Page 1

Ravenna Via Faentina 121

Ravenna Via Panfilia 66

... A NATALE

Regala vuoi bene, i h c a qualcosa che fa bene...

regala un Cesto Bio!

naturasiromagna

13 dicembre 2012 n. 515

w w w. r a v e n n a e d i n t o r n i . i t

www.naturasi.it

Redazione tel 0544 271068 redazione@ravennaedintorni.it • Pubblicità tel. 0544 408312 info@reclam.ra.it SERVIZI SOCIALI

Buco del consorzio: chiusa l’indagine A PAGINA 9 CONSIGLIO COMUNALE

Intervista al transfugo passato dalla Lega al Pri A PAGINA 12 MARINARA

La proprietà passa a una coop agricola PAGINA 15 DANZA

Ezralow in scena all’Alighieri A PAGINA 19 INSERTO CENTRALE

Fanny&Alexander festeggiano i vent’anni

OLTRE IL MURO

Foto di Adriano Zanni

PAGINE I-IV

Progressi, progetti e problemi nel carcere di via Port’Aurea Scopri il menù di capodanno in collaborazione con Berlucchi - Franciacorta a pag. 33

Il sindaco Matteucci dopo un giro all’interno della casa circondariale di Ravenna, anni fa, aveva parlato di girone infernale. E aveva emesso anche un’ordinanza per obbligare la direttrice di allora a faere lavori essenziali per la tenuta igienica dell’edificio. Entrarci era praticamente impossibile per chi non fosse detenuto e difficilissimo immaginare attività ricreative o educative. Oggi, cambiati i vertici (una vittoria da ascrivere anche all’ostinazione del Primo cittadino) le cose vanno decisamente meglio, anche se la struttura in pieno centro è risalente ai primi del secolo scorso resta desueta e ormai inadatta alla popolazione carceria. ALBERIZIA ALLE PAGINE 5-7

CULTURA

Fondi a cinema e fotografia Tagli al Festival Con la fine dell’anno è arrivato il rinnovo delle convenzioni culturali che porterà molte novità: aggiustamenti dei bilanci, tagli agli enti più importanti (come Ravenna Manifestazioni) e l’ingresso di realtà che dovrebbero riportare il cinema in centro. ANGELINI A PAGINA 3

La tua festa aziendale alla Locanda Menù completo di carne a euro 17,00 Tel. 0544 456699

La nostra passione sei tu!

Auguri ste di Buone Fe Aperti anche a Santo Stefano

seguici su RAVENNA - MARINA DI RAVENNA - RUSSI - FAENZA - BAGNACAVALLO - MEZZANO - LUGO - SANTARCANGELO - RIMINI - ARGENTA

viale dei Lombardi, 66 - Savio (RA) tel. 0544.939213 - fax. 0544.931471 Valentina 339.2702833 Carla 338.8740926 info@agriturismolacasina.com www.agriturismolacasina.com APERTO TUTTO L'ANNO

O Editore Reclam Aut. Trib. di Ravenna n. 1172 del 17/12/2001 Direttore responsabile: Fausto Piazza Stampa: Galeati Industrie Grafiche Anno X nr. 514. Poste Italiane spa - Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. di legge 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB C.R.P.- C.P.O. RAVENNA. Prezzo€ 0,08 COPIA OMAGGI


CRONACA& ATTUALITÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

3

L’INTERVISTA

«Nuove convenzioni per cinema e fotografia» Il presidente della commissione cultura Fabio Sbaraglia sulla distribuzione delle risorse Le convenzioni culturali del Comune di Ravenna sono in scadenza a fine anno. Qualche mese fa ne avevamo parlato con l’assessore Ouidad Bakkali che ci aveva anticipato l’intenzione di rivedere il pacchetto e di inserire nuovi soggetti, a budget invariato. Il che significa, in altri termini, tagliare l’esistente. La discussione in commissione è iniziata con i primi quattro rinnovi. E notizie su quelli a venire stanno trapelando. Questa volta chiediamo un commento politico al presidente della commissione cultura che si sta occupando del pacchetto, il consigliere Pd Fabio Sbaraglia, come noto in grande sintonia con l’assessore stesso, peraltro. Presidente, con quale criterio state decidendo quali convenzioni rinnovare e con quanti fondi? «Rivendichiamo, al di là di criteri più oggettivi, come la verifica dell’incidenza del nostro contributo all’interno del bilancio complessivo dei soggetti, la volontà di operare una scelta politica. Come abbiamo sempre detto vogliamo in qualche modo andare a coprire settori di cui fin’ora le convenzioni non si occupavano, realtà giovani che sono cresciute in questi anni, con un occhio di riguardo al contemporaneo». Settori come il cinema. «Sì, vogliamo riportare il cinema in centro, almeno una sera alla settimana per iniziare; il nostro auspicio è che nella convenzione siano inclusi tutti i soggetti che si occupano di cinema in città». Ma il palacongressi non è pronto. «All’inizio potremo appoggiarci al cinema Corso, come già facciamo per i festival, in attesa che vengano completati i lavori in Largo Firenze». Ma è vero che Flaminia non è d’accordo? Che non vuole far dipingere le pareti di nero? «Flaminia è al corrente del progetto e ne è stata coinvolta, si tratta di conciliare le due vocazioni di quel luogo».

«Giusto che le realtà più importanti facciano un piccolo sacrificio in favore di quelle più giovani» «Vogliamo riportare il cinema in centro, all’inizio le proiezioni saranno al Corso» Fabio Sbaraglia, 28 anni, consigliere Pd al primo mandato, nonché presidente commissione cultura a Palazzo Merlato.

NEL DETTAGLIO

Il taglio più consistente a Ravenna Manifestazioni In commissione sono già andate quattro convenzioni, quella con Capit, che viene confermata tale e quale, quella con Accademia Perduta decurtata di 3mila euro, quella dell’associazione Mariani, tagliata di 18mila euro (forse anche in virtù del fatto che l’associazione negli ultimi anni ha registrato un utile, dovuto per la verità a una mancata programmazione). Poche migliaia di euro in più andranno invece al Teatro del Drago a cui si devono molte attività teatrali per le famiglie di grande seguito e successo. Tra chi vedrà calare i contributi ci sarà Jazz Network, mentre tra le convenzione che cesseranno dovrebbero esserci Lady Godiva e il circolo fotografico (entrambi di circa 5mila euro). Mentre tra i nuovi soggetti ci saranno sicuramente la neonata Ravenna Cinema, l’Osservatorio fotografico, Argentica, e altre realtà molto recenti ma molto attive come Marte. I finanziamenti a queste nuove convenzioni deriveranno dai tagli, che non dovrebbero comunque superare i 100mila euro, a Ravenna Manifestazioni, la realtà economicamente più importante e solida del panorama ravennate, che fino allo scorso anno poteva contare su un contributo (peraltro già decurtato rispetto al passato) di circa 2milioni di euro, pari a oltre i due terzi dell’intero importo delle convenzioni che riguardavano in tutto ben 24 realtà culturali, numero destinato però a crescere dal 2013 fino ad almeno 27. (ffe. an.)

Gli altri ambiti a cui si allargheranno le convenzioni saranno la fotografia e le arti visive. Perché? Perché non stanno dentro al Mar? «Si tratta di realtà giovani e molto dedite al contemporaneo che di fatto, a oggi, non avevano se non sporadici finanziamenti. Con le convenzioni potranno programmare e crescere». La durata di ogni convenzione sarà sempre di cinque anni? «Sì, ma strutturata in modo diverso. Diciamo che sarà un 1 + 2 + 2. Ossia in questi anni ci saranno momenti di consuntivo e controllo più fitti e più istituzionali di quanto accadeva in passato. Tra un anno, per capirci, intendo riportare tutte le convenzioni in commissione». È vero che alcune convenzioni cesseranno di esistere? «Sì, si tratta per la verità di soggetti che ricevevano finanziamenti molto ridotti e con cui ora, magari, sarà possibile collaborare su singoli progetti». Fondi a nuovi soggetti significa meno soldi a chi già c’è. Ci conferma che a subire i tagli sarà la realtà di maggior peso? Ossia Ravenna Manifestazioni? «Non voglio dire cose che non spettano al mio ruolo. Però posso dire che credo sia giusto chiedere a chi ha bilanci più importanti di fare in questo momento un piccolo sacrificio in più. E a questi stessi soggetti chiediamo di lavorare il più possibile in rete, diventando sempre più promotori e piattaforme d’appoggio per altre realtà più giovani. Viso-in-aria (la nuova stagione di teatro di ricerca, ndr) è un esempio di rete spontanea tra vari soggetti, per non parlare della cooperativa E cui aderiscono i Fanny&Alexander. Inoltre, a tutti chiediamo sempre più di incentivare il linguaggio contemporaneo». Non sarà mica in quella metà del Pd che si dice non ami il Ravenna Festival? «Io, come tutto il Pd, credo che il

Ravenna Festival sia importantissimo e che la città non possa prescindere da una manifestazione di quel livello. Ma allo stesso tempo è importante accompagnare anche le realtà più giovani che si stanno affacciando sulla scena cittadina. Le due cose possono e devono coesistere». A proposito di coesistenza: come tenete conto della candidatura a capitale europea nella cultura nello stipulare le convenzioni? «Sono due percorsi paralleli che ovviamente hanno punti in contatto. Le nostre linee guida sono in sintonia con quelle di Ra 2019, ma ci muoviamo rispetto a percorsi che preesistevano alla candidatura e che l’hanno resa possibile, e che esisteranno a prescindere dall’esito. Ma è evidente che si tratta di un obiettivo comune e a tutti i soggetti chiediamo un apporto e un sostegno alla candidatura». C’è sintonia all’interno della maggioranza su queste nuove convenzioni? «Sì, direi di sì. E anche da parte dell’opposizione arrivano in genere critiche più di metodo che di merito». I convenzionati sono tenuti almeno a dimostrare che rispettano i contratti di lavoro? «Su questo c'è un intesa di massima anche con i gruppi di opposizione, per arrivare ad un documento condiviso. Si tratta di un tema ovviamente importante, ma da affrontare con un approccio pragmatico. Ecco perché immagino una forma di autocertificazione in cui le varie realtà associative o cooperative dimostrino di svolgere attività conformi a quello che la legge consente». Le prime quattro convenzioni sono già andate in commissione. Quanto richiederà l’intero iter? «Siamo in effetti un po’ in ritardo, intendiamo confermare tutte quelle in essere entro dicembre e attivare le nuove entro gennaio». Un’ultima curiosità. Nella sua commissione ora può contare su un nuovo alleato, il transfugo Ravaioli, passato dalla Lega al Pri. Da collega, cosa ne pensa? «Mi limito a prenderne atto. Posso solo dire che se si fosse trattato di accoglierlo nel Pd mi sarei opposto». Federica Angelini


your personal stylist V I A

M A Z Z I N I

3 1

-

R A V E N N A

INVITO SABATO 15 e DOMENICA 16 DICEMBRE 2012 dalle ore 10 alle ore 21

propone Abiti, Accessori, Oggettistica e Ornamenti UNICI presso il Podere Schiavina nella campagna di Filetto

CIBO & C U LT U R A

-

T E L .

3 3 3

2 2 5 6 4 8 8

Moky presenta le sue Creazioni, Abiti, Accessori, Oggettistica e Ornamenti. Un viaggio nella moda e nel design attraverso gli occhi di una personal stylist capace di creare capi esclusivi in armonia con la personalità di chi li indossa. Nel pomeriggio di domenica, oltre ai percorsi Moda, particolare attenzione verrà data alla cura della persona, grazie alle dimostrazioni di Make up tenute dalla truccatrice Giulia Fregola, che spiegherà a tutte le donne presenti come esaltare la propria immagine e femminilità; la fotografa Cristina Patuelli immortalerà le varie situazioni e combinazioni a conferma e dimostrazione di quanto siano belle e camaleontiche le donne. Accompagnamento musicale di Salvo Mauceri con il repertorio di Fabrizio de Andrè. In chiusura di entrambe le giornate, degustazione dei vini dell’Azienda Tenimenti San Martino in Monte curata da Fabio Magnani (esperto selezione vini).

Podere Schiavina - Via Roncalceci 203 - Filetto (RA) - Cell. 333 2256488


RAVENNA&DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

CRONACA&ATTUALITÀ

5

LA RICHIESTA

«Più misure alternative al carcere» La lettera dei detenuti a Port’Aurea: chiedono l’applicazione del «pacchetto Severino» «Il sovraffollamento del carcere di Ravenna potrebbe essere ridotto molto ricorrendo alle misure alternative di detenzione, ci sono diversi detenuti con i presupposti necessari per ottenerle». La richiesta di usufruire del cosiddetto pacchetto Severino, che consente di scontare ai domiciliari gli ultimi diciotto mesi di pena, è la segnalazione indirizzata all’avvocatessa Desi Bruno, garante regionale per i detenuti, da parte dei carcerati di Port’Aurea in occasione della visita che il legale ha svolto nella struttura ravennate il 16 novembre scorso. «Il numero di persone presenti ormai è stabile attorno al centinaio che costringe a metterne due o anche tre in ogni cella perché il carcere è pensato per 59 posti. Ma ci sono tra trenta e quaranta detenuti con condanne definitive e molti di questi hanno residui di pena inferiori ai due anni. Per loro potrebbe esserci la detenzione domiciliare». La richiesta dei detenuti è contenuta in una lettera firmata da una trentina di loro e indirizzata alle autorità competenti chiedendo una visita del magistrato di sorveglianza. Quella del mese scorso è la seconda visita che Bruno compie nel 2012 a Ravenna. «Ho trovato un carcere dove c’è attenzione alla pulizia e dove la direttrice e il comandante mostrano una sensibilità che viene riconosciuta dai detenuti. Ri-

conoscono gli sforzi per rendere più sopportabile la permanenza in carcere». Ma non solo all’interno: «A Ravenna c’è un assessorato alle politiche sociali molto attento alla situazione carceraria». Gli agenti in servizio per la polizia penitenziaria sono 59, una decina in meno del numero previsto: una riduzione inevitabile in tempi di tagli alla spesa pubblica su tutti i fronti. L’ipotesi di un nuovo carcere per Ravenna è da considerare definitivamente tramontata. «Per il 2015 ne verrà realizzato a Forlì uno nuovo, costruito fuori città in direzione di Faenza. Quello, in abbinamento con Ferrara e Ravenna, dovrebbe garantire la tranquillità della situazione. Nel 2012 è stato disposto uno stanziamento di 400mila euro per lavori di ristrutturazione a Ravenna». Il carcere di Ravenna è stato costruito all'inizio del Novecento. L'edificio – costituito da un blocco centrale, articolato su più piani, in cui sono ospitate le sezioni detentive – ha l'ingresso in via Port'Aurea ed è sottoposto ai vincoli della Soprintendenza delle Belle Arti che quindi limitano le possibilità di interventi di ristrutturazione. La grandezza media delle celle è inferiore a otto metri quadrati. Anguste e scarsamente illuminate: così vengono definite in una relazione, da cui sono tratte queste infor-

Il garante in visita «Sarebbe una mossa per ridurre l’affollamento» Oltre 100 carcerati in una struttura da 59

I posti a disposizione nel carcere di Ravenna sono 59. Oggi i detenuti sono poco più di cento. Nel 2009 il picco massimo con 178 persone

mazioni, stilata dall'associazione Antigone dopo una visita nella struttura. La torre dei tre letti a castello, il tavolino e gli armadi per gli effetti personali dei detenuti occupano quasi tutto lo spazio calpestabile all’interno delle celle. Spazi comuni. All'interno due sale di socialità, una molto grande al piano terra; un’altra più piccola per le restanti due sezioni. All’altezza del primo piano le due aule scolastiche e una biblioteca. La sala per i colloqui, ristrutturata di recente nel tentativo di renderla soprattutto più accogliente per i figli dei detenuti con nuvole disegnate alle pareti e qualche giocattolo a disposizione, è arredata con tavoli e sedie in un grande vano controllato a vista dagli agenti di polizia penitenziaria che siedono in un vano separato da una parete a vetri. All'esterno un grande cortile diviso in due: da una parte la rete da pallavolo e una piccola pensilina antipioggia, dall'altra il campo da calcio su cemento. Nel 2009 è stata aperta un’area verde realizzata nei corsi denominati “tecniche di gestione dei rifiuti e del verde”. L'intervento più recente di ristrutturazione ha riguardato in particolare i locali doccia che fino a qualche anno fa versavano in pessime condizioni. In uno stabile separato dal corpo principale della struttura, ma sempre all’interno della cinta muraria, è ospitata la sezione per i semiliberi. All’interno della cinta muraria vi è anche una chiesa, occasionalmente adibita a locale per altre attività per concessione del parroco. Non vi sono spazi adibiti a luoghi di culto per altre religioni. Andrea Alberizia


6

CRONACA& ATTUALITÀ

IN SCENA

Si apre il sipario Detenuti attori con Oliver Twist Il carcere può diventare anche un palcoscenico teatrale e i detenuti possono diventare attori. A Ravenna succederà l’8 gennaio prossimo quando andrà in scena “Il signor Carota”, spettacolo tratto da Oliver Twist con la regia di Beppe Aurilia: sarà l’evento conclusivo di un progetto che negli ultimi due anni ha coinvolto circa cinquanta detenuti. Quello in carcere è solo uno degli spettacoli di Aurilia. La rassegna si apre il 13 dicembre (teatro Rasi, ore 21) con “Hotello”, tratto da Shakespeare, coinvolgendo quindici giovani diversamente abili. Il 19 dicembre “La macchina volante” (Rasi, ore 21): nell’ambito del progetto teatro minori stranieri non accompagnati Aurilia coinvolge giovani attori da Bangladesh, Kosovo, Tunisia, Albania. Il 16 gennaio (teatro Rasi, ore 21) sarà la volta di “La banda di Mac”, tratto dall’Opera da tre soldi di Brecht. Il 26 gennaio “Shakespeare o Brecht?”: alle 17.30 alla biblioteca Classense il progetto rivolto agli studenti della biblioteca con un seminario di pratica e visione teatrale. Il 14 febbraio non poteva non essere dedicato agli innamorati: in scena al Rasi (ore 21) “San Valentino” tratto da Romeo e Giulietta. Il progetto è rivolto ad attori solisti, associazioni e compagnie amatoriali del territorio per approfondire la ricerca teatrale. Ultimo appuntamento il 25 aprile con “Il partigiano”, testo e regia di Beppe Aurilia. Lo spettacolo andrà in scena in un luogo ancora da definire.

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

L’INTERVISTA

«Mai più l’inferno del 2009 a Port’Aurea» La direttrice: «Oggi più trasferimenti» Tre anni fa il numero dei detenuti presenti era triplo rispetto ai posti disponibili. Spartivano in tre gli otto metri quadrati della cella. E un’inchiesta della procura aveva portato a galla uno scandalo corruzione tra gli agenti di polizia penitenziaria. È iniziata dal punto più basso di Port’Aurea la direzione di Carmela De Lorenzo al carcere di Ravenna. Oggi la situazione è migliorata, come viene riconosciuto da più parti. Partiamo dall'inizio del suo incarico attuale: è stata vicedirettrice dal 2001 a settembre del 2009 quando è subentrata a Caterina Cirasino. Qual era la situazione tre anni fa? «Drammatica. Ad agosto del 2009 abbiamo raggiunto l'apice del sovraffollamento con 178 detenuti in una struttura realizzata per 59 e che può tollerarne un centinaio. C'erano tre persone per cella. Ora il clima è molto più sereno ed è più facile per tutti lavorare». Come avete ridotto il sovraffollamento? «Chiedendo trasferimenti che in precedenza non venivano chiesti. Cerchiamo di tutelare chi ha legami familiari sul territorio». Cosa significava lavorare in un carcere così oltre i limiti? «Non è facile gestire la situazione e ogni inconveniente può avere conseguenze pesanti. Mi auguro davvero di non arrivare più a quelle situazioni. Per questo facciamo subito ri-

presidio medico LA METÀ TOSSICODIPENDENTI E TRE SU CENTO SIEROPOSITIVI La metà sono tossicodipendenti, il tre percento sono sieropositivi, il quindici percento sono affetti da epatite C. In sintesi è questo il quadro clinico dei circa cento uomini che compongono la popolazione carceraria di Port'Aurea. Il responsabile del presidio sanitario Ausl alla casa circondariale è il dottor Riccardo Valiero. «I carceri sono entrati nel sistema sanitario nazionale da pochi anni. Prima l'assistenza medica veniva coordinata dal ministero di Giustizia». Ogni detenuto al momento dell'ingresso nella struttura viene sottoposto a visita medica e analisi del sangue e delle urine: «Lo scopo è quello di valutare le condizioni di salute della persona creando una cartella sanitaria personale a disposizione di qualunque professionista che operi nel carcere. Oltre al medico di base abbiamo contratti di fornitura con professionisti: infettivologo, dermatologo, cardiologo, neurologo, odontoiatra, psichiatra e psicologo».

chiesta di trasferimenti appena andiamo oltre i cento detenuti». Cosa significa dirigere una casa circondariale? «Il direttore è l'unico dirigente della pubblica amministrazione con responsabilità su tutta la struttura. È un lavoro molto complesso, fatto in

un momento storico difficile per molti settori della pubblica amministrazione. I tagli colpiscono ovunque, le risorse economiche e umane si riducono e bisogna far quadrare i conti». Quante volte si è sentita dire che non è l’incarico per una don-

na? «Sì, succede. Lo stereotipo per questo ruolo è che serva una figura maschile. Ma l'importante è essere credibili. Una donna spesso deve gestire la propria famiglia e questo poi diventa un vantaggio in questo lavoro se ti rendi conto che il carcere non


CRONACA& ATTUALITÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

è molto diverso da una famiglia molto più grande». Quando verrà costruito un nuovo carcere a Ravenna? «Nell'ultimo piano del 2010 non erano previsti interventi per questa città. Non possiamo aspettare una struttura nuova per risolvere i problemi. Dobbiamo usare il massimo impegno per far funzionare al meglio questa». Come nascono le varie iniziative o i corsi rivolti ai detenuti? «Dalle idee interne del personale o dei volontari, si chiedono le autorizzazioni alla direzione per avere il mandato e si arriva alla realizzazione vera e propria». Qual è lo spirito con cui nascono le iniziative? «Alcune mirano a rendere semplicemente migliore la permanenza in carcere. Restare in una cella ventiquattro ore al giorno può essere davvero pesante. Altre invece hanno l'obiettivo di fornire ai detenuti competenze che possono essere spese fuori, per dare un senso rieducativo alla detenzione. È doveroso dare opportunità a chi finisce in carcere altrimenti la detenzione diventa solo uno spreco di soldi». La direzione Cirasino era in conflitto con molte istituzioni locali. Ora come sono i rapporti? «Ottimi. C'è collaborazione reciproca che si traduce in molte iniziative». Tra il 2008 e il 2009 il carcere è stato anche teatro di un'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto alcuni agenti. Cosa ricorda di quel periodo? «Fu una pagina molto brutta per il sistema carcerario. Ora abbiamo voltato pagina e non vogliamo tornare indietro. In una situazione di sovraffollamento e trascuratezza generale successe anche questo». Andrea Alberizia

IL PERSONAGGIO

7

IL SINDACO

«Nessun carcere nuovo»

Il maestro che fa anche l’arbitro «Mai farsi trovare debole» Quella volta che si giocava Tunisia-Marocco dovette sospendere la partita: «Stava diventando un derby un po' troppo acceso», ride Giuseppe Farneti. Nelle partitelle nel cortile del carcere fa l'arbitro, inflessibile con il fischietto, ma a Port'Aurea il 56enne è prima di tutto il maestro. Dal lunedì al venerdì lezioni di scuola media e corsi di alfabetizzazione per gli stranieri: «Capita anche di trovare qualcuno con una laurea nel suo Paese ma che non parla una parola di italiano e allora si parte da zero, con i suoni delle lettere». Classi da circa una ventina di alunni, scelti in base alle prospettive di permanenza perché «qui è un porto di mare e allora cerchiamo di tenere conto delle singole situazioni». A giugno preiscrizioni, a settembre selezione, fino a gennaio tempo per gli ultimi ingressi. Ma se fai il maestro in carcere non fai solo il maestro: «Organizziamo tornei di beccaccino, ping pong, sudoku, poker, la tombola per Natale e la proiezione di qualche film». Premi per i vincitori dei tornei? Ricchi: «Un pacchetto di caffè, un po' di zucchero, calzini, mutande. E il resto che riescono a rimediare le volontarie, che sono donne straordinarie». Capitano richieste di ogni tipo: «Ho perso il conto di quante sigarette mi vengono a chiedere. Ma non posso mica fornirle a tutti, lo sanno». In ogni caso, a prescindere dal momento, una regola è universale: «Mai farsi trovare debole. Bisogna sempre essere pronti». In carcere Farneti ci lavora dal 2006. Ma già c'era stato dal 1976 al 1980. Altri tempi: «Un tedesco era l'unico straniero dentro». Poi una ventina d'anni nelle scuole più tradizionali. Con tanto di immancabile aneddoto al momento della presentazione: «Davanti ai genitori il preside mi annunciò: il maestro Farneti, era in carcere. Per fortuna che poi precisò che facevo il maestro in carcere perché avevo già visto qualche genitore vicino a svenire». Dentro quelle mure ha visto passare tante facce. Da quello che si fa beccare apposta con un furtarello per venire dentro qualche tempo durante l'inverno dove c'è più caldo e ha tre pasti al giorno. Ma anche il rapinatore professionista che non ha esitato a sparare. Una cosa però non è cambiata dagli anni Settanta: «Al mattino quando attraversi otto cancelli e passi tutti i controlli senti sempre lo stesso odore di muffa misto a cucina. Uguale in tutti i carceri». (aand.a.)

Matteucci: «Dal 2009 condizioni migliori» Nella foto la squadra dei giornalisti (arancione) e quella della polizia penitenziaria che hanno partecipato al torneo di calcetto in carcere disputato in ottobre. Vittoria finale per la squadra dei detenuti. Secondo posto per gli avvocati

Almeno per i prossimi dieci anni a Ravenna non ci sarà possibilità di costruire un nuovo carcere: mancano le risorse, sia a livello locale che nazionale. Parola del sindaco Fabrizio Matteucci. Che si è speso in prima persona per migliorare le condizioni all’interno della struttura. «Posso dire con certezza che non è stata una battaglia che mi ha fatto guadagnare dei voti ma che credo andasse fatta perché la situazione era arrivata a livelli insostenibili». Non solo il sovraffollamento – si arrivò a 178 detenuti in una struttura con una capienza regolare di 59 – ma anche la totale incuria degli ambienti: «Non venivano svolti i minimi lavori di manuten-

iniziative DAL CALCETTO ALLA TOMBOLA CON I PREMI REALIZZATI DALLE VOLONTARIE Il torneo di calcetto con quattro squadre (giornalisti, detenuti, avvocati, poliziotti) è solo una delle tante iniziative che la direzione di Port’Aurea realizza per facilitare la permanenza in carcere e l’inserimento dei detenuti una volta usciti. Corsi di teatro, panificazione, pittura, scrittura, visite delle scuole, pilates, diretta radio, pulizia di aree verdi della pineta, musicoterapia. I premi in palio realizzati dalle volontarie. «Ogni volta che esco e torno a casa ho la sensazione di aver ricevuto molto più di quello che ho dato». Da quasi quindici anni, almeno una volta a settimana, Grazia Meneghini fa volontariato in carcere. Da dieci anni è presidente del comitato pro detenuti e famiglie: sette persone che mettono il loro tempo a disposizione della struttura. Due gli impegni principali: «Raccogliamo vestiti, scarpe e prodotti igienici per fornirli ai detenuti più bisognosi. E facciamo anche colloqui con chi ha voglia di parlare, con chi ha bisogno di un confronto». Tutto volontariato e qualche aiuto dalla fondazione Cassa di Risparmio e dalla Caritas.

zione necessari per rendere umana la permanenza». Non è un mistero che fra il primo cittadino e la direttrice in servizio fino ad agosto del 2009, Caterina Cirasino, i rapporti fossero molto tesi al punto da sfociare in una querela per diffamazione contro Matteucci. «Ho avuto una parte decisiva nel cambio della direzione – sostiene il sindaco – ed è una cosa di cui sono contento». Con la nuova direzione il rapporto tra via Port'Aurea e piazza del Popolo sono nati subito nel segno della reciproca collaborazione: «Visito il carcere due volte all'anno e la situazione è davvero migliorata. Non lo dico solo io ma anche gli agenti di polizia penitenziaria. E se le cose sono cambiate c'è un solo motivo: le persone. Perché le risorse a disposizione sono sempre le stesse. Posso dire che De Lorenzo è davvero una grande funzionaria dello Stato». Una delle visite di Matteucci coincide con l'iniziativa dedicata alle famiglie dei detenuti in occasione del Natale. «È davvero un momento struggente. Vedere quei bambini che non riescono a comprendere a pieno perché il padre non può stare con loro è una sofferenza. A volte mi fanno domande e rispondere è difficile». Di un nuovo carcere in città se ne parla da diverso tempo. Per avere una struttura più efficiente fuori dal centro liberando così uno spazio a ridosso dell'ex caserma Alighieri di via Bixio già avviata verso una, seppur lontana nel tempo, riqualificazione. «Sarebbe un progetto meraviglio per il centro città ma dobbiamo essere sinceri e né io né il mio successore potremo avviare i lavori per l'opera». E allora serve la collaborazione del legislatore: «Credo sia davvero il momento di pensare a una depenalizzazione di certi reati». (and.a.)

Tubo luminoso led decorativi

ILLUMINIAMO IL TUO NATALE

Con i suoi sapori, gli odori e i colori inconfondibili, l’autunno ci invita a viaggiare. Per un fine settimana di relax e benessere o un goloso percorso enogastronomico, scegli Weekend LugoRent, la formula che ti permette di vivere appieno la magia di questa romantica stagione a condizioni vantaggiose. Prenotando il pulmino 9 posti almeno due settimane prima della partenza, LugoRent ti riserva una tariffa imbattibile ed il

5% di sconto sui clienti Unipol Banca!

Approfittare degli Week Days ti conviene! Se hai in programma un trasloco o una consegna, organizza il tuo trasporto in settimana e ritira il furgone di martedì o domenica per iniziare a risparmiare. Esempio: Iveco Daily 95,00 iva al giorno. Compresi nel prezzo avrai anche 150 km al giorno, per un massimo di due giorni. Scopri la convenienza degli Week Days simulando il tuo preventivo chiamando il 3806432812. E se sei cliente Unipol Banca avrai un ulteriore sconto. Offerta valida fino al 31/12/2012

via Provinciale Felisio 18 - Lugo (RA) tel. 380 6432812 - 0545 282684 lugorent live.com

Alberi natalizi in fibra ottica, led ornamentali

Luci natalizie, fantasie luminose per interni ed esterni Presepi, casette, fontane, soggetti in movimento, pompe a immersione, centraline elettroniche

Sfere iridescenti, metallizzate, satinate e addobbi

bre Diceem ap rtoca i domesntivi e fe

• Lampadari • Materiale elettrico • Ventilazione • Riscaldamento RAVENNA, Via Le Corbusier, 15 tel. 0544 270585 fax 0544 276553 - info@elettrolamp.it

www.elettrolamp.it


Ristorante Pizzeria Dribbling Vi augura Buone Feste e vi aspetta per festeggiare insieme

Menù di Natale Antipasto del Dribbling con salumi e formaggi del territorio, confetture artigianali e millefoglie alle piccole verdure Cappelletti in brodo di cappone Lasagne verdi della tradizione bolognese Spalla di vitello arrosto con purè di patate e pomodori gratinati

Panettone salsato al mascarpone e cioccolato fondente fuso IL MENU COMPRENDE: coperto, acqua, caffè e vino Sangiovese (vino una bottiglia ogni 3 persone) I bambini fino a 6 anni non pagano. Fino ai 10 anni prezzo ridotto del 50% È gradita la prenotazione

Gran Cenone di San Silvestro in compagnia del CirqueBurlesque La cena inizia alle ore 21.30

Cena di Carne

Cena di Pesce

Panna cotta tiepida al pecorino con pancetta croccante e confettura di cipolla rossa di Tropea

Terrina di salmone e branzino in babydoll di spinaci Riccioli di seppia su passatina di piselli

Sformatino di porcini e patate su letto di Parmigiano al tartufo

Tagliolini paglia e fieno agli scampi con punte d’asparagi e concassè di pomodoro

Lasagnetta in paillettes con caponata di verdure, ragù bianco e fonduta allo zafferano Medaglione di vitello in guepiere di guanciale con foglie di patate e verdure tornite

Gamberoni reali in piume di struzzo con foglie di patate e verdure tornite

Parfait “Moulin Rouge” alle fragole glassato al cioccolato fondente fuso e cialdina al pistacchio

Parfait “Moulin Rouge” alle fragole glassato al cioccolato fondente fuso e cialdina al pistacchio

IL MENU COMPRENDE: coperto, acqua, vino, caffè e spumante per il brindisi

IL MENU COMPRENDE: coperto, acqua, vino, caffè e spumante per il brindisi

(vino e spumante una bottiglia ogni 3 persone)

(vino e spumante una bottiglia ogni 3 persone)

PREZZO SPECIALE PER BAMBINI FINO AI 10 ANNI A mezzanotte il brindisi e a seguire piccolo buffet con uva, cotechino e lenticchie di buon augurio! È gradita la prenotazione entro il 27dicembre

Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci!

www.ristorantedribbling.it info@ristorantedribbling.it

Ravenna - Via Antica Milizia 50 - tel. 0544 478065 Ristorante DRIBBLING


CRONACA& ATTAULITÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

SERVIZI SOCIALI/1

Buco Consorzio: rischiano il giudizio Preda e Savorelli Era l’aprile del 2010 quando il Sindaco comunicò che in fase di liquidazione del Consorzio dei servizi sociali, che aveva ormai trasferito tutte le competenze all’Asp, ci si era accorti di un buco di bilancio. Una cifra di quasi dieci milioni di euro di cui circa una metà costituta da fatture furoi bilancio emesse da cooperative sociali (e poi saldate quasi interamente dal Comune di Ravenna usando un avanzo di bilancio costituito di fatto dalla cessione delle reti del gas a Hera) e l’altra metà da crediti non esigibili. A luglio 2011, furono recapitati 14 avvisi di garanzia con due capi di imputazione il primo, di falso ideologico per il falso in bilancio, il secondo per truffa (legato al premio di produzione per il direttore Carlo Savorelli). Tra i destinatari i membri di due consigli di amministrazione che si erano succeduti, il direttore e i sindaci revisori. Il 7 dicembre 2012 viene richiesta l’archiviazione per dodici indagati, tra cui l’ex presidente Gianluca Dradi e i tutti i membri del cda in carica fino al 2008, per i quali si dice che non solo non sapevano, ma non potevano sapere, perché lo slittamento delle cifre da un bilancio a quello dell’anno successivo non era rilevabile, in quanto effettuato attraverso atti di competenza del responsabile finanziario. Un po’ diversa la posizione dei membri del cda successivo per i quali, invece, non sono stati trovati elementi che consentano di provare il fatto che sapessero. Per tutti cade poi l’ipotesi di truffa. Per l’ultimo presidente in carica Aldo Preda e il direttore e responsabile finanziario Carlo Savorelli, nominato in origine dall’allora sindaco Vidmer Mercatali, potrebbe invece essere richiesto un rinvio a giudizio. Così come potrebbero finire sul registrato degli indagati altre figure interno all’ex Consorzio o gli ultimi revisori dei conti. Savorelli fu da subito indicato, anche dalla maggioranza politica, come il responsabile del dissesto finanziario. Preda fu tirato in ballo anche in ragione di una lettera da lui inviata al sindaco, ma mai protocollata in arrivo, dove denunciava la prassi di un “trascinamento” dei debiti da un anno a quello successivo.

9

SERVIZI SOCIALI/2 di Federica Angelini L’ex presidente del Consorzio per i servizi sociali, assessore nella prima giunta Matteucci, è forse il nome più illustre tra gli indagati per cui è stata chiesta l’archiviazione nell’inchiesta sul buco di bilancio. Gianluca Dradi aveva presieduto l’ente fino al giugno 2006. Oggi per lui è arrivato un esito a dir poco positivo: secondo l’indagine, sino al 2008, gli amministratori non potevano sapere che gli uffici finanziari stavano spostando una parte degli impegni di spesa sui bilanci degli anni seguenti. Avvocato, lei ha sempre detto di non avere dubbi sulla correttezza del suo operato. Si sente sollevato oggi che anche il pm lo riconosce? «Certo, perché anche se non avevo dubbi su quello che sarebbe stato per me l’esito delle indagini, per due anni ho comunque convissuto con l’idea che i cittadini potessero legittimamente avere il sospetto che fossi responsabile dell’accaduto. Oggi ogni nube è stata dissolta a seguito di un’indagine accurata e di una perizia contabile approfondita». Anche molto lunga. L’avviso di garanzia risale a luglio 2011... «Dirò di più, io ho appreso dell’indagine nel luglio 2011, ma in realtà è iniziata a maggio del 2010. Quando facevo l’avvocato avvertivo spesso i miei clienti dei tempi lunghi della giustizia. Però, per chi non aspira alla prescrizione, ma si attende l’archiviazione, anche un giorno in più del necessario è un tempo insopportabile. Tenga presente che il tempo normale di un’indagine, previsto dal codice, è di 6 mesi». C’è qualche rammarico? «Sì, perché il Consorzio è stato un’esperienza importante per i servizi

L’ex presidente Dradi: «Un sollievo l’archiviazione, non cerco nuovi incarichi»

Gianluca Dradi tra gli studenti del liceo scientifico, nella sua nuova veste di preside

«Indagine troppo lunga, durata oltre due anni. La politica? Nessuno mi ha offerto alcun ruolo. Felice di fare il preside»

sociali, che meriterebbe un ricordo positivo per la passione e l’impegno profuso da tante persone, sia dipendenti, sia delle cooperative sociali; e perché ha saputo fornire risposte importanti e innovative ai bisogni sociali, ma ora rischia purtroppo di essere ricordato solo per questa vicenda». Lei non fu riconfermato nella seconda giunta Matteucci. E oggi non ricopre altri incarichi nel Pd. Pensa di tornare alla politica attiva dopo la “piena assoluzione”? «Come scrisse Vittorio Gassman, ho un futuro dietro le spalle. A parte le battute, non sono in cerca di incarichi e credo che impegnarsi a svolgere bene il proprio lavoro, orientandosi a perseguire obiettivi di interesse generale, sia un ottimo modo di continuare a fare politica». A proposito, ha da poco iniziato una nuova carriera da preside al liceo Scientifico. Come mai questa scelta? «Io nella scuola insegnavo diritto con un rapporto part time, prima di andare in aspettativa per gli impegni politici. In concomitanza con la fine del mio mandato amministrativo è stato bandito un concorso per dirigente scolastico che ho deciso di fare. Forse anche la vicenda dell’indagine, di questo lungo limbo, ha influito nel determinarmi a nuove esperienze, per ridarmi una carica psicologica. Inoltre nella scuola si costruisce il futuro, ed è una grande esperienza politica nel senso alto e nobile del termine».

L’abbiamo visto con gli studenti che occupavano... «Naturalmente l’occupazione non è stata una scelta da me condivisa. Detto questo, i ragazzi hanno ottime ragioni per protestare, visto che la mia generazione e quelle precedenti hanno rubato loro il futuro». Un discorso da renziano. Ha votato alle primarie? «Sì, ad entrambi i turni, ma ho votato Bersani di cui apprezzo l’onestà, la tensione morale, la sobrietà dello stile e, ovviamente, la proposta politica. Mi piace meno l’apparato che lo circonda e le sue logiche operative, improntate spesso a scelte di corto respiro, a nomine di persone effettuate sulla base di logiche di potere interno ed equilibri tra correnti, alla mancanza di coerenza tra le idee predicate e le scelte concrete». Al livello nazionale o locale? «Parlo del livello nazionale che talora si ripercuote anche su quelli locali». Renzi non ha avuto meriti nel porre proprio questo tema? «Sì, l’ha espresso con lo slogan della rottamazione. Ma non condividevo la sua visione politica, quel liberalismo annacquato, né mi convince come persona. Ma è stato utile il fatto che abbia posto il tema del merito e del ricambio, sebbene l’elemento generazionale non può costituire la priorità nella scelta delle persone, che invece deve essere quella dell’adeguatezza alla carica che si deve ricoprire». Ora ci saranno le primarie per i candidati Pd in Parlamento. Tentazione di candidarsi? «Ma no, l’idea non mi ha mai sfiorato. Spero però che la scelta dei nuovi candidati risponda al criterio che ho appena indicato».


12

CRONACA& POLITICA

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

IL CASO/1

IL CASO/2

Il transfugo si difende: «Mai stato un vero leghista»

Uno dei due consiglieri della Lega Nord passa al Pri E il Pd ne va orgoglioso... La storia è facilmente riassumibile. Uno dei due consiglieri comunali eletti a Ravenna dalla Lega Nord, Roberto Ravaioli, si è trasferito nel gruppo del Pri, passando così con nonchalance dall’opposizione alla maggioranza di centrosinistra a Palazzo Merlato. In questo modo i repubblicani si ritrovano con due consiglieri quando in realtà aveva ottenuto l’anno scorso i voti per uno solo (che è Alberto Fussi) mentre la Lega ora è rappresentata in consiglio dal solo Paolo Guerra nonostante abbia preso oltre duemila voti in più rispetto all’Edera. Dei 6.207 elettori leghisti ravennati, inoltre, solo una cinquantina avevano espresso la preferenza a Ravaioli. Una storia, è evidente, che in un periodo come questo in cui è forte il sentimento di antipolitica tra i cittadini, è difficile da giustificare. E da cui escono a pezzi in molti. In primis Ravaioli, naturalmente, che se davvero non si riconosceva più in questa Lega Nord e voleva coltivare i propri valori repubblicani poteva naturalmente dimettersi per lasciare il proprio posto a un nuovo leghista in consiglio comunale (già lui aveva sostituito solo lo scorso marzo il capogruppo dimissionario del Carroccio, Learco Tavoni) e iscriversi comunque al partito dell’Edera. In secondo luogo, potrà pur tentare di adire le vie legali, come annuncia in un comunicato, ma ad uscirne massacrata da questa storia è anche la Lega Nord che mostra, ce ne fosse stato bisogno, un radicamento sul territorio pari allo zero, tanto da essere stata costretta a inserire in lista alle Amministrative (per mancanza di alternative) un “non-leghista” (come dice lui) come Ravaioli, a cui è bastato un colloquio con l’allora candidato a Presidente delle Provin-

cia Rudi Capucci per ottenere il via libera. Ne esce male anche il Pri, naturalmente che – oltre a dare la possibilità a Sel (unica voce del centrosinistra a prendere nettamente posizione contro il transfugo) di parlare di trasformismo e di spostamento a destra della maggioranza – conferma tutti i dubbi sulla propria reale identità, continuando a non essere chiarissimo cosa ci faccia in una coalizione di centrosinistra. Oltretutto, a pensare male si potrebbe avere dei dubbi addirittura sul fatto che possa essere stata un’operazione studiata a tavolino prima del voto e tutta questa faccenda lascia passare il concetto che per essere eletti in consiglio comunale sia possibile utilizzare come sorta di cavallo di Troia un partito poco radicato sul territorio e che poi, beh, basta scegliere, che tanto non c’è niente di illegale nel cambiare casacca. Infine, come abbiamo rimarcato anche in un “bombolone” (il commento quotidiano sul nostro sito internet), spiace constatare che non ci sia stata in consiglio un’unanime condanna al gesto poco elegante – diciamo così – di Ravaioli. Anzi, l’esponente più importante della maggioranza, il capogruppo del Pd Matteo Cavicchioli, nel corso del dibattito sul tema (pur non sembrandoci così convinto) lo ha giustificato, dicendosi addirittura orgoglioso perché questa vicenda, secondo lui, sarebbe un segno del buon lavoro della maggioranza. E noi che pensavamo bisognasse convincere i cittadini, non i consiglieri eletti da ignari elettori della opposta fazione... (lu.ma.)

Imprenditore di Mezzano di 37 anni, Roberto Ravaioli è il personaggio della settimana grazie al suo passaggio dalla Lega al Pri in consiglio comunale. Lo abbiamo incontrato. Ravaioli, non si vergogna neanche un po’? «Assolutamente no».

Ravaioli tra il vicesindaco Mingozzi e il capogruppo del Pri Fussi

Ma non era più corretto dimettersi, piuttosto che cambiare schieramento? «Io per la Lega non ho fatto neppure campagna elettorale, mi ero candidato solo come un’esperienza a tempo perso, d’altronde non avevo mai fatto attività politica prima». Perché la Lega? «All’epoca parlai di questa

MADONNA DELL'ALBERO (RA) VIA MATISSE 18

NATALE 2012

mia intenzione di candidarmi con amici e parenti, che sono poi i 58 che mi hanno votato, li conosco uno ad uno, ma dal momento che non avevo nessuna appartenenza politica sapevo che le porte per me erano praticamente chiuse. Un amico allora mi disse che quelli della Lega

sarebbero invece stati disponibili ad accogliermi perché non avevano una vera base, non erano in consiglio nell’ultima legislatura e avevano di fatto bisogno di candidati. Così mi sono presentato da Rudi Capucci (l’ex candidato a presidente della Provincia, poi dimessosi,ndr), mai visto né conosciuto fino ad allora, abbiamo fatto una chiac-

chierata conoscitiva, gli ho esposto le mie caratteristiche, gli ho detto che sono laureato in Giurisprudenza e che ho un’attività imprenditoriale e lui di lì a poco ha detto che andava bene, che ero in lista». Cosa le piaceva della Lega? «Il federalismo e la sua visione laica della politica, ma non ho mai condiviso le idee secessionistiche. Io ho giurato fedeltà alla Costituzione quando ho fatto i militari all’Arma dei Carabinieri. Non sono mai stato un leghista nel vero senso della parola». Ma lei per chi vota? «Non ho mai avuto un vero partito di riferimento, ho sempre scelto un’area laica. Non certo i partiti di sinistra, però». La Lega? «Sì, certo, la Lega l’ho votata». E alle elezioni locali? «Mah, non ricordo neanche bene. Alle ultime naturalmente mi sono autovotato». E nel 2006? Matteucci? «No, assolutamente Matteucci no. Non ricordo però per chi ho votato, sinceramente. Ricordo quando ero appena maggiorenne, invece, che votai Brini (il candidato centrista che portò al ballottaggio il futuro sindaco di sinistra D’Attorre, ndr)» Lei non ha mai votato Matteucci, perché lasciare la Lega, allora?

PER PRENOTAZIONI: TEL. 0544 271381 - CELL: 347 3703598

MENU DI CARNE: Crudo di Parma con bocconcini di bufala e fichi caramellati Gnocchi alle verdure Cappelletti in brodo di cappone Tagliata di manzo con funghi freschi, rucola e grana A A PERSON Patate arrosto al rosmarino Zuppa inglese Vino in bottiglia, acqua, caffè, sorbetto al caffè

€25

MENU DI PESCE: Insalata di mare alle piccole verdure Pepata di cozze nostrane Strozzapreti alla polpa di scampi, zucchine e pomodorini Risotto alla marinara A Spiedini misti con fritto A PERSON Insalata di stagione Zuppa inglese Vino in bottiglia, acqua, caffè, sorbetto al limone

€30

MUSICA DAL VIVO - SERVIZIO E COPERTO INCLUSI

Aperitivo di benvenuto Insalata di mare alle piccole verdure Gratinato misto Passatelli al corallo Strozzapreti alla polpa di scampi Rana pescatrice nostrana ala forno Spiedini di gamberi ai ferri Mazzancolle alla griglia Lenticchie su letto di melanzana Zuppa inglese della nonna Uva di buon auspicio Vino in bottiglia, acqua, caffè e sorbetto A A PERSON

€50

... e per il brindisi di mezzanotte ogni 4 persone una bottiglia di prosecco offerta dalla direzione! L'ARRIVO DEL NUOVO ANNO SARÀ ALLIETATO DALLA MUSICA DAL VIVO

CAPODANNO 2012/2013


CRONACA& POLITICA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

PDL

«Perché dopo le elezioni i consiglieri sono stati lasciati completamente allo sbando. Non esisteva più la segreteria locale. Le dico una cosa: io dopo le elezioni non sono stato mai contattato, non ci sono stati più incontri. L’unica telefonata che ho ricevuto dagli esponenti della Lega è stata quella che mi annunciava le dimissioni di Tavoni (il capogruppo a cui Ravaioli è subentrato in consiglio comunale, ndr), e poi basta. Il nuovo segretario provinciale non l’ho neppure mai visto di persona e non ci ho mai parlato. È stata fatta tabula rasa della Lega a Ravenna». Ma si rende conto che però passare al Pri, e quindi, al centrosinistra, è un’ingiustizia rispetto alle scelte degli elettori? «Senza dubbio. Ma prima ho comunque consultato tutti i 50 e rotti elettori che mi hanno votato e sono stati tutti d’accordo». Ma scusi, lei però è finito in consiglio comunale non grazie a quei 50, ma ai seimila che hanno votato la Lega nord... «Quei seimila avrebbero dovuto vedere cosa è successo dentro la Lega, il totale disinteresse dei dirigenti ravennati. E poi sono convinto che molti voti siano arrivati grazie allo sbattimento personale di Capucci e non alla Lega Nord». E per questo non si è dimesso... «No, perché non ho ricevuto voti di lista. Fossi stato il candidato a sindaco non ci avrei neppure pensato e mi sarei dimesso. Ma così,

chi lo ha detto che dovevo stare lì per conto di questi che si disinteressano delle battaglie della Lega?». E quindi ha scelto il Pri, che qui è stato promotore delle iniziative risorgimentali tanto derise e offese dal Carroccio... «Infatti quella cosa lì della Lega non mi era piaciuta...» Come mai il Pri? «Quasi per esclusione, è l’unico partito che ora rappresenta i miei ideali. Tra chi mi ha votato c’erano poi anche dei repubblicani, almeno nello spirito. È stata una scelta ideologica, sarei andato con il Pri indipendentemente dalla coalizione di cui fa parte». Ora come si comporterà in consiglio, voterà sempre con il centrosinistra? «Porterò avanti le mie battaglie, continuerò a ragionare con la mia testa, non mi farò imporre un punto di vista». Ad esempio sull’immigrazione? «Sì, i repubblicani per esempio sul diritto di cittadinanza ai figli degli stranieri hanno votato contro la maggioranza, e io sono d’accordo. Poi non ho mica ritirato la mia interrogazione fatta con la Lega per chiedere chiarimenti sulla presenza di stranieri con casa popolare nella vergognosa manifestazione dei tunisini contro i carabinieri». Insomma, un po’ leghista lei rimane... «Mi definisco un democratico repubblicano nazionalista». Luca Manservisi

«Prima di cambiare ho consultato tutti i miei 57 elettori»

A Faenza la convention dei nostalgici di Forza Italia Sabato 15 alle 20 al ristorante “Il Cavallino” di Faenza si terrà la prima convention regionale di Azzurri ‘94. Il movimento – nato il 9 novembre scorso per chiedere il ritorno in campo di Silvio Berlusconi, la fine del Governo Monti e il ritorno ai valori e ai programmi di Forza Italia – si ritrova a Faenza per una “cena azzurra di Natale” e per fare il punto della situazione politica e organizzativa.

LEGA NORD

A capo dei Giovani Padani un ventenne castellano Il 35enne Simone Donati è stato nominato dal consiglio provinciale della Lega Nord nuovo responsabile (almeno fino alle elezioni politiche) per i comuni di Ravenna, Cervia e Russi. Donati copre così una sorta di vuoto dovuto all’azzeramento delle segreterie di Ravenna e Cervia, due situazioni diverse dove, rispettivamente, si è dimesso ed è uscito dal movimento il segretario comunale ed è stata commissariata la sezione. Nel frattempo c’è stato anche un passaggio di consegne nel movimento Giovani Padani della Lega Nord Romagna con Michael Quercia, 20 anni di Castel Bolognese, acclamato nuovo responsabile nazionale.

13

PONTE NUO UNA MARATONA MUSICALE PER LA PALESTINA

V O

L’associazione ravennate degli Amici della Tammorra – in collaborazione con La leggera e diversi gruppi musicali, legati alla musica popolare – organizzano al Villaggio del fanciullo di Ponte Nuovo (via del Pino 102/104) un concerto dedicato alla Palestina. L'appuntamento è per domenica 16 dicembre, dalle 17 alle 22, per un concerto definito dagli organizzatori come una «risposta all’embargo e ai bombardamenti su Gaza».

INCONTR LA LINGUA ARABA E LA STORIA

I

In occasione della Giornata mondiale Onu per la lingua araba termina il ciclo di incontri “Insieme per la pace: dialogando”: martedì 18 dicembre alle 20.30 alla sala Buzzi di via Berlinguer il tema sarà “Viaggio con la lingua araba attraverso la storia”. Tra i relatori anche il presidente delle comunità islamiche in Italia.

SOLIDARIETÀ CENA PER IL COMITATO ANTIDROGA Il 19 dicembre alle 20.30 alla parrocchia del Torrione di via Majoli, a Ravenna, è in programma una cena di solidarietà il cui ricavato andrà al comitato cittadino antidroga (che gestisce anche il dormitorio di via Mangagnina) e a una fazenda in Brasile. Il costo della cena è di 18 euro ed è possibile prenotare al 338 3134358 oppure via mail all’indirizzo comantidroga@libero.it.


14

CRONACA& POLITICA

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

CENTROSINISTRA/1

MOVIMENTO5STELLE

Per i democratici e Sel in arrivo capodanno con primarie

Assemblea aperta per aderire al progetto Alba

Si preparano vacanze di Natale infuocate anche per i volontari del Pd ravennate, visto che a questo punto è certo che si organizzeranno le primarie per scegliere i candidati per il Parlamento negli ultimi giorni del 2012. I tempi infatti si sono fatti strettissimi dopo la crisi di governo che anticipa a febbraio la data delle elezioni. Chiaro che in queste condizioni non sarà possibile fare campagna elettorale ma, questa è la convinzione, si potrà comunque dimostrare la buona volontà a chi potrebbe lamentarsi di decisioni prese dall’alto senza consultazioni popolari. Si è ora in attesa dei regolamenti per la determinazione delle candidature, mentre pare certo che il voto sarà riservato agli iscritti Pd e a chi si era iscritto alle primarie per il leader. Quasi certa anche la doppia preferenza, uomo/donna. Intanto, anche Sel aderisce entusiasticamente all’iniziativa e tra i candidati pare certo che potrebbe esserci il ravennate Giovanni Paglia, coordinatore regionale del partito.

Domenica 16 dicembre dalle 9.30 alle 12.30, si svolge a Ravenna, nella sala dell’ex circoscrizione terza in via Aquileia si terrà un’assemblea pubblica di incontro, confronto e adesione al progetto “Cambiare si può. Noi ci siamo” promosso dal nuovo soggetto politico, alternativo all’agenda Monti e ispirato a principi di sinistra, Alba. L’ambizioso progetto è quello di costituire, a livello nazionale, liste autonome per presentarsi alle ormai prossime elezioni politiche.

ELEZIONI IN VISTA

Un seggio delle primarie del 24 novembre scorso. Per scegliere i parlamentari si voterà nelle sezioni di partito

CENTROSINISTRA/2

Manfredi, Idem, Venturelli? Ecco i possibili candidati Certo è che al termine del secondo mandato non si ricandideranno Mercatali e Albonetti. Ma se il voto confermasse i sondaggi, a qusto giro ci potrebbero essere ben tre posti a disposizione dei ravennati. Tra i nomi che circolano con più insistenza sui candidati ravennati alle primarie che andranno a comporre la lista dell’Emilia Romagna ci sono da mesi quello della campionessa olimpionica Sefi Idem, che fu assessore per un periodo a Palazzo Merlato, e l’attuale segretario comunale del Pd Danilo Manfredi, due bersaniani di ferro. A loro si potrebbe aggiungere il lu-

ghese Maurizio Roi (che però alcuni danno come successore invece di Mazzotti in Regione al prossimo giro) e il faentino Marco Venturelli di Confcooperative, renziano, il quale però non necessariamente potrà contare sull’appoggio di tutti i renziani ravennati che stanno valutando varie possibilità, senza escludere nemmeno quella di una candidatura autonoma e intanto si incontrano per decidere.

E i renziani ravennati valutano una candidatura

DISABILITÀ PRANZO DI SOLIDARIETÀ AL CIRCOLO PD DI PORTO FUORI Per l’ottavo anno consecutivo il Circolo Pd di Porto Fuori organizza un pranzo per incontrare i cittadini con disabilità . Quest’evento, intitolato Giornata della solidarietà, viene organizzato con l’aiuto di gran parte delle associazioni ravennati che si occupano di disabilità. Appuntamento domenica 16 dicembre a partire dalle 12.30 alla Sala Kojak di Porto Fuori in Via Staggi, 4. Pranzo romagnolo e omaggi natalizi offerti a tutti i cittadini con disabilità presenti, 15 euro per accompagnatori e chiunque voglia partecipare. Saranno presenti: Il Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci ed il Consigliere Regionale Miro Fiammenghi.

Parlamentarie e polemiche in casa grillina Tra i grillini scoppia un’altra polemica, il cosiddetto caso Giovanni Favia. Il consigliere regionale M5Stelle è stato infatti espulso dal movimento da Beppe Grillo e giovedì 13 dicembre è annunciato a Ravenna, per un incontro con i sostenitori e per sottoporsi, insieme al collega DeFranceschi, al voto dei presenti per chiedere se debba o meno rimettere il suo mandato, come accade ogni sei mesi. Una vera e propria bomba a Ravenna, dove il capogruppo in Comune del M5Stelle è sempre stato politicamente molto vicino a Favia e in più occasioni aveva già preso le sue difese. Ora Vandini ha dichiarato di volersi prendere qualche giorno per riflettere, ma basta guardare Facebook per capire che questo tempo potrebbe non averlo. C’è infatti chi, tra i militanti, chiede per esempio che l’incontro del 13 venga rimandato a data da destinarsi (ma al momento in cui andiamo in stampa è confermato). Inoltre, una delle candidate ravennati alle Parlamentarie, Serenella Spalla, ha attaccato duramente e frontalmente il comico genovese proprio sui temi della democrazia interna e del meccansimo di selezione dei candidati. Meccansimo che di sicuro ha portato i ravennati lontanissimi da posti che potrebbero assicurare un’elezione. Il primo infatti è il faentino Andrea Palli, al ventiduesimo posto con 67 preferenze. Seguono Fabrizio Martelli (55 voti), Monica Maltoni (46), Serenella Spalla (44), Fabrizio Landi (41), Christian Integlia (35), Cesare Iascio (32), Gian Piero Buosi (26) e Marco Spadoni (14). Numeri molto bassi, in linea con quelli generali, già criticati da molti: in tutta Italia hanno infatti votato circa 30mila persone. Ciononostante i grillini ravennati si dicono soddisfatti. «La nostra provincia – aveva commentato Vandini – paga le difficoltà tecniche di questa metodologia. Non c'era il tempo per valutare i candidati e questo ha significato che quasi tutti hanno votato per i candidati della propria zona e quelli dei bacini più piccoli sono stati danneggiati, a meno che non fossero persone già conosciute come Giulia Sarti (la riminese prima della lista della regione, ndr)».


ECONOMIA&CRONACA

RAVENNA&DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

15

MARINA DI RAVENNA Gli agricoltori ferraresi diventano navigatori a Marina di Ravenna. Il porto turistico Marinara ha un nuovo proprietario: Sorgeva, cooperativa agricola di Argenta. L’azienda ferrarese è passata dal 17,5 percento all’87,5 nella proprietà di Seaser, società titolare della concessione demaniale su cui poggia la struttura, dopo aver acquistato l’intero pacchetto azionario della cooperativa edile Cmr dalla curatela fallimentare. A completare la compagine societaria della concessionaria rimangono due azionisti minori: Aristea (altra coop ferrarese) con il 2,5 percento e Luigi Vitali (imprenditore immobiliare di Comacchio) con il restante dieci. I termini economici dell’accordo non si conoscono: da Sorgeva bocche cucite. La ferrarese Cmr, alle prese con un fallimento da almeno 140 milioni di euro, costruì il porticciolo sulla costa ravennate. Ma non è l’unico intervento edilizio in questa provincia: i principali, Porto Reno a Casal Borsetti e l’albergo Holiday Inn a Ravenna. Contestualmente al passaggio di quote, formalizzato il 10 dicembre, è stato nominato anche un nuovo consiglio di amministrazione. Ernesto Abaterusso - 56 anni, leccese, ex senatore Ds - è il presidente. A completare il cda altri quattro uomini: Davide Sinigaglia e Pietro Turri (presidente e vice di Sorgeva) e due rappresentanti di Italia Navigando. Quest’ultima, nata nel 2002 per lo sviluppo della diportistica italiana, è una controllata indirettamente dal ministero dell’Economia e da gennaio 2012 è capofila di un’associazione temporanea di imprese che hanno un con-

La campagna di Marinara

MARE

Feste in spiaggia: risolto il nodo La scalata della coop agricola Sorgeva al controllo del porto delle capienze

La coop agricola Sorgeva di Argenta controlla l’87,5 percento di Seaser, concessionaria del porto Marinara

L’azienda di Argenta ha acquistato le azioni della Cmr in fallimento Tra i consulenti dell’operazione il sindaco Pd di Ferrara

e Nuova gestion Via delle Palme, 8/A Marina Romea (Ravenna) www.ristoranteinvespa.it Aperto: Venerdì e Sabato a cena Domenica a pranzo e a cena inVespa Ristorante Lounge Bar

è gradita la prenotazione:

Tel. 0544 446620 Cell. 335 1416449

tratto di fornitura servizi a Seaser. Presidente di Italia Navigando è lo stesso Abaterusso. «I neo amministratori – si legge nella nota che ufficializza il passaggio di quote da Cmr a Sorgeva – hanno il compito di portare a compimento, entro sei mesi, un’operazione di ristrutturazione del debito, per la messa in sicurezza sotto il profilo finanziario ed operativo di Seaser e la salvaguardia della concessione demaniale, sia a tutela dell’interesse pubblico che dei terzi che hanno acquisito diritti. Contestualmente sarà avviato il rilancio commerciale di Marinara con investimenti nell’infrastruttura e nei servizi che, nelle intenzioni del nuovo management, dovrebbe diventare, uno dei principali poli nautici d’Italia». Secondo l’accordo di un anno fa doveva essere proprio la società statale a presentare un'offerta di acquisto di tutte le azioni di Seaser. Non è stato così. Eppure più volte, prima dell’estate, Abaterusso aveva assicurato l’intenzione di arrivare a formulare l’offerta. A farlo invece è stata Sorgeva che non ha altri investimenti fuori dal contesto agricolo. Tre i consulenti che hanno, è il caso di dirlo, condotto in porto l’operazione: per gli acquirenti il regista è stato l’avvocato Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara targato Pd. Andrea Alberizia

Un emendamento del gruppo Pd votato dal senato nell'ambito della legge di Stabilità prevede che siano esclusivamente Regioni e Comuni a regolare le tradizionali feste in spiaggia, ponendo fine quindi ad alcuni equivoci nati nei mesi scorsi in seguito ai decreti sulle liberalizzazioni. Così il sindaco Matteucci ne ha approfittato per annunciare alla stampa che le regole, per la prossima estate, resteranno quelle di quest'anno. In estrema sintesi, confermata la festa da ballo anche alla domenica (ma fino alle 21) e feste in spiaggia fino all'una dal lunedì al giovedì e fino a mezzanotte nel weekend. La novità riguarda invece la settimana di Sant'Apollinare (23 luglio) per la quale il sindaco sta pensando a deroghe speciali per renderla una nuova festa rivolta ai giovani come la Notte Rosa, tanto per intenderci. Tornando all'emendamento approvato dal Governo, da segnalare anche il tentativo di porre fine agli equivoci legati alle capienze dei bagni. In passato, come noto, diversi stabilimenti sono stati multati per non averle rispettate, con ricorsi e controricorsi che vertevano soprattutto sul modo in cui venivano contate le persone presenti. Ora, grazie al nuovo emendamento, saranno i bagnini a dover presentare in fase preliminare un progetto in cui sia indicata l'area di pertinenza per gli intrattenimenti. La capienza dovrà poi essere considerata solo in quella zona e non faranno testo tutte le altre persone presenti.

Menù di CAPODANNO MENÙ DI NATALE Zuppa di fagioli con baccalà fritto Gran bollito di pesce Maccheroncini alle canocchie Risotto alla marinara Orata e Spigola al cartoccio Fritto di Mare Dessert e caffè Bevande incluse

€ 35,00 a persona

con musica dal vivo

Aperitivo e Zeppole napoletane Misto di carpacci di pesce Vongole alla montanara Garganelli alla crema di gamberi Linguine alla pescatora Spiedini di pesce con patate al vapore Spigola al forno con verdure Dessert e caffè - Bevande incluse Brindisi con Bottiglia di Spumante ………e nel 2013... Lenticchie e cotechino

€ 60,00 a persona


16

CRONACA& ATTUALITÀ

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

CONCORSO

RAVENNA MANIFESTAZIONI

A caccia di idee per Ra 2019 tra gli studenti di tutte le scuole

Da Oliver Twist a Mozart: teatro per elementari, medie, superiori e università

il successo del treno Romagna ExUn concorso di idee rivolto a tutpress che ha coinvolto in particolate le scuole, da quelle dell’infanzia re gli studenti delle scuole superioalle medie superiori, di Ravenna e ri della Romagna, ora ci rivolgiamo provincia, per coinvolgere anche i a tutto l’universo giovanile, chiapiù giovani nel percorso di candimato ad esprimere la propria vocadatura a capitale europea della culzione immaginifica sui temi della tura nel 2019. Si tratta di “Ti raccandidatura in rapporto alla città e conto la mia città nel 2019 – immaall’Europa». gini e parole per l'Europa”, una L’assessore Bakkali ha rivolto un proposta rivolta ai cittadini e alle invito « ai giovani abitanti delle cittadine dai 3 ai 19 anni ai quali scuole dei vari ordini e gradi affinviene chiesto un elaborato da svolché si impossessino della candidagere con la massima libertà creatitura con l’energia e la visionarietà va e realizzativa, partecipando da che contraddistingue la loro età e, soli, in gruppo o per classi. In palio attraverso essa, inizino a immagici sono numerosi premi. nare la loro città negli anni futuri». I partecipanti sono invitati a racI lavori devono pervenire entro il contare la città ai coetanei europei, 20 aprile 2013 e dovranno avere ideando un elaborato visivo (disecome fulcro centrale alcuni temi gno, dipinto, fumetto, scultura, vifondamentali quali la dimensione deo, fotografia, performance, imeuropea, il coinvolgimento della magine digitale, logo, eccetera) o cittadinanza e i macrotemi della un testo (poesia, racconto, articolo candidatura, le cosiddette “Cingiornalistico, slogan, canzone) che quetracce”. Un’apposita commiscontenga idee, suggestioni, prosione giudicherà i materiali, le idee poste inerenti a Ravenna come camigliori potranno entrare a far parpitale europea della cultura. Sarante del dossier di candidatura di Rano premiate – assicurano dallo staff Anche l’albero di Natale che campeggia in piazza del venna. del 2019 – originalità, fantasia, ca- Popolo quest’anno è dedicato a Ravenna 2019. Inoltre i vincitori riceveranno, il 9 pacità di proporre nuove visioni e prospettive, «ma anche l’assoluta libertà di usare i vari maggio, Festa dell’Europa, questi premi: per le classi, linguaggi creativi per intraprendere un dialogo e un viaggio studio in una Capitale della Cultura o alle istituracconto del nostro territorio verso i giovani degli altri zioni europee a Bruxelles o 3 bonus da 400 euro l'uno per acquistare materiale didattico; per i singoli, 1 ipad, Paesi europei. « L’iniziativa di oggi – dice Nadia Carboni - vuole ali- 2 e-readers, 20 abbonamenti alla stagione di prosa opmentare la partecipazione e il sentimento della candi- pure 4 buoni per l’acquisto di libri o materiale didattico datura tra i giovani, la generazione 2019, perché siano del valore di 175 euro ciascuno. A ogni partecipante i attivi protagonisti, e non solo fruitori, del percorso di gadget di Ravenna2019. Maggiori informazioni e bancostruzione e sviluppo della Ravenna del futuro. Dopo do completo su www.ravenna2019.eu.

La rassegna che la Fondazione Ravenna Manifestazioni dedica alle scuole offre ai ragazzi un punto di vista particolare su alcuni spettacoli della stagione dell’Alighieri, oltre a una serie di produzioni create appositamente per il pubblico più giovane. Martedì 19 dicembre si terrà il primo appuntamento del cartellone 2012/13 de “A scuola in teatro” con i bimbi delle elementari e del primo anno delle medie grazie alla nuova operina scritta e musicata da Cristian Carrara per celebrare uno dei più celebri romanzi dedicati all’infanzia, Oliver Twist, nel bicentenario della nascita di Charles Dickens. Sulla scena, oltre a cantanti professionisti, il Coro di Voci Bianche del Teatro “Luciano Pavarotti” di Modena (che ha prodotto lo spettacolo), la scenografia “live” è affidata ai disegni su sabbia di Massimo Ottoni. Molti altri gli appuntamenti a seguire, in occasione del giorno della memoria, e poi con Ariminus, un viaggio attraverso la musica di Koro Izutegui eseguita dall’Ensemble Mosaici Sonori sulle immagini di Matteo Semprini elaborate da Ezio Antonelli o la celebre composizione di Igor Stravinskij Petruka, dal nome della marionetta cara alla tradizione popolare russa. Infine, l’opera scelta quest’anno per il percorso di “Opera Domani” è Il FlauUn’immagin to Magico di Mozart (in scena sul palco dell’Alighieri il 17 e 18 e dall’Oliver aprile), che prevede la partecipazione attiva degli studenti chiaTwist che aprirà la mati a cantare alcune parti dell’opera assieme ai cantanti sul quindicesima palcoscenico. Due le produzioni sul rapporto musica e linguagedizione de gio cinematografico indirizzate agli studenti delle Scuole Supe“A scuola in riori e dell’Università. Un insieme di attività cresciute negli anni teatro” e che coinvolgono migliaia di studenti (8mila nel solo anno 2011/2012) grazie al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna.

LE SCUOLE INFORMANO

OFFERTA FORMATIVA

Istituto Olivetti, tecnici dei servizi commerciali per l’amministrazione dei sistemi aziendali L'I.P.S.C. “A. Olivetti” forma alcune delle figure professionali più richieste sul territorio da imprese, enti privati e pubblici e studi professionali. Il tecnico dei servizi commerciali è, infatti, capace di intervenire attivamente nell'amministrazione di un'azienda sul piano dell'organizzazione, della gestione e del controllo. Ha competenze polivalenti e flessibili, che scaturiscono da interventi formativi che coniugano un'ampia cultura di base allo sviluppo di abilità logicoespressive. Tali competenze sono acquisite anche attraverso gli stage in azienda che concorrono alla preparazione professionale. Nell’ambito del percorso quinquennale che si conclude con l’esame di Stato ed il Diploma di Tecnico dei Servizi Commerciali, la scuola offre anche l’opportunità di scegliere percorsi di “istruzione e formazione professionale” che consentono, al termine del terzo anno, di conseguire il Diploma di Qualifica Professionale Regionale di Operatore Amministrativo-Segreteriale, riconosciuto a livello nazionale ed europeo. La multimedialità e la formazione in laboratorio sono il fiore all’occhiello della scuola: dall’Ecdl (la patente europea del computer) alle conversazioni nelle tre lingue straniere con insegnanti madrelingua, fino ai progetti di impresa simulata e del “quotidiano in classe”. I rapporti con le aziende sono assicurati attraverso l’alternanza scuola-lavoro” e gli stage aziendali, nonché promossi dalla partecipazione al Premio “Guidarello Giovani” ed a progetti come “Educazione alla legalità” e “Educare alla Cooperazione”. La formazione non dimentica l’ambiente e la salute con il progetto “Rici-

O P E N DAY In questo momento tormentato per la scuola italiana, ci sono alcuni ragazzi che devono comunque compiere una scelta fondamentale per il loro futuro, sono gli allievi di terza media. Per loro e le loro famiglie sono organizzati gli open day, in cui le scuole superiori aprono i battenti per illustrare la propria offerta formativa. ❚ Liceo Classico “Dante Alighieri” piazza Anita Garibaldi 2 15 dicembre 2012 ore 15.00 - 17.30 ❚ Liceo Scientifico “Alfredo Oriani” via Cesare Battisti, 2 19 gennaio 2013 ore 16.00 ❚ Liceo Artistico “Nervi Severini” via Tombesi Dall’Ova 14 16 dicembre 2012 ore 15.00 - 18.00; 13 gennaio 2013 ore 15.00 - 18.00; 2 febbraio 2013 ore 15 - 18 ❚ Istituto Tecnico Commerciale “Ginanni” via G. Carducci 11 15 dicembre 2012 ore 14.30 - 18; 12 gennaio 2013 ore 14.30 - 18.00 ❚ Istituto Tecnico “Perdisa” via Dell’Agricoltura 55 15 dicembre 2012 ore 14.30 - 17.30 ❚ Istituto Istruzione Superiore “Morigia” via Marconi 6 12 gennaio 2013 ore 15.00

clandino” in collaborazione con Hera e Comune di Ravenna ed “Educazione alla salute” con un occhio di riguardo allo sport e al benessere. Anche l’arte e l’accoglienza hanno il loro spazio nel piano formativo: tra fotografia, teatro, escursionismo e momenti interculturali, si ricerca l’espressione di sé con il contatto del nuovo. Open day: sabato 15 dicembre dalle 15 alle 18. Open Night – Venerdì 18 gennaio dalle 20 alle 22.30. I.P.S.C. “A. Olivetti” - via Nino Bixio 23/25 - Ravenna tel. 0544.30326 - fax 0544.38498 olivetticallegari.ra@libero.it www.olivetticallegari.it

❚ Istituto Tecnico Industriale Baldini, via Marconi 2 12 gennaio dalle 15 alle 18 ❚ Istituto di Istruzione “Olivetti” via Nino Bixio 23/25 15 dicembre 2012 ore 15.00 - 18; 18 gennaio 2013 ore 20.00 - 22.30 ❚ Istituto di Istruzione Superiore "Callegari" Via Umago 18 15 dicembre 2012 ore 16.00 - 19; 19 gennaio 2013 ore 15.00 - 18.00


LE SCUOLE INFORMANO

OFFERTA FORMATIVA

Gli open day degli istituti tecnici di Lugo Il mondo del lavoro richiede oggi sempre più competenze specifiche e capacità relazionali e la capacità di districarsi a livello locale come in una dimensione europea. “Stoppa-CompaL’istituto gnoni” di Lugo offre percorsi tecnici e professionali in risposta alle richieste di enti e aziende del territorio arricchite da esperienze Europee. La mission dell’Istituto è quella di formare professionisti competenti e flessibili, capaci di lavorare in gruppo, oltre che cittadini responsabili, consapevoli e capaci di confrontarsi con la diversità. L’offerta formativa prevede quattro indirizzi: due professionali, “Servizi commerciali” e “Servizi socio sanitari”, e due tecnici, “Amministrazione finanza e marketing”, con l’articolazione in “Sistemi informativi aziendali” e “Costruzioni, ambiente e territorio”. Tutti gli indirizzi prevedono al quinto anno al conseguimento del diploma e l’indirizzo dei servizi commerciali da inoltre la possibilità di ottenere la qualifica da “operatore della promozione e accoglienza turistica” o “Amministrativo segretariale” o “Operatore del punto vendita”. Molto importante è inoltre il percorso in alternanza scuola/lavoro attivo per tutti gli indirizzi. Per gli studenti dell’indirizzo sanitario è previsto il tirocinio presso nidi d'infanzia del territorio nonché servizi per disabili e anziani e percorsi di animazione nei servizi per l’infanzia. Nelle classi di “Servizi commerciali” i percorsi in alternanza prevedono il tirocinio presso aziende pubbliche e private nonchè esperienze di impresa con il progetto “Enterprise”. Per gli studenti della sezione “G.Compagnoni” l’esperienza di alternanza si sviluppa con l’assegnazione di borse di studio per stage estivi. Le competenze curricolari sono inoltre integrate da altre numerose attività formative e laboratoriali che traducono la teoria in pratica. Per consolidare le competenze informatiche, sono previste degli esami di certificazione: la Patente europea del computer, Ecdl Health in ambito sanitario, e Ecdl Cad per il design. Inoltre, di nuovo avvio è anche Eucip, la certificazione informatica in lingua inglese. Sono inoltre organizzati corsi di certificazione di lingua inglese (Pet), francese (Delf) e tedesco (Fit2) oltre alle esperienze di studio all’estero. Sezione professionale “Stoppa”, via Baracca 62 - Lugo tel. 0545 35465; Sezione tecnica “Compagnoni”, via Luma-

petenze linguistiche a livello europeo, all’integrazione culturale, fino alla sicurezza stradale. Istituo “Guglielmo Marconi”, via Lumagni 24 - Lugo. Istituto “Eustachio Manfredi” Corso Matteotti 55 - Lugo - tel. 0545 23527 www.ipsiaitislugo.it

A destra, un’aula dell’istituto “Stoppa”; sotto l’ingresso Evoluzione, qualità e differendell’Istituto ziazione sono gli obbiettivi “Manfredi”.

gni 28 - Lugo (RA) tel. 0545 22035. www.stoppacompagnoni.net Il tessuto imprenditoriale lughese è retto da un numero elevatissimo di piccole imprese artigiane di tipo elettrico e meccanico. L’Istituto Tecnico Industriale “Guglielmo Marconi” e Istituto Professionale l’Ipsia “Manfredi” di Lugo rappresentano il futuro del comparto e la sua evoluzione. I corsi di diploma dell’Istituto Tecnico Industriale sono articolati in un biennio comune con funzione formativa ed orientativa ed un triennio ad indirizzo specialistico articolato nei due indirizzi “meccanica, meccatronica ed energia” ed “elettronica ed elettrotecnica”. Tale Istituto rappresenta una scelta ideale per ragazze e ragazzi interessati a frequentare corsi Sotto, la possibilità di proseguire con tecnico-scientifici moderni ed l’esterno gli studi universitari. innovativi, per conseguire il Di- dell’istituto L’Ipsia “Manfredi” si caratteploma di Perito Industriale, “Marconi”; rizza per una forte presenza di a destra materie professionalizzanti che permette di eseguire e firfoto di orientate all’inserimento dei ramare progetti e collaudi di imgruppo pianti tecnologici civili ed in- all’Istituto gazzi nel mondo del lavoro e dustriali. Tale diploma permet“Sacro permette dopo tre anni di ottete di cogliere interessanti occaCuore”. nere la qualifica di operatore meccanico e di operatore eletsioni di lavoro lasciando aperta trico. Al 4° anno è previsto il rilascio di un diploma europeo di 2° livello e al termine del 5° anno l’esame di stato. Tale impegno si concretizza con i corsi di motoristica, con le esperienze di alternanza scuola/lavoro, con la presenza di laboratori moderni e innovativi (come quello di sistemi da poco inaugurato) e con la continua partecipazione di esponenti del mondo del lavoro che forniscono testimonianze dirette delle loro esperienze. Flessibilità e spirito di iniziativa, caratteristiche fondamentali per la crescita del tessuto imprenditoriale lughese, sono stimolate in entrambi gli istituti dagli stage in azienda. Sono molti, inoltre, i progetti extracurriculari che coinvolgono gli studenti: dall’educazione alla salute, all’acquisizione di com-

prefissati dall’Istituto Tecnico “Sacro Cuore” di Lugo per rispondere ai bisogni emergenti dal mondo del lavoro e dalle esigenze formative di giovani, famiglie e territorio. Con la riforma degli istituti tecnici, l’Itpacle progetto Erica è confluito nell’indirizzo “Amministrazione, Finanza e Marketing”, articolato in “Relazioni Internazionali per il Marketing”. Tale cambiamento rilette la domanda di flessibilità del mondo del lavoro coniugando un’azione culturale in linea coi tempi, con la dimensione educativa del cuore ed dei principi dell’educazione cristiana. Lo spirito di fondo è educare con amore. Amore come fine e come metodo: «Ogni ragazzo è una scheggia d’infinito» scriveva Sant’Agostino, e la sua unicità ne è la forza. Il percorso educativo proposto dall’Istituto “Sacro Cuore” segue tale principio riconoscendo le originalità di ogni alunno e valorizzandole. Sono inoltre, la relazione e lo stimolo reciproco il cardine madre dell’insegnamento che senza tale coinvolgimento da

parte dell’insegnante sarebbe solo addestramento. Alla famiglia rimane il primato educativo e la scuola opera in corresponsabilità nel rispetto dei ruoli, in un clima di serenità, apertura e fiducia. L’Istituto Tecnico mira a preparare una figura professionale con buone competenze linguistico-relazionali, capaci di svolgere compiti amministrativi e di gestione aziendale a livello nazionale e internazionale. Nello specifico, il piano formativo prevede tre lingue straniere: Inglese e Spagnolo per tutto il quinquennio, Tedesco a partire dal terzo anno, l’uso degli strumenti tecnologici e l’insegnamento della gestione dei rapporti nazionali e internazionali. La scuola offre sia molti sbocchi occupazionali che l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria. In questo quadro formativo si inseriscono molte iniziative: l’attività teatrale, i progetti professionalizzanti con il Cfp, laboratori di arte, lingua inglese commerciale per economia aziendale con insegnanti madrelingua, il corso di Francese, certificazioni linguistiche, informatiche, gare di velocità alla tastiera, soggiorni studi all’estero, stage aziendali in 28 aziende del territorio, viaggi d’istruzione all’estero e iniziative di volontariato e solidarietà. Istituto "Sacro Cuore", via Biancoli 5 - Lugo - tel. 0545 22068 www.itsacrocuore.scuolaer.it

Un calendario di incontri fino a febbraio • Istituto “Stoppa Compagnoni” sezione tecnica: 16 dic. ore16-18. sezione professionale: 16 dic. ore 15-17; 12 gen. ore 16-18.30; 17 gen. ore 20-22. • Istituto “Marconi Manfredi” sezione tecnica:14 dic. ore 20-22; 18 gen. ore 20-22. sezione professionale: 15 dic. ore 15-17.30; 11 gen. ore 20-22; 19 gen. ore 15-17.30. • Istituto “Sacro Cuore” 15 dic. ore 15.30- 18.30; 12 gen. ore 15.30-18.30; 9 febbraio ore 15.30-18.30.


18

COMMENTI& OPINIONI

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

detti e contraddetti a cura di FAUSTO

PIAZZA

L’OSSERVATORIO

Si fa presto a parlare di cultura

Le lettere, le opinioni e i commenti a cui si riserva di rispondere il direttore di Ravenna&Dintorni Fausto Piazza, vanno indirizzate alla mail carodirettore@ravennaedintorni.it oppure al fax 0544 271651 o all’indirizzo viale della Lirica 43, 48124 Ravenna.

ANCH’IO SONO ORFANELLA

TUTTO D’UN TRATTO

E HO SOFFERTO

Sono rimasta colpita da una frase letta sul vostro giornale (nel numero del 15 novembre) sul caso dell’orfanotrofio Galletti Abbiosi, una dichiarazione che faceva pressapoco così: «Comprendo l’amarezza di queste persone che hanno sofferto nell’infanzia...». Bene, mi presento, sono una signora di 60 anni e ho sofferto anch’io come loro e se anche non ci sono eredità sarebbe bello dimenticare i ricordi che non si cancellano invece mai più. Sono entrata in orfanotrofio a 2 mesi e sono uscita a 3 anni, poi fino a 6 anni in una casa famiglia. Dopo entro in collegio fino a 12 anni, tutto l’anno, a casa solo per Natale e Pasqua. A 12 anni vado a casa per andare a lavorare. Di sofferenza ce n’è stata tanta, anche senza eredità di mezzo. Ci sarebbe da scrivere un libro. Lettera firmata

di

GIANLUCA COSTANTINI di

Poi, però, non lamentiamoci se sempre meno gente si avvicina alla cultura, se alcuni eventi sono sempre più elitari e se, praticamente, la nostra bella iniziativa artistica non se le caga letteralmente nessuno. Questi sono solo due esempi di presentazioni di eventi che si svolgono sul nostro territorio. I pezzi che ho estrapolato sono assolutamente veri, comunicati inviati alla stampa, immaginiamo, per far capire ai giornalisti di cosa si tratta, dovendo poi essi scriverne sui loro giornali.

LA VORAGINE DI VIA LANCIANI Da mesi, anni, denunciamo lo stato di degrado dell'asfalto in generale delle strade della vecchia Darsena, in particolare fra le altre, di via Lanciani. Questa mattina (giovedì 6 dicembre,

sprofondato. Mi rivolgo a chi, in questi mesi, è stato chiesto un intervento per questa zona, a fronte di continui investimenti in diverse altre zone di Ravenna ma mai in Darsena vecchia: l'ufficio Manutenzione strade del Comune, l'Assessore ai Lavori pubblici. Non si vorrà mica far pagare ai cittadini la manutenzione del tratto in questione? Tutti i ravennati sono uguali o ci sono ravennati di serie "A" e di serie "B"? Giulio Bazzocchi, Lista per Ravenna

L’ISOLAMENTO DI RAVENNA ndD), al passaggio dell'idropulitrice, come si vede dalla foto, un tratto della strada sopraccitata è

MOLDENKE

Riparte Pendolaria, la campagna che dedichiamo alla mobilità sostenibile e ai diritti di chi ogni giorno si sposta in treno. Perché la vita dei pendolari,

purtroppo, non migliora, ma si fa sempre più incerta. Quest’anno, infatti, a fronte di tagli del servizio e aumenti del prezzo dei biglietti in diverse regioni, i disagi per i fruitori del trasporto pubblico su ferro sono largamente aumentati, complici governo e amministrazioni regionali. Martedì 18 dicembre è in programma una mobilitazione nazionale per cambiare questo stato di cose, Governo e Regioni devono impegnarsi concretamente per migliorare il trasposto pubblico su ferro. Il 18 dicembre presenteremo il nostro rapporto annuale di cui vi diamo qualche anticipazione, con una vera e propria mappa delle 10 linee ferroviarie peggiori d’Italia (al nono posto si trova la li-

Esame computerizzato del piede Plantari e scarpe su misura Calze elastiche - Busti Sistemi antidecubito e di trasferimento - Saliscale Tutori ortopedici Ausili per disabili e anziani

NOLEGGIO: letti, carrozzelle, apparecchi per magnetoterapia, ultrasuoni, mobilizzatori di ginocchio, spalla e caviglia...

CONSEGNA A DOMICILIO LUGO (RA) Via Provinciale Cotignola 22/1 Tel. Fax 0545 23669 - Cell. 335 6363355

www.sanitariaromagnola.it info@sanitariaromagnola.it

nea Ravenna-Bologna, ndD). [...] Un altro collegamento che mostra gravi problemi è quello fra Bologna e Ravenna dove la frequenza di disservizi, mancanza di informazioni e sovraffollamento rendono il viaggio dei pendolari impraticabile. Ravenna in alcuni orari risulta praticamente isolata dall'Emilia, in quanto non esistono coincidenze per i treni in arrivo a Bologna e quelli in partenza per l'Emilia. Sarebbe necessario il ripristino del collegamento fra le due città attraverso la vecchia linea per Budrio, Medicina, Massa Lombarda, Lugo che permetterebbe ai pendolari della zona a Nord Est di Bologna di avere una valida alternativa. Legambiente

«È un evento in cui il desiderio è creare, nella città, un’area sensibile, attraverso la proposizione di un progetto, ogni volta diverso, che possa comunicare con le persone, e lasciare una piccola traccia nel pensiero, tenendo saldo il concetto-guida di cultura come energia. [...] Si tratta di un progetto che vede coinvolti 11 artisti, provenienti sia dall’ambito performativo che visivo, e chiamati letteralmente a “sognare” negli spazi del xxx e ad interrogarsi quindi sulle questioni inerenti la possibile trasmutazione di una visione interiore, scaturita in stato meditativo, in opera artistica. Gli artisti saranno guidati insieme a contattare lo spazio profondo in cui si generano sogni e visioni. [...] Il progetto si articola in due fasi quotidiane nel corso di una settimana: ogni giorno, in un primo momento, i partecipanti sperimenteranno diversi modi di contattare il piano astrale: attraverso tecniche di yoga nidra, prana vidya (visione dell’energia), pratiche del sogno lucido, cicli di rinascita circolare attraverso il soffio, modalità diverse per creare una visione e mantenerla in vita. A questa prima seguirà un momento di dialogo, discussione, trascrizione e collezione di immagini, figure, suggestioni, letture, creazioni di grafici, disegni e altro. Il pubblico potrà, in quei giorni, condividere quotidianamente il luogo in cui le visioni prendono corpo nella mente dell’artista, e osservarli come reperti provenienti da un altro mondo”. E questo è uno. Ecco invece qui sotto come altri organizzatori definiscono il loro festival: “Nella dinamica schizoide che lacera i nostri tempi gli atti si frantumano. La brevità dell’agire sembra così confinarle in un luogo corrosivo, quasi che non si possa sottoporle al vaglio della definizione, anzi ponendole in antitesi col determinato, con la necessità della finitezza. Paradosso del principio di indeterminazione, l’atto che fugge si pone di fronte a noi e colloca la nostra sensazione sullo scarto di binari tra loro assai diversi pur sempre misurabili”.

FORNO A LEGNA via Aquileia 112 - Ravenna - Tel. 0544 423290 (Parcheggio Coop Aquileia) APERTO ANCHE A PRANZO TUTTE LE DOMENICHE Cena, 31 Dicembre 2012 ANTIPASTI: Caldo: cozze alla tarantina Freddo: insalata di mare PRIMI: Strozzapreti vongole e porcini Assaggi di gnocchi al salmone SECONDI: Gamberoni giganti D&B Assaggi di baccalà e anguille fritte CONTORNO: Insalata mista BEVANDE: 1/2 Acqua - 1/4 Vino Caffè - Amaro € 35,00 Pandoro o panettone, spumante offerto dalla casa e spettacolo pirotencnico di fuochi artificali!

Ad ogni famiglia regaleremo una

mongolfiera portafortuna da lanciare in cielo dopo il brindisi di mezzanotte

SOLO SU PRENOTAZIONE ENTRO IL 28/12/12 (0544 423290)


CULTURA& SPETTACOLI

STAGIONE DI DANZA

Il classico è contemporaneo all’Alighieri con Ezralow Open, il nuovo spettacolo del geniale coreografo Una scena di “Open” statunitense Daniel Ezralow – che torna con una proposta teatrale dopo quattro anni di assenza dai palcoscenici italiani – aprirà sabato 15 dicembre alle 20.30 (con replica domenica 16 in pomeridiana alle 15.30) la stagione danza del teatro Alighieri di Ravenna. Teatro, cinema, televisione, musica, moda, sport, pubblicità: non c'è interpretazione dell'arte del movimento, e in generale della comunicazione visiva, che non sia stata sperimentata da Daniel Ezralow e dal suo talento. Parte da qui il suo nuovo spettacolo Open, scritto assieme a Arabella Holzbog, un’originalissima selezione del vasto vocabolario coreografico creato per il palcoscenico utilizzando celebri brani di musica classica. Un cast di otto danzatori e danzatrici – Chelsey Arce, Dalila Frassanito, Santo Giuliano, Stephen Hernandez, Kelsey Landers, Re’Sean Pates, Marlon Pelayo, Anthea Young – della sua compagnia americana con talenti e stili differenti che vanno dalla danza classica alla danza moderna, dalla ginnastica alla street dance, hanno lavorato insieme allo staff creativo del coreografo statunitense, per creare uno spettacolo che è già tra i più grandi successi di questa stagione teatrale. I costumi sono stati concepiti e realizzati da American Apparel uno dei TEATRO più grandi marchi del Nord America. Il percorso professionale di Daniel Ezralow lo vede come ballerino professionista nella compagnia di Paul Taylor e fra i fondatori delle compagnie Momix e Iso (per la quale è ballerino solista, coreografo e direttore). Ha creato coreografie originali per numerose compagnie internazionali fra le quali The Paris Opera Ballet, Hubbard Street Dance Chicago e Batsheva. Per la televisione italiana Daniel Ezralow ha ideato le coreografie per le ultime quattro edizioni dello show “Amici di Maria De Filippi”, per le ultime tre edizioni del “Festival di Sanremo”, per il recente show di Fiorello “Il più grande spettacolo dopo il weekend” e di quello del 2001 di Adriano Celentano “125 milioni di caz..te”. Lunedì 10 dicembre a Milano Marco Martinelli del Teatro La stagione di danza proseguirà a delle Albe ha ricevuto il Premio speciale Ubu per Eresia della gennaio (26 e 27) con La Bayadère, nel- felicità, evento di punta del festival di Santarcengelo del 2011 l’allestimento del St. Petersburg Ballet e frutto dell’attività della non-scuola. Ad assegnare il premio, Theatre. sorta di Oscar del teatro, una giuriacomposta da 54 critici del Info e prevendite: 0544 249244. panorama nazionale.

Un Premio Ubu a Marco Martinelli

C RO C E D’ORO

Cooperativa Sociale

Tel. 393 1072464 24h URGENZE: ref. Sig. Valentina Tel. 349 6205901 24h

CULTURA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

Le pagine della sezione cultura di questa settimana proseguono dopo gli inserti delle Idee regalo di Ravenna&Dintorni e quello sui vent’anni della compagnia teatrale ravennate Fanny & Alexander

19

LA BUSTINA DI MELPOMENE a cura di MARIA GIOVANNA MAIOLI Colgo l’occasione del bicentenario della nascita di Verdi e Wagner (1813-2013) per riportare un’opinione di Riccardo Muti che ho stralciato da una conversazione tra il Maestro e il filosofo Giovanni Reale.

VERDI E WAGNER di Riccardo Muti

“… Mentre in Verdi il sentimento nasce come fonte sorgiva, sprizza come un getto… c’è già tutto lì! In Wagner succede invece il contrario: ha bisogno di tempi molto lunghi. In Verdi c’è l’elemento umano nella sua essenzialità assoluta, per cui tutto ciò che egli vuole dire lo dice immediatamente senza bisogno di spiegazioni, di giustificazioni, di contro-spiegazioni, di tormenti… In Verdi si consuma tutto come un fuoco che si accende, brucia in un istante, ma ti riscalda. Il fuoco di Wagner brucia a lungo, ma molte volte non ti riscalda… ti ustiona!... Nella musica di Wagner c’è sempre un elemento quasi di magia, di magia cupa (non voglio dire di magia nera, perché verrebbe ad avere un altro significato…), c’è un mondo malato. Quello di Verdi è un mondo sano, mentre quello di Wagner è un mondo molto spesso malato!”. (in Giovanni Reale, L’arte di Riccardo Muti e la Musa platonica, Bompiani, Milano 2005)

AL MAR

Artisti tra meditazione e sogno alla nuova edizione di Homunculus Dal 14 al 23 dicembre il Mar (il museo d’arte della città di Ravenna in via di Roma) accoglierà nei suoi spazi il progetto Homunculus, iniziativa a cura di Tanti Cosi Progetti giunta quest’anno alla sua quinta edizione. Homunculus nasce dall’idea di mettere in dialogo il corpo con le filosofie e le arti che lo rappresentano e quest’anno il tema scelto è “La strada collettiva”. Si tratta di un progetto artistico ideato e condotto dalla coreografa Francesca Proia, che vede coinvolti 11 artisti, selezionati attraverso una chiamata pubblica, provenienti sia dall’ambito performativo che visivo, e chiamati letteralmente a “sognare” negli spazi del Mar. L’iniziativa si articola in due fasi quotidiane, nel corso di una settimana: ogni giorno, in un primo momento, i partecipanti sperimenteranno tecniche di yoga e attività simili, a cui seguirà un momento di dialogo e discussione, oltre che di vere e proprie creazioni di grafici e disegni che scaturiranno dal processo. Il pubblico potrà, in quei giorni, condividere quotidianamente il luogo in cui le visioni prendono corpo nella mente dell’artista. Gli spazi, sotto forma di installazione in continua metamorfosi, sono aperti e visitabili dal pubblico ad artisti assenti. Gli orari di visita sono i seguenti: da venerdì 14 a giovedì 20 dalle 15 alle 18. Fanno eccezione le giornate del 15, 16 e 17 dicembre, in cui gli spazi di lavoro rimarranno chiusi al pubblico. Si prosegue poi con venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 in cui le visite saranno possibili negli orari abituali di apertura del museo. “La strada collettiva” è realizzata con la collaborazione artistica di Danilo Conti, Antonella Piroli e Adele Cacciagrano.

Servizio ambulanze Trasporti per visite specialistiche Ricoveri e dimissioni Trasporti di dializzati Trasporto con auto medica di organi e plasma Trasferimento urgenti con centro mobile di rianimazione Servizi sportivi, manifestazioni e partite Concerti ed eventi Trasporti Italia – estero

PERSONALE QUALIFICATO: autista soccorritore, medici rianimatori, operatori sociosanitari OSS, infermieri professionali

n.12 mezzi di ultima generazione, allestimento 118 Ducato X250, automedica Audi A6


BAR - TRATTORIA - PIZZERIA

CENONE DI CAPODANNO MENÙ DI CARNE • Prosciutto, salame • Frittata di patate con formaggio di fossa • Crostino con lardo di colonnata • Cappelletti in brodo di cappone • Tagliatelle ai porcini • Grigliata di carne con pancetta, salsiccia di 4 tipi, petto di pollo e tagliata • Tiramisù • Frutta, uva e fragole

MENÙ DI PESCE • Fritto di seppia e gamberi • Tagliolini al salmone • Catalana di crostacei (scampi, astice e aragosta) • Tiramisù • Frutta, uva e fragole Euro 40,00 bevande escluse

Euro 35,00 bevande escluse

Prenotazione obbligatoria

RAVENNA - viale Pallavicini 22 cell. 389 4693111 - www.kebabcentrale.com

Via San Mama 29 - Ravenna (ex Pizzeria Al Borgo)

Tel. 0544 34111 - joehouseravenna@gmail.com


IDEE REGALO by

Esclusive idee regalo per cani e gatti...

Cappottini, cappellini, giochi e cesti natalizi per i nostri amici a quattro zampe! A partire da 3 euro.

Confezioni regalo personalizzabili Erbolario Hedera a partire da 10 euro

Cappello di montone con arabeschi filigrana argento - Pezzo unico

Erboristeria Il Girasole

Fattomoky

Via Brunelleschi 117, Ravenna - Tel. 0544 402666

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

Viale Baracca 5, Ravenna - tel. 0544 212891 Facebook: Lord Byron New Generation Pet Boutique

Massaggio Candle € 60,00 € 30,00

Vigar Guanti in gomma € 14,90

Lord Byron Pet Boutique

Nausicaa - Beauty & Wellness

Orologi italiani in legno We Wood un quadrante € 89, due quadranti € 99

Via Argirocastro 34/36, Ravenna - tel. 0544 456750 Orario continuato dal martedì al sabato www.nausicaabeauty.it

Cloverfield Concept Store

Plasticose

Via Ponte Marino 41 (ang. Via Salara), Ravenna tel. 0544 215121

via Ravegnana 4, Ravenna - tel. 0544 64548 FB: facebook.com/plasticose

Cappello corsaro velour Pezzo unico

Spille con piume colorate Pezzo unico

Cronache e Racconti di Architettura di Ravenna e della Romagna

Fattomoky

Fattomoky

di Paolo Bolzani

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

Nelle migliori librerie a € 25,00


oa o l t'ann Quesfai il regai le lo a ch a t a N el più b: regala il ami !!

E! SSER BENE

Saponi naturali mani e corpo € 8,50

Centro Estetico Solidea

Cappello Toque fiorito Pezzo unico

Fattomoky

Per tutto dicembre ti offriamo pacchetti massaggi, endermologie e trattamenti viso scontati del 40%

Studio CK

via Porto Coriandro 7/C, Ravenna - tel. 0544 456554 www.centroesteticosolidea.it

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

via della Lirica 3, Ravenna tel. 0544.405030 - cell. 329.2136886

Vigar Cuffia doccia € 14,90

Regala il vero sapore del Natale con panettone e pandoro di G. COVA & C. dal 1930 in Milano

Per un regalo veramente dorato Gold Light Bagnoschiuma € 12,00 Crema € 17,00 - Olio € 23,00

Plasticose via Ravegnana 4, Ravenna - tel. 0544 64548 FB: facebook.com/plasticose

Per lei e per lui, con i migliori trattamenti viso, corpo e make-up. Prezzi da 14,80 € a 35,50 €

Profumerie Sabbioni

Ravenna - Marina di Ravenna - Russi Faenza - Bagnacavallo - Mezzano - Lugo Santarcangelo - Rimini - Argenta

La Luna di Pane

Erboristeria Il Biancospino

Via Port’Aurea 16, Ravenna - tel. 0544 213751

Via Maggiore 123, Ravenna - tel. 0544 39293

Racconti fioriti di Helan - Magnolia Stellata Gel Bagnodoccia € 9,50 Crema € 15,50 - Crema mani € 7,00

Serie Gufi a partire da € 6,50 Serie Gatti da € 12,00

Erboristeria Il Biancospino Via Maggiore 123, Ravenna - tel. 0544 39293

Albert Stock Via Grandi 70/72, Parco Comm.le Bassette, Ravenna

Perché non lasciare che siano i nostri cari a scegliere il regalo giusto per loro? Le Profumerie Sabbioni ti offrono la possibilità di regalare un elegante buono, dell'importo prepagato che deciderai tu, da utilizzare in massima libertà presso una qualsiasi Profumeria Sabbioni di fiducia. Un’idea originale? Regala un tagliere di formaggi freschi accompagnati da mieli e mostarde. Per momenti da ricordare...

La Luna di Pane Via Port’Aurea 16, Ravenna - tel. 0544 213751

Tessuti, biancheria per la casa, pigiameria e riparazioni per dare colore alla tua casa

Fantasy di Tiziana Francesconi Via Maggiore 79, Ravenna - tel. 333 9574673

Profumerie Sabbioni Ravenna - Marina Di Ravenna - Russi Faenza - Bagnacavallo - Mezzano - Lugo Santarcangelo - Rimini - Argenta


I VENT’ANNI DI FANNY & ALEXANDER di Lorenzo Donati Questa storia inizia nel 1992 a Ravenna, in un corridoio del liceo classico Dante Alighieri. Durante l’intervallo un ragazzo si espone nell’atrio, con un filamento che gli costringe il torso nudo. C’è una ragazza che esegue alcune azioni: muove gli arti del compagno come se fosse una marionetta, lo copre con un drappo rosso, usa il suo corpo per nascondersi alla vista. Inizia così il teatro di Luigi de Angelis e Chiara Lagani, quindici minuti performativi di fronte a una selva di ragazzini incuriositi e spaesati. Non c’è scenografia, il pubblico ha di fronte il qui e ora di figure che “stanno” senza parlare, quasi senza muoversi. Questo “teatro da corridoio” chiede di essere osservato come un’icona, invita a uno sguardo nomade, in cui è lo spettatore a doversi muovere, a scegliere una prospettiva. È l’infanzia del teatro di Fanny & Alexander, che ricorda da vicino l’infanzia del teatro stesso. Questa storia prosegue in Romagna durante gli anni ‘90, quando al gruppo si aggiungeranno Marco Cavalcoli, attore, e una squadra organizzativa (Sergio Carioli e Marco Molduzzi, solo per citare due nomi storici di un gruppo in cui organizzare è sempre anche creare). La storiografia di settore avrebbe descritto le compagnie nate in quel periodo come “Teatri Novanta”: Fanny, Teatrino Clandestino, Motus, Kinkaleri, Masque e altre formazioni accomunate dall’urgenza di riportare al presente il linguaggio del teatro. Idiomi personali che si nutrono di molteplici influenze, spesso non teatrali, e che sono diventati le esperienze di punta della scena italiana, conosciute in tutta Europa e non solo. Nel conservatorismo culturale italiano siamo abituati a parlare di un teatro “di ricerca” o “contemporaneo”, etichette che spesso chiudono le porte di possibili condivisioni. Eppure sarebbe così semplice da descrivere, questa scena, perché è l’unica che racconta e mette in discussione il tempo presente. Segue a pagina II

Chiara Lagani e Luigi De Angelis nello spettacolo “Ponti in core” del lontano 1996 (foto Cristina Piccino)

LE CELEBRAZIONI

Una festa da fine del mondo Musica elettronica e performance fino al mattino all’Almagià Per celebrare i vent’anni di carriera, i Fanny & Alexander organizzano una festa con concerti di musica elettronica, performance, installazioni video e dj-set. La data ironicamente prescelta è quella del fatidico 21 dicembre 2012, giorno in cui secondo le profezie Maya si dovrebbe verificare un evento, di natura imprecisata e di proporzioni planetarie, capace di produrre una significativa discontinuità storica con il passato. I festeggiamenti del ventennale sono in realtà iniziati a Bologna in aprile quando, assieme a Elena Di Gioia, la compagnia ha ideato e realizzato un lungo percorso cittadino intorno al Mago di Oz, fatto di spettacoli e laboratori impreziosito da incontri e mostre. A Ravenna la compagnia ha deciso di proporre al proprio pubblico, ad amici e collaboratori, una grande nottata di festa elettronica (all’Almagià della via omonima, nel cuore della Darsena di città, dalle 20.30 fino al mattino) e per farlo ha chiamato a raccolta artisti riconosciuti a livello internazionale: in primo luogo il progetto Dawn Hunger dell’inglese Andrew Hung (membro dei Fuck Buttons) che si esibirà anche in qualità di dj. A questi si aggiungono numerosi artisti e musicisti che nel corso

degli ultimi anni hanno incrociato il loro percorso artistico con quello della compagnia: vedi ad esempio Zapruder Filmmakersgroup e Mirto Baliani. Altri musicisti come Sybiann, Godblesscomputers, Pit e Kibu che si esibiranno il 21 dicembre (a inizio serata in consolle anche Matti “Pullo” Pulini), sono stati in passato ospiti delle serate di talk radio, Radio Zolfo, che Fanny & Alexander ha organizzato negli ultimi anni assieme a Altre Velocità. La compagnia per il ventennale ha lanciato anche il gioco del “se fosse” su Twitter. A tutti gli spettatori e amici è stato chiesto di twittare con gli hasthag #fa20 e #sefosse la loro visione ideale della compagnia. L’esito di questo gioco è pubblicato nell’ultima pagina, la quarta, di questo inserto. Approfondimenti sui protagonisti della festa del 21 dicembre a pag. III

la presentazione T.E.L., LO SPETTACOLO CHE DIVENTA UN VINILE Il 21 dicembre 2012, in apertura (alle 20.30) della festa che all’Almagià di Ravenna celebrerà i vent'anni della compagnia teatrale Fanny & Alexander, verrà presentato ufficialmente l'album T.E.L. (nella foto), che il giovane compositore romano Mirto Baliani ha realizzato come colonna sonora dell'omonimo spettacolo realizzato in collaborazione con Tempo Reale e portato in scena dal gruppo ravennate nel 2011. L'album in questione – stampato in coproduzione con Offset Records in edizione limitata di 500 copie e solo in vinile da 180 grammi (ma chi lo farà suo godrà anche di un download in digitale) – è composto da quattro lunghi brani (“Rivolta”, “Dubbio”, “Utopia” e “Attesa”) appositamente rimasterizzati per l'ascolto su vinile, restituendo le atmosfere sentite nello spettacolo o immaginate tra le pagine delle memorie di Thomas Edward Lawrence (su cui T.E.L. è incentrato), gli orizzonti, i ritmi e le sonorità di una vicenda sospesa tra echi di battaglia e danze tribali nel deserto d'Arabia. Per prenotare le copie occorre scrivere a info@fannyalexander.org o telefonare al numero 349 7767662.


II

20 ANNI FANNY & ALEXANDER

dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

LA STORIA

Tutto è iniziato nel 1992 nel corridoio di un liceo... Donati/continua dalla prima Questa storia ha costruito visioni che si sono fatte proposizioni sul reale, consegnate all'immaginario dei tantissimi spettatori che ha incrociato. Si narra dell'assenza di un principio ordinatore, di una visione prospettica che rimetta a posto le cose per mandarci a casa rassicurati: gli spettacoli di Fanny & Alexander si guardano dall'alto di un teatrino anatomico (Ponti in core, '96), hanno come sfondo una grande parete rossa al cimitero monumentale (Requiem, '01), si dipanano in uno spazio vuoto occupato da un tavolo sonoro (T.E.L., 2011). In questi e altri casi, si comprende che ciò che si guarda non coincide con ciò che si vede, perché l'opera accade, forse in egual misura, sulla scena e nella mente dei presenti. In questa storia ventennale si racconta di un programmatico rifiuto del principio di opposizione duale che sostanzia le dinamiche del potere, della storia, della società. Non a caso il nome del gruppo contiene il legante di una “&”, segno grafico che dà forza alla convivenza delle dissonanze, anche nei percorsi drammaturgici: la storia infelice dei due amanti Romeo e Giulietta (1999), la costellazione di suoni, voci, giochi attorno a Van e Ada (Ada, cronaca familiare 2003-2006), le figure che discettano di arte e mondo contemporaneo in Amore (2 atti), del 2007, in cerca di un codice che permetta di incontrare l'altro. Sembra dunque naturale che, insieme alla &, sia nata quest'anno anche la E, nome della cooperativa fondata dai Fanny con gruppo nanou, Menoventi, ErosAntEros (vedi articolo qui a fianco). Sarebbero tante altre le storie da raccontare in questi vent'anni, come quella che ci sprona ad andare oltre l'arcobaleno per sostenere una realtà immaginale che troppo spesso avvertiamo distante dalle incombenze quotidiane. È accaduto durante tutto il viaggio di Dorothy intorno a O-Z (20072010), osservando l'imperatore che ha smarrito il linguaggio per dialogare con la sua comunità (Heliogabalus, 2006), e al cospetto di un attore attraversato da parole e voci degli attuali leader politici, in quella “zona grigia” fra potere e cittadinanza (Discorso Grigio, 2012, prima tappa di un progetto pluriennale sulla retorica dei discorsi pubblici). Ma la storia di Fanny & Alexander si è dispiegata anche in installazioni, laboratori, incontri pubblici, progetti editoriali, audiovisivi e radiofonici, che hanno gradualmente costruito quella bottega d’arte che è riuscita a mantenersi aperta, per disporsi all'incontro. Un arcipelago di azioni che parte dall'Ardis Hall, nelle Bassette, base operativa che ciclicamente si apre per accogliere artisti in residenza e prove aperte, e che si sparge in molti altri spazi cittadini abitati per la durata di un incontro pubblico o attraverso percorsi di più lunga durata, come sta accadendo da qualche tempo all'Almagià, con serate musicali e teatrali, feste, dj set, festival sulla darsena. Qui, il 21 dicembre, Fanny & Alexander ci invita a festeggiare i primi vent'anni del gruppo con tanti live musicali (su tutti Andrew Hung dei Fuck Buttons). Con il desiderio, da parte nostra, di attraversare con loro i prossimi venti.

Qui a fianco una scena di Discorso grigiocon Marco Cavalcoli Sotto Chiara Lagani in Requiem (foto Enrico Fedrigoli)

LA NOVITÀ

Basta una E per non essere soli La nascita della coop creata da Fanny & Alexander con ErosAntEros, Menoventi e gruppo nanou di Serena Terranova Marzo 2012, a Ravenna si annuncia una nuova nascita. Il nome è italiano, ma straniante. Il nome non è un nome proprio, un sostantivo o un aggettivo che designa un colore o una qualità. Il nome è un simbolo, il più semplice. Si chiama E, piccola particella di congiunzione che nelle sue linee maiuscole unisce quattro formazioni artistiche. Definirle “teatrali” sarebbe sommario, poiché per ciascuna di loro il teatro è un luogo di

visioni, un elemento che contiene ricerche più ampie e nutrite. La E è al tempo stesso elemento di congiunzione e terreno di raccolta di quattro percorsi diversi, nella sua forma cooperativa è lavoro quotidiano, nel suo essere società è la proposta di una forma comunitaria, di un pensiero alternativo. I più piccoli, per età, sono gli ErosAntEros, due paia d'occhi che si accompagnano tra drammaturgie teatrali, testi filosofici e visioni fantasmatiche. Vengono poi i Menoventi, residenti a Faenza e nati nel 2005, una coppia pronta a moltiplicarsi in trio o in moltitudine, attenta a comporre piccoli eserciti che setacciano ogni volta il confine tra scena e platea, chiedendo

rinforzi alle illusioni del cinema e allo spettacolo della fantascienza. Poco prima, nel 2004, è nato gruppo nanou, affezionato alle lettere minuscole del suo nome per difendere da subito il dettaglio, il microscopico segno che differenzia, il minimo spostamento che trasforma la danza in teatro e il suono in coreografia. Gli unici maggiorenni sono i Fanny & Alexander, inarrestabile macchina moltiplicatrice di idee. È difficile contarli tutti insieme, perché non stanno mai fermi. È difficile dividere tra loro le singole competenze, perché si affidano reciprocamente l'uno all'altro nella creazione e nella progettazione, trovandosi uniti ogni volta nella vertiginosa profondità di ogni loro gesto pubblico, sia esso spettacolo, libro, gioco o evento. Fanny & Alexander non è solo il nome di una bottega d'arte, ma anche di un magnete in grado di calamitare attorno a sé collaboratori artistici, pensatori, filosofi, traduttori, enigmisti, musicisti, cantanti, scrittori, curatori, adolescenti e bambini. Compiuti i vent'anni nel 2012 e prossimi alla conclusione dei festeggiamenti nella loro città natale, già da diverso tempo custodivano il desiderio di esser parte di una E. Secondo la più classica scaramanzia, i desideri per avverarsi non dovrebbero essere pronunciati a voce alta, ma i Fanny & Alexander e la creazione della E dimostrano che saper perseguire con tenacia un obiettivo, e riuscire ad esprimerlo con parole efficaci ad altri che ci circondano, è segno di un profondo coraggio e di una concreta credenza. E così, dopo riunioni, incontri, appuntamenti, visioni reciproche e scambio di pensieri, ecco che quattro elementi arrivano a formare un pezzo unico, un quadro complesso di euforia e riflessioni che si è già manifestato, nella sua completezza, nella Fèsta del maggio appena trascorso tra la Darsena e le stanze dei musei e delle gallerie della città. Non essere soli è possibile. Basta mettere una E prima del proprio nome.


20 ANNI FANNY & ALEXANDER

RAVENNA& DINTORNI | dicembre 2012

III

LA FESTA: TUTTI I PROTAGONISTI La metà dei Fuck Buttons tra nuovi esperimenti e consolle

Techno e psichedelia: ecco il nuovo volto dei forlivesi Sybiann

Grande protagonista della serata di festa per il ventennale dei Fanny&Alexander sarà Andrew Hung, metà dei Fuck Buttons, band di culto inglese che ha dato alle stampe nel giro di un anno due album che sono altrettante chicche nell’ambito della musica elettronica-tribale-sperimentale contemporanea. Hung sarà a Ravenna con il suo nuovo progetto, dal nome Dawn Hunger, in cui scrive, registra e produce musica e poi collabora con una serie di nuovi artisti. Per iniziare questa – teoricamente infinita – odissea elettronica, Dawn Hunger sarà interpretato e performato da vivo da Claire Inglis e Matthew de Pulford (nella foto). Il groove viene ridefinito da percussioni folli e tuttavia geometriche, la voce femminile geme e stride per disturbare, e forza in ogni direzione. Un live che potrebbe essere davvero una bella sorpresa. Andrew Hung si esibirà poi in solitaria come dj, ruolo di cui si sta appropriando sempre più da quando fu invitato a miscelare dischi al festival Atp qualche anno fa. Il fascino fu immediato; per Hung si tratta di una forma che permette un’esplorazione dei suoi gusti e allo stesso tempo anche una piattaforma per provare nuove produzioni. Sebbene suoni musica in 4/4, Andrew è sia perverso che giocoso con la forma e con la sua funzione e spesso i suoi set crescono verso una techno implacabile ed euforica.

Che Dio benedica i computer Oltre il cinema Nada presenta il suo ultimo lavoro. Poi la colazione

con il gruppo Zapruder

Superate le prime sonorità incentrate su una “noise wave” rude e martellante nelle poche melodie ripetitive, adesso i forlivesi Sybiann (nella foto) propongono un set live di musica elettronica, influenzata da elementi techno, slow disco e trance, melodie ipnotiche e psichedeliche e sonorità tribali. Tra i protagonisti della serata in omaggio ai 20 anni dei Fanny, i Sybiann hanno già avuto l'opportunità di aprire in passato come spalla a band come Archie Bronson Outfit, Black Angels, Zu, Lotus Plaza, Nudge e al Dj/producer Andrew Weatherall, membro dei Two Lone Swordmen.

Mirto Baliani, dj, musicista e compositore amato dal teatro

Non poteva mancare alla grande festa del 21 dicembre il Zapruder filmmakersgroup, gruppo di cineasti fondato da David Zamagni, Nadia Ranocchi e Monaldo Moretti. Oltre alla produzione di film stereoscopici iniziata nel 2006, il gruppo si dedica alla

Tra i protagonisti della serata anche Lorenzo Nada, dj/producer italiano che attualmente vive a Bologna. Negli ultimi anni ha prodotto numerosi album, ep, mixtapes con i gruppi Il Lato Oscuro Della Costa e Delitto Perfetto fino ad approdare al suo progetto solista godblesscomputers, un contenitore di suoni, immagini e parole (godblesscomputers.com). The last swan e Swanism sono i suoi ultimi lavori in ordine cronologico, dischi in cui suoni organici e liquidi costituiscono una trama musicale in bilico tra hip hop, dub ed elettronica. Godblesscomputers presenterà il suo nuovo disco con un live che chiuderà la festa del 21 dicembre; seguirà la colazione offerta dai Fanny ai presenti.

I PROTAGONISTI DELLA FESTA/6

Ritmi tribali e sperimentazione con Matteo Pit Suonerà alla festa di F&A anche Matteo Pit, giovane artista nato a Ravenna nel 1991. Da sempre interessato alla forma circolare e ossessiva dei ritmi tribali e la sperimentazione elettronica, dopo diversi progetti nel 2011 forma, insieme all'amico Jim C Nedd, i Primitive Art: progetto musicale a stretto contatto con l'arte visiva contemporanea.

produzione di pellicole che non rispettano i normali canoni cinematografici, sperimentando nuovi formati, ponendo così il loro lavoro sulla linea di confine fra arti figurative, performative e cinematografiche. Importante è anche l'esperienza del cinema da camera: dispositivi e ambienti performativi che sono stati definiti come cinema incarnato e teatro incorporeo. Una parte considerevole del lavoro di Zapruder è svolta nell'ambito del teatro di ricerca italiano. Tra le collaborazioni, oltre a Fanny & Alexander, anche Socìetas Raffaello Sanzio/Romeo Castellucci.

Mirto Baliani è musicista, compositore e sound designer nel mondo dell’arte espositiva e performativa, del teatro, della radiofonia e del documentario. Sue composizioni sono state eseguite a Bruxelles, Belgrado, Berlino, Lione, Zagabria, Lisbona e nei principali teatri italiani. Nel 2006 ha collaborato con Paolo Fresu e dal 2001 cura musiche e tessuti sonori per gli spettacoli di Fanny & Alexander. Alla festa dei Fanny si esibirà alla consolle con il suo nome d’arte dj Kibu, mentre in apertura di serata (vedi box nella prima pagina di questo inserto) presenterà il vinile delle musiche dello spettacolo T.E.L. degli stessi Fanny.


IV

20ANNI FANNY & ALEXANDER

@Antonella Sbrilli: Se fosse un oggetto sarebbe una bussola; se fosse una parola: sorpresa; se fosse una festa: un noncompleanno. Auguri! Se F&A fosse una poesia, le rime baciate finirebbero in Fantasia & Anarchia, Follia & Almagìa (Valerio Eletti: ...e anche senza rima: Fruscii & Annidamenti). @Enrico Bonfatti: Se fosse un politico ravennate, sarebbe finalmente audace, coraggioso, anti-populista. 100 di questi; se fosse un delegato Onu, proprio oggi, immagino e spero sarebbe a favore del riconoscimento della Palestina. @Stefano Bartezzaghi: Se fosse un rebus sarebbe:"Fan NY, E; A, l'ex; Ande R" (un tifoso di Manhattan, un amante lasciato, una cordigliera); se fosse un trattato tomistico sarebbe il De Angelis Lagani, "Sugli Angeli dal Lagano". @Francesco Giomi: Se fosse una canzone sarebbe Supper's ready. @Ninninedda: Se fosse un vento sarebbe un Föhn. Se fosse un gioco sarebbe un divertente Word Ladder (Metagramma). Se fosse un effetto speciale sarebbe un arcobaleno che circonda le nostre emozioni come un'aura d'energia+. @Caterina Marrone: Se fosse un romanzo sarebbe I tre moschettieri, un narratore Sharazade, una tecnologia una ricarica; se fosse un frutto sarebbe un melograno; se fosse un animale sarebbe una sirena; se fosse una montagna sarebbe Vulcano, se fosse un vino sarebbe zibibbo... Auguri. @Giovanni Boccia Artieri: Se fosse un sentimento sarebbe passione. @Diego Segatto: Se fosse un'attività commerciale sarebbe agenzia turistica per viaggiare dentro superfici specchianti. @Roberto Magnani: Se fosse un film NON sarrebbe Fanny & Alexander di Bergman; se fosse una pianta sarebbe cannabis Sativa; se fosse un oggetto sarebbe un sex toy. @Lorenzo Donati: Se fosse terracquea sarebbe un arcipelago. @Serena Terranova: Se fosse un'avventura: quella di Gulliver, che approda sempre in terre di utopia e lingue impossibili. @Sergio Ariotti e Isabella Lagattolla: Se fosse un animale sarebbe opossum spumoso; se un movimento di colore sarebbe tamburellare blu oltremare; se una stagione la primavera araba (bramava pareri là) @Francesco Brasini: Se fosse un suono, sarebbe come una "schitarrata" a massimo volume in salotto:per la gioia dei vicini di casa ;-). @Rodolfo Sacchettini: Se fosse un teatro sarebbe anatomico, se fosse un solido sarebbe una sfera cubica e fosse un radiodramma spengerei la luce per vederlo. Buon compleanno. @Laura Leuzzi: Se fosse una figura retorica sarebbe un ossimoro; se fosse una pozione "potteriana" sarebbe la pozione polisucco. @Simone Pacini: Se fosse un gioco sarebbe il cubo di Rubik @Stefano Casi: Se fosse un bandersnatch sarebbe jabberwock. @Laura Gemini: Se fosse un animale sarebbe un coniglio parlante color verde smeraldo. @Elena Di Gioia: Se fosse un libro sarebbe aperto a metà... e il libro degli eventi è sempre aperto a metà (W. Szymborska) un'immagine che collego per festeggiare i grandi incontri. @Valentina Ciampi: Se fosse uno... sarebbe centomila! @Luca Scarlini: Se fosse un gioiello sarebbe un uovo di Fabergé di quelli più elaborati, di quelli dove la zarina Alessandra si specchiava per darsi la cipria. Baci e auguri per i 20 anni. @Massimo Marino: Se fosse un luogo, sarebbe uno specchio d'acqua @Alessandro Renda: Se fosse un suono, sarebbe quello emesso da un taglio di forbici nella carta; se fosse una superficie, avrebbe una botola nascosta; Se fosse un gioco dell'infanzia

dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

Tanti auguri a F&A con il gioco del se fosse... Decine di tweet da estimatori ed amici @Lorenzo Gleijeses: Se fosse uno sportivo sarebbe El Matasarebbe l'enigmatico e fantasioso gioco del se fosse. @gruppo nanou: Se fosse un astronauta sarebbe Jurij Gagador Edinson Cavani! @Menoventi: Chimica: se fosse un elemento della tavola perin. @Alessandra Cava: Se fosse un animale sarebbe un'ostrica; se riodica sarebbe Ir, iridio. Un arcobaleno indistruttibile. Prodigiosa: se fosse un miracolo sarebbe una bella passeggiata sulfosse una figura retorica sarebbe un'ellissi. Buon compleanno. @Elisabetta Gulli Grigioni: Se fosse un oggetto della mia colle acque. Della Darsena. Paradossale: se fosse una compagnia teatrale sarebbe senz’altro Fanny & Alexander. Ma non è così, lezione sarebbe un ottocentesco calamaio a forma di cuore in c’è altro... ceramica blu con due vaschette per l’inchiostro (inesauribile @Paola Granato: Se fosse uno sguardo sarebbe quello di un come l’oro nelle fiabe) dai coperchietti cuoriformi: al centro un foro per la trafiggente penna d’oca di ChiaraLuigiMarco. eterno innamorato. @Mattia Visani: Se fosse un gioco di bambini: Mosca cieca; un @Alex Giuzio: Se fosse una città sarebbe Parigi: raffinata, lumiincantesimo: la mela avvelenata; un sentimento: lo stupore. nosa, infinita e piena di sorprese. Se fosse un sasso, sarebbe @Francesca Mazza: Se fosse una stagione, sarebuno di quelli piatti che si fanno saltare lontano sull'acqua. Se fosse una struttura sintattica, be una primavera ventosa che solleva gli sarebbe il periodo ipotetico di seconabiti e scompiglia i capelli; se fosse una do grado (della possibilità). strada sarebbe aperta, senza buche @Sergio Carioli: Se fosse una o ostacoli e in fondo ci sarebbe un albero fiorito; se fosse un canzone sarebbe la più bella di animale sarebbe animale di tutte, Mr. Tambourine Man. @Renata Molinari: Se fosse fantasia creato da mano sapiente e mente instanun tavolo, sarebbe d'assi cabile; se fosse un nome recuperate da un mobile trovarlo costerebbe antico con un cassetto notti intere senza sonsegreto, azionato da un no; se fosse creatura un sofisticato sensore leggendaria sarebbe acustico. @Silvia Bottiroli: Se fornito del doppio di tutto: due cuori, due fosse un animale sateste, due code; se rebbe lo Snark immagifosse un organo, natunato da Lewis Carroll. @Tahar Lamri: Se fosse ralmente doppio, resterebbe tale, perché è couna parola sarebbe mamunque un’unità che rapsrah (letteralmente luogo presenta; se cantasse lo fadi pascolo, la parola araba rebbe a due voci, se avesse per indicare teatro); se fosse zampe scaverebbe, occhi saparole sarebbe la forma delle rebbero composti come gli inmie parole; se fosse movimento setti; Se fosse un insetto avrebbe sarebbe estovest; se fosse corpo saArdis2/foto Fedrigoli dell'insetto la fragile leggerezza e una rebbe ubiquo. @ErosAntEros: Se fosse una cicogna sarebdura corazza colorata. @Pietro Babina: Se fosse un bambino sarebbe be pazza; se fosse un imperatore sarebbe adolescente; se fosse un odore sarebbe acre, pungente, cane baun Luigi se fosse una bambina sarebbe una Chiara se fosse un gnato, o forse menta fresca... asilo sarebbe uno spettacolo. @Laura Cleri: Se fosse un albero sarebbe un baobab con le ra@Adriano Zamperini: Se fosse un essere soprannaturale sadici in cielo e la chioma a scoprire nuovi mondi sotterranei. rebbe un diavoletto che raccoglie le parole che cadono dalle @Monica Francia: Se Fanny & Alexander fosse un segno di inbocche delle persone, per costruire frasi che nessuno pronuncia. terpunzione sarebbe una virgola non scritta che cambia il sen@Barokthegreat: Se fosse un alieno sarebbe un amico. so della frase. @Gerardo Lamattina: Se fosse qualcun'altro non sarebbe @Sergio Policicchio: Nove mari scorrono sotto la terra nera; là Fanny & Alexander, Se invece fosse un film sarebbe Fanny & dove essi confluiscono, si forma un solo mare che affiora in superficie. Alla foce dei nove mari si erge un isola e dentro l'isoAlexander. @Rocco Zuffa: Se fosse un mare, con il suo colore mutevole e la c'è una foresta, nella foresta c'è un idra a sette teste; nella testa centrale, c'è un leprotto; nella testa del leprotto c'è un la voce ruggente o suadente, sempre mi sorprenderebbe.

uccello, e in quella dell'uccello c'è una gemma; se fosse una pietra potrebbe essere questa gemma. @Alessandro Fogli: Se fosse un artista sarebbe Francis Bacon: «Ho girato le tele e ho scoperto che il lato “sbagliato” funzionava molto meglio». @Monica Bolzoni: Se fosse un colore sarebbe rosso sporco di ciclamino; un animale sarebbe mitologico, un cavallo alato, o solo un bellissimo cavallo; una stagione sarebbe fine estate, ma anche primo autunno; se fosse un albero sarebbe un grande melograno; se foste un umano sareste la statua del bambino nel vostro marchietto; un'architettura sarebbe il palazzo della cultura italiana all'Eur, ma anche un tempio greco. @Simone Caputo: Se fossero in un film di J.O.Incandenza sarebbero in Cage III - Free Show! @Loretta Masotti: Se fosse un filosofo sarebbe Eraclito. @Fiorenza Menni: Se Fanny & Alexander fosse un'operazione aritmetica sarebbe una moltiplicazione. @Teatro i: Se fosse un treno avrebbe finestrini laccati e passeggeri impossibilitati ad ammirare il paesaggio intenti a fare a maglia con le proprie ossessioni: sciarpe, guanti, cappellini colorati; se fosse un aeroplano di carta precipiterebbe sull'Enciclopedia Treccani sulle pagine dedicate alle maschere veneziane incastrato nell'illustrazione a china di Piazza San Marco. @GBMarchetto: Se fosse un se fosse, quale paradosso di ipotetiche supposizioni. @Beatrice Pasquali: Se fosse un colore sarebbe 80% Blu reale + 15% Rosso Magenta + 5% Terra d’Ombra; un proverbio sarebbe: "Alla fine dei giochi tanto va nel sacco il re quanto la pedina"; se fosse un dolore sarebbe un’otite; una portata sarebbe Stufato di San Giovanni Valdarno; se fosse uno sguardo sarebbe da dx a sx; un contenitore, un tascapane; una lavorazione, un ordito; se fosse liquido sarebbe latte d’asina; un pavimento uno Zillij marocchino; un biscotto un’offell; una livrea sarebbe una crinolina; se fosse un infuso sarebbe di liquirizia; un utensile sarebbe uno spargizucchero; un odore sarebbe di zolfo. @Francesca Proia: Se fosse una poesia, sarebbe: A nera, E bianca, I rossa, U verde, O blu... (Arthur Rimbaud, naturalmente) @Teatro Sotterraneo: Se fosse un film di Ingmar Bergman sarebbe Fanny e Alexander, se fosse un film di Baz Luhrman sarebbe Fanny + Alexander; se fosse un film di Joseph Mankiewicz sarebbe Fanny contro Fanny o Alexander contro Alexander; se fosse un film di Rob Rainer sarebbe Fanny ti presento Alexander; se fosse un film di Micheal Haneke sarebbe Funny Alexander. @Mauro Milone: Se fosse una linea sarebbe un arabesco. @Mirto Baliani: Se fosse un colore sarebbe cangiante, un animale fantastico, bicefalo e con una stagione dell'anima sempre verde. @Simona Polvani: Se fosse "aria", sarebbe l'aria che vorrei respirare; se fosse un Teatro, sarebbe il "Teatro Sintetico" ideato da Walter Gropius per Erwin Piscator.

C R E D I TS Produzione: E / Fanny & Alexander In collaborazione con Norma e Offset Records Con il sostegno del Comune di Ravenna Assessorato alla Cultura Media partner: Ravenna & Dintorni

OZIO & NEGOZIO Via Baccarini 20, Ravenna www.saveshop.it save@saveshop.it

via gamba 7 Ravenna Tel. 0544 1691124

scarpe & accessori veg OGNI MERCOLEDÌ PER TUTTO IL 2013 1 KG DI GELATO EURO

10,00

Cinema City via Secondo Bini 7b - Ravenna - 339 1017928

Ravenna oro e argento

Banco dell’Oro Pesa il tuo guadagno PAGAMENTO IN CONTANTI Via Ravegnana, 187 - Ravenna - Tel. 349 2340361

ALFONSINE (RAVENNA) PIAZZA AMOS CALDERONI 5 - CELL 333 3315320


Novità Specchiasol Bagno Doccia Dolce Miele + agenda planning € 9,00

Saponi naturali mani e corpo € 8,50

Centro Estetico Solidea via Porto Coriandro 7/C, Ravenna - tel. 0544 456554 www.centroesteticosolidea.it

Erboristeria Il Biancospino

Cappello con piume di struzzo Pezzo unico

Fattomoky

Via Maggiore 123, Ravenna - tel. 0544 39293

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

Stole lana e cashmere fatti a telaio Pezzo unico

Orecchini a partire da € 17,00

Fattomoky

Argento, abbigliamento e accessori dal mondo

Via Mazzini 31, Ravenna - tel. 333 2256488

Via Fanti 15, Ravenna - tel. 0544 213424

Tatami

Accademia di Teatro Musicale PAROLA - CANTO - MUSICA - DANZA

Direzione artistica: Laura Ruocco 10% di sconto sul primo prodotto La Maison de la Vanille acquistato

Lezioni gratuite di prova

Artebio

Via Mariani 1, Ravenna - tel. 0544 478074 c/o gymnasium

Viale Berlinguer 44, Ravenna - tel. 0544 270741

angela schiavina

cose buone di casa

Edizioni

&

Erboristeria Il Biancospino Via Maggiore 123, Ravenna - tel. 0544 39293

cose buone di casa volume 1 e 2

primavera - estate

cantina a cura di fabio magnani

Intramontabile Muschio Bianco Bagno Schiuma € 9,50 Eau de Parfum € 19,00

L’intera raccolta delle ricette autunno - inverno e primavera - estate di Angela Schiavina pubblicate ogni giovedì su Ravenna&Dintorni

angela maria

schiavina

Saponi naturali mani e corpo € 8,50

Nelle migliori librerie a €15,00 cad.

Centro Estetico Solidea via Porto Coriandro 7/C, Ravenna - tel. 0544 456554 www.centroesteticosolidea.it


Natale al

Palazzo degli

NUOVA SEDE AGENZIA degli AFFARI Apertura straordinaria sabato 1 e sabato 15 dicembre dalle 8.30 alle 13

Affari

Agenzia Principale:

PREMIATI OGGI CONTENTI DOMANI Chi sottoscrive un FONDO PENSIONE entro fine anno parteciperà al gioco “Instant Win”

Agenzia Principale:

via Gordini 5, Ravenna tel. 0544 34503 - ravenna@agenzie.generali.it

via Gordini 5, Ravenna tel. 0544 34503 - ravenna@agenzie.generali.it

Agenzia degli Affari:

Agenzia degli Affari:

via Berlinguer 80/96 - 1° Piano, Ravenna tel. 0544 454344

via Berlinguer 80/96 - 1° Piano, Ravenna tel. 0544 454344

DAL 10 DICEMBRE TUTTI I LUNEDÌ APERITIVO E CENA CON DR. WHY 10% di sconto sul primo prodotto La Maison de la Vanille acquistato

Voilà Caffè Via Berlinguer 70, Ravenna tel. 333 4962804 - 333 1881475 info@voilacaffe.com

Artebio Viale Berlinguer 44, Ravenna - tel. 0544 270741

APERITIVO TUTTE LE SERE BUFFET SU PRENOTAZIONE RISTORAZIONE SALI & TABACCHI

Voilà Caffè Via Berlinguer 70, Ravenna tel. 333 4962804 - 333 1881475 info@voilacaffe.com

Scopri la nuova All Inclusive Unlimited Chiamate messaggi e internet. Tutto senza limiti.

Cofanetto Darphin Paris cosmetica viso e corpo

Negozio Wind

Via Berlinguer 34, Ravenna tel. 0544 404210

Viale Berlinguer 94, Ravenna - tel. 0544 201471

Farmacia Comunale n. 1

MERCOLEDÌ 19 DICEMBRE

“SERATA CON LA CHIROMANTE” Stefania e Roberto leggono il futuro negli occhi Idee regalo Najtù, il linguaggio dei fiori

Farmacia Comunale n. 1 Via Berlinguer 34, Ravenna tel. 0544 404210

Il regalo utile. Poltrona rialzatrice e relax “Brunella” dal 5 dicembre in offerta a € 499 anziché € 800

Adjutor - Sanitaria - Ortopedia - Ausili Viale Berlinguer 48, Ravenna - tel. 0544 407930 www.adjutor.it

Voilà Caffè Via Berlinguer 70, Ravenna tel. 333 4962804 - 333 1881475 info@voilacaffe.com


CULTURA& ARTE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

LA RECENSIONE

L’APOCALISSE SECONDO FELICE NITTOLO IN MOSTRA FINO AL 29 DICEMBRE

La mostra Selvatico, un lavoro d’orchestra dedicato al bianco A distanza di due anni dall’edizione dedicata al nero si è inaugurata sabato scorso la mostra e bianca. una parola diversa per dire latte, secondo appuntamento di Selvatico Spore, a cura di Massimiliano Fabbri. La mostra è articolata in sei sezioni, allestite in altrettanti musei e luoghi monumentali della provincia come i musei civici di Bagnacavallo, Fusignano, Cotignola e Massa Lombarda, il Museo della Battaglia sul Senio di Alfonsine e le Pescherie della Rocca e la Torre del Soccorso di Lugo. Le opere dei tanti artisti selezionati si trovano disposte quindi accanto o in corrispondenza alle collezioni storiche dei musei, spesso in dialogo con queste, secondo una formula già sperimentata con successo in passato, che porta alla conoscenza dell’antico e delle opere contemporanee, sperimenta le resistenze e le possibilità di scambio fra linguaggi attuali e del passato, riattualizzandolo. Al progetto hanno partecipato numerosi artisti italiani e dal territorio, scelti da Fabbri secondo lo schema tipico dell’artista-curatore, una figura molto presente all’estero, ma ancora raro in Italia. In giro per mostre, Fabbri ha verificato tenute di progetto, sottili o esplicite aderenze del lavoro al tema della presente edizione, secondo una vera e propria scelta per affinità elettive. Il risultato è una mostra variata per temi e sensibilità, aggiornata su quanto avviene in Italia, di ottimo livello qualitativo per le selezioni, ricca di nuove presenze e variata per mezzi espressivi. In più, il catalogo corrisponde come nella precedente edizione a un progetto in rete, che comprende anche curatori, storici e critici d’arte che si sono misurati con il tema presentando singolari interpretazioni sul bianco. Complessivamente, un vero lavoro d’orchestra. Parlare di ogni sezione e singolo lavoro è impossibile nel breve spazio di un articolo, ma suggerisco di non perdersi a Bagnacavallo – per la sezione Sogni e memorie – le stampe quasi evanescenti dei luoghi montani di Gloria Salvatori dedicati alla poetessa Antonia Pozzi, le immagini-reliquiario di Patrizia Piccino e le ombre dei video di Mauro Santini. A Fusignano si lascia spazio al contrasto fra temi e ricami di Cinzia Ortali, a quello dei disegni e poesie di Sabrina Foschini, all’ordine e disordine di Giulia Ricci. Ad Alfonsine, per gli Innesti, segnaliamo l’allestimento dei calzini di Silvia Zagni, che congiungono la preziosità della porcellana alla quotidianetà del soggetto. Nella sezione delle Archeologie a Cotignola, ci si aggiorna sugli ibridi naturali e meccanici di Chiara Lecca o sulle rarefatte fotoimpressioni su foglie di Lucia Baldini. A Lugo, sono le fotografie di Ettore Malanca a corrispondere al tema di esplorazioni e avventure: la sua Parigi per immagini è inconsueta, un gioco a pulire lo sguardo dalle abitudini e a soffermarsi sul particolare evocativo. Imperdibili le foto di Silvia Camporesi, calibratissime per colori e inquadrature, struggenti perchè a un filo dal non sembrare “vere”. Concludono la mostra i due spazi di Massa Lombarda: qui, ancora da non perdere, le ironiche, cattivissime ceramiche di Andrea Salvatori e i piccoli disegni a penna di Virginia Mori, ossessivi, paurosi, come gli incubi dei bambini. E bianca - fino al 20 gennaio 2013 (27/1 per Bagnacavallo, Lugo e Massa) - per orari e altre iniziative (rassegne video 14/12; installazioni 18/12; visita 29/12; conferenze, laboratori, proiezioni, concerti: 8/1, 10,11,12 e 13/1) vedi selvaticospore.it o tel. 0545-42110 / 908879. Serena Simoni

V

E R N I C E

Inaugura sabato 15 dicembre alle 18 la mostra di Felice Nittolo 21 dicembre 2012 : fine del mondo alla niArt Gallery di via Anastagi a Ravenna. La mostra resterà visitabile fino al 29 dicembre il martedì, mercoledì, sabato 11/12.30 – giovedì, venerdì sabato 17/19. Info 338 2791174 per appuntamento. Festivi chiuso.

Andrea salvatori, la vispa teresa, 2007, ceramica e porcellana

21

COLLETT CINQUE ARTISTI DELLA BOTTEGA D’ARTE NELLA GALLERIA IN VIA MAZZINI

I VA

Prosegue fino al 21 dicembre, alla galleria ArtStudio di via Mazzini, la mostra collettiva di cinque artisti della “bottega d’arte” di Sant’Alberto Galleria, Bruno Giacomoni, Germano Osti, Maria Feletti, Paolo Placci, Sergio Sansoni. Ciò che accomuna gli artisti è il piacere e il rigore della ricerca pittorica, che tuttavia si esprime in modalità assolutamente personali in ognuno di essi con tecniche che vanno dall'olio, all'acrilico, alle tecniche miste. La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.


22

CULTURA& MUSICA

ROCK E DINTOR BOB CORN E RUE ROYALE AL MOOG

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

/1

ROCK E DINTORNI/2 GUIDO MöBIUS AL CLANDESTINO DI FAENZA

CLASSIC L’ULTIMO CONCERTO DELLA DOMENICA

/1

CLASSICA/2 AL TEATRO DI RUSSI LE MAGIE DEL BAROCCO

Doppio appuntamento al Moog di vicolo Padenna, in centro a Ravenna. Domenica 16 dicembre alle 19 si terrà il concerto all’insegna del folk acustico del modenese Bob Corn (in apertura Majirelle); mercoledì 19 dalle 21.30 il live indiepop-folk degli americani Rue Royale.

Al Clandestino di Faenza sabato 15 (dalle 22.30) dicembre interessante concerto tra pop ed elettronica con il tedesco Guido Möbius. Domenica 16, alle 21.30, sarà invece la volta di Lewis Floyd Henry, one man band che suona blues.

Alla sala Corelli del teatro Alighieri di Ravenna si concludono i Concerti della Domenica dell’associazione Mariani. Appuntamento domenica 16 dicembre alle 11 con l’Accademia Vocale Città di Livorno diretta da Daniela Contessi con l’accompagnamento al pianoforte di Daniele Fredianelli.

Nell’ambito dei Concerti d’autunno sulle musiche dell’Europa nel ‘700, sabato 15 dicembre al teatro Comunale di Russi (in via Cavour 10), alle 20.30, l’Orchestra Arcangelo Corelli, diretta da Jacopo Rivani , porterà in scena uno spettacolo musicale intitolato “Le magie del Barocco “.

N I

A

PIANGIPANE lido adriano AL CISIM L’HIP HOP DELL’EX COR VELENO Serata all’insegna dell’hip hop italiano sabato 15 dicembre (dalle 21.30) al Cisim di Lido Adriano. In apertura sono in programma le presentazioni ufficiali di due rapper emiliano romagnoli, il ravennate Tesuan, del Lato Oscuro della Costa, che presenterà il suo nuovo disco solita, Correvo senza mai arrivare (2012– BM Records) e il bolognese Brain (Fuoco negli Occhi) con il suo nuovo mixtape Giusto nel tempo di un tape. Live principale della serata sarà quello di due rapper che dell’hip hop italiano ne hanno visto gli albori, Primo Brown, voce principale della crew romana Cor Veleno, e Tormento aka Yoshi, ex membro dei Sottotono. I Due presenteranno il loro primo lavoro a quattro mani, El Micro De Oro, disco pubblicato nel 2012. Durante la serata, e dopo i live, ci saranno i dj set funky, hip hop e suol di Dj Nersone aka Ciccio B e Sistema Assonnato. Si tratta di un appuntamento del progetto Ravenna viso-in-aria che vede un’unica programmazione divisa tra Ravenna Teatro/Teatro delle albe, E, Lato Oscuro della Costa/Libra. Info: 339 8272574.

CONCERTI

Al teatro Socjale rivive il mito del Chelsea Hotel

Una scena dello spettacoloconcerto dedicato al Chelsea Hotel

Il mitico Chelsea Hotel, rifugio newyorchese di molti leggendari artisti che poi lo hanno raccontato nelle loro canzoni o nei loro libri – da Bob Dylan a Leonard Cohen, da Jack Kerouac a Charles Bukowski – sarà al centro della produzione nazionale che sarà presentata ve-

nerdì 14 dicembre al Teatro Socjale di Piangipane. Uno spettacolo che è narrazione e canto, affabulazione e commozione. Un uomo che racconta e un artista che canta, a metà tra spettacolo teatrale e concerto. Il tutto con il testo e la voce narrante del

dj, scrittore, giornalista musicale e autore televisivo Massimo Cotto, che sarà accompagnato sul palco dal cantante dei La Crus, Mauro Ermanno Giovanardi, e dal musicista e compositore Matteo Curallo. Porte aperte alle 21, inizio spettacolo alle 22. Info: 335 372020.

Piano Magic e Fearless: big inglesi in arrivo al Bronson Al Bronson di Madonna dell’Albero venerdì 14 dicembre l’appuntamento è con una delle istituzioni del rock britannico, i Piano Magic, band guidata dal carismatico Glen Johnson che ha alle spalle ormai 15 anni di carriera. Noti per essere riusiti a recuperare sonorità new wave ora in versione elettronica e ora più acustica, i Piano Magic presenteranno il loro undicesimo album, Life Has Not Finished With Me Yet, pubblicato quest’anno a tre anni di distanza dal precedente ed entrato già in alcune classifiche specialistiche dei migliori dischi del 2012. Appuntamento dalle 21.30: ad aprire la serata l’alt-folk dei livornesi Bad Love Experience e il delicato cantautorato del progetto Anna Magdalena. Il giorno dopo, sabato 15, torna al Bronson la serata Black Sun, dedicata all’elettronica e ai suoi derivati, con un protagonista d’eccezione come Richard Fearless, ossia uno dei due fondatori dei Death in Vegas. Fearless sarà a Madonna dell’Albero in veste di dj, come alle origini, quando fu cardine della scena “chemical beats” inglese. Ad aprire la serata la visionarietà della giovane compagnia cesenate di dnaza e teatro sperimentale Dewey Dell, impegnata sulle musiche di Black Fanfare. Info: 333 2097141.


CULTURA& SPETTACOLI

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

FOTOGRAFIA

L’EVENTO

Arte, musica, teatro e danza da vivere “Corposamente”

Cartoline da Ravenna per la candidatura a capitale della cultura Nonostante sia sempre più spesso sostituita dai sistemi digitali, la cartolina continua a rappresentare un importante mezzo di diffusione dell’immaginario di paesaggi e città. Parte da questo assunto il progetto “Saluti da Ravenna”, a cura di Silvia Loddo per conto dell’associazione Osservatorio Fotografico e realizzato in collaborazione con lo staff di Ravenna 2019 nell’ambito della candidatura a capitale europea della cultura. Ne è nata quindi la produzione di una tiratura speciale in edizione limitata di cartoline di Ravenna realizzata da tre fotografi, Moira Ricci, Cesare Fabbri e Jonathan Frantini, artisti chiamati a realizzare il progetto. A ciascuno degli autori è stato chiesto, per quanto riguarda i soggetti, di confrontarsi con “siti e tipi” da cartolina e di considerare la fondamentale funzione di “souvenir” di un luogo di queste immagini. «La standardizzazione e la stereotipizzazione dei soggetti – spiega Loddo – non sono limiti dell’oggetto in sé ma conseguenze indotte dall’uso che se ne fa, soprattutto se unicamente a scopi commerciali. Un tempo infatti l'edizione di cartoline non si limitava alla riproduzione di poche immagini-simbolo ma

23

dimostrava un'attenzione per la complessità della storia e della vita dei luoghi. A partire da un confronto critico con questa ricca varietà di modelli, ma senza nessun risvolto nostalgico rispetto ai tempi passati, il progetto “Saluti da Ravenna” vorrebbe riflettere su quali sono oggi i meccanismi di produzione e circolazione di questo oggettoricordo e sull’immagine che veicola, indagando le possibilità di traduzione “in cartolina” della città di Ravenna». Le cartoline saranno presentate il 15 dicembre alle 18 al teatro Rasi e saranno disponibili per chiunque desidera spedirle al costo simbolico dell'affrancatura. Dopo la presentazione si potranno acquistare alle libreria Dante di via Diaz e Liberamente di viale Alberti e al bookshop del Mar. Nel corso dell’incontro del Rasi verrà anche presentato il libro di uno dei tre fotografi coinvolti nel progetto, Joanathan Frantini, che raccoglie una selezione del lavoro realizzato dall'autore tra il 2009 e il 2010 sulla pineta San Vitale, uno dei luoghi simbolici più importanti della città e anche uno dei soggetti da sempre più diffusi sia nelle cartoline che nelle fotografie storiche del territorio.

Tutto pronto per il nuovo corso di Corposamente Winter, il festival delle arti performative e visive – curato e organizzato dall’associazione culturale Altrimenti, Panda Project e Alberto Marchesani con il contributo dell’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Ravenna – che indaga la relazione tra queste e le tecnologie, quest’anno con un respiro particolarmente europeo. L’appuntamento è per sa-

La presentazione del progetto sabato 15 al Rasi

Un momento della performance di Silvia Mercuriali con Simon Wilkinson “And the birds fell from the sky”

bato 15 dicembre a partire dalle 20 (spettacoli dalle 21) all’Almagià di Ravenna. Attesa ospite della serata la compagnia svizzera di danza Ania Losinger / Mats Eser, con lo spettacolo Fu’, sculture sonore ballate. La “danza sonora” della Losinger, una sorta di post-flamenco e arti marziali, si esprime sullo Xala III, uno xylofono-palco elettroacustico: insieme al percussionista classico Matthias Eser, conduce lo spettatore in un’esperienza audio-visiva evocativa e onirica. La danza sarà anche presente nel breve intervento Tran-

sit creato dal gruppo Rhythmc Company per la regia di Valentina Graffiedi e video di Neo project. Altro evento clou di Corposamente Winter sarà la monografia della regista e performer italiana, naturalizzata inglese, Silvia Mercuriali che ha fondato nel Regno Unito insieme ad Ant Hampton la compagnia Rotozaza. A loro si deve la definizione di “autoteatro”: un esempio di questa pratica è lo spettacolo che andrà in scena a Ravenna, Etiquette, in cui due spettatori (che possono anche non conoscersi tra loro) muniti di cuffie, staranno seduti al tavolino del bar dell’Almagià per mezz’ora. Gli altri presenti non si accorgeranno nemmeno di quanto stia accadendo. Seduti uno di fronte all’altro i due riceveranno istruzioni su quello che devono dirsi e come utilizzare gli oggetti presenti sul tavolo. Il protagonista della performance è la comunicazione umana, nella sua rudezza e allo stesso tempo delicatezza. L’altro lavoro creato dalla Mercuriali, questa volta con Simon Wilkinson è And the birds fell from the sky: qui il partecipante indossa per venti minuti un visore che permette un’immersione totale all’interno di un film. Riceverà anche in questo caso precise istruzioni. Di questo film sarà il personaggio principale, trovandosi nel cuore di una narrazione che si costruirà attorno a lui. Tra le installazioni in programma nella serata, Panda Project, gruppo teatrale con base al centro Valtorto, presenterà I cari estinti: agli spettatori verrà chiesto di scrivere su un cartello cosa manca dalla loro vita. Il cartello e il suo autore verranno fotografati come in un’epigrafe, nel corso della serata le numerose epigrafi comporranno una parete di soggetti estinti. Saranno poi presentate altre installazioni fra gallerie d’arte virtuali, a cura di Anonimus*1to3, e video mapping, ideate da Neo Project. Biglietto unico a 8 euro. Info: altrimenti.org e 348 5250030 (con prenotazione obbligatoria per i due spettacoli di Silvia Mercuriali).


24

SPETTACOLO& LIBRI

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

LIBRI

1512: l’incompresa battaglia che segnò l’inizio della crisi

PROSA

Da Vito alla Finocchiaro nei teatri della provincia Diversi gli appuntamenti con il teatro di prosa in provincia in questa settimana prefestiva. Giovedì 13 dicembre, alle 20.30, al teatro Rossini di Lugo va in scena Il malato immaginario per la regia di Francesco Freyrie con l’attore Vito. Sempre al Rossini di Lugo e sempre alle 20.30, ma lunedì 17 va invece in scena La grande magia di Eduardo De Filippo, con Luca De Filippo (in replica fino al 20). A Bagnacavallo , invece, sabato 15 dicembre, replica , dopo essere andato in scena Ravenna, Open Day, con Angela Finocchiaro e Michele di Mauro, alle 21 al teatro Goldoni. Sempre lunedì, con reUn’immagine di scena Due di noi, pliche il 18 e il 19 dicemfoto di Fabio Lovino bre, al Masini di Faenza saranno in scena i volti noti di Lunetta Savino e Emilio Soffrizzi nello spettacolo Due di noi. Infine, a Conselice , domenica 16 dicembre, al teatro comunale Antonio Catania sarà nel cast dello spettacolo Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa!, alle 21.

POESIA/1 INCONTRO SU GARCIA LORCA A CASA MELANDRI

LIRICHE AL BAR

PO

Venerdì 14 dicembre alle 18, la sala D’Attorre di Casa Melandri a Ravenna ospita un incontro dedicato alla raccolta del più importante poeta spagnolo Federico Garcia Lorca, curata da Valerio Nardoni, Romancero Gitano (Passigli 2012). Partecipa l’ispanista e traduttore Gaetano Chiappini.

Domenica 16 dicembre si svolge la premiazione del concorso nazionale "Poesia al bar". L’appuntamento è per le 17.30 al caffé del Teatro di via Mariani, a Ravenna. La lettura delle prime dieci classificatesi sarà accompagnata dal violinista Enrico Gramigna. Organizza l’associazione Albert Einstein.

E S I A

/2

IN CONCORSO

“Perché mai parlarvi di pace?” diceva una vecchia canzone presessantotto. Il tempo era quello della “violenza levatrice della storia” che ha lasciato il campo, qualche decennio dopo, a pacifismo e non-violenza. Eppure anche noi pacifisti e non violenti usiamo un telefono cellulare per avvisare che stiamo tornando a casa, un navigatore satellitare per trovare l’indirizzo dell’idraulico... Tecnologie trasferite alla nostra quotidianità da ricerca e sviluppo militare. Difficile insomma liberarsi dalla guerra e dal fatto che, essendo la prosecuzione della politica in un altro campo, continua a far parte della nostra vita presente e della nostra memoria. Ce lo ricorda con forza elegante il bellissimo albo illustrato da Bernardini e scritto da Albertano e Carnoli Acerrima Clades (La Moderna, Ravenna). Acerrima. Superlativo di Acer che significa tagliente, violento, crudele. Clades. Che significa strage. Dunque Crudelissima strage fu La Battaglia di Ravenna che si combatté tra Montone e Ravarino nella Pasqua del 1512 e gli autori sembra che ci fossero, pare che l’abbiano vissuta e la raccontano con lo stile, nobilitato ma conforme all’originale, della vecchia serie televisiva B/N C’ero anch’io. I protagonisti maggiori e minori di

quelle tremende giornate, alla battaglia seguì il sacco di Ravenna, le raccontano raccontando sé stessi. Potete sentirli parlare grazie alle parole di Albertano e Carnoli e vederli grazie alle tavole di Bernardini: condottieri, farabutti, vivandiere e ragazzini di strada, tutti in presa diretta come se cinquant’anni non esistessero. Naturalmente questo artificio narrativo è stato possibile grazie a lunghe e pazienti consultazioni di testi storici e memorialistici reperiti in Italia e in Francia. Ma il merito degli autori è proprio nell’aver

fatto scomparire il peso dell’erudizione faticosamente acquisita per offrirci invece un quadro vivente, un racconto spontaneo. La battaglia di Ravenna segnò un tornante della storia che nessun pensatore dell’epoca comprese: l’artiglieria usata contro la truppa invece che contro le mura, la fine della superiorità di quella specie di carro armato dell’epoca che era un cavaliere con corazza, l’irrompere nella storia di masse sconosciute e destinate a finire nelle trincee della Prima Guerra Mondiale... Purtroppo quella battaglia aprì anche una lunga fase di decadenza della città di Ravenna. La storiografia ufficiale dice che quella fase finì in epoca moderna e in particolare con la riscoperta della sua portualità. Spesso però, sulla stampa locale, Saturno Carnoli, che è uno degli autori del libro, riapre il discorso sostenendo che c’è una crisi contemporanea della cultura e della capacità progettuale ravennate. Mentre riflettete per decidere se abbia ragione o torto non fatevi mancare Acerrima Clades vi farà fare bella figura anche come strenna natalizia in modo particolare se avete qualcuno che non si aspetta da voi profumi e balocchi ma è in grado di apprezzare anche il fango, il sudore e la polvere da sparo. Guido Pasi


CONCERTI DI NATALE/1

Coro gospel in chiesa a Castel Bolognese Il tradizionale Concerto di Natale della Provincia di Ravenna si terrà quest’anno a Castel Bolognese (in collaborazione con il Comune e la Camera di Commercio) domenica 16 dicembre alle 20.45 nella chiesa di San Petronio. Il concerto ha toccato negli anni scorsi i comuni di: Russi, Bagnacavallo, Conselice, Cotignola, Brisighella, Solarolo e Bagnara di Romagna. Nella chiesa di San Petronio si esibirà il coro gospel Voices of Joy, diretto da Daniela Peroni. I coristi sono una quarantina e alternano brani d’insieme a brani affidati ai diversi solisti.

25

FESTE& TEMPO LIBERO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

IL CONCORSO

Fino al 27 dicembre si possono segnalare gli addobbi più belli Ritorna il tradizionale premio “Polvere di stelle” (nato da un’idea di Danilo Casali), dedicato agli addobbi luminosi allestiti, in occasione delle festività natalizie, all’esterno delle abitazioni private nella città di Ravenna (sono esclusi gli allestimenti realizzati da negozi, ditte, associazioni, enti pubblici). Scopo dell’iniziativa è premiare la creatività, la fantasia e l’originalità di chi ha ideato e realizzato gli addobbi luminosi. «L’esperienza degli anni passati – scriv-

CONCERTI DI NATALE/2

Da Bach a Vivaldi per la Natività Domenica 16 dicembre alle 18.30 alla basilicai di San Francesco di Ravenna, la Cappella musicale della stessa basilica – diretta da Giuliano Amadei e finalizzata alla divulgazione della musica sacra con particolare attenzione al periodo barocco – propone il Concerto per la Natività. Verranno eseguite composizioni di Bach, Corelli, Haendel e Vivaldi per soli, coro e orchestra. Ingresso a offerta libera.

CONCERTI DI NATALE/3

A Fusignano all’insegna di Arcangelo Corelli Venerdì 14 dicembre alle 21 l'auditorium Arcangelo Corelli di Fusignano ospita “Le magie del barocco - Il concerto di Natale” con l'orchestra Arcangelo Corelli. In programma musiche di Vivaldi, Bach, Haendel e, ovviamente, Corelli. Nicolò Grassi violino solista. Dirige il maestro Jacopo Rivani. L’auditorium è in corso Emadi 109, info: 0545 955672/955653. Biglietti a 10 euro, giovani under 14 ingresso libero.

no gli organizzatori – ha ampiamente dimostrato che si possono realizzare luminarie esteticamente eccellenti anche a basso costo (nella foto quelle che hanno vinto il primo premio l’anno scorso in una casa di Porto Fuori, ndr)». La partecipazione al premio è gratuita e le segnalazioni (con l’indirizzo esatto degli addobbi) potranno essere effettuate da chiunque e saranno rese pubbliche per consentire ai cittadini di visitare e ammirare gli allestimenti realizzati. Le segnalazioni (che saranno poi valutate dal comitato del Premio) dovranno essere effettuate entro il 27 dicembre telefonicamente o tramite sms (ai numeri 335 8193647, 335 6199973 e 338 4848746) oppure per e-mail: polveredistelle.ravenna@gmail.com.

AI LETTOR MANDATECI IL VOSTRO ALBERO

Sul nostro sito internet ospitiamo una gallery in continuo aggiornamento delle foto degli alberi di Natale e dei presepi realizzati dai nostri lettori. Per vederle pubblicate basta inviare le fotografie alla nostra mail redazione@ravennaedintorni.it e visitare tutti i giorni il sito internet www.ravennaedintorni.it.

TESTA LARA Vendita diretta carne fresca, stagionati e arrosti

VILLAPRATI DI BAGNACAVALLO (RA) Via Sinistra Canale inf. 171 Nicola 347.2768118 - Lara 347.1038344 info@testalara.it - www.testalara.it

Viale delle Americhe, 120 - Punta Marina Terme (RA) Tel. 0544 437166 - Cell. 331 6332089

I

Azienda Agricola

Accettiamo prenotazioni per carne e porchette per il vostro cenone fino al 30 dicembre 2012

48,0eu0ro

La nostra azienda si occupa dell’allevamento di maiali; abbiamo un laboratorio dove trasformiamo la carne derivata dalla macellazione dei nostri animali e la vendiamo nel negozio annesso al laboratorio. Abbiamo carne fresca, salumi stagionati tipici e la possibilità di preparare porchette e arrosti per feste, ritrovi, cene... su prenotazione Siamo anche nel circuito delle fattorie didattiche

Berlucchi - Franciacorta presenta il Capodanno 2012 alla Locanda Teodorico, offrendo le bollicine per i Vostri Auguri!

Menù • Poker di tentazioni: Prosciutto di Norcia in fondue Formaggio di malga con miele e noci Frittelle con rucola e carciofi - Invotini di melanzane • Lasagnetta ai cardi e guanciale del Locandiere • Ravioli al barolo e radicchio rosso di Treviso IGP • Straccetti di Angus con misticanza e Pecorino Grand Cru di Brisighella e ristretto al balsamico • Zampone di salumeria Casa Bontà di Gazoldo degli Ippoliti con lenticchie stufate • Panna cotta con latte di Malga Alto Adige ai frutti di bosco, con cialda e piccoli babbà artigianali abbinati a Berlucchi Franciacorta Cuvee 61 • Vino della casa Sangiovese Superiore Doc 2011 o Pagadebit dell'azienda agricola Burioli di San Lorenzo in Scanno, Longiano (Cesena) • Acqua, caffè € 43,00 cad. Dalle ore 19.30 fino alle 21.00 il menù può essere anche alla carta!

Via Porto Coriandro 7/D - Ravenna il negozio è APERTO dal MERCOLEDÌ al SABATO dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19

(di fronte alla Rocca Brancaleone)

Auguri!


26

CULTURA& RUBRICHE

FUORI STAGIONE

Mind Bombing di In_Ocula, fra desiderio e manipolazione di

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

Fulmini&Saette di Adriano Zanni Cronache e visioni dal Deserto rosso - tutti i giorni su www.ravennaedintorni.it

LORENZO DONATI

Veniamo fatti accomodare nel salotto di una casa privata. Divanetti in pelle bianca, musica d'atmosfera e pareti colorate da proiezioni da VJing. Ci accolgono un uomo in giacca e cravatta e una donna in vestito da sera scuro, con una mascherina sul volto. La donna ci offre un bicchiere di vino, ci coccola, sottolinea che la serata è stata pensata apposta per noi, sussurra che siamo speciali, unici. «Una serata perfetta». Mind Bombing del gruppo faentino In_Ocula inizia così, lavorando sul desiderio che ogni spettatore nutre di fronte a un qualsiasi spettacolo teatrale. La compagnia, che fa parte del raggruppamento che organizza il bel festival Wam, ha nel suo percorso una ricerca che punta a spostare i termini della normale relazione teatrale, e già in altre occasioni ha concepito performance per spettatori soli, mettendo in rilievo il carattere esperienziale dell'evento, scavando nella parte sottilmente narcisistica del rapporto fra pubblico e performance. Mind Bombing alterna momenti di buio a inviti rivolti da didascalie proiettate sulle pareti. Musichette da festa colorano la temperatura del salotto, la ragazza compare nell'oscurità e ci porge alcuni oggetti, invitandoci a compiere azioni. Così capiamo di essere nel mezzo di una festa organizzata in nostro onore, ci muoviamo nella stanza come a un party, a nostra disposizione sono stati preparati bicchieri di spumante, frutta, patatine. Una serpentina di lucine appese al muro s'accende con il nome della compagnia. In audio scrosciano applausi, fino allo scioglimento finale che non sveliamo. Qui qualcosa accade davvero, ci sentiamo effettivamente parte di un tutto, capitati quasi per caso a un raduno in perfetto stile Eyes Wide Shut. Ed è proprio sul quel “capitare per caso” che In_Ocula fonda il suo progetto spettacolare: se infatti è sempre vero che a teatro cerchiamo un pezzetto di noi stessi, se è vero che l'arte è specchio del nostro io, in Mind Bombing diventa chiarissimo che quella festa, quell'insistito rivolgere parole di elogio a noi spettatori sono null'altro che l'estrema messa in atto di molte tendenze attuali del teatro, dell'arte, della società. Sono metafora del nostro volerci sentire accolti, del nostro bisogno di consenso, che viene capovolto nel finale. Il gruppo diretto da Andrea Fronzoni, con Cristina Ghinassi presenza scenica costante, sembra avere concepito una “performance a tesi” in cui la nitidezza della direzione risulta essere punto di forza e limite allo stesso tempo. Ci si chiede, infatti, cosa sarebbe potuto accadere se nel dispiegarsi del disegno fossero emerse zone programmaticamente di segno opposto, volte a rompere il filo dell'agio, se la “normalità” con la quale siamo stati indotti ad agire ci avesse spinto a fare qualcosa di cui doverci in seguito pentire. Ma anche, se la tesi fosse stata porta qualche sfumatura in più, senza “chiudere” il finale con una presa di coscienza che tutto sommato avviene già nel graduale emergere del dispositivo. Domande aperte che ci portiamo a casa, e non è poco.

30%

"Ulteriore sconto del alla cassa!"

Non riesco a nascondere tutto, Marina Romea, dicembre 2012 VISIBILI & INVISIBILI

L’affascinante ma lento The Grey e il fumettone Defendor di

FRANCESCO DELLA TORRE

The Grey, di Joe Carnahan (2012) Alaska, profondo nord. Un piccolo aereo che trasporta un gruppo di lavoratori di un gasdotto, ha un incidente e lascia i suoi sopravvissuti in mezzo a un apparente niente, fatto di neve e lupi. The Grey è un film insolito: c’è un disastro aereo ma non è un disaster movie, c’è odore di morte ma non è un horror in senso stretto, o per lo meno, a differenza di film di simile ambientazione come La cosa, le creature sono frutto di madre natura e non si punta allo splatter. Una vicenda secca, come secco è il tentativo del gruppo di sopravvissuti di trovare una base; una storia narrata in tempi dilatati (due ore) per sottolineare angosce e paure, confronti e dialoghi sommessi in questo impietoso e impari confronto con la natura. Non un film d’azione, anzi forse un po’ troppo lento e agonizzante, nonostante i momenti di adrenalina. Nonostante questo, la tensione è continua e papabile, perchè è la cornice a dominare il film (con la buona compagnia del bravo Liam Neeson). Nella parte finale la storia accelera, quasi spiazzando lo spettatore, regalandogli una poetica, ambigua scena finale che è sicuramente la parte migliore, una parte da guardare e riguardare su youtube, per meglio capire e contestualizzare un film affascinante con qualche carenza di ritmo. Vedere o non vedere? Gli ingredienti li avete avuti, mai come in questo caso la decisione spetta a chi si vuole immergere nella bianca e perfettamente rappresentata terra di lupi. Concludiamo, con uno dei soliti paragoni: una via di mezzo tra L’urlo dell’odio e Frozen. Defendor, di Peter Stebbings (2009) Arthur Poppentgon ha avuto un'infanzia difficile, stata segnata dalla fuga di casa della madre e dalle parole del nonno che, per spiegargli come la droga gli abbia tolto la mamma, si è inventato un eroe malvagio, Capitain Industry. Ormai adulto, disadattato, autistico e abbandonato da tutti, Andrew trova rifugio nello stravagante travestimento del supereroe Defendor, che ha lo scopo di reprimere il marcio causato dalla droga, e di trovare e sconfiggere il nemico dichiarato, con l'aiuto di una giovane prostituta, Kat. Una via di mezzo tra Forrest Gump e Kick Ass, questo insolito fumettone in carne e ossa, pur seguendo una trama complessivamente lineare e poco sorprendente, ha numerose cartucce da sparare. Innanzitutto Woody Harrelson è un Defendor fantastico, si conferma attore versatile e sottoutilizzato; inoltre il personaggio Defendor è un perfetto perdente, un “eroe” a cui ci si affeziona immediatamente e per le cui maldestre gesta si finisce a fare il tifo, ignorando ogni sorta di clichè cinematografico del genere. Si sorride spesso, ma il tocco di malinconia che in alcuni punti giunge al dramma è tangibile, fin dalla presentazione dei suoi protagonisti (a cui si aggiungono un poliziotto corrotto e un criminale di guerra serbo). Un film leggero, forse un pelino lungo (100 minuti andavano ridotti di almeno 15), ma che si fa voler bene senza indugi e potrebbe anzi far riflettere i ragazzi che amano il genere ma che non conoscono questo piccolo, simpatico, film a volte maldestro come il suo protagonista ma tanto tenero. Inedito nelle sale, disponibile in dvd.


CinemaCity - Ravenna

• CINEMA •

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato (Regia di Peter Jackson)

27

CULTURA&TEMPO LIBERO

RAVENNA&DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

Programmazione da giovedì 13 a mercoledì 19 dicembre

(Regia di Sergio Castellitto)

ven., sab., lun., mar. e mer.: p.u. 21.15; dom.: 16-18.30-21.15

Europa - Faenza Argo (Regia di Ben Affleck) gio., ven., sab. e mer.: p.u. 21; dom.: 16.30-18.45-21

(Regia di Peter Ramsey)

proiezione in 2D: fer. e sab.: p.u. 20.35; dom.: 15.15-17.45-20.35

fer. e sab.: 16-18.05-20.30; dom.: 15-16.10-18.10-20.30

Moderno - Fusignano Venuto al mondo (Regia di Sergio Castellitto) sab. e dom.: p.u. 21

Colpi di fulmine Di nuovo in gioco

(Regia di Neri Parenti)

(Regia di Robert Lorenz)

fer.: 20.15-20.35-22.45; sab.: 17.40-18.15-20.15-20.35-22.45-00.55; dom.: 15.20-16-18.15-20.15-20.35-22.45

dom.: p.u. 15

Una famiglia perfetta

San Rocco - Lugo Tutto tutto niente niente (Regia di Giulio Manfredonia)

Tutto tutto niente niente

(Regia di Paolo Genovese)

fer. e sab.: 15.50-18.10-20.30-22.50; dom.: 15.30-17.50-20.30-22.50

(Regia di Giulio Manfredonia)

fer.: 20.35-22.40; sab.: 17.45-20.35-22.40-00.45; dom.: 15.40-17.40-20.35-22.40

Il peggior Natale della mia vita Moonrise Kingdom

(Regia di Alessandro Genovesi)

fer. e sab.: 16-18-20.40-22.40; dom.: 15.30-17.30-20.40-22.40 Proiezione in 3D: fer.: 18-21.20; sab.: 16-20-23.20; dom.: 17.30-21; proiezione in 2D: fer.: 16-17-20.30-22.40; sab.: 17-18-21.20-22.40; dom.: 15-17-20.30-22.40

Jolly - Ravenna

(Regia di Wes Anderson)

gio.: p.u. 20.35; sab. e dom.: p.u. 19.20

Grandi speranze (Regia di Mike Newell) gio., ven., sab., dom. e lun.: p.u. 22.30

Moonrise Kingdom The Grey (Regia di Joe Carnahan)

(Regia di Wes Anderson)

fer. (escluso mer.) e sab.: p.u. 21; dom.: 16-18.30-21

Sammy 2 (Regia di Ben Stassen)

fer.: 16-18-20.40; sab.: 16-17.30-20.40; dom.: 15-18.20-20.40

Cinedream - Faenza

fer. e dom.: p.u. 22.40; sab.: 22.45-00.55

Le 5 leggende (Regia di Peter Ramsey)

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato

gio., ven. e lun.: p.u. 20.30; sab.: 17.30-20.30; dom.: 15.20-17.30-20.30

(Regia di Peter Jackson)

Colpi di fulmine fer. e sab.: 15.50-17.30-18.05-20.20-20.30-22.35-22.50; dom.: 15-15.45-17.25-18-20.20-20.30-22.35-22.50

Proiezione in 3D: fer.: p.u. 21.40; sab.: 18.20-21.40; dom.: 15-18.20-21.40; proiezione in 2D: fer.: 20.30-22.30; sab.: 17.10-20.30-22.30-00.05; dom.: 16-17.10-20.30-22.30

Tutto tutto niente niente

Sammy 2

(Regia di Giulio Manfredonia)

(Regia di Ben Stassen)

(Regia di Neri Parenti)

fer. e sab.: 16-17.30-18-20.30-20.50-22.30-22.50; dom.: 15.20-16.15-17.20-18.1520.30-20.50-22.30-22.50

Il peggior Natale della mia vita (Regia di Alessandro Genovesi)

gio.: p.u. 22.35; ven., lun., mar. e mer.: 21-22.35; sab. e dom.: 21-22.45

The Twilight Saga - Breaking Dawn II parte (Regia di Bill Condon) mar.: p.u. 21 (film in lingua originale inglese)

Moonrise Kingdom

Eccezzziunale... Veramente

(Regia di Wes Anderson)

(Regia di Carlo Vanzina)

fer. e sab.: p.u. 17; dom.: p.u. 17.30

ven., sab. e dom.: p.u. 21.15

Italia - Faenza

(Regia di Olivier Nakache, Éric Toledano)

fer., sab. e dom.: 20.30-22.35

Ex convento di San Francesco Bagnacavallo Oltre le colline (Regia di Cristian Mungiu)

mar.: 20.30-22.40

Troppo amici

ven. e mar.: p.u. 21; sab.: 20.30-22.30; dom.: 17-19-21

Circolo Jolly - Russi Argo (Regia di Ben Affleck)

Tutto tutto niente niente

dom.: p.u. 21

(Regia di Giulio Manfredonia)

Scusa mi piace tuo padre

gio, mar. e mer.: p.u. 21.15; ven. e sab.: 20.45-22.30; dom.: 17-18.45-21.15

(Regia di Julian Farino)

fer., sab. e dom.: p.u. 22.40

Gulliver - Alfonsine Di nuovo in gioco (Regia di Robert Lorenz)

Hotel Transylvania

Grandi speranze

ven., sab., dom. e lun.: p.u. 21

(Regia di Genndy Tartakovsky)

(Regia di Mike Newell)

sab.: p.u. 17; dom.: p.u. 15

dom.: p.u. 15

L’era glaciale 4 - Continenti alla deriva (Regia di Steve Martino e Mike Thurmeier)

On the road (Regia di Walter Salles)

The Grey

dom.: p. u. 16

lun.: p.u. 21.30

(Regia di Joe Carnahan)

Le 5 leggende

Proiezione in 3D: sab.: p.u. 18; dom.: 16-18;

Astoria Multisala Ravenna, via Trieste 233, tel. 0544 421026 Cinemacity Ravenna, via Secondo Bini 7, tel. 0544 500410 Jolly Ravenna, via Renato Serra 33, tel. 0544 478052

Faster, pussycat! Kill! Kill!

Sarti - Faenza

fer. e sab.: 20.20-22.40; dom.: 17.20-20.20-22.40

Cinema San Rocco Lugo, corso Garibaldi 118, tel. 0545 23220 Teatro Moderno Fusignano, corso Emaldi 32 Cinedream Multiplex Faenza, via Granarolo 155, tel. 0546 646033

(Regia di Russ Meyer)

mer. e gio. 20: p.u. 21.15

Venuto al mondo

INFOCINEMA Cinema Italia Faenza, via Cavina 9, tel. 0546 21204 Cinema Sarti Faenza, via Scaletta 10, tel. 0546 21358 Cinema Europa Faenza, via S. Antonio 4, tel. 0546 32335

Associazione Didattico Culturale

Cinema Gulliver Alfonsine, piazza della Resistenza 2, tel. 377 7081999 S. Francesco Bagnacavallo, via Cadorna 14, tel. 348 9001663 Circolo Jolly Russi, via Cavour 5, tel. 0544 587651

Albert Einstein

http://wwwalberteisteininfo.sitonline.it - Via Guaccimanni 31 - Ravenna - Tel. 0544 215580 - Cell. 328 2899891

SABATO 15 DICEMBRE ORE 15.00 – 16.30

DOMENICA 16 DICEMBRE ORE 17.30

ultimo incontro per il 2012

INVITO

INCONTRI per bambini scuole elementari e medie

Premio Nazionale di Poesia

GIOCHI DIDATTICI DA TAVOLO, PICCOLE ESPERIENZE DI ROLE PLAYING

PREMIAZIONE CONCORSO “POESIA AL BAR”

Docente: Matteo Pironi (psicologo-educatore)

ALLA CERIMONIA SARANNO PRESENTI AUTORITÀ LOCALI

10 euro a incontro Minimo 4 bambini e Max 12

CAFFE' DEL TEATRO - Via Mariani, Ravenna: POESIA&MUSICA

Per info e prenotazioni contattare Associazione Albert Einstein

e con il patrocinio ella Regione Emilia Romagna

Seconda Edizione

La cerimonia delle poesie vincitrici e la lettura delle prime dieci liriche classificate saranno accompagnate dalla melodia di un violinista: ENRICO GRAMIGNA.


GENITORI& FIGLI

LA CASA DELLE MARIONETTE

Laboratori, visite guidate e incontri sotto il segno del Natale Con lo spettacolo Teo ha le orecchie curiose, che ha visto il tutto esaurito per tutte e tre le repliche dello scorso 25 novembre, si è conclusa la prima parte della XXIV edizione de “Le Arti della Marionetta”, la rassegna di teatro per famiglie organizzata da Teatro del Drago in convenzione con il Comune di Ravenna. La stagione teatrale ripartirà il 6 gennaio con La festa della Befana all’Almagià, ospite Gianduja da Torino ed eccezionalmente, la Befana in stracci e pezze. Ma in attesa della ripresa nel nuovo anno, il Museo La casa delle marionette (vicolo Padenna 4 a, Ravenna) ha in serbo tante attività dedicate ai più piccoli proprio in occasione delle festività natalizie. Da domenica 16 a sabato 22 dicembre, infatti, verranno presentate visite guidate, laboratori, incontri e teaparty, per grandi e piccini. Domenica 16, alle 11, si svolgerà il laboratorio di costruzione dal titolo Caro Babbo Natale, per genitori, zii, nonni e, naturalmente, bambini! Il laboratorio ha diversi livelli tecnici ed è adatto a partire dai tre anni fino ai 12. Sempre il 16 dicembre, inoltre, alle ore 17, tutti gli amici di Pinocchio che desiderano conoscere da vicino le recenti esperienze teatrali in Cina e non ultime Texas e Spagna, sono invitati ad un piccolo Tea Puppets Party. Nel pomeriggio di mercoledì 19 dicembre, alle 17.30, ci sarà un altro appuntamento di rilievo: verrà infatti presentata la monografia edita dal Sistema Museale della Provincia di Ravenna, in collaborazione con la Fondazione della Cassa di Risparmio

di Ravenna, “La casa delle marionette”. A seguire verrà proiettato il video “Men and Puppets”, dedicato alla Famiglia Monticelli. Per tutta la settimana il museo sarà aperto per visite guidate dalle 10 alle 14; per altri orari e per prenotare i laboratori e gli incontri, contattare il 392 6664211 (dalle 10 alle 18), oppure 0544 483461 (da lun. a ven., dalle 10 alle 14). Per tutti gli eventi è consigliata la prenotazione.

JUNIOR

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

FEST

“Figure in divenire”, atelier creativi all’Accademia di Belle Arti Prosegue sabato 15 dicembre all’Accademia di Belle Arti di Ravenna la terza edizione di Fest, rassegna per ragazzi organizzata da “La Casa delle Arti per l’Infanzia”. Sabato 15 dicembre, dalle 17, Fest porta all’Accademia “Figure in divenire”, laboratori di arte, teatro, cinema e danza. Alle 17 (con replica alle 18) Drammatico Vegetale / Ravenna Teatro e Teatro del Drago presenteranno “Giochiamo al cinema”, un percorso a ritroso nel tem-

po, adatto a bambini dai 5 anni, per tornare alle origini della creazione dell’immagine in movimento. Sempre alle 17, l’Associazione Cantieri propone il laboratorio “la voce del corpo”: le famiglie potranno giocare con il proprio corpo intrecciando la dimensione fisica del movimento con la capacità di accettazione dell’altro. Alle 18, inoltre, “Figure in movimento (mi piace se ti muovi...)” presentato da TCP Tanti Cosi Progetti in collaborazione con Ravenna Cinema, laboratorio che mette a confronto l’animazione di carattere video e cinematografico con quella dal vivo. Tutti i laboratori sono a ingresso gratuito, necessaria la prenotazione (392 6664211 - 0544 483461).

ravennantica ARRIVA IL NATALE DEI PICCOLI

In occasione delle festività natalizie RavennAntica propone il “Natale dei Piccoli”, quattro appuntamenti (il 19, 20, 21 e 22 dicembre) per divertire i più piccini, avvicinandoli alla cultura. Il primo appuntamento mercoledì 19 dicembre alle 17, alla Domus dei Tappeti di Pietra, con la lettura natalizia a cura dei lettori volontari del progetto juke box. Prenotazione obbligatoria al numero 0544 213371, info: www.ravennantica.org

29

A TEAT PIPPI CHIUDE IL CARTELLONE DI BAGNACAVALLO

R O

Ultimo appuntamento con la rassegna “A Teatro con mamma e papà” del Goldoni di Bagnacavallo. Per chiudere il cartellone la compagnia Fondazione Aida proporrà un grande classico, Pippi Calzelunghe, vera e propria eroina nata dalla penna di Astrid Lindgren, con il cui anticonformismo sono cresciute intere generazioni. Sipario domenica 16 dicembre alle ore 17. Info: tel. 0545 64330.

SABATO SERA A CERVIA LA MAGIA DEL PIFFERAIO DI CLAUDIO CASADIO Proseguono gli appuntamenti con la nuovissima rassegna serale per bambini del Teatro Comunale di Cervia “Al mare d’inverno… si va a Teatro in famiglia”. Sabato 15 dicembre alle 21 la compagnia Accademia Perduta presenterà la pièce Il pifferaio magico, scritta e diretta da Claudio Casadio. Info: tel. 0544 975166.


MANGIARE& BERE

giovedì 13 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

CIBI E TRADIZIONE

Le tavole della Vigilia di Giorgia Lagosti La ritualità che ancora oggi gravita attorno al Natale e alle tradizioni a lui legate, in Romagna affonda le radici in un singolare intreccio di credenze pagane e fede cristiana. Un tempo, il 25 dicembre era il giorno in cui si festeggiava la rinascita del sole dopo il solstizio invernale: fino al 22 si trova infatti nella fase di massimo declino per luce e calore, il 23 e 24 sembra fermarsi in cielo (solstitium significa sole fermo) per riprendere subito dopo il suo cammino verso l’alto, ogni giorno di più, fino a quello d’estate dove invece si verifica il fenomeno inverso. Ed è proprio per questo motivo che il 25 dicembre cominciava un periodo di circa due settimane dedicato a pratiche propiziatorie. A questo rituale era legato anche il ceppo natalizio, e zòc, rigorosamente di quercia, legno “magico”, che doveva bruciare nelle case per 12 giorni consecutivi: dalle sue fiamme si presagiva l’anno futuro. E il suo ardere doveva essere molto lento per potere arrivare ancora acceso a Capodanno o addirittura alla notte dell’Epifania. Non va dimenticato però che nelle nostre campagne anche la vigilia era molto sentita e le attenzioni partivano dalla tavola: molti adulti affrancati dal lavoro nei campi digiunavano, mentre ai bambini era concesso mangiare qualcosa, ma sempre senza esagerare. E se non si digiunava, per scelta o per necessità, si cenava “di magro”: consumare carne la vigilia equivaleva ad un vero sacrilegio che nessuno, nemmeno gli atei del buon tempo antico, si sognava di commettere. Le loro donne, come tutte le

GUSTO

30

LE CONSUETUDINI

RITI E MITI DEL NON BUTTAR VIA NULLA DEL DESCO

Del pranzo di Natale, come della cena della Vigilia, si aveva cura di conservare anche le briciole rimaste sulla tavola: quelle della sera sarebbero andate agli angeli o ai poveretti mentre quelle del 25 avrebbero sfamato la prima covata di pulcini. La cultura popolare credeva che così sarebbero cresciuti più rapidamente. Il vino rimasto veniva riversato nelle botti perché potesse conservare sano quello che vi era dentro.

Un tempo, la sera prima di Natale si mangiava “di magro”. Per cena veniva servita una clada zuppa invernale e poi in tavola c’era pesce di mare o di acqua dolce

altre, per la cena del 24 preparavano una calda zuppa invernale e poi si mangiava il pesce: di acqua dolce o di mare, lessato in umido col prezzemolo o arrosto sulla brace. Le ricette erano svariate, a seconda della disponibilità economica, della tradizione familiare e della stagionalità del mare: l’aringa con le patate, il risotto cotto nel brodo di paganelli, il baccalà in umido, la zuppa di ceci e vongole, i quadrettini in brodo con le pove-

le zuppe CON LARDO, CIPOLLA, AGLIO ED ERBE, PURCHÉ BRODOSE Grandi protagoniste della nostra tradizione popolare di Romagna, e anche della vicina Toscana, sono le zuppe: in passato rappresentavano l’alimento base dei poveri. Gli ingredienti principali? Certamente lo strutto o il lardo, poi l’aglio o la cipolla. Ma anche le erbe di campo, l’acqua e il pane secco di cicerchia o di farro. Con quello bianco invece, e con il brodo di carne, si preparava il “pancotto”. Le minestre brodose sono sempre state una caratteristica della Romagna, a differenza delle paste asciutte, più presenti nella ricca Emilia.

racce… Ancora molto radicati, per fortuna, la seppia con i piselli, che un tempo si faceva con le fave, un prodotto molto più a buon mercato e il brodetto. E proprio sul brodetto si potrebbe aprire un contenzioso infinito con le Marche e con Fano che ne ha fondato addirittura un’Accademia. Il nostro romagnolo, o meglio i nostri, dal momento che ogni famiglia ne fa uno suo, sono il frutto di scambi che i nostri pescatori facevano con i colleghi marchigiani e veneti. La tradizione comunque impone la mazzola, lo scorfano, le seppie, il pesce ragno, il gattuccio, la sogliola, il tremulo e le canocchie su base di olio, aglio, cipolla, vino e pepe. Oggi spesso si aggiunge il prezzemolo, il peperoncino, il pomodoro fresco, i crostacei e le cozze. Da non dimenticare anche una vecchia ricetta di brodetto di canocchie, di chiara origine veneziana realizzata con una abbondante base di cipolla e le quattro spezie regine: pepe, cannella, noce moscata e chiodi di garofano. E’ davvero un piatto squisito. Tornando alla sera della Vigilia, dopo cena si aspettava la messa di mezzanotte giocando a carte e mangiando i “marroni castrati” cotti sotto la cenere calda, le “brustoline” oppure i

Dolcissimi Auguri Piazza Caduti per la Libertà 33 - Ravenna - Cell. 338 9543731 - aperto tutti i giorni dalle 6 alle 20


MANGIARE& BERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

lupini salati (c’è chi li ricorda ammollati nel vino). Al ritorno dalla funzione infine ci si sarebbe riscaldati con una bella tazza di vin brulé, preparato con il Sangiovese naturalmente, aromatizzato con zucchero, cannella, chiodi di garofano e scorza di limone. Il paiolo veniva messo a bollire per tempo così da poterlo bere appena rincasati, per scaldarsi un po’. La notte di Natale era una notte magica, di mistero e di fede, non di regali come oggi. Quelli erano destinati al giorno dell’Epifania.

il dolce CORSA AL FORNO A CUOCERE IL PROFUMATO CIAMBELLONE Un rito della vigilia, rimasto vivo nelle nostre campagne fino agli anni ’60, era quello di andare al forno a cuocere il ciambellone, il dolce per eccellenza di tutte le feste: Pasqua, Natale, comunioni e matrimoni… Era il simbolo di un momento speciale o dell’arrivo di un ospite. Nei giorni della vigilia i fornai mettevano a disposizione delle donne del paese i loro tavoli da lavoro e i loro forni per preparare e cuocere i dolci. Sotto Natale era tutto un profumo di ciambelloni! Per riconoscerli si mettevano, sporgenti al lato dell’impasto, dei bigliettini di carta gialla dove erano scritti i nomi delle cuoche che aspettavano trepidanti la fine della cottura: la speranza che le proprie forme uscissero migliori delle altre nel confronto finale. Nel qual caso tutte le altre donne ne avrebbero chiesto il segreto.

31

COSE BUONE DI CASA

A Natale agnolini in brodo ...alla moda di Mantova a cura di ANGELA SCHIAVINA - WWW.ANGELASCHIAVINA.IT

Sono stata invitata a una cena vegana e ho mangiato benissimo. Persino il seitan mi è piaciuto: per la precisione “seitan con porri, castagne e patate”. Ma Torniamo al nostro imminente Natale. Cena della vigilia, pranzo di Natale, veglione di Capodanno... In questi giorni parliamo solo di cibo. Sono stata a Mantova recentemente, bellissima città con una grande tradizione gastronomica. Ho mangiato i famosi tortelli con la zucca e su questa ricetta ci sono varie versioni sia sul ripieno che sul condimento. Il ripieno classico è fatto composto di zucca, amaretti, mostarda di mele campanine, parmigiano, uova, poi ci sono alcuni che inseriscono uvetta e pinoli. Questo ripieno poi va avvolto in una sfoglia sottile di pasta all'uovo. Il condimento può essere una salsa di pomodoro e burro, oppure burro e salvia... e parmigiano. I tortelli con la zucca si mangiano la Vigilia. Il giorno di Natale, invece, agnolini in brodo. Ecco la ricetta. La sfoglia va preparata con uova e farina. Fatto l'impasto, lavorarlo bene, stendere la sfoglia e lasciarla asciugare. Tagliarla a quadretti di circa 6 cm e porre al centro la pallina di ripieno. Ripiegare diagonalmente la sfoglia, premere sui bordi, girarli all'indietro e sovrapporli premendo, tipo i cappelletti. Ingredienti per il ripieno: 700 gr. di polpa di manzo, 100 gr. di salamella di suino, 100 gr. di pancetta, 1 uovo, olio extravergine di oliva, burro, cipolla, vino bianco, parmigiano reggiano, noce moscata. Preparazione: far soffriggere in una casseruola la cipolla con olio e burro. Togliere la cipolla e aggiungere la polpa di manzo. Coprire la casseruola con una fondina in modo che il vapore si condensi subito e ricada sullo stracotto. Dopo un paio d'ore aggiungere del vino bianco. Se l'intingolo dovesse addensarsi troppo aggiungere dell'acqua durante la cottura. Quando sarà pronto cuocere a parte con del burro la salamella e la pancetta. Aggiungerli allo stracotto, tritare il tutto, impastare con parmigiano grattugiato e aromatizzare con noce moscata. Lavorare l'impasto con un uovo e lasciare riposare per dodici ore, dopo di che sarà pronto per essere suddiviso sui quadretti di sfoglia per la confezione degli agnolini. Una volta preparati gli agnolini si cuociono nel brodo di cappone.

GLI STAPPATI

Savignon Blanc Touraine di Marteau, un buon vino bianco d’Oltralpe di FABIO

MAGNANI GLISTAPPATI@GMAIL.COM

Il “Domaine Jacky Marteau” è l’azienda francese che produce questo “Sauvignon Blanc Touraine” del 2011. Odori di frutta della passione, erbe aromatiche, foglie di pomodoro in fase di apertura, per poi distendersi evidenziando odori minerali di pietra focaia e di polvere pirica. Al naso manca un po’ di vivacità al frutto che manifesta stanchezza attraverso sfumature di frutta, appunto, matura ma senza perdere comunque piacevolezza. Il palato è intenso e persistente e mantiene un bel gioco acido/sapido. Piacevole retrogusto di frutta tropicale ed erbe aromatiche. Leggero residuo zuccherino. Buon vino.

Menù di Natale Vellutata di zucca e patate con crostini tartufati Insalatina di spinaci e radicchio con prosciutto al balsamico e pinoli Cappelletti in brodo natalizio Nidi ripieni di funghi porcini e ricotta Filettino di manzo agli agrumi e melograno Mazzetto di fagiolini - Patate ripiene € 35,00 Cuore caldo al cioccolato con crema allo zabaione (vini esclusi)

B l o u I a n i r Gust o t t a o Tr da Franco

Vi aspettiamo con la buona cucina tradizionale romana, le specialità natalizie e i dolci campani Menu alla carta anche durante le festività

Ravenna, via Cesarea 148 tel. 0544.66634 - 333.6811616

Il menù di Natale • Rollatina di tacchinella alle castagne, bacon e spinaci saltati. • Uovo fritto con tagliatelle di asparagi su crema di parmigiano. • Cappelletti della tradizione romagnola in brodo di cappone. • Gnocchetti di ricotta con ragù bianco di coniglio al rosmarino, pomodori passiti e pinoli tostati. • Carrè di vitello con mosaico di verdurine servito con gateau di patate e carciofi brasati. • Bignè fritti caramellati su crema inglese al rosmarino.

€ 45,00 a persona

San Michele RAVENNA Via Faentina, 275 Tel./Fax 0544.414312 chiuso giovedì

Auguri!


32

RAVENNA& DINTORNI

DEGUSTAZIONE TIPICA

giovedì 12 dicembre 2012 | RAVENNA& DINTORNI

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

SOLIDARIETÀ ALIMENTARE

Sicla-Faenza:latte fresco e formaggi ad alta genuinità

Alla Casa delle Meridiane vini e cibi della nostra terra Compie un anno l’orto africano adottato dalla condotta Slow Food e Cna di Ravenna

Nelle confortevoli stanze della Casa delle Meridiane di San Bartolo, splendidamente addobbate per Natale, complice l’iniziativa della nostra Giorgia Lagosti, lì in veste di cuoca e organizzatrice con altri dello staff di “Cibo” (Culinary Institute Bologna), si è celebrata una serata di grande qualità enogastronomica all’insegna dei prodotti del territorio, della sapienza di produttori e artigiani e dei mangiari della tradizione romagnola. Nei banchi di degustazione allestiti per l’occasione, eccellenti prodotti da forno artigianali, formaggi (caseificio Buon Pastore), olio ( (tenuta Pennita) e miele (La Castellina) delle colline faentine. Poi i vini della vendemmia 2011 dell’azienda Campacci di Oriolo dei Fichi (spumante Brut, Albana e Trebbiano, Rubicone rosato, Sangiovese e dulcis in fundo, Albana Passita). In tavola, grazie ai cuochi della scuola di “Cibo”: piadina cotta all’istante, lesso in gelatina con salse, zuppa di porri e patate, pasta e fagioli, spoja lorda in brodo, spaghettoni con fricandò, nastrini al ragù, ciambellone, torta di mele e crostate. Una vera delizia prenatalizia...

Sulle tavole della mensa scolastica di Mugumo (Kenya) compaiono, tra gli altri, cibi preparati con ceci, miglio, sorgo, zucche. Che hanno un sapore doppiamente buono, perché a coltivarli sono 50 alunni, tra i 6 e i 14 anni, che oltre a sfamare se stessi contribuiscono anche al pasto dei loro 670 compagni. Quello di Mugumo, coordinato per Slow Food da Stanely Chege, è l’orto africano adottato dalla condotta Slow Food di Ravenna un anno fa nell’ambito del progetto “Mille orti in africa”, lanciato da Slow Food a livello internazionale nel 2010, grazie ai fondi raccolti durante la cena sociale natalizia della Cna e in occasione dell’evento Terra Madre Day, a Ravenna e Cervia, per un ammontare complessivo di 900 euro. «A un anno di distanza e alla vigilia della prossima cena sociale natalizia della Cna – spiega Angela Ceccarelli, fiduciaria della condotta Slow Food di Ravenna – abbiamo voluto dare un primo resoconto dell’attività del nostro orto. Ci è sembrato un modo particolarmente significativo per ringraziare del loro sostegno tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo nostro sogno, mostrando loro come esso si sia felicemente realizzato». Mugumo si trova in una zona rurale della divisione di Lare, nel distretto di Njoro. La scuola è frequentata da 720 alunni, di cui 50 (di età compresa tra i 6 e i 14 anni) sono coinvolti nel progetto dell’orto. Grazie al progetto di Slow Food, vengono coltivati i ceci, il caiano (Cajanus cajan, una pianta della famiglia delle Fabacee, simile al fagiolo, molto resistente alla siccità), il miglio, il sorgo e varietà locali di zucche. Il raccolto serve a integrare i pasti della mensa scolastica. Ora servono altre sementi, attrezzatture e concimi naturali per coltivare, un efficiente sistema d’irrigazione e una recinzione... «Il nostro obiettivo – conclude Angela Ceccarelli – è quello di continuare a stare vicini al nostro orto, per far sì che possa diventare sempre più bello e fecondo e che i nuovi progetti dei bambini che lo curano con tanto amore si possano realizzare».

L’utilizzo del latte fresco proveniente dalle stalle romagnole è il fiore all’occhiello della Sicla di Faenza. «L’utilizzo di un prodotto tipico del territorio – afferma il titolare Andrea Signani –, ci consente un maggiore controllo delle materie prime e di tutta la filiera, per offrire alla clientela la massima garanzia di qualità». Sicla è un’azienda storica nata nel 1955, inizialmente come centro di raccolta del latte fresco, in un periodo in cui le stalle abbondavano sul territorio. A partire dagli anni Settanta, l’attività è cresciuta, diversificandosi: attraverso il buon latte della campagna, si è così avviata una fiorente produzione casearia. La lavorazione avviene ancora con le tecniche tradizionali che permettono di ottenere un formaggio genuino, che conserva tutti i sapori di una volta. Tutti da provare, prodotti quali lo Squacquerone, la Casatella e lo Stracchino, perfetti per accompagnare alla piadina, ma anche la ricotta, il Fior di Romagna e il Formaggino Romagnolo, ottimi per minestre così come per deliziose insalate, mentre il mascarpone, rappresenta la base ideale per la preparazione di dolci. Info: www.caseificiosicla.it.

Cucina Tipica Romagnola Menù del giorno dal lunedì al sabato solo a pranzo Cerimonie - Matrimoni

Agriturismo

Cene e Pranzi Aziendali

Menu Pranzo di Natale

Menu Cenone di San Silvestro

• Insalatina di fagianella con pinoli e uvetta • Crostone caldo dell’augusta, polenta gratinata con funghi e fiocco di prosciutto pepatello

• Aperitivo dell’Augusta

• Passatelli in brodo di cappone • Lasagna della tradizione • Filettino di maiale in camicia di pancetta • Pollo coniglio e faraona arrosto • Patate al forno • Verdure gratinate

• Fantasia di antipasti dell’Augusta • Triangoli dell’augusta ai funghi porcini • Ravioli di melanzana vellutata di pomodoro basilico e scaglie di grana • Straccetti di manzo al brandy • Arista di maiale con prugne e mele • Insalatina fresca all’arancia • Carote vichy • Patate al forno • Torta pan di spagna alla crema chantilly

• Torta millefoglie con crema chantilly e gocce di cioccolato

• Acqua, Vini, Caffé, Liquori dell’Augusta

• Acqua, Vino, Caffè e Liquori

... e CANTASTORIE E MUSICA CON D.J.

€ 35,00

• Lenticchie, Cotechino, Uva e Spumante

Per i più piccoli € 25,00

€ 50,00

MANDRIOLE (RA) • s.s. Romea Nord, Km 11 tel. 0544 449015 info@tenutaugusta.it • www.tenutaugusta.it


RAVENNA FARMACIE

Igiene e alimentazione negli anziani Come avere una cute pulita ed assicurarsi un giusto apporto di calorie e proteine Una corretta igiene della pelle ed una sana alimentazione sono aspetti molto importanti nelle persone anziane, per mantenere una cute integra e prevenire le patologie dovute alla malnutrizione. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Claudia Focaccia, direttrice della Farmacia comunale n. 6 di piazzale Farini. «Si tratta di seguire elementari norme di igiene sanitaria – spiega – per avere la cute asciutta e pulita. Particolare attenzione occorre averla per i detergenti che devono rispettare il ph della pelle e non avere agenti irritanti. Ad esempio esistono comodissime salviette specifiche per le persone anziane che non lasciano residui sulla pelle, non devono contenere profumo, sapone(non devono fare schiuma), tensioattivi, aggressivi. La tipologia delle salviette imbevute in farmacia è quella del 3 in 1: detergono, idratano, proteggono, creando un film di protezione dagli agenti esterni e non lasciano sulla pelle sostanze aggressive. Sono particolarmente utili anche in caso di incontinenza urinaria o fecale perché la loro dimensione le rende molto adatte. Sempre in farmacia si trovano anche salviette in carta, più economiche, che inumidite con acqua e ben strizzate, possono essere usate con il detergente specifico. Evitare l'applicazione abbondante di talco perché secca la pelle, di paste che possono provocare macerazione

In farmacia si possono trovare diversi prodotti per l’igine della pella come salviette che hanno funzione sia detergente che protettiva che idratante. Per l’alimentazione sono disponibili brick nutrizionali per completare e bilanciare la quantità quotidiana di cibi calorici e proteici.

e di spugne, veri e propri ricettacoli di batteri». Per le persone allettate è importante anche come sistemare il letto: lenzuola morbide, prive di cuciture grossolane o rammendi, ben distese e i teli cerati vanno posizionati sotto traverse di tessuto morbido. In farmacia ne esistono di usa e getta di materiale impermeabile. «L’immobilità è un fattore di rischio per l'integrità della cute – specifica la dottoressa Focaccia –. In questo caso, importantissima è la prevenzione per evitare lesioni da decubito. L’igiene e quindi la detersione frequenti sono fondamentali e se la cute è secca applicare, con leggeri

massaggi, oli protettivi o creme idratanti per ripristinare il mantello idrolipidico e mantenere così la pelle elastica». Anche l’alimentazione contribuisce a conservare o migliorare nell’anziano un buono stato di salute e le eventuali ferite cutanee hanno maggiore possibilità di rimarginarsi prima. Gli anziani sono i soggetti più esposti al rischio di malnutrizione per problemi concomitanti come ad esempio la ridotta funzionalità dell'apparato digerente, la presenza di malattie croniche che richiedono un aumento del fabbisogno calorico-proteico. È importante perciò assicurare

33

SALUTE

SALUTE& BENESSERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

un giusto apporto di calorie, proteine e una sufficiente idratazione. «Spesso l'anziano ha difficoltà a deglutire e solitamente beve poco e se l'alimentazione non è sufficiente possono essere d’aiuto gli integratori per equilibrare meglio i pasti. In farmacia per idratare, esistono i bicchierini di acqua in gel che possono essere un valido aiuto anche per deglutire eventuali farmaci. In caso di impossibilità masticatorie è consigliabile ritornare all’alimentazione della prima infanzia, facilmente deglutibile e assimilabile. Vi sono pure brick nutrizionali per completare o bilanciare l'apporto quotidiano di calorie e/o proteine. Per chi desidera un buon transito intestinale quotidiano (per gli anziani un aspetto molto importante), abbiamo prodotti liquidi ricchi di fibre, gradevoli al gusto come fossero bibite o succhi di frutta. Questi non hanno l'azione irritante del classico lassativo e non hanno controindicazioni o interazioni con i farmaci». Claudia Graziani INFORMAZIONE PROMOZIONALE

NUOVO CENTRO ESTETICO

Per un Natale all’insegna del benessere ecco i trattamenti dimagranti Figurella Per chi a Natale e le feste di fine anno desidera regalarsi il benessere c’è il nuovo centro Figurella di viale Cavina 25, all’interno del centro commerciale San Biagio. Da oltre trent’anni, è l’unico marchio leader incontrastato nel settore del dimagrimento femminile e del buon vivere legato alla forma fisica. Venerdì scorso, 7 dicembre, sfidando il freddo e la preannunciata neve, si è tenuta l’inaugurazione. Il centro ha aperto le sue porte a tutti, in via straordinaria anche a uomini curiosi di poter vedere le novità proposte nella nuova struttura. Durante la serata, a ogni ospite presente è stato offerto un gradito omaggio che consentirà di testare il celebre trattamento Figurella. In virtù del successo riscontrato, lo staff ha deciso di prolungare la promozione, offrendo l’omaggio anche a tutte le signore che si presenteranno – sempre su appuntamento – fino alla chiusura natalizia del 22 dicembre. «Gli ampi spazi e la maggiore luminosità – affermano a caldo le due titolari Daniela e Federica, soddisfatte della riuscita dell’evento –,

rendono ancora più accogliente e confortevole l’ambiente in cui ogni donna può ritrovare la consueta familiarità che da sempre contraddistingue i centri Figurella». La decisione di cambiar sede è stata dettata da diverse esigenze. In primo luogo, per perseguire l’obiettivo di aumentare i servizi dedicati alle clienti, rendono ancora più personalizzato il percorso con Figurella, integrando al trattamento del lettino e dell’ozono terapia, un circuito costituito da cinque macchinari della Technogym. In secondo luogo, era necessario rendere più gradevole l’accesso al centro con ampi parcheggi, dando la possibilità a tutte di potersi regalare un’ora di benessere e relax, durante le quali sentirsi coccolate e ben seguite dalle assistenti. Per ulteriori informazioni o per prenotare l’analisi della figura personalizzata, è possibile contattare il centro allo 0544 38045 oppure via mail scrivendo all’indirizzo ravenna@figurella.it.


SALUTE& BELLEZZA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

ATHENA SIRIO

Servizi di Assistenza alla Persona, per la serenità di famiglie e malati Garantire la migliore assistenza ai propri cari, è il solo modo per dormire tranquilli. Un principio che vale tutto l’anno ma che, con l’avvicinarsi delle lunghe festività natalizie, diventa ancor più sentito. Stare vicini a chi si vuole bene, significa soprattutto essere di aiuto nei momenti di maggiore difficoltà. E quando, per qualsiasi impedimento, non si riesce a far tutto contando solo sulle proprie risorse familiari, ecco che si può ricorrere al sostegno offerto da Athena Srl. La società, nata a Forlì nel 1999, fornisce un nuovo Servizio alla Persona il cui obiettivo prioritario è quello di dare una mano alle famiglie e di dare serenità al malato o a chiunque, anche momentaneamente, abbia bisogno dell’appoggio di personale medico e professionisti del settore socio-sanitario. «Ci stiamo avvicinando al periodo per eccellenza delle tanto sospirate ferie – afferma Silvana Maida, responsabile e amministratore unico della società –. Athena Srl è in grado di fornire un’adeguata assistenza per tutto il periodo delle vacanze o per i giorni di assenza correlati a impegni lavorativi, per consentire alle famiglie con un parente malato o un genitore anziano, in casa o ricoverati, di partire o stare fuori città per qualche giorno senza preoccupazioni. Il nostro personale altamente qualificato è in grado di prendersi cura delle persone a livello umano, assistenziale e medico. Tenendo conto delle specifiche esigenze di ciascuno, selezioniamo il per-

MERLINO E IL DESTINO ARIETE Con Mercurio in trigono non sarà difficile risolvere piccole grane di lavoro che si presenteranno giovedì e venerdì. Ma state tranquilli, perché non dovrete faticare altrettanto per dedicarvi ad una sana e inconsapevole attività fornicatoria. Attenzione a fetenti travestiti da palline di Natale. TORO Moderate il garbo da chow chow con la prostatite se qualche figlio di meretrice o le scadenze prima delle festività Natalizie dovessero intralciare il vostro modo di lavorare. Domenica qualche frizione di troppo in famiglia potrebbe attenuare la vostra vis suina. State calmi e non sfogatevi sul patner. GEMELLI Concentrate tra giovedì e venerdì gli impegni più urgenti, se non volete che certa gente ve le faccia girare come le pale eoliche sulla palizzata di Marina di Ravenna. Domenica fate più attività fisica col partner, se c’è, o da soli. Vi aiuterà a smaltire stress ed i chili di troppo prima di Natale.

sonale più adatto per svolgere i servizi richiesti». Athena Srl fornisce anche un utile servizio di assistenza ai malati cronici, quali diabetici o persone affette dal morbo di Parkinson, dalla sclerosi multipla, etc., costrette spesso a fare i “giocolieri” per seguire le indicazioni terapeutiche. «Ci sono patologie più facili di altre da gestire – aggiunge Silvana Maida –, e altre che richiedono l’assunzione di farmaci in orari e dosi che possono variare. In quest’ultimo caso, può essere necessario il supporto di operatori specializzati che rendono più semplice la quotidianità». Durante tutto l’anno, inoltre, è possibile sottoscrivere una tessera annuale pari a 35 euro, valida per l’intero nucleo familiare, che consente il ritiro di ricette mediche e la consegna di farmaci e parafarmaci a domicilio. Un servizio che consente un notevole risparmio di tempo e di denaro, considerando quanto può essere dispendioso fra permessi di lavoro e spostamenti organizzarsi in certe situazioni.

Athena Sirio Info: 800 910298 - cell. 333 2860886 www.athenasirio.it - info@athenasirio.it INFORMAZIONE MEDICA

ODONTOIATRIA IN PILLOLE

Il ribasamento della protesi dentaria È un metodo semplice per rendere nuovamente efficiente una protesi di qualche anno che nel tempo ha perso la sua efficienza iniziale, il rimodellamento dell'osso, cioè la sua perdita, è un processo che nella bocca non si arresta neppure in tarda età, così anche per i tessuti molli, le gengive. Anche il riassorbimento (diminuzione in volume dell’osso) è favorito della protesi stessa, che esercita una pressione sulle gengive e sul palato ove si adagia. Più è instabile maggiore è il riassorbimento. Detto questo è facile comprendere che col tempo la protesi perde la sua precisione originaria. Il rimedio a tale inconveniente di solito non è complesso si tratta di “ribassare” la protesi cioè aggiungere una quantità di resina acrilica sufficiente a colmare il gap creatosi. Inoltre và ricordato che una protesi instabile si spezza molto più di frequente di una ben adattata, poiché la flessione che si esercita sul materiale di costruzione provoca micro fratture nei legami dei polimeri sino a renderlo fragile.

35

CANCRO La Luna congiunta a Marte in opposizione impone di planare dalle cime dei sogni di gloria sulla molto più prosaica terra. Insomma, dovrete farvi due glutei come due tetragoni e rosicchiare le bolas di colleghi e collaboratori. Rimandare alla prossima settimana eventuali litigi col partner. LEONE Approfittate di Mercurio e Sole in trigono per lasciare ad altri il podio nella classifica dei scassa-zebedei senza possibilità di appello. Vedete di sgonfiare quel pallone gonfiato del vostro ego e siate più gentili soprattutto ora che si avvicina il Natale. L’amore intanto è big big pallous. Passerà. VERGINE Anche se Mercurio è dissonante, non dovrebbe farvi prolassare gli zebedei. Avete il giusto nazi-self-control per risolvere molte situazioni ed il sex non è più motivo di isterie ed ischemie. Perché semplicemente non c’è, ma riuscirete lo stesso a stare bene col partner, suo malgrado in stand by. BILANCIA L’approssimarsi delle Feste e i mille impegni da assolvere vi richiedono maggiore organizzazione e controllo dell’emotività. Non reagite come suocere se non volete far venire il mal d’auto a chi avrà la sfortuna di scontrarsi con voi. Andrà meglio nel fine settimana, da dedicare allo shopping. SCORPIONE Venerdì e sabato saranno le giornate più nervose: la vostra fitta agenda di impegni, congiunta alla soavità del rottweiler con la gastrite potrebbe incorrere nelle timide rimostranze di colleghi e partner. Anche l’amore è sul genere melma piatta, tanto vale domenica dedicarsi allo shopping. SAGITTARIO Mettete pure in conto qualche tensione, ma con Sole e Mercurio dalla vostra parte vi sentite più forti e lavorare sarà meno arduo. Giovedì e venerdì dovrete sgambare come cani per portare a termine tutti gli impegni, ma in amore il partner vi fermerà gridando “fallo!”, e non solo con la mano. CAPRICORNO Con Marte nel segno, riuscirete a mettere energia e passione in ogni cosa che fate, neanche foste ispirati da una scopetta elettrica. Non è il momento degli sfigo-pessimismi. Agite anche se vi dovrete fare un sedere a forma di capanno, ma approfittate del fine settimana per riposare.

Stomatologica srl - via Duino 14 - Ravenna www.stomatologica.it - info@stomatologica.it

ACQUARIO Chi fa per sé fa per tre. Questo è vero soprattutto per il vostro ego proteiforme che questa settimana troverà di che sfamarsi. Tra gli impegni di lavoro e i preparativi delle feste, non tagliate con l’ascia chi vi manda il sangue al cervello. Bene creatività e faccia di glutei in fatto di intraprendenza suina. PESCI Insieme all’umore cresce anche l’energia psico-fisica per sbrigare tutti i vostri impegni. In vista di certe scadenze di fine anno osservate solo un po’ di cautele negli acquisti di Natale, se non volete ritrovarvi chiedere prestiti come la Grecia. Il fascino non è più da sfigati e si fornica un bel po’.


UN NOME UTILE... PER CUCIRE FACILE!!!

dal 1920

BOLOGNA

RIMINI

RAVENNA

FORLÌ

Via Irnerio, 6/A

C.so Giovanni XXIII, 49

Via Maggiore, 6/A

Viale Roma, 60/D

Tel. 051.247804 Tel. 0541.54587 Tel. 0544.37313 Tel. 0543.33756

CESENA - CENTRO COMM.

VIA RAVENNATE - FAX E TEL. 0547 382440

Per Natale REGALATEVI O FATEVI REGALARE una macchina da cucire o tagliacuci!!! TOYOTA

BROTHER

automatica

semiautomatica

€96,00

€95,00

SINGER

NECCHI

automatica

superautomatica

€135,00

€189,00

SINGER

BERNINA

superautomatica

automatica

€180,00

€195,00

PFAFF

TAGLIAECUCI

superautomatica

overlock

€210,00

€260,00

NECCHI ELETTRONICA

€338,00

NECCHI HELLO KITTY

€129,00

RIPARIAMO qualsiasi tipo e marca di macchina per cucire o maglieria con ricambi originali e personale specializzato. ANCHE A DOMICILIO!


INFORMAZIONI& SERVIZI

FIDO IN AFFIDO

Dick

Dick ha 4 anni, il pelo corto color miele ed è di taglia piccola. Essendo un meticcio pincer, ha tutta l’esuberanza e il caratterino della razza! Donategli un Natale in una casa vera!

INFOCITTÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

Per conoscerlo e adottarlo rivolgersi al canile di Ravenna: tel. 0544 453095.

ADOTTAMICI

Martino

QUALITÀ DELL’ARIA IQA dal 3 al 9 dicembre 2012 Stazione Rocca Brancaleone Via Caorle Zalamella Agglomerato di Ra.

Lun

Legenda IQA Buona Accettabile

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

Per conoscerlo e adottarlo chiamate: Giovanna, cell. 333 7197573

GARE CAMPESTRI

Direttore responsabile: Fausto Piazza Collaborano alla redazione: Federica Angelini, Luca Manservisi, Guido Sani, Serena Garzanti (segreteria), Maria Cristina Giovannini (grafica)

Mediocre

Scadente

Pessima

L’IQA (Indice di qualità dell’aria) rappresenta sinteticamente lo stato complessivo dell’inquinamento atmosferico. Viene calcolato sulla base dei livelli di concentrazione degli inquinanti più critici del nostro territorio: particolato fine (PM10), biossido di azoto ed ozono. In funzione del suo valore si individuano cinque classi di qualità dell’aria. I dati giornalieri di Qualità dell’Aria relativi alla Provincia di Ravenna sono consultabili al sito: http://www.arpa.emr.it/ravenna/. L’andamento giornaliero delle concentrazioni di polveri PM10 in Emilia-Romagna è consultabile al sito: http://www.liberiamolaria.it

Collaboratori: Andrea Alberizia, Roberta Bezzi, Matteo Cavezzali, Francesco Della Torre, Lorenzo Donati, Nevio Galeati, Claudia Graziani, Giorgia Lagosti, Linda Landi, Sabrina Lupinelli, Maria Giovanna Maioli, Fabio Magnani, Giulia Montanari, Angela Schiavina, Serena Simoni Fotografie: Paolo Genovesi, Fabrizio Zani Illustrazioni: Gianluca Costantini Redazione: tel. 0544 271068 - Fax 0544 271651 - redazione@ravennaedintorni.it Direttore Generale: Claudia Cuppi Segreteria Commerciale: Veronica Rinasti, tel. 392 9784242 Pubblicità: Reclam Edizioni & Comunicazione srl Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it Stampa: Galeati Industrie Grafiche, www.galeati.it

FARMACIE APERTURA DIURNA 8.30-19.30 Dal 13 al 15 dicembre Comunale 6, piazzale Farini 6 - tel. 0544 212835; San Domenico, viale Alberti 61 - tel. 0544 401550; Comunale 3, via Po 18 (Porto Corsini) - tel. 0544 446301; Comunale 9, viale Petrarca 381 (Lido Adriano) - tel. 0544 495434.

PULIZIA

Dal 17 al 19 dicembre Dell’Aquila, piazza XX settembre 1 - tel. 0544 30173; Candiano, via Trieste 1 - tel. 0544 422590; Comunale 10, via 56 Martiri 106/E (Ponte Nuovo) - tel. 0544 61088; Al Mare, viale Mare 80 (Casalborsetti) - tel. 0544 445019; Comunale 5, via delle Nazioni 77 (Marina di Ravenna) - tel. 0544 530507.

APERTURA NOTTURNA 22.30-8.00 E TUTTI I SABATO 8-12.30 Comunale 8,

via Fiume Abbandonato 124 - tel. 0544 402514.

APERTURA DOMENICALE 8.30-12.30 / 15.30-19.30 Comunale 5,

via delle Nazioni 77 (Marina di Ravenna) - tel. 0544 530507.

E GIARDINAGGIO

Condomini Uffici privati e pubblici Lucidatura pavimenti (CRISTALLIZZAZIONI)

Sgrassature e pulizie di fondo

Manutenzione giardini privati e pubblici Potature di alto fusto con macchinari specifici

334 3218031

•PRONTO INTERVENTO •INTERVENTI D’EMERGENZA •PREVENTIVI GRATUITI Lido Adriano - via T. Zancanaro, 74 - tel./fax 0544 493950

A cura del Comitato UISP di Ravenna via G. Rasponi, 5 - RA tel. 0544.219724 - fax 0544.219725 E-mail: ravenna@uisp.it - www.uisp-ra.it

SULLA NEVE/1

Sabato 15 dicembre Multirischi Neve, la polizza Uisp per sciare in sicurezza la terza tappa del Ravenna Cross

La ventesima edizione del Ravenna Cross Uisp, il circuito di gare campestri organizzato dalla Lega Atletica Leggera della Romagna, è giunto alla terza delle cinque prove previste. La terza tappa è in calendario per sabato 15 dicembre ad Alfonsine presso la Bruschetteria il Bruscolo in via Reale a partire dalle ore 15. Abbinata alla gara competitiva, che sarà suddivisa nelle varie categorie, prenderà il via anche una camminata non competitiva aperta a tutti i tesserati. Le prossime gare previste sono: sabato 22 dicembre 2012 a Cotignola presso l’area lago pesca sportiva e ultima sabato 29 dicembre 2012 presso la Pineta di Classe organizzata, da ADVS Caveja.

Autorizzazione Tribunale di Ravenna n. 1172 del 17 dicembre 2001 Edizioni & Comunicazione srl Editore: Via della Lirica 43 - 48100 Ravenna - Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it

Domenica 16 dicembre Dell’Aquila, piazza XX settembre 1 - tel. 0544 30173; Candiano, via Trieste 1 - tel. 0544 422590; Comunale 10, via 56 Martiri 106/E (Ponte Nuovo) - tel. 0544 61088; Comunale 5, via delle Nazioni 77 (Marina di Ravenna) - tel. 0544 530507.

Martino è un gattino dolcissimo, ma molto timido e sensibile. Aspetta un padrone tranquillo e paziente, che si possa occupare di lui e gli voglia tanto bene!

37

SULLA NEVE/2

L’Uisp Lega Sci dell’Emilia Romagna è convenzionata con i comprensori sciistici più importanti e rinomati dell’intero arco alpino. Tutti i soci tesserati di qualunque disciplina sportiva, alla presentazione della tessera Uisp dell’anno in corso potranno accedere alle agevolazioni per lo skipass giornaliero e stagionale. Per accedere alla convenzione stagionale gli skipass dovranno essere prenotati presso i Comitati di appartenenza della Lega Sci. Sarà inoltre possibile ricevere sconti anche sulle prenotazioni alberghiere e sulle scuole sci di molti comprensori dell’arco alverso il congresso pino e dell’Appennino. Per informazioni più dettagliaIL 19 GENNAIO L’ELEZIONE DEL NUOVO te e per scaricare le brochure CONSIGLIO DIRETTIVO complete delle convenzioni si può Il 12, 13 e 14 aprile 2013 si svolgerà il XVII Congresso Nazionaconsultare www.uisp.it/ravenna le della Uisp che sarà preceduto dai congressi regionali e tere consultare il menù sullo sci. ritoriali. La macchina che porterà al rinnovo delle cariche alOltre alle convenzioni, la Uisp l’interno della nostra associazione è cominciata già da tempropone agli sciatori più attenti po. Il direttivo della Uisp Ravenna ha già deliberato, in accorla polizza assicurativa “Multirido con le normative nazionali, il luogo e la data di svolgimenschiNeve”, studiata per chi scia e to del congresso territoriale, che si terrà sabato 19 gennaio per tutti gli sci club. 2013 presso la Sala Forum dell’Ufficio Decentrato del ComuSi tratta di un prodotto assicune di Ravenna in via Berlinguer 11 a Ravenna. rativo che tutela maggiormente il Il Congresso Territoriale dovrà essere occasione per fare il socio durante l’attività motoria punto sull’attività del Comitato di Ravenna ed eleggere il nuosulla neve. La polizza offre una vo consiglio Direttivo, ma sarà anche luogo di incontro e dicopertura di Responsabilità Civibattito con le oltre 100 società affiliate, in rappresentanza dele Terzi, assistenza H24 e una gagli oltre 11.000 soci del nostro territorio. Al congresso avranranzia infortuni. Per maggiori no diritto a partecipare i rappresentanti dei soci collettivi, cioè informazioni visita la pagina: le società regolarmente affiliate e i rappresentanti delle leghe http://www.uisp.it/areaneve regolarmente costituite e i delegati dei soci individuali. /index.php?contentId=335.

Sci, promozioni e convenzioni con i maggiori comprensori Riprendono le attività turistiche invernali organizzate da Uisp Ravenna in collaborazione con Uisp Lugo. Novità alle porte per la stagione 20122013, che comprendono luoghi vacanza e promozioni. Gli sport invernali sono sempre state attività in cui Uisp ha investito molto negli ultimi anni per soddisfare i propri soci in termini di accessibilità e fruibilità. Sono nate importanti convenzioni con i comprensori sciistici più rinomati dell’intero arco alpino e non solo. Da quest’anno il socio Uisp potrà contare su un elevato numero servizi convenzionati (scaricabile sul sito) e un’importante scontistica per quanto riguarda hotel, ristoranti,

scuole sci e noleggi. Senza dimenticare le straordinarie offerte che Uisp Ravenna e Lugo propongono per la nuova stagione. La storica Happy Sestola il 13 gennaio 2013, 18-20 gennaio week end all’Alpe di Siusi, il 2-3 febbraio week end al Corno alle Scale, due giorni al rifugio Duca degli Abruzzi, lo SnowboarDay a Zoldo il 17 febbraio 2013 e per chiudere il 3-4 marzo fine settimana in Val di Luce. Il calendario completo delle iniziative è disponibile sul sito www.uisp.it/ravenna dove è possibile trovare anche le informazioni sulle principali convenzioni con alberghi e comprensori sciistici.


SETTIMANALE inserto di Ravenna&Dintorni giovedì 13 dicembre 2012

Francesca Leonzi

Consulenza Immobiliare c/o v. Carlo Levi n.62 48121 Ravenna (RA) cell. 327 1248 718 francesca.leonzi@libero.it SAN MICHELE appartamento al 2° ed ultimo piano: balcone di arrivo, cucina abitabile con balcone, soggiorno con camino e balcone, letto matrimoniale, bagno, ampia mansarda abitabile con 1 letto, studio, bagno, ripostiglio, balcone. Garage doppio e posto auto al P.T. Risc. aut. Classe energetica “F” EP 175,98 € 158.000,00 MARINA DI RAVENNA ZONA CENTRALE delizioso monolocale ben rifinito e completamente arredato: soggiorno con angolo cucina, zona notte separata, balcone comune, bagno, posto auto scoperto. Riscaldamento autonomo, clima. Classe energetica "D" EP 99,07 € 165.000,00 SAN MARCO: monolocale ben rifinito al piano terra, con ingresso indipendente, cortile sul fronte e giardino sul retro, soggiorno con angolo cucina (arredato), zona notte separabile, bagno. Riscaldamento autonomo. Classe energetica “E“ EP 161,26 € 88.000,00

CENTRO STORICO - VIA DI ROMA: appartamento bilocale al primo piano di stabile di 4 unità, ben tenuto e completamente arredato: ingresso, sala con angolo cucina in nicchia, letto matrim., bagno. Risc. aut. Clima. Classe energetica “G” EP 235,86. € 105.000,00 RAVENNA - VIA CARLO LEVI: in edificio ad altissima prestazione energetica, certificato Classe “A+” (Regione Emilia Romagna) e Classe “A” Casa Clima, appartamenti di varie tipologie, attici, uffici e box auto. Finiture interne a scelta del cliente. Info in agenzia VIA RUBICONE: luminoso appartamento all’ultimo piano, composto da: ampio ingresso, cucina, soggiorno/ pranzo, ampio disimpegno, letto matrimoniale, bagno, balconcino. Garage al piano interrato. Classe energetica “G” EP 441,10 € 130.000,00 ZONA CENTRALE: casa abbinata ad un lato, da rimodernare, con ampio giardino di mq. 360. P.T.: garage, ampia cantina, lavanderia; P.R.: ingresso, cucina, soggiorno/pranzo, balcone, bagno; P.P. 3 letto matrim., balconi, bagno. Possibilità di ampliamento di ulteriori mq. 168 con progetto di edilizia sostenibile. Cl. energ. “G” EP 260,28 € 390.000,00 CENTRO STORICO: in stabile di due sole unità ampio e luminoso appartamento su piani sfalsati, da ristrutturare, cosìcomposto: ingresso, cucina, sala pranzo, salo-

ne con camino, 4 letto, studio, doppi servizi, balcone, ampia cantina, piccola corte interna e annesso locale commerciale al piano terra trasformable in autorimessa o in studio professionale. Risc. aut. Info riservate in ufficio ZONA CENTRALE negozio con vetrina, composto da un vano unico oltre a soppalco e servizio. Riscaldamento autonomo. Parcheggio adiacente. Disponibilità immediata. € 120.000,00 ZONA GALLERY: in zona molto tranquilla villetta d’angolo con giardino sul fronte, composta da P.T.: portico, ingresso, cucina, soggiorno/pranzo, bagno, garage; P.P.: ampio disimpegno, 3 letto, bagno, 2 balconi. Sottotetto uso ripostiglio. Riscaldamento autonomo. Clima € 250.000,000 RUSSI: villa indipendente in ottimo stato, con parco alberato di 4500 mq, così composta P.T.: ampio ingresso con accesso dal patio prospicente il giardino, studio, salone con camino, doppio garage, taverna con camino e forno a legna, bagno, locale caldaia; P. 1°: cucina abitabile con balcone, soggiorno/pranzo con camino e balcone, bagno, disimpegno notte con 3 letto, bagno e loggia; mansarda abitabile con letto e studio, bagno, ripostigli. È possibile creare un’unità indipendente al piano terra. Risc. autonomo e clima. Info riservate in ufficio VICINANZE MEZZANO: delizioso bilocale di recente costruzione al 1° ed ultimo piano, composto da: soggiorno con angolo cucina (arredato), 2 letto, bagno. Cantina e posto auto al piano terra. Risc. aut. Clima. Classe energetica “E” EP 165,76 € 128.000,00

VENITE A TROVARCI IN UFFICIO TUTTI I GIORNI DALLE 10 ALLE 18 E IL SABATO MATTINA SU APPUNTAMENTO

Agenzia Immobiliare

ROMAGNA AFFITTASI S. ROCCO (VIA MANGAGNINA) In zona molto apprezzata, Attico di ampia metratura posto al 3° ed ultimo piano con ascensore. Ingresso, salone con terrazzo a loggia ampio e conviviale, cucina abit., disimp., 2 bagni (uno con doccia ed uno con vasca), 3 letto. Mansarda con scala diretta: salone, lavanderia-stireria, terrazzo di oltre 30 mq. Posto auto coperto e cantina. Risc. aut. €900,00 tratt S. BIAGIO/CENTRO (VIA MAGGIORE) appartamento molto silenzioso, arredato, al primo ed ultimo piano senza spese condom. composto da: soggiorno/letto, cucina separata semiabitabile, bagno con doccia. Corte interna per bici. €400,00 PONTE NUOVO: appartamento ampio posto al 3° ed ultimo piano con ascensore. Ingresso, soggiorno con balcone, cucina abitabile con balcone, ripostiglio, disimpegno, 3 letto (matrimoniale e 2 singole), 2 bagni (con vasca e con doccia). P.T. garage. Impianti autonomi, risc. autonomo. NON arredato. €650,00 tratt S. BIAGIO: Bilocale recente al 1° piano composto da soggiorno di oltre 25 mq. con ang. cottura arredato, disimpegno, letto matrim. e bagno. Cantina e posto auto. Risc. aut. €450,00 tratt. Solo referenziati S. BIAGIO/CENTRO: appartamento in bifamiliare, al 1° ed ultimo piano. Soggiorno con cucina a vista, letto matr.le, bagno e ripostiglio. ARREDATO. No spese condominiali. €460,00

Via degli Spreti, 71 ✍Ravenna Tel.0544.501515 - Fax 0544.504972 agenziaromagna@libero.it

S. ROCCO/CENTRO: Casa tipica del centro autonoma, recentemente restaurata, con bei pavimenti in cotto. Soggiorno con cucina a vista, 2 letto matrimoniali, bagno e ripostiglio. Arredata. No giardino. €620,00 tratt

composto da soggiorno con cucina a vista, disimpegno, letto matrimoniale, camera guardaroba, ripostiglio e bagno. Posto auto. Riscaldamento a pavimento. Finiture a scelta. €200.000. S. BIAGIO:

VENDESI S. ROCCO: Attico di prossima realizzazione. In contesto di poche unità splendido appartamento posto al 2°ed ultimo piano con ascensore. Libero su 4 lati con ampio ingresso, salone di oltre 40 mq, bagno, cucina/pranzo spaziosa di 20 mq con accesso a terrazzo/loggia di oltre 46 mq, disimpegno, bagno zona notte, 2 letto doppie e letto matrimoniale con bagno padronale, balcone. P. T. garage e posto auto. Cantina P. Int. Classe energ. “A”. Info in ufficio. S. ROCCO:

villetta a schiera degli anni 80, ben tenuta in zona silenziosa. Soggiorno, cucina abitabile, terrazzo, 3 letto, 2 bagni, balcone. Giardino, garage, lavanderia, posto auto coperto. Mansarda godibile con bagnetto. Possibilità di realizzare il bagno nella zona notte. €285.000 tratt CENTRO STORICO/ S. BIAGIO: appartamento nuovo, al piano terra senza barriere architettoniche

recente costruzione mansardata, attrezzata a bilocale. Ambiente posto al 2° ed ultimo piano composto da ingresso, soggiorno con cucina a vista, bagno con vasca, letto matrimoniale e ripostigli. Impianti a norma. No possibilità di residenza. €60.000 GODO:

appartamento in villa del 2009, indipendente, piano terra con giardino ad angolo di oltre 120 mq. Ingresso, ampio soggiorno con cucina a vista arredata, disimp., 2 letto (15 e 11), bagno con doccia. Direttamente dal soggiorno si accede alla taverna ed al garage. Predisp. clima, aspiraz. polveri, risc. a pavimento, ottima godibilità del giardino. €172.000 tratt.

MEZZANO (RA)

vendesi delizioso bilocale arredato composto da: soggiorno con angolo cottura, bagno, ampia camera da letto, giardino, cantina, posto auto. Rif. 873 € 115.000,00 RAVENNA

2 bagni, ampia cantina e taverna con camino. Rif. 855 € 460.000,00 RAVENNA

nel cuore del centro storico, adiacente alla Basilica di San Vitale, appartamento al primo piano con ascensore, composto da: ingresso, soggiorno, cucina abitabile, disimpegno, 2 bagni, 2 camere da letto, cantina, oltre a cortile e serivzi comuni. Rif. 012SC € 220.000,00 BAGNACAVALLO (RA)

appartamento al primo piano con ascensore, composto da: ingresso, soggiorno/pranzo, cucina abitabile, disimpegno, 3 camere da letto, 2 bagni, garage e cantina nell’interrato. (I.R.) Rif. 80SC € 225.000,00 RAVENNA, BORGO S. BIAGIO

in condominio molto signorile anni ’80, vendesi ampio appartamento al 3° ed ultimo piano, composto da: ingresso, soggiorno, cucina, balcone, tre camere da letto, due bagni, garage. Risc. autonomo, ascensore. Rif. 877 € 250.000,00 RAVENNA, ADIACENZE CENTRO STORICO

vendesi casa abbinata in buono stato d’uso, composta da: ampio giardino, ingresso, cucina abitabile, soggiorno, 3 letto,

adiacenze centro storico, proponiamo in vendita una bella casa, composta da due unità immobiliari indipendenti, aventi ciascuna le seguenti caratteristiche: ingresso , soggiorno con balcone, cucina abitabile, tre camere da letto , due bagni, garage, servizi e parco alberato. IDEALE PER DUE NUCLEI FAMILIARI. Rif. LSC01 € 360.000,00 RAVENNA, CENTRO

Appartamento mansardato al 2° e ultimo piano, composto da soggiorno/pranzo con an-

golo cottura, disimpegno, bagno, camera da letto. Da rogitare nel gennaio 2014. Rif. GSC1 € 120.000,00 BORGO FAINA

A pochi Km da RAVENNA, villetta abbinata con ing. ind., giardino su due lati e composta al P.T.: soggiorno-pranzo, cucina abit., bagno e garage riscaldato; al P.P.: 3 camere da letto, bagno e balcone.Tendaggi, zanzariere e gazego. (I.R). Rif. SCN2 € 240.000,00 RAVENNA, BORGO S. BIAGIO

vendesi appartamento al 4° ed ultimo piano, composto da: ingresso, cucina, tre letto, bagno, due balconi, garage e cantina. Riscaldamento con contabilizzatore, ascensore. Rif. 841 € 210.000,00 RAVENNA CENTRO

vendesi casa tipica del centro storico, composta da 2 appartamenti per un totale di mq. 356, parzialmente da ristrutturare. L’immobile si sviluppa su 2 piani ed ha una corte interna, garage. Rif. 869 € 650.000,00

RAVENNA, AFFITTANSI APPARTAMENTI DI DIVERSE TIPOLOGIE a persone referenziate.Prezzi a partire da € 500,00 mensili

Ravenna - Via G. Garatoni, 12 - tel. 0544.35411 - www.grupposavorani.it


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 13 dicembre 2012

ASPPI Notizie

Fotovoltaico e condominio Scegliere il fotovoltaico per i 14 milioni di italiani che vivono in condominio non è semplice. Il primo scoglio è la litigiosità dei condomini e quindi le difficoltà per mettersi d’accordo. Ma difficilmente l’installazione è sufficiente per soddisfare tutte le unità abitative dell’edificio condominiale. Per soddisfare un appartamento servono in media 3 kW e dato che sono necessari 8 metri quadrati per ogni kW il conto, quasi sempre, ci dice che il tetto di un condominio è insufficiente. Ma di solito ci sono spazi più che sufficienti per produrre energia per gli usi condominiali: ascensore, luce scale e pompa dell’impianto di riscaldamento. Molto spesso però è possibile utilizzare le pensiline dei posti auto, le aree verdi ed i terrazzi privati. Attenzione però, in caso di impianti con produzione superiore ai 20 kW è necessaria l’autorizzazione della Regione e la denuncia all’Agenzia delle Dogane. Alcuni esempi a Ravenna ci sono, come l’impianto installato sul vecchio “grattacielo” di via Magazzini Anteriori in Darsena, ove volendo è possibile avere informazioni sulla strada da percorrere. Chi vuole investire in energia pulita può farlo attraverso cooperative e gruppi di acquisto per realizzare impianti in multiproprietà. Sul sito web di Retegas si possono reperire le informazioni necessarie.

CEDESI ATTIVITÀ DI LAVANDERIA SELF SERVICE Prezzo interessante UNICA ATTIVITÀ zona Russi per info: 333 3801531

Artigiani riuniti in cooperativa

Associazione sindacale piccoli proprietari immobiliari Ravenna Via R. Serra, 65 tel. 0544 470102 fax 0544 470075 info@asppi.ra.it www.asppi.ra.it Faenza Via Cavour, 25 tel. 0546 25807 faenza@asppi.ra.it Lugo Via Manfredi, 41 tel. 0545 33356 lugo@asppi.ra.it SERVIZI AI SOCI - Gestione contratti di locazione - Assistenza legale - Consulenza condominiale - Consulenza tecnica - Affitti e vendite da privato a privato Dal 1980 a Ravenna

IMMOBILI Case e appartamenti in vendita Offerte MEZZANO (RA), vendesi delizioso bilocale arredato composto da: soggiorno con angolo cottura, bagno, ampia camera da letto, giardino, cantina, posto auto. Rif: 873 €.115.000,00 tel. 0544.35411 RAVENNA, vendesi appartamento composto da: soggiorno con angolo cottura, bagno con finestra, disimpegno, camera da letto, balcone e posto auto. Riscaldamento autonomo.

PENSIONATO 66enne cerca un’amica compagna di viaggi, italiana, seria max 62enne per fare passeggiate, gite, viaggi e crociere. Cell. 333 5931926

Si eseguono lavori di LUCIDATURA PAVIMENTI IN MARMO, COTTO, E PARQUET Un solo interlocutore - No stress Eseguiamo tutti i lavori dal trasloco alla ristrutturazione! Chiama il numero 348 1645464 Rif. 874 €. 130.000,00 esperienza settore alberghiero, e commessa, cerca tel. 0544.35411 impiego. Tel. 333 1329418 MARINA DI RAVENNA vendesi negozi e splendidi appartamenti di diverse tipo- Collaboratrici domestiche logie, ottimamente rifiniti, baby sitter ottimamente rifiniti, con posto auto o garage. Classe Cerco lavoro come badanenerg. “A”. Rif. 1SC info te o colf 4 ore al mattino o in agenzia tel. 0544.35411 al pomeriggio. Tel. 348 9120511 ZONA CENTRALE Negozio con vetrina, composto da un vano unico oltre a sop- Altri palco e servizio. Risc. aut. 58enne cerca urgenteDisponibilità immediata.Tel. mente qualsiasi occupazio327 1248718 € 120.000,00 ne: manovale, operaio, autista pat. B, similari. No alVIA CARLO LEVI In stabile tezza giornaliero, preferibicertificato classe “A+” (re- le full time, in mancanza gione Emilia Romagna) e anche part time. Tel. 392 classe “A”- Casa Clima, ap8084774 partamenti di varie tipologie, attici, uffici e box auto. Cercasi lavoro pomeridiaFiniture interne a scelta del no come promoter, baby cliente. Tel. 327 1248718 sitter, assistenza anziani, Info in ufficio dog sitter, telefonista. Massima serietà zona Ravenna. Tel. 334 9091132 Case e appartamenti in

affitto Offerte/Domande Ravenna appartamento bilocale arredato: angolo cottura, soggiorno, letto, bagno, cantina, posto auto. Con possibilità di vendita. Tel. 0544 527107 *

LAVORO DOMANDE Impiegati

Lavorante parrucchiere unisex con molta esperienza, cerca lavoro anche come responsabile o da gestire negozio. Disponibile subito. Tel. 328 4152536

ATTIVITÀ PROFESSIONALI Artisti musicisti spettacolo

D.j. vocalist, ESPERTO Libero le vostre cantine da ANCHE DOPPIAGGI VOlibri,fumetti, dischi e cose CALI PER I TUOI PARTY vecchie, acquisto pagando CON MUSICA DI GRANDE bene. Tel. 349 2247702 EFFETTO. POSSIBILITA’ STRUMENTAZIONE PROPRIA OFFRESI Tel. 340 Addetti pubblici esercizi Laureata in lingue, con 7171418 *

è in distribuzione il numero di dicembre

Ravenna, via della Lirica 43 - tel. 05440544 408312 - www.reclam.ra.it


Ravennaedintorni-515-131212  

Ravennaedintorni-515-131212

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you