Page 1

PIANO MATERDOMINI

PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

Assessore Vito Malanga Assessore Salvatore Conforti Caposele 2 febbraio 2014


PIANO

MATERDOMINI

L’URBANISTICA AL SERVIZIO DEL TURISMO

AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

Piano Materdomini / L’urbanistica al servizio del turismo

L

'A.C. sensibile, da sempre, alle tematiche urbanistiche connesse anche al fattore “turismo”, intende procedere alla realizzazione di una serie di opere e sistemazioni urbane nell'ambito del territorio di Caposele e nella fattispecie nella frazione turistica di Materdomini. Gli interventi che sono riportati graficizzati in allegato, comprendono una serie di iniziative a breve e lungo termine che innestati ad hoc con altre iniziative di tipo commerciale ed ecologico, potranno produrre una serie di benefici alla frazione e a tutto il Paese, atteso che la sistemazione di aree urbane e miglioramento dell'accoglienza restituisce a tutta la comunità grandi vantaggi. Molte delle proposte di miglioramento trovano riscontro all'interno del piano turistico comunale che sintetizza alcuni interventi e ne specifica, a volte, la collocazione e le tipologie per ogni iniziativa. Dal P.T.C. comunale sono state estrapolate le planimetrie di riferimento e le tavole esecutive. I progetti preliminari, definitivi ed esecutivi sono allegati alla presente relazione solo a carattere informativo ed illustrativo. I progetti esecutivi con i relativi atti preventivi sono allegati agli atti. Tra le proposte importanti si elenca quanto segue:

1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) 11) 12) 13) 14) 15) 16)

Sistemazione della rotonda d' ingresso – uscita superstrada (progetto preliminare) Parcheggio San Michele – area nord – uscita Fondovalle Sele; (prog. prel. del. n. 65 - 16 aprile 2013) Verifica e attivazione progetto esecutivo per sistemazione cedimento strutturale strada provinciale – (lato dx viale platani); Marciapiede di collegamento tra le aree di smistamento – uscita parcheggio – centro abitato; Chiusura e completamento lavori “centro fieristico”; Sistemazione e area ex bagni pubblici- inizio Corso S. Alfonso; Sistemazione marciapiedi ed implementazione arredo urbano diffuso; Collocazione di display gigante di informazione turistica – ingresso parcheggio Installazione su isola pedonale di gazebo informativo in ferro per informazioni turistiche e unità logistica di vigilanza e smistamento informazioni. Sistemazione slargo e muro Liceo in via Muro Lucano. Sistemazione area ex bagni pubblici (ristorante Testa) Completamento della tabellonistica turistica; Ripristino rete wifi Realizzazione mini parcheggio area prefabbricati Duomo e aree ecologiche (utenze private- utenze commerciali) Realizzazione ed attuazione “piano parcheggi”e Piano «grandi eventi» Realizzazione fontana su Piazza Santuario Caposele 2 febbraio 2014

Ass. Geom. Vito Malanga Ass. Arch. Salvatore Conforti

1


Du om o

Duomo

Via

Via

II T rav.

Trav.

IV

P

mo

P

Via

7

e

S. Alfonso

8

9

H

3

10 S.S

165

Du o Tra v.

H

o

H

I

Via

6

el

H H

so

lfon

S. A

H

om

H

Via

III Trav.

Via

Du

mo

Via

Via

S. Alfonso

Duomo

o

ich

15) 16)

14

Duo

Duom

M

10) 11) 12) 13) 14)

Via

n

4) 5) 6) 7) 8) 9)

Sistemazione della rotonda d' ingresso – uscita superstrada (progetto preliminare) Parcheggio San Michele – area nord – uscita Fondovalle Sele; (prog. prel. del. n. 65 - 16 aprile 2013) Verifica e attivazione progetto esecutivo per sistemazione cedimento strutturale strada provinciale – (lato dx viale platani); Marciapiede di collegamento tra le aree di smistamento – uscita parcheggio – centro abitato; Chiusura e completamento lavori “centro fieristico”; Sistemazione e area ex bagni pubblici- inizio Corso S. Alfonso; Sistemazione marciapiedi ed implementazione arredo urbano diffuso; Collocazione di display gigante di informazione turistica – ingresso parcheggio Installazione su isola pedonale di gazebo informativo in ferro per informazioni turistiche e unità logistica di vigilanza e smistamento informazioni. le Se Sistemazione slargo e muro Liceo in via Muro Lucano. lle a V o Sistemazione area ex bagni pubblici (ristorante Testa) nd Fo S Completamento della tabellonistica turistica; S. Ripristino rete wifi Realizzazione mini parcheggio area prefabbricati Duomo e area ecologica Realizzazione ed attuazione “piano parcheggi”e Piano «grandi eventi» Realizzazione fontana su Piazza Santuario

Sa

1) 2) 3)

Materdomini

AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

LINEE PROGRAMMATICHE PER UNO SVILUPPO POSSIBILE

G

MATERDOMINI

P

PIANO

11

Via

S.

P

ro

Via

P

ich

nM

G

S.S

ele

P

Ald

o

P

Mo

165 N°

o

5

ns

i n a i P

Via Santuario

ila via M

no

Aldo M oro

Santuario

S.S

4

Via

N° 1

65

Santuario San Gerardo

2

P

1

P

Vi a

H

Santuario

P

Via

Sa

lica

nge

Eva unità

Com

Via

via Prive

di Leopar

rno

rb Co

e

tta

eM

agen

ta

Via

Via

via

stralcio aerofotogrammetrico di riferimento

fo

Al

a Vi

Comune di Caposele U.T.C. / Patrimonio


PIANO

MATERDOMINI

SVINCOLO SUPERSTRADA

AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

L

Vista di riferimento

’ingresso al Paese è da sempre risultato un accesso infelice, e con piccole operazioni di restyling, siamo riusciti a dare un po’ di «anima» a quei luoghi che dovrebbero restituire a chi entra, l’impressione di un paese turistico e civile. Dopo l’allestimento della segnaletica orizzontale e verticale ed la installazione di tabellonistica turistica, l’intenzione dell’A.C. è quella di ripulire l’area dal segno tangibile del terremoto (prefabbricati) e soprattutto di realizzare il progetto di una nuova rotonda che abbia le caratteristiche di impatto e immediata visibilità rispetto alle peculiarità che Caposele offre. Una rotonda ridisegnata con la installazione di tabellature turistiche che si potranno affidare per le promozioni ad un’agenzia turistica, con la collinetta in erbetta che porta attraverso viali pavimentati, al centro rialzato. Sulla piattaforma centrale si innalza un piedistallo dal quale si erge una statua di circa 15 metri che simboleggia San Gerardo e l’acqua. L’impianto architettonico viene illuminato da una serie di lampioni a led con cellule fotovoltaiche autoalimentate. Il disegno preliminare indica che tale struttura potrà avere un impatto importante sui pellegrini e turisti e potrà, nel contempo dare un’indicazione di direzione anche a chi è di solo passaggio lungo la fondovalle Sele. Si allegano oltre ai disegni architettonici, un quadro sommario della spesa.

2

SEGUONO ALLEGATI


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SVINCOLO SUPERSTRADA

3


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SVINCOLO SUPERSTRADA

4


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SVINCOLO SUPERSTRADA

DESCRIZIONE DEI LAVORI Scavo di sbancamento effettuato con mezzi meccanici. Scavo a sezione obbligata, fino alla profonditĂ di 2 m. Rinfianco con sabbia o sabbiella Calcestruzzo durevole per impieghi strutturali. Rck 30

Il riferimento al quadro delle categorie dei lavori fa riferimento al computo metrico relativo

Strato di fondazione in misto granulare stabilizzato con legante natural Trasporto a rifiuto di materiale proveniente da lavori di movimento terra. Riempimento con terreno vegetale Casseforme di qualunque tipo. Realizzazione cartellonistica Realizzazione impianto idrico Realizzazione impianto elettrico Formazione del tappeto erboso con preparazione meccanica del terreno (pulizia dell'area, aratura/vangatura, erpicatura). Realizzazione pavimentazione con cemento stampato Acciaio ad alta duttilitĂ in classe tecnica B450C, Acciaio in barre per armature.

5


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

PARCHEGGIO SAN MICHELE

D

a sempre si è avuta l’idea di realizzare un parcheggio a Nord e non a Sud. Tale scelta che non ha mai trovato riscontro negli anni, è di possibile realizzazione grazie al parcheggio «San Michele» . La fascia utile alla realizzazione di tale area da destinare a parcheggio è quella che viene definita tra la strada provinciale e il limite dei fabbricati di San Michele. Tale area sarà ripulita e destinata ad un livello di utilizzazione. L’ingresso al parcheggio sarà posizionato all’ingresso di via San Michele nelle prossimità dello svincolo della superstrada. Il tracciato e l’area è definita a monte dal muro di contenimento dell’area dei fabbricati, e valle da una serie di impianti pubblicitari che ne tracciano anche il percorso di sicurezza sulla strada stessa. il progetto preliminare approvato con del. di giunta n. 65 del 16 aprile 2013, ne delinea tutti i particolari e approfondisce le caratteristiche tecniche e funzionali dell’operazione che è straordinaria come idea e come soluzione ideale al sistema dei parcheggi nelle giornate del max flusso turistico.

Vista di riferimento

Il sistema delle tabellature

passamano

A’ LICIT

’ CITA

ZIO SPA

BLI PUB Comune di Caposele

BB O PU

ZI

SPA

Comune di Caposele

pannello

cordoletto

pannello

parcheggio

strada provinciale

6

SEGUONO ALLEGATI


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

PARCHEGGIO SAN MICHELE

7


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

PARCHEGGIO SAN MICHELE

8


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

MARCIAPIEDE DI COLLEGAMENTO

U

na fascia di collegamento pedonale si rende necessaria per mettere in sicurezza il passaggio pedonale tra lo svincolo, il parcheggio San Michele con il limite del centro urbano. Il marciapiede viene realizzato in una area esterna al percorso stradale ma anche in aree di risulta giĂ esistenti che possono fungere anche da aree di sosta pedonali. Un percorso pavimentato e che restituisce a chi lo pratica sicurezza e soprattutto alleggerisce il passaggio dallo svincolo - area ex prefabbricati a centro urbano. Lo stesso potrĂ  essere implementato e collegato a quello esistente dopo il bivio Caselle, attraverso ulteriori interventi.

Stato attuale dei luoghi

150

30

Vista di riferimento

9


PIANO

MATERDOMINI

SISTEMAZIONI URBANE

AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

7) SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE ED AREE LIMITROFE 8) INSTALLAZIONE DISPLAY TURISTICO 9) INSTALLAZIONE GAZEBO - INFO POINT

L

e sistemazioni a cui facciamo riferimento riguardano l’ area di massimo flusso pedonale e di svincolo prima del parcheggio di proprietà dei Padri Redentoristi. In quei luoghi si rende necessario un ripristino di tutta la fascia del marciapiede e delle aree intorno, utili alla fruizione pedonale e alla sosta. DISPLAY INFORMATIVO l centro di Materdomini ed in particolare all’ingresso del parcheggio di proprietà dei Padri redentoristi, viene collocato un display gigante che restituisce ai visitatori notizie utili per lo svolgimento della loro attività nel Paese. Tale installazione viene collocata in manera strategica e sarà gestita in modo real time dal servizio informatico del comune. L’impianto è stato realizzato anche per evitarecattivi impatti architettonici, e quindi alleggerito con una bandella metallica che accompagna le linee della trave di discesa e di sostegno del display

A

CHIOSCO TURISTICO

I Vista di riferimento

l progetto di un chiosco dedicato al turismo si inserisce in un disegno globale riferito alla materia «turismo» che si sviluppa su più fronti all’interno, a sua volta, di un piano attuativo generale dedicato all’arredo urbano. La collocazione della struttura restituisce tutto il senso dell’operazione che viene rimarcata dal posizionamento in un’area strategica del flusso di passaggio e turistico di San Gerardo.

L’inizio dell’area pedonale - spartitraffico tra le due corsie della provinciale sarà investita, in questo modo da una sorta di presidio amovibile, ma anche strutturalmente pesante che sarà utilizzato per il primo impatto di informazione ai turisti e pellegrini. Sarà il mezzo attraverso il quale saranno trasmesse tutte le informazioni turistiche (brochure, indicazioni turistiche e di sicurezza diffusione di segnale bluetooth e wi fi) la base operativa dei vigili urbani, la partenza per la navetta turistica per il minitour , punto di appoggio per operatori turistici). Insomma una sorta di faro e punto di riferimento di tante operazioni istituzionali logistiche e turistiche. Il gazebo ha una dimensione tale da risultare alquanto leggero e ben inserito nel contesto urbano. Viene posizionato sul marciapiede e sulla parte iniziale dello stesso in modo da evitare interferenze visive con il resto della carreggiata. Le dimensioni sono inscrivibili in un rettangolo di 250 x 250 cm. e uno sbalzo della copertura rispetto alla sagoma verticale di circa 20 cm. su ogni lato. All’interno sarà posizionato una doppia postazione operativa con l’installazione di un monitor gigante per trasmettere informazioni anche in assenza di operatore. All’esterno sarà possibile utilizzare le pareti cieche e quelle richiudibili con messaggi, a mo’ di bacheca comunale elettronica e tradizionale che anche in caso di messaggi di servizio alla cittadinanza.

10


PIANO

MATERDOMINI

SISTEMAZIONI URBANE Stato attuale dei luoghi

AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

I

l percorso pedonale che collega il bivio di Caselle per Caposele e il parcheggio «Preti» versa in cattive condizioni, per cui è stato previsto una sorta di sistemazione delle aree più ammalorate e l’integrazione con lo stesso materiale esistente di aree che sono a ridosso di tale spazio. La tipologia utilizzata è la stessa preesistente con inserimenti di cordoletti in pietra. Si prevede la pulizia della fascia pedonale da elementi avulsi rispetto al contesto (pali di vecchie insegne, box postali...etc,..

COMUNE DI CAPOSELE

COMUNE DI CAPOSELE

INFORMAZIONI TURISTICHE

Stato attuale dei luoghi

Foto rendering della realizzazione

11


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SISTEMAZIONE AREA EX BAGNI PUBBLICI

I

l luogo da sistemare versa in condizioni pietose e l’intervento previsto può restituire allo stesso dignità in un’area che è centrale rispetto ai flussi di pellegrinaggio e turistici. L’intervento si propone di sistemare i bagni pubblici e di rimodellare il percorso e l’area a confini con terrazzamenti e piantumazioni di specie autoctone. L’ingresso sarà schermato da una serie di pannellature artistiche che nasconderanno parzialmente la discesa e la vista della struttura che ospitava i bagni. Le aiuole, infine accompagneranno il percorso di discesa. L’area di sedime dei bagni sarà sistemata attraverso aiole e attrezzata con tavoli e sedie al fine di utilizzarla come area picnic.

via Madre Teresa di Calcutta

Vista di riferimento

pannelli

via Madre Teresa di Calcutta

Stato attuale dei luoghi

area pic-nic

Schema tecnico progettuale

aiuole

area pic nic terrazzamenti

12


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SISTEMAZIONE PIAZZA DEL SANTUARIO

L

a realizzazione di un’emergenza architettonica al centro del sagrato del Santuario, parte da una vecchia ricostruzione di un elemento architettonico sul quale, negli anni 40, si ergeva la statua di San Gerardo, che parzialmente è stata recuperata. L’idea portante della nuova realizzazione ricalca la vecchia traccia e si collega al duplice simbolo del Santo e dell’acqua che ritroviamo anche come idea portante all’ingresso del Paese. Il progetto si basa su linee leggere che non disturbano il visitatore né la visione della facciata principale della Chiesa. La fontana viene abbellita anche da aiuole e da poggi- sedute che ne caratterizzano ancor di più la funzione pedonale che è stata scelta per la piazza.

13 1


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SISTEMAZIONE PIAZZA DEL SANTUARIO

114


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

SISTEMAZIONE PIAZZA DEL SANTUARIO

L

’intervento in piazza Santuario si focalizza sulla realizzazione di una fontana/aiuola in luogo dello storico monumento smontato negli anni 50. Il nuovo monumento dovrà caratterizzare la piazza attraverso i due simboli del territorio: l’Acqua e il Santo. Il manufatto avrà come tipologia costruttiva, la pietra e colori tenui per non intralciare la vista verso la facciata.

La vecchia piazza del Santuario con la statua dedicata al Santo

Rendering della fontana all’interno della piazza

115


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

G

li interventi proposti hanno, indubbiamente, necessità di impiego di risorse e di tempo, per cui si evidenzia, nello schema successivo, le possibilità e la fattibilità cronologiche delle operazioni. Naturalmente alcuni interventi, dovranno essere approfonditi con progetti esecutivi e con ulteriori verifiche, ma il Piano, nella sua totalità restituisce a pieno la volontà di intervenire sulla Frazione Materdomini e raggiungere, nell’ arco di 3 anni tutti i risultati che si sono prefissati. I disegni proposti nel presente fascicolo hanno carattere di mera illustrazione ed orientamento rispetto alle individuazioni e realizzazioni progettuali che sono riscontrabili agli atti del Comune. Le risorse occorrenti alla realizzazione di tali interventi sono rintracciabili nel quadro economico generale contabile proposto. Dalla sede comunale 2-febbraio 2014 ass. Geom. Vito Malanga ass. Arch. Salvatore Conforti Lo schema riportato di seguito, indica la difficoltà dell’intervento programmato e la dotazione della tipologia di progetto agli atti (Preliminare, Definitivo, Esecutivo). Inoltre e alla luce dei dati già acquisiti vengono evidenziati anche i tempi di realizzazione secondo un percorso crono-programmatico che ha carattere di semplice riferimento. Ogni progettazione ha in dotazione un fascicolo autonomo nel quale sono specificati tempi e modalità riferite a valutazioni indipendenti.

Vista di riferimento

CRONOPROGRAMMA DI ATTUAZIONE 3 mesi 3 mesi

n.

Intervento

1.

Rotonda ingresso Città

2

Parcheggi San Michele

4

Marciapiede collegamento

5.

3 mesi 3 mesi

2015

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

2016 3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

Sistemazione urbana centro

11

Sistemazione ex bagni pubblici

P

D

E

DIFFICOLTA’ PROGETTO

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi DIFFICOLTA’ PROGETTO

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi DIFFICOLTA’ PROGETTO

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

DIFFICOLTA’ PROGETTO

3 mesi 3 mesi

E

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

DIFFICOLTA’ PROGETTO P

Sistemazione ex bagni Corso S. Alfonso

10.

DIFFICOLTA’ PROGETTO

P 3 mesi 3 mesi

Verifica smottamento strada provinciale

3 mesi 3 mesi

2014 3 mesi 3 mesi

3.

3 mesi 3 mesi

P 3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

DIFFICOLTA’ PROGETTO E

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

DIFFICOLTA’ PROGETTO P

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

3 mesi 3 mesi

DIFFICOLTA’ PROGETTO

14

Parcheggio Villaggio Duomo e area ecologica

P

15

Realizzazione fontana piazza Santuario

P

16

Tabellonistica e arredo urbano

P

15


PIANO

MATERDOMINI AREA LL.PP. PATRIMONIO ED URBANISTICA

La pubblicazione del presente supporto informativo è vietata senza l'esplicita autorizzazione dell'Ente. Si ringraziano per la collaborazione i tecnici delle aree Lavori Pubblici- patrimonio - U.T.C.

Conclusioni

L

e conclusioni ci consentono di rimarcare alcune questioni importanti che attengono al carattere di mera rappresentazione del Piano e delle volontà politiche delle A.C. Farina. Le stesse proiettano, nel tempo limitato di circa 3 anni, i propositi progettuali relativi alla frazione Materdomini e tutte le strategie conseguenziali dell’operazione tecnico-politica. Tale proiezione è suffragata dalla produzione di idee, progetti preliminari e definitivi e quindi cantierabili con possibilità di finanziamento. Operazioni complete e realistiche che accompagnano anche una progettualità più ampia e impegnativa per la quale si è richiesto il contributo dei finanziamenti europei. Nella fattispecie da ricordare: Ÿ il progetto esecutivo per la trasformazione dell’ex scuola- media in Centro servizi Turistici, per il quale è previsto anche la traslazione di alcune strutture mobili (bancarelle) all’interno dell’area predisposta sia per i servizi commerciali e sia per quelli strettamente turistici. Ÿ Il finanziamento per la sistemazione della strada provinciale (smottamento corsia dx platani) per la quale si è pensato di realizzare, oltre ai lavori di ripristino del muro, anche un allargamento a sbalzo del marciapiede esistente (piccola piazza) al di sopra della carreggiata, per far respirare quella zona imbrigliata troppo da percorsi stradali; Ÿ Sistemazione definitiva di via Aldo Moro come arteria principale di collegamento tra la frazione Materdomini e il centro capoluogo Caposele, al fine di agevolare il passaggio e la interatività di mete turistiche varie e complementari; Ÿ infine un finanziamento per la realizzazione di isole ecologiche (urbane) destinate alla raccolta provvisoria dell’indifferenziata, ma che abbiano una doppia funzione ed utilizzo (per utenze privati e commerciali) in un disegno decoroso e particolare. L’esperimento di tali isole è contemplato in questo piano e con facile realizzabilità, nel punto 14. I progetti preliminari, definitivi ed esecutivi ai quali si fa riferimento nel presente piano, sono già agli atti dell’Ente ed approvati nelle loro rispettive fasi. Le iniziative proposte, naturalmente, devono essere necessariamente accompagnate dalla realizzazione di percorsi anche alternativi e strutturali come l’applicazione dei «PUA di via Santuario» che darebbero il giusto decoro alla strada più importante del Paese, già oggetto recente di una nuova pavimentazione ed arredo urbano che ha conferito alla stessa un’immagine importante di vera arteria turistica. Tutte le operazioni previste si collegano fra di loro attraverso le linee programmatiche già specificate nell’ambito del programma politico di questa A.C. e ricalcano il P.T.C. e gli strumenti urbanistici vigenti, per i quali è in atto una leggera trasformazione (variante) in alcune zone toccate dagli interventi. Il presente piano sarà messo a disposizione per eventuali osservazioni e suggerimenti e potrà essere stimolo per una serie di ragionamenti aggiuntivi proposti dalle organizzazioni politiche, sociali no-profit e categorie operative del settore turistico commerciale. Caposele, 2 febbraio 2014

2014

16

Piano Materdomini  

Proposte di sistemazione dell'area turistica di San Gerardo. 1) Sistemazione della rotonda d' ingresso – uscita superstrada (progetto prelim...

Piano Materdomini  

Proposte di sistemazione dell'area turistica di San Gerardo. 1) Sistemazione della rotonda d' ingresso – uscita superstrada (progetto prelim...

Advertisement