Issuu on Google+

Presto - ARNOLD CLASSIC MADRID TUTTE LE NFO SE T TEMBRE - OT TOBRE 2012 N U M ER O 2 C L IC K Watch!

CAMPIONATI EUROPEI MASCHILI& FEMMINILI JUNIORS & MASTERS

Su FACEBOOK >> MI PIACE IFBB UNIVERSE

IFBB CON SUCCESSO A:

MEETING www.if bbuniverse.it

CAMPIONATI ITALIANI 2012


IFBB S

O

M

M

A

R

I

O

Pagina

78 Back to the Basics

The Parallel Bar Dip

I

n the strength coaching field there is a trend to declare certain exercises “dangerous.” For the lower body there was the persistent belief that squats rip apart the knees; and although the preponderance of peerreviewed and empirical evidence has disproved this myth, it’s still a battle to convince many coaches and personal trainers that it’s OK to break parallel in the lift. Moving on, the latest exercise to come under attack is the parallel bar dip, which is considered the fast track to tearing apart the shoulders. This just doesn’t make any sense. If dips were as harmful as some people claim, how do you explain the sport of gymnastics? Male and female gymnasts perform high-repetition dips year-round – shouldn’t these athletes be experiencing an epidemic of shoulder injuries? Let’s look at some facts. In one US Gymnastics Federation study on 206 competitive gymnasts over 17 months published in 1981, the most frequently reported injuries were, in order of highest to lowest, to ankles and knees (19.2 percent), and foot and back (13.1 percent). In one study published in 1985 on 873 club and recreational gymnasts who were followed for nine months, shoulder injuries amounted to only 1.1 percent! Based on these numbers, a case could be made that parallel bar dips help prevent shoulder injuries! In the early days of the iron game, dips were a key training method and were often used in YMCA physical fitness programs.

A closer look at this effective, and safe, upper body exercise that happens to be also a round of the new IFBB Athletic Fitness! They were often combined with chin-ups, and this combination developed great upper body strength. In the area of muscular endurance, in 1954 Jack LaLanne led the way by completing 1,000 vertical dips in less than 35 minutes without leaving the bars. Eventually chin-ups were replaced with pulldowns, and dips made way for the mighty bench press. But it was a gradual process, as powerlifters used to consider dips a key exercise. Pat Casey, the first man to officially bench press 600 pounds (272.5 kg) raw, weighed 340 pounds (154 kg) and could perform a parallel bar dip with an additional 380 pounds (172.5 kg). In bodybuilding, one of the greatest dippers was Brooklyn’s Marvin Eder, who placed third in Continue 

Photo IFBB Archive

Back to the Basics The Parallel Bar Dip by Charles Poliquin

28

29

Pagina

96

My MoM is no sports nutritionist, but when i was growing up, she was right when she stressed that breakfast was the Most iMportant Meal of the day.

Breakfast like a

ampion Ch

By Lee Labrada Copyright © 2012, Lee Labrada. All rights reserved. 38

39

Pagina EUROPEANS

108

EUROPEO1-English_EUROPEO-SS-1 7/4/2012 8:45 AM Page 1

2012

SANTA

SUSANNA SPAIN 2012 EUROPEAN, MEN’S, JUNIORS AND MASTERS CHAMPIONSHIPS 35 NEW EUROPEAN CHAMPIONS AND 7 OVERALL WINNERS

by Andrew Michalak - Photos EastLabs It was one of the biggest bodybuilding and fitness events ever held in Europe. Only the 1st Arnold Classic Europe held last October in Madrid was a bit bigger. Spanish organizers and IFBB officials had a difficult task: how to compose the schedule to run 35 categories with 277 athletes in 3 days, excluding half day for the annual EBFF Congress? Finally, it was skillfully planned, with the morning and the afternoon sessions each day, so officials, judges and organizing staff didn’t feel tired and had enough time for a mid-day meal and short refreshing, coming to the longer afternoon sessions with fully recharged “batteries”. Santa Susanna Mayor and IFBB Patron Mr. Joan Campolier took care of everything, with his usual hospitality and cordiality, creating a friendly, warm atmosphere. As the IFBB President, Dr. Rafael Santonja has said in his opening speech, thanks to its City Hall and Mr. Campolier personally, Santa Susanna has become a second home to the IFBB worldwide family and it is really felt. Supported by the Spanish Federation with Mr. Jose Ramos as its President, they are capable to organize any of the IFBB top international championships and going there we can be sure that everything will be prepared according to highest IFBB standards. This is a real, not only “paper” patronage. Great thanks! The Championships’ Headquarter was located in the Caprici Verd Hotel and the IFBB Congress was held in the Aqua Onabrava Hotel but a couple of other hotels were used to accommodate all athletes plus nearly 200 delegates, trainers, judges and other accompanying persons. We can say, Santa Susanna was conquered by muscular, shapely bodies at those days. Altogether, 36 countries were represented at these combined championships, so except of a couple of small principalities the whole Europe took part in this great physique sport festival. The biggest team of 35 athletes was entered by Turkey. Turkish Federation has become very active and efficient this year and grasped a lot of medals. But, coming to the details, we need to look into each championships separately.

73 The EBFF Congress was held in the same days of the Championships.

Pagina

IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

2012 IFBB EUROPEAN CHAMPIONSHIPS May 11th-14th 2012

PHOTOREPORT Europei Master & Junior 2012 - di Andrew Michalak » 108 Europei Femminili 2012 - di Andrew Michalak » 132 Campionati italiani 2012 - a cura della redazione » 174

Continue 

by Andrew Michalak  Photos by EastLabs

92

ALLENAMENTO Ritorno ai fondamentali: Dip - di Charles Poliquin » 78 Riscoperta dell’Hack Squat - di Charles Poliquin » 84 Kinesiologia & Biomeccanica Applicata: Triceps Press Downs - di Mauricio De Arruda Campos » 86 The Golden Coach. Il sovrallenamento - di Massimo Monaco » 88 Un coach che parla USA. Carb Cycling - di Gabriele Trapani » 92 NUTRIZIONE Colazione da campione - di Lee Labrada » 96 La dispensa del bodybuilder: petto di pollo - di Rossella Pruneti » 102 Ricette: Bignet - di Rossella Pruneti » 158

C

roatia was the host country for the IFBB continental championships for the first time, so all participants were going there with curiosity and excitement. Croatian Bodybuilding and Fitness Federation, with Mr. Damir Siser as its President, supported by his wife and IFBB international judge Nada Siser, are an experienced IFBB top events officials, having enough knowledge to organize any championships. Well, knowledge is one thing, the possibility is the other matter. Bodybuilding and fitness are recognized sports in Croatia. Their National Federation is affiliated to the Croatian Olympic Committee. President of this Committee, Mr. Zlatko Matesa (Prime Minister of Croatia 1995-2000) received the IFBB Delegation, headed by President Santonja, in his Headquarter in Zagreb. During this meeting President Santonja honoured President Matesa with the IFBB Platinum Award. Croatian Federation was additionally challenged at these Championships by the recent EBFF decision to inaugurate a new sport discipline: athletic fitness. This is a combination of strength and endurance tests followed by the body assessment round in quarter turns. It shows that physique sports competitors (bodybuilders, bodyfitness girls) are also strong, enduring and universal athletes. The only problem for the host federation is to provide the equipment for these tests and the Croatian Federation managed to do it in a perfect way. And these were the last Women’s Championships included women’s bodybuilding. According to the EBFF decision made at the January meeting in Segovia, Spain, women’s bodybuilding will join men’s bodybuilding at the European Men’s, Women’s and Mixed Pairs Bodybuilding Championships from the beginning of 2013. This is a logical combination same as men’s and women’s fitness at one championships. Especially, if there is a bodybuilding mixed pairs category in the IFBB, which has been slowly “dying” due to the separation of women’s and men’s bodybuilding. Now, a renaissance of this beautiful division can be expected. Altogether, 165 athletes from 30 countries participated in these Championships, what is a new historical record compared to 27 countries in 2010. People are friendly and supportive there, so the Championships were run smoothly, without any technical problems, in the “Dom Odbojke” Sport Hall.

CROATIA HAS ITS IDOL: ZRINKA FISER

INTERVISTE IFBB EXECUTIVE MEMBERS: Milan Cizek » 22 L’albo d’oro della Nazionale italiana: Doina Gorun » 42 L’albo d’oro della Nazionale italiana: Valentina Mazzola » 48 Le Physique... du rôle - di Ester Parisi » 70 2012 da giudice - di Clarissa Giannerini » 74 Consigli per una perfetta vestibilità dei costumi da gara - di Agnese Russo » 60 REGOLAMENTI REGOLAMENTO Nuova Categoria: Women’s Physiqye - di Rossella Pruneti » 66

72

132

RUBRICHE EDITORIAL » 7 IFBB NEWS » 10 SPORTACCORD QUEBEC» 12 MEN’S BODYBUILDING: Aliaksei Shabunia » 18 C’è mondiale e Mondiale - di Simone Meiattini » 28 STAGE FASHION » 30 WORKOUT WEAR » 32 FITNESS FOOD » 34 Il viaggio verso la femminilità - di Giada Simari » 36 La mia passione bodybuilding - di Marco Mandile » 40 ROBiz - di Roberta Bozzao e Michela Frè » 54 Abbiamo iniziato così ... e si riparte da qui - di Daniela D’Emilia » 58 GIACCHE BLU. Come si diventa giudice nazionale - di Rossella Pruneti » 72 ZEE MASTER. Dal bodybuilding al fitness, e tutti gli altri? » 76 PROSSIME GARE - Austria Cup » 214 PROSSIME GARE - Mondiali Femminili 2012 » 218 PROSSIME GARE - Arnold Classic Madrid » 220 CALENDARIO GARE » 158

93

Pagina

220 NEXT SHOW I N S P E C T I O N

R E P O R T S

&

I N F O

ARNOLDCLASSICEUROPE THIS YEAR 2012 IN THE HUGE “MADRID ARENA”, DESIGNED FOR THE OLYMPIC GAMES!

WHEN

October 11-14th 2012 (EXPO: October 12-14th )

by Andrew Michalak Following the very successful first edition of Arnold Classic Europe, this year event will be held in a very special place: the sunny heart of the 'lungs' of Madrid – the Casa de Campo – a large park located five minutes’ walk from the central Plaza de España. There are many separate multipurpose buildings/pavilions spread out over 67 hectares what creates a perfect conditions to run contests in over 20 different sport disciplines, from strength and body beauty sports (bodybuilding, fitness, athletic fitness, crossfit, powerlifting, strongmen, armwrestling) through martial arts (boxing, kickboxing, judo, karate, wrestling) to gymnastics, football, fire fighting and police competition. The whole complex was built as a part of the facilities planned for the Madrid 2012 Olympic Games bid and this year celebrates its 10th anniversary.

Giada Simari, Italy - last year winner in Bodyfitness up to 158 cm.

148

In copertina:

WHERE Madrid Arena

y Palacio de Cristal Casa de Campo (Madrid. Spain)

WEB SITE

www.arnoldclassiceurope.com

TICKETS

www.ifbbevents.com The Madrid Arena has a maximum capacity of about 12,000 spectators.

The Madrid Arena - inside.

The Madrid Arenal facade.

The Palacio de Cristal facade in Madrid.

I campioni Europei 2012 di Bodybuilding (dalla Russia): Lyudmila Tuboltseva (- 55 kg ) e Mikhail Sidorychev (+100 kg). Foto di EastLabs.

IFBB President Rafael Santonja and Arnold Schwarzenegger. Togethr with Jim Lorimer they are the promoters of the ACE (Arnold Classic Europe).

149

5


IFBB U

N

I

V

E

R

S

E

IFBB UNIVERSE EDIZIONE ITALIANA Bimestrale – Anno I N. 2 SETTEMBRE-OTTOBRE 2012 Editore: Associazione Dilettantistica Sportiva e Culturale Ray Stern, Corso Inglesi 524, 18038 Sanremo (IM). Tel. 0184996236. Sito Web: www.ifbbuniverse.it E-mail: redazione@ifbbuniverse.it Registrazione Tribunale di Sanremo n. 1 in data 04/01/2012 del Registro Stampa Periodica. IFBB UNIVERSE è anche quotidiano online con Registrazione Tribunale di Sanremo n. 2 in data 04/01/2012 del Registro Stampa Periodica. Direttore Responsabile: Graziano Consiglieri Direttore Editoriale: Benedetto Mondello Art Director, Redazione, traduzioni e realizzazione grafica: Rossella Pruneti. Crediti fotografici: EastLabs, Franciasco Grillo, L. A. Design – Luca Alfieri, Shutterstock,. Riprodotto su licenza di IFBB, International Federation of Bodybuilders, Calle Juan 8, Madrid, Spagna © 2012 IFBB Tutti i diritti riservati. DISCLAIMER È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo di articoli e materiale grafico pubblicato. L’editore si riserva di rifiutare annunci pubblicitari non consoni alle finalità associative e federali oltre a declinare ogni responsabilità per quelli contenuti. L’editore non può assumersi alcune responsabilità per le eventuali conseguenze di azioni basate su quanto scritto in qualsivoglia articolo. Prima di iniziare la pratica di un’attività fisica o un programma alimentare, occorre la consulenza del proprio medico.

6


IFBB E D I T O R I A L E

Un corpo olimpico di Graziano Consiglieri, Direttore Responsabile l mio spunto personale di riflessione, Inasce per questo nostro secondo numero, dalla combinazione tra la recen-

te disputa delle Olimpiadi di Londra e le considerazioni su Bodybuilding e Fitness dell’articolo alle pagine 76 e 77. In una competizione quale quella a cinque cerchi, in cui vengono premiate singolarmente le specialità - siano esse velocità, forza e destrezza - e le capacità particolari, manca una disciplina che invece riconosca l’armonia del corpo nella sua interezza. Lungi da me la volontà di avviare una crociata per l’ammissione alle Olimpiadi di una disciplina che negli ambienti ufficiali stenta, purtroppo, ad essere riconosciuta addirittura come sport, ma alcuni interrogativi nascono e permangono insoluti nell’aria. Ho avuto la fortuna di vedere e vivere da vicino le Olimpiadi londinesi, le migliori che la mia memoria di ragazzo prima e di giornalista sportivo poi mi permetta di ricordare. Un toccasana, dopo i pasticci di Pechino, è stato il ritorno alla precisione e alla lucida sobrietà organizzativa inglese. Non sono mancate le polemiche, inevitabili quando il giudizio su una prestazione è lasciato all’interpretazione dei giudici, né gli scandali per il ricorso a sostanze proibite, con esclusioni ante-litteram e squalifiche a posteriori. Argomenti “caldi” anche nel settore della cultura fisica, troppo spesso (e altrettanto sovente in modo frettoloso e immotivato) associato agli stessi limiti che stanno uccidendo alcuni sport classici (basti pensare ai metri di giudizio contestatissimi nella boxe e nella ginnastica o alla falcidia di campioni dopati nel ciclismo). Caldi come il proliferare di sigle senza peso, simile a quella che ha inflazionato il pugilato professionistico (cfr. pagg. 28 e 29). Argomenti però che una disciplina seria deve guardare in faccia ed affrontare con serenità. Per poi, magari, aspirare a spazi anche più ampi, magari sotto cinque cerchi dove già si trovano discipline che esaltano una parte ma non la totalità della grazia e della bellezza del corpo umano.

7


News

IFBB

In occasione dei 46° Campionati Asiatici, dal 1° al 4 giugno 2012, a Tashkent, in Uzbekistan, il Presidente IFBB Rafael Santonja, accompagnato dal Segretario Generale IFBB William Tierney e dal Presidente della UzBFF Ulugbek Mahmudov, ha visitato gli uffici del Comitato Olimpico dell’Uzbekistan e si è incontrato con il Ministro dello Sport Jasur Akramov, e con il Presidente dell’UzOC Malik Babaev. L’incontro è avvenuto in modo molto rilassato e in un’atmosfera amichevole. Il Ministro dello Sport e il Comitato Olimpico Nazionale hanno appoggiato in pieno l’organizzazione dei Campionati asiatici, che hanno riscosso un grande successo.

BISERKA SIPKA E PAWEL FILLEBORN PREMIATI CON LA MEDAGLIA D’ORO DELLA FEDERAZIONE BALCANA

Cosa accade

NEL MONDO

INCONTRO COL COMITATO OLIMPICO IN UZBEKISTAN

Durante il meeting tecnico dei campionati Mondiali di Children Fitness, a Novi Sad, in Serbia, l’organizzatrice dell’evento, la signora Biserka Sipka, e il vice presidente IFBB Pawer Filleborn hanno ricevuto la medaglia d’oro della federazione balcana per l’enorme contributo allo sviluppo e alla diffusione del Bodybuilding e del Fitness nella regione dei Balcani. I premi sono stati consegnati da Nenad Vuckovic, Presidente della Federazione Balcana di Bodybuilding e Fitness, insieme ai suoi assistenti.

10

LA IFBB VISITA IL COMITATO OLIMPICO CROATO

Pagina FACEBOOK

Il Presidente Santonja, insieme a William Tierney, Pawel Filleborn, Marco Bosco e Damir Siser, si è incontrato con il Presidente del Comitato Olimpionico croato. Nel corso dell’incontro la IFBB gli ha consegnato un premio in platino. In Croazia sono stati organizzati gli Europei femminili con oltre 200 atlete e 30 nazioni. Per la prima volta è stata introdotta la nuova categoria Athletic Fitness. La IFBB croata è membro attivo del Comitato Olimpico croato. Durante l’incontro, amichevole e molto utile, uno degli argomenti ha riguardato la partecipazione della IFBB con le categorie Fitness ai prossimi Giochi del Mediterraneo.

Potete seguire le attività della IFBB anche da Facebook su IFBB-Official.

Clicca QUI e poi MI PIACE!


The IFBB Masters Degree Holder (PhD)

This Honorary Masters Degree Diploma is for outstanding IFBB members, who have been involved in our sport for many years, which would have given him/her the experience e the knowledge in training e nutrition to warrant this Degree. This degree can also be granted after completion of the full IFBB Educational Program.

• •

To be granted this Masters Degree Diploma the following criteria should be met:

A full CV of the career e achievements in our sport of the nominated candidate The National Federation or approved IFBB representative has to support the nominee for this diploma.

This IFBB Masters Degree is printed on real fine quality papyrus paper e with this PhD Diploma, the holder will also be presented with a specially commissioned “Sandow” solid silver lapel badge. International Federation of Bodybuilders c/ Dublín, nº 39 28032 Europolis. Las Rozas (Madrid. Spagna). Phone: +34 91 535 28 19 Fax: +34 91 636 12 70 E-mail: internacional@santonja.com Web: www.ifbb.com

11


Da sinistra: Cynthia Benoit, Danielle Ruben, Nieves Santonja, Alejandro Blanco, Ana Botella e Rafael Santonja.

Sport Accord The International Sport Federations International Olympic Committee Annual Meeting di Andrew Michalak

Lo stand IFBB a Sport Accord 2012 con la gigantografia di Arnold, Saied Firas e Rafael Santonja.

12


a convention annuale Sport Accord 2012 si è L tenuta a Québec, in Canada. Sport Accord rappresenta il trait d’union tra le Federazioni Sportive Internazionali (IF), il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), gli organismi nazionali e internazionali sportivi. L’elenco dei partecipanti è notevole e conta gli esponenti più influenti e importanti a livello mondiale.

Il programma è svolto in una settimana e comprende meeting del CIO, assemblea generale delle IF, presenza delle città che si propongono per i Giochi Olimpici estivi e altri giochi dei programmi olimpici regionali oltre a tante altre attività. Da sinistra: Jorge Muñoz Wells, sindaco di Miraflores, Peru, Rafael Santonja e Ivan Dibos, amico, membro del CIO e grande campione di canottaggio, che ha modernizzasto e abbellito una delle più belle città in America: Lima in Perù.

Da sinistra: Mauricio De Arrudaa, il Presidente Rafael Santonja e Ivan Dibos.

Quest’anno uno degli argomenti più importanti in agenda è stata la selezione del CIO tra le candidature finali ai Giochi Olimpici Estivi del 2020. In questo gruppo (la decisione finale sarà annunciata nel 2013) rientrano Istanbul, Tokyo e Madrid. Notevoli anche le altre due candidature: Baku e Doha. La IFBB ha presenziato Sport Accord 2012 come ha sempre fatto dall’anno di istituzione di Sport Accord stesso (nel 2003, a Madrid) e fa parte della “General Assembly of International Sports Federations” che ha dato origine all’attuale Sport Accord. Quest’anno la presenza della IFBB è stata particolarmente importante grazie alla performance con una routine Fitness di Danielle Ruben, recente vincitrice dei Campionati Fitness ai Pan American Games (Guadalupe, Messico, 2011). Con l’occasione, è stato mostrato in anteprima il video “IFBB è Fitness”: http://youtu. be/4eU9ZZc1kpo. Inoltre nell’Expo Area c’era un piacevole stand IFBB. I delegati IFBB erano il Presidente Santonja, accompagnato dal Professore Mauricio de Arruda (rappresentanti ufficiali ai congressi e ai meeting) coadiuvati da Ron Hache, della Federazione nell’Ontario, e da John Spinello e Benoit Broduer, della Federazione in Canada, insieme agli atleti Danielle Ruben e Cynthia Benoit, tutti presenti con efficienza e passione allo stand IFBB (la IFBB desidera ringraziare in particolar modo questi eccellenti ufficiali e atleti). La presentazione ha riscosso molto successo e ha fatto buona impressione su molti ufficiali sportivi internazionali e sui funzionari del CIO che hanno assistito di persona, molti per la prima volta, ad una routine di Fitness, parte molto attraente del programma IFBB.

Rafael Santonja,al centro, con i membri CIO Nawal El Moutawakel del Marocco a sinistra e Gunilla Lindberg della Svezia a destra.

A Québec la IFBB è stata impegnata in tante altre attività, compresa la partecipazione attiva all’Assemblea Sport Accord e a quella dei World Games, oltre agli incontri della World Anti-Doping Agency (WADA) con Frédéric Donzé, direttore del WADA’s European Regional Office e International Federations Relations. La IFBB è in collaborazione stretta con la WADA per l’Anti-Doping Code ed è federazione riconosciuta dalla WADA. Molti gli incontri con le tante discipline sportive, con le autorità della Lausanne City Hall, ecc.; con le città che organizzeranno diversi eventi sportivi, con gli ufficiali olimpici e con i colleghi delle federazioni internazionali. Sono stati giorni densi di attività e avvenimenti. Il feedback finale è nel complesso positivo per la IFBB, corrispondente alle aspettative e alla crescita dinamica della nostra federazione.

13


Lo stand IFBB a Sport Accord 2012.

La IFBB ha presenziato Sport Accord 2012 come ha sempre fatto dall’anno di istituzione di Sport Accord stesso (nel 2003, a Madrid) e fa parte della “General Assembly of International Sports Federations” che ha dato origine all’attuale Sport Accord.

Sl Segretario Generale del CIO del Quatar, Sua Altezza Reale Saoud Bin Abdulhraman Al-Thani davanti allo stand IFBB.

14

Da sinistra: Horacio Muratore, , vicepresidente della Federazione internazionale di Pallacanestro, uno dei tanti illustri esponenti internazionali che hanno visitato lo stand IFBB, insieme a Danielle Ruben, Rafael Santonja e Cynthia Benoit.

Il Segretario Generale del CIO del Quatar, Sua Altezza Reale Saoud Bin Abdulhraman Al-Thani con il Presidente Santonja.

Il sabato mattina, prima dell’annuncio delle città finaliste, lo stand IFBB è diventato la sede di Madrid 2020 con il sindaco Anna Botella, il Presidente spagnolo del CIO e altri amici ed esponenti giunti a Québec dalla penisola iberica.


Da sinistra: Rafael Santonja, il sindaco di Madrid Ana Botella, Nieves Santonja, il preisdente del CIO spagnolo Alejandro Blanco.

Jose Perrurena, membro CIO e presidente della Federazione Internazionale di Canoa, con Rafael Santonja.

Quest’anno la presenza della IFBB è stata particolarmente importante grazie alla performance con una routine Fitness di Danielle Ruben, recente vincitrice dei Campionati Fitness ai Pan American Games (Guadalupe, Messico, 2011).

Da sinistra: Cynthia Benoit, Danielle Ruben, Nieves Santonja, Alejandro Blanco, Ana Botella e Rafael Santonja.

Il sindaco di Madrid, Ana Botella, ha ricevuto in regalo (e gentilmente indossato subito) un costume tradizionale di Dubai.

Il Presidente di Sport Accord Hein Verbruggen con il Presidente IFBB Rafael Santonja.

15


Rafael Santonja,al centro, con i membri CIO Nawal El Moutawakel del Marocco a sinistra e Gunilla Lindberg della Svezia a destra.

Il Direttore del Protocollo CIO e membro CIO, Willy Kaltschmitt, con Rafael Santonja.

Da sinistra: Joe Spinello, Mauricio de Arruda, Rafael Santonja, Benoit Brodeur.

Molti gli incontri con le tante discipline sportive, con gli ufficiali olimpici e con i colleghi delle federazioni internazionali. Sono stati giorni densi di attività e avvenimenti. Il feedback finale è positivo per la IFBB, corrispondente alle aspettative e alla crescita dinamica della nostra federazione. 16

C L IC K Watch!

Durante questo evento è stato presentato il video IFBB is Fitness. Clicca qui per vederlo.


BODYBUILDING Men’s

I

n

f

o

Ha ottenuto la PRO card.

Superiore a tutti gli avversari grazie alla preparazione e ad un’eccellente capacità nel posare.

18

s

&

U

p

d

a

t

e

s

Campione assoluto 2011 European Cup Aliaksei Shabunia


ALIAKSEI SHABUNIA Aliaksei ha ottenuto un altro grande successo come atleta europeo d’élite: ha vinto il MEP3 del 28 aprile al Palacio de Congresos y Exposiciones di Madrid. Aliaksei ha vinto l’ European Cup Amateur con un peso corporeo di 85 kg. Le prossime gare saranno da IFBB PRO e gli auguriamo il massimo successo. Continua 

CAMPIONE ASSOLUTO

19


PALMARÈS 1997: Russian national overall junior champion (WABBA); Belorussian National Juniors Championships - 2° 1998: European Junior Assoluto (WABBA), Belorussian Junior Assoluto 1998 - 2004: Belorussian Mens assoluto 1999: Belgian Grand Prix (IFBB) 1° 2000: IFBB European Championship, 14° 2001: IFBB European Championships – 13° 2003: IFBB European Championship, 3°; Mr. Baltic Sea, 2°; “Iron World Grand Prix, 4°; Ironman Grand Prix, 6° 2004: IFBB Worlds, 3°; Ironman Grand Prix, 4°; Iron World Grand Prix, 3° 2005: Eastern European Champiponships – overal 1°; Ironman Grand Prix Assoluto, Iron World Grand Prix, 1° 2006: Nikolay Shilo’s Memorial – 1°; RheinNeckar-Pokal Tournament- Assoluto, Berlin International Championship - 1°; Baviera International Championship - 1°; Saxony Grand Prix – assoluto, Euro Elite Tour (Tallin, Estonia) - 1°; Euro Elite Tour (Portsmouth, Inghilterra) - 1° 2010: Fitness Empire Grand Prix -1°;. IFBB World Championships (Baku), 2° 2012: Arnold Classic Amateur, over 100 kg, 2°; European Amateur, Cup over 85 kg, assoluto

20

Aliaksei Shabunia vince l’European Amateur Cup

2012


D edi Z I O N E e du r o la v o r o sono gli elementi necessari per un bel fisicoìì Segue una dieta ricca di proteine: riso cucinato in maniera classica, pollo, uova, alimenti biologici, aminoacidi, vitamine, shake proteici. Ogni alimento è scelto per aumentare il volume muscolare. Nella fase pregara consuma più pasti al giorno: inizia alle 6 del mattino e mangia ogni due ore fino alle 23. I carboidrati sono abbassati e le proteine aumentate. Il cibo preferito sono gli gnocchi e i pancake come li cucina sua moglie.

Si è atleti 24 ore al giorno, 7 giorni la settimana. Non ci sono scuse per l’allenamento e la dieta, ma neanche per il recupero e il sonno. La giornata di Aliaksei è ben organizzata nel pregara. .Shabunia trae diletto dallo studio di Anatomia e Fisiologia. Le considera utili per capire il suo corpo ed essenziali per monitorare i suoi risultati allo specchio. Ha tradotto la passione in professione: oggi è bodybuilder professionista e allenatore.

Aliaksei Shabunia sponsored by

21


Milan Cizek Interviste ai MEMBRI DELL’ESECUTIVO IFBB

CAMPIONI MONDIALI ALLENATI DAL DR. MILAN CIZEK, Ph. D.

Milan nella funzione di giudice internazionale IFBB al tavolo di giuria.

Titoli mondiali Igor Kočiš (bodybuilding) 5 volte Katarína Verbovská (bodyfitness) 3 volte Jaroslav Horváth (bodybuilding) 2 volte Natália Lenartová (bodyfitness) 2 volte Alexander Sási (bodybuilding) 2 volte Hana Štepánková (bodybuilding) 1 volta Stefan Havlík (bodybuilding) 1 volta Andrej Mozolani (bodybuilding) 1 volta Peter Bella (bodybuilding) 1 volta Jana Kolbaska (bodyfitness) 1 volta Rastislav Solar (bodybuilding) 1 volta

S C I E N Z I AT O E G 22


Di Andrew Michalak  Foto dell’archivio privato del Dr. Cizek.

l Dr. Milan Cizek dedica la I sua vita al bodybuilding dal 1989, quando fondò il Ve-

terinary Bodybuilding Club [VBBCK] a Kosice, in Cecoslovacchia. A quel tempo fu invitato ad assumere il ruolo di allenatore all’interno della Czechoslovak Bodybuilding Federation e continuò nella Federazione Slovacca all’indomani della divisione dei due Paesi nel 1992. Ha allenato molti grandi campioni slovacchi tra i quali i seguenti plurititolati a livello mondiale: Katarina Verbovska, Natalia Lenartova, Igor Kocis. Ha condotto il Team slovacco in 62 campionati IFBB, continentali o mondiali, e a 3 World Games! È stato insignito con la medaglia d’argento dell’IFBB e con la medaglia d’oro della EBFF per “Il notevole contributo allo sviluppo del bodybuilding e del fitness in Slovacchia”. Due anni fa è stato eletto Chairman dell’EBFF Anti-Doping Commission. L’anno scorso è stato eletto nuovo presidente della Federazione slovacca di Bodybuilding, Fitness e Powerlifting. Nonostante tutti questi nuovi impegni, egli continua la sua ricerca scientifica nel Dipartimento di Malattie Infettive dell’University of Veterinary Medicine a Kosice, essendo stato nominato Professore Associato nel 1999 e Ricercatore nel 2003. Collabora pure con la University of California [UCSD] in La Jolla, USA. I suoi settori sono la Biologia Molecolare, la Microbiologia, la Neurobiologia e l’Anestesiologia. L’ho intervistato durante gli ultimi Campionati Europei Femminili a Zagreb, in Croazia. D.: Sono anni che è fa-

moso nell’ambiente del bodybuilding europeo e mondiale in qualità di allenatore della Nazionale Slovac ca. Com’è iniziata la collaborazione con la Federazione Slovacca di Bodybuilding e Powerlifting e da quanto dura? R.: Nel 1989 aprii una palestra di Bodybuilding dove iniziai ad allenare giovanni atleti. Dopo avere ottenuto risultati lusinghieri, divenni Junior Team Coach per la Cecoslovacchia e il mio atleta Alexander Sasi vinse i Mondiali Juniores nel 1991 e 1992. Dopo la divisione della Cecoslovacchia mi fu offerto di diventare allenatore della Nazionale Maschile di Bodybuilding slovacca. Alla prima gara, nel 1993, Adam Cibula vinse il titolo europeo. In seguito, per diversi anni, non mi prestai più come capo allenatore a causa degli impegni di lavoro che avevo. Tornai a ricoprire la posizione nel 1999 e sono stato Allenatore Capo della Nazionale fino al 2011. D.: Si è laureato in Medicina e poi ha conseguito il dottorato di ricerca. Può raccontarci qualcosa dei suoi studi e della sua specializzazione? Qual è stato l’argomento della tesi di dottorato? R.: Conclusi l’università nel 1984 e dal 1985 lavoro nel Dipartimento di Infettologia. La mia tesi di dottorato riguardava l’effetto dei probiotici sula diarrea. Dal 1998 al 1999 ho lavorato presso l’UCSD University di San Diego, in USA, sullo sviluppo di un vaccino contro l’infezione da Hemophilus. Attualmente lavoro all’applicazione delle cellule staminali nella terapia dell’ischemia del midollo spinale. D.: Quando si è interessato allo sport?

R.: A sei anni iniziai a giocare a hockey. Poi, a 14 anni, a causa della grande popolarità del ciclismo, cambiai sport. I miei grandi idoli furono ciclisti come Moravec, Szurkowski e Ampler [campioni della gara a tappe Corsa della Pace, conosciuta anche come il Tour de France dell’Est Europeo]. Ho iniziato la pratica del Bodybuilding con l’iscrizione all’università. Entrai in una palestra e per tre volte ho gareggiato nei Campionati Nazionali Slovacchi. D.: Ha applicato alla perfezione le conoscenze scientifiche nell’allenamento degli atleti. Sotto la sua guida, molti hanno vinto medaglie nelle competizioni IFBB continentali e mondiali. Ha tenuto il conto di quanti e, tra questi, quali considera i migliori nella storia del bodybuilding slovacco, compreso il periodo della Cecoslovacchia? R.: Certamente, ho provato ad applicare le mie conoscenze scientifiche agli atleti ma più che altro sono ricorso alle mie capacità pedagogiche per convincerli ad allenarsi intensamente e ad abbinare una dieta rigorosa per ottenere i migliori risultati. Ritengo di avere all’attivo venti titoli mondiali e questi sono i risultati migliori. Sono stati ottenuti da atleti della mia palestra di Kosice. In aggiunta, sotto la mia guida come Capo Allenatore, sono stati conseguiti altri titoli europei e mondiali. Considero Igor Kocis, Pavol Jablonicky, Jana Purdjakova e Natalia Lenartova i migliori concorrenti di sempre. D.: Gli atleti slovacchi sono quasi sempre al top della forma durante le finali, con una definizione inverosimile. Molti altri atleti hanno problemi e perdono la definizione tra il pregara e la gara. Che consiglio può dare loro? Continua 

G R A N D E A L L E N AT O R E 23


Milan Cizek Interviste ai MEMBRI DELL’ESECUTIVO IFBB R.: Molti atleti commettono il medesimo sbaglio: stanno meglio al pregara che in gara. Secondo me, è dovuto all’assunzione di una grossa quantità di carboidrati prima del pregara. I concorrenti ne mangiano ancora prima della finale e la forma è persa. I miei atleti riducono i carboidrati prima della finale. D.: L’anno scorso ha deciso di candidarsi alla posizione di presidente della Federazione Slovacca, rimasta libera dopo il ritiro dell’ex presidente Michal Capla. E ha vinto! Congratulazioni. Come ha convinto l’assemblea a votarla? Quali sono stati i punti salienti del suo programma elettorale? R.: Non mi pare che abbia dovuto convincerli. Tutti mi conoscono bene e sanno cosa ho fatto come allenatore e anche come ufficiale. Avevo il sostegno del presidente uscente e anche degli atleti. Non ho promesso cose che non posso cambiare. Il mio obiettivo principale è stato mantenere l’elevato livello del nostro sport a livello internazionale. D.: Durante la presidenza di Capla, la Federazione Slovacca ottenne successi internazionali incredibili. Ritiene possibile continuare con questa

serie di vittorie? R.: Uno dei miei obiettivi è seguire le orme dell’ex presidente Michal Capla con risultati eccellenti. Questo, è ovvio, dipende da molti fattori come la presenza di nuovi talenti, buone condizioni materiali e il supporto degli sponsor. Mi pare che stiamo realizzando tutto ciò: gli ottimi risultati dei nostri concorrenti sono lampanti. Peter Tatarka ha vinto l’assoluto degli Europei 2012 a Santa Susanna e Magdalena Kazimirova il titolo europeo 2012 a Zagreb. D.: Adesso che è stato eletto Presidente della Federazione Slovacca, continuerà come allenatore della nazionale? R.: Il mio ruolo, come presidente della Federazione Slovacca, richiede molto impegno. Gli allenatori del Team sono diventati i miei assistenti da tanto tempo e conoscono come lavoro e cosa chiedo ai concorrenti. Credo che continueranno su questa strada portandoci altre vittorie. D.: Gli atleti slovacchi hanno successo in tutte le discipline IFBB: Bodybuilding (maschile e femminile), Fitness, Bodyfitness e Bikini Fitness. Perché la cultura fisica è tanto popolare in Slovacchia? Perché molti frequentatori di palestra vogliono arrivare

all’agonismo? R.: Questo sport in Slovacchia possiede una lunga storia. Concorrenti come Stach, Holic, Uricek, Dantlinger e altri hanno mostrato la strada da intraprendere e noi la percorriamo. L’appetito cresce con i risultati. I giovani vedono che atleti come Sasi, Horvath, Kocis, Havlik, Cambal, Solar, Chrtanova e Lenartova sono persone “comuni”, non esseri sovrannaturali. Hanno l’opportunità di vederli in palestra e sono buoni esempi, modelli da imitare per queste giovani leve. D.: Secondo le sue stime, quante palestre e centri fitness operano oggigiorno in Slovacchia e quante persone vi si allenano? R.: È difficile contare il numero di centri fitness in Slovacchia. Alcuni sono privati e ogni città, perfino ogni grosso paese, offre la possibilità di allenarsi. La Slovacchia conta circa 130 club sportivi dove i concorrenti, per ogni disciplina, sono seguiti dai nostri allenatori. D.: Il Bodybuilding trova spazio nei mass media slovacchi? Campioni e gare riscuotono interesse? R.: L’interesse dei mass media è veramente ottimo e siamo in Continua 

Dr Adel Fahim with Sheikh Abdulla Al Khalifa; two key Milan (a sinistra) con la moglie DasaExecutive (a desstra) Council members. Con il figlio Peter durante le nozze di Natalia Lenartova.

24

sulla spiaggia delle Hawaii.


Con i figli sul picco più alto di Maui Island, Hawaii.

Al lavoro nel laboratorio dell’università.

Al party dei 2010 Men’s Worlds di Baku, Azerbaijan (da sinistra): Michal Hlinka, Peter Tatarka, Dr. Cizek, Igor Kocis, Stefan Petrik.

Con Igor Kocis (a sinistra) durante i 2002 World Championships del Cairo, Egitto.

Con il Dr. Santonja (al centro) e William Tierney (a destra) nella “Donbass Arena” di Donetsk, durante i 2010 European Juniors e Masters Championships. Da sinistra: Milan coni il figlio Peter, la figlia Dana e la moglie Dasa.

25


Milan Cizek Interviste ai MEMBRI DELL’ESECUTIVO IFBB buoni rapporti con le redazioni. La Federazione Slovacca organizza con regolarità conferenze stampa dopo ogni campionato europeo o mondiale in cui abbiamo registrato delle vittorie. I canali della TV slovacca informano regolarmente dei risultati e degli avvenimenti. Sono presenti anche a ogni campionato nazionale. D.: Quali considera i problemi più importanti da risolvere nel primo periodo della presidenza e quali alla lunga? R.: Al momento è la mancanza di finanziamenti e penso che lo sarà anche alla lunga. D.: Questioni da cambiare immediatamente? R.: Anzitutto, migliorare le condizioni per i giovani, diffondere la nuova disciplina dell’Athletic Fitness e mantenere le condizioni favorevoli per i concorrenti slovacchi. D.: Ho già notato una novità: i Campionati Slovacchi del 15 aprile 2012 sono stati un open “internazionale”. Perché questo cambiamento e

cosa vi aspettate da tutto ciò? R.: Vero. I Campionati Slovacchi 2012 erano internazionali per la prima volta nella storia. Sebbene il livello dei nostri atleti sia buono, in una prospettiva di lunga durata vorremmo migliorare le gare e renderle più interessanti sia per i concorrenti stessi sia per il pubblico. I rappresentanti del governo slovacco sono regolarmente presenti al Campionato Slovacco. L’anno scorso il Presidente IFBB Rafael Santonja e il Presidente della Repubblica Slovacca, Ivan Gasparovic, ci hanno fatto il piacere della loro presenza. D.: Sposterà la sede della Federazione da Bratislava a Kosice dove risiede? R.: La sede rimane a Bratislava, dove lavora il segretario. Mi reco a Bratislava sono in caso di urgenze. Viviamo in un mondo moderno con cellulari e internet. Ecco perché non è necessario spostare la sede da Bratislava a Kosice. D.: La Federazione Slovacca ha già organizzato molti campionati continentali e mondi-

ali della IFBB. Ce ne saranno altri? R.: Certamente. Come sapete, il powerlifting è tra le discipline della nostra Federazione Slovacca e il prossimo anno organizzeremo il Campionato Europeo di Distensione su Panca. Se avremo disponibilità finanziaria, programmeremo anche una competizione internazionale IFBB. Grazie tante per queste interessanti informazioni sullo stato del Bodybuilding in Slovacchia. 

Con Natalia Lenartova in Florida, USA, alla sua prima gara da IFBB Pro.

Dr Adel Fahim with Sheikh Al aKhalifa; 2005Abdulla Men’s Worlds Shangahi,two Cinakey Executive Council members. (da sinistra): Stefan Petrik, Stefan Havlik, Dr. Cizek, Peter Uricek, il campione mondiale Andrej Mozolani, l’ex presidente Michal Capla, il campione mondiale Igor Kocis, Juraj Vrabel, Adam Cibula, Vladimir Flimel.

26

Con il suo team ai 2011 Men’s Worlds idi Mumbai, India (fda sinistra): Rastislav Solar, Marian Cambal, Ladislav Kuzder, Igor Kocis, Adam Cibula, Dr. Cizek.


Il Dr. Milan Cizek (a destra) con il presidente IFBB Dr. Rafael Santonja.

27


C’è mondiale, Mondiale e MONDIALE di Simone Meiattini Foto EastLabs erché ci sono casi in cui, pur credendo di aver P vinto tutto, non hanno comunque vinto niente. Italia, terra di pluricampioni interplanetari di ca-

tegorie di 4 atleti, con sigle federative dalla totale assenza di peso specifico, con titoli mondiali sdoganabili ormai solo al vicino di casa. Campioni che pagherei oro solo per vederli al banco di prova del line-up del Vero Campionato Mondiale: quello che annovera mai meno di un centinaio di nazioni e spesso arriva ad un paio di centinaia tranquillamente (Europa, Africa, Asia, Americhe, Australia), quello con categorie da 3035 atleti, quello in cui la Vittoria è entrare in Finale… e da lì in poi, magari, scalarne la vetta e passare alla storia della nostra disciplina. Perfino diventare professionisti IFBB. Sarà un mio limite ma i titoli-non titoli non mi hanno mai appagato. Non mi motiverebbe prepararmi, non mi gratificherebbero certi palchi e non mi glorificherebbe il più altisonante dei risultati. Ho da sempre scelto di lottare con i migliori, ci ho investito tutta la mia vita e non ho mai smesso di credere di poterci stare, cosciente e fiero che un qualsiasi risultato tra questi valga ben più di cento titoli low-cost. Chi legge da dove la miopia impera, accuserà di arroganza questo stralcio della mia rubrica in questo numero, ma chi con me ha vissuto certe esperienze ne condividerà ogni essenza e ogni valore aggiunto. Un saluto a tutti i ”campioni nella vita”, agli umili a tutti i costi e a quei “trainer” che mostrano la foto dei miei delts quale modello da non imitare.

... pur credendo di aver vinto tutto, non hanno comunque vinto niente

.

28


Philosophy

PoCketPanzer

La mente pi첫 iconoclasta dei migliori fisici del Bodybuilding italiano

Mondiale IFBB 2011

Mondiale IFBB 2011

29


Fashion

Stage

Bikini Fitness

I s p i r a z i o n i e c o n s i g l i p e r i l t u o s t i l e s u l pa lc o

Modello:

Bodybuilding femminile

Stoffa: Black Crushed Velvet w/ Blue e Clear Swarovski Prezzo: $800

per

Da cynthia-james. com

Modello: reggiseno triangolo morbido, slip conforme IFBB, Pro level

per

per

Bodyfitness

Reggiseno triangolo, slip back arricciato, conforme IFBB, Pro level

Da cynthia-james.com

Modello: uomo Pro level, conforme IFBB

Stoffa: Purple Foil “V” Front Posing Trunks Prezzo: $70 Da cynthia-james.com

30

NOTA BENE La realizzazione su misura può richiedere mesi. Spedizione in Italia con UPS 3-5 giorni. Possono essere applicate tasse doganali italiane.

Bodyuilding Maschile

Stoffa: Teal Foil Bikini with Swarovski Prezzo: $400


Wear

WORKOUT

L A PA L E S T R A N O N è U NA M O DA

Modello: T-shirt nera con logo La dispensa del bodybuilder davanti e scritta “Abs Are Made in The Kitchen” dietro. Taglie: S, M, L, XL

Modello: Cappellino

nero, misura unica, chiusura con cinturino in PVC Logo ricamato - colore: Grigio - Giallo

Prezzo: 15,09 euro iva inclusa (spese di spedizione escluse).

Prezzo: 12,09 euro iva inclusa (spese di spedizione escluse).

Da Freakstore.it CLICCA QUI

Da Freakstore.it CLICCA QUI

32


Food

Fitness

consigli per la tua spesa salutare

Farina d’avena ultrafine aromatizzata, 1 kg

100% avena ottenuta dalla macinazione del fiocco. Ideale per la prima colazione, per ogni tipo di spuntino e soprattutto versatile perché può essere consumata in semplici preparazioni o essere la farina di base per torte, biscotti e altri preparati più sfiziosi! Ingredienti: farina d’avena, aromi.

Walden Farms Chocolate Syrup sciroppo di cioccolata

Golosi per il cioccolato, senza troppi sensi di colpa! Spesso troviamo ipercalorici sciroppi di cioccolato ricchi di zuccheri con i quali si possono facilmente raggiungere le 200 calorie in soli 4 cucchiai colmi, mentre il Walden Farms Chocolate Syrup ha poche calorie, carboidrati e grassi con un gusto eccellente. Realizzato senza zuccheri di qualsiasi genere! Delizioso sul gelato, in un frullato, per rendere il latte gusto cioccolato o in mille altri modi. Dolcificato con sucralosio. Ingredienti: Acqua purificata (tripla filtrazione), polvere di cacao magro, colorante caramello, aromi naturali, cellulosa gomma pregelatinizzata, Edulcorante: Sucralosio, sale, aroma vaniglia, Acidificante: acido lattico; Addensante: gomma di Xanthan, sodio benzoato. Prezzo: 8,90 euro* Da vitamincenter.it CLICCA QUI

NOTA BENE *I prezzi sono stati presi sui rispettivi siti di vendita al 21/08/2012 e sono puramente indicativi perché suscettibili di variazioni, tasse di spedizioni, scontistiche.

34

nutrirsi con gusto

per

Da vitamincenter.it CLICCA QUI

per

colazione... e tante ricette

Prezzo: 6,80 euro*


IL VIAGGIO

VERSO LA FEMMINILITÀ Di Giada Simari

ggi la cosa più difficile è cercare di esseO re sempre una parte integrante e attiva della nostra società. Le scelte che operia-

mo sono sempre influenzate da motivazioni e da stimoli che ci vengono sia dall’esterno che dal nostro intimo. Nella società odierna i cambiamenti sono molto più rapidi che in passato, questa velocità nei cambiamenti dà origine a comportamenti sia migliorativi che regressivi nel modo di relazionarsi col prossimo. Zygmunt Bauman (sociologo e filosofo) analizza la nostra società definendola “una società liquida” proprio per la sue caratteristiche di continuo mutamento in tempi molto rapidi. Ritengo che in tutto questo complesso meccanismo uno dei punti di riferimento per una donna sia LA FEMMINILITÀ, caratteristica che differenzia ma accomuna le donne per l’affermazione della propria personalità. Ancora oggi ci troviamo di fronte a prese di posizione molto differenti su come sia rappresentata la femminilità e quale sia il ruolo della donna nel rappresentarla. Non voglio ridurre la questione ad un discorso prettamente estetico, femminile non vuol dire vestirsi bene, come si potrebbe fuorviare con semplificazione, ma è COMUNICAZIONE di messaggi verso noi stesse, l’impressione che abbiamo di noi e che esprimiamo nei rapporti sociali. La femminilità è una condizione intima, uno stato interiore, da leggere fra le righe, tra un portamento e un’espressione del viso, tra un discorso e un modo di camminare. È un punto di vista particolare, che porta a vedere le cose e a relazionarsi con il mondo in maniera differente. Una donna può essere femminile anche quando è sola, lontana da sguardi indiscreti, perché il suo è un atteggiamento spontaneo e naturale, implicito nella sua essenza, non finalizzato. La femminilità non ha niente a che fare né con cliché maschilisti e datati, né con criteri estetici particolari. Ecco che essa ha un ruolo fondamentale nella nostra disciplina, è importante come viene espressa nella fase agonistica, ma anche nella vita di tutti i giorni come atlete rappresentanti di uno sport non sempre compreso. Ritengo che la pratica di Continua 

36


JADE’S

STYLE

37


IL VIAGGIO

VERSO LA FEMMINILITÀ questa disciplina dia la possibilità di formare ed esprimere la propria interiorità aiutando a consolidare la propria identità femminile. E quindi una continua personalizzazione dello stile rappresenta una forma leggera e “coraggiosa” di trasgressione dei canoni imposti dai mass-media. Ognuno di noi può assumere il ruolo di ispiratrice o a sua volta essere stata ispirata da un’atleta, questo comporta la necessità di sviluppare una propria personalità senza cadere nell’errore di diventare un clone ( a volte inappropriato) di qualcun altro. Tutti, uomini e donne siamo affascinati dalla femminilità, il fascino consiste nel fatto che la femminilità non è imitabile, non è fatta di cose formali, ma di pura interiorità, È UN SENTIRSI FEMMINILE. Il fascino che genera la femminilità è incomprensibile da un punto di vista logico-cognitivo, non sappiamo decodificare come mai ci sentiamo affascinati da certe donne che si esprimono con una voce sensuale, emanano una luce particolare, sanno ascoltare gli altri con attenzione, guardano con dolcezza, hanno un sorriso che conquista ecc. ecc. Direi che la femminilità è tutto il contrario dei diktat imposti dalla moda, anche se ci sono indubbiamente donne che la esprimono secondo i canoni delle varie epoche storiche. La grande forza della nostra disciplina è metterci nella condizione di scegliere la rappresentazione della propria immagine, a cominciare dalla categoria in cui più ci si identifica (Bikini, Bodyfitness, Physique, Bodybuilder, Fitness) dando ampio spazio alla scelta del look. Scegliere il colore del costume in armonia con il nostro colore di capelli e pelle, l’acconciatura che valorizzi il viso, il trucco che metta in evidenza la piacevolezza dei nostri tratti, gli accessori che completano l’insieme. Insomma tutto ciò per chi ci osserva rende l’idea di ciò che siamo, del nostro modo di sentirci donne e rappresentare l’essenza della nostra femminilità. La cosa fondamentale è “sentirsi nella propria pelle”, ciò che deve arrivare ai giudici e al pubblico è che siamo a nostro agio. E che non stiamo “recitando” una parte. Quindi, se è vero che la femminilità è innata, è altrettanto vero che è un percorso graduale che si raggiunge poco a poco, sviluppando una speciale sensibilità che si acquisisce tenendo sempre conto dei propri desideri verso la propria vita.  Giada Simari, IFBB Figure Pro, cura una preziosa pagina Facebook, Ladies Style, ricca di consigli per le atlete e questa rubrica fissa su IFBB UNIVERSE edizione italiana. Può essere contattata per email: jadeshape@libero.it

38


Foto di Robby Brand

JADE’S

STYLE

39


Segui la pagina

LA BO M DY IA -B PA UI SS LD IO IN NE G

su FACEBOOK CLICCA QUI

"LO STILE DI VITA ‘DIVERSO’ CH E CHE IL BODY BUILDING MI HA ‘IMPO MI HA SEMPLICEMENTE LIBERATO DA UN

40


Di Marco Mandile. Background

© Shutterstock.

HE HO ACCETTATO CON GIOIA OSTO’, NON MI HA RESO ASOCIALE... NA MAREA DI PERSONE E COSE INUTILI".

41


L’ALBO

D’ORO DELLA NAZIONALE

ITALIANA

Doina Gorun 42


Foto EastLabs Europei Junior Bodyfitness, 2012

43


Intervista di Rossella Pruneti

onosco Doina Gorun C dalla pesatura di quella che, pare, fu la prima gara.

Grand Prix Ercole Farnese, Torino 2010: si ritrova sola nella categoria Fitness e ne è amareggiata. Cerco di scambiarci due parole ma, io vestita da giudice, lei da atleta esordiente, sembriamo divise da una barriera. A ben vedere, non è un “gap”, ma un cozzo tra vasi di ferro. Doina ha le idee chiare su come vuole essere, io ho le idee chiare sulle categorie femminili e so qualcosa di giovani donne agoniste con volontà di ferro e testa dura. Evito di approfondire tanti discorsi e la sollecito “solo” a fare una foto da copertina con un’altra bella promessa dei giovani italiani: Stefano Scarlata. La copertina sarà pubblicata dopo pochi mesi su una rivista italiana, preannuncio della brillante carriera dei due fanciulli. Adesso, vincendo l’Assoluto della categoria Junior Bodyfitness ai Campionati Europei IFBB 2012, Doina entra a fare parte dell’Albo d’Oro della Nazionale. Così ho potuto procedere a ritroso, sebbene di pochi anni, e soddisfare alla fonte le mie curiosità su come ha iniziato e come vive questa disciplina. Ne è venuta fuori una breve intervista, con diverse gemme incastonate: le persone che questa ragazza ha accanto e nel suo cuore, a dimostrazione che, per quanto giovane e forse proprio in virtù di quello, è bello avere chi ti guida e ti appoggia. È una combinazione di carattere personale, educazione familiare e supporto di persone care. È il legame che connette chi cresce e chi educa, che trasforma una figlia in una donna, in una compagna, in un’atleta. La vera magia con cui questi nostri juniores diventano grandi campioni. 44

“La vittoria più grande è quella di guardarsi allo specchio e poter dire: mi piaccio!”. D.: Cosa ti hanno detto le tua amiche dell’adolescenza quando hai iniziato a gareggiare? R.: Quando ho iniziato ad allenarmi, nel 2010, in previsione della mia prima gara, in pochi hanno dato la giusta attenzione a quello che stavo facendo. Tutti pensavano che fosse una di quelle cose che fai così, tanto per, e che mi sarebbe passata in fretta. Poi mi hanno vista salire sul palco una, due, tre volte… e da lì hanno iniziato a vedere in me quella passione che sentivo veramente. É stato da quel momento che hanno iniziato ad apprezzare quello che stavo facendo, ad ammirare i miei sacrifici e a capire e accettare il fatto che la mia vita stava cambiando. Non ero più la ragazza di prima, che come tutti i giovani esce, va a cena fuori e usa il suo tempo libero per svagarsi e divertirsi. La voglia e il bisogno di tutto ciò è andata scemando con il tempo, selezionando inevitabilmente le persone vere, quelle che tutt’ora sono vicino a me. Ancora oggi mi capita che persone che mi conoscono da quando sono bambina e bella in carne, mi confidano di provare ammirazione nei miei confronti, perché hanno sempre notato in me carattere e determinazione

che col tempo si è rivelata l’arma che mi ha portata fino a qui. Ricordo che una ragazza che non sentivo da una vita mi ha contattata dicendomi che si ricordava di me come una ragazzina con la testa dura, ma come tante altre, e che solo dopo aver saputo quello che facevo, sono diventata per lei un esempio. E queste parole fanno davvero bene! D.: Qualcuna di loro è stata motivata dal tuo esempio? R.: Una mia cara amica in particolare è stata molto motivata da me. Non ai livelli di gareggiare, ma di riuscire a mettersi in forma seriamente. Dopo avermi chiesto diversi consigli su dieta e allenamento, ricordo che ha esordito dicendomi: “Se ce l’hai fatta tu, posso farcela anche io!”. È stato davvero bello ascoltare queste parole, perché mi ha fatto sentire capace di trasmettere quella forza interiore che ti porta dove vuoi! D.: Cosa pensi delle altre discipline femminili? R.: La categoria Fitness è una signora categoria, anche se a mio avviso solo se si guarda sui palchi dell’Est Europa ce ne possiamo rendere conto. Quelle ragazze sono atlete complete: oltre all’allenamento e alla capacità di presentarsi in forma strepitosa, sono in grado di fare routine paz-


Continua 

Foto Marco Gennai - Associazione Fotografica Chiaroscuro - Firenze

zesche, con acrobazie da lasciare a bocca aperta. La categoria Fisique è troppo sottovalutata, e finalmente arriva anche sui palchi internazionali, perché permette alle atlete con più volumi di poter comunque gareggiare, senza il bisogno di spingersi troppo oltre o senza dover tornare indietro. La categoria Bodybuilding è ammirevole, perché riuscire a essere una donna bodybuilder è arte di davvero poche atlete. Non è semplice mantenere la propria femminilità nelle movenze e nel volto quando si raggiungono certi volumi, ma se questo avviene... è uno spettacolo vedere queste donne! Infine resta la categoria Bikini. In Italia ancora non si è ben compreso cosa sia, e se devo guardare i nostri palchi posso tranquillamente dire che è una categoria che non mi piace, con atteggiamenti troppo maliziosi che alle volte sfiorano il volgare e il ridicolo. In Italia l’unica donna che ha mostrato al pubblico cosa sia una bikini (e qua mi permetto di fare nomi) è stata Agnese Russo: eleganza, bellezza, armonia, classe ed un corpo tonico, non troppo magro ne estremo. questa è la categoria Bikini che piace a me e che certamente arriverà anche in Italia, prima o poi. D.: Come ti rivedi andando indietro nella memoria? E quali sono stati i motivi del tuo cambiamento? R.: A oggi, se guardo indietro al mio primo esordio come fitness, mi viene da sorridere. Avevo venti anni, ancora molto acerba e immatura, forse senza neppure la consapevolezza del mondo in cui stavo entrando. Poi piano piano, come tutte le cose, ho capito cosa faceva per me e come volevo diventare... e così, con il sostegno di pochi e il grande aiuto di persone che col tempo ho incontrato, ho capito quale fosse la mia strada. Ora eccomi qui, come Bodyfitness novellina, con ancora tanto duro lavoro da fare e tanta voglia di fare esperienza. D.: Consideri il Bodyfitness la disciplina in cui rimarrai? R.: Mai dire mai nella vita, ma sono quasi certa che la categoria che meglio esprime il mio essere è questa. Una Doina con più volumi proprio non la vedo una Doina felice. Ho sempre detto che la vittoria più grande è quella di guardarsi allo specchio e poter dire: “mi piaccio!”. Se per avere

45


Foto di Stefano Paolo Falappa.

46

dei titoli devo arrivare al punto di non piacermi più, allora preferisco essere una perdente sul palco, ma una vincente nella mia vita! D.: Se Doina non fosse la figlia di Alex Gorun, sarebbe comunque diventata una campionessa Bodyfitness? R.: Brava Rossella, questa è una domanda che certamente farà felice mio padre. La risposta è negativa, se non ci fosse stato di mezzo lui, non credo sarei entrata a far parte di questo mondo così, a 360 gradi. Questa è stata una passione che ci ha riavvicinati permettendoci di costruire qualcosa che avevamo perso. poi di certo non ci saremmo mai immaginati, e neppure lo avevamo programmato, che le cose sarebbero andate cosi bene. D.: Quanto è importante avere un partner con i tuoi stessi interessi? R.: Avere un uomo con gli stessi interessi è fondamentale, diversamente sarebbe impossibile condurre questo stile di vita, e da quando mi sono trasferita, con la convivenza, ho potuto provare sulla mia pelle quanto conta avere un uomo vicino che ti sostiene, ti aiuta, ti segue tutti i giorni e che è in grado di capire come ti senti e cosa provi, semplicemente perché lui l’ha vissuto prima di te... non c’è cosa più bella. D.: Come e dove ti vedi tra vent’anni? R.: Tra vent’anni? Wow, quindi stiamo parlando dei miei quarant’anni... che domandone! Proprio non saprei. Magari con una famiglia e magari potermi guardare indietro e ricordare tante vittorie, successi, soddisfazioni ed emozioni. Avendo iniziato cosi presto a gareggiare, mi auguro che per quando avrò quaranta anni potrò ritenermi soddisfatta... e magari pro?! Poi non è detto che non possa continuare ancora a calcare palchi! D.: Che cosa hai pensato quando sei stata convocata agli Europei? R.: Ero felice! Quasi non ci credevo! È stata una sorpresa inaspettata, non era una gara programmata, non ci pensavo neppure lontanamente a dire il vero. Ero convinta che prima di salire su un palco internazionale avrei dovuto aspettare ancora molti anni... e invece mi è arrivato questo bellissimo regalo, con un risultato ancor più inaspettato! Non pretendevo nulla da questa gara, se non presentarmi in forma a nome mio e della nazionale. Non immaginavo di poter portare a casa una vittoria simile ed è stato questo che ha reso tutto ancora più bello ed emozionante.


Foto di Stefano Paolo Falappa.

“Grazie a questo sport ho avuto la possibilità di conoscere tante persone... che vedo come genitori, fratelli e amici veri”. Vorrei concludere dicendo che grazie a questo sport ho avuto la possibilità di conoscere tante persone, che poi sono entrate nella mia vita e che ora ne fanno parte giornalmente, alcune ricoprendo ruoli davvero importanti... persone che vedo come genitori, fratelli e amici veri. A loro devo un GRAZIE, perché mi sostengono, mi insegnano, mi rimproverano e mi coccolano... che bello essere piccoli! 

47


L’ALBO

D’ORO DELLA NAZIONALE

ITALIANA

Valentina Mazzola 48


Foto Franciasco Grillo Grand Prix Due Torrii 2011

49


50

Foto Luca Alfieri - LA Design


Intervista di Rossella Pruneti

l mondo del bodybuilding Imesi italiano prima, dopo pochi quello internazionale,

non hanno potuto ignorare Valentina Mazzola: bellezza di volto e di proporzioni, una struttura fisica perfetta per la cultura fisica e tanto bella quanto rara da trovare. Ma conosciamo bene Valentina? Questo è stato l’intento nell’introdurla in quello che comunque le spetta di diritto: l’albo d’oro della nazionale italiana (Valentina ha vinto nella sua categoria Bodyfitness agli Europei 2012). Cristiana Casoni, IFBB Figure Pro, così apre questa intervista: “Con Valentina in poco più di un anno abbiamo intrapreso un grande percorso insieme. In questo tempo ho imparato a conoscere i suoi pregi, i suoi difetti, le sue paure. Abbiamo condiviso momenti di felicità... e lacrime. Sconfitte, poche, e vittorie, tante! Di tutto questo rimane una solida amicizia. Grazie Vale!”. Grazie Valentina anche da noi. E un augurio di sconfitte poche, vittorie tante! D.: Il Bodyfitness agonistico ha scoperto da pochi mesi la fenomenale Valentina Mazzola, ma quand’è che Valentina Mazzola aveva scoperto il Bodyfitness agonistico? R.: Grazie per questa definizione e grazie per lo spazio che mi è dedicato. Venendo alla domanda, posso dire che il Bodyfitness agonistico ha sempre fatto parte della mia vita anche se non come protagonista attiva ma come spettatrice. Solo nel passato recente, meno di due anni fa, ho deciso, in seguito ad un propizio concatenarsi di eventi, di mettermi in gioco provando la via del palco. Certamente non potevo immaginare che questa decisione, in principio vissuta senza ambizioni particolari, si sarebbe trasformata nella fantastica avventura che ancora oggi sto vivendo. D.: L’atleta Valentina è nata molto prima dell’agonista? R.: Certamente sì. La mia grande passione è l’allenamento coi pesi! È il mio sport da sempre e lo pratico con costanza, posso dire, da tutta la vita. Ricordo molto bene la mia prima volta in palestra. Avevo 14 anni e mi era stato consigliato questo tipo di allenamento per riabilitare un arto in seguito ad una brutta frattura. Posso

“La mia grande passione è l’allenamento coi pesi!”. dire che sia stata letteralmente una folgorazione … da allora non ne sono mai più uscita. Questo mi ha portato negli anni anche a un approfondimento in termini di studio e alla conseguente acquisizione del brevetto come allenatore FIPCF. In sintesi posso dire di essere prima di tutto un allenatore praticante e ora anche un’atleta, il massimo per chi come me ama questo sport ! In questo modo posso abbracciarlo a tutto tondo. D.: Penso che le tue gare siano state l’una più importante dell’altra. Ma affettivamente, qual è quella che ti rimane più nel cuore? R.: Sembra banale, ma davvero ogni gara ha un enorme valore per me, anche quella che non è andata esattamente come mi aspettavo. Tutte mi hanno lasciato moltissimo ed ognuna ha una sua “vita”, una sua storia ben precisa. Tuttavia, dovendo scegliere, credo di poterne evidenziare due che se pur per motivi differenti, si distinguono dalle altre. Certamente il Grand Prix Due Torri perché è stata la mia prima gara davvero importante, per quello c he rappresenta, per il fatto di averla sempre seguita tra il pubblico e infine per averla vinta… cosa che ancorami sembra incredibile. Non ho difficoltà ad ammettere che rivedendone le immagini (e lo faccio spesso) ancora sento il nodo in gola. Davvero indimenticabile. L’altra è senza dubbio l’Europeo dello scorso maggio. Questa gara, difficilissima, sintetizza e racchiude in sé quella che è per me l’essenza di questo sport: sacrificio, impegno, determinazione, fatica, forza di volontà, riscatto e grandissimo valore delle persone che ci accompagnano durante la preparazione e che io non finirò mai di ringraziare. D.: Per le gare italiane e per quelle internazionali, avevi dei precisi punti di riferimento cui ispirarti oppure no? Vince presentarsi come una donna si sente di essere o vince un’attenta analisi dei

regolamenti, delle tendenze e delle possibili avversarie? R.: Posso dire di lavorare su me stessa con l’obiettivo di avvicinarmi il più possibile a quello che è per me l’ideale di fisico da Bodyfitness, in altre parole tono muscolare, armonia e femminilità. Questa è l’idea che condivido con la mia preparatrice Cristiana Casoni. Lei, guarda caso, è anche l’atleta alla quale mi ispiro e rappresenta appieno quello di cui sto parlando. Naturalmente è doveroso anche compiere un’analisi del tipo di competizione che si intende affrontare apportando, se necessario, le correzioni necessarie senza mai stravolgere, però, quella che è la nostra identità, quello che noi vogliamo essere come atlete e come donne. Questo a prescindere dal risultato. D.: Il posing: un altro tassello della presentazione sul palco della Bodyfitness. In base alla tua esperienza, hai qualche consiglio da dare? R.: Il posing è un elemento fondamentale, decisivo per il risultato di una competizione, direi alla pari con allenamento e dieta. E quanto più si alza il livello della competizione, tanto più acquista importanza questo elemento. Ho imparato sul campo quanto può fare la differenza… Il mio consiglio è dedicare al posing il tempo adeguato durante la preparazione considerandolo esattamente come una seduta d’allenamento. Meglio avvalersi del supporto di professionisti per avere le linee guida e correggere gli errori che spesso, anche inconsapevolmente, si commettono. D.: Se dovessi consigliare a una tua allieva tra Bodyfitness e Bikini Fitness, quale dei due consiglieresti? E addirittura tra Bodyfitness e bodybuilding? La scelta dipende dal fisico geneticamente predeterminato della persona, dalla sua mente o da altre considerazioni? R.: Indubbiamente la genetica di base determina la scelta, su queContinua 

51


Foto EastLabs

52

sto non ci sono dubbi. D.: Se dovessi consigliare a una tua allieva tra Bodyfitness e Bikini Fitness, quale dei due consiglieresti? E addirittura tra Bodyfitness e bodybuilding? La scelta dipende dal fisico geneticamente predeterminato della persona, dalla sua mente o da altre considerazioni? R.: La genetica è un fattore determinante ed è da lì che è necessario partire per effettuare una valutazione. Naturalmente, da sola la genetica, senza il supporto di un buon equilibrio mentale, determinazione e forza di volontà, può fare pochissimo... Questo vale di più per le categorie con preparazione impegnative, quindi Bodyfitness e Bodybuilding, che prevedono allenamenti pesanti e diete molto restrittive. Ecco che la categoria bikini rappresenta un’ottima alternativa per avvicinarsi al nostro mondo in modo più soft con parametri fisici meno rigorosi. Non a caso il numero di presenze alle competizioni è in sensibile aumento. Importante per tutti è non dimenticare che si tratta comunque di atlete e come tali devono presentarsi ed essere giudicate. D.: Il Bodyfitness può essere uno stile di vita oppure è solo una “frivola” disciplina agonistica senza gesto atletico? R.: Il Bodyfitness è assolutamente uno stile di vita e pochi minuti di palco sono il frutto di una preparazione, molto dura e impegnativa, per mesi e mesi. È una grande passione. Si è atleta Bodyfitness 12 mesi l’anno! D.: Hai o hai avuto difficoltà a spiegare alle persone cosa sia il Bodyfitness? R.: Assolutamente sì. Chi non fa parte di questo mondo conosce solo muscoli e bodybuilding! Sappiamo tutti quanti preconcetti ci siano... ma allo stesso tempo è un argomento che desta sempre grande coinvolgimento e le persone, generalmente, si dimostrano molto interessate a saperne di più. Perlomeno questa è la mia esperienza. D.: Se potessi ritoccare il regolamento Bodyfitness, cosa cambieresti? R.: Descrizioni maggiormente dettagliate e precise sui parametri di giudizio. D.: In uno sport individualistico come il nostro, la tua frase “le medaglie dovrebbero essere fatte di gomma per essere divise con chi ti ha aiutato alla vittoria”, risuona alta e sincera. A chi ti riferisci e in quale modo il loro supporto è stato essenziale? R.: Non considero questo come uno sport individuale. L’apporto delle persone vicine, la squadra, nel mio caso ha fatto la differenza. Non intraprenderei mai la strada per una competizione senza di loro! Ci si rende conto di quanto valga questo supporto soprattutto nel lungo pe-


riodo. Le preparazioni sono difficili, ti mettono a dura prova, si vivono varie vicissitudini, inconvenienti, grandi e piccoli problemi. È fondamentale avere vicino persone che facciano cerchio attorno a te. Io, devo dire, sono particolarmente fortunata! Ho vicino il mio fidanzato, Simone Marchi, anch’egli atleta IFBB, presenza solida e costante nella mia vita, un braccio forte cui appoggiarmi sempre; il grande Mauro Sassi, eccezionale preparatore, uomo straordinario e prezioso amico ed infine, ma non ultima, Cristiana Casoni. La verità è che senza di lei nulla sarebbe successo e tutto quello che ho ottenuto ha un valore ancor più alto perché condiviso con lei. Ha creduto in me sempre, mi ha dato tutto il suo know-how, mi ha seguito e sostenuto in ogni momento. Direi che con un supporto di tale livello non posso che definirmi privilegiata! E non solo come atleta... infatti potranno cambiare gli scenari, gli obiettivi, le prospettive ma quel che è certo è che non cambierà mai il mio rapporto con loro ed è in effetti questa la mia vittoria più grande. 

Foto Giorgio Mesghetz

“L’essenza di questo sport: sacrificio, impegno, determinazione, fatica, forza di volontà, riscatto e grandissimo valore delle persone che ci accompagnano nella preparazione e che io non finirò mai di ringraziare”.

53


ROBiz Robi&Miz È SHOW-TEAM ! QUANDO IL NOSTRO SPORT NON È INDIVIDUALISTICO. DIARIO A 4 MANI DI 2 CAMPIONESSE

MICHELA FRÈ Indipendentemente dalla stagione agonistica o da quella climatica, la vita senza gareggiare è... spiazzante e al tempo stesso una ri-scoperta: ti ritrovi ad assaporare nuovamente la quotidianità ma senti che ti manca sempre un qualcosa, quasi, a volte, l’aria per respirare. E allora perché fermarsi? Perché il tuo corpo, il tuo spirito non sono invincibili, devono riposare: certo, questa è una mia personalissima constatazione, proprio perché l’ho provata (e la provo) su di me. Così in questo periodo di voluto e forzato allontanamento, perché la prima persona che deve essere d’accordo deve essere proprio l’atleta, le sensazioni sono altalenanti: vuoi riposare, vuoi mangiare in modo più sfizioso, vuoi guardare il mondo sotto altre angolazioni, vuoi prendertela con comodo MA... ti accorgi che c’è sempre una vocina che ti richiama alla pedana, al costume brilloso ed allora iniziano una serie di congetture su quale gara preparare, su quale costume scegliere, e se mai “tornerò come prima o meglio di prima” e, purtroppo, più pensi e più ti laceri perchè sei combattuta se assecondare i ritmi vitali o se cercare di ricavalcare l’onda. Devi discernere, una volta che stacchi, davvero gli eventi positivi e negativi del gareggiare e rasserenarti: ho detto rasserenarti che non significa rassegnarti se scegli di stare ferma. Certamente è un percorso doloroso perché ogni giorno, in un qualche modo, vivi ancora di bodybuilding.

la vita are è... ggi e r a g a Io ho scelto di assecondare il riposenz iazzante so facendo affidamento anche sulla p s o s s presenza di chi equilibra, bilancia, la e t os p m mia vita consigliandomi per il meglio e t l . a ea t r e (anche se all’inizio dello scoramenp o sc to non vuoi sentire campane che ti una ridicono “stai ferma”). E cosa faccio senza le gare? Be’, mi alleno (un po’ o i c c a f più “fitness”, vero Robi?), mi cona s E co ? cedo un po’ di sgarri belli sostane r a g e l ziosi (ops!!!), seguo comunque le a z sen competizioni e ogni volta, è inutile mentirsi, vorrei viverla io quella o, n r o gara, prendo atto dell’evolversi dei i g i (e dei costumi, sigh!!!... ... ogn lche modo, canoni Per ora), delle nuove stelle, apa u parentemente da lontano (ma va in un q ancora di bene così) perché alla fine, come i v vi . g ci ha insegnato la nostra Rosseln i ild u b la, il Bodyfitness se non è una y d o b gara è uno stile di vita! Continua 

54


E cosa faccio senza le gare? Be’, mi alleno (un po’ più “fitness”, vero Robi?), mi concedo un po’ di sgarri belli sostanziosi (ops!!!).

55


ROBiz Robi&Miz

operto c s i r o H re il piace mi ar di allenzzato ad ali non finmpetizione, una co misurarmi solo per e stessa con m ei limiti. i e con i m

56


Robi&Miz ROBiz

ROBERTA BOZZAO Io non vedevo l’ora che arrivasse quest’estate lontana dalle gare per poter godere diversamente del mio tempo libero, magari fare qualche uscita in più di quando sono sotto gara, qualche serata in discoteca, un aperitivo ogni tanto, qualche ora di sole in piscina invece che in sala pesi… Al contrario, mi trovo alla fine di un percorso che ho fatto su me stessa che mi porta nella direzione opposta. Nonostante non mi sia comunque mai allontanata dal mondo delle gare, perché anche se dietro le quinte invece che sul palco, seguo sempre con interesse ogni avvenimento italiano e soprattutto professionistico, proprio in questo ultimo periodo ho riscoperto il piacere di allenarmi non finalizzato ad una competizione, solo per misurarmi con me stessa e con i miei limiti. Sebbene non abbia pianificato ancora nel dettaglio alcuna competizione, mi ritrovo ad essere molto più metodica, precisa e scrupolosa nell’alimentazione e negli allenamenti di quanto lo ero qualche mese fa. Ho assecondato il riposo che il mio corpo e la mia testa richiedevano dopo una stagione impegnativa ma ho deciso di viverlo in modo attivo, anziché passivo come ho sempre fatto finora, quindi piscina si ma solo dopo la palestra, aperitivi e uscite con gli amici si ma senza lo scatafascio che ho sempre conosciuto. A volte mi sorprendo anch’io di questo mio cambiamento, ma credo sia dovuto all’immensa voglia che ho di tornare a gareggiare, seppur con tutti i dubbi di cui ha già fatto menzione la Miz… tornerò in forma? Sarò ancora competitiva? Sarò nei canoni? Almeno su una cosa non avrò il dubbio: mi sono impegnata al 100%? E potrò dire: assolutamente sì! 

57


58


ABBIAMO INIZIATO COSÌ - di Daniela D’Emilia U

na delle più grandi rappresentati del Bodyfitness italiano ci racconta del suo prossimo ritorno, collegandolo al recente passato...

Salve a tutti, volevo cominciare ringraziando IFBB UNIVERSE, per avermi dato uno spazio per parlare del mio “rientro” sul palco. Per quelli che non mi conoscono, mi presento. Mi chiamo Daniela D’Emilia, sono un’atleta IFBB, ho cominciato a gareggiare nel 2006 nella categoria Bodyfitness. Mi sono catapultata nel mondo del Bodybuilding un po’ per gioco. Ho iniziato ad allenarmi nel 2005, prima di allora non ho mai praticato nessuno sport, ed è incredibile la passione e dedizione che mi ha trasmesso questa disciplina. Sin dall’inizio, il mio obiettivo è stato preciso: arrivare a gareggiare nel regno del Bodybuilding mondiale, tra le migliori. Ho intrapreso un percorso ben stabilito e di crescente difficoltà, dalle gare regionali fino alle due gare più importanti disputate: il Campionato Mondiale nel 2009 (dove ho ottenuto un 2° posto) e l’Arnold Classic Amateur nel 2010 (dove sono arrivata 3°). Dopo l’Arnold Classic a Columbus, ho cominciato la preparazione agonistica per il Campionato Mondiale IFBB a Tlalnepantla in Messico. Ad un mese dalla gara è venuto a mancare mio padre: è stato un duro colpo. Tutta la preparazione è stata molto difficile: non c’era allenamento in cui la mia mente fosse libera e concentrata, non c’era determinazione, né motivazione. Mi sono ritrovata sola, l’unico che mi ha sostenuta ed aiutata ad andare avanti è stato il mio compagno ed ora Trainer Daniele Seccarecci, che nell’ultimo mese mi ha supportato mentalmente e mi ha accompagnata in Messico, dove sono andata ugualmente, per molti motivi, tra cui la parola data alla Federazione, i tanti soldi investiti e soprattutto anche per cercare di distrarre la mente, ma sono salita su quel palco con gli occhi che a stento trattenevano le lacrime, con dolore nel cuore e senza la mia grinta, con la consapevolezza di non aver dato tutto, come ho sempre fatto in ogni competizione. È stata la gara più brutta in assoluto, per tutto quello che era successo e per come l’ho vissuta. Questo insieme di brutte esperienze mi ha cambiato la vita, ed ha cambiato me come persona, infatti per scelta sono stata per un anno intero lontana da tutto, mi sono “riposata”, sia mentalmente che fisicamente, ho smesso anche di seguire tutte le competizioni in corso, continuando comunque ad allenarmi ed a seguire un alimentazione sana, ma in maniera molto soft. Tuttavia la pedana, l’odore del mallo, l’adrenalina che si ha prima di salire sul palco, il sapore del tanto atteso e meritato cioccolato a fine gara, fanno parte di me, e non hanno tardato a risvegliarsi. Credo di avere ancora qualche soddisfazione da levarmi e soprattutto cercare di prendere quello che ho sfiorato due anni fa... Il mio sogno è ottenere il tesserino da professionista, come ho sempre detto, e concludere una parte del percorso della mia carriera agonistica, per me stessa, e per mio padre che mi sosteneva in questa mia passione e in

quello che facevo. Adesso, si riparte da lì... da quella pedana “abbandonata amaramente”, ma che ancora mi aspetta. Che sia un rientro trionfale o no, per me sarà la fine di un capitolo della mia vita e l’apertura di un altro, spero molto più bello e ricco di nuove emozioni. Ringrazio le persone che mi sostengono tramite Facebook, Twitter e il mio sito Internet. I vostri messaggi e complimenti mi danno tanta forza e motivazione! Un saluto a tutti i lettori di IFBB UNIVERSE, un bacio Daniela!

. . ADESSO SI RIPARTE DA LÌ 59


60


di IFBB UNIVERSE, oggi vorrei darvi qualche dritta Care lettrici su come indossare al meglio il vostro costume il giorno della gara.

Se siete state brave, avete il vostro costumino pronto già da un bel po’, avete scelto bene modello, taglia, tessuto, colore e decorazione e adesso è giunto il momento di sfoggiarlo sul palco assieme a tutto il proprio prezioso e sudato contenuto che è il vostro corpo. NON FATE ERRORI!

CONSIGLI PER UNA PERFETTA VESTIBILITÀ dei costumi da gara di Agnese Russo, IFBB Bikini Pro

na prima importante premessa è che bisogna aver chiaro in mente per quale categoria si sta U gareggiando. Vi sembra scontato? No, dalle domande che molto spesso mi sono rivolte, non lo è! Bisogna aver chiaro in mente che i classici costumi che si incrociano dietro e si agganciano

allo slip e i bikini arricciati dietro sono due cose completamente diverse: il primo è incrociato dietro e attaccato allo slip in modo da poterlo mantenere sgambato il più possibile e si usa di solito nelle categorie classiche dove c'è la valutazione muscolare e del V-shape, Il bikini back arricciato è a vita bassa e tale deve essere e non c'è nessun motivo per cui debba essere incrociato dietro, si usa nel Bikini Fitness, ecc. dove si effettua la sfilata e le pose frontali o di schiena che non prevedono un’apertura dorsale e una valutazione del V-shape. Non ha neanche molto senso richiedere l’arricciatura dietro su costumi per le categorie standard, perché poi l’arricciatura può togliere simmetria e definizione alle decorazioni (che per le categorie Bodyfitness e Figure sono ricche e definite), senza dare in cambio alcun vantaggio alla figura e alla posa rilassata posteriore. Chiarito questo aspetto passiamo allo specifico. Continua 

61


DUE PEZZI CATEGORIA BODYFITNESS I due pezzi delle categorie classiche (Bodybuilding, Fitness, Figure, Bodyfitness,…) vanno indossati nel seguente modo: - mettere lo slip e sgambarlo bene fin sopra le creste iliache, nel punto più sottile della vita. - indossare il reggiseno, incrociare i laccetti dietro, una o due volte (il doppio incrocio da più tenuta se vi sembra che il reggiseno non sia bene aderente al seno), farli passare nelle apposite asolette dello slip, annodarli, tagliare via una parte dei laccetti se sono tanto lunghi (anche sull’allacciatura dietro il collo) e infilare nodi e laccetti nello slip. L’alternativa è utilizzare dei gancetti da reggiseno applicati ai lacci, da agganciare alle asolette. La seconda soluzione è molto più “pulita” e forse comoda, personalmente consiglio la prima perché vi permette di controllare sempre a piacimento la sgambatura. Con i gancetti può succedere invece facilmente che i laccetti “mollino” un po’ o che si perda peso da quando si è presa la misura e dopo in gara non siano ben tesi e il costume non rimane ben sgambato durante la gara. La sgambatura giusta è molto importante per valorizzare il Vshape. È vivamente consigliato di presentarsi all’iscrizione con il costume già allacciato e sistemato in questo modo, perché se lo lasciate libero, tende ad andare naturalmente verso il basso, perché è elastico, rischiando di essere agli occhi dei giudici che devono controllarli, troppo piccoli o non conformi al regolamento. Per lo stesso motivo consultate sempre bene la guida taglie prima di ordinare i costumi e se avete dubbi contattatemi, avrete tutta l’assistenza necessaria per scegliere la taglia corretta.

COPPETTE PUSH-UP MOBILI Se avete una taglia di seno molto piccola (I, II) è consigliabile utilizzare la coppa a triangolo preformato o il balconcino come reggiseno del due pezzi standard, mentre è sempre preferibile il triangolo morbido per le categorie bikini, con gli accorgimenti indicati sotto. Se optate per il modello di reggiseno a triangolo morbido, è consigliabile inse-

62

rire dentro le coppette pushup. Potete tranquillamente farmene richiesta e verranno fissate da me in maniera che restino mobili e non creino grinze o difetti sul costume. Valutate bene anche la misura del tuo torace, visivamente è brutto vedere una coppetta piccola su un torace largo, allora in questo caso è meglio scegliere una coppa a triangolo morbido di una taglia superiore alla vostra reale taglia e inserire la coppetta push-up.


DUE PEZZI CATEGORIA BIKINI FITNESS In questa categoria il costume più indicato è il bikini con back arricciato. Va indossato come un normale bikini da mare, a vita bassa, e non va incrociato dietro o ancorato allo slip. La decisione se indossarlo a vita bassa o leggermente più in alto va presa davanti allo specchio, valutando sulle vostre pose in quale posizione il costume dona di più alla vostra figura. Anche con questi costumi, una volta indossati e posizionati bene, controllate i laccetti e tagliate l’eccesso, chiudendoli alla fine con un nodino che impedisca al laccetto di rovinarsi e scucirsi.

COLLA Ora che il costume è indossato perfettamente, il consiglio in più è quello di acquistare una colla specifica (tipo Bikini Bite) e incollarlo alla pelle, soprattutto nelle zone dove tende più a spostarsi, tipo decolleté e glutei. Così anche in gara, camminando, muovendovi e posando il costume sarà sempre impeccabile! 

Visitate lo store: www.angelsuits.com 63


PHYSIQUE Women’s I n f o s

&

U p d a t e s

Fisique, Physique e Women’s Physique... due coordinate storiche per la nuova categoria. di Rossella Pruneti

La 1° edizione del Women’s Physique dilettanti sarà l’Arnold Classic Europe del 10-14 ottobre 2012.

66

In Italia il Fisique (non è un refuso, fu scelta la versione Franciase della parola) è stato introdotto nel 2009 per volere del vice presidente IFBB Giovanni Franciase. La prima gara fu il Campionato Nord Italia di Sanremo e la prima vincitrice della storia italiana del Fisique Michela Carrazzato. Non è mai stata introdotta una versione maschile e la categoria voleva rispondere ad una necessità della disciplina Bodyfitness: potere selezionare atlete leggermente più muscolose delle Bodyfitness nazionali per creare Team azzurri competitivi in alcune gare internazionali. Il vice presidente non pensava certo ad un’altra problematica molto importante, alla quale, di fatto, il Fisique ha dato un aiuto e potrebbe contribuire ad aiutare con una soluzione: dare collocazione ad atlete “non più crisalide, non ancora farfalle”, agoniste molto più avanti della media nazionale delle Bodyfitness ma non pronte (mentalmente e/o fisicamente) a intraprendere la strada del Bodybuilding femminile hardcore. Due anni dopo neanche, nel 2011 (ma annunciandola nell’ottobre 2010), anche la NPC in USA dava inizio alla categoria Physique (con la grafia anglosassone), nelle versioni maschile e femminile. Qui appunto, per le atlete, voleva essere un recupero (o un ridimensionamento) del Bodybuilding femminile. Di fatti le atlete NPC (e poi IFBB Pro perché il 21 maggio 2011 è stata creata la divisione professionistica per la disciplina: Women's Physique Division o WPD) posano scalze (mentre in Italia, con scarpe di libera misura nella zeppa e nel tacco). Differenti anche le pose: solo doppi bicipiti di fronte e di schiena per l’Italia, le pose da bodybuilder per l’NPC eccettuata quella di dorsali (eredità dell’esclusione che operò Doris Barilleaux nel regolamento del Bodybuilding femminile molti anni fa). Ma adesso il Physique arriva a livello mondiale. La IFBB ha deciso di varare il regolamento e di provarlo in occasione dell’Arnold Classic Europe 2012. Fino a questa prima gara di Women’s Physique possiamo solo immaginarci, leggendo il regolamento, “l’atleta Physique”. Non sapremo com’è realmente la nuova categoria e magari ci vorranno varie gare di assestamento per indirizzare le atlete. A novembre, al Congresso Mondiale, il Physique sarà comunque ratificato. Nasce un altro serbatoio di “espressione” della bellezza e della fisicità femminile.


Nuova categoria internazionale IFBB WOMEN’S PHYSIQUE Regolamento internazionale

5. Almeno 2 cm (due centimetri) di altezza sui lati, copertura di minimo la metà del grande gluteo e di tutto il pube. 6. Sono proibite le scarpe.

La categoria Women’s Physique è rivolta alle donne che preferiscono sviluppare un fisico meno muscoloso ma pur sempre atletico ed esteticamente gradevole, differenziandosi dalle odierne bodybuilder.

4 Completata l’esecuzione delle pose obbligatorie, l’intero line-up è ricomposto in un’unica linea, in ordine numerico, prima di lasciare il palco.

Categorie

I tre Round Il Women’s Physique ha questi tre round:

Nel Women’s Physique le categorie sono due: 7. Sono proibiti i gioielli o altri accessori, fatta eccezione per una vera nuziale.

• fino 163 cm • oltre 163 cm La IFBB potrà decidere di aggiungere categorie in qualsiasi momento.

1 Pregara: Round 1 – Semirilassate su quarti di giro e pose obbligatorie. 2 Finali: Round 2 – Pose obbligatorie e Posedown 3 Finali: Round 3 – Routine di pose libere della durata di 30 secondi

Round 1 Semirilassate su quarti di giro e pose obbligatorie Pregara Presentazione del Round 1 (semirilassate su quarti di giro e pose obbligatorie)

Abbigliamento L’abbigliamento per tutti i round è un costume due pezzi conforme ai seguenti criteri: 1. Stoffa semplice e non lucida. 2. Colore a scelta dell’atleta. 3. Sono proibite stoffe e materiali tipo effetto plastica, latex, ecc. 4. Sono proibiti ornamenti, arricciature, bordi e/o applicazioni con pizzi.

b Espansione toracica (sul fianco) c Doppi bicipiti di schiena (mani aperte) d Tricipiti (sul fianco)

Round eliminatorio Se ci sono più di 15 concorrenti in una categoria, allora è svolto il round eliminatorio, sotto la direzione del Capo Giudici o Capo Pedana, nel modo seguente: 1 L’intero line-up è condotto sul palco, in ordine numerico e in un’unica fila. 2 Il line-up è diviso in due gruppi con ugual numero di atlete e posizionato a fondo palco in modo che un gruppo sia alla sinistra e uno a destra. La parte centrale del palco è lasciata libera per i confronti. 3 In ordine numerico, e in gruppi non maggiori a cinque atlete per volta, ogni gruppo è portato a centro palco per eseguire le quattro pose obbligatorie: a Doppi bicipiti frontali (mani aperte)

Dietro conduzione del Capo Giudici o del Capo Pedana, il Round 1 è svolto nella maniera seguente: 1 L’intero line-up è condotto sul palco, in ordine numerico e in un’unica fila. 2 Il line-up è diviso in due gruppi con ugual numero di atlete e posizionato a fondo palco in modo che un gruppo sia alla sinistra e uno a destra. La parte centrale del palco è lasciata libera per i confronti. 3 In ordine numerico, e in gruppi non maggiori a cinque atlete per volta, ogni gruppo è portato a centro palco per eseguire le quattro semirilassate su quarti di giro e le quattro pose obbligato-

Continua 

67


PHYSIQUE Women’s I n f o s

&

U p d a t e s

rie: a Quarto di giro a destra (fianco sinistro alla giuria) b Quarto di giro a destra (schiena alla giuria) c Quarto di giro a destra (fianco destro alla giuria) d Quarto di giro a destra (fronte alla giuria) Le quattro pose obbligatorie sono le seguenti:

a Doppi bicipiti frontali (mani aperte) b Espansione toracica (sul fianco) c Doppi bicipiti di schiena (mani aperte) d Tricipiti (sul fianco) 4 Questo raggruppamento iniziale delle atlete e l’esecuzione dei quattro quarti di giro servono ad aiutare i giudici nella selezione delle atlete che prenderanno parte ai confronti con le pose obbligatorie. 5 Tutti i confronti iniziali a gruppi devono essere svolti al centro del palco e nell’ordine da sinistra a destra, come condotto dal Capo Giudici. 6 Ciascun giudice ha l’opportunità di avanzare almeno una richiesta di confronto, consegnandola al Capo Giudici. Ogni richiesta di confronto ulteriore è a discrezione del Capo Giudici. 7 Tutte le concorrenti faranno almeno un confronto. 8 Al termine dell’ultimo confronto, l’intero line-up è ricomposto in un’unica fila, in ordine numerico, prima di lasciare il palco. Punteggio del Round 1 (semirilassate su quarti di giro e pose obbligatorie): Il punteggio del Round 1 è calcolato nel modo seguente: 1 Ogni giudice assegna a ciascuna concorrente una posizione, controllando che non ci siano due o più concorrenti con la medesima posizione. 2 In una giuria composta da nove giudici, sono scartate le due posizioni più alte e le due più basse. Le posizioni restanti sono sommate per ottenere il “subtotale

68

del Round 1” e “Piazzamenti del Round 1”. 3 I parimerito nel Round 1 sono risolti applicando il Metodo dei Piazzamenti Relativi. 4 Le prime sei (6) concorrenti passano in finale (Round 2 e Round 3). Valutazione del Round 1 (semirilassate su quarti di giro e pose obbligatorie): Il Round 1 è valutato applicando i seguenti criteri: 1 Per prima cosa il giudice deve valutare l’aspetto atletico e femminile, nel suo complesso, del fisico della concorrente. Questa valutazione dovrebbe iniziare dalla testa e procedere verso il basso, tenendo conto dell’intero corpo. La valutazione, iniziando con un’impressione generale del fisico, dovrebbe tenere in considerazione i capelli e i lineamenti del volto; lo sviluppo atletico generale della muscolatura; la presentazione di un fisico sviluppato in modo proporzionato e simmetrico; la condizione e il tono della pelle; la capacità della concorrente di presentarsi sul palco con sicurezza. 2 Durante i confronti delle pose obbligatorie, il giudice dovrebbe guardare prima il gruppo muscolare che la posa obbligatoria intende mostrare. Poi il giudice dovrebbe passare a valutare l’intero fisico, dalla testa ai piedi osservando ogni parte del corpo, iniziando con il colpo d’occhio generale e valutando lo sviluppo simmetrico ed equilibrato di ogni gruppo muscolare e la definizione. Analizzando il fisico della concorrente, il giudice terrà in considerazione, procedendo dall’alto al basso: testa, collo, spalle, pettorali, tutta la muscolatura delle braccia, parte frontale del torace per i pettorali, inserzione tra pettorali e deltoidi, addominali, punto vita, cosce, gambe, polpacci e piedi. La medesima procedura si applica per le pose di schiena, aggiungendo la valutazione della sezione superiore e inferiore del trapezio, del piccolo rotondo e dell’infraspinato, degli erettori spinali, del gluteo, del bicipite femorale, dei polpacci e dei piedi. Una valutazione dettagliata dei diversi gruppi muscolari dovrebbe essere svolta durante i confronti, quando il giudice deve

confrontare linea, densità e definizione tenendo sempre in mente lo sviluppo proporzionato del fisico in generale e la femminilità della concorrente. 5 Il fisico dovrebbe essere valutato in quanto a livello di tono muscolare generale, raggiunto attraverso l’allenamento. I gruppi muscolari dovrebbero avere un aspetto stondato e tonico con una piccola quantità di grasso. 4 La valutazione dovrebbe prendere in considerazione anche la compattezza e il tono della pelle. La pelle dovrebbe essere priva di grinze e sana. 5 La valutazione del giudice del fisico della concorrente dovrebbe comprendere la presentazione complessiva, appena la concorrente entra camminando sul palco fin quando lo lascia. In ogni momento le concorrenti devono essere valutate con enfasi su “un fisico muscoloso e atletico, in forma, florido, presentato con un total package attraente”. I punteggi per il Round 1 sono utilizzati soltanto per classificare le concorrenti dal 1° al 15° posto e per determinare le sei (6) finaliste che parteciperanno al Round 2 e al Round 3 della finale. Le prime sei finaliste ripartono da zero punti.

Finali: Round 2 Pose obbligatorie e Posedown L’abbigliamento per il Round 2 (pose obbligatorie e posedown): Abbigliamento: L’abbigliamento per il Round 2 è un costume due pezzi conforme ai seguenti criteri: 1. Colore, materiale, trama a scelta della concorrente. 2. Sono proibiti ornamenti, arricciature, bordi e/o applicazioni con pizzi. 3. Almeno 2 cm (due centimetri) di altezza sui lati, copertura di minimo la metà del grande gluteo e di tutto il pube. 4. Sono proibite le scarpe. 5. Sono proibiti i gioielli o altri accessori, fatta eccezione per una vera nuziale. 6. Sono proibiti elementi scenografici (per la routine libera). Presentazione del Round 2 (pose obbligatorie e posedown):


Dietro conduzione del Capo Giudici o del Capo Pedana, il Round 2 è svolto nella maniera seguente: 1 Le sei finaliste sono condotte sul palco, in un’unica fila e in ordine numerico. Eseguono le quattro pose obbligatorie, come gruppo unico e insieme, occupando la parte sinistra, centrale

ti ai “Subtotali del Round 3” per ottenere il “Punteggio Finale”. Valutazione del Round 2 (pose obbligatorie e posedown):

risolve ricorrendo al “Metodo dei Piazzamenti Relativi” e utilizzando i punteggi della concorrente nel Round 2.

Il Round 2 è valutato con i medesimi criteri esposti in dettaglio per la valutazione del Round 1.

Finali: Round 3 Routine di pose libere

e destra del palco. 2 Le sei finaliste eseguono un posedown della durata di 60 secondi con un sottofondo musicale scelto dall’organizzatore della

gara. 3 Dopo il posedown, le sei finaliste tornano su un’unica linea, in ordine numerico, prima di lasciare il palco.

Abbigliamento per il Round 3 (routine di pose libere): L’abbigliamento per il Round 3 è lo stesso del Round 2. Presentazione del Round 3 (routine di pose libere): Sotto la direzione del Capo Giudici, il Round 3 è svolto come segue: 1 Ogni concorrente è chiamata sul palco, presentata con numero, nome e nazione, individualmente e in ordine numerico, per eseguire una routine di pose libere con una base musicale di sua scelta. La lunghezza massima della routine è 30 secondi.

Punteggio del Round 2 (pose obbligatorie e posedown): Il punteggio del Round 2 è ottenuto come segue: 1 Sono valutate solo le pose obbligatorie; il posedown non è valutato. 2 Ogni giudice assegna a ciascuna concorrente una posizione, controllando che non ci siano due o più concorrenti con la medesima posizione. 3 In una giuria composta da nove (9) giudici, sono scartate le due posizioni più alte e le due più basse. Le posizioni restanti sono sommate per ottenere il “subtotale del Round 2”. Con sette (7) o cinque (5) giudici, sono scartati il punteggio (1) più alto e il punteggio (1) più basso. 4 Il Round 2 pesa per due terzi (2/3) sul punteggio finale, cioè il 67%. Affinché sia possibile, i punteggi del Round 2 dovranno essere raddoppiati dagli statistici. *Nota: Non c’è bisogno di risolvere immediatamente i parimerito nei “Subtotali del Round 2” perché vanno comunque somma-

Valutazione del Round 3 (routine di pose libere): Il Round 3 è valutato con i seguenti criteri: 1 Ogni giudice valuta la routine di pose per quanto attiene soprattutto la presentazione della muscolatura, la definizione, stile e grazia, personalità, coordinazione atletica e performance complessiva. 2 I giudici devono ricercare routine fluide, artistiche e ben coreografate. Proibito usare accessori scenografici. I giudici devono ricordarsi che, durante questo round, valutano sia la routine sia il fisico. 

Punteggio del Round 3 (routine di pose): 1 Ogni giudice assegna a ciascuna concorrente una posizione, controllando che non ci siano due o più concorrenti con la medesima posizione. 2 In una giuria composta da nove (9) giudici, sono scartate le due posizioni più alte e le due più basse. Le rimanenti posizioni sono sommate per ottenere il “Subtotale del Round 3”. 3 Il Round 3 pesa per un terzo (1/3) sul punteggio finale , cioè il 33%. 4 Il “Subtotale del Round 3” è sommato al “Subtotale del Round 2” per ottenere il “punteggio finale” e la “classifica finale”. 5 Dovesse esserci un parimerito nel “punteggio finale”, questo sarà risolto a favore della concorrente con il miglior “Subtotale del Round 2”. Se anche il “Subtotale del Round 2” era parimerito, si

Scarica l’infografica su www.ifbb.it

69


PHYSIQUE Women’s I n f o s

&

U p d a t e s

al titolo, si potrebbe pensare di me, che sono D un'esaltata, in realtà, tutt'altro. Ma andiamo per ordine.

A parte circa dodici anni di peregrinazioni tra una federazione e l'altra, cercando sempre una giusta collocazione, nel 2005 approdai nella IFBB, categoria Body Fitness. In realtà, scelsi la IFBB, non tanto per la categoria (che mi andava un po’ strettina, visto che nel passato avevo sempre gareggiato nelle categorie un po’ più "muscolari"), bensì per il prestigio. Negli anni, passato l'entusiasmo iniziale, cominciai a fare una selezione accurata delle gare cui volevo prender parte. Volevo confrontarmi solo con il "meglio". La scelta, alla fine, si fece ristretta a tal punto che un anno mi preparai solo per il Trofeo Due Torri. Era l'anno 2001 e arrivai 3°. Dopodiché rimasi incinta e questo mi diede modo di prendere una bella pausa di riflessione. Ebbi tutto il tempo di guardarmi intorno e, seguendo la mia linea di pensiero, mi chiesi: Da dove escono i professionisti? OK, quello è il MEGLIO. E mi tesserai IFBB nel 2005. Purtroppo le categorie femminili non lasciavano scampo: o eri una Bodyfitness o facevi il "salto" e diventavi una Bodybuilder. Optai per le Bodyfitness. Questa categoria bellissima, che all'apparenza può sembrare "facile", è invece, estremamente difficile e sofisticata. Nessun'altra categoria necessita di così tanti accorgimenti fisici ed accessori! La giusta quantità di muscoli, di definizione, di femminilità, proporzioni, struttura, look… insomma tutto un insieme di fattori che rendono un'atleta... una Bodyfitness. In realtà, è anche molto di più. Volendo, tutte possono rientrare in questa categoria, ma solo poche possono eccellere. Una categoria deve calzare a pennello, altrimenti, per quanto ci si voglia adeguare, ci sarà sempre qualcosa che stona. Io mi ritengo una discreta atleta, mi sono tolta delle belle soddisfazioni, MA NON SONO MAI RIUSCITA A RIENTRARE IN UNA FINALE INTERNAZIONALE. IO NON ERO UNA BODYFITNESS. In molti, e molto spesso, hanno cercato di convincermi che dovevo cambiare strada. Che dovevo provare altrove. Ma sono testarda e combattiva. Non mi sono arresa. Nel 2009 c'era aria di novità ed ecco arrivare, anche se solo in Italia, la categoria Fisique. Finalmente! La mia perseveranza era stata premiata! Ho studiato la categoria, ho cercato di capire cosa volessero i giudici. Ho deciso di provare, tra mille dubbi e paure. Mi sentivo come se fosse la prima volta che salivo su un palco. Però avevo trovato la categoria che mi calzava a pennello: la MIA categoria. La vittoria al Campionato italiano IFBB 2012, categoria Fisique, è tra quelle che più di tutte mi ha dato gioia e soddisfazione. Nel momento in cui pensavo che fosse arrivato per me il momento di chiudere con l'agonismo, si è spalancato un portone: CATEGORIA PHYSIQUE ALL'ARNOLD CLASSIC EUROPE 2012. E da qui all'ambito internazionale il passo è breve. Da crisalide a farfalla. Si rinasce a nuova vita. Eccomi di nuovo a rimettermi in gioco! 

LE PHYSIQUE... DU RÔLE 70 70

Di Ester Parisi


Ester Parisi sul palco del Campionato Italiano 2012. Foto Roberto Borgo.

L’Italia presenta il Physique italiano all’Arnold Classic Europe con la campionessa italiana 2012

ESTER PARISI

PHYSIQUE Women’s

71


GIACCHE BLu S

E

Z

I

O

N

E

G

I

U

D

Come si dive nta g B ionale IF B naz ice iud

Spesso la Segreteria federale riceve domande sulla procedura per diventare giudice.

Ecco alcune informazioni... oltre all’esperienza di una neo-giudice nazionale.

I

C

I

I giudici IFBB sono un gruppo di persone fisiche, associate regolarmente alla IFBB, coordinate e seguite da un Responsabile Nazionale Giudici (nominato ogni 4 anni dalla Presidenza), che provvede a contattarle e a convocarle per le gare e le manifestazioni di bodybuilding e fitness. Ogni rapporto con la Federazione va inoltrato tramite tale responsabile. I giudici IFBB possono essere associati solo alla IFBB e non possono giudicare in altre federazioni salvo la convocazione in giurie interfederali sempre da parte del Responsabile Nazionale Giudici. I giudici che non rispetteranno tale regola saranno sospesi dal giudicare per un (1) anno. COMPOSIZIONE GIURIE Le giurie sono convocate gara per gara dal Responsabile Nazionale Giudici. Ogni giuria è sempre composta da:  segretario di gara;  capogiuria;  cinque (5), sette (7) o nove (9) giudici.

72


di Rossella Pruneti

Foto di Roberto Borgo Alcuni dei giudici impegnati al Campionato Italiano 2012.

PROCEDURA DI AMMISSIONE Sono ammessi nella categoria giudici tutti i giudici che hanno sostenuto l’aggiornamento teorico annuale (con il test di verifica) e i nuovi giudici che a seguito della teoria hanno passato positivamente 3 prove pratiche di livello differente (interegionali, Grand Prix o Italiani). La quota associativa per i giudici e per gli asprianti giudici è fissata per l’anno 2012 in 80 euro. Gli aspiranti giudici che avranno superato le prove teoriche e pratiche riceveranno la cravatta e lo stemma federale, il tesserino.

Per richiedere di intraprendere le prove da giudice, dovete contattare la Responsabile Nazionale Giudici, Sig. ra Antonietta Sorrentino, attraverso la Federazione: e-mail info@ifbb.it. Foto di Rossella Pruneti

73


2012 da giudice di Clarissa Giannerini • Foto di Angelo Bani

i sono avvicinata al bodybuM ilding nel 2008 e da allora è parte integrante della mia vita.

Devo molto a questa disciplina o meglio passione! Più passa il tempo, più sono entusiasta del lavoro che ho fatto su di me, grazie anche a persone molto competenti che mi hanno e che mi accompagnano in questo cammino. Non parlo solo dell'aspetto fisico, ma soprattutto, nel cuore nella mente! Ho preso la decisione di diventare giudice, perchè dopo aver affrontato il palco, mi sono detta: “Voglio vivere anche l'esperienza dall'altra parte, osservando tutto a 360°!”. Entrambe, esperienze ed emozioni positive anche se diverse. Da un lato, la tensione, l'impazienza di posare di trasmettere ciò che sei a coloro che hai di fianco e davanti; dall'altra una profonda emozione e responsabilità nel giudicare persone con un carico di sacrifici per arrivare fino a quel punto. Quando sono seduta a quel tavolo, mi immedesimo negli atleti, riesco a percepire il loro stato d'animo, vorrei premiare tutti, ma non è possibile, quindi cerco di essere più giusta che posso. Giudico gli altri e altri, ma principalmente me stessa. Giudice e atleta allo stesso tempo. Il 2012 è la mia prima stagione in queste vesti, sono molte le cose da imparare, mi piace dare sempre il meglio. Tanti, nuovi piccoli dettagli li ho già appresi, appagatissima di ciò, non mi stanco mai di imparare e nutrire questa mia passione. Altro punto positivo, è incon-

Ho preso la decisione di diventare giudice, perchè dopo aver affrontato il palco, mi sono detta: “Voglio vivere anche l'esperienza dall'altra parte, osservando tutto a 360°!”. 74

trarsi, poter interagire, parlare, scambiare opinioni, confrontarsi, con colleghi atleti-giudici. Solo l'occasione della gara lo permette, causa distanze chilometriche. Ho trovato una gran bella organizzazione e serietà all'interno della Federazione, persone istruite e competenti. Quando abbiamo fatto la prima riunione, per il programma gare, il Presidente ha invitato tutti a indossare la divisa, anche in

queste occasioni. Siamo invitati comunque ad essere sempre in ordine, mai provocanti, principalmente per le signore/signorine. È richiesta puntualità e reperibilità per eventuali comunicazioni, via mail o telefonicamente. Insomma, bella famiglia! Desidero ringraziare, per avermi dato questa possibilità… ed adesso lascio a voi il compito di giudicare me.


75


ZEE MASTER

FITNESS facciamo il punto

il bodybuildING stesso è il più indicato per esprimere al massimo quello che è il fitness moderno o che dovrebbe essere.

76


T R A I N I N G C O N A L E X KO M A D I N A 

Dal BODYBUILDING

al fitness e tutti gli altri? iflettiamo su un punto a mio R avviso molto importante per tutto ciò che riguarda il mondo

delle palestre e l’attività fisica rivolta alla maggior parte della popolazione. Oggigiorno sono molte le discipline che si avvalgono di esercizi ed equipaggiamento propri del bodybuilding in maniera amatoriale, per il “fitness”, perciò verrei ricordare un po’ a tutti (ma soprattutto quelli che stanno al di fuori del mondo del bodybuilding) che quello che adesso è chiamato “fitness”, nonostante un po’ tutti ci si avventino, appartiene di diritto al bodybuilding ed è dai bodybuilder che si può trarre il massimo dei vantaggi nel senso di risultati, metodi e programmi d’allenamento. Sono i bodybuilder, infatti, che possiedono vasta esperienza nel campo e la predisposizione mentale necessaria. Nelle fiere del fitness, nei programmi televisivi dedicati alla forma fisica, nelle riviste di donne o sport dilettantistico vediamo sempre più spesso inserirsi estranei che falliscono nel raggiungere risultati agonistici nella propria disciplina e quindi si lanciano con combinazioni strane nel fitness. Questi confondono i praticanti perché chiedono loro “prestazioni”, per quanto rispettabili (ma i maestri stessi hanno fornito la prova di essere “fit”?). Il fitness, anche quello moderno, dovrebbe esonerare i praticanti dall’obbligo di prestazioni. Le prestazioni, al contrario, usano il corpo, sacrificano certi aspetti che permettono invece al fitness stesso di essere a disposizione della maggioranza della popolazione e, soprattutto, di qualsiasi condizione o età. Il fitness dovrebbe essere più concentrato a definire qual è il limite tra forma fisica e performance. Insomma, non serve sollevare grandi carichi, correre per chilometri, cimentarsi in combinazioni di sport ed esercizi con tempi e traguardi da cardiopalma per apparire in forma, “fit”. Vediamo che il volano, la pallavolo in spiaggia a due e altro, solo perché organizzato da un trainer, è considerato fitness. Non parliamo poi dell’ulti-

mo arrivato, il Cross Fitness, che qui in California e in generale in USA, dopo il Boot Camp, è diventato il massimo dell’espressione del fitness. Chi pratica Boot Camp si cimenta in un insieme di sport ed esercizi che, al contrario, sacrificano il corpo stesso nell’intento di raggiungere questi pazzeschi limiti che, con tutto il rispetto per la performance, sono proprio l’opposto di ciò che il fitness dovrebbe essere e che proponeva alla sua nascita. Analizziamo il tutto. Il fitness, come scrivevo prima, ai suoi albori fu considerato un modo FANTASTICO e moderno per apparire in forma (e sottolineo apparire). Si proponeva soprattutto a chi ha superato un’età “da giovane olimpionico” o adatta per essere un agonista di alto livello. Il target coincideva con coloro che trascorrono la maggior parte della giornata in uffici o comunque lavorano (8 ore?), hanno famiglia e sono presi da tutti quegli impegni che appartengono al mondo degli adulti. Quelle stesse persone, però, non vogliono trascurare il proprio aspetto estetico. Guarda caso, la cura della forma fisica attraverso il fitness va anche a favorire un certo stato di salute: due piccioni con una fava. Adesso immaginatevi questo ipotetico utente inesperto che si vede proporre un’attività dove deve correre per 10 chilometri, nuotare per altri due, sfrecciare in bicicletta per un’altra ventina, fare una cinquantina di flessioni a terra, aggiungere una cinquantina di trazioni alla sbarra, salire sulla corda, spingere un carrello SENZA ruote per un centinaio di metri, ritirarlo indietro con corda, fare una decina di stacchi con un peso del 50% superiore a quello del suo corpo… Il tutto in poche ore, anzi nel minor tempo possibile. Immaginatevi come dovrà essere l’allenamento! In più, per potersi cimentare in tanta mole di lavoro, come si dovrà alimentare? Perciò, anche il discorso salutare viene a parer mio molto compromesso. A prescindere dall’aspetto estetico ottenuto cimentandosi in

questo massacro, la combinazione tra mole di lavoro, risultato e vita quotidiana è completamente compromessa. Insomma, il fitness dovrebbe essere principalmente apparenza (come la parola “FIT” di per sé significa), perciò posso rendere il mio soggetto apparentemente atletico senza l’obbligo di essere sottoposto al lavoro dell’atleta e né frustrato dall’obbligo di raggiungere una performance da atleta. Vorrei dire di più: posso farlo apparire addirittura più in forma di un atleta! Non vergogniamoci di dire “apparire”. Sono stufo di sentire la solita tiritera: “Sì, tutti quei muscoli ma non corre i 100 metri in tot secondi o non riesce a fare jogging per 15 chilometri o non solleva carichi pazzeschi su panca o curl o presse a 45° con 500 kg!”. Questi sono alcuni dei traguardi degli apparentemente “fit”. Ultimamente sento troppo spesso affermare, perfino dai trainer stessi: “Non immagini quanti grassottelli sono in realtà FIT”. Sappiamo cosa diciamo? Proprio chi è del mestiere deve cadere in queste contraddizioni? Insomma, ci tenevo a scrivere quest’articolo per ricordare che nel bodybuilding, quello serio, è meglio chi appare più completo più competitivo, non quello che si fa 100 chilometri di corsa; è meglio quello che appare più snello, con percentuali di grasso che distinguono, non chi si cimenta in combinazioni di esercizi e sport da panico; è meglio chi presenta una simmetria elegante, non chi solleva una grossa pietra per 100 metri. Insomma, proprio per i motivi che distinguono il bodybuilding, il bodybuilding stesso è il più indicato per esprimere al massimo quello che è il fitness moderno o che dovrebbe essere. Non scordiamoci che poi, dopo avere “costruito” il fisico con criteri qualitativi ed estetici, non è precluso mirare anche a risultati di performance. Se si ha il concetto di fitness chiaro in mente, molti benefici sono perfettamente gestibili e raggiungibili senza estremismi.

77


Ritorno ai fondamentali

Photo IFBB Archive

Ritorno ai fond 78


Dip ell’allenamento per Analizziamo N la forza c’è la tendenza a bollare alcuni esercizi come “pericolosi”. Era diffuso il mito che lo squat rovinasse le ginocchia e, nonostante la preponderanza di dati empirici e di pareri di esperti che sfatassero la cosa, dobbiamo tuttora discutere con molti allenatori e personal trainer che accosciarsi più in basso del punto in cui le ginocchia sono parallele al pavimento non è sbagliato. Di rencente, uno degli esercizi più accusati è il dip alle parallele, considerato una via sicura alla rovina delle spalle. Insensato.

Se i dip fossero pericolosi come sostengono alcuni, come giustifichereste la disciplina sportiva della ginnastica? I ginnasti, sia uomini che donne, eseguono un numero elevato di dip per tutto l’anno. Non dovrebbero essere afflitti da una miriade di infortuni alle spalle? Analizziamo alcuni fatti. In uno studio della Federazione Statunitense di Ginnastica svolto su 206 ginnasti agonisti, nel corso di 17 mesi, e pubblicato nel 1981, gli infortuni più frequenti erano, in ordine decrescente, a carico di caviglie e ginocchia (19,2%), piedi e dorsali (13,1 %). In uno studio pubblicato nel 1985 con 873 ginnasti agonisti e dilettanti, seguiti per nove mesi, gli infortuni alle spalle erano soltanto l’1,1%! In base a queste cifre, potremmo piuttosto dire che i dip alle parallele aiutano a prevenire gli infortuni alle spalle! Agli inizi della cultura fisica, i dip erano un metodo d’allenamento fondamentale e venivano impiegati spesso nei programmi di

questo esercizio per il torace, sicuro ed efficace, che è anche uno dei round della nuova disciplina IFBB Athletic Fitness!

fitness della YMCA. Spesso erano abbinati ai chin-up e questa combinazione sviluppava un’eccellente forza nella parte superiore del corpo. Per quanto riguarda la resistenza muscolare, Jack LaLanne nel 1954 esordì completando 1000 dip verticali in meno di 35 minuti (senza mai lasciare la sbarra). Alla fine i chin-up furono rimpiazzati dal pulldown e i dip lasciarono spazio alla possente distensione su panca. Il processo avvenne tuttavia in modo graduale perché i powerlifter consideravano i dip un esercizio basilare. Pat Casey, il primo con una distensione su panca omologata (senza maglietta) pari a 272,5 kg, pesava 154 kg e poteva fare i dip aggiungenContinua 

damentali - Dip

di Charles Poliquin 79


Ritorno ai fondamentali

I dip sono nella lista dei migliori esercizi in assoluto! do altri 172,5 kg. Uno dei migliori bodybuilder a cimentarsi coi dip fu Marvin Eder, di Brooklyn, il quale arrivò terzo al 1951 AAU Mr. America (considerate una delle gare più prestigiose del tempo). Eder pesava 90 kg, era alto 172 cm e aveva un braccio di 48 cm. per fare un confronto, gli altri campioni dell’epoca erano Bill Pearl con un braccio di 47,3 cm; Steve Reeves con 47 cm; John Grimek con 46,5 cm. È vero che Reg Park arrivò una volta a 50,8 cm ma pesava 113 kg ed era alto 185 cm. Al Mr. Universo NABBA del 1958 Park pesava 97 kg e aveva 47 cm di braccio. Come molti bodybuilder del suo tempo, Eder completava gli allenamenti per la crescita con sollevamenti di pesistica e di powerlifting: chilogrammo per chilogrammo, Eder non aveva pari. Tra le sue gesta più eclatanti: clean e press con 161 kg, squat completo con 302 kg e (dimostrando una resistenza muscolare inverosimile) 50 ripetizioni con 136 kg! La forza della parte superiore del corpo era particolarmente impressionante: le distensioni su panca piana, senza maglietta, con 234 kg e 8 chin (a presa ampia) con 36 kg. Per quanto riguarda i dip, egli stabilì uno standard che forse nessuno ha raggiunto o tantomeno superato. Pesando 90 kg, Eder eseguiva una ripetizione con l’aggiunta di 197 kg (facendo appendere due uomini ai suoi piedi) e sette ripetizioni con 181 kg! Continua 

Ritorno ai fond 80


Dip

damentali - Dip 81


Ritorno ai fondamentali Manuale sui dip L’esecuzione migliore dei dip è con parallele a forma di V, adatte per una varietà di corporature. La posizione inziale è con le braccia distese in modo che il corpo sia in equilibrio sulle impugnature. L’esercizio inizia con i muscoli estensori, soprattutto il tricipite, contraendo per controllare la fase di discesa del movimento. La discesa nei dip, come nelle distensioni su panca piana, deve essere controllata per evitare infortuni. I dip lavorano la porzione anteriore delle spalle, i pettorali, i tricipiti e perfino il trapezio. Sono nella mia lista dei migliori esercizi in assoluto per i tricipiti. La scienza conferma la mia opinione. Secondo una ricerca con la risonanza magnetica svolta da Per A. Tesch, PhD., i dip sono superiori alle distensioni su panca piana con presa stretta al fine di sviluppare tutti e tre i capi del tricipite. Come bonus, i trapezi e molti altri muscoli della schiena sono coinvolti nei dip per stabilizzare. Dato che i dip sono faticosi, donne e soggetti pesanti hanno spesso difficoltà anche solo a eseguirne una ripetizione. Non mollate! Se non avete la forza sufficiente a eseguire i dip, ci sono molte varianti con macchine per i dip che vi possono aiutare. In alcuni modelli c’è una pedana, in altri (per esempio, quelli della marca Atlantis), state in ginocchio su una piattaforma. La piattaforma è collegata a una puleggia e alza una pila di contrappesi. L’aumento del peso, a sua volta, dà maggiore spinta verso l’alto alla piattaforma, in modo che praticamente chiunque può eseguire l’esercizio per l’intero arco di movimento. Se nella vostra palestra non c’è una dip machine, ecco due varianti per principianti: (1) iniziate con le braccia distese, flettete un ginocchio e fatevi aiutare da un compagno, il quale afferrerà la caviglia e vi fornirà l’aiuto ne-

cessario. Fate attenzione a non colpirlo con la gamba. (2) Sistemate un bilanciere sui perni di sicurezza di un power rack, appena poco sopra metà gamba. Usatelo per aiutarvi appoggiando i piedi. Entrambe le varianti riducono molto la quantità di peso che il torace deve sollevare. Man mano che aumenta la forza, dovrete aggiungere resistenza sia (1) facendovi tirare verso il basso da un compagno che vi afferra le caviglie, sia (2) tendo un manubrio tra le caviglie o (3) indossando una cintura per chinup o dip. (Ho notato che possono andare bene e risultare pure comode le cinture degli scalatori). Tenere fermo il manubrio tra i piedi è più difficile che indossare la cintura. Prima o poi il peso che arriverete a utilizzare sarà eccessivo per essere sorretto così. Un’altra eccellente variante è agganciare le catene a una cintura per chin-up/dip: le catene renderanno l’esercizio più difficile nella fase superiore della traiettoria ascendente, proprio dove avete maggiore forza. Qual è un buon traguardo per i dip? Piuttosto che suggerire un carico specifico in base al peso corporeo, ritengo che sia meglio mirare a un equilibrio strutturale tra esercizi basilari. Per i dip, quanto peso totale (peso corporeo più carico aggiunto) potete utilizzare per tre ripetizioni dovrebbe essere uguale al vostro massimale per una ripetizione (1RM) nelle distensioni su panca con presa stretta biacromiale (mani distanti quanto l’ampiezza delle spalle). Ad esempio, un uomo di 100 kg che può fare tre dip con 50 kg dovrebbe potere distendere su panca 150 kg per 1 ripetizione. I dip sono un esercizio eccellente (e sicuro!) per bodybuilder, powerlifter e chiunque voglia essere forte. Se non li fate, non sapete cosa perdete.

di Charles Poliquin 82


NOW AVAILABLE!

ASK COACH POLIQUIN: SECOND EDITION This massive compilation offers convenient access to Coach Poliquin’s Q&A columns from the past 20 years.

A must-have for anyone interested in achieving optimal health & physical superiority.

When you’ve earned a reputation as one of the most knowledgeable and accomplished strength coaches in the world, you’re going to field a lot of questions. In this new edition of Ask Coach Poliquin, the answers appear in their authentic format, in contrast to the substantially altered versions of his work that outside sources have published. Many of Poliquin’s original question-andanswer columns were later expanded into full-length articles with information based upon new research, and this second edition is packed with that updated material.

266 pages! – 75% more material than the first edition.

Buy now and receive 10% off Ask Coach Poliquin. Use promo code IFBB10.* Regular price $19.95.

*One coupon per customer. Coupon not valid for wholesale accounts. Add item to cart then enter coupon code at checkout.


rima dei giorni in cui si P cominciasse a pensare che lo squat faceva male

alle ginocchia, e quando l’unico esercizio funzionale per le gambe erano gli affondi, esistevano diversi esercizi che erano considerati fondamentali per fare diventare più forti i già forti culturisti. Uno di questi era l’hack squat. Il classico hack squat è praticamente uno stacco con il bilanciere posto dietro. Fu reso popolare da Georg Karl Julius Hackenschmidt, il cui soprannome era “The Hack.” Hackenschmidt nacque nel 1878 in Estonia, ma era di origine tedesca e svedese. Molto famoso per le sue gesta nel wrestling (a lui è stata difatti attribuita la creazione del “bear hug”), Hackenschmidt vinse oltre 3000 incontri tra il 1889 e il 1908. A dimostrazione della sua notorietà, sappiate che la rivincita contro Frank Gotch per il titolo mondiale nei massimi, nel 1911, attirò 30000 spettatori e ottenne un incasso pari a 87000 dollari (che può non sembrare molto, ma se calcoliamo il suo valore odierno, sarebbero 1,575,382 euro!). Uno dei motivi del successo sportivo di Hackenschmidt era la sua incredibile forma e l’eccezionale stato di allenamento, che iniziò in giovane età. A 14 anni era nominato il miglior ginnasta della sua scuola: 54 kg per 140 cm. Crescendo divenne più grosso e più forte, aggiungendo 35,5 cm e arrivando al peso di 97,5 kg. A 18 anni, poteva sollevare 90 kg sopra la testa con un braccio solo. Questo gesto divenne la sua caratteristica e nel 1898 infranse il record del leggendario strongman Eugen Sandow (pari a 115 kg) con un’alzata di 122 kg e poi 126,5 kg. Quello stesso anno stabilì un altro record mondiale facendo lo snatch a una mano, la destra, con 89 kg. Eseguì perfino uno stacco con una mano sola usando una pietra di 299,3 kg. Un altro record mondiale rimasto insuperato per cinquant’anni.

Riscoperta de 84


Riscoperta dell’Hack Squat Allenamento hardcore per i quadricipiti Al suo tempo le macchine per l’allenamento con i pesi erano rare, quindi Hackenschmidt, cercando di ideare un esercizio impegnativo per i quadricipiti, non poteva che pensare a un bilanciere. La soluzione fu l’hack squat, che non è l’abbreviazione di “Hackenschmidt”, ma origina dal termine “hacke”, in Inglese antico “tallone”. Per eseguire un corretto hack squat con bilanciere, vi occorre, appunto, un bilanciere e un power rack regolabile in modo da sistemare il bilanciere a un’altezza ottimale per staccarlo e posarlo. Trovate una piattaforma alta circa 5 cm, per esempio una robusta tavoletta di legno, che servirà ad aumentare l’inclinazione degli stinchi. Io preferisco utilizzare una tavoletta più spessa da una parte e meno dall’altra, in modo che l’esercizio risultati più comodo per le articolazioni, ma va bene anche la tavoletta. Potrete così fare lo squat con la schiena diritta e le anche saranno di sotto le spalle nella posizione finale del movimento. Sistemate la tavoletta nel mezzo del power rack; regolate i perni di appoggio del bilanciere in modo che stiano 10-15 cm sotto la linea dei glutei. In piedi, con la schiena verso il bilanciere, impugnatelo (usando preferibilmente dei ganci: questo è uno dei rari casi in cui consiglio l’uso dei ganci). Fate qualche passo avanti, fino ad appoggiare i talloni sulla tavoletta. Iniziate il movimento di accosciata lasciando che le ginocchia viaggino più avanti possibile, senza permettere che i glutei indietreggino. Mantenere la bassa schiena leggermente arcuata. Dopo che le ginocchia sono andate più avanti possibile, abbassate le anche nella posizione finale dello squat. Badate a mantene-

re la schiena diritta spingendo verso l’alto la parte bassa dello sterno. Non fare cadere in avanti le spalle, controllare che le anche siano in linea sotto le spalle quando siete nella posizione più bassa del movimento. Se volete confrontare la vostra capacità nell’hack squat, sappiate che risulta che Hackenschmidt nel 1902 abbia compiuto 550 ripetizioni con quasi 50 kg. L’hack squat è un’alternativa veramente a basso costo dello squat e stimolerà una crescita eccellente nel vasto mediale, il muscolo a goccia nella parte bassa della coscia e che attraversa la rotula. Senz’altro il bilanciere, invece di una macchina, rende il movimento scomodo e riduce il carico utilizzabile. Tuttavia ritengo che la sua utilità compensi di gran lunga la scomodità. Non potete confrontare il carico di un hack squat con bilanciere a quello di una hack squat machine, ma posso dire che ho visto il campione e professionista Milos Sarcev fare l’hack squat machine con 431 kg. Uno dei miei allenamenti preferiti per le gambe, che può essere considerato un tributo a Hackenschmidt, ricorre alle serie triple post-affaticamento. A differenza del pre-affaticamento (un metodo reso popolare dallo scomparso Arthur Jones, il fondatore della Nautilus), eseguite per ultimo l’esercizio (o due esercizi nel caso di una serie tripla) che richieda il minor numero di unità motorie. Seguite questa tabella per sei sessioni, allenando le gambe ogni 4-5 giorni. È importante, perché occorre tempo per recuperare da questo programma: A.1. Hack Squat con bilanciere: 3 x 6-8, 5010, recupero 10 secondi A.2. Pressa a 45°: 3 x 12-15, 2010, recupero 10 secondi A.3. Leg Extension: 3 x 12-15, 2012, recupero 120 secondi

Per la pressa a 45°, mantenete la tensione sulle cosce arrivando al 95% solo della distensione delle

Focus su un esercizio diffuso nel passato e su l’uomo che lo rese famoso gambe. Per evitare capogiri, non dimenticate di inspirare durante la contrazione eccentrica ed espirare in quella concentrica. Il segreto è mantenere sempre i muscoli sotto tensione. Consiglio di rado il leg extension perché sottopone le ginocchia a uno stress eccessivo. Quando le gambe sono pre-affaticate dai due esercizi precedenti, non potrete caricare molto, quindi lo stress sulle ginocchia risulta sensibilmente ridotto. Inoltre, considerate che seguirete questa tabella solo per sei sessioni. Prima che scendiate (o vi strascinate) via da questa macchina, avrete probabilmente la nausea. È normale per gli alti livelli di lattato generati. La buona notizia è che gli alti livelli di lattato sono collegati ad alti livelli dell’ormone della crescita: la biochimica del metabolismo dei grassi. Tuttavia, a causa di questo effetto, non mangiate più di un pasto leggero due ore prima di questa scheda mostruosamente impegnativa altrimenti finirà tutto sul pavimento della palestra. Georg Hackenschmidt visse una vita sana e lunga fino alla morte nel 1968, in Inghilterra. Molte delle sue idee sull’allenamento sono spiegate nel suo libro The Way to Live (potete acquistarlo nel fantastico sito di vendita di libri sull’allenamento gestito da Bill Hinbern: www.superstrengthbooks.com). È una lettura avvincente che consiglio perché discute moltissimi aspetti della sua incredibile carriera sportiva.

ll’Hack Squat di Charles Poliquin

85


Photos by ShutterStock

KINESIOLOGIA & A

86

c

u

r

a

d

e

l

l

I

F

B

B

R

e

s

e

a

r

c

h

,


di Maurício de Arruda Campos

TRICEPS

PRESS

DOWNS l pressdown per i tricipiti è un altro I esercizio nell’arsenale del bodybuilder che aiuta a sviluppare un’eccel-

INIZIO 

lente massa e una notevole definizione nei tricipiti. Il principale valore di questo esercizio sta nell’enfatizzare il tricipite in una maniera che gli permette il massimo sviluppo.

FINE 

Per allungare molto bene il capo lungo del tricipite, inclinate un pochino il torace e spostate i gomiti davanti al corpo, come vedete nelle foto. Il segreto sta nel mantenere questa posizione dei gomiti per l’intero movimento. Il tricipite è un muscolo biarticolare e questa posizione lo allunga a livello dell’articolazione della spalla, aumentandone l’efficacia come estensore del gomito. Inoltre, limitate il movimento solo al gomito. È importantissimo concentrarsi e mantenere la parte lombare della colonna nella posizione anatomica, contraendo bene i muscoli dell’addome e con un’esecuzione corretta. La mancanza della forza necessaria da parte dei muscoli addominali (e la necessità di mantenere corretta l’esecuzione) può determinare forze di compressione sui dischi intervertebrali all’altezza dell’addome, elevando il rischio d’infortunio. Evitate di iniziare o terminare il movimento usando il torace; non lasciate che le spalle si muovano avanti e indietro. Questi due importanti consigli sono essenziali per una tecnica esemplare e incredibili risultati. Per migliorare ancora di più la tecnica, tenete fermi i polsi in modo che mani e avambracci siano allineati. Questa posizione permette pure una maggiore stabilizzazione dei gomiti. Una buona variante, la quale richiede meno stabilizzazione dai muscoli del torace, è quella da sdraiati: supini sul pavimento, impugnate il cavo basso della macchina con i cavi incrociati ed eseguite proprio il medesimo movimento.

E

x

e

r

c

i

s

e

&

E

d

u

c

a

t

i

o

n

C

o

m

m

i

t

t

e

e 87


88


MASSIMO MONACO The GOLDEN Coach

IL SOVRALLENAMENTO LA FILOSOFIA D’ALLENAMENTO SECONDO CUI “PIÙ È MEGLIO” PAGA SEMPRE DI MENO OGGI NEL BODYBUILDING.…

È noto che per realizzare consistenti progressi nel bodybuilding ci vogliono allenamento e dieta ma è altrettanto chiaro che la costanza è una dote unica, che consente di non saltare troppi allenamenti e di ottenere da questi quanto più è possibile. Tuttavia, allenarsi troppo duramente, troppo a lungo e troppo di frequente nasconde delle insidie notevoli sia dal punto di vista fisico che psicologico, con reazioni quali stanchezza, depressione, svuotamento di energie fisiche e mentali e conseguente stallo nei risultati cui mira l’allenamento.

89


MASSIMO MONACO

allenamenti molto intensi non ne sono la causa primaria. Invece, si va molto frequentemente in sovrallenamento quando ci si allena troppo a lungo e troppo spesso, esaurendo le capacità di recupero individuale. Salvo che il bodybuilder non conceda al suo corpo di recuperare completamente le sue energie fisiche e mentali fra una seduta e l’altra, egli non conseguirà alcun significativo risultato in termini di massa, qualità e tono muscolare. È molto più facile comprendere come funziona il ciclo di recupero se pensiamo ad esso come operazione bancaria: per mantenere un bilancio positivo del nostro conto corrente, occorre che depositiamo più denaro di quanto ne preleviamo; se invece emettiamo assegni per cifre superiori a quelle depositate è chiaro che il conto va in rosso. Allo stesso modo l’atleta può anche esaurire le sue riserve di energia, ripristinabili solo tramite riposo adeguato ed alimentazione sana, naturale e bilanciata in ogni suo fattore nutritivo. Di contro, il mancato ripristino dei pieni livelli di energia è imputabile agli allenamenti condotti in modo poco logico, a insufficiente recupero e ad una alimentazione povera e poco equilibrata.

The GOLDEN Coach

SOVRALLENAMENTO

ALCUNISINTOMI

Battitocardiacoalterato Insonnia,nervosismo,depressione Riduzionedellaforza Caloponderaleedimuscolatura Abbassamentodifeseimmunitarie Dolorimuscolariatendinielegamenti Alterazioniormonali a filosofia d’allenamento seL condo cui “più è meglio” paga sempre di meno oggi nel bodybu-

ilding, ma ci sono ancora quelli, principalmente giovani praticanti, che cadono nella tentazione di chiedere troppo a sé stessi. D’altra parte, anche i grandi campioni sono costretti ad oscillare fra allenamenti molto intensi ed il rischio concreto del sovrallenamento, che riescono comunque a scongiurare in virtù della grande esperienza maturata e della particolare sensibilità sviluppata grazie alla quale avvertono subito se c’è qualcosa che non va. La condizione del sovrallenamento è veramente complessa e non è riassumibile in un unico dato, perché si presenta con una svariata sintomatologia. Ci sono almeno quattordici sintomi di questa particolare condizione fisica e psicologica; ognuno di essi è un segno sicuro di sovrallenamento. COS’È ALLA BASE DEL SOVRALLENAMENTO? Incominciamo con il dire che gli

90

COSA SI PUÒ FARE? Cosa si può fare nel momento in cui ci si accorge

del rilevamento di uno o più dei sintomi sopra evidenziati?  Per prima cosa occorre interrompere gli allenamenti per due settimane. In tal modo si concede all’organismo il tempo sufficiente per riposarsi e per ripristinare al meglio le scorte energetiche. Quando l’atleta comincia ad avvertire una rinnovata voglia di tornare in palestra, è segno che il recupero è stato completato e che egli è pronto per riprendere ad allenarsi. Il ritorno agli allenamenti dovrà però essere studiato e programmato con intelligenza; il programma di ripresa dovrà essere più breve e più intenso. D’altra parte è facilmente comprensibile che non è possibile fare degli allenamenti lunghi e mantenere invariata e costante l’intensità.  La seconda regola è quella della verità: il fatto di seguire per mesi la stessa routine diventa un fatto ripetitivo, noioso e scarsamente stimolante. Il rimedio migliore consiste nella intelligente applicazione del principio tecnico della confusione muscolare, grazie a cui è possibile variare efficacemente il programma di lavoro, cambiando gli esercizi, il loro ordine, il numero di set e ripetizioni.  Un’altra regola basilare per scongiurare il sovrallenamento è quella di seguire sempre una dieta nutriente ed equilibrata in ogni suo fattore. Anche lo stare svegli fino a tardi non facilita certamente un agevole recupero rispetto agli allenamenti svolti, così come l’irritabilità produce un notevole stress psicofisico che all’atleta non giova.  L’ultima raccomandazione, che proviene dalla mia esperienza, è quella che durante i periodi di sospensione degli allenamenti bisognerebbe rimanere comunque attivi fisicamente praticando altri sport e continuare a seguire una dieta equilibrata e sana.


91


UN COACH CHE PARLA USA

BODYBUILDING

Foto Shutterstock

CARB CYCLING

92


DI GABRIELE TRAPANI

i respira già clima di gare e fasi di definizione del S lavoro svolto nel nostro lungo inverno coperti da felponi, si inizia a parlare di carb cycling in partico-

lare e sto ricevendo molte domande su cheto, cardio, tecniche di allenamento magari più prone allo “scolpire” - anche se qui le teorie in merito entrano in campo in maniera varia. Sta di fatto, che è FONDAMENTALE conoscere come funziona il nostro organismo (specie a determinati stimoli alimentari e di allenamento) e saper INTERPRETARE i suoi messaggi, sempre chiari e sensati. Lì sta il grande critico, lì sta l’analisi, lì “dovrebbe” starci la passione per uno stile di vita che va oltre il semplice spostare il peso o più peso. Parliamo di cardio spesso, che sia di HIIT piuttosto che di low intensity. Ora vediamo di chiarire, per quanto il tempi e spazi me lo permettano, alcune cosette che spesso mi vengono chieste o vedo nei threads,

COSA DOVREMMO MANGIARE DOPO UNA BELLA SESSIONE DI CARDIO? Allora, sappiamo tutti ormai che dopo una sessione di allenamento coi pesi abbiamo bisogno di ripristinare il prima possibile le scorte di GLICOGENO, ma se il nostro scopo nel cardio è la termogenesi? Amici lettori, anche qui i potenti ormoni del nostro corpo scendono in campo a direzionarci, SE SIAM CAPACI, verso i nostri obiettivi. Dapprima, coi pesi, dobbiamo lasciar spazio alla potente regina INSULINA, quindi nel caso del cardio dovremmo favorire gli ormoni con potenziale termogenico, giusto? Ruolo chiave ovviamente ce l’hanno i carbs per queste manipolazioni, nel fatto di stimolare l’insulina che tra le tante sue proprietà è il fondamentale ormone favorente il deposito. Quindi, in linea teorica, più carbs ingeriamo, più insulina buttiamo fuori dal pancreas. Questa insulina, tanto importante ai fini anabolici (tanto da tener presente se vogliamo evitare di ingrassare, in quanto segnale per le cellule adipose di “apririsi” e immagazzinare più grasso) blocca anche la linea metabolica di utilizzo degli stessi grassi. Ecco perché dicevo che nel giorno di HIGH CARBS, la termogenesi viene bloccata: l’insulina attiva delle lipasi extracellulari, favorendo l’utilizzazione dei lipidi circolanti, mentre vengono inibite le lipasi intracellulari degli adipociti, ciò favorisce la sintesi di grassi di deposito e ne impedisce la liberazione. Nelle cellule adipose aumenta il trasporto di glucosio, la sintesi di glicogeno, il ciclo dei pentosi, e la liponeogenesi. Continua 

93


UN COACH CHE PARLA USA CAMBIARE LO STATO ORMONA L E PREVALENTE NEL CORPO, ovvero renderlo più propenso alla terquello

di

mogenesi. Saranno allora la scelta del tipo e della quantità di carbs

a fare una NOTEVOLE differenza.

levoli per il singolo (LO STRASOTTOLINEO) Chris Aceto, forse il primo vero specialista delle carb cycling, e Milos Sarcev, consigliavano dopo l’allenamento circa 25-40 g di proteine veloci (ISOLATE o ALBUMI) con 30-50 g di carbs. Idealmente parliamo di carbs ad alto contenuto di fibre, tipo l’avena, in modo da rallentarne la digestione e l’assorbimento CON UNA RISPOSTA INSULINICA CONTROLLATA E MODERATA! I carbs semplici ad alto IG dovrebbero essere quindi evitati, per non rischiare che l’ambiente ottimizzato ma NON CONDIZIONATO dall’insulina SI SBILANCI.

In linea di massima, per favorire il PROCESSO

IL CARDIO CI B R U C I A PERMETTE G R A S S I dal carIL RILASCIO indotto dio (o meglio, scuDI CATECO- sate, dagli ORMONI FAVORENTI QUELAMMINE , che sono in antagonismo con l’insu- STO AMBIENTE): lina e, in virtù di questo, ci viene permesso di colpire le cellule adipose! La LIPASI apre i cancelli delle cellule adipose, quindi... sembrerebbe che per favorire tutto ciò dovremmo evitare i carbs dopo? In certe situazioni estreme (tipo precontest) direi di sì, ma con riserva!

WHY? Perchè un minimo di spike insuli-

nico CONTROLLATO è favorevole al recupero che necessita di energia e al sostegno degli ormoni tiroidei del corpo, che in regimi low carbs tendono al rallentamento della loro attività. Quindi basta poco per mantenere una corretta ed efficiente fornace metabolica attiva e non scordiamo il fatto che la stessa SENSIBILITÀ delle cellule muscolari diventa più “benevola” verso l’insulina, , Per dar delle cifre teoriche, a solo scopo indicativo e MAI va-

94

 carbs complessi + proteine  proteine veloci + grassi buoni

(SE SIAMO IN UNA FASE PARTICOLARE DI BASSI CARBS O CHETO) Detto questo, è chiaro che se applichiamo tutto questo al Bodybuilding inteso come costruzione muscolare in senso stretto, intervengono tantissime varianti, che ulteriormente aumentano di numero e di importanza se applichiamo tutto al pre-contest. Le variazioni della composizione dei combustibili, glucosio piuttosto che acidi grassi o corpi chetonici, sono regolate da una parte a livello delle cellule (per azione

allosterica dei substrati sugli enzimi) e dall’altra a livello di controllo generale per azione ormonale e neurale. Fondamentale è il livello di glucosio! È il SEGNALE. Se ben presente, si rilascia INSULINA velocemente. La lipasi poi non rimarrà bloccata tanto a lungo, una volta che si ripristina o si impenna la glicemia dopo il calo dovuto all’allenamento. Con l’insulina ALTA, bella imponente nella sua potenza, presumo che siamo abbondanti di glucosio e la via preferenziale di utilizzo sarà ovviamente quella dei carbs, mentre i grassi presenti o trasformati dall’eccesso glucidico andranno tutti in ciccia. Poi vi sarebbe il discorso a parte piuttosto complesso da fare per il DIABETE, la correlazione di resistenza insulinica, sindrome metabolica (un tema molto di moda) e l’utilizzo di insulina esogena per fini medicali e non. Argomento bellissimo di pura biochimica che necessiterebbe di un intero seminario solo per questo. Teniamo presente che solo per la funzione/operatività dei chetoni ci sono tantissimi argomenti da sviscerare, così come parlando di catecolammine, è ovvio considerare l’interazione coi recettori adrenergici, Comunque ricordate che i fattori principali capaci di regolare la lipolisi nel tessuto adiposo sono: la leptina, il glucagone, le catecolammine che stimolano la liposi appunto tramite un meccanismo cAMP-dipendente che attiva la LIPASI (che possiamo definire ORMONO-SENSIBILE). L’INSULINA HA L’EFFETTO OPPOSTO OVVIAMENTE, quindi la velocità di lipolisi dipende dal rapporto tra effetto stimolatorio delle catecolammine, che si potranno avvalere del supporto amichevole del GH, rispetto a quello inibitorio dell’insulina. 

Foto Rossella Pruneti

Finita la lezione di biochimica. Insomma, noi facciamo aerobica rompendoci le palle cercando di bruciare più calorie e basta? Beh, poi non è che se ne brucino tantissime. Quindi pensiamo che i motivi più importanti sono ALTRI, primo fra tutti è


COACH’S TIPs Tenete presente queste indicazioni:  Per ottimizzare la termogenesi, favorendo un ambiente metabolico/ormonale ottimale, sarebbe assolutamente consigliabile l’attività aerobica al mattino a digiuno.  All’inizio di un piano carb cycling, i giorni low carbs dovrebbero essere di riposo o con solo attività cardio per favorire il consumo di grassi.

Foto Shutterstock

 Non supportare il cardio con bevande contenenti carbs e nemmeno berli se post workout coi pesi si dovesse fare attività aerobica.

95


Colaz

d

p m a C

Di Lee Labrada Copyright Š 2012, Lee Labrada. All rights reserved. 96


zione

Mia mamma non è un nutrizionista sportivo, ma aveva ragione quando ero bambino e lei sottolineava che la colazione è il pasto piÚ importante della giornata.

da

pione

97


LA COLAZIONE SUPER-RICARICA IL METABOLISMO Durante l’ultima parte del sonno, il corpo inizia a entrare in uno stato catabolico (distruzione dei tessuti) perché ha esaurito i nutrienti apportati dall’ultimo pasto della sera precedente. Inizia così ad attingere ai depositi di grasso al fine di ricavare energia e ai muscoli per ottenere gli aminoacidi necessari. In breve, il corpo è in uno stato di digiuno considerando che sono almeno 6-8 ore che non riceve nutrienti. Per bloccare questa situazione, dovete mangiare. La colazione, appunto, interrompe il digiuno. Innescate il metabolismo e togliete lo stato catabolico del vostro corpo ingerendo una discreta quantità di proteine di alta qualità, carboidrati complessi per avere più energia e un po’ di grassi buoni. Io comincio sempre con le proteine. I bodybuilder veterani spesso scelgono solo gli albumi strapazzati, i quali apportano 30-40 g d’importanti proteine di qualità.

Gli albumi sono eccellenti se avete tempo, perché richiedono di essere preparati: rompere una dozzina di uova, separare gli al-

98

bumi e poi cuocerli per alcuni minuti. Tempo totale? Forse dieci minuti, ma se siete come me, ci sono mattine che dovete andare proprio di corsa. Il formaggio cremoso magro è un’altra valida scelta perché è ricco di caseina, una proteina del latte a lento rilascio che sazia per l’intera mattina. Il formaggio cremoso è veloce da preparare ed è delizioso abbinato con fettine di frutta, ad esempio con una banana.

La mia scelta preferita per la colazione è uno shake con 30-40 g di una valida proteina in polvere. Le proteine in polvere sono anche facilmente assorbite dal corpo, perché meccanicamente sono già ridotte in particelle di dimensione minima e sono dissolte in un liquido. Il risultato è che una quantità maggiore di proteine in polvere arriva a contatto con gli acidi e gli enzimi digestivi nelle viscere: la quantità di aminoacidi approvvigionata è superiore. Poiché la versione in polvere richiede meno digestione di altre fonti di proteine, gli aminoacidi anabolici possono raggiungere sangue e muscoli in meno tempo, dando inizio immediato alla crescita e ai processi di riparazione.

Un ulteriore beneficio degli shake proteici è il sapore unito alla praticità. Che scegliate una proteina in polvere, un pasto sostitutivo (MRP) o uno shake pronto da bere (RTD), non potete sbagliarvi in termini di nutrizione.

CARBOIDRATI COMPLESSI: IL CARBURANTE DEI CAMPIONI

I carboidrati sono diventati il capro espiatorio attuale con l’avvento delle diete low carb. Ci sono comunque alcune cose che dovreste sapere. Per prima cosa, non tutti i carboidrati sono uguali. I carboidrati semplici (zucchero, destrosio negli integratori di creatina, prodotti con farina raffinata come pane, torte, dolci, ecc.) sono scomposti velocemente e alzano lo zucchero nel sangue (glicemia). In risposta, il corpo secerne insulina, un potente ormone preposto all’immagazzinamento dei grassi,


Colazione da

mpione a C per abbassare la glicemia a valori normali. Questo dà spesso un calo energetico, perché lo zucchero è rimosso. A peggiorare la situazione, l’improvviso eccesso di zucchero innesca una cascata biochimica che ha come conseguenza l’accumulo di cuscinetti adiposi. I carboidrati complessi (avena, crusca, fagioli, cereali integrali, ecc.), d’altra parte, sono scomposti lentamente dal corpo, mantenendo stabile la quantità di zucchero nel sangue e, di conseguenza, bassi i valori dell’insulina. I carboidrati complessi possiedono un “indice glicemico” basso (una misura della velocità con cui i carboidrati sono scomposti dal corpo in zuccheri che passano nel sangue). Per seconda cosa, ci sono due momenti durante i quali potete ingerire i carboidrati con poco timore di ingrassare: uno è immediatamente al termine dell’allenamento. Indovinate quale sia l’altro? Sì, proprio quello: a colazione. Le riserve di glicogeno possono essere estremamente basse di mattina. Il glicogeno (il glucosio immagazzinato nel corpo dopo l’ingestione dei carboidrati) all’interno del tessuto muscolare e del fegato è compromesso quando assumiamo troppi pochi carboidrati con l’alimentazione. Il glicogeno è al suo minimo la mattina, come anche la glicemia.

I carboidrati ingeriti al risveglio agiscono insieme alle proteine per spingere gli aminoacidi all’interno dei muscoli, innescando il processo di crescita e aumentando le riserve di glicogeno. Queste due attività devono avvenire prima che ogni carboidrato inutilizzato finisca nei cuscinetti adiposi. A me piace la classica porzione di

stinale, mantenendo sano l’intestino. I carboidrati complessi come i fiocchi d’avena, la crema di segale o la crusca di cereali integrali sono eccezionali scelte di carboidrati perché apportano molte fibre. Come ho detto prima, quando vi manca il tempo, è difficile trovare qualcosa di più pratico di uno shake proteico. L’unica cosa è che la maggioranza non contiene fibre, per questo, non consumando sufficienti fibre durante la giornata, vi daranno costipazione.

SOLUZIONI VELOCI CHE FUNZIONANO fiocchi d’avena come fonte di carboidrati complessi a colazione. Il tipo a lenta cottura richiede circa dieci minuti. La varietà istantanea, che cuoce in un minuto, può essere frullate insieme allo shake proteico. Qualsiasi scegliate, è difficile trovare un alimento migliore dei fiocchi d’avena per la mattina. Il bello dei cereali integrali è che oltre ad essere ricchi di carboidrati complessi, sono anche un’ottima fonte di fibre.

Potete cucinare una dozzina di albumi strapazzati, una porzione di fiocchi d’avena, assumere una manciata di vitamine la mattina oppure aprire una busta di un Continua 

LE FIBRE NON VANNO BENE SOLO PER LA NONNA… Le fibre stabilizzano la glicemia e rallentano ulteriormente la digestione dei carboidrati. Questo contribuisce a mantenere stabili glicemia e insulina. I carboidrati a lenta assimilazione non solo aiutano a sentirsi meglio, ma anche a rimanere più magri. Per di più le fibre danno volume al cibo e questo facilita la motilità inte-

99


Colazione da

mpione a C

MRP e frullarla con 400 ml d’acqua fredda. Secondo me è praticissimo e nutriente. Presto fatto!

POTENZIARE LA COLAZIONE… La colazione e il pasto dopo l’allenamento possono essere definiti “pasti anti-catabolici”. Gli alimenti consumati durante questi due pasti aiutano a bloccare il catabolismo, che è un nome difficile per indicare la perdita di massa muscolare. Come detto prima, durante il riposo notturno, il corpo spesso finisce in catabolismo e scompone il tessuto muscolare per usarlo come fonte energetica. Lo stesso succede dopo l’allenamento. Assumendo un integratore che contiene l’aminoacido glutamina, insieme agli aminoacidi ramificati leucina, isoleucina e valina, potete arrestare il catabolismo e avviare il corpo verso uno stato anabolico (di costruzione dei muscoli). La glutamina può abbassare il cortisolo, un ormone che riduce la muscolatura e tende ad alzarsi durante il sonno e l’allenamento. Sappiamo che gli aminoacidi ramificati (BCAA) (soprattutto la leucina) sono anabolici. Anzi, spesso sono aggiunti al mangime del bestiame per farlo crescere! La leucina potenzia la capacità del corpo di costruire la muscolatura. Utilizzare glutamina e aminoacidi ramificati appena svegli, a colazione, e dopo l’allenamento sono strategie importanti se ricercate una crescita muscolare senza grasso. A colazione dovreste prendere 5-10 grammi di glutammina in polvere di buona qualità insieme a 5-10 grammi di aminoacidi ramificati. Dopo l’allenamento assumete una dose pari a 60 g di proteine isolate del siero per avviare bene il recupero. Le proteine isolate

100

del siero (WPI) sono assimilate molto rapidamente rispetto ad altre proteine come la caseina (un’altra proteina del latte). Il rapido assorbimento di aminoacidi in seguito all’ingestione di WPI è quanto serve ai muscoli dopo l’allenamento per invertire il catabolismo che avviene dopo un allenamento intenso con i pesi.

COLAZIONE 3

RICETTE PER LA COLAZIONE

COLAZIONE 4

Ecco alcuni esempi di colazione da professionista di bodybuilding:

COLAZIONE 1 10 albumi strapazzati

200 g fiocchi d’avena (peso da cotti) 1 banana 5-10 g BCAA 5-10 g glutamina Glutalean™

COLAZIONE 2

1 pacchetto di Lean Body® Instant Breakfast MRP (gusti: bananas & cream, blueberries & cream, o cinnamon oatmeal) in 400 ml acqua fredda e frullato per un minuto. 1 banana

220 g formaggio cremoso light 1 muffin integrale light 1 mela (grossa) 5-10 g BCAA 5-10 g glutamina Glutalean™

2 misurini ProV60® (miscela proteica) sciolti in latte scremato 200 g fiocchi d’avena (peso da cotti) 220 g mirtilli 5-10 g BCAA 5-10 g glutamina Glutalean™ Power yourself up for the day by eating a solid breakfast every morning. Eating the right breakfast will pay off in terms of faster muscle gains e abundant energy throughout the day.  Nota del redattore: Lee Labrada è segretario del comitato IFBB per la Ricerca, l’Esercizio e l’Educazione. Ex Mr. Universo IFBB e vincitore del Pro World, Labrada rimane uno dei pochi nella storia ad essere arrivato tra i primi quattro al Mr. Olympia per sette volte consecutive. È membro della IFBB Pro Bodybuilding Hall of Fame. Lee è presidente dell’azienda Labrada Nutrition, con sede a Houston negli USA.


La dispensa del bodybuilder I bodybuilder devono riempire la dispensa con alimenti di qualità, ricchi di nutrienti, che promuovono e sostengono la crescita muscolare. Il petto di pollo può ben rappresentare la fonte di proteine animali preferita dagli appassionati di fitness carnivori e onnivori, ma non è obbligatorio mangiare sempre il solito pollo bollito con riso. Se c’è una qualità che ben descrive il pollo, è proprio la versatilità.

Carboidrati

102

Grassi

Proteine

PETTO DI POLLO!


di Rossella Pruneti. Illustrazioni di Alex Komadina. Foto di ShutterStock.

l petto è la parte più magra IRappresenta del pollo (Gallus domesticus). la fonte primaria di

proteine animali e una sana alternativa alla carne rossa non solo per i bodybuilder ma per l’intera popolazione mondiale. CHE SAPORE HA? Il petto di pollo può risultare insipido se non sperimentate alcune ricette light adatte. Inoltre la carne del petto è meno grassa di quella del coscio, per questo ha una consistenza più filacciosa ed è più asciutta. A ben guardare, il sapore poco deciso del petto è un’eccellente opportunità per abbinarlo a molti altri alimenti e ottenere varie combinazioni di sapori. NON DA GOURMET MA FA BENE Il petto di pollo è perfetto per ricette che siano al tempo stesso salutari e gustose. LA CARTA D’INDENTITÀ DEL PETTO DI POLLO

la pelle, bianco o giallo, non fa differenza sul valore nutrizionale); • proveniente da animali ruspanti o da allevamento biologico (è più costosa ma è più eticamente corretta, gustosa e salutare); • se congelata, non ci deve essere liquido congelato nel pacchetto perché può essere segno di una interruzione della catena del freddo (scongelamento accidentale e ricongelazione). Il pollo dovrebbe essere riposto nella parte più fredda del frigorifero, dove si conserva per 2-3 giorni se l’imballaggio è intatto o se è ben richiuso. È importantissimo assicurarsi che il pollo non contamini altri alimenti all’interno del frigo, nel lavello o sul bancone della cucina. Lavate sempre molto bene gli utensili, coltelli, forbici e le vostre mani dopo l’utilizzo del pollo crudo. Il pollo può essere congelato e si conserva per un anno se avvolto in un foglio d’alluminio o in sacchetti per congelazione, il più possibile a tenuta d’aria. Secondo la FDA, il pollo cotto si conserva fino a 4 giorni se tenuto in frigo dentro un contenitore ermetico. COME CUCINARLO

0g 0g

0g 0g 23g

COME ACQUISTARLO E CONSERVARLO Sia se acquistate il petto, sia un pollo intero, tenete presente che la carne dovrebbe essere: • morbida al tatto; • senza odore di “andato a male”; • colore della pelle opaco e non marezzato (sebbene il colore del-

Il petto di pollo può essere preparato in una moltitudine di maniere secondo le diverse tradizioni culinarie. In ogni caso è un dato di fatto che il petto di pollo non richiede una cottura lenta. Più veloce è, migliore è il risultato. Ci sono due metodi di base per la cottura dei petti di pollo: a calore secco (in forno, arrosto, sulla griglia, soffritto o fritto in padella con vari generi di grassi, cioè cotture con esposizione rapida ad un’elevata temperatura) e a calore umido (forno a microonde, bollitura, al cartoccio in forno, al vapore, cioè cotture con esposizione meno rapida ad una temperatura più moderata). CONSIGLI PER PREPARARLO Il sapore del pollame può essere notevolmente migliorato da una salamoia (sale e acqua, con o senza zucchero). Se la ricetta richiede la marinatura, dovreste

sempre riporre il pollo e il liquido di marinatura nel frigorifero per il tempo occorrente (da poche ore a un paio di giorni). Quando scongelate il pollo, fatelo tenendolo nel frigo e gettate via/ pulite ogni liquido che fuoriesce. SVANTAGGI • Non è molto appetitoso se non è cotto e insaporito bene. • Si asciuga durante la cottura (se non seguite questi consigli). • Deve essere ben cotto, fino a raggiungere una temperatura interna di 70-77° C, da rilevare con un termometro per carni. Questa è una regola di sicurezza alimentare richiesta dalla fisiologia stessa della carne di pollo. Infatti, la carne di pollo è meno densa di quella di manzo e permette ai batteri di spargersi all’interno del muscolo. Per di più, la stessa catena di lavorazione industriale del pollo può portare alla propagazione di batteri. VANTAGGI • È un’eccellente fonte di niacina, una vitamina del complesso B con funzioni antitumorali; contiene molte proteine e il minerale in traccia selenio (che entra in gioco per molte vie metaboliche, compreso il metabolismo dell’ormone tiroideo, i sistemi di difesa offerti dagli antiossidanti, i meccanismi d’azione del sistema immunitario); apporta buone quantità di vitamina B6 e fosforo. • È una fonte proteica relativa mente poco costosa. • È versatile e facile da cucinare. • Nutrizionalmente è povero di grassi e ricco di proteine.

103


RICETTE SALUTARI Una ricetta per cucinare rapidamente e con efficienza un buon petto di pollo è quella che prevede di infornarlo con la pelle. Grazie alla presenza della pelle, alcuni succhi scorrono sulla carne del petto di pollo e la mantengono umida, proteggendola dal calore diretto. Cucinarlo in questo modo (mantenendo la pelle e togliendola dopo la cottura), migliora la consistenza e il sapore, ma non aumenta l’apporto di grassi: la quantità che può passare dalla pelle alla carne è pressoché trascurabile. Se acquistate il petto di pollo già senza pelle, grigliatelo con olio d’oliva o spray antiaderente.

Ingredienti La vostra porzione di petto di pollo Sale e pepe quanto basta

Preparazione Preriscaldate il forno alla massima temperatura. Inserite una teglia d’acciaio inox sul ripiano del forno regolato a circa 15 cm dalle resistenze di calore in alto. Tenetela in forno vuota ad arroventarsi per una decina di minuti. Fate la massima attenzione a non scottarvi quando la estraete e adagiate il petto di pollo. Lasciate la pelle, se ce l’ha e quindi sistematelo in modo che la parte con la pelle sia verso l’alto. Salate e pepate. Reinserite in forno e cuocete per circa 15 minuti (controllate la cottura). Prima di servire, togliere la pelle.

Qualche idea veloce Scottate i petti di pollo in padella (con dell’olio o spruzzate con Pam Cooking Spray o Fry Light) ad alta temperatura e per breve tempo. Preriscaldate il forno a 160° C. Sistemate i petti di pollo in una pirofila da forno e cuocete per circa 20 minuti. Un altro metodo per cuocere il pollo in modo sano e con pochi grassi, oltre che saporito, è brasarlo con brodo e verdure. Togliete la pelle, se c’è, prima di brasarlo.

Petti di pollo grigliati 104

in modo sano e veloce


106


Segui la pagina su FACEBOOK CLICCA QUI

acili da preparare e F carini da presentarsi, questi bignet sono privi di burro e zucchero ma ricchi di sapore e di versatilità: potete riempirli con creme dolci o salate, servirli da soli o assemblati in maestosi profiterol! INGREDIENTI 3 uova, albumi e tuorli separati Un pizzico di cremor tartaro 1 cucchiaio maizena 2 cucchiaini di TIC o dolcificante ipocalorico preferito, quanto basta 10 gocce o 1 cucchiaino essenza o aroma di vaniglia PREPARAZIONE Montare gli albumi a neve. Amalgamare la maizena con i tuorli, 2 cucchiaini di TIC, l’aroma di vaniglia. Incorporare gli albumi. Con una sac-a-poche (o carta da forno arrotolata a imbuto) o anche semplicemente con un cucchiaio, fare dei mucchietti di impasto su una placca da forno rivestita di carta antiaderente. Distanziarli molto bene perché gonfiano in cottura. Infornare a 180° C per 15 minuti.

COME FARCIRLI... ALCUNE IDEE Farcire come preferito: con proteine in polvere sciolte a budino, con gelatina light di frutta, con formaggio cremoso. Se omettete il dolcificante potete farcirli anche in versione salata: tonno al naturale frullato con capperi e poco olio d’oliva extravergine o quant’altro vi piace.

Segui la pagina su FACEBOOK CLICCA QUI

Presto online

SITO con tutte le ricette, forum di discussione e informazioni per cucinare light!

107


108


EUROPEI 2012

SANTA

SUSANNA SPAGNA 2012 EUROPEAN, MEN’S, JUNIORS E MASTERS CHAMPIONSHIPS 35 NUOVI CAMPIONI E 7 CAMPIONI ASSOLUTI

no dei più vasti eventi di Bodybuilding e U Fitness mai organizzato in Europa. Soltanto la prima edizione dell’Arnold Classic Eu-

rope, lo scorso ottobre a Madrid, è stata più grande. Gli organizzatori spagnoli e gli ufficiali IFBB hanno sostenuto un compito difficile: come fare entrare 35 categorie con 277 atleti in 3 giorni oltre a metà giornata da dedicare al Congresso annuale EBFF? Ma tutto è stato accuratamente organizzato. Il sindaco di Santa Susanna e Patron IFBB Joan Campolier si è preso cura di tutto, con la sua consueta ospitalità e cordialità, creando un’ambiente amichevole e accogliente. Come ha sottolineato il Presidente IFBB Rafael Santonja nel discorso d’apertura, ringraziando il Municipio di Santa Susanna e Campolier personalmente, Santa Susanna è diventata una seconda casa per l’intera famiglia mondiale della IFBB. Aiutati dal Presidente della Federazione spagnola, Jose Ramos, sono stati capaci di organizzare eccellenti campionati internazionali seguendo i più elevati standard della IFBB. Questo è un aiuto reale e concreto, non sulla carta. Infinite volte grazie! In totale sono state presenti 36 nazioni, quindi a parte un paio di piccole eccezioni, l’intera Europa si è presentata a questa incredibile festa della cultura fisica. Il team più numeroso è stato quello turco con 35 atleti. La Federazione Turca è diventata molto attiva ed efficiente quest’anno e ha vinto molte medaglie. Continua 

Negli stessi giorni del campionato è stato tenuto il Congresso EBFF.

109


Kristina Koroljak

JUNIOR

Junior Women´s Fitness Junior Fitness up to 163 cm 1. Kristina Koroljak (Estonia) 2. Dominika Multanova (Slovacchia) 3. Laura Cupsa (Romania) 4. Renata Meri (Ungheria) 5. Alona Bezditla (Ukraina) 6. Orsolya Szadvari (Ungheria)

Maikku Hiljanen

Junior Fitness over 163 cm

110

Junior Fitness over 163 cm 1. Maikku Hiljanen (Finleia) 2. Nikoletta Resch (Ungheria) 3. Olga Mogilnitska (Ukraina) 4. Justyna Krzysik (Polonia) 5. Justyna Jedlikowska (Polonia) 6. Luca Darvas (Ungheria) 7. Marianna Holbova (Slovacchia)

Kristina Koroljak

Junior Fitness up to 163 cm


JUNIOR Men’s Junior Fitness Nikola Weiterova

Men’s Junior Fitness 1. Artur Duka () 2. Alin Stoleru (Romania) 3. Anghel Birica (Romania) 4. Stefan Virna (Romania) 5. Enis Aksoy (Turchia) 6. Costin Dumitru (Romania) Bikini Junior Fitness 1. Nikola Weiterova (Slovacchia) 2. Elva Bergporsdoyttir (Islanda) 3. Simay Ozturk (Turchia) 4. Suvi Iso Kuusela (Finleia) 5. Cindy Siebert (Germania) 6. Kathrin Hollmann (Germania)

Bikini Junior Fitness

111


JUNIOR

Junior Men’s Bodybuilding up to 75 kg 1. Denis Avlasenko (Russia) 2. Ismatov Daler (Russia) 3. Jasjit Toor (Germania) 4. Piotr Borecki (Polonia) 5. Dominik Stevanak (Slovacchia) 6. Félix Gaile (Germania) 7. Nicolas Vullioud (Svizzera) Junior Men’s Bodybuilding over 75 kg 1. Atanas Dimitrov (Bulgaria) 2. Stefano Scarlata (Italia) 3. Wesley Gasparotto (Italia) 4. Emil Kalenski (Polonia) 5. Roberto Ficetola (Italia) 6. Baris Kivrakdal (Turchia) 7. Nadir Polatci (Turchia) 8. Conor Magee (Irlanda)

Stefano Scarlata (Italia), vicecampione Junior Men’s Bodybuilding +70 kg

Junior Men’s Bodybuildingup to 75 kg

112

Atanas Dimitrov

Junior Men’s Bodybuilding over 75 kg


JUNIOR

Bodyfitness over 163 cm

Doina Gorun (Italia), campionessa Junior Bodyfitness assoluta!

Junior Women´s Bodyfitness Bodyfitness up to 163 cm 1. Doina Gorun (Italia) 2. Cristina Chirita (Romania) 3. Tetiana Davidenko (Ukraina) 4. Tatiana Piackova (Slovacchia) 5. Erea Chorubczyk (Polonia) 6. Georgiana Graddinaru (Romania) Bodyfitness over 163 cm 1. Adela Ondrejovicova (Slovacchia) 2. Renata Szmutku (Romania) 3. Elin Hassel (Finlandia) 4. Brigita Vecerskaite (Lituania) 5. Eleja Lukyte (Lituania) 6. Rebeka Gyulay (Ungheria) 7. Ragnhildur Finnbogadotti (Islanda) Bodyfitness over 163 cm

Doina Gorun

113


JUNIOR

Serban Beatrice

Mikk Raudsepp

114

Junior Men´s Classic Bodybuilding 1. Mikk Raudsepp (Estonia) 2. Vit Sahula (Rep. Ceca) 3. Georgi Telcharov (Bulgaria) 4. Jeve Ojala (Finleia) 5. Dainius Matulionis (Lituania) 6. Rafal Kielkiewicz (Polonia) 7. Daniel Crnoja (Croazia) 8. Dan Aldea (Romania) 9. Tomas Stevanak (Slovacchia) 10. Erei Ifrim (Romania) Junior Women´s Bodybuilding 1. Serban Mihaela Beatrice (Romania) 2. Sircova Ludmila (Rep. Ceca) 3. Corina Visan (Romania) 4. Cristina Alonso (Spagna) 5. Dora María Lenger (Ungheria) 6. Makaine Szlavik Friderika (Ungheria)


MIXED PAIRS

Vit Sahula e Ludmila Sircova

Pavlo Prontenko e Olga Karavayeva

1. Pavlo Prontenko - Olga Karavayeva (Ukraina) 2. Larisa Denisova - Yury Puzankov (Russia) 3. Artem Pyari - Mukhortova Nina (Russia) 4. Vit Sahula - Ludmila Sircova (Republica Ceca)

Artem Pyari e Mukhortova NIna

115


Bodyfitness Master + 45 years old

MASTER Kristin Kristjansdottir

Bodyfitness Master (35-45 years old) 1. Margarita Charaim (Lituania) 2. Emi Pérez (Spagna) 3. Elena Kizima (Russia) 4. Priscilla Katzmair (Austria) 5. María Ignacia Mas (Spagna) 6. Yolea Fernández (Spagna) 7. Linda Jensen () 8. Montserrat Ventura (Spagna) 9. Maryla Kubienova (Rep. Ceca) 10. Milena Koudelkova (Rep. Ceca) 11. Jana Kabrtova (Spagna) 12. Gwenn Kellett (Irlanda)

116

Bodyfitness Master (+45 years old) 1. Kristin Kristjansdottir (Islanda) 2. Jona Lovisa Jonsdottir (Islanda) 3. Giuditta Magazzino (Italia)

Bodyfitness Master


Master Bodybuilding up to 60 years old

MASTER

Faruk Horhor

Natalia Vtyurina

Master Women’s Bodybuilding 1. Natalia Vtyurina (Russia) 2. Luidmila Tuboltseva (Russia) 3. Elena Stasiukyniene (Lituania) 4. Nina Mukhortova (Russia) 5. Lottie Bendix (Danimarca) 6. Paola Boschero (Italia) 7. Larisa Denisova (Russia) 8. Sophia McNamara (Irlanda) Master Men’s Bodybuilding 50-59 years old 1. Faruk A. Horhor (Turchia) 2. Sebahattin Tunc (Turchia) 3. Sigurkarl Adalsteinsson (Islanda) 4. Hans Jorg Winter (Germania) 5. Pino Pompameo (Svizzera) 6. James Dunne (Irlanda)

117


MASTER Alekseer Aleksejev Milan Bodlak

Master over 60 years old

Master up to 59 years old +80 kg

Master up to 59 years old, +80 kg 1. Alexeer Aleksejev (Ucraina) 2. Thor Hansen (Norvegia) 3. David Lamptey (Inghilterra) 4. JosĂŠ Carlos Rebolo (Portogallo) 5. Pekka Vaittinen (Finleia) 6. Stanislaw Sobczyk (Polonia) 7. Anastas Dachinov (Bulgaria) Master over 60 years old 1. Milan Bodlak (Rep. Ceca) 2. Abdulaki Koseahmetoglu (Turchia) 3. Hannig Karl (Austria) 4. Jorma Varhevarra (Svezia)

118


MASTERS Masters Classic Bodybuilding up to 50 years old

Masters Classic Bodybuilding up to 60 years old

Joachim Gr채ssel Herwig Steurer

120


MASTERS Andrezj Maszewski

Masters 40-49 years old up to 90 kg 1. Ralph Szesney (Germania) 2. Gunter Jasper (Germania) 3. Andrey Evtukhov (Russia) 4. Anselmo Cortado (Spagna) 5. Tkachenko Hennadiy (Ucraina) 6. Jesús Quintana (Spagna) 7. Serdar Sariöz (Turchia) 8. Antoniou Charalambos (Cipro) Masters 40-49 years old over 90 kg 1. Andrzej Maszewski (Polonia) 2. Alfredo Fernández (Spagna) 3. Yury Puzankov (Russia) 4. Lukasz Kazimierczak (Polonia) 5. Jean Paul Broglia (Svezia) 6. Dmitriy Golubochkin (Azerbaijan) 7. Thomas Holzer (Germania) 8. Jukka Pekkala (Finlandia) 9. Multu Peker (Turchia)

Ralph Szesney

122


MASTERS

Carlos Cervantes

Sebastien Natiez

Masters 40-49 years old up to 70 kg 1. Sebastien Natiez (Francia) 2. Mario Hern谩ndez (Spagna) 3. Mario Lalicata (Belgium) 4. Ismail Yildizel (Turchia) 5. Henryk Hryszkiewicz (Polonia) 6. Vitalia Egorov (Russia) 7. Jorge Pardo (Spagna) 8. James Murrin (Irlanda) 9. Jim Butler (Irlanda) Masters 40-49 years old up to 80 kg 1. Carlos Cervantes (Germania) 2. Gennadii Talantsev (Russia) 3. Grzegorz Daszkiewicz (Germania) 4. Leonardo Carballo (Spagna) 5. Jari Laine (Finlandia) 6. Aitor L贸pez (Spagna) 7. Hasan Atatepe (Turchia) 8. Stefano Valsecchi (Italia) 9. Ramiz Akkurt (Turchia)

123


SENIORS Sergii Gorenkov

Classic Bodybuilding up to 175 cm 1. Metin Cayci (Turchia) 2. Antonio Ludovico (Italia) 3. Andrei Maliutin (Russia) 4. Vladimir Kurdov (Bulgaria) 5. Robert Jakovljevic (Serbia) 6. Trevor Conway (Irlanda) 7. Tadej Strakl (Slovenia) 8. Piotr Dziekan (Polonia) 9. Ales Zelinka (Rep. Ceca) 10. Artem Pyari (Russia) Classic Bodybuilding up to 180 cm 1. Sergii Gorenkov (Ucraina) 2. Ali Emre (Turchia) 3. Peter Wilenius (Finlandia) 4. Robert Majewski (Polonia) 5. Ildar Akhmetzyanov (Russia) 6. Lepomir Bakic (Serbia) 7. Serge Rouzet (Francia) 8. Bohumil Stepanek (Rep. Ceca) 9. Konstatinos Koutras (Cipro) 10. David Cassidy (Irlanda)

Classic Bodybuilding up to 180 cm

Metin Cayci

124


SENIORS Classic Bodybuilding up to 168 cm

Osman Colak

Classic Bodybuilding up to 168 cm 1. Osman Colak (Turchia) 2. Piotr Zaniewski (Polonia) 3. Kubilay Korkmaz (Turchia) 4. Petr Havlik (República Checa) 5. Ciprian Solzaru (Romania) Classic Bodybuilding up to 171 cm 1. Onur Koç (Turchia) 2. Kari Matras (Finlandia) 3. Ciro Credendino (Belgium) 4. Andrei Modiga (Romania) 5. John Spiteri (Malta)

125


SENIORS Men’s Bodybuilding up to 80 kg

MEN’S BODYBUILDING up to 75 kg 1. Sergei Moskvin (Russia) 2. Danijel Miklecic (Croazia) 3. Murat Tonya (Turchia) 4. David Saborido Arca (Spagna) MEN’S BODYBUILDING up to 80 kg 1. Tekin Bulent (Germania) 2. Aleksei Denisov (Russia) 3. Artem Bradov (Ucraina) 4. Evren Temel (Turchia) 5. Petar Borisov (Bulgaria) 6. Guzey Fatih (Turchia) 7. Adem Yastas (Turchia) 8. Roderick Theuma (Malta)

Sergei Moskvin

126


SENIORS Deividas Dubinas

Classic Bodybuilding over 180 cm

Classic Bodybuilding + 180 cm 1. Deividas Dubinas (Lithuania) 2. Drazen Vrbancic (Croazia) 3. Peter Bella (Slovacchia) 4. Andrej Buhayeu (Belarus) 5. Boris Orava (Rep. Ceca) 6. Sandi Imerovic (Croazia) 7. Andreas Gruemeyer (Austria) 8. Andrey Lopushanskiy (Azerbaijan) 9. Serdar Teker (Turchia) 10. Ibrahim Önal (Turchia) 11. Kurt de Taeye (Belgium) MEN’S BODYBUILDING up to 70 kg 1. Aydin Bicen (Turchia) 2. Marcin Kosel (Polonia) 3. Miroslav Skadra (Slovacchia) 4. Radoslav Angelov (Bulgaria) 5. Miguel Soto (Spagna) 6. Ufuk Coskun (Turchia) 7. Mauro Ranieri (Italia) 8. Petar Krbot (Croazia)

Men’s Bodybuilding up to 70 kg

127


SENIORS MEN’S BODYBUILDING up to 100 kg 1. Peter Tatarka (Slovacchia) 2. Stefan Havlik (Slovacchia) 3. Miha Zupan (Slovenia) 4. Nikolas Poullas (Cipro) 5. Milan Sadek (República Checa) 6. Mohamed Bellahcene (Francia) 7. Roman Biletskyi (Ucraina) 8. Salvatore Romano (Italia) 9. Luigi Quinto (Italia) 10. Niclas Langer (Germania) 11. Luca Silvestrini (Italia) 12. Dmitry Karaksh (Russia) 13. Valdislav Fatyanov (Russia) 14. Gilberto Ciriello (Italia) 15. Hans Schrögnauer (Austria) Nikolas Poullas (Cipro) Gilbert Zammit (Malta) Ersen Öznesil (Turchia) Aaron Cannon (Irlanda) Hans Vogel (Irlanda)

Peter Tatarka

MEN’S BODYBUILDING +100 kg 1. Mikhail Sidorychev (Russia) 2. Patrick Johnsson (Denmark) 3. Maor Zaradez (Israel) 4. Krasimir Sarafov (Bulgaria) 5. Timucin Canel (Turchia) 6. Koc Bilgehan (Turchia) 7. Alessandro Defilippi (Italia) 8. Dmitry Golubochkin (Azerbaijan) 9. Aleksandr Aleksejev (Ucraina) 10. Viacheslav Volosov (Ucraina)

over 100 kg


SENIORS

Men’s Bodybuilding up to 90 kg Gorkem Gursoy

Alexander Koliasnikov

MEN’S BODYBUILDING up to 85 kg 1. Alexander Koliasnikov (Russia) 2. Igdir Cengizhan (Turchia) 3. Sergey Spichenkov (Russia) 4. Oymak Yavuz (Turchia) 5. Roman Kronberger (Austria) 6. Anatolii Sorokin (Ucraina) 7. Nikola Demo (Croazia) 8. Yiancos Pangalos (Cipro) Men’s Bodybuilding up to 85 kg

MEN’S BODYBUILDING up to 90 kg 1. Gorkem Gursoy (Turchia) 2. Ott Kiivikas (Estonia) 3. Tomasz Pabiniak (Polonia) 4. Ladislav Kuzder (Slovacchia) 5. Mirco Caselli (Italia) 6. Francis Haley (Irlanda) 7. Sergio Dufort (Spagna) 8. Mounir Hezami (Austria) 9. Kiril Iliev (Austria) 10. Melih Yildiz (Turchia) 11. Pavlo Prontenko (Ucraina)

129


20 12

a Roma 1° livello istruttore  2° livello personal trainer

Date e informazioni prossimamente sul sito IFBB e sul Forum Onewayfitness


CAMPIONI ASSOLUTI

Margarita Charaim Master’s Bodyfitness

Kristina Koroljak Junior’s Fitness

Peter Tatarka Men’s Bodybuilding

Ralph Szesney Master’s Bodybuilding Atanas Dimitrov Junior’s Bodybuilding

Sergii Gorenkov Classic Bodybuilding


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 132

2012 IFBB EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 11-14 MAGGIO 2012 LA CROAZIA HA IL SUO IDOLO: ZRINKA FISER di Andrew Michalak  Foto EastLabs


a Croazia ha ospitato per la prima volta i campionati L continentali IFBB, così tutti i partecipanti erano curiosi ed entusiasti di vedere la nuova location. La Federazio-

ne Croata di Bodybuilding e Fitness, con il suo presidente Damir Siser, aiutato dalla moglie e giudice internazionale IFBB Nada Siser, sono esperti organizzatori di grandi eventi IFBB e possiedono la perizia per organizzare qualsiasi campionato. Beh, possedere le conoscenze è un conto, avere la possibilità è un altro. Il Bodybuilding e il Fitness sono discipline riconosciute in Croazia. La Federazione Croata è affiliata al Comitato Olimpico Croato, Il presidente del Comitato, Zlatko Matesa (Primo Ministro della Croazia dal 1995 al 2000) ha ricevuto la delegazione IFBB, capitanata dal presidente Santonja, nei suoi uffici di Zagreb. Durante l’incontro, Santonja ha consegnato al presidente Matesa l’IFBB Platinum Award. La Federazione Croata ha avuto un ulteriore impegno per questi campionati considerando la recente decisione della EBFF di inaugurare una nuova disciplina sportiva: l’Athletic Fitness. Si tratta di una combinazione di test sulla forza e resistenza abbinati a round di valutazione del fisico con i quarti di giro. La nuova disciplina dimostra che gli atleti (bodybuilder e bodyfitness) sono anche forti, resistenti e versatili. Un problema per la Federazione organizzatrice poteva essere quello di approntare le macchine per i test, ma la Federazione Croata ci è riuscita perfettamente. Questi sono stati gli ultimi Campionati Femminile che includevano il Bodybuilding femminile. Stando alla decisione della EBFF, nell’incontro di gennaio a Segovia, in Spagna, il Bodybuilding femminile sarà disputato durante gli European Men’s, Women’s e Mixed Pairs Bodybuilding Championships (a partire dall’edizione 2013). L’idea ha molto senso, un po’ come unire il Fitness maschile e femminile nel medesimo campionato. Torna anche utile per la categoria “mixed pairs” (coppie), la quale stava lentamente morendo per colpa del fatto che i campionati di Bodybuilding maschile e quelli di Bodybuilding femminile erano disputati in date e posti diversi. Possiamo aspettarci adesso una rinascita di questa bellissima categoria. Tutto sommato, 165 atleti da 30 nazioni hanno preso parte agli Europei femminili, un record storico se confrontato alle 27 nazioni del 2010. I Croati sono stati amichevoli e di gran sostegno, tanto che la gara si è svolta benissimo, senza alcun problema tecnico, nella “Dom Odbojke” Sport Hall. Continua 

133


C L IC K Watch!

IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Da sinistra: Dominika MULTANOVA (2°); Laura CUPSA (4°), M

134

Melinda SZABO (1°)

Le star del Fitness ungherese (da sinistra): Rebeka GYULAY e SZABO.

Da sinistra: Dominika MULTANOVA (2°); Olga VOLOKH (3°); Jitka RACLAVSKA (5°).

WOMEN’S FITNESS UP TO 163 CM

1 Melinda Szabo 2 Dominika Multanova 3 Olga Volokh 4 Laura Cupsa 5 Jitka Raclavska 6 Yevheniya Subotina

Ungheria Slovacchia Russia Romania Rep. Ceca Ucraina

5 7 5 6 11 19 20 12 18 30 23 9 19 12 31 25 19 20 17 37 27 23 25 48 33 26 35 23 28 51


Melinda SZABO (1째).

Melinda

Dominika MULTANOVA (2째)

La campionessa europea 2012 Melinda SZABO (Ungheria) .

135


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Oksana OROBETS (3°).

Natalia NAZARENKOKIIVIKAS (1°).

WOMEN’S FITNESS OVER 163 CM

1 Natalia Nazarenko-Kiivikas 2 Natalia Chukaeva 3 Oksana Orobets 4 Rebeka Gyulay 5 Milica Narancic 6 Kristina Danilovic

C L IC K Watch!

Natalia NAZARENKO-KIIVIKAS.

136

Estonia 8 13 9 10 19 Russia 16 5 13 7 20 Ucraina 12 14 12 17 29 Ungheria 20 29 21 24 45 Serbia 28 20 24 23 47 Serbia 25 26 25 23 48


Da sinistra: Milica NARANCIC (5°); Oksana OROBETS (3°); Natalia CZUKAEVA (2°); Natalia NAZARENKO-KIIVIKAS (1°).

C L IC K Watch!

Natalia CZUKAEVA (2°).

Rebeka GYULAY.

137


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Campionessa assoluto Fitness: Melinda SZABO.

138

OVERALL

Melinda SZABO (Ungheria)


Melinda SZABO con Rafael SANTONIA (sinistra) e Damir SISER (a destra) durante la premiazione.

L’assoluto: Natalia NAZARENKO-KIIVIKAS e Melinda SZABO.

139


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Da sinistra: Mariusz LEWANDOWSKI (3°); Oleg ANISSIMOV (1°); Alexei PRODIUS (8°).

140

Da sinistra: Stefan VIRNA (6°); Fedir KHASALOV (2°); Alin STOLERU (5°).

1 2 3 4 5 6

MEN’S FITNESS OPEN

Oleg Anissimov Fedir Khasalov Mariusz Lewandowski Nazar Kharkhun Alin Stoleru Stefan Virna

Estonia 6 6 8 Ucraina 14 10 13 Polonia 22 14 20 Ucraina B 9 29 9 Romania 28 20 26 Romania B 34 28 28

5 10 16 27 19 27

13 23 36 36 45 55


Campione europeo 2012 Oleg ANISSIMOV (Estonia).

Oleg ANISSIMOV in his creative routine with a red sheet.

Nazar KHARKHUN nella sua incredibile routine.

141


C L IC K

IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Watch!

142

Campionessa europea: Magdalena KAZIMIROVA (1°).

Da sinistra: Inmaculada GUAL (6°); Daria SHEVCHENKO (2°); Oksana SHINKARUK (9°); Reka RAJNAI (5°).

Magdalena KAZIMIROVA (sinistra) e Inmaculada GUAL.

WOMEN’S BIKINI FITNESS UP TO 163 CM

1 Magdalena Kazimirova 2 Daria Shevchenko 3 Heather Schofield 4 Ewa Zegan 5 Reka Rajnai 6 Inmaculada Gual

Slovacchia B Ucraina Inghilterra Polonia Ungheria Spagna

6 5 5 14 14 14 19 17 17 20 21 21 33 23 23 21 28 28


Da sinistra: Inmaculada Gual (6°); Daria Shevchenko (2°); Ewa Zegan (4°).

C L IC K Watch!

Daria SHEVCHENKO (2°).

Heather SCHOFIELD (3°).

143


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Ca Ta

144

C L IC K Watch! Da sinistra: Tanja CANC (1°); Liudmila DIACHUK (4°); Karina MOZGAYOVA (3°).

Niko

Da sinistra: Alina PETTKE (5°); Marina DIAZ (6°); Nikola WEITEROVA (2°).

WOMEN’S BIKINI FITNESS UP TO 168 CM

1 Tanja Canc 2 Nikola Weiterova 3 Karina Mozgayova 4 Liudmila Diachuk 5 Alina Pettke 6 Marina Diaz

Slovenia 19 12 12 Slovacchia 9 13 13 Slovacchia 18 15 15 Ucraina 23 21 21 Polonia 23 23 23 Francia 28 28 28

C L IC K Watch!


ampionessa europea: anja CANC (Slovenia).

Karina MOZGAYOVA (3째).

ola WEITEROVA (2째).

Tanja CANC (1째).

145


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 146

Da sinistra: Anna VIRMAJOKI (1°); Vladimira KRASOVA (3°); Elena GUSEVA (4°); Jana MAJERNIKOVA (2°).

C L IC K Watch!

Anna VIRMAJOKI (1°) contro Elena GUSEVA (4°).

WOMEN’S BIKINI FITNESS OVER 168 CM

1 Anna Virmajoki 2 Jana Majernikova 3 Vladimira Krasova 4 Elena Guseva 5 Egle Eller-Nabi 6 Andrea Lackner

Finlandia 7 5 5 Slovacchia 12 12 12 Rep. Ceca 23 18 18 Russia 22 22 22 Estonia 27 23 23 Austria 25 24 24


Campionessa europea: Anna VIRMAJOKI (Finlandia).

C L IC K Watch! Nel backstage (da sinistra): Anna VIRMAJOKI (Finlandia); Heather SCHOFIELD (Inghilterra); Egle ELLER-NABI (Estonia).

Anna VIRMAJOKI.

Vladimira KRASOVA (3째) contro Jana MAJERNIKOVA (2째).

147


WOMEN’S BIKINI FITNESS

IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

OVERALL

148

1 Magdalena Kazimirova 2 Anna Virmajoki 3 Tanja Canc

Campionessa assoluta Bikini Fitness: Magdalena KAZIMIROVA (Slovacchia).

“Ho vinto!” – esulta Magdalena KAZIMIROVA. A sinistra: Anna VIRMAJOKI.

Slovacchia Finlandia Slovenia


aB 6 9 14

Da sinistra: Magdalena KAZIMIROVA (1°); Tanja CANC ( 3°); Anna VIRMAJOKI (2°). Da sinistra: Magdalena KAZIMIROVA (1°); Tanja CANC (3°); Anna VIRMAJOKI (2°).

La premiazione della vincitrice assoluta Bikini Fitness Magdalena KAZIMIROVA (Slovacchia) con Rafael SANTONJA (sinistra) e Damir SISER (destra).

Da sinistra: Tanja CANC; Anna VIRMAJOKI; Magdalena KAZIMIROVA.

149


C L IC K

IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Watch!

150

2012 European champion: Liudmila TUBOLTSEVA (Russia).

WOMEN’S BODYBUILDING UP TO 55 KG 1 Liudmila Tuboltseva 2 Alena Bosanska 3 Angelica Raducu 4 Melinda Zsiga

Russia - 10 5 15 Slovacchia - 20 10 30 Romania - 30 15 45 Ungheria - 40 20 60


Liudmila TUBOLTSEVA.

Da sinistra: Liudmila TUBOLTSEVA (1°); Alena BOSANSKA (2°).

Da sinistra: Liudmila TUBOLTSEVA (1°); Alena BOSANSKA (2°); Angelica RADUCU (3°).

151


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 152

Renee CAMPBELL (3°).

Campionessa europea: Maryna ALF (Ucraina).

C L IC K Watch!

WOMEN’S BODYBUILDING OVER 55 KG

1 Maryna Alf 2 Olga Puzanova 3 Renee Campbell 4 Michaela Schmidt 5 Malgorzata Dabrowska 6 Lucie Limbrunnerova

Ucraina 9 14 9 23 Russia 10 24 10 34 Inghilterra 12 24 11 35 Germania 20 40 19 59 Polonia 25 48 24 72 Rep. Ceca 32 60 30 90


Olga PUZANOVA (2째).

OVERALL

Liudmila TUBOLTSEVA (Russia). Da sinistra: Liudmila TUBOLTSEVA (1째); Alena BOSANSKA (2째); Angelica RADUCU (3째).

153


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 154

La linea perfetta di Valentina MAZZOLA.

Valentina Mazzola (Italia), campionessa Europea Bodyfitness - 158 cm! C L IC K Watch!

2012 European champion: Valentina MAZZOLA (Italia).

WOMEN’S BODYFITNESS UP TO 158 CM

1 Valentina Mazzola 2 Mari Pakkila 3 Olga Wernerowska 4 Raminta Valaitiene 5 Christina Chirita 6 Alicja Klarkowska

Italia Finlandia Polonia Lituania Romania Polonia

11 10 10 18 13 13 16 17 17 33 18 18 15 23 23 22 26 26


Valentina MAZZOLA: armonia in ogni parte del corpo, anche nei polpacci.

Mari PAKKILA (2°).

Olga WERNEROWSKA (3°).

Da sinistra: Mari PAKKILA (2°); Valentina MAZZOLA (1°); Olga WERNEROWSKA (3°).

155


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 156

Da sinistra: Cristina ROMANO (2°); Yuliya HORYACHUN (4°); Priscilla KATZMAIR (3°).

2012 European champion: Zrinka FIŠER (Crotia).

Priscilla KATZMAIR (3°).

C L IC K Watch!

WOMEN’S BODYFITNESS UP TO 163 CM

1 Zrinka Fišer 2 Cristina Romano 3 Priscilla Katzmair 4 Yuliya Horyachun 5 Florina Cernat 6 Elena Masarykova

Croazia 5 5 5 Italia 13 12 12 Austria 17 18 18 Ucraina B 17 21 21 Romania 30 22 22 Slovacchia 25 28 8

C L IC K Watch!


Cristina Romano (Italia), vicecampionessa Europea Bodyfitness - 163 cm!

Da sinistra: Elena MASARYKOVA (6°); Zrinka FIŠER (1°), Florina CERNAT (5°).

Yuliya HORYACHUN (4°).

157


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Campionessa europea: Ekaterina GAMAGINA (Russia).

Da sinistra: Adela ONDREJOVICOVA (3°); Ekaterin

Da sinistra: Ade

C L IC K Watch!

WOMEN’S BODYFITNESS UP TO 168 CM

1 Ekaterina Gamagina 2 Eva Rusan 3 Adela Ondrejovicova 4 Marit Ohtonen 5 Michaela Ružickova 6 Ludmila Nikitina

Russia Croazia Slovacchia Finlandia Rep. Ceca Russia

7 5 5 22 11 11 15 15 15 18 17 17 24 25 25 28 29 29 C L IC K

Watch!

158


na GAMAGINA (1°), Eva RUSAN (2°).

ela ONDREJOVICOVA (3°); Ekaterina GAMAGINA (1°), Eva RUSAN (2°).

Adela ONDREJOVICOVA (3°).

Marit OHTONEN (4°).

Eva RUSAN (2°).

159


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 160

Khoudiedji SIDIBE (Francia). Khoudiedji SIDIBE(1°).

Anastasia GURINA (2°).

Campionessa europea: Khoudiedji SIDIBE (Francia).

C L IC K Watch!

WOMEN’S BODYFITNESS OVER 168 CM

1 Khoudiedji Sidibe 2 Anastasia Gurina 3 Olga Karavayeva 4 Yulia Ushakova 5 Veronika Blažev 6 Sanela Terzo

Francia 6 7 7 Bielorussia 13 12 12 Ucraina 20 15 15 Russia 13 15 15 Croazia 34 26 26 Bosnia ed Erz. 34 27 27

C L IC K Watch!


Da sinistra: Yulia USHAKOVA (4°); Khoudiedji SIDIBE (1°); Anastasia GURINA (2°); Veronika BLAŽEV (5°).

Da sinistra: Yulia USHAKOVA (4°); Anastasia GURINA (2°); Olga KARAVAYEVA (3°).

Olga KARAVAYEVA (3°).

Yulia Ushakova (4°).

161


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 162

2012 bodyfitness perfection Zrinka FIŠER – front position.

2012 bodyfitness perfection Zrinka FIŠER – side view.

Da sinistra: Khoudiedji SIDIBE (2°); Ekaterina GAMAGINA (3°); Zrinka FIŠER (1°). La decisione dei giudici sulla semirilassata frontale non era facile...

… di schiena la situazione era più chiara. Da sinistra: Khoudiedji SIDIBE (2°); Ekaterina GAMAGINA (3°); Zrinka FIŠER (1°).


WOMEN’S BODYFITNESS

OVERALL

1 Zrinka Fišer Croazia 9 2 Khoudiedji Sidibe Francia 10 3 Ekaterina Gamagina Russia 12 4 Valentina Mazzola Italia 18

2012 European bodyfitness overall champion Zrinka FIŠER with huge cup. 2012 bodyfitness perfection Zrinka FIŠER – rear view.

La campionessa europea assoluta Zrinka FIŠER con Rafael SANTONJA (sinistra) e il presidente della Federazione Croata Damir SISER (a destra).

163


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 164

Campionessa europea: Helena FORSEN (Svezia).

WOMEN’S ATHLETIC FITNESS OPEN

1 Helena Forsen 2 Esta Pilt 3 Šarka Pickova 4 Alina Cepurniene 5 Ann-Kristine Karlsson 6 Jana Kabrtova

Svezia 4 1 2 7 Estonia 3 2 3 8 Rep. Ceca 2 3 4 9 Lituania 1 4 5 10 Norvegia 5 5 1 11 Spagna 6 6 6 18


Dips: Esta PILT.

Dips: Šarka PICKOVA.

Da sinistra: Šarka PICKOVA (3°); Esta PILT (2°); Jana KABRTOVA (6°).

Da sinistra: Alina CEPURNIENE (4°); Helena FORSEN (1°); Ann-Kristine KARLSSON (5°).

165


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS

Da sinistra: Robert HORVAT (1°); Rui FERREIRA (7°); Oleg ANISSIMOV (4°).

166

Da sinistra: Rookie WESTIN (3°); Kristian SEWEN (2°); Thomas Hjelde THORESEN (6°).

MEN’S ATHLETIC FITNESS UP TO 175 CM

1 Robert Horvat 2 Kristian Sewen 3 Rookie Westin 4 Oleg Anissimov 5 Fedir Khashalov 6 Thomas Thoresen

Croazia Svezia Svezia B Estonia Ucraina Norvegia

3 2 4 9 5 4 1 10 6 1 3 10 1 5 5 11 4 3 8 15 8 6 2 16


Da sinistra: Rui FERREIRA (7째); Oleg ANISSIMOV (4째).

Da sinistra: Kristian SEWEN (2째); Rookie WESTIN (3째).

167


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 168

Campione europeo: Hans EGNER (Norvegia).

MEN’S ATHLETIC FITNESS OVER 175 CM

1 Hans Egner 2 Ako Rahim 3 Martin Munz 4 Ivica Vranko 5 Kristjan Oras 6 Kristo Kauder

Norvegia Svezia Svezia B Croazia Estonia Estonia

1 4 2 7 3 1 5 9 5 1 4 10 6 1 6 13 8 4 1 13 7 6 3 16


Da sinistra: Martin MUNZ (3°); Kristo KAUDER (6°); Kristjan ORAS (5°).

MEN’S ATHLETIC FITNESS

OVERALL

1 Hans Egner Norvegia 7 2 Kristian Sewen Svezia 8 3 Martin Munz Svezia 8 4 Ako Rahim Svezia 11 5 Rookie Westin Svezia 12 6 Robert Horvat Croazia 14 Da sinistra: Zvonimir MAJIC (8°); Hans EGNER (1°); Alin STOLERU (7°).

169


IFBB WOMEN’S EUROPEAN CHAMPIONSHIPS 170

IFBB ATHLETIC FITNESS MIGLIORI RISULTATI MONDIALI

PULL-UPS – WOMEN (REPS) 1. Helena Forsen Svezia 34 2. Esta Pilt Estonia 18 3. Šarka Pickova Rep. Ceca 12 4. Alina Cepurniene Lituania 11 5. Jana Kabrtova Spagna 8 6. Ann-Kristine Karlsson Norvegia 7 PULL-UPS – MEN (REPS) 1. Martin Munz Svezia 28 2. Ako Rahim Svezia 25 3. Rookie Westin Svezia 25 4. Hans Egner Norvegia 24 5. Kristian Sewen Svezia 23 6. Ivica Vronko Croazia 7. Kristjan Oras Croazia 8. Thomas Thoresen Norvegia 21 9. Zvonimir Majic Croazia 10. Oleg Anissimov Estonia 20 DIPS – WOMEN (REPS) 1. Helena Forsen Svezia 49 2. Esta Pilt Estonia 23 3. Šarka Pickova Rep. Ceca 19 4. Alina Cepurniene Lituania 17 5. Ann-Kristine Karlsson Norvegia 17 6. Jana Kabrtova Spagna

23 22 21

12

DIPS – MEN (REPS) 1. Ivica Vronko Croazia 50 2. Ako Rahim Svezia 49 3. Kristian Sewen Svezia 47 4. Rookie Westin Svezia 44 5. Hans Egner Norvegia 39 6. Martin Munz Svezia 38 7. Robert Horvat Croazia 35 8. Fedir Khashalov Ucraina 35 9. Kristo Kauder Estonia 35 10. Kristjan Oras Croazia 33 1000 M ROWING MACHINE RACE – WOMEN (TIME) 1. Ann-Kristine Karlsson Norvegia 3:49,1 2. Helena Forsen Svezia 3:51,6 3. Esta Pilt Estonia 3:55,4 4. Šarka Pickova Rep. Ceca 4:23,3 5. Alina Cepurniene Lituania 4:29,0 6. Jana Kabrtova Spagna 4:55,4 1000 M ROWING MACHINE RACE – MEN (TIME) 1. Kristjan Oras Croazia 2:57,8 2. Hans Egner Norvegia 3:02,5 3. Kristo Kauder Estonia 3:03,7 4. Martin Munz Svezia 3:07,3 5. Ako Rahim Svezia 3:11,2 6. Kristian Sewen Svezia 3:11,2 7. Thomas Thoresen Norvegia 3:15,1 8. Ivica Vronko Croazia 3:17,1 9. Rookie Westin Svezia 3:17,9 10. Robert Horvat Croazia 3:23,8


171


Campionato Italiano 174

Foto di Roberto Borgo Giorgio Sottile Bodyshot

Per contattare lo studio fotografico, clicca qui Cell. 3472767035 E-mail info@robertoborgo.com.


L

’organizzatore e membro dell’Esecutivo IFBB Giancarlo Scimeca, con il suo eccezionale staff familiare, ha organizzato un’altra edizione record del Campionato Italiano al Palacavicchi di Roma. Quasi 250 gli atleti per una gara corposa ma condotta in modo agevole nella calda giornata del 24 giugno 2012.

12

20

175


1

20

Assoluto altezza peso Mirko Ercolani 176


12

Assoluto Bodybuilding Alessandro De Filippi 177


3° EASY -175 CM

178

Il campione italiano 2012 Gabriele Guarnieri

1° GABRIELE GUARNIERI 2° GIUSEPPE PIAZZA 3° MARINO DI GRAPPA 4° GABRIELE CARRARA 5° RENZO RIVELLI 6° GASPARE LAMANNA Giuseppe Piazza, 3°


Campionato Italiano 2012

2째

1째

Marino Di Grappa, 2째

179


EASY +175 CM

1° OSCAR ARENA 2° MARIO PRINCIPE 3° FRANCO BARONE 4° GUIDO PALAMARDO 5° LEONARDOTRICARIELLO 6° SANDRO CALOGERO 180

Mario Principe, 2°


Campionato Italiano 2012

3째 1째 Il campione italiano 2012 Oscar Arena

Franco Barone, 3째

181


JUNIORES unica

182

2° Luca Corrado, 2°

Stefano Scarlata, 1°

1° STEFANO SCARLATA 2° LUCA CORRADO 3° JONATA RINALDI 4° ALESSANDROMANAGO 5° SIMONE ALTIMANI 6° GIOVANNICARROZZINI


Campionato Italiano 2012

1째

3째 Jonata Rinaldi, 3째

183


2° HP -170 CM 1°

1° MASSIMO PRINCIPE 2° SERGIO VILLA 3° DANILO TRIMBOLI 4° CRISTIAN RIGO 5° SEBASTIANO CHIARAMIDA 6° MATTEO MONICI 184

Sergio Villa, 2°


Campionato Italiano 2012

3째 Massimo Principe, 1째 Danilo Trimboli, 3째

...posedown!

185


1 2° HP -178 CM 1° MIRKO ERCOLANI 2° GIORGIO LEVAGGI 3° ALFONSO GIACCIO 4° MARCO CIFARELLI 5° BRUNO DE ROSA 6° DAVIDE TELESCA 186

Giorgio Levaggi, 2°

Mirko Ercolan


Campionato Italiano 2012

ni, 1°

Mirko Ercolani, 1°

Alfonso Giaccio, 3°

187


HP +178 CM 1° MASSIMOSANTONOCITO 2° UMBERTOFRASCELLA 3° MARCO VACCINO 4° ANDREA DE LUCA 5° GIORGIO DAL MORO 6° GIORGIO RIZZO 188

Umberto Frascella, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Massimo Santonocito, 1째

Marco Vaccino, 3째

189


2° PHISIQUE unica 1° ESTER PARISI 2° FranciaSCA SANSONI 3° SABRINA CAPUZZO 4° MONICA D'ANGELI 5° TANIA IANNOZZI 6° MELANIA CALO' 190

Franciasca Sansoni, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Ester Parisi, 1째 Sabrina Capuzzo, 3째

191


FITNESS unica 1° CRISTINA SEGGI 2° ILANIA BARNABA 3° OLENA CHEKERDA 4° FERDINANDA PICCONI 5° SIMONA TRANQUILLI 192

Ilania Barnada, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Cristina Seggi, 1째 Olena Chekerda, 3째

193


2° Ma lla

rie

BIKINI

in gr

lle Pe °

1 o,

unica 1° MARIELLA PELLEGRINO 2° MARIAROSARIARAONE 3° ELENAA.CORDUNEANU 4° EVELIN BELLEMO 5° VIKTORYABUHANEICA 6° EMANUELA MINUCCI 194

1° Maria Rosaria Raone, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

째 Elena A. Corduneanu, 3째

195


2° Stefano Valsecchi, 1°

OVER 40 -80 kg 1° MAURIZIO MONTALTO 2° MASSIMILIANOGHERARDI 3° STEFANO FAVAZZI 4° DAVIDE PATANE' 5° ALDO MARENDA 6° CARLO CERVA 196

Massimiliano Gheardi, 2°


Rocco Sestito, 3°

Campionato Italiano 2012

3° 1° Maurizio Montalto, 1°

Stefano Favazzi, 3°

197


Carlo D

e Ang

elis, 1

°

OVER 40 +80 kg 1° CARLO DE ANGELIS 2° MARCELLOCOCIMANO 3° EMANUELEMOLFETTA 4° GIUSEPPECASTELLUCCIO 5° COSTANTINOVASSINOU 6° MAURIZIO PARENTE 198

Marcello Cocimano, 2°


Campionato Italiano 2012

3째 1째

Emanuele Molfetta, 3째

199


Michela Fre, 1°

BODY FITNESS -163 CM

1° DOINA GORUN 2° MARA FINO 3° MARTA MASIELLO 4° TIZIANA RACITI 5° DAMIANA MAESTRI 6° PATRIZIA GARNERO 200

Mara Fino, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Doina Gorun, 1째 Marta Masiello, 3째

201


OVER 50 unica

1° ROBERTO PASQUINI 2° GIORGIO VECCHI 3° NICOLA ZANI 4° FranciaSCO BAGNARO 5° LUIGI BINETTI 6° ALBERTO SIESTO 202

1° Roberto Pasquini, 1°


Campionato Italiano 2012

2째

3째

Giorgio Vecchi, 2째

Nicola Zani, 3째

203


OVER 70 unica

1° MARIO ROLLERI

1° Mario Rolleri, classe 1934, premiato dal Presidente Benedetto Mondello e dall’organizzatore Giancarlo Scimeca.

204


Campionato Italiano 2012

1° Daria Maggi, 1° Tina Gargiuolo, 2°

BODY BUILDING femminile

1° DARIA MAGGI 2° TINA GARGIUOLO

205


2° BODY BUILDING -70 kg 1° MARCO SCARPINATO 2° MAURIZIO PASCIUCCO 3° DIEGO MERLI 4° ANTONINO GAROFALO 5° FranciaSCO CERVINO 6° EMANUELE VEZZOLA 206

1° Maurizio Pasciucco, 2°

Marco Scarpinato,


, 1째

Campionato Italiano 2012

3째

Diego Merli, 3째, riceve a sospresa il premio dai genitori.

207


3° BODY BUILDING -80 kg 1° VINCENZO GRANOZZI 2° BIAGIO BARBATO 3° FABIO GANGEMI 4° LORENZO FABBIAN 5° GIUSEPPE MAURO 6° ANDREA RUOCCO 208

Biagio Barbato, 2°


Campionato Italiano 2012

2째

Vincenzo Granozzi, 1째

1째 Fabio Gangemi, 3째

209


BODY FITNESS +163 cm 1° GIUDITTA MAGAZZINO 2° ISABELLA ANGOTTI 3° ANGELA ERAMO 4° ROSSELLA PRUNETI 5° MARINA MANTOVANI 6° SILVIA FREGO 210

1° Giuditta Magazzino, 1°


Campionato Italiano 2012

2째

Isabella Angotti, 2째

3째

Angela Eramo, 3째

211


2° BODY BUILDING -90 kg 1° FranciaSCO FOX 2° VITO MELE 3° RICCARDO SAVOLDINI 4° GIANNI IACONO 5° FULVIO COMOLI 6° GIORGIO ANNUNZIATA 212

Vito Mele, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Franciasco Fox, 1째

Riccardo Savoldini, 3째

213


2° BODY BUILDING +90 kg

214

Alessandro De Filippi, 1°

1° ALESSANDRO DE FILIPPI 2° CRISTIAN CORVAGLIA 3° NICOLA TRICARIELLO 4° STEFANO SCARLATA 5° ALDO RUBINELLI 6° FEDERICO CIPRANDI

Cristian Corvaglia, 2°


Campionato Italiano 2012

3째

1째 Nicola Tricariello, 3째

215


PROSSIME GARE I

N

S

P

E

C

T

I

O

N

R

E

P

O

Leggi l’inspection report su

www.ifbb.com INTERNATIONAL AUSTRIA CUP & IFBB-AUSTRIA NEWCOMERS CHAMPIONSHIP di Dr. Wolfgang Schober Presidente IFBB-Austria DOVE: Angererstraße 14, 1210 Vienna, Austria DATA: 29 settembre 2012 ORGANIZZATORE: Austrian Amateur Bodybuilding e Fitness Federation/IFBBAustria LUOGO DI GARA: Haus der Begegnung, Angererstraße 14, 1210 Vienna, ENTRY FORM: Le federazioni nazionali devono iscrivere gli atleti non oltre il 14 settembre inviando un’email a w.schober@ifbb-austria.at PREMI: Attestati di partecipazione per tutti i finalisti, coppa per i primi tre di ogni categoria. BIGLIETTI Prevendita da richiedere a office@ifbbaustria.at (fino al 22 settembre) Pregara: € 10,00, Pregara + Finali: € 30,00 (senza posto numerato) Vendita Pregara: € 15,00, Pregara + Finali: € 35,00 (senza posto numerato) LA IFBB PROIBISCE L’USO DEL MALLO. UN UFFICIALE CONTROLLERÀ LA CONFORMITÀ DEL COLORE USATO PRIMA CHE L’ATLETA SALGA SUL PALCO. Vi aspettiamo nella città del waltzer, proprio nel cuore dell’Europa. 

PROGRAMMA PROVVISORIO Sabato 29 settembre 2012 10:00 - 12:00 Registrazione atleti 12:00 Pregara 17:00 Finali

216

R T

S

&

I

N

F

O

Vienna A ustria 29 settembre2012 CATEGORIE Juniors Classic Bodybuilding: open Juniors Men Bodybuilding: open

Masters Men Classic Bodybuilding: open Masters Men Bodybuilding: open Bikini-Fitness: open Women’s Bodyfitness: open Women’s Bodybuilding: open Mixed Pairs Men’s Classic Bodybuilding: -175cm/ +175cm Men’s Bodybuilding: -85 kg/-95 kg/+95kg


PROSSIME GARE I

N

S

P

E

C

T

I

O

N

R

E

P

O

R T

S

Read the inspection report on

www.ifbb.com 2012 IFBB WORLD WOMEN’S CHAMPIONSHIPS I PRIMI MONDIALI DELLA STAGIONE AUTUNNALE! di Andrew Michalak I Mondiali femminili in Polonia saranno i primi della serie di Mondiali IFBB dell’autunno. Il luogo di gara è l’Opera House di Bialystok. Il teatro è decorato e allestito per l’occasione. Dispone di tre palchi movibili, in verticale e in orizzontale. La struttura è moderna ed elegante, il costo di costruzione quasi 80 milioni di euro e l’inaugurazione ufficiale è a settembre. Il Mondiale IFBB sarà il secondo evento che si svolgerà nella bella struttura. L’intero Hotel Golebiewski è stato prenotato dall’organizzatore per alloggiare i Team nazionali e c’è già pronto un secondo hotel. Le prime iscrizioni sono già arrivate e sapete quale è stata la prima nazione? La Nigeria! Siamo lieti di accogliere il primo Team nigeriano femminile a questi Mondiali. Le altre nazioni che hanno già annunciato la propria partecipazione sono: Bielorussia, Olanda, Giappone, Repubblica Ceca, Norvegia e Croazia. La data ultima entro cui mandare il Preliminary Entry Form era il 1° luglio 2012. Per questo motivo le Federazioni Nazionali hanno già provveduto ad una prima sommaria convocazioni dei Team. Per chi arriva in Europa da altri continenti, l’ideale è fare combaciare la partecipazione in due eventi eccezionali: i Mondiali Femminili 2012 e l’Arnold Classic Europe a Madrid la settimana seguente. Potete trascorrere alcuni giorni a Bialystok dove avrete a disposizione una palestra attrezzatissima, la “Maniac Gym”, e poi volare a Madrid per il giovedì 11 ottobre, giorno ufficiale per la registrazione atleti dell’Arnold Classic Europe. Sono previste 11 categorie femminili e 1 maschile. In questa situazione ogni Federazione Nazionale può presentare un Team A con 12 concorrenti (non più di 2 per ciascuna categoria). Comunque, è possibile raddoppiare il numero delle atlete presentando il Team B. Le atlete del Team A e gli ufficiali pagano soltanto la tassa di registrazione IFBB (200,00 euro). Le atlete del Team B (il cui numero non deve superare 12), altri delegati e familiari o fan devono acquistare il pacchetto con un costo di 400,00 euro in camera doppia o 500,00

218

&

I

N

F

O

Bialystok P olonia 5-7ottobre 2012

CATEGORIE Women’s bodybuilding up to 55 kg Women’s bodybuilding over 55 kg Women’s bodyfitness up to 158 cm Women’s bodyfitness up to 163 cm Women’s bodyfitness up to 168 cm Women’s bodyfitness over 168 cm Women’s fitness up to 163 cm Women’s fitness over 163 cm Men’s fitness open Women’s bikini fitness up to 163 cm

Women’s bikini fitness up to 168 cm Women’s bikini fitness over 168 cm

PROGRAMMA PROVVISORIO Venerdì 5 ottobre 2012: - Arrivo dei Team nazionali 17:00 – Riunione tecnica per i giudici 18:00 – Registrazione atleti Sabato 6 ottobre 2012: 10:00 – Semifinali: sessione mattutina 15:00 – Semifinali: sessione pomeridiana Domenica 7 ottobre 2012: 11:00 – Cerimonia di apertura. Finali: parte 1 15:00 – Finali: parte 2 20:00 – Party Lunedì 8 ottobre 2012: - Partenza dei Team nazionali

euro in camera singola. Bialystok è a 200 chilometri dall’aeroporto internazionale di Varsavia, per questo motivo è predisposto un servizio di collegamento con pullman al costo di 25,00 euro a persona per andata o per ritorno. In Polonia l’inizio di ottobre offre un clima mite, definito come “l’autunno dorato polacco” per il colore delle foglie sugli alberi (dorate, marroni e rosse in questo periodo). La temperatura media è 15° C.


(EXPO: OCTOBER 12-14)

ARNOLD CLASSIC EUROPE Madrid, a city to enjoy!

®

BETTER PRODUCTS BETTER PERFORMANCE

BODYBUILDING PRO & FIGURES PRO EVENTS

Men and Women Bodybuilding ■ Men and Women Fitness ■ Bodytness (Figure) ■ Classic Bodybuilding ■ Bikini ■ Master Bodybuilding Men ■ Master Bodytness (Figure) ■ Strongman ■ Powerlifting ■ Pole Dance ■ Athletic tness ■ Armwrestling ■ Karate ■ Judo ■ Kickboxing ■ Boxing ■ Cross ■ Crosst ■ Gymnastic: Mens and Womens Artistic, Acrobatic and Rhythmic ■ Skate ■ Basketball ■ Football ■ Wrestling ■ Cheerleading ■ Wheelchair Basketball ■ Fire ghters ■ Police and Army ■

For additional information, registration and tickets visit:

www.arnoldclassiceurope.com Madrid Arena - Palacio De Cristal, Casa De Campo - Madrid, Spain © 2012 CLASSIC PRODUCTIONS INC.


PROSSIME GARE I

N

S

P

E

C

T

I

O

ARNOLDCLASSICEUROPE QUEST’ANNO NELL’ENORME “MADRID ARENA”, COSTRUITA PER LE OLIMPIADI!

N

R

E

P

C L IC K Watch!

O

R

T

S

&

2012 ACE

Promo video

di Andrew Michalak Dopo il grandissimo successo della prima edizione dell’Arnold Classic Europe, l’evento trova una nuova speciale sede per il 2012: la parte centrale e a solatio del grande parco che fa da polmone per Madrid (Casa de Campo, a cinque minuti dal centro cittadino con Plaza de España). Ci sono molti padiglioni ed edifici adatti per vari utilizzi, su oltre 67 ettari di terreno, offrendo un luogo ideale per ospitare competizioni di oltre venti discipline sportive, da quelle di forza e cultura fisica (Bodybuilding, Fitness, Athletic Fitness, Cross Fit, Powerlifting, Strongmen, Braccio di ferro) fino alle Arti marziali (Boxe, Kickboxing, Judo, Karate, Wrestling), oltre a Ginnastica, Football, dimostrazioni dei Vigili del Fuoco e della Polizia. L’intero complesso è stato costruito quando Madrid si candidò per le Olimpiadi 2012 e quest’anno compie dieci anni dalla sua inaugurazione.

Giada Simari, Italia, vincitrice 2011 nel Bodyfitness up to 158 cm .

220

La Madrid Arena può ospitare fino a 12 000 spettatori.

L’interno della Madrid Arena.

I

N

F

O


QUANDO 11-14 ottobre 2012 (EXPO: 12-14 ottobre)

DOVE Madrid Arena

y Palacio de Cristal Casa de Campo (Madrid. Spagna)

SITO WEB

www.arnoldclassiceurope.com

BIGLIETTI Clicca QUI La facciata della Madrid Arena.

La facciata del Palacio de Cristal.

Il Presidente IFBB Rafael Santonja e Arnold Schwarzenegger. Insieme a Jim Lorimer, sono i promoter dell’ACE (Arnold Classic Europe).

221


ACQUISTA I BIGLIETTI A

R

N

O

L

D

C

L

A

S

S

I

C

M

A

D

R

I

D

All’entrata della sede Stanislav del Comitato Olimpico, il Presidente Alejandro Blanco accoglie il Governatore Arnold Schwarzenegger, il Patron IFBB Jim Lorimer e il Presidente IFBB Rafael Santonja.

Tutte le discipline attinenti alla cultura fisica saranno svolte nella famosa Madrid Arena, che può ospitare fino a 12000 spettatori! Una struttura molto più grande di quella utilizzata l’anno scorso: il Palacio de Congresos. Alla Madrid Arena sono stati organizzati già i Campionati Europei di Pallacanestro, i WTA Tennis Championships e molti eventi di Tennis Masters, per indicare solo quelli più importanti. L’altra seconda importante struttura sarà il Palacio de Cristal, un’area espositiva di 2000 metri quadrati in modo che le aziende del settore fitness abbia la propria giusta collocazione. In questo padiglione ci saranno an-

222

che alcuni eventi multisportivi. Non c’è alcun problema per i pasti: Casa de Campo ha da poco aperto il Paseo de la Gastronomia, una sezione con ristoranti per espositori e visitatori. Inoltre un’area perfino per i visitatori più giovani: il parco giochi per bambini.

COMPRA

ORA!

I BIGLIETTI Clicca QUI


GARE PRO ARNOLD CLASSIC MADRID

L’Arnold Classic Europe 2012 offre un numero maggiore di attrazioni per i fan della cultura fisica. Ci sono tre competizioni della IFBB Pro League, con un montepremi totale di 150 000 dollari: - Bodybuilding maschile - Fitness - Figure Inoltre conosciamo già molti dei grossi nomi presenti. Il Pro Kai Greene (3° al Mr. Olympia 2011 e allo Sheru Classic), Ben White (il più forte sulla panca dei Pro, con 306 kg RAW) e la prima vincitrice dell’Arnold Amateur Bodyfitness, Giada Simari, appena passata al professionismo, hanno confermato la partecipazione. Altri nomi vengono pubblicati di settimana in settimana sulle pagine FACEBOOK: IFBB Official e Arnold Classic Europe. La sezione PRO della IFBB sarà l’attrattiva principale dell’intero evento.

Arnold Schwarzenegger si congratula con Victor Martinez, vincitore del primo ACE Pro. L’evento professionistico all’ACE 2011.

La vincitrice dell’ACE Fitness Pro 2011: Tanji Johnson

223


GARE AMATEUR A R N O L D

C L A S S I C

Anche le competizioni dilettantistiche rivestiranno un ruolo centrale con Bodybuilding maschile e femminile, Fitness maschile e femminile, Bodyfitness, Bikini oltre ad Athletic Fitness maschile e femminile. Quest’ultima disciplina è nuova per l’Arnold Classic Europe e per la IFBB: si tratta di atleti con un fisico perfetto messi alla prova in test di resistenza e forza! Quanti dip e quante trazioni riescono a fare con il massimo numero di ripetizioni? Qual è il limite genetico dell’uomo? Se lo volete scoprire, venite a vedere. Un’altra disciplina nuova per l’ACE è il Men’s Fitness (Fitness maschile). Negli ultimi anni si è visto che gli atleti di Men’s Fitness presentano la massima bellezza e qualità muscolare, eseguendo routine mozzafiato. L’ACE è ad una settimana dai Mondiali di Men’s Fitness (congiunti al Mondiale femminile), quindi prevediamo che tutti i migliori arrivino in forma perfetta. La maggioranza passerà direttamente dalla Polonia alla Spagna. Infine, un’altra disciplina nuovissima: il Physique maschile e femminile.

M A D R I D

Il vincitore dell’assoluto Amateur Bodybuilding all’ACE 2011, Saied Firas (Italia), prem

Il discorso inaugurale del Presidente IFBB Rafael Santonja all’ACE 2011.

Atleti eccezionali su un bel palcoscenico spazioso.

224


miato da Arnold Schwarzenegger e dal Presidente IFBB Rafael Santonja.

A VV E R T E N Z A P ER G LI A T L E TI Le iscrizioni devono essere inoltrate attraverso le Federazioni nazionali. Il numero di atleti che può partecipare per ogni nazione è illimitato! La scadenza per l’iscrizione preliminare è il 1° ottobre 2012. La tassa di iscrizione IFBB alla gara è 150,00 euro per concorrente. Delegati e ufficiali non devono versare una tassa di registrazione. Ogni atleta deve presentare la IFBB International Card. Chi non la possiede ancora, dovrà acquistarla alla registrazione (30,00 euro annui). Gli organizzatori non sono responsabili per l’hotel degli atleti. Le Federazioni nazionali e gli atleti devono provvedere a prenotare i propri hotel. Madrid offre una grande varietà di alloggi. I più convenienti sono indicati sull’ACE Inspection Report consultabile nel sito www.ifbb. com oppure QUI.

Il Presidente del CIO spagnolo, Alejandro Blanco, con Arnold Schwarzenegger e il Presidente IFBB Rafael Santonja all’ACE 2011.

Molti appassionati hanno assistito alle gare e visitato l’ expo.

225


GARE AMATEUR A R N O L D

C L A S S I C

M A D R I D

CATEGORIE ACE AMATEUR CHAMPIONSHIPS MEN’S BODYBUILDING: Up to 70 kg Up to 75 kg Up to 80 kg Up to 85 kg Up to 90 kg Up to 100 kg over 100 kg

Il numero di categorie è superiore a 33! Ci saranno 17 categorie di Bodybuilding e 16 di Fitness, compreso Fitness propriamente detto, Bikini Fitness, Bodyfitness e Athletic Fitness. Aggiungiamo poi le nuovissime discipline e il carnet è veramente ricco.

Schwarzenegger e il Presidente IFBB Rafael Santonja vincitore assoluto Amateur Bodybul

WOMEN’S BODYBUILDING : One open category

MEN’S CLASSIC BODYBUILDING: Up to 175 cm

WOMEN’S BODYFITNESS:

Up to 180 cm

Up to 158 cm

Over 180 cm

Up to 163 cm Up to 168 cm

MEN’S FITNESS:

Over 168 cm

One open category WOMEN’S FITNESS: JUNIOR MEN’S BODYBUILDING:

Up to 163 cm

One open category

Over 163 cm

MASTERS MEN 40-49 YEARS:

WOMEN’S BIKINI:

Up to & including 80 kg

Up to 163 cm

Up to & including 90 kg

Up to 168 cm

Over 90 kg

Over 168 cm

MASTERS MEN 50-59 YEARS:

JUNIOR WOMEN’S BODYFITNESS:

One open category

One open category

MASTERS OVER 60 YEARS:

MASTERS WOMEN’S BODYFITNESS:

One open category

One open category

MEN’S ATHLETIC FITNESS:

WOMEN’S ATHLETIC FITNESS:

Up to 175 cm

Up to 163cm

Over 175 cm

Over 163 cm

MEN’S ATHLETIC PHYSIQUE:

WOMEN’S PHYSIQUE:

Up to 178 cm

Up to 163 cm

Over 178 cm

Over 163 cm

226

Bob Lorimer e il Presidente IFBB Rafael Santonja pr vincitrice assoluta Bodyfitness


premiano Saied Firas, Italia, lding 2011.

remiano Raquel Hernandez, s 2011.

Tutti i concorrenti devono arrivare a Madrid non oltre l’11 ottobre 2012 (giovedì). Le operazioni di registrazione si svolgono tutta la giornata, dalle 10 alle 20. Le operazioni sono per tutte le categorie al tempo stesso, quindi potete registrarvi come Team invece che attendere il turno delle varie categorie come avviene per gli altri campionati internazionali IFBB. La maggioranza delle categorie disputa la gara dall’inizio (round eliminatorio e pregara) fino al termine (finali e premiazioni) in un’unica sessione. L’unica eccezione è il Fitness, dove pregara e gara sono previsti in momenti diversi. L’Athletic Fitness richiede speciali macchinari per i test di forza e resistenza, quindi dovrà essere organizzato in un altro momento: il pregara venerdì (Women’s 163 cm e Men’s 175 cm) e sabato (Women’s +163 cm e Men’s +175 cm) e le finali (top six) la domenica (tutte le categorie). Per evitare problemi e fraintendimenti, controllate il programma definitivo al vostro arrivo a Madrid. Le finali di domenica saranno brevi e molto avvincenti, con Men’s Bodybuilding up to 100 kg e over 100 kg oltre al Women’s Fitness (up to 163 cm e over 163 cm), rivolte soprattutto ai mass media, il pubblico, le autorità sportive, i politici. Ovviamente per noi, appassionati e addetti ai lavori, l’intero ACE è entusiasmante. In base al successo del primo Arnold Sport Festival di Madrid, l’anno scorso, i promoter Governatore Arnold Schwarzenegger, il Dr. Rafael Santonja e il fondatore dell’Arnold Classic James Lorimer hanno preparato un’edizione ancora più grossa e interessante. Con tutte le discipline IFBB e altri venti sport, sarà il più maestoso evento multidisciplinare in Europa quest’anno, secondo solo alle Olimpiadi di Londra. Per quanto riguarda l’industria del Fitness, rappresenta la più grande opportunità di mostrare i propri prodotti, idee e attività. L’Europa non aveva tale ottima opportunità nel passato. Ora ce l’ha, quindi non perdetevela e prendere parte a questo bellissimo festival dello sport e dello stile di vita fitness!!!

PROGRAMMA PROVVISORIO 11 ottobre 2012 (giovedì): - Registrazione (tutta la giornata, dalle 10:00 alle 20:00). 12 ottobre 2012 (venerdì), sessione mattutina: Junior women bodyfitness Junior men bodybuilding Men’s fitness Women bikini up to 163cm Women bikini up to 168cm Women bikini over 168cm Masters men 50 - 59 years Masters men over 60 years Women bodybuilding 12 ottobre 2012 (venerdì), sessione pomeridiana: Men’s bodybuilding up to 70 Men’s bodybuilding up to 75 Men’s bodybuilding up to 80 Men’s bodybuilding up to 85 Men’s bodybuilding up to 90

kg kg kg kg kg

13 ottobre 2012 (sabato), sessione mattutina: Women’s fitness up to 163 cm (solo pregara) Women’s fitness over 163 cm (solo pregara) Men’s fitness (top 6) Men’s classic bodybuilding up to 175 cm Men’s classic bodybuilding up to 180 cm Men’s classic bodybuilding over 180 cm 13 ottobre 2012 (sabato), sessione pomeridiana: Masters men 40-49 years up to 80 kg Masters men 40-49 years up to 90 kg Masters men 40-49 years over 90 kg Women’s bodyfitness up to 158 cm Women’s bodyfitness up to 163 cm Women’s bodyfitness up to 168 cm Women’s bodyfitness over 168 cm Masters women’s bodyfitness 14 ottobre 2012, domenica mattina: Semifinali e finali per: Men’s bodybuilding up to 100 kg Men’s bodybuilding over 100 kg Finali per: Women’s fitness up to 163 cm (top 6) Women’s fitness over 163 cm (top 6)

227


EVENTI MULTI-SPORT A

R

N

O

L

D

C

L

A

S

S

I

C

M

A

D

R

I

D

con le principali federazioni spagnole.

ARTI MARZIALI

Grande successo anche all’ACE 2011.

BRACCIO DI FERRO

Discover all the sports at the ACE. Visit the Sportzone on the site. Click here.

228

CHEERLEADERS Come da tradizione USA.


VIGILI DEl fuoco WHEEL-CHAIR Incredibili dimostrazioni.

GINNASTICA

Ritmica, Artistica e Acrobatica

Basketball.

BoxE

dilettantistica e professionistica.

229


TEAM ITALIANO A

R

N

O

L

D

C

L

A

S

S

I

C

M

A

D

R

I

D

A fronte della lista di convocazioni dello scorso luglio su www.ifbb.it, la Presidenza comunica l’elenco degli atleti che hanno accettato ed effettivamente partecipanti alla gara.

230


70 kg 70 kg 70 kg 70 kg 70 kg 75 kg 80 kg 75 kg 80 kg 75 kg 90 kg 90 kg 90 kg oltre 100 100 kg oltre 100 oltre 100 oltre 100 100 kg 100 kg 100 kg 100 kg oltre 100 100 kg

fino 175 cm fino 175 cm fino 175 cm fino 175 cm fino 175 cm fino 180 cm oltre180 cm open category open category open category master master master master master master master master

BODY BUILDING

BRANCIAMORE FABIO INVITO FEDERAZIONE MASCARO ENZO GP VICENZA BROCCA SANDRO INVITO FEDERAZIONE BERTELLI GIANGIACOMO OLYMPIA DAY CAPUCCI CARLO ARNOLD CLASSIC USA BERTUZZI CHRISTIAN ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 FABBIAN LORENZO ITALIANI 2012 MAGGIORE CORRADO INVITO FEDERAZIONE MASUCCI FILIPPO INVITO FEDERAZIONE ZUCCARO ALEX INVITO FEDERAZIONE MELE VITO ITALIANI 2012 MEIATTINI SIMONE ARNOLD CLASSIC MADRID 2011 SANTINI GIORGIO INVITO FEDERAZIONE kg DE FILIPPI ALESSANDRO ITALIANI 2012 TRICARIELLO NICOLA ITALIANI 2012 kg GALEAZZO COSTANTINO INVITO FEDERAZIONE kg GRASSI ALESSANDRO INVITO FEDERAZIONE kg SILVESTRINI GIANLUCA INVITO FEDERAZIONE DELL'UOMO EMILIANO INVITO FEDERAZIONE SAVI ALESSANDRO INVITO FEDERAZIONE FONTANA PAOLO ARNOLD CLASSIC USA FRISINGHELLI ENRICO INVITO FEDERAZIONE kg PENNAZZATO LUCA INVITO FEDERAZIONE SALVATORI ORAZIO INVITO FEDERAZIONE

CLASSIC BODY BUILDING TORRICELLI FABIO ERCOLANI MIRKO LEVAGGI GIORGIO VACCINO MARCO LUDOVICO ANTONIO BRANCACCIO GIUSEPPE PETRARCA MASSIMILIANO

JUNIORES

LUCA CORRADO GASPAROTTO WESLEY FICETOLA ROBERTO

GP VICENZA ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 EUROPEI 2012 INVITO FEDERAZIONE INVITO FEDERAZIONE ITALIANI 2012 EUROPEI 2012 EUROPEI 2012

MASTER BODY BUILDING

over 40 -80 kg BADOER EDDIE GP VICENZA over 40 -80 kg BARBI DANILO ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 over 40 -80 kg VALSECCHI STEFANO INVITO FEDERAZIONE over 40 -90 kg COCIMANO MARCELLO ITALIANI 2012 over 40 +90 kg CASTELLUCCIO GIUSEPPE ITALIANI 2012 over 40 -90 kg DELL'ORTO GIOVANNI GP VICENZA 50 MINOCCARI MAURIZIO EUROPEI 2011 50 VERGIANI ANTONIO INVITO FEDERAZIONE


TEAM ITALIANO A

R

N

O

L

D

C

L

A

S

S

I

C

M

A

D

R

I

BODY BUILDING

GASTALDI FEDERICA CORDIO ENZA fitness fitness fitness fitness

-163 cm +163 cm -163 cm -163 cm

body body body body body body body body body body body body body body

fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness fitness

bikini bikini bikini bikini

-163 -163 -168 -168

ARNOLD CLASSIC USA 2012 INVITO FEDERAZIONE

FITNESS

SEGGI CRISTINA BARNABA ILANIA CHERKEDA OLENA PICCONI FERDINANDA

ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 ITALIANI 2012 ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 INVITO FEDERAZIONE INVITO FEDERAZIONE INVITO FEDERAZIONE ARNOLD CLASSIC EUROPE 2011 EUROPEI 2012

BIKINI FITNESS

RAONE MARIA ROSARIA PEZZA ANNA IANNONE GIORGIA PROTINO GIADA

ITALIANI 2012 INVITO FEDERAZIONE LUDUS 2011 INVITO FEDERAZIONE

PHYSIQUE

physique + 163 cm PARISI ESTER physique + 163 cm SOTIROVA MONIKA

232

2012 2012 2012 2012

BODYFITNESS

junior GORUN DOINA - 158 FINO MARA - 158 MASIELLO MARTA over 35 MAGAZZINO GIUDITTA over 35 PRUNETI ROSSELLA over 35 SETTEMBRE ALESSANDRA over 35 RAFFONE GIUSY over 35 CAPALDO NANCY over 35 GIORDANI ANNAMARIA - 163 D'EMILIA DANIELA - 163 TANTARI ALESSANDRA - 158 BRANCIAMORE SONIA over 35 AULETTA GINEVRA - 163 ROMANO CRISTINA

cm cm cm cm

ITALIANI ITALIANI ITALIANI ITALIANI

ITALIANI 2012 INVITO FEDERAZIONE

D


Zero sensi di colpa Condimenti, salse, marmellate, sciroppi, per uno stile di vita sano e leggero. distributore esclusivo per l’Italia

Entra nel mondo BPR NUTRITION col tuo Smartphone o Tablet e scopri tutti i nostri prodotti!

www.waldenfarms.it

MAME srl via Gran Bretagna, 75-83 41122 Modena (IT) ph. +39 059.316.0000 info@bprnutrition.it www.bprnutrition.it


Undicesim

Alla ricerca di una Roma, 2 dic 236


Presto tutte le info sul FORUM

www.onewayfitness.it CLICCA QUI

ma edizione

a gloria imperitura cembre 2012 237


EVENTI C

A

L

E

N

D

A

R

I

O

SETTEMBRE 06-09-2012 08-09-2012

South American Championships

Montevideo, Uruguay

08-09-2012 09-09-2012

Fitness Expo

Lahti, Finlandia

20-09-2012 2012-09-22 28-09-2012 29-09-2012

40th Bodybuilding e Fitness Championship

IFBB International Womens Fitness, Bodyfitness e Bikini Fitness Sport Festival „Riga Pearl 2012”

San Juan, Portorico Riga, Latvia

OTTOBRE da stabilire

Nordic Championships

da stabilire

da stabilire

International Lituanian Cup

Klaipeda, Lituania

01-10-2012 05-10-2012

Arab Championship for Juniors, Men & Masters

Marrakech, Marocco

05-10-2012 2012-10-08

Women’s World Championships

06-10-2012 07-10-2012 11-10-2012 15-10-2012

International Savickas Sport Festival

13-10-2012 20-10-2012 26-10-2012 26-10-2012 29-10-2012 27-10-2012 27-10-2012 27-10-2012

238

Arnold Classic Europe

Bialystok Polonia St. Pölten, Austria Madrid, Spagna

Vyskov Fitness Grand Prix

Vyskov, Rep. Ceca

African Championship for Juniors, Men & Masters

Egitto

Eastern European Championships

Kazan, Russia

Ms. Olympia Bikini Amateur

Prague, Rep. Ceca

Belgian Federation Cup

Gent, Belgio

Grand Prix PEPA

Opava, Rep. Ceca


03-11-2012 03-11-2012

Cup of the Champions

Praga, Rep. Ceca

Cup of Prague

Moscow, Russia

06-11-2012 11-11-2012 World Men’s Bodybuilding Championships 18-11-2012

Guayaquil, Ecuador

The Mayor Cup

23-11-2012 26-11-2012

World Classic Bodybuilding Championships

29-11-2012 30-11-2012

Amateur Olympia

Kamensk, Russia Sofia, Bulgaria

Kuwait City, Kuwait

DICEMBRE 14-12-2012 17-12-2012

Budapest, Ungheria

World Juniors & Masters Championships

2 0 1 2

NOVEMBRE

GARE ITALIANE NOVEMBRE 24/25-11-2012

Peschiera del Garda

La Notte dei Campioni quaificante per Arnold Classic USA

GARE ITALIANE DICEMBRE Ludus Maximus quaificante per Mondiali, Europei, Giochi del Mediterraneo

L’elenco completo e aggiornato delle gare internazionali è su: www.ifbb.com

Online U p

s

Se disponibile, indica il link all’Inspection Report su IFBB.com o al sito ufficiale della gara.

Roma

te da

2-12-2012

239



IFBB UNIVERSE Anno 1 Numero 2