Page 1

“Pensava

alla famiglia.

Non

ai fratelli e ai cugini, ma a suo padre, a suo

fratello minore, alla moglie e ai figli.

Pensava

alla vecchia abitudine di fare la guerra solo questo porcilaio fetido e maligno.

alla pace della campagna,

d’estate, non come adesso in

Ma i doveri di un soldato romano, di un tribuno, erano quelli.”

Giorgio Albertini - Giampiero Casertano

Giampiero Casertano nasce a Milano nel 1961. Entra giovanissimo nel mondo dei fumetti grazie a Leone Cimpellin, il suo maestro. Nei primi anni ’80 entra alla Bonelli dove realizza, insieme a Carlo Ambrosini, una storia di Ken Parker. Alfredo Castelli lo chiama poi nella scude ria di Martin Mystère. Nel 1986 passa a Dylan Dog e realizza alcuni degli albi più famosi della serie, come Attraverso lo specchio, Memorie dall’invisibile e Dopo mezzanotte (Dylan Dog n. 26). È stato il primo copertinista di Nick Raider.

Nel 208 a.C. Annibale ha appena valicato le Alpi. Decio è un adolescente pieno di ardore e di entusiasmo, cui la giovane età ancora non permette di partire per la guerra. Quando, dopo le disfatte del Trebbia e del Trasimeno la Repubblica romana si vedrà costretta ad arruolare i suoi più giovani figli,

Decio

potrà raggiungere

al fronte il fratello maggiore, della legione.

Canne, toria. di

a cui

Siamo alla vigilia Roma affida ogni

Ma il destino è già scritto.

Giorgio Albertini nasce a Milano nel 1968. Dopo gli studi di Storia medievale, all’Università di Milano, partecipa a campagne di scavo con istituzioni e università, dedicandosi ai disegni ricostruttivi di aree archeologiche. È autore di saggi di carattere storico ed è illustratore scientifico con, tra gli altri,

National Gepgraphic, Focus, Newton, Bell’Italia, Archeo, la BBC e I viaggi di Repubblica, oltre a collaborare con università e musei italiani ed esteri.

www.renoircomics.it 14 euro

Quirino,tribuno della battaglia speranza di vit-


Testi: Giorgio Albertini Disegni: Giampiero Casertano Grafica copertina ed extra: Lorenzo Bolzoni Grafica balloon e lettering: ManFont

Renoir Sas Corso Monforte 45 20122 Milano Tel 02 76011641 Fax 02 76009718 info@renoircomics.it www. renoircomics.it ISBN: 978-88-95261-16-4 © 2008 Giorgio Albertini, Giampiero Casertano. © 2008 per questa edizione ReNoir Sas. Stampato in Italia nel gennaio 2008 presso Genesi Gruppo Editoriale Srl - Città di Castello (PG) è assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di questo libro, così come l’inserimento in circuiti informatici, la trasmissione sotto qualsiasi forma e con qualunque mezzo elettronico, meccanico, attraverso fotocopie, registrazione o altri metodi, senza il permesso scritto dei titolari del copyright.


Ascoltate o stranieri.

Ascoltate, dannazione, ascoltate.

Volgete il vostro sguardo su quest'uomo.

3


Niente…sordi come statue di marmo.

eccoti a me o Clio, musa mia diletta.

io sono cittadino di Roma. Ho vissuto la fine di un mondo e l'inizio di un altro.

Scellerati, siete forse schiavi dalle orecchie inondate di cera?

lascia che partano questi stolti, a legioni ne vedo e come muti imbecilli mi guardano, o non mi guardano affatto, e passano oltre senza ascoltare una parola di ciò che ho da dire.

Sono stato testimone delle scelte di uomini di valore e questi voglio celebrare, o Clio.

4

Oh… eccoti finalmente.

Tu invece prestami attenzione, perché di certi avvenimenti ti voglio parlare.

Voglio ricordare con te, mia musa.

Ricordare quel giorno in cui…


‌ le alte mura di Cartagine erano lontane.

5


i possenti eserciti erano lontani.

Ma percepivo gli odori, come se lo spazio infranto da quei terribili animali‌

6


…e da quelle migliaia di corpi creasse un’onda fetida, che mi riempiva le narici…

…e mi riempiva di eccitazione.

7


Stanno arrivando. che hai?

Chi sta arrivando? Alla villa, un messo da Roma ha detto che i cartaginesi stanno arrivando dal nord per vendicare le vecchie sconfitte.

Signori, perdonate se interrompo i vostri discorsi.

8


Celado, vieni, non interrompi niente, se non le fandonie di Marco.

Oh… Ce l'ha fatta allora, già sembrava impossibile che Annibale, dopo i Pirenei avesse passato con tutto l'esercito anche il Rodano. Adesso abbiamo la conferma che le sue intenzioni erano veramente di venire in italia attraverso le Alpi… incredibile, e pensare che Publio Cornelio corre con le nostre legioni su e giù per le coste della Gallia.

Grazie signore, ma il giovane Attanasio torna ora dalla villa dei Licinii pare dunque che il figlio maggiore di Amilcare sia giunto nella Gallia cisalpina con i suoi mercenari. E dicono anche che le tribù di quelle zone si siano alleate con lui salutandolo come liberatore.

i cartaginesi ci vengono addosso dalla Gallia e il senato tiene centosessanta navi da battaglia in Sicilia, so lo per difendere gli interessi dei nobili, credete a me.

9


Abbiamo combattuto Cartagine per anni quando era la padrona dei mari e adesso, vinta, osa muoverci guerra‌ superbia, ecco l'unico latte che succhiarono dai seni materni.

Ma non temete. Annibale punta a spaventarci ma è giovane, quindi non si rende conto dei propri limiti. Dopo il primo scontro serio i consoli lo legheranno a una colonna del Foro.

Come sempre Marco auspica violenza.

Se gli va bene.

Purtroppo sai bene che non è con le parole che sarà fermato Annibale.

Ho la sensazione che, con questo aggiramento, intenda aggredire Roma alle spalle.

10


Forse anche Cornelio avrebbe bisogn…

è vero… è vero.

avete capito benissimo, presto ci sarà una grande battaglia, e sicuramente avranno bisogno di molti uomini per finirla una volta per tutte con i cartaginesi. Chiameranno anche noi, vedrete!

non so se sarà una cosa così semplice, non è ancora un anno che abbiamo levato la bulla dal collo.

Ma come, ti dico che avranno bisogno anche di noi, e se non sarà così chiederò a mio fratello Quirino, ci terrà come suoi aiutanti. Saremo nella battaglia, distruggeremo i mercenari di Cartagine.

Si, f aremo la guardia del c orpo del tribuno Quirin o Caio Ligustino. Far emo onore alla tri bù Crustumina.

Ma forse Spurio ha paura dei Cartaginesi. Forse preferisce rimettersi la bulla e correre tra le braccia di sua madre.

Migliore della tua negli abiti di Annibale. Quello è un gigante, e la sua armatura ti servirà da cubicolo.

11

Non osare darmi del codardo. Vedrete,sarò il primo a gettarmi nella mischia, e sarò il primo a gettarmi sui tesori dei Barca. E quando sarò cinto dell'armatura di Annibale, chissà che faccia farai, caro il mio Decio.


“Pensava

alla famiglia.

Non

ai fratelli e ai cugini, ma a suo padre, a suo

fratello minore, alla moglie e ai figli.

Pensava

alla vecchia abitudine di fare la guerra solo questo porcilaio fetido e maligno.

alla pace della campagna,

d’estate, non come adesso in

Ma i doveri di un soldato romano, di un tribuno, erano quelli.”

Giorgio Albertini - Giampiero Casertano

Giampiero Casertano nasce a Milano nel 1961. Entra giovanissimo nel mondo dei fumetti grazie a Leone Cimpellin, il suo maestro. Nei primi anni ’80 entra alla Bonelli dove realizza, insieme a Carlo Ambrosini, una storia di Ken Parker. Alfredo Castelli lo chiama poi nella scude ria di Martin Mystère. Nel 1986 passa a Dylan Dog e realizza alcuni degli albi più famosi della serie, come Attraverso lo specchio, Memorie dall’invisibile e Dopo mezzanotte (Dylan Dog n. 26). È stato il primo copertinista di Nick Raider.

Nel 208 a.C. Annibale ha appena valicato le Alpi. Decio è un adolescente pieno di ardore e di entusiasmo, cui la giovane età ancora non permette di partire per la guerra. Quando, dopo le disfatte del Trebbia e del Trasimeno la Repubblica romana si vedrà costretta ad arruolare i suoi più giovani figli,

Decio

potrà raggiungere

al fronte il fratello maggiore, della legione.

Canne, toria. di

a cui

Siamo alla vigilia Roma affida ogni

Ma il destino è già scritto.

Giorgio Albertini nasce a Milano nel 1968. Dopo gli studi di Storia medievale, all’Università di Milano, partecipa a campagne di scavo con istituzioni e università, dedicandosi ai disegni ricostruttivi di aree archeologiche. È autore di saggi di carattere storico ed è illustratore scientifico con, tra gli altri,

National Gepgraphic, Focus, Newton, Bell’Italia, Archeo, la BBC e I viaggi di Repubblica, oltre a collaborare con università e musei italiani ed esteri.

www.renoircomics.it 14 euro

Quirino,tribuno della battaglia speranza di vit-

Profile for ReNoir Comics

Decio  

Decio  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded