Issuu on Google+

n. 82 MAGGIO 2013 TROVACASA PREMIUM.

Pavimento in legno per esterni Deck Tavar

Editore Reclam Edizioni & Comunicazione srl . viale della Lirica 43 . 48124 Ravenna . Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8/11/2004 . Redazione 0544.271068 . redazione@trovacasa.ra.it . Pubblicità 0544.408312 . info@trovacasa.ra.it

COP CAMINO:Layout 1 13/05/13 10:39 Pagina 1

RAVENNA n. 82 maggio

2013

ALL’INTERNO

offerte immobiliari INFORMAZIONI AFFARI E ABITARE CASA BELLA CASA

con ANNUNCI fotografici

| TOPOGRAFIA E STORIA | CITTÀ E TEMPO | CITTÀ E SOCIETÀ | PENTOLE E PROVETTE | STATO DELLʼARTE


COP CAMINO:Layout 1 13/05/13 10:39 Pagina 2

Via Faentina 218s - Fornace Zarattini Ravenna tel. 0544 463621 - www.ravennainterni.com

www.facebook.com/RavennaInterniM

MAGGIO 2013


EDILE RAVENNATE TC:Layout 1 14/05/13 17:18 Pagina 1

SCATENA LA PASSIONE 1

contenuti

maggio 2013

04 14 26 40 44 48 54

casa bella casa

topografia e storia

città e tempo

lo stato dell’arte

pentole e provette

città e società

abitare l’habitat

L’attento restauro di una casa in centro a Faenza firmato Cossa e Minardi di Paolo Bolzani

Pialassa Baiona, il racconto e le immagini fra cielo, acque e pineta di Pietro Barberini

Se l’arte diventa gnomonica e si sposa all’armonia della meccanica celeste di Mario Arnaldi

Cosa è la qualità urbana? Le risposte progettuali dello Studio Lelli e Associati di Domenico Mollura

L’aristocratico asparago, eccellenza dellorto secondo lo chef Faccini

Pratica della “sorellanza”. Dialogo con Paola Pattuelli a partire da Hannah Arendt di Marina Mannucci

Resilienza urbana: il cambiamanto sociale come occasione positiva di Marco Turchetti

offerte immobiliari

San Rocco 11 . Universo . Eurocase 12 . Romagna . Futura 13 . Euroimmobiliare 17 . Mazzini . La Dimora di Magdala 22 . Scor . Fratelli Savorani 23 . Assocase . MR & Partners . 24 . Case d’Autore 25 . La Compagnia di San Giorgio 33 . Idea Casa 34 . Eurobusiness 35 . Studio Effe . Jolly Casa 36 . Baccarini 37 .

fotografie

Arredo bagno, Pavimenti e rivestimenti in ceramica, Gres, Parquet, Finestre Velux, Infissi, Coibentazioni, Impermeabilizzazioni, Fotovoltaico, Risparmio energetico

APERTO ANCHE IL SABATO NUOVA SEDE A RAVENNA via Romea 170 (ex Prontogros) - Tel. 0544.62025 info@edileravennate.191.it

MAGGIO

2013


ARTIGIANA LEGNO TC:Layout 1 13/05/13 14:38 Pagina 1

TROVACASA PREMIUM


ELETTROLAMP TC:Layout 1 14/05/13 16:48 Pagina 3

edizione di Ravenna

Dal 1970 illumina la vostra casa

LAMPADARI MATERIALE ELETTRICO

Controcopertina «In una casa del centro di Faenza si è lavorato sull’architettura esistente, in questo caso anche molto antica, ridefinendone la storia e rispettando i segni della costruzione nello scorrere del tempo per inserire, al contempo, soluzioni di carattere più contemporaneo. Queste scelte ed attenzioni rivelano quanta modernità ci possa essere nel restauro, nel momento in cui questo si qualifica come scoperta o come occasione per sperimentare una capacità narrativa latente finora inespressa».

Autorizzazione Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8 novembre 2004 Direttore responsabile: Fausto Piazza Consulenza redazionale: Paolo Bolzani Collaborano alla redazione: Andrea Alberizia, Federica Angelini, Pietro Barberini, Roberta Bezzi, Chiara Bissi, Alberto Giorgio Cassani, Serena Garzanti (segreteria), Maria Cristina Giovannini (grafica), Linda Landi, Marina Mannucci, Luca Manservisi, Domenico Mollura, Serena Simoni. Progetto grafico: Quadrastudio - www.quadrastudio.info Referenze fotografiche: Maurizio Montanari, Paolo Genovesi, Fabrizio Zani Redazione: tel. 0544.271068 redazione@trovacasa.ra.it

Editore: Reclam Edizioni e Comunicazione srl viale della Lirica 43 - 48124 Ravenna - tel. 0544.408312 info@reclam.ra.it - www.reclam.ra.it Direttore generale: Claudia Cuppi Stampa: Tiber spa - Brescia - www.tiber.it

RAVENNA - Via Le Corbusier, 15 tel. 0544 270585 - fax 0544 276553 www.elettrolamp.it MAGGIO

2013


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 4

4

La casa di Gianluca Soddu e Roberta Zoncheddu in centro a Faenza

Il restauro degli architetti Maria Concetta Cossa e Michela Minardi come scoperta della storia e occasione per il nuovo

CASA BELLA CASA


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 5

5

MAGGIO

2013


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 6

di Paolo Bolzani

Faenza, via S. Ippolito n. 4. Questo l’indirizzo della casa di Gianluca Soddu e Roberta Zoncheddu nel centro storico, quasi in angolo con l’asse viario costituito dalle vie Sarti e Giangrandi e non lontano dall’argine sinistro del Lamone, allorché fiancheggia da est la città manfreda. Davanti a noi si erge il fronte di una casa a schiera, tipica del tessuto urbano consolidato, di estensione limitata in larghezza e sviluppata in profondità lungo il proprio insediativo, solitamente detto gotico, che si spinge all’interno dell’isolato verso nord-ovest. Il fronte strada della casa si articola su tre piani, eretti sopra la grande cantina dell’interrato, e si connota per la presenza di pochi elementi connotativi: uno zoccolo al piano terra in intonaco lavorato con canne palustri e severo portone in legno lunettato, caratterizzato dal vano a perimetro leggermente strombato e sovrastato, in chiave, dall’iscrizione devozionale con trigramma cristologico, monogramma mariano e i tre chiodi della croce, già ideogramma di una matura matrice “politica” guelfa e poi gesuitica. Dal portone si accede ad un androne che conduce ad una bella corte centrale, articolata a sua volta da una loggia a due livelli in cui, a suo tempo, è stata creata una scala che consentisse di raggiungere direttamente il primo piano. Qui hanno inizio gli ambienti abitativi della famiglia Zoddu-Zoncheddu. Nel 2008 i proprietari incaricano gli architetti Maria Concetta Cossa e Michela Minardi del restauro della casa e vi prendono possesso nel 2010. Le scelte di progetto sono precise, condivisibili per la concezione del recupero in un’ottica sostanzialmente di

Nelle foto, alcuni scorci dell’ingresso in via S. Ippolito, e dell’androne da cui si accede alla casa nel centro di Faenza restaurata dagli architetti Cossa e Minardi. Nella pagina a destra, particolari e immagini degli interni dell’appartamento.

CASA BELLA CASA


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 7

Il fronte strada della casa si articola su tre piani, eretti sopra la grande cantina dell’interrato, e si connota per la presenza di pochi elementi connotativi: uno zoccolo al piano terra in intonaco lavorato con canne palustri e severo portone in legno lunettato, caratterizzato dal vano a perimetro leggermente strombato e sovrastato, in chiave, dall’iscrizione devozionale con trigramma cristologico, monogramma mariano e i tre chiodi della croce

conservazione che non si sottrae alla sfida della modernità e conducono ad un esito non scontato e piacevole. «La prima esigenza che volevamo soddisfare – spiegano Cossa e Minardi – era quella di far entrare in casa molta luce naturale, liberando gli spazi da vecchie pareti divisorie e creando coni ottici che lasciassero traguardare lo sguardo attraverso gli ambienti in sequenza. In sostanza si è cercato di realizzare una casa “circolare” nella sua percezione, nella sua percorribilità in tutte le direzioni, e con molta luce». E in effetti, fin dallo sbarco della scala al primo piano dove la loggia della corte si accosta al fabbricato rivolto alla strada, si percepisce la volontà di creare un unico grande asse di distribuzione dei percorsi nella zona giorno. Un breve corridoo – trattato in faccia a vista per consentire di leggere la trama storica delle tessiture murarie – affianca in sequenza la cucina abitabile e il vano

MAGGIO

2013


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 8

«La prima esigenza che volevamo soddisfare – spiegano Cossa e Minardi – era quella di far entrare in casa molta luce naturale, liberando gli spazi da vecchie pareti divisorie e creando coni ottici che lasciassero traguardare lo sguardo attraverso gli ambienti in sequenza. In sostanza si è cercato di realizzare una casa “circolare” nella sua percezione, nella sua percorribilità in tutte le direzioni, e con molta luce».

Nelle foto, alcuni particolari dei vani e delle scale di accesso ai piani dell’abitazione.

CASA BELLA CASA

scala-disimpegno centrale, dal quale si può raggiungere il bagno della zona giorno. Già in questo breve tragitto, così come nel nuovo vasto spazio del soggiorno che si affaccia sulla strada e a cui l’asse di percorrenza conduce, e forse ancor più nei piani superiori, si rivela una duplice attenzione: «lavorare sull’architettura esistente, in questo caso anche molto antica, ridefinendone la storia del manufatto architettonico e rispettando i segni della costruzione nello scorrere del tempo» (Cossa) ed inserire al contempo soluzioni di carattere più contemporaneo. Nel soggiorno sono chiari gli intenti dell’idea progettuale del restauro, allorché al termine dell’intervento sulle pareti rimangono in evidenza i lacerti di decori e antiche tinteggiature, con le tracce della loro vetustà, così come l’ordito del solaio in legno ricondotto a vista o il vano del riscoperto camino ora ricondotto a nicchia. D’altro canto la scelta delle finiture non esita a denunciarsi in tema di modernità, come il pavimento realizzato in resina grigia, così come la convivenza, nei nuovi spazi recuperati, di mobili dal design d’autore o gesti dallo stile contemporaneo, come la composizione di lampadine appese nel varco tra vano scala e soggiorno o l’esplosione plastico-cromatica del rivestimento in piastrelle ceramiche giallo “mostarda” del bagno (formato 10x40, designer Gianluca Soddu, dal nome Progetto L14 Ceramiche Lea Decoro Spy). La cifra moderna del progetto ha modo di evidenziarsi in particolare al secondo piano, destinato alla zona notte, nel soppalco creato in occasione dei lavori e nel gioco di affacci e di rimandi che si viene a creare nel vano scala centrale, pronto a trasformarsi da semplice snodo di percorsi verticali in un momento di conduzione della luce naturale proveniente dal lucernario; da qui la luce si diffonde lungo le pareti perimetrali per mezzo di un antico raccordo tronco piramidale la cui struttura venne realizzata in canna e gesso. Un felice dialogo


4-10 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:14 Pagina 9

9

In soggiorno la scelta delle finiture non esita a denunciarsi in tema di modernità, come il pavimento realizzato in resina grigia, così come la convivenza, nei nuovi spazi recuperati, di mobili dal design d’autore o gesti dallo stile contemporaneo, come la composizione di lampadine appese nel varco tra vano scala e soggiorno o l’esplosione plastico-cromatica del rivestimento in piastrelle ceramiche giallo “mostarda” del bagno.

viene a crearsi tra la nuova scala in ferro dipinta di bianco, ornata dagli scalini in legno naturale, e il superiore piccolo soppalco in cui appare esposta una elegante e preziosa selezione di vasi in ceramica d’autore. Il dialogo si estende in realtà anche all’altro lato del vano scala, dove è stato creato un balconcino che collega, a tale livello, la stanza destinata a studio con la zona notte. Questi dialoghi conferiscono alla piccola raccolta composizione architettonica anche un’ulteriore timbro espositivo che si spinge anche negli ambiti degli spazi di tipo teatrale. Queste scelte ed attenzioni rivelano quanta modernità ci possa essere nel restauro, nel momento in cui questo si qualifica come scoperta o come occasione per sperimentare una capacità narrativa latente finora inespressa. Varie le scoperte messe a segno nel corso dei lavori. «Il primo elemento utile alla scoperta di un pezzo della storia della casa – racconta l’architetto Cossa – è collegato alla canna del camino, che ci ha permesso di scoprire come il fabbricato sia stato sopraelevato verso la fine del XIX secolo, per recuperarne un piano in più. Un altro interessante fatto è legato al rinvenimento di decorazioni rinascimentali ed altre di periodo più tardo presenti all’intradosso dei solai in legno al piano primo e secondo; la presenza di controsoffitti e fodere in “arellato” le rendeva invisibili. Nel corso dei lavori sono poi venute alla luce tracce di archi ogivali all’interno della facciata su strada, che hanno reso il racconto della storia della casa ancora più articolato ed entusiasmante. Infine, dal confronto tra le mappe catastali e dall’osservazione del sito, si può argomentare come verosimilmente il fabbricato potesse in origine essere aperto sul fianco meridionale, il ché significa come la casa d’angolo attuale di via Sarti in origine non esistesse e si potrebbe ipotizzare che la strada costituita dalle vie Sarti e Giangrandi avesse in origine un sedime di maggiore larghezza».

MAGGIO

2013


AMICO GAS TC:Layout 1 14/05/13 14:18 Pagina 1

s.n.c

www.amicogas.it www.assistenzacaldaie.it

>

AMICO GAS FORNISCE ASSISTENZA TECNICA

>

AMICO GAS E SERVIZI PER L’INSTALLATORE

a caldaie a gas, condizionamento, pannelli solari, termoregolazione, per apparecchi ad uso civile ed industriale. Videoispezione canne fumarie. Prove di tenuta impianti a gas. Trattamento acque. consulenza prodotti, assistenza sul cantiere, aggiornamenti tecnico pratici e su caldaie di prima installazione rilasciamo il libretto d’impianto debitamente compilato con i dati della prova dei fumi e della targatura dell’apparecchio gratuitamente.

SERVIZI SPECIALI: > IGIENE INDUSTRIALE E AMBIENTALE PER ALBERGHI, RISTORANTI, CAMPING e ovunque vengano richiesti controlli antibatterici sulle acque sanitarie

ZONE DI OPERATIVITÀ: > COMUNI DI RAVENNA, LUGO, FAENZA E CERVIA RAVENNA Viale Berlinguer, 54 (Palazzo degli Affari) Fax 0544.280112 - info@amicogas.it

TROVACASA PREMIUM

0544.270358


SAN ROCCO TC:Layout 1 14/05/13 17:38 Pagina 11

11

Porto Fuori ideale per genitori/figli Casa singola su lotto di mq 450 composta da due unitĂ  abitative indipendenti.

AL PIANO TERRA:

AL PIANO PRIMO:

Soggiorno con angolo cucina ammobiliato e camino, disimpegno, camera da letto matrimoniale, bagno, lavanderia. Giardino su 4 lati con irrigazione automatica e pergolato in legno, doppio garage, tavernetta con camino.

Portico d'ingresso, ampio soggiorno, cucina in muratura, balcone, camera da letto matrimoniale con bagno in camera, camera da letto singola, bagno con vasca e doccia, mansarda abitabile, bagno e terrazzo.

OTTIME RIFINITURE: clima, aspirazione centralizzata, allarme, zanzariere, tende da sole.

â‚Ź 550.000,00

via Castel San Pietro 1 . Ravenna tel. 0544 39471 . fax 0544 214812 agenziasanrocco@libero.it

MAGGIO

2013


MONTAGGI:Layout 1 13/05/13 15:09 Pagina 12

12

viaRavenna XX 155 ..Rav . tel.Mama, 000 000000 Via San 112 www.xxxxx info@xx _immobiliare@libero.it tel. 0544 271066 . fax 0544 281035 . universo CLASSE

BORGO FAINA

In casa singola, appartamento al piano terra in ottimo stato d'uso composto da cucina abitabile, soggiorno, 2 camere matrimoniali, bagno, cantina; riscaldamento autonomo € 140.000,00

Bifamiliare di ampia metratura seminuova con ottime finiture composta da piano terra: giardino, garage, cucina abitabile, soggiorno, bagno; primo piano: ampia matrimoniale, 2 camere doppie, bagno, balcone. Rif 879 € 220.000,00

ZONA SAN GIUSEPPE

SAN BIAGIO VIA ROTTA

Appartamento completamente ristrutturato con ottime finiture composto da cucina abitabile, ampio soggiorno, 2 matrimoniali, bagno, balcone, cantina; riscaldamento autonomo; completamente arredato € 195.000,00

ZONA QUESTURA

Appartamento al secondo ed ultimo piano, completamente ristrutturato, composto: ingresso, soggiorno, cucina abitabile, disimpegno, 2 letto matrimoniali, bagno, balcone, garage e ampia cantina. Riscaldamento autonomo, impianti a norma, legno nella zona notte, aria condizionata, parzialmente arredato. Rif. 702 € 185.000 tratt.

MARINA DI RAVENNA

In casa di 2 unità vendesi appartamento al piano terra con ingresso indipendente, ristrutturato, composto da cucina abitabile, ampio soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali, bagno, garage di 35 mq circa e cantina. Rif 867 € 220.000,00

DARSENA

Via Nullo Baldini, 6 (proseguimento di via De Gasperi). Ravenna tel. 0544.33158 . eurocase@fastwebnet.it ADIACENZE VIA FIUME AVISIO Accogliente APPARTAMENTO INDIPENDENTE sito all'ultimo piano (2°) in una casa di sole due unità: ingresso, indipendente, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, balcone. Spaziosa tavernetta con bagno. Garage e giardino privato. Riscaldamento autonomo. Ottimo stato d'uso. Nessuna spesa di condominio. Rif. 559/a € 250.000,00 tratt. CENTRO STORICO (VIA DI ROMA) Confortevole APPARTAMENTO all'ultimo piano (3°) in una piccola palazzina di sole sei unità con ottime finiture in perfetto stato: ampio soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, balcone, garage. Riscaldamento autonomo. Aria condizionata. Posizione tranquilla. Rif. 575/a € 190.000,00 tratt.

ZONA GALLERY (VICINANZE VIA FIUME AVISIO) Accogliente CASA SINGOLA in posizione molto tranquilla: P.T. ingresso, soggiorno, cucina abitabile, bagno, tavernetta, cantina, garage; P.P. 3 camere da letto (2 matrimoniali), bagno, guardaroba, balcone e terrazza. Giardino privato. Rif. 488/d € 300.000,00 tratt.

CENTRO STORICO (VIA VENEZIA) Panoramico APPARTAMENTO all'ultimo piano con ascensore: soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, balcone, cantina. Riscaldamento autonomo. Rif. 539/a € 155.00,00 tratt.

Vendesi GHINEA attività di ristorazione, pizzeria, bar, pub, live music, ampio spazio esterno per eventi e ampio parcheggio ottimi incassi Informazioni in ufficio

SAN VITTORE

Appartamento da rimodernare al secondo ed ultimo piano con ascensore composto da sala, cucinotto separato con finestra, due camere da letto matrimoniali, bagno. Garage, cantina comune. Riscaldamento autonomo. Rif. 855 € 85.000 tratt.

TROVACASA PREMIUM

Appartamento in buono stato d'uso al secondo piano senza ascensore composto da cucina abitabile, soggiorno, due ampie matrimoniali, singola, bagno, ripostiglio, 2 balconi, garage; riscaldamento autonomo. Rif. 880 € 145.000,00

ZONA CASA DI CURA SAN FRANCESCO Rifinitissima CASA SINGOLA di recente costruzione in perfetto stato di manutenzione: P.T: portico, ingresso, soggiorno, cucina abitabile, bagno, tavernetta, garage; P.P. 3 camere da letto, 2 bagni, guardaroba, balcone. Giardino privato sui quattro lati. Rif. 492/d € 550.000,00 tratt.


MONTAGGI:Layout 1 13/05/13 15:09 Pagina 13

13

Ravenna, via degli Spreti, 71 tel. 0544 501515 cell. 338.3680378 agenziaromagna@alice.it Viale della Lirica, 61 - 4° Piano . Ravenna . tel. 0544.404047 fax 0544.406721 . www.agenziafuturasrl.it . info@agenziafuturasrl.it CENTRO STORICO

ZONA MAUSOLEO TEODORICO

L’Agenzia Futura si è trasferita nel nuovo ufficio in viale della Lirica 61, 4° piano int. 40 (stesso stabile) Abbiamo pensato a voi per un’ambientazione più confortevole, dove sia possibile trattare con maggiore riservatezza le vendite immobiliari, le ristrutturazioni e tanto altro ancora. CENTRO STORICO

Villa abbinata ad un lato con giardino ampio su tre lati. In zona pregiata, bella casa degli anni 60 di ampie dimensioni. Suddivisa in piano servizi, piano giorno e piano notte , composta da ambienti ampi e luminosi in zona residenziale e senza traffico. Ingresso centrale, salone di circa 55 mq, studio, cucina e tinello, 3 bagni, 4 letto. Al PT vari ambienti che si possono trasformare in taverna e miniappartamento, oltre a garage doppio, lavanderia e ripostiglio. Da ammodernare. Info in ufficio

Appartamento recente e semiautonomo. In quadrifamiliare con al P.Terra garage, taverna/lavanderia, giardino e posto auto. 1° P. rialzato: soggiorno con cucina a vista, balcone, disimpegno, letto matrimoniale con balcone, 2° letto ampia, bagno. No spese condominiali. “G” ep tot 299,50. € 182.000,00 tratt.

CENTRO/S. BIAGIO

S. ANTONIO

Campagna, casa ex colonica in corte di 2.800 mq, con fabbricati di varia metratura uso servizi. Casa ristrutturata di 150 mq con ingresso, soggiorno, salotto, cucina ab., lavand.e bagno. 1° P. 3 letto ampie (2 matrim., 1 doppia) e bagno. Ex stalla, capannone degli attrezzi e servizi per oltre 300 mq € 280.000,00 tratt.

Autonomia, zona centrale e finiture raffinate ed eleganti sono gli elementi che caratterizzano questo ATTICO che unisce l’indipendenza della villetta alla godibilità dell’ultimo piano. Ingresso, soggiorno e cucina affacciano su terrazzo molto appartato; disimp., letto matrim.con bagno padronale, 2a letto e bagno. Mansarda con studio, letto, bagno e grande salone con camino attrezzabile come sala Hobby (ideale per sala musica/film). P. interrato con garage ampio, cantina e dispensa. Info in ufficio

CENTRO (ZONA S. MARIA IN PORTO)

ZONA IPPODROMO

Splendido appartamento all'ultimo piano, di circa mq. 170 calp., distribuiti tra ingresso, salone (mq. 50), cucina abit. con vano dispensa; disimpegno notte; 3 letto ampie (padronale con bagno in camera); 2 bagni PRINCIPALI ; lavanderia/bagno di servizio; soppalco MOLTO CONFORTEVOLE, con affaccio su zona giorno; ripostiglio; 3 posti auto coperti. Palazzina di sole 4 unità. Rifiniture pregiate, sobrie ed eleganti. Certif. D Ep. 124,90 Rif. sito 44 € 440.000,00 - Foto e info esclusivamente in agenzia su appuntamento

FORLI – ATTIGUO CENTRO STORICO Casa abbinata ai lati, di ampia metratura, a pochi passi da Piazza Saffi. Attualmente l'immobile è diviso in 2 unità abitative. Appart.1: a PT, monolocale con antibagno/lavand. e bagno finestrato. Appart. 2: a PT ingresso; al 1°P. sala, ampia cucina abit. di 37 mq. con camino, studio di 20 mq, ripost., bagno con vasca idromass.; al 2°P. 3 letto (2 matrim.e 1 doppia), bagno con doccia, terrazzo con ripost. Ampia cantina al p. interr. Corte interna con barbecue. Garage per 3 auto, a PT. Certif. Energ. E Ep. 163,91 Rif sito 52 bis € 490.000,00 Foto e maggiori info in agenzia

CENTRO STORICO (ZONA V.MAZZINI)

S.BIAGIO (ATTIGUO CENTRO STORICO)

Delizioso app.to rifinito con cura, in complesso residenziale di recente costruzione di sole 6 unità. Ampia zona living, con cucina a vista (circa mq. 30) dalla quale si accede al terrazzo abit. (piacevolissimo il contesto urbano circostante); 2 letto; 2 bagni (vasca e doccia); disimp. notte arredabile; cantina; zona rimessaggio bici. Risc. aut. Impianti a norma - Certif. Energ. D Ep. 101,40. Rif. sito 139 € 238.000,00 Foto e maggiori info in agenzia

In ottimo contesto condominiale, appartamento al 3° piano ed ultimo con ascensore, su due livelli, composto da ingr.; living con cucina a vista, in affaccio su terrazzo abit. coperto; 1 letto matr.; ampio bagno finestrato; rip. – al 2° livello sottotetto abit., 1 letto ampia matr.; studio; bagno; rip.; garage e posto auto a piano terra. PRONTA CONSEGNA!!! Cert “ G” EP 242,40 Rif sito 39 bis € 255.000,00

SAN BIAGIO Bell’appartamento recente e ben tenuto, al 1° P. con ascensore in complesso elegante e riservato. Soggiorno con accesso a terrazzo a loggia su giardino interno, cucina ampia ed abit., disimp. armadiato, letto matrim. con bagno in camera, letto doppia, bagno con vasca. P.T. garage soppalcabile. Risc. autonomo ed impianti a norma. € 268.000,00 tratt.

App.to in bifamiliare, autonomo da ristrutturare. Particolare soluzione con ampio bel giardino interno di circa 160 mq., con cantina e studio. Accesso da androne carrabile di proprietà, scala che porta al 1° ed ultimo piano composto da disimpegno, soggiorno, sala da pranzo, cucina abit., terrazzo, bagno, 2 letto matr. Poss. di 3 letto. € 160.000,00 tratt.

CENTRO STORICO Casa indipendente, da ristrutturare, abbinata ad un lato con ampia area a giardino/corte di circa 200 mq. con accesso carrabile per le auto. La casa è suddivisa su 3 livelli, p. seminterrato, p. terra e p. primo per complessivi 350 mq. Sono presentic’è un garage e la possibilità di parcheggiare diverse vetture. Ideale per chi vuole realizzare un’unica abitazione o più appartamenti. € 247.000,00 tratt.

SAN BIAGIO Casa indip. molto ben tenuta, con giardino su 4 lati, attualmente composta da 2 unità regolarmente accatastate, per un totale di circa mq. 210 calp. in ottime condizioni. Certif. Energ. G Ep. 296,40 Rif sito 104 € 360.000,00 - Foto e info in agenzia

App.to ottimamente rifinito: ingr.; ampia sala con vetrata in affaccio su terrazzo abit.; cucina abit. con dispensa; 3 letto ampie; 2 bagni finestrati; balcone; Garage; posto auto. Tutto parquet; aria cond.; risc aut. con contacalorie. Certif. F Ep 200,37 Rif sito 52 € 325.000,00 Foto e maggiori info in agenzia VISITATE IL NOSTRO SITO UFFICIALE DOVE POTRETE TROVARE MOLTI ALTRI ANNUNCI INTERESSANTI !!

www.agenziafuturasrl.it

BORGO SAN ROCCO Appartamento al 1 piano ed ultimo, facente parte di un fabbricato di sole 2 unità: ingresso; ampio living con cucina a vista (mq. 30 circa); 3 letto; 2 bagni; ampio disimp. arredabile; garage a PT. No amministratore – no spese cond. - PRONTA CONSEGNA!! Cert. Energ. “G” Ep. 348,00 Rif. sito 144 € 250.000,00 Foto e maggiori info in agenzia MARINA DI RAVENNA In fabbricato di sole 4 unità, appartamento recentemente ristrutturato, posto al PT: ampia zona giorno con cucina a vista, 2 letto, bagno finestrato con doccia; garage. Piccola area cortilizia pertinenziale. Aria condiz. Risc. aut. impianti a norma - Vendesi semi arredato. PRONTA CONSEGNA!! Cert. Energ. G Ep. 316,30. Rif. sito 126 € 210.000,00,00 DA OGGI PUOI SCARICARE ANCHE LA NOSTRA APP!

MAGGIO

2013


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:44 Pagina 14

Pialassa Baiona

Come uno specchio scheggiato, riflette gli umori del cielo e sugli azzurri confini, a far da corona, il nereggiar dei pini di Pietro Barberini La pialassa della Baiona è al centro di contrastati e precari ambienti, ai confini fra terra e mare: stretta fra il secentesco porto della Fossina e la storica pineta abbaziale di San Vitale, la grande laguna salmastra suggerisce l’escavazione del nuovo canale Naviglio. I periti idraulici e i matematici pontifici, sotto la “frusta” dell’indomito Cardinale Legato Giulio Alberoni, sfruttano la gran massa d’acqua, influenzata dalle maree, per trovare un tracciato utile all’escavazione di un nuovo canale portuale che congiungesse la bocca della Fossina alla città di Ravenna. “Gran laguna fa buon porto” dicevano i veneziani, molto abili nella tecnica marinara e nella costruzione di approdi. Seguendo tali principi, i lavori proseguirono, sfruttando anche il tracciato dello scolo della città e, nel 1745, i primi velieri ormeggiarono in vista delle mura orientali, in località “i fenili” dove è ubicata l’odierna darsena di città. Da quel tempo il Canale Corsini fu subito ribattezzato Candiano, e’ Cangiàn e si pose a divisione di

TOPOGRAFIA E STORIA


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:44 Pagina 15

quelle indistinte acque interne, che “prendevano e lasciavano” fluire la marea quattro volte al giorno. “Pi-lassa”, forse è la descrizione dialettale di questo fenomeno che sarà poi sfruttato per tenere “officiosa” l’imboccatura del canale e il suo tratto iniziale, a Porto Corsini. Fino all’inizio del XIX Sec. questa località è isolata, “spersa sulla limosa spiaggia marina”: come la descrive Pietro Ferroni, perito del governo pontificio dopo un sopralluogo, iniziato sotto positivi auspici. “Mancano presidi di sanità marittima, edifici di servizio e una strada carreggiabile che la congiunga a Ravenna…” osserva la relazione del Ferroni. Terminato il nuovo inalveamento dei Fiumi Uniti, la vecchia foce, abbandonata all’erosione con il disfacimento della sua cuspide fociale, favorì la “chiusura” dell’ampia laguna che scambiava le sue acque col mare solo attraverso il canale Naviglio Corsini. Quest’ultimo aveva già separato le due lagune costiere: da una parte la pialassa del Piombone e dall’altra la Baiona, che anche nel nome, appare vasta e maestosa con la sua corona di pini sulla sponda occidentale. Linea di spiaggia, quest’ultima, consolidatasi fin dall’epoca teodoriciana. Il “Pirotolo” dove ora sguazzano i cigni, non è altro che il relitto del “Porto Lione”, poi “Portiglione”, che metteva in comunicazione con il mare il canale

Nella foto in basso a sinistra, un ritratto di Carlo Zingaretti e del fotografo Enzo Pezzi, in barca nella valle Baiona. Sono gli autori del volume sulla pialassa ravennate edito dal Girasole nel 2011, a cui si riferisce questo servizio. Tutte le foto sono di Enzo Pezzi.

La valle, mon amour: non solo foto suggestive ma una dichiarazione d’amore e d’intenti Enzo Pezzi e Carlo Zingaretti hanno girato tutta la pialassa, eleggendola a loro dimora, prendendo nota di ogni cosa: dalle loro indagini, approfondite e meticolose è uscita una pubblicazione che attraverso la fotografia (non si può dire che gli obiettivi non siano tali!) diventa appassionante e viva documentazione. Nasce così “La pialassa della Baiona” (2011, edizioni Il Girasole, Ravenna): il volume è firmato dagli autori e dal loro “blog”, “Ravennadomani” e reca un sottotitolo di “lavoro” per la laguna stessa: “Com’è e come potrebbe essere”. Zingaretti e Pezzi scrivono “lontano da luoghi comuni” e senza sentimentalismi di parte. Sono innamorati maturi e consapevoli, distanti quanto basta senza essere freddi. Conoscono i luoghi e ne indagano la complessità senza retorica, dando voce e spessore a vicende, spesso controverse, senza “ismi” manichei: illustrando e fotografando la Baiona nelle sue dimensioni spaziali e temporali.

MAGGIO

2013


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:44 Pagina 16

Nelle foto in alto: il capanno dell’isola degli Spinaroni, com’era (a sinistra) e com’è oggi. Rifugio dei partigiani durante l’ultimo conflitto per tutta l’estate e l’autunno del 1944, il luogo presentava caratteristiche diverse che ne favorirono la funzione di punto strategico e nascondiglio: la minor salinità delle acque aveva da tempo agevolato lo sviluppo di folti canneti. Anche il Capanno Garibaldi (foto qui a sinistra), nel corso del tempo, è stato ristrutturato e modificato. Nella foto in basso: Un esempio non edificante di “rifacimento” in muratura dei tipici capanni da pesca vallivi. Un facile acceso via terra in alcune zone della Baiona ha consentito a qualcuno di “abusare“ del privilegio di affacciarsi sulla valle realizzando una pseudo-villetta.

TOPOGRAFIA E STORIA


EUROIMMOBILIARE TC:Layout 1 14/05/13 16:44 Pagina 17

www.trovacasa.ra.it TROVACASA PREMIUM


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:45 Pagina 18

Dalla nota dell’editore: «…un ambiente vicino ma lontanissimo nel tempo stesso, magico e sospeso fra terra e acqua…» «Non è il solito libro di belle fotografie sull’ambiente ravennate. Ci sono anche quelle, belle e tante, ma c’è dell’altro. Non è la solita dotta trattazione dei temi naturalistici ed ambientali delle nostre pinete e valli. No. Il libro focalizza la sua attenzione solo su di un luogo emblematico: la pialassa Baiona, che si estende fra Marina Romea, Porto Corsini e la pineta San Vitale. Mostra la Baiona bella ma mostra anche il livello di degrado a cui lì si è giunti per ignoranza o per non aver impedito certe degenerazioni. Cerca infine di spiegare cos’è una pialassa, perché è così importante, come “funziona”, come può essere rivitalizzata. Un libro un po’ fuori dagli schemi, per le persone che vogliono conoscere un ambiente vicino ma lontanissimo al tempo stesso, magico e sospeso fra terra e acqua. Il libro farà forse storcere il naso a qualche “esperto”. A noi è piaciuto proporvelo così, immaginando come quell’ambiente potrebbe essere salvato».

TOPOGRAFIA E STORIA


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:45 Pagina 19

Badareno, trasformato dagli eventi in lunga bassura valliva. Un approdo, le cui dimensioni sono tuttora valutabili durante una passeggiata. I luoghi sono ricchi di citazioni e memorie, ancora visibili, come “l’orma” del Badareno o “Padoreno” nelle cui pescosissime acque esercitavano il loro mestiere i membri della millenaria corporazione della Casa Matha. Con il consolidarsi di nuovi assetti geomorfologici, la pialassa della Baiona diventa uno straordinario ambiente naturale, favorevole alla riproduzione di quelle specie ittiche che amano acque salmastre e tranquille, influenzate da correnti di marea eppure calde e ricche di abbondante cibo. Anche l’avifauna, in particolar modo le anatre tuffatrici, come le folaghe e quelle di superficie, come il germano reale, è abbondante e colonizza i settori più o meno profondi e dal diverso livello di salinità. Ai confini del grande “Pineto abbaziale” di San Vitale, dove, per lunghi periodi, vige lo “jus pascendi et lignandi”, la pialassa della Baiona rappresenta un’estensione acquidosa del più antico, boschivo bene comune. I cacciatori trovano “terreni” assai diversi dalle abituali larghe “da lepri e fagiani”, mentre per chi reputa troppo vasto il mare, la laguna si offre ad una pesca “da posta” al riparo in un capanno raggiungibile da terra… È la cultura contadina che “colonizza” la Baiona: se ne percepisce perfino l’odore di salsiccia e braciole, quando la rete, ondeggiando malinconica, non restituisce nemmeno un po’ di acquadelle per la frittura. Un luogo vissuto (e regimato) dall’uomo, che scava canali rettilinei, utile se non indispensabile sistema vascolare di quella che fino alla fine degli anni Cinquanta, ha costituito l’apparato fociale del fiume Lamone. Una volta condotto a mare, fra Marina Romea e Ca-

Lo sguardo e gli interessi della comunità locale nelle parole del primo cittadino Il sindaco di Ravenna, Matteucci, scrive nella sua presentazione al volume: «La pialassa Baiona, con i suoi 1.100 ettari di estensione, costituisce un importantissimo patrimonio naturalistico classificato come zona umida di importanza internazionale, connotato da una valenza non solo naturalisticoambientale, ma anche socio-economica. Questa sua intrinseca duplicità di funzioni è anche plasticamente rappresentata dalla articolazione dei suoi confini: se nei lati nord ed ovest la pialassa confina con ambienti naturali quali il fiume Lamone e soprattutto il suggestivo scenario della pineta San Vitale, ad est confina con un insediamento urbano e, a sud, con l’area industriale-portuale. Si può anche affermare che la “naturale” configurazione della pialassa Baiona, come del resto della confinante Piomboni, è da sempre condizionata dalla presenza di un canale portuale, che costituisce anche l’unica via per il ricambio idrico con l’acqua di mare».

MAGGIO

2013


14 20 TOPOGRAFIA STORIA TC13 04:Layout 1 14/05/13 13:45 Pagina 20

L’autorevole parere scientifico dell’esperto di scienze ambientali Usi plurimi e complessità ambientale della pialassa, che sono al centro della prefazione del professore Giovanni Gabbianelli, ordinario di Geologia della Facoltà di Scienze Ambientali dell’Università di Bologna, sede di Ravenna. «Sin dalle prime battute mi sono trovato a leggere ed interpretare questo libro non solo per la bellezza delle sue immagini ma come una vera e propria riflessione di un “sistema ambientale complesso”, quale quello della Pialassa Baiona. Un sistema che, per varie e diverse ragioni, è riuscito a giungere sino a noi quale indiscusso patrimonio naturalistico, oltre che storicoculturale. Un libro in grado di sollecitare il lettore, attraverso la forza e la poesia delle immagini unite a poche, ma chiare e precise indicazioni, anche nel tentativo di proiettare verso il futuro l’obbligatoria salvaguardia di un territorio che mantiene ancora numerose peculiarità, caratteri distintivi, valori naturalistici e, non ultimo, diffuse suggestioni paesaggistiche».

TOPOGRAFIA E STORIA

salborsetti, il fiume “che si perdeva nelle valli” dell’omonima Cassa di Colmata, i canali via Cerba, Fossatone e Taglio vengono regolati e collegati alla rete drenante. Lo stesso accade per quelli più antichi, citati fin dal XIV secolo, come gli scoli via Cupa, Valtorto e Canala, che dalla località “tre ponti” arrivano rettilinei in quella parte triangolare della pialassa, il “Pontazzo”, dove è situato il capanno Garibaldi. Non è difficile da qui immaginare lo sguardo dell’eroe dei due mondi che non aveva ancora abbandonato l’idea di raggiungere Venezia nell’agosto del 1849: uno specchio scheggiato che riflette gli umori del cielo, incorniciato dal nereggiare dei pini. Al di là di qualsiasi, pur accattivante e romantica visione, la Baiona ha le caratteristiche di un “non luogo”, la cui appartenenza socio-economica appare spezzettata e incisa dalle ferite cicatrizzate dello sviluppo infrastrutturale e industriale, della seconda metà del ‘900. Come un gigantesco “Giano bifronte” un ambiente lacustre appare, quasi protetto da un “muro” costituito da una strada, via Baiona, sovrastata da una sorta di filo spinato: l’elettrodotto che allunga i suoi grossi cavi verso la civiltà, un traliccio dopo l’altro. Questo macro-contrasto non isola la laguna, togliendola da quella ragnatela antropica maggiormente evidente al suo interno, negli angoli allo sbocco dei canali, dove pali e lamiere sostengono strutture, tanto decontestualizzate quanto fatiscenti e abbandonate. Le aggressioni non derivano soltanto dalle cattive abitudini di alcuni frequentatori della pialassa, altri problemi vengono dalle campagne a nord-ovest di Ravenna. I canali portano acque contenenti sostanze azotate, provenienti dal dilavamento dei terreni coltivati, apportando sostanze chimiche, residui di fitofarmaci e colifecali. Eppure, nonostante tutto, la Baiona resiste e rifiorisce un anno dopo l’altro, misteriosa eppure sotto gli occhi di tutti, lontana da grandi folle e luccicante dietro le case di Marina Romea. Fra il prato barenicolo e i capanni del Taglio, sull’argine che segue il “chiaro del Comune” o sbucando all’improvviso dalla Buca del Cavedone (e dalla Storia) si può scoprire un senso di pace al quale è piacevole abbandonarsi con dolcezza.


CONFCOOP TC:Layout 1 14/05/13 14:54 Pagina 1

MAGGIO 2013


MONTAGGI:Layout 1 13/05/13 15:09 Pagina 22

22

via Mura di S.Vitale, 13 Ravenna tel. 0544.38017 tel. 340.0772622 www.ladimoradimagdala.com info@ladimoradimagdala.com

via G. Mazzini 9 . Ravenna . tel. 0544 218577 . cell.349 6351868 www.mazzinicasa.com . info@mazzinicasa.com RAVENNA VIALE ALBERTI

Vendesi appartamento, posto al 5° piano, con ascensore e riscaldamento autonomo. Composizione: soggiorno, cucina separata arredata, balcone a loggia, 2 letto matrimoniali, 2 bagni, ripostiglio, garage. Classe energetica D; EP: 127,14. € 190.000,00

RAVENNA VIA CERCHIO

Vendesi delizioso bilocale, completamente arredato con gusto, posto all’interno di corte, al 1° ultimo piano. Composizione: soggiorno con angolo cottura, 2 ripostigli, scala che porta al piano mansardato con camera matrimoniale e bagno. Garage al piano interrato. Classe energetica E; EP: 162,12 € 200.000,00 tratt.

RAVENNA ZONA CASA DI CURA S. FRANCESCO

Vendesi delizioso appartamento posto al 3° ultimo piano in piccola palazzina con ascensore. Composizione: soggiorno con angolo cottura diviso da parete attrezzata, disimpegno, 2 letto, bagno, 2 ampi balconi vivibili. Tetto con travi in legno a vista. Aria condizionata e videocitofono. Garage al piano interrato. Classe energetica E; EP: 167,00. € 190.000,00

CLASSE (RA) In stradina a fondo chiuso, vendesi ampio bilocale di recente costruzione con giardinetto privato e garage. Composizione: sala con angolo cottura arredato, disimpegno, camera da letto, bagno. Classe energetica E; EP: 166,40 € 145.000,00 tratt.

TROVACASA PREMIUM

MEZZANO

S. BIAGIO

AFFITTASI CENTRO STORICO VICINANZE PIAZZA DEL POPOLO Appartamento completamente ristrutturato con arredo nuovo, ingresso, sala, cucina abitabile, bagno, camera matrimoniale. € 650,00 AFFITTASI ZONA PIAZZA KENNEDY In palazzo storico bel BILOCALE composto da: ingresso, soggiorno con angolo cottura, bagno, camera matrimoniale. Ben arredato. € 650,00 Canone comprensivo di utenze e spese condominiali

Vendesi delizioso appartamento al primo ed ultimo piano con ingresso indipendente, posto all’interno di corte condominiale di recente costruzione. Composizione: balcone di arrivo, soggiorno, cucina separata, ampio balcone in parte a loggia, bagno; scala che porta al piano mansardato dove troviamo 2 camere da letto, bagno, ampia terrazza. Posto auto e cantina al piano terra. Ottime rifiniture. Classe energetica C; EP: 78,50 € 198.000,00

In zona servitissima, BELL’ATTICO su due livelli, recente costruzione composto da: soggiorno, cucina, tre ampie camere da letto, due bagni, bellissimo terrazzo di 50 mq con camino, altro terrazzo di 30 mq garage e due posti auto. Ottimo contesto € 430.000,00

RAVENNA ZONA RUBICONE Vendesi appartamento da ammodernare, posto al quinto piano, con ascensore. Composizione: ampio ingresso, soggiorno con balcone, cucina abitabile, disimpegno, 3 camere da letto, 2 bagni. Cantina e garage. Riscaldamento centralizzato con conta calorie. Classe energetica G. € 185.000,00 tratt.

PORTO FUORI Vicino ad ogni tipo di servizio, GRAZIOSO APPARTAMENTO con tetto in legno a faccia vista, sviluppato su un unico livello: balcone di entrata, soggiorno con angolo cottura con penisola, secondo balcone, camera doppia, bagno, camera matrimoniale con cabina armadio e predisposizione per secondo bagno, posto auto coperto e cantina. € 190.000,00 tratt.

RAVENNA VIA BASSANO DEL GRAPPA Vendesi appartamento di ampia metratura, completamente ristrutturato, composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, disimpegno con armadio a muro, 3 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi. Garage e cantina al piano terra. Riscaldamento centralizzato con predisposizione all’autonomo. Classe energetica E; EP: 169,83. € 210.000,00 tratt.

DARSENA NUOVA In bel contesto condominiale BEL APPARTAMENTO con vista panoramica composto da: sala, cucina separata, due camere da letto, due bagni, tre balconi, ottime rifiniture con parquet in ogni stanza. Garage con cancello automatico. € 180.000,00

AFFITTASI BORGO S. BIAGIO Ampio APPARTAMENTO composto da: ingresso, sala, cucina abitabile, bagno, tre camere da letto, balcone. Garage. Non arredato. € 590,00 Solo referenziati AFFITTASI BORGO S.BIAGIO CASETTA su due livelli, recentemente finemente ristrutturata pt: soggiorno, cucina, bagno, lavanderia, p1°: camera matrimoniale, bagno, piccolo ripostiglio, balcone. Ben arredata, dotata di aria condizionata e impianto di allarme. € 590,00 Canone concordato CENTRO STORICO Cedesi INTERESSANTE ATTIVITA’ di RISTORAZIONE Info in agenzia CENTRO STORICO Cedesi ATTIVITA’ di abbigliamento. Locale recentemente ristrutturato e dotato di aria condizionata ed impianto di allarme. Info in agenzia

MADONNA DELL’ALBERO (RA) Splendida abbinata ad un lato, con ottime rifiniture di pregio + garage e giardino di mq 150 che gira su 3 lati. Composizione: piano terra: soggiorno spazioso, cucina abitabile, bagno; primo piano: 3 camere da letto, bagno, 2 balconi a loggia; al piano superiore ampio sottotetto abitabile. Classe energetica D; EP: 94,95. Materiale fotografico in agenzia. € 390.000,00 tratt. RAVENNA ZONA ROCCA BRANCALEONE Vendesi appartamento, ristrutturato nel ‘98, posto al 2° piano senza ascensore, con pochissimi lavori di ripristino. Composizione: ingresso, soggiorno, tinello, cucinotto, 2 letto, bagno, balconcino, cantina. Posto auto libero all’interno della corte. Riscaldamento autonomo. Classe energetica D. € 170.000,00

BORGO S. ROCCO: INTERESSANTE INVESTIMENTO Nel cuore del Borgo APPARTAMENTO composto da: ingresso, cucina abitabile, sala, ampio disimpegno, bagno, camera matrimoniale di 25 mq con balconcino. Cantina di 13 mq al piano terra. Piccolo contesto senza spese condominiali. € 125.000,00


SAVORANI FLL SCOR TC:Layout 1 14/05/13 15:23 Pagina 23

23

Ravenna Via Piave, 15 tel. 0544.406333 www.grupposavorani.it

Ravenna Via Garatoni, 12 tel. 0544.35411 www.grupposavorani.it RAVENNA, SAN BIAGIO

FORNACE ZARATTINI

In palazzina di nuova costruzione appartamento al piano attico così composto: soggiorno con angolo cottura, 3 camere, 2 bagni, balcone. Posto auto scoperto, cantina. Risc. centr. con contacalorie, ascens. Buone le rifiniture. € 240.000,00

RAVENNA, CENTRO STORICO monolocale arredato e suddiviso in due ambienti con pareti attrezzate. È composto da soggiorno con angolo cottura, pranzo e salottino; la zona notte comprende letto matrimoniale e armadio; disimpegno attrezzato e ampio bagno; ripostiglio e posto bici/moto in cortile comune semi € 149.000,00 coperto. (I.R.) Rif. NSC23 RUSSI (RA), CENTRO STORICO Grazioso appartamento su 2 livelli, in nuova costruzione, così composto: zona giorno con ang. cottura e bagno al 1°P.; zona notte nel vano sottotetto con bagno; garage nel P. interrato. Utenze autonome, ben rifinito, pavimenti in legno, tapparelle motorizzate e soffitto con travi a vista. Rif. GSC02 € 135.000,00 RAVENNA Nel cuore del centro storico, adiacente alla Basilica di San Vitale, appartamento al primo piano con ascensore, composto da: ingresso, soggiorno, cucina abitabile, disimpegno, 2 bagni, 2 camere da letto, cantina, oltre a cortile e serivzi comuni. Rif. 012SC € 220.000,00

RAVENNA, ADIACENZE CENTRO Si vende negozio di mq 200 circa, con 5 vetrine ubicato su strada di forte passaggio veicolare, oltre a garage nel piano interrato e posto auto scoperto. Rif. GSC77 € 290.000,00

In piccolo contesto di sole 4 unità, appartamento con ingresso indipendente posto al secondo ed ultimo piano: ingresso, soggiorno, cucina abitabile arredata, camera matrimoniale, camera singola, 2 bagni, 3 balconi, giardino fronte e retro con garage di mq. 25. Climatizzazione e impianto d’allarme. Libero subito. € 260.000,00

SANT’ALBERTO (RA) Casa indipendente da ristrutturare, di mq. 200 con mq. 230 di area cortilizia. Piano terra: ingresso, 4 vani, bagno. Piano Primo: ingresso, 5 vani, bagno. Sottotetto al grezzo. Tetto rifatto. € 330.000,00

MANDRIOLE (RA) Villa indipendente con giardino piantumato, portico, ingresso, soggiorno, cucina abitabile, accesso con scala a vista dal soggiorno per la mansarda, due bagni, 3 camere da letto, cantina, ampio garage e lavanderia. Rif. 618 € 320.000,00

BORGO FAINA A POCHI KM DA RAVENNA Villetta abbinata con ingresso indipendente, giardino su 2 lati e composta al P.T.: soggiorno-pranzo, cucina abitabile, bagno e garage riscaldato; al P.P.: 3 camere da letto, bagno e balcone. Tendaggi, zanzariere e gazebo. (I.R). Rif. SCN2 € 240.000,00

BAGNACAVALLO (RA) Adiacenze centro storico, proponiamo in vendita una bella casa, composta da 2 unità immobiliari indipendenti, aventi ciascuna le seguenti caratteristiche: ingresso , soggiorno con balcone, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, garage, servizi e parco alberato. IDEALE PER DUE NUCLEI FAMILIARI. Rif. LSC01 € 360.000,00

RAVENNA, ZONA VIA VICOLI Vendesi appartamento in villetta, composto da: giardino, taverna con bagno, soggiorno, cucina, 3 letto, bagno, 2 balconi, cantina, posto auto coperto. Rif. 852 € 290.000,00

MARINA DI RAVENNA (RA) Vendesi negozi e splendidi appartamenti di diverse tipologie, ottimamente rifiniti, ottimamente rifiniti, con posto auto o garage. Classe energetica “A”. Rif. 1SC Informazioni in Agenzia RAVENNA Nel verde della campagna delle Ville Unite, vendesi casale ristrutturato su lotto di mq. 1.400 così composto: P.T.: giardino piantumato, ingresso, soggiorno, cucina, studio, bagno, camera da letto con bagno e cabina armadio; taverna/garage per due auto. 1°P.: 2 camere da letto matrimoniali. Rif. 870 € 600.000,00 tratt.

RAVENNA, ZONA QUESTURA

RAVENNA, ZONA VIA TRIESTE

Nel centro del paese vicino a tutti i servizi, si vende villetta a schiera di recente costruzione: Piano terra: giardino con posto auto, soggiorno con camino, cucina abitabile con piccola corte, bagno e garage. Piano primo: 2 letto, bagno, ripostiglio e balcone. Impianti certificati. Ben rifinita. € 190.000,00

in quartiere residenziale di recente costruzione, bilocale al piano primo completamente arredato: ingresso, soggiorno con angolo cottura, balcone loggiato, camera matrimoniale, bagno. Cantina, posto auto scoperto, risc. aut.. Classe energetica E. € 98.000,00

SAN MICHELE Lontano da traffico e ferrovia ma vicinissimo al centro città, splendida casa ex colonica completamente ristrutturata insistente su un’area di circa 1.100 mq. circa, completamente piantumata. La villa è composta da: ingresso, studio con camino, ampio salone, cucina abitabile, disimpegno, bagno, soggiorno, cucina di servizio, camera matrimoniale, bagno. Al piano primo: 4 camere (una con guardaroba), bagno. In corpo staccato ampio servizio completamente ristrutturato. € 530.000,00

MAGGIO

2013


MONTAGGI:Layout 1 14/05/13 16:22 Pagina 24

24

via Le Corbusier 12 . Ravenna tel.366 3040411 . 0544 1697822 Fax 0544 1930815 info@immobiliaremc.com www.immobiliaremc.com SI RICEVE SU APPUNTAMENTO via Bovini, 54 . Ravenna . tel. 0544 .502072 via Mazzini, 15 . Alfonsine (RA) . tel. 0544 83511 www.agenziastudioeffe.it MARINA ROMEA Lussuoso appartamento in ottima posizione centrale, al 1°P. molto luminoso, anno 2010 come nuovo; corte privata a P.T., 48 mq. di vasti terrazzi e loggia, ampia e vivibile zona giorno di 30 mq. ca., bagno ampio, 2 letto matr., posto auto privato. Abitabile anche tutto l’anno, molto ben rifinito, Classe Energ. “B”, Risc. a pavimento, condizion. con pompa di calore F/C, aspiraz. delle muffe. Cod. 114 € 295.000,00 BORGO S. ROCCO ADIAC. VIA MANGAGNINA Zona molto tranquilla e signorile, APPARTAMENTO di mq. 162, composto da spazioso ingresso, sala molto luminosa con terrazzo abitabile coperto, cucina abit., 2 bagni con finestra, ampio disimpegno con grande armadio a muro, 3 letto matrim. Garage. Risc. aut. In buono stato d’uso. € 350.000,00 MEZZANO Nuova zona residenziale vicino a tutti servizi, zona molto tranquilla, nuova costruzione con riscaldamento a basso consumo e pannello solare, APPARTAMENTO AL PIANO TERRA CON INGRESSO E GIARDINO INDIP., zona giorno ampia, bagno, 2 letto, ripost. Posto auto coperto e cantina. Finiture con ottimi materiali prescelti dal cliente, predisposto allarme, aspiraz. polveri, aria condiz. Classe B. € 168.000,00 RAVENNA AD. CENTRO STORICO ULTIMA VILLA D'ANGOLO nuova, veramente prestigiosa, con ampio giardino su 3 lati di ca. 200 mq. scoperti, porticato, lussuosamente rifinita, pavim. e scale tutto legno stupendi, ad elevato contenuto tecnologico ed alto risparmio energetico, cl. energ. B, imp. irrigazione prato e siepi, pred. allarme perimetrale, posizione prestigiosa silenziosa con park adiacente, a 5 minuti a piedi da via Cavour. Cod. 0011 Info e visite su appuntamento VILLANOVA DI BAGNACAVALLO Posizione centralissima vicino a tutti i servizi, comodo appart. al PIANO TERRA del 2008 come nuovo, in piccolo contesto, cortile privato, con soggiorno-pranzo, cucina separata a vista, bagno, 2 letto, garage e posto auto privato, venduto completo di arredo seminuovo, OCCASIONE. Libero in breve .Cod. 0113 € 145.000,00 MEZZANO Villetta d'angolo con giardino privato, su 2 piani, bellissimo tetto a vista in legno, ampi ambienti: soggiorno, cucina, 2 bagni, 3 letto, soppalco uso studio, loggia, ripost. P.auto coperto + altro scoperto. Nuova zona residenz. vicino a tutti servizi, posiz. molto tranquilla, riscald. basso consumo, pann. solari. Finiture con ottimi materiali prescelti dal cliente, predisp. aspiraz. polveri, allarme, aria condiz., consegna 1/2 mesi Classe "B" DA vedere, veramente molto bella. COD. 0003 € 278.000,00

TROVACASA PREMIUM

RAVENNA VIA CERCHIO

SAN BIAGIO - ZONA CILLA

Delizioso bilocale, completamente arredato con gusto, posto all’interno di corte, al 1° e ultimo piano. Soggiorno con ang. cottura, 2 ripostigli, scala che porta al piano mansardato con camera matrim. e bagno. Garage al p.interrato. Classe energetica E; EP: 162,12 € 200.000,00 tratt.

App.to molto ben curato (tutto parquet), con soggiorno, cucina abit., bellissimo e ampio terrazzo, camera matrim., ampia singola, disimp. tecnico, bagno. Garage. Classe Energ. D. € 250.000,00

SAN BIAGIO AD.ZE VIA MAGGIORE

RAVENNA CENTRO

A due passi dal centro storico, vendesi casa su 2 livelli abbinata e ristrutturata, con piccola e gradevole corte privata immersa nel silenzio. Al PT: sogg., cucina abit., antibagno e bagno. Al p.superiore: camera matrim. e 2 singole, bagno e soppalchino uso ripost. € 320.000,00 tratt.

CASA abbinata in ottimo stato. PT giardino con camino, garage e taverna. 1°P soggiorno, cucina abit., bagno. 2°P 3 letto e bagno. Impianto elettrico certificato. Classe Energ. F - Ep 198,83. € 355.000,00 tratt.

SAN BIAGIO VECCHIO

SAN BIAGIO, VIA CILLA

App.to ottimamente rifinito. Ingresso, ampia sala con vetrata in affaccio su grande terrazzo, cucina abit., 2 letto, 2 bagni, ripost., terrazzo in zona notte ad uso lavanderia. Spazioso garage. Disponibilità immediata. € 330.000,00

CASA del CENTRO ristrutturata, ottime finiture e travi a vista. PT soggiorno, cucina abit., bagno; P. superiore 2 letto matrim. di ampia metratura e bagno. Servizio in corpo staccato ad uso lavand. 2 posti auto in corte di proprietà. Classe Energ. F € 360.000,00 tratt.

S.ALBERTO - RA A 15 km. da Ravenna e 8 dal mare... nel Parco del Delta, splendida casa indipendente di recente costruz., su 2 livelli con giardino, costruita in bioedilizia e con i principi del FENG SHUI, P.T.: ampio sogg. con predisp. per stufa, cucina ab., bagno con doccia. 1° P.: 2 camere matrim. di cui una con cabina armadio, 3 camere singole, 2 bagni. P. seminterr.: cantina. Giardino piantumato (280 mq) con irrigazione autom. e corte privata per posti auto. Box doppio al P.T. annesso all'abitazione, pavimentato e riscaldato con poss. uso taverna. Rifiniture di alto livello, riscald. a battiscopa, aria condiz., antifurto, listelloni di legno. Possibilità di lotto di terreno adiacente edificabile per piscina oppure terreno agricolo per cavalli. Classe energetica B. Disponibilità immediata. € 365.000,00


CASE AUTORE:Layout 1 14/05/13 15:29 Pagina 25

25

RAVENNA

RAVENNA IN BORGO SAN BIAGIO

Tipica casa del borgo completamente ristrutturata con cura, ingresso ampio al piano terra, soggiorno con camino, cucina abitabile, piccolissimo cortiletto, bagno e ripostiglio al piano terra; piano primo: 2 camere da letto, studio, bagno. Ottime finiture. Classe energetica in fase di realizzazione € 280.000,00

Storico elegante negozio, completamente ristrutturato con 2 ampie vetrine, 165 mq. su piani sfalsati, ampia zona uso magazzino/archivio di circa 40 mq. Attualmente affittato con rendita annuale del 6%. Classe “E” EPI 49,20 Informazioni in agenzia

In splendida zona residenziale Villa d’autore firmata da un noto architetto, spazi aperti, doppi volumi, ampie vetrate affacciate al giardino di 550 mq., al piano terra la villa è composta da un ingresso che si apre su salone di 80 mq. luminosissimo con camino, salottino, studio, cucina abitabile con camino, dispensa, bagno, lavanderia ed un porticato di 40 mq. con barbecue ;al piano primo la zona notte con camera padronale con camino, guardaroba e bagno privato;2 camere doppie e bagno. Attestato Certificato energetico in fase di realizzazione Finiture di alto livello Informazioni e foto su appuntamento in agenzia

MILANO MARITTIMA

MADONNA DELL’ALBERO

CASE D’AUTORE Ravenna, via Canneti 16 tel. 0544 212134 . cell. 348.2406406 www.casedautore.info info@casedautore.info

RAVENNA SAN BIAGIO A RIDOSSO DEL CENTRO STORICO

Attico su due livelli di 200 mq. Con 50 mq. Di terrazzo e garage doppio. L’attico è composto da un’ampia zona living di 60 mq. (ingresso, soggiorno, cucina abit.) affacciata al terrazzo, camera matrimoniale con bagno, bagno di servizio; piano mansardato con 2 camere da letto ampie, bagno, camera matrim. con stanza da bagno dedicata. Attestato di certificato energetico in fase di realizzazione Informazioni e foto in agenzia.

IMMOBILE A REDDITO RAVENNA CENTRO

Bilocale in piccolo ed elegante contesto condominiale, posto al piano secondo, soggiorno con angolo cottura affacciati alla meravigliosa chiesa Santa Maria in Porto, camera matrimoniale, bagno. al piano terra posto auto nel cortile interno ed una comoda cantina. € 180.000,00

RAVENNA, CENTRO STORICO

AFFITTASI in complesso elegante e di recente ristrutturazione appartamento posto al 2° piano composto da soggiorno con zona cottura, disimpegno, camera matrim. con balconcino, bagno finestrato, cantinetta-lavand.in corpo staccato. Ottimamente rifinito ed arredato con gusto € 500,00 mensili fidejussione a garanzia

RAVENNA CENTRO STORICO

Villa bifamiliare di grande pregio posta in zona tranquilla a pochi min dal mare. La villa ha un meraviglioso giardino d’angolo di 130 mq. circa soggiorno con camino ed ampie vetrate affacciate al giardino,cucina abitabile anch’essa affacciata al giardino,al piano primo 2 camere matrimoniali ed un bagno finestrato ed un ampio terrazzo abitabile, zona studio e camera ospiti con bagno con vasca ed un solarium di 30 mq. Informazioni e foto in agenzia.

RAVENNA BORGO SAN ROCCO A RIDOSSO DEL CENTRO STORICO

RAVENNA

Su lotto singolo in zona residenziale di pregio, bella casa singola disposta su due livelli, porticato d’ingresso, ingresso, soggiorno luminoso, cucina abitabile, studio, bagno con doccia, garage, vano tecnico, portico e comodo giardino su 4 lati con doppio accesso carraio e posti auto al piano terra; piano primo camera padronale con guardaroba e bagno in camera affacciata a un terrazzo,1 camera doppia ed 1 camera matrimoniale affacciate ad una loggia coperta,1 camera da letto matrimonial2,2 bagni, stanza guardaroba. Finiture e qualità costruttiva di alto livello. Attestato Certificato energetico in fase di realizzazione. Informazioni e foto su appuntamento in agenzia

RAVENNA CENTRO STORICO Casa abbinata in palazzo storico da rimodernare internamente, la casa di 360 mq. Con 130 mq di cortile interno è disposta su 2 livelli (piano terra e piano primo) è possibile intervenire internamente con la consulenza del tecnico e personalizzare gli spazi. Ipotesi di progetto:

RAVENNA NEL CUORE DEL CENTRO STORICO

In palazzo storico di grande prestigio, locali uso ufficio di varie metrature, Ampi saloni affrescati nel cuore del centro storico con comodo parcheggio adiacente. Classe “G” Informazioni in agenzia

Appartamento di nuova ristrutturazione con finiture a scelta acquirente, composto da ingresso soggiorno con angolo cottura, bagno e cantina al piano terra, camera matrim. e bagno al piano primo; comoda taverna. Classe energetica in fase di realizzazione € 180.000,00

RAVENNA ZONA SAN BIAGIO ADIACENTE AL CENTRO STORICO in zona residenziale di pregio, casa singola di 202 mq. disposta su 2 piani, con 386 mq. di giardino, splendidamente ristrutturata con riscald. e raffredam. a pavimento, pannelli solari e fotovoltaico. PT: comodo appartamento indip.con ingresso, soggiorno, cucina abit., 2 letto matrim.e bagno, zona lavand. e garage al PT con collegamento interno al 1°P., all’appartamento padronale con ingresso indip., zona living di 45 mq con terrazzo loggiato abitabile,cucina separata con balconcino, disimpegno zona notte con 2 camere da letto matrimoniali e bagno con doccia e vasca idro. Informazioni e foto in agenzia

Informazioni in agenzia.

Appartamento in corte interna con giardino privato posto al piano terra e composto da ingresso soggiorno, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, veranda affacciata al giardino. Classe “G” € 220.000,00

RAVENNA CENTRO STORICO VIA CANNETI Appartamento in buon contesto condominiale di sole 8 unità posto al piano secondo con ascensore, ingresso ampio, cucina abitabile, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali, bagno, ripostiglio lavanderia, balconcino e cantina. Ottimamente tenuto. Classe “E” € 170.000,00

MAGGIO

2013


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:31 Pagina 26

26

Quando l’arte diventa

gnomonica

Ogni realizzazione gnomonica, dalla più semplice meridiana fino al più complesso orologio solare, racchiude in sé un fascino artistico già intrinseco nell’armonia del tracciato geometrico che è generato dalla meccanica celeste. Questa sottile eleganza ha da sempre attratto molti artisti che si sono cimentati nella decorazione, ma a volte anche nella realizzazione, di un’opera sul tempo.

di Mario Arnaldi

Uno degli orologi solari di Monclassico, in Val di Sole. L’opera è stata eseguita sull’Hotel Holiday dall’artista francese Yives Brodà (foto: S. De Manincor).

CITTÀ E TEMPO

Gli esempi sono numerosi già dall’antichità – pensiamo solo al ravennate Ercole Orario – ma anche nel Medio Evo ci furono artisti ignoti che vollero arricchire il semplice orologio solare con un intervento artistico che non potesse passare inosservato. Gli esempi sono numerosi: basti pensare al bellissimo Adolescent au cadran solaire o al Homme de la Tour, o a l’Astrologue au cadran solaire, tutti sulla cattedrale di Strasburgo, o all’angelo della cattedrale di Amiens o, ancora più vicino a noi, al “portatore di orologio solare” sulla cattedrale di Piacenza. Famosissimi artisti, come Abrecht Dürer o Leonardo da Vinci, addirittura studiarono la gnomonica; Dürer, per esempio, dedicò un capitolo del suo libro Alle Bücher des weitberühmbten und Kün streichen Mathematici und Mahlers… alla co-


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:31 Pagina 27

struzione degli orologi solari, mentre Leonardo compose uno dei motti più antichi che conosciamo: «Sol per te le mie ore son generate». Nel Cinquecento molti artisti misero il loro talento al servizio della gnomonica; voglio qui mostrarne solo alcuni. Un esempio molto bello è il complesso di orologi solari dipinto da Francesco Cugiano di Chieri sulla casa della famiglia Cavassa (oggi Casa Piano) a Carmagnola (To) nel 1557. Tre sono gli orologi dipinti sulla casa per altrettanti sistemi orari: le hore italiane, le hore di Babilonia o vero dal levar [del sole] e le hore di Francia. Trenta anni dopo l’architetto bolognese Ottaviano Mascherino costruì la Torre dei Venti in Vaticano, dove Egnazio Danti, domenicano e uno dei principali promotori della riforma gregoriana del calendario, tracciò una linea meridiana che in seguito impose il nome alla sala stessa. Lo scopo principale era quello di mostrare al Papa l’errore ormai evidente del calendario giuliano. A tal proposito ricordo che la meridiana non segna tutte le ore, come fa invece l’orologio solare, ma solo il passaggio del Sole al meridiano locale (cioè il vero mezzogiorno). Una meridiana come quella che il Danti costruì all’interno della sala nella Torre dei Venti oggi è detta

Insequenza dall’alto a sinistra: L’Adolescent au cadran solaire, su un contrafforte della cattedrale di Strasburgo (foto P. Ransom). La figura acefala con l’orologio solare, posta su una lesena del lato sud della cattedrale di Piacenza (foto M. Arnaldi). Il piccolo disegno di un orologio solare fatto da Leonardo da Vinci con il motto «Sol per te le mie ore son generate». (ms. Windsor 19106). Il grande complesso gnomonico di Carmagnola (To), dipinto nel 1557 da Francesco Cugiano. (foto F. Garnero). Affresco eseguito da Matteo Bril nel 1587 nella Torre dei Venti, in Vaticano. Il foro gnomonico è stato inserito nella bocca di Austro, vento del Sud (foto G. Paltrinieri). L’orologio solare disegnato da Salvador Dalì in rue St Jacques a Parigi.

MAGGIO

2013


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:40 Pagina 28

“a camera oscura”, proprio perché, come in una camera stenopeica, un raggio di sole penetra attraverso un foro praticato nella muratura andando a colpire la linea del mezzogiorno con un disco di luce. In molti casi attorno al foro, cosiddetto “gnomonico”, si dipingeva un Sole raggiante (vedi, per esempio la grande meridiana in San Petronio a Bologna), ma nel nostro caso il foro diventa parte integrante di un bell’affresco di Matteo Bril, un fiammingo che assieme a Nicolò Circignani (detto il Pomarancio) e a Matteino da Siena decorò gli ambienti di quella sala. Il raggio di sole entra nella stanza attraverso la bocca di Austro, il vento del Sud che nella scena raffigurata porta in salvo la barca di San Pietro sbattuta dalle onde agitate dal vento di Tramontana, tradendo una nemmeno tanto velata allusione alla Controriforma avviata in quegli anni come risposta alla Riforma Protestante Nord-Europea. Anche gli aspetti filosofici del tempo hanno coinvolto numerosi artisti: in epoche più vicine a noi, un esempio fra i più noti è quello di Salvador Dalì (i suoi orologi li-

SOLUZIONI

D’ARREDO L’EMOZIONE DELLA LUCE

Via Mazzini, 69 / 73 - Ravenna Tel. 0544 30035 - fax 2544 211399 illumina-ravenna@libero.it CITTÀ E E TEMPO TEMPO CITTÀ

Sotto: The Cicle of Life, bellissima sfera armillare realizzata da Paul Manship per il campus della Phillips Academy di Andover, Massachusetts. (foto R. Koolish). A destra: Grande orologio solare equatoriale realizzato da Henry Moore per l’Adler Planetarium e Museo Astronomico di Chicago, Illinois.


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:40 Pagina 29

quefatti sono lì a testimoniarlo). E da lì il passo verso la costruzione di un orologio solare è breve. Nel 1966, il maestro ne realizzò uno a Parigi, per alcuni amici che avevano un piccolo negozio al numero 27 di Rue Saint Jacques. L’orologio è inciso in una lastra di marmo chiaro e murato sulla parete della casa ad angolo. Un volto disegnato all’interno di una forma a conchiglia ricorda il nome della strada e commemora il cammino di tanti pellegrini in viaggio verso San Giacomo di Compostela. Nello stesso anno in cui Dalì realizzava il suo orologio solare parigino, moriva lo scultore americano Paul Manship, autore di numerose sculture molto legate alla filosofia del tempo e alla gnomonica vera e propria. Fra queste opere ricordo la bellissima The Cicle of Life, una sfera armillare realizzata per il campus della Phillips Academy di Andover, Massachusetts, o il Time and the Fates Sundial del 1939-1940, o ancora lo gnomone dello scaphe in Central Park a New York. Anche lo scultore Henry Moore realizzò una serie di orologi solari equatoriali di varie dimensioni, alcuni veramente monumentali come quello esposto nel piazzale antistante l’Adler Planetarium & Museo astronomico di Chicago, Illinois. Così scriveva Henry Moore

Arredamento per Interni ed Esterni Complementi d’Arredo - Oggettistica Via Faentina 121 - 48121 Ravenna, Tel./Fax 0544.468489 casamania.arredo@libero.it

Salotto in vera pelle a partire da

1.580,00 €

Divano-letto a partire da

870,00 €

MAGGIO

2013


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:41 Pagina 30

30

in una lettera a Harry Brooks di Wildenstein & Co, il 7 gennaio 1970 spiegando come nacque l’idea di fare un orologio solare: «mi fu chiesta una scultura da mettere di fronte ad un nuovo edificio a Londra dove il giornale The Times aveva i suoi quartieri generali. Ci pensai su, ma decisi che il Times faceva così tanto parte dell’Establishment inglese che una tipica scultura di Henry Moore non ci sarebbe stata bene, qualcosa di più particolare avrebbe fatto migliore figura. Ne discussi con i proprietari del giornale e con l’architetto della nuova struttura, e loro furono d’accordo con me, che un orologio solare sarebbe stato più appropriato. Fortunatamente la zona dove doveva essere collocata la scultura era esposta a sud, il che rendeva l’orologio solare in grado di mostrare il tempo e in più manteneva una connessione con il nome The Times. L’architetto m’inviò un libro sugli orologi solari e sui principi del loro funzionamento … Ci sono innumerevoli tipi di orologi solari, ma il più semplice è quello detto “ad arco” (l’equatoriale) e questo fu quello che scegliemmo». Sebbene i committenti di un orologio solare siano spesso privati cittadini, in alcuni casi è l’intera comunità, magari attraverso l’impegno di un singolo, a richiederne la realizzazione. Questo è il caso di quei paesi che da un po’ di tempo si fregiano del titolo di “Paese delle meridiane” proprio perché arricchiscono costantemente i muri e le piazze cittadine di sempre nuove realizzazioni gnomoniche. Di località simili ce ne sono diverse, ma il piccolo villaggio medievale di Coaraze, in Provenza, ha un primato tutto suo: quello di aver saputo coinvolgere, già dai primi anni Sessanta del secolo appena trascorso, grandi personalità di tutte le arti nella realizzazione dei suoi numerosi orologi solari ceramici. Scultori, pittori, registi, musicisti, poeti, ecc. si sono adoperati in prima persona per adornare i muri dell’intero borgo. Ecco quindi che Jean Cocteau, Mona Cristie, Georges Douking, Gilbert Valentin, Angel Ponce de Léon, Henri Goetz, Sacha Sosno e altri ancora hanno progettato e costruito una bella serie di orologi solari vivacissimi e molto personali. Anche in Italia esiste un paese che ha fatto suo, sebbene con più modestia, l’esempio di Coaraze: è Monclassico, in Val di Sole, nel Trentino. Dal 2003, l’associazione culturale “Le Meridiane” di Monclassico ha promosso ogni anno la costruzione di un certo numero di orologi solari, il cui calcolo

CITTÀ E TEMPO


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:41 Pagina 31

31

è stato delegato ad uno gnomonista esperto (fino a poco tempo fa era incombenza dello scomparso Don Alberto Cintio di Fermo, che fu anche uno dei primi promotori di questa bella iniziativa), mentre la realizzazione pittorica o scultorea è stata affidata esclusivamente ad artisti, più o meno noti. Il risultato non si manifesta soltanto nell’abbellimento delle case del paese con opere che il continuo spostamento dell’ombra dello stilo sulla raggiera oraria rende costantemente vive, ma anche in un arricchimento culturale e in un’importante attrattiva turistica. Un’operazione simile, ma non uguale, fu fatta nel 1990 anche Pennabilli (Rn). Tonino Guerra, di ritorno da un viaggio in Russia, essendo rimasto affascinato da un piccolo e vecchio orologio solare in Georgia, decise di proporre al paese di Pennabilli la costruzione di sette orologi solari. L’idea iniziale non aveva grandi pretese grafiche, si accontentava della poesia che simili manufatti emanano

Nella pagina a sinistra: in alto a sinistra: orologio solare con lucertola realizzato per il paese di Coaraze (Provenza) da Jean Cocteau (foto K. Salvesen). In alto a destra: orologio solare di Tonino Guerra a Pennabilli (Rn), dipinto da Mario Arnaldi (foto M. Arnaldi). Al centro: orologio solare ceramico realizzato per il paese di Coaraze (Provenza) da Henri Goetz (foto K. Salvesen). In basso: orologio solare ceramico realizzato per il paese di Coaraze (Provenza) da Sosno (foto K. Salvesen). In questa pagina: in alto a sinistra: orologio solare dell’artista e gnomonista Lucio Maria Morra a Centallo (foto L. M. Morra). In alto a destra: orologio solare della gioielleria Ponzi a Bagnacavallo (Ra), progettato da Giovanni Paltrinieri e arricchito graficamente dall’artista Remo Brindisi (foto G. Paltrinieri). In basso: gigantesca costruzione gnomonica di David Boeno nel Parco di Beauregard a Rennes (foto D. Boeno).

MAGGIO

2013


26 32 CITTA TEMPO TC1303:Layout 1 14/05/13 13:41 Pagina 32

32

ma, dopo un breve consulto, l’idea mutò in meglio: si decise di cercare opere di noti artisti e di utilizzarle nella realizzazione dei vari orologi. L’incarico di calcolarli fu affidato a Giovanni Paltrinieri, gnomonista di Bologna, e allo scrivente quello di dipingerli. Uno dei sette orologi fu ideato dallo stesso Tonino Guerra che mi affidò l’incarico di eseguirlo sia nel calcolo sia nella pittura. Quello è l’unico orologio solare del paese che può entrare a pieno titolo fra gli orologi solari cui questo breve articolo è dedicato. Per gli altri, infatti, il concetto cambia, perché non si tratta di orologi solari fatti o decorati da artisti ma di reinterpretazioni o citazioni di opere che non erano nate con l’intenzione di essere inserite in un orologio solare. L’attrazione verso la gnomonica è grande e continua a contagiare altri artisti che sempre più spesso collaborano con gli gnomonisti. Nel 1991 Remo Brindisi accetta di arricchire con un suo disegno l’orologio solare a ore oltramontane e babilonesi tracciato da Giovanni Paltrinieri di Bologna (gpaltri@tin.it) per la gioielleria Ponzi a Bagnacavallo (Ra), e nel 1994 il ceramista Elio Schiavon, sempre per Paltrinieri, decora le due facce dello gnomone del grande orologio monumentale di Piazza della Pace in Abano Terme. In alcuni rari casi l’artista stesso è anche gnomonista, come Lucio Maria Morra (info@luciomariamorra.com) di Fossano che con grande maestria traccia i suoi orologi solari sui muri delle case piemontesi. Anche se l’elenco sarebbe certamente ancora lungo, vorrei concludere con le opere di altri due artisti che hanno trovato nelle leggi della gnomonica un terreno fertile per i loro elaborati artistici: Kate Pond e David Boeno. Katherine (Kate) Pond vive nel Vermont (www.katepond.com). Spesso coadiuvata dallo gnomonista Bill Gottesman, è autrice di numerose sculture gnomoniche di grande essenzialità. Alcune fra queste (Zigzag, Come Light – Visit me o Skywatch) mi affascinano in particolar modo. David Boeno (www.davidboeno.org), fotografo e artista poliedrico di Parigi, invece, ama giocare con la luce che, con l’ausilio di grandi prismi, converte in coloratissimi bagliori che mutano tonalità e luogo secondo l’incidenza dei raggi solari. L’effetto della luce rifratta sembra essere un must nelle sue opere; quella che mi affascina in particolar modo è stata realizzata fra gli anni 2001 e 2005 nel Parco di Beauregard a Rennes. Arte, quindi, ma anche architettura, monumento e arredo urbano. La gnomonica si dimostra essere una scienza dalle mille sfaccettature, capace di coinvolgere aspetti scientifici e artistici più disparati per fonderli in un’unica opera finale, capace sempre di stupire. marnaldi@libero.it

In alto: lo gnomone del grande orologio solare monumentale di Giovanni Paltrinieri ad Abano Terme, decorato dal ceramista Elio Schiavon (foto G. Paltrinieri). In basso: scultura gnomonica di Katerine Pond dal titolo “Skywatch” (foto K. Pond).

CITTÀ E TEMPO


LATORRACA TC:Layout 1 13/05/13 14:41 Pagina 1

A RAVENNA, IN VIA CARLO LEVI 11 PROPONE

PRESTIGIOSI ATTICI Alto capitolato, con assistenza diretta nella scelta dei materiali al fine di ottenere il miglior risultato personalizzato fotovoltaici • Pannelli a pavimento • Riscaldamento a condensazione • Caldaia • Cassaforte Antifurto • Sanitari • Doccia osospesi vasca idromassaggio •Impianto aspirazione •Impianto satellitare polveri centralizzato •Classe Energetica B •

PREZZI A PARTIRE DA € 465.000,00 di accollo mutuo con MPS • Possibilità con formula • diAcquisto affitto-riscatto

VENDITA DIRETTA

Si valutano permute con • appartamenti e/o lotti edificabili in Ravenna

cell. 335.6509798 - 333.4615296 MAGGIO 2013


IDEA CASA TC:Layout 1 14/05/13 15:32 Pagina 34

34

RUSSI

CAMERLONA

Villa di ampia metratura, sviluppata tutta su un piano, immersa nel verde. Lotto di 1400 mq circa. Info in agenzia

RAVENNA CENTRO VIA MARIANI In elegante palazzo del centro storico appartamento in ottime condizioni al 2° piano con ascensore: ingresso, cucina abit., ampia sala con camino, disimp. notte, 3 letto (2 mat. e 1 singola), ripost., doppi sevizi e balcone. Risc. aut. e parquet nelle stanze. € 260.000,00 MARINA DI RAVENNA IN ZONA TRANQUILLA VILLETTA DI BUONA QUALITÀ: PT.: GARAGE, SERVIZI, CUCINA, CORTE ESCLUSIVA FRONTE E RETRO. 1°P.: SOGG., STUDIO, BAGNO E BALCONI. 2°P.: 3 LETTO, BAGNO, BALCONI. 3°P.: AMPIA MANSARDA. Info in agenzia € 350.000,00 RAVENNA ZONA VIA UGO BASSI APPARTAMENTO di 160 mq circa, composto da: ingresso, ampia sala con balcone, cucina, 2 letto matr., studio e doppi sevizi. Cantina e posto auto in corte condominiale. € 260 000,00 RAVENNA ZONA VIALE ALBERTI APPARTAMENTO in palazzina di recente costruzione al 3°P. con ascens.: sala con ang. cottura in nicchia, 1 letto matr. e 1 singola, bagno e ampi balconi verandati. Risc.aut.e buone rifiniture. Garage di proprietà. € 195.000,00 RAVENNA SAN BIAGIO

Vendesi Casa singola di nuova costruzione, (rivestita da cappotto in polistirolo e rialzata con iglù, riscaldamento a pavimento, impianto di aspirazione centralizzato, impianto di filodiffusione audio/video con cd e dvd controllabili da ogni parte della casa, impianto semi domotica per controllare l’illuminazione ecc.) 220 mq circa di abitazione più 100 mq circa di servizi, su lotto di 2500 mq circa. Info riservate in Agenzia

Ravenna . via IV Novembre, 4B . tel. 0544.36337-36372 www.ideacasaravenna.com • casa_idea@libero.it RAVENNA CENTRO STORICO

MARINA DI RAVENNA

RAVENNA ZONA VIA GALILEI

APPARTAMENTO in complesso condominiale con ampio parco al primo piano con ascensore, composto da: ingresso, ampia sala/pranzo, cucina abitabile, 3 vani letto, doppi servizi, balconi, garage, cantina e posto auto. € 195.000,00

Casa di pregio ben tenuta in zona tranquilla composta da ingresso, ampia sala, cucina abitabile, guardaroba, studio e bagno. Al primo piano tre ampie camere da letto servite da altrettanti bagni, cabina armadio e ampia terrazza abitabile che affaccia sulla corte interna di proprietà. Ampia taverna con zona servizi. Piccola depandance alla quale si accede dalla corte interna. € 650 000,00 RAVENNA VIA CARSO

TROVACASA PREMIUM

CASA CON 2 APPARTAMENTI e GIARDINO esclusivo. Piano terra: Ampia zona servizi /monolocale. Piano Primo e Piano Secondo: 2 BILOCALI con terrazzo oltre a Sottotetto. € 330.000,00

MARINA DI RAVENNA

RAVENNA VIALE FARINI

In zona di forte passaggio vendesi avviata attività di Bar, 50 mq circa oltre a spazio esterno per tavoli. Info in agenzia

App.to in casa bifamilare con ingresso indip.e ampio giardino esclusivo di 250 mq ca.; P.T:ampia zona servizi e garage; Piano rialzato: ingresso, ampia sala/pranzo, cucina abit. con camino, 3 vani letto, doppi servizi, balconi. Info in agenzia

RAVENNA Z. MAUSOLEO DI TEODORICO

VENDESI APPARTAMENTO ristrutturato composto da ingresso, sala con ampio terrazzo di 40 mq circa, cucina abitabile con balcone di servizio, due letto e bagno. Cantina e posto auto. Info in agenzia € 225.000,00

SAN BIAGIO RAVENNA VIA CIRC.NE ALLA ROTONDA DEI GOTI

Affittasi ufficio di 300 mq ca al piano primo oltre a due negozi rispettivamente di 100 mq ca e 150 mq ca l’uno con ampie vetrine, oltre a sottonegozi e posti auto esclusivi. Info in agenzia

Bella casa di nuova costruzione con due unita abitative di 120 e 130 mq ca. ognuna, oltre a garage di 40 mq , terrazza di 14 mq., loggia, mansarda e ampio giardino esclusivo. Info in agenzia

RAVENNA SAN BIAGIO

RAVENNA VICINANZE VIA DIAZ

In piccola palazzina di sole 4 unità abitative vendesi appartamento al 1°P. composto da: ingresso, cucina abitabile con balcone, ampia sala con balcone, 3 letto, 2 bagni e ripostiglio. Garage, posto auto e cantina. Risc. aut. € 215.000,00

RA CENTRO VIA GIROLAMO ROSSI Vendesi appartamento da rimodernare, al primo piano composto da: ingresso, cucina abitabile, ampia sala, tre camere da letto matrimoniali e servizi. Riscaldamento autonomo e cantina di proprietà. € 215 000,00

Affittasi negozio di 60 mq ca con ampie vetrine. € 850/mese

In bellissimo contesto condominiale con parco e piscina, appartamento al secondo piano con ascensore, completamente ristrutturato, composto da: ingresso ampia sala che affaccia su terrazza, cucina abitabile con balcone, disimpegno notte, tre letto e due bagni. Pavimenti in parquet, allarme, aria condizionata. Garage di proprietà. Info riservate in Agenzia

ZONA TRANQUILLA E ALBERATA VENDESI APPARTAMENTO: INGRESSO, SALA, CUCINA AB , BALCONI, VERANDA, 2 VANI LETTO, BAGNO, GARAGE E POSTO AUTO. € 140.000,00

RAVENNA CENTRO STORICO ZONA P.ZZA MAMELI Appartamento già rimodernato sito al 1° P. composto da: ingresso, cucina abitabile, soggiorno, tre letto, bagno, ripostiglio e balcone. Riscaldamento autonomo, porta blindata e pavimenti in legno. Cantina di proprietà e posto auto assegnato in corte comune. € 170 000,00


COMPARATO TC:Layout 1 13/05/13 14:46 Pagina 35

PORTO FUORI

Complesso residenziale di pregio, in contesto piacevole, rilassante e riservato. Tutte le unità sono dotate di garage e giardino privato, impianto di riscaldamento ad alto rendimento con pannelli a pavimento e caldaia a condensazione, cappotto termico, aspirazione centralizzata, vasca idromassaggio digitale, box doccia in cristallo, pavimenti in legno rovere naturale spazzolato. CLASSE ENERGETICA “B”

TIPOLOGIA: VILLETTA AD ANGOLO VISTA LAGO: Soggiorno, pranzo, cucina, 4 letto + 1 mansardata di cui tre matrimoniali, 3 bagni, ampio giardino e garage di 47mq. APPARTAMENTO PIANO TERRA: Soggiorno con angolo cottura, due letto, un bagno n.2 giardini (fronte e laterale) garage. APPARTAMENTO PIANO PRIMO: Soggiorno con angolo cottura, 4 camere da letto di cui una mansardata, studio, 2 bagni, due balconi, giardino e garage. LE UNITÀ RIMANENTI SONO IN PRONTA CONSEGNA

VENDITA DIRETTA DAL COSTRUTTORE Per informazioni Euro Business s.r.l. Cell. 328/1894470 MAGGIO

2013


MONTAGGI:Layout 1 14/05/13 16:23 Pagina 36

36

Circonvallazione alla Rotonda dei Goti 6 Ravenna . tel. 0544 456906 cell. 335 1362634 info@jollyimmobiliare.net www.jollyimmobiliare.net via Ravegnana 155 . Ravenna . tel. 0544 271653 www.assocase.com A DUE PASSI DA VIA CAVOUR Bella bifamiliare di recente ristrutturazione con finiture di pregio in zona tranquilla a due passi dal centro storico: P.T. soggiorno, cucina abitabile, bagno, e cantin a P.P. Tre letto articolate da soffitti con travi a vista, delizioso bagno con vasca, oltre a giardino ottimamente ben tenuto. Impiantistica certificata, nonchè impianto d'allarme. € 320.000,00

S. MICHELE Villetta con ottime finiture con ampio giardino e posti auto. Piano terra: salone, grande cucina, bagno e lavanderia. Primo Piano: tre letto, balcone , bagno con doppia cabina doccia. Immersa nel verde. € 275.000,00

CASA DI CURA S.FRANCESCO

Bifamiliare ampia e luminosa: PT: ingresso, sala, cucina, garage, tavernetta con camino, bagno. PP 2 ampie camere matrimoniali, 2° bagno, ampio terrazzo accessibile anche da scala esterna . Cortile sui 3 lati; ristrutturata prima del 1998. Certificazione in fase di definizione. Rif. C104 € 280.000,00 tratt.

CENTRO STORICO

S.BIAGIO

Ufficio-negozio al PT con ampia vetrina, mq circa 40 con soppalco, bagno. Ristrutturazione recente. Classe energetica G. Rif. NE09 € 90.000,00 tratt.

S.BIAGIO SAN BIAGIO RESIDENZIALE Casa abbinata in ottimo contesto residenziale con grande potenzialità, su 2 livelli: 1P salone, cucina abit, 2 letto matrim, bagno, possibilità terza letto con bagno, pt garage tavernetta, cantina, vari servizi multiuso, bagno, uscita su grande giardino. Da ammodernare. € 245.000,00

MADONNA DELL'ALBERO Villetta centrale di recente costruzione su due livelli. Piano terra: soggiorno, cucina abitabile,bagno, grande cantina, posto auto, giardino con gazebo e camino. Primo piano: tre letto, bagno, balcone e vari ripostigli. € 280.000,00

Casa abbinata ai lati con ampia corte interna e dependance composta da: ingresso, sala, zona pranzo, cucina, ripostiglio e bagno. PP 2 ampie camere da letto matrim.e 2° bagno. Ristrutturazione recente. Certificazione energetica in fase di definizione. Rif. C108 € 380.000,00 tratt.

S.BIAGIO

In zona elegante e sileziosa, bella villa abbianta a un lato a piani sfalsati: PT tavernetta con camino, bagno, lavanderia e garage. P.rialzato ampio salore, cucina con arredo. PP 3 camere da letto ampie e luminose, 2° bagno mansarda con bagno. Giardino sui 3 lati. Portico e patio. Impianti a norma / cert. Energetica: classe F. Rif. C109 € 565.000,00

AFFITTASI PONTE NUOVO Villa singola in ottimo stato, composta da 2 unità distinte e separate: p.t. (h.2.60) cucina, sala con camino, camera matrimoniale, bagno, vano multiuso, garage. 1°p. Ingresso, grande cucina, soggiorno, 3 letto, bagno, balcone. Giardino. Impianti a norma, aria condizionata. € 450.00000

PUNTA MARINA A due passi dal mare, in piccolo contesto condominiale attico con bella vista panoramica in ottimo stato: ingresso, soggiorno con camino, cucinotto, zona living, due letto, bagno, ampio terrazzo attrezzato, garage e posto auto. Possibilità di arredo. € 300.000 tratt.

TROVACASA PREMIUM

VIA D'AZEGLIO

Bilocale ampio e luminoso al primo piano di due piani tot., palazzina senza ascensore, ingresso indipendente: sala con angolo cottura, ampio terrazzo di circa 20 mt, disimpegno notte, bagno. camera da letto matrimoniale, risc. aut. imp. a norma. Cert. energetica classe F. Da rimodernare. Rif. AP 158 € 120.000,00 tratt.

terzo piano con ascensore. Appartamento arredato con eleganza, ingresso sala , cucina abitabile, 2 letto, bagno, terrazzo, cantina € 550,00 mensili


BACCARINI TC:Layout 1 13/05/13 14:47 Pagina 37

37

Via A.Laghi, 75 - Faenza (RA) tel. 0546.662040 . fax. 0546-663647 e-mail: info@baccarini.com http: www.baccarini.com

FAENZA - ZONA SARNA VIA SARNA 101 Porzione di casa d’angolo disposta su due piani con giardino esclusivo. Recentissima ristrutturazione. 2 letto, 2 bagni, ampia cucina e sala. Libero. C.E.: F/202. € 235.000,00

FAENZA - ZONA LOCALITÀ PIEVE CESATO - VIA BIANCANO 44 Si vendono tre fabbricati rurali di varie tipologie e dimensioni (ampia casa, fienile trasformabile in abitativo e pro servizio), su lotto di circa mq. 6800. C.E.: G - Ipe: 340. € 352.000,00 FAENZA - CORSO BACCARINI 15 In palazzo storico si vende ufficio di oltre mq. 250 posto al piano 1° con ingresso da ampio scalone indipendente oltre vano in soppalco. Presenza di affreschi nei soffitti di 2 sale; possibilità di frazionamento in 2 unità; piccola cantina al piano terra in cortile interno condominiale. Discreto stato d’uso. Consegna immediata. € 390.000,00 FAENZA: ZONA BORGO TULIERO VIA TULIERO - LOTTIZZAZIONE CÀ BRUCIATA Villetta a schiera di ampia metratura con possibilità di personalizzazioni. Ampio soggiorno, cucina abitabile, 3 letto, 4 bagni, grande taverna, garage doppio, portico, terrazzo e giardino esclusivo. Consegna a 90 gg. C.E.: D. € 480.000,00

FAENZA - ZONA ERRANO VIA FIRENZE, 440 Villa bifamiliare di recente ristrutturazione con ampio parco. Consegna da concordare. € 830.000,00

FAENZA - LOCALITÀ SARNA PRIME COLLINE - VIA GERMANA, 5 Zona molto tranquilla - Ampia Villa ben tenuta edificata negli anni ’70. Ampio parco di circa mq. 9.000 con piscina: vari servizi e garages. C.E.: G/296. € 850.000,00 FAENZA - ZONA AUTOSTRADA VIA PANA 55 Complesso immobiliare composto da 2 case abbinate di cui una da ristrutturare, oltre fienile, pro servizi e 3 capannoni, questi ultimi della sup. complessiva di c.a. mq. 1200. Il tutto su area di c.a. mq. 11.000 oltre terreno agricolo di c.a. ha. 1.5. Casa abitabile C.E.: F/178. Fabbricati residui: C.E.: G/ 332. € 885.000,00

FAENZA - CENTRO STORICO VIA MONTALTO, 10 Si vende appartamento posto su più livelli (piani primo, secondo e terzo sottotetto) con terrazza di circa mq. 16; due bagni; cantina al piano terra. Buono stato. C.E.: G – 291. € 115.000,00

MASSALOMBARDA - ZONA CENTRALE VIA MARCHETTI 13 Porzione di casa abbinata in discrete condizioni. Piano terra con ingresso/vano scala, cucina, ampio soggiorno e w.c.; piano primo con 2 letto matrimoniali e bagno. Corte esclusiva con pro servizio uso cantina e garage. Consegna immediata. C.E.: G-269. € 140.000,00

CASTEL BOLOGNESE VIA DEI MILLE 358 Trilocale su due piani graziosamente rifinito, con balcone oltre garage al piano interrato, il tutto in palazzina edificata a fine anni ’90. Pronta consegna. C.E.: D – 117. € 150.000,00

MARZENO DI BRISIGHELLA VIA MORONICO, 26 In palazzina di nuova costruzione si vendono 5 appartamenti posti ai piani terra e primo al momento allo stato grezzo ma ultimabili in circa 8 mesi. Buon capitolato. Soluzioni con due o tre letto, giardino o terrazze e ampie tavernette al piano interrato. Posto auto scoperto. Prezzi a partire da € 160.000,00

FAENZA – FRAZIONE DI REDA CENTRALE - VIA BIRANDOLA 15/19 Fabbricato già libero di circa mq. 500 completamente da ristrutturare. Ideale per la realizzazione di varie unità residenziali o in alternativa ad esempio casa per anziani. C.E.: G € 190.000,00

FAENZA - REDA - VIA BASIAGO 111 Fabbricati agricoli (casa, fienile, deposito) ove è possibile ottenere, sulla base dell’attuale normativa di piano regolatore, 3 immobili indipendenti ad uso abitativo. Casa di oltre mq. 500; fienile e deposito i oltre mq. 100 ciascuno. Richiesta complessiva € 200.000,00

REDA DI FAENZA – PERIFERIA A VALLE - VIA DELLA CANTINA 3 Casa indipendente su 2 piani di mq. 107 oltre garage, portico e servizi. Giardino di mq. 180. Pronta consegna. Buono stato d’uso. C.E.: G/265. € 165.000,00

MAGGIO

2013


38 39 STATO ARTE1 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:29 Pagina 38

La rassegna ideata da Emilio Il ruolo dell’Architettura Rambelli contemporanea: prosegue il 18 di aprile

ospiti delle conferenze nelle cantine di Palazzo con l’esposizione deiRava progetti

e delle idee dello studio faentino, guidato dall’architetto Gabriele Lelli

gli architetti dell'Estudio [SIC] di Madrid Prosegue la serie di conferenze promosse e organizzate dal questa rivista e dal Gruppo Ravimm, con il patrocinio del Comune di Ravenna e Ravenna 2019, curate dall’architetto Emilio Rambelli di Nuovostudio. Giovedì 16 maggio, alle 21, nelle Cantine di Palazzo Rava ((via di Roma 117, a Ravenna) è in programma il quarto appuntamento del ciclo con gli architetti spagnoli Esaù Acosta, Miguel Jaenicke e l'italiano Alfredo Borghi che parleranno dei progetti dello Estudio [Sic] di Madrid. Si tratta di uno studio professionale che si occupa di innovazione dell’architettura, della città e del territorio, tramite una piattaforma trasversale, proattiva e impegnata. Concentra la sua attività nella ricerca e sviluppo di problematiche relative a processi dinamici dell’architettura e del paesaggio, incorporando al processo la collaborazione

LO STATO DELLʼARTE

trasversale tra diverse discipline interessate alla città e alle sue attuali necessità urbane. Esplora un’architettura basata sulla creazione e valorizzazione dell’identità architettonica e urbana; trasferimento allo spazio pubblico per il recupero e sostenibilità nel tempo; la comunicazione metropolitana e la mobilità territoriale, cercando una gestione e partecipazione più efficace. Nasce dalla collaborazione dei suoi soci fondatori: Esaú Acosta Pérez, Mauro Gil-Fournier Esquerra e Miguel Jaenicke Fontao, architetti laureati presso la Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Madrid, che lavorano insieme dal 2002. Alfredo Borghi si è laureato presso l’università di Ferrara nel 2006 con la tesi di Laurea “Paesaggi culturali perduti, le mura nazarí e gli orti dell’alberzana di Granada” sviluppata in collaborazione con la Escuela de arquitectura superior de Granada.


38 39 STATO ARTE1 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:29 Pagina 39

Quarto incontro, il 16 maggio, per la rassegna ideata da Emilio Rambelli e promossa dalla nostra rivista, dedicata alla progettazione italiana ed europea di qualità. Protagonisti gli spagnoli Esaù Acosta e Miguel Jaenicke. Con la partecipazione di Alfredo Borghi, professionista italiano che ha collaborato con Estudio [SIC] e da anni lavora in Spagna

Ha ricevuto due borse di studio internazionali, la prima nel 2003 in ambito accademico (progetto Socrate Erasmus) presso la Escuela de arquitectura superior de La Coruña e la seconda nel 2008 in ambito professionale (progetto Leonardo da Vinci) presso estudio FAM (Madrid). La costante crescita professionale è dovuta alla ricerca personale e alle collaborazioni con Hermanitos verdes (It) 2007, BBstudio (It) 2007, estudio FAM (Es) 2008-2009, estudio [SIC] (Es) (con cui collabora dal 2009), che vantano premi e pubblicazioni in ambito architettonico e urbanistico internazionale. Attualmente vive e lavora a Madrid.  La serie di conferenze è resa possibile grazie al fondamentale sostegno del gruppo bancario Banca Mediolanum e delle aziende ravennati Tozzi Industries, Ciicai, Tavar, Copre e Nadep-Ovest. Gli appuntamenti proseguiranno poi giovedì 20 giugno, sempre alle 21 alle cantine di Palazzo Rava, con l’urbanista faentino Ennio Nonni che parlerà di “Una nuova urbanistica è possibile”?

Alcune foto e modelli di progetti ideati e realizzati da Estudio [SIC] di Madrid, di cui si parlerà in occasione della conferenza del 16 maggio alle cantine di Palazzo Rava a Ravenna.

MAGGIO

2013


40 43 STATO ARTE2 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:28 Pagina 40

Cosa è in questo momento la qualità urbana? Le risposte progettuali dello Studio Lelli e Associati di Faenza a proposito di «abitare nella città normale»

di Domenico Mollura Il terzo appuntamento dell'iniziativa "Il ruolo dell’Architettura contemporanea" è stato focalizzato sull'esperienza progettuale di uno studio italiano, romagnolo per la precisione. Si è trattato del racconto per immagini dell’attività dell'architetto Gabriele Lelli, nella "continuità di ricerca" inaugurata con Davide Cristofani e proseguito con gli attuali soci dello Studio Lelli e Associati Architettura: Roberta Bandini e Andrea Luccaroni. La serie di incontri presso le cantine di Palazzo Rava, promossa dalla nostra rivista con il Gruppo Ravimm e curata da Emilio Rambelli, torna in Italia per mostrare come un'esperienza “locale” possa essere interessante allo stesso modo degli studi di progettazione esteri presentati nelle prime due occasioni. Basterebbe un rapido sguardo all'elenco dei premi e delle pubblicazioni che hanno per protagonista l'attività dello studio faentino per comprendere la sua posizione di rilievo nel panorama dell’architettura contemporanea italiana. L’architetto Lelli e l’architetto Bandini hanno voluto dare all’incontro il titolo "Abitare nella città normale" e come sottotitolo il quesito: «cosa è in questo momento la qualità urbana?». La risposta si ritrova nell’architettura “costruita” seguendo alcuni principi guida elencati dallo stesso Lelli:

Sopra: clinica Villa Azzurra a Riolo Terme (foto Ciampi). A lato: villaggio Fornace del Bersaglio a Faenza (foto Alberto Muciaccia)

LO STATO DELLʼARTE


CONF ARCHITETTURA TCP:Layout 1 13/05/13 16:30 Pagina 41

Comune di Ravenna

Il ruolo dell’Architettura contemporanea Panbianco

Ciclo di conferenze organizzate e promosse dal Gruppo Ravimm - Le Cantine di Palazzo Rava in collaborazione con la rivista dell’abitare TrovaCasa Premium (edizioni Reclam), con il patrocinio del Comune di Ravenna e Ravenna 2019 Coordinatore Emilio Rambelli

Tarroni

Calendario 2013 Tutti gli incontri si terranno presso Le Cantine di Palazzo Rava Via di Roma 117 - Ravenna. Inizio alle ore 21

Giovedì 21 febbraio

Filippo Pambianco parlerà di Studio G.V. Consuegra - Siviglia

Giovedì 21 marzo

Michele Tarroni parlerà di Studio Stanton Williams - Londra

Giovedì 18 aprile

Gabriele Lelli parlerà di Studio Lelli e Associati - Faenza

Lelli

Borghi

Nonni

Giovedì 16 maggio

Alfredo Borghi parlerà di Studio Estudio Sic - Madrid

Giovedì 20 giugno

Ennio Nonni parlerà di Una nuova urbanistica è possibile? Bonini

Giovedì 3 ottobre

Gianluca Bonini parlerà di Nuovostudio - Ravenna

Giovedì 31 ottobre

Antonella Ranaldi parlerà di Restauro contemporaneo

Giovedì 21 novembre

Ranaldi

Daniela Moderini parlerà di Paesaggio Urbano - Venezia

Info: Ilaria Siboni - siboni.ilaria@gmail.com - Cell. 338 1584910

Moderini

TROVACASA PREMIUM TROVACASA PREMIUM


40 43 STATO ARTE2 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:29 Pagina 42

Sopra: residenze in via Padovani a Imola (foto Alberto Muciaccia). In basso: la lampada Zeta. Nella pagina a fianco a sinistra: residenze in via Cesarolo- Testi a Faenza (foto Pietro Savorelli); a destra: casa Carlo Lucarelli, progetto allestito alla Biennale di Venezia nel 2002.

«…bellezza, sostenibilità, identità, green, smart, low cost, km zero, essenzialità, durevolezza, trasparenza, responsabilità». Lelli precisa che "l'innovazione" – specie in architettura – non si traduce (o meglio non dovrebbe tradursi) nella strenua ricerca dell'inedito, della cosa strana. Piuttosto dovrebbe essere il frutto di un preciso percorso di ricerca basato sull’attenta lettura di una realtà complessa come la città paragonata ad una raccolta di modi diversi "di stare insieme". Il racconto si snoda a cavallo della via Emilia e si concentra su temi ben definiti: l’architettura sanitaria, la residenza, l’edifico a torre, il teatro all’aperto. Clinica Villa Azzurra (Riolo Terme, 19962000) è una clinica privata nella quale occorreva stabilire la giusta distanza dalla domesticità, evitando la freddezza indifferente di un tradizionale luogo di cura ma garantendo al contempo tutti i requisiti sanitari e di sicurezza della persona indispensabili per tale struttura. La soluzione – dichiara Lelli – è stata declinare nel caso specifico il modello del grande albergo, ovvero di un luogo ricettivo pensato per degli ospiti e non dei semplici degenti. A ciò si arriva con forme e volumi diversi, con l’autenticità dei materiali, la semplicità dei percorsi, la facilità di comprensione delle diverse parti principale componente essenziale della serenità dell'edificio. Per tale motivo le camere a destinazione ospedaliera sono protette e dotate di aperture tradizionali, mentre gli spazi di soggiorno, aperti verso la vallata sono contenuti in un edificio trasparente all'esterno del quale prevale l'archetipo del trilite che regge un'ampia copertura aggettante. Per il tema della residenza è stata presentata un’ampia casistica: per ragioni di spazio se ne citeranno solo alcuni esempi. Le Residenze via Padovani (Imola, 2005-2008) sono costituite da 4 corpi di fabbrica paralleli e uniti a coppie, posti sul lotto in modo trasversale al fine di garantire la permeabilità (funzionale e visiva) tra il parco retrostante e la strada principale. Il “taglio” dei singoli appartamenti permette l’affaccio di una loggia (rivestita in multistrato marino) verso il verde. Inoltre il disimpe-

LO STATO DELLʼARTE


40 43 STATO ARTE2 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:29 Pagina 43

43

gno che distribuisce le diverse unità si proietta sul medesimo parco grazie alla grande finestra posta alla sua estremità. La gabbia strutturale è stata pensata per alleggerire ulteriormente la costruzione di questi “edifici grafici” attraverso l’assenza di elementi portanti in vista, la traforazione dei piani verticali con pieni e vuoti disallineati e la copertura ridotta ad una esile linea orizzontale a marcare in alto il volume dei corpi di fabbrica edifici grafici. Il lavoro artigiano (per la recinzione e i cancelli di ingresso), ricorrente anche in altre opere, rende davvero uniche le costruzioni liberandole dalla logica dei dettagli unicamente standard. Il recupero a fini residenziali di un’area industriale dismessa (un’ex cava di argilla divenuta poi fornace per la produzione di mattoni) pone la questione di come abitare oggi in campagna. La soluzione – definita dai progettisti come “condominio di campagna” – prevede un villaggio composto da 34 case a patio ad una sola elevazione fuori terra in muratura portante, separate da percorsi pedonali privati. Nella Fornace del Bersaglio (Faenza, 2012) l’ampiezza del lotto e il numero delle abitazioni permette di variare notevolmente il “taglio” delle residenze che si presentano tutte diverse ma unificate dall’uso delle invarianti di progetto e dal recinto che le “protegge”. Nel primo caso si ritrova la ripetizione per ogni villa di elementi come il patio, il portico (che danno sempre agli interni un doppio affaccio esterno) e il tetto giardino; nel secondo caso il tema del muro di cinta viene declinato trasformando un tipico elemento edilizio in un segno distintivo, dalla linea frastagliata che innalza o attenua l’orizzonte del patio in funzione dell’effetto da ottenere (apertura o chiusura verso il contesto). I contenuti tecnici fanno di questa “proposta di abitare collettivo” un insediamento sostenibile tanto da meritare il “Premio Innovazione Amica dell’Ambiente” 2012 di Legambiente. In questi primi due casi i progettisti hanno anche curato il design degli interni, votato prevalentemente al decoro e all’eleganza a basso costo con attenzione alla flessibilità di spazi con superficie limitate. Residenze di via Cesarolo-Testi (Faenza, 2008): 13 diversi corpi di fabbrica strutturano un’area a margine del centro urbano, in un’ampia area al confine con il tessuto rurale. Per tale motivo lo schema netto, tanto degli edifici che del loro reciproco rapportarsi dei due casi precedenti, lascia spazio ad un andamento più organico che dalla pianta passa senza esitazioni anche agli alzati. Gli schemi poligonali si alternano a quelli “amebici”, torna (per alcuni dei blocchi) il tema del trilite a formare l’ossatura della copertura a sbalzo sorretta da esili pilastri a formare un portico a tutt’altezza. I fronti bianchi, lisci (ove non “costruiti” con pannelli lignei alternati) sono erosi dalle logge, le cui tinte richiamano i colori delle tovaglie romagnole, utilizzate per creare spazi in cui ci si rapporta con l’intorno pur conservando i canoni della riservatezza, in una giusta dimensione dello spazio privato. L’economicità delle co-

struzioni, il loro posizionamento semiperiferico, lo sfruttamento degli apporti solari, la presenza di percorsi pubblici pedonali – in una parola la “ricerca architettonica” che sorregge il progetto – ne fanno una sorta di piccola romagnola Siedlung (Quartiere residenziale diffuso in particolare in Germania nei primi decenni del ‘900, nel quale confluivano gli esiti delle sperimentazioni razionaliste nel campo dell’architettura e dell’urbanistica, nda). La Torre per uffici Top Code (Imola, 2006) è costruzione iconica, posta lungo un’arteria che non permette attenzioni sui dettagli principali. Per tale motivo il volume stereometrico diventa segno con la gradazione delle trasparenze che richiamano un codice a barre. I ricorsi orizzontali mediano l’altezza (51 metri per 14 livelli) e celano una struttura portante articolata. La tipologia dell’edifico a torre viene rivista spostando il blocco “servizi” in cemento armato dal centro su uno dei lati (quello Sud) mentre la rimanente ossatura in telai in acciaio e sostegno puntiformi arretra rispetto ai fili esterni per garantire la “pulizia” (e la libertà, secondo una delle regole auree del Razionalismo) dei fronti. Il blocco servizi, grazie alla sua “massa”, protegge gli interni dell’irraggiamento diretto, mentre il lato opposto è schermato da una doppia vetrata strutturale con un sistema di circolazione dell’aria. Entrambe le soluzioni contribuiscono a regolare il microclima di questo parallelepipedo “grafico” (il bianco e il nero) che fa da contrappunto all’orizzontalità della strada e della grande pianura che attraversa. Il Teatro Spada (Brisighella, 2005-2009) è un anfiteatro progettato dal gruppo Baldisserri-Sarti-Aymonino negli anni ’70 rimasto, tuttavia, incompiuto. Per l’adeguamento normativo e il completamento della struttura teatrale con la realizzazione dei locali ancora mancanti (camerini, regia, servizi igienici) i progettisti scelgono ancora una volta il legno. I nuovi volumi, che esaltano il complesso con il loro colore caldo, chiudono la platea dell’anfiteatro, per definizione lasciata indifesa alle intemperie, come un abbraccio che pare proteggere la gradinata (in un ipotetico “interno urbano”), chiedendo al contesto naturale e storicizzato di accoglierli come parte del tutto. Da segnalare, infine, all’interno del percorso di ricerca dello Studio Lelli e Associati Architettura: l’allestimento “Architettura dello spazio primario” per la 8° Biennale di Venezia (2002) in cui è stato immaginato uno spazio minimo (e introverso) per il giallista Carlo Lucarelli come una sorta di osservatorio protetto verso “…il mistero, il sospetto, la normalità presunta”, dimensioni che si traducono in storie da scrivere; la lampada Zeta (2005), ottenuta piegando una striscia rettangolare di cartone preforato nel quale poter alloggiare lampada e portalampada (oggetto elegante di design e soluzione per corpi illuminanti provvisori); gli allestimenti urbani, essenziali e discreti, in occasione del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza (2008-2011)

MAGGIO

2013


44 46 PENTOLE TC1305:Layout 1 14/05/13 17:33 Pagina 44

44

Aristocratico e senza tempo: Alla scoperta delle eccellenze dell’orto. Ecco i consigli dello chef Faccini per conoscere ingredienti, cotture, attrezzature, caratteristiche degli alimenti e vivere appieno uno dei momenti più appaganti dell’abitare In cucina come in altri spazi dell’abitare la primavera ha portato colore, fragranze e sapori dell’orto. Fiori recisi, piante ornamentali in vaso, tenere coltivazioni di aromatiche da balcone sono elementi che rinnovano gli spazi di casa, mentre in cucina ancora una volta lo chef Stefano Faccini smette i panni di consulente di ristoranti, alberghi, di aziende e quelli di insegnante, per indossare la veste dell’esperto a disposizione dei lettori di Trovacasa Premium. Sentita come valore imprescindibile, la stagionalità impone alcuni protagonisti in tavola. «È tempo di asparagi – assicura Faccini –. Il più aristocratico fra i prodotti dell’orto ha sempre goduto di larga fama. Prima spontaneo poi coltivato, in Egitto per esempio, veniva consacrato alle divinità. Benché non presente nel mito e nella simbologia antica, era tenuto in altissima considerazione tanto in Grecia quanto a Roma. Fu citato da Catone e Plinio che decantò quelli di Ravenna, allora una delle zone di coltivazione più celebri per la coltivazione degli asparagi; anche Apicione trattò in una ricetta con uova, erbe aromatiche e l'immancabile garum, una salsa a base di pesce. Perfino Orazio lo immortalò in una delle sue satire, quella contro i parassiti, nella quale lo descrisse servito con l'aragosta». Una storia senza tempo quella dell’asparago che Faccini riassume per tappe innestandola con considerazioni legate al cambiamento dei costumi e all’evoluzione sociale. «Nel Medioevo seguì il destino di quasi tutte le verdure e visse una stagione di emarginazione da parte della nobiltà ricca e potente,che lo snobbava in ossequio al perverso consumo di carne e vini drogati, in quel tempo infatti,nelle corti e nei castelli, solo questi cibi erano considerati degni di essere serviti. Fu solo durante il Rinascimento che l'asparago riprese finalmente il posto che gli spettava sulle tavole d'Europa. Il Platina descrisse come gustarli al meglio: mangiati caldi con poco sale e "butirro". Ne elogiava inoltre le virtù afrodisiache, beneficio anelato allora come oggi». In poco tempo guadagnò le tavole d'Europa, consacrato nelle nature morte della pittura seicentesca, ripetuta-

PENTOLE E PROVETTE


44 46 PENTOLE TC1305:Layout 1 14/05/13 13:26 Pagina 45

45

l’elegante asparago mente rappresentato anche nelle allegorie di Arcimboldo. «Testimonianze scritte – spiega lo chef - riportano una sua semplicissima ed esemplare preparazione immutata nei millenni, caso rarissimo, se non unico nella storia della gastronomia. Cotti in acqua, ancora di turgida consistenza, e conditi con burro caldo, apparvero infatti nell'alimentazione dei popoli transpadani ben prima dell'era cristiana. Oggi, nelle aree dove viene coltivato, è sempre simile a se stesso, piatto, arricchito da formaggio grana grattugiato e, a volte incoronato dall'uovo; una prelibatezza nota a tutti. È la verdura più preziosa dell'orto e da sempre una delle più costose, ed è il vegetale più ricco di fosforo e di una sostanza che gli conferisce da cotto un sapore ineguagliabile». Dalla storia alle buone prassi in cucina e alla chimica degli alimenti. «Non dimentichiamoci dell'Asparagina di pineta – esorta Faccini -come per gli asparagi sarebbe opportuno cuocerla subito dopo la raccolta perché la pianta comincia dopo il raccolto produce fibre dure e legnose di difficile digestione. Quindi gli asparagi vanno colti e mangiati, perché le cellule nelle verdure continuano a funzionare anche se sono separate dalle loro fonti di nutrimento e di acqua. Gli asparagi ben si prestano ad abbinamenti con

MAGGIO

2013


44 46 PENTOLE TC1305:Layout 1 14/05/13 13:26 Pagina 46

46

burro e formaggi o uova, o serviti con abbinamento di salse grasse come la maionese o l'olandese o la besciamella. Nelle salse per condire le paste o i risotti si consiglia un piccolo fondo di pancetta o lardo o abbondante condimento con materie grasse. Ottimo accostamento con seppie o calamari o nelle torte salate a base formaggio, uova e panna. A titolo di curiosità è bene ricordare che dall’asparago fu isolato nel lontano 1806 il primo aminoacido trovato in natura: quello denominato non per caso asparagina. Uno studio recente ha dimostrato che tutti coloro che mangiano asparagi producono escrezioni di mercaptano (composto organico di atomi di carbonio, zolfo e idrogeno), cambia però da una persona all'altra la capacità di avvertirne l'odore. La metinina, un amminoacido contenente zolfo, è sospettata di essere il precursore del mercaptano negli asparagi».

Per rispondere alle domande più comuni in cucina: Perché succede? Dove sbaglio? Cosa mi manca? Quale utensile usare, quale attrezzatura? E per consulenze professionali, lo chef Faccini è a disposizione dei lettori all’indirizzo e-mail: faccini_stefano@libero.it

DITELO CON I FIORI

FRITTELLE DI GLICINE: ingredienti: - 8 grappoli di glicine fioriti - 60 g di maizena - 40 g di farina di riso - 210 g di acqua gasata fredda - sale q.b

procedimento: mescolare le farine, l'acqua e il sale. Lasciare riposare la pastella per 5 minuti, quindi intingervi il glicine. Friggere con attenzione, se la frittella cuoce troppo perde il proprio profumo, se troppo poco non diventa abbastanza croccante. Il glicine deve essere fiorito ma non troppo, altrimenti i fiori cadono e si perdono.

PENTOLE E PROVETTE

Diviso fra l’insegnamento all’istituto professionale di Stato “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera” di Cervia, i corsi di alta formazione, le consulenze per alberghi, ristoranti e aziende alimentari, Faccini, si è fatto promotore di una nuova cultura gastronomica mentre vanta esperienze nella cucina di Paul Bocuse, di Fredy Girardet in Svizzera, ed è Chef Eurotoque, Commandeur de la Commeanderie des Cordons Blues de France e discepolo di August Escoffier.


DECO TC:Layout 1 13/05/13 14:50 Pagina 47

MAGGIO 2013


48 52 CITTA SOCIETA TC1305:Layout 1 14/05/13 13:16 Pagina 48

Casa di campagna (foto di Alberto Giorgio Cassani).

di Marina Mannucci

In data 3 e 4 maggio si è tenuto presso la Sala Muratori della Biblioteca Classense di Ravenna il Seminario di Studi su “Femminismi musulmani. A proposito di Gender Jihad”, promosso dall’ Associazione Femminile Maschile Plurale, LIFE Onlus, Comune di Ravenna-Assessorato alle Politiche e Culture di Genere, Cgil Ravenna Rete Donne. Il Seminario ha analizzato le principali correnti di pensiero del femminismo musulmano, con particolare attenzione all’area mediterranea, attraverso le voci di studiose e attiviste, per comprenderne i fondamenti comuni, le articolazioni, l’influenza sui processi di riforma della legge e sugli sviluppi sociali e politici in atto nel Maghreb. Una forma di Gender Studies che ha rappresentato la prima importante occasione, non solo per Ravenna, ma anche in campo nazionale, per avviare una nuova visione di genere in grado di cogliere le specificità culturali che i movimenti femministi, di differenti società, avanzano in materia di diritti e riconoscimenti. Con l’amica Paola Pattuelli – nella casa di campagna – prendiamo spunto da quest’importante evento per riflettere su alcuni concetti. In Vita activa, Hannah Arendt cerca di spiegare sotto il profilo filosofico che cosa significhi la cittadinanza per coloro che ne fanno esperienza. Mostra come l’essere un cittadino consenta di farsi conoscere dagli altri ed afferma che soltanto le parole dette sul bene pubblico rivelano il nostro io.

CITTÀ E SOCIETÀ

Arendt sostiene inoltre che la politica, nella sua forma migliore, è un tipo di relazione fra uguali e cioè fra cittadini. Agendo, i cittadini si “mostrano”, ma non è sufficiente agire perché vi sia una vera e propria azione significativa; occorre che quell’azione venga “raccontata”. Bisogna che ci sia qualcuno che la faccia conoscere a chi non era presente e la tramandi alle generazioni future. E solo così il tempo che viviamo non è semplicemente quello biologico della vita e della morte, ma ha un passato e un futuro significativi. Paola, riguardo alla convivenza sociale ed all’esperienza di cittadinanza contemporanea, che rilevanza pensi darebbe Hannah Arendt ai rapporti di sorellanza? «Hannah Arendt ha visto solo gli albori del neofemminismo, del quale si è occupata soltanto di sfuggita e con il sospetto che aveva per tutti gli “ismi”, di cui temeva derive astratte o ideologiche. Non a torto. La sorellanza è una parola femminista nata in pratiche politiche degli anni Settanta: sisterhood, dicevano e dicono le americane, che vollero sperimentare per la prima volta l’esclusiva vicinanza e condivisione fra donne nei primi gruppi di autocoscienza, dai quali gli uomini erano esclusi. Fu una critica senza appello all’universalismo illuminista, alla retorica dell’uguaglianza della Rivoluzione francese: Libertà, Uguaglianza, Fraternità. Se Arendt avesse avuto il tempo di approfondire – è morta nel 1975 – sarebbe stata d’accordo con la critica dell’universali-


48 52 CITTA SOCIETA TC1305:Layout 1 14/05/13 13:16 Pagina 49

49

La pratica della sorellanza Dialogo con Paola Patuelli anche sembianze femminili. E, nello stesso tempo, sapeva smo astratto e della retorica dell’uguaglianza che il femminiquanto, nella sua vita, avesse avuto peso maggiore l’essere smo degli anni Settanta ha compiuto. Il sale della politica è la ebrea, che l’essere donna, come per la ebrea Rosa Luxempluralità, non l’uguaglianza, dice Arendt. Nonostante la retoburg l’essere comunista, che l’essere donna. E in questo anrica, la Rivoluzione francese non cambiò la condizione civile ticipò le femministe afroamericane che non si sentivano e politica delle donne. Come nell’Atene del democratico Peuguali e sorelle delle femministe bianche e borghesi. ricle, anche nella Francia rivoluzionaria le donne furono Credo che Arendt avrebbe comunque condiviso la dimenescluse dalla polis e dai diritti. Furono diritti declinati esclusione politica del termine sorellanza, il pensare e parlare insivamente al maschile. Quale universalità? Le donne che si sieme, per condividere poi azioni civili “nella sfera pubblica”. opposero a questa dittatura maschile furono ghigliottinate, Non avrebbe, credo, condiviso gli esiti ideologici di alcuni come Olympe de Gouges. Andò meglio per gli schiavi. Alfemminismi, che hanno fatto del corpo femminile un bene in meno la schiavitù fu abolita dalla Rivoluzione. E, negli Stati sé. Se avessimo avuto con il corpo di donna forza e valore a Uniti d’America contemporanei, un afroamericano, Obama, prescindere, non avremmo è diventato presidente. Una accettato di essere serve per donna, quando? millenni. Una servitù troppo Per tornare a “sorellanza”, le spesso inconsapevole se non femministe degli anni Setvolontaria, e complice. Eva tanta pensarono che senza contro Eva. Per questo è «il farsi forza le une con le stato importante che le altre», senza un proprio audonne, che fin dalle origini tonomo pensiero e linguaghanno avuto cura più dei gio, il patriarcato, anche se corpi e del “bene stare” degli indebolito, sarebbe sopravuomini che di sé stesse, favissuto in continue nuove cendosi appendice o, se anforme di adattamento, non dava bene, pensandosi ultima l’omologazione alla complementari, abbiano sacultura maschile “universaliputo costruire relazioni ricche stica” di molte donne, in care politicamente significative riera o meno. Da questo di sorellanza, termine che ha punto di vista, è impossibile un calore maggiore di “alletrovare in Hannah una speciIl giardino (foto di Alberto Giorgio Cassani). anza”. Se avessimo contifica critica del patriarcato. E nuato ad occuparci solo degli la differenza dei corpi, mauomini, c’era da disperare schili e femminili, sono per sulla non insignificanza del nostro genere. Ma chi sono le mie lei, correttamente, a mio avviso, un semplice dato di fatto. Insorelle? Si apre qui un altro e non facile problema». fatti, i corpi non sono politici dal punto di vista biologico, lo diventano immediatamente nei vari contesti culturali. Se A proposito della sorellanza, non credi Paola che riapproavesse avuto tempo, avrebbe condiviso la critica del patriarpriarci dei caratteri politici che la filosofia di Hannah Arendt cato, in quanto forma di oppressione e di negazione della liaveva valorizzato – cioè la pluralità, l’alterità, la libertà, il ribertà. Avrebbe condiviso il darsi reciprocamente forza con il spetto del diverso – ci aiuterebbe a riconoscere la centralità pensiero e con la parola. La madre di Hannah Arendt era stata delle relazioni di sorellanza nella polis e a concepire un tipo una grande ammiratrice di Rosa Luxemburg, alla quale di azione politica basata sull’idea e sulla pratica di una meArendt ha dedicato, nel 1966, un importante saggio. Fin da diazione anche culturale nelle relazioni di sorellanza, piutpiccola quindi sapeva quanto la grandezza possa avere

MAGGIO

2013


48 52 CITTA SOCIETA TC1305:Layout 1 14/05/13 13:16 Pagina 50

50

tosto che sul potere e su un agire strumentale? «Posso risponderti pensando alla mia personale esperienza. Credo che “il riappropriarci” di ciò che per Arendt è “politica” sia possibile solo attraverso un esercizio continuo del pensiero. Sono, infatti, facili le perdite e le disattenzioni, anche quando ci sentiamo sicure di noi. Infatti, il problema non è la pluralità, che è un dato di fatto, ma il riconoscerla come costitutiva della politica, anziché come ostacolo alla politica stessa. La pluralità era tutto sommato più accolta nell’antichità che non nella modernità. Invece la storia, anche recente, è un continuo oscillare fra la esaltazione della reductio ad unum – Un popolo, Una nazione, Una classe, Un genere – e, quando la storia ne mostra l’impossibilità, il conflitto tragico, che spesso finisce in guerra, guerreggiata realmente o agitata in tante altre forme. Ma il problema più difficile, per me, è capire perché “pluralità, alterità, rispetto del diverso”, che trovo spesso bene in fila enunciati e detti, risultino così facilmente disattesi da chi li ha appena enunciati. Questo vale anche per “sorellanza”. Fra l’altro, “sorellanza” non è parola fra le più dette nell’ambito del femminismo italiano, che, in alcuni casi, ha preferito la relazione fra donne all’insegna del rapporto fra madre e figlia, più che la relazione di sorellanza. Per quanto mi riguarda, ho compreso, non senza fatica, che il pensiero si fa habitus solo se diventa pratica consapevole e ripetuta, in grado di “trasformare”. Aristotele insegna, quando evidenzia il nesso fra abitudine e etica. Pratiche trasformative del sé in relazione con – nel nostro caso – sorelle, può diventare azione politica che dalla trasformazione del sé tenta di farsi largo nel mondo, lasciando qualche segno. L’itinerario da me compiuto è stato passare dalla fratellanza teorizzata nel suo valore universale, con il rischio del non riconoscimento delle differenze, alla scoperta che, in questo modo, perdevo la storia del mio essere donna. Qualcosa del genere è accaduto ad Hannah Arendt. A un certo punto è stato per lei necessario assumere su di sé pienamente l’essere ebrea, condizione che la sua famiglia, del tutto assimilata rispetto alla cultura tedesca a cui riteneva di appartenere in toto, quasi le aveva fatto dimenticare. Da quando ho scoperto, tardivamente, la dimensione storica del mio essere donna, ho poi cercato di trasformare in habitus e riflessione, facendo la fatica di tenerla sempre viva – non è facile – la relazione privilegiata con altre donne, all’insegna di una sorellanza civile, che ritengo più politica della relazione fra madre e figlia. Il maternalismo non si differenzia molto dal paternalismo. E fra paternalismo e potere i nessi sono sempre stati stretti, nelle varie forme, anche quelle apparentemente non oppressive che a volte assumono le comunità chiuse. Un mondo di sorellanza deve essere, a mio avviso, senza troppe porte e con molte finestre aperte, dove l’aria, i pensieri, le varie libertà circolino liberamente. Nelle comunità chiuse l’agire strumentale che strumentalizza ha spesso il volto delle buone intenzioni e di un equivoco “bene comune”». Credi allora Paola che, per fare pratica di “sorellanza”, si debba ripartire da rinnovate forme di collaborazione tra persone, società, nazioni, già di fatto fortemente interdipendenti tra loro, molto più che in qualsiasi altro periodo del passato? In tal senso sembra muoversi la filosofa statunitense Martha Nussbaum, che, in un suo recente saggio, sostiene e proclama le ragioni per le quali «le democrazie “hanno bisogno”

CITTÀ E SOCIETÀ

della cultura umanistica». Il suo è un pressante invito ad agire al livello dell’istruzione in direzione di una cittadinanza democratica adeguata al mondo di oggi, altrimenti continueremo ad avere cittadine e cittadini sempre meglio addestrati tecnicamente, ma privi della «sensibilità necessaria alla cittadinanza mondiale». «In realtà – e questo può sembrare contraddittorio rispetto al mestiere che ho fatto, insegnare filosofia alla gioventù – ho visto pratiche di sorellanza anche in chi non sapeva nulla di cultura umanistica; e nessuna pratica di sorellanza, e di fratellanza, in chi di studi umanistici ne aveva molti alle spalle e in corso. Nel discorso di Martha Nussbaum, che comunque considero molto importante, soprattutto laddove sottolinea i limiti della cultura liberale classica, e dei suoi corollari individualistici, mi pare di sentire una eccessiva sopravalutazione della filosofia platonica e del socratismo. La stessa Arendt vide nelle tragedie del Novecento il tracollo della tradizione classica occidentale, e del moderno umanesimo, una cesura che rende impossibile un semplice recupero della tradizione. Inoltre, soprattutto agli inizi della tempesta nazista, Hannah Arendt non si capacitava nel vedere come i suoi colti amici filosofi, che di cultura umanistica ne avevano da vendere, non si rendessero conto della lacerazione in atto, per non dimenticare poi che il suo amato maestro Heidegger, che del pensiero greco classico conosceva tutto, almeno all’inizio ha sostenuto l’antisemitismo di Hitler. Arendt sottolinea come – di fronte alla tragedia nazista – le non numerose prove di resistenza attiva furono compiute soprattutto da persone non particolarmente colte. Se è vero che, come dice Hans Jonas, dopo Auschwitz anche il concetto di Dio va ripensato, figuriamoci se questo non vale anche per la storia, l’educazione, la cultura. L’unico modo per onorare i valori che consideriamo ancora vivi del passato è nella loro conoscenza e conservazione, con gratitudine, e nel procedere oltre. Non a caso la Nussbaum vede nel femminismo un pensiero altro e un oltre che fa i conti con una differenza, la prima che la vita ci pone di fronte. Quando c’è una nascita, la prima cosa che si chiede è: “È una femmina o un maschio?”. E bell hooks, filosofa femminista afroamericana – che vuole scrivere il suo nome con le minuscole e fa suoi il nome della madre e della nonna – dice che, ancora prima del sesso, alla nascita si vede il colore della pelle. Nussbaum ripensa la democrazia in termini inclusivi, e ritiene che non sia democrazia quella che non si pone l’obiettivo di dare un’universale possibilità, non solo di sopravvivere, ma anche di vivere. Nel mondo contemporaneo, dove alla circolazione delle merci ha fatto seguito la circolazione di umani in quantità e modalità mai viste prima, e – è il caso di dire – di ogni “genere” e colore, e dove la stessa sopravvivenza è per molta umanità in questione, credo che il patrimonio della cultura classica sia importante punto di partenza per andare oltre, nel superamento dei vari e rassicuranti dualismi che abbiamo interiorizzato: uomo e donna, Nord e Sud, corpo e anima, umani e altri viventi. In questo superamento di rigidi

Sopra: particolare dello studio;. sotto: particolare della cucina (foto di Alberto Giorgio Cassani).


48 52 CITTA SOCIETA TC1305:Layout 1 14/05/13 13:16 Pagina 51

MAGGIO

2013


48 52 CITTA SOCIETA TC1305:Layout 1 14/05/13 13:16 Pagina 52

52

Sopra: Berlino, Hannah Arendt Strasse;. sotto, un’altro scorcio di Berlino (foto di Mario Tampieri).

dualismi “morti”, ma molto resistenti, perché il riconoscimento di infinite e fra loro diverse e irriducibili soggettività e storie è ostico, la reductio ad unum – l’umanesimo platonico – è impossibile, sia sul piano teorico e conoscitivo, che su quello relazionale. Credo sia impossibile, almeno in tempi storici che possono riguardarci, un’unica koiné di linguaggio e di stile di vita. Per quanto mi riguarda, non lo ritengo neppure augurabile. Piuttosto, mi convinco sempre più che sia in pratiche di contiguità e di convivenza, a partire da chi ci è prossima, che è possibile fare esperienza di pluralità positiva, ma non con – o non solo con – dialoghi socratici teorici, ma con laboratori sociali, culturali e politici, di fronte a problemi da risolvere. Pratiche di sorellanza possono indicare strade solidaristiche che sono già politica, e sorellanza non vuole dire essere identiche. Con pratiche solidaristiche, che già dall’infanzia si possono vivere, senza retorica ed enfasi, ma con la stessa naturalezza con cui si aiuta chi cade a risollevarsi, o si cede il posto a chi fatica reggersi, è possibile creare premesse perché la cultura umanistica possa trasmettersi e andare oltre. Senza dimenticare che anche nell’antichità, e nella modernità, c’era chi diffidava di un umanesimo astratto e antropocentrico. Chiediamoci perché c’è stata a suo tempo damnatio memoriæ per il materialista Democrito, che si definiva cittadino del mondo, o per Diogene, che diceva al grande Alessandro di “non fargli ombra”, tanto poco dava valore al potere dell’imperatore, o per Epicuro, che partiva dai corpi e dal loro “bene stare” e apriva il suo felice giardino anche alle donne e agli schiavi, o per Spinoza, che vanifica ogni dualismo? Forse sta arrivando, in ritardo di millenni e di secoli, il loro tempo. Il tempo di una nuova teologia e di una nuova antropologia. Anche se è necessario darci la consapevolezza che per andare in questa direzione ci sono montagne da spostare e non solo da scalare – è bene saperlo, per non scoraggiarci troppo facilmente – abbiamo, credo, molte ragioni per non dispiacerci della complessità del tempo storico che ci è toccato in sorte» Questa l’intervista a Paola Pattuelli. La sua amicizia è stata un dono inaspettato. Incontrarla, ascoltarla, osservarla, trascorrere e condividere con lei momenti importanti del vivere sociale è per me un insegnamento continuo che mi accompagna. La sua forza pulita è un esempio ed anche una guida.

Curriculum creativo di Paola Pattuelli Sono stata comunista. Non lo sono più. Ma non ho simpatia per chi, comunista un tempo, si dichiara pentito e diventa più realista del re. Ho insegnato filosofia e storia, con piacere. Una lunga esperienza nelle Istituzioni mi ha fatto capire meglio come funziona il mondo e perché spesso non funziona. Le cose più importanti fatte negli ultimi tempi. Difendere la Costituzione da chi vuole sovvertirla. Insegnare la Costituzione nelle scuole. Far vivere, con molte donne e alcuni uomini, l’associazione Femminile Maschile Plurale, perché non l’Uomo, ma donne e uomini, uguali e diversi, abitano la terra. Scoprire che le vecchie e le nuove povertà sono questione politica di primaria importanza, e agire di conseguenza con azioni civili e non caritatevoli. I fiori sono per me fonte continua di felicità.

CITTÀ E SOCIETÀ


MONTI VALERIO TC:Layout 1 13/05/13 14:54 Pagina 1

L’ENERGIA CHE TI AIUTA Scegli il risparmio energetico e fino al 30 giugno 2013 usufruisci delle o del detrazioni fiscali del

50°/°

55°/°

Via Fossombrone, 10 - Ravenna Tel. 0544 470730 - Fax. 0544 471001

www.valeriomonti.net

MAGGIO

2013


54 55 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:13 Pagina 54

54

CITTÀ SOSTENIBILE

Resilienza ravennate Il cambiamento sociale non è una maledizione puo essere un’occasione Dunque la resilienza è, per un sistema sociale, la capacità di affrontare il cambiamento senza perdere la propria identità; è il segno dell’intelligenza con cui una comunità affronta le proprie difficoltà, senza precludersi alle trasformazioni ma anche mantenendo salde le proprie radici, la propria storia, il tessuto connettivo che sostiene la vita quotidiana, gli scambi sociali, il sistema simbolico che sostiene l’intera collettività. È facile riscontrare come l’ambiente urbano sia particolarmente e ordinariamente sfidato dall’esigenza della resilienza, ad esempio, in particolare i centri storici e le periferie. I centri storici, infatti, spesso caratterizzati dalla presenza delle generazioni anziane o da elementi organizzativi e funzionali tradizionali o potenzialmente rigidi, rischiano la stagnazione o il degrado perché rappresentano lo spazio entro cui si esplicitano comportamenti sociali più prossimi alla resistenza che alla resilienza; il rifiuto del cambiamento e l’arroccamento sul passato spesso decretano l’agonia di ambienti che appaiono sempre più estranei o disadattati rispetto ai dinamismi di una città policentrica e cangiante. Le periferie, invece, pur essendo investite da gravi problematiche legate alla qualità della convivenza e dei servizi, beneficiano generalmente di una consistenza demografica più giovanile, eterogenea, investita da processi di mobilità. La resilienza urbana

ABITARE LʼHABITAT

non può però essere considerata un processo spontaneo; necessita di una chiara intenzionalità; è importante annotare come sia generatrice di speranze che, se adeguatamente supportate sul piano culturale e politico, possono preludere a forme feconde di cittadinanza. Uno dei più riusciti esempi in Europa di rigenerazione urbana sostenibile, rimane tuttora la città di Friburgo che ormai da 25 anni ha attivato un processo virtuoso che l’ha portata ad essere uno dei luoghi con la migliore qualità della vita di tutto il continente. I cittadini friburghesi, con coraggio nel 1986, rifiutando la costruzione di una centrale nucleare, decisero di innescare un circolo virtuoso di rigenerazione urbana ottenendone un netto miglioramento degli standard di qualità della vita. Il no al nucleare ebbe da subito ricadute enormi sulle politiche urbanistiche del Comune, che puntò da subito alla costruzione di una città di brevi percorsi, per ridurre il traffico da autovetture e incentivando, dal 1992, la costruzione di edifici energeticamente efficienti. Ciò non volle dire solamente sfruttare l'energia solare per produrre elettricità. Significò, invece, progettare in modo consapevole, sfruttare passivamente la radiazione del sole per riscaldarsi, produrre energia termica grazie al solare termico; il tutto utilizzando intelligenti soluzioni architettoniche che garantiscono un'alta qualità della vita. Il successo della politica comunale in materia di energia solare fondato tanto sulla condivisione di obiettivi energetici, ottenuta attraverso una forte sensibilizzazione dell'opinione pubblica, quanto sulla cooperazione di partner appartenenti a diversi settori di attività. La “Regione Solare” di Friburgo è diventata un modello di sviluppo che attira tuttora l’attenzione di tutto il mondo. In nessuna altra città è possibile trovare così tante aziende, istituti di ricerca associazioni, attività artigianali e cittadini impegnati nell’introduzione e utilizzo dell’energia solare. Una delle chiavi del successo del modello solare a Friburgo è la sua diffusa accettazione da parte della cittadinanza. La coscienza ecologica è supportata fin dalla crescita delle nuove generazioni. Nelle scuole si favorisce l'installazione di impianti fotovoltaici. Ma un circolo virtuoso non si innesca da solo. Friburgo ha perseguito la strada del dialogo e della collaborazione nei rapporti tra cittadini e amministrazione. Questo approccio, in cui l’attenzione alle tematiche ambientali, unite a un’efficace gestione di incentivi all’interno di un progetto condiviso dalla cittadinanza, porta a modificare radicalmente il mercato edilizio nel giro di pochi anni. Questo modello di efficienza verde è stato premiato dai cit-


54 55 TC1305:Layout 1 14/05/13 14:35 Pagina 55

tadini, che per il 50% manifestano politicamente, ancora dopo tanti anni, l’appoggio al maggior partito dell’amministrazione. Tutto ciò ha anche portato ad un equilibrio in materia, che si manifesta nel costante confronto tra il Sindaco e gli Assessorati competenti in merito alle decisioni che riguardano il territorio e lo stile di vita dei cittadini. La politica energetica del Comune fondamentalmente si muove attorno a tre cardini: il risparmio attraverso la qualificazione degli edifici esistenti; l’efficienza attraverso la promozione di sistemi di cogenerazione; l’uso di fonti rinnovabili. Inoltre si è intervenuti anche direttamente sul regolamento edilizio in due direzioni: la qualificazione del patrimonio edilizio esistente e la definizione di standard per le nuove costruzioni. Sono stati finanziati interventi volti a migliorare l’isolamento delle pareti, dei tetti e dei serramenti. A Friburgo si è riusciti ad applicare questi standard più restrittivi attraverso vincoli contrattuali nella vendita di terreni destinati alla costruzione di abitazioni, come i quartieri modello di Vauban e Reiselfeld. L’assunto base della politica dei trasporti è la riduzione dei percorsi e l’integrazione tra essi. Sul fronte della riduzione del traffico si è incentivato lo sviluppo di mercati rionali al fine di stimolare la popolazione a fare commissioni e acquisti a piedi, rinunciando quindi ad utilizzare l’autovettura. Ogni giorno in ognuno dei maggiori paesi dell’Europa Occidentale vengono asfaltati o edificati oltre cento ettari. La domanda sorge così spontanea: come può avvenire lo sviluppo urbanistico consumando meno suolo possibile? La risposta per Friburgo è stata quella di puntare sullo sviluppo interno attraverso il recupero o la riedificazione di aree all’interno della città. Operando in questo modo, si preservano aree agricole o aree con valore ecologico, si ringiovaniscono i quartieri e si ottimizza l’utilizzo dell’infrastruttura esistente, evitando investimenti e cantieri per quelle nuove. Questo modello comporta anche qualche svantaggio come l’aumento della densità edilizia e del traffico, la perdita di superfici libere, lo squilibrio del microclima. Proprio per tali ragioni lo sviluppo interno richiede un grande lavoro di pianificazione e di dialogo con la cittadinanza con processi partecipativi particolarmente attenti. Uno degli obiettivi raggiunti, la riduzione del fabbisogno di trasporto attraverso una pianificazione integrata fra urbanistica e trasporti. Lo sviluppo interno, anche attraverso una politica di rivitalizzazione della vita dei quartieri, crea una città di brevi percorsi utilizzabili facilmente in bicicletta, il mezzo preferito quotidianamente dal 38% dei cittadini. Alla luce di quanto sopra e con poche elementari deduzioni non sarebbe il caso di cominciare a fare qualche seria riflessione su quale futuro vogliamo per la nostra città considerando semplicemente che: Ravenna è sede del Polo Tecnologico Regionale; ci sono una quantità enorme di aree industriali da riconvertire; è stata una delle città col maggior consumo di territorio; è candidata per la nomina di Capitale europea della cultura 2019, è nell’urgenza di attivare azioni di riqualificazione e rivitalizzazione del Centro Storico, è sempre stata una città naturalmente vocata all’uso della bicicletta... C’è di che meditare, e anche molto!

Impianti elettrici civili e industriali Progettazione e realizzazione impianti ad energie rinnovabili impianti tecnologici

Via della Cooperazione 5 Alfonsine (RA) tel. 0544.869902 fax 0544.865623 Cell. 335.5222550 Simone Cell. 334.6559224 Massimiliano s.argelli@alice.it

Marco Turchetti [Progettare Sostenibile - Ravenna] info@progettaresostenibile.com

APRILE

2013


56 TC1305:Layout 1 14/05/13 13:12 Pagina 56

56

CONSULENZA E INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE

Parola chiave: collaborazione Come le api a primavera ecco ripartire la ricerca di nuovi spazi dove abitare Opportunità dall’estero In questo momento di difficoltà congiunturale e sistemica, che Fiaip si è impegnata a superare promuovendo nuove occasioni di formazione, aggregazione e collaborazione tra colleghi, ogni momento di incontro, dialogo e scambio di esperienze assume un significato particolare, sia dal punto di vista umano che da quello professionale. Collaborazione è dunque la parola-chiave all’insegna della quale desideriamo impostare comunicazione istituzionale e attività professionale, per regalare una connotazione finalmente positiva a un 2013 che, salutato con sollievo l’insediamento del nuovo governo (con la speranza di non essere smentiti nel momento in cui leggerete questo articolo), vorremmo ricordare per una ritrovata stabilità, una più forte coesione tra le parti sociali e un’interazione più proficua e democratica tra cittadini, professionisti e istituzioni. I risultati di una recente indagine spingono a un cauto ottimismo, con il primo trimestre dell’anno che registra un aumento del numero di chi pensa che sia un buon momento per comprare casa: la propensione all'acquisto immobiliare torna a salire oltre la soglia psicologica del 50%, arrivando al 55% e facendo segnare ben sei punti percentuali in più rispetto ad un anno fa. Gli spunti per implementare una collaborazione efficace - che sappia trarre vantaggio da questi dati confortanti - non provengono solamente dai casi di scuola e dai libri di management, ma dalla natura stessa e dai suoi riti millenari. Thomas Seeley (Honeybee Democracy, Princeton University Press, 2010) ci racconta come due terzi delle api all’interno dell’alveare decidano, all’arrivo della primavera, di cercarsi una nuova casa, più spaziosa e confortevole, mentre il rimanente terzo rimarrà dov’è per allevare e nutrire una nuova regina. Delle migliaia di piccoli insetti che partono alla volenterosa ricerca di un nuovo quartiere dove abitare, la maggior parte si mettono al lavoro per creare un rifugio temporaneo mentre alcune centinaia spiccano il volo in direzioni diverse nel tentativo di trovare un nuovo posto dove mettere su casa. Queste “esploratrici” ritornano poi alla base individualmente, portando informazioni sulla qualità e l’ubicazione delle soluzioni trovate mediante un curioso movimento che assomiglia a una danza. In questo modo esse convincono altre api a seguirle per visitare “l’immobile” (come lo chiameremmo noi), che di ritorno si uniranno alla danza – se soddisfatte delle caratteristiche di quanto visto – per convincerne altre ancora a prendere in considerazione la proposta. Questo straordinario processo di collaborazione e comunicazione continua per 24-48 ore, al termine delle quali saranno state prese in esame diverse possibilità e sarà stato raggiunto un consenso spontaneo, progressivo e ai nostri occhi gioioso, per la naturale individuazione di quella più adatta. Tornando al nostro mondo, nel quale non mancano problematiche complesse e strumenti di comunicazione che possono aiutare a superarle, per noi collaborazione significa fornire agli operatori del settore i supporti conoscitivi utili a erogare un servizio migliore al cliente, cogliendo proprio nella sua totale e durevole soddisfazione – unico parametro per valutare un lavoro ben fatto - ogni nuova opportunità che un clima di ripresa riuscirà a presentare. La ricerca di nuove prospettive di crescita non deve però limitarsi al dato nazionale, dal mo-

MERCATO IMMOBILIARE

mento che diversi indicatori confermano un futuro sempre più internazionale per il mercato degli immobili. Come le api descritte da Seeley, dobbiamo avere il coraggio di confrontarci ed esplorare (posti, persone, possibilità) al fine di allargare gli orizzonti stipulando convenzioni, partecipando a fiere di settore, scambiandoci le esperienze e perfezionando la conoscenza delle lingue, consapevoli del fatto che sono in continuo aumento sia gli stranieri interessati ad acquistare casa in Italia, sia gli italiani interessati a comprare casa all’estero. Stando ai dati rivelati al Sole24Ore da alcuni siti specializzati, il 2% delle ricerche immobiliari in Italia è oggi proveniente dall’estero, quota che sale al 9% se ci limitiamo al settore del lusso. Chi sono gli stranieri che cercano casa in Italia? In prima linea troviamo i tedeschi, che ancora guardano al Bel Paese come al luogo ideale per trascorrere le vacanze o gli anni della pensione: la Germania da sola rappresenta il 17% delle ricerche immobiliari in Italia provenienti dall’estero, seguita dalla Svizzera (14%) e dalla Gran Bretagna (10%). Scorrendo la lista, poi, non mancano alcune sorprese, con sempre più richieste provenienti da Brasile, Slovacchia e Slovenia, mentre la nostra ForlìCesena si rivela la provincia più ambita dai cittadini dei Paesi Bassi. Il mercato estero non deve dunque essere percepito come una risorsa esotica a disposizione di pochi, ma un canale che può aiutare tanto il venditore/acquirente quanto il professionista a incrementare le proprie opportunità di affari, aumentando il raggio d'azione e sviluppando un nuovo concetto di business all’insegna dello scambio internazionale. Attraverso una visione ampia e moderna, orientata alla condivisione ed alla conoscenza del nuovo, Fiaip conferma dunque una disponibilità al confronto che le ha permesso di diventare punto di riferimento insostituibile per CEI Confédération Européenne de L'Immobilier e NAR – National Association of Realtors: la ricerca di stimoli e percorsi inediti, un ritrovato spirito collaborativo e la voglia di investire in trasparenza caratterizzano la visione di una Federazione moderna, concreta e vicina al suo territorio, desiderosa di regalare a ciascun cliente lo stesso entusiasmo di un’ape ballerina che ha finalmente trovato una nuova casa. Gian Battista Baccarini Presidente Regionale FIAIP Emilia-Romagna


COP CAMINO:Layout 1 13/05/13 10:39 Pagina 2

Via Faentina 218s - Fornace Zarattini Ravenna tel. 0544 463621 - www.ravennainterni.com

www.facebook.com/RavennaInterniM

MAGGIO 2013


n. 82 MAGGIO 2013 TROVACASA PREMIUM.

Pavimento in legno per esterni Deck Tavar

Editore Reclam Edizioni & Comunicazione srl . viale della Lirica 43 . 48124 Ravenna . Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8/11/2004 . Redazione 0544.271068 . redazione@trovacasa.ra.it . Pubblicità 0544.408312 . info@trovacasa.ra.it

COP CAMINO:Layout 1 13/05/13 10:39 Pagina 1

RAVENNA n. 82 maggio

2013

ALL’INTERNO

offerte immobiliari INFORMAZIONI AFFARI E ABITARE CASA BELLA CASA

con ANNUNCI fotografici

| TOPOGRAFIA E STORIA | CITTÀ E TEMPO | CITTÀ E SOCIETÀ | PENTOLE E PROVETTE | STATO DELLʼARTE


TCP 05-2013