Issuu on Google+

TROVACASA PREMIUM.

n. 78 NOVEMBRE-DICEMBRE 2012 Editore Reclam Edizioni & Comunicazione srl . viale della Lirica 43 . 48124 Ravenna . Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8/11/2004 . Redazione 0544.271068 . redazione@trovacasa.ra.it . Pubblicità 0544.408312 . info@trovacasa.ra.it

00 TC1212 01:Layout 1 05/12/12 10:25 Pagina 1

RAVENNA n . 78 novembre dicembre

2012

SOLO SU TROVACASA

offerte immobiliari più di mille

INFORMAZIONI AFFARI E ABITARE

CASA BELLA CASA

ANNUNCI

| DIDATTICA E PROGETTI | TOPOGRAFIA E STORIA | RIQUALIFICAZIONE URBANA | PENTOLE E PROVETTE | ABITARE CON STILE


00 TC1212 01:Layout 1 05/12/12 10:25 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


RAVENNA INTERNI TC:Layout 1 06/12/12 07:29 Pagina 2

contenuti

04 14 26 38 46 58 62

casa bella casa

topografia e storia

didattica e progetti

testimonianze

arti e design

novembre dicembre 2012

La villa Gamberini a Milano Marittima, buen retiro immerso nella pineta di Paolo Bolzani

Il potere dell’acqua: ancora sulla dominazione veneziana a Ravenna fra ‘400 e ‘500 di Pietro Barberini

Dar sa-nah: fabbrica di costruzioni, fabbrica d’idee all’Accademia di Belle Arti di Alberto Giorgio Cassani

Epaminonda Ceccarelli, ingegnere ravennate di terra e di mare di Domenico Mollura

Faenza - Faiance, l’arte della terra e del fuoco fra tradizione e innovazione di Paolo Bolzani La leggerezza e l’artificio Il design Kartell fra storia e futuro

abitare con stile

città e società

di Chiara Bissi

Via della povertà. Riflessioni sulla giornata mondaile del 17 ottobre di Marina Mannucci

Via Faentina 218s - Fornace Zarattini Ravenna tel. 0544 463621 - www.ravennainterni.com

offerte immobiliari

Universo Immobiliare . Savorani&Co 12 . Jolly Service . Mazzini 13 . Case d’Autore 21 . Case d’Autore . Savorani&Co. 22 . Euroimmobiliare 23 . Futura . Eurocase 24 . Gesticasa . Idea Casa 26 . Scor . Scor Forese . F.lli Savorani 35 . Francesca Leonzi . Russi Casa 36 . La Dimora di Magdala . Studio Effe 36 . Snoopy Casa 44 . CMCF 49 . Baccarini 51 . Borgo Morandi 52 . Casacooptre 61 . Eurobusiness 67 .

fotografie NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


ARTEPARQUET TC:Layout 1 06/12/12 05:31 Pagina 1

TROVACASA PREMIUM


08 ARREDO TC:Layout 1 06/12/12 05:40 Pagina 1

edizione di Ravenna

Controcopertina ...Un angolo del giardino è stemperato dall’esile tronco di un corbezzolo, cui si affianca a sinistra una rosa rampicante gialla, detta del Buon Governo. D’altra parte una Bignonia si arrampica su una Forsythia fino a descrivere un arco verde, che scende dalla parte opposta su una rosa ad alberello, sotto cui si trova un pianta di camelia, prossima all’area delle essenze aromatiche...

Autorizzazione Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8 novembre 2004 Direttore responsabile: Fausto Piazza Consulenza redazionale: Paolo Bolzani Collaborano alla redazione: Andrea Alberizia, Federica Angelini, Pietro Barberini, Roberta Bezzi, Chiara Bissi, Alberto Giorgio Cassani, Serena Garzanti (segreteria), Maria Cristina Giovannini (grafica), Linda Landi, Marina Mannucci, Luca Manservisi, Domenico Mollura, Serena Simoni.

vi invitano il 15 dicembre 2012 dalle ore 10:00 all’inaugurazione dello shoowroom

Progetto grafico: Quadrastudio - www.quadrastudio.info Referenze fotografiche: Maurizio Montanari, Paolo Genovesi, Fabrizio Zani Redazione: tel. 0544.271068 redazione@trovacasa.ra.it - www.trovacasa.ra.it

Editore: Reclam Edizioni e Comunicazione srl viale della Lirica 43 - 48124 Ravenna - tel. 0544.408312 info@reclam.ra.it - www.reclam.ra.it Direttore generale: Claudia Cuppi Stampa: Tiber spa - Brescia - www.tiber.it

www.trovacasa.ra.it

Forlì, via Domenico Martoni 9/B

con la partecipazione straordinaria di Lucio Cecchinello del Team LCR Honda Info tel. 0543.798471 NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:42 Pagina 4

4

La villa immersa nella pineta della cittĂ  giardino Prosegue il felice dialogo tra natura e architettura a casa Gamberini nella IX Traversa di Milano Marittima Nelle foto, due scorci del grande soggiorno, dal tetto in legno a vista. In prossimitĂ  della grande vetrata il camino ben disegnato da Vallerani; a seguire il tavolo da pranzo e il mobile bar, che riprende il motivo di una mezza botte per trasformarlo in un disegno neoclassico a riquadri a sviluppo poligonale.

CASA BELLA CASA


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:42 Pagina 5

5

Là dove il pino domestico dei viali si ricongiunge alla compagnia del pino marittimo e al fitto sottobosco selvatico, paesaggio intricato di arbusti e rovi e attraversato da sentieri che si perdono nella macchia verde, qui si trova la villa di Milano Marittima dell’avvocato Alberto Gamberini di Ravenna, che l’ha nominata “il lupo”, in omaggio al giovane esemplare di pastore tedesco che vive con la famiglia, a contatto con il respiro silenzioso del bosco cresciuto sulle dune prossime al mare, con i suoi aromi e suoni.

di Paolo Bolzani

In occasione dell’ultimo numero si è parlato della villa di Milano Marittima, posta all’incrocio tra la IX traversa e viale Matteotti, e in cui ci eravamo imbattuti in una duna sabbiosa, nascosta sotto la villa stessa. In questo numero ci attardiamo ancora una volta nella stessa traversa della località regina del litorale ravennate, e in particolare nel breve pezzo di strada che ci allontana dal traffico del grande viale per spingerci verso ovest, fino a giungere al limitare della pineta. Là dove il pino domestico dei viali si ricongiunge alla compagnia del pino marittimo e al fitto sottobosco selvatico, paesaggio intricato di arbusti e rovi e attraversato da sentieri che si perdono nella macchia verde, un tempo si raccoglieva la legna e le pigne (pègna) e i pinoli (pignòl), le sgobbole (sgòbla; pigna vuota) e gli scapioli (scapiöl; scaglia di pigna, inteso come nocciolo del pignolo). E la memoria collettiva getta un breve pensiero al lavoro dei pignaroli e alla non lontana tardo settecentesca Casa delle Aje, sorta come struttura colonica destinata alla lavorazione delle pigne. Le ville di Milano Marittima erette lungo la pineta hanno un fascino in più, perché sono a contatto con il respiro silenzioso del bosco cresciuto sulle dune prossime al mare, con i suoi aromi e suoni. Voltandoci verso il sole,

NOVEMBRE DICEMBRE

2012


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:42 Pagina 6

6

La facciata si distende di fronte a noi, con la sua finestra ad oblò e con i suoi tetti asimmetrici a falda in legno, che nei cornicioni si ornano di gattelli reggi mensola sagomati in punta, e con la sua leggera tettoia a portico, su cui risale, a destra, un sontuoso esemplare di rincospermum jasminoides proveniente da una base strisciante e tappezzante costituita da una pianta di Cotoneaster e da una di Vinca minor, mentre l’angolo è stemperato dall’esile tronco di un corbezzolo, cui si affianca a sinistra una rosa rampicante gialla, detta del Buon Governo.

Nelle foto: il disimpegno centrale ornato da una serie di opere, in prevalenza musive, di Ines Morigi Berti e Antonio Rocchi; una zona lettura, con una chaise longue di Le Corbusier e lo spazio fra il disimpegno e l’attacco delle scale in legno, omaggiate da copie di opere glamour di Jack Vettriano.

CASA BELLA CASA


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:42 Pagina 7

a sud, dietro una cancellata verde, si trova la villa dell’avvocato Alberto Gamberini di Ravenna, che l’ha nominata “il lupo”, in omaggio al giovane esemplare di pastore tedesco che vive con la famiglia. Si tratta di un fabbricato basso, che stacca con la propria tinta gialla sul verde intenso che lo avvolge, come se la pineta si fosse mossa, attraversando lo stradello che la bordeggia e scavalcando la bassa recinzione ricoperta di edera e di piante di more, per entrare nel giardino con i propri avamposti: pini domestici e marittimi, ma anche alcuni pini neri, che da noi si chiamano zappini. Entriamo dal cancelletto pedonale. La villa venne realizzata nel 1998, su progetto dell’architetto Veniero Vallerani di Cervia, costruita per sé come ampliamento di una precedente costruzione di minore dimensione e importanza. La facciata si distende di fronte a noi, con la sua finestra ad oblò e i suoi tetti asimmetrici a falda in legno, che nei cornicioni si ornano di gattelli reggi mensola sagomati in punta, e con la sua leggera tettoia a portico, su cui risale, a destra, un sontuoso esemplare di rincospermum jasminoides

Dall’alto nella pagina: le camere da letto al piano terra, il grande letto matrimoniale di Raffaello Biagetti, la simpatica sequenza a quattro letti azzurri per ospiti nella mansarda; il letto in ferro battuto della figlia dei proprietari, e il bagno della zona giorno.

NOVEMBRE DICEMBRE

2012


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:43 Pagina 8

8

In un angolo del giardino, appartata nel lato sinistro si trova un’autentica Lambretta del 1953, cui fa da pendant un Guzzi 125 Stornello del 1969. Sono i ricordi di adolescenza del padrone di casa che spiega: «la Lambretta, il Guzzi rappresentano il ritorno alla mia infanzia, così come l’acquisto di questa casa rappresenta il conseguimento del sogno di una vita. Ho sempre adorato Milano Marittima e ho sempre pensato ad un villino come questo, posto al confine con la pineta. Quando il mercato l’ha consentito ho scelto questo luogo, perché mi consente di andare in pineta quando voglio. Questa non è una casa per le vacanze, perché con mia moglie Flavia ci piace abitarla anche in tutti gli altri periodi dell’anno».

(detto anche falso gelsomino o gelsomino invernale), proveniente da una base ad effetto strisciante e tappezzante risolta da una pianta di Cotoneaster (Cotognastro) e da una di Vinca minor (Pervinca minore), mentre l’angolo è stemperato dall’esile tronco di un corbezzolo, cui si affianca a sinistra una rosa rampicante gialla, detta del Buon Governo. Ecco di nuovo la natura risalire al centro della tettoia con una pianta di gelsomino, mentre nell’angolo di sinistra una Bignonia si arrampica su una Forsythia fino a descrivere un arco verde, che scende dalla parte opposta su una rosa ad alberello, sotto cui si trova un pianta di camelia, prossima all’area delle essenze aromatiche: rosmarino, timo, salvia, origano e lavanda. A destra dell’ingresso pedonale si trova la tettoia-pergola per le auto, omaggiata da una rosa rampicante bianca (Regina dei Ghiacci) e da una vite di Uva Fragola,

Nella pagina alcuni immagini del giardino ricco di essenze e dell'esterno della villa caratterizzata da una finestra a oblò e da tetti asimmetrici a falda in legno.

CASA BELLA CASA


RAVAIOLI LEGNAMI TC:Layout 1 06/12/12 05:44 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


4-10 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:45 Pagina 10

10

10

tipica scelta ornamentale da giardino, in quanto matura ad inizio agosto e ne troviamo i grappoli fino alla fine di ottobre. Mentre percorriamo il sentiero sinuoso in riquadri a lastre di porfido ad opera incerta, bordato da grandi vasi di ortensie e da una vecchia ceppaia di alloro, scorgiamo a destra un ligustro in dialogo con cespugli di rose Baccara. Se proseguissimo nella parte posteriore della villa, troveremmo l’area delle piante da frutta, con un pesco e un prugno selvatico. Grande tutore del giardino è Davide Spadoni, formatosi nelle collaborazioni con il paesaggista Andrea Biondi e affinatosi con il vivaista Bruno Landi e gli architetti del verde dello Studio Gueltrini-Stignani. In un angolo del giardino, appartata nel lato sinistro si trova un’autentica Lambretta del 1953, cui fa da pendant un Guzzi 125 Stornello del 1969. Sono i ricordi di adolescenza del padrone di casa che spiega: «la Lambretta, il Guzzi rappresentano il ritorno alla mia infanzia, così come l’acquisto di questa casa rappresenta il conseguimento del sogno di una vita. Ho sempre adorato Milano Marittima e ho sempre pensato ad un villino come questo, posto al confine con la pineta. Quando il mercato l’ha consentito ho scelto questo luogo, perché mi consente di andare in pineta quando voglio. Questa non è una casa per le vacanze, perché con mia moglie Flavia ci piace abitarla anche in tutti gli altri periodi dell’anno». Entriamo nel vasto soggiorno, attraversando la lunga vetrata rivolta al prato di dicondra,

In primo piano nel giardino della villa come elemento ornamentale una Lambretta del 1953, oggetto culto del padrone di casa

CASA BELLA CASA

festuca e apoia. Si tratta un ambiente importante, dal tetto in legno a vista, omaggiato dal camino ben disegnato da Vallerani. Vi si affianca un Covone di Giulio Ruffini, autore tra i preferiti da Gamberini; infatti nella parete opposta alla vetrata ne troviamo altri due, collocati vicino al tavolo da pranzo e al mobile bar, che riprende il motivo di una mezza botte per trasformarlo in un disegno neoclassico a riquadri a sviluppo poligonale, che diviene il perno centrale della parete. Da qui passiamo ad un disimpegno centrale ornato da una serie di opere, in prevalenza musive, di Ines Morigi Berti e Antonio Rocchi. La piccola galleria musiva conduce ad un’area appartata in cui si trova la zona lettura, incentrata sulla chaise longue di Le Corbusier e in cui si trova la libreria bianca che ospita, tra i tanti, i tomi dell’Enciclopedia Britannica e la raccolta della rivista «Novità» degli anni Sessanta e «Carné», mensile di life style e belle case del periodo di Giò Ponti. Il disimpegno si snoda tra l’attacco delle scale in legno, omaggiate da copie di opere glamour di Jack Vettriano, il bagno della zona giorno e le camere da letto al piano terra, dove si trova quella della figlia Laura, dal letto in ferro battuto, che rimanda al grande letto matrimoniale dei genitori, di Raffaello Biagetti, per finire nella simpatica sequenza a quattro letti azzurri per ospiti della mansarda.


EDILRAVENNA TC:Layout 1 06/12/12 05:47 Pagina 2

Via Aldo Bozzi, 77/79 - Ravenna Tel. 0544.278360 - Fax 0544.278506 commerciale@edilravenna.it - www.edilravenna.it

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 05:51 Pagina 12

12

Ravenna, via degli Spreti, 71 tel. 0544 501515 cell. 338.3680378 agenziaromagna@alice.it viaRavenna XX 155 ..Rav . tel.Mama, 000 000000 Via San 112 www.xxxxx info@xx _immobiliare@libero.it tel. 0544 271066 . fax 0544 281035 . universo

ZONA VICOLI Casa singola in ottimo stato d'uso di recente costruzione con ottime finiture; pt giardino perimetrale, ingresso, soggiorno con camino, ampia cucina, dispensa e ripost.; piano semint.: taverna con camino e forno a legna, bagno con vasca a pavimento in muratura, lavanderia/bagno, servizi uso ripost., garage doppio, p. auto coperto; piano 1°: 2 letto con cabina armadio, una letto singola, bagno e 4 balconi; piano 2°: ampio terrazzo in parte abit. e chiuso con veranda. Risc. a pavimento, aspirazione centraliz., aria condiz. Rif. 735 Info in agenzia

ZONA ANTICA MILIZIA Appartamento di nuova costruzione su 2 livelli: sala, cucinotto separato, ripost., bagno con doccia, ampio balcone. Al piano superiore 2 letto, bagno e disimp. Risc. a pavimento, legno ovunque, predisp. aria condiz., sanitari sospesi. Cantina e p. auto coperto. Rif. 838 € 245.000,00 tratt.

PIANGIPANE A 5 minuti da via Faentina ampio rustico di circa 600 mq da ristrutturare con annesso capannone di circa 200 mq finito su lotto di terreno di 8000 mq circa. Si valutano permute. Rif. 850 € 400.000,00 tratt.

CENTRO STORICO Tipica casa cielo terra abbinata ai lati con ingresso indip.: sala con angolo cottura, possibilità delle 3 camere, 2 bagni. Da ristrutturare. Rif. 847 € 150.000,00

TROVACASA PREMIUM

CENTRO STORICO Stupenda villetta abbinata ai lati di recente ristrutt. con finiture di pregio: ingresso indip., ampia sala con camino, cucina abit. con affaccio su cortiletto interno, studio, bagno. 1°P.: 2 camere matrim., bagno, balcone. Mansarda dove ricavare 3a letto e bagno. Poss.in corpo staccato di garage con 2 posti auto. Classe Energ. F. Rif. 834 € 390.000,00

SAN PANCRAZIO Due villette abbinate allo stato del grezzo avanzato entrambe su un unico livello, lotto di 2300 mq; sala con camino, cucina abit., 3 letto matrim., mansarda, 2 bagni, ripost. Predisposizione aria condiz. in tutti i vani. Possibilità di parziale permuta. Rif. 821 € 297.000,00

SAN BIAGIO, VIA ROTTA Appartamento al 2° ed ultimo piano completam. ristrutturato: ingresso, soggiorno, cucina abit., disimp., 2 letto matrim., bagno, balcone, garage e ampia cantina. Risc. aut., impianti a norma, legno nella zona notte, aria condiz., parzialm.arredato. Rif. 702 € 185.000,00 tratt.

PIANGIPANE Appartamento di nuova costruzione sito al 2° ed ultimo piano: sala, cucinotto separato, camera matrim., camera singola, bagno con doccia, balcone. Cantina e posto auto coperto al P. terra. Parquet ovunque. Rif. 760 € 145.000,00

CENTRO STORICO casa indip., abbinata ad un lato con ampia area a giardino/corte di circa 200 mq. La casa è suddivisa su 3 livelli, piano seminterrato, piano terra e 1° piano di circa 100 mq. per piano, nella corte c’è un garage e la possibilità di parcheggiare diverse vetture. Ideale per chi vuole realizzare un’unica abitazione o più appartamenti. € 295.000,00 tratt. S. BIAGIO/FAENTINA appartamento carino e riservato, al 2° P. con ascensore, in piccola palazzina costruita nel 2000. Soggiorno con terrazzo a loggia, cucinotto arredato, letto matrimoniale con secondo terrazzo, disimpegno, bagno con doccia. P. Int. Cantina. Possibilità di box auto. Libero su 3 lati. Tutto parquet, impianti a norma, risc, aut. Zona silenziosa Prezzo interessante RAVENNA, ZONA DRIBBLING Ultimo ATTICO al 3° ed ultimo piano. Elegante, rifinito, con affaccio libero. Soggiorno con terrazzo abitabile, cucina, ripostiglio, 2 letto, 2 bagni. Posto auto coperto e cantina. Riscaldamento a pavimento. Prezzo interessante S. BIAGIO Appartamento al 1°ed ultimo piano in piccola e recente palazzina senza condominio. Ampio soggiorno con cucina a vista, letto matrimoniale e bagno. Mansarda attrezzata con seconda letto, bagno e ripostiglio. P.T. posto auto e cantina. Impianti a norma. Possibilità di ampliamento con bilocale mansardato abbinato. € 170.000,00 tratt. ZONA IPPODROMO/CENTRO In zona bella e tranquilla a due passi dal centro, casa indip. di circa 230 mq con bel giardino sul retro di oltre 140 mq.; attualmente utilizzata in parte come negozio ed il resto come appartamento. Possibilità anche di cambio d’uso per ottenere una villa unica con spazi ampi e 4 letto. Possibilità di parcheggiare 3 auto. Da ristrutturare. € 260.000,00 tratt. PIANGIPANE Recente app.to in villetta con ingr.autonomo. 1° P.: balcone d’arrivo, soggiorno con camino, cucina, terrazzo verandato con camino, bagno/lavand., disimp., 2 letto, bagno con doccia. Soppalco con accesso a mansarda attrezzata da camera da letto, bagno con doccia, ripost. e terrazzo vista parco. P. Interrato: garage per 2 auto e grande cantina. € 230.000,00 S. MICHELE Villetta d’angolo di buone dimensioni, recente con ampio giardino ad angolo di oltre 120 mq. la villa si compone di ingresso, soggiorno, cucina, bagno, garage e posto auto. 1° P. 2 letto matrimoniali, balcone e bagno. Mansarda abitabile ad uso studio e predisposizione per ampliamento per terza letto. Impianti a norma. Classe “F” EP 200,30 € 220.000,00 tratt.


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 05:51 Pagina 13

13

Circonvallazione alla Rotonda dei Goti 6 Ravenna . tel. 0544 456906 cell. 335 1362634 info@jollyimmobiliare.net www.jollyimmobiliare.net

OCCASIONE ZONA CHIAVICA ROMEA VENDESI NEGOZIO di circa 80 mq recente costruzione con 2 ampie vetrine su loggia fronte strada, garage e posto auto coperto. Zona in grande espansione con negozi, esercizi pubblici e uffici. Rif. NE05 € 175.000,00 tratt.

VENDITE APPARTAMENTI S.BIAGIO Zona tranquilla e immersa nel verde in contesto condominiale al 3° e ultimo piano senza ascensore, luminoso e ampio appartamento: ingresso, sala, cucina vivibile con balcone loggia, 2 letto matrimoniale, bagno con doccia e vasca. Ripostiglio. PT Garage. Risc. centr. Ristrutturato. Rif. AP154 € 155.000,00 MARINA DI RAVENNA

letto, bagno. P2 mansardato 3° camera da letto con cabina armadio, 2° bagno ben rifinito con vasca idromassaggio e travi a vista. PT giardino di circa 200 mq posto auto. Imp.a norma e certificati, classe energ. F. Rif. C106 € 198.000,00 tratt.

ZONA STADIO In stabile di poche unità al I° P. senza ascensore, app.to spazioso: ingresso, cucina abit., sala con balc., ampio bagno. PT garage e cantina da rinfrescare. Classe energ. G. Rif. AP156 € 170.000,00 tratt.

RAVENNA – ZONA TEODORICO

Casa abbinata a un lato, contesto silezioso e tranquillo in riva al fiume; 1P: ingresso, sala con camino, cucina con camino; PT: due camere da letto, soppalco e 2 bagni. Piccolo cortile interno, cantina e giardino su 2 lati. Da rimodernare. Certif.energ. G. Rif. C100 € 190.000 tratt.

Vendesi delizioso appartamento posto all’ultimo piano di piccola palazzina, con ascensore e risc. aut. Composizione: ingresso, soggiorno con ang. cottura in nicchia, splendido terrazzo vivibile che gira su 3 lati, 2 camere da letto, 2 bagni, scala in muratura, sottotetto vivibile con terrazzo. Garage e cantina al piano interrato. Classe energetica D; EP: 97,93 € 320.000,00 tratt.

RAVENNA VIA BASSANO DEL GRAPPA Vendesi appartamento di ampia metratura, completamente ristrutturato, composto da ingresso, soggiorno, cucina abit., disimp. con armadio a muro, 3 letto, 2 bagni, 2 balconi. Garage e cantina al piano terra. Riscaldamento centralizzato. Classe energetica G. € 210.000,00 tratt. MADONNA DELL’ALBERO (RA)

RAVENNA – V. DI ROMA In zona centrale, vendesi bilocale, completamente ristrutturato e arredato, composto da ingresso, soggiorno con ang.cottura, camera da letto, bagno. Ottima posizione. Valido anche come investimento. Classe G; EP: 235,86 € 105.000,00 RAVENNA, AD.ZE PIAZZA MAMELI Vendesi appartamento di ampia metratura, da ammodernare, composto da ingresso, soggiorno, cucina, 3 camere da letto, 2 bagni, balcone, garage. Risc. aut. Classe energetica G. € 250.000,00

Villetta ad angolo con ampio giardino sui 3 lati, PT: ingresso nella sala, sala, cucina abitabile, bagno, tavernetta. PP 3 ampie letto, bagno, balconi, aria condizionata. Ottime rifiniture. Certificazione energetica classe F. Rif. C102 € 300.000,00

che porta nel soppalco uso camera da letto (possibilità di ricavare una seconda cameretta). Garage di proprietà. Classe energetica D; EP: 115,95 € 215.000,00 tratt.

PUNTA MARINA TERME (RA) Ad un km dal paese, vendesi terreno di mq 3000, uso orto, con insita casetta in legno adibita a ricovero attrezzi. Sono presenti le utenze di luce e acqua. Maggiori informazioni in agenzia € 115.000,00

ZONA BORGO MONTONE

SAN MICHELE

A due passi dal centro e dal mare, app.to al 2° piano con ascensore in recente palazzina: ampia sala con balcone, angolo cottura, camera da letto matrim., 2° cameretta, bagno risc.aut. classe energetica in fase di definizione. Completo di arredo. Rif. AP155 € 225.000,00 tratt.

via G. Mazzini 9 . Ravenna . tel. 0544 1950354 . cell.349 6351868 www.mazzinicasa.com . info@mazzinicasa.com

RAVENNA – VIA MAZZINI Vendesi splendido loft di ampie dimensioni, posto al primo piano e composto da ingresso, antibagno e bagno, ampia sala con possibilità di camino, cucina a vista, scala in arredo

Splendida abbinata ad un lato, con ottime rifiniture di pregio + garage e giardino di mq 150 che gira su 3 lati. Composizione: P.T.: soggiorno spazioso, cucina abitabile, bagno; P.P.: 3 letto, bagno, 2 balconi a loggia; al piano superiore ampio sottotetto abitabile. Classe energetica D; EP: 94,95. Materiale fotografico in agenzia. € 390.000,00 tratt.

ATTIVITÀ E UFFICI ZONA VIA PERTINI Al 4° ed ultimo piano, luminoso e recente ufficio di circa 100 mq, stabile di nuova costruzione, 3 posti auto di pertinenza. Possibilità di leasing. Certificazione in fase di definizione. Rif. UF07 € 200.000,00

AFFITTI VENDITE CASE A CIRCA 6 KM DALLA CITTÀ Porzione di casa in antico casale ristrutturato, ottime finitre: PT ingresso indipendente, ampia sala con travi in legno, angolo cottura con cucina a vista curata nei particolari. 2 camere da

CANALE MOLINETTO In contesto condominiale 3° ed ultimo piano, app.to non arredato: sala con balcone, cucina, 2 bagni, 2 camere da letto, PT garage. Risc.aut. Certificazione in fase di definizione. Rif. AF131 € 650,00 mensili

S. BARTOLO (RA) In condominio immerso nel verde, vendesi delizioso appartamento al P.P. con ingresso indipendente e splendido giardino di proprietà. Composizione: soggiorno con angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, scala in arredo che porta nel sottotetto uso 3° letto con cabina armadio. Risc. aut. Ampio parcheggio esterno. Classe energetica F; EP: 187,53. € 195.000,00

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:52 Pagina 14

Il potere dell’acqua Il “mestiere” di Venezia: bonifica e regolazione idrica per produrre lino e canapa di Pietro Barberini Il segno di Venezia nella campagna ravennate è lasciato dalla toponomastica più che dai mattoni: gli edifici rurali costruiti verso la fine del XV secolo sono andati perduti, ricostruiti o rimaneggiati, hanno lasciato un ricordo ancor vivo nelle popolazioni dei luoghi, in particolare fra Piangipane e Sant’Alberto. Gli interessi di Venezia nei confronti della pianura ravennate, risalgono al XIII secolo, allorquando, forti di accordi commerciali, traggono benefici dai traffici. Dopo aver costruito un presidio militare alla foce del Po di Primaro, il “castello” di Marcabò, rivolgono le loro “bramosie” verso le saline di Cervia. In questa espansione, mascherata da trattati di natura economica, sono aiutati dalla non irresistibile personalità di Ostasio da Polenta

TOPOGRAFIA E STORIA

come “governatore”, che spiana la strada ai veneziani sul finire del XIV secolo. Non va taciuto, però, il controvalore offerto, misurabile in capacità d'intervento per regimare le acque (sempre “anarchiche” e minacciose) inalveando e migliorando il corso dei fiumi attorno a Ravenna. Grazie all'apporto di maestranze veneziane il corso del fiume Montone viene ripristinato con l'innalzamento di arginature a ponente di Ravenna. Ai margini delle valli Montonis sorse il villaggio di San Marco, così chiamato in onore del patrono della città lagunare. Tuttavia le regolazioni fluviali, effettuate fino al XV secolo, non avevano riguardato la pianura a settentrione di Ravenna, dove le terre basse erano sommerse da ristagni vallivi, che rendevano l'ambiente del tutto


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:52 Pagina 15

inospitale. Non appena conquista Ravenna, Venezia riprende un disegno espansionistico che guarda a sud, ben oltre la via Emilia, verso il ducato di Urbino e l'Italia centrale.

Terre nuove per Venier e Morosini. L'espansione delle popolazioni agricole lungo il fiume Lamone. Un inalveamento scavato per 12 chilometri fra Mezzano e Sant'Alberto. I “conquistatori” concentrano i loro interessi sulla conversione delle paludi, dove spaglia il Lamone, in terreni da appoderare e rendere produttivi. Il sistema è collaudato ed efficace: i nobili e i ricchi per ottenere dal Doge terreni da mettere a coltura, devono farsi carico degli interventi necessari alla bonifica. Nel 1456 il Doge Francesco Foscari, scrive al podestà e capitano di Ravenna Lorenzo Soranzo, sollecitandolo ad intervenire per regolare il Lamone: Ad opus faciendi in flumine Amonis... Una volta ultimato l'inalveamento nel Po di Primaro, presso Sant'Alberto, mediante un cavo lungo 12 chilometri, da Mezzano a Sant'Alberto, saranno popolate quelle plaghe, una volta deserte. Godendo di vantaggi fiscali, la nobiltà e i funzionari della Serenissima diventano proprietari di grandi tenute a Santerno, Mezzano, Savarna e Conventello. I “nuovi” terreni forniranno produzioni di lino e canapa, quelli “vecchi”, di Russi e Bagnacavallo, daranno grandi quantità di grano che arriverà al Primaro attraverso il fiume Lamone per mezzo di barche.

Delle grandi tenute, nelle campagne ravennati, resta il toponimo: “le veneziane” Lungo la via Reale, fra Mezzano e la strada di Piangipane, c'è una carraia denominata “le Veneziane”. Così Morini nel suo stradario: «Questa strada prende il nome della vasta tenuta della superficie di 370 tornature di terreno agricolo. Erano così chiamate perchè (si ritiene) in questa estensione di terreno fossero comprese anche le 200 tornature che, attorno al 1480, erano state cedute da Madonna dei Balbi al gentiluomo veneziano Vinciguerra Giorgi, abitante a Ravenna».

Dalla pescheria alla piazza delle oche, fra calli e campielli, una grande piazza In un atto del 1498 è citata una «domus di Vinciguerra Georgio nella Guaita di San Teodoro». Si tratta del pregevole Palazzo Zorzi o Giorgi (che Corrado Ricci invece attribuisce a Nicolò Giustinian, 1480) costruito nella strada delle oche, che portava al mercato avicolo. Un percorso che andava dai ban-

Nelle foto, il leone di Venezia e frammenti di altri bassorilievi, incastonati nella facciata d’ingresso del quadrilatero all’interno della Rocca Brancaleone di Ravenna.

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:52 Pagina 16

16

chi del pesce (vicino alla torre comunale) a quelli dove erano esposti in grande quantità uccelli di valle. Sul tragitto si sviluppa il progetto veneziano che disegna un nuovo asse viario, strada Giustiniana (dal podestà Nicolò Giustinian) e trasforma un largo erboso in una piazza... A tal proposito tornano utili le colorite descrizioni di Giuseppe Morini: «In principio e per molto tempo appresso questa nuova “platea comunis” rimase coperta d'erba. Nel 1483, sotto la dominazione veneta fu decorosamente ampliata e selciata. Fu proprio in questa occasione che furono erette le due colonne di granito bigio poste su rotonde scalinate marmoree, scolpite a simboli e ornamenti. Al di sopra del gradone più alto si legge: Opus Petri Lombardi. 1483. Sulla prima colonna di destra, guardando l'Orologio, fu posto il Leone di San Marco, mentre in quella di sinistra si collocò la statua di San Apollinare. Notiamo a questo punto come l'effigie del primo vescovo rappresen-

In alto, il cosiddetto Palazzetto Veneziano in piazza del Popolo con una delle colonne dove originariamente era collocato il leone, simbolo della Serenissima. A sinistra, sempre affacciato sulla piazza centrale, il palazzo con la torre dell’orologio, che in epoca veneziana era la chiesa di San Ruffillo, bipartita da due grandi portali con un campanile centrale che “segnava le ore” .

TOPOGRAFIA E STORIA


BANCA POPOLARE RA TC:Layout 1 06/12/12 05:53 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:56 Pagina 18

In un atto del 1498 è citata una «domus di Vinciguerra Georgio nella Guaita di San Teodoro». Si tratta del pregevole Palazzo Zorzi o Giorgi (che Corrado Ricci invece attribuisce a Nicolò Giustinian, 1480) costruito nella strada delle oche, che portava al mercato avicolo.

Nelle due immagini: a sinistra, il cornicione, il tipico balconcino in pietra e l’arco d’ingresso della vetusta Casa Zorgi (o Giorgi) che si affaccia sull’attuale via Diaz (in epoca veneziana, quando fu edificato il palazzo, era via delle oche). In alto, il retro della casa che da sul giardino con il grande porticato, la loggetta superiore e una torretta con una ripida scala in pietra.

TOPOGRAFIA E STORIA


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:56 Pagina 19

tasse la filiale venerazione dei ravennati verso il loro Santo protettore; al contrario dell'altra statua che aveva piuttosto il significato di una presa di possesso; di un segno di soggezione cui Ravenna era tenuta verso il ducale Dominio di Venezia. Si trattava pertanto di un emblema religioso, ma che aveva in effetti un significato altamente politico». La piazza viene lastricata e delimitata, sul fianco di mezzogiorno, da un porticato che, dal palazzo comunale corre fino alla chiesa di San Ruffillo. L'edificio di culto viene rifatto e dotato di una singolare facciata bipartita, divisa da un campanile predisposto per “contare le ore”; ai lati si aprono i portali di San Sebastiano a sud e di San Marco all'angolo con la via Giustiniana, ora via Diaz. L'atmosfera, arricchita da un bel pozzo, si percepisce tuttora: la simmetria allungata verso la torre dell'orologio, sembra cancellare rimozioni e cambiamenti portati dal tempo. San Marco è il protettore di Venezia: il suo “leone” è simbolo della potenza militare e commerciale, politica e culturale della Serenissima. Mansueto, con il libro aperto o bellicoso, con il libro chiuso, campeggia in molte città. A Ravenna, dove c'è quella più “lagunare” fra le piazze di “terra”, il leone di San Marco è scomparso. È successo tanto tempo fa, come e in che modo lo racconta, non senza ironia, Giuseppe Morini: «...Quando nel 1509 la Serenissima Repubblica è costretta ad abbandonare la Città per consegnarla al pontefice Giulio II, il nostro popolo, stanco del regime veneziano e della sua volpina politica (malgrado le innegabili benemerenze acquisite) esplode in clamorose manifestazioni di giubilo all'arrivo delle truppe pontificie. Il leone di San Marco viene sloggiato dalla sua colonna in piazza ed il pesante simulacro viene simbolicamente incatenato e trascinato per mezzo di un vile quadrupede per le vie della città, fatto segno ad un fitto lancio d'immondizie fra scherni, lazzi e vituperi». Anche allora le moltitudini erano rapidissime a saltare sul carro del vincitore! «Il martirio del leone marmoreo continuò anche dopo il suo trasporto a Bologna dove divenne anche il bersaglio delle archibugiate della soldataglia; di esso non rimase che un misero resto imbrattato e ignominiosamente mutilato. Nel 1640, sulla colonna rimasta per un lungo tempo vuota, il Consiglio comunale decise di trasferire la statua di Sant’Apollinare e di far scolpire a Venezia la statua di San Vitale, il soldato martire e anch'esso protettore della città, da porre sulla colonna di sinistra, come al giorno d'oggi vediamo. Della colonna rimasta vuota per tanto tempo viene fatta menzione in molti documenti pubblici». Passano centocinquant'anni per sistemare le colonne della piazza. I ravennati tornano a Venezia (!) per avere scolpita la statua di San Vitale: il “Cicerone ravegnano” di Olindo Guerrini definisce «grande amico» di ...«Pulinera»: «quel bambozzo lassù tutto imbornato»!

Dal 1970 illumina la vostra casa

LAMPADARI MATERIALE ELETTRICO

Dai piccioni viaggiatori al ruggito del leone Sulla piazza del Popolo, a Ravenna, non è difficile vedere tanti piccioni: sono i discendenti, imbastarditi e sedentari, di quei colombi ai quali era affidata la “posta aerea” di Venezia. I piccioni viaggiatori garantivano una comunicazione rapida, portando dispacci, messaggi e allertando in poco tempo un sistema molto efficiente, che nei casi gravi faceva intervenire «il re degli animali».

RAVENNA - Via Le Corbusier, 15 tel. 0544 270585 - fax 0544 276553 info@elettrolamp.it www.elettrolamp.it NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


14 TC1212:Layout 1 06/12/12 05:56 Pagina 20

20

Elenco dei podestà veneziani Tratto da Stradario storico-odonomastico della città di Ravenna di Gianfranco Andraghetti.

Un’antica mappa che rappresenta e indica la complessa idrografia del territorio ravennate. Molti dei toponimi segnati prendono origine dalla opere idrauliche e di bonifica intraprese dai veneziani durante la dominazione che perdurò per tutta la seconda metà del 1400.

Nota dell'autore L'elenco riportato da Gianfranco Andraghetti è stato privato della dicitura “capitano” che compariva con Francesco Venier nel 1502 e continuava con altri per finire con l'ultimo podestà Luigi Zeno. È curioso notare come le fonti da me consultate (Storia di Ravenna, IV volume, pag. 23, Marsilio Editori) riportino ad iniziare da Lorenzo Soranzo o Superanzo la doppia carica di “podestà e capitano di Ravenna”. Le due funzioni vengono disgiunte come si può dedurre dalla seguente citazione : «Tra l'aprile del 1846 (quando inizia la nostra documentazione) e il maggio del 1503 (allorchè la carica di podestàcapitano viene sdoppiata...)». La cosa più interessante è scorrere l'elenco dei podestà d'epoca veneziana. Troviamo cognomi legati alla storia della nostra città. Balzano agli occhi i nomi di casati illustri, famiglie veneziane che nel XVII secolo acquisiranno terre “nuove” nel delta del Po, come i Contarini, i Venier, Morosini, Zen e Donati...

TOPOGRAFIA E STORIA

Vittore Delfino [provveditore] Nicolò Memo [provveditore] Giovanni Leoni [provveditore] Benedetto de Mula Antonio Marcello Andrea Leoni Stefano Trevisan Maffeo Contarini Domenico Diedi Benedetto Venier Marino Malipiero David Contarini Lorenzo Soranzo Pietro Giorgi Marino Malipiero Giovanni Falier Vitale Lando Pietro Grimani Giovanni Mocenigo Giacomo Giorgi Filippo Corrario Nicolò Giustiniani Zaccaria Barbaro Andrea Diedi Antonio Dandolo Francesco Diedi Luigi de Lezze Pietro Barbaro Antonio Marcello Nicolò Leoni Benedetto Soranzo Onfredo Giustiniani Nicolò Duodo Bernardo Bembo Baldassarre Trevisan Battista Vallaresso Giovanni Donati Marco Barbo Troilo Malipiero Marco Bragadino Girolamo Donati Andrea da Lezze Andrea Zancano Cristoforo Moro Lorenzo Giustiniani Luigi Venier Antonio Soranzo Vinciguerra Giorgi Francesco Venier Leonardo Marcello Nicolò Donati Giuliano Gradonigo Giacomo Trevisan Marino Gritti Francesco Capello Girolamo Contarini Lorenzo Capello Pancrazio Giustiniani Luigi Marcello Luigi Zeno

(2/1441) (11/1441) (3/1444) (11/1444) (3/1447) (3/1447) (5/1448) (6/1449) (9/1450) (10/1451) (6/1453) (11/1454) (12/1455) (4/1457) (4/1459) (2/1460) (6/1461) (10/1462) (3/1464) (8/1465) (12/1466) (3/1468) (8/1469) (12/1470) (12/1471) (5/1473) (9/1474) (3/1475) (9/1475) (6/1476) (11/1477) (4/1479) (9/1480) (4/1482) (6/1483) (11/1484) (6/1486) (10/1487) (4/1489) (9/1490) (3/1493) (11/1494) (11/1495) (11/1496) (8/1498) (5/1499) (8/1500) (3/1502) (11/1502) (9/1503) (11/1503) (9/1504) (12/1504) (1/1505) (4/1506) (5/1507) (12/1507) (4/1508) (9/1508) (5/1509)


SOLIDEA TC:Layout 1 06/12/12 05:59 Pagina 2

RO ESTETICO T N CE

a n e c s Metti in ere s s e n e b il tuo

Ravenna Via Porto Coriandro, 7/C - Tel. 0544 456554 ORARIO CONTINUATO dal martedì al giovedì ore 10-18 venerdì e sabato ore 9-18 www.centroesteticosolidea.it info@centroesteticosolidea.it

Al centro, la titolare Rita Fabbri. In piedi, da sinistra, Valentina Nannini, Elisa Leoni, Nicole Marchetti e Vanessa Ciccone.

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 06:01 Pagina 22

22

CASE D’AUTORE Ravenna, via Canneti 16 tel. 0544 212134 . cell. 348.2406406 www.casedautore.info info@casedautore.info

RAVENNA

RAVENNA SAN BIAGIO

Zona residenziale, splendida villa singola di 350 mq. dall’architettura unica e moderna, giardino sui 4 lati di oltre 500 mq. Info su appuntamento in agenzia

Casa singola di 314 mq. con 317 mq. di giardino su 4 lati. Attualmente l’immobile necessita di un restauro ed è frazionato in 3 unità abitative indipendenti con un’ampia zona ad uso servizi. Ideale per 3 unità o per unica soluzione abitativa. Informazioni e foto in agenzia

RAVENNA SAN BIAGIO

RAVENNA, BORGO MONTONE

Attico di pregio di mq. 180 con 100 di terrazzo, soggiorno di 60 mq. circa luminosissimo ed affacciato sul terrazzo, cucina abitabile comoda e luminosa, disimpegno zona notte con 2 camere matrim., bagno, ripost.; zona mansardata con 2 camere da letto e bagno. Garage doppio - Finiture di pregio € 575.000,00

RAVENNA, SAN ROCCO, ELEGANTE CASA CON CORTE INTERNA

RAVENNA ZONA SAN BIAGIO Bella casa abbinata a un lato completamente e sapientemente ristrutturata. P.T.: ingresso, soggiorno con camino, sala da pranzo, cucina abit.,bagno di servizio, lavanderia e giardino con posto auto. 1°P.:3 letto, 2 bagni di cui 1 in camera, stanzetta studio in parte soppalcata. Finiture di pregio Classe energetica “B”. € 500.000,00

TROVACASA PREMIUM

RAVENNA, VIA BEZZI, VIC. PIAZZA MAMELI

Tipica casa abbinata del centro storico in discrete condizioni, con risc. aut. ed imp.certificati: al p. semint. dispone di ampi vani multiuso e cantina ciclabile; al p. rialzato grande ingresso con sogg., cucina abit.e balcone; al p. superiore 2 matr.li e bagno con balc. € 250.000,00

RAVENNA, VIA MICHELUCCI, VIC. SEDE UIL

Elegante villa pressochè indipendente con ampio giardino di proprietà, portici e loggiati con zona barbecue, garage , posti auto: ingresso, soggiorno con caminetto, cucina e tinello, bagno di servizio; al 1°P. 3 camere, balconi, bagno padronale; deliziosa mandarda per ospiti con piccolo studio e bagno privato. Rifiniture di alto livello. Clima ed allarme installati. ACE "D" € 530.000,00 tratt.

MADONNA DELL'ALBERO

RAVENNA, PIAZZA DEL POPOLO

Casa abbinata di 120 mq. da risistemare parzialmente con 400 mq. di giardino. La casa è posta tutta su due piani sfalsati e gode di particolarità interessanti, come la posizione e la disposizione del fabbricato stesso. € 195.000,00

TRA PUNTA MARINA E LIDO ADRIANO

Casa di 200 mq. circa sapientemente ristrutturata nel 2002, comodo ingresso al PT, soggiorno con camino, sala da pranzo e cucina, dispensa-ripost.lavand., bagno finestrato, garage collegato alla casa, corte interna (dove si affaccia la zona giorno); al 1°P una camera matrim. ampia con balcone affacciato alla corte, bagno, camera matrim. con terrazzo guardaroba e bagno; spendida mansarda con camera da letto, bagno, studio. Finiture di pregio Classe “D” Info su appuntamento in agenzia

Via A. Bozzi 69 (Zona Comet) tel. 0544 400 004 - cell. 348 311 94 41/348 2259638 info@fgcasa.it

Bella villa d’angolo a pochi passi dal mare, con un meraviglioso giardino su tre lati, composta da ingresso, soggiorno, sala da pranzo e cucina, bagno, veranda affacciata al giardino (con blocco cucina e camino esterno) al piano terra; piano primo 2 camere da letto, bagno, balcone; mansarda – sottotetto utilizzabile. Informazioni e foto in agenzia € 340.000,00

RAVENNA, BORGO SAN ROCCO Appartamento grezzo di 80 mq., posto al piano terra in casa di 2 unità, con ingresso indipendente e corte interna ad uso comune per le due unità. € 110.000,00

Lussuosa soluzione in attico con affaccio munumentale dal bellissimo roofgarden, finemente arredato ed accessoriato in ogni dettaglio: ingresso, sala con camino d'epoca, zona pranzo/cucina abit., bagno, ripost., camera matr. ACE "E" PEZZO UNICO PER ESTIMATORI! € 380.000,00

RAVENNA, ZONA OSPEDALE Casa abbinata ad un lato con corte privata di mq 120, DA RISTRUTTURARE, disposta su 2 livelli: ingresso, cucina abitabile, soggiorno, bagno, ampia cantina e vano uso garage; al primo piano 3 grandi camere, bagno. Posizione invidiabile. € 270.000,00 RAVENNA, VIA DELLA CARMEN

Ottimo bilocale al piano rialzato in elegante condominio, dotato di giardino privato e cantina ciclabile, completamente arredato. Invidiabile posizione fronte parco pubblico. Libero da subito. € 135.000,00

Interessante appartamentino in residence di recente costruzione, dotato di ingresso ind.te, giardino privato di mq 90, garage di proprietà: soggiorno con cucina in nicchia, camera matr.le. cameretta/studio, bagno. Risc.autonomo, minimo condominio. Fronte parco pubblico. € 140.000,00

MARINA ROMEA

Bellissima villa abbinata con giardino di proprietà di mq 200 dotato di impianto di irrigazione ed illuminazione: patio e zona barbecue coperta attrezzata con elettrodomestici ed angolo cottura; composizione: soggiorno con angolo cottura, bagno, ripostiglio, camera matrimoniale; al p.p. due camere doppie, bagno, balcone. Completamente arredata ed accessoriata. € 380.000,00

RAVENNA, VIA BACCARINI Particolare casa abbinata del centro storico con uno sviluppo totale di mq 234, costituita da 3 unità: magazzino al piano terra in fase di conversione a garage; abitazione su 2 livelli da risistemare; mansarda ristrutturata al piano superiore. Completa la proprietà una deliziosa corte interna. Da vedere. € 480.000,00


EUROIMMOBILIARE TC:Layout 1 06/12/12 06:02 Pagina 2

RAVENNA, VIA VICOLI

Imminente inizio lavori Permesso n. 242 del 12/09/12

Certificazione Energetica in vera CLASSE “A”

Qualità: realizziamo 7 unità immerse nel verde, progettate utilizzando le più moderne e garantite tecnologie costruttive Serietà: vendiamo gli immobili dopo aver ottenuto il Permesso di Costruire. Non esistono ipoteche e/o vincoli di nessun tipo Sicurezza: rilasciamo una fideiussione bancaria a garanzia dei pagamenti effettuati Assistenza: diretta e quotidiana, prima e dopo lʼacquisto, per ottenere il miglior risultato personalizzato.

Interventi già realizzati - unità in pronta consegna VILLETTA

PIANO TERRA - ATTICO

BILOCALE PRIMO PIANO

Ravenna, via A. Rasponi

Marina di Ravenna, v.le Lungomare

Ravenna, via Achille Borghi

www.matteoraggi.it

Via G.Brunelli 62, Ravenna • Tel +39 0544 454645 • Fax +39 0544 456207 Cell. 335 8162040 • info@matteoraggi.it

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 14.10 Pagina 24

24

Viale della Lirica, 61 - 4° Piano . Ravenna tel. 0544.404047 . fax 0544.406721 www.agenziafuturasrl.it . info@agenziafuturasrl.it

L’Agenzia Futura si è trasferita nel nuovo ufficio in Viale della Lirica 61, 4° piano int. 40 (stesso stabile). Abbiamo pensato a voi per un’ambientazione più confortevole, dove sia possibile trattare con maggiore riservatezza le vendite immobiliari, le ristrutturazioni e tanto altro ancora. CENTRO STORICO Splendido app.to all'ultimo piano, di circa mq. 170 calp., distribuiti tra ingresso, salone ( mq. 50 ), cucina abit.con vano dispensa; disimp. notte; 3 letto ampie (padronale con bagno in camera); 2 bagni; lavand./bagno di servizio; soppalco con affaccio su zona giorno; ripost.; 3 posti auto coperti al 1°P sottostrada. Palazzina di sole 4 unità. Rifiniture pregiate, sobrie ed eleganti. Certif. D Ep. 124,90 Rif. sito 44 € 440.000,00 - Foto e info esclusivamente in agenzia su appuntamento CENTRO STORICO (ZONA VIA MAZZINI)

letto), 2 letto matrim., 2 bagni finestrati; cantina ampia e soffitta. Risc. aut. Impianti a norma. OCCASIONE! Zona tranquilla in contesto urbano molto piacevole. Certif. Energ. in fase di realizzazione. Rif.sito 21 € 260.000,00

ZONA COMET Delizioso bilocale di recente costruzione, composto da soggiorno con cucina a vista, loggia verandata e riscaldata accessibile dalla zona giorno; disimpegno notte arredabile; letto matrimoniale molto confortevole; bagno finestrato con doccia; ampio garage. PRONTA CONSEGNA !! Risc. Aut. – impianti a norma. Certificazione energetica “D” EP 98,80 € 130.000,00 Foto e info in agenzia ZONA STADIO

Delizioso appartamento rifinito con cura, in piccolo complesso di recente costruz. (6 unità). Ampia zona living, con cucina a vista (circa mq. 30 ) con accesso a terrazzo abit. (piacevolissimo il contesto urbano circostante); 2 letto; 2 bagni (vasca e doccia); disimp. notte arredabile; cantina; zona rimessaggio bici. Risc.aut. – imp.a norma - Certif. energetica “D” EP 101,40. Rif. sito 139 € 238.000,00 Foto e maggiori info in agenzia

SAN ROCCO

Appartamento rimodernato, in palazzina di sole 6 unità ben tenuta: ingresso, sala, cucina abit., 3 letto (2 matrim.e 1 singola), ampio bagno finestrato con doccia, disimp. notte arredabile, 2 balconi; garage e cantina. Risc. aut. Impianti a norma con certificazioni. Certif. Energ. G Ep. 215,02. Rif. sito 10 € 170.000,00

Via Nullo Baldini, 6 (proseguimento di via De Gasperi). Ravenna tel. 0544.33158 . eurocase@fastwebnet.it

VICINANZE VIA CESAREA Luminoso APPARTAMENTO in posizione tranquilla: ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, 2 balconi, cantina e garage. Riscaldamento autonomo. € 138.000,00 tratt.

ZONA STADIO Accogliente APPARTAMENTO al secondo piano con ascensore: ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto (2 matrimoniali), bagno, 2 balconi, garage doppio. Riscaldamento autonomo. € 155.000,00 tratt.

VIA GALILEI Grazioso APPARTAMENTO di recente costruzione in perfetto stato d'uso e completo di arredo: soggiorno con angolo cottura, camera da letto matrimoniale, bagno, guardaroba, 2 ampi balconi verandati, cantina. Riscaldamento autonomo. Aria condizionata. Impianti a norma di legge. € 145.000,00 tratt.

ZONA VIA MONTANARI CASA SINGOLA da rimodernare: P.T. ingresso, soggiorno, cucina abitabile, servizio; P.P. 2 camere da letto matrimoniali, bagno, balcone. Giardino privato su tre lati. € 180.000,00 tratt.

S.BIAGIO (ZONA COOP FAENTINA)

Bell'appartamento al PT in palazzina di recente costruz., con ingresso e ampio giardino (180 mq) indip.: salone (32 mq), cucina abit., 3 letto, 2 bagni finestrati; ampio garage. Risc. aut. PRONTA CONSEGNA! Certif. Energ. in fase di realizzazione. Rif.sito 48 € 310.000,00

CENTRO STORICO In complesso residenziale tipico degli anni 40, circondato da ampio parco condominiale, appartamento di ampie dimensioni: ingresso arredabile , sala, cucina abit., zona tinello/pranzo (poss. 3 VISITATE IL NOSTRO SITO UFFICIALE DOVE POTRETE TROVARE MOLTI ALTRI ANNUNCI INTERESSANTI !!

www.agenziafuturasrl.it

TROVACASA PREMIUM

App.to di ampia metratura, su 2 livelli, con ingresso e giardinetto indip.: salone (mq. 43), cucina (15 mq), 3 letto (2 matrim., una con bagno in camera e una doppia), 3 bagni, lavand., ampio garage a PT. Portico. Risc. aut. Zona tranquilla e ben servita. CONSEGNA VELOCE! Classe energ. in corso di realizzazione. € 265.000,00

DA OGGI PUOI SCARICARE ANCHE LA NOSTRA APP!

VIA ZALAMELLA - VERA OCCASIONE! Spaziosa CASA ABBINATA: ingresso, soggiorno, studio, cucina abitabile, 3 camere da letto matrimoniali, 2 bagni, tavernetta, camera per ospiti, locale di servizio, ripostiglio, cantina, posto auto. Giardino privato su tre lati. Da rimodernare. € 290.000,00 tratt.


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 06:07 Pagina 25

25

GESTICASA Via Ravegnana, 133 . Ravenna . tel. 0544 66796 . ciatta01@ciatta.191.it SAN ROCCO RIF. A 35 T: bell’appartamento, in perfetto stato, in casa di 2 unità. Balcone d’ingresso, sala con zona cottura semiseparata, disimpegno, una matrimoniale, bagno. Giardino comune alle 2 unità, riscaldamento autonomo, ACE E, IPE 144. € 140.000,00 CENTRO STORICO RIF. A 54 T: immobile, di pregio storico, abbinato ad un lato, con progetto di ristrutturazione in discussione alle Belle Arti. Sala e cucina di mq:37, zona soppalcata con una matrimoniale e bagno, taverna di mq.54. Progetto e disegni d’interno in ufficio, possibilità di tetto in cristallo, capitelli ed arcate del 1300. ACE NC. € 200.000,00 ZONA ALBERTI RIF. B 17 T: appartamento al pt. in palazzina di 6 unità del 2000. Ampio giardino, bel soggiorno e cucina abitabile con balcone che scende al giardino, disimpegno, una matrimoniale, una singola, due bagni. Garage, cantina. Riscaldamento autonomo, ACE F, IPE 177. € 225.000,00 ZONA TEODORICO RIF. B 81 T: recentissimo appartamento indipendente. Giardino di mq. 80, ampio loggiato, soggiorno/pranzo con angolo cottura, studio in zona soppalcata aperta sul soggiorno, disimpegno, una matrimoniale, una singola, bagno. Al ps. Garage, cantina, bagno/lavanderia. Riscaldamento autonomo, ACE E, IPE 138. € 285.000,00 SEMICENTRO RIF. B 128 T: nuovo ed elegante appartamento indipendente, in contesto di 3 unità,  con consegna a fine anno, composto da: ingresso, soggiorno con balcone, cucina abitabile con ampio terrazzo, vivibile ed appartato di 16 mq., una matrimoniale con balcone, una singola, bagno, ripostiglio. Riscaldamento autonomo a pavimento, RIFiniture di alto livello. Attualmente ACE N.C. € 245.000,00 SAN ROCCO RIF. B 131 T: bellissimo appartamento del 2005. Ampia sala, con zona cottura, aperta sull’ampio giardino interno ed appartato, disimpegno, ripostiglio, una matrimoniale, una singola, bagno. Garage, posto auto. Riscaldamento autonomo, ACE E, IPE 144. € 285.000,00 ADIACENZE SAN VITALE RIF. C 40 T: elegante appartamento, come nuovo, in palazzina di 5 unità. Ingresso, sala con balcone, cucinotto in arredo, disimpegno armadiato, una matrimoniale, una singola, bagno, ripostiglio, mansarda con camera, bagno, armadi su misura . Garage. Riscaldamento autonomo, aria condizionata, ACE D, IPE 125. € 305.000,00

CENTRO RIF. C 68 T: recentissimo ed elegante appartamento in palazzina di 6 unità. Ampia sala, con cucina abitabile a vista ma separabile, aperta sul giardino di proprietà, ripostiglio, disimpegno, tre matrimoniali di cui una con zona soppalcata per studio o camera singola, due bagni con idromassaggio/ bagno turco. Grande garage. Riscaldamento autonomo, aria condizionata, RIFiniture di pregio. ACE  E, IPE 153. € 500.000,00 SAN BIAGIO RIF. C 83 T appartamento al 2° ed ultimo piano di palazzina con 5 unità. Ingresso, sala con balcone, cucina abitabile con balcone, disimpegno, una matrimoniale, una singola, studio, bagno. Garage. Riscaldamento autonomo, impianti a norma, ACE F, IPE 183. € 160.000,00 CENTRO RIF. G 6 T: bella casa di ampie dimensioni in ottimo stato. Posto auto coperto, giardino, portico, ingresso, studio, sala, cucina, tinello, bagno, ripostiglio, una grande matrimoniale con ampio bagno, due ampie singole, bagno, disimpegno armadiabile. Sottotetto allo stato grezzo da cui ricavare una camera ed ampi ripostigli. Pavimenti in cotto e parquet. ACE D, IPE 98. € 455.000,00 SAN ROCCO RIF. G 13 T: casa abbinata ottimamente tenuta, PT: garage con bagno, lavanderia, giardino interno. P1°: soggiorno con terrazzo, ampia cucina abitabile. P2°: una matrimoniale con balcone, due singole, balcone, bagno. Mansarda con bagno. ACE E, IPE 166. € 320.000,00 SAN ROCCO RIF. E 11 T: casa abbinata ad un lato da ristrutturare. PS: garage, taverna con camino e wc., cantina. PR: ampio ingresso, sala, cucina abitabile, bagno. P1°: due matrimoniali, una doppia, bagno. ACE NC. € 230.000,00 CENTRO STORICO RIF. D 76 T: casa indipendente da ristrutturare ( struttura ottima). PT: giardino, garage doppio, un ampio vano. P1°: sala, cucina abitabile, bagno. P2°: tre grandi camere, bagno. ACE G, IPE 308. € 530.000,00 BOSCO BARONIO RIF. D 91 T: RIFinitissima villa indipendente del 2005. PS: ampia taverna con camino, lavanderia, una grande camera, garage doppio. PR: portico d’ingresso, sala di mq.50 con camino del ‘700, grande cucina con portico, una ampia matrimoniale con cabina armadio e bagno, una singola, bagno. P1°: una matrimoniale con loggia, una doppia, studio, bagno, terrazzo. Sottotetto. Aria condizionata, imp.allarme, zanzariere. ACE D, IPE 98. Info in agenzia

Ravenna . via IV Novembre, 4B . tel. 0544.36337-36372 www.ideacasaravenna.com • casa_idea@libero.it

VIA DIAZ Affittasi negozio di 100 mq ca. con due ampie vetrine. Info in agenzia

RAVENNA CENTRO CIRC. ALLA ROTONDA DEI GOTI

RAVENNA VIA DEI POGGI

Vendesi MURI di ampio locale uso pubblico esercizio, per attività di bar, ristorante e pizzeria. Info in agenzia

AFFITTASI intero stabile (eventualmente divisibile). PIANO TERRA: 250 MQ ca. uso negozi/ambulatori/uffici con ampie vetrine. PIANO PRIMO: 300 mq circa uso uffici oltre a sottonegozi e posti auto esclusivi. Info riservate in agenzia

BAGNACAVALLO

RAVENNA VIA MAZZINI

Si vende casa ristrutturata di circa 280 mq oltre a circa 80 mq di servizi, su lotto di 700/750 mq circa. Info riservate in agenzia

Affittasi ufficio in palazzo antico al piano nobile, composto da: ingresso, 3 ampi vani, servizio e balcone. € 900/mese

RAVENNA CENTRO STORICO Casa di pregio in buone condizioni in zona tranquilla. Zona servizi, corte interna, balconi abit., ingresso, ampio salone con camino, cucina, studio,bagni, 3/4 camere da letto. Info in agenzia ZONA VIA VICOLI Si vende casa singola di nuova costruzione, realizzata completamente seguendo i criteri della BIO-EDILIZIA, composta da: ingresso, ampia sala con camino, cucina e sala da pranzo con affaccio su portico esterno, 4 camere da letto, 3 bagni, ampia mansarda con balcone, tavernetta e sevizi. Ampio giardino sui quattro lati. Info in agenzia

RAVENNA VIA RAVEGNANA Vendesi terreno edificabile di 1500 mq ca possibilità di realizzare fino a 700 mq ca di costruzione. Info in agenzia

MARINA DI RAVENNA

VENDESI APPARTAMENTO ristrutturato composto da: soggiorno con angolo cottura, due camere da letto, bagno, balcone chiuso e ampio terrazzo. Cantina e posto auto. € 225.000,00

VIA MAGAZZINI POSTERIORI

Vendesi UFFICIO di 130 mq ca. ben rifinito al decimo piano con ascensore (vista sul porto canale) composto da: ingresso, 6 vani , doppi servizi e cantina. Info in agenzia

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 26

Dar sanah

26

Fabbrica di costruzioni, fabbrica d’idee

Una mostra dell’Accademia di Belle Arti per ridisegnare il volto della nuova Ravenna DIDATTICA TEORIE E EPROGETTI PROGETTI


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 27

27

Vista della mostra dall’abside di Santa Maria delle Croci. Foto di Alberto Giorgio Cassani.

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 28

30 28

di Alberto Giorgio Cassani

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

TEORIE EEPROGETTI DIDATTICA PROGETTI

«Dàrsena: in dialetto siciliano tirzanà; in portoghese tercena, taracena; in spagnolo a-tarazana: dall’arabo Dârçanah,1 composto di Dâr casa e çanah (o senâa) fabbrica, costruzione, cioè casa o luogo di costruzione (cfr. Arsenale). La parte più interna di un porto, cinta per lo più di muraglia, dove si ritraggono le navi per racconciarle o si custodiscono disarmate». Così si legge nel Vocabolario Etimologico della lingua italiana di Ottorino Pianigiani, del 1907, consultabile on-line sul sito www.etimo.it. A Ravenna quel “muro” esiste ancora, nonostante le assicurazioni che il suo abbattimento sarebbe stato il primo passo per poter accedere liberamente a quella parte della città, nascosta, per anni, agli occhi della maggior parte dei cittadini e perlopiù rimossa; ci volle, infatti, la tragedia della Mecnavi per farla di nuovo “materializzare”. L’eliminazione delle barriere era in testa alle richieste uscite dal processo di urbanistica partecipata La Darsena che vorrei. Speriamo che, a breve, quell’ostacolo sia finalmente tolto di mezzo. Da anni, inoltre, inutilmente, vado proponendo che proprio nella Darsena venga trasferita l’Accademia, un tempo luogo dedicato al mitico Academo (Ἀκάδηµος); collocato nei pressi di Atene e circondato da un bosco sacro, Platone vi fondò appunto l’Accademia, la sua scuola di filosofia. La “modernità”, a Ravenna, ha distrutto i boschi sacri per far posto alle industrie; pensare di tornare a quei mitici inizi sarebbe però impossibile. Non ci resta che ragionare sul nostro recente passato, cercando di non radere al suolo tutte le sue memorie (salvando dunque al-

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 29

cuni segni come le torri di raffreddamento dell’ex S.A.R.O.M. e l’archeologia industriale in Darsena). Ho anche immaginato, e l’ho proposto recentemente, che si potesse cambiare il nome di via delle Industrie, dove oggi si trova e dove rimarrà per anni la sede della nostra Accademia (una volta, bisogna sempre ricordarlo, sede della gloriosa “Albe Steiner”, troppo spesso dimenticata), dedicandola a Michelangelo Antonioni, di cui quest’anno si ricorda il centenario della nascita (29 settembre 1912). Inoltre, tra il 1963 e il 1964, fu girato e uscì nelle sale Deserto rosso, il film che ha fatto conoscere al mondo un’altra immagine di Ravenna, lontana dagli ori dei mosaici, ma vista attraverso i colori artificiali dell’industria chimica (dunque ci aspetta un cinquantenario, fra non molto, da celebrare degnamente). Purtroppo, pare che debbano trascorrere dieci anni dalla morte perché si possa dedicare a qualcuno una via o una piazza. A parte se si è stati papi. Ecco una serie di motivi per cui il coordinatore dell’Accademia, prof. Maurizio Nicosia, di concerto con alcuni docenti – Alessandra Andrini, Paola Babini, Michele Buda, chi scrive, Leonardo Pivi, Daniele Strada, Pier Carlo Ricci (che ha fornito un fondamentale supporto tecnologico) – e con il decisivo appoggio della dirigente Mirella Borghi, ha deciso di organizzare e curare, in occasione della Notte d’Oro 2012, una mostra di lavori degli studenti dedicati alla Darsena e prodotti nello scorso anno accademico.2 C’è da dire che non è da quest’anno che l’Accademia s’interessa alla Darsena: da tempo alcuni corsi hanno posto al centro delle loro riflessioni teorico-pratiche questa parte di città, in particolare quello di fotografia di Guido Guidi, nonché quello di Architettura e urbanistica di chi scrive. La mostra, inaugurata durante la Notte d’Oro, è rimasta aperta, nella sede di Santa Maria delle Croci, dal 20 al 28 ottobre. I lavori degli studenti erano così suddivisi all’interno dell’ex spazio liturgico: nell’abside, collocati su cavalletti metallici, erano esposte opere a mosaico su tavola di Cristina Bizzocchi, Daniela Cavicchi, Tiziana Del Vecchi, Carla Guerra, Martina Paparo, Giorgia Pettinari, Marica Pelliconi, Giovanna Tinnirello Sammito, Sofia Signani e Virna Valli (corso di Tecniche del Mosaico, Triennio, di Daniele Strada). Prevalentemente a tessere bianche, grigie e nere, erano dedicate a dettagli di visioni architettoniche della Darsena (edifici industriali, ma anche la Torre di Cino Zucchi). Nella zona centrale della navata, leggermente sulla sinistra e disposti ad anfiteatro, erano sistemati cinque

C O O P E R AT I V A F A C C H I N I R I U N I T I

29

Traslochi nazionali e internazionali con autocarri furgonati e attrezzature di sollevamento speciali (elevatori telescopici) Montaggio e smontaggio di pareti attrezzate, uffici ed allestimento fiere Piazzale e magazzino per deposito e stoccaggio merci Personale specializzato per movimentazione merci in area portuale con pale gommate e carrelli elevatori Magazzino per archiviazione e custodia documenti Nuovo magazzino per deposito mobili e arredi Gestione magazzini e piazzali

www.cofari.it Michele Dibari, "Tetraedro Hotel" (corsi di Elementi di architettura e urbanistica, Biennio, di Alberto Giorgio Cassani e di Rendering 3D, Biennio, di Pier Carlo Ricci).

RAVENNA via G. Bacci 44 tel. 0544 452861 - fax 0544 453624 cofari@cofari.it

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 30

Sopra: vista delle opere a mosaico su tavola di Cristina Bizzocchi, Daniela Cavicchi, Tiziana Del Vecchi, Carla Guerra, Martina Paparo, Giorgia Pettinari, Marica Pelliconi, Giovanna Tinnirello Sammito , Sofia Signani e Virna Valli (corso di Tecniche del Mosaico, Triennio, di Daniele Strada). Sotto: Loretta Merenda, “L’altalena”. Le foto dell’allestimento sono di Alberto Giorgio Cassani

DIDATTICA E PROGETTI


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 31

31

modellini del corso di Elementi di architettura e urbanistica del I anno del Biennio Specialistico di Mosaico, visualizzazioni di progetti nuovi e di riuso di edifici industriali. Nello specifico: Tetraedro Hotel, un nuovo albergo piramidale su via D’Alaggio a fianco della Torre di Zucchi, caratterizzato dall’utilizzo di vetrate e mosaici colorati (progetto di Michele Dibari); Tessere di luce, un piccolo parco urbano, contraddistinto da un grande pannello inclinato, bucato dal contorno di immaginarie tessere perdute di un gigantesco mosaico, in modo che l’unica cosa che realmente rimane è il legante delle tessere stesse, e tale che, colpito dalla luce del sole, il pannello stesso riflette sull’acqua la sagoma delle tessere di luce, continuamente mosse per via delle onde (progetto di Andrea Poma); Un posto per le stelle, un osservatorio astronomico cubico progettato in mezzo all’acqua, su una piattaforma, e collegato alla banchina da un ponte (progetto di Melissa Moliterno); Re e Regina, un restiling delle torri di raffreddamento dell’ex S.A.R.O.M., immaginate come i due pezzi principali del gioco degli scacchi, l’uno rivestito di un manto di tessere d’oro e l’altro di tessere d’argento (progetto di Elena Prosperi); infine, Matrioske, un’analoga rivisitazione delle due torri, ispirata però, in questo caso, alle tradizionali bambole russe (progetto di Erica Gallassi) (in sintonia con quest’immagine di “gioco”, in Germania, vicino a Kalkar, all’interno di una torre di raffreddamento di una centrale nucleare dismessa divenuta un parco di divertimenti, “Wunderland Kalkar”, è stata inserita una vertiginosa giostra). I due giganteschi “camini” divengono così, nel progetto delle due allieve dell’Accademia, segnali visivi di accoglienza per chi, dalla costa, entra a Ravenna. Nella prima cappella di destra – come una tavola votiva – era sistemata una riproduzione di un mosaico di Samantha Holmes, diplomata al Biennio di Mosaico, dal titolo Absence, pensato per essere inserito in una parete in

mattoni dell’edificio dell’ex Pansac, su via D’Alaggio. Nello spazio adiacente alla navata, sulla sinistra, erano appese alcune grandi fotografie di Loretta Merenda, facenti parte del lavoro L’altalena (un’Alice in Wonderland immaginata a passeggio per la Darsena). Le prime due mostravano come l’attuale muro di banchina che circonda il bacino dell’acqua impedisca allo sguardo di un bambino (Alice) di vedere l’orizzonte rispetto ad un adulto (Lorina, la sorella di Alice); le altre tre, collocate in una nicchia del muro, rivelavano come lo sguardo fantastico di Alice veda, nella semplice gru osservata da Lorina, una magnifica altalena (lavoro portato alla Biennale Architettura di Venezia, al convegno “La progettazione partecipata”, e a Berlino, al Convegno “Città d’Europa: Verso un’Europa di cittadini”). Un progetto per far riflettere gli adulti. Sulla parete di fronte era disposta una serie di scatti fotografici della Darsena, opera di Angelo Vignolo, diplomato al Biennio di Mosaico. Nell’ultima stanza, in penombra, tre iMac mandavano in se-

Samantha Holmes, “Absence”. Foto di Alberto Giorgio Cassani

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Darsena TC1212:Layout 1 06/12/12 06:12 Pagina 32

quenza continua tre serie di sequenze fotografiche della Darsena (foto storiche e recenti). A questo proposito, l’aspetto virtuale è stata una delle scelte caratterizzanti la mostra: entrando, infatti, si potevano vedere due bianchi “pilastri” sormontati da due videoproiettori, uno puntato verso la contro-facciata, ed uno sulla parete di sinistra; il primo mostrava una serie di fotografie della Darsena; il secondo, alcuni lavori degli studenti, presenti o meno nella mostra. Nel primo caso, il videoproiettore era collegato ad un iMac in modo che i visitatori, passando davanti alla sua telecamera, venivano a sovrapporsi alle immagini, ritrovandosi a passeggiare virtualmente negli spazi della Darsena. Se non sarà possibile realizzare l’auspicio che Le Corbusier fece ai suoi amici olandesi di costruire la loro scuola d’architettura – in questo caso d’arte – su un vecchio paquebot attraccato alle banchine del porto, speriamo almeno che le idee degli studenti servano a rivitalizzare la progettualità – fatta di Memoria e di Progetto del Nuovo, pur nei tempi duri della crisi globale – su questo piccolo microcosmo, ma così importante per il futuro della nostra città.

NOTE: 1. Forse più corretto daras-sina’ah, ma la sostanza non cambia. 2. Senza dimenticare l’aiuto concreto prestato, nell’allestimento della mostra, dagli studenti Erica Gallassi, Melissa Moliterno, Andrea Poma, Elena Prosperi, Sergio Policicchio e Virna Valli.

Dall’alto: Andrea Poma, "Tessere di luce" (corsi di Elementi di architettura e urbanistica, Biennio, di Alberto Giorgio Cassani e di Rendering 3D, Biennio, di Pier Carlo Ricci). Melissa Moliterno, "Un posto per le stelle" (corsi di Elementi di architettura e urbanistica, Biennio, di Alberto Giorgio Cassani e di Rendering 3D, Biennio, di P. C. Ricci). Elena Prosperi, “Re e Regina” (corsi di Elementi di architettura e urbanistica, Biennio, di Alberto Giorgio Cassani e di Rendering 3D, Biennio, di Pier Carlo Ricci). Erica Gallassi, “Matrioske” (corsi di Elementi di architettura e urbanistica, Biennio, di Alberto Giorgio Cassani e Rendering 3D, Biennio, di Pier Carlo Ricci).

DIDATTICA E PROGETTI


ARTIGIANA LEGNO TC:Layout 1 06/12/12 06:13 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


MADI TC:Layout 1 06/12/12 06:20 Pagina 1

PORTO FUORI VILLETTE FRONTE PARCO FINITURE DI PREGIO DISPONIBILI VARIE SOLUZIONI GARAGE E AMPIO GIARDINO SOLUZIONI ABITATIVE AD ELEVATO RISPARMIO ENERGETICO CON PANNELLI SOLARI E FOTOVOLTAICI

MADI SRL

Ufficio vendite: Ravenna, viale della Lirica 47 tel. 0544.408781 - cell. 340.7073451

TROVACASA PREMIUM


SAV FLL SCOR TC:Layout 1 06/12/12 06:21 Pagina 35

35

Ravenna Via Garatoni, 12 tel. 0544.35411 www.grupposavorani.it PIANGIPANE (RA) Bilocale al 3° e ultimo piano: soggiorno con cucina in nicchia, camera da letto matrimoniale, bagno con doccia, balcone, Garage. Ascensore. Rif. 875 € 85.000,00 PONTE NUOVO (RA) Appartamento al 1°P: ingresso, cucinotto, sogg./pranzo, disimp., bagno, camera da letto, balconcino verandato oltre a cantina al PT. (I.R.) Rif. 118SC € 88.000,00

CASAL BORSETTI (RA) A poca distanza dalla spiaggia, in elegante e bella palazzina, appartamento al PT con giardino e posto auto: soggiorno con ang.cottura, camera matrim., camera singola, bagno; dotato di zanzariere, tapparelle elettriche, arredato molto bene e completo di lavatrice, lavastoviglie, aria condiz.con pompa di calore in tutte le stanze. Classe Energetica D (127,26), si acquista con Imposta di Registro. Rif. 400GSC € 170.000,00

RUSSI (RA), CENTRO STORICO Grazioso appartamento su 2 livelli, in nuova costruzione: zona giorno con angolo cottura e bagno al 1°P.; zona notte nel vano sottotetto con bagno; garage nel piano interrato. Le utenze sono autonome, ben rifinito, pavimenti in legno, tapparelle motorizzate e soffitto con travi a vista. Rif. GSC02 € 135.000,00

RAVENNA, CENTRO STORICO Tipica casa su più livelli con ingresso indip.; al PT, cucina abit. con ampio terrazzo coperto e bagno al 1°P; al 2°P sogg., disimp., camera matrim. con cabina armadio, bagno, studio e seconda camera da letto. Spese condom.contenute, risc. aut., clima. (ufficio/abitaz. con poss. cambio di destinazione). Rif. SC105 € 290.000,00

F O R E S E CLASSE In complesso di recente costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente. Ampio giardino di mq 115, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, bagno con doccia idromassaggio e garage. Classe energetica D – EP tot 117,00 (kwh/mq/anno) € 180.000,00 RAVENNA CENTRO STORICO A due passi da via Mazzini in palazzotto storico recentemente ristrutturato deliziosa mansarda con splendida vista su bel parco. Ingresso, sala, spaziosa cucina con terrazza in falda, 2 ampie camere da letto, studio / guardaroba, bagno, lavanderia e ripostiglio. Posto bici / moto nella corte interna. Ottimamente rifinito. Soluzione molto interessante. Da vedere! € 320.000,00

RAVENNA Appartamento al primo piano con ascensore, composto da: ingresso, soggiorno/pranzo, cucina abitabile, disimpegno, 3 camere da letto, 2 bagni, garage e cantina nell’interrato. (I.R.) Rif. SC80 € 225.000,00

Via Garatoni 12 . Ravenna tel. 0544.35411 - 0544.528155 cell. 338.2852522 www.grupposavorani.it

RAVENNA, VIA MAZZINI In elegante contesto attiguo a palazzotti ‘800, appartamento al 1° piano con ascensore. Sala con cucina divisibile ed ampie finestre, disimpegno armadiabile, 2 camere matrimoniali, bagno e ripostiglio ciclabile di proprietà in corte interna. Affaccio su corte interna. Finiture ottime. Libero. € 250.000,00 RAVENNA, ZONA S. ROCCO In splendida posizione, in palazzo signorile, si vende ampia mansarda al 4° ed ultimo piano con ascensore. Spazioso ingresso armadiabile (16 mq), ampia sala con camino, cucinotto, 2 ampie letto, bagno e bellissima terrazza di 17 mq. Posto auto in corte interna.(Necessita di alcune migliorie) € 190.000,00

A 15 KM DA RAVENNA Villa unica nel suo genere composta da 3 appartamenti indipendenti, ma facilmente unificabili in un’unica unità (per un totale di ca. 700 mq. comm). Accorgimenti progettuali unici. Meraviglioso parco piantumato riservatissimo di 3000 mq. Fienile ben tenuto di ca. 100 mq. Possibilità di ulteriori 10.000 mq. di terreno. € 800.000,00

Ravenna Via Piave, 15 tel. 0544.406333 www.grupposavorani.it RAVENNA, VIA BELFIORE Si vende attività di parrucchiera uomo – donna svolta in un locale artigianale di mq. 50. Possibilità di acquistare anche il negozio. Informazioni in agenzia RAVENNA, ZONA RANDI Si vende ufficio ben tenuto posto al 3° piano con ascensore composto da 2 vani, antibagno, bagno, balcone e posto auto scoperto al piano terra. Libero subito. € 88.000,00 RAVENNA, ZONA VIA MONTANARI Appartamento in villetta di recente costruzione, attualmente suddiviso in 2 unità immobiliari, ciascuna con ingresso indipendente: Bilocale: soggiorno con cucina a vista, disimpegno, camera da letto matrimoniale, bagno, giardino.

Trilocale: ingresso, soggiorno/pranzo con cucina a vista, 2 camere da letto, bagno, scala interna che da l’accesso al seminterrato: tavernetta con camino, lavanderia, garage doppio. OTTIME RIFINITURE, spese minime per ricavare un’unica abitazione. Giardino su 3 lati. € 385.000,00

RAVENNA, ZONA VIALE ALBERTI In condominio di recente costruzione si vende delizioso appartamento posto al piano secondo con ascensore: ingresso, soggiorno con angolo cottura, disimpegno, 2 camere da letto, bagno con vasca idro, ampio balcone e garage al piano interrato. Rifiniture extracapitolato. Classe energetica C. € 167.000,00

RAVENNA, ZONA VIA ZALAMELLA Villa singola con giardino su piani sfalsati, in bella zona residenziale, composta da: ingresso, salone con cucina a vista e veranda, 2 camere da letto matrimoniali, ampio bagno, oltre a garage, lavanderia/ripostiglio, taverna, bagno e cantina al piano seminterrato; al piano sottotetto due ampi servizi. € 550.000,00

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 06:26 Pagina 36

36

via Carlo Levi 62 . Ravenna cell. 327 1248718 francesca.leonzi@libero.it VIA CARLO LEVI In edificio ad altissima prestazione energetica, certificato classe “A+” (regione Emilia Romagna) e classe “A” Casa Clima, appartamenti bi-trilocali, attici, uffici e box auto. Progetto e realizzazione con alti standard qualitativi, tutti i materiali utilizzati sono certificati, le finiture interne sono a scelta dell’acquirente. Ufficio vendite aperto dalle 10 alle 18

RAVENNA – ZONA S. BIAGIO.

RUSSI Villa indip. ottimo stato, con parco alberato di 4500 mq. PT: ampio ingresso con accesso dal patio, studio, salone c/camino, doppio garage, taverna c/camino e forno a legna, bagno, loc. caldaia; 1°P. cucina abit. con balc, sogg./pranzo c/camino e balc., bagno, disimp. notte, 3 letto, bagno, loggia; mansarda abit. con letto e studio, bagno, ripostigli. Poss.creare unità indip. al PT. Risc. aut., clima. Info riservate in ufficio

Ampio appartamento servito di ascensore. Sala, cucina, 3 camere letto, 2 bagni, balconi verandati, cantina e 2 posti auto coperti. Ottimo stato abitativo. Cl. Energ.: G Rif. V 97 € 190.000,00

MARINA DI RAVENNA In zona tranquilla e vicina al centro, monolocale al primo piano di palazzina di recente costruzione, ben rifinito e completo di arredo, composto da: soggiorno con angolo cottura, zona notte separata e finestrata, bagno. Posto auto scoperto di proprieta’ nell’area cortilizia. Risc. aut. e clima. Classe energetica “D“ EP 99,07 € 165.000,00 ZONA CENTRALE Casa abbinata ad un lato, da ristrutturare, con ampio giardino alberato di mq. 360; PT: ampia cantina, tavernetta e lavanderia; al PR: ingesso, cucina, soggiorno/pranzo, 2 balconi, bagno; 1°P: 3 letto matrimoniali, bagno, 2 balconi. Possibilità di ampliamento di ulteriori mq. 168, con progetto di edilizia sostenibile. Info riservate in ufficio CENTRO STORICO In stabile di 2 sole unità ampio e luminoso appartamento su piani sfalsati, da ristrutturare: ingresso, cucina, sala pranzo, salone con camino, 4 lett0, studio, doppi servizi, balcone, ampia cantina, piccola corte interna e annesso locale commerciale trasformable in autorimessa o in studio professionale. Risc.aut. Info riservate in ufficio SAN MARCO In complesso di recente costruzione, monolocale al piano terra, con ingresso indipendente, cortile sul fronte e giardino sul retro, cosi’ composto: soggiorno con angolo cottura arredato, zona notte separabile e finestrata, bagno. Risc. aut. gas. e clima. Classe energetica “E“ EP 161,26 € 88.000,00 PIANGIPANE Appartamento al 1° ed ultimo piano di piccolo complesso di recente costruzione, con ingresso indipendente e piccola corte, cosi’ composto: balcone di arrivo, soggiorno con cucinotto in nicchia, 1 letto, bagno finestrato, mansarda con 1 letto e terrazza ad asola. Cantina e posto auto coperto al piano terra. Risc. aut. e clima € 140.000,00

TROVACASA PREMIUM

Russi (RA), via Trieste 31 . tel. 0544 583359 . cell.340 9171743 . www.russicasa.it

RUSSI Villetta in costruzione. Ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere letto, 2 bagni, ampia mansarda, garage e giardino. Vendita al grezzo. Rif. B 96 € 130.000,00 GODO Appartamento di recentissima costruzione, posto all’ultimo piano con ascensore. Soggiorno, angolo cottura, 2 camere letto, bagno, terrazzo, cantina, posto auto. Rif. V 56 € 130.000,00 RUSSI – CENTRO Nuovo appartamento al piano terra con ingresso, soggiorno, angolo cottura, 2 camere letto, bagno, ampia corte esclusiva. Possibilità di posto auto o garage. Rif. V 6/9 € 150.000,00 RUSSI Ultimo nuovo appartamento servito di ascensore. Ingresso, sala, cucina/pranzo, 3 camere letto, 2 bagni, ampio terrazzo coperto, garage. Rif. V 82 Prezzo da concordare RUSSI – CENTRO STORICO Interessante casa abbinata, composta da 07 vani, 03 servizi e corte privata. Da ristrutturare. Rif. B 51 € 60.000,00 tratt. RUSSI Appartamento di ampia metratura. Ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere letto, bagno, balcone. Possibile avere garage. Rif. V 69 € 125.000,00 tratt. RUSSI In ottima posizione. Locale commerciale al piano terra, completo di bagno. Mq. 100 circa. Rif. R 6 Info in ufficio

RUSSI Nuova lottizzazione. Interessante appartamento al piano terra con ingresso indipendente ed ampia corte. Si vende tutto arredato. Ottimo come investimento. Rif. V 5 € 70.000,00 RUSSI - ADIACENTE ALLA PIAZZA Ampio appartamento composto da sala con camino, cucina abitabile, 2 camere letto, 2 bagni, balcone, cantina e garage. Buono stato abitativo. Pronta consegna. Rif. V 4 € 150.000,00 tratt. RUSSI Casa abbinata ad un lato. Ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere letto, 2 bagni, ampia cantina e giardino privato. Rif. B 73 € 155.000,00 S. PANCRAZIO Nuova villetta in angolo. Ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere letto, 2 bagni, ripostiglio, mansarda, ampi terrazzi, garage e giardino privato. Consegna immediata. Rif. B 79 € 230.000,00 tratt. RUSSI Centro, villetta abbinata ai lati. Ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 3 camere letto, 2 bagni, cantina, garage, portico, giardino fronte e retro casa. Buono stato abitativo. Rif. B 71 € 240.000,00 tratt. S. PANCRAZIO Casa abbinata ad un lato su lotto di mq. 500 circa. Ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto matrimoniali, 2 bagni, vari ripostigli, garage. Da riattare. Rif. B 74 € 125.000,00 tratt. FRA RAVENNA E FORLÌ Stabile di ampia metratura, già attrezzato per Circolo privato o bar. Corredato di appartamento e capannone. Rif. B 76 € 220.000,00 tratt. RAVENNA Appezzamento di terreno agricolo di Ha. 3, tutto seminativo senza abitazione e fornito di impianto di irrigazione. Rif. T 5 € 145.000,00 FRA RAVENNA E FORLÌ Si vende un lotto di terreno edificabile con destinazione residenziale di mq. 515 circa. Con la possibilità di ampliamento. Rif. T 7 € 95.000,00

Auguri di Buone Feste e di un migliore 2013


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 06:26 Pagina 37

37

via Mura di S.Vitale, 13 Ravenna tel. 0544.38017 tel. 340.0772622 www.ladimoradimagdala.com info@ladimoradimagdala.com

RAVENNA, SAN BIAGIO:

via Bovini, 54 . Ravenna . tel. 0544 .502072 via Mazzini, 15 . Alfonsine (RA) . tel. 0544 83511 www.agenziastudioeffe.it

PORTO CERVO, SARDEGNA RAVENNA - CENTRO STORICO In zona via Oriani, appartamento indipendente di circa 200 mq. su due livelli, composto da ingresso comunicante con garage, ampia sala mq. 35, sala pranzo con camino, cucina abit., 3 bagni con finestra, 3 letto (2 matrim. + singola), studio. Garage. Possibilità di 2°garage. Codice Immobile: 019 € 540.000,00

SPLENDIDO ATTICO, in ottimo contesto, composto da: soggiorno, cucina abitabile, entrambi con affaccio su terrazzo abitabile con zona barbecue, tre ampie camere da letto, tre bagni, uno con vasca idromassaggio, ampio garage, due posti auto scoperti. ottime rifiniture. Classe energetica C € 470.000,00 trattabili

RAVENNA, CENTRO STORICO ZONA VIA CESAREA

PIANGIPANE Bella villa con 2 unità abitative indip. con giardino alberato: ingresso, sala con camino, grande cucina con isola centrale, bagno, 2 letto matrim., mansarda ampia con bagno privato, taverna e bagno, ampie camere con finestra uso hobby, balconi, terrazzo e garage; 2^abitazione con soggiorno con zona cucina, bagno, 2 letto matrim.; bagno-lavanderia, ripost. e garage. Codice Immobile: 052 ��� 485.000,00,00

sulla spiaggia di Cala Granu, affascinante BILOCALE composto da soggiorno, cucina, bagno, camera da letto matrimoniale, terrazzo. € 500.000,00 tratt.

VICINANZE PIANGIPANE

Originale e rifinito LOFT, al primo ed ultimo piano composto da: ampia zona giorno con affaccio su balcone, bagno, soppalco con camera matrimoniale e cabina armadio. Molto silenzioso. Dotato di aria condizionata, impianti a norma e cerfiticati. € 158.000,00

RAVENNA, ZONA VIALE ALBERTI Luminoso APPARTAMENTO recentemente ristrutturato composto da: ingresso, sala, cucina separata con affaccio su balcone abitabile, camera matrimoniale, bagno con vasca, camera singola, ripostiglio, garage e due posti auto. € 175.000,00 RAVENNA, ZONA VIALE RANDI Vendesi NEGOZIO con ottima visibilità di circa 120 mq. € 340.000,00

FAVOLOSA VILLA su lotto di mq. 15.000, completamente e finemente ristrutturata. Ulteriore possibilità edificatoria, garage e servizi in corpo staccato. Informazioni e reportage fotografico in agenzia

RAVENNA, CENTRO STORICO Cedesi rinomata ATTIVITA’ COMMERCIALE, posizione interessantissima. Ulteriori informazioni in agenzia A 8 KM DA RAVENNA

bellissimo APPARTAMENTO di recente costruzione sviluppato su due livelli composto da: cucina, sala, tre camere da letto, due bagni, terrazzo abitabile, posto auto, tetto con travi in legno sbiancate. Informazioni in agenzia

ALFONSINE Recente costruzione - classe energetica C, APPARTAMENTO CON INGRESSO E GIARDINO INDIPENDENTE al primo piano, composto da terrazzo, soggiorno con zona cucina, bagno, ripost., 2 letto, posto auto. Risc. aut. Codice Immobile: 067 € 155.000,00,00

MEZZANO Nuova zona resid. vicino servizi, posiz. molto tranquilla, con riscald. a basso consumo, finiture accurate), APPARTAMENTO INDIP. al 1° ed ultimo piano con bellissimo tetto a vista in legno, zona giorno con affaccio sul terrazzo ampio abit.con vista campagna, bagno (possib. di 2°bagno), 2 letto, ripost. balcone. Poss. di studio in soppalco. P.auto coperto. Cantina. Finiture con ottimi materiali a scelta .Classe "B" EP=59 Cod. Imm.: 122 € 188.000,00

VICINANZE MEZZANO In zona residenziale, a meno di 15 min. da Ravenna, CASA AD UN PIANO con giardino alberato, composta da ingresso, cucina-pranzo c/caminetto, soggiorno, bagno, 2 letto matrim., giardino molto appartato già con piante e siepi verdi, zona per farci orto. Da riadattare. Codice Immobile: 131 € 135.000,00 tratt.

RAVENNA, ZONA CIRC. S. GAETANINO UFFICIO mq. 35 affittasi, piano terra con due vetrine e due ingressi, 2 camere, antibagno e bagno. Posti auto adiacenti. Codice Immobile: 214 € 420,00/mensili

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Docum Testimon TC1212:Layout 1 06/12/12 06:31 Pagina 38

Ceccarelli, ingegnere di terra e di mare La città ha ricordato con una conferenza il progettista nautico e edile scomparso nel 2011. Un «personaggio schivo e concreto, con solide radici mai rinnegate». Prevista la pubblicazione di un volume antologico delle sue opere, e l’intitolazione di una borsa di studio e di un premio di laurea

di Domenico Mollura

La conferenza dal titolo “La città ricorda Epaminonda Ceccarelli, ingegnere di terra e di mare”, tenutasi, in una Sala Muratori gremita, lo scorso 23 novembre ha reso omaggio, ad un anno dalla sua scomparsa, al politico antifascista, al progettista nautico ed edile, al ravennate poliedrico amante della propria città. I relatori si sono alternati nel ricordo personale, commosso e diretto, di un “personaggio schivo e concreto”, con “solide radici, mai rinnegate”, la mente – curiosissima – sempre aperta al futuro e una profonda attenzione verso le giovani generazioni. In una lettera, trasmessa agli amministratori della città nel 2011, l’ingegner Ceccarelli richiama l’attenzione su tre punti nodali della riqualificazione e del rilancio com-

DOCUMENTI E TESTIMONIANZE


Docum Testimon TC1212:Layout 1 06/12/12 06:31 Pagina 39

«…il mare ci invita alla semplice verità delle cose» Epaminonda Ceccarelli

petitivo di Ravenna come città d’arte, storia e cultura: si tratta – ha evidenziato in apertura Giannantonio Mingozzi, vicesindaco di Ravenna – dell’assoluta conservazione della facciata ad esedra del Mercato Coperto, della valorizzazione del mare di città (in risposta alle voci di tombamento dell’ultimo tratto del Candiano) e, infine, al recupero del patrimonio di archeologia industriale presente in Darsena. Appare evidente che tali “consigli” sono frutto, oltre che di una vasta esperienza professionale, di un grande amore per Ravenna che Epaminonda Ceccarelli (EC) aveva visto soffrire per le ferite dalla guerra, prima, e rinascere, dopo, contribuendo in prima persona come progettista. L’architetto Cristiano Bacchi sceglie un omaggio per immagini per ricordare il “maestro di architettura”; il video raccoglie interni architettonici, città, gli allestimenti teatrali, le architetture del mare, scatti personali di EC che nella loro fitta sequenza tratteggiano una forza creatrice dirompente e trascinante. Per Antonio Vettese (giornalista nautico) EC è stato un «padre-non padre», ovvero una presenza che ha saputo indicare, pur nella non assiduità della frequentazione, un preciso percorso di vita manifestando sempre la sua curiosità e la sua volontà di imparare, nonostante la vasta esperienza accumulata. EC è stato anche, e soprattutto, un innovatore dei linguaggi. È

Nelle foto alcune opere e un recente ritratto, prima della scomparsa, dell'ingegner Epaminonda Ceccarelli. Nella pagina a sinistra, l’edificio in cemento armato all’angolo fra via Cavour e via Pasolini, a Ravenna. In questa pagina, dall’alto: il condominio di via Gradisca; un particolare della tessitura muraria dell'abitazione di Ceccarelli; la scala esterna con alzata e pedata continua in cemento realizzata per una villa di Marina di Ravenna.

SETTEMBRE-OTTOBRE

2012


Docum Testimon TC1212:Layout 1 06/12/12 06:31 Pagina 40

40

sufficiente citare le imbarcazioni e i cantiere navali ai quali Ceccarelli ha legato il suo nome come Classis, De Cesari, e la serie di scafi EC che hanno rappresentato un archetipo nella loro categoria, e il primo banco di prova per molti velisti in erba. Vettese rammenta poi le telefonate incuriosite che EC gli faceva quando da cronista seguiva le regate dell’America’s Cup e come, divenuto ormai «ragazzo di bottega» del figlio Giovanni, EC seguisse il cantiere proprio per l’America’s Cup, perché era sempre capace di capire ed afferrare un’idea «dall’odore delle barche». Tuttavia la passione, sconfinata quella per il mare Adriatico, di cui era capace EC lo metteva anche in guardia dalla crisi di valore che stava per attanagliare il settore della nautica: «nei cantieri – conclude Vettese, citando EC – sta scomparendo l’homo faber per fare spazio al marketing». L’attività di progettazione è inscindibile dall’atto costruttivo e EC, allo stesso modo di Louis Kahn, era profondamente convinto che l’architettura fosse solo quella realizzata e non quella rimasta sulla carta, come precitato dall’architetto Paolo Bolzani che nello Studio Ceccarelli ha svolto il proprio tirocinio professionale tra il 1991 e il 1993. Nel 1962 EC riceve un importante riconoscimento con il Premio In/Arch Emilia-Romagna per l’edificio in angolo tra via Pasolini e via Cavour, ove prevale la scelta di aderire al linguaggio brutalista, risposta “concreta” alla crisi dell’International Style. Il cemento a vista si cala nel centro storico della città senza forme di reverenza ma manifesta appieno la sua natura di materiale “moderno”; unica deroga alla presenza massiva di tale materiale sono le finestre e le vetrine con profili in alluminio. Ma l’interesse di EC verso la cultura del progetto e la sua originale intepretazione, che denunciano le capacità di ingegnere votato alla creatività, travalicano l’ambito locale per sbarcare nel fermento culturale della Londra anni Sessanta. Infatti nel gennaio del 1965 – prosegue Bolzani – la prestigiosa rivista Architectural Design (AD), edita proprio nella capitale britannica, esce con un articolo dedicato ad EC che evidenziava l’inserimento di una sua opera all’interno di un contesto storico, il ponderato rapporto di scale che esso stabiliva con il suo immediato contesto e paragonando l’attività dell’ingegnere ravennate a quella di architetti del calibro di Ungers e Valle, assurti in seguito alla massima notorietà negli anni Ottanta. EC infondeva la medesima cura nel dettaglio tanto nei progetti nautici che in quelli architettonici, per i quali esisteva un sottile e inafferrabile confine come quello tra la terra e il mare, manifestando un sincero rispetto per la natura peculiare dei materiali impiegati, anche in altri edifici come quello in via Gradisca o la parete del vano scala della propria abitazione o la scala esterna – con pedata ed alzata continue in cemento armato – della villa a Marina di Ravenna. Parlando dei progetti per il futuro della città EC si è anche soffermato sul recupero del Mercato Coperto, intravedendo in esso uno “spaesamento” simile a quello prodotto dai non-luoghi rappresentati dai centri commerciali lontani

DOCUMENTI E TESTIMONIANZE


Docum Testimon TC1212:Layout 1 06/12/12 06:31 Pagina 41

41

«…le vostre mani, le vostre menti sono il più grande dono che vi ha fatto Dio: usatelo», perché non può esistere «nulla senza il soffio creativo della libertà creativa».

dalle città e dalle persone, richiamate non in quanto tali ma in quanto consumatori. Lo racconta Francesca Santarella, consigliere comunale e animatrice di una campagna di sensibilizzazione per la conservazione del magazzino ex Sir, alla quale Ceccarelli dona una copia di un archivio fotografico (Studio Valli di Bologna) che racconta molti brani di storia urbana di Ravenna degli anni Cinquanta raccolte in occasione dell’incarico conferito da Eni-Agricoltura alla metà degli anni Ottanta proprio per il recupero dell’area ex Sir in via Trieste. I racconti professionali dell’ingegnere e quelli privati del padre, si mescolano nelle parole conclusive di Giovanni Ceccarelli che ha proseguito, con brillanti risultati e importanti riconoscimenti internazionali, nel solco della progettazione nautica. L’ingegnere definì quest’ultima come un “un gioco”, manifestando tutta la passione (e il fare propriamente artigianale) che sta(va) dietro questo settore. È di fronte ad un personaggio di tale statura umana e professionale che la città si interroga (o si dovrebbe interrogare) su come si possa restituire l’attenzione profusa per le sue sorti. Forse, anche in questo caso, diventa illuminante un suggerimento di Ceccarelli, che nell’ultima uscita pubblica (nell’aprile del 2011), in occasione di una conferenza sul recupero del magazzino ex Sir (Darsena sospesa tra storia e futuro), organizzato da Francesca Santarella, disse – rivolto al pubblico di giovani studenti: «…le vostre mani, le vostre menti sono il più grande dono che vi ha fatto Dio: usatelo», perché non può esistere «nulla senza il soffio creativo della libertà creativa». Tra le iniziative previste dopo la conferenza il vicesindaco anticipa la realizzazione di un volume antologico sulle opere di Ceccarelli, l’intitolazione di una borsa di studio e di un premio di laurea, proprio per rimarcare il legame di Ceccarelli con Ravenna, con la cultura e con le giovani generazioni: in questo modo si rende un servizio alla scienza, alla conoscenza ed al futuro della città. L’impegno è quello di rendere pubblico il lascito culturale dell’ingegnere ravennate, spesso inedito (come ad esempio gli allestimenti teatrali per Ravenna Festival) e tale ricordo «esprime il debito – conclude Mingozzi – che tutta la città ha nei confronti di Ceccarelli».

di Casadei Baldelli Franco&C. s.n.c. Via Renato Serra, 40/42/44/46 Ravenna - tel. 0544 62502 _ fax 0544 478984 nuovafrancesconi@virgilio.it

SOSTITUISCI LA CALDAIA CON NOI E TI FACCIAMO IL PIENO!* •recupero fiscale del 50% •valido dall’1/11/12 al 31/12/12 * L’importo dei buoni benzina sarà definito in sede di conferma dell’offerta

condizionamento • idrotermosanitari antincendio • arredo bagno aspirapolvere centralizzato NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


RIQUALIF TC1212:Layout 1 06/12/12 06:33 Pagina 42

28

di Domenico Mollura

Ravenna ha presentato al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti un “Contratto di Valorizzazione Urbana” legato alla riqualificazione del quartiere. Le opere indicate sono contemplate nel Poc “Darsena di città”, per un finanziamento richiesto al Governo, nell’ambito del Decreto Sviluppo, di circa 13 milioni di euro.

RIQUALIFICAZIONE URBANA

Il Decreto Legge 83/2012, meglio noto come Decreto Sviluppo, ha individuato (art. 12) una somma pari a 224 milioni di euro per il rilancio del settore edile e il recupero di aree urbane degradate i cui progetti giacciono nei cassetti delle amministrazioni locali ormai da anni per mancanza di fondi. Il bando di finanziamento, denominato Piano Città, prevede dei precisi requisiti di merito per le proposte. I comuni, infatti, sono stati chiamati a presentare un Contratto di Valorizzazione Urbana (Cvu) riguardante aree urbane circoscritte e incentrato su un “insieme coordinato di interventi di riqualificazione”. Inoltre costituiscono criteri di priorità e di valutazione: l’immediata “cantierabilità” degli interventi, il coinvolgimento di altri soggetti e finanziamenti (pubblici e provati), la riduzione di fenomeni di tensione abitativa, il miglioramento della qualità urbana e delle dotazioni infrastrutturali (con particolare riguardo al contenimento del consumo del suolo non edificato). Ravenna è tra gli oltre 430 comuni italiani che lo scorso 5 ottobre hanno presentato la loro canditura al bando di finanziamento. Nel Cvu trasmesso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sono previsti precisi interventi, considerati «(…) strategici per il decollo della più complessiva riqualificazione della Darsena di città». Le opere riportate nel documento, infatti, sono già contemplate all’interno del Piano Operativo Comunale (Poc) «Darsena di città» in fase di predisposizione – anche in considerazione degli input provenienti dal Documento Finale del percorso partecipativo “La Darsena che vorrei” – e per il quale, secondo gli intenti manifestati, si prevede


RIQUALIF TC1212:Layout 1 06/12/12 06:33 Pagina 43

43 57

La Darsena in gara per il Piano Città l’avvio dell’iter di adozione entro il 2012. Il documento, che pertanto anticipa gli assi portanti del Poc, evidenzia la rispondenza della proposta alle finalità di riqualificazione indicate nel bando. Il punto di partenza è la previsione di «(…) funzioni urbane, residenziali, turistiche, sociali e culturali con particolare riferimento alla sostenibilità degli interventi e all’innovativo concetto di nuovo quartiere Darsena “smart” (intelligente, ndr)», affidando all’intervento pubblico il ruolo di “volano essenziale” per richiamare interventi privati, definiti “rilevantissimi”. La possibilità di realizzare il recupero della Darsena, inoltre, viene considerato anche come validazione del percorso per un’altra candidatura, quella a Capitale della Cultura in quanto tale comparto – a metà tra il mare, la storia e l’industria – è “serbatoio di siti e dotazioni culturali di rara suggestione con particolare riferimento agli edifici di archeologia industriale”. L’orizzonte strategico è quello della riconversione delle città industriali di medie dimensioni, nelle quali il turismo di tipo culturale ha rappresentato la principale motivo di riqualificazione economica. Il Cvu comprende opere per il miglioramento della dotazione infrastrutturale, con una nuova “Strada di spina”, l’incentivazione del trasporto alternativo e di quello pubblico al quale si affianca la previsione di un nuovo sistema del verde con due parchi urbani (in destra e in sinistra del Canale); incentivi premianti, infine, per l’uso “intelligente” delle risorse (modalità di produzione dell’energia necessaria a tutte le attività insediabili). Le opere, prioritarie e indispensabili, vogliono incentivare il recupero dei comparti privati (che costituiscono la maggioranza della superficie complessiva) e realizzare un quartiere “evoluto” a ridosso del centro storico della città. Per far ciò vengono individuati dei precisi interventi. Al fine di intraprende il processo di bonifica dei fondali del Canale Candiano, in corrispondenza della Darsena di Città, occorre in via preliminare realizzare una vasca di prima pioggia da collocarsi a Nord del Mausoleo di Teodorico. Tale vasca avrà il compito di raccogliere le acque di dilavamento che, generalmente, sono quelle maggiormente critiche (a causa del trasporto di fanghi e sostanze varie dai piazzali e dalle strade). Una volta avvenuta la sedimentazione dei fanghi l’acqua verrà immessa, tramite pompaggio, nel Canale. La via di Spina rappresenta il completamento della rete stradale esistente (e ad oggi attestata sulla sola via Trieste) e delimiterà il comparto di intervento, costituito da una zona a traffico limitato. Il nuovo Collettore fognario, in sinistra Canale, avrà il compito di rac-

cogliere e recapitare a depurazione tutti gli scarichi dei nuovi subcomparti; la complessità di tale intervento risiede nella realizzazione di un tratto fognario di lunghezza pari a circa 100 metri con passaggio sotto il Canale stesso. Il quarto e ultimo intervento previsto nel CVU è l’acquisizione al patrimonio pubblico del contenitore di archeologia industriale degli ex Magazzini Fiorentina. Il piano finanziario delle opere elencate prevede una spesa complessiva per le opere pari a circa 17 milioni di euro di cui circa 13 richiesti con il bando Piano Città e il resto suddiviso tra risorse già disponibili e risorse private. Le prime analisi sulle proposte trasmesse evidenziano che le candidature rappresentano “solo” il 5% dei comuni italiani ma quasi un terzo della popolazione del Paese. Inoltre l’ammontare totale delle opere che richiedono il finanziamento è pari a oltre 18 milioni di euro a dimostrazione di quanto sia “bloccata” la riqualificazione delle città italiane. I progetti “classificati” dall’Anci verranno trasmessi al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti cui spetta l’istruttoria tecnica delle proposte. Solo la “cabina di regia”, composta dallo stesso Ministero in sinergia con Anci, Regioni, Cassa Depositi e Prestiti e Agenzia del Demanio valuterà i progetti e l’assegnazione delle risorse (in attesa di individuare nuovi fondi a disposizione) nella cui valutazione dovrebbe essere decisiva la immediata cantierabiltà dei progetti, vincolata ad un preciso limite per l’inizio dei lavori in mancanza del quale il finanziamento viene ritirato.

Una foto aerea del comparto Darsena di città, oggetto di un piano operativo comunale. Nella pagina a fianco, planimetria con le opere e gli interventi inseriti nel Cvu, candidate a partecipare alla gara per il Piano Città.

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


GABBIA TC 2011 IMPAGINAZ:Layout 1 06/12/12 06:36 Pagina 44

44

La casa è una priorità soprattutto nei momenti difficili. Snoopy Casa assegna ai propri soci la casa in proprietà o in locazione a canone agevolato. Presso i nostri uffici è possibile richiedere informazioni sugli interventi e iscriversi alla cooperativa. RAVENNA Via Pirano N. 26 - tel. 0544 423475 - 335 1310058 www.snoopycasa.it

Porto Corsini (Ra) RESIDENZIALE “SANFILIPPO 2”

A due passi da Marina di Ravenna e da Marina Romea elegante palazzina composta da 10 appartamenti di differenti tipologie L’edificio si contraddistingue per le pregiate finiture e per l’utilizzo delle più moderne tecnologie per il risparmio energetico. Personalizzazione di interni. Modalità di pagamento concordabili. Possibilità di mutuo.

TROVACASA PREMIUM


GI DESIGN TC:Layout 1 06/12/12 06:39 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


CERAMICHE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:43 Pagina 46

46

Faenza-Faiance tradizione e innovazione nell’arte della terra e del fuoco

Nei secoli la produzione ceramica faentina ha saputo evolversi e rinnovarsi nei temi, nelle tecniche e nei linguaggi. Ecco la situazione contemporanea, fra installazioni e arredo urbano

CERAMICA E DESIGN


CERAMICHE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:43 Pagina 47

di Paolo Bolzani A seguito del buon riscontro dell’intervista a Claudia Casali, direttrice del MIC, ci attardiamo ad indugiare ancora sul tema Faenza-Faiance, anche perché, ad ogni tentativo di approfondimento, le dimensioni del tema relativo alla produzione ceramica della città dell’Astorre si rivelano sorprendentemente ricche per dimensioni e altrettanto sorprendenti per gli esiti conseguiti. Ciò che maggiormente colpisce è in verità la capacità di rinnovamento tematico, di adeguamento tecnologico e di aggiornamento linguistico che Faenza è riuscita a mettere in mostra nel corso dei tempi. Fin dal medioevo si qualifica nella città manfreda una peculiarità artigianale e artistica, che poi si esalterà nei secoli XV, XVI e XVII e che conoscerà un netto rinnovamento nel Novecento. Come scriveva Ennio Nonni appena due anni fa, «se la storia della ceramica è raccolta prevalentemente nei musei o comunque in ambienti dedicati, si può affermare che dal 900 questo “materiale”, al quale la città ha dato il nome, si affaccia sempre più all’esterno presentandosi in molteplici vesti. Senza dubbio lo spazio esterno, visibile da tutti, implacabile giu-

A destra, il porticato con colonne rivestite in materiali ceramici dell'edificio progettato da Ettore Sottsass nel 2005; sotto l'opera pavimentale policroma "VerboAmerica" di Sebastian Matta a Santiago del Cile, realizzata dalla bottega d'arte ceramica Gatti.

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


CERAMICHE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:43 Pagina 48

48

«Se la storia della ceramica è raccolta prevalentemente nei musei o comunque in ambienti dedicati, si può affermare che dal 900 questo “materiale”, al quale la città ha dato il nome, si affaccia sempre più all’esterno presentandosi in molteplici vesti…» dice per gli interventi con insufficienti tecnica e creatività, è diventato il vero e unico museo all’aperto per eccellenza. Museo inteso in una accezione diversa e innovativa, in senso territoriale, dinamico e fluido, quale luogo in cui sperimentare la ceramica, lasciandola lì al giudizio della gente e del tempo. Questo spazio, senza muri, qualificato qua e là da installazioni artistiche che contemplino anche l’uso di ceramica, è il biglietto da visita della città» (tratto da E. Nonni, Territorio e ceramica, Faenza, 2010, con scritti di G. Malpezzi, E. Nonni, C. Ravanelli Guidotti, S. Dirani, F. Bertoni, M. Denicolò, R. Giovannini, B. Fabbri, C. Mingazzini, M. C. Cossa, G. Savorani, A. Nataloni, M. Pretto, F. Cortini, C. Facchini, M. Zauli, G. Olmeti, B. Diamanti, C. Casali). In effetti, dalle opere realizzate negli anni Venti e Trenta da Riccardo Gatti e dalla Bottega d’arte di famiglia, ai pregevoli esiti architettonici di vari palazzi faentini del primo Novecento, giungiamo all’opera innovatrice dell’architetto Ettore Sottsass, che nel 2005 ha realizzato un singolare edificio in via Giuliano da Maiano con rivestimenti ceramici nel porticato, prova unica nel suo genere fatta dall’architetto in Italia, che a Faenza nel 2004 firma inoltre una inedita “cabina Enel” in marmo e ottone. Una visita alla città rivela quindi quanto si sia confermato e esplicitato il binomio Faenza-Faiance, con eccellenze che emergono da Nelle pagine, le teste di ceramica dipinta inserite nella facciata di un complesso residenziale nel 2010, opera della ceramista Monica Gricko.

CERAMICA E DESIGN

un percorso dalle molteplici provenienze e direzioni, validando una tendenza sempre più confermata. Il landmark costituito da Gaia e la Balena nella rotonda di via Granarolo ha assunto connotati totemici tali da suscitare una irresistibile e condivisa simpatia tra l’opera di Stefano Bombardieri e chi viva accanto o chi transiti da e per la città. Con altro linguaggio ed con altri intenti nel 1988 Carlo Zauli realizzava la scultura Fraternità tra i popoli, che tuttora ben orna piazza Cesare Battisti, non lontana dalla Stazione ferroviaria di Faenza. Trascorso circa un decennio, è stato Guido Mariani a trasformare una porzione di muro in mattoni di via Monsignor Battaglia, lunga circa 30 metri e alta 3, in un monito cosmogonico con la sua opera in ceramica In principio era il caos. Nel momento stesso in cui il paesaggio urbano faentino si trasforma in museo all’aperto, le botteghe della città operano all’estero per artisti di grande fama e in luoghi di grande prestigio. Nello stesso anno 1996, nella Stazione Metro di San-


MONDO IMMOBILIARE TC:Layout 1 06/12/12 06:44 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


CERAMICHE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:45 Pagina 50

«In città non sono solo gli spazi ad essere arricchiti, ma anche i nuovi edifici, in base ad una agevolazione vigente dal 2003, con la quale il Comune di Faenza favorisce inserimenti di opere in ceramica in nuovi complessi edilizi». tiago del Cile, Sebastian Matta porta a termine la posa dell’opera pavimentale in terracotta policroma VerboAmerica, realizzata dalla Bottega d’arte ceramica Gatti di Faenza. Due anni dopo Mimmo Paladino conclude I dormienti, una suggestiva installazione in terracotta presso la “Fonte delle Fate” di Poggibonsi, realizzata ugualmente dalla stessa bottega d’arte ceramica faentina. In città non sono solo gli spazi ad essere arricchiti, ma anche i nuovi edifici, in base ad una agevolazione vigente dal 2003, con la quale il Comune di Faenza favorisce inserimenti di opere in ceramica in nuovi complessi edilizi. Come spiega Nonni, «nella competizione fra le città sono vincenti quelle che attraggono gli studenti, i docenti, i ricercatori, i creativi, le imprese innovative, ecc.; in pratica, i talenti e i giovani, in generale, costituiscono la linfa vitale per la città del futuro. Una città attrae per molteplici ragioni quali, in primis, la collocazione rispetto alla rete della mobilità, il livello dei servizi (scuola, sanità, sport, spazi creativi, parchi), la bellezza della sua struttura urbana contemporanea e di quella storica. […] È una direzione obbligata da intraprendere in quanto l’aumento della densità creativa (rispetto alla densità abitativa) si sedimenta in molteplici forme, si irradia e si trasforma in modi non programmati; in pratica genera, pur non essendone a volte pienamente consapevole, innovazione e la tendenza a guardare ad un futuro lontano». Tra gli esiti di questi intenti, rivolti ad aumentare la capacità attrattiva della città contemporanea, si segnala il grande edificio residenziale ornato nel 2010 da una serie di Teste di ceramica dipinta, opera della ceramista Monica Gricko.

In alto, l'opera di Stefano Bombardieri, "Gaia e la balena”, collocata in una rotatoria ; a sinistra, l'installazione in terracotta di Mimmo Palladino, realizzata dalla bottega d'arte Gatti per la “Fonte delle fate” a Poggibonsi; Sotto, la scultura muraria "In principio era il caos", di Guido Mariani, in una via di Faenza.

CERAMICA E DESIGN


BACCARINI TC:Layout 1 06/12/12 06:47 Pagina 51

51

Via A.Laghi, 75 - Faenza (RA) tel. 0546.662040 . fax. 0546-663647 e-mail: info@baccarini.com http: www.baccarini.com CASTEL BOLOGNESE VIA LUGHESE 39 Casa bifamigliare edificata negli anni ’70 con 2 appartamenti di ampie dimensioni e relativi servizi e garages. Ampia corte esclusiva. Buon usato. C.E.: G/335,77. € 440.000,00 Possibilità di vendita anche del solo appartamento al piano secondo con relativi servizi e corte esclusiva. FAENZA - VIA FERMI 2 - 4 Casa su lotto di circa mq. 1200, costituita da 2 ampi appartamenti in buono stato posti rispettivamente ai piani terra e primo con garage e ampi servizi; ulteriore fabbricato separato di circa mq. 90, da ristrutturare. Ampio giardino esclusivo. € 500.000,00

BAGNACAVALLO VIA DELLA COSTITUZIONE 17 ANGOLO VIA VIVALDI Villa indipendente edificata a metà anni ’70 su lotto di terreno di mq. 675. Ben tenuta. Casa della superficie commerciale di oltre mq. 300. Pronta consegna.. C.E.: G – Ipe 306.60. € 550.000,00 FAENZA - CENTRALISSIMO VIA CASTELLANI 29 In stabile totalmente ristrutturato e dotato di ascensore, si vende attico mai abitato di ampie dimensioni e posto al piano secondo con terrazzo e grandi ambienti di servizio al sottotetto. N° 2 posti auto al piano interrato raggiungibili tramite montauto. C.E. B - Ipe: 55. € 600.000,00 FUSIGNANO - CENTRALE VIA EMALDI, 2 IN ANGOLO CON VIA CANTAGALLO E VENETO Ampio fabbricato da ristrutturare con servizi, della superficie complessiva di circa mq.commerciali 1000, con corte scoperta di circa mq. 1500. Possibilità di vendita anche frazionata. Richiesta complessiva € 600.000,00 BRISIGHELLA - CENTRO VIA XXIV MAGGIO, 8 Ampia proprietà indipendente costituita da villa di quasi 500 mq disposta ai piani interrato, terra e primo, oltre laboratorio di circa 350 mq. e palazzina uffici di circa mq. 75. Il tutto su proprio lotto di mq. catastali 754. Discreto stato. € 820.000,00

FAENZA - ZONA ERRANO VIA FIRENZE, 440 Villa bifamiliare di recente ristrutturazione con ampio parco. Consegna da concordare. € 830.000,00

CASTEL BOLOGNESE VIA BIANCANIGO 618 Appartamento al piano 1° di palazzina anni ’70. Soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno e 2 balconi. Cantina e garage al piano seminterrato. Attualmente locato. Buon usato. C.E.: E/168,94. € 130.000,00

FAENZA - VIA MAMELI 40 Appartamento in buono stato posto al piano 3° (ultimo) con ascensore; ingresso, soggiorno, cucinotto, 3 letto, bagno e 2 balconi; cantina all’interrato. € 160.000,00

FAENZA: VIALE VITTORIO VENETO In palazzina di nuova costruzione si vendono gli ultimi 8 appartamenti; 1 letto al piano primo con ampi terrazzi e 2 letto al piano terra con corte privata fronte/retro; ampi garage. Costruzione di ottima qualità. Consegna a 3 mesi. Possibilità di personalizzare le finiture interne; C.E. compresa dalla D - Ipe 97,93 alla E - Ipe 135,50. Prezzi a partire da : € 175.000,00 con garage

FAENZA, FRAZIONE DI REDA CENTRALE - VIA BIRANDOLA 15/19 Fabbricato già libero di circa mq. 500 completamente da ristrutturare. Ideale per la realizzazione di varie unità residenziali o in alternativa ad esempio casa per anziani. C.E.: G € 190.000,00

FAENZA - REDA VIA BASIAGO 111 Fabbricati agricoli (casa, fienile, deposito) ove è possibile ottenere, sulla base dell’attuale normativa di piano regolatore, 3 immobili indipendenti ad uso abitativo. Casa di oltre mq. 500; fienile e deposito i oltre mq. 100 ciascuno. Richiesta complessiva € 200.000,00

FAENZA - ZONA BORGO VIA POMPIGNOLI 17 Appartamento indipendente di nuova costruzione. Sala, cucina, 3 camere, 2 bagni e garage. Possibilità di vendita al grezzo. € 265.000,00

BAGNARA DI ROMAGNA VIA 2 GIUGNO, 48 Capannone a schiera ad uso commerciale di mq. 500 circa con terreno fronte/retro. Altezza interna sottotrave di ml. 5,30 con predisposizione per carro ponte. Ottimo stato estetico/strutturale. C.E.: G/83. € 360.000,00

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


NALDI BORGO MORANDI TC:Layout 1 06/12/12 06:48 Pagina 1

A Solarolo, tra Faenza e Imola, a due passi dal centro, Borgo Morandi, la prima isola residenziale di 5 villette plurifamiliari indipendenti certificate CasaClima in classe A+

a prezzi incredibilmente vantaggiosi

• nessuna emissione di CO2 • ampia copertura fotovoltaica e raffrescamento • riscaldamento radiante a pavimento • controllo dell’umidità interna • ventilazione controllata • riutilizzo dell’acqua piovana

PREZZI STRAORDINARI E COSTI DI GESTIONE RIDOTTI AL MINIMO

• bolletta energetica nulla per vendita • guadagno energetica prodotta • agevolazioni per il mutuo • prezzo in linea col mercato spese • minime per spazi comuni • elevato comfort abitativo • area giochi per bambini

più di 1350 euro di risparmio annuo* *rispetto a una casa nuova costruita con tecniche tradizionali

CASACLIMA A+ La prima isola residenziale certificata CasaClima in CLASSE A+ a emissioni zero

Borgo Morandi a Solarolo Tel. 338.1040311 - 335.307546 - www.borgomorandi.it TROVACASA PREMIUM


MONTI VALERIO TC:Layout 1 06/12/12 06:49 Pagina 11

Via Fossombrone, 10 - Ravenna Tel. 0544 470730 - Fax. 0544 471001

www.valeriomonti.net NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


PENTOLE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:50 Pagina 54

Natale con profumi e Ecco i consigli dello chef Faccini per conoscere ingredienti, cotture, attrezzature, caratteristiche degli alimenti e vivere appieno uno dei momenti più appaganti dell’abitare

Il Natale ai tempi della crisi è venato dall’incertezza e dalla preoccupazione, così le festività di fine anno, quelle che più di tutte decorano gli spazi dell’abitare, inducono a porre maggior attenzione alla qualità e all’autenticità delle scelte fatte in cucina e nei tanti momenti conviviali, che accompagnano il termine del 2012. Per non disperdere energie preziose, per scaldare le più sobrie festività natalizie degli ultimi anni, ancora una volta entra in cucina e negli spazi dedicati al convivio, lo chef Stefano Faccini che per un momento smette i panni di consulente di ristoranti, aziende alimentari e alberghi e quelli di insegnante per indossare la veste dell’esperto a disposizione dei lettori di Trovacasa Premium.

Profumi e colori Per affrontare con successo le tante occasioni conviviali che le festività impongono lo chef consiglia prima di tutto una cura particolare dei profumi e dei colori in cucina. «Il gioco combinato degli aromi non è facile da eseguire, ma è quello che si nota per primo, insieme ai colori, e forse con maggior intensità. Gli ospiti non si sono ancora seduti a tavola, e già tanti profumi si sono mescolati a quelli del camino o della griglia o a quelli sprigionati da tegami e pentole. Portiamo il vassoio e i profumi ci assalgono. Come realizzare questo grande momento? Con precauzione. Le molecole odorose di solito sono molecole organiche, fragili e volatili: un colpo di calore troppo forte e gli aromi sapientemente equilibrati abbandonano il piatto e sono degradate in molecole acri o amare. È buona regola, quindi, limitare le temperature o pianificare l’aggiunta degli aromi a fine cottura». E se di spezie e aromi saranno ricche le pietanze da gustare vicino all’albero di Natale, l’attenzione deve essere doppia. «Come i principi attivi delle medicine, queste molecole hanno una tale forza che la dose prescritta non deve mai essere superata, in nessun caso. La polvere macinata di un intero frutto di noce moscata contiene abbastanza molecole tossiche per mettere a repentaglio la salute di ognuno di noi (se consumate in una unica soluzione). Una ottima tecnica di cottura è quella al cartoccio: la temperatura è sempre abbastanza costante e avviene al chiuso, per cui gli aromi non sono troppo degradati, per di più vengono intrappo-

PENTOLE E PROVETTE


PENTOLE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:51 Pagina 55

lo chef, colori di casa lati e riciclati all’interno dell’involucro e di conseguenza  si mantengono quasi inalterati, utilizzandone una piccola quantità». Con un occhio ai fornelli e alle alchimie in cucina, i pranzi e le cene del periodo natalizio sono di certo l’occasione di chiamare a raccolta creatività e fantasia per la decorazione della tavola.

Centrotavola «Per rendere la tavola più preziosa – assicura Faccini - si possono comporre centrotavola estremamente semplici da realizzare e di sicuro effetto. L’inverno è il momento glorioso dei sempreverdi, di alcune bacche vivaci, di foglie che arrossendo con il freddo, diventano splendide. È anche il momento di chinare gli occhi alla ricerca di rami spogli, cortecce, pigne e muschio per realizzare decorazioni di grande suggestione». Ecco di seguito un piccolo elenco di soluzioni originali immaginate dallo chef e lasciate alla creatività di ciascuno: rose gialle, agrifoglio variegato, abete; rose rosse, agrifoglio, bacche rosse, ginepro e tanta corteccia odorosa; agrumi: chinotto, foglie di agrumi, limone, aranci, mandarini, salvia e una collana di perle bianche (anche finte!); salvia, roselline, timo e nastri colorati; bastoncini di vaniglia, tulle, orchidee; stecche di cannella, rose, cordone dorato e foglie di aspidistra; agrifoglio variegato, peperoncino fresco, teste d'aglio fiocco rosso; salvia, aglio, cipolline, scalogno, agrifoglio, tela di sacco, carta da forno.

I passatelli in tavola Decorata la tavola, in cucina è tempo di preparare uno dei piatti della tradizione. E per raccontare i passatelli, prima di tutto lo chef Faccini suggerisce la lettura delle parole che Pellegrino Artusi dedica alla gustosa pietanza in La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene. «Si chiamano passatelli perché prendono la forma loro speciale passando a forza dai buchi di un ferro fatto appositamente, poche le famiglie  in Romagna che non l'abbiano, per la ragione che questa minestra vi è tenuta in buon conto come in generale, a cagione del clima, sono così apprezzate tutte le minestre intrise colle uova delle quasi si fa uso quotidiano». Dopo i precetti dell’Artusi, pronti arrivano gli accorgimenti dello chef. «Come è noto nell’elenco degli ingredienti troviamo: il grana grattugiato, pane bianco comune grattugiato (privato della crosta, va molto bene il pan carré e il pane per tramezzini) uova, aromi a piacere, brodo (L'Artusi cita anche il midollo), la farina mai. Il pane deve essere setacciato come il grana, più questi ingredienti sono fini

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


PENTOLE TC1212:Layout 1 06/12/12 06:51 Pagina 56

50

(granulometria) più è facile impastarli, più i componenti sono freddi  (da frigorifero) comprese le uova, migliore è la coesione dell'impasto. Le uova devono essere abbondanti e si deve ottenere un impasto estremamente morbido, più l'impasto è duro, maggiore è la possibilità che i passatelli si rompano. Sono le  proteine delle uova che coagulando  ci permettono di ottenere i passatelli lunghi senza la durezza dell'impasto. Dopo la lavorazione, l'impasto deve essere messo a riposare avvolto nella pellicola in frigorifero. Quando si fanno scendere i passatelli nel brodo questo dovrà essere in bollore e si dovrà usare un tegame basso e largo per facilitare la cottura. I passatelli si possono fare anche serviti con condimenti asciutti. Ma questa è un’altra storia».

Gran finale al moscato

Gli auguri dello chef «Il dessert può essere preparato in anticipo per darvi la possibilità di festeggiare  con le persone a voi care. Approfitto dell'occasione per augurare alle nostre lettrici e ai nostri lettori un Natale sereno e... buona cucina a tutti». Per conoscere lo chef Stefano Faccini e carpire alcuni segreti in cucina, nel mese di gennaio è possibile iscriversi a un corso in due lezioni, a tema. Il 15 gennaio i partecipanti si confronteranno con “Ricette in 15 minuti”; il 29 con lo stuzzicante tema “Aperitivi per ricevere”. Il corso si terrà nell’aula dimostrativa Sale in zucca del Gruppo Scozzoli, di Montaletto di Cervia. Per informazioni: tel. 0544 965234, info@saleinzucca.net

Dopo gli accorgimenti e i piccoli segreti non resta che chiudere con una nota di dolcezza. CREMA SOFFICE AL MANDARINO E MOSCATO Ingredienti per 4 persone: crema pasticcera gr. 300 panna montata gr. 100 colla di pesce gr. 3 fettine di pandoro 4 vino moscato q.b. succo di mandarino gr. 30 fettine di mandarino gr. 130 zucchero di canna gr. 50 Procedimento: ammollare la colla di pesce in acqua fredda e strizzarla, unirla alla crema pasticcera ancora caldissima. Raffreddare la crema tenendola coperta per evitare la formazione di grumi. Sbattere leggermente la preparazione e unire il succo di mandarino e successivamente la panna. Posizionare alla base di una coppetta una fettina di pandoro e bagnare leggermente con il vino moscato. Riporre in frigorifero. A parte, cuocere per alcuni minuti le fettine di mandarino con lo zucchero di canna e una volte raffreddate guarnire le coppette di crema. Si possono utilizzare come guarnizione delle foglioline di menta o riccioli di cioccolata.

PENTOLE E PROVETTE

Diviso fra l’insegnamento all’istituto professionale di Stato Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera di Cervia, i corsi di alta formazione, le consulenze per alberghi, ristoranti e aziende alimentari, Faccini, si è fatto promotore di una nuova cultura gastronomica. Attualmente consulente dell’hotel Michelangelo di Milano Marittima, vanta esperienze nella cucina di Paul Bocuse, di Fredy Girardet in Svizzera, ed è Chef Eurotoque, Commandeur de la Commeanderie des Cordons Blues de France e discepolo di August Escoffier.


ALBERT STOCK TC:Layout 1 06/12/12 06:52 Pagina 1

ia, cesteristica t t ogge alizia nat coli e arti alo d a re g

ioni confezgalo d a re l i z z a t e a person

MOBILI IN LEGNO STILE COUNTRY made in Italy CASSETTONE CREDENZA

€ 350,00

€ 365,00

97X49X140h

113X47X213h

COMODINO

€ 165,00 60X35X70h

SCRIVANIA

€ 250,00 130X74X81h

SCARPIERA

€ 265,00 79X30X170h

MADIA COMPLEMENTI DʼARREDO

€ 125,00

€ 69,00

€ 95,00

Ø34X71h

100h

100X50X74h

€ 365,00

LIBRERIA

80X42X153h

€ 240,00 94X36X189h

CASSAPANCA

€ 199,00 120X44X51h

tutti gli articoli si possono avere con colore personalizzato

Ravenna - Parco Commerciale Zona Bassette Via A.Grandi 70/72 - Tel.0544-454322

www.albert-arredamenti.it

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


KARTELL TC1212:Layout 1 06/12/12 06:55 Pagina 58

58

Tavolo e sedie della serie “Invisible Side” ABITARE CON STILE


KARTELL TC1212:Layout 1 06/12/12 06:56 Pagina 59

59

La leggerezza e l’artificio Fra storia e futuro i segreti del mondo Kartell raccontati da Lorenza Luti, direttore Marketing&Retail dell’azienda italiana di Chiara Bissi Come spesso è avvenuto in questi anni nell’ultimo numero dell’anno, nella rivista, trova spazio una riflessione sui complementi di arredo. La chiusura del 2012 è l’occasione per conoscere da vicino uno degli esempi più vivaci fra le produzioni del mady in Italy. Non già una galleria di soluzioni, di proposte provenienti dal mercato, ma un’immersione vera e propria in un mondo dove regnano creatività e tecnologia, glamour e funzionalità, qualità e innovazione. Un viaggio alla scoperta di Kartell, un marchio e una storia italiana. L’azienda nota nel mondo per la produzione industriale di oggetti di design in materiale plastico di alto contenuto tecnologico nasce nel 1949 a Milano dall’idea del giovane ingegnere chimico Giulio Castelli, con l’intento di «produrre oggetti che avessero caratteristiche innovative, intese come applicazione di nuove tecnologie produttive, rivolte all’economia del materiale e all’efficienza del processo». Così Kartell avvia la sua attività con la produzione di autoaccessori, casalinghi, apparecchi d’illuminazione e articoli da laboratorio e, con l’apertura del settore Habitat nel 1963, di mobili e complementi d’arredo. Sin dalle origini Kartell si avvale di un approccio innovativo per la progettazione dei propri articoli basato sulla ricerca tecnologica e sul design, per dare un’identità alle materie plastiche. Nel 1988, alla soglia dei settant’anni, Giulio Castelli passa il timone a Claudio Luti, che rileva il marchio e si avvale della collaborazione dei più rinomati designer internazionali, primo fra tutti Philippe Starck. La svolta avviene nel 1999 quando, dopo anni di ricerca, Kartell è la prima azienda al mondo ad utilizzare il policarbonato per produrre oggetti di arredo per i quali il marchio fa breccia nel grande pubblico. Il risultato è La Marie, una sedia trasparente dal design moderno e minimale. Lorenza Luti

NOVEMBRE DICEMBRE

2012


KARTELL TC1212:Layout 1 06/12/12 06:56 Pagina 60

60

I candelabri serie “Abbracciaio” di Starck. Da quel momento Kartell sviluppa e approfondisce il tema della trasparenza. Con Kartell hanno collaborato e collaborano oltre a Philippe Starck, Ron Arad, Mario Bellini, Ronan e Erwan Bouroullec, Anna Castelli Ferrieri, Antonio Citterio, Michele De Lucchi. E l’elenco prosegue con Patrick Jouin, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni, Patricia Urquiola, Marcel Wanders, Tokujin Yoshioka, Vico Magistretti, Alberto Meda, Front. A Lorenza Luti, direttore Marketing&Retail Kartell il compito di raccontare nuove tendenze e lo stretto rapporto che l’azienda alimenta con il mondo dell’abitare. Colore, ironia, gioco, trasparenze sono alcune delle caratteristiche dei prodotti Kartell, per coloro che sono alle prese per la prima volta con l’arredo della propria abitazione quale consiglio dare nella scelta, nel caso vani dalle piccole dimensioni o al contrario nel confronto con spazi ampi? «I prodotti Kartell sono dei pezzi eclettici che giocano sia sulle trasparenze sia sul colore, pertanto possono essere usati rispettivamente per alleggerire dei vani piccoli o già contraddistinti da molto colore, oppure per dare un tocco di ironia a grandi spazi o a contesti domestici basati sulle monocromie. Un vero e proprio vademecum non esiste, bisogna aver voglia di giocare con la propria creatività».  Per coloro che invece vivono in una dimensione domestica pienamente definita in termine di stile, che può andare dalla tradizione, all’etnico, al rustico, fino alla piena adesione al trend del momento è possibile l’inserimento di un complemento d’arredo Kartell, e quanto è possibile osare? «Oltre ad essere eclettici, i prodotti Kartell sono multifunzionali e trasversali, non hanno un proprio stile né tanto meno

ABITARE CON STILE

Le sedie “Audrey” di Piero Lissoni. mirano a un total look, bensì sono pensati appositamente per adattarsi a tutti gli stili e agli usi più disparati: possono essere inseriti in spazi ultra moderni così come in ambienti domestici più classici».  La lunga storia di Kartell parla di oggetti di design in materiale plastico senza tempo, di creativi e grandi firme del design, pronti alla sfida aperta dalle nuove tecnologie. Ma esiste un profilo del cliente Kartell, al di là dell’età anagrafica e delle più o meno ampie disponibilità economiche? «Per tutte le motivazioni già elencate non esiste un cliente Kartell tipo: passiamo dai giovani che si apprestano ad arredare la loro prima casa per cui cercano pezzi facili, fruibili e accessibili, alla famiglia borghese di mezza età che ha uno spazio abitativo dall’identità ben definita ma che è alla ricerca del pezzo di design». La sedia Louis Ghost, disegnata da Philippe Starck per Kartell nel 2002, è di certo uno degli oggetti più amati dal pubblico di tutto il mondo e molti sono gli eventi in programma per festeggiarne l’anniversario della nascita. A distanza di un decennio è già divenuto un oggetto di culto, qual è il segreto di tanto successo? «Il successo di questa sedia è di aver superato il trascorrere del tempo, di aver rivisitato delle forme classiche, barocche in chiave contemporanea per un risultato finale trasversale che si presta sia per spazi domestici che per quelli collettivi (ristoranti, bar, hotel). Questa sedia è stata in grado di subire qualsiasi tipo di contaminazione e mutazione (negli anni è trasformata, vestita, dipinta e fotografata da artisti, stilisti, designer di tutto il mondo), risultando ogni volta un prodotto nuovo e attuale, dal fascino senza tempo».


KARTELL TC1212:Layout 1 06/12/12 06:56 Pagina 61

La continua evoluzione nell’utilizzo dei materiali e la sperimentazione di nuove tecnologie rendono eclatante ogni produzione Kartell, quali sono le novità nella produzione di mobili e di complementi di arredo? «Per il periodo delle festività natalizie per le idee regalo arriveranno i piccoli pezzi come i candelabri Abbracciaio di Philippe Starck, il vaso e il piatto/centrotavola Jelly di Patricia Urquiola e il vaso Shanghai di Mario Bellini, presentati allo scorso Salone del Mobile 2012, ora finalmente nella loro gamma colori definitiva. Da poco, a grande richiesta, i nostri clienti possono trovare la collezione completa Invisible Table e Invisible Side di Tokujin Yoshioka. Soprendente sia nell’estetica sia nella tecnologica estrema che l’ha creatapoiché esce da un unico stampo – questa collezione in serie di articoli leggeri ed agili, dagli spessori assottigliati e dal fascino etero, può vivere nei diversi ambienti domestici (dal living alla camera da letto) ma anche fare fronte alle varie funzionalità del contract, grazie alla sua multifunzionalità. Stiamo puntando molto e incontrando un riscontro positivo anche con le sedute Audrey di Piero Lissoni e Maui – in un tributo al designer Vico Magistretti che l’ha creata – nella versione Soft, entrambe declinate rispettivamente in ben 13 e 10 nuances accattivanti a scelta tra tre diverse tipologie di tessuto (Kvadrat, Trevira, Lycra), collocandole in una fascia di prezzo estremamente competitiva, nonostante si tratti di pezzi realizzati con materiali pregiatissimi e dall’elevato contenuto di design. E infine c’è anche la nostra collezione di fashion shoes Kartell à la mode, che per l’autunno-inverno 2012/2013 propone gli stivali Sofia e i tronchetti Demi Sofia nella versione Wild con dettaglio in morbide eco pelliccia. Insomma, come si può notare, non ci stanchiamo mai di sperimentare nuove tecnologie, spingere sull’allargamento di gamma e anche semplicemente stimolare la fantasia dei nostri acquirenti».

www.casacooptre.com

PROGETTATE TUTTO IL RESTO Alla casa abbiamo già pensato noi È divertente arredare un nido d’amore... se c’è il nido e non manca l’amore. Ed è ancora più divertente se alla casa ha già pensato Casacooptre. Abitare bene e vivere meglio: con Casacooptre il tuo sogno è realtà. RAVENNA via L.B. Alberti 82 - tel. 0544 407840 FAENZA via Proventa 288 - tel. 0546 29148 (sede operativa) corso Garibaldi 28/B - tel. 0546 660130 LUGO via Foro Boario 93

Madonna dell’Albero (RA) Residenza Il Quadrifoglio A 2 passi dalla città, residenza di pregio così composta: • appartamento con cucina abitabile • 3 camere da letto • garage Ottime rifiniture. Gestione personalizzata dei pagamenti, possibilità di prenotazione con anticipo minimo.

Villette a schiera Ottime rifiniture. Riscaldamento a pavimento. Gestione personalizzata dei pagamenti, possibilità di prenotazione con anticipo minimo. I vasi “Shangai” di Bellini.

NOVEMBRE DICEMBRE

2012


Citta societa TC1212:Layout 1 06/12/12 07:02 Pagina 62

Il “museo temporaneo” nella sede storica del Tiro a Segno Nazionale di Ravenna, illuminato scenograficamente durante la Notte d’Oro. Vista dal “foyer all’aperto”. Foto di Mauro Bertolotto.

CITTÀ E SOCIETÀ


Citta societa TC1212:Layout 1 06/12/12 07:02 Pagina 63

63

Cogliere nel segno Un potenziale sociale: la sede storica del Vecchio Poligono di Tiro

«[...] le città, ora in grande decadenza, sono il luogo in cui abbiamo sperato di trovarci e in cui abbiamo perduto la nostra vita. Mi sembra che la forma della città sia la forma del nostro perderci e del nostro possibile ritrovarci». Giorgio Agamben, I ricordi per favore no, intervista di Roberto Andreotti e Federico De Melis, in Alias, suppl. sett. de «Il manifesto», 9 settembre 2006

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Citta societa TC1212:Layout 1 06/12/12 07:02 Pagina 64

64

di Marina Mannucci

L’Associazione sportiva dilettantistica del Tiro a Segno Nazionale sezione di Ravenna, in occasione della Notte d’oro 2012, ha aperto alla cittadinanza le porte della sede storica del vecchio Poligono di Tiro di via D’Alaggio, importante residuo urbano all’interno dell’area industriale della Darsena di città. L’occasione è stata quella di mostrare il possibile riuso di questo emozionante spazio mediante l’inaugurazione del “Museo Temporaneo all’aperto” con l’esposizione “Esperimenti di Riuso Urbano”: lo spazio è stato allestito come un museo temporaneo e all’aperto, per celebrare il tema del recupero e del riuso. Ogni oggetto esposto è stato riciclato, donato o prestato, ma comunque “reinventato”: anche i “rifiuti” sono stati considerati una risorsa e la loro corretta gestione un’opportunità creativa. Una scelta in linea con i più avanzati parametri di sostenibilità mondiale, che rafforzano le politiche ambientali nella direzione di un impiego più efficiente delle risorse, con la prevenzione, il riutilizzo e il riciclaggio visti come priorità. Il “museo” è stato inaugurato con quasi zero euro di spese, grazie ad una appassionata squadra di volontari: soci del tiro a segno, professionisti, associazioni, sponsors e cittadini. “Esperimenti di Riuso Urbano” è una ricerca promossa dallo studio di architettura 1x1a con Atelier Francis per testare la modalità del riuso urbano temporaneo come processo di progressivo recupero dello spazio, in questo caso del vecchio poligono di tiro, dopo una attenta analisi del contesto territoriale e storico in cui è inserito. La sperimentazione si attua mediante step o “Esperimenti”, e il “Museo Temporaneo”, curato da 1x1a, ha messo in luce le potenzialità di un possibile riuso dell'area coinvolgendo creativi, associazioni e cittadini in un interessante mix-funzionale che ha acceso lo spazio per una serata. L’installazione temporanea dell’illuminazione, progettata dal gruppo DZ Engineering, che vanta progetti a scala internazionale, oltre a rendere fruibile lo spazio e quindi permettere lo svolgimento dell’esposizione, ha

valorizzato la qualità architettonica delle strutture, esaltandone l’attrattiva. “Esperimenti di riuso urbano” ha ospitato esempi nazionali e internazionali di progetti di riuso urbano in aree dismesse tra cui l’esperienza di The Fumbally Exchange a Dublino e l’esposizione delle associazioni Ri-generazione urbana, Basso Profilo, Cooperativa le Ali, Atelier Francis, Khaapins, Un mondo didee, e dei gruppi Micucci, Cucut, Merci con Jardin a porter, Greco, Orsini, Russo con Detroit: reinterpretare la dismissione, Cristina Bellini con sculture di luce, e Sabina Morgagni con Limits. “1x1a” nasce come studio di architettura a Ravenna e si fonda su una solida esperienza nella progettazione architettonica e urbanistica, con una particolare sensibilità rivolta all’approccio sostenibile, alle tematiche ambientali e al paesaggio. La visione poetica s’intreccia con la continua ricerca di metodologie innovative di progetto, integrando pluralità di competenze. Lo studio è diretto da Maria Cristina Garavelli (christina@1x1a.it), fondatrice, architetto e docente di progettazione ambientale presso la Facoltà di Architettura di Ferrara, membro del Comitato Tecnico Scientifico del Green Building Council Italia, ed esperta in tematiche di sostenibilità ambientale, in team di lavoro con Elisa Greco (elisa@1x1a.it), architetto, con esperienza nello studio del recupero urbano. 1x1a sta lavorando a progetti di architettura e urbanistica innovativi sul territorio locale anche a seguito di una

Nella foto sopra: backstage dell’allestimento di 900 bottiglie donate dalla Proloco di Cotignola per realizzare la scultura di luce “Atmosphere”. Nella foto sotto: l’area workshop del museo con l’allestimento di “Jardin a porter” e “Un mondo didee”. Sullo sfondo “The Cube”, realizzato con pallet donati. Le foto sono di Elisa Greco.

CITTÀ E SOCIETÀ


LIBRO BOLZANI TC:Layout 1 06/12/12 07:05 Pagina 1

Cronache e Racconti di Architettura di Paolo Bolzani

Prossima presentazione a Bagnacavallo 14 dicembre ore 18 Osteria di Piazza Nuova, Piazza Nuova 22

Cronache e Racconti di Architettura l’antologia di articoli e brevi saggi sull’architettura e l’urbanistica nella provincia di Ravenna e in Romagna pubblicati su e

Lo trovi in libreria a 25,00 € NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Citta societa TC1212:Layout 1 06/12/12 07:05 Pagina 66

66

consolidata esperienza nell’ambito della ricerca e sviluppo in materia di sostenibilità anche a scala internazionale. Ivo Angelini, presidente del Tiro a Segno, mi espone con entusiasmo le dinamiche che hanno permesso di realizzare l’inaugurazione del Museo temporaneo: l’iniziativa è stata «un importante e riuscito collaudo in previsione di un riuso dello spazio per eventi culturali ed artistici. Sono convinto che il riuso di questo luogo rappresenta una sfida aperta, nella misura in cui viene concepito come un cantiere permanente aperto a sollecitazioni esterne da ospitare e rafforzare». Nel suo racconto traspare un sentimento prezioso ed ormai sempre più raro di riconoscenza verso 1x1a, per l’impegno e la trascinante passione professionale. Avranno a breve un incontro in Comune per spiegare i loro progetti per il futuro: hanno già in mente gli interventi più urgenti, dai servizi igienici e utenze, al programma di recupero delle strutture, oltre che un piano per il recupero di fondi privati. All’ex Tiro a segno si può entrare da via D’Alaggio, oppure passando dall’attuale sede di via Trieste. In quest’ultimo caso bisogna attraversare circa trecento metri di prato ora adibito al tiro con l’arco. Tra le più originali esperienze di riutilizzo di aree e di edifici dismessi che nelle zone periferiche di diverse città europee hanno funzionato da magneti per una gamma variegata di energie, vale la pena menzionare l’Ufa Fabric di Berlino, sperimentazione di forme collettive dell’abitare e promozione di stili di vita più sostenibili; la rivitalizzazione commerciale e la promozione socioculturale a partire dal riuso dei vecchi magazzini di stoccaggio delle merci nel quartiere Yppen di Vienna; ed il caso della Chocolate Factory di Londra, per il sostegno alle tendenze creative emergenti e la creazione di nuove opportunità aggregative per la cittadinanza. «La riflessione sulla storia e sul significato di tali esperienze» – ha scritto Paolo Cottino – ha rafforzato l’idea di «considerare tali spazi e/o strutture, quando esistono, come delle “opportunità in attesa di essere colte” [...] al momento privi di una destinazione funzionale specifica, gli spazi in questione da una parte testimoniano la possibilità di “tenere in sospeso il futuro”, e dall’altra spingono ad immaginare possibili forme di riuso capaci di invertire la tendenza che spinge a considerare le periferie come ambiti marginali destinati ad ospitare solo funzioni residuali

e gli interventi per la loro riqualificazione come misure compensative rispetto alla condizione di disagio patita dagli abitanti. Inoltre, a fronte delle mutate condizioni in cui avviene lo sviluppo urbano (che è chiamato ad affrontare non più il problema dell’espansione, ma piuttosto quello della riduzione del consumo di suolo) e di pratiche di governo sempre più orientate a modelli di governance (all’interno dei quali la Pubblica Amministrazione è chiamata ad assumere, più che altro, un ruolo di enabler [facilitatore] di processi di trasformazione che coinvolgono attori economici e sociali), gli spazi dismessi si prestano a rappresentare veri e propri laboratori urbani, occasioni per affrontare strategicamente la reinvenzione di parti della città, del loro ruolo e delle funzioni che ospitano».1 Sempre riguardo al tema del riuso, Cottino «intravede la possibilità di coltivare [...] un approccio “creativo” alla rigenerazione urbana, definibile per contrasto sia con i consueti e sempre più stereotipati modelli di trasformazione urbana (tipicamente, grandi operazioni immobiliari integrate con funzioni commerciali) sia con le tipiche iniziative sociali all’interno dei quartieri difficili che spesso riguardano lo sviluppo della comunità senza però poter incidere in maniera sostanziale sui luoghi. La rigenerazione urbana può essere “creativa” nella misura in cui (indipendentemente dai saperi, dalle conoscenze e dalle tecniche che mobilita), contribuisce a “creare” nuovi assetti urbani, ad introdurre nuovi modi di abitare la città e di usare lo spazio urbano. Processi di rigenerazione si applicano infatti a parti di città che chiedono di cambiare, delle quali sembra opportuno ripensare il ruolo e all’interno delle quali sembra utile introdurre nuove funzioni. Quali debbano essere tali funzioni non è dato saperlo a priori, al contrario sono proprio le attività associate alle pratiche di rigenerazione che possono contribuire (nel loro svolgimento) a modificare l’identità dei luoghi. In questo senso la creatività qualifica i processi (anziché le competenze dei soggetti, come invece più frequentemente avviene nel linguaggio comune) e consiste in un esito solo eventuale delle iniziative di rigenerazione, che non può essere garantito a priori ma che tuttavia può essere favorito e facilitato in base ad un certo modo di affrontare l’azione progettuale. [...] Progettare politiche di rigenerazione delle periferie a ridosso degli spazi dismessi esistenti implica, dunque, l’elaboVista dell’ex Tiro a Segno Nazionale: un palcoscenico teatrale. Foto di Alberto Giorgio Cassani.

CITTÀ E SOCIETÀ


COMPARATO TC:Layout 1 06/12/12 07:07 Pagina 1

PORTO FUORI

Complesso residenziale di pregio, in contesto piacevole, rilassante e riservato. Tutte le unità sono dotate di garage e giardino privato, impianto di riscaldamento ad alto rendimento con pannelli a pavimento e caldaia a condensazione, cappotto termico, aspirazione centralizzata, vasca idromassaggio digitale, box doccia in cristallo, pavimenti in legno rovere naturale spazzolato. CLASSE ENERGETICA “B”

TIPOLOGIA: VILLETTA AD ANGOLO VISTA LAGO: Soggiorno, pranzo, cucina, 4 letto + 1 mansardata di cui tre matrimoniali, 3 bagni, ampio giardino e garage di 47mq. APPARTAMENTO PIANO TERRA: Soggiorno con angolo cottura, due letto, un bagno n.2 giardini (fronte e laterale) garage. APPARTAMENTO PIANO PRIMO: Soggiorno con angolo cottura, 4 camere da letto di cui una mansardata, studio, 2 bagni, due balconi, giardino e garage. LE UNITÀ RIMANENTI SONO IN PRONTA CONSEGNA

VENDITA DIRETTA DAL COSTRUTTORE Per informazioni Euro Business s.r.l. Cell. 328/1894470 NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Citta societa TC1212:Layout 1 06/12/12 07:06 Pagina 68

68

TIRO A SEGNO: UNA STORIA LUNGA 150 ANNI Il 28 Aprile 1862, si costituì a Ravenna la “Società pel tiro a bersaglio”. Il 18 febbraio 1866 venne approvato dai soci, in assemblea generale, lo statuto della Società che, per un decennio, obbligava a mantenere il funzionamento del poligono da costituirsi nella pinarella (pineto). Il 2 luglio 1882 il Parlamento approvava la legge n° 883 che istituiva il Tiro a Segno Nazionale e ne definiva gli scopi e fissava tutte le norme e modalità del funzionamento. Nel 1895, la Società poté avere un proprio campo di tiro di ben 21.000 mq, posto lungo la via che conduce a Porto Corsini, alla distanza di appena due chilometri dalla città, in via D’Alaggio al n° 93. Renzo Morigi, atleta della Sezione di Ravenna, convocato per le Olimpiadi di Los Angeles del 1932 quale recluta della squadra, vinse a sorpresa la medaglia d’oro olimpica. Nella stessa competizione, un altro tiratore italiano, Domenico Matteucci, anch’egli della Sezione di Ravenna, si aggiudicava la medaglia di bronzo. Nel 1936, la UITS e anche il Tiro a Segno di Ravenna passarono alla gestione dalla milizia volontaria per la sicurezza nazionale, organo del partito fascista. La Seconda guerra mondiale riportò al Tiro a Segno di Ravenna danni ancora oggi visibili. In seguito, con un decreto legge dell’8 luglio 1944, fu disposto lo scioglimento dell’UITS e delle sezioni del Tiro a Segno Nazionale. I due enti vennero abrogati e commissariati dal Ministero della Difesa. L’attività sportiva in ogni caso continuò e nel 1947 a Stoccolma vennero disputati i primi campionati mondiali del dopoguerra, che videro vincere due esponenti della sezione di Ravenna, Belgio Mazzavillani e Francesco Linari. Sempre nel 1947, Belgio Mazzavilanni vinse l’oro a Stoccolma, nella prova a squadre. Negli anni successivi, a seguito delle innumerevoli affermazioni in campo nazionale, si sentì l’esigenza di predisporre una nuova struttura che potesse ospitare anche una foresteria da dedicare ad alloggi per i componenti della nazionale ed agli inizi degli anni ’60 iniziarono i lavori per costruire una nuova struttura nella zona di proprietà del demanio, dalla parte opposta della collinetta “parapalle” che si affacciava su via Trieste. Nel 1965 i lavori vennero bloccati ed in data 17 aprile 1972 il Demanio Militare, proprietario dell’area sulla quale insisteva il poligono, stipulò una convenzione con il Comune di Ravenna, che s’incaricò di terminare le opere incompiute. I lavori ripartirono e durarono circa sette anni. Nel 1979 il Comune, dopo avere completato i lavori di costruzione della nuova sede, affidò in gestione le strutture alla locale sezione di Tiro a Segno di Ravenna, con il definitivo abbandono della struttura di via D’Alaggio. Nel 1979, la sezione venne insignita della medaglia d’oro per meriti sportivi. Piero Errani, in attività fino al 1999, vanta la partecipazione a due olimpiadi (Monaco ’72 e Montreal ’76, dove giunse sesto nella specialità di carabina libera in ginocchio). Nel 1984, si diede inizio alla costruzione di un secondo stand e, a seguire, venne sviluppato il progetto della galleria di tiro, una fra le prime omologate in Italia, che vide l’inaugurazione il 22 settembre 1990. Nel 2005, il giovane Mirco Picchetti vince il titolo Nazionale Juniores e, nel 2009, Massimo Valeriani diventa Campione italiano nella specialità CLT categoria Uomini fascia B. Nel 2012, Rita Bagnara diventa Campionessa italiana di fascia B nella specialità Carabina Standard a Terra (CST), Mirco Pichetti, Campione italiano di fascia C nella specialità Pistola Libera (PL) a 50 metri e Massimo Valeriani si aggiudica un bronzo nella specialità Carabina Libera a Terra (CLT) fascia B.

CITTÀ E SOCIETÀ

razione di ipotesi di riuso che sappiano rappresentare dei dispostivi di riconnessione tra queste parti della città e il resto del tessuto urbano, occasioni di intersezione e ricerca di sinergia tra questioni e problemi locali da una parte e temi e risorse offerte dalla città dall’altra».2 Sempre Cottino (assieme a Paola Zeppetella) ha scritto che «rifarsi al principio della sussidiarietà orizzontale non significa sostituire una modalità predefinita di ripartizione di funzioni e competenze con un’altra (magari altrettanto rigidamente definita): per gli attori coinvolti significa piuttosto predisporsi anche all’esercizio di ruoli differenti (e talvolta molteplici) all’interno dei processi di produzione della sfera pubblica [...]. Mentre continuano ad essere impegnate a garantire (direttamente e indirettamente) l’erogazione dei servizi riconosciuti (convenzionali e non), alle Pubbliche Amministrazioni si chiede anche di farsi carico, insieme ad altre componenti della società, dell’avvio di processi di sperimentazione, rivolti all’immaginazione creativa di nuovi servizi non convenzionali che sappiano valorizzare le opportunità che si presentano e in tal modo arrivare ad intercettare domande non ancora codificate. Lo sviluppo di processi di questa natura dipende da alcune condizioni che l’attore pubblico può contribuire a generare: a titolo esemplificativo val la pena di menzionare la disponibilità di reti e di spazi di interazione tra gli attori, la disponibilità di risorse, l’integrazione tra e con le politiche in atto, gli assetti giuridici e le competenze tecniche. Farsi carico di garantire l’esistenza di queste e altre condizioni (e prima ancora di riconoscere le condizioni necessarie in ciascuna specifica situazione) significa per le Pubbliche Amministrazioni interfacciarsi con gli altri attori della città in modo diverso da quello a cui sono state abituate; significa passare ad esercitare un ruolo di enabler, ossia di attivatore e facilitatore di processi progettuali e di sperimentazioni creative, di potenziale punto di riferimento per uno spettro articolato di attori interessati ad essere coinvolti in un’esperienza progettuale all’interno della quale ruoli e funzioni non possono essere predefiniti. Infatti, mentre questo ruolo di facilitazione difficilmente potrebbe essere giocato da altri soggetti, l’attribuzione delle competenze per l’erogazione dei nuovi servizi sarà, tanto quanto il loro contenuto, uno dei risultati eventuali del processo progettuale, e potrà pertanto prevedere l’attribuzione di responsabilità operative dirette tanto per gli attori sociali quanto per gli attori istituzionali. [...] Per ogni progetto che intende (esplicitamente o implicitamente) contrastare la tendenza individualizzante della società provando a valorizzare i vantaggi della dimensione collettiva, disporre di uno spazio in cui poterlo fare è determinante. La condivisione degli spazi tra persone e soprattutto tra progetti risulta conveniente per almeno due ragioni: non solo perché massimizza l’uso di una risorsa scarsa, ma anche perché aiuta ad esplorare possibili sinergie e interdipendenze tra i diversi attori. [...] Gli spazi rendono infatti visibili le possibilità d’azione, sollecitano l’ideazione di soluzioni creative a fronte di vincoli pratici e strutturali, sostenendo forme di bricolage socio-organizzativo, dalle quali dipendono interessanti materiali di innovazione».3 Ho intervistato Maria Cristina Garavelli, Elisa Greco e Ivo Angelini una grigia mattina autunnale, seduta con loro tra le “rovine” del Vecchio Poligono di Tiro, rovine che, come per Piranesi, non davano l’idea un po’ malinconica della decadenza, ma al contrario infondevano un pacato senso di eternità. Un genius loci benevolo, che ha diffuso tra noi una piacevole atmosfera di forte sentire. Grazie alla positività dei pensieri di Maria Cristina, Elisa e Ivo, alla forza delle loro idee che di fatto si concretizzano in una generosità del fare (indispensabili ingredienti di una cittadinanza e di attiva reale e non sentenziata), ho trascorso veramente una bella mattinata. NOTE: 1. Paolo Cottino, Reinventare il paesaggio urbano. Approccio “di politiche” e place-making in «Ri-Vista: ricerche per la progettazione del paesaggio», luglio-dicembre 2009, p. 64. 2. Ibid., pp. 64-65. 3. Paolo Cottino e Paolo Zeppetella, Creatività, sfera pubblica e riuso sociale degli spazi: Forme di sussidiarietà orizzontale per la produzione di servizi non convenzionali, in «Paper», 4, 2009, pp. 15-16 e 21.

NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


LUGORENT TC:Layout 1 06/12/12 07:09 Pagina 2

Con i suoi sapori, gli odori e i colori inconfondibili, l’autunno ci invita a viaggiare. Per un fine settimana di relax e benessere o un goloso percorso enogastronomico, scegli Weekend LugoRent, la formula che ti permette di vivere appieno la magia di questa romantica stagione a condizioni vantaggiose. Prenotando il pulmino 9 posti almeno due settimane prima della partenza, LugoRent ti riserva una tariffa imbattibile ed il

5% di sconto sui clienti Unipol Banca.

I vantaggi dei veicoli di “Lugo Rent” Che l’auto sia diventata un lusso se ne stanno accorgendo tutti, cercando di risparmiare su tragitti e carburanti. Da tempo, invece, le aziende hanno optato per la dotazione di veicoli con forme diverse dalla proprietà: una di queste è il noleggio, che permette il contenimeno delle spese e di avere mezzi sempre efficienti. LugoRent ha itrapreso l’attività di noleggio veicoli puntando principalmente sulla qualità del servizio. Il suo cliente tipo è la piccola-media azienda che necessita di un servizio veloce e preciso a costi chiari e trasparenti. Il raggiungimento di questo obiettivo passa attraverso una grande disponibilità di veicoli pronti a partire direttamente presso il punto di noleggio, attraverso la manutenzione puntigliosa del parco mezzi e il suo sistematico rinnovamento con veicoli delle migliori marche e con tutti i migliori optional. “Siamo convinti - affermano dall’azienda di via Provinciale Felisio 18 - che, se vogliamo servire i migliori clienti, dobbiamo avere i migliori veicoli ed essere concorrenziali nel prezzo”. I servizi di LugoRent sono dedicati anche al singolo cittadino e ai più esigenti viene fornito il servizio di trasloco con montaggio e smontaggio dei mobili con personale qualificato. Ritiro e consegna del veicolo avvengono a domicilio. Per il nolegio a medio e lungo termine la tariffa è a pacchetto. In pratica tutte le tariffe di LugoRent sono a chilometraggio illimitato e hano la caratteristica unica di permettere il cambio del veicolo anche con veicoli di diversa categoria. Per contattare LugoRent” basta telefonare allo 0545 282684 oppure al 380 6432812

Approfittare degli Week Days ti conviene! Se hai in programma un trasloco o una consegna, organizza il tuo trasporto in settimana e ritira il furgone di martedì o domenica per iniziare a risparmiare. Esempio: Iveco Daily 95,00 iva al giorno. E compresi nel prezzo avrai anche 150 km al giorno, per un massimo di due giorni. Scopri la convenienza degli Week Days simulando il tuo preventivo chiamando il 3806432812. E se sei cliente Unipol Banca avrai un ulteriore sconto. Offerta valida fino al 31/12/2012

via Provinciale Felisio 18 - Lugo (RA) tel. 380 6432812 - 0545 282684 lugorent live.com

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


Abitare Habitat TC1212:Layout 1 06/12/12 07:12 Pagina 70

70

CITTÀ SOSTENIBILE

Green Economy: a “Ecomondo” di Rimini, un’opportunità per uscire dalle due cris i Nel corso degli Stati Generali della Green Economy presso Ecomondo a Rimini, è stato presentato il Rapporto “Green Economy per uscire dalle due crisi”, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

“Questo Rapporto - spiega il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi - è stato elaborato per gli Stati Generali della Green Economy, il primo appuntamento di questo genere in Europa dopo il Summit di Rio+20. La prima parte del Rapporto, che offre un contributo di analisi e di approfondimento, riassume il quadro di riferimento internazionale, a partire dalle elaborazioni dell'UNEP, dell'OCSE e dell'Unione Europea fino alla Conferenza di Rio+20. Con un duplice scopo: fornire una base conoscitiva, consolidata e riconosciuta da importanti istituzioni internazionali, della green economy; derivare da questo quadro di riferimento una visione condivisa a livello internazionale. È fin troppo evidente che l'importanza e la portata di questa nuova economia, trattandosi di un fenomeno relativamente recente e dovendo misurarsi con l'inerzia di visioni tradizionali largamente prevalenti, non sia adeguatamente compresa”. Lo studio passa in rassegna i sei settori strategici per una conversione ecologica dell’economia: ecoinnovazione, efficienza e risparmio energetico, fonti rinnovabili, usi efficienti delle risorse e riciclo dei rifiuti, filiere agricole di qualità ecologica, mobilità sostenibile.

Ecoinnovazione: trend positivo per lavoratori eco industrie L’ecoinnovazione è ritenuto uno dei principale drivers dello sviluppo sostenibile. L’Italia però, secondo l’ultima rilevazione dell’Eco-innovation Scoreboard del 2011, è al sedicesimo posto nell’Europa a 27 e sotto la media europea. A pesare sul giudizio è il grave ritardo nello sviluppo dell’ecoinnovazione che in buona parte viene importata e non prodotta in Italia. Positive invece le certificazioni di sistemi di gestione ambientale, la produttività

ABITARE LʼHABITAT

energetica, l’intensità delle emissioni di gas serra, lo sviluppo del lavoro nelle eco-industrie dove è impegnata il 2,12% della forza lavoro contro la media europea dell’1,53%. Anche per quanto riguarda la formazione l’Italia si comporta bene con 193 corsi universitari sulla green economy.

Efficienza: consumi - 33% nell’edilizia pubblica con eco-riqualificazioni Intervenendo con misure di efficienza energetica su 11.000 uffici pubblici, 30.000 edifici scolastici e 70.000 di social housing è possibile un risparmio energetico al 2020 di un Mtep pari alla riduzione del 33% dei consumi negli edifici considerati, mentre un risparmio di altri 0,33Mtep l’anno sarebbe possibile intervenendo sul 3% degli edifici di edilizia privata. Per ottenere questi risultati sarà però necessario prevedere e rivedere il sistema delle incentivazioni e delle detrazioni. Proprio le detrazioni fiscali tra il 2007-2010 hanno prodotto investimenti di 12 mld di euro e più di 40.000 posti di lavoro salvati l’anno. L’Italia è un paese che ha buoni indici di prestazione energetica, ma sta perdendo terreno rispetto agli altri paesi europei, anche se resta ancora sotto la media europea per intensità energetica (96 tep/M euro).

Rinnovabili: la Lombardia capofila della produzione, Sicilia e Marche dei consumi In Italia nel 2011 le fonti rinnovabili hanno rappresentato il terzo settore di approvvigionamento energetico (dopo petrolio e gas) con oltre il 13% del consumo totale lordo facendo anche registrare l’incremento maggiore tra tutte le fonti, +7%. La crescita maggiore è del fotovoltaico cresciuto di oltre cinque volte e mezzo rispetto al 2010 e con 9,3 GW installati nel 2011 ha reso l’Italia il primo mercato al mondo del fotovoltaico. L’Italia risulta anche il terzo paese dell’Ue per occupati nelle rinnovabili (dopo Germania e Francia) con 108.150 occupati. Per raggiungere gli obiettivi europei al 2020 è stato anche stabilito un “burden sharing” fra le regioni italiane: la regione che dovrà generare più energia rinnovabile è la Lombardia con 2.905 ktep, seguita da Piemonte e Toscana. Se si compie un’analisi dei consumi di rinnovabili, le regioni da cui si attende il maggior consumo sono Marche e Sicilia.


Abitare Habitat TC1212:Layout 1 06/12/12 07:13 Pagina 71

Risorse e rifiuti: costi in calo dove si differenzia di più La produzione di rifiuti urbani in Italia cresce più del PIL e dei consumi. Il metodo di smaltimento preferito è la discarica (49% circa), ma ci sono 10 regioni, dalla Liguria alla Sicilia, che mandano in discarica più del 60% dei rifiuti urbani. Ci sono invece in Europa sei paesi a discarica zero o quasi zero che hanno tassi di riciclo pari al 60%. L’Italia ha un recupero di materiali del solo 33%, dato questo che indica che c’è un grande spazio per la green economy. Nelle regioni italiane dove è più spinta la raccolta differenziata, è minore il costo di smaltimento dei rifiuti: in Lombardia con il 47% di RD si è speso 24,65 centesimi di euro per gestire un chilogrammo di rifiuti; in Veneto con il 56,2% di RD 25,88 centesimi; nel Lazio invece con il 17,8% di RD 31,84 centesimi; in Sicilia con il 7,1% di RD 29,83 centesimi al chilogrammo. Gli occupati totali nella gestione dei rifiuti in Italia sono circa 120.000.

Filiere agricole di qualità: Italia prima in EU con 48.509 aziende biologiche L’agricoltura italiana ha saputo orientare le scelte produttive verso la qualità legata alle singole specificità del territorio sviluppandosi così lungo il percorso della sostenibilità. Testimoniano questo indirizzo virtuoso i 243 prodotti DOP, IGP e STG, le oltre 4.600 specialità regionali, i 521 vini DOC, DOCG e IGT e soprattutto i risultati raggiunti dall’agricoltura biologica, il metodo di produzione sostenibile più strutturato. L’agricoltura biologica interessa più di un milione e 100 mila ettari, 18,7% della Sau totale che la colloca al secondo posto in Europa dopo la Spagna e può contare su 48.509 aziende, il più alto numero di aziende biologiche in Europa. L’agricoltura italiana ha anche ridotto il consumo di fertilizzanti chimici e fitofarmaci diminuendo così la pressione sulla qualità dell’acqua.

siat automazioni di Nicolucci Carlo & C. s.n.c.

VARMA INFRARED IRK caldo immediato a basso costo con un clik in meno di un secondo… solo dove serve.

la nuova tecnologia che imita la natura senza dispersione di calore nell’atmosfera

ecologico ad alte prestazioni

e basso

consumo energetico

Mobilità sostenibile: le città laboratorio di green transport La mobilità in Italia è sempre più un fenomeno locale con spostamenti corti che per lo più avvengono all’interno della città, la somma degli spostamenti passeggeri al di sotto di Km 10 vale infatti il 70% del totale. Le auto private italiane (più di 37 milioni, il numero più alto in Europa) sono responsabili di inquinamento, congestione, incidenti, consumo del suolo tra i più alti in Europa. Governare la domanda di trasporto, soprattutto in ambito urbano, significa agire su tre grandezze: lo spostamento attraverso misure come il telelavoro o il car sharing; la distanza, attraverso misure di smart growth per riportare la lunghezza degli spostamenti a livello di 10 anni fa (-9 Mt di CO2 al 2030); il tasso di occupazione del veicolo, oggi di 1,2 passeggeri a veicolo in città, attraverso misure come il car pooling, la city logistic. L’innovazione tecnologica, poi, nel settore dell’auto (auto ibrida, auto elettrica ecc) potrà anche aiutare il settore dell’auto in crisi. Per il trasporto pubblico, la Cenerentola italiana, ci sono buone notizie: al 2020 sono stati finanziati 105 nuovi Km di metropolitane e 50 di tramvie.

Marco Turchetti, Ugo Guidi [Progettare Sostenibile - Ravenna] info@progettaresostenibile.com

automazione cancelli duplicazione radiocomandi sistemi di sicurezza Via della Merenda, 38-38/A FORNACE ZARATTINI (RA) Tel. 0544.463719 - Fax 0544.509056

www.siatautomazioni.it NOVEMBRE-DICEMBRE

2012


Mercato Imm. TC1212:Layout 1 06/12/12 07:14 Pagina 74

72

CONSULENZA E INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE

Il Consulente Immobiliare? Un lavoro fatto di persone

per gestire con competenza, responsabilità, entusiamo l’opportunità e la convenienza di investire nella casa

Ci troviamo sempre più spesso a discutere di mercato, di crisi e opportunità, criticità e soluzioni possibili, rilevando prezzi, confrontando disponibilità e cercando di capire come trasformare il modo di lavorare e servire meglio il cliente. C’è dunque un aspetto, quello legato al capitale umano investito nella professione del consulente immobiliare, al quale vogliamo dedicare il giusto risalto. Proprio perché viviamo tempi di diffusa incertezza, la figura del consulente immobiliare diventa centrale nel processo che vede il cliente acquisire le informazioni e prendere decisioni importanti sulla base di esse. Proprio perché le aziende devono funzionare ancora meglio in tempi difficili, limitando gli sprechi e adottando un approccio “lean”, diventa essenziale per ogni imprenditore imparare a gestire la propria azienda, le risorse umane coinvolte a ogni livello, il marketing, la vendita e il post-vendita, le operazioni quotidiane e la comunicazione – sia online che offline – della propria visione e dei servizi offerti. Ecco allora che entrambe le facce della stessa professione devono contraddistinguersi per l'entusiasmo, l'ottimismo e l'integrità con le quali vengono curate. L'agente immobiliare moderno vuole essere una figura di riferimento capace di analizzare il momento con lucidità professionale, senza cedere alle pericolose insidie del pessimismo: se il Presidente nazionale di Fiaip afferma che: «non siamo in Spagna e acquistare casa, in questo momento, conviene e si possono fare ottimi affari entrando in agenzia», significa che i nostri agenti immobiliari devono essere più che mai in grado di analizzare percorsi e dinamiche di mercato, fornendo al cliente tutti gli elementi per capire che quello immobiliare, nonostante tutto, rimane un investimento solido e attraente. L'acquisto di un immobile è innanzitutto volto a tutelare i risparmi delle famiglie, assecondando un'esigenza di tranquillità che la maggior parte dei nostri consumatori antepone al miraggio di un facile guadagno. Inoltre, solo l'investimento immobiliare offre una serie di innegabili vantaggi sia nel breve come nel medio-lungo periodo: alla tutela del risparmio si unisce infatti la disponibilità del bene, che a sua volta può dare un'immediata rendita da locazione (e oggi la richiesta di affitti è in costante aumento) o soddisfare un'esigenza abitativa di un componente familiare. Infine, in periodi di incertezza, non esiste evidentemente nulla di meno volatile dell'acquisto di una casa, così come non esiste al mondo un mercato dove investire in Qualità durevole non abbia portato, nel medio-lungo periodo, frutti e soddisfazioni. Michelangelo Buonarroti diceva che «il più grande pericolo per noi non è che miriamo troppo in alto e non riusciamo a raggiungere il nostro obiettivo, ma che mi-

MERCATO IMMOBILIARE

riamo troppo in basso e lo raggiungiamo». Ambizione al tempo delle crisi significa ribadire che innovazione tecnologica, comunicazione efficace e capacità di ascolto possono essere oggetto di continuo, quotidiano miglioramento: allo stesso tempo, confidenzialità, rispetto della privacy e spirito di servizio sono elementi attraenti e finalmente credibili, che generano fiducia e sostengono il coraggio di guardare più avanti, perché ogni azione intrapresa abbia il tempo di essere eseguita correttamente e dimostrare la propria efficacia. Le difficoltà congiunturali non si risolvono certo con un'idea, e nemmeno nel giro di una notte, ma un orizzonte temporale più ampio (stimato oggi per molte aziende dai due ai cinque anni) deve offrire agli imprenditori la possibilità di assumersi le responsabilità e misurare con precisione i risultati. Ci vuole tempo per tornare a generare scambi e passione, ma entrambi sono aspetti che una splendida professione orientata al servizio non può permettersi di perdere di vista: la corretta esecuzione di un piano strategico dovrà concedere a colleghi e collaboratori il potere e le nozioni necessarie per prendere buone decisioni, anticipare potenziali problemi e creare ogni giorno piccole storie di successo, da condividere in un'ottica di Rete (e noi condividiamo la storia di www.nataleperlemilia.it per sostenere le aziende emiliane colpite dal terremoto acquistando i loro prodotti). L'augurio e l'obiettivo delle azioni intraprese da Fiaip è quello che le famiglie italiane possano trovare nell'agenzia immobiliare una consulenza di alto livello e un professionista al passo con i tempi, che le inviti a guardare al futuro con l'entusiasmo che dobbiamo ai nostri figli. Perché, in Italia, la responsabilità di far percepire in modo corretto l'opportunità dell'investimento immobiliare grava anche, e soprattutto, sulle nostre spalle. Perché, in Italia, noi di Fiaip siamo casa. Marco Soprani Responsabile Comunicazione Fiaip Emilia-Romagna


00 TC1212 01:Layout 1 05/12/12 10:25 Pagina 2

NOVEMBRE-DICEMBRE 2012


TROVACASA PREMIUM.

n. 78 NOVEMBRE-DICEMBRE 2012 Editore Reclam Edizioni & Comunicazione srl . viale della Lirica 43 . 48124 Ravenna . Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 1240 del 8/11/2004 . Redazione 0544.271068 . redazione@trovacasa.ra.it . Pubblicità 0544.408312 . info@trovacasa.ra.it

00 TC1212 01:Layout 1 05/12/12 10:25 Pagina 1

RAVENNA n . 78 novembre dicembre

2012

SOLO SU TROVACASA

offerte immobiliari più di mille

INFORMAZIONI AFFARI E ABITARE

CASA BELLA CASA

ANNUNCI

| DIDATTICA E PROGETTI | TOPOGRAFIA E STORIA | RIQUALIFICAZIONE URBANA | PENTOLE E PROVETTE | ABITARE CON STILE


Trovacasa 2012 12