{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

SCIMPARELLO N°3 — INVERNO 2019 Per chi non smette mai di crescere

1  LOREM IPSUM


2  LOREM IPSUM


molo.com

3  LOREM IPSUM


SCIMPARELLO N°3 — INVERNO 2019 Per chi non smette mai di crescere

LE STORIE FATTE DI SOGNI SI REALIZZANO SEMPRE Scimparello Magazine Via Privata Cascia 8 20128 Milano contact@scimparellomagazine.com +39 02 83424307

Primi passi

2

Sognare... In piccolo o in grande... Editoriale di Petra Barkhof

5

Direttore responsabile Petra Barkhof

Sognare ad occhi aperti

7

Vice direttore Enrico Fragale Esposito Fashion editor & graphic design Francesca Bisceglia Direttore marketing Patricia Barkhof Progetto grafico Giovanni Cavalleri Travel editor Mariangela Monti

Bellissimo Parte 1

11

Profilo: Weekend House Kids

20

Moda

Colors Harverst Moon and the corn thieves

28 Incontri

Children of the 80’S

30

A occhi chiusi

66

Hanno contribuito a questo numero Christina Kapongo, Claire Guarry, Cristina Tedde, Dasha Pears, Elena Antonutti, Emanuela Giacca, Isabel Pinto, Jenni Juurineu, Lucrezia Morleo, Marco Tassinari, Oriana Piceni, Patrizia Pesci, Rossella Ferrario

I sogni non si spengono al tramonto

84

130

144

Cesare Morisco

146

Sibylle Pal

152

Portfolio: Evelina Floris

162

Bellissimo Parte 2

In copertina: Photo Marco Tassinari

114

171

Wanderlust

176

Indirizzi

180


COLLABORATORI

Claire Guarry Claire Guarry è una viaggiatrice e una fotografa autodidatta. Il suo lavoro è ispirato dal sentimento nostalgico e senza tempo e dall’estetica del grande schermo. È anche madre di tre bambini che cresce vicino l’oceano, a San Francisco. “Tieni stretti i tuoi sogni!”

Cristina Tedde Scrive da sempre. La scrittura per lei, è quasi una cura. Nelle parole, cerca la pace e il conforto, che all’esterno non sempre trova. Le pagine bianche, sono come un rifugio. Una coperta, in cui avvolgersi la sera. “Tutti i miei sogni diventano parole .”

2  LOREM PRIMI PASSI IPSUM

Dasha Pears Fotografa di moda e fine art russa pluripremiata con base a Helsinki. Non ha visitato molte isole, ma è rimasta affascinata dalla Ilha da Culatra in Portogallo, dove ha trovato pace e forza allo stesso tempo. “Le spiagge infinite sono deserte e puoi sentire la potenza dell’oceano”. “Se puoi sognarlo puoi farlo!” Walt Disney

Elena Antonutti Graphic designer e illustratrice, ha studiato Design della Comunicazione visiva all’Università IUAV di Venezia. Eterna sognatrice e appassionata del mondo dell’infanzia, ama vivere libera e senza barriere,

né fisiche né mentali. Ha sempre le mani sporche di pennarelli colorati, proprio come i bambini (che adora). Sogno di notte, di giorno, ad occhi aperti, mentre bevo il caffé, quando disegno: sogno sempre! Sognare è espressione, è libertà. È una dichiarazione forte: bisogna avere molto coraggio per essere dei gran sognatori!

Emanuela Giacca Filosofa, scrittrice, illustratrice. È nata in Molise. Dopo il dottorato tra Roma e Berlino si è trasferita a Milano per lavorare come editor e copywriter in aziende e riviste di moda, musica e cultura. I suoi articoli e illustrazioni compaiono sulle pagine di Style - Corriere della Sera, Lampoon, Life in Bulgari e altri magazine. Per Fabrizio Serra Editore ha pubblicato una monografia sul filosofo tedesco Schleiermacher. Ogni cosa che ha realizzato è iniziata inseguendo un sogno che sembrava impossibile.


Pirouette One to Watch e online editor di kid’s wear Magazine. Ciò che caratterizza il suo mondo sono la creatività e l’etica. “Sogno lunghi capelli lisci biondi ...”

Isabel Pinto L’essere cresciuta fra Africa ed Europa ha dato a Isabel uno stile unico, libero e vibrante. Il suo approccio fotografico è basato sulle emozioni sia che si tratti di editoriali moda che di lavori commerciali. Fra i suoi clienti: Vogue, Coca Cola e Oscar de la Renta kids. Al momento Isabel si divide fra due città meravigliose:Lisbona e Cape Town. In Africa ho imparato a sognare per sempre, quella capacità di meraviglia che ispira la nostra creatività, i nostri sensi e la nostra speranza, è la vita stessa!

Katie Kendrick È giornalista, stylist, editor del blog “Pirouette”, ideatrice del premio

3  LOREM PRIMI PASSI IPSUM

Marco Tassinari La sua vita è cambiata quando, a 17 anni, ricevette dal capo una fotocamera per scattare auto in corsa durante una gara. Guidato da questa nuova passione si è tuffato nello studio di arte e cinema e presto la fotografia è diventata il suo stile di vita. Marco non solo cattura ogni immagine ma sviluppa un concetto. Quando ho scattato questa foto ho realizzato che natura e bambini hanno bisogno una dell’altra. Da un lato la purezza di un bambino e dall’altro il miracolo della Natura, quando a Primavera tutto sboccia in mille colori, si fondono in un’unica storia di straordinaria bellezza. “I sogni ti rendono libero!”

Rossella Ferrario Art Director. Si è formata professionalmente lavorando fianco a fianco con alcuni dei grandi direttori creativi del Made-in-Italy. Ha collaborato con le più importanti case editrici, tra le quali Rizzoli, Condé Nast, Corriere della Sera, Mondadori. Tanti, poi, i lavori realizzati per prestigiose aziende della moda, del lusso e dell’interior. Creativa a tutto tondo, disegna di suo pugno tutto quanto può servire a trasmettere un messaggio, una tendenza, un nuovo progetto. Inconfondibili le sue scritte calligrafiche, di varia ispirazione, che rendono unico e irreplicabile ogni suo lavoro. “Realizzo il mio sogno più grande ogni volta che ho foglio bianco davanti e una matita in mano”.


4  PRIMI PASSI


SOGNARE… IN PICCOLO O IN GRANDE, MA SEMPRE!

Questo numero lo dedico al SOGNO. Voi che mi state accompagnando dal primo volume sapete che ho realizzato il mio di creare una rivista, ma è stato solo il punto di arrivo di una vita legata indissolubilmente al sogno. Da piccola, come tutte le bambine, sognavo ad occhi aperti quando ascoltavo le favole dalle atmosfere incantate… ogni sera portavo allo sfinimento mia madre che mi raccontava incessantemente le avventure di principesse senza che nessuna mi annoiasse mai. E mai mi sono annoiata nel mio lavoro, sarà forse perché ho sempre cercato in esso la realizzazione dei miei piccoli sogni? Quando ho ricreato in un servizio moda delle piccole versioni di Iris Apfel l’ho fatto perché ho sempre 5  PRIMI PASSI

desiderato conoscerla personalmente. Se si potesse tradurre in moda l’atmosfera onirica chi potrebbe incarnarla meglio della visionaria Anna Piaggi? Immaginando un mondo popolato da personalità come la sua ho realizzato un servizio ispirato ai suoi outfit lontani dalla realtà. Re della musica ai miei tempi era Jimi Hendrix, non sono mai riuscita ad assistere a un suo concerto ma sono riuscita a ricreare in Sud Africa le atmosfere di Woodstock; a interpretarlo un bambini che gli assomigliava tantissimo. Più recentemente ho fatto invece del coloratissimo mondo di Wes Anderson, regista tra i miei preferiti, autore di sogni su grande schermo, il background di un editoriale moda che ha riportato piccoli e grandi dentro il suo imma-

EDITORIALE di Petra Barkhof

ginario Grand Budapest Hotel. Sono pochi esempi, ma dopo aver condiviso con voi i miei primi anni a Ibiza, il mio amore per il viaggio e la mia riscoperta della Natura, era tempo di accompagnarvi in un tour dei miei sogni. E dato che sono un’eterna bambina, non ho mai smesso di fantasticare e di cercare di realizzare in un modo o nell’altro i miei piccoli o grandi sogni. I prossimi in lista? Vedere mio figlio Giacomo esibirsi a un concerto e… stampare su carta SCIMPARELLO.


Il mondo dei sogni ha stuzzicato da sempre la creatività di pittori, poeti e romanzieri. La Storia dell’Arte ci ricorda che un movimento artistico d’avanguardia, il Surrealismo, si è sviluppato, facendo proprio del sogno il suo principale motivo ispiratore e generando quadri ed opere letterarie originali e molto apprezzate. Io invece, purtroppo, i sogni non me li ricordo. O meglio, per qualche minuto mi capita di ricordare i sogni che faccio subito prima di svegliarmi. O magari, succede che, pur non ricordando i sogni fatti, sono di buono o di cattivo umore, a seconda se ho fatto un sogno bello oppure brutto. Ma, più che ricordare il sogno tutto intero, mi rimane addosso l’atmosfera. I pochi sogni che ricordo sono quelli in cui mi sento precipitare dall’alto, oppure quelli in cui mi inseguono in un labirinto. Più che sogni, insomma, degli incubi. Sono convinto che non ricordo i sogni che faccio, perché non attribuisco loro importanza. Non come mia madre che, invece, ai sogni ci crede e qualche volta me li racconta, dopo aver cercato il significato su un libretto, di cui è gelosissima, dove sono spiegati tutti i simboli… per cui se sogni un gatto vuol dire che qualcuno ti tradisce, mentre se nel sogno compare un diamante vuol dire che sarai fortunato. Sì, 7  PRIMI PASSI

di Enrico Fragale Esposito

M AG R I T T E

SOGNARE AD OCCHI APERTI

perché pare che i sogni predicano addirittura il futuro. So di gente che sogna dei numeri, li gioca al Lotto e poi si legge sul giornale che vince delle grosse somme. Io mai una volta che sogni dei numeri e che poi me li ricordi. Inoltre esistono degli specialisti, che si fanno pagare profumatamente per interpretare i sogni degli altri. Sono gli psicoanalisti. Che poi uno fa sogni diversi a seconda dell’analista che frequenta. Io a questa storia dell’interpretazione dei sogni non ci credo mica tanto. In un articolo su un settimanale ho letto una volta che non è un’invenzione degli psicologi moderni, ma risale almeno all’antica Grecia. Mah...! Sarà che io sono troppo razionale e mi piace misurarmi con

la realtà concreta, ma io che i sogni siano interpretabili con precisione scientifica proprio non ci credo. Mi piace, invece, sognare ad occhi aperti. E così mi capita, che per rilassarmi, mi stenda sul divano e lasci briglia sciolta alla fantasia. E’ un modo per raffigurarmi il mio futuro, per sperimentare le varie possibilità che mi si parano davanti. Ecco, credo che i sogni ad occhi aperti dicano molto sulla personalità di chi li compie. Insomma, dimmi quali sono i tuoi sogni coscienti e ti dirò chi sei. A questo io credo. In ogni caso, dormire e sognare mi piace. Quando sono stanco o le cose non vanno per il verso giusto, raggiungere il letto e addormentarmi è spesso il mio sogno più grande.


Bellissimo

PARTE 1

L E A &J O J O AW 19/20

I PEZZI MIGLIORI PER INTERPRETARE I PROPRI SOGNI E SCOPRIRE I LORO MESSAGGI. DIMENTICHIAMO DUNQUE TUTTO QUELLO CHE PENSAVAMO DI SAPERE SUI SOGNI E TUFFIAMOCI IN QUESTO MONDO

9  LOREM IPSUM


Testi di Enrico Fragale Esposito

Caroline Bosmans PAESE: BELGIO ANNO DI FONDAZIONE: 2013 TAGLIE: 4-18 ANNI

carolinebosmans.com

Caroline Bosmans è un brand di pura avanguardia nel mondo della moda bambino. Ogni collezione sembra nascere dal desiderio che i piccoli possano esprimere la loro personalità, senza regole precise e stereotipi del tipo maschio-femmina. A carratterizzare ogni stagione il design di Caroline è un tocco di humor. Per l’autunno-inverno 2019 il marchio ci propone il nero luccicante, fantasie zebrate e papere, gatti neri, coccodrilli e agnelli come stampe: tutti ingredienti per un sogno super cool!

10  10 BELLISSIMO LOREM IPSUM

PÉRO, IL SOGNO DELLA LANA PAESE: INDIA ANNO DI FONDAZIONE: 2009 TAGLIE: NEWBORN – 14 ANNI

pero.co.in

La collezione invernale di Péro nasce dal tentativo di raccontare un immaginario viaggio della lana merino dall’Australia alle manifatture tessili indiane… attraversando luoghi e incontrando persone. Da Péro questa stagione si guarda indietro per guardare avanti, con i tessuti d’archivio che ispirano nuovi colori e stampe.


Jelly Mallow, dalla Corea gelatine vibranti e marshmallow pastello PAESE: COREA ANNO DI FONDAZIONE: 2013 TAGLIE: NEWBORN – 9 ANNI

jellymallow.com

Il brand coreano non ha certo paura di mixare forme e stampe. In questa collezione invernale i colori vibranti delle gelatine inglesi vivono in totale armonia con i toni pastello, che sembrano gustosi come i marshmallow. Le strisce fanno poi capolino nei maglioni e nei cardigan in jacquard. E il risultato è un guardaroba accessibile per i più piccolini. Il brand poi ci stupisce con malizia, così troviamo un classico cappotto Principe di Galles accanto ad outfit da rapper americano. Jelly Mallow è il marchio perfetto per i bambini che sognano di divertirsi, e per i genitori che ricercano la qualità dei materiali e il comfort del design.

11  LOREM IPSUM 11 BELLISSIMO


Numero 74, un laboratorio di sogni PAESE: SPAGNA ANNO DI FONDAZIONE: 2009 PRODOTTI: HOME DECOR & LIFESTYLE

numero74.com

N°74 è un vero e proprio laboratorio di sogni dal quale escono creazioni dal design e dai colori particolari. Il range di prodotti tanto autentici quanto originali spazia dalla biancheria per la casa, al decor, all’abbigliamento. Novità del marchio sono i kit creativi. Nel pacchetto troverete

12  LOREM IPSUM

tutto l’occorrente per creare dei fiori con i quali abbellire gli ambienti di casa. Grandi e piccini sono invitati a fare del tempo libero insieme un parco giochi di creatività.


Flexa Play, si sogna anche con le mani PAESE: DANIMARCA ANNO DI FONDAZIONE: 2014 PRODOTTI: GIOCHI, HOME E ACCESSORI

flexashop.it

Flexa Play nasce nel 2014 come sorella più piccola e iper colorata dell’azienda Flexa, attiva dal 1972 in Danimarca. I designer sono sensibili al design e al benessere. Sedie, sgabelli, scrivanie bimbo e letti, è tutto fabbricato in Europa. In più, per stimolare all’attività manuale i bambini, Flexa Play produce dei bellissimi set, come quello degli utensili da meccanico in legno. Provare per credere.

DANISH CRAFTS -POVL KJER PAESE: DANIMARCA ANNO DI FONDAZIONE: 1981 PRODOTTI: DESIGN IN LEGNO

rockingsheep.com

Danish Crafts è un collettivo di artisti Danesi che ha come missione quella di far scoprire l’artigianato ed il design scandinavo al mondo intero! Dietro questo marchio si nascondono creatori tessili, ebanisti e ceramisti. Tra i tanti Povl Kjer, che ha realizzato la “Rocking Sheep” una pecora a dondolo in legno scolpita a mano e in vera lana di agnello. A noi sembra un concentrato di amore, dolcezza e autenticità. 13 BELLISSIMO


DJECO, LA CASETTA PER LA FAMIGLIA PERFETTA PAESE: FRANCIA ANNO DI FONDAZIONE: 1954 PRODOTTI: GIOCHI E DECOR

djeco.com

Dal 1954, i giocattoli Djeco contribuiscono allo sviluppo del bambino, grazie a degli oggetti divertenti, educativi e che stimolano l’immaginazione. Mobili e puzzle, così come tutti i passatempi creativi proposti dalla marca, non smettono di reinventarsi e le collezioni di giochi e giocattoli si arricchiscono ogni anno di nuove collaborazioni. Scommettiamo che la casetta in legno con i suoi personaggi riesce anche a battere sul campo i migliori giochi virtual?

L’OISEAU BATEAU, A CACCIA DI STELLE PAESE: FRANCIA ANNO DI FONDAZIONE: 1994 PRODOTTI: GIOCHI & HOME

loiseaubateau.fr

Questo brand prende il nome dalle prime parole di Carla, la bimba dei due fondatori. Dal 1994, Catherine e Philippe producono zaini ricamati, culle accoglienti e lampade affascinanti. La decorazione in metallo da appendere al soffitto che raffigura un uomo sulla Luna è perfetta per accompagnare i sogni dei piccoli esploratori.

14  14 BELLISSIMO LOREM IPSUM


Alice Mary Lynch, bambole d’alta moda PAESE: REGNO UNITO ANNO DI FONDAZIONE: 2009 PRODOTTI: BAMBOLE

alicemarylynch.com

Le bambole di Alice sono dei meravigliosi personaggi ricavati da tessuti vintage e materiali di scarto. Il suo atelier a Londra deve essere un posto magico in cui chissà… 15  LOREM IPSUM 15 BELLISSIMO

magari questi pezzi unici prendono vita quando si spengono le luci. Molti designer famosi in tutto il mondo le hanno commissionato un articolo (tra cui Victoria Beckham). Siamo sicuri che più di una bambola si tratti di un tesoro da passare alle prossime generazioni.


Oliver Furniture, sotto al letto c’è un mondo

Petit Picotin, dream BIG PAESE: FRANCIA ANNO DI FONDAZIONE: 2016 PRODOTTI: GIOCHI E HOME DECOR

petitpicotin.com

Petit Picotin è una marca francese nata dall’idea di Astrid Geffroy quando diventa mamma di Prune. Astrid ha sempre amato l’eleganza dei regali di nascita custom-made e, delusa dalla qualità dei prodotti proposti sul mercato, decide di sviluppare peluche e accessori in lino lavato made in France. Un universo soffice e raffinato tutto da scoprire. Se la fantasia non vi manca afferrando il cuscino/palloncino volate sopra le nuvole.

PAESE: DANIMARCA ANNO DI FONDAZIONE: 2003 PRODOTTI: HOME & DEISGN

oliverfurniture.com

Il letto a soppalco di Oliver Furniture sembra fatto apposta per incontrare le esigenze di comfort e sicurezza. Lo spazio che occupa è ridotto e dà a ogni bambino la possibilità di costruirsi un piccolo rifugio accogliente sotto al letto, in cui giocare e vivere le proprie fantasie. Sono due i modelli disponibili e le tende del nascondiglio possono essere acquistate separatamente.

16  16 BELLISSIMO LOREM IPSUM


NATURE KING, SOGNI D’0RO... PAESE: LETTONIA ANNO DI FONDAZIONE: 2018

natureking.lv

Nature King è una storia di famiglia e amore. L’amore singolare verso i figli. Tutto inizia per Elina e Janis, architetti con la passione per il design, nel momento in cui scoprono di diventare genitori. Avrebbero voluto utilizzare una culla da appendere al soffitto simile a quella utilizzata dai loro antenati nel passato. Nasce così la prima culla del marchio Nature King. Il movimento dondolante simile a quello delle braccia di una madre che culla il suo bambino, crea un sonno più lungo e profondo. Il design, raffinato e minimalista, impreziosito dal macramè, trova posto in ogni casa.

Banabae, un tocco 70’s nelle culle dei bambini PAESE: AUSTRALIA ANNO DI FONDAZIONE: 2019 PRODOTTI: TESSILI

banabae.com

Questo brand australiano di tessili per neonati è un’idea delle bellissime mamme Alana e Jaz. Con un passato nel design dei tessuti, le due sono state in grado di rendere più divertenti e colorate le copertine per bebè con un’ispirazione anni 70. I materiali sono eco-sostenibili e ricavati dal bambù, dalla canapa e

17  LOREM IPSUM 17 BELLISSIMO

dal cotone certificato GOTs mentre le stampe vengono realizzate digitalmente. Profondamente ispirato da un forte senso etico, il 5% dei profitti del brand viene devoluto alla Australian Marine Conservation Society. La collezione Harvest Moon celebra l’abbondanza di Madre Natura.Stay tuned! La collezione SS20 è stata selezionata da Pirouette e ha vinto il One to Watch Awards.


Alma Babycare, i cosmetici di qualità sono il sogno di ogni mamma bio PAESE: AUSTRIA PRODOTTI: BEAUTY

almababycare.com

Fondata da Isabel Zinnagl, Alma Babycare propone prodotti di cosmesi per neonati, bambini e genitori. Shampoo, balsami, creme corpo, tutto a base di ingredienti naturali e biologici. Ogni articolo Alma viene sviluppato seguendo i consigli di un aromaterapeuta ed é testato dermatologicamente in modo da rispettare la pelle sensibile dei più piccoli.

NAILMATIC KIDS BOLLE DI SAPONE PAESE: FRANCIA PRODOTTI: BEAUTY ANNO DI FONDAZIONE: 2012

nailmatic.com

Pronti a un bubble party? Nailmatic introduce nel suo range di prodotti questi saponi dalle forme inconsuete. L’ora del bagnetto diventa estremamente divertente, bolle e colori che portano nella vasca il fun factor. Gli ingredienti sono organici per un viaggio indimenticabile verso la pulizia .

18  18 BELLISSIMO LOREM IPSUM


MISOKA spazzolino nano tecnologico PAESE: GIAPPONE ANNO DI FONDAZIONE: 2018 PRODOTTI: SPAZZOLI DA DENTI

misoka.ch

Misoka for Kids è una linea di spazzolini da denti per i piccoli. La particolarità sta nella forma: un simpaticissimo ometto con cappello. Il corpo è disegnato di modo che le dita dei bambini possano agevolmente afferrarlo mentre il cappello serve ad evitare qualsiasi rischio di soffocamento. 19  LOREM IPSUM 19 BELLISSIMO

Questi strumenti per la pulizia dei denti si utilizzano senza dentifrici, l’acqua attiva dei nanominerali contenuti nelle setole. Con uno spazzolino Misoka i bambini non odieranno più sentirsi dire “è l’ora di lavare i denti!”


PROFILO PAESE: SPAGNA ANNO DI FONDAZIONE: 2018 TAGLIE: 3– 12 ANNI

weekendhousekids.com

Weekend House Kids

di Enrico Fragale Esposito

Weekend House Kids è un mente eco-sostenibile, mentre brand giovanissimo, nato appena l’estro creativo si esprime in un anno fa a Matarò, un piccolo quell’accento Mediterraneo borgo sul mare a nord di Barcelpresente nei capi da lei realizzati. La collezione invernale 2019, lona. Cristina Gonzalez, la designer, che ama piante, animali “Creature del Cortile”, è la prima di Weekend House Kids e si e tutta la bellezza naturale che ci ispira a un immaginario giardino circonda, ha dato vita al marchio in cui vivono creature magiche avendo in mente quei bellissimi che invadono il guardaroba dei momenti che famiglie e amici trascorrono insieme, appunto nei più piccoli. Cristina si è lasciata influenzare per lo stile dei capi weekend o durante le vacanze. da artisti come Miró e Picasso e per la forma da architetti come L’approccio al processo Josep Lluis Sert. produttivo di Cristina è ovvia-


21  WEEKEND HOUSE KIDS


I colori ricordano i toni della natura, con il giallo delle foglie d’autunno e il marrone delle castagne che spiccano in mezzo a fantasie checks e stripes. La collezione va dai 3/4 anni agli 11/12 ed è completamente prodotta a Mataró, con cotone a certificazione GOTS. Questo permette al team di controllare da vicino ogni momento della fase di produzione, assicurando a tutti ottime condizioni di lavoro. Non vediamo l’ora di scoprire quali altre avventure attenderanno i bambini dopo quella nel cortile!

“Per sognare basta il cortile di casa”

22 BELLISSIMO


23  WEEKEND HOUSE KIDS


24  LOREM IPSUM


L’ARMADIO DI EMMA

OCCHIALI IZIPIZI

BORSA WAUW CAPOW BY

GONNA RASPBERRYPLUM

eu.izipizi.com

BANGBANG

raspberryplum.com

farfetch.com

di Francesca Bisceglia Emma conosce il potere dei sogni, come recita la sua t-shirt manifesto. E per affrontare l’autunno fatto di pioggia e giorni bui, basta prendere del tulle fiabesco e abbinarlo al print mix. Ed è subito Emma in Wonderland!

PANTALONI WOLF&RITA

wolfandrita.com CALZE WANDER & WONDER

smallable.com

GILET STELLA MCCARTNEY KIDS

melijoe.com

SCIARPA AO76

smallable.com

CINTURA BOBO CHOSES

bobochoses.com

T-SHIRT BALENCIAGA

melijoe.com

SNEAKERS MAISON MANGOSTAN

maisonmangostan.com

25  25 BELLISSIMO LOREM IPSUM


L’ARMADIO DI GABRIEL

CAMICIA WOLF & RITA

PIUMINO MOLO

wolfandrita.com

molo.com

di Francesca Bisceglia Gabriel sembra essersi appassionato alle lezioni di arte quest’anno. E invece di imparare a memoria le lezioni... sogna di indossarle! Giacca a fantasia piume di pavone su camicia astratta, insime agli accessori dai toni disparati: il risultato è un quadro surreale da voto 10

ZAINO TINYCOTTONS

tinycottons.com

GUANTI AO76

OCCHIALI STELLA MCCARTNEY

STIVALI STELLA MCCARTNEY

smallable.com

farfetch.com

stellamccartney.com

PANTALONCINI THE ANIMALS OBSERVATORY

theanimalsobservatory.com PANTALONI MINI RODINI

melijoe.com

CALZE WANDER & WONDER

COLLETTO BOBO CHOSES

bobochoses.com

26 BELLISSIMO

I L LU ST R A Z I O N I D I E L S A D R AY-FA R G E S

smallable.com


MODA CALLIGRAPHY ROSSELLA FERRARIO


A __DONATELLA VERSACE


30  LOREM IPSUM


31  LOREM IPSUM


Betsy: costume Decathlon, vestito Stylist’s own fascia The Animals Observatory; Nicole: maglia Pinko Up, vestito Stylist’ 32  LOREM IPSUM


’s own 33  LOREM IPSUM


34  LOREM IPSUM


35  LOREM IPSUM


Nathalie: vestito Caroline Bosmans 36  LOREM IPSUM


37  LOREM IPSUM


Nathalie: vestito Caroline Bosmans, collant CollĂŠgien, stivali Maison Mangostan 38  LOREM IPSUM


39  LOREM IPSUM


Betsy: vestito Givenchy; Albie giacca, camicia e papillon Dsquared2; Nicole: maglia Raspberry Plum, giacca Stylist’s own 40  LOREM IPSUM


41  LOREM IPSUM


,

Leggins Simonetta, calze Collégien, ciabatte Stylist’s Own 42  LOREM IPSUM


43  LOREM IPSUM


Nathalie: vestito Paade Mode, leggins e cappello Raspberry Plum, scarpe Maison Mangostan; Leon: t-shirt e pantalone Roberto C vestito Il Gufo, leggins Guess Kids, stivali Maison Mangostan; Albie: gilet Givenchy, pantaloni Diesel, sneakers Converse; Juan: c 44  LOREM IPSUM


Cavalli Junior, ciabatte vintage; Genevieve: pelliccia Il Gufo, leggins Simonetta, calze Collégien, sandali Stylist’s Own; Nicole: camicia, giacca e pantaloni Roberto Cavalli Junior, snakers Maison Mangostan 45  LOREM IPSUM


Nathalie: vestito Paade Mode, cappello Raspberry Plum; Leon: t-shirt e pantalone Roberto Cavalli Junior, giacca Diesel; Geneviev vintage;Nicole: vestito Il Gufo, leggins Guess Kids; Albie: gilet Givenchy; Juan: camicia, giacca e pantaloni Roberto Cavalli Junior 46  LOREM IPSUM


ve: pelliccia Il Gufo, t-shirt Balmain, leggins Simonetta, calze Collégien, sandali Stylist’s Own; Betsy: vestito Monnalisa, basco 47  LOREM IPSUM


48  LOREM IPSUM


Nella pagina accanto: Betsy: vestito e fascia Stilist’s Own Nathalie: vestito Paade Mode, leggins e cappello Raspberry Plum, sneakers Maison Mangostan; Leon: t-shirt e pantalone Roberto Cavalli Junior, giacca Diesel, calze Collégien, ciabatte vintage; Genevieve: pelliccia Il Gufo, t-shirt Balmain; Betsy: vestito e stivali Monnalisa, basco vintage; Nicole: vestito Il Gufo, leggins Guess Kids, stivali Maison Mangostan; Albie: gilet Givenchy, pantaloni Diesel, sneakers Converse; Juan: camicia, giacca e pantaloni Roberto Cavalli Junior

49  LOREM IPSUM


50  LOREM IPSUM


51  LOREM IPSUM


Nicole: pelliccia Balmain, pantaloni Alberta Ferretti Junior, sneakers Maison Mangostan; Juan: t-shirt, giacca, pantaloni e sneake 52  LOREM IPSUM


ers Balmain 53  LOREM IPSUM


Genevieve: pelliccia Billieblush, gonna Fendi Kids, collant CollĂŠgien, stivali Maison Mangostan 54  LOREM IPSUM


55  LOREM IPSUM


Betsy: vestito Givenchy, stivali Maison Mangostan; Albie: giacca, camicia e papillon Dsquared2, stivali Monnalisa; Pagina di sinistra: 56  LOREM IPSUM


: Leon: giacca Balmain, gilet Caroline Bosmans, sciarpa Roberto Cavalli Junior 57  LOREM IPSUM


Nicole: maglia e pantaloni Pinko Up, vestito Stylist’s own, stivali Maison Mangostan 58  LOREM IPSUM


59  LOREM IPSUM


Leon: giacca Pinko Up, gilet Caroline Bosmans 60  LOREM IPSUM


61  LOREM IPSUM


Dolly: t-shirt e scarpe vintage, legging Tinycottons, Nella pagina accanto: leggins Jelly Mallow, sneakers Maison Mangostan 62  LOREM IPSUM


63  LOREM IPSUM


64  LOREM IPSUM


Make-up&Hair Giusi Ferrato, Casting Patrizia Pesci, Models Genevieve, Nicole, Leon,Juan,Nathalie,Betsy,Albie,Dolly

the end 65  LOREM IPSUM


Testo e illustrazioni di Emanuela Giacca Layout & calligraphy Rossella Ferrario 66  LOREM IPSUM


67  LOREM IPSUM


Ella cercava di pensare solo alle cose piĂš belle. Glielo diceva sempre suo padre: prima di addormentarti, pensa alle cose belle. A volte però prendere sonno sembrava impossibile: erano troppi i pensieri brutti da scacciare. 68  LOREM IPSUM


69  LOREM IPSUM

Pantofole Bonton Nella pagina accanto: camicia Paade Mode


70  LOREM IPSUM


Felpa Diesel, pantaloni Adidas, cappello Gucci, pattini Impala Rollerskates 71  LOREM IPSUM


72  LOREM IPSUM

“Ella! Ella! Ella!” – urlavano tutti. Erano così tanti da fare spavento, come le luci accecanti e quel palco, che doveva essere alto suppergiù tre metri. Ella teneva gli occhi chiusi e solo così riusciva a cantare.


Vestito MSGM Kids, fascia Gucci, stivali Maison Mangostan Nella pagina accanto: borsa Stella McCartney Kids

73  LOREM IPSUM


74  LOREM IPSUM 74


Cappotto Burberry, vestito Fish&Kids, mantella Unionini, cintura The Animals Observatory Nella pagina accanto: cartella Engel

75  LOREM IPSUM


Maglia, pantaloni e cappello Gris 76  LOREM IPSUM 76


77  LOREM IPSUM


78

occhiali da vista IZIPIZI Nella pagina accanto: camicia e gonna Belle Chiara

78  LOREM IPSUM 78


79

79  LOREM IPSUM


Non c’era una cosa che Ella non potesse diventare.

80

80  LOREM IPSUM 80


Vestito, cerchietto e ballerine Dolce&Gabbana

81

81  LOREM IPSUM

Doveva solo tenere gli occhi chiusi e sognare.


Felpa Moschini Baby Kid Teen, pantaloni Soft Gallery, calze Bobo Choces 82  LOREM IPSUM 82 Pantaloni Paade Mode


“La meilleure façon de réaliser ses rêves est de se réveiller.”

83  LOREM IPSUM


Photo Claire Guarry, styling Francesca Bisceglia, Art&Calligraphy Rossella Ferrario 84  LOREM IPSUM


85  LOREM IPSUM


Lou: maglia Philosophy by Lorenzo Serafini, t-shirt Faune, pantaloni Tambere, calze vintage; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune, calze vintage; Ivy: vestito Faune, pantaloni The New Society, calze vintage 86  LOREM IPSUM


87  LOREM IPSUM


Ivy: maglione e camicia Louise Misha, pantaloni Tambere 88  LOREM IPSUM


89  LOREM IPSUM


Ivy: vestito Faune; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune 90  LOREM IPSUM


91  LOREM IPSUM


92  LOREM IPSUM


Lou: maglia Philosophy by Lorenzo Serafini, t-shirt Faune, pantaloni Tambere, calze vintage; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune, calze vintage; Ivy: vestito Faune, pantaloni The New Society Nella pagina accanto: Emily: maglia Tambere, cappotto e sciarpa The New Society

93  LOREM IPSUM


Ivy: maglia, pantaloni e fascia Tambere, calze vintage 94  LOREM IPSUM


95  LOREM IPSUM


Lou: giacca Carbon Soldier, maglione Yellow Pelota, vestito Faune, sciarpa Tambere, calze vintage; Emily: maglione Milk & Biscuits, pantaloncino Carbon Soldier, cappello Little Creative Factory, calze vintage

96  LOREM IPSUM


97  LOREM IPSUM


98  LOREM IPSUM


Ivy: maglione Tambere, gonna The Animals Observatory

99  LOREM IPSUM


100  LOREM IPSUM


Lou: maglia Philosophy by Lorenzo Serafini, t-shirt Faune, pantaloni Tambere, calze vintage; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune, calze vintage; Ivy: vestito Faune, pantaloni The New Society, calze vintage 101  LOREM IPSUM


102  LOREM IPSUM


Lou: maglia Philosophy by Lorenzo Serafini, t-shirt Faune, pantaloni Tambere, calze vintage; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune, calze vintage; Ivy: vestito Faune, pantaloni The New Society, calze vintage 103  LOREM IPSUM


104  LOREM IPSUM


Lou: maglia Philosophy by Lorenzo Serafini, t-shirt Faune, pantaloni Tambere; Emily: camicia Philosophy by Lorenzo Serafini, pantaloncino Faune; Ivy: vestito Faune 105  LOREM IPSUM


Lou: giacca Tambere 106  LOREM IPSUM


107  LOREM IPSUM


108  LOREM IPSUM


Lou: giacca Tambere

109  LOREM IPSUM


110  LOREM IPSUM


Emily: cappello, vestito e lupetto Tia Cibani Kids Make&Hair Alicia Barry, Models Emily, Lou, Ivy, si ringrazia Shan and Toad 111  LOREM IPSUM


co l Chi l’ha detto che l’inverno è la stagione del grigio e del nero? Gli scatti di Isabel Pinto rispecchiano il nostro sogno di un mondo in cui trionfano sempre i colori. Photo Isabel Pinto, styling Christina Kapongo, Art Rossella Ferrario, Model Dylan, production Sardine & Kangaroo


s r

o


Pagina precedente: maglione Sandro, k-way Tuc Tuc, pantaloni The Animals Observatory, sneakers Adidas In questa pagina: t-shirt The Campamento, giacca S&K Nella pagina accanto: maglione e pantalone The Animals Observatory @lojadadaforkids, sneakers Adidas

114 


115 


116 116 


Abito N°21 Kids Nella pagina accanto: maglione e pantalone The Animals Observatory @lojadadaforkids, bomber Boboli, giacca S&K

117  IL ROSSO E IL NERO


118 


Nella pagina accanto: maglione Sandro, k-way Tuc Tuc In questa pagina: t-shirt The Campamento, giacca S&K, pantaloni The Animals Observatory sneakers Adidas

119 


In questa pagina: Sandro, k-way Tuc Tuc, pantalone The Animals Observatory Nella pagina accanto: t-shirt The Campamento, giacca S&K, pantalone The Animals Observatory 120 


121 


“Se potessi chiedere tre desideri al Genio della Lampada, il primo sarebbe di diventare il più grande giocatore di calcio del mondo, poi il secondo di conoscere tutti gli youtubers che mi piacciono. Il terzo, se potessi governare il mondo per un solo giorno, farei in modo che regnasse la pace dappertutto e darei una casa a tutti i senzatetto.” (Dylan’s dream)

Felpa e pantalone Tommy Hilfiger, sneakers Adidas 122  LOREM IPSUM


123  LOREM IPSUM


In questa pagina: sciarpa KapOandCo, pantaloni e giacca Boboli, borsa Africa Nova Cape Town, sneakers Adidas Nella pagina accanto: t-shirt The Campamento, giacca S&K

124  LOREM IPSUM


125  LOREM IPSUM


Bomber Boboli 126  LOREM IPSUM


127  LOREM IPSUM


HARV

and the CORN

THIEVES Photo Dasha Pears, styling Jenni Juurinen Hair and Make-up Mira Luhtala and Daria Radchenko Art Rossella Ferrario


VEST MOON N


Vestito Aarrekid; giacca e top H&M, pantaloni Uhana; maglione Uhana, pantaloni Aarrekid, pantaloncino Vimma 130 


131 


La Luna del Raccolto e i ladri di grano Gli agricoltori hanno sempre venerato la Luna in autunno, che permetteva loro di prolungare il tempo del raccolto fino a sera. I bambini, ascoltando i racconti degli adulti, li hanno interpretati a modo loro, spesso in maniera lontana dalla realtĂ e vicina a un sogno. Queste immagini raccontano questo sogno, in cui i bambini corrono e giocano tra i campi, raccogliendo la Luna.

132 132 


Maglione Uhana, pantaloni Aarrekid, pantaloncino Vimma

133 133 


Vestito Aarrekid Nella pagina accanto: vestito Vimma, cappello Papu

134 MODA 134 


136 


Camicia Aarrekid, pantaloncino Vimma, calzamaglia Papu, scarpe Zara Nella pagina accanto: vestito Vimma, cappello Papu

137 


138  LOREM IPSUM


139  LOREM IPSUM


Maglione Uhana Nella pagina accanto: camicia Aarrekid, pantaloncino Vimma, calzamaglia Papu, scarpe Zara

140  LOREM IPSUM


141  LOREM IPSUM


Incont CALLIGRAPHY ROSSELLA FERRARIO


tri __MASSIMO GRAMELLINI


Cesare Morisco

INCONTRI Cesare Morisco, tanti progetti nel cassetto‌ come i suoi sogni.


“Meg le s

146  LOREM IPSUM 146 INCONTRI


glio creativi e con la testa fra e nuvole perchè solo così si può sognare e creare”

Cesare Morisco è tante cose: buyer e anima creativa di Coccole Bimbi, negozio creato dalla madre Isabella nel 1989; è manager di The Complainers, agenzia di produzione che ha fondato a Milano nel 2015; è un animal-lover; è un sostenitore del mondo bio e cruelty-free, valori che sono alla base della sua vita personale e professionale (dando un occhio alla selezione del mondo Coccole Bimbi, vi renderete conto che la maggior parte dei brand sono eco-sostenibili). Noi lo incontriamo qui per saperne di più sui sogni che lo hanno accompagnato da piccolo e su quelli che ha per il suo futuro da adulto. 1. Cesare, raccontaci quali erano i tuoi sogni da bambino. Dato che sono molto legato agli animali, ho sempre sognato di creare un ambiente perfetto per le piccole creature, uno spazio naturale o una riserva per poter garantire una vita migliore a tutte le specie che vivono in strada in forti condizioni di disagio, o salvati dagli allevamenti… una fattoria tutta mia! 2. Hai un sogno ricorrente? Da qualche tempo sogno un momento esatto che ho passato con la mia amica Marilena che purtroppo è venuta a mancare qualche mese fa, lei è stata una grande fonte di energia ed ispirazione per me. L’ho conosciuta a Los Angeles, quando mi sono trasferito per frequentare l’università. 3. Un libro e un film che ti hanno fatta sognare da piccolo? Il film è sicuramente La Storia Infinita. Ho sempre voluto un cane come Falkor e poterlo cavalcare in giro per il mondo. Il Libro della Giungla invece è sicuramente stato il libro che ho letto di più durante la mia infanzia, amavo immaginarmi nella giungla con gli animali selvatici

147  CESARE LOREM IPSUM NUMERO MORISCO 74


Giacca Balmain, salopette Moncler, t-shirt Mouty, sneakers Cinzia Araia

Abito Velveteen, stivale Gallucci, borsa Stella McCartney Kids

148 INCONTRI

Poncho Stone Island, pantaloni Alberta Ferretti, sneakers GCDS

CESARE’S DREAM OUTFITS

Vestito Raspberry Plum, stivali Cinzia Araia, passamontagna EFVVA X CoccoleBimbi

Maglione Fendi Kids, abito Oscar de la Renta, stivali Chloé

Giacca e t-shirt Mouty, pantaloncino e sneakers Gucci, calze Givenchy


tato il lavoro mio e di mio fratello, spronandoci a dare il meglio per la gestione dell’azienda. 6. Se fossi ancora bambino, quale brand sogneresti di indossare? Mini Rodini, un brand ecosostenibile, gender fluid che affronta tematiche importanti come la diversità. Ogni stagione mi rendo sempre più conto di quanto io sia vicino ai valori che il brand vuole trasmettere. Il loro design non è mai monotono, anzi piuttosto che utilizzare stampe di animali come orsetti e farfalle, preferiscono gatti neri, topi e pipistrelli: una bella novità per il mondo del bambino. 7. Meglio creativi e con la testa fra le nuvole o razionali e con i piedi piantati a terra? Meglio creativi e con la testa tra le nuvole perché solo così si può sognare e creare. 8. La tua vacanza da sogno, dove e con chi? Mi piacerebbe andare in India, mi ha sempre affascinato sia per il paesaggio naturale unico sia per i costumi e la cultura. 4. Coccole, il negozio fondato da tua madre, ha appena festeggiato i 30 anni… bilanci del passato e progetti per il futuro? Il negozio è stato fondato nell’89 dalla passione per il kidswear di mia madre, e l’ho sempre vissuto come un tempio di conoscenza e di amore familiare. Ho iniziato a muovere i primi passi nel mondo della moda proprio in questo negozio. Grazie agli insegnamenti di mia mamma da piccolo sapevo riconoscere i tessuti e le varie tipologie di prodotto, per questo è stato importante per me portare avanti l’attività di mia madre e poterla espandere.

149  CESARE MORISCO

Vorrei che CoccoleBimbi diventasse un contenitore di idee e ricerca, uno strumento di comunicazione e promotore di messaggi positivi di diversità e conoscenza. Per il futuro mi piacerebbe aprire dei concept store nelle principali città del mondo e creare una mia linea di kidswear. 5. Hai mai aiutato qualcuno a realizzare un proprio sogno? No, ma posso dire che ho supportato persone vicino a me e mia madre è una di queste. Lei non ha mai voluto che CoccoleBimbi nascesse e morisse con lei, infatti ha sempre suppor-

9. Una persona che desideri incontrare? Malala Yousafzai, l’attivista pakistana è per me grande fonte di ispirazione per il coraggio che ha dimostrato contro le forze dell’ordine. 10. Il regalo che vorresti trovare questo Natale sotto l’albero? Delle campane tibetane, sinonimo di equilibrio e forza personale.


150  LOREM IPSUM


Sibylle Pal

INCONTRI Sibylle ha realizzato il proprio sogno traslocando con la famiglia nel sud del Portogallo. Lasciatevi incoraggiare dalle sue parole e scopriamo qualcosa in piĂš su di lei attraverso il gioco delle cinque domande con Katie


152 INCONTRI


Amiamo questa nuova esperienza, lontana dalla prima casa, per costruirne una nuova. 3. Il lavoro dei tuoi sogni? “Scegli un lavoro che ami, e non dovrai mai lavorare un giorno della tua vita” diceva Confucio. Come fondatrice e designer del mio brand Liilu, ho trovato il lavoro dei miei sogni. Moda, viaggi e fotografia sono da sempre le mie passioni e posso combinarle nella mia vita professionale. È bellissimo vedere tutto ciò realizzato. Questo non vuol dire che ogni cosa va liscia come l’olio, dobbiamo affrontare un sacco di sfide nel nostro business, ma ciononostante amo profondamente il mio lavoro. 4. Quali sono i sogni che hai per i tuoi bambini? Che inseguano i propri sogni e trovino la vera felicità nella loro vita. Che siano gioiosi, grati, in salute, generosi, amati e al sicuro. Che possano rendere il mondo un posto migliore ed essere orgogliosi di chi sono diventati.

Katie ha preparato 5 domande sul SOGNO per Sibylle Pal, fondatrice del brand Liilu. Dopo aver risposto anche Sibylle manda le sue domande a Katie. Katie a Sibylle 1. Sogni ancora? Sì, i sogni ci mantengono vivi. È come se avessi più sogni ora che in passato, visioni nitide di dove vedo me stessa, la mia famiglia e la mia compagnia nel futuro. “Se puoi sognarlo, puoi 153  SIBYLLE PAL

farlo” diceva Walt Disney. 2. Hai mai sognato qualcosa che poi si è realizzato? Ho sempre sognato di vivere su una spiaggia del Sud. Ho vissuto questa scena continuamente nella mia testa, come un film. Io, mio marito, i bambini e qualche cane che scorrazza sulla spiaggia al tramonto. E da Marzo questo sogno è diventato realtà, ci siamo trasferiti nel Sud del Portogallo, per vivere più a contatto con la natura, fra mare e campagna.

5. Instagram: casa dei sogni o terra desolata di illusione e auto-promozione? Entrambe. Instagram può essere uno strumento di ispirazione. Raggiungere persone con la stessa sensibilità da tutto il mondo non era facile prima, anche in termini di business. Puoi scegliere cosa visualizzare seguendo account che ti ispirano. Dall’altro lato, puoi perdertici dentro e sprecare tempo in questo mondo irreale. Penso che funzioni così per tutto, se usi i social media con coscienza va bene. Piuttosto che vivere lì dentro, fatti la tua vita e vivi i tuo sogni!


154  154 LIILU 154 SIBYLLE LOREMPAL IPSUM


risulta comprensibile, ma è necessario tutto questo processo affinché il progetto si realizzi. 3. Segui i tuoi sogni? L’ho sempre fatto, anche quando pensavo di fallire. L’esperienza mi ha insegnato che abbiamo una sola vita e non voglio che sia noiosa. Non sono timida, mi piace ridere e parlare - a volte sembro anche chiassosa! Non ho paura di essere me stessa e inseguire i miei sogni. Probabilmente do anche più del necessario, ma i sogni si realizzano solo se ci dai dentro! 4. Condividi i tuoi sogni? Buona domanda, sì e no… :) 5. Un sognatore - sciocco o assennato? Assennato… perché senza sognatori non avremmo goduto della tecnologia, dell’arte, della filosofia, della letteratura, della medicina, dell’architettura, dei diritti umani e ancora e ancora… Ogni traguardo è sicuramente iniziato da un sogno.

Sibylle a Katie 1. Il posto dei sogni? Sogno sempre di essere la protagonista di uno di quei programmi di cucina in cui gli chef viaggiano per il mondo assaggiando cibi locali, come il meraviglioso Bourdain o David Chang, che ha fondato il mio ristorante preferito Momufoku. Posti fantastici, persone brillanti, il sapore di cibi inusuali… mi piacerebbe tantissimo. Al momento sto immaginando di essere a New Orleans a 155  LOREM IPSUM 155 INCONTRI

mangiare aragoste indossando uno di quei simpatici bavaglini. 2. Raccontami del tuo ultimo sogno ad occhi aperti. Urgh, è sempre lo stesso. Di questi tempi la mia mente entra spesso in un sogno ad occhi aperti quando si tratta di un nuovo progetto. Vado in trance e inizio a visualizzare il progetto come se fosse un disegno in 3d uscito da Autocad. L’idea, il concetto si formano nella mia testa così come voglio che si realizzino. Non so se vi


156  LOREM IPSUM 156 INCONTRI


“E’ come se avessi più sogni ora che in passato, visioni nitide di dove vedo me stessa, la mia famiglia e la mia compagnia nel futuro”

157  SIBYLLE LOREM IPSUM PAL


158  LOREM IPSUM


di Enrico Fragale Esposito

PORTFOLIO Uno stile dalle atmosfere sognanti. Incontrando Evelina immaginiamo di perderci con lei in cerca di ispirazione fra librerie e illustrazioni per bambini

Evelina Floris


160 PORTFOLIO

Appassionata di disegno fin da bambina, Evelina ama rappresentare personaggi spesso estranei alla realtà. Vi ricorderete della sua bellissima storia illustrata su Scimparello N°1, in cui raccontava, attraverso i pennarelli, il sogno di un’avventura di una notte. Il suo tratto distintivo è grafico ed essenziale ma esprime le più raffinate sfumature dell’espressività. Abbiamo voluto intervistarla per sapere dove cerca ispirazione, dove sogna la prossima vacanza e molto altro...

vo in uno studio lungo la Martesana (naviglio di Milano), dove lavorava insieme ad un suo amico pittore. Mi ricordo che il mio sogno da bambina era diventare erborista. C’era un negozio di erboristeria lì vicino casa e spesso entravamo con mia mamma. Ricordo che mi piaceva moltissimo: era tutto in legno con grandi barattoli in vetro colmi di tè e spezie varie. Il profumo e la cortesia della signora che ci lavorava all’interno mi lasciavano sempre una piacevole sensazione.

1. Evelina raccontaci della tua infanzia e di quali sogni avevi. Dunque , la mia infanzia l’ho trascorsa a Milano. Città dove sono nata e cresciuta. Era inizio anni ‘80, io e i miei genitori vivevamo in un appartamento in zona Mac Mahon. In casa non sono mai mancati colori e pennelli: mio padre ha sempre scolpito e dipinto e con lui spesso andavo in uno studio lungo la Martesana

2. Ricordi cosa raffigurava il tuo primo disegno? Uno dei miei primi disegni più significativi ce l’ho ancora conservato! Erano un gruppo di numerosi quadrifogli ballerini. Un petalo era la testa e gli altri tre formavano un gonnellino da cui sotto spuntavano due gambette che assumevano diverse pose di danza. Frequentavo l’asilo allora e mi ricordo ancora bene quel disegno, tanto apprezzato anche dalle maestre.


161  EVELINA FLORIS


162 PORTFOLIO


163  EVELINA FLORIS


“I miei personaggi hanno sempre un’atmosfera che li estranea in parte dalla realtà.”

164 PORTFOLIO


3. Quando hai capito che avresti fatto del disegno una professione? Ho da sempre disegnato e realizzavo fin dalle scuole elementari ritratti dei miei compagni e spesso riempivo interi quaderni di fumetti. Terminate le scuole medie ho subito capito che i miei studi sarebbero stati all’insegna del disegno. 4. Ti sei mai ispirata a un sogno per una tua illustrazione? Non credo di essermi mai ispirata ad un mio sogno per realizzare un disegno, ma di certo il sogno in generale è una componente importante in molti dei miei dipinti. I miei personaggi hanno sempre un’atmosfera che li estranea in parte dalla realtà. 5. Il tuo dipinto preferito? Se penso ad uno dei miei dipinti preferiti (ce ne sono tantissimi) è “Il fregio di Beethoven” di Klimt. Fin da ragazza mi hanno sempre colpito molto le sue opere: il loro valore simbolico, l’armonia della composizione e la componente decorativa che arricchisce ogni dettaglio. A lui ho dedicato la mia tesi alle scuole superiori. 6. Quali sono le tue altre passioni oltre ai pennarelli? Andare nelle librerie, fermarmi nella sezione per bambini e portare a casa qualche bel libro illustrato. Guardare i lavori di altri disegnatori mi dà molti stimoli per sperimentare sempre qualcosa di nuovo e nei libri per bambini scopro sempre degli artisti straordinari. 7. Qualche progetto futuro che vuoi svelarci? Uno dei progetti futuri riguarda i ritratti a china su cui ho lavorato negli ultimi mesi… ma è ancora in fase di costruzione! Svelerò appena pronto. 8. Dove e con chi sogni di passare la tua prossima vacanza? Una vacanza, in questo momento che sta arrivando il freddo, me la immagino in un posto dove ancora trovare caldo, con tanto di spiaggia e natura intorno. Penso sceglierei Tenerife! E’ tanto che non faccio un viaggio in 165  EVELINA FLORIS

compagnia di amiche, quindi credo penserei ad alcune di loro per partire! 9. C’è un posto nel quale cerchi ispirazione? Come dicevo è nelle librerie, spesso anche guardando mostre, film, social come Instagram o anche casualmente guardandomi intorno. Le forme della natura, le persone che camminano per le strade, tutto ciò può essere fonte di ispirazione. 10. Per lavoro hai spesso a che fare con la moda, dicci qual è il tuo outfit da sogno? Mi colpisce molto un abbigliamento con forme e accostamenti di colori particolari, il dettaglio di un cappello insieme all’attitudine di chi lo indossa. Mi piace molto lo stile un po’ gitano un po’ quirky. Ad esempio un vestito a fiori abbinato a delle sneakers e un giubbino oversize, il tutto

accompagnato da orecchini a cerchio e anelli è tra i miei outfit preferiti al momento. 11. Il sogno che hai realizzato e quello che ancora devi realizzare? Ho già realizzato il sogno di collaborare con fiere importanti come Pitti e vedere esposti e pubblicati i miei disegni, per alcuni brand di moda come Caruso, Zilli e Fratelli Rossetti. Di sogni ce ne sono eccome! Mi piacerebbe crescere ancora anche nell’ambito del disegno per tessuti e continuare a collaborare a nuovi progetti come allestimenti per sfilate ed eventi. Continuare a conoscere realtà diverse e stimolanti è anche uno degli aspetti meravigliosi di questo lavoro, che mi mette spesso a contatto con persone ricche di passione e creatività e che apprezzano ciò che faccio.


Bellissimo

PARTE 2

P I Ñ ATA P U M T H E U N H U R R I E D AW 19/20 - I L LU ST R A Z I O N E E L E N A A N TO N U T T I

CINEMA, LIBRI, VIAGGI CI REGALANO SEMPRE FORTI EMOZIONI. LASCIAMOCI TRASPORTARE IN SOGNI FATTI DI PELLICOLA, CARTA E FANTASIA. CHI VIVE SOGNA MOLTO CHI VIAGGIA LO FA DI PIÙ.

167  LOREM IPSUM


Testo di Enrico Fragale Esposito

Pinocchio, non voglio essere un burattino TITOLO: PINOCCHIO REGIA: MATTEO GARRONE USCITA: 19 DICEMBRE 2019 CONSIGLIATO DA: 13 ANNI

168 BELLISSIMO

Il terribile Mangiafuoco, quel fastidioso del Grillo parlante, gli esseri più subdoli che si possano incontrare come il Gatto e la Volpe tornano insieme ad un Pinocchio mai così umano: è il nuovo film di Matteo Garrone che per interpretare il celebre burattino (che tecnicamente era una marionetta senza fili) ha chiamato il giovane e già bravissimo Federico Lelapi,

mentre per il ruolo di Geppetto ha scelto - chiudendo un cerchio - Roberto Benigni che diede il volto al suo Pinocchio nella pellicola del 2002. Più che un film per i più piccoli è un’occasione per i grandi di rivivere una storia della loro infanzia.


Testo di Oriana Picceni

In viaggio dentro l’incanto...

TITOLO: IL MAGO DI OZ AUTORE: SÉBASTIEN PEREZ ILLUSTRAZIONI: BENJAMIN LACOMBE EDITORE: RIZZOLI CONSIGLIATO DA: 8 ANNI

Che cosa trasforma un grande classico in un’esperienza piena di poesia? Prima di tutto, il tratto magnetico e onirico delle illustrazioni di Bejamin Lacombe, capace di agganciare lo spettatore e trasportarlo direttamente dentro la storia. Senza possibilità di fuga. E poi, una riscrittura, quella di Sébastien Perez, che parte dallo sguardo più intimo dei personaggi, permettendo al lettore di seguire lo sviluppo della storia proprio come se ci si trovasse dentro un altro corpo e, soprattutto, dentro un altro cuore. Parliamo di una delle riscritture più interessanti di una delle storie più amate di tutti i tempi, quella de Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum, ad opera di Sébastien Perez e Benjamin Lacombe. Un duetto perfetto che ha saputo dare nuovo incanto a un classico che attraversa con grande intensità un tema profondamente attuale: la diversità, che lungo il dipanarsi del racconto diventa prima accettazione dell’altro e poi condivisione. I protagonisti sono quelli di sempre, ognuno con un sogno da rincorrere: Dorothy, con il suo cagnolino Toto, desidera ritornare dagli zii nel Kansas, lo spaventapasseri vorrebbe un cervello, il leone un po’ di coraggio e l’uomo di latta un cuore. Così, in un viaggio rocambolesco fianco a fianco, i quattro personaggi condivideranno questi sogni, srotoleranno le loro storie e stringeranno una bellissima amicizia. Le tavole di Lacombe restituiscono le atmosfere rarefatte e un po’ rétro del mondo inventato da Baum, accentuandone l’aspetto onirico

169 BELLISSIMO

attraverso colori pieni e tavole dettagliatissime. Gli occhi dei suoi personaggi, enormi e pieni di emozione, sono una porta sulla loro interiorità e sulla meraviglia del mondo che ci spalancano. Perdervisi non sarà difficile. spinginuvole.it


Instagram I Profili più belli, intimi o surreali di chi ci fa sognare con le immagini.

THE MILJIAN FAMILY @likemiljian

NUMERO 74 L’ATELIER ISABELLE FOLLATH IBIZA @isabellefollath @numero74_latelieribiza 170  LOREM IPSUM 170 BELLISSIMO

OPRISCO @oprisco


NATHALIE LETE @nathalie_lete

OF UNUSUAL KIND @ofunusualkind

MARIA SVARBOVA @maria.svarbova

171  LOREM IPSUM 171 BELLISSIMO

JACK DAVISON

@jackdavisonphoto

YOMAGICK @yomagick


Wanderlust

GUIDE Mark e Sarah hanno inseguito un sogno: ripristinare la bellezza originaria di una riserva naturale, popolandola di tutti quegli esemplari che noi sogniamo di incontrare.

di Mariangela Monti SAMARA PRIVATE GAME RESERVE PETERSBURG ROAD, OFF THE R63 TO PEARSTON, NEAR GRAAFF-REINET, EASTERN CAPE, 6280

samara.co.za

“Noi non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri, ma lo abbiamo avuto in prestito dai nostri figli e a loro dobbiamo restituirlo migliore di come lo abbiamo trovato” (Robert Baden-Powell) Siamo nel Karoo, una zona del Sud Africa le cui immense pianure circondate da maestose catene montuose un tempo ospitavano animali selvatici leggendari come il ghepardo, il rinoceronte bianco e nero, il temutissimo leone del Capo dalla nera criniera, la giraffa, la quagga (una tipologia particolare di zebra con una groppa marrone). Qui avvenivano le più grandi e spettacolari migrazioni di antilopi mai viste al mondo. Nel corso degli anni, però, gli allevamenti di pecore e capre e la caccia sregolata hanno decimato quella fauna selvatica fino a farla scomparire del tutto. Fino a che, venti anni fa, Mark e Sarah Tompkins, sudafricana lei e inglese lui, folgorati dalla bellezza primordiale di questa terra e dalle leggende legate ad essa, decisero di riportare il Karoo alla sua originaria bellezza, ponendosi come obiettivo quello di creare da soli una riserva naturale che aiutasse a riportare l’equilibrio nella biosfera e a ripristinare gli habitat degradati. Lasciano dunque Parigi, dove all’epoca vivevano, per intraprendere quest’avventura. E’ così che nacque Samara, oggi 172 WANDERLUST

l’unica riserva privata dove i big five (l’elefante, il leone, il rinoceronte, il ghepardo e il bufalo) vivono liberi e si possono tranquillamente incontrare, durante i safari a piedi o in jeep. “Dall’inizio del nostro viaggio nel 1997 – raccontano Sarah e Mark - abbiamo intrapreso un ambizioso programma di reintroduzione degli animali con il primo ghepardo selvaggio nella regione dopo 125 anni, il primo rinoceronte nero e i primi elefanti in oltre un

secolo, assieme a molte altre specie indigene. Più di recente, abbiamo reintrodotto i primi leoni nella regione dopo 180 anni. Il nostro sogno è che un giorno Samara faccia parte di un paesaggio di conservazione abbastanza grande da contenere la ricchezza e la diversità della fauna selvatica documentata dai primi esploratori, dal branco di bufali di 200 esemplari ai branchi di cani selvatici”.


Il Karoo è il luogo ideale per lasciarsi alle spalle per un po’ la frenesia della vita cittadina, assaporando un senso di libertà unico. Immergersi in questo paesaggio di orizzonti infiniti significa mettere in prospettiva ogni cosa: noi siamo parte della natura e la natura è parte di noi. Ciò che rende speciale la riserva di Samara è la possibilità di avere, come ospiti della struttura, 27.000 ettari tutti per sé: qui non ci si sente 173 WANDERLUST

dei turisti ma dei locali; nessuna possibilità di trovare ingorghi intorno alle pozze d’acqua, tipici dei safari in zone più ‘famose’ dell’Africa. Un ranger privato e appassionato della zona è sempre a disposizione per raccontare le abitudini degli animali e aiutare ad avvistarli. L’emozione, poi, di vedere esemplari che conosci solo dai libri, che si avvicinano ai lodge come fossero animali domestici, dalle scimmie, ai

bufali, ai babbuini non ha prezzo. E qui si rinnova ogni giorno.


Oltre ad essere un piccolo paradiso in terra, Samara è anche una struttura estremamente family-friendly: i bambini hanno a disposizione un’area esterna protetta dove possono giocare tra sculture di ferro battuto giganti e miniature di animali costruite nella riserva. Il programma del kids club comprende safari avventurosi (anche senza mamma e papà), tantissime attività creative ispirate alla flora e alla fauna del luogo e pasti con menù dedicati. Se gli adulti vogliono godersi un safari notturno ‘da grandi’, possono lasciare i piccoli nel lodge, dove questi verranno intrattenuti con racconti di storie appassionanti sugli animali della foresta. All’arrivo i bambini sono accolti con un kit personalizzato contenente materiale da disegno e libri e ogni sera, sul loro letto, c’è una storia sugli animali della savana (“Come la Zebra ha ottenuto le sue strisce” è un esempio). I proprietari di Samara hanno molto a cuore una missione: educare le prossime generazioni di ambientalisti aiutandoli a spalancare gli occhi e a stupirsi davanti alle meraviglie della natura. A questo scopo vengono proposte attività educative adatte all’età dei partecipanti, sullo sfondo di un paesaggio mozzafiato, in una zona dell’Africa al riparo dal rischio di malaria. La struttura principale comprende 4 suite perfette per ospitare le famiglie; accanto ad essa sorge il Karoo Lodge, una fattoria ristruttu-

174  LOREM IPSUM 174 WANDERLUST

rata, con piscina, nella quale sono state ricavate 9 suite. Il Manor è invece una villa indipendente composta da 4 suite situate a 7 minuti di auto dal Karoo Lodge. E’ possibile prenotare una sola suite oppure l’intera villa….per immergersi totalmente nell’atmosfera da sogno del Karoo e sentirsi un po’ come nel film La mia Africa. All’interno della riserva sorgono qua e là altri piccoli lodge indipendenti.

Il perimetro della struttura è protetto da una recinzione elettrificata a basso voltaggio per impedire l’ingresso di animali selvatici pericolosi. Per chi cerca un’esperienza davvero indimenticabile, tra sogno e realtà, Samara è la meta ideale.


175  LOREM IPSUM


INDIRIZZI Aarrekid aarrekid.fi Adidas adidas.it Alberta Ferretti Junior albertaferretti.com Alice Mary Lynch alicemarylynch.com Alma almababycare.com AO76 ao76.com Balenciaga balenciaga.com Balmain balmain.com Banabae banabae.com Belle Chiara bellechiara.com Bobo Choses bobochoses.com Boboli boboli.uk Bonton bonton.fr Burberry burberry.com Carbon Soldier carbonsoldier.com Caroline Bosmans carolinebosmans.com Collégien collegien-shop.com Converse converse.com Diesel diesel.com Djeco djeco.com Dolce&Gabbana dolcegabbana.it Dsquared2 dsquared2.com Faune faune.co.uk Fendi Kids fendi.com Fish&Kids fishandkids.es

176 

Flexa Play flexashop.it Givenchy givenchy.com Gris grisnet.official.ec Gucci gucci.com Guess Kids guesskids.guess.eu H&M hm.com Il Gufo ilgufo.com Impala Rollerskates impalarollerskates.eu Izipizi eu.izipizi.com Jelly Mallow jellymallow.com Lea&Jojo leaetjojo.com Little Creative Factory littlecreativefactory.com L’oiseau Bateau loiseaubateau.fr Louise Misha louisemisha.com Maison Mangostan maisonmangostan.com Milk & Biscuits milkandbiscuits.com Mini Rodini minirodini.com MSGM Kids msgmkids.it Molo molo.com Monnalisa monnalisa.eu Moschino Baby Kid Teen moschino.com Nailmatic Kids nailmatic.com Nature King natureking.lv Numero 74 numero74.com Oliver Furniture oliverfurniture.com

Paade Mode paademode.com Papu papustories.com Péro pero.co.in Petit Picotin petitpicotin.com Philosophy by Lorenzo Serafini philosophyofficial.com Pinko Up pinko.com Raspberry Plum raspberryplum.com Roberto Cavalli Junior robertocavalli.com Sandro sandro-paris.com Simonetta simonetta.it Soft Gallery softgallery.dk Stella McCartney stellamccartney.com Tambere tambere.co.kr The Animals Observatory theanimalsobservatory.com The Campamento thecampamento.com The New Society thenewsocietykids.com Tia Cibani Kids tiacibanikids.com Tinycottons tinycottons.com Tuc Tuc tuctuc.com Wander&Wonder wander-n-wonder.com Wauw Capow by Bangbang wauwcapow.com Weekend House Kids weekendhousekids.com Wolf & Rita wolfandrita.com Yellow Pelota yellowpelota.com


carbonsoldier.com


Profile for Scimparello

Scimparello N°3 - Inverno 2019