Issuu on Google+

PR a


Riccardo Paracchini

DEL SILENZIO E DELLE API

GENERALE AMNESIA

a


Poi ti chiamo così chiacchieriamo un po’. Va bene ti aspetterò

a


Non posso, rimedio con l’autocoscienza

a


Sono io. Penso che la felicitĂ  o la contentezza siano sentimenti brevi, oppure sono io che sono labile

a


Insomma, che vita difficile, molto difficile

a


Secondo te sono felice? (preparazione del vestito)

a


Ho appena avuto un momento di microfelicitĂ . Ăˆ passato. Ho pensato che posso ancora avere una scelta, lo capisci? (Ti ho dipinta in un cielo di stelle)

a


Sto bevendo il mio latte caldo. Momento molto importante

a


Ho molto freddo. Ci beviamo una tisana calda?

a


Sembra ci sia sempre qualcosa. Forse sono le prove per diventare una samurai. Veramente? Dici veramente?

a


Insomma anch’io non sono quella roccia che tutti sembrano vedere. Quando sono cosÏ non riesco ad essere molto discorsiva

a


Le tue carezze mi fanno tanto bene, mi fanno stare bene

a


Mi fai vibrare tutte le foglie ma non posso dirti perchĂŠ

a


Mamma mia non si può proprio uscire di casa. (I tuoi sogni che mi avvolgono)

a


Ho dovuto mettere a posto le cose, non dirlo a nessuno. SÏ, però devi nutrirti meglio, altrimenti dopo sei stanca

a


Ci siamo seduti, e abbiamo riposato. Era un sogno. Non so se ti rivedrò ancora. No, dai, non farmi paura

a


Ma perchÊ con te è tutto piÚ semplice? Tutto sembra possibile

a


Ti vengo a prendere, posso?

a


Te l’ho detto, non farlo piÚ ti prego, è stato molto brutto

a


Ho tutti gli ormoni in giro per il corpo. Questi ormoni non mi fanno smettere di piangere e non riesco a parlare

a


Ah, lo sai che bevo molto adesso? Ho seguito il tuo consiglio

a


Bello il sogno, vorrei anch’io sognare cosÏ e non fare sempre incubi brutti

a


Sono come un fiore tropicale. Un fiore carnivo

a


È che con te lo posso fare perché mi vuoi bene, piango solo con chi mi vuole bene, è sempre stato così

a


Avevo paura di metterti in difficoltĂ  e non volevo, ero agitatissima. Credi che qualcuno se ne sia accorto?

a


È vero, tu mi metti tranquillità e tutto riesce meglio, che situazione. Quasi quasi mi faccio qualcosa di caldo anch’io

a


Poi mi sono fermata e mi sono detta, sei una malata di mente, una masochista di merda, smettila. Ma giuro che fino all’ultimo mi dicevo: dai che ce la faccio

a


Veramente mi ha impressionato che capivi meglio tu come stavo io, in effetti il fatto che è da tanto tempo che non sto bene non mi fa capire quando sto male. Sono proprio uno schifo verso me stessa

a


Non mi chiami pi첫?

a


Mi spiazzi. Per me rappresentano la felicitĂ 

a


Sono solo triste perchĂŠ pensavo che le cose si potessero conciliare ma sbagliavo

a


Riccardo Paracchini

DEL SILENZIO E DELLE API

GENERALE AMNESIA

a


FINE

Ognuno di noi ha una storia del proprio vissuto, un racconto interiore, la cui continuità, il cui senso è la nostra vita. Si potrebbe dire che ognuno di noi costruisce e vive un “racconto”, e che questo racconto è noi stessi, la nostra identità.

a

Oliver Sacks


PR 20 06 a 20 07


I Racconti delle cose inutili