Page 1

e 12,00

05

Settembre Ottobre 2017 anno VI n.05

ISSN 2421-3195

9

FOTO

IMAGING

VIDEO

FINE ART

STORIE DI FOTOGRAFI E DI FOTOGRAFIA

IMAGE MAG SETTEMBRE n OTTOBRE 2017

appunti indagini e riflessioni sul contesto fotografico contemporaneo

70005

772421 319009

ESTRATTO


Give photography a chance Un passo più in là, un vortice allargato, forse una fuga. Era necessario cambiare atteggiamento, ma anche orizzonti; e tempo. Occorreva abbandonare l’inquietudine, l’ansia, la convulsione dell’immagine oggi: rutilante ed eccessiva; rapida ma fugace; veloce e già dimenticabile. C’è stata così una corsa, dove tanti scappavano controvento. Forse si sentivano osservati, braccati, derisi; ma loro non smettevano di fuggire, con la paura di chi parte, eppure osmotici, porosi, creativi. Li abbiamo visti anche noi, svoltare l’angolo, salire le scale, prendere fiato. La corsa continuava: ancora una porta, poi un’altra; un filo di vento e, finalmente, un muro bianco. Ecco la sorpresa: uno spazio di opportunità e tempo. Quell’angolo privato per riflettere, capire, scegliere, combattendo le incertezze a favore di chi guarderà. A Brescia, presso il Ma.Co.f, si è capito come quel muro fosse un diritto, oltre che un dovere. Lo voleva il fotografo, ma anche la fotografia: relegata purtroppo al solo sostentamento elettronico di affermazioni generiche, accuse, complimenti, invettive. Mancavano le storie, quelle vere, prodotte dall’uomo e viste attraverso la sfocatura entropica di ciascuno. Senza spazio, non ci sarebbe stata narrazione; senza il tempo, il

GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE

modo per farlo. Give Photography a Chance ha cercato dimensioni e lentezza, per chi desiderasse affrontarle, con responsabilità. Ogni fotografo che avesse voluto, sarebbe stato in grado di trovare l’angolo della propria visuale: bianco perché neutro, eppure vasto, profondo, infinito. Eccoli quindi i fotografi convenuti, vediamoli tutti insieme su questa rivista. Loro hanno dato forma al tempo, senza misurarlo, usandolo con abbondanza; restituendoci quella lentezza, che, con nessuna pigrizia, ci ha fatto capire le emozioni del riso, del pianto, della meraviglia. Non è stato un caso che a Brescia, nella stessa location, abbiano messo in mostra le proprie opere i grandi degli ultimi cinquant’anni, pure loro con le stesse volontà e responsabilità. Un passo più in là, un vortice allargato, forse una fuga. Bastava poco per ricominciare col racconto fotografico, comprendendone anche i contesti attuali e contemporanei. Un passo più in là, un vortice allargato, forse una fuga. Probabilmente è solo un inizio. E noi di Image Mag vogliamo augurarcelo.

Mosè Franchi

6. NICE 12. CONTROLUCE 16. PORTRAIT 26. RACCONTO 36. FANTASY 46. CONTEMPORARY 54. YOUNG 57. DALL’ALTO

4. INTRODUZIONE DI ANDREA TINTERRI Progetto grafico Visiva S.r.l. - www.visiva-adv.it

­­www.imagemag.it Direttore responsabile Mosè Franchi Comitato editoriale Mosè Franchi, Roberto Mazzonzelli, Francesco Cito, Stefano Messina, Massimo Reggia, Lido Andreella

Realizzazione grafica Gino Durso Davide Lanzino, Ilaria Nigro Stampa Cortona Moduli Cherubini S.r.l. Image Mag è una pubblicazione Consorzio Gruppo Immagine

EDITORIALE 1. GIVE PHOTOGRAPHY CHANCE

Un’opportunità per i fotografi e la fotografia.

HI-END

66. VEDERE IN GRANDE

GFX 50S, il medio formato di Fujifilm.

EVENTI&MOSTRE

70. DA VEDERE & PER PARTECIPARE

Mostre, eventi, manifestazioni, fiere, workshop e seminari.

60. L’UOMO E IL MANIFESTO

COMUNITÀ FOTOGRAFICA

63. NOTTE

Perché uno sguardo sulla fotografia.

Redazione Consorzio Gruppo Immagine Viale Andrea Doria, 35 - 20124 Milano Tel. 02/23167863 - e-mail: info@imagemag.it Distributore esclusivo per l’Italia Consorzio Gruppo Immagine Periodicità Bimestrale Prezzo copia 12,00 euro. Arretrati 20,00 euro.

72. LA PRIMA VOLTA

Abbonamento a 6 numeri: ritiro in negozio Photop 42,00 euro / spedizione postale 62,00 euro Image Mag è una testata registrata presso il Tribunale di Milano con autorizzazione n. 237 del 1 Giugno 2012 È proibita la riproduzione di tutto o parte del contenuto sen­za l’autorizzazione scritta dell’Editore. L’Editore è a disposizione per regolare i diritti delle immagini i cui titolari non siano stati reperiti.

pagina uno


Image Mag è la prestigiosa rivista bimestrale interamente dedicata alla fotografia e ai suoi interpreti. È l’espressione del desiderio di parlare ad appassionati di fotografia usando la lingua degli appassionati di fotografia. Una rivista che presenta immagini stupefacenti realizzate da celebri professionisti e lavori di appassionati che compongono gli epici portfolio, cuore e anima di questo straordinario magazine.

42,00 euro

con ritiro rivista in negozio! Ritira la tua copia di IMAGE MAG presso il tuo negozio Photop di fiducia e risparmi 30,00 euro!

ABBONATI!

62,00 euro

con spedizione postale! Risparmi 32,00 euro sul prezzo di copertina! (spese postali 22,00 euro incluse)

Puoi acquistare la rivista in tutti i punti vendita elencati oppure puoi abbonarti in un negozio Photop: con ritiro in negozio o con spedizione postale direttamente a domicilio.

Seguici su Facebook

Se preferisci puoi abbonarti o acquistare la rivista su www.imagemag.it Su www.imagemag.it è possibile acquistare anche i numeri arretrati.

facebook.com/ImageMagWeb

DOVE TROVARE IMAGE MAG ANCONA FOTO DE ANGELIS - PHOTOP Via Maggini, 84 - Tel. 071.2801945 FOTO DE ANGELIS - PHOTOP Corso Mazzini, 42 Tel. 071.2074257 FOTO DE ANGELIS - PHOTOP C.C. AUCHAN - Via Scataglini, 6 Tel. 071.2868583 LIBRERIA GULLIVER Corso G. Mazzini, 31 Tel.071.53215 PAPIER Via degli Orefici, 14 Tel. 071.54270 BOLOGNA OTTICA PAOLETTI - PHOTOP Via Clavature, 9/D Tel. 051.267656 OTTICA PAOLETTI - PHOTOP Piazza Maggiore, 3/F Tel. 051.225530 BRESCIA IMAGE ACADEMY Corso Garibaldi, 16 - Tel. 030.42070 LIBRERIA LA FENICE Via Solferino, 10 - Tel. 030.43020 PHOTÒ 19 - PHOTOP Via Solferino, 23 - Tel. 030.42070

BUSTO ARSIZIO (VA) ANDREELLA PHOTO - PHOTOP Piazza XXV Aprile, 11/B Tel. 0331.679350 CALTANISSETTA ELMA Via E. De Nicola, 25 Tel. 0934.552386 FOTO CURATOLO - PHOTOP Via Malta, 49 - Tel. 0934.595480 FALCONARA M. (AN) DE CAROLIS MATTEO TABACCHI RIV. 27 C.C. LE VILLE - Via Puglie, 8 Tel. 071.9175942 FOTO DE ANGELIS - PHOTOP C.C. LE VILLE - Via Puglie, 8/D Tel. 071.9173765 FERRARA FOTO PANDINI - PHOTOP Via Garibaldi, 121 Tel. 0532.202821 FIRENZE BONGI - PHOTOP Via Por S. Maria, 82-84 Tel. 055.2398811 EDICOLA SORBI Piazza della Signoria Tel. 055.287844

MESTRE (VE) PHOTO MARKET VIDEO - PHOTOP Via Giustizia, 49 - Tel. 041.915444 MILANO ANTEO S.P.A. Via Milazzo, 9 - Tel. 02.6597732 EXPOWALL Via Curtatone, 4 Tel. 393.8759532 F.O.D. - PHOTOP Via Padova, 175 Tel. 02.27209152 GALLERIA CARLA SOZZANI Corso Como, 10 Tel. 02.653531 LIBRERIA HOEPLI Via Hoepli, 5 Tel. 02.86487264 LIBRERIA POPOLARE DI VIA TADINO Via Tadino, 18 Tel. 02.29513268 LUMI SOC. COOP. LIBR. UNIVERSITARIE Via Carlo Bo, 8 Tel. 02.89159313 PHOTO DISCOUNT - PHOTOP Piazza De Angeli, 3 Tel. 02.4690579

MODENA FOTO DOTTI - PHOTOP Viale G. Storchi, 281 Tel. 059.821000

EUROPHOTO - PHOTOP Piazza Carlo Felice, 29 Tel. 011.5629452

LIBRERIA MONDADORI Via Ramelli, 101 Tel. 059.454622

GRANDE MARVIN - PHOTOP Via Lagrange, 45 Tel. 011.5616411

LIBRERIE FELTRINELLI Via Cesare Battisti, 17 Tel. 059.222868

LIBRERIA FOGOLA Piazza C. Felice, 15 Tel. 011.535897

PADOVA 2 EMME FOTO - PHOTOP Via Sorio, 19/A - Tel. 049.8716044 PANDINO (CR) FOTO ATTUALITÀ CESNI - PHOTOP Via Umberto I, 39 - Tel. 0373.90255 PORRETTA TERME (BO) FOTO OTTICA MARCHI Piazza della Libertà, 74 Tel. 0534.22150

TRENTO ALLA ROTONDA - PHOTOP Via San Vigilio, 7 Tel. 0461.985317 TABACCHI-GIORNALI FEDRIZZI GEMA Via Mazzini, 8 - Tel. 0461.236436 TREVIGLIO (BG) FOTO ATTUALITÀ CESNI - PHOTOP Piazza Setti, 3 - Tel. 0363.49740

S. DONATO M.SE (MI) FOTOCOLOR MARIANI Via Matteotti, 1 - Tel. 02.36524798

TRIESTE ATTUALFOTO - PHOTOP Via dell’Istria, 8 Tel. 040.771326

TORINO EUROPHOTO - PHOTOP Corso Siracusa, 196/C Tel. 011.3115111

VENEZIA LIBRERIA LT2 TOLETTA Dorsoduro/Toletta, 1214 Tel. 041.5229481


pagina quattro


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE Perché lasciare aperte le porte delle gallerie? Perché mettere a disposizione di chiunque voglia esporre le proprie fotografie uno spazio di parete bianca, perché non fare selezione, perché non censurare, perché semplicemente aspettare che le stanze si riempiano di immagini fino a raggiungere la saturazione? Perché tutto questo? Il Brescia PhotoFestival ha aperto le porte a chiunque volesse mostrare il/i propri lavori: negli stessi spazi in cui hanno esposto i Maestri della Fotografia, qualunque appassionato, qualunque fotoamatore, qualunque persona dotata di una macchina fotografica o di uno smartphone che creda nella necessità di restituire ad un largo pubblico le proprie opere, ha potuto farlo a Brescia, dove ha avuto a disposizione una superficie in cui disporre le immagini realizzate. Perché la parete di uno spazio espositivo è un luogo di sovrapposizioni, di sperimentazioni in cui testare, senza alcuna censura, la duttilità del mezzo fotografico, la voglia e la necessità di allargare i propri osservatori critici, di confrontarsi con un luogo destinato alla lentezza dello sguardo. Ognuno di noi oggi può avere a disposizione infinite pareti digitali in cui mostrare il proprio modo di guardare e restituire il mondo, ma una galleria definisce un diverso rapporto con le immagini, frena inevitabilmente lo scorrere del tempo d’osservazione. Il visitatore rallenta il passo, ferma i propri movimenti, osserva, confronta, scorre, ricorda. Le gallerie, quelle importanti, sono luoghi in cui si costruiscono narrazioni, in cui si cerca di capire come decifrare il Tempo, come dargli una forma, un carattere, forse un senso. Sono sovrapposizioni di storie, di immagini, sono passaggi, uno dopo l’altro. Il Ma.Co.f racconta la storia sociale degli ultimi cinquant’anni con gli scatti di Berengo Gardin, di Nino Migliori, di Uliano Lucas e di Pepi Merisio, racconta il glamour della moda e del corpo femminile con le fotografie di Gian Paolo Barbieri, i personaggi della dolce vita immortalati da Tazio Secchiaroli, le ricerche di Ugo Mulas, di Gabriele Basilico e i paesaggi di Franco Fontana. Scritture diverse che si susseguono a comporre la storia dell’immagine italiana del Novecento. Ed è anche per queste ragioni che la mostra si è trasformata in una sorta di ricerca non solo fotografica/artistica, ma antropologica e sociale in cui, senza selezione alcuna, si sono raccolti dati iconografici a comporre un quadro diversificato che si confronta con la storia stessa del Centro, un quadro probabilmente surreale, imprevedibile e su cui riflettere. Andrea Tinterri

© foto di Luca Ruggenenti

paginacinque


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

NICE

Lo sguardo si divide: questo e quello. Elementi assonanti incuriosiscono: spesso sono cose e persone insieme. È una realtà ricercata, voluta, attesa; dove frammenti di tempo si manifestano insoliti e per questo gradevoli. “Nice” è un modo di vedere, ma anche uno per raccontare. Siamo così, a volte; ed è bello riconoscerlo.

© foto di Riccardo Maffioli

pagina sei


FOTO

IMAGING

VIDEO

FINE ART

STORIE DI FOTOGRAFI E DI FOTOGRAFIA

VUOI LEGGERE LA RIVISTA COMPLETA?

ACQUISTALA NELLA VERSIONE STAMPATA, OPPURE IN VERSIONE DIGITALE! Puoi acquistare

IMAGE MAG sul sito www.imagemag.it e in tutti i negozi Photop.

Se preferisci puoi abbonarti su www.imagemag.it oppure in tutti i negozi Photop: con ritiro in negozio o con spedizione postale direttamente a domicilio.

42,00 euro

con ritiro rivista in negozio! Ritira la tua copia di IMAGE MAG presso il tuo negozio Photop di fiducia e risparmi 30,00 euro!

IMAGE MAG

ABBONATI!

ABBONAMENTO a 6 NUMERI di . Per attivare l’abbonamento www.imagemag.it oppure rivolgiti ad un negozio PHOTOP.

62,00 euro

con spedizione postale! Risparmi 32,00 euro sul prezzo di copertina! (spese postali 22,00 euro incluse)

Seguici su Facebook

facebook.com/ImageMagWeb


IL CONTROLUCE La luce disegna, l’ombra nasconde. Si cerca ciò che non si vede, con l’immaginazione che corre: oltre il nero, nel chiarore che acceca. Il controluce è una sfida lanciata, intrapresa col cuore e la mente. Lo sguardo è altrove, dove inizia l’idea.

pagina dodici

© foto di Mara Carnaghi


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

© foto di Marcello Vicario

© foto di Michela Peruzza

paginatredici


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

PORTRAIT

Il ritratto è un incontro, non una concessione; almeno a volte. Sguardi, pose, idee, suggerimenti, finiscono in una terra di confine, dove è bello riconoscere un appuntamento avvenuto, tra chi si vede e colui che è dietro: nascosto, eppure presente. Un ritratto è fatto di occhi e anima, ma anche di atteggiamenti e atmosfere. Non tutti gli incontri sono uguali.

pagina sedici

© foto di Camilla Gagliardi


Š foto di Daniela Olivari

Š foto di Stefano Rossin

Š foto di Coop. Mongolfiera

paginadiciasette


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

RACCONTO

“C’era una volta”. No, molto di più. Non si ascolta soltanto, nel racconto fotografico: si partecipa, tendendo la mano a quella dell’autore, che l’ha già offerta. Per chi guarda, la solitudine inizia dopo; in quell’ultimo chilometro dove l’immagine fissa pare muoversi di significato e meraviglia.

© foto di Stefano Mariconti

pagina ventisei

© foto di Alessandro Saponaro


Š foto di Paola Turconi

Š foto di Paolo Merici

paginaventisette


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

FANTASY

La bolla di sapone s’ingigantisce. E sono riflessi, luci, fiabe e misteri. C’è uno scoppio e siamo altrove, dove tutto è diverso, palesemente strano. Che bello, però; basta poco per accendere la fantasia, anche senza comprendere. I contenuti attingono a un inconscio mai vissuto, eppure presente: perché finalmente dato alla vita.

pagina trentasei

© foto di Simone Angarano


Š foto di Dhawl Dorotuy

Š foto di Erika Bertello

paginatrentasette


Š foto di Roberto Gresia

pagina quarantasei


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

CONTEMPORARY

Siamo fatti così. Forse non proprio noi, ma sicuramente tanti che vivono la nostra era. In ciò che vediamo riconosciamo i simboli, le circostanze, persino le violenze. Sono esistenze parallele, vicine: troppo. Allontaniamo lo sguardo, ma l’immagine è già nella mente, a inseguire se stessa. Il riguardare ci fa tirare il fiato, ma siamo fatti così: bisogna accettarlo.

paginaquarantasette


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

YOUNG

Beati giovani. Un po’ li invidiamo, perché loro lo sono sempre: quando s’incontrano, e se sono soli; mentre bevono, parlano, corrono, litigano, si baciano. Sono giovani perché hanno tempo davanti, e freschezza a sostenerli. Dipanano un tempo che non è ancora memoria e nemmeno rimpianto. Il minuto gli appartiene: l’ora, il giorno. Quella vita che si accende appena con un soffio.

© foto di Giuseppina Fassari

© foto di Samanta Turati


Š foto di Riccardo Alu

Š foto di Rossella Giocamelli

paginacinquantacinque


Š foto di Luca Agliardi

pagina sessanta


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

L’UOMO E IL MANIFESTO

A volte neanche si guardano, eppure sono simili: lui e l’altro. Non si tratta di una somiglianza schietta, ma di un incontro tra modelli. C’è un essere umano e quanto potrebbe diventare, almeno come proposta. Uno passa, l’altro rimane ad aspettare. Il modello insiste, finché l’effige lo sostiene.

© foto di Massimo Fantoni

© foto di Natalia Massi

paginasessantuno


GIVE PHOTOGRAPHY A CHANCE INDAGINI E RIFLESSIONI SUL CONTESTO FOTOGRAFICO CONTEMPORANEO

NOTTE

© foto di Stefano Mondoni

In fotografia la notte non segue il giorno: ci aspetta e basta. Vince il buio, questo sì; il colore tenue, quello che si distingue appena. L’oscurità non è comunque mistero, ma sentimento che avvolge, rigenera, crea. C’è un pensiero per la notte, persino un’idea; ed è intimità in tutto quanto vediamo.

© foto di Giulio Segantin

paginasessantatre


COMUNITÀ FOTOGRAFICA L’IMMAGINE DIVENTA PROGETTO

L

LA PRIMA VOLTA

a prima volta senza una fotografia famosa in copertina. Difficile pensarlo, eppure l’idea è venuta di getto, all’unanimità. Image Mag si è sempre assunto la responsabilità di proporre immagini importanti in prima pagina, quasi a rappresentare un’anticamera di pregio per la fotografia professionale e amatoriale da trovare all’interno. In questo numero è diverso. Sono stati in tanti a proporsi all’iniziativa del Ma.Co.f, con entusiasmo e passione, addirittura con coraggio. Il vero richiamo della rivista va cercato dentro le pagine, tra le fessure dei racconti personali, nella soddisfazione di riconoscere e riconoscersi. Come si è visto, le immagini proposte dai fotografi italiani sono state suddivise per temi. È stata la redazione a farlo, all’insaputa degli autori. Non ce ne vogliano, ma comprendano come il tutto si configuri alla stregua di una prima lettura, attuata (anche) per offrire ritmo alla rivista e al lettore. Degli appunti accompagnano la sequenza di fotografie. Sono utili perché rappresentano la direzione presa oggi da chi vive d’immagine scattata, per passione o professione.

Un passo più in là, un vortice allargato, forse una fuga: così ha esordito l’editoriale. Si è trattato quasi di una provocazione. Un passo più in là: verso dove? Un vortice allargato: in che modo? Una fuga: perché e da cosa? Diciamo che occorreva uno scossone, probabilmente un colpo di spugna. Non c’era più tempo per rammaricarsi, nemmeno affermando come le situazioni fossero cambiate. La fotografia può e deve riproporsi, rinnovandosi addirittura. Andavano però richiamate energie fresche, speranze lontane e irraggiungibili, idee chiuse nei cassetti. Loro dovevano ripartire, sfruttando appieno l’opportunità ricevuta. C’è caso che a “una prima volta” ne segua un’altra, magari vestita diversamente. Perché siamo sicuri che, se Image Mag chiamerà, la risposta diventerà intensa, impetuosa, improvvisa. Un passo più in là, un vortice allargato, forse una fuga: questo numero di Image Mag ne è l’inizio.

paginasettantadue


FOTO

IMAGING

VIDEO

FINE ART

STORIE DI FOTOGRAFI E DI FOTOGRAFIA

VUOI LEGGERE LA RIVISTA COMPLETA?

ACQUISTALA NELLA VERSIONE STAMPATA, OPPURE IN VERSIONE DIGITALE! Puoi acquistare

IMAGE MAG sul sito www.imagemag.it e in tutti i negozi Photop.

Se preferisci puoi abbonarti su www.imagemag.it oppure in tutti i negozi Photop: con ritiro in negozio o con spedizione postale direttamente a domicilio.

42,00 euro

con ritiro rivista in negozio! Ritira la tua copia di IMAGE MAG presso il tuo negozio Photop di fiducia e risparmi 30,00 euro!

IMAGE MAG

ABBONATI!

ABBONAMENTO a 6 NUMERI di . Per attivare l’abbonamento www.imagemag.it oppure rivolgiti ad un negozio PHOTOP.

62,00 euro

con spedizione postale! Risparmi 32,00 euro sul prezzo di copertina! (spese postali 22,00 euro incluse)

Seguici su Facebook

facebook.com/ImageMagWeb

Image Mag anno VI numero 05 - Estratto  
Image Mag anno VI numero 05 - Estratto  

Sfoglia un estratto di Image Mag! Se desideri puoi acquistare online la versione completa.

Advertisement