Page 1

Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:41 AM Page 1

THE ITALIAN-CANADIAN MAGAZINE MAILED & DISTRIBUTED THROUGHOUT THE GREATER TORONTO AREA

LIVING ITALIAN STYLE

THE EVOLUTION OF

FATHERHOOD

BABIES OF THE YEAR COVER: SASCHA, SAMAIYA, CARMINE & ZOE ISACCO FEBRUARY / MARCH 2018 • VOL.8 • NO.1

www.panoramitalia.com

BENVENUTI A SAN MARINO


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:41 AM Page 2


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 3

Bedrooms • Dining Rooms • Sofas • Dinettes

Custom Built Furnishings

Turning houses into homes since 1977 T. 416.636.5495 www.AltaModaFurniture.com 680 Rivermede Road, Vaughan, Ontario Keele St. North of Hwy #7


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 4


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 5


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 6


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 7


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 8

CONTENTS FEBRUARY / MARCH 2018 VOL.8 NO.1 The Evolution of Fatherhood . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 L’evoluzione della paternità It’s the Weather . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 È il tempo

EDITORIAL

Like Father, Not Like Son . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Tale padre, non tale figlio

LA COPERTINA

18

BABIES OF THE YEAR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 Baby tips and tricks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Consigli e trucchi per il bebe` 21st century amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 L’amore nel 21esimo secolo Better Beds . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 The Policaro Automotive Family . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 La Policaro Automotive Family Future Leader: Laura D’Angelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 So You Want To Be Italian? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 E quindi vuoi diventare italiano? Memories live on . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 I ricordi continuano a vivere

LIFE & PEOPLE

VILLA CHARITIES . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

34

Recipe: Carnival lasagna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Ricetta: Lasagne di Carnevale Recipe: Crispy Sugar Fritters with Ricotta Sauce . . . . . . . . . 36 Ricetta: Croccanti frittelle allo zucchero con salsa di ricotta

FOOD

FASHION . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 LIVING ITALIAN STYLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 DESIGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Small but proud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 Piccola ma fiera A museum lover’s city . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Città per gli amanti dei musei Visit to Piazza della Libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 Visita a Piazza della Libertà Soccer underdogs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Forti a … perdere

SAN MARINO

44

Achille Castilgioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Mark Carcasole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

ARTS & CULTURE

Toronto’s Serie A fan club scene . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 Alla scoperta dei fan club di Serie A di Toronto

SPORTS

EVENTS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

Cover photo by Giulio Muratori

WRITERS

EDITORIAL

ART DEPARTMENT

PUBLISHER & EDITOR • Tony Zara EXECUTIVE EDITOR • Adam Zara ASSOCIATE EDITOR • Pal Di Iulio MANAGING EDITOR • Rita Simonetta EDITOR-AT-LARGE • Gabriel Riel-Salvatore EDITORIAL ASSISTANT • Vittoria Zorfini

ART DIRECTION & GRAPHIC DESIGN Dave Ferreira PHOTOGRAPHY Giulio Muratori • Vincenzo D'Alto Luigi Pullano • Daniele Tomelleri

ADVERTISING

Eve Aaron • Graeme Carey • Erica Cupido • Mark Curtis • Danila Di Croce Alessia Sara Domanico • Simona Emiliani • Nora Fahmi • Sara Germanotta Vanessa Gianfrancesco • Laura Guzzo • Marisa Iacobucci • Ayah Victoria McKhail Romina Monaco • Claudia Buscemi Prestigiacomo

ACCOUNT EXECUTIVES Anthony Zara Fred Lamberti

Circulation audited by

Distribution par / by

Publications Mail Agreement #40981004

CONTRIBUTORS

PROOFREADERS Rossana Bruzzone • Jennifer Mancini Valentina Basilicata • Marie-Hélène L. Papillon TRANSLATORS Stefania Fenocchio • Athena Mellor Claudia Buscemi Prestigiacomo Printed by:

514.337.7870 www.accentimpression.com Montreal, Québec, Canada

9300 Henri-Bourassa West, suite 100, Montreal, Québec H4S 1L5 I Tel.: 514 337-7870 I Fax: 514 337-6180 I e-mail at: info@panoramitalia.com Legal deposit - Bibliothèque nationale du Québec / National Library of Canada - ISSN: 1916-6389


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 9 D

What makes us different, makes us better.

AREAS OF EXPERTISE • MOTOR VEHICLES ACCIDENTS • SLIPS AND FALLS • ORTHOPEDIC INJURIES

• • • •

TRAUMATIC BRAIN INJURIES SPINAL CORD INJURIES LONG TERM DISABILITY CLAIMS LIFE INSURANCE CLAIMS

• CRITICAL ILLNESS CLAIMS • FATALITY CLAIMS • DOG BITE INJURIES


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 10

10

EDITORIAL

THE EVOLUTION OF FATHERHOOD L’evoluzione della paternità When selecting a cover concept, we at the magazine go by two Quando scegliamo l’idea per la copertina, noi della rivista seguiamo due simple rules: highlight a person or a subject that is meaningful as regole semplici: mettere in risalto una persona o un argomento sensato well as timely, and be original – do something we haven’t done ed attuale, ed essere originali – occuparci di qualcosa che non abbiamo before. Since February is synonymous with babies of the year at the ancora trattato. Dato che febbraio qui in redazione è sinonimo di magazine, we figured why not highlight a little-mentioned, unsung “neonati dell’anno”, ci siamo detti: perché non mettere in evidenza pillar of the family unit: the modern-day dad. un pilastro del nucleo familiare, poco menzionato e celebrato, quale il As explained in our cover story by collaborator Laura Guzzo, papà moderno? whether a stay-at-home or work-all-day-and-take-over-after-supper Come spiegato nella nostra storia di copertina della collaboratrice type, 21st century fathers are participating in child-rearing like never Laura Guzzo, che si tratti del tipo “a tempo pieno” o di quello “lavoro by / di ADAM ZARA before. Let me preface this by pointing out that our research and tutto il giorno e do il cambio dopo cena”, i padri del XXI secolo sources more specifically paint a picture of a recent Canadian (and perhaps partecipano all’educazione dei figli come mai prima d’ora. Tutto ciò, premesso che la wider North American/Western European) urban reality, rather than a nostra ricerca e le nostre fonti nello specifico ritraggono l’immagine di una recente worldwide generalization. realtà urbana canadese (e forse più ampiamente nordamericana e dell’Europa I would say my own experience as the father of a two-year-old definitely occidentale), piuttosto che una generalizzazione globale. falls within the standard description of what a 30-something working dad Direi che la mia esperienza personale come padre di un bimbo di due anni looks like in 2018. On a typical weekday, for instance, he works eight or nine rientra decisamente nella descrizione del modello del papà sulla trentina e lavoratore hours (if not longer) and commutes for nearly two more; he runs errands on del 2018. Durante un tipico giorno feriale per esempio, lavora otto, nove ore (se the way home and helps with dinner and the subsequent cleanup; he non di più) e fa il pendolare per circa altre due ore; al ritorno, sbriga le faccende e changes a diaper and participates in dà una mano con la cena e le conseguenti the child’s nighttime routine. By the pulizie; cambia il pannolino e partecipa time the little one falls asleep, both alle attività serali del bambino. Quando parents are too pooped to function befinalmente il piccolo si è addormentato, yond flipping through Netflix. Oh, the entrambi i genitori sono troppo esausti per joys of parenthood! andare oltre una carrellata su Netflix. Oh, And it’s true there’s much to say gioie dell’essere genitori! about how far men have come in the È vero, perlatro, che c’è tanto da dire span of a couple generations. For censul lungo percorso compiuto dagli uomini turies, a man’s duty involved keeping nel giro di un paio di generazioni. Per secoli, the family fed, safe and sheltered. After il compito di un uomo prevedeva sfamare accomplishing those three things, it la famiglia, proteggerla e tenerla al riparo. was not frowned upon to come home Una volta adempiuto a queste tre cose, non and not lift anything except a fork veniva biasimato per il fatto di tornare a and knife. Today, men are not only casa e non alzare un dito, salvo che per expected to participate in all facets of usare forchetta e coltello. Oggi, non solo ci family life and household duties, by si aspetta che gli uomini partecipino a tutti and large, they also feel it to be normal gli aspetti della vita familiare ed ai doveri di and fair. casa, ma questi, in linea di massima, lo With that said, judging by my considerano per di più normale e giusto. immediate surroundings – and generDetto ciò, a giudicare dalle mie ally speaking – it’s safe to assert that conoscenze strette – e in generale – è moms still play the largest role in the possibile affermare che le mamme svolgono family when it comes to child rearing. ancora un ruolo predominante nell’eduMy wife chose to work part-time in cazione dei figli. Mia moglie ha scelto di order to be more present for our son, lavorare part-time per essere più presente and like any good mom, her foremost per nostro figlio e, come accade per ogni concern in life is how to get as much brava mamma, la sua maggiore preoccufood into that tiny body of his as pospazione nella vita è trovare in ogni singolo sible at every waking moment. I pretty much act as her trusty sidekick. momento il modo di riempire il più possibile di cibo quel corpicino. Il mio incarico è As our society matures, and a father’s role in the household continues to pressoché quello di assistente di fiducia. evolve, we inevitably come to certain realizations. One of the nagging Mentre la nostra società matura, e il ruolo di padre in famiglia continua ad inconveniences of having everything equal and fair in the relationship is that, evolversi, giungiamo inevitabilmente a certe conclusioni. Una delle fastidiose seccature well, it’s actually impossible to quantifiably divide tasks down the middle. My di quest’assoluta equità dei rapporti è che, beh, risulta praticamente impossibile own anecdotal evidence suggests that it’s counterproductive to keep score of quantificare e dividere a metà gli incarichi. La mia esperienza personale suggerisce che a partner’s contributions and point it out as soon it drops below the 50% mark. è controproducente tenere il conto del contributo del compagno e farlo Ladies, give your man a break every now and then! Fellas, spoil the woman of presente non appena scende al di sotto del 50%. Signore, concedete ai vostri compagni your life more often than you do! una tregua di tanto in tanto! Amici, coccolate la donna della vostra vita più spesso! No matter how you slice it, raising a child is hard. We men now realize Comunque la mettiate, crescere un figlio è dura. Noi uomini adesso ce ne this more than ever before. While some among us inevitably moan and groan rendiamo conto più che mai. Anche se alcuni di noi inevitabilmente se ne lamentano about it – “Countless centuries as kings of the house and it had to be OUR – “Innumerevoli secoli a fare i re della casa e c’è voluta la NOSTRA generazione a generation to screw it all up!” – most have already grown past that stage. rovinare tutto!” –, la maggioranza ormai non ci pensa su nemmeno due volte. Dare Helping out or taking charge at home is no longer optional and that’s the una mano o prendersi cura delle cose di casa non è più facoltativo, ed è giusto così. way it should be. It also makes us appreciate what our mammas and Inoltre, ci aiuta ad apprezzare infinitamente di più ciò che le nostre mamme e nonne nonnas did for us infinitely more. hanno fatto per noi.

“Today, men are not only expected to participate in all facets of family life and household duties, by and large, they also feel it to be normal and fair.”

“Oggi, non solo ci si aspetta che gli uomini partecipino a tutti gli aspetti della vita familiare ed ai doveri di casa, ma questi, in linea di massima, lo considerano per di più normale e giusto. “

Con affetto Adam Zara Executive Editor adamzara@panoramitalia.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 11


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 12

12

EDITORIAL

IT’S THE WEATHER È il tempo As I write this between La Befana celebrations and American Mentre scrivo, tra la festa della Befana e la giornata americana dedMartin Luther King Day, I feel like I can’t take bad news icata a Martin Luther King, sento di non essere più in grado di riceanymore! First came the fires followed by the mudslides in vere brutte notizie! Prima gli incendi seguiti dalle inondazioni in California. Then the cold winds, snow and ice hit the Northeast California. Poi i venti gelidi, la neve e il ghiaccio che hanno colpito il courtesy of an arctic vortex. Nord-Est, gentile concessione di un vortice artico! Across the world the #METOO movement is being challenged In tutto il mondo il movimento #METOO è messo alla prova by the French #MOIAUSSI response, but with a different accent. dalla risposta francese #MOIAUSSI, ma dai toni diversi. In the USA, the Republicans are battling the Democrats; North Negli Stati Uniti, i Repubblicani sfidano i Democratici; il leader Korean leader Kim Jong-un is threatening American President nordcoreano Kim Jong-un minaccia il presidente americano Donald Donald Trump and vice versa. Trump e viceversa. Si nutrono speranze che Oprah possa volersi by / di Pal Di Iulio There are hopes that Oprah might want to join the presidential unire al palcoscenico presidenziale, e il Presidente Trump dice: “Fatti opera stage, and President Trump says, “Bring it on” to his once favourite sotto” a colei che un tempo era stata la sua favorita come vice presidente. choice for vice president. Martin Luther King un tempo parlava di una montagna e di un “sogno”. Martin Luther King talked about a mountain and having a “dream.” Altri parlano di “paesi cesso”. Others are talking about “s***hole” countries. Le Hawaii sono vittima di un’ erronea allerta missilistica; la gente soffre e Hawaii is the victim of a mistaken ballistic missile alert, while people il mondo si preoccupa e nutre dubbi sulla reale emergenza. around the world suffer, worry and have doubts about a real emergency. Io sto avendo delle difficoltà a mantenere la traccia nel gioco delle sedie, I am having trouble keeping track of the musical chairs game on a potensul potenziale affondamento dell’“Andrea Doria” tra i movimenti dei Cinque tially sinking “Andrea Doria” between the movements of the stars and the Stelle e i desideri di “Rendiamo di nuovo grande l’Italia” mentre il Bel Paese si “Make Italy Great Again” wishes as il bel paese gears up for the election on prepara alle votazioni del 4 marzo. March 4. Le Olimpiadi di Pyeongchang del 2018 vedranno la partecipazione della The Pyeongchang 2018 Olympics will have North Korea participating Corea del Nord, ma non della Russia. Ai Mondiali FIFA in Russia ci sarà la Russia and not Russia. The FIFA World Cup in Russia will include Russia but not Italy ma non l’Italia o il Canada. or Canada. Le altalenanti negoziazioni sul NAFTA si svolgono a rotazione in vari luoghi, The wavering NAFTA negotiations are being held in rotating venues with con molti finti touchdown conclamati, ma nessun Paese ha ancora segnato. Che lots of fake touchdowns claimed, but no country scoring yet.What comes “afta” succederebbe senza il NAFTA? if no NAFTA? In Canada, il nostro Primo Ministro si è messo a visitare i campi di hockey In Canada, our prime minister has taken to visiting small-town hockey e i municipi delle piccole città in tutto il Paese, come in un tour de force WWE arenas and town halls across the country like a WWE tour de force with a mike, con microfono, pettine e specchio. comb and a mirror. In Ontario, siamo alla legale resa dei conti provinciale di Brown contro In Ontario, it’s the Brown vs. Wynne legal provincial showdown. After the Wynne. Dopo l’aumento del minimo salariale, perfino alcuni franchising Tim raising of the minimum wage, some Tim Horton’s franchisees are brewing more Horton stanno ribollendo più del caffè. than just coffee. A Toronto, i commercianti su King Street e gli utenti dei trasporti pubblici In Toronto, King Street merchants and public transit riders are complainsi lamentano della Toronto Transit Commission anche se la TTC si è estesa a ing about the Toronto Transit Commission even though the TTC travelled the Ovest attraverso il passaggio a nord-ovest degli immigrati italiani ed oggi porta west by north-west route of the Italian immigrants that now takes you all the direttamente fino al centro di Vaughan. way to Vaughan City Centre. Più vicino a casa mia, infuria la battaglia in corso da un anno per “Salvare Closer to home for me, the yearlong battle to “Save Columbus Centre” il Columbus Centre”. Mi sto confondendo tra chi vuole salvarlo, per quanto rages on. I am getting confused as to who wants to save it, for how long and tempo e sul cosa farci una volta in salvo. Il Comitato di Villa Charities vuole riwhat to do with it once saved. The Villa Charities Board wants to save the centre qualificare il luogo e costruire un edificio a uso congiunto con il Provveditorato by redeveloping the site and building a joint-use facility with the Toronto cattolico di Toronto, per ospitare la nuova Accademia Dante Alighieri e reinCatholic District School Board to accommodate the new Dante Alighieri ventare il campus del Columbus Centre per le generazioni future. Le forze di Academy and a reimagined Columbus Centre campus for future generations. “salvezza” C.A.S.A. vogliono che la grandiosità del Columbus Centre rimanga The C.A.S.A. “save” forces want to keep Columbus Centre great as it is. tale e quale. The local Lawrence Avenue and Dufferin Street lawn signs indicate many I cartelli sui prati tra Lawrence Avenue e Dufferin Street indicano che molti may want to leave it as is. Yet sadly, many more either do not understand the vogliono mantenerlo così com’è. Tuttavia purtroppo, tanti altri, perché non comredevelopment being proposed or the development has not been made clear; prendono il risanamento proposto o perché il progetto di sviluppo non è stato they do not care or are silent on the matter, while the majority of “community” chiarito, non sono interessati o fanno silenzio al riguardo, mentre la maggioranza is fast moving beyond the ’hood and the debate. What are the ramifications for della “comunità” è già andata oltre il dibattito. Quali sarebbero le conseguenze the next five years, or 10 years or even for the next generation if the redevelopper i prossimi cinque, dieci anni o anche per la generazione futura, se si attuasse ment happens? What are they if it does not happen? When will this debate end? il piano di riqualifica? Quando avrà fine questo dibattito? Ci saranno presto Will there be less posturing and more transparency, clarity and goodwill soon? meno apparenza e maggior trasparenza, chiarezza e buona volontà? In my own household, the questions are different.“It’s January. How do A casa mia, ci si pone domande diverse: “È gennaio. Come facciamo a fare we make sausage, sopressata and prosciutto now that the ones who have made la salsiccia, la soppressata e il prosciutto, adesso che quelli che li hanno fatti per it for generations are no longer with us?” generazioni non sono più con noi?” As I struggle to find my way around all of these conundrums, my wife Mentre mi sforzo di trovare la mia soluzione a tutti questi rompicapo, mia pinpoints the real reason behind my malaise: “It’s the weather, caro!” moglie rintraccia la vera ragione dietro al mio malessere: “È il clima, caro!” Ah, yes it’s true. I’ve been cooped up, reading too many newspapers, Ah, sì, è vero. Mi rinchiudo, leggo troppi quotidiani, bevo troppi caffè e having too many espressos and watching too much TV. Real, fake or alternative guardo troppa TV. Le notizie vere, false o alternative mi fanno venire il mal di news gives me a headache, and makes us all worry too much. testa e ci preoccupano troppo. My thoughts turn to a musical Beach Boys’ remedy: “Key Largo, I miei pensieri si rivolgono a un rimedio musicale dei Beach Boys: Montego, baby why don't we go…” “Key Largo, Montego, baby why don't we go?” Of course, Valentine’s Day is coming up. Love and chocolate, sand and Certo, sta arrivando San Valentino. Amore, sabbia, mare, sole, cioccolata e sea and vitamin D will make us all feel better. vitamina D ci faranno sentire meglio. Pace e bene Pal Di Iulio Associate Editor pal@panoramitalia.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 13


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 14

14

LA COPERTINA

Photo / Giulio Muratori

Carmine Isacco with his children (from left): Zoe, Samaiya and Sascha.

LIKE FATHER, NOT LIKE SON Tale padre, non tale figlio by / di LAURA GUZZO

The changing role of the Italian-Canadian dad

Il nuovo ruolo del padre italo-canadese

Fatherhood is changing. A dad pushing a stroller, changing a diaper or helping out with homework would have been nearly unheard of 50 years ago. Today, it’s practically the norm. In traditional cultures, such as Italian-Canadian, gender stereotypes were upheld and reinforced for generations. Many of us have memories of being raised by a stay-at-home mom or babysat by our nonnas. Dad may have been a looming presence – “Wait until your father comes home!” – but when it came to the day-to-day work of raising children, he was often a footnote. Today, it’s common for both mothers and fathers to work full-time. Per Statistics Canada, the participation of women in the labour force has increased considerably since the Second World War. In 2015, over 80% of Canadian women aged 25 to 54 participated in the labour market, compared to just 20% in 1950. But it’s not just changing workplace demographics that are causing this shift. In the last few decades, we’ve seen more and more men who want to play a more active role in raising their children.

Non è un segreto che la paternità sia cambiata. Cinquant’anni fa sarebbe stato quasi impensabile sentire di un papà che spinge un passeggino, che cambia un pannolino o che aiuta nei lavori domestici. Oggi è praticamente la norma. Nelle culture tradizionali, come quella italo-canadese, i vecchi stereotipi di genere sono stati mantenuti e rafforzati per generazioni. Molti di noi ricordano di essere stati allevati da mamme casalinghe o accuditi dalle nonne. I papà erano una presenza rara – “Aspetta che tuo padre torni a casa!” – ma quando si trattava del compito quotidiano di crescere i figli, erano spesso una figura di contorno. Oggi, è comune che entrambi, madri e padri, abbiano un lavoro a tempo pieno. Secondo Statistics Canada, la partecipazione delle donne alla forza lavoro è cresciuta in modo considerevole dalla Seconda guerra mondiale. Nel 2015, più dell’80% delle donne canadesi di età compresa tra 25 e i 54 anni faceva parte del mercato del lavoro, rispetto ad appena il 20% del 1950. Ma non è solo un cambiamento nella demografia del mondo del lavoro a provocare questo cambio di direzione. Negli ultimi decenni abbiamo assistito alla presenza di uomini che vogliono svolgere un ruolo sempre più attivo nella crescita dei propri figli.

Flipping the script Take Carmine Isacco for example. The Markham father of three (ages five, seven and eight) and his wife chose to turn the tables on tradition when it was time to decide how they would raise their children. “My situation is a bit different in that we started our family a little later in life,” says the 47-year-old. “Maybe because of that, I knew I wanted to be more involved with their upbringing so I decided to stay home with them. We didn’t even send them to daycare – it was me, full-time. I even taught myself how to make baby food from scratch!”

Ribaltare la situazione Prendiamo Carmine Isacco, per esempio. Questo papà di Markham con tre figli (di cinque, sette ed otto anni), e sua moglie hanno scelto di ribaltare la tradizione quando è giunto il momento di decidere come avrebbero cresciuto i propri figli. “La mia situazione è un po’ diversa, considerato che abbiamo messo su famiglia un po’ più avanti nella vita,” dice il quarantasettenne. “Forse per questo sapevo di voler essere più coinvolto nella crescita, per cui ho deciso di rimanere a casa con loro. Non li abbiamo nemmeno mandati al nido – c’ero io, a tempo pieno. Ho persino imparato da solo a preparare gli omogeneizzati da zero!”


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-08 9:42 AM Page 15

LA COPERTINA

15

Photo / Vincenzo D'Alto

Isacco, who is the master coach of York’s University soccer program overseeing both the men’s and women’s teams, says he had a traditional Italian upbringing. “I was raised by my mother and my grandmother, who also lived with us. My dad would come home at night and say hello, but the day-to-day parenting stuff was up to the women. And it’s no fault of his. Men just weren’t expected to be a part of bath time and bedtime. The man’s job was to bring in money to support the family. I have a huge respect for the work my mom and grandmother put into raising us, which may have also influenced my decision to be so hands-on.”

Isacco, allenatore capo del programma di calcio della York University, che supervisiona sia la squadra maschile che quella femminile, dice di aver ricevuto una formazione italiana di tipo tradizionale. “Sono stato allevato da mia madre e da mia nonna, che viveva con noi. Mio padre tornava a casa la sera e diceva ciao, ma il lavoro dei genitori era a carico di mia madre. E non è colpa sua. Non ci si aspettava che gli uomini fossero coinvolti nel bagnetto serale, nell’ora della nanna e cose così. Compito dell’uomo era di guadagnare i soldi per sostenere la famiglia. È questo ciò che conosceva quella generazione. Provo un grandissimo rispetto per l’impegno che mia madre e mia nonna ci hanno messo per crescermi, cosa che potrebbe anche aver influenzato la mia decisione di essere così partecipe.”

Making it work For Alfredo Rapone from Rivière-desFare in modo che funzioni Prairies, being hands-on is all about choice Per Alfredo Rapone, di Rivière-des-Prairies, and sacrifice. essere partecipi è solo questione di scelta e The 36-year-old and his wife both sacrificio. work; he is the owner of an electronic Il trentaseienne e sua moglie lavorano security company. His wife is currently on entrambi. È il proprietario di una compagnia di maternity leave caring for their 17-monthsicurezza elettronica. Sua moglie è al momento in old twins. “A lot of the household stuff falls maternità, per prendersi cura dei loro gemelli di on her now because she’s home, but once I 17 mesi. “Adesso molte delle faccende domesget home I take over. We chose to have a tiche ricadono sulle sue spalle perché è a casa, ma two-income household and we chose to each Alfredo Rapone at home with his twins, Massimo and Matilda. una volta rientrato, le do il cambio. Scegliamo di take on our share of the work. It’s not fair avere un doppio reddito e di dividerci il lavoro. otherwise. I own my own business and work Non sarebbe giusto altrimenti. Posseggo la mia azienda e lavoro molte ore, ma voglio long hours but I still want to be present in my kids’ lives, even if that lo stesso essere presente nella vita dei miei figli, anche se questo significa lavorare fino means working until midnight after they go to sleep.” a mezzanotte dopo averli messi a dormire.” Growing up, his parents both worked and he saw what kind of I miei genitori lavoravano quando ero piccolo, poi ho capito cosa comporti gestire communication and sacrifice was required to run a household with two una famiglia quando sia la madre che il padre hanno un’occupazione fuori casa.“Si tratworking parents. “It was very much an equal division of labour. My dad tava davvero di una distribuzione equa dei compiti. Mio padre era sempre coinvolto: was very involved: dinners, discipline, you name it. He even helps out cene, educazione, qualunque cosa. Adesso dà persino una mano con i nipoti, per cui with the grandkids today. The only difference is that as a dad, he was ho vissuto un’impostazione più moderna. L’unica differenza è che mio padre era come Mussolini – with only slightly more leniency. He’s much more lenient Mussolini – solo un po’ più clemente. È molto più indulgente con i miei figli!” with my kids!” In the thick of it With three daughters under the age of three, including twins, Lucio Baruffa had no choice but to roll up his sleeves and get involved. “Between diaper changing, feeding, playing, bath time and bedtime, it gets pretty hectic,” says the 41-year-old Dorval resident, who currently runs the trucking division of a Montreal-based startup. He is also part owner of a daycare centre. “And with the three of them being so young, you have no excuse not to help. You couldn’t possibly do it on your own.” It’s a world of difference from the way Baruffa was raised. “My dad was the typical Italian dad,” he explains, “he didn’t get very involved when we were babies but gradually did a bit more as we got older. I remember him working constantly. It was different then – that generation was still trying to build stability. Our grandparents’ generation came here and had to work to survive. By the time my parents’ generation rolled around, they were busy trying to build stability. Now that we are more established and secure, thanks to their sacrifices, we have the benefit of spending more time with our kids. It also helps that attitudes have evolved. I sometimes wonder if a man who wanted to change a diaper 50 years ago could ever admit that to his friends!” Baruffa adds that he is fortunate to have witnessed the evolution of his father, who is now a doting nonno. “It’s striking to watch my dad as a grandfather. He was the disciplinarian growing up, but with my kids it’s completely different. I’ve never seen so many little bags of chips and chocolates come from that man’s hands – it’s crazy!” Having more hands-on dads can benefit children in other ways. “Kids need to see that men and women can provide and contribute equally to the household,” says Isacco. Fortunately, he says, the one thing that hasn’t changed within the Italian-Canadian community is the unwavering love of parents for their children. “Our parents lived for their kids and so do we.” Rapone agrees. “A strong family unit is the best gift you can give your child. It sets them up for success in life.”

Al centro di tutto Con tre figlie sotto i tre anni, due delle quali gemelle, Lucio Baruffa non ha avuto scelta se non quella di rimboccarsi le maniche ed essere partecipe. “Tra cambi di pannolino, pappe, gioco, bagnetto e l’ora della nanna, il ritmo è decisamente frenetico,” dice il quarantunenne residente a Dorval, che al momento gestisce la divisione trasporti di una start-up con sede a Montreal. È anche comproprietario di un nido per l’infanzia. “Ed essendo tutte e tre così piccole, non hai altra scelta se non quella di aiutare. Da solo non riesci a farcela. È un modo completamente diverso da quello in cui Baruffa è stato allevato. “Mio padre era il tipico padre italiano,” spiega.“Non era granché partecipe quando eravamo molto piccoli, ma gradualmente lo è diventato un pò di più quando siamo cresciuti. Mi ricordo che lavorava costantemente. Era diverso allora – quella generazione stava ancora cercando di creare una certa stabilità. La generazione dei nostri nonni è arrivata qua e doveva lavorare per sopravvivere. I miei genitori, poi, si sono impegnati a costruire delle fondamenta solide. Adesso che siamo più avviati e sicuri, grazie ai loro sacrifici, abbiamo il privilegio di trascorrere più tempo con i nostri figli. Aiuta anche il fatto che gli atteggiamenti si siano evoluti. A volte, mi domando se, 50 anni fa, un uomo che avesse voluto cambiare un pannolino, avrebbe mai potuto ammetterlo con gli amici!” Baruffa aggiunge che è fortunato a poter assistere all’evoluzione di suo padre, adesso nel ruolo di nonno molto affettuoso. “È stranissimo osservare mio padre come nonno. Con me era l’educatore, ma con i miei figli è completamente diverso. Non ho mai visto così tanti pacchetti di patatine e cioccolatini giungere dalle mani di quell’uomo – è una follia!” Alla fine avere più papà partecipi può risultare benefico per i figli in vari modi. “I bambini hanno bisogno di vedere che gli uomini e le donne possono provvedere alla famiglia e contribuire in modo equo” dice Isacco. Per fortuna, prosegue, l’unica cosa che non è cambiata all’interno della comunità italo-canadese è l’amore incrollabile dei genitori verso i loro figli. “I nostri genitori vivevano per i loro figli e lo stesso vale per noi.” Rapone concorda:“Una famiglia forte è il miglior regalo che si possa fare ai propri ragazzi. Li predispone a una vita di successo.”


Toronto FEBRUARY / MARCH 1-16 2018-02-09 12:03 PM Page 16

16

BABIES OF THE YEAR

Babies of the Year 2017

Raffaele Andrea Marcone February 5, 2017 Sabrina Zito & Domenico Andrea Marcone

Elissa Gabriela Piazza May 6, 2017 Carolina Vera & Bobby Piazza

Theo A. Akrivos April 2, 2017 Vanessa Bridgman & Stephane Akrivos

Alessio Joseph Caruso May 17, 2017 Amanda Mazzanti & Matthew Caruso

Silvio Dante Biscotti July 26, 2017 Layla Callaghan & Marco Biscotti

Mila Margaret Cappello July 24, 2017 Melissa Villeneuve & Joey Cappello

Adriano Rossi April 1, 2017 Katherine Calabretta & Jason Rossi

Carlo Andreas Feliz Dominguez August 19, 2017 Carmelina Paci & Carlos Feliz Dominguez

Luca Kastrantas January 23, 2017 Laura Vena & Billy Kastrantas

Damiano Meglio June 11, 2017 Ida Iovanna & Patrizio Meglio

Ella Iannuzzi July 4, 2017 Josie D'Adamo & Tony Iannuzzi

Abigail Marie Miccoli March 27, 2017 Nadia Baratta & Pietro Miccoli

Luca Verrecchia March 27, 2017 Cynthia Antonucci & Jordan Verrecchia

Luca Petrino February 9, 2017 Sonia Ciccone & Franco Petrino

Savannah Caruso July 6, 2017 Felicia Spadafino & Andrew Caruso

Savannah Costantino August 5, 2017 Michelle Marchese & David Costantino

Mila Patton February 10, 2017 Chanelle Iacampo & Jason Patton

Victoria Teresa Ciocca January 1, 2017 Marie-JosĂŠe Lamy & Raffaele Jr Ciocca

Gabriel Augustus Campione August 10, 2017 Daniela Campione & Sam Campionea

James Palermo February 25, 2017 Louisa Iacobacci & Giovanni Palermo

Alessia Massimetti January 9, 2017 Melissa Wood & Michael Massimetti

Ariana Rebelo Taraborelli August 5, 2017 Kelsy Duarte Rebelo & Daniel Taraborelli

Vittoria Addesso September 9, 2017 Lina Vincelli & Vince Addesso

Livia Baratta July 28, 2017 Michela Panzera & Phillip Baratta

Enzo Mario Giordano Scola July 20, 2017 Jordana & Mark Scola

Gianpaolo Vincenzo & Marcello Teodoro Monopoli November 28, 2017 Gabriella & Claudio Monopoli

Luca Russo July 31, 2017 Jasmine Pollice & Johnny Russo

Fabiano Enea June 22, 2017 Christina Guido & Luca Enea

Mona Lisa Ruta November 21, 2017 Giulia & Adamo Ruta


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-09 12:08 PM Page 17

I NEONATI DELL’ANNO

17

I neonati dell’anno 2017

Antonino Libertella June 6, 2017 Tania Elisio & Johnny Libertella

Anabella Lucia Marziliano June 13, 2017 Andrew & Vanessa Marziliano

Sienna Maria Caldarola June 29, 2017 Manuela & Frank Caldarola

Veronica Sofia Hoy August 19, 2017 Sonia Campoli & Darrin J. Hoy

Samantha Ida Serrecchia September 2, 2017 Lisa & Alan Serrecchia

Daniel Francesco Caputo August 12, 2017 Ivana & Anthony Caputo

Noah Nicola Bevacqua February 15, 2017 Jackie & John Bevacqua

Isabella Anna Sophia Hatsisavvas June 15, 2017 Rosanna Calabretta & Tom Hatsisavvas

Elliott Sofia Mendicino Sanelli October 16, 2017 Andria Mendicino & Domenic Sanelli

Victoria Rose Fronte October 24, 2017 Serena & Mike Fronte

Michael Andrea Chiappetta August 4, 2017 Lisa & Andrea Chiappetta

Mia Valentina Falconi August 15, 2017 Julie & Luca Falconi

Vincenzo Aloia-Pannia July 19, 2017 Cara Galluzzo & Peter Aloia-Pannia

Catarina Flavia De Feo July 11, 2017 Cristina & Anthony De Feo

Gabriel Vincent Gareri September 30, 2017 Daniela & Christopher Gareri

Nolan Zucal October 7, 2017 Alexandria & Luca Zucal

Cecilia Maria Santi April 4, 2017 Amanda & David Santi

Julian Monti October 9, 2017 Andrea Quintero & Paul Monti

Isabella Marianna & Joseph Steven Paglialunga December 30, 2016 Alissia Capaldi & Steven Paglialunga

Dante Michael Daher June 6, 2017 Christina Villa & Martin Daher

James Anthony Harding Niro February 18, 2017 Carmela & Antonio Niro

Daniel Sergio Sales April 8, 2017 Amanda Iorio & David Sales

Scarlett Christy Malmholt December 17, 2017 Courtney & Michael Malmholt

Leo Johnson December 6, 2017 Jennifer & Matt Johnson

Sophia Rachel Aloisio November 2, 2017 Christie McPhee & Edward Aloisio

Luciano Leon Atherton October 27, 2017 Oriana Paesano-Atherton & Christopher Atherton

Anna Lara Bertolotti September 4, 2017 Nadia DeGiorgio & Luis Bertolotti

Phoenix Rahimi-Moghadam March 11, 2017 Julie Di Giambattista & Hamed Rahimi-Moghadam

Milana Maria Grosso January 29, 2017 Natale & Franco Grosso


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 18

18

LIFE & PEOPLE

BABY TIPS AND TRICKS Consigli e trucchi per il bebè by / di DANILA DI CROCE

Old world advice versus modern standards New parents are often overwhelmed with the multitude of responsibilities that come with their little bundle of joy. When they seek help from family members of an older generation, that advice tends to be based on traditional practices. This sometimes leads to frustration when it conflicts with current knowledge offered by pediatricians. But tips and tricks from the older generation don’t always have to clash with the new. Parents can borrow from old world techniques and modern methods when caring for their baby. Upon the birth of her two daughters, born three years apart, 45-yearold Erica Davoli quickly learned that her mother’s support could be more stressful than soothing at times. The two often disagreed about how to care for the babies. “It was tough,” says Davoli. “My mother would suggest things for me to do to help calm my daughters when they were cranky, but often-times what she said contradicted what I read or what my pediatrician suggested.” For example, Davoli’s mother advised giving the babies some water in order to “clean them out.” While this may sound harmless, Torontobased pediatrician Dr. Angelo Simone warns that this could actually be quite dangerous: “If you give babies too much water you can actually cause low sodium level in the blood, known as hyponatremia.” Another tradition Davoli dismissed was cutting her daughters’ hair short in order to strengthen it. Carol Anne Skorvaga and Sarah Baker, birth and postpartum doulas in Mississauga, find this suggestion common within many different cultures: “We have various clients who practice this tradition. While there is no substantial evidence that supports the belief that a baby’s hair will grow back thicker or healthier, it’s a relatively harmless practice.” How about wrapping babies in cloth in order to ensure their legs grow straight? Teresa Febbruario, 72, recalls this practice well. “In the olden days, babies were wrapped up in a mummy-like fashion from the chest down to keep their limbs straight. I remember my mother wrapping my sister and she did it to me as well.” These mothers didn’t realize that

Vecchi consigli versus metodi moderni

I neo-genitori si sentono sopraffatti dalla moltitudine di responsabilità che i nuovi nati compor tano. Se si rivolgono in cerca di aiuto ai familiari della generazione precedente, troveranno che i loro consigli sono basati su pratiche tradizionali. Il fatto che talvolta questi contrastino con ciò che attualmente sostengono i pediatri genera frustrazione. Ma i suggerimenti e i trucchi della generazione passata non devono necessariamente scontrarsi con i nuovi. Nell'allevare i figli, i genitori possono adottare sia le tecniche del passato che i metodi moderni. Quando le sue due figlie sono nate, a tre anni di distanza l’una dall’altra, la 45enne Erica Davoli ha capito subito che il sostegno di sua madre poteva essere a volte più stressante che altro. Le due erano spesso in disaccordo su come accudire le bambine. “È stata dura,” dice Davoli. “Mia madre mi dava consigli su come calmare le mie figlie quando facevano i capricci, ma spesso ciò che lei diceva era in contraddizione con quanto leggevo o con ciò che il mio pediatra suggeriva.” Per esempio, uno dei consigli della madre di Davoli era di dare alle bambine dell’acqua per “ripulirle.” Per quanto possa sembrare innocuo, il dottor Angelo Simone, pediatra di Toronto, avver te che questo potrebbe essere pericoloso: “Se si dà troppa acqua ai bambini piccoli, si può causare loro un abbassamento dei livelli di sodio nel sangue, noto come iponatriemia.” Un’altra tradizione che Davoli ha scartato è quella di tagliare i capelli corti alle sue figlie allo scopo di rinforzarli. Carol Anne Skorvaga e Sarah Baker, doule per il percorso perinatale a Mississauga, trovano che questo suggerimento sia comune in molte altre culture: “Abbiamo vari clienti che praticano questa tradizione. Pur non essendoci prove che dimostrino che i capelli di un bambino ricrescerebbero più folti e più sani una volta tagliati, si tratta di una pratica tutto sommato innocua. E che dire di fasciare i nuovi nati con un panno per assicurarsi che le gambe gli crescano dritte? Teresa Febbruaio, 72, ricorda bene quest’usanza. “In passato, i bebè venivano fasciati a mo’ di mummia dal petto in giù per mantenere dritti i loro arti. Ricordo che mia madre fasciava mia sorella e l’ha fatto anche con me.” Queste madri non si rendevano conto che tale pratica poteva in effetti danneg-


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 19

LIFE & PEOPLE

19

giare la salute di loro figli. “Secondo l’Hip Dysplasia Institute, l’abitudine di this practice could actually be quite detrimental to their babies’ health. fasciare un bambino con dei panni o con una coperta potrebbe effettivamente “According to the Hip Dysplasia Institute, the practice of binding a baby causare displasia,” avverte Baker. in cloth or blanket could actually cause hip dysplasia,” Baker warns. Anche se i consigli della nonna possono sembrare completamente superati, While it may seem like nonna’s advice is completely out of date, don’t non ignorateli del tutto. La madre di Davoli e quella di Febbruaio credevano che discount her just yet. Both Davoli’s mother and Febbruario’s mother immergere il ciuccio nello zucchero fosse utile a calmare i bambini. believed that dipping a pacifier in sugar would provide a calming effect. Il dottor Simone, che insegna anche alla facoltà di medicina all’Università di Dr. Simone, who also teaches in the faculty of medicine at the UniToronto presso il campus di Mississauga, dice che questi trucchi antichi hanno versity of Toronto (Mississauga Campus), says these old tricks have some una qualche validità: “È dimostrato validity: “There is good eviche lo zucchero ha un effetto caldence that sugar has a sooth“When it comes to raising baby, it’s a good idea mante sul cervello del bebè.” Rivela ing effect on the baby’s brain.” inoltre che soluzioni ad alto conHe further reveals that high to consider using safe and proven traditional tenuto di glucosio vengono di fatto glucose solutions are in fact practices as well as modern ones.” utilizzate negli ospedali. “Queste used in hospitals. “[These sovengono date ai bambini al Trillium lutions] are given to babies at [Health Centre] per sedarli Trillium [Health Centre] in durante le procedure,” spiega. order to sedate them during “Quando si tratta di allevare un figlio, è bene Davoli ha inoltre smesso procedures,” he explains. di dare ascolto ai consigli della Davoli also tuned out her adottare sia pratiche tradizionali, sicure e madre secondo cui la camomilla mother’s suggestion of to use collaudate, che metodi moderni.” servirebbe ad alleviare i disturbi di chamomile tea to ease her stomaco delle bambine e il latte di daughters’ upset stomachs as asina avrebbe proprietà benefiche. Tuttavia, il dottor Simone sta dalla parte della well as her mother’s suggestion that donkey’s milk would be beneficial for nonna ancora una volta: “La camomilla è spesso consigliata per i the girls. However, Dr. Simone sides with nonna once again: “Chamomile bambini che soffrono di coliche,” fa notare. “Per quanto riguarda il latte di asina, tea is often recommended for babies that are colicky,” he points out. “In è ottimo in quanto nutriente e molto simile al latte materno. Era molto diffuso regards to donkey’s milk, it’s an excellent source of nutrition and very in epoca romana, e persino Ippocrate, il padre della medicina, ne parlò close to breast milk. It was very popular during the Roman times, even molto bene.” Hippocrates, ‘the father of medicine,’ spoke highly of it.” Quando si tratta di allevare un figlio, è bene quindi adottare sia pratiche It seems then that when it comes to raising your baby, it’s a good idea tradizionali, sicure e collaudate, che metodi moderni. “Ci sono state volte in cui to consider using safe and proven traditional practices as well as modern i suggerimenti di mia madre sono stati d’aiuto,” dice Davoli. “Penso che si tratti ones. “There were definitely times when my mom’s suggestions helped,” in sostanza di trovare un equilibrio.” Davioli says. “I think it’s all about finding balance.”


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 20

20 LIFE & PEOPLE

21ST CENTURY AMORE L’amore nel 21esimo secolo by / di SARA GERMANOTTA

Technology revolutionizes how we find love Mike Garofalo is looking for love. The 48-year-old construction worker from Montreal says he outgrew the club and bar scene about 10 years ago, so he decided to give online dating a shot. “I wanted to try something different, something new,” explains the divorced father of one. “I’m looking for a serious, longterm relationship. But the online scene is not easy. People are not always what they seem to be in their profiles.” Garofalo says he’s tried several online dating sites over the years, including Match.com, Tinder and Vancouver-based Plenty of Fish. He is not alone. According to the 2016 Statistics Canada census, there are more than 14 million singles in Canada – and a lot of them are turning to technology to meet their romantic match. A Léger Marketing survey has found 36% of Canadians between the ages of 18 and 34 use online dating. Laura Bilotta is a Toronto-based matchmaker, radio host and author of the new book Single in the City: From Hookups & Heartbreaks To Love & Lifemates:Tales & Tips To AttractYour Perfect Match. Bilotta says the online dating scene has exploded in the last few years and she’s noticed an increase in the number of Italian-Canadians who are wading into the internet dating pool. “There is no longer a stigma attached to online dating like there was 10 or 15 years ago. I’m seeing many Italian-Canadians, despite coming from a very traditional culture, setting up online profiles,” explains the 47-year-old. “Italians are so proud of their culture so you always know right away who’s Italian. They have usernames like Italian Stallion,” she laughs. Although Bilotta says online dating is no longer seen as taboo, it hasn’t made finding love any easier. “Technology can be overwhelming, and there are so many options out there that people forget that finding a mate is about more than just looking at a picture and swiping left or right,” she says. “It’s also creating this paradox of choice because people feel as though there are so many options, they’re afraid to commit to one person because they think the grass is greener on the other side.” It’s a conundrum Mike Garofalo is familiar with. “I am seeing three or four different girls right now,” admits Garofalo. “I’m just weighing my options.” Sophia Taglienti is the owner of a Montreal-based production and pro-

La tecnologia rivoluziona il modo in cui troviamo l’amore

Mike Garofalo cerca l’amore. Il 48enne operaio edile di Montreal dice che ormai da dieci anni non gli interessa più frequentare le discoteche e i locali, e così ha deciso di provare gli incontri online. “Volevo tentare qualcosa di diverso, di nuovo,” spiega Mike, divorziato e padre di un figlio. “Cerco una relazione seria, a lungo termine. Ma il dating online non è facile. Le persone non sono sempre come appaiono nei loro profili.” Garofalo dice di aver sperimentato parecchi siti di incontri online nel corso degli anni, tra cui Match.com, Tinder e il Plenty of Fish di Vancouver. Non è solo. Secondo il censimento di Statistics Canada ci sarebbero più di 14 milioni di single in Canada – e molti di loro ricorrono alla tecnologia per trovare la dolce metà. Secondo un sondaggio di Léger Marketing, il 36% dei canadesi di età compresa tra i 18 e i 34 anni utilizza i siti di dating. Residente a Toronto, Laura Bilotta è organizzatrice di incontri, conduttrice radiofonica e autrice del nuovo libro Single in the City: From Hookups & Heartbreaks To Love & Lifemates: Tales & Tips To Attract Your Perfect Match. Bilotta dice che negli ultimi anni gli incontri online sono cresciuti rapidamente e ha notato un aumento nel numero di italo-canadesi che esplorano la possibilità di trovare un partner tramite internet. “Non esiste più da già 10 o 15 anni lo stigma degli incontri online. Ho notato tanti italo-canadesi creare profili online, nonostante la loro cultura molto tradizionale,” spiega la 47enne. “Gli italiani sono particolarmente fieri della loro appartenenza, quindi si sa subito chi è italiano. Hanno nomi utente come Stallone Italiano,” ride. Il fatto che gli incontri online non siano più considerati tabù, non significa che trovare l’amore sia più facile, sostiene Bilotta. “La tecnologia può essere travolgente e ci sono così tante opzioni a disposizione che la gente dimentica che trovare un partner è qualcosa di più che guardare semplicemente delle foto e cliccare di qua e di là,” dice. “Crea inoltre l’imbarazzo della scelta. Le innumerevoli opzioni rendono gli utenti restii ad impegnarsi con una persona, per paura che poi ne venga fuori una migliore.” È un dilemma che Mike Garofalo conosce bene. “Sto uscendo con tre o quattro ragazze diverse attualmente,” ammette Garofalo. “Valuto le varie opzioni.” Sophia Taglienti è proprietaria di uno studio di produzione e promozione a Montreal. Ha creato profili su diversi siti, tra cui Plenty of Fish,Tinder e OkCupid. Gli


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 21

LIFE & PEOPLE 21

incontri online non sono per i deboli di cuore, sostiene. “Ho cancellato molti dei motion company. She’s created profiles on several sites, including Plenty of miei profili online perché ricevevo un sacco di messaggi arroganti e inappropriati da Fish, Tinder and OkCupid. She says online dating is not for the faint of heart. uomini che avevano soltanto secondi fini. Ho dovuto prendere le distanze per un “I’ve deleted a lot of my online profiles because I was getting so many rude po’ perché mi sono sentita sopraffatta,” spiega la 23enne. and inappropriate messages from men who just wanted to hook up. I had to Bilotta definisce questa come una delle trappole del mondo degli incontri take a break because it was overwhelming,” explains the 23-year-old. online. “La tecnologia ha creato una Bilotta says this is one of the sorta di cultura dell’incontro in cui pitfalls of the internet dating “According to the 2016 Statistics Canada census, le persone mirano solo ad andare a world. “This technology has crethere are more than 14 million singles in Canada – letto con qualcuno senza creare una ated a hook-up culture where connessione reale,” spiega. “Credo people are just jumping into the and a lot of them are turning to technology to meet che molte persone non sappiano sack without creating a real contheir romantic match.” giocare al gioco degli incontri online, nection,” she explains. “I think a e il risultato è che si sentono inaplot of people don’t know how to pagate. Inviare messaggi come “Sei play the online dating game, and “Secondo il censimento di Statistics Canada ci sexy” non è il modo per instaurare it’s leaving them feeling unfulsarebbero più di 14 milioni di single in Canada – una connessione con qualcuno.” filled. Sending a message like e molti di loro ricorrono alla tecnologia per Sebbene Taglienti e Garofalo ‘You’re hot’ is not a way to make non abbiano ancora raggiunto a connection with someone.” trovare la dolce metà.” quello che cercano, ci sono molti Although Taglienti and italo-canadesi che hanno trovato l’amore attraverso il mondo virtuale. Garofalo may not have found what they’re looking for yet, there are many Adriano* di Montreal ha conosciuto sua moglie ad un evento di incontri che Italian-Canadians who are finding romance via the virtual world. aveva trovato su internet. Il 52enne si era iscritto al sito di dating Lavalife, ma dice di Adriano* is a Montrealer who met his wife at a speed dating event he aver trovato l’intera esperienza decisamente superficiale. Gli serviva di più di una learned about online. The 52-year-old had signed up to the Lavalife dating site, foto di profilo per stabilire una connessione. “ È difficile essere attratti da una foto but he says he found the whole experience to be very superficial. He needed soltanto. L’interesse è legato al modo di fare e di esprimersi di una persona, al more than an online profile picture to make a connection. “It’s hard to be linguaggio non verbale,” dice. “A mio avviso, è una triste realtà che la persona della attracted to just a picture. Attraction comes from seeing a person’s mannerisms, tua vita potrebbe essere lì ma che la si ignori cliccando altrove in un sito di incontri how they talk, body language,” he says. “I find it a sad reality that the person online.” of your life might be out there but you click past them on a dating site.” Anche secondo Bilotta basarsi esclusivamente su una foto di profilo è alquanto Bilotta agrees that relying solely on a profile picture is quite superficial. superficiale. Dice che è importante soffermarsi a leggere ciò che le persone She says it’s important to actually read what people write in their profiles. “And scrivono. “E bisognerebbe anche investire nella creazione di profili che siano ben people should also invest in creating profiles that are well-thought out and progettati e genuini,” dice Bilotta. “Le relazioni si costruiscono sulla base di genuine,” says Bilotta. “Relationships are built on having similar interests and interessi e idee in comune. Non limitatevi a guardare una foto e a dire “sì!” oppure ideas. Don’t just look at a picture and say ‘yea’ or ‘nay’. Read their profiles; give “no.” Leggete i loro profili; dategli una possibilità. Sarete sorpresi da chi vi potrebbe them a chance. You’ll be surprised at who you might resonate with. You have colpire. Bisogna esporsi e non nascondersi dietro lo schermo di un computer.” to be vulnerable and not hide behind a computer screen.” *Adriano has asked us not to use his last name to protect his privacy.

* Per la privacy, Adriano ci ha chiesto di non indicare il suo cognome.


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 22

22

LIFE & PEOPLE

Back row from left: Bobi Jo Heslip; Svetlana Fedoseeva (staffing co-ordinator); Santina Boragina (office manager); Annette Zuccaro-Vanin (administrator); Matthew Melchior (former president of Famee Furlane Toronto); Vanessa Romero (director of care); Jannet Brown (associate director of care); Cinzia Del Zotto (executive director - charity); Jerry Buligan (Villa Leonardo Gambin board chair); Alexandra Gordon Front Row: Umang Khare (director of dietary)

BETTER BEDS by / di SIMONA EMILIANI

Villa Leonardo Gambin’s fundraising campaign It’s no secret that trying to meet the unique needs of aging family members impacts everyone. But it’s becoming more challenging as senior populations in Ontario rise to an all-time high, placing strain not only on the supporting families but also on a health care system that many consider ill-equipped to respond. Vaughan’s Villa Leonardo Gambin (VLG) has taken matters into its own hands with its Better Beds Campaign. The goal is to equip the facility with 120 of the highest quality health care beds available. The beds include features such as lights, alarms, built-in scales and increased stability, all aimed at promoting safety and comfort. They have raised money to buy 60 beds so far; they’re halfway to their goal. VLG, which opened in 2004, is a long-term care residence that’s home to168 seniors and adults with special needs, most of them of ItalianCanadian descent. Anna Ferretti, whose mother resides at VLG, purchased a new bed for her mother well before the fundraising program was initiated. Ferretti claims the bed may actually have prevented serious injury to the 87-year-old when, on one particular occasion, she woke up disoriented in the middle of the night, and tried to get out of bed. The automatic alarm alerted nurses to unusual movement, and they immediately responded by attending to Ferretti’s mother. “I remember wishing that every resident could have such a bed,” says Ferretti. Comfort and peace of mind, however, have traditionally never come cheap. In fact, the bed’s $7,000 price tag is the reason not every resident has one. As a result, VLG launched a fundraising campaign to collect community donations to fund $5,000 per bed, while VLG has committed to subsidizing the remaining $2,000.

La raccolta fondi di Villa Leonardo Gambin

Non è un segreto che tentare di soddisfare i bisogni particolari dei familiari che invecchiano abbia un impatto su tutti. Ma sta diventando ancor più difficoltoso considerato che la popolazione anziana in Ontario ha raggiunto i livelli più alti di sempre, gravando non solo sulle stesse famiglie, ma anche su un sistema sanitario che molti considerano non adeguato. Villa Leonardo Gambin (VLG) di Vaughan ha preso la situazione in mano con la sua campagna Better Beds, il cui obiettivo è quello di attrezzare la struttura con 120 dei migliori letti sanitari disponibili. Questi includono funzioni come luci, allarmi, bilancia incorporata e migliore stabilità, tutti volti a favorire sicurezza e comfort. Finora sono stati raccolti fondi per 60 letti; sono a metà strada. VLG, inagurata nel 2004, è una struttura di assistenza a lungo termine che ospita 168 anziani e adulti con bisogni speciali, molti dei quali di origine italo-canadese. Anna Ferretti ha acquistato un nuovo letto per la madre, che è assistita a VLG, molto prima che avesse inizio la raccolta fondi. Ferretti sostiene che il letto è riuscito a proteggere la mamma ottantasettenne da gravi danni quando, in un episodio in particolare, svegliatasi in piena notte, disorientata, ha cercato di alzarsi. L’allarme automatico ha allertato le infermiere del movimento insolito, facendo sì che rispondessero immediatamente soccorrendo la signora. “Ricordo di aver desiderato che tutti i pazienti potessero avere questo tipo di letto,” afferma Ferretti. Comfort e tranquillità, tuttavia, per tradizione non sono mai economici. Infatti, i 7.000 dollari di costo del letto sono la ragione per cui non tutti i pazienti ne hanno uno. Di conseguenza, VLG ha lanciato una raccolta fondi per raccogliere 5.000 dollari per letto da parte della comunità, impegnandosi a sovvenzionare i restanti 2.000 dollari. Cinzia Del Zotto, direttrice esecutiva di VLG, spiega che l’obiettivo finale della raccolta fondi per 120 letti ammonterebbe a 600.000 dollari; ad oggi VLG ha


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 23

LIFE & PEOPLE

23

Cinzia Del Zotto, executive director of VLG, explains that the ultimate raccolto 336.000 dollari. Del Zotto riconosce che “c’è ancora molta strada da fundraising goal for 120 beds would be $600,000; to date VLG has collected fare, ma la nostra è una comunità forte, attiva e responsabile, e sono certa che $336,000. Del Zotto recognizes that “there is still a long way to go, but we have raggiungeremo il nostro obiettivo.” a strong, active and reliable community, and I am confident that we will reach Fa notare che le donazioni arrivano sia da aziende che da semplici cittadini our goal.” come Alfredo Lion, pensionato di Vaughan: il suo desiderio di ricambiare lo ha She points out that the donations come from both corporate donors as portato a donare 50.000 dollari alla VLG, investiti poi nell’acquisto di 10 letti. Lion well as private individuals like Alfredo Lion, a retired resident of Vaughan whose crede che, “se si ha più di quanto si neccessita, bisognerebbe donarlo agli altri. Se wish to “give back” prompted a le persone fossero più generose, il $50,000 donation to VLG, and mondo sarebbe un posto di gran “Vaughan’s Villa Leonardo Gambin is a long-term care helped purchase 10 beds. Lion belunga migliore.” residence that’s home to 168 seniors and adults with special lieves that, “if you have more than you Gli incentivi per le donazioni, need you should give it to help others. oltre ad essere creativi, hanno un needs, most of them of Italian-Canadian descent. The If people were more generous, the impatto sociale. Coloro i quali residence has launched its Better Beds Campaign. The goal world would be a much better place.” fanno un’offerta vedranno il nome is to equip the facility with 120 of the highest quality health Incentives for donations are both e il messaggio della propria creative and socially impactful. Those compagnia/famiglia/associazione care beds available.” who make donations will have their riportato elegantemente ai piedi company/family/association name and di uno dei nuovi letti. Cosa più message elegantly recognized on the importante, piuttosto che buttare “Villa Leonardo Gambin di Vaughan è una struttura foot of one of the new beds. More quelli usati (ancora utilizzabili), VLG di assistenza a lungo termine che ospita 168 anziani e importantly, rather than discarding si occupa di spedirli a ospedali di the used (yet functional) beds, VLG tutto il mondo, al momento privi di adulti con bisogni speciali, molti dei quali di origine arranges for their shipment to hospirisorse, per offrire ai propri pazienti italo-canadese. La residenza ha lanciato la sua campagna tals around the world that currently tali beni necessari. L’ultima spediBetter Beds. L’obiettivo è quello di attrezzare la struttura lack the resources to provide their zione si trova nel reparto di materpatients with such necessities. The nità del General Hospital di Libolo con 120 dei migliori letti sanitari disponibili.” latest shipment can be found at the in Angola, Africa. maternity ward of the General Hospital of Libolo in Angola, Africa. La campagna di VLG è solo uno dei modi in cui gli italo-canadesi hanno VLG’s campaign is just one of the ways Italian-Canadians have risen to accettato la sfida e messo insieme le proprie grandi risorse per rispondere a challenge and collectively pooled their vast resources in a proactive response attivamente a una reale esigenza della comunità. Del Zotto aggiunge: “Per come la to a very real community need. Del Zotto adds, “the way I see it, that could vedo, un giorno potrei esserci io al loro posto e so come vorrei che mi trattassero be me one day and I know I would want to be treated and cared for. These e si prendessero cura di me. Questi anziani hanno investito la propria esistenza elders have given their lives to our community, they have built our community, nella comunità, l’hanno costruita, e questo è il minimo che possiamo fare and this is the least we can do to give back to them.” per ricambiarli.”


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 24

24 LIFE & PEOPLE

Photo / Luigi Pullano

THE POLICARO AUTOMOTIVE FAMILY by / di MARISA IACOBUCCI

Next generation revs up

La generazione futura a tutto gas

When you’re born to be boss, taking the helm of the family business only comes down to a matter of time. The time has come for Francesco Policaro, CEO of the Policaro Automotive Family, as he leads the dealership into the next generation. “It really is an honour for me to take on this responsibility,” he says, “I have a tremendous amount of respect for what my father and uncles have achieved. I was able to learn different skills from the three of them and for that I’m very grateful. I would have to say that they are my business heroes.” The 41-year-old CEO has only been in the driver’s seat since October of 2016 but for as long as Policaro can remember, being part of his family’s automotive business was always his career path. He geared his education toward his ultimate goal. After graduating from St. Michael’s College School, he specialized in retail automotive management in university and recently completed an executive MBA program. As a child, Policaro spent most Saturdays at the Honda dealership founded in 1979 by his father Basilio, and Basilio’s brothers, Paul and Tony. The partnership included shares in a Honda dealership in Brampton called Satellite City Honda. The business has since expanded to include other locations in Brampton and Oakville. Based in Brampton, Ontario, The Policaro Automotive Family currently operates eight franchises representing seven brands – Acura, BMW, HarleyDavidson, Lexus, Porsche, Honda and Toyota. Their facility is home to over 500 highly trained, specialized and dedicated employees. “We like to provide a friendly and positive environment for our team,” says Policaro, adding that being a part of Policaro Automotive is like being part of a big family.

Quando si nasce per essere un capo, prendere il timone di un’azienda di famiglia è solo una questione di tempo. Questo momento è giunto per Francesco Policaro, amministratore delegato della Policaro Automotive Family, alla guida della concessionaria verso la generazione successiva. È per me davvero un onore assumere questa responsabilità,” sostiene. “Nutro un profondissimo rispetto per ciò che mio padre e i miei zii hanno raggiunto. Ho avuto modo di imparare competenze diverse da ognuno dei tre, cosa di cui sono molto grato. Devo dire che sono i miei eroi negli affari.” L’amministratore delegato, 41 anni, è al comando solo dall’ottobre del 2016 ma, sin da quando Policaro ha memoria, far parte della concessionaria di famiglia è sempre rientrato nei suoi intenti professionali. Ha adattato la sua formazione a quest’obiettivo finale. Dopo essersi diplomato al St. Michael’s College, si è specializzato in gestione del settore automobilistico all’università e da poco ha completato il programma di Executive MBA. Da bambino, Francesco ha trascorso molti dei suoi sabati alla concessionaria Honda fondata nel 1979 da suo padre Basilio e dai fratelli di questi, Paul e Tony. La società comprendeva quote nella concessionaria Honda di Brampton chiamata Satellite City Honda. Da allora l’azienda si è ampliata fino a includere altre sedi a Brampton ed a Oakville. Con sede a Brampton, in Ontario, la Policaro Automotive Family gestisce al momento otto franchising di vari marchi – Acura, BMW, HarleyDavidson, Lexus, Porsche, Honda e Toyota. La loro struttura dà lavoro a più di 500 impiegati altamente qualificati, specializzati e zelanti. “Ci piace offrire alla nostra squadra un ambiente amichevole e positivo,” dice Francesco, aggiungendo che far parte del gruppo Policaro Automotive è come appartenere a una grande famiglia.


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 25

LIFE & PEOPLE

25

That big family has certainly grown in strength and numbers since the La grande famiglia è indubbiamente cresciuta in termini di forza e numero dai Policaros put down roots in Toronto’s College Street neighbourhood in 1966 tempi in cui i Policaro hanno piantato radici nell’area torontoniana di College Street after emigrating from Sant’Onofrio (now located in the province of Vibo Valennel 1966, dopo essere emigrati da Sant’Onofrio (adesso provincia di Vibo Valentia, tia in Calabria). in Calabria). Spending quality time with his own family is important for Policaro. He Per Francesco è importante trascorrere tempo esclusivo con la sua famiglia has two children and especially enjoys playing and travelling with them. “I’m vera e propria. Ha due figli e gli piace in particolare giocare e viaggiare con loro. a track enthusiast and I enjoy “Sono un appassionato delle piste, attending sporting events with my amo assistere a eventi sportivi con son and maintaining an active mio figlio e mantenere uno stile di vita “I have a tremendous amount of respect for what lifestyle. However, my work is my attivo.Tuttavia, il lavoro è la mia vita e my father and uncles have achieved. I was able to life and vice-versa,” says Policaro. viceversa,” dice Policaro. learn different skills from the three of them and A big part of work for the Una grande fetta del lavoro dei Policaros involves giving back to Policaro comprende ricambiare la for that I’m very grateful. I would have to say that the community. They are proud comunità. Sono fieri sostenitori di they are my business heroes.” supporters of numerous local charmolti enti caritatevoli e di raccolta ities and foundations, including the fondi locali, comprese la William Osler William Osler System Foundation, System Foundation, l’Oakville Hospital Oakville Hospital Foundation and Foundation e la Sick Kids Hospital “Nutro un profondissimo rispetto per ciò che mio Sick Kids Hospital Foundation. Foundation. Work is about to get even Il lavoro sta per diventare ancor padre e i miei zii hanno raggiunto. Ho avuto modo busier for Policaro as the Policaro più impegnativo per Policaro dato di imparare competenze diverse da ognuno dei tre, che la Policaro Automotive Family Automotive Family continues its steady growth. In February 2018, continua costantemente a crescere. cosa di cui mi sento molto grato. Devo dire che they welcome the Harley-Davidson A febbraio 2018, il gruppo accoglie il sono per me degli eroi negli affari.” brand with the opening of their marchio Harley-Davidson con l’apernew store in Oakville. tura di un nuovo centro a Oakville. Sta They are also launching a new marketing company, exotic car division inoltre lanciando una nuova azienda di marketing, una divisione di auto esotiche e and leasing company, as well as a performance division. Along with this, they una compagnia di leasing, così come una divisione per le prestazioni. Assieme a will be working on the construction of BMW Etobicoke and Harley-Davidson tutto ciò, lavoreranno alla costruzione delle concessionarie BMW di Etobicoke ed in Brampton and will continue with their involvement in racing with both Harley-Davidson di Brampton e continueranno ad essere coinvolti nelle gare di BMW and Porsche. corsa sia della BMW che della Porsche.Vanno a tutta velocità, ma Policaro sostiene It’s full speed ahead, but Policaro says “honesty, loyalty and a disciplined che “l’onestà, la lealtà e una metodica etica del lavoro” sono quei valori della famiglia work ethic” are the family values that will continue to drive the business forward. che continueranno a far espandere l’impresa. “In azienda ci piace dire che la nostra “Internally, we like to say that our word is more powerful than a handshake.” parola vale più di una stretta di mano.”


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 26

26

FUTURE LEADER

Photo / Luigi Pullano

LAURA D’ANGELO by / di MARISA IACOBUCCI

Living her dreams When you’re young, ambitious and no stranger to the stage or praise, it’s not easy to see that the road to success can sometimes come from failure. This was the case for Laura D’Angelo, now 25, who became sick and lost her voice during live graduate school auditions for The Glenn Gould School at the Royal Conservatory of Music and Western University. From taking voice lessons since she was 10 and four years of vocal training at the University of Toronto during her undergrad studies, as well as hours of audition prep, she was suddenly faced with an uncertain future. D’Angelo took the year off to think about her next move, which proved to be a positive step in her life. During her time off from music, D’Angelo worked for a few marketing companies and discovered her love for marketing and communications, something she says she never would have figured out otherwise. But this didn’t mean that she was giving up on her music. “I started to realize that I could still pursue my passion for singing while also having a job in the ‘real world’. I could do both,” explains D’Angelo. Last summer, she placed first in Canada at the 2017 National Music Festival in the Classical Voice Category. She also received the Simons Award for Song Interpretation. “For aspiring musicians, or anyone really, I would say to not fear failure as failure, is often what leads us exactly on the path that we are meant to be on,” says D’Angelo. She went back to school – earning a Masters in Professional Communications from Ryerson University in 2016 – and currently works as a freelance communications specialist and a promotions representative for Rogers radio stations. While singing may not be her “day job,” D’Angelo continues to train and take private voice lessons. D’Angelo first discovered her love for music singing in choirs as a kid. She joined the Italian choir at the Columbus Centre when she was 10 and travelled with the choir to Italy. Later, she went on to join the Toronto Children’s Chorus where she was a chorister for six years and toured

Vivere i propri sogni

Quando si è giovani, ambiziosi e non si è estranei al palcoscenico e agli elogi, non è sempre facile capire che la via del successo può a volte scaturire da un fallimento. È stato così per Laura D’Angelo, ora 25enne, che si è ammalata e ha perso la voce durante i provini per la Glenn Gould School presso il Royal Conservatory of Music e la Western University. Dopo aver seguito lezioni di canto dall’età di 10 anni, dopo quattro anni di addestramento vocale all’Università di Toronto durante la laurea di primo livello e dopo ore trascorse a prepararsi per i provini, si è improvvisamente trovata faccia a faccia con un futuro incerto. D’Angelo si è presa un anno di pausa per pensare a cosa fare, il che si è rivelato positivo per la sua vita. Nel periodo in cui non si è dedicata alla musica, Laura ha lavorato per alcune aziende e ha scoperto il suo amore per il marketing e la comunicazione, cosa che, dice, non avrebbe mai capito diversamente. Ma non per questo ha dovuto rinunciare alla musica. “Ho iniziato a rendermi conto che potevo perseguire la mia passione per il canto e avere al contempo un lavoro ‘nel mondo reale’. Potevo fare entrambi,” spiega. La scorsa estate si è piazzata al primo posto in Canada al National Music Festival 2017 nella categoria Canto Classico. Ha inoltre ricevuto il Simons Award per l’interpretazione canora. “Agli aspiranti musicisti, e a chiunque, voglio dire di non temere il fallimento perché spesso è proprio questo a condurci alla strada a noi destinata,” dice D’Angelo. È tornata a studiare – ha conseguito un master in comunicazione alla Ryerson University nel 2016 – e lavora attualmente come specialista freelance nella comunicazione e rappresentante promozionale per le stazioni radiofoniche di Rogers. Se cantare non è la sua occupazione fissa, Laura continua comunque a studiare e a seguire lezioni private di canto. D’Angelo ha scoper to il suo amore per la musica cantando nei cori da bambina. Si è unita al coro italiano presso il Columbus Centre quando aveva 10 anni e con questo gruppo ha avuto l’occasione di viaggiare in Italia. Più avanti, è stata per sei anni corista al Toronto Children’s Chorus, con cui è andata in tour


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 27

FUTURE LEADER

27

Austria, Germany and the Czech Republic. She went to Cardinal Carter Academy for the Arts in high school and was a voice major. Upon entering the bachelor of music program at the University of Toronto, she was given an Alexander Kinghorn Scholarship for gifted first year music students, eventually earning her Bachelor of Music in Classical Voice in 2014. Her solo musical endeavours have extended to her participation in the theatre of art song program at the Vancouver International Song Institute, as well as Opera Nuova in Edmonton. D’Angelo currently lives with her family and teacup Chihuahua Tia in North York. Her father’s family hails from Roccamorice, Pescara, Abruzzo. Her mother is Canadian with American, British and Dutch roots. D’Angelo considers her nonni to be her second set of parents because they played a huge role in her upbringing and helped shape her into the person that she is today. “My nonno and nonna lived on my street and would take me to school every day and watch me while my parents were at work,” she recalls. These days, D’Angelo is happy with the way things turned out. Besides working her day job and performing in competitions, D’Angelo enjoys spending time with her family, carrying on Italian traditions and keeping busy with friends, exploring the city’s culinary and musical offerings. “Everything is always working out for you, even when it feels like it’s not! And every success and failure in your life is meant to bring you one step closer towards where you are truly meant to be.”

in Austria, Germania e Repubblica Ceca. Ha frequentato la scuola superiore Cardinal Carter Academy for the Arts e si è specializzata in canto. All’inizio del suo percorso di laurea in musica all’Università di Toronto, le è stata conferita la borsa di studio Alexander Kinghorn per studenti del primo anno particolarmente dotati. Ha infine conseguito la laurea in musica specializzandosi in canto classico, nel 2014. D’Angelo ha par tecipato inoltre come solista al programma di teatro della canzone d’ar te presso il Vancouver International Song Institute, nonché all’Opera Nuova di Edmonton. Vive attualmente a New York con la sua famiglia e con Tia, il suo chihuahua nano. La famiglia di suo padre è originaria di Roccamorice, Pescara, in Abruzzo. Sua madre è canadese con radici americane, britanniche e olandesi. Laura considera i suoi nonni come i suoi altri genitori, in quanto hanno avuto un ruolo fondamentale nella sua educazione e nel formare la persona che è oggi. “Mio nonno e mia nonna abitavano nella mia stessa via, mi portavano a scuola tutti i giorni e si occupavano di me quando i miei genitori erano al lavoro,” ricorda. Oggi D’Angelo è contenta di come sono andate le cose. Oltre al suo lavoro principale e ad esibirsi in concorsi, le piace trascorrere del tempo con la famiglia, portare avanti le tradizioni italiane e uscire con gli amici per esplorare le offerte musicali e culinarie della città. “Tutto si sistema per il meglio alla fine, anche quando non sembra. E tutti i successi e fallimenti nella vita servono a portarti più vicino a dove sei realmente destinato ad essere.”

“Everything is always working out for you, even when it feels like it’s not! And every success and failure in your life is meant to bring you one step closer towards where you are truly meant to be.” “Tutto si sistema per il meglio alla fine, anche quando non sembra. E tutti i successi e fallimenti nella vita servono a portarti più vicino a dove sei realmente destinato ad essere.”

Our secret ingredient is no longer a secret. The All-New Elantra 2017 Best New Small Car

The All-New Elantra GT Arriving Summer 2017

Introducing the all-new Elantra and all-new Elantra GT. At the core lies the SUPERSTRUCTURETM, a remarkably strong vehicle frame built with our very own Advanced High Strength Steel to deliver enhanced safety, precise handling and ride comfort.

Watch us put the SUPERSTRUCTURETM to the ultimate strength test at hyundaicanada.com/SUPERSTRONGelantra ™/®The Hyundai name, logos, product names, feature names, images and slogans are trademarks owned or licensed by Hyundai Auto Canada Corp..

3790 Highway 7, At Weston Road 905.851.2851 PINEVIEWHYUNDAI.CA


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:44 AM Page 28

28 LIFE & PEOPLE

Photo / Luigi Pullano

ASHLEY FRUCI by / di AYAH VICTORIA MCKHAIL

So you want to be Italian?

E quindi vuoi diventare italiano?

Considering Italy’s enormous influence on history and culture, it’s no wonder so many people of various backgrounds are ardent admirers of all things Italian. In this issue, Panoram Italia spoke with one such admirer: Ashley Fruci. The teacher and long-time resident of Vaughan is of Jordanian descent. She married into an Italian family on August 13, 2016, when she tied the knot with Christian Fruci, whose parents hail from Calabria and Veneto, respectively.

Data l’enorme influenza esercitata dall’Italia sulla storia e sulla cultura, non c’è da meravigliarsi che persone di origine diversa ammirino con fervore tutto ciò che è italiano. In quest’uscita, Panoram Italia ha fatto due chiacchiere con una di loro: Ashley Fruci. Insegnante e da molto tempo residente a Vaughan, è di origine giordana. Si è unita a una famiglia italiana il 13 agosto del 2016, quando ha sposato Christian Fruci, i cui genitori sono originari rispettivamente della Calabria e del Veneto.

Panoram Italia: When did you first become enamoured of all things Italian and why? Ashley Fruci: Having grown up in Vaughan, I had a great deal of exposure to Italian families. All my best friends throughout elementary and high school were Italian. I admired their fierce loyalty, adventurous spirit and family values. Being Arab, the cultures and traditions are very similar to my own. Therefore, incorporating Italian traditions into my own life was easy.

Panoram Italia: Quando ti sei innamorata di tutto ciò che è italiano e perché? Ashley Fruci: Essendo cresciuta a Vaughan, sono stata molto a contatto con famiglie italiane. Tutti i miei migliori amici alle scuole elementari e superiori erano italiani. Ammiravo la loro profonda lealtà, lo spirito d’avventura e i valori familiari. Poiché sono araba, sia la cultura che le tradizioni italiane sono molto simili alle mie. Pertanto, assimilare le usanze italiane nella mia vita è stato facile.

PI: What is one element your culture/background shares with the Italian culture? AF: Both Jordanians and Italians have a love for large family gatherings and lots of food. Enjoying time together and demonstrating how much we value one another’s presence in this life is of utmost importance. My husband and I love getting together with our family as often as possible.

PI: Qual è un elemento in comune tra la tua cultura/origine e quella italiana? AF: Sia i giordani che gli italiani amano le grandi riunioni familiari e il cibo in abbondanza. Godersi i momenti trascorsi assieme e dimostrare quanto apprezziamo la presenza degli altri nella nostra vita è estremamente importante. Sia a me che a mio marito piace riunirci con le nostre famiglie il più spesso possibile.

PI: Is there something representative of Italian culture you and your husband particularly enjoy doing together? AF: My husband and I enjoy cooking traditional Italian meals, such as pasta and chicken parmesan. However, our ultimate favourite is lasagna. My mother actually taught me how to make it. All of our Italian friends enjoy my mother’s cooking over restaurants, so she’s definitely taught me how to be a good cook, which of course, is highly valued in Italian culture.

PI: C’è qualcosa di tipico della cultura italiana che a te ed a tuo marito piace fare assieme in particolare? AF: Sia a me che a mio marito piace cucinare piatti tipici italiani, come la pasta e il pollo alla parmigiana. Tuttavia, le lasagne sono il nostro piatto prediletto. È stata addirittura mia madre a insegnarmi a prepararlo. Tutti i nostri amici italiani preferiscono la cucina di mia madre al ristorante, per cui è stata certamente lei ad insegnarmi l’arte culinaria, e questa qualità, ovviamente, è molto apprezzata nella cultura italiana.


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:45 AM Page 29

LIFE & PEOPLE 29 PI: What is one element of the Italian culture that you most appreciate? AF: I’d have to say their love for fine cuisine. I especially love a wide variety of Italian cheeses and Italian breads, such as focaccia, and chocolate gelato.

PI: Qual è un aspetto della cultura italiana che maggiormente apprezzi? AF: Devo ammettere che ne apprezzo l’amore per la cucina raffinata. Mi piacciono in particolare numerose varietà di formaggio, di pane italiano, come la focaccia, e il gelato al cioccolato.

PI: Complete this statement: Italian-Canadians in the GTA are . . AF: Friendly and welcoming people who are deeply proud of their heritage. They’re passionate about sharing their culture with all Canadians. Their strong work ethic is notable as well.

PI: Completa questa frase: gli italo-canadesi della GTA sono… AF: Persone amichevoli e accoglienti, profondamente orgogliose delle proprie radici. Adorano condividere la propria cultura con tutti i canadesi. Hanno anche una notevole etica del lavoro.

PI: Complete this statement: You know your neighbours are ItalianCanadian because . . . AF: Every August, grocery stores are sold out of tomatoes because it’s tomatocanning season. It’s time to make batches and batches of tomato sauce for an entire year and to share with the famiglia! It’s a lovely tradition Italians brought to Canada, and it’s truly heartwarming to see so many families set up shop in their garages every summer.

“Both Jordanians and Italians have a love for large family gatherings and lots of food.” “Sia i giordani che gli italiani amano le grandi riunioni familiari e il cibo in abbondanza.”

PI: If you could live in an Italian city, which would you choose and why? AF: I’ve never actually been to Italy, yet after speaking to Christian, we’re looking into Capri. I find myself very drawn to this particular island. The rugged coastline and majestic mountains are breathtakingly beautiful, so I’d absolutely love to go there. We’re actually planning a family trip to Italy in the next two years or so. In the meantime, I can continue to dream, which is so easy to do with a country as spectacular as Italy.

PI: Completa quest’affermazione: Sai che i tuoi vicini sono italiani perché… AF: Ogni agosto, i negozi di alimentari hanno finito il pomodoro perché è il periodo in cui si imbottiglia la salsa. È ora di preparare partite sopra partite di salsa di pomodoro per tutto l’anno da condividere con la famiglia! È una bellissima tradizione che gli italiani hanno impor tato in Canada, ed è davvero commovente vedere quante famiglie ogni estate mettano su una bottega in garage.

PI: Se potessi vivere in una città italiana, quale sceglieresti e perché? AF: In realtà non sono mai stata in Italia, tuttavia, dopo averne parlato con Christian, stiamo considerando Capri. Mi sento particolarmente attratta da quest’isola. La costa frastagliata e le montagne maestose sono di una bellezza mozzafiato, quindi devo assolutamente andarci. Infatti, abbiamo in programma un viaggio di famiglia da fare più o meno tra due anni. Nel frattempo, posso continuare a sognare, cosa molto facile quando si tratta di un paese così spettacolare come l’Italia.


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:45 AM Page 30

30 LIFE & PEOPLE

I ricordi continuano a vivere by / di AYAH VICTORIA MCKHAIL

St. Michael’s College School flashback St. Michael’s College School (SMCS) is a storied institution recognized for its graduating students who become leaders in their chosen professions, and it holds a special place in the hearts and minds of its Italian-Canadian alumni. “As a new generation who came from working-class immigrant families, we had nothing to base our expectations on, so we embarked on initiatives that were uniquely our own,” says Domenico Frascà, a 1969 graduate who immigrated at the age of 13 from Sant’Onofrio, Vibo Valentia, Calabria in 1962. The retired educator and principal owner of Calabria International Tours looks back fondly at his years at SMCS. “Our experiences were memorable and they shaped us into who we are today,” he says. It’s a sentiment echoed by fellow 1969 alumnus Justice Antonio Di Zio of the Ontario Court of Justice. Di Zio was nine-years-old when he emigrated from Loreto Aprutino, Abruzzo, in 1959. “Many of us were newly-arrived immigrants, so we were embarking on all these new experiences together,” he recalls. “It was a wonderful time in our lives.” Both men attended the school at a time when Canada was on the world stage thanks to Trudeaumania and Expo 1967. “I remember my English teacher, Mr. Younder, encouraging me to enter a writing contest entitled ‘Why do I want to visit Expo ’67?’” recalls Frascà. “I was reluctant to do so since I was still developing my writing skills, but he encouraged me and I ended up placing in the top 10 across Canada. I won a trip to Montreal and it was incredibly memorable.” Founded in 1852 by the Basilian Fathers, the Toronto all-boys Catholic school for grades seven to 12 is nestled on a sprawling campus near Bathurst Street and St. Clair Avenue West. “The Basilian order is a life-long membership, so it lives on within you,” Di Zio says. “We were set up on a path for success and self-discovery. Everyone who arrived there felt a sense of responsibility to do their very best,” adds Frascà. “A mission was instilled in us, and we knew we had to accomplish something. Once you went there, you belonged to history.” While trying to fit into the Canadian milieu, both Frascà and Di Zio were determined to preserve their Italian identity. They participated in the school’s Italian Club, where they organized a tarantella show and staged theatrical productions like I Rusteghi and Il Ventaglio. “I still have the framed posters for [both shows],” Di Zio says with a chuckle.

Un flashback nella St. Michael’s College School

La St. Michael’s College School (SMCS) è un’istituzione storica riconosciuta per il fatto di produrre diplomati che diventano leader nelle professioni prescelte, e occupa un posto speciale nel cuore e nella mente dei suoi ex allievi italo-canadesi. “Eravamo una nuova generazione che proveniva da famiglie di immigrati della classe operaia e quindi non avevamo nulla su cui basare le nostre aspettative. Abbiamo così intrapreso iniziative che erano tutte nostre,” dice Domenico Frascà, diplomatosi nel 1969 e immigrato all’età di 13 anni da Sant’Onofrio,Vibo Valentia, in Calabria, nel 1962. L’educatore in pensione e principale titolare di Calabria International Tours ricorda con affetto i suoi anni al SMCS. “Abbiamo fatto esperienze indimenticabili che ci hanno formato e ci hanno reso, oggi, quello che siamo,” dice. È una sensazione in cui si ritrova anche il giudice Antonio Di Zio della Corte di Giustizia dell’Ontario, ex allievo della classe del 1969. Di Zio aveva nove anni quando è emigrato da Loreto Aprutino, in Abruzzo, nel 1959. “Molti di noi erano neo arrivati e quindi intraprendevamo tutte queste nuove esperienze insieme,” ricorda. “È stato un periodo straordinario nella nostra vita.” I due uomini hanno entrambi frequentato la scuola in un’epoca in cui il Canada era sulla scena mondiale grazie alla Trudeaumania e ad Expo 1967. “Ricordo che il mio insegnante di inglese, il signor Younder, mi esortò a partecipare ad un concorso letterario chiamato “Perché voglio visitare Expo ‘67?” racconta Frascà.“Ero restio a farlo siccome stavo ancora sviluppando le mie abilità di scrittura, ma lui mi ha incoraggiato e ho finito per piazzarmi tra i primi 10 in Canada. Ho vinto un viaggio a Montreal ed è stato davvero indimenticabile.” Fondata nel 1852 dai Preti di San Basilio, la scuola cattolica per ragazzi di Toronto per le classi dalla settima alla dodicesima è situata vicino a Bathurst Street e St. Clair Avenue West, in un campus che si estende in varie direzioni. “All’Ordine Basiliano si appartiene per tutta la vita e le esperienze fatte continuano ad essere parte di te,” dice Di Zio. “Ci hanno fatto intraprendere un percorso volto al successo e alla scoperta di se stessi. Chiunque vi giungesse sapeva di avere il compito di fare del proprio meglio,” aggiunge Frascà. “Ci veniva affidata una missione e noi eravamo consapevoli che avremmo dovuto realizzare qualcosa. Frequentare questa scuola significava appartenere alla storia.” Pur cercando di adattarsi al milieu canadese, sia Frascà che Di Zio erano determinati a preservare la loro identità italiana. Partecipavano all’Italian Club della scuola, dove hanno organizzato uno spettacolo di tarantella e rappresentazioni teatrali quali I Rusteghi e Il Ventaglio.“Conservo ancora i poster incorniciati di [entrambi gli spettacoli],” dice Di Zio con una risata.

Photo / Courtesy of St.Michael’s College School

MEMORIES LIVE ON


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:45 AM Page 31

LIFE & PEOPLE 31 Photo / Luigi Pullano

CUSTOM DESIGNING FOR ALL OCCASIONS

DREAMS

Hugh McDougall, Antonio Di Zio, Domenico Frascà

“Many of us were newly arrived immigrants, so we were embarking on all these new experiences together.” “Molti di noi erano neo arrivati e quindi intraprendevamo tutte queste nuove esperienze insieme.” Both men also look back with pride for having started the school’s soccer team, the SMC Azzurri, which continues to play today. “I still have my windbreaker from our team’s win in the 1967 championship,” Frascà says. In addition to being part of the Italian Club and soccer team, Di Zio was adamant about maintaining his mother tongue. He took Italianlanguage classes at the school, which began an hour before regular classes. “Language opens up the soul,” he explains. “It gives you insight into culture and helps you retain it.” But perhaps the greatest legacy of the graduating class of 1969 is that it forged friendships that have withstood the test of time. Frascà and Di Zio say they continue to keep in touch with one another as well as with other alumni. “The friendships are life-long and sincere,” Frascà explains. “Even if we don’t see each other for months or even a few years, once we do get together it’s as though no time has passed at all.” The friendships also cross generational lines. Hugh McDougall, who was an educator at the school for 26 years, has kept in touch with his former students. Indeed, cohesion and unity are indicative of the school’s spirit, according to McDougall, whose family has a long history at SMCS. His father attended, as did his two sons; his daughter, Elizabeth McDougall, is currently the head of the French department. “We have a very active and engaged alumni association,” he says, “and the events we hold serve to foster strong connections and a sense of unity. Such life experiences are shared and they endure.” Frascà wholeheartedly agrees: “Once you meet other alumni, you feel that bond. It’s like family; it’s forever.”

Inoltre, ambedue ricordano con orgoglio il fatto di aver dato inizio alla squadra di calcio della scuola, la SMC Azzurri, che continua a giocare anche oggi. “Conservo ancora la giacca a vento di quando la nostra squadra ha vinto il campionato nel 1967,” dice Frascà. Oltre a fare parte dell’Italian Club e della squadra di calcio, Di Zio era determinato a mantenere la sua lingua madre. Frequentava le lezioni di italiano a scuola, che iniziavano un’ora prima di quelle regolari. “La lingua libera l’anima,” spiega. “Apre uno spiraglio nella cultura e ti aiuta a mantenerla.” Ma forse il più grande lascito dell’essersi diplomati nel 1969 è stato l’instaurarsi di amicizie che hanno resistito alla prova del tempo. Frascà e Di Zio, dicono, continuano a restare in contatto tra di loro e anche con altri ex allievi. “Le amicizie sono sincere e per la vita,” spiega Frascà. “Anche se non ci vediamo per mesi e talvolta persino anni, quando abbiamo occasione di trovarci è come se il tempo non fosse mai passato.” Le amicizie, inoltre, varcano i confini generazionali. Hugh McDougall, educatore presso la scuola per 26 anni, è rimasto in contatto con i suoi ex allievi. La coesione e l’unità sono certamente indicativi dello spirito della scuola secondo McDougall, la cui famiglia vanta una lunga storia presso SMCS. Suo padre ha frequentato SMCS e così anche i suoi due figli; sua figlia, Elizabeth McDougall, è attualmente a capo del dipartimento di francese. “Abbiamo un’associazione ex allievi molto attiva e coinvolta,” dice. “E gli eventi che teniamo sono tesi a promuovere legami forti e un senso di unità. Queste esperienze di vita sono condivise e perdurano.” Frascà è sinceramente d’accordo: “Quando incontri altri ex allievi senti quel legame. È come essere in famiglia; è per sempre.”

ROMANCE

MEMORIES

720 BURNHAMTHORPE RD W, MISSISSAUGA

TEL: 905-848-2300 1-800-665-2720 www.carismaflorists.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 17-32 2018-02-08 9:45 AM Page 32

Celebrating and Promoting the Italian Heritage, Culture, Language, Arts, Food and Family Values.

New Executive Director Introduces Enhanced Cultural Programming Villa Charities recently welcomed Emanuele Lepri to its senior management team. As Executive Director of Cultural Programming, Emanuele brings more than 30 years of excellence in the cultural and educational sectors. Born and educated in Florence, Italy with a PhD and MA in International Relations, Emanuele is deeply rooted in Italian culture and heritage, and demonstrates extensive knowledge, skills and vision in the cultural space. Prior to joining Villa Charities Inc., he was Executive Director of the Bata Shoe Museum, where he

brought tremendous success and growth. He was also the Founding Director of Museo del Tessuto, in Prato, Italy where he honed his extraordinary diplomatic skills and ensured the participation and engagement of local stakeholders. Under Emanuele’s strategic direction, Villa Charities will be presenting an exciting line-up of new programming and exhibits to celebrate Italian culture and heritage. heritage of Treviso, core of the so-called Marca Gioiosa, and Padova, in the shadow of Goethe’s palm tree. Tuesday, February 27, 2018, 6:30pm Beyond the Lagoon 2: Palladio’s legacy in Vicenza and Romeo and Juliet’s fair Verona Guest Speaker: Sebastiano Bazzichetto Sailing the river Brenta, Sebastiano Bazzichetto’s insightful talk will unlock the doors of Palladio’s villas, his Olympic theatre in Vicenza, and the legends in “fair Verona,” as Shakespeare christens it in his Romeo and Juliet.

Cultural Tuesdays is a series of illustrated talks and presentations, designed to engage our community on a wide range of topics, spanning from culture, lifestyle, cuisine, art, and much more. Each Tuesday we will feature an engaging guest speaker, artist or performer to highlight the richness and diversity of Canadian and Italian heritage. Cultural Tuesdays are free to attend and will be hosted in the Joseph D. Carrier Art Gallery at the Columbus Centre. Tuesday, February 6, 2018, 6:30pm Venetian Synagogues: Hidden Gems in the Core of the Lagoon Guest Speaker: Sebastiano Bazzichetto Venice’s history could not be told without a celebration of its Jewish communities. Discover with us the diversity and beauty of the Jewish Synagogues, or Scola, as they are called by the locals. Tuesday, February 13, 2018, 6:30pm Punch And I: Festa di Carnevale –

Mardis Gras Party Commedia dell’Arte Interactive Performance by: Adam Paolozza from Bad New Days Experience Pulcinella’s irreverent antics, as he ponders about life, death, food, love and his childhood in the “old country.” Dora Award-winning performer, Adam Paolozza, explores his roots embodying the mischievous Pulcinella (ancestor of Mr. Punch), a mask which comes from the Campania region in Italy, from where Paolozza’s own family hails. The evening will include refreshments and a taste of the traditional Carnival cookies. Tuesday, February 20, 2018, 6:30pm Beyond the Lagoon 1: Treviso and Padova, a Journey Through the Joyous Mark to Giotto’s Frescoes in the Scrovegni Chapel Guest Speaker: Sebastiano Bazzichetto Venice fast expanded its dominion beyond the lagoon and conquered the mainland. This fascinating talk will explore the rich

“MAMMA: In The Meantime” by Tony Luciani with support from the Alzheimer Society of Grey-Bruce February 16 – April 2, 2018 Joseph D. Carrier Art Gallery Villa Charities is proud to present this powerful photographic tale of an extraordinary and unconventional relationship between the artist and his muse. Tony and his nonagenarian mother Elia embark on a journey of discovery where art becomes the perfect medium to express the grief and wonders of living with Dementia. Don’t miss this moving multi-media installation. For more information on all programs and events call 416-789-7011 ext. 248 or visit villacharities.com.

THIS SPECIAL SECTION IS PUBLISHED BY VILLA CHARITIES This special section is published by Villa Charities. Villa Charities is a registered charity and non-profit organization that cultivates, promotes and celebrates our culture as ItalianCanadians. For almost 50 years across the GTA, Villa Charities has provided care for seniors and

offered educational and cultural programs in music, dance, visual arts, culinary arts, athletics, and much more. Fundraising through events and the vital financial support we receive from our valued donors is critical to ensuring that Villa Charities can continue to provide its unique brand of high-

quality culturally sensitive programs and services for the community. We ask you to consider donating to Villa Charities today! Visit villacharities.com for more information or call 416-789-7011 ext. 306. All donations $20 or greater receive a tax receipt.

Villa Charities Foundation Charitable Registration No: 89337 0767 RR0001


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 33

901 Lawrence Ave West, Toronto, ON M6A 1C3

T: 416-789-7011

villacharities.com

Book Your Next Event at the Columbus Event Centre Did you know – on average our Columbus Event Centre hosts over 350 events, serves over 30,000 guests and pours over 11,000 glasses of prosecco every year? The Columbus Event Centre is booking weddings, social celebrations, corporate meetings and other events for 2018, 2019 and beyond! Whether you are hosting a lavish reception, planning an intimate ceremony, picking the perfect setting for an important meeting or celebrating a big milestone, we will ensure your event is extraordinary. Let our dedicated event planning professionals make your next event a memorable one for you and your guests. Get in touch with us at 647-259-5471 or cecadmin@villacharities.com to book an initial consultation! columbuseventcentre.com

Register Today for our Fun-Filled March Break Camps

Looking for something fun for your child to do on March Break? Columbus Centre is the place to be! Enroll in our camps offered by the Cultural Arts Department, and join us for a week of fun-filled activities. All-day camps are available for children ages 4 – 12 years old. 2018 March Break Camp March 12-16, 2018 9:00am to 4:00pm (Full Day)

UPCOMING EVENTS

Our camps Include: • Visual Arts & Crafts Camp (ages 6 – 12) • Kitchen/Cooking Camp (ages 6 – 12) • Dance Camp (ages 6 – 12) • Ultimate Experience Camp (ages 4 – 12)

Our Ultimate Experience Camp will feature new and improved programming, including a brandnew theme with enhanced and immersive activities! To register your child today or for more information, please contact: Daniel Garfinkel, Director of Camps Email: dgarfinkel@villacharities.com Tel: 416-789-7011 ext. 333

Columbus Centre School of Music Ongoing Registration Instruments include piano, vocal, violin, guitar, drums, flute 416-789-7011 ext. 248 Adult Art Classes Spring Term Begins April 17, 2018 (11-week term) 416-789-7011 ext. 248

DanzArts Toronto Registration Ongoing for Recreational Classes 416-789-7011 ext. 248 Company Showcase at Cardinal Carter Academy of Performing Arts March 9, 2018 Recreational Viewing Week February 26-March 3, 2018

Cultural Tuesdays February 6-27, 2018 and March Dates Just Announced! March 13, 2018, 6:30pm Buona Pasqua: Traditional Breads from Northern and Central Italy March 20, 2018, 6:30pm Buona Pasqua: Traditional Breads from Southern Italy and the Islands

Joseph D. Carrier Art Gallery Sami Suomalainen February 16-March 27, 2018 Gallery free to the public Mon-Fri 10:00am-5:00pm Save the Date! Villa Charities Golf Classic September 26, 2018

@Villa_Charities

villacharities.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 34

34

FOOD

Photos / Daniele Tomelleri

CARNIVAL CELEBRATION Festeggiando il Carnevale by / di VANESSA GIANFRANCESCO If the exhilarating energy that fills the air during the Venice Carnival is not enough to entice you, I can guarantee you will be mesmerized by the scent of all the festive foods lining the streets. These recipes will recreate the food at the festival right in your own home! When I imagine a carnival, I immediately think of bright, colourful and special dishes – this lasagna is just that. Layers of pasta and creamy ricotta sauce are topped with a fabulous tomato sauce and melted cheese. It’s the perfect way to celebrate. Note: This lasagna can also be made with mini meatballs. Check out the online recipe at panoramitalia.com

Se l’esilarante energia che si respira nell’aria durante il Carnevale di Venezia non basta a coinvolgervi, sarete senz’altro rapiti dal profumo di cibo che si sparge per le strade. Con queste ricette potrete ricreare a casa l’aspetto culinario di questa festa! Quando immagino il carnevale, penso subito a piatti speciali dai colori vivaci – e queste lasagne sono proprio così. Strati di pasta e ricotta cremosa con sopra una deliziosa salsa di pomodoro e formaggio fuso. Un modo perfetto per festeggiare. Nota: Queste lasagne si possono anche fare con le polpettine. Leggi la ricetta online su panoramitalia.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 35

FOOD

35

Carnival Lasagna / Lasagne di Carnevale (Serves 4-6 porzioni)

Ingredients for tomato sauce / Ingredienti per la salsa di pomodoro • Ÿ cup of olive oil / di tazza di olio d’oliva

• 1 white onion, finely chopped / cipolla bianca tagliata finemente • 3 garlic cloves, minced / spicchi d’aglio tritati

• 1 fresh sprig of rosemary / rametto di rosmarino fresco • 1 can of crushed tomatoes (my favourite are San Marzano) / lattina di pomodori pelati a pezzi (i San Marzano sono i miei preferiti)

• 1 jar of passata or tomato puree / vasetto di passata di pomodoro • 2 cups water / tazze d’acqua

• ½ cup of parsley, chopped / tazza di prezzemolo tritato

• 6-8 hand-torn fresh basil leaves / foglie di basilico fresco spezzettate a mano • 2 cups heavy cooking cream / tazze di panna da cucina

Ingredients for the ricotta sauce / Ingredienti per la salsa di ricotta • 450g package ricotta / confezione di ricotta

• 1 cup grated Parmigiano Reggiano / tazza di Parmigiano Reggiano grattugiato • 2 eggs / uova

• Ÿ cup parsley, finely chopped / di tazza di prezzemolo finemente tritato • Salt and pepper to taste / Sale e pepe a piacimento

You will also need / Servono inoltre • 1 package ready-to-use lasagna / confezione di lasagne pronte all’uso • 2 cups shredded mozzarella / tazze di mozzarella a listarelle

Preparation for the tomato sauce In a sautĂŠ pan, warm the olive oil and add the onion and rosemary. Cook until the onions are translucent, then add the garlic and cook until golden. Add the crushed tomatoes, the passata and water. Let it simmer on low for 15-20 minutes. Add the salt and pepper to taste along with the hand-torn basil leaves. Remove the sprig of rosemary. Cool the sauce. Puree the sauce using a hand mixer or blender. Add the cream and set aside.

Preparazione della salsa di pomodoro In una padella per friggere scaldare l’olio di oliva e aggiungere la cipolla e il rosmarino. Cuocere finchÊ la cipolla sarà traslucida, aggiungere quindi l’aglio e rosolare finchÊ dorato. Unire i pomodori a pezzi, la passata e l’acqua. Far sobbollire a fuoco basso per 15-20 minuti. Aggiungere il sale e il pepe a piacimento insieme alle foglie di basilico spezzettate a mano. Togliere il rametto di rosmarino. Far raffreddare la salsa. Passare la salsa con un mixer o un frullatore. Aggiungere la panna e mettere da parte.

Preparation for the ricotta sauce In a bowl, combine the ricotta, Parmigiano Reggiano, eggs, parsley, salt and pepper. Cover and set aside in the fridge until you are ready to use it.

Preparazione della salsa di ricotta In una ciotola unire la ricotta, il Parmigiano Reggiano, le uova, il prezzemolo, il sale e il pepe. Coprire e riporre in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.

Preparation for the lasagna In a casserole dish (9 x 13 inches), spread a layer of tomato sauce. Then, add a layer of pasta followed by more tomato sauce, then a layer of ricotta sauce. Top with mozzarella cheese. Repeat the process 3-5 times depending on how deep your casserole dish is. Cover with aluminum foil and place in the oven. Bake for 35-40 minutes, or until the pasta is fully cooked. Remove from the oven and let sit for 10 minutes before cutting.

Preparazione delle lasagne In una teglia da forno (9 x 13 pollici) fare uno strato di salsa di pomodoro. Aggiungere quindi uno strato di pasta seguito da altra salsa di pomodoro e poi uno strato di salsa di ricotta. Cospargere infine di mozzarella. Ripetere questa operazione 3-5 volte in base alla profonditĂ della teglia. Coprire con carta stagnola e infornare. Cuocere in forno per 35-40 minuti, o finchĂŠ la pasta sarĂ  completamente cotta. Togliere dal forno e lasciar riposare per 10 minuti prima di tagliare.

Specializing in the installation of all types of flooring material

"()''%) %%')) %%!)#)

$!#(" &(("(() !#("&&# &&)

 '$ $' $'$!


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 36

36

FOOD

Crispy Sugar Fritters with Ricotta Sauce / Croccanti frittelle allo zucchero con salsa di ricotta (Serves 4-6 porzioni)

No carnival is complete without a little something sweet! Traditionally, these frittelle line the walkways along Venice’s streets and pastry shops. As much as I love the simple sugar-coated fritters, I added a twist by filling them with chocolate. Enjoy this modern take on Venetian fritters. Il Carnevale non è completo senza qualcosina di dolce! Queste frittelle si trovano lungo i marciapiedi che fiancheggiano le strade di Venezia e nelle pasticcerie. Per quanto io ami le semplici frittelle ricoperte di zucchero, ho aggiunto un tocco in più con una farcitura al cioccolato. Assaporate questa versione moderna delle frittelle veneziane.

Ingredients for fritters / Ingredienti per le frittelle

Ingredients for the ricotta sauce / IIngredienti per la salsa di ricotta

• 1 package of store-bought puff pastry / pacco di pasta sfoglia confezionata

• 450g package ricotta (remove from the fridge 30 minutes before using) / confezione di ricotta (togliere dal frigorifero 30 minuti prima dell’uso)

• 1 cup Nutella / tazza di Nutella

• ½ cup granulated sugar / tazza di zucchero granulato • 2 cups vegetable oil / tazze di olio vegetale

• ¾ cup powdered sugar / di tazza di zucchero a velo • ½ ½ tsp cinnamon / cucchiaino di cannella

• 2 tbsp vanilla extract / cucchiai di estratto di vaniglia

• ¼ cup sliced almonds to garnish / di tazza di mandorle a lamelle per guarnire


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 37

FOOD

37

auga New ssiss ner s Reader i M rd Win ’ Year s Choice a w s A Ru n n i n g

22

Preparation Place the ricotta cheese, powdered sugar, cinnamon and vanilla in a bowl. Using a hand mixer, whip the ingredients until smooth. Cover the bowl and place in the fridge until you need to use it. In a small Dutch oven, warm the vegetable oil to 360°F. The best way to ensure the oil is the correct temperature is to measure with a frying thermometer. Roll out the puff pastry on a floured surface to about ½ an inch thick. Then, cut out circles using a cookie cutter. Spread the Nutella in the centre and top off with another piece of dough. Pinch all the edges of the dough, making sure they are properly sealed. Place in the oil and cook until golden and then flip to cook the other side. (Do not crowd, as this will make the temperature drop) Remove from the cooking oil and place on a dish lined with paper towels. Immediately sprinkle with granulated sugar. Add dollops of ricotta cheese on a serving platter and place a fritter on each dollop. Garnish with sliced almonds.

Preparazione Unire la ricotta, lo zucchero a velo, la cannella e la vaniglia in una ciotola. Sbattere con un mixer gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio. Coprire la ciotola e riporre in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. In una piccola pentola di ghisa scaldare l’olio vegetale a 360°F. Il modo migliore per assicurarsi che l’olio abbia raggiunto la giusta temperatura è utilizzare un termometro per frittura. Stendere la pasta sfoglia su una superficie infarinata fino ad ottenere uno spessore di circa ½ pollice. Ricavare quindi dei cerchi usando uno stampino per biscotti. Spalmare la Nutella nel centro e mettere sopra un altro pezzo di impasto. Premere bene tutto intorno, assicurandosi che sia ben chiuso. Adagiare nell’olio e cuocere finché dorato, quindi capovolgere e cuocere dall’altro lato. (Evitare di mettere troppe frittelle insieme nell’olio perché questo provocherà un abbassamento della temperatura.) Toglierle dall’olio di frittura e sistemarle in un piatto foderato di carta da cucina. Cospargerle subito di zucchero granulato. Aggiungere su un vassoio una cucchiaiata di ricotta e adagiarvi la frittella. Guarnire con le mandorle a lamelle.

CELEBRATING 33 YEARS OF SERVICE TRY OUR FRESH MADE LASAGNA AND COMPARE!

3400 Ridgeway Dr. Unit#4, Mississauga Ontario (905) 275-7305 www.molinaroscatering.com


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 38

38

FASHION

Gallo

Calzedonia

SOCK IT TO ME Calze a pennello by / di ALESSIA SARA DOMANICO

Hottest trends from toe to thigh

Le maggiori tendenze dalla punta dei piedi in su

The art of sock knitting may have its origins in 17th century Great Britain, but it would be the Italian town of Castel Goffredo in Lombardy that would truly take the reins. Known as the città della calza, literally “sock city,” Castel Goffredo put itself on the map in the Roaring ’20s when women finally got to show off their gams in short flapper dresses, and men of a certain class spent their money on the finest silk, cashmere and wool blends. Today, that “sock city” has some 600 calzifici, or sock makers. When you stop and think about it, some of the greatest names in hosiery are either of Italian origin or produce their wares in Italy. Florentine Emilio Cavallini is arguably the most famous Italian name in the industry today. His iconic chunky fishnets, printed patterns and shimmery fabrics have stood the test of time; after 40 years, his eponymous brand continues to thrive. This season, we are loving his lace bodysuits and tweed leggings. Walking down any Italian high street, you’re bound to find at least one Calzedonia – the small, but functional one stop shop is formatted for all your day-to-day hosiery needs, from colourful collants, to push-up leggings and playful ankle socks. The cooler months are their prime time as they switch stock to swimwear during the summer. This season the brand has a set of versatile hosiery that can pair well with any footwear from sneakers to pumps. Their exclusive “Special Edition” consists of six tights and a selection of socks that really emphasize the craftsmanship that goes into these models. The sheer black with black polka dots is their must-have, as America’s sweetheart Julia Roberts

L’arte di fare le calze avrebbe avuto origine nel XVII secolo in Gran Bretagna, ma sarebbe stata la città italiana di Castel Goffredo in Lombardia a prenderne davvero le redini. Nota come la “città della calza”, Castel Goffredo ha fatto la sua comparsa nei ruggenti anni ’20 quando finalmente le flapper, nei loro abitini corti, poterono mettere in mostra le gambe, e gli uomini di una certa classe sociale spendevano i propri soldi in raffinate calze di seta, cashmere e misto lana. Oggi, questa ‘‘città della calza’’ conta circa 600 calzifici. Se ci si sofferma a pensarci, alcuni dei nomi più importanti nella calzetteria sono di origine italiana o appartengono a marchi che producono i propri articoli in Italia. Quello di Emilio Cavallini, fiorentino, è oggi indubbiamente il nome italiano più famoso nel settore. Le sue popolari calze a rete pesanti, i tessuti stampati e setificati resistono al passare del tempo; dopo 40 anni, il proprio eponimo marchio continua a fiorire. In questa stagione, ci piacciono tanto le sue tute in pizzo e i leggings tweed. Percorrendo qualunque importante via italiana, si è destinati a imbattersi almeno in un punto vendita Calzedonia – un negozietto piccolo e funzionale concepito per soddisfare le esigenze quotidiane, dai collant colorati ai leggings push-up, ai simpatici calzini. I mesi più freddi sono quelli d’alta stagione, dato che in estate l’inventario si sposta sui costumi da bagno. Per questo periodo, il marchio offre una serie di calze e calzini versatili che ben si prestano ad ogni tipo di scarpa, dalle sneaker alle décolleté. La loro esclusiva “Edizione Speciale” consiste in sei collant e una selezione di calze che mettono in risalto la maestria che richiedono questi modelli. Un must sono quelli neri a pois, con la “fidanzatina d’America” Julia Roberts a fare da


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 39

FASHION

39

“Some of the greatest names in hosiery are either of Italian origin or produce their wares in Italy.” “Alcuni dei nomi più importanti nella calzetteria sono di origine italiana o producono i propri articoli in Italia.”

models them in the brand’s new campaign. There is also plenty for the guys, with dandy patterned knee socks and Spiderman sneaker socks for the weekend or a night in with the PlayStation. For modern finery at an accessible postal code, head to Lyla, a high-end, ready-to-wear and lingerie boutique located in the heart of Outremont, Montreal. “Our hosiery section consists of a large selection of Wolford products, both timeless classics and indispensable basics, as well as trendy styles,” explains Stephanie Macpherson, a spokeswoman for the shop. “We also carry the eternally classic Philippe Matignon in all the essential colours and the fun and sexy Trasparenze hosiery line in a variety of styles.” While not Italian, the Austrian Wolford brand has become synonymous with luxe hosiery. With a look ahead to spring, the inspiration for its latest collection is Glam Rock with faux leather accents, variations on nets, rivets and silver accents. We particularly fancied the matte opaque Emily tights with a laser-cut quote featured along the length of the back leg in lieu of a back seam – très original!

testimonial per la nuova campagna del marchio. C’è anche un’ampia offerta per gli uomini, con i calzini lunghi dalle belle fantasie e quelli corti con Spiderman per i fine settimana o una serata davanti alla Play Station. Per abiti raffinati e moderni ad una distanza abbordabile recatevi da Lyla, boutique di intimo ed abiti confezionati d’alta qualità situata nel cuore di Outremont, a Montreal. “Il nostro reparto calze offre una grande selezione di prodotti Wolford, sia classici senza tempo e indispensabili modelli di base, che modelli di tendenza,” spiega Stephanie Macpherson, portavoce dell’azienda. “Vendiamo inoltre le intramontabili Philippe Matignon in tutti i colori e una varietà di tipi della linea di calze Trasparenze, divertente e sexy.” Anche se non italiano, il marchio austriaco Wolford è diventato sinonimo di calze di lusso. Dando uno sguardo alla primavera, la sua ultimissima collezione si ispira al Glam Rock, con dettagli in pelle ecologica, varianti delle calze a rete, rivetti e particolari in argento. Ci piacciono in modo speciale i collant opachi coprenti Emily Tights con una frase ritagliata con tecnologia laser in lunghezza sul retro, al posto di una cucitura – très original!

Calzedonia

CUSTOM HOMES • LANDSCAPING • POOLS • RENOVATIONS • COMMERCIAL • INDUSTRIAL RAM Contracting is known for providing high quality service from START to FINISH in minimal time. From the initial Floor Plan to installing the last shrub on the lawn.

905-773-0507 • www.ramcon.ca


12:09 PM Page 1 Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 40

Photography by Giulio Muratori Makeup by Monica De Las Casas Location: Camarra's Pizzeria & Restaurant

2018 T A S E T O V CAST YOUR

A C . N A I L A T I F O T S E B . W W W R U O N I S T L U S E LOOK FOR R E U S S I 8 1 0 2 Y A APRIL/M POLLS CLOSE MARCH 19, 2018

ANSWER OUR SURVEY FOR YOUR CHANCE TO WIN A 250$ AMAZON GIFT CARD

Joey Marzilli

Occupation: Civil engineering student at George Brown College Age: 18 Generation: Third Dad’s side from: San Massimo (Campobasso), Molise Mom’s side from: Gozo, Malta Raised in: Richmond Hill Speaks: English, some Italian Who do you speak Italian to? My nonna, family members and neighbours Passion: Cars, travelling, fitness Goal in life: To own my own construction company, have a family and travel the world. What’s your typical lunch? Mortadella and prosciutto panino Your best dish: My penne alla vodka Best Italian neighhourhood: Market Lane (Woodbridge) Your favourite Italian-Canadian expression: “Ciao a tutti” Main difference between first generation and second/third:

The first and second generations are more likely to maintain traditions. Who is your role model? My parents Most important family value: Respect Do you identify as ItalianCanadian or Canadian-Italian? Canadian-Italian What does Panoram Italia represent to you? It represents bringing the Italian heritage, lifestyle and traditions to the Toronto community. Best memory growing up ItalianCanadian: When my nonna taught me to make homemade pasta.

Want to take part in one of our photoshoots? Submit your profile to: www.livingitalianstyle.ca


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 41

LIVING ITALIAN STYLE

41

Felicia Augurusa

Nickname: Feli/ Fancy Fel Occupation: Founder of Mia Città Age: 23 Generation: Third Dad’s side from: Filogaso (Catanzaro), Calabria Mom’s side from: Frosinone (Frosinone), Lazio Raised in: Toronto Speaks: English, Italian and French (beginner)

Who do you speak Italian to? My grandparents Passion: My new Italian-Canadian clothing line – Mia Città. It’s a passion for my city and heritage. Goal in life: To be happy and healthy What’s your typical lunch? I could eat arancini every single day for the rest of my life. Your best dish: I have a sweet tooth and I recently learned to bake my nonna’s famous Nutella cookies. Your favourite Italian-Canadian expression: “La bella vita”

Main difference between first generation and second/third: The first generation speaks Italian more fluently. Who is your role model? My mom Most important family value: Traditions. Nothing says family like a good old annual picnic. What does Panoram Italia represent to you? It represents staying connected with my heritage and community. Best memory growing up ItalianCanadian: My nonno’s pezzelli and jam cookies; they always followed dinner.


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 42

42

TAKE A SEAT

DESIGN

Kartell Louis Ghost

Accomodatevi by / di ALESSIA SARA DOMANICO

The most desirable thrones A well-crafted chair has the power to improve our posture, take a load off after a weary day and look attractive in its chosen setting. Whether you’re looking for an aesthetic darling for a kitchen table or office, or a stylish seat to sink into, read on for some stellar choices to start with. Milan-based brand Kartell is regarded as the international heavyweight when it comes to coupling high design (through collaborations with some of the most renowned names in the art, architecture and industrial design) with comfort, thanks to their Italian artisan know-how. The Kartell catalogue boasts some all-time best hits whose classic yet modern personalities stand the décor test of time. French designer Philippe Starck is behind the brand’s most iconic, recent collections. The resounding star among these is arguably Louis Ghost, which adds a touch of elegance and irony with its evanescent and crystalline appearance. This transparent armchair is made with a single mold injected with polycarbonate. A minimalist homage to the baroque Louis XV style, the seat is available in matte, glossy, transparent and coloured polycarbonate including smoke grey, white, black, straw yellow, sunset orange, ice blue, and crystal green. It is stable, durable, shock and weather resistant and can also be stacked six high. The Masters chair, also by Starck, is the winner of multiple awards in the design world. It is a powerful tribute to three symbolic chairs that have been re-read and re-interpreted. The unmistakable silhouettes of the “Series 7” by Arne Jacobsen, the “Tulip Armchair” by Eero Saarinen and the “Eiffel Chair” by Charles Eames are fused into one. Made of metallic modified polypropylene, the Masters is light, practical and stackable and can be used outdoors as well. One of Kartell’s latest designs is the Piuma (feather) seat designed by Piero Lissoni, whose name reflects its ultra light weight. The chair is an exclusive in the world of industrial design; measuring just a few millimeters thick (2 mm max), it is the first time that a material containing carbon fiber has been injection molded. For those who just want to recline and watch hockey in style, we found the perfect chair on a recent visit to Montreal’s luxury furnisher Design

I troni più invitanti

Una sedia ben fatta ha il potere di migliorare la postura, di farci rilassare dopo una giornata impegnativa e di risaltare nel posto assegnatole. Che siate alla ricerca di un gioiello d’estetica per il tavolo della cucina o per l’ufficio, o di una sedia alla moda nella quale sprofondare, continuate a leggere per conoscere alcune opzioni stupende dalle quali cominciare. Il marchio milanese Kartell viene considerato un peso massimo a livello internazionale quando si tratta di conciliare un design d’eccellenza (attraverso la collaborazione con alcuni dei nomi più famosi nel design artistico, architettonico e industriale) con il comfort, grazie al proprio know-how artigianale italiano. Il catalogo Kartell vanta alcuni dei migliori pezzi in assoluto, le cui personalità classiche seppur moderne reggono alla prova del tempo in fatto di arredamento. Dietro alle recenti e iconiche collezioni del marchio vi è lo stilista francese Philippe Starck. La strepitosa star, tra tutte,è probabilmente la Louis Ghost, che grazie al suo aspetto evanescente e cristallino aggiunge un tocco di eleganza ed ironia. Questa poltroncina trasparente è creata con un’iniezione di policarbonato in un unico stampo. Omaggio minimalista allo stile barocco Luigi XV, la sedia è disponibile in matte, lucido, trasparente e colorato, in fumé chiaro, bianco, nero, giallo paglierino, arancione chiaro, verdeazzurro e verde trasparente. È stabile e resistente, a prova di urti ed agenti atmosferici, impilabile fino a sei pezzi. La sedia Masters, anch’essa di Starck, è vincitrice di vari riconoscimenti nel mondo del design. È un acuto omaggio a tre sedie-simbolo, rilette e reinterpretate. Le inconfondibili silhouette della “Serie 7” di Arne Jacobsen, la “Tulip Armchair” di Eero Saarinen e la “Eiffel Chair” di Charles Eames si fondono in un pezzo unico. Realizzata in polipropilene modificato di metallo, la Masters è leggera, pratica, impilabile e può anche essere utilizzata all’esterno. Uno degli ultimissimi modelli della Kartell è la sedia Piuma di Piero Lissoni, il cui nome riflette il suo peso ultraleggero. La sedia è un prodotto esclusivo nel mondo del design industriale; con uno spessore di pochissimi millimetri (massimo 2 mm), rappresenta la prima volta in cui un materiale contenente fibra di carbonio viene stampato ad iniezione. Per quelli che vogliono solamente mettersi comodi e guardare la partita di hockey con classe, abbiamo trovato la sedia ideale durante una recente visita al


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 43

DESIGN

Kartell Masters

43

American Leather Comfort Recliner®

Kartell Piuma

Louis George. Made just how you like it, the high-tech and ergonomic American Leather Comfort Recliner® is a solid one-piece armchair available in eight styles, with additional customization options on the back, base and legs. With independent back and footrest operation, you can recline without engaging the chaise-style ottoman or give your feet a lift without adjusting your back. The weight-balanced mechanism moves smoothly with you, almost effortlessly, with no need to push on the arms. When it comes to fabric, “you can choose from hundreds of color and texture options, from family-friendly microfibers to beautiful chenilles, or natural classics to nubby layered wovens,” explains Glen Asfour, sales manager at Design Louis George. Sounds like the perfect present ...to yourself!

lussuoso negozio di mobili di Montreal, Design Louis George. Creata proprio come piace a voi, la Comfort Recliner® di American Leather, ultra tecnologica ed ergonomica, è un unico pezzo robusto, disponibile in otto modelli, con ulteriore possibilità di personalizzazione dello schienale, della base e dei piedi. Avendo funzionalità indipendenti dello schienale e del poggiapiedi, è possibile reclinarla senza coinvolgere la seduta dell’ottomana o sollevare i piedi senza modificare lo schienale. Il meccanismo di peso bilanciato si muove agevolmente assieme a voi, quasi senza sforzo, e senza bisogno di far leva sui braccioli. Per quanto riguarda i tessuti, “potrete scegliere tra centinaia di colori e trame, dalla microfibra adatta alla famiglia a una bella ciniglia, dai classici naturali ai tessuti multistrato ruvidi con trama a intreccio,” spiega Glen Asfour, direttore vendite da Design Louis George. Sa proprio del regalo ideale…per se stessi!


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 44

44

SAN MARINO

Photos / @visitsanmarino

First Tower Guaita

WELCOME TO SAN MARINO Benvenuti a San Marino by / di NORA FAHMI

Small but proud Majestic fortresses, dramatic cliffs, quaint cobblestone streets, lush forests … An abundance of beauty and charm is what makes up the oldest independent republic and fifth smallest country in the world: San Marino. Spread on merely 61 square kilometers, the country’s multifaceted character attracts legions of tourists every year. Proudly independent and enviably located near the Adriatic coast, it is bordered by the regions of Emilia-Romagna and Le Marche. Roughly 20 kilometres from Rimini, many choose the lively seaside resort as a home base for visiting the pocket-sized republic. Indeed, the regular bus service that links the two makes for an easy day trip.

Piccola ma fiera

Fortezze maestose, dirupi mozzafiato, amene stradine lastricate di pietre, foreste lussureggianti…Un tripudio di bellezza e fascino è ciò che caratterizza la più antica repubblica indipendente, nonché il quinto stato più piccolo al mondo: San Marino. Con un’estensione di appena 61 chilometri quadrati, ogni anno il carattere sfaccettato del paese attira schiere di turisti. Fiero della sua indipendenza e con una posizione invidiabile vicino alla costa adriatica, confina con l’Emilia-Romagna e le Marche. A circa 20 chilometri da Rimini, sono in molti a scegliere la vivace località balneare come base per visitare questa minuscola repubblica. Di fatto, il regolare servizio di autobus che collega le due rende la gita possibile.


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 45

SAN MARINO

45

From small church to UNESCO World Heritage Site San Marino’s founder and patron is said to be the saint of the same name, a Dalmatian stone-mason who fled religious persecution and found refuge atop the steep and rugged hill of Monte Titano. The city and capital San Marino flourished around the humble church he built. In 2008, during the UNESCO Committee meeting in Québec City, it was unanimously decided to include the historic centre of San Marino and Mount Titano in the esteemed list of World Heritage Sites – a significant recognition for such a little piece of territory! With plenty of beautiful churches to visit, perhaps the most captivating is the Basilica di San Marino. Built in neoclassical style in 1836, the saint’s relics are preserved in an urn inside the church.

Da chiesetta a sito Patrimonio Mondiale dell’UNESCO Si dice che il fondatore e patrono di San Marino sia l’omonimo santo, un tagliapietre dalmata fuggito alle persecuzioni religiose e che trovò rifugio in cima all’irto ed aspro colle del Monte Titano. La città e capitale San Marino fiorì attorno all’umile chiesa da questi costruita. Nel 2008, in occasione della riunione del Comitato UNESCO a Québec, è stato deciso all’unanimità di inserire il centro storico di San Marino e il Monte Titano nella prestigiosa lista dei siti Patrimonio dell’Umanità – un notevole riconoscimento per un territorio così piccolo! Ricca di belle chiese da visitare, la più affascinante è probabilmente la Basilica di San Marino. Edificata nel 1836 in stile neoclassico, le reliquie del Santo sono custodite in un’urna al suo interno.

A leisurely passeggiata Wandering souls can enjoy a stroll along the dreamy narrow streets which make up San Marino’s old-town centre situated on top of Mount Titano. Indeed, the centre’s imposing medieval stone walls set the stage for a very picturesque walk. At 750 metres above sea level, there is no lack of breathtaking panoramic views at which to marvel. Tower aficionados: San Marino will not disappoint you. Three impressive towers proudly rise above the three peaks of Mount Titano. Easily accessible, they are linked by a trail that runs along the hill. The oldest and most known, Guaita, dates back to the 11th century. The second, Cesta, was built in the 13th century and is located on the highest peak of Monte Titano. Within the tower, a museum honouring the patron saint displays an important collection of over 1550 weapons dating from the medieval era to modern day. The third tower, Montale, looks over Monte Titano’s smallest peak. Constructed in the 14th century, it is closed to the public. Considerably less busy, the spectacular views can be admired more peacefully from here. After exploring the three fascinating towers, many like to dive into some duty-free shopping in the plethora of quirky shops that line the streets of the old-town. Purses, sunglasses, toys of all sorts and replica weaponry are among the best selling items.

Una piacevole passeggiata Le anime vaganti possono godersi una passeggiata per le meravigliose stradine strette che caratterizzano il centro storico di San Marino, situato in cima al Monte Titano. Le imponenti mura medievali in pietra fanno per l’appunto da palcoscenico a una passeggiata decisamente pittoresca. A 750 metri sopra il livello del mare, non mancano panorami mozzafiato da cui rimanere incantati. Appassionati di torri: San Marino non vi deluderà! Dalle tre rocche del Monte Titano s’innalzano con fierezza tre imponenti torri. Facilmente accessibili, sono collegate mediante un percorso che si estende lungo il colle. La più antica e famosa, Guaita, risale all’XI secolo. La seconda, Cesta, fu eretta nel XIII secolo e si trova sulla rocca più alta del Monte Titano. All’interno della torre, un museo in onore del santo patrono mette in mostra un’importante collezione con oltre 1550 armi che vanno dall’epoca medievale ai giorni d’oggi. La terza torre, Montale, si affaccia sulla rocca più piccola del Monte Titano. Edificata nel XIV secolo, è chiusa al pubblico. Essendo decisamente meno affollata, da qui si possono ammirare in tutta serenità delle vedute spettacolari. Dopo aver esplorato le tre affascinanti torri, molti amano immergersi negli acquisti esentasse nella pletora di negozi stravaganti che delineano le viuzze del centro storico.Tra i prodotti più venduti si trovano borse, occhiali da sole, giocattoli di ogni sorta e riproduzioni di armi.


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 46

46

SAN MARINO

“An abundance of beauty and charm is what makes up the oldest independent republic and fifth smallest country in the world: San Marino.” “Un tripudio di bellezza e fascino è ciò che caratterizza la più antica repubblica indipendente, nonché il quinto stato più piccolo al mondo: San Marino.”

Mount Titano

The Castelli Nine towns or castelli (castles) make up the Republic. The most important is, of course, the capital San Marino. The eight others, however, each have something to offer to the curious visitor who has a little more time. Those who wish to veer off the beaten path will most certainly opt for discovering the old market town of Borgo Maggiore at the foot of Monte Titano. With its historical centre on the list of Unesco World Heritage Sites, churches and monuments top the list of things to see. A cableway links Borgo Maggiore to San Marino’s centre.

I castelli La Repubblica consiste in nove città o castelli. La più importante è, ovviamente, la capitale San Marino. Le altre otto, tuttavia, hanno ognuna qualcosa da offrire al visitatore curioso che ha più tempo a disposizione. Quelli che desiderano evitare gli itinerari più battuti opteranno senza dubbio per la scoperta dell’antica città di mercato di Borgo Maggiore ai piedi del Monte Titano. Grazie al suo centro storico inserito tra i siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità, alle sue chiese e monumenti, primeggia nella lista delle cose da vedere. Borgo Maggiore e il centro di San Marino sono collegati da una funivia.

A place of traditions Being an independent republic, San Marino has its own (very small!) militia. The Guardia di Rocca, with their fancy red and green uniforms, are especially popular during the summer months when they perform their unique changing of the guard ceremony at the Palazzo Pubblico, the national government’s seat. The colourful ceremony is conducted every half-hour. Another noteworthy event takes place in the historic centre of San Marino in the month of July: the Giornate Medioevali (Medieval Days). On this occasion, the centre becomes a medieval village where music, artisan workshops and fun activities entertain festivalgoers. A feast of colors and flavours, it’s a perfect occasion to discover the world’s oldest republic.

Un luogo di tradizioni Essendo una repubblica indipendente, San Marino ha la sua (piccolissima!) Forza Armata. La Guardia di Rocca, con la bella uniforme rossa e verde, è popolare in particolare nei mesi estivi, in occasione dell’eccezionale cerimonia per il cambio della guardia a Palazzo Pubblico, sede del governo nazionale. L’evento, coloratissimo, si tiene ogni mezz’ora. Altra ricorrenza degna di nota che ha luogo nel centro storico di San Marino durante il mese di luglio, sono le Giornate Medioevali. In quest’occasione, il centro diventa un villaggio medievale in cui i visitatori vengono intrattenuti con musica, laboratori di artigianato ed attività divertenti. Festino di colori e sapori, è l’occasione perfetta per scoprire la repubblica più antica del mondo.

Public Palace

Basilica of Saint Marinus


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 47


Toronto FEBRUARY / MARCH 33-48 2018-02-08 9:46 AM Page 48

48

SAN MARINO

Photos / Goffredo Taddei

Museo di Stato

“The ancient Republic of San Marino is a treasure chest of history, architecture, antiquity and culture.” “L’antichissima Repubblica di San Marino è uno scrigno di storia, architettura, antichità e cultura.”

Filatelia e Numismatica

A MUSEUM LOVER’S CITY Città per gli amanti dei musei by / di CLAUDIA BUSCEMI PRESTIGIACOMO Situated on the slopes of Monte Titano, the ancient Republic of San Marino is a treasure chest of history, architecture, antiquity and culture. Whether you’re planning a long stay or a brief trip, the local cultural institutes offer interesting museums for visitors of all ages. Here are a few not to be missed.

Adagiata sulle pendici del monte Titano, l’antichissima Repubblica di San Marino è uno scrigno di storia, architettura, antichità e cultura. Che si tratti di un lungo soggiorno o di una breve gita, gli istituti culturali locali offrono ai visitatori interessanti proposte museali per ogni età. Eccone alcune da non perdere.

The State Museum First established in the second half of the 19th century inside the old Palazzo Valloni, the museum moved to Palazzo Pergami-Belluzzi in 2001. It’s a simple 17th century structure in line with the old Republican palaces, situated in Piazza del Titano in the heart of the old city. The museum was launched in 1865 thanks to a collection of archaeological finds discovered in the San Marino area as well as donations of paintings and objects from illustrious figures who, driven by their admiration for the oldest republic in the world, followed the example of Count Luigi Cibrario, consultant of the Republic and minister of the Kingdom of Italy. With 40,000 annual visitors, the museum offers a permanent exhibition as well as entertaining activities and temporary shows. The 5,000 pieces owned and safeguarded by the museum are distributed on various levels and subdivided by typology and chronology. In general, they retrace highlights of history and local culture, ranging from archeology to numismatics (coincollecting) to painting – to which the whole of the first floor is dedicated. “One of the most important parts of the museum is the original piece of the Domagnano treasure,” says Paolo Rondelli, director of the institute of museums. “The treasure, recovered halfway through the 19th century within the Republic territory, ended up on the antique market due to a lack of protection laws at the time,” he continues. “As well as in San Marino, original pieces are now found at the British Museum, the Louvre, Abu Dhabi, Nuremberg and the Metropolitan in New York.”

Il Museo di Stato Istituito originariamente nella seconda metà del XIX secolo all’interno dell’antico Palazzo Valloni, nel 2001 è stato trasferito a Palazzo Pergami-Belluzzi, sobria struttura del XVI secolo in linea con gli antichi palazzi della Repubblica, situato in Piazza del Titano, cuore del centro storico. Il museo ebbe origine nel 1865 grazie al raggruppamento di reper ti archeologici rinvenuti nel territorio di San Marino, nonché alle donazioni di dipinti ed oggetti da parte di personaggi illustri che, spinti dall’ammirazione verso la Repubblica più antica del mondo, seguirono l’esempio del conte Luigi Cibrario, consulente della Repubblica e ministro del Regno d’Italia. Ai suoi 40.000 visitatori annui, il museo offre, oltre all’esposizione permanente, attività di animazione e mostre temporanee. I 5.000 pezzi custoditi sono distribuiti su vari livelli e suddivisi per tipologia e cronologia. In generale, ripercorrono momenti salienti della storia e della cultura locale e vanno dall’archeologia alla pittura – a cui è dedicato tutto il primo piano – alla numismatica. “Di grande impor tanza la riproduzione scientifica con criteri archeologici del “tesoro di Domagnano”, di cui si custodisce anche un pezzo originale,” spiega Paolo Rondelli, direttore degli istituti museali. “Il tesoro, ritrovato a metà del XIX secolo nel territorio della Repubblica, quando non c’erano ancora leggi di protezione, finì sul mercato antiquario.” – continua – “I pezzi originali ora si trovano, oltre che a San Marino, al British Museum, al Louvre, ad Abu Dhabi, a Norimberga ed al Metropolitan di New York.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:48 AM Page 49

SAN MARINO

49

The Philatelic and Numismatic Museum The Philatelic and Numismatic Museum – currently being renovated and due to re-open in 2019 – has a particular importance considering that San Marino is highly valued by collectors from all over the world. “The new museum project will surprise visitors because of the presence of objects and works that, though not specifically coins and stamps, are related to them,” explains Rondelli. The first set of stamps dates back to 1877 and depicts the official emblem of the Republic; the plumes symbolize an independence from constraints, reflecting the history of the Republic. Through the issue of new stamps dedicated to events and important figures, the Republic conveys its own history and culture. Some examples include those dedicated to the founder of the country, Saint Marinus, or those celebrating Garibaldi’s escape when Garibaldi, his wife Anita and a small army found refuge within the region. The numismatic history of San Marino began in 1862 when the new Kingdom of Italy authorized the Republic to mint its own currency on the condition that it had the same “title and weight” as the Italian one. That rule is still respected with the Euro, even though it is not part of the European Union. The first piece dates back to 1863 and is a white-gold copper coin worth five cents.

Museo Filatelico e Numismatico Il Museo Filatelico e Numismatico, attualmente in ristrutturazione e la cui riapertura è prevista per il 2019, ha una par ticolare valenza, considerato che San Marino è particolarmente apprezzata dai collezionisti di tutto il mondo. “Il nuovo progetto museologico probabilmente sorprenderà i visitatori per la presenza di oggetti e opere che, pur non essendo specificatamente monete e francobolli, sono ad essi correlati,” spiega Rondelli. La prima serie di francobolli risale al 1877 e raffigura lo stemma ufficiale della Repubblica, con le tre “penne”, simbolo dell’indipendenza da vincoli che ben riflette la storia della Repubblica. Attraverso l’emissione di nuovi francobolli dedicati ad avvenimenti o personaggi illustri, la Repubblica trasmette la propria storia e cultura. Si pensi a quelli dedicati al fondatore del Paese, San Marino, o a quelli celebrativi dello “scampo garibaldino”, quando Garibaldi, la moglie Anita e un piccolo esercito trovarono rifugio all’interno del territorio. La storia numismatica ebbe invece inizio nel 1862, quando il neo Regno d’Italia autorizzò la Repubblica a coniare una propria moneta, con la clausola che avesse lo stesso “titolo e peso” di quella italiana. Regola tuttora rispettata con l’euro, pur non facendo parte dell’Unione europea. Il primo pezzo risale al 1863 ed è una moneta biancoazzurra di rame del valore di cinque centesimi.

The Museum of Curiosities The Museum of Curiosities, established in 1989 from a private collection, is an excellent stop for lovers of eccentricity. Situated in the historic centre, it has 100 pieces exhibited including “curious news, objects and characters gathered to amaze, stimulate, teach and entertain the public,” according to Cristina Ginesi, curator and supervisor of the museum. An example of the curiosities you may find are “a 17th century rocking bath that, thanks to its shape, creates a movement of water not dissimilar to the modern-day whirlpool,” she explains. Also present in this bizarre collection are flytraps in various shapes and models – worn in 1700 to counteract the lack of personal hygiene – and a 17th century shower, both pumping and spilling water from above and below to make a shower and bidet at the same time. In short, with traps, nose clocks and wooden baby diapers, the name of the museum is certainly accurate.

Museo delle curiosità Il Museo delle curiosità, nato nel 1989 da una collezione privata, è un’ottima tappa per gli appassionati dell’eccentrico. Situato nel centro storico, mette in mostra 100 pezzi, “oggetti, notizie e personaggi curiosi, raccolti per stupire, stimolare, insegnare e divertire il pubblico,” afferma Cristina Ginesi, curatrice e responsabile del museo. Tra le curiosità troviamo ad esempio “una vasca da bagno a dondolo del XVII secolo che, grazie alla forma particolare, creava uno spostamento d'acqua simile all' odierno idromassaggio,” continua. Fanno inoltre par te della bizzarra collezione trappole per pulci, di varie forme e modelli, indossate nel 1700 per contrastare la carenza di igiene personale ed una doccia del XVII secolo, a pompa e doppia fuoriuscita dell’acqua, dall’alto e dal basso, per fare contemporaneamente doccia e bidet. Insomma, fra trappole, orologi a naso e pannolini da bambino in legno, il nome del museo risulta decisamente azzeccato.


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:48 AM Page 50

50

SAN MARINO

Photos / shutterstock

A VISIT TO PIAZZA DELLA LIBERTÀ Visita a Piazza della Libertà by / di EVE AARON

Culinary and shopping delights The pulse of the city of San Marino is located in Piazza della Libertà. Housing the Palazzo Pubblico (the state’s parliament), Piazza della Libertà is an intersection of political, commercial and gastronomic activity with plenty of hustle and bustle. Having left Italy behind, a visitor to San Marino has fortunately not left behind Italian cuisine; an abundance of osterie, trattorie and ristoranti in and around the piazza offer a chance to taste the region’s specialties. Massimo Agospini, owner of one of the town’s most frequented restaurants, Ritrovo Dei Lavoratori, vouches for the gastronomic richness of the piazza: “While Piazza della Libertà is the heart and centre of everything, including tourism and politics, the presence of the restaurateur plays an important contribution to the character of this central area.” Agospini emphasizes the value of food as a part of the region’s identity and chooses to zero in on the peculiarities of the local cuisine, working with ingredients like white truffles, veal and even snails. He explains, “While many of the dishes blend in with those typical to Emilia-Romagna, firm traditions distinguish the flavours and subtleties of Sanmarinese cooking.” Beyond the food, Piazza della Libertà also serves up a bevy of artisanal boutiques. Shoppers in San Marino will quickly notice the distinctiveness of the shopping scene here: not only are items tax-free and thus much cheaper

Delizie culinarie e dello shopping

Il cuore della città di San Marino si trova in Piazza della Libertà. Sede del Palazzo Pubblico (palazzo del governo), Piazza della Libertà è il posto in cui le attività politiche, commerciali e gastronomiche s’intersecano in un continuo andirivieni. Una volta lasciata l’Italia alle spalle, il visitatore di San Marino per fortuna non rinuncia alla cucina italiana; le osterie, le trattorie e i ristoranti che abbondano tutt’intorno alla piazza offrono l’opportunità di assaporare le specialità della regione. Massimo Agospini, proprietario di uno dei ristoranti più frequentati della città, il Ritrovo dei Lavoratori, fa da garante per la ricchezza gastronomica della piazza: “Se Piazza della Liber tà è il cuore e il fulcro di tutto, compresi turismo e politica, la presenza dei ristoratori contribuisce non poco al carattere di questa zona centrale.” Agospini enfatizza il valore del cibo come parte dell’identità regionale e vuole concentrarsi sulle peculiarità della cucina locale, ricorrendo a ingredienti come tar tufi, vitello e persino lumache. Spiega: “Seppure molti dei piatti si combinino con quelli tipici dell’Emilia-Romagna, solide tradizioni si contraddistinguono per i sapori e le delicatezze della cucina sammarinese.” Oltre al cibo, Piazza della Libertà offre anche un gran numero di botteghe d’artigianato. I clienti noteranno immediatamente la particolarità dei negozi locali: non solo i prodotti sono esentasse, e quindi molto più economici dei prodotti italiani fortemente tassati, ma qui è pure consentita la vendita delle armi da fuoco.


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:48 AM Page 51

SAN MARINO

51

than highly-taxed Italian products, but strange differences in laws, such as those on gun control, have allowed for the liberal sale of weaponry. It is possible to purchase anything from a large gun to a medieval sword, and many of the shops here are devoted solely to this theme. However, there are plenty of tamer goods for sale such as jewelry, ceramics, fabrics and lace. The Casadei family owns and runs one of these businesses – Klepto Gioielli – which produces and sells fine jewelry closely connected, in its signature look, to the region. “We like to work with gems into which we engrave symbols of San Marino, such as the city’s three medieval towers or Monte Titano, the hill on which the city was built,” explains Michele Casadei, a second-generation partner in the business. Casadei notes that, in general, local artisans no longer totally define the piazza and its character, as so many bigger businesses have opened there, but he does add “those who have remained continue to take inspiration from their location.” Klepto is similar to neighbouring workshops in which both the production and marketing unfold in one space. This conjunction of laboratory and shop is a classical arrangement for the craftsmen of small medieval towns and gives the buyer a sense of the product’s immediacy and authenticity. Piazza della Libertà is a gathering place, a feast for the eyes and home to an eclectic collection of curiosities. It is a symbol of the city itself.

È possibile acquistare di tutto, da una pistola di grosso calibro a una spada medievale, e molti dei negozi locali si dedicano esclusivamente a questi articoli. Tuttavia, in vendita ci sono molti prodotti meno ‘‘avventurosi’’ come gioielli, ceramiche, tessuti e merletti. La famiglia Casadei possiede e gestisce una di queste attività commerciali – Klepto Gioielli – che produce e vende alta gioielleria strettamente legata, per quanto concerne lo stile, alla regione. “Ci piace lavorare con gemme sulle quali incidiamo i simboli di San Marino, come ad esempio le tre torri medievali o il Monte Titano, il colle sul quale è stata edificata la città,” spiega Michele Casadei, socio di seconda generazione dell’attività. Casadei sottolinea che, in generale, gli ar tigiani locali non definiscono più del tutto la piazza e il suo carattere, dato che sono state aperte molte grandi attività commerciali, ma aggiunge che “quelli che sono rimasti continuano a trarre ispirazione dalla loro ubicazione.” Klepto è simile alle botteghe vicine, in cui produzione e marketing si sviluppano in uno spazio unico. L’unione tra laboratorio e bottega è un’organizzazione tipica degli artigiani delle piccole città medievali e trasmette all’acquirente la sensazione dell’immediatezza ed autenticità del prodotto. Piazza della Liberta è un punto di incontro, una delizia per gli occhi e sede di un’eclettica collezione di curiosità. È simbolo stesso della città.

“Piazza della Libertà is an intersection of political, commercial and gastronomic activity with plenty of hustle and bustle.”

“Piazza della Libertà è il posto in cui le attività politiche, commerciali e gastronomiche s’intersecano in un continuo andirivieni.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:48 AM Page 52

52

SAN MARINO

“Their unwillingness to give up, combined with their everyman spirit, has endeared them to football fans around the world.”

“Con la loro riluttanza ad arrendersi unita allo spirito di gente comune che li caratterizza, si sono fatti apprezzare da tifosi di calcio di tutto il mondo.”

Forti a … perdere

Mirko Palazzi

by / di GRAEME CAREY

San Marino’s national team refuses to quit In the world of football, there is perhaps no greater underdog story than the San Marino national team, which has been described by many as the worst national side in the history of the game. Located on the Italian peninsula, San Marino is less than 24 square miles in size making it the fifth smallest country in the world. In 145 matches, their football team has only won once, beating Lichtenstein 1-0 in a friendly game in 2004. Since their first official match in 1990, Sammarinese players have scored just 23 goals while letting up 634. Still, not everyone thinks they’re worthy of the title of worst team ever. “They’re obviously among the worst teams out there, but it’s important to keep things in perspective,” says Carlo Campo, senior soccer editor at theScore.com. “San Marino is a microstate with a population of approximately 33,000 and a place where only footballers who are completely Sammarinese can represent the national team. Passports aren’t issued on sporting merit. As a result, its national team isn’t composed of professional players.” In fact, most San Marino players hold everyday jobs on the side, ranging from youth soccer coach, to furniture shop employee, to hospital office worker. Current defender Fabio Vitaioli is a full-time bar owner when he isn’t on the pitch. “The charm of San Marino’s national team is that the squad comprises working-class footballers,” says Campo. “It’s not uncommon to see an accountant on the pitch, or a shop worker, student, factory worker, lawyer or office clerk.” That’s not to say that San Marino hasn’t had talented players, like Mirko Palazzi, who played for Rimini from 2010-13, or Massimo Bonini, who appeared in nearly 300 matches for Juventus and was named the greatest

La squadra nazionale di San Marino non molla mai Protagonista di quella che è forse la più grande storia di perdenti nel mondo calcistico, la squadra nazionale di San Marino è stata descritta da molti come la peggiore squadra nazionale nella storia di questo sport. Situato nella penisola italiana, San Marino, che si estende per meno di 24 miglia quadrate, è il quinto paese più piccolo al mondo. In 145 partite, la sua squadra di calcio ha vinto soltanto una volta 1-0 contro il Lichtenstein, in una partita amichevole nel 2004. Dalla loro prima partita ufficiale nel 1990, i giocatori sammarinesi hanno segnato solo 23 goal a fronte dei 634 subiti. Tuttavia, c’è ancora qualcuno che non li ritiene degni del titolo di peggior squadra in assoluto. “Sono ovviamente una tra le peggiori squadre ma è impor tante considerare le cose dalla giusta prospettiva,” dice Carlo Campo, senior editor della sezione calcio al theScore.com. “San Marino è un microstato di circa 33,000 abitanti e un luogo dove solo calciatori totalmente sammarinesi possono rappresentare la squadra nazionale.” Difatti, la maggior parte dei giocatori del San Marino fa anche altri lavori, che vanno dall’allenatore di squadre giovanili al commesso in un mobilificio all’impiegato in ospedale. L’attuale difensore Fabio Vitaioli è proprietario a tempo pieno di un bar quando non è in campo. “Il fascino della squadra nazionale di San Marino consiste nell’essere formata da calciatori della classe lavoratrice,” dice Campo. “Non è raro vedere sul terreno di gioco un commercialista o un commesso, uno studente, un operaio, un avvocato o un impiegato.” Ciò non toglie che San Marino abbia giocatori di talento, come Mirko Palazzi, che ha giocato al Rimini dal 2010 al 2013, o Massimo Bonini, presente in quasi 300 partite alla Juventus e nominato miglior giocatore nella storia di San Marino dalla Federazione Sammarinese Giuoco Calcio nel 2006. Ma il cal-

Photos / FSGC

SOCCER UNDERDOGS


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:48 AM Page 53

SAN MARINO

53

player in San Marino history by the Sammarinese Football Association in 2006. But by far the most accomplished player is Andy Selva, who is responsible for more than a third of the team’s total goals. “Selva is something of a hero in San Marino,” says Campo. “He’s the team’s all-time top scorer with eight goals, one of which came in the team’s only victory. There’s also David Gualtieri, who scored what was – at the time – the fastest ever goal in a World Cup qualifying, drawing blood just eight seconds into a game against England.” But these bright spots have been few and far between for the Sammarinese who, until 2014, were tied for dead last in FIFA World Rankings for several years in a row. (They’ve since clawed their way up to 204 out of 206, narrowly edging out countries like Anguilla and Tonga). In 2006, they set the record for worst defeat in European Championship qualifying play by losing 13-0 to Germany. Despite their disadvantages, San Marino continues to field a team year in and year out knowing full well they’ll probably lose. Their unwillingness to give up, combined with their everyman spirit, has endeared them to football fans around the world. But not everyone loves an underdog story. Some have argued that San Marino has no business being on the same pitch as top national teams. In 2016, after an 8-0 blowout in a World Cup qualifier, members of Germany voiced their frustration at having to play against San Marino, with Bayern Munich club executive Karl-Heinz Rummenigge going so far as to say, “San Marino has got nothing to do with professional football.” “San Marino’s reputation is mixed,” says Campo. “Some question whether they should be allowed to compete in qualifying campaigns alongside Europe’s best, while others believe they have the same right as anyone else to play at the highest level. It depends who you ask. My opinion is that they should be there as long as there’s a desire to improve.” Whether you think they’re an inspirational underdog story or the laughing stock of the football world, San Marino shows no signs of quitting. Their last match was in October 2017, a 5-0 loss to Czech Republic in World Cup qualifying.

ciatore di gran lunga più affermato è Andy Selva, autore di più di un terzo dei goal totalizzati dalla squadra. “Selva è come un eroe a San Marino,” racconta Campo. “È da sempre il capocannoniere, con otto reti realizzate, di cui una segnata durante l’unica vittoria del team. C’è poi David Gualtieri, che realizzò quello che era all’epoca il goal più veloce in assoluto durante le qualificazioni al Mondiale, segnando a soli otto secondi dall’inizio della partita contro l’Inghilterra.” Ma queste note positive sono state sporadiche per i sammarinesi che fino al 2014 si sono piazzati ultimi nella Classifica Mondiale della FIFA per parecchi anni consecutivi.” (Da allora hanno a fatica risalito la classifica per raggiungere la posizione di 204 su 206, sconfiggendo per un pelo paesi come Anguilla e Tonga). Nel 2006 hanno stabilito il record di peggiore sconfitta nelle qualificazioni al Campionato europeo, perdendo 13-0 con la Germania. Nonostante gli svantaggi, San Marino continua, anno dopo anno, a schierare in campo la propria squadra, ben consapevole che probabilmente perderà. Con la loro riluttanza ad arrendersi unita allo spirito di gente comune che li caratterizza, si sono fatti apprezzare da tifosi di calcio ovunque nel mondo. Ma non tutti amano le storie di perdenti. Alcuni sostengono che San Marino non sia all’altezza di giocare con squadre nazionali di alto livello. Nel 2016, dopo una partita di qualificazione al Mondiale vinta a mani basse dai tedeschi con il risultato di 8-0, membri della Germania hanno espresso la loro frustrazione per aver dovuto giocare contro San Marino, con il dirigente del Bayern Monaco KarlHeinz Rummenigge che è persino arrivato a dire: “San Marino non c’entra niente con il calcio professionistico. “Le opinioni sulla reputazione di San Marino sono contrastanti,” riferisce Campo. “Alcuni mettono in discussione il fatto stesso che gli venga concesso di competere nelle campagne di qualificazione a fianco delle migliori squadre europee, altri credono che abbiano lo stesso diritto di chiunque altro di giocare ai più alti livelli. Dipende a chi lo si chiede. A mio avviso, è giusto che vi partecipino purché ci sia il desiderio di migliorare.” Che la si consideri una storia di perdenti da cui trarre ispirazione o lo zimbello del mondo calcistico, il San Marino non molla. La loro ultima partita è stata nell’ottobre 2017 e hanno perso 5-0 con la Repubblica Ceca nelle qualificazioni al Mondiale.


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 54

54

ARTS & CULTURE

Taraxacum

Arco led

P.G. Castiglioni with Taccia Ugo Mulas

A CENTURY OF CASTIGLIONI Un secolo di Castiglioni by / di MARK CURTIS This year marks the centenary of the birth of Achille Castiglioni, one of Italy’s most acclaimed and influential product designers of the 20th century. Many of his works remain in production, and are included in the permanent design collections of museums in North America and Europe. Working with his older brother and later as a solo designer, Achille Castiglioni created modern design icons in furniture and accessories, but particularly in lighting. He and his brother Pier Giacomo collaborated in the 1950s and ’60s on lamp designs such as Arco, Taccia, and Snoopy for the Milan-based lighting company Flos. The designs are some of the most familiar in the modern Italian design canon. When Castiglioni died in late 2002 at the age of 84, design curator Paola Antonelli (who had curated a retrospective of Castiglioni’s work at New York's Museum of Modern Art in the late 1990s) told The New York Times: “When design is recognized, universally, as the cultural force that it is in Italy, (Castiglioni) will be considered amazing.” Generally following the modernist approaches of form-follows-function and less-is-more, Achille Castiglioni and brother Pier Giacomo created some timeless classics. Perhaps most famous in their portfolio is the Arco floor lamp. Said to be inspired by an ordinary city street light, Arco is anchored to the floor by a heavy white Carrara marble base (a nod to Italy’s craftsmanship tradition) and its elongated stainless steel stem means it functions more like a ceiling lamp than a floor lamp. Arco is still produced today by Flos, and it’s one of 11 Castiglioni designs in the permanent collection of the Montreal Museum of Fine Arts. “Achille Castiglioni is a major figure of modern Italian design,” says Diane Charbonneau, the Montreal museum’s curator of modern and contemporary decorative arts. “His curiosity and continued research led him to reflect on the functional and emotional aspects of an object while questioning its typology. In short, this designer’s objects are always surprising and playful, while they represent state-of-the-art industrial design.”

Quest’anno ricorre il centenario della nascita di Achille Castiglioni, uno dei progettisti più acclamati e influenti dell’Italia del XX secolo. Molti dei suoi lavori sono ancora in produzione ed altrettanti fanno parte delle collezioni permanenti dei musei del Nord America e dell’Europa. Lavorando dapprima con i suoi fratelli maggiori e dopo come progettista in solitaria, Achille Castiglioni ha creato icone di design moderno nel settore dei mobili e dei complementi d’arredo, ma in particolare nel campo dell’illuminazione. Lui e suo fratello collaborarono negli anni ’50 e ’60 alla progettazione di lampade quali Arco, Taccia e Snoopy per la compagnia di illuminazione milanese Flos. I modelli sono tra i più noti nel canone del design moderno italiano. Quando Castiglioni morì alla fine del 2002 all’età di 84 anni, la curatrice di design Paola Antonelli (che alla fine degli anni ’90 aveva curato una retrospettiva sull’opera di Castiglioni al Museo di Arte Moderna di New York), disse al The New York Times: “Quando il design verrà universalmente riconosciuto quale forza culturale dell’Italia, (Castiglioni) verrà considerato fenomenale.” Seguendo in linea generale gli approcci modernisti del “la forma segue la funzione” e del “meno è meglio”, Achille Castiglioni e il fratello Pier Giacomo crearono dei classici eterni, tra cui la lampada da pavimento Arco, probabilmente la più famosa del loro repertorio. Ispirata, a quanto si narra, dal classico lampione per l’illuminazione stradale, Arco rimane ancorata al pavimento grazie a una pesante base in marmo bianco di Carrara (allusione alla tradizione artigianale italiana), ed il suo lungo braccio in acciaio inossidabile ne avvicina la funzione più a quella di una lampada a soffitto che a una da pavimento. Arco viene prodotta ancora oggi da Flos, ed è uno degli 11 design di Castiglioni che appartengono alla collezione permanente del Museo delle Belle Arti di Montreal. “Achille Castiglioni è uno dei maggiori esponenti del design moderno italiano,” dice Diane Charbonneau, curatrice delle arti decorative moderne e contemporanee del museo di Montreal. “La sua curiosità e continua ricerca lo portarono a riflettere sugli aspetti funzionali ed emotivi di un oggetto, mettendone in discussione la sua tipologia. In breve, questi pezzi di design sono sempre sorprendenti e giocosi, pur costituendo un progetto industriale all’avanguardia.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 55

ARTS & CULTURE

55

The 1962 Taccia table lamp by the Castiglioni brothers features a Doric column-like base. This decorative aspect resulted from a functional consideration, as is typical with the brothers’ work. Achille Castiglioni explained the thinking behind the eye-catching aluminum Taccia base in a 1986 lecture in Florence: “At the base of this object the heat is so great, so if you enlarge the surface, you cool it, like the fins on a small motor.” Two years ago, Flos introduced a new Taccia with a plastic (PMMA, or poly methyl methacrylate) reflector. The Castiglioni brothers had originally designed the lamp in the 1950s with a plastic reflector, but had to switch to glass when existing plastics couldn’t withstand the heat from the light source. The classic Castiglioni table lamp design now houses an LED light. When Pier Giacomo Castiglioni died suddenly in 1968, Achille began a solo practice that lasted decades. He designed more lights for Flos, such as the spectacular Taraxacum 88, andhe taught design in Turin at the Politecnico di Milano, where he had earned his architecture degree in 1944. Since his passing, Achille’s studio in Piazza Castello in Milan has been converted into a museum, maintained by his family with corporate support. Toronto industrial designer Davide Tonizzo has visited. “This is an experience I would recommend to every designer,” Tonizzo told Panoram Italia recently. “It is a sort of pilgrimage not only to honour the great designer, but to have a unique peek inside his unique mind. What I find most incredible about the master’s work is his attention to detail and how this capacity can turn even the smallest, most mundane object into a work of art that bettered the everyday life of the people who used it.” Milan-based Alberto Meda, a legendary designer in his own right for his furniture and lighting designs, worked with Achille Castiglioni in the 1970s. Meda recalled inviting Castiglioni to give a lecture at Milan’s Domus Academy design school in 1983. Castiglioni arrived with a “suitcase full of anonymous items” to explain how good, and even great design didn’t need to be flashy. “Achille was a very nice person,” says Meda. “He illuminated many environments with his lamps and also many thoughts of future generations of designers!”

La lampada da tavolo Taccia (1962) dei fratelli Castiglioni presenta una base simile ad una colonna dorica, il cui aspetto decorativo deriva da una considerazione di tipo funzionale, tipica dei progetti dei fratelli. In una conferenza tenutasi a Firenze nel 1986, Achille Castiglioni spiegò il concetto che stava dietro all’appariscente base in alluminio della lampada Taccia: “Alla base di quell'oggetto si forma un riscaldamento talmente forte, che aumentarne il volume di superficie vuol dire raffreddarlo, come le alette di un motorino.” Due anni fa, Flos ha presentato la nuova Taccia con un riflettore in plastica (PMMA, o polimetilmetacrilato). Negli anni ’50 i fratelli Castiglioni avevano originariamente progettato la lampada con un riflettore di plastica, ma dovettero passare al vetro poiché le plastiche esistenti non resistevano al calore generato dalla sorgente luminosa. La classica lampada da tavolo Castiglioni contiene oggi una luce LED. Pier Giacomo Castiglioni morì improvvisamente nel 1968 e suo fratello Achille cominciò una progettazione individuale durata decenni. Progettò altre lampade per Flos, come ad esempio la spettacolare Taraxacum 88. Divenne un docente, insegnando design a Torino ed al Politecnico di Milano, dove aveva conseguito la laurea in Architettura nel 1944. Dalla sua morte, lo studio di Achille in Piazza Castello a Milano è diventato un museo mantenuto dalla famiglia con fondi aziendali. Il progettista industriale di Toronto Davide Tonizzo lo ha visitato.“È un’esperienza che raccomanderei a ogni progettista,” ha detto Tonizzo di recente a Panoram Italia. “È una sorta di pellegrinaggio non solo per onorare il grande progettista, ma anche per dare una singolare sbirciata all’interno della sua mente unica. Ciò che trovo davvero incredibile nell’opera del maestro è la sua attenzione al dettaglio e come questa sua capacità potesse trasformare finanche il più piccolo e comune degli oggetti in un’opera d’arte, in grado di migliorare la vita quotidiana delle persone che lo usavano.” Alberto Meda, residente a Milano, egli stesso progettista leggendario nel campo dell’arredamento e degli impianti d’illuminazione, ha lavorato con Achille Castiglioni negli anni ’70. Meda ricorda quando nel 1983 invitò Castiglioni per parlare a una conferenza alla scuola di design Domus Academy di Milano. Castiglioni arrivò con una “valigia di oggetti anonimi” per spiegare come una buona o eccellente progettazione non avesse bisogno di essere pacchiana. “Achille era una persona molto cordiale,” dice Meda. “Ha illuminato molti ambienti con le sue lampade e molte menti delle generazioni future di progettisti!”

The perfect urban destination to shop Italian style!

torontocorsoitalia.com On St Clair between Westmount and Lansdowne


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 56

56

ARTS & CULTURE

Photo / John Hanley

REPORTER MARK CARCASOLE by / di DANILA DI CROCE

Getting to the heart of the story

Dritto al cuore delle storie

“I always remember the scent of coffee, tomato and toast – that was their breakfast,” says Global Television news reporter Mark Carcasole, fondly recalling days spent with his paternal grandparents. He credits them with shaping him into the person he is today. The 34-year-old was born in Brampton, but also spent his early years in Toronto with his nonni. Up until the age of nine, he was dropped off at his grandparents’ home in Toronto’s St. Clair and Dufferin area when his parents went to work. His nonna Antonia spoiled him with home-cooked meals while his nonno Anacleto took him on social excursions throughout the Little Italy neigbourhood. “I would walk with my nonno to and from school and hang out with him on PD days,” says Carcasole. “During those times we would have nice chats. We would go to Earlscourt Park, chat with his friends and stop at all the cafes on St. Clair where he would buy me pastries.” Carcasole’s mother was born in Raguzza, Sicily and immigrated to Canada at the age of two while his father was born in Canada, with origins from Pisterzo, Lazio. Since both his parents were raised in Canada, Carcasole says his paternal grandparents provided a cultural link to his Italian roots. They were also a focal point of family values and traditions. “Family gatherings were always centred at my [paternal] grandparents’ home,” he says. “We got together at their home every Friday night. I’m an only child, so my cousins were like my siblings.” While Carcasole’s grandparents were traditional in their way of life, they were forward-thinking when it came to his career choice. Carcasole began his career as a reporter at News talk 1010, which made his grandfather very proud. “He thought it was the coolest thing. He would always introduce me by saying, ‘This is my grandson; he’s on the radio.’” Carcasole’s parents also encouraged his career decisions and helped to instil his strong work ethic. “My father was an electrician and my mother worked in banking. My parents were committed to their jobs and worked their way up. This work ethic helped me realize that to do something you love, you need to put in the time and effort.”

“Ricordo sempre il profumo di caffè, pomodori e pane tostato – era la loro colazione,” dice Mark Carcasole, inviato speciale di Global Television, ricordando con affetto i giorni trascorsi con i suoi nonni paterni. Attribuisce a loro il merito di averlo reso la persona che è oggi. Il 34enne è nato a Brampton ma ha trascorso i suoi primi anni a Toronto. Fino all’età di nove anni passava le giornate a casa dei nonni, nella zona di St. Clair e Dufferin, quando i suoi genitori andavano al lavoro. La nonna Antonia lo viziava con pasti preparati in casa mentre suo nonno Anacleto lo portava a fare escursioni in città nel quartiere di Little Italy. “Andavo e rientravo da scuola a piedi con mio nonno. Stavo con lui anche durante i PD days,” dice Carcasole. “In quelle occasioni facevamo delle belle chiacchierate. Andavamo al Parco Earlscourt, parlavamo un po' con i suoi amici e ci fermavamo in tutti i caffè su St. Clair, dove il nonno mi comprava dei pasticcini.” La madre di Mark è nata a Ragusa, in Sicilia, ed è immigrata in Canada all’età di due anni, mentre il padre è nato in Canada, da una famiglia originaria di Pisterzo, nel Lazio. Essendo entrambi i suoi genitori cresciuti in Canada, Carcasole dice che sono stati i suoi nonni paterni a offrirgli un legame con le sue radici italiane. I nonni rappresentavano anche il fulcro dei valori e delle tradizioni di famiglia. “La loro casa era sempre il centro delle riunioni di famiglia,” dice. “Ci riunivamo lì ogni venerdì sera. Sono figlio unico, quindi i miei cugini erano per me come fratelli e sorelle.” Se i nonni di Mark conducevano uno stile di vita tradizionale, si sono mostrati di larghe vedute riguardo alla scelta della sua carriera. Carcasole ha iniziato la sua carriera di inviato a News talk 1010, il che ha reso suo nonno molto fiero. “La riteneva una cosa straordinaria. Ogni volta che mi presentava a qualcuno diceva: Questo è mio nipote; è alla radio.” Anche i genitori lo hanno sostenuto nelle sue decisioni relative alla carriera e lo hanno aiutato, instillando in lui una forte etica del lavoro. “Mio padre era elettricista e mia madre lavorava nel settore bancario. I miei genitori si sono dedicati al loro impiego e hanno fatto strada. Questa etica del lavoro mi ha aiutato a rendermi conto che per fare qualcosa che si ama è necessario dedicare tempo ed applicarsi.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 57

ARTS & CULTURE

57

Carcasole indeed put in his time and effort, beginning with his studies at Humber College for radio. “I wasn’t really sure what I wanted to do at first. I always had an interest in music and technology. When I saw the program for radio broadcast, I decided to go for it and the rest is history.” Working in radio suited Carcasole well. He says that as an only child, he was used to the “one-man army” nature of the job. He was also intrigued by the challenge of the medium: “With radio you have to paint a picture in about 35 seconds.” Nonetheless, when the opportunity came to move to Global Television in 2012, Carcasole welcomed it. “I’ve always been the kind of person that goes with the flow,” he says. It’s no surprise then that Carcasole easily adapted and enjoys the world of television. When asked about one of his favourite aspects of the job, he responds: “Human interest stories are always interesting. I love delving deep into a story; to be able to do justice to a person’s story is a passion of mine.” Carcasole also jokes that he’s akin to a “human Swiss army knife,” because as a general assignment reporter he “can be thrown into any situation and be able to get the job done.” While work keeps Carcasole busy these days, the impact of his childhood remains strong and even filters into present day at times. “To this day, I still get nostalgic when visiting the St. Clair and Dufferin area or if I have some pastries. Anyone who is with me when I’m visiting that area, say a cameraman for example, will definitely get a story or two of my memories there with my grandfather.”

E Carcasole ha certamente dedicato tempo e si è impegnato a partire dai suoi studi nell’ambito radiofonico presso l' Humber College. “Non sapevo esattamente che cosa volevo fare all’inizio. Mi ero sempre interessato alla musica e tecnologia. Quando ho trovato il corso di conduzione radiofonica ho deciso di frequentarlo, e il resto è storia.” Lavorare in radio ha fatto perfettamente al caso suo. Mark dice che essendo figlio unico era abituato alla natura “individuale” del lavoro. Inoltre, lo intrigava la sfida propria di questo mezzo di comunicazione: “In radio devi riuscire a dare un quadro della situazione in circa 35 secondi.” Ciononostante, quando si è presentata l’opportunità di passare a Global Television nel 2012, Carcasole l’ha colta. “Sono sempre stato propenso ad abbracciare di buon grado ciò che mi si presenta,” sostiene. Non sorprende quindi che si sia adattato facilmente e che ora si trovi bene nel mondo della televisione. Quando gli viene chiesto quale sia uno degli aspetti preferiti del suo lavoro risponde: “Il risvolto umano delle storie è sempre interessante. Amo scavare in profondità; riuscire a rendere giustizia alla storia di qualcuno è una mia passione.” Inoltre Carcasole scherza affermando di essere simile ad un “coltellino svizzero umano,” perché in qualità di inviato per incarichi generali “qualsiasi compito mi venga assegnato, sono in grado di portare a termine il lavoro.” Se al momento la sua occupazione lo tiene impegnato, l’impatto della sua infanzia rimane forte ed emerge talvolta nella sua vita attuale. “Ancora oggi provo nostalgia quando visito la zona di St. Clair e Dufferin o se mangio dei pasticcini. Quando mi capita di passare per quel quartiere, a chiunque sia con me, un cameraman ad esempio, racconto di sicuro una o anche due storie dei miei ricordi legati a quel posto e a mio nonno.”

“I love delving deep into a story; to be able to do justice to a person’s story is a passion of mine.”

“Amo scavare in profondità nelle storie; riuscire a rendere giustizia alla storia di qualcuno è una mia passione.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 58

58

SPORTS

PASSION FOR THE GAME La passione per il calcio by / di GRAEME CAREY

Toronto’s Serie A fan club scene Toronto soccer fans are among the most passionate in the world, but perhaps none are more so than the members of the city’s Serie A fan clubs. Vito Caressa says he founded the A.S. Roma fan club Magica Roma in 2004 simply “to get together with Roma fans and watch games.” But he says that the club, which has over 170 members, has quickly grown into a large community. The sentiment is echoed at the Juventus Official Fan Club of Toronto, founded in 2002 and now boasts 100 members. “Being an official club means that we are recognized as a member of a large family of Juventus supporters,” explains club vice-president Joe Martelli. “And we are united by the love of our team and our passion for the game.” Then there are smaller clubs like S.S. Lazio Toronto, but coordinator Michael Di Mascio says what they lack in numbers they more than make up for in dedication. “Lazio and its fans are like the Marines – few but proud. Or as they say in Rome – ‘pochi ma buoni’. There’s no room if you’re a parttime fan.” To show support for their teams, Serie A fan clubs meet regularly to watch televised games. Sometimes, rival clubs will even watch together. “We’ve been known to invite supporters of opposition to watch at our headquarters to show that we can all be united by the game,” Di Mascio says. But nothing beats the real thing, so clubs often travel to see their teams in person. “This summer we went to the U.S. to watch our Vecchia Signora play during the Juventus Summer Tour,” Martelli says. One of Caressa’s fondest memories with Magica Roma was seeing his team play against Toronto FC. “We got over 500 tickets,” he says. “We gave Francesco Totti and Roma president James Pallotta a crystal soccer ball each to remember their stay in Toronto.” Being part of a fan club is about so much more than just football, according to Di Mascio. “We’ve also done some really good social work,” he says, like organizing a pasta fundraiser for the victims of the 2016 Central Italy earthquakes. “We had strangers off the street who came in and watched the Lazio-Juventus match and made donations. By the end of the weekend we were able to send $1,000 directly to Rome through the l’Associazione Nazionale Bersaglieri.” Likewise, Martelli says his club is about fostering a sense of community. “We want our members to know that they aren’t just fans of a commonly loved team, but that they’re members of a community,” he says. “And our community transcends the boundaries of sports.”

Alla scoperta dei fan club di Serie A di Toronto

I tifosi di calcio di Toronto sono tra i più appassionati al mondo, ma probabilmente nessuno batte i membri dei fan club di Serie A della città. Vito Caressa dice di aver fondato l’A.S. Roma fan club Magica Roma nel 2004 semplicemente “per incontrarsi con i fans della Roma e guardare le partite.” Ma spiega che il club, che conta più di 170 membri, si è ingrandito rapidamente per diventare una grande comunità. Lo stesso sentimento caratterizza lo Juventus Official Fan Club di Toronto, fondato nel 2002 e che vanta ora 100 membri. “Il fatto di essere un club ufficiale significa che siamo riconosciuti come membri di una grande famiglia di sostenitori della Juventus,” afferma il vice presidente Joe Martelli. “E siamo uniti dall’amore per la nostra squadra e dalla nostra passione per questo sport.” Ci sono poi club più piccoli come il S.S. Lazio Toronto, ma il coordinatore Michael Di Mascio sostiene che ciò che gli manca in cifre è più che compensato dalla loro dedizione. “La Lazio e i suoi tifosi sono come i Marines – pochi ma fieri. O come dicono a Roma – ‘pochi ma buoni’. Non c’è posto per i tifosi a tempo parziale.” Per sostenere le loro squadre, i fan club di Serie A si incontrano regolarmente per vedere le partite alla televisione. A volte, persino club rivali le guardano insieme. “Siamo noti per aver invitato tifosi di squadre avversarie alla nostra sede centrale per mostrare che tutti possiamo essere uniti nello sport,” dice DiMascio. Ma niente batte le partite dal vero, perciò i club viaggiano spesso per seguire le loro squadre di persona. “Quest’estate siamo andati negli Stati Uniti per vedere la nostra Vecchia Signora giocare durante lo Juventus Summer Tour,” ricorda Martelli. Uno dei momenti più belli di Caressa con la Magica Roma è quando ha visto la sua squadra giocare contro il Toronto FC.“Abbiamo comprato più di 500 biglietti,” precisa.“Abbiamo regalato a Francesco Totti e al presidente della Roma James Pallotta un pallone da calcio di cristallo ciascuno, come ricordo del loro soggiorno a Toronto.” Secondo Di Mascio, fare parte di un fan club significa molto di più che soltanto calcio. “Abbiamo anche contribuito a livello sociale,” spiega: infatti, hanno organizzato cene a base di pasta per la raccolta di fondi in favore delle vittime del terremoto nel centro Italia nel 2016. “Sconosciuti che si trovavano a passare di lì sono entrati per guardare la partita Lazio-Juventus e hanno fatto donazioni. Per la fine del weekend siamo riusciti a mandare $1000 direttamente a Roma attraverso l’Associazione Nazionale Bersaglieri.” Allo stesso modo, Martelli dice che il suo club ha al centro il “promuovere un senso di comunità.” “Vogliamo che i nostri membri sappiano che non sono soltanto tifosi di una squadra amata, bensì membri di una comunità,” sostiene. “E la nostra comunità trascende i confini dello sport.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 59

SPORTS

59

Photo / courtesy of Joe Martelli

Each year, fan clubs host picnics, Christmas parties, dinners, fundraisers and other events all in an effort to promote what Martelli calls “the spirit of community and belonging.” Echoing his Juventus counterpart, Di Mascio believes “the passion of football is meant to be enjoyed in a social and communal sense.” As Martelli can attest, being a part of a Serie A fan club allows members an opportunity to reconnect with their Italian roots. “Whenever we have our events, we always promote our uniqueness as Canadians and Italians,” he says, adding that Juventus Official Fan Club of Toronto even has its own bilingual publication called ZEB. “It’s a wonderful feeling.” Born in Fossacesia, Abruzzo, Martelli moved to Canada 10 years ago. Since then, he’s helped organize trips to his home country where club members had the chance to tour the Juventus Museum. “We went to Italy to see the games and live the magic of the Allianz Stadium in Torino,” he says. “And to taste the great Italian food.” Although fan clubs are about a sense of community and ethnicity, at the heart of it all is football. Like Italian, football is a common language. Martelli calls it “the vessel” through which Serie A fans come together and connect. “It’s something you’re born into,” Di Mascio says. “If you are a Lazio fan [or a Juventus or A.S. Roma fan] it’s through childhood and heritage. Di padre in figlio.”

Ogni anno, i fan club organizzano picnic, feste di Natale, cene, raccolte di fondi e altri eventi allo scopo di promuovere quello che Martelli chiama “spirito di comunità e di appartenenza.” Ribadendo i principi della sua controparte juventina, Di Mascio crede che “la passione per il calcio vada condivisa in un contesto sociale e comunitario.” Come Martelli può attestare, far parte di un fan club di Serie A dà ai suoi membri l’opportunità di riconnettersi alle loro radici italiane. “Durante i nostri eventi promuoviamo sempre la nostra unicità di canadesi e italiani,” dice, aggiungendo che lo Juventus Official Fan Club di Toronto ha persino la propria pubblicazione bilingue chiamata ZEB. “È una sensazione straordinaria.” Nato a Fossacesia in Abruzzo, Martelli si è trasferito in Canada 10 anni fa. Da allora aiuta ad organizzare viaggi nel suo paese nativo, dove ai membri del club viene data la possibilità di visitare il Museo della Juventus. “Siamo andati in Italia per vedere le partite e vivere la magia dell’Allianz Stadium a Torino,” racconta. “E per gustare il delizioso cibo italiano.” Sebbene i fan club diano importanza al senso di comunità e etnicità, alla base di tutto c’è il calcio. Come l’italiano, il calcio è una lingua comune. Martelli lo chiama “il vascello” mediante cui i tifosi di Serie A vengono in contatto e instaurano legami. “È qualcosa in cui si nasce,” afferma Di Mascio. “Se sei un tifoso della Lazio [o un tifoso della Juventus o dell’A.S. Roma] è a partire dall’infanzia e in ragione della tua eredità culturale. Di padre in figlio.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 60

60

EVENTS

PANORAM ITALIA CHRISTMAS PARTY Events by Romina Monaco

Panoram Italia held its annual Christmas party in Toronto on December 4 at Ristorante Boccaccio. Staff and guests enjoyed holiday cheer and saluted the ongoing success of the magazine.

2

3

4

5

6

7

8

9

10

DRESS • CASUAL • JEANSWEAR SHOES MADE TO MEASURE 7600 Weston Road, Woodbridge 905.851.6500 PERLUI.CA

1. Susana Petti from IC Savings with Con Di Nino 2. Angelo Torchia and Rita Simonetta, Managing Editor of Panoram Italia 3. Anthony, Tony and Adam Zara 4. Ernesto Cascone from Arrow 2000 with daughter-in-law Mary (on left) and wife Diana 5. Mr and Mrs. Joe Volpentesta with Mr and Mrs. Sal Grillo 6. Panoram Italia account executive Fred Lamberti with Melina Zeppieri and Joe Pimpanella from Santa Lucia Foods 7. Gino Romualdi from LGR Tiles and Nick Mastrogiovanni from Classic Tile 8. Jacqueline Blake and Milena Zekic from Sofina Foods 9. Romina and Tony Monaco 10. Frank Romeo of Pineview Hyundai and Pal Di Iulio, Associate Editor of Panoram Italia

Photos / Valeria Mitsubata Photography

1


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 61

EVENTS

61

ANNOUNCEMENT Sergio Benetti has moved to 329 Spadina Avenue (upstairs) two blocks south of College, on the East side.

UNICO PRIMO PENTOLA D’ORO AWARDS The Italian Chamber of Commerce of Ontario (ICCO) recognized the finest in the food and beverage industry at its Unico Primo Pentola D’Oro awards ceremony held November 17 in Vaughan. Honoured for their outstanding contributions were Pietro Nenci, vice president of Costco Wholesale Canada Ltd., receiving the Italy-Canada Award and Vince Scornaienchi, executive vice president of Fortinos LTD. & Fresh Food Development, earning the Jan K. Overweel Ltd. Pentola D’Oro Award. Noce Restaurant received the Favourite Hotspot Award while the LCBO Best Performing Italian Supplier was presented to Folonari Wines. “It’s a fabulous event where we’ve been involved since day one and from our perspective it’s a way to acknowledge the accomplishments of the Canadian Italian food companies,” said John Porco, chief operating officer of Unico Inc. & Primo Foods and title sponsor of the event. “People come together to talk about their businesses and successes, and it’s really just about continuing to develop the culture of Italian food and beverage in Canada.” “The recipes and traditions from Italy are instilled into another culture,” said ICCO executive director, Corrado Paina who went on to refer to Italian-Canadians as the “king-makers.” “We always give an award considering two points: one is the success in business and the other is the commitment and sense of social responsibility of these leaders.”

SHEEPSKIN (shearling) coats from Italy 70% off SUITS & KNITWEAR (strictly from Italy) 50% off Christian Lacroix - Loro Piana Lubiam

Photos / Valeria Mitsubata Photography

Monday closed Tuesday, Thursday, Friday and Saturday 12 noon to 4pm Wednesday and Sunday (yes, every Sunday)

12 noon to 3pm

416-598-4831 myadamsrib@rogers.com

SER G I O BENET T I

Dominic and Carmela Meffe

Corrado Paina, ICCO executive director with John Porco, COO Unico Inc. & Primo

Consul General Giuseppe Pastorelli with Domenic Primucci

Pietro Nenci, Lucie Gaudreault

La Camera di Commercio Italiana dell’Ontario (ICCO) ha premiato i leader nel settore alimentare e delle bevande durante la cerimonia Unico Primo Pentola D’Oro tenutasi il 17 novembre a Vaughan. Per il loro eccezionale contributo sono stati insigniti Pietro Nenci, vice presidente di Costco Wholesale Canada Ltd., che ha ricevuto l’Italy-Canada Award, e Vince Scornaienchi, vicepresidente esecutivo di Fortinos LTD & Fresh Food Development, aggiudicatosi il Jan K. Overweel Ltd Pentola D’Oro Award. Il ristorante Noce ha ricevuto il Favourite Hotspot Award, mentre l’LCBO Best Performing Italian Supplier è stato assegnato alla Folonari Wines. “È un evento straordinario nel quale sono coinvolto sin dall’inizio ed è un modo per riconoscere i traguardi delle aziende alimentari italo-canadesi dal nostro punto di vista,” afferma John Porco, direttore operativo di Unico Inc. & Primo Foods e title sponsor dell’evento. “Le persone si riuniscono per parlare delle loro aziende e dei successi, e si tratta solo di continuare a sviluppare la cultura del cibo e delle bevande italiani in Canada” aggiunge. “Le ricette e le tradizioni italiane vengono instillate in un’altra cultura,” dice il direttore generale dell’ICCO, Corrado Paina, che ha continuato a riferirsi agli italo-canadesi come kingmaker. “Conferiamo un premio sempre sulla base di due elementi: uno è il successo negli affari e l’altro è l’impegno e il senso di responsabilità sociale di questi leader.”


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 62

62

EVENTS

SMILES OF INNOCENCE 20TH ANNUAL MEMORIAL CHARITY GALA Photo / Luigi Pullano

It was another record-breaking celebration for È stata ancora una volta una festa da record quella the 20th annual Smiles of Innocence del ventesimo gala di beneficienza per l’annuale Memorial Charity Gala held on November 18 Smiles of Innocence Memorial tenutosi a Vaughan in Vaughan. This year’s edition welcomed il 18 novembre. L’edizione di quest’anno ha 1,400 guests and raised approximately $3.5 accolto 1.400 ospiti ed ha raccolto circa 3,5 million for the Hospital for Sick Children milioni di dollari per ''The Hospital for Sick and its corresponding Daniel Povegliano Children'' e il suo relativo Fondo di donazioni Endowment Fund. Daniel Povegliano. John and Anna Povegliano created the John e Anna Povegliano hanno creato il gala e gala and fund in memory of their son who il fondo in memoria del figlio, deceduto all’età di passed away at age four following a diagnosis quattro anni dopo che gli era stata diagnosticata la of mastocytosis, a disorder resulting in the rare mastocitosi, una malattia che determina un anomalo accumulation of mast cells in the skin, bone accumulo di mastociti nella pelle, nel midollo marrow and organs. “Tonight as we celebrate osseo e negli organi. “Stasera, nel celebrare Father Bressani Catholic High School Eagles Marching Band our 20th anniversary, I value even more the il nostro ventesimo anniversario, apprezzo ancor special people we are able to share this di più le persone speciali con cui abbiamo occasion with,” said Smiles of Innocence l’opportunità di condividere quest’occasione” ha chair, John Povegliano. “We look forward to detto il presidente di Smiles of Innocence, John many more wonderful years and building Povegliano. “Attendiamo con trepidazione molti altri and strengthening forged relationships even anni in cui stringere e rafforzare ulteriormente i further.” rapporti che abbiamo creato.” Ted Garrard, CEO of the SickKids Ted Garrard, amministratore delegato della Foundation, told the guests that Povegliano’s SickKids Foundation, ha detto agli ospiti che efforts have transformed the lives of l’impegno di Povegliano ha trasformato la vita di thousands of children with life-threatening migliaia di bambini affetti da malattie mor tali e illness and have helped to shape the future contribuisce a forgiare il futuro della pediatria of pediatric health in Canada. in Canada. Although bittersweet, the milestone Per quanto dolceamaro, quest’impor tante Smiles of Innocence Founders, Anna Povegliano and John Povegliano with Ted Garrard, CEO SickKids Foundation (centre) anniversary was a joyous occasion, with the anniversario è stato un’occasione gioiosa, con il Toronto Scottish Regiment Pipes & Drums Toronto Scottish Regiment Pipes & Drums in in full regalia and musical performances by students of Father Bressani pompa magna ed esibizioni musicali degli studenti della Father Bressani Catholic Catholic High School and Sensation Live Music. High School e della Sensation Live Music.

HOSPICE VAUGHAN’S ANNUAL HOLIDAY CHEER Friends and family of Hospice Vaughan gathered December 12 for some music, food and good cheer in celebration of the holiday season. “Whether it’s celebrating the Christmas season, the start of Hanukkah or the New Year, this open house is really about the community and enjoying time together,” said Belinda Marchese, executive director of Hospice Vaughan, who added that the not-for-profit organization has much to celebrate in the upcoming year. “As of 2018 we embrace a new opportunity by going to the next level with the support for our new

2899 Dufferin Street 416-789-3221• www.camarra.com Reservations Recommended • Closed Mondays

Gli amici e i familiari dell’Hospice Vaughan si sono riuniti il 12 dicembre in occasione del periodo delle feste per celebrare in allegria con musica e cibo. “Che si festeggi il Natale, l’inizio di Hanukkah o il Nuovo Anno, questa celebrazione è tutta dedicata alla comunità e a trascorrere tempo insieme,” dice Belinda Marchese, direttrice esecutiva dell’Hospice Vaughan, aggiungendo che l’organizzazione no-profit ha molto da festeggiare nell’anno a venire. “A partire dal 2018 abbracciamo una nuova opportunità raggiungendo il prossimo livello con il sostegno per il nostro nuovo hospice residenziale.”

Hospice Vaughan Staff: Cathy Diamond, Diane Presta, Carmela Sisto, Sean Gedney, Wendy Graham, Kelsey Drha, Shannon Persaud, Belinda Marchese

Tutto esaurito per il gala annuale tenutosi nell’ottobre 2017 durante il quale l’Hospice Vaughan ha lanciato la campagna “A Better Ending”, per la raccolta di fondi per il suo futuro hospice residenziale. Attualmente un hospice domiciliare, il futuro Centre of Excellence for Hospice and Palliative Care, disporrà di 10 letti per le cure di fine vita e continuerà a fornire i servizi dell’hospice domiciliare, del sostegno alle famiglie e di accompagnamento nel lutto. Inoltre, sosterrà lo sviluppo e la ricerca e informerà la comunità sulle migliori pratiche di cura palliativa.

Photos / Valeria Mitsubata Photography

Iole Cianfrini and Iolanda Masci, a co-founder of Hospice Vaughan

residential hospice.” During its annual sold-out gala held October 2017, Hospice Vaughan launched A Better Ending campaign, which raises funds for its future residential hospice. Currently a visiting hospice, the planned Centre of Excellence for Hospice and Palliative Care will house 10 beds for end-of-life care and will include continued visiting hospice services, family support and bereavement services. Moreover, it will support research development and educate the community on best palliative care practices.


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 63

At Bernardo Funeral Homes Our Family And Staff Are Dedicated To Serving The Community With Refined Professionalism And Distinction Devoting Personal Care To You, To All The Details And To Your Family At A Time Of Great Need Remembering Those We’ve Recently Lost With Honour And Grace

Costantina Bruno Francesco Ostella Antonietta Picillo Eduardo Sabino Santos Jr. Esterina Maone Nicolina Roti Francisco Coderniz Maria Mucci Giovannino De Lise Claudio Zanon Lucia Lucchitti Palma Perri

2960 Dufferin St. • Toronto, ON (416) 789-7661

Nunziata Pizzurro Argentina Peverini Umberto Consiglio Manuel Freitas Nicola Romita Antonis Georgantonis Adelina Carelli Vittorio Ierullo Anna Maria Iaccio Michele Mazzilli Nicola Francinelli Ida Passarelli

www.bernardofuneralhomes.com

Concetta Apa Benito Apa Giuseppe Iannaci Lucia Saccone Gracieth Maria Levy Manfredo Vittorio Antonucci Nicola Venosa Lidia Gregatto Leonardo Calce Maria Michela Cappucci

855 Albion Rd. • Toronto, ON (416) 747-7231


Toronto FEBRUARY / MARCHR 49-64 2018-02-08 9:49 AM Page 64

Panoram Italia Toronto Feb/Mar 2018  
Panoram Italia Toronto Feb/Mar 2018