__MAIN_TEXT__

Page 1


COMANDO TRASPORTI E MATERIALI DELL'ESERCITO

IMMAGINI ED EVOLUZIONE DEL CORPO AUTOMOBILISTICO a cura di VALIDO CAPODARCA

VOLUME II (1940-1945) Roma 1995


Edizione a cu ra del Comando Trasporti e Materiali dell'Esercito Progetto grafico, videoimpaginazione e fotolito: Linotypia Vacuna s.r.l. Via Monti di Pietralata, 79 00157 Roma Stampa: Grafica Giorgetti s.r.l. Via di Cervara, 10 00155 Roma


Presentazione

La pubblicazione del I volume dell'opera ha riscosso unanime consenso sia da parte dell'ambiente degli "automobilisti", sia da quanti, attraverso la sua lettura, hanno potuto conoscere la genesi e lo sviluppo dell'automobilismo militare e le vicende degli uomini, arteficì di questo processo evolutivo. Sulla scia del successo del I volume si è innescato un costruttivo spirito di collaborazione da parte di appassionati del settore e di amici del Corpo Automobilistico che dopo un attento lavoro di ricerca hanno inviato interessantissimo materiale documentale e fotografico, prezioso per il completamento dell'opera. In questo clima di fattiva partecipazione, si è giunti alla pubblicazione del II volume, che si riferisce agli anni del secondo conflitto mondiale: anni difficili, di grande sacrificio in cui le Unità automobilistiche sono state presenti su tutti i fronti di guerra. Dalla lettura, si evince come l'ampiezza e la vastità dei teatri operativi imposero provvedimenti riordinativi ed organizzativi che influenzeranno la struttura, i compiti del Corpo e la sua collocazione funziona le nell'ambito dell'Esercito. La disparità delle forze e dei mezzi a disposizione dei contendenti, sia in termini quantitativi che qualitativi, hanno reso, senza timore di retorica, ancor più mimbile L'opera degli Automobilisti, chiamati ad assolvere compi ti decisamente superiori alle loro possibilità. Questa inconfutabile realtà viene chiaramente percepita dalla lettura delle vicende, rese vive e reali a_ttraverso il racconto e le testimonianze dei protago·nisti. E in questa ottica che la maturità professionale raggiunta dagli automobilisti, attraverso l' esperienza acquisita nei vari teatri di operazioni, ha consentito che essi assumessero sempre m.aggiori responsabilità nel campo della logistica, aeando- quindi- i presupposti per la definizione dell'organizzazione logistica di Forza Armata, negli anni successivi della ricostruzione. La lettura è scorrevole ed allo stesso tempo appassionante per il lettore, tale da consentirgli di penetrare nello spirito e nelle motivazioni di quei protagonisti che 50 anni fa hanno così nitidamente scritto pagine tra le più belle e gloriose del Corpo Automobilistico. IL CAPO DEL CORPO AUTOMOBILISTICO

DELL':T~M11');LL

114. 3


INDICE

PRESENTAZIONE

pag.

3

RINGRAZIAMENTI

))

5

INTRODUZIONE

))

6

Capitolo 1 -Il mondo in cammino verso la gu erra

))

8

Capitolo 2- La campagna sul fronte occidentale

))

22

Capitolo 3 - La campagna in Africa Orientale

))

34

Capitolo 4 - La campagna in Africa Settentrionale

))

56

Capitolo 5- La campagna dei Balcani

»

134

Capitolo 6- La campagna d i Russia

»

193

Capitolo 7-8 settembre: tutti a casa (o nei campi di internamento)

»

297

Capitolo 8 - La guerra di liberazione

»

317

Appendice: Gli automezzi dell' Esercito Italiano (1940-1945)

»

336

CONCLUSIONE

»

356

BIBLIOGRAFIA

»

358


el formulare il nostro ringraziamento, valgono ovviamente tutte le considerazioni espresse nella medesima sede in occasione della pubblicazione del primo volume di questa stessa opera. Non ripeteremo, pertanto, la storia delle vicissitudini che hanno condotto alla sua realizzazione. Ci limiteremo a indirizzare questo nostro grazie a: - tutti coloro che ci hanno fornito informazioni utili e i cui nomi vengono riportati nel corso del volume in- · sieme alle vicende narrate; -gli ufficiali del Corpo che prima di noi si sono cimentati nella stesura di alcuni dei presenti capitoli; alcuni di essi riconosceranno certamente la propria paternità su intere pagine, anche se formalmente un po' modificate, di questo volume;

N

- la Presidenza dell'Associazione Nazionale Autieri d'Italia (A.N.A.I.), in particolare nelle persone del suo presidente, generale Giuseppe Casa; del vice presidente, comm. Giuseppe Assirelli; del segretario, generale Dante Piglia poco; del generale Enzo Verzolini il quale, con il suo «1903-1943 QUARANTA ANNI DI STORIA DEGLI AUTIERI», edito nel1994, ci ha consenti to di arricchire di notizie e di particolari le pagine relative alle vicende storiche nelle quali si inquadrano quelle del Corpo Automobilistico; - il generale Dino Panzera, che ha avuto la pazienza di visionare l'intero volume, emendandolo di numerose piccole i m precisioni ed arricchendolo .c on il riferimento a vicende solo a lui note per la sua personale esperienza e la sua lunga attività di cultore e di studioso.

Inserita in questa pagina, questa foto è un ringraziamento che intendiamo rivolgere, non con parole ma con una immagine, ad uno dei personaggi che ci sono stati di maggior aiuto. Una foto che nasconde una storia intrisa di brivido e di mistero e che induce a riflettere. Campagna di Russia, 20 settembre 1942. Il sergente maggiore automobilista Attilio Scolari (con la bustina) si è recato presso le trincee a far visita al suo amico bersagliere Angelo Fabrizio (con l'elmetto) che, un mese dopo, morirà colpito al capo da un cecchino russo. Finita la guerra, e tornato in Italia, il sottufficiale si reca a dare notizia alla mamma dello sfortunato soldato, e quella: «Lo so -lo precede prima che egli abbia raccontato le circostanze- mio figlio è morto il21 ottobre, alle 7 e 30. Lo so perché proprio in quel momento egli è apparso su quella porta, mi è venuto incontro, mi ha dato un bacio sussurrandomi: "Addio, mamma!", ed è andato via». (foto A. Scolari)

~ING~AZIAM~NII

5


INI~ODUZIONt

6

l primo volume di quest'opera si chiule documentario e con l'inserimento di un deva nel maggio del 1939. Eravamo in adeguato numero di interviste a protagoSpagna, a Madrid, dove il Generalissi- nisti-testimoni, il capitolo si ampliava, fimo Franco, conclusa la Lunga guerra ci- no ad assumere lo spessore di un vero e vile tra i suoi nazionalisti e i repubblica- proprio volume, sì da far optare per la deni celebrava con una grande sfilata la sua cisione di pubblicar/o come libro a sé stanvittoria. te. I vari sottocapitoli sono stati, a loro La vittoria ? o non piuttosto la fine del- volta, promossi al rango di capitoli. la guerra, degli adii di parte, delle venIl paziente e prezioso lavoro compiuto da parte di chi ci aveva preceduto (in pardette? Ci appare opportuno ricominciare dal- ticolare quello, eccezionale per la ricchezla figura di ques to personaggio, almo- za di dati reperiti e la sua meticolosità, del mento in cui egli saliva al potere, per quel- colon nello Giovanni De Rosa), è stato la le ragioni che ne facevano, nella partico- solida base attorno alla quale e sulla qualare situazione del moment o, una figura le è stata disegnata l'intera architettura atipica rispetto a quella di altri capi di sta- del volume; l'autore ha apportato lievi moto suoi contemporanei. Mentre infatti tut- difiche di carattere forma le a ciò che era ta l'umanità si spaccava in due blocchi già stato approntato, al solo scopo di ideologicamente contrapposti, Franco da- uniformare i vari stili (essendo stati scritva l'avvio ad una generale opera di ricon- ti da mani diverse, i vari segmenti appaciliazione e alla ricostruzione del suo pae- rivano infatti troppo difformi l' uno dalse. l'altro), provvedendo poi ad arricchire i <<Siamo tutti Spagnoli!», fu il princi- vari capitoli di nuovi episodi, reperiti a sepio di qu esto dittatore un po' anoma lo guito di ulteriori J'icerche e nuove tes ti(sempre se mettiamo a confronto il suo moniaJne. Sono stati costruiti ex nova i :operato con quello di altri suoi contem- capitoli priino, quinto, settimo e ottavo, poranei) . che erano inesistenti o appena abboz~ati e Altro grande merito, riconosciuto a tutti sono stati corredati dell'apposita apFranco, è quello di aver saputo- reman- pendice dal titolo «Ascoltando chi c'era» . do contro corrente rispetto alla direzione in cui il mondo andava precipitando - tenere la Spagna fuori dell'incendio che sta- Articolazione del Volume va per divampare. Fortuna? abilità? preveggenza? Resta L'intero volume abbraccia gli anni che il fatto che né la lusinga di poter desina- vanno da/1939 a/1945, e spazia dallo re a fianco del vincitore, né la paura di ve- scoppio della Seconda Guerra Mondiale nirne divorato, furono sufficienti a per- alla Liberazione. suadere il Generalissimo dell'opportunità La successione con la quale gli argodi gettare il suo popolo nella folle avven- menti sono stati disposti, si ispira ad un tura, risparmiando ad esso, in tal modo, solo, elementare criterio: quello cronoloquei lutti che aveva già subito, e che da lì gico, che prende in considerazione la dain poi sarebbero tocca t i ad aItri. ta ufficiale di inizio delle operazioni sul Mentre la Spagna s i avviava così ver- fronte al quale ogni rispettivo capitolo si so la propria ricostruzione, la nave del no- riferisce. stro Paese filava invece verso quella traAvremo perciò, nell'ordine, dopo alcugedia che costituirà l'intero oggetto di que- ne pagine iniziali che richiamano cause e sto volu me. antefatti della guerra, e che il/ ustrano quaPer quanto attiene strettamente a que- . le fosse l'organizzazione del Corpo Autosto volume vorrei precisare che, nel piano mobilistico al momento dell'avvio delle dell'opera quale era andato delineandosi ostilità, i vari capitoli relativi alle vicena seguito di quaranta anni di tentativi, il de della guerra con tro la Francia, contro periodo della Seconda Guerra Mondiale l'Inghilterra in Africa Orientale e quindi costituiva soltanto uno dei capitoli (ov- in Africa Settentrionale, la Campagna dei viamente il più corposo) dell'unico volu- Balcan i e quella di Russia. I due ultimi me previsto, ed era articolato in una serie tratteranno le vicende legate al/'8 setdi sottocapitoli, dedicati ad ognuno dei tembre e alla Guerra dì Liberazione. In apfronti sui quali il conflitto si era svilup- pendice fi nale, verranno presentati gli au pato. tomezzi utilizzati dall'Esercito nel perioCon il reperimento di nuovo materia- do in esame.

I


In ogni capitolo si è usata, come nel primo volume, una tecnica simile a quella cinematografica, con un progressivo passaggio dal «campo lungo» al «primo piano» . Si comincerà con una panoramica sulle vicende storiche re la ti ve a quell' avvenimento o a quella campagna, per passare poi ad illustrare come l'attività del Corpo Automobilistico si sia inserita nelle stesse. L'immagine diverrà più circoscritta e. ricca di dettagli quando si passerà a raccontare La storia di alcune singole unità automobilistiche. Nella scelta di queste, non potendo ovviamente narrare le vicende di tutte, si sono privilegiate le maggiori e, tra le minori, quelle di cui ci sono pervenute relazioni e testimonianze più complete. Nell'ultima parte di ogni capitolo, quella dal titolo «Ascoltando chi c'era», l'obiettivo della cinepresa si restringerà ancora di più, per raccogliere dalla viva voce di qualche reduce le esperienze vissute in prima persona. Qualcuno potrà obiettare, in merito al titolo di questa sorta di rubrica: perché «chi c'era»? forse gli altri non c'erano? Puntualizziamo allora che il centro del-

La frase sta non in quel ((chi c'era», ma nel gerundio che lo precede: «ascoltando» . Si INTRODUZIONE deve intendere cioè che, mentre tutto ciò che precede è quanto emerge da documenti ufficiali, da relazioni, da diari storici, o da testi già scritti, ciò che verrà raccontato da lì in poi è stato, appunto, ((ascoltato» dalla viva voce del protagonista . Si tratta di memorie del tutto personali, che hanno lo scopo di ricostruire il clima di una vicenda, di visitarla dal di dentro, senza la presunzione di voler conferire il valore di storia a ciò che viene narrato. Questo- va puntualizzato- non perché vi siano ragioni per nutrire dei dubbi sulla sincerità o sulla buona fede del narratore, ma per l'angolo di visuale necessariamen~e ristretto dal quale egli può osservare un avvenimento: egli vedrà cioè nei minimi dettagli ciò che gli sta accadendo attorno; ma nel momento in cui lo vive egli non avrà mai, dello stesso avvenimento, una visione d'insieme. Saranno tanti, i reparti e personaggi nominati; ma abbiamo la consapevolezza, fin d'ora, che essi saranno solo una gocUn monumento che può assurgere a simbolo cia nel mare delle tante unità, di infiniti perenne della barbarie e singoli personaggi, dei quali non sono indell'illogicità della guerra: il feriori i meriti, ma che verranno, purSacrario di Marzabotto. troppo, necessariamente taciuti. (foto Onorcaduti)

7


CAPITOLO

l IL MONDO IN CAMMINO VERSO ·LA GUERRA '

. l mente orma1. asso d ato, e umversa riconosciuto, che le cause della Seconda Guerra Mondiale vanno fatte risalire alle contraddittorie e illogiche decisioni assunte a Versailles, nel giugno del 1919, quando vennero firmati gli accordi conclusivi della Prima Guerra Mondiale. Abbiamo già potuto riscontrare, nel capitolo quinto del primo volume di quest'opera, come la stessa Italia, pur schierata nel gruppo degli stati vincitori, era andata incontro a cocenti ed umilianti delusioni: al tavolo delle trattative, essa era stata considerata quasi un vincitore di seconda serie e ne era uscita con il classico pugno di mosche, per nulla proporzionato allo sforzo eco-

E

nomico sostenuto da l Paese, al mare delle settecentomila croci fiorite sui tanti sacrari, al milione di feriti o mutilati che portavano sulla loro pelle le conseguenze del conflitto. E se questa fu la sorte d i chi·aveva vinto, si può intuire quanto le decisioni fossero state devastanti per gli sconfitti. Esaminiamo, nazione per nazione, quali erano le ragioni che ognuna di esse poteva addurre per fomentare al suo interno lo spirito di rivalsa. Vedremo, così, che la stessa Russia, che pur era membro della Triplice Intesa e avrebbe potuto perciò sedersi a fianco dei vincitori, era stata invece pesantemente pena lizzata dagli accordi. Essa si era ritirata dalla contesa nel-

l l U'''l" ~~ .. 1~1"'

r~nm.. ,l,lt...:u,rr.t

. '

o

2~

.--·..,

"-

8

"

"•• km

~


l'ottobre del 1917 quando la rivoluzione interna, che da quello s tesso mese prese il nome, aveva portato alla caduta dell' impero dei Romanov, allo sterminio della famiglia e a ll'avvento del bolscevismo. Perciò, all a resa dei conti, essa venne trattata alla s tregua dei due Imperi Centra li sconfitti. Le vennero infatti sottratti tutti i territori che si affacciavano s ul Baltico, per la costituzione dei nuovi s tati di Estonia, Lettonia, Lituania e Finlandia. In pratica, il suo accesso sull'A tlantico s i era ri- · dotto alla sola città di San Pietroburgo, con lo sbocco al mare della Neva. Vasti territori le erano inoltre s tati so ttratti per ricostituire, ad un secolo dalla sua scomparsa, lo sta to della Polonia, e a sud, sul mar Nero, a favore della Romania. È evidente che una grande potenza come la Russia, in quel momento travagliata da enormi problemi interni, era stata cos tretta a subire passivamente ciò che altri s tati (soprattutto non europei) avevano deciso per lei. Ma è indubbio che nei suoi confronti era sta to aperto un conten zioso di vaste proporzioni del qual e, prima o poi, qualcuno sarebbe s tato chiamato a saldare il conto. L'avvento al potere di Stalin, pur con i metodi risa puti, dando alla Russia stabilità di governo, avrebbe creato le condizioni per la presentazione di qu esto conto. Passiamo ora ad esaminare la posi_ zione degli sconfitti . La Bulgaria, schiera ta a fianco d egli Imperi Centrali, era s tata privata del s uo sbocco al mare s ul Mediterraneo, a favore della Grecia . L'Impero Austro-Unga ri co sparì addirittura dalla scena d el pianeta, smembrato in una miriade di nu ovi s tati. Si trattava di stati, tuttavia, costruiti con una notevole forzatura essendo, i più, popolati da etnie diverse, che ben difficilmente avrebbero potuto coesistere. Gettiamo uno sguardo panoramico su alcuni di essi, La Cecoslovacchia e ra s ta ta «cos truita» mettendo ins ieme due popoli fo rtemente permea ti da sentimenti di individualità nazionalistica, cioè i Cechi e gli Slovacchi. Non solo, ma con essi erano stati chiama te a dimorare, all' interno dello stesso terri torio, forti mino ranze di Ungheres i, Romeni, e soprattutto Tedeschi. Qu esti ultimi, i più numerosi, raggiungevano i 3 milioni di abitanti, al riguardo dei quali non era certamente difficile preved ere l'aspirazione a un ricongiung imento con i loro connazionali.

La Serbia, che aveva fornito la scintilla per la deflagrazione del primo conflitto mondia le con l'assass inio, il 28 g iug no del 1914, dell'arciduca d ' Austria, venne in certo senso premiata da un lato, penalizzata dall'altro. Il suo territorio infatti accorpò il Montenegro, la Bosnia, la Croazia e la Sloveni a, ma il nuovo s tato non s i sarebbe chiamato Serbia, bensì Jugoslavia. Esso ospitava un coacervo di popoli divisi da secoli di odio e di lotte e tenuti, di volta in volta, insieme dall'Impero Ottomano prim a, poi dall' Impero Asburgico, ed ora fu s i in questo s tato di nuovissima cos tituz ione. Il problema più grave, tuttavia, era quello che sca turiva dalle decis ioni prese nei confronti della Germania. L' Austria, è vero, aveva forse subito la sorte peggio re, con il totale dissolvimento d el suo impero, ma era s tata ridotta a dimensioni tali da non costituire più perico lo e non poter più avanzare rivendicazione alcuna. La Germania, invece, pur duramente ferita, aveva conservato un potenziale dì territorio, di uomini e di capacità, che le avrebbero potuto consentire di rialzars i e, al momento opportuno, tornare a colpire con violenza ed efficacia. Essa infatti aveva perduto le colonie d 'Africa e del Pacifico, ma più g rave e doloroso era s ta to il sacrificio di g ran di porzioni del territorio naz ionale. Sul fronte francese, l' eterno rimpallo d ell'Alsazia e della Lorena, aveva riportato le due regioni sotto la Francia, e il con fine tra i due s tati era retrocesso sul Reno. Su l confine orientale, le rinunce furono a ncora più gravi, essend o andati p erduti i territori più a n ord per la costitu zione, insieme a quelli sottratti alla Russia, della Lettonia e della Lituania . Ma furono, soprattutto, quelli perduti per la ricostituzione della nazione pola cca, a toccare più sul v ivo l'orgoglio germ anico. Sui 32 milioni di abitanti che popolavano il nuovo stato, più di un terzo erano di lingua tedesca. Inoltre il territorio tedesco era tagliato in du e dal «corridoio di Danzica », ci ttà tedesca s ul mar Baltico, pos ta sotto s tatuto specia le della Società d elle Nazioni, su espressa richiesta d ella Polonia che intendeva, con essa, acquisire uno sbocco sullo s tesso mare. In definitiva, chi aveva tratto i maggiori benefici dall'accordo di Versailles, era sta ta proprio la Polonia, premiata ben o ltre le necessità e i meriti acquisiti in virtù della vittoria militare.

IL MONDO IN CAMMINO

VERSO LA GUERRA

9


CAPITOLO

l

Forse ancora più delle perdite territoriali e dei risarcimenti richies ti, soprattutto dalla Francia, per i danni di g uerra, furono le sanzioni di carattere morale a infliggere il peggior insulto alla Germania, in particolare l'essere s tata costretta a riconoscersi responsabile della s tessa guerra. Negli anni Venti, a seguito delle sanzioni imposte, l'economia tedesca agonizzava sotto il peso di una spaventosa recessione, tanto che s ia la Francia che l'Inghilterra cominciarono a re ndersi conto degli errori commessi e a prender coscienza d el fatto che una grande nazione come la Germania, con tu t te le sue r isorse e le capacità organi zza ti ve del suo popolo, non poteva res tare esclusa dal contesto dell'economia europea. Si in tervenne, p erciò, promuovendo un ingente pres tito internazio na le che permise alla neonata Repubblica di Weima r di stabilizzare la propria moneta. Ma il danno era ormai stato compiuto.

Hi tler al potere

10

Il nazionalismo, sempre presente nell'animo e nel carattere dei Ted eschi, spirava sempre più forte, dietro la spinta delle difficoltà economiche nelle quali la nazione versava per le dirette conseguenze della sconfitta. A profittare di questo spirito nazionalistico giunse sulla scena politica l'uomo più incline a fare di esso il portabandiera del proprio pensiero e d elle proprie azioni: Adolf Hitler. Era stato, questi, un combattente della Prima Guerra Mondiale nell a quale aveva ben meritato e che, dopo la sconfitta e l'umiliazione subita dal suo paese, aveva covato in se, forte, il desiderio .di riscatto e di rivalsa. Postosi alla guida del Partito Nazionalsocialista e soffiando sul fuoco dell'orgoglio patriottico, egli era riuscito, in due tornate elettorali, a farlo divenire il partito di maggioranza relativa. Come suo leader, Hitler ricevette dal presidente della Repubblica, maresciallo Von Hindemburg, la carica di Cancelliere. Tra i primi problemi che egli si trovò ad affrontare, ci fu quello economico: la Ge rmania non sarebbe mai potuta usci re dalla s ua crisi fina nziaria fino a quando avesse dovuto dipendere, per la s u a alimentazione, dagli acquisti all' estero, fino a che cioè non avesse raggiunto l' autosu ffi cienza. Ma per otte-

nerla, la sola via era quella di tornare in possesso dei territori, preminentem ente agricoli, perduti con il trattato di Versa i lles. Altro obiettivo perseguito da Hitler: ricondurre sotto un unico stato tutti i popoli di lingua tedesca (nasceva così il mito della razza superiore, in nome del quale sa rebbero state perpetrate le peggiori nefandezze). Per raggiungere l'obiettivo, Hitler si lanciò in una serie di iniz iative, parte sul fronte diplomati co, parte derivanti dalla innata agg ressività del personaggio, che lentamen te, ma inesorabilmehte, avrebbero condotto il mondo verso la più rovinosa guerra della storia. Ripercorriamo brevemen te le tappe di quegli avvenimenti che, nel volgere di poco pitt di tre anni, avrebbero condotto a lla d eflagrazione del conflitto. 117 maggio del1936 Hitler decideva la rimi lita ri zzaz ione della Renani a. Questa regione, solcata dal corso del g rande fiume, e ra stata sotto occupazione franco-inglese dal 1918 al 1930. In questo anno, in linea con il programma di riapertura politica alla Germania, venne posto termine all'occupazione, a condizione che la zona rimanesse smilitarizzata. Dopo sei anni invece, Hitler lanciava la sua sfida, inviando proprie truppe a rioccupare il territorio in questione. Si trattò di una occupazione più simbolica che reale, limitandosi il tutto all'invio di pochi battaglioni, soprattutto per l'opposizione degli alti comandi militari tedeschi. Il sasso nello s tagno era stato comunque lanci a to. Non restava, ad Hitler, che attendere le reazioni delle altre potenze europee e mondiali e queste non fecero che accettare il fatto compiuto. Erano trascorsi due anni e, il15 marzo del 1938, la Germania si annetteva l'Austria. Si trattò, in realtà, di una decisione che faceva seguito a un plebiscito, per cui l'Inghilterra e la Francia non avrebbero avuto nulla da obiettare. Queste, anzi, mostrarono notevole comprensione verso il desiderio di Hitler di riunire nel Reich tutte le popolazioni di stirpe germanica. Non poteva non ev id enz ia rsi una contraddizione: come avrebbe potuto conciliarsi la realizzazione di questo desiderio del cance lli e re, con la sopravvive n za di quegli sta ti sorti dal tra ttato di Versailles e nei quali vivevano milioni di tedesc hi? A questo punto s i e ra g ià innescato un perverso mecca nis mo- già più volte sperimentato nel corso d ella storia -


che si riduce a due termini elementari: vacchia, non rimanevano perciò che due due parti in tensione, un a delle quali, regioni: la Boemia e la Moravia, ma la IL MONDO nel tentativo di raggiungere il s uo sco- s tessa Germania provvedeva ad occupo, p rocede per gradi, saggiando la reaparle, il1 5 marzo, mentre l'Ungheria s i IN CAMMINO zione avversaria . Passata indenne per impadroniva della Rutenia. La Ceco- VERSO un grad ino, avanzerà s u quello successlovacchia era così liquid ata. LA GUERRA sivo. L'altra parte, no n anco ra disposta A questo punto, il sogno di Hitler di allo scontro, mostrerà s u ll e prime una rea lizza re la g rande Germania s tava certa acquiescenza, nella illusione che prend end o corpo: milioni di Tedesch i la controparte, appaga ta del ri sultato erano s tati recuperati alla madrepa tria conseguito, si astenga d al proseguire. e non era s tato ancora sparato un colUn passo dietro l'altro, la situazione po d i fucile. Si poteva, ora, puntare a perverrà a un punto dal quale il primo · oriente, a qu ei territori ceduti alla Pocontendente non avrà più alcuna poslonia. s ibilità di tornare indietro, mentre l'alNumerosi storici concordano nel sotro non avrà più spazio p er indietregs tenere che fossero sincere, almeno sul giare ... e sarà la gu erra. momento, le aspirazioni di Hitler ten d enti alla sola res tituzione d ell a cit.tà e Nella fattispecie, l'oggetto d el contendere si spostava, a questo punto, ~;ui del porto d i Danzica e alla costru zione territori della Cecoslovacchia, in partidi un'autostrada e di una ferrovia, con colare i Sudeti, abitati da una larga magcara ttere di ex traterritorialità, che congioranza di Tedeschi. Appellandosi a giungessero la Germania alla Prussia un principio sancito proprio dagli acorientale. L'affermazione è credibile, se cord i di Versailles, H itler passò a resi considera che al di là della Polonia c'eclama re l'autodeterminaz ione dei suoi rano gli odiatissimi bolscevichi e che ad connazionali residenti nella regione. Ma Hitler doveva apparire conveniente tealtre minoranze reclamavano lo stesso nersi buoni i Polacchi, proprio con fundiritto s ullo stesso territorio, e cioè la zione antirussa . Di fronte però alla rivendicazione tedesca su Danzica , e al polacca e l'ungherese. secco no della Polonia, l'Inghilterra riLa conferenza di Monaco, convocata per dirimere la questione, vide Musspond eva assicurando a quest'u ltima il solini protagonista nella parte di meproprio intervento contro chiunque atdiatore e, almeno per quel giorno, di tentasse all' integrità del suo territorio. salvatore della pace. Nella circostanza, Una promessa che deve essere consideegli compì infatti un piccolo capolavorata azza rdata per due ragioni: in primo ro d i astuzia diplomatica _riuscendo a luogo perché per mantenere l'impegno limitare le richies te di Hitler che in sa rebbe stato necessario q uantomeno il realtà avrebbe voluto formularle anco- sosteg no d ella Russia, che invece non ra più ampie, ma che avrebbero potuto era s tata neppure interpellata; in secongià essere una dichiarazione di guerra. do lu ogo perché la promessa di tale appoggio non fece che accrescere la prePer quella volta, la pace era salva e una parte del mondo si illuse che lo sarebsunz ione dei Polacchi che a rrivarono be s tata per sempre. perfino a ipotizzare una «cavalcata su Berlino», in caso d i scontro. L'accordo sanciva la restituzione dei Sudeti alla Germania. A seguito dell'iniziativa ing lese, HiSubito dopo, anche la Polonia e l'Untler fece cad ere ogni atteggiamento di gheria si impadronivano dei territori modera zione nei confronti della Polocecoslovacchi rispettivamente da esse nia e reagì con una mossa che colse tutrecla mati. ti di sorpresa: soffocando l' avvers io ne Co n l'accordo di Monaco, la Ceconei confronti d ei sovietici, il 23 agosto s lovacchia si ritrovò ad essere un paed el '39, a Mosca, s tipulò con Stalin un se smembrato e pros trato, ma non bapatto di s partizione d el territorio pos tò! la cco (anche la Russia, si ricorderà, coLa malferma coesistenza di Cechi e me la German ia, era stata depauperata di parte del suo territorio per la costiSlovacchi veniva successivamente erosa da un lavorio di diplomazia sottertuzione dello stato polacco). La guerra, ranea dei n azisti, fino allo scoppio di a ques to punto, apparve a tutti inevimoti ins urrezionali a Bra tislava, il 14 tabile. Inutile e quasi patetico, un tenmarzo del1939, con i quali gli Slovactativo di Mussolini, il 31 di agosto, di chi proclamavano la propria indipenconvocare una nuova conferenza. Il1 o denza da Praga, e si ponevano so tto la settembre 1939 l' esercito ted esco inva tutela della Germania. deva la Polonia, sottomettendola inteDi tutto ciò che era s tata la Cecosloramente in meno di un mese.

11


CAPITOLO

l

Il 3 settembre, sulla base dell'impegno assunto, l'Inghilterra dichiarava guerra alla Germania, seguita poco dopo dalla Francia .

Sviluppi de lla Guerra Tracceremo ora, per sommi capi, gli sviluppi del conflitto sui vari teatri di o perazioni, per tornarvi poi, più dettagliatamente, nei capitoli che seguiranno. La posizione dell'Italia, all'inizio d elle ostilità, era stata di neutralità. Come dichiarato a Hitler dallo s tesso Mu ssolini, l'Italia non sarebbe stata pronta prima del 1943, a m eno che la Germania non avesse fornito s ubito le armi e i materiali necessa rri. La lista di questi materiali, che venne presentata da Mussolini, era talmente impressionante «da uccidere un bue, se questi avesse saputo leggere» (sentenziò qualcuno) tanto che lo s tesso Hitler preferì rinunciare a qua lsiasi aiuto, mostrando di esser grato a Mussolini se l'Italia s i fosse limitata a manten ere la su a neu tralità. La sola azione intrapresa dal nos tro Paese, mentre si accendevano i prim i fuo chi, era sta ta l'occupazione dell'A lbania, nell'aprile del 1939, un'azione che non può neppure essere definita bellica, in quanto l'impresa godeva del gradimento della stessa popolazione albanese, e non costò neppure un a cartuccia di fucile.

12

La Seconda Guerra Mondiale era cominciata ma, nella fase iniziale, il suo andamento non fu analogo a quello della Prima; non fu cioè come lo scoppio di enormi energie represse, quasi l'esplosione di una pentola a pressione. Al contrario, dopo la campagna di Polonia, i primi otto mesi furono caratterizzati da scontri aerei e navali, del tutto sporadici e occasionali. Il co nflitto vero e proprio si aprì su un fro nte fin o a llora insospettato: la Norvegia. Vediamo perché. La Germania, povera di ferro e di nichel, doveva importare dalla Svezia, via mare, 1'80% del suo fabbisogno. Di vitale importanza era perciò, per gli Ang lo-Francesi, interrompere questo traffico ma, poiché la navigazione avve niva in acque territoriali norvegesi, il ra ggiungimento d ell'obiettivo non avreb be potuto essere con seguito se nza infrangere le leggi internazionali s ulla navigazione. E furono gli Inglesi, i primi a farlo, attaccando in acque territoriali

norveges i una nave tedesca con prigionieri inglesi a bordo. Due giorn i dopo, le coste norvegesi vennero minate, azione propedeutica per un'invasione in forze della Norvegia da parte degli a llea ti. Senonché i Ted eschi, avuto il sentore di quanto si s tava tramand o, giocarono d'anticipo, e occuparono per primi tutti i p orti norvegesi. Si accesero, violenti, i combattimenti, che s i conclusero il 7 giugno, con gli Anglo-Francesi che dovevano cedere il campo, anche per la disfatta che si stava profi lando, contemporaneamente, sul fronte frai1cese. Mentre erano in pieno svolgimen to i combattimenti in territorio norvegese, la Germania sca tenava un veemente attacco alla Francia. Benché questa nazione avesse mantenuto, fino a quel momento, un profilo più basso e prudente, almeno rispetto al suo alleato inglese, dal quale era stato, in un certo senso, «portato per mano», il suo esercito veniva cons id era to, e a ragi one, il più potente del mondo, per numero di divisioni, p~r qu alità e quantità di p ezzi di artiglieria, pe r numero e tipologia di mezz i corazza ti. Eppure, tutto questo potente apparato si sgretolò in soli 38 g iorni. Come questo sia s tato possibile è deducibile dalla seguente analisi. Tre gli errori di fondo dei Francesi: l'eccessi va fiducia nella solidità della linea Maginot, l'errata convinzion e di una impossibile avanzata nemica attraverso la fores ta delle Ardenne, l'ossessione d i un a replica del «Pian o Schlieffen», applicato dai Tedeschi durante la Prima Guerra Mondiale. Questo piano, come molti sapranno, era stato realizzato invadendo il Belgio e puntando poi verso Parigi. In effetti, l'inizio delle operazioni appariva come una copia del precedente piano: i corpi corazza ti del generale Guderian, dopo aver violato la neutralità di Olanda e Belg io, il13 maggio attraversarono la Mosa a Sedan. I Francesi, · p er tamponare la falla, trasferirono a l nord ben 41 divisioni, lasciando in pratica sguarnito il settore delle Ardenne. Proprio da questo varco, ritenuto a torto impenetrabile, si infilarono le forze motorizzate e corazzate tedesche, prendendo a lle spa ll e le 41 divisioni inviate in soccorso del Belgio e tutto il corpo di sp ed izi one ing lese, forte di 400 mila uomini. Q uesti riuscirono a s tento a sottrarsi alla cattura, imbarca nd os i a Dunkerque tra il 27 maggio e il 4 giugno, ma lasciando nelle mani nemi-


che tutto l'armamento e l'equipaggiamento. 11 21 giugno la Francia, a Compiegne, firmava la propria capitolazione. Fu proprio nei giorni precedenti la capitolazione della Francia, che l'Italia, smentendo la sua dichiarazione di neutralità, entrò nel conflitto, attaccando sul fronte delle Alpi. Una campagna brevissima: dopo una decina di giorni, la stessa capitolazione della Francia davanti ai Tedeschi, portava all'armisti' zio con l'Italia. Rapidamente, la guerra si estese a macchia d'olio, divenendo appunto mondiale. In Africa Orientale, essa apparve come un fatto privato tra l'Italia e l'Inghilterra. Le operazioni presero avvio nell'estate del 1940 e, dopo gli iniziali successi italiani, si assistette ad una progressiva avanzata degli Inglesi. Inferiori per armamento e privi di qualsiasi aiuto dalla madrepatria, gli Italiani resistettero fino all'autunno del 1941, quando la caduta degli ultimi presidi portò alla fine del vagheggiato Impero. Anche in Africa Settentrionale le operazioni presero avvio con un attacco italiano verso le postazioni inglesi in Egitto, partendo dal territorio libico.

Dopo un inizio favorevole, anche qui gli Inglesi contrattaccarono, costringendo gli Italiani a indietreggiare con gravi perdite. Solo l'intervento dei Tedeschi, al comando del generale Rommel, ricacciava gli Inglesi in Egitto. Dopo alterne vicende, la campagna si coneluse con la battaglia di El Alamein, nell'ottobre del1942, e la cattura degli ultimi reparti superstiti, rifugiatisi in Tunisia, nel maggio del 1943. 1122 settembre 1940 intanto, a Berlino, era stato firmato il patto tripartito tra Germania, Italia e Giappone, con il quale venivano definite le rispettive sfere d'influenza. La mancata adesione della Russia, era il primo segnale dell'incrinamento dei rapporti, che sarebbe sfociato poi nell'attacco da parte della Germania. Questa, dopo aver sottomesso la Francia, continuava con accanimento la sua guerra contro l'Inghilterra, portandola sullo stesso territorio inglese, in particolare su Londra, sottoposta a martellanti e devastanti bombardamenti. Lo spirito degli Inglesi non venne fiaccato, anzi costituì un grosso smacco per i Tedeschi e una corroborante iniezione di fiducia per gli avversari, il bombardamento da questi

IL M ONDO IN CAMMINO VERSO LA GUERRA

Un gesto solenne, in quel momento, ma tragico col senno del poi e di quanti erano allora in possesso di un minimo di preveggenza. Galeazzo Ciano e Adolf Hitler si scambiano i protocolli dopo la firma del «Patto d'Acciaio» (foto SME - Ufficio Storico).

13


Altra storica immagine della firma del «Patto d'Acciaio" da parte di Ciano e Ribbentrop (foto SME • Ufficio Storico).

14

portato sulla s tessa Berlino, violando il di Hitler, consentendo ai Russi di riorganizzarsi. cielo tedesco. La guerra si estendeva anche al fronL'Italia era intervenuta nella camte balcanico quando, nell'ottobre d el pagna con un corpo di spedizione di 60 1940, l'Itali a attaccava la Grecia. Remila uomini, pari a un Corpo d'Armaspinti anche qui dai Greci dopo gli inita (il CSIR). Nell'estate successiva vennero inviati altri due corpi d'armata che ziali successi, per i nostri l' occupazione della penisola balcanica, Jugoslavia sommati a quello già sul posto, costituirono 1'8<1 Armata (ARMIR). compresa, veniva resa possibile solo nell'aprile del1941, con l'intervento di Incuranti delle perdite, e più adusi forze corazzate tedesche. Seguiva un a sopportare i rigori dell'inverno, i Ruslungo periodo di occupazione, caratte- si contrattaccarono poco prima del Narizzato dalle lotte contro i partigiani, fitale del '42, costringendo i Tedeschi e i no all'8 settembre 1943. loro alleati ad una disastrosa ritirata. Nella primavera del'41, l'accordo La guerra, per i Tedeschi e gli Italiatra Germania e Russia, nato non sulla ni, assumeva colori sempre più foschi, base della identità di vedute ma della specie dopo l' intervento degli Stati Unimo.m entan ea reciproca convenienza, tC a loro volta impegnati anche sul froncadde allorché questa venne meno. te del Pacifico contro il Giappone. Secondo g li intenti di Hitler, la RusNel luglio del1943 g li Americani efsia avrebbe dovuto indirizzare il profettuarono lo sbarco in Sicilia. prio settore di influenza verso il sud Il precipitare degli avvenimenti proasiatico. Quando egli si avvide che le vocava in Italia la cadu ta del Fascismo mire di Stalin erano rivolte invece ver- · (25 luglio 1943). so il Mar Nero e i Balcani, comprese che Con l'armistizio dell'8 settembre l'Eanche la Russia era tornata ad essere un sercito italiano andava in dissolvim ennemico del quale occorreva liberarsi al to. L'Italia diveniva un nuovo nemico, più presto. per la Germania, che ne occupava il terNel g iu gno del'41 egli inviava un ritorio. poderoso esercito di 3 milioni di soldati Molti soldati italiani vennero fatti che travolse ogni resisten za, riuscendo prigionieri dall'ex alleato in tutti quei a impadronirsi di tutte le principali città territori sui quali si trovavano a convivere e a combattere insieme fino a posovietiche; tutte ... meno Mosca, davanti alla quale, quel medesimo genera le inchi giorni prima. verno che 130 anni prima aveva fermato Alcune unità tentarono di resistere, le armate di Napoleone, bloccò quelle come la gloriosa Divisione «Acqui » a


Cefalonia, col risultato di veder tutti massacrati i suoi effettivi. In Italia, in Francia, nei Balcani, continuarono le lotte dei partigiani per la liberazione dall'occupante. Il 12 settembre 1943 Mussolini, prigioniero sul Gran Sasso, veniva liberato dai Tedeschi. L'Italia si trovò spaccata in due con la costituzione della Repubblica di Salò al nord, di ispirazione fascista e alleata dei Tedeschi. Nel gennaio del1944, a Verona, venne celebrato il processo contro coloro che, sei mesi prima, avevano provocato la caduta del Fascismo. I colpevoli vennero fucilati; tra di essi, lo stesso genero di Mussolini, Galeazzo Ciano e il generale Emilio De Bono, già comandante delle truppe nella guerra !taioetiopica. 116 giugno del1944, guidati dal generale Eisenl\0wer, gli Americani effettuarono il celebre sbarco in Normandia, che segnò l'inizio della liberazione della Francia. I combattimenti proseguirono ancora per quasi un anno (memorabile la battaglia delle Ardenne). In Italia, gli Americani intanto risalivano lentamente la penisola, effettuando nuovi sbarchi, come quello di Anzio, o ingaggiando feroci combattimenti, come quello di Montecassino. Il 25 aprile 1945 l'Italia veniva finalmente liberata. La Germania, benché sottoposta a

continui bombardamenti che provocarono centinaia di migliaia di vittime, specie a Berlino, resisteva ancora, fino a che, presa nella morsa di due eserciti, quello degli alleati a ovest, e quello sovietico a est, dovette capitolare. 111 o maggio del1945 Berlino cadeva. Hitler non resisteva alla caduta dei suoi sogni di riscatto per il suo paese e si suicidava. Appena due giorni prima, a Dongo, presso il confine svizzero, era stato cattura t o e ucciso dai partigiani anche Mussolini. La guerra, in Europa, era finita; resisteva caparbiamente e da solo, nel lontano oriente, il Giappone, e chissà quanto tempo avrebbe ancora resistito se il 6 agosto 1945 a Hiroshima e il 9 agosto a Nagasaki, due ordigni di nuova invenzione, i soli per fortuna utilizzati fino ad oggi per scopi bellici, non avessero provocato centinaia di migliaia di vittime. Davanti alla bomba atomica, anche il Giappone alzava le braccia.

Dal balcone di Palazzo Venezia Mussolini si appresta a dare una grande notizia alla Nazione. L'Italia ha dichiarato guerra agli Stati Uniti(!) (foto SME Ufficio Storico)

Organizzazione del Corpo Automobilistico all'inizio delle ostilità Prendiamo come data di riferimento quella dell'ingresso in guerra dell'Italia, cioè il10 giugno 1940. A presiedere alle attività del Corpo Automobilistico, a livello centrale, c'erano la «Direzione Superiore del Ser-

15


CAPITOLO

l

Esemplare di foglio di marcia in uso nel periodo bellico. L'originale è stato fornito da Giuseppe Assire/li, Vice Presidente deii'A.N.A.I. e Presidente della Sezione di Lugo di Romagna.

v1z10 A u tomobilistico», inqu adrata nell' «Ispettorato Superiore Servizi Tecnici» e la «Direzione Generale della Motor izzazione». La Direzione Superiore del Servizio Automobilistico aveva autorità su : - 18 centri automobilistici; - 15 uffici automobilistici di corpo d'armata; - 6 autoraggruppamen ti; - 124 autore parti; - SO autodrappelli; - 463 autosezioni. C'erano inoltre, sempre inquadrati nel Servizio Motorizzazione: - u na direzione trasporti e tappe presso ogni armata;

N._!...f.l:.. d'orùin~ PAR·T E Il (l) ...................... """" ...... " .............................. " . " .

FOGLIO DI MARCIA (Tipo d ell'autovcicol<>)

-~!.~1.. ....tf t'-/_ .....

(Numero di targa) (J}

E' /?::f./ 4/'/

/ f.-:!. ....?J~. ..... (}] !2~' -.rf~..~ '

(Reparto cui appartiene) ...

L 'autoveicolo esce dalla rimessa alle ()""

deL.......................... (dato)

per

~ -~ - l-,/

..... - ................

o/)

..... .... ...

..

(aervlzlo che deve oonw lc.rc e Pl"r •;ut'llt J::-!C"J

.a c-/ t; f,

/ / / C·

. .. ---~·-··0·-'-···· ·d _(.·~············

.............. ... . . ············-····

!.!..-:: _rf:~-~--. ~----·····-·······

(Bot.o che ha ordinato U \'IAI'lr lll) ....

con· foglio ...........- ...................................................._ .... .. .... in data .......................................- ......................................

dd ................................................................................. .. ..........

Firma

AvvE RTENZE. Ln presenl.c Porte 2• v it ne r il irntn dnl cont.roJJo nll'uscitu dello mncchiun e consegnnto ~io rnnlmrnt e dopo il rie ntro df'llu mucchiuo nssiewo ulln Purte 33 ttJ Co · mondo del repattO.

16

- parchi automobilistici d'armata, corpi d'armata e d ivisione; - depositi materiali auto; - depositi carburanti. Dalla Direzione Generale della Motorizzazione dipendevano invece: - l ufficio autonom o approvvigionamento auto; - l officina automobilistica esercito; - l centro s tudi motorizzazione; -l deposito materiale automobilistico; - 2 magazzini riforni~ento materiale auto per Sicilia e Sardegna. Fra tutti g li organi sopra elencati, merita fornire alcuni cenni indicativi sui 18 centri automobilistici, enti preposti- fra altre molteplici funzioni- alla mobilitazione, alla costituzione e all'addestramento delle unità automobilis tiche per tutta la forza armata. Indicheremo di ognuno, estremamente succinti, i dati relativi al numero distintivo, alla sed e, al nome del comandante alla data suindica ta, e, d ove esistono, pochi altri elementi utili. Il l o Centro Au tomobilis tico aveva sede a Torino. Era stato costituito nel 1920 e, proprio in quei giorni, assum eva il comando il tenente colonnello Mario Frassati, che subentrava al pari grado Carlo Montrucchio . Sarebbero seguiti, in r apida successione, il colonnello Ermanno Bottaro, il tenente colonnello Arnoldo Girola, ancora Frassati e di nuovo il colonnello Montrucchio, prima che qu est'ultimo prendesse la via d ella Russia, con l' ARMIR, a l comando del l0° Autoraggruppamento . Aveva distaccamenti a Ca mbiano, Orbassano, Gozzano, Monteu da Po e, dal 1941, altri 2, ris pettivamente a Piobesi e Boschetto. 112° era invece ad Alessandri a. Allo scoppio delle ostilità aveva al suo vertice una «gloria» del Corpo Automobilistico: l' onnipresente colonnello Tullio · N icolardi, che chi ha letto il primo volume ricorderà primattore in Libia e in Somalia. Lo s tesso Nicolardi era subentrato, al Comando del Centro, ad un altro personaggio cui molto deve il Corpo s tesso, soprattutto per la messe di notizie che egli ci ha lasciato, con la sua a ttività di comandante-scrittore d el10° Autoraggruppamento nei Balcani prima e dell2° in Africa Settentrionale poi: il colonnello Giuseppe Papi. Dis tacca menti a Cuneo, Genova, e Pecetto d i Va lenza.


113°, di Milano, costituito nel1920, ebbe per tutta la durata del conflitto, cioè dal giugno del '40 al settembre 1943, un solo comandante, il colonnello Pier Alessandro Sforza, il quale era succeduto ad un pari grado che si sarebbe successivamente distinto in Russ ia, Genesio Ninchi. Distaccamenti a Piacenza, Parma, Brescia. Il 4° aveva sede a Verona, con distaccamenti a Trento, Pontevigodarzere, Bolzano, Appiano. Ebbe al suo comando ufficiali il cui nome non incontreremo mai nel corso della narrazione (i l 10 giugno del 1940 era la volta del colonnello Aldo Silvestro). Vedremo invece apparire più volte il nome di reparti mobilitati da questo stesso Centro, a testimonianza della sua vitalità. Il 5° era a Trieste e, alla dichiarazione di guerra era comandato dal colonnello Ettore Perdicchi, nome che avremo modo di incontrare di nuovo alla guida di autoraggruppamenti. Aveva un distaccamento a Cervignano del Friuli. 116° era di stanza a Bologna e, dopo aver avuto quale comandante il già nominato Ninchi, cui era subentrato il tenente colonnello Achille Paolini (ri~ro­ veremo, anche questo, in Russia) vedeva allora al Comando, in quellO giugno, il tenente colonnello Salvatore Spataro. Aveva distaccamenti a Ozzano Emilia, Budrio, Ancona, Casalecchio di Reno, Castel San Pietro. Centro estremamente attivo, non si contano i reparti da esso costituiti. Nel 1937, inviò 2000 autieri in Spagna. Il 7°, stanziato a Coverciano, periferia di Firenze, era allora comandato dal tenente co lonnello Adolfo Faronato. Due anni dopo sarebbe subentrato il colonnello Sergio Biffoli, già decorato della Prima Guerra Mondiale, e che nel frattempo si er.a fatto molto onore al comando del 6° Autoraggruppamento, nella campagna di Grecia. Aveva un solo distaccamento, a Livorno. L'8°, di Roma, vedeva invece al suo vertice, in quella data, proprio Giuseppe Papi, subentrato al colonnello Gustavo Siniscalchi, già attivo in Libia, all'inizio degli anni Trenta, al periodo del mantenimento dell'occupazione. Distaccamenti a Gaeta e Forte Pietralata. Il9°, di Bari, aveva in quel momento, in qualità di comandante, il tenente

colonnello Umberto Zambordino. Tra i nomi più noti, prima della data in questione, il tenente colonnello Salvatore Leboffe, e l'immediato successore di Zambordino, colonnello Luigi Tolotti, che ritroveremo comandante di autoraggruppamento in Russia. Aveva numerosi distaccamenti, rispettivamente a Giovinazzo, Taranto, Rodi, Pescara, Chieti, e depositi carburanti a Monopoli, Locorotondo, Putignano, Noicattaro, Andria, Barletta.

IL MONDO IN CAMMINO VERSO LA GUERRA

Ill0° aveva Napoli, come sede della sua attività. Il lO giugno del1940 era al suo comando, già da 5 anni, il tenente colonnello Giulio Fiorentino. Tra i nomi di comandanti già noti, o che av.remo occasione di incontrare nel corso di questo volume, ancora il colonnello Lebeffe e, nel1944, il colonnello Oscar Postolis. Questi si sarebbe trovato a tentar di salvare il suo 132° Reggimento Autieri, nei giorni successivi all'8 settembre, prima che esso cadesse in mano tedesca. Dell'11 °, di Udine, i documenti non tramandano il nome del comandante a quella data. Prima erano transitati, sullo stesso gradino di Comando, l'ormai onnipresente Leboffe, e il colonnello Mario Nasi (ritroveremo questo nome nel corso della campagna in Africa Orientale). Il 12° era a Palermo, ed era comandato dal colonnello Giuseppe Spatafora. Tra i nomi per esso transitati ricorderemo il tenente colonnello Ottorino Gendusio, già conosciuto per i ruoli ricoperti nella campagna d'Africa e in quella di Spagna. Aveva un distaccamento, a Messina. Il 13° aveva sede a Cagliari, ed era allora agli ordini di Oscar Postolis. Tra i nomi già transita ti per lo stesso Comando, e che ritroveremo in Russia, il tenente colonnello Giovanni Cairo. Proprio nel 1940 erano stati costituiti: il14°, con sede a Treviso, comandato dal colonnello Giulio Astuti; aveva distaccamenti a Pontevigodarzere, Osoppo, Postioma, Porto Marghera, Lavadina; il15°, che era a Savona, dove era stato trasferito da Genova, al comando del colonnello Giovanni Pezzino; aveva distaccamenti a Pietra Ligure, Vallenosia, Cogoleto e Pra.

17


CAPITOLO

l

Non bisogna dimenticare che, oltre ai 15 centri distribuiti sul territorio nazionale, ne esistevano altri 3 sui territori delle colonie o comunque occupa ti e cioè: il20°, a Tripoli, allora comandato dal colonnello Aldo Mascarini; il 21 °, a Bengasi, comandato dal colonnello Federico Buonincontro (incontreremo ancora questo nome); il26°, a Tirana, allora agli ordini del colonnello Guglielmo Boscassi. Oltre alla formazione di numerose unità automobilistiche, esso avrebbe dovuto provvedere anche all'allestimento di 20 depositi carburanti e 6 officine di vario tipo.

Sviluppi durante il conflitto Mentre la gu erra -contrariam ente alle unanimi sensa zioni che la vedevano già in procinto di concludersi con la Germania vincitrice- si andava estendendo sempre più, nuove esigenze ordinative si presentavano, sempre più numerose, per far fronte alle crescenti necessità belliche. Nel1941 veniva così costituita la «Direzione Superiore del Servizio Tecnico della Motorizzazione». Contemporaneamente venivano costituiti anche l' «Ispettorato delle Truppe Motorizzate e Corazzate» e la «Direzione Generale dei Servizi Logistici». La Direzione Superiore ebbe compiti, per così dire, di Ispettorato nei confronti delle truppe automobilistiche e del Corpo Automobilistico s tesso. Es-

ASCOlTANDO CHI C'eRA

18

sa ebbe duplice dipendenza: -dall'Ispettorato delle Truppe Motorizzate e Corazzate, per le esigenze tecniche di quelle specialità; -dallo SME, per quanto riguarda il Corpo Automobilistico, nei confronti del quale però la funzione di vero e proprio ispettorato era svolta, come detto, da lla Direzione del Servizio Tecnico della Motorizzazione. La s tessa Direzione Superiore perse dipendenze e attribuzioni il 7 giugno del 1942, quando venne istituito l'Ispettorato del Corpo Automobilistico. Il nuovo ente rappresenterà l'elemento più alto e qualificato del Corpo, assumendo attribuzioni e mansioni analoghe a quelle degli altri ispettorati d'arma e di specialità già esistenti. A s ua volta, la Direzione Superiore del Servizio Tecnico della Motorizzazione, cessate le sue funzioni nei confronti del Corpo Automobilistico, passò alle dirette dipendenze dell'Ispettorato delle Truppe Motorizzate e Corazzate. Una tappa fondam entale, p er l'evolu zione s torica del Corpo, fu la tra sformazione d ei Centri Automobilis tici in Reggimenti Autieri, sancita con la circolare n. 38530/53/219 del19luglio 1942, ed entrata in vigore il 1 o agosto dello s tesso anno. I gloriosi Centri Autieri, dopo essere stati per anni gli organi esecutivi per eccellenza dell'automobilismo militare, cambiavano denominazione, adeguandosi, come ogni organismo, non solo militare, al mutare della realtà storica.

Il corpo d i sped iz ione ero costitu ito do Mentre Hitler portavo avanti il suo ma ldue divisioni, quattro battag li oni bersaglieri sono programmo teso o riscattare lo Gere un battagl ione d i corri L3. Uno delle due manio dalle um iliazioni sofferte allo fine dello Primo Guerra Mondiale e, posso dopo divisioni ero lo <dul ia», per lo quale operavo il 20r Autoreparto Misto. posso, fagocitavo stati e regioni od esso Tra gli effettivi di questa unità automoconfinanti, anche l'Ital ia , nel suo p iccolo, bi listico c'era Nilo LUNAZZI, classe 1913, si dovo do fare e, il 6 aprile 1939, occuattua le presidente del lo Sezione A.N.A.I. pavo l'Albania. Pur se organizzato con i criteri e i crism i • di Udine, che ci ho già accompagnati, nel dello sped iz ione militare, non si trottò d i uno primo vo lume, a compiere un viagg io indietro nel tempo, nello Soma lia del 1936, guerra vero e proprio. L'economia albonese ero già nelle nostre mani, e lo popolazione al tempo dello compagno ito lo-etiopico. Nel testo che seguirà, eg li ci svelerà alcuni aspeta lbonese ero nettamente fi lo ito liono. Nepti, quelli do lui vissuti, di questo strona ocpure un colpo di fuc ile venne quindi sparato. Si trattò perciò d i un'operazione inutile, cupazione. «Ero da poco rientrato a Udine dall'Ada l valore più di ripicca e risposto ai sucfrica, mi ero già fatto la ragazza, e facecessi tedeschi, che non d i conquisto rea le. vamo già programmi di matrimonio, quanSe un risu ltato lo conseguì, fu solo quello d i do mi giunse, ancora una volta, la cartoliind ispetti re l'Ing hilterra, che avrebbe estena di richiamo. Con questa in mano, mi reso le sue garanzie, in caso di attacco, ancai dalla fidanzata e, -Guarda un po' che che allo Grec ia.


bella sorpresa/?- le dissi, mostrando/e la cartolina. Ella ci stette a pensare un attimo, poi, filosoficamente: -Che ci vuoi fare?- rispose- se c'è da partire, parti. Ci sposeremo quando sarà possibile. Si era ai primj di aprile del 1939. In treno, il giorno stabilito dalla cartolina, mi portai o Bari, dove era fissato l'imbarco della Divisione "Julia". Il mio servizio di conduttore cominciò ancor prima dell'imbarco, già sulla terraferma. Con la mia autocarretta dovetti fare il giro della città, la sera prima, a raccattare per strada gli alpini ubriachi e recar/i al porto. Singolare il metodo usato per il/oro imbarco: così addormentati com'erano, venivano ammonticchiati alla rinfusa su delle reti, le stesse reti usate per il carico e lo scarico dei sacchi di granaglie. Afferrate dalle gru del porto, queste reti venivano issa-

te con tutto il/oro carico russante sul ponte della nave. Traversato l'Adriatico, sbarcammo al porto di Durazzo. Il 20r venne dislocato a M iloti, non lontano da Scutari. Esso era articolato su quattro autosezioni: una di autocarrette, due di Ceirano 50, e una di Spa 38/R. L'esercito albanese era invece equipaggiato con ciò che i nostri genitori avevano lasciato loro al termine della Prima Guerra Mondiale; lo stesso dicasi per l'armamento. Gli automezzi in loro dotazione erano i 15 ter, gli stessi lasciati a suo tempo dal nostro Esercito. Se i nostri padri fossero venuti con noi, avrebbero ritrovato Il la loro giovinezza». (Si ngolare destino, quello del l'Albania, uno terra dove il tempo sembro non scorrere mai, dove il termine «progresso» con i

È i/1939. Su strade come queste transitarono gli automezzi che avrebbero condotto gli Italiani alla «conquista» dell'Albania (foto N. Lunazzi).

19


CAPITOLO

l

Maggio 1939. Una piccola colonna di autocarrette percorre una mulattiera costruita dagli Alpini in Albania (foto N. Lunazzi).

20

suoi aspetti positivi o negativi, sembro bandito dal vocabolario; dove ogni coso , buono o cattivo che sia, sembro ibernarsi e conservarsi fino o che non verrò uno causo esterno o muto rio; uno mutazione che o suo volto durerò finché rimarrò attivo lo causo, per tornare poi, tutto, al lo immobi lità tota le. l nostri ragazzi del 1991 , - lo vedremo nel prossimo volume quando si parlerò dell' «Operazione Pellicano» -vi troveranno immutato tutto ciò che i loro nonni avevano lasciato nel '43, quando essi avevono lasciato l'Albania. Chissà che i nostri nipoti, fra 50 anni, non potranno fare la stesso constatazione? Chi vivrò, vedrò). «l 75 ter- continua il racconto de l Lunozzi - vennero versati presso il nostro reparto. Evidentemente i nostri autieri non de-

dicarono a quei gloriosi autocarri la stesso cura che avevano avuto gli Albanesi: alle prime gelate scoppiarono tutti i monoblocchi, ed essi vennero versati o/ Parco di Tirana. lo venni messo al comando di un nucleo di 6 autocarrette, a disposizione de/1'8° Reggimento. Eravamo acquartierati al confine con la Jugoslavia, in un paesino dove nessuno aveva mai visto un automezzo. Le nostre autocarrette si arrampicavano su per le mulattiere, a portare rifornimenti agli alpini, sparsi in località remote tra le montagne. Si andava finché la larghezza della strada lo consentiva. In punti prestabiliti, corrispondenti a quelli dai quali l'au-

tomezzo non sarebbe più stato in grado di proseguire, ci attendevano i conducenti alpini, coi loro muli, e il carico veniva trasbordato dal "mulo meccanico" a quello in carne ed ossa .. Soffrivano una fame nera, quei poveri alpini. Ce ne accorgevamo quando trasportavamo i carichi di lardo di maiale. Su di esso si avventavano famelici, tagliavano delle strisce con la baionetta (e si sa bene quanto grossolano sia il filo di una baionetta) e le masticavano con avidità. Non vedevano l'ora che un mulo morisse, per poterselo mangiare. Mentre ero lì, venni fatto sergente dal Comando del Reggimento. Poco tempo dopo mi venne concessa una licenza per recarmi a casa a sposarmi. Per richiederla, dovetti recarmi presso il Comando di reggimento, dislocato a Kukas. Prima un bel tratto con l'autocarretta poi, lasciata questa, due ore di interminabile cammino a piedi. Il colonnello me la concesse, ma ad una condizione: - Dovrai andare in licenza col berretto da alpino! - mi impose. - Non ho nulla in contrario - risposi ma il capitano Sordi mi strapperà la licenza, appena mi vedrà! Il capitano invece non mi strappò la licenza, ma andò su tutte le furie per un 'altra ragione: la mia promozione a sergente, conseguita senza che nessuno l'avesse interpellato.


Una piccola colonna di autocarrette è pronta alla partenza (foto N. Lunazzi).

- Quando torni faremo i conti!- mi minacciò, /asciandomi andare. Era un ufficiale terribile, il capitano Sordi, e di estrema severità. Arrivava perfino a far legare un conduttore al palo, e /a sciarvelo per ore, per una semplice rottura di balestra. Al mio ritorno dopo il matrimonio, il capitano non mi lasciò più tornare all'B o Reggimento, ma mi lasciò in sede, a fare scuola guida. In breve, mi trovai ad essere quasi comandante del campo, essendo affidate alle mie cure tutte le incombenze della giornata, che cominciava alle 3 di notte. A quell'ora infatti dovevo svegliare, uno ad uno,

gli autieri comandati di servizio. Da Miloti, si effettuavano servizi verso tutte le direzioni: verso Durazzo, o verso Santi Quaranta, dove ci recavamo a prelevare i rifornimenti per la divisione . La mia avventura in Albania sarebbe durata sette mesi, in totale. Partito a Pasqua del '39, venivo rimpatriato con licenza illimitata a dicembre dello stesso anno. Ma non sarebbe finita neppure lì: una nuova cartolina giaceva, pronta a ricevere sopra il mio nome di )ì a qualche mese, con destinazione Jugoslavia, a scrivere, con tanti altri, la storia del 757° Autoreparto Autobus del 5 ° Autoroggruppamento».

Il reparto di autocarrette si concede un breve riposo (foto N. Lunazzi).

21


CAPITOLO

2 LA CAMPAGNA SUL FRONTE OCCIDENTALE e c'è un fronte della Seconda GuerLo stesso Mussolini aveva fatto prera Mondiale le cui vicende hanno sente a Hitler, meno di un anno prima, catturato scarso interesse da parte che l'Ita lia non sarebbe stata pronta ad della pubblica opinione- tanto che mol- entrare in guerra prima del1943. Equeti sono addirittura all'oscuro del fatto sto, nonostante la scarsa competenza che esso sia mai esistito- è quello occi- d el Capo del Governo in fatto di cose dentale. Proprio su questo fronte premilitari, e l'ignoranza e l'inganno nel sero invece avvio le operazioni, che eb- quale i vertici militari solevano tenerlo. Significativa a lapidaria un'osserbero una durata di appena quattordici vazione del genero di Mussolini, conte giorni, sufficienti tuttavia a mettere insieme un coacervo di fatiche e sofferenze Galeazzo Ciano, nel suo «Diario» in datali da indurre a una riflessione su co- ta 23 agosto 1939: me esse si siano potute determinare. «Il Duce stasera è bellicista: parla di Lo schieramento italiano era sta to at- armate e di attacchi; ha ricevuto Pariatuato in chiave strettamente difensiva, ni che g li ha dato notizie buone su lla sianche in ottemperanza a ordini politici tuazione dell'Esercito. Pariani è un traditore e un bugiardo». che raccomandavano di astenersi, pur in stato di belligeranza, da iniziative offenPerciò, se lo stesso Mussolini giudisive nei confronti della Francia. Dal pun- cava necessari quattro anni di prepato di vista psicologico, i militari si culla- razione, nonostante i suoi genera li gli vano nell'opinione che un conflitto, su prospettassero una situazione molto piC1 quel fronte, non si sarebbe mai acceso. rosea di quella reale, si può giudicare . Invece, improvvisamente, nei primi quanto in realtà fosse grave l'imprepagiorni di giugno del1940, giunse l'orrazione del Paese. dine di passare a uno schieramento preFino a quel momento la stampa straoffcnsivo e quindi all'azione. niera aveva elogiato l'abilità del Duce Von Clausewitz aveva scr itto che nel tenere l'Ita lia fuori della mischia, «Attaccare la Francia dalle Alpi è come ma qualcuno si stava anche chiedendo voler prendere un fucile per la punta · che cosa in realtà egli stesse tramando. della baionetta ». Evidentemente nesPa rticolarmente preoccupati erano i suno degli ufficiali del nostro Stato Francesi, già in grosse difficoltà e prosMaggiore aveva letto Von Clausewitz, simi al tracollo sul fronte nord, ed ai perché era proprio questo, quello che quali l'apertura di un nuovo fronte a l'Italia si accingeva a fare. sud sarebbe stata fatale. L'ambasciatore Poincet aveva fatto di tutto per strapIl 10 di giugno segnava l'ingresso dell'Italia nella mischia. pare all'Ha lia un a promessa di non inSu ll'opportunità di sim il e decisione tervento, ma non aveva nulla da offripresa da Mussolini, specie col senno del re in cambio. poi, non ci sono più dubbi. Ma molti ve I Tedeschi intanto avanzavano, c le n'erano - c da parte di non pochi - anloro vittorie impressionavano Mussoche allora. lini il quale, il 10 giugno appunto, di-

S

22


chiara va guerra a Francia e Inghilterra. Continua ancora il Diario di Ciano: «Per primo ho ricevuto Poincet (. .. ) Dopo aver ascoltato la_ dichiarazione di guerra ha replicato: "E un colpo di pugnale a un uomo in terra. Vi ringrazio comunque di usare il guanto di velluto..." Mussolini parla dal Balcone di Palazzo Venezia. La notizia della guerra non sorprende nessuno, né desta eccessivi entusiasmi. Io sono triste, molto triste. L'avventura comincia. Che Dio assista l'Italia!». Ma perché questa decisione di Mussolini? Non era s tato certo Hitler a obbligarlo. Significativo un parallelo con quanto fatto dal Dittatore Franco il quale, invitato da Hitler a intervenire al suo fianco, aveva d ecisamente declinato l'invito, e non per questo avrebbe avuto a subirne conseguenze. «Datemi mille morti da gettare sul tavolo della pace!» avrebbe esclamato Mussolini, ma nessun testimone diretto poté mai dichiarare di aver sentito di suo orecchio questa frase. Molte le ipotesi formulate, ma forse la verità sta un po' in ognuna di esse. Qualcuno accenna a una certa irritazione dello stesso Mussolini nei confronti degli stati occidentali, dai quali

gli giungevano notizie di maltrattamenti e umiliazioni a mezzo s tampa inflitte ai nostri connaziona li. Altri sos tengono invece che egli si sentiva esasperato dalle continue notizie d i vittorie naziste, e dalla conseguente convinzione che esse mettessero in ombra l'Italia fascista. Secondo altri, la sparizione della Francia aveva aperto agli occhi di Mussolini lo spettro di una possibile invasione della stessa Italia: egli s i sarebbe perciò precipitato ad abbracciare il vincitore, prima di venirne schiaccia to. Secondo Randolfo Pacciardi, la decisione d el Duce fu frutto di quella che allora era la convinzione di tutti, anche dei più ottimisti tra i suoi avversari, e cioè che Hitler avesse già vinto la guerra; l'intervento avrebbe avuto perciò lo stesso fine di qu ello che, cinque anni dopo, avrebbe determinato quello della Russia contro il Giappone agonizzante: assicurarsi il diritto di sedere al tavolo dei vincitori. E c'è da aggiungere che Mussolini era stato fondamentalmente un antitedesco (basti ricordare le truppe al Brennero nel 1934, e la conferenza d i Stresa del 1935). Furono la Francia e l'Inghilterra, con il loro atteggiamento, a re-

LA CAMPAGNA SUL FRONTE OCCIDENTALE

1940, Torino. Automobilisti in attesa della partenza (foto Museo Storico).

23


Mussolini passa in rassegna le truppe sul fronte occidentale (foto SME- Ufficio Storico).

spin gerlo e a gettarlo tra le braccia di Hitler. Nei mesi della neutralità non erano infatti mancati atti ostili da parte di Inghilterra e Francia, quale quello di bloccare nella Manica navi italiane che portavano in Italia carbone tedesco. L'Italia perciò entrava in guerra, come si suoi dire ... in soccorso del vincitore, gettandosi contro un avversario ormai agli ultimi rantoli. Come stornare allora il nostro pensiero da un'immagine che vede una Italia-Maramaldo con un pugnale insanguinato in mano, e una Francia-Francesco Ferrucci a terra che scaglia il suo «Vile, tu uccidi un uomo morto!»? Ma torniamo ora, dopo questa sintetica e superficiale analisi di antefatti e cause, a quel10 giugno 1940. Sul campo di battaglia il soldato è posto solo di fronte al proprio dovere, e va va lutato soltanto per il modo e la misura in cui egli vi fa fronte. Le argomentazion i politiche e filosofiche stanno a monte, e non lo sfiorano. A queste pagine, il compito di fornire la pura cronaca degli avvenimenti, scevra da ogni considera zione di carattere moralistico.

l'occhio la mancanza di adeguata organizzazione. I necessarii supporti logistici erano carenti di mezzi, e non infondevano eccessiva fiducia per una manovra offensiva con prospettive positive. Si aggiungano le difficoltà inerenti alla situazione ambientale: la zona, dall'orografia tormentata, era servita da una rete stradale insufficiente e per d i più, nonostante la stagione avanzata, innevata in più punti; il servizio informazioni non aveva fornito un quadro chiaro circa la forza e la dislocazione del nemico; il clima continuava ad essere impietoso, ostacolando l'indispensabile rapidità dei movimenti tattici e logistici. Infine, il tempo per adeguare l'azione al nuovo disegno strategico era del tutto insuffici ente, e i mezzi del tutto inadeguati. Ma gli ordini ricevuti richiedevano esecuzione immediata. La sera dell'11 giugno, ecco pervenire ai Comandi del Gruppo Armate Ovest, della Ji! e della 4fl Armata, il telegramma del maresciallo Graziani: «Stato guerra contro Francia e Inghilterra ha inizio ore zero domani 11 corrente».

Le operazioni

24

Il rovesciamento di s itu azione colse le unità impreparate, e balzò subito al-

Fino alle prime ore del 14 giugno, non s i svolse nulla più che una normale attività di pattugliamento; ma alle


prime luci di questo giorno, il porto di Genova e la costa circos tante furono sottoposti a un bombard amento navale da parte di unità della Marin a france se messe subito in fuga dalla R.N. "Calatafimi", al comando del T.V. Brignole, M.O. al v.m . La reazion e fu-immediata, ma emotiva e poco ra zional e: quasi per rappresaglia, giunse l'ordine degli Stati Maggiori italiani di abbandonare l'atteggiamento difensivo e di preparare le

truppe per azioni di attacco, tese a conquistare posizioni tattiche che togliessero al nemico ogni possibilità di assumere ulteriori iniziative belliche. Ebbe ini z io, a questo punto, l'a ttività co nvulsa, incalzante, frenet ica dei re parti automobilistici impegnati nei tras porti di truppe e materiali, in lotta contro le difficoltà via ri e e cl i ma ti che, sempre senza notizie, anche appena sufficienti, su l nemico.

163° Autoreparto Autobus pronto a partire per le operazioni sul fronte occidentale (foto V. Noto).

Autocarri allineati su una strada di montagna al confine francese, pronti per effettuare il caricamento di fanterie dirette al fronte (foto Museo Storico).

25


CAPITOLO

2

Automezzi mimetizzati per sottrar/i agli attacchi dell'aviazione francese (foto SME- Ufficio Storico).

26

La 139!! Autosezione pesante fu impegnata subito per trasportare la Divisione «Brennero» nella zona di Susa; il 200° Autoreparto mis to trasferì la Divisione «Pistoia» nella zona tra Vinadio e Mo iola; il201 o Autoreparto misto fu impegnato dal14 giugno per la raccolta della Divisione «Cuneense». Mentre\ primi due reparti muovevano con lunghe autocolonne, il201 o impiegava i propri automezzi per nuclei o addirittura isolati. Enormi, in ambedue i casi, le difficoltà: i tempi disponibili erano troppo ristretti- in rapporto allo stato d elle strade - perché le autocolonne potessero dislocare le Divis ioni in corrispondenza di ognuna delle rotabili a cavallo d ella frontiera, pronte a muovere, anche all'improvviso, per le direttrici offensive. 1115 giugno lo Stato Maggiore, sentita l'autorità politica, decise di attaccare su tutto il fronte tentando di scardinare le posizioni difensive nemiche. Le operazioni dovevano avere inizio il più pres to poss ibile, in ogni caso non oltre il 23 giugno. L'ordine giunse al Comando Gruppo Armate Ovest la sera del 18. Fino a quella data gli organi dei trasporti divisionali (206° Autoreparto misto della «Tridentina», 124il Sezione pesante d ella «Sforzesca», 138'1 Sezione

pesante e 58° Autoreparto speciale della «Legnano») non erano s tati impiegati, ma ormai i tempi si facevano pressanti e, per consentire alle truppe combattenti di penetrare in territorio fr ancese il più profondamente possibile, occorrevano spostamenti repentini di forze. L'a ttività divenne concitata: dalla preparazione per l'ammassamento di uomini e mezzi, allo studio degli itinerari principali e di quelli alternativi, alla ricognizione delle rotabili, alla preparazione degli ordini di movimento, tutto venne concentrato in tempi estremamente contratti. N ell'ordine del 20 giugno, l'inizio delle operazioni veniva fissato per il mattino successivo: poche ore per organizzare il trasporto delle truppe, attraverso una delle zone più elevate e scoscese delle Alpi. Alle primissime ore del 21 i movimenti presero avvio. Come se il cammino non fosse già di per sé irto di ostacoli, ecco nebbia e neve a fornire il loro copioso apporto. Da ultimo, la class ica pioggia sul bagnato: bombardamenti aerei e tiri di artiglieria si sca tenarono, quasi a dare il colpo di gr azia alle possibilità di effettuare il trasferimento delle truppe della Ji! e 4!! Armata. Fu ciò che avvenne al 122° Autoreparto che, mentre procedeva tra enor-


mi difficoltà (specie per la neve) al tras porto delle truppe da Susa al Passo di Moncenisio, venn e fatto segno a un improvviso a ttacco di artiglieria. Le a utocolon ne si trovavano a metà salita: se s i fossero fermate per d efilare u omini e mezzi, sarebbe stato problematico ripartire, con sid era ndo il ca rico, il terreno innevato, e l'intensità del freddo; oltretutto l'Autoreparto non p oteva concedersi ritardi, nel rispetto dei piani s tabiliti dai Comandi di Grande Unità. Le. autocolonne perciò procedettero; benché il fuoco dei cannoni si facesse sempre più intenso, gli autieri continuarono a mantenere a regime i loro motori e il Pa sso di Moncenis io venne raggi unto nel rispetto delle tabelle di marcia. Il C.A. Alpino copriva il settore Baltea-Orco-Stura; la l 11 Armata agiva invece tra Moncenis io e Bardonecchia, la 411 nel settore Germanasca-Pellice. Il 21 mattina, con tutte le unità trasportate nelle posizioni di partenza, fu possibile dare inizio all'attacco. Nello s tesso giorno, la 41 il Sezione ambulanze raggiungeva Aosta e, in Valle Stura, località Pianche, veniva costituito un deposito avanzato di carburanti. Al termine della prima giorna ta di lotta la situazione era oltremodo fluida: il C.A. Alpino, con le Divis ioni «Pu-

s teria », «Tau rin ense» e «Alpi Graie» aveva attaccato su tutto il fronte ed aveva sopraffatto gli elementi di difesa nemica tra nne che s ul forte di Traversette che resis teva s trenuamente. La l il e la 4 11 Armata, pur rallentate nella loro avanza ta dal tiro delle armi automatiche nemi che che fa cevano fuo co da pcstazioni protette, e pur sfavorite dagli scoscendìmenti del terreno, erano riu scite a penetrare per circa un chilometro. I forti Janusse, Gondra nd e Chenaillette, con il loro fuoco di artiglieria, avevano bloccato la possibilità di ulteriore avanzata, mentre le condizioni atmos fer iche aveva no impedito un in tervento efficace dell'aviazione. Intanto, s u un'altra parte del suo territorio, al no rd, la Francia, investita d a se ttim a ne da forze di ben più ampia consistenza di quelle che l'Italia aveva potuto mettere in campo, dovette capitolare e firmare l'armistizio con i Tedeschi. Continuavano invece, quasi per inerzia, le operazioni sul fron te italiano. N ella gio rnata del 22 giugno, secondo gli ordini dello Stato Maggiore, la 4a Armata doveva continu are l'azione di a ttacco, mentre la F avrebbe d ovuto tentare di infrangere il s istema difen sivo nemico dal Granero al mare. Nessuna previsione favorevole sul fronte meteorologico p erciò, per l'uso

LA CAMPAGNA SUL FRONTE OCCIDENTALE

La guerra italo-francese è in pieno svolgimento. Fra i principali obiettivi delle artiglierie ci sono le rotabili, che vengono prese di mira per interrompere il flusso dei rifornimenti (foto SME • Ufficio Storico).

27


Esecuzione di lavori per ovviare alle interruzioni delle strade (foto SME - Ufficio Storico).

28

d ell 'aviazio ne, nessuna spera nza . N on restava ch e sostituirla con l'artiglieria, che però occorreva portare a distanza utile, perché se n e avvertisse l'efficaci a. Si può ben intuire quale m ole d i lavoro abbiano dovuto compiere, nella notte del 22, gli autorep a rti, e in quali condizioni: alta montagn a, s trad e innevate, condizioni m eteo os tili, oscurità della notte, necessità di finire tutto in fre tta . Gli uomini d ella 4" Arma ta, con lav oro febbrile, si died ero a sgomberare la n eve alta fino a tre m etri, e a riattare i tratti s trad ali d evasta ti d all' artig li eria, tutto sotto i tiri dei cannoni e d elle armi a utoma tiche fra ncesi. Pe r g li auti eri d ell'80° Autoreparto e ra un continuo a ndiri vie ni per porta re u o mini e mate riali ovunq ue se ne m a ni fes tasse il bisogn o, e recupe ra rli a lavoro ultima to. A mezzogiorn o, tuttav ia, la s trada e ra pronta, compresa una ra mpa s ussidia ria, cos truita p er soppe rire a un'inte rruzio ne di tre nta m e tri: la Divis ione m otorizza ta «Trieste» poteva essere la ncia ta contro il nemico, com e prev is to d ai pia ni. Anche nella zona d ella Jil Arma ta, il maltempo e il traffico eccezionale aveva no d a nneggia to le s trad e e le pis te. Inta nto occorreva ultima re lo s p os tame nto d elle a rtiglie rie p er passa re da l-

Io schi e ra me nto d ife nsivo a quello offen sivo secondo i disegni p redispos ti nei giorni preced e nti. I passi d i confine vennero a ttraversati con gra nde lentezza. Gli automezzi della «Cuneense» (210° Autorepa rto misto) e della «Forlì» (36° Autore p a rto e 347a A utosezione p esante) avanzaron o in a utocolo nna . La nebbia persistente, pur rend end o difficoltoso il proced er e, fu paradossalmente un prezioso alleato, rendendo invisibi li gli a utomezzi all'osservazione nemica. Contempora nea m e nte, il 33° Autor ep arto e la 143!! A utosezione pesante, trasp orta vano le d o tazioni e le scorte della Divisione «Acqui», che d oveva a ttaccare alle ore 9.00 del 23. Il Parco d ella 1" Arma ta, fra tta nto, costitui va d epositi carburanti e lubrificanti a va nzati, ed effettuava lavori di 'ripa razione e m essa a punto d egli a utom ezzi dell' unità. Sempre nel corso d el22 g iugno il 24° A utorep a rto r aggiungeva, gr azie alla p erizia e al coraggio d egli a utieri opera nti sotto il fuoco di sba rra m ento del ne mico, il colle Be rgia, con a utocolo nne a rticolate a inter valli va ria bili. Il 34° Autorep a rto, me ntre traspo rta va munizioni d a San gan o a Pragelato, venne sottop osto a bomba rda m ento d a parte di ae rei ne mici: le a utocolonne proseguirono impe rterrite la ma r-


eia e g li a utieri riu sci ro no a po rtare a termine, senza da nni, la loro missio ne. Anche il 26° Autorepa rto, e in p articolare la 251t! Au tosezione, furono duramente impegnati nei trasporti per l'intero a rco no tturn o sotto un continuo, intenso fu oco ne mico, mentre la luna alta rc n dcv;~ g li ;~ utom ezz i ancora più visibili e qu ind i bersaglio più faci le. Ancora u na vo lta le formazio ni autom obilis t iche po rta ro no a te rmine i p rogrammi s tabiliti, senza qu ei ritardi che il nemico con ogni mezzo tentava · di impo rre e che avre bbero condizionato nega ti va m ente l'a ttacco. Nell'occasio ne, l' Intend e nza d ' Armata tributò agli a utieri un encomio solenn e a tes timonianza d ella loro dediz ione al serv izio e d ello s pirito di sacrificio dimostrato. Grazie alla loro opera, le divis ioni itali an e avrebbero p otuto proseguire ra pid a m ente n ell'offensi va . Fin d alle primissime ore d el23, il Comando Gruppo di Armate Ovest emanò p recise diretti ve per il proseguimento dell'azione: occorreva s frutta re a l m assimo i s uccessi o ttenuti e tenere a bada il nem ico s u q u ei tratti d el fr onte ove non vi era un'avanza ta tang ibile. Per raggiungere qu esto fine la 4il Ar ma ta avrebbe d ovu to p rosegu ire con celerità l'azione, d ilagando nelle va lli d ell' Isère e dell'Are, per p unta re s u Chamou sset e C hambery, m entre nel tratto del fro nte da Mo ng inev ro a !la va lle d el Gu ille, bisognava impegna re le difese avversa rie nell 'a lta va ll e d ella Duran,ce; para llela mente, nello s tesso giorno, la 11l Arma ta avre bbe d ovuto spingere a fondo l'azione in va lle Ubaye mantene ndo una pressio ne cos tante lungo la Comiche in direzio ne di Nizza. L'a ttuazione d ei disegni tattici, comportò p er g li a uto repa rti un nuovo, s tressa nte, ininte rro tto im peg no che consen tì, in te m p i brev issimi, l'effettuazione dei trasporti necessari, nonostante l'ostaco lo costa nte delle avverse condizion i meteorologiche e del fu oco nemico. eve, tormenta, e nebbi a, se avevano inizia lmente agevolato i m ovimenti d ell e n ostre G ra ndi Unità n ascon dendoli all a vis ta d el nemico, di venivano ora fat tori a ltam ente negativi per i rifornimenti di viveri e muni zioni che il servizio trasp orti d oveva scaglionare. Gli autom ezzi d ovettero procedere su terre no scon osciuto, privi di a ppoggio efficace da p a rte d elle artiglierie, esp osti alle reazioni d el nemico che, ben appostato, ba tteva le rota bili. Il tutto,

s u pass i resi q uas i intra ns itabili per la neve e il gelo. LA CAMPAGNA Imposs ib ile a rresta rs i, no nosta nte i tiri di sbarra mento, al d i sopra d ei due- SUL FRONTE m ila metri di quota. Chi fosse sortito OCCIDENTALE d a lle ca bin e, av rebbe ri schi a to il congelamento a ca u sa d ella te mpe ra tura in cred ibilmente ri g id a . Se ne verifi caro no infa tti alcuni casi q uand o, tra la bu fe ra di n eve, g li autie ri dovette ro d are m ano a pa le e p icconi per ripris tina re cond izioni s u fficie nti d i v ia bilità . Per il loro esemplare comporta mento, a ufficiali, sottufficia li e militari di truppa d el Corpo Auto m obili s ti co, il giorno 23 vennero tributati encomi solenni; tra i no mi d a ricord a re, quelli del sottotenente Dom enico Azzi e d el sergente m aggiore Fran cesco Pellecchia del 26° Autore pa rto, d el ca p oral m aggiore Luigi La Giacomina e d ell'a utiere Aldo Castig lione d el 91 o Autore p arto Pesante. Il 24 g iug no sare bbe s ta to l' ultimo giorn o di g u e rra s ul fro nte fra ncese. Una pioggia torrenz iale flagellava tutto il teatro d elle operazio ni. Le truppe arrancavano n el fa ngo. G li autom ezzi ven ivano riforniti d i ca rb uranti e lubrificanti in a ttesa di un aus p icato ritiro d ei Francesi che favorisse l'ava nzata d elle d ivisio ni ita li a ne. Il nemi co p erò, no n solo teneva le p osizioni ma, nonostante il tem po inclemente, aveva anche sferra to un'offens iva aerea senza preced enti, non trascurando di battere le rotabili con le a rtig lierie, co l risultato di rendere precarie le o pera zioni di rifornim ento e sgombero. D' altro nd e, era il tipo stesso di combattimento in cui era no impeg nate le nostre truppe a re nd ere mo lto problem a tica ogni a tti vità di s uppo rto logistico : non le classiche ba ttaglie d i ro ttura né combattimenti in ca m po a perto con assa lti veri e propri; si a lternava no invece azion i di infil trazione, d i aggira m en to, d i pattug liame n to che aveva no com e scena rio d i operazione boschi inneva ti e terreni rocciosi levigati d al gelo. Pur n elle avverse cond iz io ni a m bienta li e clima tiche, e no nostant.e l'azione dife ns iva estrem a mente efficace d ell'Armata Alp ina francese, gli a utieri no n s i risp arm iaro no per eseguire i trasporti n ecessa ri a l s uppo rto d elle truppe oper a tive ta nto minuta m ente fra zionate. Sarebbe quasi superfluo ri cordare il lavoro al acre e continuo d elle sezioni ambulanze: d al 21 al 24, le perdite d el-

29


CAPITOLO

2

Agosto 1942. È il periodo dell'occupazione. Il Direttore Trasporti della 4' Armata con il comandante del LVI Autogruppo e i suoi ufficiali (foto Museo Storico).

le due armate ammontarono a 631 morti e 4782 tra feriti e congelati. Alle ore 21.10 del24 giugno, a Villa Incisa, all'Olgiata, presso Roma, Francesi e Italiani firmavano l'armistizio. Alle ore 1.35 del 25 l'ultimo colpo di cannone chiudeva la campagna di Francia e, con essa, il primo capitolo della Seconda Guerra Mondiale. Per i quadri e le truppe del Corpo Automobilistico si trattò di una campagna «oscura ». Il termine non va int~so in senso dispregiativo: tutt' altro. L'impegno degli autieri deve essere ritenuto analogo a quello dei portatori d'acqua nelle corse ciclistiche di montagna: sono i preziosi gregari che rendono possibile la vittoria del campione. Ma quanta fatica! e alla fine, nie nte applausi per loro; spesso non prendono neppure parte ai festeggiamenti. Eppure n ella campagna del fron te occidentale il Corpo Automobilistico dovette svolgere sia le funzioni del gregario che quelle del campione. Va ricordato che, data la precarietà iniziale dell'organizzazione delle due armate, l'inquadramento, l'addestramento, la coesione dei reparti, mostrarono ampie lacune per l' insufficiente

numero dei quadri in servizio permanente e la scarsa preparazione tecnica dei richiamati. Ciò valeva soprattutto per l'Artiglieria, dove difficilmente la buona volontà può supplire alla mancanza di capacità tecnica . I servizi non erano in migliori condizioni: i mezzi di trasporto non s uperavano il cinquanta per cento degli organici d i mobilitazione, l'equipaggiamento di alta montagna era ridotto al minimo. La difesa contraerea risultava deficitaria sia per quantità che per efficacìa. I collegamenti erano affida ti a personale scarsamente qualiHcato, dotato, per sovrappiù, di stazioni radio notevoli più per l'ingombro che per la potenza . I reparti minatori, troppo poveri di effettivi, si erano rivelati del tutto inadeguati per la rimessa in opera della viabilità con il necessario tempismo, in occasione delle frequenti interruzioni provocate dali~ neve e dal fuoco nemico. Il Corpo Automob ilistico si trovò perciò anch'esso a risolvere i problemi dei rifornimenti e degli sgomberi con mezzi e personale insufficienti rispetto all'ampiezza del fronte e al frazionamento delle truppe, senza un'adeguata protezione delle rotabili e con col-


Barjols, gennaio 1943. Parcheggio dei mezzi del LVI Autogruppo in Piazza della Repubblica. Il Direttore Trasporti della 4' Armata si congratula per l'ottima presentazione del Reparto (foto Museo Storico).

St. Vallier, luglio 1943. Le cose cominciano a complicarsi. Si studiano le difese contro eventuali attacchi di partigiani e di truppe paracadutate (foto Museo Storico).

31


CAPITOlO

2

ASCOlTANDO CHI CERA

32

legamenti incerti. Si aggiunga che, per star dietro alle truppe in attacco, venivano percorse strade a malapena sufficienti in condizioni normali, danneggiate dalle intemperie e dal fuoco nemico. Gli automezzi spesso procedevano tra costoni dirupati e pareti dì ghiaccio, sfatando la leggenda che vi siano terreni sui quali non sì passa. Nonostante le nebbie e le tormente, anche i movimenti notturni furono tutti portati a compimento. La battaglia delle Alpi Occidentali fu, per gli autieri, breve, ma dura. I risu ltati, per la brevità stessa della campagna, e per la partecipazione capilla re ma per ciò s tesso estremamente frazionata, non potevano essere eclatanti. I quadri e le truppe del Corpo Automobilistico possono, a buona ragione, essere equ iparato agli oscuri «p orta tori d'acqua». Quanto più umile è s tato il loro lavoro, tanto più alto, nei loro confronti, deve levarsi ìl plauso.

All'armistizio seguì un periodo di «occupazione» che si sarebbe protratto fino al famoso 8 settembre 1943. A supporto delle unità impegnate in tale compito, furono presenti, con tempi e modalità che riteniamo pleonastico riferire, un gr an numero dì reparti automobilistici. Ugualmente ponderoso sa rebbe pure fornire anche solo il nome e ìl numero distintivo (ci troveremo di fronte solo ad un arido e lungo elenco). Ci limiteremo perciò a un succinto riepilogo quantitativo, che ci parla della presenza di: - 6 autoraggruppamén ti (1 °, 2°, 3°, 40, 70, 90);

- 20 autogruppi (1 di autocarrette, 15 pesanti, 3 misti, 1 di autobus); - 91 autoreparti (48 pesanti, 18 mis ti, 25 speciali, 2 leggeri); -9 sezioni autonome; -5 parchi automobilistici (1 °, 2°, 4°, 6 0, 80);

- 7 officine mobili pesanti.

fila perfetta Rer il rancio, capelli quasi a zero. lo e i/ mio amico, vivendo quasi isolati in piena campagna, non sapevamo sopportare questo regime e , al termine di un ennesimo rimprovero nei nostri riguardi, non «Era il l O giugno del 1940 quando, inpotei trattenermi dall'esternare le mie rimostranze, in modo assai risentito, a un ufsieme all'autiere Ouondam, arrivai a Foligno dalla vicina Montefalco, per essere agficiale particolarmente astioso nei nostri congregato a/ R.M. V. in partenza per il fronte fronti. La cosa ebbe un epilogo positivo: mi occidentale, reparto che andava ad inchiamò il maggiore comandante, al quale spiegai con franchezza la nostra posiziogrossare /e fila del 58 ° Reggimento Artiglieria "Legnano". ne, punto per punto. Pensai che avvenisse il finimondo. Al contrario, il maggiore si reTra alcuni automezzi in attesa di assegnazione, i miei occhi si appuntarono su se conto de/lavoro veramente encomiabile una "Affetta 500": era quasi nuova, e ne da noi svolto quotidianamente e i sacrifici cui eravamo sottoposti, e diede tassativi orfui entusiasta. Sotto lo strato di vernice grigio-verde che ricopriva il telone, era ancodini affinché più nessuno ci molestasse. Avera leggibile la scritta "Ortofrutticola Rabitre la protezione del comandante non ci feti-Spoleto". Era stata requisita da poco, e ce adagiare sugli allori, anzi ci fu di sproconoscevo macchina a proprietario. Il mio ne per compiere sempre meglio il nostro dovere, e questo ci rese amici molti ufficiali amico volle prendere in consegna, sebbene sconsigliato, un "621 /N 3 assi". Si sache si resero finalmente conto dell'utilità derebbe rivelato un vero bidone, per nulla efgli autieri. lo ero sottoposto a un lavoro molto peficiente e difettoso di freni, ma gli era piaciuto perché, date /e sue ridotte dimensio- . sante, con percorrenze giornaliere che ragni, lo considerava una macchina molto magiungevano anche i 500 chilometri, mentre neggevo/e. il mio amico Ouondam, con la macchina Il giorno Il, caricate macchine e matesempre in panne, non poteva uscire quasi riale su un treno, partimmo verso il nord e, mai, e malediceva il giorno in cui l'aveva dopo varie soste, arrivammo a /rosea, nei presa; ma di questo non poteva incolpare pressi di Pinerolo. nessuno, essendo stato proprio lui a sceglier/a. Sia il sottoscritto che il mio amico Ouondam, fin dai primi giorni, ci sentimmo molUn giorno provai un terribile spavento, to a disagio nel trovarci aggregati a un remaggiore di quello che si potrebbe avere parto dove regnava una mentalità e uno stidurante un bombardamento aereo. Era in le di vita del tutto diversi dai nostri: una diprocinto un trasferimento e noi, caricati una sciplina di ferro, bustina con la stecca, in cinquantina di quintali di materiali sulle macTra i conduttori che hanno vissuto la breve ma intensa esperienza della campagna sul fronte occidentale, abbiamo rintracciato Giulio LOCCI, residente a Foligno, che così ci racconta la sua esperienza.


chine, ci ovviammo per uno strada secondario . All'improvviso, questo si affacciò su un trotto ripidissimo, quasi a precipizio, in fondo al quale un piccolo ponte varcavo un torrente. Sce si d i macchino, ed esplorai il trotto a piedi per rendermi conto se era il coso o meno di continuare. Finito l'ispez ione, e deciso per il sì, si stabilì di scendere uno per volto, con lo massima prudenza. Roccomandai al mio amico, visto lo cronico scarsa e fficien z a dei suoi freni, di attendere di vedermi risalire la china opposta, per poi partire anche lui in primo marcio e scendere o passo d ' uomo. l freni dell'Affetta risposero egregiamente e l' ufficio/e che mi accompagnavo rimase sbalordito della mio sicurezza e del mio sangue freddo, con una strada simile. Risalito un poco la chino, mi fermai, scesi, e feci segno al Ouondom di iniziare o suo volto lo disceso; vidi lo macchino partire e subito lanciarsi in uno corso pozza; vidi il maresciallo aprire lo sportello e gettarsi fuori o razzo, poi volsi la testo per non vedere. Uno schianto assordante mi richiamò, scorsi del materiale volare e lo macchina, dopo un testo coda su uno sperone di roccia, raddrizzarsi sopra il ponte e procedere lentamente fino o fermarsi. Se non ci fo sse stola quello roccia provvidenz iale sullo curvo, un volo di venti metri avrebbe segnato la fine della vito del mio amico. Raccolsi tra le broccia l'autiere Quondam svenuto, più per lo spavento che per l'im-

patto. La macchino se l'ero cavato con pochi danni, ed ero ancoro in condizioni di proseguire. Il giorno dopo, riparlandone a freddo e o paura passato, seppi che l'autista, a nziché innestare la primo, avevo inserito la terzo e il motore non ero riuscito od aiutare lo frenata. Anche con l'arrivo dell'armistizio, il lavoro non mancavo mai. Uscivo lo mattino alle sei per rientrare lo sera verso le venti, macinando chilometri su chilometri. Uno vito che mi piacevo: correre su quelle bellissime strade piemontes i, conoscere nuovi paesi e villaggi, trasportare materiale sempre diverso, vedere sempre cose nuove, ero per me un affascinante modo di trascorrere il tempo. Nel mese di luglio arrivai in cimo ai .Sestriere, dove sostai per due giorni. Uno spettacolo meraviglioso; solo che, passare do/ caldo torrido dello pianura al freddo pungente del Sestriere ancoro tutto ricoperto di neve, ero come entrare in un frigorifero, e provvidenz iale fu un rotolo di coperte che un giorno avevo raccolto abbandonate lungo uno strada. In cuor mio benedissi chi le avevo lasciate o perse. Il tempo passavo veloce, e per qualche mese fu un girovagare continuo tra Torino, Pinerolo, Santhià, e infine Bergamo e lo Val Se riano, finché giunse l'ordine di partire. A Milano coricammo tutto su un treno speciale, con meta Brindisi. Un viaggio di due giorni, poi quattro di atteso, e infine l' imbarco per l'Albania. »

LA CAMPAGNA SUL FRONTE OCCIDENTALE

Automezzo colpito dalle artiglierie francesi a Ventimiglia (foto SME Ufficio Storico).

33


CAPITOLO

3 LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE / L

34

Africa Orientale Ita liana, per la sua particolare posizione geografica, rappresentava una potenziale minaccia a lle più vi ta li vie di comunicazione dell'Impero Britannico. Ad aggravare questa minaccia c'er a, inoltre, la sempre ventilata e n1ai realizzata occupazione italiana di Atbara e Karthum, che avrebbe compromesso l'unità economico-militare dell'Impero Britannico, con interruzione dei collegamenti e impedimento di ogni libera manovra delle risorse e dei mezzi inglesi. Isolamento ci fu, è vero, ma proprio a danno dell' A.O.I., bloccata sulle frontie re terrestri e circondata da colonie nemiche. Lo stesso Mussolini, il 22 febbra io 1937, scrivendo al Maresciallo Grazia ni aveva posto in chiare note quali sa rebbero state, in Africa OrientaIe, .Ie prospettive di una guerra: «Tenete sempre presente ch e in caso di guerra la madrepatria non c hi ederà nulla all'impero, ma non potrà dare nulla». Con l'obiettivo dell'autarchia dell'impero, Mussolini decideva di portare a centomila uomini le forze terrestri e d i iniziare l'organizzazione di una «armata nera ». La situazione logistica di partenza era preoccupante. La rapidità di manovra delle truppe era legata alla disponibilità di automezzi, di gomme, di carburante. Il problema delle gomme si presentava in termini drammatici: l'autonomia prevedi bile su lla base dei movimenti normali andava da uno a due mesi.

Ogni rimedio possi bile venne s tudiato e adottato, dalla requisizione di tutte le gomme per i tipi di autocarri comuni (Fiat 634 e Lancia RO), alla precettazione çi i quelle di ogni altro tipo, nuove ed usate. Le riparazioni furono spin te al massimo; i movimenti ridotti all'ind ispensabile; nei trasporti brevi venne utilizzata la trazione animale. Gli autocarri efficienti e disponibili all'inizio della guerra erano 5.300, compresi i 1.300 requisiti. La disponibilità dei carburanti, mantenendo costante il numero di automezzi, era ritenuta sufficiente per 6-7 mesi; per sottrarli all'offesa nemica, i depositi costieri vennero trasferiti all'interno e interrati, in parte frazionati in fusti. Un'accusa rivolta, in seguito, alle nos tre forze fu quella di non aver saputo ben utilizzare la superba rete viaria costruita in breve tempo nelle colonie dell'interno. Le nostre forze coloniali, in verità, non poterono sfruttare la rete stradale in quanto scarsamente meccanizzate e non potevano ragionevolmente competere con le unità avversarie nelle quali la motorizzazione era spinta al massimo ed alle qua li, per suprema ironia, erano stati gli stessi Italiani a fornire le strade che avrebbero consentito loro un'amplissima capacità d'azione. È da ritenere possibile che, se il territorio etiopico fosse stato percorso soltanto dalle piste e dalle carra recce del tempo della campagna 1935-36, il divario di potenzia le si sarebbe fatto sentire molto meno.


l (o

, ..._. ol:t\/ut

~~,, ~~ '• j Geb. ! Ohurum

~-.." /

( ; .::::--,.. /.D

~.

JJ e s e r l o

ovu/,.,_,,

di

,P e h '

:o

H

A /,'(}/)((

B ('l - ('h

{l

l i

:.

( ~!ig-F.lbtl/1

O ,j'tl1$0'1brl /

~J}

Jl}

T.

'~lì"~·:y:·=

:-k'nht fii l : IOOOC)(MIH

35


Uno scenario tipico delle zone in cui si svolse la Campagna in Africa Orientale. Nell'immagine: una veduta delle Alpi Dancale (foto Museo Storico).

36

Carri armati mascherati in azione durante la battaglia di Cassala (foto SME Ufficio Storico).

Offensiva nel Soma liland e su Cassa la Il luglio del 1940 segnò l'inizio delle operazioni. Le forze italiane ammontavano allora a circa trecentomila uomini, di cui 180 mila indigeni. L'azione offensiva sullo scacchiere di Cassala fu studiata e preordinata dal Comando Supremo italiano con i seguenti intenti: -chiudere il principale accesso all'Eritrea;

- impadronirs i di un nodo stradale indispensabìle per offensive future; - tenere alto ìl morale delle truppe e il prestigio tra le popolazioni. Le operazioni, iniziate il4luglio, furono condotte da due colonne che occuparono Cassala con lievissime perdite. Contemporaneamente veniva occupata Galla ba t e si otteneva il controllo di quell'importante nodo stradale. Parteciparono alle operazioni su Cassala tre autosezioni del 113° Autoreparto (al comando del capitano Dal-


mazzo) dell'VIII Autogruppo (tenente colonnello Lentini). Le tre autosezioni vennero impiegate in condizioni difficili e particolarmente impegnative meritando l'elogio d el Comando Superiore A.O.I. Anche il6° Autoreparto ebbe modo di distingue rsi. La conquista del Somaliland fu un'operazione complessa, s ia per l'entità delle forze nemiche appoggiate a fortificazioni semi permanenti, sia per l'asprezza del terreno in gran parte se- ' midesertico e con un' orografia tormenta t a e scoscesa. N o n esistevano praticamente strade; alcune piste presentavano serie difficoltà di percorrenza perfino per i carri armati tipo M. La conquista si svolse in due fasi. La prima si estese dal 3 al 6 agosto. Effettuato l'avvicinamento e superate tutte le difficoltà logistiche, furono occupate Leila, Dobo, Hargeisa, Ouadueina. L' Autogruppo dell'Barar, il VII Autogruppo e le sezioni speciali autobotti e autoambulanze furono impegnate duramente nelle impervie zone di operazione. Particolarmente aspra e difficile fu la marcia in zona desertica di due sezioni autobotti che, malgrado gli ostacoli frapposti dalla natura e dal nemico, riuscirono a raggiungere la colonna di volontari che, per Leila, puntava su Bulhar e Berbera, per aggirare il fianco dello schieramento britan1.1ico. Nella seconda fase, dal 7 al 15 agosto, s i assisté all'offensiva diretta contro il nemico solidamente arroccato sulle alture, soprattutto nella zona di

Arhan. Furono otto giorni di accaniti combattimenti su un terreno da incubo; i 270 chilometri della camionabile dal confine a Berbera furono percorsi alla media di 30 km al giorno. Non è poca cosa, ove s i considerino le deviazioni, le interruzioni, e l' attività aerea nemica. Nel corso d elle operazioni per la conquista del Somaliland ebbe grandissima importanza il centro di raccolta di Dire Daua, verso cui confluirono le unità operanti nel settore. Spiccò per organizzazione la Sezione Staccata del Parco Automobilistico; essa venne ripetutamente bombardata e mitragliata, ma le perdite subite non ne sca lfirono minimamente l'efficienza. Alacre fu l'impegno degli autieri nello spegnimento di furiosi incendi causati dall'offesa aerea inglese. La vittoria era costata un elevato prezzo di sangue e anche tra gli autieri si contarono numerosi caduti. La scarsità delle risorse disponibili, sconsigliò il Comando Supremo dall' azzardare altre conquiste. Nello stesso tempo, sugli altri fronti del conflitto, le vicende italiane avevano registrato numerosi e non lievi rovesci. In Grecia e in Africa Settentrionale la vittoria parlava soltanto una lingua straniera e grosse perdite erano avvenute anche all'interno dei confini naziona li, come quelle causate, la notte del 12 dicembre, nel porto di Taranto, da parte di aerosi luranti inglesi. Tutto teso a porre riparo a una così l unga serie di risulta ti avversi, il Comando Supremo lasciò completamente abbandonata a se stessa l' A.O.I.

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

Su tutti i fronti la guerra ha avuto un inizio positivo per le sorti delle truppe italiane. Qui siamo nel Somaliland, presso Berbera. Gli Inglesi hanno abbandonato i loro veicoli distrutti e si sono ritirati (foto Museo Storico).

37


CAPITOLO

3

Terminata dunque la conquista del Somaliland seguì, dal settembre al dicembre 1940, una stasi ope rativa in quanto ogni progetto offensivo, anche a raggio limitato, fu accantonato in considerazione delle insuperabili difficoltà logistiche. Si sapeva che le risorse, una volta consumate, non sarebbero state rimpiazzate. Gravemente deficitaria era la situazione delle gomme, né più rosea quella dei mezzi aerei, dei carbu ranti, delle armi contraeree e delle armi controcarri. Il Duca d'Aosta era pienamente consapevole del fatto che, con i mezzi a sua dispos izione, avrebbe potuto, pur economizzandoli al massimo, soltanto p rolungare la resistenza. Infatti, con lucida preveggenza, era solito dire: «Non sempre res is tere significa v incere».

La controffensiv a inglese

38

cando i cannoni che s paravano «a zero». Erano caduti gli uni sugli altri uomini e cavalli in una sagra di morte. Si disse che un ufficiale, il tenente di Cavalleria Togni, fosse s tato visto galoppare per qualche secondo ancora in sella, con il torace sfondato da una g ranata anticarro. L' immagine fu diffusa in u na pagina croma tica di un periodico dell'epoca. Pa re, comunque, che riflettesse la sce na macabra che aveva no v isto in molti, specialmente da parte inglese. L' ufficia le del resto ebbe sepoltura con l'onore delle armi accanto ad un cavali ere galla, suo ascaro, che si era lanciato contro la batteria che aveva colpito l'ufficial e, rima nendo falci a to da una raffica. Gli Italiani ripiegarono verso Cassala e Agordat, con gli autieri che si prodiga va no fin oltre i limiti delle umane energ ie. La storia non ha reso loro s ufficiente merito, trama ndandoci solo pochi frammenti, .poche figure, pochi nomi. Vengono ricordate le gesta degli autieri, inquadrati in un battaglione di «a utieri fucilieri », che si batterono spalla a s palla coi fanti c degli appartenenti ad un autosezione del IV Autogrupp o ch e, tagliati fuori da una manovra ing lese, dopo aver distrutto gli automezzi col fuoco, riuscirono a raggiungere il reparto di appartenenza con una durissima marcia di 7 giorni portand osi a sp alla i commilitoni feriti. Al comandante d el Raggruppam ento, che li aveva e logiati, chiesero so lo nuovi automezzi per tornare a lottare su quelle piste dove tanti loro compagni erano caduti.

Dopo quattro mes i di s tasi g li Inglesi iniz ia ro no a dar segno di una attività offensiva: incursioni a nord di Cassala e ad occidente del lago Rodolfo e importanti azioni di forza su Ga lla ba t e su El Uach. In dicembre il nostro potenziale bellico cominciò a scemare e, in misura direttamente proporzionale, svaniva il nostro prestigio tra le popolazioni indigene. Gli ascari cominciavano a disertare, mentre abili agenti dell' Intelligence Service scuotevano la fiducia dei capi fedeli all'Italia seminando fra d i essi l' indecisione e la paura. Dopo le prime azioni d i assaggio le truppe britanniche iniziarono ad agganciare le nostre forze ai primi di gennaio; il Coma ndo Superiore A.O.I. decis~ di sottrarsi alle manovre avversaLa battaglia di Agordat rie rompendo il contatto tra Cassala e Tessenei e ripiega ndo sulla linea BarcaCherù-Aicotà-fiume Gase. I Britannici, elimina te le nostre reIl ripiega mento iniziò il17 gennaio, trogua rdie, sfruttando la superiorità di ma le truppe ing lesi accentuarono la mezzi, rapidamen te se rrarono contro pressio ne per evitare l' interru zione del · le nos tre posizioni di Agordat e Barentù contatto. riusce ndo, il26 genn aio, a interrompeTra il1 8 ed il20 si ebbe un continuo re i collegam enti tra le due località. La s ituaz io ne si profilò subi to grasu sseguirs i di scontri a Ka rora, Chelavissima. met, Uoica it, Gallabat e Cherù. A Cherù una nostra banda a cavalGià nel novembre 1940 la continua pressione n ella zona tra Tessenei e lo del g ruppo Amhara, le leggendarie «penne di falco», s i lanciava alla carica Agordat aveva costretto al ripiega mento di una batteria britannica che martell' VIri Autogruppo del m aggiore G iacinto Lentini. In tale circostanza g li a ulava g li ascari del generale Lorenz ini, ormai s trema ti. tieri, dopo aver reso inutilizzabili circa 40 autom ezzi per non cederli efficienti Avevan o a tta cca to con le bombe a a l nemico, avevano imbracciato il momano, inclinando le scimita rre, scavai-


schetto affiancandosi agli ascari nella autieri erano costretti a riattare la stralotta . Tanta generosità venne ripagata da per poter passare. Asfissiante il tora molti con la morte, ad altri con il cammento della R.A.F., sempre presente a po di concentramento in Kenia. mitragliare un autocarro impegnato in I carri armati inglesi, contro cui nulun guado, o insabbiato nel letto di un torrente. la potevano le nostre artiglierie, dilagavano intanto lungo la strada AgorAi piedi dell'a ltopiano di Arresa, dat-Cheren, invano contrastati dai novenne dato l'ordine di abbandonare g li stri carri tipo «L» ed «M». Per la loro automezzi e gli autieri dovettero prosconsolante inefficacia e inferiorità, quecedere com e fanti. sti vennero ribattezzati dagli Inglesi, con macabra ironia, «le bare di fuoco». Con la R.A.F. padrona del cielo, la · La ritirata da M etemmà battaglia di Agordat fu presto perduta. Impossibilitati a imbastire una qualsiasi Fra i primi fatti d'arme legati alla conresistenza, i reparti continuarono a ritroffensiva inglese, si inserisce la battaglia d i Gallabat-Metemmà. Obiettivo piegare. Contemporanea a ll'azione su Agordegli Inglesi era, una volta presa tyfedat, si s volse quella su Barentù. Dal27 temmà, proseguire nella marcia di conal31l'intero fronte divampò in un con- quista e insed iare il negus a Gondar. tinuo succedersi di assalti e contrassalti; I due presidi, quello ing lese di Gallabat e quello italiano di Metemmà, si al prezzo di perdite rilevanti le nostre truppe mantennero le posizioni fino a fronteggia rono lungo la linea di confiche, più nulla potendo contro i carri arne. Prima dell'inizio delle ostilità, eramati e gli aeroplani, gli ultimi difensono intercorsi rapporti cordiali tra i due ri di Barentù si ritirarono verso Arresa. presidi, tanto che spesso il comandanUn'autosezione del 1o Autoreparto te di quello inglese era stato invitato dell' Autogruppo Eritreo, quella del tepresso quello italiano (questo si sarebbe nente Attilio Basile, si oppose eroicarivelato estremamente deleterio per le forze italiane, in quanto quelle visite di mente all'offensiva con i suoi 30 autocarri mascherati tra i macigni di Bacortesia avevano dato modo all'ufficiale inglese di memorizzare la localizzarentù. La notte del31 gennaio, divenuzione dei depositi di munizioni italiani ta insostenibile la posizione, venne ordinato il ripiegamento su Arresa; la e avvalersi di ciò per tirare a colpo simarcia fu allucinante: vennero percorcuro i proiettili della sua artiglieria). se piste quasi impraticabili_e spesso gli Con l'inizio delle ostilità, gli Italia-

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

Ponte etiopico che cede sotto il peso di un Fiat 634 (foto Bussetti).

39


CAPITOLO

40

3

ni erano riusciti a impadronirsi di Gallabat ma, ai prinù di novembre del1940, gli Inglesi sferrarono la loro controffensiva. Gli Italiani erano in condizione di netta inferiorità in fatto di armamenti: l'artiglieria consisteva in due cannoni dei tempi di Garibaldi su Galla ba t e altrettanti su Metemmà, di gittata pari alla metà di quelli inglesi. Inoltre le posizioni non erano fortificate e non offrivano ripari di sorta. In previsione dell'attacco inglese, il 4 novembre venne inviata un'autocolonna da Gondar a prelevare 130 ammalati per portarli fino a Celgà. Il 6 novembre gli Inglesi sca tenarono il loro attacco con colpi di artiglieria e bombardamenti aerei, seguiti da assa lti di carri armati; in breve, i sopravvissuti di Gallabat dovettero ripiegare sulle posizioni di Metemmà, su cui continuarono a scagliarsi gli attacchi inglesi. Quando tutto sembrava perduto, apparvero sette caccia italiani CR 42 che attaccarono altrettanti caccia Gloster inglesi. Sotto Io sguardo estasiato dei combattenti italiani, si svolse in cielo un duello spettacolare, che si concluse con la schiacciante vittoria dell'aviazione italiana: 7 a O! L'aviazione da bombardamento spa rì per sempre dalla zona . Gli attacchi inglesi continuarono, ma almeno per quella volta Metemmà rimase in mani italiane. Alla fine di gennaio del 1941, con l'arretramento generale di tutto il fronte e la perdita di posizioni delle truppe italiane, anche Metemmà dovette essere abbandonata. L'attacco inglese nella notte del 29 gennaio venne respinto, ma nella notte del 31 gli Italiani dovettero abbandonare tutte le posizioni. Fu allora ch e 330 autocarri del Presidio di Gondar effeftuarono lo sgombero di uomini, artiglierie, mezzi e munizioni, sulle nuove posizioni di Blagir-Celgà. Nell'ambito di questa azione di ripiegamento si inserisce la rocambolesca impresa del 1 o Gruppo Bande di Confine, agli ordini del capitano Giovanni Braca, inviato a Quarà a liberare il presidio colà assediato da diverse settimane, durante le quali era s tato rifornito di viveri e munizioni esclusivamente con lanci aerei. L'impresa aveva preso avvio il 23 gennaio, con partenza da Coma r. Dopo lunga marcia a piedi, Quarà venne ragg iunta al mattino del 27. Il combattimento con gli assedianti si protrasse per tutta la giornata, con gravi perdite da

entrambe le parti, ma alle 19 il Gruppo Bande poteva penetrare nel fortino e liberare gli assediati. Non si trattava di soli soldati, ma anche delle rispettive famiglie, con mogli e bambini al seguito. Effettuata la liberazione, si trattava ora di raggiungere Ammanit, località situata lungo la pista che da Metemmà conduce a Celgà, dove un'aliquota dell'autocolonna che nel frattempo aveva completato lo sgombero di Metemmà, era in attesa per trasportare a Celgà anche i liberati di Quarà. Occorreva far presto, molto presto, in quanto gli Inglesi incalzavano ed era necessario giungere ad Ammanit prima di loro, altrimenti l'autocolonna non avrebbe potuto più attenderli, pena il rischio di venir catturata anch'essa. Si trattò di una marcia veramente disperata, rallentata già il giorno 29 stesso, poco dopo la partenza, da un attacco di ribelli che, benché respinto a prezzo di ulteriori perdite in vite umane, costringeva a perdere un giorno intero di tempo. Ancora~ giorni continuò la marcia, a tappe forzate, rallentata da 226 feriti che dovevano essere trasportati a dorso d i mulo od anche a spalla. A complicare il tutto, se non fossero bastati i nemici, i feriti, l'asperità del terreno e la fatica dell'interminabile cammino, si verificarono anche due parti di donne di colore. Marce estenuanti, nel corso delle quali i fuggiasclù venivano seguiti da aerei che, sorvolandoli periodicamente, li rifornivano sia di viveri che di munizioni. Il 5 febbraio, finalmente, Ammanit veniva raggiunta. Gli Inglesi non erano ancora arrivati, e gli autocarri erano ancora sul posto ad attenderli. Caricata finalmente sugli automezzi, la colonna di disperati poteva trovare riposo, il giorno successivo, nel ridotto Amhara. Il tragitto percorso dal l o Gruppo Bande di Confine, dalla sua partenza il 23 gennaio da Comar fino all'arrivo il 5 febbraio ad Ammanit, era stato di 400 chilometri, tutti a piedi(!)

La battaglia di Cheren A Cheren vennero concentrate tutte le truppe disponibili con autocolonne che, per l'impegno profuso e per i sacrifici affrontati dagli autieri, emularono degnamente il 22 maggio del 1916. Si viaggiava giorno e notte in un p aesaggio a tratti lunare, a tratti selvoso, semp re ostile.


La bocca amara per la polvere, le forse, dell'intera campagna. Teatro, le tempie martellanti per il calore, l'odorocce vulcaniche di quelle montagne asre acre del sudore che, durante la not- solate, popola te di sciami inarrestabili te, si raggelava sulla tela ruvida d e!Ie d i mosche, di cavallette, di insetti di uniformi, gli autieri trasportavano fanogni genere che si avventavano sui morti, alpini, bersaglieri, ascari sui loro a u ti e sui combattenti. Dodicimila morti, tocarri. un numero che rende ampia testimoLa meta era lontana, ma doveva es- nianza della resistenza opposta dalle sere raggiunta. Gli aerei britannici, ortruppe italiane prima che gli Inglesi riumai padroni incontrastati del cielo, miscissero a far saltare la cerniera del lotragliavano a bassa quota e sganciava ro sistema difensivo. Fu una lotta asperrima, combattuta no bombe; molti autocarri rimasero distrutti, ma gli altri proseguirono. Soste ' su un terreno identico a quello del Carbrevi, il tempo necessario per ripararso, protagonista nella Prima Guerra si nel corso degli a ttacchC per poi r iMondiale. prendere la marcia fino all'arrivo o fiLa stessa natura era nemica: le rocce che si frantumavano in schegge micidiali no all'attacco successivo. Gli autieri portarono sui monti cirsotto le esplosioni, i cespugli di acacie dalle spine acuminate come pugnali. costanti Cheren le truppe italiane, nonostante i cinquanta gradi dell'interno Eppure fu una lotta cavalleresca: un sergente indiano dei «Rajiputana» ridelle cabine, le continue offese nemiche, il gelo della notte, le piste bruciaportò a spalla fino alle linee italiane un te dal sole. sottufficiale dei bersaglieri ferito; gli alNonostante le ingenti perdite in uopini d el battaglione Work Amba presentarono le armi alla salma del ca pimini e mezzi, tutti i trasporti necessari tano inglese che aveva guidato un asfurono effettuati, e questo consentì che la ritirata si trasformasse in battaglia salto contro le loro posizioni. d' arresto . Entrambi i contendenti saLa battaglia si sviluppò in tre fasi . pevano che, caduta Cheren, più nulla Nella prima (2-13 febbraio) gli Inglesi, con le forze provenienti da Agordat inisi sarebbe frapposto tra il fronte ed Asmara . A Ch eren si decidevano, inziarono una serie di attacchi tesi a sca rsomma, le sorti dell' A.O.I. dinare le nostre difese, senza peraltro Furono cinquantasei giorni di streconseguire risultati degni di nota. N ell a seconda (14 febbraio-14 marnua lotta, i più duri, i più sanguinosi,

_...... ... - .............. ....--.--.......__ .. ·---

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

Nella cartina viene evidenziato, con tratto punteggiato, il percorso compiuto a piedi dal t• Gruppo Bande di Confine, partito da Comar per liberare gli assediati del presidio di Ouarà e portar/i fino ad Angidebba, dov'era in attesa l'autocolonna che li avrebbe condotti a Celgà. La cartina è stata realizzata dallo stesso comandante del Gruppo Bande, Giovanni Braca, cartografo presso l'Istituto Geografico Militare dopo la fine del conflitto.

~

23-t.tMI ... l

2$-1

l

... _-QAI

27·1

~

I ,.,., l. .... a. l

l

-........... •

a. l . .l

PII' GhedMII

eo.-• JCGrGII

14

N

••

-

x x x -

12

...

...

~

...._._...... _. "s ......... .......... .. .................. i Pt.::ilat SWSO*t..,._ ftftco

......._._ ..... o-re

...__

-------·____ ---- .... . -------QM.a.l

a.

~

............... _._

a

~

==-·~.,::.:--~:::;

• ._

•u

! l

l !

M

41


CAPITOLO

3

zo) sul fronte occidentale e merid ionale di Cheren si svolsero una limitata attività di pattu glie e duelli di ar tiglieria; sul settore nord si accentuava la pressione nemica che costringeva gli Italiani a ripiegare su passo Mescelit. Nella terza (15-27 marzo) la battaglia infuriò su tutto il fronte. I m onti d i Cheren, la Forcuta, il Lauchil, il Dologorcidoc d ivennero teatro di lotte cruente. Impadronitosi del Dologorodoc, l'avversario sfondava lungo la valle Dougolas. Nella notte del 27 le truppe italiane, esauste, ricevettero l'ordine di ripiegare su Asmara. La massa dei trasporti, durante queste operazioni, fu sostenuta dal 2° Au toraggruppamento di Manovra, articolato su 4 autogntppi al comando d el Tenente Colonnello Aristide Ala ti, men tre il l o Autoraggruppamento fece fronte a tutte le richieste, pur tra infinite difficoltà dovute a penuria di pezzi di ricambio, pneumatici e carbolubrificanti. Fino a ll a caduta di Cheren, gli autieri tennero duro. Severamente impegnati furo no anche il l o e il 6° Autoreparto e le autosezioni autocarri Mercedes Benz. Molte le perdite in uomini ed automezzi: Ceirano 50, SPA 38, Lancia 3 RO e i gloriosi 18 BL costellavano con i loro relitti sventrati ed anneriti dal fuoco le desola te pianure eritree.

Combattimenti di A d Teclesan e caduta di A smara

42

Il ripiegamento delle truppe da Cheren fu tormentato dalla R.A.F. e da unità meccanizzate inglesi che agivano sulla strada per Asmara . Le posizioni d ifensive italiane di Ad Teclesan, attestate sugli spuntoni montuosi di cui era ricca la zona, furono a ttaccate da forze preponderanti e tagliate fuori da ripetute azioni di mezzi corazzati. Invano il gruppo bande a cava ll o «Asmara» aveva lanciato una serie di furibonde cariche contro le unità corazzate e meccanizza te britanniche. Cosa avrebbero potuto, le scimitarre delle «penne di falco » contro le corazze dei «Valentine» e «Mathilda» inglesi? Di fronte al precipitare della situazione, il Comando superiore dell' A.O.I. dispose: - la cessione di Asmara quale città aperta; - la difesa di Massaua;

- la raccolta sull'Amba Alagi delle forze recuperabili; -la chiusura da ogni par te del ri dotto d i Gondar e del Galla Sidamo; -la raccolta delle poche forze rimas te a Dessiè per coprire Addis Abeba. Asma ra venne sgomberata il l o aprile e, fino al giorno dopo, nessuno disturbò i movimenti d i ripiegamento. Il giorno 3, il nemico lanciò all'inseguimento le sue forze meccanizzate che, nella stessa giornata, raggiunsero Adigrat. Gli automezzi e gli autieri rimasti furono impiegati allo spasinl.o per lo sgombero di Asmara, il ripiegamento sul l' Amba Alagi, lo sgombero del porto di Assab e l'evacuazione di Dessié. Particolarmente gravosi i compiti del2° Autoraggru ppamento che ripiegò con le sue truppe a sud dell'Amba Alagi e dopo l'abbandono di Asmara fu impegnato nello sgombero del porto di Assab. Le autocolonne percorsero le solite piste infami e polverose martellate dai mitragliamenti a bassa quota d ella R.A.F. che provocarono 53 morti. Il XVIII Autogruppo venne impiegato di continuo, in un susseguirsi di autocolonne e, se qualche volta gli autieri si fermavano, era solo per unirsi ai rep arti di colore impegnati in combattimen to . Questo intenso periodo di lotta esaurì ogni possibilità di resistenza, tanto ch e il Comando del Settore Nord ordinò che gli automezzi venissero resi inefficienti e abbandonati nella boscaglia. L' Autogruppo Eritreo, in seguito all'evacuazione di Asmara, si spostò a Quoram con ciò che restava degli autoreparti, riunendo gli autocarri provenienti dalle zone già occupate dal nemico e iniziando subito i servizi necessari per fornire viveri e munizioni al ridotto dell'Amba Alagi.

Amba Alagi Molto si è scritto sulla difesa d ell' Amba. Molti furono i morti sulla pietraia del ridotto e lo s tesso Amedeo di Savoia, Duca d'Aosta, venne fatto prigioniero. Ai s uperstiti dell'Amba Alagi gli Inglesi, privilegio rarissimo, che veniva concesso p er tradizione soltanto a un avversario va loroso e sfortunato, resero l'onore delle armi. Caduta Dessié, l' Autogruppo Eritreo aveva ricevuto l'ordine di ripiegare sulle vette dell'Amba Alagi.


A passo Toselli, detto «Passo della morte», il colonnello Alati aveva organizzato con i suoi autieri del 2° Autoraggruppamento la difesa esterna dell' Amba. l superstiti dell'VIII Autogruppo erano stati riuniti in un battaglione di «autieri fucilieri» che, raggiunta la posizione ad esso assegnata all'interno del ridotto, combatté valorosamente sino al momento della resa, seguendo le sorti delle truppe che difesero strenuamente uno degli ultimi baluardi dell'Impero. Gli autieri dell' Autogruppo Eritreo, invece, avevano raggiunto le prime posizioni sulle vette dell'Amba e, lì attestati, respinsero i ripetuti attacchi delle orde di ras Sejum. Nella notte tra il10 e 1'11 maggio si scatenò un massiccio attacco di trentamila ribelli appoggiati dall'artiglieria britannica. L' Autogruppo Eritreo meritò l'elogio del generale Luigi Frusci, Comandante dello scacchiere nord che, nell' occasione, così si espresse: «Mi è tanto gradito rivolgere a tutto il personale dell' Autogruppo Eritreo, comandante, ufficiali, sottufficiali, e truppa, il mio più vivo elogio per quanto da essi è stato fatto nell'organizzazione prima, e nell'attuazione poi, dei vari ed importantissimi compiti. Il mio pensiero deferente ed il mio ricordo vanno innanzitutto ai gloriosi

caduti dell' Autogruppo che, fanti tra i fantC abbandonando il volante imbracciarono il fucile e con audacia, valore e sprezzo del pericolo, combattendo, caddero sui campi di battaglia, per il raggiungimento dei più alti destini della Patria». Gli autieri del Ten. Col. Alati si batterono con pari valore, armati con decrepiti fucili Wetterly-Vitali 70/87 ( pii:t antichi dei già superati moschetti 91) e con mitragliatrici Schwarzlose, residua ti della Printa Guerra Mondiale; privi anche dell'indispensabile, rintuzzarono gli attacchi inglesi fino alla resa finale del presidio. Il Generale Alberto Cordero di Montezemolo (che concluderà tragicamente la sua vita alle fosse Ardeatine) scrisse sul suo rapporto: «Ri tengo che nelle condizioni in cui si venne a trovare, il Tenente Colonnello Alati non poteva fare di più: fino all'ultimo il suo fervore di appassio nato soldato, la sua decisione di combattente, la sua capacità e la sua fede lo tennero sulla breccia a lottare, senza mezzi e senza speranza, contro il soverchiante imbaldanzito nemico» . Gli autieri si batterono come semplici fant i in condizioni assai p recarie come tutte le altre truppe ed è motivo di rammarico che siano andate disperse num.erose proposte di ricompensa al

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

Anche lo spirito necessita di un momento di raccoglimento e di ristoro: una messa al campo per il personale del 11 r Autoreparto (foto Museo Storico).

43


CAPITOlO

3

valor militare avanzate nei loro confronti.

Le operazioni n el Tigrai occidentale e la caduta di Massaua Nella prima decade di febbraio gli Ingl.e si diedero avvio alle operazioni offensive nel Tigrai occidentale: sulle prime, essi limitarono le loro azioni ad attacchi parziali p receduti e seguiti da un'intensa attività d i artiglieria. L' Autogruppo Eri treo g iunse a Q u ihà, presso Macallè, la notte del 2 apr ile. Qu i u n'autocolonna, div isa in tre u n ità di marcia, pa rtì alla vo lta d i Adua per caricare un ba ttaglione ind igeno. Il 3 aprile un'unità fu attacca ta da preponderanti forze inglesi e travolta dopo una disperata difesa. Le altre due w1ità tornarono a QLdhà, fatte segno lungo la strada ad attacchi da parte dei ribelli abissini e minacciate dalle incursioni aeree della R.A.F. Giunte a Quihà, ebbero la sgradita sorpresa di trovare la sede stanzia le dell' Autoreparto invasa da una banda di ribelli che vennero dispersi dopo un breve conflitto a fuoco. L'8 aprile, superata l'accanita resistenza, le truppe della 5i! Divisione Indiana e della Legione Straniera entrarono a Massaua.

La caduta di Addis Abeba

44

Il6 aprile 1941 Addis Abeba ven iva occupata e le truppe italiane del presidio ripiegarono anch'esse sul Galla e Sidamo. Nel maggio-giugno 1941 l'attività dell' Autoraggruppamento di manovra A.O.I. fu intensissima. Anche qui gli autieri, rimasti senza mezzi, combatterono e caddero imbracciando il fucile. Venne costituito un Reggimento Autieri Fucilieri che fu posto a presidio di Saca di Gimma insieme al I ed al III Autogruppo; aveva una forza di circa 54 Ufficiali e 700-800 uomini di truppa. Gli Inglesi avanzarono celermente fiancheggiati da decine di m ig liaia di irrego lari abissini (Sciftà) che, an imati da un odio feroce nei confron ti deg li Italiani, compivano az io ni di disturbo e di guerriglia estremamente ins idiose. Il 21 giugno il 1° Autoraggruppamento veniva travolto da unità blinda-

te inglesi; gli ufficiali britannici rendevano, cavallerescamente, omaggio allo sfortunato valore dei nostri soldati. Pochi giorni prima si erano arresi i superstiti del Reggimento Autieri Fucilieri del colonnello Gendusio, dopo aver accanitamente difeso la linea del fiume Orno Bottego. L'offensiva nemica non conosceva soste, le forze aeree inglesi spadroneggiavano; gli autieri puntavano disperatamente i moschetti verso il cielo, sparando rabbiosamente ma, purtroppo, inutilmente. In loca lità Godiccio cadde l'autiere Antonio d'Angelo, falcia to dalle mitraglia trici di un Hurrica ne da lui sfida to ad u n pazzesco duello: un solo 91 con tro 8 m itragli atrici Brown ing. Le nostre truppe si ritirarono esauste da G im ma. Tra esse il Battagli one Autieri Fucilieri «Galdisa», costituito il 4 giugno 1940. Questo battaglione si era attestato sul fiume Didessa nella località di Dembi, resistendo con la forza della disperazione fra le pietre taglienti e la vegetazione riarsa. Contro questo gruppo di coraggiosi s i avventarono le unità corazzate avversarie sostenute da artiglieria e aviazione. TI Battaglione venne travolto. Si era conclusa, per l'Italia, un'avventura che forse va giudicata con il metro del tempo e delle circostanze: dopo 1500 anni dalla caduta di quello grande, vero, quello Romano, era svanito il secondo, quello che, forse troppo pomposamente, era stato chiamato «Im pero».

Storie di singoli reparti Sintetizzando e quantificando la presenza delle unità automobilistiche, di poche delle quali nel corso di questo capitolo è s tato fatto cenno, in ciò limitati dalla scarsità di relazioni disponibili, diremo che in tutto l' arco della campagna, e cioè dall'n giugno 1940 al21 novembre 1941, l'Africa Orientale vide presenti: -3 autoraggruppamenti (il l o Autoraggruppamento di Manovra, il2° Autoraggruppamento e il 2° Autoraggruppamento Governo Generale A.O. l. ); - 14 autogruppi; - 48 au toreparti; -3 parchi au tomobi listici . In questa seconda parte del capitoIo, stringeremo il campo abbracciato dalla nostra idea le cinepresa ed espio-


reremo l'attività di alcune delle unità sopra citate. Se nella prima parte la nostra attenzione era appuntata su ll' azione bellica e in funzione di quella veniva raccontata l'attività degli autieri, ora essa si accentrerà direttamente su di essi, rcndendoli i soli protagonisti. Alcuni episodi, fin qui sfiorati, verranno arricchiti di particolari, mentre a ltri, nuovi, se ne aggiungeranno. La documentazione ufficiale esistente è purtroppo molto scarna. Ci serviremo perciò di relazion i inviate da alcuni dei protagonisti a seguito della richiesta dell'Ispettorato della Motorizzazione del1949. Si tratta, ancora purtropp o, di poche memorie, di cui alcune scarsamente utilizza bili: alcuni testimoni, mal interpretando Io spirito della richiesta, inviarono nulla più che uno stralcio del proprio foglio matricolare; altri profittarono della circostanza solo per espri- · mere proprie lagnanze in merito apresunti torti subiti; di altri, che pur ben intesero il senso della circolare dell'Ispettorato, è molto ridotto l'apporto di informazioni per i numerosi trasferimenti da essi subiti nell'arco della campagna, sì che le notizie da essi fornite sono frammentarie, riferite a periodi limitati, e a diverse u nità. Vediamo cosa si può ricostruire.

1 o Auto raggruppamento di Manovra

LA CAMPAGNA IN AFRICA Su ll 'attività svolta da questa consiORIENTALE stente unità automobilistica sono pervenute diverse relazioni, tra cui quella del suo stesso comandante, tenente colonnell o Alfonso Fa nto ne, ma tutte si concentrano su un unico, tragico episodio. La più completa e dettaglia ta, quella che meglio riesce a farci pa rtecipi della drammatica fine d ella sfortunata unità automobilistica, ci sembra quella del capitano Mario Falconieri. L'ufficiale si lascia inizialmente andare a slanci di lirismo ma ... !asciamolo r accontare, riportando integralmente alcuni passi. «Vallate immense, sconfinate; ambe e montagne africane; torrenti impetuosi e fiumi travolgenti, depressioni bruciate e brucianti ci apparvero, come una spettrale orrida v isione dell'inferno dantesco in una terra lontana, satura di mistero e di insidie: l'Africa Orientale. E qui cominciò il nuovo calvario degli automobilisti: una vanga, un piccozzino, ed ecco un metro di strada; l'autocarro procedeva e poi affondava nell'acqua e nel fango; p ietre, tronchi e rami a iutavano l'autiere nell'impari lotta e l'automezzo riusciva a muoversi, m a sovente si arrestava per una im-

Un autocarro GAl finito fuori strada in fase di recupero (foto M. Falconieri).

45


CAPITOlO

46

3

provvisa raffica di fucileria dalla circoalle truppe operanti, consisteva anche stante boscaglia o dalla immediata amnel proteggere la popolazione civile naba che Io inchiodavano al suolo insiezionale e indigena . me col suo conduttore. Eppu re bisoGli autieri del l o Autoraggruppagnava andare avanti, e si andava . C'emento resi disponibili per deficienza di ra ancora la piana desertica da attraautomezzi, furono appiedati, e costiversare e la sabbia infuocata bisognatuirono il Reggimento Fucilieri che operò e si batté sul fiume Orno Bottega va domarla, renderla «solida»; e l' autiere ricorreva alle tavole e alle sponde al comando del colonnello automobilidello stesso autocarro; e poi ancora la sta Gendusio. Moltissimi ufficiali, sottufficiali e aumontagna da scalare, e l'autocarro ditieri caddero sul campo di battaglia. Tra ventava, sotto la guida pazien te del suo . conduttore, «buon alpinista>> ed arrii sopravvissuti, il sottotenente del genio ing. Schiano, il quale fu gravemenvava in cima, ma spesso la pista pocanzi te ferito da una raffica 'di mitragliatritracciata franava, e in quel punto l'auce all'addome e miracolosamente saltocarro si mutava in una croce. Ma si andava avanti, perché le truppe dovevato dal sottotenente chirurgo Nardivano arrivare, e con loro i ma teriali. C'eni. ra il genio a gettare i ponti e le passeIl 13 giugno l' Autoraggruppamenrelle sui fiumi e sui torrenti, ma l'auto, che aveva disposto i suoi reparti optiere aiutava a lavorare perché doveva portunamente in formazione di difesa passare, «voleva » passare per contisia dagli attacchi aerei che da quelli ternuare la sua marcia. Dal mare all'altorestri delle potenti formazioni armate piano, per circa duemila chi lometri, il indigene, subì un micidiale spezzonasentiero tracciato nel caos africano era mento aereo della durata di un'ora e 45 fittamente punteggiato dai nostri auminuti. Molti furono i morti, moltissitocarri. mi i feriti. Un autocarro carico di muQuanti di essi finirono nel fondonizioni saitò in aria. valle precipitando da mille metri e an1120 giugno, una pattuglia formache più? Quanti furono trascinati nei ta da 12 autieri al comando del sotgorghi dei fiumi impetuosi? Quanti di totenente Castellani fu letteralmente essi allietarono, roghi ardenti, le sinimassacrata da una banda irregolare stre fantasie degli indigeni? Ora è d ifindigena. Poco dopo, il tenente Goatelli, uscito in perlustrazione, veniva ficile dirlo, come è difficile dire quante altrettante croci non fu possibile alzacatturato e tenuto prigioniero, come re, ma certamente, al posto di ognuna ostaggio, dagli armati di Ras Ghegermogliò un fiore, un filo d 'erba; un rarsù . arbusto secco rinverdì, uno specchio Successivamente, il maggiore Ceri, d'acqua s'increspò lievemente, perché che aveva assunto anche il comando del sempre la natura s'inchina riverente diI Autogruppo al posto del maggiore nanzi alla morte, dinanzi a un umile Gervasi trovato morto sul suo autocarmartire. ro, uscì con una colonna di oltre 350 uoIl l o Autoraggruppamento era comini, tra sottufficiali e truppa, e 9 uffimandato dal tenente colonnello d i fanciali ma, a meno di un chilometro dalteria Fantone. Altri ufficia li erano: il la base dell' Autoraggruppamento, egli m·aggiore Montanari, comandante del veniva selvaggiamente attaccato dalle Deposito; il maggiore Gervasi, coma norde ind igene. dante del I Autogruppo; il maggiore CeEroicamente combattendo, caddero il maggiore Ceri, sei dei suoi ufficiali, ri, granatiere di Sardegna, comandane quasi tutti i suoi uomini. Superstiti, il te del IIIAutogruppo; i capitani di artiglieria Della Vitis e Perelli, i tenenti Goa- . tenente Sirena, il quale riuscì a salvartelli e Benizio, il sottotenente Castellasi gettandosi in un vicino fiume, e qualche autiere. ni. L' Autoraggruppamento comprenGli armati di Ras Gherarsù strinsedeva autogruppi organicamente forro da vicino le residue forze dell'Automati da automezzi pesanti, medi e legraggruppamento, il quale si trovò a dogeri. Comprendeva inoltre un autorever fronteggiare, con meno di 500 uoparto vetture e una compagnia motomini, l'impeto di oltre 13.000 armati inciclisti oltre ad un autoreparto di cadigeni. terpillar. Calava la notte, e sembrava essere Era dislocato oltre il presidio di Gimstati abbandonati al nostro destino orma, in località Saca di Gimma. Il suo mai segnato, per l'impossibilità di recompito, oltre quello dei rifornimenti sistere dovuta alla assoluta mancanza


di munizioni. L'a utiere Bernoccoli si offrì volontario per portare un m essaggio all'ultimo e solo presidio dopo il nostro, a 18 chilometri di distanza, in località Belletà, per chiedere soccorso. Sfidando gli agguati, attraversando le linee nemiche, strisciando nelle anfrattuos ità del terreno, passando attraverso l'accampamento degli indigeni, armato soltanto d i un coltello, l'autiere Bernoccoli riuscì a recapitare il messaggio e a tornare indietro verso l'alba del 21 g iu gno, portando al Coma ndo dell' Autoraggruppamento la notizia che il presidio di Belletà era anch'esso circondato e si trovava nell'impossibilità di poterei a iutare, non avendo né uomini né m ezzi sufficienti. Alle ore 7 d ello s tesso g iorno il Comando dell' Autoraggruppamento ordinava di amma inare la nos tra Bandiera, giusto in tempo per non vederla vilipesa dal feroce disprezzo delle truppe irregolari congolesi. I nostri autoca rri vennero devastati e molti autieri uccisi per aver tentato di impedire lo scempio delle loro macchine. L'autiere Murgia Piero venne miracolosamente salvato da un Ufficiale il quale, dandogli uno spintone, riuscì ad evitargli una raffica di un fucile mitragliatore. Sulla tragedia del 1° Autoraggruppamento di Manovra infierì il furore bestiale degli armati indigeni di Ras Gherarsù. Un a ltro ufficiale, il capi tano Della Vitis, fu barbaramente fucilato. L'orgia di sa ng u e s i attenuò verso mezzogiorno, quando dal pres idio di Gimma giunse un ca rro armato leggero con un sottotenente s udafri ca no, il quale ottenne che i s upers titi dell'eccidio di Saca G imm a fossero po rtati a Gimma a bordo dei pochi autocarri lasciati efficienti. Quei pochi uomini, nudi, affamati, stanchi e abba ttuti d alla lotta impari e cruenta, salutati dalle raffiche di mitragliatrici piazzate s ui fusti delle piante e dallo scoppio di bombe a mano, passarono sui corpi strazia ti e seviziati dei propri compag ni, lasciati insepolti, in pasto alle iene della prossima notte». Dalle altre testimonianze s ull'Autoragruppamento si riesce a sapere che, per gli ufficia li cad uti, vennero proposte medaglie d'oro alla memoria, proposte che purtroppo, com e non di rado avvenuto per i militari del Corpo, andarono perdute a seguito di s uccessivi rovesci d ella s itua zione militare. I corpi degli u ccisi restarono sul terreno per otto giorni fin o a che qualcu-

no non provvide a dare sepo ltura a ciò che di essi era rimasto.

2 o Autoraggruppamento

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

Sulle vicende d i questa unità getta qualche squarcio di luce una breve memoria di Ren ato Chieregatti, allora ufficiale addetto al Coma ndo. Sede del Reparto, all'inizio delle ostilità, era Adigrat. Esso era articolato su qu attro au togruppi: - il II, su autocarri Mercedes, comand ato d al tenente colonnello Cellerino; -il IV, su SPA 25/C/1 O, al comando del capitano Sovico; . - il V, anch'esso su SPA 25/C/10, agli ordini del capitano Briani; - l'VIII, s u Fiat 634, coma ndato dal tenente colonnello Lentini. L'autoraggruppamento aveva svolto attività di rifornimento e trasporto truppe nella zona del bassopiano, dove gli autieri non si erano certo risparmiati nell'assolvim ento del loro compito. Il II Autogruppo in particolare venne sever amente impegnato per lo sgombero di Assab da tutti i materiali, essendo ormai la città minacciata molto da vicino dagli Inglesi. Sulle vicende del l/ A11togmppo dello stesso Autoraggruppamento fornisce alcune notizie una breve memoria del capitano Luigi Paris i. Oltre al nome del comandante, tenente colonnello Cellerino, egli indica quelli di altri ufficiali effettivi all' unità, quali il capi tan o Pis to ni e i ten enti Sprenberg, Briaschi e Goliardo. Quasi sempre il II Autogruppo era stato, dallo scoppio delle ostilità fino al dicembre 1940, a disposizione del Comando Aeronau tica per lo sgombero dei m agazzini della base di Assab, da dove il materiale veniva portato a Kambolcià e ad Aba. Questo lavoro veniva svolto di notte e a fari spenti, poiché la zona di Assab era battuta dagli aerei ing lesi. La sede stessa dell' Au togruppo era stata più volte sottoposta a bombardamenti, i più pesanti d ei quali erano stati quelli del 15 agosto del 1940, quando rimasero feriti 14 au tieri, e del 29 dicembre, allorché trovò la morte il capo manipolo Durazza no. Nel gennaio del 1941 il Comando dell' Autogruppo si trasferì ad A ba. Da qui numerose autocolonne partivano per Asmara, Gondar ed Assab e, quando giunse l'ordin e di trasferimento a

47


CAPITOLO

3

Carro armato costruito a Gondar ne/1941, eclatante espressione della fantasia italica in veste militare. Era stato realizzato con un trattore agricolo rivestito da foglie di balestre. Ne furono costruiti 4 esemplari.

48

Saca Gimma, in sede erano rimasti appena 60 automezzi. In quest'ultima località il reparto veniva sciolto e di esso rimaneva soltanto un Ufficio Stralci. Con gli automezzi superstiti venne costituito il111 o Autoreparto del quale assumeva il comando il capitano Giovanni Mori, proveniente dal 1° Autoraggruppamento. 11"16 aprile il111 o si trasferiva a Bonga, a disposizione del locale Comando Presidio, da dove partivano i rifornimenti per i presidi dell'interno. Per raggiungerli non esistevano strade, ma solo piste che, alle prime piogge, divenivano subito impraticabili. Il 12 giugno 1941 l'autoreparto ripiegò su Gimma e, nel corso dello stesso ripiegamento, alle ore 13.00 del 13 giugno, subì un pesante attacco aereo, nel corso del quale nove autocarri vennero messi fuori uso e diversi autieri rimasero feriti. 1121 giugno, a Gimma, tutto il personale del 111 o Autoreparto ve ni va fatto prigioniero dalle truppe sud-africane.

Dell'VIII Autogruppo dello stesso 2° Autoraggruppamento riusciamo inve-

ce a conoscere genesi, costituzione, vita e termine mediante una relazione del suo stesso comandante, il tenente colonnello Giacinto Lentini. L'ordine di costituzione era pervenuto, insieme a quello relativo agli autogruppi Il, IV e V, il23 giugno del1940, da parte del Comando Superiore A.O.I. e l'incombenza sarebbe spettata proprio a colui che ne sarebbe stato il comandante. Esso avrebbe dovuto essere costituito ad Asmara, mediante requisizione di tutti i Fiat 634 necessari. Nel requisire gli automezzi, venne adotta t o l'accorgimento 'di mobilitare anche i rispettivi proprietari (i cosiddetti padroncini). La sua articolazione comprendeva gli autoreparti 113°, 114°, 115° e 117°, ognuno su 4 autosezioni di 24 automezzi ciascuna. Grosse difficoltà emersero fin dall'avvio. In primo luogo, non esistevano né ufficiali né sottufficiali richiamati dal congedo. Qualcuno, addirittura, non aveva neppure prestato un precedente servizio militare. In definitiva, l'unico ufficiale in servizio permanente era il comandante, sulle cui spalle ricaddero direttamente l'addestramento iniziale e il compito di controllare che tutto si svolgesse a dovere. Notevoli difficoltà vennero incontrate anche per il reperimento del materiale di equipaggiamento. Più facile fu invece reperire due officine che, per tutta la durata della campagna, si sarebbero fatte valere, tenendo sempre in perfetta efficienza il parco automezzi. L' Autogruppo era appena riuscito a rabberciare tre delle previste quattro sezioni del113° che il Comando Superiore dispose il loro utilizzo per le operazioni su Cassala. Esse furono subito all' altezza della situazione, entrarono in città con i primi reparti e rientrarono presso l' Autogruppo solo dopo due mesi, con l'elogio dello stesso Comando Superiore. Ricostituitosi l' Autogruppo al com. pleto, venne inviato a Chisimaio per lo scarico di una petroliera giapponese. La gigantesca autocolonna attraversò l'Abissinia, l'Ogaden e il Giuba, arrivando a Chisimaio senza perdere un solo automezzo e senza incorrere nel minimo incidente. Si profilava ormai l'offensiva inglese e gli autoreparti 114° e 115° vennero rimandati a Cassala per lo sgombero di quella piazza. Nell'approvvigionamento di materiali, solo le coperture offrirono note-


voli difficoltà: al momento della costituzione dell' Autogruppo non fu possibile fornire più di un treno di gomme e una ruota di scorta per ogni automezzo; d'altronde non c'era nemmeno alcuna possibilità di averne dall' Italia, stan ti le difficol tà di trasporto. Finché fu possibile, vennero adotta ti tutti gli accorgimenti per far basta re quelle che c'erano; ma a novembre s i dovettero bruciare 40 autocarri, resisi inefficienti per la totale perdita dei pneumatici, per non !asciarli agli Ingles i. I loro autisti passarono a fare i fanti, combattendo insieme ai reparti di colore, e molti caddero prigionieri. Dopo la caduta di Cheren, l'VIII Autogruppo venne impiegato anche per lo sgombero di quella piazza. Questo ulteriore sforzo fece esaurire del tutto le coperture, sì che il Comando Superiore diede ordine di rendere inefficienti tutti g li automezzi e abbandonarli nella boscaglia. Le truppe superstiti vennero costituite in un battaglione autieri, con l'ordine di trasferirsi sull'Amba Alagi, dove il Duca d'Aosta stava spendendo le ultime sue risorse. Con la resa, finiva anche la vita dell'VIII Autogruppo. Il colonnello Rodolfo Smiciklas fornisce invece notizie s ull'attività delI' Autosezione Autonoma di Soddu, del 3° Autorepa rto del Governo di Galla Sidamo. Sintetizziamo. L'a utosezione aveva in organico 32 uomini, 25 dei quali conduttori, e 25 erano anche gli automezzi, tutti leggeri, più un autocarro officina. Col crescere delle esigenze legate al non favo-

revole andamento della guerra, si ebbe un incremento di veicoli e conduttori LA CAMPAGNA tanto che alla cad u ta di Soddu, nel magg io del '41, s i erano raggiunti 60 au to- IN AFRICA ORIENTA LE carri e 90 uomini. Il reparto forniva servizi s ia per esigen ze pres id iarie, sia per rifornire i reparti in linea, in zone caratterizzate da for te presenza di nemici indigeni. Piano piano, anzi, il carattere dei servizi divenne esclusivamente bellico. Le macchine, per lo più leggere, tipo Ford, venivano sempre assegnate con già nelle ruote migliaia di ch ilometri percors i nel corso della campagna etiopica. Le condizioni delle strade, specie dopo le piogge, e le distanze e norm i da coprire non erano il miglior toccasana per lo s tato dei veicoli. La Sezione, oltre a servizi isolati o per piccoli nuclei, effettuò anche autocolonne consistenti, quali quella finalizzata al trasferimento di un intero battaglione. Nonostante gli attacchi aerei degli Inglesi e le imboscate degli indigeni che si appostavano in prossimità dei pres id i da rifornire, i servizi vennero sempre portati a compimento . Nella seconda decade di aprile d el 1941, il caporale d'Agostino e l'autiere Fabbro, sotto mitragliamento e bombardamento aereo, riuscirono a trarre in salvo una macchina che era s tata immobilizzata dalla piena del torrente Cullufù m entre ne s tavano guadando il letto. Il Comandante de/11 r Verso la metà di maggio del '41 l'auAutoreparto parla ai suoi tiere Bruno, addetto al rifornimento in uomini nella boscaglia di linea s ul fiume Bi llate, pur ammalato, Saganeiti (foto Museo Storico). r iusciva a s vincolare il suo autocarro

49


CAPITOlO

3

La densa e ampia chioma di un albero plurisecolare, nella boscaglia, è l'ideale per l'installazione di un'officina (foto Museo Storico).

dall'accerchiamento e in un secondo tempo, fatto prigioniero dagli Inglesi, tentava di bruciarlo per distruggere, con esso, il carico di munizioni. Scarseggiavano i ricambi, che venivano consumati con molta parsimonia, preferendo ricorrere il più possibile a riparazioni, anche dì fortuna. L'attività dell'autosezione era appe-

ASCOlTANDO

CHI C'ERA

50

Il «Ragazzo del '99» ed ex sottotenente degli Arditi nel corso della Prima Guerra Mondiale Giovanni Braca, qui comandante del 1• Gruppo Bande di Confine, oggi baldo 96enne ancora nel pieno possesso delle sue facoltà di scrittore e di cartografo, protagonista dell'episodio riferito nel testo (foto G. Braca).

santita inoltre dal fatto di dover provvedere, con poco personale, a riparare numerosi veicoli in transito, essendo Soddu un grosso centro di passaggio. Il presidio di Soddu cadde il22 maggio del '41,. ma le macchine, per fortuna, erano quasi tutte fuori per servizio, sì che il bottino degli Inglesi, in fatto di automezzi, non fu né ricco né agevole. La prima testimonianza «viva» dell'operato dei nostri autieri in Africa Orienta le ce la forn isce (non sembri un paradosso) un ... non autiere. Di esso ci parla infatti il genera le Giovanni BRACA, un ragazzo del '99, nato a Lari (PI) il 5 maggio l 899, 96 anni al momento del l'intervista. Uno vita lungo e densa di avventure, o cominciare da quello che g li fruttò la prima delle sue 4 medaglie d'argento (più uno di bronzo); una medoglio a l volar mi litare ... alla memoria . Proprio così, non si tratta di un errore: egli venne effettivamente «ucciso» sul Grappa nell' ottobre del 191 8 in uno scontro con un battag lione di ungheresi, seppellito, inserito nel bollettino dei caduti, decorato, ecc. (per i particolari della vicenda, si rimando a «Ultime Voci dalla Gronde Guerra», Brancato Ed itore). Nonostante ciò, egli è ancora qui, baldo e giovanile con i suoi 96 anni, a riferirei coso facevano i nostri autieri in Abissinia. Ebbe il comando, col grado di 0 l capitano, del Gruppo di Bande di Confine e sostenne aspri combattimenti, o capo dei suo i ascari, contro i cosiddetti «ribelli», che erano a l servizio degli Ing lesi. Spesso eg li ebbe compiti d i scorto od autocolonne dal cui buon esito dipendevano le sorti d i un combattimento. In una circostanza venne anche ferilo, quando il suo autocarro sa ltò su una mina.


LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

1940. Sono le prime fasi della guerra. Anche i conduttori si esercitano in lunghe marce a piedi attraverso la boscaglia {foto Museo Storico).

Delle sue tonte e vivac i avventure vissute con gli autieri, racconteremo quello relativo od uno colonno di 45 automezzi diretti a trasportare viveri do Azozò, presso Gondor, fino al caposaldo di Cu lquo lber che si dicevo versasse in gravi difficoltà. Un primo tentativo ero già andato o vuoto. «Li avevo visti partire di primo mattino, quel 24 agosto de/ '41 - esordisce il generale- scortati da un reparto di "camicie

nere". Non era trascorsa un 'ora, che tutta la colonna era già di ritorno ad Azozò, dove la nostro unità ero accampata al fresco di un bosco di eucaliptus. Al 7 ° chilometro un attacco di ribelli, appostati sulle alture lungo la pista, avevo messo in fuga /o scorta che era rientrata ad Azozò. Al comandante della colonna, un sergente autiere, non era rimasta altra scelta che riportare i mezzi o/lo base. Verso le 11.00, venni convocato da/generale Nasi. "Braca - mi chiese - perché non ci riprovi tu con i tuoi ascari?" "Quando, signor generale?" "Ora! " Presi o tergiversare, o inventarmi i più svariati pretesti-per rinviare la partenza. C'era una ben precisa ragione alla base dello mia finta titubanza, ragione che tuttavia non potevo esternare al comandante. Ero presente infatti al colloquio il moggiore Solondin, un ufficiale che aveva saputo conquistarsi la simpatia e /o fiducia di colleghi e superiori. Ero stato il solo o nutrire dei sospetti su di lui ma, quando li esternai, mi diedero del visionario. Accomiatandomi, dissi forte perché il maggiore potesse sentire: "Alloro d 'accordo, signor generale, partiremo domattina, verso le dieci!" Appeno fuori della portata degli orec-

chi e degli occhi di Salandin, radunai olio svelto autieri ed ascari, dicendo loro: "Ragazzi, se vogliamo che questo missione riesca, dobbiamo partire subito, in questo stesso momento!" Fu questione di pochi minuti, il tempo di rio/lineare lo colonna e di piazzare i miei ascari, divisi in cinque bande, sui due automezzi di testa, su uno al centro e sui due di coda. Gli ascari: combattenti eccezionali, di totale affidabilità, ma istintivi, primordio/i; pronti ad esultare all'unisono come bambini quando facevano centro su un nemico, ma anche pronti a dare la vita per il loro capo, come dei lupi per il loro capobranco. Ma non li comandi con il grado o con le lusinghe, né con minacce o punizioni. Con loro c'è solo uno strumento: l'esempio. Se perdi la loro fiducia, se perdi la faccia , sei finito . Fu ciò che avvenne ad un ufficiale italiano (non faccio nomi) che, dovendo mandare o/ combattimento tre delle sue quattro compagnie, preferì starsene al campo, al sicuro, con l' unica compagnia rimasta. Al ritorno tuffo il gruppo gli dichiarò l'"abiet". Il termine potrebbe tradursi con ammutinamento, mo è qualcosa di peggio, perché al rifiuto di obbedienza si aggiunge il disprezzo. Il suo valore ha inoltre estensione universale: chi lo ha ricevuto, verrò rifiutato come comandante da qualsiasi altro ascaro. L'ascaro darò la sua vita per salvarti, ma tu devi essere lì, ad affrontare gli stessi suoi pericoli. C 'ero un grosso affiatamento tra gli ascari e gli autieri: "Con gli ascari - solevono dire questi ultimi- non abbiano mai paura, con le camicie nere, sì!". Partimmo, dunque, che non ero mezzodì, cogliendo di sorpresa la spia. Al settimo chilometro, ecco l'attacco. Si trattavo, per for-

51


CAPITOlO

3

Autocolonna per trasporto di truppe indigene (foto SME- Ufficio Storico).

52

tuna, di poche vedette fasciate lì dagli Inglesi che ci aspettavano solo per fa mattina dopo. Un 'azione combinata delle prime tre bande riuscì o respingere l'assalto. Con la sicurezza garantita dagli ascari appiedati, l'intera colonna poté sfilare. Passarono altri due chilometri ed ecco un nuovo intoppo. Di traverso o/lo pista, per tutta la larghezza, i ribelli avevano eretto dei rustici muretti con delle pietre ammonticchiate /e une sulle altre. Gli addetti o uno mitragliatrice messo sulle alture vicine fu. rono neutralizzati, ma /o rimozione dell'ostacolo non appariva affatto agevole: tra i massi, infatti, si notava la presenza di mine "o rilascio di pressione"; chi avesse tentato di rimuovere /e pietre sarebbe saltato in aria. Che fare? Fu lo stesso sergente autiere, comandante della colonna, o escogitare una brillante soluzione. Una delle funi in dotazione ai mezzi venne fatta passare o/ di là del muretto; poi, uno sfraffone alle estremità, e i massi vennero giù. Le mine, liberate, deflagrarono con grande fragore, sollevando gioiose grida di entusiasmo da parte d_egli ascari, mentre attorno o noi pioveva uno spolverio di sassi. Nel varco aperto passava il primo mezzo e , sulla sua scia, tutti gli altri. A seguire, trovammo altri cinque muretti, ma ormai la contromisura ero collaudata, con scorno degli Inglesi.

Al termine della missione proposi il sergente per una medaglia che premiasse sia l'abilità che la grande disponibilità del militare. Totale disponibilità fa trovai sempre, d'altronde, in tuffi gli autieri, mai riluttanti anche nelle situazioni di maggior pericolo. Non rifiutavano neppure, all'occorrenza, di trasformarsi in combattenti, imbracciando l'arma e sparando direttamente dal posto di guida. Più volte, in occasione di altre autocolonne, subimmo attacchi aerei. In simili circostanze, non esitai o bloccare la colonna e ordinare ai conduttori di ripararsi sotto l'automezzo: perder~ degli ascari, sarebbe stato doloroso, ma accettabile; perdere un autista sarebbe stato un bel guaio. Verso le 20.00, o/ chilometro 23, o circo metà del viaggio, trovammo la XXII Brigata coloniale del colonnello Torelli che ero sfata impegnata nella mattinata stessa in duri combattimenti con i ribelli, nel corso dei quali due ottimi ufficiali, poi decorati alla memoria, avevano perso la vita. Rifocillatici con del tè, riprendemmo il cammino. Era ormai notte. Presi posto sulla macchina di testa, l'unica che procedeva, lentissima, o fari accesi, per scoprire /e mine anticarro che certamente erano state disseminate lungo fa pista. Ve n'erano, infatti , collocate da poco, e /o ferro rimossa aiutava o individuar/e. Disposi allora che,


o turno, due ascari precedessero o piedi lo colonno e, avvistate le mine, le rimuovessero buttandole fuori pista. Trattandosi di mine anticarro, non costituivano pericolo per l'uomo. Alle due di notte raggiungemmo finalmente Culqualber: quattordici ore di viaggio tra insidie, ostacoli e combattimenti per coprire 50 chilometri! Con quanto ansia fossimo attesi lo scoprii subito: tranne le sentinelle, erano tutti o letto e dovetti dannarmi l'animo, minacciando di piantar tutto e di andarmene, per racimolare un po' di manova/onzo e deporre il corico in mezzo al piazzole, con l' aiuto degli ascari e degli autieri. Albeggiavo, al momento dello partenza. Non ricordo che qualcuno mi abbia rivolto un grazie, né ritenni volesse lo peno di svegliare il comandante. Lo riuscito dell'autocolonna, allo fin fine, ero stato per me solo uno rivalsa contro gli Inglesi, quasi lo vincita di uno scommesso. Sullo via del ritorno, subimmo un violento attacco o un chilometro dallo posizione dello XXII brigato; riuscimmo o respinger/o, ma l'episodio ci costò otto morti. Nuovo sosto nel campo e via, ripartiti. Ancor primo di raggiungere Azozò, altri attacchi ci vennero indirizzati dai loti dello pista, ai quali rispondemmo senza interrompere lo marcio. Nello tordo mattinata, lo colonno rifacevo il suo ingresso al campo. Recotomi do/generale Nasi o fare lo mio relazione sullo spedizione, gli_feci credere di aver riportato soni e salvi uno quarantino di mezzi. "Bravo, Braco - esclamò il generale soddisfatto per uno perdita così lieve - ti meriti un premio: eccoti uno cosso di vino do bere con i tuoi uomini!" "Eccellenza - replicai - e se avessi riportato più di 40 mezzi?" "Ti avrei doto una stecca di sigarette per ogni automezzo in più!" "Alloro mi dio cinque stecche, perché li ho riportati tutti e 45!" Incredulo, il generale telefonò in autosezione e, avuta lo conferma: "Braco, tu mi vuoi rovinare. Cinque stecche non te le posso dare, devo pensare anche agli altri. Accontentati di due!"» .

Il personaggio di cui ci accingiamo o riportare lo testimonianza, è giò stato protagonista, con le sue rocombolesche avventure, di alcune pagine del primo volume di quest'opera, nel capitolo dedicalo alla Guerra !taio-Etiopica. Si tratta di Stefano FU LC INITI, calabrese ma residente o Colonna, in provincia di Roma . Chi ha giò letto il citalo volume, ricorderà che egli era stato an-

che outisto personale del maresciallo De Bono, e avevo combattuto o Posso Aurieu, assistendo personalmente alla morte di padre Reginaldo Giuliani. Va le perciò lo pena di continuare od ascoltare il suo racconto che si sposterò di poco avanti nel tempo, cioè al 1940, ma non nello spazio, che continuerò ad avere lo stesso scenario. Ascoltiamo perciò il seguito del suo racconto.

«Con l'inizio dello Secondo Guerra Mondiale, venni richiamato al 103 ° Autoreparto del/V Autogruppo di Manovro. Lo Storia forse esprimerò un diverso giudizio, ma io avevo lo sensazione che molti ufficiali italiani facessero il gioco degli Inglesi; non saprei altrimenti spiegormi perché, mentre gli aerei nemici ci massacrovano con i loro bombardamenti, essi ci .ordinavano di non reagire e non rispondere in alcun modo. All'inizio del conflitto eravamo o Cassalo, con le truppe di occupazione, per trasportare oro uomini, ora munizioni. Tutto procedette tranquillo, nella fase di avanzato. Quando però lo guerra cominciò a prendere un diverso andamento e cominciammo o retrocedere, fu un vero macello. Gli aerei erano il nostro incubo quotidiano. Un giorno, presso Tessenei, con uno piccola colonna di tre mezzi stavamo attraversando uno piana che, essendo allogato, venivo superato su un terrapieno gettato attraverso di essa. A un fratto venimmo raggiunti da due "Cioster Gladiotor" i quali primo ci superarono poi, con uno virato, ci si portarono incontro e presero a mitragliarci. Consci del pericolo rappresentato dallo natura del materiale trasportato, abbandonati gli automezzi, ci gettammo o razzo alla ricerca di un riparo. l mezzi, fortunatamente, uscirono quasi indenni, ma uno dei miei due compagni venne ferilo o una gamba. Medicato/o allo meglio, lo ricollocammo di peso al posto di guida e riprendemm o il cammino. Lo ritirato ci sottopose od enormi fatiche . Un giorno, eravamo appeno tornati da un trasporto od Addis Abeba, quando ci giunse l'ordine di caricare delle truppe o Cassalo e portar/e fino a Borentù. Guidai per 48 ore consecutive, sempre incollato alvolante, senza mai dormire . Al terzo giorno, crollai. Nello seconda fase dello ritirato, fummo impiegati per trasportare munizioni do Asmara o Cheren. Notti e notti di viaggio. Con i nostri SPA 38 si impiegavo non meno di 78 ore per coprire gli 80 chilometri che separavano le due città. Dovendo viaggiare o fori spenti per non essere avvistati, si faceva tutto il tragitto in prima marcio, non seduti in cabina, ma fuori, in piedi sul pre-

LA CAMPAGNA IN AFRICA ORIENTALE

53


CAPITOLO

54

3

de/lino, con solo un braccio sul volante. All'arrivo, ci usciva il sangue dagli occhi per lo sforzo di scrutare attraverso il buio per scorgere ed evitare i pericoli della strada. In l 2 Fummo poi mondati o portare od Addis Abeba le munizioni dai depositi di Asmara. l primi viaggi furono però do Mossoua dove, non essendo ormai questa città considerata pitì sicuro, coricavamo malerio/e di ogni genere do portare od Asmara. Do questo città od Addis Abeba corrono mille chilometri che noi coprivamo in tre giorni. Non mancarono gli incidenti, onche gravi. Una sera stavamo tornando da Addis Abeba a Mossaua con i mezzi scarichi con a bordo, uno ogni macchino, dei marinai che dovevano essere condotti al porto. Nello colonna io occupavo la terza posizione. L'automezzo che mi precedeva, condotto dal caporale Bonarrico, aveva un guasto all'impianto di illuminazione. Facendosi notte e non avendo il tempo né i mezzi per riparar/o, decidemmo che, a fargli luce, avrebbero provveduto l'automezzo che lo precedevo e il mio che lo seguivo. l mezzi avrebbero marciato non in linea, mo sfalsati uno su/lato sinistro e uno sul destro rispetto a quello in avaria - affinché i fasci di luce non venissero intercettati dagli automezzi stessi (cosa che sarebbe invece avvenuta, se gli automezzi avessero proceduto ollineati). A un certo punto, fungo la pista che attraversava la piana di Gobbò, venne a trovarsi un OM fermo con un semiosse rotto e con il cassone sollevato per la riparazione. Il Bonorrico non si avvide in tempo dell'ostacolo e andò a schiantarvisi contro. Il muso del mezzo investitore si infilò sotto il cassone e lo cabina si schiacciò contro la sponda, con il conduttore incastrato dentro. Il marinaio invece, sbalzato dalla cabina, restò immobile a terra. lo, che seguivo, effettuati in tempo la frenata, per non investir/o. Non così quello che mi seguiva il cui autista, per evitare di tamponormi, mi sorpassò sulla sinistra. Avvedutosi all'ultimo istante dell'uomo o ferra, e non potendo più fermarsi, tentò di superarlo Facendolo passare sotto il cassone. Lo manovra riuscì solo in porte perché il poveretto, schivato do/le ruote, venne agganciato e trascinato do/giunto posteriore. Immediato, il soccorso dei due feriti e il/oro trasporto presso un ambulatorio e da qui in un ospedale. Qualche tempo dopo, ripassando, ci fermammo a chiedere notizie: il povero Bonorrico era morto; il marinaio invece, più Fortunato, stava per essere dimesso. In occasione dell'ultimo viaggio, fummo mandati incontro alle truppe che si stavano ritirando dalla Somalia. Le incontrammo sul

fiume Auasc, le caricammo e ci dirigemmo verso Addis Abeba, ma presso Adamo un nuovo ordine ci dirottò. Per una nuovo strado, ritornammo verso I'Auasc e lo riattraversammo. Al di là del fiume, sulle colline, c 'erano già gli Inglesi . Prendemmo per una pistarella che si inoltrava nella boscaglia. Procedemmo fra enormi difficoltà, abbattendo alberi per farci strada e raggiungere Sciosciomanna dove, in mezzo o/ bosco, c'era un aeroporto. Qui lavoravo lo ditta Rapetti e noi speravamo di trovare qualcosa da mangiare. L'autoreparto era ormai tutto smembrafo, sparso su tutto il territorio. Non sapevamo neppure a chi eravamo in forza; nessuno ci dava da mangiare; ci caricavano di roba da trasportare e poi... arrangiarsi. Così eravamo costretti anche o sgroffignore, dove capitava, qua/coso do mettere sotto i denti. L'aeroporto ero stato abbandonato: scappati tutti. Cercando cibo, trovammo dello forino di granturco, ormai marcio e amarissimo, immangiabile. Fortuna volle che io riuscissi ad ammazzare un'antilope che, arrostilo, placò i morsi dello nostro fame. Ci portammo od Alomosoddu, sopra il lago Morghérita . Eravamo sempre quei 12 ed avevamo come comandante un lenente, sul quale però ero ormai inutile fare affidamento: parevo uno "gallina bagnolo", avvilito, smorto, incapace di prendere ogni più piccola decisione . Ad Alomosoddu trovammo radunate molte truppe di ogni nazionalità. Il comandante di un reparto di ascari ci fece consegnore una pagnotte/lo di granturco a testo ed io mi diressi verso un'acacia poco lontano, dove vedevo già parcheggiata un'autobotte, o mettere o riparo il mio automezzo. Il terreno ero pianeggiante, in porte coperto do paludi. L'autista dell'autobotte mi fece segno di avvicinarmi, rossicurondomi sullo consistenza de/terreno. Avanzai, e affiancai il mio mezzo o/ suo. M i sedetti sullo pedona del mio autocorro e mi accinsi od addentare lo mio pogno/te/lo, senza porre portico/ore o/fenzione o/ mio occasiono/e vicino quando questi: "Ehi, non mi riconosci?" Lo guardai, cercando di focalizzare il suo volto nel campo dei miei ricordi. "lo sono quello dello Bulk. Ti ricordi?" Sì, mi ricordai, e ricordai anche lo circostanza che ci avevo fatto incontrare e nella quale gli avevo fallo un favore, togliendo/o da uno critico situazione. Dopo i convenevoli di rito: "Purtroppo -gli dissi - non posso darti nullo do mangiare - ho solo questo forino di granturco, ma è fradicio! " "Se è per questo - ribatté - non preoc-


cuparfi: ho l'autoboffe piena di viveri!" Era vero, il mezzo era pieno di ogni ben di Dio. Chiamammo i miei undici compagni e, tuffi insieme, si festeggiò con un favoloso risoffo. Da Alamosoddu ci portammo verso il fiume Omo Boffego e l'attraversammo su una passerella. Eravamo appena passati, quando questa venne centrala da un bombardamento e crollò. Ci recammo a Gimma, capoluogo del Kaffa. Qui venn~ costituilo un Baffaglione di Autieri Fucilieri composto da ex autieri ormai appiedati. Noi, i soliti dodici, non fummo presi, in quanto avevamo ancora, lutti, dei mezzi efficienti, ma fummo utilizzati per rifornire di viveri lo stesso baffaglione che, una volta costituito, fu mandato a operare presso I'Omo Bottego. La ritirata continuava. Un centinaio di autieri che venivano su da Saca verso Gimma venne assalito da una banda di ribelli: tutti furono trucidati. Infine, arrivarono gli Inglesi c he ci presero prigionieri. Con gli stessi nostri mezzi, carichi dei nostri soldati, prigionieri fan-

to noi che essi, raggiungemmo il campo di concentramento di Addis Abeba». Qu i inizia una nuova fase della vita militare dell'autiere Stefano Fulciniti, quella di prigion iero, che si sarebbe protratta per sette anni , tra i campi di prigionia di Addis Abeba, Dire Daua, Mondera (immortalata dal libro «l'inferno di Mandera»}, Berbera, Burguret. Sette anni ricchi di peripezi e, dove c' è posto per tutto: imbarchi su navi disastrate, cacce di cinghiali, furto di angurie per mezzo di un'ambulanza, ma latti e, ricerca di espedienti per sopravvivere, fino a lla rocambolesca fuga finale su una camionetta rubata. Materiale a non finire per un intero romanzo che purtroppo, per mancanza di spazio, ci vediamo costretti a oon scrivere e a non leggere mai. Il Fulciniti tornerà in Italia dopo una lunga permanenza in Africa, in seg uito all'atteggiamento ostile verso gli Italiani do parte dell'im peratore Hailé Selassié. Con il ritorno, eg li perdette tutto il frutto di un'i ntera vita di lavoro. Pochi mesi dopo questo intervista, egli purtroppo decedevo, all'età di 78 anni .

Mimetizzazione di un autocarro (foto SME Ufficio Storico).

55


CAPITOlO

4 LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE e c'è un elemento che, a fattor co- di materiale, con personale approssimune, ha caratterizzato tutti i mativamente addestrato e privo di espeteatri di guerra che hanno visto rienza, non rodato dalla necessaria acpresenti le Forze Armate italiane nel climatazione, trattandosi di truppe apsecondo conflitto mondiale, è l'inapena giunte dalla madre Patria. deguatezza dei mezzi disponibili in La situazione era resa ancora più grarapporto allo scopo che si intendeva ve, addirittura drammatica, dalla notevole difficoltà di ricevere rifornimenti, raggiungere, specie se questi mezzi vengono messi a confronto con quelessendo in mani avversarie il dominio li delle forze opposte. del mare e del cielo sul Mediterraneo. Lo scoppio della guerra coglieva l'EIl 24 g iugno del 1940, con la stipula sercito Italiano, in Libia, ancora imdell'armistizio con la Francia e con l'apreparato, come d'altronde avveniva desione delle truppe dell'Africa Setnelle altre zone di operazione. Impretentrionale Francese al Governo di Viparato non solo a un confronto con le chy, decadeva ogni preoccupazione sul maggiori potenze, ma anche in rapporto fronte occidentale. a un territorio con caratteristiche geoGli schiaccianti successi che, nel fratgrafiche e climatiche del tutto particotempo, la Germania stava ottenendo su lari. ogni fronte, spingevano le autorità poUn computo appena onesto e obietlitiche italiane a sollecitare e imporre tivo avrebbe mostrato come impropol' avvio delle ostilità . nibile uno scontro con le forze che gli InLa campagna si sarebbe articolata in glesi avevano fatto affluire in Egitto per fasi abbastanza ben distinte, caratteferrovia dai possedimenti africani, o dalrizzate da continui rovesciamenti di l' Asia attraverso il Canale di Suez, o dalfronte, fino all'epilogo. l' Australia e dall'India servendosi dei Nella prima fase, le forze italiane, porti di Mombasa, Porto Sud an e Suez. con una rapida avanzata iniziata il 13 I mezzi motorizzati e meccanizzati erasettembre e portata a compimento il16 no addirittura dieci volte superiori a . successivo, occupavano l'oasi di Sidi El quelli italiani disponibili in zona. Barrani. Questo, a est. Ma l'Esercito Italiano, Il contrattacco degli Inglesi ebbe inialmeno all'inizio del conflitto, doveva zio 1'8 dicembre e le forze italiane, doanche fronteggiare, a ovest, sul fronte po una resistenza protrattasi per due tunisino, i reparti francesi, altrettanto mesi, vennero respinte fino al Golfo delbene armati ed equipaggiati. la Sirte. Per contro le unità italiane dovevaL'avvento del generale Rommel al no operare con fortificazioni di confine comando delle forze tedesche provoancora incomplete, con mezzi corazza- cava un rapido ribaltamento della siti ed artiglierie vetusti (alcuni addirittuazione. Con fulminea azione, dal 31 tura residuati della Prima Guerra Monmarzo al 13 aprile del '41, gli Inglesi diale), con scorte limitate di ogni tipo vennero ricacciati fino in Egitto.

S

56


Al comando delle truppe italiane nel frattempo s i succed eva no vari generali : Balbo, Graziani, Gariboldi, Bastico, nell'ordine. Il1 8 novembre, a sorpresa, g li Ing lesi sferrarono un nuovo contrattacco, costringendo g li Italo-ted eschi a ripiegare, il17 gennaio 1942, dopo la batta glia della Marmarica, sulle posizioni di Ain el Gazala. Immediata, la seconda controffensiva italo-tedesca: dal 21 gennaio, in soli 15 g iorni, le forze dell'Asse s i ripor-. tarono fino a El Mechili; nel m ese di maggio, il fronte veniva riportato s ulla linea Sollum-Halfaya. Nell'estate d el 1942, la d ecisiva e sfo rtunata battaglia di El Alamein determinò in senso negativo per Italia e Germania le sorti della guerra in Africa Settentrionale. Il ripiegamento avvenne verso la Tunis ia dove, con l'ing resso in g uerra anche degli Stati Uniti, il13 maggio le forze italo-tedesche s i arrendeva no. Questo, in estrema s intesi, lo sv iluppo d ell'intero conflitto che ora ripercorreremo con ma ggiore attenzione, fa se per fase, per scrutare e scoprire come, in esse, s i inserì l'attività dei reparti automobilistici.

bilis tico in Libia, alla v igi lia del conflitto, c'erano alcuni reparti di grossa consistenza. 11 20 ° Centro Automobilistico provvedeva ai fabbisog ni di tras porto per tutti gli enti mi litari d ella Lib ia occidentale; alla di s tribuzione di pa r ti d i ri ca mbi o, macc hin e utensili e attrezzature; all a ripara zione di tutti gli a utomezz i con l'a us ilio di officine civili. Memorabile rimase, tra le attività del Centro, il famoso «Trasporto dei Diecimila». Era il novembre 1938. C'era g ià nell'aria il sentore di ciò che di lì a poco avrebbe po tuto accadere. Dalla madrepatria erano s ta ti trasferi ti in Libia diecimila colon i, d estin ati ai va ri vi llaggi che erano s tati" approntati lungo la costa. Oltre mille automezzi del 20° Centro, allora comandato dal colonnello Ettore Perdicchi, in sole 24 ore prelevarono i diecimila da l punto di raccolta e li distribuironosenza intralci, senza incidenti, senza ri-

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

La guerra in Africa Settentrionale non è ancora cominciata. C'è tempo per effettuare esercitazioni nella sabbia del deserto. Qui un A.S.37 armato da una mitragliatrice da 20 mm e da una mitragliatrice Breda (foto Museo Storico).

Il Corpo Automobilistico all'intzio delle ostilità È ovvio che, nel corso ai una lunga ca mpagna quale quella che s i svolse in Africa Settentrionale e che vide impegnate un gran numero di unità delle varie armi, altrettanto elevato fu il numero e la tipologia d ei reparti automobilistici. Di alcuni di essi forni remo no tizie sufficientemente dettagliate, di altri daremo appena dei s in tetici cenni, ma di molti non verrà riportato neppure il nome. Chi prima d i noi ha provato a nominarli tutti ha solo riempito un elenco di cinqu e cartelle dattiloscritte con i soli numeri dÌstintivi dei reparti. La s toria d el Corpo Automobilis tico, nei quasi tre anni di combattimenti, venne scritta da unità che possono essere quantifica te come segue: -2 autoraggruppamenti (1 o e 12°); - 15 autogruppi (6 pesanti, 5 di manovra, 3 misti, 1 speciale); -85 autoreparti (41 pesanti, 17 misti, 5 leggeri, 8 reggimentali, 4 reparti soccorso stradale); - 5 parchi automobilis tici; - 9 officine mobili pesanti. A rappresentare il Corpo Automo-

57


CAPITOLO

58

4

tardi - presso i loro villaggi di destinazione, distanti alcuni anche centinaia di chilometri. 1121 o Centro Automobilistico svolgeva analoghe funzion i per il set tore orientale della colonia. I due centri perciò, oltre alle analoghe funzioni degli omonimi enti in Pa-

tria (inquadramento, addestramento e impiego del personale), svolgevano anche compiti di stabilimento. Il I e II Autogruppo Libico, operanti rispettivamente in Tripolitania e in Cirenaica, effettuavano tras porti per tutti gli enti militari e civili del Governo della Libia esistenti a nord della li-


nea di demarcazione Comando Militare Sahara. Il Servizio Autonomo Automobilis tico del Saha ra Libico svolgeva le s tesse mans ioni dei due autogruppi a s ud della s tessa linea di demarcazione. Con l'inizio delle ostilità, mentre il 20° Centro rimaneva al s uo posto, il 2·1°

si d oveva trasferire da Bengasi alla zona Tobruk-Ba rdia con tutte le sue officine mobili e pesa nti. Ai due centri, divenuti pe r mobilitazione «Parchi>), si aggiunsero le varie officìne Fiat, Lancia, Alfa Romeo, che formarono il gruppo degli stab ilimenti ausi li a ri.

\

()

··~

D

l

l'

'·........

----111 l

,F. .

_

.......

• .'fr.' /Tl'-'dfl"

('

o-Q~.~~

au

•(G.t/i /Jttflta'!/4

N

1 :-~~ ... ·- .....

... ,

D e.l _. ~

l

((

§

l

a

s

Il

e

]Ll>

c •, i

i\: l

i «:>"(\~·

o

34•


CAPITOLO

4

Autotrasporto di Bersaglieri lungo la via Balbia. Sullo sfondo: l'arco dei Fileni (foto SME • Ufficio Storico).

60

Il Corpo Automobilistico non godeva di salute più florida rispetto a quella generale dell'intero Esercito: automezzi eterogenei, antiquati e inadatti a muovere nel particolare ambiente; una preparazione tecnica del personale acquisita in modo affrettato dietro l'incalzare delle esigenze d'impiego; l'organizzazione delle riparazioni e dei rifornimenti impostata solo per le esigenze, in patria, del tempo di pace. Per contro, l'ambiente delle operazioni moltiplicava le difficoltà derivanti dal clima, dal terreno, dalle vie di comunicazione. In particolare, la rete stradale era costituita da piste rudimentali e da carovaniere ben p oco affidabili, a volte perfino difficili da individuare. Unica s trada degna di tal nome era la litoranea «Balbia», lunga 1.822 chilometri, dal confine tunisino a quello egiziano. Purtroppo, gravissimo inconveniente ai fini logistico-operativi, essa si sviluppava su terreno estremamente aperto: nessuna copertura, nessun riparo venivano offerti contro possibili attacchi. Questo il sistema viario sul quale per più di due a nni e mezzo le unità automobilistiche avrebbero mosso i loro automezzi fino alle più sperdute oasi dell'interno. A nulla era valso il fatto che il maresciallo Itala Balbo, Governatore Generale della Libia e futuro Comandante delle Forze Armate in Africa Settentrionale, avesse fatto presente la critica s itu azione a Mussolini in una relazio-

ne dell'Il maggio: «Non mi soffermosi legge - a commentare le richieste di armi, di automezzi, di carburanti e di munizioni: sarebbe inutile mandare altre migliaia di uomini, se poi non potessimo fornir loro i mezzi per muovere e per combattere». Il personale preposto alla guida e alla riparazione dei mezzi non possedeva, nella maggior parte dei casi, alcuna preparazione in materia. Infine, gli enti cui gli stessi mezzi vennero avviati per l'espletamento di qualche servizio, tendevano a trattenerli per tutt'altri scopi.

Avanzata su Sidi El Barrani Poiché, per l'Italia, si imponeva la necessità politica di essere almeno presente sul teatro delle operazioni, la coscienza delle proprie scarse possibilità avrebbe dovuto imporre di prendere in considerazione soltanto l'ipotesi difensiva e verso tale ipotesi erano orientate le direttive strategiche iniziali del Comando Supremo Italiano. Ma gli eventi si sarebbero rapidamente evoluti, trascinando il Paese verso scelte inizialmente trascurate. Il 24 giugno veniva stipulato l'armistizio con la Francia. 1128 giugno il maresciallo Balbo perdeva la vita quando l'aereo su cui s i trovava veniva abbattuto, per un tragico errore, da!Ja contraerea di Tobruk; le cariche di Governatore Generale e Co-


mandante Superiore venivano assunte dal maresciallo d'Italia Rodolfo Graziani. Le truppe tedesche intanto mietevano ovunque schiaccianti s uccessi ed erano già in procinto d i attaccare l'Inghilterra. Da Roma si cominciò a sollec itare l'avanzata in territo rio egiziano; l' illusione di una imminente fine della g uerra a favore della Germania faceva sorgere, nella mente dei nostri politici, la preoccupazione di trovarsi esclusi dal banchetto dei vincitori. Il Comando Superiore A.S. tuttavia, ben conscio della fragilità della propria organizzazione, insisteva per ottenere il materiale necessario prima di azzardare qualsiasi azione o ffen siva, ma il Comando Supremo, pressato da politici ottusamente ambiziosi, non dava tregua. Con questo sta to di cose, venne pianificata l'avanzata su Sidi El Barrani. L' offensiva in Egitto, che veniva avviata in settembre, non venne preceduta da alcuno studio, né sul piano terrestre, né su quello na vale, né su quello aereo per fissare le lin ee generali e, in rapporto ad esse, i mezzi occorrenti; essa venne o rdinata e condotta soltanto in funzio ne delle esigenze pol itiche del momento. In Libia erano allora presenti due armate: - la S•l, composta dal X Corpo d' Armata (con le Divisioni «Sabratha», «Bologna » e «Savona »), dal XX (Divisio ni «Pavia», «Brescia» e «Sirte») e XXlll (Di-

visioni Ca micie Nere «23 marzo» e «28 ottobre»); LA CAMPAGNA - la 1Qil che includeva il XXI C.A. (DiIN AFRICA visioni «Marmarica», «Cirene» e «l il Libica»), e XXII (Divisioni «Cata nzaro», SETTENTRIONALE Camicie Nere «3 gennaio» e «2il Libica»). Il ma resc iallo Grazian i, che aveva ormai avuto il tempo di avvedersi d ella pochezza d elle proprie carte d a g iocare, cercava di guada g nar tempo, preoccupato soprattutto delle carenze in campo logistico che rendevano aleatorio ogni tentativo di azione a largo raggio. In particolare, il settore motorizzazione, assoluta mente deficitario, non avrebbe mai po tuto conferire alle unità italiane la mob ilità e la celerità indi s pensabili per poter manovrare con qualche successo in quell'ambiente e per di più contro forze corazza te e motorizzate del peso di quelle inglesi. Ma i politici non intendevano ragioni; volevano un successo di prestig io e imposero che l'azione venisse real izzata per i primi di settembre. Fu proprio il Grossa autocolonna di 13 di questo mese che, effettuato l'a tautomezzi (è incerto se siano della «Bologna" o testamento, l'offensiva su Sollum e Sidella «Savona") in sosta di El Barra ni ebbe inizio. nel gebel Cirenaica. Siamo Chiamate ad eseguirla furono le Dialle prime battute del 11 visioni «Ci rene», «Ma rmarica», «l il e 2 conflitto. Fra qualche tempo, non sarebbe stato Libica» e il Raggruppamento Maletti. più né possibile né Nonosta nte gli ostacoli, sia naturali consentito un simile che predisposti dall'avversario, e noassembramento di nostante una certa reazione nemica, il automezzi che sarebbero giorno 16 Sidi El Barrani veniva occu- stati bersaglio ideale per gli aerei inglesi (foto F. Tura). pata.

61


CAPITOlO

4

Una colonna di carri «M» in marcia verso Sidi El Barrani (foto Museo Storico).

62

Estremamente difficoltose le condizioni nelle quali si trovò ad operare il Corpo Automobilistico, con materiale sempre inadeguato e insufficiente per le conti nu e offese nemiche, sia terrestri che aeree e navali. Lo s lancio con cui l'operazione era s tata affrontata fu tuttavi a s ufficiente a far superare ogni disagio o avversità. AI contrario di quasi tutte le a ltre unità, o a lmeno di gran parte di esse, che ebbero modo di provvedere al proprio approntamento anche dopo Io scoppio del conflitto, quelle automobilistiche dovettero essere pronte e impiegabili da subito. Già il21Iug lio 1940 Achille Benedetti scriveva s ul Corriere d ella Sera: «La più memoranda delle giornate di Amseat è s tata quella del28 g iu g no, nel cui pomeriggio le artiglierie ing lesi ini ziarono un tiro nutrito contro la colon na che g iungeva a dare il cambio. Gli infaticabili autieri- che meritano di essere consid erati combattenti di prima linea - continuarono la loro marcia sere namente, sotto il fuoco; e il ca mbio avvenne no rmalmente» . Qu esta serenità permise a ll e unità d el Corpo, durante l'ava nza ta s u Sidi el Barrani, di affrontare quasi sempre con successo le piste impraticabili, i ripetuti attacchi aerei, di artiglieri a, di mezzi corazzati, gli ostacoli naturali e artificia li, le zone minate. Da una rela zione ufficiale de l Comand o ing lese si può dedurre in quali cond iz ioni d ovessero proced e re i re-

parti motorizzati italiani nella zona di Sollum-Halfaya: «La discesa lungo le due piste che venivano giù dalla scarpa ta ha dovuto rappresentare per g li Italiani un periodo di orrore dato che, pri ma ancora di ritirarci, noi le avevamo minate, ren dendole pure pericolose con altri m ezzi mentre, per conto loro, la R.A.F. e l'artiglieria le tenevano sotto costante tiro. Allorché le mine esplodevano, le truppe italiane erano costrette a smontare dagli autocarri immobilizzati e scendere a piedi lungo il passo pericoloso, il che produceva congestion e e confusione. E m an mano che gli Italiani faticosa m ente proseguivan o in ques te condizioni venivano a tiro della nos tra artiglieria». Si cominciarono a contare i primi morti, feriti e dispersi tra le file degli autieri che caddero, sia al volante del loro automezzo, sia con l'a rma in pugno, tra fanti e artiglieri.ll medagliere di questa triste «olimpiade» annovera infatti anche soldati con le mostrine nerazzurre. L' autiere. Vittorio Sanna - medaglia di bronzo alla mem oria - della compagnia sa hariana «Gadames», durante i bombardamenti aerei, navali e terrestri scatenati dal nemico nella zona di Sidi El Barrani, ma lgrado le sensibili perdite subite dal reparto «rimaneva impavido al suo posto di combattimento ed ivi da prode cadeva ». L'autiere Angelo Lerra (medaglia di bronzo alla mernoria) del IV Autogruppo, durante un violento attacco ae-


reo non volle rimanere passivo sotto -l'assenza di una sia pur minima atl'offesa avversaria e, accorso ad un'artività di manutenzione dei mezzi, do- LA CAMPAGNA vu ta alle condizioni di vita dei repa rti; ma contraerea rimasta senza serventi perché tutti feriti, cadde in un dispera-l'impossibilità di effettuare ripa- IN AFRICA to tentativo di reazione, colpito a mor- razioni per mancanza di attrezzature e SETTENTRIONALE di parti di ricambio (e n on sempre s i te da una scheggia di spezzonc. Sarebbe ingiusto, ino ltre, trascuratrattava di ricambi di una certa comre gl i autieri libici che operarono a fian plessità: a volte bastava una semplice co di quelli nazionali. Valga per tutti guarnizione a tener fermo un autol'ese mpio dell'autiere Balul Ben Abmezzo per mesi); dalla del I Autogruppo Libico: in mis-lo stato delle piste: la Litoranea, sio ne con il suo autocarro s ul fronte presso Buq-Buq, fu un vero trabocchetmarmarico, veniva attaccato da velivoli · to, in quanto i primi mezzi affondavano: i successivi, nel tentativo di trovare ternemici e ferito da colpi di mitraglia; nonostante il dolore, si faceva medicare reno più solido passando ai lati, sprofonsommariamente e ritornava su ll'au todavano nel fango fino ai pianali. Ancor più severo il giudizio del comezzo, rifiutando di cederne la guida mandante del XXIII Corpo d'Armata e portando a termine l'incarico affidatogli. Per tale prova di senso del doveche fustigava impietosamente l'impreparazione di tutti. Ingeneroso, il giudire e disprezzo del pericolo, g li veniva conferita la medaglia di bronzo a l vazio sugli autieri, ritenuti conduttori pitt o meno capaci, ma non guerrieri, dilore militare. menticando che la maggior parte di esToni meno entusiastici e certamente p iù aderenti alla inadeguatezza delsi, fino a poche settimane prima, era ancora a caricare ai mercati ortofrutticoli. lo strumento rispetto all'impresa, si leg«La XXIII marzo- dice testualmengono nella relazione del generale comandante della 1011 Armata, Mario Berte- si è affacciata alla battaglia non come unità au totrasportata, m a come ti, il quale pone l'accento su: truppa caricata all a meglio che al mas- l'asso luta insufficie nza degli automezzi, oltretutto giunti in Africa già simo sa peva salire e scendere dagli automezzi». logori da precedenti servizi, e la totale Alla fine, tuttavia, egli riconosce che, mancanza di automezzi di riserva per supplire alle inevitabili perdite; con la preparazione ricevuta e facendo di necessità virtù, tutti se l'erano cava- la mancanza di preparazione e di addestramento di alcuni autieri, gettata. Una colonna di automezzi Nel comunicare allo Stato Maggioti allo sbaraglio e sottoposti_a lavoro inin transito presso Sidi El re Generale l'occupazione di Sidi El Bartenso senza possibilità di avvicendaBarrani (foto Museo Storico). rani, il maresciallo Graziani affermava, mento;

63


Sidi El Barrani. Automezzo in difficoltà per un'insabbiamento, inconveniente più che frequente, per i nostri automezzi, nel corso della campagna in Africa Settentrionale (foto SMEUfficio Storico).

64

re nd endo merito al Corpo: « ... divis ioni me tropolitane "Marmarica" e "Cirene" , nonché Raggruppamento Carri e Corpo Automobilistico hanno garegg ia to in resistenza e bravura».

Prima offensiva britannica (ottobre 1940-febbraio 1941) Quello che, per logica, avre bbe d ovuto essere compiuto prima, cioè l'appronta mento di una adeguata organizzazio ne, si tentò di farlo dopo. N ei mes i su ccessivi all'occupazione di Sidi El Ba rra ni, il Comando Supe riore A.S. s i d edicò a l consolidame nto d ell e p osizioni occupa te e alla riorga nizzazione d ella logis tica. In pa rticolare, ne l se tto re d ei tra s porti, nel novembre d el1 940, ve nne ro cos tituiti il 12° Autoragg ruppa m e nto Supercomando A.S., retto dal colonnello Bruno Nicolardi (un p e rsonaggio d al nom e orma i illus tre, nel mo nd o d elle m ostrine ne razzurre, che i le ttori d el l 0 vo lume ricorde ranno, racconta to con dovizia di a neddoti, nella s to ria d ella g ue rra italo-etiopica), e il1 0° Autoragg ruppa m e nto. Quest' ultim o p e r ò rim ase pressoc hé s ulla ca rta, p e r la ritrosia d ei va ri e nti a ced e re i propri automezzi. Me ntre il primo era cos titu ito qua le ri ser va d el Comando Suprem o, il second o e ra s ta to previs to, s uddiviso nei va ri a utogruppi e a utorepa rti, pe r i nor-

mali bisogni d ei corpi d ' armata e d elle divisioni. Nell'autunno del1940 nacque il Reparto Trattori Cingolati che venne assegnato all' Autoraggruppamento d e l Supercoma ndo. Si tra ttava di un repa rto forma to d a Ca te rpilla r requisiti presso i vari enti di colo ni zzazione o aziende private. Altri re pa rti a utom obilis tici, numerosi m a di mino r peso, operarono direttamente presso le unità a più alto livello. I politici, inta nto, ricominciavano ad esercitare pressioni per una s uccessiva avanza ta su Ma rs a Ma truh. Si imponeva, ag li occhi d ell'opin ione pubblica e d el Co m a nd o ted esco, la necessità di «rifars i la faccia» con qualche s uccesso che bila nciasse due notevoli d ébacles: il ripiega m e nto s ul fronte alba nese e l'attacco all a base na vale di Taranto da parte d i ae rosiluranti britanniche. Ancora un a v olta, ben poco p eso venne d a to all'opinione d ei comandanti di g rand e unità in Libia. Essi fecero ben capire che la s ituazione non e ra tale d a pe rmette re un ulte riore sbalzo in avanti, con consegu ente allungam e nto d elle linee di rifornime nto. Il problema pi ù grave e ra costituito pro prio dag li a utomezzi, assoluta m ente insuffici enti a s oste ne re log is ti came nte truppe in avanzata. Tuttavia, pe rs is tendo il proposito del Gove rno Italia no, il Coma nd o Superiore cercò di ela bora re un dis p ositi vo che


permettesse sia di produrre lo s forzo offens ivo richiesto, s ia di fronteggiare possibili reaz ioni verso occidente delle forze britanni che, che oltre tutto e rano s ta te ancor più potenziate, m olto di più di quanto non lo fosserro s ta te le nostre, specie in ele menti cora zza ti. ella fase di assestamento (ottobreJiovembre), i reparti automobi listici furono tra i più impegnati, dovendo s ia sodd isfa re le es igenze di vita dello l Oil Armo ta (scaglionato d alla Cirenaica fi no alle nuove posizioni in Egitto, s u una profondi tà di circa 800 chilometri), s ia supportare la preparazione log is tica della progettata avanzata. Gli Inglesi, inta nto, non restava no inoperosi, ma continuavano n ella loro ope razione di logo ra m e nto con bombardamenti dal mare lungo la costa nel tratto da Ba rdia a Sidi El Barrani, con incu rsioni aeree, s pecie nottu rne, s ui centri logistici fi no a Bengasi e con azioni terrestri di disturbo sulle linee dì comunicazione italiane.

Obiettivi privilegiati di tali azioni e rano le colonne di rifornime nto ma, n o- LA CAMPAGNA nostante le continue perdite, gli autieri continu a vano imperterriti nella loro at- IN AFRICA tività. Un chiaro esempio di dedizione SETTENTRIONALE è quello offerto dal sergente Tullio Zagordi, del I Au togruppo Libico, il quale «Sottufficìale a utomobilista di colonna di rifornime nto carburanti sottoposta a viole nto bombardame nto navale, sebbene ferito, te ntava di domare, con ge. neroso ard imento, un incendio sviluppa tosi s u di un au tocarro colpito in pieno. Investito dalle fiamme, trovava, nell' eroico tentativo, morte gloriosa» (dalla motivazione della m edaglia). La sera dell'8 dicembre g li Inglesi Ottobre 1940. Si è da poco il vittorioso scatenarono un furioso bombardam en- concluso attacco a Sidi El Barrani. Si to aereo e nava le sulle zone di Sidi El approfitta della fase distasi Barra ni e dell'Uadi El Maktila. Era la dei combattimenti per più vio lenta azione intrapresa fino ad rimettere in efficienza il allora, ma era solo l'inizio d ella con- parco automezzi. Nell'immagine, troffensiva britannica che in circa due un'autofficina in azione m esi - con un su sseguirs i convulso di nelle immediate retro vie s fortunati comba ttimenti - doveva por- (foto SME · Ufficio Storico).

65


CAPITOLO

66

4

tare al ripiegamento italiano fino alla zona sirtica e al quasi completo annientamento della 10a Armata. Si manifestava quanto il Comando Superiore aveva previsto: la quasi totale impotenza delle unità italiane contro un avversario dotato di mezzi di lotta moderni -specialmente nel settore degli automezzi e dei mezzi corazzati - che gli conferivano una mobilità e una massa di fuoco inarrestabili. In questo drammatico quadro, le unità automobilistiche- grava te di compiti superiori alle loro possibilità- operarono incessantemente, condividendo la sorte delle unità a cui erano di supporto o soccombendo alla preponderante offesa nemica durante le continue ed estenuanti colonne a sostegno delle truppe combattenti. Da qui in avanti il conflitto sarà contrassegnato da episodi tutti in chiave drammaticamente negativa ed anche un osservatore neutrale non potrebbe sottrarsi dal provare verso l'Italia quella naturale simpatia che nasce quando, in un incontro di pugilato troppo evidentemente impari, il più debole nessuna arma può esibire oltre il suo incosciente coraggio. Il12° Autoraggruppamento affrontò d'impeto la lotta che si rivelava sempre più aspra, ma ogni tappa del suo cam mino veniva contrassegnata dal sacrificio progressivo delle sue unità. A Bardia, venne annientato l'intero VI Autogruppo con g li Au toreparti 145°, 256° e 404°; nella stessa battaglia il 62° e 63° Autoreparto seguirono le sorti delle loro Divisioni, la «Marmarica» e la «Cirene». A Tobruk rimasero gli autieri del Distaccamento Autonomo e del Gruppo Officine che, fino ad allora, avevano lav.orato senza sosta, in condizioni impossibili: la s icurezza e i materiali mancavano sempre, in pari misura. Gli autieri con trastarono il nemico a fianco dei soldati della Divisione «Sirte» e delle altre forze impegnate, con una mano al cacciavite per ripristinare un auto-· mezzo, l'altra al fucile per partecipare alla difesa. L'VIII Autogruppo s i unì alle unità della Divisione «Sabratha» nel disperato tentativo di arginare l'avanzata nemica; alcuni automezzi del143° Autoreparto divennero veri strumenti di comba ttimento, caricati con pezzi di artiglieria e impiegati come unità mobili; i rimanenti vennero utilizzati come supporto alle truppe in copertura nella zona di El Mechili.

A Barcee su l Gebel, cessò di esistere il 360° Autoreparto, mentre gli Autogruppi IV e CXXVIII vennero duramente provati. A Bengasi rimasero accerchiate numerose autocolonne che erano rientrate in città nel disperato tentativo di mettere in salvo uomini e materiali; anche qui, la perdita della vita o la prigionia furono il premio alla generosità degli autieri. Il 59° Autoreparto affiancò gli artiglieri nel combattimento su Soluch; il fatto che, dopo la batt?glia, l'Autoreparto venisse sciolto, sta a testimoniare quanto di esso fosse rimasto. Gli autieri di tutti gli altri reparti non furono da meno nel prodigarsi, a volte a prezzo della vita, sotto l'incalzare del neinico che colpiva a ripetizione dall'aria e dal mare, per portare gli aiuti necessari alle unità operanti o per sottrarre alla distruzione o alla cattura uomini e materia le. Si può citare, fra tutti, il 1o Reparto Trattori Cingolati, comandato dal capitano Giorgio Da Rin. Era stato costituito nell'ottobre del1940, su ordine dello stesso Comando Superiore delle FF.AA. in A.S., proprio per soddisfare l'esigenza di poter disporre di un reparto atto a muovere fuori strada, come l'ambiente africano richiedeva. Il Reparto, che era stato allestito soprattutto per le esigenze della progettata avanzata oltre Sid i El Barrani, fu impiegato per tutto il mese di novembre per trasportare in prima linea circa 1O mila quintali di munizioni. Fu proprio in prima linea, presso Buq-Buq, che alcune sue autocolonne incapparono in un improvviso attacco nemico. Malgrado alcune perdite, i mezzi riuscirono a ripiegare su Sollum e a riunirsi con il Reparto che, per tutto il periodo della ritirata, continuò ad operare nello specifico incarico di sgombero e rifornimento munizioni. Si pensi qua le forza d'animo e quale saldezza di nervi dovevano avere gli uomini di quel Reparto che, per giorni e g iorni, incalzati dal nemico con puntate improvvise di mezzi corazzati e di camionette, nella sconfortante confusione di un ripiegamento, dovettero procedere senza mai indulgere a un normale riposo, alla guida di mezzi capaci di esasperanti velocità di 6-7 chilometri orari, carichi di munizioni! L'occasione in cui il Reparto s i mise maggiormente in luce per senso del dovere e spirito di sacrificio fu quella che lo vide procedere in colonna nel tenta-


tìvo dì raggiungere il presidio di Gìarabub, rimasto isolato. Nel periodo 1618 dicembre, infatti, poiché il ripiegamento d elle truppe italiane su Bardia aveva lasciato senza sostegno i presidi scaglionati lungo il confine, tutti i contingenti furono fatti ripiegare su Giarabub. Questo rimase, pertanto, l'unico obiettivo remunerativo itali ano di frontiera; s u di esso, per conseguenza, gli Inglesi concentrarono ogni sforzo, con continui mitraglia menti aerei e puntate terrestri. Era perciò indispensabile assicurare i rifornimenti a quel lontano presidio, anche per bloccare l'ormai nota intenzione del Comando britannico di agire a largo raggio lungo la direttrice Siwa-Giarabub-Gialo, per colpire alla s ua base la Cirenaica. Così, il1 o gennaio del'41, una forte colonna del 1o Reparto Trattori Cingolati fu approntata per trasportare a Giarabub circa duemila quintali di viveri, munizioni e materiale vario. Si trattava di un'impresa disperata, ai limiti dell'impossibile, considerando la distanza dell'obiettivo da raggiungere, la bassa velocità dei mezzi, le insidie del terreno e i pressoché scontati incontri col nemico: quasi un ghiotto argomento per un film da epopea. L'impresa «suicida», infatti, prevedeva solo l'arrivo ed escludeva ogni possibilità di ritorno del personale che ad essa avrebbe partecipato. Per la missione furono scelti solo volontari, ben coscienti delle difficoltà e dei pericoli dell'operazione; fra di essi, due ufficiali subalterni per la condotta dell'autocolonna.

Ogni p ossibile accorgimento venne adottato p er conferire all'impresa una parvenza di fattibilità. Tutto venne accuratamente pianificato e approntato: strumenti di naviga zione, rotta segreta e lontana da ogni pista e da tutti i pozzi, guide arabe di provata fiducia, mitragliatrici antiaeree installate su furgoncini, adeguate scorte di viveri, acqua e carburanti. L'autocolonna mosse da Derna e, attraverso El Mechili, che era l'ultimo pos to avanzato verso l'in terno, iniziò la marcia su Giarabub. La prima meta intermedia da r aggiungere era Bet-Traiani; da qui la colonna avrebbe imboccato la pista Gialo-Giarabub, per poi proseguire costeggia ndo le dune a sud della pista stessa. Era l'alba dell'8 gennaio. La colonna, ormai prossima a Bet-Traiani, sembrava potesse condurre a termine indenne la prima parte dell'ardita missione. Purtroppo, a questo punto, la formazione entrava nel raggio visivo di un aereo nemico in ricognizione. Puntuale, poco dopo, ecco l'attacco di sette bombardieri britannici che provocava ingenti perdite in uomini e automezzi. Il comandante, sottotenente Lucio Antonizzi, nel tentativo di contrastare l'azione nemica, diresse personalmente il tiro delle due mitragliere contraeree, riuscendo a colpire e abbattere un aereo inglese. Erano trascorse poche ore quando, mentre l'unità s tava cercando di ricomporsi per riprendere il cammino,

«Autocolonna che è partita e non ha mai più fatto ritorno", recita la didascalia di questa foto conservata presso il Museo Storico della Motorizzazione. Ma a quale episodio si riferisce? E di quante altre autocolonne si può dare la stessa definizione? (foto Museo Storico).

67


CAPITOlO

68

4

ecco altri quattro bombardieri piombare sulla colonna, sottoponendola a nuovi ripetuti mitragliamenti a volo radente. La missione era ormai fallita: tutti i mezzi incendiati o danneggiati; molti uomini falcidiati dagli spezzoni o dalla mitraglia; il comandante stesso era ferito. Di Giarabub era rimasto nulla più che un miraggio. Fu così che il secondo subalterno, sottotenen te Francesco Casiglia, assunto il Comando e completata la dis truzione del materiale, fece partire i feriti verso le linee italiane a nord con l'unico automezzo che alla meno peggio era stato messo in condizione di marciare, dopodiché, radunati i superstiti, si pose alla loro testa e a piedi iniziò la marcia di ritorno. Cento chilometri di marcia prima che i superstiti venissero raccolti dai soccorsi inviati dal presidio di El Mechili. Solo il13 gennaio essi si ricongiungevano al proprio reparto, presso Barce. Il sottotenente Antonizzi, intanto, ricoverato presso una sezione chirurgica avanzata a Berta, subiva s toicamente l'amputazione delle gambe: inutile ulteriore sofferenza, in quanto il giovane pochi giorni dopo si spegneva p er sopraggiunta cancrena. Poco prima di morire, aveva chiesto al suo comandante di reparto conferma di essersi comportato con onore. Alla m emoria di questo giovane ed eroico ufficiale, coscientemente immolatosi per il suo Paese, veniva conferita s ul campo la m edaglia d'argento al valor militare. Così reci ta la motivazione: «Comandante di autocolonna destinata a rifornire di viveri e nnmizioni un importante presidio desertico, affrontava con en tusiasmo l'ard uo compito affidatogli. Prossimo a raggiungere la meta dopo aver superato tutte le diffic"oltà opposte dal terreno e d all'offesa aerea nemica, veniva attaccato nuovamente violenten1ente da velivoli avversari che, agendo a bassa quota, infliggevano alla colonna sensibili perdite. Ferito da sette pa llottole alle gambe. e alle braccia, insisteva, incurante del grave s tato e delle sofferen ze, per rimanere al suo posto. Ricoverato dopo un lungo, disagiato viaggio in un ospedale da campo, all'estremo delle forze chi edeva ansiosamente al suo comandante la conferma di aver compiuto il suo dovere per sentirsi degno, prima del supremo o locausto, della fiducia in lui riposta. Fulgido esempio di altiss ime virtù militari ». All'ufficiale superstite, sottotenen-

te Casiglia, venne concessa la Croce di Guerra al v.m. sul campo e a tutti i componenti dell'autocolonna venne tributato un encomio solenne. Il7 febbraio 1941, con l'ultimo combattimento sostenuto con sfortunato valore dal Raggruppamento «Bergonzoli», aveva praticamente termine la violenta battaglia in corso da due mesi. L'avversario si mostrava anch'esso provato, tanto da non aver energie sufficienti per proseguire la sua azione oltre El A lgheila; l'offensiva britannica si arrestava perciò alle soglie della Sirtica.

Prima controffensiva i t ala-tedesca Gli Inglesi, spinta l'occupazione fino ad Agedabia, non avevano più ricercato il contatto con le forze italiane e si erano dedicati esclu sivamente alla riorganizzazione del loro apparato operativo e logistico. Il Comando Superiore delle FF.AA. in A.S., dopo la scomparsa della 10a Armata, pofeva contare s ulla su, composta dal X C.A., con le Divisioni «Bolog na» e «Savona» e dal XX C.A., con le Divisioni «Brescia» e «Pavia>>; sulla Divisione «Sabratha» che riuniva le truppe defluite dalla Ci renaica; e su altre unità minori. La situaz ione, peraltro, sotto l'impulso del Comando Supremo, avrebbe presto subito una sensibile evoluzione. Il 10 febbra io, al maresciallo Graziani suben tra va il generale designato d' Armata Italo Gariboldi. La presenza italiana veniva rafforzata con l'arrivo delle Divisioni «Ariete» e «Trento». Ma ciò che più di ogni altra cosa avrebbe inciso su l prosieguo del conflitto era l'arrivo del C.T.A. (Corpo Tedesco in Africa), sopra ttutto per le caratteristiche umane e militari del suo comandante, il generale Rommel. Questi, infatti, abituato a manovrare unità potenti per massa di fuoco e per spiccata fless ibilità d'impiego, intendeva (posta al bando ogni ca utela, anche opportuna) sfruttare ogni occasione da lui ritenuta utile per colpire a fondo l'avversario e risolvere al più presto la s ituazione militare in A.S. D'altrond e, il general e ted esco era conosciuto come insofferente di ogni soggezione e ansioso di azione; as petto, questo, che lo contrapponeva decisamente alla prudenza del Comando Superiore Italiano. Ognuno, d'altra parte, conosceva le capacità e le poss ibilità dello strumento a propria disposizio-


ne e quello italiano era decisamente inferiore tanto al tedesco che al britannico per armamento e, soprattutto, per mobilità e celerità, cara tteri s tiche indis pensabili per cogliere un qualche successo in un territorio come quello norda fri cano. Se si aggiunge che la respo nsabilità logistica era di competenza italiana, si capirà come l'Intendenza si d ibattesse fra innumerevoli difficoltà; essa infatti dipendeva completamente, per i rifornimenti, dalla organizzazione della madrepatria la quale non solo non riusciva a stare al passo d elle esigenze con i suoi ritmi di produzione, ma incontrava a nche enormi difficoltà a far pervenire i materiali via mare, essendo in mano inglese il controllo d el Mediterraneo. Il Corpo Automobi listico era uscito dalla battaglia fortemente provato. Metà circa dei 10 mila automezzi esistenti in zona n el periodo giugno-d icembre 1940 era andata perdu ta. Dei mezzi residui, quasi un quarto erano inefficien ti. Erano and ati perduti i depositi carburanti d ella Cirenaica, come pure notevoli quantità di rica mbi e di attrezza ture. Tutto il settore necessitava perciò di urgente e com p leta riorganizzazio ne. Lo stesso Comando Supremo era consapevole della necessità di inviare in Libia, per conferire ai trasporti una potenzialità appena accettab ile, non

meno di 6 mila nuovi automezzi. Purtroppo tale obiettivo non s uperò mai la fase di «inten zione», sicché il già scarso parco veicoli a disposizione, impi egato costantemen te al completo, senza la minima turnazione, d ecadde se mpre di più. Solo la compon e nte umana, moltiplica nd o g li sforzi e i sacrifici di tutti, permise alle unità automobilis ti che di soddisfare almeno le esigenze più impellenti delle unità opera tive. Così, nell'ambito del Corpo, sciolti i reparti scomparsi nella battaglia o non più reimpiegabili per le eccessive menomazioni subite, s i provvide a riorganizzare e completare quelli ancora in possesso di s ufficiente ca pacità operativa e a potenziare i settori d elle riparazioni e dei carburanti. La più importante delle unità, ill2° Autoraggruppamento, duramente impegnato nelle ultime operazioni, appen a raggiunta la Tripolitania, nonostante le gravi perdite subi te, serrò i propri ranghi e, dopo un mese di duro e tenace lavoro, si ricos tituì su due autogruppi (l'VIII e il IX), completi di quadri e di mezzi. Fra la fine di maggio e la prima quindicina di giugno del1941, giunse anche il 1o Autoraggruppamento, agli ordini del colonnello Ettore Perdicchi, su due autogruppi (I e III) per complessivi 7 autorep arti e 5 autosezioni ambulanze e botti.

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Lungomare di Tripoli, i/15 marzo de/1941 . Arrivano i primi Tedeschi (foto G. Forbicini).

69


CAPITOLO

70

4

Tragica la sorte del31 o Autoreparto di quell' Autoraggruppamento. Esso non riuscì a raggiungere il suolo africano: la sera del 24 maggio, la nave sulla quale era trasportato, il «Conte Rosso», venne s ilurata e affondata allargo di Siracusa. Dei 200 uomini dell'Autoreparto, se ne salvarono 92 i quali, con il c;1pitano Ferdinando Rivera, furono fatti rientrare al centro di mobilitazione da dove non ebbero più la possibilità di raggiungere le unità consorelle · in Africa. Singolare l'intreccio di uomini e mezzi che ebbe a verificarsi fra il31 o e il30° Autoreparto. Il giorno dopo la partenza d el «Con te Rosso», infatti, partiva da Napoli un altro convoglio, tra i cui componenti viaggiava anch e la nave «Fosca rini» che recava a bordo un ufficiale e 5 uomini di scorta e 105 autocarri OM Ursus del30° Autoreparto. Questa nave venne bombardata e incendiata, anche se non affondata . Gli uomini si salvarono, ma gli automezzi andarono distrutti. Poiché del 31o erano andati perduti gli uomini, ma si erano salvati gli automezzi, 105 Fiat 666 inviati con altra nave, questi furono tutti assegna ti al 30°. Di due reparti se ne fece così uno solo. (Significative, su questa vicenda, due interviste che troveremo in appendice a questo stesso capitolo: la prima ad uno dei 92 autieri superstiti del31 °, l'altra al citato ufficiale di scorta, del 30°, che viaggiava sul «Foscarini»). Altri reparti minori automobilistici vennero fatti affluire durante questo periodo, ma sempre in numero insufficiente. Il continuo impiego, i lung hiss imi percorsi, le condizioni climatiche e ambien tali, l'asprezza degli itinerari, la preparazione sommaria di molti condqttori portavano ad una abnorme usu ra degli automezzi con conseguente elevatissimo tasso di inefficienza. Il servizio riparazioni operò sempre ai limiti dell'impossibile: tutto il personale lavorava senza sosta, riposando lo stretto necessario, nella consapevolezza di quanto fosse necessario mantenere in efficienza un materiale tanto prezioso e così carente. D'altra parte, fin dall'inizio il settore delle riparazioni si era presentato inadeguato per una guerra da condurre in quell'ambiente particolare, in zona d'oltremare e con le vie di rifornimento continuamente soggette ad offese nemiche. Prima dell'inizio delle ostilità, non era arduo per i due centri automobilistici (il 20° e il 21 °, poi divenuti parchi,

stanziati rispettivamente a Tripoli e a Bengasi) far fronte alle esigenze di riparazione in tempo di pace, sia per il numero limitato degli automezzi esistenti, sia per i brevi itinerari da percorrere. Alla dichiarazione di guerra, anche se i due Parchi avevano inglobato le principali officine civili Fiat, Lancia, Alfa Romeo e altre minori, l'organizzazione non era ancora sufficiente a soddisfare le esigenze in continua crescita. Dopo il 10 giugno, erano cominciati ad affluire dal territqrio nazionale i primi rifornimenti di complessivi e parti di ricambio, ma sempre in quantità inadeguata. Come se ciò non bastasse, c'era s p esso notevole discordanza tra le richieste e le som minis trazioni: mentre infatti dall'Africa venivano richieste le parti di più alta degradazione, i materiali venivano forniti quasi sem pre p er serie di riparazioni, con deficienze dei materiali richiesti ed esuberanza di altre parti che rimanevano giacenti nei magazzini, inutilizzate. I veicoli sul posto erano inoltre troppo eterogenei e quelli che affluivano dal continente giungevano spesso senza una prima serie di attrezzi e di ricambi. Una prima limitazione a tali carenze venne tentata con il divieto della vendita ai civili di tutti i ricambi automobilistici esis tenti nel territorio libico. Malgrado questa iniziativa, i parchi furono spesso costretti, per supplire alla mancanza di particolari, alla costruzione vera e propria delle parti occorrenti: se ne può intuire la perdita di tempo a discapito delle riparazioni vere e proprie. Tale situ azione, critica ma sopportabile fino all'operazione su Si di el Barrani, peggiorò di colpo dopo la prima offensiva britannica; la deficienza d i m ezzi e di ricambi, già sensibi le, salì a percentuali elevatissime, anche per le difficoltà incontrate dalle navi da trasporto italiane, ripetutamente intercettate dalle forze aero-navali inglesi che avevano provocato sensibili perdite in uomini e materiali. Fra aprile e settembre giunsero a rafforzare il settore delle riparazioni il 2° e il 5° Parco Automobilistico. Il 5° cominciò a pagare subito un elevato tributo di vittime quando, il mattino del 18 settembre, la nave «Oceania » fu affondata e 5 ufficiali e 10 sottufficiali d el parco trovarono la morte. Nonostante le perdite, i due parchi, subito schierati, diedero inizio alla loro attività; il 2° fu adibito quasi esclu-


sivamente alla ripara zione di carri armati e di autoblindo. Avevano al seguito una robusta scorta di materiali (il solo 2° Parco recava 2.000 casse di parti di rica mbio e 1.000 casse di m ateriale vario e gomme, con le quali vennero colmate, almeno in parte, le lacune esistenti). Fu forse, in tutto l'arco d el conflitto, il momento in cui il settore dei ricambi accusò meno la crisi; per conseguenza, fu anche il momento più propizio alle riparazioni; mai più, in seguito, la s ituazione avrebbe raggiunto livelli di sufficienza. In d efinitiva, le cause che d e terminarono la costante carenza del se ttore possono essere così sintetizzate: - una sop ravvaluta z ione della situazione relativa ai servizi «trasporti» e «automobilistico» prima del conflitto, gen era ta da un esame poco a pprofondito delle esigenze che il conflitto stesso avrebbe comportato; per esso infatti la visione politica prevedeva una guerra-lampo in Europa, m entre concedeva una importanza marginale agli esiti s u eventuali altri fronti. Comunque, anche senza tener conto delle cause, il quadro logistico appariva deficitario sotto ogni aspetto: le forze italiane, chiama te ad op erare su grandi spazi non organizzati e su lunghe distanze, non possedevano le caratteristiche che avrebbero consentito di muovere autonomamente e con rapidità, cosa che sarebbe s tata possibile soltanto ad unità operative completamente motorizzate. Proprio la mancanza di tale ca ratteri-

s tica impedì alla 10il Armata di manovrare adeguatamente di fro nte alle veloci colonne britanniche; una volta cons tatata poi l' indiscussa superiorità di armamento d ell'avversario, la s tessa carenza fu di ostaco lo ad un rapido ri piegamento che avrebbe consentito alle forze di sottrarsi a un fatal e accerchiamento; - una percentuale troppo elevata di inefficienze del parco automobilistico già all' inizio d elle operazioni, che non poté mai essere s ufficientemente rido tta per la costante carenza di ricambi s ul pos to, mai ripianati con rifornimenti provenienti dall'Italia; -personale autis ta scarsamente addestrato, proveniente da zone in cui la motorizzazione era appena agli inizi; si consideri che, per fronteggiare le impellenti necessità del settore, venne utilizzato con le funzioni di istruttore personale appena arruolato in possesso di patente civile; -un elevato tasso di usura degli automezzi, giunti dall'Italia privi di quei d ispositivi assolutamente indispensabili per operare su un terreno come quello nordafricano; molti, ad esempio, pur impiega ti su terreni sabbiosi, erano sprovvisti dei fil tri necessari ad évitare abnormi avarie ai motori; - veicoli troppo eterogenei presso i reparti, il che comportava notevoli difficoltà nel reperimento delle parti di ricambio; - il pregiudizio, radicato presso i reparti ai minori livelli, di considerare come definitivamente persi gli automez-

Autocarri italiani catturati dagli Inglesi nella battaglia di Tobruk (foto SMEUfficio Storico

71


4

zi, una volta che questi erano stati avviati ai parchi; questo spingeva gli stessi reparti ad effettuare in proprio anche le riparazioni eccedenti le proprie possibilità, attingendo dai mezzi più inefficienti quei ricambi che non venivano forniti per i canali normali, sicché i veicoli, quando finalmente venivano ricoverati presso i parchi, erano talmente deteriorati da richiedere tempi di riparazione lunghissimi, quando non si era addirittura costretti a dichiararli fuori . u so; - l'instabilità della situazione oper ativa, a partire dalla prima controffensiva britannica, che costringeva i tre parchi della Cirenaicà (2°, 5° e 21 °) a continui spostamenti di sede (il21°, ad esempio, ne effettuò più di dieci); ogni trasferimento si traduceva in forti perdite di materiali, sia come conseguenza diretta di eventi bellici, sia per disguidi burocratici. Va da sé, inoltre, che un reparto, mentre si sposta, non opera. Per lunghi periodi, poi, i rifornimenti pervennero al solo porto di Tripoli per cui il materiale, pur destinato ad altri parchi, a causa della precarietà della sede stanziale di questi, affluiva il più delle volte al 20° che aveva sede nella s tesIl generale Rommel, a sa Tripoli. Questo parco, trovandosi dibordo del suo possente sponibili p arti di ricambio non sue, ma «Mammouth", in occasione pur sempre indispensabili, se ne servidi una delle sue frequenti va p er fa r fronte alle necessità d ell e visite al fronte (foto SME Ufficio Storico). unità da esso supporta te, generando ul-

CAPITOlO

a, .

l

..

··~-~· '

72

teriori ritardi nel ricevimento di materiali richiesti da altri organi; - i fortissimi ritardi nell'a rri vo di materiali dall'Italia- quando questi non venivano p erduti con l'affondamento delle navi- per le difficoltà di approvvigionamento presso le industrie na zionali, difficoltà che venivano aggravate dalla già richiamata eterogeneità dei tipi di veicoli; - non d a ultima, la necessità di provvedere anche ai rifornimenti d elle imprese di trasporto civili che, se non erano in grado di provvedere in proprio, avevano facoltà di attingere ai parchi automobilistici. Gli stessi problemi di precarietà dei rifornimenti e in s tabilità di sede gravavano sull'organizzazione del settore dei carburanti e lubrificanti. Non vi erano depositi sotterranei capaci ed efficacemente mimetizza ti; s i dovette perciò ripiegare sull'approntamento di riserve in fus ti, dislocate su zone molto ampie e coperte con materiali d'occasione. La distribuzione avveniva mediante depositi" dislocati, a cura dei parchi, lungo le principali vie d i comunicazione e gravitanti, di regola, sulle grandi unità impegnate nelle operazioni, sì da subire la sorte di queste ultime. Eppure, l'importanza del settore dei carburanti era sta ta subito riconosciuta: da esso dipendeva la mobilità e l'im-

...

l


piego razionale delle unità e perciò l'esito stesso delle operazioni. La carenza dei rifornimenti dal territorio metropolitano è da considerars i perciò una delle cause determinanti del risultato conclusivo del conflitto. l Comandi italo-tedeschi studiavano intanto la possibilità di una controffensiva da effettuarsi, una volta potenziate adeguatamente le forze, non prima del mese di maggio. Ma il generale Rommel non intendeva rimanere inattivo per tanto tempo. Di conseguenza, autorizzato a qualche azione di assaggio sulla reale consistenza del nemico, partì d'impeto con le unità m otocora zzate tedesche, integrate da considerevoli aliquote di forze italiane. L'azione, svoltasi dal 31 marzo al 13 aprile del 1941, colse di sorpresa gli Inglesi sì che Rommel, avvertiti segni di cedimento, non concesse tregua alle unità britanniche le quali, battute nei primi scontri, rinunciarono a qualsiasi reazione, rifugiandosi in territorio egiziano. Si trattò, in sostanza, di un «colpo di mano» che colse quasi di sorpresa, all'inizio, e lasciò perplessi, i Comandi Superiori Italiani ma che, subito dopo, quando si cominciò a intravedere la possibilità del successo, venne appoggiato con una poderosa organizzazione logistica. In 13 giorni le formazioni itala-tedesche avanzarono d i 1.000 chilometri, da El Algheila a Sollum, e questo lascia capire quale sforzo abbiano dovuto aff.rontare gli organi dell'Intendenza e, in particolare, il Corpo Automobilistico.

Il12°-Autoraggruppamento, da poco rientrato da un duro e logorante servizio a favore dei lontani presidi del Sahara (1-l on, Seb ha, Murzuk, Gat), venne impiegato al completo durante l'avanzata, con autocolonne continue per alimentare la battaglia; esse raggiunsero per prime Bengasi, Derna e la Marmarica, a volte anticipando le truppe combattenti per far loro trovare sul posto i rifornimenti necessari alla prosecuzione dell'avanzata e a llo sfruttamento del successo. Una colonna di 40 mezzi, ad esempio, precedendo le unità operanti, raggiunse per prima il campo d'aviazione di El Fetejah con i n1ateriali indispensabili alla vita delle formazioni aeree italiane e ted esche che di lì a poco si sarebbero ivi concentrate. Anche i reparti automobilistici dei Corpi d'Armata X e XX, non direttamente impegnati nelle operazioni, venn ero stornati dalle loro unità di appartenenza per motorizzare quanto più possibil e i reparti delle Divisioni «Brescia» e «Trento» e del 2° Reggimento Artiglieria Celere che invece .vi partecipavai10. Significativo, al proposito, quanto scriveva il generale Gariboldi a Rommel, battaglia durante: « ... Ogni sforzo è compiuto per dare alle unità predette l'autonomia logistica occorrente e per alimentare le nuove ba s i di rifornimento. Per ottenere questi risultati ho tolto tutti, dico tutti, gli automezzi alle unità del X e del XX Corpo d'Armata le quali, in conse-

Autocolonna in marcia verso la riconquista della Cirenaica (foto SME • Ufficio Storico).

73


CAPITOLO

74

4

guenza, non hanno più alcuna capacità sul campo di battaglia, d ove a volte redi movimento. stavano a combattere a fianco dei fanti Pertanto, fino a quando non giune degli artiglieri. geranno automezzi di rinforzo, non sarà Alle riparazioni e ai rifornimenti erapossibile spostare altre unità della Trino preposti, precipuamente, i parchi aupolitania verso il fronte ... ». tomobilistici, specie da agosto a noParole g ravi ma, sia pur impietosavembre, sempre alle prese con la cromente, sincere; pur nell'euforia del sucn ica d ifficoltà di approvvigio namento cesso il Comando Superiore era ben codal territorio nazionale. Al riguardo sosciehte di quale fosse la potenzialità delno di interesse le notizie (uniche perl'Esercito Italiano, e cercava in tutti i venute per il particolare settore) relatimodi di rappresentare al Comando teve all'attività svol ta dal 2° Autoparco desco la reale s ituazione logistica del che, affiancato dalle officine mobili e momento, specie per quanto riguardafisse per mezzi ruota ti e corazzati del va la parte trasporti. 12° Autoraggruppamerito, era quello L'offensiva di aprile, comunque, più ava nza to. Tra le sue precise incomaveva riportato le truppe itala-tedesche benze fi guravano: sul confine orientale della Libia e l'av- la riparazione di tutti i veicoli inefversario mos trava di aver accu sa to il fici enti d elle Divisioni «Ariete» e «Trencolpo. to», cons id era te le più idonee alla batPer contro, la piazzaforte di Tobruk, taglia di m ovimento che si stava apfortemente presidiata dal nemico, inprontando. Era no mezzi dei tipi più dicombeva sul fianco dello schieramensparati e fortemente usurati dall'imto italo-tedesco com e una minacciosa piego continuo c ui erano anda ti sogtesta di ponte; da essa potevano partigetti; re, in ogni momento, pericolose offen- la distribuzione alle stesse Divisive. Fu perciò effettuato ogni sforzo s ioni e alla ~<Trieste», da poco giunta, di per conquista rla, ma i due violenti attutti i ricambi necessari per le riparatacchi sferrati in aprile-maggio non otzioni di competenza e per la costitutennero risultati apprezzabili; dall'opzione delle scorte; posto versante, ugualmente negative - il ripristino di un centinaio di carfurono due offensive sul fronte di Solri armati «M» ed «L», parte della «Ariete» e parte recuperati nel deserto, dove lum in maggio-giugno. Seguì una fase di s tallo, impiegata erano rimasti abbandonati durante la dai contrapposti Comandi nel potenritirata da Sidi el Barrani; ziamento d elle proprie forze, col deci- il recupero di automezzi, italiani e so intento di sferrare, quanto prima, britannici, dalle zone della battaglia prel' offensiva decisiva. ced en te, loro ripara zione ove possibile Anche nell'alles timento di questi o utilizzazione d ei parti colari efficienpreparativi il Corpo Automobilis tico fu ti come parti di ricambio; - l'adattamento di mezz i di preda pesantemente impegna to nei compiti d'istituto: trasporto, riparazione, riforbellica (circa 30 camionette Morris Comnimento. mercia! e a ltrettan te Ford Chevrolet), Al primo compito erano preposti il per l'applicazione, rispettivamente, di 1o e ill2° Autoraggruppamento. Si tratpezzi da 65/ 17 e da 20 mm, per la cotava di materiale di ogni genere che ve- stituzione di un reparto speciale di arniva trasferito dai porti di sbarco della t iglieria mobile, da cont rapporre ad Tripolitania e della Cirenaica agli s taanaloghi reparti britannici; - l'adattamento di 4 autocarri Lanbilimenti e a i magazzini d'Intendenza dislocati in tutta la Libia, ai centri logicia 3 RO per il caricamento di pezzi da stici avanzati e, spesso, direttamente ai . 100/ 17; reparti operativi. Gli autogruppi auto- la ripa razione di numerosi veicoli nomi, g li au torepa rti e le autosezion i corazza ti di preda bellica- fra cui aldivisionali provvedevano invece a lla cu ne autoblindo francesi- che sa rebvita quotidiana delle loro grandi unità, bero sta te impiegate con s u ccesso nei r ifornendo giornalmente tutti i singoli combattimenti di novembre e dicembre reparti, a nche sulle linee più avanzate. dello s tesso a nno. La ca mpag na in Africa SettentrioCom e s i può vedere, il Corpo Autona le vide, com e uni co m ezzo di tramobi lis tico, in tutti i settori di propria s porto, sempre e solo l' autocarro, p er co mpetenza, continu ava sia ad appogcui sovente le formazioni automobi li g iare le un ità sempre più impeg nate, stiche entravano nel v ivo dei combat- sia a favorire il potenziamento delle timenti portando truppe e m ateriali fin truppe di campagna. In ambedue le a t-


........ t

tività il la voro degli autieri era continuo e m assacrante: i conduttori erano costretti a percorrere sen za sosta le poche e disses tate strade con mezzi sempre più usurati e perciò sempre meno affidabili; i meccanici dovevano attendere senza sosta alle riparazioni che aumentavano via via di numero e livello. Per fare un confronto, m entre il fante e l' artigliere potevano allentare la tensione e ricomporsi, almeno nei momenti di sta si delle operazioni, l'autiere non si fermava m ai, perché le s ue mansioni non consentivano interruzioni e la sua opera era indispensabile in ogni istante. Lo stillicidio delle perdite con tinuava . Lungo le rotabili, al fron te, sulle piste interne, nei porti ed aeroporti e da ogni parte (dal cielo, dal mare, lungo le strade) l'autiere era obiettivo privilegiato del nemico che colpiva incessantemente, consapevole di colpire, con esso, le fonti di rifornimento e perciò di vita delle unità combattenti. Gli autieri erano ben consapevoli di questo; dopo i primi mesi di dura esperienza, si era radicata in essi una sol ida coscienza automobilistica. Sapendo cosa significava il mancato arrivo dei rifornimenti alle unità, rimanevano al volante per ore ed ore senza lamentarsi, alimentandosi con le solite scatolette e gallette, esposti a tutte le offese, sia che procedessero in colonna che isolati, avendo scrupolosa cura del proprio

mezzo e segnando il cammino con numerosi caduti e feriti. Uno d egli avvenimenti più gravi di questo p eriod o, che v ide coinvolti militari automobilisti, fu l' esplosione delle navi «Birmania » e «Città di Bari»», cariche di carburanti e munizio ni. Era il mattino del3 maggio, a Tripoli. Nel porto sostavano, in attesa di caricare materiale, 48 autocarri del V Autogruppo (comandante, il maggiore Luigi Segù), con relativo personale di bordo e di inquadramento, agli ordini del sottotenente Venerando Russo, d el 45° Autoreparto (comandato dal capitano Guglielmo Orlandi). Le prime due esplosioni inves tirono violentemente le banchine, riversa ndovi umi vera pioggia di ferro e fuoco. Fra i numerosi automobilisti, caddero anche lo stesso sottotenente Russo, il colonnello Aldo Mascarini, direttore del Servizio Automobilistico di Intendenza e il capitano Ruggero Finelli, medaglia d'argento al v.m. Sul luogo del disastro si recarono subito il comandante del41 ° Autoreparto pesante e, subito dopo, lo stesso Comandante dell' Autogruppo, che diedero avvio alle più urgenti operazioni di soccorso ai militari feriti, organi zzando anche il recupero degli automezzi e del materiale non distrutto, mentre attorno continuavano le esplosioni e crollavano macerie. Tutti gli autieri si lanciarono nei soccorsi, incuranti del pericolo, riuscendo

Impressionante solitudine di automezzi sperduti nell'immensità silenziosa del deserto (foto Museo Storico).

75


CAPITOLO

4

Porto di Tripoli, maggio 1941. l bombardieri inglesi sono già passati, rovesciando ifloro carico di morte e distruzione. Ora si fa la conta delle vittime e dei danni (foto Museo Storico).

76

a porre al riparo tutti i veicoli, compresi quelli investiti dall' esplos ione, in una esaltante ga ra di emulazione. Alcuni feriti rifiutarono perfino il ricovero in ospedale e rimasero ad a iutare i commilitoni. Il comandante dell'autogruppo, nonostante le continue deflagrazioni e l' incombente pericolo dello scoppio della sat1tabarba ra delle navi, lasciò il porto solo quando tutti gli uomini e i m ezzi erano stati posti in salvo. A lui e ai mi litari protagonisti d ell' episodio vennero concesse ricompense al v.m. Il 3 apri le, il37° Autoreparto pesante partiva da Tripoli per la Cirenaica. Il mattino segu ente, poco prima di Bu erat, la colonna fu inves tita da un violento attacco aereo ch e, nonostante l' imm ed iata reazione (pur con i limitati m ezzi a disposizione) del personale addetto alle armi automatiche di reparto, inflisse forti perdite. Riassestate le sezioni, la marcia riprese con ordine pur sapendo per esperienza che, data la consistenza del reparto, g li Inglesi non si sa rebbero acco ntenta ti di quell'unico attacco. Puntu ali, nel p om eriggio, nei pressi di Sirte, otto aerei britannici provenienti dal mare piomba rono sull'ultimo scaglione dell'autocolonna in sosta, mitragliand o e bombardando la formazione a piì:1 riprese. Gli autieri s i precipitarono sugli automezzi, nel te ntativo di sottra rli all' offesa aerea diradandoli ma, purtroppo, i danni agli uomini e ai m ezzi

apparvero s ubito in tutta la loro gravi tà. Nell'episodio si distinse l'autiere Luigi Giuliani il quale, incurante dei colpi, malgrado ven isse sollecitato a pors i in sa lvo, continuò nel lavoro cui era intento: una piccola riparazione al suo Lancia 3 RO per allontanarlo dall' offesa nemica. Quando, terminato il lavoro, fra scoppi di spezzoni, raffiche di mitragliatrici e autoca rri in fiamme, stava finalmente p er m ettere in m oto il veicolo, veniva colpito da una scheggia e cadeva, donando la s ua giovane vita alla patria. Una medaglia di bronzo al v.m. onorava la su a memoria. Il mattino dell'8 a prile, una colonna della 401 il autosezione mista del IV Autogruppo di Manovra, partita da El Algheila due giorni prima, faceva sosta in una zona sul Trigh El Abd, 40 chilometri circa a nord di Ben Gadia. La colonna avrebbe dovuto proseguire poi per Bir Elai m ed, a riforn ire di acqua e carburante alcuni reparti impegnati nella vi ttoriosa controffensiva itala-tedesca. La sostaera finalizzata non solo a un giusto riposo degli u omini e ad una verifica degli automezzi, ma an che ad un con trollo del terreno; infatti, parte della zona risultava minata dal nemico in ritirata e, pur priva di specialisti sminatori, la colonna doveva raggiungere a tutti i costi le linee. Venuto a conoscenza di tale impedimento, l'autiere Giuseppe Rossetti, provetto conduttore di autobotte che


l

dal dicembre 1940 (data del suo sba rco in Africa settentrionale) aveva sempre fat to servizio in prima linea, si offrì come conduttore di testa. La marcia riprese lenta e cauta, ma, quando già la zona pericolosa sembrava superata, il veicolo riportò gravi danni e l'autista Rossetti venne mortalmente ferito al torace e all'addome. Pitt che del proprio gra_vissimo stato, egli si preoccupava delle condizioni dell'autocarro, rammaricandosi di non poter condurre a termine il servizio. La morte dell'autiere per la g ravità delle ferite sopraggiungeva dopo poche ore, ma il suo sacrificio, ricompensato con la medaglia d'argento al v.m., aveva consentito al suo reparto di portare a termine, indenne, la propria missione. Al suo nome venne intitolata la caserma della Cecchignola che oggi ospita le strutture didattiche della Scuola Trasporti e Materiali. Un altro episodio che esalta lo spirito di sacrificio e l'attaccamento al proprio automezzo degli autieri si svolse il13 ottobre nel corso di un attacco aereo contro un'autocolonna del38° Autoreparto Pesante diretta verso le prime linee con un trasporto di truppe. L'attacco coglieva di sorpresa l'autocolonna; il comandante impartiva l'ord ine di accelerare il più possibile la marcia, ma g li aerei, con ripetuti passaggi a bassissima quota, riuscivano a colpire alcuni autocarri.

I veicoli danneggiati bloccavano la marcia della colonna e gli uomini trasportati erano costretti a cercare protezioni di fortuna o a diradarsi, mentre g li autieri di scorta armata tentavano di opporsi corne potevano all'offesa nemica. Il primo autocarro colpito fu un Lancia 3 RO condotto dal caporale Ernesto Cumerlato, con a fianco il capo-squadra caporale Antonio Fracassi. l due, benché feriti, non abbandonavano il mezzo e, quando un successivo sgancio di bombe provocava l' incendio del proprio veicolo, si lanciavano a terra con gl i estintori di bordo tentando, ancora sotto attacco aereo, di domare il fuoco che si stava sviluppando. Il Cumerlato, investito in pieno dallo scoppio di uno spezzone, veniva scaraventato a terra con il braccio sinistro squarciato ed altre gravissime ferite in tutto il corpo che provocarono rapidamente la morte; il caporale Fracassi persisteva tenacemente nell' opera di spegnimento, fino a quando un ulteriore lancio di bombe incendiarie trasformava lui e il suo autocarro in un sol rogo. Ai due valorosi autieri venne conferita la medaglia d'argento al v.m. Anche qua nd o prestavano servizio presso reparti che non operavano in prima linea e che, pertanto, potevano sembrare meno soggetti all'offesa nemi ca, gli autieri erano esposti a pericoli continui.

Protezione antiaerea ad un autocarro realizzata da una mitragliatrice Fiat 14/35 (foto Museo Storico).

77


Cannoni italiani montati su autocarri distrutti dalla RAF ne/1941 (foto SME • Ufficio Storico).

78

Il personale del 20° Parco Automobilistico di Tripoli, ad esempio, subì continue perdite a causa di bombardamenti aerei sia sul porto, dove era costantemente in servizio, sia nella propria sede stanziale. Il Parco era infatti considerato obiettivo estremamente remunerativo. Giorno infausto s i rivelò, in particolare, il5 settembre 1941, quando alle 2.30 del mattino un massiccio bombardamento si scatenò sui reparti di lavorazione, provocando incend i al le infrastrutture e conseguenti grav issimi danni. Poiché gli incendi, alimentati dal carburante presente, si stavano propagando rapidamente, il personale del Parco uscì spontaneamen te dai ripari ed accorse, con tutti i mezzi antincendio a disposizione, presso i laboratori per tentare di domare le fiamme ormai estese. L'azione durò fino allo spegnimento di ogni incendio, sotto mitragliamenti ininterrotti, fra conti nui crolli, in un'atmosfera resa irrespirabile da polvere e fumo. Capan noni, macchinari, materiale vario ed automezzi furono in g ran parte salvati, ma le perdite- fra morti, feriti ed ustionati - furono purtroppo altissime.

Anche se encomiabile fu il lavoro di tutti e tutti meriterebbero una citazione, le cronache ci tramandano emblematicamente i nomi del sergente Gastone Masiero, del caporale Renato Bartoli e degli autieri Sa lvatore Angelucci, Carlo Cervelli e Nicolò Ponzio. Nella stessa notte, poco distante, presso l' Autogruppo Libico, caddero autieri nazionali e libici del l o Autoreparto mentre, fianco a fianco, si prodigavano nel tentativo di domare i numerosi incendi svi luppatisi fra i mezzi e nei locali della caserma. Anch'essi, malgrado i richiami ad una giusta prudenza, persistettero nell'opera di soccorso sotto l'imperversare degli attacchi aerei. Il nobile tentativo portava a morte il caporalmaggiore Paolo Gallo, il ser· gente Muctar Ben Muftà e il caporale Mohamed Ben Alì Musuf. A costoro venne concessa una ricompensa al v. m. Il28luglio, nuovo avvicendamento al vertice: il generale Bastico sostituiva il generale Gariboldi. Il cambio non attenuava però la si· tuazione di attrito fra i Comandi italia· no e tedesco; anzi essa si accentuava semp re più per i tentativi di Rommd di ridurre sotto il suo diretto comando tutte le G.U. combattenti sia germaniche che italiane.


Unica azione veramente concorde fra i due Comandi era quella volta a l completa m ento- in uomini e in materiali - delle rispettive forze, p er conferire loro una capacità operativa adeguata alle esigenze. Partiçolare attenzione era dedicata ad artiglierie, mezzi corazzati, autoveicoli e carburanti. Purtroppo i rifornimenti dall'Italia si rivelavano sempre più difficol tos i e inadeguati alle necessità; la consistenza del parco automobilistico era app ena s ufficiente alla pura sopravvivenza dei repa rti e le scorte di munizionamento, di viveri e soprattutto di carburanti cominciavano a sca rseggiare. Per contro le forze britanniche s i rafforzavano sempre più, sfruttando canali di rifornimento che confluivano da tutti i continenti. Il servizio segreto italiano già nel mese di settembre aveva reso noti i primi sintomi di una prossima ripresa delle attività da parte avversaria, notizia confe rmata in ottobre, con previsione di una offensiva nemica per novembre. Di diverso avviso era il Gen. Rommel il quale, sicuro che il Comando britannico non fosse ancora in grado di riprendere azioni in grande s tile, si s tava preparando a lanciare un ulteriore attacco alle posizioni di Tobruk. Così, verso la metà di novembre, le

G.U. italo-tedesche s i mossero per assumere lo schieramentto previsto p er l'azione di attacco, abbandonando quello difensivo fino ad all ora mantenuto, e la fase di passaggio da un atteggiam ento all'altro rappresenta sempre un m om ento di cris i.

1942. Il generale Bastico in visita alfe truppe (foto SME- Ufficio Storico).

Seconda offensiva britannica (18 novembre 1941-1 7 gennaio 1942) 1118 novembre 1941, aveva improvvisamente inizio la seconda offensiva britannica che coglieva in pieno contropiede il dispositivo italo-tedesco che, come già detto, era in crisi di movimento; un'autentica azione a sorpres a. Lo schieramento italiano in quel momento era il seguente: - le Divisioni «Brescia», «Trento» e «Bologna» dava nti a Tobruk; - la «Savona» n el settore di frqntiera Sollum-Halfaya; - la «Pavia», il C.A.M. (Corpo d' Armata di Manovra, costituito dalla «Ariete» e dalla «Trieste») e le G.U. ted esche, in movimento fra Tobruk e il confine egiziano. Il C.A.M. era sta to costituito d al Comando Superiore per avere a disposizione una riserva m obile ed efficiente

79


CAPITOlO

4

Autocarri italiani ca/turati dagli Inglesi nella ba/taglia di Tobruk (foto SME · Ufficio Storico).

80

che potesse fornire valida cooperazione alle grandi unità motocorazzate tedesche. Peraltro, la «Ariete» presentava, oltre a organici non completi, una linea di ca rri nettamente inferiori per velocità, armamento e corazzatura a quelli avversari e la «Trieste», per le s ue caratteristiche organiche, poteva considerarsi più una grande unità autotraspoitata che motorizzata. Tuttavia furono proprio queste due unità a sopportare e respingere le prime violente azioni delle unità corazzate britanniche. La prima fase dell'offensiva britannica, iniziata il 18 novembre, può considerarsi conclusa con il ripiega mento effettua to 1'8 dicembre dalle forze i taliane s ulle posizioni di Ain El Gazala. In questi 20 giorni si svolse la battaglia della Marmarica, con un susseguirsi di azioni e reazioni continue fra le parti contrapposte, in un'alternanza di successi ed insuccessi. La battaglia ebbe termine solo quando, sbloccata la piazzaforte di Tobruk da parte dei Britannici, gli Itala-tedeschi si trovarono in manifeste condizioni di inferiorità per mezzi corazzati, artiglierie, veicoli, munizioni, ca rburante. Ancora una volta, dunque, ca use determinanti dell'insuccesso erano sta te la scarsa mobilità delle unità italiane e la penuria dei rifornimenti provenienti dal territorio nazionale, soprattutto in veicol i e carburanti.

L'Intendenza italiana aveva fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità: il l o e ill2° autoraggruppamento erano stati lanciati in avanti, a supporto delle grandi unità co involte nella battaglia; i parchi automobilistici, specie quelli più avanzati, avevano lavorato a ritmo continuo per rimettere in efficienza il maggior numero possibile di mezzi corazzati e ruotati; erano stati costituiti depositi carburanti in tutto il settore, anche a ridosso delle zone di combattimento. Tanto sforzo, tuttavia, serviva solo ad assicurare nulla più che la sopravvivenza delle unità, nell'infernale carosello che per tre settimane sconvolse il deserto marm ari co. Per mantenere a livello la cons istenza organica nel settore autoveicoli sarebbe stato necessario un rifornimento mensile di circa 1.000 veicoli, mentre questa cifra non solo non fu mai raggiunta, ma rimase sempre una lontanissima meta. Il parco veicoli, quindi, deperiva inesorabilmente in efficienza e quantità. Le unità. automobilistiche si erano lettera lmente gettate nella mischia, supplendo all'insufficienza numerica con il moltipli cato impegno di uomini e mezzi; tutti, sia quelli dei reparti di Intendenza che di G.U. Fra questi ultimi sono da ricordare gli autoreparti che, assegnati alle unità del C.A.M., con queste vissero e com-


batterono la battaglia della Marmarica, permettendo, con il loro supporto, quelle azioni manovrate che impegnarono fino all'estremo il Comando britannico costringendolo a profondere tutte le ingenti risorse disp onibili per strappare un successo rimasto incerto fino all'ultimo. Questo avveniva sui campi di Bir el Gobi, Sidi Rezeg, el Duda, Gambut, durante la puntata verso Sollum e la conseguente manovra di rientro verso Adem. Un forte contributo di uomini e mezzi venne pagato dal XLII Autogruppo che comprendeva il 132° e il 205° au toreparto ed er a in organico alla Divisione corazzata «Ariete». D urante la battaglia della Marmarica, essendo rimasta la grande unità al di là delle linee ingles i, le autocolonne d i questo reparto furono cos trette ad attraversare più volte, di notte, lo schieramento nemico, infi landosi in ogni possibile varco, p er rifornirla. Per quanto il rifornimento venisse effettuato col buio, il rumore dei motori tradiva il passaggio degli au tomezzi, attirando s u di essi tempeste di proiettili. Lo scopo venne raggiunto, ma a prezzo estremamente caro . L'80° Autoreparto, al comando del capitano G. Battis ta Sallustio, in organico alla «Trieste», entrò a far p arte del C.A.M. e venne impiegato in tutte le fa-

si della battaglia della Marmarica: una continua spola fra la base di rifornim ento e le unità operanti s parse ovunque. La sua azione era ostinatamente disturbata da attacchi nemici che s p esso aprivano sanguinosi vuoti fra le sue file. Ma l'Autoreparto, fin da ll'in iz io, s i mostrò all'altezza d ella situazione, assolvendo tutti i compiti affidatigli. Anche il 9° Autoreparto, comanda to dal capitano Sebastiano Alfonso, della «Trento», distaccò alcune autosezioni presso il C.A.M. Gli autieri di ques to reparto percorsero in tutti i sensi la tormentata Marmarica, combattendo contro le truppe neozelandesi o sfidando le autoblindo inglesi quando, dalle alture di Gambut, cercavano di interdirne i movimenti. Le gesta di sacrificio e di valore avevano cadenza giornaliera, ma forse le più significative, per la loro modestia e semplicità, furono le azioni di alcuni autieri, rimasti anonimi, conosciute solo successivamente grazie alle testimonianze d i alcuni militari soccorsi. Si sa di un conduttore di autoambulanza che, in pieno comba ttimento, trovandosi da solo, raccolse, trasportò, caricò e recò in salvo numerosi feriti. Un altro conduttore di autoambu lanza, nel corso di un attacco aereo, quando le prime raffiche di mitraglia colpirono alcuni dei militari feriti che traspor tava, fermò la marcia e, incu-

--- ----. ..,.

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONA LE

Automezzi italiani distrutti a Sollum (foto SME Ufficio Storico) .

-

4

-

'

81


Autotrasporto di truppe

su autocarro Spa 38/R (foto Museo Storico).

82

rante delle raffiche, salì sul cofano dell'automezzo, agitando la bandiera della croce rossa: cadde fulmina to da alcuni proiettili nel tentativo di salvare, con il segno della pietà, le vite a lui affidate. Un autoreparto di formazione, costituito in prevalenza da elementi dell'89° Autoreparto, venne fornito al Raggruppamento Esplorante del C.A.M. anche dal CXXVIII Autogruppo dell2° Autoraggruppamen to. L'unità seguì il RECAM in tutte le azioni compiute nella zona di Bir el Gobi, trasportando carri, effettuando rifornimenti, espletando compiti gravosi e pericolosi. L'Autoreparto, nel convulso susseguirsi dei combattimenti, ancor prima dell'inizio del ripiegamento, aveva già subito perdite così gravi da risultare praticamente quasi distrutto. Emblematico dello spirito dell'intero reparto può essere considerato il comportamento di un suo au tiere, p oi decorato al V.M. alla memoria. Pochi giorni prima della battaglia, era pervenuta notizia all'89° che gran parte del reparto sarebbe stato assegnato dì rinforzo al RECAM. Uomini e mezzi vennero selezionati. L'autiere Ferdinando Quatrana, in precarie cond izioni di salu te, era destinato a rimanere alla base, ma egli ot-

tenne, dopo insistenza, di poter seguire le sorti del reparto. Partì felice, alla guida di un autocarro carico di carburante. Nella marcia verso Bir El Go bi, all'altezza di El Adem, l'autocolonna subì un attacco aereo, riportando rilevanti danni . In tale frangente, l'autiere Quatrana, anziché mettersi in salvo, come gli era stato ordinato, consapevole che il suo autocarro, per il particolare carico, costituiva un grave pericolo per gli automezzi vicini, non lasciava la guida, ma tentava di allontanarlo il più possibile dalla colonna. L'altruistico tentativo gli costava la vita, strappata via da una raffica. Va ugualmente ricordato Agostino Donati, decorato di medaglia d'argento al V.M. alla memoria. Autiere della classe 1907, aveva partecipato, nell'ultimo scorcio degli anni '20, alla conquista delle oasi della Cirenaica. Allo scoppio del secondo conflitto mondiale, si era offerto volontario per la Libia dove, una volta giu nto, chiedeva e otteneva di essere inviato presso reparti di prima linea. Assegnato al Raggruppamento Esplorante, in dieci giorni di continui scontri venne impiegato non solo come portaordini, ma anche con compiti esplorativi, riuscendo sempre a fornire utili notizie sul nemico.


Il 1o dicembre il RECAM attaccò la base di Bir Berraned; l'autiere Donati, nell'azione, veniva colpito da una scheggia che gli squarciava una gamba. Senza chiedere aiuto a nessuno, il militare si medicava sommariamen!e e da solo la ferita e, a un ufficia le accorso, chiedeva di essere lasciato su l posto, nel timore che, per soccorrerlo, i commilitoni venissero distolti dalla battaglia. Trasportato, contro la sua volontà, presso un ospeda letto da campo, si spegneva senza un lamento, rammaricandosi soltanto di non poter più essere di aiuto al proprio reparto. Il 9 dicembre ebbe inizio la 2i.! fase dell'offensiva britannica, caratterizzata dalla manovra d i ripiegamento delle forze italo-tedesche; l'azione si concluse con la caduta degli ultimi capisaldi isolati dall'Halfaya al confine egiziano, presidiati dalla Divisione «Savona », avvenuta il17 gennaio 1942. La battaglia d ella Marmarica aveva fortemente logorato le forze contrapposte ma, mentre per i Britannici i rifornimenti continuavano ad affluire regolari e copiosi, la sempre precaria alimentazione, in tu t ti i settori, delle unità italo-tedesche aveva costretto il Comando italiano a cercare lo sganciamento dal nemico per passare alla difensiva su posizioni arretrate.

Senza forze mobili effi cienti da contrapporre al nemico, ogni possibile posizione presentava il fianco ad una eventuale azione avvolgente per cui, allo scopo di evitare il ripetersi di quanto accaduto alla 1011 Armata nel primo ripiegam ento della Cirenaica, i Comandi italiano e tedesco furono costretti a compiere azioni ritardatrici su linee sempre più arretrate (Mechili, Tmimi, Derna e Agedabia), fino al definitivo attestamento, dopo il combattimento favorevole di El Gaftia, sulla linea Marsa El Brega-Marada, nel periodo 1-10 gennaio. La manovra ritardatrice era stata effettuata non solo con lo scopo di cedere minor terreno possibile, ma soprattutto per portare in sa lvo la massima parte delle truppe e del materiale più pregiato (artiglierie, munizioni, ricambi auto, ecc.). Escluse alcune unità del C.A.M., tutte le altre divisioni erano infatti da considerarsi completamente appiedate. L'occasione d ied e modo ai reparti automobilistici di porsi ancora una volta in luce con la loro preziosa opera, il loro entusiasmo. Il l o e il 12° Autoraggruppamento furono impiegati senza sosta per il trasporto di uomini e materiali. Tutte le grandi unità , tutti i parchi, tutti i ma-

1941. Bombe da aereo inesplose durante la battaglia di Tobruk (foto G. Forbicini).

83


CAPITOlO

84

4

gazzini militari videro giungere presn o nemmeno sufficienti p er il trasp or so di loro, a qu als ias i ora, in qualunqu e to d elle armi p esanti. luogo, gli au tieri e gli automezzi di queN on appena la notizia giunse a costi a utoraggruppamenti. noscenza d ei Comandi interessa ti, venIn particolare, il 1 o mise a dis posinero radunati circa 100 autocarri, traenzione delle unità combattenti 5 autore- d o li dagli autore p arti d ell' «Ariete» e parti, due sezioni ambulanze e tre sedella «Trieste», per avviarli nella zona zioni autobotti, per un totale di 500 vei- di El Ad em. coli; un nu mero veramente enorme, L'autocolonna s i mise in m ovimenco1is idera ta l' estrem a difficoltà di reto di notte, lungo piste precedentemente perire m ezzi efficie nti. ricognite, per ev itare di incappare in Con questi automezzi fu possibile il forma zioni nem iche; le unità d ella «Pa. ripiega me nto d elle Divisioni «Tren to» vi a» v ennero raggiunte; nel massimo e «Brescia», al completo di uom ini, arsil enz io vennero caricate e gli a u tomi e ma teriali. m ezzi riuscirono a s filare, senza fars i N el frattempo, i rimanenti r eparti scorgere, sotto il ciglione di El Adem, s i adoper avano p er far affluire i riforgià occupato dai reparti motorizzati innimenti alle g randi unità impegna te d iani. nella manovra difens iva (spesso diretIl mom ento fu altamente drammatitam en te sui va ri capis aldi) e provvico e di estrema tensione; se il nem ico si dero a sgomber are il materia le recufosse accorto d ella manovra, un uragapera bile. n o di fuoco s i sarebbe riversa to ·s ulTutto ciò avveniva, naturalmente, a l' autocolonna che n e sare bbe rimasta continuo contatto del nemico e s otto la annientata. cos tante offesa aerea; ma i reparti supLa manovra invece riuscì e tutte le portati vel)nero trasportati fino all'ulunità rientrarono indenni e al completimo uomo; il porto di Bengas i ed i mato nelle linee italian e. Duranté il ripiegamento, una parte gazzini della zona vennero sgomberati completamente; tutti i feriti e gli amd el 9° Autore parto «Trento» fu impiemalati furono tras p ortati presso gli orgata nel tenta tivo d i recuperare uomiga ni sanitari d ella Tripolitania. ni e materiali dis pers i. Molto delica to e rischioso fu il comParticolarmente intensa e r ischiosa pito degli autore parti d elle g randi unità fu l' attività nella zona di Derna, dove d el C.A.M. confluiva no la Balbia e altre ro tabili; la Durante la ritira ta, le Divis ioni ci ttà era la prim a località im porta nte «Ariete» e «Trieste» ripiega rono coms ulla quale avre bbero d ovuto converbattendo lungo la direttrice interna, cergere le unità in ripiega mento d a Tobruk ca nd o di effe ttu a re i movim e nti ne l- e da Ain El Gazala. l'arco notturno; perciò gli autore parti Per quasi 4 giorni, sotto il fu oco semche di m assima, fiancheggiavano imopre più veem ente d elle a rtig lierie e la vimenti delle lo ro unità percorrendo la costan te minaccia di rep arti m o torizlito ranea Balbia e attingendo d ai maza ti nemici, aliquo te d el 9°, ag li ordini gazzini scaglionati a ridosso di ta le ro- diretti d el proprio capitano, si avventurarono nelle zone ormai a bba nd onatabile - erano costretti ad effettuare og1ù giorno colonne di rifornimentto verso te portando in sa lvo uo mini e m aterial'interno, compie nd o s forzi logis tici non li e rifornendo tutti i m ezzi rimas ti imindifferenti p er seguire le unità ch e s i m o bilizzati p e r m a n ca nza di ca rbus pos tavan o in continuazione. rante. Poiché le a utocolonne muov evano Anche questa mission e, protratta olsempre sotto la minaccia di for maziotre i lim iti d ella tem erarietà, tanto che ni nemiche, le loro perdite si sussegui- . aliq u ote ava nza te furono travolte da l va no in uno snerva nte s tillicidio. nemico, conseguì risulta ti altamente reVale la pe na ricordare alcuni episomunera tivi. Co me sempre, però, m olti di che tes timoniano la d edizione d egli autieri del 9° Autoreparto pagarono con autieri e l' importanza che i trasporti as- la vita il prezzo d el su ccesso. s unsero in questa fase della ca mpagna. Anch e g li a uti eri d e i p a rchi a u toIl 9 di cembre, durante il ripiega mo bilis tici ava nza ti, d op o avere op emento verso Acro ma Ain El Gaza la, la ra to a favore di tutte le uni tà com ba t«Pavia» venne a trovars i, con g ran partenti, ripiega ro no in p erfe tto ordine, te delle sue unità di fanteria, pressoché portando in sa lvo tutto il prezioso maisolata ad est di El Ad em . teriale d el Ser vizio A uto mobilis tico e I s o ld a ti proced eva n o a piedi, in d ei d ep ositi ca rburanti di visio na li e di quanto gli autocarri dis ponibili non eraIntend enza .


Questo sfo rtunato period o bellico si co nclu se con la cad uta della linea fortificata Bardia-Sollum-EI Halfaya, difesa dalla «Savona »; questa gra nde unità, dopo due mesi di resistenza, senza viveri, muni z io ni , ma te riale sa nitario e ca rbura nte, fu costretta a cedere le a rmi di fronte a lla preponderanza nemica. Con i repa rti della «Savona» scomparvero g li au tieri del deposito ca rbura nti di Bardia e dell e formazioni a utomob ili stiche impiega te . nella zona. Quale simbo lo di coesione tra automobilisti e co mba ttenti, si pu ò citare l'autiere Francesco Ca rlino, di stacca to presso il ca posa ldo di Sid i Omar. Dal18 al 21 novembre il caposa ldo fu sotto posto a co ntinuo bombardamento, sia ae reo che di artiglieria, d a parte del nemi co intenz ionato a con quistare a tutti i costi la località, considerata un importa nte nod o stradale. Il ma ttino del 22 novembre s i scatenò un poderoso attacco di unità corazza te c motorizzate britanniche, appoggiate da artig lierie ed aerei che, dopo un impari e acca nito combattimento, riuscirono a preva lere. Durante questa azione, l'autiere Carlino, in servi zio presso il Comando del battaglione mitraglieri divisionale, accortosi che un centro di fuoco avanzato era minacciato da un complesso di soverchianti fo rze di fanteria indiana appoggia te da ca rri armafi, ragg iungeva volontariamente il centro attaccato,

partecipando alla disperata lotta, con lanci di bombe a mano, fino a quando non cad eva col pito a morte.

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Seconda controffensiva italatedesca (gennato-giugno 1942) Esaurita il 17 ge nn aio 1942 la seconda o ffensiva britannica con la caduta d i El Halfaya-Sollum, ancora una volta vinti e vincitori si trovarono esa usti e tutti intenti a riordinare e rafforza re le proprie unità duramente provate. TCon1andi contrapposti o peravano freneticamente: quello britannico, nella certezza di poter sferrare il colpo decisivo c conquistare in breve tutta l'Africa Settentrionale; quello ita liano, con l'intenzione di scoprire il punto d ebole del dis positivo nemico e capovolgere la situazione a proprio favore. Due eventi, in questo periodo, ass unsero importanza fo nda mentale anche se, sul momento, no n se ne intravvid e fo rse tutta la portata. Il primo consis té nell 'a rri vo, fina lme nte, di massicci rifo rnime nti da ll' Italia in mezz i corazzati e in artiglierie che permisero d i ricostruire e dare solidità alle g randi unità tedesche e a quelle italian e del C.A.M. (pennaneva però la cronica mancanza di autocarri). Il second o evento fu l' ing resso nel confli tto del Giappone che costrinse il Comando britannico a dista cca re

Lungo la litoranea Balbia, si incrociano un'autocolonna di autocarri ed una colonna di carri armati (foto SME • Ufficio Storico).

85


CAPITOLO

86

4

in Estremo Oriente parte dell'aviazione utilizzata fino ad allora in Egitto, intaccando quella superiorità aerea alla quale andava gran parte del merito dei successi ottenuti. Tali novità non sfuggirono all'attenzione di Rommel che, giudica ndo sufficientemente rafforzate le forze dell' Asse, specie nel settore dei mezzi corazzati e delle artiglierie, sferrò un nuovo improvviso attacco prima che il ne~ico potesse rinforzarsi sulla nuova linea difensiva con le grandi unità liberate dalla caduta della zona di HalfayaSollum. L'azione fu condotta con mirabile rapidità e genialità di manovra e, in tre fasi successive, portò le truppe itala-tedesche da El Algheila a El Alamein, nonostante la costante inferiorità di mezzi e malgrado i palesi contrasti tra i Comandi italiano e tedesco. Come in occasione della prima controffensiva, il Comando italiano non aveva cond iviso il progetto di Rommel di attaccare il nemico mentre le unità erano ancora impegnate nelle opera zioni di riassestamento. Sempre come nella precedente circostanza, Rommel riuscì ad ottenere il consenso per un'azione offensiva con esclusivo carattere di alleggerimento. 1121 gennaio 1942 il dispositivo approntato, costituito dalle sole forze corazzate e motorizzate tedesche e dal C.A.M., scattava improvviso e violento, sorprendendo nettamente il Comando inglese. Da quel momento e fino al termine della prima fase, fu un susseguirsi di manovre tendenti all'avvolgimento delle unità britanniche che, non riuscendo più a coordinarsi per una valida reazione, furono costrette a ritirarsi in disordine, con forti perdite di materiali e di uomini, riuscendo tuttavia a sfuggire all'accerchiamento che avrebbe significato il loro annientamento completo. Le ragioni del non completo successo vanno ricercate nel fatto che le forze italiane veramente mobili erano numericamente insufficienti per la realizzazione del disegno strategico di Rommel. Le uniche forze motorizzate erano le Divisioni «Ariete» e «Trieste»; tuttavia, in 15 giorni circa, da El Algheila il fronte fu portato nella zona TiminiMechili, con un balzo in avanti di 600 chilometri. Seguì un periodo di sosta, assolutamente necessario se si pensa che l'azione offensiva appena compiuta era scattata solo due settimane dopo il ter-

mine del ripiegamento dalla Cirenaica. Da parte italian a, si provvide soprattutto a riordinare e a rafforzare le grandi unità con l'invio dall'Italia di uomini, artiglierie, mezzi cingolati e ruotati, con lo scopo di preparare basi logistiche adeguate alle future necessità. Durante la fulminea avanzata, il Corpo Automobilistico si rivelò ancora all'altezza delle tradizioni. I reparti erano addirittura in movimento verso le nuove località di sosta, dove avrebbero fruito di un adeguato periodo di tregua per un opportuno riordinamento, quando furono improvvisamente chiamati ad alimentare la nuova azione offensiva. Tutte le unità del Corpo ripresero l'avanzata attraverso Agedabia, Antelat, Soluch, Bengasi, Barce, effettuando trasporti ponderosi e difficoltosi, specie di carburante, la cui base di rifornimento più avanzata era ad El Agheìla, località ch e il susseguirsi delle operazioni allontanava sempre più dalle zone di combattimento. L'attività degli autieri divenne parossistica. I diari delle grandi unità fan no a gara nell'evidenziare che, di tutti i servizi, so lo quello automobilistico versava in una crisi spaventosa. « ... ma inconveniente ancora più grave- si legge nel diario della Divisione «Sa bra t ha» il l o febbraio 1942- è la stanch ezza del personale poiché, trattandosi in maggioranza di mezzi presi ad altri reparti e che il Comando JOil Armata manovra da più giorni, quasi tutti g li autier i sono al lavoro continuato da tre e anche quattro giorni». Lo stesso diario continua a porre in ev id enza, nei giorni successivi, il continuo aggravarsi della situazione, con gli automezzi che diminuiscono sempre più, g li autieri sempre più stanchi, le squadre di soccorso che non funz ionano e i reparti che provvedono a rimorchiare quello che possono ma, sostiene lo stesso diario «... gli autieri, sebbene fisicamente stanchi, sono sempre volenterosi e fanno di tutto per compiere i servizi... ». Solo quando gli Itala-tedeschi raggiunsero El Mechili, la frenetica attività degli autieri venne alquanto attenuata. I reparti automobilistici, pur continuando la loro normale attività di istituto a favore delle altre unità, poterono allora dedicarsi alla rimessa in efficienza dei propri mezzi ed al riordinamento delle formazioni. Altri grandi trasporti furono co-


munque effettuati in questo periodo; come allorché vennero riportati in avanti, dalla Sirtica e dalla Tripolitania, i numerosi reparti appiedati delle Divis ioni di fanteria, la massa degli s tabilimenti di Intendenza, tutti i servizi, le basi, i reparti territoriali, le artiglierie contraeree, tutto ciò insomma che serviva ad alimentare le truppe in linea, a presidiare il territorio rioccupato, ad o rganizzare, preparare e sostenere la suc_ cessiva offensiva. r reparti impiegati furono i due au toraggruppamenti e gli altri reparti automobilistici. L'Intendenza impiegò spesso anche grosse aliquote di mezzi di ditte private ovviando in tal modo alla propria carenza di veicoli. Il12° Autoraggruppamento di Manovra (comandato dal colonnello Giuseppe Papi) venne costantemente impiegato sia per i trasporti operativi, sia per ser vizi d'Intendenza, per cu i mai come in questo caso fu appropriato il termine «d i manovra»! Dovunque, si potevano trovare mezzi e uomini del 12°: nella lontana Tri poli, per la ricezione dei materiali dall'Italia; sulle linee più avanzate a supporto delle unità operative o nelle oasi dell'interno a sostegno dei presidi isolati. Nella località di Hon- oltre a due autosezioni, di cui una di Caterpillar- vi era anche una efficientissima officina per tutte le esigenze dei veicoli che operavano nelle zone interne limitrofe e di quelli in transito. Terminata l'offensiva, il12° riuscì finalmente a unificare, come da tempo

programmato, numerosi tipi di autocarri in dotazione, assegnandoli in blocco a singoli reparti e costituendo così unità omogenee con riscontri positivi nelle attività di manutenzione, riparaz ione e rifornimento. Notevole, soprattutto, il miglioramento nel settore delle riparazioni. La percentuale di inefficienze era arrivata al 60% circa, particolarmente disastrosa in relazione ai molteplici compiti affidati al 12°; bisogna considerare, d'altra parte, che quasi nella loro totalità gli autocarri erano in servizio in A.S. fin da l 1940; il57° Autoreparto operava ad esempio con gli ormai esausti Fiat 634 provenienti dalla requis izione e già impiegati sul Fronte Occidentale; il143° con gli Alfa Romeo 800 che, usura ti dal continuo impiego, risentivano della assoluta mancanza di ricambi; il 142° impiegava Lancia 3 RO quasi tutti recuperati sul campo di battaglia durante la prima controffensiva; gli altri autoreparti operavano con Fiat 626, Spa 38, Bianchi Miles, Fiat 666, autocarri senz'altro affidabili per allora, ma non certo progettati per un impiego indiscriminato s ul particolare terreno libico. Fu in questa occasione che tutto il personale del12° - ufficiali, sottufficiali e autieri- si rimboccò letteralmente le maniche per ripristinare i mezzi, riuscendo in un tempo limitatissimo ad abbassare il livello delle inefficienze dal 60% ad un effettivo 10-15%. Grazie a tale sforzo (veramente enorme, se rapportato alle critiche condi-

Un'autocolonna in transito nei pressi di Agedabia (foto SME- Ufficio Storico).

87


Trasporto di bersaglieri su autocarri SPA {foto Museo Storico).

88

zioni nelle quali si era costretti) e all'arrivo di un congruo numero di autocarri dall'Italia o recuperati in zona, il12°, alla vigilia della ripresa delle operazioni, poteva contare su circa 700 autocarri in piena efficienza. Pur nel fervore delle riparazioni, non si fermava di certoTattività dei trasporti. Nel solo mese di maggio, venivano percorsi ben 620.000 chilometri in servizi di vario genere. Fra i più significativi si può citare il trasporto del17° battaglione mitraglieri da Tripoli in zona avanzata, di aliquote di carri «M» delle Di visioni «Li t torio» e «Trieste», del32° battaglione genio guastatori da El Algheila al XXI C.A., della Divisione «Sabratha» al completo fin sulla prima linea, del battaglione «San Marco» nella sua nuova sede di Bomba. Innumerevoli i servizi di minore entità che, sommati fra loro, rappresentarono un carico operativo veramente notevole. · Nello stesso periodo infine l'autoraggruppamento dovette anche trasferire le proprie strutture in zona più avanzata, da Villaggio Crispi a Maddalena. Anche in questo periodo, dal gennaio al maggio del1942, gli autieri continuarono a versare il loro tributo di sangue e lo fecero nelle circostanze più varie, a testimonianza della multiformità della figura dell'autista-soldato. Francesco Mondini, del2. 0 Parco Automobilistico, colpito all'addon1e da un proiettile di mitragliatrice durante un'autocolonna, rimaneva al proprio posto sul mezzo fino a quando, privo di for ze, si accasciava esanime al volante.

Piero Fiandra, del 21 o Parco Automobilistico, durante un bombardamento aereo, accorso con generosità allo scoperto in aiuto di un commilitone ferito, veniva colpito mortalmente. Salvatore Mammano, del45° Autoreparto, mitragliere di un'arma in postazione contraerea, mentre imperversava un'incursione aerea, benché ferito, continuava a sparare ininterrotta~ mente, fino a quando non veniva colpito a morte. Tutti e tre venivano decorati alla memoria. Sono tre esempi emblematici dello spirito dell'autiere visto in tre situazioni diverse ma caratterizzanti: alvolante del mezzo, in soccorso al commilitone in pericolo, in difesa del proprio reparto. Negli stessi mesi, l'aviazione italatedesca stava scatenando una violenta offensiva contro la roccaforte di Malta, per neutralizzare la potenzialità bellica dell'isola. L'azione aveva portato a un rallentamento dell'attività aeronavale britannica nel Mediterraneo, con vantaggi per i tanto sospirati rifornimenti. Sulla base di questo effettivo rafforzamento delle unità in Africa, ve niva elaborato un piano offensivo che, secondo le intenzioni di Rommel, si sarebbe dovuto sviluppare verso la fine di maggio e che aveva come linea di azione l'aggiramento delle forze britanniche sulla linea di El Gazala, il loro annientamento, la conquista immediata di Tobruk e il raggiungimento della linea Sollum-Halfaya. Tale piano venn e cond iv iso dal Comando Supremo italiano, nonos tante le solite esitazioni legate a problemi logistici.


Carri Armati tedeschi in azione nel deserto di Tobruk. Si tratta in realtà, di due immagini sovrapposte, ma l'effetto è suggestivo (foto G. Forbicini).

Agedabia, 16 giugno 1942: deposito di carri armati inglesi distrutti (foto G. Forbicini).

Il 26 maggio ebbe inizio la seconda fase. Le forze italiane erano costituite dai Corpi d'Armata: XXI (Divisioni «Sabratha» e «Trento»), X («Brescia» e «Pavia»), XX («Ariete» e «Trieste»). Da quella data, le operazioni si svolsero con combattimenti accaniti e senza soste. Per centinaia e centinaia di chilometri i due avversari si fronteggiarono in continui violenti scontri: gli Italatedeschi tesi alla distruzione di tutte le forze nemiche valide e i Britannici, pur sorpresi dalla improvvisa violenta offensiva, tenaci nel contrastare l'avanzata delle forze dell'Asse, ma anche prontissimi a sganciarsi tempestivamente pur di evitare l'annientamento. Purtroppo, le forze italiane non riuscirono mai a raggiungere l'ultimo obiettivo perché, nonostante ogni sfor-

zo, nel momento conclusivo mancava sempre qualcosa: ora le munizioni, ora i carburanti, ora i mezzi, ma soprattutto qualche unità in più, idonea al particolare tipo di battaglia. Comunque, conquistata la munitissima posizione di Bir Hacheim, dopo duri combattimenti le forze itala-tedesche avanzarono travolgendo ogni re~ sistenza dell'avversario ormai completamente disorientato, incapace di riprendersi e quindi preoccupato S<?lo di raggiungere, con minori perdite possibili, il confine. Ain El Gazala fu rioccupata: la «Li ttorio», sia pure molto ridotta nelle sue unità corazzate, entrò in linea il19 giugno; il 20 caddero Bardia e Ca puzzo; il 21 si arrendeva Tobruk con circa 30.000 uomini, lasciando un ingente quantità di materiale di ogni genere.

89


Prigionieri inglesi catturati a Tobruk nel giugno 1942 (foto Museo Storico).

90

Ancora una volta tutta la Libia era riconquistata e la linea Sollum-Halfaya raggiunta. Ma lo sforzo era stato enorme, le perdite elevate, l'efficienza operativa fortemente ridotta; appariva necessaria e indispensabile una nuova sosta per riorganizzarsi. Fu, questo, anche il parere espresso dal generale Bastico che prospettò anche la sempre incombente crisi dei trasporti e la conseguente necessità di non portare troppo avanti il dispositivo bellico per non allungare eccessivamente le linee di rifornimento. Il Coma ndo Supremo italiano fu d'accordo; ma Hitler, sollecitato direttamente da Rommel (nominato nel frattempo Maresciallo), intervenne presso Mussolini in senso contrario con una lettera giunta il 23 giugno al Capo del Governo, in cui così si esprimeva: «La dea della fortu na nelle battaglie passa accanto ai condottieri so ltanto una volta. Chi non l'afferra in un momento sim ile non potrà, molto spesso, raggiungerla mai piiL .. ». La decisione, dunque, fu presa: proseguire nell'azione fino in fondo. Intanto l'obiettivo Malta veniva trascurato per insufficienza delle forze Halo-tedesche concentrate in Africa . Fu l' errore fatale. Il dominio del Mediterraneo tornava agli Inglesi con disastrose conseguenze per le navi da trasporto che non trovarono più rotte sicure.

I rifornimenti ridivennero lenti e saltuari; così, mentre le forze dell'Asse diminuivano in potenza ed efficacia, senza possibilità di adeguati rinforzi, quelle avversarie, con il poderoso supporto americano, aumentavano costantemente in numero e in qualità. Perciò, per effettuare un'azione veloce e incalza nte, fu deciso di lanciare in avanti solo le unità tedesche e quelle italiane che potevano essere motorizzate; in sintesi, da parte italiana, parteciparono soltanto le unità corazzate disponibili e le artiglierie e le fanterie autotrasporta te. Il23 giugno scattò l'attacco: la linea Sollum -Sidi Homar venne travolta; l'agguerrito campo fortificato di Marsa Matruh, investito violentemente, cadde il 29 giugno. A questo punto, un elemento fece sentire il suo peso determinante: l'a·viazione britannica, fortemente rafforzata e con il dominio dell'aria ormai completo e incontrastato, poteva sottoporre a continuo e pesante martellamento le unità dell'Asse in avanzata. La nuova s ituazione si rivelò quindi sempre più cr itica: la marcia nel deserto, su un terreno privo di qualsiasi risorsa idrica, con un clima soffocante, con il settore motorizzazione in continuo e progressivo decadimento, in un ambiente dalla sicurezza estremamente precaria, si faceva sempre più lenta.


Le truppe itala-tedesche g iungevano davanti ad El Alamein il30 g iugno e il1 ° luglio si scagliavano contro le posizioni nemiche, decise a superarle e a cogliere fi nalmente il frutto della vittoria. Ma su El Alamei n il Comando britannico aveva g ià ammassp to poderosi mezzi difensivi, costituendo una fronte breve e profond a con forti riserve mobili . Per tre giorni le unità itala-ted esche si batterono con determinazione e tenacia, ma lo sforzo fu inutile: con orga nici ormai ridotti al 30%, con uomini s tremati da una battaglia che durava d a 40 giorni senza alcun cambio, con ri fo rnimenti saltuari e sempre inadegua ti, Rommel fu costretto, la sera del 3luglio, a ordinare una sosta d elle operazioni. Di fronte a un nemico fornito di mezzi enormi anche perché sostenuto d allo stra potere economico degli Stati Uniti, nulla poterono il valore e lo spirito di sacrificio delle truppe italiane. Contro le linee fortifi ca te di El Alamein si infransero le speranze che avevano sostenuto e trascinato le forze itala -tedesche in una incredibile avanzata di migliaia di chilometri s u un terreno impossibile e contro un nemico valoroso e sempre superiore di mezzi. Fu allora che Rommel s i convinse della necessità di ritirarsi su una posi-

zione più arretrata e più vicina alle basi di rifornimento. Ma, a quel punto, furono i Comandi Supremi italiano e ted esco a non voler più recedere, convinti d ella possibilità di superare il d elica to momento di cris i mediante un v igoroso s forzo in campo logistico e nel settore degli armamenti. Per tutto luglio, gli attacchi britannici s i scagliarono violenti, ma inutili: la resis tenza fu tenace e ogni velleità di s uccesso da parte nemica venne res pinta. Una controffensiva generale italatedesca a cavallo di agosto e settembre si concluse con un nulla di fatto a causa dei profondi ca mpi minati e, soprattutto, della so lita aviazione avversaria. Le perdite da entrambe le parti furono rilevanti, ma mentre le risorse inglesi erano rigenerabili all'infinito, per gli Itala-ted eschi ogni minimo rifornimento presentava enormi pro~ blerni. Questo tipo di battaglia, con una serie di combattimenti che si susseguivano sen za soluzione di continuità, richiese alle unità impegnate un'attività incessante, bas ata s u s postamenti continui e rep entini, resi possibili solo da un va lid o appoggio e da un'effi cace e incessante azione logistica. Ma il rifornimento implica il trasporto ed ecco chiamato in causa di nuovo il Corpo Automobilistico.

Carro armato inglese colpito ad un cingolo e immobilizzato (foto G. Forbicini).

91


CAPITOLO

4

31 agosto 1942: autocarro inglese centrato da uno Stukas (foto SME - Ufficio Storico).

92

L'estrema, quasi parossistica mobilità di questa fase della battaglia, creò difficoltà enormi ai reparti automobilistici che dovettero letteralmente «cerca re» le unità supportate, avventurandosi nei rari varchi che si aprivano di volta in volta tra le formazioni nemiche. Gli attacchi alle autocolonne da parte di camionette, di autoblindo, di batterie volanti o di gruppi di carri armati erano all'ordine del minuto. Molte and avano completamente distrutte ma altre, pur incappando in elementi nemici e pur costrette a vagare per giorni nel deserto, riuscivano, anche a costo di forti perdite, a rintraccia re le unità da rifornire. Altro pericolo gravissimo sempre presente era no i campi minati, num eros i e abilmente nascosti. L'obiettiva minaccia da essi rappresentata era aumentata dal fatto che le autocolonne, nel. tentativo di sfuggire all'offesa nemica, erano costrette a muoversi quasi esclusivamente di notte. Così, quando dopo i primi aspri combattimenti, il XX C.A. si trovò, nella zona di Bir Hacheim, pressoché isolato e con ingenti forze nemiche alle spalle, numerose colonne automobilistiche vennero inviate al suo soccorso. Alcune riuscirono a perforare il dispositivo nemico e a raggiungere le unità da rifornire, altre rimasero travolte nella battaglia. Le notizie particolareggiate su lle singole azioni dei re parti del Corpo so no sca rse; qu ell e poche perv enute sono chiaram ente esemplificative del l'attività di tutti g li autieri. Il1 ° e il12° Autoraggruppamento

furono impiegati, fin dall'inizio, in modo massiccio e con tinuo. 111 o attese a quella sua oscura ma insostituibi le e vitale attività di rifornimento di ogni tipo di materiale- dai porti più lontani a tutte le formaz ioni scaglionate da Tripoli alla Marmaricautilizzando non solo i reparti in organico, ma a nche i conduttori e i veicoli civili recuperati nel territorio. Il 12° ebbe invece compiti soprattutto operativi che portarono i suoi autieri in lin ea, a fianco dei commilitoni d'arma. Fra i numerosissimi servizi che tennero impeg nato giorno e notte l'autor aggruppam e nto, sp icca no quelli effettuati in gi ugno per il trasporto di carri armati e di artiglierie con colonne di compl essi motrici-traini. Se si mettono in computo il terreno, il clima, gli attacchi aerei e di camionette e l'ostacolo di campi minati, si deve riconoscere che i tempi impiegati furono, per quell'epoca, da primato, come quando, ai primi di giugno, un'autocolonna di 31 complessi percorse 2700 chilometri in cinque giorni, operazioni di carico esca- rico comprese(!). Ci volle quasi metà au toraggruppamento per trasferire in linea la divisione corazzata «Littorio»; con un autoreparto di formazione vennero trasportate le artiglierie tedesche da El Mechili a El Adern; un altro a utoreparto venne messo a disposizione d el Comando ted esco per l'urgente sposta m ento verso est, e relativo rifornimento, dei ca mpi di aviaz ione. In luglio, fu la volta del trasporto in linea della «Folgore» e della «Bologna».


LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Autieri della Divisione «Bologna" intenti a consumare il rancio durante la battaglia di Tobruk (foto G. Forbicini).

Il reggimento di artiglieria di quest'ultima fu carica to e portato in prima linea- con 21 Lancia 3 ROe 10 au totraini - percorrendo 600 chilometri, su un terreno impossibile, in meno di 35 ore! Grazie a questo tra sporto ce lere poté essere fronteggiata con s u ccesso una particolare e mergenza ope ra ti va itTIprovvisamente crea tasi. Scriveva, il 9 luglio, il generale Bastico, nell ' invia re il suo compiacimento: «Il 12° Autoraggruppamento, prodigandosi con infaticabile fervore p er l'assolvimen to dei s uoi cornpiti partico larmente g ravos i, ha d a to efficace contributo ai nostri su ccessi, e son certo che sa prà riaffermare sempre ques ta sua illimita ta dedizione». Riconoscimenti com e questo erano pu rtroppo sempre pagati con sacrifici esa ngue. 1129 maggio, le unità italiane avevano iniziato la loro offensiva da alcuni giorni. Il nemico, grazie alle s ue consistenti forze, specie corazza te, contras tava energicamente e contrattaccava con violenza; la s itu azione era anco ra confusa, ma soprattutto s i s tava già delineando un'allarmante cris i dei ri fornimenti. L'autocolonna mosse in un ambiente assolutamente ins icuro, per la situazione confu sa venutasi a d eterminare nel corso dei combattimenti: tuttavia, vennero affrontati n on solo gli ostacoli naturali ma anche le ins idie dei vasti campi minati e d egli imma ncabili a ttacchi aerei. Grazie alla ormai più che consolidata esperienza d egli autieri, il movimento proseguì sen za eccessivi danni.

Ad un tratto, però, la colon na venne fatta segno ad un violento attacco da p arte di batterie volanti nemiche. Si tentò di defilare i m ezzi per sottrarli al tiro, ma alcuni autocarri venn ero colpiti; v i fu anche qualche ferito fra cui, abba s tanza seriam ente, l' ufficiale comandante. Porta tosi fuori tiro, l' uffi ci a le, che accettava solo una somm aria medi cazione, provvide a l socco rso dei s u o i uomini colpiti, ricompose l'a utocolonna e, impartite le disposizioni richieste dalla particolare situazion e, riprese la marcia. L'a utocolonna venne ancora attaccata dall'a rtig lieria; ma gli autieri, pur subendo alcun e perdite, passa ro no e, ancora una volta, portarono in tem po il carico a d estinazione. Per loro merito l'a z ion e del corpo d'armata no n avrebbe subito, dunque, pericolose pause. Di estremo pericolo erano a nche i trasp orti in linea dei mezzi corazzati, effettuati con i complessi traini, in quanto rappresentava no obiettivi particolarmente remun era tivi. Tutte le autocolonn e di questo tipo subirono infatti attacchi e perdite, ma conclusero sempre al m eglio le loro missioni. Dura nte uno di tali trasporti, il 19 giugno nella zona di Martuba, un autotraino si era a rrestato per avaria e, sul luogo, ad effettuare la riparazione, erano r imasti il Sergente Virginio Mòro, il capor a l m aggio re Giovanni Guglielmoni e l'a utiere Domenico Graziani. Dopo lungo lavoro il mezzo fu riparato e, data l'es trema urgenza del trasporto, i militari, pur consapevoli d ei rischi ai quali andavano incontro per

93


CAPITOlO

94

4

l'oscurità incipiente e per il completo isolamento in cui s i erano venuti a trovare, ripreso la marcia. Durante la notte vennero attaccati da camionette nemiche; i militari reagirono, col solo risultato di venire falciati dalle armi automa tiche dell'avversario. Alle prime luci dell'alba, vennero ritrovati da una pattuglia italiana, riversi con le armi ancora imbracciate in un disperato tentativo di difesa. Alla loro memoria vennero concesse ricompense al V.M. Frattanto il 12° Autoraggruppamento continuava a prodigarsi, macinando chilometri; nel mese di agosto, oltre a potenziare e rifornire le truppe in linea, organizzò numerose colonne a favore dei presidi interni di Siwa, Gialo e Giarabub. Dal 22 luglio al 20 agos to, trasportò tutta la Divisione «GG.FF.» da Bardia e da Ridotta Capuzzo all'Oasi di Siwa, ove lasciò un'autosezione di Lancia 3 RO per le necessità di vita della grande unità. Al termine del trasferimento della Divisione, i reparti dell2° avevano percorso un totale di 500 mila chilometri, trasportando 32 mila quintali di n1ateriale e 7 mila uomini. Per Gialo, furo no effettuate autocolonne per un tota le di 100 mila chilometri, con 2 mila soldati e 4 mila quintali di materiali tras p ortati. La cifra complessiva dei ch ilometri percorsi dai conduttori dell2° nei mesi di giu gno e luglio fornisce la sensazione visiva della mole di lavoro compiuta. Inquadrato nel12° Autoraggruppame nto, ma in una situazione particolare, si trovava, in quel periodo, il9° Autoreparto. Al termine della seconda offensiva britannica il reparto, che aveva cessato di fare parte della «Trento», venne· inquadrato nel 12° dal p un to di vis ta amministrativo e disciplinare m entre, per l'impiego, dipendeva direttam ente dal Comando Superiore. Dopo aver passato in carico i suoi autocarri ad altri reparti, aveva avuto in assegnazione un centinaio dì La ncia 3 RO con rimorchi rinforzati ed una seconda officina pesante. Così struttu rato, assunse la denominazione di «9° Autotraini >> . All'i nizio del la controffensiva gl i venne affida to, quale compito princi pale, il trasporto di mezzi corazzati, s ia quelli da avviare al fronte, sia quelli da sgomberare per la riparazione presso le officin e dell e ferrovie. Venne impiegato inoltre per ogni serv izio con ca-

rattere di urgenza in quanto, avendolo alle dirette dipendenze, il Comando Superiore ne poteva disporre con immediatezza . Altro compito del 9° fu il recupero di ca rri armati ineffici enti nelle varie località dell'interno: i mezzi venivano pos ti in condizioni di marciare con riparazioni effettuate sul posto da squadre di meccanici e venivano poi consegnati alle Officine Mezzi Corazza ti per il definitivo ripristino. Il 9° in definitiva, a causa della specifica dipendenza, dovette sempre operare au tonomamente ed espletare, oltre a quelli d ' istituto, anche compiti particolari (come la ricerca di depositi, special mente di carburanti, costituiti n ell'interno dal nemico in appogg io a i «Commandos»), risultando, per il Comando Superiore, uno strumento agile, vigoroso e soprattutto efficiente. L'efficienza fu anzi la sua prima caratteristica, dovuta a un'efficace organizzazione delle riparazioni che gli permetteva costantemente la massima disponibilità di veicoli. Le autocolonne del 9° furono presenti sempre e ovunque: nei porti, a Tobruk, a Marsa Matruh, all'aeroporto di Fuka, a El Alamein e l'appartenenza ad esso venne sempre considerata dai suoi autieri motivo di vanto. Altra unità che, pur organicamente inquadrata nel 12° Autoraggruppamento, godeva di una quasi completa autonomia era il XX Autogruppo (comandato dal tenente colonnello Fernando Annibaldi), composto dal148° e dal149° Autoreparto. Era stato alle dire tte dipendenze del Comando tedesco fin dal marzo del1941 e con i Tedeschi aveva op e rato e continuava a operare, condividendone fortune e avversità, s peranze, delusioni, pericoli. In qualsiasi azione condotta dalle unità tedesche, g li autieri del XX Autogruppo furono semp re presenti; in particolare, durante la vittoriosa avanzata su El Alamein, il148° e il149° seppero dare tutto, ottenendo aperto riconoscime nto d el Comand o tedesco che ne aveva s intetizzato l'opera con un giud izio di poche parole quanto mai significative: «Einen eisern en diest>>(un servizio di ferro). Questa frase voleva indicare, come più ta rdi ricordato dai componenti dell' Autogruppo (come si legge in «L' Autiere» del febbraio 1956) «il prodigare continuo delle loro forze al di là di ogni limite di resis tenza, tra i pericoli della terra e del cielo, nell'atmosfe ra rove nte del ghibli, nelle incredibili inonda-


zioni ai margini delle coste desertiche, con l'ansia incessante d i tenere efficiente l'automezzo, disseminando uomini e macchine lungo i percorsi battuti e contrastati; in episodi eroici, in sciagu re inevitabi li ». Fra i tan ti episod i che si potrebbero ri cordare vi è quello relat ivo a ll a dipendente 495a autosezione, avvenuto il 17 giugno nella zona di el Adem, me ntre era in pieno sviluppo l'offensiva i taIo-tedesca. L'autosezione, dopo avere provveduto al rifomjmento di una unità germa nica impegnata in combattimento, rientrava alla base per effettuare un al tro servizio, carica di prigion ieri ing les i. A circa 25-30 chilometri da lla via Balbia, la colo nna venne attaccata dal nemico, apposta to s u un'altura, con un violento fuoco di artiglieria e di mitragliatrici. Il comandante dell'a utosezione fece ripiegare la formazion e in zona defilata dal fuoco, mentre con le armi di reparto tentava di contrastare, per quanto possibile, l'avversario. Tutti i mezzi riu sci rono a metters i fuo ri tiro ad eccezione dei quattro autocarri di testa che, a ca usa dei ca mpi minati presenti a des tra e a si nis tra della strada, non e bbero possibilità di effettuare la manovra di invers ione e rimasero imrnobilizzati a ci rca 50-1 00 metri dal nemico. I prigionieri trasportati furono subito fatti allontanare come pure tutto il

personale di bordo. Ma il vice comandante di autosezione, sergente Bruno Poiani, benché g ravemente u s tionato dalle fiamme sviluppatesi sul suo autocarro colpi to, con tinuò a prodigars i, incurante dell'atroce dolore, nel tentativo di spegnere l'incendio, sotto il fuoco avversario sem pre più intenso, gen erosa m ente coad iuvato dal conduttore, autiere Anselmo Mussid a, anch'egli g ià us tionato. Il sottufficiale, nello sforzo, cadeva al suolo privo di sensi, mentre il Mussid a riusciva a stento a raggiungere l'autosezione. Soccorsi, s ia il sergente che il conduttore veni va no trasp ortati all'ospedale di Um er Zem dove, purtroppo, d eced evano in seguito alle u s tioni. H ges to che era costa to lo ro la vita veniva premiato con una decorazione a l V.M. Va ricordato anche come il149° Autoreparto fosse rimasto coinvolto nella tremenda esplosione d i cui si è già parlato, avvenuta nel porto di Tripoli, delle nav i da tras porto «Città di Milano» e «Birmania », cariche di munizion i e di carburante. Le s ue perdite, in uomini e m ezzi, furono gravissime; fra i mutilati, lo s tesso comandante, capitano Ronchetti, che fu costretto a rimpatriare. Ancora oggi gli autieri del 1940 ricordano il sa luto di congedo che il comandante ri volse all'Autoreparto riunito in un'oas i al margine d el deserto:

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Un posto di blocco dà via libera ad un autodrappel/o sanitario, dopo che l'itinerario è stato liberato dalle mine. In primo piano un Fiat 621 (foto Museo Storico).

95


CAPITOlO

4

poche parole, commosse e dense di affettuoso rimpianto. Altro autoreparto, inquadrato nel 12° Autoraggruppamento ma praticamente autonomo, era il 161°, direttamente dipendente dal Comando dell' Aviazione tedesca . Il reparto venne sempre ad ib ito al trasporto di munizioni e carburante avio con ritmo massacrante, per consentire la costante operatività degli aerei. Senza l'aviazione, infatti, ogni intento operativo (e l'ultima fase dell'avanzata su El Alamein ne è l'esempio più lampante) era destinato a fallire. Anche il 161 o seppe essere all'altezza dei com p i ti a Efidatigli; le sue colonne dove ttero in ogni circostanza precedere i repar ti d i volo per predisporre in an ticipo tutto il materiale necessario per la v ita e per le azioni delle unità aeree tedesche. L'attività si fece addirittura frene tica e carica di pericoli sempre incombenti in questo periodo, in quanto i mezzi dovevano raggiungere campi appena abbandonati dall'avversario e ancora coinvolti in operazioni terrestri. Ogni missione fu sempre portata a term ine, pur se a prezzo molto elevato. Lo stesso Comando dell'Aviazione tedesca espresse compiacimento e riconoscimento con il conferimento di decorazioni germa niche di guerra. L'80° Autoreparto «Trieste» seguì la propria divisione in tutte le azioni operati.ve, partecipando alle dure battaglie di Bir Hacheim e di Tobruk; le perdite furono rilevanti in mezzi ed uomini, decimati soprattutto dai campi minati. Gli autieri dell'80° pagavano con il rischio e spesso con la vita l'indispensabile sostegno ai commilitoni delle altre unità divisionali. L'autoreparto seguì poi la «Trieste» fino· ad El Alamein, partecipando a tutte le successive battaglie offensive e difensive, rivelandosi indispensabile e insosti tuibile.

El A lamein. Ripiegament o in Tunisia (6 settembre 19424 f ebbraio 1943)

96

La storia è solita tramandare ai posteri i nomi dei vincitori delle battaglie, consegnando ad essi gloria ed onori. Non sempre, però. Alle Termopili, come ben noto, la vittoria arrise all'esercito persiano, ma la gloria, eterna, fu tutta dello sconfitto, Leonida, e dei su oi trecento Spartiati.

Pur se più contenuto nelle proporzioni e nei rapporti di forze, il paragone si addice alla battaglia di El Alamein. Un sintetico specchio illustrativo delle forze all'inizio del confronto fornirà un'idea più tangibile dei meriti dell'uno e dell' altro contendente. Uomini Carri Aerei

Inglesi 220.000 1.800 1.685

!talo-Tedeschi 130.000 585 360

1123 ottobre 1942 segnò l'inizio della battaglia di El Alamein. Le forze contrapposte si affrontavano nello scontro decisivo che avrebbe definito le sorti di tutta la campagna in Africa Settentrionale. Dalla battaglia di Halam El Halfaya, conclusasi ai primi di settembre con un successo difensivo dei Britannici, i Comand i si erano dedicati esclusivamente al potenziamento delle forze, specie nel settore dei carri armati, dell'artiglieria e dell'aviazione. Un confronto impari, in quanto il nemico aveva potuto attingere inesauribilmente alle proprie fonti già ricche di per sé ed integrate per di più da quella superpotenza economica e industriale che erano gli Stati Uniti. Il cielo e il mare erano sempre più dominio dei Britannici che potevano non solo sottoporre le unità dell'Asse a un continuo logorio, ma anche colpire le vie di rifornimento dall'Italia. Perciò, quando g li Inglesi scatenarono la loro ultima offensiva disponevano di una forza d'urto e di una massa di fuoco tanto superiori da non lasciare margini di dubbio sull'esito fina le. Eppure le truppe itala-tedesche opposero, ad una così manifesta e smisurata superiorità di materiali, tutte le loro forze e la loro tenacia, tanto da far saltare completamente la «tabella di marcia» stabilita con una certa sufficienza e presunzione dal Comando bri.tannico. Gli obiettivi furono ugualmente raggiunti dal nemico, ma con forti ritardi, mediante varianti al piano d'azione imposte dalla imprevista e prolungata resistenza dell'avversario e con un costo di perdite così elevate da porre in difficoltà anche un supporto logistico come quello inglese. Alla fine, dopo 13 giorni di lotta strenua e combattuta metro per metro- con uomini e mezzi fortemente provati, con le forze corazzate ridotte al minimo, con il carburante insufficiente per qualsiasi azio-


LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Carri armati in azione a El Alamein (foto SME Ufficio Storico).

ne manovrata; scarseggiando di uomini, acqua, viveri; sempre più in crisi il settore dei trasporti- il Comando italo-tedesco fu costretto a ordinare il ri•iega mento per evi tare la completa ditruzione d elle proprie forze. La m aggioranza delle divisioni erano appiedate e la consueta ed ormai estrema penuria di automezzi non ne permetteva un completo e rapido trasporto. Tale situazione di crisi venne esa sperata dall'ordine dei capi politici, italiano e tedesco, di resistere ad oltranza. A seguito di quest'ordine, le grandi unità in ripiega mento dovettero mutare improvvisamente il dispositivo operativo, incorrendo in gravissime perdite con ulteriore menomazione delle residue capacità reattive. Intere divisioni vennero travolte, altre decimate, le forze corazzate venne-

ro ridotte ad una consistenza così esigua da non essere più in g rado di effettuare una ritirata cadenzata; eppure indietreggiarono facendo ancora fronte al nemico, obbligandolo a un'avan zata ca uta e, sovente, a battute di arresto. Fuka, Marsa Matruh, Sollum-Halfaya, Tobruk, Ain El Gaza la, Agedabia, El Algheila, Buerat, Tahruna, Homs, Tripoli furono le tappe dolorose di quella marcia che portò le truppe italiane in Tunis ia. Metro dopo metro, veniva ·abbandonata quella terra per la quale tanto s i era combattuto e sofferto! Ad aggravare questa crisi già profonda, 1'8 novembre truppe anglo-americane sbarcavano nel Nord-Africa francese per aprire un second o fronte verso la Tunisia, portando così una nuova grave minaccia anche alle spalle del dispositivo avversario.

97


CAPITOLO

98

4

In una situazione così confusa e di tale gravità, l'organizzazione logistica dovette cimentarsi nella soluzione di problemi di una difficoltà e di una complessità mai prima presentatisi. Tutto, con mezzi reduci da un impiego lungo e logorante che ne aveva estremamente ridotto la potenzialità. Quando l'armata italo-tedesca s i fu consolidata sul fronte di El Alamein, la maggior parte del dispositivo logistico era stata costretta a spos tarsi in avanti anche con le formazioni p iù pesanti che avevano gravitato fino ad allora sui porti più prossimi al fronte. Alcune unità automobilistiche erano state lanciate ancora più ava nti, a ridosso delle grandi unità. Il ripiegamento, iniziato improvvisamente e sotto la violenta pressione del nemico, pose i Comandi logistici di fronte a due necessità ugualmente impellenti: supportare le grandi unità che arretravano e nello stesso tempo sgomberare quanto più possibile per non !asciarlo in mani nemiche. Ma per far fronte a queste esigenze serviva una massa di mezzi inesistente. Quest'ultima e tremenda prova gravò naturalmente s ul Corpo Automobilistico. Mentre le forze italo-tedesche sos tavano ad El Alamein, g li autieri era no s tati impegna ti in un servizio continuo e logorante per il trasporto di uomini e materiali necessari a rifornire e completare le nostre unità e di interi complessi logistici verso il fronte. Movimenti di giorno in giorno sem pre più difficili e pericolosi, con il nemico che attaccava senza sosta, con aerei e camionette, non solo le autocolonne, ma anche ogni singolo autocarro. Se non su l morale degli autieri, ciò incideva pesantemente e decisamente sugli autoveicoli, il cui numero si riduceva con costante e p reoccupante progressione. Le distruzioni e il logorio non era no infatti bilanciati da adeguate sostituzioni. Uomini e m ezzi furono impiegati senza risparmio, fino a · completo esaurimento. Il 1o e il 12° Autoraggruppamento, durante la fase di preparaz ione, erano stati, come al solito, sottoposti a un lavoro duro e incessante, ma soprattutto avevano dovuto operare in uno stato di insicurezza continuo e di logorio per uomini e mezzi. Il periodo di sosta operativo aveva comunque permesso a lle unità di dedicarsi alle attività di riparazione, cosa che consentì ai due raggruppamenti di

presentarsi alla battaglia in sufficienti condizioni di efficienza e con i quadri fiduci osi e moralmente caricati. Furono queste condizioni favorevoli a consentire alle due formazioni automobilistiche di fronteggiare l'improvvisa e delicata situazione che s i delineò, fin dall'inizio, alquanto difficile e che sarebbe sfociata nel ripiegamento finale. Il l 0 , alcuni reparti del quale erano distaccati presso unità in linea, moltiplicò i suoi servizi d'intendenza; raccolse e impiegò tutte le risorse civili esistenti; operò a supporto dei reparti in ripiega mento. Fra le innumerevoli missioni compiute, sono da ricordare le autocolonne di rifornimento alla Divisione «GG.FF.», proveniente dai presidi interni di Siwa e Giarabub- ferma nella zona di Gialo per mancanza di carburante - effettuate sotto la minaccia del nemico in avanzata. I mezzi e i conduttori del 1° Autoraggruppamento uscivano per effettuare servizi ben determinati ma, durante il per.corso, venivano dirottati per far fronte ad altre infinite esigenze. II loro rientro ai reparti avveniva perciò non secondo previsione, ma quando possibile e solo per ricevere nuovi ordini e ripartire d'urgenza. Purtroppo non semp re uomini e mezzi rientravano, essendo ogni ritorno condizionato da troppe variabil i. Al termine del ripiega mento, i brandelli del 1o Autoragruppamento erano disseminati in ogni angolo della Libia, individuabili dalle croci che indicavano i luoghi di sepoltura dei caduti e dai relitti dei s uoi autocarri distrutti. Nella relazione dell'intendente, generale Palma, a l Comando Superiore, si quantificano gli automezzi persi dal 1o nelle sole operazioni di ripiega mento dopo la battaglia di El Alamein: 314 automezzi, dei quali 162 abbandonati efficienti. Il 12° partecipò direttamente alla campagna sia con le sue numerose autosezioni distaccate presso le grandi unità in linea, sia con i suoi autoreparti impegnati nell'alimentazione continua della battaglia. Le perdite approssimative sarebbero state di cìrca 130 autocarri e 50 rimorchi. Con gli automezzi residui esso partecìpò a tutte le infauste operazioni che si sarebbero concluse con l'attraversamento del fronte tunisino. Tl 25 gennaio del'43, il12° Autoraggruppamento, ormai praticamente anemizzato e prosciugato per aver ceduto


tutti i suoi mezzi alle unità operanti, veni va sciolto. TI 26 dicembre venne d isposto lo scioglimento del XLII Autogruppo «Ariete», del 57° e dell2° Autorepa rto. Grande fu il do lore tra i pochi s u perstiti di q uesti reparti. I veterani v idero spa rire l' unità nella quale avevano operato dall' inizio della campagna; quell' unità nella quale avevano svolto un'intensa attività lungo le s trade della Libia e d ell'Egitto fino a El Alamein, lasciando ovunque commilitoni ca duti. Destino co mune a tutti i reparti e d a tutti accettato con fo rza e d ignità. Anche per l' Autog ruppo «A ri ete» l'ordine di scioglim ento deri vava da qu ello della s tessa g rand e unità; quanta malinconia e quanti ricordi! Non vi era stata azione della Divisione che non avesse visto coprotagonis ti g li uomini dalle fiamme nerazzurre del132° e 205° Autoreparto, soldati che non avevano evitato alcun rischi o pur di far pervenire ai loro commilitoni quanto loro occorreva pe r vivere e combattere; che avevano affron tato i pericoli senza la protezione di corazze né di anni adeguate. Dove l' «Ariete» aveva portato i suoi ca rri, lì i reparti d el Corpo avevano portato i loro automezzi; con la grande unità avevano esu ltato nei momenti euforici della vittoria e avevano resistito fin o a ll ' ultimo nella fortuna avversa . Con l' «Ariete» essi condividevano il doloroso atto finale d ello scioglimento! -

Anche ciò che era rimasto del personale e d elle a ttrezzature dell'officina d el disciolto X C.A. venne ri sistem ato, completato e tra sferito ad altra unità operativa. Infine, la 39il Offici na Mobil e Pesante passò tutti i propri automezzi alla Division e «Spezia ».

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Le operazioni in Tunisia (5 febbraio-13 maggio 1943) Il 5 fe bbraio 1943, le ultim e retrog uardie italo-ted esche a ttraversava no il confine con la Tunisia. Era il giorno che seg na va la da ta di cessazione di ogni ostilità in Libia, tanto che il maresciall o Bas tico rientrava in Ita lia . Era l' ultimo atto di una battag lia iniziata a El Alamein e combattuta con valore e con tenacia per tre mesi dall' Armata che- nonosta nte l'enorme s uperiorità di uomini e mezzi dell'Sii Armata Britannica e l'incontras ta to e decisivo dominio dell'aviazione anglo-a m ericana - aveva opposto una caparbia resistenza p er ben 2500 chilometri. In Tu nisia si costituiva la Jil Arm ata che riuniva in sé unità nuove e veterane so tto il com ando d el gen. Giova nni Messe: XX C.A. (Divisioni «GG.FF.» e «Trieste»), XXI C.A. («Sp ezia » e «Pistoia»), Divisione Corazzata «Centauro», Ra ggruppamento Sahariano e D.A.L. Con la Si! Armata Corazzata tedesca,

È l'inverno 1943, la Libia è ormai perduta; Italiani e Tedeschi si rifugiano in Tunisia. Nella foto: elementi tedeschi alle dipendenze della «Centauro» entrano a Gafsa {foto SMEUfficio Storico).

99


CAPITOlO

100

4

anch'essa appena costituitasi in Tunis ia, operava il XXXI C.A. italiano che aveva alle sue dipendenze, oltre a unità minori, anche la Divisione «S uperga >> . Benché fossero già trasco rsi 32 mesi di violente battaglie, g li Italo-tedeschi s i appres tavano a tentare un'estrema difesa, gettando in campo ogni forza residua in un confronto ormai dis perato. La resis te nza co ntro le fo rze enormemente superiori di Stati Uniti e Inghilterra s i protrasse per tre mesi. In particolare, la 111 Armata si oppose con veemenza e anche con successo nelle battaglie di Mareth El Hamma, dell' Akarit, di Enfidaville e cedendo solo quando, arresas i l' Armata Tedesca, s i trovò circo nd a ta e sen za pit:1 m ezzi, munizioni, viveri, carburante. U n destino seg nato s in da ll' inizio: con il cielo e il mare praticamente dominati dal nemico, i canali di rifornimento dall'Italia si esaurirono d el tutto. In s intesi, le unità italiane in Tunis ia dovette ro cedere non p erché sconfitte sul campo, ma per l'asso luta m ancanza di tutto ciò che era necessario per la vita operativa : le artiglierie furono fatte sa lta re dopo aver spa ra to l' ultimo colpo; g li autom ezzi - quelli salvatisi dalla d is tru zione- si consu mareno lettera lm ente per u s ura e non poterono essere ripa rati per manca nza di p ezzi di ri ca mbi o; i g ià sca rsi mezz i corazzati si esa urirono nell'impari lotta senza possibilità di sostituzione; il carburan te, se mpre ins ufficiente, negli ultimi giorni venne completamente a mancare. Ai primi di febbraio, tutte le formazioni del Co rpo Automobilistico erano in Tunis ia. L' ultima battaglia aveva lascia to il Corpo s tremato, con reparti dis trutti o ridotti a pochi e lementi. Ma n mano che le unità entravano in Tunisia, s i procedeva a lloro totale r iordinamento. Lo scioglimento più importante fu quello dell2° Autoraggruppamento: i mezzi rimasti vennero riuniti in un mino r numero di reparti. Vennero potenziati quelli più efficienti c a ltri ne vennero cos tituiti co n m ezz i e personale tratti d all e unità soppresse, dando loro una nuova articolazione. Purtroppo le unità non poterono mai raggiun gere la compl etezza o rganica per la cessazione di rifornimenti di au toveicoli dall'Italia: i pochi mezzi ottenu ti in rinforzo erano tutti fortemente us ura ti d alla ca mpag na di Libi a. Nel ca mpo delle ripa ra zio ni la s ituazione non appari va meno critica . I

tre parchi automobilistici avanzati (2°, 5°, 21 °) avevano effettuato il ripi eganl ento solo con i pro pri mezzi, pressati dall'avanzata nemica, sotto la co ntinua minaccia aerea e terrestre, in una s ituazione viaria insufficiente e con traffico congestionato, dovendo- quando le necessità lo richiedevano - spiega re i loro nuclei per fronteggia re le esigenze più urgenti. Un ripiegamento in tali co ndizioni avrebbe anche giu s tifi cato un completo dissolvimento dei parchi che fu evitato solo g razie a ll a volontà, al senso del dovere e allo spirito d i sacrificio d el personale di ogni grado. Ciò non fu s uffi ciente, anche se gran parte del materiale venne portato in sa lvo, n evitare pe rdite- valutate in un 70% - in complessivi e parti di ri ca n1bio, rese a ncor più gravi dal solito mancato arrivo di a iuti dall'Italia. Si dovettero abbandonare ino ltre 1700 automezzi g iacenti per riparazione e 150 di preda bellica . Il 20°, rima sto in attività fino all' ultimo nella sed e di Tripoli, fu un bersag lio costante delle offese aeree, per cui arri vò in Tunis ia fo rtemente depauperél to di uomini, mezzi e materia li. Per tale criticél s itua zione anche in ques to settore s i dovettero concentrél re attività e materi ali , in modo da avere o rga ni più efficienti, anche se m eno numerosi . Ai primi di febbraio, il2° Parco Auto mobilis tico (comanda to dal tenente co lonnello Giovanni Zappetti) ve nne d isciolto: il personale e i mezzi s upers titi vennero ripa rti ti tra il 5° e il 21 °. L'8 a prile 1943, anche il21 o (comandato da l colonnello Giovanni igri), fu sciolto . Un'officina di tipo «A» rinforza ta, ins ieme a un'altra di u guale tipo d el 20°, fu imbarcata per l' Italia s ul piroscafo «Puglia », nel porto di Susa, nel tentativo di sa lvare del materi a le prez ios issimo; la nave ve nne affondata quando n on era a ncora lon tana dieci mig lia dalla Tunisia. Ques ti episodi sta nno a dimostrare che anch e il settore delle riparaz io ni, no n più alimentato, poteva contare soltanto s ulle poche scorte rimaste, destinate inesorabilmente a diminuire c poi a esa urirs i, e sull e g ià scarse risorse loca li . Malgrado ciò, i parchi continuarono a funzionare, ri correndo ad ogni espedi ente- dall a s poliazione dei veicol i fuori uso alla costruzione d ei pezzi più semplici - pur di riparare il più possibile e contribuire a tenere in attività il


settore dei trasporti. Ciò, fino <'1113 maggio 1943, quando i s upers titi del 5° e del 20°, ritiratisi con l' Intendenza nella penisolél di Capo Bon, dovettero cedere le armi. Sulle difficoltà nelle quali i trasporti s i dibattevano, ecco quanto il m aresciallo Messe scrive nella s ua relazio ne sulla ca mpa gna: «... i mezzi d i traspo rto no n furono mai rispondenti ai bisogni delle oper azioni e se erano strettamente suffici enti per le sole necessità log istiche, venivano completamente a mancare per trasporti di ca rattere s tra tegico e tattico, sicché il soddisfaci m ento di imprescindibili esigenze operative (e s ia pure con m ezzi largamente in feriori a lle reali necessità d el caso) provocava la temporanea paralisi del funzionamento dei servizi. Il problema dei trasporti gravò sempre come un incubo su tutta la ca mpagna e poté essere risolto di volta in volta mediante complessi ripieghi che non mancavano di ripercu otersi, naturalmente, così sulle operazio ni come sui servizi stessi». Sul ripiega mento dopo la battaglia di Mareth-el-Hamma, aggiunge: «... Con g li s tessi mezzi s i dovette fa re per ben due volte la spola tra le varie linee di ripiegamento, assogettando a uno sforzo veramente gravoso il personale e i mezzi, per giunta sottoposti giorno e notte agli attacchi .nemici». E, nella battaglia dell' Akarit: «... l'Intendenza aveva racco lto e mandato tutto ciò che aveva potuto ... si era no utilizza ti autocarri guasti, ada ttati come rimorchi con attacchi di circosta nza, ma ciononostante il tonnellaggio a disposizione dell'armata risultò sempre insufficiente a ll'autotrasporto e nessun miracolo avrebbe potuto eliminare questa circostanza di fatto ». Poc he righe, ma s ufficie nti ad inquadrare l'attività e ad esaltare lo sforzo che i reparti automobili stici compirono in Tunisia.

Storie di singoli reparti Analogamen te a quanto effettuato nel p recedente capitolo e in a rmo nia con quan to dichiarato in sede di «Introd uz ione», dopo aver riferito le vicende del Corpo Automobilis tico n ella loro globalità in seno agli avvenimenti della campagna in Africa Settentrionale, esploreremo più da vicino quelle di alcuni singoli reparti, cerca ndo di co-

gliere il senso della loro indi vidu ali tà. Se fin qui, cioè, abbia m o riportato g li LA CAMPAGNA episodi relativi alle diverse unità automobilistiche in funzione delle vicend e IN AFRICA belliche che s i andavano sviluppando, SETTENTRIONALE saltando perciò da un repa rto all'altro per riferire co me l'attività di questi s i s ia inserita in quelle, ora seguiremo un traccia to, per così dire, perpendicolare rispetto a quello fin qui seguito: ripercorrerem o la vita di alcuni reparti per scoprire come, in essa, s i sia no inserite le vicende di guerra. Cercheremo, per quanto possibile, di evitare la ripetizione di episodi già narrati. Se ciò dovesse avvenire, sarà solo per arricc hirli di parti cola ri che ragioni di s nell ezza di narrazione ci avevano costretti a tra scurare. L'impresa è quantomai ardua, se s i tiene conto dell a es tre m a framm entazione cui i reparti andarono soggetti per seguire e ser vire le unità combattenti. Cominceremo dalle unità più complesse per scendere verso quelle più semplici. Si tratterà, ovviamente, di un campiona rio ra ppresentativo. Come già detto in sede di introd uzione, s u ogni unità s i potrebbe redi gere un libro a se s tante, a seconda d el diverso g rad o di definizione che si vuoi conferire a ll 'immagin e. Perfino og ni singolo autiere potrebbe fornire, con le proprie esperien ze, materiale per un piccolo volume. Il nostro impegno sarà quello di contemperare la ricchezza di notiz ie trasmessec i con la relativa disponibilità di spazio. Cominciamo perciò dal

12 o Autoraggruppamento Se una fo rtuna può essere accredi tata a questa importante unità del Corpo Automobilistico, è quella di aver avuto come comandante, per un anno, un uomo che all'amore per la creatura a lui affidata univa una invidiabile facilità di penna. Questo ha fatto sì che il reparto abbia avuto n el s uo esponente di grado più elevato il cantore d ell e sue gesta. Per una più dettagliata esposizione, s i rinvia alla lettura del g ià citato libro «Con g li autieri in guerra », del generale automobilista Giuseppe Papi. Alla nostra penna non restano che due - non semplici- operazioni: - effettuare una «sintesi del riassunto» d ell'opera del Papi; - smorzare alquanto, per ragioni di obiettività, g li entusiasmi e i toni e pici del narratore. 1112° Autoraggruppamento d el Supercomando A.S. era stato costituito nel

101


CAPITOLO

4

Il colonnello Giuseppe Papi, comandante del 12° Autoraggruppamento (foto Museo Storico).

novembre 1940. Suo primo comandante, il colonnello Tullio Nicolardi. Inizialmente esso comprendeva gli autogruppi IV (autoreparti 100°, 106°, 263°,221 °), VI (145°,246°,404°), IX (56°, 57°, 59°, 360°) e altri reparti minori . In seguito si aggiunse l'VIII (24°, 112°, 143°). Con l'attacco inglese su Sidi el Barrani, il reparto fu duramente impegnato con le sue officine mobili, tese a contenere al minimo le inefficienze. Man mano che l'offensiva si faceva più aspra, a umentava il numero dei reparti costretti a cedere alla superiorità avversaria. A Bardia cadde tutto il VI Autogruppo. A Barcee sul Gebel vennero catturati il360° Autorepa rto e parte del IV Autogruppo. L'VIII Autogruppo combatté assieme ai fan ti della «Sabratha»; lo stesso fece il 59° Autoreparto con gli artiglieri del 2° Regg imento. A Bengasi, dopo aver effettua to numerosi viaggi di sgombero dal Gebel verso la Sirtica, gli autieri vollero tornare a portare il loro a iuto alla difesa della città: alcuni vi persero la vita, altri avrebbero subito a nni di prigionia. Raggiunta la Tripolitania e raccolte

le forze superstiti, il Reparto si ricostituì su due autogruppi: l'VIII e il IX. Ripresa l'offensiva, il 12° spinse avanti i suoi reparti, talvolta perfino precedendo le truppe combattenti per far trovare sul posto, alloro arrivo, tutto ciò di cui esse avevano bisogno. Nell'estate del '41, l'organigramma del 12° divenne particolarmente articolato e complesso, inglobando anche un parco, un centro carristi e molte officine, alcune delle quali destinate arimettere in efficienza i mezzi corazza ti e quelli di preda bellica. Con questi ultimi venne costituito un Raggruppamento di Artig li eria Volante. Venne inoltre costituita una batteria autoportata di obici; lavori, tutti, che andavano ad aggiungersi al ripristino di centinaia di automezzi che venivano restituiti ai reparti. Potenziato con l'assegnazione temporanea del CXXVIII Autogruppo, ill2° partecipò all'offensiva autunnale e gli autieri combatterono nel deserto marmarico frammist i ai carristi dell' «Ariete»», ai fanti della «Pavia», della «Trento», della «Brescia ». Nuovo ripiegamento, e il 12° lo effettuava riuscendo a portare indietro, nonostante quasi tutti i suoi mezzi fossero impegnati in linea, buona parte dei materiali d'officina e dei ricambi. Raggiunta nuovamente la Tripolitania, si provvide al riordinamento equesta volta l' Autoraggruppamento assunse la fisionomia di unità automobilistica di manovra. Esso era composto dal IX e XX Autogruppo, da un Reparto Autotraini per carri «M» e dal1 ° Reparto Trattori Cingolati che, nonostante la lentezza dei suoi mezzi, era ugualmente riuscito ad effettuare il ripiegamento. L'offensiva di maggio pose particolarmente in luce l'attività del Reparto Autotraini che, percorrendo per ben tre volte la strada Marmarica-Tripolitania, riuscì a portare in linea i carri della «Littorio», nonostante gli a ttacchi delle camionette e dell'aviazione nemica. Lo sforzo degli autieri, alcuni d ei quali rimasti al volante perfino per 10 giorn i consecutivi, venne gratificato dalla notizia della caduta di Tobruk. Ma la battaglia di El Alamein che vide ancora sulla breccia, come sempre, gli autieri del 12°, segnò un nuovo ripiegamento in Tripolitania. Il 12° partecipò direttam e nte a lla battaglia, sia con le sue numerose autosezioni distaccate presso le unità in linea, sia con i s uoi au toreparti impe-


Autocolonna in marcia verso Soluch (foto SME • Ufficio Storico).

gnati nell'a limentazione continua d elle s tesse. el p eriod o 30-31 ottobre, l'evento d i p iù s picca ta risonanza fu l' in vio- su ordine di DELEASE (Delegazione Africa Sette ntrio nale Egitto) a seguito d ella richiesta d el Comando operativo- di 150 autoca rri a Marsa Matruh a disposiz ione di detto Comando . Ricevuto l' ordine in un mom ento di atti vità inte ns issima, ill2° fu costretto a bloccare a utocolonne già in serv izio per d irottarle s ulla locali tà presta bilita. L' Autoraggruppam ento, infa tti, no n aveva alcuna ris erva di veicoli e quind i, per fa r fronte alle incessa nti e sempre pressa nti richieste, doveva ri co rrere al continuo aumento d el num ero degli autocarri / viaggio; conseguenza inevita bile era l'a umento d elle perdite e la costante diminuzione d elle dis ponibilità. Ancora Giuseppe Papi, nella cita ta opera , m ostra come il Com a ndo d el 122° riuscisse a m ettere insieme g li autoca rri occorrenti, ed evid e nzia in modo tang ibile le acrobazie cui i Comandi furono costretti per soddis fare l' esigenza. -a utocolonna di ritorno da Siwa e Giarabub: Lancia 3 RO n. 41 ; -autocolonna da Sidi el Barrani: Fiat 666 n . 5 + 6 rimorchi; -autocolonna di ritorno d a Divisione «Brescia»: Lancia 3 RO n . 5 + 7 rimorchi; - autocolonna per Divis ione «Pistoia» e presidio Bardia: Lancia 3 RO n. 15 + 7 rimorchi; -a utocolonne per 21il cp. di marcia -Divisione «Trento»: Fiat 666 n. 6;

-a utoco lo nn a p er Division e «Pis toia»: Fiat 666 n. 20; -autocolonna per pres idio di Um er Zem: Lancia 3 RO n. 5 + 5 rimorchi; -autocolo nna per battag lione «Lupi»: Alfa 800 n . 25 + 5 rimorchi; - autocolonn a in servizio zona Tobruk: Alfa 800 n. 16. Totale: n. 139 + 37 rimorchi. Come s i ved e, mediante un lavoro di vero setaccio, s i era riusciti a recuperare un numero di automezzi anche superiore (compres i i rimorchi) alla richies ta; ciò, in considerazione d ella percentu a le di p erdite che s icurame nte avre bbero s ubito g li s tessi durante la marcia verso Mars a Matruh. Si cons ideri, va lutate le condizioni di allora e il particolare momento, quale enorme impegno abbia richiesto il far giungere tempestivamente g li ordini a tutte le formazioni s parse in una zona di centinaia di chilo metri! Log icamente, ques te piccole unità non poteva no essere riunite in un' unica colonna compatta, ma furono inviate separata m ente nella zona di raduno. Il compito previsto dal Comando dell'Armata per tali automezzi era quello di trasportare le unità supers titi d el XXI Corpo d'Armata («Brescia», «Pavia »», «Folgore») che dovevano ripiegare da El Alamein. Tuttavia, ancor prima di arrivare a Mars a Matruh, alcuni automezzi vennero distrutti dal nemico; altri, appena giunti nella zona di combattimento, furono impiegati di versamente; altri ancora, in esito al succedersi di ordini e contrordini, furon o spostati d a una località all'altra fin endo via via travolti nelle varie vicend e

103


CAPITOlO

104

4

della battaglia; ma i superstiti furono fa t ti proseguire nella marcia e, dopo aver subito ulteriori forti perdite, riuscirono fin almente a raggi ungere la meta. Il loro destino, da quel momento, sarebbe stato drammaticamente legato alla sorte di tutti i reparti del XXI Corpo d'Armata. rra queste vicende, si può estrarre, come esen1pio emblematico, la colonna di 40 Alfa 800 del143° Autoreparto. Questa formazione, partita agli ordini di un ufficiale subalterno a mezzanotte del 30 ottobre da Ain El Gazala, giunse al campo di aviazione di Bir Amund (a circa 15 chilometri da Tobruk), ca ricò il Bz.ttaglione «Lupi diToscana» appena giunto dalla Grecia e a mezzogiorno del31 era già in partenza. Effettuata la sosta notturna a Sollum, la colonna si rimise in cammino il1 o novembre e arrivò a Marsa Matruh all'imbrunire dello stesso giorno. Qui, come da ordini, i 40 m ezzi avrebbero dovuto la scia re il battaglione e unirsi al blocco dei 150 mezzi richiesti per il XXI C.A. Invece, con un contrordine, il Comando dell'Armata decise di far trasportare subito il battaglione nella zona di El Dabà, a oltre 200 chilometri, dove la formozione sarebbe giunta al mattino del 2, ritardata da continui attacchi nemici. Trascorsa la giornata del 2 in attesa di ordini, la sera venne disposto il ripiegamentto del battaglione su Fuka. Nel frattempo però una serie di bombardamenti avvenuti nel primo pomeriggio aveva messo fuori uso circa la metà degli automezzi, sì che si dovette organizzare il movimento su due riprese. Il martellamento aereo non diminuiva né di intensità né in continuità, per cui la colonna, oltre a perdere altri m_e zzi, giunse a Fuka con metà battaglione solta nto al mattino del giorno successivo. Qui, però, un nuovo contrordine attendeva il reparto: riportare le truppe a El Dabà; a mezzogiorno la colonna rientrava in quest'ultima località. La sera del 3 ... contro-co ntrordine: ripiegamento di nuovo su Fuka. La colonna dovette effettuare due viaggi, un9 nella notte fra il 3 e il 4, il secondo fra il4 e il5. Tutto il battaglione venne trasportato, tranne un centinaio di uomini rimasti a El Dabà. I bombardamenti aerei, per fortuna, si erano interrotti, e la strada venne trovata sgombra, per cui la co lonna raggiunse la destinazione in poco più di un'ora.

L'indomani successivo, alcuni automezzi tornarono a El Dabà a riprendere e trasportare a Fuka gli ultimi 100 uomini. Ormai però le forze britanni che erano penetrate in profondità, per cui il nucleo di automezzi venne avvistato e attaccato a più riprese da elementi corazzati e da artiglierie. Ricorrendo a lunghe deviazioni, la colonna riuscì a sottrarsi in un primo tempo ma, nella mattina del 5, completamente circondata, venne travolta e con esso il reparto di fanteria trasportato. ella totale incertezza e precarietà della situazione, gli ordini si accavallavano e si annullavano l'un l'altro, mentre gli avvenimenti precipitavano sempre più. I reparti automobilistici furono gettati allo sbaraglio con i pochi e inadeguati mezzi a disposizione. Gli autieri non esitarono davanti a nessun sacrificio nel tentativo di portare soccorso ai commilitoni d'arma in pericolo, come dimostra l'episodio di El Dabà. Degli oltre 150 au tocarri, messi insieme con !m mensa fatica, pochi si salvarono dalla distruzione, e solo qualche uomo, ripiegando insieme ad altri reparti, poté far rientro all' Autoraggruppa mento. Per ill2° il colpo fu gravissimo: fra il personale era scomparsa un'aliquota di autieri tra i più esperti, veterani di tante battaglie; fra gli automezzi, la perdita subita non aveva possibilità alcuna di ripianamento a causa della nota totale mancanza di rifornimenti. Con il ripiega mento, anche il12° dovette spostare le proprie basi su posizioni più arretrate. Solo i Comandi dei singoli reparti con i rispettivi organi di riparazione erano rimasti sul posto e lo spostamento si presentava difficoltoso a causa della penuria di mezzi. Ancora più criti ca la situazione del dipendente 204° Autoreparto che, espletando esclusivamente compiti addestrativi per tutte le unità, disponeva solo di qualche veicolo adibito a scuola guida mentre doveva, per contro, provvedere al trasporto di un elevatissimo numero di militari. Ma anche questo ostacolo venne superato, caricando l' ind ispensabile e distruggendo il resto. Furono lasciati indietro il 1o Reparto Trattori Cingolati, temporaneamente alle dipendenze dell'Intendenza, e il 9° Autoreparto che, per le sue caratteristiche di spiccata potenzialità poteva divenire utile per servizi di particolare emergenza. Provvedimento valido, nl quanto fu proprio il9° a trasportare, al-


Impressionante immagine di ciò che resta di un automezzo italiano. La didascalia apposta sull'originale della foto conservata presso l'Ufficio Storico dello SME riferisce che nella circostanza vi furono molti morti, ma non spiega quale sia questa circostanza. In merito al gran numero di vittime, non si fa fatica a crederci (foto SME- Ufficio Storico).

l'ultimo momento, la maggior parte delle artiglierie della piazzaforte di Tobruk (per le quali era stato invece già impartito l'ordine di di s truzione), salvando così del materiale preziosissimo e, specie in quel momento, insos tituibile. Il ripiegamento continuava intanto senza soluzione di continuità, su strade costantemente battute dall'aviazione e dall'artiglieria nemiche, specie la Litoranea che era di fatto l'unica vera strada. Il Com.ando del12° proseguiva laritirata, pur continuando a _mantenere i collegamenti con tutte le colonne in movimento sull'immenso territorio e coordinando- anche da lontano- i servizi ai quali era preposto. Tra questi c'era anche il recupero dei mezzi inefficienti, la loro riparazione e l'immediato loro reimpiego. In sostanza, mentre ripiegava per porre in salvo se stesso, continuava a mantenere la propria efficienza operativa. I suoi reparti continuarono perciò a mantenere unicità di dipendenza e a perseverare nell'incessante spola di rifornimenti e sgomberi che li portava spesso ad agire controcorrente rispetto al flusso delle unità ripieganti. Particolarmente importante fu, in questo periodo, un'autocolonna del 142° Autoreparto su 41 Lancia 3 RO che, partita la mattina del 25 ottobre per rifornire la Divisione «GG.FF. » nei presidi interni di Giarabub e Siwa, tra sportò invece tutta la Divisione e il IV Battaglione Libico fino a El Algheila, dove giunse il 20 novembre. Il movimento ebbe la durata di quasi 4 giorni, a causa delle continue deviazioni im-

poste dalla situazione in continua negativa evoluzione, e fu compiuto solo per piste interne e sotto continui attacchi aerei. Compiuta la missione e lasciata un'aliquota di mezzi in rinforzo alla grande unità, il resto dell'autocolonna, della quale erano sopravvissuti ben pochi elem enti, rientrò alla propria sede. La sua capacità operativa era ormai azzerata. Interessanti furono anche le vicende relative al ripiega mento del 1° Reparto Trattori Cingolati rimasto staccato dal12°, a disposizione dell'Intendenza. Portate a termine le missioni di propria competenza, il Reparto iniziò il ripiega mento verso ovest, suddiviso in due aliquote e procedendo attraverso due piste interne; precauzione necessaria in quanto i mezzi, per la loro ridotta velocità e per il notevole ingombro, erano facile bersaglio per l'avia zione nenlica. Su un'autosezione di 13 trattori, dati in rinforzo alla Divisione Corazzata «Littorio», ben 9 erano andati distrutti nel corso dei combattimenti sostenuti dalla grande unità; i rimanenti, colpiti e con efficienza ridotta, erano stati salvati grazie al caparbio attaccamento al mezzo dimostrato dai conduttor~ che, con le sole proprie risorse riuscirono, p u r tra mille difficoltà, a portare i mezzi da El Alamein a Tobruk, dove poterono ricongiungersi al Reparto. Le condizioni dello stesso però andavano sempre più deteriorandosi; la sua marcia avveniva su un tragitto di centinaia di chilometri ingorga ti da traffico caotico, tra ostacoli naturali da su-

105


CAPITOLO

106

4

perare, con guasti meccanici sempre in Una prima avvisaglia di tale irregoagguato ed estenuanti offese aeree e terlare procedura s i ebbe in occasione del primo ser vizio dis impegnato d op o il restri (vi furono fino a venti incursioni nell 'a rco di una sola gio rnata), senza mutamento di dipendenza: 9 Lancia 3 RO con rimorchio, inv iati a Sirte per il so cco rs i s ui quali fare a ffid am ento. I mezzi in avaria venivano riparati, quantrasporto di m ateriale importante per do p ossibile, con gli accorgimenti più l'allestimento d i opere di difesa, furoes temporanei e, in caso di inefficienza no lì trattenuti e non furono più vis ti tornare al re parto. grave, rimorchiati (qualche trattore s i trovò a rimorchiare fino a tre mezzi conComunqu e, m algrado queste difficoltà, ill2°, a ppena arrivato nella nuotemporaneamente). Le difficoltà del terre no venivano superate solo g razie alva zona di schieramento di Cris pi-Giol' esp erie nza o alla spericola tezza e a lda, died e s ubito av v io all ' organizzala volo ntà d egli uomini ch e n o n trazione d elle ripa razio ni che cominciò a scurava no nulla pur di portare i veicofun zionare con immediatezza sia a fali al di là d egli os tacoli naturali. vore dei propri mezzi che di quelli di Le offese nemiche venivano s toicaaltre unità us cite decimate dalla battamente accettate come parte integran te glia. Già nell e preced enti ritirate il ragdi quella vita, mentre i caduti venivano sepolti con affettuosa commozione, gruppamento aveva es pletato gli s tessi compiti, m a m a i in una situazio ne ma senza risentimento o s pirito di ribellione. dalle diffico ltà così esasperate. Il quadro operativo era ormai deciIl Re pa rto aveva u omini che s i erasamente critico, i rifornimenti d all' Itano fo rg ia ti s u di esso, acquisend one le ca ratteris tiche di graniticità; uomini che lia si erano sem p re più ridotti e le ri effe ttuaro no la marcia di ripiega mento sorse loca li d el tutto esa urite. Eppure in o rdine e sile nzios amente e che troil 12° seppe fare miracoli: immise n el settore ripa ra z io n i tutti i carris ti agvaro no anche il tempo, durante la ritirata, di recuperare materiale p rez ios o gregati di recente assegnazione e predispose un'orga ni zzazione «per co me dis tru ggere tutto ciò che no n era trapetenza», s mis tando gli automezzi inefs porta bile; uomini che arrivarono in zona s icurezza solo dopo 15 g iorni, d opo ficienti a qu egli a utore pa rti che avevaaver rimosso ogni os tacolo e vinto ogni no g ià in carico lo s tesso tipo di veicoavvers ità . lo e quind i dotati di personale con s u fficiente esperienza nelle ripa razioni. Al termine d el ripiega mento, l' unità s i trovò d ecimata in uomini e mezzi, ma Tra i ta nti veicoli, vennero assegnacon il m orale ancora così eleva to che, ti al 12° p er la s uccessiva ripa razio ne anche quelli dell' Autogruppo d ella «Li ta ppe na s is temati, s i diedero subito a ripa rare i veicoli rimas ti per essere pro ntorio», d el XLI I Autogruppo dell' «Ariete» e d ell'80° Auto re p a rto «Tries te», ti a riprend ere l' oper a. unità discio lte perché praticamente diIl XX Autogruppo, a s ua vo lta, efs trutte. fettuò la ritirata sempre ingloba to in reIn ques to p eri od o e ntra ron o n elpa rti tedeschi d ei quali cond ivise tutte l'organico d el l2° anche la 39° Offici na le avverse vicende. Pur avendo s ubito anch'esso g rav i p erdite, fu sempre un Mobile (uno d egli ultimi rep arti automobilis tici a rri va ti da ll' Ita lia) e un reva lid o s trumento nelle ma ni d ell'a lleaparto soccorso s trad a le. to che ne riconobbe, in più occasio ni, onori e me riti, con il conferin1 cnto di A battaglia finita e d op o il successiono rificenze germaniche. vo ripiegamcnto, il 12° s i era ritrova to Il 15 nove mbre d e l 1942, m entre il con larghi vuoti, ormai incolmabili: mol12° s i s is te m ava n ella nuova zon a di . ti autieri erano caduti durante l'avanschiera mento, g li pervenne l'ordine d i zata ing lese, molti era no s tati trattenupassare a lle dipende nze d ell' Intendenti presso altri re pa rti; mo lti autoca rri za. Cominciava così per l' unità un nuoaveva no di viso la sorte d ei cond uttori, vo ciclo o perativo che s i sa re bbe conm entre altri s i e ra no d egrad a ti, lettecluso co n il s u o irre p a rab ile logoraralmente consuma ti d al continuo logom ento. rio. Tutti gli autorep arti apparivano orOrmai non più inquadrati nei re parti mai irrepa rabilmente ridotti nei rang hi di prim a schiera, gli a utore parti venie nelle potenzia lità. vano s pesso trattenuti presso le un ità a Dell' Autora ggruppamento era rifavore d ell e qu ali si recavano ad effetmas ta so lo l'ombra, e ppure continuatuare i servizi, che tendevano se mpre a va ad operare: fu infatti d ell2° la d elicostituirs i d elle scorte in proprio . cata e rischiosa op era di sgombero e ri-


Il generale Giuseppe Papi, a guerra finita, riceve una decorazione da parte di S.E. Randolfo Pacciardi (foto Museo Storico).

piegame nto del presidio interno di Hon, iniz iato il1 o gennaio del1943. Gli autieri esuberanti alle necessità per via del limitato numero di m ezzi a disposizione non rimasero inattivi: vennero impiegati in lavori di raffo r za me nto difensivi o in serviz i di guardia a campi minati o ad altre opere e infras trutture. La situazione precipitava in Tripolitania e il12° dovette effettuare l' ultimo ripiegamento, dalla Libia in Tunisia. Primi a muove re furono il 24° Autoreparto, il l 0 Reparto Trattori Cingolati, redu ci da ulteriore gravi perdite durante l'az ione di Hon, é un'autofficina. Il grosso d e lle unità iniziò il movimento, a scaglion i, la sera del19 gennaio. Per primo si mosse il Comando, seguito da tutti i reparti (eccetto il IX Autogruppo), compreso il 204° Autoreparto Addes trativo che, già pesante per costituzione per via dei molti a llievi in rapporto a i pochi mezzi, era divenuto mastodontico avendo inglobato tutti gl i autieri dei C.A. distrutti oristrutturati. 1120 mattina, l' Autoraggruppamento lasciò per sempre la Libia. Sotto l'alto e granitico cippo di confine, su cui s i ergevano le aste senza bandiere, il Comando si radunò per inviare l'ultimo saluto, a nome di tutti i militari del12°, a quella terra che per tanti mesi e ra sta ta teatro delle loro lotte e delle loro sofferenze. La marcia continuò e, supera te Cabes e Sfax, l'unità si radunò presso Sousse. Ma ormai - quasi che il suo destino fosse legato indissolubilmente alla terra di Libia, ove era sorto e per il cui pos-

sesso si era battuto - il25 gennaio 1943 il12° Autoraggruppamento venne sciolto; personale e auton1ezzi s upers titi vennero assorbiti dal l 0 Autoraggruppamento. Scrisse in quel mome nto il s uo comandante decorato al V.M. due volte per quella cam pagna: «1112° Autoraggruppamento cadeva in piedi, fiero del suo lavoro e d e ll'aiuto dato a tutti i fratelli in armi». Parole piene di com moz ione e di rimpianto, ma soprattutto colme di orgoglio per ciò che e ra s tato fatto e che non sarebbe mai s tato dimenticato; di quell'orgoglio che, ancora oggi, riempie il cuore di coloro che appartenne ro a questa gloriosa unità. In oltre due anni di ininte rrotto servizio, il12° aveva offerto a ll a Patria 63 caduti, 73 feriti, 1293 dispersi, mentre la sua Bandiera si fregiava di 5 medaglie d'argento, 13 di bronzo, 72 Croci di Guerra.

1 o Autoraggruppamento Mobilitato dal l o Centro Autieri nel giugno del1940, era articolato su due autogruppi: il I (autoreparti 31 °, 35°, 36°, 37°) e illll (98° e 99°), 3 sezioni ambulanze e 2 sezioni autobotti. Comandante, il colonnello Ettore Perdicd1i che sarebbe rimasto al suo posto fino al 10 agosto 1942. Dopo aver fornito la propria opera durante la breve campagna su l fronte occidentale, con la stipula dell'armistizio con la Francia venne trasferito nel bergamasco dove, ne l febbraio del1941, pur rimanendo in vita come unità qua-

107


CAPITOlO

108

4

dro, cedette tutte le sue unità al costituendo 2° Autoraggmppamento in partenza per la Russia. In aprile il Comando venne trasferito a Orbassano e il reparto ve nne ricostituito sugli originari autogruppi e autoreparti. Dopo aver raggiunto Napoli tra ili8 aprile e il23 maggio, nella prima quindicina di giugno sbarcò a Tripoli, con partenze scaglionate in 5 m andate. Gi à il primo scaglione venne falcidiato dall'aviazione nemica con l'affondamento del «Conte Rosso»: in pochi minuti, tutti i mezzi e oltre metà del persona le del 31 o Autoreparto sparirono fra le onde. Il secondo convoglio, come già riferito nelle pagine precedenti, attaccato da una formazione di aerei inglesi nei pressi della costa africana, subì l'incendio del piroscafo «Foscarini», con il quale andò perduto tutto il materiale del Comando e gli automezzi d el 30° Autoreparto, mentre tutto il personale venne tratto in salvo. Anche il quarto convoglio non ebbe vi ta facile: attaccato a 150 miglia dalla costa, subì la perdita di 5 uomini, mentre 11 furono i feriti. A questi ep isodi legati ad agenti esterni vanno aggiunti gli avversi fattori che ne co ndizionarono la vita fin dalla partenza dall'Italia. La qualità degli effettivi era quella che il Paese poteva in quel momento mettere in campo, con l'aggravante del s uperfici ale e imperfetto metodo di selezione, per c ui il persona le ri s ultava scarsamente dotato dal punto di vista della professionalità. Si trattava, per la quasi totalità, di complementi. Infatti, su 117 ufficiali (22 in meno rispetto agli organici) solo 6 erano in servizio permanente; quasi tutti richiamati o tratten.uti erano anche i sottufficiali. A queste menomazioni obiettive supplivano, nei limiti del ragionevole, il morale e le motivazioni. Non migliore era, dal punto di vista qualitativo, il personale dei reparti che si sarebbero aggiunti nel corso della campagna. Né venne concesso agli autieri il tempo di completare l'addestramento dopo lo sba rco; anzi, l'unità non ebbe neppure il tempo di guardarsi al completo. Gli scaglioni successivi non si erano infatti ancora staccati dal porto di Napoli che già i primi arrivati, a causa della pressante s itua z ione operativa, venivano inviati a tamponare le falle apertesi a nche in loca lità lontanissime da Tripoli, su piste intermina-

bili, evanescenti, e prive di riparo da offese, con mezzi per niente adeguati alle condizioni ambien tali. Man mano che questi arrivavano, venivano utilizzati dalla Delegazione d'Intendenza A.S. di Tripoli, per trasporti urgenti verso oriente. Alcune unità dovettero addirittura lasciare i propri materiali a Tripoli, affinch é sugli automezzi rimanesse quanto più spazio possibile per le muni zioni e i viveri. Nel solo primo mese, quasi tutti i reparti avevano percorso due volte il tratto Bengasi-Tripoli e viceversa, con tappe giornaliere di 3-400 chilometri, senza altra sosta che poche ore la notte. Si può immaginare quale fosse il regime alimentare del personale, costretto a far quasi quotidianamente affidamento sulla riserva di gallette e scatolette tanto che il colonnello Perdicchi dispose, a un certo punto, che le autocolonne venissero precedute da automezzi veloci per l'approntamento, nelle località stabilite per la sosta, di un pasto caldQ per gli autisti. Tra i più significativi movimenti di carattere ordinativo successivi all'a rrivo dell' Autoraggruppamento sul suolo africano, sen za ripercorrere il cammino in troppo noiosi dettagli, si possono citare le acquisizioni: - degli autogruppi IV (autoreparti 100°, 106°, 263°) e V (41 °, 45°,46° e so Nucleo Soccorso Stradale) ili o giugno del194I; il IV sarebbe stato perso definitivamente iii 0 giugno del1942, mentre il V lo fu, tempora nea mente, dal13 agosto '41 all'11 gennaio '42; - del CXXVIII Autogruppo (autoreparti 86°,88°,89° e 1411 O.M.P.) il9 agosto 1941; la stessa unità sarebbe stata alle dipendenze del12° dal 2 ottobre al 18 dicembre dello stesso anno; - del XX Autogruppo Pesante (autoreparti 148° e 149°) e del 161 o Autoreparto Pesante, dal15 ottobre 1941 al20 marzo 1942 (questi ultimi reparti, ai soli effetti disciplinari e amministrativi). n personale, tra ufficiali, sottufficiali e truppa, raggiungeva le 4000 unità. Dopo 4 nlesi, quasi tutti gli autom ezzi avevano percorso oltre 20 mila chi lometri e presentavano forte u sura, resa più grave dalla mancanza di rica mbi; questa mancanza, unita a quella delle materie di consumo, rappresentò sempre il più grave ostacolo per la tenuta in efficienza dei mezzi. Durante la battaglia della Marmarica, il reparto fu semp re in avanti con tutte le sue unità e non solo per i tra-


sporti di intendenza. Ad essa il1 ° parparti territoriali, le artiglierie con traetecipò direttamente con 5 autore parti, ree, anche in previsione della g rande LA CAMPAGNA 3 sezion i autobotti e 2 sezioni ambuoffensiva preventivata per la primavelanze; in tutto, circa 500 automezzi. ra del '42. Tutti questi autotrasporti IN AFRICA ella successiva manovra di ripievennero effettuati dal 1° Autorag- SETTENTRIONALE gamento, le unità del 1°, combattend o gruppamento anche con l'ausilio di ditfianco a fianco con i soldati della «Trente private. to» c della «Brescia », consen tirono il loCo ns id erata la falcidia di alcuni rero sganciamen to, recupcrando quasi parti, nell'april e del'42 l'Intend enza tutte le armi e i materia li. ordinò la contrazione degli uomini e cl frattempo, tutti gl i altri autoredei mezzi in un minor numero di unità. Ben 7 autoreparti vennero perciò ridotti parti continuarono il loro lavoro di rifornimento di munizioni, viveri c acqua · a quadro. fino ai capisaldi. on potendo far grande affidamenIn un secondo tempo, cioè dal 20 al to sull'apporto dei parchi, l' Autoraggruppa n'lento cercò di incrementare la 23 dicembre 1941, ripiegate le unità nella regione di Bengasi, sempre sotto l'apotenzialità delle sue 22 officine mobizione aerea nemica, vennero avviate auli e della 14.1 O.M.P., racimolando ovuntocolonne per Io sgombero dci numeque possibile materiali e attrezzati.1re rosi magazzini della regione. Alla fine, (le ri chieste ufficiali sortivano, purtroppo, quasi sempre esiti nulli). raccolti i rimanenti automezzi dispoA bilanciare in parte le perdite, un nibili, vennero avviati i feriti agli stabilimenti della Tripolitania. centinaio di automezzi di preda bellica era entrato in servizio s tabile. Alla fine della stessa battaglia della Marmarica, il 25% degli automezzi riSpulciando nel diario inappuntabilsultava perduto: dei 1600 rimasti, il60% mente tenuto dal colonnello Perdicchi, era inefficiente. Oltre alla citata manstralciamo in ordine cronologico g li epicanza di ricambi, tra le ragioni della s isodi sa lienti della storia dell'unità. tuazione creatasi va messo il fatto che Se l'a ttività del reparto era quanto l'l n tendenza, dovendo concentrare tutdi più vario si potesse immag inare, in ti i s uoi sforzi sui trasporti, aveva dodipendenza degli sv iluppi della s ituavuto trascurare il settore delle riparazione operativa, c'erano momenti, nella vita dell'unità, che assumevano una zioni. Dopo la riconquista della Cirenaicadenza ciclica e quasi rituale, come a scandire lo scorrere del tempo. ca, fu necessario riportare in ava nti, dalla Sirtica e dalla Tripolitania, anziOgni sabato mattina, il comandante tutto gran parte delle fanterie a piedi effettuava l'adunata di tutto il personale per un commento sugli ultimi ep iche si trovavano ancora arretrate, quindi tutta la massa degli stab ilim e nti di sodi di cronaca bellica dai quali trarre intendenza, tutti i servizi, le basi, i reammaestran1ento.

.& .

Autocolonna in transito presso l'Oasi di Kufra (foto SME- Ufficio Storico).

109


CAPITOLO

110

4

Ogni domenica mattina, il reparto al completo si raccoglieva nella celebrazione della Santa Messa . Altri episodi però, non ciclici, movimentavano la vita del reparto, ora tragici, ora lieti. Tra i primi, ovviamente, quelli relativi alle perdite umane. Ben consapevoli infatti della remuneratività degli obiettivi, gli Inglesi non risparmiavano gli attacchi alle autocolonne in movim ento. Leggiamo g li avvenimenti più significativi. 8 ottobre 1941: attacco a un'autocolonna del CXXVIII a 20 chilometri da Misurata: un autocarro distrutto e 2 autieri feriti. 13 ottobre: mitragliamento e spezzonamento ad un'autocolonna mista del I e del CXXVIII: 2 morti, 1 ferito, 2 autocarri distrutti. 20 dicembre: mitragliamento ad alcuni autocarri del 99°: un autiere ferito, uccisa una «camicia nera» trasportata. 11 marzo '42: bombardamento sul 15° Autoreparto con morte di 1 autiere e di 2 camicie nere. 19 gennaio 1943: attacco di camionette inglesi ad autocarri del 98°, con morte del comandante, capitano Carlo Carimati. A questi e ad altri luttuosi episodi facevano da contrappunto g li elogi, gli encomi, le decorazioni concessi dalle più svariate autorità: dal genera le intendente, dai comandanti di divisione, dai comandanti superiori o anche dall'alleato tedesco. Una ini ziativa che esaltò il morale dell'unità fu quella del conferimento, da parte del Ministero della Guerra, della qualifica di «combattenti di linea» ai militari dell' Autoraggruppamento: un esplicito riconoscimento all'importanza della loro opera e alla gravi tà dei rischi cui essi erano esposti. Ogni autocolonna, ma anche ogni viaggio isolato, iniziavano infatti gravidi di minacce e di incognite e il loro svolgimento veniva quasi sempre «vivacizzato» da imprevisti di ogni genere, nascosti dietro la gobba di ogni duna o dietro ogni svolta della pista. Riportiamo, a puro titolo esemplificativo, il racconto di un'autocolonna, sintetizzando una dettagliata relazione del s uo comandante, il tenente Stefano Molinari, del 37° Autoreparto ((I Autogruppo). Non fu più importante, né pitJ difficoltosa, né più imponente di altre. Fu solo ... una delle tante. Dieci automezzi erano partiti il 14 luglio del1942 da Tobruk per raggi un-

gere Giarabub, via Agedabia-Gialo, e ritorno. L'indomani, dopo aver pernottato presso il villaggio Luigi di Savoia, venivano versati al CXXVIII Autogruppo, visto che era sull'itinerario, copertoni e cerchioni fuori uso sgomberati da Tobruk. La prima tappa, Agedabia, veniva raggiunta il16. Qui all'autocolonna si aggregava no altri 6 Lancia 3 RO, comandati dal sottotenente Calabresi che, pratico di piste desertiche, veniva posto in testa alla colonna. Caricati v iveri e carburanti, si ripartiva il19 e, senza incidenti, al mattino del 21 veniva ra ggiun ta Gialo. Scaricati i materiali, veniva caricato il IX Battaglione Autonomo, destinato a G iarabub. Ma da qui, nessuno conosceva più la strada, sì che si rese necessario prendere come guida un vecchio arabo assistito da un carabiniere che fungeva da interprete. Dal cielo, due aerei «Ghibli», facendo la spola, avrebbero segnalato eventuali errori di rotta. La parténza da Gia lo avveniva il24. Dopo 60 chilometri, ecco la prima grave difficoltà: l'attraversamento dell'ampio e asciutto letto dell'Uadi Ghetm i r. Per tre chilometri tu t ti g li aut omezzi dovettero avanzare, lentissimi, mettendo in continuazione dei paletti sotto le ruote posteriori a fornire aderenza ed evita re l'affondamento. Il25, primo messaggio, lanciato con bigliettino volante, da uno dei «Ghibli»: «Tenere sempre a vista le dune sulla destra della colonna». 1126 luglio, uno dei Lancia 3 RO fondeva il motore e doveva essere lasciato a La Gàrbada. Impossibile effettuare il traino: la pista era infatti di una consistenza tale che, per fermarsi, era vietato frenare, pena l'insabbiamento; l'unica possibilità era quella di mettere il cambio in folle e aspettare che la sabbia stessa fermasse la marcia del veicolo. A 150 chilometri da Giarabub (distanza indicata da un nuovo messaggio di uno degli aerei) iniziava un grosso fascio di piste già tracciate dal transito di camionette inglesi. Qui ci si accorse di una preoccupante carenza d'acqua, perduta per difetto di tenuta delle apposite taniche. Fatto atterrare un «Ghibli», si concordò di effettuare un urgente rifornimento idri co a mezzo aereo, se per il 28la colonna non avesse raggiunto Giarabub. La sera stessa, ecco gli autocarri tutti insabbiati: per tre ore, si dovette andare avanti a forza di paletti.


-----~·~:Jt;..~----t

f

Autocolonna in movimento. L'aereo che l'accompagna, oltre che fornire copertura, ha anche la funzione di segnalare l'esatta direzione da tenere ed eventuali pericoli lungo l'itinerario (foto SME- Ufficio Storico).

Carovaniere che si incrociano in pieno deserto (foto SME · Ufficio Storico).

Autocolonna di Fiat 666 pronta a ripartire verso il fronte dopo che la strada è stata sminata (foto Museo Storico).

Il28, alle 9,l'autocolonna si trovava a soli 3 chilometri da Giarabub, quando un 3 RO saltava in aria: si era nel bel mezzo di un campo minato. Poiché però nel frattempo uno degli autocarri era riuscito a transitare indenne, venne deciso di far passare gli altri sulle im-

pronte di quello; tentativo vano, perché già il primo automezzo saltava anch' esso in aria. Il comandante del battaglione trasportato decise allora di appiedare il reparto che avrebbe effettuato l'attraversamento in marcia.

111


CAPITOlO

112

4

Il comandante dell'autocolonna decideva allora di mettersi alla ricerca di un varco. Egli stesso si pose ad esaminare un altro settore della pista, camminando a piedi, mentre un autocarro lo seguiva a breve distanza, passando su l tracciato da lui indicato. Tutto lo sbarramento era stato quasi superato, quando una mina esplose sotto le ruote posteriori dell'automezzo: le schegge procurarono diverse, seppu r lievi, ferite all'ufficiale. Alla fine, dopo aver rastrellato in sieme, autieri e fanti, un tratto dello sbarramento, la colonna poté passare. 400 chilometri di deserto erano stati percorsi in effettivi 4 giorni di cammino. Sorgeva ora il problema del carburante per il ritorno, essendo esaurito quello portato da Gialo. Fu qui che intervenne l'ingegnosità tipica dell'ita liano. A Giarabub vennero trova ti 70 fusti di un prodotto che in realtà avrebbe dovuto essere utilizzato per coprire le acque non potabili di un pozzo infestato da larve di zanzara. Dall'odore sembrava disinfettante, ma la consistenza era quella del petrolio. Venne provato su un autocarro e il motoremiracolo! -diede ottima risposta. Con l'insolito carburante nei serbatoi, il 4 agosto l'autocolonna ripartiva costeggiando il reticolato eretto al confine con l'Egitto per raggiungere la Litoranea. Lungo il cammino vennero catturati due colonia li inglesi e i cadaveri di altri due vennero rinvenuti, morti di sete nel deserto. Il 27 agosto 1942, con la promozione del colonnello Perdicchi al grado superiore, il comando dell' Autoraggruppamento veniva assunto dal tenente colonnello Sportaro. 1119 gennaio del1943 giunse l'ordine di trasferimento verso la Tunisia. La dislocazione dei reparti alla data del31 gennaio dello stesso anno reca nomi di località fino ad allora ignote sull'orizzonte delle operazioni, segno tangibile dei rovesci patiti e del conseguente terreno perduto da lle forze italiane. 117 febbraio del1943 il comando veniva assunto dal tenente colonnello Ercole Mercanti cui subentrava, il20 dello stesso mese, il pari grado Fernando Annibaldi. I dati relativi al tonnellaggio dei materiali trasportati, al consumo dei carburanti, ai chilometri percorsi, mostrano un'attività di istituto ancora intensissima nel febbraio dello stesso anno. Il consuntivo finale, in aride cifre, per il 1o Autoraggruppamento, parla

di: 2 medaglie d'argento, 2 di bronzo, 15 croci di guerra, 193 encomi solenni; morti 150, feriti 40, dispersi 149.

Reparti in organico alle Grandi Unità Il XLII Autogruppo (Autorepa rti 132° e 235°) era in organico alla Divisione «Arie te» che durante la battaglia della Marmarica si meritò il titolo di «Divisione Fantasma»», per le difficoltà che incontravano i reparti automobilistici a rintracciarla e rifornirla. Vittoriosa a Bir el Go bi, la Divisione effettuò una puntata aggressiva attraverso lo schieramento nemico, giungendo a Sidi Ornar, in pieno territorio egiziano, e tornando quindi a El Aden. Questo mise a dura prova i reparti automobilistici incaricati del suo rifornimento per consentirle, in pieno combattimento, una autonomia di oltre 800 chilometri per una durata di una settimana. Il XLII fu chiamato all'assolvimento dell'ardùo compito; parte dei mezzi seguirono, passo passo, con i rifornimenti, l'avanzata della Divisione, partecipando così a tutti i combattimenti. Alla rimanente parte dell' Autogruppo venne affidato l'incarico di far giungere i rifornimenti dalla base di El Aden alla grande unità in movimento. La prima autocolonna, che doveva giungere alla Divisione in zona Sidi Ornar, si riunì a Bir El Gobi e da qui partì, scortata da alcuni carri armati «M» ed «L», per l'itinerario stabilito che seguiva all'incirca il Trigh-El-Abd. Dopo poche ore di marcia venne assa lita da preponderanti forze corazzate avversarie appoggiate da artiglierie volanti le quali, avuta presto ragione della debole scorta, distrutti tutti i carri arn1ati e parte della colonna, costrinsero i resti di questa a ripiegare sulle basi di partenza. Altre tre autocolonne vennero effettuate quando la Divisione stava già rientrando e si trovava presso Sidi Rezegh, oltre però le linee inglesi. Per raggiungerla, le autocolonne dovettero passare attraverso varchi dello schieramento nemico, sfilando a breve distanza dalle sue linee. Benché il movimento avvenisse di notte, il rumore dei motori tradiva il passaggio degli automezzi che cadevano sotto l'intenso tiro dell'artiglieria e anche delle a rmi automatiche nemiche. Malgrado ciò c pur pagando un largo tributo di uomini, di


macchine e di materiali, le tre colonne passarono (l'ultima era di ben 110 automezzi). Effettuato il ripiegamen to e raggiunta la linea difensiva di Marsa Brega-Oasi di Marada, cominciò la controffensiva che portò alla riconquista della Cirenaica. Degno di nota un ep isodio avvenuto appena riconquistata Agedabia, tra il 20 e il 24 gennaio del 1942. Alcune autosezioni, al servizio dell'Intendenza, erano g iunte nella località co n i ca rburanti per le Divisioni «Ariete» e «Trieste» che avrebbero dovuto effettuare le manovre di An tela t e Schledina. In Agedabia erano pronti gli au tocarri delle suddette Divisioni (del XLII Autogruppo e dell'80° Autorepa rto) per effettuare il trasporto dei re-

serma di Porta Benito. Disponeva di 2 compagnie che operavano l'una ad es t, l'altra ad ovest di Tripoli. Ufficiali e sottufficiali erano nazionali, la truppa per la maggior parte di colore. Ai primi d i giugno del1940 l'Autogruppo venne mobilitato. Gli autieri e i rispettivi automezzi spa rsi per la Li bia vennero fatti ri entra re, vennero reclutati nuovi ascari e requisiti nuovi automezzi. La dichiarazione di guerra co lse l' Autogruppo già in marcia verso il confine egiziano. A Tobruk esso ebbe il battesimo del fuoco, con un pesante bombardamento aereo. Dalla periferia della città, dov'era accampato il reparto, partivano ogni

cipienti di ca rburante e portarli al seguito dei reparti. Alcune batterie mobili inglesi, appostate a sud del paese, notato il forte concentramento di automezzi, aprirono il fuoco. Malgrado l'intensità, la durata e la precisione del tiro, il rifornimento fu in breve effettuato, permettendo così il regolare svolgimento dell'azione che, senza carburante, non avrebbe potuto aver luogo.

giorno le autocolonne, scortate da mitragliere da 20 dell'artiglieria libica, a portare viveri, acqua e munizioni alla 2!1 Divisione Libica. Successivamente, il reparto si riunì alla Divisione nella piazzaforte di Bardia. Da qui partivano colonne di rifornimenti alla Ridotta Capuzzo, sempre molestate da au toblindo inglesi. Cominciò la marcia s u Sidi El Barrani. Un lavoro infame, per gli automobilisti, specie per un nucleo recuperi continuamente impegnato nel togliere dall'insabbiamento gli automezzi troppo carichi o tra inanti cannoni già preda bellica della Prima Guerra Mondia le. In pratica, gli automezzi facevano fatica a tenere il passo della Divisione

Il li Autogntppo Libico, come visto in precedenza, prima della mobilitazione aveva la denominazione di Centro Automobilistico della Libia, dipendeva dal Comando Regio Corpo Truppe Coloniali, ed era accasermato a Tripoli, ca-

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Autocolonna di fanti in sosta durante una marcia verso Tobruk (foto Museo Storico).

113


CAPITOLO

114

4

che proseguiva a piedi e spesso erano costretti ad affannose rincorse. La Divisione si schierò, e con essa l' Autog ruppo, ad A lam El Tumma r. Ogni giorno p artivano colonne di prelevamento verso la base logistica di Buq-Buq, puntualmente salutate da raffiche d egli aerei inglesi. . Ma g li autieri non furono solo r iforn itori: s u alcuni automezzi, che divenivano in tal modo rudimentali semeventi, vennero colloca te piattaforme girevoli co n cannoni da 75 e questi automezzi si avventurava no spesso in terri torio nemico. L' Autogruppo venne ridotto ad Autoreparto, comandato dal capitano Ettore Dagna, quando a Bardia venne formato il l2° Autoraggruppamento. Ad Ala m El Tummar, l' Autoreparto ebbe una vittima, la già citata med aglia d ' argento sergente Tullio Zagordi, arso vivo mentre tentava di scaricare d a un automezzo colpito i fusti di benzina in fiamme. 119 d icembre g li Inglesi attaccarono il Raggruppamento Ma letti, posto a sud della Divisione Libica . Alla richiesta di aiuto, il generale Pesca tori, comand ante d ella Divisione, inviava un'au tocolonna che, durante il trasferimento, veniva attaccata s ul fi anco d a preponderanti forze nemiche e messa fuori combattimento. Nel pomeriggio dello s tesso g iorno le unità corazzate ingles i a ttaccavano alle s palle il ca p osald o d ell' autoreparto, senza che le misere armi di cui qu es to dis poneva riuscissero a creare il min imo problema a ll'ava nza ta d e i loro ca rri. La 2il Di visio ne Libica sp ariva da llo scenario d ella cam pag na in A fr ica Settentrio n a le e con essa il s uo Autorepa rto. La g u erra e ra per tu tti fin ita: i militari ita lia ni vennero separa ti dagli ascari, segu endo ognuno il proprio des tino di prigioniero di gu erra. Del già più volte citato 9° Autoreparto Misto d ell a Di v is io ne Moto ri zza ta «Trento» ci è consentito d i svelare le vi: cende fin nei minimi par ticolari, g razie a una d ettagliata relazio ne del su o comandante, capitano Sebastiano Alfon so, futuro Ca po d el Corpo Automobilis tico. Della s tessa relazione forn iamo una s uccinta s intesi. Costituito nel1 939, il 9° Autoreparto aveva prestato la propria opera s ul fronte occidentale e là sembrava d o vesse torna re sul fi nire del 1940, qu ando ricevette l' ordine di partenza per l'Africa Settentrion ale.

L' imbarco avvenne 1' 11 aprile s ulla motonave «Galitta» . Un viaggio niente affa tto tranquillo: alla second a notte di navigazione, oltrepassata l'isola d i Pantelleria, la nave s u bì un furi oso attacco con bombe e siluri d a parte di aerei ing les i e, due giorni dopo, da un sommergibile. Pur nell'ansia ins ita nei critici frangenti, il p ersonale seppe mantenere calma e contegno, sen za abbandona rsi a manifes tazioni di pa nico. II 15, sbarco a Tripoli. Dopo alcuni g iorni di sos ta, nel corso d ei quali la città s ubì svaria ti bombardamenti d al cielo e dal ma re, l' Autorep arto partì per raggiungere la Divisione, già a Tobruk. In 5 tappe giornaliere venne raggiunta Ain El Gazala, sed e d el Coma nd o divisionale. Sfortunatamen te, la sed e d ell' Autorep arto era nei pressi di ben 3 cam pi di av iazione, sì che i bomba rda menti erano così frequ enti da scandire quasi i ritmi della giorna ta . Le prime due vittime del reparto, tuttavia, furono causa te da ll'esplos io ne di u n a mina a s trappo. Era il mom ento d ella prim a controffens iva italo-ted esca e la «Trento», insieme alla «Brescia» e alla «Savona», cingeva d'assedio Tobruk. Ogn i sera il 9° preparava le au tocolonne che al mattino s i avviav an o p er serv ire la Divisione fino ai capisa ld i più avanza ti, lungo piste che erano solo fiumi di sabbia e con g li aerei inglesi che p rendevano d i mira tutto ciò che si muoveva. Gli orga ni d egli stessi automezzi veniva no intanto cor rosi d all a sa bbia finissima. Le balestre saltavano, ma il repa rto andava ugualmente, anche a ttraverso i torrenti generati da i nubifragi di fin e a nno . Giun se il m o mento d ella seconda controffen siva ing lese e il 9° fu chiamato ad assistere non solo la s ua Divisione, ma anche le «Ariete» e «Trieste». Gli autieri, anche i pi ù isolati, fu rono protagonisti di gesta eroiche, alcune rip ortate d alle cronache, ma le più rimas te per sempre ig no ra te. Si evidenziò, in questa fase, quanto p oco opportuna fosse s tata la decisione ministeriale di affid are gli automezzi diretta me nte a ll e g ra nd i unità, dove l' impreparazio ne mo to ristica dei coma nd an ti portava ben presto i reparti automobilistk i al loro com p leto esaurim ento per l' intenso u so. Nel marasma d el ripiegamento, iJ 9• Auto reparto ven ne impegna to nel recu pero di rep ar ti rimasti appiedati, nel tenta tivo di sgom berare ma teria li, nel


Il Ciglione di Derna, più volte ricordato nel testo, lungo la strada per Tobruk (foto Museo Storico).

rifornimento ai mezzi iso lati di passaggio. Mentre tornava a recuperare materiale, una squ adra con un sottufficiale venne fatta prigioniera e va no fu il tenta tivo dello s tesso comandante d el reparto di tornare indietro a sa lvarla: gli Inglesi erano g ià padron i della situ azione e il comandante dovette affrettarsi a s upera re il ciglione di Derna p rima che fosse troppo tardi. E lo sa rebbe stato, se un modesto quanto generoso condutto re, allarmato da l ritardo, no n fosse ritorna to anch'egli i ndietro a cercare il capita no la cui macchina, avendo percorso troppi chilometri in più nel tentativo di effettuare il salvataggio, era rimasta senza carburante. Al termine dell a seconda controffensiva inglese, la «Trento» perse la qualifica di «motorizzata» e, con essa, il suo autoreparto il quale, ceduti i propri mezzi al 12° Autoraggruppamento e fo rnito di Lancia 3 RO co n rim orchi rinforzati, mutò la denominazione in 9° Autotraini, alle dirette dipendenze del Comando Superiore A.S. Anche l' attività d el re parto mutò radicalmente: i meccanici andavano per piste e lungo il deserto, recuperava no carri armati e li rimettevano in marcia prima di consegnarli alle officine m ezzi corazza ti. Un tragico episodio avvenne in occasione d el trasferimen to in linea di un battaglione carri della «Littorio» appena giunto da ll' Italia. Caricati i carri sui rimorchi, con sopra gli equi paggi, la colonna si avviò lungo la pis ta gebelica. Nonostante il comandante dell'Autore parto avesse raccomand ato al comandante del bat-

taglione di porre la massima cura alla sicurezza, si avvid e con inquietudine di un a certa propens ione, da parte deg li ufficiali, a viaggiare sulle autovetture a nziché s ui carri e a cerca re ogni pretesto per precedere la colonna alla tappa. A un certo punto, mentre il com andante d ell'autocolonna se ne era s taccato per recarsi a dare le novità al Comando Superiore presso la Casa Cantoniera del Ciglione di Derna, un autocarro rimase fermo per un' avaria. L'automezzo che lo seguiva, come da ordini, lo agganciò a rimorchio e proseguì in colonna. Ad un avvallamento della pista, l'automezzo trainante cominciò a slittare, sì che il sottufficial e motocilis ta accompagnatore decise di far trainare uno alla volta i due elementi del complesso traina to. Gli equipaggi d ei due carri tras portati, nel timore di restar fermi s ulla pista, salta rono giù e montarono su a ltri m ezzi. Nessuno degli ufficiali d el battag lione ebbe il bu on senso di lasciare una qualche scorta agli equipaggi in difficoltà. Superato l'ostacolo, i mezzi ripartirono: il sottufficiale sulla moto, due autieri s u ciascu na delle due cabine e un autiere su ciascuno dei due rimorchi, accanto ai carri. Dopo poche centinaia di metri, la tragedia. Gli equipaggi di due camionette inglesi, appostati nei pressi, aprirono il fuoco con le loro mitragliatrici. Pochi istanti dopo, il capitano Alfonso, che s tava tentando di raggiungere la colonna, veniva informato da alcuni carabinieri circa le raffiche che erano state da poco udite. Trepid ante, acce-

115


CAPITOLO

116

4

lerò l'andatura e di lì a poco una drammatica scena gli s i parò davanti: due automezzi fermi; a terra una moto rovesciata con accanto il cadavere del sottufficiale; sulle cabine, inchiodati ai loro posti, quelli di quattro autieri e, riversi sui cassoni dei rimorchi, quelli degli altri due. . A poche centinaia di metri era stanziato un «Battaglione Lavoratori» i cui componenti riferirono nei dettagli l'accaduto cui avevano assistito da poltrone di prima fila, senza peraltro prend ersi l'incomodo di tentare un intervento. Il 9° Autotraini si comportò spesso come un vero e proprio reparto combattente, operando d ' iniziativa l'apertura di campi minati per il passaggio d elle colonne o effettuando la ricerca d i depositi nemi ci, pur non essendo attrezzato a farlo. Venne il definitivo ripiegamento che il 9° effettuò sempre compatto, con i s uoi elementi sempre pronti a fornirsi reciproca ass is te nza, fino alla sos ta di respiro a Sfax, in Tunis ia, dove continu ò ad o perare al ser vizio d ella Delegazione d ' I.a tende nza . La mattina d ell' 11 ma ggio 1943, n ei pressi di Korba, il 9° Autotraini al completo venne fatto prig ioniero, non prim a p erò di a ver incendiato tutti gli automezzi. L' ufficiale inglese, sceso dalla s ua autoblindo, tro vò tutto il re parto ritto sull' atte nti che riceveva le ultime raccomandazioni d a l suo comandante. Attese in ris pettoso silen zio poi, a ppena quegli ebbe finito di pa rlare, s i avvicinò e sa lutò . Gli u omini salirono sui pochi a utomezzi rimasti e si avviarono, ognuno verso la propri a d estinazione, ad affro ntare le incognite d i un lungo p er-iodo di prig io nia . Del1'80 ° Autoreparto, chiam ato a fornire sostegno logis tico a lla Divisione Mo torizza ta «Tries te», ci fornisce testim o nia n za un a relaz io ne d el s uo comanda nte, l'a llora ca pitano G . Battis ta · Sallus tio. Si trattava di una unità di notevole cons is te nza, articolata s u 8 sez ioni, 1 officina mobile p esante, 4 officin e leggere, ed era d o tato di complessivi 213 automezzi. Dop o una fu ggevole a pparizione sul fro nte occid entale, esso era rim asto a lun go parca to in Pug lia . Sul finire di agos to d ell 941, venne imbarca to a N apoli per l' Afri ca Settentrionale. Un tragitto, anche per questa unità, niente affatto tranquillo: continui s iluram enti di

giorno e bombardamenti di no tte. Su cinque navi d el convoglio, solo due raggiunsero Tripoli ma, con esse, c'era 1'80° al completo. Da Tripoli, p ercorrendo la Balbia, il Re parto (e la «Tries te» tutta) raggiunse Slonta e Mechili. 1129 novembre 1'80° ebbe le s ue prim e vittime, nella zona di Tobruk. Un autocarro isolato, carico di autieri, mentre accorreva in aiuto di un apparecchio abbattuto, veniva mitragliato da un aereo inglese: 6 morti! Dopo l' esito favorevole d ell' offensi- 1 va di fine 1941, l'Autoreparto to rnava sulla via Balbia. Retrocedendo lungo la rotabile, continuava ad inviare quotidianamente verso l'interno i riforni menti che attingeva dai depos iti incontrati lungo il cammino. L' ass illo ma ggiore dei comandanti d i colonna era ogni volta qu ello di rintracciare la Divisione che combattev a di g io rno e s i s pos tava di notte. Il 16 dicembre, alcuni autoca rri carichi di munizioni non riuscirono a trova re la «Trieste» e, n el girovagare alla su a ricerca, ve nnero attacca ti d a aerei: quasi tutti a nd a rono dis trutti, con molti morti, compresi alcuni soldati sband ati che aveva no trovato posto sugli autom ezzi. Agli occhi d el comandante, accorso poco più ta rdi sul posto, apparve un raccapricciante cimitero, cosparso di cadaveri e rottami fumanti. Giunto a Bengasi, il rep arto ebbe la sgradita sorpresa di no n trova re gasolio in tutta la zo na, sì che i m ezz i ad iniezione d ovettero andare con una miscela di benzina e olio, con quale giovamento per i motori lo si può immaginare. Do po soli qua ttro m esi, 1'80° contava g ià 52 uo mini p erduti tra morti, feriti e dis pers i. Tra m aggio e giugno d el 1942 vi furono le ba ttaglie di Bir Hacheim e Tobruk, nel corso d elle quali l'Autoreparto seguì la Di vis io ne sempre d a molto vicino . Perdite rilevanti, in uomini e mezzi, si ebbero soprattutto nell'a ttraversa mento di ca mpi mina ti. Si g iunse così alla Battaglia di El Alam ein, ca ra tterizzata d a sp eranze e delu s ioni in ra pid a a ltern an za, fino all'ordine fina le di ritira ta. Questa venne effettua ta con m ezzi assa i logori dopo 14 mesi di serviz io: in pra ti ca, ogni mezzo marciante ne trainava uno ineffi ciente. La s trad a era ingombra d a un a fila intermina bile di m ezzi italia ni e tedeschi, lunga centinaia di chilometri; e su


•. '

Il Duce in visita al Comando della Divisione «Bologna» a Bardia, i/15 agosto 1942 (foto G. Forbicini) .

. .

qucstél fila battevano, intplélcélbi li, i mitragliamenti aerei, specie nei tratti critici, come Sollum e il Ciglione di Derna. Dopo la ritirata, 1'80° venne tolto a lla «Trieste» e, con altri 4 reparti (98°, 99°, 183°, 184°), costituì il III Au togru ppo di Man ovr a, del quale lo stesso Sa llustio prese il com and o, alle dipendenze del 21 o C.A. Nei mesi successivi e fino él ll a resa (13 maggio), l' Autogruppo trasportò le unità combattenti d alla linea di El Algheila a quelle successive d i Buerat-esHann, Homs, Mareth, Gabes, Enfidaville. Per la scarsità di mezzi, spesso gli autieri dovettero p ercorrere due e anche tre volte lo stesso tragitto per trasportare una intera unità. In questo periodo di lavoro s fibrante, i conduttori andavano e ven ivano senza sosta, mangiavano un pezzo di pa ne co ntinuando a guidare, letteralmente abbruttiti dalla fatica. L'ordine di resa colse il repa rto ad Ain Batria, a 55 km da Tunisi, il12 mag-

gio. Il 13 erélno tutti prigionieri degli Inglesi. Nell a stessa Divisione «Trieste» (e perciò pienamente inserito nell'attività dell'80°) ritroviamo una vecchia conoscenza, quel tenente Alfidi che ci aveva fo rnito testimonianze sull'occupazione d ell' intern o d ella Libia (vds. vol. I, cap. 5). Ora lo incontriamo, capitano, con l'inca rico di Ufficiale Tecnico Automobilis tico presso il Comando d ella Divis ione . Le vicend e che egli riferisce si integrano con il racconto di Sallustio, arricchendolo di e pisod i. Ne catturiamo un paio. 25 novembre 1941. La Div is io ne, schierata a Bur Scenaf, cominciava ad accusare una cri s i di munizioni. Una colonna di 15 autocarri dell'80° era g ià in m arci a ma, al cala r della no tte, non poté pitt proseguire p er l'intensa attività aerea. Al mattino, cessati gli attacchi, la colonna ripartì, m a c'erano 10 terribili chilometri della «Pista dell'Asse», battutissimi dall'artiglieria inglese. Il Duce, terminata la visita alla Divisione "Bologna", si avvia verso l'aereo {foto G. Forbicini).

117


CAPITOLO

118

4

Il capitano Alfidi, comandante della colonna, decideva di azzardare ugualmente il passaggio, con i mezzi distanziati 500 metri l'uno dall'altro. Tutti fu rono pres i di mira e molti vennero colpiti da schegge, ma tutti passarono. All'arrivo, un caloroso e spontaneo «Bravi!» proro mpeva dalle labbra del Capo di ~tato Maggiore della Divisione. 21 gennaio 1942. Alle 3 di notte, una colonna di 15 autocarri e 2 autocisterne partiva per la casa cantoniera del km 18 d a Agedabia, dove sa rebbe passata al mattino la «Trieste» che avrebbe dovuto essere rifornita di carburante. L'incontro con alcuni campi minati costringeva a un ritardo la Divisione che mancava l'appuntamento. Con l'arrivo del giorno la colonna, ferma in a ttesa, veniva presa di mira da 8 batterie inglesi. Il capitano Alfidi impartiva allora l'ordine di dirad are il più poss ibile i mezzi, affinché non s i coinvolgessero l'uno nell'eventuale incendio di un altro. Una pesantissima cisterna, immobilizzata con il motore g ià colpito, venne spinta a braccia da alcuni temerari volenterosi fino a 500 metri di distanza, al parziale riparo di una gobba d el terreno. Solo dopo un' ora e mezza di tiro al bersaglio, l'arrivo di alcuni reparti tedeschi metteva a tacere le batterie. Poco d opo, passava anche la «Trieste» che, rifornita, poteva prosegu ire nell' inseguimento del nemico. L'effimera e dramma ti ca vicenda d el 76 ° Autoreparto Pesante ci viene raccontata da una relazione del reatino dottor Vince nzo Di Fazio, a ll'epoca sottoten ente comandante di una sezione d ello stesso reparto. Esso, a l comando del ca pitano Giac9mo Ricci, partito per l'Afri ca Settentrionale il 27 luglio d el 1940, raggiunse Bengasi il 1o agosto s u ccessivo. Insieme al gem ello 75°, venne assegnato al Raggruppamento Ma letti, ancora in fase di costi tuzione. Del Raggruppamento esso divise l' intera vicenda, fin · dall'ava nza ta s u Sidi El Barran i iniziata 1'8 settembre da Bivio Martuba . L'Autoreparto and ò soggetto fin dall'inizio a una forte frammen tazione e le va rie sezion i (o a nche s ingoli brani di esse) vennero ripartite tra il Raggruppamento Ma letti e i11 o e il 5° Battaglione Libico. La dislocazione d elle s ingole sezioni s ubì sva riate m od ifiche g ià durante l'avanzata. 119 d icembre, mentre il Raggruppa-

m e nto era impegna to nella difesa di Alan El Nibewa, il 76° si trovava con le sezioni 39511 e 398° a Bardia; la 397~ era m età in autocolonna a Buq-Buq, metà in sede, al comando dello stesso Di Fazio; la 396;~ era parte in s ede, parte distribuita presso tre diverse unità carri e artiglieria; ana loga disseminaz ione caratterizzava la 394il. Quel 9 settembre, il sottotenente Di Fazio era l'unico ufficiale presente in sede, essendo tutti g li altri in giro per la Libia. Proprio il g io rno prima il 76°, fino ad allora reparto autonomo, era s tato unito al 75° p er costituire l' Autogruppo Maletti, agli ordini del maggiore Leopoldo Ferrante. Primo ed unico ordine impartito dal comandante fu quello di approntare gli automezzi presenti a Sidi El Barrani per raggiungere, l' indo mani, la sede dell' Autogruppo a Bardia. Al mattino d el9, tutto era pronto per la partenza, quando gli Inglesi s ferrarono un attacco in forze, e già le prime salve di a_rtiglieria cen trarono il ragg ruppamento. Il sottotenente Di Fazio ordinò a tutti i suoi autieri di s istemarsi og nuno, armato di moschetto, nell'elemento di trincea scavato a fi anco di ciascuno degli automezzi, i quali erano debitamente dis tanzia ti l'uno dall'altro. La battaglia continuava con intens ità sempre crescente m a, n onostante l'eroica resistenza di tutto il complesso Maletti, a ca usa della s uperio rità dei mezzi corazzati e di fuoco nemici, la linea difens iva venne sfondata e i primi ca rri inglesi entrarono fra le postazioni italiane. Lo s tesso generale Maletti, per non cadere vivo nelle m ani del nemico, si portò persona lmente ad azionare una mitragliatrice e lì, con l'arma in pugno, ricevette quella morte che egli aveva coscientemente accettato. Ovunque fischiavano proiettili di ogni calibro. Dalle improvvisate trincee gli autieri spa rarono i loro inutili proiettili contro le corazze d ei ca rri. Vi s ta vana ogni difesa e privo di mezzi di comun icazione col Comando superiore, il sottotenente Di Fazio ordinò la d istruzione di tutti i documenti posti sul carro comando, bruciandoli co n lo stesso automezzo. Si s tava poi l avviando a re plica re ai s uoi autieri l'ordine di distru ggere anche g li a ltri mezz i quando, con una raffica di mitrag liatrice, un ing lese sed uto sul portelIo di un ca rro g li intimò la resa.

l


Dopo aver caricato, ai utato da a lcuni suoi autieri, il maggiore Campanile, ridotto in gravi cond izion i, su un autoca rro adibito al trasporto di feriti, l' ufficiale ragg iunse il luogo di concentra mento, d ove s i trovavano già i due terzi del raggruppamento, pronti per avviarsi a un lungo periodo di prigionia.

Organi di Rifornimento All'attività di rifo rnimento, nell'arco della campagna in A.S., furono preposti 4 Parchi Automobilistici. Abbiamo già fatto cenno al20° e 21 °. Ora, avva lendoci di alcune rela zioni compilate dai Direttori in epoca molto vicina agli eventi, sintetizz iamo l'attività e le vicissitudini degli a ltri due. La biografia del2 ° Parco Automobilistico può essere ricostruita grazie a una dettagliata memoria d ell'a llora capitano Armando Gicca, direttore del Laboratorio d ello stesso Parco. Nato per trasformazione del2° Centro Automobilistico, aveva come direttore l'orma i on ni presente colonnello Tullio N icolardi. Dopo aver operato nella breve campagna contro la Francia nel giugno del '40, il reparto venne stanziato a Ceva, in attesa di impiego. Mentre il colonnello Nicolardi partiva per l'Africa ad assu m ~re il Comando del 12° Autoraggruppamento, il Parco veniva affidato, in pochi mesi, a tre diversi direttori interinali fino a che, in dicembre, riceveva l'ordine di trasferirsi a Napoli. Ancora tre mesi d i sosta e solo il 5 aprile il suo materiale (3 mila casse di ricambi e materiali vari, più 80 automezzi) prendeva la rotta verso l'Africa sul piroscafo «Veniero». Il personale restava invece ancora a terra, in attesa di imbarco, ad eccezione di una trentina di autieri già inviati venti giorni prima. Lo sbarco a Tripoli avvenne 1'11 aprile. In alto, nel cielo, un ricognitore inglese, inseguito da vani colpi della contraerea, si dileguava all'orizzonte. Quattro giorni dopo, mentre il Parco si stava sistemando al km 28 a est di Tripoli, un bombardamento inglese mandava sul fonda le del porto 400 casse di materiali. Il trasporto del materiale dal porto all'acca ntonamento ven ne e ffe ttuato con gli stessi automezzi che con esso venivano sbarcati.

Verso la fine d el mese, benché sempre privo del personale, an cora quasi LA CAMPAGNA tutto in Italia, il 2° Parco ricevette l'ordine dall'Intendenza di tra sferirsi a IN AFRICA Bengasi. Con autieri che s i cimentava- SETTENTRIONALE no per la prima volta s ul mezzo in consegna e no nostante gli insabbiamenti, i guasti ai motori, le uscite di pista, in 4 giorni la colonna riusciva a coprire i 1200 km che separano le due città. Una nota commovente: a Bengasi, il capitano Gicca riceveva il comp iacimento del tenente colonnello Arnione, capo del Servizio Tecnico Automobilistico. Sarebbe stato l'ultimo g iorno di vita, per l'ufficia le: il giorno d opo infatti Arnione perdeva la vita mentre stava per p artire in idrovolante, coinvolto nell'esplosione della nave «Birmania ». Nel frattempo sbarcava a Tripo li, con lo s tesso convoglio di cui faceva parte lo sfortuna to «Conte Rosso», il resto d el personale del Parco, che raggiungeva la colonna del capitano Cicca a Bengasi. Dopo aver invano cercato un accasermamento a Derna, lo si trovò al Villaggio Berta, dentro alcune case semidistrutte e caverne, utilizzate in passato come abitazioni dagli Arabi . Il laboratorio fu sistema to sgombera ndo dal letame alcune capienti stalle. Costru ite alcune baracche con materiale di risulta e s istemate le condutture di acqua sorgiva, dopo una settimana il Parco prendeva a funzionare. Tra tutti i parchi presenti in Libia, il2° era il più avanzato e il personale dovette lavorare sotto temperature che toccavano g li 80°C a l sole (sic!) e i 42°C all'ombra. Nonostante l' impegno costante di tutti, non s i riu sciva tuttavia a tener dietro alle necessità dei reparti, sia per il ridotto numero di operai, sia per la cronica mancanza di ricambi. Ricevuti, dopo pressanti richieste, gli uni e g li altri, il Parco rimise in efficienza, tra agosto e ottobre d el'41, tutti i 1200 au tomezzi della Divisione «Ariete». A novembre la Divisione tornava al fronte, ad affrontare la Battaglia della Marmarica. Alcuni giorni di nubifragi determinarono la formazione di violenti «uadi» che ostacolarono, dove non la bloccarono del tutto, la circolazione degli automezzi. Per 4 g iorn i tutto il Parco rimase sott'acqua, spazzato dalla corrente vorticosa nella quale trovò la morte un autiere che aveva azzardato il passaggio a g uado.

119


In occasione di violenti temporali, le sabbie si trasformavano in fango vischiosissimo; visibili nelle immagini le conseguenze per gli automezzi (foto Museo Storico).

120

Col ripiegamento di dicembre, il Parco tornava in Tripolitania, conducendo con sé tutto il proprio materiale, e trovava sistemazione presso alcune case coloniche al Villaggio Gioda, dove ri mase fino a marzo. Con l'avanzata della primavera del '42, si tornò in Cirenaica, al Vill aggio Maddalena. Era perciò un ritorno alla posizione iniziale: il 2° era di nuovo il Parco più avanzato e non riusciva a tener dietro alle necessità dei reparti p er le solite deficienze che vennero fatte presenti dal nuovo direttore, colonnello Vaccaneo, allo stesso Mussolini, venuto in visita nel mese di luglio. Fu lo stesso Capo del Governo a ordinare che venisse messo a disposizione del Parco un aereo per i rifornimenti urgenti che venivano prelevati direttamente presso I'O.A.R.E. di Bologna. Con la sconfitta di El Alamein, il 2°

Parco tornò al Villaggio Gioda e, a causa dell' incalza re del nemico, al km 28. Non bastava: ai primi di gennaio giungeva l'ordine di indietreggiare varcando i co nfini della Tunisia. Il ripiegamento non fu incruento e vi furono dei morti per bombardamenti e mitragliamenti aerei. Ai primi di febbraio, mentre era a Mahares, il Parco venne disciolto: persona le e materia li passarono parte al 5° e parte al21 °, seguendo le sorti di ques ti ultimi. 11 5 ° Parco Automobilistico, comandato dal colonnello Silvio Sidona, era stato fondato a Verona, mobilitato dal 4° Centro Automobilistico. Aveva già effettuato servizio di carburanti in !s tria e partecipato alla campagna dci Balcani in Jugoslavia con la 2a Armata, quando, il17 maggio del1941, ricevette l'or-


dine di partenza per l'Africa Settentrionale. I suoi quadri provenivano per la quasi totalità dal complemento. Trasferito tutto il reparto a Napoli, il 23 agosto ebbero inizio le partenze con il piroscafo «Ernesto», lirnitate al solo materiale. Il personale invece, trasferito a Taranto, dava inizio alle partenze il 16 settembre sulla motonave «Oceania ». Il 18, alle 4 del mattino, la nave veniva attaccata e affondata da sottomarini. Verso sera i naufraghi, recuperati da l cacciatorpediniere di scorta, sbarcavano a Tripoli. Mancavano all'appello 5 ufficiali e 1O sottufficiafi. Con successive partenze, scaglionate da Napoli, tutto il Parco raggiungeva il suolo africano, sistemandosi al km 28 da Tripoli e distaccando elementi in Marmarica e in Cirenaica. A Tripoli venne costituita un'officina composta da 300 elementi e dotata di ottimo macchinario. 20 giorni dopo lo sbarco, il 5° Parco allestì una grossa autocolonna con personale e materiali formanti organicamente il reparto carburanti e lubrificanti. La colonna si diresse verso la frontiera cirenaica e a Buerat subì le prime perdite per un attacco aereo: 1 autiere morto, 4 feriti, 5 autocarri colpiti. 1110 ottobre il reparto giunse a Derna, dove costituì diversi depositi di carburanti e lubrifi canti. Nella prima decade di novembre il Parco si trasferì a Setta Littorio perdendo, nel trasferim.ento, 2 autieri. ell'effettuare la colonna di ripiegamento del fronte su Agedabia, nella seconda decade di dicembre, il Parco venne sottoposto a mitragliamenti nel

corso dei quali un altro autiere perse la vita. Va da sé che, pur operando il ripiegamento, il Parco venne costantemen te tenuto sotto pressione dalle richi este degli automezzi in ritirata. Ciò poteva avvenire prendendo possesso dei depositi arretrati, mentre quelli più avanzati venivano abbandonati per il sopraggiungere d el nemico. Toni drammatici assunse il ripiegamento nella zona tra Derna e Barce, quando l'unità fu costretta a lesinare ai mezzi il poco carburante disponibile per !asciarlo a quelli che ancora reggevano l'assalto. Il 2 gennaio del '42, l'intero distaccamento di Ba rdia cadde prigioniero nelle mani degli Inglesi. 5 giorni dopo, il distaccamento di Sirte comunicava la morte di altri due autieri. Nel corso dell'offensiva che s i sarebbe conclusa ad El Alamein, il 5° Parco venne inviato a Tobruk e subì la perdita di altri 4 uomini: 2 a Tobruk, 1 a El Alamein e 1 deceduto, a seguito di ferite, su una nave ospedale. Particolarmente drammatico l'attacco inglese al porto di Tobruk il 2 novembre del '42. Quel giorno il personale del parco era presente su lla banchina per effettuare lo scarico della motonave «Brioni», in arrivo dall'Italia carica di carburante e munizionamento per l'artiglieria. Mentre la nave attraccava, alcuni bombardieri inglesi, da altissima quota, sganciarono numerose bombe di piccolo calibro. Alcune caddero sulla nave, altre sulla folla ammassata sulla banch ina. Già queste ultime avevano di laniato e spazzato in mare gran parte del personale quando la nave, con un enor-

Un posto rifornimento carburanti lungo gli itinerari di transito degli automezzi (foto SME · Ufficio Storico).

121


CAPITOLO

4

ASCOlTANDO CHI C'eRA

122

me boato, saltava in aria, aumentando considerevolmente l'entità del disastro. Tra i morti si contarono anche 1 sottufficiale e 3 autieri del Parco. Effettuato il successivo ripiegamento, il 5° Parco si ritrovò al punto di partenza: il km 28. Una sosta breve, in quanto in dicembre esso dovette retrocedere ancora, come tutto il resto delle forze italiane, in Tunisia, costituendo distaccamenti in varie località. In febbraio, assorbito il2° Parco, il 5° rimase

l'unico ente del suo genere presente in A.S .. Tra l'll e il 12 maggio del 1943, il Parco vedeva la fine della sua attività, in quanto veniva catturato tra La Loverie e Capo Bon. I suoi componenti vennero distribuiti tra i vari campi di concentramento per prigionieri di guerra dell'Algeria e del Marocco e trasferiti successivamente in quelli, più lon tani, dell'Inghilterra e degli Stati Uniti.

La storia, quel la dei libri, parla solo per grandi numeri e ci mostra gli ingenti costi di un conflitto, i grandi disegni politici, la genialità dei condottieri. Sfuggono ad essa le vicende mi nute di milioni di uomini, anche se drammatiche, avventurose, forse incredibili come quel la di Gaudenzio (Renzo per gli amici) De Minicis, nato il 4 giugno 1920 a Piane di Falerone, e tutto ra ivi residente. Un romanzo da condensare in poche pagine. Proviamoci.

posto: non c'era nessuno per effettuare lo scarico, né alcuno che ci indicasse dove depositarli. Portammo allora gli automezzi su per una piccola china, aprimmo le sponde posteriori e tirammo giù i fusti a roto/ani, /asciandoli lì. «Oualcuno - pensammo- verrò a prenderselii>>. Attorno a noi, affaccendati nelle loro ope razioni, c'erano anche gli Inglesi. l nostri mezzi si incrociavano e si frammischiavano ai loro e la cosa, diciamolo pure, ci appariva anche- un po' imbarazzante: sapevamo di essere in guerra, ma era forse il caso di cominciare a spararsi addosso? Perciò ognuno continuava a badare alle proprie faccende, ignorando la presenza dell'altro. Continuammo a disimpegnare i più svariati servizi, con rifornimenti di viveri, munizioni, equipaggiamenti, e trasporti di personale. Uno degli ultimi viaggi, ne/gennaio de/'41, lo effettuai a ridosso di Sidi El Barrani. Certo che, se dopo la conquista di questa località, i nostri comandanti avessero insistito nell'offensiva, le cose sarebbero andate forse diversamente. Era convinzione diffusa tra i nostri ufficiali che presto saremmo giunti ad Alessandria. Gli Inglesi, infatti, inizialmente non erano eccessivamente forti; ma il Comando italiano non se ne rese conto e concesse loro quei tre o quattro mesi di tempo, per noi fatali , per riorganizzarsi. Era in allestimento una nuova colonna su Sidi El Barrani, quando una violenta mastÒidite mi provocò un voluminoso gonfiore dietro l'orecchio destro. Venni ricoverato all'ospedale da campo di Derna. Espressi il desiderio di essere inviato adoperarmi a casa ma il dottor lemmi fu categorico: «Se ti mando a casa e tu muori là, o durante il viaggio, io ne sarò ritenuto responsabile; se muori invece qui, sarà tutto regolare». Non che io vedessi una gran differenza fra le due prospettive, comunque .. . Venni operato e per quindici giorni me ne dovetti restare immobile, coricato e reclinato sul-

«C'era già odore di guerra, quel 2 febbraio del '40 - comincia il De Minicis quando indossai la divisa direttamente a Bengasi, in Libia, con /e mostrine del 2 1o Centro Autieri, di cui era comandante il colonnello Federico Buoninconfro. Ero già camionista da civile, perciò non solo mi venne concessa la patente militare, ma mi venne anche conferito l'incarico di istruire i nuovi conduttori. Come autisti, svolgevamo attività presidiaria, per qualsiasi necessità di trasporto, con i nostri Lancia RO, SPA 38 e Fiat 626. «Siate prudenti- ci raccomandava il comandante- specie con gli Arabi! Non viaggiate mai isolati!>>. Non erano rari, infatti, gli assalti alle autocolonne ad opera di povera gente disperata, spinta dalla fame. Per assalirci, si stendevano in mezzo alla strada o ci si facevano incontro con bastoni. Finiva sempre allo stesso modo: si dava loro un po' di viveri e si proseguiva. Non avevano gran paura di noi; ne avevano invece dei loro connazionali del Corpo Libico, alloggiati in una caserma adiacente alla nostra. L' 1 1 giugno (eravamo allora di stanza a El Feteya, un 'altura sopra Bardia) il maggiore Capponi, radunato il reparto, annunciò: «Ragazzi, si è aperta la caccia!» curioso eufemismo per indicare che la guerra agli Inglesi era sfata dichiarata. Giusto il giorno dopo, ci venne comandato di trasportare dei fusti di carburante a Porto Bardia. Alle 9 del 13 eravamo già sul


lo guancia sinistro. In questo frangente, venne o farci visito Donna Rochele Mussolini ed io, che avevo tentato di voltormi per guardarlo in viso, mi beccai gli aspri rimbrotti di uno suora . Quando però qualche giorno dopo, sotto un bombardamento inglese, cominciai o vedere e sentire i calcinacci che cadevano dal soffitto sulle coperte, me ne infischiai degli stessi rimbrotti, e mi infilai sparato sotto il/etto. Allo degenza, fecero seguito tre mesi di convalescenza e quindi un nuovo giudizio di idoneità. Eccomi al 9 ° Centro Automobilistico di Bori. Si parlava di un nuovo imbarco: chi dicevo per l'Africo, chi per I'Aibonio, chi per lo Grecia ... Uno voce, doll'oltoporlonte, mi convocò in fureria: ancoro l'Africo ero lo mia destinozione. Lo sera de/23 moggio 1941 ero o bordo dello nove <cii Conte Rosso». C'erano 4000 militari o bordo, più l'equipaggio, più un certo numero di operai dello ditta Voselli. Erano circo le 19 del 24 ed eravamo o 80 miglio allargo di Siracusa, quando un certo Cerboi, notondomi con i salvagente attorno alle spalle: «Ma togliti quei salvogente - mi redarguì - che oltretutto portono anche iella!». Mi portai verso lo piattaforma dove incrociai il mio amico Cioculli, di Bori, il quale, sapendo che non sapevo nuotare: «Non preoccuporti - mi rassicurò - ché se andiamo o fondo ti salvo io»! Erano le 19 e 45. Improvviso, un boato, simile allo scoppio di uno-mino; lo nove venne squossoto, come colpito do un pugno gigantesco: un siluro inglese ci avevo cen-

trota. Gli ufficiali di bordo diedero l'allarme. Concitatamente, ognuno si portò verso il proprio posto di radunato: il mio ero il 110. Erano trascorsi pochi minuti ed ecco uno secondo esplosione, stavolta o pochi passi do me. Vidi aprirsi uno squarcio di 4 o 5 metri di ampiezza dal quale il more entrova o fiotti. Lo mio fortuna fu il fotto di trovormi vicino allo scaletta. In un secondo, sfilai il portafoglio dallo losco posteriore dei pantaloni e lo infilai in quello interno del giubbotto, tirai su lo cerniera, e via su per lo scoletta. Tentai di portarmi verso lo scialuppa ma, nel porossismo del momento, in un paio di capriole mi ritrovai in acqua . Mi aggrappai ai pantaloni di qualcuno che reagì scolciondo e urlando: «Losciomi, che annego! Losciomi, che annego!». Non so quanti litri di acqua salato avessi ingurgiloto; impiegai poco tempo, luttovia, o inquadrare lo situazione: se mi agilavo, andavo giù e bevevo; se restavo immobile, i sugheri salvagente mi tenevano o gallo. Per qualche minuto, fu un parapiglia indescrivibile; ci ritrovammo, in selle, aggrappali o un rottame dello nove. L'agonia del Conte Rosso durò solo sette minuti: lo prua cominciò od affondare, mentre lo poppo si impennavo, alto trento metri, sopra le onde, con gli ultimi sventurati aggrappali allo porte emergente; poi, in un ottimo, si inabissò mentre, nello notte già colato, si levavo l'ultimo grido: «Vivo l'Italia! Vivo Mussolinil» . Sul more tornavo il silenzio, rotto soltonto, per tutto lo notte, dalle nostre grido

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Rifornimento di viveri (foto SME- Ufficio Storico).

123


CAPITOLO

4

di aiuto quando qualche nove passavo o visto: nessuno si fermò . Aggrappato al relitto mi resi anche conto di come fosse difficile morire. Ogni volto che, muovendomi, affondavo, il primo momento di incoscienza, con lo conseguente immobilità, mi riportavo su. E poi, non mi importavo assolutamente nullo di morire; non che fossi rassegnato, o incoscientemente coraggioso: semplicemente, lo coso mi losciavo indifferente. Non fu così per tutti: qualcuno, per il terrore, sarebbe impazzito, e per sempre . Poco primo delle sette, quando orma i l'ultimo filo di voce se n 'ero andato dal tonto gridare, fummo avvistati do un'aeroplano e , dopo un quarto d 'oro, fumm o raccolti dallo nove ospedale «Arno». Tutto il mio viso ero diventato uno maschero di sole incrostato .. . » (Qu i abba ndon iamo il racconto del De Minicis. lo ritroveremo p iù avanti, in altro parte del mondo ... ma non anticipiamo gli eventi). Il racconto che segu irà si aggancio perfettamente a quello ora ascoltato. l eggendo la storia del l o Autoroggruppomento, si ved rà che il giorno successivo allo partenza del «Conte Rosso», avveniva quella del «Foscorini». Il conte Bartolomeo GUARNIERI, del lo Sezione A N .A.I. d i Genova , era proprio l'ufficiale che coma ndava lo scorto e ci raccon to i particolari dello vicenda.

124

«Un viaggio interminabile ci avevo condotto dal Piemonte e dallo Liguria fino o Napoli dove, dopo uno troppo lungo permanenza, arrivò finalmente il momento de ll'imbarco che ponevo fine all'incertezza e all'inattività, forse più difficili do sopportare che non i rischi e lo paura dell'ozione. Nel porto gremito all'inverosimile lo gronde nove, il «Conte Rosso», sovrastavo con lo suo mole quel brulichio di uomini in feb bri/è movimento che salivo, accalcandosi lungo gli sco/androni. Il nostro gruppetto di ufficiali riuscì od infiltrarsi nel terzo ponte, sistemandosi allo meglio, inciampando nei bagagli e prendendo numerose «Zuccote », ma tutto in allegria. Venne lo notte e su noi scese un sonno profondo, tirato fino al mattino, non interrotto do sire ne o dal fragore di incursioni. Poco dopo l'albo il mio attendente entrò cautamente in cabina e mi destò, scrollondomi con discrezione finché, dopo aver realizzato dove mi trovavo e perché, riuscii o capire che il nostro capitano mi volevo o terra con armi e bagagli. Ero letteralmente furibondo all'ideo di dover lasciare gli amici dopo ben più di un

anno di comune attività, durante lo quale si ero instaurato un clima veramente fra terno. Sceso o ferro, entrai o posso di corico nell'ufficio del comandante, deciso o far vole re le mie ragioni e sperando in un ripensomento del superiore. Niente do fare: l'ordin e venivo do/l'alto e dovevo essere eseguito . Ebbi appena il tempo di tornare o bordo per un frettoloso saluto agli amici, con lo reciproco promesso di ricompottore il gruppetto, pochi giorni dopo, o Tripoli. Salii o malincuore sul «Foscorini» il cui ufficiale di scorto al corico si ero gravemente ammalato (ero questo, il motivo del mio improvviso trasferimento). Lo nove ero corico d i tutti gli automezzi del nostro 30° Autoreparto Pesante di corpo d 'armato; trovai infatti o bordo alcuni miei autieri, cui si aggiunse il mio attendente . TrosGorse uno secondo notte oll'ottrocco, durante lo quale il «Conte Rosso» avevo so/poto le ancore; al mattino si notavo infatti il gronde vuoto do esso lasciato sullo banchino oro deserto. N oi salpa-mmo all'imbrunire dello stesso giorno con un convoglio che comprendevo oltre quattro novi, cariche d i munizioni e di automezzi di altri reparti. Per tutto lo notte e il giorno dopo, lo navigazione fu tranquillo, senza allarmi da l cielo o dal more, e questo ci consentì d i mettere un po ' d'ordine nelle nostre idee. Passeggiando sul ponte, vedevo il mitragliere di bordo vicino allo suo armo, sempre all'erto e pronto allo difeso, mentre un cacciatorpediniere di scorto compivo rapide evoluzioni ai loti del convoglio, info ndendo in tutti noi un senso di tranquillo sicurezza. Il finimondo scoppiò o/l'albo del secondo giorno, con il secco crepitio dello mifrogliero , seguito do due tremendi boati che squossorono tutto lo nove, colpito in solo macchine e nelle stive, facendolo vibrare. Mi precipitai in coperto e provai un immediato sollievo nel constatare c he i miei sette ragazzi erano incolumi o quasi, tra il - fumo degli incendi divampanti per tutto lo nove. Le scialuppe di bordo erano ondate distrutte dalle esplosioni, non ci rimanevo pertonto che lonciorci in aequo; ma proprio in quel momento ci raggiunse, o tutto velocità, il cacciatorpediniere di scorto, accostando o dritto . Il more ero «lungo », e ogni volto che lo prua del «Do Noli » (altro nove del convoglio) si alzavo, qualcuno - aggrappato alle corde che penzolavano - si lasciavo andare fra le broccio levate dei marinai, qual-


che volta rotolando insieme ad essi lungo lo coperta. Il Ferito più grave era il mitragliere che aveva colpito e abbattuto uno dei due caccia bombardieri che ci avevano attaccato, ma che aveva pagato a caro prezzo la sua impresa: una sventagliata dell'aereo lo aveva colpito in pieno. Recuperati e imbarcati i naufraghi tutti, una breve ricognizione ci permise di individuare il relitto dell'aereo precipitato e quindi di recuperare fortunosamente l'unico superstite del suo equipaggio. Il «Foscarini», incendiato e privo di comandi, non affondò, ma andò allo deriva e noi lo seguimmo finché da Tripoli non arrivò un rimorchiatore d'alto more per il traino dello scafo ancoro avvolto dal fumo. Verso sera sbarcammo a Tripoli, nel por) stipato di navi, bettoline e relitti. Trascorso lo notte in uno misera locanu1a indigena, laceri e affamati, al mattino ci ponemmo allo ricerca del nostro reparto, senza lo minima idea di dove si trovasse. Vedendo lo stato delle divise e i nostri bendaggi, un giovane tenente di artiglieria capì al volo quale fosse il nostro problema più impellente e ci trascinò in un bar, nonostante le nostre deboli proteste; paste, biscotti e cappuccini sparirono in un batter d 'occhio. Dopo averlo doverosamente ringraziolo, ci dividemmo, con l'intenzione di cercare ognuno verso una diversa direzione. Dopo aver cercato inutilm~nte, stavo raggiungendo il punto concordato per ritrovarci, quando un autocarro che mi veniva incontro frenò di colpo e do esso scese ro alcuni uomini correndo verso di me. Erano proprio i ragazzi del mio reparto. Frastornato dogli abbracci e dalle grido altissime che ripetevano il mio nome, non riuscivo o capire il perché di tanto entusiasmo da parte loro, dato che certamente non potevano ancora essere stati informati della nostra disavventura sul «Foscarini». Mi fu tutto chiaro solo quando, a mia volto, venni messo al corrente della misera fine del «Conte Rosso» sul quale i miei uomini mi sapevano imbarcato. Vedendomi, essi avevano ritenuto che io Fossi tra i superstiti di quella tragedia. Ero invece scampato, è vero, per circostanze fortuite, da quel grande naufragio, ma solo per viverne un'altro appeno meno tragico. Con un velo davanti agli occhi, mentre mi parlavano di quello sciagura, mi parve proprio di vedere lo gronde nove che sussultava all'impatto con i siluri e che si inabissavo rapidamente, trascinando con sé, insieme a migliaio di altri, tutti i compagni

che non volevo lasciare e che ritenevo già sbarcati in Africa primo di me. Salii sull'autocarro, ma la mia mente era lontana, sul mare, alla ricerca di qualcosa di indefinito, di una ragione per la quale il destino divide bruscamente delle lunghe amicizie e alcune le anniento, lasciando le altre a piangere. Mentre noi ci agitavamo in mezzo alle fiamme, i miei compagni erano già un passato, un ricordo nascosto in fondo al mare, un dolore lacerante per tanti parenti e amici. Un passato, un ricordo che il tempo non ha mai conce/loto e non cancellerò mai>>.

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Ferruccio TURA, dopo averci fotto do guido attraverso le vicende dello guerra civi le spagnolo (vds. vol. 1). ci occompç~gno a nche in A frico, mettendoci o conoscenza d i un episod io del qua le eg li è stato diretto protagonista qua le ufficia le automobi lista; un avvenimento che poco serve o ricostruire i grondi fotti dello compagno in A .S., ma ci aiuto o respirare lo stesso atmosfera nello quale alloro vivevano gli uomini dalle mostrine nerozzurre .

«Si trattava di una colonna di rifornimenti di ogni genere da portare nella zona di El Adem, uno specie di cucuzzolo spianato do/ vento, intersecato da letti di uadi secchi da decenni, e che era come un balcone sulla piano prospiciente Tobruk . Si dovevano predisporre scorte per alimentare l'imminente offensivo contro lo piazzaforte dove trentomilo sudofriconi armatissimi, aiutati anche dolio Morino do guerra inglese, resistevano do mesi ed imponevano uno notevole deviazione ai nostri itinerari, se non vole vamo cadere sotto il tiro de lle loro artig lierie. Dal luogo dove eravamo sistemati erono oltre 300 chilometri e non potevamo partire che a pomeriggio avanzato. Appena i dodici autocarri furono pronti, radunai gli autisti, tutte vecchie pellocce, per metterei bene d'accordo sul come comportarci, tenendo sempre presente l'incombente minaccio dei mitrogliomenti dello RAF. Tutto quanto ci ero stato insegnato nei vari corsi d'istruzione o nei vari regolamenti non avevo più, per noi, alcun valore. Velocità di marcio, distanze di sicurezza, recupero automezzi guasti, ecc. erano ormai poro/e senza senso; d'altra parte nessuno ci prescrivevo nulla e se un superiore avesse avuto questa fregola sarebbe stato ubbidito fino alla prima svolto. Eravamo noi che Facevamo quell'indispensabile lavoro quasi quotidianamente e solamente noi sapevamo come comportarci per ridurre o/ minimo possibile i danni dello RAF di giorno e del Long Ronge Desert Group di notte.

125


CAPITOLO

4

Sirte, 29 novembre 1942: camion inglese catturato (foto G. Forbicini).

126

Avevamo di fronte gente che era in Africa già da quando noi non eravamo ancora una Nazione unita e conoscevamo questo continente solamente attraverso le carte geografiche o i libri di avventure: gente dura, allenata, organizzata logisticamente con molti depositi di viveri e carburanti sparsi in determinati punti del deserto ed attrezzata con mezzi bellici e me ccanici costruiti appositamente per un determinato tipo di guerra in un determinato ambiente. Partivano con le loro magnifiche camionette di fabbricazione americana e con lunghissimi giri nel profondo sud del deserto, regolandosi con bussola e sestante, piombavano sulla litoranea, sparavano su tutto ciò che incontravano poi, rapidamente come erano apparsi, sparivano fascian dosi dietro solo cadaveri e carcasse fumanti.

In reparto avevamo parlato spessissimo di questo pericolo e avevamo pensato che forse se avessimo parcheggiato gli automezzi in una certa maniera ed accampato gli uomini in distanza in modo da non essere coinvolti al primo attacco e poter reagire con tutto ciò che avevamo (cioè moschetti, bombe a mano ed un fucilane Oerlikon calibro 13 che scortava sempre le colonne) forse qualche risultato si sarebbe potuto ottenere. Di notte, sentirsi sparare alle spalle non doveva piacere nemmeno a quelli del Long Range Desert Group. Poiché tutti conoscevano la strada do percorrere come quella di coso propria, feci partire gli autocarri, due alla volta. Essi avrebbero marciato o tutto velocità e avrebbero

fatto sosto per la notte in un luogo prestabilito, fuori strada. Si trattavo di uno zona dunosa dove era abbastanza facile mascherare i propri a utomezz i e che noi conoscevamo bene. Non avrebbero dovuto fermarsi per strada per nessuna ragione. lo sarei partito per ultimo e avrei provveduto al recupero eventuale di qualcuno bloccalo do guasti; ma preve de vo già che non ve ne sare bbero stati, se non pe r cause belliche, perché nessuno avrebbe voluto fermarsi col rischio di passare lo notte isolato. Tutti sapevano bene queste cose e , quando era necessario, i loro automezzi erano in perfetto ordine. Dieci erano partiti; io partivo con gli ultimi due . Lo zona scelta per la notte era dopo Martuba, verso Ras El Tin. Erano circo 150 km e, dato che si doveva attraversare Demo e superare fa scarpata di El Feteyo dove erano sempre in atto lavori di riparazione, ci sare bbe ro volute almeno Ire ore; saremmo arrivati quindi con luce sufficiente per sistemarci per la notte. Attraversammo Demo. Come previsto, stavano lavorando sullo strada del ciglione, perciò salimmo fa costo in colonna e o velocità ridottissima. Sul reffifilo -successivo cercammo di recuperare un poco del tempo perduto. Quelli che mi precedevano non si fecero pregare e marciarono certamente più veloci di me perché, al mio arrivo, avevano già sistemato gli automezzi per lo notte, distanziati ed abbastanza occultati in mezzo alle dune. Sistemai gli uomini per lo notte, predisposi il servizio di guardia e quant'altro mi sembrò necessario poi, finché ci fu luce, accendemmo i Primus e ci facemmo la solita spaghetfato. La nostra fortuna era di poter passare ogni tanto da qualche magazzino dello sussistenza, quindi di avere la possibilità di rifornirei, o pagamento, di viveri e di qualche fiasco di buon Chianti; non ci mancavano quindi spaghetti, olio, parmigiano, pomodori in scatola e qualche scotoletta di quelle speciali, di puro suino, come pure il caffè. Ci sistemammo meglio che potemmo. Eravamo abbastanza lontani e defilati per rifenerci quasi al sicuro dalla RAF. Questo era per noi il massimo ottenibile. Dopo mangiato, accendemmo le sigarette. Lo notte ero calmo, il cielo era gremito di stelle luminosissime, talmente fitte che sembravo si toccassero. Eravamo fra di noi, non vedevo le facce dei miei autieri, né essi vedevano fa mio, ma ci riconoscevamo alla voce. Ero coi miei uomini che si fidavano di me e mi stimavano, come io sapevo di poter contare in pieno su ognuno di loro. Eravamo assieme da mesi e mesi, avevamo diviso gli stessi pericoli, mangiato lo stesso vitto, sopportato gli stessi disagi, ci avvio-


vomo verso un prossimo scontro con un nemico durissimo in uno dei paesaggi più inospitali dello ferro , mo uno gronde colmo ero in ognuno. Eravamo a 2000 chilometri da coso, sentivamo che le nostre donne, i nostri figli, guardavano anche loro le stesse stelle e mormoravano le stesse preghiere. Erano sensazioni, sentimenti che si possono provare una volta in tutto uno vito e che nessuno, che non fosse stato con noi avrebbe mai potuto capire. Su tutto, un gronde odore di pulito. E poi lutti o dormire, perché l'indomani mollino o/le prime luci si sarebbe partiti. Fumai l'ultima sigaretta sdraiato sulla sabbia. Lontan issime verso occidente, forse sopra Derno, si accesero stelle che non facevano parte del cielo che conoscevamo: era certamente lo RAF che avevo iniziato il suo lavoro notturno. L'incantesimo era finito . Rimasi ancora un poco in ascolto: non si udivano rumori di motori, quindi lo RAF ero molto lontana. Mi coprii col solito te/o do tenda contro l' umidità della notte e mi addormentai. Non so quanto avessi dormito, ma un rumore infernale ci svegliò lutti di soprassalto. Stavano bombardando nelle vicinanze, oltre uno cortina di dune; vi erano bengala in orio e ne eravamo illuminali o giorno. Restammo sdraiati ed immobili, non c'ero altro do fare: con un bengala in cielo qualsiasi ombra che si muovo divento un bersaglio. Dopo uno buono mezz'oro gli aerei, non erano più di due o tre, se ne andarono e l' ultimo bengala ~i spense. Nessun danno né ai mezzi né agli uomini. C'ero un campo di atterraggio di fortuna vicinissimo e che non avevo visto, altrimenti non ci saremmo fermati qui. Rapidamente o/ primo schiarire, un caffè e via di volata; appuntamento al bivio di Acromo, dove avremmo dovuto girare verso l'interno in direzione di El Adem. Posso/o Ain El Gazolo si udì sempre più distinto il rumore del fronte di Tobruk . l cannoni delle due porti non avrebbero mai cessalo per mesi, giorno e notte, di for sentire lo loro cupa voce. Giungemmo nello zona di scarico, parte nello pianura e porte sul ciglione. Avevamo tutti fretta, molto fretta, perché eravamo convinti che il tempo non lavorasse per noi. Al rientro o/ campo tutti rimasero stupiti per il Fatto che lo colonno avesse potuto passare indenne per oltre 600 chilometri, fro ondata e ritorno, in uno delle zone più "colde " del fronte africano. Per quello volto, ero andato bene!». A lessandro FERRARI , 8 1 anni, di Bergamo, ho vissuto l'intero suo lungo vito nel mondo degli alberi e delle piante in gene-

re, collegandosi in ciò allo tradizione dello suo famiglia, do oltre un secolo consacrato al vivoismo. Do giovane, durante lo guerra , egli ero invece ufficiale automobilista, comandante di outosezione. Gli abbiamo richiesto un' intervisto, ma abbiamo ottenuto di più . Alessandro Ferrari è infatti anche scrittore, autore di pregevolissimi volumi in campo botonico. Per noi, per questo libro, egli si concede una digressione rispetto all'abituale tema delle sue opere e ci fa dono di alcune pagine che rievocano quei suoi anni in Africa Settentrionale . Quello che segue è il testo integrale che egli ci regolo, che noi riporteremo senza lo minima modifica, ma con lo solo aggiunta di un «grazie» per aver egli con le su~ pagine reso più prezioso questo nostro lavoro. Lo rievocazione degli avvenimenti prende lo spunto do un incontro, avvenuto alcune decine di anni fa, tra lo stesso Ferrari e un suo ex sottufficiale.

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

«- Sciòr tenent... el se recorda del sò sergent Bruno ... ghè passò de/te mp do quond in Africa settentrional... Questo fu l' esplosione di gioia con lo quale il mio sergente Bruno mi si rivolse nel fortuito incontro avvenuto pochi anni or sono in un campo di golf, lontano sia dolio mia che dalla sua città. E fu una bella rimpatriata. Dopo colazione, complici due comode poltrone ed un buon caffè, demmo stura ai ricordi ... ed erano tanti perché per chi ha fatto lo guerra gli episodi da raccontare non hanno numero. - Ti ricordi, Bruno, quando giunsi a Castagnole Piemonte, sottotenente di primo pelo, mentre tu, navigato sottufficiale, mi osservavi con occhio critico ma benevolo, me lo ricordo distintamente! -È proprio vero ... però ebbi subito simpatia per Lei perché si presentò personalmente al plotone (prima filo un posso avanti - terza fila un passo indietro - riposo) e strinse la mano a tutti i soldati chiedendo loro notizie familiari. Subito dopo, tra noi soldati si decise all'unanimità ... È dei nostri l

E così incominciò l'avventura dell'Africa settentrionale, che mi parevo lontono, velato da nubi ... che poi risultoronq di color giallastro qual è la sabbia del deserto sollevata dal ghibli. Improvvisamente ... ordine di partenza per la Jugoslavia; terminato il carico degli automezzi (erano ben 106 Fiat mod. 636), contrordine! Scaricate tutto ... Dopo un mese un nuovo ordine, questo volto definitivo, destinazione A.S. (Africo Settentrionale). Sosto o

127


CAPITOlO

128

4

Et Algheila, febbraio 1942. La buca nella sabbia è casa e rifugio del sottotenente Ferrari (foto A. Ferrari).

Napoli in atteso d'imbarco, accantonamento nel fatiscente silurificio. Finalmente si parte. Fui incaricato di sovrintendere l'operazione di carico di tutti gli automezzi, che furono stivali sopra uno strato di tavole di legno appoggiate, o loro volta, sopra cosse di munizioni per cannoni 105-149 ... Si parte - truppa ed ufficiali - sul famoso "Vittoria", nave da crociera ·attrezzata o/ trasporto truppe, gli automezzi ed i materiali sulla nove "Amsterdam ". Primo di Tripoli, nel golfo dello Sirte, attacco di sommergibili, azione delle nostre vedette di scorta; tuffo finisce per il meglio. Arrivo e sbarco al porto di Tripoli. lo fui ancora incaricato di sovrintendere allo scarico degli automezzi e dei materiali. Premetto che la nave "Amsterdam " era attraccata allo stesso molo dove un 'altra nave era stato squarciata da un'esplosione di munizioni trasportate, ed ero lì con /o prua aperta in due come uno vecchia ciabatta; monito ... Infatti, durante le operazioni di scarico, osservai del fumo che proveniva dalla stiva adiacente. Diedi l'allarme al personale di bordo che dopo un sopra/luogo fece suonare /o sirena d'allarme e, a/grido "si salvi chi può", iniziò uno fuga generale ed io, uno volto o terra (dal fondo dello stiva) credo di essermi avvicinato al tempo record nazionale sui 100 metri piani per raggiungere uno spesso muro di cemento ... Tutto finì per il meglio e fui additato come l'autore del fugane genero/e, causato, si seppe poi, dalgos di scarico di un autocarro messo in moto, sconsideratamente, nella stiva accanto. Sbarcati, sosto o Mio ni, periferia di Tripoli, primo battesimo del tremendo ghibli che quasi ci fece soffocare (poi divenimmo degli esperti nel difenderci dalla polvere) trasferimento tranquillo o Derno (circa 1600 km verso est, lungo la strada asfaltata, l'unica, detto Bo/bio, fatta costruire dal go-

vernatore Balbo primo dello guerra, o in previsione di questa ... ). A Derna, accantonoti in una fornace per mattoni, fummo attaccati do ... plotoni di pulci {di coso si cibassero primo del nostro arrivo ... ?). E questo fu lo nostra base operativo verso il fronte , alloro ( 194 1-42) attestato lungo uno linea dal more verso l' interno del deserto, dello alloro "linea Sollum " {piccolo localitò desertica). Tutto questo, per indirizzare il/ettore sullo svolgimento dei preliminari del 36° Autoreparto del 1o Autoroggruppomento d 'Armato. Eravamo autieri, un servizio, e noi ufficiali, per lo maggioranza, uscivamo dal 4 ° corso allievi ufficiali di Torino, lo cui band iera ero, e lo è tutt'oggi: "Fervent rotoe, fervent animi". E posso dichiarare con /o massima sincerità che alloro era quello lo spirito che ci animava. E il Bruno ... - El se ricorda dello primo colonno effettuata do Demo o Bardio, o pochi chilometri dal fronte , il battesimo del fuoco da porte degli aerei inglesi, /o prima perdita di un autiere, un autocarro incendiato - Lu sciar tenente che si mise al volante di un autocarro di un autiere ferito e che al posto di blocco di Derno gli fu comminata lo punizione da un carabiniere (che fece il suo dovere senza ascoltare ragioni, stendendo un rapporto su di Lei che guidavo un autocarro contro le disposizioni in vigore) di ben 12 giorni di arresti semplici! E quando o Demo siamo rimasti senza gasolio, le scorte erano finite (vi era sempre carenza di carburante) e ci fu consigliato di andare al porto o prelevare acqua e gasolio da un sommergibile in avario definitiva: filtrare , decontare e poi mescolare con benzina per ottenere uno miscela {quasi esplosivo) per far ritorno al reparto o Demo. Si ricorda il primo impatto con /o realtà. Ne fummo veramente sconvolti... e quella realtà ero so-


lo, purtroppo, il principio di innumerevoli omorissime esperienze. E quando- soggiunse il Bruno - sem restò impaftòo sin o i cavej ... siamo rimasti impantanati per quasi una settimana a causo di uno torrenziale pioggia, che aveva reso il suolo viscido come il sapone, immobilizzando ogni movimento di automezzi e corri che combattevano in quei giorni all'interno, nello zona di El Mechili. Ancoro Bruno: - Lu l'è mingo tonto combiòo, l'è oncomò quel... Lei non è mica tanto cambiato, è ancoro quello di quei tempi eroici, ma purtroppo sono trascorsi venti anni ed oro le cose di questo mondo si vedono e si osservano attraverso un vetro di un colore ben diverso do quello di allora. - Però anche tu - soggiungo io - sei ancoro d'aspetto il Bruno pieno di energia e che sapevi dire uno parola in ogni circostanza, anche o me più di uno volto. È stato veramente un piacere rivederti e ricorda re un po' i tempi passati ... sei forse, tu Bruno, l'unico che mi è stato sempre vicino e puoi aiutarmi o ricordare. E quella notte ... ono cattivo noce.. . che su allarme partimmo do Derno per andare o prelevare un reparto che dovevo ripiegare sullo linea di Sollum; due carabinieri ad un determinato punto ci avrebbero guidato. InFotti puntualissimi li incontrammo; però, mafouguratamente, nel buio dello notte, si insinuò nello colonno di autocarri uno SPA 38 divisionale che a un certo punto deviò e lo colonno dei miei mezzi lo seguì. Il sottoscritto si accorse dell'errore troppo tardi. Ordinai uno conversione per cercare di raggiungere il rimanente dello colonno scomparso ma ... mi trovai di fronte ai capisaldi di uno squadrone di cavalleggeri i quali non ci spararono addosso (ancora oggi non riesco o capire il perché) in quanto eravamo penetrati nella terra di nessuno, tra fa linea

inglese e quella italiana, presentandoci proprio di fronte a un caposaldo, che forse ci avevo individuato... È così in guerra, ma anche nella vito ... quando non è il tuo momento ... ! Non è il coso di raccontare numerosissimi altri episodi; mi limiterò a ricordare quel bersagliere motociclista, a torso nudo, elmetto con il piumetto, che poté avere fra le sue mani un piloto da caccia inglese che lo perseguitavo con raffiche di mitraglio, fui solo in pieno deserto sirtico. Una squadra di soldati tedeschi, sempre vigili, che bivaccavano al di là di una duno, fecero fuoco contro il coccio e lo abbatterono. L'aereo otterrò malamente, il piloto uscì indenne dall'abitacolo e si trovò di fronte quel bersagliere (erano molto amati laggiù, çome sempre e dovunque) che solito su un mio autocarro con regolare foglio di via do un posto di blocco, fece uno doccia più unica che rora nel vino sgocciolante dall'autocarro che ne trasportavo diverse botti; ed uno, forse già danneggiato per un sobbalzo improvviso, si era sfasciato perdendo o fiotti il rosso nettare ... E lo vito, alloro, si srotolovo fra mille pericoli ed episodi superati facilmente, migliaia di chilometri divorati anche solo per rifornimento idrico e speso viveri. In linea (siamo od El Afomein) dove mi recavo almeno una volto alfa settimana per rifornire le truppe di ogni coso, ebbi modo di assistere all'abbattimento del caccia inglese, detto dai Folgorini il "disgraziato dell'oro del caffè", perché innaffiavo quel misero caffè, distribuito saltuariamente alfa truppa dello Folgore, con mitragliate. Un giorno fu abbattuto ed il merito venne attribuito od un folgorino che ebbe 30 giorni di licenza premio ... vi immaginate come venivano accolti i successivi attacchi aerei rodenti sulle linee dello Folgore?! Ed il generale Camosso, alloro colonnello, che si spostavo do un

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Inverno del 1942. Con un autocarro italiano viene recuperato un pezzo di artiglieria inglese, preda di guerra. Il primo da sinistra è il sottotenente automobilista Alessandro Ferrari (foto A. Ferrari).

129


CAPITOLO

130

4

El Dabà, settembre 1942, fronte di El Alamein. Guardia d'onore alla salma del tenente Marselle, della Luftwaffe (foto A. Ferrari).

caposaldo o/l'altro dello suo Folgore, o piedi, il bastoncino sotto il broccio... Ho volutomente saltato o piè pori tutto il periodo che va dallo battaglio di Sollum, ripiegomento conseguente, intervento esercito tedesco, il leggendario genero/e Rommel e lutti gli episodi vissuti in quel periodo sino oll'ovonzoto del 1942, e nuovo fronte o E! Elomein . Mi ricordo il genero/e «<o volpe del deserto>> in piedi su uno cosso vuoto o dirigere il caotico traffico di El Algheilo (ovest di Bengasi). E fu proprio nell'avanzalo del 1942 che i miei autieri, in servizio presso reparti avanzali, giunsero (durante lo gronde corso verso est) in visto del Cairo ... e poi dove flero ritornare od El Alomein. Le linee inglesi non esistevano più, le nostre truppe avanzarono finché ebbero carburante e rifornimenti ... ma poi si spensero appunto od El Alomein. Di questo nuovo linea conservo i ricordi bellissimi di fulgido eroismo, compiuti do umilissimi gregari, animati però do quello spirito ed amor di Patrio che forse oggi non è più così viso. Colonne di viveri o/ Posso del Corro (Divisione Folgore) appeno sopro olio depressione di El Qofloro erano routine normale per noi automobilisti che avevamo il nostro campo base od El Dobò, solto il ciglione do cui si estendevo verso l'interno il campo d'aviazione. E fu questo il campo dove l'osso tedesco Morse/le ( 125 apparecchi abbattuti dal suo gruppo} avevo lo base; fu poi abbattuto cadendo nello ferro di nessuno dove io ebbi l' incarico, con un 'outoombulonzo tedesco, di raccogliere i miseri resti. Tra alterne bolloglie o/le quali noi partecipavamo indirellomenle per i rifornimenti, si giunse o/ fatidico 5 novembre 1942, quando fummo colturali do truppe austro/ione, dopo lo rolluro del fronte di El Alomein, co-

me i cow-boy usavano nel For-West per radunare il bestiame, o colpi di pistola sparati a i nostri piedi. Tre nolli e Ire giorni rinchiusi Ira il filo spino lo, senza aequo e senza cibo ... lo dissenteria ci colpì quasi tuffi; poi il trasferimento o mezzo ferrovia (do Morso Motruh ) su vagoni impregnati di benzina: due si incendiarono e ... quelli che erano chiusi den tro ... Arrivo o/ Cairo, disinfezione totale, spregio dello popolazione (le donne si sollevavano le gonne e voltondoci le spalle fa · cevano un inchino . .. ). Tra numerose peripezie si giunse o/ com· po prigionieri (PWO Comp 304) od Heluon, trento miglio o sud del Cairo. Qui trascorsi ben 39 mesi dei quali (per fortuna del mio cervello, s'intende) ne trascorsi quasi 25 presso il Quorter Mosler Office, lo sussistenza del campo, svolgendo mansioni di amministratore dei miei compagni di sventura. Ed eravamo ben 3500 ufficio/i, d i ogni età ed estrazione sociale; orchitelli, insegnanti, imprenditori, ecc. i quali «dovono lezioni>> o chi avesse interesse. Si formoro· no così delle classi scolastiche, con orari di frequenza; -le più affollate erano quelle di lingua inglese, tedesco e francese. Un giorno il Cap. Hursl, comandante il Q.M.O. mi consegnò uno listo di ufficio/i (io compreso) in nolo di rimpatrio per lo fine di gennaio 1946! (fu i catturalo il 5 no· vembre 1942) con l'incarico di prepororne lo documentazione relativo e con l'obblig o di assoluto top-secrel. lnfolli uscii dogli uffici del Q.M. ed andai personalmente o comunicare lo bello notizia o tuffi gli interessati ... due svenne· ro. Porlili do Pori Soid con lo nove "Aimozoro ", bollente bandiera spagnolo o por-


toghese, non ricordo bene, giungemmo a Taranto ed anche qui fummo accolti dalla popolazione con ogni ingiuria possibile. Infatti fummo internati in un campo di concentramento inglese, a calci ed a spintoni e per qualcuno colpi di calcio del mitra sullo nuca . Solo dopo 24 ore avemmo la visita di un colonnello che ci dette il saluto della Patrio ... che ci aveva dimenticato . Interrogatorio di prammalica e ritorno a cosa tra mille peripezie per gli scarsissimi mezzi di comunicazione di allora. E nonostante tutto la vita riprese ed ora ollantenne mi dedico al giornalismo «verde» inteso solo da un punto di vista botanico, avendo esercitato per tutta la vita la professione di floricoltore, arte che mi è stato trasmessa da ben quattro generazioni. Se vi ho annoiato, usando una frase manzoniana : <cvi assicuro che non l'ho fatto apposta». Il sergente maggiore Guerrino FORBICINI, classe 1917, di Lugo di Romagna , occupavo un posto di osservazione privi legiato nel corso della campagna in Africo Settentrionale: egli ero infatti autista personale del generale Alessandro Glorio, comondante dello Divisione «Bologna», con il qua le egli si trovò perciò a dividere, ora do spettatore, oro do protagonista , alcuni tra i più importanti episodi del conflitto. Di tutto il romanzo che si potrebbe scrivere su tutto ciò che egli vide e visse, strolciamo alcuni degli episodi più significativi . «Eravamo o Tobruk- racconto il sottuffici ole - al momento del/ungo e sanguino-

so assedio itala-tedesco a questa città. Con lo mia l l 00 coloniale avevo portato il genero/e Glorio al "Fico", dov'era il quartier generale della Divisione. La località pren-

deva il nome proprio da una pianta di fico lì presente, isolata e sperduta, nata da un seme piovuto do chissà dove . Sotto lo pianla, erano stati scovati cunicoli e grotte che ospitavano un avampostoo. La battaglia era in pieno svolgimento, con fragoro se salve di artiglieria che si incrociavano da una parte e dall'altro . Mentre ero lì, nei pressi della pianta, ad aspettare il generale impegnalo sottoterra con gli altri ufficiali del Comando, vidi avanzare una batteria di mortai della Divisione che fu investita in pieno da una scarica di artiglieria. Un artigliere che in quel momento stava portando il piatto di un mortaio, colpito do una scheggia, cadde a pochi passi da me. Mentre le cannonate continuavano a piovere sollevando fiammale ed alti schizzi di sabbia un po' dovunque, mi precipitai verso il ferito. Avevo un grosso squarcio tra la coscio e l'anca dal quale perdevo molto sangue. Lo caricai sulle spalle e presi a correre verso l'ospedale da campo, distante alcune centinaia di metri. Ogni volta che udivo il sibilo di una granata in arrivo, mi buttavo giù bocconi sullo sabbio, con il ferito sopra . Non avevo neppure il coraggio di voltarmi a guardarlo, tanto la sua ferila destavo in me raccapriccio. Giunto presso l'ospedale, consegnai il mio fardello nelle mani di alcuni portaferiti e me ne tornai alla mia vettura. Per il mio gesto, mi venne conferita lo promozione al grado di sergente e la Croce di Guerra al V.M. , ma con una motivazione che non rispecchia la dinamica esatto dell'episodio. Essa dice infatti: "Autiere addetto al Comando di una divisione operante in Marmorica, disimpegnava il proprio servizio con grande abilità dimostrando, in pericolose contingenze, sotto il fuo -

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Il generale Alessandro Gloria, comandante della Divisione «Bologna» (foto G. Forbicini).

131


Il protagonista della testimonianza, sergente Guerrino Forbicini, nei pressi del «Fico", anch'esso visibile nella foto, durante la battaglia di Tobruk {foto G. Forbicini).

132

co nemico, calma e sprezzo del pericolo. Vedendo cadere un compagno gravemente ferito do scheggia, accorreva presso di lui e, sotto il continuo fuoco delle armi, lo assisteva fino al sopraggiungere dei portaferiti. Tobruk-Agedabia. 22 novembre-21 dicembre 194 l". Sempre nel periodo di Tobruk, un giorno la mia macchina, che si trovava in un avvallamento del terreno, non voleva saperne di avviarsi. Da ogni parte esplodevano i proiettili dell'artiglieria inglese, e quella maledetta non voleva partire. Visto inutile ogni tentativo, scesi o terra e , da solo, spinsi la macchina fuori della buca. Saranno state le energie proprie della gioventù, o quelle che ti vengono per forza quando senti il fiato della morte sul collo, fatto sto che non solo riuscii o tirar fuori la macchina ma, coso pressoché impossibile su terreno quasi sabbioso, riuscii a farle acquistare una certa velocità e , così, saltare o bordo, ingranare la marcia e farla partire, sottraendomi alla più che critica situazione. /1 mio viso, in quel periodo, era incorniciato da una bella e fluente barba. A convincermi o tagliar/a fu ... il ghibli. Giunse un giorno una di quelle tempeste che, dicono gli stessi Arabi, si verificano una volta ogni secolo. Il cielo era un unico enorme globo rosso, tanto che il mondo intero sembrava stesse andando o fuoco. Non sapevamo dove ripararci. Quando tutto cessò, /o mia barba si era pietrificata per la polvere tanto che, non riuscendo più o districarla, fui costretto o disfarmene. Si era conclusa la battaglia di El Alamein e lo Divisione aveva effettuato il ripiegamenfo su Fuka . Do Roma era giunto

l'ordine (com'è facile comandare, quando si è o duemila chilometri dalla bocca del cannone nemico!) di tornare a ll'attacco e rioccupare"le posizioni perdute. Il generale Gloria decise, pertanto, di effettuare una ricognizione per verificare quali possibilità vi fossero . Partimmo dunque, tre macchine e una moto, la mia davanti con il generale ed altri ufficiali o bordo, dire tti verso la linea del fronte. A un tratto vedemmo farsi incontro o noi un'autoblindo, con degli uomini seduti sopra. N on c'era dubbio, era deii'"Ariete". Ci avvicinammo senza eccessiva circospezione, quando a un tratto: "Sono In glesi!" gridò qualcuno, allorché fummo o uno distanza tale do riconoscere le uniformi di chi vi era sopra. Ci avevano teso uno trappola usando un mezzo catturato ai nostri e noi vi eravamo caduti in pieno. Un dietro-front fulmineo e via! Fuga o tutto gas; ognuno per sé e Dio per tutti: non era proprio il caso di stare o domandarsi dove fossero gli altri. L'unica cosa da fore era scappare il più velocemente possibile e, nel contempo schivare i proiettili inglesi. Vedevo i traccianti sfiorarmi, ora da destra, ora da sinistra, ora sopra. l miei passeggeri, nel frangente , non facevano che urlarmi ordini: "Vai di qua! Prendi di là!». La mia preoccupazione, in quell'istante, era di seguire una traiettoria che, pur zigzogondo, offrisse sempre o/ nemico il bersaglio minore possibile, cioè la parte posteriore della vettura. Perciò, spazientito da quegli strepiti che rischiavano di distrarmi da lla mia concentrazione: "Ora basta l - grido i - Tuffi zitti l Adesso comando io!"


Non so quonti altri sergenti potranno mai vantarsi non so/o di aver doto un ordine o un genero/e, mo di esserne anche ubbidito: tutti, infatti, si zittirono. Dopo sette o otto chilometri, quando avevo già preso un certo vantaggio, mi occorsi di non avere più lo copertura posteriore destro. Probabilmente colpilo do un proiettile, si ero completamente sbriciolato ed avevo perduto tuffi i frammenti lungo lo strada; c 'ero rimasto so/o il cerchione. Tutti o ferro, o cambiare lo ruolo di scorto. Non c'ero grado che tenesse: lutti si odoprorono, monuolmente, come il più umile dei conduttori, per effeffuore lo sostituzione o tempo di record. Ero sfato doto l'ultimo giro di vile o/l'ultimo bullone, quando lo blindo riapparivo o tiro utile. Via di corso, tutti in macchino, per non fermarsi finché non fummo o/ sicuro. Quello che mi chiedo ancor adesso è come abbia follo o non saltare su uno delle mine celate o milioni sotto lo sabbio. Piano piano, riuscii o riportormi sullo pista, dove incontrammo uno stazione radio tedesco. Per mezzo di esso, riferimmo o/ Comando lo situazione, affinché comunicossero o Roma che non vi ero alcuno possibilità di ofloccore. Poco dopo, alcuni aerei tedeschi giungevano o bombardare lo zona do dove eravamo appeno fuggiti. Solo allorché fummo o/ campo, potemmo tirare le somme, per renderei conto che mancavano oli'appello lo molo e uno macchino, quello del mio carissimo amico Giuseppe Truglio, di Reggio Calabria. Erano trascorsi due giorni ed io sentivo ancoro dentro di me l'angoscio per lo sorte del mio amico, quando lo vidi giungere con lo suo macchino o/ campo, con sopra il mofociclisfo ferito. Ci abbracciammo colorosomente, felici l'uno per lo so/vezzo dell'oltro, e subito dopo ci comunicammo le rispeffive peripezie. Anche lo suo ero slolo uno vero odisseo. Mi raccontò che, mentre ero lì, immobilizzato dogli Inglesi, avevo seguito ottimo per offimo tuffo lo scena: io che scappavo e l'autoblindo che mi inseguivo sparando. Con il cuore in tumulto, dentro di sé mi incitavo e pregavo: "Corri, Guerrino, corri! So/voti o/meno tu! Signore, aiuto/o!" fino o che non mi vide sparire, sempre inseguito, dietro l'orizzonte. Poi ero sfato portato o/ campo inglese con lo suo macchino e con il mofociclisfo, ferito, disteso su un asse dentro lo veffuro. Ero notte: davanti o lui due pattuglie inglesi boffevono il perimetro dell'occompomenfo, incontrandosi per poi ollonfonorsi verso due opposte direzioni. Al suo fianco, suo sentine/lo personale, c'ero un altro soldoto inglese.

Nessuno si ero accorto che solto il sedile di guido c'ero uno boffiglio d 'aequo minerale. Egli avevo offeso un momento in cui le pattuglie si erano aperte, avevo estratto fulmineamente lo bottiglia e l'avevo rotto in testo olio suo guardia del corpo lo quale, tramortito, ero caduto o ferro. Poi, messo in molo lo macchino, se l'ero filato o tutlo velocità. Il Truglio venne poi premiato con lo Croce di Guerra o/ V.M. , mo non per essere sfuggito agli Inglesi, bensì per uno ragione ben più importante: l'aver so/volo il cifrario segreto che si trovavo proprio o bordo dello suo veffuro e che gli Inglesi non avevano ancoro scoperto. Poco tempo dopo, il genero/e Glorio venivo rimpatriato per assumere il Comando del V Corpo d 'Armalo. Primo di partire, mi domandò se, per il mio comportamento tenuto nell'azione descriffo, preferissi uno decorazione o il rientro in Patrio. Optai per lo secondo soluzione e questo mi risparmiò, con ogni probabilità, lo coltura e i conseguenti anni di prigionia cui andarono incontro invece quanti erano rimasti in Africo. Dopo lo guerra, ebbi un fiffo scambio di corrispondenza con il genero/e Glorio: questo slo o dimostrare quale spirito di corpo posso instaurarsi, anche o bordo di un veicolo con il quale più uomini, anche se di grado diverso, hanno diviso mesi ed anni di fatiche e pericoli».

LA CAMPAGNA IN AFRICA SETTENTRIONALE

Il primo da sinistra, nella

foto ricordo, è lo stesso testimone del presente racconto, Guerrino Forbicini. Accanto a lui, l'autiere Giuseppe Truglio, altro protagonista dell'episodio raccontato dallo stesso Forbicini (foto G. Forbicini)

133


CAPITOLO

5 LA CAMPAGNA ·NEl BALCANI LA CONQUISTA DELLA GRECIA a Germa nia dil agava in lungo e in la rgo in Euro pa, mentre l'Ita lia era p ra tica mente a ncora a l pa lo: s i impo neva un s uccesso s u qualche fron te per solleva re il prestig io d ella p otenza ita liana ag li occhi d el mo ndo, ma soprattutto ·di qu elli d el s uo s tra potente allea to . Da qui l'orma i s to rico «Spezzeremo le reni alla Grecia », una delle frasi di Mu ssolini più ironica mente celebri. Mai d ecisione s i sarebbe rivelata p iù ca tastro fi ca e più d eleteria, in rapporto ai fini che s i intendeva raggiungere. Un pia no per l' in vas ione d ella Grecia , id eato d a l general e Alfred o Gu zzoni, esis teva già d a ll 939, cioè d al peri od o s u ccessivo a ll'occu pazione dell' Albania, e p reved eva l' impiego d i 18 d ivis ioni rin fo rza te. 1114 ottobre 1940 Mu ssolini chied eva al s uo Ca po di Sta to Maggiore, ma re:;cia llo Bad ogli o, qu a nte truppe e quanto tempo sa rebbero s tati necessari p er ba ttere i Greci. Il maresciallo r is po nd eva che, second o la s ua valutazione, occorreva no 20 divisioni e tre mes i (una va lutazione in linea, perciò, con il piano Guzzoni). A questo punto Mussolini d ecideva: annessio ne d ell'E p iro, di Corfù, d elle iso le lo nie ed occupaz ione di Sa lo nicco. Data ultima per l'apertura d elle ostilità: 26 ottobre, poi pos ticipata, per a lcuni contrattempi, a l 28 (combinazione: anniversario d ella Marcia s u Roma). Non s i ca pirà mai il senso d el parere richies to a ll' alto ufficia le, vis to che il progetto avrebbe d ovuto essere realizzato, second o il Ca po d el Governo, con 8 divis io ni (qu ell e g ià allo ra p re-

L

134

senti in Albania, agli o rdini d el generale Visconti Prasca) e con 2 settimane d i tempo per l'organizzazio ne. Il 27 o ttobre s i apriva così un nuovo scacchierercon base operativa in Albania. Su qu esto territo rio le truppe, rette d a un Comando Su periore, era no artico la te in 2 corp i d'a rma ta com prend enti le div is io ni : «Parma», «Piemo nte», «] u li a», «Ferra ra », «Siena», «Centauro», «Venezia», «Arezzo» e un «Raggruppa mento d el Litorale» formato dal l o Reggimento Granatieri e 3 reggimenti d i cava lleria. La forza complessiva era di circa 150 mila uo mini. li pia no, s ia pur rischioso, av rebbe po tuto funzionare: l'esercito greco era a n co ra in fa se di ra duna ta e qu esta avrebbe potuto essere ostacolata sfruttando la nostra su periorità aerea. Invece, il fo rte maltem po che ca ratte ri zzò lo s vi luppo d elle op erazioni nella fase iniziale non solo rallentò l'avanzata italiana, ma imped ì anche l' impiego del l'aviazio ne e questo consentì a i Greci, guid ati d al generale Papagos, di completare la radun ata. Le cose co rninciavano a complica rs i. La fase di a va nza ta, dal punto di vis ta opera tivo, non incontrò ostacoli: gli alpini d ella «Julia», facendo leva s ulle caratteri s tich e, pro prie d el Co rpo, di ope rare a pi edi s ui terreni pi tl ostici, era no riusciti a p enetra re per 70 chilometri o ltre il con fi ne g reco. Ma la contro ffens iva d ei Greci non s i fece attend ere. Il movimento d el fronte italia no cominciò a s ubire una pericolosa rotazione a ntioraria. Mentre infatti s ul fi anco d estro continuava la lenta avanzata ver-


135


Nel frattempo, sce nd endo lun go l'Adriatico, la 2i! Arma ta italia na s i ricongiungeva con alcune divisioni risalenti dall'Albania. A questo punto- a prile 1941 -la pres en za militare italiana aveva raggiunto le 500 mila unità. Giunte al confine g reco-jugos la vo, lo varcarono in più punti. Il 21 aprile, le forze corazza te ted esche isola vano le 16 di vis ioni g reche che contrastavano l'avanzata italiana. 1124 aprile veniva firmato l'armis tizio. Con l' inte rvento d ei Ted eschi, l' occupazione d ei Balcani era stata realizzata in 15 giorni, mentre gli Italiani, in cinqu e mes i, non e r a no giunti a conclus ione alcuna. Per g li Italiani, solo la gius tificazione di essere s ta ti cos tre tti ad operare in condizioni ambientali difficilissime, con a rmi, mezzi e materiali d el tutto inad egua ti. Nonos ta nte l'eroico comporta m ento d ei nostri soldati, il già s ca rso pres tigio della p ote nza militare italiana usciva a brandelli e l'atteggiam e nto dell'allea to, p e r tutto il pros ieguo d el conflitto, può essere paragona to '! quello di un ricco s nob nei confronti d el «socio pezzente». Il 27 m aggio, con l'occupa zione di Creta da p a rte di truppe aviotrasp ortate ted esch e e di contingenti italiani prove nienti da Rodi, tutta la Grecia e ra assoggetta ta all e forze d ell'Asse. Trasporto di munizioni in prima linea, ad opera di un'autocolonna del 345• Autoreparto (foto V. Noto).

136

so l'Epiro, s u quello sinis tro, cioè nell a zona più mo ntana, le due divis ioni italiane iv i schi e rate (oltre tutto binari e) contro 4 divisioni greche (ternarie) presero a re trocede re. Al centro, a fa re d a p erno al movime nto, la «Julia>> . Occorreva no ra pidi rinforzi e ques ti, a seguito di afflu ssi su ccessivi e progressivi, p orta rono il totale d elle divis ioni a 27, addirittura 7 in più di quanto previs to d a Bad oglio . Venn e cos tituito un Com a ndo di g ruppo d'arm a te compre nd e nte la 9a e l' l P , s u 4 corpi d 'arma ta. Le forze in ca mpo si affolla rono sempre più in qu a nto a lle incre n1 e nta te unità italìa n e s i contra ppose un sos tanzioso contributo di uomini e mezzi (di particola re importa nza qu elli aerei) che venne ro fo rniti ai Greci dagli Inglesi. Fu proprio l'a rrivo di questi aerei che min acciava n o i ca mpi p e trolife ri c he i Ted eschi sfruttava no in Ro mania, a d e te rmin a re un massiccio inte rve nto di qu esti ultimi. Dopo aver dis trutto Belgrad o con bo mba rdame nti aerei, i corpi corazza ti d el gene rale Von Kleis t occupa rono in 12 g iorni la Jugoslavia .

Attività dei Reparti Automobilistici Le difficoltà logis tich e iniz iali, sopra ttutto per lo scarso te mpo disp onibil e p e r i pre p a ra ti vi, furo no e normi. Sa rebbero s ta ti n ecessari n u m erosi a utomezzi, in cons id erazio ne d ell'este nsione d ella regione, oltre tutto p riva d i fe r rovie e do ta ta di una re te s tradale p er nulla mig liore di quella lascia ta d agli stessi Italia ni al termine della Prima Gue rra Mo ndiale. In vece gli a utoca rri di cui il Coma nd o Supe riore p oteva d isp orre non superava no le 500 unità ed era no tutti impiega ti pe r le a tti vità portuali e p e r i r ifo rnim e nti di n ormal e a mminis trazione . Rim a neva no perciò insolute tutte le necessità connesse con il tras p or to d elle trup pe e il r iforni m e nto s traord in a ri o d i v iver i, mun izioni, ca rbura nti. Sare bbe ro s ta ti n ecessa ri, s ul mom e nto, alm eno altri due mila a u tom ezzi, per non pa rla re d elle deficie nze rela tive a tutti gli altri settori, quali i collega m e nti, g li equipaggia me nti, i mate riali. Queste ca re n ze veni va no ag-


LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Si trasporta benzina per le autocolonne in partenza per il fronte (foto Museo Storico).

gravate dall'eccezionale maltempo che, anticipando la stagione invernale, aveva gonfiato i corsi d'acqua, rendendo problematico ogni movimento. Con l'afflusso continuo di nuove divis ioni, le unità automobilistiche aumentarono di consistenza e i 500 automezzi iniziali divennero alla fin e 7000. In sintesi, le unità automobilistiche impegnate in varia misura nel la campagna furono: - il3° Autoraggruppamento di Manovra; -il 6° Autoraggruppamento d' Armata; - il 9° Autoraggruppamento d' Armata; -il l 0° Autoraggruppamento di Manovra; -il LXII Autogruppo Leggero; - l' Autogruppo Pesante di C.A. Alpino; - il Parco Automobilistico d'Albania; - 2 Frazioni di Parco Carburanti; - 11 Officine Mobili; - il 26° Centro Automobilistico. Automezzi al guado tra Podgoritza e Scutari (foto Museo Storico).

137


CAPITOLO

5

Si avanza faticosamente sulle strade {si fa per dire .. .) d'Albania {foto Museo Storico).

138

Gli alpini della "Julia" sono già al fronte; i loro muli, sbarcati al porto di Durazzo, vengono avviati a bordo di automezzi {foto Museo Storico).

In tutto gli autoreparti furono 58, di cui 12 misti, 21 pesanti, 16leggeri, 4 di soccorso stradale, 2 divisionali, 3 reggimentali. La corrispondenza militare cita il nome e l'esistenza di alcune unità, sia a livello di autogruppo, che di autoreparto e di autosezione, di cui però non si trova rraccia nei diari storici o nei quadri di battaglia. Uomini e mezzi furono sottoposti a un logorio continuo, sia per la conformazione del terreno costituito da un susseguirsi di montagne, sia per l'inadeguatezza delle rotabili, sia per le continue precipitazioni che ridussero ad acquitrini impraticabili le poche e maltenute strade. Pioggia, fango, neve e gelo furono il continuo dramma degli autieri ai quali venivano affidati comp_iti connessi ad ogni tipo di rifornimento per le neces-

sità indilazionabili dei reparti combattenti e che dovevano mantenere i collegamenti tra i porti, dove affluivano truppe e materiali, e le zone più avanza te e interne, dove erano in atto le battaglie. Riferisce Aldo Sentili in una memoria sull' «Autiere», nr. 4, del 1963: «Il sempre crescente affluire di truppe e le incessanti richieste di rifornimento di munizioni, viveri, indumenti e materiali di ogni specie, a cui si aggiunse l'autotrasporto di quadrupedi, nei cas i più urgenti, per la conservazione della loro stessa efficienza fisica nel momento in cui dovevano essere utilizzati in località particolarmente aspre e quando l'autotreno di guerra di costruzione più ardita doveva cessare la sua ansimante e tra ballante ascens ione per l'inaccessibilità del terreno, richiedevano un'organizzazione ed una


mole di lavoro di cui con difficoltà si può dare l'esa tta sensazione». Occorre prendere coscienza dell'estrema difficoltà di ricostruire le vicende di ogni singolo reparto, ad ogni livello. Ognuno di essi, fino alla min ore unità potrebbe fornire materia le per un piccolo volume. Le unità automobilistiche inoltre, ris petto alle corrispondenti d'arma, presentano una caratteristica che aumenta le difficoltà di ricostruirne la s toria· in maniera unitaria: il fatto di essere soggette a continue variazion i nei loro organici sulla base delle vicende contingenti e delle necessità del momento. Un autoraggruppamento, ad esempio, corrisponde- è vero- a quel lo che presso le armi è un reggimento; ma mentre quest'ultimo ha i suoi battaglioni e gruppi fin dal tempo di pace, al primo vengono assegnati autogruppi e autore parti (corrispondenti a battaglioni e compagnie rispettivamente) a seconda dell'esigenza. Si comprenderà perciò come la storia di una unità automobili s tica intersechi o s i sov rapponga in parte a quella di un'altra, a seconda d ei passaggi di dipendenza e degli sca mbi che intervengono tra le unità dipendenti. Ma sono sopra ttutto le esigenze di spazio che ci impongono di limitare la trattazione alle vicende delle sole maggiori unità, riservando a quelle di minor livello dei sempl ici.cenni. Più di ogni altra cosa, e pitl della completezza delle notizie, è nostra intenzione riusci re a ricostruire il clima e le condizioni nelle qua li il Corpo s i trovò ad operare. 6° Autoraggruppamento Era l'unico a u toraggru ppamento presente in Albania fin dall'inizio delle operazioni. Nella sua articolazione iniziale esso includeva: -X Autogruppo, di s tan za a Dafni con gli Autoreparti 164°, 174°,346°, 47° e 158°); -XVI Autogruppo, a Vrakati (con gli \utoreparti 95°, 110°, 2°, 44° e la 183a \ u tosezione); -2 Sezioni Autobotti (711 e 12il); - 1 Sezione Autoambulanze. Nell'agosto del1942 esso avrebbe assorbito anche il CVII Autogruppo, già del 9° Autoraggruppamento, anch'esso di stanza a Dafni (con gli Autoreparti 17°, 159°, 226°, 217°).

Più che dagli aridi bollettini di guerra o dai quadri di battaglia, la storia del Reparto può essere rivissuta attraverso l'opera in ed ita del maresciallo Edmond o Berardi «Ricordi confusi di una confusa campagna di guerra balcanica» (titolo volutan1ente ironico, in quanto gli avvenin1enti vengono invece sv iscerati ed esposti con notevo le chia rezza). Il sottufficiale ebbe l'opportunità di vivere e osservare tutte le vicende da un punto di osservazione privilegiato, cioè dal Comando del Raggruppamento e per tutta la durata (o qua s i) del conflitto. Ripercorriamo, quasi a volo, il s uo cammino, trascurando, per esigenze di spaz io editoriale, il çon torn o dell e numerose e co loritissime avventure che esulano dalla presente trattazione. Ecco quanto egli riferisce a proposito dell'armamento degli autieri del Raggruppamento: «Armamento, quello individuale, cioè moschetti mod. 91 da cavalleria, insiem e a quelli mod. 38, con cassa di noce o di faggio. Pistole invece per gli attendenti, gli addetti ai servi zi vari e l' aiutante di sa nità. Gli Jugoslavi, invece, e lo ri scontrammo a Scutari quando trasportammo le armi ritirate al disciolto esercito, più arretrati e più poveri di noi, avevano in dotazione fucili semiautomatici, più maneggevoli e m eno ingombranti d ei nostri, con caricatore a 5 colpi e di ca libro s uperiore al nos tro 6,5; più efficaci perciò e con maggiore vulnerabilità e celerità di tiro. Li avevano com.prati dall'Italia e recavano impresso il marchio della R. Fabbrica d'armi di Terni. Poveri noi! Se ci fosse andata peggio, chissà quanti dei nostri sarebbero m orti amm.a zza ti con armi fatte dalle nostre stesse mani!»

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Il fatto di essere arrivato in Albania prima d el 10° non fu per il 6° un vantaggio sotto il profilo della sistemazione logis tica. «Noi, privi anche dei comuni tel i mimetici da tenda, giunti a Durazzo il 4 ottobre, fummo alloggiati nelle baracche del locale Comando Tappa, piene di in setti. E da allora, nati modestamente, modesta mente siamo vissuti, seguendo l'esempio del nostro comandante- colonnello Sergio Biffoli - dotato di francescana umiltà, come anche all'Intendenza dicevano. Per questa ragione, l'opera to suo e dei suoi autieri,

139


CAPITOlO

5

seppur altamente a pprezzato e som mamente utile, non venne poi g ius tamente riconosciuto e valorizzato, perché nessuno ne cantò le lodi.» Il giorno successivo allo sbarco, il reparto venne tra sferito a Valona, acca mpato all'ombra di u livi secolari ma,

Un'autocolonna diretta al fronte scende verso la pianura in direzione di Tepeleni. Sullo sfondo, la Vojussa (foto Museo Storico).

«Siccome eravamo automobil isti, i tomi di mobilitazione non preved evano tende per noi, ma sacchi branda, studiati e fatti in modo da potersi append ere o distendere nell' interno degli automezzi. Ma se g li automezzi non c'erano, o fossero s tati carichi di materiali? Questa eventua lità non l'aveva prevista, lo Stato Maggiore, e avremmo dovuto dormire per terra. Gli autoreparti era no logori nei n"lezzi e con il personale decimato d alla malaria, tanto che m olti autieri avevano fi no a due macchine in consegna. Pochi reparti, invero, per l'impresa che si preparava. Con essi si preparò la radunata e lo schiera m ento delle truppe a lla frontiera greco- albanese e il trasporto dei m ateriali, delle armi, e delle munizio ni loro occorrenti.

Il p o meriggio del 23 ottobre, a ltro trasferimento. Passando per Kavaja, Rogozine, Lusnjia, Fieri, raggiungemmo Valona, dove p ernotta mmo negli alloggiamenti del 40° Au toreparto . Fu una marcia p enosa, so tto una pioggia dirotta e incessante, tanto che dovemmo ca ricare le due mo to sui camion per evitare incidenti ai m otociclis ti che, sfiniti e bagnati, non riuscivano più ad andare avanti. Ripresa la marcia il g iorno successivo, p er Draskovika e Tep eleni eravamo il 25 ottobre ad Argirocastro. Ci accantonammo n ella famosa città militare, a tutti nota e da molti discussa perché tutto era lì accentrato, con il campo di aviazione di fronte e la rotabile in mezzo. Il pomeriggio del 27 ottobre raggiungemmo la «Centauro», e p er un lungo tratto di strada, ci portammo verso il Kalibaki, d ove si arrestò la va gheggiata e s upposta passeggiata militare. Tanto entusiasmo nei p etti di q uei giovani bersaglieri e ca rris ti ma tanta tris tezza nel cuore di chi giudicava col se nno le conseguenze della folle impresa. Anche essi erano male equipaggiati, peggio armati, e dotati di carri M ed L (vere sca tolette di fia mmi feri) di difficile manovra, vulnerabi li e di scarso impi ego sulle poche s trade scoscese e s ulle fangose terre albanesi. Non solo, ma i com anda nti delle tre colonne (fanteria, artig lieria, e carri) si contesero la precedenza, per grado, arma, e anzianità, d el ca mmino verso la ... g loria, nell'unica via che li portava a l fuoco. Così autom ezzi, ca rreggi e altri materiali che ostaco lavano la ma rcia, venn ero sacrificati nel compromesso dell' accordo raggiunto laboriosa mente e precipitati nei burroni. Il 29 ottobre, già i primi autocarri d el 95° Autoreparto venivano co lpiti dai proiettili dei Greci; alcuni autieri rimasero feriti, altri vennero proposti per ricompense al valore. » L'accantonamento ad Argirocastro · no n era da considerare dei più fe lici, con g li automezzi serrati al centro di un canalone, obiettivo altamente remunerativo per attacchi aerei g reci che s i ve r ifi ca rono, appunto, nei giorni 2, 3 e 5 novembre, con pochi danni g razie all' imperizia dei piloti ne mi ci, ma che sp insero il com anda nte del Raggrupp amento ad assumere un' ini ziativa.

140

«Una bella figura quella d el nostro colonn ello, tosca no, di Firenze; asciutto e tutto pepe, e con l' hobby della fo-


tografi a. Poco scriveva, e le difficoltà le affro ntava sere name nte e le supe rava a voce con i Coma ndi s uperiori. Sempre in ITiezzo a noi ne i mome nti di m aggior pe ricolo, ci infond eva coraggio con la pa rola e con l'esempio . Dopo le incurs ioni aeree, pro pose a l genera le intend ente d i porta r via gli a utomezzi d a lla città milita re e s is te m arli in un luogo più s icuro, a l r iparo d e lle offese, ond e evitare d a nni al prezioso m a teria le a uto mobilis tico e la probabile paralisi d ei tras porti. L' inte nd e nte, a nche se rite neva g ius to e fond a to il co nsig lio, non vo leva accetta rlo, in qu anto non proveni va d a lui s tesso o d a qualcuno d e i su oi collabo ra to ri . An zi, fece ca pire c he il s u ggerime nto nascond esse sens i di timore persona le. Al che il colonnello ris pose: «Qu esta m ed aglia d'a rgento l'ho g uadagna ta d a sottote ne nte e avevo a ppena vent'a nni. Pe r dinws tra rle che non ho pa ura e che sono ancora que llo di allora, la prego di trasferirmi di nuovo in Fante ria, l'a rma d a cui provengo» . La fe rma e dig nitosa ris posta prod usse il s uo effetto. G li a uto mezzi vennero s istema ti sotto g li alberi e fra i ca nneti lungo un fiumi cello, e una ba tte ria contraere i venne a dife nd e rli .» Reca tosi un g iorno a Durazzo, il marescia ll o osservò g li effe tti di un bom bardamento avvenu to poche ore prima : «Venne ro colpiti a lcuni edifici, tra i qu ali un magazzino di commissaria to e andarono brucia te, ne l rogo, anche un cinqua ntamila paia di scarpe (diceva no). Da te mpo e rano lì giacenti e non ve ni-

va no d istribuite senza a utorizzazione d a Ro n1 a, m e ntre i solda ti a nd ava n o scalzi e si congelava no.» Era no sta ti a rruo la ti d egli Albanesi, a nc he com e finan z ie ri o ca rabini eri i qu a li, a llo rché le v icende comincia rono a prend ere una ca ttiva piega, fece ro un re pe ntino voltafa ccia. «Dura nte la ritirata, un gruppetto di s imi li cara binie ri torna va indie tro con un a utocarro . Armi a lla m a no, ing iunse ro a ll' a utie re d i in ve rtire la m a rcia per da rs i prig ionie ri d e i Greci. Il bravo sold a tino acconsentì per forza ma, a perto lo s p orte llo, si gettò d a lla macchina in moto che andò a s fascia rsi ne l fo ndo di un burron e col ca ri co di gend a rmi che portava .» Il Comand o d e l 6° tornava a Ti ra na. «Qui trasco rre mmo il Na ta le d e l 1940, con una te mpe ra tura sotto zer o che gelava l'acqua anche nelle baracche che avevam o ta ppezza to di giornali pe r evitare g li spiffe ri e le corre nti d' a ria, chissà come lo a v ra nno sentito i soldati in prima linea e g li alpini dis loca ti ad a ltitudini impervie e molto più elevate, senza fuoco e senz'a ltra protezione che un te lo da te nd a e una cop erta indurita dal g hiaccio ! La legna che cons umavamo finiv a presto; pe rò, se pe r gli a ltri ma n cava, gli automobilis ti, furbi per na tura e m a i secondi a nessuno p er astuzia e pe r capa ci tà d i a rran g ia m e nto, riu sciva n o sem p re a trovarne: talvolta anc he fin tro pp a, con i m ezzi e i modi più imp ensa ti. Die tro la caserma, verso la campag na, mo ntavano la gua rdia i solda ti d el

LA CAMPAGNA N E/ BALCANI

Recupero di un Lancia 3 RO dalle acque di un fiume albanese (foto Museo Storico).

141


Con un po' di estro, tutto è possibile trasportare sugli automezzi, anche un'intera garitta (foto Museo Storico).

26° artiglieria. Un mattino successe il finimondo e gli ufficiali artiglieri entrarono in conflitto (verbale, s'intende) con quelli automobilisti per indagare e scoprire dove era andata a finire la garitta di legno con la sentinella dentro. Gli autieri del 90° erano riusciti a trafugarla sen za farsene accorgere dal soldato che vi stava di guardia. Meraviglia e mistero che non venne mai svelato e che dimostrò ancora una volta quanto g li autieri siano figli di ... buona donna, quando ci si mettono. E che dire poi dei colli di viveri che spa rivano sotto il naso dei magazzinieri e nonos tante che all'interno degli autocarri ci mettessero soldati di sussistenza a guardarli e che sopra ci sedevano?» Tanti i congelati ma, grazie all'abilità dei medici italiani nella diagnosi dei vari gradi di congelamento, le am-

142

Le vicende al fronte hanno preso uno sviluppo non positivo, nell'inverno tra il '40 e il '41; nuove divisioni vengono fatte affluire dall'Italia e con esse tanti automezzi. Scarico di un autocarro al porto di San Giovanni di Medua (foto Museo Storico).

puta zioni erano ridotte all'indispensabile; al contra rio, i medici greci amputavano indistintamente. «Verso metà dicembre si accentuò ancor più l'offensiva dei Greci alla quale si dovette far fronte con trasporti urgenti di unifà e complem enti che giungevano dall'Italia per mare e per via aerea, fra cui le Divisioni «Julia» e «Bari ». Di molte unità che giungevano, quas i nessuna era organ icamente al comp le to. Si vedevano in giro per l'A lbania automezzi e carriaggi portanti i nomi di divisioni e brigate tra le più dispa ra te, mentre il grosso era ancora in Italia o addirittura non ancora mobilitato. I Greci avanzavano sempre e, se avessero osato, se non avessero temuto sorprese per il nos tro arretramento, c he supponevano strategico, avrebbe-


Lo stato delle strade albanesi e i servizi frequenti e pesanti erano causa di gravi incidenti. Sul/a strada Tepeleni· Valona un automezzo carico di munizioni si capovolge fuori strada: conduttore ed aiuto gravemente feriti (foto Museo Storico).

ro s paccato in du e tro nconi il nostro schiera mento e rigettate in mare le truppe d'Albania. Di qu i la necessità di sempre nuovi rinforzi ed arm i dall ' Italia. Dal ca nto nostro noi, senza sosta e riposo, trasportavamo al fronte uomini e materiali man ma no che a rrivava no. Pochi e logori gli a utomezzi, pochi gli autieri, ma s i doveva con1pi e re un grand e sfo rzo che richiedeva l'i mpiego di tutte le e ne rg ie. E s i dove tte ro requisire, per un po' di tempo, auto e conduttori delle imprese civili (Yaselli, Cafu ll i, ecc.) che svolsero anch'essi un'opera preziosa e meritoria, inquadrati da ufficiali e sottufficiali élUtomobilis ti. Inta nto, il nostro infaticabi le colo nnello, prevedeva e provved eva a tutto, rinc uorava ed inci tava tutti, pur non promettendo compens i e ri compense. Eravamo sotto le feste del Natale, nel periodo, cioè, in cui l'a nimo è più porta to a lla tris tezza e sorgono i più mesti pensieri volti alla famiglia, ai cari lontani; s i prova un desiderio di pace e di amore, uno sgom ento di lontano esiglio (come il Giusti scriveva ai suoi tempi). Ed una sera il colonnello radunò tutti gli autieri presenti (noi, quelli d el90°, altri che a noi facevano ca po e sostavano nella caserma, in attesa di impiego). Parlò come un padre s i volge ai suoi figlioli ed ebbe pa ro le così toccanti, da muovere le lacrime. Era già scuro ed alle tenue luce di una lampadina azzu rrata, non ci ved emmo reciprocamente luccicare gli occhi. Espose la critica s ituazione in cui si trovavano le truppe d'Albania, gli eroismi che compivano al fronte i nostri fanti e gli alpini per arginare l'avanza ta nemica ed invitò tutti a compiere un' ulteriore fatica, per una impresa forse de-

cis iva per le nostre a rmi, non scevra s icuramente di disagi, di sacrifici e di pericoli . Doveva no res is tere anche gli a utieri al volante, come resisteva no, con le armi, quelli che combattevano sui monti. Ma n ma no che pa rlava, la sua voce dive niva sempre più accorata. Pianse, parlando, il nostro comandante, piansero gli a utie ri, pervasi da sentime nto nuovo di ardore e di e ntu sias m o e, se in quel momento ci avesse chiesto la vita, l'avremm o offerta senza alcun rimpianto. Ed iniziò il carosello. Automezzi a ndarono, tornarono, ripartirono, senz' a ltra sosta che quella necessaria pe r il carico e il rifornimento del carburante. Gli auti eri, senza riposare un attimo e senza sufficiente nutrimento, erano te nu ti in piedi con le iniezioni, m a vieppiù dalla tensione nervosa volta a far presto, a far bene, a riuscire a compiere un sacro dovere, a raggiungere la me ta che la Patria additava. Qualcuno cad d e durante il p e rcorso, qualcuno precipitò; m a la falla fu tamponata p er l'opera e per m erito, non ultimi, degli a utie ri d el 6° Raggruppa mento. Yieppiù gradito il riconosci mento, qu a ndo esso viene da fuori e quand o le lodi le tributano g li estranei. Pe r cui riporto, qui appresso, un brano che Manlio Cecovini ha scritto a pag . 188-:189 di un libro pocket della casa editrice Longanesi: «Ponte Pera ti- La Julia in Grecia ». - «A una cu rva, un autocarro ci sbarrò la s trada. Era slittato obliqu am ente nella mota fino ad uscire con le ruote posteriori .d alla carreggiata. Il fondo della strada era tutto segnato, scavato, travagliato dal continuo afflusso

143


CAPITOLO

5

Altro automezzo precìpìtato fuorì strada sulla tratta Vafona-Tepelenì. Questa volta, un morto e due ferìtì (foto Museo Storìco).

di automezzi pesanti che annaspavano senza posa su per l'erta, recando pane, munizioni, e soldati insonnoliti. Ogni tanto, un autocarro usciva di strada e, se e ra abbastanza fortunato, si fermava sulla costola. Allora gli autieri saltavano giù con picchi, badili e corde e cercavano di rimetterlo in linea di marcia. Altre volte precipitava nel fondo valle ed era abbandonato con tutto il suo carico. Non c'era tempo per i recuperi difficili; la strada doveva rimanere sgombera ad ogni costo. Osservai per un po' gli uomini intenti nell'opera di sa lvataggio. Erano sfiniti, con gli occhi allucinati. Bru tto mestiere, il loro: arrivavano in piena notte dietro le linee, scaricava no rifo rnimenti e caricavano feriti e portaordini. Si fermavano qual c he minuto e via, di ritorno, a Berat, a Valona, a Fieri, a Durazzo, a Tirana. Una vita d'inferno, mangiando sì e no un rancio ca ldo alla settimana, senza una sosta, senza un vero lungo sonno ristoratore, sempre esposti agli attacchi aerei, sempre in pericolo di perdere le macchine lungo la sca rpata a picco della strada fangosa >> . Ma, ironia della sorte, proprio in quei giorni l' Intendenza era più severa con noi, più minacciosa, fino a trasferire in Fanteria e, quindi, in prima linea, gli autieri con l'au tomezzo guasto o in riparazione. E dagli organi del movimento strad ale fioccavano punizioni e segnalazioni di punizioni più strane e

impensate. Ne ricordo una, comica nella forma, ma tragica nella sostanza, a carico di un autiere dei più provati, sorpreso ai margini della strada a concedersi un istante di riposo: «SI ADDORMENTAVA SENZA AUTORIZZAZIONE». L'ironia del racconto si fa amara, come allorché venne annullato un servizio che avrebbe dovuto recapitare un carico di pomata antiassiderante, per sostituirlo con uno di opuscoli di propaganda. Non mancarono tuttavia i riconoscimen ti, come l'encomio in data 12 gennaio 1942, tributato da parte dell'Inte ndente Superiore, generale Scuero, a lle unità a utomobilis tiche di Durazzo e Valona. Giungevano nuovi reparti dall' Italia, destinati sopra ttutto al10°, e automezz i nuovi, requisiti, riverniciati dal 6° e destinati a sfi lare per le vie di Atene. «Noi, invece, continuammo ad usare quelli logorati da un intenso impiego; quelli ormai vecchi ma che avevano, però, tanti episodi eroici da racconta re, tanta esperienza per arrampicarsi su per le impervie strade dei monti albanesi e che recavano i segni evidenti delle ferite inferteci dai Greci. En trati in funzione i nuovi reparti giunti dall'Italia, il servizio automobilistico subì un nuovo e definitivo riordinamento. 1110° Autoraggruppamento di manovra rimase a Tirana ed oc-


cupò i locali che noi avevamo lasciati, mentre il6°, passato alle dirette dipendenze dell'11 a Armata, si trasferì a Fieri, poco !ungi da Berat, dove g li autoreparti del XVI Autogruppo erano quas i g iornalmente sottoposti alle offese aeree. Il 26 febbraio d el1941, venne anche per il Co ma ndo del 6° Autoraggruppamento il battesimo del fuoco. Verso mezzogiorno volarono su Fieri cinque bombardieri e tre caccia di scorta che lanciarono in fretta e senza ripassa re alcuni grappoli di spezzoni che, per fortuna, non scoppiarono tutti su quel terreno molle e acquitrinoso. Ma penso che non solo su noi e s ul Comando Tappa era no diretti i colpi, ma s u di un obiettivo molto più importante: il Comando dell'11" Armata che, per sua buona sorte, si era da poco spostato altrove. Per lungo tempo siamo stati a contatto di quelle bombe che avevano formato, cadendo, pozzetti d'acqua profondi, recin tati poi dagli artificieri co n filo di ferro s pinato e la scritta: «BOMBA Dl AE REO INESPLOSA - 26 FEBBRAIO 1941 » . Quel26 febbraio fu un giorno di lutto e di dolore per noi. Su poco più di 30 uomini in forza, il nostro reparto ebbe un ufficiale ucciso ed un altro ferito ed una decina di soldati feriti. La sera quando, riuniti, ci contammo, non eravamo più nemmeno in venti e, per chiudere in bellezz.a la giorna-

ta, venimmo a s apere che la notte precedente un'altra incursione su Tirana aveva ucciso un sergente ed una quindicina di soldati del 26° Centro Automobilistico. Molti altri i feriti. E li conoscevamo quasi tutti! A poco a poco, la vita riprese il ritmo d i prima, ma turbata dalle notizie catastrofiche che giungevano dal fronte, mentre gli autieri continuavano a compiere, come sempre, la loro diuturna fatica, dis locati a Tepeleni, Sinanai, Valona, Berat e in varie altre località, tra i boschi e g li acqu itrini, pesantemente in marcia sotto il tiro nemico e le offese aeree, percorrendo la paurosa strada della «Serpentina» e quella del «Passo Logora», che logorava le macchine e il sistema nervoso d ei conduttori.» L'autore non lesina frecciate all'indirizzo di certi ufficiali di ogni grado, pronti a metters i al sicuro a danno d ei propri so ttopos ti, su llo s tile di ... armiamoci e partite! e non si fa scrupoli di sve lare le misere condizioni nelle quali erano costretti a combattere i fanti. L'ironia diventa sa rcasmo allorché egli racconta di una pacchiana «sceneggiata » imba stita con una finta battaglia tra Ita liani e Greci (o meglio Italiani vestiti come tali), con finti morti, finti feriti e finti prigionieri, allo scopo di far girare un film di propaganda. Il Berardi non s i fa neppure scrupolo di svelare episodi disonorevoli, qua li il

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Scorcio della strada Vafona-Tepeleni (foto A. Segati).

145


Inverno 1941-42. Autocarri parcati in mezzo alla neve al Passo Logora (foto SME-Ufficio Storico).

Anche le motociclette sono ammantate di neve, nell'inverno a Passo Logora (foto SME-Ufficio Storico).

146

merca to nero pratica to d a un ufficiale automobilis ta d el1 58°, m orto poi in un conflitto a fu oco con i Ca rabinieri ch e lo aveva no sorpreso in fl agrante. «La vis ita di Mussolini impresse una nuova s pinta alle opera zioni. Truppe e materiali g iungevano continu amente dall'Ita lia ed erano avvia ti s ubito in linea, a nche se incomplete e senza d otazioni di re parto a l seguito. Munizioni, solo quell e indiv idua li. Ma quand o le munizio ni erano finite, qua nd o nessu no gliene portava perché più non ce n'erano, ai reggimenti che arretravano venne tolto l'onore d ella ba ndi era . Ve n n e p o i a n che il l 0° A u toraggruppamento di Manovra che, come già

d etto, aveva un 'a ttrezza tura mo lto pi ù ricca d ella nostra; al suo con fron to, faceva mo una ben meschina figura. Verso la metà d i g iugno lasciam mo Goranshi e, per Giorg iuga t, superato il Kalibaki, arrivamm o a Gianina d ove i Ted eschi ch e l'a veva no g ià occupata no n ci fecero entra re e la s upe ra mmo da lla s trad a di ci rcon vallazione, in un mattino umido e nebbioso. Ma n m a no che ci in o ltrava m o nel territorio g reco, ci rend eva m o conto d i qu anto era s tata dura la g uerra anche per loro: carcasse di automezzi e di ca rri a rma ti, cannoni s mo ntati e affu s ti ai marg ini d elle s trade e in fond o a i bu rro ni, ins iem e a lle ca rogne d egli anima-


Resti di un autocarro nemico sul fronte grecoalbanese. Si notano le scritte in caratteri greci (foto SME - Ufficio Storico)

La conquista della Grecia è stata realizzata; alcuni automezzi percorrono una strada nei pressi di Anphilochia (foto A. Segato).

li; paesi bombardati, magazzini incendiati, d epositi saltati in aria, case con i tetti scoperchiati, macerie. Finalmente, riposo ad Amphilokias, un paesino ridente che si affaccia sulla ri va di una s tretta e profonda insenatura, in fondo e n ella p arte pitl interna del Golfo di Arta . Pochi g iorni dopo, g iunse nei pressi la Divisione «Acqui», quella che sarebbe poi stata barbaramente trucidata a sa ngue freddo dai Tedeschi a Cefalonia, che si accampò lungo i fianchi del monte. Chi ce Io avrebbe d etto ch e quei giovani che avevamo avvicinato, avrebbero fatto una così brutta fine? Abbiamo saputo dopo che, ultima-

te le opera zioni belliche contro la Grecia, il comandante dell'li a Annata aveva chiesto che la sua Armata, al completo e sotto il suo Comando, veni sse trasferita in Africa oppure in Russia. La sua aspirazione era quella di portarci a morire ammazzati ed ottenere, lui, il bastone di m arescia llo d'Italia.» · Da Amphilo kias, il 6° venne trasferito poi ad Atene. Notevole difficoltà, in questa nu ova sede, veniva detenninata dal fatto di dover coesistere co n i Tedeschi. Ad Aten e, il colonnello Biffali venne sostituito nel comando da un tenente colonnello il quale volle basare la s ua

147


CAPITOLO

5

azione di coma ndo sulle minacce e sulle puni zioni. «Conseguenza logica del comportamento del nuovo comandante: gli autieri, per evita re di essere puniti, producevano guas ti agli automezzi e ... rimanevano a casa. In ta l modo interi reparti_erano inefficienti ed il servizio trasporti subiva serie difficoltà. E ciò, in aggiunta alle difficoltà che cau savano gli autoreparti con Mercedes, per le rotture dei perni di ste rzo che non s i trovavano di ricambio e che, in attesa che arrivassero dall'Italia, rimanevano fermi. In Grecia, i repa rti autom obi listici erano così disloca ti: - Comand o del Raggruppamento ad A tene; - Comand o XVI A utogruppo a Wraka ti; -Comando X Autogruppo a Daphni; - Comando CVII Autogruppo a Kaidari; - Autorepa rti al Pireo, Volo, Corin to, Pelop6nneso, Salonicco, ecc. L'atti~ità di tali reparti seguitò ininterrotta èd essi furon o sottopos ti a nuovi disag i e fa ti c he p e r le interru z ioni ferroviarie (ad esempio, quella d el Ponte di Mirallo) e s trada li; per il trasporto d elle truppe nelle loca lità ins idiate dai partigiani; per rifornire i presidi dislocati nei punti più lontani; pe r il servizio pos tale; ed infine, p er riforn ire di vive ri la popolazione civile. In ultimo, per rilevare le unità che giungevano in treno dall'Italia per esse re avviate in Afri ca dai vari po rti del la G recia p e r confondere le idee d egli informatori ne-

148

Il colonnello Giuseppe Papi, comandante del t o• Autoraggruppamento, al suo arrivo al porto di Durazzo (foto Museo Storico).

miei, celare i rnovimenti di tru ppe d es tinate o ltrem are ed, eventualmen te, sottrarle ai pericoli d elle offese aeree e dei s iluramenti. Due nostri autieri (non so precisare se d el 347° o del174° Autorepa rto) adibiti al serv izio postale, ebbero g li autoca rri incendia ti, essi seviziati, arsi e lasciati ca rbonizzati lu ngo la s trada . Non credo che il doloroso evento e i narni d i quei due caduti siano stati posti in risa lto e fatti conoscere in Italia nel dovuto valore, così la Patria non ha potuto premiare, com e meritavano, il loro olocausto co n una ricompe nsa ed eternarne la memoria ».

10° A uto raggruppamento Il10° è forse il rep a rto di cui s i riesca a conoscere più a fond o le vicissitudini, in ciò privilegiato dall'a ttività di scrittore d el s uo coma nd a nte, co lonnell o Giuseppe Papi, innamorato d ella creatura affidata alle s ue cu re e appassiona to promo-to re di og ni possibile iniziati va tesa ad esaltarne i meriti. Costituitosi nel giugno del1 940, esso venne mobilitato p er l'Albania a novembre d ello s tesso anno. Il LII Autogru ppo e ra già su l pos to da un paio di mesi, essend o pa rtito da l Veneto il 31 ottobre (con alcuni a utoca rri fe rmi ancora a Bari in attesa di imbarco), q ua ndo, il 21 d icembre, a nche il personale de l Comand o dell' Au to raggruppamento, del LI Autogruppo e di un paio di autoreparti, p re ndeva la via dell' Al-


bania, a bordo di 25 aerei tedesch i tipo «Junker». La gu erra, in quel momento, era nella s ua fase culmin a nte . Me ntre a ttendeva alle operazioni di siste mazione in un territorio sul quale tutto, dalle s trad e agli accantonamenti, era da costruire o da completare, il reparto cominciò ad operare. Per i primi g io rni, s i trattò in mass ima parte di viaggi ricognitivi, tesi a saggiare le possibilità offe rte dal paese, a scoprire le difficoltà c he s i sa rebbero incontrate, a individu are le solu zioni più appropria te. Era già Nata le. Gli ufficiali più g iovani non nascond eva no il loro e ntusias mo per esser sta ti chi a m ati a partecipa rre a un 'i mpresa che veni va prospe ttata com e esa lta nte e s i senti vano fieri d i porre tutte le loro e nergi e a l servizio d ella Patria. l più anziani, per contro, correvano con i loro ricordi ad altri Nata li a naloghi, lega ti alle loro precedenti esp e ri e nze d i g uerra, e tornava no ad aleggiare i fantasm i d elle trincee del Carso, d ell'Altopiano di Asiago o dei dirupi del territorio abissin o della ancora fresca guerra d'Africa ... e si c hi edevano quanti a ltri ancora n e av rebbero dovuti trascorrere lontano dalle loro famiglie, ora che una rapida conclu sione della guerra si e ra ri velata un' illusione. Alla data d el 15 gennai o, dopo alcune operazioni di riordinamento, il10° Au toraggruppamento e ra. articolato in: -LI Autogruppo (con gli autorepa rti 58°, 105°, 158°, 159°, 167°, 345°, 347°); - Lll Au togruppo (con gli a utoreparti 17°, 25°, 162°, 166°, 169°, 214°); - 10° Re parto soccorso strad ale; - 320° Autorepa rto Mis to; - 2 sezioni ambulanze; - 2 sezioni autobotti; - 2 sezioni autobu s. Inoltre, dallO marzo al13 a prile, esso ebbe alle propri e dipendenze, per il solo impiego, anche il CIV Autog ruppo, proveniente dal 3° Autoraggruppamento, con gli autoreparti 39°, 48°, 49°,92°,123°,141°. In totale, l' Autoraggruppamento ebbe alle dipendenze, per l'impiego, 21 autoreparti, tenendo conto anche di un Reparto Speciale Autobus cos tituitosi i110 aprile del1941, su ordine dell'Intendenza Superiore, con mezzi requisiti e con autobus in d o tazione alle varie unità presenti in Albania. Fu appunto verso la metà di gennaio che prese avvio la vera e propria attività di trasporto. Il lavoro di maggior entità si svolgeva presso il porto di Du-

razzo, dove affluivano in continuazione navi recanti i carichi più e terogenei, dai v ive ri, alle munizioni, agli anima li. Di regola, le navi attraccavano di giorno ma, anche quando g iungevano di notte, l' a ttività di carico e trasporto non conosceva soste e proseguiva sotto la luce d ei riflettori. Ogni sera la Direzione Trasp orti faceva pervenire al Comando dell'Autoraggruppamento gli ordini di servizio su un ampio foglio (denominato "lenzuolo"), dove venivano meticolosamente riportate tutte le indicazioni relative ai servizi d a espletare il giorno successivo: autoraggruppamento o ditta civile incaricati del trasporto, numero e tipo di mezzi, località di carico, ora di presentazione, quantità e qualità delle merci e perfino il servizio da compiere nel viaggio di rientro in sede, ai fini della realizzazione della massima economia.

11345" Autoreparto in autocolonna nei pressi di Elbasan, nella valle dello Shkumini (foto Museo Storico).

149


CAPITOlO

5

Trasporto di mezzi corazzati: il rapporto con l'automezzo e il fatto che venga trasportato sul cassone, forniscono la misura tangibile delle dimensioni e del peso dei nostri mezzi corazzati (foto Museo Storico).

150

Nell'arco della sera e della notte gli ordini dovevano poi discendere agli autogruppi e da questi agli autoreparti. Veniva perciò richiesta una forte rapidità di esecuzione prima agli scritturali dei Comandi e subito dopo ai motociclisti che dovevano precipitarsi verso tutte le direzioni a smistare gli ordini in .tempo utile. Nell'ambito d i questa attività, l' Autoraggruppamen to ebbe purtroppo a lamenta re una vi ttima, il motociclista Mario Pedone, travolto e ucciso da una mandria di cavalli imbizzarriti. Dato il raggio d'azione del reparto, i viaggi non superavano mai i 240 chilometri tra l'andata e il ritorno e si concludevano, di massima, entro il giorno d'inizio. Se vi furono, pur se rari, ritardi, questi derivarono da imprevisti quali dirottamenti, eccessiva sosta per lo sca rico o piogge violente che alteravano lo stato di transitabilìtà delle strade. Frequenti e dettagliate erano le direttive provenienti dall'alto, cioè dalla Direzione Trasporti dell'Intendenza, volte soprattutto a migliorare il comportamento dei militari alla guida. Ad esse corrispondeva un efficace s istema di controllo lungo le strade e non mancarono multe e provvedimen ti disc iplinari a ca rico di conduttori, soprattutto per eccesso di velocità. A parziale discarico di questi occorre però precisare che spesso le infrazion i veniva-

no commesse per colpa degli ufficiali comandanti dei reparti trasportati i quali, viaggiando in cab ina, spronavano l'autista ad accelerare l'andatura. Lungo gli itinerari di maggi<;>r traffico, vennero istituiti dei posti ristoro, affidati alla conduzione di personale con precedenti di mestiere nella vita civile, presso i quali i conduttori potevano contare su un pasto, quasi sempre ca ldo. Dal momento della sua costituzione fino all'aprile del1941, l' Autoraggruppamento aveva compiuto 31.404 missioni, trasportando 144.811 uomini, 4.177 quadrupedi e 1.040.739 quintali di m ateriali, con una percorrenza complessiva di 8.606.220 chilometri, pari ad una g iornaliera di 117 chilome tri per automezzo, tale da suscitare la perplessità dello Stato Maggiore sulla veridicità della cifra, se non fosse stata suffragata da elementi inoppugnabili. La cifra assumerà il suo giusto risalto ove si consideri su quali s trade questi ch il ometri vennero percorsi e la concomitanza deU:intera stagione invernale. Si trattò di uno sforzo poderoso che sottopose a un forte logorio il materia le automobilistico impegnato ogni giorno, senza soluzione di conti nuità. Vis to nelle sue li nee generali, l'impiego opera tivo dell' Autoraggruppamen to può essere d istinto in tre fa s i, corrispondenti ad altrettanti periodi:


-nei mesi di gennaio e d i febbraio del1941, la sua attività logistica fu volta al rafforza men to difensivo del fron te su d; - quella del mese di marzo fu d edicata ai trasporti d elle Divisio ni «Casale», «Piemonte», «Firenze» e «Cuneense», in movimenti s trategici di preparazio ne sempre s ul fro nte sud; - in aprile, l' Autoraggruppamento operò invece per gli spostamenti delle Division i «Puglia», «Messina», «Marche», «Cagliari» e per trasporti di colonne operative. Il trasporto della divisione «Casale», costituita quasi completamente da soldati romag noli, corregio na li perciò di Mussolini, suscitò l' interesse dello s tesso Capo del Govern o, il quale attese l'a utocolonna lungo l' itinera rio, la fece sostare e s i intrattenne in scambi di ba ttute con i militari della d ivis ione e con gli stessi conduttori, verso i quali ebbe parole di elog io e di incoraggiamento. Il trasferimento della «Firenze», invece, va ricordato per la rapidità con la quale venne eseguito, tale da s uscitare incredulità prima e compiadmento poi del pur esigente e burbero Direttore d ei Trasporti . Si trattò di movimenti effettua ti con un numero di mezzi inadeguato alle necessi tà, il che fece sì che g li autieri d ovessero operare s ia di giorno che di not-

te, senza sosta, superando ogni dfficoltà per st rade impervie, spesso rese im- LA CAM PAGNA praticabili da interruzioni o in ondaNEl BALCANI zioni. Il 23 apri le venne s tipulato l'a rm is tizio co n la Grecia e, se nella ci rcos tan za del Natale l'esperienza era servita ai più anziani per acquisire l'opp ortuno disincantamento, questa volta la s tessa esperienza fu per ess i foriera di cocente inganno. L'a rmis tizio da essi già vissuto era infatti quello d el 4 novembre 1918, con la fine della guerra, le licenze, il ritorno a casa; e molti si illusero che l'evento potesse replicarsi. Non si sospettava invece che, per i più, la guerra sarebbe continuata su altri fronti. Tuttavia, un netto mig lioramento lo s i ebbe ugualmente: i servizi diminuiro no, a turno tutti s i recarono in li cen za, alcuni furon o anche rimpatriati. A com pendio dell'attività del ragg ruppamento, dall'arrivo al momento dell'armistizio, possiamo assumere alcune considera zioni dello stesso colonnello Papi. «Solo chi v i è s tato - scrive il comandante- rico rderà il bivio di Vorra, la paurosa s trada con «serpentina» tra le montag ne, quelle per Giava, Puka e Fukes, per Piscopeia e tutte le altre per Automezzi del 345• raggiungere le truppe operanti su lle Autoreparto trasportano pendici del Tomori e nella zona diVotruppe verso il fronte (foto ritza. V. Noto).

151


CAPITOLO

5

Un autocarro colpito dall'aviazione inglese sulla Vojussa e recuperato dagli ltaliani(foto Museo Storico).

Un'autocolonna si appresta alla non facile traversata del Drin, il più lungo fiume d'Albania, su un ponte di barche (foto Museo Storico).

152

In tanta fatica non mancarono eroismi degni di riconoscimenti simili a quelli dei fanti che, inchiodati nel fango, impedivano l'avanzata nemica. Ricordo, tra i molti, il recupero di 2 autocarri Fiat 666, del25° Autoreparto, raggiunti dalle artiglierie nemiche sul passaggio della Vojussa e i vi immobilizzati per la morte degli autieri che li guidavano; la morte dell'autiere Bagarol, del58° autoreparto, sparito col suo autocarro nelle acque del Drin di fronte a Oibra; la sfida agli innumerevoli bombardamenti aerei al ponte di Berat ove venivano colpiti automezzi e autieri. Uno di questi, sebbene ferito e trasportato all'ospedale, appena rinven-

ne si preoccupò soltanto di conoscere la sorte del suo automezzo. Tanti altri episodi potrebbero dimostrare la resistenza, il coraggio, Io sprezzo del pericolo di questi nostri soldati obbedienti, laboriosi e gelosi del loro automezzo, che davano vita a una moltitudine di combattenti privi di tutto e immobili zza ti sul terreno. Ma se questa fu l'opera di coloro che animavano i motori, un encomio meritano anche tutti i comandanti di autoreparto che seppero guidare e forg iare i loro uomini in una gara continua di emulazione e di cura degli automezzi, tanto che l' Autoraggruppamento può vantare di non aver m ai inviato un au-


tocarro alla riparazione nei Parchi. Lode va perciò anche agli innumerevoli, modesti operai che, ricostruendo e sostituendo parti di ricambio difficilmente trovabili, seppero far scendere la massa degli autom ezzi inefficienti ad una media delS %.» Anche l'opera del10° Reparto Soccorso Stradale fu degna d i nota. Tu t ti i suoi nuclei si mossero in ogn i ora e con ogni tempo. Dal dicembre del1940 all'aprile del 1941 effettuarono 493 recuperi, valida testimonianza dello spirito di sacrificio e della competenza degli autieri che di quei nuclei fecero parte. Per festeggiare la vittoria, la Germania indisse una grande parata ad Atene e il Comando Superiore italiano affidò proprio al 10° Autoraggruppamento l'autotrasporto che venne chiamato «la colonna di Atene». Vennero utilizzati 200 Fiat 626, tutti riverniciati a nuovo in grigioverde, sui quali spiccava, in bianco, la scritta «10° Autoraggruppamento di Manovra ». La colonna, partita da Korcia e varcato il confine greco-albanese, passò alle dipendenze dei Tedeschi . Senza neppur tentare di celare la propria sfiducia, il comandante tedesco affermò che almeno il30% di quei mezzi s i sarebbe fermato per strada e, affinché non costituissero intralcio alla colonna tedesca, li fece marciare lontani dai propri, su strade secondarie e sconnesse. Tutti gli automezzi, nessuno escli..tso, arriva-

rono invece ad Atene e s fi larono constile e disciplina tali da sembrare- parole di chi vide la ripresa cinema tografica - legati l'un l'altro con un filo. Terminata la sfilata, la colonna italiana venne relegata dai Tedeschi a 70 chil ometri da Atene, dove il personale poté provvedere a lla cura dei propri mezzi, ma dove dovette ancora subire sorpru si e umiliazioni da parte dell'alleato. Alla fin e di maggio una nuova autocolonna, anch'essa di 200 automezzi, effettuò il trasporto del 3° Reggimento Granatieri, ripercorrendo in parte- quasi un revival di eventi passati -quella stessa vecchia strada ottOina na che un quarto di secolo prima, nel Corso della Prima Guerra Mondia1e, era s tata riattata e rimessa in funzione dagli stessi Italiani. Al seguito, lo stesso colonnello Papi, appassionato di cultura ellenistica, non riusciva a reprimere un sentimento di smarrito rammarico al ricordare come, quasi un secolo prima, gli Italiani erano andati a combattere per la libertà di quella terra culla di civiltà e che invece ora aveva no stoltamente aggredito. Lungo l'itinerario, ad ogni passo, un corteo di croci dissemi nate sul terreno, di ogni foggia, ad indicare altrettanti caduti di tanti diversi popoli; e carri armati e veicoli incendiati e rovesciati; e cannoni squarcia ti o abbandonati, testimoniavano l'ancora fumante passaggio della guerra.

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Autocarri della colonna Atene, del10° Autoraggruppamento, in marcia verso la capitale greca per partecipare alla sfilata (foto SME - Ufficio Storico).

153


CAPITOLO

5

Il Fiat 666 protagonista della singolare odissea raccontata nel testo e la cui targa è conservata ora presso il Museo della Motorizzazione della Cecchignola {foto Museo Storico).

154

Un singolare incontro, lungo il percorso: un Fiat 666, colpito e rovesciato, dal quale venne recuperato il motore e asportata la targa, nr. R.E. 8/5618, ora custodita presso il Museo della Motorizzazione. In seguito, dalla stessa targa, sarebbe s tata ricostruita l'odissea del mezzo. Esso era appartenuto al360° Autoreparto, in Africa. Abbandonato nelcorso della prima ritirata di Sidi el Barrani, era stato recuperato e catturato dagli Inglesi e da questi evidente· mente cedu to ai Greci; ora (casualità della vita!) tornava di nuovo in mani italiane. Nel mese di luglio del 1941 gli organi dell0° Autoraggruppamento erano dislocati tra Tirana, Durazzo, Scutari e Valona. Era già pervenuto l'ordi-

ne del rientro in Italia del Comando Autoraggruppamento, dell'intero LI Autogruppo e di altri 4 autoreparti quando, il giorno 13 nel Montenegro, confinante con l'Albania, scoppiò la rivolta. Di questo e di ciò che successiva mente avvenne, parleremo nella seconda parte di questo capitolo. 3° Autoraggruppamento L'unità faceva la sua apparizione, su llo scenario dei Balcani, nell'aprile del1941, quando stava prendendo avvio la controffensiva che, il24 dello stesso mese, avrebbe condotto alla capitolazione d ella Grecia. Il Comando della 9!! Armata faceva


presente al Comando Superiore che la propria Intendenza disponeva di un solo a utoreparto, con il quale era impossibile risolvere problemi logis ti ci di respiro, nonostante il generoso e costante concorso dell'Intendenza Superiore. Era necessario, pertanto, assegna re all' Inte nd enza d ella s tessa 9a Arm ata, in proprio, 2 autogruppi. Il 4 aprile del '41 avveniva dunqu e l'imbarco, dal porto di Bari, con la nave «Tergestea », del Comando del3° Autoraggruppame nto e di alcune sue unità; il6, dal porto di Brindisi, s alpava la «Città di Agrigento» con un ' ul terio re aliqu ota e con il comandante stesso del raggruppamento, colonnello Salvatore Leboffe. Il reparto, nella su a articolazione iniziale, s i componeva di: -CIV Autogruppo, con gli autorepa rti 123° (leggero), 39°,48°, 49°, 92° e 141° (pesanti); - XI Battaglion e movieri s tradale; - 3° Reparto soccorso stradale; - 3 sezioni ambula nze; - 2 sezioni autobo tti; - 1 officina pesante. In settembre, sarebbe entrato a fa rne parte anche il ponderoso LII Autogruppo, proveniente dal 10° Autoraggruppamento, con g li a utoreparti 58° (leggero), 90°, 105°, 162°, 166°, 167°, 169°, 214°, 215°, 320° e 345° (tutti pesanti). L'orga nico prevedeva 433.autocarri leggeri (tra cui Fiat 618, 621 L, 621 N, Bianchi «M», SPA 38/ R, OM Ta uru s, Mercedes Benz) e 477 pesanti (621 PN, 18 BL, 632, 633, 634, 635, 666, Alfa Romeo 85, 350, 500, 800, Lancia RO e 3 RO). Neppure il tempo di trovare una s tabile sis temazio ne ed il reparto s i trovava già in piena bagarre. Giungevano i prim i elogi, come quello d ell'Inte ndenza Superiore per un'a utocolonna effe ttuata dal 49° Autoreparto p er trasporto di quadrupedi; ma cad eva no a nche i primi lutti: il 13 aprile un sottuffi ciale e un autiere decedevano e un altro a utie re rimaneva seriamente ferito per un a ttacco a un'autocolonna da parte di aerei n emici. I vari reparti erano distribuiti, in questa fase iniziale, tra Tirana, Shiak, Vatona e Sassobia nco. Con la capitolazione della Grecia e della Jugoslavia, alla 91! Armata veniva affida to, il26 di aprile, il compito di occupa re l' Alban ia, la Dalmazia m eridionale fino alla Nere tva, il Kossovo e Dibra; per conseguenza, gran parte dell'attività del raggruppamento, da allo-

ra in poi, av ebbe av uto il suo inquadrame nto s p aziale ne l settore di operazioni suindicato. Vi ritorneremo nella seconda parte del capitolo.

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

9° Autoraggruppamento Poco appare nei quadri di battaglia, nelle situazioni e nella corrisponden za in genere, il nome d el 9° Autoraggruppamento di Manovra . Ciò è dovuto, in primo luogo, al temp o limita to d ella su a esistenza. La su a comparsa s ulla scena di operazioni albanese avveniva a controffensiva già ultimata; esso en trava infatti alle d~­ pendenze d ell'11 i! Armata, affiancando

il 6° Au toraggruppa m en to dalla data d el 24 maggio d el 1941, con la segu ente articola zione: - CVII Autogruppo, su 2,autoreparti leggeri (1 7° e 159°) e 2 a utoreparti pesanti (216° e 217°); - 183i! Sezione p esante; -2 sezioni a utobotti; - 2 sezioni a mbulanze. Schie rato inizialmente ad Amphilochia (Comando dell' A utoraggruppamento), a Koritza (Comando del CVII e gli a utorepa rti 159°, 216° e 217°) e Tepeleni (17°), a luglio }'intero complesso venne trasferito a Dafni (Com a nd o d el Raggruppamento e g li autoreparti 17° e 216°), a Volo (Coma nd o del CVII e il159°), Larissa (217°) e Corinto (183i! Sezione pesa nte).

Non sono sempre bombe, incidenti e fatica: gli autieri a Tirana, trovano anche il tempo e lo spirito per scherzare {foto Museo Storico).

155


CAPITOLO

5

Automezzi sotto la neve, nel terribile dicembre 1941, a Scutari (foto Museo Storico).

156

Il ca mbio di dislocazione era conseguenza delle nuove esigenze determinates i con l'impianto delle varie basi marittime e col definitivo schieramento d elle grandi unità s u ssegu enti all'occupazione della Grecia. Forse proprio nel giugno 1941 vennero toccate le punte più alte di movimento, venendos i a sommare i rifornim e nti ord inari agli autotrasporti delle truppe, allo spostamento dei magazzini, alla costituzione delle scorte. Le relazioni dell' Intend enza riportano, proprio per ques to periodo, l'ecc~zional e percorrenza giornalìera di 221 chilometri per automezzo. Il dato s iriferisce alla globalità del servi z io trasporti p er via ordinaria dell'lP Armata, includ endo quindi anche le percorre nze d el 6° Autora ggruppamento, m a è rag io nevolmente accettabile l'ipotesi · che la cifra valga, in pari mis ura, per entrambi i reparti. L'a umento delle percorrenze g iornaliere e la necess ità di fare tutto in fretta portava, come log ica co n seguenza, ad un incremento d e lle infraz ioni per eccesso di velocità, infrazioni che l'Inte nd enza ce rcava di rep ri n1ere mediante l'intensifi caz io ne della vigilanza da parte della mili z ia del la s trada. Un'autosezione leggera di autocar-

ri Mercedes Benz del216° venne in quel periodo dis ta cca ta a Lamia, a disp osizione della Delegazione Ferroviaria, per ovviare all'interruzione nel tratto Mbrallo-Lamia; compito della Sezione era quello di ricucire i due tronconi, trasbordando i passeggeri e le merci da un capo all'a ltro dell'interruzione. Da altra relazione dell'Intendenza si legge che, a causa delle rivolte nel Montenegro, il 9° s ubì perdite in uomini, in tutto l'arco della rivolta, pari a 15 morti, 28 feriti e 40 dispersi. In settembre, l' Intendenza Superiore d elle FF.AA. in Grecia proponeva allo Stato Magg iore Regio Esercito di rimpatriare il Comando del 9° Autoraggruppamento e di accorpare il CVII Autog ruppo nel 6°. ll10 dicembre 1941 segnava la data della sanzione del provvedime nto da parte dell e Autorità centrali. el febbraio s u ccess ivo, essa veniva materialme nte app li ca ta: il 9° Autoraggruppamento usciva dallo scenario dei Balcani.

Attività di rifornimento e di ripara zio ne Si è già abbastanza illustrato come la spedizione in Albania si fosse mos-


sa senza un'adeguata preparazione logistica. In campo automobilistico, l'organizzazione in atto all'inizio della ca mpagna era d el tutto inadeguata alle necessità delle p ur esigue d ivisioni lanciate a ll o s baraglio. Lo s i _è visto per quanto con cerne i trasporti; non migliore era la s ituazione d egli o rga ni addetti a l rifo rnimento d ei ca rbo lubrificanti e a lla riparazione d egli automezzi. Con l'aumento de lle unità impegna te, inoltre, non sarebbero aumentati in proporzione gli elementi d ei servizi. Ta nto per citare un d ato sign ifica tivo, la Direz io n e Au tomobilistica sarebbe s tata costitu ita so ltanto il 3 dicembre 1940, quando già s i erano verificat i i primi g rossi rovesc i s ul fronte operativo.

Rifo m i men to carbolubrifica n ti All' inizio delle ostilità, l' Intend enza dell'11 11 Armata disponeva di 3 depositi, ris pettivamente a Valona, Tura n e Porto Palermo, dove era no accan tonati, complessivamente, 7.100 fusti di benzina e 1.200 di gasolio. o n appena ebbe iniz io il ripiegamento, i d epositi di Turan e Porto Palermo vennero soppressi e ne vennero

costituiti 4 ad Hani Belabam, Berat, Sinanaj e Passo Logora. Co l prosieguo delle operazioni, i consumi avrebbero mostrato una prog ressione costante fino a raggiungere il loro massimo nel mese di aprile, in concomita nza con la fa se di avanza ta e d ell'occu paz ione della Grecia . Nel corso d ell' inverno 1940-41 il serv izio rifornimenti fu abbastanza regolare; so lo qualche vo lta fu lamentata una certa ca renza di gasolio o benzina, per mancato arrivo da tergo ai depositi d i armata dovu to alla sca rsa disponibilità d i automezzi. Nella fase d i ava nzata s i dovettero costituire depositi interm edi per non allungare eccessiva mente il braccio d ci riforn imenti (Ka liba ki , Porto Edda, Tep eleni, G io rgiu ga t, Neapolis), p er poi abbandonarli c costituire quelli fin ali a Prevesa, Missolung i, Corinto, Volo, Atene e Lebadeia. Qu es t' ultimo sa rebbe s tato poi so ppresso ne l mese di n ovembre perché ... poco frequentato. Per il riforni mento dei depos iti s i cercò d i privi legiare la v ia marittima, n'la si incappò s ubito nella insufficiente disp onibilità di piroscafi. Per lo più il ca rburante veniva recapitato in fus ti . Solo al Pireo (Drapezona) c'erano apposite cistern e di proprietà d ella società Socombel, dove ve-

Luglio 1941. L'attraversamento del Canale d'Otranto si è fatto estremamente rischioso, e non poche navi vengono affondate: una mina, spinta dalla corrente, si è arenata nelle vicinanze di Valona (foto Museo Storico).

157


CAPITOLO

5

Rifornimento di carburanti diretti verso il fronte greco albanese effettuato a mezzo di caterpillar (foto Museo Storico).

158

niva conservato il carburante sfuso che poi sarebbe stato infustato prima della distribuzione agli altri depositi . Non infrequente era il caso che dall'Italia giungessero quantitativi insignificanti 9 addirittura nulli per un mese intero; in tali circostanze i serbatoi del Pireo, che fungevano da scorta, venivano sottoposti a pericolosi salassi. l coi1sumi m ensili si aggiravano mediamente intorno alle 600 tonnellate per il gasolio e 450 per la benzina. Nel febbraio del '42 la Shell m ise a disposizione 4 s uoi serbatoi a Volo, ma restarono a lungo inutilizza ti, per mancanza di m a teria prima, vale a dire il ca rburante, che non veniva mai mandato dalla madrepatria. Nel m ese di

I diari si fermano qui, a questo mese di febbraio '43. Conoscendo quale sarebbe stato l'epilogo del conflitto, questi due poveri, aridi dati, assumono un suono angoscioso e lugubre. Sembra di leggere le ultime righe di un diario di bordo vergato da un capitano mentre la nave sta affondando. Manca, su di esso, solo la parola «fine», l'unica parola che proprio lui, il protagonista, non potrà mai scrivere.

agosto dello s tesso anno infatti, a cau sa d ei mancati arrivi, le scorte di gasolio si ridu ssero a zero. Sul finire dell'anno la s ituazione si fece insosten ibil e: le esigenze logisti- · ch e aumentarono in quanto entrarono alle dipendenze dell'Intendenza dell'H i.! Armata anche le truppe di Creta e del le Isole Jonie, mentre i rifornime nti si facevano sen1pre più problematici per via delle interruzioni strada li e della diminuzione del traffico v ia m a re. Nei diari d ell'Intende nza del Com a ndo Superiore FF.AA. in Grecia, al m ese di febbraio 1943 s i legge: - sco rte di benzina: zero - scorte d i gasolio: zero.

ne mobili pesa nti (6" e 7i.! ) e una leggera Quest'ultima si dovette sobbarcare anche l'incarico di rifornire di ricambi (sempre carenti) le unità richiedenti. Compito già gravoso inizialmente e che si fece sempre più insostenibile con l'arrivo di nuove divisioni che apporta rono altri forti nuclei di mezzi. A coordina re tutta l'attività era la Direzione Automobilistica che venne però costituita, come detto, soltanto il 3 di dicembre del 1940, quando cioè erano ormai sta te u ltimate tutte le operazioni di ripiega m ento; questo, adulteriore riprova della sca rsa attenzione data al problema logistico in sed e d i pre para zion e del conflitto.

Settore riparazioni Sempre a sostenere la necessità delle otto divisioni che avevano dato avvio alle os tilità, erano presenti 2 sole offici-

(1 '8a).


A ripiegam e nto completato, ve nne crea to un Centro Logistico a Berat, con il compito di attendere ai rifornime nti e ultimare le operazioni d i sgombe ro. Il funzionamento d e i servizi, in quel primo inverno albanese, venne pe rciò caratterizzato dai continui accorgimenti e ripieghi ado tta ti per soppe rire alla mancanza di s tabi lime nti e di o rga ni dei servizi delle gra ndi unità afflue nti in Albania, le quali e rano sernpre seguite, anche a sensibile distanza di tempo, anziché essere precedute, dai propri o rga ni. Solo l'a rrivo de11 ° Pnrco Automobilistico avrebbe porta to a un parzia le riequìlibrio della s itua z ione. Il Parco sa rebbe poi s tato, pe r tutta la durata d e lla permanenza d e ll e nos tre unità in Grecia, il cuore c il moto re di tutta l'attività d e ll e riparazioni e della ricambistica. Esso e ra g iunto in Albania il lO gennaio dell941, con un organico di 25 ufficia li e circa 800 tra sottufficia li e militari di truppa. Aveva a l seguito una serie completa di ricambi per i principali tipi di automezzi e materie di consu mo; ing lobava 9 officine cam pa li complete della scorta di materie di consumo. Il suo laboratorio era dotato di 15 macchine operatrici (torni, trapani, mole, rettifiche, ecc.), accessori, utens ili di lavoro, banchi di lavoro, banchi prova per impianti e sottocomplcssivi e lettrici, ca rica batterie, ccc. Aveva inoltre un proprio parco veico li costituito da 26 motocicli, 5 n'lotocarri, 10 autovetture, 74 autocarri, l trattrice. Lo schie rame nto avvenne, ad o pera degli uornini e con i m ezzi d e l parco stesso, in loca lità Mio li, s ulla direttrice Fieri-Va lona, a tre chilometri da l fiume Vojussa. Nel frattempo, ne lla stessa vallata, un' impresa privata a llestiva una prima serie di capanno ni e baraccamenti. Una delle baracche divenne magazzino di gomme, me ntre ne l primo padiglione disponibile con pavimento in cemento vennero montate le sca ffala ture. Subito d o po vennero montate le officine che ini z iaro no immediatame nte a revisio na re motori. I prìrnì automezzi, già da tempo fe rmi in attesa, poterono essere avviati alla riparazione. Cominciarono ad affluire anche que lli g iacenti da m esi presso i reparti. In poch i giorni, il parco a utoguasti fu sa turo, a u lteriore dimostrazione di quanto la Iog is tica fosse in ri-

tardo rispetto allo svil uppo d e lle o peraz ioni. LA CAMPAGNA Il Parco assorbì anche quegli autoN E/ BALCANI m ezzi ch e da te mpo g iaceva no presso un p arco autoguasti di Valona che furo no quasi tuhi inviati in patria, no n essend o più s u scettibili di riparazio ne; provenivano infatti dalle requisizioni ed erano perciò già malconci di per se stessi; l' impiego bellico e due mesi di sosta sotto le inte mpe ri e li avevano ormai resi irrecuperabili. Lo spiega mento comple to del Parco veniva rea lizza to il1 ° di aprile, g ius to in tempo pe r la ripresa delle operazioni offensive. Anche durante la fase di ava nza ta continuò, a s fissiante, il ricovero degli autom ezzi. A metà aprile la cifra globale era arrivata a quota 1273; di ess i, 217 erano s tati ripa ra ti e ri consegnati, 291 spediti in patria, g li a ltri. .. stava no lì, ad intasa re un parco au togu asti sempre più congestio nato. A giug no d e l '41 , nell'ottica di una s empre più incis iva presa di possesso d e l territorio g reco occupa to, il Parco con1inciò a subire smembra menti. Prim e a partire e sparpag liarsi furono le officine mobili. ll 5luglio la direzione e il magazzino ricambi vennero trasferiti ad Atene, nella caserma Lazzaretto. A Mifoli restava, per il momento, solo il g rosso del laborato rio - in a ttesa di un s uo trasferimento via ma re- a srnaltire il resto dei veicoli ancora in soffere nza e inviare in pa tria quelli irrecupe ra bili. Il trasferim ento de l Parco, solo l'a liquota traspor tata via terra, richiese l' impiego di 100 autocarri pesa nti. In agos to, n"'e ntrc il labo rato ri o e ra in viaggio da Mifo li, ne l te ntativo di te nere il passo con le es ige nze d e lle ri paraz ioni, ad Atene venne ro requ isi te 8 officine civili g reche. Un numero s uperiore no n e ra al mo me nto possibile, essendo già s tate req uisite m olte officine dai Ted eschi . In settembre, quando la s ituazio ne poteva dirsi in un certo senso s ta bilizzata, gli o rgani d i riparazione d el l o Parco Automobi lis tico e rano costituiti da: 6 officine mobi li e l s ta z ione di serviz io ne lla sede di Atene, 5 o fficin e mobili, 2 pesa nti e .l stazione di serv izio sparse sul territorio. A colla borare con essi, sempre le 8 officine civili. Il gettito globale m e ns ile d e ll e riparazioni, d ì ogni live llo e di ogni tipo di mezzo, nelle officine del Parco, assomm ava a 430; per contro, qu e llo d e lle officine civili, in tutto, era d i appena 45. In ottobre, le officine civ ili e rano di-

159


CAPITOLO

5

Officina leggera spiegata alle pendici dei monti albanesi (foto Museo Storico).

Un'officina di autoreparto a/lavoro (foto Museo Storico).

160

J.

venute 18, con lieve aumento della produttività. Presso il Parco venne is tituito un a ppos ito ufficio per la s orv eg lianza d elle lavorazioni esterne. Nel fra ttempo veni vano pres i conta tti con la Fiat a ffin ché questa società portasse la propria orga nizzazione ad Atene e, con qu ell a, contribuisse alla ri pa razione d egli a utom ezzi, s p ecie qu elli pesanti. L' inizio d ell'a ttività della Fiat venne ostacolato d a lw1ghe e laboriose trattati ve con le a utorità co munali di Atene e con il Comando ted esco per re perire locali adatti a ricevere l' officina. A dicembre cominciavano le lavorazioni. I ris ultati, tuttavia, avrebbero tradito le aspettative, con g ra nde delusione d ell' Intendenza. Da un consW1tivo s tila to nel maggio d ell'a nno success ivo, il gettito dell'officina Fiat, nel complesso d elle riparazioni, sa rebbe stato pari a un misero 2%. Veniva no così pres i contatti con la Lancia, i cui primi opera i g iungeva no nel g iug no d el '42. La s ituazio ne d elle g iacenze, comunque, era nettamente mig liorata rispetto a qu ella dei tempi di permanenza· a Mifo li . Nel novembre d el '41 pres-

s o il Parco gia ceva no so lo 378 automezzi, dei quali 220 in lavorazione e 158 in attesa di riparazione. Va precisa to che l'a ttesa era d ovuta in primo luogo alla ma nca nza di ricam bi che ra ppresentava 1'80% d elle ca use d elle manca te rip a razioni. La medi a di attesa d e i rica mbi, dalla richies ta al loro arrivo, era infatti di 4-5 mesi, con punte di un a nno. Per ovv iare a questo inconveniente, il Parco ve"nne autorizza to ad effettuare acquis ti dal commercio locale. No n era in vece mig liorata la s ituazione d ei m ezzi presso le unità, in prim o luogo perché g li automezzi inviati in pa tria non erano mai stati rimpiazza ti; s econdaria m ente, s e pure e rano diminuite le g iacen ze presso il Parco, un gran numero di m ezzi risultava fe rm o presso i reparti e per questi non veniva autorizzato il ricovero che sarebbe s tato in utile s tante la mancanza di rica mbi. Tra questi, di particolare rilievo erano le go mme, gli organi di sterzo e le m inuterie. Solo a febbraio-marzo ne sa rebbero g iunte no tevoli quantità. L'a rrivo d ella s tagione inverna le ins taurava una situ azione di crisi per le officine civili, la cui attività veniva spesso bloccata da manca nza di energia elettrica o d a assenza d egli operai per carenza di m ezzi pubblici. Lo s tesso Comanda nte Superiore, generale Geloso, nel corso dell' es tate d el '42 s i fa ceva parte atti va p er solleci tare allo S.M. l'invio di nuovo p ersonale e di nuovi m ezzi e, soprattutto, la tempestiv ità d ei rica mb i. Con l'a rri vo del nuovo inverno, quello tra il '42 e il '43, analogamente a quanto avveniva per i carburanti, anche l' afflu sso delle pa rti di rica mbio s ubi va una ril evante fless ione; l'a ttiv ità d elle riparazio ni, per co nseg ue nza, e ntrava d i nu ovo in piena cris i. Su questa cris i si chiudono i dia ri d ell' Intendenza.


L'OCCUPAZIONE DELLA JUGOSLAVIA Per quanto esso si colleghi strettamente alle vicende della conquista della Grecia, al fronte jugoslavo dedicheremo alcune pagine specifiche. Nel luglio del 1940 Mussolini, alla ricerca di una facile vittoria che potesse dar lustro alle forze armate italiane ed annullare la situazione di squilibrio generata dai continui exploit tedeschi, predispose un piano per l'occupazione della Jugoslavia. Con questo scopo affluirono al confine della Venezia Giulia ben 37 divisioni, in pratica la metà delle forze allora disponibili nel Paese. Di questo massiccio schieramento, tuttavia, non se ne fece nulla perché nel mese di settembre non solo si pervenne alla rinuncia all'impresa a van taggio della spedizione in Grecia, ma vennero smobilitate anche diverse unità. Nell'aprile del1941, mentre il grosso dell'Esercito si trovava impegnato sul fronte greco, il confine jugoslavo vedeva la presenza di sole 5 divisioni: la «Re» (nella quale operava, quale unità del Corpo Automobilistico, la 147il Autosezione pesante del II Autogruppo di C.A .), l' «Isonzo» (con la 14811 Autosezione pesante dello stesso autogruppo), la «Lombardia » (con la 149u Autosezione pesante), la «Bergamo» (con la 1143il Autosezione pesante) e ,infine, un raggruppamento di alpini. _ Appare evidente che queste cinque divisioni, le quali altro non erano che le normali truppe di presidio al confine, agli ordini del generale Ambrosio, costituivano una forza insufficiente per intraprendere azioni offensive, per cui, al momento di dare avvio alle operazioni,

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI fu necessarrio inviare numerose unità

di rinforzo. Queste erano: il C.A. autotrasportabile, agli ordini del generale Zingales, con le divisioni «Littorio» (133° Autoreparto misto) e «Torino» (16Qil Autosezione pesante); il C.A. Celere con 3 divisioni di Fanteria: la «Ravenna» (128" Autosezione pesante), l' «Assietta» (26211 Autosezione Pesante) e, in un secondo tempo,la «Granatieri di Sardegna» (161 a Autosezione pesante). Gli ordini impartiti dal generale Ambrosia prevedevano operazioni strettamente difensive ma, visti i rapidi su ccessi tedeschi, egli ordinò azioni di pattuglia atte a $aggiare il comportamento jugoslavo. Di fronte alle· notizie che gli erano pervenute circa l'assoluta L'automezzo è la casa mancanza di reazioni, il genera le or- dell'autiere. Fra poco il96° dinò l'offensiva a tutte le forze a sua di- verrà chiamato a partire per la Jugoslavia; nell'attesa, i sposizione. Mentre il 2° C.A. (agli or- conduttori accudiscono alle dini del generale Romero) puntava su proprie faccende (foto O. Lubiana con la divisione «lsonzo», oclannizzotto).

Cividale, 1Oaprile 1941: il 56° Autoreparto Autobus sta caricando i reggimenti di fanteria che invaderanno la Jugoslavia (foto Museo Storico).

161


CAPITOLO

162

5

riserva: il IV (gen. Mercalli) e il XIV cupandola in giornata, il C.A. autotras portabile, con la «Littorio» e la «Tori- (gen. Vecchi). Con l'inizio delle operazioni, questi no», lasciata Fiume, puntava su Karlovac, dove incontrava le prim e avan- C.A. fraz ionarono le loro forze su tre guardie tedesche. distinte colonne: la prima, agli ordini L'autotrasporto di queste tre dividel gen. Nasci, puntò s u Debar con le sioni fu effettuato con automezzi dalle divisioni «Cuneense» (201 o Autoreparto caratteristiche diverse; autocarri pesanti misto) e «Firenze» e il Reggimento Lancieri di Milano; la seconda (gen. Ferroe a~,ttobus, ambedue a carreggiata troppo ampia in rapporto alle strade della ne) puntò verso Struge con l' «Arezzo», zona, per cui il controllo d el movimenil4° Reggimento Bersaglieri e 1'8011 Leto fu estremamente problema tico, per gione CC.NN.; infine, la terza colo nna, le difficoltà dei sorpassi e i conseguen- composta dalla «Pinerolo», avanzò alti intasamenti d elle strade con le autole spalle delle a ltre due con fun z ioni di appoggio. Mentre la seconda e terza cocolonne ferm e. La scia ta Karlovac, il C.A. occupò lonna avanzarono senza incontrare soverchie resistenze, la colonna Nasci riuOtocac, Gospic, Spalato, Mostar, Ragusa, dove avvenne il ricongiungimento scì a conquistare Debar e Ocrida solo co n la «Centuaro» proveni ente daldopo duri combattimenti e in quest' ull' Albania. tima loca lità si cong iunse con reparti ted eschi provenienti dalla Bulga ria . Questa s pecie di «guerra lampo» italiana rappresentò un grosso azzardo, Gli scontri maggiori si ebbero però in quanto il C.A. non dis poneva nep- a nord , dove quasi tutto il peso d elle pure di ca rtine della zona di operazio- battag lie fu sostenuto dalla «Centauro». Attaccata 1'8 aprile attorno a Scuni e non era neppure in grado di tenetari da notevoli forze jugoslave, la dire i contatti con i Comandi. Nel frattempo, sul fronte albanese, visione ripiegò s u una linea di res ierano state mantenute a protezione dei stenza g ià predis posta. confini jugoslavi due divisioni, ma l'eContenuto l'a tta cco jugos lavo nel duro sco ntro di Proni That, la "Cenvolversi, negativamente per l'Italia, deltauro" passò all'offensiva travolgendo le o perazioni s ul fronte g reco, impose il loro ritiro e, a protezione del fronte, le linee nemiche, occupando Podgoritrimasero solo unità della Guardia alla za e Cattaro e congiungendosi a RaguFrontiera e battaglioni mobilitati della sa con le truppe della 2!! Armata. Guardia di Finanza. Particola re contributo fu dato dalle Quando i rapporti tra la Jugoslavia unità automobilistiche nei giorni della preparazione e nel corso di tutte le opee i paesi dell'Asse cominciarono a derazioni che condussero l'armata fino a teriorarsi, il Comando di Gruppo d' Armate d'Albania cominciò ad adottare i Spalato, Mostar e Ragusa; nonostante primi provvedimenti. le difficoltà insite negli itinerari seguiti, in luoghi sconosciuti e non sempre Nel nord venne stanziato il XVII C.A., agli ordini del generale Pafundi, agevoli, tutte le unità automobilistiche di nuova costituzione, comprendente si prodigarono per il buon funzionala ricostituita «Centauro» e la «Puglia» mento dei servizi, meritando numeroancora in fase di ristrutturazione. Nel si elogi ed encomi solenni. Scorriamo, in rapida sintesi, il prosettore di Librashd venne costituito un Corpo d 'Armata speciale, chiamato pri- cedere d elle operazioni in questa ... guerma «Corpo d'Armata N», poi «Settore ra lampo. Librashd » (gen. Nasci). Questo comprendeva la Divisione «Arezzo», apDomenica 6 aprile 1941 Alle 2.00 cominciava la prima opepena ricostituita, la «Firenze» (con la · 194a Autosezione pesante) e il Reggirazione offensiva tedesca in territorio mento di formazione Brusotti. jugoslavo: un gruppo da combattimento Allo scoppio delle ostilità tutte queforzava il Danubio, impossessa ndosi ste truppe furono inquadrate nella 9il della località di Sip. Armata, comandata d al generale PirAerei italiani e tedeschi iniziavano zio Biroli. Al XVII C.A. vennero asseuna serie di bombardamenti s ugli aeg nate le divisioni «Marche» e «Messiroporti, nodi ferroviari e stradali in tutna» (rispettivamente con la 142il e la to il territorio jugoslavo. Fin dalle pri190u Autosezione pesante), in fase di me ore del mattino Belgrado veniva sotafflusso dalla madrepatria, m entre il toposta a un durissimo bombardamento «Settore Librashd» veniva sciolto e so- condotto da o ltre 400 aerei. Alla fin e stituito da due C.A. sino ad allora in della giornata le avanguardie d ella 2~


Automezzi attraversano in traghetto le bocche di Cattaro (foto Museo Storico).

Armata penetravano nel Prekonurje occupando punti strategici. 7-8-9 aprile 1941

Prendevano avvio le operazioni offensive della 311 Armata jugoslava contro il fronte albanese. Sul fronte sud le Panzer Division tedesche sfondavano le linee difensive della divisione Dravska, aprendosi la strada per Zagabria. Dopo duri combattimenti le s tesse forze tedesche occupavano Pirot, catturandovi buona parte della Divisione Teplicka. Iniziavano gli attacchi jugoslavi lungo il Proni Banush che si sarebbero protratti fino al giorno 15, impegnando seriamen te carristi e bersaglieri della "Centauro". Partendo da Tarvisio, iniziavano le prime operazioni di pattuglia del 3° Raggruppamento alpini in direzione di Kraniska Gora. Intanto a Fiume veniva costituito un deposito carburanti di smistamento e rifornimento. Parallelamente allo sviluppo dell'avanzata, alcune officine venivano spostate a Ogulin, Sebenico e Spalato. Truppe italiane, dopo aver contenuto lungo il fronte le azioni offensive jugoslave, passavano a loro volta all' attacco nella regione del Kossovo, a Debar e a Scutari. Due divisioni jugoslave, prese tra le forze italiane all' offensiva e le forze tedesche in afflusso nelle loro retrovie, dovevano interrompere le loro azioni. 10-11-12 aprile 1941

Dopo il raggiungimento di Nis e lo scardinamento delle difese jugoslave,

le truppe tedesche dilagavano in ogni direzione. La divisione jugoslava «Slavonska» veniva travolta dall'Si! PrD la quale poteva così puntare in direzione di Belgrado. Il 3° Raggruppamento alpini, passato all'attacco, occupava Jesenice. Anche il resto della 211 Armata italiana si muoveva su .u n fronte che si sviluppava da Tarvisio a Fiume. La Divisione «lsonzo» occupava l'Ogatec e alla sera le sue avanguardie raggiungevano Lubiana. Unità tedesche, partendo dalla regione di Bitela, venivano a contatto con le avanguardie italiane. Il grosso delle divisioni jugoslave «Yardarska » e «Sumadijska» era catturato. Le forze tedesche puntavano sempre di più verso la capitale, fino a raggiungere Semlino, un sobborgo di Belgrado. Dopo giorni di duri combattimenti, i Tedeschi raggiungevano lo sbarramento jugoslavo sul massiccio dell' Avala, aprendo definitivamente la via per la capitale. Dopo i brevi scontri con le forze poste a difesa di Belgrado, i reparti corazzati tedeschi avevano la meglio e in nottata le prime unità entravano in città. · Il 3° Reggimento Bersaglieri incontrava a Karlovac reparti tedeschi, mentre la «Littorio» e la «Torino» occupavano Ocatac. Nella stessa giornata la rete stradale della 2!! Armata italiana veniva divisa in due zone: una arretrata, con giur isdizione dal solco Baccia-Isonzo alla linea di confine, ed una avanzata che si estendeva in profondità oltre fron tiera, lungo le direttrici di movimento delle G.U.

163


CAPITOLO

5

L'insidiosa, tortuosissima strada che scende da Cettigne a Cattaro (foto Museo Storico).

13-14-15-16 aprile 1941

Belgrado cadeva d efi nitivamente in mano alle truppe tedesche. Caduta la capitale, i reali di Ju goslavia abbandon avano il paese e lasciavano al generale Kalafatovic il compito di ricercare la pace con le potenze dell'Asse. Nel frattempo, ven iva no occupate località minori. Continuavano invece, violentissimi, g li scontri s ul suolo a lbanese fra la Division e «Zatska» e le unità d ella «Centauro». Il 31o Rgt. carristi veniva seria mente impegnato, subendo sensibili perdite. Rep arti appa rte nenti alle 3 divisioni del C.A. Celere continu ava no nell'avanza ta, occupand o località nei dintorni di Fiume. Occupa te le principali ci ttà della Jugoslavia, le truppe tedesche penetrava no sempre più in profondità nel paese. Le avanguardie delle divisioni «Li ttorio» e «Torino» occupavano Spa lato e Sebenico, men tre le avanguardie d el-

la 16il DM raggiungevano Zvornik catturando il Comando Supremo jugoslavo, occupavano Sarajevo e ottenevano la capitolazione delle forze jugoslave in Bosnia. Durante le avanzate, il rifornimento di ca rburanti e lubrificanti per le unità del Corpo d'Armata fu effettuato dapprima a ttingendo alle dotazioni al seguito e con invio di autocolo nne dell'Arma ta, successivamente dai depositi trovati in zona Sebenico e Spalato dalle due divisioni sopra citate. La Div isione «Centauro» arrivava a Podgoritza e Cattaro occupandole. 111 o Reggimento bersaglieri raggiungeva Danilovgrad, mentre la «Littorio» occupava l'impo rtante aeroporto di Mostar. 17 aprile 1941 Repa rti della 9i1 A rmata occupavano Trebinje e Ra gusa; avanguardie d ella «Torino» provenienti d a Metkovic entravano anch' esse a Ragusa: si aveva in tal modo la congiu nzione delle d ue armate italiane. Il 3° Rgt. a lpini, continuando nella sua avanza ta nella pa rte settentrionale d ella Slovenia, raggiungeva Turiek. A Belgrado, presso il Comando della 2i1 Armata tedesca, veniva firmata la capitolazione incondizionata delle fo rze armate jugoslave. La resa sarebbe entrata in vigore a partire dalle ore 12 del 18 aprile. A sottoscriverla erano il ministro Cincar-Merkovic ed il generale Jankovic da parte jugoslava, il generale Yon Weichs da parte tedesca ed il colonn ell o Bonofatti da parte italiana. Periodo di ocwpazio11e (1941 -1943)

Firmata il17 aprile 1941la capitolazione in co ndizionata delle forze armate jugos lave, il g io rn o seguente, terminate le operazion i di guerra, iniziò l'attività organizzativa e di pres idio del territorio occupato. Le unità della 211 Armata italiana, dislocata nei punti s trategici del territori o occupa to a protezione delle vie dì comunica z ione più importanti e dei centri di interesse politico, economico e socia le di rili evo, vennero presto coinvolte in una aspra lotta antipartig iana. Cons idera to che, nel periodo di occupazione, le operazioni di perlustrazione e d i rastrellamento vennero effettuate da colonne mobil i, è logico ca- , pire che ad ogni az io ne presero parte aliqu ote di tutti i reparti del Servizio Automobilistico, che vennero così a trovarsi coinvolte nelle scaramucce e, spesso, in veri e propri combattimenti con

l


Altro particolare della strada Cettigne·Cattaro (foto Museo Storico).

Gli attacchi agli automezzi ad opera dei partigiani erano sempre incombenti. In questo caso, nonostante i fori visibili sulla portiera, il conduttore ringrazia la propria fortuna che gli ha consentito di posare per una foto ricordo (foto Museo Storico).

i partigiani jugoslavi. Le truppe d el territorio di Zara furono s chierate a difesa d ella costa, dall'isola Pago a nord, fino alla cintura di difesa esterna del possedimento italiano dì Zar a e n elle isole antis tanti . La Divis ione «Perugia», schierata più a su d, controllò la fascia costiera d a Zar a alla p e n isola di Sabbioncello. Le divisioni «Sassari» e «Berga mo» furono disloca te n ell' interno; la prima a presidi o di Velebii: e la seconda nelle vallate e lungo le pendici d elle Alp i Dinariche fino al fiume Narenta nell' Erzegovin a. Il XIV C.A., co mposto d alle Di vis ioni «Messina», «Venezia», «Taro», «Pus teria» e «Caccia tori d elle Alpi», ebbe l'incarico di presidiare un a fascia di terren o jugos lav o comprendente il settore di Scuta rì a nord-ovest, il settore del Kossovo a nord e quello d el Dibrano a est. Più tardi, in seguito al d eteriorars i della situazione nel Monteneg ro per la presenza di forti formazioni di gu erriglieri, il C.A. venne trasferito in ques ta regione e le su e unità poste a presid io delle zone di Cattaro, Podgoritza e di quelle lungo la riva d el lago di Scutar i. Per quanto riguarda le unità automobilistiche d ell a 2il Armata, esse gravitarono nelle zone d elle basi di intendenza di Fiume-Su ssak, Zara, Sebenico e Spalato e dei centri logis tìci dì Ogulin, Pos tumia e Lt1biana. Piccole s quadre di autom ezzi si appoggiarono ai comandi di tappa per le necessità d i vita e per il recupero di m ateriale di preda

165


5

bellica, mentre una forte riserva rimase all'Intendenza per l'effettuazione di tutti i trasporti di carattere straordinario. L'organizzazione del movimen to automobilistico, attuata in relazione al territorio occupato ed alla dislocazione delle G.U., si appoggiava su 4 commissariati e 20 sezioni d i commissariato di movimento. L'organizzazione degli itinerari fu fatta in rapporto al prevedibile traffico lungo le diverse rotabili, prevedendo l'organizzazione com·pleta di tre itinerari nel senso dei meridiani e di tre n el senso dei p aralleli. Ma il problema logistico in Jugoslavia si presentò subito assai complicato a causa della guerriglia che obbligava all'abbandono di vaste zone ed alla consegu en te costituzione di vari presidi isolati, lontani dalle basi di rifornim e nto. Per tal motivo occorrevano nu m erosi automezzi che, viaggiando in colonne scortate da autoblindo e su strade pessime ed accidentate, rifornis'sero detti presidi. Un lavoro duro e pericoloso: i nuIn un territorio dove da secoli si combattono guerre merosi elogi ed e ncomi sole nni rivolti che sono frutto di un odio alle Unità Automobilistiche in generainveterato, non è difficile le, agli ufficiali, sottufficiali ed autie ri prendere inavvertitamente in particolare, testimo niano dello spia calci un teschio e delle rito con il quale venne affronta to. Può ossa affioranti dal terreno (foto Museo Storico). fungere da esempio quello accord ato

CAPITOlO

166

all'autiere Cordioli Novello - 11431.! Autosez. pesante del VI C.A.: «I nformato che lungo la strada sua i ribelli avevano aggredito un'autocorriera militare, subito scartando l'idea di fermarsi in luogo sicuro, e spinto invece dal generoso impulso di portare aiuto agli assaliti, accorreva sul posto e quivi recuperava i caduti ed i ferit i che poi velocemente trasportava col proprio au tomezzo al più vicino ospedale». Per tutto il 1942 il XIV C.A . venne confermato nell'occupazione del territorio montenegrino ancora sottoposto ad intensa attività partigiana ed ivi organizzò la difesa costiera della J ugoslavia meridionale. Dal 9 maggio 1942 al lS maggio 1943, sempre a causa dell'attività che fu chiamata a svolgere quale unità di occupazione ed in relazione a particolari esigenze terri toria li, la 2a Armata assunse la denominazione di Comando Superiore Forze Armate Slovenia e Dalmazia. Nella prjmavera del 1943 i combattimen ti diretti a contenere l' allargarsi della guerri glia si inasprirono soprattutto nelle zone montane e nei dintorni di Sebenico: con 1'8 settembre 1943, giorno dell'armistizio, le unità del XVII


C. A. cessarono ogni attività antipartigiana; alcune di esse condussero però per tutto il mese un a dura lotta contro i reparti ted eschi . Anche il XIV C.A., dopo l'armistizio, si sciolse, mentre molti reparti d ella G .U., pur isolati, a ffrontarono d ecisamente le truppe ted esche che chied evano la cessione d elle armi.

Le Un ità del Corpo Automobilistico Ricostruire le vicend e che hanno segnato il ca mmino e la vita delle s ingole unità d el Corpo Automobilis tico in jugos lavia si presenta impresa ancora più ardua di quanto lo sia s tato per la campa gna di Grecia, causa il maggiore fra zioname nto d e lle s tesse e la penuria di notizie s pecifi che nei diari s torici. Sommariamente, riportiamo le notizie rela tive all e unità di maggio r peso, trascurando, p er intuibili es igenze d i s p azio, le v icend e di ta nti a utoreparti e a utosezioni operanti al seguito delle s ingole di v is io ni . Di alcuni reparti, inoltre, che pur vengono nominati nella p osta militare, non s i trova traccia nei dia ri . 11 5° Parco Automobilistico, di s tanza a Cerv ig na no prim a dell' ini z io d elle operazio ni, venne avviato oltre frontiera into rno all Oa prile 1941 , ma il suo nome scomparirà dai diari s torici dopo il 17 settembre d ello s tesso-anno . Il 3° Parco Automobilistico, con sede a Casa rsa, s i diresse verso Fium e il 10 apri le d el1941 e d is tri bu ì le proprie officin e fra O gulin , Vrborko, Sebe nico, Spalato, Gospic. Durante il period o di occupa zione, si evid enz iò una dista nza eccessiva fra gli organi d ell' Intend enza e le unità impegnate ne lle o p erazioni di co ntrollo del territorio. Il servizio delle riparaz ioni presentava no tevoli lacune, d ovute alla mancanza di pa rti di ri cambio, d erivante anche d alle comunicazio ni marittime fa ttesi incerte e inaffid abi li; p er con seguenza, tra il ricovero d egli automezzi e la restituzione d egli s tessi ai reparti correvano s pesso molti mes i. Il settore d ei tra sp orti vid e a Il' opera, in misura e durata largamente diseguali, tre autora ggruppamenti. 2° Autoraggruppamento

Giunse in zona di operazioni tra 1'11 e il14 aprile d el1 941 ed operò con i suoi

reparti in Slovenia e in Dalmazia . Il s uo organico comprendeva: - II Autog ruppo p esante (Autoreparti 26°, 28°, 32°, 91°) -XX IX Autogruppo Pesante (33°, 34°, 96°, 97°) - CXXVIIH Autog ruppo Pesante (84°, 86°,88°, 90°) - 122° e 139° Autoreparto Leggero; - 9° Reparto Soccorso Stradale; - 2 sezioni autoa mbu la nze; - 2 sezioni autobotti. Nel giugno d el1941 , l' intero autoraggruppame nto pa ssava alle dipendenze della 4il Armata. Chi invece avrebbe disimpegnato la propria attività in Jugoslavia p er tutta la durata della campagna, fu il

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

so Autoraggruppamento Alla data d el26 marzo 1941, in prossimità d ell'avvio d elle azioni, la Direzione Trasporti d 'Arma ta non dis poneva ancora di unità automobilis tiche per effettuare tras porti di materiali né degli elementi indis pensabili per l' organizzazione d el movimento e d el soccorso s tradale. Il 5°, ad esempio, vedeva pronti e dis p o nibili soltanto i comandi di Autoraggruppamento e di Autogruppo e alcune unità s p ecia li quali 2 auto re parti a utobu s, 2 sez io ni a utoambulanze e 2 sezio ni autobotti. Ai primi di aprile esso s i componeva invece di - CV Autogruppo Pesante (42°, 43°, 115°, 140°); -CVI Autogruppo Pesa nte (8"1°, 87°, 93°, 94°); - 157° e 159° Auto reparto Autobus; - 2 sezioni autoambulanze; - 2 sezioni autobotti. Nell' esta te d el1 941 l' Auto raggruppamento p erd eva p er altri fronti 4 autore pa rti e acqui s tava il XIX Autogruppo Pesante (81°, 221 °, 130°) che nell'a prile d el '42 diveni va «Mis to». Nel settembre d el '41 fi g ura va alle s ue dipendenze anche l' Autog ruppo Mis to d i Manovra (col259° Autoreparto). Con l' inizio d elle attività, appa rvero s ubito inadegu a te a lle es i ge n ~e le presta zioni d egli auto reparti autobu s, in quanto i mezzi s i rivelavano troppo ingombranti per la rid otta carreggiata stradale. Le autocolonne si mossero con estrema lentezza, in quanto era difficoltoso pers ino il sorpasso di un automezzo fermo; un banale guasto a un solo mezzo era perciò sufficiente a bloccare intere autocolonne.

167


Da/ 14 al 17 maggio 1941, un'autocolonna de/ 96° Autoreparto effellua un trasporto di 700 chilometri da Susak a Melkovic per rifornire di carburante alcune autocolonne tedesche. Ne/tratto Melkovic-Makarska, ad un'altitudine di 1000 metri, avviene un pauroso incidente la cui dinamica richiama quello tramandato in tante foto della Prima Guerra Mondiale (con i/ 18 BL sospeso sull'abisso). Anche in questo caso, come allora, tutto si risolve con una grande paura (foto D. lannizzotto).

Autocolonna SusakMetkovic, del 96° Autoreparto, da/ 14 al 17 maggio 1941. Passaggio degli automezzi su/ tratto Segna-Zutalowka (foto O. lannizzotto).

Ecco cosa avviene sulla strada Cettigne-Cattaro quando si incrociano due automezzi. Si passa? (foto Museo Storico).

168


Notevoli difficoltà si ebbero anche per l'effettuazione dei rifornimenti di carburante, perfino con gli automezzi al seguito, sempre per questa difficoltà di manovra dei mezzi. Le relazioni sulle operazioni di autocolonna sono sufficientemente esplicative quando parlano di velocità medie di 18 km/h. Come altrove, i mezzi erano sempre insufficienti e questo faceva sì che i vari reparti trattenessero ben oltre illecito quelli inviati ad effettuare trasporti presso di essi, per cui essi tornavano disponibili per l'Intendenza solo dopo parecchi giorni o settimane. Da questo derivava che le unità dei servizi, quali gli ospedali, le sezioni di sussistenza, ecc., non avendo mezzi in proprio per effettuare gli spostamenti, tardassero molto a seguire le unità e rimanessero eccessivamente arretrate. Un certo supporto avrebbero potuto fornirlo le sezioni salmerie, ma queste rimanevano sempre inutilizzate alle basi di partenza. Il resto della storia del 5° Autoraggruppamento è riconducibile ad avvenimenti estremamente frazionati come lo era, d'altronde, l'intero reparto. 1128 aprile 1942, un'autocolonna di 11 autocarri dell'87° veniva attaccata nei pressi di Brinje da un gruppo di partigiani con un nutrito fuoco di mitragliatrici. Il combattimento ingaggiato si protrasse per due ore ed ebbe tennine con l'arrivo di rinforzi di CC.NN. Nel combattimento perdeva la vita l'autiere ·Ezio Cecca telli.

Il 14 giugno, un'autocolonna di 80 automezzi, anch'essi dell'87°, veniva LA CAMPAGNA attacca ta nei pressi di Bihac; nel violento combattimento ingaggiato dai ber- NE/ BALCANI saglieri di scorta e dagli stessi autieri perdeva la vita il caporale Cesare Bianchi. Messi in fuga gli assalitori, tutti i mezzi proseguirono e raggiunsero la destinazione, portando a traino tutti quelli che l'assalto aveva reso inefficienti. Nel viaggio di ritorno, la colonna subiva un nuovo attacco che provocava d iversi morti tra i militari di scorta e alcuni feriti fra gli autieri . 116luglio 1942, ancora 3 automezzi dell'87° venivano assaliti. Gli autieri e i militari di scorta si rifugiavano all'interno di una casa vicina da dove per cinque ore resistevano agli attacchi, impedendo ai nemici di distruggere i mezzi. Dopo cinque ore, all'arrivo dei soccorsi, i tre mezzi erano ancora efficienti e potevano rientrare alla base. Il22luglio successivo, gli autieri Camillo Mazzoli e Pasquale Gamberini del 42° trovavano la morte a segui to di un attacco nei pressi di Metkovic, mentre i loro mezzi venivano bruciati. Il2 agosto dello stsso anno, un'autocolonna di 38 automezzi di reparti vari, tra cu i 16 del 43°, trasportanti 1200 internati, veniva attaccata presso Krni Lug da circa 400 partigiani. Nel comMontenegro, 1942. Gli attacchi dei partigiani battimento, protrattosi per due ore e contro gli automezzi sono mezzo, un autiere rimaneva ferito, menun'insidia sempre dietro tre 13 mezzi ven ivano distrutti e gli all'angolo. Ecco uno dei tri, quale più quale meno, rimanevano risultati (foto Museo Storico). danneggiati.

169


CAPITOLO

5

Officina de/157° Autoreparto Autobus pronta a partire per la Jugoslavia (foto N. Lunazzi).

170

Il 16 settembre, un'autocolonna di 18 automezzi carichi di viveri veniva attaccata presso Lejce: tutti gli automezzi venivano bruciati. Delle unità dipendenti dal 5° Autoraggruppamento, è possibile riferire notizie s ul157 ° Au toreparto Autobus. Da quasi cinquanta anni i suoi reduci si riuniscono periodicamente, ed ogni volta la schiera si assottiglia sempre più (il più giovane conta oggi 74 anni). La s toria del reparto può essere approssimativamente ricostruita, nelle linee essenzia li, sommando le memorie dei s upers titi. Il nome «Autobus» figurava solo inizialmente; sa rebbe poi scomparso, con la scomparsa degli stessi automezzi. Era s tato costituito a Udine, mobilitato dal1'11 o Centro Automobilistico. G li autobus provenivano tutti dalla requisizione ed appartenevano per Io più al servizio pubblico di Roma, alla Poliz ia, ecc. ed erano di vario tipo e marca, tra cui alcuni Lancia Omicron. H venerdì santo del'41 ricevette l'ordine di partenza per la Jugos lavia, agli ordini del capitano Cennini. A Pasq ua, l'A utoreparto attraversava in autocolonna la frontiera. A bordo, la Divisione «Torino» al completo. Il trasferimento avveniva con estrema lentezza per le difficoltà di rifornimento di carburante: questo infatti veniva effettuato mediante autocarri che

facevano la spola da Udine. Ogni volta non veniva effettuato un pieno serbatoio, ma veniva distribuito un fustino a ciascuno degli automezzi, sì che la colonna era costretta a continue soste per attendere via via il rifornimento. L'esercito jugoslavo era già allo sfascio e per strada si incontravano soldati e marinai che profittavano del passaggio de11a colonna per farsi portare a casa. La Divisione giunse a Spalato accolta da grandi feste da parte della popolazione. Il giorno dopo l'arrivo, invece, stranamente nessuno parlava più itali ano: nel corso della notte erano infatti passati i partigiani a compiere la loro azione intimidatrice. Da Spalato si captava la radio italiana e si potevano ascoltare i cronisti di regime che riferivano di grandi combattimenti in città; chi era lì poteva invece controllare di persona quante frottole venissero rifilate agli Italiani in Patria: in realtà regnava la calma più assoluta . Da Spalato la «Torino» venne portata e lasciata·a Metkovic, dove la popolazione s i s tava nel frattempo dedicando al saccheggio dei magazzini militari abbandonati. Il 157° tornò a Trieste. Gli autobus vennero versati e sostituiti con autocarrette adibite al tra sporto di personale. Anche il nome dell'unità venne


mu ta to in 157° Autorepa rto Autoca rrette. Torna to in Jugoslavia, esso venne disloca to prima a Kini n, poi a Sinj. Le autocarrette però s i mos trarono be n p oco ad atte al trasp orto di persone. L'A uto re pa rto, sempre in orga nico al 5° Autoraggru ppa mento, venne posto a dis posizione della «Berga mo» per

serviz i d i pa ttug lia m ento e r astrellam enti . Giunse l'ordine di trasferirs i d i nuovo a Spalato. Metà repa rto era già a des ti naz ion e q uand o, alla pa rte rimasta a Sinj, affidata al sergente m aggiore Lunazzi, venne dato l'ordine di fornire 24 ca rre tte pe r tra s p o rtare truppe ch e avrebbero d ovuto a vvi cendare quelle

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Febbraio 1942. A causa del ghiacco, un'autocarretta del 157" si rovescia fuori strada a Passo Vagani (foto N. Lunazzi).

Autocarretta forata da proiettili: è quella sulla quale perse la vìta l'udinese caporalmaggiore Rodaro (foto N. Lunazzi).

171


CAPITOLO

5

da tempo in servizio a Passo Vagany. Le norme prevedevano che un tal num ero di veicoli potesse muovere solo al comando di almeno un sottufficiale. Essendo però il Lunazzi l'unico sottufficiale presente sul posto, il capitano, via telefono, ordinò che la colonna venisse condotta dal caporalmaggiore Rodare. Durante il trasferimento, la colonna incappò in una imboscata e 4 autieri persero la v ita; tra questi, Io stesso Rodare. Chi andò poi ad effettuare il riconoscimento, osservò come tutte le vittime fossero state finite con un colpo vibrato alla nuca con il calcio dei fucili (per inciso, notò anche che per i fu nerali le salme erano sta te vestite con

ture che giunsero a toccare i - 43°! Avevano trasportato sul posto un reparto di fanteria e lì, su un cucuzzoletto, erano rimasti ingabbiati. La distanza dal Comando era di circa 150 chilom.etri. Ogni tanto passava un aereo sopra le loro teste e gettava giù un po' di viveri. Uno dei superstiti della terribile avventura, l'autiere Giulio Segna bon i, resistendo ai morsi della fame, volle a tutti i costi conservare mezza pagnottella ed oggi, ad oltre 50 anni di dista nza, è ancora in grado di mostrarla: di color ma rrone uniforme, tanto fuori che al suo interno, mostra ancora il materiale di cui è composta: crusca mista a paglia triturata fine fine. Quello, i no-

Spalato. Al rientro da un servizio, gli automezzi del 157° Autoreparto Autocarrette vengono sottoposti a controllo (foto N. Lunazzi).

172

divise nuovissime, quelle stesse divise che l'Esercito si ostinava a negare a coloro che invece erano ancora, ben vivi, a combattere). Dal Natale del'42l'intero reparto rimase stanziato a Spinut, sobborgo di Spalato. Nessun rapporto con la popolazione che chiudeva anche le finestre quando gli a ltoparlanti trasmettevano i giornali radio. Nel frattempo, una sezione inviata a Bosankj Petrovac, a disposizione della «Sassari», rimase assediata da ottobre a maggio. G li autieri v i trascorsero l'inverno con la stessa divisa che avevano addosso da 8 mesi, con tempera-

s tri soldati mangiavano! A Spalato il157° rimase fino all'8 settembre, n1a ne riparleremo più avanti.

10° Autoraggruppamento Riprendiamo il filo del racconto relativo a questa grande e g loriosa unità a utomobilistica alla data del 13 luglio 1941 quando, mentre si stava effettuando il rimpatrio del Comando, del LI Autogruppo e di a ltri 4 autoreparti, scoppiò la rivolta nel Montenegro. I reparti avrebbero dovuto partire a distanza di un giorno l'uno dall'altro e


si sarebbero dovuti portare, per tappe successive, da Tirana a Spalato, da do\'e avrebbero proseguito, per ferrovia, fino in Italia. Il giorno 11 era infatti già partito il Comando dell' Autogruppo e il25° Autoreparto; il12 partiva il1 66°, al comand o del ca pitano De Martini, che conclud eva regolarmente la prima tappa, fino ad Anti vari, il giorno s tesso. Da qui esso ripartiva al mattino del13. Con 15 minuti di anticipo si erano avviati 3 Lancia 3 RO con poco personale che avrebbe dovuto approntare il rancio all'arrivo del reparto a Ragusa, sede d'arrivo della seconda tappa. Poco dopo, si avviavano gli oltre 100 mezzi dell'autocolonna.

Inviato un nucleo di uomini a portare soccorso al presid io di Misic, il capitano muoveva con il resto del reparto verso la zona dell'a ttacco. Nel frattempo l'a utiere Porcelli, rientrato ferito a una coscia e ricevuta una somma ria medicazione, s i metteva alla tes ta d el repa rto per g uid a rl o verso la loca lità dell'atta cco, suscita ndo con il s uo co m portamento coraggioso l'ammirazione d ei compagni e di qua nti ebbero ad avvicina rlo nel corso della giornata. Giunti s ul luogo del combattimento, il sot to tene nte Ceccarelli, p erlustrando le case attorno, faceva prigionieri due ri voltosi, uno dei quali veniva riconosciuto dai finanzieri feriti per

Erano stati p ercorsi circa d ieci chilometri, quando un finanziere fe rito, facend osi incontro agli automezzi, informava il ca pitano di un attacco, con numerosi morti e feriti gravi, al presidio di Misic. L'ufficiale aveva già predisposto il dispositivo di difesa dell'au tocolonna quando due degli autieri partiti poco prima tornavano indietro riferendo di essere stati fatto oggetto di attacco da un nutrito gruppo di rivoltosi. Riferivano anche che l'a utiere Loren zon era stato colpito e forse era mo rto, mentre l'autiere Porcelli era rimasto s ul posto e si stava difendendo con il moschetto.

uno di quelli che avevano preso parte all'assalto a l presidio di Misic. I co mba ttim enti proseguirono p er circa un' ora, quando giunsero rinfo rz i di fa n ti e finanzier i da Antivari. Il Lorenzon veniva recuperato, vivo ma in un lago di sa ngue e, mentre l'uffi~iale medico s tava portandogli i primi soccorsi, i ribelli tornarono all'attacco. Resosi co nto di non poter sn idare il nemico da ll e posizioni occupate e per conseguen za prosegu ire il cammino, il capitano dava o rdine alla co lo nn a di invertire la marcia e di rientrare ad Anti vari. A conclusione della vicenda, ris ul -

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Spalato, agosto 1942. Messa al campo per il157" Autoreparto Autocarrette (foto N. Lunazzi).

173


CAPITOLO

174

5

tarono 4 autieri dispersi (alcuni testiteressarono il 10° A utoraggruppamenmoni riferirono di averli visti portar via, to in questi stessi giorni. prigionieri ma illesi) e 4 feriti . Due auIl14luglio, ad esempio, nei pressi di tocarri erano andati perduti. Podgoritza, gli au tieri di due autocarL'episodio comportò anche uno stop ri del214° Autoreparto, chiamati d'ural cammino del167° Autoreparto il quagenza per trasportare due carri armati le, partito al mattino dello stesso giore rela tivo munizionan1ento, attaccati da no 13 da Tirana, era nel frattempo giunribelli, accettarono il combattimento asto ad Antivari. sieme ai carristi; uno d egli autieri, sebTutto il programma delle partenze bene ferito, continuò a combattere poi, veniva a questo punto sospeso, non socon il suo compagno, fece di tutto per lo, ma il169° Autoreparto, che avrebbe trarre in salvo uno degli autocarri in.dovuto partire il 14, ricevette l'ordine cendiati. di effettuare il trasporto di un battaIllSluglio, cinque automezzi del58° glione di GAF con funzioni di rinforzo Autoreparto che trasportavano rinforcon una autosezione e questa autose- z i di CC.NN. vennero crivellati di colzione venne coinvolta in un tragico e pi dai nemici installati su un promonsanguinoso agguato. torio a l di là del Lago di Scutari; due Partita da Tirana agli ordini del teautieri rimasero feriti. nente Arri vas, carica va a Scutari l'XI Commovente fu il comportamento battaglione di GAF. Dopo una sosta a della 669° Autosezione, compatta e ben Podgoritza, proseguiva e, poco prima serra ta sul pendio della strada di Cetdi Rjiekà, subiva un primo assalto dal tigne, crivellata di còlpi, con le ruote quale riusciva a sganciarsi. dei mezzi affloscia te e con due a u teMolto più violento e decisivo quelcarri ribaltati, ridotta all'immobilità. lo subito 6 chilometri dopo la stessa L'autiere del 58° Autoreparto Mecittà. Tutto il battaglione, e gli autieri notti Tesi cpe guidava un automezzo con esso, sostennero l'attacco per tutta per trasporto di acqua ai combattenti, la notte. Al mattino, la situ azione si fearrivato sulla linea del fuoco saputo che ce ancor più pesante e drammatica in la strada era battuta dai ribelli e che alquanto, per difendersi, tutti avevano tre m acchi ne del proprio reparto erano dovuto abbandonare gli autocarri e su state rese inutilizzabili, spingeva a tutdi essi, inavvicinabili perché bersaglio ta velocità l'autocarro per raggiungere della fucileria nemica, era rimasto tut- Rjiekà, riuscendo ad assolvere la sua to il munizionamento. missione. Quando il comandante del battaL'autiere Basili, del169° Autoreparglione diede ordine di indietreggiare to, da solo, fermava un contadino che per trovare una miglior posizione per guidava un carro trainato da buoi e, non la difesa, la maggior parte degli uomifidandosi della di lui assicurazione di ni era già stata circondata e catturata. essere «bono montenegrino», lo immoTra i conduttori, 3 erano i morti (il cabilizzava e metteva in fuga un altro riporalmaggiore Fega telli e gli autieri belle che era nascosto sul carro sul quaCasazza e Scaramella) e 4 i feriti. Gli aule erano anche munizioni. tomezzi vennero poi recuperati, ma Infine le singole relazioni degli audanneggiati e depredati del carico. tieri del166° e del169° ci fanno conoI due episodi qui riferiti costituiscoscere la v ita che trascorsero nei mono- a ben vedere- una novità e un pasmenti dell'attacco e dei giorni di fame so avanti nella storia ed evoluzione del sofferti. Corpo Automobilistico. Pur se coinvolti Fa tti rientrare, tra illS e il19Iuglio, in scontri e fatti oggetto di attacchi, angli autoreparti già partiti, l' Autoragche in conflitti precedenti, gli autieri . gruppamento venne fortemente impeerano s tati per lo più protagonisti cognato, contemporaneamente, in grossi me singoli. Le circostanze sopra detrasporti di unità, sia a favore dell' Inscritte li avevano invece impegnati cotendenza del Comando delle Truppe in me elementi di un corpo, di un organi- Albania, sia per la Direzione Trasporti smo complesso, e sappiamo che sono di Scutari presso il XIV C.A. solo queste le condizioni nelle quali rieVennero trasferite intere divisioni su ~ce a formarsi un vero spirito di corpo. lunghi percorsi, con trasporto di uomini E una condizione comune nelle armi (si e materiali, e la percorrenza media giorpensi agli alpini), molto più rara a reanaliera per autocarro raggiunse i 248 lizzarsi, invece, presso i servizi. chilometri; il comportam ento di tutti Altri avvenimenti tuttavia, a livello gli autieri dimostrò quella subitanea acdi piccole unità o di singoli autieri, inquisizione di spirito di corpo che pro-


prio in quei giorni e nelle circostanze descritte si era venuto maturando. Le perdite di uomini e mezzi, per il 10°, continuarono, tanto 9a poter sostenere che esse, nel periodo che va dall'inizio della rivolta fino al l 0 settembre 1941, furono superiori a quelle verifica tesi in Albania e Grecia dal 21 dicembre 1940 all'armistizio (24 aprile 1941). Si trattava di una rivolta veramente sentita dalla popolazione, come dimostra il fatto che perfino le donne vi parteciparono. Risulta che alcuni contadini, fingendo di tagliare l'erba fra la quale erano nascosti fucili, al passaggio delle colonne attaccavano all'improvviso, mirando in primo luogo al conduttore. Si seppe anche che fra i monti una donna, a mezzo radio, segnalava il passaggio degli automezzi. Quanto qui esposto è ciò che ebbe a verificarsi sul piano dei trasporti, ma il 10° si segnalò anche per la sua alacrità ed efficienza per quanto aveva attinenza con le riparazioni. Sintomatico quanto avvenne nella terza decade di agosto. Il giorno 20 era giunto l'ordine di approntare una sezione di ambulanze con destinazione Russia. Termine ultimo per la consegna: 29 agosto.

Gli automezzi designati versavano in precarie condizioni ed erano abbisognevoli di consistenti riparazioni all'autotelaio e, onde evitare i prevedibili sarcasmi degli alleati che li avrebbero visti viaggiare sui piana li ferroviari, anche alla carrozzeria. Il Parco indicava come «un mese, al minimo» il te m p o necessario per l' esecuzione dei lavori. I veicoli vennero distribuiti, allora, due o tre per ognuna delle officine degli autoreparti e, al giorno fissato, erano tutti a posto, riparati e riverniciati. l fori delle pallottole non vennero otturati, ma al contrario evidenziati, cerchiandoli con i colori nazionali. L' operazione meritò un encomio al 10° da parte dell'Intendente, generale Siglino. Il LI, nel frattempo, era stato rimandato in patria e il 1° settembre il Comando dell' Autoraggruppamento e il 10° Reparto Soccorso Stradale venivano messi in quarantena per essere avviati in Russia. Il 25 settembre essi si imbarcavano a Durazzo per giungere il 3 ottobre a Roma. Il LIJ, invece, divenne «Autogruppo del Montenegro» e sarebbe rimasto nei Balcani fino all'8 settembre.

Solitari automezzi del25° Autoreparto Pesante, puntini sperduti nella distesa di neve, sul fronte fra l'Albania e la Jugoslavia (foto Museo Storico).

175


CAPITOLO

5

Per tradurre in cifre l'intera attività del10° negli 8 mesi della campagna, si dirà che esso percorse oltre 15 milioni di chilometri, trasportò 269 mila uomini e oltre 2,7 milioni di tonnellate di materiale. Lo ritroveremo, il10°, in Russia ma, non avendo più per comandante uno scrittore, le notizie che di esso verranno trasmesse da quel freddo e lontano paese saranno molto, troppo più scarne e vaghe. 3 o Autoraggruppamento

Dopo aver prestato il proprio contributo sul fronte greco nella fase immediatamente seguente l'armistizio, questa grossa unità automobilistica comandata· dal Colonnello Silivatore Le~ boffe vide lo scenario delle su e operazioni quasi interamente su quello jugoslavo. I diari dell'Intendenza registrano colonne rilevanti, per numero di mezzi impiegati e durata, effettuate in questo periodo. Una di esse, con 24 autocarri, partiva i122 di aprile per trasportare ad Atene un battaglione di formazione. Sarebbe tornata soltanto 1'8 giugno, dopo aver percorso 3.000 chilometri, supe-

176

rando continue difficoltà derivanti da interruzioni stradali. Un'altra, di 42 automezzi, partiva il 15 giugno portando prima il61 ° G.C.A. nella zona Devoli-Preveza; da qui caricava il 62° G.C.A. per portarlo a Missolungi-Patrasso; tornata a Preveza, riprendeva il 61 o e lo trasferiva a Najplion: in tutto, 18 giorni di viaggio. Il 18 luglio, una colonna di 112 automezzi, con un viaggio di 6 giorni e 6 notti consecutivi, trasportò alcune unità della D. «Cacciatori delle Alpi» a Podgoritza, percorrendo 1.350 chilometri. Nel pomeriggio del 18, essa venna attaccata da ribelli a Virpazar e a Spuz; anche gli autieri furono costretti a far uso delle proprie armi. La stessa Intendenza li avrebbe poi elogiati per la loro calma, la disciplina e il sangue fred. ··do. Tutti gli automezzi, espleta to il servizio, rientrarono in sede. 1126 settembre, il4° nucleo del3° Reparto soccorso s tradal e, durante un viaggio su un Lancia RO per raggiungere Plevia, dove doveva effettuare un recupero, a. nove chilometri da Mikis ven iva assalito da una banda di ribelli con fucili, mitragliatrici e bombe a mano. Alla prima scarica venivano feriti il tenente Tra vaglia, comandante del nucleo, il conduttore e un altro autiere. Circondato l'autocarro, gli assalitori de-


Il 18 ottobre del 1941, nei pressi di Brosce, un'autocolonna subisce un violento attacco ad opera di partigiani che provoca la perdita di 26 automezzi, incendiati o precipitati lungo la china. Nelle immagini, il luogo dell'attacco e alcuni automezzi perduti (foto Museo Storico).

predava no sia il veicolo che gli uomini, quindi precipitavano il mezzo nel burrone sottostante. I feriti venivano raccolti da una corriera civile e trasportati a Danilogrado. Poco piĂš avanti, un nuovo attacco si verificava contro uno degli autocarri della scorta che veniva incendiato; un autiere decedeva ed altri 4 restavano feriti.

Il 18 ottobre, una colonna di 26 autocarri, in localitĂ Brosce, a 18 chilometri da Podgoritza, veniva attaccata da un gruppo di ribelli montenegrini. L'i ntera colonna veniva immobilizzata e sopraffatta; gli autieri si difesero fino all'esaurimento delle munizioni. Al termine del combattimento si contarono 4 morti e 4 feriti, mentre 27 furono i di-

177


Un automezzo incendiato nello stesso attacco di Brosce (foto Museo Storico).

Montenegro: un autocarro è rotolato lungo la scarpata, disperdendo il suo carico lungo la china (foto Museo Storico).

178

spersi, compreso il tenente comandante d el 1° nucleo del 3° Reparto socco rso strad a le. Tutti e 26 g li autom ezzi furono distrutti. Dopo a lcuni g iorni, si seppe che i 27 dis persi erano stati fa tti prigio nieri. 22 furo no rilasciati dopo alcuni g iorni mentre 5, compreso il tenente, vennero

trattenuti in os taggio. Anche costoro sa rebbero poi sta ti liberati il successivo 7 novembre. Il28 novembre 1941, cambio a l verti ce: il colonnello Leboffe ced eva il comando al pari g rado Umberto Citarcila Tufano. Il 20 dicembre, gli autoreparti 167°,


169°,214° e 345° a ndava no a costituire il XIV Autogruppo di Corpo d ' Armata del Monte negro. Cominciava l' inverno, il primo d ei due rig idi in verni c he il 3° Au to raggruppa m e nto avrebbe vissuto nel su o settore di ope razioni . Malg rado l'encomiabile a ttività d el Pa rco Auto mobilis tico e d elle o ffi cine di repa rto, le riparazio ni non proced eva no con il ritmo richiesto dalle imperiose necessità dei trasp orti. An che la costru zio ne dei dispositivi di ad e re nza, indis pensabili nella s tagione inve rnale, proced eva con diffi coltà, per la scars ità d el ma teriale occorrente. L'aliq uota d ei m ezzi efficienti d iminuiva sempre più, con medie di ineffi cienze del 30% e punte d el 38%. Il traffico veniva forte mente limitato pe r l'eccessivo rigore d ella s tagione che imponeva an che una d is locazione statica d elle truppe e d ei se rvizi. Il 21 gennaio una colonn a d estina ta a Bera n e risultava blocca ta a Puka: con una tem pera tura di -30°, perfino l'olio e la nafta gelavano n elle tubazioni e nei

rose ro ta bili, fu necessa rio cercare percors i alternativi, sempre con sca rso successo, poiché la n eve e il g hiaccio la faceva no d a p adroni, a nche s u itinerari che si spiegavano a minore altitud ine e p er fi no nei tra tti d i pianura. Ma ncavano anche a ttrezza ture, come le s tufe, a tte a facilitare l'avvian1ento d ei m otori e, fa tto a ncor più d e precabile, il p ersonale e ra scarsamente equip aggiato pe r affronta re situazioni meteoro logich e es tre m e. Manca va no infatti passa m ontagna, calzero tti, pellicce, ecc. e si verifica rono d ivers i casi di congela me nto. Ai limiti delle uma n e p ossibilità si svolse l' attività del 3° Repa rto soccorso s trad ale per il recupero d ei m ezzi c he fin ivano fuori strad a. A causa d ella sua scarsa cons is tenza (si e ra or ma i ridotto a un solo nucleo), venne ro sovente fa tte inte rvenire delle trattrici di a rtiglie ria. Particolarmente gravosa fu l'attività s ul p asso Quafe Tha ne, d a d ove e ra no costre tti a tra n sita re gli a utom ezzi che p or tava no rifo rn imenti a lle div is ioni

serbatoi, causando anche seri danni agli stessi a utomezzi. Più volte le autocolonne d ovettero fe rmars i pe r mancan za d ei dis positi vi di aderenza o per violente bufere di neve che le cos tringevano a s ostare in zone assoluta mente prive di risorse. A causa dell' inter ru zione d i n ume-

«Fire nze» e «Arezzo». Ques ti venivano agga ncia ti da tra ttrici Breda e tras porta ti, a traino, al d i là d ell'ostacolo. Nel p eriodo primavera-esta te il traffico riprese intenso, sia p er i trasporti di truppa inerenti la nuova orga n izzazione te rritoriale, s ia p er rifornire via terra le basi che la scarsa sicurezza del-

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Un'autocolonna carica di truppe arranca lungo i tornanti sulla strada per Skoplje, capitale della Macedonia (foto Museo Storico).

179


Autocarretta del157" con parabrezza forato da proiettili (foto N. Lunazzi).

180

Una pallottola ha forato il parafango e lo sportello e, continuando la corsa, ha sfiorato il conduttore, che anche per questa volta la può raccontare! Ma purtroppo non andrà sempre cosi (foto Museo Storico).


la navigazione impediva ormai di raggiungere via mare. Per ovvia re a ll'accresciuta richiesta di trasporti, l' Intend e nza si attenne al criterio base dell'economia dei mezzi, mai sufficienti, per ridurre s ia il loro logorio che il co nsu m o di ca rburante. Ogni s tra tage mma possibile venne adottato, quali la massima utilizzazione dei viaggi d i ritorno, la sostituzione con la trazione animale quando possi bile, l'accentramento dei mezzi, il massimo impulso dato alle riparazioni. Sempre nell'ottica di una ottimale utilizzazione d elle forze, mo lti reparti vennero rimaneggiati. Essi erano giunti dall' Italia dotati d ei mezzi più eterogenei, con intuibili difficoltà dal punto di vista della riparazione e d ell' addestramento del persona le. ln questo periodo, mediante travasi da un reparto all'altro, s i cercò di raggruppare automezzi si111i lari all'interno dello stesso autoreparto o quantomeno della s tessa autosezione. Si cercò infine di incrementare le riparazioni da parte del personale degli stessi reparti, effettuando presso di essi anche quelle di media difficoltà. ella primavera, mutarono le condizioni d elle rotabili, ma solo nel senso di una variazione della natura delle difficoltà e d egli ostacoli. Alla neve e al ghiaccio s i sostituirono il disgelo, le piogge, le frane, l'usura d el piano stra-

dale, lo straripa m ento dei torrenti, la rottura dei ponti, ecc. Un altro fattore negativo era dato dal braccio dei rifornimenti fa ttosi troppo lungo, con truppe distribuite verso i confini ch e potevano essere raggiunte solo con percorrenze che richied eva no fino a 6-7 tappe automobilistiche. Lungo l'itinerario, l'attività di bande di albanesi imponeva mis ure di s icurezza, qu ali l'a dozione di scorte, o la limitazione dei viaggi alle sole ore diurne, oppure il decentramento d egli automezzi presso i presidi lo ntani, il che riduceva il numero g ià sca rso di mezzi · a disposizione della Direzione Trasporti d'Intenden za. Unico fattore positivo fu che, pur se assottigliato da rimpatrii per malattie, ferite o congelamenti, il personale aveva acquisito un ad d estramen to completo, con conseguente forte limitazione d egli incidenti. Era a carico del raggruppamento anche il servizio di corriere, is tituito soprattutto con lo scopo di facilitare imovimenti di militari isolati (per licenze, rientri, trasferim enti ) affinché questi non fossero costretti a far ricorso a mezzi di fortuna. Furono perciò disposte, per l'Albania, 6 linee fisse, sulle quali si muoveva un total e di 60 automezzi. Vennero effettuati an che tra sporti a favore di truppe di slocate in Montenegro col risultato, sovente, che alcuni au-

Antivari, febbraio 1942. Un'autocolonna carica di truppe parte per CeNigne (foto Museo Storico).

181


CAPITOLO

5

Gli automezzi svolgevano, all'occorrenza, anche servizi per i civili. Un'automezzo del345° Autoreparto trasporta una famiglia montenegrina {foto Museo Storico).

182

tomezzi rimanessero bloccati nei vari presidi per l'interruzione degli itinerari provocata dai ribelli. Altro aspetto era quello del trasporto dei materiali di recupero (rottami, reticolati, putrelle in ferro, barconi, armi, ecc.) che veniva effettuato con salmerie dai reparti fino ai luoghi di raccolta e con automezzi da qui fino ai porti d'imbarco. L' Autoraggruppamento non operava solo a favore delle unità, ma anche al servizio dei civili albanesi, per i tra sporti più svariati: profughi, funzionari, materiale sanitario, materiale da costruzione, cereali, perfino buoi per la lavorazione dei campi. Alcuni trasporti furono effettuati con carattere d'urgenza, come quello effettuato a favore di alcune province dell'interno rimaste senza possibilità di panificare. Particolarmente intensa fu l'attività dell'XI Battaglione Movieri Stradale,

impiegato nella vigilanza agli itinerari più importanti e nel controllo del traffico nelle principali città (Tirana, Durazzo, Scutari). Posti di blocco vennero costituiti nel tratto Puka-Fukes, con il compito di segnalare alla Direzione Trasporti ogni novità relativa a condizioni atmosferiche, interruzioni, ore di transito, soccorsi, ecc. L'impiego dei movieri pose anche un freno al mal vezzo, ormai invalso, di usare gli automezzi anche per ragioni non correlate a servizi. La compagnia genio artieri del battaglione lavorò sempre alacremente per riattare strade interrotte o per costruire nuovi tronchi. Purtroppo l'Xl Battaglione Movieri Stradale venne rimpatriato ill5 maggio del 1942, su ordine del Comando Supremo, sì da mettere in crisi l'Intendenza e da rendere del tutto insuf-


fidente l'organizzazione dei movimen ti . La situazione generale dei trasporti cominciò a migliorare nel periodo maggio-giugno del '42 con la rimessa in efficienza del materiale e un crescendo di attività che registrò il suo picco nel m ese di agosto. Nel frattempo però il servi z io trasporti doveva far fronte a un forte calo dei servizi offerti dalle imprese civili, allettate da prospettive di maggiori guadagni presso altri scacchieri operativi. Riprendendo l'esposizione dei bollettini di guerra relativi ai principali episodi che investirono il raggruppamento, va annotato un attacco ad una colonna di tre autocarri avvenuto il19 ottobre sulla s trada Struga-Dibra, a 10 chilometri da quest'ultima località, attacco che provocò 2 morti e 4 feriti. Il 27 novembre altri 3 automezzi vennero attaccati a Provalienik: 1 morto e 15 feriti. Altro attacco il2 gennaio del '43 nella zona di Crnoljeva, con 5 morti (tra cui un ufficiale e un sottufficiale) e 3 feriti. Forti perdite s i verificarono nell'estate del '43: 10 morti e 14 feriti a Passo Logora (nei dintorni di Valona), nel corso di attacchi a due autocolonne. 1112 agosto, nella zona Belo Kamen, presso Pjani, alcune centinaia di ribelli investirono una colonna di rifornimenti della Divisione «Arezzo».

Il 15 agosto veniva respinto, dopo lungo combattimento, un attacco in zona Magellara, presso Dibra: 2 morti e 1 ferito. Si avvicinava ormai una data rimas ta negli annali del nostro paese: 8 settembre 1943. Ma questo, fa parte di un altro racconto.

LA CAMPAGNA NE/ BALCANI

Nelle isole Un apposito allegato, in fondo alvolume, recante in specchio tutti i nominativi delle unità automobilis tiche a qualsiasi livello e le località in cui furono dislocate, consentirebbe di abbracciare meglio, con uno sgua rdo panoramico, le dimensioni e la distribuzione del Corpo Automobilis tico nel corso della campagna dei Balcani. Ma questo snaturerebbe in maniera inaccettabile il taglio che abbiamo inteso conferire a quest'opera (che vorremmo -ripetiamo- fosse un libro da leggere, non un annuario da consultare). E per questo ch e molte unità, specie a livello minore, non risulteranno neppure nominate. Delle altre, le maggiori, abbiamo riferito le vicende in quantità direttamente proporzionali ai d ocumenti che sono stati reperiti e alle testimonianze che ci sono s tate fornite. Non va dimenticato, tuttavia, che le unità automobilistiche, nel corso della campagna, operarono non solo sulla terSi direbbe un'immagine della Prima Guerra Mondiale; invece siamo nel 1943 ed i due automezzi sono proprio loro, i gloriosi 18 BL, ancora sulla breccia e impegnati a guadare un corso d'acqua nei pressi di Bitolia (foto Museo Storico).

183


CAPITOLO

5

raferma ma, seguendo gli svi luppi delle operazioni di un conflitto proprio «mondiale», molte si ritrovarono sparse tra le varie isole del Mediterraneo orientale. Succintamente, indicheremo i nomi di quelle unità che i quadri di battaglia ci hanno trasmesso. A Creta: - 216° Autoreparto; . . :. 331''~ Autosezione Pesante; -51 Il Sezione Autocarrette; - 20!! Autosezione Leggera. A Rodi: - 50° Parco Automobilistico d' Armata; - 1 officina di Centro Automobilistico tipo A; - 50° Autoreparto Misto del 6° Autoraggruppamento; -5 Depositi carburanti e lubrificanti. ACoo: - 1 frazione di parco carburanti. A Scarpanto: - 1 frazione di parco carburanti. In Eubea: - 628il Autosezione Pesante. Nelle Isole lonie (con la Divisione «Acqui»): - 143!.! Autosezione Pesante; - 33!! Sezione Autocarrette.

Una medaglia d'oro Anche se la penuria di documenti non rende possibile la ricostruzione delle vicende dei singoli reparti sopra elencati, non è lecito passare una patina di silenzio sopra l'unica medaglia d'oro concessa a un appartenente al Corpo Accampamento in Bosnia (foto Museo Storico).

184

Automobilistico nel corso della Seconda Guerra Mondiale, per vicende non legate alla Guerra di Liberazione, delle quali si dirà nell'apposito capitolo. Paradossalmente, questa unica medaglia d'oro (alla memoria) concessa ad un rappresentante del Corpo Automobilistico italiano non è stata concessa a un italiano, ma ad un ... turco. Così recita la motivazione: Eghinlian Clemente, nato ad Ankara (Turchia) il18 maggio 1914, autiere Comando Superiore FF.AA. Egeo. «Di origine armena, cittadino italiano di elezione, profondamente devoto all'Italia, si offriva, con vero entusiasmo, per essere aviolanciato in territorio nemico per rischiosa missione informativa. Dopo un periodo di proficua attività, tradito e catturato, veniva sottoposto ad inumane torture e ad estenuanti interrogatori, confermando virilmente inalterata la sua fede per l'Italia, rendendo vano ogni tentativo di carpirgli notizie e respingendo ogni offerta di passare al nemico per aver salva la vita. Condannato a morte, dinanzi al plotone d'esecuzione il suo pensiero rimaneva rivolto all'Italia, alla fa miglia e ai suoi superiori. In una nobile lettera indirizzata al fratello alla vigilia della morte, confermava le sue magnifiche doti di soldato, dichiarando che egli ed i suoi compagni avevano la coscienza tranquilla davanti a Dio e che morivano contenti di aver compiuto interamente il loro dovere. Fulgido esempio di virtù militari. Medio Oriente, luglio-settembre 1942».


Abbiamo già ascoltato dal sergente maggiore Giulio ALESSANDRINI le vicissitudini del personale del Corpo nel periodo immediatamente susseguente la guerra itala-etiopica (volume l 0 , cap. sesto). Il racconto del sottufficiale continua, proiettandoci verso uno scenario del tutto nuovo, con ben diversi problemi e traversie.

«Il richiamo, nel secondo conflitto mondiale, avvenne presso il 9 ° Centro Automobilistico di Bori. Le possibili destinazioni che venivano ventilate erano due: Russia o Albania, e fu quest'ultimo la mia nuovo meta. Il l 2 marzo del 194 l segnavo lo doto dello sbarco o Volano del mio reparto, il 164 ° Autoreparto Pesante Mobilitato, dotato di Fiot 626 e 666. In qualità di comandante di outosezione, ogni mattino era mio incombenza dore lo sveglio agli autieri e .ovv.iore i movimenti comandati per la giornata. Lo sistemazione del nostro accampamento ero così disagiato che ero già un'impresa far uscire i mezzi sullo strada; per superare un forte sbalzo del terreno occorreva far ricorso o/ verricello. D'inverno, con le temperature estremomente rigide, per ovviare o/le difficoltà di owiomento eravamo costretti o tenere i motori accesi anche durante lunghe soste; oppure dovevamo ricorrere olio stesso verricello per mettere in moto i mezzi o traino. Le strade erano veramente poche e quelle poche erano in condizioni precarie, tutte o fondo ghiaioso. Tutto ci ero ostile. Anche "gli Albanesi non ci vedevano di buon occhio. L'attività che più di ogni altro assorbivo le energie del reparto era il trasporto del-

le munizioni sul monte Tomori (quoto 712). Ero il momento dello ripreso dell'offensivo teso olio riconquisto dello Grecia. Nell'avanzata, i nostri mezzi servivano unicamente per il trasporto dei materiali; le truppe, invece, dovettero sorbirsi o piedi tutte un tragitto di ben 5 -600 chilometri! Lo Grecia ero ridotto olio stremo; lo gente morivo di fame per le strade; ero un continuo andirivieni di corrette con le quali i vivi raccoglievano e portavano o sepoltura i cadaveri. Figure allucinate, ischeletrite non emettevano più che un fomento: «Pinool» (fame). Il 164° fu stanziato o Dofni, non lontano do Atene, mentre lo mio sezione operavo o/ Pireo, per rifornire di viveri lo Morino Militare Italiana. Tutto procedette secondo routine, fino o che, /'8 settembre de/ '43 ... giunsero o/ campo degli o/ti ufficio/i tedeschi che ci ordinarono di consegnare le armi, dopodiché saremmo stati rimpatriati. Ottemperato o/l'ordine, fummo posti sul treno ed ebbe inizio il viaggio. Contavo le ore che mancavano o/l'arrivo o/ mio paese/lo, alle mie colline, invece ... Il treno, passate lo Grecia e lo Jugoslavia e giunto in Austria, proseguì attraverso lo Germanio fino o un campo di concentramento in O/onda. l Tedeschi ci proposero uno scelto: aderire olio repubblica di Salò, con immediato rientro in patrio per licenza, oppure affrontare lo prigionia. Optai per lo secondo soluzione. Col senno di poi, ritengo che fu uno scelto sbagliato: se avessi aderito, uno volto in Italia avrei potuto dormi olio macchia; sempre meglio dei due ongo-

ASCOlTANDO

CHI C1ERA

Gennaio 1942: la copiosa neve caduta getta fuori strada un autocarro sul passo Berane-Andreviza (foto Museo Storico).

185


CAPITOLO

5

sciosi, terribili, umilianti anni di prigionia che mi accingevo od affrontare!» Riprendiamo il racconto delle vicende di Giulio LOCCI che dalle Alpi ci porta con sé sulle non meno impervie montagne dell' Albania.

«Sbarcati o Durazzo, raggiungemmo altri reparti o Va/ono, pronti per essere inviati sul fronte di Tepeleni. Strade orride e pericolosissime. Il mio amico Ouondom, con il suo 621 /N tre ossi, non adotto o simili strade, fu lasciato al Comando Base nei pressi di Va/ono.

186

Grecia, 1941, strada per Filippopoli. Effetti di una mina anticarro su una automobile (foto Museo Storico).

l/ mio lavoro, al contrario, divenivo di giorno in giorno più gravoso: ero iniziata quello spola interminabile Volono-Tepeleni, Tepeleni-Volono, su uno strada, in alcuni punti, veramente do capogiro, fiancheggiato do abissi roggelonti, doto laristrettezza dello correggiato. Un giorno, mentre guidavo tranquillamente, un'esplosione improvviso sopra la mio testo mi fece volar via l'elmetto. Mi fermai e scesi dallo macchino per accertarmi di coso fosse accaduto e vidi su una piazzolo vicino allo strada un grosso connone, con acconto alcuni artiglieri che se


lo ridevano, divertiti do/ mio spavento: «figli di ... potevate o/meno avvertirei» Un altro giorno, mentre ero intento o/ trasporto di 50 quintali di munizioni, un capitano mi chiese di poter approfittare del viaggio per recarsi in una certo località. Doto lo natura del corico, guidavo con un forte batticuore: c'ero do saltare in orio, se qualche bombo o qualche mitragliomento aereo ci avesse colpiti. Sul ponte di Tepeleni, tempestoto in continuazione do precisi colpi di cannone, per poco non gettavo giù dallo macchino l'ufficiale. Non pratico dello strada, egli mi avevo ordinato di fermarmi proprio nel bel mezzo del ponte per consultare lo corto geografico (non sono mai riuscito o copi· re quell'alzato d 'ingegno, doto che di strade ce n'ero uno solo, senza alternative, essendo sbarrato quello per Argirocostro). Non stetti o pensorci due volte: offrire al nemico un bersaglio immobile non ero nel mio temperamento perciò, innestato lo primo, ripartii con un sobbalzo che mondò su tutte le furie il capitano, tutto assorto com'ero od esaminare lo suo corto. Senza per nullo fasciarmi intimorire dai suoi strepiti, gli feci capire che egli ero mio aspi· te, che il passaggio glielo avevo offerto per fargli un piacere e non per dovere, ma che per fare quel piacere non intendevo rimetterei la pelle così stupidamente. Il servizio lo svolgevo con soddisfazione ed entusiasmo, ma ciò che non mi andava proprio giù era il dover rinunciare al rancio, doto che ne andavo dello mia salute. Poiché questo era un évento abbastanza ricorrente, esternai le mie rimostranze al maggiore addetto alla cucina. Questi mi rispose in molo modo: -Hai le trasferte, mangiati quelle; te le paghiamo opposta! Non seppi trottenermi dal replicare: - Signor maggiore, io in qualche modo mi arrangio; un pezzo di pane, una scotoletta, un po' di formaggio li rimedio, ma se non arrivo io con i viveri, voi non mangerete affatto! L'ufficiale girò le spalle mortificato, forse dispiaciuto di ciò che aveva detto e lo vidi fare un cenno come di scusa. In prima linea certe sortite e certe abitudini si comprendono benissimo. In poco tempo ero divenuto l'amico degli alpini; quando passavo vicino ai loro reparti mi venivano incontro e, se avevo qualche pagnotta o altro a bordo, gliene offrivo volentieri. Stando con essi, poteva capitare di lasciarsi contagiare do certe loro usanze. Che dire infatti dello sbornia che un giorno mi presi? Avevo incontrato lungo la strada uno spaccio di fortuna; la tentazione fu forte e mi sco/a i mezza bot-

tiglio di vermouth. Le conseguenze non si fecero attendere: poco dopo, infatti, do- LA CAMPAGNA vetti accantonare il veicolo a lato della straNE/ BALCANI do . Dormii per dieci ore filate. Durante le mie soste a Va/ono, mentre gli addetti effettuavano il caricamento dello macchino, mi intrattenevo a parlare lungamente con il mio amico Quondam. Questi volevo conoscere tuffi i particolari di ciò che avvenivo al fronte, della vito che si conduceva e dei pericoli che si correvano. Ero incerto se fosse da invidiare la sua vito monotono al Comando Base: a me non sarebbe certamente piaciuta e in fin dei conti preferivo la mia, spensierata, in un continuo andirivieni, anche se oltremodo pericolosa e piena di incognite ad ogni pie' sospinto. Uno notte, tonto ero la stanchezza che non fui svegliato neppure da un intenso bombardamento aereo o pochi passi dalla mio macchina . Me ne resi conto solo quando al mattino mi svegliai e vidi tutte quelle buche scovate dalle bombe. Il maresciallo che nello circostanza effettuava il viaggio con me rimase meravigliato di vedermi ancora in vito. Egli era scappato o rifugiarsi nelle trincee e, non avendomi più visto, aveva ovviamente pensato che io fossi rimasto sotto le bombe. Certamente qualche buon santo dovette proteggermi per tutta la compagna, poiché di pericoli ne passai parecchi, uscendone sempre indenne. Al fronte, non mi piaceva affatto come il colonnello comandante avevo disposto le batterie. Aveva formato infatti un ferro di cavallo con batterie do 75 e dentro questo ferro di cavallo avevo piazzolo comondo, polveriera, cucina e tanto altro materiale d'interesse bellico non indifferente, compresi gli automezzi in dotazione al reggimento. Il fuoco di controbatteria dei Greci era micidiale e da un momento all'altro potevo accadere lo carneficina. Ogni volta che mi soffermavo sulla coso, venivo colto do un triste presentimento, infatti non volli mai infilare la mio macchino là in mezzo, ma la lasciai sempre al margine della strada dove mi sembravo più al sicuro, sebbene abbastanza esposto anche lì. Tra ansie e paure arrivò la dola, per me fatidica, del 16 febbraio 1941.. Essa è ancora scolpito indelebilmente nello mio mente. Una malinconia insolita si ero impo· dronita del mio animo. Nell'aria c'ero una triste sensazione. Nella mattinata i Greci avevano dato ovvio ad un fuoco infernale di cannoneggiamento e mi stupivo che questo fosse avvenuto prima dell'orario consueto. Granate scoppiavano da tutte le parti; non c'era più un rifugio sicuro e, non sapendo p iù dove imboscarmi, quasi senza avveder-

187


CAPITOLO

5

Violento attacco di artiglierie sul fronte greco albanese, uno di quelli che per poco non costarono la vita al nostro testimone Giulio Locci (foto Museo Storico).

188

mene salii sopra la macchina e mi distesi in cabina aspettando la morte con rassegnazione e come un evento ormai ineluttabile. Fu questione di minuti. Tra l'inferno degli scoppi, si levò un'esplosione molto più violenta delle altre; tutto il mondo sembrò andare in frantumi, con brandelli che si levavano e ricadevano da tutte le parti. Sentii lo macchina fremere, spostarsi; sentii vetri infranti e contorcimento di lamiere, poi più nullo. Mi ritrovai disteso sul cuscino, in mezzo o rottami di ogni genere. Avevo paura o muovermi; non avevo ancora preso coscienza dei danni che avevo subito e temevo che, ordinando alle mie gambe, alle mie braccia di muoversi, queste non rispondessero più o, peggio, non ci fossero più. Infine tentai: i muscoli e i riflessi mentali rispondevano bene, le gambe e le brac-

giorava ancor più la situazione. L'autiere non è abituato o star fermo; ha bisogno di muoversi; senza il suo mezzo, l'autiere non è più lui, perché si sente inutile. La mio salute cominciò o deperire o vista d 'occhio e il comandante decise di inviormi al Comando Base per alcuni giorni di riposo. Con un mezzo di fortuna raggiunsi Volona, lasciando tutta la mia roba nei cassetti di ciò che restava della mio macchina, convinto di tornare al più presto o riprendere il mio posto. Il mio amico Quondam, nel vedermi così ridotto, avvilito, sfiduciato, mi abbracciò per farmi coraggio e volle che gli raccontassi nei minimi particolari ciò che era accaduto; come lui, vollero saper/o gli altri amici e il comandante della Base. Fu un racconto assai triste e commovente. Forse mai come in quel momento maledicemmo tutto e tutti, imprecando contro la guerra e contro

eia si muovevano senza avvertire il minimo dolore . Miracolosamente ero illeso, senza nemmeno un graffio. Saltai dalla cabina divelta e volsi lo sguardo attorno: tutto era sparito come per incanto. La polveriera, centrata in pieno, era esplosa e tutto, in un solo istante, era sparito con essa: cucine, comando, automezzi. In un attimo, senza neppure il tempo di rendersene conto, trenta o quaranta artiglieri erano sfati polverizzati, unitamente ai muli che essi stavano caricando. Ci furono solo morti, feriti ... nessuno! La sola ferita mortale l'ebbe la mia mac· china, ridotta tutta un mucchio di rottami. Mi si gelava il cuore allo visto dello mio cara compagna di tante avventure così mutilata e al pensiero che non avrei più sentito il ritmo allegro del suo motore. /( tenente promise che me ne avrebbe richiesta un'altra, ma ci sarebbe voluto del tempo. Lo choc che avevo subito fu grande; lo star fermo , poi, era un supplizio che peg-

chi era causa di tanti lutti e tante rovine. Al Comando Base le mie condizioni non migliorarono e fu necessario il mio ricovero in ospedale. Dopo tre giorni di visite molto accurate, la decisione unanime delfa commissione sanitaria fu: «rimpatrio». Dopo dieci giorni di ospedale o Foggio, fui inviato in licenza di convalescenza di novanta giorni. Ebbi la fortuna , dopo l'armistizio, d i rivedere il mio amico Quondam che mi ragguagliò su tutto ciò che era avvenuto dopo la mia partenza. Rivedendo il mazzo di foto che il mio amico mi aveva portato unifamente ai miei effetti personali, il mio occhio e il mio cuore si soffermarono su quelle immagini. Nel vedere ancoro quei volti così giovani, spensierati, sorridenti, non potei fare o meno di piangere e di considerarmi fortunato per aver riportato a casa fa pelle, mentre tanti e fanti amici, impressi in quelle immagini, giacciono ancora sepolti in paesi fon -


Ioni, fuori dalla loro Patria e senza uno persona coro che versi uno lacrimo e depongo un fiore sullo loro lombo». Un ompio e significativo spaccato dell' attività dei nostri autieri nel corso dello guerra s~l fronte balcanico ci viene proposto dal presidente dello Sezione A.N.A.I. di Ascoli Piceno, Giuseppe DI ESPOSTO, noto nello stesso città il 17 febbraio del 1912 e lì residente; 83 anni al momento dell'intervisto. Questo è il suo racconto, del quale ragioni di disponibilità di spazio ci impongono di cogliere solo gli spunti più salienti. «Altrimenti- dichiaro eg li stesso -ci

vorrebbe un libro dedicato o me so/tonto. Dopo aver trascorso il mio periodo di levo presso i/6 ° Centro Automobilistico di Bologna, nel moggio del 1940, con l'entrata in guerra de/1'/to/io, venni richiamolo presso il 9 ° Centro Automobilistico di Bari. Appeno due giorni sul posto, e via, subito in Albania, dove venni aggregato, come conduttore, presso lo 26 11 Compagnia Chimico, con destinazione Tirano. Tutlo liscio durante la fase di avanzato nel corso della quale io fui addetto alla guido di uno Spa 35 «Dovunque» attrezzato per lo produzione di nebbia artificio/e. Le note dolenti cominciarono con l'inverno, allorché i Greci confrotloccorono, costringendoci o uno doloroso ritirato. Nel caos dello fuga , o un certo punto rimasi isolato e appiedato. Mi aggregai od un gruppetto di alpini, c..omondoti do un sottofenente, anch'essi in fugo. A piedi otlroversommo le montagne albanesi riuscendo, dopo tanto freddo e tonta fatico,

o raggiungere il Comando di corpo d 'ormoto o Elboson. Qui, uno volto ristoroti, LA CAMPAGNA ci furono concessi dieci giorni di riposa per rimeflerci in forze , trascorsi i quali mi NE/ BALCANI ricongiunsi olio mio vecchio compagnia che nel frattempo, completato lo ritirato, si ero accampato sul monte Tomori . Trascorremmo diversi giorni otlendoti in mezzo o/ fango, avvolti da un freddo polare. Sotto di noi, alle falde del monte, correvo il fiume Devo/i, alle cui acque attingevamo per tutte le nostre necessitò: lovorci, cucinare, dissetarci; aequo che ero stato do noi ironicamente ribottezzoto «aequo del Duce». Mentre eravamo lì, vedemmo un giorno sfilarci davanti un battaglione di finanzieri, dissennatamente proiettati v~rso il fronte , protetli da una misero diviso di castorino adotlo tut/' o/ più o/ tepore di Roma, non certo ol/'oltitudine dei monti albanesi. lnfatli, erano passati pochi giorni che li vedemmo tornare tutti indietro, chi ferito, chi congelato; per alcuni, addirittura, non erano trascorse neppure 24 ore tra l'arrivo e il rimpatrio in aereo. Eravamo lì da alcuni giorni quando avvenne l'episodio che avrebbe mutato radicalmente il corso dello mio vito militare. Tutli i mezzi della compagnia si erano ormai resi inefficienti e giacevano presso l'officina di corpo d 'armata a Elboson , in offesa di uno quanfomai fantomatica e aleatoria riparazione. Tutfo il porco macchine era ormai ridotto a due Spa «Dovunque», un Lancio RO o benzina e lo 1 100 del comandante di compagnia. Un giorno, anche quest'ultima andò in avaria e né il sottufficiale motorisfo, né i due meccanici suoi Il nostro testimone, Giuseppe di Esposto, con i gradi di sergente e l'incarico di capo officina, accanto ai suoi Spa Dovunque (foto G. di Esposto).

189


CAPITOLO

190

5

compaesani furono in grado di riparar/o. Il povero capitano, al colmo dello disperazione, si risolse o chiedere soccorso al comandante di un reparto di artiglieria accampato o poco distanza. Mentre l'ufficiale , sotto lo tendo adibito o fureria , esponevo il suo problema, il discorso venne captato dal caporale Alessandro Bolducci, mio compaesano e amico. All'udire lo richiesto del mio capitano, egli intervenne dicendo: - Signor capitano, lei va cercando do noi chi le ripari lo macchino, quando nello suo compagnia c'è un bravissimo meccanico, il soldato Di Esposto Giuseppe che fino al giorno del richiamo ero capo officina presso lo Fiot di Ascoli! (E opportuno far rilevare che, o quell'epoca, le officine non erano numerose come oggi, tonto è vero che lo Fiot di Ascoli assistevo, per le riparazioni, tutti gli automezzi dello provincia). Il capitano - il cui nome ero Alfonso Mottei ed ero parente del famoso Enrico Mottei deii'ENI, morchigiono anch'egli, di Matelica - ringraziò e tornò sui suoi passi. Come fu di nuovo in compagnia, indisse un'immediato adunato generale e, con tono fortemente alterato, mi ordinò di uscire dai ranghi; lì, davanti o tutti, me ne disse di tutti i colori, ponendo in risolto il fotto che l'Italia ero in guerra e avevo bisogno del massimo delle capacitò di ciascuno; io, uno specialista, avrei dovuto considerarmi un traditore, essendomi tenuto nell'ombra, senza offrire collaborazione. - Signor capitano - mi giustificai - lo colpo non è mio. Se avessi detto di essere meccanico chi mi avrebbe creduto? Lo conosce anche lei il detto in vogo sotto le ormi: «Siamo tutti meccanici! Romozzo! Romozzol» (Ero infatti un ma/vezzo comune quello di dichiararsi in possesso di uno qualche prezioso speciolizzozione, per evitare servizi· gravosi). Il capitano, tornato colmo e sorridente: -Oro però voi subito o riparare lo mio macchino ché mi serve urgente! Poche ore dopo lo 1 100 tornavo in perfetto efficienza. Il guasto consistevo nello rottura del differenziale che lo squadro di meccanici dello compagnia avevo preteso di smontare senza primo staccare i semiossi (!) Fu sufficiente questo solo provo di capacitò professionale per far sì che mi venisse affidato l'intero responsabilità dello riparazione dei mezzi, mentre il sottufficiole motoristo venivo trasferito al vestiario, incarico certamente più consono alle sue attitudini. Lo compagnia venne inviato o riorgo-

nizzorsi o Tirano, presso il Comando d'Ar· moto. Eravamo Il do appeno due giorni, quan· do il capitano mi inviò all'officina di Elboson od informormi dello stato dei nostri mezzi. Li trovai tutti in cortile, in sfato di abbandono totale e in atteso che qualche animo pio si degnasse di controllore di coso avessero bisogno. Un rapido esame od ognuno e tornai a far rapporto al capitano con l'elenco dello natura delle inefficienza: 5 Spo pre· sentovono uno rottura al balestrone onte· riore; per tutti gli altri si trottavo di una semplice necessitò di registrazione della frizione. Il comandante, che ci tenevo o far bello figuro, mi inviò o prelevare, presso il magazzino ricambi di Tirano, i pezzi di ricambio occorrenti per le riparazioni. Ciò fotto, coricati tutti gli autieri intestotori delle macchine, tornai o Elboson. Uno od uno, mon mano che gli automezzi riocquistovono efficienza, venivano presi in consegno dal rispettivo conduttore e andavano od allinearsi. Dopo due soli giorni, l'autocolonna al completo prendevo lo via di Tirano. lo viaggiavo in coda, fuori colonno, allo guida di un «Dovunque» senza freni per avorio allo pompo dello quale non avevo trovato i gommini di ricambio. Il rientro fu trionfale e commovente al tempo stesso. Lo compagnia si trovavo in adunato sul piazzole dell'accampamento, od ascoltare il rituale sermoncino del capitano, quando questi si interruppe di colpo; non credevo ai suoi occhi, nel vedere tutto il suo porco macchine sfilorgli davanti al completo di tutti i mezzi, tutti ... meno uno, il mio, attardato dal guasto ai freni. Messo al corrente dello ragione del mio ritardo, egli abbandonò l'adunato, saltò in macchino e mi corse incontro. Ci incrociammo alle porte di Tirano e ci arrestammo entrambi. Abbandonando ogni ritegno formale, il capitano mi corse incontro e, ab· bracciandomi: - Sei un eroe - esclamò - dovrebbero essere tutti come te, gli Italiani! E pensare che appeno pochi giorni primo mi avevo doto del traditore ... ! Trascorse ancoro un certo tempo e, con il nuovo rovesciamento dello situazione al fronte, ci giunse l'ordine superiore di trasferirei nel Peloponneso, o Lutrochi, per attuare, con lo nebbia artificiale prodotto dai nostri mezzi, l'occultamento del Conole di Corinto. Questo canale rivestivo infotti uno elevato importanza strategico, in quel periodo, essendo attraversato do tutti i convogli diretti in Africo Settentrionale; per questo ero sottoposto o massicci


bombardamenti, tesi od ostruir/o, do porte dell'aviazione inglese e americano; ma, grazie o/ validissimo lavoro dello nostro compagnia, ogni tentativo venne sempre frustrato. . Parlando un giorno, o Potrosso, con il genero/e comandante del corpo d 'armolo, il capitano Mottei si lasciò sfuggire alcuni elogi circo le mie capacità e i miei meriti e questo comportò per me l'incarico di rimettere in sesto diverse auto dello stesso Comando di C.A. Ero intento del mio comandante, non privo del sentimento dello riconoscenza, offrirmi uno ricompenso tangibile per lo mio opero e, consultatosi con il genero/e, insieme decisero che il modo migliore ero quello di promuovermi sottufficiole per meriti speciali. E così fu. Ouolche mese dopo, il capitano fu promosso maggiore e trasferito o/ Comando Genero/e od Atene, do dove si mise oli'opero per formi tosferire presso l'officina d'armato, nello stesso città. Fu il destino o decidere diversamente in quanto pochi giorni dopo l'ufficio/e, colto do infarto, morì. Probabilmente, senza questo disgrazia, avrei fotto corriera e sarei divenuto aiutante di battaglio; invece, esso si fermò o/ grado di sergente maggiore. Se lo mio nuovo veste di sottufficiole presentavo i suoi risvolti positivi, specie

do/ punto di visto economico, esso com- Il Canale di Corinto, che la portò ovviamente anche l'assunzione di di- sezione chimica nella quale prestava servizio il nostro verse e maggiori responsabilità, spesso le- testimone aveva il compito gote ai servizi, armati e non, che ero chio- di tenere sempre occultato con una cortina di nebbia moto od espletare. (foto Museo Storico). Non dimenticavo, tuttavia, lo mio provenienza dolio truppa e spesso o tale considerazione ispiravo lo mio linea di comportamento, come in occasione di un episodio avvenuto sempre nel periodo di Lutrochi. Erano pochi giorni che, presso un coposo/do o pochi chilometri do/ nostro, un so/doto di sentine/lo - sopreso nel sonno dai partigiani- ero stato ucciso e, con lui, ero stato trucidato l'intero corpo di guardia. Comandato di servizio, stavo effettuando il mio giro d 'ispezione. Giunto od uno dei posti di guardia, notai che, per quanto mi avvicinassi sempre più, do esso non giungevo alcun segnale di «altolà», fino a che, arrivato o/ cospetto dello ~en­ tinello, la trovai seduto o terra, col capo poggiato o/ muro, beatamente addormentata. Mi salì il sangue agli occhi. Ouolcun altro, o/ mio posto, avrebbe mandato quello sciagurato davanti olio corte marziale che l'avrebbe condannato alla fucilazione. lo mi limitai o strottonorlo e scuoter/o ben bene, mollargli quattro sonori ceffoni e propinorgli un'aspra ramanzina per far-

191


Giuseppe di Esposto con il personale dell'officina al completo (foto G. di Esposto).

192

gli comprendere quali sarebbero state le conseguenze, per lui e per i suoi compagni se, al mio posto, fossero stati dei porfigiani od avvicinarsi. l partigiani: feroci e spietati, specie i Serbi. Nelle loro bande c'erano spesso anche delle donne e queste erano anche più fredde e songuinorie dei loro colleghi uomini: erano esse infatti, il più delle volte, o uccidere o pugnalate i prigionieri o o dare il colpo di grazio ai feriti. Uno volto ne incontrammo uno che recavo o tracollo lo bandoliera sottratto od un autiere do esso stesso ucciso. In occasione di spostomenti in treno, si viaggiavo disarmati. Unico risorsa per difendersi in coso di attacco partigiano, uno cassetto di bombe o mano che venivo consegnato sigillato al capo carrozzo {in genere un sottufficio le). Lo normativa in vigore prevedevo che esso venisse aperto solo al momento dell'attacco e che od ogni singolo viaggiatore venisse consegnato ur10 bombo. l soliti regolamenti, insomma, miranti unicamente od evitare il verificarsi di incidenti quando le cose filano lisce, ma che costituiscono un insormontobile impedimento allo difeso in coso di emergenza. Te lo immagini, in pieno attacco, sotto il tiro di fucili e mitragliatrici, star lì od estrarre tutte le viti per aprire lo cassetto? Perciò, in barbo od ogni regolomento, io effettuavo sempre lo distribuz ione delle bombe al momento dello partenza, per ritirar/e all'a rrivo. Sempre mentre eravamo o Lutrochi, ebbi modo di vedere e ascoltare Mussolini, giunto in visito alle nostre truppe. Dopo aver tenuto il suo solito discorso, il Duce chiese se qualcuno avesse delle osservazioni do fare . Uno soltanto, mosso un

posso fuori dai ranghi, prese lo poro/o e, fotto l'otto di chi si stringe lo cinghio, si fomentò dello penuria del vitto. - Lo so - fu l'amaro ma molto esplicito risposto del Capo del Governo -lo gavetta do Roma porte pieno, ma qui arrivo vuoto! Nell'estate del 1943 tornai in Italia in licenza matrimoniale e fu in quei giorni, il 25 luglio, che cadde il fascismo. Lo mia licenza stavo per scadere e, se avessi doto ascolto ai miei familiari , non sarei ripartito. Ma quando il maresciallo Badoglio proclamò: «Lo guerra continuo o fianco dell'olleoto tedesco; chi non si presenterò sarò considerato disertore», pur con rammarico, ripartii in treno per raggiungere il mio reparto in Grecia. Risalito o Trieste e ridisceso tutto lo sponda occidentale adriatico, dopo 8 giorni giunsi al comando tappo di Atene. Poiché il frenino per il Peloponneso partivo soltanto tre volte lo settimana, fui costretto o far sosto sul posto. Mentre ero lì, con gran sorpreso arrivò un reparto blindato tedesco che, senza fornire spiegazioni, fece prig ionieri tutti i presenti. Non ci fu possibile opporre alcuno resistenza perché, come ben si so, in licenza si va e si torno disarmati. Cos 'ero avvenuto? Solo uno doto: 8 settembre. Si può immaginare il dispiacere, ma soprattutto il rammarico che provai per non aver doto ascolto a i miei familiari. Un rommorico che venivo reso più aspro e cocente dal fotto di dover andare prigioniero do solo, senza nemmeno lo consolazione di condividere lo cattivo sorte con i miei compagni di reparto ai quali, dopo tre anni di guerra trascorsi fianco o fianco , ero legato do profondo vincolo di affetto».


CAPITOLO

6 CAMPAGNA DI RUSSIA li antefatti del conflitto, prescindendo da ogni analisi o valutazio ne, possono essere descr itti come un crescendo di atti aggressivi, sopraffazioni, manovre diplomatiche, accord i e rotture di alleanze che porteranno ineluttabilmente allo sco ntro frontale dei due blocchi, il tedesco e il sovietico, dalle opposte ideologie politico-economiche. Di essi sono stati riempiti interi volumi di storia; li richiameremo nelle loro linee essenzia li. 1123 agosto 1939, con il «patto di non aggressione», che coglieva di sorpresa il mondo occidentale, Germania ed URSS definivano le relative sfere di interesse. L'l settembre, Hitler ordinava l'invasione della Polonia, che, attaccata anche dalla Russia da est, capitolava il27 dello stesso mese, mentre le truppe tedesche e sovietiche si attestavano sulla linea concordata. Il 30 novembre, la Russia attaccava la Finlandia: gli sviluppi e l'esito di ques ta campagna, oltre ad attirare le generali simpatie sulla piccola, eroica nazione, indussero a valutazioni errate s ull'efficienza dell'apparato militare sovietico. Il trattato di pace porta la data del12 marzo 1940. Il 4 aprile di quell'anno i Tedeschi occupavano la Danimarca e sbarcavano in Norvegia; il10 maggio venivano violate le frontiere belga e olandese. Mentre la Germania portava a compimento la campagna di Francia, la Russia annetteva gli stati baltici e, poco dopo, la Bessarabia e la Bucovina, a danno della Romania. Ma, ora, anche la Germania dava cor-

G

po alle s ue mi re sui Balcani, modifica ndo le frontiere fra Ungheria eRomania, insediandosi nelle capitali dei due s tati e accordando alla Romaniacon palese funzione an ti russa- garanzie territoriali. ll23 settembre, il patto tripartito fra Germania, Giappone ed Italia coglieva di sorpresa la diplomazia sovietica che s ubiva un nuovo smacco quando la Finlandia concedeva il passaggio alle truppe tedesche dirette in Norvegia. Anche la Bulgaria il 1o marzo del 1941 aderiva al tripartito; le truppe dell' Asse si vedevano assicurata ampia libertà di manovra, dal Baltico all'Egeo, senza so luzione di continuità territoriale. All'emarginazione dalla Balcania, la Russia rispondeva con il proprio appoggio ai golpisti di Belgrado (27 marzo 1941). Le truppe dell'Asse reagivano occupando Jugoslavia, Grecia e Creta, mentre la diplomazia sovietica otteneva un s uccesso con il patto di neutralità stipulato con il Giappone, assicurandosi la tranquillità alle frontiere asiatiche. Questi, in sintesi, i fatti che condussero le due potenze allo scontro sul piano militare. Alle nuove frontiere, i preparativi alla guerra erano in pieno fervore. Essi si ispiravano, da parte tedesca, alla dottrina della blitz-krieg ed al ben noto efficientismo della Reichswer, mentre i sovietici speravano in un ritardo dell'azione che consentisse loro di completa re una preparazione ancora approssimativa. Ma gli eventi precipitavano e la not-

193


CAPITOLO

6

te s ul 22 giugno 1941, mentre a Molotov era data notizia del primo bombardamento del suolo russo, Mussolini veniva informato telefonicamente dell'apertura delle osti lità. Il 23 giugno, la Gazzetta Ufficiale pubblicava: «Agli effetti dell'applica-

zione delle vigenti leggi, l'URSS è da considerarsi stato nemico a decorrere dalle 5,30 del22 giugno 1941 ». Qualche giorno dopo, Mussolini offriva al Fuhrer un corpo di spedizione ed aerei da caccia italiani. Hitler accettava.

IL CORPO DI SPEDIZIONE ITALIANO IN RUSSIA

Roma, 31uglio 1941. Il Duce passa in rassegna le divisioni che sfilano, in perfetto ordine, a Roma, prima della partenza per la Russia con il CSIR (foto SME- Ufficio Storico).

194

Il C.A . autotrasportabile, da tempo mobilitato, reduce dalla campagna jugoslava, veniva rinforzato, assumeva il 9luglio la denominazione di Corpo di Spedizione Italiano in Russia (CSIR) e si orientava ad assumere il nuovo compito. Inizialmente agli ordini del general e Francesco Zingales (che a mmala tosi, il17luglio veniva avvicendato dal generale Giovanni Messe), il CSIR, oltre al Comando del C.A. suddetto, comprendeva: - le Divisioni di Fanteria «Pasubio» e «Torino»; - la 3i! Divi s ione Celere «Principe Amedeo Duca d'Aosta» (P.A.D.A.); -il XXX Raggruppa mento di Artiglieria; - unità aeree d i osservazione e caccia; -l'Intendenza Speciale Est; - il2° Autoraggruppamento. Complessivamente: oltre 60 mila uomini, 4.600 quadrupedi, 5.500 automezzi e oltre 80 aerei.

Furono 225 i treni che, dallO luglio 1941, in 25 giorni, trasportarono il CSIR a ovest dei Carpazi, nelle località di Maramarossziget, Felsoviso, Borsa. La radunata venne invece fissa ta nella Moldavia romena, a est dei Carpazi stessi, nella regione di Falticeni, Suceava, Botosani. Il CSIR, tra l' agosto e il dicembre 1941, compì un balzo di 1400 chilometri fino alla linea di svernamento a est di Gorlowka e di Rikowo (attuale Enakievo) . Le principali tappe di tale avanzata furono: - le operazioni, s pecie della «Pasubio», nella ·cosiddetta battaglia di annientamento «d ei due fiumi», fra Dniestr e Bug (30 luglio-13 agosto '41); operazioni particolarmente ardue p er lo stato delle piste, rese intransitabili dal maltempo e dalle frequenti interruzioni del nemico in ritirata; - la successiva rapida marcia oltre il Bug, alle dirette dipendenze del grup-


po Von Kleist, per proteggerne il fianco sinistro nella conquista dei ponti di Dnjepropetrowsk e Saporoshje, soli passaggi sul corso meridionale del Dniepr (13 agosto-17 settembre); -il forzamento del basso corso dell'Orio!; -la battaglia per l'eliminaz ion e della testa di ponte di P a w lograd (9-11 ottobre); -le operazioni per la conqu is ta del bacino industriale d el Donetz, regione di grande importanza militare, economica e politica.

L'attività dei reparti automobilistici «I reparti automobilistici hanno s uperato, con l' ARMIR, tutte le loro precedenti tradizioni. Gli autieri hanno attuato trasporti lungo i na s tri inte rminabili delle piste, si sono accompagnati con le avanguardie, si sono battuti con i fanti e come fanti ... Attacca ti, sono scesi di macchina, hanno combattuto e, riaperto il transito, hanno ripreso la spola ... » Così l'intendente, genera le Bigli no, salutava gli autieri dell'8<1 Armata, nel momento in cui essa veniva sciolta. Sono parole che compendiano l'operato delle nostre formazioni, esaltandone gli inenarrabili sacrifici. Mariportiamoci all'inizio della vicenda. L'indice di motorizzazione del CSIR, rapportato al teatro e al tipo di operazioni ch e lo attendevano, apparve subito alquanto modesto. Infatti, anche se la presenza dei reparti del Corpo Automobilistico era tutt'altro che irrilevante, va ricordato che la quasi totalità dei mezzi era accentrata a livello G.U., mentre i reparti minori e rano, sia organicamente che concretamen te, pressoché sprovvisti del necessario supporto automobilistico . Dice al riguardo il generale Messe: «In realtà, con quella formazione organica, il Corpo d'Armata non ri spondeva alla qualifica di autotrasportabile, data la sua incapacità a provvedere al movimento contemporaneo delle unità, quale sarebbe stato imposto dal ritmo estremamente dinamico delle operazioni in così ampi spazi.» Le necessità delle basi di Intendenza avrebbero richiesto, da sole, più di due autogruppi, cosicché, se si assegnavano gli automezzi alle truppe, rimanevano in crisi i servizi mentre, se si assegnavano i mezzi ai servizi, resta-

vano a terra le truppe. La qualifica di autotrasporta bile stava solo ad indicare che la fanteria era addestrata all'autotrasporto, non che ne avesse i mezzi. Lo s tesso segno convenziona le raffigurava il CSIR come un organismo completamente motorizzato e questo avrebbe fatto sì che in seguito i Tedeschi gli avrebbero richiesto prestazioni eccedenti le sue reali possibilità. La documentazione esistente sull'attiv ità d ei reparti autieri in questo periodo, quasi tutta perduta per le vicende belliche successive, non rende giusti zia alla mole di lavoro compiuta; i memorialisti e i diaristi si sono soffermati, soprattutto, a descrivere l~ vicende del tragico inverno 1942-43. E.inconfutabile, tuttavia, che gli autieri sos tennero nella campagna un ruolo di prim'ordine e altamente condizionante gli sviluppi del tragico ciclo operativo. Lo stesso trasferimento dalle zone di scarico a quelle di raccolta costituì, con l'interposizione della ca tena montuosa, un valido banco di prova per i

Mussolini, in visita al CSIR, a colloquio con il generale Messe (foto SME- Ufficio Storico).

195


futuri impegni. Infatti la rotabile si presentò di difficile agibilità in quasi tutti i 240 km del suo sviluppo: fondo pessimo e con scarsa manutenzione, forti e brusche le pendenze, angusta la sede nel tratto più impegnativo che da Borsa, superando il passo Prislo, arrivava a Kampolongo. Un severo collaudo per le formazioni automobilistiche, pur se le difficoltà avevano caratteristiche ben diverse da quelle che si sarebbero presentate nelle zone di operazione. La rapida avanzata delle unità nel periodo agosto-dicembre 1941, se mise a nudo le carenze ordinative, l'inadeguatezza dei mezzi, la vetustà dei veicoli, l'egoismo dell'alleato, pose però in luce il valore e lo spirito di sacrificio degli autieri . Le condizioni ambientali ebbero un peso rilevante nell'effettuazione dei trasporti: la maggior parte degli itinerari era costituita da piste di larghezza variabile, prive di massicciata, senza un vero e proprio «corpo stradale», un and am ento planimetrico abbastanza lineare e un9 altimetrico a lievi pendenze, secondo la nota plastica del terreno. Soltanto in corrispondenza degli impluvi esistevano pendenze accentuate, ma limitate a brevi tratti. I fiumi maggiori erano spesso superati con ponti in legname a doppio transito; quelli minori mediante guado. Le citate pis te, formatesi per la naturale costipazione dei veicoli in tranNon sempre gli automezzi italiani diretti in Russia giungevano a destinazione. Nell'immagine, un'apocalittica visione delle conseguenze di un attentato operato dai partigiani jugoslavi mentre un convoglio attraversava il loro territorio (foto Museo Storico).

196

Le piste russe altro non erano se non delle spianate più o meno larghe, determinatesi per la costipazione del terreno dovuta al continuo passaggio degli automezzi (foto A. Scolari).


sito, erano di solito accompagnate ai due lati da tratturi con analoghe cara tteristiche. Sarebbero s tate log is ticamente valide se fossero state sempre percorribili; purtroppo, nei periodi asciutt i la polvere era anche causa di precoce logorio dei motori; allorchĂŠ invece s i verificavano le prime precipitazioni atmosferiche, il terreno argilloso le rendeva impraticabili. Le condizioni piĂš favorevoli, in definitiva, erano quelle di terreno gelato. Va ancora precisa-

to che, quando il terreno era nella fase di rassodamento, sia p er prosciu gamento che per le gelate, ogni movimento doveva essere sospeso in quanto i solchi che s i formavano erano tali da bloccare la marcia dei mezzi, che toccavano con il telaio contro il terreno. Le cose, ovviamente, non andavano meglio per le truppe appiedate: l'argilla si attaccava compatta alla suola delle scarpe, come colla, per uno s trato di 2 o 3 centimetri, e s taccarla non era fa-

CAMPAGNA DI RUSSIA

Aspetto delle piste russe nei momenti di maggior siccitĂ quando il fango, disseccatosi, si trasformava in sabbia finissima (foto A. Scolari).

La didascalia della foto, del Museo Storico della Motorizzazione, dichiara essere la strada per Kiev, ma potrebbe esserlo per qualsiasi altra destinazione. Erano quasi tutte cosĂŹ (foto Museo Storico).

197


6

cile, oltre che inutile, in q uanto d op o due passi si era punto e d acca po. Si pensi se qua le h e reparto d oveva trasferirsi in m arci a, anche per brevi tratti. In q ua lche caso, lungo le pis te principali, correva la pa lificazione telefonica . Talvolta, la d elimitazione era cos tituita d a ca ra tteris tici pa letti segnacig li, sormo ntati da un ci u ffo di paglia, a interva lli di circa 50 m etri, indispensabili all e squadre s p ar t in eve; erano, tutti qu esti, rassicuranti punti di rife. rim ento per l'a utiere nelle lunghe ta pp e tra le nebb ie o le tormente. Nelle vicinanze d ei cen tri abitati poteva trova rs i qualche breve tratto a fo ndo artifi ciale, in genere acciottolato. La zona di Stalino (odierna Donezk) era la più all'ava ng uardia, con una estesa rete s trad ale di mod ello e uropeo, soggetta a manu te nzione d a p arte di un servizio d elle strade, che p o teva avva le rsi, all'occorre nza, d i m ano d'o pera ora militare, ora civile, o ra d ei p rigion ieri d i gu erra . L'a nd am ento clima tico fu notoriamente il p rim o fa ttore condiz io na n te l pontieri del genio riparano d ei m ovime nri logistici ed op erativi, a per la 34• volta il ponte di co mincia re dalla lenta e fa ticosa avanbarche sul Dnjepr, sempre za ta della «Pasubio» in agosto. abbattuto a cannonate dai Parti colarmente ostili furono il m eRussi (foto SME - Ufficio se di o ttobre e la prima d ecade di noStorico).

CAPITOLO

198

vembre, qu ando i movim enti delle autocolonne di ri fo rn imento e d elle artig lierie furono ineso ra bilmente rallenta ti. Ciò no n os ta nte, con a rdui lavo ri s tradali, l' In tendenza pose in atto ogni s forzo p er assicu ra re lo s tretto indispensabil e alle unità op eranti a est del Dnie pr, 200-300 km. d alla base fer roviaria di Dnje propetrow s k. In qua lche caso il traffico fu dirottato s ulla mass iccia ta ferroviaria . L'a ttività d i recupero d ei mezzi, in questo periodo, assu nse p articolare importa nza e sove n te, negli ordini del g io rno d ei re pa rti, compariva no attes tazioni di merito e lodi . Emblem atico l'elog io rivo lto d a l Comand a nte del CSIR a 7 U ffi cia li e ad 8 militari di truppa che si d istinsero «per abnegazione ed alto s enso del dovere nella d ifficile opera di recupero e tra ino d egli autom ezzi imp antana ti sugli itinerari ikolajewka, Demurin o, Pawlograd , Sinelnikow o dal 27 ottobre al 4 novembre» (da ll' Q.G . 316 da ta to 25 nov. 1941 del 2° Autoraggruppamento). A metà novembre le prime provvidenziali gelate rassodarono il terreno. La favo revole circostanza perdurò per ci rca un m ese e tu tta l'organizzazione ne trasse va ntaggio.


Il gelo colse d i sorpresa non poche unità, aul'omobilistiche e non, essendo esso giunto improvviso. L'acqua del s istema di raffreddamento divenne una massa di ghiaccio, crinando i monoblocchi _di quei motori ai quali, per di-

sarebbe s tato più agevole sgomberarli verso g li organi di riparazione. Il servizio delle strade fece del proprio meglio per garantire la viabilità: eresse barriere frangivento, utilizzò spartineve (beninteso a traino anima-

menticanza o incuria, non era stata scaricata l'acqua. Le conseguenze furono che l'intendente, gen. Siglino, diede disposizioni affinché i danni venissero addebitati ai conduttori responsabili; in tal modo il nome di Siglino divenne, per i comandanti degli autoreparti e per i conduttori tutti, sinonimo di terrore. A dicembre, nuovo disgelo, nuovi impantanamenti. Incessanti le ricognizioni tese ad individuare altri percorsi e possibili soluzioni ad ogni sintomo di miglioramento del tempo. Con l'arrivo de ll'inverno, giunse il gelo stabile, ma arrivarono anche, copiose, le nevicate, compromettendo la transitabilità, soprattutto dove le bufere accumulavano ingenti masse di neve. Il Comando tedesco emanava allora direttive tendenti - dato il previsto ridotto flusso di automezzi- a far profittare della circostanza per incrementare il gettito d elle riparazioni, con la prospettiva di trarre, da ciò, vantaggi nella successiva primavera, alla ripresa delle operaz ioni. Le divisioni pertanto avrebbero dovuto concentrare i veicoli da riparare lungo le strade di arroccamento e di rifornimento, da dove

le), mobilitò centinaia di elemen ti locali. Il mezzo meccanico, di massima, veniva risparmiato in previsione di una immanente penuria d i carburante. Le nevicate furono particolarmente copiose in gennaio. Le autocolonne, sorprese lungo i tragitti e specialmente in marcia notturna, furono falcidiate. Le piste vennero disseminate di mezzi inefficienti. A fine gennaio, la paralis i del traffico divenne totale. Si tentò allora, senza successo, il ricorso al trasporto ferrovia rio. Solo il trasporto automobilistico, in effetti, poteva assicurare la continuità dell'interminabile fi lo di collegamento fra la madrepatria ed i reparti: alla fine del mese di marzo, i chilometri di percor ren za vennero calcolati in 10-11 milioni. Ogni possibile provvedimento·teso al benessere del personale e all'affidabilità dei veicoli venne attuato: siridussero i tragitti, scaglionando in profondità gli autoreparti; a Pawlograd e a Petropawlowka vennero costituiti posti d i ristoro per gli uomini provati dalla fatica e dal freddo; furono organizzati parcheggi nelle piazze protette

Si è costretti a passare dalla strada alla massicciata della ferrovia ... sperando che non passi il treno (foto Museo Storico).

199


Un'immagine del terribile inverno tra il 1941 e il 1942, il più freddo dei due inverni trascorsi in Russia dal Corpo di Spedizione. Qui un aspetto della Caserma di Pawlograd (foto Museo Storico).

Altra immagine del terribile primo inverno: l'ospedale di riserva nr. 2 di Sta lino, con attorno gli automezzi parca ti tra la neve (foto Museo Storico).

200

dai fabbricati; si scaglionarono lungo l'asse principale di movimento organi di riparazione. Si trattò tuttavia di semplici pa lli ativi. Se resse lo spirito degli autieri non altrettanto si può dire della resistenza dei mezzi meccanici. Il parco era molto eterogeneo ed era a ll ora fo rmato, secondo i dati riportati in una relazione dell' Intendenza, da 4600 automezzi e 1.550 motomezzi. Con l' ARMIR si sarebbero quadruplicati (da respingere perciò l'affermazione di certa stampa odierna secondo la quale l' Armata non avesse «nulla» in fatto di automezzi). Si trattava tuttavia di veicoli in mas-

sima parte già impiegati nelle campagne sui fronti occidentale, greco e jugoslavo, costituiti da circa 100 furgoncin i, 47 modelli di autocarri fra leggeri, medi e pesanti, 7 di trattori e trattrici, 4 tipi di officine. Sugli automezzi provenienti dalla requisizione si rese necessario apportare non poche modifiche, con conseguenti problemi nella gestione delle riparazioni. «Gli automezzi in organico al 2° Autoraggruppamento - si stralcia dal diario dell 'Unità- sono, nella stragrande maggioranza, automezzi di requisizione a gomme semipneumatiche, già sfruttati per il lungo chilometraggio


percorso sia in pace, s ia sui front i occidentale e jugoslavo. Pochi sono quelli venuti in Russia senza un precedente, logorante s tato di servizio ... » Sulla loro scarsa id oneità a muovere fuor i strada sembra s uperflu o intrattenersi. Qualche spos tam ento er a poss ibil e so lo con fango n o n abbo ndante e con l' uso di buone ca tene di aderenza. Di veicoli cingola ti o se mi-c ingolati, esisteva una m odesta a liquota, qua le quella del Gruppo Carri Veloci «San G iorgio», della Div. Celere P.A.D.A., dotato di L/ 3 mod. 1933/35, o del Battaglione Corazzato Bersaglieri, provvisto di carri nuovi L/6. Con le strade in si mili condizioni gli orga ni a s ubire la maggiore u sura erano naturalmente qu elli dell a trasmissio ne e soprattutto le sospensioni. Sin dall'inizio i cos idd etti «au toguasti», s i m oltiplicarono a causa delle diffi coltà a reperire i ricambi per un così ampio ca mpionario di veicoli.

rivò l'antigelo, in quantità quasi sufficiente. Vennero forn ite anche lampade sul genere di quelle usate dagli idraulici, con le quali dirigere la fiamma s ui cilindri o sui ca mbi, allo scopo di sca ldarli e facilitare la messa in moto; per gli automezzi pesa nti veniva anche usata qualche «torcia » (legno avvolto di stracci imbevuti di gasolio) da porre so tto il cam bio per liqu efare l'appos ito «com posto». Nonostante g li sforzi profus i, tuttavia, non fu mai possibile mantenere un accettabi le livello d i efficienza. Si stralcia ancora dal diario del 2° Auto ra ggruppamento «... la ripara zione o la sostitu zione dei va ri organ i non può ripristinare una cap acità di pres tazione che solo un a revis io ne gen·er ale e tota le, eseguita dalle case costruttrici, renderebbe possibile... La dimostrazione della realtà di quanto s i afferma l' ha offerta la marcia di trasferimento da Pawlograd a Stalino del 96°

CAMPAGNA DI RUSSIA

..

Immagini di autieri e di automezzi del 228° Autoreparto Misto, a Stalino, nel freddissimo inverno 1941 (foto Museo Storico).

Alcuni episodi diedero adito a sospetto che qualcuno, in Patria, rem asse contro: s i attendevano, ad esempio, pompe di iniezione per autocarri; quando le casse arrivarono, e vennero aper te, dentro si trovarono copertoni per biciclette, dirette ai bersagli eri, in Africa. Disguido o sabotaggio? Purtroppo si era partiti senza scorte, sia presso i reparti, s ia addirittura presso il Parco Speciale Automobilistico. La temperatura di quell'inverno restò memorabile (sembra che il termometro abbia oscillato a lun go tra i -25 ed i -35°C, toccando punte di -43). All'inizio del '42 vennero fornite alcune visiere termiche per vetture e ar-

A.R.P., che ha visto fermarsi circa 1'80% degli automezzi in movimento. Non si nasconde la preoccupazione relativa a quello che sarà l'assillante problema d ei trasporti per via ordinaria nei pross imi mesi onde sopperire s ia alle normali necessità sia a quelle che si manifestassero in conseguenza di una ulteriore a":anzata ... Temperatura massima -18°, minima -28°». Per far fronte all'incalzante incremento delle inefficienze, l' Intendenza, specialmente nel durissimo mese di gennaio d el1 942, puntò soprattutto s ui trasporti ferroviari. All'arrivo del di sgelo nel m ese di marzo vennero proibiti i movimenti su

201


CAPITOLO

6

Pawlograd, Pasqua 1942. Lo scioglimento della neve porta a straripamenti, ostacoli di nuovo genere sul cammino degli automezzi (foto Museo Storico).

202

piste a fondo naturale; in pratica, tutte quelle esterne alle città o ai grossi centri abitati. Ciò fu possibile solo per la concomitanza di circostanze eccezionalmente favorevoli quali: la disponibilità della ferrovia Dnjepropetrowsk-Stalino e l'esistenza, nel bacino del Donetz, di una discreta rete stradale con massicciata artificiale, per il collegamento con le grandi unità, distanti dai 50 agli 80 km. Il minor utilizzo portò ad un certo .aumento del livello di efficienza, poiché si ebbe più tempo da dedicare alle riparazioni. Ogni formazione ebbe una s ua s toria, tanto più significativa se si considera che, in queste prime operazion i, la massa dei mezzi fu devoluta al trasporto delle truppe. L'unità principe del Corpo Automobilistico, in questa prima fase della campagna, fu il

2° Autoraggruppamento Inizialmente costituito su 2 autogruppi, il II e il XXIX, in agosto veniva rinforzato dal LI. Disponeva di 1450 au-

tomezzi, in grado di trasportare 2600 tonnellate di materiale. Comandante, il colonnello Ginesio (detto Gino) Ninchi, già comandante del 3° Centro Automobilistico di Milano. Proveniente dal fronte francese, la sua partenza avvenne il 12 luglio; attraversata l'Ungheria e la Rutenia, il17 era in Bucovina, dove faceva sosta a Felsoviso; il 27, il Comando del reparto si trasferiva a Botosani. Già a questo punto, l'attività di autotrasporto si era fatta molto intensa con il trasferimento, iniziato i129luglio da parte del XXIX, della «Pasubio» nella zona di Jsvorj-Pol. Il 2 agosto, mentre la colonna della «Pasubio» rimaneva impantanata nella zona di Belzy, si pianificava il trasporto della «Torino». Si rivelava perciò, fin dalle prime battute, quale sarebbe stato uno dei nemici più insidiosi degli automobilisti, il fondo stradale, e il Comando dell' Autoraggruppamento non poteva esimersi dal far presente, d irettamente al comandante del CSIR, quanto poco adatti fossero, per esso, gli automezzi in dotazione, provenienti in gran parte da requisizione, e dei quali poteva-


no essere sal va ti, fo rse, solo gli A lfa 800 e i Lancia 3 RO su pneumatici. Stante la scarsa disponibilità in proprio di a utomezzi ed il ritmo inca lzante delle opera zioni, il decentramento di intere formazioni del2° Autoraggruppamento di Intend e n za alle G.U. fu prassi no rmale s ino a porre in cri si la stessa Intendenza. Dalle relazioni sul servizio trasporti emerge la notizia che, inizialmente, ben dieci degli undici autore p arti del 2° Auto raggruppa mento, furono d ecentrati ad unità operative ed impiega ti direttamente dal Comando del CSIR. Per con seguenza, con un solo autoreparto, l'Intendenza s i trovò immediatamente in crisi per la costituz ione e lo spostamento delle proprie basi. Soltanto in agos to, con l'a rrivo del LI Autogruppo, l'Inte nd enza poté contare s u 8 autorepa rti per le proprie esigenze. Fin dall'inizio d ella campagna, il Comando dell' Autoraggruppamento ebbe modo di sagg iare quanto arduo fosse il gestire, sulla linea di comando, delle unità sulle quali non si aveva invece più alcuna autorità s ulla linea d'impiego. Lo s tesso comandante, colonnello inchi, annotava nel s uo diario in data 19 agosto: «Questo Comando tiene a mettere in evid enza l'esistenza di una s itua zione di fatto per la quale la propria funzione non può ese rcitarsi in mani era da permettere una migliore e più ra zionale utilizzazione d egli automezzi delle dipendenti unità, in quanto vi sono autoreparti e sezioni che dipendono diretta mente dall'Ufficio Servizi del Corpo di Spedizione, o ricevono direttamente gli ordini dallo S.M. Comando CSIR., dall'Intendenza Est, dalla Direzione Trasporti. Sono frequenti, inoltre, atti di pirateria da parte di enti diversi che trattengono, ad tùtimato servizio, gli automezzi per destinarli ad un servizio diverso». Parole che meritano un attimo di riflessione. Etiopia, Somalia, Libia, Spagna ... cambiano i continenti, i climi, le epoche; muta la storia, ma quella dei reparti automobilisti si replica, per taluni aspetti, sempre uguale. E com'è attuale, il suono di questa campana! Chiaramente, la circostanza non fu priva dei suoi risvolti positivi: questo operare per blocchi di formazione, a fa vore delle G.U., a diretto contatto e in simbiosi con le truppe operanti, fu il miglior «veicolo pubblicitario» per le mostrine neroazzurre. Infatti, il lavoro degli autieri fu pos to largamente in ri-

salto da quanti ebbero occasione di avvalersi d elle loro prestazioni. I riconoscimenti ad interi re p arti o singoli militari furono numeros i. Ne furono oggetto in particolare i componenti del XXIX Autogruppo nella sua s truttura originaria, (33°, 34°, 96° e 97° Autore parto) decentrato a ll a «Pasubio» in ques ta prima fase della campagna . Ecco alcune citazioni:

CAMPAGNA DI RUSSIA

Dall'ordine del g iorno n. 5 del Comando CSIR datato 31 agosto 1941: «Tributo un encomio solenne al S.Ten. Brena Achille del 2° Autoraggruppam ento, con la segu ente motivaz ione: g ravemente ferito ad ambedue gli arti inferiori n ell'assolvim ento del proprio dovere, con fortezza d'animo e spirito di sacrificio manteneva contegno esemplarm ente virile, dimostrando di possed ere un elevato g r ado di peculiari virtù militari». Dall'ordine d el g iorno 257 d el 2° Autoraggruppamento datato 27 settembre 1941 - Elogio all'autiere Bergonzi Benvenuto, d el 32° Autoreparto Pesa nte: «Con il suo automezzo ca rico di munizioni, adattando passo per passo pezzi di legno in sostituzione di una balestra, improvvisamente sp ezza tas i, riusciva, con la più forte volontà, a raggiw'lgere il reparto distante oltre 200 km». Il generale di C.A. Comandante F.to G. Messe Comunicazione d el capo di S.M. «Pasubio» al comandante del XXIX Autogruppo. Al Ten. Col. Treré Sandro: «Caro Treré, stamane ho visto con molto piacere il tuo capitano Lozza che, disimpegnato il suo compito di ufficiale automobilista partecipava, fante tra i fanti, al combattimento in corso nel settore del 79° Regg. Fanteria». Il Ten. Col. Capo di S.M. F.to U. Ricca Dall'ordine del giorno 302 del2° Autoraggruppamento in Pawlograd, il dì 11 novembre 1941. L'autiere Bonato Primo - cl. 191434° A.R.P. (Milano) è stato ricoverato, in seguito a ferite, presso la 5 2 Sezione Sanità della Divisione «Pasubio». Il Comando del 79° Regg. Fanteria lo ha proposto per la concessione di una medaglia al valore: «Con massimo s prezzo del pericolo e della propria vita si gettava audace-

203


CAPITOLO

6

Il generale Messe ispeziona le truppe in linea (foto SME- Ufficio Storico).

204

mente in un trincerone anticarro fittamente minato per soccorrere dei compagni feriti da esplosione da mina. Nel generoso tentativo, in segui to a successive esplosioni, riportava l'asportazione de) piede sinistro. Magnifico esempio di abnegazione. Ho promosso caporale l'autiere Bonato Primo con la stessa motivazione». Fra le espressioni di apprezzamento rivolte ad intere formazioni au tomobilistiche spiccano quelle tributate dal comandante del CSIR e dall'intendente. In particolare, già il31 agosto, il generale Messe tributava un primo elogio al2° Autoraggruppamento i cui componenti «con sacrificio di sangue, alta consapevolezza del dovere e non superabile attività ... avevano validamente contribuito alle operazioni di questo primo periodo ... ». 1123 agosto, l' Autoraggruppamento, in seguito a bombardamento aereo, aveva nel sergente Mario Benacchio (del 97° Autoreparto) e nell'autiere Arnaldo Scaramella (del34°), i suoi primi caduti. Il 20 ottobre toccava al XXIX Autogruppo riscuotere ancora l'apprezzamento del comandante del CSIR, per le prestazioni del34° Autoreparto, che «... malgrado le pessime condizioni stradali che ren-

devano tormentoso il movimento, effettuava un rapidissimo ed ordinato autotrasporto, premessa fondamentale di ulteriori possibilità operative». In novembre, col termine delle operazioni offensive, tutto l' Autoraggruppamento, con esclusione di 4 reparti, rientrò nell'ambito dell'Intendenza, per consentire il riordinamento delle unità più provate, il cui livello di efficienza non raggiungeva, nella ipotesi più favorevole, il40%. In data 19 dello stesso mese, il Comando e tutti gli autoreparti risultavano variamente distribuiti tra Pawlograd, Pietropawlowka e Dnjepropetrowsk. Il collaudo delle posizioni di svernamento del CSIR non tardò a venire. Alle prime luci del giorno di Natale, i Russi, fidando nella significativa ricorrenza per cogliere di sorpresa le nostre truppe, si lanciarono in forze al contrattacco con obiettivo Stalino (attorno a cui si erano sistemati tutti gli organi esecutivi necessari ad assicurare la vita alle grandi unità italiane). Nell' aziqne d i contrattacco, che vide impegnata la stessa riserva germanica, la situazione fu ristabilita. Purtuttavia, rifulse nell'occasione anche la tenacia del combatten te russo e la capacità dei Comandi sovietici di condurre operazioni invernali in forze e


con perfetta organizzazione (qualità chiara mente emerse nella riconquista di Ros tov, nella lotta contro l'Armata Guderian e nelle successive operazioni di gennaio). A queste operazioni concorsero in tempi s uccessivi anche truppe italia ne.

poguerra, di alcuni ufficiali automobilisti che comandarono le varie unità. Quelle che s i riferiscono all'attività di singoli autoreparti dipendenti dal 2° Autoraggruppamento ci consentono di restringere l'obiettivo della nostra immaginaria cinepresa, per calarci anco-

Sembra che si debba ricondurre a questa circostanza la richiesta dell'Intendenza, al 2° Autoraggruppamento, per l'eventuale impiego in linea di ufficiali, sottufficiali e autieri. Richiesta alla quale il comandante (siamo al 20 gennaio del 1942) così rispose telegraficamente: «Reparti hanno organico ridotto e tutti autieri habent preciso ed importante compito at essi assegna to alt. In ogni evenienza questo Comando può disporre di ciascuno e di tutti i reparti dipendenti pronti imbracciare moschetto alt. Ufficiali et autieri tutti sono sempre pronti con unanime s lancio. Colonnello Ninchi». A questo slancio non corrispondeva una adeguata disponibilità di mezzi efficienti. Appena il giorno dopo, una relazione su lla situazione di quelli a disposizione del Comando, a Stalino, dava: 78 efficienti, 273 inefficienti. Il 1 o aprile del 1942, al colonnello Ninchi subentrava nel comando il pari grado Achille Paolini. La scarsa disponibilità di documenti ufficiali, perduti per le ragioni già dette, rende ancor più preziose le memorie, per lo più scritte nell'immediato do-

ra più nelle vicende dei reparti automobilistici. Quella del 96 ° Autoreparto Pesn11te, inquadrato nel XXIX, ci è rivelata da l suo comandante, tenente Ottavio Iannizzotto. Il 96° aveva g ià operato sul fronte francese e successivamente in Jugoslavia. Aveva in dotazione OM 137, Isotta Fraschini D 80, Fiat 666, Alfa Romeo 35 e Lancia 3 RO. Il 96° fu tra i reparti che trasportarono, in agosto, materiali e uomini della «Pasubio». Per maggior precisione, si dirà che esso era addetto al traspor to dell'80° Fanteria. Nella notte del13, il battesimo del fuoco, sul fiume Bug: uno scontro con un reggimento russo che, dopo aver cercato di contrastare l'avanzata della divisione, veniva costretto al ritiro. Un battesimo costato caro all'80°, che contò una sessantina di caduti. 1118 agos to il fronte venne raggiunto e la divisione, scarica ta, si scaglionò lungo il Dniepr, con il compito di coprire le spalle e i fianchi dei Ted eschi, impegnati nella battaglia di Kiev. Nessun riposo, per gli autieri e per

Traghetto di autocarri sul fiume Dniepr (foto Museo Storico).

205


CAPITOLO

6

Un trattore tira fuori dalla morsa del fango un automezzo impantanato (foto SME • Ufficio Storico).

206

i mezzi, che pur ne avrebbero avuto bisogno. Tornato indietro, il 96° raccolse la «Torino», che stava avanzando a piedi, e portava anche quella sul Dniepr. Giusto in tempo per caricare ancora la «Pasubio» che stava per iniziare la sua avanzata: varcato il fiume, l'unità venne trasportata fino a Petrikowka. Ancora due mesi di servizio ininterrotto, su piste a fondo naturale che divenivano pantani inguadabili con le piogge, mentre con il sole si sollevava un fittissimo polverone. Ottobre fu gravido di piogge continue. Le macchine non furono più i11 grado di muoversi sull'indescrivibile mare di fango, tanto che la «Pasubio» dovette fare a piedi l'ultimo balzo fino a Rikowo. Con i primi crostoni di ghiaccio di novembre il reparto, riordina tosi, si trasferì a Stalino, dove effettuò serviz i fino al marzo 1942. Del25° Autoreparto (LI) riferisce il suo comandante, capitano Alberto Bruno. Esso venne mobilitato per il fronte russo il29luglio del1941, e partì da Verona il 10 agosto. Raggiunta Maramorossziget, gli automezzi vennero caricati e avviati a Belzy, in Bessarabia, luogo di prima sosta del reparto. l n questa loca lità esso si completò il17 agosto. Le prime attività vennero cond izionate da una fortissima impraticabilità

delle s trade, per le copiose piogge che resero impercorribili le piste, con conseguente grave usura degli automezzi e degli uomini, sottoposti a continui sforzi. Alcuni autocarri rimasero immobilizzati anche per venti giorni, e soltanto l'uso di trattori riuscì a toglierli dall'impantanamento. Fra i servizi più importanti di questo periodo, c'è l'impianto dei depositi carburanti di Perwomaisk. Il 25° si trasferì a Dnjepropetrowsk il 21 ottobre, lasciando a Belzy una decina di automezzi che raggiunsero il reparto alla fine di dicembre. Dal noveJTtbre '41 all'estate del '42 l'attività fu alquanto ridotta, per le condizioni della stagione invernale e per la necessità di curare il riassetto di un g ran numero di automezzi. Durante l'inverno il reparto si frazionò in due sezion i, una a Dnjepropetrowsk, l'altra a Stalino. Quest'ultima, più vicina al fronte, effettuò, nei limiti imposti dalla disponibilità di carburante, una vasta gamma di servizi. L'altra, poco i~pegnata, poté dedicarsi invece alla riparazione degli automezzi, sì da presentarsi particolarmente efficiente alla ripresa delle operazioni. 11 reparto si riunì al completo a Stalino nell'aprile del1942, pronto per l'inizio della nuova fase operativa. Tra i servi zi più pericolosi, nel pe-


riodo in esa m e, vanno ricordati quelli lungo il percorso Dnjepropetrowsk-Stalino, per la presenza, nel bosco d i Petropawlowka, d i un fortissimo contingente d i partigiani che rendeva necessaria la presenza di robuste scorte d i carri armati tedeschi. Del34 ° Autoreparto Pesante ci fornisce una schem atica e incompleta relazione il tenente Carlo Sa la. Alle dipendenze del 1 o Autoraggruppamento (i ns ieme al gemello 33° A.R.P. costituiva il III Autogruppo), l'unità aveva operato sul fronte francese, al comando del capi tano Carlo Fuggia, cui subentrò interinalmente, il 23 ottobre 1940, il tenente Giovanni Valsecchi, seguito, nel febbraio del '41, dal capitano D'A lessandro. Destinato inizialmente alle forze di occupazione della Francia, nell'aprile del '41 aveva operato in Jugoslavia fino alla fine delle ostilità. Dopo un periodo di riposo a Cuneo, il10 luglio venne messo a disposizione del CSIR. Partenza immediata con arrivo il12 a Borsa, in Ungheria. Seguì un lavoro massacrante per l Ogiorni, a trasportare i materiali del CSIR a Botosani, in Romania (in mezzo, la catena dei Carpazi). ll34° effettuò tutta l'avanzata con la «Pasubio», superando i fiumi Prut, Dniestr, Bug, sempre ad assiste re le truppe in linea che occupavano una città dietro l'a ltra. · A Pawlograd il reparto si accantonava per l'inverno, tornando ad operare per l'Intendenza, mentre TI comando veniva assunto di nuovo dal Valsecchi. Con temperature che per parecchie settimane non si schiodarono dai -40°, il reparto rimase isolato in una sacca. In questo periodo, mentre provvedeva alla sistemazione dei mezzi, svolgeva anche servizi di presidio. Ogni tanto, a vivacizzare la vita, qualche attacco di partigiani. Nel marzo '42, trasferimento a Stalino. A fine maggio riprendeva l'avanzata. A questo punto, mentre il relatore rientrava in Patria, il reparto passava alle dipendenze dell' ARMIR. ( ota a margine: agli inizi degli anni '70, richiesto di una nuova relazione, il tenente Sala ribadiva il comportamento «leggendario» del suo autoreparto, sostenendo polemicamente che i meriti di questo non vennero e non sarebbero stati mai riconosciuti. Se, in-

vece di polemizzare, egli avesse raccontato qua lcosa di più, la pubblicazione di questo libro sa rebbe stata l'occasione per il riconoscimento di questi meriti).

CAMPAGNA DI RUSSIA

Reparti non dipendenti da ll'Autoraggruppamento Su ll 'attività degli autoreparti appartenenti organicamente alle G.U. del CSIR in questo periodo, appare emblematica la breve memoria del tenente Mario Tozzi, del122° Autoreparto Leggero della Divisione «Celere», che così ricorda quei giorni: «... ii 12r Autoreparto Leggero, con. le sue quattro sezioni, rinforzato con a ltre du e sezioni del129° Autorepa rto Leggero, era stato adibito alla motorizzazione dell'intero 3° Reggimento Bersaglieri ... L' Autoreparto era autonomo, dal punto di vista tecnico, ma per l' impi ego era alle dirette dipendenze del Reggimento, anzi, dei singoli battaglioni che ne disponevano secondo le esigenze tattiche e strategiche. Ne d erivava che g li autieri formavano una cosa sola con i bersaglieri e con questi dividevano tutte le ore della giornata ... Di tutte le unità della «Celere», solo il 3° Bersaglieri era efficientemente e completamente motorizzato; ne derivava quindi che mentre la marcia dello stesso era spedi ta, le altre unità non potevano tenergli testa. L'intera Divisione venne così a diluirs i su un percorso di va rie centinaia di chilometri, con conseguenze gravi dal punto di vista operativo. Il Comando quindi mobilitava l' intero 122° Autoreparto affinché, depositati i bersaglieri nelle località avanzate, provvedesse ad avvicinare le varie unità rimaste inevitabilmente indietro. E così, rifacendo varie volte il percorso, le sezioni in pochi giorni effettuarono il «serrate» d ella intera Divisione, comprendendo nel trasporto i cavalli d ei Reggimenti «Savoia» e« ovara», ospedali da campo, sussistenza e altri m ezzi ... Questa nostra fatica venne diverse volte elogiata dai Comandi delle unità ~ra­ sportate e permise alla Divisione di rimediare alla deficienza di mezzi ... » (Veramente singolari le circostanze e le mod alità che ci hanno consentito di ricos tru ire le vicende del reparto che seguirà: un raduno dei suoi reduci presso un ristorante di Peschiera del Garda, il 29 maggio 1994. Sed uti attorno a

207


CAPITOLO

6

Un trasporto di cavalli e cavalleggeri del Savoia Cavalleria (foto A Scolari).

208

un tavolo, i sopravvissuti raccontano, ognuno, la propria parte di storia. Mettendo insieme le varie tessere, si ricostruisce il mosaico). Il 213 o Autoreparto della Divisione «Celere», comandato dal capitano Pietro Pierobon, era stato mobilitato dal4° Centro Automobilistico di Verona. . In attesa di venire impiegato, aveva più volte mutato sede, tra Pontevigodarzere, Tricesimo e Padova. Nel giu gno del'40 venne inviato sul Fron te Occidenta le, ad effettuare rifornimenti a favore delle truppe a lpine. Cessa te le ostilità, tornò nel Friuli a disposizione del 5° Lancieri di Novara della Divisione «Celere». Seguirono altri mesi a Crema poi, il4 aprile del'41, giorno di Pasqua, l'Autoreparto venne inviato in jugoslavia, dove rimase fino a giugno. Rientrato a San Michele Extra, verso la metà del mese partiva per la Russia, con il CSIR. li viaggio di uomini e mezzi s ui pianali ferroviari si concluse a Borsa, in Romania. Qui gli automezzi vennero scaricati. Si trattava di Spa 38, di uno

Spa «Dovunque», di 626 a benzina e a nafta, di Lancia ROe 3 ROe di alcuni Alfa Romeo, ma quelli che avrebbero fornito le migliori prestazioni erano gli OM «Taurus», per via della trazione totale e dell'aderenza sulle ruote motrici. Da Borsa prese avvio il primo servizio: il trasporto dei cavalli della «Celere» fino a Suceava. Strade impossibili, per paesaggi orridamente selvaggi tanto che, lun go la s trada, capitò di incontrare anche degli ors i. Quei poveri cavalli avrebbero fatto tutti una misera fine. Da lì in poi, quando in cielo si scorgevano stormi di uccelli volteggianti, gli autieri del213° sapevano già cosa avrebbero incontrato in terra: la carcassa di una di quelle bestie. Scaricati gli animali, il reparto tornò a Botosani, a riprendere il rimanente material e della Divisione. Il 24 ottobre del '41 i bersaglieri della «Celere» occuparono Stalino. C'era una forte attrazione, da parte degli autieri, verso quei militari dal cappello


Un'immagine che merita di essere spiegata. La colonna del213° Autoreparto è partita da Woroschitowgrad atte ore 19del271uglio 1941 e, dopo 20 ore di marcia ininterrotta ha raggiunto Sfatino. Il sergente maggiore Attilio Scolari ha appena fermato la sua moto ed ha sollevato gli occhiali sulla fronte. Non essendosi ancora guardato atto specchio, egli osseNa con sguardo interrogativo il suo commilitone, senza comprendere il perché della sua espressione divertita (foto A. Scolari).

La tomba del primo caduto del213° Autoreparto, Naldo Massi. Emblematico, il volante fra l'elmetto e la croce (foto A. Scolari).

pìumato. Tanto quelli erano temuti dai Sovietici, tanto erano ammirati dagli automobilisti. Si raccontano aneddoti significativi, al proposi to, quale quello relativo ad una richiesta del generale Messe al comandante tedesco dì far intervenire gli S tukas per favorire la presa dì Stalino. La richiesta non sarebbe stata esaudita dal generale tedesco in quanto «Non ha bisogno di aerei avrebbe quegli risposto - chi dispone dì bersaglieri, tre d ei quali v~lgono uno Stukas». E gli autieri si consideravano «bersaglieri a quattro ruote», solo che invece della mitragliatrice avevano un automezzo. Per tutto l'autunno gli uomini del 213° effettuarono rifornimenti di ogni genere, spesso fino alle primissime linee, al limite dell'incoscienza, superando le indicibili difficoltà frapposte dal fango, tanto da meritare l'encomio solenne da parte del generale Messe per il superamento dell'ìmpantanamento invernale. Arrivarono le prime gelate. Dapprima furono solo notturne. Gli autieri, impediti dal fango, dovevano attendere la notte, col terreno ghiacciato, per riprendere il movimento; ma poteva avvenire, se non si stava attenti, che l'acqua delle pozzanghere divenisse per le ruote una morsa invincibile, bloccando l'automezzo. L'arrivo stabile del gelo non comportò l'arresto delle operazioni, tanto che a Natale, con il termometro che giunse a segnare anche -47°, ci fu un attacco dei Russi, respinto dai bersaglieri.

209


CAPITOLO

6

La foto, che mostra alcuni Lancia 3 RO nell'atto di guadare un corso d'acqua, fornisce anche uno scorcio del tipico paesaggio russo, con numerose isbe sullo sfondo (foto A. Scolari).

Il 213° svernò a Stalino, continuando tuttavia nella sua attività di rifornimento della Divisione schierata sul Dniepr. L'inverno passato agli annali sarebbe stato quello tra il1942 e il1943, per le vicende ad esso collegate, ma quello che lo precedette era stato ancora più rigido tanto che- sono gli stessi autieri a· sostenerlo - se il secondo inverno fosse stato come il primo, nessuno sarebbe tornato vivo a casa. Nonostante il rigore del clima, gli autieri andarono ugualmente. Nessun affidamento poteva essere fat to sull'esperienza degli ufficiali, spesso sottotenenti di Jil nomina, talmente ferrati in materia di automobilismo da ignorare perfino che qualche volta si doveva cambiare l'olio al motore. Ognuno doveva far ricorso alla propria audacia, ma soprattutto all'inventiva. E di quest'ultima gli autieri dimostrarono di averne sempre da vendere. L'aneddotica è ricca. Uno di essi, avendo perduto una ruota durante un viaggio, tagliò una fetta da un grosso tronco d'abete, l'applicò al mozzo con mezzi di fortuna e con quella tornò al campo. Non c'era antigelo, e molti autieri furono costretti ad usare, in sua vece, nel radiatore, nientemeno che la nafta, con intuibili risulta ti per le guarnizioni del motore.

Qualcuno provò a proteggere dal freddo il radiatore con il proprio pastrano, con il solo risultato, che quando andò a toglierlo, il ghiaccio lo aveva reso così aderente al metallo che esso venne via a brandelli. A proposito di pastrano ... Fu con esso che gli autieri dovettero trascorrere il primo terribile inverno, mentre sembra che i magazzini traboccassero di giubbotti imbottiti. Continuano gli aneddoti, che sembrano estratti da un libro di favole. Qualcuno si sarebbe inventato in seguito- per farsi due risate alle spalle delle reclute giunte nel'42 - che addirittura, al momento di urinare, il getto si trasformasse in ghiacciolo a non più di venti centimetri dall'orifizio naturale. Pur se questa è una facezia, è invece vero che molti furono costretti a tagliarsi barba e baffi, che a nulla servivano se non a fare da intelaiatura per i cristalli di ghiaccio che si formavano con la respirazione. Quando la distribuzione del vino avveniva all'éi_perto, per fare le parti s i usava ... l'accetta. Tutto er a utile per scaldarsi: perfino una trebbiatrice russa venne ridotta in pezzi e il legno usato come combustibile. Ognuno si ingegnava per la propria sopravvivenza: uno aveva addirittura addestrato un cane a rubare ga lline e la


bestia aveva imparato tanto bene il proprio mestiere, che un giorno riportò un maiale. Un g rand e aiuto, ai nostri soldati, venne proprio dai Russi, che molti ne ospitarono nelle loro isbe. Era no, queste, nulla più che capanne. Dotati di estrema dignità, i Russi non chiedevano nulla e accettava no serenamente la loro povertà. Se qualcuno rubava loro un pollo, se ne ramma ricavano, ma non - come si potrebbe pensare- per la fame che ne avrebbero soffer to, ma perché poi non ne avrebbero avuti da dare a Stalin. Ed anche a questo proposito, per un russo era sempre preferibile la gallina rubata dall'italiano alla mucca requisita a forza dai Tedeschi. Si raccontano, al proposito, aneddoti tragicom ici, ch e sembra s iano s tati poi motivo di richiamo in un a circolare: qualche italiano e qualche tedesco avrebbero rilasciato perfino ricevute del maltolto, a firma di Garibaldi o di Bismarck. Le mamme russe ebbero, verso i no-

s tri soldati, lo stesso amore e le s tesse premure che esse nutrivano verso i propri figli, e sostituiro no mirabilmente le mamme italiane lontane. La diretta conoscen za da parte delle popolazio ni si sarebbe rivelata una fortuna per coloro che- fatti prigionieri -vennero portati in zone dove era no s tati precedentemente conosciuti; ben diversa sa rebbe sta ta la sorte di chi ebbe la sventura di essere deportato d ove questi conta tti erano mancati. Ma torniamo alle vicende dirette d el 213°. Gli autieri andavano, sulle pis te celate dalla neve, seguendo le indicazioni di appositi ca rtelli, ma bastava che una raffi ca di vento, o una mano ostile, girasse la freccia e s i finjva da tuWaltra parte. Ed anche qui, rifiorisce l'aneddotica. Una volta un conduttore, incerto sulla direzione, si fermò a chiedere informazioni a una contadina russa . Nell'esporre la sua perplessità e allo scopo di chiarire la s ua domanda, egli fece riferimento a una certa «curva» che avrebbe dovuto essere da quelle parti, se-

La trattrice Breda de/213° Autoreparto alle prese con il fango già in fase di rassoda mento (foto A. Scolari).

211


CAPITOLO

6

L'officina leggera del213° Autoreparto in piena attività, a ridosso di un'isba {foto A. Scolari).

212

guita, subito dopo, da una seconda «Curva». L'autiere usò il termine così, in italiano, e la donna, anziché rispondere, diede in escandescenze. Solo più tardi il malcapitato poté apprendere che la stessa parola, in russo, significa «puttana». Di notte, spesso, l'unico punto di riferimento era offerto dalla luna. Un conduttore di un'ambulanza, durante un viaggio notturno, si accorse che a un certo punto l'astro, che avrebbe dovuto essere alle sue spalle, gli rifulgeva invece di fronte; segno evidente di una involontaria e inavvertita inversione di direzione. Mentre stava tentando di raccapezzarsi, si imbatté in un drappello di soldati italiani; tra di essi, nientemeno che il generale Messe. Occorre dire che il comandante godeva dell'affetto e della stima di tutto il personale del 213°, che lo considerava alla stregua di un padre; e il generale, nella circostanza, non si smentì. Messo al corrente del problema dell'autiere, gli fornì una scorta che lo accompagnassé a destinazione e attese, sul posto, il.~uo ritorno. Un po' di rammarico affiora ancor oggi, nell'animo degli autieri del213°, al ricordo di come i giornali, alcune decine di anni dopo, avrebbero dato la no-

tizia della morte del generale: uno striminzito trafiletto all' interno; in prima pagina, a grandi titoli, la notizia della nascita del figlio della Loren. Giunse la primavera, e il disgelo. L'Autoreparto era sull'ansa del Don, con gli autieri sempre sotto tiro, ora per le mine, ora per l' attività dei partigiani. Si sentiva nell'aria che sarebbe finita male. Gli autieri guardavano dentro la loro valigia ... c'era ancora, intatta e vergine, la divisa da fatica. Per quanto concerne l'attività di recupero, una citazione particolare merita l'opera dell'8° Reparto Soccorso Stradale, preziosa sin dall'arrivo in zona nel novembre del'41. Pur nell'incredibile esiguità della forza effettiva (4 ufficiali, 5 so ttufficiali e 46 autieri) e nonostante l'inadeguatezza dei mezzi, i quattro nuclei espletarono un lavoro che sorprende per entità e specie degli interventi. I recuperi, molte volte, venivano eseguiti con mezzi di fortuna (buoi, cavalli, trattori, ecc.) essendosi rivelati del tutto inadatti i Lancia 3 RO soccorso, mentre il pensiero degli esperti accarezzava l'idea di poter disporre di Caterpillar! Il comandante del reparto, l'allora capitano Manlio Attanasio, ricorda con


orgoglio il lavoro eseguito dal proprio nucleo proprio alla fine di quel durissi mo gennaio 1942. Si pa rtiva anche di notte, nel turbinare della tormenta, per andare a soccorrere e recuperare veicoli in zone minacciate da ll 'offensiva sovietica. Nel Na tale del1941 fu proprio il suo reparto a fare il più bel regalo alle truppe in linea, recapitando loro la posta che non vedevano da oltre sessanta giorni! Alle dirette dipendenze del Quartier Generale Comando CSIR operava invece il13 ° Nucleo Soccorso Strndnle, comandato dal sottotenente automobi lista Oscar Casati. Il reparto era dotato, oltre che di autocarri, anche di 3 o 4 trattrici Breda 32, una delle quali munita di braccio gru. Sempre in forza al Quartier Generale Comando CSIR era il13 ° Nucleo Movimento Stradale, dipendente dalla DI. TRA. V. O. (Direzione Trasporti per Via Ordinaria) che nel luglio '42 sarebbe s tata soppressa e assorbita dall'Ufficio Servizi. Comandante era il sottotenente automobilista di complemento Rubino. L'accenno a questa piccola, ma non

meno importante unità, ci induce a ricordare l'a ttività di alcuni uomini che, pur non fregiandos i delle mostrine nerazzurre, operavano in loro stretta simbiosi, fornendo un aiuto spesso determinante alle mission i dei conduttori. Pa rl iamo dei «movier i». Svolgeva no questa mansione anziani dell'a rma di Cavalleria e i militi della Milizia della Strada. Venivano dislocati in corrispondenza dei bivi più importanti e integravano l'opera passiva svolta dalla segnaletica, sia italiana che tedesca.

r

Il Nucleo Soccorso Stradale, al completo dell'organico dei suoi automezzi. Da sinistra una trattrice Breda munita di gru, uno Spa Dovunque e un lsotta Fraschini (foto A. Scolari).

Organi del Serv i zio Automobilistico All'efficienza dei veicoli, a ll'epoca, attendeva il «Servizio Automobi.lis tico», articolato in organi direttivi ed esecutivi, con personale tratto in larghissima prevalenza dal Corpo Automobilistico. G li organi direttivi (Ufficio Automobil istico del CSIR, Ufficio Automob ilistico d'Intendenza, Uffici Automobilistici presso le Divisioni) erano retti da ufficiali di grande levatura e di pro-

213


Un'officina da campo nei pressi di Sta lino (foto Museo Storico).

214

vata esperienza. Il primo funzionamento degli organi esecutivi fu profondamente co ndi zionato dalla dis tanza dalla madre patria e conseguente difficoltà di rifornimenti. Gli orga ni previsti erano: - un Parco Speciale Automobilistico (P.S.A.); - una frazione di laboratorio del Parco Automobilistico; - la JSil e la 18il Officina Mobile Pesante; -altre 51 officine, preva lentemente di tipo leggero, presso le divisioni e i reparti. Poco s i co nosce circa l'orga nigramma e le funzioni d el P.S.A. L'unica fonte, che lo vede costituito da 1 capitano, 2 suba lterni, 12 militari e una bicicletta, lascia davvero perplessi. Si trattava, con ogni probabilità, so ltanto di un progetto, in quanto vennero poi avvia ti a Il' e n te, tra la metà d i settembre e la metà dì o ttobre, 8 ufficiali, 10 sottufficiali e 100 militari di truppa. Una delle sue sicu re funzioni era la cos tituzione e la gestione dei depositi ca rburanti. Per qu a nto ri g uarda la fraz ion e di laboratorio, sembra che essa non s ia mai giunta e che in sua vece s ia stato mandato il 7° Parco Automobilistico, a l co-

mando del tenente colonnello Orsinì, al 75% dell'organi co, che iniziò le lavo razioni e la distribuzione dei ricambi il 25 novembre. Risulta anche che esso, in tempi successivi, abbia assorbito il P.S.A. Funzionali ed efficienti furono, per contro, la 15il e la 1 8~ Officina Mobile Pesa nte. L'attributo di mobile s i attag liò a dovere a questi complessi campali cui va il merito di aver supportate, inizialmente, tutto il corpo dì spedizione, assicurando il servizio ripa raz ioni fino all'avvento e al consolidam e nto dell'orga ni zzaz ione d ' Intend e nza . Nella relazio ne della s tessa Intendenza sì legge: «Un maggior numero di O.M.P., con adeguate scorte di ricambi al seguito, -avrebbe risolto in pieno il problema delle riparazioni, provved endo a riparare tempes tivame nte a utom ezzi che, per contro, furono riparati alla meglio, continu arono a lavorare o ltre il limite economicamente consigliabile e furono poi, molti, abba ndonati lungo le piste cd esposti allo spogliamento». Una descrizione più approfondita merita il funzionamento del servizio, anali zza to nelle sue attività essenziali: rifornimento carburanti, rifornimento ricambi e material i vari, riparazioni.


l

Rifomimento di carburanti e (ubrificanti

Per quanto attiene ai rifo rnimenti carbura nti e lubrifica nti, fu posto ogni impegno e si attuò ogni inizia tiva atta a ga rantire, con la continuità del flusso, la massima aderenza al rapido procedere dei reparti. Pertanto, anche se la convenzione stipu lata tra Germania e Italia s tabiliva che a i rifornimenti di ca rb4ra nti avrebbe dovuto provvedere la prima, furono ugualmente fatti affl uire d all' Italia prodotti petroliferi e fustame (2500 fusti di benzina, 2500 di gasoli o, 2591 fusti vuoti). Decisione che si sa rebbe rivelata quanto mai opportuna visto che la convenzione venne s pesso e in varia misura disattesa. Non mancarono i disservizi, quali la carenza di gasolio contrapposta ad eccedenza di benzina, o la ma ncanza di mezzi di travaso per lo svu ota me nto delle autocis terne e delle cisterne ferroviarie: ad ogni inconveniente s i dovette porre rimedio con i soliti accorgimenti tipici dell'inventiva italiana: approvvigionamenti in loco, prestiti ottenuti dal Ministero della Guerra ung herese, ricorso a mezzi e materiali di circosta nza. L'aderenza ai reparti operativi fu assicurata con la costituzione (ex novo o per scavalcamento) di depositi in fusti la cu i cons is tenza, evidentemente esigua anche per quei tempi, è emblematica della preziosità che veniva attribuita al petrolio e alle sue fonti di approvvigionamento. In particolare, per le esigenze della radunata, furono costitu iti: -a Maramarosszige t un deposito principale di circa 2000 fu s ti; -a Leordina, Felsov iso e Borsa, depositi secondari dell'ordine di 200-300 fusti; -a Gura Hormolui, un d epos ito di 750 fusti, con materiale avuto in prestito dagli alleati. In seguito, tra agosto e se ttembre, questi depositi vennero alleggeriti costituendone uno a Belzy, con fun zioni di deposito principale. Tuttavia, p oiché il ripristino delle scorte si profilava difficoltoso e in contrasto con le pressanti esigenze operative, si ricorse a nuovi acqu isti da enti romeni: provvedimento qua nto mai necessario, visto che da parte germanica si continuava a lesinare sulle assegnazioni, mentre il dinamismo dell'avanzata, verso il Bug ed oltre, esigeva qua ntitativi ben s uperiori.

Nel fra ttempo, un pos to dis tribu zione del C.A., quello di Pervomaisk, CAMPAGNA era s tato assorbito dall'organizzazione DI RUSSIA di Intendenza. Durante l'ava nza ta dal Bug al Dniepr e fino all'occupazione d el bacino d e l Donetz, le cessioni d e lle autorità tedesche furono adeguate alle necessità; anzi, durante la seco nda metà di o ttobre, s i dovette addirittura rinunciare a parte delle assegnaz ioni, p er ca renza dì fu sta me. A Krivoi Rog e a Dnjepropetrowsk, fra settembre e o ttobre, vennero costituiti altri d epositi. Il d epos ito più ava nzato d ell' Intendenza realizza to nella s tagione autunnale fu quello di Novo-Moskowsk (a 35 km da Dnjepropetrows k), fin dove' s i spingeva la s trada selciata. Nel periodo invernale, p er la g ià ri cordata asprezza del clima che condizionò gli stessi trasporti ferroviar i, vi fu un sensibile ca lo nei rifornimenti da parte tedesca. Si attinse abbondantemente alle scorte, tanto che, a un certo punto, presso il d eposito di Dnjepropetrows k non rimasero che 250 fu s ti di ben zina. Provvidenzia le, pertanto, fu il rifornimento di gasolio avviato per ferrovia da Be lzy a Stalino. Si sa che il ca ri co, per motivi incomprensibili, in un primo tempo era s tato invece destinato in Italia. Nel periodo lu glio '41-marzo '42 vennero consumati 5.774 mc. di benz ina e 7.000 mc. di gasolio, con una punta massima, nel mese di agosto, d i 1.401 mc di benz ina e 1.480 mc di gasolio. L'Intendenza assorbì il SO% dei consumi totali, con preva lente impiego di gasolio (70%).

Rifornimento materiali Più frammentarie sono le notizie pervenuteci in merito al servizio rifornimento materiali. Le carte, spesso, sono fu orvianti, in quanto sembra che molti materiali s iano s tati assegnati proprio «Sulla carta» e bas ta. Si dà per certo, infatti, che il P.S.A. arrivò in zona senza ricambi, sì ch.e fu necessa rio reperire in loco ciò che più urgeva, come l'acciaio per il ripris tino delle balestre, soggette ad alto tasso di usura. A Budapes t furono acqu istati g rossi quantitativi di pneumatici, liquido antigelo, catene di aderenza, cavi ri morchio, equipaggiamento per autieri

215


Effetti di bombardamenti tedeschi su autocolonne russe (foto Museo Storico).

216

e motociclis ti, ecc. Tali ma teriali giunsero a Belzy in settembre e, successivamente, a Dnjeprop etrows k. Pera ltro, p resso le s tesse loca lità, q uasi contem poraneame nte, g iunsero dall' Italia modeste aliquote di ma teriali va ri la cui dis tribu zione, d a parte d el P.S.A. (n on a ncora compiutam ente s truttura to), ris ultò alqu a nto problematica. In sintesi, no n si può passa r sotto s i-

lenz io qu es ta cris i ini ziale d ovuta ad evid enti carenze o rga nizza ti ve in u n settore d ove previs ione e program maz io ne sono chiav i fon d a mentali di un possibile s uccesso. Solo con l'arri vo del J0 Parco Alltomobilistico, alla fin e di o ttobre, l' afflusso d ci ricambi assunse una certa cons is tenza . Q uesto g rosso ente, che era nato come 3° Pa rco d'Armata ed aveva già ope-


rato in funzione delle ope ra z ioni in Croazia e Dalmazia, su l finire dell'estate mutò il suo numero in «7°» e venne assegnato al CSIR. La partenza della Direzione e di una consistente parte del parco avvenne da Casarsa, in treno, il 20 settembre. Lungo il tragitto, per due volte le autorità ferroviarie tedesche tentarono di far proseguire il convoglio per via ordinaria, tentativi entrambi falliti per l'energica opposizione di un ufficiale italiano della Delegazione Italiana di Leopoli. Il 1° ottobre il Parco g iunse a Dnjepropetrowsk, dove ven ne raggiunto da altri scaglioni affluiti per via ordinaria. Benché altre fossero le loro mansioni, i mezzi del Parco vennero utilizzati anche per trasportare munizioni alle truppe in linea. Particolari misure di sicurezza vennero adottate contro i bombardamenti aerei e i conseguenti incendi. Tra il dicembre 1941 e il gennaio 1942, a seguito della rottura dello schieramento tedesco, si verifi carono infiltrazioni di mezzi corazzati e di fanteria sovietica in quella che sarebbe divenuta nota come «sacca di Grischino». In tale circostanza, 500 uomini tra ufficiali e truppa, già duramente provati dai rigori dell'inverno russo, guidati dal capitano Gregorio Calò, dovettero abbandonare officine e magazzini per trasformarsi in combattenti, agli ordini di un generale tedesco ché aveva assunto il comando della piazza. A questo battaglione di formazione venne affidata la difesa della sponda occidentale del Dniepr, a sud della città. Pur privi di armi anticarro, di adeguato equipaggiamento e di addestramento al combattimento in regioni nevose, tutti gli uomini seppero prodigarsi nell'organizzazione della difesa. Al termine di quella che venne chiamata «la battaglia invernale», in segno di riconoscimento, il personale del Parco venne decorato con la croce di guerra tedesca. La permanenza a Dnjepropetrowsk si sarebbe protratta fino ad ottobre del 1942. L'attività d'istituto del Parco aveva preso avvio, nella s tessa città, il 26 novembre del '41, con la distribuzione dei materiali a cura del Magazzino Parti di Ricambio. Nel dicembre furono ceduti 26.000 particolari; a febbraio, con 29.700 pezzi distribuiti, fu toccata la punta massima. Quando poi i reparti s i spostarono

nella zona di Sta lino, una frazione di quel magazzino venne distaccata a Pu - CAMPAGNA tilowka, non lontana dalla stessa Stalino. Questa frazione assunse la massi- DI RUSSIA ma importanza, tanto che già alla fine di marzo tutti i ricambi provenienti dall'Italia venivano fa tti affluire direttamente presso di essa, senza transitare per la sede principale. Il servizio, tuttavia, mancò sempre di tempestività, con differenze addirittura di sei mesi tra le richieste e l'afflusso dei materiali a livello Intendenza, talvolta per difficoltà di trasporto, altre volte per difetti insiti nella stessa organizzazione. Per citare un esempio tra i più eclatanti: nel quadro delle previdenze inverna li, fin da luglio l'Intendenza segnalò allo S.M.R.E. il fabbisogno urgente di taluni materiali indispensabili; ebbene, la maggior parte dell'antigelo (54 mila litri su 60.500) affluì a s ta g ione invernale già abbondantemente inoltrata; una particolare partita di antigelo si rivelò infiammabile e fu causa di un incendio. L'olio fluido non giunse mai in tempo né in quantità sufficiente. Le catene di aderenza (necessarie anche a muovere nel fango), giunte in un quantitativo di 3.000 coppie, s i rivelarono assai poco funzionali; solo in un secondo tempo ne furono rifornite di efficaci, realizzate secondo un modello russo modificato. Di visiere termiche, ne g iun sero solta nto 130 alla fine di gennaio. Vennero inviati 13 riscaldatori d'acqua per motori, ma talmente poco funzionali che ne fu concordata la sospensione. I trattori cingolati si rivelarono troppo leggeri e soggetti ad avarie. Gli sparti neve, oltre che giunti in ritardo (gennaio e febbraio), si rivelarono anche poco adatti. Una delle possibili ragioni dei vistosi ritardi può essere deducibile da una memoria scritta del tenente colonnello Arrigo Apolloni, allora Capo dell'Ufficio Automobilistico dell'Intendenza del CSIR. «In quell'epoca (siamo nel marzo del 1942, N.d.A.), la situazione del materiale automobilistico del CSIR si presentò pressoché tragica. Il parco autoguasti di Putilowka, ~o­ ve aveva sede la 1811 O.M.P., era un vero cimitero di automezzi di ogni tipo, dal carro armato L33, all'autocinema offerto dal Dopolavoro di Bergamo, che portava ancora la targa civile di quella provincia. Mancavano totalmente i ricambi e le richieste fatte alla madre Patria non venivano esaudite con celerità per man-

217


CAPITOLO

6

canza di comunicazioni con la stessa. Il motivo di tale lentezza fu chiarito in seguito, quando si seppe che i carri ferroviari dei ricambi automobilistici richiesti erano stati deviati verso Berlino e Yarsavia. In parecchi casi di assoluta urgenza, fu d'uopo ricorrere allo smontaggio di alcune parti di automezzi avariati, e ciò pet rendeme efficienti altri. Lo scrivente perciò, con l'approvazione del Generale Intendente, impedì che tale eccezione si generalizzasse, in quanto i meccanici inviati dai reparti a smontare il pezzo occorrente, dovendo lavorare all'aperto con temperature proibitive (3040 gradi sottozero) sfasciavano interi complessivi, quando magar i non li asportavano, complici le sentinelle, per farsene scorta di reparto».

Riparazioni

Passaggio di automezzi su ponti distrutti e temporaneamente riattati (foto SME- Ufficio Storico).

218

Come già accennato, gli elementi portanti del servizio riparazioni, specialmente nei primi mesi della campagna, furono la 15 ge la 18g O.M.P. La 15g Officina Mobile Pesante, dopo aver operato insieme al Corpo d' Arma ta autotrasporta bile sul fronte dei Balcani, nel maggio del1941 diede inizio ai preparativi per gli impegni su quello russo. Ad essa venne infatti af-

fidato l'incarico di rimettere in efficienza tutti gli automezzi della grande unità. Direttore era allora il tenente Michele Geraci, dalla cui memoria è tuttavia possibile ricostruire la storia dell'officina fino al novembre 1942, epoca nella quale egli venne avvicendato alla direzione dal tenente M. Santucci. fl viaggio di trasferimento avvenne nella prima decade di luglio, con partenza da Cremona e arrivo a Maramarossziget per ferrovia. Da qui a Botosani, in autocolonna . In questa località era stato istituito un centro di raccolta e la 15il venne messa subito all'opera per ovviare alle pes~nti e numerose avarie conseguenti al lungo viaggio di trasferimento dei mezzi. Da agosto a ottobre, il lavoro non ebbe un attimo né di sosta né di rallentamento, per la necessità di mettere i reparti nella condizione di avere i mezzi sufficienti per le loro attività di rifornimento e di trasporto. Il lavoro era rivolto anche a soddisfare le esigenze relative a unità, salmerie, artiglierie, scorte, ecc. che stavano affluendo. La ritroviamo successivamente a Perwomaisk, a Grischino (da metà ottobre a metà novembre) e, dalla seconda quindicina di novembre, nella zona di Stalino.


L'attività del personale fu estremamente valida ed apprezzata. Spesso le riparazioni più urgenti dovevano essere effettuate anche all'aperto e con temperature intorno ai -20°C. Questo, durante l'avanzata. In segu ito la 1511 O.M.P. operò presso Stalino (Putilowka), in un'officina abbandonata dai Russi. Lo stesso capannone adibito ad officina fungeva anche da dormitorio per il personale. Per l'attività profusa, anche in questa fase, dai dipendenti, fu ragg iunta una produttività notevole, che fece meritare a l persona le un encomio da parte del comandante del CSIR. Nel maggio del1942, con l'inizio delle operazioni di sfondamento, la 151l venne comandata al seguito de lle truppe operanti e, con il XXXV C.A. «CSIR», al quale era stata assegnata dopo l'arrivo dell' ARMIR, raggiunse il Don, stanziandosi a 20 km dalla sponda del fiume. La 181! Officilln Mobile Pesn11te non fu da meno e mai l'appellativo di «mobile» fu piLt calzante. Posto a disposizione dell'Intendenza- direttore il sottotenente Nello Girolametti -l'ente giunse infatti in zona il1 ° agosto, operando a Botosani per tutto il mese; in settembre fu a Belzy, nella prima decade di ottobre a Kriwoi Rog, dall'ultima decade di ottobre a tutto dicembre a Pawlograd, da gen naio a tutto marzo a Stalino. l dati sulla produzione che ci sono pervenuti lasciano intuire come anche la 181l O.M.P. a bbia operato inte nsamente, pur nel trava glio dei numerosi trasferimenti. Il grande impegno profuso dagli organi di riparazione non riusciva tuttavia a stare al passo con le avarie. I mezzi inefficienti divenivano sempre piLt numerosi, soprattutto per la solita e cronica irreperibilità di pezzi di ricambio. Già alla fine di agosto, non trovando altra soluzione, il Comando CSIR autorizzava ufficia lmente la spoliazione dei veicoli che venivano abbandonati durante la marcia perché di arduo ripris tino. emmeno il tentativo di ricoverare un centinaio di veicoli presso le officine Fiat e Lancia a Budapest diede risultati apprezzabili; anche in questo caso, per l'insufficienza di parti di ricambio che dovevano essere richieste in Italia, i tempi di ripristino divenivano inaccettabilmente lunghi. Dal 25 novembre 1941 cominciò ad operare assiduamente il laboratorio del

r

Parco, insed iato a Dn jepropetrowsk, ma con un'officina distaccata a Saksa- CAMPAGNA gan, dove venivano concentra ti i veicol i inefficienti. L'apporto di questo en- DI RUSSIA te, p er quanto considerevole, fu ancora insufficiente a far fronte alle continue, innum erevoli n ecessità. Quando poi, nel dicembre del '41 -gennaio '42, in occas ione della difesa di Dnjepropetrowsk, fu necessa rio distogliere circa 500 uomini dai propri compiti istituzionali, ciò non fece che incidere negativamente s ullo s tato di efficienza dei mezzi del CSIR., che in quel periodo raggiunse la punta massima del30% circa, ponendo in difficoltà il se ttore traspo rti e dimos trando ch iaramente l'importanza del serv izio delle ripara 7 zioni. Di fro nte a questa s ituazione riÌente affa tto rasserenante, venne fatta affluire in zona un'officina Fiat, che giunse a Sta lino il 4 marzo e che fu insediata a Putilowka, negli s tessi stabilimenti Putilov dove già operavano la 15 11 e la 18il O.M.P. Si trattava di una Officina Mobile Pesante, con 65 operai specia lizzati, rinfo rza ti da maes tranze russe no n specia lizza te e con una non trascurabile dotazione di ricambi. L'apporto di questa officina portò a una sensibile diminuzione delle inefficienze, non tuttavia in misura tale da evitare la ristrutturazione del2° Autoraggruppamento, notoriamente consid erato il pilastro del servizio trasporti per via ordinaria nella fase iniziale della campagna. Il 31 marzo del '42, presso i 6 parchi veicoli ineffi cienti dis tribuiti lun go il percorso da Perwomaisk a Stalino, erano giacenti 1168 veicoli, di cu i 763 di prevista ripa razio ne in zona, 405 da sgo_mberare. E già di per sé un'impresa riassumere le eccezionali difficoltà in cui s i trovarono ad operare gli organi di riparazione: a lla precarietà delle sed i e alle proibiti ve condizioni clima tiche, vanno so mmati lo s tato di s traordinario logorio dei mezzi dovuti all'intenso impi ego, le tipiche inefficienze legate ai rigori s tagionali, l'irregolare e tardivo afflusso dei ricambi, la difficol~à di reperire lubrificanti fluidi. Supplirono, ai limiti del possibile, l'impegno e lo spirito di sacrificio di tutti, la perizia di molti e, sempre, la caccia ai ricambi con l' inev itabile cannibalizzazione d ei veicoli inefficienti. La rea ltà burocr ati ca veniva soddisfatta, seco ndo quanto previsto da l Regolamento sul Servizio Materiali di A rtigli eria e

219


CAPITOLO

6

Automobilistico, inviando al prelevamento personale munito di «buoni di ca mbio», che recava al seguito i m a teriali us ura ti i quali venivano, a ppunto, cambiati con analoghi nuovi. U n' analisi a pos teriori d ei fa tti lascia s upporre che l' esigenza politica di essere a tutti i costi e quanto prima p resenti anche in quel teatro di op erazionì, s ia s tata ritenuta prio ritaria rispetto all'efficacia della missione, che avrebbe p o tuto forse essere r aggiunta con una seria e scrupolosa prepara z io ne, com e l'a mbiente, la lung hezza d elle linee di rifornimento e le previsioni s ullo sviluppo d elle op erazio ni dovevano co ns ig liare. Ma com e non riallacci are questa cons tatazione all' ita li an iss imo malvezzo di fornire sempre assicuraz ione al superiore sul fatto che è «tu tto a p os to», salvo poi acca mpare un a miriad e di scuse al m om ento d ella parte nza e trovare sempre qualcuno s u cui scaricare le colpe d egli immanca bili errori? Un effi cace compendio dell'a ttività del Corpo, in q uesta prima p arte della

ca mpagn a di Russia, può essere ricava to s tra lciando dall' ordine d el giorno nr. 48 d el Com ando CSIR., con il quale il genera le Messe inviava il s u o messaggio a ugurale in occasione d ella Fes ta del 22 m aggio (1942): «... quello che voi avete fatto su ques to d urissimo fronte supera ogni altra precedente impresa e passa alla storia come la più alta espressione del sacrificio e del dovere consacrati al lavoro. Nell'afa d ell'estate, nei rigori di un inverno senza precedenti, p er piste rotte so mmerse d alla m elma e viscide di fa ngo, esposti ad ogni intemperia, nella neve e nella bufera, voi avete guidato i vos tri motori con inesauribile s lancio, co n cuo re intrepido, p er m igliaia di chil o metri, di giorno e di notte, sfidand o le o ffese d el nemico e le ins idi e dei ca mpi mina ti ... Mai vi pesò la fa tica, ed al ritorno da un lungo v iaggio fos te pro nti a ri partire per un nuovo compito con u na dediz ione che solo nel più alto sentimento del dovere può trovare la fo rza susci tatrice ... ».

CON L'ARMIR

220

G ià nel febbraio 1942, a p otenziare il CSIR, era no giunti il Btg . Al p. «Mo nte Cer v ino», il 6° Bers ag lie ri e il 120° Rg t. a. m otorizzato, che insiem e costitui va no il Raggruppa m ento a cavallo d el generale Barbò . I tempi di afflu sso furo no tanto accelerati d a comportare la disseminazione, lungo l' itinerario, di o ltre il SO% d egli autom ezzi in carico. Nel m ese di a prile, inoltre, era g iunta la Legione Croa ta, eq uipaggiata all' itali ana. · Le o p erazio ni, con ca ra ttere e mi nentemente dife ns ivo, s i svolsero s ulle posizio n i invernali fin o a lla prima m età di lug lio; il g iorno 9 d ello s tesso m ese, le a ttr ibu zioni d el CSIR passa rono al Comando d ell'Si! Armata Italia na, agli o rdini d el generale ltalo Ga riba ldi, mentre lo s tesso CSIR assumeva la d eno m ina zione di XXXV Corpo d ' Arm ata «CSIR» (come voluto dal generale Messe) . L'a rma ta era arti cola ta s u tre co rpi d 'armata (XXXV - II e C.A. Alpi no), una divi s ione autonoma, truppe e serviz i d ' Armata. In totale, 10 div isioni: Pa s ubio, Torino, Celere, Sforzesca, Ravenna, Cosse ria, Tridentina, Ju lia, Cu neense, Vicenza. Ques t' ultima, priva di

ar tigli er ia, aveva compiti di occ u pazione territoriale nelle retrovie. L'a fflu sso in Ru ssia d elle g ra ndi unità, e d ei mezzi in p articolare, meriterebbe uno s tudio a sé s tante, non solo per l' impo nenza delle opera zioni di radunata, m a s oprattutto p er la loro complessità, d ovuta alle limitazioni imp oste a ll' uso d ei trasporti ferroviari e alla mutevolezza d elle d ecis ioni relative a ll e zone di attestam ento, che cambi ava no anche o perazio ne dura nte. A lla raduna ta s i sa lda, senza soluzio ne di co nti n uità, quell' impo nente ope razione s tra tegica che v ie ne ricord ata con il no me di «Marcia al Don», e che vide l' ARMIR attes ta rsi s ulle ultime posizioni raggiunte. Nel contesto di questa ava nza ta la «Celere», posta alle dipend enze d ella 6il Arma ta germanica con il compito di garantirne la sicurezza sul fianco sinis tro nelle op erazioni su Staling rad o (odierna Volgograd ), percors i 440 chil ometri in 4 giorni, si insediò il 29 lu glio nel settore di Serafim ovi c. Qui, fin o a l 14 agos to, condusse quella dura battaglia che prese il nome d alla loca lità e che, p er le non lievi perdite, avre bbe seria me nte condizionato l' unità nell 'ulteriore capacità operativa.


È i/15/uglio 1942; I'Armir è da poco giunta in Russia al comando del generale /Ialo Garibaldi (nella foto) (foto A. Scolari).

Il fiume che, più di chiunque altro, fu testimone della tragedia deii'ARMIR, il Don. Questa foto stava per costare la vita al suo autore, Attilio Scolari il quale, mentre era intento a scattar/a, senti il fischio improwiso di una pallottola vicino all'orecchio: un cecchino lo aveva preso di mira dall'altra parte del fiume (foto A. Scolari).

Ai primi di agosto anche il XXXV C.A. «CSIR», privato della «Torino», ma rinforzato dalla «Sforzesca» che si aggiungeva alla «Pasubio», mosse verso il Don. Il movimento, su un itinerario di circa 400 chilometri, si sviluppò attrasverso la steppa, in regioni prive di ogni risorsa, rese ancora più inospitali e malagevoli dalla pioggia estiva. Il li C.A., con la «Cosseria», la «Ravenna » e la «Torino», passato il Donetz il14 agosto, tra il 9 e il 15 assumeva la responsabilità del settore del Don; il15

agosto, il nostro schieramento sul fiume poteva ritenersi completato. L'ampiezza del settore era superiore ai 250 km e comprendeva anche unità tedesche. La «Celere», eccessi va meri te provata, si trovava in fase di riordina• mento in 2il schiera. Già dal 20 agosto ebbero inizio da parte sovietica intense azioni di alleggerimento tese ad attenuare la pressione su Stalingrado ma, sopra ttutto, a interrompere i collegamenti tra la 6il Armata tedesca e le sue basi a occidente

221


CAPITOLO

6

Effetti di un bombardamento su Stalingrado (foto Museo Storico).

del Don. Fu una battaglia che impegnò le forze italiane fino a l 1 ° settembre, contro un avversario valoroso, tenace, incurante delle perdite (forse il 50% delle forze impiegate), largamente dotato di mezzi corazzati. La «Sforzesca» (unità appena giunta e no n ancora ambientata alle caratteristiche dei combattimenti sul fronte russo) sostenne il primo assalto, che si estese anche sul fronte del II C.A . Nella fas e di contrattacco, s i distinsero il raggruppamento a cavallo e, in particolare, il «Savoia». Dopo una breve pausa, il fronte del II C.A. venne nuovamente investito 1'11 e il12 settembre; il nemico, dopo i successi in iziali del suo tentativo di sor-

battimento, o per agevolare la pre parazione delle unità s tesse in vis ta d elle operazioni estive, oppure per la radunata dell'8il Armata, già da tempo di prevista costitu zione. Sulla base d elle esperienze tra tte dal precedente ciclo operativo, si provvide a un rilevante p o tenziamento della branca trasporti per via ordinaria; con 1'8il Armata, gli autoraggruppamenti presenti in Russia assommarono a 4. Rimaneva purtroppo modesto, secondo la visione ordinativa di allora, l' indice di motorizzazione in proprio delle grandi unità e d ei re parti. Per le forma zioni del Corpo Automobilistico, il trasferimento in zona cos tituì non solo un valido banco di col-

prend e re a ll e s pall e l' ARMIR, fu res pinto oltre il Don. A queste azioni parteci paro no a nche truppe d ell a «Tri dentina ».

la ud o per uomini e mezzi ma, so prattutto, un essenzia le completamento del ciclo di add estram ento, con il raggiungimento di quell 'a ma lga m a e d i quell'a mbientam ento che avrebbero d ato, su ccessivamente, fruttuos i ris ultati in form e di impiego più frazionate c artico la te, m a no n me no ca ri che d i res pons abilità; add estram ento e a malgam a non sempre ad egu atam ente curati in pa tria, so tto la s pinta d ell ' urgenza d elle opera zioni di mobilitaz ion e. Riferiamo s uccintamente le m odalità di tras ferim ento in zo na d ci principa li re p arti a uto m obili s tici, premettendo che prioritarie esigenze impose-

Attività dei Reparti A utomobilistici

222

L' inizio d el disgelo, nel marzo 1942, a veva comportato drasti che limitazioni nell' uso d egli auto mezzi. I tras porti, che vennero effettuat i nonos tante le avverse condi zioni delle pis te, furo no s volti a fav ore d elle unità del CSlR schierate s ulle linee di co m-


ro una limitata utili zzazione dei trasporti ferroviari, specialmente per le unità motorizzate. Il 7° Autornggmppnmenfo, al coma ndo del colonnello Giovanni Coiro, era articolato sugli autogruppi XXX (autoreparti 165°,241 °,242° e 34°) e XVlll (autoreparti 29°, 117°, 126° e 129°) più la 7iJ O.M.P. Disponeva di 1300 automezzi (per lo più tedeschi, come si dirà più ava nti), con una capacità cornpl essiva di trasporto di 2500 tonnellate. Venne inviato in zona di operazioni nella prima quindicina di giugno, ma soltanto 3 autoreparti poterono fruire della ferrovia fino a destinazione, che era Merefa, nella zona di Charkow. Gli

altri ne fruirono fino alle stazioni di Troppau-Iagendorf. Da lì mossero per via ordinaria seguendo l'itineario larosla v-Leopoli-Rowno-Zi tomir-Darnitza (Kiev)-Lubnie-Poltawa-Merefa, percorrendo oltre duemila chil ometri in nove tappe. L'8 ° Autoraggruppnmento, agli ordini del colonnello Luigi Tolotti (1400 automezzi, in grado di trasportare 2700 tonnellate), si articolava sul LVII Autogruppo (au toreparti 243°,244°, 245°, 246°), LVIII (autoreparti 247°, 248°, 249°, 250°), 8il O.M.P. e 8° Reparto Soccorso Stradale.

Varcata la frontiera a metà di giugno, raggiunse in treno Troppau. Da lì avrebbe dovuto raggiungere Charkow, zona di radunata dell'Armata. Ma le autorità tedesche designarono nuove zone di radunata, per cui si rese necessario dirottare le colonne su Stalino-Rikowo. Sono inimmaginabili, al riguardo, gli impegni organizzativi dell'Intendenza per conferire al traffico la necessa ria fluidità e l'assistenza tecnica alle colonne. Per quanto risulta, gli automezzi dell'8° furono avviati a Stalino attraverso Krasnograd, Nowo Moskowsk, Pawlograd: du emila chilometri in dodici tappe; 95 ore di marcia, alla media di 20 km/h.

Il 10° Attfornggruppnmento era comandato dal colonnello Carlo Montrucchio, deceduto 96enne nel1992. Disponeva di 1200 automezzi che potevano trasportare 2200 tonnellate, e inglobava nel suo organico il LX Autogruppo (autoreparti 251 °, 252°, 253°, 254°), il LVI (autoreparti 255°, 256°, 257°, 258°), la 1011 O.M.P. e il10° R.S.S. Non fu certamente da meno delle altre unità, ma su di esso è stato possibile raccogliere soltanto pochi dati e notizie. Si sa che giunse in Russia intorno al 15 agosto. L'unità venne avviata per ferrovia fino a Iasi-Kisinau, in Bessarabia. Da lì,

CAMPAGNA DI RUSSIA

27 giugno 1942. Così si presenta Charkow agli uomini del 248° autoreparto pesante che l'attraversano in autocolonna (foto A. S. Chiesa).

223


CAPITOLO

224

6

passando per Uhan, raggiunse Poltawa, diretta a Charkow ma, per l'improvviso mutamento delle zone di radunata, il 29 agosto si riuniva a Woroschilowgrad, con eccezione del LX Autogruppo e del 251 ° Autoreparto dirottati su Likaja. Le 3 nuove unità andavano così ad aggiungersi al2° Autoraggruppamenta, già sul posto dall'anno precedente, e che a questo punto, essendosi disfatto di alcuni mezzi logori, subiva una certa contrazione. L'impiego di queste unità, sia in campo operativo che logistico, fu immediato. Nel quadro dei trasporti operativi vanno annoverati quelli richiesti dalla ripresa delle operazioni offensive, operazioni che condussero alla conquista e all'occupazione dell'importante bacino carbonifero di Krasnij Lutsch da parte del XXXV C.A. «CSIR». In particolare, questi trasporti riguardarono: - la <<Torino» e il Rgpt. <<Barbò» da parte del 7° Autoraggruppamento; -il Rgpt. Camicie Nere «XXIII marzo», un battaglione guasta tori e truppe della «Sforzesca», ad opera dell'8°; -il II C.A., dalla zona di Charkow a quella di Sta lino-Gorlowka, parallelamente al fronte ed in terreno ancora caldo di battaglia, cosparso di mine, penetrato da partigiani e disturbato dagli aerei. Nel campo Iogistico le operazioni più rilevanti furono: i trasporti di materiali da Charkow a Stal ino per la loro onerosità; Io sgombero della stazione di Merefa, congestionata da migliaia di tonnellate di materiali che avevano necessità di urgente smista mento; i trasporti di carburanti alla costituenda delegazione del Caucaso, impiantata a Rostov e poi disciolta. Ricordando i trasporti di radunata, le relazioni parlano di un complesso di circa 3.000 automezzi «avventurati» su oltre 2.200 chilometri di piste. Gli elogi rivolti in questo periodo al personale del Corpo Automobilistico vedono esaltato il loro va lore se si con- . sidera che gli autieri erano poco abituati ad operare in un ambiente così particolare; che l'addes tramento loro impartito in patria era sta to alquanto sommario, data anche l'urgenza c la notevole quantità di reclute che s i concentrava no presso i «gruppi addestramento» dei centri autieri; che molti mezzi - specialmente quelli di fabbricazione tedesca- erano ancora poco conosciuti; che la lunghezza delle tappe fu esasperata dall'incalzare degli avvenimenti.

In ogni caso, al termine della marcia di trasferimento, le inefficienze di un certo rilievo non superarono 1'1 % dei mezzi in dotazione: dato veramente lusinghiero! Fin dall'inizio, si evidenziò una forte crisi d i carburante dovuta alla mancata fornitura, nonostante gli impegni assunti, da parte dei Tedeschi. La benzina - la maggior parte dei mezzi affluiti era alimentata da questo tipo di carburante- non sarebbe stata fornita nei quantitativi concordati, creando seri problemi all'Intendenza. Tutto il problema dei trasporti d'altronde- riferisce in una sua relazione il Direttore dei Trasporti d'Intendenza, colonnello Gua la no - era condizionato dalla sua dipendenza dai Tedeschi, in mano ai quali era tutta la loro organizzazione. I carichi dei treni, una volta superato il Brennero, diveniva pressoché imposs ibile seguirli. Giunti a destinazione, se giungevano, si apriva una caccia forsennata tra uno scalo di smistamento e l'altro, nel tentativo di rintracciarli._Scaricate poi, tra mille acrobazie, montagne di materiali, questi rimanevano sulle banchine, esposti alle intemperie, senza possibilità di inoltrarli ai reparti per mancanza d i carburante per gli automezzi. A volte, riferisce sempre lo stesso direttore, si riusciva ad avere, solo per vie traverse e tramite baratto con bottiglie e damigiane di vino o cognac, treni di carburante che altrimenti non si sarebbe mai ottenuto per le vie ufficiali. Tuttavia questi cond izionamenti non impedirono alle nostre formazioni di svolgere un ruolo determinante in questa fase di radunata, caratterizzata da continui mutamenti di decisioni. Nel nuovo quadro operativo determinatosi tra agosto e la prima metà di settembre, le formazioni automobilistiche trovarono largo impiego. Infatti, proprio in tale arco operativo, g li impegni dei nostri autoraggruppamenti raggiunsero le punte massime, per ragioni quali: -un più lungo braccio fra i re parti ed i centri logistici; - incrementate esigenze operative derivanti dall'insospettata attività del nemico; - difficoltà di ripristino della rete ferroviaria che i Russi andavano demolendo allo scopo di creare grosse difficoltà ai loro nemici. Nel contesto degli innumerevoli trasporti eseguiti, le relazioni pervenuteci pongono in particolare risalto:


-un trasporto urgente di munizioni da Rikowo a Werk Grecowo e da lì fino alle posizioni più avanzate, compiuto dal126° Autoreparto a favore delle divisioni «Sforzesca», «Celere» e «Pasubio»; nel contesto di questo trasporto la 74611 Autosezione, comanda ta dal sottotenente }emma disperso a Rossosch (nelle fasi della ritirata o, secondo altra fonte, ferito e fatto prigioniero), meritò dal Raggruppamento «Barbò» un elogio che mise in luce l'esemplare calma ed il coraggio dell'ufficiale; - l'autotrasporto della 29811 Divisione germanica, in rinforzo al XXXV C.A. «CSIR», dalla zona di Kamensk-Taganrog, sul mare d'Azov, a Bokowskaia, effettuato da una formazione mista di 400 autocarri del 7°, 8° e 10°, al comando del tenente colonnello Nicola Paiuzza: 850 km in quattro giorni, su ll'anello Rikowo, Taganrog, Millerowo, Rikowo; -il rifornimento della 6il Armata tedesca, nella zona di Stalingrado, compiuto da una formazione di 400 autocarri, costituita da due autoreparti dell'8°, uno del 7°, uno del 10°, al comando del T. Col. Uberti; il percorso di oltre 800 km venne coperto in una sola settimana; il comandante, sebbene ferito a Karpowka da un proiettile di artiglieria, non cedette il comando della colonna;

-un rifornimento di munizioni ad alcune unità della stessa 611 Armata, con una formazione di 80 autocarri al comando del capitano Fenocchio; -un rifornimento di viveri e di materiali vari ad unità di un'armata alleata in zona Bokowskaja, eseguito da una formazione di 70 autocarri. Il braccio dei rifornimenti si allungava sempre più ed aumentava di conseguenza la media di km/autocarro, con crescita dei consumi e delle inefficienze, le più frequenti delle quali derivavano dalla ovalizzazione dei cilindri, dovuta alla penetrazione in essi di polvere per usura dei filtri. Ad altri problemi invece, connessi con l'uso più o meno improprio degli automezzi, l'Intendenza cercò di dare soluzione mediante l'emanazione di direttive ai corpi d'armata. Le più significative: - restituire sempre gli automezzi al termine del servizio, anziché trattenerli per eventuali successive necessità; -non dirottare le autocolonne verso destinazioni diverse da quelle per cui erano comandate; - utilizzare al massimo le possibilità di trasporto dei mezzi, senza viaggi a vuoto, in modo da ridurre i tempi di trasporto e consentire un margine di riposo per il conduttore;

Trasporto di muli su un instabile ponte di legno (foto SME- Ufficio storico).

225


CAPITOLO

226

6

- distribuire agli autisti l'armamen- mento dei molti sacrifici, ma certamente il frutto di una lucida analisi della multo individuale; tiforme attività e di un'attenta consi- nelle autocolonne, non sostare a derazione delle cifre: 18.000.000 di chiorario, ma dove e quando più opporlometri percorsi; 100.000 tonnellate di tuno, privilegiando la possibilità di somateriali trasportati; oltre 45.000 uosta fuori strada; mini e 1.500 quadrupedi trasferiti. -disciplinare il traffico, al fine di eviMentre l'Armata si assestava sul tare gli ingorghi; Don, le formazioni automobilistiche -osservare la distanza interveicolavennero a trovarsi distribuite su un'are,.anche nelle soste, per evitare di offrire un facile e remunerativo obiettivo rea di circa 300x500 km. In particolare: alle offese aeree; -il 7°, 1'8° ed ill0° Autoraggruppamento a ridosso dell'arroccamento -non marciar~ su piste fangose, onavanzato Ostrogosk (quattro autorede evitare fatali sforzi ai motori; parti), Rossosch (due), Kantemirowka - economizzare l'uso dei movieri, là (tre), Tschertkowo (due), Millerowo dove esisteva sufficiente cartellazione. (cinque), Kamensk: un allineamento di Ai trasporti di truppe operanti vancirca 300 km; ma distaccamenti arretrati no aggiunti quelli tipici e particolarsi trovavano a Woroschilowgrad (cinmente onerosi per la costituzione e l'aque autoreparti), Stalino (uno), Rikowo limentazione di due nuovi centri logi(due), Debalzevo (uno), Likaja (uno); stici avanzati, la cui realizzazione venne consigliata dalla marcia verso il Don, - il 2° Autoraggruppamento era dalle prime operazioni condotte in quelsmembrato tra Stalino, Debalzewo e Dnjepropetrowsk. le anse e dall'assunzione del noto schieLa critica storica, in sede di esame ramento sulla sponda destra del fiume. della condotta logistico-operativa sul Il primo venne costituito a Millefronte russo, ha formulato apprezzarowo, per le esigenze del XXXV C.A. menti non positivi sulla dispersione dei «CSIR»: era, questa, collegata con Woroschilowgrad (odierna Lugansk), se- reparti, che non avrebbe consentito de dell'Intendenza dell'Si! Armata e sua un'agevole manovra di massa da parte dell'Intendenza (ma ciò era indiprincipale base logistica, anche come centro ospedaliero; alla sua realizzaspensabile, per le G.U. prima in linea e poi in rotta). zione attese il 7° AutoraggruppamenCon la creazione di nuovi centri loto. gistici, si imponeva la necessità di atIl secondo venne costituito invece a tuare la saldatura dei trasporti per via Kantemirowka, al servizio del II C.A. e ordinaria con quelli ferroviari, considella «Torino». Tale località, per la sua derati anch'essi fondamentali, in quancentralità, l'ampiezza dei magazzini ed to rispetto a quelli au tomobilistici non i col legamenti ferroviari, divenne il erano condizionati dagli agenti atmomaggior centro dell'organizzazione logistica avanzata; al suo allestimento si sferici, dalla crisi di carburante, dalle inefficienze caratteristiche dell'a u tededicò 1'8° Autoraggruppamento. 112° Autoraggruppamento ebbe l'intrazione. Per queste ragioni, ad una sistemacarico di alimentare la base di Worotica distruzione delle linee e del mateschilowgrad, attingendo i materiali dai riale da parte dei Russi, i Tedeschi conmagazzini di Stalino. trapponevano una efficientissima orNonostante la già accennata crisi di carburante, il livello di funzionalità delganizzazione per il riattamento delle lile nuove basi logistiche può essere connee stesse, ridimensionate secondo lo siderato soddisfacente. scartamento europeo. Sul finire dell'esta te si accendevano Si ricorda che, allorquando nel me- . aspri contrasti tra l'Intendenza dell'8n se di agosto venne a mancare la benzina, il peso dei trasporti gravò sopratArmata, retta dal generale Biglino, e il tutto sugli autoreparti del2° AutoragComando tedesco, tutti vertenti sul mancato rispetto, da parte di quest' ulgruppamento, sempre in primo piano, timo, dell'accordo relativo alla fornie sugli autoreparti 244° dell'8° e 258° dell0°. tura di mezzi di trasporto e di carbuIl termine di «ciclopico», che il Dirante. Il problema di fondo era la temperettore dei Trasporti di Intendenza attribuì al lavoro svolto dagli autieri nelstiva sistemazione dei reparti per lo l'estate del '42, non deve essere stato svernamento che, sulla scorta delle soltanto un benevolo termine di circoesperienze maturate nell'inverno prestanza, un estemporaneo riconoscicedente, avrebbe dovuto essere ap-


prontata prima ch e le piogge autunnali determinassero il blocco del traffico. Il 25 di agosto l'intendente riceveva dal Comando tedesco la promessa dell'apertura al transito della linea ferrovia ria Starolbesk-Mi llerowo e l'a llacciamento della linea Debalzewo-Stalingrado a Millerowo. «Siccome non ho nessuna fidu cia nelle promesse germaniche ... » dichiarava senza peli sulla lingua il generale Bigli no, veniva richiesta la ricostruzione della linea fino a Kamensk. Gli automezzi per i trasporti erano sufficienti per le necessità normali, ma mancava il carburante, soprattutto gasolio, in misura tale da compromettere i movimenti giornalieri e quelli di ca rattere operativo. Sarebbe stato necessario, una volta ricostituite le scorte già fortemente intaccate, almeno un treno di carburante al giorno. Se fino ad agosto era stato possibile fare affidamento sulla ferrovia, ora sarebbero stati necessari tutti, senza eccezione, gli automezzi dell'armata, più cinque treni al giorno. La costruzione della ferrovia era stata promessa dai Tedeschi prima dell' «impantanamento» ma, dichiarava sempre Biglino, era da dubitare che

ciò sarebbe avvenuto e, anche in caso affermativo, che sarebbe stato sufficiente. «Il problema dei trasporti invernali -parole dell'intendente - va risolto abolendolo, costituendo delle scorte presso le unità ... Più e più volte ho affrontato il problema, basandomi su lle promesse germanich e, e tutto è regolarmente finito perché nessuna, dico nessuna, delle promesse, è stata mai mantenuta». Inoltre, per le proprie esigenze di sistemazione, la 6il Armata germanica aveva assorbito tutte le potenzialità logistiche di Millerowo, lasciando fuori l' ARMIR. «L'Si! Armata - insiste Biglino- vive ai margini delle necessità germaniche». · Il17 settembre la situazione era ancora di stallo: niente combustibile, niente treni; lo schieramento per l'inverno era tutto da realizzare. Alla fine del mese, l'intendente si recava a Roma, a giocare tutte le sue carte con Mussolini, ma rientrava in Russia con due convinzioni ben radicate nell'animo: che i Tedeschi erano padroni della situazione; e che l'Intendenza non doveva attendersi aiuti altro che da se s tessa. A fine ottobre, tuttavia, il ripristino

CAMPAGNA DI RUSSIA

Veduta di Woroschilowgrad, sulle rive del Donetz (foto A. Scolari).

227


CAPITOLO

6

Agosto 1942. Dovrebbe essere estate, ma i primi violenti acquazzoni hanno trasformato le piste in fiumi di fango vischioso, nel quale gli automezzi affondano fino ai mozzi (foto A. S. Chiesa).

228

della ferrovia aveva raggiunto livelli di subito, perciò il periodo dell'impantatutto rispetto. namento vide la sua fine col sopragPer naturale conseguenza, l'attività · giungere del gelo. delle formazioni automobilistiche asFra i servizi di notevole importanza sunse carattere di routine: non più trasi ricordano: sporti monumentali, g li itinerari di-i notevoli trasporti di carbone e di vennero più brevi, il lavoro si fece milegname, sia da arredamento che da nuto, spezzato e, proprio per questo, opera, che veniva reperito in loco da un quasi misconosciuto. servizio particolare dell' Intendenza, Fu il periodo del fango, delle soste compiuti dal 257° Autoreparto del10° obb ligate, degli impantanamenti, dei Autoraggruppamento, espressamente servizi dalla durata incerta. Un periodislocato a Kremennaja; do, per fortuna, breve perché, contra- la cost itu zione di un'autoformariamente a quanto paventato, piovve zione speciale di 542 automezzi, suddiper poco tempo e le nevicate seguirono visi in aliquote, dislocate a Tschertkowo,


Kantemirowka e Rossosch, a diretta disposizione del Comando d 'Armata, per l'eventuale trasporto urgente di «gruppi di intervento»; -alcuni trasporti a favore di unità romene fra Millerowo e Bokowskaja; - il trasporto misto ferrovia -automezzi di migliaia di tonnellate di ma teriale effettuato da 4 autoreparti del 10° distaccati nella zona di Ostrogosch. I materiali trasportati in v ista della sistemazione invernale furono sopra ttutto legna, carbone (sfuso e in polvere), vestiario invernale, munizioni. Vennero impiegati, in tutto, 28 mila autocarri/viaggio, che percorsero compl essivamente 6,8 milioni di km, trasporta nd o 60 mila uomini e 100 mila tonnellate di materiale e consumando 4250 mc di benzina e 520 di gasolio. L'approssima rs i dell'inverno pose in termini sempre più urgenti la sistemazione anche delle unità automobi listiche. Grande merito, al riguardo, va attribuito alla capacità ed allo spirito di iniziativa di alcuni comandanti di autoreparto. Si ricorda, fra l'altro, come a Rossosch e a Kantemirowka, in una nobile ga ra di lavoro, compiuta nei rari margini di tempo e con poco personale, le unità abbiano assunto tempestivamente quella sistemazione invernale che fu giudicata quanto di meglio si potesse attuare in quell e sedi; gli stessi mezzi furo no posti a l riparo dai rigori e dalle intemperie, in capannoni di fortuna, realizzati persino nel rispetto della tradizione e del colore loca le ! In questo periodo, i trasporti conti nuarono a svolgersi con frammentarietà. Non mancarono, tuttavia, movimenti di grosse formazioni quali: - il trasporto, effettua to da un reparto di formazione al comando del capitano Paolo Volpe, per lo spostamento del3° Bersaglieri da Kusmekoff fino sulla linea del fuoco; trasporto eseguito su ordine notturno improvviso, s uperando sia le difficoltà di avvia mento dovute al freddo intenso, sia quelle incontra te durante la marcia per l'imperversare di una tempesta di neve; - la colonna del ca pitano Alberto Bruno, comandante del 25° Autoreparto del2°, il quale, con 140 automezzi (secondo alcune fonti 200- presum ibilmente con formazione mista), partendo da Woroschilowgrad il 16 novembre, effettuò un rifornimento a favore della 6il Armata germanica di Von Paulus. Questa colonna, nel viaggio di rientro da Stalingrado, venne tagliata dai Ru ssi in due tronconi. Un'a liquota di 72 milita-

ridi truppa con 50 autocarri, al comando dei sottonenti Giusbertini e Poli c del sergente maggiore Bonesi ripiegò su Stalingrado, condividend o la tragica sorte di quel presidio. Le autocolonne, nel viaggio d i andata e ritorno, avevano percorso o ltre 1500 chilometri! Questi fatti avvenivano mentre il paesaggio russo assumeva sempre più la tipica veste inverna le: il fa ngo delle piste cedeva il posto a las troni di ghiaccio sempre più spessi e consistenti, uti·Hssimi come se fossero asfalto, ma le copiose nevicate rendevano più drammatica la marcia dei veicoli. Lo sforzo logistico aveva consentito tuttavia di scaglionare adegua tamente, nel senso della profondità e della frot)te, gli s tabilimenti e le scorte. La restaurata rete ferrov ia ri a, con l'arroccamento avanzato di OstrogoskMillerowo, lasciava sperare in una regolarità dei rifornimenti, in una possibilità di manovra, in una tempestività degli sgomberi. Finalmente si sarebbe potuto conta re, anche nella stagione invernale, su una va lida struttura portante di cui i trasporti automobilistici e quelli a slitta avrebbero costituito la capillare integrazione. Invece ...

CAMPAGNA DI RUSSIA

Dopo questa necessariamente sintetica cronistoria che abbraccia, a fattor comune, l'a ttività di tutte le unità del Corpo, scendiamo un attimo ancor più nel d ettaglio, per esplorare e portare meglio alla luce la vita e le gesta dell e singole unità nel periodo che va dalla costituzione dell' ARMIR fino alla fine dell'autunno astronomico (il quale, per le caratteristich e del clima russo, e in questo anno in particolare, non fu che un gelido, lungo e precocissimo dominio dell'inverno). Arriveremo cioè fino alle prime avvisaglie di quella tragedia di cui ancora non si preavvertiva l'arrivo. La già ricordata perdita della documentazione ufficiale, legata alle vicende del ciclo successivo, lascia ampie zone d'ombra, rischiarabili soltanto da singoli sprazzi di luce forniti dalle memorie scritte di alcuni protagoni s ti . Esploriamo perciò, una ad una, le vicende che vid ero coinvolte nel periodo in esame le s ingole unità.

2 o Autoraggruppamento La relazione disponibile, inerente l'attività del reparto, s i ferma purtrop-

229


CAPITOLO

230

6

po all'aprile 1942. A quell'epoca esso aveva raggiunta una percorrenza di ben 23 milioni (!) di km, nel corso dei quali aveva trasportato oltre 9 milioni di quintali di materiali, 387 mila uomini, 20 mila quadrupedi, consumando oltre 7 milioni di litri di gasolio e 22 milioni di benzina. Una sintetica relazione del tenente cofonnello Antonino Marinaro, comandante del li Autogruppo, ci dice che con il 1o maggio, data di ripresa delle operazioni da parte del CSIR nel bacino del Donetz, lo stesso autogruppo venne impiegato alle dipendenze della stessa grande unità per i bisogni delle truppe impegnate in comba ttimento. Quando essa si spostò s ul Don, in g iu gno, venne sottoposta a rilevanti attacchi nel corso dei quali l' Autogruppo s ubì alcune perdite. Ancor più sintetica (troppo) la relazione su ll'attività dell'a ltra unità, il XXIX Autogruppo, redatta dallo stesso colonnello Paolini, comandante dell' Autoraggruppamento. Appena 30 righe, metà delle quali spese in un (giusto, ma inutile agli scopi delle nostre conoscenze) elogio del comportamento degli autieri, e per dirci che l'Autogruppo si componeva di 3 au toreparti pesanti e 1 misto. Anche per il già citato 96° Autoreparto, la memoria del suo comandante, tenente Iannizzotto, si ferma purtroppo a l maggio del 1942. Del 25 ° Autoreparto (LI) continua a parlarci invece il suo comanda nte, capitano Alberto Bruno. Con la ripresa delle operazioni nell'estate del1942, il reparto, riunitosi a Stal ino e con gli automezzi rimessi in efficienza nel corso dell'inverno, cominciò ad operare sulle direttrici Stalinò-Rikowo e Stalino-Dnjepropetrowsk, per il trasferimento di materiali rimasti presso i magazzini di quella località, che dovevano essere trasferiti alla nuova base dell'Intendenza. Da Stalino il 25° si trasferì dappri- . ma a Truskoia e da qui a Deba lzewo, dove sostò per pochi g iorni per raggiungere poi la base di Woroschilowgrad. Tra i principali servizi, il lavoro (che il testi mone definisce «infame») di tra sporto di attrezzature per quadruped i. Nel settembre del 1942 alcuni automezzi vennero ceduti alle tre divisioni alpine per il trasporto di pezzi antica rro. Il servizio p iù imponente del perio-

do, tuttavia, è da considerarsi quello già ricordato di 140 automezzi, comandati dallo stesso capitano Bruno, da Woroschilowgrad a Karponka (Stalingrado), per complessivi 1520 km.

7° Autoraggruppamento Meglio nota è l'attività del7° Autoraggruppamento, grazie alla sopravvivenza di una relazione del suo stesso comandante, colonnello Giovanni Coiro, relativa al periodo 3 giugno 1942-15 marzo 1943. Il reparto, che aveva precedenti sul fronte occidenta le (giugno 1940), venne ricostituito a Trento, con materiale prevalentemente tedesco, nuoviss imo, ad eccezione dci veicoli dei Comandi, eterogenei e provenienti dalla requisizione. Esso s i articolava su 2 autogruppi (il XVIll e il XXX) che comprendevano complessivamente: - 5 autoreparti dotati di autocarri Borgward a benzina; - 2 autoreparti dotati di autocarri Opel Blitz; anch'essi a benzina; - 1 reparto di ambulanze 626 e Spa/38; -1 officina di autogruppo. Il raggruppamento si avviava perciò con due grosse incognite di partenza: come avrebbe risposto, a lla prova dei fatti, un materiale del tutto nuovo e mai sperimentato; e come e in quale misura le autorità tedesche avrebbero concesso i ricambi necessari, non dispon ibili presso i parchi italiani. Nella località di radunata (Merefa) l'unità rimase fino al15luglio 1942. Radunata non vuoi dire però immobilità, e già a Merefa il 7° cominciò ad effettuare trasporti di grossa portata, qua le il trasferimento di truppe e materiali della «Sforzesca » a Rikowo, che divenne sede del Comando di autoraggru ppa me n to. Nella fase di avanzata al Don vennero costituite le basi logistiche di Ivanowka, Woroschilowgrad, Kantemirowka, Rossosch, Millerowo, dalle quali vennero riforniti in continuazione i reparti in linea. Tra i reparti che più si misero in luce nel ciclo in esame, c'è il 126° Autoreparto, che entrava in Woroschilowgrad mentre la città era ancora fumigante e non ra strell ata, e a Millerowo, contemporaneamen te alle colonne di avanguardia; il trasporto urgente di munizioni da Rikowo a Werk Grekowo e da qui direttamente sulle posizioni


ava nzate, a ll e di v is io ni «Sfo rzcsca», «Celere» e «Pasub io », nel qua le si d istinse la 746!! Autosezione del sottotenente ] em ma. Il 29° e ill17°, con una colonna mista coma nda ta d al ca pitano Mercurelli, effettua rono un rifornimento urgente alla 298.! Divis io ne germanica. Non mino re però fu l' impeg no d el 165° c del 241 °. In settembre, con l' Autoraggruppamen to a Rikowo, il ritmo d ei rifornimenti s i a ttenuò p er manca nza di carburante. Il 126° e il1 65° s i trasferirono a Rossosch, trasp orta nd o materia li per il C.A. Alpino, mentre il resto d el XVIII Autogruppo, d o p o aver d econgestionato i magazzini arretrati, s i s postò s u Kantemirow ka-Bukajewka. Comincia va la s tagione d el fan go, con soste delle autocolonne d a lla lunghezza mai precisabile e forti dubbi su lle possibilità di alim entazio ne d ei repa rti . Un p eriodo breve, p er re lati va fortuna, perché al fa ngo seguì s u bito il gelo. Utilizzando i ritagli d i tempo tra u n trasporto e l'altro, a Kantemirowka e a Rossosch i reparti allestirono i loro alloggiamenti per l' inverno. L' auto tras porto s i fece più s pezzetta to e sp esso si dovette a ffid a re la ricerca delle unità da rifornire alla diretta inventiva del singolo autiere, che doveva vaga re d a una p arte a ll'a ltra nel

tenta ti vo d i rintraccia rle. Per entità e porta ta s i d is tinse la g ià citata colo nna del capitano Volpe. Si a rriva così ai primi di d icemb re. I prodromi di ciò che s tava per accad ere s i ri velava no sotto l'asp etto d i urgenti spostamen ti di truppe, finalizzati al tampona mento d elle fa lle che s i andavano qua e là creando; le ul time e più minacciose, quelle di Bogu ciar e di Ta ly... Res tring iamo ancor più il nos tro obiettivo in seno al7° Autoraggruppamento: l'a llora tenente colonnello Mario Mallucci, in una s ua memoria, fo rnisce alcuni ulteriori d ettagli s ull'operato d e l XV III Autogruppo, di cui egli era comandante. Esso s i era costituito in pa rte a Pistoia, n el marzo del1 941, con il Reparto Comand o e g li Autoreparti 117° e 126°. In a prile venne trasfer ito a Trento, alle d ipende nze d el 7° Autoraggru p pamento, e venne completato con il1 29° e il 29°. Aveva in dotazione 412 nuovissimi autocarri Borgwa rd , più vari carri offi cina, a utobu s, autovetture, auto furgoncini e motocicli di fabbricazione nazionale. Nella prima d ecad e di luglio si trasferì in Russia, p er ferrovia fino al confine Germania-Po lonia, quindi p er via

Autocolonna in movimento attraverso un villaggio, su piste di fango che comincia a disseccarsi per l'arrivo dell'estate (foto SME • Ufficio Storico).

231


CAPITOLO

6

ordinaria raggiunse Stalino dove sostò. Tappe successive furono Charkow, Rikowo e Kantemirowka, in ognuna delle quali operò alle dirette dipendenze di un centro logistico d'Intendenza, svolgendo i servizi che venivano richiesti quotidianamente, sia di giorno che di notte, su qualsiasi tipo di terreno e con ogni condizione climatica. Verso la fine del '42 tutti i suoi reparti erano scaglionati in avanti, presso le grandi unità operanti a ridosso della linea del Don. Una memoria del sottotenente Rocco Landucci ci consente di stringere ulteriormente il nostro obiettivo e di osservare più da vicino l'attività del 126° Autoreparto Pesante, comandato dal capitano Mario Castellucci. Nella seconda quindicina di settembre, il reparto si trasferì da Rikowo a Rossosch, dove era in via di sistemazione il C.A. Alpino e il Centro Logistico «R», da cui il126° dipendeva per l'impiego. Gli automezzi, circa 10 macchine, vennero parcheggiati in zona adiacente la stazione ferroviaria. Merita un cenno l'esecuzione di lavori effettuati per la sistemazione degli automezzi. Ad opera del personale libero da impegni di trasporto vennero scavati, ai lati della strada, perpendicolarmente alla stessa, dei fossati di circa dieci metri di lunghezza e uno e mezzo di profondità, cui si accedeva per un piano inclinato, e dentro ognuno dei quali entrava un mezzo. Essendo questi fossati ricavati sempre tra due isbe contigue, tra un tetto e l' altro vennero colloca ti dei tronchi di abete ricoperti di paglia sì che, una volta dentro, le macchine erano completamente invisibili all'osservazione aerea, specie dopo la caduta della prima neve. Ogni sera, al rientro, si dovevano smontare le batterie, che venivano portate dentro le isbe utilizzando delle slitte. Al mattino, due ore prima della partenza, un'apposita squadra con lampade a benzina provvedeva allo scongelamento e riscaldamento dei vari organi dell'automezzo.

8° Autoraggruppamento

232

Era stato ricostituito nel maggio del 1942, con la sede del Comando a Verona, ma con personale mobilitato da otto diversi reggimenti autieri e pertanto con problemi addestrativi e di ama lgama facilmente intuibili. Esso comprendeva:

- 2 autoreparti a gasolio, dotati di Bianchi Miles; - 6 autoreparti a benzina, con autocarri 626 B; - 1 officina di autogruppo. Lo comandava il colonnello Luigi Tolotti. Una storia, anche quella dell'8°, che -almeno per ciò che attiene a questo periodo- può essere conosciuta solo in via indiretta, attraverso quella di alcune sue unità dipendenti. Quella del 248° Autoreparto Pesante (del LVIII Autogruppo) è stata scritta dal sergente maggiore Antonio Chiesa. La partenza del reparto era avvenuta da Verona, con 3 treni speciali, il6 g iugno del1942. Dopo lo scarico a Troppau, in Polonia, esso si era incolonnato per via ordinaria. Il 13, la colonna raggiunse compatta Jaroslaw: lungo la strada, le carcasse di carri armati distrutti erano i primi segnali della guerra da poco passata. Il18, arrivo a Kiev. Il percorso si era sviluppato su piste sempre fangose, con tratti formati a volte da tronchi d'albero. I primi reparti italiani, con il Comando del CSIR, vennero raggiunti il 25, a Poltava. Il 3 luglio, il 248°, con sede a Charkow, iniziava il suo servizio, e il giorno dopo trasportava il 38° Reggimento Fanteria della «Ravenna» aPetropawlowka, su percorsi sempre impraticabili per il fango, tanto che gli automezzi non riuscivano a mantenersi in colonna. Con l'avanzata del fronte, a fine mese, anche il 248° dovette portarsi rapidamente in avanti, passando anche su campi minati con danneggiamento di qualche mezzo e ferimento di alcuni conduttori. Il28luglio veniva raggiunto il Don. Il 21 agosto 50 automezzi, che avevano trasportato munizioni a Panteleminowka, a causa della pioggia rimasero impantanati e senza carburanti sulla via del ritorno, tanto da rimaner bloccati per due giorni nella steppa, prima che una staffetta li raggiungesse portando carburan ti e viveri. Dal 27 a l 29, il reparto al completo fu impegnato nel trasporto della «Tridentina» a quota 116,8. L'unità era stata appena sca ricata, che 50 autocarri ripartivano per portare rinforzi a quota 170, scorta ti da ca rri leggeri e sotto frequenti bombardamenti aerei russi.


27 agosto 1942. Un battaglione della " Tridentina", a bordo di autocarri mimetizzati, prima della partenza per quota 116,8 (foto A. S. Chiesa).

28 luglio 1942. Un Fiat 666 è stato spostato dall'esplosione di una mina (foto A. S. Chiesa).

Dal6 settembre, sede del reparto divenne Millerowo. Ai primi di ottobre venne messo a disposizione della «Ravenna)). Il freddo cominciava a farsi sentire e l'avviamento dei motori si faceva sempre più problematico. Il 6, un'intera colonna venne bloccata dal fango, tanto da dover attendere la gelata notturna per riavviare i mezzi e raggiungere la meta.

Il16 gli automezzi vennero dotati di antigelo. Il freddo, che cominciava a toccare punte minime di -38°, chiedeva già le sue prime vittime, con diversi autieri ricoverati in ospedale per congelamento. Il 21 ottobre giungeva notizia che i Russi avevano attraversato il Don: gravissime perdite, soprattutto tra gli Ita liani.

233


8 luglio 1942. Il 38° Battaglione Fanteria della «Ravenna» sale sugli automezzi del248° Autoreparto Pesante per portarsi in linea (foto A. S. Chiesa).

234

Il 6 novembre un' in tera sezio ne, al comando del tenen te Gi u sberti, con 1 sottufficiale e 30 autieri, p artiva per Stalingrado, al servizio dei Tedeschi: nessu no di essi fu più riv is to . «16 dicembre- leggiamo - l'a u torepa rto s i tras ferisce nelle vici na nze d ell'aero porto, e a lcuni colpi di a rtig li eria ci raggiungono; g iorno p er gio rno il nemi co s i fa più pressa nte; ass is ti a mo s ba nd a ti d a tutte le parti, a utieri , bersag li eri, fanti, a lpini, tedeschi, rumeni, b ulga ri, la maggior pa rte co ngelati... » . Il 245° Autoreparto Pesa11te, a l comaJ1do dei ca pita ni Vittorio Penso prima e Giuseppe Bernocco poi, era partito nel g iu g no d el1 942- come riferisce un a memo ria d el so tto te nente G uido Pu oti - raggiungendo Sta lino . Era dota to in preva lenza di Fiat 626/ B. In agos to s i trasferì a Millerowo. Dal 29 d el mese, fino al 25 settemb re, fu costa ntemen te im p iegato lungo le piste per Worosc hil owgrad , Ol kowa ja, Ma ka roff, Ko nd raschews kaja, per ri fo rnire i repa rti in linea. In ottobre, con il fango e il primo gelo, il tra ffico s i fece sempre pi ù diffi cile, mettend o a dura prova la resis tenza fi s ica d el personale il quale, malg rado tutto, assicurò sempre il rifo rnimento alle truppe. La s u a 1il a utosez io nc, da l 20 n o-

vembre venne messa a d isp osizione del Capo Ufficio Operazioni d el XXXV C.A. «CSIR» e impegna ta in inin terrotti trasp or ti d i mun izioni verso il Do n. Il 22 d icembre le venne ordinato di correre a Tschertkowo p er rifornire alcuni repa r ti posti in p osizio ne molto ava nza ta, che s tava no per esser ch iusi in una sacca d a i ca rri arma ti russi. Nonos ta nte la d efi cienza di mezzi di di fesa e vincend o i rigori d el fred do polare, aggrava to d a i mo rs i d ella fame, i 30 a utieri d ella sez ione riuscirono a superare lo sba rra mento di uno squad rone di cava lleria nemica, a dife nd ersi dall'assa lto d i u n g ru ppo d i irregola ri, a sfu ggire, con una manov ra d i agg iramento, ad un a ttacco di ca rri e, dopo venti giorni di ca mmino, a raggiungere la base. La s toria d el 249 ° Autoreparto Pesnllte è parzia lmente e faticosamente ricos truibile mettend o insieme g li spezzoni d elle tes timonia nze di due u fficiali che in esso svolsero una parte della loro v ita milita re. Suo comanda nte era il capitano Ferra ri. La tes timo nia nza d el sottotenente Serg io Tavia ni ci d à il reparto presente a Poltawa a lla fin e di giugno, dove ebbe diverse ma cchine dannegg iate da una incurs ione aerea . Ne lla notte tra il 29 e il 30 g iu gno,


un attacco partig iano non colse di sorpresa le sentinelle, che reag irono, consentend o al reparto di accorrere e mettere in fu ga l' assa litore. Il 20 lug lio, un'a utocolonna inviata a Jvanowka venne coinvolta in uno scontro con una retroguardia russa; l'azione d ella scorta d i bersaglieri, che furono costretti a nche a un assa lto a lla baionetta, ebbe la meglio. Effettuato lo sca rico a lvanow ka, la colonna prese la via d e l ritorno. Dopo circa 40 km, s i trovò la strada sba rra ta da una lunghissima matassa di fili d'acciaio. Aperto un varco da parte d ei guas tatori, la macchina del cap ita no s i avviò, fermandosi a 200 metri ad attendere il res to d ella co lonna; ma il primo automezzo, dopo trenta metri, sa ltò in aria, e il S.Tcn. Tani rima se gravemente fe rito. Dopo due o re di s minamento, nessun au tiere aveva il coraggio di azzardare il passaggio per primo; soltanto l'esempio fornito da un ufficiale il quale, messosi personalmente alla gu ida, attraversò deciso il campo minato, consentì alla colonna di s uperare l'ostacolo. Una colonna di 66 a utomezzi, di ritorno da Kantemirowka il6 agosto, subì un a ttacco aereo da parte d i 3 «Rata» che reca rono g ravi danni a 5 autocarri e ferite lievi a 3 aut ieri. A fine agosto, allo scopo di tamponare la falla crea tas i p er il !:edimento della «Sforzesca», il reparto caricò il battaglione alpin i «Edolo» per tras portarlo a Krusclinin, s ul Don, ma a 7 km da l fiume avvenne l'in'lpatto con le avanguardie russe. Lo scontro durò tutta la notte, con la partecipazione degli stessi autieri. Al mattino i Russi venivano respinti e inseguiti fino a l Don. A cavallo d ella metà di settembre, il 249° venne impegnato nella grossa colonna comandata dal tenente colonnello Uberti. Il 4 ottobre, nel corso di una autocolonna di 60 autocarri diretta a Kamenka, lo s tesso tenente Taviani venne seriamente ferito al volto e a un piede, per lo scoppio di una bomba che aveva provocato il ribaltamento dell'autocarro sul quale viaggiava. Dopo il ricovero, l'ufficiale venne trasferito al 250° Autoreparto del 10° Autoraggruppamento. Riprendiamo il 249° - con il racconto del sottotenente Biagio Catari nellail19 dicembre a Millerowo, con i Russi che attaccavano ripetutamente la esile linea di difesa s ul Don. Mentre ver-

so le retrovie cominciava il flu sso degli sbandati, il reparto era fermo, nella città, in attesa di o rdini ...

CAMPAGNA DI RUSSIA

10° A utoraggruppameuto Scarne le no tizie dirette su questo reparto, comandato d a l colonnello Ca rlo Montrucchio, g ià comba ttente della l '' Guerra Mondia le. I mezzi in d o tazio ne erano in prevalenza di produzione nazionale. Il LX Autogruppo- riferisce il s uo stesso comandante, magg iore M. Mazzei - giunse in Russia il 15 agosto del 1942, per ferrovia da Brescia a Jas i (in Romania) e da qui per via ordinaria fino a Stalino. 11 20 agosto l' Aulogruppo ebbe l' ordine di trasferirs i a Woroschilowgrad c da qui a Likaja- Ka mcnsk dove, per ordine d ell' Intendente, generale Sig lino, venne costituito un centro logis tico necessa rio per il trasbordo di mate riali che, g iunti a Likaja con lo sca rtamento ordinario, dovevano poi proseguire, per Millerowo e oltre, con lo sca rtame nto russo. L' Autogruppo era pa rca to all'aperto, nei pressi della s tazione ferroviar ia, senza alcuna protezione aerea, ostacolato nella su a opera dalle a utorità tedesche, nei cui confronti fu necessa rio talvolta prendere pos iz ioni energiche e decise. Il lavoro fu s nervante, s u terreno privo di strade, che diveniva palude di fango nei giorni di pioggia. Nella notte del 21 settembre, un improvviso quanto violento attacco aereo provocò l'incendio di un depos ito di carburanti costituito da fu s ti a terra e danni a parecchi automezzi, colpiti da mitraglia mento e s p ezzonamento. Il servizio dell'Autog ru ppo continuò fino ad ottobre, quando la s ua attività fu ridotta grazie all'avvenuto riallacciamento della linea fe rroviaria Likaja-Kamensk. Successivamente, due autoreparti vennero impiegati per lo sfruttamento delle miniere di carbone esistenti in zona. Sulle vicende del 254° Autoreparto Pesante (LX) getta alcuni squarci di luce un logoro manoscritto del tenente Gaspare Yaccaro, del quale egli comandava una sezione. «Quante volte g li autieri - leggiamo -a l volante s ulle piste bianche, non s i sono sentiti trascinare col proprio automezzo, come da una forza invisibile,

235


CAPITOLO

6

in una bu ca mascherata di neve, verso cui digradava lentam ente il te rreno? Che accad eva? Spesso essi, isolati nel loro servizio, doveva no affid arsi alle p roprie possibilità per liberare l' automezzo: impresa disperata che non sirisolveva mai, costringendo così l'uomo alla lunga e rassegnata attesa del soccorso stradale, in una zona oltre che inos pitale, anche piena di pericoli. Chi ebbe l' onore d i trasportare il glorioso battaglione «Ti rano» sulla linea, chiamato con altre unità a fronteggiare il baldanzoso assalto di un nemico che, sul tratto di unione d elle forze itala-tedesche, aveva creato una rottura, se non gli autieri del254° A.R.P.? Ebbene, tre giorn i dopo, quando l'Autoreparto ritornava s ulla linea d el fu oco, a porta re a quei fratelli alpini i mezzi di vita e di lotta, l'a ttendeva u na luttuosa notizia : il battag lione era distrutto, 14 ufficiali erano morti!»

R eparti in organico alle Grandi Unità In rapida sintesi, le vicende di a ltre unità d elle quali è pervenuta memo ria d a parte di protagonisti e testimoni (non è inopportuno ribadire come la perdita d ella d ocu menta zio ne ufficiale renda impossibile ricostruire, di ogni unità, la vicenda completa; le testimonia nze ci consento no talvolta una ricostruzione «a pelle di leopa rd o», s pecie quando i testimoni coprono solo, con i loro ricordi, un periodo d elim itato) .

236

Per il 213 ° Autoreparto, continua no a parlare i suoi reduci. Nell'agosto d el '42, con l'a rrivo d ell' ARMIR, erano g iunte altre divisioni. Tra queste, la «Sforzesca», che i nostri velerani, irridenti, avevano saprannominato «ci kaj» (sca ppare). Un breve inciso, s u questa paro la . In realtà, essa era usa ta in genere d alle ragazze, quando voleva no liberarsi di un indesiderato corteggiatore, e stava g rosso mod o per «tog liti d a i piedi», «vai da u n' altra pa rte». Il termine venne impropriamente tradotto dag li Itali ani in «Scappare». Era una sorta di presa in giro d a parte d ei veterani d el CSIR, che si ritenevano vincito ri, in quanto la loro vicenda, prima dell'arrivo d ell' ARMIR, era stata contrassegna ta da u n'avanzata vitto riosa, mentre i nuovi era no stati ben presto travolti d ai s uccessivi rovesci. Con l'arrivo dell' ARMIR, il213° con-

tinuò ad effettuare la sua azione di rifornimento a favo re d ella «Celere». L' Autoreparto era s parpaglia to s u tutto il fro nte occupato d alla Divisio ne: ogni autiere costituiva una cellula a se stante, anche se non mancava lo spirito di corpo, la coscienza di un'appartenenza ad un reparto organico e vitale. Gli «Spa» facevano la spola d a Stali no a Go rlowka. C'era no anche d egli as petti positi vi, in questi viaggi, non mancando occasioni per divertirsi: gli ufficiali andavano a donne, ma anche i sold ati facevano la loro parte. Un consistente pericolo era rappresenta to dall' attività partig iana, che si ma nifestava nelle forme più svariate: da i sa botaggi agli a utomezzi con immissione di acqua nella benzina, ad attacchi veri e propri, d opo i quali, a volte, i Russi si impadronivano d el mezzo, s pog liavano d ella divisa l'a utista e, cosl ca muffati, pro(ittavano per compiere ulteriori gesta ostili. Così, tra episodi che sarebbe arduo e pond eroso raccontare, si giunse al 18 dicembre. 112° Autoreparto Pesante, comandato d al ca pita no Vitto rio Serino, era a San Dalmazzo, nel cuneense, quand o il 13 giu gno ricevette l'ordine d i pa rtenza pe r la Ru ssia, all e dipend e nze d e l II Corpo d ' Armata, con il quale prese parte all' intero ciclo operativo s ul Donetz e s ul Don. Verso la fine dell'esta te si trovava a Ka ntemirowka, nelle immedia te retrovie d e ll e d ivis ioni in linea. Kante mirowka era anche punto terminale di una ferrovia per mezzo d ella quale g iungevano i treni dire tta mente d all' Ita li a. L'a tti vità d e l repa rto, dipend ente d all'Ufficio Trasporti d el C.A., ebbe soluzione di continu ità solta nto co l trasferimento, nel mese di novembre, d ella grande unità a Taly, località più vicina alle prime linee d ove le tre di visioni dipend enti («Ravenna», «Cosseria» e «S fo rzesca») s i a p presta va no a trascorrere l' inverno nelle trincee g ià scavate. Ininterrotta mente, d a Taly partivano g li autocarri d el2° A.R.P. per tras portare mu nizioni, viveri e materiali e, benché vicin issimo al fronte, essi non s ubiro no alcuna offesa aerea ... Del 2r A utoreparto Pesaute (sintetizziamo una d ettag liata relaz ione del s uo co mandante, capitano Etto re Angelieri) erano già arriva te, d a gennaio, 2 a utosezioni, che operavano a lle d irette d ipend enze d el CSIR. li rimanen-


te dell'Autoreparto pa rtiva invece il 9 giugno da Verona. Incolonna tosi a Troppau, insieme ad altri autorep arti, il 15 giugno, attraversava la Pol_o nia e l'Ucra in a e ragg iu ngeva il 2 lug li o Gorlowka . 11 9 lu glio, a Jassinovataia, si riuniva a lle du e sez io ni p artite sei m esi prima. Il 27° ini ziò s ubito una intensa attività, che gli va lse un e ncomio d a parte del genera le Messe. Dal l o agosto a l 3 n ovembre, sed e del re parto fu Mi llerow o d ove, a cau sa dei servizi troppo onerosi, venn e rinforzato d i u om ini e mezzi. Per effetto dello spostam ento vers o nord d el fronte difensivo s ul Don assegnato al XXXV, il 27° si trasferiva in Valle Levaja, e g li veniva assegnato, quale sede, il v illaggio di Iva n owka, d ove giunse il 4 dicembre. Il trasferimento creò notevoli disagi all'A utorepa rto, che a Millerowo aveva trova to u na decen te s is tem azione e bu one possib ilità di provved ere alle riparazioni, g razie alle s trutture ch e er ano s ta te utilizza te p er l'offi cina di reparto. Ivanowka era invece un villaggio costituito d a un p u gno d i «isbe» s perdute e le possibilità d i accaserma m ento,

d a d ividere oltretu tto con il Ba ttaglione Chimi co e con 1'823° Ospeda le da Campo, erano irrisorie. Il 6 novem bre cominciò a cadere la prima neve. Febbrilmente s i died e avvio alla cos truz io ne di ca pa nno ni con tronchi d'albero e ca nne palus tri e vennero adattate le p oche casupole esistenti, utilizza nd o prig ionier i russi. Il volume d ei servizi, anche p er m ancan za di ca rburante, s i era nel fra ttempo ridotto. Di no tte, a p posite squadre d ovevano vegliare per tenere sempre accesi dei bracieri sotto le cop pe d ell'olio degli auto m ezzi, p er consentire il lo ro avviam ento al m attino, e tenere le r uote sgombre dalla neve. Il personale era fa lcidia to da lle m ala ttie. Ino ltre 20 conduttori, inviati a Gorlowka a ritirare altrettanti autom ezzi, non avevano fa tto più ritorno. . Il morale d elle tn tppe era a terra, p er la brevità d ell e o re di luce (a lle 14.30 era già notte), p er la monotonia d el paesaggio d ella s teppa russa, p er la m ancanza di notizie d a casa. Il villaggio, p oi, era infestato d a topi che non lasciava no riposa re, ta nto che le superiori autorità avevano posto una taglia: u n pacche tto di s iga re tte

Si... «familiarizza ..... (foto A. Scolari).

237


CAPITOLO

6

Automezzi militari tra le isbe: si nota una vettura mimetica (foto SME · Ufficio Storico).

ogni 50 topi uccisi (per cui gli au tieri avevano fin ito per chiamare la sigaretta stessa una «5 topi»). Si arrivò al17 dicembre... La 15!! Officina Mobile Pesn11te, che in maggio era sta nziata a 20 km da l Don, ricevette l'ordine di accantonarsi in segu ito al periodo distasi subito dalle

operazioni di guerra nel settembre del '42. Il 20 novembre il comandante, tenente Micnele Geraci, avvicendato dal pari grado Michele Santucci, rientrò in patria. Al momento del passaggio di consegne, le riparazioni (tra grandi, medie e piccole) avevano raggiunto, sul registro d'officina, il nr. 4500.

LA TRAGEDIA DELLA RITIRATA

238

Il poderoso sforzo logistico effettuato nell'autunno del 1942, con lo scaglionamento in profondità degli stabilimenti e delle scorte, lasciava sperare in un proseguimento della campagna con svi luppi in qualche modo pos itivi. Invece, proprio quando queste speranze sembravano p rendere corpo, l'avversario, ritenuto a torto incapace di attuare azioni invernali in grande stile, sferrò a sorpresa quella inconten ibile offensiva che, iniziata a sud del settore dell' ARM IR, doveva estendersi a quasi tutto il settore orientale. Il primo attacco si concluse nella terza decade di novembre, con lo sfondamento della 3il Armata romena, proprio nel settore di saldatura con la 611 Armata germa n ica. Nel contempo, un él ltro poderoso attacco ebbe pieno successo contro la 4i! Armata tedesca, schierata a destra della 6il: ne conseguì l'accerchiamento di quest'ultima den tro Sta lingrado e la sua drammatica fine (la battaglia di annientamento durò dal19 novembre al 2 febbraio).

Nella seconda decade di dicembre, i Russi attaccarono l'ala sinistra della 3il Armata romena e il centro dell'Si! Armata italiana. L'offensiva fu scatenata con forze largamente preponderanti ed estren1amente decise. Riportiamo succintamente le operazioni che ebbero inizio in questo periodo e che si sarebbero concluse il 31 gennaio. Il Comando dell' ARMIR era in quel periodo a Starobelsk, mentre l'Intendenza era a Woroschilowgrad; i Comandi del II C.A., del XXXV «CSIR» e del C.A. Alpino erano rispettivamente a Taly, Sciurinowka e Rossosch. La prima fase si svolse dall'11 dicembre a ll'8 gennaio e venne caratterizza ta da i seguenti episodi: -battaglia di logoramento sul fronte del Il C.A. e della «Pasubio», dall'11 al 15 dicembre; -battaglia di rottura su l fronte del II C.A. ed accerchiamento dell'ala destra dell'Armata, da l 16 al21 dicembre; -ripiega mento del XXXV C.A. e del


XXIX C.A. tedesco, (sotto il cui Comando operavano la «Torino», la «Celere», e la «Sforzesca »), da l1 9 al 31 dicembre; - ricostituzione di una nuova difesa arretrata continua. La seconda fase vid e il suo sviluppo dal9 al 31 gennaio del '43, con i seguenti momenti salienti: - preparazione del nemico al nu ovo attacco e rottura sul fronte del XXIX C.A. tedesco («Julia » a sinistra e unità tedesche a destra, sotto comando tedesco); - combattimenti nelle va lli del Derkul, Aidar, e Krassinoje, nel settore Meridionale della 8il Armata, dal16 al 31 gen naio. Diverse, per continuità e intensità, le operazioni di quella che abbiamo chiama to «battaglia di logoramento» si svolsero su l fronte del Il C.A. e della «Pasubio» dall'11 al 15 dicembre: cinque g iorni di aspri combattimenti, caratterizzati da g ravi p erdite da entrambe le pa rti, che non portarono a significative variazioni delle posizioni di difesa. L'attacco a fond o da parte dei Russi, con forze largamente preponderanti e con estrema decisione, ebbe inizio il giorno 16, concentrando g li sforzi in corrispondenza del II C.A. Distrutti a cannonate e schiacciati da i carri, in questo g iorno venivano neutralizzati i capisaldi della «Ravenna ». Il1 7, le punte corazzate sovietiche avevano g ià raggiunto il solco del Boguciar; il18 ne risa livano la valle puntando su Kantemirowka, perno della nostra organizzazione logistica avanzata. Il 19, il presidio di Taly abbandonava la difesa della località; nel contempo, punte corazzate raggiungevano Kantemirowka e Tschertkowo, interrompendo l'arroccamento ferroviario a ridosso del fronte. Mentre nella prima località non era possibile attuare alcuna valida opposizione e si dava corso ad affrettati sgomberi e a sommarie distruzioni, a Tschertkowo iniziava quella valida resistenza che, alimentata da altre truppe, si sarebbe protratta per ben 25 giorni. Il 20 e il 21 i Russi raggiungevano Diogtewo, riunendosi ad unità corazzate provenienti dal settore della 3il Armata romena, intaccando i C.A. XXXV «CSIR» e XXIX Tedesco. Per contro, a nord, in zona Nowo Kalitwa, punto di salda tura tra il C.A. Alpino e il li C.A., l'attacco fallì grazie al pronto intervento della «] ulia», sostituita sulle posizioni originarie dalla «Vicenza»; negli s tessi

settori della «Pasubio», della «Torino» e della «Celere», l'esercito russo con- CAMPAGNA segu iva modesti successi di ordine tattico, del tutto sproporzionati allo sfor- DI RUSSIA zo compiuto. Ingenti, invero, le perdite subite da i nostri reparti, dalla «Pasubio» in particola re, schierata presso l'a nsa del Don, detta- dall'Ufficio Operazioni- «cappello frigio». Quando, il g io rno 19, più volte sollecitato, giunse il consenso al ripiegamento, il provved imento apparve tardivo e superato dagli avven imenti; infatti, se alcune grandi unità (la 298•' Div isione germanica, la «Torino » e la «Sforzesca ») riuscirono ad effettuare il ripi ega mento riunite, altre si scissero in blocchi di va r ia consiste n za. Quando poi tutte queste forze c0 nfluirono sugli unici due itinerari comuni, si verificarono frammischiamenti e intasamenti che ostaco larono le marce. Tragiche le vicissitudini di queste unità di fanteria, meno note ma certamente non meno drammatiche di quelle cui sarebbero andate incontro, nella seconda metà del mese di gen naio, le divis ioni del C.A. Alpino: tragiche e caratterizzate da aspri combattimenti, da gravi deficienze di equipaggiamen to e di mezzi, dalla interruzione dei collegamenti, dalla consueta penuria di carburante che comportò il progressivo abbandono dei mezzi. La «Ravenna», decimata, raggiunse Woroschi lowgrad dal 19 al 21: qui avrebbe assunto la difesa della zona fino al 24 gennaio, subendo nuove, gravi p erdite. I resti del6° Bersaglieri vennero impiegati a Rikowo (dal 23 gennaio a l 6 febbraio) e a Pawlograd (dall'8 al18 febbraio). Nel periodo 22 dicembre-8 gennaio, caratterizzato da una relativa stasi delle operazioni, la nostra saArmata si assestava con: -il C.A. Alpino («Tridentina», «Vicenza», «Cuneense»), a nord; - il XXIV C.A. germ. al centro, con la «]ulia» alla propria ala sinistra; -la 19il Divisione Corazzata germanica nel tratto meridionale, su lla linea del Deskul; dinanzi ad essa, isolati, i presidi di Garmuschewka e di Tschertkowo. Dopo la prima decade del gennaio 1943, l'afflusso di nuove forze russe, sia in corrispondenza del XXIV C.A. tedesco, s ia sul fronte della 2l! Armata ungherese, lasciò chiaramente intuire una ripresa dell'offensiva.

239


CAPITOLO

6

Scambio di messaggi tra un cavaliere e un motociclista (foto SME Ufficio Storico).

240

Anche il concetto d'azione apparve chiaro: agendo sulle ali del C.A. Alpino, l'avversario avrebbe attuato una nuova manovra a tenaglia che, nel settore più meridionale dell'8il Armata, aveva dato risultati tanto remunerativi. 1114 mattina l'esercito sovietico iniziò gli attacchi sulla destra del XXIV C.A. tedesco, impiegando dai 450 ai 500 carri armati. Nella stessa giornata occupava Stalino, sede del Comando di C.A. tedesco; il giorno successivo, punte operanti in direzione nord-nord ovest raggiungevano Rossosch, sede del Comando del C.A. Alpino, proseguendo in direzione di Olichowatka. Rossosch, investita da forze sempre più consistenti, ven iva r ioccupata dai Russi il16 gennaio. Il Comando del C.A. Alpino si era già trasferito a Podgornoje, una trentina di km più a nord. Il 16 e il17, altre punte lanciate verso ovest raggiungevano Rowenki, dirigendosi poi a Waluiki. Tutto questo avveniva a sud del C.A. Alpino, dove la «)ulia», ripiegando su Kalitwa, era sta ta attaccata ripetutamente subendo gravi perdite (la divisione, si ricorderà, era s tata trasferita dal16 dicembre sul fronte del II C.A. e, all' inizio del ripiegamento, si trovava già provata da un mese di duri comba t ti me n ti). 1116 gennaio il nemico attaccò anche il settore più settentrionale, in corrispondenza della «Tridentina», ma ven-

ne respint~, con sanguinose perdite, dai battaglioni «Vestone», «Morbegno» ed «Edolo». Quando, all'imbrunire del 17 gennaio, il C.A. Alpino lasciava la pressoché in tatta linea del Don, le punte corazzate avversarie erano ormai in possesso delle principali arterie di comunicazione arretra te. La tragica v icenda del ripiegamento che qui s i origina, e nella quale si trovarono accomunati alpini, fanti della «Vicenza», diecimila soldati germanici e non meno di altrettanti ungheresi, è storia ben nota; storia tramanda taci anche attraverso numerose testimonianze verbali e scritte di tanti reduci, commovente patrimonio testimoniale di rara p reziosità. In esso affiorano e tornano alla memoria fatti, nomi d i u nità, toponimi di villaggi che non lasciano insensibili. Dei sedici giorni trascorsi nel ripiegamento, ben und ici furono impiegati in aspri combattimenti: le perdite, in uomi ni d.el C.A. A lpino, sfiorarono il 45 % degli effettiv i. Andarono inoltre perdute tutte le artiglierie e l'autocarreggio. La «Cuneense» andò incontro a una vera ecatombe c pochissimi riuscirono a porsi in salvo. 1131 genna io, i resti del C.A. Alpino si raccoglievano a Shebekino, dopo 350 km di estenuanti marce, trovando scampo nel sottopassaggio del terrapieno ferroviario di Liwenka, presso Nikolajewka.

~


Dei p residi minori, nell'area considerata, s i salvarono 6.000 uomini che, nonostante le diffici lissime condizion i, riuscirono a passare attraverso gli sba rramenti avversari. el ripiegamento, le division i che avevano combattuto a sud del C.A. Alpino confluirono, tra l'ultima decade di dicembre e la seconda metà di gennaio, nella zona di Woroschilowgrad. La «Raven na » venn e s ubito reimpiegata. Ciò che restava dalle altre g randi unità venne subito concen trato nelle lontane zone di Stali n o, Rikowo e Gorlowka ma, subito dopo, la pressione e la combattività dell'avversario ne consigl iarono l'a rretra mento in zone meno esposte, a occidente di Dnjepropetrowsk. A febbraio, infine, queste forze vennero trasferite nella zona di Nejhin, luogo di ricongiungimento con i superstiti del C.A. A lpino che aveva no ripiegato, a loro volta, lungo l'asse Charkow, Achtyrka, Gad jatic, Romy, Pri luki, Nejhin, Gomel e Bobruisk; esse rapp resenta rono le ultime tappe di questi movimenti, da dove mossero le tradotte verso l'Italia. L'Intendenza, a sua volta, vera e propria retroguardia dell'Armata, il24 gennaio si spostò da Woroschilowgrad a Charkow per affrontarvi i complessi problemi dell'assistenza alle unità alpine, per concretare lo sgombero di Kupiansk e per orga ni zza re gli itinerari per raggiungere Nejhin. In· questa local ità l'Intendenza s i ritrovò ra ccolta il l Ofebbraio. Alla fine del mese era a Gomel, mentre a Stalin o e a Dnjepropetrowsk si andava attua ndo il recupero metodico e la s p edizione in patria di qua nto fosse esuberante alla ricostruzione del Il C.A., la sola unità designa ta a rappresentare ulteriormente le nostre forze in Russia. Il 31 marzo l'Intendenza dell'Si! Armata cessava di funzionare e veniva sostituita dall'Intendenza del II C.A. Alla metà d i aprile fu stabilito anche il rimpatrio dello stesso II C.A., che avvenne con partenze scaglionate tra il22 aprile e il 22 maggio 1943.

Vicende dei R eparti Automobilistici In questo complesso quadro operativo, sinteticamente delineato, si trovarono coinvo lte le unità del Corpo Au tomobilistico, s ia quelle assegnate organicamen te alle gra ndi unità, s ia i

reparti al servizio dell'Intendenza. Purtroppo, le testimonianze che è CAMPAGNA s tato possibile acquisi re sono frammentarie, episod iche e non sempre fa- DI RUSSIA cilmente inquadra bili nelle vicende operative. Le notizie delle qual i lamentiamo con maggior rammarico la ca renza sono quelle relative alle autosezioni au tonome ed agli a utorepa r ti di molte G.U. di Fanteria, punte avanzate dal Corpo Automobilistico. Si può a ffermare con certezza che presso questi reparti la vita degli autieri abbia seguito passo passo quella dei militari delle varie armi dei quali essi erano supporto, condividendo con essi tutti i sacrifici imposti dall'avverso andamento del conflitto, ma sop ni ttutto d alle inimmaginab ili condiz ion i climatiche. Su lle vicende della ritirata è sta to già versato il classico fiume d'inchiostro, anche da parte di penne celebri. Il contributo che queste pagine apporteranno a tale fiume sarà paragona bile a quello di un rigagnolo. Alla fine resterà sempre, infatti, la sensazione che, della tragica vicenda, il fiume maggiore sarà sempre quello sotterraneo, che rima rrà sconosciuto. Nella ritirata (riassumiamo una lunga relazione del Direttore dei Trasporti d'Intendenza, colonne ll o Gualano), tutto venne affid ato a lla casua lità: l'evolvere della s itua zio n e, e l'interruzione delle linee di coll egamento, non consentirono di operare s ull a base di piani pres tabiliti, con una visione organica d el problema . Quando ai primi di dicembre aveva comincia to a delinearsi un cedimento, l'Intendenza valutò la necessità di sgomberare le basi avanzate, con le fra zioni di uffici staccati e i magazzini, ma tutto era condizionato dal problema dei trasporti: pochi treni, poco carburante. Con trasporti automobilistici si riuscì dapprima ad alleggerire i magazzini avanza ti di Charkow, Kupia nskj e Woroschilowgrad. Rapid o fu lo sgombero di Millerowo, mentre venne notevolmente ostacolato quello di Kantemirowka, per la mancata assegnazione di carri fer roviari da parte dei Tedeschi i quali, stante la situazione, si può intuire non ne avessero a sufficienza nemmeno per se s tessi. Proprio a Kantemirowka, il1 9 dicembre, un' irruzione improvvisa di carri armati russi portò morte e distruzion e tra u om ini e cose; tra queste, un treno già carico ma impos-

241


CAPITOLO

6

È un disastro, senza riparo e senza speranza, la ritirata. Nelle tre immagini, automezzi colpiti dai Russi a Millerowo e abbandonati in mezzo alla neve (foto A.S. Chiesa).

242

s ibilitato a pa rtire per m a ncanza di locomotiva. La disseminaz ione d eg li autog ruppi impedì di o rganizza re una massa di trasporti p er via ordina ria. Og ni unità, pe rtanto, si arra ngiò con g li automezz i che aveva sottomano (e sotto ques to punto di v is ta il fra ziona m e nto d ell e unità automobilis tiche si rivelò un va ntaggio).

Le a ttività prepond era nti furono: trasporto di fe riti, sgombero di m a te riali e rifornime nto a d omicili o d elle tru ppe combatte nti. Tra i principali ostacoli (oltre naturalme nte all' attività d el nemico e allo stato delle piste), vanno a nnoverati l'assoluta ig noranza d ella s itu azione opera tiva, la caccia forsennata ai carbura nti pe r avviare un certo numero di veico-


li, la temperatura incredibilmente rigimulta nei, 50 autieri avanzarono tutti di da, l'assottigliarsi progressivo della ditre passi. CAMPAGNA sponibilità di m ezzi per inefficienze o Da una rela zione dello stesso Intenperché rimasti a secco, la caccia data dai dente, generale Siglino, sugli avveni- DI RUSSIA Tedeschi ai nostri mezzi. menti di Kantemirowka nei giorni 17, Ci fu addirittura una richies ta tede18 e 19 dicembre 1942, si legge: sca di 1128 mezzi con i quali g li alleati «Di colpo, poco prima delle 8, la siavrebbero voluto costituire un r agtuazione diventò gravissima: all'appagruppamento (o gruppo) «Italia » ma, rire di alcuni carri russi sulle alture ciravendo l' Intendenza chiesto, in concostanti, si propagò fulmineamente un tropartita, una fornitura di carbu ranti indescrivibile pan ico generale. Una e ricambi per i Borgward, la richiesta massa di circa 6.000 uomini si precipitò decadde. · verso la strada che porta a Belowodsk, Vi furono anche richieste di autocon i segni manifesti di una pazzia colmezzi, ma senza conduttore. Emb lelettiva, gettando le armi e l'equipagmatico un episodio- riferito dallo stesgiamento, e prendendo d 'assa lto gli auso colonnello Gualano - avvenuto in tocarri in transito». quei giorni a Charkow, dove un tenenIn mezzo a tanta esplosione di fqlte colonnello tedesco si era presentato lia, colpisce e commuove per la sua con una richies ta per 5 autocarri. Ma, umanità un episodio riferito dal tenente col pretesto di non voler so ttoporre i colonnell o Luigi De Micheli, del Coconduttori italiani ai rischi del commando Tappa della stessa città. battimento, essi avrebbero dovuto esGli autocarri, carichi di militari, era-

sere forniti privi di autista. Il colonnello, trattenendo a fatica il risentimento, condusse l'ufficiale tedesco sul luogo dove in quel momento il capitano comandante l'autoreparto sta va scegliendo, tra i 50 conduttori disponibili, i 5 cui affidare la missione. 11 colonnello, dopo aver esposto i termini della richiesta dell'alleato, invitò eventuali volonta ri a fare un pa sso avanti: si -

no pronti a partire, quando i telefo.nisti, per non lasciare il loro tenente destinato a trattenersi sul posto con gli ufficiali del Comando, decidevano di rinunciare alla partenza. Vedendo ciò, tutti gli altri militari, per solidarietà verso i loro colleghi telefonisti, scendevano dagli automezzi e decidevano di restare anch'essi. Alla fine si riusciva a far partire tre

243


CAPITOLO

244

6

autocarri ma, percorse poche centinaia di metri, il primo, colpito, s i incendiò, il secondo si ribaltò, mentre il terzo riusciva a fatica, compiendo un'inversione di marcia, a rientrare. Solo più tardi, sulla scia di alcuni carri tedeschi, il Comando Tappa riusciva a sgomberare, sebbene a prezzo di altre perdite. ·stralciamo alcuni passi, riportando gli stessi nella loro veste originaria e senza apportare modifiche di forma o sostanza, da una memoria del maggiore Luigi Mennielli, Capo Ufficio Automobilistico del XXXV C.A . «CSIR». «Alla fine di novembre del1942, tu tti gli automezzi inefficienti, rastrellati da ogni parte del territorio, erano accantonati presso l'Officina di corpo d'armata, situa ta a Ranceschoja . La persistente, e sempre più potente azione offensiva russa ci costrinse, nella prima decade di dicembre, ad una ritirata in massa, col conseguente abbandono sul posto di tutti gli automezzi inefficienti. . In quel periodo tutti gli automezzi del corpo d'armata dovevano rifornirsi a Radiskaja, presso un deposito ges tito da Tedeschi; però, allorquando i nostri reparti ebbero l'ordine di ritirata e passarono per detta località, i Tedeschi non vollero dare la benzina e i nostri autieri, quindi, furono costretti ad abbandonare i mezzi sul posto e continuare la marcia a piedi. Intanto, i Tedeschi, provveduto al rifornimento di detti mezzi abbandonati, si portavano nelle retrovie, sfuggendo così all'avanzata russa. Si videro allora decine e decine di migliaia di nostri soldati morire lungo la strada di ritorno verso Woroschi lowgrad, cadendo sui lati della strada stessa, chi per assideramen to, chi per fame. In tale periodo la temperatura toccava i 40-45 gradi sotto zero. Le diverse migliaia di malati distribuiti nei vari ospedali di Ranceschoja, presi dal panico, abbandonavano i lo- · ro posti e, piangendo e singhiozzando, s i portavano sulle strade e, alla vista degli auton1ezzi, si aggrappava no alle sponde o si mettevano davanti agli autoveicoli, al fine di impi etosire i conducenti. Ta li manifestazioni strazianti non scalfirono però l'animo di quegli stessi Tedesch i i quali, impossessa tisi dei nostri mezzi dovuti abbandona re per mancanza di rifornim ento di carbu rante, ora abbandonavano i derelitti a

colpi di baionette, o schiacciavano le tremolanti mani dei poveri ammalati che, disperatamente, si erano potuti aggrappa re alle sponde della carrozzeria. E fu in questa tremenda odissea di ritorno da Ranceschoja a Woroschilowgrad, a circa 200 km che vidi, atterrito, masse immense di uomini camminare sulla neve, e centinaia e centinaia di cadaveri morti dal freddo e dalla fame. Vidi ancora soldati, con i piedi e le mani congelati, trascinarsi come delle rane, nella vana speranza di allontanarsi dalla travolgente avanzata dei Russi. Durante la marcia che da Woroschilowgrad ci portò a Dnjepropetrowsk circa 400 km - molti altri soldati, per mancanza di mezzi automobilistici, prendevano posto sui vagoni merce scoperti; ma quasi la totalità di essi giunse a destinazione inerte: il gelo li aveva uccisi. Vidi ancora molti soldati che chiedevano un posto per pietà ai conducenti dei mezzi_di passaggio e, attenendone il rifiuto perché stracarichi, presi dalla disperazione, sparavano sulle gomme dei mezzi stessi, inchiodandoli con loro sul posto. In tale triste periodo dovetti anche assis tere ad un avvenimento che è rimasto impresso nella mia memoria, e cioè sull'autocarro, gremitissimo, sul quale mi trovavo quale comandante dell'autocolonna del CSIR, un soldato si era messo al posto della gomma di scorta. C iò era stato da me constatato all' arrivo a Rikowo. Il soldato, naturalmente, fu trovato morto per congelamento». Un racconto, questo del Mennielli, che va scremato nella dovuta misura, trattandosi di una relazione «richiesta» dal Comando del C.A. al termine della ritirata e per tale motivo da non considerare del tutto ... disinteressata. Anche i toni e i termini usati, quali «tremenda odissea », «atterrito», «masse immense» «molti solda ti» (che sparavano sulle gom me, col rischio perciò di essere linciati dai loro s tessi compagni), farebbero apparire frequentissimi e ordinari episodi invece sporadici, o addirittura verificatisi una sola volta (questo, senza nulla togliere alla drammaticità dell'intera vicenda) . Il problema del carburante per far giu ngere a destinazione l'autocolonna venne risolto dallo stesso Menniellivisto che dai Tedeschi non era possibile averne - rivolgendosi a un generale


rumeno, accomunato ai nostri dall'avversione verso l'alleato tedesco: questi accordò una certa quantità di olio e benzina che, opportunamente miscela ti al 50%, fornirono della nafta. Questa venne distribuita in parti uguali fra gli automezzi del C.A. che, da Woroschilowgrad, p er tappe dai vari interva lli attraverso Gorlowka, Jasinovataja, Dnjepropetrowsk, Kremenciug, Nejhin, Cernigov, Gomel, giunsero a Bobruisk, da dove gli uomini raggiunsero l'Italia per ferrovia . Sempre per ferrovia, con 23 treni di 50 vagoni ciascuno, vennero rispediti in patria gli automezzi. Nell'agosto successivo qualcuno scomparve, come per incanto, dai nos tri parchi, sembra dirottato in Germania . Dopo ques ta relazione, allo scopo di dare un certo ord ine a un racconto di vicend e che forzatamente tutto, fuorché l'ordine, ebbero, non ci resta che riprendere alla mano le singole unità, partendo dai raggruppamenti dell'Intendenza per arrivare ai reparti in orga nico alle grandi unità; il tutto, nei limiti imposti dalle d isponibilità di spazio e dalla quantità di documentazion e esistente.

2 o Autoraggruppamento La mancanza di documentazione, che aveva fortemente limita_to l'esposizione delle vicende relative al ciclo precedente, si trascina, per questa unità, anche in questa nuova e ultima fase. Si conosce l'entità delle sue perdite in uomini, pari a 19 caduti e 47 dis persi. Tra le a ttestazioni di merito figurano 5 ricompense al valore, 18 encomi a reparti, 33 a s ingoli uomini. Del suo II Autogruppo si sa che il 19 dicembre, a seguito della controffensiva russa, effettuò un ripiegamento dal Don al Donetz e s uccess ivamente, ai primi di gennaio, al Dniepr, sfuggendo alle insidie d ei partigiani e alle azioni dell'armata nemica . Del XXIX Autogruppo sappiamo che, dal luglio 1942 al marzo 1943, aveva percorso 6 milioni di chilometri. Le sue perdite, in uomini, furono: 2 morti, l ferito, 10 dispersi (n ella battaglia di Stalingrado, nella quale venne coinvolto il 34° Autoreparto), 21 congelati, 115 rimpatriati per malattia o infortuni, 572 ricoverati in ospedali militari. Automezzi perduti per cause di guerra: 104. Encomi concessi all' Autogruppo e unità dipendenti: 8.

7° Autoraggruppamento

CAMPAGNA

Con i suoi reparti di Kantemirowka DI RUSSIA e di Rossosch, fu artefice degli spostamenti della «Vicenza » e della «Julia». Per questi trasporti, e p er quell i s uccessivi a favo re d el C.A. Alpino, si dis tinse un au toreparto di formazione al coma nd o del cap itano Paolo Volpe; esso, costituito da elementi d egli autoreparti 29°, 117°, 129° d el XVIII Autogru ppo, ebbe l'incarico di trasferire a Nowo Kalitva il btg. «Tolmezzo». Del resto, tutto il 7° ebbe a condividere con le unità combattenti quelle dolorose giornate, proiettato come fu n el campo d'azione del II e del XXXV C.A. Così il suo comandante, colonnello Giovanni Cairo, ricorda quei giorni: «Macchine e uomini frazionat i e dissemina ti d al dovere non tornano più. Da Ta ly, Dardmoscewka -Stefanowka, Schelitowka, n essuno fa più ritorno. Le macch ine in trasportabili accumulatesi attraverso il tormento degli ultimi giorni restano forza tamente su l p osto. II 19, 20, 21 dicembre sono giorni di odissea . Il bilancio si chiude con 18 tra m orti e dispersi, 5 fe riti, 7 congela ti; 89 autocarri perduti. L' Autoraggruppamento si raccoglie a Woroschilowgrad dove, senza poter stringere le su e file e riscontrare i suoi elementi, ricomincia il carosello che l' incalza re degli eventi rende sempre più serrato ed al quale l' impossibilità pratica di riposo e di revis ione conferisce toni di passione. Ritorna verso Belowodsk, Millerowo, Kanansko, lvanowka e Sansonoff, portando munizioni, raccogliendo feriti, rifornendo ovunque può e d eve, subendo nuove perdite. Tale attività si prolunga fino al 21 gennaio. Non più rispetto ai v incoli or,ganici . Le inefficienze s i sommano. E necessario utilizzar e ovunque e comunque le macchine marcianti. Il servizio è serrato e segue da presso il rip iegamento, svolgendo opera talora · convulsa e dis pendiosa ma che non ammette remare. Rientra la colonna Volpe da Rossosch per la via ancora libera di Rowenki. Mezzo autoreparto col capitano Belloni passa a Starobelsk a disposizione del centro logistico itala-germanico, con 22 autocarri al Leher Rgt tedesco per il traino di armi anticarro e il trasporto di granatieri tedeschi contro le infiltrazioni n emiche oltre Belowodsk, partecipando direttamente alle operazioni b elli-

245


CAPITOlO

246

6

che. Un autoca rro è dis trutto e l'autiere ferito a una s palla. Il colonnello Scholtze, comandante d el reggimento, si è compi aciuto «per la pregevole assistenza e coop erazione d a ta dall'unità automobilis tica» . La s tessa unità, più tardi, ha assolto il compito di sgombero feri ti e, tagliata !a via di ripiegamento s u Woroschilowgrad , sgombera p er Ku piansk su Charkow feriti e Comandi tedeschi . Il 16 seg na p er il 7° A uto ra ggruppam ento il sacrificio più g rave in uomini e m acchine. II cerchio d i Rossosch ingoia tutto il1 65° Autore pa rto col Comand o e la 741!! Sezione d el11 7°. Sfuggono soltanto g li uomini e le macchin e dislocate altrove, cioè la 65"1il e 652a autosezion e, ris pettivamente a Charkow e al quartier generale d ell'Si! Armata. Pa rime nti il 126° Autore parto, che ha potuto s fu ggire al cerchio e portars i al compl eto a Podgornoje-Opit, p erde qui tutto il s uo materi a le e buona parte d egli uomini per l'impossibilità di aprirs i un va rco s ulle v ie di comunicaz io ne. I s upers titi, unita me nte al Comando del C.A. Alpino e ad elementi d el centro logis tico, raggiungono a piedi, attraverso le campag ne e ad un'epica marcia, la città di Charko w, quando questa g ià s i appres ta va ad essere evacuata per l' immanente pressione nemica. Rossosch è costa ta ca ra: 12 morti e 174 dis pers i tra il p ersonale e 337 a utomezzi perduti. Fra i m o lti dis pers i, se pure non s i sono p o tute raggiunge re pro ve tes timoni a li co mpl ete, sembrano diversi i feriti, e q ua lcuno d eceduto. Fra g li altri, si fa il no me d el tenente De Guarini, d el so tto te nente Je mma, del ca p orale Pavesi. ella s tessa tornata d i tempo, da Woro?chilo w g rad viene s tacca ta una colonna al co ma ndo d el tenente Marghino tti d el 29° A.R.P. p er Starobels k, p er il ca rico di 500 fe riti d a riportare in sed e. La sorte di ta le colonna lui v issuto o re di incognite e giorni incerti. La colonna g iunge a Starobels k, ca rica e, sotto scorta, pre nd e la via d el ritorno, ma a Nowo Aid a r è a ttacca ta. Ris pond e al fu oco, s i d is impegna, rito rna s ui s u oi passi do po aver dovuto lascia re alcuni mezzi piantatisi tra le alte sponde di neve di riporto p er l'a ng us tia d e ll a sed e s tradale c trasbo rdato i feriti. Per lung hi giorni s i a ttend ono inva no no ti zie. Infine essa è a Charkow, d ove ha d e pos ita to il s uo fa rde llo d olorante.

Mentre tali avvenimenti m aturano, l' Autoraggruppamento, che ha intanto r accolto 260 autoca rri vari proveni enti dal fronte e dalle unità operanti, sgombra Woroschilowgrad sotto l'inca lzare d ella pressione e, ca rico di materiali, co n tutte le inefficie nze a rimo rchio, scende a Rikowo. Tra il 26 gennaio e il 2 febbraio, avv ia s uccessivam ente elementi di colonna per l'intera via di Jsium s u Merefa-Charkow, concorrendo allo sgombro d ei magazzini di Rikowo e Pantelejminowka. Le colo nne affrontano l'incognita d el percorso minato . Gli autieri ma rciano con le a rmi e le bo m be a p ortata di mano. Irnprovvisamente, l'ultima colonna d el 2 febbraio, giunta nei pressi di Cos ta ntinowka, è costretta a to rna re sui su oi p assi. La s trada è sbarrata : il nemico è penetrato . Le rimanenti aliquote sgombrano su Dnje pro, dove vengono trattenute per necessità logis tiche co ntingenti. Il raggruppam ento resta perciò con i re pa rti s pezza ti, senza po terne ricostituire né l'organici tà tecnica né quella amminis trati va. Pa rte segue quelle che potranno essere le sorti d el baci no d el Do netz, parte qu e ll e che sa ra nno n ella zona di Mercfa-C harkow. La quale zona entra, a s ua volta, nel periodo covulso d ello sgomb ro. Colonne miste, composte di aliq uote varie, con o senza i loro com and a nti, p er vie di verse e incerte, a ta ppe imprecisa te, sgom brano uomini, os ped ali, v iveri, amma lati, ve rso la zona di N ejhin. Difetta il ca rbura nte, le soste s i impo ngono mentre la s ituazio ne no n è chiara ed è g ravida d i incognite. Il disgelo aumenta le difficoltà. Affannose ricerche d i itinerari pratica bili. Fra la m e tà e la fin e di fe bbraio, a drappelli, a colo nne s pezzate e ad elem enti isolati, il raggruppamento va raccogliendosi a Nejhin per riord ina rsi e ricon tars i. eli' op era svolta i n q uesto periodo emerge l'a ttività del ca pitano Volpe che, a dis posizione d el C. A. Alpino, s i è prodi ga to se nza sos ta né riposo, assicurand o sgombri c approvvig ionamenti e meritand o l'encom io solenne del coma nd ante d el predetto Corpo. Lo s tesso Com a ndo d i cor po d'arm ata conferi va s ul ca mpo la med aglia di bronzo e la croce a l va lore, ris pettiva mente al ca pita no Ma rio Castellucci e a l tenente m edico Tito Mazzucca, per il loro comporta mento tenuto nei fatti d i Rossosch ».


Scendendo nel dettaglio d elle vicende relative a lle sue unità dipendenti, si ricorderà il suo XV I/l Autogruppo: di esso, alla data del 2 april e 1943, risultavano mancanti 74 militari, le perdite in materiali furono invece quantifica te in 201 autoveicoli e 20 motocicli. ella già citata memoria, l'a llora tenente colonnello Mario Mallucci, suo comandante all'epoca, afferma: · «Tutto il personale, con alto senso del dovere e della disciplina, ha sempre pienamente risposto a lle dure e travag liate necessità del servizio». Il la baro dell'unità, consegna to aPistoia con solenne cerimonia all'a tto della sua costituzione, è attualmente custod ito presso il Mu seo de ll a Motorizzazione Militare. Il 126° Autoreparto, durante la ritirata, rimase compatto. Buona parte del merito della mantenuta coesione va certamente al suo comandan te, cap itano Mario Castellucci il quale, anche quando le prime gravi perdite avrebbero indotto chiunque alla sfiducia e a lla disperazione, seppe in fondere coraggio ai suoi. Gli venne infatti conferita una ricompensa al valore con una motivazione che metteva in risalto le sue qualità di combattente e di comandante. Al126° appartennero anche i sottotenenti Andrea )emma e Riccardo de Sanctis. Il primo si batté da valoroso, alla testa dei suoi autieri, I)ella dispera t a difesa di Rossosch , per la quale azione g li venne conferita una medaglia d'argento. Gravemente ferito, venne fatto prigioniero. Riuscì a rimpatriare alla fine delle osti li tà. Su lla sorte del secondo, non s i hanno invece notizie, probabilmente non tornò mai in patria. Per il comportamento tenuto durante la difesa di Rossosch venne propos to per una medaglia di bronzo. Anche il129 ° Autoreparto ebbe una parte di rilievo nella seconda fase del ripiegamento, confermando il prestigio che seppe conquistarsi- g ra zie all'azione del comandante, capitano Paolo Volpe- nei menzionati trasporti a fa vore della «Celere», della «Vicenza» e del C.A. Alpino, in particolare nel periodo 14-19 dicembre, nel corso delle operazioni di arginamento della press ion e avversaria su Nowo Kalitwa. L'encomio tributato al capitano Volpe dal com andante del C.A., generale Nasci, il1 9 m arzo del '43, appare un riconoscimento rivolto, per es tensione, a tutto il129°.

«Con la sua opera - recita la motivazione- fu elemento decisivo nell'al- CAMPAGNA leviare i disagi delle truppe e nell'assicura re il regolare riforn imen to di vive- DI RUSSIA ri e lo sgombero di ci rca 7.000 tra feriti e congela ti. I fer iti e i congelati sono solda ti appartenenti a l C.A. Alpino, anch'essi protagonisti di quel «... lungo e difficile ripiegamento invernale ... » come lo qualifica, senza retorica, lo stesso generale Nasci. Del 29 ° Autoreparto era comandante il capitano Emilio Pioli. Ai primi di o ttobre si trovava a Kantem irowka, sede del 129° e d ello s tesso Com ando di autogruppo. Nel settembre del '42 co ncorse, con illl7°, di cu i era comand a nte il capitano Mercurelli, a l trasporto di reparti e materiali della 298il Divisione germanica; trasporto che ottenne esplicito apprezzamento dal comandante alleato e dal generale intendente. Esso concorse a ncora, con il 117° e il 129°, ai già menzionati movimenti della «)ulia» e della (<Vicenza ». Non è ben nota la parte da esso avuta negli sgomberi di Kantemirowka, ma si può ritenere che non fu certamente marginale. Il so ttotenente Bruno Zavagli, nel suo «Solo un pugno di neve» (ed. Murs ia), narra con rara efficacia e sofferti accenti umani le vicende della 741 !! Sezione dell17° Autoreparto, d ella quale fu comandante per tutta la campagna, e che s i trovava a Rossosch a l momento dell 'assalto ru sso. «... le truppe russe s tanno dilagando nelle nostre retrovie, con somma facilità. Per prima cosa hanno fatto prig ioniero il reparto gemello del nostro che stava alla periferia opposta di Ros sosch ... » Sulla propria autosezione, per contro, l'ufficia le non conferma che essa abbia subita la sorte dello stesso 165°. Infatti, nel descrivere il ripiegamento, egli ricorda preliminarmente come una squadra di autocarri, avviata con un carico di viveri, armi e munizion i verso le retrovie, fosse riuscita a filtrare attraverso lo sbarram ento avversario; il tutto di notte, a fari spenti, ad altissima velocità, pur essendo sta ta individuata e fatta segno da numerosi colpi d' arma d a fuoco. Il resto d ell'autosezione invece, raggiunta Opyt, ebbe l'ordin e d i s tazionarvi e di cedere tutto il ca rburante. Il

247


CAPITOLO

6

sottotenente, anzi, fu incarica to di rastrellarvi tutte le disponibilità locali, da destinare ai pochi mezzi da combattimento ancora efficienti. Da Opyt, il drappello della 741", appiedato, seguì la drammatica sorte del C.A. Alpino. Non risulta quanti siano sopravvissuti alle estenuanti marce sulla neve, alle reiterate offese avversarie, alle battaglie che si susseguivano d urante la ritirata, alle incredibili privazioni affrontate.

8° Aut oraggruppam ento

248

Altra bella pagina di valore, che onora l'Automobilismo militare italiano, fu scritta, in queste giornate, dall'8° Autoraggru ppa mento. Erano ormai cadute in mano nemica le sedi divisionali e di C.A.; Kantemirowka, investita, era stata evacuata. lvi un nucleo italiano, 3.000 uomini circa, in prevalenza truppe e servizi delle Divisioni «Cosseria» e «Ravenna» e del II C.A ., raccolto nella locali tà la sera precedente, praticamente disarmato di fronte ai carri, non poté oppor re u na valida difesa. I Russi puntavano decisamente in profondità. Fra l'alternarsi delle manovre di ripiegamento, si mise in luce l'iniziativa dei comandanti locali, nonché di complessi logistici. Vennero pertanto a costituirsi vari ed estemporanei capisaldi in cui resistettero strenuamente isolati presidi, senza distinzione di arma, di corpo o di nazionalità. Il valoroso comportamento degli autieri, presenti s ia in qualità di combattenti che di specia lizza ti, è sottolineato dalle numerose ricompense ind ividua li . Fra questi capisaldi va cita to quello di !vfillerowo, sia per la preminente presenza degli autieri n e lla difesa della piazza militare, s ia per la parte sostenuta dal colonnello Tolotti, comandante dell'So Autoraggruppamento. Già il19 dicembre il colonnello, d'accordo con il capo d ella de legazione «M», aveva tentato di costitu ire un battaglione di formazione, trae ndo personale e mezz i da una colonna in ripiegamento diretta a Woroschi lowgrad: tentativo tanto ammirevole quanto problematico, per lo stato di prostrazione degli uomini, per il numero e lo stato d'uso dei veicoli, per la stessa mancanza di armi. Il tentativo non sortì l'effetto s perato; tuttavia questi uomini, comunque riordinati, furono avviati a piedi a Woroschilowgrad .

Il giorno 22, sotto l'incalzare degli eventi, il comandante dell'So Autoraggruppamento, che dalle borgate circostanti aveva fatto ripiegare su Millerowo buona parte dei reparti dipendenti, assumeva, in pratica, il comando delle truppe italiane della piazza, nel contesto della sua difesa affidata al gruppo tedesco Kreising: un compito arduo, non tanto per le difficoltà dei contatti e per la precarietà delle telecomunicazioni, quanto per la stessa comandabilità di alcuni quadri recuperati da unità già duramente provate. La fiducia riposta nel colonnello degli autieri, comunque, veniva suggellata investendolo anche delle funzion i di capo-delegazione. Se l'ufficiale non ebbe alcuna difficoltà nell 'assolvere alle mansioni spiccatamente logistiche, ebbe anche modo di farsi apprezzare per la competenza operativa e per la capacità di comando. Peraltro, m entre si ricorda il valido contributo degli autieri nell'apprestamento delle opere difensive- la mattina del 26, rso pagava il suo tributo di sangue con otto morti e venti feriti, per scoppi di bombe di mortaio sulla cinta della città -fu compito del colonnello elaborare il piano di impiego delle artiglierie ancora efficienti, così come l'attendere alla costituzione di quella compagnia di volontari rimasti s ul posto fino all'ultimo giorno di difesa della piazza: rep arto costituito in prevalenza da ufficiali e soldati automobilisti, molti giovanissimi e giustamente annoverati nell'Albo d'Oro del Corpo. Il 6 gennaio, il Comando gruppo Kreising ordinava il ripiega me nto delle truppe italiane, eccetto la compagnia volontari, su Woroschilowgrad. Il pomeriggio d el 7 iniziava lo sgombero; la marcia nella notte, tesa ad eludere l'incombente minaccia avversaria, compiuta a fari spenti e su un'unica pista mentre imperversava una violenta bufera di neve, è episodio che meriterebbe pagine intere ad esso dedicate: vicenda illuminata da sforzi e sacrifici indicibili, tesi anche ad evi tare l'abbandono dei m ezzi, in una lotta spinta all'inverosimile contro una na tura ostile e contro un nemico onnipresente. A Woroschilowgrad, dove avrebbe atteso alla s ua riorgani zzazione pur continuando a fornire - sebbene in termini ridotti - prestazioni di "trasporto, l'S 0 Autoraggruppamento portava a compimento la prima p a rte di quella anabasi· dolorosa, sofferta, ma sempre ordinata. Questo non fu infatti un com-


pito passivo, in quanto gli autieri dell'S 0 - che con quelli del 7° furono coinvolti più da vicino nelle vicende d i d icembre- non desistettero da ll'assolvere anche ai loro compiti d'istituto, eseguendo consistenti e ardite operazioni di rifornimento a domicilio, che non possono non essere ricorda!e, anche se non sempre coronate da successo. Mentre il personale dell'S 0 Autoraggruppamento si distingueva nel valido quanto s ilenzioso concorso alla difesa di Kantemirowka, altri autieri dell'So ebbero modo di distinguersi in un autotrasporto di carburanti a Kamensk, l'ultimo giorno di quel1942, allorquando compirono una vera e propria sortita, con 40 automezzi, sotto la protezione di autoblindo germaniche. Ma riprendiamo, a questo proposito, il racconto del sottotenente Biagio Catarinella che vi partecipò con un sergente e 15 suoi autieri della 5!! sezione del 249° Autoreparto. « . .. Effettuato il carico di benzina sotto il tiro nemico, alle 4 del mattino del 1o gennaio partii alla testa della colonna con una velocità di marcia di 10 km orari e a fari spenti. l colpi di artiglieria, dei mortai, e dei carri armati nemici si fecero sempre più intensi, ma i nostri autieri non si scomposero, seppero mantenersi ca lmi e saldi, e riuscirono a portare brillantemente a termine il servizio a Kamensk».

Significativa ed emblematica fu l'azione di rifornimento compiuta dalla 1!! Sezione del 245 ° Autoreparto, che era s tata a disposizione del CSIR fino al20 novembre. A questa formazione fu ordinato, il 22 dicembre, di muovere da Tschertkovo, ormai ci rcondata, per rifornire alcuni reparti raggiungibili soltanto attraverso passaggi obbl igati battuti da intenso fuoco nemico e controllati dalle punte corazza te sovietiche. La missione, che si concluse positivamente dopo venti giorni di estenuanti movimenti compiuti al limite di ogni umana resistenza, ebbe i s uoi episodi salienti n el superare lo sba rramento di uno squad rone nem ico, nella difesa da un grupp o di truppe irregolari e nell o sfuggire con abile e riuscita manovra a una pattuglia di carri. Anche il250° Autoreparto operò analoghi trasporti per alimentare quei rep arti organici che, spendendo le ultime energie, opponevano ancora una qualche resistenza. Vennero effettuati trasporti a Kandratowskaja, dal19 al 22 dicembre, e a Kondracewskaja, dal 5 al19 gennaio. Ecco come l'allora sottotenente Sergio Taviani (già del249°) ricorda, con crudo veris mo, quel tragico e non fortunato servizio. « ... Colonna a Kondracewskaja (5-19

Pur nel marasma della ritirata, sono molti i reparti che arretrano combattendo. Qui un pezzo di artiglieria pronto all'uso (foto A. S. Chiesa).

249


CAPITOLO

6

Non si pensa soltanto a fuggire. Questo automezzo, de/248° Autoreparto W Autoraggruppamento), pur ridotto in evidenti pietose condizioni, si appresta con un gruppo di armali ad effettuare una scorta ad una colonna (foto A. S. Chiesa).

250

gennaio 1943): 55 autom ezzi. Parto con un carico di munizio ni e una compag nia di form azio ne (costitu ita più d a scrittura li, pia ntoni dei Co mandi, infermieri, che da veri combattenti) racim ola ta a Woroschilowg rad. Procediamo con molta prudenza. Sull 'ordine di tras p orto c'era scritto: «La colo nna scariche rà a Ko ndracewskaja, a l locale Coma nd o itala-tedesco; la compag nia di forma z ion e s i metterà ag li o rdini d el pred e tto Comando; se la località fosse g ià in mano russa, ripi ega re s u Woroschi low g rad , d ove prend erà disp osizio ni d a l locale Comando ». A 14 km ci rca d a Ko nd racewska ja, scoppia l' in fe rno: piove fu oco da ogni pa.rte; i Russi hann o g ià occupato quella località e le loro punte avanzate sono giunte fin qu a. La colo nn a è in crisi; il ca pita no com a nd a nte d e ll a form az ione, d el q ua le non ricordo il no me, s i butta co ntro le due co llin ette seguito dalla maggio r pa rte d eg li u omini con lo scopo di d is tra r re l'a tte nzione d e i Russi, mentre io inverto la direzione di m arci a d ell e macchin e. Ho l' impress ione di essere una la mpad ina dei baracconi d i tiro a segno, e non è certo una sensazione g radevole. Come Dio vuole, riesco a far g ira re le macchine e a far risalire g li uo mini della co mpagnia; 14 m ezzi, pe rò, res tano s ul te rreno; d ei miei co ndutto ri, 16 so no fer iti. Metà compagni a, iv i incl uso il ca p ita no, no n ri entra.

Dop o circa 10 km riusciamo a sga ncia rci . Scene tremend e, al ponte di Woroschilowg rad: macchine di ogni tipo, cava lli, s litte e uomini di ogni lingua, rid otti a una massa urlante, cercan o di passare ... ... Arrivo a Woroschilowgrad sette ore dopo; sette ore di lotta continua contro la gente che tenta di fermare le macchine ... (c'è chi s i s tende da vanti a lla strad a ... c'è chi tenta di adoperare il mitra o il fucile) ... s u a lcuni 626 ho contato fino a 80 p erson e ... i più forti gettano a terra i feriti e i d e boli ... siamo cos tretti a usare le a rmi per proseguire ... è una cosa trem enda, uno spettacolo che no n potrò mai dimentica re». Il 248° Autorepa rto Pesante- co ntinuiamo a s intetizzare una relazione del sergente maggiore A.S. Chiesa - era nei pressi di Millerowo e, mentre provved eva ad assis tere g li s bandati di ogni nazio na lità, tentava a nche il sa lva tagg io d ei m agazzini e d e positi, s pecie di muniz ioni e carburanti. Il 19 dicembre fervevano i lavo ri d i appro nta mento d egli auto mezzi- molti d ei qua li inefficienti e a bbisognevoli di tra ino- per il ripi ega m ento. Alle 2 d e l 20 giungeva l'ordine di partire. Un 'a liqu o ta s i dirig eva verso G reko wo e d a lì a Wo roschilowg rad. Un a seconda, d a ll 'acca ntonamento di Abramfield si portava a Millerowo, parca ndo i mezzi nei pressi d el campo di av iazio ne. Quelli ine ffi cienti e non ri-


CAMPAGNA DI RUSSIA

L'autocolonna è in marcia nella steppa, che sembra infinita come l'oceano, e lo sgomento ti invade (foto A. Scolari).

morchiabili rimasero ad Abramfield, affidati alla custodia di un drappello di uom ini i quali, dopo pochi g io rni, e rano tuttavia costre tti a ripiega re, non prima di aver distrutto o resi inservibili gli stessi automezzi. A Millerowo, nel frattempo, gli autieri si dedicavano alla costruzione di trincee e rifugi sotterranei, su ordine del Comando tedesco, mentre il ca mpo di aviazione veni va investito da co lpi di a rtiglieria. N umerosi autieri rimanevano fe riti e dovevano essere ricovera ti presso l'ospedale da campo nr. 64. l conduttori ancora in p ossesso di automezzi efficien ti veni vano impiegati in continuazione per ogni genere di servizio. Due automezzi veniva no colpiti da granate, con ferimento anche serio dei conduttori stessi. Il 6 gennaio 1943 g iungeva l'ordine di ripicga mento da Mill erowo ed una prima a utocolonna abbandonava all e 5,30 la città, per giu ngere il g iorno s uccessivo a Woroschilowgrad. Un migliaio di automezzi, tra cui al cuni del 248°, e rano rimasti tuttavia nella sacca di Millerowo e solo il giorno 16, liberati e protetti da carri armati tedeschi, potevano a nch'essi partire per Woroschilowgrad. Qui giunti, tutto chiuso: nessuno era disposto ad ospitare gli uomini che furono costretti a dormire, accalcati l' un l'altro per ripara rsi dai -30°, sui cassoni degli automezzi. Partendo per aliquote smembrate e con percorrenze giornaUere di 10-12 km,

il248° riusciva a ricongiungersi il l O marzo a Oievka, a s ud di Dnjepropetrowsk. Il17 aprile, i res ti dell'Autoreparto venivano inviati a Gomel, a rinforza re quel 10° Autoraggruppamento destinato a rimanere in Russia alla partenza delle altre unità. Complessivamente, le unità dell'8° Au toraggruppamento contarono 22 morti e 230 d is pe rsi; 10 furono le decoraz ion i concesse.

10° Autoraggruppamento Sempre povera di documentazione, anche per questo tragico periodo, la storia del10° Autoraggruppa mento. Nel febbraio del1943 il suo Comando s i trasferì da Nowo Gorlow ka a Gomel, luogo di radunata dei repa rti sopravviss uti alla ritirata. Il10° fu pred esignato a rimanere in Russia, ins ie me al II C.A., m e ntre tutti gli altri repa rti sa rebbero rimpatriati . Nella notte sul l 0 maggio, mentre il Comando del reparto si trovava a Nowo Belitza, presso Gomel, un'incursione aerea si abbatté sulla zona, avendo come obietti vo il parcheggio dell'Autoragg ruppa m e nto e quello del II C.A. L'assoluta mancanza di ricove ri e di mezzi qualsiasi di protezione portò, sulle prime, un po' di scompiglio, ma poi tutti s i rrdsero all'opera per portare soccorso ove più ce n'era bisogno.

251


CAPITOlO

6

La zona più battuta era s tata quella d el p a rcheggio del C.A., d ove alcuni automezzi, carichi di benzina, avevano preso fuoco e l' incendio minacciava di pro pagars i verso il parco dell'Autoraggruppamento. Furono gli autieri del 10° a lanciarsi fra le fiamme, riuscendo a isolare l'immenso rogo. Per il d ipendente 254° A utoreparto, prosegu e il r acconto d el te nente Gas pa re Vaccaro . «.. . Nel gennaio d el 1943, q u a nd o l'8il Armata, d olorante, batteva in ritira ta, g li autieri del1 0° e d ell'8° Autoraggrupparne nto furono veduti dappertutto, a raccogliere feriti e corpi rivers i nella neve, abbattuti dal freddo, ma a nco ra palpitanti, anche se il nemi co con tutti i s uoi mezz i di o ffesa allungava la falce d ella m orte contro ques ti sold ati d alle fiamme nere in ca mpo azzurro. Dirò, infine, che quando 1'8il Armata s i mise in movimento per raggiungere Gom el, quale zona di ra ccolta in attesa del rimpatrio, toccò ad a lcune unità d el 254° A.R.P., pos te ai miei ordini, affiancate ad altre d el257° A.R.P. agli ordini d el capitano Marelli, l'a lto onore di rimanere s ulla breccia di Woroschilowgrad, completamente accerchiata d a i Russi, a fianco d ei Ted eschi, per rappresentare un' Ita li a che, ma lgrad o tutto, difendeva ancora il suo pres tigio. Quindici giorni dopo, i 50 autieri di Woroschilowg rad, temporaneame nte a lle ntatas i la morsa d el nemi co, us ci vano d a ll'assedio, trasp ortando, in du e su ccessivi scag lioni, il generale Mus ino, intendente, con i propri ufficia li e tutto il m ateriale dell' Intendenza. Nell'a prile del1 943, q uand o l' Ita lia ria.bbracciava i s uoi fig li, all'A ra d ella Patria, g li a utieri d el 254° ris pond evano «Presente!» per quei dieci fratelli che le land e d esolate avevano voluto g hermire p er forza ».

Reparti in forza alle grandi unità

252

Un ra pid o volo pano ramico s i impon e, nel tratta re la s toria dei s ingoli re pa rti , anche s u quelli non pos ti alle dirette dipende nze dell' Intendenza, ma d elle s in gole g randi unità (C. A. o divisioni). Forniremo una serie di s torie iso late, senza alcun legame le une con le altre. Per a lcune, s i farà anche una certa fa tica -giova precisa rlo- a collega rle

direttamente allo sviluppo degli avvenimenti. Il 2° A utoreparto d el II C.A.- continua il racconto d el capitano Vittorio Serino- era di s tanza a Taly, località a ridosso delle p osiz ioni avanzate da dove, p er tutto il m ese di novembre, aveva tras portato armi, munizioni, viveri e materiali fin o alle prime linee, senza mai subire, benché ad appena 20 km dal fro nte, offese aeree. Ai primi di dicembre cominciarono i violenti ss imi a ttacchi russi, paga ti però a ca ro prezzo. Gli s tessi autieri che tornava no d alle prime linee riferìvano di montagne di cadaveri russi giacenti d avanti alle trincee. L'attacco continuò, senza ri s parmio di vite umane, dal10 al 15 di cembre. Fu a questo pu nto che la linea s ubì d a pprima una fl ess ione per poi essere irrimediabilmente travolta. L'a utorepa rto ebbe l'ordine di approntare i mezzi il1 7 dicembre e di raggiungere a l più presto Mitrofanowka, s ed e di centro logis tico di una qualche importanza; s uccessivamente avrebbe dovuto raggiungere Rossosch. Ra ggiunta la prima tappa in d ue g iorni di m arcia estenuante so tto l'i nca lzante pressione nemica, all'a tto di riprendere il movimento, nella n otte sul 20, il re parto s ubì un' incurs ione aerea d a bassa quota che p rovocò la perdita di 3 autocarri . Rossosc h venne raggiunta soltanto la notte successiva, nell'imperversare di una tormenta di neve, grazie sopra ttutto a ll' impegno di ogni energ ia residua da parte d egli autieri che, ba d ile a lla mano, a prirono la s trad a agli autoca rri per oltre 20 km. Fu soltanto in ta l modo che il 2° Autoreparto poté trova re sa lvezza e p rotezione a ridosso d el C.A. Alpino che in quella notte aveva scritto epiche p agine di resis tenza. Da Rossosch raggiunse quindi Woroschilowgrad, dove trascorse il Natale restando vi fino a i primi di fe bbraio d ell943. N e ll e ulte ri o ri v icende d el r ipiega m e nto ritrove rem o il re pa rto, 1'11 fe bbra io, coin vo lto in un a ttacco di ca rri ne lla zona di G ri schino . Ecco i fa t ti. Era l'a lba. Nev icava copi osamente. La bufera raggela va le membra. Allertato il re p a rto e avvi a ta la m assa dei mezzi lungo la pis ta per Sta lino, g ià ingombra di altri relitti fumanti , il comand a nte, ca pita no Vitto ri o Serin o, trattenne co n sé a lcuni m ezzi in fu n-


zione di esca. E l'esca funzionò. l ca rri armati stava no infatti avanzando incolonnati, in fila indiana, per una s trettoia delimitata da un lato dal terrapieno di una ferrovia, mentre dall'altro correva il marg ine di un bosco. Quando i ca rri ebbero agganciato la pi ccola formazione di automezzi, partì il primo co lpo di un anticarro, un panzerfaus t che lo s tesso capitano aveva trovato casua lmen te abbandonato, alcuni mesi

prima, in mezzo a un campo di g irasoli. Il proiettile centrò il carro di testa, la cui torretta sa ltò in aria. Il secondo, forse per il disorientamento improvviso del pilota, rotolò lungo la scarpata, adagiandosi s u un fianco. La strettoia era così ostruita, e il trans ito degli altri carri bloccato. L' ufficial e italiano ebbe così il tempo di raccogliere i militari feriti e partire, raggiu ngendo a sera il grosso d el

Gli itinerari seguiti dal 27" Autoreparto nel corso della ritirata.

253


Una foto notevolmente deteriorata, ma che rende la sensazione del clima che nei momenti della ritirata regnava sul paesaggio russo (foto A. S. Chiesa).

Volantini con il quale i Russi invitavano i soldati italiani alla resa (documento fornito da Dino Panzera).

ITALIANI! ...it~~

"'-*~:·::J~

~!11 _~·-. ··:~:r~···

~l - ..~n;.:~·ali·fterifl VI sono . . .. 4~oo&. ttllt.-· ·Non vi ·;gtun·ge:-. '..

.·.. ..

Arrendetevi 254

reparto. Per il s uo comportam ento, il cap itano venne deco rato con la Croce di Guerra al v.m. L'Autoreparto continuò il suo ripiega mento, attraverso Stali no, Dnjepropetrowsk, Kiev, Gomel, fino al rimpatrio. Anche il ripiegamento del2r Autoreparto del XXXV C.A. «CSIR» - continua la relazione d el capitano Ettore Angelieri- avvenne sotto l'incalzante pressione avversaria. Di stanza a Ivanowka, in val Levaja, il27° venne allertato g ià il17 dicembre mentre stava approntando la sistemazione invernale per il personale e per i mezzi già ridotti nel numero e duramente provati. Alle 12 di tale giorno il capitano, convocato presso l'Ufficio Servizi del C.A., venne messo al corren te della situazione e invitato a teners i in misu ra di poter effettuare un ripicgamento in direzione di Kantemirowka-Tschertkowo. Vennero richiesti al reparto 23 mez. zi per le esigenze d el Comando di C.A. (subito forniti e impi egati) e vennero assegnati duemila litri di carburante. Nella notte del18 gli aerei russi, che sorvolavano senza sosta la zo na, cos trinsero i n1 ecca ni ci a lavorare a lume di s telle, pur di riparare qualche mezzo emetterlo in condizione di muoversi. Nella s tessa notte, 5 au tocarri Fiat 626 caricavano i materiali dell'823° Ospedale da Campo c ripiegavano su Kantemirowka mentre, nel contempo,


cominciavano a transitare per il villaggio i primi s bandati isolati: fanti d ella «Ravenna», bersaglieri della «Celere», e alcune camicie nere (che p erò indossava n o, n ella circostanza, quella g rigioverd e del Regio Esercito, con d ei «fascetti» in luogo delle s tellette). Seguiva no, d a presso, automezzi, slitte e carriaggi, per lo pitl carichi di feriti, il tutto con il sottofondo d el ro mbo d elle artig li eri e e il crepita re d elle mitra g liatrici provenienti dal vicino Don. Al m a ttino d el 18 la ritirata assumeva l'asp etto di una fium ana inarrestabile: prima una g rossa colonna di carriaggi ted eschi, poi alcune centinaia d i prigionieri russi fatti sgomberare, poi il228° Autoreparto Mis to al completo, agli o rdini del capitano Battistutti. Il battaglione chimico, di cui il reparto si avvaleva per le comunicazioni telefoniche, s taccava il centra lino p er iniziare lo sgombero . Per comunicare con la Direzione Trasporti occorreva ora portarsi al kolkoz 106, che il capita no Angelieri riuscì a raggiungere rimontando, con estrema difficoltà, la corrente d ella fiumana. Fa tica inutile, perché lungo la stessa fiumana era discesa, nel frattempo, la stessa Direzione il cui Capo Uffic io Servizi, capitano di cava lleria Giovanni Arrighi, transitando per lvanow ka, aveva impartito al reparto l'ordine di sgomberare. Nelle prime ore d el pome ri ggio, mentre il battaglione chimico lasciava Ivanowka, poco a est, nella valle del Bogu ciar, il fuoco d elle armi automatich e, che si faceva sempre più dis tinto, er a ch iaro segno d el sopr aggiungere d ei Russi. Dei poco più di cento m ezz i in dotazione all'autorepa rto, tolti i 30 già in servizio fisso, e i 23 comandati il giorno prima, n e risultavano presenti una quarantina, di cui meno della metà marcianti, mentre i rimanenti (una decina) erano ricoverati presso i parchi. In armonia con gli svi luppi d ella situazione e secondo le direttive ricevute, ma sopra ttutto per evitare che le punte corazzate ru sse potessero s orprenderlo, il capitano dispose l'incolonnamento del re parto una decina di km ad ovest di lvanowka, al bivio per Kantemirowka-Tschertkowo: in testa fu pos to l'autobus con i feriti e gli ammalati, seguito dagli autocarri marcianti carichi, con a rimorchio un veicolo ineffici ente ciascuno. La parte più difficile dell' operazione cons isté nel tirar fuori dalla n eve e portare sulla pis ta gli au tomezzi inef-

fi denti, so prattutto per esser venuto m eno l'a iuto d elle due tra ttrici Breda CAMPAGNA 30 del 13° N ucleo Soccorso Stradale il cui personale, preso dal panico, s i era DI RUSSIA dil eguato con le trattrici s tesse, n é s i seppe in seguito più nulla di loro . Per sgo mberare gli ultimi au tom ezz i, il capitan o e alc uni ufficia li s i posero s ulla pis ta, ne l tentativo di ferm are qualcuna delle macchine in trans ito, ma orma i su lla pista era tornato un agghiacciante, totale s ilenzio; un ultimo e un ico autocarro che passò, non s i fermò ai segnali, ma scomparve a ttraversa nd o il vill aggio ad a ndatura folle. D'improvviso (erano circa le 18,30), ecco i primi ca rri ru ssi fare la loro apparizione s ulle alture circostanti, dfrigendo il tiro d elle armi automatiche s ulle casupole del v illaggio. Fu allora che Altro volantino russo che il ca pitano decise di abbandonare tutincita i soldati italiani a to e di raggiungere il repa rto . disertare.

. ;.:: ·t··~.. ·E:, :~·y .lku .

. ,· .. •

.

l ,

.

sarai: de.stinafo · a·~ mJrt·i~e .in. ·terra straniera

cÒ~· .marcisèono · g~·~• ~oi .compagni;·uccisi. l.

..

SOLDAP.ITALIANOI·.

),ima che sia troppo tardi, ~~di; rifiutaÌi di M dare 1111' otfaccl). l M Ct <l iJI'Idllro i tedeschi llll't~flllcco. Tu ,$,ppll nelle rolrovio, n11scondili nei bur. roni, nei boschi, !ra Ili noslrt~ po~lationo ~he ti aiuferb pcrchè Sd che g li ~..; ~a r: •.~:.,'~.QA..$c;mo_c ome iT"'~'2schiÌ.~.n.P""'" ............ ~ 1 •· : - •• - • • ~~~· •_.1n.,(~~· · .1-;n;èllqn<s p errorto -nsth'\ -oTo!fdeiitméscht. Op putc dil li o prog1on:ero \en2 ll p~rdere

.

.

ncond-ie u~L-> . . ., . l

t· . .

·.- ·~:~~.~otd~' 1

,.

·~t~~u~~~i;;~~~~;~:1'JW~~~~rHtt:~~1ar: ~~~~a~:re

1 255


CAPITOLO

6

Millerowo, fine dicembre 1942. Una pattuglia tenta una sortita verso le linee nemiche (foto A. S. Chiesa).

La sera del18, la colonna raggiunse Tschertkowo; la mattina del 19, venne autorizzata a proseguire per Millerowo, da dove il 21 uscì fortunatamente indenne dai bombardamenti aerei, sebbene si trovasse in una zona particolarmente battuta, vicino al campo d'aviazione. Il reparto, in seguito, recuperata gran parte dei suoi automezzi dispersi, svolse intensi servizi nella zona di Woroschilowgrad fino allO gennaio del'43, con perdite in uomini e mezzi. L'li gennaio si trasferì a Gorlowka in circostanze veramente critiche, per l'inclemenza del tempo. La temperatura, scesa a -30°, provocò dei casi di congelamento. In questa locali tà furono ripresi i trasporti a favore delle unità del II C.A. impegnate sul Donetz. Furono versati anche al parco autoguasti una dozzina di mezzi inefficienti, faticosamente rimorchiati per centinaia di chilometri lungo piste gelate. Dall'l al 22 febbraio esso operò a Dnjepropetrowsk con le retroguardie dell' ARMlR. Il 23, 15 autom ezzi vennero ceduti in rinforzo alla colonna del colonnello Mario Ca rioni, comandante del 6° Bersaglieri, che doveva chiude-

re e proteggere lo sgombero degli ultimi reparti italiani. L'intero reparto si trasferiva invece a Kremenciug. L'Il marzo, per tappe successive, raggiunse Bobruisk. Complessivamente, nel corso delle operazioni invernali, le perdite ammontarono a 7 autieri dispersi e 38 automezzi tra distrutti, dispersi o abbandonati. «Durante la ritirata- sono le testuali parole del capitano Angelieri- gli autieri, oltre che combattere col clima, con lo stato primitivo delle piste, con i peri coli delle offese aeree, con g li s pazi immensi, dovettero soprattutto difendersi dalle rapine e dalle prepotenze dell'alleato tedesco, il quale cercò in tutti i modi di appropr iarsi degli automezzi italiani. Lungo la via della ritirata, gli incidenti con i Tedeschi erano all'ordine del giorno, e più di una volta lo scrivente con i propri uomini dové minacciare di ricorrere alle armi per non sottostare alle anzidette spogliazioni. Che ciò non costituisse un singolo episodio è confermato dalla disposizione emanata ai primi di gennaio del 1943 dal generale Garibaldi, comandante dell' ARMIR, che richiamava gli


autieri a l dovere di difendere anche con le armi i propri automezzi .» La s toria d el XIV Autogruppo della «Celere» (218° e 219° Autoreparto) viene rileva ta da lle memorie del comandante del 218°, l'a llora capita no Bisio, che detenne anche il comando interinaie dell' Autogruppo. Erano autoreparti di veterani, abituati ormai ad operare sulla linea del fuoco accanto ai bersaglieri e non di rado erano obiettivo preferito delle artiglierie sovietiche; reparti che persero, fra gli altri, proprio nelle circostanze che ci accingiamo a narrare, il comandante dell' Autogruppo, maggiore Emilio Ferrari ed il comandante del 219° Autoreparto, capita no Daffra (già tenente del27° Autore parto); reparti che ritroveremo a Millerowo, nella difesa di quella piazza forte e che si sarebbero distinti ancora in azioni di retroguardia . Per tutto il periodo della campagna, ma soprattutto alla fine, si dovette lamentare una carenza inspiegabile di carburante, cosa che destava non poca preoccupazione nel Comando e tra gli autieri, s pesso costretti a rimanere lungo le linee con 10-15litri di benzina nei serbatoi, senza alcuna sco rta nel deprecabile caso di un sens ibile ripiegamento. «I Tedeschi -scrive testualmente il Bis io- diceva no che la benzina serviva al Fhurer per fare la guerra, come se noi fossimo là per divertimento ... » Già il17 dicembre, le cosiddette «cariche specia li» (sarti, ca lzolai, piantoni, ecc.) dell' Autogruppo vennero costituite in una compagnia di formazione ed impegnate in linea. La compagnia fu posta al comando di un capitano del Genio. Priva di specifico addestramento al combattimento e male armata, questa formazione venne travolta; molti caddero prigionieri, tra questi il S.Ten. Clerici, rientrato in patria alla fine delle ostilità. Il giorno s uccessivo, il18 dicembre, mentre infuriava la battaglia nei dintorni e a nord di Meshkoff, tutti i mezzi della «Celere», ad eccezione di tre autosezioni d el 218° decentrate ai reparti, vennero radunati a Werchnjakowskij, una quindicina di chilometri ad ovest di Meshkoff. Era, questa, una valle protesa verso la testata della Tichaja. Il comando del consis tente scaglione (che contava forse un migliaio di mezzi) fu affidato al comanda nte dell' Autogruppo, maggiore Ferrari.

Il 19 dicembre, verso mezzogiorno, giunse l' ord ine di muovere ancora ad CAMPAGNA ovest, in direzione di Shurawka . Non appena il movimento ebbe inizio, la co- DI RUSSIA lonna fu attaccata s ul davanti e ai fianchi da formazioni di ca rri che non ebbero difficoltà, o ra con le arm i di bordo, ora con il ricorso allo s p eronamento, ad incendiare, a distruggere o a disperdere la maggior parte dei mezzi. Alcuni autieri avrebbero in seguito . riferito di aver udito, provenienti dall'interno di alcun i carri russi, voci di Italiani che, gridando in dialetto, incitavano ad arrendersi. Il maggiore Ferrari venne visto tra gli autoveicoli in fiamme mentre impartiva disposizioni ai s uoi autieri. Fatto prigioniero, sembra sia deceduto durante un tra sferimento. Anche il capitano Daffra, comandante del219° Autoreparto, mentre cercava scampo, venne seguito in un boschetto da un carro armato; qui l'automezzo venne colpito, ins ieme all'ufficiale, e saccheggia to. Soltanto l' intervento d egli anticarro tedeschi riuscì a interrompere l'azione devastante d ei carri armati russi. Verso sera il capitano Bisio raccolse e incolonnò s u una s trada secondaria, essendo già sbarrata dai carri russi quella per Millerowo, ci rca 200 automezzi; i feriti lievi vennero m edicati con mezzi di fortuna, quelli più gravi furono ricoverati presso unità tedesche. Scese la notte e, con essa, un fitto nevischio. II blocco dei m ezzi venne ingrossa to da altri scaglioni. Procedendo a fari spenti lungo una s tradicciola, verso le 22 venne raggiunta la sede del Comando tedesco, anch'essa già in fiamme, il cui bagliore giungeva attutito dal nevischio. Un ufficiale del Comando d'autogruppo (se ne tace il nome per carità di patria), inviato in perlustrazione, non tornò ind ietro: aveva preferito, molto più ... coraggiosamente, tirare diritto a salvare la propria pelle. La situazione era dis perata; i colpi di cannone e le raffiche di mitragliatrice giungevano da molto vicino e l' intera colonna era pressoché disarmata: qualche moschetto e pochi caricatori in tutto. Alle 2 di notte la colonna venne raggiunta dal Comando della Divisione, il cui Capo Ufficio Servizi invitò il comandante della colonna a seguir lo, nel tentativo di sfuggire all'accerchiamento. Proseguendo ora a fari accesi, fidando nella copertura del nevischio, al

257


CAPITOLO

6

Gran parte degli automezzi, pur efficienti, furono abbandonati durante la ritirata per mancanza di carburante (foto A. S. Chiesa).

258

mattino fu raggiunta Popowka, sede del Comando rumeno. Una provvidenziale cessione di benzina da parte di quest'ultimo consentì la prosecuzione della marcia fino a Millerowo che fu raggiunta, passando per Kaschary, verso mezzogiorno. Si approfittò della sosta per portare soccorsi .e carburanti alla coda della colonna. I mezzi ancora carichi di viveri e di scorte divisionali furono avviati a Woroschilowgrad; una formazione di una ventina di veicoli vuoti, con il Comando dell'Autoreparto, rimase a Millerowo, dove si trovava il Comando dell'8° Autoraggruppamento, per le necessità di sgombero della base. Questo sgombero si profilava pressoché inevitabile: la base infatti seguì le sorti del presidio dal22 dicembre fino al 7 gennaio. Il 7 gennaio venne effettuata la venturosa sortita di cui si è fatto cenno parlando dell'So e che avrebbe portato la base, il giorno successivo, a Woroschilowgrad, dove si sarebbe congiunta con la divisione. Vivi furono gli elogi tributati al capitano Bisio per la perizia, il coraggio e l'iniziativa dimostrati nel riunire i res ti dell' Autogruppo e curarne il trasfe-

rimento in zona arretrata. Essendo venuto a mancare il maggiore Ferrari, gli venne affidato il comando interinale dello s tesso Autogruppo. Lo stesso Capo di Stato Maggiore della «Celere» propose l' ufficiale per la concessione di una medaglia di bronzo al valor militare. Un'autosezione rimase con il6° Bersaglieri, ancora impegnato, nonostante la grande falcidia subita, in retroguardia. II suo comandante, sottotenente Renzo Rugolo, si guadagnò la medaglia di bronzo sul campo, reagendo, all a testa di un reparto rimasto privo di ufficiali, a un attacco portato da formazioni partigiane ben appoggiate da mortai e armi automatiche. Il rin1patrio non poté essere accompagnato da vicissitudini più complesse e tra vaglia te. Giunto l'ordine di sgomberare Onjepropetrowsk, lo si poté fare con poche macchine, le sole provviste di benzina. Le altre vennero lasciate sul posto, con l'incarico a un sottufficiale di cari ca rle in tre no man mano che fosse riuscito ad avere benzina e distruggere le altre. Gli autieri del XIV, parte in treno e parte s u i pochi mezzi, raggi unsero


Dnjepropetrowsk. Da qui i feriti vennero inviati in Italia sui treni ospedale. Gli altri, insieme ai resti dell' ARMIR, vennero avviati, in 7 giorni di tradotta, fino a Gomel. Da qui il capitano Bisio, messosi alla testa degli autieri di tutti i reparti superstiti, completamente appiedati, con tappe giornaliere e marciando per 5-6 giorni, raggiunse Bobruisk, sulla Beresina. Qui i sopravvissuti rimasero per un mese fino a quando, insieme ai resti della divisione, su tradotta, presero la via del ritorno, passando per Minsk, Brest Litowsky, Cracovia, Udine. Al contrappello mancava il47% degli effettivi. Pochi furono però i morti accertati; i più, se non accertati come prigionieri, vennero dichiarati dispersi. Su 19 ufficiali, ne rimpatriarono 6. Soltanto nel '47, al termine di una dura prigionia, ne rientrarono altri due: i sottotenenti Aurelio Coniglio ed Ernesto Clerici. A margine, con un po' di amarezza, si potrà annotare che, a quella proposta di medaglia di bronzo per il capitano Bisio, l'apposita commissione ministeria le ritenne di non dare alcun seguito. La storia del 213 ° Autoreparto della

«Celere», in occasione della ritirata, è data dalla somma di quelle dei su oi autieri. I Russi avevano attraversato il Don gelato con i loro carri armati e avevano preso alle spalle la Divisione. Un autiere racconta che, a un certo punto, guardando in direzione opposta al fronte, vide in lontananza tre puntini scuri in avvicinamen to. Stava ancora chiedendosi cosa quelli fossero, quando essi presero a sparare. Non fu difficile ca. pire: la Divisione era circondata. Fu ancora una volta merito dei bersaglieri quello di essere riusciti a forzare il cerchio russo e creare un varco attraverso il quale poterono trafilare le a ltre unità, compresi i mezzi dell' A~l­ toreparto. Da qui, più che mai, non si può più parlare di storia di un reparto. Ogni autiere seguì la sua sorte e chi può ancora farlo riferisce una storia diversa da quella di tutti gli altri. Il sergente maggiore Attilio Scolari, detto «il furiere », che abitualmente viaggiava a fianco del conduttore sullo SPA «Dovunque», riferisce di essere stato mandato, il giorno prima, in missione a Woroschilowgrad, con altro mezzo. Ritornando verso la sede del re-

CAMPAGNA DI RUSSIA

Il r Nucleo Soccorso Stradale è all'opera per recuperare, con il suo lsotta Fraschini, un trattore in panne (foto A. Scolari).

--

259


CAPITOLO

6

È la primavera del1943. Il 213• Autoreparto è appena rientrato in Italia e, reintegrato nei vuoti patiti, sfila per le vie di Bovolone (VR) (foto A. Scolari).

parto riconobbe gli automezzi del213° in ritirata che gli venivano incontro. Mancava il suo SPA. Seppe poi da un collega che un proiettile di carro armato aveva centrato il sedile dove avrebbe dovuto essere egli stesso; proseguendo la corsa, esso aveva anche causato la morte di due ragazze russe che avevano ottenuto un passaggio sul cassone. Una delle due era la sua ragazza (quella di pag. 237, N.d.A.) Qualcuno racconta di come, nella drammatica circostanza, si venisse ad esasperare quel senso di reciproco fastidio tra gli Italiani e i loro allea ti tedeschi i cui conduttori, almeno alcuni, nel parossismo della ritirata, non si facevano scrupolo di buttar fuori pista gli automezzi italiani per farsi strada . Di molti non si seppe più nulla . Forse, appiedati, morirono congelati nella lunga marcia del ritorno. Altri vennero fatti prigionieri e, di questi, i più fortunati passarono al servizio dei Russi: erano coloro che conoscevano un mestiere ad essi utile (e quelli di autista e di meccanico lo erano). Un reduce racconta la terribile esperienza di essere scampato per un pelo al plotone d'esecuzione. Era in mezzo a una

folta schiera di prigionieri, di ogni nazionalità, quando venne chiesto agli ufficiali di venir fuori dai ranghi. Ora, in russo, la parola corrispondente a «ufficiale» è molto simile a quella che significa «autista» e il nostro, mal intendendo, si fece avanti. Era già nel gruppo, tra sei ufficia li (5 italiani e l ungherese), quando comprese di aver preso un abbaglio. Dovette tuttavia sudare 2 giorni di interrogatori prima di riuscire a convincere i Russi del suo sta to di soldato semplice. Gli altri, gli ufficiali veri, vennero tutti messi al muro e fucilati. In seguito, lo stesso autiere avrebbe vissuto una vita non impossibile con i Russi, ma per una ragione molto s ingolare: sapeva suonare la fisarmonica! Tra le terribili esperienze di quanti invece riuscirono a tornare, valga ancora, a titolo esemplificativo di come l'egoismo dominasse, anche nei confronti dei propri connazionali, quella dello stesso Scolari il quale, in preda alIa febbre, dopo una lunga marcia a piedi, era pervenuto presso due isbe. In una, pigiati, stretti l'un l'altro, dormivano dei Tédeschi. All'altra, chiusa, egli provò a buss!lre. Da dentro una voce rispondeva: «E pieno! » Ormai rassegna-


to a morire, si sedette fuori, su una cassetta, quando di lì a poco giunse una colonna di carabinieri comandata da un tenente. ~l bussare di questi, solita risposta: «E pieno! » Avendo_l'ufficiale minacciato di sfondare la porta, qualcuno, dall'interno, si decise ad aprire. Erano in tre soltanto, tre a lpin i; un'intera isba per tre soli alpini! «All'anima dello spirito di corpo! » commenta ancora oggi il sottufficiale. Anni dopo, in Italia, su iniziativa dello stesso sergente maggiore Scolari e del caporal maggiore Andena, i superstiti del213° si incontrarono nel primo di tanti successivi raduni e poterono contarsi: di 200 che erano partiti, erano tornati in 83! La valida testimonianza dell'allora sottotenente Dino Panzera ci ricorda come l' Autodrappello del Comando 35° C.A. «CSIR» abbia perduto, fra prigionieri e dispersi, ben 17 autieri. Qualche particolare: autovetture e autocarri facevano parte dei due scaglioni, il primo tattico, il secondo logistico, in cui era suddiviso il Comando del XXXV C.A. «CSIR». Fra gli altri, nel primo scaglione, risultò disperso l'autiere che trasportava il capitano di artiglieria Borruto, aiutante di campo, colpito in fronte da una pal-

lottola. Pure disperso l'autiere Carlo Boechi, appena tornato da Parma (dove aveva contratto matrimonio) con la sua Alfa Romeo 2500 con a bordo il generale di Brigata Paolo Perrod, comandante l'artiglieria del C.A., pure disperso. Il secondo scaglione, dopo le operazioni di carico, rese molto difficili dai - 30° ed oltre di temperatura, col solo favore della luna che si rifletteva sui las troni d i ghiaccio dell'accantonamento, a N . Mikailowka-Sciurinowka, alle tre di notte tra il17 e il18 dicembre 1942, iniziava il ripiegamento su Tscedrowka. In testa avanzava l'officina leggera con 2 SPA 38, seguita dai veicoli trainanti alcuni mezzi inefficienti . Dopo una lenta marcia su piste ghiacciate, percorsi 45 chilometri, fu raggiunta Tscedrowka. Da qui il sottotenente Panzera ripartì tornando all'accampamento abbandonato, percorrendo controcorrente la predetta pista con una marcia resa difficile dagli automezzi degli altri reparti in ripiegamento. L'ultimo tratto fu più facile perché vi era il «vuoto», con uno strano silenzio rotto solo dal rombo dei mortai nemici. Nell'accampamento, attorno al quale si sentivano colpi di fucile (forse di partigiani, dal momento che soldati russi non se ne vedevano), il sotto tenente recuperò un nucleo di

Sciurinowka, novembre 1942. Si costruisce la baracca per il ricovero delle auto in riparazione per il prossimo inverno. Nessuno ancora conosce cosa il destino abbia in serbo di li a un mese (foto D. Panzera).

261


CAPITOLO

262

6

quattro autieri al comando del sergente m aggiore Giovanni Bussola ti, che aveva tentato di recuperare due vetture e un autocarro inefficiente, ma che dovette desis tere per l'avvicinarsi del fuo co dei m o rtai, facend o ap pena in tempo a mettersi in salvo. Risultò disperso l'autiere Mascherpa che non volle abbandonare il suo autofrigorifero Bianchi Miles. Un feroce mitragliamento di aerei sovietici s i abbatté sul l'a utocolonna mentre attr aversava l'a bitato d i Tschertkowo, da cui l' unità fece appena in tempo ad uscir fuori mentre i carri sovietici s tavano per completare l'accerchiamento della cittadina. In tale situazione, so tto il tiro dei ca rri, si dovette abbandonare, per improvvisa inefficienza, su un tratto di salita, lo Spa /38 attrezzi che, con quello officina, costituiva l'officina leggera mod. 37 dell ' Autodrappello. Da lì in seguito, per ev itare che qualche co nduttore, preso dal panico, in caso di piccola avaria (magari facilmente eliminabile dai m eccanici), potesse abbandona re l'automezzo in consegna, il sottotenente Panzera preferì correre i l risch io di muovere in coda alla colo nna, anziché in tes ta, nei tratti più critici. Ciò per poters i re nd ere prontamente conto ed intervenire in caso di abbandono di qualche automezzo, caso che tuttavia non ebbe a verificars i. Neppure s i verificò, g razie a pars imoniose economie precedenti, la mancanza di ca rburanti e lubrificanti, i cui fus ti ve nn ero ca rica t i s u due autofri gorife ri, non necessari come tali per ragioni be n intuibili. Altro m emorabile bombardamento aereo s i ve rificò s ulla s tazione ferrovia ria di Gomel, dove erano s tati caric~ti gli automezzi sui carri-piatti ferro viari. Sa rebbe s tato qu ello (200 km da Gomel a Bobruisk) l' unico tra tto non percorso per via ordinaria. A Gomel era s tato appena ultimato il ca rica mento s ui pia na li quando, alle 18 ci rca, apparvero alcuni aerei sov ietici che pre- · sero a sga ncia re bombe. L' immenso fragore si confondeva con qu ell o d ei vicini p ezzi da 88 contraerei ted eschi d ella Flak. Trascorse una mezz'ora, che parve un'eternità, durante la quale alcuni autieri, accostatisi com e in u n abbraccio, ra cco mandavano l'a nima a Dio e prom e tteva no ex-voto. Fo rtun a volle che tutti g li autieri, sia quelli diradatis i s ul piazza le, s ia q uelli che s i erano gettati a l riparo dei pianali, uscissero salvi.

Si era trattato di un bombardamento ben diverso da quello tocca to a llo s tesso Autodra ppel lo in precedenza, n el g iugno d el'42, a Jas inovataja, sed e d el Comando CSIR, dove qualche aereo, che s tranamente faceva la s ua appa rizione di domenica, per pochi minuti, di primo pomeriggio, sganciava due o tre piccole bombe (i vecchi del CSIR dicevano trattarsi di bombe a mano) . Forse i voli aveva no finalità di ricognizione, oppure i Sovietici volevano, con essi, mascherare la potenza della loro forza aerea, quale si sarebbe invece palesata nel successivo inverno. Alcuni autieri meritarono la Croce al V.M. riuscendo, malgrado attacchi di p artigiani, a contrattaccarli unitamente ad ufficiali dello S.M. che erano sulle loro vetture e a raggiungere il reparto nella nuova sed e. Al comandante dell' Autodrappello, sottotenente Dino Panzer a, per il comportamento tenuto, il Comandante del XXXV C.A. «CSIR» tributò un encomio solenne. Le formazioni automobilistiche appa rtenenti al C.A. Alpino erano: il 200° Autoreparto di C.A., il201 o Autoreparto d ella «Cuneense», il 207° d ella «]ulia», il 206° della «Trid entina», la 1121'1 autosezione mis ta della «Vicenza», la 57~ O.M.P. del C.A. Alpino. Il 200° Autoreparto di C.A., già impiegato s ul fronte occidentale, si ri velò unità efficiente, rea ttiva e compatta anche in Russia, dis impegnando s ignificativi servizi per conto della G.U. di appa rtenenza. Fonte delle notizie, l'allora capitano Ra ffa ele Moscato (già vetera no d'Africa) che ricorda i trasporti per rifornire di g rano il C.A. Alpino nella quantità necessaria per tutto l'a rco invernale. Il servizio s i svolse s u itinerari di es tens ione inimma ginabile,, nel breve volgere di quindici g iorni. E sempre il capitano a rico rdare il concorso al trasferim ento della «julia», attuato di notte e con temperature incredibilme nte basse (a nche -40°), da l centro dello schieram ento a lvanowka, s ull' ala d estra. Ma, più ancora di queste prestazioni «istituzionali», giova ricordare il contributo dell'Autorepa rto alla d ifesa di Rossosch. La cittadina, a una trentina di chilo metri dal Don, era sede dello s tesso Comando di C.A . e di numerose forma zioni logis tiche; tra queste, il 200° Auto rep arto. Il g iorno 15, quando g ià fervevano i preparativi per l'abba nd ono della lo-


calità, 23 carri russi, forse nell' intento tiere Arnichaud: egli, affrontata una dud i compiere un colpo di mano ad effetra lo tta contro prepondera nti forze ne- CAMPAGNA to, si s parsero per la città. Sembra che, miche, per disimpegna re l'autocolo nin realtà, il loro uso sia stato tutt'altro na di cu i faceva parte, raggiungeva lo DI RUSSIA che da manuale, tanto che in breve ven- scopo, ma rimaneva disperso nel pronero tutti distrutti. Alla loro elim ina- sieguo d el comba ttimento. zione concorsero anche il Comando d el La ritira ta, sempre second o il rac200° e due s ue autosezioni, a fian co d e- conto d el ca pitano, ebbe, sul 200°, efg li alpini, dei fanti e d ei guastato ri. Dal- fe tti d emolito ri: si salvarono non più di Ia motivazione della ricompensa con- un quarto d egli e ffettivi e no n più di cessa a l ca pitano Mosca to si rileva che venti a uto mezzi. Unico ufficiale s ul' ufficiale, alla testa di un gruppo di au- perstite, lo stesso capitano. Dis persi g li tieri, reagì arditamente all'a ttacco d ei altri tre ufficiali: si trattava d ell'appemezzi corazza ti, concorrendo all 'eli- . na promosso ca pitano Papé di Valdina, minazione delle fanterie trasportate sud el tenente Angelo Bertolo e d el sottogli stessi. Gli autieri, secondo la na rra- tenente Al berto Fumero. zio ne d e l comand a nte, misero fu o ri A Gomel, quando già si cominciava comba ttimento tre carri . ad esultare per lo scampato pericolo, il Ma, a Rossosch, il 200° and ò incon200° s ubì nuove, dolorose perdite da bombardamenti aerei. tro a nche all e prime pesan ti perdite in morti e feriti; perdite che raggiunsero valori elevatissimi nelle s uccessive faL' Autodrnppello d el C.A. Alpino, al si della ritirata. Di essa conosciamo un comando del sotto tenente Giorg io Zecepisod io a ttraverso le motivazio ni d el- chini, si distingueva nella difesa di Ros- Carri armati russi ormai resi la d ecora zione, emblema tica d i molti sosch e più propriamente della sed e del inoffensivi (foto A. S. Chiesa). casi simili, concessa al trentaseienne au- Comando di C.A., «... respingendo», di-

263


CAPITOLO

264

6

ce la motivazione della ricompensa, «duri attacchi di carri armati, non senza causare gravi perdite alle fanterie trasportate sugli stessi». A Rossosch e nelle su e vicinanze erano schierati anche il201 ° e il207°, la 5711 O.M.P. del C.A. Alpino e alcune formazioni d el 7° Autoraggruppamento di -Intendenza, appartenenti al XVIII e al XXX Autogruppo. I documenti disponibili non cons entono di ricostruire nei dettagli g li avvenimenti di quella importante base logistico-opera tiva. Le testimonianze riferiscono tuttavia della combattiva partecipa zione dei re pa rti autieri alla difesa . Da Rossosch, quando ogni possibilità di res is tenza era sva nita, ebbe inizio quel tragico ripiega m ento che vide più che mai accomunati a utieri, alpini e commilitoni di ogni altra s pecialità . Prima di esporre fatti e avvenimenti degli autoreparti 201 o della «Cuneense» e 207° della «Julia», coinvolti nelle dolorose vicende delle divisioni alpine di appartenenza, sembra doveroso menzionare la 57 11 O.M.P., p er il carattere dei su oi autieri, evidenziato in episodi ricostruibili attraverso motivazioni di ricom pense. Da esse emerge che il giorno 15, a Rossosch, anche la 57l1 fu attacca ta da carri. Nel qu adro del previsto ripiega mento del pesante complesso, g li autieri Re m o Bonfante e Giova nni Mion si accingevano ad avviare il motore del proprio autocarro. Trattandos i di un Lancia RO (con avviamento a manovella ) s i può immag inare la diffi coltà dell'operazione, se s i considera soprattutto la tempera tura alla quale essa veniva effettuata . Mentre i du e reiteravano i loro tentativi, venivano fatti segno a precise raffiche di mitrag liatrice. Il Bonfanti e il Mion non esita rono a rispondere con il mosche tto e con le bombe a mano. Nonosta nte l' invito d el comanda nte, tenente Nicoletta Aimone Ronda, a porsi in sa lvo, tentavano un' ulteri o re disperata resiste nza finché cadeva no, il Bonfante colpito a morte, il Mion ferito gravemente. I due venivano decorati, ri s pettivam ente, con la medaglia d 'a rgento alla memoria e con la medagli a di bron zo. Lo stesso comandante- dice la motivazione di una ricompensa che ne il lus tra la qualità- nelle vicende d el ri piegamento mantenne, co n il suo coraggioso comportamento, la calma e

l' ordine nel reparto, sotto l' infuriare di ripetuti bombardamenti. «Si prodigò personalmente, m entre perdurava l'offesa aerea, al salvataggio dei feriti; riuscì a mantenere l'efficienza e la coesione dei suoi uomini sotto l'incalza re delle ava nguardie nemiche; portò in sa lvo l'officina con materiali automobilistici di eccezionale valore». Ciò aveniva nel periodo 17-21 gennaio, nel tragitto tra Nikitowka e Charkow. Tra le G.U. impegnate nella campagna di Russia, le perdite più rilevanti furono quelle della «Cuneense»: 15.650 uomini, di cui 13.470 tra caduti e dispersi, su un totale di 16.500 partiti. Il 201 ° Autoreparto, che ne fece parte e che operò con la G.U. sin dal giugno del'40 sul fronte occidenta le, sembra risp ecchiare, fra le formazioni automobilistiche, questa drammatica priorità n ella scala d el sacrificio. Ristrutturato e rio rdinato completamente dopo la ca mpagna d'Albania prima dell'impiego in Russia, era un'unità effici énte e ordinata, al comando del capitano Andrea Arese. All'atto della partenza contava 9 ufficiali, 15 sottufficiali, 330 militari di truppa. Il parco veicoli era costituito da 12 moto, 2 autofficine, 205 autocarri. Quando, dopo una puntata verso il Mar d'Azov, la «Cuneense» occupò le pos izioni a est di Rossosch, l'Autoreparto si insediò nella ci ttadina distaccando a Ternowka, presso il Comando tattico, una trentina di mezzi. I primi importanti impegni del201 o furono il no to trasferimento d ella «Julia» (in concorso con altri autocarri della G.U. e di Intendenza) e numerosi, rischiosi trasporti di munizioni a favo re delle unità tedesche contigue, nelle dure e cruente giornate di dicembre. Il 15 gennaio, qua ndo Rossosch fu così v io lentem ente attacca ta, anche il 201 ° diede inizio al ripiegamento. Un g ruppo di autieri, armi in pugno, al comando di due a udaci comandanti di sq uadra, s i prodigarono generosamente per arginare l' improvvisa irruzione avversaria. I due sottufficiali, sergenti maggiori Giuseppe Bastonero e Giovanni Bigliard o, in una successiva azione (forse a N icolajewka, forse a Waluiki), si sa rebbero immolati nella steppa: entrambi decorati. Nella stessa campagna cadeva anche il se rgente magg iore Giovanni Bastonero, fratello di Giuseppe, meritando la medag lia di bronzo a l valor militare.


Il ripiegamento da Rossosch avvenne per scaglioni successivi. Una prima unità di marcia, composta da una sessantina di mezzi con circa 100 autieri, al comando dei sottotenenti Piero Pesce e Giovanni Panizzi, venne indiri zzata dal Comando di C.A. su un itinerario che sembrava potesse consentirle l'uscita dalla sacca. Dell'intera colonna si perse ogni notizia. Sembra che un solo autiere, benché già catturato, sia sfuggito alla prigionia. Altri trenta automezzi con centinaia di uomini, al comando dello s tesso capitano Arese, presero la via di Podgornoje. Una decina di essi, tra cui alcune ambulanze cariche di feriti, riuscirono a raggiungere Postojali. Fu, questa, la meta più occidentale raggiunta dai veicoli; poco dopo la situazione avrebbe imposto l'abbandono dei mezzi e la decisione di darli alle fiamme. Furono determinazioni sofferte. Ne sono testimonianza le motivazioni delle decorazioni concesse al sergente Oreste Berta, al sergente Mario Fassio, al sergente maggiore Giuseppe Monce. Esse indicano infatti il travaglio fisico e morale di questi sottufficiali, tesi fino allo stremo a sa lvare i mezzi loro affidati: autentici «comandanti» di unità elementari che si sarebbero distinti anche

in azioni successive, sino ad immolarsi il giorno 26 sulla neve della steppa: tutti vennero decorati. Si intuisce, pertanto, come il ripiegamento del 201 o non sia stato soltanto una lotta contro le pur eccezionali avversità ambientali . Si trattò di lottare anche contro un nemico imbaldanzito, agguerrito, preponderante. Nel corso dei continui assalti si distinse il capitano Paolo Novaro il quale, benché menomato per un principio di congelamenJ o a un piede, si era posto alla testa di un gruppo di superstiti. Tra questi viene ricordato l'autiere S. Rossi il quale nel tentativo di difendere l'autocolonna da forze nemiche, aveva lotta to con audaci assalti alla bomba a mano fin o a quando, sommerso, era scomparso nella mischia. Era il 27 gennaio: l'ufficiale e l'autiere furono accom unati dall'onore delle decorazioni ricevute. A tutti fu di esempio il capitano Arese il quale «alla testa dei suoi autieri, respingeva i ripetuti attacchi di elementi avversari che tentavano di tagliarlo fuori dalla colonna riuscendo, infine, con valore e tenacia, a portare in salvo i superstiti>> (dalla motivazione della decorazione concessagli). Questi supers titi, secondo una dichiarazione dello

CAMPAGNA DI RUSSIA

Per riportare in Patria la "Ju/ia» bastarono 3 treni, contro i 55 della partenza. Bobruisk, 31 marzo 1943. La tradotta, carica di soldati, è pronta a muovere (foto D. Panzera).


CAPITOLO

6

stesso capitano, furono ben pochi: il 201 o perse infatti 2 ufficiali, 9 sottufficiali e 250 autieri. Un labaro dell'autoreparto è nella cappella di San Maurizio di Cervasca (CN), dove è il sacrario simbolico ai caduti della «Cuneense». Il 206° Autoreparto della «Tridentina>) era comandato dal capitano Armando Spadola, al quale fu concessa la medaglia d'argento con una motivazione che esprime in termini inequivocabi li la misura del va lore del comandante e di tutti gli autieri. I fatti in essa configurati si ricollegano agli episodi di Nicolajewka, ove il 26 gennaio fu combattuta l'ultima grande battaglia della «Sacca». Il successo, raggiunto con la forza della disperazione, alimentò la certezza del rientro dalle linee nemiche. A Nicolajewka il peso maggiore fu sostenuto dalla <<Tridentina ». Il testo

Posi zione delle Division i del C. d'A. A Inno pri ma dello spostamenlo della «Julla ».

266

della motivazione della medaglia concessa al capitano Spadola recita così: «Accorreva di propria iniziativa, col suo reparto, in sostegno di due battaglioni alpini fortemen te impegnati e, richiamando su di sé la reazione nemica, ne agevolava l'azione di contrassalto. Esaurite le munizioni, alla testa dei suoi uomini, durante circa un'ora di cruenti e disperati corpo a corpo, a bombe a mano e all'arma bianca, concorreva validamente a travolgere il nemico che si dava a disordinata fuga, abbandonando sul terreno a rmi e munizioni». Anche il sottotenente Lionello Ferluca non gli era stato da meno giacché, per quanto ferito in una precedente azione, aveva assunto volontariamente il comando di un reparto di formazione e lo aveva guida to all'assalto contribuendo- dice la motivazione della medaglia di bronzo concessagli- alla buona riuscita di quell'azione che aprì la porta della libertà a tutta la colonna del C.A. Alpino. Il ripiegamento della «Julia», già dissanguata da un mese di duri combattimenti sostenuti con la ferma determinazione, tutta alpina e friulana, di non cedere terreno, merita un posto nella leggenda. Per riportare in Patria i superstiti della Divisione, bastarono tre treni merci contro i cinquantacinque della partenza . 1120r Autoreparto, che rappresentc va gli autieri nell'ambito della Divisic ne, non so ltanto fu all'altezza del prestigio della G.U., m a contribuì palesemente con il valore e il sacrificio dei suoi uomini al consolid arsi di così leggendarie e durevoli tradizioni. Secondo valutazioni non ufficiali, le perdite di pe rsonale, tra morti, feriti, congelati e rimpa triati per malattia contratta in servizio, raggiunsero 1'80%. La quasi totalità dei mezzi andò perduta. La sua storia non è molto diversa da quelle dell e formazioni automobilistiche più provate ed impegnate. Rientrato infatti in patria (senza au tomezzi) dalla campagna di Grecia nell'aprile del '42, il 207° venne ricostituito a Udine. Lo comandava, da circa tre anni, il capitano Agostino Sordi, già reduce dall' Africa Orientale. Il 6 agosto d el 1942, il 207° veniva avviato in Ru ss ia per ferrovia. Raggiunta Isium, dopo un viaggio di 19 giorni, proseguiva per Rowenk i, p er stabilirsi poi a lvanowka di Rossosch . II primo s ig nificativo impegno fu il


trasporto dei gruppi di intervento chiamati a tamponare le falle prodottesi negli sch ieramenti delle Divisioni «Ravenna », «Cosseria» e «Ungherese». L'ostilità dell'ambiente naturale non tardava a mettere alla prova l'addestramento e il carattere degli autieri, che si rivelarono all'altezza dei commilitoni alpini n el percorrere le piste fangose, ben presto trasformate in torm entati tratturi di ghiaccio. «Nessun monoblocco incrinato! » fu la compiaciuta esclamazione del capitano Sordi, quando ricordò l'avvenimento. Allorché la situazione su Kalitwa richiese un più aderente sostegno lo gistico, all'immediato ridosso d ei reparti ivi impegnati, venne dis taccata un'autosezione di OM Ursus, rinforza ti da Spa L 39 e da autoambulanze, al comando del tenente Tino Ballati, ufficiale di spiccate qualità che, anche per l'esemplare comportamento nella vicenda del ripiegamento, meritò la medaglia d'argento al v.m. Il ripiegamento del207° ebbe inizio il16 gennaio. Alle 0.30 il capitano Sordi ricevette l'ordine di inviare gli automezzi a caricare i nuclei ospedalieri e le sezioni di sussistenza e di muovere, quindi, verso ovest, seguendo l' itinerario Ivanowka, Rossosch, Olichowatka, Mariewka, Nikitowka. A questo punto l'Autoreparto si frazionò in due aliquote. _ La prima, al comando del capitano, riuscì a trafilare attraverso le maglie delle formazioni nemiche intente a occupare Rossosch; riuscì addirittura a raggiungere la stessa Olichowatka e quindi Mariewka dove, verso mezzogiorno, gi unse l' ordine di sostare. Alle quattro di pomeriggio venne però disp·o sta la ripresa del movimento. La co'Ionna ripiegante, il cui comando sembra fosse affidato al colonnello Marchesi, sottocapo di Stato Maggiore del C.A. Alpino, era di alcune centinaia di au tomezzi. Invano fu tentata l'apertura di un varco: i carri armati russi, presenti in numero sempre più consistente, sbarravano ormai l'unica pista praticabile. Venne allora impartito l'ordine di deviare in direzione nord-ovest, sulle orme di un semovente tedesco; ma, dopo poche centinaia di metri, la neve precluse ogni movimento. Intuita la crisi, i Russi mossero all'attacco, con formazioni regolari e di partigiani. Ai conduttori non rimase altra soluzione che distruggere i mezzi e contrattac-

ca re. Nei combattimenti ingaggiati, anche con l'uso di bombe a mano, si distingueva, per le sue qualità di coraggio e di trascinatore, il tenente Arrigo Simonetti che, al comando di una compagnia di formazione, riusciva ad aprire un varco alle truppe ormai appiedate. Superato lo sbarramento («era notte, e tutto era in fiamme», narra il capitano Sordi), i s upers titi del 207° furono raccolti e inclusi, con alcuni elementi della «}ulia» e del C.A. Alpino, in quella co lonna che riuscì, pur con gravissime perdite e inenarrabi li sofferenze, a raggiungere prima Waluiki e infine Charkow. La seconda aliquota, per sfuggire.all'accerchiamento, prese la via di Podgornoje e di Postojali; ma il17 gennaio, al bivio di quest'ultima località, dove si trovarono ammassa ti molti altri automezzi, fu investita dal tiro di carri ar-

CAMPAGNA DI RUSSIA

Situazione dopo lo spostamento della <<Julla», sostituita e sua volta dalla vicinissima <<Vicenza•) ..

267


CAPITOLO

268

6

m a ti russi, s opraggiunti a sba rrare la v ia del ripiegamento . Fu in ques ta circostanza che l'au tiere Fa bio d e La zzer, co ndutto re di un Fiat 626 a disposizione d el 628° O.C., non esitò ad attaccare con bombe a mano un carro armato immobili zzato. Quindi, posto al riparo il suo automezzo rip~ tutame nte colpito, si prodigava nella raccolta di alcuni feriti, riuscendo a trarli in sa lvo. Per l' atto di valore, che info nd eva nu ovo co raggio e ri accend eva la fi ducia negli autieri presenti, il De Lazzer m eritava la med aglia d ' argento a l V.M. Altro ve, tra scinati dal tenente Michele Di Muro- che, benché colpito da congelam ento ai piedi aveva rifiutato il ricovero in ospedale- gli autieri riusciva no a s uperare Io sbarram ento . Nell'azio ne, l'a utiere Cosimo Gerardi riuscì a ca tturare alcuni nemici, tra cui un ufficia le. Alcuni g io rni dopo, i s uperstiti del 207° s i riuni vano a Cha rko w da d ove, con autotTiezzi a ppartenenti ad enti vari, mossero incontro ai rep arti in ripi egam ento per rifornirli di viveri e medicinali e p er s gomberare, con quanta pitt so lleci tudine possibile, i num eros issimi feriti e i soldati colpiti d a congelam ento. Particolare attività venne svolta da un'a utoco lo nna s anita ria. Il s u o comando venne assunto volontaria mente d a ll 'a ll or a s otto ten ente Gio rg io Gu yon, sebbe ne l' ufficiale versasse in non bu o ne co ndizioni fi s iche. Ques ti, ch e s i era g ià di s tinto p er coraggio a Rossosch ed a Postojali, s i s pingeva d' iniziativa incontro a lle truppe ripiega nti fin o ai nu clei più isolati, no n d i rad o sotto il fu oco nemico, riuscendo a sottra rre a s icura ca ttura i n u merosi feriti e cp ngela ti red u ci d ella ba ttaglia d i N iko la iewka . Per tali gesta e per le s ue qu alità militari ed uma ne, veniva più volte d ecorato . L'autoreparto subì un ulteriore bombard a m ento a Gomel e, ne i press i di Uwa rowici, a ttacchi di formazio ni partig ia ne. Qui e bbe termine la sua sfortunata m a eroica a ttività in Russiél . Rossosch, Ma riewka, Postoja li, Zerenkow, N icola iewka, Achtyrka, Rogorio, sono le ta ppe d el lungo ca lva rio segnato d a tante g iovani v ite perdute. Le 40 ricompe nse concesse possono essere cons id era te soltanto la punta em ergente di un iceberg. Mentre questi eventi particolél rmente drammatici coinvo lgeva no gli a utore-

parti avanzati, altre form azioni d el Corpo Auto mobilis tico venivano ch iamate ad assolvere, in zone m eno esp oste ma pur sempre soggette all' offesa avversa ria, co mpiti qu a nto mai impegnativi. Erano r ep arti che s i trovavano ad operare in una s itua zione dinamica, dispersiva e confusa, che precluse la costituzione di masse di manovra . Tuttav ia, g razie allo s pirito di iniziativa d ei coma ndanti, i re parti in molti casi riuscirono ad aderire con immediatezza alle mutevoli s ituazioni locali, non altrim enti fro nteggiabili p er le enormi dis ta nze e l' impossibilità d ei collegam enti. Nell'arretram ento del fronte, toccélrono proprio ai re parti autieri i compiti più g ra vosi, d ens i di ris chi e di res p on sabilità: sgomberare s otto l' urgenza d ella p ressione avversaria ingenti quantitativi d i materiali su dis tanze imm ense e in un a mb iente ancora s tretto dalla m orsa d el gelo; trasp ortare in centri sanitari di retrovia migliaia e migliaia di feriti e di congelati, ria ccenden do in quei cuori la s peranza nella guarigione e nel ritorno in p atri a; dar cors o a urgenti trasp orti di truppe connessi con la manovra di ri p iegamento o con la ricos tituzion e d i repa rti. In tutto q uesto turbinar e di em ergenze, inoltre, non venne m ai meno l'a tti v ità di ri fo rn im ento a lle unità ita li an e e tedesc he, s pinta fin sull e p rime linee.

Organi di supporto Per qua nto attiene a lcuni organi di s upporto, m a nca no d a ti illus tra ti vi e precisi che ci consentano di ricostru irne comp letamente la vita, l'evoluzione, la dislocazione, il funzio namen to. Dall'orga nig ra mma dell' A RMIR, tuttavia, s i ricava l' impressione che si sia trattato di un ins iem e di form azioni di peso tutt'altro che irrilevante. Esso infatti co mprend eva: -du e p a rchi a uto m o bili s ti ci d 'arm ata (il 6° e il 7°); - le o ffici ne civil i Fiat e La ncia; - s ei officine mobili pesa nti; - le officin e m o bili d i corpo d'armata; - numerose offici ne leggere. Chiaramente, i pilastri d el ser vizio motorizzazio ne d ell' ARMIR (allora s i chiamava Servizio Auto mobi lis tico) fu rono il 6° e il 7° Parco d ' Armata: erano compless i impo nenti , organizza ti per materia e com p rendenti la boratori, ma-


gazzini di parti di ricambio, parchi veicoli, depositi carburanti e officine leggere, va riamente dislocati e assortiti. Il 6° Parco, retto dal colonnello Federico Buonincontro - ufficiale di spicco che aveva ricoperto importa nti incarich i specia lmente in Africa - mosse da C hiva sso 1'8 giugno d el '42. La prima frazione del viaggio, fino a Troppau, venne compiuta per ferrovia. Da qui, attraverso la Cecoslovacchia, la Polonia e l'Ucraina, giunse il 1o luglio a Nowo Gorlowka .

ampio (350 km) e con i pochi mezzi disponibili, venne deciso di costituire una base intermed ia a Grischino. Gravi le difficoltà che dovette affrontare il Parco per reperire, in Dnjepropetrowsk, i loca li necessari per il personale e i m ezzi di rinforzo, automobilistici e ferroviari, per acce lerare lo sgombero. Il6 febbraio l'ultima colonna lasciava Nowo Gorlowka e raggiungeva direttamente Dnjepropetrowsk. Contemporaneamente da Grischino

Quindici giorni di duro lavoro resero agibile la diroccata fabbrica di esplos ivi in cui fu insediato il complesso Iogis tico, dopodiché ebbe inizio l' afflusso dei mezzi da sottoporre a lavorazione. Nello stesso luogo, il Parco provvide anche a decentrare alcuni distaccamenti a ridosso delle truppe operanti. La sua attività si protrasse fino al20 gennaio 1943, data in cui, sotto l'incalzare dei noti eventi operativi, ne venne disposto l'arretramento a Dnjepropetrowsk. Nel timore di non poter effettuare tempestivamente lo sgombero della pesante infrastruttura su un tratto così

venivano spediti in retrovia i materia li ivi accantonati. Fino al 10 febbraio, Io sgombero di Grischino proseguì normalmente. «Né i frequenti bombardamenti aerei - scrisse nella propria relazione il col. Buonincontro- né il freddo, rallent.a rono il ritmo del lavoro. Si caricava anche di notte mentre a Dnjepropetrowsk, con pari alacrità, g li stessi automezzi venivano scaricati e rinviati a Grischino». Fu proprio in quest'ultima località che nella mattinata dell'll febbraio un attacco di carri e di artiglierie provocò la perdita di tre Fiat 666 e il ferimento dei rispetti vi conduttori.

CAMPAGNA DI RUSSIA

Una pattuglia della milizia della strada intenta a dirigere il traffico al bivio di Gorlowka (foto SME • Ufficio Storico).

269


CAPITOLO

6

Dopo alcuni giorni trascorsi a Dnjepropetrows k a riordinare il materiale, arrivò l'ordine di un ulteriore arretra mento del Parco nella zona di Leopoli. Il 21 sera partì un con voglio di 43 carri chius i ed 8 pianali (con 200 uomini).

In marcia fra la neve alta di una rada abetaia {foto Museo Storico).

Il24 fu la volta di un'autocolonna di 61 automezzi: Usawka, Nowoukrainka, Gaissin, Leticev, Tarnopol, Rawa Ruska furono le tappe di un viaggio di 1.120 km. che s i concluse 1'8 marzo. Dalla stessa relazione del colonnell o Buonincontro, risulta che tutto il Parco venne posto in salvo, compresi gli autoguasti di Nowo Gorlowka, mentre le officine spiegate a Grischino e a Pawlog rad provvedevano anche all'assistenza di formaz ioni in trans ito. Nelle operazioni di ripiegam ento i veicoli utilizza ti (circa una trentina) avre bbero cornpiuto 616 cicli/viaggio, per un totale di oltre 151.000 chi lometri. Il rientro in pa tria del parco, nel giugno '43, richiese 222 vagoni, compres i 81 pianali. Del 7° Parco abbiamo già visto attività e vicend e fino all 'ottobre del1942.

In qu esto mese venne trasferito a Worosc hilowgrad, con distaccamenti avanza ti - officine leggere e d epositi carbura nti e lubrifica nti- a Millerowo ed a Kantemirowka. Pur nelle difficoltà connesse con gli eventi bellici - bombardamenti aerei, mitraglia menti, azion i di guerriglia partigiana - il Parco ebbe una parte di rilievo nell'assicurare l' efficie nza dei mezzi dell' ARMIR. Quando, ai primi di febbraio d el'43, le truppe russe s tavano per attestarsi sul Done tz, giunse l'ordine di ripiegamento. Il m ovimento fu completato in soli cinque gio rni, con un balzo di 500 chilometri fino a Dnje prope trowsk. Le colonne mossero s u pis te g hiacciate di g iorno e di no tte, senza c he si potesse assicurare n e mmeno il regolare rifo rnimento di v iveri agli u omini. Furono trasporta te, oltre alle a ttrezzature di officina,4000 tonnellate circa di parti di rica mbio, materiale vario, cop erture ed _a utoguasti. Con uno sforzo titanico il PMco riu-


1

scì a recuperare anche molto materiale abbandonato da reparti in ritirata, nonostante l'azione di disturbo d ell'aviazione sovietica. Anche il 7° Parco, come il6°, veniva quindi avvia to nella zona di Leopoli da dove, nell'aprile del'43, iniziava il rientro in Patria, che s i sa rebbe concluso a Casarsa d ella Delizia, la s tessa località che lo aveva visto nascere.

Per quanto concerne il servizio d elle riparazioni nel periodo dicembre '42marzo '43, l'unico documento statis tico pervenutoci è costituito da una tabella che sintetizza l'attività d egli orga ni principali. Si trattò, a giudizio dell'intendente, di un 'a ttività non molto inten sa, ma il fatto non d esterà m eraviglia, ove s i consid eri che gran parte del tempo e d elle en erg ie venne impi ega ta nell e operaPer quanto riguarda l'attività, la dizioni del ripiega m ento. s locazione, le vicend e e la sorte d ell e · Le s tesse rag ion i determinarono i officine mobili pesanti poco è dato di bassi livelli d i produzione d ell e officine Fiat e, soprattutto, Lancia. Risulta conoscere. Si sa che la 51'! perse tutti i n'la teriainfatti che intorn o al 25 gennaio era no li, mentre la 4711 ne perse una parte. in corso preparativi per il ripiegamenIl g iova ne sottotenente Massimiliato e che s pedizion i per ferrovia da ~ta­ no Grenzi, effettivo a quest'ultima, s i lino a Leopoli avvennero nella terza dedistinse nella difesa di Millerowo parcade di febbra io. tecipandovi volontariamente in qualità Circa il ser vizio ri fo rnimento p arti di comandan te di plotone mitraglieri, di ricambio manca no documenti atti a e guadagnand osi la medaglia di brontes timo niare il g rado d'organizzaziozo a l Y.M. ne, la rispondenza, la tempestività. Un'unica tabella pervenuta indica per blocchi di voci l'entità dei materiaSu ll'efficienza e s ull a rispond enza di tutta l'organizzazione logis tica a u li distribuiti, ma no n vi s i deduce d a tomobilistica i giudizi, ancora oggi, so- quali richieste il rifornimento s ia sta to no contrastan ti. origina to, né a favore di quali enti e reI giud izi più negativ i vanno tuttaparti, né da parte di quali m agazzini. via, concordi, verso il ser vizio ri fo rniEm erge peraltro da documento atmenti carburanti e lubrificanti. Fu, quetendibile come s i siano incontrate notesto, un vero e proprio elem ento di voli difficoltà per la riparazione dei mezpreoccupazione che condizionò tutta la zi di produzione germa nica (Borgward campagna, s p ecialmen te nell a fase di ed Opel Blitz), esclusivamente per la cari piegamento. _ renza dei rica mbi . Le asserzioni dello stesso intend e nU na branca che determinò impegni te non lascia rono dubbi in proposito: «... nel mese di dicembre e di genna io, proporzionali alle eccezionali difficoltà i movimenti operativi e logis tici delle ambientali e d ella circolazione fu quelG.U. fu rono forteme nte ostacolati per la del soccorso s trada le e, di consela deficienza di ca rburanti ... mentre a guenza, dei recuperi. nulla va lsero le p roposte verso le autoDa un organigramma dell' ARMIR se mbra che a tale servizio s iano s tati rità tedesche ... Le G.U., durante il ripiegamento, adibiti tre reparti (8 °, 9° e 10° Reparto hanno dovuto abbandonare gran parte Soccorso Stradale) ma solo 1'8° ha lasciato degli automezzi ... le s tesse elevatissinotizie esaurienti. me perdite delle artigl ierie (qu asi tutte Della su a intensa attività, della poa traino meccanico, meno le 24 batterie chezza quantitativa e qualitativa dei alpine e le 6 a cavallo), vengono ascrit- m ezz i in dotazio n e, dell e ini z ia tive te alla stessa causa ... ad otta te nei primi mesi di campagna è Durante il mese di gennaio - contis tato già fatto qualche cenno. nua l'Intendente- si è utilizza to petroSorvolando peraltro s ull'intenso a lio acquistato direttamente in Romania talvolta risolutivo lavoro compiu~o fiper formare miscele per i motori Diesel. no all' autunno d el '42, che soltanto criEd anche durante la marcia di trateri di relatività ci consentono di defisferimento d al Donetz alla zo na di nire «di ro utine», vedia mo il reparto, Nejhin le nostre autocolonne, che avreb- alle soglie di un secondo inverno, p ronbero dovuto essere rifornite dalle auto a dare il m egl io di se stesso, espritorità tedesche in seguito ad esplicite mendo tutta l'esperienza acquisita nelpromesse, furono costrette invece a sola lunga permanenza s u quel fronte. stare parecchi g iorni per la manca nza Chiaramente, soltanto personale di di ca rburante» . matura esperienza e di non comune sen-

CAMPAGNA DI RUSSIA

271


CAPITOLO

6

so d el d overe avrebbe po tuto espletare gli 806 servizi di soccorso condotti feliceme nte a termine n el mese di dicembre. Il peggioramento d elle condizio ni ambientali e clima tiche cond izionava gli interventi, esponendo a rischi cos tanti il p ersonale, mettendone a dura prova la possibilità operativa e sp esso la s tessa sopravvivenza. · Dal1 7 al 21 gennaio il reparto, con tre nuclei, s i raccolse nella zona d i Merefa (Charkow). Queste formazioni elementari, che fin ora aveva no o pera to isolatamen te, r ipiegarono in coda alle ultime autocolonne di Intendenza, soccorrendo mezzi e rastrella ndo materiali lungo itinerari d ell'ordine di 400 km! Per il s ingolare atipico servizio viene ricord ato il 3° nucleo che, sebbene disponesse di d ue soli a utomezzi- ed uno dei du e era attrezzato a carro soccorso - tras portò d a Starobels k a Charkow 35 feriti e con gela ti, chiud e nd o la colo nna che aveva lascia to quella base la notte s ul 20 gennaio. A Charkow, tra il 28 ed il 31 genna io, giungeva anche il persona le d el dra ppello soccorso s tradale proveniente d a Os trogosk, sgombera ta il15 dello s tesso mese. I suoi sottuffi ciali, già a Waluiki, era-

n o s tati avvia ti in osp ed ale con congelamento di 1o e 2° grado. Uno d ei due, il serg . magg. Roma no Gualla, accettava il ricovero soltanto dopo aver fo rnito al comandante del reparto am p ia relazione su quanto era accaduto al p ersona le e ai materiali. Successivamente, tra la fine di gennaio e la p rima d ecade di febbraio, il repa rto s i spostava a Nejhin distante 500 km e da lì, alla fin e d el mese, s i portava a Gomel, 200 km lontano. Al primo nucleo, accodato alla colonna d ell' Intend en za destina ta a lasciare per ultima Charkow, fu a ffida to il rastrella mento dell' itinerario, concluso il 4 marzo. Nel frattempo, nella zona di Rikowo, il 2° nu cleo espletava u na intensa attività di soccorso a favore delle molte centinaia di automezzi ripieganti lungo l' itinerario meridionale (dalle 6 d el 24 alle 4 d el 25 gennaio rimorchiava e soccorreva ben 407 veicoli). Q u este le cifre che esprimono in estrema sintesi l'a rduo ed impegnativo lavoro dell:8o Rep. S.S. in 17 mesi d i perma n en za in Russ ia: 3 .266 recupe ri, 295.336 chilometri percorsi, 2 cad uti, 7 congelati, 24 am malati per servizio, 2 automezzi p erduti per eventi bellici, 6 au tomezzi fu ori uso.

IL RIENTRO

272

Il 31 marzo, a rappresentare l' Itali a esis tenti prima d el crollo d el fro nte. in Ru ssia rimase il II C.A., ricostruito Nella seconda quindicina d el mese, con i resti dell'811 Armata. con cadenza di 3-5 treni a l gio rno, tu tL' Intend enza del II C.A. poteva conto il pa rco macchine rientrava in Pa tria. ta re, p er il settore au tomobilis tico, su: L'ultimo con voglio, col persona le del-Direzio ne Automobi lis tica; la Direzione Trasp orti e il Quartier Ge- 6° Parco Automobilis tico; nerale d ell'Intend enza, partì d a Go mel - 4711 e 6011 Officina Mobile Pesa nte. il 30 maggio. Si ha no tiz ia t u t ta via, da u n a me'Per il setto re trasporti dis poneva d i: mo ri a del sotto tenente Rena to Fu oco, - Direzione Trasporti; - 10° Autoraggruppa mento (che con- che il 350° Autorepa rto era ancora operante in Ucraina nel lu glio d el '43. Il reservava la s ua formazione, e in più vep arto, d o po 1'8 se ttem b re, p o té ragniva incrementato con il 9° Reparto Soccorso Strad ale e 1 auto reparto misto); . g iu ngere a l com p leto Bucarest so ltan- 2611 Compag n ia Movimento Strato dopo molte peripezie e d opo lunghe da le; tra tta tive con i Rumen i. - 10° Repa rto Soccorso Strad ale; In seguito, versa ti i mezzi al gover- 8il Sez ion e Ma rco nis ti p er co mno loca le che ne rese conto a quello itamissa riato strad ale; liano dopo l'a rmistiz io, tutti g li uomi- 8 11 Cen tu ria Milizia della Strada. ni dell'autorepa rto, per ma ntenere fePer i recuper i: d e a l governo costituz ionale, preferi-Direzio ne Recu peri : rono s u bire l' interna mento nel ca mpo - 4 01 Co mpagnia Recupcri. di concentramento di Oesti-Arges piutG li a u to mezz i a ncora dis p o n ib ili , tosto che aderire alla R.S.I. L'intera campagna provocò a l Corpo Automobi lid o p o lo s facelo della r itirata, assommavano a 8.000 circa, contro i 22 m ila s tico perd ite p esa ntissime.


Nell'a mbito d ell'Si! Arma ta, vennero perduti 9.818 a utomezzi s u 15.750 e 4.243 mo tocicli s u 4.851. Li evemente miglio re la s itu azion e dell' Intendenza presso la quale, alla d ata d el 15 dicembre d el 1942, s i contava no presenti 4.329 automezzi e 880 motocicli. Dei primi, 1321 rimasero sul s uolo russo; d ei secondi, 440. Le parole del tenente colonnello Angelo Rampa, diretto re d ella Direzione Au to m obili s tica di Intend e nza d ell' ARMIR, con le quali egli concl ude la sua relazione all' Is pettorato del Corpo Autom obilistico, ill 0 m arzo 1943, sono il mes to epitaffio d ella sventura ta spedi zione italiana in Russia . Al di là d egli accenti di retori ca, resta intatta l' angos cia p er tanto dolore e l'assi Ilo d i tanti inutili «perché?» «Mo lti ca merati assenti, s igno r Generale, molto sangu e versato, molto materia le fracassa to o p erduto: rima ne in tutti la fed e inta tta, pura, immacolata, come la neve d ella s tep pa che ha vis to il sacrificio d ei nos tri autieri, incrollabile, com e la roccia d ei nos tri mo nti ». Bobruisk, marzo 1943. La campagna di Russia è ormai perduta. Ci si prepara per il rimpatrio (foto O. Panzera).

2 aprile 1943. Sulla via del ritorno, la tradotta effettua una sosta presso una stazione austriaca. L'Italia è più vicina (foto D. Panzera).

273


ASCOlTANDO

CHI C'ERA

274

Riprendiamo il racconto, interrotto sul finire del 4 ° capitolo, di Gaudenzio DE MINICIS, che avevamo lasciato al momento in cui, dopo l'affondamento del «Conte Rosso», viene ripescato do una nove di salvatagg io.

«Dopo alcuni giorni di ospedale, cui seguì una breve convalescenza, eccomi di nuovo al 9 ° di Bari. Solo pochi giorni perché, allo fine di luglio, venni assegnato al 190° Autoreparto, di stanza o Giovinazzo, dove mi venne affidato un autocarro Bianchi Mi/es. Nuova destinazione: Russia, al seguito del CSIR. Mentre tutto il reparto venivo ovviato in zona di operazioni, lo nostro ·sezione, lo 24!1, comandata dal tenente Renzo Paracciani, veniva trattenuto qualche mese o Vienno, per il trasporto delle truppe dallo stazione centrale o quello di smistamento. Termi nota l'esigenza, si prese anche noi lo via per lo Russia, con gli stessi automezzi. Il tragitto fu infromezzoto do numerose soste, durante le quali effettuavamo servizi o favore oro di questo, ora di quel reparto. Un giorno di ottobre, o Leopoli, venni inviato, assieme al collego, caporale Santorso/o, od effettuare un trasporto di viveri presso un Comando Tappo . Giunti nello località di destinazione, di questo Comando non v'ero traccio, e nessuno seppe indicorci dove fosse. Mentre stavamo ancoro chiedendo, si avvicinò un italiano che, con orio cospiratrice, ci fece: «V' interesso vendere lo roba che avete a bordo?» Mi volsi verso il mio compagno: «Santorsolo ... il capo sei tu!» Questi, dopo un ottimo di riflessione: «Beh, se questo Comando non c'è, e se c'è do guadagnare qualcosa .. . » Il misterioso individuo ci guidò verso un capannone isolato. In un quarto d'ora, l'intero corico ero sparito, e noi avevamo in tasca la sommo pattuita. Quando, poco tempo dopo, presentammo le banconote al combio, l' impiegato cominciò o selezionar/e: «Questo non è buono, questo nemmeno ... ». A farlo breve, quel cc/adro» ci aveva pagato in «zloti», mentre lo solo moneta valido ero il marco di occupazione. Ero già inoltrato, l'autunno del '41, quando raggiungemmo il reparto a Dnjepropetrowsk. Qui svernammo, trascorrendo il tempo nell'espletamento di servizi o favore dei vari Comandi della zona. Santorso/o ed io eravamo alloggiati presso due famiglie russe, con gli automezzi parcheggiati o ridosso delle loro isbe. Bravissimo gente, i Russi, con un 'altissimo senso dell'ospitalità . Ci eravamo fatti entrambi lo fidanzato ; lo mio, si chiamava Liuba. Ero lei che, ogni mattino, si recavo

al mio Comando o ritirare il mio foglio di marcia, o lo posta . Questa ragaz za mi avrebbe poi seguito, compagno fedele, in tutti i miei spostomenti successivi. l Russi ci avevano in simpatia. Non potevano invece soffrire i Tedesch i e, tra g li Italiani, quelli che essi chiamavano «Kurki>> {polli, per via delle penne), cioè i Bersaglieri, e le «Rubonske Ciorne» (Camicie Nere) . l nostri servizi erano o favore delle varie divisioni, o secondo delle necessitò. Le strade erano tutte in terra battuta, eccetto un trotto di BO chilometri tra Stalino e Nowo Gorlowka. Il periodo migliore per viaggiare ero senza dubbio l'inverno. Con lo neve gelato, le piste divenivano delle vere autostrade, agevolmente percorribili con le catene perennemente montate. Il periodo più critico ero invece moggio-giugno, dopo il disgelo. Sul fango le catene non avevano alcuno efficacia, ma noi avevamo delle coperture adatte alle necessitò. Le maggiori difficoltà erano per i primi due o tre mezzi, che erano costretti o tracciare il solco offon· dando nel fango. Quelli che seguivano, altro do fare non avevano che ricalcare le loro impronte. Con le piogge, ci trovammo più volte costretti o tagliare dei cespugli e metter/i sotto le ruote per ritrovare aderenza. Tra i pericoli dai quali dovevamo guardarci, c'ero quello rappresentato dai partigiani, nascosti nei boschi. A volte si scorgevano i loro rozzi levarsi in cielo a segnalare lo nostro presenza. Sempre in cielo, ero ormai divenuto familiare per noi lo comparsa di un aereo russo che venivo o spiare i nostri movimenti: per il suo caratteristico rumore, l'avevamo sopronnominoto «lo motocicletta>> . A primavera, eravamo o Nowo Gorlowko, a trasportare il Quortier Generale dello <<Pasubio» sul Don, dopodiché, tornati indietro di BO chilometri, ci stabilimmo o Bogucior. In agosto, eravamo o disposizione dello «Torino». In ottobre-novembre, effettuammo il trasferimento della Legione Croata su Stalingrado. Notte del 17 dicembre . Erano circo le 23 quando venni destato da alcuni colpi olIo porta, seguiti dallo voce del sergente: «De Minicis, metti in moto, che c'è do andar via l>> Uscii. Il termometro segnavo -3B 0 / Avviai il mio Bianchi Mi/es. Giunse Santorso· lo il quale: «De Minicis - ordinò - appena pronto, voi davanti allo fureria; corichiamo e ce ne andiamo!>> Mi recai davanti allo fureria, ma l'ordine era già cambiato: c 'ero da andare verso il fronte, a coricare la 63 g Sezione di So-


nitò. Mi ovviai. Dopo 5 chilometri, uno sentinella delle Camicie Nere mi bloccò: «Fermo, ho l'ordine di non far passare gli autocarri alti!» (l'altezza, ero do mettere in relazione allo maggior esposizione offerto ai tiri del nemico}. «lo invece ho quest'altro ordine- replicai- e devo andare avanti!>> Mi lasciò passare. Dopo 30 chilometri, avevo raggiunto lo Sezione. l tempi stringevano, i Russi avevano attraversato il Don, passando con i corri armati (!) sopra lo superficie ghiacciato del fiume. Mentre ero in atteso che fosse completato il caricamento (com 'è davvero piccolo il mondo!) incontrai un amico di mio fratello, certo Gino Monteverde, anch'egli di Falerone, il quale mi pregò di prender/o o bordo insieme o 3 o 4 suoi commilitoni. Ripartii, col corico di medicinali e di uomini (oltre ai suddetti soldati, anche due ufficiali medici). Dopo circo 80 chilometri, facemmo sosto presso un poesino. Mentre dall'autocarro venivo scaricato uno porte dei medicinali, i soldati profittarono dello sosto per andare o riposarsi dentro qualche coso, dove probabilmente si addormentarono: al momento di ripartire, infatti, non si presentarono, sì che vennero lasciati lì. Che fine avranno fotto?

Ci immettemmo sullo pista in terra battuto che portavo o M illerowo. Uno coso apocalittico! un migliaio di autocarri, tutti in ritirato! Il mattino successivo eravamo alle porte di Millerowo. Do uno porte sparavano i Tedeschi, dall'altro i Russi, e noi eravamo nello sacco. A un trotto, un autocarro che mi precedevo di due o tre posizioni, si arrestò di colpo, in bilico sul ciglione di un fiume. «Non c 'è più il ponte! Ècrollato!» gridò l'autista. l due ufficiali medici scesero dall'automezzo. «Noi cerchiamo di proseguire o piedimi dissero - se riuscirai o passare, ci riprenderai più avanti». Tutti i militari o bordo dei mezzi si affrettarono o scendere, e presero o correre, chi verso i Russi, chi verso i Tedeschi, nel tentativo di sfuggire al fuoco incrocio.fo. Il suolo ero già sommerso do centinaio di codoveri, stesi sullo neve. Seguendo l'istinto, mi precipitai anch'io o terra, e mi diedi o correre. Avevo percorso poche centinaio di metri, quando uno raffica di avvertimento, mi convinse o bloccarmi e od alzare le broccio, dandomi prigioniero. Un breve scambio di battute con gli uomini dello pattuglio- in russo, che por-

Il fango inghiotte un Fiat 666 (foto

Museo Storico).

275


CAPITOLO

6

Effetti di un bombardamento sulla stazione di Millerowo (foto SME • Ufficio Storico).

lavo ormai correttamente - e subito mi incamminai per seguir/a. Pochi passi, ed ecco avanzare verso di noi un carro armato russo, enorme e terrificante, sopra il quale stavano appollaiati ben sedici soldati. Si fermò a breve distanza con una repentina virata che proiettò verso il cielo schizzi di neve alti venti metri. Ne scese un maggiore il quale, fattosi di fronte a· me, prese a interrogarmi. Un interrogatorio stringente, incalzante, soprattutto dopo che aveva dichiarato la mia nazionalità italiana. Sembrava quasi volesse accertarsi se ero veramente italiano, o mi fingessi tale, come se, per un prigioniero, l'essere italiano potesse comportare un qualche vantaggio. Ormai persuaso, l'ufficiale portò il colloquio su un tono più disteso. «Che lavoro fai, nell'Esercito Italiano?» «Sono autista!» <<Bene, malto bene! e che macchina hai?>> «Un Bianchi Mi/es.>> «Ah, Bianchi! Grande macchina, il Bianchi! Ascolta, vuoi lavorare per noi?» Come rifiutare? Ci avviammo a piedi e, in breve, raggiungemmo il punto da cui era cominciata la mia inutile fuga. Povera autocarro! çome gli fui vicino, mi vennero le lacrime agli occhi. Sembrava fosse rimasto lì ad aspettarmi, come un cane fedele. Ave-

va ancora il motore acceso, e con quella sua voce ritmica, leggera, regolare, pareva quasi volesse rimproverarmi la mia vigliaccheria per averlo abbandonato. Ripresa la guida, seguii i Russi verso il villaggio dove erano accampati. Trovammo soldati alle prese con delle enormi forme di parmigiano, che divoravano facendole a pezzi con le loro baionette: erano le nostre provviste, cadute nelle loro mani. Me ne offrirono, e quale fu il mio gradimento lo si capirò, se si mette in conto che non mangiavo da tre giorni. Certo, una situazione curiosa e paradossale, quella di un nemico che si mostra generoso con te, offrendoti la tua roba! Nei giorni successivi, i Russi mi misero a disposizione di due ragazze addette alla posta, sempre con il mio autocarro. Avevo anche una certa libertà di movimento, bastava dicessi dove andavo. Il 24 dicembre, alle 23, si scatenò il finimondo. l Tedeschi erano giunti a Millerowo con un treno blindato, e con esso avevano iniziato un furioso attacco alle posizioni russe. Per sfuggire allo grandinato, mi gettai dentro un piécolo avvallamento del terreno: i proiettili fischiavano mezzo metro sopra lo mio testo. Eh, sl! checché se ne dico dei


Tedeschi, bisogna riconoscere che la guerra la sanno fare. Caspita, se la sanno Fare! l Russi però non Furono da meno: in pochi istanti completarono lo schieramento di carri armati, disposti ad arco di fronte al treno, e presero o rispondere al fuoco. Fu un inferno! Per cinque ore si protrasse lo scambio di cannonate tra Tedeschi e Russi, senza un attimo di tregua; ci si vedeva come se fosse giorno! Solo alle quattro del mattino il treno tedesco venne ridotto o/ silenzio: dalla testa alla coda, era un unico serpente di fiamme. Seguendo i Russi nella loro avanzata, verso lo fine di febbraio giunsi o Chorkow, dove venni colpito da un congelamento di secondo grado al piede sinistro, per il quale venni inviato al compo di concentramento di Kantemirowka. Fu lì che persi per sempre il mio Bianchi Mi/es e, con esso, la mia valigia e una piccola fortuna che avevo messo da parte «arrangian.domi» con un po' di mercato nero nel corso dei miei tanti servizi. In qual modo? presto detto. Su direttiva degli stessi ufficiali, si andava presso i contadini russi i quali, in cambio di pochi litri di nafta, per essi preziosissima, mi riempivano l'autocarro di grano. Questo veniva poi rivenduto agli Ebrei, e il ricavato veniva diviso tra i soci dell'affare . Per garanti-

re la riuscita di questo «affare», gli ufficiali Facevano scortare gli automezzi dai Carabinieri, la cui presenza serviva ad evitare perquisizioni e conseguente requisizione de/grano da parte dei Tedeschi.» Chiudiamo qui il racconto del De Minicis, ma l'odisseo del personaggio continuo, in un viaggio ben più lungo di quello di Ulisse, per raccontare il qua le occorrerebbe un romanzo non più breve del poema di Omero. Ci limiteremo a ricordare che da Kontemirowko egli venne trasferito in un campo di concentramento in Asia Minore, dove un'epidemia di tifo petecchiole lo ridusse in fin di vito (un peso di 47 chili!) . Do qui venne mondato in Siberia, destinato alle miniere di carbone, ma egli, astutamente, si sarebbe fatto passare per «aiuto farmqcista», sì da essere impiegato in ospedale, dove effettuava addirittura visite ai molati. Dalla Siberia, il novello Ulisse venne scaraventato in Mongolia, a sbucciare cotone. Solo nel novembre del'46, con un viaggio in treno di 58 giorni, facevo ritorno a casa, dove più nessuno ormai lo aspettavo: ne mancava dal 1941 e l'ultima sua lettera risalivo allo fine del1942. Quattro anni senza dare alcuna notizia di sé. Lo suo fidanzata italiana , dopo aver messo sottosopra mezzo mondo nello vano ricerco, si era al-

CAMPAGNA DI RUSSIA

L'autiere Attilio Vita a fianco del suo autocarro che reca ancora stampigliata la scritta del 6° Centro Automobilistico (foto A. Vita).

277


CAPITOLO

6

Lunghissime file di prigionieri russi, catturati dai Tedeschi, vengono condotte nelle retro vie (foto A. Scolari).

278

Quanto segue, ci viene raccon tato do Attilio VITA, noto o Montegiorgio (AP), il 21 moggio 1921 , attualmente segretario dello efficientissimo Sezione dell'Associazione Combattenti e Reduci dello suo cittadino . Effettivo ol6° Centro Autieri di Bologna , ai primi del' 42 il Vito, per problemi d i soIute che ne vietavano q ua lsiasi imbarco, si offrì volontario per il fronte russo.

Fui affidato alle cure d i un sergente perché mi provasse: tutto a posto. Trascors i pochi g iorni, venni affiancato a un autiere anziano che stavo per essere rimpatriato. «Vieni, burba!», mi chiamò l'anziano con tono severamente paterno, mentre si di· rigeva all'automezzo, un Fiat 666 che sta· va per passarmi in consegno. «Questo è un gronde mezzo - sentenziò con fare solenne, in un misto di orgoglio e di affetto, quasi por/asse d i un essere animato - ha già fotto la compagno d 'A lbo-

« 18 giorni e 78 notti di treno: tonto impiegammo per arrivare, il 7 ottobre, o Stolino, dove entrai nell'organico della l 02 2 oulosezione, dotato di SPA 38, Lancia RO e 3 RO, Fiat 666. Dieci giorni di inattività, poi i servizi di guardia. Il turno, per il rigore della temperatura, duravo solo mezz'oro. Altrettanto però si impiegavo solo per vestirsi e svestirsi. Dopo un paio di settimane, mi resi conto che così non potevo andare, e chiesi rapporto o/ capitano. Questi, dopo avermi ascoltato: «Sai guidare?» mi chiese. «Certo!» e mostrai lo potente conseguito presso il 6 ° Centro Autieri, con i modelli 1 e 2.

nio, ho ovulo il monoblocco spaccato; ma tu trotto/o bene, non li tradirò!» Si avvicinò allo sponda posteriore e, indicando l' interno del cassone: «Ouei cin· · go/i lì, fai pure conto di non averli». Si trai· tovo di cingoloture con funzione di catene antineve. Poi, spostando appena lo sguar· do: «Ouello, invece, devi guardare! do quello può dipendere lo tuo vita stesso. Fai in modo che sia sempre pieno!» Quel fusto di nafta do cento litri mi sembrò più prezioso del Tesoro dello Corona. L'anz iano continuavo od ammonnirmi i suoi preziosi insegnamenti. «Ouando ti troverai in mezzo ai boschi, non viaggiare mai accompagno/o ai Tede· schi. l partigiani, o noi Italiani, non ci spo·

fine rassegnato allo suo morte: si ero sposato do un mese!


rono, o i Tedeschi sì. Bado, però, che questo lo sonno anche loro, e foronno di tutto per farsi scudo di te». Cominciarono le missioni, nelle quali operavamo agli ordini dei vari Comandi Tappo dislocati nel vastissimo territorio russo. Memore degli insegnamenti ricevuti, procuravo sempre di ondor rubocchiondo lo nofto dove copitovo, per tenere .sempre pieno quel famoso fusto. Il l 0 novembre, partimmo per uno lungo missione do Stolino o Stofingrodo: ben 4.000 chilometri, dovuti oi percorsi tortuo-

Il 18 novembre, il capitano ci chiamò tutti o raccolto e ci fece avvicinare uno od CAMPAGNA uno, tutti e 6 1 quanti erovomo, of suo toDI RUSSIA vo/o. ccFirmote qual» ci ordinò, indicando un foglio dovonti o sé. «Coso Firmiamo, signor capitano?» «Primo firmate, poi ve lo dico!>> Uno dopo l'altro, eseguimmo l'ordine. Ouondo tutti fummo sfilati, il capitano continuò: «Oro coricate tutti gli automezzi, solo viveri e medicinali, nient'altro, e tirate drit-

sissimi necessari per infilorci nei varchi non occupati do/ nemico. Sullo vio del ritorno, presso il 2 ° Comando Toppa , ci venne ordinato di coricare dei prigionieri. Un bronco di «esseri>>, forse Russi, forse no, venne sospinto verso i nostri automezzi, scortato do Tedeschi. Chissò do quanti giorni erano in commino? alcuni non riuscivano più o trascinarsi. Il comportamento dei Tedeschi ci lasciò allibiti: chi riuscivo o comminare, bene; chi non ce lo facevo, uno revofveroto in testo e ... problema risolto. Scosso do quonto avevo visto, o/l'arrivo o Stolino mi recai do/ capitano. «Beh, Vito , com'è ondoto?>> Appeno gli ebbi riferito il tutto: «E ti meravigli? questo è niente!>>

ti Fino o Stofingrodo. Vi fermerete solo presso i Comandi Toppa . Quello che avete firmato è il vostro impegno o non fermarvi moi. O uo fsiosi coso vediate, qualunque coso udiate, non vi dovete fermare. Chi man cherò, sarò fucilato!>> Poi, presomi in disporte: «Vito , eccoti i gradi do coporol maggiore; soroi tu il comandante dello colonno. Lo so che, per condurre 6 1 mezzi, è un grado inadeguato; mo tieni anche questi e metti/i in fosco - e mi porse due gradi do sergente - essi rappresentano il mio impegno o promuoverti sergente quando tornerai>>. Ci ovviammo. Per il primo giorno, lutto tranquillo; solo un torio, continuo, assillante, nel cervello: coso avrò moi voluto dire il

Un prigioniero russo, stremato dalla fatica, si è accasciato al suolo. Nel momento in cui veniva scattata questa foto, al russo restavano tre minuti di vita. Mentre infatti il fotografo si allontanava, udiva il colpo secco di pistola, sparato da uno dei tedeschi presenti nell'immagine, che metteva fine alla vita del povere/lo (foto A. Scolari).

279


CAPITOLO

280

6

capitano? coso potremo mai incontrare, di tonfo terribile, do spingerei o fermarci? Il vento, intanto, spazzavo il terreno, sollevando turbini di neve. Lo temperatura toccavo, in alcuni momenti, i 48° sotto zero. Al confronto, le cabine dei nostri automezz i erano un paradiso. Con il riscaldamento perennemente acceso o tutto regime, ci crogiolavamo nel nostro -12°. .Giunse il secondo giorno. Ecco, do fontono, alcuni puntini scuri venirci incontro, sempre più vicini. Erano persone, certo, quelle che si avvicinavano, ma ciò che vidi quando fummo allo loro altezza, non basteranno mille vite per farmelo dimenticare: quelle figure, il cui aspetto non mostravo più nullo di umano, erano uomini in fugo . Ce n'erano di ogni rozzo, perfino- incredibile- dei Russi che fuggivano all'arrivo de i loro stessi connazionali. Ma tonti, tonti, erano soldati italiani, i nostri compagni, diretti verso uno meta senza speranza, in uno corso il cui premio finale ero, per tutti, lo morte. Al vedere i nostri autocarri che pur correvano verso i luoghi do cui essi fuggivano , ci si portavano incontro, e le loro imploraz ioni erano per noi più brucianti di un pug nale rovente: «Perché ci abbandonate? Fermatevi! Non siamo ancoro morti! Ci possiamo ancoro salvare l» Il nostro cuore stavo per prendere il soprovvento, spingendoci o schiacciare quel maledetto pedale del freno, ma l'ordine del capitano risuonavo ai nostri orecchi, implacabile: «Andate avanti, qualsiasi coso vediate!>> Dapprima erano gruppi isolati, ma più avanzavamo, più quei derelitti si facevano numerosi. Se tonti erano quelli che ci op· porivono lungo le poche centinaio di metri visibili o destro e o sinistro dello nostro pista, quanti avrebbero dovuto essercene, lungo le migliaio di chilometri dell'intero fronte?. Ogni tonto, qualcuno andavo giù, ma nessuno si fermavo o raccoglier/o: quello neve, lenzuolo e coperto del suo letto di morte, in pochi minuti divenivo anche lapide dello suo tomba. A/4° giorno, eccoci o/2° Comando Toppa. Il cuore cominciavo o cedere. Come assistere ancoro o quelle visioni, senza ubbidire o/l'impulso di fermarsi? Rivelai o un maggiore l'angoscio che ci offonogliovo, chiedendo di autorizzarci a raccogliere quei povere fii . «Siete pozzi?- urlò l'ufficio/e- ondate avanti, per carità, non fermatevi! Se vi fermate qui per solvarne 5, più avanti ne muoiono 5001>> Avanti, avanti, avanti!

Al settimo giorno, effettuammo uno sosto. l miei autieri, con l'animo prostrato, mi incitavano a dare un calcio agli ordini, e com inciare o raccogliere quei nostri sfortunati com pagni. D'o/tra porte, essi non ci chiedevano neppure di invertire il senso di marcio, ma solo di salire, non importo per dove . So/ire, ero la speranza; restare o ferro, ero so/o morte. Cerca i di obiettore che avevamo sottoscritto un impegno; se avessimo mancato saremmo stati fucilati. Un toscano, certo Argonte Cacciagli, mi si parò davanti, in atteggiamento quasi minaccioso: cc Ma insomma, Vito, possibile che tu non l'abbia ancoro capito?>> ' ceE coso dovrei capire?>> ceChe ormai siamo circondati. Se andiamo avanti, ci ammazzano i Russi. Se roecogliamo questo gente, ci fucileranno i nostri. Tonto vale, morti per morti, almeno tentare di salvare questi nostri compagni». ccCoso pensate di fare , alloro?» ceDiamo loro qualcosa do mangiare, e poi corichiamoli, qualcuno sul cassone, qualcuno in cabina: gli autocarri sono ormai mezzo scarichi ... > > Rotto ogni indugio, cominciammo o prestare i soccorsi, prolungando lo nostro sosto. Eravamo lì do quattro ore, quando - ero ormai mezzanotte - arrivò uno camionetta tedesco, dolio quale scese un maggiore. Ero furioso , cercavo il comandante dello colonno urlando, in uno stentotissimo italiano: «Ouottro ore! quattro ore!>> Mi presentai, rigido sull'attenti. Tram ite un suo aiutante che por/avo italiano, mi domondò perché mi fossi fermato. Risposi che, per uno volto tonto, avevamo ragionato col cuore, invece che con lo testo . L' ufficiale ero sempre più infuriato. Lo voce gli tremavo dallo collera. Cominciò o prenderselo con i miei gradi do coporol maggiore. cc61 macchine, gradi non buoni!» Mi ricordai, o quel punto, di ciò che il mio capitano mi avevo messo in fosco . ceDi al tuo maggiore - risposi rivolto all'interprete - che egli non capisce nullo di guerra!» L'ufficiale ebbe un sussulto. cc Ecco che mi liro un calcio!» pensai, ma continuai. ccForse egli non so che i Russi sparano subito addosso o chi porto gradi color oro?» Così dicendo, tirai dallo losco i gradi do sergente. L'ufficiale si rasserenò; entrambi i tedeschi annuirono, condividendo lo bontà dello stratagemma d el sergente che si mimetizzavo dietro i gradi do coporol magg iore. Ci portarono alloro Comando Tappo, per poi fasciarci proseguire per Stolingrodo . Lungo il commino, continuavamo a roe-


cogliere fuggitivi, /imitandoci però solo o coloro ai quali potevamo riconoscere una qualche possibilità di sopravvivenza. Gli autocarri erano ormai stracolmi, e dovevamo scegliere. Durante /o marcia, ogni tanto vedevamo qualche corpo piombare giù dai cassoni. Erano gli stessi compagni che buttavano giù i moribondi, per fare spazio ad altri. in condizioni migliori. Dopo l'incontro coi Tedeschi, toccammo altri due Comandi Tappa. Non si capiva più nulla: la ritirata era piena, un mare di gente, con anche dei Russi, in fuga. Si prese infine la via del ritorno. Dopo 1500 chilometri, quando ne mancavano ancora 4 -500 da Stalino, ormai sfiniti, ci fermammo o Kantemirowka. Ci ritrovammo subito attorniati da una piccola folla di Russi, vecchi e ragazzi che, stranamente, parlavano italiano. Uscì un ragazzino. «Italiano, senti momento!» «Che c'è?» «Oui, dietro questa coso, abbiamo creato una stanza riscaldata per salvare qualcuno. È piena, tutti Italiani, ma non abbiamo nulla per Farli mangiare. Dateci qualcosa!» Fummo d 'accordo in 7 7. Rimediammo qualche pagnotta dagli automezzi e ci avvicinammo alla porta che ci ero stata indicata. Aprimmo. Un urlo, immenso, di disumana sofferenza, si levò dalla stanza. «Perché ci avete abbandonato? aiutateci, ci possiamo ancora salvare. Questa è un 'infermeria da campo, ma non c 'è un dottore, non c'è un infermiere, non c'è una medicina. Ci sono solo questi bu-oni Russi che vanno fuori, prendono la neve, e con essa massaggiano i nostri piedi che hanno cambiato colore». Attoniti e inorriditi, non sapevamo coso dire, le parole non volevano saperne di uscire di bocca. Poi, gli altri dieci: «Andiamo via, che è meglio!» Mi feci coraggio, mi portai al centro della stanza, e dissi le parole più spontanee che mi uscirono dal cuore. «Soldati, noi dobbiamo partire, ma prima di andare via voglio parlarvi. Ascoltatemi. Sappiate che ognuno di noi ha un destino. Non dimenticate quelle belle parole dette dai cappellani militari. Non dimenticate la Fede, non dimenticate la Bandiera, non dimenticate la Patria. Non dimenticate che Gesù di Nazareth venne abbandonato dal Padre suo: Padre, perché mi hai abbandonato? E se questo è vero, consoliamoci insieme». Tutto era silenzio. Alla mia sinistra si levò una voce. Mi avvicinai o/ soldato che mi chiamava. «Di cosa hai bisogno? Siamo qui per voi. Siamo in undici».

La sua mano sinistra stringeva /o mio, sempre di più, sempre più forte . «Tira su quella coperta, e ti renderai conto che per me è finita! » L'altra mano si portava o/ suo petto, o cogliere un portafoglino. «Tu sei un soldato buono - continuò- Se avrai /o fortuna di tornare in Italia, porta/o a mio madre. Dille pure che sono morto per la Patria, ma non le dire 'come' sono morto». Tirai su le coperte: i suoi piedi erano completamente neri, senza più vita. Raggiungemmo infine Stalino. l dì che seguirono li trascorremmo ad allestire alcune baracche dove trovavano ricovero quanti riuscivano ad arrivare fino o noi. Ogni mattina, un camion Faceva il giro per raccogliere i morti e dare loro sepoltura. Una di quelle mattine, osservando meglio il penoso carico accatastato sul cassone, vidi qualcosa di strano, e mi precipitai dal capitano. «Signor capitano, che storia è questa? ho guardato sul cassone, e ho visto bene che c'era qualcuno che ancora si muoveva!» «Lascia stare, Vita - mi rispose il capitano con un tono di sconsolata rassegnazione - lascia stare; va bene così!» 4 maggio 7943 : adunata di reparto. Ritto su una camionetta, il capitano annunciò: «Ragazzi, radunate tutti gli automezzi. È pronta la tradotta per il ritorno!» Deludendo le offese del comandante, nessun segno di entusiasmo si levò dalla truppa: chi aveva le lacrime agli occhi, chi chinava il capo, chi por/ottava col vicino. «Non avete capito? - insisté il capitano - si torna a casal» «Signor capitano- Fu la nostra risposta -prima di partire, ci permetta di andare a salutare i nostri compagni al cimitero di Dnjepropetrowsk! » Erano 750 chilometri. Il giorno 6, con cinque autocarri carichi di autieri, sotto la responsabilità del cappellano militare, partimmo alla volta del cimitero. Scesi a terra, tutti presero a correre da un punto all'altro del cimitero, colti da Frenesia, come Formiche in un formicaio calpestato. «Oui ce ne ho portati 7O! Qui c 'è il mio amico Tizio! Qui ci ho scaricato per una settimana!» Dopo un certo tempo, un colpo di pistola del cappellano fu il segnale dell'adunata. Si ripartì per Stalino. Erano passati die· ci chilometri, quando un mezzo si fermò. Si sentì un grido: «Me ne manca uno!» «Gua me ne mancano due!» rispose un 'eco da un altro autocarro. Due automezzi, con lo stesso cappellano, fecero dietro-front, e tornarono al cimitero. Erano ancora lì, tutti e tre. «Avete forse deciso di farmi fucilare pro-

CAMPAGNA DI RUSSIA

281


«Signor capitano, prima di partire, ci lasci andare a salutare i nostri compagni, al cimitero di Dnjepropetrowsk... " (foto A. Scolari).

prio l'ultimo giorno?» gridò infuriato il prete ai tre, ritti davanti o lui. «Padre, abbiamo giurato ai nostri compagni che li avremmo riportati alle loro madri. Anche morti, ma li avremmo riportati. Non torneremo senza di loro!» «Se vorrete dire uno preghiera per loro, lo potrete dire in ogni porte dello terrai>> replicò il cappellano. Un po' con le parole, un po' con l'uso di uno certo energia, i tre vennero ricondotti o Stolino. » Il 7 moggio del '43 Attil io Vito prese lo via ael ritorno . Lo storia, col suo corico di crudo testimonianza di uno tragedi a, si chiude qui. L'animo del protagonista, per 45 anni, è stato sempre assillato do un sogno impossibile: riportare in patrio quei compagni che non polé far salire su l suo automezzo . Finalmente, dal 1987, con l'apertura dello Russia all'Occidente, il sogno ho preso corpo. Il Vito ho cominciato o lanciare appelli, o tenere contatti con ogni possibi le au torità poli tico, militare e religioso. l risultati li abbiamo visti : od ogni cassettino che torno in Italia vestito del Tricolore, il Vito, più di qualunque altro italiano, può degnamente rivolgere il suo saluto: «Amico mio, bentornato o casal»

282

Carlo VIRGILI, noto il 6 febbra io de l

1922 e residente o Grottammare IAP) , non ricorderò forse il nome dei reparti presso i qual i prestò servizio o quelli delle località attraversale, ma il suo racconto fornisce uno spaccato vivido e fedele dello vito dei nostri autieri in Russia. Partito militare nel gennaio del ' 42 , frequentò il corso di scuola guido su 18 BL o Macerato, presso un distaccamento del 9° Centro Autieri, dopodiché venne aggregolo o un battaglione di camicie nere, o Roma .

«Erano arroganti, nei nostri confrontiracconto il Virgili riferendosi o questi particolari compagni di servizio - e non si lo-

sciovono sfuggire occasione per farci sentire questo loro presunto superiorità.» - Voi siete i nostri servi! erano soliti dire, parlando non solo di noi autisti, ma di tutto l' Esercito Italiano . A settembre ci venne posto l'alternativo: - le destinazioni sono due: l'Africo o la Russia. Scegliete! Cons iderando che tra noi e l'Africo c'è un more di mezzo, e che in quel periodo non passavo giorno senza che radio nojo portasse notizie di novi affondate, optammo per lo Russia. Coricati gli automezzi sui piano/i di un treno, cominciò lo nostro avventuro. Uno settimana circo durò il viaggio, infromez·


zola do soste prolungate. Tutto il tempo lo trascorremmo sulle cabine degli stessi automezzi, dove la notte ci stendevamo o dormire. Si trottavo di Fiot 626 con alimentazione o benzina, preferiti per lo maggior facilitò di avviamento, nelle condizioni climatiche che si prevedevano, rispetto ai mezzi o gasolio. Do Debolzewo, scaricati gli automezzi doi piano/i, cominciò lo marcio per via ordinario, su piste indicibili, null'oltro che paludi di fango più o meno consistente. Nei trotti più critici venivano messe delle fascine di legno o riempire le buche e fornire un minimo di aderenza. Si giunse o Woroschilowgrod, e do lì iniziò il nostro servizio vero e proprio. Nostro precipuo incarico era quello di effettuare i trasferimenti delle camicie nere, ovunque ci venisse richiesto. l servizi venivano assegnati per lo più con il criterio dello volontorietò. Di volto in volto, infatti, il comandante di sezione, un sottotenente più giovane e imbranato di noi, venivo o chiederci: -C'è da mondare tot macchine a ... chi si offre volontario? Quando si trottavo di servizi in zone particolarmente o rischio, non c'erano problemi: c 'ero sempre qualche camicia nera facinoroso, che avrebbe perfino pagato, per espletare il servizio al mio posto. Non tardammo o fare amicizia con lo popolazione russo che, benché fossimo invasori, ci accolse do amici; l'otteggiomento, d'altronde, ero ricambiato _do tutti noi. Non altrettanto facevano i Tedeschi, mai disponibili o scendere do/loro piedistallo di superbia; sempre inclini olio prepoten za, ma altrettanto pronti o ritirarsi con lo coda tra le gambe, quando incontravano qualcuno che insegnava loro lo buona creanza. Significativo , o/ proposito, uno scena cui fui testimone. Presso una fonte azionala da una pompo manuale, uno donna russo stavo oflingendo acqua, quando un soldato tedesco, uno tonico in mano, scostato/o con uno spintone, cominciò o servirsi. Un alpino dello «)u/ia», sdegnato olia visto di uno così gratuito prepotenza, anche e soprattutto perché rivolto o uno donna, redarguì aspramente il tedesco. Seguì un brevissimo e vivace scambio verbale, concluso da un fulmineo e poderoso «pa· pogno» che mondò il prepotente in posizione orizzontale. Riolzotosi mezzo tramortito, il tedesco rocco/se lo suo tonica e si dileguò in silenz io, mossagg iandosi la porte dolorante. Il periodo del fango finì presto, e venne quello del gelo. Il termometro stazionavo preferibilmente intorno ai -30°, con punte

di -38 °. Qualche volta andavo un po' meglio; dalle isbe dove eravamo alloggiati, vedevamo uscire il padrone di cosa, in maniche di camicia, e lo vedevamo rientrare con un 'espressione giulivo in viso: - Tep/i! Co/do, oggi! Speronzosi, uscivamo fuori o leggere il termometro: -20°/ Se primo ero il fango , il nostro nemico, oro sorgevano problemi di o/tra natura. Nei monoblocchi ero stato messo de/liquido onticongelonte, in concentrazione tale do resistere o quelle temperature così rigide. Ogni sera però, al rientro do/ servizio, ci veniva ordinato di vuotare i radiatori, riporre il liquido in luogo riparato, per rimetter/o lo mattino, primo della partenza. Scarico oggi, scarica domani, la miscela perdevo porte delle sue capacitò. Fu così che qualche monoblocco passò o miglior vita. Con le funzioni di catene di aderenza ci erano stati fornili dei cingoli, che andavono avvolti attorno olio ruolo, passondovi so-

CAMPAGNA DI RUSSIA

Una giovane portatrice d'acqua russa (foto SME · Ufficio Storico).

283


CAPITOLO

284

6

pro con lo stesso. Avvenivo però che, insinuandosi lo neve tra il pneumatico e il cingolo, lo ruota girasse o vuoto o/l'interno di quello. Vari accorgimenti dovemmo adottare, soprattutto per avviare le macchine. Durante la notte venivano sempre lasciati in moto un paio di automezzi, con i quali far partire gli altri a traino. ·Nei mozzi delle ruote il gelo notturno facevo solidificare anche il grosso, sì che o/ mattino esso dovevo essere sciolto con la fiamma. Ogni mattino poi, le conde/e dovevano essere svitate e bagnate con benzina, che venivo poi accesa. Attraverso il foro de/lo ro alloggiamento venivo quindi immesso uno spruzzo di benzina nella camera di scoppio, dopodiché si rimontavano le conde/e. Tutte queste operazioni dovevano essere compiute a mani nude, nonostante le temperature già dette. Avevamo infatti dei guanti, ma talmente imbottiti da rendere impossibile l' impiego di qualsiasi attrezzo. La notte si dormivo in 8-1 O per ogni cassone, mentre o turno uno di noi montava di guardia. Il turno avrebbe dovuto essere di due ore, ma ben presto ci convincemmo dell'opportunità di prolungar/o o quattro. Certo, così ero molto più dura, ma una volta smontati di servizio ci si poteva dedicare o/ sonno, senza l'ossi/lo di doversi rialzare per il turno successivo. Durante lo guardia, sarebbe stato grosso errore restare immobili, perché in pochi minuti ci si sarebbe trovati inchiodati alterreno, con gli scarponi catturati do uno morso di ghiaccio. Lo stesso vapore emesso dal nostro respiro, in pochi istanti ci si cristallizzavo sui baffi, sulle guance, sul mento, rendendoci simili o grotteschi babbi natale. Ogni tonto passavo il capoposto, e ci porgevo un cucchiaino di cognac <<battezzato» (cioè, largamente diluito con aequo) . · Qualcuno riportò congelamento ai piedi ma, od esser sinceri, furono non pochi coloro che se lo procurarono o bello posto, dormendo con i piedi fuori del cassone, con lo scopo di farsi avviare oli'ospedale e rimpatriare. Si arrivò allo metà circo di dicembre. Do qualche giorno avvenivano cose strane o/ fronte . Dalle trincee russe, che distavano poche centinaia di metri dalle nostre, si udivano voci di italiani che, parlando con megafoni, incitavano i nostri a passare doll'oltro porte, decantondo lo bontà dei Russi, l'abbondanza de/loro vitto, e lo prospettiva di un futuro migliore. Do porte dei nostri, si rispondeva con insulti e sberleffi. - Lo befana fascista ce lo mangeremo noi!- ribattevano dall'opposto trincea i pri-

mi, alludendo ai pacchi che di lì a poco Musso/in i avrebbe fotto pervenire al fronte. Quel giorno, ero partito con uno piccolo autocolonna per portare, come al solito, do mangiare ai soldati impegnati in linea. Con me in cabina viaggiava un centurione delle camicie nere. La pista procedeva pianeggiante ma, in un punto, presentavo un breve trotto in notevole pendenza. In fondo olia disceso stazionava in permanenza un trattore, con il compito di portare su a traino gli automezzi provenienti do/ senso opposto. Nell'affrontare la discesa, cominciai a sco/ore le marce: quarta, terzo ... la secondo non volle soperne di entrare. Azionai i freni, che andarono o vuoto. Visto lo molo parato, il centurione aprì lo sportello e si lanciò giù dallo cabina. Solo che, invece di atterrare rivolto verso il senso di marcio del veicolo, lo fece o rovescio, rovinando in un violento capitombolo con zuccoto fino/e contro il trattore. L'autocarro intanto, effettuato un testocoda, si ero fermato in fondo alla discesa . Due giorni dopo, ricevetti l'ordine da un sergente di portare ancoro viveri al fronte. Lo misi al corrente dell'inefficienza ai freni, ma quegli non volle sentir ragioni: - Non cercare scuse, e corico! Il Comando era o poche centinaio di metri, ed io pensai bene di recarmi dallo stesso centurione o far presente l'ordine ricevuto, incompatibile con il guasto del quale egli stesso avevo subito qualche conseguenza. L'ufficiale, senza indugio, scrisse un foglietto, con un ordine o/ sergente di ricoverare subito il mio automezzo presso il corro officina. Il sergente andò in escandescenze, ma quolcun altro dovette prendere il mio posto, in quel piccolo nucleo di autocarri diretto o/ fronte. Nessuno di quegli autisti fu più visto tornare. Erano trascorsi ancora un paio d i giorni quando, in pieno notte, entrò al campo, di gran corriera, un motociclista; ci diede lo sveglio lanciando tre o quattro bombe o mano e - Scappate, presto, stanno arrivando i Russi!- gridò. Avviati gli automezzi e coricati gli uomini presenti, partimmo. Dopo un certo tempo, ci fermammo a dormire presso un villaggio. Al risveglio, i Russi erano già lì vicino. Tentai di rimettere in moto il camion effelluondo lo solito operazione o/le condele, ma non c'ero tempo. Passò un caporale che, vedendomi ormeggiare - Che fai lì? Lascio perdere e monto su! - mi urlò, indicondomi un altro autocarro in partenza . Abbandonai così il mio automezzo. Non tutti fecero come me. Un barese,


fermato do un guasto o/ proprio automezzo, non volle abbandonarlo per ragione al-

cuno e , benché tutti lo esortassero od andarsene, volle restare o tutti i costi, per tentare di rimetter/o in sesto. Nessuno lo vide più: probabilmente è sepolto ancoro lò. Cominciò lo terribile avventuro. Mon mano che gli autocarri esaurivano lo benzina, i trasportati scendevano e proseguivano o piedi. Molti mezzi rimasero privi di carburante per via di requisizioni forzate operote dai Tedeschi per rifornire i loro corri ormoti. An c h 'io mi trovai presto appiedato, e cominciai o troscinormi frammisto o quelle colonne interminabili di derelitti . Non saprei dire quanti giorni abbiamo comminato. Per fortuna si riuscivo ancoro o mangiare, in quanto i magazzini arretrati dello sussistenza funzionavano ancoro. Lungo lo strada, o/l'incontro con qualche russo, chiedevamo quanto mancasse per lo nostro successivo toppa. Chissà perché, mentre in precedenza ci avevano sempre trottato bene, oro tentavano di ingonnorci, dichiarando come vicine, località invece ancoro lontanissime. Forse il loro timore ero che, scoraggiati dallo notizia dello distanza reale, noi desistessimo dall'andarcene. Non ricordo il nome dello località dove ebbe termine il nostro calvario e dallo quale ripartimmo, dopo qualche mese, in treno per 1' /to/io. So però che eravamo arrivati in Russia in 130; ripartivamo in 28! Al momento dello partenza, alcune ragazze russe vennero o solutorci e ci diedero uno bellissimo lezione morale: ci ricordarono le nostre famiglie lontane che ci stovano aspettando nel pianto, ignare dello nostro sorte; dello dolcezz a di un abbraccio allo nostro ragazzo, ma soprattutto de llo necessitò, perché tutto ciò potesse verificarsi, che tutti i popoli vivesse ro in pace». Nel nostro g irovagare per il Paese alla ricerca dei testimoni dell e vicende del Corpo Automobilistico, la sorte ci ha condotti a Genova, a conoscere un personaggio eccezionale, forse unico, l'attua le genera le Dino PANZERA, sottolenenle del Corpo durante lo Compagno di Russia, del quale abbiamo già letto larghi bro ni d i memorie in questo stesso capitolo, re la ti ve al l 'Autodrappello del CSIR. Fig lio d'orte (il padre ero colonnello di artiglieria), ha ered itato dal genitore lo passione per gli ordinamenti e le trad i zioni mili tari, specializzandosi ne llo storia delle uniformi d' Italia, sulle qual i può essere considerato il massimo esperto nazionale. Compone tavole di disegn i a colori, già duemila e in continuo aumento, dai fregi o tutti gl i

altri particolari. Con questo suo attività si prefigge d i tramandare al le giovani generazion i di militari i ricordi d i costumi ed usi delle nostre Forze Armate prima che venga no dimenticati e perduti . Tra le sue p iù significative rea lizzazioni: il riassetto del Sacrario Bandiere di Guerra (oltre 500) a ll'Altare dello Patrio, ne l 1968, cinquantenario dello Vittorio. Ho in ta le circostanza reperito, per il Corpo Automobi listico, oltre al suo primo loboro del 1938, d ue nuovi stendardi (del2° e dell '8° Regg imento) che per R.D. 12.8.1943 sono stati assegnati ai l 8 Reggimenti Autieri che era no considerati, a ll'epoca, come orma combattente. Gli eventi de ll'8 settembre 1943 non ne consentirono però lo conseg no a tu tti. Nel 1970, centenario di Roma Cop i-l ole, assolse brillantemente all'incarico di ricostruire l 00 uniformi d'epoca, diverse per g radi e colori , di tutti i corpi che presero porte allo preso dello città.

CAM PAGNA DI RUSSIA

l componenti de11• Corso Automobilisti, tenuto presso l'Accademia di Modena dal1940 a/1942. Si riconoscono il S. Ten. Dino Panzera e il S. Ten. Paolo Carlini, futuro Capo del Corpo Automobilistico all'inizio degli anni ottanta {foto D. Panzera).

1" ~orso Au tomobili sti - 1940/ 1942

MILITAD[ - MOD[NA

285


In questa cartolina, ideata e disegnata dal generale Dino Panzera, c'è la sintesi grafica della Storia dei Corpi Trasporti per via ordinaria, distribuita lungo una ideale via che, partendo da un lontano passato, giunge fino ai giorni nostri e prosegue ancora ... Dall'alto, rispettivamente, i simboli del Corpo del Treno e del Treno di Artiglieria; segue il distintivo da berretto e da manica degli automobilisti del genio e del Treno di Artiglieria; il 1• fregio degli automobilisti del raggruppamento trasporti e dei centri automobilistici; il 2• fregio del Corpo Automobilistico (periodo 1936-46); il3• fregio (quello attuale) del Corpo, poi Servizio, e di nuovo Corpo Automobilistico (foto D. Panzera).

Ricorrendo il centenario de l R.D. l 3. l 2. l 87 1 che istituì le stellette quale d istintivo dei milita ri, fu il promotore delle lapidi rievocative poste nelle sedi delle Accademie M ilitare, Nava le e Aeronautica. È, il generale Ponzero, uno di coloro che doll949 si sono cimentali nello stesura dello Storia del Corpo A utomobilistico (vds vol. l o - Ringraziamenti}. Nel corso dei suoi studi· ha realizzato una documentatissimo ricerca sull'evoluzione dello logistico «dal ca rro all'autocarro». A lcuni cenni su q uesto spec ific o argomento sono stati da noi forniti nel corpo del primo capitolo del citalo l 0 volume, ma estremamente sintetici e certamente molto incompleti, proprio per la diverso impostazione esistente tra l'opero nostra e qu ello che avrebbe voluto realizzare il Ponzera. Approfittiamo di questo fortunato incontro per fornire - prima di immetterci nel racconto della sua testimonianza - altri (ma sempre sintetici) ra gguagl i sul temo. Il Ponzera prende, come punto di partenza, l'istituzione nel 17 45 del primo corpo dei trasporti per via ordinaria, antesignano dell'attuale Servizio dei Trasporti e Materiali che fa capo al Corpo Automobilistico. Ta le primo corpo a correggio si costituì, nello stesso 17 45 e per i soli anni di guerra, quale Corpo del Treno di Provianda, ente autonomo e distinto dal più antico

Treno di Artiglieria; solo nel 1832 rimase permanentemente. Dopo il 1850 fu denominato Corpo del Treno di Armata e, nel l 861 , fu ordinato su Ire reggimenti. Con l'ordinamento 1870/71 del ministro, generale Ricotli-Mognani, il Corpo fu sciolto e il servizio del treno, meno uno compagnia assegnato al genio, passò totalmente all'artiglieria. Da allora la storia, pur glorioso, del treno, rimase ignorala e, solo recentemente, la Sezione Storica dei Corpi dello SME-Ufficio Storico, ne è venuta in possesso dopo aver richies to al Coma ndo dei Servizi Trasporti e Materiali lo copia dei fascicoli e disegni elaborali dal generale Panzera. Le successive vicende de l Treno si intrecciarono con quelle dell'A utomobi lismo, istituito nel 1903 , e per i dettag li di queste vicende ci si può tranquillamente riportare al l o vol. , cap. Il. Vale lo pena tuttavia far notare come sia i soldati del treno (l 8721933 ) che g li automobilisti (1912-2 3) indossassero le uniform i deg li artiglieri dai quali , entrambi, si distinguevano per il loro speciale fregio: la stella d'Italia mod. l 871 /72 con al centro uno piccola automobi le pe(gl i automobilisti, che poi ebbero il loro freg io mod. 1923. l l O Raggruppamenti Trasporti, uno per C.A. , formali dal gruppo treno e da quello auto, evidenziano ancoro la simbiosi delle


-t t

r(lr'Y\

67 dalle te rre russe occupa erano t t i in Ger~ania a pieno carico di ragazz e russe dep ortate· per i l lavoro nell~ ~a~briche; ave­ v a n'o sul pett o i l distintivo "OST" (EST=~~­ si.a~. Vicli tali convogli viagg1ando (5- 11 S,l\1• @ O 1942) verso i l fronte russo, de stina te Distintivo con sovrapp o st o p ·iastri- . a l CSIR , Corpo di Spediz i ol}e I t a l ia no inR\l5f2.9.; vistg a Palmanova (TJD) nel 1993 . SIA , po1 detto YJ:XIT° C . d ' A ."CSIR" nell ' 8"Armata (ARM . I . R . ). Le ragazze russe 1 anch~ SCALA 1 : 1_ rer la prorompente vi tali tà del :ha g1oVe!.tv f'r> n"l.rivan o ouas i sorridentt non · preveder.do ( e- neppure noi) un destino più o meno tJ a g j_co per tutti • . . . . •

=

due specialità nel 1923-26. P;i, con la costituzione dei Centri Automobilistici, le compagn ie treno vennero assegnate, una per reggimento, all ' artig lieri a da campag na; vennero sciolte nel 1932-33, ma previste come reparti a traino animale in caso di mobilitazione. È qui da rammentare che nell'esercito francese è tuttora rimasta, per l'automobilismo, l'or ig inaria denominazione napoleonica di «Corps du train». A conclusione di questa panoramica sugli originari trasporti, il generale Panzera auspica che, semmai le future generazioni dovessero delineare la Storia del Servizio Trasporti e Materiali, esistente solo da un quindicennio, le sue remote origini vengano riferite non al 1903, ma addirittura a l 1745, o a lmeno al 1832, cioè al Corpo del Treno di Provianda (dove per «provianda» si devono intendere i rifornimenti dei materiali minuti dell'epoca e le «munizioni da bocca») . Una presentazione del personaggio forse troppo lunga, per il «fuori tema» che ha comportato, ma certamente troppo breve, per il cumulo di interessantissime notizie che egl i sarebbe in grado di elargirci; ma è ora

di riportarci al pieno dell'argomento, cioè al racconto della sua personale vicenda nella campagna di Russia. Va precisato che, nel racconto-intervista che seguirò, verranno omessi , o appena sfiorati, quegli episodi che sono già stati riportati nel corpo del capitolo, attinti dalle memorie scritte che egli inviò a suo tempo all'Ufficio Storico dello SME e all' Ispettorato della Motorizzazione, oppure gli stessi avvenimenti verranno richiamati per completarli con aneddoti prima trascurati. La nostra attenzione si appunterà, ora, su episodi di vita spicc iola e quadri di quotidianità , che ci consentiranno di respirare lo stesso at-· mosfera nella qua le il giovane ufficiale si trovò immerso. Ascoltiamo e registriamo.

«Ero sottotenente da poco più di due mesi, quando il 5 giugno del '42 salii a Bologna su quel treno che, l' 7 7 successivo, mi avrebbe scaricato a Jasinovataia, presso la sede del Comando CSIR. Sei giorni di treno, sufficienti però a farmi conoscere alcuni aspetti della guerra, alcuni di quegli infiniti, malefici effetti collaterali che ogni conflitto trascina con sé.

Originale di una delle duemila tavole realizzate dal generale Dino Panzera per riviste specializzate, riferita alla scena di ragazze russe deportate, da lui osservata presso una stazione polacca e raccontata nel testo.

287


CAPITOLO

288

6

Attraversando lo Germanio notai, in uno stazione, un convoglio diretto in senso opposto al nostro, corico di ragazze. Avranno avuto dai 15 ai 18 anni. Tutte recavono, sul grembiule, un quadrato con lo scritta <<0sf>> (est, dicitura generico per indicore lo loro provenienza dallo Russia). Erano sorridenti, ma il/oro non ero il sorriso della felicità , bensì quello dello giovinezza con lo sua incoscienza, con quello mal riposto fiducia nello vito che le prime de lusioni non sono ancoro riuscite od intaccare. Erano ragazze che i Tedeschi avevano strappato o forzo alle loro famiglie e condotto o lavorare in Germanio. Ben triste sarebbe stato lo loro sorte, al momento dello liberazione, quando vennero riunite in un campo di roecolto sovietico. /loro stessi connazionali le trottarono allo stregua di traditrici accogliendole con sputi, insulti, ed epiteti dello peggior sorto. Il governo avrebbe completato lo vergogno, condannandole o tre anni di internamento in Sib eria. A Leopoli, poi, presso il/oca/e Coman do Tappo italiano, assistetti od una scena che suscitò in me sconcerto e impotente indignaz ione: un soldato tedesco della Feldgendormerie che prendevo violentemente o schiaffi un vecchio uomo aven te un bracciale bianco. Mi informai, e seppi che lo colpo di quel poveretfo ero di essere ebreo, e che la suo presenza in oro notturno, viefato, ero stato segnalato al tedesco do un carabiniere, ligio allo lettera alle disposizioni deii'Ortskommandotur de/luogo. Fin dal mio arrivo, le mie offese, che erono rivolte verso il comando di uomini e l'impiego di automezzi, in particolare quelli deiI'Autodroppello, andarono subito delu se: il capo Ufficio Servizi del CSIR, maggiore G . Filippo Congini, spense sul nascere il mio entusiasmo. «È opportuno che ti faccio primo le osso qui al Comando, presso l'Ufficio Auto mi annunciò - in modo che tu posso vedere 'prima le situazioni dall'alto ... Però oro non sentirti un nopoleoncino!» concluse, per indorormi lo pillola, come o vole rmi convincere di chissà quale grande privilegio accordatomi. In realtà il maggiore, in quel momento, non intravedeva alcuno utilità pratica nel sostituire l'allora comandante deiI'Autodroppello, un moresciollone smaliziato rotto ad ogni esperienza, con un giovane sottotenente che, come sola dotazione, recavo il bagaglio di nozioni ricevute all'Accademia. Mio compito specifico era quello di verificare lo verosimiglianzo del consumo di carburante do porte degli automezzi, in rapporto ai chilometri percorsi. Molto spesso i doti si scostavano sensibilmente do quelli teorici, ma non ero difficile trovare lo <<pez-

zo giustificativo>>, tenendo conto degli sforzi cui i veicoli erano soggetti per lo stato delle piste. Operando presso il Comando CSIR, avevo modo di incontrare ufficio/i di ogni armo o servizio. In portico/are, uno fortuna per me fu il rapporto instaurotosi con un veterinario. Ritenendo/o nello possibilità di forio, gli chiesi un giorno di procurormi dei <<vàljenki>>, particolare tipo di stivali russi, di feltro rigido e spesso, fatto con pelo di copro, che si sarebbero poi rivelati preziosissimi, col sopraggiungere dell'inverno: mentre infatti i piedi di coloro che calzovano scarponi d 'ordinanza andavano incontro o congelamento, con essi i miei avrebbero vissuto uno condizione più che occeftobile. Erano senza suolo, ed erano adattissimi o comminare sul ghiaccio, dove consentivano di non scivolare; non andavano invece affatto bene col disgelo, in quanto non erano im perm eabili. Avendo io domondato al veterinario come avrei potuto sdebitormi, egli rivolse lo sguardo verso gli scarponi do o/pino che calzavo in quel momento. Ero già ben disposto o consegnarglieli, quonpo quegli rispose: <<Dommi i lacci di cuoio dei tuoi scarponi!>> Figuriamoci se non accettai di cavarmelo con così poco! Do/ 13 agosto, fino o/ 3 novembre, sempre o Korghìnskojo, sede del Comando XXXV C.A. <<CSIR >>, continuando o fare il contabile presso l'Ufficio Servizi, venni o/loggiato, dietro requisizione, presso uno famiglia russa di nome Bàrkino dove, con i genitori, vivevano Ire ragazzine di 15, 14 e 12 anni rispettivamente. l/loro figlio maggiore, mio coetaneo, slavo invece prestando servizio militare come «rodisfo» (cioè addetto alla radio) a Mosca. Rimasero non poco sorpresi, lo sera del mio arrivo, quando mi presentai per prendere possesso del mio alloggiamento nello loro isbo, salutando e augurando «Spokojne noce! » (tranquillo notte). Ben diverso mente erano abituali ad essere Ira/lati dai Tedeschi. Un ottimo rapporto si stabilì presto tra me e i componenti della famiglia , o/l'interno della quale divenni quasi un quinto figlio e, proprio come si usa spesso Ira fratelli, non mancavano i litigi tra me e lo figlia maggiore: quante volte lo madre, che mi dimostrava sin troppo stimo, dovette in· tervenire per sedare le nostre baruffe! Le isbe, tipiche abitazioni dello campo· gno russo, erano nullo più che capanne. Poche quelle in muroturo, o in legno, come quello dei Bàrkino. Il tipo più comune era costruito con grossi mattoni ricavati impa· sfondo paglia e sterco bovino. Le pareti, sul·


le quali si aprivano piccole finestre munite di vetri doppi, erano imbiancate di co/ce. Il pavimento ero di legno, e il tetto di paglia. Doppio ero anche lo porto d'ingresso: fra lo porto esterno e quello inferno c'ero infatti un' intercopedine di circo mezzo metro che fungevo do isolante termico. In quasi tutte, in un angolo, c 'ero un'icono. A Gorlowko, invece, c 'erano cose o uno o due piani, e provviste di bagno, un po' sullo stile di quelle che andavano do noi o covo/lo dello Primo Guerra Mondiale. In esse c'ero anche una radio, se così può chiamarsi. Si trottavo in realtà di un semplice altoparlante attraverso il quale, collegandolo a una presa, si poteva ascoltare quanto la radio stava dicendo; non c 'era cioè possibilità di selezionare uno stazione ma solo di ascoltare quello che qualcuno (le autorità, forse) decideva di trasmettere. Gente semplice e genuino, tonto gli Ucraini che i Russi, e pronta all'amicizia. Una circolare del Comando CSIR invitava i militari o tenere buoni e corretti rapporti con lo popolazione, e ricordavo lo gronde attitudine di tutti i popoli slavi ad apprendere le lingue straniere. Infatti, in breve tempo es-

si avevano imparato le nostre canzoni, in italiano, ma anche in dialetto, e spesso le cantavano assieme ai nostri soldati. In molte abitazioni era appesa al muro una baloloiko, sorto di chitarra con cosso triangolare. l Russi amano molto lo musica come, e forse più profondamente dei napoletani. In molte case c 'erano dei dischi a 78 giri con grammofono o voligetto e, oltre alle loro canzoni, non ero raro ascoltare pezzi d'opero ifa/ioni contati in russo oppure -quasi violento sprazzo di colore dello nostra Patria lontana- «Solnze moe>> (O sole mio). D'estate, nelle serate più pacifiche, nostri so/doti e giovani donne intonavano insieme lo loro celebre «Kofiuscio» (che è ancoro lo siglo di Radio Mosca) . Vi erano onche· dischi con belle marce militari quale «Se domani ci sarà lo guerra», il cui testo, altomente patriottico, era svilito do quelle poro/e {poi abolite) che esaltavano i nomi dei loro copi, do Sto/in, o Timoscenko, o Woroscilov. Tra un conto e l'altro le donne ucroine rosicchiavano semi di girasole. Presso i Bàrkino io andavo so/tonfo o dormire, mentre per i posti mi recavo olio

Il sottotenente Panzera, insieme alla famiglia Bàrkina (manca il padre, in quel momento a/lavoro nei campi), presso la quale fu ospite fino al momento della ritirata (foto D. Panzera).

289


CAPITOLO

290

6

mensa ufficio/i del secondo scaglione {uffici logistici). Ero il mio attendente invece o mangiare il suo rancio presso di essi, e o trascorrere con loro gran porte del suo tempo. Finita la guerra, serbai o lungo dentro di me il desiderio di sapere lo sorte di questa famiglia. Solo nel 1987, quando l'Unione Sovietico cominciò od aprire qualche spi~aglio nello sua cortino, provai o scrivere uno lettera. Non sto a descrivere i dettogli delle indicazioni che fornii, sullo bu. sto, perché essa giungesse o destinaz ione. Con mia immensa gioia, dopo qualche tempo mi giunse lo risposta. Dopo il padre, anche lo mamma ero morto, ma le figlie si ricordavano ancoro molto bene di me: per esse io ero ancoro <<il nostro ufficiale». Mi risposero ... <<Per 45 anni abbiamo sperato di ricevere vostre notizie e che siate vivo .. . » Una corrispondenza che si perpetuo ancoro oggi. Molti avvenimenti mi tornano alla mente, sul periodo do me trascorso presso i Bàrkino. Un giorno di agosto, il Capo Ufficio Auto, capitano Idolo Sontopinto, mi inviò o/ porco o prelevare dei ricambi. Lungo uno strada che si aprivo tra due pareti formate dai candidi tronchi di un bosco di betulle, incontrai un reparto di artiglieria o/pino, forse della << Tridentina». Marciavano <<O posso di strada», in ordine perfetto, ed erano splendidi o vedersi: divise in ordine inappuntabile e muli superbi, gravati di some e bardati come disposto dai più rigidi manuali. Sembravano un reparto in parato, tanto do suscitare in me l'orgoglio per la mio italianità. Chi avrebbe potuto sospettare che quasi tutti quei giovani, così forti e fieri, di lì o pochi mesi sarebbero divenuti carne do macello, spopolando delle migliori risorse umane le nostre voliate alpine? 1123 agosto, recotomi all'isbo, presso il fiu_me Cyr, o riprendere le sigarette, udii un coro di lamenti e pianti di donne . Mi dissero che si stava svolgendo, non lontano, la battaglia del Don . Doll'isba mi portai, per un viottolo, sulla strada principale, dove in quel momento stavano giungendo oiI' Ospedale da Campo due Lancio RO del 2 ° Autoraggruppomento. Sul cassone, gettati su giacigli di paglia , erano stipati numerosi feriti , fanti della <<Sforzesco» , appena giunta dall'Italia e i cui effettivi erano del tutto inesperti de ll'ambiente in cui erono stati gettati od operare. Per la prima volta vedevo e toccavo il vero e orrendo volto dello guerra. Tra quei poveri esseri martoriati, uno in particolare mi colpì: un fante , col volto imbrattato di sangue essiccato, che reggevo un biglietto dove il poveretto, non avendo

forza per parlare, avevo scritto (come avrà fatto?) <<Aiutatemi! Non riesco o respirare!» Corsi o chiamare un medico e, allorché questi fu giunto, non reggendo olia visto di tonto strazio, mi allontanai riportandomi verso l'isba. Qui, rivolgendomi alle donne, non seppi trattenermi do uno spontaneo imprecazione: «<o prenderei tutti i capi, do Mussolini o Hitler, do Sto/in o Churchill ... e li farei bruciore tutti insieme dentro uno gronde stufo!» L'ideo della stufa mi ero venuto osservando quella che in quel momento riscaldava l' isbo . Il mio sfogo, e lo mia frase così immaginifica, fece tornare il sorriso sul volto di quelle donne. Ai primi di novembre, il Comando CSIR si trasferì più o nord, tra Radtscenskoie e Sci~Hinowko. Fu presso quest' ultima località, e in questo periodo, che si verificò un fenomeno singolare: un'invasione di topolini; un vero flagello! Cera, nei pressi del Comando, un capannone il cui pavimento ero ammantato do uno spesso strato di residui di fieno. Ogni volta che si_apriva la porto, e ro uno spet· tacolo osservare l'intera superficie tutto percorsa da un fremito convulso, dovuto alle corse frenetiche degli animaletti. Un nostro autiere, un lombardo detto <<il Cek» (abbreviativo di Francesco}, avevo ideato un ingegnoso morchingegno per e liminor/i. Avevo riempito d 'acqua a metà uno tonica di benzina da cui aveva ritagliato lo porte superiore. Sullo sommità avevo posiz ionato uno tovo/etto di legno basculante su cui, come esca, aveva p o sto un pezzetto di formaggio . Un ' ulteriore tovo/etto che do terra giungeva o/ bordo dello tonica, fun· gevo da rompa di salita. Il topo salivo lo rompo, si avvicinavo al formaggio, ma il suo stesso peso, pur se di pochi grammi, ero su fficiente a spingere in baso lo tavo/etto oscillante. La bestiola scivolava nell'aequo dove, non potendo risolire lo parete liscia del fustino , ben p resto annegava, mentre la tavoletta con l'esco, di nuovo libera, tornava in posizione per accogliere uno nuovo vittima. Ogni mottino, quando il recipiente veniva vuotato, c'e· rana sempre non meno di una quarantina di topini morti. Erano talmente invadenti, questi animo· letti, che a volte di notte si insin uavano perfino nelle maniche del cappotto o nei pon· tafani. Era sufficiente individuare la suo po· sizione, stringere le dito a pugno, per stritolare il topolino. L'invasione creò non pochi problemi an· c he allo Sussistenza, che fu costretta o distribuire il formaggio od altri magazzini, primo che le scorte venissero a zzerale.


L'8 dicembre, finalmente, il mia sogno di una vita più attiva venne coronato, e mi venne affidato il comando dell' Autodrappeffo. Il passaggio di consegne fu laborioso. Basterà ricordare quanti grottocopi mi diede un'Alfa Romeo, giunto presso I'O .A.R.E. di Bologna privo di un foro, come risultavo do un verbo/e di constatazione. Chi l'avevo smarrito? I'Autodroppello o altri? Uno banalità, a ll'apparenza; nello realtà, un problema dei più ostici. Tra le possibili soluzioni, un <cverbole di smarrimento», il che avrebbe comportato /'individuozione del responsabile con relativo addebito. Verbale di usura? in questo coso avrebbe dovuto esserci il pezzo usuraio, do mos trare oll'eventuole ispettore. Causo di forzo moggiore? allora bisognava inventarsi un combattimento, un incidente, o offro. Tra i mezzi in organico oii'Autodroppello, mi piace ricordare uno Autounion Wo nderer, vettura tattico che il genero/e tedesco Von Kleisf avevo donato o/ genero/e Messe al quale poi ero succeduto, per avvicendamento, il genero/e Zingoles. Sembra che proprio su quest'auto abbia trovato lo morte il capitano Borruto, colpito do uno poi/otto/o in pieno fronte . Nel contempo, quale Capo Ufficio Auto del Comando CSIR, al capitano Sontopinto ero subentrato il maggiore Luigi Mennielli. Ero, questi, un furbo, il tipico esemplare di q uegli ufficiali pronti o fars i forte del grado. Ricordo infatti che, nell'agosto de/ '43, dopo il rientro in Italia, dovendo io dare conto oli'Intendenza degli automezzi perduti, chiesi al Mennielli uno dichiarazione giustificativa in merito o uno Spo 38 R che, resosi inefficiente durante lo ritirata, egli stesso mi avevo ordinato di versare o/ 6 ° Porco, o Gorlowko. «Come si permette di chiedere una dichiarazione o un ufficio/e superiore?» fu lo risposta del Mennielli. Avevo appeno cominciato o familiarizzare con il mio nuovo incarico, quando lo situazione iniziò o precipitare. Correvano voci che o/ fronte le cose stessero prendendo una brutta piego, e chiari segni ce lo mostravano. Sintomatico il fatto che si por/asse di mandare in linea anche il Battaglione Genio Ferrovieri. Si vociferovo tuttavia di spostamenfi, e nessuno osava pronunciare la poro/a «ritirata». Un anziano tenente alpino, di Roma, o commento dello situazione, continuava però o ripetere: «Ouo cevo' lo stellone d 'ltoliol» In mancanza di chiare notizie e di ordini, mi dibattevo nel dubbio se ordinare o meno di ripiegare l'officina leggero, quando giunse l'autiere Fiondino, conduttore di autovettura Mercedes tattico.

«Che notizie ci sono?>> mi premuroi di chiedergli. «Al Comando hanno già staccato dai muri i quadri e le carte topogrofiche!» fu lo significativa risposto. Chiomato il sergente, gli ordinai di cominciare o ripiegare l'officina, che ero ancoro in fase di allestimento per lo stagione inverno/e. «Ci avevamo già pensato noi!» replicò il sottufficiole. Nello notte sul 16, via telefono, giunse l'ordine di ripiegomento e tutti, freneticamente, ci dedicammo all'approntamento dell'autocolonno. Il nemico più ostico, in quel momento, ero il freddo . La temperatura ero sui -30, e l'avviamento di ogni singola macchino .costavo uno fatica enorme. Tra il personale deii'Autodroppeffo, porticolormente in gambo per questo incombenza ero Bo/estro, anziano autiere pormense, che ero l' unico o saper mettere in moto il suo Spo 38 R (che egli affettuosomente chiamavo «il mè Spo»} col quale poi trainavo gli offri mezzi da avviare al mottino. Origino/e, ed efficace, il sistemo do lui adottato. Allo sera, o/ rientro o/ parcheggio, egli si poneva in bocca l'indice, bagnandolo di salivo per fargli acquisire maggiore sensibilità e, individuato con esso lo direzione dell'aria più fredda, verso di esso dirigevo il retro dell'automezzo. Fotto ciò, vuotava l'aequo dal motore e do/ radiatore dentro un secchia, che conservavo o/l'interno di un 'isbo. Al mattino, per primo coso egli fornivo un «cicchetto» al motore, immettendo qualche goccia di benzina attraverso i 4 rubinetti di decompressione (simili o quelli del 18 BL); quindi, con qualche giro di manovella avviava il motore e , do ultimo, reintroducevo la stesso aequo che aveva provveduto o vuotare lo sera primo. Verso le tre, sfiniti do/ freddo e dallo stanchezza, col favore dello luce lunare, riuscimmo o robberciare un'autocolonna, fotto di mezzi porte in moto, porte o traino. Sul posto, avevo lasciato il sergente maggiore Busso/ati, con l'incarico di tentare l'avviamento di qualche altro mezzo, e con lo promesso di tornare indietro o recuperorlo. Un motivo di rammarico, che rimarrà sempre nel mio animo come uno ferito, è lo perdita dell'autiere Moscherpa. Né io, n~ offri, riuscimmo p iù, in seguito, o sapere quale sia stato la suo sorte. Ero, costui, conduttore di outofrigorifero Bianchi Mi/es carico di fusti di carburante. Notoriamente i Bianchi Mi/es, tutti o gasolio, erano di difficile avviamento. Egli era solito dire che non avrebbe mai abbandonato il suo automezzo. Nell'occasione, mediante traino, esso ero stato messo in moto. Poiché la co-

CAMPAGNA DI RUSSIA

291


CAPITOLO

292

6

lonna era partita da pochi minuti, egli aveva detto al sottufficiale che l'avrebbe raggiunto, ma da allora non Fu più visto. Si pensa che abbia sbagliato strada, oppure che un 'improvviso inefficienza del mezzo lo abbia bloccato e che egli, campagnolo Iom bordo d 'animo buono e semplice, non abbia voluto abbandonare il suo prezioso corico di carburanti. Nostro destinazione era Tchedrowko ma, per un 'errata interpretazione della corto, mi ritrovai sulla strada per Tschertkowo. Ri. mediato o/l'errore, e raggiunto lo località stabilito, risalendo Faticosamente controcorrente il Fiume di automezzi in ritirato, tornai indietro o recuperare il bravo Bussoloti, con uno 1100 che, al contrario di oltre vetture, non era stato ceduto allo Stato Maggiore per via di una foglia di balestra rotto. Allo guida, l'autiere Sarchi, di Pavia. Do Tchedrowka, il giorno dopo, lo ritiroto proseguì in direzione di Tschertkowo, e Fu presso questa città che subimmo un attacco aereo. Ero sfinito, e sulle prime non seppi capacitarmi di coso stesse accadendo. Il rumore delle raffiche di mitragliatrice, lo interpretai come un disturbo al motore, come se stesse battendo in testa. Per fortuna il mio autista Fu più rapido di me nell'afferrare lo situazione sì che, bloccato il mezzo, ci gettammo subito Fuori pista. Le colonne in ritirato erano un serpentone interminabile, migliaio di automezzi che muovevano verso una solo direzione. Ma quelle più sconcertanti erano oltre autocolonne di veicoli eterogenei, ben allineate sul margine destro dello pista, senza soluzione di continuità; e molti avevano il cassone colmo di materiale. Sembravano an eh ' esse autocolonne in procinto di partire, ma in cabina non c 'ero nessuno: erano gli automezzi abbandonati per mancanza di carburante. Fermatomi a soddisfare uno necessitò Fisiologico, vidi acconto a me uno Spa 38 R nu"ovo di Fabbrico. Già che c 'eravamo, feci prelevare dallo stesso mezzo tutto l'olio della coppa e, allo scopo di render/o inefficiente, feci asportare anche il magnete. Quando rievoco lo ritirata, e quello Spo 38, mi affioro sempre allo mente un piccolo particolare, per me piuttosto patetico, direi simbolico e quasi insignificante di fronte al pensiero di lunghissime colonne di nostri soldati, sbandati, che o piedi si muovevano sulla neve ghiacciata. Colonne che non ho visto in quanto si formarono nei giorni successivi. Lo Spa 38 R dell'epoca aveva i laterali di mica arrotolati al tetto della cabina, non essendoci ancoro i cristalli. In pratico, lo cabina ero all'aperto, non offrendo riparo né dal freddo , né dalla neve o dalla pioggia.

Illuminato dal chiarore lunare, vidi in quel momento sulla cabina un lungo fucile che, in posizione obliqua, arrivava fin quasi al tetto dello stesso. Ero uno dei nostri vecchi fucili modello 91 , quello dei fanti dello guerra 1915-18 e di quelle successive. In un attimo affluirono e si accavallarono nello mio mente tanti ricordi di ciò che, do bambini, ci tramandavano i nostri vecchi, protagonisti dello Grande Guerra e delle altre. La tristezza dello ritirato si fece maggiore in me, o quello visione e al sorgere di quei ricordi. Il binomio «libro e moschetto», creato per gli studenti dallo gioventù dellittorio, lo vedevo realizzato in quello di < <autocarro e fucile» , ormai entrambi inutili, essendo abbandonati. Alle tonte e ben più gravi visioni si aggiunse, nella mio mente, anche questa emblematico immagine dello ritirata di Russia. Nelle drammatiche sequenze dello ritirata ognuno si ingegnavo, per istinto di sopravvivenz a, con i più disparati sistemi, di procurorsi un passaggio su un automezzo. Incontrai, un paio di volte forse, dei soldo ti nell'otto di fare <<l'autostop» con in mano un <<kanister», il fustino per carburanti d i tipo tedesco: poiché ero proprio il carburante l'elemento più appetito, quei soldati, forse più sagaci, forse più abili o più fortunati di altri, riuscivano con esso od assicurarsi il passaggio, e insieme lo salvezza. Se tonti episodi negativi vengono roecontati, circo azioni di predoggio effettuote dai Tedeschi in quei giorni d i marasma, io posso invece riferirne uno positivo. Ero col carro officina al collaudo d i un' autovettura dalle porti dello Beresina (nome storico di napoleoniana memoria}, quando aneh 'io, nell'attraversare un bosco di betulle (in russo «beresa» sign ifico appunto betulla), rimasi o secco. Di lì o poco, ecco sopraggiungere un 'autocolonna tedesca. Feci, con il pollice verso, il gesto di chi chiede rifornimento ed un autista germanico, in coda allo colonno, si fermò , esaudendo lo mia preghiera, e sottroendomi allo critico situazione. Come si può notare, gente buona e cattiva esiste presso tutte le latitudini.>> Nel rimandare a lle pag i ne precedenti, relative alla stori a del l' Autodrappello del CSIR, la lettura deg li ultimi sviluppi e dello conclusione della vicenda persona le del nostro personaggio, chiudiamo la sua lunga e ricca testimonianza con il racconto d i questo piccolo gesto di a ltruismo, insign ificante se preso in sé, di valore simbolico incalcolabile, se rapportato i nvece alle atrocità, alla bestia lità, a lla cec ità dell'odio con le qual i la guerra ottenebra la mente umana. l nostri lettori ricorderanno, sul chiuder-


si del 5 ° capitolo del l volume di quest'opera, la figura di Amedeo BERTON, nato a Scorzè (TV) il23 settembre del 1909, oggi residente a Preganziol. Il suo racconto si chiudeva con una inquietante frase a lui ri volta dal capitano Uberti allorché, finita la guerra d ' Africa, lo congedava con queste parole: -Non è mica ancora finita, sai?! - Piuttosto mi taglio una mano- fu la risposta del Berton - ma qui non ci torno più! Invece ... Da questa parola , riprendiamo il resoconto delle sue vicende, restituendo la parola al protagonista .

«Invece, nel marzo del 1940, ecco un nuovo richiamo, e ancora una volta al 4 ° Autocentro. Ero lì, una mattina, che dormivo sulla paglia, quando un furiere mi avvertì che mi volevano al Comando. Corsi su e, chi vi trovai? il ... maggiore Uberti . - Caro Berton - mi annunciò riprendendo la frase lasciata in sospeso tre anni prima- c 'è un 'altra guerra da fare! e mi chiese di meffergli insieme una quindicina di autieri. M i misi all'opera e, in breve, ricompattai l'intera ganga del '35. Fummo inviati sul fronte francese , dove ci aspettavano 15 Fiat 634 con rimorchio pesante. Si partì per un «giro d 'Italia», attraverso Piacenza, Ancona, Napoli, Taranto, a caricare carri armati, completi di equipaggio, che poi scaricammo a Pinerolo e zone limitrofe al confine francf3se. A giugno, terminata questa lunga missione, il... tenente colonnello Uberti ci mandò a Treviso, dove si era appena costituito il 14 o Autocentro. Non ricordo il nome del primo comandante, il secondo fu il tenente colonnello Astuti. Per un anno e mezzo, fino alla fine del '41, non feci che requisire automezzi. Il tenente Kramer, di Gorizia, girava in continuazione per effettuare le operazioni di requisizione, vincendo l'ostruzionismo dei proprietari alcuni dei quali, per non cederli, mettevano fuori uso i loro autocarri. Dietro il tenente, passavo io, prelevavo i mezzi e li portavo in officina, dove venivano verniciati, ritargati, e mandati nei Balcani. Non bastavano mai, più se ne requisivano, più ne occorrevano. Un giorno, un maledetto giorno, incappai in un certo capitano Penso, mutilato dall'Africa, che aveva l'incarico di reperire autisti con i quali allestire un autoreparto. - lo ti vedo tutti i giorni a guidare camion- mi domandò- si può sapere che fai? Gli spiegai, e tutto sembrò finito lì. - Fatti furbo, Berton - mi avvertì Uberti - pare che stiano approntando un autore-

parto per la Russia, e mi so che ti vogliano incastrare! -Piuttosto mi taglio una mano - risposi replicando il giuramento di 4 anni prima ma stavolta non mi fregano! Al primi del '42 l'autoreparto, con sede a Montorio Veronese, ero quasi pronto, mancavano 6 o 7 autisti. Aveva giò un numero, il 245°, ed era dotato di l 20 automezzi, c he dovevano essere caricati sui piana/i. Fu lo stesso tenente colonnello Astuti a ordinarmi di andare a Montorio, ad effettuare il caricamento. - Stai tranquillo - tentò di rassicurarmi -che tu vai solo a caricare! Non gli credetti affatto e, spinto dalla robbio e dall'angoscia, scappai a cosa mia, a Scorzé. Venne a rintracciarmi il maresciallo dei carabinieri, al quale va dato atto di avermi saputo prendere con le buone. - Berton, non fare sciocchezze- mi raccomandò- non disertare. Guarda, per aiutarti, ti firmo io stesso un giorno di permesso! Eravamo in 4, e durarono venti giorni le operazioni di caricamento alla stazione di Verona. Ogni macchina veniva abbinata a un conduttore. A me venne assegnata una Il 00 coloniale. Con essa mi recai a Gorizia a prelevare un capitano dei bersaglieri e con lui cominciai il giro dell'Europa, per individuare, nelle varie città, i luoghi di sosta per i reparti diretti in Russia. Tre giorni sostammo a Vienna, otto a Cracovia, otto a Leopoli, da dove tornammo a Cracovia. Il mio reparto era ancora a Montorio. Arrivò dopo venti giorni, e trovò il piazzale pronto per i mezzi e gli alloggi per il personale. Ancora dieci giorni fermi e, infine, partenza. Nell'ordine, in autocolonne scaglionote, partirono il 245°, con le sue 120 macchine, e quindi il 248 °, il 24r, il 246 °; centinaia, migliaia di uomini e mezzi che si ovviavano a recitare la loro parte nella tragedia deii'ARMIR . Per una pista tutta in terra battuta raggiungemmo Leopoli, che trovammo pressoché rasa al suolo. Una breve sosta, e di nuovo avanti, senza fermarci fino a Kiev. Qui dovemmo sostare dieci giorni, in attesa che il genio riuscisse a completare un ponte di barche sul Dniepr. Un 'impresa snervante, per i nostri genieri: non facevano in tempo a imbullonare una vite, che i Russi gliel'affondavano a cannonate. Completato finalmente il ponte, attraversammo il fiume con le ruote che avanzavano a pelo d'acqua, anzi qualcosa sotto. Giungemmo a Poltava, e da qui o Rikowo, conquistata da una ventina di giorni.

CAMPAGNA DI RUSSIA

293


-

Cosi appaiono le città russe dopo un anno di guerra. Nell'immagine, edifici distrutti a Rowno (foto A. S. Chiesa).

Eravamo ormai in piena bagarre, in piena zona di operazioni. Il nostro maggior disagio, era forse non tanto quello di dover combattere contro i Russi, quanto quello di convivere con i Tedeschi, nostri alleati. Ogni volto che questi raggiungevano un villaggio, rastrellavano le donne, i bambini, i vecchi (i soli rimasti, poiché gli uomini validi erano tutti impegnati al fronte) li portov_ono fuori del paese e li falciavano a mitragliate ... quei porci!»

(È, questo, un'imprecazione con lo quale il Berlon accompagno ogni suo frase riferita ai Tedeschi. Noi eviteremo d i ripe terlo, ma il lettore potrà aggiungerlo o suo volontà, perché esso c' è sempre). «Una volto- continuo Berton, sempre sul tema dei cori alleati - mentre eravamo nel nostro alloggiamento, venne o trovarci il co-

294

mondante della J SI Sezione, tenente Suardi, di Ancona, uno persona squisita, un vero signore, il quale, rivolgendosi proprio o me: - Berton - mi disse - i miei uomini sono allo fame, do giorni non hanno nullo do mangiare. Sono andato o chiedere qual-

cosa ai Tedeschi, ma mi hanno accolto in malo modo. Oggi però, qua vicino, ho visto un campo di patate. Vorrei pregarti di venire domani sera con me, con la tua macchina, a raccoglierne. L' indomani notte, con due o tre soldati, eravamo al campo; stavamo caricando, quando scorgemmo due tedeschi venire alla nostra volta. - Svelto, Berton - bisbigliò veloce il tenente- copri di fango la targa! Precauzione inutile, poiché i Tedesch i, avvicinatisi, lessero ugualmente il numero e fecero la spia. Pochi giorni dopo, ero dovanti alla corte marziale. Fortuna volle che il presidente del tribunale fosse anche lui veneto. Appeno mi chiese le ragioni della nostra azione, risposi con due so/e poro/e, nel nostro comune dialetto: - gh'avevomo fame! Il magistrato, che teneva tra le due mani, aperto, il codice militare, fece un solo gesto: richiuse il volume e, insieme, chiuse il processo. D'altronde, occorre dirlo, nell'economia del conflitto, gli autisti erano una componente troppo prezioso, per paterne perdere anche uno solo per un misero furto di potate.


Riprendiamo il filo del racconto. l Russi, durante lo nostro avanzato, lasciavano terra bruciato dietro di sé, rendendo inservibile ogni coso. Un giorno, o Stolino, il mio reparto avevo appeno trovato sistemazione . lo, essendo in servizio fuori, raggiunsi il campo il giorno dopo, e trovai tutti i miei compagni sdraiati o terra, in preda o violenti mal di pancia, con i medici militari attorno che si ingegnavano o recare un qualche rimedio . Ero avvenuto che i Russi, ritirandosi, avevano gettato i cadaveri dei propri caduti nell'unico pozzo esistente in zona. L' o equo ero stato utilizzato do i nostri, e quelle erano le conseguenze; vi furono due morti. Nei primi tempi dal mio arrivo o/ fronte, giravo con lo mio 1 100 con un sergente maggiore o fare spese per il reparto, quando un giorno mi fermò nientemeno che il genero/e Messe, comandante in capo del Corpo di Spedizione Italiano, che mi volle presso il suo Comando (lo stesso Messe, per il

servizio do me prestato, mi avrebbe in seguito donato lo Croce ricordo del CSIR). Avvenivo che, o causo dell'infomitò dello stato delle piste russe, i motociclisti portoordini si ribaltavano in continuazione, con conseguenze spesso serie, per çui venne deciso di affidare il servizio posto/e alle autovetture. Per tutto agosto e se ttembre, e o ltre, non feci che coricare e recapitare lettere e pacchi, do un punto o/l'altro del fronte; si pensi che il punto estremo do me toccato fu, o nord, il/ago Lodogo, presso Leningrodo, mentre o sud mi spinsi fino o Odesso, sul Mor Nero, dov'ero il Comando dello Morino. Alle prime nevi, cominciò lo boroondo. 1120 ottobre ero o Tula, dietro la Divisione «Ravenna>>. l Russi avevano effettuato proprio qui il loro sfondamento. Tutti scappovano. A ne h 'io, col mio 1 100, scappai, insieme o un commilitone di nome Bono/o. Fui agevolato, in questo fugo , dal fatto di conoscere bene le piste, per via dei tonti viaggi effettuati.

CAMPAGNA DI RUSSIA

La steppa russa era so/cala da sporadici canaloni naturali, denominati "balka" e ogni tanto, come in questo caso, qualche automezzo vi precipitava (foto A. Scolari).

295


CAPITOlO

6

Raggiunsi e superai Tschertkowo. Presso un paesino era accampato il 244 °. Un freddo! l! proprio a causa del freddo, tra i mezzi' parcheggiati questo reparto ne teneva uno sempre acceso, per mettere in moto tutti gli altri o traino. Il tenente era ancora in branda, ignaro di tutto. Come lo avvertii che i Russi stavono avanzando, adunata generale, e fugo altrettanto generale. Lo stesso avvenne, dopo qualche giorno, presso un Comando Tappo tra Tschertkowo e Millerowo . Insieme a noi, un fiume di truppe in fuga . Due bersaglieri mi si pararono in mezzo allo pista, ed uno di essi: -Autista - mi supplicò- fai un 'opera di coritò, corico questo capitano, che è ferito a uno spalla! A terra, sulla neve, il/oro comandante perdevo copiosamente sangue do uno vasto ferita. Con una corda gli serrai forte la spalla fermando l'emorragia. Lo caricai sul mio automezzo e con lui feci salire i suoi soldati. Piangeva, poveretto, e invocava la moglie. Durante la notte, morì. Ci fermammo per dargli sepoltura sotto la neve. In quel momento, a pochi metri, sfilarono velocissimi due carri armati russi; per fortuna non ci videro. Terminata la breve, triste cerimonia, ci accingemmo o riprendere il viaggio. - Ci siete tutti? - domandai; per mog· gior certezza, lasciai scorrere attorno la flebile luce di una torcia elettrica e, a cinque metri, notai un'ombra ritta e immobile. Armi in pugno, un bersagliere ed io ci avvicinammo. La luce della torcia illuminò un'orribile statua di ghiaccio: tre alpini, abbrac· ciati l'un l'altro, in piedi, morti congelati. !l' episodio è raccontato, dallo stesso Berton , nel libro di Giulio Bedeschi «A Nikolajewka, c'ero anch'io» - Edizioni Mursia)

296

Tornai verso l'automezzo, e appoggiai le mani, rivestite di guanti, sulle sue lamiere. l guanti, per il freddo, vi rimasero incollati, tanto che dovetti sfilar via le mani e infilarle in un altro paio che tenevo a bordo, prima che, nel giro di pochi secondi, esse si trasformassero in due blocchi di ghiaccio. In quel momento, accanto a noi, vedemmo passare degli autocarri tedeschi, rincorsi do soldati italiani che, aggrap· pandosi al bordo della sponda posteriore, tentavano d i issarsi a bordo. Da sopra, alcuni soldati tedeschi, con violenti colpi del calcio dei loro fucili, schiacciavano loro le dita e li ricacciavano in mezzo olio neve. Bene fece , in quello stesso periodo, il mio collego Cimieri. Un tedesco si ero presentato ordinandogli d i consegnargli il suo

automezzo, con l'arroganza del padrone cui tutto è dovuto, e senza nemmeno porsi il dubbio che il titolare dello macchina avreb. be potuto avere qualcosa da obiettore. Mentre il tedesco si stavo occingendo a impossessarsi della macchina, volgendo le spalle al Cimieri, questi si sfilò il moschetto e gli vibrò una sonora ronde/lata dietro la nuca; dopodiché, ripreso lo macchino, se la svignò, lasciando il tedesco o terra. Chissà se si sarò più rialzato? Alla vigilia di Natale, il 245° era accampato a Tornavi, nei pressi di Millerowo . D'improvviso, vedemmo i Russi apparire sulle alture circostanti, sventagliondo nella vallata i fasci dei loro riflettori, e riversando su di noi un inferno di fuoco. Chi non morì, o non fece in tempo a fuggire, venne fatto prigioniero. Come iniziò l'attacco, invece d i scappare, insieme a due commilitoni mi lanciai verso una mitragliatrice e presi o rispondere o/ fuoco. Un proiettile di mortaio esplose o pochi metri, e una scheggia mi ferì a un ginocchio. Il mio amico Marcello Gardanego, che avevo cominciato a fugg ire, accortosi che non l'avevo seguito, tornò indietro; al passaggio di un fascio di luce, mi scorse ferito a terra; si slanciò generosomente verso di me, mi portò fuori della portata della luce e dei proiettili nemici poi, presomi sulle spalle, mi coricò sul suo autocarro e mi portò dentro Millerowo, dove venni curato presso il locale ospedale do campo. Col mio 1100, nel frattempo , era fuggito il Bono/o con un sergente. Ritrovai il mezzo tempo dopo, completamente incendiato do un proiettile russo, con ancoro o bordo i resti carbonizzati del collego e del sottufficiale. Restammo assediati a Millerowo per 2 9 giorni, insieme a soldati d i tutte le nazionalità. C'ero con noi anche il colonnello Uberti il quale, una notte, decise di tentare la fugo. Prendemmo 6 nostre macchine e, sullo scia di alcuni carri tedeschi, riuscimmo o sgusciare fuori dello morso dei Russi. Una volta fuori, il colonnello diede il via libera a tutti: che ognuno tentasse di sol. varsi come meglio potevo. Sacrificate tre macchine, accentrammo tutto il gasolio sulle oltre tre e così, ben provvisti di carburante, e stretti tutti in cabina per difenderci dal freddo, viaggiammo per due giorni, Fino a Dniepropetrowsk, dove ci ricongiungemmo con il colonnello». Chiud iamo qu i il racconto d i Amedeo Berton, come sul lieto fine si chiuderebbe un film. In realtà, mancavano ancora cinque mesi al rientro in patria, e più di due anni per la fine del conflitto. Ma questo, ce lo faremo raccontare da altri.


CAPITOLO

7

8 SETTEMBRE: TUTTI A CASA! (O NEl CAMPI D/INTERNAMENTO) C

1 è una data, nella storia recente,

atto rno alla quale tutte le vicende s i trovano imperniate e a l cospetto della quale il Tempo è cos tretto, ossequiente, a scindersi nelle sue due componenti: il «prima» e il «dopo>~; questa data è 1'8 settembre 1943. E opportuno, prima di addentrarci nell'esposizione dei fatti relativi a tale data, fare il punto della s ituazione eriferire gli episodi salienti che avevano condotto a ciò che in essa avvenne. Rivolgiamo perciò un'occhiata panoramica alla dislocazione e s ituazione delle forze italiane nel momento in cui, ai primi di luglio del1943, g li Americani mettevano piede per la prima volta con lo sbarco in Sicilia -sul territorio nazionale. I territori africani delle colonie erano a ndati tutti perduti. Quelli dell'Africa Orientale erano o rmai da due anni in mano agli Inglesi; tutti i militari italiani, se non erano morti o se non erano riusciti a fuggire, si trovavano in lontanissimi campi di prigionia. Coloro che avevano combattuto in Africa Settentrionale, braccati dopo una fuga di mi g liaia di ch ilometri cominciata a El Alamein, in Egitto, avevano effettuato un'ultima vana resistenza in Tunisia e, il13 maggio 1943 si erano arresi; perciò si trovavano ora per la maggior parte disseminati presso i PWO. Quasi contemporaneamente, quanti era no riusciti a tirare in salvo la pelle dai ghiacci della Russia erano rimpatriati e i loro reparti , se non erano sta ti scio lti , tiravano a sopravvivere, decurtati degli uomini e privi di materiali.

l

Esistevano ancora, operativi pur tra mille difficoltà di rifornimento, i reparti impegnati sul territorio nazionale e nella penisola balcanica e quelli distribuiti tra le varie isole del Mediterraneo (Corsica, Ionie, Creta, Rodi, ecc.). All'inizio delle ostilità le forze italiane ammontavano a 75 divisioni. Di queste, due erano andate perdute nella campagna d'Etiopia, 25 in Africa Settentrionale e praticamente lO in Russia. Da quest'ultimo fronte, in verità, erano riusciti a rimpatriare circa la metà degli effettiv i ma, essendo and ati perduti l'armamento e l'equipaggiamento, le loro unità avrebbero dovuto essere ricos tituite con l'immissione di complen1enti e interamente riequipaggiate. Per avere un'idea tangibile della situazione dei materiali relativi a questa campagna, basterà ricordare che erano tornati in Patria 20 pezzi di artiglieria sui 960 che erano partiti e 2.000 veicoli su 12.000. Restavano, pertanto, 38 divisioni efficienti, più una ventina che erano state costituite durante la gu erra. Di esse, ben 36 erano disseminate per l'Europa . Il territorio nazionale aveva perciò disponibili, per la difesa, una ventina di divisioni, di cui una sola motorizzata. Per quanto riguarda quelle cor~z­ zate, s i s tava faticosamente cercando di ricostituire )' «Ariete», completamen te distrutta in Africa. Il lO luglio 1943, dopo aver preventivamente occupa to le isole Pelagie, gli Anglo-Americani sbarcarono in Sicilia. A fronteggiarli, c'erano il XII Corpo d'Armata, con le Divisioni «Aos ta » e <<Assictta» e il XVI (divisione « a poli»

297


CAPITOlO

298

7

più la 206a e 213a Costiere). Di riserva, la «Livorno», la Divisione Corazzata tedesca «Hermann Goering», e la 15a Divisione Granatieri Motorizzata germanica. Contro queste forze, il giorno 11 s i scaglia rono 11 divisioni americane. La sproporzione delle forze era molto più netta di quanto le cifre possano indicare; perché occorre ricordare che le divisioni ita liane erano binarie (perciò ne occorrevano 3 per fa rne 2) e che le divisioni costiere erano irrilevanti per una condotta manovrata delle operazioni, dovendo ciascuna coprire tratti di costa di oltre 100 chilometri. Ma non era tanto il divario di uomini quanto quello degli armamenti a re ndere improponibile il con fronto: 3.000 carri armati degli Allea ti contro i 300 dell e forze dell'Asse, 5.000 aerei contro 520, 2.590 unità nava li contro nessuna (vis to che le poche navi italiane presenti non vennero neppure mosse). Tuttavia, l'a ttacco iniziale venne valid amente contrastato dalla «Livorno» e dalla «Hermann Goering>>e riuscì solo per il decisivo apporto fornito dai cannoni della flotta americana che sparò ben 3.200 colpi di grosso ca libro . Il precipitare della situazione portava, il25luglio, alla cadu ta del Fascismo e all'arresto di Mussolini. Subentrava, quale Capo del Governo, il rnaresciallo Badoglio. Dopo 38 g iorni.di resistenza, le s uperstiti forze i taio-tedesche dovevano indietreggiare. Lasciata la Sicilia e a ttraversato lo Stretto, cominciarono arisalire la penisola. Febbrili trattative intanto si svolgevano tra il nuo vo governo italiano e le autorità in gles i e americane. Come tre anni prima s i e ra intervenuti a fianco dei Tedeschi perché li si vedeva s icuri vincitori, ora che appariva sicura la lo ro sconfitta, li s i abbandonava per cercare una pace separata. L'alleato però, benché perdente, metteva ancora molta paura. Preoccupazione del governo italiano era perciò quella d i trovare la strada per pas- . sa re dalla parte dei nuovi vincitori senza sub ire le rappresagl ie degli ex alleati. E no n seppe fa r di meglio Badoglio, una volta firmata la pace sepa rata, che e manare quel famoso proclama nel quale s i invitavano i solda ti ita lia ni a «cessa re le osti lità co ntro gli Americani e g li Ing les i, ma a ri spo nd ere a og ni a ttacco, da qualunque parte esso provenga ». Il massimo dei capolavori tipici del l'arte di comandare dei vertici militari

italiani, di cui Badoglio era un degno rappresentante (ah, quel ma ledetto vizio di emettere ordini a confronto dei quali la Sibilla Cumana avrebbe raccattato, nel timore di sfigurare, le foglie sulle quali disperdeva i suoi oracoli! ordini nei quali, per il timore di assumere la piena responsabilità da parte di chi li emana, si può interpretare tutto e il contrario di tutto). Un ordine talmente chi aro, quello del proclama, che la prim.a domanda sorta spon tanea nella mente di centinaia di migliaia di Italiani ancora in divisa s parsi per l'Europa e in ascolto alla radio fu: «E ora, cosa d obbiamo fare?» Quello che dovevano fare lo sapevano invece molto bene i Tedeschi che, ovunque si trovarono, disarmarono i reparti italiani, facendone prigionieri tutti gli effettivi e deportandoli in Germania, sa lvo pochi che, per opportunismo o per fede, accettarono di collaborare con essi. Se l'atto di resa si ri prometteva di risparmiare lutti alle popolazioni italiane, l'obiettivo venne macroscopicamente mai1eato. Per quasi due anni ancora sul nostro Paese si sarebbero susseguiti combattimenti, bombardan'lenti, attentati e rappresaglie che provocarono migliaia di vittime specie tra la popolazione civile, in quella che venne ch iamata Guerra di Liberazione e che sarà l'oggetto del prossimo capitolo.

L'B settembre per i reparti automobilistici Come tutte le unità delle FF.AA., anche i reparti automobilistici si trovarono avvolti nel marasma universale che in quel giorno si impadronì del Paese. Imposs ibile ripercorrere le v icende di tutti i singoli reparti, forse diverse tra di loro ma tutte accomunate dal med esimo clima di disorientamento, precursore dell'angoscioso dissolvimento che per molti di essi fu la conclusione naturale e inevitabi le. Ci limiteremo a ripe rcorre re, su lla scorta di memorie scritte d ai loro s tessi comandanti, le peripezie di alcune unità del Corpo, di vari a consistenza e attività, dislocate sul l'ampio ventaglio dei tea tri di operaz ioni. Esse servira nno a commemorare e a fi ssare nel tempo quelle di ana loghi reparti travolti, negli stessi luoghi e nelle s tesse data, dallo stesso avverso destino .


l nltalia Lamped usa venne in vesti ta da lle ondate di barco prima a ncora della Sicilia. L' isola s i colloca infa tti tra l'Africa c la nostra isola magg iore; ris ultò logico perciò per g li Allea ti, porta ta a te rmine la ca mpagna in Africa Se ttentrional e, incentrarla s ul pro prio ca mmino. Ess i infatti la occupa rono c se ne servirono co me testa d i ponte. Sulla piccola isola operava la 29" Autoseziolle speciale mista. I suoi a u tomezzi, dovendo utili zza re acqua d i mare per l'impianto di raffreddamento, s ubirono danni tali ai rad ia tori da diventare in breve tempo quasi tutti inservibili. Il m a nca to a rri vo di p ezz i di rica mbi o fece sì che, sul finire di maggio dcl1943, so lta nto 2 Lancia 3 RO e 4 18 BL (!) fossero a nco ra marcianti. A nch' essi cessarono di funzionare 1' 11 giugno successivo, quando i p rimi violenti bombardamenti misero fuo ri uso le poche e malmesse s trade dell'isola. Quando g li Al leati misero piede a Lampedusa, furono sorpresi di non trova re neppure un mezzo effic ie nte: ciò c he e ra s tato risparmiato da ll ' us ura e dalle bombe, e ra s ta to ma no rnesso dagli stessi autieri, per non (asciar lo a l nemico. In Sardegna, il 13° Parco Automobilistico aveva trascorso tutto il periodo bellico a riattare, modificare e r.ipara re camion provenie nti dalla requ is izione, molto spesso estremame nte vetusti (anc he 18 BL), s p esso so tto in c urs ioni e bombardamenti aerei c he lasc iava no presagire, d a un is tante a ll 'a ltro, uno sbarco che invece non avvenn e ITiai. el settore dei trasporti, il personale degli Autoreparti pesa11ti 21 °,22°,55° e 120° (del14° Autoraggruppamcnto), intervenne a più riprese in soccorso della popolazione civile vittima dei bombardamenti. L'efficienza del persona le ve n ne forteme nte condizionata dalla malaria che presso alcuni reparti giunse talvolta a metter fuori combattimento 1'80% degli effetti vi. Dopo 1'8 settembre, g li a utorepa rti si posero al servizio degli Alleati. Molto più ricche di drammatici eventi, ovv ia mente, le vicende che interessa rono i reparti di stanza in Sicilia. A Caltanisse tta era dis loca to il1 r Parco Automobilistico che, il 7l ug lio del 1943, ebbe il suo ba ttesimo d el fuoco, con un bombardamento operato da 12 aerei. Pochi i danni, in verità, ma l'epi-

sodio appariva già come un messaggio denso d i funesti presagi su ciò c he si prospettava a ll'orizzonte. La Direzione del Pa rco, nella circos tanza, impa rtì disposizioni e is tru zioni ai propri militari affinché, al ripe te rs i degli attacchi, non s i lasciassero pre nd ere dal pnni co c no n tentassero inuti li e caotiche fughe ma, conserva ndo ca lma e lucidi tà, cercassero ri fug io dietro appositi paraschegge. Il g iorno successivo, m e ntre g li ufficiali e rano a rapporto, il bombardam ento fornì la sua replica, stavolta più precisa: 3 automezzi vennero incendia ti, altri dannegg ia ti e le infrastrutture s ubirono se ri danni. Nonostante le eso rtazioni d el giorno precedente, g li uffi ciali fec e ro mo lta fatica a te nere in pugno la s ituazione e sed a re il panico che s i e ra impadronito della truppa. Il 9 lu g li o, in un crescend o di tensione, l'attacco si estese a tutta la città, e il Parco subì mitragliamenti a più riprese, sì che venne deciso di attendare il personale tra i boschi del vicino Colle d el Red e ntore, a distanza di s icurezza d agli obiettivi. , Il g iorno l O cominciarono ad affluire i primi so ld a ti sba nda ti provenienti dal s ud dell'isola. Questi ve nne ro inviati presso l'Intendenza che ne decise il rin vio ai reparti di appartenenza. Erano, purtroppo, i primi segna li di fumo annuncianti l'a rri vo di un incend io d i cui non si riusciva ancora a definire l'entità e l'este ns io ne. Il flu sso infa tti co ntinuò, inte ns ifi ca ndosi, il gio rno 11 , c da di etro le montagne s i cominciavano a sentire i co lpi dell e a rtigli erie, a s ignificare l'approssimarsi della linea del fuoco. Il 12, la Direzione Automobilistica cercò di diffondere no tizie rassicuranti su ll 'esito dei combattimenti, impietosame nte smentite d al rombo sempre più v icino e distinto dei cannoni e dagli a ttacchi che s i facevano sempre p iù intens i. Verso m ezzanotte ques ti raggiunsero la n1assima violenza. Al te rmine, tutto appariva sconqu assato: il Parco e ra ridotto a un ammasso di macerie. Il dire ttore d ecideva per il ripiegamento di ciò che era rimasto. Il giorno 13, il caos regnava sovrano. Si interruppero tutti i collega me nti con la Direzione Automobilistica. Un dispaccio proveniente dal Reggimento Guid e dire tto al Coma ndo della 6" Armata, a nnunciò che il fronte, re tto dai Ted eschi, aveva ceduto. Il bombard amento della notte aveva generato numerosi incendi; per colmo di sventura

8 SETTEMBRE: TUTTI A CASA! (O NE/ CAMPI D/INTERNAMENTO}

299


CAPITOLO

300

7

le esplosioni avevano provoca to anche la rottura d ell e tubazioni dell'acqu a, sì che ogni tentativo d i speg nimento si rivelò impossibile. on più contrastato, il fuoco si estese a tutti i capannoni e in p oche ore tutti i m ateriali a disp osizione delle FF.AA. di Sicilia andarono perduti. Con i pochi mezz i disponibil i, il direttore ordinò l'evacuazione del personale, o m eglio di una parte di esso, poiché il grosso dovette farsela a piedi. Mentre il Parco s i a ll on tanav a, in Caltanissetta entravano i primi carri armati tedeschi ripieganti per tentare una difesa ad o ltranza dall ' interno d e lla città. Il ripiegamento avvenn e verso Cas troreale. La Direzione Automobilistica, fina lmente ricontattata e interpellata con la speranza di riceverne dis pos izioni, consigli e aiuti, altro non fu in g rado di fare che riversa re sul direttore d el Parco la responsabilità delle perdite dei materiali, dim enticand o che queste s i erano verifica te proprio per mancanza di automezzi, quegli stessi a utomezzi che essa non aveva sapu to fornire, nonostante le reitera te richi es te. Il giorno 14, m entre il Parco tentava d i riorgani zza rsi a Castroreale, dal mom ento che Calta nissetta ris ultava ancora n on occupata, gli au tom ezzi vennero ris pediti in città per tentare di recuperare q u anto possibile dalla sede abbandonatp. Da qui ai primi di agosto, l' attività d e l 12° venne concentrata nell' o rganizzazione di frazioni di parco in zone riparate a sud di Milazzo. Il4 di agosto, con il precipitare della s itua zione, la Direzione Automobili stica ordinò il passaggio del Parco sul co.ntinente. Ad accompagnare l'imbarco, il soli to, immancabile concerto a base di bombe. La d escrizione delle vicissitudini attraversate dal Parco al s uo arrivo in Calabria è chiara mente esplicativa d el momento e dello s tato di parossis mo generali. Per cominciare, fu impossi bile reperire viveri, in quanto nessun Com ando sembrava autorizza to a darn e. Cominciavano anche a verificars i leprime diserzioni. L'11 agosto, in uno scenario d i assoluta anarchia, cominciarono ad arrivare i primi soldati sband ati, a g ru ppi o isolati. Questi s i raggruppavano no n su lla base della loro a ppa rtenenza ad un reparto o all'a ltro, ma a seconda di come il caso li faceva incontrare.

Nessuno sapeva più dove fosse l' Intenden za e inutili ri sultarono le richies te di informaz ioni in tal senso rivolte ai va ri Comandi della zona. Alle 21,50 giunsero 15 militari provenienti dal drappello dell'Intendenza, con un a bassa di aggregazio ne dalla quale non era in alcun modo desumibile d ove q uella fosse. Eran o stati lasciati liberi e abbandonati a se stessi ed erano accompagnati d a un sottufficiale che però non appa rteneva alloro reparto. Il giorno 13, in questa situazione di indescrivibile ba raonda, il 12° partiva di nuovo, in cerca di miglior fortuna a Su lmona. II 12 ° Reggime11to Autieri s i componeva di un deposito con officina territoriale e due gruppi rispettivamente su 2 compagnie auto e 4 compagn ie d'is tru z io ne. Esso e ra preposto all a formazione d egli autieri per tutta la 6a Armata e ad effettuare riparazion i e tras p orti per il Comando Difesa Territoriale di Palermo. In q uello scorcio del 1943, il Reggim ento su bì numerosi bombard amenti, con perdite anche rilevanti di uomini e materiali. In un giorno dell943 che il relatore non ri esce a precisare, una s ua sezione si era reca ta al porto a ca ricare d elle munizioni da alcuni piroscafi colà ormeggiati, qu ando s i scatenò un v iolento bombardamento aereo. Gli autieri rima sero imperterriti al loro posto, nonostante l' inferno di fiamme e le esplos ioni . Proprio quel g iorno il sottotenente G. Battis ta Canonero, di Genova-Nervi, com and ante dell a sezione, aveva ricev uto la v is ita d el pad re ma, vo lontariamente, aveva rinunciato al permesso, ripromettendosì di incontrare il proprio genitore a conclusione del servìzio. Egli era sulla banchina, assieme ad un autiere, q uand o entrambi s parirono, di si ntegrati, let tera lm ente polverizzati. A bombardamento concluso, i sommozzatori che si erano immersi nel tentati vo d i recupera re qualche resto non r iusc irono a trova re n enun e no il più piccolo brand ello dei loro corpi. Altri 8 autieri vennero trovati morti sotto le macerie del porto. Il Reggi mento era del tutto privo di ri coveri. Un s uo g ruppo avrebbe dovuto fo rnire il suo contributo a ll a difesa d el territorio, col compi to specifico di difendere il nodo ferrovia rio di Palermo.


Alle 19 d el 22 lug lio, il Comando di Reggimento ema na va la su a ultim a comunica zio ne, info rm and o il proprio p ersonale d el fatto che gli Alleati erano entra ti in Palermo e soggiun geva, qua le ultimo su o a tto d i comando: <<Si sa lv i chi pu ò: og nun o ad op e ri og ni esp ediente per sottra rsi alla ca ttura! ». Il 218° Autoreparto apparte nente al XXXIII Autogruppo era s tato destinato, in un primo tem po, alla ca mpagna di Russia, qua ndo u n contrordine lo d iro ttò invece verso la Sicilia. Qu i esso op erò per tu tta la d ura ta d elle op erazion i per trasporta re tru p pe al fronte. Ricevuto infi ne l'ordine di ria ttraversare lo Stretto, fu u n a delle poch e unità a lascia re l' isola al completo d ei su oi effettivi e a raggiungere, compatta, il 4° Reggimento Autieri di Verona .

L'Au toreparto Comando d ello s tesso XXIII Autogruppo, il10 lug lio, col nemico alle p orte, era dis loca to a Bellia, nelle imm edi ate adiacen ze d ella polveriera d i Piazza Armerina.

Il m aresciallo ca po d e posito comunicò una prima volta di aver ricevuto l'ordine di far saltare la po lveriera m a, ciononos tante, il Co ma ndo di Autogruppo ordinò all'Autore pa rto di non muovers i fin o a s uo o rdine. A nulla valse neppure il secondo avvertimento d el sottufficia le: il Comando di Autogruppo, imperterrito, insis tette s ull'ordine d i no n muovers i. Solo d o p o che la trem e nda esplosione aveva squassa to la regione e mentre sulla sed e dell'Autoreparto s tavano ancora piovendo schegge e bra ndelli di fu oco, venne dato l'ordine di rip iegare fino a Messina. Al sopraggiungere d egli Americani, l' unità risalì, a piedi, tutta la costa tirrenica della Calabria e della Basilicata fino a N ocera Inferiore, dove finalmente poteva affid arsi al treno che l'avre bbe portata al4° Reggimento Autieri, a Verona. I militari d el Battaglione Movimento Stradale, nella s tessa ci rcostanza, oltre ai bombarda menti e mitraglia menti cui

Autocarri distrutti da un bombardamento angloamericano (foto SME Ufficio Storico).

301


CAPITOLO

7

i nemici sottoposero la loro sede e i loro automezzi, dovettero vedersela anche contro i cari alleati tedeschi i quali, minacciandoli con i mitraglia tori, tentarono più volte di impadronirsi dei loro automezzi; senza, peraltro, riu sci re mai nell'inte nto in quanto, alla minaccia, g li autieri rispondevano brandendo, ben in vista, una bomba a mano, comè a dire: «Amico, se spari, sei fregato anche tu! ». La 37" Officina Mobile Pesnute era giunta i n Sì ci l ia il19 maggio del1942. Per più di un anno lavorò su mezzi di requisizione, perciò quasi tutti in ca ttivo stato e d ell e più svariate case e mod elli, con la conseguente abituale e cronica mancanza dì ri ca mbi alla quale supplì, il più delle volte, con il sistema della can nibalizzazione dei mezzi inefficienti. Dopo aver ripiegato anch'essa fino a Messina, all'approssimarsi degli Americani mise fuori u so tutti i propri macch ina ri, poi, passato lo Stretto, raggiunse il 7° Centro Autieri a Firenze.

Mosorrofa (RC). L'armistizio è vicino. Uno Spa TU41 in perlustrazione (foto Museo Storico).

302

Il Br Reggimento Autieri di 111nrcin, di s tanza a Caserta, al comando d el colonn ello Oscar Pos tolis, era artico lato su 4 g ruppi . Tra i suoi comp iti , quello

di difendere il campo di aviazione di Pomigliano d'Arco da eventuali discese di paracadutisti nemici. La caserma era costitu ita da una serie di capannoni piuttosto m oderni e in mura tura, dove alloggiavano i militari di truppa. Forse, in precedenza, e rano stati sed e di un ' indu stria di medie diITiensioni. Detti capan noni erano situati su un vasto terreno solcato da strade asfaltate, il tutto circondato da muri. L'officina era sistemata in uno di questi capannoni e così anche un fornitissimo «spaccio». Il Comando era subito dopo l'ingresso, in una grande baracca militare smontabile; e g li autogruppi avevano il loro comando in baracche s imi li, ma più piccole. La zona e ra re trostan te il Monum e nto ai Cadu ti e nei dintorni erano altri insediamenti militari. l suoi rifugi antiaerei al tro non erano se non le fronde degli alberi disseminati nei campi adiacenti. Con la situazione che diveniva di giorno in giorno più critica, lo S.M. decise di tra~ferire l'u nità a Forlì. La partenza sa rebbe dovuta avvenire per ferrovia, n1a proprio in quei giorni (28 e 29 agosto) la stazione di Caserta era stata bombardata e resa inagibile, per cui


il Reggimento dovette trasferirs i per via ord ina ria fino a Formia. La pa rtenza avvenne in due aliquote, nei g iorni 4 e 5 sette m bre. G ià l'avv io del primo scaglione nasceva sotto ca tti vi au s pi ci; esso venne in fa tti posticipato di un'o ra in qu a nto, per gra n parte della notte, tutta la zona ve nne investita d a nu ovi bo mba r d a m e nti. Formia dista da Caserta circa 80 chilome tri che la colonna impiegò ben 4 ore e m ezza a coprire. L'estrem a le ntezza e ra dovuta in pa rte al bomba rda m ento di poche ore prima che aveva p rovocato d a nni alla rotabile e lascia to a nche bombe inesplose su lla ca rreggia ta. Una di esse esp lose, a scoppio r ita rdato, in m ezzo ai campi, a ci nquanta metri ci rca, e due o tre milita ri rimasero feriti dalle schegge o dalla caduta d al mezzo dovuta allo s postam ento d 'a ria. Altra ragione del ralle nta m ento scaturiva dall'intasam ento d elle s trad e dovuto sopra ttutto alla gra n m assa di autocarri tedeschi diretti verso il sud, cioè verso le zone di combattim e nto. Mezzi e uom ini venne ro cari ca ti s ui tren i m e ntre, a inter va lli irregola ri, si ripetevano i bombardame nti, sia in zona che nei d intorni.

Il g iorno 6 il Reggime nto g iungeva a Forlì ma, a nche q ui, p ur a così considerevole d is tanza d alla base di p a r tenza, la mus ica non cambiava: incurs io ni e bombe. La sera d el 9 settembre, si presentarono alcune a utoblindo ted esche ad occupare la caserma. Nonostante che il Comand o d el Corpo d'Armata di Bologna avesse esplicita mente ordinato di consegnare loro le a rmi, gli a utie ri s i ribellarono alla p repotenza e aprirono il fuoco con i loro moschetti; ma cosa avrebbero potu to contro le a rmi a utoma tiche e i ca nnoncini d elle a utoblind o? Infa tti venne ro be n presto sopraffa tti e v i fu rono a nche d ell e v ittim e. Il giorno d op o, qua nti non ebbe ro la fortun a di trova rs i fuo ri sede (in p ra tica tutti i sottufficia li e i militari di trupp a e, tra gli ufficiali, quelli di s erv izio) furono ca ri ca ti s ugli s tessi a u tom ~zz i d el Reggim e nto e porta ti verso il no rd. Gli u fficia li s upe rs titi, riunitisi assiem e al coma ndante, ebbero, d a qu es ti, una licenza ill imitata. Da quel giorno, og nuno avrebbe seguito il proprio d estino: il1 32° Reggimento Autieri non esisteva p iù . A m a rg in e s i dirà che, all' a tto d el con fe rime nto della Croce d i Gue rra agli

11 132" Reggimento Autieri di marcia in sfilata nella sua caserma di Caserta (foto A. Dani).

303


CAPITOLO

7

ex combattenti, il personale d el1 32° ne venne escluso, non avendo preso parte ad alcuna camp agna, anche se ness uno p otrà negare che di guai, tra bom ba rd am enti, fugh e e prigioni a, anch' esso ebbe la sua brava razio ne. Il L X I Au t og ru ppo Pesall f e, a l com ando d el «Raga zzo del ' 99», te nen te colonn ello Domenico La tilla, a veva il proprio Com and o a Formia, co n g li auto re p a rti 254°, 257°, 258° va riam ente frammentati p e r la pro vincia di Latina . Nella notte tra 1'8 e il 9 settem bre il

Il Colonnello Oscar Postolis incita i suoi soldati del 132• prima di un incontro di calcio (foto A. Dani).

304

tiIla riuscì a strappare la concessione di mandare a Roma una sola sez ione, dop odiché si allontanò, raccom andando a l sottotenen te Zimaglia, la scia t o su l p osto, di fare del tutto per eludere la vigilanza ted esca e far svicolare, col buio, anche le a ltre s ezio ni. Ciò fa tto, egli si portò presso la sed e del 258°, dove ordinò al comandante in terin a le (i l tito la re era fuori con un'autocolonna diretta a Napoli) di lascia re Formia e dirigers i con tutto il reparto a Manarola, p aesino sperduto fra i monti . Il Latilla e il su o aiutante maggiore

s i recarono poi al Coma ndo Presid io a presidio di Formia era s ta to sottoposto a intenso bombardamento. Mentre il co- chied ere se v i fossero o rdin i. Portone m andante is pezionava la sezione Co- . s prangato. Bussato, s i a ffa cciava ... una m a ndo p e r acce rta re i danni, ve n iva s uora e, m entre i due ufficiali d omaninfo rmato che il254° era circonda to d a d avano s piegazioni, s i v idero aggreditru p p e ted esche, dota te d i armi a utoti da du e sottufficiali ted eschi che li d imatiche, che intimava no la resa e la consa rmarono d elle pistole mentre due solsegna d el mater iale a uto mobi lis tico. d ati li teneva no sotto tiro. Pri va ti anDopo aver d iramato l'ordine alle reche d ella vettura, veni vano r imessi in s tanti unità d ipend enti d i difendere con li bertà. ogni mezzo il proprio materiale, l' uffiReca tis i di corsa a l Co m a nd o d elcia le s i reca va s u l posto e cons tatava l' Autog ruppo, lo trova rono anch'esso che un ba ttaglio ne tedesco aveva g ià circo nd a to d a i Ted esc hi che a nche lì disarmato tu tto il 254°. Dopo aver con- aveva no d isa rma to i milita ri ita li ani, ferito co n il coma nd an te ted esco, il La- a ppro pria nd osi d elle macchine e di tut-


to il carburante. Il com andante, quale ultima risorsa, in viò un sottu fficiale ad avvertire una ba tteria d ell a difesa costiera perché facesse fu oco sugli stessi autom ezzi italiani, m a q uegli to rnava annunciand o che là gli uomini avevano a bbandon ato i pezzi ed erano scapp ati . Riuniti tu tti i s uo i uomini o rmai disarm ati, egli raccom andava loro d i res tare s ul posto ma, verso le 15, la truppa disertò in massa . I poch i rimasti (g li ufficiali, i sottuffic iali e pochi m ilitari) si riuniro no in località a p partata, per timore di nuovi bombardamenti, qu a n-

Alla s picciola ta, altri militari disertaro no, sì che, rimasto con 1 ufficiale, l 8 SETTEMBRE: sottufficiale e l autiere, il com and ante si diresse a Manarola, p er raggiungere TUTTI A CASA l (O NE/ CAMPI l' u nico reparto ancora libero. Qui trovò a nche il comandante del D/INTERNAMENTO} Presidio d i Formia che, fu ggito colà, aveva organizza to la piazza a difesa . Cominci arono p erò a manca re i viv·e ri, essendo sta ti ca tturati dai Ted eschi anche i ma gazzini d ella su ssistenza . Il giorno d opo, an che d a Man arola cominciarono, intens ificand osi sempre più, le d iserzioni, incoraggia te d alla visione di u fficia li e sold ati di p assaggio

d o giunse il com andante d el257° ad annunciare che anche il s uo reparto aveva s ubito la sorte d egli altri . Verso ser a, il com andante, facendo appello al senso d ell'on ore, pregò i suoi dip end enti di non fuggire, m a poco d op o alcuni uffi cia li ed altri militari d isertarono anch'essi. Con il ten ente colonnello Latilla rimasero due ufficiali e tutti i sottuffi ciali. Con essi si cercò di m e ttere in sa lvo il carteggio del Comand o. Il sottoten ente Mola fu inviato a Roma, p er info rmare d ella situazione la Direzione Trasporti d ello Stato Maggiore.

anch'essi in fuga, dalla sobillazione d ella popolazione civ ile timorosa che la presen za di qu ei militari sca tenasse la reazione d ei Ted eschi e d alla mancanza di vi veri. Il 13 g iungeva notizia che a Roma era cambiato il governo e che il nuovo fosse ridi venuto amico d ei Ted eschi. L'indomani, il Latilla si recava a Gaeta, p er avere, direttam ente d al Comand o ted esco, informaz io ni s ulla situazione, m a senza sortire alcun esito. Tornato a Manarola, trovò che tutta la piazza si era arresa alle intima zioni d ei Ted eschi. Ai rimanenti, disarmati, veni-

Ancora un'immagine degli ultimi giorni di guerra contro gli eserciti alleati. Si lavora per liberare un autocarro dal fango, mentre gli Americani incalzano, nella zona di Mosorrofa (RC) (foto SME - Ufficio Storico).

305


CAPITOLO

306

7

va ordinato di raggiungere i centri di mobilitazione. Significativa fu anche la travagliata odissea dell'84° Autoreparto Pesante, distanza a Ceva (CN). Esso partiva, il 1o di agos to, con un' autocolonna di 72 automezzi, diretto a Cas oria, dove giungeva il 5 succéssivo. In cinque giorni di viaggio, altrettanti attacchi aerei, rispettivamente a La Spezia, Livorno, Civitavecchia, Formia, Napoli. Caricati viveri e munizioni, il 6 mattina i mezzi partirono per Villa San Giovanni, divis i in 4 aliquote. Alle 17 dello stesso giorno erano a Cosenza dov'era in atto, proprio in quel momento, un bombardamento che cos trinse l'Autoreparto a trovare rifugio p er i mezzi in un bosco vicino alla città. La circostanza non fu esente da risvolti pos itivi: tirati giù fo rnelli e pentole, per la prima volta dopo sei g iorni gli autieri poterono ris torarsi con un rancio caldo. Alle 14 del7 agos to l'autocolonna s i rimise in movimento e, nel tratto tra Cosenza e Vibo Valentia, venne sottoposta ad a ltri attacchi. A Vibo, il locale Co mando Presidio, venuto a conoscenza d ella natura d el carico, vietava agli automezzi l'ingresso in città e ne disponeva il parcheggio fuori d el centro abitato, parte in un uliveto, p a rte lungo un viale alberato esterno. Il giorno 8, partenza e arrivo a Gioia Tauro, con parcheggio ancora in uliveto. Il Comando della 52a Bas e, ubicato a Palmi, non essendo s tato informato dell' arri vo d ell' autocolo nna in zona, non sap eva, come si s uoi dire ... che pesci pigliare. La s ituazione, g ià pa rad ossale, dive nne g rottesca allo rché il ra ppresentante presso la Bas e d ell ' Intenden za FF.AA . in Sicilia scoprì che le munizioni no n erano adatte per le a rmi in dotazione alle truppe o peranti s ull' is ola. Venne d eciso, infine, d i sca rica re le muni zioni presso un d e posito d ella zona. La miss io ne, s tanti g li o rdini dell'Intend e nza della 7a Arm ata, che aveva dis posto il servizio, avre bbe dovu to considera rs i conclus a m a ... Pro prio in quei g io rni fro tte di mili tari sba nda ti sciamava no v ia d a lla Sicilia, per cui i m ezzi d ell '84° venn ero inviati a Ni cotera ad effettuare un carico di questi soldati che, per l'inagibi lità d ella s tazione provocé'lta d ai bom bardame nti, erano impossibi litati a proseguire.

Il comandante d ell' Autoreparto fece presente a più riprese, al comandante d ella 52" Base, l'ordine ricevuto di rientrare, ma quegli fu deciso e categorico: l' em ergenza imponeva di trattenere i mezzi. I s oldati vennero caricati a Scilla e sca ricati a Pizzo Calabro, cento chilometri più avanti, duecento fra andata e ritorno, distanza che alcuni autieri furono costretti a percorrere anche tre volte, in entrambi i sensi, nell'arco d ella s tessa giornata . Con tale ritmo di utilizzazio ne, la conseguenza non poteva essere che una: un progressivo s tato di inefficienza d ei mezzi. Il giorno 11, infatti, quelli disponibili erano ridotti a 40. Il Comando 'della Base, informato della cosa, non mutò la propria linea d'azione: utilizzare, fino a che erano marcianti, tutti i m ezzi disponibili. Alcuni autoca rri venirono res i indisponibili non da u sure, ma dagli s tessi militari sbandati i quali, armi in pug no, se ne impadroniva no per fars i trasp ortare. Solo al m attino d el 19 agos to, 1'84° veniva rimesso in libertà e faceva ritorno a Nocera, d ove arrivò il 21. Dal momento d ella p artenza d a Ceva, i chilometri percors i erano s tati, compl essivamente, 300 mila! Fino al 31 d el m ese, il tempo venne tutto dedicato alla riparazione d ei mezzi così duramente prova ti. 111 o settembre, il re parto venne messo a dispos iz ion e d el XXXI Co rpo d'Armata e il 3 s i portava a Col osi n i. A Lauri a subiva un bombardamento che ca usava il ferim ento di 3 autieri e il danneggiam ento di a ltrettanti m ezzi. Fino all Osettembre furo no trasporta ti tru ppe e materiali . Il giorno 11 venne ordina to il trasferin'lento a San Lorenzo in Vall e. Lungo il tragitto avvennero furi osi e cruenti scontri a fu oco con truppe ted esche in fase di ripiega m ento: tra g li autieri vi furo no 1 m o rto e 12 fe riti, a lcuni dei qu a li g ravemente. Dopo aver effettu a to, in di ce mbre, serviz i per gli Ameri cani, il21 febbraio d el1 9441'84° Auto re parto Pesa nte veni va sciolto . Il 2° A utotre110 era un rep arto a dis posizione d ello SME e il giorno 8 settembre s i trovava a Marcellina, loca lità tra Tivoli e Monterotondo. Il 9, lo SME o rdin ò al com a nd ante del re parto di porta rs i, mezzi e uomini, a Carsoli, verso l'Abru zzo. Qui giu n-


to e privo di ulteriori ord ini, egli tentò inuti lmen te d i metters i in contatto con il p rop ri o Coma nd o s uperio re, fino a che venne info rmato che s ia il Ca po di Sta to Maggiore Gen erale che il Ca po di Sta to Maggiore d ell'Eserci to s i erano diretti a Chieti. D' ini ziativa, il rep arto s i po rtò anch'esso verso ques ta città, d ove giunse giu sto in tempo p er raccoglie re la notizia che i due alti ufficiali s i erano da poco imba rcati a Pescar a, diretti a Bari. Dopo alcuni scontri a fuoco con i Tedeschi, per fo rtuna senza serie conseguenze per via dell'ora no tturna, e non trova nd o più a lcuna auto rità milita re alla qu ale fare riferime nto, il co m and a nte d ecis e di nasconde re il re parto tra i boschi d ella Maje lla co n la s p era n za, a lim entata dag li av ve nim enti bellici d el momento, di un ra pid o a rrivo degli Americani. Questi, come la storia racconta, av re bbero in vece im p iegato ancora sette m esi a fare la lo ro apparizione. el frattem po i Tedeschi, che sapeva no d ell' esistenza del re pa rto in zona, g li dava no la caccia. Verso il 20 settembre, orma i a corto di vive ri e di fondi , il comandante died e ordine di rendere in efficienti i propri a utom ezzi e, con l' aiuto d ei ca ra binieri d el luogo, nascose i m ateriali più p reziosi in vari sotterranei. Le operazioni d urarono d ieci g iorni, d urante i qu ali n on m an ca rono incon tri e scontri con i Ted esGhi, ai quali il repa rto p oté sottrars i gra zie alla orma i p erfetta conoscenza della zona. Il 30 settembre, conci u se le operaz io ni di occultamento, g li u omini vennero tutti lasciati liberi. Il materiale, s e q ua lcun o nel fra ttempo no n l' h a cas ualmente trovato, d ovrebbe essere ancora là.

Sul fronte balcanico Per conoscere la fine d el 6° Autoragriccamente illu s trato dal racconto del maresciallo Bera rdi di cui è stata d ata una sintesi nel capitolo quinto, è sufficiente rifarsi alle rig he fin ali d el suo personale e brillante diario. «A differenza di altri Autoraggruppam enti che, anche se operanti in Ru ss ia o in Africa , sono ritornati in Italia, il 6° non è più tornato; p olverizza to dag li eventi d ell' 8 settembre, s p a rì, d ep ortato in Germania, con i s uo i autorepa rti . Così, dell'operato e d egli atti di va lo re compiuti d a i su oi compone nti, non è rimasta traccia; il cartegg io è a n-

da to d is trutto co n i dia ri di g u erra e ogni ricordo ca ncella to lungo le tappe d el d olo roso ca lvario verso la prigionia e nei ca m p i d i concentramento. Questa è la sorte di chi nasce p overo : modestamente vive, silenziosa mente opera; muo re senza la crime e nessun o si occupa di lui. Per ironi a d ell a sorte, il p erso na le d el 6° (uffi cia li , so ttufficiali, truppa) venn e fa tto p rig ioniero il po meriggio d el 9 settemb re d el '43 da un repa rto d i S.S. al comando d i un nostro maresciallo autiere (dal nom e e pa rentele ted esche) che, svestita l' uni fo rme italiana, indossò quell a germani ca. E, nei g iorni s uccessivi, stanava i suoi vecchi compag ni dai luoghi dove s i erano rifug iati e in cui, per generosità d ei Greci, erano s ta ti nas cos ti in abiti borg hesi. Ho sa puto poi che quel marescia ll o è stato rivis to a Ro ma, malato e rimbecillito d a ll 'a lcoo l e dal fum o, m a sopra ttutto d al rimorso di aver fatto ta nto male».

8 SETTEMBRE: TUTTI A CASA! (O NE/ CAMPI D/INTERNAMENTO)

N ell' isola di Rodi operava il 50° A utoreparto Misto. Do po i primi g io rni di disorienta me nto, a l n1attino d el 12 il suo comand a nte ricevette l'ordine d all'Ufficio Servi zi di ritirare tutte le a rmi in possesso d ei militari e di chiuderle in a rmeria. Nel po meriggio d ello s tesso giorno, i Tedeschi irruppero nella sede d ell ' Autore pa rto, armati di mitrag lia trici, e s i impadronirono di tutti i mezzi effici enti . Rimessi alla m egli o in s es to alcuni tra quelli ineffici enti, l'Autoreparto continuò con essi ad operare a favore d elle unità italiane presenti nell'isola m a sovente, sotto la minaccia delle a rmi, i Tedeschi dirottava no anche questi mezz i a svolgere serviz i per loro conto . Il 16 settembre i Ted eschi imposero l' aut-a ut: collaborare con loro o essere deporta ti presso i ca mpi di concentramento; qu es t' ultimo fu il des tino d el 50° Autorep arto al completo.

g m ppam e ~tto,

Il 3 o Parco Automobilistico aveva svolto la sua atti v ità in Jugoslavia, con la direzione a Su sa k e s ezioni s tacca te a Spala to, Mostar, Dubrovnik e Cava Preluca . 1125 lug li o 1943 g iuns e l' ordin e d i rientro in Italia, con d estinazione Cervigna no d el Friuli. La partenza d el reparto d al territorio jugoslavo amareggiò molto la pop olazione locale che paventava l'a rrivo, al s uo posto, d ei Tedeschi; qu es ti furono infatti incrociati dal Parco sull e trad o tte militari, diret-

307


CAPITOlO

7

11157" Autoreparto Autocarrette riunito per il rancio, a Spalato. Gran parte degli autieri presenti finirà la sua guerra in un campo di internamento tedesco (foto N. Lunazzi).

308

ti verso i territori da esso lasciati. Proprio a Cerv ignano era il reparto 1'8 s ettembre. Il giorno 9 i civili iniziarono il saccheggio della sede, portando via tend e e materiale di ogni genere, vuotando perfino il depos ito d elle vetture minis teriali. Il direttore tentò invano di tenere in piedi l' unità, ma in breve fu tutto disperso. Venne organizzata una colonna per Treviso, senza avere la minima idea di cosa si andasse a fare. A pochi chilometri da lla città, alcuni civili diedero notizia che in Treviso erano già entrati i Tedeschi. Il colonnello diretto re, dopo breve conciliabolo, mise in libertà tutti i su oi s ubordinati e quella fu la fi ne d el 3° Parco Automobilis tico. Alcuni tentarono di p ernottare presso i poveri ma ospitali contadini della zona e, il 1O settembre, approfittando di un treno fermatosi in aperta campagna, si diressero verso Mestre, dove caddero diritti in mano ai Tedeschi che li portarono prigionieri in Germania. Risu lta, comunque, che nessun auti ere d e l 3° Pa.rco abb ia ade rito a i fam osi in viti a lla collaborazione, accettando fin o in f.ondo il proprio destino. 11 18° Autoreparto Pesnufe aveva trascorso tutto l'arco d e ll a s u a esis tenza

in Jugoslavia, per un anno a Spalato e s uccessivamente a Dubrovnik, tras portando materia le e personale del Quartier General e del VI Corpo d ' Arm ata. La sua zona di operazione s paziava dalla Krajina alle Bocche di Cattaro, in Erzegovina, in Bosnia e lungo la costa dalmata. Si trattava in genere di servizi iso lati, di s impegna ti da s ingoli autieri, in zone di montagna, s u strade disagevoli fi ancheggiate da boscaglie nelle quali s i nascond evano i partigiani. N umerosi furono i caduti in imboscate. L'8 settembre trovò dunque il reparto a Dubrovnik. Per quattro giorni esso continuò a svolgere estenuanti serv iz i in appoggio a lle Divisioni «Marche» e «Messi na» che combatteva no s trenuamente per co ntrastare l'ava nza ta delle truppe tedesche provenienti da Sarajevo. 1112 settembre l'A utoreparto venne proditoriamente ca ttura to dalla Divis ione S.S. «Prinz Eu gen». Gli ufficia li, co n una sola eccezione, d opo minacce di fucilazione per aver collaborato con le truppe combattenti e lusinghe di rimpatrio, s i rifiutarono di aderire alla R.S. I. e vennero tutti internati, prima in Polonia e poi nei lager tedeschi. I so ttufficia li e la truppa venn ero incorporati,


quali conduttori e meccanici, nei re parti ted eschi. ll 15r A utoreparto (ex Autobu s, ora Autoca rrette) del 5° A utoraggruppam ento si trovava a Sp alato e com e tutti i g iorni, anche in quell'8 settembre il s uo personale ascoltava alla radio le noti zie sulla situazione, quando venne diffuso l' ormai celebre proclam a di Badoglio; e anche lì, come in tutto il resto d el mondo, g li autieri s i chiesero: cosa d obbiam o fare? chi è questa «qua lunque altra parte» dai cui attacchi ci d obbiam o difendere? All'a nnuncio d ella radio, og ni segno d i coesion e in sen o al reparto s i sgretolò e ognuno cominciò a studiare il mod o più ra pid o e s icuro p er to rnare a casa. Chi poté, profittando di qualche barca, prese dritto per l'Adriatico, con l' intento di approd are s ulla s ponda opposta. Qualcun altro s i diresse, con ogni mezzo possibile, verso il nord, p er r agg iungere l' Italia d alla terraferma. A Spalato erano rimasti una quarantina di u omini in attesa di un improbabile ordine quando, d a d ietro le colline, appa rve una piccola squadrig lia di «Stukas» che cominciò a sventagliare mitragliate. L'autiere Pietro Busa tto, falegname dell'officina, venne colpito a mor-

Guanti hanno avuto lo venturo (poco invid iobile, pera ltro) di vivere il fiore dello loro g i ovinezza nel primo lustro degli an ni Quaranta non potranno mai ca ncellare dallo memoria i sentimenti vissuti lo sera di quel famoso 8 settembre 1943. Uno domando, brevissimo, ma seguito da un punto interrogativo lungo quanto dal Brennero o Lampedusa , esplodevo nell'animo di 45 milioni di Ita liani, ma soprattutto di coloro che in quel momento vestivano un'uniforme : «Ed oro?» Tra le vicende delle miglia io di autieri che potrebbero darci testimonianza di quei momenti di sgomento, scegl iamo quella di Pietro MARCON, di Treviso, non perché p iù drammatico o più coinvolgente di o ltre, ma solo per lo singolare circostanza , vi ssuto dal protagonista , di vedersi condizionare il proprio destino dal fotto stesso di essere autiere e, più precisamente, meccanico. Qualunque altro fosse stato lo suo speciolizzozione, lo sorte del Marcon, o seguito dei fotti dell'8 settembre, sarebbe stato identico o que!lo di tonti Ital iani deportati verso i compi di prigionia tedeschi , con tutte le implicazioni e le imprevedibili conseguenze. «Ouolcuno dice che sia il "coso "- os-

te alla schiena. Il tenente Dalì d ied e ordine di non risp ond ere al fu oco, m a o rmai, d ' is tinto, l'autiere Sergio Comisso si era lancia to verso una mitraglia trice e aveva invia to tre r affich e verso altrettan ti a pparecchi in s uccessione. L'es ito di queste ra ffiche nessuno lo sepp e mai perché gli aerei sparirono subito d all'angolo d i visuale, ma d al movimento compiuto d all'a pparecchio dop o la raffi ca si e bbe rag ione d i ritenere che almeno il terzo fosse s ta to colpito. 11 27 settembre il tenente Berizzi, divenuto com andante d ell' Autore parto, riunì g li u omini s upers titi presso una scogliera. I su oi uo mini Io esortaro no a gettar via le s te llette che segna lavano il s u o grad o . Per tutta risp osta, egli tirò fu o ri la foto dell a m ogli e e la gua rd ò in s ilenz io : sa p eva che no n l'avrebbe più riv ista; il s u o senso d ell'onore era più fo rte di ogni sentimento di p aura o di a nlù re fa mili are. Pochi giorni d op o egli s arebbe s tato ca tturato d ai Ted eschi e fu cilato assiem e a tutti i comandanti di re p arto che fi nirono nell e loro mani . I s upers titi d el 157° si inca mminarono a p iedi e r aggiunsero Bih ac: qui venn ero tutti catturati e interna ti in campi d i concentramento cos tituiti nella s tessa Jugoslavia.

8 SETTEMBRE: TUTTI A CASA! (O NE/ CAMPI D/INTERNAMENTO)

servo il Marcon - altri lo definiscono "de-

stino"; io che sono credente, preferisco chiamarlo Dio. Egli, nei suoi disegni così misteriosi per noi, concateno le nostre vicende in modo che esse si risolvono sempre per il nostro maggior bene. Dopo essere sfato autista di uno 1100 coloniale sul fronte occidentale nel giugno del '40, ero stato trasferito primo al 14 ° Centro Autieri di Treviso, e successivamente allo 43° Officina Mobile Pesante del 22 ° Autoreparto Misto, inserito negli organici dello Divisione "Piove". Al seguito di questo unità, l'Autoreparto ero stato dai primi del '42 fino o ottobre dello stesso anno o Savona; fino al marzo del '43 fu o Tolone, in previsione di un ventilato sbarco degU Americani; nel marzo lo Divisione fu trasferito o Frosinone, in atteso di non si so che coso; in agosto eravamo o Roma e dintorni, e l'officina ero o Primovolle. · Nostro comandante ero il capitano Lippi, personaggio tremendo: non avevo paura di nessuno, nemmeno del comandante di divisione; anzi, si potrebbe dire che fosse questi od avere paura di lui. Fu qui, o Primovalle, che ci colse 1'8 settembre. Il comunicato di Badoglio ci avevo precipitati nello più abissale delle in-

ASCOlTANDO

CHI C1ERA

309


CAPITOLO

310

7

certezze: che si fa adesso? chi sono i nostri nemici? quali, gli amici? chi ci comondo? Ci guardavamo in faccio, tutti con quello domando negli occhi, ma nessuno era in possesso di un barlume di risposto. Il giorno dopo l'officina si trasferì nella zona di Tivoli. Ancoro tre giorni di dubbio e quindi, il 12, lo sbandame nto generale. l Tedeschi, fotto irruzione nello nostra officina, ci presero prigionieri poi, coricatici sui nostri stessi automezzi, ci ovviarono o/ nord, verso lo Germanio, verso i loro compi di prigionia. Mentre, in autocolonna, attraversa vamo il Po su un p onte di barche o Ponte/agoscuro, avvenne l'episodio che avrebbe mutato il mio destino. L'autocarro stavo lentomente avanz ando su quell'assito oscillante, quando si ruppe l'albero di trasmissione, e il veicolo rimase immobilizzato, proprio nel bel mezzo dello corrente. Avrei potuto stormene tranquillo sul cassone, lasciando che i Tedeschi si togliessero do soli do/l'impiccio; invece, il mio istinto professionale mi spinse o saltar giù do/ mezzo: mi stesi sotto di esso e, con l'attrezzatura in dotazione al veicolo, effettuai uno riparazione sommario che consentì, comunque, all'autocorro, di venir fuori dallo critico situazione. M entre ero intento ad armeggiare, un maresciallo tedesco mi osservavo interessato; poi, quando ebbi finito: - Sei meccanico?- mi domandò e, allo mio risposto affermativo - o/loro vieni con mel Così, mentre i miei meno fortunati compagni proseguivano verso il/oro incerto destino, io seguivo il sottufficiole o Castiglione delle Stiviere. Qui sarei rimasto, o svolgere il mio mestiere di meccanico presso l'officina tedesco, fino allo Liberazione. Oro, mi domando: chi fece sì che il mezzo si rompesse proprio su quel ponte? chi mi suggerì l'ideo di scendere o riparar/o, chi çvevo messo quel maresciallo proprio lì perché mi vedesse? Altri episodi, del periodo successivo, per me inspiegobili col solo uso dello ragione mi confermarono nello convinzione che Qualcuno, sempre, vi'gila sullo nostro vito . Un giorno, un autista tedesco venne o chiedermi di occompognorlo il mattino successivo sulle vicine montagne, od effettuore un corico di legno do ardere. Sul momento, risposi di sì, senza indugio. L'indomani invece, quando egli si presentò per condurmi con sé, non so neppure io perché, rifiutai. Non c'ero stato alcuno ragione, nello notte, che mi avrebbe dovuto far cambiare ideo; e neppure sussistevo, in quel momento, alcun impedimento dovuto o impegni o indisposizione fisico; eppure, no-

nostonte le insistenze, rifiutai decisamente, sì che il tedesco dovette avviarsi do solo. Lo sera, né l'uomo né il mezzo furono visti tornare; giunse invece lo notizia che nel ritorno, lungo una discesa, si erano rotti i fre ni, il veicolo ero precipitato in un burrone, e l'autista aveva perso la vita. In un'altro circostanza, ero uscito con un automezzo. Lungo lo strada, o causo di un guasto, fui costretto a fermarmi, scendere, ed effettuare la riparazione. Ero disteso supino, trasversalmente al veicolo, tra l'assale anteriore e quello posteriore, quando avvertii l'arrivo, nel mio stesso senso di marcio, di un 'autocolonna. Erano g ià sfilati due o tre veicoli quando, all'avvicinarsi del rumore del successivo, e senza che il benché minimo sintomo mi desse motivo di pensarlo, ebbi come uno folgorazione: "Questo mi viene addosso" pensai e, senza il minimo indugio, mi aggrappai forte con entrambe le mani a un longherone e sgusciai fuori con un guizzo. Proprio in quel momento il muso del me zzo in arrivo si schiantavo sullo sponda posteriore del mio automezzo, che subiva un imperioso sbalzo in avanti: le 4 ruote gemelle posteriori rotolavano sullo stesso ghiaio dove, uno frazione di secondo primo, c'ero il mio corpo disteso». Anche sui fronti cosiddetti minori dello Secondo Guerra Mondiale, quell i che lo gronde storia tende per lo più od eclissare, ebbero luogo vicende di intensità non inferiore o quelle dei maggiori teatri di operazioni; anche lì, molti giovani italiani sacrificarono allo Patrio lo loro vito, o almeno gli anni più belli dello stesso. Ce ne forn isce ricco e significativo testimonianza Morellino MAR IANI, classe 1919, residente o Pontecuti di Todi IPG). A Rodi, effettivo o l 9 ° Reggimento Fanteria, eg li trascorse lo suo vito militare, quale autista o disposizione dei magazzini dello Sussistenza. «l mezzi o disposizione- racconto il Marioni -erano Spo 38, Fiot 18 BL, Lancio 3

RO e soprattutto Fiot 626. Questi ultimi provenivano dallo requisizione, e non erano stati neppure rivernicioti. Erano stati inizialmente destinati o/ fronte occidentale ma, col sopraggiungere dell'armistizio con lo Francio, vennero dirottoti o Rodi. Raggiungevano uno velocità di 80 km/h, mentre gli analoghi mezzi militari toccavano o malapena i 60. Ve n'erano 50 nell'isolo, di cui 48 in esercizio e 2 di riservo. Erano stati divisi in due blocchi do 24, distinti do/ colore del numero sul parabrezza: c'ero perciò il blocco rosso e quello bianco, con numeri progressivi do 1 o 24. Svolgevamo vito abbastanza autonomo, presso il magazzino sussistenza : ci rivolgevamo all'Autoreparto solo per le riparo-


zioni, o per farci sostituire l'automezzo quando questo necessitavo di riparazioni di grado elevato. C'ero, presso l'Autoreparto, un lenente molto bravo, dotato di uno forte corico umano, ma di cui non ricordo il nome. Sopra ogni coso, dvevo o cuore che lutti prendessimo lo potente. "Non si so mai - ci dicevo -nello vito vi potrò sempre servire". L' ufficiale fece, purtroppo, uno triste fine. Uno sera ero al cinema in città, quando presso l'Autoreparto scoppiò l'al/orme. Egli saltò sullo moto ma, nello fretto di rientrare, si schiantò contro un autocarro che, doto lo circostanza, procedevo in senso opposto o fori spenti. Nostro compito, naturalmente, ero il trasporto di viveri; il mio, in particolare, ero quello di andare o prelevare il pone, unico alimento che non venivo fornito dai nostri magazzini. Lo popolazione civile ero in preda allo fame . Un giorno, mentre si proseguivo in colonno, scorgemmo in fondo o un rettilineo otto isolani che, allorché fummo vicini, si gettarono o terra, in mezzo allo strada, costringendoci o fermarci per non investirli. Quattro di essi si rialzarono e ci si fecero incontro, ma quattro rimasero o ferro: non si alzarono finché non ebbero ricevuto uno generoso razione dei viveri do noi trasportati. L'officina ero dispiegato o Campochiaro . All'inizio delle operazioni, le riparazioni venivano effettuate con uno certo puntualità (uno notte mi presentai con un porofango bucato dalle corno di un cervo do me investito: me lo ripararono nell'orco dello stesso notte). Allo fine, invece, non arrivando più pezzi di ricambio, cominciarono o fiorire i "cimiteri di camion", soprattutto di Lancio 3 RO. Un giorno arrivarono 1O nuovi Fio t 626, versione militare, dallo Grecia . Con questi partimmo subito per effettuare uno massiccio azione di rastrellamento o coccio di un traditore. Si trottavo di un greco che si ero arruolato nel nostro esercito, ma che successivamente ci avevo venduti agli Inglesi, provocando lo morte di alcuni nostri soldati. Nel corso di questo azione di ricerco, su uno strada molto stretto incrociammo un altro autocarro italiano, anch 'esso impegnato nell'azione. Il conduttore, anziché fermarsi per poi sfilare lentamente, si gettò sullo suo destro: le ruote incontrarono il vuoto, e l'automezzo precipitò nel burrone. L'autista ne uscì indenne; l'ufficiale in cabina, nel tentativo di lanciarsi fuori, ebbe entrambe le gambe tronciote di netto. Tra i poveri militari trasportati nel cassone, vi furono ben 15 morti: uno venne ritrovato passato do

porte o porte dallo proprio baionetta, inastato sul fucile che il poveretto tenevo, come prescritto, ritto tra le gambe. Il traditore, od ogni buon conto, venne catturato, processato, condannato. Uno delle mattine successive, mi venne ordinato di coricare uno cosso do morto e di portar/o al vicino cimitero. Qui assistetti allo fucilazione. Il plotone, composto do dodici militari tirati o sorte, ero già allineato. L' ufficiale raccolse i dodici fucili, li affastellò in terra e prese o rotororli, rimescolando/i; operazione che avevo uno ben preciso ragione di ordine psicologico: sei fucili erano corichi, sei no. Rimescolando/i, si affidavo olIo sorte lo loro assegnazione e venivo losciato od ognuno, nel momento di premere il grilletto, lo speranza che il proprio fucile fosse scarico {per un italiano, persino l' uccisione di un individuo viscerolmente odiato com'ero in quel momento quel greco, potevo creare dei problemi di coscienza) . Guanto profondo fosse questo odio, per le vittime do lui provocate tra i nostri compagni, lo testimoniano alcune parole che ebbe o dire qualche tempo dopo un mio commilitone di Panicale: "lo lo ritirerei su, gli darei fuoco, e poi bastonerei le ceneri!" Quale ultimo desiderio il condannato chiese, sprezzantemente: "Sbrigatevi, primo che faccio giorno! ". Distribuiti i fucili, tutto ero pronto, con il condannato spalle al plotone. Ero tale l'agitazione che già al "Pronti!" uno dei militari avevo premuto il grilletto, e un colpo ero sfuggito, sì che l'operazione venne ripreso daccapo. Non ero uno vito comodo, quello di noi autisti. Senza orario e, spesso, senza rancio. Un giorno un collego, di rientro do un servizio, non avevo trovato più nullo do mangiare. Il capitano, cui si ero rivolto protestando, non seppe rispondergli altro che: "Arrangiali! ". Col sangue agli occhi, il soldato gli si scagliò contro, e lo riempì di botte, sì do essere condannato al massimo dello cella di rigore. Poiché però gli autisti erano preziosi e insostituibili, di giorno egli venivo mondato in servizio fuori, di sera venivo ricondotto in prigione. Non potendo rispondere con altro· dispetto, al rientro l'autiere tornavo ogni sera con l'autocarro privo di marmitta, meltendo o duro provo lo resistenza dei nervi di tutto il reparto, compresi quelli del colonnello comandante del reggimento il quale, per porre fine allo torturo, fu costretto o chiedere al capitano di condonare lo peno residuo.

8 SETTEMBRE: TUTTI A CASA! (O NEl CAMPI D/INTERNAMENTO)

311


CAPITOLO

312

7

Ne capitavano, di episodi curiosi. Una volto, per esempio, mi venne ordinato di portare ad una certa destinazione un sacco di zucchero da un quintale, per effettuare un esperimento. Era stato rubato, appunto, un quintale di zucchero, e della cosa era sfato accusato un autiere bolognese. Per quanto questi fosse robusto, il capitano non voleva credere che egli avesse agito da solo . .Con il sacco a fe rra, davanti a tuffi, il capitano si rivolse all'accusato: "Ecco il quintale d i zucchero; se mi fai vedere come hai fatto, ti fascio libero! ". 11 bolognese, con tutta calma, abbrancò il fardello e , piegate le gambe, se lo lasciò scivolare sopra le ginocchia; poi, afferratolo da sotto, si levò in piedi e spinse il sacco sul cassone, riguadagnandosi, come pr'omesso dal capitano, la libertà. l furti erano all'ordine del giorno. Particolare fantasia dimostravano i me ridionali, come quello che aveva segato i piedi dei sedili del proprio autocarro, onde ricavare una nicchia dove nascondere le forme di parmigiano. Per sopperire alla penuria di autisti, si ricorreva ad espedienti a volte estremamente pericolosi. Sul finire della guerra, i magazzini vennero sottoposti a un bombardamento incessante. Per evacuare in fretta il maferiale in essi contenuto, vennero radunati un centinaio di allievi conduttori, del tutto inesperti, a ciascuno dei quali venne affidato un camion carico. Risultato: solo quindici giunsero a destinazione; tutti gli altri erano finiti fuori strada, per fortuna senza vittime . Noi pochi conduttori esperti, frascorremmo tutto il resto della notte in giro per l'isola, per recuperare mezzi e materiali. Una sera, davanti all'autocarro, illuminato in pieno dai fari, mi si parò un cervo. Accelerai nel tentativo di investirfo, ma quello riuscì a sfuggirmi. Con l'automezzo lanciato in corsa, mi ritrovai in fondo a una discesa, dove uno stretto ponte varcava un forren}e. Dalla parte opposta si stava in quel momento immettendo un sidecar, con a bordo un capitano che conoscevo bene. Non essendoci più tempo per frenare, non mi rimase che proseguire di slancio, pregando il cielo che il poco spazio fosse sufficiente per entrambi. Miracolosamente, i mezzi si sfiorarono senza urtarsi ed io, una volta di là, proseguii la mia corsa poi, appena trovato uno spiazzo nel bosco fuori della sede stradale, in esso diressi il mezzo, spensi motore e luci, e aspettai. Come immaginato, l'ufficiale aveva invertito la marcia, e si era gettato in caccia del "criminale", ma il buio e il bosco mi furono efficienti alleati. Sere dopo, lo stesso capitano era ospite a cena dal mio tenente, cui avevo nel frattempo narrato l'episodio. Tra una chiac-

chiera e l'altra, il capitano portò il d iscorso sull'episodio di quella notte e , nel riferir/o, minacciava tuoni e fulmini contro quel delinq uente, se fosse riuscito a scovarfo. Proprio in quel nromento entravo io, a servire il caffè. Interrompendo gli improperi del capitano, il mio tenente domandò: "E se fosse stato il Mariani?" Il capitano volse lo sguardo verso di me, che tentavo di mantenermi impassibile, poi, forse soddisfatto di aver almeno scoperto l'identità del suo misterioso nemico, lasciò cadere il discorso, e non ne parlò più. E venne 1'8 settembre. Mentre erava mo tuffi imme rsi nella più totale incertezza su quanto stava accadendo e su ciò che avremmo dovuto fare , un carro armato tedesco si parò davanti al cancello e , senza spiegazione alcuna, prese a tirare cannonate . Corremmo a ripararci dentro i rifugi scavati sotto la vicina montagna ma i Tedeschi, dopo aver sparato un centinaio di colpi, fecero prigionieri tutti i conduttori, e confiscarono tutti gli a utomezzi. Fra i militari italiani presenti nell'isola, solo il capitano De Lucia tentò un 'eroica resistenza . Ufficiale deciso e d i grande carattere, egli si era messo alla testa di quanti non intendevano cedere le armi, ed