Page 1

Angelo

Perini le sculture

dell’angelo


Angelo Perini le sculture dell’angelo

Angelo Perini nasce a Vicopisano (PI) il 14 dicembre 1957 Impara ad amare il legno fin da piccolo nella bottega di falegnameria del nonno paterno. È un amore che cresce nel tempo fino a diventare, con le creazioni dei Presepi e delle Sculture lignee, una passione coinvolgente che occupa praticamente tutto il suo tempo libero. Dagli inizi degli anni ‘90 è dedito a questa attività di alto artigianato e partecipa ad innumerevoli esposizioni, attività culturali e di beneficenza che più volte lo hanno visto protagonista, ora nel ricevere riconoscimenti, ora nel trasmettere ad altri i segreti di quest’arte antica. La collezione delle opere (una quarantina di presepi ed altrettante sculture…) è esposta nei saloni attigui al Presepe dell’Angelo in Via Roma 14/a, San Giovanni alla Vena (PI).

Angelo Perini, durante una sua performance


Cavallo Scultura monoblocco in radica d’ulivo raffigurante la Testa di un Cavallo posizionabile in tre viste (verticale, intermedia e a riposo). Scultura trattata a cera d’api Anno di realizzazione 2007

Garibaldi Scultura in legno elaborata con l’amico pittore e scultore Stefano Cannito di Noci (BA), raffigurante un immaginario e mitico Giuseppe Garibaldi. Anno di realizzazione 2003

1


L’Alieno Piccola scultura monoblocco ricavata da un tronchetto di mare rappresentante una figura dall’aspetto extraterrestre (l’alieno) con testa appuntita, piccoli occhi (nodi naturali del legno); naso monoforo e braccino laterale. Anno di realizzazione 2007

L’urlo Scultura ricavata da un tronco a forma cilindrica alla cui estremità la natura aveva predisposto già una protuberanza particolare con una cavità centrale rassomigliante ad una bocca spalancata che grida (…dal terrore o dalla meraviglia…). La faccia che ne ho ricavato ha l’aspetto di un uomo primitivo o addirittura scimmiesco. Anno di realizzazione 2011

2


Madonna col Bambino Scultura monoblocco in radica d’ulivo, raffigurante il volto stilizzato di una Madonna con in braccio il Bambino. Anno di realizzazione 2008

Ti perdono Scultura monoblocco in legno d’ulivo elaborata con Perini Lauro (mio padre) e successivamente trattata con colorante a castagno raffigurante un personaggio di aspetto triste e pensieroso ma d’impulso protettivo e forse “materno” come in fase di ascolto e di “perdono”. Anno di realizzazione 2005

3


IL Rinoceronte il pezzo è stato reperito nella stessa mattinata durante la quale ho “incontrato” in spiaggia il fenicottero, a poca distanza da esso… quando si dice… la “fortuna”... il pezzo ha una colorazione naturale grigiastra che ricorda nemmeno a farlo apposta… il colore dell’animale. La parte che raffigura il volto, è monoblocco come anche il corno risulta facente parte dell’unico pezzo… la sagoma risulta scavata internamente e la figura del rinoceronte si nota chiaramente su ambo i lati, pur avendo gli stessi un aspetto leggermente diverso fra loro… ugualmente affascinanti… Anno di realizzazione 2011

Il Fenicottero rosa Grande tronco monoblocco reperito sull’arenile di Marina di Vecchiano (PI), la forma già a prima vista rassomigliava vagamente ad un fenicottero, con l’affusolato collo ed il becco. Il pezzo ha richiesto parecchi giorni di lavorazione sia per la pulitura che per l’intaglio. Alla scultura e’ stata data una leggera colorazione rosata con un impasto di tempera e cera. L’animale pare adagiato sul tronco, ma il pezzo è intero, senza incollature, dal basamento…al becco…. Anno di realizzazione 2011

4


L’Asinello Sardo Piccola scultura di un legnetto reperito al “Golfetto” in Sardegna, la forma del somarello è stata ottenuta dallo stesso pezzo unito a mosaico con altre cortecce di più piccole dimensioni. Sul dorso è stata poi adagiata una piccola soma. Anno di realizzazione 2011

IL DROMEDARIO E’ stato ricavato assemblando fra loro quattro pezzi di varia natura lignea: il muso con una radice di mare, il dorso con un pezzo di legno levigato, la gobba con pezzi di sughero ed il basamento con un altro tronchetto. La forma così ottenuta risulta abbastanza omogenea tale da sembrare un unico pezzo molto particolare nel suo genere. Anno di realizzazione 2011

5


Il Gabbiano Scultura monoblocco ricavata da un tronco di mare raffigurante un Gabbiano poggiato sullo “ scoglietto” nell’atto di spiccare il volo. Opera in doppia vista: in volo con l’ala aperta ed a riposo con l’ala chiusa la scultura e’ stata poi dipinta a mano dall’artista con colori a pastello particolari e trattata con cera d’api. Anno di realizzazione 2008

La Vipera Ottenuta con un “certo timore” dalla carteggiatura di una radice di mare già abbastanza simile al pericoloso rettile. La testa è stato poi sagomata a somiglianza dello stesso ed il pezzo è stato poi disposto su un basamento. Anno di realizzazione 2011

6


Cervo in mosaico Scultura in parte a mosaico raffigurante la Testa di un Cervo con ramificazione delle corna. E’ un piccolo “miracolo artistico” della natura...infatti quando mai avete visto un cervo che è “uscito” da un olivo? Anno di realizzazione 2009

Quattro teste Pezzo unico e particolare ricavato e scolpito da un pezzo di legno di natura non individuabile trovato sull’arenile di Riva de’ Tarquini (VT). L’artista ne ha colto quattro molteplici aspetti (teste) ricavati nel medesimo tronchetto (due su di un lato e le altre due sul retro), nelle prime due sono “apparsi” come per magia un becco d’uccello e un fiabesco drago, nelle seconde due, un altro volatile e la testa di un lupo a bocca aperta (nella foto). Anno di realizzazione 2007

7


“ l’Arte senza un sapere, senza un perché, …ha giocato con me a nascondino… un giorno l’ho “scoperta”.. era nascosta nel cuore… ora esce ed entra…ormai è cresciuta… e fa come vuole… …anche tardi la notte… “

8


MANU’... LA TARTARUGA MARINA L’opera è veramente unica e particolare nel suo genere; Manu’ (così l’ho “ battezzata” in onore di una mia carissima amica di Roma provetta nuotatrice)... La Tarta.... pare nuotare veramente con eleganza e naturalezza sopra le onde color acquamarina, sulla corteccia dove risulta adagiata... Se la osservi da vicino ti sorride col suo simpatico musetto, e con la spinta delle sue pinne si porta dietro da sempre la sua casetta. I pezzi che modellano Manu’ derivano da varie tipologie di tronchetti assemblati insieme fra loro e ricoperti da un grande carapace scolpito in una grande corteccia di pino colorata a pastello e cera d’api. Ciao Manu’... spero un giorno di fare una nuotatina in Tua compagnia... ok ?

9


Fratellanza Scultura in olivo rappresentante due mani, una bianca ed una scura che si stringono fra loro formando un’unione di solidarietà umana. Questa (in foto) risulta la prima visione dell’opera, girando la stessa di 180° si ottiene invece la seconda prospettiva, ove le mani fanno da base di appoggio ad un leggìo. La scultura è stata donata dall’artista ad una associazione di volontariato sociale. Anno di realizzazione 2009

Il falco sulla mano Scultura in olivo bicolore raffigurante un Falco che si adagia su una mano aperta. L’artista ha voluto significare e rappresentare l’accoglienza dell’altrui specie poichè facenti parte di un’unica natura. La scultura è stata donata tramite l’Associazione “Qua la mano” di San Giovanni alla Vena al Presidente della Repubblica Italiana: Carlo Azeglio Ciampi. Anno di Realizzazione 2010

10


Il Polpo Ramo trovato al mare in Sardegna e sagomato a vaga rassomiglianza con l’animaletto marino. Il pezzo può stare in due posizioni, sia sdraiato che in posizione eretta con i tentacoli che prendono l’aspetto di una stella. Anno di realizzazione 2010

Il Coccodrillo Il pezzo, altro non era che una bella corteccia di pino casualmente reperita sull’arenile della spiaggia di Su Sirboni in Sardegna. Ovviamente, mi aspettava. L’ho fatta asciugare e dopo averla pulita mi ha svelato il suo vero volto e quindi dopo averlo aiutato ad “uscire dall’uovo”… ve lo mostro… sperando non morda… !! Anno di realizzazione 2010

11


Ponte de’ Diavoli Scultura monoblocco in radica d’ulivo, trattata a cera d’api, raffigurante un piccolo ponte (in riferimento al famoso Ponte del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano - Lucca) con intagliate alcune teste di Diavoli e figure magiche.

Totem Scultura di aspetto “ lugubre e misterioso”, gli ho dato il nome di Totem perché vagamente mi ricorda appunto una forma “magica”. Il pezzo è stato ricavato lavorando un tronchetto in legno scuro (non so di qual natura) alla cui estremità sono state rappresentate quattro faccette sagomate. Anno di realizzazione 2010

12


Pippo Pippo

con altre piccole composizioni ( la Chiocciola- Pinocchio e l’Animalino Preistorico ) Pippo Pippo è un tronchetto di mare dalla vaga rassomiglianza di un piccolo ippopotamo; in basso da sx si nota la Chiocciola realizzata per intero da un pezzetto di legno di “stipa”; in centro Pinocchio con l’abcdario a tracolla e a dx è presente l’Animalino Preistorico, ricavato da una radicina di legno.

Il Cristo in Croce Obliqua Scultura stilizzata ricavata da un tronchetto di legno (non so di quale natura) a forma irregolare. La Croce è veramente strana e particolare avendo la stessa una naturale inclinazione alla quale risulta appeso il Cristo che adattato alla forma risulta in obliquo. La natura del legno fa sì che in presenza di umidità il Cristo “trasudi” e spesso si notano delle “lacrime”.... che scendono lungo il corpo.

13


PRESEPE dell’angelo

E’ un Presepe tradizionale, frutto di appassionato e meticoloso lavoro, realizzato nelle nicchie di un’antica cantina, con ciocchi d’olivo, casette di legno, corsi d’acqua, piccole cascate, personaggi di coccio grandi e piccoli e mille altri dettagli. Il Presepe dell’Angelo prende il nome dall’Angelo dipinto nella volta della nicchia centrale delle antiche cantine dove il Presepe è situato. La sua realizzazione è il risultato di un paziente e meticoloso lavoro dell’artista durato circa otto anni, a partire dalla scoperta e successiva ristrutturazione delle antiche cantine del 1800. I locali comprendono un vano centrale costruito a volta e quattro nicchie laterali, le quali venivano utilizzate come deposito di vino, olio, insaccati ed in tempo di guerra probabilmente come rifugio. Successivamente le cantine furono murate intorno al 1920 perché ,essendo situate sotto il monte,esse non permettevano il regolare deflusso delle acque piovane. 14

I locali poi, sono stati ristrutturati e sabbiati ridonando all’ambiente la sua antica bellezza. Realizzato utilizzando materiali vari, fra i quali alcuni tronchi/ciocchi in olivo che sono stati interamente intagliati a mano dall’artista. In questi pezzi sono state ricavate delle vere opere d’arte che il visitatore può ammirare da vicino: il Castello di Verru’a, il Paesino di Tre Case, uno scorcio d’Egitto con le Piramidi e la Sfinge, il Castello di Erode, la Grotta della Natività, il Paese col Ruscello, il Paesino a Case Bianche, il Castello di Vicopisano con la Rocca e le su’ Torri, il Chiesin del Castellare ed il Molin di “Papo”. Ogni anno il Presepe dell’Angelo viene visitato da circa 3000 persone riscuotendo elogi e apprezzamenti.


PRESEPE in musica

Presepe adattato e realizzato nella cassa armonica di una chitarra classica. La stessa è stata allargata nella parte centrale (ove poi e’ stata elaborata la natività); carteggiata e trattata con cementite. L’opera e’ stata poi dipinta e decorata in ogni sua parte dalla pittrice Donata De Bernardi di Calcinaia (PI). Nella parte anteriore l’artista ha poi assemblato con legnetti e cortecce, i monti, le casette, i ponticelli ecc. il tutto attraversato da un piccolo “ruscello”. Il “Presepe in Musica” è risultato II° Classificato per l’originalità al Concorso Nazionale I° Presepe “Arnolfo di Cambio” di Colle di Val d’Elsa (SI) - edizione 2008.

PRESEPE della giraffa

Presepe unico e nel suo genere inimitabile. Trovare un’opera della natura (tronco di mare) già sagomata ed adattarsi solo a modifiche marginali è stato un vero “colpo…di…fortuna”. La “meraviglia” risulta in visione tridimensionale e addirittura si puo’ notare un’altra effige del muso anche nel verso opposto… In questa foto si evidenziano appunto i due volti, uno a sx (quello reale) e l’altro a dx (quello diciamo un po’ piu’ immaginario...). In pratica siccome e’ difficile da spiegare…l’unica cosa da fare è “vederlo” ! Presepe dedicato alla Contrada della Giraffa di Siena. Il Presepe risulta illuminato con miniluci - Personaggi in terracotta, coccio toscano grezzo.

15


Cristo rifiutato Scultura ricavata da un grande tronco di Olivo a forcella raffigurante il Cristo. L’opera e’ composta da un unico pezzo senza aggiunte, esclusa la corona di spine, il leggìo applicato sul retro della scultura ed il basamento sul quale e’ stata incastrata la stessa. Ha un’altezza di oltre un metro e mezzo ed un apertura da braccio a braccio equivalente alla stessa misura. Particolari del volto: la barba, i baffi ed i capelli in bassorilievo ed è da notare sotto l’occhio sinistro la presenza di una venatura naturale più scura che ha preso l’aspetto di una lacrima che gli riga il volto. Anno di realizzazione 2012

16


Esposizioni 13/12/2012 Ospite alla serata “I personaggi del presepe, una tradizione per raccontare la storia: la creazione di quelli artigianali” organizzata dal “Bar San Domenico” - Pisa 06/12/2012-08/12/2013 Esposizione del ”Presepe nella Tegola con la nicchia” presso la Mostra dei Presepi “Calcit” a Figline Valdarno (Fi) 15-16/12/2012 Partecipazione alla “Festa del Natale” a Vicopisano 09/12/2012 Partecipazione al “Mercatino del Collezionismo” a Vicopisano 12/2012 - 01/2013 Esposizione del Presepe “del Pozzo di San Francesco” presso la Mostra di Presepi presso l’ Eremo di San Michele a Salvarano, Comune di Quattro Castella (RE) 08/12/2012 - 06/01/2013 Esposizione del Presepe in Musica durante il concorso “I PRESEPI NEL PRESEPE - 13a EDIZIONE” a Pesche (IS) 04/12/2011 - 06/01/2012 Esposizione del Presepe in Musica durante il concorso “I PRESEPI NEL PRESEPE - 12a EDIZIONE” a Pesche (IS) 12/2011 - 01/2012 Esposizione del Presepe “del Pozzo di San Francesco” a Salvarano di Reggio Emilia 24/12/2011 - 6/01/2012 Esposizione del Presepe nella Grotta e del Presepe nella Piccola Caverna presso la Chiesa di Santo Stefano a Empoli (Fi) 11/12/2011 - 8/01/2012 Esposizione del “Presepe nel Bossolo” presso i sotterranei della “Pro-loco” di Bettolle - La Città dei Presepi in Val di Chiana (Si) 8/12/2011 - 8/01/2012 Esposizione del”Presepe nella Tegola con la nicchia” presso la Mostra dei Presepi “Calcit” a Figline Valdarno (Fi) 19/12/2011 - 23/01/2012 Esposizione del”Presepe del Pozzo di San Francesco” presso la Mostra di Presepi presso l’ Eremo di San Michele a Salvarano, Comune di Quattro Castella (RE) 11/12/2011 - 8/01/2012 Esposizione del ”Presepe delle Guglie” presso il negozio di abbigliamento “Pierfrancesca” in Viale Marconi n°117 a Viareggio (LU) 04/12/2011 - 06/01/2012 Esposizione del “Presepe in Musica” alla XII Edizione del Concorso “I Presepi nel Presepe” - Comune di Pesche (IS) 11/12/2011 Esposizione di alcuni presepi e sculture durante la “Festa dei commercianti” del Comune di Calcinaia (PI)


Angelo Perini

le sculture dell’angelo Info: angelo.perini@gmail.com Facebook: Angelo Perini - Il Presepe dell’Angelo Flickr: Il mio profilo Cell: 328-1254305 Tel. Abitazione: 050-798706

www.angeloperini.it

Primitive Art Services: Angelo Perini Brochure  

Sub Project - Multimendia Communication, has invented a new service for all artists who exhibit on primitiveart.it. From today you can ask u...