Page 1

THE ITALIAN MAGAZINE FOR VERTICAL AND HORIZONTAL DRILLING, SPECIAL FOUNDATIONS, GROUND ENGINEERING, WELL DRILLING, ENVIRONMENTAL DRILLING, TUNNELLING, QUARRYING AND MINING Anno 5 - Maggio/Agosto 2019

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


LEOPARD™ DI650i LEOPARD™ DI650i LEOPARD™ DI650i LEOPARD™ DI650i TIME FOR A NEW LEADER LEOPARD™ DI650i TIME FOR A NEW LEADER LEOPARD™ DI650i TIME FOR A NEW LEADER TIME FOR A NEW LEADER TIME FOR A NEW LEADER TIME FOR A NEW LEADER

New Leopard DI650i down-the-hole surface drill rig offers longtermdown-the-hole productivity and superior with robust and reliable main ew Leopard DI650i surface drillstability rig offers longseamlessly state-of-the-art technical erm productivitycomponents and superior–stability withintegrated robust andwith reliable main ew Leopard DI650i down-the-hole surface drill rig offers longsolutions. Scalable automation, easy maintenance and outstanding omponents – seamlessly integrated with state-of-the-art technical New Leopard DI650i down-the-hole surface drill rig offers longrm productivity and superior stability with robust and reliable main New Leopard DI650i down-the-hole surface drill rig offers longmovability are the features that make Leopard DI650i amain premium olutions. Scalable automation, easy maintenance and outstanding term productivity and superior stability with robust and reliable omponents – seamlessly integrated with state-of-the-art technical term productivity and superior stability with robust and reliable main New Leopard DI650i down-the-hole surface drill rig offers longproduct, which is an honor to own. movability are the features that make Leopard DI650i a premium components – seamlessly integrated with state-of-the-art technical olutions. Scalable automation, easy maintenance and outstanding components – seamlessly integrated with state-of-the-art technical productivity roduct, which isterm an honor to own. and superior stability with robust and reliable main ovability are the features that Leopard DI650i awith premium solutions. Scalable automation, easy maintenance and outstanding solutions. Scalable automation, easy maintenance and outstanding components – make seamlessly integrated state-of-the-art Leave your paw print and enjoy the smooth, efficient ride. technical roduct, which isare an honor to own. movability are the features that make Leopard DI650i a premium movability the features that make Leopard DI650i a premium solutions. Scalable automation, easyride. maintenance and outstanding eave your paw print and enjoy the smooth, efficient product, which is an honor to own. product, which is an honor tofeatures own. that make Leopard DI650i a premium movability are the Explore new Leopard DI650i: eave your paw print and the enjoy smooth, efficient product, whichthe is an honor to own. ride. ROCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i xplore Leave the new Leopard DI650i: your paw print and enjoy the smooth, efficient ride. Leave your paw print and enjoy the smooth, efficient ride. OCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i xplore the new Leopard DI650i: Leave your paw print and enjoy the smooth, efficient ride. OCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i Explore the new Leopard DI650i:

Explore the new Leopard DI650i: ROCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i Explore the new Leopard DI650i: ROCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i ROCKTECHNOLOGY.SANDVIK/DI650i


Editoriale

Progressione operosa Cari Lettori, Sebbene lo scenario italiano e quello internazionale siano ancora ricchi di incertezze, chi ha partecipato alla fiera Bauma di Monaco nell’Aprile scorso non ha potuto che ricavare sintomi di conforto da gran parte dagli oltre tremila espositori (tra i quali ben seicento italiani) che hanno richiamato negli spazi della Messe München più di 620.000 operatori da oltre 200 Paesi, uniti da un sentimento di ottimismo che non si riscontrava da tempo. Essendo io stesso un grande appassionato di meccanica - e oggi la mia passione è aggiornata dallo straordinario progresso delle tecnologie sostenibili applicate alle macchine - la mia visita pur impegnativa nelle aree esterne di Monaco che hanno ospitato gran parte delle macchine per le perforazioni e le fondazioni speciali hanno lasciato in me il rammarico di non aver potuto incontrare - per l’esiguità del tempo a disposizione nonostante i sette giorni della mia permanenza - l’intera platea dei numerosi costruttori presenti in fiera. Le dimensioni del Bauma e l’enorme offerta di macchinari in esposizione hanno costretto i visitatori ad una vera e propria corsa contro il tempo per poter contattare tutte le aziende di loro interesse. Nel riconoscere agli organizzatori tedeschi il merito di essere riusciti a realizzare un evento così completo anche nel richiamo internazionale, è mia convinzione che un numero sempre più ampio di operatori del settore accordi la propria preferenza a manifestazioni dedicate unicamente al comparto del “Drilling & Foundations”, eventi come il Geofluid - la cui 23ª edizione si terrà a Piacenza dal 30 Settembre al 3 Ottobre 2020 - in grado di garantire un’ampia proposta di macchine e attrezzature, abbinata alla reale opportunità di realizzare utili contatti professionali in maniera meno dispersiva e stressante sotto il profilo psicofisico. In questo mio breve editoriale desidero, inoltre, aggiornare voi lettori sui recenti sviluppi della nostra casa editrice. Nelle scorse settimane si è conclusa la nostra collaborazione con i giornalisti Emanuela Pirola e Cristiano Pinotti. La decisione, presa di comune accordo, è dovuta alla necessità di ricreare un gruppo di lavoro sempre più focalizzato sui contenuti specifici della testata, portando la linea editoriale di Perforare a una sempre più vasta inclusione di segmenti industriali e ambiti di applicazione diversi quali quelle delle attività di perforazione nei comparti del Tunneling, del Quarrying & Mining, del No-Dig, ma anche in quelli delle trivellazioni per pozzi idrici, del taglio e del carotaggio delle strutture in cemento armato. Per questo, dopo un sereno confronto con Emanuela e Cristiano - che ringrazio per la dedizione sempre profusa nel proprio lavoro - abbiamo deciso di proseguire con lucidità ed energia un percorso di rinnovamento che prevede nuove risorse professionali. A tal riguardo, diamo il benvenuto nella redazione di Perforare ad Alberto Finotto (giornalista assai conosciuto e apprezzato sia in Italia che all’estero per la sua notevole professionalità) e a Giacomo Grassi, nonché ad alcuni corrispondenti esteri che consentiranno alla nostra testata e al portale www.perforare.it, un più elevato e prezioso flusso di informazioni e contenuti esclusivi provenienti dal mondo delle perforazioni. Il rafforzamento della redazione di Perforare è anche congruente con l’aumento della diffusione cartacea della nostra rivista sia in Italia che all’estero, un fatto - lasciatemelo sottolineare - che è in assoluta controtendenza rispetto a quanto avviene in numerose altre case editrici che contano sempre di più sulla fruizione delle loro testate (quanto strategica, lo lascio al vostro giudizio di lettori) prevalentemente in formato digitale. Confidando nel vostro apprezzamento e sostegno a questa nostra strategia, colgo l’occasione per anticiparvi i migliori auguri di buone vacanze. Buona lettura! Fabio Potestà

4

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


follow us

ADV

soilmec.com

SR-75

Sharing the history, inspiring the future !

Pali Grande Diametro (LDP) - Pali Elica Continua (CFA) - Pali Elica Continua Rivestiti e Secanti (CAP/CSP) - Pali Costipati (DP) - Diaframmi (DW) Turbojet (TJ) - Jet Grouting (JG) - Micropali (MP) - Ancoraggi e Tiranti - Tunnelling - Sondaggi - Pali Battuti - Compattazione del Suolo

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

5 Your Solution provider Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Editoriale

La credibilità in attesa di un porto

Cari Lettori, possiamo dire che, nel breve termine, ci è andata bene. Essere riusciti a evitare al fotofinish una procedura di infrazione europea a carico dell’Italia non può non ascriversi all’abilità del premier Giuseppe Conte e della squadra economica al suo fianco. Il nostro primo ministro è riuscito a far passare - letteralmente per la cruna di un ago - la convinzione che l’Italia è solida e consapevole delle sfide sui conti che la attendono nei prossimi anni. Nei crudi numeri del bilancio, si è parlato di compensare lo scarto di deficit riscontrato da Eurostat per il 2018, poi correggere dello 0,3% quello del 2019 e ottenere garanzie sul prossimo bilancio 2020. Tutto assicurato dalle misure adottate in un “pacchetto d’urgenza” che ha soddisfatto la Commissione Ue a un grado si serenità tale che lo spread si è ridotto addirittura sotto la soglia dei 200 punti base. Fin qui tutto bene, ma quello che davvero ci interessa è la politica industriale prevista per il nostro Paese. La politica sulle infrastrutture, nello specifico. Ormai sappiamo dagli annali della crisi che il crollo degli investimenti in opere pubbliche, tra il 2005 e il 2018, è arrivato al 59,4%: quasi 26 miliardi di euro in meno, in riferimento agli ultimi 10 anni. Ora quello che occorre è un sommovimento epocale che faccia piazza pulita dei dubbi che gli osservatori cominciano a maturare in grande quota su questo governo. Non c’è solo la Tav, c’è ben altro in gioco. Opere stradali obsolete e ormai al collasso, cantieri incompiuti in attesa di nuove partenze, manutenzioni mai realizzate e ormai indifferibili. Si parla di 49 grandi opere sopra i 100 milioni in blocco permanente. Qualche esempio? Il terzo valico ferroviario tra Milano e Genova, l’alta velocità Napoli-Bari, l’autostrada Pedemontana fra Veneto e Lombardia, la cosiddetta Gronda di Genova -riattualizzata, almeno nella pubblica opinione, dal crollo del ponte Morandi -, il Mose, la grande diga fluttuante a protezione di Venezia dalle inondazioni, che ancora attende l’ultimo miglio di completamento. E poi lo strategico gasdotto Tap, porta maestra del gas azerbaigiano nel mercato europeo, che porterebbe il nostro Paese al ruolo di principale hub energetico d’Europa riducendone la dipendenza dalla Russia. Dallo sblocco delle opere la ricaduta che ne deriverebbe alla nostra economia è stimata in 172 miliardi di euro, con il coinvolgimento di circa 760.000 addetti e l’attuazione di quello shock sistemico che da decenni ormai le imprese dell’Italia più produttiva attendono con ansia divorante. Prima di sentirsi - loro sì, a pieno titolo - delle ONG senza patria e senza approdo. Alberto Finotto

6

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

7


Sommario | Maggio/Agosto 2019

28 Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Direttore Responsabile Fabio Potestà Collaboratori Roberto Ambra Alberto Finotto Giacomo Grassi

Grafica e impaginazione Romina Testino grafica@mediapointsrl.it Fotografia Archivio Perforare Ufficio traffico Daniela Chiusa daniela.chiusa@mediapointsrl.it

40 60

10 ATTUALITÀ 14 COMACCHIO

Le due facce dell’evoluzione

Pubblicità Italia ed estero tel. +39-010-5704948 fax +39-010-5530088 info@perforare.it

18 SOILMEC

Nel suolo dove si crea la versatilità

22 ENTECO

Pre-stampa e stampa Euro Grafica - Genova

Trasformer drilling per rotary universale

24 LIEBHERR

Concerto unplugged nel cantiere verde

28 CASAGRANDE

Un colosso in versione CFA

32 BAUER

Sulle ruote corre la produttività

36 MASSENZA

Progettate sempre per l’estremo

40 SANDVIK

Multifunzione a tutto campo

44 EPIROC

Veloci, smart e automatiche

48 CATERPILLAR

Una volpe nel sottosuolo

50 BOBCAT

Ingombro zero, efficienza dieci

8

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Direzione e redazione MEDIAPOINT & COMMUNICATIONS SRL Corte Lambruschini Corso Buenos Aires, 8/7 16129 Genova - Italy tel. +39-010-5704948 fax +39-010-5530088 redazione@perforare.it

52 SIRIVE

Ancora terrestre

56 HINOWA

Alla base delle soluzioni

60 TIMECO

Un taglio magistrale

64 REMDEVICE

A distanza di sicurezza

66 URETEK

Plus di rinforzo

70 GEOPIER

Pietra fondativa

72 HERRENKNECHT

Coppia TBM per il Brennero

76 SOLSCOPE A Marsiglia,

il solco Mediterraneo

Registrazioni Tribunale di Genova n.27/2011. Camera Commercio di Genova, R.I. N.O 395768 del 5 novembre 2001 Registro operatori di comunicazione N.O 022258 del 20 gennaio 2012 Comunicazione agli abbonati Art. 10 Legge 675/96. I dati personali contenuti negli archivi della casa editrice “Mediapoint & Communication Srl” sono utilizzati solo dalla casa editrice e solo per perfezionare gli obblighi derivanti dagli abbonamenti. Tutti gli abbonati possono chiedere in qualsiasi momento l’aggiornamento o la cancellazione dei propri dati. Responsabile: Fabio Potestà Testi e foto a riproduzione vietata senza consenso della casa editrice. Legge 1396/42, art. 7, Reg. 18 © Copyright 2019

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


G LO B A L D R I L L I N G E X P E R T I S E

Our Soil Mixing Solutions.

Our experience and background help us to look toward the future every day. The best proof is the design of our soil mixing tips. Together we can shape our products according to your needs.

www.sipdrill.it Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

9


Attualità News FIERE

Marmomac 2019, il brand che vince Incontri b2b mirati per segmento e tipologia di utilizzo dei materiali, un progetto educational per interior designer, il crescente sviluppo digital e della rete internazionale di promozione. Sono alcune delle novità di Marmomac 2019, in programma dal 25 al 28 settembre alla Fiera di Verona. La 54ª edizione del più importante salone mondiale dedicato a marmi, graniti, tecnologie di lavorazione, design applicato e formazione è stata presentata a Milano nei giorni scorsi. La rassegna rappresenta una filiera che nel 2018 ha realizzato a livello globale oltre 18 miliardi di interscambi e vede l’industria italiana ai primi posti per il valore aggiunto della produzione che ha superato l’anno scorso i 4 miliardi

di euro, per il 73% realizzati grazie all’export. Marmomac vanta un elevato profilo di internazionalità confermato dai numeri registrati nell’edizione 2018 con il 62% delle 1.616 aziende espositrici e dei 68mila operatori provenienti dall’estero, da 150 nazioni del mondo. Un risultato frutto anche della collaborazione con Ice-Italian Trade Agency, Confindustria Marmomacchine e Regione Veneto sul fronte dell’attività di incoming di buyer stranieri. “Marmomac costituisce oggi la piattaforma di riferimento per l’incontro dei professionisti del sistema-marmo internazionale, in cui il nostro Paese riveste un ruolo guida – spiega Maurizio Danese, presidente di Veronafiere – L’obiettivo di Veronafiere è consolidare la leadership di questo brand grazie

agli indirizzi del nuovo piano industriale al 2022 che prevede investimenti di 105 milioni di euro finalizzati anche alla crescita dei nostri format di maggior successo”. Le opportunità commerciali legate alla pietra restano al centro della rassegna, declinate nelle categorie merceologiche di marmi, pietre, graniti, agglomerati e conglomerati, blocchi di marmo, pietra grezza e grandi formati, macchine e attrezzature per la lavorazione, mezzi di trasporto e sollevamento, abrasivi, diamantati, prodotti chimici, servizi. Tra i paesi al centro dell’innovazione di settore, trovano un posto preminente Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Russia, Cina, Sudafrica, Australia, Germania, Mozambico, Turchia e Iran.

FIERE

L’Italia a Karlsruhe per RecyclingAktiv Evento-rivelazione degli ultimi anni in Europa dedicato al settore delle macchine, delle attrezzature e dei sistemi di trattamento dei materiali per riciclaggio è senz’altro la fiera

10

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

RecyclingAKTIV di Karlsruhe, in Germania. In tre giorni (dal 3 al 7 settembre prossimi) questa manifestazione assume i contorni di una piattaforma di riferimento per

conoscere le nuove tecnologie che riguardano, tra gli altri, gli impianti di trattamento e selezione dei metalli e degli inerti, presse, trituratori, cesoie, frantoi e vagli mobili, oltre a attrezzature speciali per la movimentazione dei materiali, per il trasporto e la logistica. A disposizione degli espositori della Messe Karlsruhe, oltre 80.000 metri quadrati di aree espositive all’aperto, con demo realistiche sulla funzionalità delle diverse tipologie operative. Uno spinoff da sottolineare: RecyclingAKTIV si svolge in concomitanza con TiefbauLIVE, la fiera dimostrativa per le costruzioni stradali e l’ingegneria civile. Tra i protagonisti italiani in partenza per Karlsruhe, in prima linea i nomi di Cangini Benne, Eurocomach Sampierana, Guidetti, Magni, Merlo, Oleoweb, SC Stef Invest e Zato.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Attualità News FIERE

Geofluid 2020 per il pianeta verde Si è costituito ufficialmente il Comitato scientifico che si occuperà di delineare le linee guida e le aree tematiche per la nuova edizione di Geofluid, in programma il prossimo anno negli spazi di Piacenza Expo. Queste costituiranno l’ossatura del programma convegni e seminari tecnici. L’ultima edizione si è chiusa con un ottimo risultato: la mostra è cresciuta in dimensioni, completezza delle proposte espositive, in prestigio e autorevolezza internazionale, grazie alla sua impostazione specialistica, alla presenza di aziende leader e di visitatori qualificati. La prossima edizione di Geofluid si appresta quindi ad essere uno strumento strategico importante per il settore delle perforazioni e dei lavori nel sottosuolo. Verranno mantenuti i principali comparti come Geotech, Geotunnel, Geocontrol, No Dig, Geotermia e a questi verranno affiancate una serie di iniziative divulgative sulla fase attuale di transizione energetica nella direzione di

una sostenibilità ambientale ed economica decisiva, in atto in tutto il mondo. Da Geofluid Green alla Blue Economy il passo è d’obbligo per una fiera che nell’ultima edizione ha registrato oltre 11.000 operatori professionali provenienti da ben 82 paesi esteri. Uno sguardo contemporaneo e di prospettiva è dunque imprescindibile al fine di offrire nuove opportunità ai mercati. I Focus su Gas e Geotermia saranno oggetto di rinnovata visibilità e attenzione nei seminari tecnici, proponendo altresì una parte espositiva che possa completare l’esperienza fieristica degli operatori professionali. Innovazione tecnologica, tutela ambientale, gestione sostenibile delle risorse, efficientamento energetico dei macchinari, divulgazione delle

buone pratiche costituiranno le parole chiave dell’edizione 2020 di Geofluid e forniranno la base per un progetto di visione prospettica dei prossimi 10 anni. Geofluid ha tra i suoi obiettivi, oltre alla già consolidata piazza commerciale, quello di costituire una piattaforma delle conoscenze dove tutti gli attori coinvolti (Aziende, Università, Ricercatori, Tecnici, Legislatori, Associazioni di categoria, Enti pubblici) possano diventare soggetti attivi nella divulgazione di una nuova cultura che sappia affrontare i cambiamenti del prossimo decennio. Il valore aggiunto perseguito dalle aziende espositrici passa attraverso l’appartenenza ad un sistema culturale evoluto che solo Geofluid, con la sua storia di successo e le forti relazioni con i mercati di sbocco, può fornire in tempi brevi.

95 YEARS OF QUALITY Makes

your

world

h a n d y.

Veniteci a trovare al

COMPETENCE AND RELIABILITY

A “MUST” for your cranes and drilling machines. Engineering and manufacturing of hookblocks, swivels, sheaves, hooks and special parts for the heavy lifts. Customised products designed to meet your requirements.

TAKETHEWEIGHT OFF, VISIT US ON Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria Piacenza, 3-5 Ottobre 2019

Pad. 1 - Stand D27

11 www.ofs1922.it Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Attualità News VOLVO CE

La via maestra La ricostruzione della Strada costiera E39 in Norvegia e l’imponente Rogfast Tunnel. Volvo CE guida la più grande avventura Construction nel Nord Europa

La Norvegia è famosa per la sua costa mozzafiato, con alte montagne e fiordi profondi. Ma c’è un lato negativo in questo spettacolare paesaggio. Al momento, la strada costiera E39 tra Kristiansand a sud e Trondheim a nord è un viaggio di circa 21 ore. Eppure circa un terzo dei 5,3 milioni di abitanti della Norvegia vive lungo questa strada, che è anche un’importante rotta commerciale per le imprese norvegesi, dato che circa il 60% dei beni di esportazione del paese sono prodotti sulla costa occidentale. Inoltre, quando la E39 lascia la Norvegia procede verso la Danimarca, diventando così un importante punto di ingresso nel resto d’Europa. E se – come Håvard Langåker, un camionista che lavora per la Vassbakk & Stol – il tuo lavoro significa guidare lungo questo tratto di costa, allora le cose possono essere difficili. “Vado

12

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

a prendere la roccia nel cantiere e poi guido verso gli altri siti che hanno bisogno di materiale”, spiega Langåker. “Sulla strada ho bisogno di aspettare i traghetti, aspettare in coda per gli imbarchi, occuparmi di traghetti cancellati e strade strette. Abbiamo isole e fiordi con strade che seguono la costa. Occorre fare la strada più lunga, non la più breve, quindi richiede molto tempo.” Ma tutto questo sta per cambiare. Al costo di 39 miliardi di dollari, il rifacimento della strada costiera E39 ridurrà il tempo di viaggio tra Trondheim e Kristainsand da 20 ore a solo 11. E il Rogfast Tunnel, che sarà completato nel 2026, è una parte importante di questo miglioramento. Progettato per essere il tunnel stradale sottomarino più lungo e profondo del mondo, si estenderà per 27 chilometri di lunghezza e 392 metri

sotto il livello del mare nel suo punto più profondo. Ma costruire gallerie a questa profondità rappresenta una sfida. Per rendere il viaggio il più sicuro possibile per gli utenti della strada, la progettazione include la costruzione di due tunnel separati per il flusso del traffico. Inoltre, ogni 250 metri ci saranno passaggi che collegano i due tunnel, consentendo un’uscita rapida e facile in caso di emergenze.

Il film di un’avventura Volvo CE presenterà il suo ruolo nello straordinario progetto del Rogfast Tunnel come parte dell’ultima puntata della premiata serie di video “Megaproject Listing”. Tiffany Cheng, Global Director, External Communications, di Volvo CE, afferma: “Una volta completato, questo tunnel renderà la vita delle persone che vivono e lavorano in Norvegia e anche oltre, molto più facile. Essere parte di questo eccezionale progetto e avere un ruolo nel migliorare l’accesso a questo meraviglioso angolo del mondo è per noi di Volvo CE un vero motivo di orgoglio”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Attualità News ACQUISIZIONI

McCloskey nella galassia Metso Poche settimane fa Metso ha siglato un accordo per l’acquisizione di McCloskey International, specialista canadese nella costruzione di impianti mobili per frantumazione e vagliatura. L’ingresso del marchio McCloskey si realizza nell’ottica di un ampliamento dell’offerta Metso nel settore degli inerti su scala di mercato globale, soprattutto in relazione ai general contractor. Per il mercato degli impianti mobili per aggregati è prevista una crescita del 4-6% all’anno nel periodo 2019-2023, di pari passo con l’incremento mondiale del settore delle infrastrutture stradali. “Questa acquisizione è in linea con la strategia di crescita mirata di Metso. Rafforza il nostro business nel settore degli aggregati, nella direttrice delle aree chiave di crescita nel settore delle costruzioni. La diversificazione della nostra gamma per il trattamento di inerti bilancia così in modo ottimale

la nostra offerta della gamma mining – considera Pekka Vauramo, presidente e CEO di Metso – I clienti dei comparti del riciclaggio di materiali da costruzione hanno esigenze flessibili e diversificate. L’acquisizione di McCloskey ci porta a un passo ulteriore di avvicinamento a queste esigenze – aggiunge Markku Simula, presidente della divisione

Aggregate Equipment di Metso – Il nostro gruppo prevede l’indipendenza di sviluppo prodotti e distribuzione per McCloskey. Le sinergie riguardano esclusivamente l’ampliamento dell’offerta complessiva di Metso, con l’aggiunta di un tassello fondamentale come quello del riciclaggio di materiali nel mosaico di macchine, attrezzature e servizi”.

Veniteci a trovare al

Piacenza, 3-5 Ottobre 2019

Area Esterna Stand N20

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

13


Cover Story | Comacchio

Le due facce dell’evoluzione Con la nuova macchina per pali CH 300 e l’ultralight MC 3 a misura di ogni campo di intervento, Comacchio innalza gli standard della flessibilità per il cliente internazionale

D

alla continua riflessione e dal confronto quotidiano con operatori e imprese del settore, nasce quella creatività che da anni guida Comacchio nel progetto di macchine sempre nuove ed esatte nell’affiancamento alle esigenze del cliente. Al recente Bauma di Monaco, tra la linea CH di macchine polivalenti per pali di grande diametro (lanciata nel 2015) e la serie MC di perforatrici compatte multifunzione, il costruttore ha selezionato un’ampia scelta di allestimenti specifici, portando in primo piano due novità principali in anteprima, una per ciascun segmento di gamma. Riguardo alla serie CH - oltre alla doverosa menzione di presenza della già nota CH 450, esposta in configurazione WPD (Winch Pull

14

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


MC 3, multifunzione senza limiti

Down, con tiro/spinta ad argano) - la novità in primo piano ha riguardato il modello CH 300, “ulteriore passo avanti di un percorso di gamma, quello relativo alla linea CH di macchine per pali, che da quattro anni costituisce un investimento importante per la nostra azienda”, secondo le parole di Flavio Durigan, Sales Manager di Comacchio. La CH 300 è ad oggi il modello più piccolo della gamma CH, con un peso di trasporto di 30 tonnellate comprensivo di rotary e asta Kelly montate. Proprio come la sorella maggiore CH 450, la CH 300 replica un concetto progettuale completamente automontante: una volta in cantiere, la macchina può essere scaricata dal camion e posta in assetto operativo senza ricorrere a gru o altri sistemi per l’allestimento, grazie all’ausilio di sistemi di rig-up automatici. Le estensioni laterali del sottocarro consentono di raggiungere dimensioni ridotte durante il trasporto e garantiscono, una volta aperte, una stabilità sicura della macchina in fase di lavoro. Nonostante il peso e la dimensioni ridotti, la CH 300 offre prestazioni di cop-

Nella serie delle perforatrici compatte multifunzione, Comacchio ha svelato a Monaco la nuova MC 3, un prodigio di leggerezza versatile, progettato per un facile trasporto e per l’impiego in spazi limitati e in condizioni di accesso al cantiere molto particolari (ad esempio all’interno di edifici, pozzi, cantine e piccoli tunnel) - a questo scopo, la MC 3 è equipaggiata con un carro a larghezza variabile che permette l’accesso attraverso passaggi che non superano i 900 mm di larghezza. La MC 3 può essere utilizzata per molti tipi di applicazioni legate alla riparazione o costruzione di fondazioni e al consolidamento del terreno: dal micropalo alle chiodature, senza dimenticare gli ancoraggi. Inoltre, questo nuovo modello è dotato di un sistema di articolazione del mast brevettato che consente di raggiungere una notevole varietà di posizionamenti e inclinazioni, soddisfacendo i più svariati requisiti di progetto, senza alcuna difficoltà o necessità di riposizionamento dei perni, con un semplice comando da consolle radio. Il sistema di articolazione brevettato, basato su un pantografo e una doppia ralla, comprende uno zoom di 250 mm e consente di eseguire perforazioni nella parte anteriore della perforatrice o di ruotare idraulicamente il mast su un piano perpendicolare ai cingoli (su entrambi i lati). Inoltre, grazie alla rotazione della ralla, il mast può essere portato dalla posizione verticale a quella orizzontale. Grazie alla struttura modulare del mast, la perforatrice può essere utilizzata sia su cantieri a cielo aperto, sia in interni con altezze ridotte, adattando la lunghezza della corsa all’altezza degli ambienti. La motorizzazione altamente efficiente e l’utilizzo di circuiti idraulici modulari di concezione avanzata permette di allestire la MC 3 con una vasta gamma di teste di rotazione, martelli idraulici e accessori, tra cui pompe fluidi e argani. La macchina si adatta a ogni tipo di perforazione a rotazione e rotopercussione. Per un funzionamento più sicuro e semplice in condizioni di spazi ridotti, la MC 3 è equipaggiato con il sistema di radiocomando Comacchio che gestisce tutte le funzioni, tra cui quella di perforazione, traslazione e posizionamento. Per soddisfare le ultime normative sulle emissioni, la MC 3 monta un motore a tecnologia Stage V (EPA Tier 4 Final), completo di sistema DOC e DPF. L’uso della più avanzata tecnologia di post-trattamento del motore, combinata con un sistema intelligente di dissipazione del calore a controllo elettronico - che regola la velocità di rotazione della ventola di raffreddamento in funzione delle reali esigenze operative della macchina -permette di ottimizzare le prestazioni e di ridurre l’impatto ambientale in termini di rumore, emissioni inquinanti e consumo di carburante.

pia relativamente elevate, per l’esecuzione di applicazioni impegnative come i pali trivellati non intubati (scavati con metodo a secco o stabilizzati con fluido), oppure i pali con tubi di rivestimento (dove l’installazione del tubo viene eseguita mediante rotary), fino alla profondità massima di 48,5 m. La macchina può essere facilmente convertita per eseguire perforazioni con tecni-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

ca CFA utilizzando eliche da 1.000 mm di diametro per una profondità massima di 19 m. “La CH 300 nel suo progetto strutturale ha previsto acciai ad alta resistenza che consentono di ridurre il peso senza sacrificare le prestazioni e l’affidabilità in cantiere - spiega ancora Durigan - Il design della CH 300 incorpora una serie di funzioni a vantaggio dell’efficienza e dell’e-

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

15


conomia di gestione. Questa macchina è la prima della gamma CH ad essere dotata di un innovativo sistema idraulico ad alta efficienza che riduce significativamente il consumo di carburante”. Allo scopo di migliorare l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale, Comacchio ha ottimizzato inoltre il sistema di raffreddamento del motore per regolare la dissipazione del calore in funzione delle reali esigenze operative della macchina, con il risultato di una riduzione delle emissioni inquinanti, del consumo di gasolio e dei livelli di rumorosità. La CH 300 in mostra a Monaco prevedeva l’equipaggiamento con un motore Stage III, ma in alternativa l’impianto propulsivo per questo modello contempla un motore Cummins B 4.5, progettato per rispondere ai più elevati standard di sostenibilità ambientale, secondo gli standard europei e nordamericani. Per soddisfare i nuovi limiti sulle emissioni e il numero di particelle (PN) richiesto dalla nuova normati-

16

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


va, la CH 300 è dotata di tecnologia Stage V (EPA Tier 4 Final) che include DPF, SCR e il dosaggio dell’urea combinati in un sistema di post-trattamento Single Module più leggero e compatto. Grande attenzione è stata dedicata al comfort e alla sicurezza dell’operatore. La CH 300 si distingue per

il design ergonomico e l’elevato livello di sicurezza: l’ampia cabina, dalla superficie completamente vetrata e dotata di una porta scorrevole, è l’unica in questo segmento ad aver ottenuto la certificazione TOPS e FOPS-1. Il posto di lavoro è regolabile e utilizza leve e manipolatori capaciti-

vi, oltre a un display a colori touch screen da 7” collegato al sistema CCS: un software di controllo di facile utilizzo interamente progettato da Comacchio, che controlla i parametri di perforazione e consente la gestione completa di la macchina, compresa la diagnosi di eventuali anomalie.

Suitable talent split in two A couple of Comacchio highlights shined on the field of Bauma 2019. First, the new CH 300 is the smallest model in the CH range with a transport weight of 30t with the rotary head and Kelly bar installed. Just like its ‘elder sister’ the CH 450, the CH 300 is fully self-erecting. Once on site, the rig can be off loaded from the truck and set up without the need for a crane with the help of automated rig-up systems. The lateral extensions of the undercarriage allow for reduced dimensions during transport and ensure, when opened during operation, good machine stability. These features allow easier transport operations, reducing the high mobilisation costs usually associated with this kind of equipment. Despite the lightweight design, the CH 300 offers a high torque output, allowing it to undertake drilling tasks that would normally require the use of larger and heavier equipment. The CH 300 can be configured both for uncased bored piles (excavated by dry method or stabilised by fluid overpressure) and cased piles (where the casing installation is carried out by rotary drive), up to a maximum depth of 48.5m (159ft). The rig can be easily converted to perform CFA drilling with augers of 1,000mm maximum diameter and a maximum depth of 19m (62ft). “The CH 300 is designed to be robust and reliable, thanks to the use of high-strength steels that allow us to reduce the weight without sacrificing performance and reliability on site. The design of the CH 300 incorporates a number of features aimed at enhancing efficiency and cost-effectiveness. This unit is the first one of the CH range to be equipped with an innovative high-efficiency hydraulic

system that significantly reduces fuel consumption”, explained Flavio Durigan, Sales Manager of Comacchio. With a view to improving energy efficiency and environmental sustainability, the engine cooling system has also been optimised by Comacchio to control heat dissipation according to the actual operating requirements of the machine, which translates into reduced emissions and lower fuel consumption and noise levels. “The CH 300 displayed in Munich was equipped with a Stage III engine, but the rig can be also offered with a Cummins B 4.5 engine, designed to incorporate the highest standards of environmental sustainability, both at European and North American levels. To meet the new emission regulations and particle number emission limits, the CH 300 features Stage V technology (EPA Tier 4 Final) including DPF, SCR and urea dosing combined in a single module after-treatment system that takes up less space and weighs less than prior systems,” continued Durigan. Attention has been paid to the operator’s comfort and safety, too. The CH 300 stands out for its ergonomic design and high level of safety. The roomy cabin, which is fully-glazed and equipped with a sliding door, is the only one in the segment to have obtained the TOPS and FOPS-1 certification. The workspace is adjustable and uses levers and capacitive manipulators, as well as a colour, 7”, touch screen display connected to the CCS system: a user-friendly control software designed entirely by Comacchio, which controls the drilling parameters and allows for the complete management of the machine, including diagnosis of any error.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

First time on Munich stage for MC 3 too, extremely compact and lightweight multipurpose drilling machine designed for easy mobilization, operation in limited space and difficult access conditions (for example inside buildings, shafts, cellars and small tunnels). To allow this, the MC 3 is equipped with a variable width undercarriage that allows access through entrances as narrow as 900 mm. The MC 3 can be used for many types of construction drilling operations such as micro-pile, soil nailing, anchors, foundations, foundation repair and ground consolidation. The rig features a patented mast articulation system that has been developed to ensure a small footprint to operate in restricted or limited access job site. Thanks to the modular mast construction the rig can be operated both in open-site and low-headroom conditions and offers a variety of feed lengths to handle various tooling types. To meet the new emission regulations and particle number (PN) emission limits, the MC 3 features Stage V technology (EPA Tier 4 Final) including DOC and DPF. The use of the most advanced engine design and post-treatment technology, combined with an intelligent electronically controlled heat dissipation system that adjusts the rotation speed of the cooling fan to the actual operating requirements of the rig, optimizes performance while reducing environmental impact in terms of noise, emissions and fuel consumption. For safer and easier operation in limited access conditions, the MC 3 is equipped with the Comacchio remote radio control system managing all functions, including drilling, tracking and set-up.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

17


Fondazioni Speciali | Soilmec Special Foundations

Nel suolo dove si crea la versatilità Soilmec ha rinnovato produttività e sicurezza nei grandi diametri (SR). Dinamismo e leggerezza nei modelli SM di macchine per micropali

C

hi si fosse recato nell’enorme area aperta del Bauma 2019, non avrebbe potuto ignorare quella che a tutti gli effetti appariva - e appare da tempo, a ogni scadenza fieristica internazionale - come una vera e propria cittadella dedicata al mondo delle fondazioni speciali. Il mondo di Soilmec è proprio quello che rivela questa innovazione itinerante e diversificata in un autentico arcipelago di soluzioni per ogni segmento applicativo e anche a Monaco l’osservatore attento ha potuto scegliere tra numerose novità e altrettanti aggiornamenti di gamma dove le differenti tecnologie hanno riguardato soprattutto, nell’ordine, le perforatrici di grande diametro, le perforatrici da micropalo e le idrofrese. Procediamo con ordine e riassumiamo qui il panorama che definisce l’attuale orientamento della progettazione Soilmec per questi tre campi di impiego. Cominciamo dai grandi diametri. Sulla base dell’esperienza e del successo della prima generazione, i nuovi impianti di perforazione della serie SR sono stati concepiti dall’attuale ricerca e sviluppo Soilmec per migliorare produttività e flessibilità operativa in misura sempre maggiore, oltre a incrementare il comfort e la sicurezza per l’operatore. Le nuove perforatrici sono dotate di rotary più potenti e leggere, motori diesel potenti e un valore di estrazione nel sistema tiro-spinta maggiore rispetto ai modelli precedenti. La nuova generazione di perforatrici SR, nella versione tiro-spinta ad argano, presenta un nuovo sistema di rinvii dal design semplificato a tutto vantaggio di sicurezza ed efficienza. È possibile pas-

18

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Idrofrese, la libertà del puma

sare dalla versione a cilindro alla versione ad argano della perforatrice con una procedura rapida che aumenta la multifunzionalità e l’adattabilità alle diverse applicazioni. La linea SR vede anche una riduzione complessiva di peso delle macchine senza alcuna perdita di prestazioni in virtù dell’impiego di acciai ad alta resistenza e di un nuovo design dell’antenna con sezione standardizzata. Il modulo di base della perforatrice SR125 HIT (High Tech) porta per la prima volta sulla scena del settore uno dei con-

Lo stato dell’arte Soilmec nel settore delle idrofrese oggi è rappresentato dal modello Cougar SC-130, una macchina che ha superato vari test in cantiere per essere ulteriormente perfezionata prima del lancio ufficiale. La nuova SC-130 Cougar è progettata per adattarsi nel modo più versatile al contesto di lavoro, per un’ampia gamma di raggi di intervento e rotazioni in modalità fresante. La rotazione a +/- 90 °, il nuovo e potente motore diesel Cat C18 e le diverse soluzioni adottate per gli avvolgitori consentono di affrontare interventi a profondità fino a 70 m e garantiscono le massime prestazioni anche in condizioni limite. Il sensore verticale ad alta profondità, i flaps mobili indipendenti e il sistema Soilmec DMS, integrato con la ricostruzione 3D del pannello, consentono un controllo della verticalità della massima precisione. L’SC-130 Cougar presenta inoltre un nuovo sistema antinfortunio, con passerelle, corrimano e scale, punti di ancoraggio, schede di controllo remoto e modalità a velocità ridotta per eseguire le principali operazioni di montaggio, smontaggio e manutenzione in condizioni di totale sicurezza. Il modello Cougar SC-130 - ulteriore dettaglio di flessibilità - è stata progettato per un assemblaggio modulare con peso di trasporto di 48 t.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

19


cetti vincenti dall’industria automobilistica. Con quattro diverse versioni (SR-115, SR-125 ,SR-135 e SR-145), costruiti sulla stessa macchina, gli operatori possono soddisfare le più diverse esigenze di intervento attraverso un sistema plug & play. I quattro modelli, quindi, sono ugualmente progettati per tutte le tecnologie di perforazione e consolidamento del suolo, con la possibilità per ciascuno di cambiare diametri e profondità di progetto, forza di estrazione e peso nella configurazione di trasporto. Il nuovo design del corpo macchina, la massima cura del layout-componenti all’interno delle carrozzerie e la disposizione dei powerpack comportano una conseguente significativa riduzione della rumorosità, facendo di questa serie di macchine la scelta ideale adatti per l’impiego nel contesto di aree urbane. Passiamo alle perforatrici Soilmec per micropali. I nuovi modelli di questa gamma si distinguono per un dinamismo che consente all’utilizzatore di lavorare in varie posizioni, con movimenti laterali eseguibili in totale sicurezza; grazie all’innovativo meccanismo cinematico, queste macchine possono operare in parallelo

20

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


alla posizione dei cingoli. Le centraline di perforazione SM sono progettate in abbinamento alternativo a motori Tier III e Tier IV per elevate prestazioni, basse emissioni e un’estrema facilità di manutenzione. Grazie a una vasta gamma di rotary, morse e antenne modulari a corsa variabile, le possibilità di applicazione ri-

sultano molto estese. La Soilmec SM-22, ad esempio, è un’evoluzione degli storici modelli PSM-1350 e SM-20 - best seller da oltre 300 unità vendute in tutto il mondo - e sono stati completamente ridisegnati per incrementarne la produttività, con una cura particolare ai più elevati standard di sicurezza. Grazie al design modu-

lare, questo modello può essere facilmente configurato in versioni diversificate a singola rotary, doppia rotary, top-hammer e vibro-rotary per eseguire consolidamenti, micropali e ancoraggi con diverse tecnologie di perforazione, a circolazione diretta, circolazione inversa, DTH, CFA e jet grouting.

Soilmec, key player in ground engineering The challenges of foundation and ground engineering reveal new products that Soilmec will introduce on the market. In large diameter piles, new generation of SR drilling rigs has been designed to improve productivity and operating flexibility to an ever higher degree, in addition to operator comfort and safety. The new rigs are fitted with more powerful and lightweight rotaries, powerful diesel engine and increased pull up value compared to prior models. The new SR generation implements a new winch version pull down system featuring a standardized and simplified design to further improve safety and efficiency. Switching from the cylinder to the winch version is a quick procedure that boosts the multifunctionality and adaptability to different applications. SR line reduces weight but improves in performance thanks to the use of high-strength steels and a new antenna design with standardized section. The SR125 High Tech platform brings one of the winning concepts from the automotive industry to our reference market for the first time. Customers can choose a model and then create the rig that best suits their needs. Four different models built on the same base machine can satisfy the most different needs through a plug & play system. Four models equally designed for all drilling and soil consolidation technologies, by changing diameters and design depths, extraction force, weight in transport configuration. The combination of new design and the utmost care for the space inside the machine and the arrangement of

power units lead to a significant reduction in noise emissions, making them suitable for use in densely populated areas. In micropile drilling field, the new micro-drilling rigs are the outcome of Soilmec expertise engineering aimed at increasing performance, safety and innovation. The new SM series stand out for an extensive series of movements which make it possible to work in various positions and to perform lateral movements in total safety. Thanks to innovative kinematic mechanism, the machines can also operate parallel to the tracks. The new SM drilling rigs are designed to be powered by both Tier III engines and the new Tier IV engines boasting high performance and low emissions in addition to extreme ease of maintenance. Thanks to a wide range of rotary heads, clamp/ joint breakers and modular antennas with varying travel of the rotary heads, the new models will be suited for an extremely varied range of working applications and technologies. The Soilmec SM-22 is an evolution of the historic PSM-1350 and SM-20 models that overall have sold more than 300 units worldwide, and have been completely redesigned to ensure high efficiency and productivity levels on site together with the highest safety standards. Thanks to its modular design it can be easily configured in different single rotary fittings, double rotary, top-hammer and vibro-rotary to carry out consolidation, micropiles and anchors with different drilling technologies, direct circulation, reverse circulation, DTH, CFA, jet grouting.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

New Cougar SC-135 hydromill. Soilmec’s tried and tested technology has been further refined to offer the most advanced technology available for this type of equipment. The new SC-135 is designed to perfectly suit the jobsite, allowing operation in a wide range of working radius and module rotations. The equipment features several improvements, especially in terms of safety and oil contamination, which are the result of years of drilling experience. This equipment encompasses all the best ideas put forward by job site experts who use the hydromill daily to improve control, performance and reliability. One feature includes a patented hydraulic system dedicated for cutting module and base machines with the filters installed directly on the main lines to avoid any possible breakdown due to bentonite contamination. The hydraulic swivel for +/-90° module rotation, the high power new Cat C27 Diesel engine and different winders design solutions are suitable for job sites up to 150 m depth, and guarantees the highest performances in various conditions. The high depth vertical sensor, the independent mobile flaps and the DMS on board complete with the 3D graphic print out panel options means verticality control as never before. The SC135 Tiger presents a new safe anti-falling system, handrails and ladders, lashing points, remote control boards and reduced speed mode in order to carry out the main assembly/disassembly operations and maintenance procedures in safe conditions.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

21


Fondazioni Speciali | Enteco Special Foundations

Transformer drilling per rotary universale Dalla testa di rotazione multipurpose Enteco ricava uno spettro di applicazioni ampio e diversificato. Così le perforatrici di serie diventano autentiche piattaforme polivalenti pronte a tutto

L

a corsa di Enteco verso il mondo continua, nel segno di una tecnologia che nel settore delle fondazioni speciali è da tempo sinonimo di flessibilità e rapidità di intervento. Il costruttore di Musile di Piave (Ve) può contare oggi su una gamma di macchine dal successo collaudato in ogni continente, dall’Europa all’Australia, passando per Asia e Stati Uniti. I progetti che hanno conferito autorevolezza a Enteco sono ormai numerosi, con alcuni highlight che illuminano di frequente la scena dei cantieri internazionali. Tra questi, un posto di riguardo va riservato senz’altro al modello E 6050 LM (Long Mast) che quest’anno è stato completamente rinnovato. L’abbinamento di questo modello - in grado di realizzare pali fino a 32 m di profondità - con il kit SP (Soil Displacement) per la compattazione laterale dei terreni e SM (Soil Mixing) costituisce un abbinamento comprovato in molte opere di consolidamento (ricordiamo, ad esempio, i cantieri di ricostruzione post-terremoto nel Centro Italia e altre opere di fondazione realizzate nel Bagladesh e nel Nord Europa). La ricerca Enteco ha portato risultati di notevole versatilità a vantaggio dei clienti mondiali, soprattutto sul fronte delle attrezzature, con abbinamenti d’eccezione come quello del kit SP-HG. Si tratta in questo caso dell’implementazione di un equipaggiamento denominato HG (Hydraulic Grab) in montaggio diretto sull’asta di perforazione già predisposta per l’attrezzatura SP (Soil Displacement). In questo modo, si possono realizzare diaframmi come applicazione alternativa, conferendo alla perforatrice E 6050 LM - ma il discorso vale per qualsiasi

22

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

altro modello Enteco equipaggiato con kit SP - il valore di un’autentica macchina multifunzione. Riguardo alla macchina-piattaforma di base E 6050, la vocazione polivalente è testimoniata dall’ampio spettro di

tecnologie veicolate da questo modello, dai pali trivellati a secco - oppure con fanghi bentonitici - ai pali trivellati con rivestimento CFA, dai pali SP ai pali con martello fondo foro, fino ai diaframmi e al Soil Mixing.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


cun tipo di saldatura. Questa tecnologia ha fatto guadagnare a Enteco molti punti tra gli attori più all’avanguardia del settore. L’incremento di produttività riscontrato è risultato di quattro volte maggiore rispetto alle metodologie di intervento tradizionali. Senza contare che la nuova, speciale testa rotary di Enteco può essere utilizzata non solo in applicazione DTHR ma con tutte le altre tecnologie previste da Enteco, senza la necessità di alcuna modifica. Sempre nel segno della versatilità, passando ad altri modelli di punta della gamma Enteco, accanto alla E 6050 LM il secondo posto d’onore nelle nostre menzioni non può non essere riservato alla E 9080. Questo modello è stato presentato all’ultimo Bauma di Monaco in versione DTHR300, un allestimento che prevede l’equipaggiamento con una testa di rotazione multipurpose (dalla coppia massima di 320 kNm) dotata di un dispositivo di rotazione frontale a comando idraulico. La rotary induce una rotazione frontale di 90° per consentire - in senso orizzontale - l’inserimento del rivestimento sull’asta di perforazione con l’aiuto dell’argano ausiliario. In questo modo, è possibile sollevare una stringa di perforazione (asta più casing) di una lunghezza fino a 24 m in una sola volta, senza dover effettuare al-

Leading fields of productivity Maximum optimization of time and resources, site safety, quick change in foundation technology and ease of transportation: these are the features on which Enteco has always focused its cutting-edge Research and Development activities. These are exactly the main advantages of Enteco exclusive patents that Musile di Piave company presented for the first time in Munich, at Bauma 2019. From the highlights, the new E6050LM rig, completely redesigned in 2019 edition, equipped with the SP (Soil Displacement) drilling Kit and the LM Kit (Long Mast) - a unique Eteco patent - which provides a considerably longer stroke of the rotary head. A compact rig (operating weight up to

58 ton) for piles up to 32 meters depth. At Munich, next to the E6050LM, for the first time, Enteco revealed multipurpose, self-erecting drilling rig E9080 DTHR300 with an exclusive multipurpose rotary head (320 kNm max torque) and carriage with the new hydraulically operated tilting device. The rotary head swings 90° from vertical in order to tilt the drill- rods forward and insert the casing horizontally with the aid of the auxiliary winch: up to 24 m of casings can be set up in one go, without the time-consuming process of welding the casing sections. It’s a technology in which Enteco always led the field, experiencing on site an increase in productivity up to four times compared to the traditional method.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

23


Fondazioni Speciali | Liebherr Special Foundations

Concerto unplugged nel cantiere verde Liebherr presenta la nuova versione elettroidraulica a batterie della grande LB 16. Una soluzione di compatibilità ambientale ed efficienza che si colloca nel quadro della filosofia Local Zero Emission

S

e il comandamento universale per ogni macchina operatrice che si appresti a varcare la soglia delle costruzioni future è quello della sostenibilità - ambientale e naturalmente economica - un costruttore globale di assoluto riferimento come Liebherr non può che giocare d’anticipo. Così ha scelto l’agorà di Bauma 2019 per lanciare il sor-

prendente modello LB 16 unplugged, la prima grande perforatrice rotary al mondo con funzionalità esclusivamente a batteria. Si tratta di una macchina che lascia campo libero ad applicazioni in qualsiasi contesto, anche nelle aree più sensibili che richiedono all’operatore una particolare e stringente attenzione alle emissioni acustiche e atmosferiche. Inoltre, le prestazioni della LB 16 unplugged sono le stesse di una normale perforatrice termica, con diametri massimi di 1.500 mm e profondità di 34,5 m. La perforatrice LB 16 unplugged ha un peso operativo di 55 t ed è dotata di un motore elettrico da 265 kW. Il pacco batterie è in grado di garantire un’operatività di 10 consecutive e per la ricarica può essere collegato tranquillamente alle ali-

24

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


mentazioni elettriche in cantiere (da 32 A e 63 A); in connessione a una rete elettrica da 125 A, le batterie della LB 16 unplugged possono essere ricaricate nell’intervallo di sole sette ore. La LB 16 unplugged, come dicevamo, si avvantaggia dell’assenza di emissioni e

rumorosità - tipiche della funzionalità dei motori termici - e si candida naturalmente al lavoro nei cantieri che si trovano nelle vicinanze di centri urbani o in altre zone a impatto ambientale critico, dove la legislazione attuale a livello europeo - e nazionale - sta imponendo vincoli piut-

Un diaframma di grandi possibilità Nella cittadella globale concepita per il Bauma 2019, Liebherr ha presentato per il settore delle fondazioni speciali anche un drilling pack per diaframmi, con l’abbinamento di un escavatore a fune e di un sistema di dissabbiatura progettato appositamente per l’impiego nelle aree urbane. Il nuovo sistema di idrofresa per diaframmi presenta una struttura modulare robusta in versione LSC 8-18 C oppure L, per spessori del diaframma di 800-1.800 mm. La designazione C (compact) sta per design compatto, mentre il corpo base contrassegnato da L (large) è di 4 m più lungo. L’altezza complessiva della fresa di 12 m e l’elevato peso con baricentro basso consentono una migliore verticalità e un’eccellente guida. Questo è un vantaggio soprattutto quando le dimensioni della parete del diaframma sono grandi. Con la fresa è possibile praticare incisioni con una lunghezza di 2.800-3.200 mm e una profondità massima di 110 metri. Le ruote dentate della fresa possono essere facilmente sostituite grazie al sistema di cambio rapido. Ogni ruota dentata della fresa è azionata con una potenza in ingresso di 110 kNm ed è progettata per le applicazioni più difficili.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

25


tosto rigidi all’impiego di macchine operatrici. La nuova direttrice di ricerca e sviluppo interna di Liebherr (denominata Local Zero Emission) è corroborata da altri moduli avanzati implementati sulla LB 16, a partire da un sistema di assistenza digitale a bordo davvero all’avanguardia. Sul display del sistema di controllo è visualizzata, ad esempio, la pressione sul suolo della perforatrice, con calcoli elaborati in tempo reale e successivamente confrontati con i valori limite consentiti in relazione alla natura del terreno e alle caratteristiche dell’area di intervento. Il grande valore del comfort si realizza invece nella cabina della LB 16 unplugged dove all’eleganza e alla comodità dell’abitacolo si abbina un impianto di climatizzazione calibrato in modo sofisticato - anche il sedile progettato per la massima ergonomia in relazione a prolungate sessioni di lavoro, prevede un sistema di riscaldamento e di condizionamento integrato -, mentre l’ottima visuale sull’area di lavoro e un design concept mirato a ridurre la rumorosità interna completano il quadro di una macchina moderna e versata al futuro del settore drilling & foundation.


Liebherr, the drilling in a clean and silent way In awareness of its responsibility towards the environment and society, Liebherr presents the LB 16 unplugged: the first drilling rig on the market with Local Zero Emission. The brand-new Liebherr model does not only have an alternative drive concept, it can also be operated by battery without a cable, therefore: unplugged. There are no restrictions in performance and application of the LB 16 unplugged when compared to the conventional version. Just as for the conventional machine with diesel engine, it can achieve maximum drilling diameters of 1,500 mm and drilling depths of 34.5 m. Operating weight is 55 t. The innovative Liebherr machine has an electric engine with a system performance of 265 kW. The battery is designed to last for a 10-hour working day and can be simply recharged using a conventional jobsite electric supply (32 A, 63 A). Using a 125 A sup-

ply, the battery can be fast-charged in barely 7 hours. The alternative drive of the LB 16 unplugged is also reflected in the integrated battery blocks mounted on the uppercarriage. The absence of a combustion engine has two advantages: the LB 16 unplugged causes no local emissions and significantly less noise. Thus, the drilling rig is also suitable for operation in areas sensitive to noise. Increasing urbanization brought about, above all, strict laws concerning the operation of vehicles and machines within urban areas. For building projects, which have requirements deriving from emission regulations, the electrically driven LB 16 unplugged can score full points. In addition to the alternative drive, the LB 16 unplugged convinces with more safety and simpler application thanks to a state-of-the-art assistance system. The ground load-bearing capacity and the monitoring of the ground

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

pressure are decisive for the safe operation of a construction machine. The Ground Pressure Visualization of the LB 16 unplugged calculates the current ground pressure of the machine in real time and compares it with the specified safety limits of the relevant position. The ground pressure is displayed in the operator’s cab and the operator is permanently aware of whether the machine is situated in, or is approaching, a critical area. Dangerous work stages can so be avoided or adapted in good time. The machine is equipped with a new cabin concept, which gives the LB 16 unplugged an elegant appearance and, above all, focuses on increased operator comfort. This is achieved through a modern air-conditioning system with improved airflow, an optimized field of vision and reduced noise protection, as well as an orthopaedic operator’s seat with integrated heating and cooling.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

27


Fondazioni Speciali | Casagrande Special Foundations

Un colosso in versione CFA Si tratta dell’ultima novità Casagrande per pali rivestiti e ad elica continua, il top di gamma della serie XP-2. Il modello è il più grande di sempre nella storia del poliedrico costruttore di Fontanafredda

I

l colosso di Casagrande alla fine è arrivato a Monaco, accolto dall’interesse naturale degli specialisti più eclettici delle fondazioni speciali. Il nome del gigante in questione è B470 XP-2 e si tratta della macchina più grande mai realizzata dalla casa di Fontanafredda (Pn). Il modello deriva dalla fucina della fortunata serie XP-2, studiata e realizzata secondo le più moderne tecniche di progettazione meccanica. La linea in questione comprende una gamma completa di piattaforme rivolte alle diverse esigenze delle imprese che operano nel campo della geotecnica. Veniamo quindi alla novità top di gamma. La base da fondazione Casagrande B470 XP-2 in configurazione CFA è una macchina multifunzione progettata per l’esecuzione di pali con l’infissione di tubi di rivestimento, con l’impiego di morsa giracolonna, per lo scavo di pali con metodo CFA a elica continua e infine, predisposta per essere rapidamente configurata con attrezzatura per la realizzazione di diaframmi. Grazie a un’elevata coppia della rotary di 470 kNm, alle aste rinforzate e al potente argano principale, il B470 XP-2 permette una rapida esecuzione di perforazioni profonde e di grande diametro anche su terreni impegnativi. Inoltre l’argano pulldown da 660 kN e la corsa di 26 m della rotary facilitano l’impiego di tubi colonna. Mettere l’operatore nelle migliori condizioni di lavoro e ottimizzare tempi e costi, da sempre è un obiettivo strategico di Casagrande. Per questo anche la B470 XP-2 è stata concepita secondo le più avanzate ricerche di ergonomia, rispettando le norme sulla sicurezza in conformità alla nor-

28

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Continuous flight to the top

Casagrande’s new series of XP-2 hydraulic piling rigs are designed and built using the latest state-of the-art techniques. A range of machines engineered to satisfy the needs of the most demanding contractor with emphasis on performance, reliability and economy. The Casagrande B470 XP-2 is a multifunction machine designed

to drill boreholes, to insert and extract casings, to power a casing oscillator, for piling by the continuous flight auger method and ready for conversion in diaphragm wall equipment. Due to the high torque of the rotary head of up to 470 kNm, the HD kelly bars and a powerful winch, the B470 XP-2 can rapidly drill deep and large piles in

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

hard soils. The crowd winch will drive casings deep into the ground with extreme accuracy having a line pull of 660 kN and rotary head stroke of 26 m. “Keep the operator happy in a comfortable working environment” is the Casagrande formula for added productivity. The B470 XP-2 is designed to satisfy the severe European Union standards on safety and is manufactured to comply with the ISO 9001 requirements on quality. Continuous Flight augers piles CFA are non-displacement cast-in-site bored piles. It consists of drilling using a rotary head coupled to a continuous flight auger with hollow stem. After reaching the required depth concrete is pumped down through the hollow stem of the auger to form the pile. According to the contractor’s requirements, Casagrande is able to offer a wide range of models, allowing different depths and diameters. Accessories such as auger cleaners, computer for measuring and monitoring the injection parameters, kelly extensions and crowd winches can be offered.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

29


mativa CE e agli alti standard qualitativi della norma ISO 9001. Nella considerazione dei punti di forza specifici della B470 XP-2, cominciamo con il parlare del sistema di controllo Smart Power Management (SPM). Si tratta di un modulo che permette una gestione intelligente della potenza-motore, aumentando le prestazioni e la produttività delle macchine Casagrande. La tecnologia SPM monitora i flussi di potenza istantanei e conferisce in tempo reale la piena potenza disponibile alle funzioni di lavoro, perché l’operatività della perforatrice abbia sempre a disposizione la massima potenza possibile. In secondo luogo, lo sguardo

tecnico va rivolto agli impianti idraulici delle macchine di nuova serie XP-2, realizzati per un controllo diretto delle prestazioni delle pompe idrauliche nel circuito di potenza in modo da conseguire un’efficiente, precisa e rapida esecuzione delle manovre. Il motore diesel - dalle ridotte emissioni inquinanti per minimi consumi specifici di carburante - trasmette la potenza necessaria alle pompe idrauliche (di moderna concezione) attraverso un accoppiatore a elevato rendimento meccanico. Il sistema di comando e controllo implementato sui modelli XP-2 offre una serie di vantaggi per l’operatore. Innanzitutto,

La schiera dell’efficienza Il lancio in anteprima del top di gamma B470XP-2 non ha costituito l’unico punto di interesse della presenza Casagrande al Bauma 2019. Tra le altre rivelazioni - nella classe di macchine da 30 a 170 t - che hanno richiamato l’attenzione del pubblico specializzato, il modello B300 XP-2, ideale per lavori con pali trivellati medio-grandi, la piattaforma B200XP-2 di impianto ultratecnologico e la C30 dai valori concreti di agile trasportabilità ed efficienza. La gamma di perforatrici ha visto tra i rappresentanti più autorevoli la nuovissima C3XP-2 del peso di soli 6,5 t e la C12XP-2, concepita per applicazioni di jet grouting, CFA e micropali con diametro fino a 600 mm.

30

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

il monitoraggio e la diagnostica di tutte le funzioni per garantire un’osservazione costante dello stato dei sensori e dei componenti; poi, la facile conversione della macchina a qualsiasi tipologia di perforazione esclude ogni operazione manuale, personalizzando in automatico tutti i parametri di lavoro. Sul fronte del comfort, infine, i risultati progettuali innalzano l’ergonomia dell’abitacolo implementato sulla serie XP-2. La nuova livrea adotta materiali fonoassorbenti di ultima generazione, ad abbattimento esponenziale dell’impatto sonoro interno ed esterno. Gli interni sono dotati di scambiatori di calore intelligenti che modulano la velocità delle ventole in funzione della quantità di calore da dissipare, riducendo anche in questo caso il livello di rumorosità dell’impianto di raffreddamento e il consumo di carburante.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Piacenza, 3-5 Ottobre 2019

8.-14. April MĂźnchen

MEET US Veniteci a trovare al Hall 2, Stand 51 Pad. 1 MEET US October308 2018 Stand E10HALL 6A2-8 STAND TH

M880 NEW SERIES

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria www.imetradioremotecontrol.com

TH

31

1988-2018 time is knowledge Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Fondazioni Speciali | Bauer Special Foundations

Sulle ruote corre la produttività Con i sistemi di idrofrese Bauer si possono affrontare grandi opere di costruzione anche in spazi ridotti e per profondità elevate in modo sicuro e conveniente. Macchine MC come sistemi modulari

N

el numero scorso abbiamo parlato in modo approfondito del sistema CSM collegato alle idrofrese Bauer. In questo numero ci concentriamo sui sistemi per applicazioni a grande profondità e per spessori particolarmente ampi. Ricordiamo che l’applicazione delle idrofrese consentono di affrontare diverse operazioni di costruzione, anche in spazi ridotti, per profondità elevate e su terreni

32

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

duri, in modo sempre sicuro e conveniente. Bauer per i cantieri più impegnativi offre la gamma di frese della serie BC che possono essere montate su diverse macchine portanti, comprese le perforatrici rotanti della serie BG. Le tipologie ideali per le grandi opere, comunque, sono rappresentate dagli escavatori a funi Bauer MC 86, MC 96 e MC 128. I punti di forza dei sistemi di idrofresa per grandi opere risiedono innanzitut-

to - come già ricordato nel servizio dello scorso numero di Perforare - nel sistema B-Tronic, sviluppato specificamente da Bauer Maschinen. Si tratta di un modulo integrato per il comando delle funzioni della fresa e per la visualizzazione dei parametri di lavoro attuali in tempo reale. I sistemi di assistenza danno supporto all’operatore e aumentano la produttività delle macchine. Poi, in seconda battuta, il plus da menzionare è quello del disposi-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Una separazione purificatrice

La tecnologia di separazione comprende tutti i prodotti che si utilizzano per la separazione di materiali solidi e liquidi, soprattutto nei lavori di fondazione. La separazione si effettua a più livelli, dalla tecnica di vagliatura alla tecnica ciclonica fino a quella centrifuga, per separare in modo conveniente e ottimale il particolato del terreno dai liquidi. Si effettua così una separazione ottimale che va dalla ghiaia grossolana ai minerali argillosi più fini. Altri campi di applicazione sono la costruzione di gallerie, l’estrazione e la preparazione di sabbia e ghiaia. Gli impianti di separazione di Bauer - prodotti e diffusi attraverso il marchio Bauer MAT - sono adattati in modo ottimale all’utilizzo sulle macchine per diaframmi. I dissabbiatori in particolare vengono utilizzati per la separazione di particelle del terreno dalle sospensioni di perforazione e di sostegno utilizzate nelle opere di fondazione. Altri campi di applicazione sono le cave, le attività minerarie e il microtunneling. La quantità di alimentazione massima consentita dipende da diversi parametri. Viene indicata in metri cubi l’ora e i valori indicati si riferiscono alla portata di acqua. Il valore “d” in particolare indica il diametro più piccolo del particolato, che può essere separato fino a un minimo del 50 % dalla sospensione (indicata in micron).

tivo di rotazione. Che supporto l’operatore nella realizzazione di tagli negli angoli degli scavi di fondazione o nel caso dell’utilizzo di colmate strette, quando la fresa deve essere girata e allineata verso la macchina base. Le ruote delle frese, altro vantaggio da sottolineare nei sistemi idrofresa Bauer, si distinguono in ruote standard per l’applicazione su terreni misti, ruote RSM con picchi speciali per il taglio di sabbie cementate, conglomerato, pietra e roccia fratturata, ruote con bit a rulli per strati rocciosi estremamente duri (qu > 120 MPa) e, infine, ruote ibride composte da picchi e denti piatti in modo che, dopo il taglio di strati non compatti o compatti, sia possibile intestarsi in terreni molto duri o nella roccia. Con il sistema di tensionamento dei tubi flessibili (HTS), il tubo fanghi e i tubi idraulici vengono convogliati nello scavo tramite bozzelli, mentre attraverso il dispositivo HDS, l’avvolgimento dei tubi

convogliatori e idraulici su due grandi tamburi azionati idraulicamente riduce l’altezza del braccio e quindi la capacità richiesta alla macchina base. Con questa implementazione sono già stati realizzati sistemi per profondità fino a 250 m.

Passando alla macchina base, la particolare forza degli escavatori a funi MC Bauer sta nell’orientamento coerente alle esigenze dei lavori di fondazione testimoniata nella filosofia di progettazione e in numerosi dettagli costruttivi. Oltre alla

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

33


produttività, Bauer ha conferito alla propria serie MC i valori di sicurezza e tutela dell’ambiente richiesti dai principi delle moderne opere di fondazione. Sensori per il controllo di diverse funzioni (ad esempio, il rilevamento di angoli di rotazione),

la cabina confortevole, il sistema HSE di protezione degli operatori per la passerella del braccio (brevetto registrato), un comando di facile utilizzo, il kit opzionale di protezione acustica, fino all’EEP (con riduzione del consumo di carburante fino al 30 %) e una rumorosità sensibilmente ridotta confermano questa direttrice di sostenibilità seguita dal costruttore tedesco.

Falcon drilling through Canada kimberlite Bauer Maschinen together with a JV partner successfully completed the first 228 m cutter bulk sample on FalCon project in Canada. This depth has never been reached by a trench cutter in any commercial application worldwide before and proves that Bauer cutter technology cannot only be used in specialist foundation engineering, but is also suitable for the exploration and mining industry. The FalCon project of Rio Tinto Exploration Canada Inc. (“Rio Tinto”) and Star Diamond Corporation aims to prove the commercial viability of the Fort a la Corne kimberlite fields in Saskatchewan in Canada. Due to the low grade of the kimberlites, Rio Tinto decided to use Bauer trench cutter technology to provide large-volume, high

34

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

quality kimberlite samples for the final evaluation of the project in regards to diamond content and recovered diamond quality. A BC 50 cutter on a MC 128 duty-cycle crane is used for bulk sampling to a maximum depth of 250 m. In addition to the cutter and the base carrier, Bauer Maschinen supplied a BE 550 desanding plant and other accessories from its branch BAUER MAT Slurry Handling Systems. The equipment was delivered to site on time and tested in September 2018. After a long winter break operation started end of May 2019. The kimberlite is washed and bagged into bulk bags for further evaluation in multiple steps by the experts of Rio Tinto. The Star kimberlite on the FalCon project is covered by approx. 120 m of over-

burden which poses a significant additional challenge to the project. Bauer together with its local joint venture partner, Nuna Logistics Limited from Edmonton, has now achieved a milestone and successfully completed the first cutter bulk sample to a depth of 228 m. “Groundbreaking, in more ways than one, this is a significant milestone in using proven technology for a very different application. For us it means that we will be able to make important exploration decisions on what has been, one of the most challenging diamond evaluation projects in the industry. We look forward to continuing working with Bauer to embed this technology and other new innovations in our programme”, says Gary Hodgkinson, Project Director at FalCon.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Scopri di piĂš su:

fassi.com

facebook.com/fassigruspa Scopri di piĂš su:

fassi.com

facebook.com/fassigruspa Piacenza, 3-5 Ottobre 2019

Veniteci a trovare al

Area Esterna Stand M16-N15/20 Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria Area Esterna Stand N1a

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

35


Perforazioni | Massenza Drilling

Progettate sempre per l’estremo Tra i modelli compatti del mercato attuale, la MI8 di Massenza è la macchina multifunzionale per affrontare qualsiasi sfida. Anche quella delle ricerche minerarie sul coriaceo terreno baltico

L

a diffusione delle macchine da perforazione Massenza nel mondo sotto ogni latitudine, dall’Europa agli Stati Uniti, dall’America Latina all’Australia - richiama una multifunzionalità che si abbina al dettato della compattezza - requisito fondamentale per molte applicazioni in ambiti angusto e nelle vicinanze di centri urbani. La perforatrice MI8 è un esemplare di grande successo globale proprio per la sua robustezza e affidabilità al servizio delle perfo-

razioni più impegnative a profondità notevoli. Si tratta di una macchina che può essere allestita in diverse configurazioni, a seconda delle necessità del cliente, e sulla quale è possibile installare, ad esempio, pompe fango duplex, pompe centrifughe e lubrificatori per martello fondo foro, in configurazione alternativa su carro cingolato o su autocarro. In entrambi i casi, sempre su richiesta del cliente, è possibile applicare un caricatore automatico per le aste di perforazione. La MI8 è predisposta quindi per lavorare con differenti sistemi di perforazione, dalla circolazione diretta dei fluidi al martello fondo foro e con aste ad elica continua, e in relazione anche ad applicazioni relative alle ricerche idriche, ai sondaggi geotecnici e ambientali, alle perforazioni geotermiche e ai carotaggi per ricerche minerarie.

36

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Tra gli allestimenti più recenti per i clienti europei, il costruttore di Parola (Pr) ha consegnato pochi mesi fa proprio una nuova MI8 all’impresa Inseneribüroo Steiger di Tallinn, in Estonia, personalizzando la perforatrice per la dedica a molti campi di intervento, dalla realizzazione di pozzi d’acqua alle ricerche minerarie fino alle applicazioni nel settore geotecnico. La MI8 allestita da Massenza doveva rispettare parametri particolari come quelli relativi alla certificazione CE per la realizzazione di carotaggio wireline inclinato a 45° fino a 800-1.000 m, con aste NQ e perforazione con elica continua (fino a 20 m di profondità per 114 mm di diametro). Oltre a queste specifiche, la richiesta del cliente estone indicava in particolare la possibilità che la perforatrice potesse realizzare pozzi d’acqua tramite una

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


perforazione con martello fondo foro (da 114 e 178 mm) e a circolazione inversa; in considerazione della discontinuità di composizione del suolo estone, la perforatrice doveva essere equipaggiata per lavorare su tutti i tipi di terreno. Non solo: solitamente le condizioni climatiche in Estonia sono piuttosto umide, con una fitta presenza di foreste a clima temperato e di zone palustri e fangose anche in prossimità dei cantieri. Anche per queste ragioni il cliente aveva richiesto un carro cingolato con una specifica pressione al suolo che permettesse alla perforatrice di accedere ad aree di lavoro anche in condizioni proibitive. Le caratteristiche principali della macchina MI8 consegnata a Inseneribüroo Steiger contempla quindi, nei componenti,

Vincente e compatta anche in UK Il mercato britannico della perforazione è stato conquistato da Massenza ormai da molto tempo, anche grazie all’efficace partnership con Rockbit Uk Ltd. Il successo, anche in questo ambito europeo, sorride al modello MI8 in allestimento su cingoli, per una macchina sempre potente, versatile e molto compatta. Le applicazioni predilette, anche in UK, riguardano la perforazione di pozzi d’acqua e la realizzazione di pozzi per geotermia.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

37


una propulsione affidata al motore VM con potenza da 79 kW, in conformità ai parametri di emissione Stage III B/Tier 4 interim, un allestimento-carrozzeria insonorizzato e un pannello di controllo idraulico insediato sul braccio. La capacità di perforazione arriva fino a un’angolazione di 45°, per un tiro di 12.000 kg con motoriduttore e catena - argano da 3.160 kg, wireline con 1.000 m di fune. Nell’equipaggiamento è prevista la morsa idraulica doppia con centratori idraulici e passaggio da 310 mm e parapolvere, un estrattore casing con tiro da 25.000 kg, la testa multipurpose Eurodrill modello RH 15 X a otto velocità con coppia massima 10.660 Nm e velocità massima 1.000 giri/min. Le pompe allestite presentano un modello ad acqua Triplex con portata massima da 200 l/min alla pressione massima di 50 bar e una pompa schiuma con capacità massima da 50 l/min e pressione massima sempre a 50 bar. Le specifiche contemplano, ancora, il sistema di lavaggio, il lubrificatore con capacità 25 m³/min e pressione massima a 30 bar, un contenitore per aste montato sul lato della perforatrice e facilmente smontabile (per 10 aste PQ da 3 m) e, infine, un sistema tecnologico di registrazione dei parametri di perforazione.

The special MI8 for Inseneribüroo Steiger Massenza has just delivered a new MI8 in Estonia, east of Europe, to estonian customer Inseneribüroo Steiger. The request focused on a custom drilling rig, suitable for water wells, mining research, geotechnics, which met stringent parameters: the machine in question, in fact, had to be CE certified, able to perform 45 ° inclined wireline coring. up to 800-1000 m with NQ rods and drilling with continuous flight augers (up to 20 m depth and 114 mm diameter). In addition to this, the request included, among other things, that the drilling machine could also make water wells with DTH hammer (114 and 178 mm) and reverse-circulation system. Since the geological situation of Estonian soil is very complicated and varied, the drilling machine

38

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

necessarily had to be able to work in all types of terrain. Not only that: usually the climatic conditions in Estonia are rather humid and there is abundant presence of temperate forests, the yards can be positioned in areas of difficult access, with muddy bogs. For these reasons, the customer had requested a tracked car with a specific ground pressure that would allow access to any working area, even the most difficult soil conditions. Main features of the MI8 machine reveal an engine VM with max power 107 hp (79 kW), in accordamce with regulation Stage III B/Tier 4 interim, a soundproof bonnet, hydraulic control panel on the arm, ability to perforation at an angle up to 45 °, pull up of 12,000 kg with geared motor and chain, winch 3.160

kg, winch wireline with 1,000 m of rope, double hydraulic clamp with hydraulic centering and 310mm passage and dust cover, casing puller with pull 25.000 kg, multi-purpose head of Eurodrill RH 15 X 8-speed model with maximum torque 10.660 Nm and maximum speed 1000 rpm. Other components includes a Triplex water pump with maximum flow 200 l/min and maximum pressure 50 bar, foam pump with maximum capacity 50 l/min (13.20 Gpm) and maximum pressure 50 bar (725 psi), washing system, lubricator with capacity 25 m³/min and max pressure 30 bar, rod container mounted on the side of the drilling machine and easily dismantled for 10 PQ rods 3 meters long and registration system for drilling parameters.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


THE ONLY EUROPEAN EXHIBITION FULLY DEDICATED TO THE MID-STREAM SECTOR AND THE GAS, OIL & WATER DISTRIBUTION NETWORKS

Pipeline & Gas Expo THE UTILITY CONSTRUCTION SHOW

20-22 May 2020 - Piacenza (Italy)

For info and stand bookings info@pipeline-gasexpo.it - Ph. +39 010 5704948

www.pipeline-gasexpo.it

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

39


Perforazioni | Sandvik Drilling

Multifunzione a tutto campo Arriva da Sandvik il nuovo modello Commando DC300Ri, destinato a un più ampio spettro di applicazioni in ogni ambito, dai cantieri di infrastrutture al surface mining, fino ai lavori in galleria

D

alla fucina della divisione Sandvik Mining e Rock Technology è approdata al mercato una nuova perforatrice della fortunata serie Commando. Si tratta della versatile Commando DC300Ri, declinazione eclettica per le più diversificate applicazioni di perforazione superficiale in campo minerario e construction per l’esecuzione di fondazioni, sbancamenti per l’apertura di strade, trincee, lavori di bullonatura, chiodi autoperforanti, demolizioni o applicazioni di taglio roccia. Il nuovo Commando DC300Ri è un modello all’avanguardia equipaggiato con

40

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

martello per rotopercussione. La macchina è completamente telecomandata e consente una vasta gamma di diametri di perforazione (da 38 a 64 mm) utilizzando aste R28, R32 e T35 MF. Il Commando DC300Ri basa la propria dinamica su una trazione integrale a quattro ruote motrici corroborata dal carro oscillante, per consentire un’eccellente mobilità e stabilità su terreni irregolari. Grazie al nuovo design del braccio - di estrema efficacia e funzionalità - e all’allestimento con l’affidabile perforatrice da roccia HL300, la nuova unità di perforazione Sandvik offre un’elevata produttività abbinata ai ridotti costi operativi.

Una delle caratteristiche prioritarie del modello DC300Ri è l’estrema mobilità. È dotato di quattro motori di traslazione, per una potenza massima di trazione fino 43 kN in totale e la modalità di oscillazione di ± 10° del carro contribuisce all’elevata manovrabilità della macchina. Dicevamo della struttura del braccio rinnovata (e rinforzata); gli angoli di rotazione e lo sbraccio incrementato consentono di operare entro un’area di intervento del 20% più ampia rispetto a quella coperta dai modelli Sandvik Commando precedenti, fino al limite di 12 m2. Una capacità di spurgo di 3 m3/ min consente una maggiore

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Opzione tunneling Con l’adozione di dimensioni-foro inferiori, il Commando DC300Ri si adatta perfettamente alle applicazioni in galleria. Il roll-over è un’utile implementazione quindi nelle operazioni di bullonatura e nelle iniezioni cementizie e l’opzione dell’aggiunta di un’asta all’attrezzatura offre flessibilità e sicurezza all’operatore. L’opzione di traslazione veloce per le applicazioni in galleria consente alla perforatrice di agire sempre in sinergia con il ritmo delle altre macchine impiegate nell’operatività in tunneling. Ulteriori opzioni essenziali, in questo caso, includono il depuratore per gas di scarico, lo spurgo ad acqua e l’adozione di potenti luci a led. Infine, il nuovo Commando DC300Ri può essere ulteriormente equipaggiato con diverse opzioni remote per soddisfare esigenze specifiche, tra cui citiamo almeno il modulo di monitoraggio denominato SanRemo (Sandvik Remote monitoring).

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

41


profondità e una dimensione maggiore del foro. Dotato dell’avanzato sistema di controllo della perforazione iTorque, il Commando DC300Ri è un autentico top di gamma per prestazioni effettive, in virtù della dotazione del nuovo motore CAT 3.6 74,4 kW Stage V/Tier 4F che migliora del 30% - sempre rispetto alle propulsioni dei modelli Commando precedenti - l’economia di carburante. Il Commando DC300Ri presenta lo stesso design modulare delle altre perforatrici compatte Sandvik di nuova generazione. Questo layout razionale garantisce tempi di attività estesi e un’ottima ergonomia di manutenzione, con punti di ispezione facilmente accessibili, una puntuale diagnostica consultabile con facilità e dimensioni di trasporto ridot-

te (solo 2,85 m di altezza per un trasferimento agile e sicuro da un cantiere all’altro). La già menzionata ampia gamma di diametri-foro e le opzioni specifiche di gestione a bordo per ogni applicazione fanno del Commando DC300Ri un’autentica perforatrice multifunzione. Si adatta quindi, nell’ambito delle costruzioni, anche in ambiente urbano, a diversi lavori di ingegneria civile - come i cantieri stradali e ferroviari, gli scavi, le canalizzazioni e altri diversi lavori di fondazione. Lo sbraccio esteso e il roll-over idraulico opzionale - che consente al mast di ruotare di 360 gradi - rendono poi questo modello ideale anche per la perforazione in ambito estrattivo.

All-round multipurpose The Sandvik CommandoDC300Ri drill rig is a hydraulic, self-propelled drilling unit on a 4-wheel oscillated drive carrier and full radio remote control. Offering a wide hole range of 38 to 64 millimeters, the compact sized multi-purpose drill rig is easily moved from one location to another, making it perfect for contractors working in variable applications. Due to its versatility the Commando DC300Ri is truly a perfect machine for a drilling and blasting contractor, but also suitable for quarries and the municipal sector. Typical applications include road and railroad construction, demolition works, secondary breaking, foundation drilling, trenching and bolting. Therefore DC300Ri is most often used by construction contractors, quarries and the municipal sector. Due to its versatility DC300Ri is a perfect machine for drilling and blasting contractor. The Commando DC300Ri features four powerful tramming motors with a maximum tramming force of 43kN in total. Rubber tyres and the ±10-degree oscillation contribute to excellent manoeuvrability. A

42

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

completely new, re-enforced boom structure with extended swing and reach results in 20 per cent larger coverage area (compared to earlier models) equalling 12 m2. A flushing air capacity of 3 m3/min allows deeper hole depth with larger hole sizes and the 24V electric system ads durability. Featuring the most advanced iTorque drilling control system available in its size class makes the DC300Ri top-ofthe-line in drilling performance and ensures longer steel life. The intelligent compressor control system and new CAT 3.6 74.4 kW Tier 4F/Stage V engine contribute to unsurpassed fuel efficiency; adding up to more than 30 per cent improvement compared to earlier models in the same size class. The Commando DC300Ri follows the same unique modular design as other smaller Sandvik next-generation surface drill rigs. This logical layout ensures high uptime with easily accessible service points, onboard diagnostics and small transportation dimensions. Being only 2.85m in height allows easy and fast transportation of the rig from site to site on a small truck or even a trailer. Wide hole range and application-specific on-

board options make the Commando DC300Ri a multipurpose drill rig. It suits various civil construction works, such as road and railroad job sites, trenching, channelling and different foundation works. The extended reach and the optional hydraulic rollover, which allows the feed to rotate 360 degrees also makes the unit ideal for dimensional stone drilling and secondary breaking. With smaller hole sizes, the Commando DC300Ri suits tunnelling applications. The hydraulic roll-over is a necessity in bolting and grouting and the optional one-rod adding system gives flexibility and safety. A special fast tramming option for tunnelling allows the drill rig to keep up with the other fast-moving machines underground. Additional essential options for tunnelling include the exhaust gas purifier (for Tier 3 engine), water flushing and powerful LED lights. In addition, the new Commando DC300Ri can be further equipped with several intelligent options to suit specific needs, these include auto-aligning, SanRemo remote monitoring and Remote Screen.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Attualità FIERE

Attualità FIERE

Nomination Nomination per Bauer per Bauer Il Data Management Software b-project IldiData Bauer Management Software b-project di Bauer è stato nominato per il Bauma è stato nominato per il Bauma Innovation Award 2019. Per Innovation Award 2019. Per Bauer Spezialtiefbau GmbH la Bauer Spezialtiefbau GmbH la digitalizzazione è uno strumento digitalizzazione è uno strumento chiave nel contesto BIM (Building chiave nel contesto BIM (Building Information Modelling). E poiché Information Modelling). E poiché la maggior parte delle attività la maggior parte delle attività di fondazione non può essere di fondazione non può essere ispezionata visivamente, la qualità ispezionata visivamente, la qualità viene ampiamente valutata viene ampiamente valutata utilizzando i dati dei test di utilizzando i dati dei test di costruzione e dei materiali. Bauer costruzione e dei materiali. Bauer Spezialtiefbau GmbH registra Spezialtiefbau GmbH registra sistematicamente e digitalmente sistematicamente e digitalmente tutti i dati di costruzione, li tutti i dati di costruzione, li collega in modo mirato e li collega in modo mirato e li analizza automaticamente. analizza automaticamente. Sullo sfondo di questo “cantiere Sullo sfondo di questo “cantiere digitale”, il software di gestione digitale”, il software di gestione dati b-project è in lizza per dati b-project è in lizza per il Bauma Innovation Award 2019 il Bauma Innovation Award 2019 nella categoria Construction Work/Construction nella categoria Construction Work/Construction Method/Construction Process. Method/Construction Process.

Piacenza, 3-5 Ottobre 2019

Veniteci a trovare al

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Area Esterna Stand G2

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

43


Perforazioni | Epiroc Drilling

Veloci, smart e automatiche I nuovi carri di perforazione SpeedROC 3F e SmartROC D65 rivoluzionano la produttività con il progresso di funzioni intelligenti per il controllo da remoto

A

un anno dalla prima presentazione a Marmomacc 2018, è approdata finalmente al suolo italico la nuova perforatrice idraulica Epiroc da roccia, declinata nel modello SpeedROC 3F. L’identikit di questa macchina - che rileva una produttività di livello superiore abbinata a bassi consumi di carburante - ha conquistato anche Francesco Soffredini, responsabile regionale di prodotto nella Divisione Epiroc Surface and Exploration Drilling. “Lo SpeedROC 3F non solo offre la stessa lunga portata e un posizionamento veloce come il già collaudato modello precedente SpeedROC 2F, ma dispone anche di tre perforatrici da roccia che ne aumentano la produttività - spiega Soffredini - Abbiamo testato SpeedROC 3F con ottimi risultati in una cava di calcare in Germania, raggiungendo una media di 1,5 metri al minuto. In termini di per-

44

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

L’innovazione arriva in 3D In Epiroc, una tecnologia promettente che sta prendendo piede è la produzione additiva o la fabbricazione progressiva di un oggetto, utilizzando i modelli e la stampa 3D (un modulo non ancora ampiamente sviluppato nel settore minerario e nell’edilizia). La tecnologia di produzione rapida dei dettagli prevede la produzione di campioni fisici basati su dati CAD o su dati di scansione 3D. Ciò include l’utilizzo di apparecchiature speciali per la sintesi 3D strato per strato e praticamente nessuna necessità di ulteriore perfezionamento. Già all’inizio di quest’anno Epiroc ha iniziato a valutare l’opportunità di implementare tecnologie additive nel processo di produzione dei pezzi di ricambio, garantendo elevati standard di qualità e precisione. Questa tecnologia non solo offre ulteriori opportunità per la creazione di parti complesse, ma consente alle aziende di trasferire in pochi minuti i modelli digitali in tutto il mondo per produrre pezzi di ricambio direttamente dove sono necessari. Per coloro che utilizzano le apparecchiature Epiroc, i tempi di attesa per la fornitura dei pezzi di ricambio saranno notevolmente ridotti e, di conseguenza, anche i tempi di inattività delle apparecchiature diminuiranno. Inoltre, la possibilità di stampare in 3D ottimizza in modo significativo il processo di consegna e stoccaggio dei pezzi di ricambio Epiroc.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


forazione, equivale a una lunghezza fino a due chilometri per turno, cioè per otto ore lavorative)”. Nonostante le nuove capacità e caratteristiche, il modello SpeedROC 3F si contraddistingue per la struttura leggera e la facoltà di utilizzare lo stesso carro dello SpeedROC 2F. Il peso ridotto e gli aggiornamenti apportati all’impianto idraulico determinano, come già detto, un consumo di carburante molto basso; la macchina è dotata anche di numerosi miglioramenti che rendono più agevoli e confortevoli le sessioni di perforazione. Dotato di un radiocomando a distanza, lo SpeedROC 3F consente all’operatore di lavorare sempre in sicurezza e con un completo controllo funzionale del lavoro. Le due nuove telecamere sulla guida anteriore della perforatrice consentono di operare direttamente dalla cabina, in alternativa allo stesso radiocomando, e il collettore di polvere ad alta capacità garantisce un ambiente di lavoro estremamente sostenibile per l’utilizzatore. Lo SpeedROC 3F è la macchina ideale per il settore della lavorazione lapidea, considerando il plus della rotazione a 360° e della notevole estensione del braccio che consente di coprire un ampio raggio operativo. Un altro highlight recente di Epiroc riguarda il carro di ultima generazione SmartROC D65 per la realizzazione di perforazioni minerarie. Basato sull’innovativa piattaforma di automazione

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

45


Epiroc, lo SmartROC D65 (presentato in anteprima all’ultimo Bauma di Monaco) è una fucina di funzioni intelligenti che comprendono la modalità di perforazione automatizzata e il sistema di caricamento delle aste. La piattaforma predisposta per l’automazione di questo modello include la nuova funzione Auto Feed Fold che consente, con la semplice pressione di un pulsante, di avanzare in funzione di marcia o di avviare le operazioni di perforazione. Lo SmartROC D65 è disponibile con tre diverse dimensioni del braccio di avanzamento, con la possibilità di trasportare cinque, sei oppure otto metri di tubi. La capacità operativa arriva a una profondità di perforazione fino ai 56 metri. Quando si utilizzano tubi da 8 metri, è possibile ottenere fori di 16 metri aggiungendo una sola asta. La potenza supplementare del martello COP M7, inoltre, consente allo SmartROC D65 di praticare fori fino a nove pollici di diametro (da 110 a 229 millimetri). Grazie al controllo intelli-

Drilling at the forefront Automation technology is transforming the mining industry and empowering drilling operations across the globe. The updated SmartROC D65 is the latest drill rig from Epiroc to make evolutionary strides. This tried and trusted rig now has Epiroc’s innovative automation-ready platform as its foundation. The new SmartROC D65 has the intelligence and power to consistently and efficiently drill high-quality blast holes with accuracy and precision, and is loaded with smart features such as automated drilling and rod handling. The automationready platform also includes the new Auto Feed Fold feature. With the press of a button, Auto Feed Fold enables the operator to fold the feed for tramming or position it for drilling. This also comes in handy when operating one or more drill rigs remotely. “The SmartROC D65 really proves the power of autonomous machinery and brings the future of mining within reach today,” says Mattias Hjerpe, Global Product Manager at Epiroc. “Automation is revolutionizing the industry, and we

46

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

want our customers to remain at the forefront to secure the rewards.” The SmartROC D65 is available in three different feed beam sizes to carry five, six or eight-meter pipes, and has the capacity to drill down to a depth of 56 meters. When using 8-meter pipes, it is possible to drill 16-meter production holes with just one rod adding. The added power of the COP M7 hammer enables the SmartROC D65 to drill holes up to 9 inches (110 to 229 millimeters) in diameter. Thanks to intelligent control of compressor load and engine rpm, the SmartROC D65 not only helps to optimize the blasting process with improved fragmentation. It also cuts an already low fuel consumption by a further 20% compared to the same size FlexiROC rig model. In addition, the rig offers multifunction joysticks and adjustable-speed tramming to further improve operator comfort and make trailer loading safer and easier.“The new SmartROC D65 will help our customers to decrease operational costs and boost productivity,” says Hjerpe.

“Automation translates to greater efficiency, and efficiency translates to greater profits.” The operator interacts with the rig’s advanced control system via a responsive, 15-inch touchscreen that presents everything from drilling parameters and diagnostics to realtime Measure While Drilling data (MWD). In addition, the updated SmartROC D65 is equipped with an efficient hydraulic system that reduces fuel burn and works with fewer pumps and hoses than the previous versions. The new SmartROC D65 uses 300 liters less hydraulic oil than previous versions. As other new features and improvements are released, they can easily be installed via software upgrades to keep the SmartROC D65 up-to-date and on the cutting edge at all times. Yet another intelligent new rig from Epiroc, the SmartROC D60, has been updated with the new automation-ready platform. This robust and dependable surface drill rig features a shorter boom specially designed for efficient and demanding quarry work.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


gente del carico del compressore e del numero di giri motore, lo SmartROC D65 non solo aiuta a ottimizzare il processo di sabbiatura grazie alla funzione di frammentazione migliorata, ma consente di tagliare ulteriormente i già ridotti consumi di carburante di un ulteriore 20% rispetto a un modello FlexiROC delle stesse dimensioni. Inoltre, il carro è dotato di joystick multifunzione e di una velocità di spostamento regolabile per migliorare ulteriormente il comfort dell’operatore. L’operatore interagisce con il sistema di controllo avanzato del carro per mezzo di un touchscreen da 15” dall’impiego intuitivo di 15 pollici che visualizza parametri di perforazione, diagnostica e dati di misurazione (Measure While Drilling

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

data, MWD) in tempo reale durante la il lavoro. In più la nuova versione dello SmartROC D65 è dotata di un efficiente impianto idraulico che riduce il consumo di carburante e funziona con un minor numero di pompe e tubi flessibili rispetto alle precedenti edizioni della macchina. Il risultato di questa economia di design? L’utilizzo di ben 300 litri in meno di olio idraulico.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

47


Industria Estrattiva e Mineraria Mining industry

| Caterpillar

Una volpe nel sottosuolo

La nuova versione LHT della pala mineraria Cat R2900 rafforza affidabilità ed efficacia di un modello best-seller tra gli operatori

N

ella divisione mineraria di Caterpillar si fa strada un modello rinnovato di caricatore che sta già riscuotendo l’attenzione puntuale del settore. Si tratta della pala gommata LHD per lavori in sottosuolo Cat R2900, disponibile in configurazioni propulsive ideali per soddisfare i più se-

veri standard internazionali sulle emissioni previsti per i motori diesel - soprattutto in relazione all’Europa e al Nord America - e in abbinamento a prestazioni elevate, in un carico utile di 17,2 tonnellate, a incremento delle capacità previste dal la versione precedente di questo modello. La nuova pala LHD (load, haul, dump) è

Denti da roccia Una completa varietà di dimensioni e configurazioni della benna sono disponibili per la R2900 in base alle caratteristiche del materiale e per ottimizzarne la produttività. Con l’introduzione delle serie di denti per roccia imbullonati (GET), Caterpillar offre ora una gamma completa di soluzioni a usura per le benne dei caricatori da miniera, con elementi più rapidi da cambiare e resistenti. Nonostante lo spessore aumentato delle parti a usura per una più lunga durata operativa - il bordo anteriore a basso profilo del dente facilita la penetrazione dei cumuli di roccia e favorisce il carico rapido della benna stessa.

48

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

stata progettata nel solco del design che contraddistingue la nuova generazione di macchine Caterpillar, a beneficio di una durata prolungata dei componenti, di una maggiore facilità di manutenzione e della possibilità di implementare tecnologie avanzate per migliorare la sicurezza e la produttività. La nuova R2900 è equipaggiata con il motore Cat C15 - affidabile e a basso consumo di carburante - disponibile, come dicevamo, in diverse configurazioni di emissioni per soddisfare le esigenze delle operazioni minerarie in tutto il mondo. Il motore a sei cilindri è dotato di turbocompressore e post-raffreddamento aria-aria e produce 305 kW in configurazione standard e 293 kW in conformità allo Stage V. Utilizzando il collaudato modulo Cat Clean Emissions di Caterpillar per limitare sia il particolato che i NOx quasi a zero, l’R2900 è certificata per soddisfare

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


gli standard Stage V e CANMET (per il Canada). Altri pacchetti disponibili sono lo Stage IIIA Fase IIIA/Tier 3 e il sistema di riduzione della ventilazione di Caterpillar, che prevede l’uso alternativo del flusso passante o dei filtri antiparticolato diesel con flusso a parete, ad alta efficienza, per una migliore qualità dell’aria in ambiente sotterraneo. La R2900 è disponibile con elevata capacità di raffreddamento ambientale. Il componente chiave del sistema è un radiatore, anch’esso ad alta efficienza, dal design modulare con singoli tubi che possono essere sottoposti a controllo in modo indipendente per ridurre i tempi di manutenzione. Il radiatore è resistente alle occlusioni e consente una pulizia più rapida e intervalli di manutenzione più lunghi. Il design del telaio posteriore del motore presenta un layout nuovo e più semplice a vantaggio dell’estensione di vita utile dei componenti modulari e ancora della manutenzione e riparazione degli impianti. I raffreddatori e i filtri remoti degli assali e della trasmissione consentono un facile accesso e un solo serbatoio di carburante sostituisce i doppi serbatoi del

modello precedente. Il nuovo serbatoio favorisce un accesso a livello suolo per il rifornimento di carburante. Il dispositivo di sblocco dei freni e il gancio di traino permettono il disinserimento del freno di stazionamento e l’aggancio della macchina dal retro per necessità di traino. Il display in cabina dedicato al monitoraggio dello stato funzionale della macchina funziona in sinergia con il sistema Cat Product Link Elite. Il nuovo sistema

semplifica la condivisione dei dati su più destinazioni e la tecnologia Cat di controllo a distanza scalabile è basata sulla consolle Cat line-of-sight. Le informazioni sulle criticità funzionali sono ora visualizzate su un display ricavato nella consolle. La tecnologia supplementare MineStar Command è dedicata alla funzionalità “teleremote” e semi-autonoma, operando sempre da una postazione-operatore remota.

Underground foxy loader The new Cat R2900 Underground Loader offers configurations to meet the strictest diesel engine emissions standards, including those in Europe and North America, and it continues to deliver the high performance and 17.2-tonne payload of its proven predecessor. The new LHD leverages Caterpillar’s next generation design to provide extended durability, superior serviceability and the ability to use advanced technology for enhancing safety and productivity. The new R2900 is powered by the durable and fuel efficient Cat C15 engine, available in a number of emissions configurations to meet the needs of mining operations around the world. The 6-cylinder engine is turbocharged and air-to-air aftercooled, and it produces 305 kW (409 hp) in standard configuration and 293 kW (393 hp) in EU Stage V compliant form. Using the proven Cat Clean Emissions

Module to limit both particulate matter and NOx to near zero, the R2900 is certified to meet EU Stage V and Canada’s CANMET standards. Other emissions packages are EU Stage IIIA equivalent/U.S. EPA Tier 3 equivalent, and Caterpillar’s Ventilation Reduction System, which offers the optional use of flow through or highly efficient wall flow diesel particulate filters for improved underground air quality. The R2900 is available with high ambient cooling capability. The key component of the package is a high efficiency radiator, which features a modular design with individual tubes that can be serviced independently to reduce maintenance time. The radiator also is resistant to clogging and allows faster cleaning and longer service intervals. The engine end frame design features new, simple structures that extend durability and accommodate modular components, which facilitate

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

maintenance and repair. Remote axle and transmission coolers and filters enable easy access, and a single fuel tank replaces the dual tanks on the previous model. The new tank provides ground level access for refueling. The available brake release and tow hook allows disengaging the parking brake and hooking to the machine from the rear in the event the machine must be towed. The in-cab display enables machine health monitoring through Cat Product Link Elite. The new system makes it easier to share data across multiple destinations. Scalable remote operation technology starts with the Cat line-of-sight console. Critical machine information is now presented on a display in the console. Additional MineStar Command technology enables teleremote and semiautonomous operation from a distant operator station.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

49


Attrezzature & Componenti | Bobcat Attachments & Components

Ingombro zero, efficienza dieci Il modello più compatto di Bobcat per applicazioni di demolizione e trivellazione è rappresentato dal miniescavatore girosagoma E10z. Una lince full optional per entrare in qualsiasi cantiere

Q

uando la polivalenza è importante, soprattutto nei cantieri che prevedono un ricambio frequente di attrezzature sulla stessa macchina, le caratteristiche di una tipologia consueta come quella del miniescavatore devono necessariamente tramutarsi in prerogative speciali. Nel settore della demolizione e della trivellazione per scavi profondi e opere di posa dei sottoservizi, la specificità compatta di Bobcat si chiama E10z. Questo escavatore compatto prevede una profondità di scavo massima di 1,82 m e un peso totale di 1.066 kg. Una delle caratteristiche principali che contraddistinguono l’E10z di Bobcat da altri miniescavatori standard sul mercato attuale riguarda la dotazione di consolle laterali regolabili (e brevettate) sulle quali sono insediati i joystick a servocomando idraulico. Questo design - unico nella categoria di peso a cui appartiene questo modello - prevede per l’operatore la possibilità di regolare la larghezza delle consolle per affrontare passaggi angusti della macchina durante l’accesso in cantiere.

Con una carreggiata in modalità retratta di soli 71 cm, il miniescavatore E10z può accedere praticamente ovunque e la possibilità di attraversare ingressi più stretti di quelli consentiti ad altri escavatori compatti e a lavorare in spazi dove l’operatività dev’essere calibrata al massimo è un valore asso-

luto e apprezzato da molte imprese specializzate. La struttura girosagoma assicura la massima flessibilità di intervento. Secondo modello più piccolo nella gamma di escavatori Bobcat, l’E10z è facile anche da trasportare. Oltre al sottocarro retrattile che riduce la larghezza della

Trivellazione esclusiva Velocità e perfetta precisione di allineamento verticale sono le caratteristiche delle trivelle idrauliche a coppia elevata per impieghi gravosi progettate da Bobcat. Tra i plus di queste attrezzature - molto richieste ad esempio dalle imprese che realizzano pose di sottoservizi - va menzionato l’esclusivo giunto a snodo che consente una verticalità a prova di filo a piombo anche su terreni irregolari. L’intero gruppo motorepunta penetra con efficacia nel terreno, incrementando di 30 cm la profondità di scavo rispetto a una trivella tradizionale. Questa strumento è ideale per la realizzazione di fori per piloni, pilastri, pali e piantumazioni in qualsiasi tipo di terreno.

50

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


macchina a soli 710 mm, la sovrastruttura integrata pieghevole TOPS (Tip Over Protective Structure) facilita il passaggio attraverso ingressi che richiedono un’altezza di ingombro ridotta per eseguire lavori all’interno di edifici e nei seminterrati. Altra prerogativa è quella di estendere il sottocarro dell’E10z fino a 1.100 mm per ottenere la massima stabilità in tutte le condizioni di lavoro. La larghezza minima dell’E10z garantisce un’eccellente manovrabilità negli spazi angusti, mentre il design girosagoma ZTS è un ulteriore vantaggio quando si lavora in ambienti stretti. Grazie alle due velocità di traslazione di serie, l’E10z è anche in grado di spostarsi rapidamente tra diversi aree di lavoro per completare più rapidamente i progetti giornalieri con ritmi di lavoro di notevole efficienza. Utilizzabili come pratici braccioli, le consolle destra e sinistra dell’E10z devono essere abbassate e bloccate in posizione per poter utilizzare la macchina. La posizione dei comandi a joystick può essere regolata in base alle preferenze dei diversi operatori.

Zero tail, ten efficiency The E10 is now called the E10z to reflect that it is a zero tail swing miniexcavator with a maximum digging depth of 1.82 m and a machine weight of 1066 kg. Bobcat’s E10z is designed and engineered to provide the best combination of high performance, stability, operator safety, ergonomics and durability in this segment of the mini-excavator market and offers the ability to retract itself to easily pass through standard 80 cm door openings. The main feature which differentiates the E10z from other machines on the market is the patented side adjustable consoles which accommodate hydraulic pilot

pressure controlled joysticks. This design is unique in its class, allowing the operator to enjoy the comfort and feel of much larger machines, whilst being able to adjust the width of the consoles for easy passage through narrow openings. The second smallest model in the Bobcat excavator range, the E10z is easy to transport. In addition to the access provided by its retractable undercarriage reducing its width to only 710 mm, the integrated foldable TOPS (Tip Over Protective Structure) facilitates passage through openings with low headroom, for work inside buildings and in basements. Once

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

the excavator is positioned and ready for work, the undercarriage on the E10z can be expanded to 1100 mm, for maximum stability in all working conditions. The E10z’s minimal width enables excellent manoeuvrability in confined spaces, while the zero tail swing design is an additional advantage when working in tight areas. Thanks to a standard second speed range, the E10z is also able to move quickly around job sites, to complete projects faster and work more efficiently. Both the left and right consoles on the E10z, which serve as comfortable arm rests, need to be lowered and locked in order to operate the machine. The position of the joystick controls on the E10z can also be adjusted to suit different operators.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

51


Attrezzature & Componenti | Sirive Attachments & Components

Ancora terrestre

La tecnologia basata sulle barre autoperforanti Sirive è un’eccellenza nell’ambito delle soluzioni di consolidamento. L’impresa Dalla Gassa ne è inventore, pioniere di ricerca e costante sperimentatore

P

er ancoraggio autoperforante si intende l’inserimento nel terreno per roto-percussione di una barra in acciaio a sezione cava, dotata di punta di perforazione a perdere, utilizzando boiacca cementizia sia come fluido di perforazione che di spurgo. Si tratta di

una tecnologia stata sviluppata in origine per il sostegno di scavi con la tecnica del “Soil Nailing” e in questo ambito trova la sua principale applicazione. L’impresa Dalla Gassa è un autentico pioniere nella tecnologia degli ancoraggi autoperforanti e dei relativi accessori in

Giunzione in coppia Il manicotto è l’elemento di giunzione tra due barre autoperforanti Sirive che vengono fornite in moduli di lunghezza compresa tra 1 e 6 m fino alla lunghezza di progetto. Il manicotto Sirive consiste in un cilindro metallico cavo, filettato internamente, prodotto in acciaio speciale, per garantire una adeguata resistenza all’accoppiamento che deve essere maggiore della resistenza nominale delle barre. Al fine di ottenere un collegamento ottimale e bilanciato, le due barre devono essere avvitate al manicotto per una porzione di uguale lunghezza: la filettatura interna è perciò interrotta da un blocco al centro del manicotto che permettere l’arresto della barra nella posizione predefinita. Durante le operazioni di installazione del manicotto e giunzione di due moduli contigui di barre, la macchina viene momentaneamente fermata, la nuova barra viene montata sulla guida con il manicotto avvitato e si imposta il collegamento. La rotazione della guida permette di completare l’avvitamento della barra già all’interno del foro e di riprendere la perforazione.

52

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Italia. Ha trasferito la propria esperienza acquisita sul campo nella produzione di barre autoperforanti nella costruzione di un’unità di perforazione adatta a porre in opera le tecnologie autoperforanti e a tutti i componenti che compongono questo sistema, per migliorare la funzionalità, semplificare la posa in opera migliorandone la qualità e testando campi di impiego innovativi e diversificati rispetto a quelli tradizionalmente in uso. Gli ancoraggi autoperforanti sono composti da tre elementi strutturali: la barra, il dado ed il manicotto di giunzione. Il processo di produzione delle barre autoperforanti Sirive prevede la filettatura continua per tutta la lunghezza della barra mediante rullatura a freddo di tubi lisci. La produzione delle barre autoperforanti Sirive e degli accessori e componenti strutturali viene eseguita esclusivamente in Italia in provincia di Vicenza, dove competenza, capacità tecnica, esperienza e serietà delle imprese nel campo meccanico è riconosciuta a livello mondiale.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


produzione di barre autoperforanti Sirive prevede due tipologie di standard: barre cave autoperforanti in S460J0 a filettatura continua per tiranti di ancoraggio per uso geotecnico del tipo passivo (barre qualificate secondo la normativa tecnica italiana, D.M. 14/01/2008); barre cave autoperforanti a filettatura continua, secondo lo standard europeo, non qualificato. A seconda della sezione della barra, gli autoperforanti Sirive qualificati secondo D.M. 14/01/2008 possono raggiungere un carico di rottura compreso tra 220 kN e 1510 kN, mentre il prodotto che segue lo standard europeo non qualificato prevede carichi di rottura compresi tra 230 kN e 1500 kN. La combinazione di queste caratteristiche dà come risultato un prodotto finale di ottima qualità in grado di soddisfare e garantire le prestazioni in conformità alle Norme Tecniche contenute nel D.M.14/01/2008, nonché per lo standard europeo non qualificato. Tutta la gamma degli autoperforanti Sirive, barre, dadi, manicotti, è prodotta con procedure di qualità secondo un sistema di gestione certificato dal RINA in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2008, dalla progettazione, alla produzione, fino al collaudo e alla commercializzazione. La

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

53


Sinergia di stabilizzazione I sistemi integrati Sirive nascono come tecniche di consolidamento di versanti instabili, che accostano l’ingegneria geotecnica tradizionale all’ingegneria naturalistica. Le tecniche tradizionali garantiscono un solido apporto alla stabilità complessiva del versante; l’ingegneria naturalistica consente di integrare l’opera con un completo rinverdimento del versante e la stabilizzazione del paramento esterno, tramite l’utilizzo degli apparati radicali di specie erbacee ed arboree. L’idea dei sistemi integrati Sirive nasce dall’osservazione della natura e dei suoi meccanismi, e fin dalla loro origine nel 1989 si caratterizzano come una risposta concreta ai problemi di stabilità di pendii in terreni sciolti, oltre a costituire un’ottima alternativa agli interventi di ingegneria geotecnica di tipo classico carat-

54

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Solving the reinforcement Dalla Gassa has always stood out for its innovative approach in solving traditional problems. In 1989 the company has developed the first flexible Soil Nailing wall with green facing, system known as Sirive-1, i.e. twenty years before the release of the UNI EN 14490/2010 which has defined European standards, and in this technology the company has always invested in human and economic resources.The Sirive-1 integrated system is a technique for the reinforcement of natural or artificial slopes, being the latter constituted by soil or mediumhard rock mass. Even if the system

terizzati da un forte impatto ambientale. I sistemi integrati Sirive sono ormai di impiego comune e l’impresa Dalla Gassa conta centinaia di cantieri realizzati con l’impiego di tali tecniche. L’originalità del metodo consiste nell’esecuzione di una chiodatura diffusa nel terreno, con una maglia ed una lunghezza che dipende dall’altezza del fronte di scavo e dalle caratteristiche geotecniche del terreno, la quale garantisce da sola la stabilità globale della scarpata. Non risulta quindi necessario collegare le teste dei chiodi con un paramento rigido, costituito generalmente da rivestimenti di gunite o di cemento armato. La stabilità locale nella porzione di terreno compresa tra due chiodi adiacenti si ottiene attraverso la costruzione di un paramento esterno flessibile con una rete elettrosaldata zincata a caldo e geogriglie in poliestere o in fibre biodegradabili. L’apporto di terreno vegetale opportunamente concimato e una semina a spessore di specie vegetali autoctone completano l’opera. La stabilità del paramento durante la costruzione è inizialmente garantita dalle reti stesse, e successivamente dall’apporto degli apparati radicali, che sviluppandosi inglobano progressivamente la rete in poliestere. Gli apparati radicali naturali garantiscono così la stabilità del versante, in sinergia con gli elementi strutturali artificiali inseriti in profondità. Con il passare del tem-

guarantees the short and long time slope stability, at the same time, it limits its environmental impact thank to the use of a flexible facing with natural revegetation. The Sirive-1 originated from Soil Nailing, from which it takes the basic idea of using steel bars (the nails) for providing traction resistance to the soil. In 2011, Dalla Gassa commissioned to the Department of Civil, Architectural and Environmental Engineering of the University of Padova a study for contextualizing the Sirive-1 within the European and international codes and verifying the structural behavior of the system. In

po la stabilità della scarpata aumenta per l’apporto crescente in termini di resistenza determinato dalle radici delle piante. Eventuali azioni causate da elementi naturali, quali l’effetto “vela” sulle piante d’alto fusto o fenomeni piovosi di forte intensità che potrebbero generare delle instabilità locali, vengono assorbite dagli apparati radicali ancorati alla rete in poliestere e trasmesse in profondità attraverso il sistema di chiodatura diffuso. Dal punto di vista applicativo, su terreni di facile perforabilità si possono impiegare tecniche di perforazione, di arma-

particular, the study focused on the time behaviour of flexible Soil Nailing walls made by Dalla Gassa since 1990; on the assessment of how these works fall in the current legislation; on study of possible developments of the technique in order to comply with the current standards; on searching for any improvement of the technique. The study was completed with success and satisfaction in 2013. It examined either the slopes consolidated with the traditional Soil Nailing technique according to UNI EN 14490/2010, and both the “flexible facing” and “soft facing” walls.

tura e di cementazione tradizionali. In terreni sciolti particolari viene impiegato uno speciale sistema brevettato dall’impresa stessa. Dal 2001 nell’esecuzione dei sistemi integrati Sirive® vengono impiegate quasi esclusivamente le barre autoperforanti, che sono autoprodotte da Dalla Gassa, primo produttore di barre autoperforanti e dei relativi accessori in Italia. L’impiego di barre autoperforanti ha permesso inoltre di caratterizzare ancor di più i sistemi integrati Sirive® e di migliorare la qualità finale dell’opera eseguita.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

55


Attrezzature & Componenti | Hinowa Attachments & Components

Alla base delle soluzioni Le possibilità offerte al cliente dalle unità idrauliche cingolate e dai sottocarri Hinowa sono infinite. Da tempo, a questa versatilità si affida anche il settore della microperforazione

N

ell’inventiva progettuale che contraddistingue da sempre la produzione di sottocarri Hinowa, il confine delle applicazioni è illimitato e già da molti anni il costruttore di Nogara (Vr) si rivolge a una vasta platea di operatori delle perforazioni e della geognostica, proponendo una serie di unità idrauliche semoventi con da allestimenti completi a misura dello specifico campo di intervento. La linea delle unità idrauliche è basata sulla qualità comprovata dei sottocapi Hinowa, contraddistinti da una bassa pressione al suolo, dalla grande manovrabilità con ogni tipologia di attrezzatura e dalla possibilità di operare su terreni impervi in qualsiasi condizione di pendenza.

56

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Le piccole attrezzature di perforazione e le implementazioni piantapali sono tra le più diffuse implementazioni di questa linea di sottocapi attrezzati che trovano il vertice attuale nell’unità idraulica TTX2500, dalla potenza lorda di 35,9 kW (al regime di taratura di 2.500 giri/min) per una pressione applicabile di 350 bar. L’alta velocità di traslazione (fino a 12 km/h) e la facoltà reversibile del posto di guida contraddistinguono la flessibilità di questo modello top di gamma. Ma le soluzioni Hinowa in questo ambito hanno sviluppato nel tempo altre tipologie sofisticate di centraline idrauliche su cingoli. Il modello TS701 + PT9, ad esempio, è un risultato mirabile dell’ingegneria Hinowa attuale. Contempla l’alternativa

di una cingolatura fissa o variabile, fino a 1.056 mm di estensione e la progettazione di questa macchina particolare è stata affidata fin dal suo concepimento a un team di tecnici e ingegneri che hanno pensato in modo approfondito alle necessità di settori particolarmente esigenti come quello delle perforazioni di piccolo diametro da realizzare in ambienti impervi e di complessa accessibilità. Oggi la serie di centraline idrauliche Hinowa è declinata in cinque modelli diversificati e l’origine di questa gamma, come abbiamo già anticipato, rimanda alla lunga tradizione del produttore di Nogara nel settore dei sottocapi cingolati. La produzione odierna prevede un’ampia disponibilità di varianti per un range di

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Tracked 3-way dumper bed Hinowa revealed a new version of the TX2500 tracked transporter with a 3-way dumper bed. This previous version, with a swivel dumper bed, already distinguished itself by its speed, stability and transport capacity. Today, the version with a 3-way dumper bed offers an additional function that allows for tipping to be performed on three sides, with the automatic opening and closing of the sides. Hinowa so continues its progress in the field of super-compact and highly manageable tracked vehicles. The company has been dedicated to the development of machinery suitable for daily use in confined spaces and on rough terrain for many years. Models that stand in sharp contrast to the cumbersome and less practical traditional means. The company is known for its tracked undercarriages, as well as the various lines of powerful and highly-manoeuvrable means to which the TX2500 transporter belongs. The Transporter TX2500 is the ideal

tracked vehicle for loading and unloading materials in a quick and safe manner. Thanks to its nearly 50 HP engine, the TX2500 model is even capable of handling the most difficult and uneven terrain. The technical data sheet offers a detailed overview of the unit’s specifications: a maximum capacity of 2500 kg, six rollers on each side (two fixed and four floating), a comfortable seat capable of rotating 180°, and FOPS structure for the operator’s protection. A large diesel tank and a hydraulic oil cooling system guarantee maximum performance and allow for an intensive work pace. The special rubber tracks with mobile rollers allow the TX2500 tracked transporter to reach a surprisingly high speed for its category: up to 11 km/h. In addition to these advanced performance levels, with respect to the previous model with a swivel dumper bed, this new version also offers the possibility of 3-way dumper bed tipping for even faster unloading operations.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Each side of the dumper bed is closed by two pivots; in order to prevent errors during the operations, when one side is opened, a specially designed safety system ensures that the others remain closed. The operator can therefore manoeuvre the vehicle from both directions, while at the same time monitoring everything happening around them. The TX2500 tracked transporter is also extremely easy to drive. The control system is managed by a hydraulic system of the latest generation with top-of-the-line components that ensure maximum precision. The unit is also rendered easy to drive thanks to a simple and intuitive control panel, which greatly simplifies the operator’s job.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

57


portate che va da 0,5 a 30 tonnellate. Il cliente Hinowa può scegliere tra oltre un centinaio di modelli differenti, a misura del più ampio spettro applicativo e delle progressive esigenze prestazionali delle macchine. La cingolatura in gomma è il prodotto più richiesto ma in previsione

58

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

di un impiego gravoso e per capacità di carico che superano le 13 tonnellate, Hinowa propone un carro cingolato in acciaio (anche con pattini in gomma) richiesto in modo particolare per l’implementazione di perforatrici e di attrezzature per sondaggi geologici. Il carro con cingolatura allargabile è l’ideale completamento della versatilità Hinowa per una stabilità incrementata su terreni al limite dell’accessibilità. La scelta di varianti è praticamente customizzata sulle esigenze applicative più disparate e conferisce allo specialista di Nogara la patente di fornitore ideale di track solutions per ogni settore industriale.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

59


Attrezzature & Componenti | Timeco Attachments & Components

Un taglio magistrale Gli scapitozzatori Taets distribuiti e noleggiati da Timeco servono ad asportare le parti sporgenti delle palificazioni. Con massima precisione e senza rischi per le strutture

L

a realtà è annosa e autorevole, con una vocazione che contempla un universo di macchine e attrezzature straordinario. Parliamo della Timeco di Gessate (Mi), fondata nell’ormai lontano settembre del 1976 dall’ingegner Silvio Schmalzbauer per seguire l’ambizione di un’avventura che da oltre 40 anni dedica la massima professionalità al settore della costruzione di gallerie e alle fondazioni speciali. L’attività di Timeco è la più diversificata che si possa immaginare, nell’alternanza delle attività di vendita, assistenza e consulenza ai clienti italiani che richiedono un equipaggiamento

60

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

primario a ogni livello di investimento e applicazione. Silvio Schmalzbauer, in forza di una lunga esperienza nel settore construction in particolare nel movimento terra - ha avviato nel tempo una serie di collaborazioni con attori industriali che hanno fatto la storia dell’ingegneria di scavo e palificazione (tra queste, citiamo almeno Bade, Voest-Alpine, PTC Vibrofonceur, Interfels, Ele) e ha svolto un ruolo di consulenza primaria nell’acquisto da parte del Consorzio Ferrofir - nel luglio del 1979 - della TBM (Tunnel Boring Machine) con smarino idraulico che all’epoca detenne il

primato della talpa per gallerie più grande al mondo (con un diametro di 10,64 m), aprendo di fatto il mercato italiano all’impiego di questi impianti innovativi e fondamentali per il progresso delle tecnologie moderne di tunneling. Dal novembre 1996, quindi, Timeco assume la rappresentanza per l’Italia di Herrenknecht AG, la realtà più importante nel settore mondiale delle TBM. Tuttavia, Timeco non è solo l’eccellenza nazionale per la consulenza nelle lavorazioni in galleria. Da molto tempo, distribuisce vari marchi di attrezzature a supporto delle opere di fondazione, tra cui

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


EMD, la piccola tuttofare Tra i prodotti universali distribuiti da Timeco, una sorpresa recente per l’aspetto insito di flessibilità operativa è quella costituita dalla trivella idraulica Dawson EMD. Si tratta di un’attrezzatura che si può montare tranquillamente su un normale escavatore cingolato, dotato coclea per lavori di fondazioni e palificazioni. Il diametro consentito è da 350 a 600 mm, con profondità fino ai 10 m. Il modello Dawson EMD 15/20 può essere collegato funzionalmente alle linee idrauliche di andata e ritorno della benna o a un circuito separato a doppio effetto. Al momento sono disponibili due modelli, EMD 15 e EMD 20, entrambi dotati di funzione autoshift che consente di aumentare o ridurre automaticamente la velocità di rotazione/coppia in funzione della resistenza esercitata dalla natura specifica del terreno. Dawson mette a disposizione diversi tipi di testa perforante con picchi dedicati in funzione della tipologia di terreno.

scegliamo di porre in primo piano la serie di scapitozzatori prodotti dal costruttore olandese Taets. Lo scapitozzatore è un’attrezzatura fondamentale per completare le palificazioni di consolidamento e fondazione. Dal momento che queste strutture sporgono dal terreno generalmente di uno o due metri, è necessaria un’attenta e precisa asportazione della parte eccedente del palo di calcestruzzo. Gli scapitozzatori risolvono questo problema tagliando e frantumando la parte sporgente, mantenendo intatta l’armatura e l’integrità strutturale del palo, a tutto vantaggio della qualità del lavoro di ricostruzione. Gli scapitozzati Taets proposti da Timeco - in vendita e anche a noleggio - sono composti da parti modulari che si adattano facilmente a

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

61


un’ampia varietà di diametri. La garanzia, sotto il profilo del taglio delle palificazioni, è quella di una totale assenza del rischio di crepe longitudinali e di rotture impreviste dei ferri dell’armatura. Grazie alla facilità d’uso di manutenzione degli scapitozzati Taets, l’impresa può realizzare una notevole produzione in cantiere (dai 20 ai 35 pali finiti al giorno) secondo canoni di precisione e controllo che alla fine dei lavori sono rilevate con successo dall’esito finale delle prove soniche di carico. Da Taets Timeco diffonde anche la variante di prodotto dei cosiddetti wall breaker idraulici, scapitozzati speciali dedicati alla cesura di diaframmi dell’ampiezza da 350 a 1.000 mm.

Breaking quality limits Nederland based Taets manufactures hydraulic pilebreakers for cast-insitu foundation piles. When you choose for Taets you choose for an established company with more then 36 years experience in manufacturing pilebreakers. The pilebreakers type 340 and type 380 are highly modular systems that are easy to adjust to each pile diameter at site. The breaking will leave

62

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

reinforcement intact and guarantees no cracks below the cut off level. The breaking process is many times faster then the conventional breaking and is fully controlled throughout it’s operation. Handling and maintenance of the pilebreakers are very easy and don’t require special skills.  To adjust the pilebreakers accurately to the pile features, “half-links” are available for both types. Because the “half-links” are

without hydraulic cylinders, they can easily be added to or removed from the pilebreaker. The product range of Taets wallbreakers is based on the various wall types, wall thickness and reinforcement. Due to the diversity of foundation techniques world wide and the modular concept of the wallbreaker, Taets can also configure the breaker to suit not standard designs.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Drilling Equipment

www.carandina.com

since 1968

Geo Deep

Drill

strumenti per l’investigazione del sottosuolo geotechnical instruments

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

info@geodeepdrill.it

www.geodeepdrill.com Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

63


Attrezzature & Componenti | REMdevice Attachments & Components

A distanza di sicurezza Con la combinazione Brick & Pail di pulsantiere e marsupi compatti offerta da REMdevice, le opzioni da remoto per le perforatrici non hanno limiti

D

alla fucina delle idee inesauribili di REMdevice, uno degli specialista più innovativi di casa nostra nel settore dei radiocomandi, lo sviluppo degli strumenti standard Brick & Pail - per innumerevoli tipologie di impiego in ambito industriale e nell’edilizia, compreso il settore delle perforazioni in ogni ambito - è proiettato ormai verso un futuro di opportunità polivalenti. Pensando all’operatore che in cantiere vuole soddisfare esigenze sofisticate di gestione e controllo remoto, un preambolo è d’obbligo. Ricerca e produzione dovrebbero mettere sempre al centro il fattore umano. In questo senso, le soluzioni sviluppate e realizzate da REMdevice sono pensate per rendere il lavoro delle imprese e delle squadre operative più economico, razionale, funzionale e naturalmente efficiente. Al contempo, i sistemi REMdevice sono pensati per abbinare sicurezza, maggiore facilità d’uso, migliore rapporto tempo impiega-

64

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

to/risultato conseguito, sensibile miglioramento delle pratiche quotidiane nell’esperienza (e nella soddisfazione, testimoniata molto di frequente) delle persone che li utilizzano. Torniamo ora a uno dei risultati più evidenti di questa filosofia, ovvero la combinazione sinergica tra le pulsantiere standard o personalizzate Brick e i marsupi compatti Pail, sempre in versione standard o configurabili con i sistemi elettronici di più alto livello tecnologico. Brick presenta la carta d’identità di un’unità trasmittente leggera e maneggevole, con le facoltà della resistenza strutturale

e della facile programmabilità. Questo strumento vanta un record di durata operativa senza bisogno di ricarica fino 40 ore di lavoro, è la prima e unica pulsantiera con sistema di ricarica brevettato a induzione ed è del tutto isolata da polvere e umidità. La consolle è configurabile per le applicazioni più esigenti e prevede fino a 12 pulsanti, data feedback e comando a selettore o potenziometrico. Brick, inoltre, è particolarmente resistente agli agenti esterni e adatto a impieghi prolungati (la certificazione IP65, in questo senso, ne certifica l’affidabilità e l’impermeabilità). Pail invece è la soluzione a manipolato-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


ri più affidabile ed efficiente, nel campo dei radiocomandi per carriponte e gru. La consolle - anche in questo caso la prima sul mercato dotata di carica a induzione è maneggevole e precisa, isolata da polveri e umidità, configurabile con estrema facilità per rispondere alle esigenze di ogni applicazione. La consolle Pail è configurabile e può essere implementata con 2, 3, 4 o 5 joystick, selettori e potenziometri, display e data feedback. I manipolatori sono a cinque scatti in posizione ergonomica. Per questo strumento sono previste versioni standard oppure speciali, con data-feedback.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

65


Tecnologie & Materiali | Uretek Technologies & Materials

Plus di rinforzo

Arriva da Uretek Italia la metodologia che risolve i problemi di consolidamento degli edifici. Una resina espansiva migliora le caratteristiche dei terreni di fondazione

R

isale al 1996 la tecnologia Deep Injections, brevettata solo sei anni dopo la nascita dell’azienda titolare dell’invenzione, la Uretek Italia di Bosco Chiesanuova (Vr). Questa applicazione ormai conosciuta a livello mondiale consente di migliorare le caratteristiche del terreno di fondazione iniettando in profondità una speciale resina ad alta pressione d’espansione denominata Geoplus, altro brevetto di cui è sempre Uretek titolare esclusiva. Il metodo Deep Injections di Uretek è stato concepito e sviluppato per il consolidamento dei terreni attraverso l’impiego di specifiche resine espandenti ad azione immediata e costantemente monitorata da un’avanzata tecnologia laser impiegata dal personale in cantiere. Le fasi di intervento prevedono una valutazione preliminare da parte dello staff Uretek dell’edificio colpito da crepe e

66

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

da altre lesioni indicative della necessità di consolidamento del terreno. La raccolta dei dati serve agli ingegneri per elaborare con uno specifico software di calcolo tutti i parametri meccanici raccolti nella relazione geotecnica del sopralluogo; successivamente, viene progettato l’intervento in modo calibrato per conseguire la massima efficacia del risultato finale. Poco fa parlavamo di cantiere ma il termine risulta improprio. I tecnici Uretek, infatti, realizzano in modo rapido e non invasivo dei piccoli fori nel terreno di fondazione, preparando i punti in cui verrà iniettata la resina Geoplus. Questa sostanza, mentre è ancora in fase liquida, viene iniettata direttamente nei fori raggiungendo la zona da consolidare. In pochi instanti la resina incrementa il proprio volume e dà inizio alla fase di sollevamento, mentre le iniezioni

continuano sotto un attento e costante monitoraggio laser. Quando il livello di sollevamento è ottimale, l’intervento si conclude. Le iniezioni di resina Geoplus sono concentrate nel volume di terreno maggiormente interessato dalle tensioni indotte dai carichi in superficie - ovvero il bulbo di pressione significativo descritto dalla teoria di Boussinesq. Gran parte dei cedimenti, si concentrano nei primi strati di terreno sottostanti al piano di posa della fondazione; la rapidità della reazione di espansione permette il confinamento della resina in un intorno massimo di due metri dal punto di iniezione. La pressione di espansione massima della miscela Uretek in condizioni edometriche è di 10.000 kPa e tale caratteristica è fondamentale per il buon esito del trattamento Uretek Deep Injections. In seguito alla reazione chimica, la resina Geoplus

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


si espande e trasmette al terreno un’azione di compattazione che determina la diminuzione dell’indice dei vuoti. Questo fenomeno contribuisce a prevenire anche eventuali cedimenti futuri, compensandoli. La pressione generata dalla reazione chimica diminuisce con l’aumentare del grado di espansione della resina stessa; ovvero il grado di espansione è in funzione del confinamento offerto dal terreno trattato. Per esemplificare il processo, si può pensare di schematizzare il sistema terreno-resina Uretek come due molle interagenti fra loro: la molla-Geoplus e la molla-terreno. All’uscita dal tubo di iniezione la molla-Geoplus è completamente contratta e inizia l’espansione comprimendo il terreno ospitante. Il sistema sarà in equilibrio quando la molla-Geoplus avrà raggiunto un grado di espansione tale per cui la pressione generata risulti uguale e contraria alla reazione offerta dal terreno compresso. A questo punto il sistema raggiunge uno stato d’equilibrio stabile per effetto del cambiamento di stato della miscela che solidifica. La resistenza a compressione della resina solida, è molto maggiore della tensione indotta dal terreno compresso, quindi il sistema non è suscettibile ad alterazioni nel tempo. Questo processo d’interazione all’interno del volume di

Una rete consolidata Il network Uretek, di fatto realtà mondiale primaria nel consolidamento dei terreni con resine espandenti, rappresenta oggi uno dei vertice dell’innovazione in questo settore. Uretek Italia è parte proprio di questo network internazionale che è presente in oltre 80 paesi del mondo. Le imprese del gruppo sono tutte indipendenti tra loro, ma legate da continui scambi di brevetti, esperienze e know how condivisi.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

67


terreno trattato è di tipo puntuale e pertanto le sovrapressioni interstiziali si dissipano in tempi molto rapidi. L’efficacia dell’intervento è verificabile non solo con la visualizzazione dell’inizio di sollevamento che si osserva durante ciascuna iniezione, ma anche attraverso prove geotecniche in sito, come, ad esempio, i test penetrometrici o pressiometrici comparativi.

Geopolymer legacy Buildings and structures can subside for various reasons, but it often begins when the soil conditions change. In particular, buildings and foundations that are on clay based soils often subside because the clay shrinks and swells when there are changes in the water content of the soil. In addition, vegetation or large trees that are near the foundations can cause subsidence problems, as the roots absorb water from the ground, causing the ground to shrink. The risk of this happening is greatest after a long dry period when thirsty plants send their roots under building foundations in search of water. Subsidence problems can also occur when water leaks from damaged sewage pipes. The water makes the soil softer or rinses it completely from the

68

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

ground. When the bearing capacity of the soil changes, the building starts to move and also subside. When a building subsides it creates problems for the occupants. To live and work in a subsided building can be uncomfortable or even dangerous. Doors and windows can be trapped, unwanted thresholds and sills can occur on the floor, and pipes, drains and industrial machines cease to work as they did before. The issue of subsidence can come up when you are trying to sell the building, as a subsidence problem that is not fixed can in the worst case scenario lead to the value of the building drastically dropping. The unique geopolymer technology that Uretek utilises provides a fast,

sustainable and safe solution to subsidence and settlement problems in buildings and structures. Uretek offer solutions for re-levelling, ground improvement and structural support. Because our solutions can be combined, we tailor-make a solution that fits your requirements. The geopolymer technology is a finnish invention which can be used for subsidence problems in both buildings and infrastructure. Unlike traditional piling and other support solutions, geopolymer technology can stop subsidence both swiftly and nondisruptively. Residents can stay in their homes and business operations can continue normally for the duration of the repair work.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


a reliable choice with high performance

picks tools holder teeth for bucket and drills welding bars

the future has come! we offer the best possible product at the best possible price phone 0365.823280 www.gioriricambi.it picchi@gioriricambi.it Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

69


Tecnologie & Materiali | Geopier Technologies & Materials

Pietra fondativa I sistemi a colonne di ghiaia di Geopier hanno trovato la loro naturale applicazione in Italia, per risolvere problematiche di liquefazione dei terreni e consolidare i suoli post-sismici

L

a tecnologia di consolidamento con pali in ghiaia è molto diffusa e consigliata in diverse determinazioni legislative dalla Regione Emilia-Romagna dopo il terremoto del 2012. Soprattutto nelle zone di Ferrara

e Modena, per ridurre il pericolo sismico aggravato nelle sue conseguenze dall’instabilità e liquefazione del suolo, le imprese di fondazione adottano tecniche di addensamento che sono in grado di scongiurare questo rischio di lique-

Sul terreno dell’avanguardia Releo è un’emanazione diretta della società Elto, realtà riconosciuta da 28 anni per i sistemi di blindaggio in cantiere. L’azienda di Fossanova San Marco, completando l’offerta tecnologica di Elto (basata sui moduli di blindaggio Edmunds+Staudinger e Krings Verbau progettati e costruiti da ThyssenKrupp, e sui sistemi mobili di perforazione ABI) si occupa del noleggio operativo dei sistemi Geopier e Impact System alle imprese italiane di ingegneria civile. L’intervento di Releo si svolge nei cantieri più impegnativi che riguardano i settori della logistica di magazzino e della prefabbricazione industriale. La consulenza geotecnica Releo, inoltre, si rivolge utilmente alla progettazione delle grandi arterie di collegamento autostradale.

70

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

fazione che riguarda i terreni sabbiosi e limoso-sabbiosi saturi. Di conseguenza i terreni di fondazione risultano più rigidi e capaci di ridurre i cedimenti differenziali. Le colonne permettono di aumentare le caratteristiche del suolo nei termini di deformabilità e resistenza al taglio, migliorandone il comportamento complessivo rispetto alla liquefazione. Su questo fronte operativo particolare, l’impresa Releo di Fossanova San Marco (Fe) offre servizi alternativi ai pali profondi in c.a., basandosi sulla complessa ricerca dell’americana Geopier. Releo si occupa dell’intero progetto di consolidamento, inviando specifiche e soluzioni al quartier generale di Geopier Foundations a Davidson, in North Carolina. La casa madre procede alla supervisione e all’approvazione finale del progetto di intervento e al committente

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


viene rilasciata quindi una doppia certificazione di garanzia da parte di Releo e Geopier Foundations. In particolare, Il sistema Impact di Geopier adottato da Releo in numerose lavorazioni è costituito da un tubo-forma cavo che serve da condotto per la disposizione della ghiaia all’interno della colonna. Il tubo viene sollevato di circa 90 cm e subito infisso per 60 cm, in sequenze ripetute, formando uno strato di ghiaia costipato di 30 cm. Il materiale

viene compattato in senso verticale per strati successivi fino alla quota prevista dal progetto. La perforatrice monta un tubo-camicia con una tramoggia alla sommità dell’asta. La tramoggia, dopo l’infissione nel suolo del mandrino, viene riempita di ghiaia con l’ausilio di una pala caricatrice telescopica o di un sollevatore telescopico equipaggiato con una benna. Il materiale inerte, infine, è vibrato nel terreno con lo stesso tubo-camicia e il fondello d’acciaio a

perdere. Al termine dell’operazione si crea un foro che rimane aperto senza la necessità di asportare terreno. L’esecuzione dell’Impact System è completata dal collaudo finale eseguito sulle colonne di ghiaia, attraverso prove di carico e un controllo accurato delle pressioni di infissione e compattazione. In seguito viene realizzata la messa in quota dei piani di appoggio e il getto delle solette in calcestruzzo (oppure la posa dei rilevati).

Genius in natural soil The Geopier Densipact system is an efficient and cost-effective intermediate Foundation solution for the support of settlement-sensitive structures. The patented Densipact system is costeffective for improvements of loose to medium dense granular soils (sp, sp-sm, sm) where an increase in soil density is desired. Densipact solutions replace dynamic compaction, massive overexcavation and replacement, deep foundations, including driven piles, drilled shafts or augered cast-in-place piles and other forms of ground improvement. This high-performing system provides unsurpassed strength, stiffness and superior levels of performance. The Geopier Densipact system densifies loose granular soil to depths of up to eight meters (25 ft). The Densipact system creates Rammed compaction® points by repeatedly driving a multi-

tined tool into the ground using high frequency, vertical impact energy and downward crowd force to improve granular soils. The construction results in a significant increase in soil density of loose sand and gravel to reduce settlement and support foundations, floor slabs, walls and tanks. The improved density and stiffness is also used to mitigate soil liquefaction and reduce seismic settlement. Three phases of the process. First, a specially designed multi-tined tool uses high frequency, vertical impact energy and downward crowd force to drive the tines to the design depth. The tines are removed and the resulting cavities and depression are filled with sand or other suitable aggregates (i.e. gravel, recycled materials). Last, the tooling is then redriven in the same location to further improve the loose sand and backfill materials. The process

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

is repeated (typically two to three times per location depending on soil conditions) until increased penetration resistance is achieved. Verification of improvement is provided through load testing or insitu penetration testing (cpTs, spTs). Geopier systems have become preferred replacements for massive over- excavation and replacement or deep foundations, including driven piles, drilled shafts or augered cast-inplace piles. Local Geopier engineers and representatives work with you and your specific soil conditions and loads to engineer a project-specific practical solution to improve your ground. With multiple systems we are able to engineer support for virtually any soil type and groundwater condition across many applications, including foundations, floor slabs, industrial facilities, storage tanks and liquefaction mitigation.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

71


Tunneling | Herrenknecht

Coppia TBM per il Brennero

In azione nella galleria di base anche Virginia, la TBM gemella destinata al cantiere di Mules. Un progetto ingegneristico partito due anni fa dal quartiere generale Herrenknecht di Schwanau per approdare in Italia

D

ue settimane fa è partita finalmente la corsa dell’ultima delle tre frese TBM (Tunnel Boring Machine) insediate per lo scavo della galleria di base in direzione del Brennero. Nel cantiere BBT di Mules, a un mese esatto dalla messa in opera della della TBM gemella Flavia, ha cominciato la sua marcia attraverso la roccia anche l’altra talpa Herrenknecht denominata Virginia. Queste due frese meccaniche a piena sezione, del diametro di 10,7 m ciascuna, sono adibite allo scavo delle gallerie di linea e sono state precedute, poco più di un anno fa, dalla “piccola” talpa Serena (del diametro di 6,8 m) con cui i tecnici del cantiere hanno proceduto allo scavo del cunicolo esplorativo. Si

72

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

è conclusa così la lunga fase preparatoria e di collaudo che è seguita alla febbrile costruzione delle due grandi frese nello stabilimento Herrenknecht di Schwanau, nel Baden-Württemberg, partita due anni fa. All’ultimazione dei collaudi è seguita un’impegnativa fase di trasferimento delle TBM al cantiere del Brennero, dove negli ultimi sei mesi sono state completamente riassemblate. “Dopo l’attivazione dello svincolo dedicato al cantiere del Sottoattraversamento dell’Isarco a Fortezza - spiega l’ingegner Raffaele Zurlo, uno degli amministratori di BBT - grazie alla collaborazione con l’A22 e il ministero dei Trasporti, siamo riusciti a ottenere con grande successo l’apertura dello svincolo a Mules. Questa

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Trasferimento da record

Riguardo alle operazioni di trasferimento delle TBM Herrenknecht, vale la pena descrivere il trasporto di una testa (maindrive) delle due TBM, del peso di 147,5 tonnellate per il diametro di 10,71 m già menzionato in precedenza. Si trattava della testa poi montata sulla TBM Flavia. Il viaggio di questo componente primario della talpa ha avuto inizio addirittura il 30 gennaio 2018, dallo stabilimento Herrenknecht a Schwanau. Il maindrive ha iniziato il suo viaggio sul fiume Reno giungendo poi ad Anversa. Due settimane dopo l’itinerario è proseguito via mare passando per Gibilterra, con approdo a Marghera il 20 febbraio 2018. Da lì il viaggio è proseguito su strada fino al cantiere BBT di Mules. Date le dimensioni ed il peso di questo componente, quest’ultima parte del viaggio durata due settimane si è svolta in più tappe e di notte, inibendo, dove necessario, il traffico e il transito ad altri mezzi. Da Marghera il trasporto eccezionale ha percorso 120 chilometri fino a Verona per poi immettersi sull’A22 dove ha percorso altri 230 chilometri fino a Bressanone. Anche il trasporto dal casello autostradale fino al cantiere di Mules, lungo la SS12, si è rivelato estremamente arduo - in particolare per il transito attraverso l’abitato di Fortezza, dove la strada si stringe proprio in prossimità di una curva, richiedendo al personale di trasporto della testa-TBM la massima precisione e cautela. Il maindrive di Flavia - una delle due TBM destinata alla galleria di base del Brennero - il 27 maggio 2018 ha così raggiunto il monte componenti delle due frese, prima del successivo montaggio e della recente messa in opera nell’anno in corso.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

73


apertura permetterà da un lato di ridurre i tempi per gli approvvigionamenti del cantiere; dall’altro, in modo molto concreto, potranno essere ridotti i transiti dei mezzi di cantiere sulla viabilità ordinaria e attraverso i centri abitati”. La realizzazione della galleria di base del Brennero sta raggiungendo l’apice delle attività, con un coinvolgimento attuale di 2.400 addetti, di cui 1.650 nei due cantieri italiani di Isarco e Mules. Degli otto miliardi di costo del progetto, due sono già stati investiti e nei prossimi 10 anni saranno destinati all’opera altri sei miliardi.

At Bauma innovation winner with called E-Power Pipe Herrenknecht AG received the bauma Innovation Award 2019 in the Machine Category for its innovative E-Power Pipe installation method. E-Power Pipe has purposefully modified and further developed proven drilling technologies so that underground cables can be installed trenchlessly and close to the surface at a depth of between 1.5 and four meters with minimal intervention in the landscape. The heart of the system is the fully remote controlled tunnel boring machine AVNS350XB, which has an excavation diameter of 505 millimeters and is designed for drive lengths of more than 1,000 meters. The machine can keep to the planned alignment with high precision and thus cross safely under existing infrastructure such as pipelines, roads, railways or smaller bodies of water. Individual boreholes can be placed a small distance of only 1-2 m apart, so several lines can be installed in parallel. The tunnelling machine is equipped with a jet pump and an integrated hydraulic power unit. With conventional methods, restrained inside space limited muck removal over longer sections and as a result also limited the possible drive lengths. Through the use of the jet pump for transporting the muck, up to 10 times longer tunnelling distances can be realized at high speeds in the small diameter range. There’s two-stage installation method for E-Power Pipe. At the starting point a

74

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

newly developed push and pull unit is installed and its thrust is used to push the jacking pipes and the TBM along the specified route in the direction of the target point. The borehole remains securely supported by the machine and the jacking pipes the whole time. After breakthrough at the target point, the TBM is separated from the jacking pipes. Subsequently, the prefabricated cable protection pipe is connected to the jacking pipes still located in the borehole and pulled back into the borehole by the push and pull unit in the launch shaft. After installation of the protection pipe, the E-Power Pipe® mission is complete. Final insertion of the underground cables is carried out by specialized companies. The method

innovation involved the development of new, extended jacking pipes that allow a much more continuous advance. Herrenknecht developed an appropriate push and pull unit with a 10 meter stroke and a push and pull force of 350 tonnes specifically for these jacking pipes. The technology is based on a rack and pinion guide, powered by electric motors. As a result, the innovative concept ensures higher installation performance and greater acceptance thanks to lower noise emissions. The efficiency of E-Power Pipe has already been successfully demonstrated in pilot projects. Daily best performances were achieved of 184 m during tunnelling and 266 m when the protective pipe was pulled in.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


- 37 INTE - 37 INTE 19 th

NCENCE RE RE 20 20 O O

th

TIAONA ATIO AN L L RN RN

19

-DIG F L NO -DIG F L NO

TH 37 37TH INTERNATIONAL INTERNATIONAL NO-DIG NO-DIG FIRENZE FIRENZE 2019! 2019!

L’edizione 2019 dell’International NO-DIG evidenzierà, grazie L’edizione dell’International evidenzierà, grazie a una ricca2019 sessione scientifica e NO-DIG all’esposizione di tecnologie a una ricca sessione e all’esposizione di tecnologie d’avanguardia, il ruoloscientifica sempre più strategico delle tecnologie d’avanguardia, ruoloper sempre più infrastrutturale strategico delle tecnologie trenchless qualeilvolano la crescita di un Paese. trenchless quale volano per la crescita infrastrutturale di un Paese.

Le tecnologie trenchless prevedono l’installazione, la sostituzione o tecnologie trenchless prevedono l’installazione, la sostituzione o ilLerinnovo dei servizi interrati con un ricorso nullo o pressoché limitato ilagli rinnovo servizi interrati in contalunmodo ricorsouna nullo o pressoché limitato scavi,dei rappresentando valida alternativa alle agli scavi,dirappresentando in specialmente tal modo unainvalida tecniche scavo tradizionali, ambitoalternativa urbano. alle tecniche di scavo tradizionali, specialmente in ambito urbano.

CONTATTACI CONTATTACI E E DIVENTA DIVENTA ANCHE ANCHE TU TU PROTAGONISTA PROTAGONISTA DEL DEL

37° 37° INTERNATIONAL INTERNATIONAL NO-DIG NO-DIG FIRENZE FIRENZE VISITA IL SITO WEB VISITA IL SITO WEB

www.nodigflorence2019.com www.nodigflorence2019.com MAJOR SPONSORS MAJOR SPONSORS

PLATINUM SPONSOR PLATINUM SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

PLATINUM SPONSOR PLATINUM SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

BRONZE SPONSOR BRONZE SPONSOR

SUPPORTERS SUPPORTERS

Comitato Organizzatore Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria Comitato Organizzatore www.iatt.it www.iatt.it Tel +39 06 39721997 Tel +39 06 39721997

75

Segreteria Organizzativa Segreteria Organizzativa www.oic.it www.oic.it Tel +39 055 50351 Tel +39 055 50351

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Fiere | Solscope Exhibitions

Solscope 2019, il solco Mediterraneo La tredicesima edizione della manifestazione espositiva dedicata alle fondazioni speciali si terrĂ al Parc Chanot di Marsiglia. Imprese italiane in forza, con lo sguardo attento a nuove tecnologie e mercati

76

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


P

er il mercato del Sud Europa (e non solo), la fiera Solscope di Marsiglia (nei giorni 26-27 giugno prossimi, al Parc Chanot), dedicata specificamente proprio al settore delle perforazioni, delle fondazioni speciali e della geotecnica, è diventata un’appuntamento oltremodo importante, in considerazione dello sviluppo tecnologico che il comparto sta vivendo anche grazie allo spirito innovativo delle imprese e dei costruttori europei. La dodicesima edizione del 2017 aveva già fatto registrare un buon riscontro di visitatori, con 2.588 partecipanti nei due giorni della kermesse, tra cui 1.253 imprese professionali identificate (per un incremento rispetto all’edizione precedente del 30%). Le dinamiche indotte dalle opere del grande cantiere infrastrutturale Grand Paris ha funzionato senz’altro da traino all’evento in terra di Francia

ma c’è anche dell’altro. Solscope, grazie ai dibattiti e ai convegni organizzati negli spazi espositivi del Parc Chanot, ha acquisito l’autorevolezza istituzionale che occorre al settore per promuovere il proprio valore industriale e la propria importanza economica nell’ambito della manifattura europea di alto profilo tecnologico. Oltre ai competitor europei delle fondazioni speciali - costruttori di macchine e attrezzature, costruttori e distributori di componenti, imprese di costruzione e noleggiatori - l’evento di Marsiglia richiama molti esponenti del mercato sub-sahariano e del Nord Africa, con delegazioni tecniche e commerciali provenienti dall’Algeria, dalla Tunisia e dal Marocco. Con 153 espositori previsti nella prima lista di partecipanti, oltre 5.000 metri quadrati di area espositiva interna e altri 1.300 esterni, a disposizione del pubblico specializzato ci sarà un autentico labo-

ratorio di idee per i protagonisti della geotecnica e del comparto drilling foundations. Nel corso di Solscope verranno assegnati inoltre i premi del Trophée de l’Innovation, assegnati da una doppia giuria, composta dagli esperti tecnici selezionati e dal pubblico che interverrà in veste di osservatore alla fiera. I riconoscimenti saranno assegnati secondo i criteri del progresso tecnologico, del risparmio nelle tempistiche operative, dell’affidabilità in campo, della riduzione dei costi di gestione, della sicurezza e del contributo in termini di impatto sociale ed economico di macchine e sistemi. Numerosa la delegazione italiana, con attori industriali di primo piano come Soilmec, Comacchio, Massenza, Beretta Alfredo, Mait, Controls, Enteco, Marini Quarries Group, Sireg e molti altri, rappresentati anche da società di distribuzione importanti dell’area francofona.

L’évenement français du sol Solscope a été créé en 1992, et est depuis organisé tous les deux ans (les années impaires à partir de 1999). Depuis sa création, la manifestation comporte un colloque de deux jours et une exposition. La participation au colloque nécessite un droit d’inscription, la visite de l’exposition est ouverte au public et certains ateliers sont accessibles librement. La fréquentation de Solscope n’a cessé de croitre, et, lors de la 12ème édition qui s’est tenue les 14 et 15 juin 2017 dernier au parc Eurexpo de Lyon, les records ont à nouveau été battus. Records de fréquentation, plus de 2.500 participants venus de quinze pays,

records du nombre d’exposants, 134 et de surface, plus de 5.000 m². Solscope, au fil des années, poursuit et accroît son rôle de lieu d’échanges entre tous les partenaires de la géotechnique. Maîtres d’ouvrages, bureaux d’études, chercheurs, foreurs, contrôleurs, entrepreneurs, assureurs, experts, avocats, fabricants et distributeurs de matériel trouvent dans Solscope un évènement rassembleur et ouvert afin que les différents intervenants des domaines concernés se comprennent mieux, chacun dépendant de tous les autres dans l’exécution de sa mission ou l’accomplissement de sa fonction. Selon les témoignages

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

de participants “cet évènement est devenu autant incontournable que nécessaire à la profession”. Les conférences de la 12ème édition autour des quatre thèmes (promotion de la géotechnique, sécurité, transition numérique et hydrogéologie) ont été l’occasion d’échanges riches. Le forum exposants a permis aux visiteurs de mieux connaître les avancées proposées par différents bureaux d’études, fabricants ou distributeurs de matériels à l’occasion d’exposés courts et de débats. Une trentaine d’offres d’emplois et de stages a été proposée dans le cadre de la bourse aux emplois.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

77


In questo numero THE ITALIAN MAGAZINE FOR VERTICAL AND HORIZONTAL DRILLING, SPECIAL FOUNDATIONS, GROUND ENGINEERING, WELL DRILLING, ENVIRONMENTAL DRILLING, TUNNELLING, QUARRYING AND MINING

Inserzionisti

Anno 5 - Maggio/Agosto 2019

I Comacchio

75 No-Dig

35 Fassi

11 OFS

7 Fraste

IV Pagani

63 Geo Deep Drill

39 Pipeline & Gas

3 Geofluid

Expo

III GIC

9 Sip&T

69 Giori Ricambi

5 Soilmec

43 Hinowa

II Sandvik

31 Imet

59 W.E.I.

Fondazioni | Perforazioni| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

13 Jekko

Aziende citate H

B

S

Bauer

32

Herrenknecht

72

Sandvik

40

Bobcat

50

Hinowa

56

Sirive

52

Soilmec

18

Solscope

76

L

C Casagrande

28

Caterpillar

48

Comacchio

14

D Dalla Gassa

52

Liebherr

24 T

M

Taets

60

Timeco

60

Marmomac

10

Massenza

36

McCloskey

13

U

Metso

13

Uretek Italia

66

E Enteco

22

R

Epiroc

44

RecyclingAktiv

10

Releo

70

REMdevice

64

G Geofluid

11

Geopier

70

78

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

V Volvo CE

12

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


3rd Edition

Fiera certificata An exhibition audited by

126/2018 GICX18S1

®

®

Giornate italiane del del CC alCestruzzo Giornate italiane alCestruzzo ItalIan ConCrete Days ItalIan ConCrete Days Piacenza (Italy) 29-31 October 2020

Piacenza (Italy) 29-31 October 2020

S AV E T E ! A r ‘20 D E T H Octobe .it 29-3w1ww.gic-expo

GIC 2018 FACTS & FIGURES

Total Exhibitors: 245 - Qualified Visitors: 4.909 Total Exhibit Area: more than 13.000 sqm INCLUDING

www.idrexpo.it

NEW THEMATIC ITALIAN AGGREGATES AREA TECHNOLOGY EXPO

INCLUDING

www.conpavitexpo.it

For info and stand booking - info@gic-expo.it - Ph. +39 010 5704948


Profile for Perforare

Perforare n. 2/2019  

Perforare n. 2/2019  

Profile for perforare
Advertisement