Issuu on Google+

26

SALUTE&BENESSERE

giovedì 20 settembre 2012 | RAVENNA&DINTORNI

INFORMAZIONE MEDICA

PSICOLOGIA

È solo una questione di... ansia «Tutti attualmente soffriamo di una certa attivazione Ansiosa anomala dovuta ad uno stile di vita altamente stressante – ci spiega la dottoressa Silvana Ceccucci –. Se è vero infatti che una certa dose di ansia è connaturata naturalmente alla vita stessa, è pur vero che nell'attuale contesto culturale e sociale nel quale siamo chiamati a vivere, lo stato di "allarme e di attivazione" psicofisica (cioè la risposta ansiosa) che ci è richiesto per vivere è sicuramente alto. Considerato che la "risposta ansiosa" scatta ogni qualvolta siamo colpiti da "stimoli stressanti"che richiedono cioè un adattamento psico-fisico all'ambiente a alle circostanze della vita (esperienze, persone e situazioni) e tutte le volte che ci sentiamo minacciati nel nostro tessuto vitale, non c'è da meravigliarsi se stress e ansia abbiano attualmente tanta capillare diffusione. Continui scenari catastrofici legati all'economia del paese ci colpiscono mentalmente ed emotivamente e continue difficoltà reali si parano quotidianamente sul nostro cammino. Ecco sorgere all'improvviso (a noi sembra così, ma sotto ci sono processi continuativi nel tempo) quei sintomi tanto allarmanti che producono fisicamente l'attivazione anomala del sistema neurovegetativo con tachicardia, sudorazioni, palpitazioni e tremori diffusi, e psicologicamente senso di costrizione con timore, paura, angoscia e insicurezza, fino ad un senso di disperazione qualora lo stato di ansia s e stress si prolunghino nel tempo. Stress ed Ansia sono due lati della stessa medaglia e si accrescono in un circolo vizioso che si autoalimenta. Che fare? Come uscirne? Occorre affrontare il problema, a mio parere agendo "sia monte" "sia a valle", per così dire della situazione. "A monte" significa agire sulla struttura psichica del paziente rafforzando quella capacità mentale che lo porterà ad interagire positivamente con gli eventi della vita. "A valle" significa fornirlo di strumenti validi a con-

trastare la crisi di ansia nel momento che si verifica ma anche prima che ciò accada quindi in un'ottica di prevenzione. Per raggiungere questi obiettivi la Terapia Autogena e la Psicoterapia Breve Strategica sono gli elementi su cui è basato il mio agire Terapeutico e che devo dire non hanno mai deluso nè me nè i miei pazienti, in trent'anni di attività. Possiamo quindi affermare che l’ansia non è altro che un emozione del tutto normale – commenta il dottor Angelo Lofino – legata ad un meccanismo fisiologico che comporta due sole soluzioni: attacco-fuga, insito quindi all’interno di un programma genetico di comportamento quando ci troviamo di fronte ad un pericolo, in due parole, siamo pronti a combattere oppure a fuggire. Le emozioni non sono “bizzarre”, esse rispondono a precise valutazioni della realtà, e sono quanto meno collegate a valutazioni della stessa , quindi molte volte ci pare giusto pensare che corrette valutazioni di tale mondo, più realistica possa aiutare il soggetto ad uscire da tale situazione altamente problematica che il soggetto vive non nella realtà dei fatti concreti, basata sull’esperienza, ma in quella della propria mente, che ci costruisce una visione alterata e distorta di quanto possa accadere, quando ci facciamo prendere dalla paura della paura. Gli psicologi distinguono diversi tipi di ansia e che fondamentalmente sono: gli attacchi di panico, le fobie ed il disturbo d’ansia generalizzato. Negli attacchi di panico prevalgono periodi di improvvisa ed intensa sensazione di paura o terrore , associati a sintomi fisici specifici. Le fobie sono invece caratterizzati da attacchi di ansia significativi, quando si viene a contatto con alcuni specifici oggetti o situazioni particolarmente temuti. Queste fobie portano il soggetto a mettere in atto un comportamento finalizzato ad evitare di incontrare l’oggetto o la situazione temuta. Nel disturbo d’ansia generalizzato si assiste ad un lungo periodo di almeno 6 mesi in cui ansia, e preoccupazioni persistenti ed eccessive, caratterizzano l’intera giornata del soggetto. Questi tre tipi di disturbo possono essere variamente combinati tra loro, per cui spesso non è infrequente che ad esempio gli attacchi di panico siano associati ad una fobia (come l’agorafobia, cioè la paura degli spazi aperti), e che tra gli attacchi di panico si insinui un persistente stato ansioso. L’ansia e gli attacchi di panico non sono degli insuccessi, ma dei segnali che siamo troppo stressati o troppo spaventati da alcune specifiche cose. Possiamo quindi cogliere l’opportunità offerta da questi segnali e migliorare la nostra vita. Questo potrà essere possibile inizialmente attraverso l’accettazione di quanto ci sta capitando, par-

A Ravenna Da Euro 1.500 al mese Assistenza 24/24 ore – Cucina casalinga Prossima Apertura anche a

Ravenna Centro Per prenotazioni Tel. 0543 199.5943 - Fax. 0543 199.5944 Cell. 393 797.37.37

landone con qualcuno che ci possa ascoltare (amico, parenti, familiari, partner, medico di base, psicologo). La vergogna e la paura del giudizio altrui presente nell’ansioso devono essere allontanate dalla mente. Una delle terapie più accreditate nella comunità scientifica è la terapia cognitivo comportamentale. Questo tipo di approccio è per sua natura una terapia basata sull’evidenza, con dei risultati scientificamente tangibili. Altro aspetto è quello di essere breve, in quanto la sua validità può essere riscontrata in poco tempo (quello che spesso chiede il cliente, è quanto tempo ci vuole, quando inizierò a stare bene, quanto mi verrà a costare ). Terzo punto è che è una terapia che utilizza un linguaggio semplice, di buon senso, comprensibile a tutti. Si capisce subito e chiaramente cosa si sta facendo e perché,inoltre è possibile monitorare i propri progressi in base a dei criteri di riferimento molto ben definiti. Negli ultimi quindici anni, inoltre la terapia cognitivo comportamentale ha avuto un ulteriore slancio per l’introduzione di alcuni strumenti mediati da antiche pratiche meditative che sembrano avere una notevole efficacia per la salute mentale (mindfulness). Lo Studio di Psicoterapia si trova nel Borgo San Rocco. Ha due entrate, una in via Castel San Pietro al n. 63 e una sulla parallela via San Mama al n. 24. Si trova al 3º piano (con ascensore) ed è molto silenzioso. Per appuntamenti e informazioni: Dott.ssa Silvana Ceccucci - cell. 339 1922662 Lo studio di Psicologia e Sessuologia si trova vicino all’Ospedale Civile, zona Carabinieri ed è ubicato in via S. Valitutti n. 88. Per appuntamenti e informazioni: Dott. Angelo Lofino - tel 0544 402019 - cell. 347 7222321 www.psicologia-studio-sessuologia.it


Pagina Ansia Ra&Din