Page 1

Direttore Editoriale: Vincenzo Calce Direttore Responsabile: Eugenio Verdini

Mensile - Numero 5 - Ottobre 2012 € 1,00

Area Marketing: Carlo Galise, Giovanni Zequila, Vincenzo Serrapica, Vanessa Baselice, Luigi Montoro

Collaboratori di Redazione: Tonia Galise, Mario Fiumefreddo, Filomena I. Gaudioso info@progettosinergie.it - www.progettosinergie.it Redazione: Via A. Tortora Pagani (SA) - Tel: 081 3426772 - Lun-Ven 10.00-18.00 Sabato 10.00-12.30

Ottobre 2012 - Numero 5

E’ Google Mania Il celebre motore di ricerca festeggia 14 anni pagina 7

Sei sempre al PC E’ questa la frase che la generazione del nuovo millennio è costretta a sentire molte volte al giorno.

pagina 7

VIRUS DI STATO TECNOLOGIA - NOVITA’ AUTUNNO 2012

iPhone 5 messo a nudo A PAGINA 12

ULTRAS DIGOS E PAY TV

Campanilismo e violenza A PAGINA 5

ECOLOGIA

La casa “Riciclata” A PAGINA 3

L’EDITORIALE

L’importanza della comunicazione A PAGINA 4

LETTERA DI UN CONSUMATORE

Il Commercio visto dai consumatori A PAGINA 9

seaecoambiente materiale riciclabile

materiale riciclabile

Via De Gasperi 8 Pagani (SA) Tel: 081 519 8932 info@seaecoambiente.com www.seaecoambiente.com

Via Filettine 127 Pagani (SA) 081 915500

Ora i governi comprano i virus dagli Hacker...

pag.12

70%

di Sconto pag. 10 Scopri subito i Coupon Sinergie

Destra Sinistra o Anarchia?

Da oggi un nuovo appuntamento gastronomicoblium opo tus, sena, non simis, Catium enit; habitiam tem inat, nor patura?

pagina 12

Geco Editore srl - Registrato presso il tribunale di Nocera Inferiore aut. n° 145/2012


ecologia lorem ipsum lorem ipsum

SinEnergie Il Riciclo Creativo

Sin-Energie, Pagani (Campania), è un’affermata realtà aziendale che opera in tutta Italia nel settore dell’impiantistica civile ed insustraile, dove i Sig.ri Savastano Giuseppe e Carmine insieme al padre Francesco hanno dato vita alla divisione Energia nel Consorzio.

L

a loro attività non solo è un lavoro ma una vera e propria passione, di tradizione generazionale, che li porta ad impegnarsi quotidianamente per far si che la loro Azienda possa vivere di una continua evoluzione e di un continuo progresso in ascesa. Fin dall’inizio l’impegno di Sinergie Energia è stato quello di affrontare le problematiche del mondo dell’ impiantistica con la massima professionalità, qualificandoci come azienda che si pone costantemente all’avanguardia nel proprio settore, sia per la qualità dei materiali impiegati, utilizzando i marchi leader sul mercato, che per la validità dei progetti realizzati. Molteplici sono le tipologie di interventi che siamo in grado di offrire al NS cliente fornendo un servizio altamente specializzato con la massima serietà e qualità, dalla semplice riparazione o manutenzione, alla progettazione e costruzione di impianti. Impianti solari fotovoltaici, Impianti di sicurezza antintrusione via radio e via filo, Sistemi perimetrali esterni, Videosorveglianza e tvcc, Sistemi di gestione video per grandi impianti, Impianti rilevazione fumo, fuoco e antincendio, Rete dati, sistemi di trasmissione IP wireless, Sistemi di telegestione degli impianti, integrazione di sistemi per enti pubblici, aziende e privati, Impianti telefonici, Centralini telefonici e ausiliari, Impianti elettrici industriali e civili, Impianti elettrici nel settore terziario, pubblico e privato; Sistemi domotici, Controllo accessi, Automazione cancelli e porte, Impianti idraulici e termosanitari, Impianti solari termici e sanitari integrati con caldaia, Pannelli solari a circolazione naturale, Caldaie a gas pellet e legna, Irrigazioni giardini, Impianti antincendio, Impianti di condizionamento e climatizzazione residenziali ed industriali.

La Casa riciclata

Di Antonella Nitto

A

vete mai pensato di vivere in una casa realizzata con materiali da rottamare? C’è chi ci ha pensato, e a quanto pare sono anche numerosi i progettisti e gli architetti che si immaginano abitazioni di questo tipo, che possano disporre di tutti gli apparecchi e dispositivi elettronici e tecnologici che una persona possa pensare solo utilizzando vecchie porte, pneumatici e vetri ormai ridotti al cassonetto. Ad un centinaio di chilometri a nord di Houston nel Texas, qualche casa spicca fra le tante realizzate (letteralmente “struttura a pallone”; è una tecnica di costruzione utilizzata per la realizzazione di edifici in legno prevalentemente in Scandinavia, Canada e negli USA). Si possono notare qua e là case con tetti fatti di targhe e finestre di piatti di cristallo rotti. Sono tutte creazioni di Dan Phillips, 64 anni, che dopo aver lavorato come ufficiale dei servizi segreti dell’esercito, circa 12 anni fa in compagnia della moglie ha iniziato la sua carriera di costruttore di case realizzate con materiali riciclati. Nasce così Phoenix Commotion. E’ un’azienda di proprietà di Dan e la moglie Marsha Phillips che punta a progettare e realizzare case a basso costo a partire proprio da materiali che nessuno avrebbe mai

pensato potessero avere una qualche rilevanza nella scienza delle costruzioni. Le case della Phoenix Commotion sono apprezzate non solo per il loro costo ed originalità ma anche per la loro efficienza energetica, per questo iniziano ad essere viste di buon occhio anche dalla classe media. Dan Philips, autodidatta falegname, elettricista e idraulico, spiega che l’80% dei materiali utilizzati nelle sue nuove 14 abitazioni, è stato recuperato da altre opere di costruzione, smistando ad esempio fra i mucchi di spazzatura del cantiere. “Non si può sfidare le leggi della fisica o le normative di costruzione”, continua Dan, “ma oltre a questo, le possibilità per costruire case da materiali riciclati sono infinite.” Anche nella contea di Taos, nel Nuovo Messico, un gruppo di appassionati del riciclo danno vita ad una serie di abitazioni “case fai da te” riutilizzando lattine, bottiglie e pneumatici, legati assieme da paglia e fango che permettono di realizzare un involucro che si autoregola termicamente ed utilizzando pannelli fotovoltaici e particolari sistemi di raccolta delle acque, danno vita ad una casa autosufficiente dal punto di vista energetico. E’ la EarthShip, ovvero la casa ecosostenibile per eccellenza. La costruzione della casa è caratterizzata da camere da letto, cucina e bagni tutte con

pneumatici riempiti di terra come tamponature, tetti inclinati in modo da convogliare l’acqua in due enormi taniche sotterrate intorno alla casa creando una sorta di involucro in grado di proteggerla dal freddo o dal caldo a seconda delle stagioni. In più, il riciclo delle acque sporche, l’accumulo di energia solare e il ricorso a materiali riciclati, rendono questa una casa a bassissimo impatto ambientale. Anche gli arredi e il design interno di queste abitazioni sono prevalentemente caratterizzati da materiali riciclati. Ogni pezzo d’arredo disposto negli appartamenti è infatti stato realizzato con i rifiuti riciclati (100 tipologie diverse): dai letti ai divani, dai tavoli alle sedie, dai lampadari ai tappeti, dai giochi per i bambini all’albero di Natale (realizzato ed addobbato con tappi e bottigliette in vetro) sono tutti oggetti assemblati in modo artigianale. Mentre nel Nord e Centro America sono numerosi i progetti di Earthship, in Europa sono pochissime le case ecosostenibili basate sul modello americano, un esempio sono la Earthship di Brighton in Inghilterra e la Earthship di Ger in Francia. Anche l’Italia sembra essere interessata a questo nuovo esperimento tanto che a breve avremo la nostra prima Earthship che ospiterà un centro di Permacultira in Piemonte.


La cassa integrazione in deroga

e il ruolo dei fondi interprofessionali L’importanza

della comunicazione

Di Vincenzo Calce

L

a comunicazione è di fondamentale importanza in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Alcuna eccezione nella vita lavorativa. Per chi infatti lavora in contesti organizzati, aziende o reti di aziende è indispensabile aggiornarsi in modo continuativo, riportando ciò che accade “fuori” all’interno e nello stesso istante trasferire la consocenza di tutte le dimaniche all’esterno delle proprie attività. Progetto Sinergie nasce dall’esigenza di creare un valido strumento di comunicazione per tutte le aziende che hanno aderito all’iniziatva di crescita imprenditoriale. Ogni azienda che si prefigge obiettivi di crescita deve adottare un efficace strategia del modo di comunicare, sia nei rapporti esterni con i clienti, attraverso opportuni ed efficienti piani di marketing e pubbliche relazioni, ma sopratutto nei rapporti interni all’organico aziendale per raggiungere una proficua organizzazione e gestione del processo produttivo. Una efficiente ed efficacia comunicazione è destinata a migliorare i principi della qualità. Possono essere individuate due tipologie di comunicazione nel Progetto Sinergie sulle quali si tende a porre l’attenzione: comunicazione Top-Down e comunicazione Button-Up. Per quanto riguarda la realizzazione di un processo interno aziendale che sia sano e atto al continuo miglioramento, occorre avere come base una corretta comunicazione interna tra le aziende consorziate, con uno strumento editoriale che consente uno scambio finalizzato a stabilire e migliorare i principi delle proprie attività.Dall’alto verso il basso (top-down): cioè comunicare informazioni dall’alto (organi dirigenziali) verso il basso (consorziate e parteners). Per attuare questo tipo di comunicazione interna aziendale si può utilizzare diversi strumenti pratici come l’uso di un magazine (Sinergie Magazine) o di un portale Web che rappresenti tutte le aziende e l’organizzazione periodica di riunioni o brief con le aziende per spiegare e condividere le stesse informazioni e obiettivi. Dal basso verso l’alto (button-up): cioè l’inversione del flusso di informazioni dal basso verso l’alto. Questo genere di comunicazione si realizza con questionari, attraverso procedure interne da seguire (es. compilando campi del programma gestionale interno o l’obbligo di redigere report periodici delle proprie attività o semplicemente inserendo i propri appuntamenti in un calendario condiviso), colloqui individuali. Per poter ottenere il meglio da questo tipo di comunicazione interna occorre però instaurare un rapporto di fiducia tra le aziende partecipanti, al quale sarà trasmesso adeguatamente l’importanza del concetto di divulgazione dell’informazione aziendale. Inoltre è possibbile scambiarsi oltre alle informazioni, sfruttando le sinergie tra le aziende consorziate, anche servizi e prodotti ove occorre la necessità. Tutti devono poter recuperare le informazioni necessarie per proseguire nelle normali attività e potendo anche usufruire del supporto dei partner nei momenti di difficoltà. Non è concepibile al giorno d’oggi che all’interno di un contesto organizzato, si fermi quando una persona è a casa perchè in ferie o malata Come si dice: tutti sono utili, nessuno indispensabile.

C

onsiderato il momento sociale-economico molto difficile, siamo continuamente alle prese con parole come cassa integrazione, ammortizzatori sociali, ecc. Tra queste particolare attenzione viene data alla cassa integrazione in deroga, anche conosciuta per brevità, CIG in deroga. La CIG in deroga è un intervento di integrazione salariale a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della normativa sulla cassa integrazione guadagni, per questo detta in deroga. Spetta in particolare a tutti i lavoratori subordinati, compresi apprendisti, lavoratori con contratto di somministrazione e lavoranti a domicilio, dipendenti di aziende che operino in determinati settori produttivi o specifiche aree regionali, individuate in specifici accordi governativi che vivono in un momento di difficoltà economica. A presentare la domanda di accesso alla CIG in deroga è il datore di lavoro, anche a mezzo dell’associazione datoriale di appartenenza, che entro 20 giorni dalla sospensione dell’attività, corredata dal verbale di accordo sindacale e dall’elenco dei lavoratori interessati, deve inviarla alla Regione competente che è l’ente accreditato a concedere la cassa integrazione in deroga Successivamente segue la convocazione presso la Provincia competente o in caso di più unità produttive in Province diverse presso la Regione cui seguirà la conces-

sione o meno dei tale istituto. E’ bene precisare che, per poter accedere alla cassa integrazione in deroga, i lavoratori devono possedere precisi requisiti come: avere un’anzianità lavorativa, presso la ditta richiedente il trattamento, di almeno 90 giorni alla data della richiesta. Nel computo sono comprese anche eventuali mensilità accreditate dalla medesima impresa presso la gestione separata a condizione che:non si tratti di redditi derivanti da arti e professioni; il lavoratore operi in regime di monocommittenza; il reddito conseguito sia superiore a Euro 5.000 (anche se relativo a più di un anno solare). aver reso,presso il Centro per l’impiego, dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro o ad un percorso di riqualificazione professionale. In caso di rifiuto il lavoratore perde il diritto alla prestazione. A poter beneficiare della cassa integrazione in deroga sono, pertanto, le imprese artigiane non rientranti nella normativa sulla CIGS imprese industriali fino a 15 dipendenti, imprese industriali con più di 15 dipendenti che non possono o non possono più (perché esaurite o perché superati i 36 mesi nel quinquennio) utilizzare le vigenti disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, aziende che pur utilizzando la Cigo o la CIGS hanno la necessità di sospendere i lavoratori apprendisti. La cassa integrazione in deroga

spetta dopo aver esaurito gli interventi ordinari (indennità di disoccupazione per lavoratori sospesi) previsti in caso di sospensione del rapporto di lavoro in presenza dell’intervento integrativo degli enti bilaterali, per accesso diretto ai trattamenti in deroga, laddove non vi sia intervento degli Enti Bilaterali. Per l’accesso alla CIG in deroga spetta un’indennità pari all’80% della retribuzione, comprensiva di eventuali ratei di mensilità aggiuntive, che il dipendente avrebbe percepito per le ore di lavoro non prestate tra le zero e il limite dell’orario contrattuale.Una importante precisazione riguarda l’attività formativa a svolgersi durante la concessione di tale istituto. In base alla vigente normativa essa deve svolgersi durante le ore in CIG e deve riguardare una riqualificazione professionale dei lavoratori posti in CIG in deroga, una formazione idonea a migliorare le competenze dei lavoratori con conseguente rafforzamento della competitività delle imprese Tale formazione, per altro obbligatoria per il mantenimento dell’indennità, può avere carattere autofinanziato da parte delle aziende o cofinanziato da parte dei Fondi Interprofessionali per la formazione continua. I fondi interprofessionali sono organismi paritetici costituiti da una o più organizzazioni datoriali e sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale, at-

traverso specifici accordi interconfederali. Essi non hanno fine di lucro ed hanno lo scopo di finanziare la formazione continua delle imprese associate. Con l’istituzione dei primi Fondi Paritetici Interprofessionali, si realizza quanto previsto dalla legge 388 del 2000, che consente alle imprese di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”) alla formazione dei propri dipendenti. I datori di lavoro potranno, infatti, chiedere all’INPS di trasferire il contributo ad uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali, che provvederà a finanziare le attività formative per i lavoratori delle imprese aderenti. I Fondi Paritetici Interprofessionali finanziano piani formativi aziendali, settoriali e territoriali, che le imprese in forma singola o associata decideranno di realizzare per i propri dipendenti. Oltre a finanziare, in tutto o in parte, i piani formativi aziendali, settoriali e territoriali, con le modifiche introdotte dall’art. 48 della legge 289/02 e succ. mod ed int., i Fondi Interprofessionali potranno finanziare anche piani formativi individuali, nonché ulteriori attività propedeutiche o comunque connesse alle iniziative formative anche, pertanto, in caso di formazione legata alla riqualificazione del personale. Dott. Gerardo Di Trolio


Wiki

e il Villaggio Globale Di Filomena Gaudioso

L’

Campanilismo

e violenza Di Roberto Tortora

I

Essere attaccati alla propria città, al proprio paese: una qualità che tutti dovrebbero avere, ma nel modo giusto. Il campanilismo, che dovrebbe essere interpretato in senso positivo, viene spesso trasformato in qu alcosa di assurdo, che nessuno dovrebbe essere disposto a tollerare. Non è sicuramente una cosa che scopriamo oggi, il campanilismo; rivalità tra città, tra paesi, e che notiamo soprattutto nelle partite di calcio, nei famosi “derby”, che ci fanno sentire sempre parte di una o dell’altra schiera. Rivalità giustissime, sia chiaro, fin quando non arrivano a sfociare in violenza gratuita e soprattutto inutile tra persone, che prima di appartenere ad una determinata città o paese, appartengono, tutti, all’Italia. E’ questo, forse, che deve essere messo in chiaro. L’essere tutti italiani è una cosa che viene spesso data per scontata, ma che scontata non è. Dobbiamo prima essere fieri e orgogliosi cittadini italiani, e poi appartenenti ad una o altra città. Purtroppo – o per fortuna- è nel nostro DNA di Italiani, difendere a spada tratta e in qualunque situazione e occasione le nostre tradizioni e la nostra storia; basti pensare che

il campanilismo per eccellenza è la storica rivalità, nella Firenze del ‘300, tra guelfi e ghibellini! Cenno storico, questo, essenziale per arrivare a capire fino in fondo quanto è radicato nel nostro “sangue” lo spirito del Paese, il patriottismo puro. Eppure, su 60 milioni di abitanti -quasi- le frange di coloro che, stupidamente, interpretano in modo sbagliato questo spirito, ci sono sempre. E quale occasione migliore per notare tutto questo, se non il calcio. Quello sport che accomuna tutti per la stessa passione, eppure ci separa, domenica dopo domenica, nel tifo per l’una o per l’altra squadra, e che purtroppo fa sì, che queste frange escano allo scoperto e facciano danni che tutti dovremmo condannare. E noi, abitanti della Campania, ci sentiamo, molto più degli altri, vittime – o attori- del campanilismo puro, non solo per l’assonanza tra le parole! Viviamo ogni giorno, da tempi remoti, rivalità tra centri vicini, che sfociano sempre e comunque in violenza inaudita contro chiunque. Centri vicini, le cui generazioni più giovani non conoscono nemmeno il motivo per cui sono in odio profondo tra loro, ma che continuano imperterriti in questa guerra senza fine

e senza scopo. Pagani-Nocera: non esiste esempio migliore per far capire quanto le rivalità arrivino all’eccesso! Due squadre, entrambe militanti nella prima divisione di Lega Pro quest’anno, che non si incontravano da quasi 20 anni, prima dello scorso 5 Agosto. Una partita di calcio, dello sport più bello al mondo per molti, che è stata capace, innanzitutto, di paralizzare due città, interamente, e poi di provocare danni e scontri che hanno dell’assurdo! Eccolo il campanilismo che sfocia in violenza, il campanilismo da condannare direttamente a morte. Partita a porte chiuse, e quindi senza possibilità per quei pochi che forse volevano solo seguire un “derby” che mancava da un ventennio. Scontri con la polizia, vere e proprie bombe lanciate senza pensare alle conseguenze. Città paralizzate per un giorno, e poi l’indomani, la vita continua come se nulla fosse successo, ovviamente senza conseguenze per nessuno, perché è così che funziona! Ed è proprio a questo che dobbiamo dire basta: il campanilismo puro sì, la difesa della nostra storia anche, ma la violenza no: la violenza lasciamola a chi vuole rovinare non solo il calcio, ma l’immagine di un intero Paese.

epoca in cui viviamo è quella più altamente tecnologica, sopratutto con l’avvento di Internet, siamo diventati sempre più media dipendenti. Ormai fanno parte della nostra vita e li utilizziamo per qualsiasi attività. Questo perché in rete possiamo fare davvero tante cose: comunicare, fare nuove conoscenze, lavorare, scaricare musica, guardare film, fare shopping, etc. Siamo nell’era della “sensorialità terziaria”: grazie alle nuove tecnologie vengono coinvolti tutti i nostri sensi, perché i media e in special modo il computer, sono una estensione delle nostro corpo. Viviamo in quella che Marshall McLuhan ha chiamato “Villaggio globale”, in cui migliaia di persone di culture differenti si incontrano, si confrontano e si conoscono a vicenda, ognuno con il proprio bagaglio culturale. Il web è la nostra finestra sul mondo, dentro la quale noi ci affacciamo costantemente. Grazie a questo nuovo modo di interagire, gli utenti sul web attraverso i social network come Facebook, Twitter, costruiscono e condividono la propia identità, la propria vita. Un’altra caratteristica importante che oggi contraddistingue il mondo di internet è che è Open, cioè aperto a tutti. Il web oggi lo costruiamo noi utenti grazie alla WIKINOMICS, cioè economia del nuovo mondo Wiki. Ciò consente di creare documenti ipertestuali che possono essere aggiornati, modificati in qualsiasi momento da milioni di utenti che navigano in rete. Wikinomics è uno sguardo verso il futuro, una nuova tappa della storia dell’economia e del lavoro della nostra società. Il vero “Wiki-individuo”è colui che si sente gratificato nel poter dare il proprio aiuto per migliorare la società in cui vive.

Via Napoli - Nocera Inf Via de rosa 18/20 Pagani (SA) 081 19977081 333 9551003 alfoesposito@tiscali.it

WWW.SABBIADOROGESTIONI.COM

www.promoitaliasrl.it

VIA P. TOGLIATTI, 45 84083 CASTEL SAN GIORGIO (SA) TEL 081.5179560 - FAX 081/5179560 ARTE-INFISSI@LIBERO.IT WWW.ARTEINFISSI.EU L’esperienza acquisita in 20 anni di attività, l’impegno di un team giovane e dinamico, una politica aziendale proiettata all’efficienza organizzativa e all’innovazione tecnologica affiancate dalla professionalità delle risorse umane, rappresentano gli elementi essenziali che consentono alla ns azienda di produrre prodotti la cui perfezione tecnologica, unita alla eleganza nello stile e nel design completano gli ambienti domestici come complementi d’ arredo. Questi sono i criteri di riferimenti della nostra azienda, da sempre proiettata alla piena soddisfazione dei clienti.


Ormai è Google mania Il motore di ricerca più utilizzato al mondo il 27 settembre 2012 ha compiuto 14 anni.

A Retina 326 PPI

Processore A6

iOS 6

326 Pixel per pollice sRGB da 4 pollici, non esiste al mondo un display simile

Necessario per supportare tutte le nuove funzioni.

E’ l’ultima versione del celeberrimo sistema operativo di Apple

Il formato è 16:9 e aumentando l’altezza del display anziché la larghezza, l’iPhone 5 resta comodo da usare anche con una mano sola

Secondo Apple le prestazioni grafiche e della CPU sono fino a due volte più rapide rispetto all’A5 dei precedenti iPhone

Tantissime le novità, tra cui spiccano Siri in Italiano, e Facetime sotto rete 3G

Steve lo voleva così

ttraverso questo motore è possibile reperire in rete qualsiasi tipo di documento, foto, musica, luoghi, persone,etc. La Google mania ormai è sfociata anche nel linguaggio comune; infatti quando cerchiamo qualcosa in rete diciamo “ho googlato”, questo significa che ormai è diventato davvero un fenomeno d’uso comune, perché ormai la tecnologia scandisce ogni momento della nostra vita quotidiana. Il passaggio dall’analogico al digitale ha contribuito ad accentuare questo fenomeno, ormai la nostra vita si svolge in rete. Una particolarità di Google è che per qualsiasi ricorrenza il logo cambia per celebrare l’avvenimento avvenuto in quel determinato giorno, che in questo caso viene chiamato “Doodle”. A volte può essere una immagine animata o interattiva realizzata con la tecnologia HTML5. Google possiede la più grande infrastruttura di rete e server,900.000 ne sono stati stimati nel 2010, di cui 6 distribuiti negli Stati Uniti, 2 in Europa e 2 in Asia. Se entri in Google Play si possono scaricare milioni di applicazioni Android per tablet o smartphone. Insomma non ci sono confini, tant’è vero che l’ultima funzionalità di Google, il progetto Google Business Photos, lanciato nel 2010 negli Stati Uniti e da un paio di mesi anche in Italia, permette addirittura agli utenti di entrare all’interno delle attività commerciali che hanno aderito a questa iniziativa. In questo modo le aziende ottengo subito una maggiore visibilità grazie ad un link “Guarda Dentro”, visualizzato su Google Maps e Google+. Nella guerra tra brevetti tra Apple e Samsung, l’amministratore delegato di Google, Eric Schmidt si oppone perché questo provocherebbe solamente un blocco alle innovazioni e alle produzioni. A conti fatti Google ormai detiene il

Sei sempre al PC Il nuovo melafonino è arrivato Dimensioni, materiali, caratteristiche tecniche, connettività, modelli e disponibilità: ecco tutte le informazioni sul nuovo cellulare di Apple Sottilissimo, con uno schermo più grande, da 4 pollici, chiamate, foto e videoriprese migliori, processori più potenti, supporto per connettività cellulare e Wi-Fi di nuova generazione e la consueta attenzione di Apple per i dettagli.

Ecco le cose più importanti da sapere sull’iPhone 5:

1

una funzione per catturare immagini panoramiche. Le videoriprese hanno ora una stabilizzazione migliorata, rilevamento volti nei video (fino a 10) e la possibilità di scattare foto mentre si registra e la nuova fotocamera anteriore FaceTime è ora HD e consente anche di fare autoscatti e registrare video HD a 720p. Migliorato anche l’audio con un nuovo microfono direzionale “beam-forming”, una nuova tecnologia di riduzione del rumore e supporto per l’audio wideband. iPhone 5 ha una nuova struttura in alluminio anodizzato con bordi smussati e diamantati e intarsi in vetro. È spesso 7,6 mm, e pesa 112 grammi più sottile del 18% e più leggero del 20% rispetto all’iPhone 4S. Apple afferma che è “ lo smartphone più sottile al mondo”. Arriva un nuovo connettore, chiamato Lightning: è più piccolo, più “intelligente” e resistente del precedente. Interamente digitale, ha un’interfaccia adattiva che usa unicamente i segnali richiesti da ciascun accessorio, ed è reversibile, ovvero inseribile in entrambe i sensi. Un adattatore da Lightning a 30 pin consentirà di collegare l’iPhone 5 agli accessori con il vecchio connettore. Con l’iPhone 5 sono inclusi i nuovi auricolari Apple EarPods che dovrebbero assicurare un comfort più naturale e una maggiore robustezza, nonché la stessa qualità audio dei vecchi auricolari high-end.

Il nuovo cellulare di Apple ha un display Retina (326 PPI) sRGB da 4 pollici con più pixel rispetto all’iPhone 4S, 1136 x 640 invece di 960 x 640. Il formato è 16:9 e aumentando l’altezza del display anziché la larghezza, l’iPhone 5 resta comodo da usare anche con una mano sola, ma il suo schermo accoglie ancora più contenuti. Aumentata anche la saturazione, del 44%. iPhone 5 supporta gli standard per la connettività cellulare LTE e DC-HSDPA e offre supporto WiFi 802.11n dual-band per collegamenti wireless fino a un massimo (teorico) di 150 Mbps. Il processore è ora un A6, necessario per supportare tutte le nuove funzioni, tra cui il display maggiorato e nuove opzioni di connettività. Secondo Apple le prestazioni grafiche e della CPU sono fino a due volte più rapide rispetto all’A5 dei precedenti iPhone. La durata della batteria resta sostanzialmente invariata grazie alla maggiore efficienza energetica del processore. L’autonomia è “pari o superiore” a quella del 4S, che era di circa otto ore. L’adozione di nuovi materiali va di pari passo con La fotocamera iSight è sempre da 8 megapixel, nuove colorazioni. Invece che in bianco e in nero, ma ha una protezione per lente in cristallo di zafl’iPhone 5 sarà disponibile in bianco e argento opfiro, offre risultati migliori in condizioni di poca pure in nero e ardesia. luce, ha una velocità di scatto aumentata del 40% e

6 7

2 3 4 5

8 9

3 Store Negozio e Centro Assistenza

Via Marconi 28 - Pagani 081 5154953 negoziotrepagani @libero.it

Vendita e assistenza Personal Computer Via A. Cesarano 130

Pagani (SA) 081 515 5487

E’ questa la frase che la generazione del nuovo millennio è costretta a sentire molte volte al giorno.

E

d è proprio questo, forse, il problema che attanaglia i giovani di oggi. Quella tecnologia, che va dal computer alla play station passando per i prodotti Apple, che ormai è il pane quotidiano di cui, tutti, ci cibiamo. Ragazzini, poco più che adolescenti, che non vivono più per strada, dando calci ad un pallone, ma che vivono sulla poltrona di casa, passeggiando allegramente per spostarsi dalla tv al computer. I social network, youtube: è questa, purtroppo o per fortuna, la realtà che stiamo vivendo e che non necessariamente deve essere condannata. Ci vuole la giusta misura per tutto, anche per questo. Una ragazzina, appena sedicenne, si divertiva a fare le cover di canzoni famose, stando comodamente seduta nella sua stanzetta, pubblicando i suoi video su youtube e ricevendo più di cinquantamila visualizzazioni: beh, è diventata una concorrente della sesta edizione di xfactor. Questo, solo per far capire a coloro che sono ancora chiusi nel loro tradizionalismo, che la nuova realtà, se presa nel modo giusto, può fare bene ai giovani che la usano così come deve essere usata: come un mezzo per arrivare anche a realizzare i propri sogni. La tecnologia, dunque, che si trasforma in strumento nelle mani di ragazzi, che può diventare un’arma, certo; ma che può anche diventare qualcosa di difficilmente distruggibile: materia da plasmare per realizzare qualcosa! E’ questo l’errore più grande che la “vecchia” generazione può fare: avere pregiudizi su un qualcosa che non conosce del tutto, sui risultati che la tecnologia, usata dai giovani, può ottenere. Ed è questo il massimo augurio che si può fare alla “new generation”: tecnologia sì, ma nel giusto modo. E, per concludere, il giusto modo può essere dato proprio dagli adulti, da coloro che con l’esperienza arrivano a capire prima dei giovani, dove si può arrivare: e allora ecco, che le due cose possono essere strettamente collegate, possono collaborare per arrivare ai risultati, alla realizzazione dei sogni che tutti possono, e devono avere.


Un modello di

Hent lortis dIviric musunu es, Catui publia quem iaeste, oc opte, nonsu intilne aperum querid intes

Solidarietà

Se volessi considerare il prorompente ambito del Terzo Settore come un corpo, l’associazionismo solidale né costituirebbe senza ombra di dubbio il cuore.

C

Immigrati: In corso una nuova sanatoria Di Avv. Davide Nitto e Avv. Gennaro Ferrante

I

l provvedimento, atteso da oltre mezzo milione di immigrati clandestini, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il 9 Agosto del corrente anno ed è incluso nella norma transitoria approvata lo scorso 6 Luglio, a recepimento della direttiva comunitaria n. 52 del 2009. Saranno i datori di lavoro, sia italiani che stranieri, a dover dichiarare il rapporto di lavoro irregolare e ciò è consentito a far data dal 15 Settembre fino al 15 Ottobre del 2012. L’emersione costerà a questi ultimi una somma forfettaria pari a 1.000,00 euro; condizione necessaria è che, inoltre, i datori di lavoro dovranno percepire un reddito minimo annuo di 30.000 euro (20.000 nel caso di lavoro domestico, che diventano 27.000 se si cumula il reddito con quello di altri componenti del nucleo familiare); quelli che regolarizzeranno un assistente alla persona (badante), dovranno presentare una dichiarazione di non autosufficienza. Per beneficiare della sanatoria, il rapporto di lavoro instaurato deve essere a tempo pieno; tuttavia nel caso di lavoratori domestici è ammesso anche il part-time da almeno 20 ore settimanali. In ogni caso il rapporto di lavoro deve essere esistente da almeno tre mesi. All’atto della stipula del contratto di lavoro, devono essere regolarizzate le somme dovute dal datore di lavoro a titolo retributivo, contributivo e fiscale pari ad almeno sei mesi. Altro requisito fondamentale per presentare la domanda di sanatoria è che il lavoratore extracomunitario clandestino disponga di una adeguata documentazione atta a dimostrare la sua presenza ininterrotta sul territorio italiano almeno dal 31 Dicembre 2011; tale documentazione, come recita l’art 5, comma 1 del Decreto Legislativo 16 Luglio 2012, devono prove-

nire da organismi pubblici. Ad oggi si può ritenere valida tutta la documentazione, naturalmente con data anteriore al 31 Dicembre 2011, proveniente da una qualsiasi pubblica amministrazione (comuni, ospedali, carabinieri,scuole pubbliche ecc), ogni azienda pubblica che, avendo rilasciato un documento riportante il nome dell’immigrato, possa certificare la sua presenza in Italia. Aspetto molto controverso quest’ultimo, dato che a dimostrare la presenza irregolare sul territorio italiano del cittadino extracomunitario deve essere proprio un documento rilasciato da un organismo pubblico, quegli organismi da cui ogni immigrato clandestino evita di avvicinarsi per la paura di essere sottoposto ad un provvedimento di espulsione. Rappresenta un documento valido anche un timbro di entrata sul passaporto, i documenti che attestano l’iscrizione di un figlio a scuola, oppure alla mensa scolastica, un decreto di espulsione, la richiesta di asilo. Non potranno invece essere considerati documenti validi gli scontrini di acquisto, la ricevuta di invio denaro, o la ricevuta rilasciata da un albergo, da un affittacamere, da un agriturismo o da un campeggio, a meno che queste strutture non abbiano provveduto ad effettuare la comunicazione giornaliera dell’arrivo delle persone alloggiate alla Questura competente e che quest’ultima sia disposta a certificare. La domanda va presentata allo sportello unico per l’immigrazione; questi accoglierà le domande per un mese, dunque entro il 15 Ottobre 2012, provviste delle rispettive dichiarazioni del lavoratore e del datore di lavoro. Lo sportello unico per l’immigrazione, ricevuta la dichiarazione di emersione, procederà ad una serie di controlli: 1. verificherà l’ammissibilità del documento; 2. acquisirà il parere della Questu-

ra sulla eventuale presenza di motivi che impediscano l’accesso alla procedura o che impediscano il rilascio del permesso di soggiorno; 3. acquisirà il parere della Direzione Territoriale del Lavoro sulla capacità economica del datore di lavoro e la congruità delle condizioni di lavoro applicate. Se le verifiche non riveleranno impedimenti, lo sportello unico per l’immigrazione convocherà le parti interessate per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della domanda di permesso di soggiorno, chiedendo l’esibizione della ricevuta di pagamento della somma forfettaria di 1.000 euro e della regolarizzazione delle posizioni retributive, contributive e fiscali. Resta il fatto, comunque, che non tutti i datori di lavoro potranno partecipare alla nuova regolarizzazione. Sono esclusi, infatti, i datori di lavoro che sono stati condannati negli ultimi 5 anni per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro con sentenza, anche non definitiva. Sono inoltre esclusi i lavoratori stranieri che sono stati già colpiti da provvedimenti di espulsione, condannati o segnalati, anche in base ad accordi o convenzioni internazionali, ai fini della non ammissione nel territorio dello Stato, per quei soggetti, cioè, che sono ritenuti “socialmente pericolosi”. La denuncia del proprio datore di lavoro permetterà di ottenere un permesso di soggiorno per motivi umanitari della durata di sei mesi rinnovabile e convertibile. Con questo tipo di permesso lo straniero potrà iscriversi all’ufficio di collocamento e successivamente c’è la possibilità di conversione in permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Le previsioni affermano che il provvedimento porterà nelle casse dello Stato tantissimi soldi utili a contribuire al risanamento della finanza pubblica.

uore inteso come luogo di residenza dei –– più nobili sentimenti umani. In una fase storica particolarmente delicata, a conferma di quanto scritto, l’asttespressioni più evidenti della carità umana. Ma non solo. Esso spesso funge da elemento di supporto di quelle terminazioni statali chiamate ad operare per la realizzazione del famigerato “welfare state”, rappresentando, quindi, delle vere e proprie agenzie di sussidiarietà. In questo ambito si innesta la Federazione Progetto Famiglia Onlus. Nata nel 1990 da un gruppo di giovani dell’agro nocerino-sarnese, la Federazione Progetto Famiglia è un “ampio movimento di volontariato e di solidarietà, composto da numerosi enti no profit (associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, fondazioni) operanti nei diversi ambiti della tematica familiare e minorile”. Nella sua ventennale esperienza, la Federazione si è distinta particolarmente nell’accoglienza di minori presso case famiglia (tanto da essere riconosciuta dai più semplicemente come “casa famiglia” e non come associazione in quanto tale), nella diffusione della cultura del volontariato di dimensione familiare, nel sostegno alla maternità in difficoltà e nella realizzazione di progetti di cooperazione internazionale nei paesi in via di sviluppo. Sembra una fredda e narcisistica catalogazione delle attività svolte, ma non è così. Esse sono gli esempi concreti di quanto sono stati capaci di fare dei cittadini del tanto bistrattato agro nocerino-sarnese. E’ una storia di donne e uomini non ripiegati su se stessi, ma proiettati verso gli altri. La nostra terra è capace anche di questo.

Benetton For Young L

a nota azienda Benetton si schiera dalla parte dei giovani disoccupati facendo sentire la propria voce di solidarietà con una campagna pubblicitaria in cui ci sono ragazzi come tanti altri in abiti formali e sguardo serio, ritratti con la scritta: “ disoccupato dell’anno”, diventando cosi simbolo di un problema che riguarda tutto il mondo, perché la crisi non ha risparmiato nessuno e la disoccupazione,soprattutto giovanile è aumentata del 22% rispetto agli anni precedenti. Il gruppo Benetton, de sempre sensibile ai bisogni dei giovani, ha cosi deciso di dare loro spazio. Rivolgendosi agli oltre 100 milioni di 30enni disoccupati in tutto il mondo attraverso la fondazione Unhate, l’azienda premierà con 5000 mila euro ciascuno 100 proposte in stile Benetton concepite dai giovani disoccupati. Benetton vuole cosi richiamare nuovamente l’attenzione su questo annoso problema che contraddistingue l’intera popolazione mondiale. Il concorso è aperto fino al 31 ottobre 2012 Filomena Gaudioso.


Il commercio

visto dai consumatori

Di Antonio Della Corte.

L

L’evoluzione del commercio in Italia è stata negli ultimi anni grazie anche alle leggi di liberalizzazione dal punto di vista dei consumatori,indiscutibilmente utile è migliorativa di un scenario che fino ad un decennio fa favoriva rendite di posizione e zero concorrenza ,a discapito dei prezzi ,e dunque del consumatore stesso. Oggi lo sviluppo dei centri commerciali(anche quelli naturali) e dei centri di grossa distribuzione al dettaglio indubbiamente ha favorito l’aumento delle assunzioni,l’abbassamento concorrenziale dei prezzi portando non pochi vantaggi alle famiglie,modificando radicalmente il modo di fare shopping,e la tendenza è ben lungi dall’essere invertita. Oggi la competitività del prezzo e la possibilità di passeggio (anche climatizzato) senza l’ossessione del traffico e del parcheggio nevrotico(con i costi inutili che comporta) ,hanno letteralmente spostato la massa dei consumatori-passeggiatori(non sempre ci si va per spendere) in queste nuove realtà. Dunque tutto bene..? ovviamente la contropartita è stata il superamento dei luoghi tradizionali di “spesa automobilistica” ovvero le strade ed i centri in salsa anni 80 ,dove ci si muoveva con le auto per fare tutto .questi sono stati brutalmente abbandonati(perché di fatto ormai impraticabili secondo i gusti della gente),provocando rimedi da parte delle amministrazioni comunali di concerto con i commercianti,li dove c’era un minimo di visione di insieme ,che sono ricorse un pò dappertutto a ztl tali da garantire in termini di vivibilità e qualità della vita, la sopravvivenza ed la contemporanea conversione delle attività commerciali in questi luoghi alle esigenze piu’ consone del’ mutato scenario commerciale. Ovviamente tutto cio’ ha richiesto degli anni dove si è iniziato con intelligenza, e li richiederà dove la poca lungimiranza delle amministrazioni e delle associazioni commerciali,ha fatto si che si mantenesse lo status quo ante. La ricetta dal punto di vista del consumatore è quella di avere tutte e due le forme commerciali che non devono essere competitive ma complementari. Dunque per le città vicino a snodi autostradali o ubicate logisticamente in modo vantaggioso bene sarebbe utilizzare tutte e due le forme di commercio,mai in competizione ,ma alternative e complementari l’una a l’altra.Dove questo è accaduto il commercio nonostante la crisi è decuplicato in termini di fatturato ed occupazione(indipendentemente dalle reali buste paga,ma non è che in quello tradizionale sia diverso),e nei centri”classici” convertiti si è arrivati a trasformare le città grazie a parcheggi ed infrastrutture in autentici salotti privi di inquinamento acustico,e pregni di vita sociale con il commercio adeguatosi alle mutate esigenze. Le città ed gli attori(amministrazioni ed associazioni di categoria) che non sapranno, o peggio come vedo in alcune realtà, non vorranno organizzarsi in tal modo,dunque complementarità del commercio del centro con quello del centro commerciale(giammai avversione),vedranno tra mille inutili lamentele soccombere il primo con l’invivibilità,la scadenza dell’offerta incapace di reggere i costi a fronte di una sempre più scarsa affluenza,fino allo spopolamento e serrande abbassate con l’unica presenza di automobili….per la felicità ottusa che questa faccia fatturato. Con la conseguente trasmigrazione dei commercianti piu’ intelligenti in queste nuove agorà commerciali che stanno decretando il successo di molti, anche in tempi di crisi grazie all’enorme affluenza garantita. Poi il resto lo faranno le classiche regole del commercio …qualità -prezzo. Dunque il grave ritardo in cui versano alcune moribonde realtà commerciali dall’aspetto duale,dove alcuni navigano a gonfie vele, ed altri versano in metastasi,porrà questi interrogativi a costoro…piccolo mondo antico..o … cavalcare i mutati scenari…? Il consumatore ha già scelto da un bel po’……

La mera mancanza

dei libri e delle scritture contabili Studio Legale Associato

Palladino - Zequila

I

l reato di bancarotta fraudolenta di cui all’art. 216 Legge Fallimentare può essere riqualificato giuridicamente in bancarotta semplice di cui all’art. 217 Legge Fallimentare anche, previo accordo delle parti, con il rito alternativo del patteggiamento, quando già dagli atti d’indagine risulta come unico elemento che l’imputato non ha depositato le scritture contabili previste obbligatoriamente per legge. Con questa significativa pronuncia, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore accoglieva la richiesta di patteggiamento avanzata dall’imputato statuendo che la mera mancanza dei libri e delle scritture contabili deve

essere ricondotta all’ipotesi criminosa della bancarotta semplice di cui all’art. 217 legge fallimentare quando risultavano assenti altri elementi in ordine allo scopo eventualmente propostosi dall’agente in ordine alla finalità di non depositare le scritture. Pertanto, quando la mera mancanza dei libri e delle scritture contabili non è sorretta dal dolo specifico di impedire la ricostruzione degli affari in modo da arrecare pregiudizio ai creditori, si deve riqualificare il fatto diversamente, nella ipotesi più favorevole per l’imputato, in bancarotta semplice. In merito alla definizione giuridica diversa del fatto di cui agli artt. 521 e 522 c.p.p che il Giudice può dare senza che si verifichi una violazione del diritto di difesa, la Giurispruden-

za ha sempre ritenuto che il fatto storico addebitato debba rimanere identico in riferimento al triplice elemento della condotta, dell’evento, dell’elemento psicologico. Nel caso in esame, le connotazioni del fatto restavano identiche in modo non solo da assicurare all’imputato il pieno esercizio del diritto di difesa, ma addirittura il giudice di merito di Nocera Inferiore concedeva all’imputato la possibilità di riqualificare il fatto in senso più favorevole solo sulla scorta degli atti di indagini, consentendo l’accesso al rito alternativo con un’imputazione più lieve, evitando in tal modo all’imputato di essere sottoposto ad un giudizio di merito per avere giustizia.

Il nuovo lavoro discografico del cantautore Luigi Boemio, in arte Gino Vezzosi, dal titolo “Vi Racconto...”

Per info: Nello Gambardella 3899226842

Facebook: ginovezzosi Youtube: ginovezzosiboemio


COUPON RISPARMIA FINO AL

30% Sconto su acquisto occhiali da sole

P

er usufruire dei fantastici sconti contenuti in questa pagina non devi far altro che ritagliare i coupon e recarti in uno dei punti vendita certificati e di esibire la tua SINERGIE CARD. NON HAI ANCORA LA SINERGIE CARD

?

Richiedila subito gratuitamente! Contatta il call center al numero 081 3426772. Oppure visita il sito www.progettosinergie.it e trova i punti vendita associati!

Sconto per rinteggiatura interni ed esterni

70%

50% Sconto acquisto-noleggio macchina caffè

50%

3 GIORNI DI PROVA GRATUITA IN LUDOTECA SENZA IMPEGNO impegnogratuita


COUPON

12€ ANTIPASTO+PIZZA + BIBITA

20€ ANTIPASTO + PRIMO+

50%

DI SCONTO SU ACQUISTO E PERSONALIZZAZIONE BORSE

30%

Sconto Prodotti www.fragaal.it


Destra, Sinistra o

ANARCHIA? di Antonia Galise

L

e elezioni che si terranno nel vicino 2013 destano già scalpore. L’opinione pubblica è divisa tra coloro che sostengono il governo Monti e coloro che lo hanno sempre criticato. La destra e la sinistra hanno già iniziato con i soliti, inutili screzi per accaparrarsi la porzione di potere che spetta loro. Tra destra e sinistra, tuttavia, non esiste una reale divisione, i partiti politici sono tutti molti simili e sono accomunati da un unico scopo: controllare il popolo. Si vive in un paese in cui si professa la libertà di religione, ma ancora molti disprezzano le altre culture; in cui si professa la libertà di stampa, ma i giornali sono controllati dai partiti; in cui si professa la libertà di pensiero e parola, ma l’80% delle notizie non è trasmessa e si cerca in tutti i modi di monopolizzare la mente del cittadino. Dove dovrebbe essere ricercata la vera libertà, se la finta democrazia italiana non è in grado di fornirla e tutelarla?! La libertà è sinonimo d’anarchia. Lo stato, inteso in senso moderno almeno, è una sorta d’oligar-

chia in cui il potere è detenuto da pochissime persone, il popolo non è altro che un gregge di pecore che segue sordamente e ciecamente il proprio padrone. Se queste sono le condizioni, se Stato e sinonimo di Dominio e Potenza sul prossimo, allora sarebbe meglio che non esistesse, che i cittadini fossero totalmente liberi: liberi di fare le proprie scelte, liberi dai limiti di leggi ingiuste, liberi di vivere in una comunità in cui ci si aiuta a vicenda, in cui c’è rispetto reciproco, armonia e pace; non invidia, cupidigia e odio. Questa sorta d’utopia ha un nome: Anarchia. Questo termine è associato spesso al disordine, al caos, alla degenerazione, ma come sempre sono stati i mass media e la politica a strumentalizzarlo. Un po’ di storia potrebbe aiutare la causa dello “stato” giusto: nell’antica Grecia, il termine anarchia era utilizzato per indicare la degenerazione della democrazia, quindi etimologicamente anarchia significa disordine. I greci, tuttavia, vantavano una forma di governo che tutto il resto del mondo moderno deve soltanto rimpiangere: una

democrazia giusta, in cui il popolo si riuniva non solo per scegliere una guida, ma per decidere le leggi, per decidere ogni ordinamento politico, per decidere se entrare in guerra. Erano i cittadini a decidere. Nella politica odierna non esiste nulla del genere e si finge di vivere in libertà e democrazia. Quindi è stato coniato un nuovo significato per il termine anarchia, che possa intendere autogestione ed autogoverno. Diffidare della politica odierna significa far cessare la strumentalizzazione, i soprusi, le violenze, le diffamazioni, la finta moralità e i valori distorti. Non si può vivere in uno stato in cui si cerca sempre e solo di dominare il prossimo. Un mondo senza stato, con valori completamente capovolti e finalmente giusti e senza violenza potrebbe sembrare idealistico ed utopico, sicuramente difficile da raggiungere, forse impossibile. Non esiste uno stato o una comunità perfetta, ma si può sempre tendere ad essa. I greci c’erano quasi riusciti, ciò testimonia che un mondo del genere potrebbe nascere ancora.

Food, Music and Art

C

on la serata Food Music adn Art presso il DDC di Pagani il 16 settembre 2012, in collaborazione con Giovani Eventi ed alcune attività commerciali, è iniziato un nuovo capitolo della storia della nostra cittadina: tutti i Paganesi e non sono stati chiamati a partecipare per dimostrare che a Pagani qualcosa ancora si può fare e come l’araba Fenice può risorgere dalle proprie ceneri. Progetto Comune si chiama cosi perché accomuna tante persone di status sociale differente ma che all’interno dell’associazione sono messi sullo stesso piano, non ci sono differenze. Basta con le parole, ora come ora i paganesi vogliono dimostrazioni concrete, che non migliorino le condizioni di vita solo ed esclusivamente di pochi beneficiari, ma che riguardino il benessere dell’intera comunità. Progetto Comune non si trova al “di sopra”, ma è tra la gente, perché è composta proprio da gente comune che ama il proprio paese e vuole riportare Pagani allo splendore di un tempo, rendendola dinuovo una cittadina vivibile. Tra musica, sfilata, arte, animazione il successo è stato assicurato: dai più piccoli ai più grandi tutti sono stati protagonisti, tutti hanno voluto dare il proprio contributo affinchè questa serata riuscisse per il meglio, ed infatti è stato un grande successo! Progetto Comune è nata per cercare di dare una mano al proprio paese, soprattutto in favore dei più bisognosi. Entusiamo, coesione e partecipazione sono tre parole che accomunano già i tanti che hanno deciso di aderire alle iniziative sociali dell’associazione ed intraprendere questo nuovo percorso ricco di speranze.


Quando Stappi

Ricordati dei tappi!

R

icicliAMO Sorrisi! PROGETTO COMUNE- ASSOCIAZIONE ONLUS PER LA SOLIDARIETA’ Vi invita alla raccolta dei tappi e degli indumenti: Il ricavato sarà devoluto alle parrocchie della città di Pagani e alle famiglie disagiate.

I MONELLI di Dott.ssa Antonella Golia

I

l 21 gennaio 2012, nasce nel cuore di Pagani, il Centro per l’ Infanzia “I MONELLI”. La nostra struttura, accuratamente organizzata, non mira solo al divertimento, ma è proprio attraverso quest’ ultimo e alle attività ludiche scelte “a misura di bambino”, e adatte ad ogni età, fin dalla primissima infanzia, che si prefissa come principale obiettivo, quello di favorire un regolare sviluppo psico-fisico del bambino. Grazie al personale qualificato, che vede in prima linea, la direttrice Fiore

Giusy e le educatrici Celentano Mariella e Golia Antonella, laureate in Scienze della Formazione per l’ infanzia e preadolescenza (indirizzo nido, presso l’Università degli Studi di Salerno), abbiamo come obbiettivo formativo quello di migliorare i diversi aspetti dello sviluppo del bambino, attraverso un programma didattico ben strutturato, ricco di attività ricreative, arti grafiche e pittoriche, arti manipolative, attività psicomotorie, e tanto altro… Qui, il bambino esprime al massimo la sua fantasia e la sua creatività, mette in atto

capacità percettive, sensoriali e cognitive, atte allo sviluppo delle attività intellettive, attraverso l’ esplorazione dell’ ambiente che lo circonda, la conoscenza delle caratteristiche proprie degli oggetti, il gioco senso-motorio e il gioco simbolico, che contribuisce anch’ esso a lasciare l’ impronta nella sua vita sociale, affettiva e relazionale. Questa struttura inoltre, offre tanti altri servizi: doposcuola, corsi di lingua inglese e francese, animazione per feste di compleanno, campi estivi, ecc…

SAVASTANO ELETTROSTRADE SNC ARTI LUMINARIE

Via Amalfitana 10 - Pagani (SA) Ufficio 081 914444 Franco 328 8322864 Bruno 335 8065278 savastanoelettrostradesnc@hotmail.it Costruzioni

Edili di Armando Esposito Via Taurano 3

Pagani (SA) - 84016 081 19914317 - 328 0492839

MOTO RUSSO Via G. Torre 108 Pagani (SA) www.motorusso.it Tel e Fax: 081 916250

www.oxygen.it

OFFICINA MECCANICA FRATELLI RAGOSA S.N.C. VIA MANNARA TRAVERSA STURZO CASTEL SAN GIORGIO (sa) TEL E FAX 081952395

Bar di De Lia Salvatore Mercato Ortofrutticolo Nocera - Pagani


Telefonate Sicure

Anti Intercettazione

FinFisher

Il primo virus governativo

C

osa succede se un software studiato per scandagliare il web in cerca di criminali e potenziali truffatori viene utilizzato anche per spiare i semplici utenti? E’ il caso di FinFIsher il primo “virus” venduto alle agenzie governative. Prodotto dalla società britannica Gamma International Gmbh, FinFisher è in grado di controllare segretamente i computer dove si è installato, attivando la webcam e registrando tutto ciò che l’utente digita sulla tastiera, grazie alla particolare funzione conosciuta come “keylogger”. In questo modo può recuperare password, nomi utente, credenziali bancarie e tanti altri tipi di informazioni personali, potenzialmente distruttive. Il software/virus è anche in grado di bypassare gli antivirus più popolari, comunicare con server remoti e raccogliere dati direttamente dal disco rigido. In pratica è come se un nostro amico entrasse direttamente nel computer e ci fregasse quello che vuole. La questione non sarebbe nemmeno tanto strana se si trattasse di un’azione di hacker, cracker e compagnia bella; invece sembra che di mezzo ci siano governi di tutti e cinque i continenti

che lo avrebbero utilizzato per spiare i semplici utenti di internet. La scoperta è dell’italiano Claudio Guarnieri di Rapid7, azienda statunitense che si occupa di sicurezza sul web. Il team ha trovato diversi server di FinFisher operanti in Australia, Repubblica Ceca, Emirati Arabi Uniti, Etiopia, Estonia, Indonesia, Lettonia, Mongolia, Qatar e Stati Uniti, con un elenco che potrebbe crescere senza freni. Guarnieri ha pubblicato gli indirizzi IP e le “impronte digitali” dei server scovati così da poter controllare le intrusioni nei computer domestici. “Se è possibile identificare queste reti – ha spiegato il ricercatore – molto probabilmente vuol dire che già molte persone sono state spiate in qualche modo”. Il quadro che emerge dal rapporto di Rapid7 è che le armi informatiche sono in drastico aumento in tutto il mondo. “Una volta che un malware viene lanciato anche su piccole zone, è solo questione di tempo perchè si propaghi senza limiti – afferma il rapporto – anche quelli utilizzati per scovare criminali informatici possono essere adoperati per tanti altri scopi sicuramente meno etici”. In risposta agli interrogativi

posti da Guarnieri circa l’adozione di FinFIsher da parte degli organi governativi, la casa produttrice Gamma International ha risposto che “ i server principali di FinFisher (chiamati FinSpy guarda un po’) sono protetti da firewall e quindi difficilmente recuperabili da terzi. Raggiunti da diversi siti web, i principali governi che risultano nella lista dei server operanti di FinFIsher, hanno risposto all’unanimità di non conoscere il software e ilsuo utilizzo. Alcuni, come il Ministero delle Comunicazioni Indonesiano, affermano che l’adozione di un software del genere è da escludersi perché “vìolerebbe la privacy e i diritti umani del paese”. Sta di fatto che l’utilizzo di FinFisher sembra ben propagato in tutto il mondo, e il fatto che si sia allargato così velocemente è indice di una certa “spinta”. Si ricorda come virus letali come Stuxnet o gli ultimi su Mac, abbiano impiegato mesi se non anni per colpire utenti in diverse zone del pianeta. A tale scopo il team di ricerca ha individuato su una mappa i server di FinFisher operanti nel mondo con la speranza che non si propaghino ulteriormente.

P

rivateGSM è un software di cifratura che consente di effettuare chiamate sicure dal proprio telefono cellulare, all’interno di una rete aziendale che utilizza la Enterprise VoIP Security Suite. PrivateGSM non interferisce con il normale uso del telefonino: può essere infatti attivato e tenuto in background, oppure anche disattivato e avviato nel momento in cui serve. L’utente può continuare a usare il proprio celltulare per le telefonate tradizionali senza alcun tipo di cambiamento. L’uso stesso di PrivateGSM per effettuare chiamate “sicure”, è stato appositamente studiato per non cambiare l’esperienza d’uso abituale dell’utente, proprio nell’ottica di facilitare il più possibile l’accesso a una tecnologia tanto evoluta quanto user-friendly nella sua interfaccia. La qualità dell’audio delle telefonate sicure è pari a quella delle normali chiamate. Dietro a un’interfaccia così semplice da utilizzare, si nasconde in realtà un principio di funzionamento altamente sofisticato, basato sulla cifratura simmetrica AES, impiegata anche a livello militare e che rende il software impenetrabile. E’ disponibile per Nokia, BlackBerry e iPhone. Ovviamente è tutto legale, altrimenti l’applicazione non potrebbe essere venduta liberamente sull’Apple Store. Il prezzo è accessibilissimo. Per info contattare il call center Sinergie 081 3426772

VIA PESCA 21 PAGANI

CZ SRL Officina meccanica autocarri Via Mangioni 115 - 84016 Tel e Fax: 081 515 13 65

VIA A. CESARANO 57 - PAGANI 081 5155130 - WWW.LUIGIMONTORO.IT

La Bottega Dei Sapori Di Bellezza Matteo Via Astarita 25 Pagani (SA)


OTTICA DANIELA SIANO

Corso V. Emanuele 215 Salerno 089 254974 danielasiano@alice.it www.otticadanielasiano.com


NAPOLI - VIA SANTA CATERINA 16 NAPOLI - CORSO GARIBALDI 133 CALVIZZANO - VIALE DELLA RESISTENZA 181 POMPEI - CENTRO COMMERCIALE LA CARTIERA CASERTA - CENTRO COMMERCIALE CAMPANIA BATTIPAGLIA - VIA OLEVANO 1

Ottobre 2012  

Sinergie Magazine - numero 5 Ottobre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you