{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

THE ITALIAN MAGAZINE FOR VERTICAL AND HORIZONTAL DRILLING, SPECIAL FOUNDATIONS, GROUND ENGINEERING, WELL DRILLING, ENVIRONMENTAL DRILLING, TUNNELLING, QUARRYING AND MINING Anno 6 - Febbraio/Aprile 2020

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Il lavoro dalle

fondamenta


PART OF YOUR SUCCESS

Dal 1986, mettiamo le esigenze dei nostri clienti al centro del nostro lavoro, offrendo un servizio personalizzato basato sul continuo miglioramento e sviluppo dei nostri prodotti. Lo facciamo grazie a una gamma completa e innovativa di prodotti e soluzioni hi-tech, progettati e realizzati per soddisfare al meglio i requisiti operativi di cantiere e affrontare in tutta sicurezza anche le applicazioni piĂš impegnative.

Scopri come affianchiamo i nostri clienti nel loro lavoro

comacchio.com


3rd Edition

Fiera certificata An exhibition audited by

126/2018 GICX18S1

®

®

Giornate italiane del del CC alCestruzzo Giornate italiane alCestruzzo ItalIan ConCrete Days ItalIan ConCrete Days Piacenza (Italy) 29-31 October 2020

Piacenza (Italy) 29-31 October 2020

S AV E T E ! A r ‘20 D E H T Octobe .it 29-3w1ww.gic-expo

AMONG THE CONFIRMED EXHIBITORS AT GIC 2020

Supporting Associations

Thematic Areas included

www.idrexpo.it

ITALIAN AGGREGATES TECHNOLOGY EXPO

www.conpavitexpo.it

For info and stand bookings info@gic-expo.it - Ph. +39 010 5704948

For info: www.gic-expo.it


Editoriale

L’insostenibile leggerezza della sostenibilità Cari lettori, ormai la nostra convinzione è diventata certezza comprovata. L’Italia dei no, il Paese che nasconde i problemi sotto la sabbia come fa lo struzzo con la propria testa, crede davvero che la richiesta di rilancio dell’economia e dell’industria nazionale siano istanze inutili e retrive. Altrimenti non si capirebbe - dopo le lotte feroci al grido di No Tav e NoTap (contro l’Alta velocità in Val di Susa e il passaggio strategico del gasdotto transadriatico in Puglia) - l’ennesima crociata denominata questa volta No Triv, contro le attività di ricerca e di sfruttamento dei giacimenti locali di idrocarburi nell’Adriatico. L’idea è quella, ormai insopportabile, della “sostenibilità” energetica globale - nostra in particolare - che può fare a meno del petrolio e del gas. Un’idea antieconomica e antiscientifica così assurda che solo una furia ideologica senza precedenti può giustificare con un presunto principio di realtà. Per il nostro Paese invece non c’è alcun problema ad accoglierla a braccia aperte, visto l’esito trionfale di “referendum dell’ignavia” come quello, piuttosto recente, contro l’energia nucleare. Da noi il “popolo delle coscienze” dice di no ad ogni progetto fattivo, un po’ come il vitellone di memoria felliniana diceva di no alla richiesta del padre di trovarsi un lavoro e guadagnarsi da vivere. L’Italia importa energia - sporca e inquinante - da tutti e vorrebbe continuare così. Facendola produrre agli altri e pagandola - sempre agli altri - con i soldi pubblici dei contribuenti, facendo finta che questa politica sia logica, intelligente e sostenibile per tutti. Ma quanto ci costa un no come quello opposto alla ricerca di idrocarburi in casa nostra?Assomineraria (parte in causa nella querelle e competente a parlarne con discernimento) ha realizzato alcune previsioni. Partiamo dal danno più prosaico, quello che potrebbe arrivare dai contenziosi internazionali avviati dalle aziende petrolifere colpite da un eventuale blocco delle trivellazioni. Già questo rischio legale comporterebbe cause di arbitraggio per centinaia di milioni di euro. E pazienza, “l’ambiente” - entità astratta e poco compresa proprio dai cosiddetti ambientalisti - viene prima di ogni cosa. In secondo luogo, il blocco delle attività sui giacimenti italiani comporterebbe a una rinuncia a investimenti già programmati per oltre 400 milioni; il taglio a nuove estrazioni di metano e petrolio si risolverebbe in oltre nella diminuzione sensibile di entrate per le casse dello Stato (altri 110 milioni all’anno a cui rinunciare definitivamente). Questo nel caso di un blocco parziale ma se la stretta No Triv fosse applicata in maniera radicale, l’Italia dovrebbe rinunciare a due miliardi di euro di investimenti, a 500 milioni di imposte e - naturalmente, sempre che a qualcuno interessi davvero nel governo presente - a più di ventimila posti di lavoro. Senza contare l’incremento delle importazioni di forniture (che arrivano non con le cicogne, ma con i contestati metanodotti e con le petroliere). Che cosa vogliamo fare? Da Confindustria, l’allarme del presidente Vincenzo Boccia parla di un’Italia che già conosciamo come “priva di fonti energetiche e materie prime” e della necessità di decisioni che siano “prive di dogmi e pragmatiche”. Per mettere al centro il lavoro e la ripresa economica del Paese. Noi possiamo solo considerare che il gregge delle anime belle, in tempi passati, con i morsi della fame in casa propria, arrivò a chiedere ben poco dignitosamente “del pane e un re”. Dimenticandosi di Marianne e capipopolo da strapazzo, annullati di fronte al volto scarno e potente della realtà.

Fabio Potestà

Alberto Finotto

4

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


news newsnews

| Raffinazione | Trasporto | Ricerca | Estrazione | Raffinazione Ricerca| Estrazione

Trasporto

zione ione ione || Raffinazione Raffinazione || Trasporto Trasporto SEZIONI DEL SITO

• Notizie • Associazioni • Riviste • Fiere ed eventi • Ricerca Aziende

È il portale italiano dedicato all’informazione degli operatori di tutti i comparti del Oil & Gas: UPSTREAM (ricerca, perforazione e produzione idrocarburi) MIDSTREAM (trasporto e stoccaggio) DOWNSTREAM (raffinazione)

PER INFORMAZIONI:

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

5

Tel. 010 5704948 - www.oilgasnews.it - info@oilgasnews.it Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Periodico associato a

Sommario | Febbraio/Aprile 2020 THE ITALIAN MAGAZINE FOR VERTICAL AND HORIZONTAL DRILLING, SPECIAL FOUNDATIONS, GROUND ENGINEERING, WELL DRILLING, ENVIRONMENTAL DRILLING, TUNNELLING, QUARRYING AND MINING Anno 6 - Febbraio/Aprile 2020

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

20

Il lavoro dalle

fondamenta

In copertina: Il mondo del lavoro in cantiere cerca perforatori professionali. GeoJob è il rabdomante che li trova e li fa incontrare con le imprese.

35

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica estrattiva-mineraria Direttore| Industria Responsabile Fabio Potestà

Responsabile Editoriale Alberto Finotto Collaboratori Roberto Ambra Giacomo Grassi Grafica e impaginazione Romina Testino grafica@mediapointsrl.it Fotografia Archivio Perforare

58

8 ATTUALITÀ 14 GEOJOB RECRUITMENT

Il lavoro, dalle fondamenta

20 BAUER

Al comando della flotta

24 TREVI

E-Power Pipe, la rivoluzione profonda

32 SANDVIK

78

38 DOOSAN

62 HYUNDAI

42 FRASTE

66 SIP & T

46 REMDEVICE

70 EPIROC

50 DAT INSTRUMENTS

74 ANIPA

54 ATLAS COPCO

78 GIC 2020

58 HILTI

82 SAMOTER 2020

Pre-stampa e stampa Euro Grafica - Genova

Capolavoro in galleria Il cantiere in mente Manovratore di sicurezza Ai vertici del mercato Libera gestione

La pressione ideale Il passato da consolidare

6

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Direzione e redazione MEDIAPOINT & EXHIBITIONS SRL Corte Lambruschini Corso Buenos Aires, 8/7 16129 Genova - Italy tel. +39-010-5704948 fax +39-010-5530088 redazione@perforare.it Pubblicità Italia ed estero tel. +39-010-5704948 fax +39-010-5530088 info@perforare.it

La bellezza risorge dall’Arno

28 HERRENKNECHT

Ufficio traffico Daniela Chiusa daniela.chiusa@mediapointsrl.it

Controllo ed efficienza d’azione Il gigante del Soil Mixing Manager a prova di clic Nel pozzo della scienza Materia da riscoprire Buone vibrazioni

Registrazioni Tribunale di Genova n.27/2011. Camera Commercio di Genova, R.I. N.O 395768 del 5 novembre 2001 Registro operatori di comunicazione N.O 022258 del 20 gennaio 2012 Comunicazione agli abbonati Art. 10 Legge 675/96. I dati personali contenuti negli archivi della casa editrice “Mediapoint & Exhibitions Srl” sono utilizzati solo dalla casa editrice e solo per perfezionare gli obblighi derivanti dagli abbonamenti. Tutti gli abbonati possono chiedere in qualsiasi momento l’aggiornamento o la cancellazione dei propri dati. Responsabile: Fabio Potestà Testi e foto a riproduzione vietata senza consenso della casa editrice. Legge 1396/42, art. 7, Reg. 18 © Copyright 2019

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

7


Attualità News FONDAZIONI SPECIALI

Soilmec vende Watson La notizia è passata quasi in sordina, nell’imminenza delle feste natalizie, ma lo scorso 13 dicembre si sono

perfezionate le operazioni di cessione dell’80 per cento della società Watson Inc. – storico costruttore americano di

macchine e attrezzature per fondazioni speciali – da parte di Soilmec per una cifra di 2,5 milioni di dollari (circa 2,24 milioni di euro). Lo ha reso noto un comunicato stampa dell’azienda cesenate, che ha confermato la vendita della società statunitense, acquistata all’inizio del 2009 e oggi considerata non strategica alla luce del nuovo piano di revisione che coinvolge il costruttore, con valorizzazione del brand e la concentrazione esclusiva sul proprio core business. Nell’esercizio 2018, Watson Inc. aveva ottenuto ricavi per 21,6 milioni di euro, per un margine operativo lordo negativo di un milione di euro e una posizione finanziaria positiva per 300.000 euro. Il ricavato della vendita di Watson Inc. sarà utilizzato per finanziare il capitale circolante del Gruppo Trevi.

PERFORAZIONI

Offshore tra Angola e Medio Oriente per Saipem Nel novero dei contratti per il nuovo anno affidati a Saipem, sono compresi anche lavori di perforazione in offshore al largo delle coste angolane. A renderlo noto è il gruppo di San Donato Milanese, precisando che il valore complessivo dei contratti internazionali ottenuti è pari a circa 1,7 miliardi di dollari. Oltre alle attività di perforazione offshore in Angola, in base alle prime dichiarazioni, i contratti riguardano anche 19 impianti di perforazione dislocati in Medio Oriente, in Bolivia, Norvegia, Perù e Romania, per una durata dei lavori compresa tra i tre ed i dieci anni . “L’acquisizione di questi contratti dimostra la solidità ed affidabilità delle performance operative delle

8

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

nostre divisioni Drilling – ha dichiarato l’amministratore delegato di Saipem, Stefano Cao – Saipem così rafforza

ulteriormente la propria pluriennale presenza in numerose aree strategiche del mondo”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Attualità News FONDAZIONI SPECIALI

Orgoglio italiano in Algeria Diverse grandi opere costruite nell’ultimo ventennio in Algeria portano la firma di Europea 92, storica impresa di costruzioni molisana conosciuta a livello internazionale per l’alta tecnologia, il know how, la competenza e l’affidabilità programmatica nella realizzazione di grandi opere. “Siamo presenti in Algeria dal 2002 – rimarca Marciano Ricci, patron di Europea 92 – Abbiamo anche una società di diritto algerino e negli anni abbiamo realizzato dighe, gallerie, strade, linee ferroviarie. Anche in questo periodo di cambiamento politico nel Paese, la nostra struttura è rimasta operativa e siamo qui oggi come ambasciatori della tecnologia avanzata che utilizziamo nei settori in cui siamo specializzati: fondazioni speciali, pali, micropali e gallerie. Riteniamo di essere una delle prime imprese in Algeria per questo tipo di opere e contiamo di restare per tanti anni. Abbiamo una struttura d’eccezione sul campo, con una flotta aziendale sul posto di oltre 200 macchine”. L’Algeria è alle prese, certo, con una profonda crisi politica ma la speranza è che il settore dell’edilizia possa tornare a rappresentare uno dei motori della crescita del Pil e offrire importanti opportunità alle imprese italiane coraggiose e determinate come Europea 92. Ma Europea 92 non è comprende solo l’Algeria nelle proprie ambizioni oltreconfine. Da anni è presente in diversi paesi dell’Est Europa, con particolare impegno in varie opere cancerizzate in Romania e in Albania.

Più lungo Fino a 40 ore di autonomia NO STOP Grazie all’elettronica ad alta efficienza che ottimizza il consumo di energia e a batterie integrate testate per durare, i radiocomandi REMdevice lavorano più a lungo. Scopri di più su www.remdevice.com

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

9


Attualità News

CONSOLIDAMENTI

Avanguardia Jet grouting in Cadore Continua l’operazione di messa in sicurezza dell’abitato di Cancia, nel bellunese, all’interno del territorio comunale di Borca di Cadore. I lavori di realizzazione della briglia frangicolata e della deviazione del canalone, che fanno parte del primo stralcio, sono in fase avanzata: le maestranze infatti hanno continuato il ciclo dei lavori anche in queste settimane, nonostante condizioni meteo non sempre ottimali. Ora, dopo la pausa natalizia, il cantiere riprenderà subito dopo l’Epifania. “In questo modo in primavera si potranno velocizzare le realizzazioni delle opere in calcestruzzo – spiega il consigliere pdella Provincia di Belluno delegato alla difesa del suolo, Massimo Bortoluzzi – Già adesso sono state ultimate molte delle opere previste, ben prima del cronoprogramma iniziale”. Al momento, operai e tecnici stanno lavorando lungo il Bus del Diau, dove il progetto prevede di separare la colata solida (massi) dalla parte liquida (acqua). Di fatto, sono in corso di realizzazione la sponda nord tra i due salti in calcestruzzo del canalone; serviranno a dissipare l’energia dell’acqua in discesa, in modo da ridurre l’effetto di erosione del terreno. Alla ripresa del cantiere, verrà completata l’operazione, prima di procedere (in primavera, quando le condizioni di temperatura saranno migliori) con le opere in calcestruzzo e la posa della briglia frangicolata “Sabo Dam”, di tecnologia giapponese. “La Provincia, con il settore Difesa del Suolo, sta seguendo con particolare attenzione e collaborazione la ditta incaricata di portare avanti i lavori di Cancia – ricorda Bortoluzzi – Il problema del

10

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

canalone dell’Antelao e delle colate detritiche è annoso, ma grazie alla professionalità dei tecnici forniti dalla Regione, stiamo proseguendo senza intoppi e con grande celerità nella messa in sicurezza”. A tutt’oggi sono concluse le lavorazioni relative ai due salti di fondo intermedi del canalone ed è in fase avanzata la costruzione delle sponde della deviazione del canale del Bus del Diau. Nella parte bassa, dalla posizione della futura briglia al primo salto di fondo è stata ultimata la sponda sud del canale. La sponda lato nord in questo tratto sarà l’ultima ad essere costruita in quanto vincola l’accesso intermedio principale dalla pista di cantiere. Inoltre, nel tratto superiore, è in fase di costruzione e cementazione la sponda sud tra i

due salti di fondo (allo stato attuale è ultimato circa metà del tratto). In corrispondenza della briglia e del relativo manufatto di dissipazione laterale, sono stati eseguiti scavi in pendenza, con protezione superficiale in rete, in modo da impedire l’erosione superficiale, per potere raggiungere il piano di lavoro su cui eseguire le fondazioni della briglia che sono previste con colonne di consolidamento in jet grouting. “La realizzazione delle opere in jet grouting è in corso – spiega ancora Bortoluzzi – Allo stato attuale, ci si concentrerà sull’attività di costruzione della briglia selettiva, del manufatto idraulico di dissipazione e l’ultimazione della deviazione del canale Bus del Diau, oltre alla riprofilatura dei versanti”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Attualità News FONDAZIONI SPECIALI

Icop, un secolo da protagonista Poco prima del Natale scorso, nella sede di Basiliano (Ud) si sono celebrati i cento anni di attività della Icop, realtà fondamentale per la storia italiana delle costruzioni stradali, delle fondazioni e delle opere speciali. Icop rappresenta oggi un autentico patrimonio tecnologico di lavori specialistici in molteplici settori: progettazione e costruzione di ponti e viadotti, esecuzione di diaframmi, realizzati anche con idrofresa, di pali, micropali, tiranti, colonne consolidate, congelamento, in qualsiasi tipo di terreno e struttura, coprendo tutta la gamma di opere speciali nel campo delle fondazioni. Da molto tempo, l’impresa friulana ha sviluppato un nuovo settore d’intervento per la realizzazione di microgallerie con la tecnica del microtunnelling. Questo ha consentito all’azienda di imporsi in breve tempo per professionalità e sviluppo tecnologico, divenendo una delle ditte europee più importanti nel settore. “Un secolo di vita imprenditoriale è un

bel traguardo – commenta l’ingegner Piero Petrucco, amministratore delegato della società – Noi abbiamo voluto festeggiarlo e condividerlo con molte persone a noi vicine per ricordare la lunga storia fatta di uomini, mezzi, macchine, idee e innovazioni, e per

tracciare naturalmente le direttive per il prossimo futuro. Trovo straordinario ritrovarsi insieme proprio in questo momento in cui l’impresa, come mai prima nella sua storia, annovera così tante sedi e personale in fase operativa fuori dai confini nazionali”.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

11


Attualità News NOMINE

Nillroth alla presidenza del CECE

Dal 1 ° gennaio 2020 Niklas Nillroth è il nuovo presidente del CECE. Succede a Enrico Prandini che ha ricoperto la carica, come di consueto secondo il regolamento del Comitato, per due anni consecutivi (seguendo la scelta a rotazione riservata a ciascuna delle associazioni nazionali che compongono il Comitato stesso). Niklas Nillroth è presidente del SACE – l’associazione svedese che rappresenta i produttori di macchine e attrezzature per le costruzioni – ed è vicepresidente della divisione Sustainability & Public Affairs di Volvo Construction Equipment. Proprio nell’ambito di Volvo CE, Niklas ha acquisito una vasta esperienza in diversi ambiti di managing, dalla gestione degli acquisti e delle forniture allo sviluppo di prodotto fino alle dinamiche di revisione e implementazione dei progetti e alla gestione generale.

“Dedicherò particolare attenzione al tema della sostenibilità nell’ambito delle costruzioni – ha dichiarato Nillroth dopo la nomina – Riserverò particolare attenzione alle tecnologie di riduzione delle emissioni e alle iniziative messe in atto dalle autorità e dal nostro stesso settore produttivo. Quello che manca ancora al mercato – ed è l’obiettivo specifico su cui voglio concentrarmi – è un fattore decisivo di motivazione che faccia di queste tecnologie tecnologie d’avanguardia una priorità generale per gli utilizzatori e le imprese del settore Construction”. Come presidente del CECE Niklas Nillroth rappresenta attualmente 1.200 produttori europei di macchine e attrezzature per le costruzioni che complessivamente generano un fatturato annuo di 40 miliardi di euro e danno lavoro a circa 300.000 persone.

CONSOLIDAMENTI

Nelle gallerie della Storia Alla fine di novembre, lo staff tecnico di Negropal ha partecipato alla riunione informativa per un’importante opera di consolidamento del complesso religioso di San Giovanni Ilarione (Vr). Dal 2017 a oggi, è in corso la complessa risoluzione di rilevanti problematiche strutturali. Dal registro contabilità del genio civile emerge la presenza di gallerie sottostanti la chiesa create nel 1944 dai tedeschi con esplosioni e demolizioni. Queste gallerie sono dei corridoi con delle vere e proprie stanze (camere) più ampie ed è proprio in corrispondenza di queste che si sono verificate alcune crepe all’interno della chiesa, nel corso delle lavorazioni. Assodata quindi la necessità di intervenire è stata realizzata un’indagine sul terreno scoprendo che pur essendo composto di basalti colonnari, la sua natura è friabile. Dopo una settimana di lavoro difatti il terreno cede quindi c’è necessità di rinforzare le pareti per poter procedere ed entrare alla

12

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

prima camera. Questo è il motivo per cui Negropal è stata incaricata come azienda specializzata per un intervento da svolgere in condizioni molto particolari. Il contesto da affrontare è molto diverso da quello che i tecnici si aspettavano, basandosi sulle mappe del genio civile; infatti le gallerie, che dovevano essere di 2,2 m in altezza, si sono rivelate invece alte ben 3,5 m, con le camere che invece di 3 m in altezza, hanno rivelato picchi di addirittura 6 m. Vista la situazione, non solo allo scopo di risolvere il problema ed evitare che si ripresenti, ma anche per lavorare in sicurezza, si è deciso di rivestire in cemento armato tutta l’area escavata; con queste condizioni di spazio molto ridotto si ricorre all’unica soluzione attuabile, cioè il sistema spritz beton. L’intervento di Negropal in questo modo può intervenire con efficacia, in sicurezza e nel rispetto dei tempi di lavorazione stabiliti, nonostante lo spazio angusto a disposizione, le condizioni di scarsa luminosità e di

ricircolo forzato dell’aria. I lavori ora procedono rapidamente, anche se l’umidità invernale richiede pazienza per l’asciugatura tra uno strato e l’altro di spritz beton. “Quest’opera particolare, per noi è davvero emozionante se consideriamo l’importanza storica del luogo – commentano i tecnici di Negropal – Immaginiamo il sentimento dei soldati che per primi hanno scavato queste gallerie. Quello che stiamo portando a termine è un lavoro necessario per la memoria storica del paese e siamo davvero orgogliosi di aver partecipato a questo consolidamento difficile, non solo per la messa in sicurezza della chiesa ma anche per la rivelazione alla comunità di queste gallerie che, a lavoro finito, saranno sicuramente visitabili”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


G LO B A L D R I L L I N G E X P E R T I S E

Auto CDA

FIND US AT CONEXPO 2020 LAS VEGAS, NV

F 5815

FESTIVAL GROUNDS

www.sipdrill.it Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

13


Cover Story | geoJOB Recruitment

Il lavoro, dalle fondamenta Le grandi imprese cercano perforatori per i cantieri di domani e hanno bisogno di nuove competenze. In Italia, c’è chi può favorire questo incontro. Con un network virtuoso che geolocalizza le risorse umane e favorisce la formazione

D

are alle nuove generazioni un’opportunità vera. Dovrebbe essere questa la missione primaria di una politica del lavoro che guarda al futuro. Purtroppo non sempre l’attenzione alla domanda del mercato è puntuale e reattiva, guardando alle richieste particolari - eppure urgenti - che arrivano dalle imprese nazionali. Occorrono a questo riguardo capacità di analisi, conoscenza dei settori industriali, esperienza nella selezione professionale e un orizzonte ampio di riferimento per la ricerca di quell’opportunità reciproca - per lavoratori e aziende - che può rilanciare la filiera delle professioni tecniche più specializzate. Nel comparto specialistico delle fondazioni speciali e della geotecnica, forse la primavera del lavoro è già arrivata. Questa testimonianza di notevole portata ci arriva da geoJOB recruitment, una startup innovativa maturata nel 2018 all’interno dell’incubatore di impresa Speed MI Up dell’Università Bocconi e basata su un network diffuso di operatori specializzati nel settore delle costruzioni presenti su tutti i territori d’Italia. Sfruttando le grandi possibilità offerte dalla geolocalizzazione, geoJOB Recruitment ha sviluppato un servizio tecnologico per riuscire a rintracciare direttamente sul mercato dell’offerta professionale i lavoratori del comparto edile e delle grandi

costruzioni. Grazie a un sistema di ricerca integrato, per molte imprese che affidano le proprie ricerche di personale a geoJOB Recruitment oggi è possibile identificare in tempi brevissimi le figure professionali più adatte e disponibili per il proprio cantiere o per una specifica lavorazione industriale, scegliendole tra le persone geograficamente più vicine all’azienda appaltatrice o all’area cantierizzata e in corso d’opera. “Oggi il mondo delle perforazioni geotecniche e delle fondazioni speciali, in Italia, ha un bisogno costante di personale specializzato e formato da avviare a piccoli e grandi progetti di costruzione - conferma Vittorio Massimo Borgo, amministratore unico di geoJOB - La ricerca di operai specializzati e di perforatori in particolare, ci vede impegnati assiduamente nei nostri uffici di San Donato Milanese e in trasferta nel quartiere generale di molte imprese del settore. Gli operatori di sonde perforatrici devono saper eseguire lavorazioni che riguardano tecniche complesse come la realizzazione di micropali, di tiranti, infilaggi in galleria e applicazioni sotterranee con la tecnica del cosiddetto jet grouting, solo per fare qualche esempio assolutamente parziale. Ci piacerebbe affermare che la scarsità di questi professionisti sul mercato sia da ricondurre alla partenza in contemporanea di molti cantieri; purtroppo non è così. La

prima vera ragione di questa difficoltà nel reperimento di personale risiede nel fatto che gli specialisti sono sempre meno nel nostro Paese. Da 15 anni in Italia non si realizzano quasi più grandi opere che riguardano infrastrutture e questo rallentamento ha provocato ormai una sclerosi nella formazione e nell’inserimento di giovani professionisti in questo segmento estremamente qualificato”. Proprio considerando questo deficit di preparazione, Vittorio Borgo e lo staff di geoJOB hanno posto l’accento fin dall’inizio della loro missione professionale sull’importanza della formazione e di un apprendistato diretto in cantiere, nel percorso virtuoso che può condurre i giovani alla prospettiva di un lavoro importante e in continua evoluzione. Parlando ancora delle figure specializzate nel settore delle perforazioni e fondazioni speciali, bisogna tener presente che l’ottenimento di un patentino per l’utilizzo di macchine perforatrici è, ovviamente, un requisito indispensabile. Certo, l’abilitazione da sola non basta per acquisire la maestria tecnica e l’esperienza necessaria per impiegare in modo puntuale e calibrato una perforatrice nella trivellazione e nel consolidamento di un terreno. Occorrono molti anni di esperienza in cantiere e di affiancamento con professionisti già esperti. Ci vuole sacrificio e dedizione, capacità di apprendimento per un’infinita

Fondazioni | Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

14

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Una rete per i cantieri

Vittorio Massimo Borgo

Trovare la persona giusta al momento giusto grazie a un sistema di georeferenziazione che permette l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, esattamente nella località in cui sorgerà un cantiere di costruzione. Lo scopo, la missione e la competenza di geoJOB Recruitment sta tutta qui e il vantaggio per il lavoratore che ricerca un impiego in tempo reale è duplice: può infatti riempire un’agenda di impegni puntuale e precisa, senza rinunciare alla propria indipendenza e alla necessaria autogestione professionale, sulla base di scelte opportune e ben calibrate in relazione alla natura dell’impegno richiesto. Una volta analizzate le esigenze dell’azienda, geoJOB procede velocemente a identificare le figure professionali disponibili in loco, saltando tutte le fasi di intermediazione e intercettandole direttamente nella zona di ubicazione del cantiere o dell’intervento previsto in una fase successiva, facilitando così l’organizzazione delle squadre di lavoro in tempi rapidissimi. Il processo di ricerca e selezione permette quindi di non gravare sui costi fissi abbattendo i costi di gestione ed eliminando totalmente quelli di trasferta. Fulcro dell’attività di geoJOB è il networking continuo su tutti i territori nazionali al fine di garantire un’offerta di professionisti sempre all’altezza. Alla base di questa strategia ci sono le relazioni e il miglioramento continuo delle competenze dei lavoratori stessi, in grado di crescere professionalmente grazie ai servizi offerti dalla piattaforma geoJOB. Inoltre l’utilizzo dei social network più comuni e la loro immediata integrazione al portale, consente un impiego smart, trasversale e condiviso, dello strumento geoJOB sia sul lato della domanda sia su quello dell’offerta. Pochi mesi fa, tramite la web agency Kickthecan di Milano, geoJOB ha realizzato un’indagine proprio sull’identificazione dell’attuale figura del lavoratore nel mondo delle costruzioni. “Il 96% di chi ha risposto al nostro questionario, loca fatto tramite smartphone - rileva ancora Vittorio Massimo Borgo - Questa circostanza testimonia quanto mobile e dinamico sia il popolo dei lavoratori edili di oggi. È praticamente impossibile costringere questi lavoratori a scrivere il curriculum seduti a un tavolino; occorre trovare altri metodi per intercettare i loro bisogni. Sullo sfondo di questa indagine, come ho già detto, c’è il grande tema della digitalizzazione e dell’alfabetizzazione informatica, un fattore che avvicina la domanda e l’offerta più di quanto si possa ipotizzare e sul quale i lavoratori sono spesso più attenti rispetto alle stesse aziende”.

Fondazioni | Perforazione pozzi | Gallerie Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

15


varietà di applicazioni e di tecniche che compongono il sistema generale dell’ingegneria geotecnica. Tutto è importante: la conoscenza delle macchine e delle attrezzature, lo studio della natura del suolo sul quale si va a operare, le alternative di intervento possibili. Si tratta di abilità che possono essere assimilate dall’aspirante perforatore solo con un’adeguata formazione e un costante addestramento sul campo”. Formare queste giovani leve non può costituire un aggravio dei costi obiettivi di un’impresa. Serve un aiuto da parte delle istituzioni; un aiuto che potrà moltiplicare esponenzialmente il ritorno di questo investimento nelle nuove generazioni. “Fornire alle aziende ragazzi che abbiano le fondamentali nozioni teorico-pratiche necessarie per essere operativi in cantiere fin da subito, dev’essere questo l’obiettivo di una politica efficace nell’ambito della formazione professionale - sottolinea l’amministratore di geoJOB - Per i lavoratori, questa politica si tradurrà nel beneficio di acquisire le competenze basilari che possano portare subito a un’assunzione con contratto di apprendistato. Per le imprese, il valore sarà quello di avere a disposizione lavoratori formati da specialisti del settore, con una riduzione significativa dei costi di formazione e dei tempi di apprendistato in azienda. Nell’ottica del conseguimento di questi risultati, le politiche della formazione rappresentano una pietra d’angolo per il futuro degli stessi lavoratori e delle imprese”. Il momento economico che ci aspetta in questo 2020 sarà cruciale per il nostro Paese. Lo sblocco auspicabile dei grandi cantieri di infrastrutture richiederà un coordinamento e una scelta ragionata delle figure professionali che si dedicheranno agli innumerevoli compiti di gestione tecnica e logistica delle aree di intervento. Tra i protagonisti in cantiere - oltre a muratori, maestranze di posa dei materiali edili, operatori di macchine movimento terra, stradali e di sollevamento, gestori di impianti per la distribuzione del calcestruzzo - i perforatori costituiranno senz’altro un’élite. “La prova tangibile? Oltre il 60 per cento delle richieste di contatto a geoJOB Recruitment per la ricerca del personale da parte delle imprese riguarda il settore delle perfo-

16

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Job opportunity from foundations Give the new generations a real opportunity. This should be the primary mission of an employment policy that looks to the future. Unfortunately, attention to market demand is not always timely and reactive, looking at the particular - yet urgent - requests that come from national companies. In this regard, analysis skills, knowledge of industrial sectors, experience in professional selection and a broad reference horizon are needed for the search for that mutual opportunity - for workers and companies - that can relaunch the chain of more specialized technical professions. In the specialist sector of special foundations and geotechnics, perhaps the spring of work has already arrived. This testimony of considerable importance comes to us from geoJOB recruitment, an innovative startup matured in 2018 within the Bocconi University incubator Speed ​​ MI Up and based on a widespread network of operators specialized in the construction sector present in all territories Italy. Taking advantage of the great possibilities offered by geolocation, geoJOB Recruitment has developed a technological service to be able to track workers in the construction and large construction sectors directly on the professional offer market. Thanks to an integrated search system, for many companies that entrust their personnel searches to geoJOB Recruitment, today it is possible to quickly identify the most suitable and available professionals for their construction site or for a specific industrial process, choosing them among the people geographically closer to the contracting company or to the construction site and under construction. “Today the world of geotechnical drilling and special foundations, in Italy, has a constant need for specialized and trained personnel to start small and large construction projects - confirms Vittorio Massimo Borgo, CEO of geoJOB - The search for skilled workers and perforators in particular, sees us assiduously engaged in our offices in San Donato Milanese and away from the headquarters of many companies in the sector. The operators of drilling rigs must be able to perform operations involving complex techniques such as the construction of micropiles, tie rods,

tunnel inserts and underground applications with the so-called jet grouting technique, just to give some absolutely partial examples. We would like to say that the scarcity of these professionals on the market is due to the simultaneous departure of many construction sites; unfortunately it is not so. The first real reason for this difficulty in finding staff is that there are fewer and fewer specialists in our country. For 15 years, almost no major infrastructure projects have been carried out in Italy and this slowdown has now caused sclerosis in the training and inclusion of young professionals in this highly qualified segment”. Precisely considering this lack of preparation, Vittorio Borgo and the geoJOB staff have placed the emphasis from the beginning of their professional mission on the importance of training and a direct apprenticeship on site, in the virtuous path that can lead young people to perspective of an important and constantly evolving job. Speaking again of the specialized figures in the sector of drilling and special foundations, it must be borne in mind that obtaining a license for the use of drilling machines is obviously an indispensable requirement. Admittedly, qualification alone is not enough to acquire the technical skill and experience necessary to use a drill rig punctually and calibrated in drilling and consolidating a terrain. It takes many years of experience on site and to work with already experienced professionals. It takes sacrifice and dedication, learning ability for an infinite variety of applications and techniques that make up the general system of geotechnical engineering. Everything is important: knowledge of the machines and equipment, the study of the nature of the soil on which you are going to operate, the possible intervention alternatives. These are skills that can be assimilated by the aspiring puncher only with adequate training and constant training in the field”. Training these young levers cannot constitute an increase in the objective costs of a company. We need help from the institutions; a help that can multiply exponentially the return of this investment in the new generations. “Providing companies with the fundamental theoretical and practical knowledge

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

necessary to be operational on site immediately, this must be the goal of an effective policy in the field of professional training - underlines the geoJOB administrator - For the workers, this policy will translate into the benefit of acquiring the basic skills that can immediately lead to an employment with an apprenticeship contract. For companies, the value will be to have workers trained by sector specialists at their disposal, with a significant reduction in training costs and apprenticeship times in the company. With a view to achieving these results, training policies represent a corner stone for the future of the workers and companies themselves. “ The economic moment that awaits us in this 2020 will be crucial for our country. The desirable release of the large infrastructure yards will require coordination and a reasoned choice of the professional figures who will devote themselves to the countless technical and logistical management tasks of the areas of intervention. Among the protagonists on site - in addition to bricklayers, building materials laying workers, operators of earthmoving, road and lifting machinery, operators of concrete distribution systems - the perforators will certainly be an elite. “The tangible proof? Over 60 per cent of contact requests to geoJOB Recruitment for staff recruitment by companies concern the drilling and foundations sector - Borgo informs us We have constant contacts with primary companies as Trevi, Isarco Scarl (consorzio guidato da Salini Impregilo, di cui fanno parte Strabag, Collini Lavori e Consorzio Integra), General Smontaggi, Mangiavacchi Pedercini, Tecno In, Toscopali, Geocipo, Intercantieri Vittadello, Ediltecno Restauri, Dolomiti Rocce, LC&Partners Project Management and Engineering, One Works, Romeo Safety Italia, Di Vincenzo Dino & C. The need is growing and we have a duty to provide answers. This is an economic and social imperative that can no longer be postponed on a national scale”. We hope that the year of work has really come, for the country system, for the finally more peaceful horizon of young Italians and for all those companies that will be ready to welcome their professional values ​​and concrete hopes for the future.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

17


razioni e fondazioni - ci informa Borgo - Abbiamo contatti costanti con realtà del calibro di Trevi, Isarco Scarl (consorzio guidato da Salini Impregilo, di cui fanno parte Strabag, Collini Lavori e Consorzio Integra), General Smontaggi, Mangiavacchi Pedercini, Tecno In, Toscopali, Geocipo, Intercantieri Vittadello, Ediltecno Restauri, Dolomiti Rocce, LC&Partners Project Management and Engineering, One Works, Romeo Safety Italia, Di Vincenzo Dino & C. Il bisogno è crescente e noi abbiamo il dovere di fornire risposte. Si tratta di un imperativo economico e sociale non più rinviabile su scala nazionale”. L’anno del lavoro speriamo che sia davvero arrivato, per il sistema Paese, per l’orizzonte finalmente più sereno dei giovani italiani e per tutte quelle imprese che saranno pronte ad accoglierne i valori professionali e le speranze concrete di futuro.

18

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

19


Fondazioni Speciali | Bauer Special Foundations

Al comando della flotta La filiale italiana ha inserito nel proprio parco noleggio la più grande perforatrice europea. Già all’opera in un importante cantiere nel Principato di Monaco

S

iamo al cospetto di un autentico gigante da 180 t capace di destreggiarsi con qualsiasi tecnologia di perforazione e di assicurare prestazioni superlative, ulteriormente incrementate dalle più recenti evoluzioni tecnologiche presentate allo scorso Bauma di Monaco. La BG 55, da pochi mesi disponibile nel parco

20

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

noleggio di Bauer Macchine Italia, rappresenta l’ennesima conferma dell’importanza - a dispetto delle apparenze e delle previsioni di economia politica - di un mercato come quello italiano, in grado di proporre con autorevolezza costante imprese primarie impegnate in cantieri complessi. Si tratta sempre di opere che richiedono non solo

macchine potenti, ma anche un supporto e una consulenza puntuale un costruttore come Bauer - anche tramite una filiale di rilievo come quella di Mordano (Bo) - è in grado di fornire al grado più irreprensibile. La BG 55 fa parte della famiglia PremiumLine, top di gamma dell’intera produzione Bauer. Con tutte le altre perforatrici della gamma condivide alcune caratteristiche peculiari che rilevano prestazioni di vertice, elevati standard di sicurezza e di qualità componentistica, sostenibilità ambientale, lunghi cicli di vita operativa, facilità di trasporto e di montaggio. “In effetti - come ci spiega l’ingegner Andrea Ruggero, Sales Engineer di Bauer Macchine Italia - la BG 55 è la più imponente perforatrice prodotta da Bauer per il mercato europeo e statunitense in cui sono in vigore, a livello di motorizzazione, stringenti normative in fatto di emissioni inquinanti. Esiste solo una macchina più grande, la BG 72, che è però dedicata ai mercati più liberi in fatto di emissioni”. Come tutte le PremiumLine, anche la BG 55 oltre a tutti i sistemi previsti dalle normative internazionali sulla sicurezza, è equipaggiata con varie telecamere che consentono all’operatore di visualizzare con estrema precisione l’area di lavoro e le zone circostanti, eludendo il rischio di angoli ciechi. Le alte performance di cui abbiamo riferito prima, sono dovute agli elevatissimi valori di coppia sviluppati e alla presenza di un argano principale a singolo strato che, tra l’altro, permette di avere una durata nettamente maggiore della fune. A dispetto delle dimensioni, la BG 55 stupisce per una relativa facilità di trasporto e


per un’insospettabile rapidità per quanto concerne le operazioni di montaggio in cantiere. “Questa macchina - come evidenzia ancora l’ingegner Ruggero - si monta con la stessa velocità di una BG 36, cioè di una perforatrice nettamente più piccola. La BG 55,

infatti, presenta il medesimo cinematismo a V e lo stesso tipo di divisibilità in sezioni del mast che caratterizza le altre perforatrici Premium. Quindi, ad eccezione della cabina, l’intera macchina si smonta molto rapidamente e si trasporta con una certa facilità.

Assistenza al tiro Oltre agli usuali assistenti alla perforazione standard, sulla BG 55 al lavoro a Monaco è stata introdotta una novità presentata durante lo scorso Bauma: il Crowd Plus, un nuovo sistema di assistenza al tiro. “Quando si va a rivestire, soprattutto in profondità, con lunghe batterie di tubi e senza morsa - aggiunge Andrea Ruggero - è facile trovarsi in difficoltà nel recupero dell’intera colonna utilizzando solo l’argano di tiro-spinta. In questi casi gli operatori più navigati fanno appoggiare la testa dell’utensile all’interno del trascinatore e, in modo manuale, si aiutano con l’argano principale. Questa operazione però comporta un rischio enorme per un eventuale danneggiamento della rotary, perché è impossibile capire quanto stia tirando l’argano principale in appoggio. Il nuovo sistema Bauer - che di fatto è un aggiornamento software abbinato a uno speciale piatto di appoggio posizionato tra la testa dell’asta e l’utensile permette di sincronizzare i due argani e, con un semplice joystick, di utilizzare entrambi gli argani per issare la colonna di rivestimento. Una BG55, che in configurazione standard ha un tiro effettivo di 530 kNm (53 t), con questo sistema raggiunge un tiro di 98 t. Inoltre questa soluzione, anche in caso di profondità elevate, permette di ridurre al minimo l’uso della morsa giracolonna”. Bauer Macchine Italia, con l’aggiunta di questa nuova macchina, ha provveduto a formare uno dei suoi tecnici più esperti in merito alla manutenzione e all’operatività della BG55, nell’ottica del massimo aggiornamento possibile e della conoscenza completa, a livello tecnico e di manutenzione di ogni singola macchina presente del parco noleggio.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Inoltre la BG 55 è dotata di un sistema di cilindri, installati sul corpo centrale del sottocarro, che permettono di assemblare e disassemblare i cingoli molto rapidamente e senza la necessità di sollevare la cabina con una gru ausiliaria. La cabina può viaggiare con o senza l’argano principale, inoltre quest’ultimo può essere ribaltato all’indietro grazie a un apposito brevetto Bauer, una soluzione che permette di contenere l’altezza massima a 3,65 m. La macchina è anche dotata di un camminamento con passerelle che in fase di trasporto viene ripiegato verso la cabina e trasportato insieme alla cabina stessa. Una volta arrivati in cantiere, un semplice leveraggio consente il riposizionamento delle passerelle. In cantiere la macchina viene riassemblata in soli due giorni ed è subito pronta per lavorare. L’antenna è uno scatolato di oltre 35 m con sezione maggiorata per gestire l’incredibile coppia sviluppata. Per tale ragione, una volta completamente assemblata in tutta la sua lunghezza, per issare l’antenna in posizione verticale c’è la necessità di una gru ausiliaria per il sollevamento. Il trasporto nella versione più accessoriata della macchina richiede un eccezionale dedicato, un eccezionale standard e sette trasporti normali. Di fatto un treno molto vicino a quello richiesto per macchine decisamente più piccole“. La BG 55 è stata inserita nel parco noleggio di Bauer Macchine Italia dallo scorso otto-

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

21


Scheda tecnica Rotary Coppia nominale Argano principale Tiro in 1° strato Argano di spinta Argano ausiliario Motore Potenza Morsa giracolonna Peso operativo

bre 2019. Attualmente la macchina - sono due attualmente quelle presenti in Europa è impegnata, con noleggio a lungo termine, in uno dei cantieri più importanti a livello continentale, nel Principato di Monaco. ”La difficoltà e la complessità dei pali da realizzare - conferma Ruggero - giustificano l’utilizzo di una macchina con questo tipo di prestazioni, adatta ai cantieri importanti e con tempi di realizzazione piuttosto dilatati. Del resto, lo ricordiamo, si tratta di una perforatrice che, nella sua configurazione base, raggiunge le 180 t. Inoltre la macchina che sta operando a Montecarlo si trova nella sua configurazione più spinta per quanto riguarda la realizzazione di pali trivellati rivestiti. La BG 55 è infatti equipaggiata con un’estensione dell’antenna di 5,6 m che permette di utilizzare aste particolarmente

22

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

KDK 550 S 553 kNm a singolo strato 450 kN (570 kN nom.) 530 kN (680 kN nom.) 140 kN (177 kN nom.) CAT C 18 Tier 4 Final 563 kW BV2000 180 t

lunghe (a Montecarlo siamo a 64 m) avendo comunque a disposizione sotto la macchina tutto lo spazio necessario per andare a infiggere, con la macchina o con la morsa giracolonna, tubi fino a 6 m di lunghezza. Il tutto a vantaggio di una notevole semplicità di cantiere e per consentire l’utilizzo di rivestimenti importanti che a Monaco raggiungono i 60 m. Si tratta di misure notevoli ottenute in un terreno particolarmente difficile in quanto di riporto, vibrocompattato nella sua sezione superiore per permettere la movimentazione e l’operatività dei macchinari. Una volta superati i 40-45 m di riporto, un terreno che per sua natura rende particolarmente complessa la tecnologia del palo trivellato, ci si intesta sul fondale naturale marino, che presenta aree di faglia con durezze della roccia oltre i 100 MPa. Per

far fronte a questa stratigrafia la macchina è stata equipaggiata con una morsa giracolonna BV2000, che è la più grande prodotta da Bauer ed è in grado di gestire diametri fino a 2.000 mm. A Montecarlo viene però utilizzata con una riduzione in quanto i pali più grandi si fermano a 1.800 mm. Per ridurre l’utilizzo della morsa, che tende a rallentare il lavoro, la macchina è inoltre equipaggiata con il Bauer BTM 720 K, un dispositivo dedicato al palo trivellato che, posto sotto la rotary, funge da moltiplicatore di coppia. Grazie a questo dispositivo si applica sul tubo di rivestimento una coppia di 700 kNm al posto della già notevole coppia massima prevista dalla macchina che è di 550 kNm. Questo ovviamente consente di raggiungere con il rivestimento profondità ancora maggiori”. Come accade per tutte le BG PremiumLine, anche la BG 55 si distingue per un’elevata efficienza economica garantita dal pacchetto EEP (Energy Efficient Power). Questa soluzione permette una riduzione dei consumi di carburante fino al 30%, oltre a un significativo incremento della produttività ottenuto attraverso la maggiorazione del diametro delle manichette idrauliche e l’ottimizzazione fluidodinamica. Allo stesso tempo la rotazione del motore segue le effettive necessità dei circuiti idraulici. Il tutto si accompagna a una significativa riduzione dell’emissione acustica. A livello tecnico vale la pena sottolineare il recupero dell’energia idraulica grazie all’introduzione di un motore-pompa idraulica che recupera l’energia durante la discesa dell’argano


principale per poi ridistribuirla ai circuiti secondari. La BG 55 è inoltre dotata di multi remote control. Il telecomando wireless con schermo LCD può essere utilizzato per eseguire diverse manovre e funzioni al di fuori della zona di pericolo. Tra queste: lo spostamento della perforatrice e la gestione di argani, cinematismi e rotary. Il telecomando risulta particolarmente utile anche in fase di tagliando della perforatrice.

In Denmark, Lighthouse for the drilling queen With the Lighthouse project, a striking residential construction project is currently being realized in Aarhus, Denmark’s second most populous city. The open, vibrant and attractive construction is distinctive. Connecting the skyscraper structure with the row houses creates a sort of modern residential community where the interaction between private, semi-public and public areas takes center stage. Areas such as the sun deck on the water-side promenade with cafes and retain stores as well as a large square for lei-

sure activities provide just this. A rooftop bar, open to the public, on the top floor offers a wonderful view. The Lighthouse project is being realized in two phases. In the first phase, completed in 2012, the terrace apartments were built. The second phase, due for completion in 2022 involves building the Lighthouse Tower, which will be Denmark’s tallest residential building. For the foundation of this skyscraper, our customer Per Aarsleff is building 70-meter deep foundation piles with his Bau-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

er BG 55. The piles have a diameter of 2,000 mm and are cased up to 16 meters. A hydraulic power pack HD 470 and a casing oscillator BV  2000 will also be used to hold and pull the casing tube. Bauer MAT Slurry Handling Systems equipment will also help to keep things on the construction site running smoothly. A desanding plant BE 170/60 with an attached desilter BDS  85 and a mixing unit SCA 40 K with water tank ensure the correct ratio of the support fluid and a reduction of the particle size of the sand.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

23


Fondazioni Speciali | Trevi Special Foundations

La bellezza risorge dall’Arno Iniezioni tramite canne a manchettes (TAM) e directional drilling per il ponte Amerigo Vespucci di Firenze

U

n evento che riporta alla luce una tradizione di creatività infrastrutturale che testimonia la continuità tra passato e presente, nel nome dell’ingegneria italiana. Quello che è accaduto il 24 ottobre 2019 scorso è un momento-simbolo del Paese più sapiente e capace di far risorgere le opere civili di cui può andare orgoglioso: a Firenze è stato riaperto al pubblico il ponte Amerigo Vespucci, chiuso al traffico da quasi un anno per consentire lo svolgimento dei lavori di messa in sicurezza. La struttura, progettata dall’ingegner Riccardo Morandi,

24

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

I numeri dell’impresa Perforazione direzionale Iniezioni orizzontali di miscele cementizie Riempimento con inerti Iniezioni verticali di betoncino Getto subacqueo di calcestruzzo aveva infatti mostrato preoccupanti fenomeni di erosione sotto la pila sinistra del ponte. Trevi, che proprio in un recente passato era intervenuta con pieno successo al ripristino del Lungarno Torrigiani, è

1.210 m 365 m³ 1400 m³ 320 m³ 205 m³

stata richiamata a Firenze per occuparsi, nell’ambito di un consorzio d’imprese, della messa in sicurezza delle fondazioni al di sotto della pila sinistra dello stesso Ponte Vespucci. Un intervento di non poco conto che ha richiesto l’esecuzione di iniezioni attraverso canne a

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


manchettes (TAM), installate mediante perforazioni direzionate di piccolo diametro. Durante la conferenza stampa per l’inaugurazione e la riapertura del Ponte, il sindaco di Firenze, Dario Nardella ha ringraziato pubblicamente la stessa Trevi per la brillante risoluzione delle problematiche di sicurezza. “Si tratta di uno degli interventi più complessi mai fatti sui ponti a Firenze negli ultimi decenni, dopo quello sul Viadotto dell’Indiano – ha rimarcato Nardella – È stata un’operazione molto complessa dal punto di vista ingegneristico, che avevamo deciso prima del disastroso crollo di Genova. Ed è anche l’unico ponte realizzato dall’ingegner Morandi in Italia che è stato messo in sicurezza”. “I lavori si erano resi necessari perché la corrente del fiume aveva scavato una profonda fossa di erosione al di sotto della pila sinistra del ponte – hanno spiegato i tecnici di Palazzo Vecchio – Le lavorazioni, complesse, sono state effettuate durante periodi in cui le correnti erano importanti. Le iniezioni di malte di consolidamento attraverso sonde teleguidate dalla sponda dell’Arno sono andate

a inserirsi, comunque, esattamente nei punti dove era necessario effettuare l’intervento”. In considerazione della particolare delicatezza dell’opera, nel corso dello svolgimento dei lavori di messa in sicurezza, Trevi ha allestito un campo prove che ha consentito di validare il metodo

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

e i materiali scelti; nel corso dell’intervento la struttura è stata costantemente monitorata per verificare gli effetti prodotti dalle lavorazioni di perforazione e iniezione. In particolare è stata installata una stazione totale su di un edificio che attraverso dei sensori posti su diverse parti del ponte, ha avuto il compito di

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

25


verificare i movimenti della struttura e delle fondazioni. Durante le perforazioni e le iniezioni, il sistema di monitoraggio del ponte ha sempre e solo indicato valori di movimento ciclico dovuti esclusivamente all’escursione termica. L’efficacia dell’intervento è stata comprovata comparando i valori delle prospezioni sismiche, ottenuti prima e dopo le operazioni di iniezione. In particolare, il suolo soggetto a iniezioni ha mostrato un aumento medio del 60% della velocità dell’onda P.

Allo scopo di minimizzare il rischio di movimenti e al fine di svincolare gli interventi dalle condizioni della corrente e dal livello del fiume, è stato deciso di operare da terra, installando le canne di iniezione mediante perforazione direzionata di piccolo diametro a partire dalla riva. Le perforazioni sono state effettuate seguendo un andamento curvilineo, con un angolo di partenza di circa 20 gradi sull’orizzontale, e orizzontali alla quota dell’intervento. Vista la presenza di terreni alluvionali grossolani, si è predisposto un sistema di

perforazione (rotopercussione) che consentiva, anche in presenza di grossi clasti, di poter penetrare senza subire deviazioni indesiderate. La sequenza delle perforazioni è stata costantemente controllata mediante una sonda elettronica situata all’interno della prima asta (probe housing) avvitata dietro al martello. Un bent sub posto tra il martello e l’asta magnetica ha fornito l’angolo necessario per guidare lo scalpello lungo la traiettoria di progetto.

Beauty rises from Arno On 24 October 2019, the Amerigo Vespucci bridge in Florence was reopened to the public. The bridge, designed by Eng. Riccardo Morandi, had been closed to traffic for almost a year to carry out safety works, after having shown alarming erosion phenomena under its left pier. Trevi, which some time ago intervened with success in the rehabilitation works for the Lungarno Torrigiani, was appointed once again to carry out, within a joint venture, safety works involving the foundations beneath the left pier of the Vespucci Bridge in Florence. This significant intervention required the execution of injections through manchette tubes (TAMs), installed by means of small diameter directional holes. During the press conference for the inauguration and reopening of the Bridge, Mr. Nardella, Mayor of Florence, publicly thanked Trevi in the presence of journalists and cameras for having brilliantly solved the safety issues through the interventions carried out. Also Eng. Vincenzo Tartaglia, in his quality as Mobility Director of the Municipality of Florence, congratulated Trevi on the professionalism and the excellent work carried out by the staff working in the jobsite. Mayor Nardella also declared, “It is one of the most complex interventions ever

26

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

done on Florence bridges over the last decades, after the one on the Indian Viaduct. The project was challenging especially from an engineering point of view and was planned before the disastrous collapse of the bridge in Genoa. Vespucci is also the only bridge designed by Eng. Morandi in Italy having undergone safety works”. Works were necessary because “the current of the river had dug a deep erosion pit underneath the left pier of the bridge. Moreover, the significant river flows during the execution of the works made the intervention more difficult. Grout injections – carried out by remote-controlled drilling from the Arno bank – proved to perfectly target the intervention areas”, reported a note issued by Palazzo Vecchio. In consideration of the difficulty of the intervention, while safety works were performed, Trevi Spa carried out a test field with the purpose of validating the method and the materials chosen. During the whole time of the activities, the structure was monitored to verify the effects produced by drilling and grouting operations. Specifically, a total station was installed on a building with the aim of monitoring the movements of both the structure and the foundations, by means of the sensors located in different parts of the bridge.

While drilling and grouting operations were carried out, the bridge monitoring system always and only indicated values of “cyclic” movement exclusively due to the temperature range. The effectiveness of the intervention has been proven comparing the seismic test values, obtained before and after the grout injections. In particular the “grouted soil” showed that the P-wave velocity increased with an average of 60 %. With the aim of minimising the risk of movements and in order to ensure that the interventions were not affected by both the river current and flood risk, it was deemed necessary to operate from the ground, by installing injection pipes using directional drilling from the shore. Boreholes followed a curvilinear path with a starting angle of about 20° and an arrival angle of 0° (with respect to the horizontal axis). Due to the presence of coarse alluvial soil, the use of a roto-percussion drilling system was envisaged; this allowed drilling also in the presence of coarse gravels and cobbles, avoiding unexpected deviations. The drilling sequence was constantly monitored by means of an electronic probe housed in the first drilling rod (probe housing) screwed behind the hammer. A bent sub between the hammer and the probe housing provided the angle necessary to steer the bit along the project trajectory.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

27


Perforazioni | Herrenknecht Drilling

E-Power Pipe, la rivoluzione profonda Alternativa allo scavo tradizionale per la posa di cavi e conduttore su lunghe distanze, questa tecnologia ha conquistato la rete tedesca interrata dell’alta tensione

C

on E-Power Pipe, Herrenknecht ha sviluppato un nuovo metodo per installare tubi sotterranei di protezione per cavi di piccolo diametro in modo rapido e sicuro, con lunghezze di guida superiori a un chilometro. Il vantaggio consiste appunto nell’evitare di scavare trincee, grazie alla possibilità di effettuare lo scavo e la posa interrata guidando la mini-talpa da remoto. Il sistema replica, in piccola scala, le grandi TBM impiegate nella realizzazione di tunnel per gallerie, trafori e metropolitane. La macchina in questione

28

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

viene calata nel pozzo del cantiere di testa e da lì prosegue, con successive spinte fino a destinazione, aggiungendo elementi alla linea di condotte. Questa tecnologia trenchless è risultata oltremodo utile all’espansione della rete elettrica sotterranea (Grid Development Plan Power 2030), per un investimento stimato di 50 miliardi di euro varato per completare oltre 5.450 km di linee interrate ad alta tensione (HVDC) in tutta la Germania. L’intento e lo scopo principale dell’impiego della tecnologia E-Power Pipe di Herrenknecht è quella di instal-

lare i cavi a una profondità ridotta (1,5 metri) per segmenti stabiliti con esattezza millimetrica, fino a coprire le distanze maggiori possibili, in linee di tubazioni superiori al chilometro. Fino a oggi, nessun metodo trenchless aveva soddisfatto i requisiti dimensionali richiesti, anche in termini di rapporto costo-efficacia dell’installazione, tenendo conto anche della sicurezza, della protezione degli scavi e dei tempi di costruzione delle linee. Con la tecnologia E-Power Pipe, Herrenknecht ha colmato questa lacuna. L’E-Power Pipe infatti combina

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


e sviluppa ulteriormente le comprovate tecnologie di perforazione orizzontale direzionale (HDD) e AVN o Direct Pipe. Il fulcro del sistema è costituito dalla fresatrice per tunnelling di nuova concezione sviluppata sempre da Herrenknecht, la AVNS350XB, con un diametro di scavo di 505 millimetri. L’AVNS350XB, completamente telecomandata, è dotata di una pompa jet e di un’unità idraulica in-

tegrata, con l’implementazione di sistemi di controllo e guida direzionale all’avanguardia. La testa fresante AVNS350XB, impiegata nel cantiere pilota, ha prodotto un avanzamento di scavo giornaliero di oltre 184 metri. Con una dinamica a elevata precisione, quindi, la macchina segue l’allineamento pianificato e può attraversare rapidamente e in sicurezza le infrastrutture esistenti come condutture, strade, ferrovie e piccoli canali sotterranei. Alla base di partenza della testa fresante è installato un modulo di spinta che im-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

prime la forza di avanzamento necessaria alla mini-TBM e all’inserimento delle tubazioni, seguendo con precisione il percorso previsto per la tratta della linea elettrica fino al punto di approdo finale. A questo punto, il modulo di spinta si separa dalla tubazione installata per dedicarsi all’inserimento della protezione di copertura prefabbricata delle tubazioni, spinta sempre all’interno dello scavo effettuato in precedenza. Dopo l’insediamento della protezione, la missione E-Power Pipe è completa e in una seconda fase, l’inserimento finale dei cavi elettrici sotterranei verrà effettuato dalle società impiantistiche specializzate.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

29


L’innovazione del metodo ha comportato lo sviluppo di nuovi sistemi di spinta che consentano un avanzamento praticamente continuo della TBM e delle pipeline. In particolare Herrenknecht ha sviluppato per queste applicazioni di microtunnelling un sistema speciale in grado di imprimere una corsa di 10 metri e una forza di spinta fino a 350 tonnellate. Ruotando di 180 ° l’albero di spinta, il sistema può gestire le operazioni di

ritrazione della protezione prefabbricata, svolgendo tranquillamente la doppia funzione di posa deputata all’E-Power Pipe. Dopo una serie di presentazioni preliminari a livello tecnico, industriale e istituzionale, l’E-Power Pipe è stato sottoposto a un test decisivo nella primavera del 2017 a Borken (in Renania

30

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


settentrionale-Vestfalia), con il supporto logistico di Amprion GmbH - uno dei principali gestori di pipeline in Europa - e di RWTH Aachen. Il sistema di Herrenknecht ha dimostrato così tutta la sua efficacia, realizzando tre linee di microtunnelling parallele da 300 metri l’una, a profondità ridotta, per l’instal-

lazione di tubi in HDPE in previsione del successivo inserimento dei cavi. Con 126 metri di scavo giornaliero e 266 complessivi di copertura quotidiana per la ritrazione del rivestimento di protezione della pipeline, il risultato di quel primo test-pilota ha aperto la strada all’impiego su larga scala dell’E-Power

Pipe nel grande progetto tedesco del Grid Development Plan Power . Il programma di ricerca che ha portato al brevetto finale dell’E-Power Pipe ha beneficiato di un finanziamento statale ed è stato realizzato da Herrenknecht, come già abbiamo anticipato, in collaborazione con le aziende Amprion GmbH e RWTH Aachen.

E-Power Pipe, U-Turn in the deep With E-Power Pipe, Herrenknecht has developed a new method to quickly and securely install small-diameter cable protection pipes underground with drive lengths of over a kilometer. The trenchless technology can be precisely controlled and used with only small overburdens, thus offering a ground-conserving alternative to the conventional open-cut method for high-voltage grid expansion. High demand for new transmission grids The expansion of power transmission grids and the construction of new trunk lines are typically carried out with overhead lines. For this the time and budget plans of the authorities and planners often have to be adapted to the demands of local residents and property owners in laborious and time-consuming procedures. This is particularly true in densely populated regions such as Germany. For the grid expansion planned in Germany (Grid Development Plan Power 2030, version 2017, 2nd draft), around 2,400 kilometers of new high-voltage direct-current transmission lines (HVDC) are needed, most of which are to be installed as underground cable. The main requirement is to install the cables at a shallow depth and at rigidly defined small distances apart with high precision over the greatest possible distances (> 1 km). In the area of non-accessible diameters for the individual installation of underground cables, until now no trenchless construction method has met all the criteria in terms of cost-effectiveness, safety, security and construction time. With the E-Power Pipe technology, Herrenknecht has developed a new method that closes this gap.

E-Power Pipe combines and further develops the proven horizontal directional drilling (HDD) and AVN or Direct Pipe drilling technologies. The centerpiece is the newly developed AVNS350XB tunnel boring machine developed by Herrenknecht with an excavation diameter of 505 millimeters. The fully remote-controlled AVNS350XB is equipped with a jet pump as the slurry pump as well as a hydraulic unit integrated into the tunnelling machine and improved control and navigation systems. The use of jet pump materials handling for the excavated material means it is now possible to achieve drives up to 10 times longer than previously in the small diameter range – that means drives of more than 1,000 meters with a shallow installation depth of 1.5 meters. With high precision the machine follows the planned alignment and can quickly and safely cross under existing infrastructure such as pipelines, roads, railways or smaller bodies of water. At the starting point a jacking frame is installed, with the feed force of which the jacking pipes and the TBM are pushed along the specified route in the direction of the target point. The borehole remains securely supported by the machine and the jacking pipes the whole time. After breakthrough at the target point, the pipe jacking machine is separated from the jacking pipes. Subsequently, the prefabricated cable protection pipe is connected to the jacking pipes still located in the borehole and fed into the launch shaft via the jacking frame. After installation of the protective pipe, the E-Power Pipe mission is complete. In a second step,

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

final insertion of the underground cable is carried out by suitably specialized companies. The method innovation involved the development of new, extended jacking pipes that allow a practically continuous advance. Herrenknecht developed an appropriate jacking frame especially for these jacking pipes with a 10 meter stroke and a thrust force of 350 tonnes. By rotating it 180° in the launch shaft it can also handle the retraction of the cable protection pipe and thus takes on a double function. Successful pilot project E-Power Pipe was presented for the first time in December 2016 to representatives from the construction industry, engineering firms, network operators and politics. In the spring of 2017, together with Amprion GmbH, a leading transmission grid operator in Europe, and RWTH Aachen, Herrenknecht demonstrated the performance of E-Power Pipe with a successful pilot project in Borken (North Rhine-Westphalia). Three parallel holes with a length of 300 meters at a shallow depth were bored for the installation of HDPE pipes for later cable insertion. Best performances of up to 126 meters advance per day during pilot drilling and 266 meters per day when the protective pipe was retracted demonstrated the efficiency of the method during the pilot project already. Cooperation The development of the method received funding from the Federal Ministry of Economics and Energy (BMWi research product IBoTec) and was carried out by Herrenknecht in cooperation with Amprion GmbH and with RWTH Aachen.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

31


Perforazioni | Sandvik Drilling

Capolavoro in galleria

Con la sapienza operativa di Avesco, le perforatrici Jumbo eseguono con metodologia a secco gli avanzamenti e i pozzi di iniezione

L

a nuova galleria ferroviaria di Stoccarda-Feuerbach, parte integrante del grande progetto Stuttgart 21, è una vera sfida per l’uomo e per la macchina, in ragione della sua complessa geologia. A causa della roccia anidritica, buona parte delle perforazioni di avanzamento e dei pozzi di iniezione ha dovuto essere eseguita con perforazione a secco. Per questo motivo, la scelta ideale è stata quella di impiegare le perforatrici Jumbo Sandvik della flotta svizzera Avesco equipaggiate ad hoc e veicoli dotati di aggregati di aspirazione. L’avanzamento degli scavi è stato messo in sicurezza grazie all’impiego di infilaggi. Oggi ormai sarebbe impensabile effettuare lavori di perforazione in galleria senza l’appoggio di un software. E la galleria di Stoccarda-Feu-

32

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

erbach non ha fatto certo eccezione, implementando l’uso del software di controllo e pianificazione iSURE sviluppato sempre da Sandvik (di cui parliamo nel box specifico a complemento dell’articolo). Diamo uno sguardo d’insieme al complesso dei lavori. Dal 2014 è in costruzione una galleria ferroviaria che parte dal quartiere di Stoccarda-Nord, formata da due condotti a binario singolo lunghi 2449 e 2426 m. La galleria, a sua volta, fa parte del grande progetto «Stuttgart 21» che prevede la trasformazione dell’esistente stazione centrale, una stazione di testa, in stazione di transito posizionata più in basso. La nuova stazione sarà collegata attraverso diverse linee d’accesso sotterranee, tra cui anche quella proveniente da Feuerba-

ch. La costruzione della galleria è stata affidata a un consorzio, dove lavorano in stretta collaborazione i tre partner Baresel GmbH, Alfred Kunz Untertagebau e Bertschinger Bau GmbH. La sfida principale del progetto è la roccia che circonda le condotte della galleria. Si tratta di Keuper anidritico e in parte turgescente che, in caso di infiltrazioni d’acqua, può crescere di volume fino al 70%. Una reazione che potrebbe insomma danneggiare l’opera. Tale particolarità ha importanti conseguenze sui lavori di perforazione. Per l’avanzamento, nel frattempo completato, Avesco AG ha equipaggiato le perforatrici Sandvik DT820-SC, DT821-SC e DT922i. La prima DT820-SC è arrivata in loco in novembre 2014 per lo scavo del cunicolo di 319 m a partire dal portale est. Ai

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


cunicoli si uniscono i due condotti a binario singolo. Da metà settembre 2015 i lavori sono stati portati avanti con due perforatrici Jumbo. Un’altra perforatrice è arrivata a fine aprile 2016 e un’altra ancora in maggio 2018. In tutto erano sul posto ben cinque macchine. Di solito i fori di perforazione sono ripuliti ad acqua. In questo caso tuttavia, in ragione della roccia anidritica, bisognava trovare un’altra soluzione. Avesco ha dunque trasformato le perforatrici Jumbo per eseguire la perforazione completamente a secco. Dato che la procedura genera molta polvere, si è dovuto anche impiegare uno strumento di aspirazione che fosse mobile ed efficace. In collaborazione con il produttore svedese Ilmeg Products AB, Avesco ha concepito l’aggre-

iSURE, la lanterna nel tunnel I carri di perforazione jumbo DTi impiegano il software iSURE (Sandvik Underground Rock Excavation), un sistema di programmazione della volata che impiega contemporaneamente modelli di intervento tramite perforazione ed esplosivo. Il principale vantaggio del nuovo software consiste nell’utilizzo del punto di arrivo della volata per il calcolo della distribuzione delle perforazioni e del carico di esplosivo. Il software iSURE assicura un brillamento ottimizzato, conforme allo schema prescelto, con un profilo più preciso e la necessità di minori rifiniture, una maggiore capacità di carico e un esordio delle operazioni di perforazione facilitato in vista della successiva volata. Un avanzamento più veloce dello scavo, la riduzione del sovrascavo e il conseguente risparmio del calcestruzzo di rivestimento sono alcuni dei vantaggi riscontrati sul campo dagli operatori che utilizzano iSURE nel corso delle opere. Il software offre inoltre una relazione completa del processo di perforazione, con la possibilità di realizzare report in base a volata, utente, servizio e processo complessivo dei lavori realizzati. I report illustrano i risultati sia in forma numerica sia grafica. L’iSURE produce anche diagrammi 3D dei principali parametri di perforazione mentre i Jumbo Sandvik serie-i, in abbinamento con il software iSURE, acquisiscono la definizione dei diversi parametri di perforazione in funzione del tipo di foro da eseguire. Questa caratteristica permette ad esempio di ridurre la potenza di percussione prolungando l’intestazione del foro per le perforazioni di profilo che necessitano della massima rettilineità e precisione, aumentando la potenza di percussione per i fori centrali allo scopo di ridurre i tempi di realizzazione della volata.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

33


Masterpiece in the gallery The complicated geology presents a challenge to man and machine for the new Stuttgart-Feuerbach rail tunnel, part of the major project Stuttgart 21. Owing to the rock that contains anhydrite, holes for excavation and injections must largely be carried out by the dry drilling method. As a result, modified tunnelling jumbos and vehicles with suction aggregates are deployed. The excavation is partially secured by pipe umbrellas. Since 2014, a railway tunnel with two single-track tubes with lengths of 2449 and 2426 m has been under production starting from Stuttgart-Nord. The tunnel for its part is an element of the major project Stuttgart 21, during which Stuttgart’s current Central Station – a terminal – is being transformed into a through station located at a greater depth. The new Central Station is to be connected underground by access routes coming from Feuerbach, Bad Cannstatt, Ober- and Untertürkheim as well as the Filder Plain. A JV is charged with producing the Feuerbach Tunnel. It is comprised of three partners: Baresel GmbH (technical management), Alfred Kunz Untertagebau and Bertschinger Bau GmbH. The biggest challenge of this tunneling project is concealed in the rock surrounding the tunnel tubes: it consists partly of swellable, anhydrite-bearing gypsum keuper, which can increase in volume by up to 70 % given appropriate amounts of ingressing water. This reaction could possibly lead to structural damage so that it has far-reaching consequences for tunnelling activities. The Swiss equipment provider Avesco AG modified drilling rigs from the Swedish manufacturer Sandvik for the excavation, which has been largely completed in the interim. This related to the tunnelling jumbo models DT820-SC, DT821-SC and DT922i. A first jumbo of Type DT620-SC

34

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

was taken to the site to excavate the 319 m long heading from the eastern portal in November 2014. The two single-track tubes connect with this heading. As from mid-September 2015, two additional jumbos were deployed for the excavation at this point. Further jumbos were activated in late April 2016 as well as in May 2018. Thus, five jumbos are engaged on-site. Project-specific modified Jumbos Usually the boreholes would be flushed using water. However, as the use of water is precluded on account of the anhydrite rock, Avesco converted the jumbos completely for dry tunnelling. As this involves pronounced dust development, a powerful, mobile dust extraction system is essential. In conjunction with the Swedish Ilmeg Products AB, Avesco devised a corresponding piece of equipment in keeping with the client’s specifications. A transporter – model Muli – made by the Austrian manufacturer Reform, houses Ilmeg’s dust exhaust system. It was assembled at Avesco’s headquarters in Langenthal, Switzerland. In addition, Avesco planned and produced the necessary suction heads for the drill carriages, which removed the dust directly at the drill hole. Tunnelling was executed in each case with a combination of jumbo and transporter with suction aggregate. A further adjustment was required for converting to dry drilling, for before the water normally used to flush the drill holes flows through the drill bit, it is also used as a cooling agent for the hydraulic oil. This function is now taken over by the air cooler mounted on all the jumbos. During the entire period of operation, Avesco tunnelling jumbo specialists cater for the machines’ service requirements. The drill hammers for their part are serviced in a section specially set up for the purpose for this major pro-

ject at the company’s workshop in Langenthal. Furthermore, a special support for the vault was also necessary for part-sections of the tunnel project in Stuttgart-Feuerbach, A pipe umbrella was chosen for securing purposes which was also set up by means of Sandvik jumbos. A method devised by Avesco was applied for installing the pipes, which has proved itself in various international projects. The decisive advantages of this alternative lie in connecting the pipe segments with a bolting system and controlling all functions from the loading basket. There are pick-up forks at both sides of the basket for feeding the drill pipes. Transference to the carriage is undertaken by a feeder arm in a prism. This also serves to centre the pipes. The external pipe can be bolted together with the internal one in the series by means of the drill hammer using the hammer`s spigot end. In order to position the pipes, front centring must be taken over by a larger guideway. When the pipe umbrella is drilled, the process is controlled from the loading basket via radio transmitter. This solution devised by Avesco with radio control and automated bolting offers clear advantages vis-à-vis conventional methods particularly with regard to safety aspects. In the course of the construction project it was decided to prevent water circulating to assure the safety of the tunnel structure and swelling of the anhydrite rock especially around the tunnel tubes. Extensive drilling work was also needed for this purpose, which also has to be carried out by the dry drilling method. A large number of up to 10.3 m deep holes are produced in the tunnel walls. These are then injected with acrylate gel or polyurethane resins. The intention is to prevent water circulating in the surrounding anhydrite zones in these injected areas.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


gato su misura. I tecnici delle officine Avesco di Langenthal hanno installato l’aspiratore di polveri Ilmeg su un trasportatore Muli del produttore austriaco Reform. Nel contempo Avesco ha progettato e realizzato le necessarie teste di aspirazione per le slitte, in modo da aspirare la polvere direttamente in prossimità del foro di perforazione. In galleria è insomma un terzetto, formato da perforatrice Jumbo, trasportatore e aggregato di aspirazione, ad eseguire il lavoro. L’equipaggiamento per la perforazione a secco ha reso necessario un altro adattamento. L’acqua utilizzata generalmente per risciacquare il foro, prima che fuoriesca dalla corona di perforazione

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

35


serve anche da liquido di raffreddamento per l’olio idraulico. Ora la funzione è svolta da specifici raffreddatori d’aria, montati appositamente da Avesco. Per tutta la durata dei lavori, gli specialisti Avesco hanno garantito la manutenzione macchine. Il servizio ai martelli di perforazione è eseguito nell’officina specializzata di Avesco, a Langenthal, dove è stato allestito uno spazio speciale, creato apposta per il grande progetto. Per il progetto della galleria di Stoccarda-Feuerbach si è reso necessario garantire, in alcuni punti della volta, una maggiore sicurezza. Si è optato per la soluzione degli ombrelli di infilaggi,

36

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

collocati anch’essi tramite perforatrice Sandvik. Per inserire gli infilaggi si è impiegato un metodo sviluppato da Avesco e ormai consolidato in diversi progetti su scala internazionale. Il grande vantaggio consiste nella giunzione dei segmenti di tubo mediante bullonatura automatizzata e nella gestione di tutte le funzioni con comando radio, direttamente dalla navicella. Questa soluzione Avesco presenta evidenti vantaggi rispetto ai metodi convenzionali, soprattutto sul fronte sicurezza. Grazie alla pluriennale esperienza e alle competenze acquisite, la soluzione permette di soddisfare esigenze particolari, come

è il caso in questo progetto. Per garantire sul lungo periodo la sicurezza della galleria ed evitare un rigonfiamento della roccia anidritica, soprattutto attorno ai cunicoli, nel corso del progetto si è deciso di impedire l’infiltrazione proveniente dalla montagna. Per farlo sono state anche qui necessarie complesse perforazioni da effettuare a secco. Nelle pareti della galleria sono stati eseguiti diversi fori con una profondità che va fino a 10,3 m. I fori sono stati compressi con gel acrilici o resine poliuretaniche e in questo modo si è risolto con efficacia anche il problema della permeabilità nelle zone di roccia anidritica.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


WELL EQUIPMENT INTERNATIONAL SRL website: www.wei.it e-mail: info@wei.it Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

37


Attrezzature & Componenti | Doosan Attachments & Components

Il cantiere in mente

Soluzioni automatizzate e senza pilota per il cantiere, dal rilievo topografico con droni all’impiego delle macchine. A Boryeong primi test per il sistema Concept-X

L

a programmazione di un cantiere richiama opzioni dal contenuto sempre più tecnologico e le case di produzione Construction più importanti predispongono soluzioni complesse che sono in grado di prevedere ogni aspetto tempistico e di svolgimento delle lavorazioni. Doosan Infracore è fra queste avanguardie e di recente ha presentato il nuovo sistema Concept-X in anteprima nel campo prove di Boryeong, in Corea del Sud, alla presenza di oltre 200 invitati, compresi alcuni membri del parlamento locale, il sindaco della stessa città dove ha sede la testing area Doosan e diversi dirigenti di aziende come Bosch, ASI, LG U+ e PoteNit che collaborano allo

38

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

sviluppo di Concept-X, oltre a rappresentanti di agenzie governative e ricercatori di varie istituzioni accademiche. Vediamo nel dettaglio l’identikit di Concept-X. Si tratta di un sistema tecnologico innovativo e completo che consente di eseguire il rilievo topografico 3D con droni, elaborare procedure operative in loco sulla base dei dati topografici rilevati e azionare macchine come escavatori e pale gommate senza l’intervento umano. In altre parole, Concept-X dà forma al cantiere del futuro, affidando esclusivamente alle macchine tutti i lavori pericolosi e lasciando il personale umano libero di concentrarsi sui ruoli di analisi e gestione più complessi.

Sebbene singole tecnologie per le operazioni non presidiate siano già state introdotte nel campo delle macchine da costruzione, il sistema tecnologico integrato per l’automazione dell’intero processo operativo in cantiere, dal rilievo topografico alle operazioni di macchine come escavatori e pale gommate, presentato da Doosan Infracore è una vera prima mondiale. Concept-X comprende una vasta serie di tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale, come riconoscimento delle immagini, tecnologie di controllo/ cognitive, guida autonoma, controllo remoto 5G, rilievo topografico 3D con droni, stima e assegnazione accurate del

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


carico di lavoro e gestione previsionale dei guasti. Tra le nuove tecnologie presentate durante la dimostrazione le applicazioni piÚ interessanti hanno riguardato un sistema tecnologico progettato per generare mappe tridimensionali del cantiere a partire dai dati topografici rilevati tramite droni; sistemi di controllo automatizzati per macchine da costruzione come escavatori e pale gommate che ne consentono e ottimizzano l’impiego non presidiato in base alle effettive condizioni del cantiere; in-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

39


fine, la tecnologia per il monitoraggio in tempo reale dell’avanzamento dei lavori attraverso i sistemi di controllo integrato dell’X-Center. I vertici e il reparto di Ricerca e Sviluppo di Doosan Infracore ritengono che le soluzioni offerte dal sistema Concept-X miglioreranno sensibilmente produttività e redditività economica sul campo, riducendo tempi e costi legati all’impiego delle macchine da cantiere e rivoluzionando contemporaneamente la sicurezza per gli operatori. Doosan Infracore prevede di avviare la commercializzazione di Concept-X entro il 2025 e in attesa del suo lancio sul mer-

Open-minded in worksite On November 20, 2019, Doosan Infracore (DI) unveiled ‘Concept-X’ at its Proving Grounds in Boryeong City, Korea, with more than 200 people in attendance including National Assemblymen, Mayor of Boryeong City, business executives from Bosch, ASI, LG U+ and PoteNit related to the development of Concept-X, representatives of government agencies, and scholars from various academic institutions. Concept-X is a comprehensive control solution that can be used to survey worksite topography via 3D drone scanning, establish operational plans based on the topographical data, and operate construction equipment such as excavators and wheel loaders without human intervention. In short, Concept-X realizes the construction site of the future by having difficult construction work performed solely by equipment, leaving human personnel free to concentrate on more sophisticated analysis and management tasks. Although certain individual unmanned technologies have already been introduced in the field of construction machinery, Doosan Infracore’s introduction of unmanned automation technologies to the entire construction site operation process – ranging from surveying to the operations of construction equipment such as excava-

40

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

tors and wheel loaders – is a world first. Concept-X comprises a wide range of cutting-edge Fourth Industrial Revolution technologies such as image recognition, cognitive/control technologies, autonomous driving technologies, 5G remote control, 3D drone surveys, and accurate workload estimation and assignment, and failure prediction technologies. The new technologies introduced during the DI demonstration included a technology designed to create three-dimensional worksite maps with drone-surveyed data; a technology enabling construction equipment such as excavators and wheel loaders to perform optimized unmanned operations according to any site situation; and a technology that makes real-time monitoring of work progress possible through the X-Center’s comprehensive control solution. Doosan Infracore asserts that the solution will boost productivity and economic feasibility significantly by reducing the time and costs required for construction equipment operations, while continuing to make worksites safer. Doosan Infracore plans to commercialize Concept-X by 2025. Pending its commercialization, Doosan Infracore will introduce each of the abovementioned technologies – in-

cluding drone surveying, cutting-edge data analysis, and unmanned construction equipment operations and control - individually as soon as they have been fully verified. “Concept X is not just an unmanned technology: Rather, it integrates multiple state-of-the-art technologies that can respond immediately to all and any of the changes that may arise at construction sites simultaneously,” declared Doosan Infracore President & CEO Dongyoun Sohn. “It will become a human-centered technology that not only brings about remarkable improvements in economics but also creates more jobs in high-tech industries.” In addition to its independent technology development, Doosan Infracore has pursued various forms of open innovation including collaboration with other companies and schools, as well as investment in startups. In 2018, Doosan Infracore, in partnership with LG U+, introduced 5G-based remote control technology for the first time in the world. Actually the company has engaged in industry-academic cooperation with Seoul National University, Yonsei University, and Hanyang University in order to develop new technologies related to AI-based construction equipment operations, drone 3D surveying, and operational data analysis.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


cato, Doosan Infracore introdurrà singolarmente ognuna delle tecnologie sopra indicate - rilievo topografico con droni, analisi avanzata dei dati e utilizzo non presidiato delle macchine movimento terra - non appena queste avranno completato il loro ciclo di sviluppo e convalida. “Concept X non è solo una tecnologia per l’uso di sistemi non presidiati - ha dichiarato Dongyoun Sohn, presidente e CEO di Doosan Infracore - Si tratta, piuttosto, di un contenitore che integra una serie di tecnologie avanzate per rispondere immediatamente ai cambiamenti che possono verificarsi simultaneamente in cantiere. Siamo in presenza di una tecnologia costruita attorno all’uomo che non si limiterà a migliorare sensibilmente la sicurezza e la profittabilità, ma cre-

erà anche nuovi posti di lavoro nei comparti a tecnologia avanzata”. In parallelo alle proprie attività di sviluppo tecnologico indipendente, Doosan Infracore sostiene un confronto aperto sull’innovazione, collaborando con altre aziende e istituti di formazione e investendo in start-up. Nel 2018, Doosan Infracore, in collaborazione con LG U+, ha presentato in anteprima mondiale il primo sistema di controllo remoto 5G e attualmente è impegnata in partnership progettuali con l’Università Nazionale di Seoul e le Università di Yonsei e Hanyang, allo scopo di sviluppare nuove nuove forme di integrazione dell’intelligenza artificiale nei sistemi di controllo automatizzato per le macchine da costruzione, nel rilievo topografico 3D con droni e nell’analisi dei dati.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

41


Attrezzature & Componenti | Fraste Attachments & Components

Manovratore di sicurezza Si chiama FRH ed è un dispositivo di caricamento delle aste da montare su un escavatore. Per un’operatività in cantiere agile e senza rischi

D

al mondo delle attrezzature di ausilio per la perforazione, l’innovazione Fraste merita una menzione speciale. La ragione del riconoscimento è favorita dall’ingegnoso roto manipolatore FRH progettato dalla casa di Nogara (Vr) per facilitare il caricamento delle aste e dei tubi di rivestimento su qualsiasi modello di perforatrice. Si tratta di un dispositivo idraulico semplice, forte e sicuro , espressamente progettato per essere montato sul braccio degli escavatori; con questo strumento, l’operatore può movimentare aste e casing di diametri diversi, agevolando sensibilmente il caricamento sull’impianto mobile di

42

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Scheda tecnica Modello FRH Versioni

FRH 2, FRH 3

Peso escavatore

5-6 ton (FRH 2), 8-10 ton (FRH 3)

Diametro serraglio morse

76-324 mm

Lunghezza max. tubo singolo

6.000 mm

Lunghezza max. tubo doppio

3.000-4.500 mm

Capacità di sollevamento

650 kg

Peso manipolatore

620-800 kg

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

trivellazione, direttamente in cantiere, durante le operazioni di perforazione. La caratteristica primaria del roto manipolatore FRH, tuttavia, è quella di un dispositivo d’eccezione a favore della sicurezza. Con questa attrezzatura, infatti, l’operatore evita la rimozione manuale delle aste e dei casing, eliminando qualsiasi rischio di gravi incidenti dovuti a manovre errate o disattenzioni inconsulte. Altre prerogative principali del roto manipolatore Fraste FRH rivelano varie opzioni di diametri-serraggio in una sola morsa, il mantenimento costante

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

43


degli assi di bloccaggio con qualsiasi diametro di presa, l’opzione con due o tre morse (a seconda della lunghezza delle aste/casing), un impianto oleodinamico incorporato, semplice e funzionale per il rapido e facile collegamento all’escavatore.

The safety handler From the world of drilling aid equipment, Fraste innovation deserves special mention. The reason for the recognition is favored by the ingenious rotary manipulator FRH (Fraste Roto Handling Clamp) designed by the house of Nogara (near Verona) to facilitate the loading of the rods and the coating pipes on any model of drilling rig. It is a simple, strong and safe hydraulic device, expressly designed to be mounted on the excavator arm;

44

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

with this tool, the operator can move drilling pipes and casing of different diameters, significantly facilitating the loading on the mobile drilling system, directly on site, during drilling operations. The primary feature of the FRH rotary manipulator, however, is that of an exceptional device in favor of safety. With this equipment, in fact, the operator avoids the manual removal of the drilling pipes and casings, eliminating any risk of serious accidents due to

incorrect maneuvers or unconscious carelessness. Other main features of the Fraste FRH rotary manipulator reveal various options of diameters-tightening in one vice, the constant maintenance of the locking axes with any grip diameter, the option with two or three vices (depending on the length of the rods/ casing), a built-in, simple and functional hydraulic system for quick and easy connection to the excavator.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

45


Attrezzature & Componenti | REMdevice Attachments & Components

Ai vertici del mercato

Grazie alla ricerca avanzata di tecnologie realmente innovative - fra tutte, la ricarica a induzione - i radiocomandi di Nove (Vi) rappresentano la soluzione remota più efficiente per macchine sofisticate come le perforatrici

I

nnovazione tecnologica, elettronica, trasmissione stabile dei dati, materiali di prima qualità, ergonomia. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono da sempre REMdevice, lo specialista di Nove (Vi) che progetta e realizza radiocomandi industriali per la gestione e il controllo in sicurezza di macchine e impianti. Anche in un settore industriale complesso come quello della perforazione, la ricerca di REMdevice lavora costantemente verso l’innovazione applicata a strumenti concepiti nel solco della sostenibilità, funzionali e sicuri; l’obiettivo fondamentale è quello del più alto indice di sicurezza nei processi indu-

46

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Reattivi e al top nel servizio La consegna di prodotti standard in soli due giorni lavorativi testimonia la grande attenzione organizzativa e di servizio nei processi interni di REMdevice. Per i prodotti personalizzati, comunque, all’azienda occorrono solo 15 giorni per soddisfare il cliente con una fornitura svolta comunque con tempistiche estremamente rapide. “Nel panorama delle forniture di radiocomandi industriali, REMdevice è l’unica azienda che è riuscita a garantire questo grado di servizio - confermano dal quartier generale di Nove - Si tratta di un’eccellenza di servizio che è diventata ormai strategica in relazione ai nostri processi di fabbrica. La reattività della fornitura si abbina idealmente alla qualità costruttiva e alla grande ricerca progettuale a monte che danno come risultato una bassissima - diremmo quasi nulla - necessità di manutenzione per tutti i radiocomandi REMdevice”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


striali dove si realizza una forte interazione tra uomo e macchina. Con questa filosofia aziendale, l’offerta di REMdevice è incentrata su dispositivi di controllo wireless che rispondano realmente alle esigenze dell’operatore, con una struttura del radiocomando protetta da agenti esterni come polveri, acqua e residui di vario genere, custodendo così l’integrità funzionale dei componenti elettronici. Sotto questo profilo, l’assenza totale di contatti e connessioni esterne, l’impiego di tecnopolimeri come il nylon caricato a fibre di vetro e gomme speciali, identificano tutti i radiocomandi REMdevice nella classe IP65 e assicurano una straordinaria tenacia anche in condizioni di impiego estreme. La caratteristica esclusiva che più contraddistingue la produzione dell’azienda vicentina sul mercato di settore, riguarda la tecnologia brevettata della ricarica a induzione che elimina la necessità di batterie esterne, a garanzia di una durabilità al massimo livello e di una sicurezza e resistenza al limite del radiocomando - prerogative generalmente non assicurate dai model-

li di radiocomandi industriali che contemplano un vano batteria esterno, con i contatti che costituiscono altrettanti punti di debolezza e di criticità funzionale del dispositivo. Al vantaggio della ricarica a induzione va aggiunto che - proprio in relazione al consumo estremamente basso dell’elettronica progettata da REMdevice - una ricarica contempla una durata fino a 40 ore di lavoro effettive del radiocomando stesso. Questa filosofia di progettazione fa sì che la manutenzione richiesta per il radiocomando sia minima con l’elusione - all’interno della filiera industriale - delle richieste di grandi quantità a stock per ricambi e batterie. REMdevice è così sicura dell’affidabilità delle proprie soluzioni tanto da fornire oggi una garanzia totale di 36 mesi anche sul pacco batterie. Un’altra qualità distintiva dell’azienda di Nove è la possibilità di personalizza-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

zione nel modo più ampio dei prodotti dedicati ai clienti. Lavorando in diversi settori applicativi (compreso l’ambito delle perforazioni), dove le esigenze possono essere le più differenti, REMdevice grazie alla piattaforma elettronica Move e Mobile, montata in tutta la serie di radiocomandi Genesis, Brick e Pail, può progettare ogni modulo soddisfacendo appieno le richieste più particolari e specifiche. La gamma proposta è essenzialmente divisa in tre grandi famiglie. La prima linea comprende la Serie T che presenta radiocomandi robusti, con un massimo di otto pulsanti, ideali per applicazioni semplici che non richiedano un impiego complesso e sofisticato. L’innovazione che caratterizza questa linea di prodotto consiste nel fatto, già menzionato, dell’assenza di batteria esterna e

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

47


dell’implementazione di batterie al litio non ricaricabili fissate internamente, con una durata garantita fino a 1.200 ore di lavoro. Altra innovazione che riguarda i radiocomandi Serie T, la tecnologia brevettata Remsys Code che consente la sostituzione del radiocomando in caso di perdita, rottura accidentale e altri imprevisti senza sostituire alcuna eprom dalla ricevente installata sulla macchina operatrice. Questo vantaggio si realizza grazie a un semplice codice che si attiva premendo una serie di pulsanti. Passando alle serie tecnologicamente più complesse, troviamo i radiocomandi Brick e Pail dove la tecnologia della ricarica a induzione la fa davvero da padrona. Il modulo Brick è dotato di 12 pulsanti e comprende diverse opzio-

ni di personalizzazione in relazione a un impiego complesso. Il modulo Pail identifica invece un radiocomando a joystick, con selettori e manopole. Con un dispositivo di piccole dimensioni ma assolutamente preciso, affidabile e maneggevole si possono controllare e manovrare tutte quelle attrezzature e quei macchinari che richiedono una gestione sofisticata di funzioni e manovre. La gamma REMdevice si chiude infine con un prodotto d’eccellenza, il più evoluto, nato per soddisfare esigenze operative della massima complessità. Si tratta del modulo Genesis, radiocomando a joystick di dimensioni maggiori ri-

spetto alla tipologia Pail ma altrettanto ergonomico nel design e dal peso decisamente contenuto.

Genesis, a step forward in all fields Fully isolated from dust and humidity, it has been designed to widen configuring possibilities to their maximum, according to the most demanding applications. Simple and effective in any working environment, without being cumbersome, it can house various types of actuators and joysticks, selectors and potentiometers, buttons, data

48

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

feedback and 2.6” and 3.2” displays. A universal platform that finds application from logistics to lifting, from marine and rail transport and excavation to every type of crawlers, in aerial platforms and forestry and mining applications. Genesis fears no challenge: its recognized resistance to work exploits

the tested but innovative (patented) wireless induction recharging system. Primary features reveal a resistant and practical case, a pleasant design, an induction wireless charging (for 40 hours’ operation), support bar and control guide and configurable flexibility for all applications.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Una scelta affidabile dalle prestazioni elevate

picchi portapicchi denti per bucket e trivelle barre a saldare

il futuro è arrivato! offriamo il miglior prodotto possibile al miglior prezzo possibile phone 0365.823280 www.gioriricambi.it picchi@gioriricambi.it Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

49


Attrezzature & Componenti | DAT instruments Attachments & Components

Libera gestione Easy DAT è un software in grado di gestire tutti i datalogger di perforazione prodotti attualmente dall’azienda varesina. Per il cliente, l’opzione vantaggiosa dell’abbonamento

D

a molti anni ormai DAT instruments produce strumenti per registrare i dati di qualsiasi lavoro di fondazioni speciali e indagini geognostiche, dal jet grouting alle niezioni di cemento, dal GIN ai pali valvolati, passando attraverso le pratiche del compensation grouting, delle perforazioni, DAC test, CFA, deep mixing, soil mixing, DSM, vibroflottazione, Sand Compaction Piles, diaframmi, idrofrese e Prove Lugeon. La registrazione è affidata ai datalogger JET DSP 100, JET SDP, JET 4000 AME, DAT TinyLog e DAT WideLog. Durante la lavorazione questi strumenti acquisiscono i dati che poi vengono scari-

50

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

cati tramite pen drive USB, o via internet e vengono interpretati con il software Easy DAT. Il DAT WideLog e il DAT TinyLog generano file già compatibili con Microsoft Excel e OpenOffice Calc, ma possono comunque essere collegati al software Easy DAT per stampare report in formato grafico e per archiviare i dati. In sostanza, un solo software permette di gestire tutti gli strumenti DAT instruments, evitando così di dover installare applicazioni inutili sul PC. Oggi, in linea con le più moderne tendenze che prediligono il noleggio e l’abbonamento in luogo dell’acquisto, opzione del resto sempre disponibile, la società lom-

barda ha messo a punto proprio un proprio servizio di abbonamento, finalizzato a razionalizzare l’utilizzo del software, rendendolo, inoltre, anche più conveniente. La proposta prevede un abbonamento di 12 mesi, che risulta estremamente più economico rispetto all’acquisto del software e lascia aperte molteplici porte. Terminato il periodo di 12 mesi, il cliente può infatti decidere se continuare con l’abbonamento oppure sospenderlo, per poi riprenderlo al bisogno. Nell’abbonamento del software è inclusa anche la teleassistenza e l’assistenza remota all’installazione dello stesso software. Inoltre, nel caso un cliente non volesse installare il

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


software in modo autonomo (operazione comunque molto semplice) può concordare un appuntamento in teleassistenza con un tecnico DAT instruments che, in modo totalmente gratuito, provvederà all’installazione del software sul PC del cliente da remoto. Perché un utente dovrebbe preferire l’abbonamento all’acquisto del software? La risposta arriva direttamente da Amedeo Valoroso, titolare di DAT instruments: “Chiunque abbia acquistato dei software con licenza a vita, sa che que-

sto non corrisponde al vero. Infatti i sistemi operativi continuano ad aggiornarsi e gli hardware diventano troppo presto obsoleti. I vecchi programmi per DOS non giravano bene in ambiente Windows. Un software per Windows 98 non funzionava per Windows NT e XP. Più recentemente, molti dei software perfetti per Windows 7 non risultano più compatibili con Windows 10. L’utente si trova, quindi, a dover acquistare nuovamente il software di cui si era già dotato, spendendo cifre

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

importanti. Risulta perciò più conveniente abbonarsi al software: mentre l’abbonamento è in vigore il software sarà sempre aggiornato, disponibile anche per l’ultima versione di Windows e con il servizio di teleassistenza per qualsiasi problema. Un secondo motivo per cui l’abbonamento vince rispetto all’acquisto del software è che lo si può usare quando serve. Se al termine dei 12 mesi il cliente non dovesse più elaborare i dati, potrà sospendere l’abbonamento e riprenderlo, con la ver-

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

51


sione sempre aggiornata del software, quando gli occorrerà, magari dopo anni”. Easy DAT è disponibile in italiano, inglese e francese, ma è possibile creare rapporti in molte più lingue, dato che è possibile personalizzare i testi da inserire nei grafici. Durante il periodo di abbonamento il software è sempre aggiornato. Aggiornamenti, installazione remota e teleassistenza sono gratuiti perché inclusi nel canone annuale. L’abbonamento dura 12 mesi, con tre livelli di abbonamento disponibili: Easy DAT-Base, Easy DAT-Silver e Easy DAT-Gold. Le versioni differiscono principalmente per il numero di datalogger collegabili e per le funzionalità incluse nel pacchetto. In caso di necessità, è comunque possibile passare al livello successivo versando semplicemente la differenza di prezzo.

Free managing DAT instruments produces instruments to record data for any kind of special foundation, geotechnical and mineral investigation jobs: jet grouting, cement injection, GIN, TAM grouting, compensation grouting, drilling, DAC test, CFA, deep mixing (DSM), soil mixing, vibroflotation, sand compaction piles (SCP), diaphragm walls, hydromills and Lugeon tests. Data loggers such as JET DSP 100, JET SDP, JET 4000 AME, DAT TinyLog and DAT WideLog carry out the recording process. While working, these instruments acquire data that are then downloaded via USB pen-drive or via Internet and are managed using Easy DAT software. DAT WideLog and DAT TinyLog are already creating files compatible with Microsoft Excel and OpenOffice Calc and they can be connected to Easy DAT software to print reports in graphic format and to store data. A unique software to manage all DAT instruments equipment avoiding installing useless applications on the PC. Following the updated market trend, DAT instruments has started a subscription service. In this way, it is possible to streamline the use of this software and to save money. It is possible to pay for a 12 months subscription, which is

52

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

cheaper than buying the software. After 12 months, the Customer can choose if confirming another 12 months of subscription or if stopping it and paying for its subscription later when needed. Customer care is included in the software subscription, together with remote assistance. In addition to that, if the Customer does not want to install this software (very easy operation), it is possible to book a remote assistance meeting with DAT instruments technical staff, who will remotely install the software on Customer PC. Why a Customer should choose to subscribe instead of buying the software? The answer to this question comes from Amedeo Valoroso, DAT instruments CEO and owner: “Everyone who has bought a software with unlimited license knows that this is untrue. OS are continuously updated and hardware becomes too old. The DOS programs were not suitable for Windows. A Windows 98 software did not work with Windows NT and XP. In addition to that, many software perfect for Windows 7 are no more suitable for Windows 10. In this case, the user needs to buy the updated version of the software, spending a lot of money. For this reason, the software subscription

is more convenient. While the subscription is valid, the software is always up to date, available even for the latest Windows version and with customer care service for any need. Another reason why it is more convenient to subscribe instead of buying is that you can use it when you need it. If after 12 months the Customer does not need to work with data any more, it is possible to suspend the subscription and choosing to have the software again, in the most updated version, when needed, maybe after some years”. Easy DAT is available in Italian, English and French languages but it is possible to create reports in other languages, as it is possible to customize texts to add to graphics. During subscription months, the software is always up to date. Updates, installation and customer care are free as included in the annual royalty. Subscription is for 12 months. Three levels of subscription are available: Easy DAT–Base, Easy DAT-Silver and Easy DAT-Gold. The difference is in the number of data loggers it is possible to connect and in functions included. If necessary, it is possible to upgrade from one level to the upper simply paying the difference.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Un taglio netto. Fatto. I sistemi di taglio con filo diamantato PREMIUM costruiti con tecnologie innovative, sono adatti per grandi tagli nel cemento armato. Affidabili, durevoli e con performances al top. Per utilizzatori determinati. Scopri di piĂš su www.tyrolit.com

Utensili abrasivi di qualitĂ dal 1919 www.tyrolit.com Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

53


Attrezzature & Componenti | Atlas Copco Attachments & Components

La pressione ideale

Per una perforazione geotermica profonda ed efficiente, i compressori DrillAir costituiscono la scelta preferenziale seguita da molte imprese europee specializzate

L’

energia in pressione ha cambiato passo e ora viene accolta nello spazio della sostenibilità ambientale anche nel mondo delle perforazioni. Già da tempo Atlas Copco ha introdotto i motori diesel conformi allo Stage V nella propria gamma di compressori portatili ad alta pressione DrillAir ma la novità è che l’impiego di questi impianti ha letteralmente conquistato il mercato europeo. Utilizzata principalmente per sondaggi del suolo, manutenzione dei condotti, pozzi d’acqua e perforazione geotermica, la gamma DrillAir comprende diversi modelli di compressori di grandi dimen-

54

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


sioni con pressioni di esercizio comprese tra 20 e 35 bar e portate da 20,6-42 m³/ min. Atlas Copco non ha mancato di aggiornare con nuovi contenuti tecnologici questa linea di prodotto, di recente, ha introdotto il nuovo controller Smart Air Xc4004 che - in sinergia con il sistema di gestione delle prestazioni AirXpert 2.0 consente alle imprese di perforazione una riduzione drastica dei livelli di emissione dei motori, migliorandone le prestazioni operative dal 3 al 4,5 per cento. In ottemperanza alle più recenti normative in materia di emissioni, il motore Scania conforme allo Stage V è attualmente

Efficienza in profondità Fonroche Géothermie è un’azienda leader nei progetti geotermici ad alta temperatura per il mercato dell’energia francese. Uno dei principali progetti geotermici di profondità è nell’area Eurometropolis di Strasburgo, Francia. L’obiettivo è la realizzazione di tre centrali geotermiche per la cogenerazione di elettricità e riscaldamento, ognuna in grado di produrre energia elettrica da 10 MW e termica da 40 MW e in grado di soddisfare il 50% delle esigenze di riscaldamento della comunità. Per poter accedere alle riserve geotermiche, è necessario praticare due fori di trivellazione profondi più di 5.000 metri ciascuno. La perforazione in profondità richiede aria compressa ad alta pressione per testare i pozzi e metterli in produzione. È per questo motivo che Fonroche ha contattato Atlas Copco Rental per noleggiare le attrezzature dalle prestazioni più elevate possibili. Fonroche e Atlas Copco Rental, quindi, hanno lavorato in tandem per sviluppare una soluzione rapida, adattabile ed efficiente allo stesso tempo. Atlas Copco Rental ha fornito le seguenti attrezzature: due nuovi compressori DrillAir Y35 ad alta pressione (0-35 bar, fino a 45 m³/min di flusso) con due serbatoi aggiuntivi per il DEF (Diesel Exhaust Fluid), comunemente noto anche come AdBlue; un booster ad alta pressione B18 di ultima generazione (con una pressione di esercizio massima di 100 bar a stadio singolo o 207 bar a doppio stadio), operativa a 90 bar secondo la richiesta di Fonroche; tre serbatoi di carburante GNR FT5500 (dotati di sensori telemetrici di livello). I compressori d’aria Atlas Copco a iniezione di olio Y35 sono progettati appositamente per supportare le attrezzature di perforazione e una perforazione con una pressione di 35 bar consente di perforare più metri all’ora, riducendo i costi complessivi per metro. Con questi compressori si può raggiungere una profondità di perforazione di 500 metri al giorno e per aumentare la capacità di 35 bar del compressore Y35 fino a 90 bar, lo staff Atlas Copco ha aggiunto proprio a questo scopo il già menzionato booster ad alta pressione B18, ideale per la perforazione geotermica. Questa soluzione tecnica completa offerta da Atlas Copco Rental a Fonroche non ha compreso solo il noleggio di attrezzature. Ha incluso anche l’assistenza e il supporto di un tecnico specializzato in attrezzature ad alta pressione che ha coadiuvato il cliente nell’impiego dell’equipaggiamento in cantiere.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

componente fondamentale di tutti i nuovi compressori DrillAir - solo i modelli Y35 e V39 saranno conformi alla stessa fase di emissioni a breve. “Nelle applicazioni in cui i costi per il carburante sono calcolati per metro perforato, è importante disporre di compressori con la massima efficienza di aria alimentata per carro di perforazione - rileva Hendrik Timmermans, vicepresidente marketing della divisione Portable Air di Atlas Copco - Il sistema brevettato XPR (Extended Pressure Range) estende, ad esempio, la fascia di pressione del compressore DrillAir Y35 da 15 a 35 bar. Di conseguenza, l’Y35 può essere utilizzato per molte applicazioni, costituendo una scelta preferenziale per le società di noleggio che vogliono incrementare il ritorno sull’investimento”. La protezione IP67 dei motori DrillAir inoltre incrementa l’affidabilità del già menzionato sistema di gestione AirXpert 2.0. Un minor numero di connessioni e un design più robusto proteggono il sistema da vibrazioni e urti e proprio in virtù di questo aggiornamento del sistema di gestione delle prestazioni, cresce la produttività della lavorazione, in conseguenza della portata aggiuntiva e della stabilizzazione di portata e pressione. Il display da 7 pollici del controller Smart Air Xc4004 consente agli operatori di monitorare pressione e portata tramite un unico schermo, con la facoltà di accedere facilmente alla cronologia di 15 parametri variabili che offrono un controllo com-

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

55


Deep Efficiency Fonroche Géothermie is a leading company in high-temperature geothermal projects in the French energy market. One of their major deep geothermal projects is for the Eurometropolis area of Strasbourg, France. The objective? To build 3 geothermal power plants (for co-generation of electricity and heating), each capable of producing 10 MW electric and 40 MW thermal energy that will ultimately provide 50% of the community’s heating needs. In order to access the geothermal reserves, two deep boreholes – each more than 5,000 meters into the earth – needed to be drilled. Drilling that deep requires high-pressure compressed air to test the wells and put them into production. And that’s why Fonroche

56

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

contacted Atlas Copco Rental to rent the highest performance equipment possible. Fonroche and Atlas Copco Rental put their heads together to develop a solution that is responsive, adaptable and efficient at the same time. Atlas Copco Rental provided the following system: two units of the new DrillAir Y35 high-pressure compressors (0–35 bar, up to 45 m³/min flow) with two additional tanks for Diesel Exhaust Fluid (DEF), which is also commonly known as AdBlue; one unit of the new B18 high-pressure booster (with a maximum working pressure of 100 bar single stage or 207 bar dual stage) – working at 90 bar at Fonroche; three GNR FT5500 fuel tanks (equipped with telemetry fuel-level sensors).

Y35 oil-injected air compressors are specifically designed to support drilling equipment. Drilling with a pressure of 35 bar enables more meters to be drilled per hour, with lower overall costs per meter. With these compressors, drilling depths can reach 500 meters per day. To boost the Y35 compressor’s 35 bar capacity up to 90 bar, we added an additional B18 high-pressure booster – a stable, reliable and efficient booster, ideal for geothermal drilling. This complete technical solution went far beyond the rental of equipment. It included support and assistance by an Atlas Copco Rental technician specialized in high pressure equipment, who helped the customer operate the equipment on-site.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


pleto dell’impianto. In più, la funzione OilXpert consente agli utenti di monitorare e regolare la temperatura dell’olio del compressore ed estenderne la durata, innalzando la quota di vantaggio sul Total Cost Ownership. Torniamo a parlare del nuovo controller del compressore Xc4004 con protezione IP67, ideale per le più complesse applicazioni di perforazione. Atlas Copco offre al riguardo anche il controllo a distanza con un secondo schermo che può essere collegato al carro di perforazione. Questa ulteriore implementazione consente agli operatori di controllare l’aria alimentata dal compressore direttamente dalla zona di applicazione. Per maggiore sicurezza, la cofanatura con tre strati di protezione anticorrosione è provvista di certificazione C3 (test nebbia salina per 460 ore). Sotto il profilo del design inoltre, l’ingombro ridotto dei compressori DrillAir consente ai perforatori di abbinare il compressore alimentato ad aria e il carro di perforazione a bordo di un unico veicolo industriale per il trasporto in cantiere, con il relativo risparmio di tempo e costi logistici.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

57


Attrezzature & Componenti | Hilti Attachments & Components

Il passato da consolidare L’impresa Gaspari Gabriele di Ascoli ha portato a termine la messa in sicurezza del castello Rocca d’Ajello

I

l castello “Rocca d’Ajello”, nella contrada di Camerino (che costituisce il fulcro storico del comune omonimo in provincia di Macerata) è insediato sul crinale di una collina ed è costituito da una serie di corpi connessi fra loro. Sono variamente articolati e di consistenze diverse ma costituiscono un unico complesso monumentale. È stato edificato dai Duchi di Varano a partire dal XII secolo e, seppur siano evidenti interventi successivi alla sua prima realizzazione, conserva un carattere di unitarietà costruttiva con paramenti murari in pietra di arenaria squadrata, solai a volta di pietra e in legno, copertura in legno e laterizio.

Le pareti, in particolare quella nord-ovest, sono costituite da muratura a sacco con paramenti esterni ed interni dello spessore di 40 centimetri circa, in pietra di arenaria più o meno squadrata e di varia pezzatura a seconda delle altezze, legata con malta di calce. Il complesso principale, l’adiacente chiesa di San Biagio e i giardini all’italiana dominano il paesaggio boscoso circostante. L’insieme è uno dei complessi più suggestivi delle Marche. Gli eventi sismici dell’Agosto 2016 hanno però causato diversi dissesti nelle opere murarie. Dopo il terremoto, il corpo principale nella parete nord-ovest (lunga oltre 45 metri ed alta circa 15 metri) presenta-

va un leggero fuori piombo con interessamento di parte della parete ovest nel punto di connessione. La parete ha subito un principio di rotazione verticale verso l’esterno, intorno all’asse di appoggio. Le strutture secondarie ai livelli più alti sono state lesionate, in particolare nei controsoffitti in “camorcanna” decorata, nei pavimenti e nelle merlature. Seppur con diversa estensione anche le torri hanno subito conseguenze analoghe che hanno comportato diversi dissesti: sconnessione delle pareti lungo gli spigoli di contatto, conseguente espulsione delle travi di legno poste a sostegno degli orizzontamenti, abbattimento tra i paramenti murari


con lesioni delle murature di contatto e danneggiamento degli intonaci e controsoffitti. L’arco posto all’esterno del al complesso, posizionato sull’unica strada di accesso per la corte interna, era privo di catena. Il cuneo di spinta era in evidenza compromettendone la stabilità. A questi danneggiamenti sono seguiti lavori di riparazione e di riduzione della vulnerabilità sismica, oltreché di rafforzamento locale dell’edificio monumentale. Le opere sono state eseguite dall’impresa edile Gaspari Gabriele di Ascoli Piceno sulla base di un progetto predisposto dall’architetto Stefano Gelagna e dall’ingegner Alessandro Vittorini Orgeas. Per mettere in sicurezza la parete nord-ovest e diminuire le pressioni sia all’interno della muratura che sul piano di appoggio delle fondazioni è stato necessario eliminare le spinte orizzontali non contrastate dalle volte, con apposite catene metalliche, aumentare la resistenza della muratura collegando i due paramenti del

L’intervento con la carotatrice Hilti DD 250 Uno degli strumenti impiegati puntualmente dalle squadre dell’impresa Gaspari Gabriele al lavoro nella Rocca D’Ajello è stata certamente, in primo piano, la carotatrice a diamante DD 250 di Hilti. Si tratta di un’agile attrezzatura che consente all’operatore di lavorare più velocemente, abbattendo le tempistiche e i costi di intervento. In virtù del cambio a quattro marce, la carotatrice DD 250 garantisce una maggiore potenza per i diametri più grandi e maggiore velocità per quelli più piccoli. Si tratta di uno strumento ideale per la realizzazione di fori ciechi per ancoraggi pesanti e ferri di armatura, aperture in soffitti, pareti e pavimenti per linee di servizio, canali di ventilazione e tubazioni sanitarie o lavori di carotaggio di dimensioni estreme. La DD 250 garantisce sempre le massime prestazioni di foratura. La robustezza di questa attrezzatura migliora la trasmissione della potenza dal motore alla corona, e la manutenzione in loco riduce i tempi di fermo dell’attrezzo. Un’ulteriore innovazione è il display digitale: offre una comunicazione intuitiva che consente di monitorare e supportare tutte le fasi della foratura in tempo reale livella digitale, selettore di marce, funzione di controllo potenza, containserzioni, contatore tempo di marcia e messaggi di servizio di facile comprensione. Altre caratteristiche generali riportano all’unità di azionamento per uso intensivo, raffreddata ad aria, con trasmissione a 4 velocità e pratici comandi. Va rilevato poi il connettore rapido opzionale BL che permette un cambio delle corone in pochi secondi senza alcun tipo di attrezzo (sistema senza utensili). Infine, va menzionata la disponibilità della funzione di avviamento foro per corone di grandi dimensioni.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

59


“sacco” con cuciture ed iniezioni di malte, consolidare il terreno di fondazione - che, sia pur roccioso, si presenta fessurato ed al limite della capacità portante nei confronti delle sollecitazioni indotte L’insieme di questi interventi ha apportato un notevole miglioramento della connessione della parete con il resto del corpo dell’edificio. Con lo stesso criterio, specificatamente con opportune cuciture tiranti disposte secondo il piano mediano delle pareti stesse, si è ripristinata la connessione dello spigolo ovest con il resto delle murature. Le azioni di ripristino di tipo convenzionale (cuci e scuci, consolidamenti locali, risarcimenti profondi delle stuccature) sono stati effettuati in tutti i punti in cui la muratura si presenta lesionata e sconnessa. Si sono eliminate le spinte delle volte del 1°, 2° e 3° livello con ripristini murari in chiave (intradosso) ed apposite catene metalliche passanti, disposte all’imposta delle volte stesse. Il corpo centrale presenta per una lunghezza di circa 35 metri rispetto ai 45 totali, solo muri portanti e nessun muro ortogonale. Pertanto è stata disposta una reticolare in acciaio e legno in posizione sommitale alle pareti, giacente sul piano orizzontale, posizionata sopra le volte in “camorcanna” dell’ultimo livello e sotto le capriate in legno della copertura. Agli spigoli delle torri l’impresa ha ope-

60

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

rato in varie fasi. Dapprima con il risarcimento delle lesioni e delle sconnessioni della muratura, in particolare in corrispondenza degli angoli con interventi di “cuci e scuci”. In seguito con la scarificatura profonda e la stuccatura a vista con malta di calce ed idonei protettivi dell’in-

tero paramento esterno ed interno. In terzo luogo, con il consolidamento della parete a sacco ai vari livelli per mezzo di iniezioni per migliorare l’effetto di insieme. Successivamente, ancora con il consolidamento degli spigoli ai vari livelli con tiranti di acciaio passanti (catene) disposti

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


lungo i lati interni dei muri. Infine l’arco posto esternamente al complesso ha visto il risarcimento delle lesioni e delle sconnessioni della muratura con interventi di “cuci e scuci” e, il contrasto della spinta orizzontale tramite tiranti di acciaio (catene) disposti internamente. In sintesi, un’opera mirabile, compiuta nell’arco di 180 giorni per riportare a nuova vita l’antica e prestigiosa dimora nel cuore delle Marche.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

61


Attrezzature & Componenti | Hyundai Attachments & Components

Controllo ed efficienza d’azione Con l’HX220AL la casa coreana porta al Samoter di Verona l’esemplare da 22 ton della nuova serie di escavatori a gestione tecnologica avanzata

L

o vedremo al prossimo Samoter di Verona (dal 21 al 25 marzo, negli spazi di Veronafiere) il nuovo modello Hyundai HX220AL, escavatore cingolato da 22 tonnellate che rientra nella strategia decisiva del gruppo coreano per conquistare gli operatori d’Europa. Con un motore adeguato allo Stage V della normativa sulle emissioni , un nuovo sistema di regolazione del flusso idraulico, comandi ergonomici con impostazioni di gestione in 2D/3D, nuove funzioni di sicurezza, questa macchina propone un concetto moderno ed essenziale di produttività in cantiere (con il valore supplementare dell’economia di consumo carburante, in virtù del sistema implementato EPFC - Electric Positive Flow Control). Osservando le prerogative del nuovo HX220AL, possiamo menzionare diversi punti di forza. Il blocco di sicurezza automatico previene ogni azionamento imprevisto dell’escavatore da parte dell’o-

62

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

peratore, mentre la funzione Eco Guidance indica lo stato di funzionamento inefficiente della macchina (in condizioni di consumo carburante elevato), rilevando abitudini d’uso improprie. Il sistema MG/MC (Machine Guidance/Machine Control) controlla l’escavatore durante ogni fase operativa, coadiuvando l’operatore nell’impiego dell’attrezzatura (nel corso delle operazioni di livellamento, ad esempio), predisponendo un arresto automatico nel caso di manovre inconsulte. Con l’HX220AL, tutti gli escavatori della serie A di Hyundai integreranno varie nuove funzioni di servizio, sviluppate e testate con l’intento di migliorare le fasi di attività della macchina, riducendo inefficienze e tempi morti in cantiere. L’ECD (Engine Connected Diagnostics) supporterà, ad esempio, i tecnici di assistenza nelle operazioni post-vendita e i concessionari fornendo informazioni - tramite smartphone, con un’app dedicata o con il

sistema HiMATE, oppure attraverso il sistema telematico HCE - su prestazioni ed eventuali problematiche del motore. L’attivazione di un codice di errore specifico consentirà interventi rapidi e puntuali direttamente in cantiere o in officina, senza incertezze e perdite di tempo. L’MCD (Machine Connected Diagnostics) è riferito a un altro sistema che consente di raccogliere e analizzare vari dati relativi alle prestazioni dell’escavatore Hyundai, con l’ausilio del rilevamento di criticità funzionali attraverso HiMATE. Il FOTA (Firmware Over The Air) invece consente di realizzare aggiornamenti del software a bordo macchina in remoto, in relazione all’MCU (Machine Control Unit) e all’RMCU (Remote Machine Control Unit), nel caso in cui sia disponibile un aggiornamento del software sulla piattaforma HiMATE. Quando si avvia l’escavatore, l’operatore riceve una notifica della disponibilità di aggiornamenti

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Control and efficiency in action We will see it at the next Samoter in Verona (from 21 to 25 March, in Veronafiere exhibitions area) the new Hyundai HX220AL model, a 22-ton crawler excavator that is part of the decisive strategy of the Korean group to conquer operators in Europe. The HX220AL introduces a new era. Coming with a new engine platform (Stage V), a new hydraulic flow regulation, improved operator controls with 2D/3D machine guidance, new safety features, and improved uptime and productivity, this 22-tonne crawler excavator will leave its mark on the construction equipment industry. The HX220AL will incorporate some of Hyundai’s new technologies, which include: EPFC or Electric Positive Flow Control in the improvement of fuel efficiency and controllability by a flow reduction technique for excavator operations; Auto Safety Lock, that prevents unintended operation/start of the excavator which improves safety; Eco guidance to indicate inefficient operation’ status to prevent fuel consumption by inadequate working habits which is displayed on the machine cluster; MG/ MC or Machine Guidance/Machine Control that ndicates the work status and automatically controls the attach-

ment to assist the driver; the MG displays the position of the bucket tip; the MC that will automatically control the grading with the bucket tip or face and will have an automatic stop control: up, down, forward and cabin protection. All A-series excavators will incorporate several new service features that have been developed and tested with the aim of improving machine uptime. ECD (Engine Connected Diagnostics) will support the After Sales technicians and dealers with a diagnostics report (via e-mail, mobile, app or HiMATE, HCE’s own telematic system) on the engine performance. This results in an improved engine fault code monitoring and will ensure that the After Sales technicians arrive on site with the necessary tools to fix the error in one visit. MCD (Machine Connected Diagnostics) enables the user to gather and analyse various data on the machine’s performance which has been indicated in HiMATE. This results in improved uptime. FOTA (Firmware Over The Air) allows for remote software updates for MCU (Machine Control Unit) and RMCU (Remote Machine Control Unit), whenever there is a software update available in HiMATE. When starting the machine, the operator gets a no-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

tification stating he needs to install the updates for MCU and RMCU. When the operator has finished the installation the dealer administrator receives a confirmation. HCE-DT is the Hyundai Construction Equipment offline equipment Diagnostics which provides troubleshooting information using HiMATE user authentication. Monthly report (generated by HiMATE) – The report generated by HiMATE allows improved fleet management by sending monthly e-mail reports including a summary of the operation and the fuel consumption analysis. All-in-one exhaust after treatment with the Cummins engine: bestin-class solution The A-series stage V exhaust after-treatment is based on an all-in-one solution, which combines a unique exhaust muffler - integrating the diesel oxidation catalyst (DOC), the DEF injector (SCR) and a Diesel Particulate Filter (DPF). Importantly, the exhaust gas recirculation (EGR) could be removed, by further improving the other technologies. This results in a simple but powerful and environmentally-friendly solution - with increased reliability and easy maintenance – and most of all reduced fuel consumption and a lower operating cost.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

63


per MCU e RMCU. Quando l’operatore ha completato l’installazione, la conferma arriva in automatico anche al concessinario. Un rapporto mensile (generato da HiMATE) permette di gestire la flotta Hyundai in modo ottimale, attraverso l’invio di report per e-mail - compreso il riepilogo delle operazioni effettuate sul campo e un’analisi del consumo di carburante. Parlando del motore Cummins Stage V, la dinamica di post-trattamento implementato sull’escavatore si basa su una soluzione inclusiva che integra il silenziatore di scarico con il catalizzatore di ossidazione diesel (DOC), l’iniettore DEF (SCR) e un filtro antiparticolato diesel (DPF), con l’eliminazione del sistema di ricircolo dei gas di scarico (EGR), compensato da un ulteriore miglioramento delle altre tecnologie.

64

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


An exhibition audited by

8th Edition 106/2017 GISX17S1

106/2019 GISX19R

ARRIVEDERCI AL

SEE YOU AT R

Giornate Italiane del Sollevamento e dei Trasporti Eccezionali The Lifting, Industrial & Port Handling and Heavy Transport Show

Piacenza (Italy) 7-9 October 2021

GIS 2019 FACTS & FIGURES

Total Exhibitors: 428 - Qualified Visitors: 11.400 Total Exhibit Area: 3 Halls, more than 41.000 sqm

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

65

For info and stand booking - info@gisexpo.it - Ph. +39 010 5704948 Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Attrezzature & Componenti | Sip & T Attachments & Components

Il gigante del Soil Mixing Una delle più grandi attrezzature dedicata alla tecnologia DSM ora può avvalersi di un autentico campione nazionale

L

a potente tecnologia di uno specialista delle attrezzature per grandi perforazioni è stata utilizzata in uno dei lavori più notevoli di soil mixing mai realizzati al mondo. Gli utensili innovativi di Sip & T sono stati impiegati per “miscelare” il terreno in situ con una amalgama di cemento pompata a bassa pressione. Grazie a questo metodo sono state realizzate colonne dal diametro di 2.5 m fino a profondità di 25 m. La metodologia Deep Soil Mixing (DSM) è stata concepita in Giappone e Scandinavia. Il suo uso per rafforzare e sigillare terreni deboli e permeabili sta crescendo in tutto il mondo. La tecnica consente un significativo miglioramento delle proprietà meccaniche e fisiche del terreno in situ, che viene miscelato con cemento o leganti

66

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

composti per formare la cosiddetta miscela di terreno (o terreno-cemento). Il materiale del terreno stabilizzato risultante ha generalmente una resistenza maggiore, una permeabilità inferiore e una compressibilità inferiore rispetto al suolo originale. La tecnologia DSM si basa sul concetto di miglioramento dei suoli naturali al fine di soddisfare i requisiti di progettazione adottati, eliminando così i problemi di scavo e sostituzione o metodi di fondazioni profonde molto più costosi. L’ampia gamma di applicazioni e di esecuzioni delle colonne di miscelazione del suolo consentono soluzio-

ni di ingegneria del terreno sicure ed economiche. L’uso di leganti atossici posiziona saldamente il DSM come tecnologia rispettosa dell’ambiente. I vantaggi chiave sono di tipo economico oltre che la riduzione delle vibrazioni, la flessibilità nell’applicazione, la riduzione dei tempi di costruzione, il rispetto dell’ambiente. Le applicazioni tipiche sono terrapieni su suoli morbidi, supporto di fondamenta, fondazioni di ponti e turbine eoliche, pareti di protezione dello scavo mediante colonne rinforzate, stabilizzazione dei pendii, mitigazione del potenziale di liquefazione, pareti e barriere tagliate, incapsulamento e immobilizzazione di inquinanti. Il progetto richiedeva la liquefazione e l’attenuazione della diffusione laterale sotto entrambi i pilastri di un ponte. La progettazione del sistema ha previsto 80 colonne miste al suolo, con un diametro di 2,5 m e profondità

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


fino a 25 m, con travi in acciaio inserite al centro di ciascuna colonna per conferire duttilità laterale. La costruzione è stata eseguita all’interno dei confini di un quartiere residenziale. I terreni del sito erano principalmente sabbie limose e argille limose con presenza di ghiaia. Per ottenere una resistenza a compressione non

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

67


confinata di almeno 400 psi erano richieste colonne di soil mixing. Gli strumenti flessibili consentiti da questo sistema erano ideali per creare colonne di grande diametro e l’iniezione di miscela a bassa

68

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

pressione era compatibile con i vincoli ambientali del sito. Un’azienda che guarda verso il futuro ha un obiettivo fondamentale: la continua ricerca di soluzioni innovative. In altre

parole, sviluppare costantemente nuove idee e nuove strategie per i clienti al fine di soddisfare le richieste del mondo in constante evoluzione nelle tecnologie di fondazione. Siamo orientati al prossimo minuto, e abbiamo anche una mente aperta insieme a una visione lungimirante. La nostra esperienza e il nostro background ci aiutano a guardare al futuro ogni giorno, concentrandoci sempre sul miglioramento costante. Le persone sono il principale punto di forza della nostra azienda. Riteniamo che il nostro staff, i tecnici e gli ingegneri generino la forza motrice necessaria per garantire una crescita costante: crescita personale e, naturalmente,

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


professionale. La migliore prova è stata la progettazione degli utensili Soil Mixing utilizzati nel progetto sopra descritto. La nostra esperienza e quella dell’utilizzatore, l’attenta analisi del suolo, i moderni software in uso presso l’ufficio tecnico, una costante sinergia tra le parti, unite da una ferma volontà orientata a innovare, hanno portato SIP&T a produrre utensili dal design moderno garantendo la possibilità di modificarne la forma in base alle esigenze.

Soil Mixing giant One of the largest equipment for DSM now reveals a national champion The powerful technology of a specialist for large drilling equipment was used in one of the most important soil mixing ever performed in the world. SIP&T innovative soil mixing tips and bars have been used to shear the soil in situ and mix it with a cementitious slurry pumped at low pressure. This method has created large soil mix columns of 2.5 m in diameter with depths up to 25 m. The Deep Soil Mixing method (DSM) was invented in Japan and Scandina­via. Its use in strengthening and seal­ing weak and permeable soils is grow­ ing around the world. The technique leads to significant improvement of the mechanical and physical properties of the in-situ soil, which is mixed with cement or compound binders to form the so-called soil-mix (or soil-cement). The resulting stabilized soil material generally has a higher strength, lower permeability and lower compressibili­ ty than the original soil. DSM technology is based on a stimu­lating concept of improving natural soils to match adopted design require­ments, thus eliminating problematic excavation and replacement or very expensive deep-foundation methods. The broad range of applications and variable patterns of execution of soil mixing columns allow safe and very economical ground engineering solu­ tions. The use of

non-toxic binders firm­ly position DSM as an environmentally friendly technology. The key benefits are reduced costs, no vibration, flexibility in the application, reduced construction time, environmental protection. Typical applications are embankments on soft soils, support of strip, pad and slab foundations, bridge and wind-turbine foundations, excavation protection walls using reinforced columns, slope stabilization, mitigation of liquefaction potential, cut-off walls and barriers and immobilization of pollutants. It required liquefaction and later­al spreading mitigation under both bridge abutments. The system design required 80 soil mixed columns, 2.5 m in diameter and up to 25 m in depth, with steel beams inserted in each column to impart lateral duc­t ility. The construction was performed within the confines of a residential neighborhood. The soils at the site were primarily silty sands and silty clays with gravel lenses. Soil mix columns were required to attain a minimum 400 psi unconfined compressive strength. The flexible tooling allowed by this system was ideally suited to create large di­a meter columns, and the low-pressure grout injection was compatible with the site environmental constraints. A company looking toward the fu­ ture has a primary goal: con­s tantly

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

seeking innovative solutions. In oth­ er words, to constantly develop new ideas and new strategies for customers in order to satisfy the demands of the constantly changing world of the foundation technologies. We are next-minute oriented. and we also have an open mind along with farsighted vision. Our experience and background help us look toward the future every day, while always focusing on con­stant improvement. People are our company’s main strength. We believe that our personnel, technicians and engineers generate the driving force needed to ensure constant growth: personal and, naturally, professional growth. The best proof has been the design of the soil mixing tip used on the project described above. Our ex­ perience and contractor’s one, the careful soil analysis, the modern software used by technicians, a constant synergy between the parties, all united by an iron will to innovate, have led SIP & T to produce tips with a modern design ensuring the possibility of modifying their shape according to the needs. In addition to technical aspects, we know are aware that sometimes a prompt answer of assistance to a call can solve a big problem. Rapid assistance and personalized solutions are actually SIP&T strengths. 

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

69


Strumentazione & Software | Epiroc Instrumentation & Software

Manager a prova di clic Grazie al servizio My Epiroc, l’impresa può aumentare l’efficienza della flotta seguendone ogni dinamica mentre si è in viaggio, in ufficio o a bordo di un carro di perforazione

L

a Al Fajar Holding è una rinomata azienda di perforazione e brillamento con oltre 600 dipendenti e uffici situati in Oman e negli Emirati Arabi Uniti. Con dipendenti di background

70

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

diversi, che lavorano in aree remote, l’azienda era preoccupata della gestione della flotta. Il software che migliora la comunicazione e aumenta la produttività è stato considerato una risposta al problema.

Allo stesso tempo, Epiroc stava conducendo uno studio, raccogliendo le esigenze dei clienti per sviluppare un nuovo servizio denominato My Epiroc, una soluzione progettata per aiutare i clienti

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


ad aumentare l’efficienza della flotta che può essere utilizzata ovunque, su strada, in un ufficio o in un carro di perforazione. Raccogliendo tutti i dati da un’unica posizione, aiuta tecnici e operatori a gestire i flussi giornalieri, segnalare i guasti, pianificare e ordinare i ricambi. Epiroc ha sviluppato My Epiroc insieme ad alcuni clienti chiave e ha invitato AlFajar a far parte del progetto pilota. La testimonianza che segue fa parte della sintesi raccolta dalla sezione Mining & Construction di Epiroc, durante le sessioni di lavoro tra il costruttore e l’impresa. Le dichiarazioni raccolte sono di Saša Jović di Al Fajar e Sergey Ivanov di Epiroc. In che modo Al Fajar ha partecipato allo sviluppo di My Epiroc? Sergey Ivanov. Abbiamo una stretta relazione con il gruppo Al Fajar e ritenevamo di poter trovare insieme soluzioni per tenere traccia dei guasti. Li abbiamo contattati e li abbiamo trovati interessati. Saša Jović. Sì, essere in grado di sviluppare l’applicazione con Epiroc e altri loro clienti ha rappresentato una prospettiva molto interessante. Eravamo convinti che My Epiroc potesse aiutarci a gestire i guasti e i malfunzionamenti delle macchine. Tracciandoli, possiamo migliorare l’analisi dei nostri operatori e delle nostre macchine.

Quali sono state le principali sfide durante il progetto pilota e come le avete affrontate? S.J. Esiste sempre la sfida di comunicare le esigenze degli operatori agli sviluppa-

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

tori. Nel nostro caso, Epiroc ha già acquisito familiarità con i nostri macchinari. Il nostro ruolo era quello di aggiungere il punto di vista umano, per cui abbiamo contribuito allo sviluppo di funzionalità

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

71


in grado di gestire il monitoraggio e la segnalazione del comportamento umano e contribuire a ridurre il lavoro cartaceo. S.I. Una delle sfide è stata il modello internazionale di Al Fajar: come coinvolgere persone di culture e lingue diverse per utilizzare un’applicazione creata inizialmente per la lingua inglese. Per questo motivo, stiamo rendendo l’interfaccia più intuitiva e meno dipendente dalla conoscenza dell’inglese. S.J. Durante il progetto pilota, i responsabili dell’officina, gli operatori e altre po-

72

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

sizioni interessate hanno iniziato a utilizzare My Epiroc per individuare eventuali ostacoli e la piattaforma è stata sviluppata in modo continuo. Per Al Fajar, quali sono i principali vantaggi di My Epiroc? S.J. I dati ci aiutano ad aumentare la produttività perché non si tratta solo di segnalare i guasti, ma anche di effettuare la manutenzione preventiva. Utilizzando l’applicazione, i dati in tempo reale sono a portata di mano e la loro raccol-

ta in un’unica posizione rende il lavoro quotidiano molto più fluido. La sicurezza sarà sicuramente migliorata poiché le macchine sono sottoposte a una manutenzione migliore e aumenterà anche la produttività. Inoltre, una corretta analisi dei guasti rivela quale tipo di ricambi è necessario, in modo che il denaro non venga sprecato su parti non necessarie. S.I. l’applicazione consentirà agli operatori in aree remote di segnalare immediatamente i problemi e di ottenere il supporto di cui hanno bisogno il prima possibile.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Click to track performance Al Fajar Holding is a well-known drilling and blasting company with more than 600 employees and offices located in Oman and the UAE. With employees from different backgrounds, working in remote areas, they had concerns about fleet management. Software that enhances communication and increases productivity was seen as an answer to the problem. At the same time, Epiroc was conducting a study, gathering customer requirements in order to develop a new service called My Epiroc, a solution intended to help customers increase their fleet efficiency that can be used anywhere – on the road, in an office or in a drill rig. Gathering all data at one place, it assists technicians and operators in managing their daily flows, reporting breakdowns, scheduling, and ordering spare parts. Epiroc developed My Epiroc in tandem with some key customers, and invited Al-Fajar to be a part of the pilot. Mining & Construction met up with Al Fajar’s Saša Jović and Epiroc’s Sergey Ivanov to find out more about the collaboration. How did Al Fajar come on board for the development of My Epiroc? Sergey Ivanov. We have a close relationship with the Al Fajar group, and believed we could jointly come up with solutions for tracking breakdowns. We approached them, and found them interested. Saša Jović. Yes, being able to develop the application with Epiroc and some other customers of theirs was a very exciting prospect. We felt that My Epiroc could help us deal with machine breakdowns and malfunctions. By tracking them, we can improve the analysis of our operators and machines. What were the main challenges during the pilot, and how did you tackle them? S.J. There is always the challenge of communicating operators’ needs to the developers. In our case, Epiroc is already knowledgeable about our machinery. Our role was to add the human angle, and so we helped to develop features that address tracking

and reporting human behavior, and help to reduce paper work. S.I. One of the challenges has been the international pattern of Al Fajar; how to engage people from different cultures and languages to use an application that was initially created for English language. To come to terms with this, we are making the interface more user friendly and less dependent on English skills. S.J. During the pilot, workshop managers, operators and other concerned positions started to use My Epiroc to detect any obstacles, and the platform was developed continuously. For Al Fajar, what are the major benefits of My Epiroc? S.J. The data helps us increase productivity because this is not just about reporting breakdowns but also about preventive maintenance. Using the application, real time data is at your fingertips, and gathering it in one place makes everyday work run a lot smoother. Safety will definitely be enhanced as the machines are better maintained and will also boost productivity. Also, proper analysis of breakdowns reveals what kind of spare parts are required, so that money won’t be wasted on unneeded parts. S.I. The application will enable operators in remote areas to report problems immediately, and get the support they need as soon as possible. Is there a human resources aspect here as well? S.I. Yes, My Epiroc will definitely improve communication and reduce frustration because data is collected directly from the machines. As a result, workshop managers will get transparent information. For instance, if managers know that a delay has been caused by mechanical failure, there won’t be an issue with the operators. S.J. The employees are at different levels of education and training; some are less skilled, and others are only at the beginning of their career. So, to bring them to the same level, you have to know what leads to mistakes. Until recently, information has been

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

transferred via Whatsapp chat groups. They’re not a bad communication tool, but you cannot guarantee that messages are read by everyone. In contrast, My Epiroc is designed to set an alarm that both operators and managers have to commit to. Is My Epiroc limited to fleet management and mining activities, or can it be extended to other fields? S.I. It can be adjusted for other industries. Also, My Epiroc has the ability to connect people across different countries, as long as there is GSM signal. And even when there is no signal, it stores data and sends it afterwards, when reconnected. What lessons have been learned through this joint work, and where are you heading next? S.I. I would say that we’ve learned that open discussions among partners and mutual commitment are crucial ingredients for sustainable collaboration. As is transparency and the desire to develop and move forward. We have received valuable feedback from Al Fajar that we are currently working on. As mentioned, they need an interface that uses more icons and less wording in order to better suit non English speakers and also be an easier interface for less experienced employees. Our team in Sweden that develops My Epiroc has already started working on the design and logic for implementing this requirement for Al Fajar and other customers with similar needs. This responsiveness to customer needs, and what adds value, is what makes the team creating My Epiroc so successful. It’s an agile approach that adds both speed and accuracy to the entire creation process with minimal waste. There are also other requirements, such as modifying the application to be able to track rock drill tools, and we are striving to respond to all of Al Fajar’s requests. S.J. If you want to stay competitive, you have to think outside the box and know that a partnership is a “give and take” relationship. Partners should trust each other and have open communication.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

73


Associazioni | ANIPA Associations

Nel pozzo della scienza Primo appuntamento per la Geofluid Academy dedicato alla disamina tecnica di metodologie e impianti di perforazione. Costruttori e imprese riuniti nella sede di Piacenza Expo

L

a partenza ha già rappresentato una dichiarazione di intenti futuri che innalza le ambizioni di un intero settore. Con il primo appuntamento organizzato negli spazi della Fiera di Piacenza, l’8 novembre scorso ha preso il largo il progetto della Geofluid Academy, nato dalla collaborazione tra

74

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Piacenza Expo, ANIPA (Associazione Nazionale di Idrogeologia e Pozzi d’Acqua) e Associazione Acque Sotterranee Scuola e Formazione. L’obiettivo della notevole iniziativa - sotto il profilo professionale e tecnologico - è quello di fornire un prezioso aggiornamento agli operatori del comparto della perfora-

zione in ambito geotecnico, con approfondimenti metodologici accompagnati da prove sul campo in presenza di ingegneri e responsabili di prodotto delle principali case costruttrici di macchine e attrezzature. Il primo appuntamento ha compreso, come dicevamo, un’intera giornata di

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


studio e approfondimenti che ha contemplato, secondo i programmi, una parte teorica svolta in aula e una parte pratica svolta all’esterno del Centro Congressi di Piacenza Expo. “Per il futuro, prevediamo di avviare collaborazioni con altre associazione ed enti rappresentativi del settore – hanno annunciato gli organizzatori di Geofluid Academy – Per coprire l’intera gamma di applicazioni del comparto rappresentate dalla manifestazione, l’appuntamento avrà una cadenza biennale. Le iniziative di Geofluid Academy verranno proposte infatti negli anni dispari, con uno specifico momento formativo

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

75


e informativo dedicato di volta in volta a distinte tematiche nell’ambito della drilling technology”. Il progetto attuale, come si è potuto riscontrare direttamente nel corso di questo primo appuntamento, prevede di fornire un supporto teorico-pratico a carattere formativo e divulgativo agli operatori dei settori che riguardano la ricerca, l’estrazione e il trasporto dei fluidi sotterranei, le indagini geognostiche e geotecniche, le fondazioni speciali e le perforazioni direzionali, la costruzione di gallerie, l’analisi, il monitoraggio ambientale, la bonifica dei terreni, la difesa del suolo e l’idrogeologia in generale. Il tema del primo appuntamento di Geofluid Academy era dedicato alla “Scoperta degli impianti di perforazione e delle loro applicazioni”. In aula, agli interventi tecnici di Claudio Rossi e Stefano Chiarugi di ANIPA – sull’equipaggiamento di perforazione in rapporto alla tipologia di pozzo progettato e sulle principali tecnologie attualmente in uso – sono seguiti gli workshop specifici condotti da Andrea Dobrigna di Casagrande (perforazione geotermica con doppia testa), Federico Saporito di Fraste (perforazione a circolazione inversa: metodi, macchine e attrezzature), Livio Guzzo di Comacchio (sistemi di perforazione a doppia testa e loro utilizzo nella realizzazione di pozzi. Elementi di ottimizzazione) e Matteo Massenza (Massenza Drilling Rigs-Massenza Fu Giuseppe) su alcune applicazioni estreme per la perforazione di pozzi. Alla teoria dunque è seguita la pratica, con dimostrazioni e prove sul campo con l’ausilio dei modelli di perforatrici più recenti dei quattro costruttori menzionati. Nello specifico, le dimostrazioni hanno riguardato il lavoro di uno scalpello tricono, la circolazione di fluido, sistemi fango, gestione residui, l’applicazione con martello fondo foro, la manovra delle aste di perforazione, tradizionale e automatica e la manovra dei tubi di rivestimento. A conclusione della giornata, Gino Longo di ANIPA ha effettuato una disamina sull’importanza delle caratteristiche tecniche esaminate e sulla loro incidenza per la progettazione di pozzi per la direzione lavori di un cantiere di perforazione.

76

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


In deep sciencey The departure has already represented a declaration of future intent which raises the ambitions of an entire sector. With the first appointment organized in the spaces of the Fiera di Piacenza, the Geofluid Academy project, born from the collaboration between Piacenza Expo, ANIPA and the Association of Underground Water School and Training, took off on November 8, 2019. The objective of the remarkable initiative from a professional and technological point of view - is to provide a valuable update to the operators of the drilling sector in the geotechnical field, with methodological insights accompanied by field tests in the presence of engineers and product managers of the main houses machine and equipment manufacturers. The first appointment included, as we said, a full day of study and insights which included, according to the plans, a theoretical part held in the classroom and a practical part carried out outside the Piacenza Expo Congress Center. “For the future, we plan to start collaborations with other associations and bodies representing the sector - announced the organizers of Geofluid Academy - To cover

the entire range of applications of the sector represented by the event, the appointment will take place every two years. In fact, the Geofluid Academy initiatives will be proposed in odd years, with a specific training and information moment dedicated from time to time to distinct issues in the field of drilling technology “. The current project, as it was found directly during this first appointment, plans to provide theoretical-practical training and educational support to operators in the sectors that concern the research, extraction and transport of underground fluids, the geognostic and geotechnical investigations, special foundations and directional drilling, tunnel construction, analysis, environmental monitoring, land reclamation, soil defense and hydrogeology in general. The theme of the first appointment of Geofluid Academy was dedicated to the “Discovery of drilling rigs and their applications”. In the classroom, the technical interventions of Claudio Rossi and Stefano Chiarugi of ANIPA on the drilling equipment in relation to the type of well designed and on the main technologies currently in use -

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

were followed by specific workshops conducted by Andrea Dobrigna of Casagrande (geothermal drilling with double head), Federico Saporito di Fraste (reverse circulation drilling: methods, machines and equipment), Livio Guzzo di Comacchio (double head drilling systems and their use in the construction of wells. Optimization elements) and Matteo Massenza (Massenza Drilling Rigs-Massenza Fu Giuseppe) on some extreme applications for the drilling of wells. The theory then followed the practice, with demonstrations and field tests with the help of the most recent drilling models of the four manufacturers mentioned. Specifically, the demonstrations concerned the work of a tricone bit, the circulation of fluid, sludge systems, residue management, the application with a down the hole hammer, the maneuver of the traditional and automatic drilling rods and the maneuver coating pipes. At the end of the day, ANIPA’s Gino Longo carried out a review on the importance of the technical characteristics examined and their impact on the design of wells for the supervision of the works of a drilling site.

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

77


Fiere | GIC 2020 Exhibitions

Materia da riscoprire Quella della Giornate Italiane del Calcestruzzo è una scommessa importante. Per il settore delle costruzioni e per la ripresa di un comparto fondamentale

L’

anno della concretezza può davvero diventare questo 2020, con un appuntamento di primissimo piano per tutti gli operatori delle costruzioni nazionali. Si tratta naturalmente del GIC, le Giornate Italiane del Calcestruzzo che si terranno - nella loro terza edizione - all’interno degli spazi della Fiera di Piacenza dal 29 al 31 ottobre prossimi. L’evento fieristico, sulla scorta del grande successo riscosso dal GIS (le Giornate Italiane del Sollevamento) lo scorso anno, si preannuncia come punto di incontro fondamentale di un settore alla ricerca di una scossa benefica per il proprio rilancio decisivo, nell’alveo più generale dell’edilizia e delle grandi opere nazionali. Quest’anno, inoltre, l’edizione 2020 del GIC sarà arricchita dai contenitori tematici di Aggretexpo (nuovo focus espositivo dedicato all’estrazione, al trattamento, al trasporto e alla commercializzazione degli inerti), Conpavitexpo (area tematica riservata al settore delle pavimentazioni e dei massetti) e Idrexpo (spazio riservato agli specialisti di taglio, carotaggio e riciclo del calcestruzzo). Questa ricchezza di spunti per gli operatori del comparto e per il pubblico dei visitatori riporta l’osservatore ai numeri esaltanti del recente GIS, con 428 presenze effettive di espositori, una rilevante presenza di aziende multinazionali, l’attenzione mediatica diffusa e puntuale e la sinergia straordinaria tra gli organizzatori della Mediapoint & Exhibitions di Genova e la struttura di Piacenza Expo. Il consuntivo degli 11.400 visitatori certificati provenienti da tutta l’Italia e dal mondo, hanno confermato le Giornate Italiane del Sollevamento come format

78

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

®

Giornate italiane del CalCestruzzo

ItalIan ConCrete Days 29-31 October 2020 - Piacenza, Italy

ideale per altre manifestazioni fieristiche pensate nel solco della fiera dedicata al sollevamento e ai trasporti eccezionali. A partire proprio dal GIC, che si propone come cartina di tornasole e fulcro di incontro sul mondo del calcestruzzo, in tutte le sue declinazioni industriali e professionali - e prima ancora, dalla prima edizione del Pipeline & Gas Expo che Mediapoint offre, dal 20 al 22 maggio, come vetrina riservata all’ambito delle linee di trasporto di gas, idrocarburi, acqua ed energia. Le Giornate Italiane del Calcestruzzo, dunque, vogliono costituire fortemente un riferimento europeo a tutti gli effetti, nell’ottica ideale di una fiera specialistica e mirata. Un settore imprescindibile come quello del “concrete” per l’ambito generale delle infrastrutture e delle tecniche di costruzione non può non avere un proprio spazio speciale e riservato.

Professionisti del settore e potenziali clienti contribuiscono a costituire - come già è accaduto con il GIS - un melting pot straordinario che non è stato compreso da gran parte degli eventi espositivi in ambito nazionale ed europeo. “Con i dati in nostro possesso e sulla base dell’entusiasmo raccolto dall’ultima edizione delle Giornate Italiane del Sollevamento, non posso che guardare con ottimismo al prossimo GIC 2020 – dichiara Fabio Potestà, presidente di Mediapoint & Exhibitions – Le Giornate Italiane del Calcestruzzo vogliono essere un evento di nicchia dal coinvolgimento totale, con l’attenzione delle istituzioni, dei ministeri, degli enti e delle associazioni di categoria che già ci hanno confermato il proprio patrocinio e il convinto sostegno per una manifestazione finalmente nuova e foriera di contenuti importanti, sotto il profilo tecnologico e di mercato”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


All’incremento e alla logistica migliorata dell’area espositiva di Piacenza Expo, si aggiunge un aumento notevole della disponibilità ricettiva e di parcheggi per i visitatori che interverranno alla fiera. La previsione è quella di un aumento delle presenze dall’estero, come è già accaduto con l’ultima edizione del GIS - anche in considerazione dell’attenzione crescente delle associazioni europee e internazionali di categoria (come è accaduto con il congresso ESTA, l’associazione europea dei trasporti e dei sollevamenti eccezionali, sempre in occasione delle Giornate del Sollevamento).

ITALIAN AGGREGATES TECHNOLOGY EXPO “La nostra ambizione più grande – sottolinea ancora Fabio Potestà – è quella di dimostrare, con questa terza edizione del

GIC, che anche in Italia è possibile organizzare manifestazioni particolari, concentrate su un settore specifico, in grado


di assumere una rilevanza internazionale come nodo di incontro e dibattito e come vetrina d’eccezione per tutte le aziende nazionali della filiera del calcestruzzo”. Come tradizione ormai da anni, anche per la terza edizione Giornate Italiane del Calcestruzzo è prevista una prestigiosa cena di gala, nel corso della quale saranno assegnati gli ICTA 2020 (Italian Concrete Technology Awards), i Premi assegnati alle eccellenze e alle innovazioni industriali nel settore del calcestruzzo.

Matter to discover The year of concreteness can truly become this 2020, with a first-rate appointment for all national construction operators. This is of course the GIC, the Italian Concrete Days which will be held - in their third edition - within the spaces of the Fiera di Piacenza from 29 to 31 October. The fair, on the basis of the great success of GIS (the Italian Lifting and Transportation Days) last year, promises to be a fundamental meeting point for a sector in search of a beneficial shock for its decisive relaunch, in the most general construction and major national works. This year, moreover, the 2020 edition of the GIC will be enriched by the thematic containers of Aggretexpo (new exhibition focus dedicated to the extraction, treatment, transport and marketing of aggregates), Conpavitexpo (thematic area reserved for the flooring sector and of screeds) and Idrexpo (concrete cutting, coring and recycling specialists). This wealth of ideas for the operators of the sector and for the visitors’ public brings the observer back to the exciting numbers of the recent GIS, with 428 actual attendance by exhibitors, a significant presence of multinational companies, widespread and punctual media attention and synergy extraordinary between the organizers of Mediapoint & Exhibitions in Genoa and the Piacenza Expo structure. The final balance of 11,400 certified visitors from all over Italy and the world confirmed the Italian Lifting Days as

80

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

the ideal format for other trade fairs designed in the wake of the fair dedicated to exceptional lifting and transport. Starting right from the GIC, which is proposed as a litmus test and meeting point on the world of concrete, in all its industrial and professional forms - and even before, from the first edition of the Pipeline & Gas Expo that Mediapoint offers, from 20 to May 22, as a showcase reserved for the gas, hydrocarbon, water and energy transmission lines. The Italian Concrete Days, therefore, want to strongly constitute a European reference in all respects, in the ideal perspective of a specialized and targeted fair. An essential sector such as the “concrete” sector for the general sphere of infrastructure and construction techniques cannot fail to have its own special and reserved space. Professionals in the sector and potential customers contribute to creating - as has already happened with GIS - an extraordinary melting pot that has not been understood by most of the exhibition events at national and European level. “With the data in our possession and on the basis of the enthusiasm collected from the last edition of the Italian Lifting Days, I can only look optimistically at the next GIC 2020 - declares Fabio Potestà, president of Mediapoint & Exhibitions - The Italian Concrete Days they want to be a niche event with total involvement, with the attention of the institutions, ministries,

bodies and trade associations that have already confirmed their patronage and convinced support for a finally new and harbinger event of important content, from a technological and market point of view “. In addition to the increase and improved logistics of the Piacenza Expo exhibition area, there is a significant increase in the availability of accommodation and parking for visitors who will attend the fair. The forecast is that of an increase in presences from abroad, as has already happened with the latest edition of the GIS - also in consideration of the growing attention of the European and international trade associations (as happened with the ESTA congress, the European association of exceptional transport and lifting, always on the occasion of the Lifting Days). “Our greatest ambition - Fabio Potestà underlines - is to demonstrate, with this third edition of the GIC, that even in Italy it is possible to organize special events, concentrated on a specific sector, capable of assuming an international relevance as a node of meeting and debate and as an exceptional showcase for all national companies in the concrete supply chain “. As a tradition for years now, a prestigious gala dinner is also planned for the third edition of the Italian Concrete Days, during which the ICTA 2020 (Italian Concrete Technology Awards) will be awarded, the prizes awarded to excellence and industrial innovations in the sector. of concrete.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


TECNOLOGIA DEL CALCESTRUZZO - OPERE CIVILI E INFRASTRUTTURE - PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI E MASSETTI - INDUSTRIA DEGLI INERTI PREFABBRICAZIONE E MANUFATTI IN CALCESTRUZZO - MONITORAGGIO, RIPRISTINO E CONSOLIDAMENTO - DEMOLIZIONE E RICICLAGGIO

Filiera del calcestruzzo e della prefabbricazione

R

Supply chain of concrete eand precast industry Filiera del calcestruzzo della prefabbricazione

Supply chain of concrete and precast industries R

Supply chain of concrete and precast industry

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

81 www.concretenews.it Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria


Fiere | Samoter 2020 Exhibitions

Buone vibrazioni Alla vigilia di Samoter 2020, crescono le prospettive per un anno di ripresa significativa

L’

ottimismo non è morto e nell’anno appena cominciato potrebbe continuare il lungo cammino di ripresa delle costruzioni italiane, portando acqua al mulino del mercato interno dopo un triennio comunque in fase positiva. Se dalla lettura degli ultimi dati, crescono gli investimenti in costruzioni nel biennio 2020-2021 - anche se a ritmo rallentato rispetto al 2019 - va rilevato che nel 2018 il valore complessivo in Italia aveva superato i 139 miliardi di euro e le previsioni di chiusura consuntiva del 2019 parlano di un ulteriore incremento del 3,3%, pari a circa 4,5 miliardi di euro; numeri destinati ad aumentare anche nel biennio successivo, con una crescita prevista di 2,5 miliardi nel 2020 (+1,8%) e di 2,4 miliardi nel 2021 (+1,7%). Queste le stime aggiornate dell’Osservatorio SaMoTer-Prometeia, che ha stilato il Monitor edilizia-dicembre 2019. Un’indagine trimestrale sull’andamento del comparto che SaMoTer, il Salone Internazionale Macchine per Costruzioni (Veronafiere, 21-25 marzo 2020), mette a disposizione delle aziende come cartina

82

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

di tornasole delle evoluzioni del mercato. Dopo una forte crescita nei primi tre mesi del 2019, il mercato ha assistito a un ripiegamento nel secondo trimestre e a un successivo, modesto, recupero nel terzo (+0,2%), grazie in particolare al settore residenziale. Nonostante questo debole andamento del secondo e terzo trimestre, nel complesso la crescita stimata nella media del 2019 per gli investimenti in costruzioni è confermata (+3,3%), in ragione della robusta espansione registrata nei primi tre mesi dell’anno. A sostenere l’edilizia residenziale sono soprattutto gli investimenti per il rinnovo del patrimonio abitativo, legati alle esigenze di riqualificazione, oltre che ai vantaggi derivanti dagli incentivi fiscali. Meno incisiva la componente delle nuove abitazioni, a causa del calo dei permessi a costruire nel primo trimestre 2019, che indica una pur lieve flessione in termini tendenziali (-0,9%). Nel terzo trimestre è proseguita la tendenza positiva delle compravendite nel mercato residenziale in atto quasi ininterrottamente dal 2014, con un ritmo (5%)

superiore a quello registrato nel periodo precedente. Nel mercato non residenziale, invece, gli andamenti sono diversificati: mentre il segmento terziario-commerciale risulta in forte crescita (+7,4% rispetto ai trimestri precedenti), quello produttivo prosegue la tendenza negativa (-0,9%). Nonostante questo contesto di generale ripresa delle compravendite, i prezzi delle abitazioni non hanno ancora raggiunto una completa stabilizzazione, registrando un’ulteriore, lieve flessione nel secondo trimestre (-0,2%), in particolare per le abitazioni esistenti, a fronte di un incremento nel segmento del nuovo. L’andamento degli investimenti fissi lordi della pubblica amministrazione ha evidenziato nel corso del 2019 una ripresa dell’attività di spesa, con una crescita nominale del 6,9% nel primo semestre, sostenuta dai numerosi interventi messi in campo negli ultimi anni per rilanciare gli investimenti pubblici. In particolare, si assiste a un riavvio degli investimenti delle amministrazioni locali, che possono beneficiare delle nuove regole di finanza pubblica, a partire dallo sblocco degli

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Good vibrations Construction investments will grow in the two-year period 2020-2021, albeit at a slower pace than 2019. Overall investments in Italy in 2018 came to more than 139 billion euros and current forecasts for 2019 as a whole suggest a further increase of 3.3%, worth around about 4.5 billion euros: these figures are also likely to improve over the next two years, with expected growth of 2.5 billion euros in 2020 (+1.8%) and 2.4 billion euros in 2021 (+1.7%). These updated estimates by the SaMoTer-Prometeia Outlook were published in Building & Construction sector Monitor for December 2019. A quarterly survey analysing the performance of the sector which SaMoTer, the International Construction Equipment Trade Fair (Veronafiere, 21-25 March 2020), makes available to companies to help them interpret market trends. After strong growth in the first three months of 2019, the market saw a downturn in the second quarter followed by an albeit modest recovery in the third quarter (0.2%), thanks in particular to the residential sector. Despite this weak performance in the second and third quarters, estimated overall growth for construction investments in 2019 is confirmed on average (3.3%), thanks to the fine performance achieved recorded in the first three months of the year. Residential building was especially sustained by investments to upgrade the housing stock, associated with to renovation requirements, as well as benefits arising from tax incentives. New homes played a less incisive role, given the fall in building permits in the first quarter of 2019, indicating a slight setback in terms of trends (-0.9%). As regards transactions on the residential market, the positive trend seen almost continuously since 2014 continued in the third quarter, at a higher rate (5%) than posted in the previous period. On the other hand, trends were diversified on the non-residential market: while the tertiary-commercial segment saw strong growth (+7.4% compared to pre-

vious quarters), the negative trend continued in the production sector (-0.9%). Despite this context of general recovery in transactions, house prices have not yet completely stabilised and actually posted a further slight downward trend in the second quarter (-0.2%), especially for existing homes, compared to an increase in the new housing segment. The trend for gross fixed investments by public administrations during 2019 saw a recovery in expenditure, with nominal growth of 6.9% in the first half-year, sustained by widespread action implemented in recent years to boost public investments. In particular, investments were resumed by local administrations, that can now benefit from the new public finance rules, starting from the release of budget surpluses in public works. The public works market confirmed the positive trend seen since 2017: the first nine months of 2019 were characterized by a growth trend (4.7%) for the number of tenders published and an even more significant growth (25.1%) in the value of tenders. Prospects for the two-year period 2020-

2021 are nevertheless still positive, thereby allowing construction investments to continue growth, albeit at a slower pace than 2019. The downturn will affect all operating sectors, with the exception of Public Works, which are hoped will commence a period of strong and lasting growth. The huge public resources made available in the period 2016-2019 will be the driving force, as well as funds allocated by the Budget Law 2020 to various central and local area administrations to develop various kinds types of public works or maintenance operations focusing on safety and sustainability. Growth in residential building is also expected in the two-year period 2020-2021, albeit at more moderate rates than in the period 2018-2019. The progressive reduction of unsold housing stock will continue to encourage a recovery for investments in new homes. A further positive trend is expected in the renovation sector, backed up by the extension to 2020 of tax relief for building renovation and energy re-qualification and their upgrading through the introduction of the so-called “facades bonus�.

Italy: construction sector estimates 2019-2021

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

* net of property ownership transfer costs  Source: SaMoTer-Veronafiere Press Service

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

83


avanzi di bilancio per la realizzazione di opere pubbliche. Il mercato dei lavori pubblici ha confermato il trend positivo in atto dal 2017: i primi nove mesi del 2019 sono stati caratterizzati da un aumento tendenziale (+4,7%) del numero di bandi di gara pubblicati e da una più consistente crescita (+25,1%) degli importi posti in gara. Le prospettive per il biennio 2020-2021 si

84

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

mantengono positive, consentendo agli investimenti in costruzioni di proseguire nella crescita, seppure a ritmo più lento rispetto al 2019. La frenata investirà tutti i comparti di attività, con l’eccezione del genio civile, da cui ci si attende una forte e duratura crescita. A trainarla saranno le ingenti risorse pubbliche messe a disposizione nel periodo 2016-2019, come anche i fondi destinati dalla Legge di bilancio

2020 alle diverse amministrazioni, centrali e territoriali, per realizzare vari tipi di opere pubbliche o interventi manutentivi orientati alla sicurezza e alla sostenibilità. Nel biennio 2020-2021 si prevede una crescita anche dell’edilizia residenziale, ma su ritmi più moderati di quelli del 2018-2019. La progressiva riduzione dello stock di invenduto continuerà a sostenere la ripresa degli investimenti in nuove abitazioni: è atteso, inoltre, un trend ancora positivo per il comparto del rinnovo, sostenuto della proroga al 2020 delle agevolazioni fiscali per il recupero edilizio e la riqualificazione energetica e dal loro potenziamento attraverso l’introduzione del cosiddetto “bonus facciate”.

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


Electric Pick&Carry Cranes e e: info@jmgcranes.com

www.jmgcranes.com From 2 to 70 Ton

Gior e dei Trasporti Eccezionali The Lifting, Industrial & Port Handling and Heavy Transport Show Piacenza, Italy 3-5 October 2019

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

85


In questo numero

THE ITALIAN MAGAZINE FOR VERTICAL AND HORIZONTAL DRILLING, SPECIAL FOUNDATIONS, GROUND ENGINEERING, WELL DRILLING, ENVIRONMENTAL DRILLING, TUNNELLING, QUARRYING AND MINING Anno 6 - Febbraio/Aprile 2020

Inserzionisti

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie | Geotecnica Industria estrattiva-mineraria

II Comacchio

85 JMG

81 Concrete News

7 Liebherr

45 Geofluid

5 Oilgasnews

I GeoJOB

19 Pagani

3 GIC

IV Pipeline & Gas Expo

49 Giori

9 REMdevice

65 GIS

13 Sip&T

11 Hinowa

53 Tyrolit

III IRE

37 WEI

Il lavoro dalle

fondamenta

www.geojob.it

Aziende citate A

G

N

ANIPA

74

GeoJOB

14

Atlas Copco

54

GIC

78

Negropal

12

R B

H

Bauer

20

Beretta

9

C

REMdevice

Hilti

58

Hyundai

62

I

Casagrande

74

CECE

12

Comacchio

11, 74

Icop

10

M Massenza

46

S Saipem

8

Samoter

82

Sandvik

32

Sip&T

3

Soilmec

8

48, 74

D

T

DAT instruments 50

Trevi

24

38

Doosan

W E

Watson

Epiroc

70

Europea 92

10

8

F Fraste

86

42, 74

Fondazioni | Perforazione| Pozzi | Gallerie | Geotecnica | Industria Estrattiva-Mineraria Fondazioni Perforazione pozzi | Gallerie Foundations | Drilling | Tunnelling | Geotechnics | Quarrying and Mining Industry Geotecnica | Industria estrattiva-mineraria

Fondazioni, Perforazione Pozzi, Gallerie, Geotecnica, Industria Estrattiva-Mineraria


2 0 2 0 International Rental Exhibition

LA PIU’ IMPORTANTE FIERA DEDICATA ALL’INDUSTRIA GLOBALE DEL NOLEGGIO E AGLI UTILIZZATORI E DISTRIBUTORI DI MACCHINE E ATTREZZATURE COMPATTE PER LE COSTRUZIONI

INGRESSO GRATUITO - REGISTRATEVI SUBITO

9-11 Giugno 2020 MECC Maastricht, Olanda DA NON PERDERE Importante evento di networking con la comunità globale del noleggio Incontri diretti con operatori nuovi e qualificati

All’IRE scoprirete le più recenti innovazioni delle tecnologie informatiche applicate al noleggio Potrete partecipare al convegno annuale della ERA-European Rental Association e alla cerimonia di assegnazione degli ERA Awards I visitatori dell’IRE avranno accesso gratuito anche all’APEX, la fiera per gli utilizzatori di macchine e attrezzature per i lavori aerei

EVENTI CONCOMITANTI DELL’IRE

ESPOSITORI CONFERMATI AIRMAN - AMMANN VERDICHTUNG GMBH - ARMADA DYNAMICS AS - ATLAS COPCO - BLASTRAC BRENDON POWERWASHERS - BRIGGS & STRATTON AG - CARAT NEDERLAND BV - CEMO GMBH - CNSE COVEYA - CONTAINEXCONTAINER-HANDELSGESELLSCHAFT M.B.H. - DIBO - DIEWE GMBH - ECOVOLVE ELIET EUROPE NV - ENDRESS GROUP - EUROGATE INTERNATIONAL - EUROPEAN RENTAL ASSOCIATION GENERAC MOBILE PRODUCTS - GRINDERS - GROUND-GUARDS LTD. - HAMEVAC - HIFI FILTER - HIMOINSA HUBIÈRE - INSPHIRE INTERNATIONAL - ISOKON - JCB SALES LTD. - KAESER KOMPRESSOREN SE KOHLER SDMO - MAC3 - MACE INDUSTRIES - MAX-VAC INTERNATIONAL - MCS RENTAL SOFTWARE MORRIS SITE MACHINERY - MTOOLS - PACLITE EQUIPMENT - POINT OF RENTAL SOFTWARE RITELITE SYSTEMS LTD. - ROTAIR - SCHWAMBORN GERÄTEBAU GMBH - SMART IS MAKINALARI - SMARTLIFT SOROTO MASKINER APS - STANLEY BLACK & DECKER - SWEPAC AB - THERMOBILE INDUSTRIES THWAITES LTD. - TOBROCO-GIANT - TRACKUNIT A/S - TRIMBLE - TRIME SPA - TSR GROUP OY VERDEGRO GROUP - WACKER NEUSON SE - WESTERN GLOBAL LTD. - XUZHOU CONSTRUCTION MACHINERY GROUP (XCMG) - YANMAR CONSTRUCTION EQUIPMENT EUROPE S.A.S.

POCHI SPAZI ESPOSITIVI ANCORA DISPONIBILI PRENOTATE SUBITO IL VOSTRO STAND ALL’IRE Per maggiori informazioni contattate il rappresentante per l’Italia

MEDIAPOINT & COMMUNICATIONS SRL al numero 010-5704948 e-mail: info@mediapointsrl.it

AERIAL PLATFORM EXHIBITION

EUROPEAN RENTAL ASSOCIATION

ANNUAL CONVENTION ANNUAL CONVENTION

REGISTRATEVI SUBITO PER IL VOSTRO INGRESSO GRATUITO

www.ireshow.com


THE ONLY EUROPEAN EXHIBITION FULLY DEDICATED TO THE MID-STREAM SECTOR AND THE GAS, OIL & WATER DISTRIBUTION NETWORKS

20-22 May 2020 Piacenza (Italy)

THE UTILITY CONSTRUCTION SHOW

TRA GLI ESPOSITORI CONFERMATI DEL PGE 2020 AMONG THE CONFIRMED EXHIBITORS AT PGE 2020 A.M.S.

Consulenze S.r.l.

Servizi di Consulenza su Qualità , Salute, Sicurezza ed Ambiente Servizi di Ingegneria Civile e Strutturale

STC Services Technology Consulting

Bonatti Franco S.r.l. IMBALLAGGI INDUSTRIALI

Service S.r.l.

Supporting Associations

For info and stand bookings info@pipeline-gasexpo.it - Ph. +39 010 5704948

For info: www.pipeline-gasexpo.it

Profile for Perforare

Perforare n. 1/2020  

Perforare n. 1/2020  

Profile for perforare
Advertisement