Issuu on Google+

Cercaci su

: Naturas i Ravenna Ravenna Via Faentina 121 tel. 0544 502490

www.naturasi.eu

24 novembre 2011 n. 465

w w w. r a v e n n a e d i n t o r n i . i t

Redazione tel 0544 271068 redazione@ravennaedintorni.it • Pubblicità tel. 0544 408312 info@reclam.ra.it

IL CASO

Il teatro di Martinelli boicottato in Calabria A PAGINA 3 POLITICA

Nel Pd c’è chi vuole le primarie aperte A PAGINA 11 DARSENA

In archivio la prima fase della partecipazione A PAGINA 14 REPORT PORTO

Crociere: nel 2013 attracchi per tre navi DA PAGINA 15 TEATRO

Gli spettri dell’Elektra aprono la stagione di prosa A PAGINA 18 MUSICA

Al Bronson The Sonics e Richard Buckner A PAGINA 20 RAVENNA 2019

Corsa a capitale cultura Quarta traccia con Tinagli A PAGINA 22

EMERGENZA FREDDO

Quei venti posti al caldo Senzatetto: arrivano le tende e si cercano volontari. Polemiche sui “clandestini” CINEMA

TECNOLOGIA

Se l’ente pubblico si dimentica la posta elettronica

Dopo mesi in cui si sono succedute polemiche e annunci, le tende riscaldate dove ospitare una ventina di senzatetto stanno per essere montate, mentre è in atto la ricerca di volontari che siano disposti a trascorrervi le notti più fredde insieme ai clochard. Si tratta di un progetto sperimentale con ancora molte incertezze dovute anche al mutato panorama dei senzatetto in città e nessuno oggi azzarda ipotesi sulla risposta che potrà avere il servizio. Incertezze che fanno dire, ad alcuni di coloro che a settembre hanno firmato perché le tende non venissero collocate negli spazi della parrocchia del Torrione che forse qualche ragione, a essere preoccupati, ce l’avevano. Intanto però c’è un’altra parte di società civile che si è mobilitata, in senso opposto, intorno a questo tema per sollecitare prese di posizioni politiche dell’Amministrazione, per esempio sulla necessità di garantire riparo dal freddo anche agli irregolari, i cosiddetti “clandestini”, come sta avvenendo a Bologna. Ma c’è un’altra questione che intreccia il progetto tende che può essere posta in senso più ampio: siamo sicuri che sia giusto chiedere ai volontari di farsi completamente (o quasi) carico del buon funzionamento di un progetto coordinato dal Comune? Proteggere le persone – chiunque esse siano – dal rischio di malattia, per non parlare di morte, causate dal freddo è o non è un dovere di un’Amministrazione?

A ogni edizione – e siamo alla nona – è sempre confortante scoprire che le proposte del festival di documentari d’autore Per non morire di televisione! registrano il tutto esaurito. Evidentemente la rassegna curata da Fabrizio Varesco ha colto nel segno, intuendo che di realtà c’è bisogno, che le storie vere, se raccontate bene da registi ormai sempre più specializzati, sono belle. Da venerdì 25 a domenica 27 novembre ci attende dunque una tre giorni intensa al cinema Corso, con documentari da tutto il mondo (nella foto un’immagine di quello d’apertura, “148 Stefano”, sulla morte di Stefano Cucchi), tanti ospiti in sala, eventi speciali e retrospettive. Appunto per non morire di televisione.

Lavorare il legno a mano per farne un armadio è un’arte antica, da imparare in bottega con un maestro. Oggi non c’è più chi voglia impararla e allora i vecchi falegnami si ritrovano senza eredi e le loro botteghe diventano uffici per qualche azienda dove qualcuno starà seduto otto ore davanti a un monitor. Ma non mancano i giovani che si inventano anche un artigianato tutto loro, magari mettendo da parte una laurea per coltivare una passione che diventa lavoro.

ANGELINI ALLE PAGINE 6-7

SERVIZI A PAGINA 4 E195 SERVIZIO A PAGINA

CAVEZZALI ALLE PAGINE 8-9

Marzia ed il suo staff ti aspettano per farti assaggiare i nuovi piatti a base di ottima carne e di pasta fatta in casa. Tutte le sere dalle 19 alle 24.00 e la domenica anche a pranzo. Pranzi aziendali su prenotazione anche in settimana. Serate con musica e cucina a tema

Non moriremo di televisione

Nella società delle reti con l’informatica che tenta di semplificarci ogni situazione della vita può succedere che due enti pubblici, l’Ausl e il Comune non rispondano ai messaggi di posta elettronica che i cittadini inviano per avere informazioni in alcuni casi anche di primaria importanza. E dire che entrambi reclamizzano sui propri siti gli indirizzi di posta elettronica certificata, lo strumento che dovrebbe snellire la burocrazia pur mantenendo la stessa ufficialità della tradizionale raccomandata con avviso di invio e ricevuta di ricezione. ALBERIZIA ALLE PAGINE 4-5

ECONOMIA

Artigiani ai tempi della crisi: c’è chi molla e chi rilancia

Ristorante Pizzeria Dribbling Nuova Gestione

Chiuso il lunedì Ravenna - Via Antica Milizia 50 tel. 0544 478065 - cell. 334 1091164

www.ristorantedribbling.it O Editore Reclam Aut. Trib. di Ravenna n. 1172 del 17/12/2001 Direttore responsabile: Fausto Piazza Stampa: Galeati Industrie Grafiche Anno X nr. 464. Poste Italiane spa - Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. di legge 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB C.R.P.- C.P.O. RAVENNA. Prezzo€ 0,08 COPIA OMAGGI


CRONACA& ATTUALITÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

3

INTERVISTA A MARCO MARTINELLI A ROMA

Le Albe dirigeranno il teatro Valle occupato per 3 giorni Tanto per rendere ancor più movimentata l’ultima settimana trascorsa in Calabria, il teatro occupato Valle a Roma ha chiesto anche alle Albe di Ravenna di partecipare alla direzione artistica condivisa nata in ottobre. Ecco allora tre giorni – 16, 17 e 18 dicembre – in cui le Albe comporranno il loro cartellone ideale, presentando proprio Capusutta (a meno di risvolti negativi in quel di Lamezia) il 16, Ouverture Alcina e La Canzone dei F.P. e degli I.M. di Elsa Morante (entrambe produzioni delle Albe) il 17, mentre l'ultimo giorno, domenica 18, Punta Corsara di Scampia rappresenterà l'ultimo lavoro realizzato, Il convegno, preceduto dal video di Alessandro Renda Ubu sotto tiro, che racconta come le Albe sono arrivate a Napoli e come sono nati Arrevuoto e Punta Corsara.

Con il debutto di Donne al Parlamento il 20 e 21 novembre al Teatro Comunale Politeama di Lamezia Terme si è concluso il laboratorio teatrale Capusutta, progetto del Comune di Lamezia Terme per la direzione artistica del ravennate Marco Martinelli del Teatro delle Albe, condotto dai giovani campani di Punta Corsara. Un debutto di grande successo preceduto però da mesi non facilissimi in Calabria, sfociati nelle dimissioni, il 18 novembre, dell’assessore alla Cultura Tano Grasso (fondatore del movimento antiracket e due volte deputato), che Capusutta aveva fortemente voluto. Ricapitoliamo i fatti con lo stesso Marco Martinelli. Marco, come sono andate le due rappresentazioni di Donne al Parlamento a Lamezia? «Magnificamente. In un teatro che ha 320 posti di agibilità c’erano più di 400 persone per ogni replica, con gente in piedi, seduta per terra. Un Aristofane nella miglior tradizione della non-scuola, implacabile, con un ritmo comico serratissimo, in cui si sente tutta la comicità arcaica che diventa dell’oggi: donne che si travestono da uomini e viceversa, i cori delle ragazze che chiedono il potere e che sono a metà tra un coro di indignate e il nuovo femminismo, e nel mezzo gli adolescenti lametini e tutti i bambini rom – così tanti in scena non li abbiamo mai avuti – per un totale di sessanta. Un incon-

Per la non-scuola dei rom dimissioni e boicottaggi «In Calabria davamo fastidio»

In alto, Marco Martinelli durante le prove con i ragazzi di Lamezia; qui sopra insieme a Tano Grasso

il progetto Capusutta UN ARISTOFANE TRA RAVENNA, NAPOLI E CALABRIA Nel maggio 2010 Tano Grasso chiama a Lamezia Marco Martinelli perchè, convinto della capacità che il teatro (e nella fattispecie il metodo nonscuola del Teatro delle Albe) possiede di vivificare una città, vorrebbe “arrevuotare” Lamezia, portare cioè alla propria città quel progetto teatrale che a Napoli e Scampia era stato chiamato Arrevuoto. Proprio con i ragazzi di Scampia si crea una linea creativa a tre Ravenna - Napoli - Lamezia, un filo rosso che attraversa tutta l’Italia. Nasce così il progetto Capusutta. La commedia di Aristofane Donne al Parlamento è stata il testo traccia su cui si è articolato il laboratorio teatrale di Lamezia con circa 70 giovani, tra studenti di vari istituti superiori e bambini rom, guidati dagli educatori dell’Associazione La Strada.

tro nel segno del teatro anche tra due comunità che a Lamezia vivono forti tensioni. Molte persone ci hanno infatti ringraziato perché, al di là del valore estetico dello spettacolo, vedere fisicamente in scena le due comunità è stata un’emozione molto forte». Prima del debutto però l’assessore alla Cultura del Comune di Lamezia, Tano Grasso, si è dimesso affermando che non gli permettevano di lavorare. «In effetti sono stati mesi difficili, costellati da ostacoli, inciampi, atteggiamenti veramente brutti da parte di alcuni esponenti della macchina burocratica del Comune di Lamezia, che sono poi la causa delle dimissioni di Tano Grasso. L’ormai ex assessore alla Cultura in conferenza stampa ha detto chiaramente che si dimetteva perché non era in grado di lavorare, perché c’era una “macchina” che remava contro. A lui dispiaceva moltissimo lasciare a mezzo un progetto come Capusutta, che considerava un fiore all’occhiello. Ma le cose spesso erano complicate, anche se abbiamo cercato di fare di necessità virtù; ad esempio, tre giorni prima del debutto non ci hanno aperto il teatro e allora abbiamo provato in strada, in mezzo alle macchine, con 60 ragazzi che erano ancor più entusiasti del solito. In tutto ciò però il sindaco della città, Gianni Speranza, non c’entra assolutamente nulla, sia Tano che io lo stimiamo e gli vogliamo bene, e anzi mi dispiace che abbia ricavato una cattiva impressione dalle mie interviste (su Repubblica e Corriere della Sera, ndr). Io di Lamezia parlo e penso benissimo, ci sono dei giovani meravigliosi, delle associazioni che ci hanno dato un sostegno fattivo nel lavoro, come La Strada, che è stata la nostra guida nel campo rom. Senza di loro non ce l’avremmo fatta». Ma scusa Marco, chi è che aveva interesse a remare contro Capusutta? E perché? «Alcuni burocrati del Comune, o per inerzia o per proteggere piccoli interessi di cabotaggio o per un’insensata difesa di gruppi locali (tipo, “ma perché deve venire questa gente da Ravenna?”), senza rendersi conto della nostra apertura. Fin da quando siamo arrivati abbiamo cercato di metterci in contatto con tutti a Lamezia, per non fare gli invasori; noi veniamo qui ad attivare delle forze che nel giro di tre anni possono diventare autonome e fecondare il territorio. Quello che voleva Tano Grasso è quello che è avvenuto a Napoli con Punta Corsara, seminare il territorio per far nascere lì un Capusutta autonomo – per cui a un certo punto le Albe se ne vanno e continuano a dialogare a distanza – quindi per produrre cultura. A qualcuno questa cosa dà fastidio, è il senso peggiore della difesa del territorio, ne è anzi il contrario, perché in realtà si impedisce che il territorio possa beneficiare di un meticciato e di un incrocio con altre forze che portano spunti nuovi». Alessandro Fogli

Tutto il calore e l’ospitalità del “cuore” di Romagna! Ristorante con piatti tipici romagnoli. Ampio spazio per cene aziendali Disponibilità di quattro stanze, una suite e un appartamento, con tutti i comfort

via Rossetta n.8 Masiera di Bagnacavallo (RA) tel/fax 0545 53479 info@agriturismopodererossetta.it www.agriturismopodererossetta.it


4

CRONACA& TECNOLOGIA

COS’È LA PEC?

Vale come una raccomandata ma via computer

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

EMAIL DIMENTICATE

C’è posta (certificata) per Ausl e Comune Ma il pubblico non risponde al cittadino

La posta elettronica certificata (Pec) è uno strumento che permette di dare ad un messaggio di posta elettronica lo stesso valore legale di una raccomandata con ridi Andrea Alberizia cevuta di invio e avviso di ricevimento tradizionali. Il Governo italiano fornisce Serve a poco che l’ente pubblico gratuitamente a tutti i cittadini italiani fornisca un indirizzo di posta elettrouna casella Pec che, tuttavia, può essere nica certificata (Pec) – l’equivalente usata solo nelle comunicazioni con la in formato digitale della tradizionale pubblica amministrazione. raccomandata con riceAl momento dell'invio vuta di ritorno – per essedi una mail Pec il gestore i n u m e r i re contattato dal cittadiPec del mittente si occuno se poi non si ottengoLA METÀ DELLE IMPRESE perà di inviare al mittente no risposte ai quesiti. La HA UN INDIRIZZO DEPOSITATO una ricevuta che costituirà pensano così le due raEntro il 29 novembre le aziende valore legale dell'avvenuta vennati che con due sogdovranno dotarsi di un indirizzo di (o mancata) trasmissione getti pubblici diversi (Auposta elettronica certificata. In del messaggio con precisa sl e Comune), hanno doprovincia di Ravenna saranno poindicazione temporale del vuto fare a meno di una co più di 18mila i soggetti (società momento in cui la mail Pec risposta ai messaggi. E di capitali, di persone e coop) inteè stata inviata. In egual pare quanto mai difficile ressati. Finora circa la metà si è atmodo il gestore del destinanon assecondare il loro tivata: alcuni hanno già ottenuto la tario, dopo aver depositato pessimismo se si entra certificazione, altri sono in attesa il messaggio Pec nella canei dettagli delle vicende che vengano completate le pratisella del destinatario, forche le due donne ci hanche. Le imprese dovranno comuninirà al mittente una riceno raccontato chiedendo care l’indirizzo Pec al registro delle vuta di avvenuta consegna, di restare anonime. imprese della camera di commercon l'indicazione del mocio. Il più recente dei mento temporale nel quale due casi avviene negli tale consegna è avvenuta. ultimi due mesi. A metà I vantaggi riguardano ovviamente la settembre una 74enne ravennate possibilità di poter snellire le procedure perde la tessera sanitaria. Per lei un burocratiche e soprattutto ridurre i costi guaio non da poco e nemmeno tradi gestione legati alla documentazione scurabile: la donna sta affrontando cartacea che potrà viaggiare in formato un ciclo di chemioterapia e ha bisodigitale. gno della tessera quasi quotidiana-

mente per esami o trattamenti. Come procedere per avere un duplicato? Serve una denuncia di smarrimento? A chi chiedere il duplicato? Tutte domande che il figlio della donna ha rivolto all'Ausl: «Ho mandato un messaggio all'indirizzo Pec dell’Urp dell’Ausl pubblicizzato sul loro sito internet». Messaggio inviato il 21 settembre e regolarmente ricevuto. Sono

I casi di due donne che si sono rivolte agli enti per informazioni e hanno atteso fino a tre mesi per una replica

passati giorni senza risposte. Giorni in cui non sono mancati problemi: «Per fare le analisi del sangue è stato difficile convincere l’operatore senza tessera», racconta ancora il figlio. Che a quel punto ha messo da parte la spinta tecnologica e ha deciso di tornare alla vecchia maniera: cercare l'ufficio relazioni con il pubblico (Urp) armato di pazienza per affrontare le lunghe


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

code. «Ma il problema è diventato trovare l'ufficio. Al centro di medicina preventiva ho trovato i cartelli con le indicazioni ma non c’era l’ufficio e ho scoperto che è stato spostato altrove senza eliminare i cartelli». Il 28 settembre, una settimana dopo lo smarrimento, ecco il duplicato. Ma solo grazie al buon cuore di qualcuno che ha fatto qualcosa che non gli spettava: «Dopo aver girato da un ufficio all’altro in cerca delle informazioni che non avevo ancora ricevuto via email, ho trovato una persona gentilissima che ha capito la mia situazione e mi ha fatto un duplicato. Ma lo ha fatto staccandosi un attimo dalle sue competenze e per gentilezza. Io tuttora non so quale sia la procedura da seguire. Se dovesse capitare un’altra volta sarei nella stessa situazione». Il 30 settembre addirittura arriva la beffa. L’Ausl risponde alla email: «La sua segnalazione è stata protocollata dall’Urp di Ravenna e smistata alle direzioni competenti. Restando a disposizione per eventuali chiarimenti, cordiali saluti». Il secondo caso invece comincia quasi due anni fa ma arriva in tribunale in questi giorni. A gennaio 2010 un albero di un parco comunale a Punta Marina crolla per il peso della neve – e forse per incuria nella gestione del verde – e finisce nel giardino di un'abitazione privata abbattendo parte della vegetazione e la recinzione. La padrona di casa, una 63enne ravennate su una sedia a rotelle, chiama i vigili del fuoco: quelli son giorni di intensa attività e un albero caduto senza fare feriti non è una priorità. La donna allora si rivolge a un avvocato per avere assistenza. Il legale scrive all'indirizzo di posta certificata del Comune di Ravenna, proprietario del parco. Nessuna risposta. Silenzio assoluto. In aprile, quando ancora l'albero è sdraiato in mezzo al giardino della donna, l'avvocato scrive di nuovo al Comune. Che questa volta finalmente risponde. L'amministrazione rimanda tutto all'assicurazione. Che replica: «Il vegeto e sano albero è caduto solo al seguito delle abbondanti nevicate ovvero a seguito di un fatto imprevedibile e fortuito per evento atmosferico eccezionale che esonera l’ente pubblico da responsabilità». In altre parole? Il Comune non intende pagare e l'assicurazione nemmeno. A maggio gli operai del Comune hanno rimosso l'albero. E l'avvocato ha citato in giudizio il Comune: novemila euro di richiesta danni tra recinzione, giardino e danni perché a parere dell'avvocato sarebbe stato menomato il diritto di proprietà e per via di quel tronco la donna non ha potuto utilizzare il giardino. «Non dovrebbe mai accadere ma è evidente che può essere stato solo per un disguido di comunicazione interna se quella signora non ha ricevuto una risposta», spiega Gabrio Maraldi, assessore comunale con delega a Ravenna digitale. «Ci scusiamo perché ogni cittadino che si rivolge al Comune deve avere una risposta». Per evitare che capitino episodi simili, dal 2012 gli uffici di palazzo Merlato saranno dotati di un nuovo programma informatico che dovrà migliorare la gestione interna delle segnalazioni, dal momento in cui arrivano al momento in cui viene data una risposta e conclusa la pratica.

CRONACA& TECNOLOGIA

ISTAT

DAL COMUNE

Nel 2012 il piano telematico per gli interventi digitali Nel corso del 2012 verrà stilato il piano telematico del Comune per fotografare la situazione corrente nel processo di digitalizzazione del territorio. È il progetto cui sta lavorando l’assessorato con delega Ravenna digitale, guidato da Gabrio Maraldi: «Saranno coinvolti tutti i servizi comunali che si occupano della materia e le associazioni di categoria che vorranno dire la loro». Ma spazio anche ai cittadini, in una sorta di partecipazione stile Darsena: «Certo non sarà un progetto così vasto ma ci sarà spazio per ascoltare chiunque voglia dire la sua». Il piano dovrà tracciare le linee dei futuri interventi per ridurre il divario digitale tra chi ha accesso alle nuove tecnologie e chi invece ne è ancora escluso. Saranno attivati corsi di alfabetizzazione informatica. «Tutto questo perché siamo convinti – afferma ancora Maraldi – che le questioni telematiche siano una parte fondamentale della competitività del territorio, sia per i comuni cittadini che per le imprese». Questa filosofia era già alla base del progetto Rapida (www.rapida.comune.ra.it) avviato nella scorsa legislatura: servizio che si rivolge ai cittadini offrendo la possibilità di sbrigare via internet molte pratiche burocratiche, dall’iscrizione agli asili e alle materne al pagamento delle multe e dell’Ici. «Abbiamo avuto un buon accesso al portale ma meno di quello che ci aspettavamo. Purtroppo spesso accade che anche chi già usa internet con abitudine preferisca rivolgersi a uno sportello con una persona per certe operazioni. Non è diffidenza verso la tecnologia ma è più che altro la preferenza di un contatto umano per avere risposte. E non solo per i cittadini comuni. Anche i tecnici del mondo edile

Il 10 percento dei ravennati senza banda larga

servizi al cittadino L’URP COMUNALE CHIUDE IN VIA DA POLENTA IN CITTÀ TRE NUOVI SPORTELLI DELL’ANAGRAFE Entro i primi tre mesi del 2012 l’ufficio relazioni con il pubblico (Urp) del Comune di Ravenna sarà trasferito da via Da Polenta, dove è accessibile solo a piedi, all’edificio dell’anagrafe centrale di via Berlinguer dove l’accessibilità è agevolata dalla presenza di numerosi posti auto nelle vicinanze. Il trasloco lascerà il centro storico privo di un Urp. Nell’ambito di un piano di riorganizzazione dei servizi anagrafici, in città saranno aperti tre nuovi sportelli nelle sedi delle tre ex circoscrizioni cittadine: via Maggiore 120, via Berlinguer 11 e via Aquileia 13. I tre nuovi punti si occuperanno di questi servizi: cambio di indirizzo nel comune di residenza, autentiche di copia e di firma, rilascio e rinnovo carte d’identità cartacea, e certificati anagrafici e di stato civile. Saranno aperti, oltre che al mattino, anche nei pomeriggi di martedì e giovedì quando l’anagrafe centrale è chiusa. «Riusciremo a dare un servizio più articolato ed efficiente sul territorio – commenta l’assessore comunale ai Servizi demografici, Massimo Cameliani –. Si tratta di un’operazione con molteplici vantaggi: limiterà gli spostamenti dei cittadini e utilizzerà personale e uffici delle ex circoscrizioni, coerentemente con le politiche di razionalizzazione e di risparmio delle risorse pubbliche». (and.a.)

5

Censimento online Solo sedici su cento

potrebbero fare prima online ma vanno agli sportelli». Parlando di nuove tecnologie inevitabile affrontare il tema alla base di tutto: la disponibilità di una connessione a banda larga. Attualmente sul territorio comunale c’è circa un dieci percento della popolazione, concentrato nel forese a nord e sud della città, che non ha possibilità di collegamenti a banda larga su rete fissa. «Su questo aspetto purtroppo il Comune non ha potere di azione perché si tratta di investimenti che spettano a soggetti privati, gli unici autorizzati. Noi possiamo fare solo pressioni sui gestori come Telecom. Questi soggetti ragionano in termini imprenditoriali e se un territorio ha pochi utenti potenziali, per il gestore non diventa conveniente». In primavera verranno collegate le zone di Santerno e Piangipane «e speriamo anche Casal Borsetti». Per le case non raggiunte dalla rete fissa restano le soluzioni alternative: connessioni satellitari o con onde radio ma che richiedono l’installazione di antenne specifiche. (aand.a.)

Solo sedici famiglie su cento nel territorio comunale hanno compilato il censimento sul sito internet creato dall’Istat. Fino al 18 novembre sono stati restituiti in totale, con le diverse modalità previste, il 52 percento dei questionari (38.451 famiglie su 73.885 toali). Online ne sono stati compilati 11.779 (15,94 percento del totale delle 73.885 famiglie), tramite uffici comunali 12. 644 (17,11 percento del totale delle famiglie), tramite uffici postali 14.028 (18,99 percento del totale delle famiglie). A partire dal 22 novembre l’ufficio comunale di censimento ha avviato le procedure per l’incarico ai rilevatori che, a partire indicativamente dall’inizio del mese di dicembre, effettueranno la visita a domicilio di coloro che non hanno provveduto alla consegna spontanea del questionario o alla compilazione online, e insieme al titolare, compileranno il questionario e lo ritireranno, senza che questo comporti sanzioni. Le sanzioni sono infatti previste solo ed esclusivamente nel caso di rifiuto esplicito e persistente alla compilazione del modulo. Per ogni informazioni ci si può rivolgere al personale dell’ufficio comunale in via Sant’Agata 48 (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 13, martedì e giovedì 9.30-12.30, 1517, tel. 0544 482807-482809482803-482800). INFORMAZIONE MEDICA

STUDIO DENTISTICO ERCOLANI

Visite dentistiche gratuite? Attenzione a verificare sempre l’effettiva offerta A CURA DEI DR. CARLO E ROBERTO ERCOLANI [TESTI DI CLAUDIA GRAZIANI]

Prima visita gratuita dal dentista. Sempre più spesso leggiamo questo messaggio nelle comunicazioni pubblicitarie di molti centri dentali, che si definiscono discount. Quasi fosse un elemento innovativo e di cortese attenzione al paziente. Eppure occorre prestare attenzione e verificare sempre l’effettiva offerta. «La chiarezza e la trasparenza, come ripetiamo sempre in questa rubrica, sono molto importanti – puntualizzano i dottori Roberto e Carlo Ercolani – per non generare illusorie aspettative nelle persone. La prima visita gratuita non può che essere una semplice ricerca delle carie, che oggi oltretutto non rappresentano quasi più un grosso problema perché la prevenzione e l’igiene orale ormai sono molto più diffuse, ma sicuramente non potrà essere una visita esaustiva per una diagnosi profonda che solo un esame radiografico o l’effettuazione delle impronte possono assicurare. Da trent’anni, proprio per la prevenzione della carie, eseguiamo esami gratuiti per controllare le condizioni esteriori dei denti. Questi sono controlli visivi ed esplorativi alla ricerca di carie ma non certo sufficienti per verificare la presenza di eventuali granulomi o anomalie di masticazione, specialmente nelle persone adulte che hanno subito tante cure canalari o interventi paradontali. Oggi ci sono esami strumentali particolarmente efficaci, come la radiografia volumetrica in 3D, a cui non sfugge nessuna patologia profonda. Per questo va prestata attenzione nei confronti di chi lancia slogan senza specificarne il reale contenuto». Alla chiarezza si aggiunge la parola prevenzione. Infatti, si sta parlando sempre più di prevenzione radiologica intercettando focolai infiammatori dei denti, come le tasche profonde paradontali o granulomi. «È cosa risaputa – spiegano Roberto e Carlo Ercolani – che dalla bocca possono originarsi molte patologie. Ad esempio proprio i granulomi possono essere responsabili di problemi ai reni, al cuore, agli occhi e alle articolazioni. L’informazione diventa così un aspetto fondamentale. Per questo sarebbe un’operazione davvero efficace se nelle sale d’aspetto dei medici di medicina generale ci fossero indicazioni sull’importanza di effettuare una visita dal dentista almeno per una semplice panoramica che evidenzi la presenza di focolai infiammatori, indicando anche l’elenco di tutti gli odontoiatri o medici chirurghi abilitati a farla. Si è evidenziato che Ves (Velocità di eritro sedimentazione) e Tas (Titolo antistreptolisinico), esami del sangue che dovrebbero indicare uno stato infiammatorio e infettivo, spesso sono normali, pur in presenza di focolai in attività. Esami radiologici di ultima generazione, come la 3D, individuano granulomi che un tempo era impensabile vedere. La tecnologia e la serietà del professionista, sono elementi determinanti per una corretta diagnosi». (6/continua)

Per info: Ercolani Ambulatorio Dentistico, via Teodorico 15 - Ravenna Tel. 0544 451580 - www.ambulatoriodentisticoercolani.it


6

CRONACA& SOCIETÀ

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

L’AVVOCATO

SENZATETTO

Dal dormitorio alla tenda Partirà da via Mangagnina la navetta per la Romea Le tende riscaldate per i senzatetto ci sono e ai primi di dicembre, in caso di freddo, dovrebbero essere utilizzabili. Parola della neo presidente di Asp Susanna Tassinari che ha spiegato anche alcuni dettagli sul modo in cui funzioneranno. Il ritrovo per i clochard che vorranno accedervi sarà al dormitorio di via Mangagnina, dove potranno ricevere un pasto e farsi eventualmente una doccia. Da lì partirà poi il pulmino che accompagnerà gli ospiti alle tende in via Romea, presso la sede di Mistral che di fatto gestirà dal punto di vista tecnico l’intero progetto. A fornire invece assistenza agli ospiti della struttura saranno i volontari di più associazioni. Dalla loro disponibilità (Tassinari prevede che ne saranno necessari almeno due a notte) dipende anche il tipo di accoglienza che le tende potranno garantire: ossia se saranno aperte solo nelle giornate classificate dalla protezione civile di “emergenza freddo” secondo i parametri forniti da Arpa, o se invece potranno ospitare persone anche in giornate meno rigide ma comunque fredde. Se poi fosse impossibile reperire volontari sufficienti, Tassinari assicura che si troveranno soluzioni alternative come borse lavoro per garantire comunque il funzionamento della struttura. Una struttura che si è resa necessaria, dice Tassinari, anche perché il dormitorio Re di Girgenti di via Mangagnina ha visto sempre più trasformare la propria destinazione originale, causa la scarsa se non scarsissima rotazione degli ospiti che di fatto vi entrano ma non riescono poi a raggiungere l’autonomia sufficiente per uscirne e rendersi completamente autonomi. Venti i posti a disposizione in questa soluzione sperimentale, come abbiamo del resto sempre scritto, che però ancora nessuno è in grado di prevedere che appetibilità avranno e quanto e come saranno utilizzati, dice Tassinari. Chissà, per esempio, se potranno attirare quei clochard storici che fino all’anno scorso nelle notti più fredde cercavano di dormire nei corridoi dell’ospedale anche se dimessi, come testimonia la dottoressa Maria Pazzaglia, responsabile del Pronto soccorso; una situazione che ha portato i sanitari a chiedere anche l’intervento delle forze dell’ordine per trovare una collocazione più congrua per queste persone. L’assessore Giovanna Piaia sembra invece più drastica: «Sappiamo che non saranno sufficienti a coprire il bisogno effettivo che c’è oggi in città, ma intanto è un inizio che ci permetterà di mappare anche meglio le reali necessità». E perché non saranno sufficienti? Perché c’è sempre più gente povera e perché in città ci

«C’è in ballo la salute quindi il Comune può accogliere gli irregolari»

Andrea Maestri La sede di Mistral lungo via Romea Nord, fuori città, dove saranno a breve montate le tende per i senzatetto. La collocazione è stata scelta dal sindaco dopo che una raccolta firma ha fatto desistere la Caritas dall’idea di mettere a disposizione l’area della parocchia il Torrione. Anche tra i gruppi di opposizione sono state sollevati molti dubbi sul fatto che la sede, su una strada così pericolosa, possa rappresentare un elemento di rischio per chi non dovesse riuscire a prendere il pulmino in partenza dalla città.

sono rimasti i cosiddetti “tunisini di Lampedusa”, anche se questo, molti si ostinano a dire, è un discorso a parte perché per loro è previsto un altro

L’Asp: «Fase sperimentale, non sappiamo quale sarà la richiesta»

destini”. Mentre a Bologna, l’assessore al welfare annuncia che per l’emergenza freddo le strutture saranno aperte a tutti, a prescindere dal documento di soggiorno, Tassinari conferma che questo non sarà possibile a Ravenna. A tutti coloro che si presenteranno saranno chiesti i documenti e la loro presenza sarà denunciata in Questura così come richiede la legge. Federica Angelini

Bologna apre i rifugi agli irregolari, Ravenna li esclude a priori

tipo di ospitalità nei progetti della protezione civile regionale finanziati dallo Stato. A essere invece esclusi a priori da qualsiasi tipo di alloggio pubblico saranno i cosiddetti “clan-

i l s e r v i z i o d i m e te r e o l o g i a L’ALLERTA FREDDO SCATTA SOLO A MENO 5 GRADI Ma quando saranno aperte le tende? Di sicuro quando c’è l’emergenza freddo, se possibile anche di più, dice l’Asp. Bene, ma cos’è l’emergenza freddo? Tecnicamente, ci spiega Andrea Selvini del servizio metereologico dell’Arpa di Bologna che funge anche da centro funzionale per la Protezione civile, «l’allerta freddo viene diramata quando le temperature scendono al di sotto dei -5° perché a quelle temperature possono verificarsi per esempio guasti alle tubazioni per via del congelamento. Non possiamo certo diramare un’allerta ogni volta che si prevede una ghiacciata, perché altrimenti sarebbe allerta per 120 giorni l’anno». Selvini ci tiene a precisare che loro non possono però essere usati come “ombrello” per questioni politiche. «Non ci si può chiedere di diramare più allerte per poter andare in deroga e poter così ospitare gli irregolari nelle strutture pubbliche. Perché la deroga diventerebbe la regola. Si tratta di un problema politico di cui sta ai sindaci e ai prefetti occuparsi. Le nostre previsioni sono pubbliche e per noi eventualmente non ci sarebbe problema segnalare, se richiesto, la previsione di temperature prossime allo zero, ma questo non significa valutare il rischio necessario all’allerta». Intanto, fonti mediche confermano che già dormire a 5 gradi, come ovvio anche ai profani, può provocare gravi danni alla salute come rischi di focolai di polmonite e malattie infettive soprattutto se l’esposizione al freddo è prolungata e avviene in soggetti, come spesso sono i clochard, che già soffrono di altre fragilità.

Sul nostro sito www.ravennaedintorni.it sono fioccati i commenti alla notizia del riparo per i senzatetto e anche di quanto sta avvenendo a Bologna dove l’assessore Frascaroli (ex numero 2 della Caritas) ha detto appunto che saranno accolti anche gli irregolari suscitando peraltro la durissima reazione dell’opposizione. Qui l’Amministrazione ha più volte ribadito di non poter agire al di fuori della legalità e così, spinti anche dai quesiti di alcuni lettori, abbiamo chiesto un parere a un giurista esperto di immigrazione, Andrea Maestri che sta in queste settimane tenendo anche un corso alla Casa delle culture. L’ex capogruppo Pd da noi interpellato ci tiene a precisare che parla come “tecnico del diritto” e non come politico: «Ritengo che quando sono in gioco valori di rango costituzionale, diritti fondamantali della persona umana (es. diritto alla vita e alla salute) l’intervento di soccorso umanitario sia obbligatorio ovviamente a prescindere dal possesso o meno del permesso di soggiorno. Per esempio un medico dell’Asl, quindi pubblico, non può rifiutare le cure a chi si presenta al pronto soccorso perché è clandestino. La norma facoltizzante è l'art. 2 del D.lgs 286/98 (Testo unico dell’immigrazione) che garantisce i diritti fondamantali allo strnaiero comunque presente sul territorio nazionale. Quindi - da inteprete delle norme ed è la mia personale intepretazione - il Comune puà accogliere nelle tende anche i clandestini».

SOCIETÀ CIVILE

Cittadini che pensano alla Frascaroli e vogliono “rompere il silenzio” Sono un gruppo di cittadini (anzi soprattutto cittadine), alcuni dei quali iscritti a partiti, altre ad associazioni, altri ancora a nessuno di questi. Sono mossi da un intento prettamente civico che è quello di pretendere che la città dia una risposta dignitosa a tutti i senzatetto, a prescindere dalla loro provenienza. E stanno cercando di esercitare una pressione sulla politica perché questo diventi un problema condiviso e all’ordine del giorno. Ritengono che le tende possano rappresentare una soluzione solo temporanea vista anche la loro collocazione così esterna alla città e che Ravenna abbia bisogno in ogni caso di un secondo dormitorio, possibilmente a bassissima soglia, ossia dove non vengano richiesti documenti. C’è tra loro addirittura chi chiede che il Comune si faccia promotore di un ricorso all’Ue contro la legge che vieta all’ente pubblico di dare accoglienza agli irregolari. Nel frattempo questi volontari si sono attivati per raccogliere coperte e indumenti pesanti che hanno portato al dormitorio di via Mangagnina. Si riuniscono di solito il lunedì sera in una sala ricavata da un vecchio rimorchiatore vicino al nuovo ponte mobile visto l’indisponibilità di locali pubblici e all’ultima riunione avevano invitato anche tutti i capogruppi del Consiglio comunale. Degli invitati uno solo si è presentato in orario, Alvaro Ancisi di Lpra, che ha riassuto parte del progetto “Calore umano” presentato dal suo gruppo già lo scorso anno. Tra i presenti a onor del vero c’erano anche un paio di iscritti al Pd (ma senza “mandato” del partito) e Francesca Santarella, consigliera del M5S (che è stata poi raggiunta dal capogruppo Pietro Vandini) e che ha ribadito la posizione del gruppo secondo cui bisognerebbe utilizzare la stazione come ricovero d’emergenza (una soluzione che pare sia già stata presa in considerazione negli anni passati ma senza successo per mancanza di personale delle Ferrovie nella struttura che di notte è chiusa). Infine, anche Sel si è fatta vedere nella persona del coordinatore regionale Giovanni Paglia, quando ormai la riunione volgeva al termine. Puntualissime invece sono state la presidente dell’Asp Susanna Tassinari, l’assessora all’immigrazione Martina Monti e l’assessora ai servizi sociali Giovanna Piaia, pronte a rispondere a domande e a incassare critiche. Il gruppo, che si chiama “Rompere il silenzio”, è nato anche come reazione alla raccolta firme di centinaia di cittadini contrari all’ubicazione delle tende nell’area verde del Torrione. Di sicuro al prossimo incontro non mancheranno nuovi spunti di dibattito in particolare con Piaia le cui dichiarazioni alla stampa locale («servirebbero meno polemiche e più volontari») potrebbero suscitare reazioni in chi chiede l’impegno politico del Comune sul modello di Amelia Frascaroli, assessore a Bologna, non solo per l’accoglienza agli irregolari, ma anche per la scelta di destinare parte del budget della festa di capodanno all’emergenza freddo.


CRONACA& SOCIETÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

LA PRESIDENTE DELLA CONSULTA

«Abbiamo chiesto una decina di giorni di tempo per chiedere e verificare se ci sono i volontari per l’assistenza notturna ai senzatetto nelle tende, ma non sarà facile» Giovanna Baroni, presidente della Consulta per il volontariato e volontaria lei stessa per il Ceis è in questi giorni impegnata a verificare le varie disponibilità. «Il fatto è che servono almeno due persone e qualche “riserva” in caso di contrattempi. E poi, non so, potrebbe essere meglio pensare ad avere sempre almeno un uomo in servizio. E comunque parliamo di persone che già svolgono la propria attività e per cui questo servizio va ad aggiungersi agli altri impegni». Inoltre, a non rendere particolarmente allettante la missione, c’è sicuramente il fatto che le tende sono a dieci chilometri dalla città e che tra i giorni in cui potrebbero dover essere aperte ci potrebbero essere anche i festivi tra Natale e l’Epifania. «Non vorrei – dice Baroni – che se poi non si trovassero persone sufficienti a far funzionare il servizio venisse data la colpa alla mancanza dei volontari. Noi ci siamo e facciamo il possibile, ma il bisogno sta aumentando, le risorse stanno calando e non possiamo nemmeno essere considerati la soluzione di tutti i problemi».

BANCO ALIMENTARE

Torna la colletta per i più bisognosi Torna sabato 26 novembre in molti supermercati della città (tra cui Coop, Conad e i Lidl) la giornata del Banco Alimentare. Chi va a fare la spesa potrà ricevere una busta da riempire con alimenti che poi, all’uscita dal punto vendita, potrà riconsegnata ai volontari che le raccolgono per poi destinarli ai bisognosi assistiti da varie associazioni e parrocchie della città. Nel 2010 nella provincia di Ravenna, attraverso la Colletta sono stati raccolti 110.442 kg di prodotti in 89 punti vendita e mediante l’attività quotidiana del Banco sono state assistite 15.729 persone, distribuendo 1.036.384 Kg, per un valore di 3.109.151 euro. Attualmente le persone raggiunte sono 17.714 attraverso l’opera di 109 Strutture caritative. Nel Comune di Ravenna, la scorsa edizione della Colletta ha portato alla raccolta di 29.480 kg. in 24 punti vendita. Le persone bisognose raggiunte nel 2011 sono 6.675, contro le 6.635 del 2010.

L’EMERGENZA NORDAFRICA

Il Comune incontra i profughi tunisini e lancia un appello alla Questura

«Non sarà facile trovare volontari per i senzatetto»

Giovanna Baroni

7

Tahar Lamri durante uno dei suoi numerosi incontri con i profughi tunisini che stazionano ai giardini Speyer

ROMAGNOLI E AFRICANI INSIEME AL VALTORTO

È da mesi che la politica di ogni colore e l’amministrazione cercano di dirci che i due problemi sono ben distinti: i senzatetto sono una cosa, i profughi tunisini un’altra. Perché per loro è prevista un’accoglienza finanziata da Ue e Stato e gestita dalla Protezione civile. Peccato che, a oggi, una sola persona delle presunte centocinquanta che dall’estate stazionano in città abbia accettato di rientrare nei progetti di accoglienza. Altre potrebbero aggiungersene, grazie soprattutto al lavoro di “strada” che ha attivato il Comune di Ravenna. In prima linea c’è l’assessore Martina Monti, coinvolta da Tahar Lamri (cui Monti ha rivolto un pubblico ringraziamento), intellettuale algerino che per primo si è speso per instaurare un dialogo e un confronto con queste persone che vivono in alloggi di fortuna mantendendosi non è ben chiaro come. «Siamo andati con gli operatori del centro immigrati a incontrarli – ha spiegato Monti – per dire loro quali possibilità esistono di alloggio, formazione, accoglienza. Ora molti stanno venendo

A

G E N D A

Venerdì 25 novembre alle 20 al Valtorto di Ravenna (via Faentina 26) si terrà la serata di incontro tra “rumagnol e africhen” organizzata dall’associazione Il terzo mondo per sostenere il progetto “Ci siamo anche noi”. Cena etnica a 10 euro seguita dallo spettacolo di Franck Viderot. Info: 3281455130.

POESIE RUMENE DAI COOPERATORI Agci, Legacoop e Confcooperative con il Circolo dei cooperatori ravennati organizzano un ciclo di incontri dedicati alla conoscenza tra italiani e stranieri «In forma di parole». Il primo appuntamento sarà dedicato alla Romania e si svolgerà martedì 29 novembre alle 17.30 nella Residenza Sant’umiltà di via Cova 23 a Faenza e prevede la lettura di poesie in madrelingua e in italiano.

ALLA SALA SILVIO SI PARLA DI ISLAM

BUZZI

Venerdì 25 novembre alle 20.30 Roberto Mazzola e Izzedin Elzir dialogheranno sul futuro dell’Islam in Italia all’interno della rassegna Insieme dialogando per la pace, alla sala Silvio Buzzi di Ravenna.

ALBANIA E ROMANIA FESTEGGIANO INSIEME PER TUTTO IL WEEK END Il 26 e il 27 novembre Madre Teresa Ravenna e Romania Mare organizzano due giorni di eventi per festeggiare insieme la Festa di indipendenza dell’Albania (28 novembre) e la Festa nazionale della Romania (1 dicembre). Il programma prevede per sabato una partita di calcetto alle 17.30 al centro sportivo di via Gulli. La domenica invece sarà dedicata a balli, canti e poesie, dalle 14.30 al centro Valtorto di via Faentina 216.

allo sportello di via Alberoni dove possiamo offrire loro un consulenza individuale perché le situazioni sono molto diverse. Abbiamo anche attivato un nostro bravissimo mediatore di madrelingua araba. La fase è delicata, ma siamo riusciti a instaurare un rapporto». In via Alberoni è stato addirittura aperto uno sportello dedicato proprio alla cosiddetta emergenza nordafrica. Intanto, ha annunciato ancora Monti, il Comune domanderà alla Questura che non venga più richiesto il domicilio come requisito per il rinnovo di questo tipo di permesso di soggiorno, esattamente come accade in altre questure d’Italia. In caso di risposta negativa, Palazzo Merlato potrebbe studiare le modalità per garantire il domicilio a questi profughi. I quali, va detto, non sono comunque da considerarsi irregolari perché il primo permesso di soggiorno, sebbene ormai scaduto, permette loro di restare per altri sei mesi sul territorio senza temere di essere espulsi, ci ha tenuto a precisare l’assessore. Insomma, dalla linea dura dell’estate scorsa in cui ci si augurava che i permessi non venissero rinnovati, il Comune ora sembra aver deciso di occuparsi in altro modo di queste persone decise a restare sul nostro territorio. Resta però un quesito cui ancora nessuno sa dare una risposta certa: se un profugo tunisino continua a rifiutare di entrare in un progetto della protezione civile e si presenta a cercar riparo nelle tende, come sarà accolto se per caso non ci sarà spazio per tutti? Perché al momento è chiaro che gran parte di loro sono di fatto senzatetto, se è vero che continuano a dormire in edifici dismessi tra Bassette, Darsena e altre zone della città. Non a caso di recente la polizia ha sgombrato alcune case abbandonate e occupate in via Baiona, mentre si è scatenato un incendio nell’ex concessionaria Volkswagen dove appunto alloggiavano altri profughi che, forse, volevano banalmente scaldarsi. Quello che potrebbe essere accaduto anche al parco Mani Fiorite, dove ha preso di recente fuoco una casetta di legno usata anche come riparo dal freddo. (fe. an.)


8

CRONACA& ECONOMIA

Nuovi artigianati IL RIUSO? CREATIVO ED ECOLOGICO Il riuso creativo è una formula per riciclare e inventare nuovi usi per oggetti che altrimenti andrebbero buttati via. È una sorta di artigianato domestico a basso costo che sfrutta la propria. La ventisettenne Rosaria Civitelli della cooperativa la Lucertola e cura un corso di riuso creativo a Ravennastudenti (via Paolo Costa 38). Come hai scoperto il riuso creativo? «Lavorando al centro la Lucertola avevo già avuto modo di imparare il riciclo di oggetti come tappi, bottiglie e altre cose da cui facciamo giocattoli. Tramite internet ho poi scoperto il riuso creativo e con a due amiche, Daniela e Laura, ci siamo messe d’impegno a imparare come costruire orecchini fatti da vecchie musicassette, borse fatte da sacchetti della spesa annodati e pian piano ci abbiamo preso gusto». Dietro questo piccolo artigianato c’è una vera filosofia del riciclo anti-consumistico… «Il significato è proprio quello di dare una seconda vita agli oggetti. Tutti noi negli armadi abbiamo vecchi vestiti inutilizzati, magari macchiati , maglioni che non ci servono più o ombrelli rotti. A Ravennastudenti abbiamo proprio iniziato così. Ognuno portava le cose vecchie che aveva a casa, inoltre la facoltà aveva dei vecchi computer e banchi fatiscenti pronti per la discarica. Noi abbiamo trasformato questi “rifiuti” in materie prime per costruire le nostre idee». Un primo insegnamento facile, una cosa che possono provare tutti, qual è? «Per riusare vecchi giornali o riviste c’è un metodo semplice, il decoupage, utile per decorare un mobile rovinato o un vecchio tavolo. Si prendonsi immagini di giornale, le si taglia in piccole strisce di carta e le si immerge in una vasca con una soluzione composta metà da vinavil e metà di acqua. Quando sono imbevute le si posa delicatamente sulla superficie da decorare, stando attenti a non far creare bolle. Quando si asciuga gli si passa una mano di copale o di vinavil leggermente diluito. Fatto». Uscendo noto che il tavolo su cui eravamo appoggiati è decorato proprio con pagine di Ravenna&Dintorni! «È una carta che si impregna di colla molto bene. La utilizzo spesso» spiega. Chissà, forse anche questo articolo andrà a decorare un comodino o una scrivania…

TESTIMONIANZE

Artigiani tra oblio e riscoperta Un falegname senza eredi e due giovani creative: storie di chi lavora con le mani di Matteo Cavezzali Oggi che il Governo è guidato da tecnici anche i tecnici veri vogliono essere riabilitati. Sono gli artigiani che come dice l’intellettuale ravennate Saturno Carnoli «dal Rinascimento a oggi hanno reso famosa l’Italia all’estero». Sono falegnami, fabbri, sarti, ma anche elettricisti e idraulici. Che sia questa la soluzione per salvarsi dalla crisi? «Ora, mi spiegate perché uno che passa otto ore davanti al computer, a fare nemmeno lui sa cosa, dovrebbe sentirsi più elevato socialmente di un altro dalle cui mani escono cose tangibili: un vestito, una scarpa, una pagnotta? Si può fare il barbiere e leggere Umberto Eco, come lavorare in uno studio legale e rimanere un caprone» scriveva a luglio il sempre pungente Massimo Gramellini su La Stampa. Oggi la situazione continua ad aggravarsi e c’è chi vede nei tecnici la salvezza. Non solo nel Governo dei tecnici, ma anche nelle calibrate mani di chi fa mestieri di antica tradizione. Lavori che se da un lato rischiano di scomparire, dall’altro si rinnovano con un ricambio continuo. Dragoni, maestro falegname senza allievi Una storia esemplare è quella di

IN ASPPI AFFITTO FAI DA TE: Attraverso il sito Asppi.ra.it è possibile per gli associati mettere un annuncio per proporre il proprio appartamento. Anche chi è alla ricerca di un alloggio può inserire un proprio annuncio. Per informazioni telefonare 0544-470102.

Danni da infiltrazioni da terrazzo E’ sempre più dibattuta la questione relativa al pagamento della manutenzione o rifacimento del lastrico solare o del terrazzo. Poiché il lastrico solare dell’edificio svolge funzione di copertura del fabbricato, anche se appartiene in proprietà superficiaria e se è attribuito in uso esclusivo ad uno dei condomini, all’obbligo di provvedere alla sua riparazione o alla sua ricostruzione sono tenuti tutti i condomini in concorso con il proprietario superficiario o con il titolare dell’uso esclusivo. Quindi dei danni cagionati all’appartamento sottostante per le infiltrazioni d’acqua provenienti dal lastrico, deteriorato per difetto di manutenzione, debbono rispondere tutti gli obbligati inadempienti alla funzione di conservazione secondo le proporzioni stabilite dall’art. 1126 c.c.. Cioè, i condomini ai quali il lastrico serve da copertura, sono tenuti a pagare, in proporzione della loro copertura, i due terzi del totale, ed il titolare della proprietà superficiaria o dell’uso esclusivo, nella misura del terzo residuo.

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

Associazione sindacale piccoli proprietari immobiliari Ravenna Via R. Serra, 65 tel. 0544 470102 fax 0544 470075 info@asppi.ra.it www.asppi.ra.it Faenza Via Cavour, 25 tel. 0546 25807 faenza@asppi.ra.it Lugo Via Manfredi, 41 tel. 0545 33356 lugo@asppi.ra.it SERVIZI AI SOCI - Gestione contratti di locazione - Assistenza legale - Consulenza condominiale - Consulenza tecnica - Affitti e vendite da privato a privato Dal 1980 a Ravenna

«I tempi sono cambiati. Oggi la gente vuole spendere poco Lo capisco. È la logica dell’usa e getta»

Giancarlo Dragoni. Giancarlo ha ottanta anni, è un falegname di quelli di una volta, quelli che fanno tutto a mano, con pochi attrezzi elementari. Quelli che per fare un armadio impiegano mesi e mesi, ma poi l’armadio viene tramandato di padre in figlio. Giancarlo è ormai anziano e stanco di lavorare, ma non ha trovato nessun giovane disposto ad imparare da lui il mestiere, ed è stato costretto a fare quello che non

il libro SATURNO CARNOLI, FIGLIO DI UN FALEGNAME COME GESÙ «È importante non perdere la saggezza delle mani che è ciò che ha reso famosa l’Italia nel mondo: dalle giacche foderate, alle scarpe, ai mobili fino ai violini Stradivari». Lo scrittore ed esperto di marketing Saturno Carnoli ha appena dato alle stampe il saggio Attrezzi alla mano. Storia ed esperienze della falegnameria (Edizioni Moderna) illustrato dagli scatti di Enzo Pezzi. «Sono stati gli artigiani a dar vita al Rinascimento – continua Carnoli – e credo che sarà proprio l’artigianato a fornire una soluzione alla disoccupazione. Perché d’altra parte dovrebbero studiare tutti e dobbiamo creare una schiera di laureati che non sanno fare niente? Non ha senso. In fondo anche Steve Jobs, che oggi tutti venerano, cos’era se non un artigiano che nel suo garage con piccoli saldatori e cacciaviti ha creato il primo Mac? Ciò che fa di un artigiano un vero artigiano è la ricerca della bellezza». Come si è perso questo sapere sociale una volta pregnante nella cultura italiana? «L’artigianato è il contrario del lavoro industriale. Nelle fabbriche il costo principale sono i macchinari, nell’artigianato invece è la mano d’opera a essere costosa. Una volta a scuola le bambine imparavano l’economia domestica e i ragazzi i lavori tecnici, poi ancora giovanissimi si entrava in bottega. Poi con il boom economico lavorare con le mani è diventato quasi un disonore e si vedeva un futuro migliore per i figli, diverso, dove il saper leggere era più importante del saper fare. Si è iniziato a snobbare i lavori artigianali e ora se ne pagano le conseguenze perché ci si accorge che si è buttato via un capitale prezioso». Nel suo libro come ha ricostruito il lavoro del falegname? «Mio padre, nato nell’800, era falegname così sono cresciuto in falegnameria. Per questo testo ho girato tra alcuni falegnami che lavorano ancora come si faceva una volta e ho analizzato i loro attrezzi in cui è racchiusa una sapienza che sta per essere perduta e che per questo mi sono sentito in dovere di imprimere nella memoria». Anche Gesù era figlio di un falegname in fondo… «Non solo era figlio di un falegname, ma lavorò in bottega lui stesso, rappresentava l’universalità della condizione sociale materiale. Una condizione umile, ma di grande dignità pubblica. La Bibbia è piena di riferimento all’arte umile, ma fondamentale della falegnameria. Basti pensare all’importanza dell’Arca di Noè tanto per fare un esempio». Che difficoltà ha incontrato in questa ricostruzione? «La cosa più difficile è stato capire quanti sono oggi i falegnami a Ravenna. Negli anni ’60 erano più di cento. Oggi nemmeno le associazioni di artigiani sanno più quanti sono, secondo le mie ricerche dovrebbero esserne rimasti solo quattro o cinque. La seconda è stata capire i nomi degli attrezzi alcuni hanno nomi solo in dialetto: la randa, la bièta, e furon…».

avrebbe mai voluto: vendere la sua antica falegnameria. La bottega di via Molino in cui ha lavorato per decenni ha chiuso i battenti ed è stata trasformata in uffici. I suoi vecchi attrezzi sono stati svenduti alla stregua di ferri vecchi. «È stato molto doloroso per me – racconta con la voce tremante –. Rimpiango il fatto di non aver potuto insegnare a qualcuno quel poco che conoscevo. Come si taglia il legno, o come si devono incastrare i cassetti dei comodini. Se un cassetto è fatto bene, quando si richiude l’aria che spinge deve aprire leggermente i cassetti di sotto. Solo così si capisce se è fatto ad arte. A me lo aveva insegnato il mio maestro Guido Carnoli, a lui il suo maestro, io non l’ho insegnato a nessuno. Ho iniziato a lavorare in bottega che avevo quattordici anni, era il 1945. Avevamo solo una paletta e uno scalpello scampati alla guerra e soprattutto un grande entusiasmo. Si faceva tutto a mano, anche le cose che oggi nessuno di sognerebbe mai di fare a mano. Le si faceva ancora come nell’800. Non si guadagnava molto, ma vedere quello che si riusciva a costruire dava grande soddisfazione». Negli anni ’70 Giancarlo Dragoni aprì la sua bottega e negli anni ebbe commesse anche molto importanti. «Gardini ci fece costruire dei mobili molto belli, di cui vado orgoglioso. In quegli anni c’era chi non badava a spese. Il nostro lavoro è lungo e meticoloso e per questo costa, però sono mobili che rimangono. Oggi invece si preferisce prendere mobili economici sapendo che poi dopo qualche anno sono da cambiare. In fondo è giusto che la gente voglia spendere poco, lo capisco, sono i tempi che sono cambiati. Ricordo negli anni Ottanta le prime offerte: con centomila lire prendevi una camera da letto completa. Non si poteva competere con prezzi così, chiaramente». Oggi il luogo per eccellenza dei mobili prodotti in serie è la multinazionale svedese Ikea, che l’anziano artigiano racconta di aver visitato per curiosità: «Mi è anche piaciuto. Sono oggetti belli e alla portata di tutti, ma che non durano in eterno. Sono nella mentalità dell’usa e getta». Sulle ragioni per cui non è riuscito a trovare eredi, Dragoni spiega: «È un lavoro molto faticoso. Io sono sempre andato in bottega alle sei della mattina e non uscivo prima delle otto di sera. Se devi finire dei mobili lavori anche sabato e domenica e non si guadagna molto. Per questo i ragazzi preferiscono fare altro. Inoltre con le nuove leggi la bottega sarebbe stata da rimettere a norma e c’erano da affrontare delle spese. I ragazzi vogliono studiare e fanno be-


CRONACA& ECONOMIA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

9

FORMAZIONE ne. Per imparare il mestiere bisognava iniziare molto giovani, sennò non riesci più. A me lo studio è mancato. Quando c’era da capire dei progetti bisognava un po’ intendersi di geometria e io facevo una gran fatica e mi dovevo far aiutare. Poi con l’esperienza ho rimediato. Sono convinto però che chi studia sia favorito nella vita».

l’artigianato. Visto che ci piaceva e che avevamo anche riscontri positivi nei clienti abbiamo deciso di fare della nostra passione un lavoro e nel 2008 abbiamo aperto il nostro laboratorio artigianale in via Matteucci dove vendiamo e lavoriamo». Tra le coincidenze che legano le due ragazze se ne è poi aggiunta un’altra, sono rimaste entrambe incinte nello stesso momento. «La gente che veniva in negozio rideva sempre. EravaLa sociologia delle perline mo buffe tutte e due col pancioe la filosofia del tagli e cuci ne». Ora però sono nati entrambi C’è anche però chi studia e poi i bambini e con il cambia strada. Quelavoro è diventato sto è ciò che è accadudifficile. «Questa to a due laureate che ultima coincidenhanno scoperto la za ha creato un macchina da cucire. po’ di problemi. Camilla Coccari è soEssendo lavoratriciologa e Simona ci autonome con Morgagni è dottoressa la partita iva chiain filosofia: «Per ridere ramente non abdiciamo di essere laubiamo la materreate in sociologia delnità, ma solo un le perline e filosofia piccolo contributo del taglia e cuci». Indall’Inps, e sopratfatti dopo la sudata tutto non sappialaurea le due si sono mo come tenere messe a fare piccoli la- Le artigiane Simona e Camilla entrambe aperto il negozio. vori di artigianato. con i pancioni, nella Fortunatamente ci «Tutto è iniziato come scorsa estate dà una mano la un divertimento. sorella di Simo, –racconta Camilla –. ma adesso che si Facevo delle piccole avvicinano le feste natalizie su cose e le andavo a vendere ai mercui noi, come gli altri, puntiamo catini. Lì ho conosciuto Simona e molto dovremmo fare in modo di ho scoperto che avevamo la stesandare a lavorare comunque, ansa storia. Siamo entrambe lauche se non so bene come». reate e autodidatte nel campo del-

E dopo la scuola di arti e mestieri gli allievi trovano subito lavoro Gli artigiani che si barcamenano tra lavori e inconve- ti anni. Sono in prevalenza stranieri o figli di stranieri, e nienti quotidiani sono migliaia, ben 25mila solo quelli gli italiani sono quasi tutti immigrati dal sud. Non è una iscritti alla Cna di Ravenna. Si tratta di 6mila imprese for- novità che gli italiani da ormai venti anni non vogliono mate mediamente da cinque o sei persone, molte delle più svolgere lavori manuali. Oggi però si sta gradualquali da un solo professionista. Nel settore, come spiega mente rivalutando l’importanza di questi mestieri. La traDaniela Toschi della divisione relazioni industriali dell’as- sformazione della materia è il fulcro dell’economia italiasociazione, c’è un ricambio continuo: «Nel 2011 sono na che non ha grandi materie prime da esportare, ed è stati 700 a perdere o lasciare il lavoro, mentre sono qua- diventata famosa nel mondo come “made in Italy”. Il fatto che il nuovo ministro si 1.000 i nuovi assunti». dell’Istruzione FranceSui guadagni però la crisi sco Profumo venga si sente ancora pesantedal Politecnico è un semente. «Il trend è in leggnale importante». Ma gera crescita dal 2010, ma quanto guadagna un ben lontano da come era tecnico? «Chi è appenel 2008. Il settore più crina uscito dalla scuola tico è quello delle costruchiaramente deve fare zioni dove è quasi tutto un po’ di gavetta e anfermo». che in questo settore Nonostante la contrastanno diventando rari zione del mercato, l’artii contratti a tempo ingianato è però ancora determinato, chi però uno dei pochi settori in cui riesce a diventare un si riesce a trovare lavoro: tecnico specializzato «Entro i primi tre mesi il Un momento della recente inaugurazione della scuola Pescarini, ex Cpfp con il sindaco Matteucci il presidente Errani e il figlio di Pescarini arriva a guadagnare 65% degli allievi con quaanche 2.500 euro al lifica biennale come mecmese, più di un impiecanico, elettricista e termoidraulico trova un impiego. Molti, inoltre, dopo alcu- gato». Senza contare che in questi settori viene fatto ni anni di esperienza, fondano una propria ditta» spiega molto nero… «In realtà non è così. Forse per qualche Luciano Casmiro, direttore della Scuola arti e mestieri piccolo artigiano, ma per i lavori importanti come quelli Angelo Pescarini, l’ex Cpfp. La scuola ha tre sedi, a Ra- nel campo edilizio servono certificati di garanzia che nevenna, a Bagnacavallo e a Faenza, conta 850 allievi di cui cessitano di fatture. Credo che in altri settori come il tuma. ca.) solo 250 sono minorenni. «La maggioranza ha più di ven- rismo vengano evase molte più tasse». (m


INFORMAZIONE PROMOZIONALE

PROMOZIONE TURISTICA

Per una Lido Adriano viva e pulsante anche in inverno Angelo Buratti è il direttore del Grand Hotel Azzurra,un imprenditore che crede da sempre in Lido Adriano e nelle bellezze della nostra terra, l’Emilia -Romagna. “Eventi tutto l’anno a Lido Adriano”, uno slogan che per Buratti si è trasformato in un vero e proprio impegno. «Sogno – ci conferma il direttore del Grand Hotel Azzurra – una Lido Adriano ed una riviera ravennate viva e pulsante anche durante i mesi invernali. Da qui è partita l’idea di organizzare importanti eventi musicali e canori in grado di calamitare l'interesse dei tanti appassionati, un modo per promuovere Lido anche durante il periodo invernale. “E Io Canto” – concorso di voci edite ed inedite – è una iniziativa che porterà in questa bella località della nostra riviera, decine e decine di cantanti selezionati dalle scuole di canto di tutta Italia. Un modo per conoscere ed apprezzare i talenti emergenti della nostra canzone ma anche per conoscere ed apprezzare il talento dei nostri chef in grado di preparare ottimi menù a base di carne o pesce semplicemente utilizzando i prodotti tipici del territorio». «Insomma, buona cena, buona post cena, buona musica e buon Lido Adriano a tutti» esclama, ridendo, Angelo Buratti. In realtà definirlo come direttore di hotel è riduttivo. Angelo Buratti è, innanzitutto, uno stimato ed affermato tour operator, titolare della IAS Tourist Italia che ha sede a Cervia in via della Stazione 7/a-9. Un tour operator molto particolare ed innovativo che da ben 27 anni offre pacchetti e soluzioni turistiche anche fuori dall'ordinario. La IAS Tourist rispecchia, nei fatti, la personalità di Angelo Buratti, la sua intraprendenza, la sua curiosità, la sua volontà di fare cultura e business, il desiderio di voler far conoscere ai viaggiatori le più belle “chicche” della nostra regione spesso inspiegabil-

«Eventi tutto l’anno nella riviera ravennate » È questo l’impegno di Angello Buratti, direttore del Grand Hotel Azzurra. A partire dal concorso musicale “Io Canto”, ideato per promuovere Lido Adriano anche fuori stagione mente trascurate dal turismo di massa. «Non so se la IAS rispecchi la mia personalità – si schermisce Buratti – ma è sicuramente vero che la mission della mia azienda è quella di far conoscere in tutta l’Europa i tanti gioielli emiliano - romagnoli. Organizziamo gruppi adulti e viaggi di istruzione, viaggi individuali, gruppi sportivi. Portiamo i nostri clienti a visitare tutte le località più conosciute della nostra regione e altri luoghi altrettanto belli anche se meno noti. Mi riferisco a Cesena e alle sue colline, ai castelli malatestiani, Montebello, Torriana, Santarcangelo, al Delta del Po e alle tante zone umide del Parco e del pre Parco del Delta, alla bellisima città di Faenza, al museo della Ferrari e della Ducati, alla Rocca di Soragna, a Dozza e al suo castello con l’enoteca, a Forlì, Forlimpopoli, Castrocaro e Terra del Sole, allo splendido carnevale di Cento. Non solo mare, sole e Mirabilandia, quindi, ma un’offerta molto

ampia, articolata e molto personalizzata. Organizziamo tour in Romagna, in Emilia, in Toscana, in tutta Italia». Tornando alla iniziativa “Eventi Tutto L'Anno”, che vede il Grand Hotel Azzurra come campo centrale, chiediamo ad Angelo Buratti se crede nel progetto “mare d’inverno���. «Assolutamente si, ed è per questo che i Bagni Azzurra (il Bagno Granchio ed il Bagno Azzurra) organizzano per i propri clienti un viaggio a Parigi in occasione del ponte dell'Immacolata dell’8 dicembre. Lido Adriano e tutta la riviera possono e devono lavorare tutto l’anno perchè le bellezze della nostra terra sono tante, tantissime, in grado di soddisfare ogni tipo di turista od escursionista. Ovviamente non deve essere trascurato l’aspetto enogastronomico. Ecco perchè coloro che decideranno di prenotare una cena od una post cena in occasione dell’evento canoro E Io Canto, a partire dal 2 dicembre, presso il Grand Hotel Azzur-

ra di Lido, troveranno soddisfazione dalla cura, dalla perizia e dalla passione con cui verranno preparati i piatti ed ecco perchè, come IAS Tourist, diamo ampio spazio all’offerta turistico-degustativa, il formaggio di Fossa di Sogliano, l’olio di Brisighella, il sale di Cervia». Grand Hotel Azzurra e IAS Tourist, per conoscere la cultura, la bellezza, l'enogastronomia della nostra splendida terra.

Qui sopra, foto di gruppo del tour operator IAS Tourist. In alto, alcuni scorci del Grand Hotel Azzurra di Lido Adriano

VOLA CON NOI A PARIGI Dal 4 dicembre 2011 all’8 gennaioi 2012 Pacchetto Completo

Eventi tutto l’anno: ven. 2 dicembre, ore 21

sab. 3 dicembre, ore 21

Prima serata

Officina per i nuovi talenti

voci edite e inedite

Musica live

concorso nazionale canoro

per prenotazione tavoli, ristorante e post-cena:

Tel. 0544 495446 - Fax. 0544 495164 info@hotelclubazzurra.com

Forfait 3 notti p.p. in hotel 3* super-centrale (St. Germain o Montparnasse): Pacchetto base a partire da euro 399,00

Forfait 3 notti p.p. in hotel 3* centrale (Bercy o Montparnasse): Pacchetto base a partire da euro 379,00

Lido Adriano (RA) - Viale Petrarca 402

Forfait 3 notti p.p. in hotel 2* super-centrale:

www.hotelclubazzurra.com

Pacchetto base a partire da euro 339,00

Ponte dell’Immacolata Giovedì 8 dicembre: Rimini – Parigi Panoramica Venerdì 9 dicembre: Parigi - Louvre

Sabato 10 dicembre: Parigi - Montmartre Domanica 11 dicembre: Parigi - Rimini Tariffa per persona in doppia: euro 598,00


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

CRONACA& POLITICA

C O N G R E S S O

PARTITO DEMOCRATICO

MENICHELLI NUOVO SEGRETARIO

Al via una raccolta firme per chiedere primarie aperte a tutti Da sabato 26 novembre saranno al mercato di Ravenna a raccogliere firme per chiedere che anche qui i prossimi candidati al parlamento del Pd siano scelti tramite primarie aperte a tutti gli elettori e non solo agli iscritti. Si dicono militanti che intendono il Pd come un grande partito popolare in grado di dialogare con tutte le variegate anime dell’elettorato della sinistra. In pratica, a Ravenna, sono in parte quelli della mozione Marino, in parte i sostenitori di Serena Fagnocchi alle primarie dello scorso anno, vicini a Pippo Civati ma attenti a ciò che fa Matteo Renzi, in parte “ulivisti” della prima ora, sono quelli che si sono spesi per la raccolta firme dei referendum, sono insomma gli “innavotori” quelli che non perdono occasione per tentare di aprire il partito e cercare una via al cambiamento soprattutto delle persone. E che vedono le primarie come un elemento imprescindibile del Pd. «Secondo noi il metodo è fondamentale – spiega Andrea Leggieri, membro del coordinamento politico provinciale Pd – per poter avere candidature di grande spessore, più che mai necessarie nel prossimo parlamento che dovrà ridare credibilità a un’istituzione che oggi i cittadini identificano con personaggi come Scilipoti». Eppure, solo una settimana fa il segretario comunale del Pd ci dichiarava come fosse del tutto prematuro preoccuparsi di candidature adesso, in cui serviva il pieno sostegno a Monti. «Nessuno di noi mette in discussione il sostegno a Monti da parte del Pd che è stato chiaro fin dall’inizio, ma temo che la sua durata sia molto più legata al sostegno, non altrettanto chiaro, da parte del Pdl. E in ogni caso, anche se come ci au-

11

guriamo Monti arrivasse a fine legislatura, stiamo comunque parlando di un anno e mezzo di tempo, che in politica è un orizzonte di breve termine. Sono invece d’accordo con il segretario di Ravenna che questo non è il momento di porre questioni sui nomi». Leggieri nega che, come qualcuno ha già insinuato, tra loro ci sia chi è alla ricerca di candidature personali. «Vogliamo solo che il Pd selezioni persone di altissimo profilo, anche per spingere gli altri a fare altrettanto. Vogliamo aprire un dibattito che si inserisce in un contesto di iniziative analoghe in altre città e incoraggiato anche dal nostro ottimo segretario regionale Stefano Bonaccini (all’ultimo congresso in ticket con Bersani, ndr)». Alla domanda se tema che qualcu-

Sopra, volontari del Pd durante una consultazione di primarie. Sotto Andrea Leggieri

Leggieri: «Iniziative analoghe in molte città, poniamo una questione di metodo non di nomi»

no sarà infastidito da questa iniziativa, Leggieri risponde che «il fastidio non è una categoria politica che ci appartiene, noi ci stiamo muovendo in un quadro perfettamente coerente con lo statuto e gli obietti del Pd» e assicura comunque che nell’ultimo coordinamento provinciale in via della Lirica è emerso un atteggiamento molto aperto al confronto, anche se con diversità di posizioni. Sì, perché c’è chi, naturalmente, pur non negando la necessità di primarie, non esclude l’ipotesi di riservarle agli iscritti, una differenza capitale secondo Leggieri. «Noi crediamo che il Pd non possa chiudersi e confrontarsi solo tra iscritti che sono una frazione importante dei suoi elettori, ma in calo fisiologico: occorre integrare la appartenenza tradizionale con forme più moderne di partecipazione e riconoscimento». Ma allora, perché mai uno si dovrebbe iscrivere a questo partito? «Gli iscritti hanno per esempio il diritto di dire la proria per quanto riguarda gli organi interni al partito, ma quando si parla di persone che devono rappresentare tutti gli elettori, allora crediamo sia necessario rivolgersi a tutta la società; e, per esempio, una delle ragioni per cui io sono iscritto a questo partito è proprio per la sua generosità e inclusività». A questo punto resta da vedere quanti saranno i firmatari di questo appello, di certo tra loro ci potrebbero essere i “renziani” i quali, come ci spiega il consigliere comunale Denis Di Martino, pensano «che sia certamente prematuro parlare di nomi» ma sono «favorevoli al convolgimento in primarie aperte degli elettori per scegliere i candidati al parlamento». (fe. an.)

DEI SOCIALISTI

Nel congresso del 18 novembre è stato eletto nuovo segretario del Psi di Ravenna Armando Menichelli che va così a prendere il posto di Mario Silvestri.Nel corso del congresso sono stati approvati anche due documenti che individuano le priorità del Psi a livello nazionale e a livello locale, dove i socialisti registrano «un disagio diffuso verso le rigidità degli attuali assetti di potere».

MANIFES IN PIAZZA A ROMA PER L’ACQUA

TA Z I O N E

COME BENE COMUNE

Il Forum Italiano dei movimenti per l'acqua indice una manifestazione nazionale. sabato 26 novembre a Roma per chiedere il rispetto dell’esito dei referendum del 12/16 giugno. Si organizzano pulman da Ravenna per partecipare alla manifestazione.Partenza alle 7 da piazza Natalina Vacchi. Prenotazioni e info: 320 9205619 oppure mail: acquaravenna@gmail.com

INAUGURA LA NUOVA SEDE DI VIA TOMMASO GULLI

PD/1

Venerdì 25 novembre alle 18 inaugurazione della sede Pd di Via Tommaso Gulli 124/A, a Ravenna, completamente rinnovata. Saranno presenti Danilo Manfredi, segretario comunale del Pd; Alberto Pagani segretario provinciale del Pd; e il sindaco Fabrizio Mattecci. La sera precedente, invece, doppio appuntamento nei circoli del partito, a Porto Fuori con l’assemblea “Quale futuro per l’Italia? Le prospettive del Paese per le nuove sfide” con il segretario Pagani, mentre alle 20 è prevista una serata conviviale dedicata all’ambiente nella sede Pd “Cà Rossa”, in via delle Industrie. Pd / 2 SEMINARIO CON PARISI E CASADEI «Di nuovo per l’Ulivo: dal referendum elettorale alle primarie di coalizione per la costruzione diffusa del “Nuovo Ulivo”» è il titolo del seminario che si terrà domenica 27 novembre, dalle 15.30 al Circolo Arci Casablanca di Villanova di Bagnacavallo, promosso da alcuni iscritti del Pd. Daniele Morelli e Enzo Morgagni Introdurranno e coordineranno i lavori che vedranno coinvolti Arturo Parisi, ex-ministro del governo Prodi, deputato del Pd nonché coordinatore politico nazionale della campagna referendaria, Giovanni Paglia, Segretario Regionale di Sinistra e Libertà dell'Emilia-Romagna, Thomas Casadei, consigliere regionale, componente della Direzione regionale del partito democratico dell’Emilia-Romagna. Info: 340 0913269, elena.baldassarri@virgilio.it.

B l u I o a n i r G o u t t s a to r T da Franco

La buona

CUCINA ROMANA Ravenna - Borgo San Rocco - Via Castel San Pietro 17 (di fronte alla chiesa) tel. 0544 219076

con tipici ingredienti laziali Ravenna, via Cesarea 148 - tel. 0544.66634 - 339.2508783


12

CRONACA& ATTUALITÀ

LA SEGNALAZIONE

«La locandina di Art&Ciocc offendeva dignità femminile» La locandina della festa del cioccolato Art&Ciocc svoltasi in piazza del Popolo il 12-13 novembre è finito nel mirino dell'osservatorio permanente nato in città per monitorare le immagini lesive della dignità femminile (e non è sfuggita nemmeno al Bombolone del nostro sito internet...). «L'osservatorio riceve molte segnalazioni – ha spiegato l’assessore comunale alle Pari opportunità, Giovanna Piaia –. Per questo caso ho segnalato il giudizio negativo della immagine al terziario donna della Confcommercio essendo la pubblicità scelta dagli organizzatori nazionali. Con l'associazione abbiamo concordato di svolgere una iniziativa di formazione sulle immagini delle donne nella pubblicità per rendere più competenti i commercianti nella scelta dei loro prodotti pubblicitari. Non abbiamo una ordinanza comunale da applicare in generale, ma a seconda dei casi prendiamo iniziative specifiche».

25 n o v e m b r e UNA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Anche Ravenna, con le sue associazioni a difesa delle donne, prenderà parte alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne fissata per il 25 novembre. Sono in programma una serie di iniziative coordinate da Linea rosa, Udi (unione donne italiane), Associazione femminile maschile plurale. A mezzogiorno del 25 novembre, in piazzetta Serra (ex piazzetta Ragazzini, piazza Kennedy incrocio Rasponi): alla presenza delle massime autorità cittadine commemorazione delle donne uccise per mano dei familiari nel luogo simbolo, nella nostra città, della lotta al femminicidio dove nel 2009 è stata posizionata l’opera artistica creata dagli studenti del liceo artistico Nervi. Nell’occasione saranno effettuate letture di testi inerenti il tema della violenza alle donne, appositamente scelti per l’occasione, da alcuni giornalisti della nostra città. «Il problema della violenza di genere – si legge nel comunicato diffuso per presentare la giornata ravennate – si presenta ancora oggi in maniera dirompente. Alla base di ogni violenza di genere c’è la discriminazione, che può essere superata solo con una reale presenza delle donne nella sfera pubblica e negli ambiti decisionali, con un riequilibrio di potere in politica, nella cultura con cui si esprime la società civile».

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

L’INCHIESTA

Per il vescovo compleanno da interrogato Il suo 74esimo compleanno, il 23 novembre, il vescovo Giuseppe Verucchi l’ha trascorso al comando provinciale dei carabinieri dove è stato interrogato dal sostituto procuratore Monica Gargiulo. Verucchi è infatti iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta che ipotizza il reato di malversazione ai danni dello Stato nella gestione di fondi pubblici stanziati per la ristrutturazione dell’ex orfanotrofio Galletti Abbiosi: cinque miliardi di lire messi a disposizione per il Giubileo con l’obiettivo di trasformare l’immobile al 140 di via Di Roma in una struttura per pellegrini diretti a Roma e poi in studentato. Ad accompagnare Verucchi durante l’interrogatorio i suoi due avvocati, il ravennate Enrico Maria Saviotti (legale della curia) e il bolognese Filippo Sgubbi (già difensore di Calisto Tanzi nel processo Parmalat). L’interrogatorio, secondo quanto si è appreso subito dopo che Verucchi è uscito dalla caserma, è durato circa tre ore in cui il vescovo avrebbe risposto a tutte le domande del pubblico ministero

Verucchi ascoltato dal pubblico ministero nel giorno in cui compiva 74 anni Il monsignore indagato nell’indagine sull’ex orfanotrofio Galletti Abbiosi L’ipotesi è malversazione di fondi pubblici titolare del fascicolo di indagine aperto nel 2009 dopo un esposto presentato in procura. La vicenda è cominciata nel 1997 quando il vescovo Verucchi ancora non era alla curia ravennate ma le sue presunte responsabilità farebbero riferimento ad alcuni atti siglati successivamente. Nella stessa inchiesta portata

avanti dal nucleo operativo dei carabinieri e dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza, figurano altri quattro indagati: il tesoriere della Curia ravennate, Guido Marchetti, il titolare della società che dal 2005 gestisce la struttura, Raffaele Calisesi, e due funzionari comunali che avrebbero avuto un ruolo nella vicenda.


CRONACA& ATTUALITÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

13

MARE

PIAZZA KENNEDY

L’alternativa c’è e il Comune non torna indietro

Ecco le regole per il 2012, tra ballo e divieti

Le associazioni di categoria sono tornate duramente alla carica. Prima Confesercenti, Cna e Confartigianato in una nota congiunta, poi anche Confcommercio, tutte con un chiodo fisso: prima di chiudere piazza Kendal 9 dicembre nedy il Comune proponga un’alternativa SOSTA GRATUITA concreta. In realtà l’alAnche quest’anno ternativa il Comune nel periodo natalizio l’ha già presentata, l’assi potrà parcheggiasessore al Commercio re in centro senza Andrea Corsini l’ha pagare. Lo ha deciso confermata anche in la giunta comunale una intervista sul nodeliberando all’unastro giornale e dai corrinimità e stabilendo doi di Palazzo Merlato così di ripetere l’enon emergono novità: sperimento dell’anin attesa che sia nella no scorso: dal 9 dieffettiva disponibilità cembre al 5 gennaio dell’Amministrazione dalle 16 alle 20 di l’ex caserma Dante Alitutti i giorni feriali i ghieri di via Nino Bixio, parcheggi delineati il parcheggio che dovrà con strisce blu posostituire quello di piaztranno essere occuza Kennedy (destinata pati gratuitamente. come noto a diventare completamente pedonale) verrà realizzato nell’ex vivaio pubblico tra via Cesare Battisti e via Port’Aurea nonostante i commercianti lo giudichino troppo fuori

Il sindaco Fabrizio Matteucci ha firmato l’ordinanza che regola l’attività degli stabilimenti balneari per la prossima stagione estiva. Confermate tutte le nostre anticipazioni dei mesi scorsi: i bagni potranno tornare a far ballare i conferenza annuale propri clienti anche alla domenica (dalle 18.30 ECCO “FUTURISTICA” alle 21) e su viale delle Andamento della Nazioni non solo sarà stagione turistica, vietato il vetro, come gli tassa di soggiorno e anni scorsi, ma anche il variante urbanistica consumo di alcol. Queper la ricettività saste, in pratica, le uniche ranno i temi al cendue novità rispetto all’etro della conferenza state 2011, il cui bilanannuale “Futuristicio, secondo il sindaco, è ca”, in programma ampiamente positivo. E venerdì 25 novemrle ordinanze avrebbero be alle 15 alla sala portato anche a risultati Muratori della biconcreti. «Ne cito solo blioteca Classense. uno – ha dichiarato in Tra i relatori, oltre questi giorni Matteucci agli amministratori, –, quello che mi sta più a Massimo Feruzzi di cuore: l’abuso di alcol è Jfc Tourism and mapiù contenuto. È calato nagement. del 25 per cento il numero delle persone positive ai test dell’etilometro». Tornando alla movida in spiaggia, Matteucci ha invece fatto una sorta di dietrofront sul numero delle feste. Nei

Piazza Kennedy piena di auto: il Comune ha deciso di chiuderla al traffico e di renderla pedonale.

mano e nonostante le firme raccolte dal comitato cittadino. Non ci sono alternative, ribadiscono dal Comune, che si impegna a terminare l’intervento in concomitanza con l’avvio dei lavori in piazza Kennedy, previsto tra fine 2012 e inizio 2013. Il nuovo parcheggio (da 100 posti auto, contro i 140 di piazza Kennedy) sarà gestito dalla società del Comune Azimut a cui prima di tutto spetta però il compito di realizzare lo studio di fattibilità del progetto col quale verranno presumibilmente spazzati via gli ultimi dubbi.

Movida a Marina: nel 2012 si potrà tornare a ballare anche alla domenica.

mesi scorsi aveva infatti dichiarato che se ne sarebbero potute organizzare cinque alla settimana (con però lo stop della musica al sabato alle 21) mentre invece continueranno ad essere tre: una fra il lunedì e il giovedì dalle 20 alle 24 (o anche due se non si utilizza né il venerdì, né il sabato); una il venerdì o il sabato dalle 20 alle 24 e una, come detto, alla domenica. Resta infine aperto il nodo delle capienze: non è così da escludere un’altra estate con i carabinieri nei bagni a contare uno ad uno i clienti per verificarne il rispetto.


14

CRONACA& URBANISTICA

DARSENA/1

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

DARSENA/2

Ora la palla passa al Comune

“Sigarone” vincolato ma il Movimento 5 Stelle In 250 all’ultimo incontro del processo di partecipazione lancia l’allarme Nonostante fosse disponibile da alcuni mesi, i “grillini” hanno atteso la conclusione del processo partecipativo (al fine di non influenzarlo) per la riqualificazione della Darsena prima di rendere pubblico il protocollo con il quale la Soprintendenza di Ravenna di fatto vincola l’ex magazzino Sir, il cosiddetto “sigarone”, tra i simboli del quartiere lungo il Candiano, considerandolo «di interesse culturale e perciò degno di tutela come bene architettonico di interesse storico-artistico ai sensi del Decreto Legislativo 42 del 2004». Questo significa, secondo il Movimento 5 Stelle, «che la paventata demolizione e sostituzione con altro edificio è scongiurata, perché per l’immobile può essere previsto solo il restauro». Ai grillini, però, non va proprio giù che si continui anche solo a parlare di demolizione. «In più di un'occasione – si legge nella loro nota – ci è stato raccontato che, preso atto del vincolo, il restauro procederà con lo ‘smontaggio’ totale del magazzino. Lo smontaggio è un’assurdità ignorata da tutti gli esempi di restauro effettivamente realizzati, anche nei casi in cui i magazzini, sottoposti agli attacchi delle sostanze chimiche ivi stoccate e degli agenti atmosferici, erano in condizioni ben più drammatiche di quelle in cui versa il nostro che, chiunque può vederlo, presenta ancora tutte le coperture Procedere per questa via significa la demolizione definitiva del manufatto, dato che sarebbe improponibile, tecnicamente e per costi, pensare di poterlo ricostruire ex-novo». I grillini, infine, si stupiscono del fatto che nessuna autorità – sindaco in primis – sulla questione si sia pronunciata.

Trentasei progetti, dai più fantasiosi e irrealizzabili come quelli dell’acquario del Candiano, di un tunnel subacqueo o di un ponte ciclabile che colleghi le due sponde, fino ad alcune proposte concrete come una stazione ecologica o una ludoteca ma anche progetti a più ampio respiro sul futuro del quartiere. Questo il frutto del processo di progettazione partecipata della Darsena di città che si è concluso con una due giorni di confronto alla scuola Pasini di via Caorle, realizzato attraverso l’innovativo metodo dell’open space technology, in grado di coinvolgere tutti i cittadini presenti e di cui avevamo parlato la scorsa settimana in un’intervista alla coordinatrice, la sociologa Marianella Sclavi. All’appuntamento erano presenti circa 250 persone, tra cui tanti residenti del quartiere, architetti, rappresentanti dell’associazionismo, alcuni imprenditori e proprietari che hanno discusso le 36 proposte, scaturite in meno di tre mesi. Proposte che sono state scritte dagli stessi partecipanti e raccolte in un istant book distribuito alla fine della prima giornata e che insieme ad altro materiale prodotto fungerà da canovaccio per la formulazione del definitivo Documento della partecipazione, che verrà consegnato ufficialmente al Comune a metà dicembre.

Trentasei i progetti presentati dai cittadini per la riqualificazione del quartiere L’assessore Morigi: «Ma non finisce qui»

la petizione «E VIA GULLI?» Non pensiamo solo alla riqualificazione della Darsena sul canale Candiano, ma anche ai problemi della “vecchia” Darsena. È questa la richiesta di Giulio Bazzocchi di Lista per Ravenna ed Elisa Frontini del gruppo “La sentinella ravennate”, primi firmatari di una petizione contro il degrado e l’abbandono dell’area tra via Gulli e via Lanciani. Info: 328 9541626, giuliobazzocchi@libero.it e sentinellaravennate@libero.it.

I lavori della seconda giornata hanno visto dapprima i partecipanti leggere e discutere le proposte, per poi arrivare al confronto sulle idee che possono essere realizzate in tempi brevi, anche grazie all’apporto dei partecipanti stessi. È stato fatto un vero e proprio “patto” con gli assessori all’urbanistica Gabrio Maraldi e alla partecipazione Valentina Morigi per dare continuità al processo intrapreso prevedendolo nei prossimi bandi relativi alle banchine e alla stazione. Nei prossimi mesi verranno tolte le recinzioni che “chiudono” l’accesso al canale e verranno inseriti i primi elementi di arredo urbano. «La “Darsena che vorrei” – commenta l’assessore Morigi – è un elemento di discontinuità nella storia della pianificazione ravennate. Il fattore di partecipazione diretta dei cittadini porta nella definizione delle scelte urbanistiche un nuovo approccio di democrazia vera, dal quale non si può e non si deve tornare indietro. Ecco perché il percorso in Darsena non si conclude oggi, ma è il preludio di un laboratorio partecipativo permanente, in cui i cittadini saranno chiamati in prima persona a disegnare con l’amministrazione il futuro del quartiere, passo dopo passo». INFORMAZIONE DI IMPRESA

MOVIMENTAZIONE MERCI

Impegnati a tutto campo nel porto fra lavoro e solidarietà Il porto di Ravenna, una realtà economica pulsante ed attiva, fonte di reddito per tanti nostri concittadini, parte integrante di una città che guarda sempre di più all' Europa, al Mediterraneo, al futuro. Allen Boscolo è il presidente della Cooperativa Portuale di Ravenna, un operatore particolarmente attento alle problematiche della Darsena ravennate. Ci accoglie con grande cordialità presso la sede di via Antico Squero. Parlare della Cooperativa Portuale è come parlare della storia del porto di Ravenna e del facchinaggio. Cosa può dirci al riguardo? «La storica Compagnia Portuale – precisa il presidente Boscolo – nasce circa 80 anni fa fino a trasformarsi nel 1995 e grazie alla applicazione della legge 84/94, in cooperativa. A differenza di quanto crede molta gente noi non siamo dei semplici facchini. Il nostro compito è quello di fornire lavoro a tutti coloro che svolgono operazioni portuali perchè l'art. 18 della legge, impone che tali operazioni vengano svolte solo da società autorizzate. Il terminalista può assumere direttamente il personale necessario per compiere le operazioni oppure può rivolgersi direttamente a noi. Vorrei anche chiarire che la nostra presenza sulle banchine viene sempre comunicata all'Autorità Portuale che può esercitare tutti i controlli del caso. I nostri dipendenti sono tutti registrati, riconoscibili grazie ad un ap-

via Faentina, 121/F - Centro Comm. “Il Ponte” tel. 347 5212717 - www.lapalestra.ra.it

posito tesserino che devono portare con loro». La Cooperativa come vive l'attuale crisi economica? «Abbiamo anche noi avuto dei momenti di difficoltà ma oggi posso dire con orgoglio che, ad ottobre, abbiamo aumentato i nostri 360 effettivi di altre 50 unità. Abbiamo poi circa 70 lavoratori interinali che speriamo quanto prima di assumere in pianta stabile. Noi crediamo che i diritti dei lavoratori debbano essere gli stessi, uguali in tutti i porti dell’Unione Europea. Non si può giocare con la vita di chi lavora per contenere i costi ed abbassare i prezzi, le misure antinfortunistiche devono obbligatoriamente venire rispettate in tutti

A tu per tu con Allen Boscolo presidente della Cooperativa Portuale di Ravenna i porti europei ed anche in tutti quelli del mediterraneo». Cosa pensa del progetto Napa che dovrebbe mettere in rete i porti del nord Adriatico? È una domanda che dovrebbe essere posta al dottor Parrello – risponde sorridendo Boscolo – io mi limito a dire che il 90% di tutto quello che viene movimentato in porto è opera della Cooperativa Portuale, di conseguenza tutto quello che viene fatto a vantaggio del porto di Ravenna ha il nostro incondizionato sostegno. Certo alcuni interventi sono necessari, le banchine devono essere consolidate, il dragaggio deve essere migliorato. Così facendo potremmo aumentare il tonnellaggio della movimentazione. Oggi le principali merci che gestiamo fra sbarchi e imbarchi sono gli acciai, i concimi, gli sfarinati ed i cereali, le argille ed i fosfati. Il nostro è, insomma, un porto di rinfuse e di metalli più che di container».

Cooperativa Portuale e solidarietà, cosa può dirci al riguardo? «Nostro compito è quello di migliorare la qualità della vita di tuti i soci lavoratori, creare naturalmente continue opportunità di lavoro ma anche creare occasioni di svago. Il nostro Cral promuove da sempre iniziative culturali e sportive, storica la nostra presenza nella lotta e nella pallavolo. Abbiamo di recente collaborato con l'Associazione “Il Terzo Mondo” aiutandola a spedire nel porto di Douala, in Camerun, attrezzature informatiche e giocattoli, cose che da noi non venivano più utilizzate ma che laggiù rappresentano tanto, anzi, tantissimo. Lavoro e solidarietà, questa è la Cooperativa Portuale».

Cooperativa Portuale - via Antico Squero 6 - Ravenna tel. 0544 458111- posta@compagniaportuale.ravenna.it


TURISMO& TRASPORTI

REPORT

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

15

PORTO Crociere, «il test è superato» Autorità portuale indica la via dopo i 165mila passeggeri del 2011

i numeri ❚ 165.000 I passeggeri transitati dal terminal crociere di Porto Corsini nel 2011. ❚ 50.000 I passeggeri passati da Ravenna nel 2011 come home port, cioè come partenza o arrivo. ❚ 50.000 I turisti portati dalle navi al centro città dal tour operator Bassani nel 2011. ❚ 20.000 I crocieristi del terminale nel 2010. ❚ 12.000 Le degustazioni organizzate per i crocieristi in un anno. ❚ 7.000 Il flusso massimo di passeggeri in un solo giorno. ❚ 800 Gli autobus movimentati per collegare Porto Corsini al centro città o alle escursioni nei dintorni. ❚ 500 Le guide turistiche che hanno condotto i crocieristi nelle visite sul territorio. ❚ 300 Le hostess impiegate per accompagnare i turisti. ❚ 81 Gli attracchi delle navi da crociera nel 2011. ❚ 30 I milioni di euro investiti in totale per il progetto terminal. ❚ 25 I milioni di passeggeri sbarcati nei porti europei. ❚ 16 Le compagnie crocieristiche che hanno attraccato a Ravenna nell’anno che si sta chiudendo. ❚ 9 I miliardi di euro del fatturato della compagnia Royal Caribbean, tra quelle arrivate nel 2011. ❚ 8,8 Il voto medio su 10 dato dai passeggeri all’esperienza ravennate. ❚ 3,5 I milioni di euro investiti nel prossimo biennio.

Dopo un 2011 da stropicciarsi gli occhi, con 165mila passeggeri transitati da Porto Corsini (erano 20mila l'anno prima), il prossimo biennio del terminal crociere di Ravenna si annuncia in altalena: le previsioni sono di un 2012 in calo e un 2013 capace di andare oltre i numeri dell'anno che si sta chiudendo. La fotografia arriva da Giuseppe Parrello, presidente di Autorità portuale, che martedì sera nella sede dell'ente in via Antico Squero ha aperto un incontro consuntivo dedicato proprio al tema con operatori e istituzioni coinvolte. L'altalena degli anni 2012-13 ha una spiegazione strettamente tecnica: «Le compagnie di crociera programmano con due anni di anticipo. I risultati che abbiamo fatto nel 2011 sono frutto delle trattative concluse nel 2009 quando il terminal non c'era e noi andammo a promuovere un progetto futuro. Quindi gli arrivi del 2012 sono sulla base delle trattative 2010 ma alcune compagnie hanno voluto aspettare per usare il 2011 come test. Un test che possiamo dire superato e per questo già ora possiamo dire che nel 2013 riusciremo a pareggiare i numeri di quest'anno». I risultati conquistati finora hanno certificato lo spessore della ricaduta del terminal sull'economia turistica della città e anche oltre. Lo ha spiegato Andrea Corsini, assessore comunale al Turismo, in chiusura di serata: «Per il nostro territorio è la più grande novità turistica dopo l'apertura di Mirabilandia». Ai puristi del turismo d'arte potrà non piacere ma questo dicono i numeri. E lo conferma l'esperienza: «Una delle mete più richieste da chi sbar-

Boom di passeggeri nel 2011 per il terminal crociere di Porto Corsini: 165mila turisti dopo i 20mila del 2010

Nel 2013-2014 si punta al terzo attracco ca è proprio il parco di divertimento», certifica Marzia La Macchia manager di Bassani Group, tour operator che movimenta i due terzi del traffico passeggeri a Ravenna. Il valore di un turista per il tessuto economico lo quantifica ancora Parrello: «In media si stima che un

Nuovo appello ai negozi del centro per gli orari crocerista spenda tra 80 e 150 euro in città». Ma questo è solo, è il caso di dirlo, la punta dell'iceberg dell'indotto. C'è da tener conto della parte invisibile: «I pullman per il trasporto passeggeri, il gasolio e l'acqua che servono alla nave, le derrate alimentari». Meglio delle parole posso-

SERVIZI TECNICO-NAUTICI PER UN’EFFICIENTE SICUREZZA DEL PORTO DI RAVENNA Via Molo Dalmazia, 101 Marina di Ravenna (RA) Tel. 0544 530204 Fax 0544 530453 operativo@piloti.ra.it

Via Fabbrica Vecchia, 5 Marina di Ravenna (Ra) Tel. 0544 530505 - Fax 0544 531871/530456 www.ormeggira.it ormeggira@virgilio.it

no i numeri: le navi più grandi arrivate finora trasportavano cinquemila persone tra equipaggio e turisti, quattro pranzi al giorno significano ventimila pranzi in un giorno. Ma non sono tutte rose e fiori. E se molti sono i complimenti all'indirizzo degli operatori locali, commercianti e fornitori di servizi, c'è stato spazio anche per qualche bacchettata. La prima da una guida turistica: «I commercianti dovrebbero adeguarsi di più agli orari dei croceristi facendo orario continuato a pranzo. Quando li vedo salire sui pullman per tornare alla nave hanno tutti le borse della spesa delle grandi catene che non chiudono». La seconda tirata di orecchie viene da La Macchia: «Devo dire che i fornitori di servizi a Ravenna sono i più cari con cui ho a che fare in tutta la costa del nord Adriatico». Molteplici quindi i fronti su cui combattere per continuare a spingere il terminal. Una guerra da fare in sistema: «Tutti devono fare la loro parte – sentenzia Parrello –. Basta una smagliatura e tutto crolla». E allora ci vorranno i commercianti capaci di cambiare gli orari di apertura per coccolare lo shopping ma ci vorranno anche infrastrutture: 3,5 milioni di euro saranno investiti per una serie di novità a regime nel 2012. Approfondimento ulteriore per accogliere navi più grandi, più parcheggi a terra, fogne e allacci di acqua e corrente elettrica per le navi accostate, potenziamento della navetta per il centro città. E per il biennio 2013-14 si punta ad avere il terzo attracco a Porto Corsini e una nuova stazione marittima. A condire tutto una grande attenzione alla soddisfazione dei turisti. Customer satisfaction la chiamano i guru del marketing che mangiano pane e inglese. «Chi passa da Ravenna deve vivere un'esperienza che lo spinga a tornarci e quindi a scegliere una rotta piuttosto che un'altra perché quella fa scalo qui». Andrea Alberizia


16

PORTO& ECONOMIA

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

AUTORITÀ PORTUALE: IL BILANCIO 2012

AVVISATORE MARITTIMO DEL PORTO DI RAVENNA

sede operativa: Viale F.Rismondo, 6 tel. 0544 530986 - 531336 fax 0544 531375 MARINA DI RAVENNA

www.avvisatoremarittimo.ra.it avvisatore@avvisatoremarittimo.ra.it

L’Avvisatore Marittimo svolge servizio di informazione, coordinamento e registrazione orari movimentazione navi nell’ambito portuale, ponendosi, in qualità di esercizio privato di funzioni e di servizi pubblici, quale punto di riferimento utile alla collettività. Come da ordinanza/regolamento della Capitaneria di Porto di Ravenna n° 2/2007, l’Avvisatore Marittimo gestisce la banca dati “Setship” in concerto con la Capitaneria di Porto di Ravenna.

Presieduto da Giuseppe Parrello, si è riunito giovedì 10 novembre il Comitato portuale per trattare, quale principale argomento, il bilancio previsionale 2012 con il relativo programma triennale dei lavori dell’Autorità Portuale per gli anni 20122014. Presentando i numeri il presidente Giuseppe Parrello ha definito il bilancio ispirato al criterio delle certezze e non a quello delle speranze: «Se ci fossero le speranze avremmo messo dentro molte più cifre di entrata». Le delibere riguardanti questi temi, approvate all’unanimità dal Comitato portuale, scandiscono le tappe del futuro sviluppo del nostro scalo, recependo una serie di interventi infrastrutturali per 134 milioni di euro, totalmente programmati e con copertura finanziaria. Il bilancio di previsione 2012 evidenzia la capacità dell’ente di finanziare con risorse proprie sia manutenzioni ordinarie e straordinarie delle parti comuni in ambito portuale sia la realizzazione delle grandi opere ed infrastrutture portuali. Il Comitato ha determinato la destinazione del “portafoglio” complessivo dell’ente, pari ad oltre 134 milioni di euro, destinati oltre che ad opere di potenziamento infrastrutturale dello scalo, a politiche di rispetto dell’ambiente (forme di incentivazione al passaggio su rotabili nel trasporto delle merci e ricerca di forma alternative di approvvigionamento energetico per le navi, per citare solo alcuni esempi), di continuo innalzamento del livello di sicurezza del lavoro e di formazione del personale. Per quanto riguarda le opere di infrastrutturazione, in relazione all’importante progetto di approfondimento del Candiano, in attesa dell’approvazione del Piano regolatore portuale per il quale si presume che la procedura di Via possa concludersi entro l’anno, l’Autorità portuale ha inserito a bilancio 60 milioni di

AFFILIATO

Fondali verso i -12,50 Investiti 134 milioni

euro, con i quali è in grado di affrontare con risorse proprie, cioè senza finanziamenti statali, il completamento degli 11,50 metri di profondità fino a San Vitale ed il proseguimento sino ad una profondità media di 12,50, compatibilmente con i piani industriali di sviluppo dei privati. Altri interventi sono, oltre a quelli di manutenzione straordinaria di banchine, fondali e strade, i lavori di approfondimento del canale di accesso e del bacino d’evoluzione in avamposto e il progetto definitivo di adeguamento delle banchine operative. Il bilancio previsionale e il programma di lavori che sono stati approvati dal Comitato portuale, così come previsto dalla legge, costituiscono un piano reale, concreto che pianifica opere che possono effettivamente essere realizzate nell’arco di tempo co-

perto dal Programma stesso. Nella redazione del bilancio previsionale 2012 l’Autorità portuale si è ancora una volta impegnata nell’azione di contenimento della spesa corrente, riducendo, così come sempre fatto negli ultimi anni, le spese per consumi intermedi e concentrando le proprie risorse su interventi infrastrutturali in grado di fare leva su finanziamenti privati e, dunque, cercando di attuare appieno quel ruolo di volano dell’economia che è dimostrato un porto può esercitare in termini di reddito e di occupazione a livello di economia regionale e nazionale. Le spese di funzionamento dell’ente rappresentano il 5,8 % delle risorse complessive disponibili, quindi oltre il 94% di queste ultime è investito per lo svolgimento dei compiti istituzionali dell’ente.

Progettazione Progettazione –– Realizzazione Realizzazione –– Consulenza Consulenza Collaudo Collaudo && Certificazione Certificazione Energetica Energetica

Impianti Fotovoltaici Civili e Industriali “Chiavi in Mano”

SEDE Nord Italia (sede Legale) Via Murri 15 - RAVENNA - Tel. 0544. 20 00 18 - Fax. 0544. 20 15 94

www.impsolari.com - info@impsolari.com


PORTO& IMPRESE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

PROPELLER C IL DIRETTIVO NAZIONALE

L U B

Si è riunita a Genova l’assemblea nazionale del Propeller Club per la nomina del nuovo consiglio direttivo nel quale, tra gli altri, sono stati eletti tre ravennati. Si tratta di Simone Bassi (presidente Port of Ravenna), Renzo Giardini (pastpresident Port of Ravenna) e Corrado Miccoli (segretario Port of Ravenna). Il neo eletto consiglio direttivo nazionale si è di seguito riunito per la designazione delle cariche nazionali e, con l’appoggio del Club di Ravenna, è stato eletto il nuovo presidente nazionale nella persona di Umberto Masucci (presidente del Port of Naples). Sono inoltre stati eletti Simone Bassi vicepresidente nazionale, Giuseppe Bongiovanni (tesoriere Port of Ravenna) nel comitato dei revisori nazionale e Carlo Lobietti (presidente collegio dei probiviri Port of Ravenna) nel collegio nazionale.

CAPITANERIA DI PORTO

INFORMAZIONE D’IMPRESA

Morgagni: l’impegno della cooperazione per la pesca costiera di Pino Morgagni*

Il benvenuto a Francesco Saverio Ferrara Francesco Saverio Ferrara è il nuovo comandante della Capitaneria di porto di Ravenna e della Direzione Marittima dell’Emilia Romagna. La cerimonia del passaggio di consegne con il precedente comandante Roberto Rufini, si è svolta lo scorso 11 novembre presso la sede di Porto Corsini. Alla cerimonia ha preso parte il comandante generale del corpo delle Capitanerie, l’ammiraglio ispettore capo Marco Brusco.

INCONTRO SULLE EGADI Il consiglio direttivo dell’International Propeller Club Port of Ravenna ha organizzato per il giorno 24 novembre (dalle 19.30) una riunione conviviale sul tema della “battaglia delle Egadi”. Relatore della serata sarà Pietro Faggioli, storico e giornalista, oltre che provetto ed affermatissimo subacqueo. Racconterà dell’ultima spedizione alle Egadi a cui ha partecipato conclusasi quest’anno e in cui sono stati recuperati tre rostri di bronzo appartenenti a navi romane, due rostri cartaginesi e cinque elmi Montefortini impiegando per la prima volta anche subacquei profondisti per il recupero degli oggetti più fragili. Faggioli offrirà in anteprima alla riunione del Propeller numerose immagini fotografiche e filmati. Sulla rivista Focus del mese di ottobre è pubblicato un suo primo articolo in merito. L’incontro si svolgerà al ristorante “Rossocorsa - I Fiocinini”, dietro al cinema Astora.

I N

D I S T R I B U Z I O N E

L’AGENDA 2012 DEL PORTO CON LE LITOGRAFIE DI GIUSEPPE MAESTRI È disponibile da fine novembre l’edizione 2012 dell’Agenda di Ravenna – Porto d’Europa, Porta d’Oriente. Dal 1995, anno della prima edizione, l’agenda ha raccontato del porto e delle attività produttive e dei progetti sviluppatesi intorno ad esso, ma anche della storia e della cultura della città. L’agenda, quest’anno in formato settimanale, presenta oltre 80 pagine redazionali che ospitano interventi illustri di, tra gli altri, Giuseppe Parrello, Guido Ottolenghi, Gianfranco Bessi, Fabrizio Matteucci, Giovanni Fanti, Paola Novara, Claudio Spadoni, Elsa Signorino, Teatro del Drago, Bronson Produzioni e Francesca Fabbri. Ogni mese è introdotto da rare litografie di Giuseppe Maestri. La parte finale è dedicata alle pagine utili: i servizi del porto, con tutti i numeri utili, e l’accoglienza turistica, con un calendario che illustra i principali cartelloni e avvenimenti della città. Nel risvolto di copertina è allegata una cartina doppia, dedicata ancora una volta al porto e alla città. Interamente tradotta in inglese e personalizzabile con il marchio delle aziende, l’agenda, viene acquistata ogni anno da molti operatori che la spediscono in omaggio ai propri interlocutori extralocali. Si tratta infatti di un valido strumento di promozione per le aziende ravennati che nel presentarsi in Italia e in Europa vogliano mostrare la propria provenienza. L’agenda è disponibile nelle librerie della città e rivolgendosi all'editore (Agenzia Image 0544 597144 - agenzia@agenziaimage.com).

LA VISITA

Le commissioni della Provincia sulla motovedetta

Il consigliere del Pd Daniele Bassi, presidente della commissione Sviluppo economico della Provincia.

17

Le commissioni trasporti e attività produttive della Provincia hanno visitato il porto. I membri delle commissioni, tra i quali i presidenti Daniele Bassi ed Ermanno Tani, accompagnati dal vicepresidente Gianni Bessi, dopo aver ricevuto il saluto del presidente dell’Autorità portuale e del comandante della Capitaneria di Porto, a bordo di una motovedetta della Capitaneria hanno navigato lungo le sponde del Candiano visitando i siti produttivi ed i terminal del porto. Alla luce anche della recente presentazione del bilancio previsionale 2012 dell’ente di via Antico Squero, è stato illustrato ai consiglieri provinciali uno scalo tra i più importanti del Paese, nel quale sono stati realizzati e sono pianificati per il futuro interventi in-

frastrutturali, certi, di grande rilevanza (approfondimento dei fondali, terminal passeggeri, risanamento Pialassa del Piombone, potenziamento rete ferroviaria e stradale), che avranno indubbie ricadute economiche positive sull’intero territorio provinciale. Al termine dell’incontro il presidente Bassi ha dichiarato: «Ritengo di fondamentale importanza quanto appreso oggi. Ci ha consentito di meglio comprendere quanto complessa sia l’attività che si svolge quotidianamente nel porto, quanto strategici siano alcuni degli interventi previsti dall’Autorità portuale e quanto importante divenga il ruolo che la Provincia può giocare affinché sia garantito lo sviluppo, le cui tappe sono già segnate, che uno scalo con tali potenzialità merita di conoscere nei prossimi anni».

A partire dall’estate scorsa, l’intero mondo della pesca è stato fortemente interessato da una serie di interventi che hanno riguardato i piani di settore, piani propedeutici per il beneficio dei contributi europei a favore delle Marinerie locali. Altro oggetto di particolare importanza, ha riguardato la mobilitazione cooperativa per l’Asse IV del Fep sui Gruppi di azione costiera (Cag), sempre a favore di questo settore ma, in un ambito più ambito che abbraccia strategie di maggior respiro e di interesse collettivo. Il mondo della pesca dovrà essere protagonista attivo dello sviluppo del proprio settore in chiave sostenibile, aiutando le comunità locali in cui operano a creare anche altre occasioni di reddito, nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita, con strategie di sviluppo locale. Partendo dal basso, occorre coinvolgere un complesso di altre realtà economiche e sociali, più o meno legate alle suddette marinerie. Alcune strategie possono essere ricondotte specificatamente alla diversificazione o ristrutturazione in questo settore che, a seguito delle recenti misure euro- Pino Morgagni, presidente pee, ha risentito di Agci Ravenna-Ferrara una forte riduzione produttiva, mentre si pongono altresì gli obiettivi di incrementare il valore aggiunto delle produzioni ittiche. Al tempo stesso la qualità dell’ambiente costiero, deve essere migliorato anche attraverso promozioni cooperative transnazionali, nell’ambito del mare Adriatico. L’Asse IV del Fep si basa sul coinvolgimento dei rappresentanti cooperativi della pesca, delle istituzioni pubbliche locali e di tutti quei soggetti privati aventi interesse nell’azione comune di sviluppo locale. Nel nostro territorio abbiamo individuato due macro-aree costiere affini per tipologie e caratteristiche di pesca: a nord i territori costieri della provincia di Ravenna e Ferrara; a sud quelli delle provincie di Forlì-Cesena e Rimini. Pare che tale ripartizione possa essere in linea con quanto gradito anche dalla Regione Emilia Romagna. Al di là della forma giuridica che sarà prescelta per il Cag è importante che vi possano partecipare tutti coloro che siano in grado di sviluppare progettualità, reti di relazioni e strategie operative. La partecipazione comporterà l’anticipazione di risorse finanziarie e fideiussorie necessarie allo sviluppo dei progetti, per poi far beneficiare i territori delle dotazioni previste dalla comunità europea, le quali ammontano, per il periodo 20072013 in 1.387.000 euro. Le tipologie di intervento saranno di natura materiale ed immateriale, potranno essere anche di modeste entità ma, tutte dovranno essere coerenti con le strategie di sviluppo locale, orientate alla tutela ambientale ed a risolvere problemi del territorio. Esperienza e capacità amministrative saranno fondamentali per il buon fine di questa iniziativa, il cui bando di gara è previsto in uscita da parte della Regione nel prossimo mese di dicembre. I tempi si presentano piuttosto ravvicinati ed allo scopo di poter agire puntualmente e tempestivamente, le tre principali organizzazioni cooperative della provincia Ravenna-Ferrara auspicano il fattivo concorso degli uffici delle rispettive provincie, ma anche l’utilizzo delle sperimentate professionalità esistenti all’interno dei Gal locali, già ampiamente sperimentate nei progetti del delicato comparto agricolo europeo. * presidente Agci Ravenna-Ferrara


CULTURA& SPETTACOLI

PROSA

L’Elektra di Elisabetta Pozzi apre la stagione dell’Alighieri

La vendetta e il rimorso attraversano come spettri l’Elektra di Hugo von Hofmannsthal che apre la stagione di prosa del teatro Alighieri con Elisabetta Pozzi, per la regia di Carmelo Rifici, in scena da giovedì 24 a domenica 27 novembre alle 20.30 e domenica alle 15.30. Il drammaturgo austriaco all’inizio del secolo scorso rilegge la tragedia di Sofocle allontanandola dalla dimensione mitologica e approfondendone il lato psicologico. Non a caso in quegli anni Sigmund Freud si ispirò al personaggio per il celebre complesso – che si accostava a quello già tracciato sulla figura di Edipo – in cui la figlia è gelosa della madre e prova verso di lei un inconscio sentimento di rivalità-odio. Elektra è ossessionata dal delitto che ha portato alla morte del padre Agamennone, ad averlo ordito è la madre Clitennestra assieme all’amante Egisto. L’eroina sofoclea è costretta a vivere assieme agli assassini del padre, eroe della guerra di Troia. Vive come un animale tenuto in cattività, camminando sempre nello stesso angolo della corte del palazzo, in silenzio, senza comunicare con nessuno, con l'aspetto trasandato e lo sguardo perso. Aspetta il ritorno del fratello Oreste per far compiere a lui la terribile vendetta che non ha il coraggio di perpetrare: il matricidio che condurrà alla morte anche

Elektra è ossessionata dal delitto del padre Agamennone da parte di Clitennestra

di sé stessa. La scrittura di Hofmannsthal è più debitrice a Shakespeare che non a Sofocle, riprendendo il conflitto interiore e le ossessioni che caratterizzarono personaggi come Amleto e Otello. Il testo andò in scena per la prima volta nel 1903 al Kleines Theater di Berlino per la regia di Max Reinhardt, il personaggio era stato pensato per Eleonora Duse, che però per una serie sfortunata di eventi non lo interpretò mai. Sei anni dopo il testo fu adattato e diventò il libretto dell’omonima opera di Richard Strass che lo consacrò definitivamente come un classico. La parte che non poté essere eseguita della Duse viene oggi interpretata da Elisabetta Pozzi (non a caso vincitrice proprio del premio Duse, oltre a quattro premi Ubu). L’attrice genovese dopo essersi confrontata con ruoli impegnativi in Medea e Fedra, e dopo essere stata diretta da grandi maestri quali Albertazzi, Lavia, Cobelli, Stein, incontra lo sguardo registico di Carmelo Rifici, allievo prediletto di Luca Ronconi, due volte vincitore del Premio della Critica (nel 2005 come regista emergente e nel 2009 per lo spettacolo I Pretendenti di Lagarce) e Premio ETI Olimpici del Teatro 2009 come miglior regista dell’anno. Il regista classe ‘73 a cui Ronconi sta gradualmente lasciando la propria eredità ha allestito una Elektra contemporanea, ma non dissacrante. Attento a non tradire lo spirito del testo Rifici dirige una tragedia truculenta e visivamente notevole. Dopo l’analisi dell’attualità dello spettacolo Buio, in cui Rifici si era confrontato con i problemi dell’Italia di oggi, il prolifico (come il maestro) regista milanese torna a confrontarsi con un classico moderno che descrive con queste parole: «Elektra riesce solo ad immaginare il matricidio ma è incapace di agire. Non riesce a muoversi, chiusa in una prigione, così l’uomo contemporaneo». Una immobilità che si sfoga assumendo le vesti di una intima strage, un tragico destino che potrebbe non essere così peregrino per l’uomo contemporaneo. Matteo Cavezzali

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

CULTURA

18

LA BUSTINA DI MELPOMENE a cura di M ARIA

GIOVANNA MAIOLI

È già più di un mese che Andrea Zanzotto se ne è andato. Ci mancherà, questo poeta-amico che chiedeva al mondo di essere “e buono”, di esistere “buonamente”, e che ora Marisa, la moglie, va a salutare portandogli le vitalbe e i topinambur a lui cari.

ALTRI TOPINAMBÙR di Andrea Zanzotto Entro i manipoli qua e là sparsi dei topinambùr lungo gli argini ogni lustro del giallo si fa intimo all’autunnale catarsi Ori di affabili corollari – topinambùr se è il caso di nominare una scintillazione che pare casalinga ed invece è stellare Tamburini topinambùr euforia di mille divergenti intuizioni – gemellaggi infiniti Azzurro arriso dagli incorreggibili topinambùr mai stanchi di frinire di titillare, di adire ai paradisi più facilmente leggibili Favoleggiare di esigue anarchie, conversioni di lingue mai udite del giallo in gelb jaune amarillo Con affettuoso gusto i furbissimi topinambùr si affollano al cancello come a scuola, nel giorno giusto Dove ritroverò le mie infelicità numerose quanto incontrollabili? – Ma ora coi topinambùr torneranno attutite dai tocchi di altre deità (da Le poesie e prose scelte, Mondadori, Milano 1999)

A sinistra e sopra, l’attrice Elisabetta Pozzi; in basso un’immagine del documentario “Il capo”, di Yuri Ancarani.

Andrea Zanzotto (Pieve di Soligo, 10 ottobre1921 – Conegliano, 18 ottobre 2011)

CINEMA YURI ANCARANI PREMIATO A BARCELLONA PER “IL CAPO” Il documentario “Il Capo” del regista ravennate Yuri Ancarani ha vinto, ex-aequo con il corto canadese “Wild Life” di Amanda Forbis e Wendy Tilby, il gran premio della giuria come migliore cortometraggio alla 18ª edizione dell'Alternativa, il festival del cinema indipendente di Barcellona terminato in questi giorni. “Il Capo” era uno dei quattro film italiani in concorso. Presentato anche a Ravenna in occasione della scorsa edizione di Ravenna Festival, il documentario fa parte di un progetto di Ancarani sui mestieri più estremi ed è stato girato nelle cave di marmo dell’Appennino carrarese. Nel frattempo il nuovo documentario del regista ravennate, “Piattaforma Luna”, dopo l’ottima accoglienza a Venezia verrà proiettato al Guggenheim di New York.


glueclothings@gmail.com Facebook: glueclothings

Via Paolo Costa, 16 Ravenna - tel 0544 20 1080

w w w. r a v e n n a e d i n t o r n i . i t

Èquasi Natale

I tuoi regali di Natale con lo sconto del

30%

GIOCA D’ANTICIPO E SCEGLI SUBITO IL TUO REGALO!

Idee regalo a prezzi scontati.

Associazione di Idee

Ma affrettati... lo sconto si riduce con l’avvicinarsi del Natale. Gioielleria - Orologeria C.so Matteotti 65 - Alfonsine (RA) Tel. 0544 864341


cose buone di casa il libro di ricette di angela schiavina da conservare da regalare ma sopratutto da gustare

Le ricette di Angela Schiavina pubblicate su Ravenna&Dintorni raccolte in due volumi illustrati autunno - inverno e primavera - estate

il primo libro in uscita a dicembre In occasione della pubblicazione sono previste serate conviviali di presentazione Prenota la tua copia al numero: 392 9784242

w w w. r e c l a m . r a . i t


one Confezi regalo e Tisana Termos 0 € 2 0,0

Via A.Diaz 45 Ravenna Tel. 0544 456010

Scopri e le nostr ioni! p ro m o z

via Goldoni 1 Godo di Russi (RA) Tel. 0544 418293

Anticip a gali... i t u o i re N E ! CONVI E

via della Lirica 23 Ravenna Tel. 0544 401493

Lo s t i l e u n i c o t i re di vesdo como

via Paolo Costa 16 Ravenna Tel. 0544 201080

e vuoi l a t a N Se i a re feste gg aShop da Fest ssare devi p a

Venite aerci, Conosc ttiamo vi Asp e zio in Ne gone e On Li

Via G. Brunelli 48 Tel. 0544 452911 Via Mura di Porta Serrata 2 Tel. 0544 216369

otto U n p ro d di rtozzi Rita Be

via Boccaccio 10 Ravenna Tel. 0544 216038

nati App ena far vi Solo per dicembre! ve n i t e a re conosce Con ogni sistema

Centro commerciale La Fontana

trio acquistato, un completo carrozzina in omaggio via Mura di San Vitale 8 Ravenna Tel. 0544 217449

Via Piangipane 274 Piangipane (RA) Tel. 349 6125691


CULTURA& MUSICA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

CINEMA

NOBODADDY

Tre giorni di documentari per non morire di televisione Nove edizioni e una crescita costante di consensi e pubblico hanno fatto del festival di documentari d’autore Per non morire di televisione – al cinema Corso da venerdì 25 a domenica 27 novembre –

una delle creazioni più brillanti del panorama culturale cittadino. «Quando siamo partiti non c’era tutta l’attenzione di cui i documentari godono ora – ricorda Alberto Achilli, direttore dell’Ufficio Cinema del Comune –, si trattava di un genere poco considerato, tanto meno per un festival. Però ci siamo buttati e il pubblico ci ha premiato, affollando ogni anno di più le proiezioni». Le opere proposte e le tematiche della rassegna curata da Fabrizio Varesco hanno fin dall’inizio avuto la caratteristica di offrire al pubblico uno sguardo profondo e inedito sulla realtà contemporanea, una visione rara sui media tradizionali, ed è stata proprio questa scelta incompromissoria a decretare il successo di Per non morire di televisione, oltre naturalmente al fatto di aver

Quest’anno sono i bio-pic al centro dell’attenzione

19

sempre selezionato i lavori dei più importanti registi nazionali e internazionali del documentario. «Il documentario d’autore è ormai divenuto un filone vero e proprio, con registi formati e specializzati – spiega Fabrizio Varesco –, e tutti i grandi festival cinematografici ora hanno una sezione apposita. Quello su cui puntiamo noi quest’anno è il bio-pic, il documentario biografico, con l’usuale grande attenzione verso importanti opere altrimenti “invisibili”». Altra caratteristica della rassegna è poi la presenza in sala di praticamente tutti i registi e i protagonisti delle pellicole presentate, «che raccontando le storie di cui sono occupati – dice Varesco – possono davvero calare il pubblico nella dimensione migliore per la visione». Dando un’occhiata più da vicino al corposo programma della tre giorni al Corso vediamo che l’edizione 2011 di Per non morire di televisione propone in prevalenza documentari di carattere biografico/sociale, con opere dedicate a personaggi che attraverso la loro storia mettono in luce problematiche e offrono riflessioni sul presente e sul passato. Da 148 Stefano sulla morte di Stefano Cucchi (che apre il festival alle 18 di venerdì 25) a Il Ribelle sul rivoluzionario Guido Picelli (sabato 26 alle 17), dal norvegese Vivere senza soldi (sabato 26 alle 16) a Corde di Marcello Sannino (sabato alle 19.30) e Ishak (sabato alle 18.30), dall’evento speciale dedicato al grande regista russo Artavazd Pelesjan raccontato da Pietro Marcello e presentato in sala da Enrico Ghezzi (sabato alle 21) all’omaggio a Pier Paolo Pasolini con il documentario di Gilles Coton Qui finsice l’Italia (domenica, ore 21), dallo “speciale scrittori” con due opere dedicate a Pier Vittorio Tondelli e Jack Kerouac all’ironico Italy love it or leave it, dal drammatico Io sono. Storie di schiavitù, fino al coinvolgente Jazz Confusion con Enrico Rava e Nicola Piovani. Ingresso 3 euro, info: www.mosaicofilmfest.it. Alessandro Fogli

I Fanny tornano a West e si rivolgono “Alla Nazione” Dopo il prologo a cura del Teatro delle Albe, il Nobodaddy prosegue con due diversi lavori di Fanny & Alexander: lo spettacolo West, che segna la conclusione dell’indagine della compagnia sull’universo del Mago di Oz, e il radiodramma Alla nazione, inizio del nuovo percorso sulla retorica del “discorso” politico.

A sinistra Artavazd Pelesjan, sopra Francesca Mazza, sotto il Valtorto

Da giovedì 24 a sabato 26 novembre (ore 21) all’Almagià ecco quindi West, che torna a Ravenna dopo una lunga tournée italiana segnata da significativi riconoscimenti di critica e pubblico (Premio Ubu 2010 come migliore attrice a Francesca Mazza e Premio dello spettatore 2010/2011-Teatri di Vita allo

TRA

DANZA E TEATRO CON

spettacolo). In West lo spettatore è “imprigionato” assieme a Dorothy da una strana forma di incantesimo, una trappola del linguaggio capace di sospendere a tratti la facoltà di esprimere un giudizio, la possibilità di compiere delle scelte, dire sì o no alle cose che saranno proposte. Il lavoro, incentrato sulle tecniche della manipolazione sottile del linguaggio pubblicitario, interseca motivi mitici a motivi legati alla contemporaneità, alla cronaca e ai grandi emblemi dell’occidente. Sabato 26 (ore 22.30), sempre all’Almagià, si terrà invece l’ascolto in diretta in prima assoluta dalle frequenze di Radio Rai 3 di Alla nazione, radiodramma che segna per Fanny & Alexander la prima tappa di un lungo progetto teatrale dedicato ai discorsi rivolti a una comunità, esplorando le forme e le retoriche degli interventi ufficiali trasmessi alla radio. Giocando con i luoghi comuni dell’oratoria radiofonica ed esaltando le potenzialità di una parola calata in una drammaturgia intrecciata e sorprendente, la voce di Marco Cavalcoli, già virtuoso interprete del ventriloquo Mago di Oz, incarna un misterioso Presidente alle prese con un importante discorso da pronunciare alla Nazione. Alla nazione è inserito nell’ambito di L’arte invisibile, programma radiofonico a cura di Rodolfo Sacchettini. Info: 0544 36239.

CE “SUB” DEI ZONA CIECA

N T R O

VA

LT O RT O

Secondo appuntamento con la rassegna del centro Valtorto S-Composta/La corrente, che sabato 26 novembre ospita alle 21 la compagnia Zona Cieca con “Sub”. Zona Cieca è un progetto nato dall'unione di tre menti e corpi pensanti, Chiara Casorati, Enrica Magnolini e Luna Paese. Il loro lavoro è concepito su un piano paritario, in cui i ruoli specifici si confondono e si scambiano, frizionano e collimano in funzione del progetto indagato. Del primo lavoro, Sub, i Zona Cieca dicono che non si tratta né di danza né di teatro, ma di quello che resta quando si leva sia l'uno che l'altro, lo scheletro. La serata propone anche il buffet curato da Patrizia Preda, il dj set di Alice Keller e l’intervento cronico di Panda Project, liberamente ispirato al cane di Pavlov. Ingresso 10 euro con tessera Compost C. Il Valtorto è in via Faentina 216. Info: 347 07 43 593.


20

CULTURA& MUSICA

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

LA STAGIONE

BRONSON

Ravenna Musica 2012 tradizione e contemporaneo Come di consueto non delude le aspettative il cartellone di Ravenna Musica 2012 – allestito dall’associazione musicale Mariani insieme a Comune e Provincia di Ravenna, Regio-

Sopra l’Accademia Orchestra Mozart, a destra il Danish Trio

ne Emilia-Romagna e Ministero per i Beni e le Attività Culturali (con il sostegno delle Fondazioni del Monte di Bologna e Ravenna e Cassa di Risparmio di Ravenna) – che tra gennaio e maggio ospiterà al teatro Alighieri protagonisti importanti, alcune vere e proprie star internazionali, orchestre sinfoniche e complessi orchestrali di primo piano. Il tutto sotteso a una cura par-

ticolare per i programmi, spazianti all’interno della produzione meno frequentata di alcuni dei compositori tradizionalmente più amati dal pubblico, come Beethoven, Schubert, Schumann e Brahms, pagine sì meno conosciute eppure sorprendenti per fascino e bellezza. L’apertura della stagione – domenica 22 gennaio – sarà affidata all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta dal carismatico John Axelrod. La serata vedrà la prima viola della prestigiosa compagine torinese Luca Ranieri, già prima viola dell’orchestra del Teatro alla Scala, eseguire Der Schwanendreher di Hindemith. Completano il programma l’Ouverture da Leonora di Beethoven e la Sinfonia La grande di Schubert. Il 1° febbraio poi un ritorno insperato, dopo una lunga assenza dalle scene dell’Alighieri: I Solisti Veneti, il gruppo orchestrale da camera più popolare nel mondo con i suoi 5.000 concerti in più di 82 paesi che nel

2010 ha celebrato il 50° anniversario dell’istituzione, mentre il 14 febbraio per l’appuntamento dedicato al pianoforte uno straordinario interprete, considerato il successore della grande tradizione pianistica russa Boris Berezovsky conosciuto nel mondo per il suo trascinante virtuosismo e la sensibilità delle interpretazioni. Il 16 febbraio ecco poi l’Accademia dell’Orchestra Mozart, diretta dal suo violoncellista Enrico Bronzi, quindi, il 26 febbraio, il duo d’eccezione Antonio Pappano nella straordinaria veste di pianista e Luigi Piovano, violoncello. Il 14 marzo sarà la volta dell’Orchestra dei Giovani Europei diretti da Christoph Ehrenfellner, seguiti il 20 marzo dal quartetto svizzero tedesco Amaryllis. Altro ritorno, quello del violinista russo Sergej Krylov il 26 marzo. Il 28 aprile spazio alla ravennate Accademia Bizantina, che poi cederà il palcoscenico il 2 maggio al violoncellista Mario Brunello con l’Orchestra della Toscana. Dopo l’esibizione il 3 maggio del Danish Trio – con il pianista Stefano Bollani, Jesper Bodilsen al contrabbasso e Morten Lund alla batteria – a chiudere il cartellone sarà la Kammerorchester Basel, uno dei migliori complessi da camera europei. Info: 0544 39837.

La leggenda The Sonics ma anche Dente, Richard Buckner e Suuns

Sopra, i leggendari The Sonics

Tubo luminoso led decorativi

ILLUMINIAMO IL TUO NATALE

Luci natalizie, fantasie luminose per interni ed esterni

The Sonics, Tunas, Dente, Richard Buckner, Sacri Cuori, Suuns, Ringo Deathstarr. Potrebbe essere la line-up di un festival europeo e invece è “solo” la programmazione di questa settimana al Bronson di Madonna dell’Albero. L’inizio di venerdì 25 novembre è poi di quelli memorabili. I The Sonics sono una delle band più importanti del pre-punk americano di sempre. Punto. Garage rock band di Tacoma, nello stato di Washington, i Sonics sono tra i padri fondatori della scena di Seattle dei Sixties, e con storici brani come Psycho, The Witch, Strychnine, hanno stravolto il panorama musicale dell’epoca. E ancora adesso l’energia che hanno dal vivo ha del portentoso. Aprono la serata i bolognesi Tunas. Sabato 26 torna invece al Bronson il sempre più amato Dente, questa volta forte del nuovo album Io tra di noi, già incensato da tutta la stampa nazionale. Assolutamente da non perdere è poi la data di martedì 29: Richard Buckner è infatti una delle figure più visionarie e sensibili dell'ultima generazione di songwriter americani, spesso paragonato a Leonard Cohen e Townes Van Zandt, considerato dalla stampa statunitense come l’anello di congiunzione tra indie rock e tradizione americana, tra Mark Lanegan e Smog. Con lui i Sacri Cuori. Mercoledì 30 novembre, infine, ecco i canadesi Suuns, impressionanti la scorsa estate all’Hana-Bi, che arrivano con un nuovo 12” e accompagnati dai Ringo Deathstarr. Tutti i concerti inziano alle 22. Info: 333 2097141.

Presepi, casette, fontane, soggetti in movimento, pompe a immersione, centraline elettroniche

Sfere iridescenti, metallizzate, satinate e addobbi

Alberi natalizi in fibra ottica, led ornamentali

bre m e c i D erto ap ica domesntivi e fe

RAVENNA - Via Le Corbusier, 15 tel. 0544 270585 - fax 0544 276553 info@elettrolamp.it - www.elettrolamp.it

• Lampadari • Materiale elettrico • Ventilazione • Riscaldamento


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

MOSAICO

CULTURA& SPETTACOLI

MUSICA CLASSICA

PIANGIPANE

A Samantha Holmes e CaCo3 il premio Gaem Si è svolta nei giorni scorsi al Museo d’Arte della città di Ravenna la premiazione dei

In alto Samatha Holmes, sopra i CaCo3

due vincitori del concorso “GAEM – Giovani Artisti e Mosaico”. La giuria – presieduta da Claudio Spadoni, di-

rettore del Mar – ha assegnato due premi: il Premio Mosaico Orsoni (2mila euro in materiali musivi prodotti dalla Ditta Orsoni Smalti Veneziani) per un’opera eseguita con materiali tradizionali è andato a Movimento n. 18 del collettivo CaCO3 (Âniko Ferriera Da Silva; Giuseppe Donnaloia e Pavlos Mavromatidis Kavala); il Premio Mosaico Banca Popolare di Ravenna (2mila euro elargiti dalla Banca Popolare per un’opera non convenzionale per tecnica e uso dei materiali, ma conforme alle logiche costitutive e poetiche del linguaggio musivo) se l’è invece aggiudicato il lavoro Unspoken 10.22.10 - XX. XX. 11 di Samantha Holmes. Le due opere vincitrici sono state selezionate tra le dieci precedentemente scelte, esposte al Mar fino al 20 novembre in una mostra collettiva, e pubblicate nella prima edizione del catalogo Gaem, a cura di Linda Kniffitz. Le due opere, tra l’altro, resteranno nella collezione del Mar.

21

Tuffo nello swing con la NP Big Band

Gene Barocco per il flauto tedesco Domenica 27 novembre (ore 11) alla Sala Corelli del teatro Alighieri, protagonista del 4° appuntamento dei Concerti della Domenica dell’associazione Angelo Mariani sarà l’ensemble Il Gene Barocco, formato nell’occasione dai flautisti Gregorio Carraro, Matteo Gemolo e Marco Scorticati, dalla violoncellista Michela Gardini e dalla clavicembalista Valeria Montanari. L’ensemble farà rivivere l’affascinante arte flautistica in Germania a fine ‘700 interpretando composizioni di J. F. Fasch, J. S. Bach, J. C. Schickardt e G. P. Telemann. Info: 0544 39837.

MAMA’S C IRISH SESSIONS, ZIRUDELE E IL DEL BARRIO TRIO

L U B

Domenica 27 novembre si terranno dalle 21 al Mama’s Club di via San Mama le “Irish Sessions emiliano-romagnole”. Sarà una serata all'insegna della musica irlandese con la partecipazione spontanea di musicisti e appassionati con esibizioni improvvisate che renderanno la serata piena di piacevoli sorprese musicali. Venerdì 25 invece il Mama’s ospita "Cvând che la mént la viöga un pô piò alzira", un recital di zirudele, sonetti e poesie dialettali a cura di Eliseo Dalla Vecchia e Rudy Gatta, con Primo Montanari alla fisarmonica, mentre sabato 26 c’è il concerto di Del Barrio Trio. Ingresso gratuito

La NP Big Band

Rivive il fasto della “big band” al Teatro Socjale di Paingipane, dove venerdì 25 novembre (ore 22) arriva la NP Big Band. Orchestra composta da diciassette musicisti (con ben dodici fiati), La NP è nata nel 2008 a Genova con l’obiettivo di dedicarsi alla musica da ballo swing delle grandi orchestre americane degli anni Trenta e Quaranta del Novecento. Il repertorio, ovviamente, attinge principalmente da quello delle orchestre di Benny Goodman, Glenn Miller e Artie Shaw, ma con significative presenze di brani di altre grandi orchestre dell'epoca. La Big Band ha debuttato in occasione del “BeLindy Camp 2008” di Genova e ha partecipato alle edizioni 2009 e 2010 di due fra i più importanti Festival swing italiani: lo “Swing, Brother, Swing” di Bologna e lo “Swing Crash Festival” di Como. In conseguenza al grande successo ottenuto, la NP Big Band è diventata “home band” dei due festival ed è stata confermata per le prossime edizioni! La NPBB ha partecipato (unica formazione italiana) al “Rock That Swing Festival 2010” di Monaco di Baviera, ed è stata l’unica band fra quelle invitate, provenienti da tutta Europa, a esibirsi due volte: sia nella serata di apertura, sia nel Gala del sabato. Nel maggio 2011 è stata protagonista della serata di gala del “Balboa on the Promenade Festival” a Cannes. E nell’intervallo gli immancabili cappelletti.


22

CULTURA& PROGETTI

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

POSTCARDS

RAVENNA CAPITALE/1

Al Rasi si parla di innovazione con Irene Tinagli “Immaginare l’immaginario”, questo il titolo del quarto dei cinque convegni (“Cinquetracce”) organizzati in città per dare corpo alla candidatura di Ravenna a capitale della cultura nel 2019. La quarta “traccia”, in programma sabato 26 novembre dalle 16.45 al teatro Rasi di via di Roma, sarà incentrata – si legge nel comunicato stampa di presentazione – su temi quali “innovazione e creatività, futuro tecnologico, utopie politiche, visioni contemporanee e giovanissimi cuori pensanti”. «Si tratta di un tema al quale subito abbiamo voluto accostare riflessioni economiche e sociali – afferma l’imprenditrice Marianna Panebarco, che curerà l’incontro, in qualità di membro del comitato artistico-organizzativo di Ravenna 2019 – affinché questo immaginario possa crescere in un tessuto cittadino ricco e aperto al nuovo». Quanto incide la cultura oggi nello sviluppo di un territorio? Quali le visioni dei ravennati, piccoli e grandi, per il futuro? Come costruire un percorso collettivo verso il 2019? Questi sono alcuni degli interrogativi, a cui tenteranno di rispondere i numerosi ospiti che saliranno sul palco del Rasi. I contributi spazieranno dall’economia della creatività alle nuove tecnologie, dalla comunicazione multimediale al teatro contemporaneo, con una particolare attenzione al tema dell’infanzia, che verrà esplorato attraverso la valenza educativa dell’arte e della cultura. Ad aprire l’appuntamento sarà un giovane talento italiano, Irene Tinagli, ora diventata una economista di fama mondiale, premiata nel 2010 dal World Economic Forum come Young global leader. A lei il compito di illustrare il ruolo e i possibili sviluppi dell’economia della creatività. A seguire prenderanno la parola il professore Giovanni Boccia Artieri, esperto di social media e networks, Barbara Longiardi, fondatrice dello studio di design e comunicazione “Matitegiovanotte” di Forlì e del Romagna Creative District, Raffaele Iosa, impegnato nel settore dell’istruzione quale Ispettore del Miur e il sindaco di Cesena Paolo Lucchi. Marco Martinelli del Teatro delle Albe presenterà in video un contributo appositamente realizzato per l’evento, mentre Monica Francia porterà l’esperienza dell’associazione culturale Cantieri. Ulrich Fuchs, che incontrerà cittadini e addetti ai lavori in una sessione speciale sabato mattina alle 11 alla sala D’Attorre, darà una lettura europea dei temi della quarta traccia, grazie all’esperienza maturata alla guida di città candidate al titolo di capitale europea della cultura (Linz 2009 e Marsiglia 2013). Al termine degli interventi, il dibattito prenderà forma con esperti del territorio (Danilo Conti, Lidia Marongiu, Giuseppe Giaccardi, Patrizia Magnani, Serena Fagnocchi e Patrizia Fanara).

di

EMILIANO BIONDELLI

l e te s t i m o n i a n z e «VALORIZZARE L’ARTE NUOVA E GLI EMERGENTI» Un gruppo di volontari, che sta supportando lo staff Ravenna2019 nelle attività di comunicazione, ha avuto l’opportunità di incontrare gli ospiti internazionali della terza traccia che hanno rilasciato loro brevi consigli sulla candidatura a capitale europea della cultura. Predrag Matvejevic ha puntato l’attenzione sulle divergenze create dal confine/mare Mediterraneo; Svetlana Lomeva e Costanza Ivanova del comitato Sofia2019 hanno confermato la partnership all’insegna della cultura che accomuna Ravenna alla capitale bulgara: il primo progetto condiviso si è concretizzato in un’esposizione d’arte musiva ispirata all’Impero Bizantino. Un’ultima ma illuminante dichiarazione è stata rilasciata da Arsenjie Jovanovic, compositore di installazioni musicali ispirate al mare, il quale ha affermato: «Non è importante ricordare gli antichi splendori di una città culturale come Ravenna, in questo Ravenna è già capitale della cultura, ciò che bisogna fare è valorizzare l’arte nuova, incoraggiare gli artisti emergenti, senza dipendere da grandi e dispendiose produzioni artistiche».

L’installazione di Antonio Marchetti all’Almagià

Guida alle stagioni dei teatri di Ravenna e della Romagna

Si alza il sipario sul nuovo annuario dei cartelloni teatrali 2011/2012. Interviste, approfondimenti, calendari per conoscere e capire tutto quanto va in scena: la prosa, la danza, il teatro di ricerca e quello per ragazzi, la musica e l’opera lirica… Da oggi in distribuzione nei teatri e nei locali pubblici di tutta la provincia e dintorni.

www.ravennaedintorni.it

RAVENNA CAPITALE/2

Anche il mare entra nel progetto di candidatura La terza traccia del cammino di candidatura di Ravenna a capitale europea della cultura nel 2019 (terzo di cinque convegni sul tema) si intitolava “Verso il mare aperto” e ha condotto (sabato 19 novembre) il pubblico negli aperti mari dell’intelletto e nelle profondità degli abissi della conoscenza. L’incontro si è svolto al porto, a ridosso del mare, negli ex magazzini dello zolfo dell’Almagià affollati di numerosi spettatori. Il dibattito è stato coordinato dalla sapiente mano di Franco Masotti, membro del comitato artistico-organizzativo di Ravenna2019 nonché della triade dei direttori artistici del Ravenna Festival. «Ravenna è sempre stata circondata dal mare – ha spiegato – come si vede nell’illustrazione “la città di Ravenna al tempo di Giosuè” di fine ‘600, anzi in quella antica stampa pare quasi imprigionata dai flutti. Un mare che da una parte apre nuovi orizzonti con la navigazione e dall’altra imprigiona la città come una palude». Per rendere giustizia alla giornata sarebbe più adatto un saggio di filosofia che non un pezzo di cronaca visto che sul palco si sono succeduti l’intellettuale slavo Predrag Matvejevic, il docente di Storia del Diritto Internazionale e di Multiculturalismo Gustavo Gozzi, il ricercatore e insegnante che si occupa di paesaggio, ecologia e cultura del mare Fabio Fiori, il filosofo Alessandro Aresu, il musicista Arsenjie Jovanovic e lo storico dell'architettura Alberto Giorgio Cassani. I loro interventi hanno spaziato dalla storia del Mediterraneo come intreccio di migrazioni e come movimento di culture fino ad aneddoti come quello dell’uccellino disperso in mezzo all’Adriatico per sfuggire ai bombardamenti nella ex-Jugoslavia e al concetto filosofico di mare. Fiori ha ricordato che «il modo migliore per tornare in contatto con il mare è riscoprire le microeconomie che ci legano ad esso, come la pesca». Giuseppe Parrello, presidente dell’Autorità Portuale di Ravenna, ha spiegato che «si sta lavorando in sede europea per far nascere il “corridoio baltico” e il “corridoio 5 Lisbona/Kiev” e Ravenna avrà un ruolo determinante». Per non montare la testa dei presenti però Parrello ha anche raccontato un aneddoto indicativo: «A un incontro internazionale un cinese che aveva sentito parlare delle dimensioni dell’Adriatico e delle brevi distanza tra i porti di Venezia, Ravenna e Trieste mi chiese “ma l’Adriatico è un mare o una baia?”». Ad entrare nel tecnico della candidatura sono state Svetlana Lomeva, coordinatrice del Comitato Sofia 2019 e, soprattutto, Nele Hertling, direttrice di Berlino capitale europea della cultura nel 1988. La Hertling ha avvertito Ravenna: «State attenti a non cadere nelle trappole in cui inciampano molte città candidate». L’ostacolo più insidioso è «vedere il progetto di candidatura calato dall’alto dalle Amministrazioni». Hartling ha poi aggiunto che «Ravenna nella sua storia e nella sua diversità ha le potenzialità per essere una capitale. Se si saprà puntare sulle sue peculiarità che la distinguono dalle altre città potrà affascinare sempre di più nuovi turisti». Da segnalare l’installazione dell’artista Antonio Marchetti che ha riprodotto con un dinamico plastico navi coinvolte in un grande gorgo marino, a rischio di naufragio (vedi foto), e il lavoro dell’Osservatorio fotografico che ha consegnato ai cittadini presenti un pamphlet di scatti in cui ventisei fotografi ravennati, coordinati dalla storica dell’arte fotografica Silvia Loddo, hanno dato un contributo nell’offrire la propria visione dell’acqua a Ravenna, spaziando da immagini del porto, della spiaggia e dei fiumi, con sguardi originali e diversi tra loro. Matteo Cavezzali


DOVE& QUANDO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

DIARIO

• GRANDE SCHERMO • Programmazione da venerdì 25 novembre a giovedì 1 dicembre

Astoria - Ravenna

fer. e fest.: 16-22.40; sab.: 16-22.40-00.50

La kryptonite nella borsa

Immortals

(Regia di Ivan Cotroneo)

ven., mar., mer. e gio.: p.u. 20.50; sab.: 20.30-22.35; dom.: 16-18.05-20.50

Il cuore grande delle ragazze (Regia di Pupi Avati)

ven., mar., mer. e gio.: p.u. 20.40; sab.: 20.40-22.40; dom.: 16-18-20.40

Pina (Regia di Wim Wenders)

ven., mar., mer. e gio.: p.u. 20.30; sab.: 20.30-22.35; dom.: 16-18.05-20.30

La peggior settimana della mia vita (Regia di Alessandro Genovesi)

ven., mar., mer. e gio.: p.u. 20.50; sab.: 20.40-22.40; dom.: 16-18-20.50

Lezioni di cioccolato 2 (Regia di Alessio Maria Federici)

ven., lun. e maer.: p.u. 20.50; sab.: 20.35-22.40; dom.: 16-18.05-20.50

Et in terra pax

(Regia di Tarsem Singh)

Proiezione in 3D: ven., dom., lun., mar. e mer.: 20.30-22.40; sab.: 20.30-22.4000.50; gio.: p.u. 22.40

Il re Leone (Regia di Roger Allers e Rob Minkoff)

Proiezione in 3D: ven., sab., lun., mar. e mer.: 16-17.50; dom.: 15.30-17.20

CinemaCity - Ravenna

(Regia di Roland Emmerich)

fer.: 17-20.10-22.30; sab.: 17-20.1022.30-00.20; dom.: 17.20-20.10-22.30

fer.: 16-17.10-18.20-20.20-20.30-2122.40-22.50; sab.: 16-17.10-18.2020.20-20.30-21-22.40-22.50-00.05; dom.: 15.30-16-17.50-18.20-20.2020.30-21-22.40-22.50

Scialla! (Stai sereno)

Proiezione in 3D: sab.: p.u. 18.10; dom.: 16.10-18.10

fer. e sab.: 16-18.05-20.30-22.35; dom.: 15.40-17.45-20.30-22.35

Anonymous

I soliti idioti (Regia di Enrico Lando)

ven., sab., dom., mar., mer. e gio.: 18.10-20.30-22.40; lun.: 18.10-22.40

Cinque matti allo stadio

(Regia di Shawn Levy)

(Regia di Claude Zidi)

ven., lun., mar. e gio.: p.u. 21; sab.: 20.3022.30; dom.: 16-18.15-20.30-22.30

(Regia di Lone Scherfig)

La peggior settimana della mia vita (Regia di Alessandro Genovesi)

mar.: p.u. 21

La kryptonite nella borsa (Regia di Ivan Cotroneo)

sab. e dom.: p.u. 21

Circolo Jolly - Russi

Terraferma

(Regia di Jennifer Yuh)

ven., sab., mer. e gio.: p.u. 21;

dom.: p.u. 15

INFOCINEMA Astoria Multisala Ravenna, via Trieste 233, tel. 0544 421026 Cinemacity Ravenna, via Secondo Bini 7, tel. 0544 500410 Jolly Ravenna, via Renato Serra 33, tel. 0544 478052

Cinema San Rocco Lugo, corso Garibaldi 118, tel. 0545 23220 Teatro Moderno Fusignano, corso Emaldi 32 Cinedream Multiplex Faenza, via Granarolo 155, tel. 0546 646033

Cinema Italia Faenza, via Cavina 9, tel. 0546 21204 Cinema Sarti Faenza, via Scaletta 10, tel. 0546 21358 Cinema Europa Faenza, via S. Antonio 4, tel. 0546 32335

CA' DE VEN, RAVENNA

di Hugo von Hofmannsthal. Regia di Carmelo Rifici, con Elisabetta Pozzi. Inizio ore 20.30. Repliche ven., sab. e dom. ore 15.30.

INFOLINE 0544 249244 TEATRO ALIGHIERI, RAVENNA

SERATA RUMAGNUL & AFRICHEN

(Regia di Emanuele Crialese)

Kung Fu Panda 2

Barbara Bartoli presenta il suo libro sulla vetrina nella comunicazione del terzo millennio. Inizio ore 18.30.

ELEKTRA

Teatro Moderno Fusignano

(Regia di Roan Johnson)

LA CERAMICA DI CASTELLI IN UNA GRANDE COLLEZIONE PRIVATA

ARCHITETTURE IN VETRINA

sab. e dom.: p.u. 21

I primi della lista

LA PRESENZA DEI CRISTIANI

MIC, FAENZA

dom.: p.u. 21

Europa - Faenza

Miracolo a Le Havre

(Regia di Aki Kaurismäki)

One Day

fer.: p.u. 20.25; sab.: 17.40-20.25; dom.: 15.35-17.40-20.25

INFOLINE 0544 482112 BIBLIOTECA CLASSENSE, RAVENNA

conferenza a cura di Carola Fiocco e Gabriella Gherardi. Inizio ore 17.

L'amore all'improvviso - Larry Crowne

Real Steel

incontro con Nicoletta Bacco, bibliotecaria Istituzione Biblioteca Classense Ravenna. Inizio ore 16.30.

INFOLINE 0544 30171 SALA D'ATTORRE, RAVENNA

Cinema Moderno Castel Bolognese

(Regia di Tom Hanks)

LEGGERE ADOLESCENTE

conferenza pubblica di Giovanni Domenico Benenati. Inizio ore 17.

ven., sab. e dom.: p.u. 21.15

fer.: 20.35-22.45; sab.: 18.15-20.35-22.4500.55; dom.: 15.20-18.15-20.35-22.45

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE

NEI PAESI ARABI

Convento di S. Francesco Bagnacavallo

(Regia di Daniele Gaglianone)

ven., sab., dom., lun. e mer.: p.u. 20.45

Jolly - Ravenna

(Regia di Salvatore Ficarra e Valentino Picone)

(Regia di Bill Condon)

I tre moschettieri lun.: p.u. 20.30 (film in lingua originale)

Anche se è amore non si vede

Ruggine

Happy Feet 2 Proiezione in 3D: fer. e sab.: 15.50-17.5020.30; dom.: 15.40-17.40-20.30; proiezione in 2D: fer. e sab.: 16.30-18.30; dom.: 15.20-16.30-18.30

ven. e sab.: 20.35-22.30; dom.: 16-1821.15; lun., mar. e mer.: p.u. 21.15

The Twilight Saga: Breaking Dawn Parte 1

(Regia di George Miller (II)) (Regia di Paul W.S. Anderson)

Sarti - Faenza

ven. e mar.: p.u. 21; sab.: 20.30-22.30; dom.: 17-19-21

fer.: 20.20-22.45; sab.: 17.45-20.2022.45; dom.: 15.15-17.45-20.20-22.45

(Regia di Francesco Bruni)

lun.: p.u. 21.30

San Rocco - Lugo

(Regia di Brett Ratner)

gio.: 17.30-20.30

sab.: p.u. 17; dom.: p.u. 15

(Regia di Francesco Bruni)

Proiezione in 3D: ven., sab., lun. e mer.: p.u. 22.40; dom.: 15.50-22.40

Tower Heist - Colpo ad alto livello

(su grande schermo, il concerto live from Paris della cantante colombiana)

(Regia di Raja Gosnell)

(Regia di Tarsem Singh)

fer.: 20.20-21.10-22.40; sab.: 17.50-18.2020.20-20.50-22.40-00.55; dom.: 15.2016.10-17.50-18.30-20.20-21.10-22.40

A day with Shakira

ven. e sab.: 20.45-22.30; dom.: 1718.45-21.15; mar., mer. e gio.: p.u. 21.15

Scialla! (Stai sereno)

(Regia di Shawn Levy)

(Regia di George Miller (II))

(Regia di Aki Kaurismäki)

Immortals

fer.: p.u. 22.40; sab. e dom.: 18.10-22.40

Happy Feet 2

Italia - Faenza

(Regia di Gus Van Sant)

(Regia di Roland Emmerich)

(Regia di Salvatore Ficarra e Valentino Picone)

mar.: p.u. 21

L'amore che resta

I soliti idioti

(Regia di Roger Allers e Rob Minkoff)

fer.: 17-20.20-22.50; sab.: 17-20.20-22.5000.30; dom.: 15.20-17.50-20.20-22.50

(Regia di Robert Redford)

I Puffi

Il re Leone

fer.: 16-18.05-20.40-22.45; sab.: 16-18.05-20.40-22.45-00.50; dom.: 15.30-17.35-20.40-22.45

The Conspirator

mar.: p.u. 21 (film in lingua originale)

(Regia di Bill Condon)

Anche se è amore non si vede fer.: 16-17-18-20.30-20.45-22.30-22.45; sab.: 16-17-18-20.30-20.45-22.3022.45-00.45; dom.: 15.30-16.30-17.3018.30-20.30-20.45-22.30-22.45

gio.: p.u. 20.30

fer. e dom.: 20.20-22.30; sab.: 20.20-22.30-00.35

Real Steel

dom. e mar.: p.u. 16

(su grande schermo, il concerto live from Paris della cantante colombiana)

(Regia di Enrico Lando)

The Twilight Saga: Breaking Dawn Parte 1

dom.: 17-19-21

Miracolo a Le Havre

(Regia di Paul W.S. Anderson)

Arrietty - Il mondo sotto il pavimento (Regia di Hiromasa Yonebayashi)

fer.: 20.30-22.40; sab.: 17.50-20.30-22.4000.50; dom.: 15.40-17.50-20.30-22.40

I tre moschettieri

Anonymous

(Regia di Brett Ratner)

gio.: p.u. 21

(Regia di Salvatore Ficarra e Valentino Picone)

A day with Shakira

Tower Heist - Colpo ad alto livello

(Regia di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini)

Cinedream - Faenza

Anche se è amore non si vede

23

Cinema Gulliver Alfonsine, piazza della Resistenza 2, tel. 0544 83165 S. Francesco Bagnacavallo, via Cadorna 14, tel. 348 9001663 Circolo Jolly Russi, via Cavour,

us magna e us bala ben neca in Africa: cena etnica (10 euro) e esibizione live di Frack Viderot. A seguire, musica africana con dj Charles e altri. Inizio ore 20.

INFOLINE 328 1455130 CENTRO VALTORTO, RAVENNA

JAZZ DALLE ORIGINI ALLO SWING AGE

conversazioni, audizioni, testimo-

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

Allo spazio bimbi e ludoteca Fate e Folletti giochi e laboratori dedicati al Natale RISTORANTE - PISCINA

A CAPODANNO APERTO SI RACCOMANDA LA PRENOTAZIONE

Nei mesi invernali aperto solo su prenotazione per cene aziendali o gruppi numerosi

MARINA DI RAVENNA VIALE DELLE NAZIONI 40 tel. 0544 530186 cell. 347 5313967

www.bagnolucciola.it

Ormai è cominciato il conto alla rovescia, in vista del Natale, allo spazio/ludoteca Fate e Folletti, in via Faentina 121/G a Ravenna, il regno in cui i bambini possono giocare in tranquillità e in cui i genitori possono ritrovarsi e chiacchierare in libertà. Numerosi i laboratori sul tema natalizio organizzati durante la settimana, sempre dalle 17 alle 19. Il lunedì pomeriggio, per esempio, c’è un corso in cui vengono insegnate le varie tecniche per le realizzare le palle di Natale. Il martedì è poi la volta di un laboratorio dedicato alle creazioni con argilla, mentre il mercoledì è attivo lo spazio giochi per bambini accompagnati dai genitori. Come di consueto, il giovedì prosegue il corso di inglese per i piccoli della materna e della primaria. Il sabato mattina, infine, dalle 10 alle 12 è pos-

sibile sperimentare il laboratorio di riciclaggio sempre a tema natalizio.

via Faentina 121/G - Ravenna Info tel. 331 1410072 fatefolletti2010@gmail.com


24

DOVE& QUANDO

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

EYES WIDE SHUT... THE PARTY!

VISIBILI & INVISIBILI di

FRANCESCO DELLA TORRE

Anonymous, se non basta amare Shakespeare per apprezzare un film...

Anonymous, di Roland Emmerich (2011) La dubbia storia del nobile Edward De Vere, che in età vittoriana crea il personaggio di Shakespeare, per vedere rappresentate le sue commedie, diventa un thriller che, per poter essere gustato al meglio da voi spettatori, necessita di alcune predisposizioni. 1. Shakespeare, innanzitutto, nel bene e nel male. Nel senso che dovete amare le sue opere ma non lui. 2. Cospirazione. Senza scomodare l’11 settembre, se avete sempre creduto che lo sbarco sulla luna del 1969 sia un falso, nel migliore dei casi girato da Kubrick, continuate pure a leggere e a credere nel film. 3. Confusione cinematografica. Quante volte avete sentito dire, magari a proposito di feste, “più gente c’è, meglio è”? Ecco se preferite di gran lunga le scene con un numero di comparse ben oltre il migliaio ai dialoghi a due-tre persone, continuate a essere sulla buona strada. 4. Urlo. Più si grida, più il messaggio passa. Tutti noi siamo convinti che, fino alla morte, il personaggio di Di Caprio in Titanic fosse davvero il Re del mondo, per il semplice motivo che lo urlava a squarciagola. 5. Catastrofismo. Il regista, noto per avere mano non leggerissima, viene da Inde-

pendence Day, The Day After Tomorrow e 2012. Quindi state tranquilli che qualche catastrofe avverrà anche qui. 6. Il codice Da Vinci. Se non fosse per i costumi, sembrerebbe lui. 7. Tempo. Il film dura due ore e dieci, non prendete impegni. Se superate tutti questi punti, probabilmente per voi Anonymous è il film dell’anno. Parola di Francesco Della Torre, che si è tristemente fermato al punto 2 (compreso, eh), così da annoiarsi e indispettirsi per quasi tutto il film, tanto da desiderarne la fine al più presto. Post scriptum: non volendo apparire presuntuoso o eccessivamente spocchioso, il (re)censore vi fa notare che ha preferito questo noioso polpettone ai vari Faust e Pina. Rubber, di Quentin Dupieux (2010) Rubber è quanto di più insolito, simpatico, assurdo e bizzarro si sia visto (per modo di dire) in giro negli ultimi tempi. Già dalla trama qualche sospetto si nutre: nel deserto californiano uno pneumatico, dotato di poteri paranormali, si anima e inizia a uccidere qualsiasi cosa gli si presenti davanti... per poi innamorarsi di una bellissima ragazza. La cornice, però, è cinefila:

un irresistibile sceriffo introduce il film così: «Perché l’alieno creato da Spielberg in E.T. L’extraterrestre è marrone? Perché i protagonisti di Love Story si innamorano follemente? Per nessun motivo!”. E così via con gli esempi. Un film ha bisogno di spettatori, e dopo questo inizio, arrivano davvero gli spettatori, a seguire la vicenda del copertone killer. Un film nel film, fortemente ispirato ai Monty Python, che strizza un occhio a Effetto Notte di Truffaut (cinema nel cinema) e che finisce ironicamente per proporsi come prequel di Duel (grande opera prima di Spielberg). È proprio sul rapporto tra spettatori e film, che il regista gioca le sue carte cinefile, esprimendo una sorta di piccola riflessione sul cinema, che esiste solo in presenza di spettatori, ponendo fine allo stesso nel momento in cui si verifica l’assenza di pubblico. Presentato, incredibilmente, al Festival di Cannes, il film non ha incontrato il favore dei critici tradizionali, ma è diventato un piccolo cult tra i festival minori. Un B-Movie divertente anche se un pelo lungo nei suoi pur brevi 85 minuti di durata, violento, buffo e assurdo, ma molto più teorico e ricco di spunti di quanto non si voglia credere. Una commedia nera a cui ci si affeziona, se si amano gli ingredienti. Inedito in Italia, sottotitoli disponibili in rete.

ballerine in abiti conturbanti e tutto lo staff nascosto dietro maschere anonime. Perdetevi nel mondo di Eyes wide shut... Main Room: dj Massimo Buganè e Mitch, voices Paolino e Mattia Matro. Happy privèe con dj Simone Guerra & Bava, vocalist Paolino RDM. Inizio ore 23.30.

INFOLINE 333 8115954 BACCARA, LUGO

SABATO 26 NOVEMBRE

LETTURE ANIMATE E LABORATORIO

con i maestri dell’Arti e Mestieri. Ingresso gratuito (dai 4 agli 8 anni). Inizio ore 10. BIBLIOTECA LUIGI VAROLI, COTIGNOLA

COCCOLE E FILASTROCCHE SONORE ninnenanne, filastrocche, tiritere e canti, per bambini da 6 a 24 mesi, accompagnati da mamma e papà. I bimbi saranno suddivisi in due turni, in base all’età. Iscrizione obbligatoria, tel. 0545 38558. Inizio ore 10.30.

INFOLINE 0545 38558 BIBLIOTECA TRISI, LUGO

CENA MEDIEVALE nianze per gli appassionati di musica e per chi vuole saperne di più di tutti i generi musicali, con Gastone Guerrini e Fulvio Penso. Inizio ore 20.30.

INFOLINE 0544 979384 BIBLIOTECA COMUNALE MARIA GOIA, CERVIA

È MALATO! E PURE IMMAGINARIO

spettacolo tratto da Molière, per la regia di Beppe Aurilia. In scena i detenuti della Casa circondariale Port’Aurea di Ravenna. Inizio ore 21.

INFOLINE 327 0171581 TEATRO RASI, RAVENNA

LAMERICA

proiezione del film di Gianni Amelio. Inizio ore 21. SALA BUZZI, RAVENNA

LE TELE STAMPATE ROMAGNOLE DI PASCUCCI

incontro a cura dell’Antica Stamperia Pascucci. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 869808 CASA MONTI, ALFONSINE

Si eseguono lavori di LUCIDATURA PAVIMENTI IN MARMO, COTTO, E PARQUET Ristrutturazioni Professionalità e prezzi contenuti Preventivi gratuiti Tel. 348 1645464

contro la violenza sulle donne”, inaugurazione della mostra e proiezione del film “Ruggine” di Daniele Gaglianone. Inizio ore 19.30.

INFOLINE 0545 280898 CONVENTO DI S. FRANCESCO, BAGNACAVALLO

MAI PIÙ SOLA - GIORNATA

MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

aperitivo e a seguire proiezione del film di Andrea Segre “Io sono lì”. Ingresso libero. Inizio ore 20.

INFOLINE 0546 22060 TEATRO FELLINI, FAENZA

TENGO FAMIGLIA L’ITALIA DEI PARENTI

viaggio ironico e critico nella parentopoli italiana, con Carlo Puca che parlerà del suo libro (Aliberti Editore, 2010). Inizio ore 18.

INFOLINE 0544 39972 SALA D'ATTORRE, RAVENNA

TI VOGLIO TANTO MALE

per la “Giornata internazionale

TEATRO SOCJALE

OPEN DAY

con Angela Finocchiaro e Michele Di Mauro. Inizio ore 21.

LUIGI CARLO FARINI, LA

PERSONA OLTRE IL PERSONAGGIO

conferenza di Maria Giovanna De Pasquale. Nell’occasione verrà presentato il libro “Russi. Voci del Risorgimento”, che la relatrice ha realizzato insieme alle coautrici Jenni Cavallo e Maria Grazia Montanari. Inizio ore 20.15. RISTORANTE ARTEMISIA, GODO DI RUSSI

IL REPUBBLICANESIMO NEGLI ANNI DELLA RESTAURAZIONE. GIUSEPPE COMPAGNONI E LA STORIA DELL’AMERICA

conferenza di Alberto Rusconi. Introduce Marcello Savini. Inizio ore 20.30.

INFOLINE 0546 21306 TEATRO MASINI, FAENZA

WEST

LICEO CLASSICO, LUGO

di Fanny & Alexander. Biglietto unico 8 euro. Inizio ore 21. Repliche ven. e sab.

FANTASMI (L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA / SGOMBERO)

di Luigi Pirandello e frammenti di Totò e Vicé. Con Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Margherita Smedile. Inizio ore 20.45.

INFOLINE 0544 36239 ALMAGIÀ, RAVENNA

IMMAGINI ABITATE

INFOLINE 0544 587641 TEATRO COMUNALE, RUSSI

i versi di Valerio Fabbri e i versacci di Franco Costantini... Inizio ore 22.22.

L’ISLAM IN ITALIA: QUALI

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

PROSPETTIVE DAL FUTURO?

con Roberto Mazzola, presidente del Forum Internazionale Democrazia e Religioni. Inizio ore 20.45.

VENERDÌ 25 NOVEMBRE

CHISSÀ DOVE SONO

presentazione del libro illustrato, con l’autore, Andrea Santonastaso. A seguire, il laboratorio "L’invenzione di un personaggio illustrato". In collaborazione con la Libreria La Libraffa. Per bambini di 5-10 anni. Ingresso gratuito. Inizio ore 17.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA DEL MOSAICO, RAVENNA

PER NON MORIRE DI TELEVISIONE nona edizione della rassegna cinematografica dedicata al documentario d’autore. Per tre giorni, da venerdì a domenica, proiezioni e omaggi a grandi autori. Inizio ore 17.30.

INFO WWW.MOSAICOFILFEST.IT CINEMA CORSO, RAVENNA

SALA BUZZI, RAVENNA

150 anni d’Italia al femminile Sabato 26 novembre, alle 21, al Teatro Socjale di Piangipane, andrà in scena una ricostruzione storica al femminile degli ultimi 150 anni d’Italia con Le Rivoluzionarie donne che hanno fatto l’Italia, spettacolo per la regia di Enrica Cavina, Anita Guardigli e Carla Scala, promosso da Udi, Gentes de Yilania, Donne Cgil e Coordinamento Donne Spi Cgil. Tantissime le protagoniste, donne accese da una forte passione per la politica, che pensarono un’Italia capace di divenire un esempio di civiltà. Molte delle tappe di questo cammino, ancora da concludere, sono merito loro e di quelle creative relazioni che seppero costruire attraverso il tempo.

QUARTETTO PER TUTTI

serata di divulgazione della musica per quartetto d’archi con il Quartetto Fauves, composto da Alessandro Pace, violino, Patrizio Castiglia, violino, Elisa Floridia, viola, e Giacomo Gaudenzi, violoncello, che eseguirà e presenterà musiche di L. Boccherini, G. Verdi, G.F. Malipiero, W.A. Mozart. Inizio ore 20.45. BASILICA DI SAN FRANCESCO, RAVENNA

OMAGGIO A NINO ROTA

concerto con Alessandro Guidi al pianoforte e Luca Calbucci al clarinetto: le più belle musiche da

film. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 955672 AUDITORIUM CORELLI, FUSIGNANO

OPEN DAY

con Angela Finocchiaro e Michele Di Mauro. Inizio ore 21.

INFOLINE 0546 21306 TEATRO MASINI, FAENZA

SPAZI SOCIALI

incontro con Daniele Farina (Leoncavallo). Inizio ore 21. CSA SPARTACO, RAVENNA

TERNITTI

Mario Desiati presenterà il suo libro, entrato nella cinquina dei finalisti del Premio Strega 2011. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 22388 HOTEL ALA D'ORO, LUGO

THE JAZZ PHILOLOGY QUARTET

in concerto con la splendida voce di Rossella Key. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 977078 OSTERIA IL CANTINONE, CERVIA

CVÂND CHE LA MÉNT LA VIÖGA

UN PÔ PIÒ ALZIRA

recital di zirudele, sonetti e poesie dialettali a cura di Eliseo Dalla Vecchia e Rudy Gatta. Alla fisarmonica Primo Montanari. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

THE SONICS

una delle band più importanti del pre-punk americano di sempre. Garage rock band di Tacoma, nello stato di Washington, i Sonics (Gerry Roslie, Rob Lind, Bob Bennett, Andy e Larry Paripa) sono tra i padri fondatori della scena di Seattle. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL’ALBERO

MAGIC QUEEN

live per un tributo ai Queen. Inizio ore 22.

INFOLINE 335 314568 NAIMA CLUB, FORLÌ

MIRKO GUERRA TRIO

in concerto Mirko Guerra (chitarra), Monica Giorgetti (voce), Marco Forti (contrabbasso) musica fusion jazz. Inizio ore 22.

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

THE NP BIG BAND

17 elementi, 12 fiati presentano il meglio degli anni 30 e 40 dalle orchestre di Benny Goodman, Glenn Miller e Artie Shaw. Inizio ore 22.

INFO WWW.TEATROSCJALE.IT TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE

allietata dalle note dell’arpista Marianne Gubri, la cena presenterà alcuni piatti della tradizione medievale e sarà animata da figuranti in costume che illustreranno usi e costumi dell’epoca. Per chi non desidera il menù medievale, saletta riservata con menù alla carta. Informazioni e prenotazioni: cell. 328 8290269. Inizio ore 21.

INFOLINE 328 8290269 RETRÒ PUB-RISTORANTE, RAVENNA

ZONA CIECA - SUB

per il secondo appuntamento con “S-composta la corrente”, spettacolo di e con Chiara Casorati, Luna Paese. Luci, Enrica Magnolini. Buffet a cura di Patrizia Preda, musica con Alice Keller, Intervento cronico di Panda Project, liberamente ispirato al cane di Pavlov. Inizio ore 21.

INFOLINE 339 3722877 CENTRO VALTORTO, RAVENNA

UN BIGLIODROMO PER LA CITTÀ corse di biglie su circuito. Inizio ore 15.

INFOLINE 339 2154819 PARCO TEODORICO, RAVENNA

NEL BAULE DELLA NONNA...

con Graziella Gardini Pasini, direttrice del Piccolo Museo di Bambole e altri Balocchi. A seguire, la merenda di Santa Caterina: il gallo, la gallina o la bella bambolina!. Bambini, 4 euro. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA DEL MOSAICO, RAVENNA

IMMAGINARE L’IMMAGINARIO

per “Cinquetracce”, dialoghi per la candidatura a Capitale della Cultura, incontro con l’economista Irene Tinagli e tanti altri ospiti. Inizio ore 16.45.

INFOLINE 0544 482257 TEATRO RASI, RAVENNA

SE SON ROSE

presentazione del libro di Massimo Vitali, musica a cura della scuola di musica dell’associazione “Clips Rag & Rock” di Riolo Terme. Degustazione di prodotti della Fattoria Casetto dei Mandorli. Inizio ore 17.

INFOLINE 0546 71025 ROCCA, RIOLO TERME

LE MERAVIGLIOSE AVVENTURE DI SANDOKAN E DEL CORSARO NERO

letture animate per giovani tratte da Emilio Salgari, a cura di Daniele Tassinari. Inizio ore 18.

INFOLINE 0545 63002 BOTTEGA MATTEOTTI, BAGNACAVALLO


DOVE& QUANDO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

IL COMITATO PER LA LOTTA CONTRO LA FAME NEL MONDO organizza 8 all’11 dicembre 2011

MERCATINO DELL’USATO (mobili, indumenti, oggettistica ecc.) apertura ore 8,30 Largo Annalena Tonelli, 1 (già via Lunga 46) FORLI’ • Tel. 0543-704356

I QUATREN I FA BALE' I BURATEN

con la Cumpagneja de Bonumor di Granarolo Faentino. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 591715 TEATRO MONTI, ALFONSINE

LE RIVOLUZIONARIE DONNE CHE HANNO FATTO L’ITALIA

spettacolo teatrale promosso da Udi, Gentes de Yilania, Donne Cgil e Coordinamento Donne Spi Cgil e basato su una rigorosa ricostruzione storica al femminile di alcune biografie e momenti degli ultimi 150 anni. Inizio ore 21.

25

FESTA MESTA

Crazy Clown Town, le nuove profonde visioni musicali di David Lynch

di

A L E S S A N D R O F OGLI

Poche cose si possono paragonare alla forza oscura che è David Lynch. E mettiamo da parte per un attimo il Lynch più conosciuto, perché attualmente il regista noir è alla ricerca di nuove e profonde visioni attraverso la musica. È vero, Lynch ha lavorato con Angelo Badalamenti (Twin Peaks), il pianista Marek Zebrowski (Inland Empire) e recentemente ha collaborato con Danger Mouse e Sparklehorse (Rip) per le musiche e la copertina Dark Night of the Soul. Crazy Clown Time – uscito qualche settimana fa – rappresenta invece il primo sforzo musicale come solista. Tutti i pezzi sono stati scritti, eseguiti e prodotti da Lynch nel suo studio insieme all’ingegnere del suono Dean Hurley. Chiaramente molti acquisteranno questo disco per semplice curiosità, d’altronde Lynch si è ormai trasformato in una specie di marchio (vende anche un’ottima miscela di caffè sul suo sito internet), ma se si ascolta Crazy Clown Time dimenticando chi c’è dietro ci troveremo in compagnia di quattordici tracce molto interessanti,

ammalianti, complesse, vere; non un capolavoro, ok, ma un disco sicuramente da avere e che ad ogni passaggio sul piatto cresce un po’ rivelando nuovi riflessi. Insomma, forse c’è da crederci, quando il buon David dice che il cinema non lo attira più e che saranno musica e pittura le sue prossime attività. I brani di Crazy Clown Time si possono a grandi linee dividere in due tipi di produzione estetica: la prima parte è inzuppata di effetti e loop generati da computer, nella seconda invece ci sono veri strumenti e orientamento blues. Da qualche parte Lynch ha detto che tutte le canzoni dell’album sono partite come jam session, poi le jam hanno trovato una forma e sono arrivate le parole, e in effetti sembra proprio così. E l’aggiunta della voce di Karen O degli Yeah Yeah Yeah’s nell’iniziale Pinky’s Dream non fa altro che spostarci ulteriormente verso la strada su cui ci vuole Lynch, ossia quella del “non-ben-definito-ma-intrigante”. Il secondo pezzo invece, Good Day Today, è significa-

tivo di come la maggior parte dei brani siano qui sviluppati solo in parte e lascino nel mezzo del nulla. Ma forse è proprio lì che ci vuole Mister Velluto Blu. Stiamo poi attenti a non scambiare la semplicità di Good Day Today e So Glad per superficialità o pochezza, perché le idee sono sul fondo, si nascondono subdolamente, ma alla fine escono, sì che escono. Anche star lì a tirare in ballo chi l’elettronica la usa meglio – ho letto James Blake non ricordo dove – non ha senso per questo disco. L’elettronica è usata così – sghemba, infantile, obsoleta – perché non c’era interesse a usarla in altro modo. Stesso discorso si può fare per i testi. Cosa ci si può aspettare da un brano come Strange and Unproductive Thinking? Esattamente quello che dice il titolo, una lallazione ripetitiva che diventa direttamente ma ironicamente emotiva. La situazione cresce parecchio con Football Game, che sembra davvero la tazza di tè di David Lynch, suoni riverberati di chitarra e una voce ben definita con tanto cuore. Una specie di blues nervosetto, ripetitivo ma irresistibile – perfetto per il suo temperamento – che forse è proprio l’obiettivo cercato da questo disco.

TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE TEATRO MASINI, FAENZA

DEL BARRIO TRIO

Costruzioni Ristrutturazioni Vendita diretta case Serietà Affidabilità Competenza

in concerto - musica etno sud americana. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

DENTE

amato, chiacchierato, seguito, atteso. Tutto questo e molto altro è Dente. Nuovo e geniale cantautore che gioca con l’ironia dei gesti e delle parole per prenderti alla sprovvista e farti lo sgambetto ai sentimenti. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

SPARTACO IS BURNING

concerto di Apagoge e Saturate. A seguire dj set (rock, metal, ska, reggae) con Red, Loreto, Jamme, Dr. Dente e altri. Inizio ore 21.30.

MARY POPPINS

musical con la Compagnia del Cancello di Faenza. Inizio ore 16.

INFOLINE 0545 954194 TEATRO MODERNO, FUSIGNANO

SOLAROLO FESTIVAL IN TOUR

R.R.F. COSTRUZIONI di Mirco Romagnoli & C. Via Cesenatico 156 - 48042 (FC) Tel./Fax 0547 671754 Cell. 333 4800146 mirco196226@libero.it www.rrfcostruzioni.it

ospiti speciali saranno il noto autore, nonché presentatore di programmi, televisivi e radiofonici di successo come Superclassifica Show, Maurizio Seymandi, e Andrea Mingardi, notissimo cantautore bolognese. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 400220 CENTRO ESP, RAVENNA

PINOCCHIO

con Teatro del Drago. Inizio ore 16.30.

INFOLINE 0544 483461 ALMAGIÀ, RAVENNA

CSA SPARTACO, RAVENNA

loncellista Michela Gardini e dalla clavicembalista Valeria Montanari. In programma, composizioni di J. F. Fasch, J. S. Bach, J. C. Schickardt e G. P. Telemann. Inizio ore 11.

ALLA NAZIONE

ascolto in prima assoluta del radiodramma di Fanny & Alexander, trasmesso in diretta sulle frequenze di Rai Radio 3. Inizio ore 23.

INFOLINE 0544 39837 SALA CORELLI DEL TEATRO ALIGHIERI, RAVENNA

INFOLINE 0544 36239 ALMAGIÀ, RAVENNA

DARGEN D’AMICO

FESTA NAZIONALE DELLA ROMANIA E DELL’INDIPENDENZA DELL’ALBANIA

in concerto - musica rap. Inizio ore 23.

INFOLINE 336 694414 ROCK PLANET, PINARELLA DI CERVIA

poesie e balli folcloristici romeni e albanesi. Inizio ore 14.30.

DISCORING

DON JUAN

con la Compagnia Flamenquevive, diretta da Gianna Raccagni. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 64330 TEATRO GOLDONI, BAGNACAVALLO

IRISH SESSION EMILIANOROMAGNOLE

serata all’insegna della musica irlandese, con la partecipazione spontanea di musicisti e appassionati e esibizioni improvvisate. Ingresso gratuito. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

CENTRO VALTORTO, RAVENNA

repertorio rigorosamente anni '80 con il dj set di Graziano Manoli e Marco Genesi. In apertura di serata, il live dei Margò 80. Inizio ore 23.

UNA DONA DA SUNZEN

con la Compagnia GAD Città di Lugo. Inizio ore 15.

INFOLINE 0544 591715 TEATRO RASI, RAVENNA

INFOLINE 0544 438494 BBK BEACH, PUNTA MARINA TERME

MONICA GIORGETTI & MIRKO GUERRA

in concerto, voce e chitarra. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 60631 LA CANTINA DI PIAZZA NUOVA, BAGNACAVALLO

IL PAESE DEI CAMPANELLI

RUDY SMAILA E I QUINTO ELEMENTO

Compagnia Corrado Abbati. Inizio ore 16.

INFOLINE 0546 21306

in concerto. Inizio ore 23.30.

IVETE DE SOUZA

INFOLINE 0546 46877 TEK CLUB, FAENZA

BANDA MALERBI

INFOLINE 0545 24201 PESCHERIE DELLA ROCCA ESTENSE, LUGO

IL GENE BAROCCO

quarto appuntamento dei Concerti della Domenica dell’Associazione Angelo Mariani, l’ensemble sarà formato nell’occasione dai flautisti Gregorio Carraro, Matteo Gemolo e Marco Scorticati impegnati al flauto dolce e al traversiere, dalla vio-

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

MARTEDÌ 29 NOVEMBRE

OMAGGIO POETICO A GIORDANO MAZZAVILLANI

nel centenario della nascita di Giordano Mazzavillani sarà reso omaggio a questo importante personaggio ravennate con la presentazione del suo cofanetto di liriche romagnole contenente la raccolta Ombar e lus e la raccolta La vos dl’ànma (Edizioni del Girasole), entrambe illustrate da disegni di Luca Zaccagnini. Inizio ore 16. TEATRINO DELL'OPERA SANTA TERESA DEL BAMBIN GESÙ, RAVENNA

LA RESISTIBILE ASCESA DI ARTURO UI

di Bertolt Brecht, con Umberto Orsini. Inizio ore 20.30. Replica mer.

INFOLINE 0545 38542 TEATRO ROSSINI, LUGO

IN VIAGGIO VERSO ORIONE

conferenza di Massimo Berretti. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 62534 PLANETARIO, RAVENNA

LE DONNE DEL SESTO PIANO

proiezione del film di Philippe Le Guay. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 71964 SALA SARTI, CERVIA

NOTE ALTERNATE

in concerto, Francesca Mazzi, voce, e Carlo Calderano, chitarra. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 60631 LA CANTINA DI PIAZZA NUOVA, BAGNACAVALLO

I RAGAZZI STANNO BENE

proiezione del film di Lisa Cholodenko e intervallo con cappelletti. Inizio ore 21.30.

INFO WWW.TEATROSOCJALE.IT TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE

RICHARD BUCKNER

una delle figure più visionarie e sensibili dell’ultima generazione di songwriter americani, spesso paragonato a Leonard Cohen e Townes Van Zandt, già collaboratore di Calexico, Howe Gelb, Victoria Williams e Marc Ribot. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE

NUOVI SCENARI TECNOLOGICI: LA REALTÀ AUMENTATA DELLE CITTÀ D’ARTE AL SERVIZIO DELLA CANDIDATURA

con Lidia Marongiu, si confrontano assessori e operatori turistici (Andrea Corsini, Gianluigi Casalegno, Bruno Tagliavini). Eleonora Polacco e Joseph Franzò presentano il progetto TurismoLive!. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 251948 PLANETARIO, RAVENNA

IL CENTENARIO DI MILANO MARITTIMA

dopo l’inquadramento storico a cura di Renato Lombardi, presentazione di una ricerca sui villini del primo Novecento, relatore Delio Corbara. Ingresso libero. Inizio ore 17. SALA CONFERENZE DEL PALAZZO COMUNALE, CERVIA

L’INSANA BELLEZZA DELLA GUERRA

per MalfAttori, letture di Guido Ceroni e Gianluigi Tartaull. Inizio ore 18.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA

BOOK CROSSING

DOMENICA 27 NOVEMBRE

diretta da Mauro Vergimigli, con il trombettista Maurizio Piancastelli, in una formazione sempre più vicina a quella delle big band americane, si esibirà in celebri standard di Duke Ellington, Henri Mancini e George Gershwin. Inizio ore 11.

in concerto con il suo Trio. Inizio ore 22.

di

GIULIA MONTANARI

La Svizzera di Paolo Nori una lettura meravigliosa al Cisim

Non c’è bisogno di essere analfabeti come la protagonista di The Reader per godere nel sentir leggere a voce alta una storia. Il che, se ci pensate,non è affatto scontato. Perché la lettura è una cosa molto intima e personale: ognuno dà il proprio ritmo, la propria cadenza, ognuno si dà i propri tempi. Nessun’altra forma d’arte permette tanta autonoma a chi ne gode. La lettura ad alta voce di fatto toglie un sacco di vantaggi al lettore, se poi è pubblica gli toglie pure quella della sedia a dondolo, del divano o del pavimento accanto al fuoco. Insomma, la lettura pubblica è una cosa che assomiglia molto al teatro e personalmente non conto le volte che, a teatro, mi sono detta: ma perché non sono rimasta a casa a leggermi un bel libro? Ecco, tutto questo inutile preambolo perché vorrei raccontare di

storia di memoria, che a tratti ha qualche tocco addirittura giallo, con un crescendo anche sentimentale verso un apice tragico ma che viene attraversato da una vena comica irresistibile. Insomma, proprio un testo riuscito. Però, ecco, come invece, un paio di settimane fa, in quel posto un po’ spe- alla fine della serata devo dire che più che leggere un altro qualciale che è il Cisim di Lido Adriano si è prodotto un momento di siasi libro di Nori, avrei chiesto di sentire Dadina leggere un godimento totale e assoluto per i lettori/spettatori/uditori. altro qualsiasi libro di un altro qualsiasi autore, a sua scelta. Luigi Dadina ha letto un monologo di Paolo Nori, La Svizzera. Volevo segnalare un blog anonimo che racconta una vicenda Non l’ha recitato, non l’ha intepretato, l’ha proprio letto. Occhi sul foglio, per tutto il tempo seduto, nemmeno un sem- credo vera (sicuramente verosimile) e ri-attualizza l’eterna plice oggetto in scena. Una lettura meravigliosa, che ha tolto la questione della scelta e della composizione dei cataloghi da cadenza emiliana a Nori per farlo diventare anche un po’ roma- parte degli editori. Ecco, perché queste cose è poi giusto che si gnolo (operazione già di per sé piuttosto divertente, se pensate sappiano. Per aver un buon libro non basta un bravo scrittore, a Nori). A Nori poi va dato atto che il testo è proprio bello, più ci vuole anche chi si accorge che quello è un bel libro scritto da bello di tanti suoi romanzi, perché abbandona l’autobiografi- un bravo scrittore. E anche questo, se ci pensate bene, non è smo didascalico e invece gioca con i generi per raccontare una affatto scontato. http://laveraeditoria.splinder.com/


26

DOVE& QUANDO

DEL MOSAICO, RAVENNA

SUUNS

i Suuns del cantante Ben Shemie – e di Liam O’Neill (batteria), Max Henry (tastiere), Joseph Yarmush (chitarre) – sono i nuovi alfieri dell’indie rock canadese e uno dei primi nomi caldi del 2011, che già stanno facendo impazzire la stampa specializzata d’oltre manica e oltre oceano. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141

BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

THE HOLY MOUNTAIN

proeizione del film di Alexandro Jodorowsky. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

SICILIAN OPENING

in concerto il trio di Salvatore Bonafede. Inizio ore 22.

INFOLINE 0546 21560 ZINGARÒ JAZZ CLUB, FAENZA

ESP

Mingardi e Seymandi ospiti del centro commerciale Terzo e ultimo appuntamento per il “Solarolo Festival in Tour”, che torna all’Esp di Ravenna domenica 27 novembre, dalle ore 16, all’insegna della musica, dello spettacolo e della ribalta per giovani cantanti e personaggi già noti al grande pubblico. Dopo Alessandro Ristori e Gabriella Culletta, ospiti speciali di domenica 27 novembre, insieme, appunto, alle giovani promesse, saranno Andrea Mingardi (nella foto), notissimo cantautore bolognese, autore di alcune hits di grande successo, e Maurizio Seymandi, conosciuto autore, nonché presentatore, di programmi, televisivi e radiofonici, di successo (come, ad esempio, Superclassifica Show, con quasi mille puntate, dal 1977 al 1995).

BIBLIOTECHE E MUSEI BIBLIOTECA ORIANI tel. 0544 30386 Consultazione: da lun a ven 8.30-13 e 14.30-19, sab 8.30-13. Prestito: fino a 20 minuti prima della chiusura.

BIBLIOTECA CLASSENSE E MULTIMEDIATECA tel. 0544 482112

Da lun a ven 8.30-13; mar e gio anche 14-17.

Da lun a ven 8-19.

EMEROTECA tel. 0544 482055

Da lun a sab 8-13 (gio presso istituto Callegari).

Da lun a ven 7.30-13.30; mar e ven anche 14-17.

IPSSCT “A. OLIVETTI” tel. 0544 30326

EMEROTECA MULTILINGUE CASA DELLE CULTURE tel. 0544 591876 Da lun a ven 9-13.

Gio 9.30-13.30.

CASA VIGNUZZI BIBLIOTECA PER RAGAZZI tel. 0544 482819

MUSEO ATTIVITÀ SUBACQUEE tel. 335 5432810 Apertura su appuntamento.

Da lun a ven 14.30-18.30, sab 9-13.

MUSEO D’ARTE DELLA CITTÀ tel. 0544 482477

PALAZZO CORRADINI tel. 0544 34345

Mar, gio e ven 9-13.30 e 15-18; mer e sab 9-13.30; dom 15-18.

Da lun a giov 9-22.30, ven 9-18, sab 9-12; sala studio e sala internet lun-ven 1722.30, sab 14.30-18.30.

BIBLIOTECA SPORTIVA CONI tel. 0544 37432

LUNATICI PERSONALE DI ALBERTO COTTIGNOLI E MARIO ARNALDI

GALLERIA AMARTE - RAVENNA via Baccarini, 20 - tel. 0544 1881437

Venerdì 25 novembre, alle 18, si inaugura presso la Galleria AMArte di via Baccarini 20 a Ravenna, la mostra dedicata alle opere di Alberto Cottignoli e Mario Arnaldi. Entrambi gli artisti, amici da oltre 20 anni, tenacemente legati alla percezione artistica rinascimentale, alla ‘regola’, lavorano per vie e visioni simili, ma diverse, cercando la proposizione in chiave contemporanea degli stessi insegnamenti. La ‘regola’ e la ‘forma’ non impediscono a Cottignoli di librarsi nella più sfrenata fantasia, mentre Arnaldi preferisce rappresentare possibili, anche se spesso assai improbabili, situazioni di sospensione temporale. Orari: da lun a ven 16-19.30, sab

10-12.30 / 16-19.30, dom 16-19.30. Fino al 24 dicembre - Inaugurazione venerdì 25 novembre, ore 18 GIUSEPPE MAESTRI RAVENNA SENZA TEMPO, LE INCISIONI

MANICA LUNGA DELLA BIBLIOTECA CLASSENSE - RAVENNA via Baccarini, 3 - tel. 0544 482116

La mostra è dedicata al grande incisore ravennate Giuseppe Maestri (Sant’Alberto, 1929 - Ravenna, 2009), l’artista-incisore che ha creato e dato corpo ad una visione originale e meravigliosa di Ravenna. L’impareggiabile “torcoliere” che aveva costruito l’opera incisoria di Giulio Ruffini, Manlio Guberti, Tono Zancanaro, Trude Waehner, Giò Pomodoro, Mattia Moreni, Carlo Zauli, Rudolf Calonder, Angela Wejersberg per citarne alcuni, viene restituito in questa mostra antologica dalla riconosciuta bellezza della sua opera. Il catalogo, oltre alle incisioni, documenta la critica dai primi saggi di Giulio Guberti, Piero Santi, Raffaele De Grada sino a quelli odierni di Umberto Giovannini e Alessandro Giovanardi. Orari: da mar a ven 14.30-18.30, sab 9.30-17.30; aperture straordinarie martedì 1 novembre e giovedì 8 dicembre ore 14.30-17.30. Fino al 23 dicembre

PABLO ECHAURREN - LASCIARE IL SEGNO

MUSEO D’ARTE DELLA CITTÀ - RAVENNA via di Roma, 13 - tel. 0544 482487

ISTITUTO MUSICALE “G. VERDI” tel. 0544 212373

ITC “G. GINANNI” tel. 0544 36449

BIBLIOTECA DEL MAR tel. 0544 482774

MOSTRE D’ARTE

tel. 0544 684409

Consultazione e Multimediateca: da lun a ven 9-19, sab 9-18. Prestito: fino a 15 minuti prima della chiusura. Fondi antichi e archivio storico: mar e giov 9-17, mer e ven 9-14, sab 9-13.

Da lun a ven 8.30-22.30, sab 8.30-13, 14.30-19; dom e festivi: 8.30-12.30.

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

DOMUS DEI TAPPETI DI PIETRA tel. 0544 32512 Da mar a ven 10-17; sab e dom 10-18.

Lun, mar, gio e ven 15-18, mer 9-12. Altri orari su appuntamento.

MUSEO NATURA tel. 0544 528710

ACCADEMIA DI BELLE ARTI

Da gio a dom e festivi 9.30-13 e 14.3018.30.

La mostra ricostruisce l’intero arco dell’attività dell’artista, documentando anche passaggi e momenti finora meno noti, attraverso un percorso allestito per blocchi tematici e cicli. L’itinerario della mostra prende le mosse dalle recenti ceramiche della serie Baroque’n’Roll e prosegue con le opere d’esordio, gli smalti e “quadratini” che fecero entrare l’artista appena diciottenne nella scuderia della galleria Schwarz; le Decomposizioni floreali ottenute con matite e pigmenti su carta (1971); le illustrazioni e i fumetti con le tavole della Vita disegnata di Dino Campana (1994); i collage, dagli assemblaggi di cartoons, manifesti e carte futuriste d’epoca, alle composizioni sulla musica rock. A seguire, l’itinerario si svolge attraverso le tarsie di stoffe imbottite, i poster, per giungere alle opere recenti con le tele dedicate alla natura, a Roma, ma anche a Ravenna, e si conclude con la serie di acrilici e carte degli anni Ottanta-Novanta, in cui spicca un ciclo di lavori inediti realizzati nel 1989, ispirati al muro di Berlino. Orari: mar, gio e ven 913.30 / 15-18; mer e sab 9-13.30; dom 15-18. Fino all’11 dicembre

fiera di forlì COMMERCIANTI PER UN GIORNO EDIZIONE SPECIALE IL 18 DICEMBRE Alla Fiera di Forlì, in via Punta di Ferro, torna in edizione speciale “Commercianti per un giorno”, la mostra scambio che ha raggiunto la 22ª edizione. Questa manifestazione si pone l’obiettivo di dare l’opportunità ai privati di “liberarsi” di merce usata di loro proprietà che non viene più utilizzata. Questo attraverso la vendita o lo scambio con altra merce. È una opportunità per molti per passare una domenica diversa e originale, “sbarazzandosi” di cose che non servono più, liberando la casa e nello stesso tempo dando la possibilità a chi ha disagi economici di trovare oggetti utili che nuovi sarebbero inaccessibili e che invece di seconda mano sono regalati o proposti a prezzi molto interessanti. Si tratta spesso di passeggini, giochi per bambini, talvolta di indumenti, o di articoli per la casa, come elettrodomestici, di tecnologia superata, ma ancora funzionanti. Visto il grande successo della manifestazione, che registra circa 350 espositori a edizione, dopo l’edizione del 20 novembre, ne seguirà una straordinaria natalizia, il 18 dicembre. La mostra scambio sarà aperta tutto il giorno, dalle 9 alle 19, orario continuato. Info: www.fieraforli.it oltre a far luce sulla figura di Einaudi, concorre alla ricostruzione della memoria storica dell’Italia, nel periodo che va dal 1874 al 1961. Orari: da lun a ven 10-17; sab, dom e fest 10-18. Fino al 26 novembre

MAGICI MONDI

AUTORITÀ PORTUALE - RAVENNA via Antico Squero, 31 - www.cadeart.org

Nuova sede e nuovo allestimento per la mostra presso la sala espositiva dell’Autorità Portuale. Dopo la Manica Lunga della Biblioteca Classense, l’Autorità Portuale propone una nuova occasione per conoscere il lavoro di Mattia Battistini, Simone Gardini, Pierpaolo Miccolis, Francesco Petrosillo e Ettore Tripodi. Cinque artisti che propongono accessi ad altrettanti nuovi mondi, fantastici, magici appunto ma forse più reali di ciò che si ritiene tale, per indagare modalità contemporanee di pratica pittorica che mantengono l’idea figurativa pur tralasciando qualsiasi approccio realista. Orari: da lun a ven 8.30-17. Fino al 25 novembre

L’AVVENTURA DI GIUSEPPE GEROLA DALL’EGEO A RAVENNA

MUSEO NAZIONALE - RAVENNA via San Vitale, 17 - tel. 0544 543711

Il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Ravenna e con la Fondazione RavennAntica, presenta la mostra dedicata a Giuseppe Gerola, ripercorrendo l'attività del grande studioso e archeologo, fondatore della rivista Felix Ravenna di cui ricorre il centenario. La mostra presenta materiali e preziose fotografie. Orari: da mar a dom 8.30-19.30. Fino al 30 gennaio 2012

IL SILENZIO MENTRE CREI, È LA TELA BIANCA IN CUI DIPINGI LA MUSICA

LOLLI ARTE - RAVENNA via Molino, 4

Esposizione personale delle opere pittoriche di Samuele Contarini. Orari: da lun a sab 10-12.30 / 16-19.30, chiuso gio pomeriggio. Fino al 31 dicembre

L’EREDITÀ DI LUIGI EINAUDI

ANTICHI CHIOSTRI DI SAN FRANCESCO RAVENNA via Dante Alighieri, 2a - tel. 06 6865461

La mostra, voluta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e da lui inaugurata al Quirinale il 12 maggio 2008, trasferita successivamente a Milano, a Torino e a Napoli, ora arriva a Ravenna, che rappresenta il luogo ideale per proseguire la serie di mostre nelle città che hanno segnato la storia d’Italia nei primi 150 anni della Nazione. Curata da Roberto Einaudi, l’esposizione ripropone la figura di Luigi Einaudi: economista insigne, professore all’Università Bocconi di Milano e all’Università di Torino, viticoltore nel suo podere a Dogliani, raffinato collezionista di libri rari, giornalista de “La Stampa”, “Corriere della Sera” e “The Economist”, direttore di riviste scientifiche come la “Riforma Sociale” e la “Rivista di storia economica”, Governatore della Banca d’Italia dal 1945 al 1948, Presidente della Repubblica dal 1948 al 1955. Fotografie e testimonianze inedite, provenienti dagli archivi dello Stato, dalla Presidenza della Repubblica, dalla Banca d’Italia, dalla Camera dei Deputati, dalla Fondazione Corriere della Sera, dalle Fondazioni intitolate a Luigi Einaudi, dalla famiglia Einaudi e da collezioni private, documentano le fasi della vita di quest’intellettuale e statista di alto rigore morale e forte impegno civile. La documentazione in mostra,

Abbigliamento e calzature Marinara - Piazza Dora Markus 11/R Marina di Ravenna - Tel 0544 538665

tutto l’invernale a prezzi imbattibili sempre aperto venerdì, sabato e domenica


24

DOVE& QUANDO

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

EYES WIDE SHUT... THE PARTY!

VISIBILI & INVISIBILI di

FRANCESCO DELLA TORRE

Anonymous, se non basta amare Shakespeare per apprezzare un film...

Anonymous, di Roland Emmerich (2011) La dubbia storia del nobile Edward De Vere, che in età vittoriana crea il personaggio di Shakespeare, per vedere rappresentate le sue commedie, diventa un thriller che, per poter essere gustato al meglio da voi spettatori, necessita di alcune predisposizioni. 1. Shakespeare, innanzitutto, nel bene e nel male. Nel senso che dovete amare le sue opere ma non lui. 2. Cospirazione. Senza scomodare l’11 settembre, se avete sempre creduto che lo sbarco sulla luna del 1969 sia un falso, nel migliore dei casi girato da Kubrick, continuate pure a leggere e a credere nel film. 3. Confusione cinematografica. Quante volte avete sentito dire, magari a proposito di feste, “più gente c’è, meglio è”? Ecco se preferite di gran lunga le scene con un numero di comparse ben oltre il migliaio ai dialoghi a due-tre persone, continuate a essere sulla buona strada. 4. Urlo. Più si grida, più il messaggio passa. Tutti noi siamo convinti che, fino alla morte, il personaggio di Di Caprio in Titanic fosse davvero il Re del mondo, per il semplice motivo che lo urlava a squarciagola. 5. Catastrofismo. Il regista, noto per avere mano non leggerissima, viene da Inde-

pendence Day, The Day After Tomorrow e 2012. Quindi state tranquilli che qualche catastrofe avverrà anche qui. 6. Il codice Da Vinci. Se non fosse per i costumi, sembrerebbe lui. 7. Tempo. Il film dura due ore e dieci, non prendete impegni. Se superate tutti questi punti, probabilmente per voi Anonymous è il film dell’anno. Parola di Francesco Della Torre, che si è tristemente fermato al punto 2 (compreso, eh), così da annoiarsi e indispettirsi per quasi tutto il film, tanto da desiderarne la fine al più presto. Post scriptum: non volendo apparire presuntuoso o eccessivamente spocchioso, il (re)censore vi fa notare che ha preferito questo noioso polpettone ai vari Faust e Pina. Rubber, di Quentin Dupieux (2010) Rubber è quanto di più insolito, simpatico, assurdo e bizzarro si sia visto (per modo di dire) in giro negli ultimi tempi. Già dalla trama qualche sospetto si nutre: nel deserto californiano uno pneumatico, dotato di poteri paranormali, si anima e inizia a uccidere qualsiasi cosa gli si presenti davanti... per poi innamorarsi di una bellissima ragazza. La cornice, però, è cinefila:

un irresistibile sceriffo introduce il film così: «Perché l’alieno creato da Spielberg in E.T. L’extraterrestre è marrone? Perché i protagonisti di Love Story si innamorano follemente? Per nessun motivo!”. E così via con gli esempi. Un film ha bisogno di spettatori, e dopo questo inizio, arrivano davvero gli spettatori, a seguire la vicenda del copertone killer. Un film nel film, fortemente ispirato ai Monty Python, che strizza un occhio a Effetto Notte di Truffaut (cinema nel cinema) e che finisce ironicamente per proporsi come prequel di Duel (grande opera prima di Spielberg). È proprio sul rapporto tra spettatori e film, che il regista gioca le sue carte cinefile, esprimendo una sorta di piccola riflessione sul cinema, che esiste solo in presenza di spettatori, ponendo fine allo stesso nel momento in cui si verifica l’assenza di pubblico. Presentato, incredibilmente, al Festival di Cannes, il film non ha incontrato il favore dei critici tradizionali, ma è diventato un piccolo cult tra i festival minori. Un B-Movie divertente anche se un pelo lungo nei suoi pur brevi 85 minuti di durata, violento, buffo e assurdo, ma molto più teorico e ricco di spunti di quanto non si voglia credere. Una commedia nera a cui ci si affeziona, se si amano gli ingredienti. Inedito in Italia, sottotitoli disponibili in rete.

ballerine in abiti conturbanti e tutto lo staff nascosto dietro maschere anonime. Perdetevi nel mondo di Eyes wide shut... Main Room: dj Massimo Buganè e Mitch, voices Paolino e Mattia Matro. Happy privèe con dj Simone Guerra & Bava, vocalist Paolino RDM. Inizio ore 23.30.

INFOLINE 333 8115954 BACCARA, LUGO

SABATO 26 NOVEMBRE

LETTURE ANIMATE E LABORATORIO

con i maestri dell’Arti e Mestieri. Ingresso gratuito (dai 4 agli 8 anni). Inizio ore 10. BIBLIOTECA LUIGI VAROLI, COTIGNOLA

COCCOLE E FILASTROCCHE SONORE ninnenanne, filastrocche, tiritere e canti, per bambini da 6 a 24 mesi, accompagnati da mamma e papà. I bimbi saranno suddivisi in due turni, in base all’età. Iscrizione obbligatoria, tel. 0545 38558. Inizio ore 10.30.

INFOLINE 0545 38558 BIBLIOTECA TRISI, LUGO

CENA MEDIEVALE nianze per gli appassionati di musica e per chi vuole saperne di più di tutti i generi musicali, con Gastone Guerrini e Fulvio Penso. Inizio ore 20.30.

INFOLINE 0544 979384 BIBLIOTECA COMUNALE MARIA GOIA, CERVIA

È MALATO! E PURE IMMAGINARIO

spettacolo tratto da Molière, per la regia di Beppe Aurilia. In scena i detenuti della Casa circondariale Port’Aurea di Ravenna. Inizio ore 21.

INFOLINE 327 0171581 TEATRO RASI, RAVENNA

LAMERICA

proiezione del film di Gianni Amelio. Inizio ore 21. SALA BUZZI, RAVENNA

LE TELE STAMPATE ROMAGNOLE DI PASCUCCI

incontro a cura dell’Antica Stamperia Pascucci. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 869808 CASA MONTI, ALFONSINE

Si eseguono lavori di LUCIDATURA PAVIMENTI IN MARMO, COTTO, E PARQUET Ristrutturazioni Professionalità e prezzi contenuti Preventivi gratuiti Tel. 348 1645464

contro la violenza sulle donne”, inaugurazione della mostra e proiezione del film “Ruggine” di Daniele Gaglianone. Inizio ore 19.30.

INFOLINE 0545 280898 CONVENTO DI S. FRANCESCO, BAGNACAVALLO

MAI PIÙ SOLA - GIORNATA

MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

aperitivo e a seguire proiezione del film di Andrea Segre “Io sono lì”. Ingresso libero. Inizio ore 20.

INFOLINE 0546 22060 TEATRO FELLINI, FAENZA

TENGO FAMIGLIA L’ITALIA DEI PARENTI

viaggio ironico e critico nella parentopoli italiana, con Carlo Puca che parlerà del suo libro (Aliberti Editore, 2010). Inizio ore 18.

INFOLINE 0544 39972 SALA D'ATTORRE, RAVENNA

TI VOGLIO TANTO MALE

per la “Giornata internazionale

TEATRO SOCJALE

OPEN DAY

con Angela Finocchiaro e Michele Di Mauro. Inizio ore 21.

LUIGI CARLO FARINI, LA

PERSONA OLTRE IL PERSONAGGIO

conferenza di Maria Giovanna De Pasquale. Nell’occasione verrà presentato il libro “Russi. Voci del Risorgimento”, che la relatrice ha realizzato insieme alle coautrici Jenni Cavallo e Maria Grazia Montanari. Inizio ore 20.15. RISTORANTE ARTEMISIA, GODO DI RUSSI

IL REPUBBLICANESIMO NEGLI ANNI DELLA RESTAURAZIONE. GIUSEPPE COMPAGNONI E LA STORIA DELL’AMERICA

conferenza di Alberto Rusconi. Introduce Marcello Savini. Inizio ore 20.30.

INFOLINE 0546 21306 TEATRO MASINI, FAENZA

WEST

LICEO CLASSICO, LUGO

di Fanny & Alexander. Biglietto unico 8 euro. Inizio ore 21. Repliche ven. e sab.

FANTASMI (L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA / SGOMBERO)

di Luigi Pirandello e frammenti di Totò e Vicé. Con Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Margherita Smedile. Inizio ore 20.45.

INFOLINE 0544 36239 ALMAGIÀ, RAVENNA

IMMAGINI ABITATE

INFOLINE 0544 587641 TEATRO COMUNALE, RUSSI

i versi di Valerio Fabbri e i versacci di Franco Costantini... Inizio ore 22.22.

L’ISLAM IN ITALIA: QUALI

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

PROSPETTIVE DAL FUTURO?

con Roberto Mazzola, presidente del Forum Internazionale Democrazia e Religioni. Inizio ore 20.45.

VENERDÌ 25 NOVEMBRE

CHISSÀ DOVE SONO

presentazione del libro illustrato, con l’autore, Andrea Santonastaso. A seguire, il laboratorio "L’invenzione di un personaggio illustrato". In collaborazione con la Libreria La Libraffa. Per bambini di 5-10 anni. Ingresso gratuito. Inizio ore 17.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA DEL MOSAICO, RAVENNA

PER NON MORIRE DI TELEVISIONE nona edizione della rassegna cinematografica dedicata al documentario d’autore. Per tre giorni, da venerdì a domenica, proiezioni e omaggi a grandi autori. Inizio ore 17.30.

INFO WWW.MOSAICOFILFEST.IT CINEMA CORSO, RAVENNA

SALA BUZZI, RAVENNA

150 anni d’Italia al femminile Sabato 26 novembre, alle 21, al Teatro Socjale di Piangipane, andrà in scena una ricostruzione storica al femminile degli ultimi 150 anni d’Italia con Le Rivoluzionarie donne che hanno fatto l’Italia, spettacolo per la regia di Enrica Cavina, Anita Guardigli e Carla Scala, promosso da Udi, Gentes de Yilania, Donne Cgil e Coordinamento Donne Spi Cgil. Tantissime le protagoniste, donne accese da una forte passione per la politica, che pensarono un’Italia capace di divenire un esempio di civiltà. Molte delle tappe di questo cammino, ancora da concludere, sono merito loro e di quelle creative relazioni che seppero costruire attraverso il tempo.

QUARTETTO PER TUTTI

serata di divulgazione della musica per quartetto d’archi con il Quartetto Fauves, composto da Alessandro Pace, violino, Patrizio Castiglia, violino, Elisa Floridia, viola, e Giacomo Gaudenzi, violoncello, che eseguirà e presenterà musiche di L. Boccherini, G. Verdi, G.F. Malipiero, W.A. Mozart. Inizio ore 20.45. BASILICA DI SAN FRANCESCO, RAVENNA

OMAGGIO A NINO ROTA

concerto con Alessandro Guidi al pianoforte e Luca Calbucci al clarinetto: le più belle musiche da

film. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 955672 AUDITORIUM CORELLI, FUSIGNANO

OPEN DAY

con Angela Finocchiaro e Michele Di Mauro. Inizio ore 21.

INFOLINE 0546 21306 TEATRO MASINI, FAENZA

SPAZI SOCIALI

incontro con Daniele Farina (Leoncavallo). Inizio ore 21. CSA SPARTACO, RAVENNA

TERNITTI

Mario Desiati presenterà il suo libro, entrato nella cinquina dei finalisti del Premio Strega 2011. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 22388 HOTEL ALA D'ORO, LUGO

THE JAZZ PHILOLOGY QUARTET

in concerto con la splendida voce di Rossella Key. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 977078 OSTERIA IL CANTINONE, CERVIA

CVÂND CHE LA MÉNT LA VIÖGA

UN PÔ PIÒ ALZIRA

recital di zirudele, sonetti e poesie dialettali a cura di Eliseo Dalla Vecchia e Rudy Gatta. Alla fisarmonica Primo Montanari. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

THE SONICS

una delle band più importanti del pre-punk americano di sempre. Garage rock band di Tacoma, nello stato di Washington, i Sonics (Gerry Roslie, Rob Lind, Bob Bennett, Andy e Larry Paripa) sono tra i padri fondatori della scena di Seattle. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL’ALBERO

MAGIC QUEEN

live per un tributo ai Queen. Inizio ore 22.

INFOLINE 335 314568 NAIMA CLUB, FORLÌ

MIRKO GUERRA TRIO

in concerto Mirko Guerra (chitarra), Monica Giorgetti (voce), Marco Forti (contrabbasso) musica fusion jazz. Inizio ore 22.

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

THE NP BIG BAND

17 elementi, 12 fiati presentano il meglio degli anni 30 e 40 dalle orchestre di Benny Goodman, Glenn Miller e Artie Shaw. Inizio ore 22.

INFO WWW.TEATROSCJALE.IT TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE

allietata dalle note dell’arpista Marianne Gubri, la cena presenterà alcuni piatti della tradizione medievale e sarà animata da figuranti in costume che illustreranno usi e costumi dell’epoca. Per chi non desidera il menù medievale, saletta riservata con menù alla carta. Informazioni e prenotazioni: cell. 328 8290269. Inizio ore 21.

INFOLINE 328 8290269 RETRÒ PUB-RISTORANTE, RAVENNA

ZONA CIECA - SUB

per il secondo appuntamento con “S-composta la corrente”, spettacolo di e con Chiara Casorati, Luna Paese. Luci, Enrica Magnolini. Buffet a cura di Patrizia Preda, musica con Alice Keller, Intervento cronico di Panda Project, liberamente ispirato al cane di Pavlov. Inizio ore 21.

INFOLINE 339 3722877 CENTRO VALTORTO, RAVENNA

UN BIGLIODROMO PER LA CITTÀ corse di biglie su circuito. Inizio ore 15.

INFOLINE 339 2154819 PARCO TEODORICO, RAVENNA

NEL BAULE DELLA NONNA...

con Graziella Gardini Pasini, direttrice del Piccolo Museo di Bambole e altri Balocchi. A seguire, la merenda di Santa Caterina: il gallo, la gallina o la bella bambolina!. Bambini, 4 euro. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA DEL MOSAICO, RAVENNA

IMMAGINARE L’IMMAGINARIO

per “Cinquetracce”, dialoghi per la candidatura a Capitale della Cultura, incontro con l’economista Irene Tinagli e tanti altri ospiti. Inizio ore 16.45.

INFOLINE 0544 482257 TEATRO RASI, RAVENNA

SE SON ROSE

presentazione del libro di Massimo Vitali, musica a cura della scuola di musica dell’associazione “Clips Rag & Rock” di Riolo Terme. Degustazione di prodotti della Fattoria Casetto dei Mandorli. Inizio ore 17.

INFOLINE 0546 71025 ROCCA, RIOLO TERME

LE MERAVIGLIOSE AVVENTURE DI SANDOKAN E DEL CORSARO NERO

letture animate per giovani tratte da Emilio Salgari, a cura di Daniele Tassinari. Inizio ore 18.

INFOLINE 0545 63002 BOTTEGA MATTEOTTI, BAGNACAVALLO


DOVE& QUANDO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

IL COMITATO PER LA LOTTA CONTRO LA FAME NEL MONDO organizza 8 all’11 dicembre 2011

MERCATINO DELL’USATO (mobili, indumenti, oggettistica ecc.) apertura ore 8,30 Largo Annalena Tonelli, 1 (già via Lunga 46) FORLI’ • Tel. 0543-704356

I QUATREN I FA BALE' I BURATEN

con la Cumpagneja de Bonumor di Granarolo Faentino. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 591715 TEATRO MONTI, ALFONSINE

LE RIVOLUZIONARIE DONNE CHE HANNO FATTO L’ITALIA

spettacolo teatrale promosso da Udi, Gentes de Yilania, Donne Cgil e Coordinamento Donne Spi Cgil e basato su una rigorosa ricostruzione storica al femminile di alcune biografie e momenti degli ultimi 150 anni. Inizio ore 21.

25

FESTA MESTA

Crazy Clown Town, le nuove profonde visioni musicali di David Lynch

di

A L E S S A N D R O F OGLI

Poche cose si possono paragonare alla forza oscura che è David Lynch. E mettiamo da parte per un attimo il Lynch più conosciuto, perché attualmente il regista noir è alla ricerca di nuove e profonde visioni attraverso la musica. È vero, Lynch ha lavorato con Angelo Badalamenti (Twin Peaks), il pianista Marek Zebrowski (Inland Empire) e recentemente ha collaborato con Danger Mouse e Sparklehorse (Rip) per le musiche e la copertina Dark Night of the Soul. Crazy Clown Time – uscito qualche settimana fa – rappresenta invece il primo sforzo musicale come solista. Tutti i pezzi sono stati scritti, eseguiti e prodotti da Lynch nel suo studio insieme all’ingegnere del suono Dean Hurley. Chiaramente molti acquisteranno questo disco per semplice curiosità, d’altronde Lynch si è ormai trasformato in una specie di marchio (vende anche un’ottima miscela di caffè sul suo sito internet), ma se si ascolta Crazy Clown Time dimenticando chi c’è dietro ci troveremo in compagnia di quattordici tracce molto interessanti,

ammalianti, complesse, vere; non un capolavoro, ok, ma un disco sicuramente da avere e che ad ogni passaggio sul piatto cresce un po’ rivelando nuovi riflessi. Insomma, forse c’è da crederci, quando il buon David dice che il cinema non lo attira più e che saranno musica e pittura le sue prossime attività. I brani di Crazy Clown Time si possono a grandi linee dividere in due tipi di produzione estetica: la prima parte è inzuppata di effetti e loop generati da computer, nella seconda invece ci sono veri strumenti e orientamento blues. Da qualche parte Lynch ha detto che tutte le canzoni dell’album sono partite come jam session, poi le jam hanno trovato una forma e sono arrivate le parole, e in effetti sembra proprio così. E l’aggiunta della voce di Karen O degli Yeah Yeah Yeah’s nell’iniziale Pinky’s Dream non fa altro che spostarci ulteriormente verso la strada su cui ci vuole Lynch, ossia quella del “non-ben-definito-ma-intrigante”. Il secondo pezzo invece, Good Day Today, è significa-

tivo di come la maggior parte dei brani siano qui sviluppati solo in parte e lascino nel mezzo del nulla. Ma forse è proprio lì che ci vuole Mister Velluto Blu. Stiamo poi attenti a non scambiare la semplicità di Good Day Today e So Glad per superficialità o pochezza, perché le idee sono sul fondo, si nascondono subdolamente, ma alla fine escono, sì che escono. Anche star lì a tirare in ballo chi l’elettronica la usa meglio – ho letto James Blake non ricordo dove – non ha senso per questo disco. L’elettronica è usata così – sghemba, infantile, obsoleta – perché non c’era interesse a usarla in altro modo. Stesso discorso si può fare per i testi. Cosa ci si può aspettare da un brano come Strange and Unproductive Thinking? Esattamente quello che dice il titolo, una lallazione ripetitiva che diventa direttamente ma ironicamente emotiva. La situazione cresce parecchio con Football Game, che sembra davvero la tazza di tè di David Lynch, suoni riverberati di chitarra e una voce ben definita con tanto cuore. Una specie di blues nervosetto, ripetitivo ma irresistibile – perfetto per il suo temperamento – che forse è proprio l’obiettivo cercato da questo disco.

TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE TEATRO MASINI, FAENZA

DEL BARRIO TRIO

Costruzioni Ristrutturazioni Vendita diretta case Serietà Affidabilità Competenza

in concerto - musica etno sud americana. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

DENTE

amato, chiacchierato, seguito, atteso. Tutto questo e molto altro è Dente. Nuovo e geniale cantautore che gioca con l’ironia dei gesti e delle parole per prenderti alla sprovvista e farti lo sgambetto ai sentimenti. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

SPARTACO IS BURNING

concerto di Apagoge e Saturate. A seguire dj set (rock, metal, ska, reggae) con Red, Loreto, Jamme, Dr. Dente e altri. Inizio ore 21.30.

MARY POPPINS

musical con la Compagnia del Cancello di Faenza. Inizio ore 16.

INFOLINE 0545 954194 TEATRO MODERNO, FUSIGNANO

SOLAROLO FESTIVAL IN TOUR

R.R.F. COSTRUZIONI di Mirco Romagnoli & C. Via Cesenatico 156 - 48042 (FC) Tel./Fax 0547 671754 Cell. 333 4800146 mirco196226@libero.it www.rrfcostruzioni.it

ospiti speciali saranno il noto autore, nonché presentatore di programmi, televisivi e radiofonici di successo come Superclassifica Show, Maurizio Seymandi, e Andrea Mingardi, notissimo cantautore bolognese. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 400220 CENTRO ESP, RAVENNA

PINOCCHIO

con Teatro del Drago. Inizio ore 16.30.

INFOLINE 0544 483461 ALMAGIÀ, RAVENNA

CSA SPARTACO, RAVENNA

loncellista Michela Gardini e dalla clavicembalista Valeria Montanari. In programma, composizioni di J. F. Fasch, J. S. Bach, J. C. Schickardt e G. P. Telemann. Inizio ore 11.

ALLA NAZIONE

ascolto in prima assoluta del radiodramma di Fanny & Alexander, trasmesso in diretta sulle frequenze di Rai Radio 3. Inizio ore 23.

INFOLINE 0544 39837 SALA CORELLI DEL TEATRO ALIGHIERI, RAVENNA

INFOLINE 0544 36239 ALMAGIÀ, RAVENNA

DARGEN D’AMICO

FESTA NAZIONALE DELLA ROMANIA E DELL’INDIPENDENZA DELL’ALBANIA

in concerto - musica rap. Inizio ore 23.

INFOLINE 336 694414 ROCK PLANET, PINARELLA DI CERVIA

poesie e balli folcloristici romeni e albanesi. Inizio ore 14.30.

DISCORING

DON JUAN

con la Compagnia Flamenquevive, diretta da Gianna Raccagni. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 64330 TEATRO GOLDONI, BAGNACAVALLO

IRISH SESSION EMILIANOROMAGNOLE

serata all’insegna della musica irlandese, con la partecipazione spontanea di musicisti e appassionati e esibizioni improvvisate. Ingresso gratuito. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 405730 MAMA'S CLUB, RAVENNA

CENTRO VALTORTO, RAVENNA

repertorio rigorosamente anni '80 con il dj set di Graziano Manoli e Marco Genesi. In apertura di serata, il live dei Margò 80. Inizio ore 23.

UNA DONA DA SUNZEN

con la Compagnia GAD Città di Lugo. Inizio ore 15.

INFOLINE 0544 591715 TEATRO RASI, RAVENNA

INFOLINE 0544 438494 BBK BEACH, PUNTA MARINA TERME

MONICA GIORGETTI & MIRKO GUERRA

in concerto, voce e chitarra. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 60631 LA CANTINA DI PIAZZA NUOVA, BAGNACAVALLO

IL PAESE DEI CAMPANELLI

RUDY SMAILA E I QUINTO ELEMENTO

Compagnia Corrado Abbati. Inizio ore 16.

INFOLINE 0546 21306

in concerto. Inizio ore 23.30.

IVETE DE SOUZA

INFOLINE 0546 46877 TEK CLUB, FAENZA

BANDA MALERBI

INFOLINE 0545 24201 PESCHERIE DELLA ROCCA ESTENSE, LUGO

IL GENE BAROCCO

quarto appuntamento dei Concerti della Domenica dell’Associazione Angelo Mariani, l’ensemble sarà formato nell’occasione dai flautisti Gregorio Carraro, Matteo Gemolo e Marco Scorticati impegnati al flauto dolce e al traversiere, dalla vio-

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

MARTEDÌ 29 NOVEMBRE

OMAGGIO POETICO A GIORDANO MAZZAVILLANI

nel centenario della nascita di Giordano Mazzavillani sarà reso omaggio a questo importante personaggio ravennate con la presentazione del suo cofanetto di liriche romagnole contenente la raccolta Ombar e lus e la raccolta La vos dl’ànma (Edizioni del Girasole), entrambe illustrate da disegni di Luca Zaccagnini. Inizio ore 16. TEATRINO DELL'OPERA SANTA TERESA DEL BAMBIN GESÙ, RAVENNA

LA RESISTIBILE ASCESA DI ARTURO UI

di Bertolt Brecht, con Umberto Orsini. Inizio ore 20.30. Replica mer.

INFOLINE 0545 38542 TEATRO ROSSINI, LUGO

IN VIAGGIO VERSO ORIONE

conferenza di Massimo Berretti. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 62534 PLANETARIO, RAVENNA

LE DONNE DEL SESTO PIANO

proiezione del film di Philippe Le Guay. Inizio ore 21.

INFOLINE 0544 71964 SALA SARTI, CERVIA

NOTE ALTERNATE

in concerto, Francesca Mazzi, voce, e Carlo Calderano, chitarra. Inizio ore 21.

INFOLINE 0545 60631 LA CANTINA DI PIAZZA NUOVA, BAGNACAVALLO

I RAGAZZI STANNO BENE

proiezione del film di Lisa Cholodenko e intervallo con cappelletti. Inizio ore 21.30.

INFO WWW.TEATROSOCJALE.IT TEATRO SOCJALE, PIANGIPANE

RICHARD BUCKNER

una delle figure più visionarie e sensibili dell’ultima generazione di songwriter americani, spesso paragonato a Leonard Cohen e Townes Van Zandt, già collaboratore di Calexico, Howe Gelb, Victoria Williams e Marc Ribot. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141 BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE

NUOVI SCENARI TECNOLOGICI: LA REALTÀ AUMENTATA DELLE CITTÀ D’ARTE AL SERVIZIO DELLA CANDIDATURA

con Lidia Marongiu, si confrontano assessori e operatori turistici (Andrea Corsini, Gianluigi Casalegno, Bruno Tagliavini). Eleonora Polacco e Joseph Franzò presentano il progetto TurismoLive!. Inizio ore 16.

INFOLINE 0544 251948 PLANETARIO, RAVENNA

IL CENTENARIO DI MILANO MARITTIMA

dopo l’inquadramento storico a cura di Renato Lombardi, presentazione di una ricerca sui villini del primo Novecento, relatore Delio Corbara. Ingresso libero. Inizio ore 17. SALA CONFERENZE DEL PALAZZO COMUNALE, CERVIA

L’INSANA BELLEZZA DELLA GUERRA

per MalfAttori, letture di Guido Ceroni e Gianluigi Tartaull. Inizio ore 18.

INFOLINE 0544 213371 TAMO - TUTTA L'AVVENTURA

BOOK CROSSING

DOMENICA 27 NOVEMBRE

diretta da Mauro Vergimigli, con il trombettista Maurizio Piancastelli, in una formazione sempre più vicina a quella delle big band americane, si esibirà in celebri standard di Duke Ellington, Henri Mancini e George Gershwin. Inizio ore 11.

in concerto con il suo Trio. Inizio ore 22.

di

GIULIA MONTANARI

La Svizzera di Paolo Nori una lettura meravigliosa al Cisim

Non c’è bisogno di essere analfabeti come la protagonista di The Reader per godere nel sentir leggere a voce alta una storia. Il che, se ci pensate,non è affatto scontato. Perché la lettura è una cosa molto intima e personale: ognuno dà il proprio ritmo, la propria cadenza, ognuno si dà i propri tempi. Nessun’altra forma d’arte permette tanta autonoma a chi ne gode. La lettura ad alta voce di fatto toglie un sacco di vantaggi al lettore, se poi è pubblica gli toglie pure quella della sedia a dondolo, del divano o del pavimento accanto al fuoco. Insomma, la lettura pubblica è una cosa che assomiglia molto al teatro e personalmente non conto le volte che, a teatro, mi sono detta: ma perché non sono rimasta a casa a leggermi un bel libro? Ecco, tutto questo inutile preambolo perché vorrei raccontare di

storia di memoria, che a tratti ha qualche tocco addirittura giallo, con un crescendo anche sentimentale verso un apice tragico ma che viene attraversato da una vena comica irresistibile. Insomma, proprio un testo riuscito. Però, ecco, come invece, un paio di settimane fa, in quel posto un po’ spe- alla fine della serata devo dire che più che leggere un altro qualciale che è il Cisim di Lido Adriano si è prodotto un momento di siasi libro di Nori, avrei chiesto di sentire Dadina leggere un godimento totale e assoluto per i lettori/spettatori/uditori. altro qualsiasi libro di un altro qualsiasi autore, a sua scelta. Luigi Dadina ha letto un monologo di Paolo Nori, La Svizzera. Volevo segnalare un blog anonimo che racconta una vicenda Non l’ha recitato, non l’ha intepretato, l’ha proprio letto. Occhi sul foglio, per tutto il tempo seduto, nemmeno un sem- credo vera (sicuramente verosimile) e ri-attualizza l’eterna plice oggetto in scena. Una lettura meravigliosa, che ha tolto la questione della scelta e della composizione dei cataloghi da cadenza emiliana a Nori per farlo diventare anche un po’ roma- parte degli editori. Ecco, perché queste cose è poi giusto che si gnolo (operazione già di per sé piuttosto divertente, se pensate sappiano. Per aver un buon libro non basta un bravo scrittore, a Nori). A Nori poi va dato atto che il testo è proprio bello, più ci vuole anche chi si accorge che quello è un bel libro scritto da bello di tanti suoi romanzi, perché abbandona l’autobiografi- un bravo scrittore. E anche questo, se ci pensate bene, non è smo didascalico e invece gioca con i generi per raccontare una affatto scontato. http://laveraeditoria.splinder.com/


26

DOVE& QUANDO

DEL MOSAICO, RAVENNA

SUUNS

i Suuns del cantante Ben Shemie – e di Liam O’Neill (batteria), Max Henry (tastiere), Joseph Yarmush (chitarre) – sono i nuovi alfieri dell’indie rock canadese e uno dei primi nomi caldi del 2011, che già stanno facendo impazzire la stampa specializzata d’oltre manica e oltre oceano. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 333 2097141

BRONSON, MADONNA DELL'ALBERO

THE HOLY MOUNTAIN

proeizione del film di Alexandro Jodorowsky. Inizio ore 21.30.

INFOLINE 347 9156080 CIRCOLO AURORA, RAVENNA

SICILIAN OPENING

in concerto il trio di Salvatore Bonafede. Inizio ore 22.

INFOLINE 0546 21560 ZINGARÒ JAZZ CLUB, FAENZA

ESP

Mingardi e Seymandi ospiti del centro commerciale Terzo e ultimo appuntamento per il “Solarolo Festival in Tour”, che torna all’Esp di Ravenna domenica 27 novembre, dalle ore 16, all’insegna della musica, dello spettacolo e della ribalta per giovani cantanti e personaggi già noti al grande pubblico. Dopo Alessandro Ristori e Gabriella Culletta, ospiti speciali di domenica 27 novembre, insieme, appunto, alle giovani promesse, saranno Andrea Mingardi (nella foto), notissimo cantautore bolognese, autore di alcune hits di grande successo, e Maurizio Seymandi, conosciuto autore, nonché presentatore, di programmi, televisivi e radiofonici, di successo (come, ad esempio, Superclassifica Show, con quasi mille puntate, dal 1977 al 1995).

BIBLIOTECHE E MUSEI BIBLIOTECA ORIANI tel. 0544 30386 Consultazione: da lun a ven 8.30-13 e 14.30-19, sab 8.30-13. Prestito: fino a 20 minuti prima della chiusura.

BIBLIOTECA CLASSENSE E MULTIMEDIATECA tel. 0544 482112

Da lun a ven 8.30-13; mar e gio anche 14-17.

Da lun a ven 8-19.

EMEROTECA tel. 0544 482055

Da lun a sab 8-13 (gio presso istituto Callegari).

Da lun a ven 7.30-13.30; mar e ven anche 14-17.

IPSSCT “A. OLIVETTI” tel. 0544 30326

EMEROTECA MULTILINGUE CASA DELLE CULTURE tel. 0544 591876 Da lun a ven 9-13.

Gio 9.30-13.30.

CASA VIGNUZZI BIBLIOTECA PER RAGAZZI tel. 0544 482819

MUSEO ATTIVITÀ SUBACQUEE tel. 335 5432810 Apertura su appuntamento.

Da lun a ven 14.30-18.30, sab 9-13.

MUSEO D’ARTE DELLA CITTÀ tel. 0544 482477

PALAZZO CORRADINI tel. 0544 34345

Mar, gio e ven 9-13.30 e 15-18; mer e sab 9-13.30; dom 15-18.

Da lun a giov 9-22.30, ven 9-18, sab 9-12; sala studio e sala internet lun-ven 1722.30, sab 14.30-18.30.

BIBLIOTECA SPORTIVA CONI tel. 0544 37432

LUNATICI PERSONALE DI ALBERTO COTTIGNOLI E MARIO ARNALDI

GALLERIA AMARTE - RAVENNA via Baccarini, 20 - tel. 0544 1881437

Venerdì 25 novembre, alle 18, si inaugura presso la Galleria AMArte di via Baccarini 20 a Ravenna, la mostra dedicata alle opere di Alberto Cottignoli e Mario Arnaldi. Entrambi gli artisti, amici da oltre 20 anni, tenacemente legati alla percezione artistica rinascimentale, alla ‘regola’, lavorano per vie e visioni simili, ma diverse, cercando la proposizione in chiave contemporanea degli stessi insegnamenti. La ‘regola’ e la ‘forma’ non impediscono a Cottignoli di librarsi nella più sfrenata fantasia, mentre Arnaldi preferisce rappresentare possibili, anche se spesso assai improbabili, situazioni di sospensione temporale. Orari: da lun a ven 16-19.30, sab

10-12.30 / 16-19.30, dom 16-19.30. Fino al 24 dicembre - Inaugurazione venerdì 25 novembre, ore 18 GIUSEPPE MAESTRI RAVENNA SENZA TEMPO, LE INCISIONI

MANICA LUNGA DELLA BIBLIOTECA CLASSENSE - RAVENNA via Baccarini, 3 - tel. 0544 482116

La mostra è dedicata al grande incisore ravennate Giuseppe Maestri (Sant’Alberto, 1929 - Ravenna, 2009), l’artista-incisore che ha creato e dato corpo ad una visione originale e meravigliosa di Ravenna. L’impareggiabile “torcoliere” che aveva costruito l’opera incisoria di Giulio Ruffini, Manlio Guberti, Tono Zancanaro, Trude Waehner, Giò Pomodoro, Mattia Moreni, Carlo Zauli, Rudolf Calonder, Angela Wejersberg per citarne alcuni, viene restituito in questa mostra antologica dalla riconosciuta bellezza della sua opera. Il catalogo, oltre alle incisioni, documenta la critica dai primi saggi di Giulio Guberti, Piero Santi, Raffaele De Grada sino a quelli odierni di Umberto Giovannini e Alessandro Giovanardi. Orari: da mar a ven 14.30-18.30, sab 9.30-17.30; aperture straordinarie martedì 1 novembre e giovedì 8 dicembre ore 14.30-17.30. Fino al 23 dicembre

PABLO ECHAURREN - LASCIARE IL SEGNO

MUSEO D’ARTE DELLA CITTÀ - RAVENNA via di Roma, 13 - tel. 0544 482487

ISTITUTO MUSICALE “G. VERDI” tel. 0544 212373

ITC “G. GINANNI” tel. 0544 36449

BIBLIOTECA DEL MAR tel. 0544 482774

MOSTRE D’ARTE

tel. 0544 684409

Consultazione e Multimediateca: da lun a ven 9-19, sab 9-18. Prestito: fino a 15 minuti prima della chiusura. Fondi antichi e archivio storico: mar e giov 9-17, mer e ven 9-14, sab 9-13.

Da lun a ven 8.30-22.30, sab 8.30-13, 14.30-19; dom e festivi: 8.30-12.30.

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

DOMUS DEI TAPPETI DI PIETRA tel. 0544 32512 Da mar a ven 10-17; sab e dom 10-18.

Lun, mar, gio e ven 15-18, mer 9-12. Altri orari su appuntamento.

MUSEO NATURA tel. 0544 528710

ACCADEMIA DI BELLE ARTI

Da gio a dom e festivi 9.30-13 e 14.3018.30.

La mostra ricostruisce l’intero arco dell’attività dell’artista, documentando anche passaggi e momenti finora meno noti, attraverso un percorso allestito per blocchi tematici e cicli. L’itinerario della mostra prende le mosse dalle recenti ceramiche della serie Baroque’n’Roll e prosegue con le opere d’esordio, gli smalti e “quadratini” che fecero entrare l’artista appena diciottenne nella scuderia della galleria Schwarz; le Decomposizioni floreali ottenute con matite e pigmenti su carta (1971); le illustrazioni e i fumetti con le tavole della Vita disegnata di Dino Campana (1994); i collage, dagli assemblaggi di cartoons, manifesti e carte futuriste d’epoca, alle composizioni sulla musica rock. A seguire, l’itinerario si svolge attraverso le tarsie di stoffe imbottite, i poster, per giungere alle opere recenti con le tele dedicate alla natura, a Roma, ma anche a Ravenna, e si conclude con la serie di acrilici e carte degli anni Ottanta-Novanta, in cui spicca un ciclo di lavori inediti realizzati nel 1989, ispirati al muro di Berlino. Orari: mar, gio e ven 913.30 / 15-18; mer e sab 9-13.30; dom 15-18. Fino all’11 dicembre

fiera di forlì COMMERCIANTI PER UN GIORNO EDIZIONE SPECIALE IL 18 DICEMBRE Alla Fiera di Forlì, in via Punta di Ferro, torna in edizione speciale “Commercianti per un giorno”, la mostra scambio che ha raggiunto la 22ª edizione. Questa manifestazione si pone l’obiettivo di dare l’opportunità ai privati di “liberarsi” di merce usata di loro proprietà che non viene più utilizzata. Questo attraverso la vendita o lo scambio con altra merce. È una opportunità per molti per passare una domenica diversa e originale, “sbarazzandosi” di cose che non servono più, liberando la casa e nello stesso tempo dando la possibilità a chi ha disagi economici di trovare oggetti utili che nuovi sarebbero inaccessibili e che invece di seconda mano sono regalati o proposti a prezzi molto interessanti. Si tratta spesso di passeggini, giochi per bambini, talvolta di indumenti, o di articoli per la casa, come elettrodomestici, di tecnologia superata, ma ancora funzionanti. Visto il grande successo della manifestazione, che registra circa 350 espositori a edizione, dopo l’edizione del 20 novembre, ne seguirà una straordinaria natalizia, il 18 dicembre. La mostra scambio sarà aperta tutto il giorno, dalle 9 alle 19, orario continuato. Info: www.fieraforli.it oltre a far luce sulla figura di Einaudi, concorre alla ricostruzione della memoria storica dell’Italia, nel periodo che va dal 1874 al 1961. Orari: da lun a ven 10-17; sab, dom e fest 10-18. Fino al 26 novembre

MAGICI MONDI

AUTORITÀ PORTUALE - RAVENNA via Antico Squero, 31 - www.cadeart.org

Nuova sede e nuovo allestimento per la mostra presso la sala espositiva dell’Autorità Portuale. Dopo la Manica Lunga della Biblioteca Classense, l’Autorità Portuale propone una nuova occasione per conoscere il lavoro di Mattia Battistini, Simone Gardini, Pierpaolo Miccolis, Francesco Petrosillo e Ettore Tripodi. Cinque artisti che propongono accessi ad altrettanti nuovi mondi, fantastici, magici appunto ma forse più reali di ciò che si ritiene tale, per indagare modalità contemporanee di pratica pittorica che mantengono l’idea figurativa pur tralasciando qualsiasi approccio realista. Orari: da lun a ven 8.30-17. Fino al 25 novembre

L’AVVENTURA DI GIUSEPPE GEROLA DALL’EGEO A RAVENNA

MUSEO NAZIONALE - RAVENNA via San Vitale, 17 - tel. 0544 543711

Il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Ravenna e con la Fondazione RavennAntica, presenta la mostra dedicata a Giuseppe Gerola, ripercorrendo l'attività del grande studioso e archeologo, fondatore della rivista Felix Ravenna di cui ricorre il centenario. La mostra presenta materiali e preziose fotografie. Orari: da mar a dom 8.30-19.30. Fino al 30 gennaio 2012

IL SILENZIO MENTRE CREI, È LA TELA BIANCA IN CUI DIPINGI LA MUSICA

LOLLI ARTE - RAVENNA via Molino, 4

Esposizione personale delle opere pittoriche di Samuele Contarini. Orari: da lun a sab 10-12.30 / 16-19.30, chiuso gio pomeriggio. Fino al 31 dicembre

L’EREDITÀ DI LUIGI EINAUDI

ANTICHI CHIOSTRI DI SAN FRANCESCO RAVENNA via Dante Alighieri, 2a - tel. 06 6865461

La mostra, voluta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e da lui inaugurata al Quirinale il 12 maggio 2008, trasferita successivamente a Milano, a Torino e a Napoli, ora arriva a Ravenna, che rappresenta il luogo ideale per proseguire la serie di mostre nelle città che hanno segnato la storia d’Italia nei primi 150 anni della Nazione. Curata da Roberto Einaudi, l’esposizione ripropone la figura di Luigi Einaudi: economista insigne, professore all’Università Bocconi di Milano e all’Università di Torino, viticoltore nel suo podere a Dogliani, raffinato collezionista di libri rari, giornalista de “La Stampa”, “Corriere della Sera” e “The Economist”, direttore di riviste scientifiche come la “Riforma Sociale” e la “Rivista di storia economica”, Governatore della Banca d’Italia dal 1945 al 1948, Presidente della Repubblica dal 1948 al 1955. Fotografie e testimonianze inedite, provenienti dagli archivi dello Stato, dalla Presidenza della Repubblica, dalla Banca d’Italia, dalla Camera dei Deputati, dalla Fondazione Corriere della Sera, dalle Fondazioni intitolate a Luigi Einaudi, dalla famiglia Einaudi e da collezioni private, documentano le fasi della vita di quest’intellettuale e statista di alto rigore morale e forte impegno civile. La documentazione in mostra,

Abbigliamento e calzature Marinara - Piazza Dora Markus 11/R Marina di Ravenna - Tel 0544 538665

tutto l’invernale a prezzi imbattibili sempre aperto venerdì, sabato e domenica


JUNIOR

L’INIZIATIVA

Anche teatro e danza fanno scuola Progetto ormai profondamente innervato nel tessuto didattico-culturale cittadino, torna puntuale anche quest’anno A scuola in teatro, serie di iniziative con cui la Fondazione Ravenna Manifestazioni – in stretta collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Ravenna e gli assessorati alla Pubblica Istruzione di Comune e Provincia – si rivolge agli studenti di ogni ordine e grado al fine di introdurli attivamente al mondo dell’opera e della danza. Gli appuntamenti di A scuola in teatro 2011-2012” daranno la possibilità di assistere alle prove di opere in programma nel cartellone invernale della stagione del Teatro Alighieri che portano la firma di due fra i più importanti protagonisti della scena lirica internazionale: Jean-Pierre Ponnelle con L’occasione fa il ladro di Gioachino Rossini (10 dicembre) e Pier Luigi Pizzi col Rinaldo di Georg Friedrich Händel (18 aprile). Gli studenti delle ultime classi delle scuole medie inferiori e i ragazzi più grandi delle scuole medie superiori e dell’università anche quest’anno avranno l’opportunità di avvicinarsi al mondo dell’opera vivendo il clima unico che si respira durante la costruzione di una messa in scena teatrale, potendo cogliere tutta la complessità che sottende all’allestimento di un’opera lirica. Sempre agli studenti più grandi sarà proposto il Balletto Nazionale della Georgia Sukhishvili (19 dicembre), mentre la lunga amicizia che lega l’Alighieri al coreografo belga Micha van Hoecke (5, 12 dicembre) ha reso possibile, per il secondo anno consecutivo, la realizzazione di un laboratorio teorico-pratico di avvicinamento alla danza da tenersi nelle scuole, fondato su un coinvolgimento diretto dei ragazzi. Una singolare proposta rivolta ai più grandi è lo spettacolo Pinocchio di sabbia (10 febbraio), che vedrà in scena David

TEATRO DI FIGURA

Il Pinocchio del Drago classico internazionale

S O L I D A R I E T À

Riondino come voce recitante. Ma ci saranno anche L’isola dei Pappagalli, ovvero Bonaventura prigioniero degli antropofagi (22 marzo), il progetto Musica a fumetti (17 gennaio), la ripresa della produzione del Teatro Alighieri, Il piccolo spazzacamino di Benjamin Britten (9 e 10 marzo), che debuttò nella stagione scuola 2002-2003. L’ultimo appuntamento di A scuola in teatro coinciderà invece con un’anteprima di Ravenna Festival 2012, Allegromosso (16 maggio). E non è finita: l’occasione di ospitare all’interno della rassegna danza dell’Alighieri coreografi e compagnie internazionali permette anche quest’anno a Ravenna Manifestazioni di organizzare seminari, incontri, prove aperte, mirati alla formazione e al potenziamento dei giovani talenti che frequentano le scuole di danza della città e non solo, tutte attivit�� che si raccolgono sotto l’evocativo titolo SemInAria, protagonisti la compagnia del Balletto del Teatro Nazionale Slovacco di Bratislava, la Parsons Dance Company e Virgilio Sieni.

27

RAGAZZI& BAMBINI

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 giovedì 2011

SANT’ANTONIO DONA 4.000 EURO PER I BIMBI DI NAIROBI Sopra, un momento de “L’isola dei pappagalli”; a destra il Pinocchio del Drago

/1

L'associazione onlus di Sant'Antonio "E Paés. Quatar cuntadèn, un prit e un sunador" ha aderito all'iniziativa di Ravenna Festival per Le vie dell'Amicizia, raccogliendo ben 4.000 euro, una somma importante per una piccola ma generosa comunità, di fondi per i "Bambini di Strada" di Kizito Sesana, a Nairobi. S O L I D A R I E T À

CONSEGNATI 40MILA EURO AD AGEOP BOLOGNA

/2

La Round Table 11 e il Club 41 di Ravenna hanno consegnato l’assegno record da 40.000 euro frutto dell’evento I Bambini in Festa 2011, svoltosi lo scorso 12 giugno. L'importante cifra è stata devoluta anche quest’anno all’Ageop (Associazione Genitori Ematologia ed Oncologia Pediatrica di Bologna).

Domenica 27 novembre la rassegna Le Arti della Marionetta gioca in casa, con una produzione ormai collaudata dello stesso Teatro del Drago: alle 16.30 andrà infatti in scena all’Almagià Pinocchio, uno spettacolo musicale che si avvale delle immagini di Alain Letort, artista francese che ha reso omaggio al famoso burattino di Collodi creando dodici tavole a china, colorate in seguito da Gianni Plazzi. I personaggi sono quelli della fiaba classica: Geppetto, il Gatto e la Volpe, la Fatina, Mangiafuoco, resi sotto forma di scene indipendenti, come in un collage. Ma non c’è da aspettarsi il classico spettacolo di burattini: nello spazio scenico, infatti, si muovono anche quattro attori che animano a vista i pupazzi, entrando così a pieno titolo nel circo colorato della favola di Pinocchio. Non solo: i personaggi non parlano, non usano frasi reali e comprensibili, il loro non-linguaggio fa parte della musicalità dello spettacolo. La colonna sonora è stata eseguita e composta dal gruppo Morrigan's Wake e da Claudio Capucci. Degno di nota è il fatto che il “Pinocchio” del Teatro del Drago viaggia da più di vent’anni in tutto il mondo, da Cartagine a Gerusalemme, da Tokyo a Taiwan. Info: 0544 483461.

il disegno MOZART IN SI BEMOLLE

Il disegno dello spettacolo della scorsa settimana, “Mozart in Si Bemolle”, che ci è piaciuto di più è quello di Elisa Lucchi, di sei anni.

RAVENNA - VIA FAENTINA 5 - 1.000 MQ DI ESPOSIZIONE! PREZZI !! I! ECCEZIONAL orario continuato 8:30-20:00 Giuseppe

via G. Mesini

CENTRO SPORTIVO ZALAMELLA

IZZERA

via A. Salietti via Domenico Zotti

AZZO ANAL

via

zzi via Bovini

ZZO

v. Cicogn.

via Ferranti

via Giaco

via

via Luigi Antonelli

mo Battuzzi

via Jacop

o La

✆ 0544 463733

lini

Elba

VIA CANALA via Carnevali

viale XIV Luglio

Beltrami

via Camerani

via Bagioli

Bargigia

MAG GIO RE

v.lo Ravu zzi

via Vallona

VIA

v. Can. v.S imoni

ei

Poz zi

via A . Mo radei na via P orto ne via R amp ina

anto

Cavina

v. Bregoli

via O.

ni

via G.

MAG GIO RE

via G. Sen sale s

via D

ECCO QUI

via A. Branzanti

i

VIA

p an

aspo

SIGMA i

via Boccaccini

ssi

A. R

gelo Frign an

via D. Busmanti

via

P.Pavi rani via S. R om via En ualdo rico Pazzi

via G.Armuzzi VIA FAEN TINA

Toscana

via A n

viale Se rgio

v.le XIV Luglio

via

am

Dradi

B. Centofanti

p.le P. Nenni

zio

via C. Cicognani

ROTO

A ND SV

via

oscana

r

e tanto altro ancora.....

alla cassa

(solo sugli abeti)

Conti

Codronchi

.Gro

SCONTO EXTRA 10%

Antonio

Sp

...e in più

Romolo

Cesari

v. C

€ 3,90 € 8,90 € 12,90 € 19,90 € 24,90

Via

gli

mt mt mt mt mt

o

via

Vitali

Rossini

de

0,90 1,20 1,50 1,80 2,10

o

via

Scegli il tuo abete a prezzi SPECIALI:

Luigi

v. Strocchi

SPECIALE NATALE!

Via

via

DOMENICA SEMPRE APERTO


28

ESCURSIONI& TEMPO LIBERO

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

BERTINORO Da molti definito il balcone della Romagna, Bertinoro è meta ideale per i ravennati che ricercano una serata fuori porta. Tanto più che – con l’avvicinarsi del Natale – questo borgo medievale arroccato su un colle di 246 metri (il monte Cesubeo), tra Forlì e Cesena, diventa ancora più suggestivo. Il paese comprende anche l’attiguo Monte Maggio che, con i suoi 328 metri rappresenta il punto più alto. Borgo ricco di storia e leggenda, è noto per i suoi vini e per i suoi locali in posizione strategiche. Le occasioni per bere o cenare in compagnia non mancano.

Piazza della Libertà, 10 Bertinoro (FC) tel.0543 444435 cell. 347-3915270 info@cadebe.it www.cadebe.it

Per chi è stato almeno una volta nella località, impossibile non conoscere la storica osteria-enoteca Ca de Be’, in piazza della Libertà 10. Anzitutto per la posizione in cui si trova che è di grande impatto, grazie a un’ampia terrazza da cui si può ammirare uno splendido panorama sulle colline forlivesi. Poi per l’ambiente interno, rustico e informale, ma anche curato nei dettagli grazie ai recenti lavori di ristrutturazione, terminati lo scorso 1° giugno. «Il locale è l’ideale per chi desidera bersi semplicemente un bicchiere di vino, così come per chi vuole consumare una merenda veloce o per chi invece preferisce cenare con tranquillità – illustra il titolare Simone Rosetti -. Prima eravamo solo un’enoteca, ora anche osteria con una cucina improntata sulla migliore tradizione romagnola». Ampia la scelta fra le paste fatte rigorosamente in casa, condite con sughi che tengono conto della stagionalità dei prodotti. Per esempio, ora è il momento giusto per assaggiare ottime tagliatelle al cinghiale, passatelli in brodo o strozzapreti con salsiccia. Anche i secondi sono succulenti, fra stinchi al forno, spezzatini di capretto e le classiche grigliate. Ovviamente

Mangiare bene e bere meglio sul “balcone della Romagna” Due rinomati locali fra la Piazza della Libertà e Monte Maggio aperti alla convivialità ciò che non può mai mancare è la piadina romagnola servita con affettati misti. Apertura tutti i giorni dalle diciassette a mezzanotte, la domenica anche a pranzo. Chiusura il mercoledì Info: 0543 444435 e www.cadebe.it In via dei Cappuccini 344, ricetta rinnovata per il ristorante-pizzeria Montemaggio che la nuova gestione – affidata a Pasquale Venditto e Moreno Lolli – ha rivisitato combinando la cucina tipica del territorio con la musica e il divertimento, per offrire una cornice accogliente e ospitale nella quale trascorrere una piacevole serata e celebrare il rito del pranzo della domenica in famiglia e tra amici. Tra le proposte della stagione invernale i “Venerdì dei Lovi”, un viaggio che esplora i piatti della tradizione con un tema diverso ogni sera, e il sabato sera ormai consueto appuntamento con la voce e l’intrattenimento di Pasquale Venditto. Aperto dal giovedì al sabato sera e la domenica a pranzo, Montemaggio è il luogo ideale anche per passare le feste, dal pranzo del 25 dicembre al cenone di Capodanno. Info e prenotazioni: 0543 445242 e www.montemaggio.it

Sopra, una cena all’insegna del buon cibo, di abbondanti labagioni e di allegra compagnia nel ristorante Montemaggio. A fianco, la rocca di Bertinoro e, sotto una vista dal paese sulla pianura romagnola.


GUSTO

29

MANGIARE& BERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

COSE BUONE DI CASA

TRADIZIONI

A Savignano al Rubicone la Fiera formaggio di fossa Domenica 27 novembre si tiene a Sogliano al Rubicone la seconda tappa della XXXVII Fiera del Formaggio di Fossa. Il formaggio di fossa si ottiene dalla fermentazione naturale di formaggio di alta qualità posto in fosse di stagionatura. Le fosse sono ambienti sotterranei scavati nel suolo argilloso dell’antico centro storico del paese, usanza praticata a Sogliano sin dal XV secolo. Il formaggio così ottenuto, oltre a presentare un aroma e un gusto inconfondibili, risulta possedere, secondo diversi studi, caratteristiche nutritive peculiari e un’ottima digeribilità. Nel 2005 l’antico prodotto soglianese ha vinto il "Premio Qualità Buonitalia" e nel 2009 è stato raggiunto l’ambìto traguardo della D.O.P., con la denominazione "Formaggio di Fossa di Sogliano D.O.P.". In occasione della fiera si organizzano numerose manifestazioni collaterali: spettacoli teatrali, musicali e ricreativi, convegni riguardanti l’alimentazione o di carattere storico-culturale, stand di prodotti tipici provenienti da

Un grande classico il ciambellone romagnolo a cura di ANGELA SCHIAVINA - WWW.ANGELASCHIAVINA.IT

Il ciambellone romagnolo. Ingredienti: gr. 500 di farina 00, gr. 300 di zucchero gr. 150gr. di burro, 2 cucchiai colmi di strutto, 3 uova intere, una bustina di lievito in polvere per dolci, la scorza di mezzo limone grattugiata, una bustina di vanillina, latte per pennellare la superficie e zucchero in granella o zucchero semolato. Preparazione: setacciate la farina con il lievito e la vanillina, sul tagliere fate la fontana, al centro mettete il burro morbido, lo strutto, le uova intere, la scorza del limone. Lavorare prima i grassi e piano piano aggiungere la farina. Lavorare velocemente. Trasferire l’impasto su una placca da forno e dargli una forma ovale, pennellare la superficie cospargere con lo zucchero in granella o semolato. Cuocere in forno a 180° gradi per circa 60 minuti. Tolto dal forno trasferirlo su una grata per dolci, perché si raffreddi e perda umidità all’interno.

diverse zone d’Italia, degustazioni di vini e formaggi. Durante la fiera è possibile naturalmente assaggiare e acquistare non solo il formaggio ma anche altri tipici prodotti soglianesi: salumi vari (fra cui ricordiamo il Cosciatello); il Savòr (marmellata composta da diverse varietà di frutta e semi oleosi), la Saba (dolcissimo mosto bollito), vino, miele, olio. Sempre presente lo stand delle Teglie in argilla di Montetiffi, ideali per la cottura della piadina.

NOTE E SAPORI

GLI STAPPATI

Sangiovese Vigna dei Dottori un riserva grintoso e speziato di FABIO

L’Azienda agricola Fiorentini produce questo Sangiovese Vigna dei Dottori del 2008. Un “Superiore Riserva” dal naso pulito e ben fatto. Immediati sentori di ribes, more, ciliegia con un sottofondo misurato di odori speziati di cacao, pepe e cannella. Leggeri toni di rose e viole rendono, assieme al finale di erbe aromatiche, ancor più vivo e intrigante l’olfatto. La bocca è meno disponibile, con tendenza a irrigidirsi un po’ ma è destinata a migliorare. Mantiene grinta lungo tutto il passo di bocca. Buon vino.

LA PROPOSTA

VALLI&PINETE AL PESCATORE

Ivete De Souza al Circolo Aurora Domenica 27 novembre (ore 22) il Circolo Aurora di via Ghibuzza a Ravenna ospita il concerto della cantante Ivete De Souza, che si esibirà con Federico Codicè Coch (chitarra) e Marco Zanotti (batteria). Originaria di Belém, città del nord del Brasile, la De Souza è una delle più belle e particolari voci brasiliane degli ultimi anni. Info: 347 9156080.

MAGNANI GLISTAPPATI@GMAIL.COM

“Valli&Pinete”, il percorso gastronomico in dieci tappe per scoprire le particolarità del nostro territorio fa tappa fino a domenica 27 novembre all’Osteria del Pecatore di via Faentina a Ravenna. Il menù recita: piadina con anguilla affumicata e erbetta di campo, passatelli asciutti con poverazze, cappelletti al nero di seppia con canocchie, spiedi di sarde alla griglia con semi di finocchio. Poi assaggio di frittura di paranza, polenta alla griglia e fritta. Infine, cantarelle con i fichi caramellati. Buoni anche i vini. Prenotazione allo 0544 418116

N O T I Z I E

G O L O S E

AL RISTORANTE RETRÒ CENA MEDIEVALE CON ARPA Sabato 26 novembre (ore 20.30) il pub-ristorante Retrò (vicolo Padenna 5 a Ravenna) propone una cena a tema con ambientazione medioevale, alla quale parteciperanno l'arpista Marianne Gubri e un gruppo di giovani,già praticanti di fiere medievali, che animeranno la serata in costume, spiegando usi e costumi dell'epoca. Nel menù della serata – decisamente allettante – troviamo il crostone scozzese, pollo alla normanna (con sidro), stinco di maiale al forno, il tutto coronato dal dessert, il bianco mangiare con crema calda e frutti secchi. Marianne Gubri è stata insegnante di arpa rinascimentale al Conservatorio di Ferrara dal 2006 al 2008 e ha partecipato a diverse incisioni disocgrafiche. Prenotazione obbligatoria al 328 8290269.

ORARI: dal Lunedì al Venerdì aperto anche a mezzogiorno dalle 12 alle 14

ORARIO SERALE: tutti i giorni dalle 17,30 alle 22

OFFERTA FAMIGLIA: 1 Pollo Extra 17 Euro (1.6 kg GARANTITI)

Patate arrosto 8 Euro (1Kg GARANTITO)

18

+ =

Euro 25 Euro

RA - Via Bassano del Grappa 30 Tel 0544 404680

CHIUSO IL MERCOLEDÌ

RAVENNA CONSEGNA GRATUITA NELLA CITTÀ DI

di Farinelli M. e Nanni L.

via Chiavica Romea 43 - Ravenna

tel. 0544 452712

FORNO A LEGNA

Ristorante

LA GRAMADORA NUOVA GESTIONE! Cucina Tradizionale Carne - Pesce SAVIO di RAVENNA via Romea Sud 481 tel.

0544.560223

Ampio parcheggio - Aperto tutto l’anno

Chiuso il Martedì Sala dedicata ai giochi per bambini!


SALUTE& BENESSERE

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

PREVENZIONE

Pulizia fondamentale per denti e gengive Occorre educare presto anche i bambini per i quali esistono prodotti appositi La salute del cavo orale è davvero importante per prevenire patologie e la pulizia gioca un ruolo determinante per denti e gengive. In aiuto ci sono innumerevoli presidi e strumenti di facile utilizzo e adatti a ogni personale situazione. In farmacia è possibile trovarli tutti e ricevere consigli sui prodotti e sul loro corretto utilizzo. «Iniziamo dallo spazzolino – ci spiega Paola Dragoni, direttrice della Farmacia comunale n. 10 di via 56 Martiri a Ponte Nuovo – che deve essere cambiato almeno ogni 2-3 mesi e comunque appena si nota un deterioramento delle setole. Ne esistono di diverse tipologie per quanto riguarda la loro durezza. Noi consigliamo la media e quelli morbidi in caso di gengive delicate. Importante è pulire i denti con movimenti verticali e non laterali. Per l'arcata superiore bisognerà quindi procedere dall'alto verso il basso e viceversa. Validissimi sono gli spazzolini elettrici, esistono anche quelli idropulitori con il getto d’acqua, che sono più efficaci contro tartaro e placca e quindi nella prevenzione delle carie. Fili interdentali, cerati o meno, e scovolini di varie misure non sono molto utilizzati, ma consigliamo di imparare a usarli perché raggiungono meglio gli spazi interdentali liberandoli dai residui di cibo». Sono infatti questi ultimi che, ri-

masti nel cavo orale, vengono attaccati dai batteri. Si deposita così sulla superficie dei denti una sottile patina incolore data dall'insieme di batteri e residui di cibo. È la placca che, se non viene completamente rimossa, in 12-18 ore si calcifica producendo i primi depositi di tartaro pericoloso per malattie dentali e gengivali come la paradontite. «Altro prodotto che aiuta ad eliminare la placca – sottolinea la dottoressa Dragoni – è il collutorio. Usato in associazione allo spazzolino e/o al filo interdentale garantisce una maggior

La salute del cavo orale è importante contro le patologie

igiene orale eliminando i batteri residui sia meccanicamente che chimicamente. Esistono quelli contenenti fluoro, utili per rafforzare i denti e lo smalto, e quelli contenenti clorexidina indicati nella disinfezione del cavo orale. Nuovissimi sono quelli contenenti aloe che hanno un’azione calmante sulle gengive infiammate. Naturalmente non dimentichiamo il dentifricio. Ce ne sono davvero di innumerevoli: sbiancanti, specifici per gengive sensibili, fino agli ultimi arrivati sul mercato che riparano le microscopiche imperfezioni dello smalto. Mi preme sottolineare che ci sono anche quelli omeopatici compatibili con le terapie omeopatiche che, sappiamo,

devono essere assunte non in vicinanza di prodotti a base di menta come la maggior parte dei dentifrici». L’igiene dei denti andrebbe fatta dopo ogni pasto e spesso può capitare di non poterlo fare. In aiuto ci sono i chewingum con fluoro e xilitolo che contribuiscono ad una pulizia d’emergenza dei denti. Anche questi confetti masticabili li trovate in farmacia. Infine c’è la pulizia del dorso linguale che ha il compito di rimuovere i microrganismi responsabili dell'alitosi. Grazie all’eliminazione di eventuali residui di cibo e microbi l'igienizzazione della lingua, che va fatta con i puliscilingua, può prevenire anche carie dentali e patologie gengivali. «Un discorso a parte va fatto sulla pulizia delle protesi fisse o mobili. Abbiamo notato – precisa la dottoressa Dragoni – che non c’è una cultura particolare della pulizia delle protesi da parte delle persone anziane alle quali spieghiamo sempre la sua importanza quando vengono ad acquistare le creme adesive. Un’educazione alla pulizia che facciamo con attenzione anche nei confronti dei bambini ai quali sono dedicati spazzolini colorati e con i personaggi dei cartoni animati». In farmacia si possono trovare anche i collanti da utilizzare in casi di emergenza per fissare ponti e capsule o riparare i ponti rotti in attesa dell’appuntamento dal dentista. Ci sono anche prodotti per l’estetica dei denti come le pellicole sbiancanti. Claudia Graziani

A sinistra Paola Dragoni, direttrice della Farmacia Comunale n. 10

SALUTE

30

O S P E D A L E

INAUGURATA NUOVA OSTETRICIA Il 9 novembre scorso sono stati inaugurati i nuovi locali del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di ra-

venna. I lavori di ristrutturazione dei locali sono stati possibile anche grazie al contributo della Cassa di Risparmio di Ravenna.


SALUTE& BENESSERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

RENOVA PALACE

Smiller: pre più persone si recano dal dentista con frequenza e tranquillità . Il dentista, oggi, negli ambulatori più all’avanguardia, è da considerarsi un vero e proprio specialista dell’estetica, deve avere conoscenza approfondita di medicina estetica ed una particolare propensione verso i canoni estetici non solo tradizionali ma anche percettivi. Oggi è impossibile ringiovanire un volto senza intervenire sui denti... Il sorriso è una delle più importanti armi di seduzione e le tecniche per renderlo irresistibile sono numerose; è dagli Stati Uniti e non solo che, come sempre, ci arrivano quelle più all’avanguardia. Bisogna sapere che per raggiungere questi obiettivi legittimi e reali vi sono strade diverse, una estetica temporanea ed una estetica definitiva, c’è infatti chi si fa mettere delle faccette in zirconio realizzate in laboratori specializzati, sottilissime come lenti a contatto. I denti deteriorati e antiestetici vengono così ricoperti con un leggero e sottilissimo spessore di appe-

na 0,3-0,5 millimetri. È questo il sistema più radicale, in grado, oltre che di cambiare colore al sorriso, di modificare gli inestetismi di forma, chiudere fastidiosi spazi fra i denti, correggere mal posizioni dentarie e di rivestire vecchie e brutte otturazioni, Nel caso in cui il miglioramento dell’aspetto del sorriso richieda un intervento più “soft”, si può ricorrere al contouring dentale, che consiste nel rimodellamento della forma dentale o nell'annullamento di spazi antiestetici mediante la semplice apposizione di resina composita. Questi trattamenti sono sempre preceduti da simulazione computerizzata in modo che il paziente possa avere la visione anticipata di quello che sarà il risultato finale. I costi delle prestazioni sono notevolmente inferiori rispetto al passato grazie all’affinamento delle tecniche di realizzazione dei manufatti protesici e delle metodologie d’indagine che hanno abbattuto i tempi di lavorazione a vantaggio del paziente.

“Onde” benefiche al BE.TA. Medical Lab di Savarna Tra le metodiche non invasive per il trattamento delle affezioni muscolari ed articolari, la Tecarterapia® costituisce una delle risposte più serie ed efficaci. Nella propria evoluzione queste apparecchiature elettromedicali, rigorosamente utilizzate da personale qualificato in un ambiente medico, possono essere applicate anche per dare nuovo tono cutaneo e per trasmettere nei tessuti profondi prodotti specifici tonificanti o riducenti. La Radiofrequenza, consiste in una procedura non chirurgica per il rassodamento di lassità cutanee, per appianare le rughe del viso, rassodando profondamente i tessuti. Il calore controllato stimola l’attività dei fibroblasti secondo il naturale processo di autoriparazione del derma. Elimina le piccole rughe e attenua quelle più profonde; la pelle appare più compatta, tesa e consistente. Combatte il rilassamento cutaneo in tutte le zone critiche di viso e corpo. L’apparecchiatura per Cavitazione medicale emette ultrasuoni a bassa frequenza che vengono applicati alla cute del paziente attraverso un manipolo che viene orientato dall’operatore in corrispondenza dei pannicoli adiposi, permettendone una notevole riduzione con conseguente rimodellamento sin dalla prima seduta. Il lavoro di tutte le apparecchiature appena descritte può essere supportato da altre metodiche infiltrative ed invasive, che possono essere attuate solo da personale medico in ambiente ambulatoriale. Presso il BE.TA. Medical Lab la Dott.ssa Lilia Errani esegue Filler riempitivi con Acido Jaluronico, rivitalizzazione viso con lipovitamine, tossina botulinica, peeling chimico, mesoterapia tradizionale ed omeopatica, Fosfatidilcolina per gli accumuli adiposi di tutto il corpo. Consulenze gratuite, prova gratuita di CAVITAZIONE e RADIOFREQUENZA. CAVITAZIONE 80 euro per seduta. RADIOFREQUENZA VISO 30 euro - CORPO 55 euro

il ritocco dentale su misura Dimostrare qualche anno di meno, avere un sorriso solare, ed una dentatura candida è ciò che più si desidera in estetica , perchè la giovinezza è rincorsa da nostalgia e il fascino degli anni si riscopre in una immagine curata. È un vero traguardo per l’estetica del sorriso avere varie opportunità terapeutiche, alla portata di tutti. Quest’ultima tendenza nel campo dell’odontoiatria si può considerare una vera e propria rivoluzione dentale in un settore che non ha visto la crisi, ma un incremento sbalorditivo. Da un sondaggio dell’AMERICAN ACCADEMY OF COSMETIC DENTISTRY è emerso che negli ultimi 5 anni la richiesta di interventi estetici è aumentata del 100%, quella di procedure di cosmetica dentale del 400% ma il numero delle persone che si sono recate dal dentista per sottoporsi al DENTAL MAKE OVER è addirittura del 1600%. Avere una dentatura perfetta sta diventando una vera mania, tanto che sem-

31

Renova Palace, Centro Dentale Ravenna, p.zza Einaudi 1 tel. 0544 33206

BE.TA. Medical Lab via Savarna 269/C Savarna (RA) tel. 0544 533297 - betamedical@libero.it

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

PROFUMERIE SABBIONI - ETHOS

Regali di lusso per un Natale ancora più ricco di atmosfera e magia! Profumi di alta classe e creme di ultima generazione. Il Natale è alle porte e tante idee regalo vi aspettano nelle Profumerie Sabbioni. Un esempio? Le sofisticate fragranze firmate Tom Ford, grazie alle quali potrete calarvi nell’universo sensoriale di Black Orchid (un trionfo di tartufo nero, ylang ylang, bergamotto, legni speziati, incenso e vetiver), scoprire il nuovissimo Violet Blond (profumo femminile e fiorito dalla confezione in stile art Déco destinato a diventare il più desiderato di questo inverno) o scegliere per lui l’irresistibile Tom Ford For Men. Estremamente glamour anche la prima fragranza firmata Bottega Veneta: un eau de parfum che evoca la morbidezza e la sensualità dei prodotti in pelle della rinomata maison made in Italy, un chyFragranze di alta classe pre fiorito effetto cuoio che sposa bere creme cosmetiche gamotto, patchouli e muschio di quercia prestigiose per stupire esaltato in un flacone e farsi ricordare ispirato alle famose vetrerie veneziane. Il viaggio olfattivo si sposta in Libano con Elie Saab Le Parfum, prima creazione sensoriale dello stilista libanese hot couture: un profumo dalla spiccata femminilità sprigionata dai fiori di arancio, dal gelsomino e dai legni aromatici della sua terra. Ottima idea regalo può essere anche un trattamento cosmetico prestigioso, magari di CBN o Sisley. La prima è la linea svizzera a base di cellule germinali vegetali attive che garantisce protezione e riparazione del DNA, un’intensa azione anti-età e una veloce rigenerazione cellulare per contrastare l’invecchiamento cutaneo. Recentemente rinnovata la linea spazia dagli idratanti, agli anti-età, fino alle prestigiose e innovative creme riparatrici anti-rughe. Sisley, invece, è la marca francese che per prima ha creato prodotti di fito-cosmetologia: gli estratti na-

NOVITÀ turali di piante e gli oli essenziali rigorosamente selezionati e controllati per rispondere a determinati criteri sono infatti il concept dei trattamenti di questa prestigiosa casa. Se invece volete regalare e regalarvi un morbido abbraccio potete puntare su accappatoi, parei e ciabattine in spugna della linea Aqua con tutti gli accessori per donna, uomo e bambino e abbinare bagni schiuma e creme corpo per momenti di benessere sensoriale. Anche i capelli, infine, hanno bisogno di cura e attenzione. Non ci si pensa mai, ma regalare un buon prodotto per capelli può essere un regalo gradito e originale. Carita propone la linea “Haute beauté cheveu” frutto delle più recenti innovazioni tecnologiche per detergere, curare e proteggere capelli e cuoio capelluto. Più glamour, invece, la linea di Diego Dalla Palma che punta tutto su: Stile (prodotti specifici per lo styling), Cura (prodotti per la detersione e la cura) e Bellezza (per donare luminosità e fascino ai capelli). Nelle Profumerie Sabbioni troverete sicuramente il regalo più indicato per il vostro Natale: veniteci a trovare! Valentina Bartolini

“OSMODREN GUAINA DRENANTE” tonificante e rassodante. Come eliminare tossine, acque, cellulite e grasso. “LIFE WAVE” antidolorifico, antinfiammatorio, meno fame nervosa, antiage e più energia.

ICEWAVE

SILENT NIGHTS

ENERGY ENHANCER

“NATURAL BIOTECH LIFE” “PIÙ SENO PIÙ” come ottenere il massimo dal tuo seno: più bellezza, più elasticità, più turgore.

Artebio - Tel 0544 270741 Via Berlinguer 44 - Ravenna


32

COMMENTI& OPINIONI

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

detti e contraddetti a cura di FAUSTO

PIAZZA

Le lettere, le opinioni e i commenti a cui si riserva di rispondere il direttore di Ravenna&Dintorni Fausto Piazza, vanno indirizzate alla mail carodirettore@ravennaedintorni.it oppure al fax 0544 271651 o all’indirizzo viale della Lirica 43, 48124 Ravenna.

COME POSSIAMO PARCHEGGIARE A PONTE NUOVO SENZA MULTA? Chi scrive questa lettera è un cittadino di Ravenna che abita più precisamente in via del Pioppo a Ponte Nuovo. Volevo rendere pubblica la situazione in cui un gruppo di cittadini alquanto numerosi, residenti in via del Pioppo a Ponte Nuovo si ritrovano da un giorno all’altro in una situazione assurda e quasi non reale al punto da non sapere come uscirne. Nella giornata del 17 novembre sono state recapitate a domicilio sanzioni amministrative citando la violazione dell’articolo 157 c2 del codice della strada ossia: “avere lasciato in sosta l’auto su strada sprovvista di marciapiede rialzato senza avere lasciato spazio sufficiente per il transito dei pedoni”. Considerando che la via in questione è sprovvista di segnaletica orizzontale e verticale essendo a doppio senso di marcia con una larghezza totale di otto metri circa, la mia domanda è: qual è la distanza da riservare al transito dei pedoni? Dopo una breve ricerca sull’articolo 157 c2 ho constatato che una parte di esso afferma che il veicolo deve sostare “il più vicino possibile al margine destro della carreggiata parallelo ad esso e secondo il senso di marcia”. Nella stessa situazione si trovano altre vie di Ponte Nuovo e tutti gli abitanti da sempre hanno sostato il più vicino al margine destro per agevolare il transito dei veicoli e i pedoni sono sempre passati a lato delle vetture parcheggiate. Ora improvvisamente tutto è cambiato senza neanche un avviso da parte di nessuna autorità. In merito a questo problema aspettiamo noi cittadini di via del Pioppo una risposta tempestiva per avere al più presto un regolamento stradale adeguato che ci consentirà di

parcheggiare nel modo più tranquillo possibile davanti alla nostra abitazione. Paola Bianchi, Ravenna

I MONUMENTI DI RAVENNA: LUOGHI MAGICI O PARCHEGGI?

Gentile signor Sindaco, come spesso mi succede ho accompagnato la notte scorsa i miei ospiti a fare un giro di notte per mostrare i luoghi più belli della nostra città. Percorriamo la via Galla Placidia dove si trovano monumenti unici al mondo, illuminati affinché possano mostrare la propria bellezza e con

Agenzia Immobiliare

ROMAGNA AFFITTI S. BIAGIO: appartamento arredato al 2° ed ultimo piano in trifamiliare. Ingresso, soggiorno, cucina abitabile, letto matrimoniale, bagno e balcone. P.T. cantina/lavanderia. Risc. aut. No spese condominiali. SOLO per coppia o single. € 480,00 Disponibile da dicembre. Info in ufficio S. Biagio: appartamento in complesso con piscina. Ingresso, soggiorno con terrazzo, cucina, bagno, letto matrimoniale e ripostiglio. P.T. posto auto coperto. SOLO REFERENZIATI. Centro storico (zona Duomo): appartamento di buona metratura al 2° P. con ascensore. Ingresso, soggiorno, tinello con balcone e cucinotto, disimpegno, bagno con doccia, 2 letto matrimoniali. Ben ARREDATO. Risc. aut. € 660/mese. SOLO REFERENZIATI S. BIAGIO/CENTRO: appartamento autonomo al P.T. recentemente restaurato completamente arredato. Soggiorno con cucina a vista, letto matrimoniale, bagno e ripostiglio. Cortile comune con altro appartamento. Disponibile da gennaio 2012. Nessuna spesa condominale. € 480,00

L’OSSERVATORIO

grande stupore troviamo lo spazio circostante invaso da auto in sosta. Cogliere il senso del monumento cercando di illuminarlo e nel contempo distruggere il contesto ambientale non è la maniera giusta anzi è deleterio e soprattutto non è degno di una città che si candida a capitale europea della cultura. Ciò che voglio dire è che, per il punto di vista di chi va a visitare un monumento di tale importanza, il contesto architettonico esterno è insopprimibile tanto quanto l’interno: di giorno e di notte. L’estetica dello spazio circostan-

Via degli Spreti, 71 Ravenna Tel.0544.501515 - Fax 0544.504972 agenziaromagna@libero.it

te il monumento è importante tanto quanto il monumento stesso. Esso non si può violare, né di giorno, tanto meno di notte quando la magia del luogo emerge con più prepotenza. È stato impossibile riuscire a catturare e a leggere con lo sguardo l’architettura di Santa Maria Maggiore e del suo campanile (perché invasa dalle auto); è stato impossibile ammirare la sua essenzialità architettonica che fa da contrappunto alla complessità di San Vitale. Non si possono ignorare questi aspetti ovvi e importanti che contribuiscono a restituire l’atmosfera del luogo e del suo monumento. Il vuoto fa parte dell’opera e va rispettato. Vuoto e silenzio sono la cifra dei monumenti ravennati. Parcheggiare in via Galla Pacidia o nella piazzetta degli Ariani è rubare un luogo, rubare la poesia del luogo, rubare l’atmosfera del luogo. Il visitatore non avverte più quel senso del sublime che di solito si prova davanti o dentro ad un luogo monumentale. Signor Sindaco, i nostri monumenti nel cuore della città sono i nostri simboli, vanno rispettati e liberati da tutto ciò che non fa parte del contesto. Gli amministratori hanno il dovere di mantenere questi luoghi, unici al mondo, nella propria integrità e senza aggressioni. Possibile che per i residenti in quelle zone non ci siano parcheggi vicini da utilizzare? Rosetta Berardi, Ravenna Ringrazio l’artista Rosetta Berardi per l’appello, che condivido in pieno. Anzi, ritengo assolutamente scandaloso che ci siano auto parcheggiate, di sera, in via Galla Placidia e credo anche che una soluzione non sia così complicata da trovare, visto anche l’enorme parcheggio presente a poche decine di metri.

LAVORO DOMANDE

VENDITE SAN BIAGIO

SAN BIAGIO:

(zona via degli Spreti): appartamento restaurato recentemente composto da ingresso, bel soggiorno con cucina a vista e balcone, disimpegno, 2 letto, bagno e ripostiglio grande. Cantina. Impianti a norma, riscaldamento autonomo e ascensore. € 165.000 tratt.

appartamento al 2° ed ultimo piano in piccola palazzina di sole 4 unità. Ingresso, soggiorno con balcone, cucina abitabile con balcone, disimp., 2 bagni con finestra, 3 letto (matr.le, doppia e singola). P. terra ampio garage, cantina/lavanderia e posto auto. Risc. autonomo. Imp. a norma. Da ammodernare. € 235.000 tratt.

Ravenna (zona Gallery): appartamento ben tenuto e luminoso al 2° Piano in palazzina di soli 3 piani. Ingresso, soggiorno con terrazzo a loggia, cucina abitabile con balcone di servizio e caminetto, disimpegno, 3 camere da letto matrimoniali, 2 bagni finestrati (con doccia e con vasca). P.T. garage, cantina e posto auto. € 210.000 tratt.

Zona Poggi: appartamento semindipendente in piccola palazzina al secondo e ultimo piano, composto da soggiorno con studiolo, cucina ampia ed abitabile, balcone a loggia con camino, disimpegno, 2 camere da letto, bagno. Riscaldamento autonomo. Al piano terra garage ampio e posto auto. € 168.000 tratt.

IN MOBILITA’ impiegata cerca impiego (ottimo uso del PC, contatto col pubblico, esoerienza in agenzie interinali, uffici amministrazione, studi professionali, agenzie viaggio e altre esperienze di impiegata. No multilevel, no rappresentanza. Tel. 338 8413731 Signora 53enne straniera, seria, da tanti anni in Italia, offresi per assistenza anziani, tanta esperienza ospedaliera e in cucina, disponibilità 24 ore su 24. No perditempo. Tel. 347 2976239 Pensionato cerca qualsiasi lavoro, come autista,

custode, magazziniere, anche notturno. Tel. 347 0306836 Pizzaiolo cerca lavoro nel fine settimana. Tel. 338 9015882 Tecnico informatico con esperienza pluriennale offresi per assistenza a domicilio. Installazione programmi, rimozione virus, configurazione adsl, assistenza internet e posta elettronica. Zona Ravenna Tel. 347 e limitrofi. 4681111

ATTIVITÀ PROFESSIONALI Lucidatura pavimenti in marmo graniglia e scale, preventivi gratuiti e prezzi vantaggiosi.* Tel. 333 3077535

Che sia stata poi davvero una bella idea “partecipare”? di

MOLDENKE

Bella cosa, la partecipazione. Ora ci troviamo con 36 progetti dei cittadini sulla riqualificazione della Darsena, la maggior parte dei quali si spera già bocciati dagli stessi cittadini che ne hanno discusso il giorno dopo averli messi nero su bianco. Giuro, è andata proprio così. E poi non avete ancora sentito quali sono, questi progetti scaturiti dopo tre mesi di partecipazione. C’è chi ha pensato a un tunnel sotto il Candiano. Chi ne vorrebbe fare un grande acquario. Chi invece si accontenterebbe di un ponte ciclopedonale per collegare la “rive gauche”. Non ci crederete ma c’è anche chi ha pensato a dei galleggianti a disposizione per delle esibizioni canine, mentre tutto attorno, è sempre un’idea della stessa persona, magari si potrebbero organizzare gare di nuoto nel canale. Perché poi, scrive qualcun altro, non organizzare anche rievocazioni di battaglie navali? Alcuni si accontenterebbero invece di un concorso per l’aiuola più bella, con una festa per proclamare la vincitrice. Naturalmente ce ne sono anche da salvare, di questi 36 progetti, ma sono quelli più fumosi, quelli che non si capisce bene di cosa si stia parlando anche se pare siano tutte cose molto intelligenti. Ce n’è uno invece che si pone obiettivi concreti, sostenibili e magari anche semplici da raggiungere. Quello di una “stazione ecologica per la raccolta dei rifiuti urbani diffusa lungo le sponde del Canale a servizio delle attività artigianali e industriali” che imporrebbe inoltre ad ogni attività produttiva di attrezzarsi “con impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili”. Non ci cambieremo il quartiere ma è pur sempre un inizio. Il progetto, ve lo svelo, è di Giulio Piazza. Che è un bambino di 13 anni. Rendiamoci conto, serviva un bambino di 13 anni per riportare tutti con i piedi per terra. Va bene, caso vuole che poi Giulio sia anche il figlio del mio direttore. E con questa crisi Moldenke dovrà pur pensare anche a campare... Cantine, garage, soffitte e anche appartamenti sgombero + piccoli trasporti. Massima serietà Tel. 347 8336960 * D.j. vocalist, Esperto anche doppiaggi vocali per i tuoi party con musica di grande effetto. Possibilità strumentazione propria offresi Tel. 3407171418* Laureata in lingue con esperienza all’estero impartisce lezioni d’inglese a studenti di scuole medie e superiori a Ravenna e Faenza. Tel. 393 0358391 Laureata pluriennale esperienza di insegnamento impartisce lezioni di economia aziendale, ragioneria, matematica, diritto e segue ragazzi scuole medie ed elementari nei compiti. Tel. 347 0343580

IMMOBILI Case e appartamenti in affitto Offerte/Domande A BOLOGNA Affittasi appartamento zona Mazzini,/sant’Orsola, 2 camere da letto, soggiorno, cucina, cantina ciclabile, posto auto. 700,00 Euro Tel. 347 2991048 Affittasi appartamento composto da due camere matrimoniali, soggiorno, cucina separata, bagno, riscaldamento autonomo. Piazza Medaglie d’Oro a Ravenna. 347 0306836331 1266648 Tel. 347 0306836


COMMENTI& OROSCOPO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

Commenti dal web

LA FOTO DELLA SETTIMANA

MERLINO E IL DESTINO ARIETE Con Sole, Venere e Mercurio in trigono il buon umore irrompe nel quotidiano pizzicando le corde dei sentimenti secondo una vasta gamma di accordi non solo musicali. Insomma si cucca e si fornica. Il lavoro scorre più sereno e le entrate gli corrispondono. La ripresa c’è e l’ormone gongola.

Il dibattito tra i lettori di ravennaedintorni.it Pubblichiamo qui di seguito alcuni dei commenti più interessanti che nell’ultima settimana hanno postato i lettori sul nostro sito. La prima casa è un bene primario e non un servizio e la reintroduzione dell’Ici sarebbe un furto legalizzato, Matteucci si vergogni! Mi chiedo come si faccia a dichiarasi di sinistra e ad approvare un discorso come quello di Monti oggi (nel giorno del suo insediamento, ndr) e soprattutto come facciano i cittadini a credere ancora ai loro “sinistri” rappresentanti! (OrsoTibetano commenta le dichiarazioni del sindaco Matteucci che si è detto favorevole alla reintroduzione dell’Ici chiedendo però al nuovo premier Monti di allentare i vincoli del patto di stabilità) L’acronimo Pd a Ravenna significa Partito Democratico o Poca Democrazia? Perchè a Ravenna ogniqualvolta si prova a parlare di scelte dal basso, partecipazione, apertura, dal fortino rosso di via della Lirica le catapulte scagliano sul territorio il proiettile "unità". Ma cosa unisce di più di una scelta condivisa? Nelle stanze del Pd cittadino invece il confronto si riduce al leitmotiv “o stai con me o sei contro di me”. Fabio Fiori e Trevor Davis, chiamati nell’ambito del progetto “Cinquetracce Ravenna capitale della cultura 2019” ci hanno francobollato con i seguenti pensieri. Trevor Davis con il suo “sfidate le gerarchie della vostra città” ci sta indicando un pensiero forte di rinnovamento che cozza con il comune agire locale, anzi qui chi sfida rischia di essere avviato a “malasorte”, e fidatevi a Ravenna è già successo [...]. Viceversa, Fabio Fiori ha

utilizzato una bella metafora, “la parola tessera a Ravenna è un sostantivo importante e pericoloso, per diversi motivi. Peccato che non venga mai declinata nell’accezione del verbo tessere, e cioè imbastire rapporti, intrecciare relazioni e anche fabbricare culture”. Invece da noi significa partecipazione alla politica, il caso del “nuovo decentramento” è emblematico, non si riparte con le scelte dal basso, ma si pensa ad una spartizione delle poltrone dei e per i politici locali. (giustiniano commenta la nostra intervista al segretario comunale del Pd Danilo Manfredi) Una volta si chiamava Democrazia cristiana (eric arthur blair ironizza sul Pd commentando il nostro “bombolone” sempre sull’intervista al segretario comunale Manfredi) Repetita iuvant (peterstillman commenta il suggerimento a Ravenna dell’esperta che si è occupata della candidatura di Berlino a capitale europea della cultura: «il progetto – ha detto – non sia calato dall’alto») [...] è stato fatto un grosso sbaglio nel cedere alle contestazioni via petizione: per il tempo perso, per aver instillato nei cittadini sfiducia nella capacità delle istituzioni di gestire determinate situazioni (sfiducia forse giustamente ben riposta, visto che c'è stata una repentina ritirata), per l'umiliazione di una città che si crede una giustapposizione di quartieri e non un contesto di per sé integrato. Ci si ricordi che quando vince il particolare, il mors tua vita mea, poi questo non guarda in faccia a nessuno,

TORO La fortuna si avvinghia al lavoro, a beneficio anche del saldo bancario. Ma giovedì e venerdì pur con moderazione azzannate eventuali intralci e persone perspicaci come trote. Anche in amore siate flessibili nelle posizioni, non solo se discutete col partner ma anche dal punto di vista suino.

Gli studenti occupano l’istituto agrario La prima scuola occupata dagli studenti di questo anno scolastico (almeno lo era al momento di andare in stampa) è l’istituto agrario “Luigi Perdisa”. In una lettera inviata ai giornali, i ragazzi spiegano anche nel dettaglio i motivi della protesta, assicurando che la loro sarà un’occupazione del tutto pacifica e che sarà dato modo a chi vorrà di continuare le lezioni. La foto è di Fabrizio Zani.

neanche ai cosiddetti autoctoni. Le vite, di chiunque, non dovrebbero essere ostaggio delle opportunità politiche e del timore di perdere il consenso; quando lo capiremo, forse, molte cose cambieranno. Spero comunque che si rimedi, e in fretta. Non è confortante vivere in una città che si fa aguzzina del prossimo, fosse pure, quel prossimo, senza permesso di soggiorno. (ancora

ROSSELLA LIBERA

peterstillman, questa volta in riferimento alla questione delle tende per i senzatetto e sulla petizione che ne ha impedito la realizzazione alla parrocchia del Torrione). “Le tende ci sono e tra gli ultimi giorni di novembre e i primi di dicembre saranno utilizzabili”... tanto adesso la notte è caldo, aggiungerei io, e sarebbe stato uno spreco predisporle per tempo. Tassinari conferma che: “A tutti coloro che si presenteranno saranno chiesti i documenti e la loro presenza sarà denunciata in Questura”, un gesto di gran classe per evitare che gli stessi bisognosi si presentino, così da poter dichiarare, dati alla mano, che l'emergenza freddo è solo nella testa dei critici a prescindere. Insomma ancora una volta la montagna ha partorito un topolino, ma è prematuramente morto di freddo, ma siccome era senza documenti.. saranno stati ben $@##i suoi, no? (ebonfo sulle tende per i senzatetto vietate ai clandestini).

(CRISTALLIZZAZIONI)

Sgrassature e pulizie di fondo

Potature di alto fusto con macchinari specifici

334 3218031 PRONTO INTERVENTO • INTERVENTI D’EMERGENZA • PREVENTIVI GRATUITI Lido Adriano - via Tono Zancanaro, 74 - tel./fax 0544 493950

cil mi Do a

GEMELLI Gestite il morale basso con calma e un tantinello di nazi-determinazione, che quando non vi scappa da ridere, può essere particolarmente suadente. L’amore mette comunque a dura prova la vostra pazienza, e le coppie traballanti potrebbero stramazzare al suolo. Ovviamente, sex di traverso. CANCRO La settimana non è proprio da rottamare, ma talvolta ormoni e neuroni viaggeranno a corrente alternata. Pesantezze gastrointestinali giungono sul lavoro e non vi congiungono nell’alcova o dove vi piacerebbe di più. Prendetevi una pausa domenica fra le braccia del partner. Se c’è. LEONE Mercurio e Venere sono in trigono, ma Giove è dissonante: mediate, su tutto! Chi cerca lavoro potrebbe ricevere chiamate interessanti, e chi un lavoro già ce l’ha potrebbe salire nel gradimento dei capi. Con queste prospettive il suino che c’è in voi potrebbe riuscire a fornicare copiosamente. VERGINE Col passaggio in Sagittario, il Sole raggiunge Mercurio in posizione dissonante. Attenzione a non trattare con zerbitudine amici, colleghi e partner, se non volete che vi taglino a fette come un culatello. Meglio domenica, se eviterete di essere piacevoli come una dermatite da pannolone. BILANCIA Un ottimo Mercurio riscaldato dal Sole. A beneficiarne sarà la vostra comunicativa. Se c’è chi, partner compreso, non collabora, anzi, vi danneggia, vi basterà sfoderare il vostro miglior profilo a sud dell’osso sacro, per attirare l’attenzione di chi conta. Domenica cuccare si può, fornicare meno. SCORPIONE Se lavoro o rapporti vi faranno girare gli zebedei come la ruota della fortuna, a manovella, i guadagni ci saranno comunque, anche se la vostra pazienza sarà sul genere esaurimento delle scorte. Fra amore e fornicazione è pari e patta, soprattutto patta. E il suino che è in voi dovrà attendere. SAGITTARIO Fino a sabato approfittate di Sole, Mercurio e Venere insieme appassionatamente nel segno. Lavoro e soldi risollevano morale, reputazione e cedimenti cutanei, ma non imponete ad ogni costo le vostre opinioni. Per l’amore vero aspettate, e lasciate il sudombelico indulgere in simpatici guizzi. CAPRICORNO Per quanto in questi giorni sentiate l’esigenza di sentire la stima e la considerazione altrui, lo stress da performance potrebbe indurvi ad allontanare chi tende ad esfoliarvele come con uno scrub cutaneo. Lieve cenno ottimismo e passionalità con il partner. Approfittatene almeno domenica.

na eg

Manutenzione giardini privati e pubblici

ns

Condomini Uffici privati e pubblici Lucidatura pavimenti

chiuso il lunedì

Co

E GIARDINAGGIO

io

Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 18 alle 22

PULIZIA

33

V.le della Lirica 55 Ravenna

TEL. 328 7427058

ACQUARIO Sono giorni che portano nuove opportunità, ma giovedì innestate il sorriso automatico se vi prenderà la voglia di decorticare vive certe persone. In Amore potreste trovare chi blandisce il vostro punto G e tutti gli altri punti in ordine alfabetico, purché non siate troppo esigenti o corrosivi. PESCI Mercurio dissonante in Sagittario vi rende bellicosi, ad un passo dallo sganciare una bomba palla everywhere. Controllatevi per non guastare complicità utilissime. Distraetevi a sud dell’ombelico con il partner, fisso o di passaggio, per suonare le campane della gioiosa fornicazione.


34

ASSICURAZIONI& SERVIZI

giovedì 24 novembre 2011 | RAVENNA& DINTORNI

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

INFORTUNISTICA

Ravenna, Via Destra Canale Molinetto 319 tel. 0544 422513

PESCHERIA

ALEX e RAF di Giambi Tommaso

PRODOTTI ITTICI DI ALTA QUALITÀ RAVENNA: • Borgo San Rocco - via Bastione 6 - tel. 0544 36173 • via Romea Sud 59 - tel. 0544 64260

LIDO ADRIANO: • viale Ariosto 9 - tel. 0544 494181

Salve a tutti. Ormai mi conoscete. Sono Pippo il nuovo giornalista che collabora con Ravenna & Dintorni da quest’estate. Una scelta azzeccata perchè ho prevalenza di sangue shi-tzu nelle vene sono, insomma, “una capa tosta”. Questa volta il direttore mi ha commissionato un articolo sulla gestione dei sinistri da parte delle assicurazioni. “Che c'azzecca”, direte voi, un piccolo bastardino come me con le grandi imprese assicuratrici? Per la verità il mio padrone prima di pensare solo a correre e a smoccolare contro borsa e spread è stato assicuratore per quasi 25 anni. Avrei potuto chiedergli tante cose ma non voglio coinvolgerlo. Ho paura di irritarlo. Il mio padrone con me è dolce e affettuoso ma ho notato che si innervosisce al solo parlare di banche e assicurazioni. Solo la Lazio (il mio padrone è un romanista senza se e senza ma!) lo fa arrabbiare più degli istituti di credito. Così ho pensato di andare fino a Cesena per intervistare Massimo Simonetti dell'Infortunistica Ponte Nuovo di via Cesare Battisti 159 (tel. 335 6757572 - info@ infortunisticapontenuovo.it). Un viaggio lungo e faticoso per un piccolo cagnolino come me. Meno male che all'arrivo Massimo mi accoglie con tante coccole e, sopratutto, con tante buonissime crocchette ed una bella ciotola d' acqua. Come è possibile che un mio fratello animale possa ottenere risarcimenti più alti degli umani in occasione di incidenti stradali? «Purtroppo hai ragione caro Pippo – risponde pronto Massimo – sono cose che possono accadere. Dalla stampa impariamo cose incredibili. Il padrone di un barboncino e di un boxer deceduti a seguito di un incidente d'auto che vengono risarciti con somme molto più alte di quelle offerte ai parenti di un extracomunitario anche lui deceduto a seguito di un analogo incidente». Come cane sono contento che i miei sfortunati fratelli facciano ereditare ai loro padroni somme importanti ma... come è possibile che un uomo possa valere meno di un pur carino, simpatico ed affettuoso bastardino come me? «Il problema deriva dal cosidetto diritto di reciprocità. Se, per fare un esempio, muore un cittadino senegalese alla fami-

Le inchieste di Pippo cronista: come sono gestiti i sinistri? glia legittima che risiede a Dakar e dintorni viene offerta dalla compagnia assicurativa debitrice una somma congrua a quel tenore di vita e poichè la vita in Senegal è, ovviamente, meno cara che in Italia, anche il risarcimento agli eredi viene ridotto in egual misura». Credi che sia giusto tutto questo? «No, caro Pippo, assolutamente no. È una cosa vergognosa perchè parliamo di gente che ha lavorato e vissuto in Italia, pagato mutui, affitti, tasse. Devo, in verità, precisare che raramente le compagnie riescono a liquidare somme sulla base del diritto di reciprocità. La mia infortunistica ha vinto in sede giudiziale tutte le cause di questo tipo ma sono comunque d'accordo sul fatto che sia vergognoso fare offerte così al ribasso. È vero che un animale può costare più di un uomo ma parliamo di casi rari, di campioni dello sport, dei grandi trottatori come Varenne, per fare un esempio specifico». Mi è stato detto che l'indennizzo diretto non abbia fatto calare le polizze auto e che le compagnie si ostinano ad aprire i sinistri nella vecchia maniera. Mi puoi dire in poche parole cosa si intende per vecchia maniera? «Probabilmente ti riferisci al fatto che le Compagnie quando aprono un sinistro lo mettono subito in riserva. L'assicurazione ipotizza, insomma, quanto dovrà pagare. Ovvio che se la previsione è sbagliata per difetto questo crea dei problemi insormontabili perchè è noto come le assicurazioni raggiungano i rappel proprio sulla base di un favorevole rapporto sinistri-premi. La cosa che giudico inverosimile è come si possa aprire un sinistro senza prima avere fatto gli opportuni accertamenti peritali e medico-legali. La realtà è che le compagnie parlano di speculazioni, di bidoni di truffe, di tante altre brutte cose pur di non parlare dei loro problemi gestionali o di bilancio. I costi delle polizze auto alla faccia dell'indennizzo diretto

A fianco, Pippo cronista canino e Massimo Simonetti dell’Infortunistica Ponte Nuovo di Cesena al lavoro nel suo studio.

I costi delle polizze auto alla faccia dell’indennizzo diretto sono aumentati negli ultimi 5 anni del 10% sono aumentati negli ultimi 5 anni di circa un 10% e, questo, nonostante la legge 57 abbia uniformato le cosidette microinvalidità comprese da 1 a 9 punti. E meno male, caro Pippo, che non è passata la legge che voleva uniformare le macroinvalidità. Se questa legge fosse passata le assicurazioni avrebbero potuto pagare risarcimenti del 30-35% inferiori a quelli dovuti e....stiamo parlando di incidenti seri, drammatici che compromettono la vita di una persona». Quindi secondo te, Massimo, le assicurazioni cercano solo di risparmiare e non di fare gli interessi dei cittadini? «Come si dice... carta canta! La Cassazione ha deliberato che un cittadino possa anche scegliere di non utilizzare l'indennizzo diretto ma questa sentenza viene costantemente disattesa. Se non utilizzo l'indennizzo diretto e, quindi, invio richiesta danni alla compagnia di chi ha provocato l'incidente accade che questa non paga, io la cito in giudizio ma in tribunale si presenta comunque la compagnia di colui che ha subito il danno. Tutto questo per un accordo fra le assicurazioni, una vera controriforma! E poi, caro Pippo, la legge sull'indennizzo diretto prevede che una com-

pagnia debba essere strutturara per servire il cliente, cosa che non può conciliarsi con i rappel, il rapporto sinistripremi, con la volontà di amministratori delegati mordi e fuggi di far guadagnare tanto ed in breve tempo gli azionisti». Saluto Massimo che è stato gentile ed esaustivo, un vero e proprio fiume in piena di notizie e retroscena. Torno a casa frastornato ed un pò confuso. Il mio padrone mi accoglie con tanto affetto. È appena tornato da una corsa e non ha lavato i piatti. La padrona, tanto per cambiare, lo rimprovera. Che bello. Sono di nuovo a casa!

Ottaviani Primo & Figli s.n.c.

IMP. AGIP 15609

a n i r a M a Puntada sempre PUNTA MARINA TERME via Canale Molinetto 116 Tel. 0544 437814


INFORMAZIONI& SERVIZI

ADOTTAMICI

Susy

Susy è una bella gattina, sempre pronta a giocare, sanissima e molto vivace. È sorella di Trilly e Bea e, come le sue sorelline, cerca una famiglia che le dia una casa, amore e tanto, tanto affetto!

INFOCITTÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 24 novembre 2011

Per le adozioni: Contattare Giovanna al 333 7197573

QUALITÀ DELL’ARIA IQA dal 14 al 20 novembre 2011 Stazione Rocca Brancaleone Via Caorle Zalamella Agglomerato di Ra.

Lun

Legenda IQA Buona Accettabile

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Collaborano alla redazione: Federica Angelini, Alessandro Fogli, Luca Manservisi, Guido Sani, Serena Garzanti (segreteria), Maria Cristina Giovannini e Erika Marchi (grafica).

Mediocre

Scadente

Pessima

L’IQA (Indice di qualità dell’aria) rappresenta sinteticamente lo stato complessivo dell’inquinamento atmosferico. Viene calcolato sulla base dei livelli di concentrazione degli inquinanti più critici del nostro territorio: particolato fine (PM10), biossido di azoto ed ozono. In funzione del suo valore si individuano cinque classi di qualità dell’aria. I dati giornalieri di Qualità dell’Aria relativi alla Provincia di Ravenna sono consultabili al sito: http://www.arpa.emr.it/ravenna/. L’andamento giornaliero delle concentrazioni di polveri PM10 in Emilia-Romagna è consultabile al sito: http://www.liberiamolaria.it

Dal 27 novembre al 3 dicembre Comunale 6, piazzale Farini 6 - tel. 0544 212835; San Domenico, viale Alberti 61 - tel. 0544 401550;

Per le adozioni: Ufficio per i diritti degli animali, tel. 800 099577; canile, tel. 0544 453095.

Dal 28 novembre al 4 dicembre Comunale 3 via Po 18 (Porto Corsini) - tel. 0544 446301; Comunale 9 viale Petrarca 381 (Lido Adriano) - tel. 0544 495434.

APERTURA NOTTURNA 19.30-8.30 Comunale 8 ,

via Fiume Abbandonato 124 - tel. 0544 402514.

APERTURA DOMENICALE 8.30-12.30/15.30-19.30 Comunale 5,

A cura del Comitato UISP di Ravenna via G. Rasponi, 5 - RA tel. 0544.219724 - fax 0544.219725 E-mail: ravenna@uisp.it - www.uisp-ra.it

SCI

Presto le uscite sulla neve I comitati Uisp della Romagna hanno stipulato delle convenzioni con alcuni comprensori sciistici per la stagione 2011-12. I consorzi sciistici convenzionati sono: Cimone, Corno Alle Scale, Cavalese Alpe del Cermis, Campigna, Brentonico e Paganella. Per informazioni più dettagliate su queste convenzioni è possibile consultare il sito della Uisp Ravenna www. Uisp.it \ravenna. Sempre sul sito sono presenti alcune proposte di gite organizzate sulla neve organizzate dalla Uisp e anche le proposte degli sci club affiliati. La Uisp organizza ciaspolate ed uscite sulle neve per sciatori e snowboarder nei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo, inoltre, promuove i programmi e le iniziative di Sci Club Ravenna (www.sciclubravenna.it), dello Sci Club Enrico Mattei (www.cralenricomatteiravenna.it) e dello Snowboard Club East cost di Limbo Azul Sport Side (www.limboazul.com).

Collaboratori: Ivan Adonis, Andrea Alberizia, Roberta Bezzi, Matteo Cavezzali, Francesco Della Torre, Lorenzo Donati, Claudia Graziani, Linda Landi, Sabrina Lupinelli, Maria Giovanna Maioli, Fabio Magnani, Giulia Montanari, Angela Schiavina, Serena Simoni Fotografie: Paolo Genovesi, Fabrizio Zani Illustrazioni: Gianluca Costantini, Geralama, Flavio Montelli Redazione: tel. 0544 271068 - Fax 0544 271651 - redazione@ravennaedintorni.it Direttore Generale: Claudia Cuppi Segreteria Commerciale: Veronica Rinasti, tel. 392 9784242 Pubblicità: Reclam Edizioni & Comunicazione srl Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it Stampa: Galeati Industrie Grafiche, www.galeati.it

NUMERI UTILI

Dal 21 al 26 novembre S. Teresa via De Gasperi 71 - tel. 0544 33054 (dal 20 novembre); Montanari, via Mattei 30 - tel. 0544 451401; Comunale 7 viale Mare 80 (Casal Borsetti) - tel. 0544 445019; Al Mare viale Mare 80 (Casalborsetti) - tel. 0544 445019; Piferi viale dei Navigatori 35 (Punta Marina) - tel. 0544 437448.

Susi, in questa foto, sembra quasi sorridere... È una cagnolina adulta e un po’ timida, ma è pronta a conoscere un nuovo padrone, che accoglierà con molta gioia. Diamole una casa!

Autorizzazione Tribunale di Ravenna n. 1172 del 17 dicembre 2001

Direttore responsabile: Fausto Piazza

APERTURA DIURNA 8.30-19.30

Susi

Dom

Edizioni & Comunicazione srl Editore: Via della Lirica 43 - 48100 Ravenna - Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it

FARMACIE

FIDO IN AFFIDO

35

via delle Nazioni 77 (Marina di RA) - tel. 0544 530507.

GL ITINERARI E VIAGGI SULLA NEVE PER I SOCI

I

Pronto Soccorso 118 Guardia Medica 800 244244 Ospedale 0544 285111 Cmp 0544 286350 Pubblica Assistenza 0544 400888 Guardia Veterinaria 0544 693099 Enpa - Protezione animali 0544 36944 Carabinieri 112 Polizia 113 Vigili del Fuoco 115 Guardia di Finanza 117 Vigili Urbani 0544 482999

A P P U N TA M E N T I

Per tutti gli appassionati di turismo invernale UISP Ravenna propone per la stagione 2011-2012 itinerari e viaggi sulla neve per i soci. Al momento sono in programma quattro date da non perdere. Maggiori dettagli si possono trovare sul sito web del Comitato di Ravenna. Domenica 15 gennaio 2012 prima uscita a Sestola Monte Cimone. Festeggia con UISP la mitica “Happy Sestola”: una giornata di sci, snowboard e passeggiata con le ciaspole. Al termine della giornata via spettiamo allo stand UISP con musica, birra e spaghetti per tutti i soci. 28-29 gennaio 2012 Week-End a Corno alle Scale. UISP vi aspetta con un suggestivo itinerario tra i boschi. Ciaspolata notturna con pernotto al mitico rifugio Duca degli Abruzzi. Domenica 12 febbraio 2012 Andalo, prima tappa dello “Snowboard Day”. Per l’occasione UISP offre lezioni gratuite per principianti con l’aiuto dei nostri Operatori Sportivi. Al termine grande festa, birra e salsiccia allo stand UISP. 03-04 marzo 2012 Week-End al Brentonico località S. Valentino. Seconda tappa dello “Snowboard Day”. Lezioni gratuite e grande festa di chiusura.

Soccorso Stradale 803 116 Guardia Costiera 1530 - 0544 443011 Corpo Forestale Stato 1515 Hera Ravenna 800 939393 Telefono Azzurro 19696 Linea Rosa 0544 216316 Anagrafe 0544 482264 - 482482 Iat 0544 35755 Informagiovani 0544 36494 Centro per l’impiego 0544 608001 Sportello immigrati 0544 485301 - 0544 485302 Taxi 0544 33888

calcio uisp

Risultati ottava giornata girone A Caffe’ Degli Archi-Viola 1998-2-1 Az Football 2003 -Amatori Fosso Ghiaia-0-1 Asd Godese-Us Savarna Asd-2-0 San Zaccaria “B”-Trattoria Ca’ Rossi-2-2 Amatori Villanova-G.S.Bruno Rossi-4-0 Riposa: Asd Bizantina

SI PARLA DI ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO Giovedì 1 dicembre alle ore 20.30 presso la sala Dante dell’ Hotel Holiday Inn di via Enrico Mattei 25 a Ravenna le Uisp di Ravenna, Imola Fenza e Bassa Romagna organizzano un seminario sull’ associazionismo sportivo. Sarà un momento per informare le società affiliate sulle novità, i regolamenti e le responsabilità che interessano il mondo sportivo. Nell’ ordine del giorno saranno discussi: Check up di una associazione sportiva dilettantistica: adempimenti civilistici e fiscali. Le collaborazioni in ambito sportivo. Le responsabilità dei dirigenti sportivi. Saranno presenti all’ evento esperti del settore, esponenti delle pubbliche amministrazioni, rappresentanti delle Uisp del territorio romagnolo e consulenti di Arsea SRL, società specializzata nell’ assistenza ed orientamento organizzativo delle ASD.

TENNIS, PROSEGUE IL TORNEO INVERNALE Prosegue il torneo di tennis invernale a squadre organizzato da Uisp Ravenna, questi i risultati della seconda giornata: E. Mattei – Borgorosso 3-0 ; CMC – Smile Caffè 0-3; Pol. 2000 Cervia – Match Point 3-0. Classifica : Enrico Mattei 7; Smile Caffè 7; Pol. 2000 Tennis Cervia 5 ; Match Point 3; CMC 1; Borgorosso Castiglione 1. La prossima giornata vedrà lo scontro diretto fra le due squadre al vertice della classifica, infatti presso il campo del CT Cesare lo Smile Caffè affronterà il Cral E. Mattei, completeranno il calendario della terza giornata Match point contro CMC e Borgorosso contro Pol 2000.

Classifica Amatori Fosso Ghiaia 18; Amatori Villanova 17; Az Football 2003 11; Caffe’ Degli Archi 10; Viola 1998 9; Asd Godese 8; Trattoria Ca’ Rossi 8; San Zaccaria “B” 7; G.S. Bruno Rossi 7; Asd Bizantina 4; Us Savarna Asd 3; Risultati ottava giornata girone A Pol Rapid Tmt-Rajax 5 – 1 Pol. Camerlona -Asd Punta Marina Terme 2 – 1 Pol Savio Punto Pelle-A.C. Lamone 6 – 1 San Zaccaria “A”-Asd Mezzano 1 – 3 Rajax-Asd Audace Balsera Costruzioni 0 – 5 Bar Pontino Asd-Pol Rapid Tmt 3 – 2 Real Piangipane-Cral E. Mattei 2 – 6 Classifica Cral E. Mattei 20; Asd Mezzano 19; San Zaccaria “A” 16; Pol. Camerlona 16; Pol Savio Punto Pelle 15; Bar Pontino Asd 13; Pol Rapid Tmt 12; Asd Punta Marina Terme 10; Asd Audace Balsera Costruzioni 7; Real Piangipane 7; Rajax 1; A.C. Lamone 0



Ravenna & Dintorni 465 - 24_11_2011