare un bambino particolarmente pigro a farlo diventare uno sportivo? “Ci sono dei bambini che non hanno praticato sport e quindi hanno bisogno di più attenzione, ad esempio devono imparare a fare la capovolta o un semplice esercizio di coordinazione, e quando ci riescono sono molto soddisfatti e la fiducia in loro stessi aumenta molto”. È più facile allenare un bambino o un adulto?

PILAGATTI DANIELE Cell. 3477152319 203


Alessio Loni

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore - Pancrazio Athlima

ed il Pancrazio Athlima

204

U

na disciplina che viene da lontano, dal tempo in cui gli antichi Greci fondarono le Olimpiadi, ma che rappresenta nel panorama nazionale attuale una novità. La Federazione è stata costituita nel 2001 con l’attuale Presidente Italo Morello, denominata Federazione Italiana Pancrazio Athlmia – FIPA con sede a Brindisi, associata alla Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali Fijlkam, sito web: www.pancrazio.org Ad introdurci in questo nuovo ambito è Alessio Loni, atleta e tecnico del Pancrazio. Alessio è il terzo ed il più giovane componente dello staff tecnico della Folgore e ci spiega: “Ho 27 anni, sono un tecnico della Federazione Fijlkam e coadiuvo come aiuto istruttore i corsi che organizziamo per i più giovani. Vengo dal karate e mi sono avvicinato al Pancrazio dopo aver conosciuto i dirigenti della Federazione”. Cos’è esattamente il Pancrazio?

“È una antica lotta di derivazione greca, può essere definita la prima forma di combattimento. In passato era un combattimento completo dove si prevedeva la morte degli avversari. Sportivamente parlando, oggi possiamo dire che è una tecnica di lotta che comprende percussioni, calci, pugni, proiezioni, lotta a terra, strangolamenti e leve articolari”. Il tuo curriculum sportivo? “Cominciando con il Karate nella specialità Kata ho vinto il “Trofeo Nazionale Magna Grecia” svoltosi a Taranto nel 2007; mi sono classificato 3° agli “Open di Grado” di Gorizia sempre nel 2007; 1° agli “Open di Slovenia” nel 2007; 1° agli “Open di Lubljana” nella categoria Senior e 3° nella categoria Open nel 2007; 2° al “Trofeo Sardegna” nel 2007; 2° al “Trofeo Sardegna” nel 2007; 3° al “Gran Prix Croazia” nel 2008; 3° al “Shotokan Karate Turnin” in Croazia nel 2008; 2° all’“Udine Trophy” nel 2009. Nella disciplina Pancrazio Athlima specialità Agon ho conquistato il 3° gradino del podio al Campionato Nazionale a Brindisi nel 2009; 3° al Campionato Nazionale Assoluto a Roma nel 2011. Nella disciplina Pancrazio Athlima specialità Polydamas ho conquistato il 2° posto ai Senior European Championship in Polonia nel 2010; 1° al Campionato Nazionale Assoluto a Roma nel 2011; 1° Senior European Championship in Ucraina nel 2011; 1° al World Pankration ChamI primi atleti livornesi del Pancrazio Athlima

pionship Senior a Belgrado nel 2011. Ed infine nella disciplina del Pancrazio Athlima specialità Palesmata mi sono qualificato 3° al Senior European Championship in Polonia nel 2010; 1° al Campionato Nazionale Assoluto a Roma nel 2011; 1° al Senior European Championship in Ucraina nel 2011; e 1° al World Pankration Championship Senior a Belgrado nel 2011. Come hai iniziato con il karate? “Avevo sei anni ed ero affascinato dai film di Jean Claude Van Damme. Da questo poi è nata una grande passione”. E con il Pancrazio? “Al Pancrazio sono approdato 3 anni fa”. Quale sarà il primo appuntamento come atleta nel 2012? “Il Campionato italiano di Pancrazio in primavera, al quale seguirà poi quello europeo e mondiale”. La soddisfazione più importante come atleta? “L’ultimo risultato ai Campionati mondiali di Pancrazio a Belgrado in Serbia il 30 settembre. Abbiamo vinto sia nella specialità a coppia Palesmata che nel Polydamas che è una dimostrazione di uno uomo disarmato contro 3 armati”.


Si può iniziare subito con il Pancrazio o è meglio provenire da altre arte marziali? “Sì può tranquillamente iniziare con il Pancrazio, ma oggi essendo per noi una disciplina ancora giovane tutti gli atleti provengono da altro, ma in futuro si potranno formare sportivi proprio partendo da questa disciplina”. L’aspetto positivo del Pancrazio? “La completezza tecnica della disciplina, rispetto ad altre, che tendono a privilegiare alcuni settori, come ad esempio le percussioni o il corpo a corpo. Il Pancrazio invece è completa, prevede tutte le tecniche”.

Quanto ci si allena? “Dipende dal periodo. Mediamente due volte al giorno”. Perché hai deciso di diventare anche tecnico? “Ero già tecnico di Karate e mi piaceva implementare diventando anche tecnico di Pancrazio e poi insegnare, soprattutto ai bambini, dà molta soddisfazione. Alleno anche gli adulti nella difesa personale, ma le gratificazioni più grandi arrivano dai più piccoli”. La soddisfazione maggiore come tecnico? “Ogni giorno ce n’è una, con un bambino che ti ringrazia, anche solo per aver imparato a fare una capovolta”. Sogno nel cassetto come atleta? “Mi piacerebbe vedere il Pancrazio arrivare alle Olimpiadi e naturalmente potervi partecipare”. E come tecnico? “Vedere, fra qualche anno, i piccoli atleti che alleno oggi raggiungere buoni risultati”. Qual è la cosa più importante per essere un buon tecnico?

ALESSIO LONI Cell. 3496995373

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore - Pancrazio Athlima

Combattimento Pancrazio Athlima: Alessio Loni in opera al Campionato nazionale 2009

“Pensare alla formazione di un atleta a 360 gradi e non precludere la strada mai a niente”. Che tipo di qualità fisiche è importante avere per riuscire bene nel Pancrazio? “Il Pancrazio, come abbiamo già detto, è una disciplina molto ampia e premia diversi tipi di struttura fisica, anche l’atleta meno agile può avere vantaggi in alcune specialità”. Chi fra i vostri atleti in questo momento si sta mettendo in evidenza? “Alessio Martelloni é tesserato con la nostra sezione nel Settore del Pancrazio Athlima e gareggia con i colori e il nome dell’Asd Esercito - 187° Folgore pur essendo iscritto al Registro Nazionale dei Vigili del Fuoco - Corpo Nazionale, come Vigile Volontario Discontinuo. Inoltre è diplomato in tecniche di Ginnastica Posturale, laureando in Scienze Motorie alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa ed opera nel campo della formazione nell’attività di Promozione Sportiva a favore della pubblica istruzione, seguendo la 1aA e la 1aB della Scuola Elementare Rodari con il progetto Sport a Scuola. Per ulteriori informazioni: www.asdesercito-187folgore.it A.D.V.

I primi atleti livornesi del Pancrazio Athlima

205


Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Competitors

Antonio Citi La collaborazione con lo staff Tecnico della Folgore

L’

Associazione Sportiva Dilettantistica Livorno Competitors promuove il Karate,l’Autodifesa e la Sicurezza Personale rivolta ad un pubblico femminile. Da quest’anno l’associazione ha iniziato una collaborazione con il quadro tecnico della Sezione Sportiva per gli sport da combattimento ASD Esercito 187° Reggimento Paracadutisti Folgore, diretto dal personale specializzato composto da Antonio Citi, Daniele Pilagatti e Alessio Loni. Chiediamo ad Antonio Citi di raccontarci questa realtà sportiva livornese, ma cominciamo dalla sua formazione prima di atleta e poi di tecnico.

206

“Mi sono avvicinato al karate nel 1988 all’età di 11 anni, sono livornese e sono stato allievo del maestro Carlo Simonetti nella palestra Karate Livorno che a quel tempo è stata un punto di riferimento per la città. Non c’è stato un episodio o una persona in particolare che mi abbia spinto verso questa disciplina, semplicemente il karate era nella mia indole, e stimolata dai film d’azione che andavano di moda in quegli anni, è emersa. La scelta della palestra fu casuale, ma divenne un luogo importante per la mia vita. Nel ’96 mi sono arruolato nell’esercito ed ho seguito la formazione operativa. Nel 2001 ho partecipato al primo Campionato di arti marziali, da questo momento i risultati sono stati eccellenti, ed in seguito è nata l’Associazione Sportiva Dilettantistica”. Il tuo curriculum sportivo? “Nel Karate specialità Kumite ho partecipato al “Campionato Italiano Esercito” nel 2002 e 2003 classificandomi al 1° posto, 2° agli “Open di San Marino” nel 2006. C’è poi nel 2007 il 1° al “Trofeo Nazionale Magna Grecia” a Taranto così IL 2° agli “Open di Slovenia”; il 3° posto agli “Open di Lubljana” nel 2007; ancora il 1° gradino del podio agli “Euro Kup Istre” in Croazia nel 2007; il 1° al “Kup Tad Rieka” sempre in Croazia nel 2007; 2° posto “all’Internazionale del Mediterraneo” nel 2007; la 1° posizione al “Trofeo Sardegna” nel 2007 individuale e a squadre. Il 3° classificato all’“Udine Trophy” nel 2008. Nella disciplina Ju Jitsu specialità fighting system ho conquistato il podio al Campionato Italiano Assoluto nel 2008, come 3° classificato. Nel Pancrazio Athlima specialità Agon ho vinto il Campionato Nazionale Assoluto nel 2009, ed il Campionato Nazionale. Ed infine nel Pancrazio Athlima

specialità Polydamas ho vinto il World Wrestling Games nel 2009 in Lituania. Mi sono classificato secondo al Senior European Championship nel 2010, in Polonia ed ho sempre conquistato il primo posto al Campionato Nazionale Assoluto nel 2011, al Senior European Championship nel 2011 in Ucraina, e al World Pankration Championship Senior nel 2011 in Serbia”. Da qualche tempo però prestate la vostra opera sportiva anche al di fuori di questa associazione. “Sì, siamo stati contattati da alcune persone che avendo conosciuto la nostra attività con i bambini, tutta svolta sulla base dei protocolli della Federazione, e ritenendola altamente formativa ci ha richiesto una collaborazione”. Spiegaci meglio di cosa si tratta. “I dirigenti della società Livorno Competitors ci hanno chiesto se eravamo disponibili a portare il nostro tipo di formazione anche al di fuori della nostra realtà, visto che i nostri corsi sono riservati solo ai ragazzi che hanno genitori in divisa. Quindi per dare la possibilità a tutti di accedere a corsi gestiti da noi, questa società ci ha proposto di svolgere l’attività all’interno del circolo ricreativo Borgo in via degli Asili 47. Abbiamo accettato, la loro proposta ci ha fatto molto piacere e ci ha dato la possibilità di entrare nella vita di un rione della città, come appunto è il Borgo”. Quali sono le linee dell’associazione? “La formazione e la preparazione tecnica per il karate, avviene secondo la metodologia e i protocolli di allenamento promossi dal Direttore Tecnico della Nazionale Italiana Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali Prof. Pierluigi Aschieri, specializzate sugli obiettivi fondamentali dell’educazione motoria e della crescita individuale finalizzate alle categorie giovanili”.


to della loro vita, che è invece essenziale riattivare. Dopo aver fatto riacquistare le capacità fisiche introduciamo il concetto dell’autodifesa con le nozioni tecniche di base. Con il tempo affrontiamo anche l’aspetto psicologico con i concetti di autostima, in funzione di una situazione che può divenire pericolosa. Cerchiamo inoltre di far capire che determinati movimenti del corpo possono avere degli effetti positivi su un’aggressione, quindi lavoriamo anche sulla prevenzione”. La soddisfazione più bella che hai avuto come tecnico? “Con i più piccoli le soddisfazioni le abbiamo avute quando si sono avvicinati a noi bambini con svariati problemi, psicologici o strutturali, a cui era stata consigliata un’attività sportiva come la nostra, e dopo qualche tempo i risultati positivi sono stati riscontrati dagli stessi specialisti che avevano in cura questi bambini. Sentirsi dire che sono stati rilevati lodevoli miglioramenti è una bella soddisfazione, perché comprendi che puoi aiutare concretamente questi bambini, che puoi fare qualcosa di importante per loro”. Come è possibile raggiungere questo obiettivo? “La nostra disciplina, in questa fascia di età non ha un fine esclusivamente agonistico, ma si basa sul concetto dell’educazione motoria. L’immagine del karate non deve essere marzialistica, ma di formazione, così come afferma e

persegue la Federazione con i suoi protocolli di allenamento”. La soddisfazione maggiore con gli atleti più grandi? “Aver avuto la fiducia e stima di quanti hanno abbracciato le nostre metodologie di allenamento, cosa che gli ha permesso di raggiungere risultati importanti a livello nazionale e internazionale”. C’è differenza nell’allenare maschi e femmine? “Nell’allenamento non c’è differenza, ma nella comunicazione sì. Le bambine già da piccole si esprimono in modo diverse, sfruttando magari la loro dolcezza, rispetto al coetaneo maschio che ti testa, ti mette alla prova, soprattutto con il pari sesso. Comunque abbiamo avuto delle bambine più determinate dei ragazzi. Le prestazioni tecniche non sono diverse, non possono esserle a questa età, ciò avviene in seguito al momento dello sviluppo ormonale”. Il complimento più bello che ti hanno fatto i ragazzi? “Il sorriso”. E i grandi? “Non è quanto dicono, ma quanto fanno, i gesti che rafforzano la fiducia reciproca, come una stretta di mano dopo essere saliti sul podio”. Cosa possiamo ancora dire del karate? “Vogliamo far notare quanto il karate sia una disciplina estremamente versatile e dalle grandi capacità. Il nostro staff dopo anni di pratica può affermare che molte specialità sono interdisciplinari, nel senso che il karate dà le potenzialità per potersi avvicinare anche ad altro. Tutti noi abbiamo iniziato con il karate, ma abbiamo saputo dedicarci con ottimi risultati anche ad altre specializzazioni; lo abbiamo fatto nel Ju Jitsu ed abbiamo vinto la medaglia di bronzo ai Campionati italiani nel 2008, lo abbiamo fatto nel Pancrazio Athlima nel combattimento ed abbiamo conquistato le medaglie d’oro ai Campionati Nazionali Assoluti, lo abbiamo fatto con il Palesmata e Polydamas e nello studio dell’Aikido. La nostra soddisfazione più grande è quella di esserci sempre messi in gioco anche negli over 30 e sempre con ottimi risultati”. Per ulteriori informazioni

F.I.J.L.K.A.M. - Folgore - Pancrazio Athlima

Un’esperienza per voi nuova? “Sì, e devo dire che ci piace molto vivere dentro la città. La struttura è bella, accogliente e crea quell’atmosfera familiare avvertita positivamente non solo da noi, ma anche dai ragazzi che partecipano e dai loro genitori”. Con chi e come lavorate? “Prevalentemente con i bambini dai 5 ai 12 anni, con i quali lavoriamo sulla mobilità che ha una ricaduta positiva sulla postura, aspetto estremamente importante nella fase della crescita, ed infatti, i genitori sono molto soddisfatti dei risultati ottenuti in questo campo”. Altre fasce di età? “Seguiamo anche bambini di 4 anni facendo un lavoro sulla psicomotricità, con circuiti specifici per loro”. Svolgete altri corsi con la società Competitors? “Operiamo anche nel campo dell’autodifesa, intesa come difesa da terzi, facendo un corso riservato alle donne. Abbiamo costituito un gruppo di circa 15 partecipanti comprese fra i 28 e i 42 anni”. Cosa fate in questo corso? “Non è proprio un corso, noi preferiamo definirlo un percorso, cioè un qualcosa di più specialistico. Intanto induciamo molte donne a riprendere le proprie capacità fisiche per ristabilire degli equilibri. Ci sono donne che hanno trascurato, per motivi di impegno, questo aspet-

www.livornocompetitors.it A.D.V. ANTONIO CITI Cell. 3496901153

207


P

Grappling Alessio Di Liberti un numero uno del Grappling Conosciuto come il “Tenaglia” è molto attivo anche in campo internazionale di Mario Orsini reggio con Paolo Strazzullo è entrato a vele spiegate in nazionale, nella categoria al limite dei 70 Kg con il sogno di recitare subito il ruolo di protagonista ai mondiali. Un infortunio, invece, gli ha spento il sorriso sulle labbra. “A causa di uno stiramento alla coscia destra, una settimana prima della partenza per la rassegna iridata di Cracovia ho dovuto alzare bandiera bianca. È stata la più grande delusione sportiva della mia vita”, i suoi ricordi zeppi di delusione e rimpianti. Prima e dopo questo brutto contrattempo per Alessio ci sono un’infinità di soddisfazioni, distribuiti in 16 anni di lotta, prima in Italia e poi, sempre con maggiore frequenza, su e giù per il pianeta. “Lo sport mi è sempre piaciuto. Prima di scoprire la lotta facevo atletica leggera. Velocità e salto in lungo le mie specialità, anche con buoni risultati. Ad allenarmi erano il professori Pecorini e Falleni”.

La svolta quando ha scoperto la lotta. Uno sport amato subito a trecentosessanta gradi. Vero signor Alessio? “Proprio così. La lotta penso di averla scritta nel mio Dna. Mi piace la competizione. Ma anche allenarmi. Non sento la fatica. Giornalmente mediamente mi alleno quattro o cinque ore”. Ci illustri in estrema sintesi le caratteristiche di questo sport?

“È uno sport vero, maschio. Il termine inglese grappling significa avvinghiare, lottare corpo a corpo. La finalità è la sottomissione dell’avversario”. I suoi maestri? “Al RioGrappling Livorno, Bernardo Serrini per quanto riguarda la parte tecnica del grappling e Riccardo Niccolini per la lotta”. Il suo rapporto con la nazionale? “Buono. Spero di continuare a farne parte in pianta stabile”.

Il suo sogno? “Poter gareggiare alle Olimpiadi. La nostra disciplina sportiva non fa ancora parte del CIO però essendo entrata a far parte della Fila a Londra saremo presenti, seppure solamente a livello di esibizione. A Rio de Janeiro 2016, invece, pensiamo di essere presenti entrando dalla porta principale e di poter gareggiare con le medaglie in palio. Gli americani, che sono all’avanguardia mondiale di questo sport, stanno spingendo perché il CIO inserisca il grappling nel tabellone delle discipline sportive del panorama olimpico”. Prossimi impegni importanti? “Il prossimo 21 gennaio a Milano nella gabbia per il titolo europeo professionisti contro Serghey Gubanov”.

F.I.G.MMA.: Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Art

er tutti nell’ambiente del Grappling di casa nostra è il “Tenaglia”. Uno che quando ti avvinghia non ti molla più. Di lui dicono che ha una “forza inumana che sovrasta”. Alessio Di Liberti, 32 anni compiuti il 19 novembre, un diploma di ragioniere nel primo cassetto è uno dei più bravi atleti, di questa disciplina, della penisola e soprattutto uno dei più attivi in campo internazionale. Tra le più belle vittorie del 2011 è il successo a Boston nel Massachusetts nel Grapplers Quest alla soglia dell’estate. Un successo netto con 4 successi su 4 senza sbavature e score di tutto rispetto: 14 - 0 lo score della prima lotta contro un atleta americano, 14 - 0 il divario anche nella seconda lotta contro l’atleta della Renzo Gracie Academy Scott Viera, 5 - 2 la vittoria in semifinale contro un altro atleta americano, stavolta della Gracie Barra Boston e, infine, 3 - 0 nella finalissima contro un giapponese. A conti fatti due soli punti subiti grazie a potenzialità fisiche fuori del comune e una grandissima concentrazione. Un’altra bella gara nel Grand Prix Fila Grappling in Ungheria, con la maglia azzurra addosso. Per Alessio tre lotte versione super e tanti complimenti. Nella prima vince contro un atleta ucraino per 4 - 2, nella seconda ancora con un ucraino, per 4 - 0 e nella finalissima, con un atleta russo per 3 - 0. Successi che gli consentono di accomodarsi di nuovo sul gradino più alto del podio, con l’oro al collo. La sua società, tra le più importanti d’Italia, sia come numeri d’scritti che come risultati, è la RioGrappling Livorno con sede alla palestra Popeye di via S. Matteo. Il suo motto è: “Viva la lotta e le donne”. Il suo mito: “Alessio Di Liberti”, ovvero se stesso. “Non penso di assomigliare ad alcuno. E poi mi piace essere me stesso. Con i miei pregi e difetti”. Amante della musica di ogni genere: “Escluso quella classica”. A febbraio del 2010, dopo aver vinto lo spa-

209


1921 2011

Il Moto Club Livorno compie 90 anni 90 anni di ininterrotta attività al servizio di tutti i motociclisti Programma delle manifestazioni 2012 27 maggio • Raduno Nazionale aperto a tutti i tipi di moto e scooter presso Largo Cristian Bartoli (zona 3 Ponti)

29/30 Settembre • Mercatino-Mostra scambio per moto d’epoca all’Ippodromo Caprilli Sede: Via dell’Oriolino 30 - 57122 Livorno tel. e fax 0586 889.379 • Segretario: Mauro Papucci, 340 2727829 e-mail: epoca@motoclublivorno.com • web: www.motoclublivorno.com

Scotto Pubblicità Livorno

17 giugno • Giro della Toscana, Gara di regolarità nazionale per moto d’epoca su strada a Collesalvetti


Motoclismo

Diploma Fmi

Una storia lunga 90 anni Quella del motociclismo livornese è una storia di passioni e di impegno, sanguigna e guascona, proprio come il carattere dei livornesi capaci di una dedizione sportiva veramente importante e che ha dato alla città l’onore di Campioni del calibro di Federico Susini, Nanni Favillini, Pier Luigi Conforti. Vogliamo in questa occasione dell’Almanacco Sportivo livornese ripercorrerla insieme. Livorno, è scritto su tutti i libri di storia, nasce per volere di Cosimo I Granduca di Toscana come sua città ideale, progettata dal maestro del Rinascimento Bernardo Buontalenti. La nostra città quindi già nasce come “moderna”, e i suoi abitanti respirando questa modernità sono stati sempre pronti ad appassionarsi delle novità, specialmente se queste vengono dall’estero e quelle del motociclismo, agli inizi del ‘900 erano veramente delle novità di grande rilievo. Già da qualche anno le prime auto e le prime moto terrorizzavano, con il loro rombo e con la loro “folle” velocità, gli eleganti pedoni incontrati lungo lo splendido lungomare, che nel 1921, i motociclisti livornesi associati nell’Auto-Moto Club Livorno di via Verdi decisero di dar vita al Reale Moto Club Livorno assegnandone la presidenza a Gino Giubbilei già vice Presidente dello stesso Auto-Moto Club Livorno. Il primo obbiettivo del neonato Reale Moto Club, sull’esperienza maturata con la Coppa Montenero per le auto,

fu quello di organizzare, anche a scopo promozionale per favorire i nascenti costruttori un aumento delle vendite delle loro motociclette, una gara riservata alle moto chiamata “Coppa del Mare”. Questa prima corsa che i motociclisti livornesi ebbero l’onore di organizzare fu gareggiata nel settembre 1922 con la partecipazione di undici temerari che misero a dura prova le prestazioni tecniche dei loro motoveicoli lungo i tornanti del Castellaccio e le vertiginose discese verso Quercianella. Insomma un circuito

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

I

l ricco programma delle attività motociclistico - sportive proposto dal Consiglio Direttivo ha inteso, tra l’altro, solennizzare il conseguimento di un importante traguardo: il raggiungimento del novantesimo anno di età del sodalizio sportivo labronico che è stato festeggiato unitamente al centenario della Federazione Motociclistica Italiana. Il Consiglio Direttivo, in questa speciale ricorrenza, ha inteso ricordare tutti coloro che, dal 1921 ad oggi, hanno contribuito a far si che il sodalizio sportivo livornese fosse in ogni occasione all’altezza della passione sportiva che sempre ha animato la nostra città.

Un anno particolarmente significativo per il Moto Club Livorno

211


III Coppa del Mare 1926

Il successo ottenuto dalla manifestazione fu tale che negli anni successivi, con alterne fortune poterono essere disputate ben 18 “Coppa del Mare” l’ultima delle quali si è tenuta nel 1973. Nel 1932 la “Coppa del Mare” ottenne l’ambito titolo di Gran Premio d’Italia. Nello stesso anno il pilota livornese Federico Susini vince il titolo di Campione italiano di velocità, prima categoria. Un pilota Federico Susini, che ha corso per un gran numero di marchi motociclistici e che, a fine carriera, ha saputo conquistare un posto da centauro presso una delle più ambite scuderie sportive dell’epoca: quella di Enzo Ferrari con la quale ha potuto scrivere pagine gloriose nel libro d’oro del motociclismo italiano. Così scriveva il trentasettenne Enzo Ferrari: “Il mio giudizio sulla Scuderia è questo: essa merita il più vivo e sincero elogio non disgiunto dal fervido augurio che anche in avvenire questa organizzazione tecnico-sportiva, sia in grado di assolvere pienamente il suo compito duro e certamente pesante, ma sommamente utile al nostro sport. […]”. La modernità e l’ingegnosa imprenditorialità livornese nel settore del motociclismo era testimoniata anche dalla sua fabbrica di motociclette. Edoardo Mascagni, terzo figlio del grande compositore labronico, forse il più livornese dei figli del grande Pietro per irrequie-

tezza, irriverenza ed intelligenza, grande appassionato della meccanica di precisione fondò nella nostra città una fabbrica di motocicli con il marchio Junior. La Motocicletta italiana anzi, livornese, che venne interamente progettata da Edoardo Mascagni e costruita nella fabbrica di Antignano ebbe un grande successo di vendite. L’attività sportiva delle due ruote proposta dal Reale Moto Club Livorno suscitava tanto interesse che il Comitato per le Feste Estive Livornesi chiese al Moto Club di organizzare, nella magnifica Rotonda di Ardenza, una gara riservata alle “biciclette a motore” denominata “Coppa Ardenza”. Negli anni successivi la “Coppa Ardenza”, stante l’aumento del numero dei concorrenti, venne riproposta in due categorie: la 1a con motori fino a 125 cc se a 2 tempi o fino a 175 se a 4 tempi e la 2a categoria con le moto di cilindrata superiore. Negli anni ’50 la rinascita del Moto Club, specchio delle enormi difficoltà patite dalla città nel dopoguerra, è particolarmente lenta. Le bombe “alleate” piovute nel centro della città avevano distrutto completamente la sede dell’Auto-Moto Club Livorno e con la scomparsa della sede si perse anche tutta la storia “scritta” del nostro sodalizio sportivo. Dopo le prime timide uscite con il cosiddetto Campionato Sociale, la spinta a più impegnativi impegni si ottiene nel 1947 con l’organizzazione della XVI edizione della “Coppa del Mare”, gara che è sempre stata “un chiodo fis-

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

particolarmente impegnativo, ricco di insidie, che non lasciava assolutamente il tempo di godersi il bel panorama. La gara motociclistica livornese era così attraente e competitiva che piloti fiorentini s’iscrissero anche al Moto Club Labronico, oltre che a quello fiorentino, pur di avere la possibilità di partecipare. Organizzare gare sportive era certo attività ardua sia per i pochi mezzi disponibili che per la difficoltà di mantenere pulite e correttamente asfaltate le strade, in particolare quelle minori. Così la rivista specializzata “Motociclismo” descriveva lo splendido Circuito di Montenero lungo il quale si correva la gara livornese: “Strada ricca di curve, di dislivelli, brevi ma violentissimi ed aspri, nonché anche di un ottimo rettilineo lungo diversi chilometri; quindi percorso vario, non facile, e sul quale l’elemento “uomo” aveva certamente buon gioco, mentre le doti delle moto, specialmente la ripresa e la stabilità venivano messe a dura prova […]”.

213


denza ai Viali a Mare per poi rientrare alla Rotonda attraverso una serie impegnativa di curve si mise in luce un giovane livornese in sella ad una Mondial 125, Giovanni Favillini. Negli anni a seguire le attività del nostro Moto club sono state incentrate su gare di regolarità, ginkane ed alcune gare di velocità quali la Coppa Quattro Mori. Nel 1959 si ricorda il grosso sforzo organizzativo per la realizzazione di una gara di Campionato italiano di Regolarità, la “12 ore”. Una gara competitiva che prevedeva due giorni in moto con partenza da Pisa e arrivo a Livorno. Successivamente le attività agonistiche hanno un momento di stasi e il Consiglio Direttivo del Moto Club preferisce privilegiare le attività turistiche a livello locale. Negli anni successivi l’attività del Moto Club Livorno prosegue molto intensa tanto che il Coni il 20 aprile 1974 ci assegna la Stella d’Argento al Merito Sportivo. Numerose sono le gare di velocità come il Palio Motociclistico Livornese, raduni motociclistici e gite sociali nelle nostre splendide colline. Da veri appassionati delle due ruote, non era necessario possedere il “Dondolino”, il “Condor” o il “Settebello”; a Livorno correvano tutti

e con grande passione. Dai piccolissimi Mosquito che avevano una categoria a loro dedicata alle motoleggere da 100 e 125 cc.. Numerosi erano anche gli scooter che riproponevano la classica spaccatura, tutta italiana, tra i “vespisti” amanti dello scooter della vicina fabbrica pontederese e i “lambrettisti”. Con l’avvento degli anni ‘70 inizia l’interesse dei Soci del Moto Club Livorno verso i settori della Regolarità e del Fuoristrada. La passione per la velocità, grazie anche ad una più stringente legislazione sulle tematiche della sicurezza, si potrà sviluppare solamente sulle piste dedicate a tale specialità. È per questo che, smarcata l’ultima edizione della Coppa del Mare, la XVIII, e le gare in salita della Valle Benedetta, gli sforzi organizzativi si rivolgono essenzialmente al settore del Motocross. Come detto le gare di velocità si svolgono esclusivamente su circuiti permanenti all’uopo destinati, mai potuti realizzare a Livorno, anche se i piloti labronici continuano a farsi luce in Italia e all’estero. Valga, uno su tutti, il nome di Pierluigi Conforti che nel 1978 si aggiudicò il titolo di Campione Italiano Senior nella classe 350 cc.. Le modeste energie del Moto Club si indirizzano, grazie anche alla forza propulsiva della Presidenza dell’avvocato Carozza, verso il settore del fuoristrada,

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

so” degli sportivi livornesi. Fu così che il giorno di ferragosto, in una Rotonda di Ardenza e sui Viali a Mare ancora feriti da una guerra difficile da dimenticare si cimentarono le classiche tre categorie di motocicli e sidecar. Le moto erano prevalentemente italiane, le Guzzi contro le Gilera e le Benelli mentre nel settore dei sidecar era spettacolare seguire le acrobazie del passeggero sempre impegnato a controbilanciare la dinamica in curva delle tanto impegnative BMW, Gilera o Triumph. Insomma la rinascita del nostro Moto Club nel dopoguerra è stata possibile grazie al solito manipolo di volenterosi che, fedeli alla tradizione di una formula sportiva fortemente collaudata dettero vita alla XVI Coppa del Mare. Erano quelli gli anni dell’impegnativa “Coppa Tirrenia”, gara motociclistica corsa sul lungomare di Tirrenia ed organizzata, lasciando da parte l’eterna rivalità, dai due Moto Club di Pisa e Livorno. Proprio nella gara riservata ai 100 cc a 2 tempi si vide l’affermarsi dello scooter, la Vespa, che già a quel tempo aveva motorizzato la maggior parte delle famiglie italiane. Il successo, anche commerciale, dello scooter di Pontedera fu tale che i numerosi vespisti livornesi decisero di dar vita al Vespa Club Livorno, oggi unito al nostro Moto Club. Finalmente nel 1953 dopo un’attesa di sei anni il Consiglio Direttivo del Moto Club, sotto l’attenta dirigenza del Presidente Abeniacar riesce ad organizzare la XVII edizione della Coppa del Mare, gara valida quale prova del Campionato italiano. Nella difficile e molto tecnica gara che si sviluppava dalla Rotonda di Ar-

XVIII Coppa del Mare 1973

215


gli ambienti della Fortezza Vecchia, così ricchi di storia, i giovani hanno potuto constatare come il mezzo a due ruote abbia coperto, nel recente passato, tutti i settori della mobilità sia turistica che lavorativa. Il 33° “Motoraduno Città di Livorno”, prova inserita nel calendario annuale delle attività sportive della Federazione Motociclistica Italiana, ha visto confluire a Livorno oltre 120 equipaggi provenienti dalla Toscana e dalle regioni limitrofe. La riunione, a carattere prettamente turistico-sportivo si è snodata tra le splendide colline e il mare. La 9a Rievocazione Storica del Giro della Toscana, prova del Campionato Italiano Motoraid, uno degli appuntamenti motociclistico sportivi FMI di moto d’epoca più importanti del centro Italia, ha visto gareggiare esperti piloti su moto di marchi prestigiosi. La manifestazione sportiva ha registrato un indiscutibile successo sia per il numero e qualificazione dei partecipanti, che per la perfetta organizzazione. La XIX Mostra Mercato di ricambi e moto d’epoca presso l’ippodromo Caprilli nella quale oltre ai motocicli e scooter del passato è centrata sulla mostra mercato dei ricambi. Un bilancio quindi altamente positivo che impegna il Consiglio Direttivo del Moto Club Livorno anche per l’imminente stagione 2012. La Segreteria è aperta il giovedì dalle 21:15 alle 22:30 e tutti i venerdì dalle 17:00 alle 19:00 Segreteria Telefono/Fax: 0586 889379 MCL: Via dell’Oriolino, 30 57122 Livorno www.motoclublivorno.com

F.I.M.: Federazione Italiana Motociclismo

e, in particolare al moto-cross, e con quali successi! Dall’esordio in sordina su piste realizzate prima al Gabbro e poi alla Valle Benedetta, il Cross livornese esplode sulla bellissima pista di Montenero. Sono innumerevoli le manifestazioni organizzate e, oltre alle gare nazionali e internazionali, tutto quello che c’è di nuovo viene sperimentato a Livorno tante erano apprezzate le qualità della pista e le capacità tecniche degli organizzatori. Nel 1972 viene organizzata una scuola di cross che vede come istruttore l’indimenticato Cavallero, il più forte campione di quell’epoca. Nel 1973 venne invitata a Livorno la fortissima squadra cecoslovacca per degli allenamenti collegiali. Ed è proprio a Livorno che nel 1976, grazie ai numerosi successi di organizzazione delle gare di cross, viene ospitata per la prima volta in Italia, una prova di Campionato Mondiale 125 di Motocross. La gara venne trasmessa in diretta dalla Rai dalla collina di Montenero. Nel 1983 in un motoraduno che rimarrà nella storia del motociclismo livornese quattrocento centauri, giunti anche dalla Francia e dalla Svizzera hanno onorato la Medaglia d’Oro al Merito Sportivo che il presidente Pertini ha consegnato ai dirigenti del Moto Club Livorno quale giusto e massimo riconoscimento per meriti sportivi. Per cercare di tenere vivo il settore sportivo del motociclismo livornese il Consiglio Direttivo del Moto Club pur

continuando a favorire e sostenere le attività in pista ha proposto di ripercorrere le suggestioni che dettero vita, negli anni ‘50 al Giro della Toscana, una gara stradale di motociclismo riservata ai motocicli di cilindrata medio-bassa che si snodava tra le dolci colline toscane. È così che negli ultimi anni si sono concentrate a Livorno moto e scooter di marchi prestigiosi provenienti da tutta l’Italia per partecipare a gare di regolarità per moto d’epoca. La grande soddisfazione del nostro Moto Club risiede nel fatto che le rievocazioni storiche del Giro della Toscana sono state sempre inserite nel calendario sportivo del Trofeo Nazionale Moto d’Epoca della Federazione Motociclistica Italiana. Le attività sportive della stagione motociclistica 2011 si sono aperte, come sempre avviene, con la primavera e, come per gli scorsi anni, i responsabili dei vari settori hanno preferito privilegiare le attività turistico sportive piuttosto che le tradizionali gare motociclistiche stradali e cross e, oltre alla partecipazione alle attività sportive organizzate dai moto club della Toscana si registrano i significativi risultati conseguiti con le tre principali attività organizzate: la XVII Mostra di Moto d’Epoca, il 32 Motoraduno “Città di Livorno e il Giro Motociclistico della Toscana La XVIII Mostra di Moto d’Epoca presentata negli storici locali della Fortezza Vecchia ha visto un grande successo di pubblico di appassionati, ma principalmente di giovani. Un successo attribuibile sicuramente, a detta degli attenti visitatori, al soggetto della mostra: la moto d’epoca, e quelle che sono state presentate in Fortezza sono effettivamente motociclette che hanno segnato in modo inequivocabile la storia della motorizzazione su due ruote del secolo scorso. Ne-

Stella d’Oro al merito sportivo

217


Scotto PubblicitĂ Livorno


U

Nuoto La Nuoto Livorno sempre in corsa per i gradini più alti del podio Fra le società agonistiche più quotate d’Italia di Andrea Masini so - Federico (Turrini, ndr) ha confermato anche in vasca lunga i progressi mostrati agli Euro Indoor, al pari di Chiara (Boggiatto, ndr), anche se a dir la verità da lei mi sarei aspettato un tempo migliore nei 100. Forse ha pagato un piccolo calo di concentrazione e stanchezza, un aspetto su cui dovremo lavorare molto in vista dei Mondiali”. De Memme, al contrario, non è riuscita ad andare sotto il muro dei tempi limite: “Con Martina abbiamo commesso un errore di programmazione, nel senso che avremmo dovuto puntare sui 200 invece che sui 1500. Ci servirà da lezione. Per quanto riguarda Detti e Fangio, il traguardo europeo è stato raggiunto, ma adesso servirà un gran bello sforzo per preparare l’appuntamento nel migliore dei modi”. Dallo “Stadio del Nuoto” di Riccione, l’avventura si è spostata al Foro Italico, sede del Campionato a Squadre di Serie A, concluso al termine di una giornata a dir poco intensa dove la NL ha dimostrato, in aggiunta alle grandissime individualità, uno spirito di squadra fuori dal comune. Detto ciò, lo scopo era naturalmente quello di ben figurare e proteggere la categoria, al cospetto di grandi potenze del

Gabriele Detti

calibro di Larus Nuoto, Circolo Canottieri Aniene (al quinto scudetto consecutivo, ndr), Aurelia Nuoto Unicusano, Forum Sport Center, Plain Team Veneto, Ispra Swim Planet e Rari Nantes Florentia. Missione compiuta, in presenza di atleti di caratura internazionale come Federico Turrini (vincitore dei 200 Misti), Chiara

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

n 2011 spettacolare, ricco di risultati ed emozioni per tutte le categorie e discipline targate Nuoto Livorno (Esordienti, Pallanuoto, Sincro, Master ecc). Un 2011 che si è aperto nel segno di Federico Turrini e Chiara Boggiatto, capaci già ad aprile di mettersi in tasca la qualificazione per i Mondiali di Shanghai, traguardo quest’ultimo impreziosito da due pass per gli Euro Junior, 5 titoli italiani (nuovo record), 16 finali assolute e dal quarto posto nella classifica femminile. Il team labronico, difatti, si è reso protagonista di un Campionato Assoluto Primaverile coi fiocchi: ogni atleta monitorato da Corrado Rosso e Stefano Franceschi è salito sui blocchi di partenza carico di motivazioni con lo scopo di centrare gli obiettivi fissati alla vigilia. Qualche esempio? La consacrazione a livello assoluto di Francesca Fangio, che oltre al biglietto aereo per Belgrado ha centrato tre finali, i percorsi di Silvia Florio (convocata lo scorso agosto per le Universiadi di Shenzhen, in aggiunta al titolo nella 4X200 SL con il Centro Sportivo Esercito), la classe cristallina di Martina De Memme, argento nei 400 e bronzo negli 800 Stile Libero, e le 17 presenze totali di un club (di Serie A) in continua crescita. “Si è trattato di Assoluto assai positivo – ha commentato Corrado Ros-

Boggiatto (100 Rana), Luca Ferretti (1500 Stile Libero) e Martina De Memme (800 Stile Libero), ottimamente coadiuvati da Silvia Florio, Giulia Tarquini, Federico Franciolini, Gabriele Detti, Francesca Fangio e tanti altri ancora. E addirittura, all’inizio della sessione pomeridiana, il talento livornese si era spinto al terzo posto, con il traguardo ormai a portata di mano. La settimana successiva riflettori puntati su Gabriele Detti e Francesca Fangio, membri della foltissima nazionale Juniores che ha preso parte agli Europei

219


Luca Ferretti

Centro Sportivo Esercito si è resa interprete di altre due prove di livello mondiale, su tutte il bis centrato nei 400 con tanto di nuovo record personale e dei campionati (4’11’’60 contro il 4’11”77 della tedesca Jana Henke che resisteva dal lontano 2002). Il grande nuoto è tornato successivamente in Italia per i Campionati Assoluti Estivi, che hanno consegnato alla NL ben quattro ruggiti: due a testa per la stessa De Memme (200 e 400 Stile Libero) e Federico Turrini (200 e

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

di Belgrado: per il talento classe 1994 un’esperienza da inserire nell’album dei ricordi più belli per mezzo di tre medaglie d’argento (400, 800 e 1500 Stile Libero), mentre la piccola ranista (’95) si è presa con pieno merito la finale continentale dei 200 Rana.

Poi ecco finalmente il Mondiale di Shanghai, inaugurato con la 10km di Luca Ferretti che avrebbe dovuto rivelarsi speciale un po’ per tutti. Per “Bobo”, per l’Italia e per coloro che ogni santo giorno lo vedono versare litri di sudore in allenamento. E invece la gara di Jinshan City Beach si è tramutata in un incubo: né Ferretti, né Valerio Cleri, alla resa dei conti, sono stati capaci di archiviare la maratona iridata entro le prime dieci posizioni, rimandando la qualificazione olimpica al prossimo giugno, quando nel bellissimo specchio d’acqua di Setubal (Portogallo) si consumerà l’ultimo banco di selezione. Stesso destino per Turrini (200 e 400 Misti) e Boggiatto (50, 100, 200 Rana), vittime di un campo partenti alieno e dunque costretti ad alzare bandiera bianca in batteria o, al massimo, in semifinale. Dall’altra parte del globo, invece, Martina De Memme si è guadagnata il nickname di “Pazza Marti”. Pazza per i pazzi risultati che ha conquistato in occasione della quinta edizione dei Mondiali Militari di Rio de Janeiro (Brasile): dopo il titolo di campionessa negli 800 Stile Libero, la portacolori del Nuoto Livorno e del

La squadra agonistica della Nuoto Livorno

221


Scotto PubblicitĂ Livorno

Via degli Arrotini, 37 (Zona Picchianti) - Livorno Tel. 0586 424011 - Fax 0586 400043 - e-mail: tecno@tecnograficaitaliana.com

AMPIO PARCHEGGIO


però, sento di poter esaltare l’ottima gara di Hyde Park (il Test Event pre olimpico al quale hanno partecipato i migliori 30 di Shanghai, ndr) e quest’ultima affermazione ottenuta insieme ai miei compagni”. Un titolo che parla un dialetto toscano, con Ferretti livornese purosangue e Bruni ed Ercoli originari di Firenze, e ottenuto con oltre un minuto di vantaggio sulla Germania (Rob Mufels, Hendrik Rijkens e Svenja Zihsler, 57’15”2) e sulla Francia (Damien Cattin Vidal, Coralie Codevelle e Sebastien Fraisse, 57’41”1), rispettivamente argento e bronzo di un Team Event letteralmente dominato dai tre moschettieri con la cuffia Italia (56’12”4):

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

400 Misti). Una sottospecie di rivincita per i due figli dei Quattro Mori, che al centro federale di Ostia Lido hanno avvalorato le loro innate doti acquatiche e caratteriali grazie a dei rilievi cronometrici meravigliosi, conquistando di diritto pure la qualificazione per gli Europei di vasca corta in programma a dicembre a Stettino (vedi sotto). Al loro fianco il primo podio assoluto di Federico Franciolini, che con un 200 Rana (2’09’’38) da leccarsi i baffi ha festeggiato al meglio l’approdo nel Centro Sportivo Esercito. Tris di medaglie d’argento (50 e 200) e di bronzo (100 Rana), piuttosto, per Chiara Boggiatto, costretta ad arrendersi al cospetto di Lisa Fissneider a causa di una condizione fisica tutt’altro che ottimale. Poco male, dal momento che la sorella del pluri campione Alessio aveva già conquistato il pass gli Europei invernali. Super Assoluto pure per Gabriele Detti, che si è ben destreggiato anche ai Mondiali Juniores di Lima (Perù), rafforzando quanto di buono prodotto un mese prima a

Belgrado (argento negli 800 Stile Libero e bronzo nei 1500). Dal nuoto in vasca, altro step verso le Acque Libere con Luca Ferretti ancora in cima all’Europa: “Bobo” ce l’ha fatta, a distanza di poco più di un anno dal trionfo conquistato sul Lago Balaton è riuscito nuovamente nell’impresa di laurearsi campione. Questa volta nella 5km a squadre, in compagnia di Rachele Bruni (C.S. Esercito/Forum Sport Center) e di Simone Ercoli (Fiamme Oro Napoli), i compagni di mille avventure e altrettante soddisfazioni condivise in questi ultimi anni in un lungo e in largo per il pianeta. Luca ce l’ha fatta, in fondo a una stagione massacrante in cui ha dovuto fronteggiare innumerevoli difficoltà e una quantità di iella fuori dal comune, compreso il colpo ricevuto nei pressi dell’apparato genitale che lo ha messo fuori gioco nel corso della 10km. Ma lui, quel ragazzo dagli occhi dolci, si è rialzato più forte di prima, al fianco del suo allenatore, Stefano Franceschi, presente (ed emozionato) insieme al resto dello staff tecnico azzurro sulle rive del Mar Rosso. “Sapevamo di avere le chance per vincere e divertirci – ha commentato Ferretti – inoltre il mare piatto, la temperatura dell’acqua attorno ai 26° e il percorso semplice hanno facilitato il compito. Un commento alla stagione? Beh, sicuramente caratterizzata da alti e bassi, vedi la mancata qualificazione alle Olimpiadi. Al contempo,

223


“Gara sontuosa da parte di tutti e tre i ragazzi – ha dichiarato Franceschi, nominato mercoledì pomeriggio responsabile del Team Event – ma vorrei spendere una parola in più per Rachele Bruni, la vera anima del gruppo che ha trascinato Luca e Simone alla vittoria”. Senza parole anche il commissario tecnico, Massimo Giuliani: “I ragazzi hanno condotto una gara impeccabile - ha commentato – per fortuna in un contesto ideale a livello di condizioni atmosferiche. Non è un mistero, alla vigilia avevamo riposto grande fiducia in questo trio che, a conti

rini nei 400 Misti e appunto Boggiatto nei 100 Rana), cinque finali e un pozzo d’esperienza che sta crescendo di manifestazione in manifestazione. A chiusura del cerchio, i Campionati Italiani Assoluti Invernali – per la prima volta “Open” – che hanno prodotto un bilancio di tre titoli italiani, due medaglie d’argento e due medaglie di bronzo. Un bottino niente male, ormai consueto per la truppa guidata da Rosso e Franceschi, ma purtroppo orfano degli scettri nei 400 Misti (vinti da Luca Marin) e nei 200 Rana (Guzzetti a sorpresa).

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

Martina De Memme

fatti, è stata ripagata con gli interessi. E come se non bastasse, pure il rilievo cronometrico si è rivelato di caratura mondiale. Si tratta di un risultato strepitoso, che rafforza ancora di più la consapevolezza nei nostri mezzi”. Scorrendo la meravigliosa pellicola stagionale, non poteva mancare l’Europeo in vasca corta di Stettino (Polonia), orfano di medaglie toscane, ma terribilmente incoraggiante in vista dell’avventura che sfocerà a fine luglio nei Giochi di Londra. Oltre ai soliti noti (Turrini e Boggiatto) le corsie di Stettino hanno battezzato in una kermesse continentale pure Martina De Memme, che reduce da un 400 e 800 a dir poco massacranti non è andata oltre l’1’59’’43 nei 200. E dunque, nel bel mezzo del botta e risposta tra Federica Pellegrini e Federico Bonifacenti, dell’oro di Fabio Scozzoli nei 50 Rana e della doppia affermazione nelle staffette veloci maschili, il bilancio toscano, ma soprattutto di Livorno e della Nuoto Livorno, è da considerarsi più che positivo in virtù di due quinti posti (Tur-

225


F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

S

i è avvicinato al nuoto come succede a tanti bambini: un po’ di asma bronchiale ed il consiglio del medico di frequentare la piscina. Oggi Stefano Morini ha 55 anni, e può vantarsi di aver trascorso più di mezzo secolo in piscina, per lo più come tecnico, sempre ad alti livelli. “Da atleta nuotavo con successi limitati, ho fatto anche la pallanuoto e il rugby e quest’ultimo sarebbe stato il mio sport naturale, ma per un ragionamento razionale, per seguire le amicizie e perché mi ero fidanzato con una nuotatrice, diventata poi mia moglie, sono rimasto nel nuoto. Ho fatto l’Isef e da quel momento ho sempre pensato che avrei fatto questa professione, anche se in famiglia speravano che mi indirizzarsi verso altre strade”. Quali? “Mio padre aveva un’officina meccanica ed una concessionaria auto, mentre la famiglia di mia madre gestiva alcune sale corse, ed avevano aperto un’agenzia a Rosignano con l’idea che fossi io ad occuparmene. Ci ho anche provato, ma dopo sei mesi non ho resisto più e ho lasciato, non era un ambiente adatto a me”. Com’è iniziata la carriera di tecnico? “Nel ’79 Gino Piccini, famoso allenatore livornese, andò in pensione e rimase solo

Stefano Morini Il tecnico per eccellenza Marco Luschi, ma facendo anche un altro lavoro non poteva garantire sempre la sua presenza, così mi chiamarono come suo aiutante. Nel giro di un mese lui decise di smettere e io mi trovai solo con una squadra agonistica già formata. Allora c’era l’Associazione Nuoto Labronica. Fin dal primo momento mi sono innamorato di questo ruolo e così con testardaggine sono andato avanti. Dal ’80 all’86 ho vissuto due o tre cambiamenti di società, poi nella ’87 sono diventato un collaboratore esterno della Federazione, perché fino al ’98 ho mantenuto il doppio incarico, svolgendo il mio ruolo di allenatore anche per una società. Ho avuto subito un buon feeling con i tecnici federali e dal ’99 sono diventato il vice di Alberto Castagnetti, e nel 2000 mi sono stabilito in pianta stabile al Centro Federale di Verona fino al 2008, quando per ragioni personali ho avuto una grande opportunità con l’offerta di guidare lo Swim Planet, il famoso club di Varese e così il 1° novembre 2008 ho lasciato la Federazione. La cosa è andata avanti

due anni, quando nel 2009 è morto Castagnetti ed i ragazzi che erano a Verona, compresa la Pellegrini, hanno cercato di coinvolgermi. Il 1° novembre sono rientrato in Federazione come commissario tecnico, mantenendo per tutto il 2009 il doppio incarico”. Com’è andato il rapporto con la Pellegrini? “C’è stato un feeling non ben riuscito, può capitare, non siamo entrati in sintonia a livello caratteriale e a dicembre del 2010, dopo i Campionati del Mondo di Dubai ho lasciato la Pellegrini e mi sono dedicata dal 1° gennaio 2011 ai maschi del fondo e mezzo fondo. Da settembre sono ufficialmente diventato il responsabile del mezzo fondo maschile e guido un gruppo di atleti permanente ad Ostia, dove sono anche il responsabile del Centro Federale”. Chi sono gli atleti che sta allenando? “Fra questi ci sono due campioni europei e mondiali Juniores: Gabriele Detti che è anche mio nipote e Gregorio Paltrinieri, c’è poi Pizzetti e Rocco Potenza che ha vinto le universiadi e che potrebbe avere una strada aperta anche per le Olimpiadi di Londra. Attualmente sto lavorando stabilmente con sei atleti e spero che una buona percentuale possa qualificarsi per le prossime olimpiadi, ma essendo molto giovani il vero obiettivo sono le olimpiadi del 2016, comunque se sulla loro strada ci sarà anche Londra, naturalmente ben venga anche questa esperienza”. Cosa pensa degli atleti di Livorno? “Sono ottimi atleti, meritano i risultati che hanno fatto e credo che un buon numero possa arrivare a Londra”. Per essere un buon tecnico è meglio non essere stati dei buoni atleti?

Stefano Morini mentre ritira un premio

226


todo migliore è quello di sapere che ci si è allenati bene, come dicevo prima, il cronometro è una garanzia”. La soddisfazione più bella? “Solitamente quando si parla delle soddisfazioni più belle si ricordano i risultati più eclatanti, ma io devo dire che mi sono divertito anche con ragazzi che non hanno raggiunto alti livelli, ma quello che hanno ottenuto lo devono alla loro volontà personale. Ricordo volentieri questi atleti che mi hanno seguito e hanno abbinato la determinazione, la volontà, la consapevolezza nello studio e nello sport. Nella vita hanno tutti fatta strada e sono uomini e donne di successo nel loro lavoro”. Un allievo preferito? “Naturalmente le prime atlete che hanno fatto buoni risultati e quindi non posso non ricordare Ilaria Tocchini e Lara Bianconi. Sono le prime donne che hanno fatto le olimpiadi con la società livornese ed io ero il loro allenatore. Ilaria è cresciuto con me, ed in seguito anche Lara, lei era di Populonia e quando si trasferì a Livorno per allenarsi venne a vivere a casa mia, mia moglie l’accompagnava a scuola, è diventata come una seconda figlia. Entrambe hanno fatto nel ’92 le Olimpiadi di Barcellona: questi sono dei bei ricordi”. Spesso l’allenatore è anche un padre? “Si diventa consulenti, amici e talvolta si finisce per fare i padri più con gli atleti che con i propri figli. Ma questa è una cosa che va controllato, perché ognuno ha bisogno di trovare la propria strada in autonomia. Un allenatore che vive a 360 gradi con l’atleta non è un bene, ci vuole un certo distacco, ma questa è una cosa che la si comprende con l’esperienza”. C’è differenza fra allenare maschi e femmine? “Non c’è. Io ho allenato grandi maschi e grandi femmine”. Cose le ha lasciato Castagnetti? “Negli anni in cui abbiamo lavorato insieme ho condiviso molto con lui, abbiamo perfino diviso la stessa camera. Lui era il responsabile e a lui spettava l’ultima parola, ma non mancava mai di confrontarsi con me e di farmi partecipe anche delle situazioni più difficili. A livello sportivo ha sconvolto il nuoto italiano negli anni ’90, rendendolo molto più mo-

derno, con nuovi modelli di allenamento che ancora oggi ci invidiano in tutto il mondo”. Di cosa ha bisogno oggi il nuoto italiano? “Di Centri Federali in ogni regione o di macro centri per regioni limitrofi, dove l’investimento nelle piscine non sia solo commerciale. Gli impianti costano molto, ci sono le spese per l’acqua, il gas, la luce ecc. ed a causa di questo il nuoto agonistico viene ridotto in spazi e orari sempre più limitati, perché le società devono rientrare con le spese”. Quale pregio si riconosce come tecnico? “Sono testardo e sono aperto a tutte le novità, non mi barrico dietro la tradizione. Ogni giorno è una nuova avventura e sono il primo a riconoscere gli errori e a cambiare”. Un sogno nel cassetto? “Mi sento molto realizzato, adesso penso ad arrivare alle olimpiadi del 2016, poi mi piacerebbe avere un’esperienza all’estero. Il paese che rappresenta il massimo per il nuoto sono gli Stati Uniti, però mi andrebbero bene anche altre nazioni”. Le giornate dei suoi atleti? “Attualmente dei sei atleti due vanno ancora a scuola. Frequentano un istituto privato a tre chilometri dal centro di Ostia. La mattina si svegliano alle 7, fanno colazione alle 8 e vanno a scuola. Per due giorni alla settimana frequentano fino alle 12 e per altri due fino alle 11. Quando escono alle 11 vengono in piscina a fare un allenamento di un’ora prima del pranzo. Poi studio e alle 17 di nuovo in piscina fino alle 19.30. Chi non ha invece l’impegno della scuola si alza sempre alla stessa ora e dalle 8 alle 10.30 è in piscina, tre volte alla settimana fa seguire la preparazione atletica in palestra, il pomeriggio anche loro tornano agli allenamenti alle 17.30. Il sabato e la domenica, quando non hanno impegni agonistici sono liberi”. Quanta attenzione ha oggi il nuoto? “Negli ultimi anni il nuoto sta vivendo un bel momento, le piscine sono piene, gli atleti sono apprezzati e seguiti dal pubblico, basta vedere quanti giornalisti seguono le gare per capire quanto interesse c’è intorno a questa disciplina”. Antonella De Vito

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

“In linea teorica l’idea che sta dietro a questa frase è giusta, ma non si può negare che in pratica ci sono molti bravissimi tecnici che sono stati anche grandi atleti, questo sia in campo nazionale che internazionale. Tutto dipende dalla formazione personale e da come un tecnico riesce a gestire gli alti e bassi, lo stress proprio e degli atleti. Da noi, come in ogni sport individuale, è palese vedere la crescita tecnica dell’atleta. Il cronometro dà dei responsi precisi. Se il cronometro dà risultati positivi in allenamento è poi difficile che in gara ci siano prestazioni negative”. Come si fa a tenere attivo l’interesse per uno sport come il nuoto, che spesso ti isola dal mondo circostante? “A livello giovanile questo sport deve essere intrapreso in modo ludico, questo è importante per spingere i ragazzi a continuare. Quando però arrivano al professionismo o al semiprofessionismo l’interesse per questa disciplina diventa una cosa molto personale. Solitamente la motivazione viene dagli obiettivi che si sono prefissati, proprio come avviene negli altri sport. Quando si è ai vertici le motivazioni sono molto forti, chi non le ha non sarà mai un campione”. Il nuoto agonistico prevede degli allenamenti molto duri, anche per ragazzi giovani che continuano ancora ad andare a scuola. “Da giovani si fanno tanti errori. Il nostro compito deve essere quello di non creare false illusioni. Tutto va bene fino a quando il nuoto è divertente, ma quando diventa un sacrificio bisogna che ci siano dei risultati in proporzione alle capacità. Se uno deve sacrificare la scuola e non avere buoni risultati, è meglio che coltivi gli studi. I professionisti, come in ogni sport praticato ai vertici, sono pochi e soprattutto non è bello creare delle false illusioni”. Come si fa a contenere lo stress quando si arriva ad alti livelli? “Un buon metodo che adesso i ragazzi usano è ascoltare musica prima delle gare o vedere filmati o parlare con le persone dello staff, ognuno sceglie il metodo che preferisce. Poi naturalmente ci sono gli incontri con lo psicologo, ma sicuramente il me-

227


F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

A

cqua e pallone: in assoluto due oggetti del desiderio per chi vuole divertirsi. Messi insieme formano la pallanuoto, una delle discipline più faticose e affascinanti del panorama sportivo. Anche per questa attività la nostra città vanta una lunga tradizione fatta di serie A. Dal 2010 il panorama è però cambiato, mentre prima vi era una sola società, la Pallanuoto Livorno, che si occupava di pallanuoto, ed una sola società che si occupava di nuoto, la Nuoto Livorno, da quest’anno entrambe le società si occupano di tutti i settori, compreso il nuoto sincronizzato. Siamo andati a “scuriosare” su come la Nuoto Livorno si sia organizzata in questa nuova avventura che ha saputo attirare a sé importanti nomi, sia come atleti che come tecnici. Cuore del settore sono indubbiamente i fratelli Romano, Federico e Francesca, due nomi che hanno fatto parlare le cronache sportive nazionali e internazionali. Il 2011 è partito con un progetto curato da Federico che prevede per gli esordienti di B e C del nuoto, un’attività nella pallanuoto, con due lezioni settimanali, per apprenderne i fondamentali. Un progetto importante, unico in Italia, perché offre la possibilità a molti atleti di far conoscere una nuova disciplina alla quale potreb-

Pallanuoto La pallanuoto raddoppia Nasce il nuovo settore nella Nuoto Livorno di Antonella De Vito bero in futuro decidere di dedicarsi, magari perché arrivati verso i 14 - 16 anni capiscono che il nuoto non porterà loro i risultati sperati e scegliere la strada della pallanuoto potrà essere una valida alternativa, ricca di sorprese positive. Questo progetto permette alla pallanuoto di accrescere il bacino dei suoi possibili atleti e nello stesso tempo dà al nuoto la possibilità di creare atleti con maggior motricità. Dunque un vantaggio per entrambi. Attualmente la Livorno Nuoto nel settore pallanuoto vanta la prima squadra che, essendo partita da un anno, gioca ovviamente in serie D, e le squadre degli under 20, under 17 e under 13. Francesca allena la promozione, Federico gli under 20 e gli under 13, mentre Francesco Paolucci allena l’under 17. Il primo anno di attività

ha portato buoni risultati agli under 17 arrivati in finale. Gli under 20 sono andati meno bene, ma per scelta del tecnico la squadra è stata formata con gli stessi ragazzi dell’under 17, quindi non con atleti di 19 anni, ma di 15. “Un modo per formali –spiega Francesca- e averli più preparati nella prossima stagione, nella quale punteremo alla promozione”. Un altro obiettivo del 2012 è quello di ampliare il settore e attrarre un maggior numero di atleti. Per rendere più forte la prima squadra Francesca ha chiamato il fratello Federico e Michele De Zordi a giocare con i giovani. Due giocatori veramente esperti, che hanno militato a livelli alti e che affiancheranno i ragazzi per farli crescere trasmettendo la loro esperienza e far nascere bravi agonisti.

La prima squadra di pallanuoto della Livorno Nuoto nel 2011

228


gliò di dedicarmi a questa disciplina perché secondo lui la mia struttura fisica mi avrebbe permesso di giocare bene”. Come si è sviluppata la tua carriera agonistica? “Ho giocato a Livorno per 6 - 7 anni. All’epoca c’erano due squadre femminili in serie B, che si fusero formando una squadra molto forte che salì in serie A. Quella squadra ha portato 4 atlete in nazionale: Silvia Moriconi portiere, Marica Carrozzi, Daniela Lavorini ed io. Con quella squadra raggiungemmo buoni risultati qualificandoci quarte in campionato, ma il presidente Lessi decise di sciogliere la squadra perché non trovava i soldi per fare le trasferte. Così è cominciata la mia carriera fuori città, prima con il Bologna e poi con altre squadre. Sono rientrata a Livorno quando mio fratello era allenatore della squadra femminile in B e mi chiese di aiutarlo a riportarla in serie A. E così è stato, abbiamo condotto la squadra fino alla finale per salire in A1, che però ab-

Francesca Romano una determinazione da serie A di Antonella De Vito biamo perso. A quel punto avevo 41 anni e mi sono ritirata”. Com’è il rapporto con tuo fratello? “Buonissimo. Adesso sono io che alleno lui e Federico, con la sua grande esperienza, mi sta aiutando a far crescere i giovani atleti della prima squadra. In questo momento ci siamo scambiati i ruoli”. Quando hai deciso di diventare tecnico? “È stata una cosa naturale. Quando giocavo a Torino la società decise di farmi anche allenare la squadra, così facevo entrambe le cose. Adesso fare il tecnico è una cosa per me molto importante, non è facile smettere quando si è sempre fatto agonismo ad alti livelli. Mi allenavo sei ore tutti i giorni, poi sono passata a due, e adesso mi alleno almeno tre volte alla settimana, di meno non posso, è una necessità per me”. Da chi è formata la squadra che alleni oggi? “La prima squadra maschile attualmente è formata prevalentemente da ragazzi di 15, qualcuno di 20, due trentenni e poi mio fratello e Michele De Zordi, che come atleti di esperienza mi aiutano a formare i più giovani. Fra loro ci sono due atleti molto bravi entrambi di 15 anni, uno è Leonardo Samminiatesi che è stato chiamato a giocare nelle giovanili del Bogliasco e naturalmente continua con noi come prima squadra. L’altro è Niccolò Russo, chiamato dal Lecco, ma il padre, ritenendolo troppo giovane, non lo ha voluto mandare, così con noi fa sia la prima squadra che le giovanili. Devo dire che sono tutti ragazzi molto bravi e giovani, quindi bisogna dare loro il tempo di crescere”. Cosa chiedi ai tuoi atleti? “Il rispetto verso le figure di riferimento, ma anche fra loro. Chi salta più allenamenti, beve troppo o fuma eccessivamente, manca di rispetto a me che tutte le sera sono in piscina ad allenarli, ma anche ai suoi compagni, perché quando durante la partita non gioca al meglio, perde lui, ma fa perdere tutta la squadra. L’altra cosa che chiedo è l’impegno. I ragazzi di oggi hanno tutto senza sforzo, quindi far capire loro che devono fare una grande fatica per

allenarsi non è facile. Credo che questo insegnamento gli servirà molto nella vita, per comprendere che è importante impegnarsi, fare fatica per ottenere risultati, e poi se non si vince va bene ugualmente, però bisogna provarci”. Soddisfazioni come atleta? Quella più importante è sicuramente la medaglia d’oro agli europei, ma anche aver portato la squadra femminile di Livorno dalla B fino quasi alla A1”. Come tecnico? “Quando sono venuta via lo scorso anno dall’altra società, tutti i ragazzi che allenavo sono venuti con me, pur sapendo che all’inizio la situazione sarebbe stata in salita”. Cosa vorresti vedere come tecnico? “Il numero, avere tanti atleti e gli spazi per gli allenamenti. I risultati poi vengono da soli”. Quando è bene iniziare? “Presto, già a 10 anni”. Cosa ti piaceva di più da atleta? “Lottare e sudare insieme alle mie compagne tutti i giorni, per raggiungere lo stesso fine”. Vi sono tipologie diverse fra uomini e donne? “Le differenze sono caratteriali. I maschi sono più diretti, litigano, magari fanno anche una scazzottata, ma poi finisce tutto. Le ragazze sono più diligenti nel compiere gli esercizi che gli affidi, ma il rapporto fra loro è più difficile da gestire”.

F.I.N.: Federazione Italiana Nuoto

P

artita da Livorno con la serie A, Francesca Romano ha giocato in molte squadre d’Italia e naturalmente nella nazionale, con la quale ha vinto la medaglia d’oro agli europei nel ’95. Oggi Francesca ha 44 anni, ma a 5 è entrata in acqua per fare nuoto e a 17 è passata alla pallanuoto. “Fu mio fratello Federico, che già praticava pallanuoto, che mi consi-

229


M

I primi vagiti

Nei primi anni sessanta nei locali della Parrocchia di Don Cesare Infunti e nei campi all’aperto davanti alla Chiesa di Torretta, grazie all’opera di alcuni appassionati, nacque il Csi Torretta. È qui, infatti, che il primo presidente, Vittorio Conti, insieme agli allenatori Attilio e Giuseppe Pino Cornelio, riuscì a formare un gruppo di atleti che ben presto ottenne la promozione nella serie C maschile. Per permettere ai giovani atleti, che avevano conseguito questo risultato, di crescere ulteriormente, la dirigenza decise di prendere accordi con il G.S. VV.F. Tomei che allora militava nel campionato nazionale di serie B. L’intero gruppo maschile del Csi Torretta venne quindi inglobato nel Tomei e la società di Vittorio Conti si dedicò, a tempo pieno, alla nascita e crescita del settore femminile. A guidare il gruppo di una ventina di pallavoliste fu la professoressa Gigliana Mazzoni. Nel 1967, sotto la guida del giovane Giuseppe Cornelio, venne disputato il primo campionato regionale di serie C. L’anno successivo, nel 1967/1968, grazie a un ottimo secondo posto ci fu la promozione in serie B: l’attuale serie A2.

Pallavolo Da Torretta Pallavolo a Torretta Volley Porto: passato e presente di una società Agonismo e divertimento per atlete di tutte le età di Mario Orsini L’esigenza di creare un valido vivaio giovanile, al quale attingere per la prima squadra, spinse il presidente Conti a promuovere la nascita di una seconda squadra; la Volley Torretta. La squadra fu affidata a Attilio Cornelio e iscritta alla serie C dove le pallavoliste potevano fare una bella esperienza e maturare tecnicamente. I buoni risultati del Torretta in serie B: quarto posto da neopromossa e terzo nell’anno successivo, serviranno

da volano per la crescita del movimento pallavolistico labronico. Sulla scia di questi successi in città nascono diverse

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

ezzo secolo di pallavolo con qualche piccolo contrattempo e un’infinità di soddisfazioni. Per la Torretta Pallavolo, adesso Torretta Volley Porto, un passato tutto da raccontare, un presente roseo e un futuro zeppo di ottimi auspici.

231


to - Calza

Terreno

i t r e Ap la ica n e m do Primo piano

Scotto Pubblicità Livorno

LAVORAZIONI ELETTRICHE MECCANICHE INDUSTRIALI COMMERCIO SERVIZI

Abbigliamento - Calzature Accessori uomo donna

Caffè Smeraldo Caffetteria - Cioccolateria

Agenzia matrimoniale

Via dell’Impresa 18, ss 206 - Collesalvetti LIVORNO


Torretta Volley Porto

Altra svolta nel 2009/10. Per gravi motivi familiari Don Giuseppe Coperchini fu costretto a mettersi da parte. La volontà di proseguire l’attività fu però talmente forte che dopo alcuni febbrili

e riservati incontri programmatici, il Torretta Volley con il suo staff societario superstite composto da Fabio Mazzi, Giovanni Bosco, Marco Gazzo, Emilia Crescenzo e Paolo Corrieri, entrò a far parte del Circolo Porto di Livorno. La nuova società fu denominata Torretta Volley Porto Asd e alla presidenza fu nominato un entusiasta Piero Menicucci. “L’amico Giuseppe Copertini fu invece nominato presidente onorario”, la chiosa di Piero Menicucci. A regalare maggiore tranquillità, alla Torretta Volley Porto nel 2009, è l’assegnazione della gestione della palestra comunale Michelangelo. Oltre a risolvere annosi problemi di disponibilità di spazi per gli allenamenti delle varie squadre, ha permesso alla società di inserirsi in un tessuto abitativo particolarmente vivace, nel quale la società ha l’opportunità di lavorare proficuamente per il raggiungimento di quegli obiettivi sociali che sono tra i presupposti della società. Come primo passo il nuovo presidente ha programmato l’attività della società puntando soprattutto sul settore giovanile. A tale proposito è stato attivato un proficuo rapporto di collaborazione con gli organismi della Circoscrizione 1, per promuovere e vivacizzare l’attività prettamente ludica rivolta ai giovanissimi. Inoltre c’è stata l’adesione al progetto Coni, per l’accoglienza di bambini stranieri e quella verso esperienze di inserimenti di bambini svantaggiati, su proposta dell’Amministrazione Comunale. Alla fine della stagione agonistica 201011, grazie alla caparbietà del presidente Pie-

ro Menicucci e del segretario Giovanni Bosco e di tutto lo staff societario è stato centrato un obiettivo primario per il settore minivolley: la società è stata riconosciuta dalla federazione “Scuola di Pallavolo”, con il professor Franco Fabbri in veste di direttore e Andrea Giannetti di responsabile tecnico del minivolley. Un traguardo fondamentale che permette di entrare ad operare nelle scuole cittadine. Nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle la società ha potuto operare e collaborare con le elementari Micheli, Dalborro ed altre realtà, con un programma che ha per finalità lo sviluppo e la diffusione dell’attività sportiva della pallavolo, intesa come mezzo di formazione psico-fisica e morale dei bambini, mediante la gestione di ogni forma di attività motoria e ricreativa. Il Torretta Volley Porto vuole offrire ai giovani la possibilità di praticare uno sport di squadra e di valorizzare, oltre all’impegno sportivo ed agonistico, anche e soprattutto l’amicizia, lo spirito di aggregazione, la lealtà, il rispetto reciproco e per il prossimo, il gioco e il divertimento (come da “Atto costitutivo” della società Torretta Volley Porto). Questo tipo di organizzazione ha consentito alla società di avere da subito evidenti vantaggi, infatti quest’anno è stato registrata un’importante cresci-

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

società. A regalare grandi soddisfazioni all’intero movimento anche la convocazione di tante atlete livornesi nelle rappresentative azzurre. Prima fra tutte Stefania Bugatti, che nella stagione 1968/1969 venne convocata nella nazionale juniores. L’anno successivo a seguirla in nazionale furono Paola Frittelli ed Anna Corsini e successivamente Francesca Gualandi. In particolare la Gualandi e la Frittelli saranno poi due colonne della nazionale femminile. Alla fine degli anni ‘70, il Torretta trovò nuova energia dalla guida entusiasta di Don Giuseppe Coperchini; il nuovo presidente adottò nuovamente gli storici colori sociali, giallo e nero, ed impostò gli obbiettivi societari sulla formazione di giovani atlete. Don Beppe cercò fin da subito di fare del Torretta una società votata alla crescita delle giovani atlete, pur senza rinunciare a disputare campionato di categoria come la serie C e D regionali. Il Torretta riuscì così a ritagliarsi un ruolo importante nel mondo della pallavolo livornese, ormai ampiamente consolidato ed evoluto sia come numero di atlete che come numero di società.

233


Scotto PubblicitĂ Livorno


da calcio e pallacanestro. Un gruppo di maschietti e di femminucce hanno dato vita a due squadre che militano nel campionato di under 12. Su tale nucleo oltre che su tutti gli iscritti al minivolley, il presidente nutre grandi speranze per la crescita dalla scuola di pallavolo, non solo dal punto di vista tecnico ma anche di quello umano e comportamentale. L’attenzione della società non è rivolta solo all’attività di pallavolo ma già dallo scorso anno sono state attivate delle iniziative complementari che

hanno consentito alla Società aderire a varie proposte promosse dal Comitato Provinciale Coni, che sicuramente verranno ripetute anche nel corso dell’anno, come la partecipazione al progetto “educazione dei genitori allo sport praticato dai figli” che ha portato ad una serie di incontri tra il pedagogista Lamberto Giannini ed i genitori dei più piccoli, con il proposito di offrire strumenti atti a valorizzare il ruolo dello sport nel percorso di crescita dei bambini, offrendo sistemi di interpretazione delle loro capacità di libera espressione attraverso l’attività di gioco. Il Torretta Volley Porto nell’anno agonistico 2011-12 ha iscritto le proprie squadre nei tornei di under 16, under 18, II divisione e I divisione femminile e di I divisione maschile. Inoltre, con l’intento di far praticare lo sport della pallavolo a tut-

ti ha formato una squadra di amatori femminile che consente a tante atlete di divertirsi ritrovandosi in palestra nonostante l’impegni lavorativi che ognuno di loro ha.

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

ta in termini di iscritti di bambini anche del settore maschile, evento raro in una città come Livorno “dominata”

235


Volley Sei Rose Rosignano nata da tre storiche società La valorizzazione delle atlete di Mario Orsini noscimento e del lavoro svolto intorno a questo importante gruppo di giovani del mondo femminile. La notizia ufficiale, che si trova sul sito nazionale della Fipav, riporta la graduatoria nazionale con il Volley Sei Rose Rosignano al 40.mo posto sulle 118 società ammesse in tutta Italia (diverse Società sono state escluse non avendo avuto i requisiti necessari).

La storia

Il Volley Sei Rose Rosignano è una Società di recente costituzione ma, pallavolisticamente, comprende l’esperienza di ben tre società del Comune di Rosignano Marittimo la cui nascita ha radici lontane: 1975. Grazie al grande interesse per la pallavolo negli anni le società attive nel territorio del comune aumentarono fino a tre. Successivamente si è sentita la necessità di unificare gli sforzi mirando ancora di più a una pallavolo, più qualificata, coesa, forte e con obiettivi a largo spettro non solamente agonistici. Per non dare un calcio radicale al passato vogliamo, pur sinteticamente, fare il quadro delle esperienze di queste tre Società: La Libertas Rosignano Volley, L’Uisport92’ e L’Arena Popolo Vada. Cominciamo dalla Libertas Rosignano Volley.

Libertas Rosignano Volley

Il Volley Sei Rose Rosignano è stato affiliato alla Fipav nella stagione sportiva 2004/2005 ma la pallavolo che rappresenta nel Comune di Rosignano Marittimo parte dal lontano 1975 quando un gruppo di ragazzi di Rosignano decisero di mettere su una squadra maschile di amatori che iniziò a partecipare a delle manifestazioni pallavolistiche. L’anno dopo 1976/’77, sotto la guida di un allenatore preparato come Pino Cornelio, che ancora segue la pallavolo nel nostro comune, si iscrisse al primo campionato di 1a Divisione Fipav maschile e si incominciò anche con il settore femminile che si iscrisse al campionato di 1a Div. Femminile Fipav e si chiamava Pallavolo Libertas Rosignano. Nel 1981/’82 la società fu premiata dal Coni con il diploma del premio Coni 1982 per le attività svolte nell’anno sportivo ‘81/’82 dal Cas per la pallavolo, che era funzionante da 3 anni. Già in quegli anni era iniziata la collaborazione con la scuola attraverso dei progetti che arrivarono a portare 4 bambini delle scuole elementari alla fase finale nazionale del terzo “Trofeo Topolino” svoltosi a Gubbio nell’estate del 1981. Si conquistò poi la serie D maschile nell’anno ‘82/’83 e la serie D Femminile l’anno dopo. La Società poi ha militato in Serie C1. Il buon lavoro fatto dai tecnici nel settore giovanile portò, nel 1985, a conquistare, con la squadra under 15 maschile, il primo titolo nel settore giovanile della società, laureandosi campione provinciale Fipav. Lasciato poi il settore maschile, confluito in una nuova società (la Pallavolo Rosignano), diversi nel tempo, sono stati i titoli provinciali conquistati nel settore femminile (U15, U17, U18).

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

L

a stagione sportiva 2010/2011 è stata una stagione fantastica per la pallavolo femminile del nostro comune: non solo la prima squadra, Con Pro Palestra Azzurra, ha vinto il campionato di serie D ritornando prontamente in serie C, con quattro giornate di anticipo ed otto punti di vantaggio sulla seconda classificata, ma ha anche avuto il riconoscimento di Scuola Federale di Pallavolo per la sua organizzazione, per i suoi tecnici, per le atlete di valore nazionale che ha prodotto negli anni, per i suoi successi con le sue squadre giovanili. Insomma una grande soddisfazione per tutti gli sportivi della pallavolo del nostro comune e della nostra provincia. Sono solamente quattro le Società che, nella nostra provincia, si possono vantare di avere avuto, fra lo scorso anno e l’attuale, questo riconoscimento. Il direttore di questa Scuola è il professor Paolo Lazzerini, laureato Isef, nonché brevettato Fipav. Gli attuali altri tecnici, anch’essi tutti con brevetti Fipav, sono: Fabio Gemmi, Melania Gennai, Maurizio Giacobbe, Massimiliano Guerrieri, Francesca Lippi, Alberto Mangiantini, Alessandra Meucci, Elena Occhipinti e Sandra Turini. Il Volley Sei Rose Rosignano, nella passata stagione sportiva 2010/2011, ha visto ben 160 iscritte ai suoi vari corsi e campionati, dal GiocaVolley, Mini e super MiniVolley a finire alla prima squadra di serie D, passando per l’under 12, l’under 13, l’under 14, l’under 16, l’under 18, la seconda divisione, la prima divisione e la serie D. Un impegno notevole dei dirigenti, presenti e passati, i quali possono andare orgogliosi di questo rico-

237


Scotto PubblicitĂ Livorno


Scia di Successi

Dalla collaborazione fra le tre società, scaturita dall’accordo 2000/2001, sfociato nel Pool Volley Sei Rose Rosignano sono arrivati tanti bei successi. La promozione in B2 nel 2000/2001 e 2004/2005. Il titolo provinciale U 15 nel 2001/2002. Il titolo regionale Under 18 nella stagione sportiva 2005/’06. Il titolo nazionale U 15 Libertas, conquistato a Siracusa in finale con Cuneo nell’anno 2003.

Da ricordare, nel 1987, anche l’organizzazione del “Mundialito” a Rosignano Solvay con gli incontri fra la nazionale A della Tunisia e le nazionali Juniores dell’Italia e dell’Olanda con atleti come Pippi e Papi.

UISPORT92’

La Pallavolo Uisp si affilia alla Fipav nel 1984/’85 operando sia nel settore maschile che femminile. Il settore maschile nel 1986/’87 confluisce in una nuova società, la Pallavolo Rosignano che annovera i due settori maschili Uisp e Pallavolo Libertas Rosignano. Il settore Femminile prosegue, dal 1992 con il nuovo nome di Uisport92’, con la sua attività fino a raggiungere la serie D regionale. Nel 1999/2000 inizia la collaborazione con la Libertas Rosignano Volley, costituendo il Pool “Volley Sei Rose Rosignano”. Dal 2004/05 trasferisce tutte le sue atlete nel Volley Sei Rose Rosignano: affiliato alla Fipav.

Arena Popolo Vada

nella nuova società Volley Sei Rose Rosignano.

Atlete al top

Nelle file delle tre società sono cresciute tante atlete che hanno scritto pagine importanti anche a livello nazionale. Impossibile menzionarle tutte. Tra loro ricordiamo: Claudia Benci: in serie B, unica serie, nel 1984/’85. Samantha Salvini: in Serie B1 e poi A2, nel 1999/ ’00. Vania Franchi: in Serie A2 nel 2000/’01. Arianna Clemente: in Serie A2 nel 2001/’02. Alessandra Castellano: in Serie A2 nel 2004/’05. Inoltre Letizia Padovani e Diletta Chimenti convocate per Stage Regionali settimanali in U 14, negli anni 1990 e 1995.

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

Valorizzazione di atlete

Nel Pool Volley Sei Rose Rosignano sono state valorizzate tante atlete. Tra loro: Valentina Salvia ceduta all’Asystel Novara (A1) e titolare nella nazionale pre-juniores ed juniores. Attualmente giocatrice in A2 con l’Infotel Forlì. Lara Dal Canto, convocata numerose volte per degli stage e rimasta fino all’ultima selezione di 20 ragazze per la nazionale pre-junoires nel maggio 2004. Sara Nannipieri e Clara Cecconi convocate per la selezione della nazionale prejuniores nell’anno 2004. Inoltre, altre atlete che hanno fatto parte diverse volte delle Rappresentative Giovanili Provinciali di Livorno, alcune delle quali hanno vinto anche il relativo titolo Regionale del Trofeo delle Province. Infine, sono stati organizzati diversi stage Nazionale pre-juniores a Rosignano

Nasce la Pallavolo nell’85 con la partecipazione ad attività amatoriale Uisp. Nel 1988/’89 si affilia alla Fipav: con il settore maschile e femminile partecipando ai campionati di serie provinciali. Nel 1998/’99 viene promossa in serie D con il settore femminile, dove rimane 2 anni. Nel 1999/2000 viene promossa in serie D anche con il settore maschile. Dal 2000/2001 inizia la collaborazione con il Pool Volley Sei Rose Rosignano (solo con il settore femminile avendo rinunciato al settore maschile) e dal 2004/’05 trasferisce tutte le sue atlete 239


Franco Fabbri Il ritratto di uno sportivo: atleta, allenatore, preparatore fisico, istruttore, coordinatore, manager insegnante di educazione fisica di Mario Orsini stato di salute della pallavolo è buono ma potrebbe essere anche migliore. A penalizzare il settore sono la carenza di strutture e di società. In altre parole il desiderio di fare pallavolo, da parte di giovani e meno giovani, non va di pari passi con le possibilità di praticarlo in maniera ottimale perché la domanda è superiore all’offerta”, le prime parole del professor Fabbri”. Facciamo un passo indietro. Quando è nata la sua grande passione per lo sport? “Da piccolino. Grazie anche all’altezza, un po’ superiore al normale, ho iniziato a giocare a basket. Anche con discrete soddisfazioni. Poi mio padre Oddino, che era un giudice delle gare di atletica, mi ha spinto in quella direzione. Così ho iniziato a cimentarmi nel settore lanci. In particolare lancio del peso e soprattutto del disco. Anche con validi risultati. A diciannove anni avevo un record di 43.72 metri nel lancio del disco, vinsi il Campionato regionale juniores e mi classificai al 6° posto ai Campionati nazionali juniores”. Tra i suoi amici di allenamento di quel periodo chi ricorda? “Rino Querci, Romano Cappelletti, Giovanni Morelli. Tre amici veri. Purtroppo Romano da qualche anno ci ha lasciato prematuramente”. E l’amore per la Pallavolo quando è scoppiato? “Durante l’Isef, facendo corsi di avviamento a questo sport, con l’Uisp Livorno, me ne sono innamorato. Non essendo più giovanissimo ho iniziato a praticarlo a livello amatoriale e nelle squadre minori del Cus Firenze”. Franco Fabbri vincitore nel 2006 del trofeo delle province in qualità di selezionatore del settore maschile. Risultato storico per la provincia di Livorno

Come allenatore quali sono state le tappe importanti della sua carriera? “A livello maschile ho allenato per anni nel settore giovanile maschile della Uisp Livorno, del VV.F Tomei e in quello del G.S. Baldi, una società che ora non esiste più. Qui ho fatto anche l’allenatore in seconda in serie C. Primo allenatore era Fabio Lomi”. E in campo femminile? “Come prima squadra ho allenato la Tirrena, una società di Livorno. Facevamo la prima divisione e ci siamo classificati al 2° posto, perdendo per un solo set la possibilità di essere promossi in serie D. Ed inoltre la U.S. Pallavolo Livorno”. Qualche atleta di spicco di quel periodo? “Tante davvero brave. Difficile fare nomi. Se proprio insiste le ricordo Valeria Amadori, Cinzia Tacchella e Stefania Scalici. Ma l’elenco potrebbe essere allungato. Diverse hanno poi calcato i parquet nazionali”. Le più grandi soddisfazioni? “Tante. Davvero tante. Anche qui è difficile fare una cernita. La pallavolo è uno sport che regala soddisfazioni sul piano agonistico ma anche umano. Come selezionatore ho vinto, nel 2005/2006, il torneo maschile delle province. Un incarico che richiede un notevole impegno che ho svolto per quattro anni. Si tratta, infatti, di andare a visionare tanti atleti e scegliere quelli che più si adattano al progetto che hai in mente. Una specie di puzzle da costruire, amalgamare e poi gettare nell’agone, in sfide appassionanti, con le altre realtà regionali”. L’età giusta per iniziare a fare pallavolo? “Dai sei agli otto anni. L’inizio deve essere molto soft. Occorre privilegiare l’aspetto ludico. I bambini devono prima di tutto divertirsi. L’aspetto agonistico deve essere marginale. Le prime gare sono di minivolley. A contrapporsi sono squadre di tre piccoli atleti per parte. Poi si passa al super

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

L

o sport come pane quotidiano da quasi sessant’anni. In molte sfaccettature: atleta, allenatore, preparatore fisico, istruttore, coordinatore, manager e insegnante di Educazione Fisica. Complice un fisico possente e scattante ed una passione senza limiti. A sessantacinque anni suonati, però, a mettersi da parte non ci pensa nemmeno e guarda avanti con l’entusiasmo di un ragazzino. Franco Fabbri, o meglio il professor Fabbri, come viene definito da tutti, pur essendo ufficialmente in pensione, è ancora saldamente sulla cresta dell’onda e mantiene i piedi in più di una staffa, come d’altronde ha sempre fatto. Da qualche annetto è preparatore fisico degli schermidori del Fides e dal 2000 fiduciario Provinciale Fipav, o se preferiamo della Federazione Italiana Pallavolo. Una carica non elettiva ma, da statuto, su nomina specifica del presidente della Federazione Provinciale. In undici anni di mandato Franco Fabbri ha collaborato con ben tre presidenti. In rigoroso ordine cronologico: Alessandro Lavorenti, Franco Poli, Roberto Ristori. “Tre ottimi presidenti che ringrazio di cuore. A Livorno e in provincia mi sono occupato, tra l’altro, di organizzare Corsi di Allievo Allenatore e Allenatore di 1° Grado, avvalendomi della collaborazione della commissione allenatori. La pallavolo nella nostra provincia è uno sport molto praticato e abbiamo un bel gruppo di tecnici. Complessivamente circa 180 allenatori. Lo

241


Scotto Pubblicità Livorno

SI ESEGUONO PREVENTIVI PER: Costruzioni civili e industriali Scavi Lavorazione pietre Intonaci Tinteggiature Impianti elettrici e idraulici

Via dell’Impresa, c/o Galleria Smeraldo (esterno 1° piano) - Collesalvetti (LI) Tel. 0586 963093 • Cell. 334 5437235 • a.mocerino@email.it


riodo, siamo negli anni ottanta, la scuola era una delle più frequentata non solo di Livorno ma dell’intera regione. Complessivamente circa duemila alunni distribuiti su tante sedi. Una situazione, difficile da gestire, anche con la buona volontà. Come palestre a disposizione ne avevamo poche e in genere part time e non sempre ben attrezzate”. Qualche allievo di quel periodo che gli è rimasto impresso? “Tanti. Il professionale Orlando era frequentato da molti alunni che facevano sport a buoni e in qualche caso a ottimi livelli. Tanto per volare in alto ricordo che in quelle aule sono passati: Fabrizio Mori poi diventato campione del mondo dei quattrocento ostacoli. Andrea Aghini, grande rallista e l’attuale allenatore del Milan Massimiliano Allegri. Proprio su Massimiliano ricordo un aneddoto. Lui era uno dei punti di forza della squadra di calcio della scuola allenata dal mio collega professor Lino Crista, tra l’altro ex arbitro. Una volta, prima di scendere in campo per una partita importante contro un altro istituto cittadino, conoscendo le sue grandi capacità ma anche il suo carattere, diciamo un po’ forte, l’abbiamo sollecitato a stare tranquillo e a dare il meglio di stesso per avere più opportunità di passare il turno”. Il risultato? “Dopo pochi minuti l’arbitro l’aveva già cacciato dal campo!”.

F.I.PAV.: Federazione Italiana Pallavolo

minivolley con squadre formate da quattro pallavolisti. Gli arbitraggi in queste gare devono essere molto permissivi. L’arbitro deve usare prima di tutto il buon senso. Qualche volta anche in deroga al regolamento. Intorno ai dodici anni si arriva a squadre complete di sei atleti per parte ma il campo di gara è 8 metri di lunghezza e 9 di larghezza, cioè più corto di un metro di quelli ufficiali. Infine si arriva a gareggiare su parquet normali, cioè di 9 metri per 9 metri”. Differenze tra maschi e femmine? “Sostanziali. Una recente analisi, dell’osservatorio provinciale del Coni, ha evidenziato che la pallavolo è tra gli sport più praticati della provincia di Livorno tra i bambini della scuola elementare. In termini percentuali circa il 4% di quanti fanno sport. Un bel numero su una trentina di sport presi in considerazione. A determinare questo lusinghiero risultato sono soprattutto le bambine, con un bel 7% del totale. Mentre i bambini rimangono al di sotto del 2%. Intorno ai sedici anni per le ragazzine è il momento della rottura e del parziale abbandono. Molte adolescenti si allontano da questo sport quasi in maniera radicale. Cioè senza ripensamenti. A determinare questo abbandono una sensibile flessione nella carenza di motivazioni e interessi per altre cose. Lo sport purtroppo per molte di queste ragazzine, complice anche un fisico che sta cambiando velocemente e sollecitazioni esterne non sempre positive, passa nel dimenticatoio per correre dietro

a modelli, spesso poco educativi, proposti dalla nostra società”. E i ragazzi? “La situazione è quasi diametralmente opposta. Verso i tredici, quattordici anni molti adolescenti scoprono la pallavolo e cominciano ad amarla. In genere arrivano a questo sport dopo averne praticati altri. Inizialmente, non avendolo fatto da piccolini hanno difficoltà di inserimento. In pochi mesi, però, con la volontà e una certa permissività dei nuovi regolamenti, studiati per marginalizzare le carenze tecniche iniziali, si innamorano di questa disciplina e seppure con sfaccettature diverse continuano a praticarla anche da adulti”. Torniamo al Fabbri insegnante. Al professor Fabbri. Dove ha insegnato e quali ricordi si porta dietro? “Ho insegnato alle medie e alle superiori. Gli ultimi trent’anni prima al professionale Orlando e poi per oltre un decennio al liceo Cecioni”. Qualche ricordo? Aneddoto? “Dell’Orlando specialmente nei primi anni d’insegnamento ricordo la difficoltà, per carenze di strutture, a poter svolgere in maniera ottimale il mio lavoro. In quel pe-

Franco Fabbri alla prima esperienza di allenatore nel settore femminile con la società Tirrena nella stagione agonistica 1984/’ 85. Si classificarono al 2° posto in 1a Divisione

243


F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

I

244

l basket lo ha incontrato a Livorno, perché qui è nato, ma oggi il suo lavoro di tecnico in serie A lo porta a stare fuori città per la maggior parte del tempo. Incontriamo Alessandro Ramagli in una breve “comparsa” labronica mentre accompagna il figlio più piccolo ad allenarsi tra le file dei giovani del Don Bosco. “Mi sono avvicinato al basket casualmente a 8 anni, uno sport che ben presto è diventata una passione e da metà degli anni novanta anche un lavoro. Il Don Bosco è la mia Alma Mater cestistica, qui ho iniziato la carriera di tecnico nel 1996 entrando nello staff della prima squadra come assistente”. Come hai continuato? “Dall’86 alla stagione ‘89/’90 ho allenato la Libertas Livorno, anche se sono un tifoso di vecchia fede piellina. Sono poi passato al Don Bosco dal ‘90 al ‘2000, prima nel settore giovanile e poi dal ‘96 come assistente della prima squadra a Gianni Lambruschi cominciando così la mia carriera da professionista. Come capo allenatore ho inziato sempre nella mia città, ma nel Basket Livorno perché c’era già stato il passaggio di consegne nella stagione ‘99/2000. Trascorsi mezzo anno in Lega Due subentrando all’allenatore Stefano Michelini che era precedentemente sulla panchina di Livorno e l’anno successivo andai a Biella, dove sono ri-

Pallacanestro Alessandro Ramagli Una carriera da tecnico di serie A, sognando di riportare il basket livornese alle glorie di un tempo di Antonella De Vito masto fino al 2006 facendo per il primo anno l’assistente dell’allenatore e poi il capo allenatore in serie A. Nel 2006 sono passato a Pesaro dove ho vinto il campionato di Lega Due. Il 2007 mi ha visto alla Benetton Treviso dove sono stato esonerato dopo un paio di mesi. Nel 2008 ho fatto l’esperienza come capo allenatore della Nazionale maschile Under 18, dal 2009 al 2010 sono stato al Trenkwalder di Reggio Emilia squadra di Lega Due e nel campionato 2010/11 e 20112012 con la Teramo Basket in serie A”. Il tuo punto di forza come tecnico? “In generale è importante rappresentarsi come si è. Io mi reputo una persona onesta e questo diventa un punto di forza del mio lavoro. Mi piace parlare chiaro, non amo le scorciatoie e mi prendo sempre le mie responsabilità. Questo è apprezzato dagli atleti, ma anche da chi ha il controllo gestionale della società. In generale quando ti comporti onestamente acquisisci spontaneamente la stima dei giocatori”. La soddisfazione più bella avuta come tecnico? “Il mio è un mestiere che ti riempie di sensazioni positive e negative, quindi andare a selezionarne una non è così facile. Sicuramente riportare il Pesaro in serie A è stata una soddisfazione molto bella, anche dal punto di vista personale. Mentre dal lato affettivo devo parlare del mio primo anno da capo allenatore a Livorno, quando la squadra era in una profonda crisi, ma siamo riusciti comunque ad arrivare ai playoff e ci siamo salvati. Ricordo ancora che alla prima partita c’erano 600-700 spettatori, mentre all’ultima ce ne erano 4.500, questa fu una bella soddisfazione, soprattutto da livornese”.

Quando e come comunichi chi giocherà la partita? “Il basket è diverso dal calcio. Solitamente i giocatori scendono tutti in campo, è rarissimo avere un atleta che non giocherà, soprattutto quando alleni squadre di medio livello. Adesso sto vivendo una situazione in cui devo ruotare un giocatore straniero, perché ne ho uno in più, ma è una condizione assolutamente straordinaria”. Di cosa ha bisogno oggi il basket livornese? “È brutto dirlo, ma ha bisogno di risorse”. Economiche o umane? “Economiche in prima misura, perché non se ne può fare a meno. Quando questo sport raggiunge la sua massima espressione assorbe molte risorse finanziarie e se non ci sono non puoi restare a livello professionistico. Però ho l’impressione che anche dal punto di vista delle risorse umane, l’aver perso il faro, cioè la squadra di serie A, ha un po’ indebolito il movimento della città. Anche se sono convinto che basterebbe una scintilla per riaccendere la brace che c’è sotto la cenere. Livorno è veramente una città al 50% calciofila e al 50% cestofila, forse come nessuna altra città in Italia, ma adesso siamo in un momento molto difficile, che si trascina da un po’ di anni. La storia dice che le grandi realtà cestistiche, anche quando hanno avuto momenti di crisi, hanno poi ritrovato un ciclo positivo per rinascere. Credo che Livorno non sia lontano da questo, neanche vicinissima, ma non ha certo bisogno di tempi lunghissimi. Nel giro di qualche anno la città può ritrovare la sua squadra di serie A”. Come interpreti questa onda calante del basket Livornese? “Sicuramente il calo delle risorse è una realtà. Per il resto non ho vissuto la cosa in prima persona perché sono andato via nel 2000 e quindi è difficile per me dare un’in


La cosa più bella di questo lavoro? Ti dà delle emozioni che poche altre professioni possono offrire. Ci sono trepidazioni e scosse di adrenalina uniche, quando scendi in campo con 6 - 7 mila persona che sono venute per vedere quello che sai fare”. E quella più brutta? “Per nove mesi ti toglie la tua vita privata, il rapporto con la famiglia”. Un sogno nel cassetto? “Tornare un giorno a Livorno ad allenare la squadra della mia città, e portarla in serie A. Averlo fatto in passato è un grande orgoglio e rifarlo sarebbe un coronamento molto importante per la mia carriera”. Quale atteggiamento ti fa particolarmente arrabbiare in un atleta? “Sbagliare fa parte del gioco. Mentre l’errore di atteggiamento è imperdonabile perché spesso e volentieri è un errore che decidi di commettere, in quanto non sei sufficientemente concentrato o abbastanza duro, non sei attento, non interpreti il tuo lavoro con passione. I giocatori di basket devo considerarsi dei privilegiati, sono riusciti a fare della loro passione un lavoro, guadagnano bene, quindi se non hanno l’atteggiamento giusto sono imperdonabili”. Ti sei mai trovato a dover dire a qualcuno che non era adatto a far questo sport? “No. Mi è capitato, quando allenavo il settore giovanile, di far notare ad un ragazzo che quello non era il suo livello e che secondo me doveva scendere di un gradino. Ma dire di smettere no, non sarebbe neanche giusto. Questo è uno sport che si può fare a tutti i li-

velli, ed io ne sono un esempio, ho giocato in piccole squadre di quartiere, ma ho sempre continuato per passione”. Rifaresti tutto tornando indietro? “Assolutamente sì, del resto indietro non mi guardo mai”. Come aiuti i tuoi atleti a superare la tensione prima dell’incontro? “Concentrandosi sulle cose da fare. Non bisogna mai pensare a cosa può succedere se si vince o se si perde”. Ti valuti severo? “No, mediamente mi valuto disponibile”. Cosa fate quando vincete e cosa fate quando perdete? “Non si può prescindere da quello che si è fatto. Talvolta la sconfitta, ma anche la vittoria, sono ingannevoli e non rappresentano correttamente la realtà. Quello che hai fatto invece dice sempre la verità. Quindi verifichiamo con equilibrio e facciamo una valutazione a prescindere dal risultato”. Il rapporto con gli stranieri? “Generalmente molto buono. Parlo un americano fluente, quindi ho una buona comunicazione con loro. Per chi fa l’allenatore di basket è una cosa naturale conoscere una lingua, oggi in squadra si hanno da un minimo di 5 ad un massimo di 6 stranieri e questi parlano inglese”. Mai avuto problemi fra italiani e stranieri? “Succede. Ci sono state volte che per alcuni periodi si sono creati gruppi che si guardavano fra loro non molto amichevolmente. In questo caso deve essere bravo l’allenatore a spingere tutti nella stessa direzione. Talvolta si creano sottogruppi legati alla lingua, che tendono a stare isolati fra loro, ma sono problemi che si possono risolvere”. Cosa diresti ad un genitori per convincerlo a portare suo figlio a basket? “Sì gioca al coperto, c’è la doccia calda, e i genitori hanno a disposizione un bar dove poter aspettare i loro figli… a parte gli scherzi spiegherei ad un genitore che il basket impegna tutte le qualità motorie ed è uno sport educato a differenza di altri”. Un consiglio ai tecnici livornesi? “Il primo consiglio è avere fame e passione. Il secondo è quello di avere la voglia di sperimentare, non copiare, pensare con la propria testa anche a costo di sbagliare, e poi riflettete sugli errori cercando di tirar fuori quello che di buono è stato sperimentato, cancellando le cose negative”.

F.I.P.: Federazione Italiana Pallacanestro

terpretazione, penso però che l’aspetto della pesantezza gestionale dell’attività professionistica abbia fatto da protagonista”. Quanto stai fuori Livorno? “Quando va bene torno a casa un giorno ogni due settimane. È un mestiere assorbente, e non lo si potrebbe fare diversamente”. Qual è la fascia più difficile da allenare? Più piccoli sono e più è difficile. L’allenatore di minibasket dovrebbe essere ricompensato, sotto tutti i punti di vista, molto di più di uno di serie A. Avere la responsabilità di bambini di 6 - 7 anni è difficilissimo e impegnativo, perché spesso rappresenti per loro un modello di riferimento e non puoi sbagliare, sei il loro eroe e non puoi tradirli”. La caratteristica che deve avere un ragazzo per fare questo sport? “È una disciplina abbastanza selettiva dal punto di vista fisico, ma ci sono delle eccezioni, e vediamo anche qualche ragazzo non molto alto diventare un buon atleta. La chiave in questi casi è la passione, quando c’è si può anche superare i deficit di natura fisica o tecnica. In generale nella pratica dello sport non c’è nient’altro che possa trascinarti come la tua passione”. Qual è la vita di un atleta di serie A? “Hanno un giorno di stop alla settimana che è il lunedì. Poi due allenamenti al giorno dal martedì al giovedì, ed uno il venerdì e il sabato, la domenica c’è la partita. Vita totalizzante, totalmente dedicata al lavoro. Loro però hanno la fortuna di poter staccare fra un allenamento e l’altro, mentre il tecnico difficilmente può farlo perché deve pensare ad altri aspetti gestionali”.

Nelle foto Alessandro Ramagli

245


d a l 19 31 s.r.l.

La nostra concessionaria vi offre i seguenti servizi Un magazzino ricambi ben fornito con consegna a domicilio Una officina con personale specializzato

Prova auto su strada Vetture di cortesia Grande disponibilitĂ di vetture pronta consegna

Ampio parcheggio

Concessionaria Livorno e Prov. e Prov. Pisa Sud SEDE: Livorno, Via Firenze, 91/93 - Tel. 0586 447600 - Fax 0586 447630

www.baroncini.peugeot.it

Scotto PubblicitĂ Livorno

Preventivi personalizzati


Pesca da natante Marco Volpi Un anno da Campione del Mondo negli assoluti e a squadre di Antonella De Vito gara non ho girato benissimo nelle posizioni sulla barca”. Spiegaci come sono organizzate le gare. “Abbiamo dovuto sostenere tre gare in tre giorni. Ogni gara dura 5 ore e ci sono 4 turni di un’ora e mezzo in posizioni diverse, in modo che si possa pescare a poppa, a prua e su i due lati, perché non ci siano disparità. Hanno partecipato 18 nazioni con 90 atleti, divisi in 8 barche, cioè 12 concorrenti per barca di nazionalità diverse”. Quali i tuoi risultati? “Il primo giorno ho dato 3 chile e mezzo al secondo di barca, il tutto con pesci compresi fra i 50 e gli 80 grammi: un distacco

enorme. Il secondo giorno è stato il migliore: ho catturato 398 pesci mentre il secondo di barca ne ha presi solo 280. Ho tenuto una media di 80 pesci l’ora, un record assoluto. Pensa che nelle altre imbarcazioni hanno catturato dai 180 ai 220 pesci. Ho avuto sempre concorrenti molti bravi, che solitamente si qualificano fra i primi 10 nel mondo. Nelle tre gare ho preso complessivamente 880 pesci, ho impostato le tre prove sulla cattura delle boghe, la razza maggiormente presente nel periodo del mondiale nei nostri mari”. Come ti sei preparato? “Con estrema precisione, cercando la perfezione in tutto gli aspetti che mi servono per affrontare la gara, compreso il materiale di cui mi servo. Ho iniziato a prepararmi tre mesi prima, poi ho staccato per 20 giorni, avevo bisogno di fare un po’ di ferie con la famiglia, volevo rilassarmi anche mentalmente e non pensare al mondiale. Quando sono tornato sapevo di non avere molto tempo a disposizione e dovevo fare qualche sacrificio: andavo a letto tardi e mi alzavo la mattina alle 5 per preparare le lenze. Come sempre sono arrivato a due o tre giorni dal raduno della nazionale con tutto l’occorrente perfettamente preparato e allora mi sono sentito più sereno”. Le esche? “Le esche sono uguali per tutti, nella quantità e nella qualità e vengono consegnate ai concorrenti al momento

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

D

avvero un bell’anno il 2011 per Marco Volpi, che ormai possiamo definire il miglior pescatore del mondo senza il rischio di incorrere in qualche smentita. Per dire tutta la verità Marco lo aveva già dimostrato da da tempo, ma per i più scettici ha confermato la sua grandezza vincendo in casa, proprio a Livorno, aggiudicandosi la diciannovesima e ventesima medaglia d’ora ai mondiali, se poi vogliamo contare anche gli ori ai campionati italiani dobbiamo aggiungerne altre venti. La sua specialità è la canna da natante e questa volta fra lui e gli avversari ha messo un profondo solco facendo tre gare perfette. “Nei giorni immediatamente prima la gara la tensione è stata molto alta da parte di tutti, ed anche mia, perché quando si affronta un mondiale in casa si vuol fare qualcosa in più, e poi volevo riscattare la sconfitta dello scorso anno in Montenegro dove abbiamo vinto l’oro a squadra, ma ho perso l’individuale per soli 32 grammi, piazzandomi così secondo nella classifica individuale. Dopo tanta preparazione e lavoro ce l’ho fatta, ho disputato tre gare da manuale, dove sono riuscito a sfruttare tutto il potenziale soprattutto nella seconda gara, perché nella prima e nella terza

Ai mondiali per Club nel 2011

247


F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee 248

di salire a bordo. La barca va piano in modo da impiegare un’ora e mezzo o due per raggiungere il campo di gara e dare così modo ai concorrenti di preparare le esche. Al mondiale ci hanno dato 800 grammi di gamberi congelati, 800 grammi di calamaro, e 100 grammi di vongole sgusciate. È fondamentale preparare bene le esche. Il calamaro va spellato e tagliato a striscioline di grandezze diverse a seconda di cosa si vuole pescare, il gambero va primo messo in acqua per scongelarlo poi va sgusciato e tagliato in quattro parti con coltelli molto affilati, poi va messo su un supporto e legato con sottilissimi fili di plastica per dargli la forma di una salsiccia e poi va tagliato a fette, della dimensione che si ritiene più adeguata alla pesca che si va a fare. Io ho utilizzato quasi esclusivamente i gamberi”. Chi erano i tuoi compagni di squadra? “Gli cito in ordine di arrivo al mondiale: Fabio Gratti secondo, Mauro Salvadori terzo, Paolo Volpini quarto e Paolo Nicoletti sesto. Anche a squadre abbiamo stravinto, ci eravamo preparati molto bene per questo mondiale. Quest’anno per la prima volta ha partecipato il Brasile, mancavano invece Svezia, Svizzera e Austria, che normalmente sono presenti”. Il campo di gara? “Naturalmente conosco molto bene le secche di Vada, ma l’ho comunque provato per vedere come erano posizionati i pesci. C’è stato l’inconveniente che prima del mondiale ci sono stati 25 giorni di mare calmo e poi tre giorni prima delle gare, a sorpresa, c’è stata una libecciata, che poteva mescolare la posizione dei pesci,

Marco Volpi a pesca all’Isola d’Elba

per fortuna è durata solo un giorno e non è successo niente”. Com’è stato il mare nei giorni di gara? “Il primo giorno c’erano onde di un metro e mezzo, sono state un po’ fastidiose perché si faceva fatica a stare in piedi sulla barca. Fra raggiungere il

campo di gara, il tempo della gara stessa ed il rientro, si rimane in mare 9 ore. Ecco perché ci vuole anche una preparazione fisica, infatti, prima del Mondiale mi sono allenato anche con un po’ di corsa, nuoto e pesca subacquea”. Com’è andato l’aspetto organizzativo? “È stato tutto perfetto, gli atleti sono stati ospitati alla Buca del Gatto a Cecina, un posto molto bello, con una buonissima cucina e un direttore, Giacomo Toninelli, molto disponibile ad ogni nostra esigenza”. Al di là della vittoria qual è stato l’aspetto più bello di questo mondiale? “Avere la mia famiglia presente. Il terzo girono al rientro ho trovato mia moglie Irene, mio figlio Nicola e mia figlia Sara ad aspettarmi, ed è stata una grande soddisfazione.


A chi altri hai dedicato la tua vittoria? “Naturalmente alla mia famiglia e a mia madre. Non è facile conciliare uno sport così impegnativo con la famiglia e quando ci sono queste gare il sacrificio è di tutti. Fondamentale è stato per me l’aver trovato una donna intelligente, capace di comprendere la mia attività e passione, anche lei è in parte pescatrice. Siamo praticamente cresciuti insieme, e anche lei fin da piccola è sempre stata un’appassionata, suo padre è un pescatore, anche se non a livelli agonistici, ma comunque ha sempre vissuto nell’ambiente del mare; la pesca è stato un filo di unione fra noi. Nella mia famiglia si respira aria di caccia e pesca, i miei figli Nicola e Sara, vengono spesso con me, e soprattutto il più grande insiste sempre per seguirmi. In lui c’è una grande passione per queste attività, come molti ragazzi della sua età, che però non hanno nessuno in famiglia che può seguirli e così finiscono per fare le solite attività: vanno a calcio o restano a fare i giochini al computer. La pesca è uno sport molto sano, e ti permette di tirare fuori e trasformare il carattere di una persona, perché ti insegna a ragionare, a reagire con sangue freddo, ad essere preciso e puntuale sulle piccole cose, ad acquisire una certa manualità, perché comunque noi lavoriamo con Marco Volpi all’Elba con Carlo Conti

oggetti anche molto piccoli. Qualcuno critica questa disciplina dicendo che si uccidono dei pesci. Questo è vero, ma prima di tutto si impara a rispettarli. La prima cosa che insegno ai miei figli

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Ma l’aspetto più bello è quando durante le premiazioni, mentre io ero solo sul palco e stava suonando l’inno nazionale, mio figlio Nicola si è staccato dal pubblico ed è venuto ad abbracciarmi. Mi ha stretto forte, come non aveva mai fatto in vita sua, regalandomi una grande gioia. Ma di emozioni ne ho avute anche altre, questo mondiale me ne ha regalate veramente tante. Tre mesi fa ho perso un grande amico, Marco Melluso, Campione del Mondo nel 2003, morto improvvisamente a 48 anni di aritmia maligna. Era un amico vero, una persona che stimavo tantissimo. Ci tenevo molto a vincere il mondiale e dedicarlo anche a lui. L’ultimo giorno, gli ultimi due minuti della gara, quando ormai sapevo di aver vinto ho smesso di pescare, ero a poppa e davanti a me avevo solo il mare, ho guardato il cielo e ho ringraziato tutte le persone care che non ci sono più, dedicandoli la mia vittoria, a partire da mio padre, a Melluso, al mio amico Paul, commissario della nazionale inglese, morto nel 2005. Mi sono commosso, ma senza farmi vedere. Ho provato un’emozione v e r a mente forte”.

Marco Volpi sul palco con il figlio Nicola corso ad abbracciarlo durante l’inno nazionale

249


è che il fine è quello di mangiarli, se un animale non ha la carne buona non va catturato, perché non si uccide per il gusto di uccidere. Ogni pesce o altro animale che prendiamo, perché la legge ce lo permette, viene mangiato”. Una passione con la quale sei nato? “Praticamente sì. Pescare è una cosa che ho sempre avuto nel sangue, a tre anni andavo all’asilo portandomi dietro lenze, galleggianti e piombini. Chi si avvicina al mare prova una sensazione unica, causata dalla sua grandezza, dal suo mistero, dal non capire inizialmente cosa si nasconde sotto quella lastra che talvolta luccica, altre volte è agitata e piena di schiuma. Queste sensazioni entrano nel sangue e stimolano la passione. La prima gara l’ho fatta a 12 anni, era un trofeo delle industrie livornesi, sulla diga della Vegliaia. Ero l’unico ragazzo su un totale di 78 partecipanti ed ebbi la prima soddisfazione con il primo posto assoluto”. Un consiglio per i giovani che vogliono intraprendere la tua strada?

“Ragionare sempre con la propria testa, cercare di capire le situazioni che si presentano in gara, guardare cosa fanno gli altri, ma sempre ricercando la ragione delle scelte che si fanno. E poi per ottenere risultati ci vuole tanta passione e disposizione al sacrificio. La maturità agonistica in questo sport si raggiunge a trent’anni circa, perché l’esperienza conta molto. Oggi purtroppo non sono molti i ragazzi che iniziano a praticare questa disciplina e di ciò è responsabile la Federazione nazionale, insieme a quelle provinciali, che fanno ben poco per avvicinare i ragazzi a questo fantastico sport. I genitori tendono ad indirizzare i figli verso il calcio o altre discipline, ma io credo che la pesca sportiva sia più educativa degli altri sport, perché viene pratica-

ta all’aria aperta, a contatto con la natura. È una attività sana che ti fa stare bene e mette tutta la persona alla prova, dal fisico, alla mente, all’inventiva, alle capacità di ragionamento. Le competizioni poi ti permettono di confrontarti con gli altri, ti danno occasione di imparare cose nuove e migliorare il bagaglio tecnico. I ragazzi che oggi si impegnano nella pesca sono pochi, ma vengono su bene, il loro livello è alto, sono molto motivati ed hanno chiari gli obiettivi che vogliono raggiungere”.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

Marco Volpi a pesca all’Isola d’Elba

Marco con un pesce Leccia

251


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Araldo Camici P L’Arte nello Sport

ittore livornese, ha iniziato il suo cammino artistico negli anni ’70, entrando ben presto nel contesto pittorico della sua città.

Araldo Camici: “Autoritratto”

Nel 1988 viene inserito nel Gruppo Toscana Arte “Giovanni March”, partecipando alle varie rassegne del sodalizio. Artista emozionale, ha da sempre reso omaggio al colore, imprimendolo sulle proprie tele attraverso visioni paesaggistiche ma con una predilezione al mondo floreale. Una descrizione informale, astratta in alcune sue rappresentazioni, ma il tutto eseguito attraverso una prorompente forza cromatica. La sua pittura è il linguaggio dei colori, è la voce delle luci, è un sospiro di emozioni, alcune volte esternate con delicate tonalità ed altre con doviziosa ed irruente matericità. La personalissima tecnica pittorica di Araldo, ma soprattutto la musicalità nelle note di colore dei suoi dipinti, fanno vivere il fruitore a diretto contatto con i suoi fiori, le sue composizioni, il suo

252

quando a sviscerarne gli intimi recessi è la introspezione. Gli accenti informali di cui l’artista si fa carico nella accurata indagine del rapporto fra reale e irreale, fra particolare e universale, esprimono in senso chiaro la problematica personale di cui Camici cerca l’esemplificazione, ma la volontà di ricerca che non si esaurisce nella pienezza del colore raggiunto come fatto puramente edonistico… … nei suoi dipinti si ha la percezione di una visione gioiosa dell’oggetto riprodotto, sia questo un ambiente, un mazzo di fiori o semplicemente lo studio ravvicinato di un semplice filo d’erba… (Giuliana Matthieu) Immaginate di compiere un viaggio a ritroso nella storia dell’arte moderna partendo dal punto più estremo, ovvero quello in cui ogni linguaggio formale, ormai definitivamente frantumato e disperso in mille diverse direzione, abbia del tutto perduto la sua funzione originaria. Vi muoverete in una sorta di labirinto dove poco a poco, comincerete a decifrare segni, a riannodare fili spezzati, ripercorrendo il cammino tortuoso e problematico tracciato dall’arte di questo secolo. Ebbene, questa avventurosa esplorazione alla ricerca delle proprie matrici culturali rappresenta in qualche modo ciò che nella pratica artistica ha compiuto in questi anni Araldo Camici. I suoi esordi sul versante dell’informale, spesso carat-

mondo …informale e figurativo al tempo stesso. Numerose le pubblicazioni che si sono occupate della sua pittura (Il Telegrafo, Il Tirreno, La Ballata, Livorno Non stop, Virtù degli artisti labronici, Arte a Livorno …e oltre confine, ecc.) Tra i vari commenti critici ricordiamo quelli di Jolanda Pietrobelli, Fosco Monti, Dino Pasquali, Giuliana Matthieu, Mario Michelucci, Brunello Mannini, Mauro Barbieri, Aroldo Rosini,Alberto Zampieri e Alessandra Rontini. Paesista, con la passione per il mondo floreale, coglie ogni pretesto per rendere il colore protagonista assoluto delle sue tele, sia nelle sue espressioni più figurative che in quelle più astratte. Il brillante cromatismo, la luce radente e la materia sono il risultato di una pittura spontanea che conserva tuttavia l’innata eleganza esecutiva dell’artista. La pittura di Araldo Camici non stanca mai, anzi esorta l’osservatore a scoprire elementi nuovi e velati per giungere al rinvenimento di sensazioni intimistiche dal forte impatto emotivo. (Mauro Barbieri) Pittura fortemente cromatica e mimetica quella dell’artista Araldo Camici, volta per certi versi alla esaltazione del colore trionfante su un impianto figurativo visibile soltanto come traccia di percorso. Un dettato pittorico il suo, che mette in luce quanto di più libertario e di emozionale si annida nell’animo umano Araldo Camici: “Spiaggia con ombrelloni” - olio su tavola cm 30x40


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

terizzati da una fortissima componente materica, veri e propri trionfi del colore, hanno infatti progressivamente lasciato il posto ad un figurativismo del tuto personale che conserva inalterate le tracce di quell’esperienza. Le immagini emergono a fatica dalle profondità di un magma bollente, denso di colore, che sembra volerle costringere ancora nel suo indistinto fluire. La natura morta, ad esempio, è uno dei temi classici della storia dell’arte che il pittore affronta in un rapporto col vero del tutto atipico. Oggetti, piani e spazio formano un tutt’uno compatto e difficilmente scindibile, come se l’immagine che prende forma davanti ai nostri occhi fosse il risultato di un momentaneo rapprendersi della materia, pronta a dissolversi appena un attimo dopo risucchiata nel gorgo inarrestabile del colore. Anche nei paesaggi dove la tessitura pittorica ha un respiro più ampio e il colore è più steso, ciò che costruisce il quadro è l’insieme delle relazioni interne al dipinto stesso che, in quanto pura invenzione di colore, riafferma la propria autonomia, il suo esistere come oggetto. Il rinviare ad altro diventa quindi più un gioco allusivo che non una volontà di rap-

presentazione. Un percorso coerente, quindi, quello di Araldo Camici che, pur attraversando ambiti artistici differenti, ha saputo mantenere una propria impronta linguistica ubbidendo ogni volta a quella esigenza espressiva che rappresenta la fonte primaria della sua ispirazione. (Mario Michelucci) Camici è senza dubbio un artista senza tempo e fuori da ogni classica convenzione ma a cui ognuno di noi potrebbe sentirsi affine per la sincerità, per la delicatezza e per il rapporto di simbiosi tra poesia e realtà che esprime attraverso la sua forma d’arte. Affascinato dal colore in ogni sua veste, l’artista sperimenta liberamente le sue eccezionali capacità tecniche riuscendo a sviscerare il suo intimo animo pittorico. Nasce così il meraviglioso “mondo” di Araldo Camici sempre al limite tra il figurativo e l’informale nel quale si evidenzia una forte personalità che lo rende unico nel suo genere; ci troviamo di fronte ad una visione suggestiva di luci e colori in un rapporto tra forme e volumi misurato da un’ottica serena e poetica. In ogni opera dell’artista sentiamo la profondità della sua anima, la sua pacatezza, la sensibilità, la sua purezza, elementi che affratellano i suoi più intimi pensieri armonicamente in sintonia con la liricità di un mondo fatto di sfumature. La sua arte risulta coraggiosamente sincera grazie alla sua tavolozza ricca di effetti cromatici; a mio avviso la chiave di lettura dell’opera di Camici sta nella sua capacità di misce-

lare il suo amore per la pittura con quello per la natura, in senso lato, attraverso una vincente congiunzione coloristica. Tra i suoi soggetti preferiti troviamo i fiori dai colori puri e accesi, ma non disdegna anche le tinte tonali, nella costante ricerca delle varie nuance, soprattutto quando si distacca da queste proprie immagini floreali e porta la sua ottica emotiva altrove. L’attività artistica di Araldo Camici non si consuma però dal vero, il suo sguardo fulmineo sul mondo è solo un tramite emozionale tra il moto della sua anima ed i suoi strumenti di lavoro che ricompone pacatamente nel suo studio; egli rielabora la realtà con un estremo potere di sintesi, le forme avvolgenti e sensuali si confondono e si integrano con lo sfondo che le circonda tanto è profonda la loro dissolvenza. L’alta qualità di linguaggio di quest’artista testimonia una lunga e soave meditazione e la necessità di esprimere con vigore le sue emozioni, si scopre così una pittura silenziosa, intimistica e l’osservatore è conquistato dalla delicata accoglienza delle sue opere. Camici possiede una grande conoscenza e abilità in tutte le tecniche da lui praticate nella pittura così come nel disegno e ne da prova quando, ammaliato da una figura o semplicemente da un volto ne riproduce la sua immagine grafica dimostrando le sue indubbie capacità, mantenendo un impianto armonioso ed un linguaggio morbido, soave, poetico. (Alessandra Rontini )

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

253


S

Roberto Borra

ha mosso i suoi primi passi con l’agonismo nel 1951 grazie ai soci fondatori, che erano pescatori subacquei provetti: avevano difatti partecipato e contribuito ad organizzare il primo pre-campionato italiano di pesca subacquea, svoltosi nel 1949 nelle acque dell’Isola di Gorgona. Da questa data iniziò il percorso che ci ha portato fino ad oggi, compiendo sessanta anni. Io ho iniziato questo cammino dal giugno 1960 partecipando al primo corso di pesca sub. In quel periodo si respirava un’aria del tutto particolare, i giovani come me avevano l’opportunità di stare gomito a gomito con questi colossi della pesca subacquea livornese e nella sede del CicaSub, come nelle sedi di altri prestigiosi circoli sportivi cittadini, vivevamo lo sport vero, l’agonismo puro e sincero. I “vecchi” ti svelavano i loro trucchi, le mute erano maglioni infeltriti ed i fucili erano praticamente costruiti in casa. Da quell’epoca ad oggi, molti sono stati gli uomini che si sono succeduti alla

CiCa Sub Una storia che dura da sessanta anni Vittorie in tutti i mari del mondo di Roberto Borra presidenza e nel consiglio del nostro circolo, senza dimenticare Cesare Giachini al quale poi fu intitolata la scuola sommozzatori aperta nel 1964. Un uomo in particolare mi preme ricordare in questa occasione, colui che mi ha preceduto alla presidenza: Giuseppe Santeusanio detto “beppino”. Con lui abbiamo festeggiato nel 2001 un altro momento importante: il 50° di fondazione. In quella occasione aveva deciso di lasciare la presidenza, incarico che stava portando avanti da quasi un trentennio, ma mantenne l’impegno di seguire personalmente l’organizzazione del cinquantesimo, al quale teneva moltissimo e, infatti, il 5 maggio 2001 nella sala conferenza della Stazione Marittima del Porto di Livorno ci fu una bella manifestazione, con autorità del Comune, del Coni, della Federazione e dirigenti di altre società sportive del settore sub. Eravamo tutti un po’ emozionati, per l’occasione avevamo anche fatto coniare una medaglia con la quale furono premiati i soci anziani, ma anche i più giovani iscritti, ed ovviamente concludemmo con una cena, musica e cabaret. Sinceramente fu una giornata degna dei cinquant’anni del CiCaSub Guido Garibaldi. Qualche sera dopo la celebrazione e i festeggiamenti, il consiglio si riunì in un ristorante cittadino per salutare Il primo brevetto sommozzatori di Borra nel 1964

il lavoro del gruppo e ringraziare Beppe per aver portato a termine il suo mandato con una chiusura di classe. Messa da parte la festa per il 50° furono organizzate le nuove elezioni del quadriennio 2001-2004, dalle cui urne uscirono vari nominativi, fra cui i primi novi che formarono il nuovo consiglio: Ramacciotti, Lombardini, Lilla, Borra, Bulgherini, Carpigiani, Guarino, Lupi, Ciurli. Alla prima riunione di consiglio quando arrivò il momento di decidere la presidenza, con mia grande meraviglia, dalla bocca di tutti fu fatto il mio nome. Non potevo crederci perchè ormai erano vari anni che mi ero trasferito all’isola d’Elba e quindi rimasi molto colpito da quella scelta. Ancora una volta misi in evidenza la mia situazione, ma tutti dissero, confortandomi, - ma ci siamo noi qui-. Sapevo benissimo che chi vive nel Ci.Ca.Sub e si prende un impegno, cerca sempre di portarlo avanti anche se il presidente non è presente. Era già accaduto in varie fasi della vita del circolo, quando Beppe Santeusanio per motivi di lavoro si doveva trasferire in Libia e in seguito

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

iamo ancora qui a parlare di un altro importante traguardo tagliato dal CiCaSub Guido Garibaldi: il 60° anno di fondazione. In tutti questi anni di vita sociale sono capitati moltissimi eventi, belli o meno belli, non è questo che conta, perché il CiCaSub ha avuto sempre la forza di andare avanti, con i suoi dirigenti sempre pronti a prendere il posto di quelli che hanno lasciato o che sono mancati, riuscendo a crescere sia sul piano agonistico che su quello organizzativo. Il CicaSub

255


F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee 256

a Montalto di Castro, oppure quando la scuola Federale restò senza direttore e venne portata avanti da Luciano Spalti e poi da me. E per le assenze di Beppe c’erano Luciano Spalti e Franco Petri e Giuliano Bulgherini, e poi l’instancabile Piero Lilla, che fortunatamente per noi, ancora oggi è sempre super attivo, e poi Lombardini Giancarlo, con Ramacciotti Amerigo e altri ancora. Così accettai l’incarico con grande orgoglio e anche -lo devo confessare- con un po’ di emozione, la stessa sensazione che provai quando nel 1978 fui nominato Direttore della Scuola Federale di Livorno, e così pure quando fui nominato dal consiglio Nazionale Commissario Tecnico della nazionale di pesca subacquea. Quando vivi lo sport

come lo viviamo noi, senza interessi pecuniari ma solo per pura passione, quando raggiungi certe nomine o cariche, resti sempre un po’ frastornato; in quel momento non ho pensato a cosa stavo andando incontro, la curiosità è sempre stata tanta e ho detto sì di getto e forse anche con un po’ di incoscienza. Però oggi, voltandomi indietro, posso dire di non avere valutazioni negative da fare. Il primo atto deliberato dal consiglio sotto la mia presidenza fu la nomina di Beppe come presidente Onorario. Il quadriennio 2001-2004 trascorse molto bene sotto il profilo agonistico. I nostri atleti prendevano parte alle varie convocazioni della Nazionale. Nel 2001 ad Arbatax vincemmo il Campionato europeo Con Bellani 1° e l’Italia 1a per Nazioni, al mondiale del 2002 in Brasile a Capo Frio Ramacciotti conquistò il 3° posto e Stefano il 4° mentre l’Italia si qualificò 2a per Nazioni. Al Campionato europeo del 2003 in Portogallo a Lagos Bellani si piazzò 5° e Paggini 8° con l’Italia al 2° posto. Nel 2004 si prospettava un Mondiale molto difficile in Cile dove l’Italia non aveva mai fatto dei risultati importanti, questa volta la Federazione mi aveva chiesto di mettere a punto un programma vincente, quindi dovetti chiedere di impegnarsi maggiormente sul fronte economico per permetterci di fare una preparazione migliore, con due trasferte per studiare i fondali e le possibili prede da pescare, ed una terza per la preparazione effettiva

della gara sui campi previsti. Anche in questa occasione nella rosa dei titolari erano previsti Bellani e Ramacciotti. Quando chiesi ai due atleti la disponibilità rimasero perplessi perché per loro era indubbiamente un bel sacrificio. Si trattava, infatti, di stare per tre volte lontani dagli impegni di lavoro e familiari, ma poco dopo mi dettero il loro ok. Dentro di me ero convinto che avremmo fatto un ottimo risultato. Ed infatti, ne è valsa la pena perchè Stefano si è portato a casa il titolo mondiale con un bel 1° assoluto e Maurizio l’8°, portando l’Italia alla 2a posizione per Nazione. Questo risultato è stato il migliore che l’Italia abbia mai conquistato dal 1957, momento in cui sono iniziate le gare internazionali, mai un italiano aveva vinto il titolo mondiale in oceano: Stefano Bellani è riuscito in questa impresa ed era un atleta del CiCaSub. L’11 dicembre del 2004, in occasione della cena sociale, ho partecipato ad una

Ritiro del premio Pegaso assegnato a Borra in qualità di c.t. della Nazionale italiana per i risultati ottenuti - Firenze 2004


Vittoria di Bellani 1°, e 2a l’Italia Campionato del Mondo 2004 Cile

palco insieme ad atleti di tutti gli sport, anche olimpionici. Questo è stato per me motivo di orgoglio sia personale che come presidente del Cicasub. Prima di chiudere devo ringraziare tutti i consiglieri cominciando da Amerigo e Piero che sono le colonne storiche del nostro circolo, ognuno con le proprie competenze fa in modo che tutto funzioni al meglio, a Lido che si occupa di tutti i problemi logistici, a Silverio il nostro legale di riferimento, a Valerio che da quando è entrato nel consiglio mette a disposizione le sue esperienze professionali di commercialista, e ci vuole tutta la sua pazienza per farci capire come dobbiamo fare per essere nelle regole, ad Alberto che segue la scuola, a Roberto che aiuta Piero nella parte agonistica pur essendo sempre molto interessato a gareggiare, a l’altro Roberto che segue un po’ la segreteria. Anche se a volte ci sono dei momenti di tensione, ritengo che tutti i nostri sforzi siano rivolti a portare avanti ciò che molti nel passato hanno iniziato, sempre nell’interesse di tutti i soci e spero che questo continui negli anni a venire. Un Ricordo particolare va a Luciano, Franco, Mauro e Giuliano che sicuramente ci mancheranno.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

serata veramente eccezionale. Amerigo e gli altri mi avevano praticamente lasciato fuori dall’organizzazione per vari motivi. Avevo intuito che c’era in ballo qualcosa, ma feci finta di niente e all’arrivo all’hotel Continental, dove era in programma la cena, abbiamo trovato uno striscione che evidenziava il nostro risultato. Hanno voluto premiarci con una medaglia d’oro, ma il momento più emozionante è stato sentire gli applausi di tutti gli intervenuti, soci e non, tra cui il presidente del settore professor Alberto Azzali che ci ha ringraziato per il risultato, portandoci anche i saluti del presidente federale professor Claudio Matteoli. Azzali, non solo si è congratulato con tutti noi per i successi ottenuti dalla società, ma ancora una volta ha tenuto a dimostrarci la sua stima, anche per il clima sportivo che si respirava in quella serata. Con quella vittoria ho lasciato l’impegnativo incarico di ct, ormai ricoprivo quel ruolo da due quadrienni, ai quali si dovevano aggiungere altri due anni da vice, ed era quindi giusto che altri prendessero il mio posto, anche se logicamente la Federazione non ha apprezzato molto questa mia decisione. Nello stesso 2004, a giugno, Stefano Bellani a Marsala vinceva il suo secondo titolo italiano. L’attività del circolo non si è fermata solo all’agonismo, per esempio sono sta-

ti svolti vari lavori di ristrutturazione sia nella sede sociale che nei locali da cui si accede ai posti barca (lavori che da tempo erano previsti, ma mai eseguiti per alterne vicissitudini anche finanziarie) per rendere più funzionale la sede e salvaguardare la proprietà. Voglio fermarmi con il racconto al mio primo quadriennio di presidenza, anche se di cose da dire ce ne sarebbero ancora moltissime, ma siccome il Ci.Ca. Sub Guido Garibaldi ha ancora vita lunga, mi sono ripromesso di continuare nei miei ricordi in occasione del 70° anniversario. C’è una cosa però a cui tengo particolarmente e voglio far partecipi anche voi che leggete. Come ogni anno la Regione Toscana assegna il premio Pegaso per lo sport, e nel febbraio 2011 anche il Circolo Cacciatori Subacquei Guidi Garibaldi è stato insignito di tale onorificenza, durante una bella manifestazione dove mi sono trovato sul

257


Foto di Alberto Balbi

Il negozio dei pescatori in apnea della Toscana

CACCIA e PESCA di Collaveri & Bruni

Via delle Lastre, 32 - LIVORNO (zona Pontino) Tel. 0586 888176 - Email: cacciaepesca@interfree.it

Scotto PubblicitĂ Livorno

Tutte le migliori marche


lo agonistico. Sono stati offerti omaggi alle socie che da sempre collaborano all’attività sociale, ma soprattutto sono state offerte medaglie coniate appositamente per l’occasione a tutti gli iscritti. Da qualche anno il Circolo designa un premio speciale ad un socio che si è distinto particolarmente nell’attività sociale e sportiva, e quest’anno è stato assegnato a Giuseppe Bacci. Naturalmente alla serata sono intervenuti anche “colleghi“ di altri circoli, collaboratori ed amici.

La pesca subacquea Antonio Fulvi

I 60 anni del CICASUB

“Siamo sempre stati i primi a correre per portare aiuto”

Un campione del mondo, sette campioni nazionali, un’infinità di riconoscimenti ai propri soci nel palmares. Ma alla fine dei conti, nel celebrare all’hotel Continental di Tirrenia i 60 anni di vita del Cicasub (Circolo cacciatori subacquei) il presidente Roberto Borra si è detto orgoglioso prima di tutto dei valori anche non sportivi degli oltre 150 tesserati. “Siamo sempre stati, siamo e saremo i primi a correre –ha ricordato Borra- dove c’è bisogno di portare aiuto”. E nella proiezione delle foto a testimonianza dei momenti storici, oltre ai vari campionati dove i livornesi hanno prevalso in giro per il mondo sono apparse le drammatiche testimonianze dei sub in soccorso degli alluvionati di Firenze e della Valle dell’Arno del 1966. Una storia, quella del Cicasub “Guido Garibaldi”, che s’intreccia con quella dello sport della caccia subacquea. Caccia e non semplicemente pesca: perché in questa competizione l’uomo si mette nell’elemento pesce, dove quest’ultimo ha maggiori chances, e lotta faccia a faccia, ad armi pari. A celebrare i 60 anni di vita dello storico club che si affaccia sul Fosso Reale degli Scali D’Azeglio, sono intervenuti il presidente del settore sub della Fipsas Alberto Azzali, il presidente onorario Giuseppe Santeusanio, il direttore tecnico Piero Lilla. Festeggiatissimo il vecchio leone Paolo Bencini, accompagnato dal figlio che l’ha seguito negli anni delle sue grandi avventure al corallo. Ma i più festeggiati sono stati i

due massimi campioni del club, Stefano Bellini e Maurizio Ramacciotti, che hanno letteralmente falciato i massimi titoli in tutto il mondo. E che hanno annunciato di voler abbandonare da quest’anno l’agonismo. “ Per l’età non più verdissima -hanno scherzato- ma in particolare perché con le nuove regole e con la rarefazione delle prede la soddisfazione è minima”. Un segnale, ha detto Borra, da valutare. Anche perché l’avvocato Marco Paggini, altro pluricampione del circolo, ha scritto nel volume dei 60 anni di Cicasub un’appassionata critica alle regole imposte dell’area protetta della Meloria: area sempre considerata un santuario e una palestra dai sub livornesi e ora totalmente proibita. Così si uccide uno sport tra i più belli e puliti del mare.

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee

C

olgo questa occasione offertami dall’amico Scotto, per ricordare in questo modo la festa che abbiamo organizzato il 26 Novembre 2011, per festeggiare il 60° compleanno del Circolo cacciatori subacquei di Livorno, riproponendo ai lettori dell’Almanacco, l’articolo che un altro amico -Antonio Fulvi - ci fece la sorpresa di pubblicare sul quotidiano la Nazione. Nel suo scritto è riuscito a cogliere sino in fondo lo spirito della serata, e soprattutto lo spirito che da sempre si respira all’interno del Cicasub “Guido Garibaldi”, sport, amicizia e collaborazione sempre nel più totale disinteresse economico, ma solo pura passione. Durante la prima parte di questo incontro conviviale sono stati premiati i soci anziani ed i più giovani, per esempio Tommaso Ramacciotti che a 12 anni rappresenta la terza generazione della famiglia Ramacciotti dopo Amerigo, tuttora vicepresidente del cicasub e di Maurizio plurimedagliato ad ogni livel-

259


Premiazione del campione sociale 2011 Torrisi Emiliano

Il vice presidente Amerigo Ramacciotti premia Paolo un vecchio socio con Piero Lilla

Viene consegnata una targa ad Amerigo Ramacciotti da i ragazzi che collaborano con lui nei corsi sub-Rossi-Falcinelli e Baroncini

Gruppo con i campioni Bellani-Ramacciotti-Paggini e figli

Tre generazioni: da sx: Ramacciotti Maurizio-Tommaso-Amerigo

F.I.P.S.A.S.: Federazione Italiana Pesca Sportiva e AttivitĂ Subacquee

Premiazione di Marini

261


Scotto PubblicitĂ Livorno


F

Pesistica Risultati in tutte le categorie e in tutt’Italia La pesistica di qualità abita anche a Livorno chi Sportivi Studenteschi, la Federazione italiana pesistica ha predisposto un programma articolato su 3 esercizi: sollevamento di slancio del bilanciere a carico fisso di 10 kg., con valutazione della tecnica esecutiva, salto triplo e lancio all’indietro della palla medica da 3 kg. È evidente, quindi che in queste gare riservate ai giovani agonisti e preagonisti, la federazione indirizza i partecipanti verso qualità atletiche quali la coordinazione e la pratica di esercizi pliometrici (elasticità muscolare), che oltre ad essere propedeutici alla pesistica olimpionica, determinano una condizione fisica di base che sarà utile per qualsiasi altro sport. Tale attività, utile per individuare gli elementi predisposti a praticare la disciplina della pesistica, viene svolta a scuola durante le normali lezioni di educazione fisica. Al Gran Premio Giovanissimi si esegue solo l’esercizio di “slancio” e, onde non sovraccaricare i giovani atleti, la Federazione ha stilato un regolamento in cui le 3 alzate di gara vengono sommate tra di loro e gli incrementi del carico, da una alzata alla successiva, non possono superare 1 kg. Ciò evita, eviden-

Mattia Paglino con Claudio Braschi

temente, che vengano esasperati i carichi stessi. Anche per queste gare si è seguito lo stesso procedimento di selezione dei Giochi Sportivi Studenteschi che ha così determinato le 2 squadre maschile e femminile (la differenza è che a questa gara i risultati sono individuali). Per la Toscana si sono messi in luce 5 elementi, tutti facenti parte della A.S.D. Polizia di Stato Livorno. Purtroppo nella squadra maschile si è dovuto registrare la defezione di 2 elementi perché avevano precedenti impegni sportivi. Riportiamo le classifiche definitive di tutti gli atleti livornesi impegnati nelle 2 gare nazionali:

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

orse non saranno molti come numero, ma sicuramente la loro qualità è notevole. Infatti, gli atleti livornesi della pesistica fanno parlare molto di loro, per i risultati che raggiungono a livello nazionale. Ed anche il 2011 è stato ricco di successi a partire da aprile con i Campionati Italiani Under 17 svolti a Caltanisetta, quando Manuele Bardini del Gruppo Sportivo VVF C. Tomei si è classificato al primo posto nella categoria + 94kg. L’atleta ha sollevato 85 kg di strappo e 106 kg di slancio per un totale di 191 kg. Manuele era accompagnato dal Tecnico Federale Maestro Sergio Mammarella. Ha partecipato alla stessa gara anche l’atleta Beatrice Grassi del Gruppo sportivo dilettantistico Pesistica Livornese che si è classificata al 3° posto nella categoria 63 kg sollevando 40 kg di strappo e 56 kg di slancio per un totale di 96 kg. Beatrice era accompagnata dal Tecnico Federale Maestro Pietro Cannavò e si è piazzata dietro a due avversarie più grandi ed esperte dimostrando grinta e tenacia. Alla finale erano presenti 4 atleti regionali, quindi possiamo affermare che l’affermazione di Livorno è stata molto buona. Un’importante duplice manifestazione a carattere nazionale si è svolta il 28 maggio 2011 nella splendida cornice di Lignano Sabbiadoro. Ai giochi sportivi studenteschi, per la Toscana, si è qualificata la squadra femminile; l’onere e l’onore è toccato alla rappresentativa della scuola media Mazzini di Livorno, capitanata dalle professoresse Elena Malenchini e Monica Vestrini, coadiuvate dal tecnico allenatore Claudio Braschi. Per la finale nazionale dei Gio-

Claudio Braschi con l’insegnante Monica Vestrini

263


La Federazione Italiana del Coni settore Pesistica ha organizzato i Campionati Nazionali “ESORDIENTI” di Pesistica, come noto, disciplina olimpica fin dal 1920, facendo svolgere le competizioni nelle singole regioni per poi dal confronto dei risultati tecnici, stilare la classifica nazionale. Per la Toscana, Livorno è stata prescelta quale sede di gara; nello specifico, presso la scuola media statale Lambruschini. Alla competizione che si è svolta il 7 maggio si sono presentati i migliori atleti seguiti dalle professoresse Monica Vestrini ed Elena Malenchini coadiuvate dal tecnico Claudio Braschi. Gli atleti labronici, tutti tesserati per l’A.S.D. Polizia di Stato Livorno, sono ragazzi che praticando anche altri sport a livello personale,

durante le ore di educazione fisica scolastica, hanno dedicato un po’ di tempo ad allenarsi con i pesi. Comprensibilmente, vista la saltuaria attività di allenamento, non sono potute emergere a pieno tutte le loro potenzialità, specialmente in un contesto nazionale. Comunque un drappello di 9 atleti livornesi (maschi e femmine) si sono presentati all’appuntamento. Qui è accaduto un fatto increscioso: non essendo 5 di loro (trattasi di 14enni) provvisti di documento di identità, anche se accompagnati dai genitori, non sono stati ammessi alla gara dalla giuria. La competizione si è così svolta senza che loro potessero prendervi parte. Il tecnico Claudio Braschi ha immediatamente inoltrato un esposto alla Federazione Nazionale, nel quale si faceva rilevare che questo atteggiamento così “fiscale” sembrava non favorire la partecipazione e l’ampliamento del settore giovanile, così vitale per il futuro stesso di questa disciplina. La Federazione recepite in parte le motivazioni addotte dal tecnico, ha così disposto un gara di recupero che si è svolta il 21 maggio all’accademia pugilistica livornese, specifica per gli atleti esclusi, come detto, per meri motivi burocratici, ed alla quale, per sopravvenuti impegni, 2 di essi non hanno potuto parteciparvi. Quindi il drappello si è ridotto a 7 elementi che comunque hanno ben figurato conquistando 2 medaglie di bronzo. Ecco l’elenco degli atleti con i loro risultati tecnici: Benedetta Moretti 3a classificata, cat. kg.69 Mattia Paglino 3° classificato, cat. kg.69 Marina Ardimento 9a classificata, cat.kg.58 Asya Niccolai 9a classificata, cat. kg.+69 Federica Settimo 16a classificata, cat. kg.53 Ibraim Mussljia 20° classificato, cat. kg.56 Federico Castello 22° classificato, cat. kg.50 A luglio si è svolto a Giulianova (Teramo) la seconda edizione del Trofeo delle Regioni. Hanno preso parte alla gara le

Mattia Paglino 2° alla Coppa Italia, 3° ai Campionati Italiani Esordienti

Delegazione delle Regioni dell’Abruzzo, del Lazio e della Toscana. La nostra regione ha vinto la seconda edizione con una delegazione formata da: Irene Di Bartolomeo della Società A.S.D. Libertas Livorno, accompagnata dal Tecnico Federale Andrea Fuduli; Manuele Bardini della Società G.S. dei VVF C. Tomei Livorno, accompagnato dal Tecnico Federale Sergio Mammarella; Samuele Faciano e Fabio Favilla della Società S.S.D. Ginniclub-Camaiore (LU) accompagnati dal Tecnico Federale Gianluca Rosi. Ottobre invece è stato il mese della Coppa Italia Esordienti e Under 17 con gli atleti: Mattia Paglino 2° classificato nella categoria 69 kg Coppa Italia Esordienti con 50 kg di strappo e 65 kg di slancio della Società A.S.D. Polizia Di Stato di Livorno. Grassi Beatrice 2a classificata nella categoria 63 kg Coppa Italia Under 17 con 48 kg di strappo e 60 kg di slancio della Società G.S.D. Pesistica Livornese. Manuele Bardini 1° classificato nella categoria + 94 kg Coppa Italia Under 17 con 97 kg di strappo e 118 kg di slancio della Società VVF Tomei Livorno. Da segnalare anche l’atleta Stefania Lubrano classificatasi 2a nella categoria Master 45 della Società Pesistica Libertas Livorno ai Campionati Italiani di Distensione su panca che si sono svolti a Cefalu (PA) l’ 8 ottobre.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Squadra Femminile: Luisa Dainelli 2a classificata, cat. kg.43 Martina Marconi 8a classificata, cat. kg. 43 Benedetta Tassi 3a classificata, cat. kg.50 Emma Amidei 3a classificata, cat. kg.57 Martina Canova 2a classificata, cat. kg.66 La squadra femminile che rappresentava la Regione Toscana si è piazzata al 3° posto, mentre, nella classifica Società, la A.S.D. Polizia di Stato è arrivata 1a. Squadra Maschile Andrea Panariello 5° classificato, cat. kg.57 Cristian Cannillo 8° classificato, cat. kg.+66 Emiliano Palandri 9° classificato, cat. kg.+66.

265


ORCIANO PISANO (PI)

Via dell’Aiaccia, 2 - Tel. e Fax: 050 683007 fratelliniccolini@alice.it


come prevede il regolamento, di una breve sosta dell’attrezzo, di pochi attimi, sul petto. A conti fatti un totale di ben 112Kg. Lei, la bella e simpatica Beatrice, 16 anni compiuti il primo settembre, a questa nuova performance, che la conferma

Beatrice Grassi e Rachele Benvenuti di Mario Orsini tra le più brave atlete della specialità del bel paese, sembra non farci caso e guarda avanti. “Sono contenta di aver fatto il mio record personale. Allenarmi non mi costa fatica. Quando vengo qui in palestra, a Lamar-

mora, mi diverto. Aver sollevato 122 Kg è un bel risultato anche tenendo conto che ho gareggiato al limite dei 63 Kg. Sulla bilancia, però, ho fatto registrare 58,67 Kg, cioè oltre quattro chilogrammi in meno”. Grazie a questo straordinario risultato Bea-

trice Grassi si è confermata tra le migliori otto atlete, della specialità, della penisola e si è guadagnata il diritto di partecipare ai prossimi campionati italiani in programma a Carini, Palermo, il prossimo 12 febbraio. “una gara nella quale spero di far bene”.

A Carrara successo, nella gara d’esordio della sua carriera, nella categoria al limite dei 69 Kg, anche per Rachele Benvenuti. La nuova stellina della pesistica livornese. Nonostante un pizzico d’emozione, ha alzato 22 Kg nello strappo e 25 Kg nello slancio. “Sono felicissima di questo risultato soprattutto tenendo conto che per me era la prima prova ufficiale della mia carriera e che pur inserita nella categoria al limite dei 69 Kg ho fatto registrare un peso di 64,5 Kg. I margini di miglioramento sono quindi ampi e la voglia di continuare non manca davvero”.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

V

isino d’angelo e muscoli d’acciaio. Roba da far impallidire parecchi maschietti superpalestrati con le pancette scolpite, di casa nostra. Per trionfare ai campionati toscani di sollevamento pesi, a Carrara nella categoria under 17, al limite dei 63Kg, Beatrice Grassi, ha scelto la strada maestra. Nello strappo ha scaraventato, con un movimento continuo, un bilanciere di ben 50 Kg sopra la testa e nello strappo, ha replicato, con gli interessi, con un bilanciere di 62 Kg, con l’unica eccezione,

267


F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

I

ncontra per caso i bilancieri nel 1964 e da allora non li ha più lasciati. Sergio Mammarella ci racconta la sua storia sportiva, sempre legata ai Vigili del Fuoco dove ha lavorato e fatto sport tutta una vita: “I Vigili del Fuoco mi hanno sempre dato tanto -spiega- e io ho provato e provo tutt’ora a dare qualcosa in cambio facendo attività sportiva con loro”. Lo si potrebbe definire “un fedelissimo”, rispetto a quelli che viaggiano attraverso numerose società e associazioni di anno in anno. “Ho 65 anni e fu un mio collega che per primo mi portò in palestra per provare a fare pesistica. La disciplina mi piacque subito e mi sentii fisicamente portato per praticarla. Per motivi personali dovetti interrompere per 4 o 5 anni, prima di poter riprendere dopo il matrimonio e raggiungere livelli nazionali partecipando ai campionati”. Quando è cominciata la carriera di tecnico? “Nel 1985 dopo aver frequentato un corso di preparazione”. Perché questa decisione? “Credo che insegnare sia una cosa meravigliosa, anche se ci vuole tanta pazienza. Già quando gareggiavo ero disponibile a dare consigli e conforto, anche ad atleti di altre società. Mi riconoscevano un carisma particolare e quando c’erano delle difficoltà mi venivano tutti a cercare, perché sapevo trovare le parole giuste. Così ho deciso di sfruttare questa mia caratteristica e insegnare ai giovani. Fare il tecnico mi è piaciuto subito. Adesso sono maestro per meriti sportivi, grazie ai tanti risultati che ho saputo portare alla federazione, con record italiani e tanti campioni”. Ha trasmesso questa passione anche ai suoi figli? “Sì. Il più piccolo era in classe internazionale e doveva partecipare alle olimpiadi del 2000, ma purtroppo per motivi di salute ha dovuto rinunciare. Anche l’altro mio figlio ha avuto buoni risultati come atleta nazionale”. Chi sono i vostri atleti di oggi? “I principali sono: Manuele Bardini che è stato Campione italiano nel 2011 negli under 23, i due fratelli Diego e Daniele Baesso Da destra il tecnico Sergio Mammarella, Manuele Bardini e Alberto Catalano; in basso da destra Diego Baesso e Daniele Baesso

268

Sergio Mammarella Maestro di sport per merito. Quando insegnare è una cosa meravigliosa di Antonella De Vito e Alberto Catalano. Poi c’è Luca Delfino che fa biathlon e fra i più grandi abbiamo Marco Galvagno e Paola Ferrari, marito e moglie, ed infine la punta di diamante nella panca con Fabio Colacino che è fra i primi tre atleti in Italia”. Qual è la cosa più importante da trasmettere ai ragazzi? “Cerco di trasmettere la passione che è in me. Devo convincerli che questa disciplina esiste, e devono sapere cosa possono fare, procedendo con calma, partendo da un bastone e arrivando al bilanciere. Sono poi loro a dare lo stimolo all’allenatore. Non dobbiamo mai dimenticare che è il buon atleta che fa grande un allenatore”. La soddisfazione più bella avuta come atleta? “Aver partecipato ai Campionati italiani nazionali assoluti nel ’73”. E come tecnico? “Sono molte. Ad esempio nel ’93 Fabrizio Parrella vinse i Campionati italiani under 17 a Trieste e dopo due giorni andò ad una gara internazionale in Ungheria migliorando ancora il record italiano. Poi ci sono le soddisfazioni che mi hanno dato i miei

figli, con ottimi risultati, sempre piazzati fra i primi 3 o 4. Posso poi ricordare Simone Bigazzi che ha fatto passi da gigante con la nostra società, ed è riuscito ad andare nel college di Acqua Acetosa a Roma fino al 2009 quando decise di andare via. Oggi c’è Manuele Bardini, se continuerà così, con la concentrazione che ha oggi, sentiremo parlare di lui molto presto. Nel 2011 ha vinto il Campionato Italiano assoluti, la Coppa Italia under 17, ed è arrivato secondo ai Campionati italiani seniores, che è la categoria superiore alla sua. Ha fatto anche la fascia nazionale, cioè la società ha avuto un benemerito grazie ai suoi risultati. Tutti mi hanno dato e mi stanno dando soddisfazioni”. Un sogno nel cassetto? “Avere delle ragazze in palestra. A Livorno non ce ne sono tante, mentre in altre parte d’Italia la pesistica è uno sport molto seguito anche al femminile”. Perché? “Non so dirlo. La cosa è molto strana se si pensa che il sollevamento pesi è la mamma di tutte le discipline. È fondamentale per fare qualsiasi altro sport.


L’

anno 2011 è giunto ormai al termine e, come è prassi consolidata in tutti gli ambienti, è tempo di bilanci consuntivi. A questa “regola” non si sottrae certamente l’Associazione Sportiva Dilettantistica Polizia di Stato di Livorno. Anzitutto ci corre l’obbligo ed il piacere di ricordare a chi ci legge che tutto quello che si è potuto realizzare è dovuto alla proficua collaborazione tra l’Associazione e il mondo della scuola, ed in particolare alle scuole medie statali G. Mazzini con le insegnanti Prof. sse Elena Malenchini e Monica Vestrini, le quali hanno dato un contributo decisivo. Altrettanto importante l’apporto della Polizia di Stato, che ha messo a disposizione locali e capacità organizzative, e del tecnico di pesistica Claudio Braschi che ha curato gli allenamenti degli atleti. Venendo ad un resoconto delle attività svolte nell’anno scolastico 2010-2011, l’associazione Sportiva Polizia di stato insieme al G.S. VV.F. ha organizzato i G.S.S. sia la fase provinciale che

Sergio Mammarella, il secondo da destra, con i suoi atleti

Di cosa avrebbe bisogno oggi la pesistica? “Di maggior considerazione, sia a livello nazionale che locale”. C’è un messaggio che vuole lanciare? “Vorrei dire ai genitori che hanno dei tabù nei confronti di questo sport, che

non devono avere pregiudizi perché i nostri atleti non hanno mai avuto problemi in quanto sono allenati da professionisti e non si corrono rischi, anzi vengono preparati per affrontare al meglio qualsiasi disciplina. La pesistica è uno sport completo, che sviluppa ogni parte del corpo”.

La pesistica e la scuola: un connubio vincente L’attività dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Polizia Di Stato regionale. Nel gran premio giovanissimi la Polizia di Stato ha rappresentato la Toscana alla fase nazionale conquistando 4 posti sul podio con 2 argento e 2 bronzi, e il primo posto su tutte le regioni presenti, mentre le scuole Mazzini hanno rappresentato la Toscana alla fase nazionale dei G.S.S. Da notare che la Federazione Italiana Pesistica prevedeva 5 gare giovanili combinate con la scuola, in esse gli atleti nati negli anni 1997/98 potevano partecipare assieme per le rispettive squadre, mentre, i nati nel 1997 potevano singolarmente partecipare ai Campionati italiani esor-

dienti. In tale ambito sono arrivati ottimi risultati conquistando 2 bronzi ed 1 argento alla coppa Italia esordienti. Ricordiamo infine che i nati nel 1998 oltre al G.P.G. hanno disputato anche il trofeo prime alzate dove si eseguono ambedue le alzate classiche della pesistica: lo strappo e lo slancio. Tutti gli atleti saliti sul podio ai Campionati nazionali per la fine dell’anno agonistico riceveranno doni dal comitato toscano della FIPE, mentre, tutti gli atleti che hanno partecipato alle citate gare riceveranno dalla scrivente Associazione, una maglia polo col logo della stessa.

F.I.P.C.F.: Federazione Italiana Pesi e Cultura Fisica

Ad esempio, Tomba veniva ad allenarsi al Coni di Tirrenia, altrimenti non sarebbe arrivato a fare quello che ha fatto, così come Buffon, la Cagnotto e tutte le altre discipline dal basket al canottaggio, dall’atletica ai tuffi ecc.”. Quanto si allenano i suoi ragazzi? “Quattro volte alla settimana. Il tipo di allenamento naturalmente varia rispetto alla data delle gare”. La cosa più bella che le è stata detta da un suo atleta? “Quando Manuele Bardini mi ha detto: Mi sono realizzato, ho trovato quello che fa per me”. E a lei cosa ha dato la pesistica? “Tutto. Mi ha ripagato dei sacrifici che ho fatto. Gioie e dolori. Quando mio figlio non poté andare alle olimpiadi fu molto dura anche per me, oltre che per lui”. Potendo ritornare indietro rifarebbe tutto? “Sì. Rifarei tutto d’accapo, magari con altri criteri, ma non ho rimpianti particolari. Il mio scopo adesso è quello di migliorare ancora, perché nella nostra disciplina non si smette mai di imparare e questo è il bello della pesistica”.

269


Complesso “Le Ali” Via Leonardo Da Vinci, 4 - LIVORNO


armonizzare le varie anime del pugilato di casa. Il 2011 è stato anche l’anno della rivoluzione societaria in seno all’Apl. La Boxe Livorno, con sede all’Eos di Stagno, nominalmente ha chiuso i battenti. In realtà ha salutato e ringraziato tutti ed è confluita, “armi e bagagli”, nella gloriosa Apl. Cammino a ritroso, invece, per il maestro Donato Salvemini. Dopo otto anni di felice convivenza ha salutato l’Accademia dello Sport ed ha fondato una nuova società pugilistica, la Livorno Boxe Salvemini, con sede proprio all’Eos di Stagno.

Professionisti

Il 2011 è stato l’anno di Lenny Bottai e Domenico Salvemini. Luca Tassi, invece, per infortuni e pressanti impegni di lavoro si è preso suo malgrado quasi un anno sabbatico. Per tornare sul ring ha dovuto aspettare il 23 dicembre. Il 2012 vedrà sul ring senza caschetto

Una crescita inarrestabile della boxe che riporta la città agli splendori agonistici del passato Grandi atleti e bravi maestri insieme per ricreare la leggenda della noble art di Mario Orsini protettivo e maglietta anche Jordan Tangheroni che a 26 anni suonati ha deciso di fare il salto di categoria. Ma cominciamo dal grande Lenny. Il 4 marzo, in un PalaMacchia delirante ha messo le mani sulla corona internazionale IBF dei superwelter, spazzando via come un fuscello il “re del Baltico” Sergey Melis. Secco ed inequivocabile il verdetto dei giudici: 117-111, 117-112 e 118-110, i punteggi, a suo favore al termine delle 12 riprese. Il match? Ruvido ed intenso, con la bilancia che incli-

nata a leggero favore di Melis solamente nelle prime tre-quattro riprese. Poi la svolta. Bottai ha iniziato a martellare l’estone con combinazioni velocissime al volto e qualche micidiale gancio e montante al costato. Bordate che hanno appesantito oltre misura le braccia dell’avversario e reso più prevedibili e lenti i suoi colpi. Una tattica vincente e pagante che calza a pennello al fisico potente e super resistente alla fatica di Bottai. Al termine il boxer labronico era fresco come una rosa. Melis, invece, aveva sul volto i segni della battaglia e l’alone di una stanchezza eccessiva. “Io do il meglio di me stesso se non penso. Nelle prime riprese mi viene fatto di ragionare su come gestire il match dal punto di vista energetico. Poi alla ragione sostituisco l’istinto e combatto di pancia. Cioè senza fare calcoli. Da quel momento viene fuori il miglior Lenny Bottai”, le sue parole al termine del match. Tra

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

U

no sport in crescita. Per il pugilato di casa nostra è tempo delle vacche grasse. Sembra di essere tornati agli anni cinquanta e sessanta quando le due palestre di Apl e Stanic erano zeppe di scalpitanti giovanotti e i nostri boxer spadroneggiavano da tutte le parti. A rinverdire la passione per la nobile arte lo spirito un po’ guascone dei livornesi e soprattutto tanti bravi maestri e istruttori di pugilato. I loro nomi? Lenny Bottai, Fabrizio Trinca, Massimo Rizzoli, Enrico Galeazzi, Veronica Del Giovane, Domenico Salvemini, Franco Nenci, Luca Tassi, Gigi Tassi, Gianluca Urbani, Sergio Palazzolo, Ivo Fancelli, Sergio Pulimeno. Ma l’elenco, se aggiungiamo chi a vario titolo dà una mano, è ancora più lungo. A fare da collante il vicepresidente regionale e responsabile provinciale della Federazione Pugilistica nonché presidente dell’Apl, Tancredi Gioia. Un uomo, che tra i tanti meriti ha quello di

Annalisa Ghilardi e Luca Tassi

271


Scotto Pubblicità Livorno

 VENDITA E MANUTENZIONE ESTINTORI  STAZIONE AUTORIZZATA PER COLLAUDO RESPIRATORI I.S.P.E.L.S. e R.I.N.A  IMPIANTI FISSI DI RILEVAMENTO E SPEGNIMENTO  MATERIALE POMPIERISTICO  PORTE TAGLIAFUOCO - R.E.I. 60/120  CONSULENZE E RILASCIO CERTIFICATI ORDINANZA MINISTERO INTERNO

Consulenze e sopralluoghi GRATUITI per la nuova legge 81/8 per tutti i tipi di attività LIVORNO - Via Leonardo Da Vinci, 4 • Tel. 0586 408207 (2 linee) Fax 0586 409644 • E-mail: solariantincendi@tin.it


Vittoria per KO di Lenny a Firenze

gli spettatori anche l’amico Igor Protti. Un Igor incensato e magnificato, forse ancor più di quando, con i suoi goal, mandava in estasi il pubblico amaranto. Insieme a lui la marea di pugili in attività e vecchie glorie, di uno sport che non dimentica i suoi eroi. Tra loro: Remo Golfarini, Franco Nenci, Romano Fanali, Mario D’Orto, Alessio Fortunato, Alessandro Scardino, Luca e Luigi Tassi, Pietro Ziino, Luciano Mazzoncini, Domenico e Donato Salvemini e tanti tifosi, in tutto circa duemila, caldi e rumorosi come sempre. Appena, Lenny Bottai si è materializzato dietro una cortina fumogena il PalaMacchia è diventato una bolgia dantesca con urla da stadio e cori che l’hanno accompagnato, sostenuto, incitato, dal primo all’ultimo secondo, verso la vittoria: “Forza Lenny olé, olè. Picchia Lenny, olè, olè. Principe e Re, olè, olè…”. “You never walk alone” (non camminerai mai solo), il motto dello zoccolo duro dei suoi supporter du-

rante le dodici riprese. Dietro questi sacrifici purtroppo ci sono compensi che definire da fame è dire poco. Laconico in proposito il commento di Lenny. “Il pugilato oggi non è pane per nessuno. Per questo penso che i pugili italiani meritino prima di tutto grande rispetto. Per un match così importante mi metterò in tasca, al lordo, poche migliaia di euro. Briciole in rapporto alla fatica, l’impegno, i patemi d’animo vissuti nella speranza che i tasselli vadano a posto e non salti tutto da un momento all’altro. Oltre al pugile faccio il maestro di pugilato e se capita anche qualche lavoretto extra per arrotondare. Naturalmente lontano dagli impegni sul ring. Perché quando ti alleni due volte il giorno, per essere preparato, non hai testa e gambe per altre cose”. Poi il doveroso omaggio agli sponsor: “Ringrazio le persone e i soggetti che con la loro sensibilità mi hanno aiutato a regalare a Livorno questa bella serata di sport. In primis GoldBet di Inn-

Il 24 maggio Lenny Bottai, in piazza S. Croce a Firenze, archivia la “pratica” Rastislav Kovac in meno di una ripresa e mette in saccoccia il 14esimo successo, su 15 incontri disputati, tra i prof. Per Lenny è il quinto per KO della carriera. IL match? Dopo un violento martellamento al fegato, Bottai, con un devastante gancio sinistro, costringe Kovac a inginocchiarsi e appena si è rialzato, con una violenta replica lo costringe alla resa. A sostenere a bordo ring Lenny Bottai, anche in questa trasferta, i tanti tifosi arrivati dalla nostra città con un apposito pullman e con mezzi propri. Tra loro l’amico di sempre Igor Protti con a fianco l’ex portiere di Fiorentina e Livorno, David Ivan.

Successo per Bottai ai Bagni Lido di Ardenza

Il quindicesimo successo per Lenny Bottai arriva in una domenica di grande pugilato, in piena estate (il 24 luglio) in riva al mare, ai Bagni Lido della Rotonda. Un successo un po’ più sofferto del previsto davanti a oltre mezzo migliaio di persone. A chinare la testa è il Ceco Bronislav Kubin al termine di otto riprese tiratissime, con improv-

vise accelerazioni, schivate, colpi di fioretto e bordate micidiali, da una parte e dall’altra. Mazzate in grado di mettere in ginocchio un toro e di regalare emozioni e pathos in quantità industriale. Il verdetto finale, a favore di Lenny, non fa una grinta ma Kubin, ha dimostrato di essere un signor pugile e ha fatto la sua bella figura, meritandosi i sinceri applausi della gente quando è sceso dal ring. D’altronde che, per Lenny, questa nuova sfida non sarebbe stata una gitarella fuori porta era facile intuirlo. Bastava osservare con un po’ d’attenzione il curriculum del pugile Ceco. Un curriculum di tutto rispetto di un ragazzo, 32enne, non molto alto ma con il fisico scolpito come quello dei bronzi di Riace e due braccia possenti, in grado di scaricare randellate micidiali. Insomma un guerriero delle sedici corde abituato a frequentare i ring nobili del vecchio continente e a vendere cara la pelle in ogni circostanza.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

sbruck, Tommaso Caputo e la G-Sport, avvicinati tramite il Livorno Calcio e i signori Gardini e Signorelli. E tanti altri”.

273


Lenny perde il titolo internazionale IBF

Quello che non ti aspetti. Lenny Bottai il 21 ottobre, al PalaMacchia, dà l’addio al titolo internazionale IBF. A portarglielo via in una serataccia per il pugilato labronico è il francese Jan Michel Hamilcaro. La sconfitta per Lenny Bottai arriva, per KOT, a metà della nona ripresa. Bottai accusa, più del dovuto, un devastante montante destro al volto e indietreggia verso le corde. Hamilcaro intuisce il momento di difficoltà dell’avversario e si catapulta, come un lupo affamato, su di lui. Lenny, cerca di arginare, con un po’ di

mestiere ma scarsi risultati, la furia del francesino che, nella foga della cruenta battaglia tira fuori dal cilindro anche un colpo proibito alla nuca certificato dal medico come sottolinea lo stesso Bottai il giorno dopo: “Mi hanno diagnostico una compressione e trauma cervicale. Tanto per capire dove ho preso i colpi”. L’inattesa sconfitta getta nello sconforto e dipinge di delusione il volto dei suoi tanti tifosi anche perché arriva quasi come un fulmine a ciel sereno. L’incontro veramente spettacolare, fino a quel momento era filato via suoi binari di sostanziale parità, con un preciso canovaccio. Hamilcaro, anche grazie alla freschezza dei suoi 25 anni, aveva tenuto spesso in mano il pallino dell’iniziativa con velocissime, ma in genere disordinate, serie di colpi. Lenny aveva replicato, alla sua maniera, con una guardia stretta e chirurgici montanti

“Mi sento troppe cose contro. Non combatto solo contro l’avversario”. Laconico, invece, Franco Nenci suo maestro quando tirava all’Accademia dello Sport: “Bell’incontro. Il match era ancora in bilico. Mi dispiace per Lenny”, le sue poche parole.

L’anno di Domenico Salvemini

Sei match in un anno. Tutti vincenti e, come ciliegina sulla torta, la nomina da parte della federazione, a sfidante ufficiale alla corona tricolore dei superwelter, dell’aretino Adriano Nicchi, il prossimo 27 gennaio 2012. Per Domenico Salvemini, per gli amici Mimmo, il bravo pugile pugliese, nato il 28 gennaio 1984 ad Andria, ma “naturalizzato” livornese un anno da ricordare.

Esordio vincente con Fenude e replica con Trabucco

L’esordio vincente in campo professionistico, il 25 febbraio, a Mattinata di Puglia, nel Gargano. Ad arrendersi di fronte a lui, al termine di sei tiratissime riprese, il boxer genovese William Fenude. L’incontro? “Molto duro e maschio. Anche perché il suo avversario, pur accusando i

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

Tra i tanti fan d’eccezione, corsi ad applaudirlo come consueto Igor Protti. “Non sono un grande intenditore di pugilato. L’avversario, però, era tosto. Lenny è stato bravo a superare, in maniera ottimale, con la sua consueta grinta e determinazione, da vero combattente, qualche difficoltà iniziale. Proprio bravo anche perché non si arrende mai”.

e ganci che lasciavano il segno. Insomma un’autentica battaglia con la solita colonna sonora dello sterminato popolo dei tifosi di Lenny ad incitarlo con cori da stadio. A sancire il sostanziale equilibrio il responso dei tre giudici. Per due di loro, al momento dello stop, Bottai era in vantaggio di un punto e per il terzo il match era in parità. A essere dispiaciuto è anche il suo manager Sergio Cavallari: “È una sconfitta che lascia l’amaro in bocca. Lenny seppure di misura e contro un avversario vero, stava vincendo. Orgoglio e un pizzico d’ingenuità nel momento di difficoltà non gli sono stati d’aiuto. Bastava mettere un ginocchio a terra. L’arbitro l’avrebbe contato per dieci secondi. Il tempo più che necessario per riordinare le idee e gettare sul ring le tante energie che aveva ancora in corpo. Peccato perché pochi pugili hanno una città che lo stima e sostiene come con lui”. Amareggiato non poteva essere altrimenti lo stesso Lenny. Per prima cosa ci mostra i postumi del colpo proibito ricevuto alla nuca. Quello che, secondo lui, ha fatto la differenza insieme ad altri scorretti. Poi argomenta:

275


braccia al cielo e si concede al bagno di folla. “Emozionante ascoltare l’inno di Mameli iniziale. Penso di aver vinto bene”, sono le sue prime parole. La svolta? “Il gancio con cui l’ho messo al tappeto. Se non lo avessi buttato giù avrebbe preso coraggio e sarebbe stata dura. Invece in alcuni momenti mi sembrava impaurito”.

Grande pugilato dilettantistico al PalaCosmelli

Nella grande notte di pugilato del 18 marzo al PalaCosmelli, splendidamente organizzata dall’Accademia dello Sport di Damiano Bani e dall’Apl di Tancredi Gioia, quasi mezzo migliaio d’anime assiepate su tribunetta e parterre. Per loro turbinii di emozioni e scariche d’adrenalina in quantità industriale. Striscioni e qualche bandiera tricolore ad impreziosire la coreografia. Tifo infernale e cori da stadio a fare da colon-

di Federico Gassani. All’angolo il maestro e amico Lenny. Chico vince in scioltezza con il marocchino Habachi, grazie a una serie assortita di colpi chirurgici e una guardia stretta e attenta. Esaltante successo di Vairo Lenti su Jordan Tangheroni. “A fare la differenza, su un Jordan bravo e mai domo, la maggiore aggressività e continuità di Vairo”, il commento di Luca Tassi. Di misura il successo di Folco Baffoni nel derby con Daniele Dell’Omodarme. “Daniele è stato bravo e mi ha messo in difficoltà, anche perché era la prima volta che combattevo con un mancino”, il commento del momento di Folco. Successo di misura di Valerio Cucciolini dell’Accademia dello Sport su Francesco Lami, della Boxe Livorno. Laconico il suo maestro Luca Tassi: “Francesco ha capito in ritardo che occorreva dare via libera all’istinto senza fare troppi calcoli”. Vittoria meritata, nonostante un infortunio alla mano destra, del “toro livornese” Nicola D’Andrea sul pugliese Moncelli. Successo di Filippo Gressani su Andrea Gualtieri (Pug. Massese) di Gabriele Giovan-

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

pesanti ganci di Domenico, non ha mai fatto un passo indietro. Pure in questa circostanza, essendo fisicamente integro, ha confermato di essere un pugile che può ambire a ottenere risultati di ottimo livello, senza prendere scorciatoie, anche nel difficile mondo professionistico”, il commento, quasi profetico del fratello Donato. Neppure un mese dopo, il 18 marzo, al PalaCosmelli Domenico replica con maniera vincente contro Stefano Trabucco. Per il bravo boxer 24enne pescarese una sconfitta senza attenuanti. La svolta del match appena 25 secondi dall’inizio delle “ostilità”. Dopo aver incassato un paio di “cazzottacci”, Mimmo fa partire un gancio devastante. Trabucco sbanda come un’auto su un lastrone di ghiaccio e atterra carponi sul ring. Il resto dell’incontro ha un canovaccio monotematico. Salvemini tiene in mano il pallino dell’iniziativa e Trabucco replica, ma senza mordere. Alla fine delle sei riprese il verdetto è a senso unico. Salvemini, sommerso d’applausi, alza le

na sonora. Insomma di tutto di più. In tutto undici match. Molti con i nostri scalpitanti giovanotti sul ring che a conti fatti si mettevano in saccoccia ben otto successi con: Federico Gassani, Vairo Lenti, Folco Baffoni, Valerio Cucciolini, Nicola D’Andrea, Matteo Ramagli, Filippo Gressani e Gabriele Giovannelli. Tre le vittorie “ospiti”: Sabino Scarpa, Roberto D’Agnelli e Luca Roda. A fare spettacolo pure la passerella sul ring di Luca Tassi, Lenny Bottai, Remo Golfarini e il piccolo Manuel Boldrini: oro tricolore ai Giochi della Gioventù qualche mese prima. Per loro applausi oceanici e targhe ricordo. Premio speciale come miglior pugile Schoolboy per Filippo Gressani che a ottobre avrebbe vinto il campionato italiano nella categoria Schoolboy. All’angolo dei pugili di casa nostra: Franco Nenci, Ivo Fancelli, Gigi Tassi, Donato Salvemini, Lenny Bottai, Roberto Maltinti e Palazzoli. Responsabile riunione Franco Priami. Deus ex machina Gioia Tancredi. Qualche commento sui match? Limpido il successo

277


Tris di Mimmo

Un piccolo tsunami. Inarrestabile e devastante. Domenico Salvemini, la notte del 3 giugno ai Bagni Tirreno, spazza via come un fuscello Giuseppe Margiotta e mette il sigillo sulla terza vittoria, su altrettanti match, tra i professionisti, in meno di quattro mesi. L’epilogo a 13 secondi dalla fine della quinta ripresa. Il medico impone lo stop anticipato (KOTC), per un vistoso taglio al sopracciglio destro del siciliano. Per Margiotta, ferita a parte, è quasi una liberazione. Mimmo fino a quel momento aveva dominato, in lungo e largo, mantenendo quasi costantemente in mano il pallino dell’incontro. Combinazioni a due mani

e poderosi ganci sinistri al costato e al volto, forse caricati anche un po’ troppo, avevano fatto la differenza. Solo nella terza ripresa Margiotta aveva tirato fuori la testa un po’ fuori dal guscio. Troppo poco per arginare la furia agonistica di super Mimmo, tesserato per la scuderia De Clemente. “Margiotta è un bel pugile ed ha il pugno pesante. Ho ancora la clavicola destra dolorante per una mazzata ricevuta alla seconda ripresa. Il match? Come me lo aspettavo. Duro e spettacolare”, ci dice a caldo.

Dilettanti in grande spolvero ai Bagni Tirreno

gnere, 23enne, Riccardo Tulli, dell’Apl. A cedere, al termine di uno degli incontri, tecnicamente e tatticamente tra i più belli della serata, il mai domo Mirco Parisi, classe 1990, dell’Accademia dello Sport. “Riccardo ha gestito l’incontro come un veterano del ring”, le parole di Gigi Tassi. Successo limpido di Marino De Sanctis (Pug. Pisana) su Alessio Poggetti (Boxe Cecina) e di un super Davide Tassi (Pug. Massese) sul grintoso, determinato e mai domo, Francesco Passeri dell’Accademia dello Sport. Infine, nitido successo dell’astro nascente del pugilato labronico, Filippo Gressani, classe 1997 dell’Accademia dello Sport, sul fiorentino Dimitri Barcali. “Filippo ha tutto per diventare un bravo boxer”, le parole di Franco Nenci, uno che di queste cose se ne intende.

Poker di Salvemini al Foro Italico

Poker secco sulla ruota di Roma. Domenico Salvemini, nello splendido scenario del Foro Italico, il 25 giugno, demolisce la strenua resistenza del polacco Adam Grabiec e centra la quarta vittoria su altrettanti match tra i professionisti. “Un successo, quello di Mimmo, netto e meritato al termine di un incontro

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

nelli (Apl) su Christian Karafili (Acc.), di Sabino Scarpa (Puglia) su Mattia Demi (Acc.), di Luca Roda su Antonio Java e Roberto Dell’Agnelli su Andrea Asciutti. Insomma una bella serata di pugilato a fare da cornice alla seconda perla tra professionisti dello scatenato Domenico Salvemini.

ne sopra le righe con colpi potenti e precisi che hanno lasciato il segno sul volto dell’avversario. La vittoria arriva per intervento medico, per ferita all’occhio sinistro, a 22 secondi dalla fine della terza e ultima ripresa, quando il Puma aveva già azzannato senza vie di scampo la preda. “Meglio del previsto. Rientravo dopo una sosta di un anno contro un signor avversario, reduce da una striscia importante di successi”, le prime parole di Michelino. Onore e gloria pure per il peso massimo Antonio Blondi. Ad arrendersi di fronte all’allievo, dell’Apl, del maestro Ivo Fancelli, è Diego Tomassini, allievo dei maestri Franco Nenci e Donato Salvemini all’Accademia dello Sport. Vittoria, al termine di un incontro agonisticamente intenso e altamente spettacolare, invece, di Lorenzo Mentessi, dell’Accademia dello Sport su Marco Lupi, classe 1992 dell’Apl. A far pendere la bilancia dalla parte di Mentessi, una bella accelerazione finale. “Il successo di Lorenzo è, tutto sommato, giusto, ma poteva starci anche un pari”, il commento all’incontro di Luca Tassi. Esordio vincente, tra le sedici corde, per il quasi inge-

Straripante come consueto il “Puma” di Stagno Michele Ciabattari. Per il forte albanese Fran Paluca una serataccia da dimenticare. Michelino, sospinto da un tifo incessante, babbo e mamma compresi, sfodera una prestazio-

279


L’ultimo sigillo dell’anno di Mimmo

aspro e combattuto. Solo nel primo round si sono un po’ studiati. Poi, nelle restanti cinque riprese Salvemini è stato più bravo”, il commento di Franco Nenci che, come consueto, ha seguito dall’angolo il suo pupillo insieme a Donato Salvemini. Un Nenci felice perché tornava, per un incontro di pugilato, ad assaporare il gusto della capitale dove, a cavallo degli anni cinquanta e sessanta, da boxer si era ritagliato spazi di gloria. Ma contentissimo pure perché Nino Benvenuti, che stava commentando la riunione pugilistica per Rai Sport, insieme a Mario Matteoli, quando l’ha visto è andato a salutarlo. “Nino mi ha abbracciato e mi ha chiesto come stavo e altre cosette legate al pugilato. Significa che anch’io in questo sport ho lasciato qualche buon ricordo”. Le impressioni di Domenico? “È stata una serata fantastica. Boxare, quando hai addosso gli occhi di diecimila persone, è una sensazione unica, anche se sei cosciente che la stragrande maggioranza, di loro è venuta per vedere il match, con il titolo europeo

in palio, tra Daniele Petrucci e Leonard Bundu. L’incontro con Adam Grabiec? “Più difficile del previsto. Anche se a questi livelli niente è scontato. Come spreco di energie psico-fisiche, come stanchezza accumulata, è stato senz’altro il più impegnativo tra i quattro, finora disputati tra i professionisti. Grabiec voleva vincere a tutti i costi. Il suo colpo migliore era il gancio destro. Quando arrivava a segno si sentiva”.

Pokerissimo di Domenico all’Isola Tiberina

Il 29 luglio Domenico Salvemini, a Roma nello splendido scenario dell’Isola Tiberina, nel sottocluo del match tricolore dei pesi piuma vinto da Davide Dieli contro Simone Califano, davanti a più di duemila persone, suona la quinta sinfonia in poco più di sette minuti. Tempo strettamente necessario per archiviare la pratica Hanza Zsolt e guardare avanti con rinnovato ottimismo. L’epilogo all’inizio della terza ripresa per KO. Il giovane ungherese non riesce a digerire tre o quattro

Il 25 settembre ad arrendersi al bravo Domenico, ad Andria la sua città natale, è l’ungherese Sandor Ramocsa. Per Domenico un successo in discesa. “È stato più facile del previsto. Mi aspettavo un avversario più reattivo. Nel corso delle otto riprese non mi ha creato eccessivi problemi e alla fine ero ancora fresco. Soltanto le braccia erano un po’ pesanti perché, spesso, avevo caricato i colpi”. Per Domenico oltre alla vittoria anche la soddisfazione di essere osannato da oltre mezzo migliaio di spettatori durante tutto l’incontro e di ricevere, a fine match, dalle mani dall’assessore allo Sport Flavio Geremia Civita, il premio di sportivo dell’anno della città di Andria. Insomma un trionfo in piena regola per un ragazzo semplice, gentile, corretto ed educato.

Chance tricolore

Domenico Salvemini, il prossimo 27 gennaio tenterà l’assalto al titolo tricolore dei superwelter di Adriano Nicchi. Ad aggiudicarsi l’asta per l’organizzazione dell’incontro la scuderia Rosanna Conti Cavini di Grosseto. Per Domenico, dopo neppure un anno di professionismo, e una sestina secca di vittorie, arriva questa importantissima opportunità. A determinare la scelta, da parte della

federazione, di nominare Domenico Salvemini a sfidante ufficiale del trentunenne boxer aretino, è stata la doppia rinuncia di Lenny Bottai e di Manuel Ernesti. Due pugili che lo precedono nel ranking tricolore di categoria. Lenny, ha lasciato libero il passo perché da tempo ha nel mirino obiettivi internazionali. Ernesti, invece, è salito al piano di sopra: pesi medi. Il bravo Domenico si è trovato così un’autostrada sgombra davanti. Per la cronaca, ricordiamo il convulso cammino della corona dei superwelter nell’ultimo biennio. Lenny Bottai, il 5 marzo del 2010, l’aveva conquistata annientando la resistenza di Adriano Nicchi, in un PalaMacchia delirante. Appena 4 mesi dopo, il 9 luglio a Prato, l’aveva ceduta a Francesco Di Fiore, con un verdetto risicato e contestato da tutto lo staff del nostro campione. Di Fiore poi, l’11 dicembre di un anno fa, l’aveva ceduta a sua volta a Nicchi. Il boxer aretino, il primo luglio di quest’anno, l’ha difesa dall’assalto di Salvatore Annunziata, per abbandono alla settima ripresa del pugile napoletano al PalaCaselle di Arezzo. Per Salvemini, invece, un anno di trionfi e l’augurio di continuare anche in questo 2012 cominciando proprio dall’appuntamento tricolore.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

montanti e ganci devastanti, scagliati da Mimmo, e dopo aver messo le ginocchia per terra è contato dall’arbitro. Dopo qualche secondo, dalla ripresa del match, Zsolt dopo aver incassato un altro paio di nuove bordate non ce la fa più a rialzarsi e sventola bandiera bianca.

Gassani e Lenti sul podio regionale

Successo di Federico Gassani e Vairo Lenti ai campionati interregionali élite di pugilato di Siena. Disco rosso, invece, per Francesco Tani, Michele Ciabattari, Marco Passani e Jordan Tangheroni. Il bravo mediomassimo Chico Gassani, allievo alla Spes Fortitude, di Lenny Bottai, contro l’are281


levate, il pugile del Mugello, una volta nel primo round, due volte nel secondo e, infine, senza attenuanti nella terza ripresa. In semifinale Vallo aveva avuto ragione di misura di Jordan Tangheroni dell’Apl. Un Tangheroni che prima di cedere a Vallo aveva vinto meritatamente il suo quarto di finale con Giordano Calamita della P. Cascianese. Elogi da Lenny Bottai anche al massimo leggero (al limite dei 91 Kg) Francesco Tani, seppure sconfitto da Claudio Landi della P. Massese. Derby cittadino dei superwelter tra Marco Passani (Fortitude) e Michele Ciabattari (A. dello Sport). Per Bottai forse il miglior match del torneo. “Ciabattari ha iniziato meglio e Marco ha finito in crescendo facendolo contare nel finale dall’arbitro. La vittoria è andata ai punti a Ciabattari perché i giudici hanno visto così”, il commento di Lenny. Passani nei quarti aveva vinto con Andrea Voltarelli.

Ciabattari, invece, prima di battere Passani, aveva sconfitto Marco Lazzeretti: “In un incontro a senso unico”, per il suo maestro Donato Salvemini. In finale, il Puma di Stagno, ha invece ceduto a Marco Papasidero. “Al termine di un match equilibrato che Michele non meritava di perdere”, secondo Salvemini.

Nuova società pugilistica

A novembre a fare compagnia alla Spes Fortitude di Lenny Bottai, all’Apl di Tancredi Gioia, Teresa Cirillo, Gigi e Luca Tassi e alla sezione pugilistica dell’Accademia dello Sport di Franco Nenci, arriva carica di entusiasmo e le idee limpide come l’acqua di sorgente, la Livorno Boxe Salvemini. Una società nuova di zecca con sede presso il centro sportivo Eos di Stagno, con nel nome e nell’organigramma il suo marchio di fabbrica. Deus machine di questa operazione Donato Salvemini, un giovane

32enne, fratello di Domenico, che si è fatto le ossa, come insegnante di pugilato, all’Accademia dello Sport. Un ragazzo che associa a indubbie capacità tecniche altrettanto valide potenzialità organizzative e dirigenziali. Nel suo addio all’Accademia dello Sport c’è, al tempo stesso, gratitudine, voglia di camminare con le proprie gambe e accarezzare nuovi orizzonti. Basta ascoltarlo: “I rapporti sono terminati nel migliore dei modi. Ringrazio il direttore Damiano Bani e lo staff dell’Accademia dello Sport, per il lavoro svolto insieme in questi splendidi otto anni e le opportunità che mi hanno dato per crescere, come atleta e come tecnico. Franco Nenci per motivi logistici e professionali, continuerà a insegnare pugilato all’Accademia dello Sport. Chi andrà al mio posto, a dargli una mano, avrà lo spazio che ha dato sempre a me e le mie stesse opportunità di miglio-

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

tino 30enne Mirko Fiorenza della scuderia Boxe Nicchi, regala soddisfazioni a iosa anche al suo mentore. “Diciamo che ci ha ruzzato a mani basse, era un pugile di Nicchi è mi ha voluto onorare scherzandoci”, le parole di Lenny. Il riferimento è agli strascichi polemici dopo la conquista del titolo italiano, da parte di Lenny, contro Adriano Nicchi il 26 marzo 2010. Bravissimo pure il superleggero Vairo Lenti, dell’Apl. Per lui tre successi, uno dietro l’altro a spese di: Stefano Napolitano, Salvatore Tommasini e Patrizio Vallo. Tre match con storie diverse. Nel primo Vairo, con Napolitano, ha vinto in scioltezza. In semifinale ha costretto alla resa ai punti, dopo essere stato contato in piedi, il 21enne Tommasini di Fucecchio. In finale ha surclassato, con un inequivocabile KO, Patrizio Vallo, un pugile tosto con alle spalle 74 match. Lenti, prima dell’epilogo, ha mandato a gambe

283


Argento e bronzo tricolore per i fratellini

rarsi. Nonostante la lontananza Franco rimarrà, però, sempre nel mio cuore. Gli sarò sempre grato per avermi insegnato a comminare, a testa alta, nel complicato mondo della boxe. Poi è ovvio che ognuno di noi deve sapersi muovere e maturare anche da solo”. Infine, da Donato, uno sguardo al passato prossimo e all’attualità. “Insieme a Nenci abbiamo condiviso tanti bellissimi successi tra cui, un mesetto fa, il titolo italiano degli Schoolboy di Filippo Gressani e il bronzo di Mattia Demi, due ragazzi nati pugilisticamente con noi, con i giochi della gioventù. Con i responsabili dell’Eos di Stagno c’è stato subito feeling, le intese sono arrivate immediatamente, li ringrazio per la fiducia e la grande opportunità che mi stanno offrendo. Spero di ricambiarli nel migliore dei modi”.

Organigramma Livorno Boxe Salvemini:

Pres.: Dina Sansonne. Vicepres.: Angela Bruno. Consiglieri: Nicola e Donato Salvemini e Christian Mucedola. Direttore sportivo: Christian Mucedola. Tesoriere: Nicola Salvemini. Primo tecnico: Donato Salvemini. Secondo tecnico: Sergio Pulimeno, aspirante tecnico di pugilato ed ex insegnante della Pugilistica Pisana. Collaboratore insegnamento bambini: Francesco Passeri.

Pugili agonisti della Livorno Boxe Salvemini:

Diego Tomassini 2a serie 81 kg, Valerio Pirone 2a serie 69 kg, Michele Ciabattari 2a serie 69 kg, Francesco Passeri 2a serie 56 kg, Nicola D’Andrea Youth 69 kg, Francesco Scaturro Youth 81 kg, Marino De Sanctis 3a serie 75 kg, Valerio Cucciolini 3a serie 60

Argento tricolore per Manuel e bronzo per Mitia. I fratellini Boldrini, con la gloriosa maglia dell’Apl addosso, ai campionati italiani giovanili di pugilato di Vico del Gargano fanno un gran figurone. A Manuel, sette anni di simpatia, nella categoria Cuccioli, l’oro scappa di mano per un’inerzia, a causa di una partenza con il freno tirato nel percorso a H. Eccellente, invece, la sua performance nella prova al sacco e buona quella nei salti con la cordicella. Nonostante gli alti punteggi ottenuti non riesce, però, a scavalcare in classifica, una brava bambina pugliese. Per Mitia, tre anni di più del fratellino, un esordio alle finali tricolori veramente apprezzabile, con prestazioni soddisfacenti nel percorso di velocità e nei salti incrociati con la corda. Anche lui, però, le cose migliori le mostra nella prova al sacco con belle combinazioni a due mani, schivate, cambi di guardia, montanti e ganci.

Insomma un saggio di bravura apprezzato dai giudici che gli hanno consentito, di mettersi alle spalle, tanti concorrenti compreso il vincitore dello scorso anno.

Gressani d’oro

Un tuffo nell’oro sotto gli occhi di mamma Rai Sport 1. Filippo Gressani ai campionati italiani Schoolboys di pugilato di Verbania, nella categoria al limite dei 65 Kg, si mette al collo la medaglia più bella. L’ultimo a cedere, in maniera abbastanza netta (11-3 il verdetto arbitrale a favore di Filippo) di fronte a questo ragazzino che sembra avere la boxe nel sangue, il laziale Francesco Caredda. Per l’allievo dei maestri Franco Nenci e Donato Salvemini, all’Accademia dello Sport di via Garibaldi, è il nono successo su altrettanti incontri. Medaglia d’argento, invece, per Mattia Demi anche lui allievo del duo Nenci-Salvemini e Gabriele Gio-

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

kg, William Rojas 3a serie 60 kg, Mirco Parisi 3a serie 56 kg, Mattia Demi Schoolboy 42 kg vice campione italiano, Filippo Gressani Schoolboy 65 Kg campione italiano, Dario Giacomelli 3a serie 86 Kg, Christian Karafli Schoolboy. Domenico Salvemini, professionista, superwelter.

285


prensione dei professori che non stigmatizzano, più del dovuto, le assenze, per motivi sportivi, dei loro allievi”.

Tassi demolisce l’ungherese Varga

La puntura letale dello scorpione, Luca Tassi, il 23 dicembre, sul ring allestito al Terminal Crociere, all’interno della Stazione Marittima labronica, spazza via la resistenza del giovane ungherese Jones Varga. L’epilogo per KO all’inizio della quinta ripresa. Varga non digerisce un violento montante al fegato del supermedio livornese e, con lo sguardo appannato e le ginocchia sul tappeto, si accartoccia su se stesso. L’arbitro, per evitargli guai peggiori, mette la parola fine all’impari tenzone. Per Luca Tassi è la quattordicesima vittoria da professionista. La sesta prima del limite. Dopo un periodo di stop forzato, a causa di guai al braccio sinistro riassapora, così, il dolce sapore del trionfo, a un anno esatto da quello, sempre per

KO, su Gaspar Gyula. Al tempo stesso, Tassi, mantiene immacolata la propria casellina di imbattibilità in campo professionistico. Che non sarebbe stata una bella serata il pugile magiaro l’aveva capito con largo anticipo. Un devastante montante, sempre al fegato, di Tassi, nella prima ripresa, lo aveva fatto sbandare come un’auto su un lastrone di ghiaccio. A salvarlo era, però, arrivato provvidenziale il suono del gong. Il resto dell’incontro è stato un monologo del campione livornese. Tassi, con l’incoraggiamento continuo di oltre mezzo migliaio di persone, ha sciorinato un pugilato fatto di repentine accelerazioni, veloci spostamenti sul tronco, jab di sbarramento al volto, ganci e uppercut che hanno annebbiato le idee a Varga e lo hanno reso sempre più vulnerabile. “All’inizio mi ha fatto una buona impressione grazie a una buona scherma e a una discreta mobilità. Dalla ter-

za ripresa in poi, però, la sua azione si è fatta più prevedibile. Appena ho avuto la possibilità di piazzare un nuovo montante al fegato per Varga è stata la fine”. E adesso? “Spero quanto prima di essere nuovamente nominato sfidante ufficiale. Se tutto andrà bene e riuscirò a riprendermi la corona smetto di combattere e mi metterò a fare il maestro di pugilato a tempo pieno, con particolare attenzione ai bambini”.

Lenti il suo erede

Anche mentalmente Tassi è pronto a passare il testimone. “All’interno dell’Apl –acronimo di Associazione Pugilistica Livornese- ho già il mio erede. È il giovanissimo Vairo Lenti, entrato da poco in nazionale. Proprio Lenti, al termine della riunione, ha ricevuto il trofeo “Bernardo Ferretti”, riservato al miglior pugile dilettante della serata, grazie a una stupenda prestazione con l’altro azzurro, David Festosi della Padova Ring. Un match bello e spettacolare, vinto dal giovane boxer livornese che con ripetute serie di combinazioni a due mani ha centrato spesso il volto di un avversario mai domo e pronto a replicare, seppure qualche volta un po’ a fatica, colpo su colpo.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

vannelli, allievo del grande Ivo Fancelli. Il bravo Mattia nella categoria al limite dei 41,5 Kg, in una finale davvero combattuta, cede di stretta misura (11-9) al siciliano Gianluca Pappalardo. Stessa sorte tocca pure a Gabriele Giovannelli, nella categoria al limite dei 56 Kg, contro Andrea Interlando, uno dei tanti altri siciliani sul ring della bella cittadina sulla sponda piemontese del Lago Maggiore. Anche nel caso di Giovannelli il successo assegnato al pugile siciliano lascia l’amaro in bocca. Basta ascoltare il presidente provinciale e vicepresidente regionale della Fpi Tancredi Gioia: “Gabriele, anche secondo il parere dell’olimpionico Maurizio Stecca, meritava la vittoria. Già in semifinale, come d’altronde gli altri due ragazzi livornesi, Filippo e Mattia, aveva dimostrato di avere una marcia in più”. Tancredi poi guarda lontano. “Oltre alla soddisfazione di vedere questi giovani pugili ai vertici giovanili del pugilato italiano abbiamo la consapevolezza che il pugilato di casa nostra è vivo e vegeto a tutti i livelli. I tanti campioncini di oggi sono potenziali campioni di domani e dunque in grado di assicurare i giusti ricambi e dare continuità a uno sport che sembra essere avviato a tornare ai trionfi a catena degli anni cinquanta e sessanta”. Super soddisfatto Donato Salvemini. “Dietro a questi ottimi risultati c’è una lavoro d’equipe, l’appoggio di genitori, l’incoraggiamento degli amici e la com-

Jordan, Annalisa e Nicoletta

Nella bella serata di pugilato del 23 dicembre al Terminal Crociere anche due pareggi che hanno fatto discutere. Il primo tra le fresche campionesse italiane Annalisa Ghilardi dell’Apl e Silvia Bortot della “Padova Ring”. 287


pellicole oscuranti

• Carro Attrezzi • Assistenza legale e medico legale

Scotto Pubblicità Livorno

• Auto di cortesia sostitutiva • Montaggio di


Gli altri match?

Poi gli altri match. Nel derby cittadino dei pesi welter vittoria di misura di Rojas William, dell’Accademia dello Sport, sul volitivo, ma forse un po’ troppo apprensivo Riccardo Tulli dell’Apl. Tra i più giovani –School Boy- pareggio tra Kristjan Karafili dell’Accademia dello Sport e Richard Pavan della Padova Ring. Entusiasmante pure l’altro derby, nella categoria dei mediomassimi, tra Diego Tommasini dell’Accademia dello Sport e Danilo Vicari dell’Apl purtroppo finito anzitempo, alla seconda ripresa per un infortunio a Vicari. Sconfitta sul filo di lana dell’alpino livornese Samuel Da Valle, della Boxe Cu-

neo, con Cristian Furiosi del Boxing Club Firenze. I due pugili per la verità non molto mobili si sono spesso scambiati violente bordate che risuonavano nella sala. A fare la differenza la migliore preparazione atletica del pugile fiorentino: “Nell’ultimo periodo sono stato due volte in missione in Libano e mi sono allenato poco e ho combattuto ancor meno”, le parole di Da Valle. Infine, vittoria di Francesco Pennisi, della Pugilistica Lucchese, sul massimo leggero Nicola Renda dell’Apl.

Bambini super

Apprezzatissima esibizione dei bambini della scuola di pugilato Apl. Sul ring in match simulati e esercizi di abilità si sono esibiti: i fratelli Manuel e Mitia Boldrini. Michele e Mattia Terreni, Jacopo Piacentino, David Brongo, Emanuele M. Santini, Diego Quarratesi, Michael Gasperini, Lorenzo Iacopini, Sebastian Fagiuoli e Kevin Lemmi. Apprezzato speaker della riunione Gianvittorio Casucci.

Al termine toccante momento di solidarietà nel ricordo di Bernardo Ferretti, un giovane, che frequentava la palestra di pugilato ed è volato in cielo un paio di mesi fa per un male incurabile. I fondi raccolti, in suo nome, dalla vendita di T-shirt sono stati devoluti al reparto Cure Palliative dell’Ospedale di Livorno.

Jordan Tangheroni professionista

Sul rettilineo d’arrivo il welter Jordan Tangheroni, 26 anni il prossimo 23 aprile. Jordan mette in naftalina caschetto protettivo e maglietta, dopo quasi 5 anni da dilettante e una quarantina di match, e si porta dietro una scia di ricordi. Il più bello? “L’esordio, il 7 aprile del 2007, a Massa. Vinsi per Rsch alla seconda ripresa. Mio padre e mio fratello avevano gli occhi lucidi per la contentezza”. Proprio babbo sembra il più preoccupato. “Seguendo assiduamente il pugilato conosce pericoli, sforzi e sacrifici ne-

cessari per andare avanti”. Da Tangheroni anche un tuffo nei ricordi. Il meno piacevole l’infortunio al braccio sinistro, nel 2009. “Mi precluse la possibilità di disputare il guanto d’oro, un trofeo che dà la possibilità di accedere direttamente agli assoluti. Per me avendo 23 anni era l’ultima possibilità. Inutile dire che ci rimasi malissimo”. Jordan arriva nei professionisti con le motivazioni giuste. In primis l’età e lo stile di pugilato. “Con l’avvento delle macchinette segnapunti i pugili dilettanti sono costretti a tenere frequenze dei colpi altissime e a muoversi in maniera frenetica sul quadrato. Un tipo di boxe che non mi piace e non si mi si addice. Nel professionismo, invece, anche se il numero delle riprese è doppio, i ritmi sono più lenti e c’è la possibilità di caricare di più i colpi. Nel mio caso, grazie a un buon pugno, potrò togliere qualche dubbio ai giudici al momento del verdetto. Inoltre se meritavo di vincere qualcosa da dilettante dovevo averlo già fatto. Andare avanti con l’obiettivo massimo di mettere nel mirino un titolo regionale non mi dà più stimoli. Spero, anzi ne sono convinto, grazie anche ai miei bravi insegnanti e a un pizzico di fortuna di poter far bene”. Nel cassetto anche tanti sogni. “Mi piacerebbe conquistare la corona tricolore, e battermi con il titolo IBF e vedermi in televisione, su uno di quei canali di boxe internazionale, a sfidare qualche pugile di grido della boxe americana”.

F.P.I.: Federazione Pugilistica Italiana

“Pensavo di aver vinto”, il commento a caldo di Annalisa che alla maggiore mobilità e frequenza dei colpi, della propria avversaria, ha opposto una superiore incisività e precisione nel centrare il bersaglio. Fischiato dal pubblico e mal digerito, anche da dirigenti e tecnici presenti, il verdetto di parità tra Jordan Tangheroni dell’Apl e Brando Fresenga del Boxing Club Firenze. Tangheroni, all’ultimo match tra i dilettanti prima di fare il salto nel mondo dei professionisti, ha tenuto in mano per lunghi tratti il pallino dell’iniziativa e ha mostrato una maggiore varietà di colpi. Sconfitta, invece, della biologa torinese Nicoletta Sica, che da tre mesi si allena all’Apl perché impegnata per ragioni di lavoro al Parco di San Rossore, contro l’esperta mestrina Eleonora Sponchia.

289


D.B.M. Impianti Elettrici

di

Del Bono Massimo

Impianti civili, industriali, di allarme e anti intrusione Ufficio e Magazzino:

Via F. Filzi, 19 int. 27 - 57100 Livorno

Scotto PubblicitĂ Livorno

Via F. Filzi, 19 int. 27 - 57100 Livorno Tel. e Fax 0586 426389 Cell. 380 3234858 - dbmimpiantielettrici@gmail.com


I

Rugby La prima missione del Livorno Rugby: la formazione del giovane rugbista Il futuro della prima squadra di Adamo Manfredi hanno saputo creare insieme all’allenatore Diego Saccà, un bel gruppo. Non c’era infatti momento migliore per una così lampante testimonianza di quanto sia fondamentale, in un progetto di formazione, il ruolo di un settore seniores di qualità, capace di ricevere e dare spazio ai giovani emergenti senza il bisogno di trovare sbocchi in “avventure” fuori casa estremamente gravose e costose in termini di progetti di vita, studio e lavoro, in un ambiente come quello del Rugby in Italia, ancora di stampo fortemente dilettantistico. Il Livorno Rugby avendo come missione la formazione del giovane rugbista, non potrebbe realizzarla senza questo sbocco interno, come se un liceo non avesse l’ultimo anno: quello della maturità. Ogni bambino e ragazzo gioca nella propria categoria mirando all’obbiettivo di giocare un giorno in prima squadra, facendo la prima squadra stessa la squadra di tutti. I criteri di gestione e le scelte didattiche devono essere consone al settore specifico, ma è altrettanto importante che il Club sia unito in un unico disegno ed è quindi importante che gli organi gestionali rispondano al massimo, anche nella loro com-

posizione, alla realtà globale del Club. Per questo motivo il Consiglio Direttivo del Livorno Rugby si è rinforzato con consiglieri provenienti dai settori giovanili anche in rappresentanza di consulte più larghe nei settori specifici. Così come questa visione unitaria del Club ha portato successo in ambito sportivo, tanto più lo sarà per quello gestionale. I successi ed i progressi delle categorie Under 8 e Under 10, l’imbattibilità in tutti i tornei a cui ha partecipato l’Under 12, la crescita della U 14 e la straordinaria maturità dei ragazzi della U 16 e della U 20 che giocano ad altissimi livelli da anni, sono un conforto a perseguire sulla strada intrapresa dai vertici del Livorno Rugby, sicuri che un giorno la prima squadra sarà il naturale punto d’arrivo di tutti questi ragazzi a cui va un riconosciuto ringraziamento.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

l Livorno Rugby ha avuto molte soddisfazioni nel 2011, anno in cui è caduto l‘80° anno di vita del Club. L’anniversario si è celebrato con una nutrita partecipazione nella Sala cerimonie del Comune di Livorno con la gradita presenza di tutti quelli che hanno fatto crescere il Rugby labronico ricordando anche chi ha dovuto “passare la palla” suo malgrado. Dalla under 6 alla under 20 gli ultimi anni, ma soprattutto nel 2011, hanno visto un crescendo di vittorie e buone prestazioni, frutto di un lavoro di qualità e impegno sia dei bambini, dei ragazzi e degli allenatori. La soddisfazione del buon rendimento di questo settore va ben oltre i risultati delle competizioni giovanili e propaganda, ma proviene anche dalla “risposta” dei campi di gioco al “progetto”, iniziato anni fa con sacrifici e investimenti importanti e scelte difficili, che ha visto progressivamente crescere il Livorno Rugby come Club di formazione. La Federazione, infatti, ha scelto Livorno come Centro di Formazione Ragazzi ed il progetto sta avendo delle ottime risposte in termini di impegno e realizzazione. Non è un caso se le ultime sei mete nelle due ultime partite di Serie A1, nel campionato scorso, portano la firma di giovani passati dalle giovanili in prima squadra, a dimostrazione di come una via alternativa al professionismo per restare competitivi sia possibile, lavorando sulla qualità della formazione. La tanto sperata salvezza è arrivata anche per merito dei giocatori livornesi che con il loro contributo sportivo e di appartenenza

Le foto sono di Adamo Manfredi, che ringraziamo per la sua gentile disponibilità

291


Scotto PubblicitĂ Livorno


Diego Saccà Tecnico per passione dopo la serie A e la nazionale Salvare la prima squadra è stata la sua prima impresa da allenatore di Antonella De Vito re alla Benetton Treviso con gli under 21 per un anno, poi sono tornato a Livorno dove ho giocato un altro anno con il Rugby Livorno, per poi trasferirmi per due anni al Gran Parma, e di seguito altri due anni con i Viadana Rugby, ora diventati gli Aironi, poi sono andato un anno a Roma con la Capitolina e poi ancora a Parma. All’età di 28 anni ho smesso di giocare per una serie di infortuni che mi hanno un po’ rallentare la carriera. Ho fatto tutte le nazionali dalle giovanili alle seniores fino al 2003”. Il passaggio a tecnico? “Da quando ho smesso di giocare ho fatto tutti i corsi per diventare tecnico, ho cominciato facendo il selezionatore con i bambini per il comitato toscano, fino a quando nella scorsa stagione mi è stato chiesto di prendere in mano la situazione del Rugby Livorno, anche perché le cose stavano un po’ cambiando sotto l’aspetto societario. Abbiamo iniziato così un nuovo progetto che parte dai bambini e arriva fino alla prima squadra, presentato da me, da mio fratello e da Riccardo Squarcini. Un progetto che comporta dei vantaggi a livello giovanile, infatti, le nostre rappresentative vanno molto bene. La prima squadra invece ha dei problemi, come è noto già la scorsa stagione è stata ridotta la rosa degli stranieri, ma nonostante tutto siamo riusciti a salvarci a fine campionato. Quest’anno abbiamo ridotto ancora di più i giocatori che vengono da fuori, sono rimasti solo due ragazzi di cui uno è venuto casualmente a studiare a Pisa e così abbiamo potuto contrattarlo, mentre l’altro è argentino, ma oltre a giocare con noi ha un lavoro. Quest’anno abbiamo più giovani che vengono da squadre di serie B e C”. L’allenatore della prima squadra Diego Saccà

Come è andata la prima volta da tecnico di serie A? “Lo scorso anno è stata una bella esperienza, anche perché era la mia prima volta con una squadra di adulti nella quale ci sono anche persone più grandi di me, oltre ad atleti con i quali giocavo da bambino e poi da adulto. È stato un anno importante, e poi è arrivata una bella soddisfazione, perché comunque contro ogni previsione e le difficoltà avute siamo riusciti a salvarci”. Riesci a farti rispettare anche dai più grandi? “Penso di sì. C’è stata la collaborazione di tutti, in genere mi piace relazionarmi con gli atleti e confrontarmi con loro; questo credo che aiuti”. Quanto urli durante gli allenamenti? “Dipende. Talvolta parecchio… quando ci vuole”. Questa è la tua attività principale? “Diciamo che è il mio grande hobby ed è una cosa che faccio con grande passione. Quando giocavo invece era il mio lavoro, l’ho fatto per 10 anni. Ero iscritto anche all’università, ma mi risultava difficile fare due cose bene contemporaneamente. Da quando ho smesso di giocare mi sono rimesso a studiare e adesso mi mancano 4 esami a laurearmi in legge”. Un sogno per il futuro? “Non lo so. Intanto finisco gli studi e poi vedrò”. Ti piacerebbe fare il tecnico di serie A? “Vediamo cosa succederà, non lo escludo. Vivere di rugby è molto difficile. Anche ai ragazzi giovani consiglio sempre di continuare a studiare. Gli atleti ad alto livello hanno anche dei buoni stipendi, ma poi non sai mai come può finire, è uno sport difficile, di contatto, basta un infortunio per fermarti la carriera”. La soddisfazione più bella come atleta?

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

I

l luogo dell’incontro è la nuova e bella Club House del Rugby Livorno che sorge a La Rosa. Una struttura della quale si sentiva un disperato bisogno nel mondo del rugby. Campi sintetici che perdono un po’ in romanticismo, ma hanno il gran pregio di evitare i bagni di fango durante le giornate di pioggia, anche se sicuramente non tutti i giocatori saranno d’accordo nel considerare l’eliminazione della ‘terra bagnata’ come un vantaggio. L’allenatore della prima squadra del Rugby Livorno è Diego Saccà, stella della serie A, partito da Livorno e qui ritornato a fine percorso agonistico, con l’intento di dare una mano alla sua squadra di sempre. Come e quando ti sei avvicinato al rugby? “Ho cominciato a sette anni grazie ad un amico. Anche mio padre aveva praticato un po’ questa disciplina quindi non ho avuto nessuna difficoltà ad iniziare”. Qual è stato il tuo percorso? “Ho fatto tutte le giovanili nel Rugby Livorno fino alla prima squadra nella quale ho esordito a 17 anni e mezzo. Dopo due anni sono andato a gioca-

293


sia maggiormente. Non voglio essere frainteso, credo che tutti gli sport siano belli sia a livello maschile che femminile e soprattutto sono per la parità dei ruoli”. Quale qualità ti riconosci come allenatore? “Credo di essere molto diplomatico nelle mie relazioni personali. Dagli allenatori che ho avuto ho sempre cercato di prendere qualcosa. Più che sul punto di vista tecnico, mi focalizzo sui rapporti personali con i giocatori e i dirigenti. Il rugby è uno sport di grande sacrificio, è uno sport duro, anche in allenamento, quindi in una società come la nostra, dove i giocatori non sono professionisti, credo che sia molto importante farli sentire parte di un gruppo, di un obiettivo comune. I nostri ragazzi durante il giorno fanno un altro lavoro, questo vuol dire che per continuare a fare sport a questi livelli devono sacrificare molto della loro vita privata, devono metterci veramente tanto impegno e forza di volontà: sono eccezionali”.

Un episodio che ti fa piacere ricordare? “In generale quando arrivavo nelle squadre nuove, magari dove ero il più piccolo e condividevo il campo con giocatori già affermati, ma trovavo comunque una bella accoglienza e i miei compagni mi facevano sentire importante, indispensabile: questo era un atteggiamento molto bello”. La cosa più importante che ti ha dato il rugby? “Amici in tutto il mondo”. Rifaresti tutto? “Sì. Sono stato uno veramente fissato con il rugby. L’estate l’ho sempre trascorsa nelle preparazioni, non c’era mare che mi distraesse”. Vuoi aggiungere qualcosa? “Sì, vorrei ricordare che siamo diventati Centro di Formazione Federale per la categoria under 16. È un’attività che facciamo con le società della costa, con allenamenti comuni ed incontri di vario tipo”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

“La prima partita che ho fatto con la nazionale maggiore, in Nuova Zelanda quando feci la prima meta. Me lo ricordo con particolare emozione”. E come tecnico? “Lo scorso anno quando ci siamo salvati: è come se avessimo vinto il campionato. Stavamo, e stiamo ancora, attraversando veramente un periodo di difficoltà e aver fatto quel risultato grazie ai ragazzi è stato un bel successo”. Quale l’età più difficile da allenare? “Mi sembra che ogni età abbia la sua problematicità, però i bambini di 6 - 10 anni, che sono bellissimi a vedere nel campo, sono difficilissimi da allenare”. Per te c’è stato un periodo difficile? “Per me il periodo più difficile è stato da grande, quando sono subentrati altri tipi di problemi, da piccolo giochi con la spensieratezza giusta, ma quando diventa la tua attività principale subentrano i problemi tipici del lavoro”. Cosa pensi delle donne che fanno rugby? “Quando vidi il rugby femminile per la prima volta ero piccolo e restai titubante. Però adesso che ho avuto modo di seguirlo un po’ ho dovuto riconoscere che è cresciuto molto. Ci sono delle nazionali femminili veramente molto brave. Certo ci vogliono delle ragazze adatte, non tutte possono giocare a rugby, è uno sport che già a livello maschile pone una grande selezione, e credo che a livello femminile ce ne

Nelle immagini Diego Saccà in di fase di gioco

295


F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

I

l Rugby Etruschi Livorno ha ottenuto finalmente il suo impianto sportivo regolamentare. Dopo sedici anni di attività, l’Amministrazione Comunale ha infatti riconosciuto alla società labronica il diritto di potersi allenare e finalmente giocare su di un proprio campo sportivo. L’impianto di gioco in questione è il campo “Tamberi” a Livorno in via Luigi Russo. Per una società di rugby avere questo riconoscimento è un elemento di fondamentale importanza legato all’essenza propria di Club. Le numerose squadre che vestono la maglia verde-amaranto del Rugby Etruschi Livorno possono da oggi allenarsi nel proprio quartier generale senza dover andare ad elemosinare spazi sugli impianti gestiti da altre società. E questo traguardo è molto importante anche alla luce dei grandi risultati che il Rugby Etruschi Livorno sta portando avanti in questi anni.

SERIE C

La formazione del Rugby Etruschi targata anche per quest’anno Fulgida, è risultata campione d’inverno andando a vincete tutte le partite del girone di andata tranne un brutto scivolone contro il CUS Pisa. Attualmente domina la classifica di serie C girone 2. Lo staff tecnico completamente rinnovato vede alla guida della formazione labronica C giovani Carlo Ghiozzi e Diego De Petrillo, coadiuvati dall’inossidabile Gino Galletti. A guidare la parte atletica e la preparazione fisica, la vecchia gloria del rugby livornese Leandro Manteri, già nazionale italiano e campione d’Italia con la Benetton Treviso. Questa la lunga e forte rosa su cui possono contare i tecnici labronici: Amadori, Baglivi, Baldi, Banchini,

Etruschi, finalmente un campo Dal maschile al femminile ogni età è rappresentata Bartoli, Bellecci, Bitossi, Bonaretti, Borella, Buonaccorsi, Buscarino, Campani D., Campani K., Campisi, Compiani, Consani, Del Nista, Donatini, Galasso, Gracci, Graziani, Incrocci C., Incrocci M., Kenfack, Laronzi, Lomi, longo, Luschi, Mannelli, Marinai, Mazzoni, Mini, Morano, Negrini, Novi, Perciavalle, Pieri, Ruffino, Sanacore, Spagnolo, Volpe, Vullo e Zia.

SERIE A femminile

Le ragazze verdi amaranto stanno andando molto bene nel loro girone; nello scorso campionato le etrusche avevano conquistato il sesto posto assoluto nel Campionato italiano andando a sfiorare di un soffio il podio per aggiudicarsi la Coppa Italia, oggi combattono per il secondo posto e sono molto intenzionate a conquistare l’agognato titolo che ogni anno riescono a sfiorare con molta determinazione e voglia di vincere. Anche per quest’anno la guida delle lady della palla ovale è stata affidata ai tecnici Alessandro Brondi e Paolo Barsotti. Le belle atlete che rivestono la maglia verde amaranto sono: Arrighi, Barsotti, Chiapponi, Ciaramella, Cottini, De Conno, Di Domenico, Ferrini A., Ferrini I., Grillandini, Grilli, Guidi, Interdonato, Leonardi, Panichi, Roselli, Specchia, Tamberi e Vaccaro.

Under 20

Per questa stagione sportiva il Rugby Etruschi Livorno ha messo in atto una collaborazione tecnica sportiva con la società Emergenti Cecina che sta dando i suoi frutti. Le due società hanno infatti trovato un importante accordo per poter mettere in campo un’unica formazione under Matteo Sagone under 14 convocato in selezione regionale

296

20 competitiva e che allo stesso tempo possa dare la possibilità ai giocatori nati nel ‘93 di poter fare la propria esperienza militando anche con le relative prime squadre seniores. I verdi amaranto guidati dal tecnico Alessandro Sarcina, si sono subito distinti guidando le sorti della formazione e portando la squadra ad ottenere l’indiscusso secondo posto in classifica. Questi i giocatori verdi-amaranto alle dipendenze di coach Sarcina: Lomi, Piroli, Taherzadeh, Gharbi, Mannucci, Girardi, Conti, Turini, De Gregori, Noferini, Parvi.

Under 14 In casa del Rugby Etruschi Livorno si festeggia l’accordo tra il sodalizio verdeamaranto ed il nuovo sponsor Ditta Edile Dello Sbarba che vestirà la formazione under 14 labronica. Un importante traguardo per gli Etruschi che dimostra come ormai la società abbia ottenuto grosse riconoscenze sul territorio grazie agli importanti risultati guadagnati con fatica sul campo. La formazione under 14 Dello Sbarba Etruschi guidata dai tecnici Franceschi e Martini coadiuvati dalla grande esperienza di Gino Galletti, si è contraddistinta per aver ottenuto grandi risultati sul campo. Fiore all’occhiello per i labronici è anche la convocazione di Matteo Sagone nella selezione regionale toscana, segno di come la scuola degli Etruschi sia di grande valore tecnico agonistico. Questi gli atleti a disposizione di Martini, France-


Minirugby

schi e Galletti: Alaimo Giacomo, Anzillotti Martino, Benedetti Riccardo, Capaccioli Giacomo, Cerrai Marco, Ciampagna Mattia, Conti Lorenzo, De Robertis Federico, Del Greco Francesco, Della Maggiora Diego, Esposito Leonardo, Esposito Oreste, Faina Andrea, Giordano Michele, Iannicello Simone, Incerpi Michele, Maraviglia

Grande successo all’impianto Tamberi per il primo concentramento delle categorie under 8 e 10 organizzato dal Rugby Etruschi Livorno; circa 150 bambini e 300 tra genitori, parenti e semplici spettatori hanno affollato il nuovo impianto che il Comune ha assegnato alla gestione della società verde-amaranto in tandem con i portuali calcio. Una vera e propria festa del mini-rugby alla quale hanno partecipato oltre alle formazioni dei padroni di casa numerose formazioni provenienti da tutta la Toscana. Un’organizzazione perfetta quella degli Etruschi grazie anche alla collaborazione dei genitori che si sono adoperati tutto il giorno riuscendo poi a mettere a tavola i bambini offrendo loro primo, secondo, contorno e dolce per il consueto terzo tempo finale. Le forma-

zioni degli Etruschi si sono comunque distinte anche per il gioco. Under 8 guidata da Francesco Consani, Alice Di Domenico e Simona Sardelli, hanno affrontato numerose partite andando in campo a vincere e convincere. Questi i baby atleti degli Etruschi: Algranti zeno, Buonaccorsi Alessio, Sardelli Andrea, Mannucci Jacopo, Buda Morgan, Demi Gabriele, Gambini Gregorio, Guantini Michele, Mazzoni Nicola, Michicich Leonardo, Terreni Matteo, Lubrano Danny, Vitiello Pasquale, Caponi Dario, Consani Nicola. Under 10 riesce ad essere competitiva su tutto il territorio toscano. Da evidenziare come alle dipendenze dei tecnici Giuseppe Ruffino, Alessio Paolinetti ed Erica Tamberi ci siano ben 3 ragazze che non si sono certo tirate indietro, ma che hanno fatto la differenza; queste le atlete in gonnella: Giorgia Buonaccorsi, Natalia Belsurov e Claudia Isola. Insieme a loro gli altri etruschini capitanati da Daniele Mazzoni: Ferretti Matteo, Modawi Ismaele, Villano Kristian, Andorlini Matteo, Lari Alessio, Loreti Matteo, Petrutescu Giulio e Piazza Lorenzo.

Etruschi under 10 con i tecnici Ruffino, Tamberi e Paolinetti

Etruschi under 8 con i tecnici Sardelli, Consani, Di Domenico

La squadra di C2

La squadra femminile

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

Mattia, Masuottolo Gabriele, Micheli Deejan, Mirante Alessio, Perciavalle Francesco, Perullo Simone, Romoli Luca, Sagone Matteo, Shehu Giuliano, Stasi Oscar e Vitiello Carmine.

297


Gino Galletti

Livorno, per poi passare a guidare molte altre squadre in Serie C e Serie B: Cus Pisa con promozione nell’81 in serie B, Rosignano, Cecina, Fides Livorno, Cardinale Rugby, 4 Mori, ed infine, Rugby Etruschi. Con quali esperienze ha maturato le sue capacità di allenamento? “Ho passato molti anni della mia vita sui campi di rugby. Dal punto di vista tecnico ho conseguito il primo e secondo livello di insegnamento e successivamente collaborando con Pier Villepreux, allenatore della nazionale italiana, nell’84 ho raggiunto il terzo livello, valido per allenare formazioni di Serie A”. Cosa le ha insegnato un personaggio di alto calibro come Pierre Villepreux? “Per allenare in maniera vincente bisogna creare situazioni di gioco reale da far vivere ai propri giocatori nelle fasi di allenamento, serve quindi sempre un’oppo-

Gino Galletti Una vita per il rugby. Il segreto sta nel creare situazioni di gioco reale anche in allenamento sizione sul campo; mai portare avanti un gioco ‘a vuoto’, cioè senza avversari. Questo è il verbo francese che se non modificato è da considerarsi il segreto vincente che ha portato gli allievi di quella scuola, tutt’ora vincente, a ricoprire importanti ruoli in tutto il mondo, come hanno fatto Georges Coste, Jacques Brunel e, per rimanere in Italia, Cuca Guidi”. Quale è stata la partita che le ha dato maggiori emozioni nella sua carriera di tecnico? “La partita più emozionante è stata quando fui chiamato a metà campionato ad allenare il Cus Pisa in Serie B. Questa squadra, ultima in classifica a zero punti, non aveva mai vinto neanche una partita; il mio debutto fu contro la capolista Partenope Napoli che invece nessuno era riuscito a battere. Quel giorno uscimmo vincitori; una gioia infinita che porterò sempre nel cuore”. Quali obiettivi futuri? “Il mio obiettivo futuro è quello di contribuire alla crescita del Rugby Etruschi Livorno, affiancando i giovani allenatori che credono in questo progetto da me iniziato ormai 16 anni fa. Il Rugby Etruschi è sopravvissuto per tutte queste stagioni, nonostante l’assenza di un campo comunale, nonostante le gravi difficoltà che abbiamo dovuto superare pagando in particolar modo rette salatissime per poter svolgere gli allenamenti o per poter giocare la domenica. Oggi, grazie al riconoscimento di questo duro lavoro da parte dell’Amministrazione Comunale, possiamo vantarci di avere un impianto regolamentare dove poter svolgere con serenità tutta la nostra attività dai più

Gino Galletti dà consigli ai giocatori durante l’intervallo del match

piccoli fino alle squadre seniores. L’assegnazione del campo comunale Tamberi è la vera nascita del Rugby Etruschi Livorno”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

G

ino Galletti ha dedicato gran parte della sua vita al servizio della palla ovale. Classe 1947 ha cominciato a giocare da giovane nel ‘64 con le giovanili del Rugby Livorno; è stato fondatore della società Rugby 4 Mori nel ‘90 e successivamente del Rugby Etruschi Livorno nel ’95 dove tutt’oggi opera instancabilmente. Ma una delle sue più grandi passioni è proprio quella di allenatore; la sua carriera da tecnico ebbe inizio nel ‘75 sulla panchina dell’under 15 del Rugby

299


Un anno sfortunato per i Lions Amaranto L’attaccamento ai colori della squadra di Fabio Giorgi

La prima squadra allenata da Emanuele Bartolini

tosto morbido come quello di C1 che soffrire nei bassifondi della B. La ‘paga’, per giocatori dilettanti, sono in primis le vittorie di tappa, i successi colti nelle varie partite. E in B, nonostante gli sforzi, una società prettamente dilettantistica,

con queste caratteristiche peculiari, non può permettersi il lusso di battagliare per il vertice. Nel campionato di C1 iniziato il 9 ottobre, la squadra amaranto sta ottenendo una brillante striscia di vittorie. La formazione amaranto occupa le primissime piazze ed ha concrete possibilità di restare nei quartieri alti della classifica anche nella seconda fase del torneo. A guidare la formazione amaranto i giovani tecnici Emanuele Bertolini e Daniele Conflitto, che hanno allenato la squadra anche nella scorsa stagione. Il tutto a dimostrazione che il lavoro impostato dai due è a lungo termine e non si esaurisce nel giro di una singola - e non fortunata... - annata.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

N

on tutto il male vien per nuocere. I Lions Amaranto Livorno sono scivolati, nel maggio 2011, dalla serie B alla C1. Una retrocessione sfortunatissima, di fatto causata da un disguido. In occasione della gara giocata in casa con il Pesaro, nella quale, pur senza brillare, i labronici, sul campo, avevano raccolto un punto, era andato a referto un giovane giocatore ancora non in regola con il tesseramento. Un’ingenuità commessa in buona fede, che è costata la sconfitta a tavolino e quattro punti di penalizzazione, con la ‘ciliegina’ relativa al punto in più in classifica per la squadra marchigiana, diretta concorrente della lotta salvezza. Senza questa autentica mazzata, i Lions (capaci di vincere nove delle ventidue partite giocate) non avrebbero chiuso il torneo al penultimo posto e si sarebbero assicurati la permanenza in B. Si diceva che non tutto il male viene per nuocere. La società dei Lions Amaranto, nata nel 2000 e solo dal 2007 protagonista nei campionati seniores, si affida da sempre a giocatori dilettanti, ad atleti nati e cresciuti nel proprio vivaio. Giocatori realmente dilettanti, pronti a scendere in campo solo per il proprio grande attaccamento ai colori sociali. Una rosa di atleti validi, ma che in B fa fatica ad ottenere buoni risultati. Nei tre anni giocati in B, dal 2008/09 al 2010/11, i Lions hanno sempre lottato nella parte bassa della graduatoria, ottenendo due salvezze ed una retrocessione causata dalla sconfitta a tavolino di cui sopra. Per una realtà come quella amaranto, alle prese con problemi legati agli impianti, è decisamente preferibile lottare ai vertici di un campionato piut-

Under 18 stagione 2009- 2010 - 24 successi consecutivi. Vincitori del trofeo delle Alpi

301


Conseguimento di tutte le categorie di patenti:

A-B-C-D-E

in tempi rapidi e a prezzi convenienti Con servizio navetta da Stagno Lun/merc/ven partenza dalle Poste di Stagno ore 18.20 per tutti coloro che dovranno conseguire la patente auto

Corsi A.D.R.

(trasporto merci pericolose)

Corsi per patenti professionali (CQC) merci e persone

Scotto PubblicitĂ Livorno

a ciclo periodico


Emanuele Bertolini Tecnico della prima squadra dei Lions Rugby Amaranto, nata dall’impegno sociale di Antonella De Vito Ed i Lions come sono entrati nella tua vita? “Io ero e sono tutt’ora uno scout, così nel 2000 facendo leva sulle mie qualità di educatore il presidente Fraddanni mi propose di dare una possibilità ai ragazzi disagiati che volevano fare sport. Siamo nati con un gruppo di 7 ragazzi provenienti dalle case famiglia e da chi non poteva permettersi di pagare una retta. Facemmo una squadra under 10, ma con il tempo ed il passaparola cominciarono ad arrivare altri ragazzi e potemmo costituire una seconda squadra under 12. Così siamo partiti e oggi ci ritroviamo con una under 6, 8, 10, 12, 14, 16, 18 e due prime squadre, siamo circa 150 tesserati”. Ma la motivazione è sempre la stessa? “Certo, anche quest’anno abbiamo fatto 10 borse di studio sportive in accordo con il Comune, con l’ufficio sociale, e abbiamo dato ai ragazzi delle case famiglia la possibilità di fare sport gratuitamente. Questa è sempre stata la nostra bandiera”. La soddisfazione più bella come atleta? “Il passaggio in serie B, quando nella finale nel 2008 segnai io due mete”. E come tecnico? “Due anni fa con l’under 18 quando vinsi 24 partite su 24 comprese le finali”. L’episodio più bello? “È sempre bello quando i ragazzi che ho allenato riescono a raggiungere i traguardi che si erano prefissati. Ricordo uno per tutti: Giacomo Bennini, che ora gioca come professionista nei Cavalieri di Prato ed ha toccato la nazionale. Ma momenti belli sono anche una pacca sulla spalla, un sorriso o quando un Emanuele Bertolini in seconda meta nella finale 2008 che portò la squadra in serie B

ragazzo del ’82, che non è più tanto piccolo, mi dice ‘ti voglio bene’ e mi stringe la mano”. Cosa ti piacerebbe vedere come tecnico? “Uno spazio tutto nostro, qui siamo ospiti del Rugby Livorno. Il Comune potrebbe darci un aiuto perché ce lo meritiamo”. La cosa più importante da trasmettere ai ragazzi? “Lealtà e rispetto, cioè i valori che il rugby insegna. Il rispetto vuol dire tutto: la puntualità, la presenza, la voglia, l’entusiasmo, il combattere fino all’ottantesimo minuto”. Qual è la fascia più difficile da allenare? “La fascia più difficile è l’under 20, dai 17 in poi, perché siamo nella fase della ribellione e dei tanti interessi. Mentre mi piace la fascia dei ragazzi dai 14 ai 16 anni, perché sono ancora puri e puoi plasmarli come vuoi per farli diventare buoni atleti”. A che età si può iniziare? “Diciamo a 5 anni. Non ci sono caratteristiche fisiche adatta al rugby. Anche ragazzi obesi trovano il loro posto nella squadra. Per questo il rugby è molto educativo, non esclude nessuno, anzi fa sentire perfettamente integrati”. Rapporti con i genitori? “Purtroppo alcuni di loro sono figli del calcio, ma quando vengono in questo ambiente si adeguano perché si rendono conto che siamo diversi. Una volta ho interrotto una partita under 15, ho raggiunto i genitori fuori dal campo e li ho minacciati di terminare l’incontro se non avessero smesso di urlare”. Come è andata a finire? “Smisero! E la partita proseguì tranquillamente fino alla fine”. Cosa ti ha dato il rugby? “La sicurezza, la voglia e l’ambizione di arrivare ad un obiettivo, elementi che ho trasportato anche nel mondo del lavoro”. Come convinceresti un genitore a portare suo figlio a giocare a rugby? “Consiglierei di provare, chi si avvicina resta, perché apprezza subito l’ambiente”.

F.I.R.: Federazione Italiana Rugby

N

on è certo una novità il binomio fra sport e sociale, ma quella del Club Lions è piuttosto curioso perché a dare la spinta alla formazione di questa società è stato proprio l’interesse di alcuni sportivi per i bambini più disagiati, quelli che non avrebbero mai potuto permettersi la retta mensile di un gruppo sportivo e quelli che per ignoranza culturale non avrebbero mai saputo che a Livorno si può fare anche rugby a buoni livelli. A raccontarci questa storia, che è anche la storia della sua vita sportiva è Emanuele Bertolini, attuale tecnico della prima squadra “Ho iniziato a giocare a sei anni ed ho continuato a farlo per i successivi 30, mentre da 12 anni ho cominciato anche a fare il tecnico, sovrapponendo per un periodo le due attività. La cosa era possibile perché come allenatore mi occupavo delle giovanili e le partite si svolgevano in tempi diversi. Certo toglievo tutto il tempo alla mia vita privata, ma del resto questa è una grande passione, l’ho sempre fatto e lo farò sempre”. Perché hai iniziato a giocare a rugby? “Le motivazioni sono venute da mia madre. Ero un bambino molto agitato, mi chiamavano maremoto forza 12. Il pediatra le spiegò che uno sport dove si riusciva a scaricare parecchie energie era il rugby e lei senza esitazione mi iscrisse. A quell’epoca c’era solo il Rugby Livorno dove ho fatto tutte le giovanili, fino alla prima squadra in serie A. Poi sono andato a Rosignano, in prestito per due anni, per tornare a Livorno in C2 con i 4 Mori Livorno, una squadra che non esiste più, ed infine nel Cus Pisa dove giocatori, allenatori e dirigenti erano tutti livornesi: costruimmo un ambiente familiare e vi sono rimasto per molti anni”.

303


U

Aldo Montano

Scherma Patria della scherma mondiale I super campioni labronici non deludono i loro numerosi fan di Mario Orsini allo spilungone rumeno Dumitrescu nel turno precedente. Appena una settimana dopo, siamo al 6 febbraio, a Montano replica, questa volta nel fioretto, il diciasettenne (11 settembre 1993) Edoardo Luperi. A Madrid, in Coppa del Mondo under 20, nonostante la giovane età, Edoardo riesce a salire sul terzo gradino del podio. Un ottimo risultato se letto in maniera asettica. Con un po’ d’amaro in bocca se sezionato nei particolari. L’allievo del maestro Marco Vannini in semifinale, infatti, cede solo sul filo di lana (15-14) al ceco Choupenitch che poi battendo con lo stesso punteggio il tedesco Kroeplin 15-14 vince la gara. Insomma bastava un’inerzia per trasformare un bronzo in argento o oro. Nella stessa prova bravi anche Lorenzo Nista alla fine 14esimo e il giovane pisano Michele Del Macchia (decimo su 83

partecipanti) anche lui allievo di Vannini alla palestra delle Fiamme Oro, in viale Boccaccio.

Tricolori Cadetti e Giovani

A cavallo tra gennaio e febbraio momenti di gloria pure per la giovanissima sciabolatrice del Fides Margherita Cappelli (3 giugno 1994). Per lei ai Campionati del Mediterraneo, nella sciabola, argento nell’individuale nella categoria Cadetti e un 11esimo posto in quella Giovani (under 20). Margherita a Chiavari a fine mese non riesce, però, a ripetersi a grandissimi livelli e ai Campionati italiani, Cadetti e Giovani, chiude all’ottavo posto. In Liguria a brillare in pedana è un grandissimo Lorenzo Nista, figlio dell’ex portiere della nazionale under 23 Alessandro. Con una gara semplicemente perfetta mette le mani sul tricolore del fioretto nella cate-

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

n anno di scherma con la ciliegina sulla torta dei Campionati italiani al PalaLivorno a maggio. Dal punto di vista sportivo, invece, il solito double face. A grandi soddisfazioni si sono alternate anche alcune cocenti delusioni. Il primo suntuoso squillo stagionale targato Livorno, il 30 gennaio, è di Aldo Montano. L’Aldone nazionale a Plovdiv, nel Gran Prix Fie (federazione Internazionale Scherma), di apertura di sciabola dell’anno solare, mette in rigorosa fila indiana tutta la concorrenza (134 concorrenti) e scrive a caratteri cubitali il suo nome in una delle tappe più importanti della kermesse mondiale. “Aldo è stato artefice di una prova brillante e direi quasi imbarazzante per gli avversari”, il commento del giovane Commissario Tecnico della sciabola Giovanni Sirovich. A dare sostanza alle parole del CT i gap positivi rifilati a quanti sono capitati davanti a Montano. Finale e semifinale compresa: 15-11 al russo Kovalev e 15-8

Aldo Montano con la squadra nazionale

305


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

goria Giovani. Nella stessa prova ottimo terzo posto per il bravo Edoardo Luperi, sconfitto da Daniele Garozzo (15-9) in semifinale. Sempre a Chiavari, nella categoria Giovani del fioretto femminile, sul terzo gradino del podio, pure Olga Rachele Calissi e Ilenia Orsolini. Sempre tra i Giovani buona prestazione nella sciabola femminile per Maria Vittoria Sartori (ottava). Meglio di lei (sesto) lo sciabolatore, anche lui del Fides, Tommaso Saviozzi sconfitto di misura nei quarti dal torinese Amedeo Giani. Nel fioretto Cadetti, invece, ancora onore e gloria, con una eccellente medaglia d’oro, per Michele Del Macchia.

Lorenzo Di Ficcio, Lorenzo Papini, Cesare Freschi, Martina Cresci e Filippo Marchi. I risultati: SCF Allieve (‘97 ‘98). Cat. Allieve e Cat. Ragazze: 1a Laura Fidanzi. Cat. Allieve. 2a Greta Arena. SCM Allievi (‘97 ‘98). 3° Lorenzo Di Ficcio e Lorenzo Papini, 6° Andrea Trivella, 7° Alberto Baracchino, 12° Lorenzo Prusciano, 15° Giorgio Ciccotelli.SCM Giovanissimi (‘99). 2° Filippo Piazza, 3° Cesare Freschi, 6° Giorgio De Santis.SCF Giovanissime (‘99). 3a Martina Cresci. SCF Bambine (‘00). 1a Camilla Michelucci, 2a Matilde Picchi. SCM Maschietti (‘00). 2° Edoardo Castellani, 7° Alberto Faucci, 9° Raffaele Raiola. FM Maschietti (‘00). 3° Filippo Marchi, 24° Jacopo Benesperi. FF Bambine (‘00). 9a Francesca Romanelli. FF Giovanissime (‘99). 9a Carolina Gio-

vannoni. 19a Lisa Cecchini. FM Giovanissimi (‘99). 13° Andrea Pironti, 20° Filippo Taddei, 24° Diego Salvadorini. FF Allieve (‘97 ‘98). 16a Sara Frosini. FM Allievi (‘97 ‘98). 14° Sebastiano Bizzi, 18° Giacomo Nenci. SPF Allieve (‘97 ‘98). 29a Elisa Italia, 34a Michela Maniglia. SPM Allievi (‘97 ‘98). 27°Andrea Trivella

Fiamme Oro di Marco Vannini

Da Marco Vannini un pizzico di rammarico perché molti suoi allievi, specialmente i più “esperti”, sono rimasti un po’ al di sotto delle loro potenzialità. “Un bravo comunque” a: Matteo Iannicello, Joshua Rhoden, Giorgio Ciocca, Enrico, Francesca e Valeria Bargagna, Luigi Ciampini, Simone Buonaguidi, Francesco e Laura Angelone, Costanza Cenerini, Rachele Rossi, Giacomo Fatighenti, Cristiano Landi, Luna D’Abramo e Letizia Picchi. Scuola Rigoli Tre medaglie d’oro e una d’argento. Per la scuola scherma, del M° Rolando Rigoli, ai Campionati regionali. Sui tre successi c’è il marchio di qualità di Yulia Terreni, Giacomo Biasci e Niccolò Cillari. Sulla piazza d’onore la griffe di Elisabetta Saviozzi. Soddisfacente prestazione

Campionati Regionali

Fides Tre medaglie d’oro, quattro d’argento e cinque di bronzo. La Coppa Athos Perone, Memorial Mario Curletto e Enio Zanotti, di scherma giovanile, valevole come Campionato regionale under 14, in programma a Piombino. Oro per: Laura Fidanzi (doppio: categoria allievi e ragazze) e Camilla Michelucci. Argento per Greta Arena, Filippo Piazza, Matilde Picchi ed Edoardo Castellani. Bronzo per 306

Aldo Montano con Valentina Vezzali


Tris dorato mondiale a Amman

Fioretto magico. Edoardo Luperi, ai Campionati del mondo under 20 di Amman, non ha posto limiti alla provvidenza. Prima si è messo al collo la medaglia d’oro individuale e subito dopo, a conti fatti, grazie alla valanga di punti conquistati, ha messo il sigillo sulla Coppa del Mondo under 20. Un doppio successo così com’era accaduto ad agosto a Singapore alle Olimpiadi giovanili. Allora al trionfo nell’individuale aggiunse quello a squadre. Per la scherma labronica, ieri, altra giornata di grazia. Olga Rachele Calissi e BeatriAldo Montano

pure Ginevra Luchi, Tommaso Baracchini e Tommaso Girardi, in questa bella e combattuta, 26esima coppa Athos Perone, Memorial: Mario Curletto e Enio Zanotti. Ormai un cult della scherma giovanile under 14. Per Yulia Terreni e Giacomo Biasci bella riconferma dopo la vittoria dello scorso anno. Per Rolando Rigoli, coadiuvato dai maestri Cristina Abniacar e Paolo Macchia tanti motivi di legittimo orgoglio. Risultati: Allievi Scuola M° Rigoli: SCM. Cat. Maschietti. 1° Niccolò Cillari, 8° Tommaso Baracchini. SCF. Cat. Giovanissime. 1a Yulia Terreni, 2a Elisabetta Saviozzi, 6a Ginevra Luchi. SCM. Cat. Giovanissimi. 1° Giacomo Biasci, 10° Tommaso Girardi.

ce Monaco insieme alla senese Alice Volpi e alla mestrina Stefania Straniero hanno conquistato l’oro della prova a squadre di fioretto a spese degli Usa ( 45-43). Prima di loro le nostre azzurre avevano dato scacco matto nell’ordine a Turchia (45-23 negli ottavi), Ucraina (45-35) e Russia (45-32). Per trionfare, sulle rive del mar Morto, Edoardo Luperi non ha usato mezze misure. L’unico a impensierirlo (15-13) è stato il romanino Francesco Trani, nei quarti. In discesa, a rotta di collo, invece, il resto della tenzone mondiale, dal girone (sei vittorie su sei) alla finalissima: 15-9 all’americano Massialas. Proprio chi nei quarti aveva costretto alla resa l’alfiere, del Fides, Lorenzo Nista, alla fine ottimo quinto. Il giorno dopo a completare il trionfo arriva la medaglia d’argento a squadre. Al fianco di Edoardo Luperi e Lorenzo Nista ci sono Francesco Trani e Daniele Garozzo. A impedire agli azzurri di salire sul primo gradino del podio gli Usa con il punteggio di 45-42. I ragazzi del CT Stefano Cerioni, dopo aver vinto l’assalto del tabellone dei 16 contro la Repubblica Ceca col punteggio di 45-27

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

pedane del PalaFijlkam di Ostia, hanno fatto saltare il banco. A prevalere, con un guizzo (15-14) sul filo di lana, il più giovane Edoardo. In gara, a Ostia, 44 fiorettisti provenienti dall’Italia e dall’estero: Austria, Portogallo e Repubblica Slovacca. Lari in semifinale ha fatto fuori il comasco Mino Simone e nei quarti Foconi. Luperi, invece, ha costretto ad arrendersi prima Michele Di Francisca, fratello della campionessa mondiale Elisa e, in semifinale Pirrazzo. Bravo pure Alessandro Paroli alla fine sesto.

Doppietta in Coppa Europa under 23

Splendida doppietta. Edoardo Luperi e Tommaso Lari, nella prova di fioretto del circuito europeo under 23, sulle Da dx: Aldo Montano, con la squadra nazionale

307


Scotto Pubblicità Livorno

TUBI ACCIAIO

Via dei Materassi, 14/18 - LIVORNO Tel. 0586 425151 - Fax 0586 422626 isofer.calenda@iol.it


Baldo doppio brindisi in Coppa

Doppio brindisi in Coppa del Mondo. Andrea Baldini a cavallo dei Campionati italiani di Livorno vince prima a Seoul e poi replica a San Pietroburgo. Un doppio successo che gli consente momentaneamente di fare un bel salto in avanti nel ranking mondiale. A Seoul l’ultimo ad ammainare bandiera bianca, con un finale al cardiopalma (15-14), è stato il britannico Kruse. Prima però Baldini aveva dimostrato di essere in stato di grazia. Nessuno dei suoi avversari era infatti riuscito ad andare oltre il muro delle dieci stoccate. Baldini nell’esordio in pedana aveva superato per 15-4 il tedesco Wessels. Con lo stesso punteggio aveva poi replicato contro il cinese Shi. Negli ottavi aveva vinto l’assalto contro il francese Lefort per 15-9 e nei quarti, costretto a miti consigli: 15-8, l’altro cinese Huang. Infine in semifinale aveva superato 15-6 lo statunitense Massialas. A Seoul erano presenti anche Lorenzo Nista e Edoardo Luperi. Per entrambi però la corsa era finita nei 32esimi. Il giorno dopo per Andrea Baldini è arrivato anche il trionfo nella prova a squadre.

Campionati Italiani Under 14

A metà maggio a Rimini, con il Gran Premio Giovanissimi, la solita oceanica kermesse tricolore a livello giovanile. In pedana, provenienti da ogni angolo del bel paese, circa tremilacinquecento spadaccini con Livorno come consueto ben degnamente rappresentata con le sue tre scuole di scherma: Fides, Scuola scherma del Maestro Rolando Rigoli e Fiamme Oro del maestro Marco Vannini. Fides Bella prova dei giovanissimi spadaccini di via Allende. Tre medaglie di bronzo e tanti altri buoni risultati sono davvero un bel risultato. A mettersi le medaglie al collo: Gherardo Caranti, Camilla Michelucci e Greta Arena. A gioire tanti altri. Sciabolatori. Cat. Allievi (classe 1997). Per Gherardo Caranti una medaglia di bronzo che gli va un po’ stretta. In semifinale contro il romano Affede dopo

essere stato in vantaggio 11-7 e 13-10 ha ceduto nel finale. Discreta prova invece di Andrea Trivella e Lorenzo Papini. Cat. Bambine (classe 2000). Bravissima Camilla Michelucci (3a) ma anche Matilde Picchi (6a). “Ci hanno deliziato di una scherma già completa pur essendo ancora piccole. Parate e risposte, attacchi diretti, finte. Davvero molto per due bambine che fanno sciabola da poco”, il commento del maestro Nicola Zanotti. Cat. Maschietti (classe 2000). L’emozione invece ha giocato un brutto scherzo a Edoardo Castellani. Negli ottavi ha ceduto contro un avversario alla sua portata. Prima si sono fermati: Raffaele Raiola e Alberto Faucci. Cat. Giovanissimi (classe 1999). Discreta prova di Giorgio De Santis, Filippo Piazza e Cesare Freschi. Cat. Ragazze (1998). Bella conferma per Greta Arena. “Atleta di grande talento si è fermata ai piedi del podio 15-11 contro la poi vincitrice del titolo Brunelli di Voltri”, il commento di Zanotti. Bene anche Laura Fidanzi. Cat. Ragazzi (classe 1998). Il migliore è stato Lorenzo Prusciano, uno degli atleti di punta del Fides. Per lui stop contro il forte Bruschini di Terni poi 2°. Più indietro: Lorenzo Di Ficcio, Alberto Baracchino e Giorgio Ciccotelli. Fioretto. A tessere le lodi dei piccoli fiorettisti il maestro Brando Messinese che ha preparato al meglio i piccoli spadaccini insieme all’istruttore regionale Tommaso Marchi e a Beppe Pierucci. “Abbiamo un gruppo in grande crescita”, il commento del responsabile Brando. Risultati. Cat. Maschietti (181 part). 15° Filippo Marchi. Più indietro: Jacopo Benesperi. Cat. Giovanissimi (166 part). 61° Andrea Pironti. Seguono: Diego

Salvadorini e Filippo Taddei. Cat. Ragazzi (144 part.) 23° Giacomo Nenci. Seguono Sebastiano Bizzi e Filippo Giunti. Cat. Bambine (117 part.). Bravissima Ludovica Schillaci (11a). Segue: Francesca Romanelli. Cat. Giovanissime (135 part.). 67a Carolina Giovannoni. Segue: Lisa Cecchini. Cat. Ragazze (96 part.). 29a Sara Frosini. Spada allieve (135 part.). Discreta prova di Michela Maniglia. Per lo stakanovista Sebastiano Bizzi, fisico da corazziere, buona prova anche come spadista.

Allievi del maestro Vannini

Sul podio del fioretto tricolore allievi, il 14 maggio, Eleonora Dini. A Rimini si è fatta un bel regalo di compleanno con due giorni d’anticipo (nata il 16 maggio 1997). E un bel regalo lo ha fatto anche al suo maestro Marco Vannini. “Eleonora è stata bravissima. È una adolescente dal sorriso dolce ma con carattere ed una determinazione fuori del comune. Il suo sguardo sul podio riassumeva l’immagine di chi, nella vita, vuole lasciare il segno a tutti i costi. Sono felice di poter lavorare con ragazzi del genere e di poterlo fare per le Fiamme Oro.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

ed aver sconfitto ai quarti la Germania per 45-29, avevano superato la Russia in semifinale per 45-31.

Aldo Montano

309


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Eleonora è un carrarmato. Vive con i genitori e due fratelli a S. Maria a Monte. Ogni settimana, per dare sfogo alla propria passione, percorre più di 500 km, per venire ad allenarsi da noi alla Sezione Giovanile scherma Livorno. Il suo è stato un successo meritatissimo, che le sarà utile come trampolino di lancio per il futuro”. Per la cronaca Eleonora ha messo in fila indiana 76 avversarie senza neppure un mezzo passo falso. Dopo aver ottenuto sei vittorie su sei assalti nel girone, ha infilzato, una dietro l’altra, la frascatana Lombardi 15-5; la torinese Bianchetti 15-11; l’altra frascatana Capasa 15-9; ed in semifinale e finale la trevisana Elisabetta Bacchin e la patavina Claudia Borrella. Nella stessa gara discreta (24esima) prova, seppure un po’ al disotto delle proprie notevoli potenzialità, di Letizia Picchi.

Scuola del maestro Rolando Rigoli.

Alla grande kermesse tricolore Rolando Rigoli ha portato otto allievi: Giacomo Biasci, Ruben Pasta, Tommaso Giraldi, Tommaso Baracchini, Niccolò Cillari, Elisabetta Saviozzi, Yulia Terreni e Ginevra Luchi. Ad accompagnarli anche i maestri: Cristina Abniacar e Paolo Macchia. “È stata un’esperienza emo-

Aldo Montano

zionante per tutti. Immaginiamoci per bambini, in molti casi ai primi approcci all’attività agonistica. Le gare sono iniziate con l’inno di Mameli, bandierine tricolori sventolanti e gigantografie dei campioni della scherma”, le parole di super Rigoli che, aggiunge: “Il risultato complessivo è ottimo. È mancata solo la ciliegina sulla torta, dell’ingresso alle finali. I nostri giovani schermitori si sono difesi con onore, combattendo sempre al massimo delle loro possibilità tecniche atletiche e psichiche, ma i loro sforzi sono stati, a volte, vanificati dalla non corretta interpretazione, dei presidenti di giuria, dell’azione schermistica. Ci rendiamo conto che gli arbitri sono sottoposti ad uno stress di sei - otto ore di impegno giornaliero, ma, ogni atleta, ha il sacrosanto diritto di giocarsi le proprie possibilità con un arbitraggio ottimale”. Risultati dei suoi ragazzi: Scm Maschietti Aldo Montano con Valentina Vezzali

310


(72 partecipanti): 22° Niccolò Cillari, 42° Tommaso Baracchini. Scm Giovanissimi (92 part.): 34° Ruben Pasta, 49° Giacomo Biasci, 61° Tommaso Giraldi. Scf Giovanissime (61 part.): 11a Yulia Terreni, 12a Elisabetta Saviozzi, 59a Ginevra Luchi.

Da sinistra: Ilaria Bianco, Gioia Marzocca, Irene Vecchi

cominciando da Olga Rachele Calissi, Beatrice Monaco, Tommaso Lari, Alessandro Paroli, Tommaso Saviozzi e proseguendo con altri.

Fioretto Maschile

Il primo exploit, proprio nella giornata inaugurale dei Campionati italiani, è stato del giovane Edoardo Luperi. A sedici anni e otto mesi –è nato l’11 settembre 1993- è salito sul podio tricolore del fioretto maschile. E lo ha fatto, di fronte a diverse centinaia di persone, nella splendida cornice del teatro Goldoni. Il monumento principe della cultura labronica. Per Edoardo è stata un’altra prestazione super che è andata a far compagnia al doppio titolo olimpico -individuale e squadre- conquistato alla prima edizione dei Giochi Olimpici della Gioventù ad agosto 2010 a Singapore ed al titolo Mondiale ai Mondiali Cadetti di Amman 2011.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

Campionati Italiani assoluti a Livorno

L’evento dell’anno per la scherma labronica. Per quattro giorni, dal 26 al 29 maggio, i riflettori della scherma d’élite nazionale sono stati puntati su Livorno. In programma anche tante manifestazioni collaterali che hanno arricchito l’interesse. Ad organizzare in maniera davvero ottimale la grande kermesse tricolore il circolo Fides, con al timone il dinamico presidente Andrea Bichisecchi. Teatro delle gare il PalaLivorno con una appendice, nella prima giornata, allo splendido teatro Goldoni. Tra i livornesi assoluti protagonisti Aldo Montano e il giovanissimo Edoardo Luperi. Un po’ con le polveri bagnate invece Irene Vecchi e nella prova individuale Andrea Baldini e la spadista Virginia Di Franco. Bravo anche Marco Ciari e prove soddisfacenti per tanti giovani di casa nostra

Scherma Paralimpica

Da sinistra: Andrea Baldini, con la squadra nazionale

Nella seconda giornata di gare esordio ai Campionati italiani degli schermitori del settore paralimpico con le gare di fioretto maschile e femminile. A sottolineare l’importanza di questo evento

311


Sciabola Maschile e Fioretto Femminile

Sabato 28 maggio è il grande giorno di Aldo Montano. L’Aldone nazionale riesce a esorcizzare la dolorosa tendinite alla caviglia e scrive una delle pagine più belle nella storia di questo sport. Un successo storico ricco di pathos e di colpi di scena. Nella vittoria di Aldone nazionale, nella sua corsa verso il sesto titolo tricolore, c’è l’essenza dello sport in tutte le sue sfaccettature. C’è la rappresentazione itinerante della sofferen-

za, ci sono i sentimenti più nobili e genuini, c’è la voglia di non arrendersi mai, neppure di fronte all’evidenza al dolore. C’è la compattezza di una famiglia, di nobile lignaggio, nella quale a fare da collante sono parole come amore, affetto, tenerezza, calore. In cui il focolare

domestico ha ancora una valenza importante anche se i figli sono in giro per il mondo per il loro lavoro.

Prove a squadre

Dopo il mezzo passo falso nella prova individuale il Baldo è tornato sul trono guidando alla vittoria, come il più bravo dei piloti delle frecce tricolori, l’Aeronautica, nella finalissima del fioretto a squadre. Al suo fianco il giovanissimo Lorenzo Nista e il ternano Alessio Foconi e il torinese Alessandro Meringolo. L’Aeronautica pilotata da Baldini nella finalissima costringe alla resa (45-42) le Fiamme Oro di Edoardo Luperi, Tommaso Lari e del pisano Simone Vanni e del pisanino (17 anni) Michele Del Macchia. Insomma una bella lotta in famiglia, tra fiorettisti che si conoscono da una vita. Il bis tricolore, dopo il successo storico di Siracusa 2010, ha fatto tornare il sorriso ad Andrea Baldini, dopo il mezzo (comunque quinto) passo falso nella prova individuale. Anche se a dire la verità quando è salito nuovamente in pedana il Baldo era sereno come una rosa. “Stanotte ho dormito tra due guanciali ed oggi è andato tutto liscio”, le sue prime parole appena sceso di pedana. “Con questo

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

la presenza del Presidente del Comitato Paralimpico, Luca Pancalli: l’emblema del percorso di reale integrazione della scherma Olimpica e Paralimpica. Un percorso avviato a gennaio 2011 con la firma dell’accordo tra la Federazione Italiana Scherma e la Fispes, acronimo di Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali. Per la cronaca ricordiamo che sulle prime medaglie hanno messo le mani: Matteo Betti, tesserato per le Fiamme Azzurre, Pietro Miele della Giulio Verne di Roma, Marco Cima del Cs Roma, William Russo della Polisportiva Voglia di Vivere. E tra le fiorettiste: Loredana Trigilia (Cs. Roma), Annamaria Soldera del Petrarca Scherma Padova.

Andrea Baldini

313


F.I.S.: Federazione Italiana Scherma 314

successo archivio una settimana eccellente con tre vittorie su quattro gare. Le prime due in Coppa del Mondo a Seoul, nella prova individuale e a squadre. Ed adesso questo nuovo successo tricolore”, il resto. In pedana, invece, Marco Ciari. Per lui un’eccellente medaglia d’argento nella sciabola a squadre con la maglia delle Fiamme Oro sulle spalle. “Dopo il settimo posto della prova individuale, incassato con un po’ d’amaro in bocca, per aver perso di misura nei quarti contro Diego Occhiuzzi è arrivata, sotto gli occhi dei genitori e i tanti amici, questa stupenda medaglia a squadre. “È troppo bello tirare con il sostegno dei tifosi. Dedico questa medaglia a mamma Paola, a babbo Alessandro e alla mia fidanzata Ilaria”, il commento del marcantonio di Banditella. Delusione dipinta sul volto anche di Irene Vecchi, dopo l’ultimo assalto della finale a squadre di sciabola femminile, nella quale ha subito la rimonta, proprio sul filo di lana, da parte della veterana Gioia Marzocca. Brave, invece, le fiorettiste diciannovenni Beatrice Monaco e Olga Rachele Calissi. Per loro un quarto posto nella prova a squadre, con la casacca delle Fiamme Gialle addosso alle

spalle di corazzate come Forestale, Carabinieri e Fiamme Oro. Tre compagini imbottite di super campionesse di spessore mondiale.

EUROPEI UNDER 23

Lasciati, con il morale sotto i tacchi, i Campionati italiani di Livorno, Tommaso Lari si prende una sonora rivincita ai Campionati europei under 23 di Kazan. Prima si mette al collo la medaglia d’oro del fioretto individuale e un paio di giorni dopo replica facendo il bis a squadre. A difendere i colori azzurri nella rassegna continentale anche la sciabolatrice Benedetta Baldini, sorella di Andrea, la fiorettista Ilenia Orsolini e lo sciabolatore Jacopo Rubini. Per Tommy Lari lo scoglio più grosso è in semifinale contro il compagno di nazionale Alessio Foconi. L’accesa tenzone termina a favore del nostro concittadino 15-14. Senza storia invece la finalissima con il bielorusso Byk. Tommy vince in scioltezza 15-6. I due atleti si sono sfidati nell’assalto di semifinale ed, al termine di un match tirato ed alla pari, a superare il turno è stato il livornese col punteggio di 15-14. Lari, in finale, ha poi sconfitto nettamente il bielorusso Byk per 15-6. Tra le vittime di giornata di Lari anche il tedesco Sanita (15-12) e il russo Kuts (15-9). Poca gloria invece per la giovanissima (diciotto anni) Benedetta Baldini. Per la bella Bene solo un 19° posto nella sciabola individuale. Leggermente migliore la prestazione della fiorettista Ilenia Orsolini, alla fine 14a, dopo essersi arresa negli ottavi all’azzurra Spezzamonte. E peggiore

quella di Jacopo Rubini solo 28°. Tommy Lari, con al fianco Alessio Foconi, Francesco Trani e Daniele Garozzo si mette al collo anche la medaglia d’oro nella prova a squadre. Gli azzurri in finale battono la Russia 45-35 e ancora meglio fanno (45-28) in semifinale a spese dell’Ungheria. Nella sciabola maschile, invece, l’Italia con in pedana anche Jacopo Rubini, è solo sesta dopo essersi arresa nei quarti alla Polonia45-32. Un po’ meglio va alle fiorettiste. Ilenia Orsolini con al fianco la Cini, la Spezzamonte e la pisana Elena Marrucci conquista la medaglia di “legno” (quarta). Dopo il successo nei quarti con l’Ungheria le azzurre si arrendono in semifinale alla Germania e nella finalina per il bronzo alla Polonia. Quinto posto finale, invece, per le sciabolatrici. Per le azzurre Benedetta Baldini, Biaggi, Ponti e Mariani, subito uno stop senza appello (45-29) con l’Ungheria.

Campionati Europei di Sheffield Tre medaglie d’oro a squadre e solamente una medaglia di bronzo a livello individuale. Bilancio agro-dolce per i nostri super spadaccini in trasferta agli europei di Sheffield, di metà luglio. Per il Baldo un onorevole terzo posto in una giornata semplicemente fantastica per gli azzurri. La medaglia più bella se la mette al collo Giorgio Avola. Quella d’argento e di bronzo Cassarà e Baldini. Sesto posto finale nella sciabola ma-


Mondiali di Catania

schile per Aldo Montano. L’Aldone nazionale esce sconfitto sul filo di lana, 15-14, nei quarti contro l’ungherese Szilagyi. Al campione olimpico di Atene 2004 non riesce la rimonta sul magiaro che mette a segno l’ultima stoccata, fermando così la corsa dell’azzurro. Montano, in precedenza, era approdato al tabellone dei quarti, vincendo per 15-12 l’assalto contro il romeno Dolniceanu. Nella sciabola femminile Irene Vecchi si arrende alla francese 15-13 Perrus quando il podio era ancora lontanissimo. Stop nel turno successivo (16esimi) per Ilaria Bianco la pisanina che si allena a Livorno al Fides anche lei con il maestro Nicola Zanotti. Il 17 luglio è il giorno della doppia medaglia d’oro a squadre. Sul podio più alto le azzurre della sciabola e i fiorettisti. Ad “aprire le danze” nella giornata d’oro la sciabola femminile. Gioia Mar-

“Non ci credo nemmeno io. Godiamoci questo mondiale. Poi penseremo alle Olimpiadi”. Aldo Montano, appena scende dalla pedana, dopo aver piazzato la 15esima stoccata al costato del tedesco Limbach, non sta nella pelle. Gioia e euforia strabordano da tutti i pori che, qualche minuto dopo, sul podio si trasformano in inarrestabili lacrimoni. A quasi 33 anni, mette le mani su quell’unico alloro che gli mancava. Su quella medaglia d’oro che aveva sfiorato a S. Pietroburgo nel 2007 (argento) e a l’Havana 2003 (bronzo). La sua vittoria è, al tempo stesso, un inno allo sport e un calcio alla sofferenza. Irene Vecchi Il 12 ottobre tocca a Irene Vecchi. Una delle più giovani della pattuglia azzurra. Nei quarti di finale la sorte le mette un ostacolo troppo grande: la campionessa olimpica 2004 e 2008, la statunitense Mariel Zagunis e lei ci sbatte contro violentemente 15-7. Un vero peccato perché Irene aveva iniziato l’avventura mondiale piuttosto bene. Nel primo assalto di giornata ha avuto ragione per 15-8 della bielorussa Kisialiova e poi della tedesca Kubissa per 15-10 e della vietnamita Nguye per 15-3. Nella fase

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

zocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi e Paola Guarneri, trascinate da un tifo da stadio che ha visto Aldo Montano nelle vesti di “capo popolo”, tirano fuori grinta, carattere e determinazione. Vittoria in scioltezza per lo squadrone del fioretto. A Sheffield ribadisce la sua supremazia in campo mondiale e continentale, grazie ad una prestazione che vede i quattro azzurri Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Giorgio Avola e Valerio Aspromonte superare per 45-35 ai quarti la Polonia, poi la Germania in semifinale per 45-31 ed infine la Francia col punteggio di 45-28. Il terzo oro a squadre imbevuto d’amaranto arriva dalla prova a squadre di sciabola maschile. Aldo Montano, Gigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Giampiero Pastore conquistano il terzo successo europeo consecutivo, dopo Plovdiv 2009 e Lipsia 2010. L’oro, con il punteggio di 45-38, giunge a spese della Germania dei giovani Limbach, Hartung, Wagner e Huebner.

Irene Vecchi e Nicola Zanotti

315


Irene Vecchi a squadre

Il 15 ottobre Irene Vecchi ci riprova con la gara a squadra. Al suo fianco Gioia Marzocca, Ilaria Bianco e Paola Guarneri. Le azzurre iniziano bene battendo la Gran Bretagna 45-25. I sogni però si infrangono, 45-43, nei quarti con la corazzata statunitense della campionessa olimpica Zagunis e finiscono nel gironcino dal quinto all’ottavo posto. Dopo la sconfitta subita dall’Ungheria 45-40, piegano la Cina e salvano un po’ la faccia con il settimo posto finale.

Aldo Montano a squadre

Meglio fanno gli sciabolatori del“beautiful team”. Aldo Montano e soci: Gigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Giampiero Pastore, nella ripetizione della finale degli Europei di Sheffield, superano ancora una volta la Germania, col punteggio di 4540 e conquistano una meritatissima medaglia di bronzo. A impedire ai nostri eroi (45-43)

di approdare alla finalissima era stata, un po’ a sorpresa, la Bielorussia, anche per una distorsione alla caviglia di Tarantino nel penultimo assalto. “Sembra esserci la maledizione dell’oro”, le prime parole di Aldo Montano che subito dopo addolcisce la pillola: “Aver conquistato il bronzo è comunque un successo, soprattutto in chiave qualificazione olimpica e con questo risultato abbiamo messo una seria ipoteca”. I quattro, dopo l’agevole vittoria all’esordio contro Hong Kong per 45-18, avevano sconfitto gli Stati Uniti per 45-42, prima di perdere dalla Bielorussia.

Le mani del Baldo sul Gran Galà di Singapore

A inizio dicembre Andrea alza prepotentemente la testa vincendo, a mani basse il Galà di scherma “Duell at the Marina Bay Sands” di Singapore. Un successo che gli restituisce un po’ di serenità dopo la prova, non certamente esaltante, ai mondiali di Catania. “Questa è una vittoria importante per me in vista delle Olimpiadi. Sono contento di come ho tirato. Dopo aver perso da Richard l’anno scorso, essere riuscito a superarlo quest’anno, nel match decisivo, mi dà la giusta carica”, le sue prima parole dopo aver messo le mani sull’importante trofeo. La gara? Andrea in finale, togliendosi qualche sassolino dalle scarpe, ha sconfitto Richard Kruse, l’inglese che nel 2010 l’aveva costretto alla resa. Un successo netto e inequivocabile con due secchi 5-1 a suo favore in entrambi gli assalti. Prima del suddito di sua Maestà, a chinare la testa di fronte a un Baldo versione super, era toccato nell’ordine all’americano Gerek Meinhardt e al cinese Lei Sheng. Irene Vecchi

Ovvero il presente e futuro del fioretto mondiale. Alla rassegna di Singapore erano presenti anche il coreano Choi, il francese Guyart, il giapponese Ota e il tedesco Joppich. Insomma fior di campioni in una gara un po’ anomala perché a eliminazione diretta, al meglio di due assalti su tre, al limite delle cinque stoccate messe a segno. Per il Baldo poi bis dorato, il giorno successivo, nella gara a staffetta a squadre Europa contro Resto del Mondo. Insieme a Baldini, il tedesco Joppich, il francese Guyart e l’inglese Kruse. Nel Resto del Mondo, invece, il cinese Lei Sheng, il coreano Choi, il giapponese Ota, e l’americano Meinhardt. In questo caso successo sul filo di lana, 80-79, dopo un gran recupero a metà incontro. L’importante, però, era tornare ad alzare le braccia al cielo e il Baldo l’ha fatto due volte. Davvero bravo. Ora bis all’ombra del Big Ben!

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

a gironi Ilaria Bianco aveva vinto tre assalti e perduti altrettanti, mentre Paola Guarneri aveva vinto tre match e persi solo due. Per Ilaria Bianco, invece, i sogni si erano spenti di fronte alla tedesca Bujdoso: 15-13, addirittura nel tabellone di qualificazione.

Le foto sono di Augusto Bizzi 317


Paolo Paoletti Il campione dei maestri di Fioretto. La fusione con la Fides e la preparazione olimpionica di Antonella De Vito commossi. Ma naturalmente anche quando Andrea è tornato in pedana ed ha vinto gli europei non ho resistito e mi sono commosso; era la prima gara importante che faceva dopo tutto quello che era successo. E poi ancora quando Lorenzo Nista ha vinto i mondiali cadetti. Insomma, di soddisfazioni ne ho avute tante”. Possiamo paragonare il rapporto fra te e Andrea a quello che c’è fra padre e figlio? “Possiamo dire che io sono il babbo della scherma”. Parliamo anche degli altri tuoi atleti. “Certo. C’è Olga Rachele Calissi che va molto bene. È nella nazionale under 20 ed ha vinto due gare di coppa del mondo nella stagione 2011/2012. Il prossima anno cambierà categoria. Fra le ragazze è quella che promette di più, non solo a Livorno, ma anche a livello nazionale. Ilenia Orsolini ha 19 anni e sta crescendo bene. Ha fatto alcune finali e la scorsa stagione è arrivata seconda alla Coppa Italia. Con lei credo che andrà sempre meglio. Poi ci sono altre cadette che si stanno formando positivamente, Eleonora Malcuori, Giorgia Bichisecchi e Noemi Bono. Fra i ragazzi c’è Lorenzo Nista che sta crescendo da fuoriclasse vincendo la prima prova del Campionato italiano giovani, una

prova di coppa del mondo e ben due terzi posti. Lorenzo è un ragazzo che viene già convocato alle gare degli assoluti insieme agli adulti. Poi abbiamo Matteo Trovato anche lui diciottenne, che sta tirando fuori le sue capacità: la scorsa stagione ha partecipato agli assoluti. Bravi anche i fratelli Enrico e Roberto Bellucci. Vorrei anche ricordare che abbiamo vinto il Campionato italiano giovani a coppie miste, molto ambito in Italia con i fratelli Bellucci, Lorenzo Nista, Ilenia Orsolini, Giorgia Bichisecchi, Kevin Franceschetti, Olga Rachele Calissi e Matteo Trovato”. Ed i più piccoli? Stiamo lavorando molto anche con loro. Ricordiamo gli atleti del Gran Premio Giovanissimi con i quali abbiamo ottenuto già alcune finali regionali e nazionali: Taddei Filippo, Romanelli Francesca, Lupetti Chiara, Gabriele Secundo, Sebastiano Bizzi bravo anche di spada, Luca Novembrini, Filippo Giunti, Diego Salvadorini, Andrea Pironti, Giacomo Nenci, Sara Frosini, Maniglia Michela, Italia Elisa, Chiara Balzini. Tra i piccolissimi che vedremo sulle pedane la prossima stagione ricorderei: Penelope Biagi, Niccolò Carnelosso, Bianchi Luca, Karen Biasco, Gerardo Giusti, Tommaso Isolani, Ginevra Manfredini, Pannocchia Lorenzo, Karim Pennacchio, Emma Rinaldi, Marco Sola, Antonio Volpini, Ottavia Mendolia”. Un gruppo molto numeroso. “Sì, e molto bravo, vorrei anche ricordare che nella classifica nazionale per società siamo terzi come under 20”. Vuoi ringraziare qualcuno? “I miei collaboratori: il maestro Lorenzo Paoletti che si divide con la sala di scherma di Cecina, Claudia Avella e Ilenia Orsolina istruttrici e sempre in attività agonistica e il preparatore atletico Franco Fabbri”.

F.I.S.: Federazione Italiana Scherma

A

l maestro Paolo Paoletti dobbiamo riconoscergli la semplicità dei modi, quelli che non ti porterebbe mai a farti pensare che stai parlando con il numero uno dei tecnici di fioretto. E quando si arrabbia ed alza la voce, lo fa sempre per difendere i suoi atleti. Non potrebbe essere diversamente se ripensiamo a quello che lui e Andrea Baldini hanno dovuto “passare” in occasioni delle olimpiadi di Pechino, un’esperienza che ha segnato entrambi, che ha insegnato loro molto e forse ha anche cambiato un po’ il loro atteggiamento nei confronti della vita. Ma questa storia ormai la conoscono tutti e vogliamo considerarla conclusa e guardare piuttosto verso Londra, ormai alle porte e con un Baldo pronto a dare battaglia, per il quale naturalmente continuiamo a fare un tifo sfegatato… non c’è certo bisogno di ricordarlo! Il 2011 per Paolo è stato il momento di fondere la sua associazione con il Fides e tornare ad unire le forze. Lo incontriamo prima di un allenamento insieme ai suoi atleti, fra i quali ci sono campioni, futuri campioni e giovani promesse. Ritorniamo un po’ indietro a quando hai iniziato a fare scherma. “Ho fatto scherma da giovane, fino a 17 anni. Mio padre mi ha trasmesso la passione. Quando avevo 9 anni mi portò a scherma insieme a mio fratello. Era in nazionale ed ha vinto i Campionati italiani a 42 anni. C’è un motivo per questa vittoria in tarda età: all’epoca non c’erano le apparecchiature elettriche che stabilivano obiettivamente chi era il vincitore, e i giudici erano spesso imparziali. Quando arrivarono le moderne strumentazioni, non ci furono più indugi e dubbi, e mio padre vinse il Campionato italiano”. Dopo i 17 anni? “Mi sono dedicato all’altra mia passione: il judo. Anche in questa disciplina sono diventato maestro e l’ho praticata fino a 34 anni, dopodiché il judo non permette più di fare agonismo e così mi sono ritirato”. Il segreto per essere un buon tecnico? “Sono un buon osservatore. Credo anche che aver avuto l’esperienza nel judo mi sia servito. Il maestro deve saper tirare fuori dall’atleta il buono che ha dentro, ognuno con la sua caratteristica diversa. Un atleta dà sempre spunti diversi e il tecnico deve cercare di sentirli, prenderli e riutilizzarli per lui o anche per altri”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Quando mia figlia, vinse il Gran Premio Topolino, una bella gara e mi

Nella foto da sx in alto: Lorenzo Paoletti Maestro, Anna Kassianovic Istruttrice, Franco Fabbri preparatore atletico, Matteo Trovato, Roberto Bellucci, Claudio Avella Istruttore, Andrea Baldini, Giacomo Pullano, Lorenzo Nista, Ilenia Orsolini, Eleonora Malquori, Noemi Bono, Maestro Paolo Paoletti, Olga Calissi. In basso: Filippo Taddei Andrea Morelli Marco Sola, Luca Novembrini, Diego Salvadorini, Andrea Pironti, Eva D’Alessio, Penelope Biagi, Tancredi Carmassi, Bernardo Taddei

319


Abbiamo già avuto occasione di parlare di Malén Tortajada che da sola ha saputo mettere insieme un gruppo di genitori di ragazzi autistici, per realizzare un progetto che se non può risolvere la vita dei loro figli, può almeno migliorarla molto. Da qualche mese alla

compagnia si è aggiunta anche Kyra un bellissimo cane lupo meticcio che durante le manifestazioni ufficiali indossa la sua pettorina da cane della protezione Civile e corre con i ragazzi ed il suo “amico umano” ovvero Mario Bartoli, quello che vivendo 24 ore al giorno con lei e grazie al suo amore ha saputo renderla così docile e adatta alla Pet Terapy. Malén è anche psicologa così può parlare nel doppio ruolo di madre, ma anche da competente professionista che conosce il problema per averlo studiato e per viverlo ogni giorno. “Sono la presidente dell’Associazione Autismo Livorno Progetto Filippide. Siamo presenti in città dal 1998 ed in questi anni abbiamo fatto conoscere l’autismo, abbiamo coinvolto nel nostro percorso le autorità cittadine e siamo riusciti a mi-

Diversamente abili Malén Tortajada racconta il progetto Filippide: podismo per dei ragazzi speciali di Antonella De Vito gliorare la vita dei nostri figli. Nel 2008 abbiamo aderito al progetto Filippide, che nasce a Roma circa vent’anni fa grazie a Nicola Pintus che ha avvicinato lo sport agli autistici”. Qual è il valore di questo progetto? “Oltre al valore sportivo in sé vi è l’importantissimo senso di appartenenza che i nostri ragazzi acquisiscono. Attraverso lo sport sviluppano amicizie e relazioni: cosa che per un autistico sembrerebbe impossibile. A Livorno facciamo solo podismo perché non abbiamo, per ora, le risorse per allargare le attività. I ragazzi si allenano tre volte alla settimana con dei volontari che hanno il grande merito di trattare i nostri figli come ragazzi normali, cosa che è stata immediatamente percepita da loro con grandi effetti positivi. Il campo scuola non è un luogo sanitario, ma un punto d’incontro dove si fa sport dove è possibile La locandina dell’evento nazionale

Foto di gruppo con i ragazzi i volontari e Kyra

fare esattamente le stesse cose che fanno gli altri. Per la prima volta si vedono considerati come ragazzi normali. Tutti i nostri figli hanno un problema di comunicazione, di relazione e di organizzazione del pensiero, l’autismo è per tutta la vita, non si guarisce mai, ma abbiamo visto che grazie al progetto Filippide si possono migliorare tante abilità”. Qual è il risultato più importante? “Scoprire come i nostri figli possono diventare amici, cosa che prima pensavamo impensabile, anche perché vivevano sempre al di fuori di contesti normali. Questi risultati vanno al di là di ogni aspettativa psicologica e sanitaria”. Per voi genitori cosa è cambiato? “Molto. Giorno per giorno ci siamo accorti che i nostri figli possono fare le cose

Diversamente abili: progetto Filippide

È

facile incontrali nelle strade vicine al campo scuola, quando la sera verso le 17 con i volontari e amici del gruppo corrono, confondendosi fra gli altri amanti della maratona, che non perdono occasione per fare allenamento. Sono i ragazzi del progetto Filippide che hanno fatto della corsa una delle loro passioni principali.

321


Diversamente abili: progetto Filippide 322

in modo diverso, ma soprattutto abbiamo capito che anche noi, per primi, dobbiamo porci in modo diverso nei loro confronti. Tutti i ragazzi del gruppo appena arrivati al campo scuola hanno opposto un po’ di resistenza, c’era chi non voleva entrare negli spogliatoi, chi non voleva correre, ma adesso il momento più importante della loro vita è proprio il progetto Filippide ed il campo scuola è un punto di riferimento”. Quanti ragazzi ci sono nell’associazione? “Attualmente sono 9. Non possiamo espanderci più di tanto perché facciamo affidamento sugli operatori volontari e finanziamo le trasferte da soli, organizzando iniziative per la raccolta fondi. Ciò è coinvolgente anche per noi genitori, ci ha dato l’opportunità di conoscerci, di stare insieme, diventare amici e anche divertirci: un aspetto positivo per noi che arriviamo da tanti anni di sofferenza continua e solitudine”. Il vostro sogno? “Poter fare come a Roma dove tutti i giorni i ragazzi dalla mattina fino alle 16 stanno insieme per fare atletica, piscina, condividere il momento del pasto e altre attività. Ma per fare questo ci vorrebbero molti fondi, che noi non abbiamo”. Realizzare il progetto Filippide a Livorno comporta delle difficoltà? “Quando abbiamo chiesto aiuto lo abbiamo sempre ottenuto, l’unica cosa che non riusciamo ad avere sono i fondi, ma questo è naturale in un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo. Nonostante tutto a maggio siamo riusciti ad organizzare l’evento nazionale proprio a Livorno”. Raccontaci questa esperienza. “Ogni anno viene organizzata una giornata nazionale in un luogo diverso. In que-

Kyra, Mario Bartoli e due ragazzi del Progetto Filippide

sta occasione si ritrovano i ragazzi del progetto Filippide di tutt’Italia. L’anno scorso è stato organizzato a Siracusa, l’edizione precedente a Porto Torres. Quest’anno a Livorno c’erano più di 200 persone con autismo. Oltre alle gare di maratona, abbiamo organizzato feste e sfilate, dimostrando che i nostri figli possono stare in luoghi affollati, anche se ciò non è previsto dalla letteratura che si occupa di loro. Andare oltre questi limiti è stato possibile grazie al progetto Filippide, perché ha saputo sviluppare un vincolo di amicizia, di gruppo; adesso i nostri ragazzi riescono a

superare i loro limiti, e ancora una volta ce lo hanno dimostrato partecipando a queste feste con tanta gente e confusione, stando benissimo e divertendosi, tutto in modo molto spontaneo”. L’evento nazionale è anche per voi genitori un momento di relax? “Sì, nei giorni della manifestazione sono organizzati percorsi paralleli ai ragazzi, esclusivamente dedicati ai genitori, perché possano avere un po’ di vacanza e nello stesso tempo dare un po’ di autonomia ai figli: per i genitori la continua sorveglianza diventa un’abitudine.


Bisogna invece concedere a questi genitori degli spazi loro, per divertirsi, riposarsi, distrarsi”. Perché fra tutte le discipline sportive avete scelto il podismo? “Il presidente Pintus era un podista ed un giorno decise di portare ad allenarsi con lui un vicino di casa di oltre 150 chili, che trascorreva tutto il giorno in casa a battere la testa nel muro. In poco tempo si accorse di quello che poteva fare la corsa: quel ragazzo è diventato un podista e da allora è nato il progetto Filippide. In altre città abbinano anche altri sport come il nuoto, ma noi per ora non abbiamo i finanziamenti e ci limitiamo alla corsa”. Quanti sono gli operatori che seguono i vostri figli? Sono 12 operatori arrivati con il passaparola.

tale atteggiamento è stato da loro recepito subito positivamente. Credo che questo sia uno dei motivi del successo di questo progetto. Noi genitori abbiamo imparato tantissimo, anche confrontandoci fra noi abbiamo preso coscienza del fatto che se li trattiamo da ragazzi reagiscono come ragazzi, io per prima ho dovuto imparare a non considerare mio figlio come un bambino piccolo e a non dargli troppa protezione. Ci hanno dimostrato che quando so-

Nelle immagini alcuni momenti della giornata nazionale del Progetto Filippide svoltasi a Livorno

no trattati da adulti stanno meglio, molti di loro chiedono espressamente di essere considerati tali. Naturalmente restano sempre autistici e hanno degli atteggiamenti che socialmente non vanno bene, ma loro lo comprendono e si sforzano di migliorare”. Un sogno nel cassetto? “Far diventare la nostra realtà come quella di Roma”. Quali le iniziative per reperire fondi? “Un po’ di tutto: spettacoli, tornei, lotterie, il 5x1000, ad esempio una nostra socia con le Dame di San Vincenzo ha addirit-

tura venduto delle torte. Fino a quando ci muoviamo su questo livello ce la facciamo, ma se volessimo fare il salto di qualità ed avere un’organizzazione come quella di Roma diventerebbe troppo difficile, almeno per adesso. Purtroppo la crisi economica ha imposto tagli ovunque e anche noi siamo penalizzati”.

Diversamente abili: progetto Filippide

Il primo è stato Chiavistelli che si è poi impegnato a portare altri volontari. Qualcuno di loro lavora alcuni sono in pensione, ovviamente hanno fatto tutti sport, ma nessuno di loro ha avuto una formazione specifica per stare con gli autistici e questo è positivo, infatti in questo modo trattano i nostri figli come ragazzi normali e

323


Zenith Onlus: il nuoto con gli “SPECIAL OLYMPICS” di Mario Orsini si di norme e regolamenti per la completa integrazione, come i cittadini livornesi hanno potuto verificare nel corso dei recenti Campionati italiani assoluti, i primi organizzati sia per atleti normodotati e disabili. Questi ultimi, nei vari sport, sono suddivisi in categorie a seconda della tipologia o della gravità dell’handicap fisico o sensoriale. Prima del Cip operava la Fisd, Federazione Italiana Sport Disabili, e prima ancora la Fisha, Federazione Italiana Sport Handicappati, che raccoglieva al suo interno tutta l’organizzazione dei vari sport praticati dai disabili. Come si vede, dal 1960 in poi, vi è stata una notevole evoluzione, sulla quale ha inciso anche l’impatto dell’opinione pubblica che si è dimostrata sempre più aperta nei confronti di tale tipologia di attività. Tuttavia, la ricerca del risultato sportivo e della prestazione, ha fatto emergere, come già detto, atleti di vertice, mentre, ancora più importante, è la pratica sportiva di base. In tale contesto, nel 1968, negli Stati Uniti, Eunice Kennedy, sorella del defunto Presidente John Kennedy, rendendosi conto che molte persone con disabilità mentale erano più capaci nelle attività sportive di quanto si fosse ritenuto fino a quel momento, de-

cise di fondare il movimento “Special Olympics International” con lo scopo di migliorare le capacità complessive dei disabili mentali anche attraverso la pratica sportiva.

Diversamente abili: Special Olympics International

P

remessa Negli ultimi decenni, ha avuto un grande sviluppo lo sport riservato ai disabili. Dopo le esperienze pionieristiche delle Olimpiadi di Roma, durante le quali si svolsero le prime Paralimpiadi, il movimento sportivo dei disabili è oramai arrivato ad avere una grandissima visibilità mediatica che, per gli atleti di punta, si concretizza anche in forme personalizzate di sponsorizzazione. Tutti conoscono le imprese sportive dell’atleta sudafricano Pistorius, che oltre a primeggiare nell’atletica leggera riservata ai disabili, raggiunge punte di eccellenza anche competendo con i normodotati. A livello nazionale abbiamo atleti come Alex Zanardi, passato dalle corse in auto all’handbike, con la speranza di andare alle Olimpiadi di Londra, tanto per citare il più famoso. Tuttavia, questi sportivi gareggiano in discipline dove la competizione è ai massimi livelli e dove vi è una elevatissima selezione, che consente solo ai migliori di arrivare ai vertici, in analogia allo sport per i normodotati. Per tutelare questi atleti provvede il Cip, “Comitato Italiano Paraolimpico”, creato nel 2005, mentre gli atleti sono inseriti all’interno delle ordinarie Federazioni sportive, per ognuno degli sport praticati. È il caso della scherma, la cui Federazione ha già provveduto a dotar-

325


Diversamente abili: Special Olympics International 326

Fu un enorme successo che si estese a macchia d’olio, in quanto la filosofia di base non era quella di raggiungere la miglior prestazione in assoluto, ma quella di far raggiungere a ciascun atleta la sua miglior prestazione, nel rispetto delle regole sportive. Già nel 1971 la Commissione Olimpica Statunitense autorizzò il movimento ad utilizzare il nome “Olympics”, approvazione confermata nel 1988 dal Cio, che ha ratificato una convenzione nella quale riconosce ufficialmente “Special Olympics” come rappresentante degli atleti con disabilità intellettiva. Attualmente, “Special Olympics”, presente nel mondo in più di 180 nazioni, ha il compito di promuovere gli allenamenti e la pratica dello sport olimpico per gli atleti disabili intellettivi, fornendo loro opportunità di sviluppo fisico e psichico, facendo loro dimostrare coraggio e capacità, scoprendo nuovi motivi per gioire insieme ai propri familiari, ai propri amici ed alla propria comunità. Il fine ultimo dell’Associazione è quello di dare a queste persone la possibilità di diventare cittadini utili alla società e, quindi, accettati, apprezzati e rispettati. È il caso di sottolineare come, attraverso lo sport, l’atleta disabile possa competere con persone che hanno pari capacità, per misurare i propri progressi ed aspirare ad una ulteriore crescita di autonomia. “Special Olympics”, come la disabilità, trascende dalle razze, dalle nazionalità, dai confini geografici, dalle età e dalle religioni. In estrema sintesi, gli atleti

“Special Olympics” differiscono dagli altri atleti disabili, in quanto, mentre il Cip opera coerentemente con i criteri dei Giochi Olimpici con gare competitive riservate ai migliori, “Special Olympics” è un programma educativo che organizza eventi solo per persone con disabilità intellettiva e per ogni livello di abilità, aperte a tutti, in cui tutti sono premiati sulla base di regolamenti internazionali testati ed aggiornati continuamente. In Italia, Special Olympics ha lo status di Associazione Benemerita, riconosciutale dal Coni e dal Cip. È inoltre convenzionata con numerose Federazioni Sportive ed Enti di Promozione Sportiva.

La “Zenith”

Nel dicembre 2011 l’Associazione Sportiva “Zenith Onlus” ha compiuto DIECI anni di vita. Sembra ieri quando un piccolo gruppo di atleti con disabilità intellettiva si è staccato da un’associazione livornese che curava, principalmente, lo sport per disabili fisici o sensoriali, non trovando nella Fish quelle risposte che, invece, il movimento “Special Olympics” riservava agli atleti con handicap di natura particolare, come quello mentale o psichico. Attualmente, la Società, che

ha sede al numero 4 di Borgo Cappuccini, opera principalmente nel settore del nuoto, non disdegnando, di tanto in tanto, la partecipazione a meeting che prevedono la partecipazione in altri sport, quali l’atletica leggera, le bocce, o altro. In occasione del 10° anniversario della sua fondazione, occorre ricordare e ringraziare, oltre ai genitori ed ai dirigenti che le sono sempre stati vicini, anche alcuni tecnici che, con la loro capacità e dedizione, hanno dato l’impulso per migliorare le capacità sportive dei ragazzi: Silvia Bonatti, Luca Fornai, Nicola Zorzi, e tutti coloro che si sono alternati alla guida tecnica della società. È da ricordare anche l’operato di Alessandra Neri, indimenticabile figura del nuoto livornese, cui è dedicata la piscina da 25 metri che, come istruttrice dei corsi nuoto ha insegnato a nuotare alla maggior parte dei nostri atleti. Nella breve storia della “Zenith”, possiamo vantarci già di alcuni importanti risultati: - la partecipazione di Michela Cenci all’edizione mondiale degli “Special Olympics International” che si sono tenuti a Dublino, in Irlanda nel 2003; - la partecipazione di Giacomo Oliviero all’edizione dei Campionati europei


ramento che racchiude, nelle sue parole lo spirito del movimento: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”. È seguita, quindi, la parte spettacolare che, dopo un video saluto del duo “Luca e Paolo” delle “Iene” ha visto alcune esibizioni di singoli e gruppi, tra cui i “Nomadi”, che hanno incantato un pubblico entusiasta. Particolarmente emozionante è stata l’esecuzione del brano “Io Vagabondo”, cantato all’unisono dalla band e dai 1600 atleti, cui si è unito il pubblico. La cerimonia si è conclusa con uno spettacolo pirotecnico a ritmo di musica, che ha illuminato a giorno l’intera città. Per non far torto a nessuno, poiché tutti hanno dato il massimo, segue l’elenco dei partecipanti e delle gare effettuate : Federico BARTORELLI 25 e 50 dorso; staffetta 4x25mista; Massimo BRUNO 25 stile libero e dorso; staffetta 4x25 stile libero; Andrea LO SCHIAVO 25 e 50 delfino; staffetta 4x25 mista; Marco MASCIULLO 50 rana; 100 misti; staffetta 4x25 stile libero; Gabriele MORELLI 50 stile libero e rana; staffetta 4x25 stile libero; Giacomo OLIVIERO 50 stile libero e rana; staffetta 4x25 mista; Antonio SARTORI 50 stile libero e dorso; staffetta 4x25 stile libero;

Special Olympics a La Spezia

Davide SIMONI 25 delfino; 50 stile libero; staffetta 4x25 mista; Michela CENCI 25 stile libero e rana; Manuela MAGGI 25 stile libero e rana; staffetta 4x25 stile libero; Silvia PAPERINI 50 stile libero e dorso; staffetta 4x25 stile libero; Cristina TOMEI 25 rana e 100 misti; staffetta 4x25 stile libero; Elena VOLPI 25 stile libero e dorso; staffetta 4x25 stile libero. Tecnici: Maria Rosa Passariello e Alessandro Tamma. Oltre all’annuale manifestazione nazionale, cui si accede dopo rigide selezioni regionali che, nel 2012, se tutto va bene, per la nostra regione si svolgeranno a Livorno, ogni anno gli atleti partecipano a svariati meeting e gare in ogni parte d’Italia, con ottimi risultati ma, soprattutto, grazie alla preparazione fornita dagli istruttori, fornendo un’immagine di un gruppo di ragazzi felici di fare sport, rispettosi delle regole, autonomi in ogni fase delle competizioni, attenti ai loro materiali, entusiasti di partecipare. Tra i meeting più importanti sono sicuramente da citare le due gare di Viareggio, il meeting internazionale “Coppa di Carnevale” ed il Trofeo “Mussi Lombardi Femiano”, gare internazionali di nuoto per normodotati che, da alcuni anni, riservano, al loro interno, uno spazio agli atleti di “Special Olympics”, ricordando a tutti che nello sport l’importante è partecipare. Alcuni atleti, inoltre, sempre gareggiando per la “Zenith”, hanno partecipato anche a manifestazioni organizzate nell’ambito del “Cip”, anche in questo caso con buoni risultati. Un’altra importante manifestazione, ormai diventata un appuntamento fisso, che si svolge nel mese di maggio, è il meeting interregionale “Zenith in Onda”, organizzato nelle piscine livornesi, cui partecipano le principali società della Toscana e della Liguria. Attualmente, sono ripresi gli allenamenti per la nuova stagione agonistica, con la presenza, tra vecchi e nuovi tesserati, di ben 22 atleti che, ogni martedì e giovedì pomeriggio, impegnano le corsie loro riservate presso la piscina olimpica da 50 metri “Camalich”.

Diversamente abili: Special Olympics International

giovanili “Special Olympics International” tenutisi a Roma nel 2006; - la partecipazione di Andrea Lo Schiavo all’edizione mondiale degli “Special Olympics International” che si sono svolti in Cina, a Shangai, nel 2007. Sono stati dieci anni di successi, con la partecipazione, ininterrotta, a tutte le manifestazioni nazionali, veri e propri campionati italiani di specialità, che si sono svolti, di anno in anno, in varie città d’Italia. Ogni anno la delegazione livornese è sempre stata più numerosa: quest’anno, la “Zenith” è riuscita a portare ben tredici atleti alle finali nazionali tenutesi ai primi di giugno a La Spezia, con eccellenti risultati. La manifestazione nazionale, tenutasi presso gli impianti della Marina Militare, è stata tra le più belle e riuscite degli ultimi anni. Particolarmente spettacolare è stata la cerimonia di apertura, che ha visto gli spalti dello stadio “Picco” completamente esauriti: dopo l’ingresso degli atleti “speciali”, che hanno sfilato ordinati per regione, prima di sedersi al centro del campo di gioco, è seguita l’accensione del tripode, dall’ingresso delle bandiere, l’esecuzione degli inni da parte della Banda della Marina Militare ed il discorso di Angelo Moratti, Presidente di “Special Olympics Italia”. Il momento culminante della manifestazione si è avuto con la lettura del giu-

327


Official Dealer

FURGONI

NOLEGGIO

AU TO & F U R G ON I BREVE, ME DIO E LUNGO TE RMINE

AUTONOLEGGIO

www.moversrent.it

9 POSTI

AUTO ...a partire da

54,14 euro ...a partire da

87,50 euro

...a partire da

* * PREZZO ESCLUSO IVA E PAI, RIFERITO A NOLEGGIO DI 24 ORE ED INCLUDE 100 KM AL GIORNO

odeongrafica@idata.it

*

*

26,66 euro

Powered by

GX6 OFFROAD 4x4 Ecomode benzina/gpl

€ 19.490

iva compresa, chiavi in mano

AUTO KM ZERO AUTO AZIENDALI AUTO NUOVE Numero Verde

800 942602

GA 200 PICKUP doppia cabina 4x4 Ecomode benzina/gpl

€ 17.440

iva compresa, chiavi in mano

ECOINCENTIVO DI € 700,00 Forget your scooter www.estrima.com

OGICA

• Si guida senza patente ECOL (basta il patentino) • 5 anni di esenzione dal bollo • 50% di assicurazione • 60 km di autonomia con soli € 0,90 • Può circolare nelle zone ZTL • Velocità max per legge 45 km/h • Tempi di ricarica 6h/8h

MAD IN

ITAL Y

E

RICA

ELETT


Lo Zenit non è sola. A Livorno operano altre realtà sportive per disabili Tra queste la ASHaL con sede presso il Cuh in viale Carducci che promuove attività sportive di atletica leggera, nuoto, equitazione a carattere regionale e nazionale. di Mario Orsini pia. Gli equipaggi erano composti da due atleti con disabilità e due partner senza disabilità, compreso il timoniere. Per lo Sportlandia hanno gareggiato: Anna Freschi, Said H’Amoudi, Giacomo Oliviero, Andrea Lo Schiavo e Gabriele Morelli, accompagnati dai partner Lorenzo Speranza, Giuliana Bertoli, Manlio Oliviero e Mauro Martelli. Per loro al termine della competizione due medaglie d’oro, in due finali distinte e una d’argento. Il Coastal Rowing lo ricordiamo è un nuovo modo di intendere il canottaggio, che unisce l’aspetto prettamente agonistico alla mera promozione sportiva e a più rilevanti elementi turistico-culturali e di promozione del territorio, tanto da esaltare soprattutto il rapporto canottiere-mare-natura, sempre più stretto e inscindibile. Come dimenticare inoltre l’associazione sportiva Arlecchino sport Livorno - Anf-

fas onlus. Tra i ricordi sportivi più belli la partecipazione a fine ottobre del 2010, a Roma, alla prima edizione della Csquare cup, un “torneo nazionale di calcio integrato”, cioè di squadre composte da atleti disabili psichici-relazionali e partner normodotati. Un’iniziativa promossa dalla Totti Soccer school, la scuola calcio del capitano dei giallorossi della capitale Francesco Totti. I nostri bravi calciatori nell’occasione si misurarono con atleti provenienti da altre realtà della penisola. Per loro alla fine un meritato quarto posto e tanti complimenti e la soddisfazione di essere premiati oltre che dalle autorità del Comune di Roma, del Coni, della Figc e anche dall’ex capitano del Milan, degli anni sessanta e settanta, Gianni Rivera. I loro nomi? Matteo Badalassi, Federico Bartorelli, Gianluca Busonero, Simone Cavalieri, Said Guirrine, Maya Lombardi, Michael Perini, Giacomo Scarno.

Claudio Rigolo

E, inoltre, lo Sportlandia onlus, nata con lo scopo di promuovere lo sport, e in particolare canottaggio e bowling agli atleti con e senza disabilità intellettiva. Recentemente ad ottobre si sono distinti aggiudicandosi il 2º trofeo di canottaggio Special Olympics P. Fattori. La manifestazione ha visto presenti varie società di canottaggio affiliate a Special Olympics provenienti da Roma, Firenze, La Spezia, San Miniato e Livorno. Alla gara hanno partecipato dieci equipaggi di coastal rowing a quattro remi, con voga di cop-

A.S.Ha: Associazione Sportiva Handicappati

E

poi La Sport Insieme Livorno, nata da un’idea di Claudio Rigolo, Alessandro Franchi e Stefano Calamai che opera prevalentemente nell’ambito del Cip, Comitato Italiano Paralimpico. Il loro motto è praticare lo sport “insieme” con spirito agonistico e soprattutto come momento di aggregazione sociale. Il tennis su sedia a rotelle è lo sport principale di cui si occupa questa associazione ed ha nel torneo “città di Livorno”, di tennis che si svolge nella prima decade di settembre di ogni anno, il fiore all’occhiello della sua attività sportiva.

Andrea Lo Schiavo

329


SIL: Sport Insieme Livorno

L’

330

associazione Sport Insieme Livorno ha come scopo primario la promozione, la diffusione, il coordinamento, la sperimentazione delle attività sportive tra i disabili, dove lo sport viene inteso non solo per la sua valenza agonistica, ma anche per il suo valore educativo, pedagogico e di integrazione sociale, nonché per la sua funzione nello sviluppo e nell’equilibrio psico-fisico delle persone. È in questa ottica che nascono i nostri progetti e le nostre attività sportive e sociali. Da numerosi anni, infatti, la Sil investe molte delle sue risorse nella “Scuola di Tennis” rivolta a numerosi atleti di tutte le età con disabilità fisica e mentale che questo anno si è svolta 4 giorni alla settimana fra la sede di Livorno e quella Cecina (con la prospettiva futura di un ampliamento in altri territori interessati). Inoltre da ben 18 anni si svolge nella nostra città il torneo di tennis su sedia a rotelle “Inail - Città di Livorno” che quest’anno si è tenuto per il secondo anno consecutivo presso il Circolo “Junior Club” di via dei Pensieri. La competizione ha visto la partecipazione di 32 atleti con i migliori della classifica nazionale fra cui il campione italiano Fabian Mazzei che si è aggiudicato sia il singolare che il doppio maschile as-

Tutti insieme per lo sport Dal tennis al mare

Premiazione del doppio da parte del direttore dell’Inail

sieme all’atleta pistoiese Massimiliano Banci. A giugno i volontari della Sil sono stati impegnati anche nello svolgimento del 1° Torneo Costa degli Etruschi a Cecina.

Questa nuova avventura ha ricevuto il gradimento di circa 25 atleti provenienti da varie città italiane che sono stati accolti con calore dalle autorità locali e dagli operatori dell’Hotel Club “La Buca del Gatto”.


Il torneo ha visto anche trionfare due atleti tesserati Sil nel Doppio maschile (Andrea Sorrentini) e del Singolare femminile (Monica Quassinti). Un notevole risultato è stato raggiunto anche da un altro atleta tesserato Sil per le competizioni di fondo di Atletica Leggera, Riccardo Cavallini, che si è qualificato per le Paralimpiadi di Londra 2012. Prosegue inoltre il progetto “mare accessibile” che da due anni impegna l’associazione nella ricerca di fondi e collaborazioni per il suo completamento. La nostra associazione già da anni ha attivato la Scuola di subacquea per persone disabili operante presso il diving di Antignano e lo scorso anno ha acquistato un natante per renderlo completamente accessibile anche alle persone disabili. Questo consentirà ampie opportunità per vivere il mare e praticare attività quali: pesca sportiva, diportismo nautico per turisti disabili e loro accompagnatori, sport nautici, patente nautica per disabili. Il progetto nasce naturalmente nella nostra città

SIL: Sport Insieme Livorno

I soci Sil in barca

che si affaccia su un mare meraviglioso e su una delle più belle coste del paese. Tale progetto scaturisce dalla constatazione dell’inaccessibilità del mare alle persone con disabilità fisica e dal desiderio di praticare le attività balneari e marinaresche già rese difficili da barriere architettoniche e da accessi insuperabili per i disabili. Importanti collaborazioni a sostegno dell’iniziativa si stanno avendo da Inail, Fondazione Cassa di Risparmio di Livorno e Autorità Portuale di Livorno che realizzerà una banchina accessibile per l’ormeggio e l’attracco in sicurezza. È stata approvata la concessione demaniale del tratto di banchina e dello specchio acqueo antistante dove verrà realizzato un pontile accessibile per facilitare l’accesso all’imbarcazione alle persone con disabilità motoria. In una prima fase questi lavori verranno realizzati per garantire l’accesso al porto di Livorno, ma il progetto prevede di eseguire lavori simili anche in altre isole dell’arcipelago toscano in primo luogo all’isola di Capraia.

Monica Quassinti atleta Sil

331


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Luca Bonechi

L L’Arte nello Sport

uca Bonechi, livornese purosangue, è artista a tutto tonda da diversi anni.

L'artista Luca Bonechi nel suo studio

Dopo avere frequentato l’Accademia Trossi Uberti a fasi alterne, abbandona la scuola per intraprendere un proprio viaggio artistico in maniera autonoma, portandosi dietro i preziosi consigli del suo insegnante, il noto Voltolino Fontani, che vide in lui grandi potenzialità e lo spronò a continuare l’avventura pittorica. La passione per la pittura, le grandi doti tecniche ed un genio creativo, gli hanno permesso fino ad oggi di affrontare qualsiasi tematica. Nature morte, paesaggi, splendidi ritratti, composizio-

Luca Bonechi

332

non vanno più bene è un segno tangibile: l’evoluzione ha superato il confine tracciato da quei lavori immediatamente precedenti. A questo punto all’artista la personale non serve più, serve ad altri ( al gallerista, al pubblico, alla stampa), ma a lui non più. Luca Bonechi ni molti anni dedicati con passione alla pittura affrontando vari generi dal paesaggio alle nature morte, dal nudo al ritratto, non ha mai fatto una personale ritenendo di non essere ancora pronto a varcare un limen così importante, vera testimonianza di un prima e di un dopo. Nell’opera di Bonechi i momenti significativi si individuano in quei quadri che racchiudono in sé ciò che l’autore svilupperà in seguito anche se non è possibile. è chiaro, parlare di evoluzione artistica in senso strettamente cronologico, in quanto, i temi, i soggetti, talvolta i quadri stessi per intero si compenetrano con il linguaggio di altri più recenti. Inoltre egli non prende le distanze- forse sarebbe più giusto dire non rinnega- quella produzione “del ritorno a “, realizzata quasi per interrompere quei momenti di silenzio interiore traendo

ni, ma soprattutto opere personalissime dove l’anima, e l’estro si fondono dando vita ad un linguaggio moderno sviluppato su di un impianto figurativo. La pittura diventa il mezzo di comunicazione, ed i colori uniti a poche parole lasciano il fruitore libero di analizzare l’opera, scoprendone il messaggio. La sua non è una pittura ripetitiva, ogni immagine, ogni sua scrittura, che ama inserire nel dipinto, vivono una realtà a se stante. Nel 1997, insieme ad alcuni suoi colleghi, partecipa alla trasmissione della RAI “Uno mattina”, e nel 2002 vince il prestigioso Premio Rotonda “Mario Borgiotti” con l’opera “Triglie livornesi”. Tanti i critici e giornalisti che si sono occupati della sua attività tra i quali Silvia Fierabracci, che nel settembre 2000, dopo l’intervista in esclusiva, ne traccia il profilo con un ampio servizio apparso sulla rivista “Arte a Livorno…e oltre confine”. Di lui scrive: Anche in un’epoca dove apparire in pubblico è assolutamente tassativo l’idea del genio incompreso che si consuma sulla tela nella cantina è una favola deliziosamente insensata capace di attirare a sé inguaribili romantici. L’idea della libertà quale compagna indissolubile nel viaggio dell’artista è un’idea veramente allettante alla quale nessuno vorrebbe sottrarsi anche se poi nell’oceano del quotidiano è facile scoprirsi uomo ed allora le cose si complicano. Preparare una personale è il miglior modo per scoprire l’autore, fare venti pezzi ed accorgersi al ventesimo che gli altri Luca Bonechi: “Momenti di pattinaggio artistico”


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

nuovi stimoli dal lavoro già realizzato nel passato.Insofferente alle regole, ma non alla cultura pittorica Luca Bonechi. Nella sua memoria di uomo almeno tre letture della formazione “I saggi sull’Arte” di Sigmund Freud, “I valori selvaggi” di Jean Dubuffet e “Picasso” di Helen Pignon. La pittura alternativa alla sua produzione

Luca Bonechi: “Corse cavalli”

in atto una “costruzione pittorica” studiata, bensì di trovare spazio fisico ad un’impronta istintiva. In pratica è come appuntare un’idea su un foglio, ciò che è scritto fa parte del dipinto e rimane lì così come è. leggibile o illeggibile che sia, d’altronde ci sono pensieri chiari e pensieri offuscati!

Luca Bonechi: “I sette nani”

Quello che conta è il gesto che produce la scrittura lasciandola trascinare…

LUCA BONECHI www.artealivorno.it/bonechi

L’Arte nello Sport

Luca Bonechi

più nota nasce negli anni 1993/1994. … Si insinua a poco a poco nei lavori di Bonechi la “tragedia umana” e si forma trovando una sua ideale consistenza nell’indole dell’autore. La componente ironica, che si sviluppa inconsciamente, attraverso la pratica pittorica, nelle opere, spinge l’autore verso il seducente richiamo alla realtà sociale. Poco dopo la realizzazione dell’opera “Solitudine” si apre un filone pittorico dove s’inserirà la scrittura. Le espressioni scurrili, scritte tutte attaccate, seguono l’idea di base secondo la quale l’eccessiva ripetitività finisce con l’eliminare la parte volgare del discorso, e spesso sono anche il titolo del quadro. Nell’opera “Miimportaunasegadellapolitia” il fruitore si trova di fronte un uomo del ceto medio-basso seduto ad un tavolo di una trattoria. Sul tavolo una mezza pagnotta di pane, un bicchiere, un fiasco di vino rosso, generoso, che il protagonista del quadro stringe con la sua mano sinistra, mentre con la destra impugna la forchetta con gli spaghetti al pomodoro, ma non porta il cibo alla bocca, bensì vi si getta avidamente. Il titolo è posto in margine come se fosse quasi un pensiero rubato all’intimità di quell’uomo in un momento di serenità, così, l’ironia, che apparentemente sdrammatizza la condizione vissuta dai personaggi di questi quadri di Luca Bonechi, in realtà, diviene il mezzo che permette di amplificare la tragedia. Sebbene lontano dalla pratica delle concezioni sastriane, l’autore ha scoperto come “dialogare” con il pubblico. Ognuna di queste opere porta il fruitore a scoprire riflesse nel soggetto del quadro non solo le miserie e le degradazioni dell’uomo, ma anche la sua innocenza e le sue potenzialità. Eppure non si tratta di mettere

€ 1 (al distributore) - anno XIII - n˚5 - Speciale Rotonda 2011 - Direttore Editoriale: MAURO BARBIERI - Tel. 338. 4885066 - www. artealivorno. it - Via Renucci n. 4 - Grafica: ISABELLA SCOTTO

Premio Nazionale di arte contemporanea - Città di Livorno “Mario Borgiotti” ed eventi culturali estate 2011

La copertina realizzata dall’artista per la rivista ARTE A LIVORNO... e oltre confine Speciale eventi estate 2011

333


ASSOCIAZIONE IPPICA LIVORNESE Scuola di Equitazione

 60 Box, 30 Paddok  Pensione per cavalli  Maneggio coperto  Corsi per principianti e agonisti di salto ostacoli e monta western  Pony Club  Tondino

 Campo ostacoli in sabbia 40 x 80

Istruttore Federale Riccardo Migli

Via della Querciolaia, 53 - LI (Località Porta a Terra) Tel. 329 7382799 - federicofanfani@yahoo.it

Scotto Pubblicità Livorno

 Campo ostacoli in sabbia 30 x 60


Equitazione Davide Venanzoni Primo Campionato italiano paralimpico per gli attacchi. Davide conquista due medaglie d’oro di Antonella De Vito modotati e ad avere buoni piazzamenti”. Preferisci gareggiare nel paralimpico o con i normodotati? “Non ho preferenze, sono confronti diversi. Continuerò a fare entrambe le gare”. Con che cavallo gareggi? “I primi tre anni ho partecipato alle competizioni con un mezzo pony, alto un metro e 45 al garrese, mentre dall’anno scorso sono passato alla categoria cavalli. Mi alleno al Centro Ippico Santa Barbara di Pomarance, dove il mio allenatore mi mette a disposizione il suo cavallo”. Quanto è importante il paralimpico nell’equitazione? “La Federazione sente molto il paralimpico, ed infatti ci punta tanto. Non è invece troppo apprezzato dagli atleti”. Tutti i diversamente abili posso fare

gli attacchi? “Non tutti, quelli che hanno difficoltà a stare seduti o devono evitare di prendere colpi alla colonna vertebrale non possono partecipare. C’è una visita medica da passare che stabilisce l’idoneità e indica il livello al quale si può arrivare”. Qual è il tuo principale obiettivo per il 2012? “Il mondiale è indubbiamente l’obiettivo più importante, infatti, mi sto già preparando. Però ho anche un altro progetto, spero infatti di riuscire a fare nel paralimpico la prova di un completo: una gara di tre giorni durante i quali si effettua nel primo il dressage, poi la maratone con gli ostacoli fissi,

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

A

nno dopo anno Davide Venanzoni sta aprendo la strada ad una specialità poco conosciuta, ma molto affascinante. Chiamata “Attacchi” perché prevede che il cavallo o i cavalli siano attaccati ad una carrozza per essere condotti, non ha niente da invidiare alla sella. Lo scopo di Davide è quello di diffondere questa disciplina anche fra i diversamente abili, in modo che il paralimpico apra a sempre più competizioni e occasioni di confronto. Già da qualche tempo Davide ha le sue soddisfazioni nelle competizioni con i normodotati, ma finalmente il 2011 è stato anche l’anno del paralimpico, che lo ha visto vincere ben due medaglie d’oro. “Il 2011 è andato molto bene. Per la prima volta si è svolto il Campionato italiano paralimpico a Verona dove ho conquistato la medaglia d’oro nella categoria Brevetti”. E la seconda medaglia? “La settimana dopo sempre per i Campionati italiani a Migliarino; anche qui mi sono aggiudicato la medaglia d’oro per la combinata. Nel corso dell’anno ho fatto anche vari piazzamenti, arrivando sempre fra i primi posti”. Qual è la storia di questa disciplina nel paralimpico? “Fin dal 2006 il paralimpico si è aperto alla disciplina degli Attacchi, ma non c’era nessuno che lo praticava. All’estero invece già da tanti anni il paralimpico comprende questa attività. Finalmente nel 2011 si è creato un gruppo di atleti anche in Italia e così per la prima volta abbiamo potuto fare il nostro campionato”. Da quanto tempo partecipi alle gare degli attacchi? “Dal 2007 e di soddisfazioni ne ho avute tante, sono stato l’unico a fare gare con i nor-

Davide Venanzoni nella disciplina degli Attacchi

335


tecnico di riabilitazione equestre per gli attacchi e un tecnico paralimpico. Ha già cominciato a fare la messa in carrozza con i diversamente abili, adesso ha un gruppo di circa sei ragazzi, dai 14 ai 30 anni. Anche nella provincia di Lucca stanno iniziando ad organizzare questa disciplina”. Qual è la cosa più bella che ti ha dato questo sport? “Per me è sicuramente il contatto con il cavallo e con la natura. Emozioni che in altri sport non puoi provare”. Possiamo considerarti un po’ l’apripista in questa disciplina.

“Sì. Sono stato il primo a fare una manifestazione pubblica per il paralimpico nel 2006 in piazza del Plebiscito. Al di là delle difficoltà economiche, lo sviluppo di questa disciplina può essere notevole anche grazie al cavallo di Monterufolo, che è molto adatto a questa attività. Sono cavalli molto affidabili, riescono a rimanere freddi, basta pensare che sono animali utilizzati bene anche nell’Houreball, infatti, restano in campo con un pallone senza dare alcun problema. Sono ormai due anni che porto alla Fiera di Verona uno stallone di Monterufolo”.

Angela Toschi Tutti in sella. Horseball e Ippotyrr per il 2011 di Antonella De Vito

I

n tempi di crisi economica anche lo sport sente le sue difficoltà, soprattutto quelle discipline che devono sostenere maggiori spese, come l’equitazione che prima di ogni cosa deve provvedere al benessere e alla salute del cavallo. Ma la passione non si arresta davanti a niente e con qualche ridimensionamento nelle trasferte, l’attività continua con immutato entusiasmo. A Livorno poi si sono aggiunte le difficoltà legate alla gestione dell’Ippodromo Caprilli, che sotto la direzione di Attilio D’Alessio aveva sempre aperto i cancelli della struttura alle iniziative che promuovevano il cavallo e gli sport ad esso legati. Incontriamo Angela Toschi all’Associazione Ippica Livornese mentre allena le sue allieve e i cavalli che montano. Angela è la responsabile nazionale dell’Horseball per la Federazione e la nostra chiacchierata inizia proprio da questa disciplina. “Horseball nel 2011 è rimasto un po’ fermo, purtroppo la crisi economica rende faticosi i trasferimenti fuori città per fare gare

e quindi confrontarsi con altre squadre. Quest’anno abbiamo così deciso di ridurre le trasferte ed abbiamo intensificato l’allenamento in sede, anche perché abbiamo cavalli giovani e dobbiamo lavorare molto sul loro addestramento”. Com’è andata l’ultima tappa del progetto Ippotyrr? “Dopo essere stati in Corsica e in Sardegna quest’anno l’attività è stata organizzata in Italia. Purtroppo abbiamo risentito delle difficoltà che sta attraversando l’Ippodromo Caprilli e del fatto che non ci sia più Attilio D’Alesio che ci ha sempre aiutato. Così abbiamo dovuto adattarci al Centro Ippico San Marco a Rosignano che sono stati molto ospitali e bravissimi, ma naturalmente non possono avere la struttura di un ippodromo, infatti, abbiamo dovuto rinunciare a fare un’esibizione di Attacchi che avevamo promesso ai corsi e ai sardi. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il Centro Ippico di Rosignano che in pochi giorni e con tanta professionalità ci ha permesso di mantenere l’impegno preso negli anni precedenti con Corsica e Sardegna, e portare a ter-

mine questo bellissimo progetto. I ragazzi si sono divertiti molto ed hanno avuto uno scambio costruttivo con i loro coetanei provenienti dalle due isole. Le nostre manifestazioni si sono concentrate sull’Horseball, i pony game e il volteggio”. Il concorso Ippico all’Accademia Navale? “Abbiamo partecipato con un ragazzo, Filippo Conte arrivato secondo nella categoria chiamata Scappa Scappa che prevede uno confronto diretto fra due atleti in un percorso ad ostacoli”.

F.I.S.E.: Federazione Italiana Sport Equestri

ed infine l’ultimo giorno, la prova con i coni mobili”. Sponsor? “Non è facile trovarne. Io fortunatamente ho la Knauf Italia dove lavoro, che mi aiuta molto. Le gare spesso sono lontane ed occorrono molti soldi per gli spostamenti. In questa disciplina oltre al cavallo bisogna trasportare anche la carrozza e i costi aumentano”. Chi vuole iniziare ad avvicinarsi agli attacchi cosa deve fare? “Si può rivolgere al Centro Ippico di Pomarance Santa Barbara, chiedendo del mio istruttore Michele Della Pace che è un

337


PERULLO C.P.S. s.r.l. DAL 1975

Scali Cerere, 15 - 57122 LIVORNO • ITALY Tel. +39 0586 890.328/884.094 - Fax +39 0586 278.645 e-mail: perullo@perulloservice.com - www.perulloservice.com

SETTORE PERIZIE - CONSULENZE

SETTORE VENDITE - NOLEGGI

Container

“i vantaggi”

Consulenze in ambito: • Trasporti Terrestri • Trasporti Marittimi Perizie in ambito: • Merceologico • Assicurativo • Marittimo:

Inizio e fine noleggio delle navi Container Autovetture

Verifiche e controlli su: • Attrezzature Meccaniche • Attrezzature Elettroniche

• Vendita e/o noleggio di containers marini nuovi ed usati (ISO Standard 6 e 12 metri), diverse tipologie (box, open top, flat rack, isotermici, frigo)

• Lavori personalizzati (inserimento di porte e finestre secondo esigenze del cliente ecc.)

Misure esterne del container (in metri) 10’ box 20’ box 40’ box 40’ HC

lungh.

largh.

2,99 6,06 12,19 12,19

2,44 2,44 2,44 2,44

alt. 2,59 2,59 2,59 2,89

cub. mc.

tara q.li

16 33 66 76

9,55 23,30 40,00 42,00

Monoblocchi

“con / senza servizi” DIMENSIONI STANDARD

Lunghezza: da 2 mt. a 12 mt. Larghezza: 2,40 mt./4,80 mt. (semplici/accoppiati) Altezza interna: 2,45 mt./2,70 mt.

Scotto Pubblicità Livorno

Interventi in tutte le zone d’Italia

C ostruito in ferro O mologato per essere sovrapposto N otevole nel cubaggio T rasportabile in ogni condizione A dattabile per ogni necessità I mpermeabile all’acqua N azionalizzato nel rispetto della legge E conomico per il suo basso costo R ivendibile facilmente


U

Tennis Gli oltre sessanta anni del tennis livornese Sei circoli per centinai di appassionati di Ferruccio Vianelli assieme al più giovane Roberto Pellegrini e, nel femminile, a Monica Giorgi, finalista dei Campionati nazionali individuali giocati a Firenze negli anni ‘60, e protagonista di belle imprese anche all’estero. Ma il primo nostro concittadino a conquistare una grande notorietà, addirittura in Europa e nel Mondo, fu Marzio Martelli (anno di nascita 1971), arrivato nella carriera da pro ad indossare la maglia azzurra di Coppa Devis, ed a raggiungere il numero 96 nella graduatoria del tennis dei cinque Continenti. Almeno un paio di risultati realizzati dal nostro campione restano scolpiti nella memoria dei suoi numerosi fan: la vittoria in tre set (7/6; 7/6; 7/6) al Roland Garros sul croato Ivanisevic, che soltanto un mese dopo salì sul massimo podio al torneo di Wimbledon, e lo stop di misura in quattro set, per mani del famoso Andrè Agassi, più volte leader del tennis mondiale, nella competizione dello slam di Melbourne. A prendere in consegna il testimone del tennis livornese toccò, negli anni successivi,

a Filippo Volandri, classe 1981, di due lustri esatti più giovane del suo illustre predecessore Volandri, tutt’oggi assai quotato nel tennis internazionale, dove naviga attorno al 70esimo posto della graduatoria mondiale Atp, dopo essersi attestato, al culmine della carriera, alla posizione numero 25. Fra le vittime illustri di Volandri il numero uno del mondo Federer, agli internazionali di Roma: il cileno Massu, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atene, il croato Ivanisevic (in una memorabile sfida di Coppa Davis), il ceco Berdich, Gasquet (Francia), lo spagnolo Moyo e molti altri leader del tennis di ogni Continente. Filippo che, come Martelli, proviene dal vivaio del Tennis Club Livorno, è stato per alcuni anni l’incontrastato numero uno delle racchette italiane. Il tennis livornese non è attualmente rappresentato nel mondo dei professionisti, ma nei prossimi anni, c’è da augurarsi che possano entrare altri dei nostri nella prestigiosa elite. Ben sei i circoli di tennis della nostra città, affiliati alla Federazione di Roma, a competere spesso con successo in campo locale, regionale e nazionale, nel corso del 2011: il Tennis Club di Villa Lloyd, la Cooperativa Tennis di Banditella, la Libertas Sport di Porta a Terra, lo Junior Club di via dei Pensieri, il Tennis Ferrovieri di via Bengasi e l’Olimpia Fitness (ex Ct Roma) di via Baciocchi. Queste le performance realizzate dai nostri sodalizi l’anno passato. Il Tennis Club che, secondo l’antico adagio “chi ben comincia è a metà dell’opera”, ha già messo in bacheca il

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

n 2011 che si è concluso con risultati di buona caratura, secondo una prassi ormai consolidata nel tempo, per il tennis livornese. Lo sport della racchetta è sempre stato infatti assai popolare in città e ricco di affermazioni fin dall’inizio degli anni cinquanta quando fu fondato, in pieno centro, il Tennis Club Livorno, guidato da uno stretto gruppo di appassionati dirigenti, assieme a un centinaio di giocatori, più Club house, bar e servizi e tre bei campi di terra rossa, affidati questi ultimi alle cure dell’indimenticabile Angiolo Pellegrini. In oltre sessant’anni il tennis ha raggiunto a Livorno vette difficilmente immaginabili, pur considerando il numero sempre crescente di giocatori di ogni età, che vi si dedicano per l’intero anno con performance di rilievo, in campo nazionale e internazionale. Dopo i fratelli Giorgio e Giuliano Fanfani, quest’ultimo purtroppo prematuramente scomparso, che ne furono gli apri pista, diventando presto popolari sia nel tennis toscano che in quello delle rimanenti regioni d’Italia,

339


F.I.T.: Federazione Italiana Tenni 340

titolo toscano di prima divisione femminile a squadre indoro edizione 2012, superando nel girone finale all’italiana (andata e ritorno): Tc. Siena, Etruria Prato e il Tc. Lucca. Protagoniste della bella impresa: Alessandra Di Batte, Valentina Vatteroni, Nicole Pietra Caprina e l’inossidabile coppia Volandri-Lucia Della Fazia, che ha concluso il girone imbattuta. Dal 2011 è approdato al club di via Pietri il Romeno Voinea, 37 anni, ex numero 37 del mondo e leader per molti anni della squadra di Davis romena del suo paese. Negli anni migliori Voinea raggiunse i quarti di finale nel torneo dello Slam parigino e vanta successi in carriera sull’americano Chang, su Muster, entrambi leader del tennis mondiale, e su numerosi altri campioni. Il giocatore romeno ricopre il ruolo di sparring partner degli atleti del circolo. La formazione under 14 maschile ha conquistato nel 2011 il titolo regionale a squadre di categoria, piazzandosi al quarto posto in Italia, e quella della serie D/1, formata da: Vittorio Scalabrella, Riccardo Vaselli, Edoardo Paoletti, si è guadagnata la promozione in serie C. Molto brillante infine il trio Massimo Ciantelli, Alessio Langella e Stefano Carrai, finalista nel campionato toscano ove 45 a squadre e tra i primi 8 in Italia. I più promettenti allievi del vivaio giovanile del club, che può contare su circa 900 soci, sono gli under 10 Diletta Domenici, Gregorio Giachetti, Edoardo Bini, Gherardo Lulli e gli under 12: Matilde Rossellini, Silvia Salvetti, Valentina Mozzino, Teresa Invernizzi, assieme alle under 16 Silvia Chiellini e Ludovica Cocchella. Il nutrito team degli insegnanti di tennis comprende: Lucia Della Fazia, Marco Lepri, Paolo Pavoletti, Susanna Paoletti, Piero Cocchella, Veronica Volandri, più il preparatore atletico Giorgio Lepri. Coordinatore del Settore Sportivo: Massimo Ciantelli. La commissione sportiva è formata da Gino Baccheretti e Giuliano Rosati. Presidente del Tennis Club: Amerigo Conti. Cooperativa Tennis Livorno: ha ottenuto nel 2011 notevoli affermazioni nelle gare a squadre, a cominciare da

quella della formazione di serie C maschile di: Matteo Aprile, Federico Maccari, Matteo Baldi, Davide Galoppini, Alessandro Botrini e dell’under 16 Andrea Di Meo, che è stata promossa nella serie B nazionale. Eccellente anche la squadra giovanile under 16 maschile del già nominato Andrea Di Meo, di Alessandro Antoni e del quindicenne Giacomo Adoncecchi che, superata la fase interregionale, si è piazzata a un passo dai primi posti in Italia. Di pari rilievo anche quella delle coetanee Carlotta Nassi e Diletta Griselli, arrivate al quinto posto nell’intera penisola. Fra i più importanti successi nelle competizioni individuali da segnalare quelli dei quattordicenni Elena Pellegrini e Gregorio Lulli, provenienti entrambi dalle file del Tennis Club di Villa Llloyd, vincitori del titolo toscano under 14, imitati nell’under 16 da Diletta Griselli, prima classificata in un importante torneo di terza categoria in Versilia. Ma il trofeo forse di maggior spessore è quello ottenuto dalle inimitabili sorelle Daniela e Michela Dazzi, seconde classificate nella poule scudetto a quattro per lo scudetto tricolore nella categoria over 45 femminile a squadre. I giovani del Circolo di via Lega messisi in evidenza durante il 2011, oltre a quelli già indicati sopra, sono: l’under 12 Elena Poggi, gli under 14 Giacomo Adoncecchi e Tommaso Dinelli, e ancora gli under 16 Andrea Di Meo, Carlotta Nassi e Irene Adoncecchi. Alla guida del quotato gruppo degli insegnanti di tennis del club: il maestro Claudio Galoppini, responsabile della scuola giovanile, affiancato dai maestri Tommaso Aprile, Cecilia Bargagni, Michela Dazzi e Cristina Talarico. Preparatori atletici Stefano Giovannini ed Alessia

Neri. Direttori di gara della Cooperativa Tennis: Giuliano Ferretti, Alessandro Botrini e Susanna Dinelli. Presso il Circolo di Banditella ha fissato da tempo il proprio quartier generale il professionista senese Paolo Lorenzi, attualmente attorno al centesimo posto nella graduatoria mondiale Atp, affidandosi alle cure del maestro Galoppini e del preparatore atletico Giovannini. Fra i risultati significativi di Lorenzi nel 2011 la sconfitta di misura contro il numero uno del tennis mondiale, lo spagnolo Nadal, dopo aver condotto per 7/6 e 4/3, e ancora per 40/15 sul quattro pari, nel secondo e decisivo set degli Internazionali di Roma. Nel corso dell’anno Lorenzi ha inoltre superato il numero 23 del mondo, Bellucci, e lo spagnolo Andujar (numero 53). Da ricordare infine le belle affermazioni dei giovanissimi della Coppa Primavera: Francesco Frangerini, Filippo Karypidis e Paolo Griselli. Circolo Libertas Sport: il club di via dei Condotti Vecchi si caratterizza per due peculiarità: il numero dei campi


ducibili della serie D/3: Franco Morelli, Paolo Ceccanti, Carlos Florio, Enrico Del Vivo, Gaetano Salvi. E ancora nella categoria over 50: Alberto Campi, Giorgio Dell’Agnello e ancora, tra i più attempati over 65: Paolo Grazelli, Sergio Lessi e Manlio Volpi. Nel tennis in gonnella a tenere alti i vessilli dello Junior Club sono state Camilla Cellieri, Giulia Dell’Agnello, Arianna Castellani e soprattutto l’under 16 Mirea Signorini, dall’anno in corso nuovo numero uno del Circolo (classifica: seconda categoria, sesto gruppo). In evidenza anche l’altra sedicenne Gaia Picchi. Lo staff degli insegnanti di tennis dello Junior Club era formato da Fausto Criscuolo, Marco Monnecchi (quest’ultimo passato di recente in forza al Circolo Libertas), più Silvia Merlini e Dario Morelli. Tennis Ferrovieri: ancora un importante circolo per il movimento tennistico livornese, quello di via Bengasi, con i suoi 4 campi, tre dei quali in terra rossa, due coperti nei mesi invernali con altrettante tendo strutture. Nel prossimo giugno il Tennis Ferrovieri organizzerà un torneo Open Maschile individuale, un vero e proprio evento per il circolo e per gli appassionati dello sport della racchetta della città. Gli insegnanti di tennis

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

coperti, ben quattro (tutti a struttura fissa: due con fondo sintetico ed altrettanti in terra rossa) e per il team degli insegnanti di tennis, formato dall’ex davisman Marzio Martelli, Marco Monnecchi (trasferitosi di recente dallo Junior Club alla Libertas), David Ciurli e Rachele Bertacchi. Un quartetto di straordinario livello, affiancato dal preparatore atletico Fausto Foresi. Nel 2011 il Circolo schierando, in alcuni casi, addirittura Marzio Martelli a fianco del fratello minore Mirko, si è guadagnato la promozione nel campionato di serie D/2 maschile a squadre. Oltre al binomio dei Martelli, la formazione neo promossa schierava: Fabrizio Mattioli, Michele Franceschini, Alessandro Ciaponi, Gianluca Mangino, Stefano Filippi e Simona Pietra Caprina. La squadra di serie D/1 femminile, guidata da Rachele Bertacchi e da Ginevra Luchetti, si è confermata al vertice della categoria D regionale e il quintetto

della serie D/3: Costanza Polese, Giulia Damiani, Giulia Cevenini, Alessandra Testi e Michela Ungarelli, ha conquistato il massimo podio nel trofeo Pisorno (ad eliminazione diretta), torneo di consolazione fra le squadre di serie D/3 delle province di Pisa e Livorno. Fra i risultati messi in bacheca dal Circolo nelle competizioni individuali quelli di Mirko Martelli, vincitore di tre tornei di quarta categoria (due sui campi del Circolo Junior ed uno sui campi di casa). Molto bene anche la rientrante Giulia Damiani, prima classificata nel “quarta” femminile della Libertas ed al posto d’onore nel torneo di pari livello, disputato al Tennis Club di Villa Llloyd. Junior Club Tennis: una stagione senza particolari acuti il 2011 per il circolo di via dei Pensieri, che ha confermato la propria supremazia numerica sia in città che nell’intera provincia con ben 24 squadre iscritte alle competizioni regionali e nazionali, da quelle degli under 12 fino ai veterani over 65, senza contare i giovani non agonisti. Una cinquantina i giocatori, sia maschi che femmine, dotati di classifica federale, fra i quali si sono distinti: l’under 12 Marzio Signorini, l’under 14 Lorenzo Apolloni, i sedicenni Giorgio Ciaponi e Niccolò Fusari. Nel folto gruppo degli over 18, cioè nella categoria degli adulti, i più in vista si sono confermati: Paolo Motta, numero uno per classifica dei giocatori del Circolo, Michele Argelassi, Giovanni Mugnai, Matteo Dell’Agnello e l’insegnante di tennis Dario Morelli, oltre agli irri-

341


Il circolo organizza, nell’arco dell’intero anno, corsi di tennis giovanili e per adulti. Altri giovani, come Leonardo Cocchella, Ludovica Cocchella (entrambi in forza al Circolo Villa Lloyd), Arianna Castellani, Francesco Satta e Iacopo Doccini vengono addirittura da Pisa, per intensificare la preparazione sotto la guida del Maestro Quaglia. Olimpia Fitness (ex Tennis Roma): il sesto dei circoli di tennis livornesi, affiliati alla Federazione Italiana tennis, è quello di via Baciocchi (alle spalle di via Roma). Olimpia fitness dispose di tre bei campi con fondo sintetico, sui quali si avvicendano nel corso dell’anno, numerosi giocatori, adulti e non, che possono seguire i corsi individuali e collettivi dell’istruttore di tennis Porcellini e della sua collega Arianna Scarpellini. Nel 2011 il circolo ha partecipato alle competizioni toscane a squadre con un proprio agguerrito quartetto, comprendente: Simone Argelassi, Lorenzo Andrei, Matteo Rondanina e Luca Moroni, confermandosi nella serie D/2 regionale.

La livornese Lisa Tognetti Campionessa d’Italia di individuale e di doppio di seconda categoria femminile

I

primi di settembre 2011 la livornese Lisa Tognetti ha realizzato due straordinarie performance conquistando a Parma il titolo italiano individuale di seconda categoria e quello di doppio assieme ad Elena Pioppo. La formidabile Lisa, accreditata all’inizio della testa di serie numero due del tabellone (42 partecipanti, provenienti dall’intera penisola), ha brillantemente superato le rivali dei primi turni ed in semifinale, nel match decisivo per lo scudetto tricolore, la quotata toscana Alexia Virgili per 6/2; 2/6; 7/5. Ad arrendersi alla livornese in finale è toccato a

F.I.T.: Federazione Italiana Tennis

a disposizione dei numerosi giovani ed adulti, che praticano il tennis sono Michele Quaglia, 32 anni, e l’istruttore Gianluca Fastame. Preparatrice atletica Barbara Bartolini. Il sodalizio di via Bengasi ha partecipato l’anno passato ai campionati federali a squadre con tre proprie rappresentative, quella di serie D/3 maschile, formata da Michele Quaglia. Giulio Puccini,

Matteo Gabba, Giacomo Presta e Giacomo Iacarelli. Una squadra di under 14 maschile del binomio Tommaso Giusti e Leonardo Turio, e infine quella giovanissima formata dal trio di Coppa Primavera: Virginia Giusti, Filippo Turio, Nicola Porri. La squadra di D/3 si è guadagnata, al termine del Campionato, la promozione in serie D/2, grazie anche al determinante apporto del maestro Quaglia, che vanta un curriculum di eccezione: classifica di seconda categoria (quarto gruppo) un titolo italiano individuale di terza categoria, conquistato alcuni anni orsono ad Ancona e Campione Italiano in carica di terza categoria indoor.

Sara Savarise di Napoli col punteggio di 6/1 6/1. La Savarise aveva spedito a casa in precedenza, al termine di un chilometrico penultimo turno, conclusosi per 4/6; 6/4; 7/5, la prima testa di serie del tabellone Elena Pioppo. Un eccellente risultato quello di Lisa Tognetti, bissato nel doppio nel quale la nostra, assieme ad Elena Pioppo, non ha avuto rivali. Quest’anno la Tognetti, che si prepara sui campi dello junior Club di Livorno, suo vecchio circolo, disputerà i Campionati di serie B femminile a squadre per i colori del Tc. Bisenzio di Prato. 343


Tennis Tavolo Grande vivaio di giovani per la Bernini Avanza il movimento pongistico labronico pur con qualche difficoltà ne fra le più difficili. Abbiamo fatto le nostre scelte tecniche ed abbiamo deciso di far giocare i due atleti più esperti, proprio per le difficoltà che ci si prospettavano, mentre i due più giovani si sono alternati fra di loro. Gli infortuni poi ci hanno seguito per tutto il campionato, ma lo sport è anche questo. Adesso dobbiamo impegnarci e riconquistare la B, per il nostro livello tecnico è naturale tornare ad avere una prima squadra in questa serie”. Continuiamo con la C1. “La squadra di C1 era composto con Jacopo Raffaelli, Fausto Mazzocco, Matteo Bagnoli e Armando Zoanigh. Una squadra molto competitiva, partita ad inizio campionato con l’obiettivo di restare nel campionato di C1, ed invece gli atleti sono stati molto bravi arrivando a 4 punti dalla seconda, quindi molto vicina ai vertici. Una squadra che mi ha dato molte soddisfazioni”. Passiamo alla B femminile. “Per un solo set perso abbiamo mancato i playoff per la A2. In questo caso possiamo proprio dire di aver avuto tanta sfortuna. Rifaremo il campionato femminile in B con qualche cambiamento perché Alessia Mirabelli ha espresso il desiderio di giocare in A2 e quindi andrà a disputare la prossima stagione in un’altra squadra. Alessia è brava e merita di fare questa esperienza. Nel prossimo campionato con l’aiuto di mia moglie e mia cognata lanceremo Lisa Belli in serie B dopo gli ultimi due anni di C. In questo ultimo periodo è molto cresciuta ed è passata dalla terza alla quarta categoria nazionale. Abbiamo fiducia e puntiamo su di lei”. Torniamo al maschile con la C2. “Per la C2 è stato un anno molto positivo, una bella sta-

gione grazie a Federico Viterbo che ha vinto tutte le partite ed ha portato la squadra in seconda posizione, facendo parlare di sé tutta la regione. Nei playoff purtroppo non tutto è andato come doveva e la squadra è arrivata terza, diventando la prima riserva per il passaggio di categoria”. La D? “La D1 è una squadra giovane ed è formata da Lorenzo Scalici, Niko Ciucci, Giorgio Pirina, ed ha dovuto affrontare atleti con molta più esperienza, ma hanno dimostrato di essere all’altezza, infatti si sono salvati e potranno rigiocare in D1. È una cosa molto positiva perché è importante che i giovani crescano bene e preparino il futuro. La stessa cosa possiamo dire della D2 composta da ragazzi molto giovani come Matteo Anselmi, Lorenzo Dominici, Matteo Carnevali. Nelle ultime due partite ci è mancato uno dei ragazzi e purtroppo abbiamo perso mancando la promozione alla quale aspiravamo, perché fino alla penultima giornata siamo sempre stati in testa alla classifica”. Ed infine la C femminile. “Qui dovremo riorganizzarci perché La Lisa Belli passerà alla B”. A.D.V.

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

A

lti, bassi, vittorie e sconfitte, come in ogni disciplina i risultati e gli atleti si alternano, ma per la società Bernini Tennistavolo Livorno c’è comunque sempre la certezza dell’ottima posizione nella classifica nazionale. Un 21° posto conquistato grazie ai risultati dei tornei e delle competizioni individuali giocato fra più di 100 società. In Toscana poi la Bernini la troviamo sempre in vetta alla classifica soprattutto con il settore giovanile, che dà quella ventata di ottimismo di cui ogni gruppo sportivo ha bisogno per guardare al futuro. Lasciamo la parola ad Ivan Stoyanov bandiera del tennistavolo a Livorno e campione internazionale per un resoconto della stagione 2010 – 2011. “La nostra prima squadra in B2 maschile era composta da Sandro Giovannini e Alberto Andreani più due atleti esperti come Maurizio Raspi e Lorenzo Micheli che si sono uniti a noi in modo da permettere ai due giovani ragazzi di crescere. Purtroppo la stagione non è andata bene, Maurizio e Alberto hanno avuto un anno negativo e siamo retrocessi in C1. Dobbiamo però sottolineare che il girone è stato molto difficile per la qualità dei giocatori che abbiamo dovuto affrontare. Lo scorso anno potevamo decidere di fare la B1 o la B2, abbiamo optato per la B2 per motivi economici ed anche perché la B1 ci sembrava troppo forte, invece dopo le scelte fatte per il campionato abbiamo visto che la B2 aveva grandi giocatori e si prospettava una stagio-

345


F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

U

346

n record lo ha già battuto, ma davanti a lui ne ha ancora molti. Federico Viterbo ha 23 anni e come un fiore è sbocciato velocemente. Il 2011 per lui è stato un anno di grandi soddisfazioni, con la scalata della classifica dei giocatori italiani, dove è partito dalla posizione 1.110 ad inizio campionato per conquistare, con grande stupore di tutti la posizione 398 a fine stagione. Un record da manuale, che da solo ci parla della sua grande passione per il tennistavolo. Federico di risultati positivi ne ha ottenuti molti, ed è giusto che sia lui a raccontarceli, ma prima di tutto le presentazioni: “Studio ingegneria elettronica, ho conseguito la laurea triennale e adesso sto proseguendo con la specialistica. Fino all’anno scorso giocavo anche a calcio come portiere”. Raccontaci la tua storia sportiva. “Sono nato calcisticamente da piccolo nel Livorno 9. A 12 anni sono andato nel Livorno dove sono rimasto per cinque anni, e poi ho giocato in squadre fuori città, come il Ponsacco e lo scorso anno il Villamagna, dove giocava anche mio fratello che ha 9 anni più di me. Scendere in campo al suo fianco era il mio desiderio e lo scorso anno sono riuscito a realizzarlo. Adesso ho smesso di praticare calcio perché non potevo più conciliarlo con il tennistavolo, lo studio e la ragazza”.

Un record di nome Federico Viterbo In un campionato ha scalato le classifiche bruciando più di 700 posizioni Al tennistavolo come ti sei avvicinato? “Da bambino giocavo al mare con mio padre che è un grande appassionato di questo sport. Cinque anni fa abbiamo comprato un tavolo da pingpong per casa e abbiamo ricominciato a giocare insieme, ma dopo un po’ ci siamo annoiati perché eravamo sempre noi gli unici sfidanti e ormai conoscevamo troppo bene le nostre tattiche. Mi sono informato e su internet ho trovato il sito del Bernini, così abbiamo cominciato entrambi ad allenarci con Ivan nella palestra De Amicis”. La carriera agonistica come è iniziata? “Con il campionato di D1 nella stagione 2008-2009. È stato il mio primo anno ed ho fatto poche partite.

La stagione seguente ho rifatto il campionato con la D1 ed ho vinto quasi tutte le competizioni e come squadra siamo stati promossi nella categoria superiore. Così il campionato 2010 – 2011 l’ho giocato in C2 e questa volta ho vinto tutte le partite in calendario: 37 su 37. Ai playoff invece ne ho perse 2 su 5, del resto vi erano giocatori di alto livello, e purtroppo non siamo riusciti a passare di categoria”. Cosa ti piace del tennistavolo? “Mi è piaciuto subito l’ambiente, molto semplice ed amichevole”. L’ultima stagione ti ha dato molte soddisfazioni”. “Sì. In particolare ad aprile ho partecipato a due quarte categorie e a due terze categorie, riuscendo a vincere una quarta e una terza. Sono arrivato secondo all’altra terza categoria e mi sono qualificato per fare i Campionati italiani individuali di tennistavolo di quarta, terza e seconda categoria. Nella quarta categoria sono arrivato primo fra i toscani, qualificandomi fra i primi 16. In terza categoria ho perso nel primo girone uscendo subito, mentre in seconda categoria sono riuscito a battere il numero 63 d’Italia con grande soddisfazione, in una partita disputata alle 9 di sera, con il palazzetto ormai completamen-


te vuoto. Vincendo questo incontro sono riuscito a passare il girone come secondo e il giorno dopo ho incontrato il numero 39 d’Italia che non ho battuto per poco. È stato bello, tutto il palazzetto seguiva la mia partita, perché io ero un non classificato mentre il mio avversario era un forte giocatore. Comunque tutto questo mi ha permesso di scalare velocemente la classifica nazionale e sono molto contento del risultato. In questi ultimi tre anni ho dedicato molto tempo a questa disciplina, allenandomi appena potevo, l’ultimo anno poi sono riuscito ad andare in palestra quasi ogni giorno e questo mi ha permesso di fare i buoni risultati”. La cosa più bella che ti dà il tennistavolo? “Mi piace il suo essere uno sport individuale, nel quale ci si confronta con le responsabilità personali, se si vince o si perde è merito del singolo. Ci ho ritrovato un po’ di quella filosofia che mi ha accompagnata nel mio ruolo di portiere quando giocavo a calcio ed avevo una responsabilità personale nel dover parare i gol”. Un aspetto negativo? “Anche se lo cerco non lo trovo, certo non quest’anno, perché ho fatto una sta-

Per quanto riguarda il tennistavolo devo riconoscere che ho alcune ambizioni fra le quali salire ancora la classifica. Quest’anno ho fatto grandi passi, sicuramente non mi fermerò ora perché ho tanta voglia di giocare, di migliorare. Un sogno sarebbe arrivare nei primi 50 in Italia, riuscire a fare qualche torneo internazionale e vedere giocare grandi campioni”. A chi ti ispiri? “Naturalmente ad Ivan che mi ha cresciuto agonisticamente, ma anche ad altri campioni che spesso vengono

in palestra ad allenarsi. Mentre a livello mondiale ammiro molto il cinese Ma Long che è nato nell’88 come me, ed è fra i primi al mondo. Ha uno stile che mi piace tantissimo”. Tuo padre cosa dice dei tuoi successi? “Scherzando dice che si è cresciuto una serpe in seno, facendo riferimento al fatto che fin da piccolo mi batteva, ma adesso non ci riesce più. È molto contento dei miei risultati e con orgoglio sottolinea che sportivamente mi ha cresciuto lui, ma adesso sono io che lo alleno; si sono invertite le parti. Purtroppo essendo salito di categoria non posso più partecipare alle sue gare, fino all’anno passato andavamo insieme ad incontrare gli avversari ed era anche un modo per stare insieme. Questo un po’ mi manca”. Antonella De Vito

F.I.TE.T.: Federazione Italiana Tennis Tavolo

gione che mi ricorderò per sempre”. La soddisfazione più bella? “Agli italiani, quando ho disputato la partita praticamente senza pubblico al palazzetto. Era tardi ed era rimasta la mia ragazza che mi faceva da coach e due romani che mi avevano preso in simpatia e si sono trattenuti fino alla fine”. Un sogno nel cassetto? “Uno si è già avverato, ed è era la possibilità di giocare a pallone insieme a mio fratello.

347


348


I

Triathlon Gabriele Balestrini Balestrini Team scuola multidisciplinare “Voglio la coppa Toscana 2012” di Roberto Scotto mente presso la Rotonda di Ardenza dove faccio un corso di triathlon estivo con bici da spinn, vogatori, corsa, esercizi e nuoto in mare.” “Il B-Team sta’ diventando il caso dell’estate, un grande successo quello della mia scuola di triath-

in un anello di 1 km. Mentre da giugno ad agosto mi trasferisco sul nostro bellissimo lungomare, esatta-

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

l Team capeggiato dall’estroverso atleta livornese, inventore della scuola multidisciplinare che porta il nome di B-Team, si è unito per la stagione 2012 alla simpaticissima società di Montecatini il Free Style Triathlon degli amici Alessandro Paraocchi e l’indomabile Presidente Riccioni. Un grandissimo numero di atleti rosa muccati, già campioni toscani 2011 in diverse categorie, ha rafforzato notevolmente il team montecatinese con l’intento di conquistare il titolo assoluto regionale 2012. Ed è così che è bastata la prima gara di duathon nel mese di febbraio per far balzare subito al comando della Coppa Toscana di triathlon la formazione delle mucche rosa allenate dal coach-atleta Gabriele Balestrini. “È tutto merito di loro se abbiamo successo in questo sport. Il mio team è composto da semplici persone di tutte le età’, impiegati, studenti e pensionati, un vero gruppo di amici che hanno deciso di provare uno sport multidiscipinare come il triathlon. Ci vediamo tutti i giorni agli allenamenti, li preparo fisicamente alternando un programma muscolare con esercizi funzionali a carico naturale (addominali braccia e gambe) ad altre sedute prettamente areobiche e tecniche per il triathlon combinando la bici con la corsa e nuoto in piscina” “Il nostro centro di preparazione atletica da settembre a maggio e’ presso la palestra Eos di Stagno, una struttura perfetta per il triathlon, ho ampi spazi esterni per organizzare gli allenamenti di mtb e bici da corsa e la pista ciclistica Ivo Mancini ci mette in sicurezza per fare prove di gara

lon, il rosa muccato delle divise, che personalmente disegno e produco sta’facendo innamorare atleti e pubblico che ad ogni gara ci fa’un tifo assordante”.

349


350

Domenico Passuello Campione italiano di triathlon lungo Medaglia d’oro e maglia azzurra di Antonella De Vito le. Il percorso era di 3.8 chilometri di nuoto, 180 di bici e 42 di corsa. È stata molto dura come gara e il livello dei partecipanti era molto alto. Molto bene invece è andato l’Ironman di Bolton in Inghilterra con un quarto posto sulle stesse distanze. Avrei potuto vincere, ma ho sbagliato percorso con la bici e mi sono trovato 6 chilometri in più. Un po’ dispiace, ma comunque sono contento del risultato”. Ed in Italia? “In Italia ho fatto una gara importante ad Arona, un mezzo ironman, dove ho vinto. Poi c’è stato il sesto posto alla gara di Forte Ventura”. Hai partecipato anche al Campionato mondiale di mezzo ironman a Las Vegas? “Sì, per poter partecipare a questo Campionato ho dovuto qualificarmi fra i primi 40 al mondo, ed è stata una bella soddisfazione, anche se poi la gara non è andata come speravo, perché ho avuto un richiamo dall’arbitro e conseguente penalità che non meritavo, ma anche queste cose succedono”. Talvolta gli arbitri nella concitazione della gara fraintendono certi comportamenti degli atleti, l’importante è non demoralizzarsi. Come studi il percorso prima di una gara? “Prima di tutto lo studio sulla cartina. Poi cerco di arrivare un paio di giorni prima per fare delle ricognizioni, soprattutto sul percorso in

bicicletta perché va memorizzato bene e interpretato, ma faccio anche una nuotata nelle acque scelte per la prima parte della competizione”. Concorrente diretto? “Nel mondo no, perché ci sono tante gare ed anche se periodicamente rincontri atleti con i quali hai già gareggiato non si può parlare di concorrenti diretti. Anche in Italia la situazione è simile, da noi ci sono altri due atleti molto bravi, ai miei livelli, ma difficilmente ci incontriamo. Uno è Massimo Cigana di Mestre che ha 4 o 5 anni più di me, ma quest’anno ha avuto un po’ di problemi fisici ed ha partecipato poco, l’altro è Daniel Fontana, un italo argentino che da una decina di anni vive a Milano. Lui partecipa a poche gare perché sceglie quelle più adatte a lui. Ne fa 3 o 4 all’an-

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

N

on una, ma ben tre discipline si alternano nelle gare di Triathlon, mettono a dura prova gli atleti, soprattutto quelli che partecipano per vincere, come Domenico Passuello che nel 2011 ha portato a casa il titolo di campione italiano, anche se nella sua città se ne sono accorti in pochi, perché i riflettori finiscono per essere puntati sempre sui soliti sport e lasciano nell’ombrano altre attività, dove l’allenamento, la costanza e le qualità fisiche sono di fondamentale importanza. “Il picco maggiore è stata la vittoria del Campionato Italiano di Triathlon lungo, un successo non inaspettato perché ero il favorito, però c’erano stati un po’ di problemi nell’avvicinamento alla gara con un infortunio alla fine di marzo, ma fortunatamente tutto è andata come volevo, ed ho controllato bene l’andamento della gara”. Dove si sono svolti i Campionati italiani? “A Candia vicino Torino i primi di maggio con 4 chilometri di nuoto, 120 di bici e 30 di corsa, che è il classico percorso del triathlon lungo. Ho impiegato 5 ore e 50 minuti”. Le altre competizioni? “Ci sono state le competizioni internazionali. Ho fatto l’Ironman di Nizza dove sono arrivato settimo, ma anche in questo caso la condizione fisica non era così ecceziona-


Ti possiamo definire un autodidatta? “Non so mai come definirmi. Sono un autodidatta, ma con Milani sempre dietro. Magari non mi segue in allenamento, ma mi dà dei consigli, ci sentiamo per telefono, gli chiedo dei pareri. Lui ha una grande sensibilità per gli sport, è questo che lo contraddistingue dagli altri allenatori. Potrebbe preparare qualsiasi atleta perché ha una sensibilità speciale, sa come affrontare qualsiasi sport e nella mia disciplina ne serve molta di questa sensibilità, perché si devono conoscere bene tutte e tre le discipline che si affrontano. A parte lui in Italia, secondo me, non c’è un allenatore bravo che possa seguire un atleta di triathlon. Potrei trovarne molti in Francia o in America, persone che hanno un’esperienza ventennale che hanno partecipato a gare e poi sono diventati allenatori, ma in Italia figure di questo tipo non ce ne sono. Sono anche stato un po’ costretto ad imparare da solo a causa di questa situazione italiana”.

F.I.Tri.: Federazione Italiana Triathlon

no, in modo da sprecare meno energie. Personalmente mi piace prendere parte a qualche competizione in più, io ne seleziono una decina circa. In gara faccio più o meno le stesse cose che eseguo in allenamento, ma ho maggiori stimoli e mi diverto di più, inoltre, sono sempre occasioni per imparare qualcosa di nuovo sulle competizioni”. La cosa più bella della stagione? “Il Campionato italiano. Un titolo che rimane a vita

e che ha avuto una grande visibilità con una copertura televisiva su Rai Sport di un’ora. È stata una bella soddisfazione. Sono stato contento anche della qualificazione al mondiale, perché arrivare fra i primi 40 al mondo, non è così facile”. Differenzi la tua preparazione in base al tipo di gare? “Sì, la differenzio sulla base dei chilometri di percorso da affrontare nelle diverse discipline, con allenamenti di lunghezza diversa. Quando faccio un mezzo Ironman svolgo allenamenti per stimolare la velocità, in bici non sto più di 4 ore, nella corsa non vado oltre l’ora e mezzo e nel nuoto l’ora. Quando invece mi alleno per l’ironman lungo devo curare anche la resistenza, quindi faccio allenamenti di bici che superano le sei ore e di nuoto che vanno oltre le due”. Queste strategie chi te le ha insegnate? “Molte le ho imparate da solo facendo tante prove, tanti test, informandomi molto. Ho sempre avuto una predisposizione ad imparare velocemente in campo sportivo. Però dietro di me c’è un ombra che non si vede, ma che è presente e si chiama Marco Milani. Lui è stato un atleta di maratona, ed ha vinto quella di Venezia nel 1989. Marco mi ha insegnato tante cose, mi ha un po’ gestito, frenato nella mia voglia di strafare”.

Nelle immagini Domenico Passuello durante le gare

351


Scotto PubblicitĂ Livorno


Tiro a Segno Leonardo Mele Unico tecnico del Tiro a Segno livornese, unisce la passione per l’insegnamento a quella agonistica attività, affacciandosi sempre nuove figure al poligono e mancando un tecnico disposto ad occuparsi della formazione di nuovi atleti, ho deciso di prendere il brevetto di primo livello per poter insegnare, e spero il prima possibile di passare al secondo e poi al terzo, perché questo ruolo mi piace tantissimo”. Quanti atleti alleni? “Attualmente sono 19, compresi in un età che va dai 10 ai 60 anni: atleti tutti in egual misura. Se penso che sono partito da solo, l’essere arrivato a questo risultato mi dà grande soddisfazione. Cerco di seguire tutti allo stesso modo, dando loro l’esperienza che ho maturato in questi anni”. La soddisfazione più bella avuta da atleta? “Una gara militare quando nella classifica generale sono riuscito a lasciare alle mie spalle atleti che adesso fanno parte della nazionale italiana. Questa per me è stata una grandissima soddisfazione, perché io sono praticamente un autodidatta e nonostante questo in quell’occasione riuscii a difendermi bene”. La soddisfazione più bella da allenatore? “Sono 19 le soddisfazioni che ho e sono rappresentate da tutti gli atleti che stanno crescendo insieme a me. Loro mi stanno dando molto per farmi maturare come allenatore e io spero di dare loro altrettanto per farli perfezionare come atleti. I risultati ci sono e stanno crescendo in termini quantitativi e qualitativi”. Cosa ti dà il tiro a segno? “La cosa più affascinante è il poter conoscere se stessi a livello fisico, mentale ed emozionale, per poter gestire il gesto che ti porta a colpire il bersaglio. Da allenatore la soddisfazione è nel riuscire ad entrare nella testa di coloro che seguo, di chi ripone in

me le speranze, per dare a loro la possibilità di diventare buoni atleti. Un bravo allenatore nel nostro sport deve essere anche un buon psicologo, un buon preparatore atletico e un buon dietologo, naturalmente non posso essere tutto questo, cerco di fare del mio meglio, ma mi dà forza il fatto che l’esperienza maturata in questi anni mi permette di suggerire le cose giuste da trasmettere agli atleti. Certo se poi si dovesse manifestare un atleta con doti eccezionali occorrerebbero altre figure. Ma sono sicuro di poter portare chiunque ad un livello più che soddisfacente”. Qual è l’aspetto positivo di questo sport? “Il fatto di essere una disciplina senza età. Per legge non si può iniziare prima dei 10 anni, ma fino a quando la vista, il fisico e la mente reggono si può continuare senza limiti. Ci sono tiratori ultra sessantenni che sono molto bravi. Il Tiro a Segno è uno sport che ti dà tante soddisfazioni, e dà la possibilità di sfidare se stessi, ti permette di conoscerti e di superare ogni volta i tuoi limiti. Uno sport che consiglierei a tutti, uomini e donne di ogni età”. Antonella De Vito

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

A

lui il poligono di Tiro a Segno di Livorno deve i risultati agonistici raggiunti negli ultimi anni, infatti, Leonardo Mele è attualmente l’unico tecnico del poligono labronico che si occupa dell’attività sportiva. Di origine pugliese, da vent’anni a Livorno per motivi di lavoro Leonardo ci racconta: “Sono tecnico di primo livello in attesa che la Federazione bandisca gli esami per accedere al secondo livello che mi permetterà anche di allenare in tutte le specialità a fuoco. Comunque per adesso, in attesa di questo passaggio, ho fatto un’integrazione per poter seguire i ragazzi fin dall’età di 14 anni nel maneggio delle armi a fuoco, senza però entrare nelle varie specialità. Con alcuni abbiamo già cominciato questa attività”. Raccontaci come hai iniziato? “Ho sempre avuto una passione innata per le armi e nel 1993, grazie ad un collega, sono andato per la prima volta in un poligono, era quello di Pisa, perché a Livorno era chiuso. Fu un giorno per me molto bello, e feci un incontro fortunato con Stefano Vallini, che per allenare la figlia, che all’epoca era molto promettente, aveva organizzato un corso per neofiti, ed io decisi di parteciparvi. Era per me una disciplina completamente nuova, ma ottenni subito buoni risultati, arrivando primo fra i dieci partecipanti al corso: risultato che mi spinse a comprare la mia prima pistola, una calibro 22 a fuoco che mi permise di iniziare l’attività agonistica. Avevo le capacità e i risultati arrivarono facendo crescere la mia passione ancora di più. Grazie a questo sono entrato anche nel gruppo sportivo della Marina Militare, dove lavoro come sottoufficiale, e per un periodo di circa tre anni l’ho rappresentata nelle gare a cui partecipavo. Il lavoro però mi ha portato fuori Livorno, ho dovuto imbarcarmi a bordo di una nave per tre anni, periodo durante il quale non ho potuto allenarmi. Quando sono rientrato ho deciso di lasciare il gruppo della Marina Militare e mi sono tesserato al Poligono di Livorno che nel frattempo aveva riaperto, riprendendo l’attività agonistica e passando dalle specialità a fuoco a quella ad aria compressa. Dopo un paio di anni di

353


C

on la fine di giugno si è concluso anche il Campionato regionale di Tiro a Segno svoltosi in Toscana nella sezioni di Firenze per le pistole e in quella di Pistoia per le carabine. Non sono mancate le soddisfazioni, i podi e gli ottimi piazzamenti dei nostri tiratori che di seguito andremo ad analizzare per le singole specialità, categorie e gruppi di merito:

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

CARABINA LIBERA 50 METRI 3 POSIZIONI UOMINI:

1° Posto e Titolo di Campione Regionale per Riccardo FINOCCKI nel Gruppo “A”

CARABINA LIBERA 50 METRI A TERRA UOMINI:

4° Posto per Riccardo Finoccki nel Gruppo A

PISTOLA LIBERA 50 METRI UOMINI:

6° Posto per Leonardo Mele nel Gruppo A 4° Posto per Dario Brini nel Gruppo C 13° Posto per Simone Sanguinetti nel Gruppo C

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI UOMINI:

7° Posto Leonardo Mele nel Gruppo A 4° Posto per Dario Brini nel Gruppo B 2° Posto per Emilio Carlesi nel Gruppo C e Record Personale in gara (370/400);

Crescono i numeri e i risultati del Tiro a Segno Giovani e meno giovani impegnati in numerose gare federali e trofei 22° Posto per Maurizio Gori nel Gruppo C 37° Posto per Daniele Trozzi nel Gruppo C 39° Posto per Simone Sanguinetti nel Gruppo C 44° Posto per Alfio Stefano Miceli nel Gruppo C

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI DONNE:

12° Posto per Gerarda Visconti nel Gruppo B e Record Personale in gara (336/400)

PISTOLA LIBERA 50 METRI JUNIORES UOMINI:

1° Posto e Titolo di Campione Regionale per Raffaele Montenero 2° Posto per Tommaso Chelli

PISTOLA SPORTIVA 25 METRI JUNIORES UOMINI:

1° Posto e Titolo di Campione regionale per Tommaso Chelli 3° Posto in per Raffaele Montenero

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI JUNIORES UOMINI: 2° Posto per Tommaso Chelli 4° Posto per Raffaele Montenero

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI JUNIORES DONNE: 4° Posto per Federica Danti

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI RAGAZZI: 6° Posto per Alberto Caroti 7° Posto per Francesco Lazzeri

PISTOLA LIBERA 50 METRI MASTER UOMINI:

16° Posto per Giuliano Bocci

PISTOLA ARIA COMPRESSA - 10 METRI MASTER UOMINI:

32° Posto per Giuliano Bocci Per quanto riguarda i risultati a squadra, sempre relativamente al Campionato regionale di Pistola Libera, è stato 354

conquistato un ottimo 3° posto nel girone A, mentre le due squadre di Pistola ad Aria Compressa si sono piazzate una al 4° posto nel girone A e l’altra al 10° posto nel girone B. Tirando le somme di fine stagione agonistica, la squadra di Pistola Libera ha concluso il suo campionato al 4° posto del girone A con 4.534 punti e le due squadre di Pistola ad Aria Compressa si sono qualificate una al 4° posto nel girone A con 5.532 punti e l’altra all’8° posto del girone B con 5.150 punti. Ulteriori soddisfazioni giungono dalla Classifica Regionale del “Trofeo Giovani 2011” per le specialità ad Aria con i seguenti risultati.


1° Classificato: Tommaso Chelli; 3° Classificato: Raffaele Montenero.

P10 JUNIORES DONNE:

2a Classificata: Federica Danti.

P10 RAGAZZI:

3° Classificato: Alberto Caroti; 5° Classificato: Francesco Lazzeri. Concludendo, non si può che rendere il giusto merito a due, seppur ancora molto giovani, “colonne portanti” della nostra sezione che, continuando nel loro percorso con le stesse motivazioni, la stessa costanza e lo stesso impegno, sapranno dare il giusto lustro ai nostri colori. Stiamo parlando di Tommaso Chelli e Raffaele Montenero che, gareggiando entrambi per la prima volta in ben tre specialità (P10-PL-Psp) sono riusciti a conquistare l’ammissione ai Campionati italiani Questa stagione 2011 ha visto gareggiare i tiratori labronici con un numero

di atleti superiore rispetto agli ultimi anni, segnale questo che dimostra quanto sia crescente il numero degli appassionati che si avvicinano a questa disciplina sportiva. Dimostrazione di questo sono i risultati raggiunti dall’ultimo tesserato in ordine di tempo ovvero da Emilio Carlesi il quale, in pochissimi mesi, è riuscito a raggiungere risultati che tiratori con anni di attività alle loro spalle non sono ancora riusciti a conquistare. Da segnalare, inoltre, la convocazione di Leonardo Mele, Tommaso Chelli e Raffaele Montenero all’11a edizione dell’Incontro internazionale con la regione francese del Delfinato di Savoia. Incontro che quest’anno si è svolto al poligono di Lucca nei giorni 14 e 15 maggio, dove la regione Toscana ha trionfato stabilendo il nuovo record della manifestazione. Leonardo Mele

U.I.T.S.: Unione Italiana Tiro a Segno

P10 JUNIORES UOMINI:

355


L

Andrea Martignoni

Tiro a volo Andrea Martignoni Tecnico di grandi campioni juniores, membro della squadra nazionale della specialità Elica da sei anni di Antonella De Vito i loro diversi campionati. Nel doppietto un atleta deve colpire due bersagli, mentre nel tripletto due atleti in coppia devono colpire tre bersagli. L’unica differenza con l’elica è che mentre questa ha 5 o 6 prove di campionato, a seconda di cosa decide la federazione, il doppietto e il tripletto ne hanno una sola; tutto si svolge in una giornata”. Da quanto tempo ti dedichi a questa specialità? “Ho iniziato nel 1986 con il tiro al piattello vincendo subito il Campionato italiano a squadre, ma poi per motivi di tempo ho dovuto smettere. Nel 2004 mi sono riavvicinato e ho voluto provare con l’elica, mi sono accorto che mi appassionava molto di più e che potevo raggiungere buoni risultati e così l’anno dopo cominciai a partecipare

alle gare. In questi anni complessivamente ho vinto 3 Campionati italiani, 2 a squadre, il Campionato di doppietto e il Campionato di Tripletto in coppia con Luca Boschi”. Raccontaci la tua esperienza come tecnico. “L’ultimo atleta che ho seguito è Alessandro Alderani, l’ho allenato per 5 anni e lui è stato bravissimo, un vero fenomeno, praticamente ha vinto tutto dal Campionato regionale a quello nazionale, agli europei fino al mondiale. Credo che più di così non si possa fare. Attualmente è sempre uno junior perché ha 18 anni e sta attraversando un periodo di indecisione, non sa se continuare con l’elica o dedicarsi alla fossa olimpica. È anche vero che il periodo adolescenziale è uno dei più difficili. Nella mia carriera ne

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

o consociamo per i suoi risultati agonistici e per essere un membro della nazionale del Tiro a Volo nella specialità eliche, ma adesso vogliamo scoprirlo e presentarlo come tecnico. Prima però ricordiamo le sue ultime vittorie con il secondo posto al Campionato italiano 24 grammi organizzato al campo del Corbolone a Livorno, ed il primo posto al Campionato italiano doppietto a Lugo di Romagna e la vittoria del Gran Slam dei piccoli calibri a Bologna. Raccontaci com’è andato il Campionato italiano di doppietto. “Alla gara hanno partecipato 70 atleti che hanno fatto circa 700 doppietti. Mentre in finale se ne sono qualificati solo sei”. Hai conquistato anche il posto in nazionale? “Sì. Da sei anni sono in nazionale e ci sarò anche l’anno prossimo”. Come possiamo definire il doppietto? “L’elica è una specialità del tiro a volo, legata a lei c’è il doppietto ed il tripletto con

Andrea Martignoni sul podio più alto

357


FRANCESCO TOSI Accessori Armi Soft Air

Vuoi provare l’emozione del SOFT AIR?

Piazza del Mercatino - Nuovo Mercato Americano - Banco 36 Stazione Marittima (Porto di Livorno) Tel. 0586 210249

Scotto Pubblicità Livorno

Vieni a trovarci!


ho visti tanti di ragazzi bravi che crescendo si sono persi. Del resto questo è il periodo in cui si comincia anche a pensare ad altre cose, ci siamo passati tutti”. Quanto ci si deve allenare? “L’elica non ha bisogno di molto allenamento, quando un ragazzo ha imparato il gesto tecnico e dimostra di saper stare in pedana, basta che faccia delle gare di preparazione. Ad esempio, l’Alderani settimanalmente faceva una gara a Livorno, due a Bologna con me e il fine settimana in giro per l’Italia dove c’erano le competizioni più importanti. Diverso quando si tira al piattello dove occorre un allenamento maggiore”. A che età si può iniziare? “Ad 11 anni, naturalmente accompagnati da un tecnico o da un genitore. Fino a 21 anni un atleta è sempre nella categoria Junior e questo gli permette di avere delle facilitazioni, anche di tipo economico”. La soddisfazione più bella che hai avuto come tecnico? “Le soddisfazioni più grosse le ho avuto con Alessandro, fino a quando è stato con me ha espresso il massimo vincendo tutto”. Hai allenato altri atleti? “Sì. Per un po’ di tempo ho seguito Giacomo Del Porto. Anche lui ha vinto tutto, come Alessandro, ma poi con l’adolescenza lo abbiamo perso. Con lui ho iniziato a fare il tecnico. Lo notai mentre sparava ad una gara

minore vicino a Lucca dove abitava. Capii subito che aveva la stoffa del campione e così ne parlai con il padre invitandoli a seguirmi alla Coppa del Mondo di San Remo, che ci sarebbe stata a breve. E così Giacomo cominciò a partecipare a gare importanti e a vincere, ed io per un periodo lo seguii con molta soddisfazione”. La caratteristica che deve avere un ragazzo? “È difficile che un ragazzo si avvicini a questa disciplina se in famiglia non c’è già nessuno nell’ambiente. Le caratteristiche che deve avere sono la passione per le armi,

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

Andrea Martignoni con la nazionale

la capacità di stare in pedana, ed un carattere forte, pronto a non arrendersi alle prime delusioni. L’atleta che emerge è sempre quello con un indole tenace. Naturalmente sono importanti anche l’impostazione in pedana e la sincronizzazione”. Quale tipo di carattere è meglio avere? “L’impulsività talvolta aiuta talvolta penalizza, ma è sempre meglio avere una giusta tranquillità, il nervosismo non aiuta mai. Questo vale per gli junior, ma anche per i seniores. Meglio essere più calcolatori quando si ha il fucile in mano”. È più facile insegnare ad un giovane o ad un adulto? “Ad un ragazzo giovane si può insegnare subito la tecnica giusta, gli adulti invece spesso arrivano con difetti di preparazione e non è facile fargli cambiare abitudine e reimpostarli”. Fino a quando si può continuare a fare agonismo? “Non ci sono limiti di età nell’agonismo. Abbiamo dei tiratori che a 84 anni partecipano ancora alle gare, e questo è molto bello. In nessun altro sport accade”. Quale caratteristica deve avere un buon tecnico? “Tanta pazienza. Io per carattere non ne ho, ma mi sono reso conto che, invece, quando insegno divento paziente anch’io. Probabilmente è la grande passione che ho per questo sport che mi porta a comportarmi così, mutando anche la mia personalità”. Un sogno come tecnico? “Mi piacerebbe trovare altri ragazzi disposti ad intraprendere questo sport. Mi sto guardano intorno per vedere se può emergere qualcuno che possa fare la carriera del tiratore Junior ed aiutarlo a raggiungere i successi ottenuti da Alessandro Alderani”.

359


Il Bossolo: un sito di riferimento per la Toscana Crescono le attività in tutte le specialità del Tiro a Volo di Antonella De Vito in nazionale e Campionato italiano di doppietto. Fra i giovani c’è Alessandro Alderani che viene dall’elica e sta pensando se continuare su questa strada o orientarsi verso la fossa olimpica”. Altre manifestazioni organizzate al Bossolo? “Abbiamo avuto la gara nazionale Memorial Caponi, che facciamo tutti gli anni a luglio e rappresenta un momento di ritrovo per tutti i nostri tesserati. Sempre a luglio abbiamo ospitato il Campionato nazionale Unvs dei veterani dello sport”. Progetti futuri? “I progetti sono legati alla qualità del nostro sito di tiro. Da anni abbiamo in programma di fare un ampliamente, ma naturalmente dobbiamo sottostare alle leggi dell’anti-inquinamento e tutela dell’ambiente, quindi abbiamo bisogno delle autorizzazioni rilasciate da Comune e Provincia, ma nonostante la nostra richiesta sia stata formulata da tempo, non riusciamo ancora ad avere le risposte. Il Bossolo è una ex cava e noi proponiamo di fare un riempimento che ci permetterebbe di creare un terzo campo e un bastione di interruzione della caduta del piombo. Siamo pronti a fare i lavori appena arriveranno le autorizzazioni. Nel 2012 seguiremo ancora questa vicenda con la speranza di portarla a buon fine. Il nostro è uno dei pochi campi rimasti in Toscana per il percorso di caccia, e c’è molta affluenza da tutta la regione, basta pensare che ad una gara di inizio stagione abbiamo avuto più di 100 iscritti”. Cos’è esattamente il percorso di caccia? “Il nome tecnico del percorso di caccia è Compact. È una disciplina dove nelle solite 5 posizioni della pedana, il tiratore si confronta con dei piattelli che partono sempre da posizioni diversi e seguono traiettorie differenti, ognuna delle quali simula il volo di un uccello. È una disciplina che rice-

ve molto interesse a livello mondiale e internazionalmente. Ci sono tre campi in Toscana dove questa disciplina viene fatta non da pedane fisse, ma da piazzole situate nei campi, nei boschi o lungo i laghi, che il tiratore deve raggiungere a piedi: in questo caso viene chiamata Sporting. È una disciplina molto varia, per questo attira molto i cacciatori e gli appassionati di tiro a volo”. Che caratteristiche deve avere un giovane per fare tiro a volo? “Bisogna avere una certa predisposizione. Il gesto tecnico lo si può imparare con l’esercizio e l’insegnamento di un buon tecnico: importante è il carattere dell’atleta, quanto è determinato e motivato. Al Bossolo periodicamente facciamo degli stage rivolti ai giovani che si vogliono avvicinare a questa disciplina. Possono provare a sparare e se sono intenzionati ad intraprendere questa strada li affidiamo ad un bravo tecnico”. I vostri orari di apertura? “Il massimo dell’attività si svolge da marzo a settembre con apertura dal martedì al venerdì dalle 14 al tramonto, mentre il sabato e la domenica è dedicato alle gare. L’estate c’è anche l’attività notturna e negli altri periodi dell’anno vi è attività in orari programmati”. Quante persone passano in un anno dal Bossolo? “Possiamo dire che in un anno utilizziamo circa 350.000 piattelli e 20.000 eliche. Possiamo stimare una presenza di 10.000 persone. La nostra è un disciplina molto sentita, basta pensare che l’Italia è una dei 4 paesi del mondo che tutti gli anni conquista delle medaglie”. Facciamo un augurio al nuovo consiglio? “Certo, gli auguriamo un buon lavoro, ma vorrei anche sottolineare che tutti i componenti del Bossolo sono tiratori appassionati nelle varie discipline e quindi la partecipazione e l’impegno dei consiglieri è naturalmente molto alto, e tutti lo fanno per amore verso questo sport, senza guadagnarci niente. Si tratta di un gruppo molto ben amalgamato. Quando le cose funzionano bene anche la città di Livorno ne ricava vantaggio e naturalmente anche la disciplina in sé. In questi mesi abbiamo già fatto dei miglioramenti e delle ristrutturazioni. Ci hanno rubato tutto il rame, così abbiamo rifatto l’intero impianto rendendolo ancora più moderno, anche le pedane sono state migliorate ed abbiamo allargato e reso più accogliente l’armeria che accoglie i tiratori”.

F.I.T.A.V.: Federazione Italiana Tiro A Volo

I

l Bossolo è uno dei più importanti siti per il Tiro a Volo in Toscana e sorge nella provincia di Livorno in località Corbolone. Il 2011 è stato l’anno del rinnovo del consiglio e di una conseguente nuova programmazione per il futuro. Osvaldo Tolu è il nuovo presidente, mentre Claudio Aspidi è il vice presidente e la nostra guida, insieme al consigliere Luca Paoletti, nella nuova realtà del Bossolo. “Parlerei di un rinnovamento nel segno della continuità –spiega Aspidi- infatti, il 50% dei consiglieri è stato confermato, ma a questi si sono aggiunte nuove figure con competenze diverse, che ci aiuteranno ad aumentare le attività che svolgiamo al Bossolo”. Cosa significa praticamente? “Nel precedente consiglio l’attività si era focalizzata prevalentemente su due specialità: il percorso di caccia e il tiro alle eliche. Il Tiro al piattello o meglio la fossa olimpica era stato abbandonato per una mancanza di frequenza di tiratori. Adesso si sta ricreando un folto gruppo che segue questa specialità e quindi abbiamo ritenuto giusto ampliare l’attività e avere una parte di consiglieri, il cui responsabile è proprio Luca Paoletti, che si occupano della gestione dei campi e dell’organizzazione delle gare anche per la fossa olimpica”. Quali sono state le attività più importanti del 2011? “Abbiamo avuto due prove del Campionato nazionale di eliche e tutte le prove del Campionato regionali per il percorso di caccia. Il Bossolo ha ospitato anche il Campionato nazionale di tripletto, che è una gara unica dove si stabiliscono i due campioni italiani, ed anche il Campionato italiano 28 grammi”. E gli atleti? “Abbiamo una schiera importante di tiratori. Nel 2011 possiamo vantare 4 tiratori in nazionale: Erika Pucci 24 anni nella nazionale di Compact femminile, Ferruccio Morelli nella nazionale dei veterani di Compact che ha partecipato al Campionato del mondo e a quello europeo, vincendo l’europeo a squadre, il famoso Francesco Tosi campione mondiale di elica nel 2010 e Andrea Martignoni anche lui

361


Tiro con l’arco

L’ottima annata di Elena Luti

È

una storia veramente lunga quella che accompagna l’arco, se si pensa che la prima raffigurazione di questo strumento lo si trova in un graffito di almeno 3.000 anni fa. L’arco è uno strumento ingegnoso che ha contribuito a cambiare e ad evolvere la storia dell’uomo; fin dal Paleolitico è stato uno strumento di caccia, utilizzato per catturare animali tenendosi a distanza di sicurezza e aumentando così notevolmente l’apporto di carne nella dieta del tempo. In epoche diverse l’arco si è trasformato da arma ad attrezzo di svago e di sport. Quando parliamo di olimpiadi

possiamo dire che il Tiro con l’Arco fece il suo ingresso ufficiale con le Olimpiadi di Parigi nel 1900, per essere successivamente escluso nel 1920 e riammesso nel 1972 alle Olimpiadi di Monaco di Baviera. In Italia fu per molto tempo considerato un gioco per ragazzi, infatti fu il regime fascista a farlo conoscere attraverso i giochi riservati alle “Giovani Italiane”. Diventa finalmente disciplina sportiva, nel senso in cui la intendiamo oggi negli anni ’50, grazie ad alcuni appassionati di Treviso, Gorizia, Milano, Bergamo e Roma e nel 1950 la Compagnia Arcieri di Treviso organizzò la prima gara alla quale si presentarono un ventina di atleti. Nel 1972 si svolse il primo Campionato italiano e nel 1973 finalmente la federazione venne ammessa al Coni come “aderente” e dopo cinque anni, nel 1978 la Fitarco divenne Federazione a tutti gli effetti nell’ambito del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Venendo alla storia di oggi nella nostra città possiamo dire che l’anno 2011 della Compagnia Arcieri Livornesi è stato caratterizzato dalla programmazione in ottica futura di tutta la squadra e soprattutto della squadra giovanile. Non per questo sono mancati risultati di prestigio sia nelle gare di Calendario che nei Campionati. Marco Sacconi si è laureato Campione Regionale As-

soluto di tiro di Campagna battendo in finale il plurimedagliato Mario Orlandi. Nell’arco della stagione all’aperto gli arcieri labronici hanno preso parte ai Campionati italiani, sia di tiro Fita (Elena Luti, e Valerio Palandri), che di Tiro di Campagna (Fabio Palandri, Paolo del Nista, Marco Sacconi, Francesco Montagnani), senza però portare a casa risultati di prestigio. Da ricordare comunque l’ottima annata di Elena Luti che è stata convocata ai raduni della Nazionale Giovanile per ben tre volte. Proprio da questo settore la Compagnia Arcieri livornesi si aspetta i risultati migliori per il 2012.

F.I.T.ARCO: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

La Compagnia Arcieri livornesi punta sui giovani

Nelle immagini Elena Luti

363


Fausto Palandri

F.I.T.ARCO: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

Tecnico e atleta di uno sport per chi ama la natura

U

Fausto Palandri

n gesto molto elegante quello che induce l’arco a lanciare la sua freccia. Un gesto che evoca miti, leggende, combattimenti e battute di caccia del passato, oggi ripreso e perfezionato per scopi sportivi. Incontriamo Fausto Palandri nella palestra delle scuole Mazzini in viale Alfieri, dove il Gruppo Arcieri Livornesi si allena durante i periodi invernali. Qual è il suo ruolo? “Sono tecnico regionale di primo livello, faccio parte del consiglio direttivo della Compagnia Arcieri livornesi in qualità di rappresentante dei tecnici e ne sono il responsabile tecnico”. Come si è avvicinato a questa disciplina? “Come capita alla maggioranza di chi si avvicina al tiro con l’arco, anche per me il

Valerio Palandri

364

primo approccio è avvenuto durante una vacanza in montagna nel 1991, dove sono riuscito a scoccare la mia prima freccia. Da quel momento vi fu un continuo avvicinamento verso questa disciplina, invogliato anche da mio fratello Fabio e da mio nipote Valerio, che nel frattempo avevano iniziato a tirare raggiungendo ottimi risultati, soprattutto Valerio che dal 1994 al 1996 vinse tre titoli Italiani. E fu così che nel ‘96 con Valerio che mi seguiva come istruttore feci il corso per iniziare a tirare con l’arco, mi tesserai con la Compagnia Arcieri Livornesi ed iniziai a fare le prime gare. Nel 1998 ho partecipato al mio primo corso per diventare tecnico”. Perché la decisione di passare da atleta a tecnico? “Per migliorare le conoscenze sicuramente, ma soprattutto per insegnare e far conoscere a tutti questo bellissimo sport. Comunque non ho lasciato le gare, ho continuato l’agonismo pur facendo il tecnico”. La soddisfazione più bella avuta come tecnico? “Il vedere mio figlio Jacopo salire sul gradino più alto ai Campionati Italiani Hunter & Field nel 2007 all’età di 14 anni, è stata una emozione unica. Ma anche l’avere allenato i ragazzi che sono saliti sul podio nelle varie rappresentative alla Coppa delle Regioni è stata una bella soddisfazione”.

Qual è l’età migliore per iniziare questa disciplina? “Nove anni è l’età giusta, comunque penso che in questo sport si possa iniziare a qualsiasi età, perché è una disciplina molto longeva, basta vedere i risultati che fanno alcuni atleti che hanno oltre 60 anni”. Al di là del gesto tecnico, cosa insegna questa disciplina?

Fabio Palandri

Fausto Palandri


“Il tiro con l’arco mi ha insegnato a rimanere calmo e a fare la cose per bene. Mi ha insegnato la concentrazione e lo spirito di sacrificio”. Perché è uno sport particolarmente adatto a chi ama la natura? “Il tiro con l’arco si pratica all’aria aperta a parte i mesi invernali dove tiriamo in palestra a 18 e 25 metri. Il contatto con l’ambiente e la natura è parte essenziale di questo sport. Chi viene a tirare può tranquillamente passare una giornata conci-

Arcieri sulla linea di tiro

e non deve indurre a credere che la sua pratica comporti dei problemi alle donne. Non è sicuramente un problema di forza, perché adesso con i materiali che ci sono riusciamo a raggiungere con le frecce distanze maggiori con potenze di arco inferiori rispetto a prima. E poi basta guardare i risultati, alle stesse distanze tra uomo e donna non c’è più una differenza enorme, ma anzi siamo molto vicini. Forse erroneamente le donne lo credono poco femminile”. Che tipo di preparazione atletica è necessaria? “Noi facciamo allenamento con l’arco tre volte la settimana, durante questi allenamenti vengono inseriti degli esercizi specifici per braccia e spalle da fare con degli elastici insieme all’azione di tiro. Un quarto allenamento è dedicato esclusivamente alla preparazione fisica, con esercizi rivolti a rinforzare tutta la muscolatura, quindi non solo la parte alta del corpo, ma anche le gambe, perché alcune gare si svolgono anche per tutto l’arco della giornata anche in situazione piuttosto disagevoli, quindi anche lo sforzo sugli arti inferiori è molto gravoso. Inoltre, ai ragazzi vengono assegnati degli esercizi da fare a casa con elastici o pesi molto leggeri”. Come imposta le prime lezioni per le nuove leve? “Le prime nozioni riguardano sicuramente il comportamento sulla linea di tiro, la conoscenza dell’attrezzatura, cerchiamo di far capire che non ci vuole fretta nel centrare il bersaglio, ma l’importante è stare calmi ed imparare bene il gesto tecnico. Una volta fatto questo dobbiamo solo allenarci, perché nonostante tutto il tiro con l’arco è uno sport come gli altri e quindi per ottenere risultati necessità di allenamento e sacrificio”.

F.I.T.ARCO: Federazione Italiana Tiro con l’ARCO

Jacopo Palandri

liando la competizione vera e propria della gara, con una bella passeggiata in un prato o nel bosco. Per capire questo basta venire a trovarci al nostro campo di tiro in via Aiaccia a Stagno, un’area dove il silenzio e nello stesso tempo i rumori degli animali sono ancora gli artisti principali”. Cosa le piacerebbe vedere come tecnico? “Riportare qualcuno dei miei ragazzi a vincere un titolo italiano, ma la ciliegina sarebbe la convocazione in nazionale per partecipare ad una gara con un titolo in palio”. Quanti atleti ci sono attualmente nella Compagnia Arcieri Livornesi? “Gli atleti che fanno regolarmente gare sono 27 di cui 5 donne, tra questi ce ne sono 11 che fanno parte del gruppo giovanile in un’età compresa tra i 10 ed i 19 anni, sono tutti ad un buon livello tecnico, ma soprattutto ve ne sono 4 che sono regolarmente convocati tra i gruppi regionali ed in quest’ultimo periodo anche ai raduni dei gruppi della Nazionale giovanile”. Che caratteristiche è meglio avere per praticare questo sport? “A livello fisico può essere agevolato chi ha una buona mobilità articolare, mentre a livello caratteriale secondo me riesce meglio la persona tranquilla. La disciplina stessa aiuta a sviluppare questa caratteristica e la capacità di concentrazione”. Cosa consiglia di fare come tecnico per contenere lo stress prima delle competizioni? “Riuscire a ricreare le situazioni vissute in allenamento”. Perché non ci sono tante donne che praticano questo sport? “Non c’è una risposta a questa situazione. Anch’io non so spiegarmelo, perché il tiro con l’arco è uno sport molto tranquillo

Un gruppo degli arcieri Livornesi

365


FIV

Corsi di vela d’altura organizzati dallo Yacht Club Livorno con uno staff tecnico composto da Istruttori Federali (F.I.V.) PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Yacht Club Livorno Associazione Sportiva Dilettantistica

dalle 08:30 alle 11:30 (lunedì, mercoledì, sabato) dalle 15:00 alle 19:00 (martedì, giovedì, venerdì)

Tel. 0586 896 142 - Cell 333 2652627 - Fax 0586 895 355 eMail segreteria@ycl.it - Web www.ycl.it

FIV

Scotto Pubblicità Livorno

Molo Mediceo, 63 - 57123 Livorno


Vela

Nel 2008

Un titolo Mondiali Under 15 Classe Windsurf Tecno 293. Un titolo Femminile di Distretto Italiano Classe Olimpica Laser Radial.

Nel 2009

Un Titolo Italiano Assoluto Classe Laser Radial. Un Titolo Italiano Juniores Classe Laser Radial. Un 1° Classificato Coppa del Presidente Laser 4.7 Un 2° posto al Campionato Europeo Classe Laser 4.7. Un 2° posto al Campionato Femminile di Distretto Italiano Classe Olimpica Laser Radial. Un 3° posto al Campionato Nazionale Classe Laser 4.7. Un 3°posto al Campionato Italiano under 21 Classe Olimpica Laser

Nel 2010

Tre titoli Mondiali Under 18-19-20 Classe Olimpica Laser. Un titolo Europeo Under 19 Classe Olimpica Laser. Un titolo Italiano Assoluto Classe Olimpica Laser. Un titolo Italiano Under 21 Classe Olimpica Laser. Un titolo Italiano di Distretto Classe Olimpica Laser Un titolo Italiano di Distretto under 19 Classe Olimpica Laser Un 3°posto al Campionato Europeo Classe Olimpica Star Un 2° posto al Campionato Mondiale under 21 Classe Olimpica Laser

Risultati e iniziative per la vela provinciale Un trofeo per ricordare Federico Santerini e il suo amore per il mare Un 3° posto al Campionato Italiano Femminile Classe Olimpica Laser Radial. Un 2° posto al Campionato Italiano Femminile Under 21 Classe Olimpica Laser Radial Un 3°posto al Campionato Italiano Femminile di Distretto Classe Olimpica Laser Radial

Nel 2011

Una qualificazione per i Giochi Olimpici del 2012 sulla Classe Star.(Voltolini Enrico) Un titolo Europeo Classe Olimpica Star. (Voltolini Enrico) Un titolo Italiano Classe Olimpica Star. (Voltolini Enrico) Un titolo Mondiale Under 19 Classe Olimpica Laser.(Marrai Francesco) Un titolo Italiano Assoluto Classe Olimpica Laser.(Marrai Francesco) Un titolo Italiano Under 21 Classe Olimpica Laser. (Marrai Francesco) Un titolo Europeo Under19 Classe Olimpica Laser (Marrai Francesco) Un 2° posto al Campionato Femminile di Distretto Italiano Classe Olimpica Laser Radial(Marimon Laura). Un 3° posto al Campionato di Distretto Italiano Classe Olimpica Laser. (Tocchi Federico) Un 2°posto al Campionato Italiano Under 21 Classe Olimpica Laser (Tocchi Federico) Un titolo Italiano Under 21laser Olimpico Femminile di distretto (Marimon Laura)

Trofeo Federico Santerini

Si è svolto il 2 ottobre, il XVIII Trofeo Federico Santerini, regata velica della

classe Vaurien organizzata dal Circolo Nautico Quercianella. Il prossimo anno sarà il ventesimo anniversario, da quando Federico, istruttore della scuola vela e promettente regatante, appena 22enne, ci lasciava, per il troppo amore per il mare; da allora la scuola vela del Circolo Nautico Quercianella ha preso il suo nome ed ogni anno il Circolo e la famiglia lo ricordano con una regata velica, che da qualche anno vede protagonisti i Vaurien ed un Trofeo challenge, con mette in palio un’opera dello scultore livornese Alberto Mainardi. Nel 2011 il trofeo ha visto un maestrale teso, in aumento fino a 16/18 nodi, che ha spinto nel pomeriggio i Vaurien che hanno portato a termine le 3 prove previste, sotto l’impeccabile direzione del Presidente del Comitato di Regata, il campione del mondo Marco Cerri. Hanno vinto gli esperti Aureli – Crecchi, lasciando il posto d’onore all’equipaggio femminile Magherini – Riello, premiate anche come prime delle juniores; al terzo posto Mani –Turini, a quest’ultimo, 13 anni è stato assegnato, infine, il premio particolare offerto dagli “amici del Rugby” - l’altra passione di Federico - destinato al più giovane partecipante. Si è così brillantemente conclusa la stagione velica 2011 del Circolo Nautico Quercianella, iniziata in aprile con il Trofeo Accademia Navale, per la classe Europa e proseguita con il Palio Velico in agosto, aperto a tutte le classi e intitolato a Stefano Faniglione, anch’egli giovane appassionato del mare e della vela. Tutta l’estate è poi stata animata dalla scuola vela, frequentata da ben 65 allievi, sotto la guida della Direttrice-Istruttrice Francesca Santerini, coadiuvata dagli allievi istruttori, Alberto Aurili, Leonardo Turchi e Giacomo Landi.

F.I.V: Federazione Italiana Vela

I

l circolo Nautico Livorno ricorda gli atleti che hanno portato i migliori successi alla città:

367


C

F.I.V: Federazione Italiana Vela

’è chi per allenarsi con lui accetta di fare ogni giorno la strada che c’è da La Spezia a Livorno. Incuriositi da questo faticoso pendolarismo siamo andati a cercarlo al Circolo Nautico Livorno per tentare di scoprire il suo segreto di tecnico richiestissimo. Ma Gianni Galli nega di avere un segreto e dà tutto il merito all’impegno e alla serietà con cui porta avanti le cose. Certo sono aspetti essenziali, ma da soli non possono portare a tutti i successi che Gianni ha ottenuto, crescendo grandi campioni; dunque il “nostro tecnico” ha grandi doti che abbiamo cercato di scoprire lasciandolo parlare.

368

“Ho cominciato ad andare a vela a 14 - 15 anni, grazie alla passione che mio padre ha saputo trasmettermi. Aveva un cantiere nautico, quindi fin da piccolo sono sempre stato nell’ambiente. Se facciamo eccezione per qualche pausa dovuta al lavoro ho sempre praticato questo sport come atleta, dirigente e adesso come tecnico”. Come hai iniziato la carriera da tecnico? “Nel 1985 ho cominciato ad occuparmi del circolo come dirigente e direttore sportivo, ed oltre a continuare a fare attività agonistica m’impegnai a seguire alcuni giovani del circolo della classe Laser. Per un periodo, altri interessi mi hanno allontanato dal circolo, quando ho ripreso non mi sono più occupato della dirigenza per dedicarmi all’aspetto tecnico. Sono 7 anni che faccio l’allenatore a tempo pieno al Circolo Nautico Livorno, rivestendo anche il ruolo di coordinatore tecnico per l’organizzazione di regate ed altri eventi”.

Gianni Galli il tecnico della vela più richiesto della Toscana e non solo. Lavorare con impegno e serietà è la sua filosofia di Antonella De Vito Quali classi segui? “In questo momento siamo orientati al Radial, anche perché è sempre più difficile che i ragazzi si dedichino al doppio. Sto cercando d’indirizzarli verso questa specialità, ma è complicato per una questione di comodità e di contenimento delle spese”. Qual è il tuo segreto, visto che per allenarsi da te vengono anche da fuori regione? “Non ci sono segreti, si tratta di lavorare seriamente e impegnarsi. Da noi i ragazzi trovano un supporto tecnico elevato, la continuità dell’attività nel corso dell’anno e la disponibilità del Circolo a sviluppare attività agonistica, con la possibilità di utilizzare attrezzature, anche per le trasferte più impegnative. Purtroppo nella nostra zona, che geograficamente va da La Spezia fino a Talamone, compresi i laghi interni, non ci sono molti circoli attrezzati: soprattutto se si parla di Laser è praticamente obbligatorio venire a Livorno”. Ricordiamo qualche atleta passato dal circolo? “Ad esempio, Riccardo Cordovani che crescendo si è dedicato ad un’altra classe, più adatta alle sue caratteristiche fisiche e si è trasferito sul Lago di Garda. Ricordiamo anche la vecchia guardia: Niccolò Magnani, Valerio Chinca, Christian Raffaelli, Andrea Pardini, ragazzi che ormai sono oltre i 30 anni. I primi ad avere buoni risultati sono stati alcuni spezzini che hanno fatto la scelta di venire qui come Davide Domeneghetti e Federico Tocchi. Davide ha ottenuti ottimi risultati in

classe 470, anche se ha perso gli europei arrivando secondo, mentre Tocchi è addirittura andato al mondiale in Croazia qualificandosi primo degli italiani e al 10° posto in assoluto. Poi c’è Francesco Marrai con una carriera velica sempre in ascesa e con ottimi risultati. Ora è sullo Standard e ha vinto i Campionati italiani e i mondiali giovanili. Poi c’è Enrico Voltolini che è arrivato come laserista, ma avendo un fisico grosso gli ho consigliato di passare al Finn sul quale si è messo subito in evidenza, la federazione lo ha notato e gli ha chiesto di diventare il prodiere di Diego Negri sulla Star. Insieme hanno avuto la qualificazione olimpica di Londra. Gli ho consigliato di andare e fare questa esperienza e poi nel prossimo quadriennio cercherà di capire se riprendere nella categoria Finn o continuare sullo Star”. La soddisfazione più bella come tecnico? “Portare ad un buon livello diversi ragazzi. Cerco di dare il massimo a tutti, naturalmente il massimo di quello che è richiesto. Ogni anno con i ragazzi ho un incontro personale per capire quali sono


il vento, quindi dobbiamo sempre essere disposti a rimodulare l’allenamento, gli orari, la preparazione atletica, l’alimentazione; dobbiamo essere sempre disposti a rivedere ciò che si è programmato”. Quanto ci si deve allenare? “Non ci sono limiti, come in tutti gli sport, più uno si allena e più possibilità ha di ottenere risultati. Una preparazione di mantenimento la calcoliamo con 4 uscite in mare e 3 preparazioni atletiche in palestra alla settimana. Naturalmente a questo ci arriviamo per gradi. La filosofia è quella di allenarsi per potersi allenare di più”. C’è un modo per superare lo scoglio economico, in uno sport piuttosto caro come la vela? “Per aggirare questo ostacolo sarebbero necessarie politiche governative e locali diverse. Oggi è tutto demandato alle società sportive, le sovvenzione che riceviamo sono molto vicine allo zero, senza scendere nel particolare possiamo dire che sono irrilevanti. Tutto ricade sulle spalle dei circoli che ricavano i soldi solo dalle quote sociale e, per chi gli ha, dall’affitto di posti barca. Quindi i soci sono i primi sponsor dell’attività agonistica. Bisognerebbe che parte delle energie economiche che oggi vanno di-

rettamente alla federazione, andassero invece a quei circolo meritevoli che dimostrano di fare una vera attività sportiva, dimostrandola con i risultati”. Quando si può iniziare a fare vela? “A 9 - 10 anni come gioco, per poi scegliere se fare attività agonistica verso i 13. Naturalmente dietro questa scelta deve esserci anche la famiglia, perché la vela è una disciplina cara e complicata e la famiglia deve contribuire alle spese e coadiuvare il tecnico nella preparazione”. L’aspetto più educativo che la vela dà ai ragazzi? “Sono tanti. Fra i più importanti sicuramente c’è la capacità di adattarsi ed affrontare situazioni costantemente diverse e diventare elastici di fronte alla realtà, pur mantenendo le proprie convinzioni e il proprio carattere: una grande forza interiore è fondamentale nella vela”. Qual è l’atteggiamento giusto da tenere nei confronti del mare? “Ai ragazzi insegno ad avere grande umiltà e timore delle cose che non conoscono. Dico sempre che quando ci sono condizioni impegnative è meglio non dare mai più del 70%, naturalmente se non siamo in una situazione di alto livello, e tenersi sempre in riserva per poter dare qualcosa di più se serve al momento giusto”. Escludendo i tuoi, qual è l’atleta che più ti piace nella categoria Laser? “Giovanni Coccoluto”. Facciamo un confronto fra calcio e vela. “La vela non è uno sport televisivo a causa delle difficoltà di fare riprese in mare, ed erroneamente si pensa che non possa portare ad un ritorno d’immagine. Ma soprattutto è uno sport difficile e complicato; è molto più facile capire quando un pallone entra in una porta, che non le regole delle regate. Per cambiare questa situazione sarebbe necessario avere più giovani nei circoli. Ma per questo ci vorrebbe anche l’impegno delle autorità locali e non solo, mi dispiace che non si capisca quanto potrebbe portare in termine di sviluppo economico, la crescita di questa disciplina, anche in una città come la nostra”.

F.I.V: Federazione Italiana Vela

i loro obiettivi e l’impegno che ci metteranno; una chiacchierata che mi serve per comprendere come mi devo porre nei loro confronti e cosa si aspettano da me”. Un sogno nel cassetto? “Mandare un ragazzo alle olimpiadi. È questo che mi spinge ad andare ancora avanti a fare il tecnico, anche perché in questo momento ci sono le condizioni per vedere realizzato questo sogno”. La cosa più importante da trasmettere agli atleti? “La fiducia nel tecnico e la totalità dell’impegno”. L’età più difficile da allenare? “Dai 13 anni in poi, quando iniziano le varie passioni e diventa difficile prendere una decisione, ma purtroppo se uno vuole risultati in futuro la scelta deve farla proprio durante questo periodo e rinunciare ad altri interessi”. Quale caratteristiche deve avere un ragazzo per fare vela? “Umiltà, buonsenso e spirito di osservazioni, combinate con le qualità fisiche atletiche e psicologiche, che sono quelle che fanno la differenza. Intendo cioè la resistenza e la capacità di sopportare un lavoro lungo, pesante e dispersivo. La vela è così, non ci sono mai dei programmi definitivi, la nostra palestra è il mare,

Nelle immagini Gianni Galli

369


Vivere il mare

match race Vendita, assistenza, etc. SHOWROOM Via dei Pescatori, 7/9 - 57123 LIVORNO Tel./Fax 0586 219401 www.matchrace.it - info@matchrace.it

OIMER Officina elettromeccanica/Nautica Via F. Filzi 19/4 - 57122 LIVORNO Tel. 0586 421740 Fax 0586 402205 www.oimer.it - oimer@matchrace.it

Scotto PubblicitĂ Livorno

Vendita - Assistenza - Ricambi - Motori fuoribordo Barche - Gommoni - Nuovo - Usato - Permute - Noleggio Allestimenti personalizzati - Accessori - Abbigliamento


Enrico Voltolini Conquista la qualificazione olimpica sulla Star diventando campione europeo. La testardaggine come pregio e difetto di Antonella De Vito “Andiamo per vincere una medaglia. Anche perché come campioni europei stiamo lavorando per questo scopo”. Che cosa ti dà la vela? “Alla fine è uno sport come un altro. È bello il contatto con la natura, ma quando sei in regata non conta più di tanto”. Cosa apprezzi di Gianni Galli? “Gianni ti insegna tutto quello che sa senza volere niente in cambio. Purtroppo ci sono personaggi nel mondo della vela che sanno anche poco, e quel poco se lo tengono stretto, come fosse un segreto. Galli oltre a sapere tanto, è un generoso e ti trasmette tutto il suo sapere. È una cosa molto importante perché in Italia il mondo dei tecnici della vela non è roseo”. Cosa ti piacerebbe vedere a favore di questa disciplina? “Un centro della vela. Ad esempio, stiamo facendo la preparazione olimpica in varie parti d’Italia, disperdendo soldi ed energie. Lavoreremmo tutti molto meglio se fossimo concentrati in un solo luogo dotato di palestra e allenatori”.

Ti piacerebbe fare il tecnico? “Non lo so. Forse nel tempo libero. Ho delle priorità, voglio fare l’ingegnere, ho già terminato la triennale e adesso sto facendo la specialistica e mi piacerebbe in futuro esercitare questa professione”. La tua giornata di allenamento? “Mi alzo presto, faccio un po’ di attività atletica, ad esempio la corsa. Quando siamo in raduno abbiamo un’ora di briefing ad inizio giornata durante la quale parliamo del programma, poi usciamo in mare per 3 o 4 ore. Al ritorno ci dedichiamo alla palestra e concludiamo con un altro briefing per analizzare quanto svolto”. La caratteristica più importante che deve avere un atleta? “Tanta dedizione e sacrificio, ma questo in tutti gli sport. È necessario avere anche voglia di studiare e di apprendere con umiltà. Non si smette mai di imparare in questa disciplina, ed è importante avere conoscenze in tutti i campi: materiali, strategie, regolamenti, meteorologia”. Quale pregio ti riconosci? “Tanta voglia di fare. Sono testardo e non mollo mai. Ho iniziato tardi ad andare in barca e non trovavo tanti consensi nella mia famiglia e al di fuori di questa, ma continuando con testardaggine sono riuscito ad ottenere quello che volevo”. E un difetto che ti riconosci? “Forse talvolta sono un po’ troppo testardo... direi che nel mio caso la testardaggine è un pregio e un difetto”. Chi vuoi ringraziare? Il mio attuale allenatore Valentyn Mankin. È ucraino e vent’anni fa è venuto in Italia chiamato dalla Federazione. Ha vinto tre ori e un argento olimpici. Io devo tanto a lui e a Diego Negri, in questi due anni mi stanno insegnando cose che non sarei mai riuscito ad apprendere da solo”.

F.I.V: Federazione Italiana Vela

L

a passione per il mare può “coinvolgere e travolgere” anche chi nasce lontano dal mare, anzi spesso questo rappresenta un incentivo e le storie di grandi naviganti e velisti, non ultimo Giovanni Soldini, ce lo dimostrano. E così è successo anche ad Enrico Voltolini, in preparazione olimpica in vista di Londra, dove andrà sullo Star come prodiere di Diego Negri. “Sono nato –spiega Enrico- a Piacenza e più che nuotare in piscina non potevo fare, anche se in questo campo ho ottenuto buoni risultati agonistici. Mio padre aveva una barca a vela ed era un appassionato, così durante le vacanze estive ci trasferivamo a Lerici dove ho frequentato anche dei corsi. A 18 anni mi sono trasferito a La Spezia per studiare ingegneria navale e così ho iniziato con l’agonismo sui Laser. Ben presto mi sono trasferito a Livorno per allenarmi con Gianni Galli e sono passato al Finn, che più si adatta al mio fisico. Successivamente la federazione mi ha chiesto di fare coppia con Diego Negri sulla Star, ed io ho accettato. Insieme, abbiamo conquistato la qualificazione olimpica, ed ora ci stiamo allenando per l’appuntamento con Londra”. Perché il trasferimento a Livorno? Ci sono molti ragazzi che da Spezia vengono a Livorno. Sia per allenarsi con Galli che per le condizioni meteo migliori perché c’è più vento. La presenza di Gianni è fondamentale: è molto capace, sa attirare i giovani”. La soddisfazione più bella? “Vincere l’europeo a Dublino a settembre”. Con che spirito affronti le Olimpiadi?

Diego Negri e Enrico Voltolini medaglia doro al Campionato europeo classe Star svoltosi a Dublino a settembre

371


LIVORNO - Via Pian di Rota, 11 Tel. 333 8911214 - toscana@olisails.it


Riccardo Cordovani Rientra in regata dopo un brutto infortunio. Tecnico di Cecilia Zorzi, vincono insieme il mondiale nel Laser di Antonella De Vito Com’è stato questo passaggio? “Piuttosto duro. Il Laser è più semplice, le imbarcazioni sono tutte uguali e l’atleta deve pesare circa 80 – 82 chili. Per me rimanere a quel peso era una sofferenza essendo alto un metro e novanta, ma ci riuscivo. Il Finn è una barca molto più completa come tecnologia, inoltre, mi servivano circa 15 chili in più. Inizialmente fu una liberazione, in un paio di mesi arrivai a 90 chili, ma poi cominciarono i problemi perché non riuscivo a guadagnare gli altri 5 chili che mi mancavano per arrivare al peso forma. Fu una bella fatica, i primi anni ho dovuto lavorare molto in palestra. Anche dal punto di vista agonistico i primi tempi furono duri perché non arrivavano i risultati che mi aspettavo. Dopo tre anni di stallo però riuscii a risolvere il problema raggiungendo il peso, questo mi permise di mettere a punto il materiale e le tecnologie da personalizzare e cominciai a fare anche i primi risultati”. Illustraci brevemente il tuo curriculum sportivo? “Ho vinto 17 delle 35 regate nazionali che ho fatto negli ultimi sei anni e comunque sono stato quasi sempre sul podio nelle altre competizioni. Ho vinto 5 coppe Italia del circuito nazionale della classe olimpica Finn. Ho vinto il Campionato italiano nel 2009 e 2010, sono sempre stato sul podio dal 2003 al 2010 consecutivamente”. Quando sei andato via da Livorno? “Fino al 2004 sono sempre rimasto a Livorno con il Circolo Nautico. Quando sono passato al Finn, avevo bisogno di una serie di mezzi che il circolo non poteva mettermi a disposizio-

ne. Loro ce l’hanno sempre messa tutta per aiutarmi, ma quel salto non potevano proprio farlo. Fu lo stesso Gianni Galli a dirmi che se avevo delle opportunità e delle offerte, loro avrebbero capito il mio passaggio ad altra società. E così ho preso un’altra strada. In quegli

anni c’era la Fraglia Vela di Riva del Garda che stava puntando molto sui giovani atleti emergenti nelle classi olimpiche. Mi hanno fatto un’offerta ed ho accettato. Il lago di Garda è uno dei posti migliori in Italia per allenarsi con la vela, perché almeno da marzo a novembre il vento è garantito tutti i giorni; vento forte sia la mattina che il pomeriggio”. Il tuo capitolo olimpiadi? “Nel 2007 ho partecipato alle selezioni per le olimpiadi, non qualificandomi per un soffio. Ho poi cominciato a lavorare per le olimpiadi successive, ma i primi di marzo di quest’anno mi sono rotto il menisco con una distorsione al ginocchio e così non ho potuto partecipare alle selezioni olimpiche, vedendo sfumare anche Inghilterra 2012. Un incidente che mi ha tenuto fermo tre mesi e che mi ha molto provato a livello psicologico, è stata una grande delusione non poter partecipare alle selezioni”. Quanto tempo passi a Livorno? “Da aprile a novembre vivo a Riva del Garda, mentre l’inverno lo passo a Livorno conti-

F.I.V: Federazione Italiana Vela

A

nche Riccardo Cordovani è stato un allievo di Gianni Galli, ed anche lui è diventato un campione e non solo come regatante, ma anche come tecnico. Raccontaci come ti sei avvicinato alla vela. “Ho iniziato in Sardegna durante le vacanze quando avevo circa 9 anni, con i corsi pubblici della Lega Navale. È stato un caso, i miei genitori volevano tenermi un po’ occupato e in questo modo ci riuscirono bene, perché mi piaceva molto il mare e mi appassionai subito alla vela. Dopo due anni ho continuato al Circolo Nautico di Livorno, era il 1996 e mi dedicai alla equipe, ma senza fare regate, perché lo consideravo un gioco. Dopo un anno sono passato al Laser Radio e poi lo Standard e sono iniziate anche le competizioni”. Chi è stato il tuo primo allenatore? “Al circolo c’erano ragazzi molto bravi come Nicolò Magani e Silvio Carini che a quei tempi erano ai vertici nazionali e da loro ho imparato tantissimo. Ma l’allenatore era Gianni Galli che mi ha cresciuto per una decina di anni e a lui devo tantissimo, mi ha insegnato come ci si allena, come si imposta il lavoro, a lui devo tantissimo”. Quali soddisfazioni hai avuto da giovanissimo? “Quando regatavo nel Laser Standard ero il più giovane d’Italia, avevo solo 16 anni, mentre di solito si entra in questa categoria verso i 19. Molti già allora mi vedevano come una promesso perché facevo risultati a livello dei grandi campioni nazionali. Tutto questo fino al 2002 quando la Federazione mi convocò per dirmi che gli interessavo come atleta, ma mi volevano nella classe Finn. Mi comprarono una barca e mi dettero la possibilità di allenarmi con Luca Devoti che aveva vinto la medaglia a Sydney: così ho cominciato a lavorare seriamente sul Finn”.

Nelle immagini Riccardo Cordovani in regata

373


“Cecilia è salita sul secondo gradino del podio della classe Laser Radio, superando brillantemente il suo debutto nella classe olimpica, andando oltre le nostre stesse aspettative”. La più grande soddisfazione come atleta? “Ne ho avute tante, ma forse quella che preferisco ricordare e una delle mie prime regate di Coppa del Mondo a Kiel nel 2003, quando ero considerato un ragazzino, avevo 19 anni e regatavo con uomini di 30. Arrivai undicesimo, che per quell’età è un grande risultato, tanto più che i due che al tempo erano al top della squadra olimpica italiana si piazzarono dopo i primi 20. Fu un risultato forte, fu eclatante, era una gara importante, c’erano campioni di tutto il mondo”. Qual è la difficoltà di fare vela in Italia? “È un po’ banale dirlo, ma è uno sport dove servono molti soldi, perché costa il mezzo e costa la sua gestione. In più bisogna fare le trasferte portandosi dietro la barca è questo aumenta ancora di più le spese. Ciò rappresenta un freno per molti; ho visto atleti che valevano meno di me, andare più avanti solo perché erano più appoggiati finanziariamente. È uno sport dove l’organizzazione serve tantissimo, per non sprecare energie, soldi e per non perdersi in mille fronzoli. Questa è stata fino ad ora la mia specialità e questo è quello che ho fatto con Cecilia riuscendo ad organizzarle il lavoro, facendole sprecare poche energie e pochi soldi per andare dritta al punto. Questa strategia nella mia carriera mi ha concesso di sopperire un po’ alla mancanza di fondi”. Quindi la migliore qualità che ti attribuisci? “Indubbiamente l’organizzazione del lavoro”. Ed a livello tecnico? “La volontà, la determinazione di sacrificarsi. Quello che conta è volersi preparare a vincere, la vittoria poi è una conseguenza”. Il difetto che ti riconosci? “Probabilmente sono sempre stato più pessimista del dovuto, soprattutto nei primi anni, quando ero più giovaniese c’era un problema lo soffrivo molto. Poi i difetti si limano crescendo. Uno dei problemi era appunto quello economico, ma con i primi risultati sono arrivati un po’ di sponsor e aiuti sia dal circolo che dalla federazioni e quindi un po’ le cose si sono sistemate. Inoltre ho imparato

ad organizzarmi, a gestire quello che avevo, a concentrarmi su questo, più che su quello che non avevo”. Quindi ad un ragazzo giovane che vuole fare questo sport cosa gli consiglieresti? “Non è facile consigliare, comunque gli direi di dare il massimo per dimostrare di aver voglia di lavorare. Quelli che per primi credono in se stessi, fanno sì che anche gli altri credano in loro. La gente percepisce se uno ha fiducia in se stesso ed è più disposta ad aiutarti, compresi gli sponsor”. Un sogno nel cassetto per te? “Mi piacerebbe poter lavorare bene per raggiungere le olimpiadi, cosa che per ora ho mancato per ben due volte”. Per Cecilia? “Che continui a darmi fiducia e che raggiunga risultati olimpici”. Altri successi ottenuti con la squadra dei giovani? “Lo scorso anno ho vinto 4 titoli italiani, con due atleti maschi e due femmine. Dei nove atleti che ho portato ai Campionati italiani sette sono saliti sul podio nelle varie categoria. Lo scorso anno la squadra è stata riconosciuta la più forte in Italia”. Ci sono differenze fra allenare ragazze e ragazzi? “Ce ne sono molte che con il tempo ho imparato a conoscere e a gestire. I maschi sono molto più istintivi, le femmine sono molto più prudenti. Ci sono i pro e i contro. Alla fine con Cecilia, che è stata la mia migliore atleta femmina, ci siamo scoperti molto simili come carattere, nel senso che io per essere un maschio sono più prudente della media. Inoltre, i maschi tendono a distrarsi di più e ad essere maggiormente goliardi, le femmine se credono in quello che stanno facendo vanno fino in fondo con molta determinazione, ma se non ci credono non c’è verso di convincerle ad impegnarsi”. È meglio allenare le ragazze? “La mia esperienza, per ora, mi dice di sì”.

F.I.V: Federazione Italiana Vela

nuando ad allenarmi qui o in altri paesi esteri per regatare con squadre straniere”. Come hai iniziato a fare il tecnico? “Mentre mi allenavo sul Garda, nella mia società c’è stato un salto generazionale e sono arrivati tanti nuovi giovani da crescere sportivamente, così il direttore mi propose di fare qualche lezione in attesa che trovassero un tecnico. Ho accettato ed ho cominciato a seguire questi ragazzi che si sono trovati bene con me, conquistando fin da subito buoni risultati nelle competizioni. Visto il successo la società mi offrì di continuare. Sono tutti ragazzi che ho seguito per circa 4 anni”. Qui hai conosciuto Cecilia Zorzi? “Cecilia arrivò l’anno dopo. Lei è quella che più ha seguito le mie indicazioni, così l’ho accompagnata in tutto e per tutto: l’ho portata dal mio nutrizionista, l’ho consigliata nella scelta del materiale, dei vestiti e in tutto quello che riguarda la vela”. Fino a portarla ai mondiali. “Sì, ma privatamente, infatti, a giugno la Fraglia ha deciso di non farmi più fare il tecnico e Cecilia ha chiesto di separarsi dal gruppo per poter continuare ad allenarsi con me. E così da fine maggio ho lavorato privatamente con lei, con un lavoro quotidiano, come due atleti sulla stessa barca. Siamo andati insieme al mondiale e tutto è andato come volevamo e Cecilia ha stravinto. Vuol dire che quello che abbiamo fatto era giusto”. Adesso come continuerà il vostro rapporto? “Lei è passata dalla categoria Laser 4.7 alla Laser Radio in quanto ha raggiunto i 17 anni. Io continuo ad allenarla e a seguirla in questo passaggio che è piuttosto duro. Ho sofferto molto per non aver potuto fare la selezione olimpica e avevo deciso di dedicarmi ai miei ragazzi per avere una rivincita, in modo che la loro soddisfazione fosse anche la mia. Quando la Fraglia ha stabilito di prendere un’altra strada è stata per me la seconda grossa ‘batosta’. Ma quando Cecilia ha deciso di affidarsi a me è stata una soddisfazione enorme, ribadita poi dalla sua grande vittoria ai mondiali”. Come è andato il Campionato Italiano? “Mi sono qualificato al terzo posto, era il mio rientro in gara dopo l’infortunio. Ho mancato l’obiettivo di vincere il terzo Campionato italiano, ma in compenso andando per 8 volte consecutive sul podio nella stessa categoria ho stabilito un altro record, che si aggiunge a quello della vittoria della Coppa Italia per 4 anni consecutivi. Ma la cosa più importante è che con questo risultato mi sono finalmente messo alle spalle l’infortunio al ginocchio”. Per Cecilia è stato il suo primo Campionato Italiano nella nuova categoria?

Riccardo Cordovani e Cecilia Zorzi

375


Francesca Scognamillo La sua avventura alle Olimpiadi di Pechino Libertà e possibilità di conoscere luoghi e persone diverse di Antonella De Vito anche moltissime gare e allenamenti all’estero e quindi dovevamo muoverci tutte e tre”. La soddisfazione più bella? “Sicuramente le olimpiadi. Per un atleta, a prescindere dal risultato e dal modo in cui ha ottenuto la qualificazione, andare alle olimpiadi è il gradino massimo da raggiungere. È il modo di viverlo che ti cambia radicalmente. Nelle altre gare ho sempre trovato molto agonismo, alle olimpiadi ovviamente c’è sempre competizione, perché l’obiettivo è conquistare una medaglia che è superiore a qualsiasi altra medaglia conquistata in altre occasioni, ma ho notato che gli atleti sono più socievoli”. Cosa ti è piaciuto di più delle olimpiadi? “Noi abbiamo avuto un’esperienza un po’ drammatico. Abbiamo iniziato a pensare a Pechino un po’ per gioco. Io avevo già provato a fare la precedente qualificazione per Atene, quindi per me non era un’esperienza nuova, ma nonostante tutto da quando con le due amiche di Trieste e Monfalcone abbiamo deciso di affrontare le gare di qualificazioni abbiamo avuto notevoli difficoltà”. Di che tipo? “Intanto la federazione non ci ha dato nessun sostegno né economico, né tecnico, né pratico. Questo perché non credevano in quella classe, ed erano più che certi che non avremmo mai conquistato il biglietto per Pechino. Dal momento in cui ci siamo qualificate hanno dovuto sostenere

in parte anche le nostre spese. Le difficoltà economiche sono state veramente tante, una volta avuta la qualificazione olimpica noi non avevamo più risorse, perché le avevamo investito tutto nel mondiale di Miami, che era la nostra ultima possibilità. Pensate a quanto costa il viaggio, il mantenimento sul posto, le spese dell’allenatore, il trasporto della barca e del gommone”. Ce l’avete comunque fatta. “Sì. Una volta avuta la qualificazione non è più rilevante se hai o no i soldi, in qualche modo devi trovarli, non hai altre scelte, andare alle olimpiadi è troppo importante per lasciar perdere tutto. E così è stato, abbiamo trovato i finanziamenti, ma con un grande dispendio di energia, tempo e fatica”. La federazione a questo punto vi ha dato una mano? “Ha affrontando le spese di spedizione della barca da Miami direttamente in Cina. Purtroppo quell’anno le qualificazioni arrivarono tardi e a giungo non partecipammo agli allenamenti in Cina perché l’imbarcazione non era ancora arrivata. Naturalmente in Italia avevamo una seconda barca che ci ha permesso di continuare la preparazione”. Dopo le olimpiadi che cosa hai fatto?

F.I.V: Federazione Italiana Vela

P

artecipare ad un’olimpiade resta un’esperienza unica per uno sportivo, una di quelle che non puoi dimenticare e che certamente, almeno di un po’, ti cambia la vita. Sono passati quasi quattro anni dalle Olimpiadi di Pechino e naturalmente per Francesca Scognamillo, classe 1982, livornese, il ricordo è ancora ben vivo. “Ho iniziato ad andare a vela quando avevo 8 anni. Mio padre praticava questa disciplina, ma non mi ha mai spinto ad intraprenderla, sono stata io a chiedere di poter frequentare un corso e lui, felicissimo, mi ha accontentata subito”. Con chi hai iniziato? “Con il Circolo Nautico Livorno, poi verso i 10 - 11 anni sono passata al Circolo Nautico Antignano con Enrico Maltinti e nel 2002 mi sono trasferita a Marina di Pisa per approdare a Cala de’ Medici a Rosignano. Generalmente sono state scelte legate al tipo di barca con il quale volevo allenarmi”. Ricorda sinteticamente il tuo curriculum sportivo. “Ho vinto un Campionato italiano in classe laser nel ’98 e poi ho partecipato ad una serie di europei e mondiali fino alla qualificazione per le Olimpiadi di Pechino, avvenuta a Miami nel gennaio 2008”. Con cosa hai partecipato alle olimpiadi di Pechino? “Con l’Yngling che è una barca a chiglia di sei metri sulla quale si va in tre. Le altre due atlete erano una di Trieste e l’altra di Monfalcone”. Come facevate per allenarvi? “Generalmente andavo io da loro, perché a Trieste vi erano le condizioni climatiche più simili alla Cina, ma abbiamo fatto

Nelle immagini Francesca Scognamillo alle Olimpiadi di Pechino

377


sempre messa davanti alla diversità e questo mi ha aiutato molto a crescere”. Quindi ti piace viaggiare? “Sì, molto. Sono una che è sempre pronta a partire. Naturalmente ci sono stati periodi in cui mi è pesato un po’, ad esempio, durante le qualificazioni olimpiche spesso il viaggiare diventava un vero e proprio lavoro, ed in questo caso la prospettiva cambiava. Dobbiamo anche dire che quando mi fermavo a Livorno per qualche giorno non mi riposavo, ma continuavo a lavorare, per quanto mi era possibile, così come le altre due ragazze, in più dovevamo anche andare in giro a cercare sponsor per mantenerci quando eravamo fuori; possiamo dire che il tempo non bastava mai”. Hai mai pensato di fare l’allenatrice? “L’ho fatto diverse volte. A 18 anni ho preso il brevetto e facevo l’istruttrice preva-

F.I.V: Federazione Italiana Vela

“Mi sono presa uno stop mentale dalla barca di 5 – 6 mesi, l’impegno era stato enorme. Negli ultimi tre anni se stavo a casa 10 giorni di seguito era tanto. Poi naturalmente l’andare in barca mi mancava e ho ripreso. Oltre che per piacere dovevo tornare a navigare anche per lavoro. Con la ditta di famiglia Banks Sails Toscana progettiamo e realizziamo vele e quindi continuo a fare regate sulle barche degli altri, perché aiutiamo i nostri clienti a partecipare alle manifestazioni per provare le vele e insegnare loro come ottenere il meglio da queste”. Cosa ti ha dato questo sport? Quale aspetto ti affascina di più? “Ce ne sono diversi. Uno è la libertà e la possibilità di conoscere e di frequentare luoghi e persone diverse. E quindi di imparare molte cose. Ricordo un episodio accaduto quando avevo 13 anni, che può sembrare banale, ma dà l’idea di cosa voglia dire conoscere nuove persone e usanze diverse. Ero ad un mondiale in Giappone, ed ero felice perché ero fuori casa da sola e già questo rappresentava una bella avventura. Di quel viaggio mi colpì la presenza di una ragazza che rappresentava la Papa Nuova Guinea che andava in giro camminando scalza. Mi faceva un po’ impressione vederla sull’asfalto caldo della metropoli giapponese, ma lei passeggiava senza problemi. Una sera dovevamo uscire tutte insieme per andare in discoteca e le prestammo un paio di scarpe, fu divertente, perché quasi non riusciva a camminare. Fin da giovanissima sono stata

lentemente in estate, e qualche volta anche in inverno per la classe Optimist e per l’altura. Oggi continuo a farlo per seguire il mio lavoro, spesso mi capita di fare scuola ai nostri clienti, quando usciamo in mare per provare le vele”. Cosa ti ha dato la vela? “Mi ha cambiata a livello caratteriale. Di base ho un’indole molto forte, ed in passato tendevo a predominare troppo. Le ultime due campagne olimpiche mi hanno trasformata, perché quando ti trovi a dover stare con altre persone anche molto diverse da te, devi cedere su qualcosa. Nell’ultima avventura sono stata un po’ il cardine dell’equipaggio, in quanto riuscivo a trovare il modo di fare andare d’accordo le due mie compagne ed io con loro”. Che qualità ti riconosci? “Dal punto di vista fisico credo di avere una forza esplosiva che è sempre riuscita a sbugiardare quelli che credevano che non ce l’avrei mai fatta. Dal punto di vista caratteriale la mia indipendenza e intraprendenza”. Quanto senti l’agonismo? “Ovviamente mi è sempre piaciuto vincere, ma non ho mai sentito l’agonismo in modo eccessivo, ho accettato la sconfitta quando ho sbagliato e quando ho trovato un avversario più bravo. Anche perché nella vela ci sono veramente tante varianti che possono farti vincere o perdere, bisogna mettere insieme infinite combinazioni, dal vento, dalla corrente, ad una barca migliore, ecc. La vela è uno sport che ti mette sempre in discussione, che puoi praticare anche per cento anni, ma ogni volta che esci in mare hai sempre qualcosa da imparare, questo ti predispone al dialogo e al confronto, perché tutti possono darti qualcosa”. Un sogno nel cassetto? “In parte il mio sogno l’ho già realizzato con l’Olimpiadi di Pechino. Adesso posso dire che mi piacerebbe partecipare alla Coppa America, ma per una donna è difficilissimo. Mi accontenterei anche solo di poter provare una delle barche che partecipano a questa competizione, sarebbe comunque una bella soddisfazione”. Francesco Scognamillo sulla barca Yngling con le due compagna di regata

379


“Il nostro scopo è diverso da quello degli istruttori. Noi non dobbiamo insegnare ad andare a vela, diamo per scontato che coloro che si presentano ai nostri corsi siano già bravi, magari c’è qualcosa da perfezionare, ma globalmente sono buoni velisti. Quello a cui noi miriamo è il metodo d’insegnamento che queste persone dovranno avere quando torneranno nei loro circoli a fare gli allenatori e qui, dovranno insegnare a persone di tutte le età ad uscire in mare su una barca a vela”. Quindi insegnate ad insegnare? “Praticamente sì. Cerchiamo di trasmettere il metodo giusto, fornendo importanti supporti psicologici che aiuteranno i tecnici a rapportarsi agli allievi e ad adattare il programma di allenamento a chi si ha di fronte. L’istruttore deve essere capace di mettersi al pari dell’altro, non può collocarsi sul piedistallo, ma deve accettare il confronto con umiltà”. Quali le caratteristiche più importanti di un istruttore? “Prima di tutto, come già detto, l’istruttore deve sapere andare a vela, quindi deve essere preparato tecnicamente per poter insegnare correttamente, perciò è necessario che sia comunicativo e umile. Non abbiamo bisogno di ‘eroi’, il buon tecnico deve sapere quando

I cinque formatori dello Yacht Club raggiungono il secondo livello Insegnare ad insegnare con umiltà e professionalità di Antonella De Vito le condizioni meteo permettono di uscire in mare senza rischio, soprattutto quando si lavora con ragazzi giovani e alle prime armi”. E di un formatore? “L’esperienza, la pazienza, la calma e la capacità di confrontarsi. Il formatore deve, infatti, correggere o limare i metodi degli istruttori per cercare di perfezionarli affinché diventino buoni allenatori”. Come capite se uno che si presenta a fare i corsi può diventare un buon istruttore? “Intanto lo si vede da come va in barca. Cerchiamo poi di comprendere le sue qualità comunicative, la sua umiltà, la capacità di ascolto. Insomma cerchiamo persone semplici, ma determinate. Il corso è impegnativo e poi non dimentichiamo che alla fine ci sono gli esami”. A che età si può diventare dei buoni istruttori di vela? “Considerando che l’esperienza incide molto sul diventare un buon tecnico, direi che l’età giusta è 35 anni. Ci sono poi naturalmente delle eccezioni, come i due istruttori di vent’anni che ho formato e che sono molto bravi, infatti, spesso li porto con me come aiuto formatori. Nonostante la giovane età hanno una forte personalità”. Nella tua carriera di formatore ci sono stati episodi brutti? “Talvolta è capitato di non dare l’idoneità a qualcuno e poi sentirti criticare e definire incompetente, senza rendersi conto che erano loro a non essere in grado di affrontare un ruolo di questo genere, in quanto avevano scarse qualità. Sono episodio che ti lasciano un po’ di amaro

in bocca, considerando tutto l’impegno e la professionalità con cui organizziamo e seguiamo i corsi”. Che differenza c’è fra l’essere tecnico di deriva e di altura? “La deriva prevede navigazioni brevi, vicino a terra, raramente ti trovi a navigare di notte o devi affrontare difficoltà in mezzo alle tempeste. L’altura con barche più grandi prevede navigazioni più lunghe e quindi è bene conoscere più cose, devi avere più ‘marineria’, perché si può andare incontro a difficoltà maggiori”. Cosa ti piacerebbe vedere nella tua carriera di formatore? “Mi piacerebbe che questa attività continuasse ad andare avanti nel modo in cui la stiamo conducendo. Vorrei anche che vi fossero sempre più adesioni, anche di livornesi, affinché possano portare il nome della nostra città in alto”. Come si pongono le donne di fronte alla formazione? “Bene, ne ho formate alcune e sono state alla pari degli uomini. Noi non facciamo differenza, le trattiamo in modo paritario, facendo svolgere loro lo stesso tipo di programma degli uomini”. Perché si diventa istruttori? “Per passione. Per la soddisfazione di trasmettere agli altri le nostre conoscenze”.

F.I.V: Federazione Italiana Vela

U

n anno intenso per il gruppo dei 5 formatori dello Yacht Club, conclusosi con l’abilitazione a formatori di secondo livello d’altura. Questo vuol dire che il gruppo potrà fare i corsi e gli esami agli istruttori che vogliono salire di livello. Ricordiamo i nomi del quintetto che già da tempo svolge il ruolo di formatori per chi vuole diventare istruttore: Andrea Aielli, Fabrizio Allegrini, Paolo Cristofani, Antonio Santalena, Massimo Gambacciani. Una bella soddisfazione per il gruppo rappresentato da Andrea Aielli che ci spiega:

Paolo Cristofani allenatore allo Yacht Club

381


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Dino Pelagatti

L’Arte nello Sport

L

ivorno ha sempre esercitato su di me un fascino particolare,come se vi fosse un rapporto atavico fra il mio “ego” e la sua atmosfera; da uno sguardo superficiale essa può apparire, sotto il profilo architettonico, piena di squilibri fra i vari stili dei suoi palazzi, ma se un attento osservatore riesce a inserire liberamente l’intero paesaggio nell’atmosfera magica che lo avvolge si accorge che tutto, come per un miracolo, è armonicamente valido: si può paragonare questa trasformazione a quella di certe signore non bellissime, magari con lievi difetti fisici, che attraverso un sortilegio femminile li sanno tramutare in pregi e appaiono alla fine affascinanti e interessanti.

Dino Pelagatti

Bisogna sempre tenere conto che questa città ha saputo ispirare grandi personaggi, basta nominare Fattori e i macchiaioli o la scuola labronica, per riuscire a capire che la maliarda seduzione che la città esercita su di me, deve avere avuto un influsso benefico su questi uomini famosi. Qui l’arte è di casa, è nell’aria che si respira, gli arti382

to, nessun maestro per intendersi che lo avesse particolarmente ispirato, ma era partito da un contesto generale di un periodo che ovunque, ma soprattutto a Livorno, imperava ancora. Nel corso degli anni ha cercato di imporre una sua pittura, personalissima e suggestiva al tempo stesso. L’istinto è una dote innata dell’artista, quello che in modo poetico si dice “la vocazione all’arte”; con lo studio, l’applicazione, la conoscenza delle varie scuole e tendenze, passate e presenti, lo si affina, spesso lo si migliora, qualche volta accade anche il contrario, ma non lo si perde, né si cancella mai; agisce, per fare un esempio pratico, come il richiamo atavico della foresta sugli animali. Dino Pelagatti ha saputo fare tesoro negli anni delle doti tecniche abbinate al suo istinto naturale.

sti sono sempre in continuo fermento creativo, vitale, attivo. Da decenni (come ama sottolineare l’importante critico italiano Domenico Pugliese) uno dei più rispettabili artisti labronici è Dino Pelagatti, artista di razza, anche per discendenza, dato che suo padre lo è stato a suo tempo e anche di un certo valore: non è un artista “nuovo”; infatti sono diversi anni che opera in questo campo : sarebbe più logico dire “ che esercita il mestiere del pittore” ma così scrivendo mi sembra di svilire l’opera dell’artista nel suo rapporto d’amore col mondo dell’arte. Dipinti di ottimo pregio sia per i suoi colori sapientemente fusi, sia per l’atmosfera diafana e sognante che riesce a dare ai vari soggetti. Merita attenzione l’aspetto tecnico dell’opera: in alcuni paesaggi il sole appare ora sfavillante, ora rossastro, ripreso sempre in modo tale che, in gergo pittorico è chiamato “controluce”; un modo non facile da eseguire e più complicato di altre tecniche, ma che riesce a dare effetti di luce notevoli. Pelagatti come tanti altri pittori, agli inizi è partito da un periodo legato allo stile e alla tradizione dei maestri della macchia che lo avevano preceduto nel tempo, egli non aveva nessun punto di riferimento Dino Pelagatti: “Omaggio al pattinaggio” preciso e ben radica-


L’arte nello sport in collaborazione con la Direzione Editoriale della rivista ARTE A LIVORNO… e oltre confine

Dino Pelagatti: “Le bagnati” olio su tela cm 60 x 80 (1995)

Vicino ad un mondo a lui affine, per un gusto innato, quasi aristocratico, le sue figure sembrano rievocare personaggi fine secolo o anni trenta, gli ambienti dipinti spesso ricostruiscono quei periodi storici, sociali e umani. Riesce a proiettare il suo mondo, reale, vivo, attuale e propone un discorso logico, razionale ed è al tempo stesso pieno di emozioni. Osservano i dipinti dell’artista si avverte l’intima poesia che egli sa trasmettere mentre li crea; come per magia getta i suoi colori, l’impasta addirittura con le sue emozioni, li rende vivi, pieni di movimento, aggraziati e colmi di un’atmosfera signorile, affascinante e sognante: è la sua anima romantica, la sua poesia, le melodie immortali che ascolta mentre dipinge che lo ispirano e lo guidano. Ecclettico pittore, affronta una varietà di soggetti che vanno dalle figure morbide e sinuose, ai nudi eleganti e misurati, le nature morte, le composizioni, le marine placide e serene o tempestoe e corrusche, le spendide visioni di Venezia immortalata nelle varie stagioni con l’atmosfera tipica della città lagunare, i lungomari livornesi, le composizioni di pesci, le scene di vita marinara, i fiori, cavalli al pasco-

lo ecc.Nel panorama della pittura moderna si è conquistato, con merito, uno spazio importante, un posto di privilegio grazie ad uno stile particolare, efficace e suggestivo. Numerosi i critici d’arte che hanno scritto sull’opera artistica di Dino Pelagatti tra cui : Piero Caprile - Pittore per vocazione, Dino Pelagatti, di estrema varietà, in rispettoso silenzio tra folle anonime, alla ricerca di un nuovo figurativismo nel tempo. Luigi Bernardi -… un ponte tra il passato ed il presente, tra una pittura non immemore di alcune suggestioni alla Natali (vedi l’uso dei colori puliti e luminosi), ed una pittura che si è accorta che qualcosa oggi è cambiato… tale mi sembra il senso dell’opera di Dino Pelagatti. Mario Marzocchi - Dino Pelagatti tutto sommato ha l’abilità di animare le sue tele di tanti personaggi, senza ca-

dere, per morbosa ansietà modernista in inintelleggibili confusioni… … è stato un piacere rivedere alla “Saletta d’arte del sindacato professionisti ed artisti” le ultime opere di Pelagatti dipinte con mano sicura a pennellate vibranti, calde e luminose che diremmo quasi di natura Mascagnana. Nivalco Provenzale – Dino Pelagatti, pittore labronico convinto che soltanto le idee giuste hanno diritto di vita, ha ragione quando spiega la sua pittura. È un paladino con una spada fiammeggiante in mano e tira tremendi fendenti… Mario Citti - Dino Pelagatti è Livornese ed ha respirato in questa atmosfera. È una figura di artista semplice,silenzioso e sincero. Silvia Fierabracci - …la sincerità è l’anima dei quadri di Dino Pelagatti e gli permette un’immediatezza comunicativa che non si traduce in una inadeguata ingenuità, bensì in una estrinsecazione della sua professionalità e maturazione intellettuale.

DINO PELAGATTI www.artealivorno.it/pelagatti

L’Arte nello Sport

www.artealivorno.it - Tel. 338 4885066

Dino Pelagatti: “Wind Surf”

383


F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

I

n equilibrio sulla cresta dell’onda sfidando la mareggiata. Oggi non rappresenta più una novità vedere appassionati di surf seguire il flusso delle onde più grandi sopra una tavola, ma quando i primi coraggiosi portarono la novità a Livorno, i più la considerarono come una ‘moda americana’ impraticabile nei nostri mari. Ed invece non è andata così, le onde ci sono, ed anzi Livorno è uno dei luoghi in Italia ad esserne meglio dotato, e lo sport si è sviluppato moltissimo raggiungendo, solo nella nostra città, più di mille appassionati. Ci facciamo raccontare la storia da Sole Rosi, uno dei fondatori del movimento surfistico labronico. “Il surf da onda ormai è una realtà affermata, ma quando iniziammo tutti ci presero in giro credendo che volevamo scimmiottare gli americani. I fondatori del surf a Livorno sono stati: mio fratello Jonathan ed io, Marco e Michele Romano, Michele e Maurizio Magri e Roberto Barbesino. Oggi le previsioni del tempo sono molto precise ed hanno aiutato molto lo sviluppo di questa disciplina, quando è annunciata una mareggiata puoi essere sicuro che ci sarà e questo ti permette di organizzarti con anticipo”. Come hai iniziato? “Era il 1985 ed avevo 14 anni. Decisi di seguire mio fratello che insieme ad altri due ragazzi avevano iniziato già l’anno prima. Tutto ebbe origine quando un amico di mio fratello tornò da un viaggio di lavoro negli Stati Uniti portandosi dietro una tavola da surf. La cosa suscitò in noi molto interesse e volemmo provare subito. All’epoca non c’erano negozi che vendevano l’attrezzatura, quindi dovevamo costruirci da soli le tavole. Compravamo il polistirene, il

Surf Sole Rosi sulla cresta dell’onda La vera storia del surf livornese di Antonella De Vito vetro resina, davamo una forma alla nostra tavola e la buttavamo in mare. Lentamente ci siamo perfezionati, ed oggi siamo ancora qui, sempre più appassionati di questo sport. Adesso ci sono anche tanti ragazzini attirati da questa disciplina a partire dai 9 anni. Possiamo dire che in città ci sono circa 1000 surfisti: un bel salto da quando iniziammo con il nostro gruppo di 8 - 10 persone”. Non potevate riadattare neanche le tavole da windsurf? “Il windsurf nato negli anni ’70 è una discipline diversa, le nostre tavole devono essere più piccole e leggere”. Il surf comprende più discipline? “Sì, c’è il longboard che è un surf meno aggressivo, più elegante, con manovre più lente e una tavolo un po’ più lunga e poi c’è lo short con tavola corta, più ag-

gressivo con manovre veloci, salti, curve ecc. Io ho sempre fatto lo short”. Hai avuto l’opportunità di partecipare a gare nazionali? “Sì, certo, anche a competizioni internazionali. Ho vinto delle gare regionali, nazionali e nel 1989 ho avuto la prima chiamata da quella che consideravamo la squadra nazionale di surf, anche se non esisteva ancora una vera e propria federazione, cosa del resto ancora oggi non ben definita”. Come andò? “Mi chiesero se volevo partecipare agli europei di surf e rappresentare l’Italia insieme ad altri due atleti livornesi. Non potevo dire di no, anche se non avevo i soldi per arrivare fino in Portogallo, ma mi inventai di tutto per non mancare, era un appuntamento troppo importante. Furono i veri primi europei e rappresentare l’Italia fu una cosa molto bella”. Qual è la vostra base di partenza? “Il Sale ad Antignano. Il surfista è molto affezionato al luogo dove è nato, poi naturalmente ci muoviamo, ed anche molto, ma quello lo sentiamo come il ‘nostro posto’, lo difendiamo, lo proteggiamo, ed anche i più giovani quando vengono hanno rispetto per quel luogo e per noi più ‘anziani’ che abbiamo lanciato e diffuso la disciplina a Livorno”. Che tipo di preparazione atletica svolgi? “Non faccio una preparazione particolare, mi piacciono tutti gli sport e mi alleno con diverse attività. Per fare surf bisogna avere una buona predisposizione a stare in acqua. Infatti, ho fatto agonistica nel nuoto, ancora oggi partecipo ai master ed ho praticato anche un po’ di pallanuoto. Mio padre, Massimo Rosi è stato il primo livornese a partecipare alle olimpiadi nella squadra del nuoto, I primi surfisti livornesi

384


“Prima si inizia e meglio è, magari con tavole grosse e con onde più piccole. Naturalmente prima di dedicarsi al surf bisogna saper nuotare bene”. È uno sport seguito anche dalle donne? “Sì, adesso ci sono molte atlete donne, non tanto a Livorno, ma basta andare in Versilia per trovarle”. La soddisfazione più bella che ti ha dato il surf? “È uno sport che faccio da trent’anni, ma in mare mi sento sempre giovanissimo. Quando arrivano le onde non capisco più

dissanguandosi, fortunatamente riuscimmo a portarlo in ospedale appena in tempo”. Quanto è necessario essere prudenti? “In mare bisogna essere sempre prudenti, qualsiasi cosa si faccia, anche se stiamo sugli scogli a prendere il sole. Certo chi fa surf deve essere ancora un po’ più prudente, perché comunque affronta il mare mosso e quindi ha qualche rischio in più. Inoltre, quando si esce in mare è sempre meglio essere in compagnia, in modo da poter essere aiutati o soccorsi in caso di pericolo”. Hai mai avuto paura? “Sì, diverse volte, ma questo non è mai bastato a farmi smettere, la passione è troppo grande”.

ficile. Un altro sogno più facile da realizzare è quello di rimanere sempre in questo mondo, per 10 anni ho avuto un negozio di surf: mi piacerebbe un giorno poterlo riaprire”. Quanto è pericolosa la pratica di questa disciplina? “Direi quanto gli altri sport. In Italia grossi problemi non ci sono, fortunatamente non si incontrano squali o scogli particolarmente insidiosi. Nella mia esperienza ho visto solo due incidenti gravi che comunque si sono risolti bene. In uno di questi un mio amico si infilò la punta del surf, che è molto affilata, nella gamba, proprio all’altezza della aorta. Stava

Un’esperienza da dimenticare? “Vedere qualcuno che si fa male”. Cosa manca al surf? A livello nazionale una vera federazione. A Livorno invece servirebbero più giovani dediti al surf, perché aumentino le possibilità di avere un grande campione labronico. In Italia adesso c’è un ragazzo di 14 anni molto bravo, si chiama Leonardo Fioravanti e tutti gli sponsor più importanti del mondo se lo contendono. Si sta allenando in Australia con gli istruttori migliori, speriamo che continui a rappresentare l’Italia anche in futuro”.

“Acquistare con la mia ragazza una casa a Forte Ventura dove vivere durante l’inverno, e poi in estate tornare a Livorno. Ma adesso abbiamo anche una bambina piccola e tutto diventa più dif-

F.I.S.: Federazione Italiana Surfing

quindi ho sempre frequentato la piscina fin da piccolo. Vado anche a correre, nuoto in mare, gioco a pallone, ecc.”. La caratteristica fisica di un surfista? “Il surfista dovrebbe essere basso, avere gambe corte e busto grosso per tenere il baricentro piuttosto basso. Questa è la caratteristica dei professionisti, io non sono così ma in mare ci vado ugualmente bene”. Quando si può iniziare?

niente, lascio tutto e vado in mare. La cosa più bella che mi dà questo sport è proprio la sensazione di gioventù. Soddisfazioni però ne ho avute anche quando andando all’estero ci siamo messi in luce, non sfigurando accanto ai grandi esperti americani o australiani”. Un sogno nel cassetto?

Nelle immagini il surfista Sole Rosi

385


V

Dama La culla della dama è a Livorno Alle imprese di Michele Borghetti, si aggiunge il titolo di vice campione del mondo di dama inglese la dama italiana, siano completamenti diversi. E Michele si è adattato a queste regole, raggiungendo quel prestigioso traguardo, con pochissimo allenamento, lasciando stupefatti tutti, sia qui in Italia, che nell’intero mondo damistico internazionale. In Italia tutti conoscono le straordinaria capacità di Michele (Miki per gli amici e per i suoi tantissimi tifosi), ma al di là dell’Oceano, a Cleveland, nell’Ohio, dove si è svolto il torneo mondiale, Miki ha suscitato entusiasmo misto a grande sorpresa. Al punto che le sue partite col campione del mondo Alex Moiseyev, russo naturalizzato americano, sono state considerate le più belle e ricche di contenuti tecnici fin da quando, nel 1847 (quindi ben 165 anni fa !!!) si è disputato il

primo campionato mondiale di dama inglese. Questo risultato straordinario si aggiunge a tutti quelli già conseguiti da Miki a livello internazionale e in Italia. Ricordiamo che, nonostante la sua attività sia molto rallentata negli ultimi 6 anni, Miki vanta la bellezza di 40 titoli italiani vinti, di cui ben 11 nell’Assoluto individuale, considerato il più importante. Ma, come suol dirsi… “nemo propheta in patria”. Il grande risultato di Miki è stato completamente ignorato da tutte le Istituzioni pubbliche livornesi; nessuna telefonata di congratulazioni, nessun sms, nessuna e-mail da chi dovrebbe essere orgoglioso di avere un cittadino alla ribalta mondiale. E questo nono-

Miki

mente diverse l’una dall’altra e questo, ovviamente, rende difficile praticare un sistema di gioco diverso da quello a cui siamo abituati. Per fare un paragone, è come se Bolt, grande campione della velocità sui 100 e 200 metri, all’improvviso diventasse vice-campione del mondo di… lancio del giavellotto. Le regole della dama inglese differiscono molto da quelle della dama italiana. Riportiamo solo quelle principali: 1) la pedina può mangiare la dama; 2) quando si tratta di mangiare pedine o dame avversarie, si può tranquillamente scegliere, ad esempio, se mangiare tre dame oppure una sola pedina. Questo fa sì che i ragionamenti e le tattiche, per chi è abituato a giocare solo

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

ice-campione del mondo di dama… inglese!! Incredibile ma vero. Stavolta Michele Borghetti ha compiuto un’impresa che va al di là di ogni più ottimistica previsione. E ne spieghiamo i motivi. Nel gioco della dama, a differenza ad esempio di quello degli scacchi, esistono tantissime versioni, con regole completa-

Miki sta analizzando una partita di dama internazionale

387


F.I.D.: Federazione Italiana Dama 388

stante che tutti i più importanti giornali nazionali, sportivi e non, (dalla “Gazzetta dello Sport” a “Libero”, da “l’Unità” a “Il Giornale”, dal “Corriere della Sera” al “Messaggero” e molti altri a tiratura nazionale, fino al sito del Coni, per non parlare di quelli più prettamente nostrani (Il Tirreno, La Nazione, Quilivorno, Amaranta, ecc.) abbiano dato ampio risalto all’impresa di Miki. Se ne è occupata la Rai, e se ne sono occupate tante televisioni, ma la notizia sembra sfuggita a tutte le autorità e ai vari assessorati livornesi. Che coincidenza!!!! L’amarezza aumenta quando si pensa a quanta attività, completamente gratuita, sia stata svolta da Miki e da altri giocatori del Circolo livornese, nelle scuole cittadine. Pazienza… E purtroppo non è la prima volta che le Istituzioni cittadine snobbano i grandi risultati ottenuti da Miki a livello mondiale. Infatti, il 18 agosto 2003 ha stabilito un record mondiale che ha dell’incredibile: a Varazze (SV), giocando 23 partite “alla cieca”. Come funziona il gioco “alla cieca”? Michele comunica ad alta voce la propria mossa, damiera per damiera, e ogni volta l’arbitro esegue quanto detto da Miki effettuando la mossa sulla damiera del rispettivo avversario. A sua volta ogni avversario effettua la propria mossa e l’arbitro la comunica a Miki attraverso l’altoparlante. Miki ha vinto 17 partite, 6 le ha pareggiate e non ne ha perduta nessuna, nonostante la difficoltà della prova e nonostante che gli avversari fossero tutti bravi giocatori ai quali sarebbe stato assegnato un soggiorno gratuito di alcuni giorni a Varazze in caso di vittoria. Ma nessuno ha potuto usufruirne. Finita la fantastica esibizione, durata circa 7 ore, Miki ha ricostruito sulla damiera, davanti agli attoniti spettatori, tutte le partite giocate evidenziando a coloro che avevano perduto, dove era l’errore commesso e come avrebbero dovuto giocare. Per chi conosce bene il mondo della dama, si tratta di qualcosa di incredibile… ma vero!! Ebbene, come abbiamo accennato qui sopra, non fu concesso il minimo aiuto per far sì che il tentativo di record mondiale “alla cieca”, poi riuscito, si

svolgesse nella nostra città. E questa esibizione spettacolare, che poi come detto si svolse a Varazze, vide la presenza di migliaia di spettatori ed ebbe una risonanza incredibile su tutti i maggiori giornali nazionali. Anche la rivista scientifica Quark dedicò un bellissimo articolo a Miki; ma, si sa, la dama si gioca con la testa e i muscoli del cervello non offrono spettacolo o quanto meno così si crede. Anche se, come ogni sforzo intellettuale, al termine della giornata un giocatore di dama è forse più stanco di uno che dà due pedate ad un pallone. Quando si parla di sport sono pochi coloro che vi includono la dama e gli scacchi. Eppure entrambi risalgono a moltissimi secoli fa e si caratterizzano per loro peculiarità: quella di essere noti come “sport del cervello”. Non è poco e non c’è dubbio che sia così. Il gioco della Dama fu in uso già presso gli antichi greci e romani e sembra che fosse conosciuto a Roma con il nome di “ludus latrunculorum”. A titolo di curiosità, la lunga quanto inutile dissertazione sulle difficoltà attribuite alla Dama o agli Scacchi, può essere chiusa non tanto con l’opinione del celebre novelliere e scrittore Edgar Allan Poe, morto a soli 40 anni nel 1849, il quale scriveva “… le massime facoltà dell’intelletto riflessivo sono più decisamente e più utilmente messe a prova dal modesto gioco della dama che non da tutta la complicata frivolezza degli scacchi” quanto dall’affermazione del Dott. Marion Tinsley, topologo del Dipartimento di matematica della Florida ed uno dei più grandi giocatori di dama inglese che sia vissuto: “Giocare a Scacchi è come guardarsi attorno in un oceano senza fine; giocare a Dama

è come guardare in un pozzo senza fondo!”. Ognuno tragga le proprie conclusioni, ma resta il fatto che entrambi i giochi possono e debbono essere un invito ai giovani e soprattutto ai genitori, che spesso vivono nell’ansia per i propri figli, preoccupati per la loro ricreazione e per i loro passatempi, spesse volte inutili quanto dannosi. Finendo con Miki, diciamo che a livello nazionale è detentore di una serie infinita di record assoluti, il più esaltante dei quali sono le 11 vittorie nei Campionati italiani assoluti su appena 16 partecipazioni!!! E, come abbiamo detto, i titoli, nelle varie discipline, sono ben 40. Inoltre: 1) 1° in contemporanea nelle due classifiche nazionali di dama italiana e di dama internazionale. Unico giocatore ad essere riuscito in quest’impresa 2) 16 anni e 9 mesi e 18 giorni: a fine 1989 era già Maestro in entrambi i sistemi di gioco, il maestro più giovane della storia damistica. 3) 23 avversari affrontati in simultanea alla cieca il 18 agosto 2003 a Varazze (SV) con 17 vittorie, 6 pareggi e nessuna sconfitta 4) 6 punti: massimo distacco inflitto al secondo classificato in un campionato italiano assoluto (1999)


tonio Coppoli, 1 di Manlio Ganni, Renzo Ambrosi e Claudio Ciampi, quest’ultimo di Piombino. Purtroppo, a parte Michele Borghetti e Claudio Ciampi, tutti gli altri giocatori appartengono oramai al mondo dei più. A questi vanno aggiunti altri grandi giocatori, partendo da Franco Manetti, vincitore di ben 14 titoli italiani a squadre, oltre ad altri minori. Questo giocatore ha vinto addirittura il primo campionato a squadre nel 1964 e l’ultimo nel 2010!; una longevità che certamente non si trova negli sport prettamente muscolari. Altri livornesi che si sono distinti a livello nazionale, sia vincendo titoli, sia vincendo grandi gare, sia per aver raggiunto la categoria di Maestro, sono: Ivo Bertini, Gianfranco Borghetti, Libero Coresi, Marcello Fantozzi, Tersite Gascio, Arturo Gennari, Luciano Gennari, Piero Greganti, Guido Greganti, Alessandro Malotti, Gianfranco Mariani, Umberto Pes, Mario Vestri e altri ancora. Ma la storia della dama a Livorno non si esaurisce con i nomi di questi Campioni di cui abbiamo appena parlato; Livorno ha sempre eccelso anche in altri campi, da quelli organizzativi a quelli arbitrali. Tuttora la nostra città detiene il record di partecipazioni ad una gara di dama: ben 217 nel gennaio 1985, nei saloni di Villa Pendola, e questo nonostante una bufera di neve e l’influenza che aveva bloccato mezza Italia. In

campo arbitrale il nostro Gianfranco Borghetti è l’italiano che ha diretto più gare e campionati nazionali e internazionali, ivi compresi molti campionati mondiali. È anche il più longevo in attività, avendo iniziato l’attività nel lontano 1961. Oggi si continua a giocare a dama, ospiti del Circolo Ricreativo dell’Atl in via della Galere 14, e ogni giovedì e sabato pomeriggio i locali del Circolo sono teatro di incontri fra i numerosi soci. Oltre ai “veterani” Ivo Bertini, Franco Manetti e Gianfranco Borghetti, ci si ritrovano il Campionissimo Michele Borghetti, il bravissimo e promettente Matteo Bernini (attualmente la migliore promessa livornese), e i sempre attivi e combattivi Giuseppe Amoroso, Fulvio e Paolo Blandina, Massimo Boldrini, Andrea Cardosi, Danilo e Luciano Conterio, Simone Ghezzani, Mauro Giusti (uno dei più grandi collezionisti esistenti di libri di dama e scacchi), Gabriele Langella, Irene Persico e altri appassionati occasionali. L’auspicio è che questo nobile gioco, le cui origini si perdono nella notte dei tempi, continui ad essere diffuso anche e soprattutto con le nuove generazioni, in un mondo in cui, troppo spesso, il ragionamento del proprio cervello viene messo da parte per lasciare il posto a quello che fa la tecnologia.

F.I.D.: Federazione Italiana Dama

5) 1,591 (1999): migliore media punti realizzata in un campionato italiano assoluto 6) 35 punti (1999): massimo punteggio ottenuto in un campionato italiano assoluto 7) 13 vittorie (1999): maggior numero di vittorie ottenute in un campionato italiano assoluto 8) 141: maggior numero di partite consecutive senza sconfitta giocate in campionati italiani assoluti 9) 7 vittorie consecutive (1999/2005 compresi) nell’assoluto di dama italiana La serie si è interrotta in quanto non ha più partecipato. 10) 12 su 16 partecipazioni: maggior numero di campionati assoluti di dama italiana terminati imbattuto (1991, ‘92, ‘93, ‘95, ‘96, ‘97, ’98, ‘99, 2000, 2002, 2003 e 2005). 11) Campione italiano assoluto sia a dama italiana che a dama internazionale. 12) 20 anni, 9 mesi e 18 giorni: Grande Maestro di dama italiana più giovane nella storia. Titolo assegnato a chi vince due campionati assoluti. 13) 1 sconfitta in 209 partite di campionato assoluto. 14) 12 gare vinte consecutivamente. 15) 12 partite vinte consecutivamente in torneo. 16) 2 volte, nel 2004 e 2005, ha vinto, impresa difficilissima, il titolo assoluto sia a dama italiana che a dama internazionale. Vincere nello stesso anno i due titoli aveva un unico precedente: Marino Saletnik di Trieste nel 1969. Finiamo con Michele dicendo che nel febbraio 2012 ha ricevuto a Firenze il Premio Pegaso della Regione Toscana, riservato ai suoi migliori atleti, per il titolo di vice-campione del mondo. Silenzio, assoluto, come abbiamo già detto, dalle Autorità cittadine.

Altri damisti livornesi

Tornando alla “Livorno damistica” c’è da ricordare che la nostra città, a prescindere da Michele Borghetti, è sempre stata considerata la culla del gioco della dama. Nel Campionato italiano assoluto, quello più importante, agli 11 titoli di Michele ne vanno aggiunti 7 di Piero Piccioli, 2 di Nelusco Botta e An-

Franco Manetti (a dx) contro Paolo Faleo, campione assoluto nel 2007

389


I

Scacchi Un lungo anno di attività per lo scacchismo livornese Giocatori nazionali e internazionali per competizioni di tutti i livelli di Carlo Falciani vornese fosse una buona idea, è stato però modificato l’aspetto cromatico, passando dal rosso scuro all’azzurro carico, in omaggio al mare della nostra città. Sono stati anche presi accordi con il Circolo Dipendenti della Provincia di Livorno per l’utilizzo, una volta alla settimana, della loro sede, in via G. Galilei 56: il locale sarà a nostra disposizione il giovedì sera, a partire dalle 21.15. L’importanza di questo spazio è evidente: consente a quanti sono occupati durante il giorno di poter giocare. Altra opportunità ci è stata data il sabato dalla Libreria Gaia Scienza con la possibilità di organizzare tornei interni, cosa invece non possibile con i tornei sociali

e gli incontri del CIS, perché richiedono un’atmosfera che ovviamente le necessità del negozio non possono offrire e quindi non sarebbero rispettati i criteri imposti dalla stessa Federazione. Comunque con la Libreria Gaia Scienza sono stati stretti ancor di più i rapporti. Inutile sottolineare l’importanza che ha per noi questo sodalizio. La visibilità che ci permette, il carattere ideale delle riunioni che si tengono il sabato, la possibilità di usufruire dei locali così adatti alla nostra attività, il sostegno concreto che abbiamo ricevuto per i tornei, la sponsorizzazione del gioco vivo attraverso la diretta collaborazione nelle manifestazioni torneistiche individuali e a squadre fanno del nostro rapporto con la libreria una grande occasione di sviluppo. In questa prospettiva è stato deciso, su proposta del Direttore della Libreria Franco Ferrucci, di allargare le possibilità di gioco. Infatti al secondo piano, dove ci riuniamo il sabato, sono stati collocati permanentemente, alcuni tavolini con scacchiera a cui sarà possibile, per i soci, giocare sia la mattina che il pomeriggio.

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

l 27 dicembre 2010 si è svolta la prima riunione del nuovo Consiglio Direttivo del Circolo Livorno Scacchi, le cui cariche, dopo votazione, sono risultate essere le seguenti: Carlo Falciani - Presidente Riccardo Franceschi - Vicepresidente e delegato tecnico agonistico Alessandro Rizzacasa - Segretario Ennio Panizzi - Tesoriere Valerio Leone - Consigliere Le prime decisioni del consiglio sono state quelle di mantenere il nome Asd Livorno Scacchi, perché è sembrato chiaro, semplice, elastico (consente eventuali variazioni, se necessario, con scarso impatto) e amabilmente tradizionale. Mentre è stato deciso di cambiare il logo perché il simbolo del Comune all’interno del vecchio logo aveva creato problemi sulla legittimità dell’utilizzo dello stemma municipale; è stata pertanto scelta una composizione ideata dagli scacchisti livornesi nell’Ottocento, che si trova sul frontespizio del volume di Paolo Marchettini (medico livornese scacchista) Secondo congresso e torneo scacchistico nazionale italiano in Livorno, Meucci, Livorno, 1880. Si tratta di una scacchiera sormontata da una corona regale, simbolo degli scacchi; è parso che proporre un simbolo della grande tradizione scacchistica li-

L’attività

Torneo Gaia Scienza invernale

Anche nell’anno 2011 l’attività agonistica del Circolo Livorno Scacchi è stata particolarmente intensa ed è partita il 14 gennaio con la 9a edizione del Torneo Provinciale di Livorno, valevole come ottavi di qualificazione per il 71° Campionato Italiano Assoluto, conclusosi domenica 16 gennaio; il Torneo, sponsorizzato dalla Libreria Gaia Scienza ha avuto come sede di gioco i locali del Circolo dipendenti della Provincia, 391


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana 392

in via G. Galilei. Ai nastri di partenza si sono presentati 18 concorrenti livornesi, pisani, fiorentini ed anche un forte scacchista di Lecco. Nome di punta degli iscritti era il Maestro Francesco Rinaldi di Manfredonia, ma dimorato a Pisa da anni, seguito da ben 7 CM e dal nutrito quanto variegato gruppo dei restanti giocatori, divisi tra tutte le categorie inferiori. Il torneo è stato meritatamente vinto dal CM Riccardo Franceschi che si è aggiudicato il titolo per la 4a volta con 4 p. A ruota 4 giocatori con 3,5 p.; per spareggio tecnico però la piazza d´onore è toccata al CM Giancarlo Cheli, ed il 3° posto al lecchese Riccardo Annoni. Il vincitore, CM Riccardo Franceschi, da anni tra i più significativi giocatori livornesi, ha concluso imbattuto, con tre vittorie e due patte. Gli ultimi due turni sono stati, come normale, determinanti per la vittoria finale. Al 4° turno, si sono affrontati Rinaldi e Franceschi ciascuno con 2,5 p. all´attivo, ed il livornese, approfittando di un imprecisione dell’avversario, è riuscito a superare il forte antagonista. Franceschi al 5° turno ha affrontato il CM Annoni di Lecco, il quale avrebbe dovuto assolutamente vincere per sperare di arrivare primo. La partita è stata molto incerta ed interessante, e si è conclusa, dopo quattro ore di gioco, in parità, una parità che assicurava al giocatore locale la vittoria finale. La nota un po’ dolente della manifestazione però è stato il numero di iscrizioni, in-

feriore alle attese. Questo circolo si farà sicuramente carico, dalla prossima edizione, di ricostruire le condizioni perché il Torneo Provinciale assuma sempre più peso e raccolga una schiera di giocatori il più possibile nutrita e di livello. D’altra parte si attende che chi ha a cuore gli scacchi sul territorio, per primi i giocatori stessi, guardi al torneo provinciale non come al parente povero o poverissimo dei grandi tornei che si svolgono in Toscana ogni anno (Montecatini, Lucca, Internazionale di Livorno...), ma come una vera occasione di crescita per lo scacchismo.

Il corso

Nei mesi di febbraio e marzo si è svolto, ancora alla Gaia Scienza, il martedì e il giovedì, un nuovo corso elementare di scacchi, denominato di “livello II”, che ha avuto la caratteristica di essere più approfondito rispetto ai corsi base già svolti; condotto dell’Istruttore Elementare FSI Alessandro Rizzacasa, il corso si è articolato in 10 lezioni

I tornei

Venerdì 8 aprile alle ore 21 si è disputato alla Libreria Gaia Scienza, un incontro a squadre su sei scacchiere fra le rappresentative dei circoli scacchi di Livorno e Cecina, con tempo di riflessione di un’ora a giocatore. La vittoria del Circolo Livorno Scacchi, sugli amici di Cecina, è stata netta ancorché estremamente combattuta, con assenze importanti sia tra i giocatori del circolo di Cecina che di Livorno. Sempre nel mese di aprile si è concluso

Il Torneo sociale di Primavera, svoltosi nel periodo febbraio/aprile, nei locali del Circolo dipendenti Provincia di Livorno; a trionfare è stato ancora una volta il CM Riccardo Franceschi con 4,5 punti su cinque incontri, primo per spareggio tecnico sul numero uno nazionale Maurizio Soventi, anch’esso con 4,5 punti finali; terzo Valerio Leone, con 3 punti. Come sappiamo una delle caratteristiche di ogni circolo che si rispetti è la capacità di mettere in movimento le forze di base e, sebbene nel corso del tempo l’azione dell’associazionismo tutto, non specificamente scacchistico, è venuta diminuendo in modo vertiginoso, non di meno ci è sembrato necessario proporre ancora questo tipo di manifestazione che ci pare possa rappresentare tutt’oggi il mattone fondamentale dell’esistenza stessa di una associazione come la nostra. Con il torneo sociale si ripropone la più pura tradizione scacchistica di base e si dà l’occasione autentica ai giocatori livornesi, che idealmente dovrebbero essere radunati tutti nel nostro circolo (e desidereremmo che questo accadesse) di confrontarsi tra loro e insieme

La simultanea

Il 14 maggio si è svolta alla Libreria Gaia Scienza, la simultanea del Maestro livornese Andrea Raiano. Una simul-


Il semilampo

La settimana seguente, sabato 21 maggio, ha avuto luogo, sempre alla Libreria Gaia Scienza, il 3° Semilampo Gaia Scienza; anche dal punto di vista organizzativo questo torneo, ospitato negli accoglienti locali della Libreria che dà il nome alla manifestazione, è andato decisamente bene avendo radunato molti ottimi giocatori, producendo un gioco di ottima qualità e attirando progressivamente sempre più spettatori interessati; vittoria netta del CM lucchese Francesco Frugolo, con 5,5 punti su sei partite, davanti al CM Giancarlo Cheli, con 4,5, che ha preceduto, per spareggio tecnico, il Maestro

Fide Claudio Evangelisti ed il CM Kai Naubauer

Gli scacchi e le donne

Giovedì 23 giugno, Alessandro Rizzacasa ha tenuto un incontro sul tema “Gli scacchi e le donne”, questione infinitamente dibattuta che riguarda il rapporto tra i sessi e molte questioni spinosissime: nessuna donna è mai arrivata nemmeno a sfiorare la possibilità di diventare campione del mondo di scacchi; una sola donna, la più forte di sempre, è l’unica ad essere entrata nella top ten mondiale dei giocatori di scacchi; le donne sono un numero estremamente piccolo del totale dei giocatori... perché? A senso in un gioco dell’intelligenza? Esistono diverse capacità cognitive fra uomo e donna? E perché gli scacchi selezionano come più forti i maschi? Ma gli scacchi sono un gioco intelligente? Inoltre, chi sono le scacchiste? Chi erano le scacchiste in passato? Personaggi che affrontavano un mondo integralmente maschile e maschilista: con quale spirito? come facevano? Chi era la fiorentina Clarice Benini, che fu vice campionessa femminile del mondo? E la tedesca Sonja Graf, che schiaffeggiò il nazismo rifiutandosi di tornare in patria, era in Sud America, all’ascesa di Hitler? E la cecoslovacca Vera Mencick, campionessa del mondo negli anni Trenta a cui il destino dette un appuntamento beffardo e tragico nella Londra bombar-

data dalle V2? E Judith Polgar, la più grande giocatrice di tutti i tempi, che non ha mai partecipato ad un torneo femminile?

Torneo Internazionale Città di Livorno

L’attività di questa prima parte dell’anno si è configurata sostanzialmente come preludio al grande evento estivo, cioè al Torneo Internazionale Città di Livorno, che si è tenuto dal 1° a 3 luglio. A proposito del Torneo Internazionale è pleonastico sottolineare la soddisfazione di veder allungare la striscia delle edizioni di questa competizione, giunta alla sua VII. Nessuno poteva immaginare che gli sforzi compiuti nel 2005 per avviare il primo torneo avrebbero condotto a vararne uno ogni anno, pur in una situazione progressivamente meno agevole per il ridursi costante di sostegno finanziario e logistico. Nonostante ciò anche in questo 2011, con il Presidente Carlo Falciani in prima linea, il circolo è riuscito ad offrire agli appassionati una manifestazione di ottimo livello. Livorno meriterebbe, nel mondo degli scacchi, un ritorno sempre più deciso verso una celebrità a cui, senza dubbio, storicamente appartiene. Se in Italia c’è stata una rinascita dello scacchismo questa è dovuta certamente a Livorno. Infatti, la nostra città, giusto per ricordare qualcosa, con i suoi appassionati giocatori del XIX secolo

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

tanea è quella particolare esibizione scacchistica in cui un giocatore di chiara fama si misura con un certo numero di avversari contemporaneamente. Il M° Andrea Raiano ha vinto il campionato italiano Uisp nel 1986 ed è stato vicecampione nel 1985 a soli 21 anni. Attualmente è l’unico maestro della Federazione Scacchistica Italiana di tutta la provincia di Livorno. Già “sostenitore” di simultanee in passato, ha accolto il nostro invito dando la possibilità ai soci di misurarsi con un vero maestro; la manifestazione, alla quale hanno partecipato quindici giocatori in contemporanea, ha avuto il brillantissimo risultato finale, per il Maestro Raiano, di quattordici vittorie ed una patta.

La simultanea del Maestro livornese Andrea Raiano

393


ti su cinque partite, ha superato per spareggio tecnico l’ottima 2N torinese Gianfranco Benenati, il quale ha inflitto l’unica sconfitta al vincitore, dopo una partita a fasi alterne e con un finale appassionante; terzo, con 3,5 punti un altro livornese, la 2N Filippo Banti, a cui è mancata forse un po’ di continuità. Vittoria netta, nell’Open C, del giovanissimo Edoardo Favilli, classe 1999, che con 4,5 punti ha sfiorato il “cappotto”, mostrando una sicurezza e una maturità scacchistica inaspettata in un ragazzo della sua età; secondo classificato, a sorpresa, l’esordiente Roberto Falciani, sconfitto solamente nell’ultima partita, forse più che altro per un calo di concentrazione, e senza la quale avrebbe potuto contendere la vittoria al giovane vincitore. La manifestazione, nonostante il non elevato numero di partecipanti, ha confermato, per il settimo anno consecutivo, una organizzazione minuziosa ed una ricerca di sedi in cui giocare che possano offrire ai partecipanti ambienti confortevoli e soft; la “Bottega del caffè”, infatti, oltre ad essere molto spaziosa ed accogliente, con i suoi soffitti a volte, è stata molto apprezzata per le sue virtù… climatiche, perché essendo costruita all’antica, con muri molto spessi, ha garantito una temperatura difficilmente auspicabile nel mese di luglio, senza la presenza dell’aria condizionata.

3° Torneo semilampo di scacchi F. Caprilli

A due passi dal mare, di fronte all’Accademia Navale, si è svolto, nella suggestiva cornice dell’Ippodromo di Livorno, il 3° Torneo semilampo di scacchi F.Caprilli, organizzato, sabato 6 agosto, in collaborazione con Alfea Spa. Nutrito, oltre ogni più rosea aspettativa, il lotto di partecipanti; i 34 giocatori erano equamente distribuiti tra Maestri e Candidati Maestri ed altre categorie, fino ad arrivare ad un significativo numero di esordienti. La manifestazione è iniziata a metà mattina e si è svolta, in otto turni di 15’ a giocatore, con un susseguirsi frenetico di partite, molte delle quali al cardiopalmo per l’estrema incertezza del risultato fino agli ultimi secondi concessi dall’orologio. Nel 7° turno il CM livornese Marco Ceccarini vinceva per il tempo (con il proprio orologio che segnava un solo secondo...) con il M di Carrara Luca Nelli, logico favorito del torneo insieme al MF pisano Claudio Evangelisti, così la classifica dopo il settimo turno vedeva appaiati a 6 punti Ceccarini e Lasio inseguiti da un gruppetto di cinque giocatori a 5,5 punti; l’ottava partita riservava l’ultimo capovolgimento di fronte, in quanto il CM Lasio Millo, veniva sconfitto dal CM Andrea Giuntoli, mentre Ceccarini pattava, in una partita estremamente combattuta, con il MF Evangelisti, assicurandosi la vittoria del torneo con 6,5

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

varò la Nuova Rivista degli scacchi, l’unico periodico ottocentesco di respiro nazionale paragonabile alle altre pubblicazioni europee, che dette un impulso imprescindibile al riallineamento dello scacchismo italiano con quello internazionale, e formò individui della levatura di Luigi Miliani, il quale rimase alla guida della federazione italiana per oltre un quarantennio e si sedé davanti alla scacchiera. Il VII Torneo Internazionale, svoltosi tra le accoglienti mura della “Bottega del Caffe”, sede del Circolo dipendenti Comunali, ha visto il successo sul filo di lana del MI serbo Andjel Dragojlovic che ha concluso la manifestazione imbattuto, con 4 punti in 5 partite, superando per spareggio tecnico il GM Igor Efimov, naturale favorito del Torneo, che però non è andato oltre la patta sia con il vincitore, sia con l’altro MI, il macedone Atanas Kizov classificatosi terzo con 3,5, davanti ai due alfieri del Circolo Livorno Scacchi, superati anch’essi per spareggio tecnico, il CM Marco Ceccarini, 4° con 3,5 punti, ed il CM Riccardo Franceschi, 5° classificato. I venti partecipanti all’Open A si sono dati battaglia fino all’ultima mossa dando vita ad un torneo che fino all’ultimo turno non faceva intravedere un sicuro vincitore. Nell’Open B, nel quale erano presenti 16 giocatori, trionfo del livornese Alessandro Rizzacasa che, con 4 pun-

Torneo Internazionale Città di Livorno

395


F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

Scacchi viventi in costume

Torneo semilampo di scacchi F.Caprilli

punti in 8 partite; secondo, per spareggio tecnico, con 6 punti si classificava il CM Lasio Millo, davanti al M Luca Nelli ed al CM Andrea Giuntoli, anch’essi con 6 punti finali. Alle spalle dei “grossi calibri”, tra i quali si è inserito anche il giovanissimo Ivan Carosi, quinto assoluto con 5,5 punti, si è svolta una battaglia molto agguerrita tra 1,2 e 3 nazionali, tra le quali sono emersi due giocatori 3N, Francesco Genovesi, ottavo assoluto, e Bracci Armando, tredicesimo. Mattia Manzon ha vinto la medaglia tra i NC. Il torneo F.Caprilli, alla sua terza edizione, sta vivendo un crescendo di qualità e di popolarità da poter essere annoverato tra i tornei, non omologati, con un seguito di giocatori di maggior rispetto.

tipi. La vittoria è andata al Maestro Fide Claudio Evangelisti con 5 punti su sei partite, davanti, per spareggio tecnico al CM Francesco Frugoli, vincitore della precedente edizione del Torneo; terzo, con 4,5 punti, il sorprendente 2N Filippo Banti, che ha preceduto giocatori più titolati e maggiormente accreditati per un piazzamento di prestigio.

Stagione Scacchistica Livornese 2011-2012

Quest’anno, per la prima volta, abbiamo presentato l’attività che pensiamo di proporre secondo una scansione di appuntamenti che andranno a formare la Stagione Scacchistica Livornese 2011-2012. Negli ultimi anni infatti ha preso forma, con cadenza piuttosto regolare, un

4° Torneo Gaia Scienza d’autunno

Il 12 novembre si è tenuto il 4° Torneo Gaia Scienza d’autunno. Si tratta di un semilampo open che finora ha sempre avuto ottime risposte sul piano della partecipazione; inoltre comincia ad avere una certa circuitazione in Toscana, essendo già alla sua IV edizione e non è affatto escluso che, d’ora in poi, possano apparire nomi particolarmente importanti. La formula semilampo si è dimostrata ideale per chi non ama giocare veloce e attira giocatori di tutti i 396

Anche quest’anno il nostro Circolo ha proseguito la collaborazione con l’Associazione Culturale “La Livornina” per la messa in campo di due manifestazioni di “Scacchi viventi in costume”, in particolare nel mese di luglio a Castell’Anselmo e nel mese di novembre a Suvereto; questo tipo di evento, al quale il nostro Circolo fornisce collaborazione tecnica mettendo a disposizione un giocatore ed un conduttore del gioco, nonché un mossiere che trasferisce ai figuranti sulla scacchiera gigante le mosse effettuate dai giocatori al tavolo, rappresenta un modo attraente e divulgativo del gioco degli scacchi, riuscendo ad unire un gioco sicuramente impegnativo allo spettacolo fornito dalla magnificenza dei costumi messi in campo da “La Livornina”.

Torneo semilampo di scacchi F.Caprilli


Campionato Italiano a squadre

Nel Campionato Italiano a squadre, importante competizione che si svolgerà tra febbraio e marzo, quest’anno saremo in grado di allestire anche una squadra femminile, oltre alle due squadre maschili, una di fascia alta che gareggerà in serie B ed una di fascia bassa che gareggerà in promozione. Per questa importante esperienza sono già state contattate le giocatrici che presumibilmente faranno parte della compagine; la formazione di questa squadra di giocatrici è stata possibile

grazie al notevole impulso che abbiamo ricevuto dal mondo femminile che, in controtendenza, si è rivelato appassionato della disciplina molto di più di quanto potevamo attenderci. Siamo particolarmente contenti della costituzione di questa compagine, perché la nota diffidenza delle donne per gli scacchi e il numero esiguo di giocatrici rispetto al totale dei giocatori, troppo spesso condizionano la possibilità di mettere in campo una squadra femminile, soprattutto per una realtà associativa tutto sommato molto piccola come la nostra. Ciò significa, crediamo, che il nostro lavoro è stato fatto sufficientemente bene e che possiamo contare su un potenziale di giocatrici meno esiguo di quello che potremmo immaginare. Nostro prossimo obiettivo è l’avvio di iniziative rivolte specificamente ai bambini, verso cui è necessario operare al meglio per creare una base capace di assicurare un futuro agli scacchi nella nostra città.

Riteniamo di essere riusciti, nel complesso, a portare a termine, nell’anno 2011 tutti gli impegni che ci eravamo assunti, sia dal punto di vista organizzativo che agonistico. Le manifestazioni più importanti si sono rivelate un buon investimento in termini sportivi: sia il torneo Provinciale, svoltosi a gennaio, sia quello internazionale, nostro fiore all’occhiello, caduto nello scorso luglio, sia i due Tornei “Gaia Scienza”, sia il semilampo agostano organizzato presso l’ippodromo. Bene è andato anche il corso per principianti, tanto che anche il prossimo anno verrà messo su un’altra iniziativa analoga tra febbraio e marzo. Altra novità importante di questo fine anno è che dal mese di dicembre, il sabato potremo giocare anche presso il Circolo Cral Atl in via delle Galere 16. Questo avverrà durante i sabato del mese in cui non saremo alla Gaia Scienza che ha bisogno dello spazio, riservatoci fino ad ottobre, per una importante iniziativa interna. Presidente A.S.D Livorno Scacchi

F.S.I.: Federazione Scacchistica Italiana

vero e proprio calendario di iniziative che abbiamo ritenuto giusto offrire come una serie di appuntamenti preordinati la cui progressione scandirà, quasi mese per mese, il nostro operare. Il 1° ottobre, presso la Libreria Gaia Scienza, abbiamo infatti tenuto una presentazione formale della stagione, alla quale abbiamo invitato gli organi di informazione locale; numerosa è stata la partecipazione dei soci e degli appassionati livornesi

Scacchi viventi in costume

397


GRAZIE! Indice commerciale

dell’Almanacco A Abate, movimento terra -Livorno..................................... 134 ACI Livorno.......................................................................................64 ACI Vicarello, di A.p.a.m. Ughi........................................... 292 A.G. Multiservice - Livorno.................................................. 314 Agostini - Livorno. .......................................................................86 AIL - Sez. Prov.le Livorno. ........................................................32 Alda Brogi, cerimonie - Livorno............................................34 Centro dimagrimento estetico............................................. 152 Amaranto Racing, officina riparazioni - Livorno...... 210 ARCI La Rosa, Circolo Polisportivo - Livorno. .............. 160 Assimar - Livorno.............................................................6 Aretusa Costruzioni - Livorno............................................. 154 Associazione Ginnastica Livornese. ................................ 150 Associazione Ippica Livornese........................................... 332 Atletica Livorno - UISP Agostini Livorno. .......................80 Autofficina plurimarche - Livorno......................................75 Autoscuola Toscana - Collesalvetti.................................. 300 AVIS comunale Livorno................................................................ 6 B Balestrini Triathlon Team - Livorno................................. 348 Banks Sails, regate e crociere - Livorno. ........................ 376 Baroncini Nello, conc. Peugeot - Livorno. .................... 244 Bettarini, noleggio autogru - Livorno............................ 310 Blue Angels, Baseball - Livorno. ..........................................90 Busdraghi, servizio pedicure. .............................................. 302

C Caccia e pesca - Livorno. .......................................... 248 - 256 Caffè Smeraldo, Gall. Smeraldo - Collesalvetti. ....... 232 Capraia Isola....................................................................................... 4 Carige Assicurazioni - Licorno...............................................22 Carletto Moto, conc. Honda - Livorno............................ 190 Carrozzeria Elleci - Livorno. ................................................. 286 Carrozzeria Franchi - Livorno.............................................. 196 Carrozzeria La Stazione............................................................ 216 Carrozzeria Nuova Azzurra Car - Livorno. .................... 258 Carrozzieri Riuniti - Livorno. ............................................... 374 Catarsi, serramenti - Livorno............................................... 102 Centro dimagrimento estetico............................................. 152 Cerretini, Officina/carrozzeria - Livorno. ...................... 362 Contar, costruzione teloni - Livorno................................. 232 Chalet dei Fiori di Stefania e Marina - Livorno......... 126 Cheddite - Livorno.................................................................... 356 Cicasub “Guido Garibaldi” - Livorno. .............................. 252 Contar, costruzione teloni - Livorno................................. 272 Corallo, autocarrozzeria - Livorno. ......................................74 CTS, carpenteria tubazioni saldature - Livorno......... 290 D Danoro................................................................................................70 D.B.M. Impianti Elettrici - Livorno................................... 288 Di Biagio Elio, cambio olio. ................................................... 362 10+10, ristorante pizzeria napoletana - Livorno... 194

Due EE, gioielleria oreficeria - Livorno........................... 164 E EmmeEffe Elettromeccanica - Livorno. ........................ 278 Enzo e Luca, parrucchieri - Collesalvetti....................... 352 F Falaschi Moto - Collesalvetti............................................... 212 Falciani, traslochi - Livorno/Pisa....................................... 296 F&M, conc. La Cimbali - Livorno........................................ 282 Francesco Tosi, accessori e armi soft air - Livorno...... 358 Fratelli Gradassi, impresa edile - Livorno..................... 124 Fratelli Santucci, officina - Stagno (LI). ........................ 136 Fratelli Venuta, autodemolizioni - Livorno. ................ 344 G Galleria Smeraldo - Collesalvetti. .................................... 230 Gestione Serivizi Portuali - Livorno................................ 176 Gigoni, arredamento. .................................................................66 G.R.S. General Renting Services - Collesalvetti.......... 168 H H2O di L. Mambrini, “Una goccia per la vita” - Livorno. ......61 Holly Dance, scuola di ballo - Livorno............................ 110 Hotel Atleti - Livorno. .............................................................. 20I I Idea Sardegna - Livorno........................................................ 222 IES solare, energie alternative - Livorno....................... 298 Il Carro, Soc. Coop. Agricola Forestale - Livorno............. 394 Impianti Sportivi “La Gabbia” - Livorno. ...................... 116

Se cerchi qualcosa di speciale, o anche solo la risposta ai tuoi problemi, consulta questo indice! Perché... 398


A tutti gli sponsor che hanno reso possibile anche quest’anno la pubblicazione, ma soprattutto la distribuzione gratuita,

Incontri felici, agenzia matrimoniale - Collesalvetti... 240 Isofer di Calenda, tubi acciaio - Livorno. ...................... 306 L Labromare -Livorno....................................................................18 Le Ali, complesso commerciale - Livorno...................... 268 Lelli impianti, antifurto - Livorno. ................................... 378 Le volte, ristorante - Livorno............................................... 146 Linker, autonoleggio con autista - Livorno.....................96 L’Isonzo Società Cooperativa - Guasticce (LI)............ 260 LMC Manetti, gastronomia - Livorno............................. 276 Lorenzini & C. Impresa imbarchi - sbarchi - Livorno......42 Luca auto - Livorno. ....................................................................68 Luca Fiorentini, impianti - Livorno..................................... 178 M Ma.Ca.Ba. Edilizia Industriale - Livorno..................... 322 MAFA Elettrauto - Livorno. .................................................. 280 Magia outlet, abbigliamento- Collesalvetti. ................... 234 Match race, vivere il mare - Livorno................................ 370 Mercatino Americano - Livorno...........................................96 Merj Store, abbigliamento - Collesalvetti.................... 138 Mocerino, impresa edile - Collesalvetti......................... 240 Momenti Conviviali, catering - Campiglia M.ma (LI).. 10 Moto Club Livorno.................................................................... 210 Motomar - Livorno......................................................................14 N New Game, slot machine - Livorno................................. 122

...

O Officina F.lli Niccolini - Orciano Pisano (PI). ............... 264 Officina MG - Livorno.............................................................. 284 Oleodinamica Livorno - Nugola........................................ 112 Oleo Impianti - Livorno. ........................................................ 384 Oleo Ricambi - Livorno. ......................................................... 390 Olimpic Sails, veleria - Livorno. ......................................... 372 OMG, material handling - Livorno................................... 262 Ortopedia Michelotti - Livorno. ........................................ 318 Oscar, ristorante - Livorno. ......................................................54 Outlet Moto - Livorno............................................................. 210 P Pancrazio Athlima, palestra - Livorno. ............................. 206 Pannocchia, biscottificio - Livorno................................... 274 Papillon, caffetteria - Livorno............................................. 166 Passo di danza, abbigliamento - Livorno..................... 108 Passuello biciclette -Livorno. ............................................. 130 Pasticceria Labronica - Livorno. ...........................................96 Perullo C.P.S. - Livorno. .......................................................... 336 Pneu Center, di Elio Cataldo - Livorno..............................98 Popeye Club, palestra - Livorno. .......................................... 184 Porto di Livorno 2000................................................................... 2 PRA.DE.MAR, scuola nautica - Livorno. ........................ 380 Professional line, centro abbronzatura - Livorno. ....... 218 Q Quattro Ruote. ............................................................................ 326

R RadecoGroup, agenzia immobiliare - Livorno........... 192 Radio Flash - Livorno. ............................................................. 228 Ricci, marmi e graniti - Collesalvetti............................... 138 Rossi, ottica gioielleria - Collesalvetti. ..............................50 RV Vetrate Artistiche - Vicarello (LI)..................................46 S SAA, consulting - Livorno...................................................... 140 Scotto Pubblicità - Livorno........... 199 - 200 - 201 - 202 Sergio gomme - Livorno..........................................................77 Simonetti, carrozzeria - Livorno. ......................................... 188 Simonini Romano, ditta edile - Livorno........................... 180 Solari Antincendio - Livorno............................................... 270 Sorime, servizi trasporto - Livorno. ................................. 360 Sorsi e Morsi - Livorno............................................................ 334 Spiaggia La Siesta - Calambrone (LI). ..............................38 Sport Combat Club - Livorno.............................................. 174 Studio Barsi Dante, centro CAF - Livorno. .................... 316 T TecnoGrafica - Livorno. .......................................................... 220 Tele Point - Collesalvetti........................................................ 236 Tennis Ferrovieri Livorno....................................................... 342 U Unione Canottieri Livornesi. ............................................... 115 W Winner Eagle, baseball & softball trophies - Livorno........90 Y Yacht Club Livorno.................................................................... 366

Indice commerciale

dello Sport 2011

la pubblicità è UTILE per chi cerca, e per chi vuol farsi trovare! 399


Saluti

“S

400

iamo pronti, possiamo chiudere ad andare in stampa!”. Ogni volta che pronunciamo queste parole sul nostro volto si può leggere con chiarezza la gioia e la soddisfazione per aver portato a termine il nostro compito. Ma quest’anno non è andata così, purtroppo non è stato come per le precedenti edizioni… mentre pronunciavamo queste parole giungeva la notizia che non avremo mai voluto ascoltare: Gino Calderini non ha potuto portare a termine la sua ultima lotta, quella contro la malattia e ci ha lasciato, in silenzio, senza un lamento, con estrema dignità e fermezza, come è stata tutta la sua vita. Non abbiamo il tempo di scrivere di lui con tutta l’attenzione che desideriamo e rimandiamo alle future nostre pubblicazioni per ricordarlo come merita. Per adesso non possiamo far altro che salutarlo in questa pagina conclusiva e dedicare a lui il nostro lavoro, dicendoli con le lacrime agli occhi che non lo dimenticheremo, non sarebbe possibile cancellarlo dalla nostra mente e dai nostri cuori. Il primo grazie è proprio per lui, che mai ci ha fatto mancare il suo appoggio e il suo sostegno. In questi anni lo abbiamo sempre sentito al nostro fianco, sapevamo che lui c’era e una sola telefonata ci avrebbe indirizzato verso la strada giusta da seguire. Passando agli ringraziamenti voglio ricordare che un lavoro come quello dell’Almanacco dello sport non può essere svolto “in solitaria”. Alcune forze, ogni anno, si uniscono per collaborare insieme, ed anche se il nostro gruppo non è molto numeroso, è sicuramente animato da tanto coraggio e passione che ci permettono di non mancare all’appuntamento con i nostri lettori. Ad ogni edizione cerchiamo di trovare aspetti nuovi, elementi che possano arricchire il nostro volume con la speranza di rendere un buon servizio a tutta la città. Quest’anno abbiamo voluto dare più spazio agli allenatori, cioè a quelle persone che giorno dopo giorno seguono gli atleti, e pur rimanendo dietro le quinte, lavorano affinché i risultati siano sempre al meglio, e nello stesso tempo sono color che assumano in prima persone quel ruo-

Una tradizione che si rinnova: l’Almanacco dello Sport Dedicato a Gino Calderini lo sociale di cui lo sport si fa carico. Dunque i ringraziamenti cominciano da loro, per tutto quello che riescono a fare con i ragazzi di tutte le età e per essersi messi a nostra disposizione per le numerose interviste. Arriviamo poi ai miei più stretti collaboratori che sono la direttrice responsabile Antonella De Vito, il validissimo collaboratore Mario Orsini che quando si appassiona ad una disciplina non smetterebbe mai di scriverne, Massimo Acquaviva come grafico Michela Demi che ha realizzate le nuove testate con i disegni di Michele Mischi e le foto di Enzo Puliti e Luigi Angelica Photographer. Come avrete notato abbiamo voluto dare un tocco di allegria alle nostre pagine con i disegni umoristici di Michele, che ci ricorda come il nostro spirito labronico sia sempre presente, anche quando lavoriamo duramente per raggiungere una meta e vincere una medaglia: di una buona risata noi livornesi proprio non ne possiamo fare a meno. Nello stesso tempo non abbiamo voluto dimenticare l’amore per la nostra città, grazie alle immagini degli angoli più rappresentativi, ma anche più suggestivi ed amati, ricercati con infinita pazienza e fotografati con professionalità da Enzo che ne ha fatto dono all’Almanacco e ai suoi lettori. Un ringraziamento speciale va ai nostri sponsor. Il momento non è facile, ormai è a tutti noto che la situazione economica in-

ternazionale e purtroppo anche quella di Livorno e della sua provincia sono in grave crisi, ma i nostri amici sponsor non ci hanno fatto mancare il loro sostegno. L’Almanacco si regge sul loro impegno economico e il constatare che pur con tanti sacrifici continuano a seguirci su questa strada mi ha commosso molto. Naturalmente non mi posso fermare qui, i miei grazie vanno anche al fotografo Augusto Bizzi, sempre in giro per il mondo al seguito dei grandi campioni, che ci offre immagini stupende dei migliori momenti di gloria dei nostri sportivi. La mia famiglia che ogni anno rinnova la sua pazienza nel sopportare i miei “nervosismi” e le mie “angosce” per un lavoro che vorrei sempre più “perfetto”, e naturalmente il Coni, le Federazioni, le Associazioni sportive, gli Azzurri d’Italia con Rodolfo Graziani e i Veterani dello Sport con Cesare Gentile che sono sempre al nostro fianco per incoraggiarci e indirizzarci con professionalità in questo nostro lavoro. E poi ci sono loro, il cuore pulsante dello sport: gli atleti professionisti, gli amatori, gli appassionati, i tifosi, i dirigenti, i volontari, insomma tutti quelli che rendono grande questo mondo. Un ringraziamento particolare all’amico Mauro Barbieri che ha portato una nuova ricchezza nell’Almanacco con le sue competenze artistiche e con i pittori che hanno dedicato del tempo mettendo la loro arte al servizio dello sport, come avrete potuto notare nelle prime pagine della pubblicazione. Ed infine, ma non per ultimo la nostra riconoscenza va alle istituzioni locali, che ci accompagnano ormai da anni nella realizzazioni del nostro progetto, dunque un sentito ringraziamento al Comune, alla Provincia, all’Accademia Navale e a tutte le Forze dell’Ordine che ci sostengono. Roberto Scotto

Profile for scottopubblicita

Almanacco2011