a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

ivere V

luglio/agosto 2017 n. 184

BELLEZZA

Depilazione intima

DIETA

Microbiota e peso

SPORT

Tradizioni dal mondo

MEDICINA

Pelle e sabbia


n. 184 luglio/agosto 2017

SOMMARIO

Care lettrici, cari lettori,

MEDICINA 5 Pelle

5

Irritazione da sabbia

BELLEZZA 6 Depilazione intima

La legislazione in materia di radioprotezione, il cui scopo è appunto proteggere la popolazione contro i pericoli da radiazioni ionizzanti naturali e artificiali, è stata riveduta dal Consiglio Federale nella sua seduta dello scorso 26 aprile, al fine di adeguarla alle nuove conoscenze scientifiche, agli sviluppi tecnici e alle direttive internazionali. Le ordinanze in questione entreranno in vigore all'inizio dell'anno prossimo. Per proteggere meglio i pazienti da radiazioni inutili, negli ospedali e negli istituti di radiologia saranno introdotti audit clinici, che saranno condotti in collaborazione con le associazioni professionali di medici. In questo modo sarà possibile evitare esami e trattamenti non giustificati. Nel campo dell’edilizia sarà ora necessario, in tutta la Svizzera, tenere maggior conto delle concentrazioni di radon. Per quanto riguarda questo gas radioattivo naturale, nei locali di abitazione e di soggiorno sarà applicato il nuovo livello di riferimento di 300 Becquerel per metro cubo, che dovrà essere rispettato soprattutto per le nuove costruzioni e le ristrutturazioni. Inoltre, la gestione di siti e oggetti radiologicamente contaminati sarà soggetta a nuove disposizioni, che prevedono soprattutto misurazioni e risanamenti degli edifici colpiti. Si pensi per esempio all’attuale contaminazione da radio dovuta all’industria orologiera. I livelli al di sotto dei quali la radioattività di una sostanza è considerata innocua sono stati adeguati agli standard internazionali per garantire una migliore protezione alla popolazione e per facilitare il trasporto transfrontaliero di merci, come i materiali speciali destinati al riciclaggio. Le persone professionalmente esposte saranno maggiormente protette: per evitare la cataratta è stato abbassato il limite di dose di radiazione per il cristallino. Ciò vale in particolare per il personale medico che opera con i raggi X. La legislazione disciplina anche le sorgenti radioattive naturali nell’attività lavorativa quotidiana, come per esempio negli acquedotti o nella costruzione di tunnel. In futuro anche il personale aereo sarà considerato professionalmente esposto a radiazioni. Ciò significa che per piloti e personale di cabina dovranno essere calcolate singolarmente le dosi di radiazioni annue.

I nuovi trends

DIETA 8 Microbiota e dieta Perché non si dimagrisce

6

ODONTOIATRIA 12 Profilassi I prodotti

MOVIMENTO 14 Discipline sportive Le più strane dal mondo

8

PASSATEMPO 16 Cruciverbone

Gioca e vinci un pesos d’oro!

HIGHLIGHTS 18 In farmacia

La vetrina: luglio-agosto

Valentina Tanzi

© kudla / Shutterstock.com (Copertina) suravid — Nagy-Bagoly Arpad Lifeking / Shutterstock.com (Indice)

Responsabile della redazione di Vivere

Vivere

Find us on

Facebook www.rivista-vivere.ch

a tempo pieno

SIGLA EDITORIALE

COMITATO DI REDAZIONE

REDAZIONE

SOCIETÀ VIVA SA INDIRIZZO Casella postale 5539, CH — 6901 Lugano

MARIO TANZI Presidente OFCT

M. SC. COM. VALENTINA TANZI Responsabile

DOTT. GIORGIO ANTOGNINI già Presidente PharmaSuisse

CRISTINA GEROSA Segretaria

ENNIO BALMELLI Portavoce OFCT

TIPOGRAFIA NEWPRINT SA

TELEFONO +41 (0)91 922 68 66 FAX +41 (0)91 923 39 09 E-MAIL vivere@bluewin.ch

Gli articoli impegnano soltanto la responsabilità degli autori.


Pelle

— MEDICINA

5

PELLE: IRRITAZIONE DA SABBIA

Infezioni, micosi, verruche: la sabbia può nascondere insidie da non sottovalutare. È bene prevenirle con alcuni accorgimenti. La redazione danni causati dalla sabbia sulla pelle consiste nel fare una doccia con acqua dolce, ogni ora di permanenza in spiaggia. Questo è l’intervallo di tempo che consente di mantenere la pelle in salute. È pure buona abitudine asciugarsi bene e cambiare spesso il costume, nel quale la sabbia può rimanere intrappolata.

Il sudore

S

Solo su leolandia.it

E con VIVERE A TEMPO PIENO hai uno sconto in più: inserisci il codice VTPLS17 valido fino al 19/11/2017

© Maridav / Shutterstock.com

a partire da

tendersi sulla sabbia è una delle cose più piacevoli durante le vacanze al mare, ma la giornata in spiaggia può nascondere qualche rischio per la pelle. La sabbia può dar luogo ad arrossamenti, funghi e infezioni: per questo bisogna prendersene cura. Il mix di sabbia, salsedine, umidità può provocare in alcune persone l'"allergia da sabbia", che si manifesta con puntini rossi pruriginosi su tutto il corpo. L'irritazione si presenta con chiazze tondeggianti bianche. Subito dopo il bagno in mare è importante fare la doccia per eliminare la salsedine ed evitare il contatto con la sabbia. Il disturbo, se non curato in tempo, può dar luogo a dermatiti o infezioni come le micosi cutanee. Si cura con pomate e lozioni specifiche per la dermatite atopica, su consiglio del medico, evitando, nel frattempo, detergenti troppo aggressivi. Se il fastidio è più accentuato applicare una lozione lenitiva rinfrescante a base di ossido di zinco.e consultare un dermatologo.

DA SAPERE La doccia

La prevenzione ideale per evitare i

Oltre alla sabbia, anche il sudore è responsabile degli arrossamenti sulla pelle: può nutrire i batteri presenti sulla cute e quindi favorire le irritazioni. Di conseguenza, gli sportivi sono più esposti a questo tipo di irritazioni.

Le verruche

Dato che sono causate da un virus che non si adatta all’acqua salata del mare, sulla sabbia non ci sono rischi di contrarne. È opportuno non camminare a piedi nudi nelle docce sulla spiaggia, sui pavimenti del bar e a bordo piscina. Utilizzare asciugamani personali e, se si hanno verruche, coprirle con un cerotto per prevenirne la diffusione ad altri o a se stessi, mediante l’autocontagio.

La candida

Se l’irritazione non passa nonostante le cure con cortisonici, è necessario che un dermatologo valuti se il paziente non sia alle prese con un altro tipo di fungo, la cosiddetta candida, che provoca lesioni simili, ma la cura a base di cortisone, anziché debellarla, ne facilita la crescita sulla pelle. Ecco perché in questo caso è bene consultare il dermatologo.

Le ferite aperte

Chi ha un taglio in via di guarigione de-

ve stare attento che la sabbia non vi penetri, perché potrebbe portare con sé anche germi capaci di provocare un'infezione. Se dovesse succedere si deve eseguire una medicazione con abbondante acqua dolce o ossigenata che, provocando la formazione di bollicine, aiuta a far salire i granelli in superficie.

I FALSI MITI L'asciugamano

Il telo da mare appoggiato sulla sabbia non garantisce un'adeguata protezione della pelle. In ogni caso un'abitudine salutare, per difendere la pelle, anche se non autorizza a fare a meno della doccia con acqua dolce.

L'acqua di mare

Non aiuta a curare le irritazioni causate dall’azione abrasiva della sabbia: anzi, con il suo contenuto di sale, peggiora l’irritazione.

I piedi sporchi

Tornare a casa dalla spiaggia senza avere risciacquato i piedi in acqua dolce non è un grosso problema. Invece lo è: viviamo per molti mesi all’anno con i piedi coperti da calze e scarpe. È prudente allora averne cura sciacquandoli con acqua dolce, prima di rincasare dopo una giornata trascorsa al mare.

I BAMBINI I bambini sono più facilmente colpiti dalle insidie della sabbia: per questo si raccomanda ai genitori di docciarli frequentemente, di cambiare il costume se bagnato e, soprattutto, di non lasciarli nudi a giocare con la sabbia, per evitare irritazioni nelle parti intime. Vivere luglio/agosto 2017


6

BELLEZZA — Depilazione

7

DEPILAZIONE INTIMA: I NUOVI TRENDS

INGUINE: COSA PENSANO GLI UOMINI Tempo fa è stata fatta un’inchiesta da parte di Askmen. com, che ha sottoposto a più di 5'000 uomini diverse domande sui loro gusti in fatto di depilazione intima femminile. Il risultato è stato che il 41% preferisce le donne con le parti intime completamente depilate, o comunque con la ceretta brasiliana, mentre un 38% ritiene che un po’ di pelo sia eccitante. Ma il dato più incredibile è che l'88% degli uomini intervistati affermava di depilarsi nelle zone intime.

La scelta del tipo di ceretta all'inguine è personale: tra brasiliana (nelle sue sorprendenti varianti), totale, bikini e naturale, ecco le tendenze e le tecniche da conoscere prima del debutto al mare La redazione Lo stile Hollywood

Scelta da sempre più donne, per motivi estetici o di comodità, è anche la depilazione stile "Hollywood", cioè totale: soprattutto nella stagione estiva è la più richiesta, perché permette di indossare qualsiasi slip e bikini senza nessun rischio. Il soprannome viene dal fatto che le prime tester della tendenza sono state attrici e ballerine, anche per motivi professionali. Questo stile comunque divide le donne: c'è chi si sente appunto sollevata dall’assenza totale di peli, chi invece si sente a disagio. È una questione intima e, molto probabilmente, dipende tanto dall’età e se si hanno avuto figli.

è una tendenza o un'idea nuova, è naturale, mentre rimuoverlo è una moda.

L'ultimo trend: la "Full-Bush Brazilian"

In particolare, l’ultima moda in arrivo dall’America è quella del Full-Bush Brazilian, una depilazione che è stata definita, per dare una visione chiara, "da porno star dietro e da hippie davanti". Si tratta di una depilazione brasiliana che toglie tutti i peli nella parte bassa delle labbra e dietro, ma lascia un "cespuglio pieno" davanti, nella parte alta.

Lo "'70's bush"

LE TENDENZE

La scelta dello stile nella depilazione dell'inguine è molto personale.

La "Brazilian Wax"

Negli ultimi dieci anni circa, la tendenza principale ha visto primeggiare la depilazione alla brasiliana o "Copacabana". Nata nel 1987 con il salone estetico delle 7 sorelle brasiliane "J. Sisters", si tratta di una depilazione semi-integrale che lascia solo una striscia o un triangolo sul davanti, nella parte alta, rimuovendo tutti i peli sia sotto che dietro, che può variare di forma e quantità. La maggior parte delle persone chiede il triangolo, più o meno ampio, rispetto alla striscia verticale. Però il design è assolutamente personalizzabile, magari pure con un disegno sul davanti. Se si opta per questo stile, è fondamentale la simmetria: per creare linee perfette e proporzionate, si proceda per strappi molto minimi. Vivere luglio/agosto 2017

L'inguine semplice, detto anche "bikini line", segue appunto la sagoma del classico slip del bikini con la sgambatura laterale basica. A volerlo di solito sono le ragazze più giovani che vanno dall'estetista per le prime volte".

THE B-SIDE

Di solito i peli che crescono sul gluteo sono sottili al limite del visibile, quindi nella maggior parte dei casi non viene richiesto di toglierli, ma dipende sempre dalla persona. Quelli che vengono tolti sono invece quelli interni, stendendosi magari su un fianco, per arrivare anche ai peli più interni.

CERA: I NUOVI MIX

La cera classica è quella al biossido di titanio, ma le più richieste negli ultimi anni sono quella allo zucchero - secondo una tecnica orientale che miscela acqua, limone e zucchero - e le cerette naturali a base di ingredienti lenitivi e ammorbidenti come miele, avocado e oli vegetali.

LA CRONISTORIA Gillette ha lanciato il suo primo rasoio per donne nel 1915 (il Milady Décolleté) e negli anni '40, con la guerra, si diffuse anche la depilazione per le gambe. Nel 1946, con la nascita del bikini, nasce anche la "bikini line", che amplia l'area del corpo da depilare. Negli anni '70, con il movimento hippie, si diffuse anche il trend del "natural look" anche per l'inguine, lasciato naturale e selvaggio. Negli anni '80 poi, il salone delle J. Sisters lanciò la depilazione alla brasiliana fino a che, dagli strip club e i porno, arrivò prima ai ballerini e agli attori, poi a tutti, la depilazione totale. Infine, nel secondo decennio degli anni 2000 ha cominciato a crescere nuovamente la tendenza del look naturale anni '70.

DOLORE: LE TECNICHE ANTI-TRAUMA © RomarioIen / Shutterstock.com

D

alla bikini line nata nel 1946 insieme al costume da bagno, passando per il full bush anni '70 e il trend brasiliano degli anni '80, fino alla cera totale lanciata dagli strip club negli anni '90, la depilazione intima nell'ultimo mezzo secolo è cambiata insieme alle mode. Ma non solo: i nuovi mix a base di oli vegetali e ingredienti naturali (come zucchero e miele) hanno reso l’operazione sempre meno dolorosa e più sicura anche per le pelli sensibili, rendendo la rimozione dei peli professionale un’abitudine consolidata di molte donne.

Quella "out": la "bikini line"

Tuttavia, negli ultimi anni ha cominciato a crescere il trend di un look più "naturale", ispirato allo stile selvaggio anni '70, il famoso "'70's bush", con peli più folti e selvaggi. Dopo il boom delle cerette brasiliane e totali, tornare a uno stile decisamente più "folto" è sembrato quasi avanguardistico. Per non dire comodo. A contribuire al lancio della tendenza, le dichiarazioni di alcune star tra cui Cameron Diaz, Lady Gaga e Gwyneth Paltrow. Nel gennaio 2014, in un negozio a Manhattan, nel Lower East Side, il brand moda americano American Apparel aveva creato scalpore mettendo in vetrina dei manichini con un folto e selvaggio pelo pubico che si notava in modo evidente sotto un intimo trasparente e sgambato. Il direttore creativo Marsha Brady aveva commentato l'episodio spiegando che il brand è a favore della bellezza naturale e che il pelo pubico non

Diversi sono i segreti per una depilazione all'inguine a basso impatto doloroso. Tra questi, gli elementi del kit sono la base: prima di applicare la cera, stendere un olio che ammorbidisce la pelle e rende lo strappo meno traumatico, insieme al materiale in cotone delle strisce. Inoltre, la consistenza della cera è fondamentale: privilegiare quelle a bassa temperatura che sono estremamente delicate. Infine è poi importante procedere per parti molto piccole. Vivere luglio/agosto 2017


8

DIETA — Microbiota

9

ralmente sono le cattive abitudini che abbiamo, ossia il nostro stile di vita, INTERAZIONI MICROBIOTA-OSPITE che portano in difetto i batteri buoni e fanno prevalere quelli cattivi (diINTESTINO-CERVELLO – C’è una comunicazione funzionale tra il microsbiosi): biota intestinale e il sistema nervoso centrale (SNC). Questa comunicazio• alimentazione e stile di vita scorne è bidirezionale e coinvolge connessioni anatomiche come il nervo vago, retti; il sistema immunitario e l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Un cambia• diete povere in grassi e fibre; mento della flora batterica intestinale potrebbe comportare modifiche nelNonostante un buon allenamento fisico e una dieta ipocalorica, • consumo di cibo industriale, rafla funzionalità del sistema nervoso centrale. Sono state dimostrate strette molte persone non riescono a perdere peso. Il motivo è da ricercafinato e processato; correlazioni tra stati ansiosi o depressivi e un disequilibrio della flora batte• inquinanti contenuti nei cibi (corica intestinale. re nella relazione tra sovrappeso, microbiota intestinale e dieta: loranti, solventi, ormoni, pesticidi INTESTINO-PELLE in parole semplici, se l’intestino non funziona correttamente, ginecc.); INTESTINO-SOVRAPPESO E OBESITÀ – Un corretto equilibrio del minastica e dieta possono non essere sufficienti per perdere peso. • pasti troppo rapidi, scarsa macrobiota intestinale garantisce un adeguato assorbimento dei nutrienti con sticazione; La redazione effetti positivi su metabolismo e controllo del peso corporeo. • situazioni ambientali sfavoreINTESTINO-DIFESE IMMUNITARIE – Il probiotico regola il Treg (linfociposizione dei microrganismi intestinali voli, legate a ritmi di vita irregolati T regolatori) promuovendo il corretto equilibrio tra Th1-Th2 (autoimmuniviene chiamata "microbiota" intestinari e frenetici, con alterazioni deltà e malattie degenerative). le, mentre la totalità dei geni del microla frequenza e della consistenza biota è chiamata "microbioma". I geni dei pasti; del microbioma intestinale superano • situazioni di stress psicofisico tà, quindi non solo sul dimagrimento, condotti alla disbiosi del microbiota indi circa 150 volte in numero i geni del cronico; ma anche sulla salute generale. testinale. corpo umano. • ansia, depressione, cattivo umo- Un’alterazione qualitativa e quantitati- Se è noto da tempo che il funzionare; va della microflora o disbiosi è respon- mento della stessa flora batterica inL' "organo nascosto" • consumo inadeguato di antibio- sabile di svariati disturbi e può essere fluisce su pressione arteriosa, malattie Il microbiota intestinale può essere tici e farmaci come i FANS (antin- alla base di diverse patologie: cardiache, diabete, allergie e malatconsiderato un “organo nascosto” fiammatori, analgesici e antipire- • diarrea, tie autoimmuni, nel caso specifico per via del ruolo fondamentale e moltici) o sonniferi, antidepressivi e • sindrome del colon irritabile (IBS) dell’obesità la correlazione è stata diteplice che svolge nel nostro organilassativi — Spesso utilizzati per ricer- o malattia infiammatoria dell’inte- mostrata da un esperimento clamosmo: roso, pubblicato poi su "Science": già care quel senso di salute e benessere stino (IBD), • coinvolto nella digestione di aliche tende a sfuggire a causa del rit- • tumore del colon-retto, nel 2013 i ricercatori della Washington menti (ad esempio lattosio, glutimo frenetico imposto dallo stile di vita • alcune patologie epatiche, University School of Medicine di St. ne e fibre), talvolta non digeribili; moderno. Tuttavia, con il passare del • allergie, Louis avevano coltivato i batteri del• stimola la risposta immunitaria; tempo, il frequente ricorso a queste • nonché malattie associate all’a- la flora intestinale di un topo grasso • garantisce la difesa contro batsostanze chimiche, che non curano limentazione come obesità, dia- nell’intestino di uno molto magro. Riteri esogeni; la causa ma ne attenuano semplice- bete di tipo 2 o celiachia. sultato: ad assoluta parità di alimen• interviene nei meccanismi di mente i sintomi, finisce col peggiora- La disbiosi produce effetti negativi an- tazione il topo magro è sensibilmenli studi degli ultimi anni han- mente l’impatto che questo ha sul di- sintesi di alcune vitamine (K e del re ulteriormente la situazione. che sul sistema nervoso centrale, dal te ingrassato. no portato alla luce qualco- magrimento è molto più di quello che gruppo B); • Infezioni croniche; momento che intestino e cervello so- A differenza di tutto quello che fino ad sa di molto diverso rispet- si pensa (e che ci hanno fatto crede- • agisce modificando molti steroli • malattie, ferite, interventi chirur- no collegati da una fitta rete di comu- oggi ci hanno fatto credere, determiOmega_192x65_sh to a quello che si è sempre re da tempo). (acidi biliari e colesterolo); gici; 17.5.2005 12:54 Pagina 1nicazione su cui viaggiano trasmetti- nati alimenti sono essenziali per nutrire pensato. Oggi infatti sappiamo che, • modifica i pigmenti biliari; tori e metaboliti batterici. Pertanto è il microbiota intestinale e toglierli dalle • disfunzioni ormonali. a seconda della composizione degli CHE COS'È? • è coinvolto nel metabolismo deQuando si parla di disturbi congeniti, ragionevole pensare che persino al- proprie abitudini può essere dannoso organismi che vivono nell'intestino, il Il microbiota intestinale, più noto co- gli estrogeni, dei procancerogeil tipo di parto e di allattamento influi- cuni disturbi mentali e dello svilup- non solo per il peso, ma anche per la nostro organismo è capace non solo me “flora batterica intestinale”, com- ni e nell’eliminazione di sostanze scono notevolmente sullo sviluppo dei po neurologico come la depressione, salute. Per ritrovare la forma e per ridi digerire ed assimilare meglio o peg- prende circa 100 trilioni di batteri, su- tossiche; batteri intestinali e sulla loro funzionali- l’ansia e l’autismo possano essere ri- uscire a perdere peso, la relazione tra gio un alimento, ma di avere più o me- periori in numero alle cellule umane • aiuta la produzione di serotonino capacità di perdere peso e di far di circa 10 volte. È ormai certa la co- na, l'ormone della felicità e tanto esistenza di più di 500 specie di mi- altro! funzionare al meglio il metabolismo. È recentissimo (ottobre 2016) lo studio crorganismi concentrati in tratti diversi Data l’ampia azione che esercita, didelle università di medicina di St. Louis dell’intestino: se li prendessimo tutti venta fondamentale un suo corretto e di Durham, coadiuvate dal professor e li mettessimo su una bilancia, po- equilibrio e funzionamento, definito euBIORGANIC OMEGA-3 Gisand, il concentrato d’olio di pesce naturale Jeffrey I. Gordon, che ha dimostrato trebbero arrivare a pesare benissimo biosi. all’elevata dose di 1200 mg, ottenuto da pesce d’alto mare che una dieta può essere inefficace a 1,5 kg e anche di più! Sorprendenseconda dei batteri presenti nel mi- te, vero? LA DISBIOSI • abbassa in modo naturale i tassi sanguigni aumentati dei lipidi crobiota intestinale. Con questo non Ogni persona presenta una compo- I batteri intestinali "buoni" sono quindi si vuole affermare che la sola causa sizione distinta e altamente diversifi- quelli che ci aiutano a mantenere sia • copre il fabbisogno quotidiano di acidi grassi omega-3 altamente insaturi dell’aumento di casi di obesità e so- cata di microrganismi intestinali, seb- un peso adeguato, sia la buona funvrappeso degli ultimi cento anni sia il bene vi sia un nucleo fisso di microbi zionalità del metabolismo. A meno che • non contiene conservanti microbiota intestinale, ma che sicura- comune a tutti gli individui. La com- ci siano motivazioni congenite, gene-

MICROBIOTA E DIETA: PERCHÉ NON SI DIMAGRISCE

G

© Andy Frith / Shutterstock.com

Tassi sanguigni aumentati dei lipidi!

Vivere luglio/agosto 2017

Presti attenzione al foglietto illustrativo • Gisand AG, Schläflistrasse 14, 3013 Bern


10

DIETA — Microbiota

ADDIO "EFFETTO YO-YO"! Un aspetto positivo dei batteri intestinali è che aiutano a dimagrire, e possono ridurre il rischio dell’effetto yo-yo anche dell’80%, come ha dimostrato uno studio israeliano dell’Istituto Scientifico Weizmann. Questo grande beneficio è dovuto al fatto che un microbiota più sano ed equilibrato influisce anche sul nostro metabolismo basale, regolando l’immagazzinamento e l’utilizzo della riserva di grassi e intervenendo nella digestione e nell’assorbimento degli alimenti. Grazie a queste modifiche, una volta perduto il peso in eccesso potremo anche mantenerci snelli, senza incorrere nel fastidioso effetto yo-yo. microbiota intestinale e dieta non può essere ignorata. Un regime alimentare adeguato è obbligatorio e questo non è sinonimo di dieta ipocalorica.

LA DIETA

Ma come si fa? Partendo da quelli che si chiamano "firmicutes" e "bacteroidetes", sono loro i microbi che possono fare la differenza nell’assorbimento intestinale: mentre i primi trasportano molto facilmente grassi e glucosio, i secondi sono molto meno capaci. Ma se questa è la teoria come si passa alla pratica? Come si implementano i "bacteroidetes" a scapito dei "firmicutes"? Con integratori, probiotici o farmaci? Ovviamente è più facile intervenire con la dieta: esistono diverse soluzioni, a partire da menù ricchi di cibi che contengono già batteri "benefici" oppure i loro nutrimenti, che servono quindi ad alimentarli e moltiplicarne la popolazione. Oltre all’assunzione di fermenti lattici, vengono indicati piatti a base di carboidrati ad alto contenuto di fibre e basso indice glicemico: • pasta rigorosamente integrale, • legumi, • frutta, • verdura, • yogurt. Come già accennato in precedenza, vietati quindi i cibi raffinati, vale a dire derivati da una lunga lavorazione industriale che ne impoverisce il contenuto di minerali e proteine presenti nelle materie prime di partenza. Lo zucchero bianco, per esempio, è uno di questi alimenti "off limits". Ma ci sono diverse alternative: dallo sciroppo di riso al succo concentrato di mela o di uva e, ancora, lo sciroppo d’acero o d’agave. Vietata anche la farina 00, tra i prodotti più raffinati, con i quali si prepara di tutto, dalla pasta alle torVivere luglio/agosto 2017

te. Questo tipo di farina è privata del germe contenuto nel chicco di grano, ricco di aminoacidi, sali minerali e vitamine del gruppo B ed E. Dunque è meglio preferire la farina integrale. Spazio anche ai grassi, ma quelli "buoni": gli omega-3 e gli acidi grassi insaturi, contenuti in avocado, olive, frutta secca, noci, burro di noci naturali, pesci come salmone e perfino il cocco. Di sicuro ci vuole pazienza per cambiare davvero regime alimentare, ma poi la forza di volontà diventa un’abitudine automatica. Più ci alimentiamo meglio e meno avvertiamo il desiderio di cibi "sbagliati" ed evitiamo episodi di fame nervosa: sono infatti i prodotti raffinati, zucchero e grassi saturi, di origine animale, ad alimentare i "firmicutes", i quali, a loro volta, moltiplicandosi, richiedono all’organismo gli stessi prodotti. E instaurano, così, un ciclo nocivo che porta all’obesità. Se invece li affamiamo, alimentandoci con nutrienti di cui questi batteri non si cibano, l’intestino si arricchisce di "bacteroidetes". E il peso comincia a calare.

PROBIOTICI E PREBIOTICI

Per consentire un corretto equilibrio delle funzioni intestinali può essere utile un’assunzione ciclica e mirata di probiotici e prebiotici, soprattutto se presi insieme sotto forma di simbiotici. Ma vediamo qual è la differenza.

I probiotici

Costituiscono l’insieme dei microrganismi che, introdotti con gli alimenti, sono in grado di raggiungere l’intestino in condizioni di vitalità ed esercitare un'azione benefica. Affinché si possa parlare di probiotici,

e non di semplici fermenti lattici, questi microrganismi devono: • essere vivi e biochimicamente attivi, • resistere all'azione dell'acido gastrico e della bile, • aderire all'epitelio intestinale, • produrre sostanze antimicrobiche contro i patogeni, • conservare la loro vitalità all'interno del tubo digerente. Pertanto tra i probiotici sono compresi tutti quegli alimenti che contengono batteri benefici per la salute. Tra i più conosciuti troviamo i lactobacilli e i bifidobatteri. I probiotici sono presenti in alimenti fermentati come: • yogurt, • kefir, • crauti, • miso, • tempeh, • kombucha, • formaggi fermentati, • latticello, • pasta madre. I probiotici, inoltre, sono presenti in specifici integratori farmaceutici ed erboristici.

OMEGA-life : ®

sostiene il cuore e le funzioni cerebrali

O V O NnUolio di alghe co

I prebiotici

Non si tratta di organismi vivi, ma di sostanze non digeribili (fibre, inulina e lattulosio) che arrivano nel colon, dove sono fermentate dalla flora batterica locale. I metaboliti che si vengono a formare forniscono così elementi nutritivi utili per la crescita o l'attività delle specie batteriche benefiche. Tra le fonti di prebiotici, anche se in concentrazione limitata, troviamo alimenti vegetali ricchi di fibre come: • asparagi, • cicoria, • carciofi, • porri, • legumi, • soia, • avena, • aglio, • cipolla • tarassaco, • frutta secca, con particolare riferimento alle noci. Nelle preparazioni farmaceutiche contenenti tali sostanze vengono invece aggiunti soprattutto i FOS (frutto-oligosaccaridi) e l'inulina, un polimero del fruttosio.

Vitalità naturale dal mare. Omega-life® contiene gli acidi grassi omega 3 EPA e DHA, d’importanza vitale, che influenzano la regolazione dei lipidi nel sangue e contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale. Una capsula copre il fabbisogno giornaliero. In vendita nelle farmacie e nelle drogherie.

OMEGA-life® - 1 al giorno per la vita

www.omega-life.ch


12

ODONTOIATRIA — Profilassi

13 Abrasivity), che indica il grado di abrasività del dentifricio. Un dentifricio per uso quotidiano non dovrebbe superare 60-80 di RDA. • Il gusto del dentifricio, di per sé, non ha alcuna importanza per un buon risultato — Va scelto in maniera personale, in quanto altrimenti il lavaggio dei denti potrebbe rivelarsi un’azione indesiderata. È quindi consigliabile sceglierne uno che vi piaccia, in modo tale che lavarvi i denti diventi piacevole. • Alcuni dentifrici sono "specializzati" per certi problemi (contro le sensibilità o per rinforzare le gengive) — Vorrei far notare che spesso questi dentifrici possono avere un RDA più basso (20-30) di quello auspicato (60-80), ma non per questo sono da considerare sbagliati. In caso di problemi, e per avere spiegazioni individualizzate, rivolgetevi al vostro medico dentista SSO o alla vostra igienista dentale. Spazzolino e dentifricio sono una bella coppia, che naturalmente è bene associare sempre. Ma l’igiene dentale non si limita a loro due. Qui di seguito vi propongo i complementi per un’igiene ancora migliore.

PRODOTTI PER LA PROFILASSI

Per prevenire le affezioni dentali vi sono molti prodotti che possono aiutare a garantire un'igiene orale ottimale. Danilo Avolio, med. dent. SSO/SSO-Ticino Per la Commissione di Informazione della Svizzera Italiana (CISI) sto tipo di spazzolino garantisce una buona pulizia dei denti. Inoltre, con gli spazzolini a onde sonore risulta anche più facile pulire i denti a terzi, come per quello rotativo. Da segnalare anche l’arrivo del nuovo spazzolino a 3 testine, che permette di pulire contemporaneamente 3 superfici: quelle masticatorie, quelle interne ed esterne. Gli spazzolini a onde sonore contribuiscono a migliorare l’igiene orale anche nei punti più difficili da raggiungere, come gli spazi interdentali e le nicchie che si formano tra i denti e i componenti degli apparecchi odontoiatrici. Dopo esserci interessati al tipo di spazzolino, vediamo adesso quale detergente bisogna abbinargli.

LO SPAZZOLINO Il manuale

Oggigiorno esiste una vasta gamma di spazzolini. La maggior parte soddisfa le condizioni che la scienza pone a uno spazzolino per essere considerato buono, ossia: • le setole devono essere sintetiche — Quelle naturali sono un terreno ideale per la proliferazione di batteri e perciò sono antigieniche. • Le punte delle setole devono essere arrotondate — Per risparmiare i denti e le gengive. • La testa dello spazzolino deve essere abbastanza piccola — Per pulire accuratamente tutti i denti, anche quelli difficilmente accessibili. • Anche i migliori spazzolini non durano più di 2 mesi — Quando le Vivere luglio/agosto 2017

setole cominciano a piegarsi, è giunto il momento di sostituirlo. Occorre imparare ed esercitarsi a lavarsi i denti con metodo. Per evitare di danneggiare lo smalto e i colletti, i denti non vanno assolutamente spazzolati orizzontalmente.

L'elettrico rotativo

Rispetto agli spazzolini manuali, i moderni spazzolini elettrici rotativi puliscono i denti in maniera più accurata. Tuttavia non bisogna pensare di poter pulire i denti più in fretta, perché lo scopo è sempre lo stesso: rimuovere la placca batterica. Gli spazzolini elettrici sono particolarmente indicati per le persone che con gli spazzolini manuali non ottengono risultati soddisfacenti. Sono da consigliare a persone anziane o con manualità ridotta.

Ad ultrasuoni o ad onde sonore

Ha semplificato parecchio la vita: que-

IL DENTIFRICIO

I dentifrici sono prodotti efficaci per l'igiene orale: aiutano lo spazzolino a eliminare la placca e, grazie ai loro componenti, contribuiscono a prevenire la carie e a combattere le infiammazioni del parodonto. I dentifrici contengono agenti pulenti, sostanze leganti, umettanti, aromatizzanti, tensidi (sostanze grazie alle quali il dentifricio può essere meglio ripartito sulla superficie dei denti), conservanti, coloranti, acqua e principi attivi come il fluoro o la vitamina A. Quando si acquista un dentifricio, occorre prestare attenzione ai seguenti aspetti: • scegliete sempre dentifrici al fluoro (è il caso della maggioranza dei dentifrici) — Garantiscono una protezione ottimale contro la carie. • Per proteggere lo smalto dai graffi, controllate che il dentifricio non sia troppo abrasivo — I dentifrici "sbiancanti" possono rivelarsi dannosi. Controllate, se è menzionato, il cosiddetto valore RDA (Relative Dentine

© IgorZD / Shutterstock.com

I

l primo prodotto al quale dobbiamo pensare è lo spazzolino da denti. Visto che ne esistono di diversi tipi, vediamoli in dettaglio.

FILO E SPAZZOLINI INTERDENTALI

Al giorno d'oggi, la maggior parte dei danni ai denti colpisce le zone interdentali, dove si annida la placca e lo spazzolino non riesce a rimuoverla del tutto. Per la pulizia quotidiana di questi punti a elevato rischio di carie si raccomandano i seguenti strumenti. • Il più appropriato è il filo interdentale, anche se è sicuramente il più difficile da utilizzare — Fatevi spiegare bene come utilizzarlo dal vostro medico dentista SSO o dalla vostra igienista dentale. Se il filo interdentale si spezza regolarmente negli stessi spazi interdentali, segnalatelo al vostro dentista. • Gli stuzzicadenti specifici per l'igiene orale non sono stuzzicadenti comuni — Hanno una sezione triangolare e sono prodotti con un tipo di legno flessibile. Con gli stuzzicadenti che si trovano soprattutto nei ristoranti è possibile rimuovere i resti di cibo, ma non la placca tenacemente attaccata ai denti. Esistono pure stuzzicadenti di plastica molto fini, ricoper-

ti con gomma, che possono accedere anche negli spazi più stretti. • Per gli spazi interdentali più ampi, l'ideale è un filo come il SuperFloss — Presenta un capo rigido seguito da un filo di gomma piuma più spesso ma estensibile e compressibile, che permette di ben fregare laddove si accumula la placca. Vi sono pure appositi scovolini per gli spazi interdentali. Inoltre, sono disponibili apparecchi elettrici (simili agli spazzolini elettrici) in grado di sostituire il filo interdentale, il cui uso è però spesso difficoltoso.

RISCIAQUI ORALI

Occorre distinguere tra 2 tipi di prodotti: • le acque dentifricie — Servono unicamente a rinfrescare la bocca e non hanno alcun effetto terapeutico o preventivo. L'aggiunta di essenze di piante aromatiche può ottenere un effetto benefico sulle gengive oltre che un alito piacevole. • I collutori medicinali — Contengono una concentrazione minima di fluoruri, agiscono sullo smalto dei denti e permettono di ridurre dal 30% al 50% la carie. Se si utilizza ogni giorno un collutorio, si può rinunciare al gel al fluoruro settimanale. Lavando correttamente i denti 3 volte al giorno, si apportano già abbastanza fluoruri ai denti. I risciacqui orali vanno utilizzati preferibilmente tra un pasto e l’altro, non necessariamente dopo aver lavato i denti.

GOMME DA MASTICARE

Chi, dopo aver mangiato, non ha la possibilità di lavarsi i denti o di sciacquare la bocca con un risciacquo orale può eliminare la maggior parte dei resti di cibo masticando una gomma. Quando si sceglie una gomma, però, bisogna stare attenti che non danneggi i denti. La dicitura "senza zucchero" non è sufficiente: tali prodotti, infatti, possono contenere altri carboidrati, che la placca è in grado di fermentare rapidamente in acidi nocivi per i denti. Masticate preferibilmente solo gomme specifiche per l’igiene orale e quelle con la dicitura "amico dei denti" e il logo del dentino felice sotto l'ombrello. In questo modo avete la garanzia che nella vostra bocca non si formino acidi.

Masticare stimola la salivazione; la saliva diluisce gli acidi presenti nella bocca e fa sì che i minerali in essa contenuti si depositino sullo smalto dei denti e "riparino" i danni già causati dagli acidi. Particolarmente efficaci sono le gomme da masticare contenenti carbammide (o carbonildiammide, cioè urea), una sostanza che penetra nella placca e protegge i denti per un periodo relativamente lungo. Una raccomandazione: non masticate le gomme troppo a lungo (4-5 minuti al massimo) per non creare stanchezza ai muscoli masticatori. Così abbiamo visto quanti prodotti esistono per poter ottenere un’igiene corretta. Rassicuratevi: nemmeno il campione del mondo dell'igiene dentale utilizzerà tutti questi prodotti. Conoscerli è importante, ma poi dovranno essere adattati alla dentatura, all’età, alla manualità e ai problemi di ognuno di noi. Per questo motivo, non esitate! Chiedete consiglio al vostro medico dentista SSO di fiducia.

Vivere luglio/agosto 2017


14

MOVIMENTO — Sport

15 nazionale. Venne creato da un belga, giocato per la prima volta in Spagna e unisce calcio, atletica, pallavolo e capoeira brasiliana. Il campo è composto da 2 trampolini, ciascuno ad un lato di una rete circondata da una superficie gonfiabile. Un giocatore per ogni squadra occupa il trampolino dal proprio lato della rete. Uno di questi giocatori è l’attaccante, e lancia la palla. La squadra avversaria deve cercare di far tornare la palla indietro al di sopra della rete, in un massimo di 5 tocchi. Non solo è divertente da giocare, sembra anche incredibile perché i giocatori compiono vere e proprie acrobazie aeree mentre rimbalzano da un lato all’altro del campo.

DISCIPLINE SPORTIVE: LE PIÙ STRANE DAL MONDO

Per secoli in tutto il mondo l’uomo ha inventato passatempi per divertirsi. Gli sport sono sempre stati un elemento importante in ogni cultura, e molti sono nati secoli fa e sono arrivati fino a noi nella loro versione più moderna. La redazione

YUKIGASSEN (GIAPPONE)

S

iamo così fortunati da vivere in un’epoca in cui la maggior parte delle persone ha molto tempo libero, e quindi gli sport vengono costantemente inventati e reinventati: non c’è dunque da sorprendersi se il mondo delle competizioni sportive a volte si spinge oltre i limiti della normalità. Questo non significa però che gli sport più strani siano nuovi: molti dei più inusuali infatti sono stati inventati molto tempo fa, prima che ci fosse internet ad aiutare la gente a perdere tempo! Ecco alcuni degli sport più strani che puoi incontrare facendo il giro del mondo.

HORNUSSEN (SVIZZERA)

Gli svizzeri sono noti per alcuni motivi, ma in genere non per avere inventato l'Hornussen. Un dischetto, l'"hornuss" (calabrone), viene lanciato in aria dal battitore, che lo colpisce con una frusta per farlo partire. I giocatori della squadra avversaria cercano quindi di prenderlo con gli schindels, dei grossi cartelli fissati su lunghi Vivere luglio/agosto 2017

Ecco uno sport che molti bambini apprezzeranno: una super battaglia di palle di neve. Lo yukigassen è essenzialmente questo. Ha avuto origine ad Hokkaido, in Giappone, e il nome di questo sport significa letteralmente “battaglia con la neve”. Lo yukigassen viene giocato da due squadre di 7 giocatori ciascuna. Quando un giocatore viene colpito da una palla di neve è eliminato dal gioco. Sono fondamentali le precauzioni per la sicurezza: i giocatori indossano speciali elmetti che proteggono anche il viso. Prima di una partita vengono preparate in anticipo fino a 90 palle di neve. Quando le squadre entrano in campo, il divertimento ha inizio! Si tengono gare in Finlandia, in Norvegia, in Australia, in Canada, in Russia e in Alaska, e il Campionato del Mondo si tiene ogni anno a Sobetsu, a Hokkaido.

CAPOEIRA (BRASILE)

Conosciuta anche come La Danza della Guerra, la capoeira è un’arte marziale brasiliana che unisce danza, musica e acrobatica in un’emozionante sfida. Quando viene usata per di-

fesa personale la capoeira comprende molti colpi bassi e "a spazzare", ma quando viene utilizzata per lo spettacolo tende a concentrarsi sull’acrobatica e sulle ruote. La capoeira viene quasi sempre accompagnata dalla musica, che dà il ritmo alla performance. Anche se la sua storia non è certa, sembra che la capoeira sia nata in Brasile tra gli schiavi africani durante il 19° secolo. Oggi la capoeira funge da ispirazione per molte scene di combattimento nei film e nelle serie televisive più popolari. C’è una discussione aperta anche sull’influenza della capoeira sulla breakdance, e alcune persone ritengono che abbia tracciato la strada per quest’ultima.

Il cheeserolling (letteralmente “for-

L’Australia di certo non è l’unico paese a proporre corse di cammelli, ma ospita due degli eventi maggiori: la Camel Cup che si tiene ogni anno ad Alice Springs, e il Boulia Desert Sands, nel Queensland, che vanta un premio di 25'000 dollari. I cammelli pos-

KABADDI (BANGLADESH)

Il Kabaddi è uno sport da contatto che unisce wrestling e ruba bandiera. Durante la gara un “raider” corre attraverso la linea centrale del campo e cerca di acchiappare i membri della squadra avversaria. Il raider non deve prendere fiato fino a quando non torna dal suo lato del campo e ripete sussurrando “kabaddi” per dimostrare di non aver preso fiato. Se non riesce a prendere un giocatore della squadra avversaria, non fa alcun punto. Il kabaddi è diffuso in molti paesi, tra cui India, Pakistan, Giappone e Iran, ma il Bangladesh ne ha fatto il proprio sport nazionale. Leghe professionistiche e tornei ufficiali, tra cui l’Asia Kabaddi Cup e la Kabaddi World Cup, stanno contribuendo a far conoscere questo sport in tutto il mondo.

BOSSABALL (SPAGNA)

Il bossaball è uno sport davvero inter-

CHEESEROLLING (INGHILTERRA)

CORSE DI CAMMELLI maggio rotolante”) è una disciplina sportiva in cui i partecipanti devono (AUSTRALIA)

Allevia lesioni sportive, contusioni, slogature e stiramenti Pomata consolida originale DR. ANDRES tivo. Dr. Andres Pharma AG.

Si prega di leggere il foglietto illustra

© escova / Shutterstock.com

bastoni, lanciandoli in aria. Le squadre sono composte da 18 giocatori e le partite sono suddivise in 4 tempi. Anche se l’Hornussen è uno sport antico (il primo caso documentato di cui si ha notizia risale al 1625, e si tratta di un reclamo nei confronti di due uomini che lo giocavano in una domenica pomeriggio), ha appena iniziato a diffondersi al di fuori della Svizzera grazie ad un’associazione internazionale fondata nel 2012.

sono raggiungere la velocità di 65 km orari negli scatti e mantenere per un’ora la velocità di 40 km orari. Le corse di cammelli, come le corse di cavalli, sono uno sport popolare tra gli spettatori, e le scommesse sono fortemente incoraggiate. Spesso arrivano concorrenti da ogni zona del Medio Oriente: dal Bahrein, dalla Giordania, dal Qatar e dall’Arabia Saudita. I concorsi di bellezza per cammelli si tengono in genere insieme alle corse, e in alcuni luoghi ci sono veri e propri mercati che vendono prodotti legati ai cammelli come ad esempio il latte di cammello.

competere con una forma di formaggio lanciata lungo un pendio, con lo scopo di afferrarla e tagliare il traguardo prima degli altri partecipanti. Unico inconveniente? La forma può raggiungere persino i 110 chilometri orari! La competizione più famosa si svolge

ogni anno in Inghilterra, presso la collina Cooper.

SEPAK TAKRAW (MALESIA)

Il sepak takraw è uno sport di alto profilo in Malesia e in Thailandia. Venne inventato nel 15° secolo e non è certo stato adottato come sport nazionale dalle monarchie di questi due stati del sud-est asiatico. Il nome significa letteralmente “calcio palla” ed è composto dal termine malese per “calcio” e da quello thailandese per “palla”. Non somiglia però tanto al calcio quanto alla pallavolo. Due squadre, ciascuna composta da 3 giocatori, si trovano ai lati opposti di un campo diviso in due da una rete, e devono cercare di mantenere la palla in volo. La cosa difficile? Non puoi usare le mani. I giocatori di sepak takraw possono colpire la palla con i piedi, le ginocchia o il mento. Questo sport ha iniziato lentamente a diffondersi anche in Nord America ed in Europa, tanto che ne è stata proposta l’inclusione nelle Olimpiadi del 2020.


16 PASSATEMPO — Cruciverbone

Sponsored by Banca Raiffeisen Lugano società cooperativa

CRUCIVERBONE: VINCI UN PESOS D'ORO! Figliolanza

§

7

§

Il bel Delon

§

Il noto Jones

§

8

Capo etiope

Producono miele

2

Ventre

§

§

Colore

Sveglio

§

1

Sopportare, patire

§

Curvare

Sventure

8

8

8

8

8

Imperava in Russia

Venatura del marmo

Rugiada

8

8

Ironia

Chassis pungente

8

La città degli arazzi

Intacca i denti

8

Nodo scorsoio

La nota Pavone

§

«E D’UN TRATTO FECI UNA BRUTTA CADUTA CON LA BICI.»

§

Malato

Ascoltate la storia Rega di Matteo Pio-Loco, 18, a Mallorca. soccorsomio.ch/matteo

§

Distese erbose

8

Cafonaggine

Variegati

§

Nome d'uomo

3

§

Opera di Bizet

4 Club alpino svizzero

Ogni minuto conta! Telefono 144: il pronto soccorso arriva subito.

Adesso Risentimento

§

8

§

8

Emergenza ictus cerebrale

8 Nel centro di Chiasso

Odio

§

§

Puro, illibato

§

Lo dice chi rimanda

5

8

Risonanza

8

§

La capitale è Teheran

8

Arbusto

Brilla in cielo

8 Putrella

§

Afflitti

Vasco nel cuore

§

Gabbia per polli

Né tuoi, né suoi

Insetto laborioso

§

Fa buon sangue

§

§

Partenza… inglese

Pari in lustri

Ha scritto "La peste"

§ Arrabbiati

§

§

§

§

§

No, detto a Zurigo

Sigla postale

§

Sì detto a Londra

Il nome di King Cole

Elegia

§

§

Blasfemi

§

La dea più bella

Devota

Il nome Arnese del della Callas boscaiolo

§

§

sempreverde

8

ReveCalmo, rendo dolce in breve

8

8

8

Capiti

§

Cantone svizzero

Ritrovo pubblico

§

6

Ingiunger

§

Per maggiori informazioni di vitale importanza: Fondazione Svizzera di Cardiologia • Tel. 031 388 80 83 www.swissheart.ch • Conto per offerte CCP 69-65432-3

§

§

8

FRASE CHIAVE

(A numero uguale corrisponde lettera uguale)

La terra natia

1

2

3

7

6

4

1 5

6

2

4

5

6

4

5

2

7

5

6

4

5

2

4

2

§

4

SOLUZIONE N. 183 Ogni male fresco si sana presto.

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

a) Cartolina postale da spedire a: 'VIVERE a tempo pieno', C.P. 5539, 6901 Lugano. b) E-mail da inviare a: vivere@bluewin.ch. Se non specificato, si autorizza VIVA SA ad utilizzare l’indirizzo e-mail per le proprie attività di marketing. Fra tutti coloro che avranno indovinato la soluzione verrà sorteggiato il fortunato lettore. Sono esclusi dalla partecipazione tutti i collaboratori di VIVA SA. Non verrà tenuta alcuna corrispondenza. Nessun pagamento in contanti. Si escludono le vie legali. Il vincitore sarà avvisato personalmente. Il termine di spedizione è il 13 SETTEMBRE 2017.

Vivere luglio/agosto 2017

Diventate sostenitori ora.


18

HIGHLIGHTS — In farmacia

LA VETRINA: LUGLIO E AGOSTO

LINEA OSA — Disturbi di dentizione?

Il gel per la dentizione Osa alle piante, contiene sostanze naturali che hanno proprietà antiinfiammatorie e antidolorifiche. Camomilla, garofano, salvia , olio di menta, xilitolo e propoli aiutano ad alleviare i sintomi a seguito della dentizione. In caso di forti dolori è indicato il gel Osa classico. Da usare massaggiando delicatamente sulle gengive, anche la lieve pressione sulle gengive aiuta contro il dolore. Legga il foglietto illustrativo. Iromedica AG, St. Gallo otte. IROMEDICA AG, 9014 San Gallo

www.iromedica.ch

OMEGA-LIFE® VEGAN Acidi grassi Omega 3 per vegetariani e vegani

Il nuovo Omega-life® Vegan, privo di sostanze estratte dal pesce, è l'alternativa per vegetariani e vegani e per persone allergiche al pesce. Le capsule a base di olio di alghe della Doetsch Grether sono ricche di acidi grassi omega 3 EPA (acido eicosapentenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) di importanza vitale. È sufficiente una capsula per coprire il fabbisogno giornaliero. Il preparato è disponibile in farmacia. Doetsch Grether AG, 4002 Basilea

www.doetschgrether.ch

POMATA KYTTA — La giusta scelta contro i dolori senza sostanze chimiche

La consolida, la sostanza attiva della pomata Kytta, ,si usa in caso di dolori muscolari, articolari e nevralgie. Ha effetto antiinfiammatorio, antidolorifico e decongestionante. Si usa in caso di dolori muscolari della schiena, di artrosi alle ginocchia, distorsioni, botte e contusioni da attività sportive, incidenti o cadute. IROMEDICA AG, 9014 San Gallo

via Zuccoli 3 cas. postale 536 6902 Lugano tel. 091 985 69 80 fax 091 985 69 89 info@e-newprint.ch www.e-newprint.ch

www.iromedica.ch

Ogni individuo è in grado di progredire, indipendentemente dalla sua condizione, delle sue difficoltà, della sua fragilità, anche se questi progressi sono piccoli e molto lenti

I ragazzi di Tennisabili Lugano sono giovani con disabilità mentale e/o che presentano un deficit intellettuale, una perturbazione della capacità d’apprendimento, un problema o/e un ritardo nello sviluppo o un’anomalia comportamentale: hanno difficoltà psicologiche che spesso impediscono loro l'accesso alle infrastrutture e ai sistemi di diritto comune: scuole, formazione, imprese, associazioni sportive, ...La pratica dello sport è comunque un fattore di realizzazione personale, ma anche di presa di coscienza del collettivo, della solidarietà e del rispetto per gli altri. Diventa una componente importante di integrazione, propizio ai legami sociali e all'apertura mentale. Lo sport in generale e il tennis in particolare interviene anche nella gestione dei disturbi del comportamento, dello sviluppo Gli obiettivi di autostima e del benessere dei giovani. ✓ Integrare un vero e proprio programma sportivo nell’approccio educativo e terapeutico ✓ Promuovere l'inclusione sociale attraverso il tennis, la creazione di legami sociali e inculcare i valori positivi inerenti a questo sport ✓ Utilizzare lo sport come strumento di socializzazione e di miglioramento dell’autostima ✓ Sviluppare la mescolanza attorno alla pratica sportiva

Un progetto a lungo termine prevede la creazione di un gruppo di atleti giovani che si allenino regolarmente e abbiano una buona e adeguata condizione fisica per potere partecipare alle varie competizioni nazionali ed internazionali che offre Special Olympics Switzerland. Le competizioni prevedono il singolo, il doppio e il doppio Unificato per giocatori con capacità limitate. L’approccio orientato verso le competizioni trova la sua applicazione in occasione delle manifestazioni ufficiali e si concentra sugli atleti e suoi loro partner sportivi che hanno approssimativamente la stessa età e lo stesso livello di prestazioni.

Per informazioni e supporto: Associazione Sport Inclusivo Tel: +41 91 922 08 48 - +41 79 680 67 93 tennisabililugano@bluewin.ch – www.tennisabililugano.ch


Accelera la guarigione di lievi ferite.

Vita-HexinÂŽ aiuta

3198_05_2017_i

a far passare la bua

Ăˆ un medicamento omologato. Leggere il foglio illustrativo. Streuli Pharma AG, Uznach

www.vita-hexin.ch

Profile for VIVA SA

Vivere a tempo pieno 184 (Luglio-Agosto 2017)  

Rivista gratuita distribuita nelle farmacie del Cantone Ticino (Svizzera).

Vivere a tempo pieno 184 (Luglio-Agosto 2017)  

Rivista gratuita distribuita nelle farmacie del Cantone Ticino (Svizzera).

Advertisement