Page 1

Sommario

Sommario SOMMARIO....................................................................................................................III CAPITOLO 1 AREA DI LAVORO ...........................................................................1 Interfaccia delle aree di lavoro ........................................................................................... 2 Schermata introduttiva .................................................................................................... 2 Barra dei Menù................................................................................................................. 2 Menù contestuali.............................................................................................................. 2 Barra degli strumenti........................................................................................................ 2 Nascondere e mostrare le barra degli strumenti ........................................................... 3 Set di strumenti .................................................................................................................... 3 Creare un set di strumenti ............................................................................................... 3 Elaborare il set di strumenti ............................................................................................ 3 Pannello di navigazione ....................................................................................................... 4 Modificare l’area di visualizzazione dei pannelli di navigazione................................... 4 Opzioni di un pannello di navigazione ............................................................................ 4 Definire le preferenze .......................................................................................................... 5 Documenti......................................................................................................................... 5 Generali ............................................................................................................................. 6 Schermo intero ................................................................................................................. 6 Impostare le Preferenze internet ....................................................................................... 7 Apertura e visualizzazione dei PDF..................................................................................... 7 Aprire file PDF................................................................................................................... 7

III


Visualizzare i PDF in modalità di lettura ......................................................................... 8 Visualizzare i PDF in modalità Schermo intero............................................................... 8 Modalità Touch per tablet e dispositivi mobili ................................................................. 9 Impostare le preferenze della modalità Touch .............................................................. 9 Adobe Digital Editions........................................................................................................10 Modalità di visualizzazione da PDF a PDF/A................................................................. 10 Confrontare un PDF rivisto con una versione precedente .......................................... 11 Spostarsi in un documento PDF........................................................................................11 Passare a una pagina specifica ...................................................................................... 11 Passare a pagine con segnalibro.................................................................................... 12 Utilizzare le miniature di pagina per passare a pagine specifiche .............................. 12 Navigare con i collegamenti ..............................................................................................12 PDF con allegati di file........................................................................................................12 Thread degli articolo ..........................................................................................................13 Aprire un thread ............................................................................................................. 13 Visualizzazione dei documenti PDF tramite strumento Zoom ...................................... 13 Regolare la visualizzazione dei documenti PDF............................................................ 13 Visualizzare una pagina con le dimensioni reali........................................................... 15 Definire il layout di pagina di un PDF aperto................................................................ 15 Passare temporaneamente allo strumento Zoom....................................................... 15 Ruotare la visualizzazione della pagina............................................................................16 Griglie, guide e misure .......................................................................................................16 Visualizzare o nascondere la griglia............................................................................... 17 Attivare o disattivare l’opzione Aggancia alla griglia ................................................... 17 Modificare l’aspetto della griglia................................................................................... 17 Creare guide dei righelli ................................................................................................. 17 Spostare o eliminare le guide dei righelli...................................................................... 17 Misurare l’altezza, la larghezza o l’area degli oggetti.....................................................18

IV


Sommario

Opzioni dello strumento di misura................................................................................ 18 Modificare le unità di misura di Coordinate cursore ................................................... 18 Software aggiuntivi ............................................................................................................19 Adobe Digital Editions .................................................................................................... 19 PDFMaker........................................................................................................................ 19 Utilizzare gli account online ..............................................................................................19 Accedere ai file PDF in un account online..................................................................... 19 Salvare un file PDF in un account online....................................................................... 20

CAPITOLO 2 CREARE PDF ...................................................................................21 Creazione di file PDF...........................................................................................................22 Ottimizzazione di PDF acquisito .................................................................................... 23 Il software OCR ...................................................................................................................23 Correggere testo acquisito mediante OCR nei PDF...................................................... 25 Visualizzazione web veloce in un documento PDF .........................................................25 Impostazione delle Preferenze della visualizzazione Web veloce .............................. 26 Creare PDF da Word...........................................................................................................26 Convertire una pagina web in PDF ...................................................................................27 Per usare il menù di scelta rapida su un PDF con link attivi ........................................ 28 Informazioni sulle impostazioni di conversione ADOBE PDF......................................... 28 Stampa ad alta qualità ................................................................................................... 28 Pagine di grandi dimensioni........................................................................................... 28 Qualità macchina da stampa ......................................................................................... 28 Rich Content PDF............................................................................................................ 29 Dimensioni file minime .................................................................................................. 29 Standard.......................................................................................................................... 29 Informazioni sugli standard PDF/X, PDF/E e PDF/A..................................................... 29

CAPITOLO 3 PORTFOLIO PDF E PDF COMBINATI ..............................31

V


Portfolio PDF.......................................................................................................................32 Perché usare un portfolio PDF?..................................................................................... 32 Panoramica della finestra dei portfolio PDF....................................................................32 Aprire il portfolio PDF in modalità File.......................................................................... 33 Modalità anteprima ...........................................................................................................33 Modalità Layout..................................................................................................................35 Creare portfolio PDF...........................................................................................................36 Aggiungere contenuto Web a un portfolio PDF........................................................... 37 Pubblicare i portfolio PDF su un sito Web.................................................................... 37 Condividere portfolio PDF.............................................................................................. 38 Combinare i file...................................................................................................................38 Definire i file PDF come file collegati in altri documenti................................................ 40 Aggiunta e modifica delle intestazioni e dei piè di pagina............................................. 40 Aggiornamento, sostituzione e rimozione di tutte le intestazioni e i piè di pagina.... 41 Gestione dello sfondo........................................................................................................41 Aggiungere e modificare gli sfondi................................................................................ 41 Aggiunta, sostituzione o modifica dello sfondo di un documento aperto................. 41 Rimuovere uno sfondo................................................................................................... 42 La filigrana...........................................................................................................................42 Aggiungere e modificare le filigrane ............................................................................. 42 Aggiunta e modifica di una filigrana in un documento aperto ................................... 43 Per aggiungere o sostituire una filigrana, senza alcun documento aperto................ 43 Ritagliare le pagine .............................................................................................................44 Strumento ritaglia........................................................................................................... 44 Redisporre le pagine in un file PDF...................................................................................46 Ruotare una pagina ........................................................................................................ 46

VI


Sommario

Suddivisione dei PDF in piĂš documenti......................................................................... 46 Spostare o copiare una pagina ...................................................................................... 47 Eliminare le pagine ......................................................................................................... 48 Rinumerare le pagine..................................................................................................... 48

CAPITOLO 4 SALVATAGGIO ED ESPORTAZIONE DI PDF ................49 Salvataggio ed esportazione di PDF..................................................................................50 Salvare le modifiche in un file........................................................................................ 50 Generare la copia di un PDF .......................................................................................... 50 Recuperare l’ultima versione salvata ............................................................................ 50 Impostare il salvataggio automatico del file................................................................. 50 Diminuire la grandezza del file ...................................................................................... 51 Esportazione di file PDF in altri formati di file.................................................................51 Impostazioni di conversione delle immagini...................................................................52 Opzioni JPEG e JPEG2000............................................................................................... 52 Opzioni PNG.................................................................................................................... 53 Opzioni TIFF..................................................................................................................... 55 Opzioni Microsoft Word e RTF ...................................................................................... 55 Opzioni fogli di calcolo e HTML ..................................................................................... 55 Opzioni testo e XML ....................................................................................................... 56 Convertire i PDF in Word, RTF, fogli di calcolo o altri formati....................................... 58 Riutilizzare il contenuto PDF .............................................................................................58 Selezionare e copiare il testo......................................................................................... 58 Convertire il contenuto selezionato in altri formati.......................................................59 Copiare immagini............................................................................................................ 59 Effettuare uno snapshot di una pagina......................................................................... 60

.............................................................................................................................................61 CAPITOLO 5 COLLABORAZIONE .....................................................................61

VII


Collaborazione ....................................................................................................................62 Condivisione file e collaborazione in tempo reale..........................................................62 Preparare la revisione di un PDF.......................................................................................63 Revisionare tramite e-mail............................................................................................. 63 Unire i commenti ............................................................................................................ 63 Creazione commenti ..........................................................................................................64 Mostrare gli strumenti di annotazione e marcatura grafica ....................................... 64 Impostare le Preferenze di Creazione commenti......................................................... 65 Timbrare un documento con lo strumento Timbro........................................................66 Aprire e applicare la palette Timbri............................................................................... 66 Timbro personalizzato.................................................................................................... 67 Rispondere ai commenti ................................................................................................ 69 Rispondere nella nota a comparsa................................................................................ 69 Rispondere nell’elenco dei commenti .......................................................................... 69 Importazione ed esportazione dei commenti .................................................................70 Esportare i commenti in un file di dati.......................................................................... 70 Esportare commenti in Word........................................................................................ 71

CAPITOLO 6 MODULI .............................................................................................73 I Moduli................................................................................................................................74 La finestra di dialogo Preferenze ......................................................................................74 Generali ........................................................................................................................... 74 Colore evidenziazione .................................................................................................... 75 Completa automaticamente.......................................................................................... 76 Creazione Moduli................................................................................................................76 Creare moduli tramite Acrobat ..................................................................................... 77 Inviare moduli tramite EchoSign ................................................................................... 78 Abilitare il salvataggio di dati dei moduli per gli utenti Reader.................................... 78

VIII


Sommario

Impostare l’ordine di tabulazione tra i campi modulo...................................................79 Visualizzare l’ordine di tabulazione per i campi ........................................................... 79 Proprietà dei campi modulo PDF......................................................................................79 Compilazione e invio di moduli PDF.................................................................................84 Cancellare i dati di un modulo in un browser............................................................... 85 Cancellare le voci modulo non salvate.......................................................................... 85 Distribuzione di moduli PDF..............................................................................................85

CAPITOLO 7 PROTEZIONE..................................................................................87 Protezione delle applicazioni ............................................................................................88 Abilitare o disabilitare Vista protetta............................................................................ 88 Consentire o bloccare collegamenti a Internet nei PDF .............................................. 89 Protezione dei contenuti ...................................................................................................89 Apertura di documenti protetti ..................................................................................... 89 Certificazione ......................................................................................................................90 Scelta di un metodo di protezione................................................................................ 90 Protezione richiesta............................................................................................................91 Proteggere un PDF all’apertura mediante aggiunta di password............................... 91 Protezione dei documenti tramite certificati ..................................................................92 Creare o aggiungere un ID digitale autofirmato........................................................... 93 Opzioni di creazione di un ID digitale............................................................................ 93 Opzioni di rimozione delle informazioni nascoste ..........................................................95

CAPITOLO 8 FIRME DIGITALI...........................................................................97 La firma digitale ..................................................................................................................98 Impostare le preferenze per la verifica delle firme...................................................... 98 Impostare il livello di affidabilità di un certificato........................................................ 98

IX


Pannello Firme ....................................................................................................................98 Visualizzare le informazioni relative al documento..................................................... 98 Convalidare una firma digitale....................................................................................... 99 Visualizzare e confrontare più versioni di un documento firmato ............................. 99 Firme digitali sugli allegati ............................................................................................. 99 Visualizzare il nome del responsabile della firma del portfolio PDF.........................100 Firmare i PDF.....................................................................................................................100 Firmare un PDF .............................................................................................................100 Rimuovere una firma digitale ......................................................................................100 Il servizio EchoSign ...........................................................................................................101 Inviare PDF firmati ........................................................................................................101 Richiedere la firma di PDF............................................................................................101 Firmare in modalità di anteprima documento...........................................................101 Impostare le preferenze per visualizza documenti in modalità anteprima ...............102 Certificare un PDF.............................................................................................................102 Aggiungere la firma digitale di certificazione .............................................................102 Cos’è una marca temporale.............................................................................................103 Aggiungere una marca temporale a un documento..................................................103 Certificazione e firma di documenti ...............................................................................103 Certifica .........................................................................................................................103 Firma con certificato ....................................................................................................104 Importare ed esportare un certificato ...........................................................................104

CAPITOLO 9 ACCESSIBILITÀ, TAG E RIDISPOSIZIONE ...................105 Creare PDF accessibili.......................................................................................................106 Verificare l’accessibilità mediante la funzione di controllo completo......................106 Aggiungere campi modulo compilabili, descrizioni e impostare l’ordine di tabulazione....................................................................................................................107 Applicare tag al file PDF ...............................................................................................107

X


Sommario

Creare un file PDF con tag da una pagina Web..........................................................107 Aggiungere accessibilità aggiungendo tag ai PDF esistenti .......................................108 Applicare tag ad un’area servendosi dello strumento Ritocco ordine di lettura.....108 Modificare i tag di un’area...........................................................................................109 Aggiungere testo alternativo e informazioni integrative ai tag ................................116 Aggiungere testo alternativo ai collegamenti ............................................................117 Aggiungere testo alternativo ad una figura................................................................117

CAPITOLO 10 MODIFICA DEI PDF...............................................................123 Modificare il testo nei file PDF........................................................................................124 Modificare immagini o oggetti in un file PDF................................................................125 Miniature di pagina..........................................................................................................125 Segnalibri...........................................................................................................................127 I Collegamenti...................................................................................................................128 Creare un collegamento usando lo strumento Link...................................................128 Destinazioni.......................................................................................................................128 Creare e collegare un link a una destinazione............................................................129 Gli allegati..........................................................................................................................130 Visualizzare l’allegato...................................................................................................130 Pagine web convertite .....................................................................................................130 Articoli ...............................................................................................................................131 Visualizzare articoli nel PDF.........................................................................................131 Ottimizzare ........................................................................................................................132 Salvare con Ottimizzatore PDF ....................................................................................132 Aprire Ottimizzatore PDF.............................................................................................132 Opzioni di Ottimizzatore PDF.......................................................................................133 Pannello Immagini ........................................................................................................133 Pannello Font................................................................................................................133

XI


Pannello Trasparenza ...................................................................................................134 Pannello Elimina oggetti ..............................................................................................134 Azioni e script....................................................................................................................136 Tipi di trigger .................................................................................................................138

CAPITOLO 11 RICERCARE E INDICIZZARE ............................................141 Ricercare contenuto in uno o più PDF............................................................................142 Opzioni di ricerca avanzate .............................................................................................143 Creare indici di PDF ..........................................................................................................147 Aggiungere un indice a un PDF....................................................................................147 Informazioni sulla funzione Catalog............................................................................147 Preparare i PDF per l’indicizzazione............................................................................147 Creare un indice per una raccolta ...............................................................................148 Preferenze di Catalog.......................................................................................................150 Spostare raccolte e relativi indici ................................................................................150

CAPITOLO 12 CONTENUTI MULTIMEDIALI ..........................................153 Multimedia nei PDF creati con Adobe Reader XI .......................................................154 File PDF creati con versioni precedenti.......................................................................154 Preferenze Affidabilità multimedia ................................................................................155 Aggiungere contenuti multimediali ai PDF.................................................................155 Aggiungere file multimediali ai PDF ............................................................................156 Finestra di dialogo Inserimento video.........................................................................157 Inserire video nei file Word e PowerPoint..................................................................158 Modificare l’area di riproduzione................................................................................159 Aggiungere commenti ai video....................................................................................159

CAPITOLO 13 GESTIONE DEL COLORE.....................................................161 Comprendere la gestione del colore ..............................................................................162

XII


Sommario

Cause della mancata concordanza del colore ............................................................162 Sistema di gestione del colore.....................................................................................162 Vantaggi della gestione del colore ..............................................................................162 Sincronizzare le impostazioni del colore nelle applicazioni Adobe.............................163 Impostare la gestione del colore.................................................................................164 Gestione dei colori quadricromia e tinta piatta .........................................................164 Gestione del colore nelle immagini importate..............................................................165 Gestione del colore nei PDF da visualizzare online....................................................166 Gestione del colore nei documenti HTML da visualizzare online .............................166 Prove colore..................................................................................................................167 Gestire il colore dei documenti durante la stampa ......................................................168 Gestione del colore mediante la stampante ..............................................................168 Gestione del colore in stampa mediante l’applicazione............................................168 Gestione del colore nei PDF da stampare...................................................................169 Impostazioni del colore....................................................................................................169 Cosa sono gl’intenti di rendering?...............................................................................171

CAPITOLO 14 LA GESTIONE DELLA STAMPA.......................................173 Stampare un PDF..............................................................................................................174 Opzioni della finestra di dialogo Stampa.......................................................................174 Creare predefiniti di stampa ...........................................................................................178 Voci dei predefiniti della finestra di dialogo Stampa .................................................178 Stampare un opuscolo .....................................................................................................179 Stampare PDF in un portfolio PDF..................................................................................180 Stampare dalla scheda segnalibri ...................................................................................180 Stampare un documento di grandi dimensioni.............................................................180

XIII


Impostazioni avanzate di stampa ...................................................................................181 Opzioni di output..........................................................................................................181 La frequenza del retino mezzetinte ................................................................................182 L’emulsione e l’esposizione dell’immagine ................................................................183 Specificare l’emulsione e l’esposizione dell’immagine..............................................183 Includere gli indicatori e le pagine al vivo .....................................................................184 Opzioni postscript.............................................................................................................185 Opzioni di gestione del colore.........................................................................................187 Stampa colore...............................................................................................................188 Gestire i colori...............................................................................................................188 Stampa di un composito a colori .................................................................................188 Separazioni di colore ....................................................................................................189

CAPITOLO 15 STRUMENTI PER LA PRODUZIONE DI STAMPE..191 Strumenti per la produzione di stampe panoramiche..................................................192 Pannello Produzione di stampe...................................................................................192

XIV


Capitolo 1 Area di lavoro In questo capitolo verrà trattata l’interfaccia dell’area di lavoro, la

gestione della barra degli strumenti e la definizione delle preferenze.


Capitolo 1

Interfaccia delle aree di lavoro Adobe X Si può aprire come applicazione autonoma o in un browser Web.

Nella parte superiore dell’area di lavoro ci sono la barra dei menù

e le due barre degli strumenti. In particolare nell’applicazione auto-

noma l’area di lavoro è composta da un pannello di navigazione, un riquadro del documento e un gruppo di riquadri delle attività a destra. Schermata introduttiva

La schermata introduttiva è una finestra che si visualizza quando

non è aperto alcun documento. Da qui con un singolo clic è possibile

accedere rapidamente ai file utilizzati di recente, aprire un file e i flussi di lavoro più utilizzati. Barra dei Menù

La Barra dei Menù si può nascondere o visualizzare attraverso il

comando Vista > Mostra/Nascondi > Barra dei menù (F9). Menù contestuali

I Menù contestuali (visibili mediante il tasto destro del mouse)

contengono i comandi relativi allo strumento attivo o alla selezione attiva. I menù contestuali sono utili per selezionare velocemente i comandi più utilizzati ed aggiungerli alla barra degli strumenti

Barra degli strumenti

La Barra degli strumenti, comprendente la barra degli strumenti

rapidi e la barra degli strumenti comuni, si trova in alto. In essa ci 2


Interfaccia dell’area di lavoro sono gli strumenti più utilizzati per elaborare i PDF. Per agevolare l’accesso, è possibile aggiungere ulteriori strumenti. Nascondere e mostrare le barra degli strumenti

Per nascondere e mostrare le barra degli strumenti selezionare

Vista > Mostra/Nascondi > Elementi barra degli strumenti > Nascondi barre degli strumenti (F8).

Set di strumenti

Dalla versione XI di Acrobat è possibile creare un set di strumenti

che permetta di accedere in maniera veloce ai comandi utilizzati con maggiore frequenza.

Visualizzazione Set strumenti

Creare un set di strumenti Per creare un set di strumenti Scegliere Personalizza > Crea nuovo

set di strumenti.

Elaborare il set di strumenti Per modificare, eliminare, rinominare o condividere i set di

strumenti scegliere Personalizza > Gestisci set di strumenti

3


Capitolo 1

Pannello di navigazione Il pannello di navigazione è l’area in cui si possono visualizzare

più pannelli di navigazione e vari strumenti funzionali. •

Aprire il pannello di navigazione in uno dei seguenti modi:

selezionare Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Mostra pannello di navigazione;

cliccare su un pulsante a sinistra dell’area di lavoro per visualizzare il pannello corrispondente.

Modificare l’area di visualizzazione dei pannelli di navigazione Tutti i pannelli di navigazione sono visua-

lizzati su una colonna a sinistra dell’area di la-

voro. Di seguito si riportano due punti per la sua gestione: •

Modificare la larghezza del riquadro di na-

vigazione trascinandone il bordo destro.

Per visualizzare un altro pannello diverso

selezionarne il relativo pulsante.

Visualizzazione del Pannello di navigazione

Opzioni di un pannello di navigazione Tutti i pannelli hanno un menù delle opzioni nell’angolo in alto a

sinistra. I comandi visualizzati all’interno di tali menù variano in ba4


Interfaccia dell’area di lavoro se al pannello attivo. Alcuni contengono ulteriori pulsanti che agiscono sugli elementi del pannello.

Definire le preferenze Nella finestra di dialogo Preferenze ci sono molte impostazioni

che è opportuno personalizzare al primo utilizzo dell’applicativo. Le preferenze impostate rimarranno attive fino alla successiva modifica.

Impostazione delle preferenze di base

Per definire le preferenze selezionare Modifica > Preferenze > Categorie e impostare le proprietà nelle seguenti schede di base: Documenti

 Impostazioni di apertura  Salva impostazioni

5


Capitolo 1

 Modalità di visualizzazione PDF/A

 Informazioni nascoste  Redazione

Generali  Strumenti di base  Avvisi

 Messaggi di Adobe

 Avvio applicazione

Schermo intero

 Impostazione a schermo intero  Navigazione a schermo intero

 Aspetto a schermo intero

 Transizione a schermo intero

Navigazione a schermo intero (Si annulla premendo il tasto Esc) Visualizzazione pagina

 Layout e ingrandimento predefiniti  Risoluzione

 Rendering

 Contenuto della pagina e informazioni

 Modalità di visualizzazione di XObject di riferimento

6


Interfaccia dell’area di lavoro

Impostare le Preferenze internet Per impostare le adeguate preferenze internet, per una fluida navigazione, scegliere il menù Modifica > Preferenze > Internet e considerare le seguenti voci: •

Scelta del browser per la visualizzazione del PDF Permette di

visualizzare nel browser ogni file PDF aperto dal Web. Se l’opzione non è selezionata, i file PDF vengono aperti in una fine-

stra a parte. In caso di presenza di due applicativi, cioè Adobe Reader e Adobe X Pro, è possibile stabilire dalle preferenze quale

applicativo considerare predefinito.

Velocità di connessione La velocità di connessione permette ad Acrobat di ottimizzare la visualizzazione, tale velocità va selezio-

nata dal menù.

Impostazioni Internet o di rete permette di aprire il pannello della connessione Internet o di rete.

Apertura e visualizzazione dei PDF Aprire file PDF Un file PDF si può aprire: da Acrobat, dall’e-mail, dal file system

(desktop) o da un browser Web. •

Per aprire un file PDF scegliere:

Un file recente o cliccare su Apri per selezionare un file.

7


Capitolo 1

Aprire un file PDF dal desktop o in un’altra applicazione facendo

doppio clic sull’icona del PDF in un messaggio e-mail;

Cliccando sul link web per aprire un documento PDF collegato a

una pagina Web;

Visualizzare i PDF in modalità di lettura Permette di nascondere le barre degli strumenti e i riquadri delle

attività per ingrandire l’area di visualizzazione durante la lettura di un documento.

I comandi di lettura si trovano in una barra degli strumenti mobile

semitrasparente che si trova nella zona inferiore della finestra.

Per aprire la Modalità lettura, selezionare Vista > Modalità let-

tura o cliccare sul pulsante Modalità lettura nell’angolo in alto a destra della barra degli strumenti.

Per ripristinare l’area di lavoro, scegliere nuovamente Vista >

Modalità lettura. In più è possibile cliccare sul pulsante Chiudi sulla barra degli strumenti mobile.

Visualizzare i PDF in modalità Schermo intero Con la modalità schermo intero, si vede solo il documento. Nella

modalità Schermo intero permette la selezione dei link l’apertura delle note. Ci si può muovere all’interno di un PDF in modalità Schermo intero tramite le scelte rapide da tastiera o con i comandi presenti in visualizzazione schermo intero. 8


Interfaccia dell’area di lavoro

Modalità Touch per tablet e dispositivi mobili Per facilitare l’utilizzo di Acrobat sui dispositivi Touch attivare la

modalità Touch da Visualizza > Mostra/Nascondi > Elementi barra degli strumenti > Modalità Touch.

Impostare le preferenze della modalità Touch Per impostare le preferenze di come passare alla modalità Touch

Scegliere Modifica > Preferenze > Categorie > Generali > Strumenti di base e selezionare l’impostazione desiderata.

Preferenze di Modalità Touch

9


Capitolo 1

Adobe Digital Editions Per leggere e organizzare gli eBook utilizzare il software gratuito

Adobe Digital Editions che verrà installato automaticamente alla prima apertura di un file eBook.

Modalità di visualizzazione da PDF a PDF/A La modalità di visualizzazione PDF/A è uno standard ISO di archi-

viazione a lungo termine di documenti elettronici. Tutti i documenti PDF sono compatibili con PDF/A. Con lo standard PDF/A il documen-

to è aperto in Modalità lettura per non consentire modifiche.

Per cambiare la modalità di visualizzazione da PDF a PDF/A

andare nella finestra Preferenze > Categorie > Documenti > Selezio-

nare un’opzione per Visualizza documenti in modalità PDF/A:

• •

Mai

Solo per documenti PDF/A.

Impostazione preferenze visualizzazione PDF/A

10


Interfaccia dell’area di lavoro Confrontare un PDF rivisto con una versione precedente Il comando Confronta documenti permette di visualizzare le diffe-

renze tra due versioni di uno stesso PDF.

Selezionare Vista > Confronta documenti > Specificare i due do-

cumenti da confrontare > definire le proprietà.

Spostarsi in un documento PDF •

• •

Scegliere una delle seguenti modalità:

sulla barra degli strumenti, cliccare sul pulsante Pagina prece-

dente o Pagina successiva

selezionare Vista > Navigazione pagine

premere i tasti PGSU e PGGIÙ sulla ta-

stiera.

Per passare a una pagina precedente o successiva sulla barra degli strumenti, clic-

care sul pulsante Pagina precedente o Pagina successiva > selezionare Vista > Naviga-

zione pagine premere i tasti PGSU e PGGIÙ sulla tastiera.

Passare a una pagina specifica Per passare a una pagina specifica sce-

Barra navigazione e Gestione Segnalibri

gliere una delle seguenti modalità:

11


Capitolo 1

trascinare la barra di scorrimento verticale fino alla visualizzazione della pagina desiderata nel display;

digitare il numero di pagina nella barra degli strumenti Naviga-

zione pagine.

Passare a pagine con segnalibro I segnalibri formano una sorta di indice in quanto di norma sono

abbinati a capitoli e sezioni del documento. Questi sono visualizzati nel riquadro di navigazione.

Cliccare sul pulsante Segnalibri o selezionare Vista > Mo-

stra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Segnalibri

Utilizzare le miniature di pagina per passare a pagine specifiche Cliccare sul pulsante Miniature di pagina o Vista > Mo-

stra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Miniature di pagina, per visualizzare il pannello Miniature di pagina.

Navigare con i collegamenti I link portano in altre posizioni del documento, ad altri PDF o a siti

Web, per utilizzarli selezionare lo strumento Seleziona > Posizionare il puntatore sull’area che contiene il link.

PDF con allegati di file

Se un documento PDF contiene uno o più file allegati, si apre au-

tomaticamente il pannello Allegati con l’elenco dei file. Bisogna agire direttamente sul file allegato per apportargli eventuali modifiche. 12


Interfaccia dell’area di lavoro Per visualizzare il pannello Allegati scegliere Vista > Mo-

stra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Allegati.

Thread degli articolo

I thread degli articoli conducono attraverso il contenuto del do-

cumento PDF, saltando pagine o sezioni escluse dall’articolo, come se si sfogliasse un giornale o una rivista tradizionale, analizzando un argomento e tralasciando il resto. Aprire un thread

Per aprire un thread seguire la seguente procedura: Pannello di

navigazione > Articoli e da lì aprire il relativo pannello.

Con il thread di articolo aperto premere Invio o cliccare

nell’articolo per scorrerlo un riquadro alla volta.

Visualizzazione dei documenti tramite strumento Zoom

PDF

Regolare la visualizzazione dei documenti PDF Gli

strumenti

Selezione

e

Zoom permettono

di modificare

l’ingrandimento dei documenti PDF. È possibile visualizzare tutti gli strumenti scegliendo i singoli strumenti o gli strumenti Mostra tutto > Selezione e zoom. •

Lo strumento Zoom della selezione si può utilizzare per trasci-

nare il rettangolo attorno all’area della pagina con cui si desidera 13


Capitolo 1

riempire l’area di visualizzazione o soltanto per aumentare •

l’ingrandimento di un livello.

verso l’alto e la rimpicciolisce se trascinato verso il basso.

l’ingrandimento del in base a valori standard.

la percentuale specificata o scelta nel menù a comparsa.

dell’ingrandimento.

cupi il riquadro orizzontalmente.

occupi il riquadro in verticale.

Lo strumento Zoom dinamico ingrandisce l’area se trascinato I pulsanti

Zoom avanti e Zoom indietro modificano

L’opzione Valore di zoom modifica la visualizzazione in base alDimensioni

reali

visualizza

la

pagina

al

100%

Adatta larghezza regola l’ingrandimento in modo che il PDF ocZoom a livello di pagina ingrandisce in modo che una pagina

Lo strumento Zoom e dettaglio regola l’ingrandimento e la posizione dell’area di visua-

lizzazione in modo che corrisponda all’area di un rettan-

golo regolabile dalla miniatu-

ra della pagina nella finestra Zoom e dettaglio.

14

Panoramica Elenco Menù Zoom


Interfaccia dell’area di lavoro •

La finestra dello strumento Loupe fa visualizzare una parte in-

grandita del documento che corrisponde all’area racchiusa in un

rettangolo che è regolabile nel riquadro del documento.

Adattare una pagina alle dimensioni della finestra scegliere Vista > Zoom > scegliere il tipo di zoom secondo necessità.

Visualizzare una pagina con le dimensioni reali

Per visualizzare una pagina con le dimensioni reali selezionare Vi-

sta > Zoom > Dimensioni reali.

Le dimensioni reali di una pagina corrispondono in genere al

100%. È possibile però che durante la creazione del documento sia stato impostato un altro livello di zoom.

Definire il layout di pagina di un PDF aperto Per definire il layout di pagina di un PDF aperto scegliere Vista >

Visualizzazione pagina > scegliere il tipo di vista preferita.

Per ogni opzione si possono visualizzare i pulsanti sulla barra de-

gli strumenti rapidi selezionando Vista > Mostra/Nascondi > Elemen-

ti barra degli strumenti > Visualizzazione pagina e selezionandole nel menù.

Passare temporaneamente allo strumento Zoom Quando lo strumento mano è selezionato è possibile premere la

barra spaziatrice.

15


Capitolo 1

Per selezionare temporaneamente lo strumento Zoom avanti premendo Ctrl+barra spaziatrice.

Rilasciare i comandi per ripristinare lo strumento precedentemente attivato.

Ruotare la visualizzazione della pagina

La visualizzazione di una pagina può essere modificata con cambi

di 90°. In questo modo si modifica la visualizzazione della pagina ma non l’orientamento.

Per ruotare la visualizzazione scegliere Vista > Ruota vista > Ruota

in senso orario o In senso antiorario.

Griglie, guide e misure

Attivazione Griglia

Le griglie permettono di allineare testo e oggetti. La griglia è visibile solo se attiva. Durante lo spostamento di un oggetto, l’opzione Aggancia alla griglia lo fa allineare alla linea della griglia più vicina. 16


Interfaccia dell’area di lavoro Visualizzare o nascondere la griglia Per visualizzare o nascondere la griglia selezionare Vista > Mo-

stra/Nascondi > Righelli e griglie > Griglia.

Attivare o disattivare l’opzione Aggancia alla griglia Per attivare o disattivare l’opzione Aggancia alla griglia seleziona-

re Vista > Mostra/Nascondi > Righelli e griglie > Aggancia alla griglia. Modificare l’aspetto della griglia

Per modificare l’aspetto della griglia nella finestra scegliere Prefe-

renze sotto Categorie, selezionare Unità e guide e modificare le impostazioni delle griglie.

Creare guide dei righelli I righelli permettono di controllare le dimensioni degli oggetti. È

anche possibile creare delle guide nel documento, utili per allineare gli oggetti. È possibile modificare unità di misura e colore utilizzato nel righello.

Creare nuove guide dai righelli selezionando Vista > Mo-

stra/Nascondi > Righelli e griglie > Righelli > Selezionare la procedura desiderata:

Spostare o eliminare le guide dei righelli Per spostare o eliminare le guide dei righelli cliccando sulla guida

e trascinandola in un nuovo punto o premere Canc. Per eliminare tut-

te le guide cliccare col tasto destro del mouse nell’area del righello e scegliere Cancella tutte le guide o Cancella le guide nella pagina.

17


Capitolo 1

Misurare l’altezza, la larghezza o l’area degli oggetti Gli strumenti di misurazione consen-

tono di misurare le distanze e le aree degli oggetti.

Quando si utilizza uno strumento di

misura i dati si visualizzano nel pannello

delle informazioni di misura. Per utiliz-

zarli selezionare Strumenti > Analizza > Strumento Misura.

Opzioni dello strumento di misura

Barra degli strumenti Analizza

Per stabilire le opzioni dello strumen-

to Misura, utilizzare il menù contestuale.

Modificare le unità di misura di Coordinate cursore Nella finestra Preferenze sot-

to Categorie, selezionando Unità e guide. Scegliere un’unità di mi-

sura differente dal menù Unità pagina e righello.

18

Apertura PDF da account online


Interfaccia dell’area di lavoro

Software aggiuntivi Adobe Digital Editions Adobe Digital Editions è un software gratuito utile per leggere e

organizzare i eBook e altre pubblicazioni. Viene automaticamente in-

stallato nel computer alla prima apertura di un eBook.

PDFMaker

PDFMaker non è disponibile per Mac OS. I PDF possono essere

creati da numerose applicazioni come ad esempio utilizzando il co-

mando File > Stampa. Nella finestra di dialogo Stampa > selezionare Salva come Adobe PDF dal menù PDF.

Utilizzare gli account online Attraverso Acrobat e Adobe Reader è possibile aprire e salvare i fi-

le in servizi di gestione file online quali Adobe.com, Microsoft Office 365 e Microsoft SharePoint.

Accedere ai file PDF in un account online Per accedere ai file PDF in un

account online scegliere File >

Salvataggio in account online

Apri e scegliere un account online

Acrobat.com per un account adobe oppure Nuovo account per accedere o salvare le risorse di Office 365 o SharePoint.

19


Capitolo 1

Salvare un file PDF in un account online Per salvare un file PDF in un account online scegliere File > Salva e

scegliere un account online Acrobat.com oppure Nuovo account.

20


Capitolo 2 Creare PDF

In questo capitolo si parla delle modalità di creazione di un PDF e

l’uso del software OCR

21


Capitolo 2

Creazione di file PDF

Vista creazione PDF

Un documento che non ha estensione .PDF (Portable Document

Format) si può convertire in diversi modi:

utilizzando il pulsante crea del menù File di Acrobat o dalla barra

strumenti impostando le proprietà nel file acquisito;

Altre opzioni di inserimento > Inserisci pagina vuota;

es OFFICE e AutoCAD;

partendo da una pagina vuota utilizzando: Strumenti > Pagine > utilizzando la scheda Adobe PDF negli applicativi diversi Acrobat

utilizzando la finestra di dialogo stampa, selezionando la stam-

pante Adobe PDF; 22


Creazione di Portfolio PDF •

• • • • •

utilizzando la tecnica del drag&drop del file sull’icona di Acrobat o nella finestra del programma aperto;

con il menù Crea di Acrobat scegliendo PDF da file;

utilizzando il menù del file presente sul file system; dalla finestra di Outlook; da un browser web;

da File PostScript ed EPS, tramite l’applicativo ADOBE Distiller.

Ottimizzazione di PDF acquisito

Una volta creato il PDF va adattato per l’uso che se ne farà utiliz-

zando i comandi: •

Strumenti > Elaborazione documento > Ottimizza PDF acquisito.

Il software OCR

Il software OCR (Optical Charac-

ter Recognition) riconosce e rende modificabile il testo di un PDF. Per

eseguire questa operazione scegliere i comandi: Strumenti > Riconosci testo > in questo file o in più file.

Durante l’importazione è opportu-

no stabilire le proprietà in base alle proprie esigenze. Attraverso la Finestra di dialogo Riconosci testo > Im-

Pannello software OCR

23


Capitolo 2

postazioni generali scegliere tra le seguenti voci la varie opzioni tra cui: •

Lingua OCR principale permette di specificare all’OCR la lingua da utilizzare per riconoscere i caratteri.

La sezione Stile output PDF determina il tipo di PDF da produr-

re. La risoluzione input richiesta deve essere pari o superiore a •

72 dpi.

L’opzione Immagine ricercabile permette di ricercare e sele-

zionare il testo. Questa opzione mantiene l’immagine originale e

posiziona un livello di testo invisibile su di essa.

massima corrispondenza con l’immagine originale.

Immagine ricercabile (esatta) È utile quando si richiede la ClearScan sintetizza un nuovo font Type 3 che simula fedelmente

l’originale e conserva lo sfondo della pagina utilizzando una copia

a bassa risoluzione.

Downsampling serve a diminuire il numero di pixel nelle imma-

gini una volta completato dell’OCR. Il livello di downsampling va scelto. Un valore più elevato esegue un minor downsampling, ottenendo file PDF a più alta risoluzione.

Per modificare la scelta delle voci sopra indicate cliccare sul pul-

sante modifica.

24


Creazione di Portfolio PDF Correggere testo acquisito mediante OCR nei PDF Dopo l’OCR, Acrobat analizza bitmap di testo e sostituisce parole e

caratteri per tali aree. Se l’esatta sostituzione non è certa, Acrobat contrassegna il termine.

Per controllare i contenuti incerti effettuare una delle seguenti

azioni: •

Strumenti > Riconosci testo > Trova tutte le parole sospette, tali

parole vengono evidenziate in caselle.

spetta.

Scegliere Strumenti > Riconosci testo > Trova prima parola soCome opzione di ricerca, selezionare Parole sospette OCR e procedere con la correzione del testo.

Visualizzazione documento PDF

web

veloce

in

un

La visualizzazione Web veloce organizza un documento PDF affin-

ché se ne possano scaricare singole pagine dai server Web facendo sì che quest’ultimo invii solo la pagina richiesta anziché l’intero PDF. Questa azione è fondamentale soprattutto con file di grandi dimensioni che generano tempi molto lunghi di scaricamento dal server.

Le procedure a seguire, durante il processo di creazione del PDF,

sono utili per assicurarsi che Acrobat e il documento siano impostatati per la visualizzazione Web veloce.

25


Capitolo 2

Impostazione delle Preferenze della visualizzazione Web veloce Per attivare la Visualizzazione Web veloce in un documento PDF

scegliere Modifica > Preferenze > Documenti e attivare la voce Salva ottimizzazione web veloce.

Per salvare un documento per la visualizzazione web veloce

dopo aver aperto il file PDF scegliere File > Salva con nome e salvare il PDF.

Attivazione Web veloce

Note: Per aggiornare un documento esistente alla modalitĂ web veloce procedere con la procedura di salvataggio indicata sopra, selezionare il file esistente e salvare sostituendo la vecchia copia.

Creare PDF da Word Con Word si può utilizzare il componente aggiuntivo Acrobat

PDFMaker presente nella barra multifunzione come scheda aggiunti26


Creazione di Portfolio PDF va chiamata “Acrobat” o tramite la voce di menù File > Invia a o Stampa.

Convertire una pagina web in PDF È possibile convertire una o più pagine web in PDF attraverso la

seguente procedura: •

File > Crea > PDF da pagina Web.

Creazione PDF da pagina web

Per creare le sottopagine definire un numero di livello maggiore

a 1. Prima di questa azione controllare il numero di pagine e livelli esistenti per non occupare totalmente la memoria del proprio pc, evitando così il conseguente problema di memoria insufficiente.

Aggiungere una pagina Web non collegata a un file PDF esi-

stente permette di aggiungere pagine ad un PDF scrivibile. •

Aprire il file PDF esistente > Strumenti > Elaborazione documen-

to > Web Capture > Aggiungi a PDF da pagina Web > inserire le proprietà richieste.

27


Capitolo 2

Per usare il menù di scelta rapida su un PDF con link attivi Aprire il file PDF e cliccare con il tasto destro del mouse sul link

Web, quindi scegliere Apri Link Web come nuovo documento.

Informazioni sulle impostazioni conversione ADOBE PDF

di

Quando si crea un pdf è possibile basarsi anche su un valore pre-

definito. Un predefinito PDF è un insieme di impostazioni che agisco-

no sulla creazione di un PDF. Tali impostazioni servono per trovare

un equilibrio tra dimensione e qualità dei file, in base all’uso finale del PDF. Di seguito si riportano alcuni tra i più comuni predefiniti. Stampa ad alta qualità

Permette di creare PDF per la stampa con stampanti desktop e pe-

riferiche per la creazione di bozze. Pagine di grandi dimensioni

Permette di creare PDF adatti per la visualizzazione e la stampa di

disegni più grandi di 508 x 508 cm. Qualità macchina da stampa

Genera file PDF per stampe ad alta qualità, ma non crea file com-

patibili con PDF/X. La qualità del contenuto costituisce l’elemento di maggior interesse. Lo scopo è conservare in un file PDF tutti i dati ri-

chiesti per stampare correttamente il documento. Questo insieme di opzioni usa PDF 1.4, converte i colori in CMYK e permette il down-

sampling delle immagini a colori e in scala di grigi a 300 ppi e di 28


Creazione di Portfolio PDF quelle monocromatiche a 1200 ppi; incorpora i sottoinsiemi di tutti i font e conserva la trasparenza. Rich Content PDF

Permette di creare file PDF accessibili che includono tag, link, se-

gnalibri, elementi interattivi e livelli. Questo insieme di opzioni utilizza PDF 1.6 e incorpora sottoinsiemi di tutti i font.

Dimensioni file minime

Permette di creare file PDF per la visualizzazione sul Web, su

un’intranet, o per la distribuzione a mezzo posta elettronica. Questo

insieme di opzioni agisce con la compressione, il downsampling e una risoluzione relativamente bassa, converte i colori in sRGB e non incorpora i font. Standard

Permette di creare file PDF per stampanti desktop o digitali, da

pubblicare su CD o da inviare come bozza di pubblicazione. Questo comando utilizza la compressione e il downsampling, incorpora i sot-

toinsiemi di tutti i font utilizzati nel file, converte tutti i colori in sRGB e stampa ad una risoluzione media.

Informazioni sugli standard PDF/X, PDF/E e PDF/A Gli standard PDF/X, PDF/E e PDF/A sono definiti da ISO (Interna-

tional Organization for Standardization). Gli standard PDF/X si uti-

lizzano per lo scambio di contenuto grafico; gli standard PDF/E si

usano per lo scambio interattivo di documenti di progettazione; gli 29


Capitolo 2

standard PDF/A si utilizzano per l’archiviazione a lungo termine dei documenti elettronici. Durante la conversione, il file viene verificato rispetto allo standard specificato. Se il PDF non risulta conforme allo

standard ISO selezionato, la conversione deve essere annullata o sarà creato un file non conforme.

Gli standard maggiormente utilizzati per la pubblicazione di stampa

sono diversi formati PDF/X: PDF/X-1a, PDF/X-3 e (nel 2008) PDF/X-4.

Gli standard maggiormente utilizzati per l’archiviazione dei PDF sono PDF/A-1a e PDF/A-1b. Si riportano di seguito alcune specifiche: •

PDF/A-1b 2005 (CMYK e RGB) Si utilizza per conservare a lungo

termine (archiviare) i documenti elettronici. PDF/A-1b utilizza

PDF 1.4 e converte tutti i colori in CMYK o RGB, in base allo stan-

dard scelto.

PDF/X-1a (2001 e 2003) Lo standard PDF/X-1a necessita che

tutti i font vengano incorporati, che i riquadri di delimitazione

PDF siano specificati e che i colori vengano visualizzati come CMYK, a tinta piatta o entrambi. I file compatibili devono avere •

informazioni sulla condizione di stampa per cui sono preparati.

PDF/X-4 (2007) (Acrobat Pro) Questo predefinito si basa sullo

standard PDF 1.4, comprende il supporto per la trasparenza in

tempo reale. Il predefinito PDF/X-4 ha la stessa gestione del colo-

re e le stesse specifiche di colore International Color Consortium (ICC) del predefinito PDF/X-3. 30


Creazione di Portfolio PDF

Capitolo 3 Portfolio PDF e PDF combinati In questo capitolo viene spiegato come combinare i file in un unico Portfolio, come inserire uno sfondo, aggiungere una filigrana, ritagliare e ridisporre le pagine.

31


Capitolo 4

Portfolio PDF Un portfolio PDF contiene file creati con diversi programmi. Ogni

file conserva la propria identità nonostante sia parte di un solo portfolio PDF. Quindi, ogni componente si può aprire, leggere e modificare indipendentemente.

Perché usare un portfolio PDF? Ecco alcuni lati positivi: layout e temi esclusivi, aggiunta e rimo-

zione di file anche dopo la creazione, anteprima e modifica dei con-

tenuti, condivisione sicura del portfolio, diffusione del contenuto sul

web, ordinare e riordinare successivamente, stampare più PDF in un

solo portfolio, ricercare in tutti i file di un portfolio, incorporare file non PDF o renderli indipendenti.

Panoramica della finestra dei portfolio PDF Grazie agli strumenti dell’area di lavoro si possono effettuare

azioni atte a creare e modificare un portfolio PDF.

Acrobat X Pro consente la creazione di contenuti accessibili per

agevolare la lettura dei contenuti per gli utenti disabili. Per essere accessibile un portfolio PDF deve aprirsi in modalità File.

32


Creazione di Portfolio PDF

Panoramica vista anteprime portfolio

Aprire il portfolio PDF in modalità File Per aprire il portfolio PDF in modalità File: aprire la finestra di

dialogo Preferenze > Modifica > Categorie > Accessibilità > Mostra portfolio in modalità File.

Modalità anteprima In modalità anteprima si può visualizzare l’anteprima di immagini,

pagine, riprodurre video e file SWF, e fa visualizzare le informazioni su un file. È possibile spostare un file sul computer in uso.

È possibile visualizzare un portfolio PDF in diverse Modalità

anteprima: •

Anteprima mininavigatore Le schede che si trovano lungo la parte inferiore della finestra del portfolio PDF per impostazione

predefinita vengono visualizzate in ordine alfabetico. Fare clic

sulla doppia freccia che si trova sotto la scheda per nascondere o

mostrare il mininavigatore. Il mininavigatore viene visualizzato

nel layout Click-through in modalità anteprima, nei layout Onda e

Lineare in modalità modifica;

33


Capitolo 4

Anteprima scheda è una rappresentazione di ciascuna parte di contenuto aggiunta a un portfolio PDF. Nei casi in cui è possibile,

sulla scheda si visualizza una miniatura. Per visualizzare i meta-

dati (dettagli sul file) che si trovano dietro la miniatura cliccare •

sull’icona Informazioni della scheda per accedervi.

Anteprima a schermo intero è una rappresentazione più gran-

de del file, dove l’altra parte del contenuto è visibile solo dietro

l’anteprima. Per attivare questa modalità di visualizzazione fare

doppio clic sulla scheda file verranno aperti in modalità Schermo

Intero. Questa operazione funziona per i PDF senza protezione aggiunta, documenti di Word e immagini.

nota: I file FLV si aprono in Anteprima a schermo intero con un doppio clic sulla scheda nel mininavigatore. Portare il puntatore sulla parte inferiore del file in Anteprima a schermo intero per far apparire una barra degli strumenti mobile e semitrasparente contenente i pulsanti per interagire con il file. Per tornare alla visualizzazione standard cliccare sul pulsante Chiudi nell’angolo in alto a destra dell’anteprima. •

Anteprima piattaforma È un’anteprima a dimensione intera nel-

la finestra del portfolio PDF. In questa modalità il riquadro di navigazione permette l’utilizzo alle miniature di pagina, dei segnali-

bri, delle firme e dei livelli. Questi file si aprono in Anteprima piattaforma attraverso un doppio clic sulla scheda per file SWF e HTML. Altri tipi di file come il portfolio e-mail, i file di risposta ai 34


Creazione di Portfolio PDF moduli e i PDF protetti, si aprono col comando: Vista > Portfolio > Visualizza file in anteprima. Per chiuderla cliccare sul tasto Chiudi nell’angolo superiore sinistro o premere Esc.

Passaggio alla modalità Anteprima del Portfolio

Modalità Layout I layout permettono di combinare molti contenuti in un portfolio

PDF. È possibile scegliere tra diversi layout presenti in Acrobat. •

Acrobat comprende i seguenti layout:

Click-through che permette di scorrere tutta una serie di file, di rior-

dinarli, spostarli tra loro linearmente o trovare i file nel mininavigatore.

si può modificare sia il loro ordine che la configurazione.

Forme libere posiziona le miniature dei file in diverse posizioni, Griglia colloca i file in una griglia modificabile nelle dimensioni per poter contenere più file.

35


Capitolo 4

• •

Lineare posiziona i file in modo lineare per guidare il lettore nella

sequenza dei file. A sinistra viene visualizzato il testo descrittivo. Onda posiziona i file in senso rotatorio.

Modalità Modifica È possibile passare dalla modalità layout a

quella di modifica attraverso l’attivazione del comando presente nella barra degli strumenti. Agire in modalità modifica per:

 convertire file multimediali in un portfolio PDF;  cancellare file e cartelle da un portfolio PDF;  inserire un’intestazione;

 visualizzare un elenco contenente;  modificare i dettagli dei file;

 ordinare, filtrare e riordinare file e cartelle;

 aprire file non PDF nell’applicazione originaria o utilizzare il comando Apri file per PDF;

 modificare nomi e descrizioni di file e componenti del portfolio PDF;

 aprire, modificare e salvare i contenuti di un portfolio.

Creare portfolio PDF • • • 36

Si può creare un portfolio PDF col pulsante CREA che si trova: nella schermata introduttiva

nell’angolo in alto a sinistra rispetto alla barra degli strumenti nel menù File.


Creazione di Portfolio PDF Grazie agli strumenti disponibili nell’area di lavoro si possono ag-

giungere uno o più file.

Aggiungere contenuto Web a un portfolio PDF È possibile aggiungere link a siti Web o incorporare tag video per

far diminuire le dimensioni del file portfolio PDF. Per farlo: posizio-

narsi nel riquadro layout > aggiungi contenuto > Aggiungi contenuto Web > impostare le proprietà desiderate.

Finestra di dialogo Crea portfolio PDF

Pubblicare i portfolio PDF su un sito Web Si possono creare file SWF a partire da un portfolio PDF per poi

essere reso disponibile ad altri utenti attraverso la pubblicazione in un sito web.

37


Capitolo 4

Nota: per accedere al contenuto SWF nel pc aprirlo con qualsiasi browser. Per poter pubblicare il contenuto su un server web, a cui ci si è

precedentemente abbonati, bisogna usare un protocollo FTP dopo il

salvataggio del file come pagina web con la procedura: File > Salva portfolio PDF come sito Web. Condividere portfolio PDF

Si può condividere un portfolio PDF con altri utenti inviandolo

tramite e-mail o caricandolo sul servizio Web protetto Acrobat.com.

Combinare i file

Per creare più PDF uniti scegliere File > Crea > Combina file in

un PDF singolo dopo aver spuntato l’opzione Singolo PDF presente,

nella finestra di dialogo Combina file. •

Si possono definire le dimensioni dei file selezionando:

Dimensioni file ridotte per adattare le immagini grandi alla ri-

soluzione dello schermo, comprimendole in una JPEG di bassa

qualità. Questa scelta è adatta per la visualizzazione su schermo e

gli usi tramite e-mail e Internet.

Dimensioni file predefinite crea PDF per la visualizzazione e la stampa di documenti aziendali.

Dimensioni file grandi applica la conversione adatta per la

stampa ad alta qualità. 38


Creazione di Portfolio PDF Per inserire un PDF in un altro dopo l’apertura del file PDF da usare come partenza per il file combinato, selezionare strumenti > pagi-

ne > inserisci da file e indicare il PDF da inserire, poi concludere con

la definizione delle proprietà preferite.

Scegliere Salva con nome affinché il PDF originale resti un file

diverso.

Si può anche aggiungere un file ad un PDF mediante il trascina-

mento dell’icona del file all’interno del pannello Miniature di pagina del documento già aperto.

Finestra di dialogo Combina file e Opzioni

Inserire una selezione di Appunti in un file PDF selezionare e

copiare il contenuto da altre pagine PDF aperte e successivamente

eseguire la sequenza: Strumenti > Pagine > Altre opzioni di inserimento > Inserisci dagli Appunti.

39


Capitolo 4

Definire i file PDF come file collegati in altri documenti Si possono incorporare file PDF in altri tipi di file che supportano

l’OLE (Object Linking and Embedding)

come InDesign o Word. Questa tipologia di file viene definita documenti conteni-

tore OLE. Ogni modifica apportata

all’oggetto OLE tramite il programma contenitore si riflette sul PDF originale.

In Acrobat selezionare Modifica > Co-

pia file negli appunti, quindi selezionare Incolla speciale nell’applicazione contenitore.

Aggiunta e modifica delle intestazioni e dei piè di pagina Le intestazioni e i piè di pagina sono

Aggiunta Intestazione e piè di pagina

costituiti da informazioni molto utili ri-

portate in ogni pagina del documento. Per inserli in un documento

aperto scegliere Strumenti > Pagine > Intestazione e piè di pagina > Aggiungi intestazione e piè di pagina > specificare le proprietà.

Per conservare dimensioni e posizione dei contenuti selezio-

nare l’opzione Mantieni sempre la stessa posizione e le stesse dimen40


Creazione di Portfolio PDF sioni per il testo dell’intestazione o del piè di pagina durante la stampa su dimensioni di pagine diverse.

Per inserire intestazione e piè di pagina in file non aperti o in

intere cartelle, selezionare Strumenti > Pagine > Intestazione e piè

di pagina > Aggiungi intestazione e piè di pagina , poi nella finestra di dialogo fare clic su Aggiungi file e quindi selezionare i file o trascinare le cartelle nella finestra di dialogo

Aggiornamento, sostituzione e rimozione di tutte le intestazioni e i piè di pagina Per eliminare le intestazioni e i piè di pagina in un PDF scegliere

strumenti > pagine > intestazione e piè di pagina.

Gestione dello sfondo

Aggiungere e modificare gli sfondi Si può aggiungere lo sfondo in modo specifico solo a determinate

pagine o intervalli di pagine in uno o più PDF; da notare che un PDF

supporta solo uno sfondo per pagina ma questi possono variare da una pagina all’altra.

Aggiunta, sostituzione o modifica dello sfondo di un documento aperto Scegliere Strumenti > Pagine > Sfondo > Aggiungi sfondo. Eseguire la

stessa procedura nel caso non ci sia alcun documento aperto. Per ag-

giornare uno sfondo in cui l’immagine originale è stata modificata se41


Capitolo 4

lezionare Strumenti > Pagine > Sfondo > Aggiorna.

Rimuovere uno sfondo

Per rimuovere uno sfondo dalle pagine selezionate scegliere

Strumenti > Pagine > Sfondo > Aggiungi sfondo/Sostituisci > cliccare

su Opzioni > intervallo pagine per specificare l’intervallo di pagine su cui agire.

Per rimuovere lo sfondo da tutte le

pagine scegliere Strumenti > Pagine > Sfondo > Rimuovi.

La filigrana Aggiungere e modificare le filigrane La filigrana può essere un testo o

un’immagine visualizzati davanti o dietro il contenuto del documento. È possibile inseri-

re, ad esempio, una filigrana del tipo “Riser-

vato” per le pagine contenenti informazioni

riservate. Si possono aggiungere più filigrane

Pannello Strumenti per inserimento Sfondo pagina

ad un PDF, ma ognuna va aggiunta separatamente. Si può specificare

la pagina o l’intervallo di pagine su cui visualizzare la filigrana.

42


Creazione di Portfolio PDF Aggiunta e modifica di una filigrana in un documento aperto Scegliere Strumenti > Pagine > Filigrana > Aggiungi filigrana. Per

aggiungere la filigrana soltanto a singole pagine, cliccare su Opzioni > intervallo pagine.

Finestra di dialogo gestione filigrana

Per aggiungere o sostituire una filigrana, senza alcun documento aperto Scegliere Strumenti > Pagine > Filigrana > Aggiungi filigrana > Ag-

giungi file.

Per aggiornare una filigrana Aprire il PDF > Scegliere Strumenti

> Pagine > Filigrana > Aggiorna.

Per rimuovere le filigrane Aprire un PDF o selezionare uno o pi첫

PDF di un portfolio PDF, poi selezionare Strumenti >Pagine > Filigrana > Rimuovi.

43


Capitolo 4

Ritagliare le pagine La finestra Ritaglia pagine permette di regolare l’area della pagina.

Questo strumento permette di creare

uniformità ad un documento PDF formato da pagine con diverse di-

mensioni. Il ritaglio non riduce le dimensioni dei file poiché le infor-

mazioni non vengono rimosse ma vengono solo nascoste dalla vista. Strumento ritaglia

Per ritagliare le aree vuote at-

torno al contenuto della pagina Sele-

zionare Strumenti > Pagine > Ritaglia > scegliere le opzioni desiderate.

Strumento Ritaglia

Ritagliare una pagina con lo strumento Taglierina scegliendo

Strumenti > Pagine > Ritaglia > definire l’area da ritagliare > cliccare due volte nel rettangolo di ritaglio per aprire la finestra di dialogo per impostare le proprietà delle voci indicate di seguito.

Impostazioni della finestra di dialogo Ritaglia pagine Le op-

zioni presenti nella finestra Ritaglia pagine contengono una serie di opzioni per il ritaglio delle pagine.

Le opzioni che riguardano il margine di ritaglio e il controllo del

margine sono: 44


Creazione di Portfolio PDF •

Mostra tutte le caselle per visua-

lizzare i rettangoli neri, rossi, ver-

di e blu che indicano rispettivamente le CropBox, ArtBox, Trim•

Box e BleedBox nelle miniature.

CropBox Determina i limiti al contenuto di una pagina visualiz-

zata o stampata. Se non specificato diversamente i limiti di ritaglio

stabiliscono il posizionamento del •

contenuto sul supporto di output.

lo spazio vuoto.

Impostazioni della finestra di dialogo Ritaglia pagine

ArtBox Permette di definire il contenuto della pagina, compreso TrimBox Permette di definire le misure della pagina dopo il taglio.

BleedBox Definisce l’area di ritaglio nel caso di stampa profes-

sionale per permettere il taglio e la piegatura della carta. I simboli

di stampa potrebbero essere esterni all’area al vivo.

glio affinché tutti i margini abbiano la stessa distanza.

Mantieni proporzioni serve a bloccare le proporzioni del ritaRimuovi margini bianchi ritaglia la pagina lungo il limite della grafica. È utile per tagliare i margini delle diapositive di presentazioni da salvare come PDF.

45


Capitolo 4

Imposta su zero permette di impostare il valore zero come margine di ritaglio.

Ripristina selezione attraverso lo strumento Ritaglio si può ri-

pristinare il margine di ritaglio selezionato.

Per eliminare il ritaglio, utilizzare la finestra di dialogo Imposta

riquadri di delimitazione pagina > Ritaglia pagine > reimpostare i margini come in origine.

Redisporre le pagine in un file PDF Ruotare una pagina È possibile ruotare le pagine di un documento con incrementi di

90 gradi, nelle seguenti modalità: •

Strumenti > Pagine > Ruota

Riquadro di navigazione > pannello Miniature di pagina > Ruota pagine.

Estrarre le pagine in un file PDF permette di riutilizzare le pagi-

ne di un PDF in un PDF differente, esclusi i segnalibri o i thread di articoli.

Per estrarre delle pagine, dopo l’apertura del file, in Acrobat sce-

gliere: Strumenti > Pagine > Estrai > impostare le proprietà preferite. Suddivisione dei PDF in più documenti

Si possono dividere uno o più documenti in documenti di dimen-

sioni minori partendo da un file PDF aperto o chiuso. 46


Creazione di Portfolio PDF Suddividere uno o più PDF con un documento aperto Una volta aperto un PDF e scegliere Strumenti > Pagine > Dividi documento > impostare le proprietà. N. B.: se il documento comprende dei segnalibri, si crea un documen-

to per ogni segnalibro di livello superiore. Per suddividere uno o più PDF, senza un documento aperto, Se-

lezionare Strumenti > Pagine > Dividi documento > Aggiungi file. Spostare o copiare una pagina

È possibile usare le miniature di per copiare o spostare pagine in

un documento e in altri documenti.

Copiare una pagina con Ctrl e trascinare la miniatura nella nuo-

va posizione.

Per copiare una pagina tra due PDF mediante le miniature di pagina aprire i due documenti in visualizzazione affiancata > Aprire i pannelli Miniature di pagina in entrambi > Trascinare la miniatura sul pannello Miniature del documento PDF di destinazione. Sostituire il contenuto di una pagina attraverso Strumenti > Pagine > Sostituisci > impostare le proprietà preferite

Sostituire le pagine mediante una miniatura di pagina apren-

do file che contiene le pagine da sostituire e quello avente le pagine

di sostituzione, poi selezionare una o più pagine tra quelle da copiare e col comando Ctrl+Alt e trascinarle sul pannello Pagine del documento di destinazione, quindi rilasciare il pulsante del mouse.

47


Capitolo 4

Le pagine selezionate nel primo documento sostituiranno la stessa

quantità di pagine nel documento di destinazione. Eliminare le pagine

Per eliminare le pagine selezionare Strumenti > Pagine > Elimina > definire le proprietà.

Non si possono eliminare tutte le pagine perché nel documento ne

deve restare almeno una.

Per eliminare le pagine mediante le miniature di pagina Nel pannello Miniature di pagina, selezionare una pagina o un gruppo di pagine > Elimina pagine Rinumerare le pagine

Quando i numeri di pagina non corrispondono a quelli visualizzati

poiché contengono la pagina introduttiva e il sommario, si possono

usare differenti metodi di numerazione per esempio 1, 2, 3 oppure i, ii, iii o a, b, c.

Il comando Numera pagine funziona esclusivamente sulle minia-

ture e sul pannello Pagine. •

Applicare la numerazione nel seguente modo:

cliccare sul pulsante Miniature di pagina > selezionare Numera pagine dal menu delle opzioni > impostare le opzioni preferite.

48


Creazione di Portfolio PDF

Capitolo 4 Salvataggio ed esportazione di PDF In questo capitolo sono indicate tutte le proprietĂ di ogni formato

immagine in maniera tale da fare la scelta adatta per ogni tipologia di output.

49


Capitolo 4

Salvataggio ed esportazione di PDF Si possono salvare le modifiche di un PDF Adobe o di un portfolio

PDF nel file originale o in una sua copia, è anche possibile salvare PDF con altri formati di file.

Gli utilizzatori di Adobe Reader possono conservare una copia di

un documento PDF o di un portfolio PDF solo se chi l’ha creato ha attivato i diritti d’uso.

Salvare le modifiche in un file Per salvare le modifiche in un file utilizzare il comando File > Salva.

Generare la copia di un PDF

Per generare la copia di un PDF, scegliere File > Salva con nome >

PDF.

Recuperare l’ultima versione salvata Per recuperare l’ultima versione salvata utilizzare il comando File

> Ripristina.

Impostare il salvataggio automatico del file Per impostare il salvataggio automatico del file utilizzare il se-

guente comando: Modifica > Categorie > Preferenze > Documenti > selezionare Salva automaticamente le modifiche apportate al docu-

mento nel file temporaneo e scegliere l’intervallo temporale tra un salvataggio e l’altro.

50


Creazione di Portfolio PDF Diminuire la grandezza del file Per diminuire la grandezza del file durante il salvataggio basta

usare il comando Salva con nome. Con la diminuzione della grandez-

za dei PDF produce miglioramento delle prestazioni dei file lasciando

invariato il contenuto, soprattutto per fruizioni via Web.

Nota: La diminuzione della grandezza di un file avente una firma

digitale prevede la cancellazione della stessa. Ridurre le dimensioni di un file attraverso: File > Salva con nome >

PDF con dimensioni ridotte.

Esportazione di file PDF in altri formati di file Se un PDF viene salvato con un formato immagine, ogni pagina

verrĂ salvata come singolo file.

Finestra di dialogo Salva con nome e scelta dell'estensione

51


Capitolo 4

Per esportare il contenuto in un solo PDF selezionando File >

Salva con nome e scegliere un formato di file.

Nella finestra di dialogo di esportazione ricordarsi di cliccare su

Impostazioni per impostare le opzioni di conversione e cliccare su OK per applicare le impostazioni.

Impostazioni immagini

di

conversione

delle

Opzioni JPEG e JPEG2000 Se il PDF contiene più immagini le stesse si possono esportare se-

paratamente come JPEG, PNG o TIFF scegliendo Elaborazione docu-

mento > Esporta tutte le immagini > Impostazioni, da qui si possono definire le seguenti opzioni: •

Scala di grigi/Colore Stabilisce un’impostazione di compressio-

ne per bilanciare dimensioni e qualità del file. Più piccolo è il file, •

minore è la qualità dell’immagine. Formato:

 Linea di base (standard) che visualizza l’immagine solo dopo averla scaricata totalmente. Il formato JPEG è riconosciuto dalla maggior parte dei browser Web.

52


Creazione di Portfolio PDF  Linea di base (ottimale) ottimizza il colore dell’immagine e diminuisce le dimensioni dei file, ma questo formato non è supportato da tutti i browser Web.

 Progressivo (3 scansioni - 4 scansioni - 5 scansioni) ini-

zialmente scarica l’immagine a bassa risoluzione, poi ne migliora la qualità incrementando man mano che prosegue

lo scaricamento.

Gestione colore

 RGB/CMYK/Scala di grigi permettono di scegliere la ge-

stione del colore da utilizzare per l’output e se incorporare

un profilo ICC.

Conversione

 Spazio colore/Risoluzione Permette di scegliere uno spazio colore e una risoluzione per l’output.

Nota: cliccare su predefiniti per definire le stesse impostazioni per il successivo riutilizzo. •

Estensione d’esportazione Opzioni PNG Il formato PNG è utile per immagini da utilizzare via Web.

Interlacciamento permette di stabilire se l’immagine è interlac-

ciata. Scegliere tra le seguenti opzioni:

53


Capitolo 4

 Nessuno impedisce che un›immagine sia visualizzata nel Web solo dopo il totale scaricamento.

 Adam7 crea un’immagine a bassa risoluzione da visualiz-

zare nel browser mentre si completa lo scaricamento dell’immagine. Questa funzione dà la sensazione che lo sca-

ricamento sia minore e conferma all’utente che il processo è in corso, per contro aumenta le dimensioni del file.

Filtro serve a selezionare un algoritmo di filtraggio tra cui:

 Nessuna che comprimere l’immagine senza alcun filtro. Utile per immagini bitmap

 Orizzontale per migliorare la compressione di immagini con pattern lineari orizzontali

 Rilasciato per migliorare la compressione delle immagini con pattern lineari verticali

 Medio per migliorare la compressione delle imperfezioni facendo una media fra i valori cromatici dei pixel adiacenti

 Riassegnazione serve a migliorare la compressione delle imperfezioni riassegnando i valori dei colori adiacenti

 Adattivo permette di applicare l’algoritmo di filtraggio più adatto all’immagine, è da utilizzare quando si è incerti sul filtro da utilizzare

54


Creazione di Portfolio PDF Opzioni TIFF Il TIFF è un formato bitmap flessibile supportato da tutte le appli-

cazioni di pittura, modifica delle immagini e layout di pagina che determina automaticamente la risoluzione dell’immagine.

Monocromatico permette di specificare un formato di compres-

sione. Il formato predefinito è CCITTG4 che produce dimensioni minori, così come la compressione ZIP. Opzioni Microsoft Word e RTF

Si può esportare un PDF con formato Word (DOCX o DOC) o Rich

Text Format (RTF). Le opzioni disponibili sono:

 Mantieni testo scorrevole per conservare la scorrevolezza del testo

 Mantieni layout pagina per conservare il layout della pagina

 Includi commenti per esportare anche i commenti nei file di output

 Includi immagini per esportare anche le immagini nel file di output.

 Esegui OCR se necessario serve a riconoscere il testo qualora il PDF comprenda immagini con testo

 Imposta lingua permette di impostare la lingua per l’OCR.

Opzioni fogli di calcolo e HTML  Includi immagini stabilisce se nell’esportazione del PDF in HTML devono essere incluse le immagini.

55


Capitolo 4

 Esegui OCR se necessario serve a far riconoscere il testo qualora il PDF comprenda immagini con testo.

 Imposta lingua determina la lingua da utilizzare per l’OCR.

 Opzioni PostScript o Encapsulated PostScript (EPS) Un PDF in PostScript si può utilizzare per le applicazioni di stampa e di prestampa e include i commenti sulle convenzioni di strutturazione dei documenti (DCS) insieme ad al-

tre informazioni custodite da Adobe Acrobat Distiller. In caso di file EPS creati per le separazioni, tutti gli spazi di colore devono essere in quadricromia.

Opzioni testo e XML

Codifica è riferito ai valori binari utilizzati per rappresentare i ca-

ratteri. UTF-8 è una rappresentazione Unicode che combina uno o

più byte a 8 bit per ciascun carattere, invece UTF- 16 rappresenta i

caratteri che utilizzano i byte a 16 bit.

 ISO-Latin-1 rappresenta i caratteri a 8 bit e costituisce un superset di ASCII.

 UCS-4 è un Universal Character Set codificato in 4 ottetti.

HTML/ASCII è una rappresentazione dei caratteri creata da

ANSI a 7 bit. Scegliendo Usa tabella mappatura predefinita

si utilizza la codifica predefinita contenuta nella cartella Plug-ins/SaveAsXML/MappingTable.

56


Creazione di Portfolio PDF  Genera segnalibri permette di creare link segnalibri per contenuti di documenti HTML o XML, tali link sono poi inseriti all’inizio del documento HTML o XML ottenuto.

 Genera tag per file senza tag genera tag per file che ne sono sprovvisti come ad esempio i PDF creati mediante la

versione Acrobat 4.0 o precedenti. Se l’opzione non è selezionata, i file sprovvisti tag non vengono convertiti.

 Genera immagini monitorizza la conversione delle imma-

gini, ai file ottenuti si fa riferimento dall’interno mediante documenti XML e HTML.

 Usa sottocartella Permette di stabilire in quale cartella

memorizzare le immagini ottenute. Per default la cartella predefinita è Immagini.

 Usa prefisso serve a specificare il prefisso da aggiungere ai nomi dei file qualora se ne disponga di diverse versioni. Il formato dei nomi dei file è: nomefile_img_#.

 Formato output Stabilisce il formato output delle immagini, sebbene di default è JPG.

 Downsampling viene eseguito su file di immagine in base alla risoluzione specificata. Se questa opzione non è selezio-

nata, i file avranno la stessa risoluzione del file di origine. L’upsampling dei file di immagine non viene mai eseguito.

57


Capitolo 4

Convertire i PDF in Word, RTF, fogli di calcolo o altri formati Con il comando Salva con nome si può convertire un PDF nel for-

mato Microsoft Word o Rich Text Format per scambiare i contenuti tra applicazioni di elaborazione del testo. Il file ottenuto dopo l’esportazione di un PDF non è mai uguale al file di origine, infatti al-

cune informazioni potrebbero perdersi durante la conversione. È anche possibile esportare un PDF come foglio di calcolo per Excel.

Riutilizzare il contenuto PDF Selezionare e copiare il testo

Lo strumento Selezione permette di selezionare del testo sia oriz-

zontale che verticale. Utilizzando i comandi Copia, Copia con format-

tazione e Incolla si può copiare il testo selezionato in un’altra applicazione, facendo le seguenti considerazioni: •

per esportare il testo di un’immagine in un formato di testo sele-

zionabile, utilizzare Strumenti > Riconosci testo > in questo file;

se alla selezione del testo non sono disponibili i comandi Taglia,

Copia, Copia con formattazione e Incolla, probabilmente l’autore

del PDF ha impostato restrizioni per impedire che il testo venga •

copiato;

se il testo da copiare possiede un font non disponibile sul sistema tale il font sarà sostituito da uno simile o da un font predefinito.

58


Creazione di Portfolio PDF Selezionare tutto il testo in una pagina attraverso il comando Mo-

difica > Seleziona tutto.

Copiare il testo selezionato con lo strumento Selezione catturare

la quantità di testo desiderata poi cliccare sul comando Copiare il testo nei seguenti modi: •

Modifica > Copia per copiare il testo in un altro programma;

cliccare con il tasto destro del mouse sul testo selezionato, poi scegliere Copia o Copia con formattazione.

Convertire il contenuto selezionato in altri formati Copiare immagini Si possono copiare e incollare immagini presenti in un PDF negli

Appunti, in un’altra applicazione o in un altro file grazie allo strumento Selezione. È anche possibile scegliere una delle seguenti procedure: •

selezionare una porzione d’immagine, posizionarci sopra il pun-

tatore finché non diventa a forma di croce, quindi definire un ret-

tangolo attorno alla parte da copiare e utilizzare il comando Mo-

difica > Copia, poi il comando Modifica > Incolla, da eseguire

nell’applicazione che si desidera;

59


Capitolo 4

cliccare con il tasto destro del mouse sull’immagine e selezionare un’opzione per copiare l’immagine negli Appunti o in un nuovo documento.

Effettuare uno snapshot di una pagina Lo strumento Snapshot permette di copiare il contenuto selezio-

nato negli Appunti o in un’altra applicazione, con questo comando testo e grafica vengono copiati come immagine. Scegliere

un’istantanea

lo

>

strumento

Snapshot

selezionare

l’area

con

da

Modifica

copiare.

> Scatta

Concludere

l’operazione aprendo il file in cui devono essere destinati gli appunti e incollare.

60


Creazione di Portfolio PDF

Capitolo 5 Collaborazione In questo capitolo viene trattato l’argomento di collaborazione tra piÚ utenti che partecipano alla revisione di un documento.

61


Capitolo 5

Collaborazione Si possono revisionare diversamente i vari contenuti di un file di-

stribuendo ad altri utenti una versione originale del file. Ogni reviso-

re aggiunge i suoi commenti al PDF con gli strumenti Commenti e Marcatura. Nelle revisioni condivise ognuno può pubblicare com-

menti un un’area di lavoro condivisa da dove può anche visualizzare e rispondere ai commenti degli altri.

Condivisione tempo reale

file

e

collaborazione

in

Condividere i file tramite SendNow online È possibile caricare

e condividere su Acrobat.com diversi tipi di file. Aprire il riquadro attività di condivisione scegliendo File > Invia file > Condividi file tramite SendNow online.

Finestra di dialogo condivisione PDF

62


Creazione di Portfolio PDF Condividere i file tramite e-mail è possibile aprendo il riquadro

delle attività di condivisione e scegliendo File > Allega a e-mail.

Collaborare con altri utenti in un PDF è utile per rivedere un

PDF in una sessione online condivisa con uno o più utenti, dove i partecipanti accedono ad un documento con una finestra di chat live.

Per avviare una sessione di collaborazione in tempo reale

scegliere Commento > Revisione > Collabora in tempo reale.

Preparare la revisione di un PDF

Avvio di una revisione attraverso il comando Commento > Revi-

sione > Invia per revisione condivisa. Revisionare tramite e-mail

Avviare una revisione tramite e-mail con il comando Commento >

Revisione > Invia per revisione tramite e-mail. Unire i commenti

Una volta ricevuti i commenti, è possibile unirli nel PDF principale.

Una volta ricevuta l’e-mail con l’allegato contenente i commenti

del revisore, aprire il documento con l’applicazione appropriata, a quel punto sul sistema del primo utente a lavorare sulla revisione si

visualizza la finestra di dialogo di unione dei commenti. Procedere scegliendo una delle opzioni seguenti: •

Sì Apre la copia originale del PDF in cui tutti i commenti vengono uniti, bisogna poi salvare il PDF principale.

63


Capitolo 5

Apri solo questa copia Apre solo la copia con i suoi commenti. Con questa opzione è possibile unire i commenti attraverso:

Commenti > Unisci commenti nel PDF principale.

Annulla Chiude il PDF del revisore con i commenti.

Creazione commenti

Gli strumenti di annotazione e marca-

tura grafica (riquadro Commenti) permettono di aggiungere commenti.

Gran parte dei commenti è formato da

due elementi: l’icona o marcatura, che si visualizza nella pagina e il messaggio di te-

sto presente in un’area che appare al clic o doppio clic sull’icona stessa o posizionan-

doci sopra il puntatore.

Un commento rimane selezionato fin-

ché non si seleziona un qualsiasi altro punto della pagina.

Mostrare gli strumenti di annotazione e marcatura grafica

Finestra di dialogo laterale Commento e Revisione

Gli strumenti di annotazione e marcatura grafica sono visualizzati

solo quando si apre un PDF in un flusso di lavoro di revisione gestita.

64


Creazione di Portfolio PDF Cliccare sul riquadro delle attività relative ai commenti per poi at-

tivare i pannelli degli strumenti di annotazione e marcatura grafica scegliendo: •

Commento > Annotazioni

Commento > Marcature grafiche

Impostare le Preferenze di Creazione commenti Le impostazioni di creazione dei commenti influenzano sia

sull’aspetto che la visualizzazione di annotazioni e marcature nei

PDF. In Preferenze > Categorie, scegliere Creazione commenti e definire le preferenze considerando: •

Carattere, dimensioni In Window si possono scegliere il font e la sua dimensione nelle note a comparsa. In Mac OS si possono solo

selezionare le scelte Grande, Medio o Piccolo relative al font.

Opacità Pop-Up Determina la trasparenza delle note a comparsa con valori che vanno da 1 a 100, dove 100 rende la nota opaca e i

valori più bassi la rendono più trasparente.

Abilita indicatori testo e suggerimenti serve a mostrare un suggerimento quando il puntatore viene posizionato su un com-

mento possiede una nota a comparsa. Il suggerimento è selezio-

nato per impostazione predefinita e contiene il nome dell’autore, •

lo stato del commento e due righe di testo.

Stampa di finestre a comparsa e note Determina la stampa di

note a comparsa associate ai commenti e di icone relative ad alle-

65


Capitolo 5

gati cosÏ come appaiono sulla pagina (è anche possibile stampare

il testo dei commenti in vari layout scegliendo File > Stampa e cliccando su Riepiloga commenti).

Eliminare le marcature di testo dopo aver selezionato la marca-

tura premere Canc.

Evidenziare, barrare o sottolineare il testo per aggiungere

commenti con o senza note, utilizzando la procedura: Commento >

Annotazioni poi attivare lo strumento Evidenzia testo, Barra testo o Sottolinea testo .

Timbrare un documento strumento Timbro Timbrare

un

con

lo

docu-

mento con lo strumento

Timbro, per utilizzarlo

come nei documenti cartacei

tradizionali,

sce-

gliendolo da un elenco di timbri predefiniti o, in al-

ternativa,

creando

timbri personalizzati.

dei

Gestione comandi strumento Timbro

Aprire e applicare la palette Timbri Selezionare Commenti > Annotazioni > Timbri > Mostra palette

timbri > cliccare sullo strumento Timbro > cliccare sulla pagina del 66


Creazione di Portfolio PDF documento destinataria del timbro o tracciare un rettangolo median-

te trascinamento del mouse per stabilire dimensioni e collocazione del timbro.

Modificare l’opacità o il colore del timbro della nota a com-

parsa cliccando con il tasto destro del mouse, quindi selezionare Proprietà. Nella scheda Aspetto, definire l’opacità o il colore. Timbro personalizzato

Creare un timbro personalizzato selezionando Commenti > Annota-

zioni > Timbri > Mostra palette timbri > selezionare voce funzione.

Aggiungere una linea, una freccia o una forma selezionando

Commenti > Marcature grafiche > scegliere quindi uno strumento.

Modificare le proprietà agendo con il tasto destro del mouse

sull’oggetto da modificare.

Aggiungere una casella di testo selezionare Commenti > Marca-

ture grafiche > Aggiungere una casella di testo > Digitare il testo.

Aggiungere un callout scegliere Commenti > Marcature grafiche

> Strumento Callout .

Aggiungere un commento audio tramite lo strumento Allega

commento audio è possibile aggiungere un file WAV o AIFF.

Aggiungere un commento audio preregistrato e non scegliere

Commenti > Annotazioni > Registra audio e cliccare sul punto in cui 67


Capitolo 5

si vuole collocare il commento audio, quindi cliccare su Sfoglia e individuare il file audio da inserire.

Aggiungere commenti in un file allegato selezionare Commenti

> Annotazioni > Allega file.

Incollare immagini come commenti con lo strumento Incolla

immagine dagli Appunti come timbro si possono aggiungere imma-

gini a un PDF. Per farlo, eseguire la procedura: Modifica > Scatta

un’istantanea > un’immagine dal PDF > Aprire PDF > scegliere Com-

menti > Annotazioni > Timbri > Incolla immagine dagli Appunti come strumento timbro.

Aprire l’elenco dei commenti scegliendo: Commenti > Elenco

commenti > definire le opzioni desiderate.

Ordinare i commenti scegliendo: Commenti > Elenco commenti

> Ordina per nell’elenco dei commenti.

Filtrare i commenti I commenti si possono mostrare o nasconde-

re in base alla tipologia, al revisore (autore), allo stato o allo stato controllato. Il filtraggio influenza l’aspetto dei commenti nella finestra del documento e nell’Elenco commenti. Si può scegliere se stampare o riepilogare i commenti nascosti.

Per nascondere tutti i commenti, scegliere Nascondi tutti i com-

menti o

utilizzare Ctrl+Maiusc+8 (per Windows) o Coman-

do+Maiusc+8 (Mac OS). 68


Creazione di Portfolio PDF Per filtrare i commenti selezionare le categorie da visualizzare, poi

scegliere da Tipo la tipologia, ad esempio Note, in modo che vengano

visualizzati solo i commenti nota, quindi scegliere: Controllati / Non controllati.

Per rimuovere un filtro selezionare Tutto per le categorie nascoste

o scegliere Revisore > Tutto per cancellare anche le note nascoste di un revisore.

Rispondere ai commenti Le risposte ai commenti sono molto utili per le revisioni condivise,

perché permettono ai partecipanti di leggere i commenti degli altri. Rispondere nella nota a comparsa

Nell’elenco dei commenti aprire la nota a comparsa e scegliere Ri-

spondi dal menu Opzioni, poi digitare la risposta nella casella che appare.

Rispondere nell’elenco dei commenti Selezionare un commento nell’elenco dei commenti. Scegliere Ri-

spondi dal menu Opzioni. Digitare la risposta nella casella visualizza-

ta.

Eliminare una risposta cliccando con il tasto destro del mouse

sulla risposta, successivamente scegliere Elimina.

Trovare un commento permette di rintracciare un commento

nell’elenco dei commenti tramite una parola o una frase specifica.

69


Capitolo 5

Scegliere Commento > Elenco commenti per accedere all’elenco

dei commenti, poi nel campo Cerca, specificare la parola o la frase da ricercare.

Eliminare i commenti Non è possibile eliminare i commenti di altri

revisori o i commenti bloccati, per tutti gli altri: •

indicare il commento e premere Canc.

selezionare i commenti da eliminare dall’elenco e scegliere Elimi-

na dal menù delle opzioni.

Importazione commenti

ed

esportazione

dei

I commenti si possono importare da un documento PDF o da un fi-

le FDF (Forms Data Format) o da un file XFDF, ossia un file FDF basa-

to su XML. Non si possono aprire e visualizzare i file FDF o XFDF da soli.

Nel documento in cui sono presenti i commenti, dal menù Opzioni

nell’Elenco commenti, selezionare Importa file di dati > Selezionare Tutti i file (*.*) dal menu.

Esportare i commenti in un file di dati Esportare i commenti in un file di dati dalle opzioni dell’Elenco

commenti, selezionare Esporta tutto nel file di dati.

70


Creazione di Portfolio PDF Esportare commenti in Word A volte i revisori aggiungono commenti a un PDF nato da un do-

cumento di Microsoft Word. Il documento Word originale si può rivedere esportando i commenti dal PDF.

La formattazione aggiunta ai commenti viene persa durante il

processo di esportazione. Scegliere una delle seguenti modalità:

dalle opzioni nell’Elenco commenti, selezionare Esporta in Word

aprire il documento in Word, poi scegliere Commenti di Acrobat >

Importa commenti da Acrobat > procedere secondo le istruzioni.

71


Capitolo 6

72


Creazione Moduli PDF

Capitolo 6 Moduli

In questo capitolo è riportata la procedura per la creazione ed elaborazione di moduli PDF destinati alla compilazione da parte degli utenti.

73


Capitolo 6

I Moduli I moduli si possono compilare con Acrobat X Pro o con Adobe

Reader, o ancora si possono creare moduli statici o interattivi per semplificare il processo di acquisizione e raccolta dati.

Con Modifica > Preferenze > Moduli verificare i diversi aspetti

dell’interazione con i campi prima di iniziare a creare il modulo.

Impostazione delle Preferenze dei Moduli

La finestra di dialogo Preferenze Nella finestra di dialogo Preferenze, scegliere la voce Moduli a si-

nistra, queste sono divise in tre sezioni: Generali, Colore evidenziazione e Completa automaticamente. Generali

ďƒ˜ Calcola automaticamente valori campo permette di calcolare i campi quando l’utente immette i valori.

74


Creazione Moduli PDF

 Mostra rettangolo di selezione evidenzia il campo modulo selezionato.

 Mostra indicatore overflow campo testo fa visualizzare un segno più (+) nei campi che superano i limiti di contenuto.

 Nascondi sempre la barra dei messaggi del documento dei moduli Nasconde di default la barra dei messaggi del do-

cumento dei moduli all’apertura in Adobe Reader di un modu-

lo PDF tranne se che la barra dei messaggi del documento

presenta il pulsante Invia modulo, in questo caso non si può nascondere la barra dei messaggi.

 Mostra anteprima campo durante la creazione o la modifica dei campi modulo Permette di visualizzare l’anteprima già durante la creazione o la modifica di un campo modulo.

 Gestisci parametri codice a barre Permette l’apertura di

una finestra di dialogo avente un elenco di elementi codice a

barre, come Nome set di parametri, Simbologia e lo stato In-

corporato per ogni elemento. Comprende i pulsanti: Nuovo, Modifica, Elimina, Importa ed Esporta.

Colore evidenziazione  Mostra colore bordi al passaggio del mouse per i campi Permette di evidenziare un contorno nero attorno al campo modulo quando il puntatore del mouse passa su di esso.

75


Capitolo 6

 Colore evidenziazione campi Permette di aprire un seletto-

re colore per scegliere il colore dei campi modulo evidenziati.

L’evidenziazione si applica al clic sul comando Evidenzia campi esistenti sulla barra dei messaggi del documento.

 Colore evidenziazione campi obbligatori Permette di aprire un selettore colore per scegliere il colore dei bordi dei campi modulo da compilare. Il bordo si colora nei campi obbligatori dopo aver tentato di inviare il modulo.

Completa automaticamente

Menu Completa automaticamente Permette di visualizzare tre op-

zioni per il completamento automatico: Disattivato, Base o Avanzate.

 Ricorda dati numerici Ricorda le voci numeriche immes-

se in precedenza alla digitazione dello stesso carattere iniziale in un campo. Se deselezionato, il completamento automatico suggerisce solo il testo. È una funzione disponibile solo quando è selezionata l’opzione Base o Avanzate.

 Modifica elenco voci Permette di visualizzare le voci salvate nella memoria della funzione di completamento automatico.

Creazione Moduli

Un modulo PDF può contenere elementi tra cui Codici a barre,

Pulsanti, Caselle di controllo, Campo firma digitale, Barra dei mes-

saggi del documento, Elenco a discesa, Caselle di riepilogo, Pulsanti di scelta, Campi di testo. 76


Creazione Moduli PDF

Creare moduli tramite Acrobat Si può convertire un docu-

mento elettronico esistente o acquisire un documento cartaceo attraverso una scansione, per ot-

tenere un modulo PDF al quale aggiungere campi interattivi op-

pure attraverso l’uso di Adobe FormsCentral

Finestra di dialogo scelta creazione Modulo

Scegliere File > Crea > Modulo PDF > Da zero o tramite documento

esistente.

Creare un modulo da zero

permette di disegnare un modulo

partendo da un foglio bianco oppu-

re da un modello predefinito attra-

verso l’uso dell’applicativo Adobe Forms Central

Creare da documento esisten-

te permette di creare un modulo

PDF importando un file esistente di

Pannello strumenti per firma PDF altri utenti

Word.

77


Capitolo 6

Inviare moduli tramite EchoSign Per inviare moduli tramite EchoSign permette di inviare un modu-

lo ad altri utenti per la firma, e monitorare l’intero processo.

Scegliere Pannello Firma > Firma di altri utenti richiesta > Invia

per firma.

Note: i documenti inviati e firmati verranno archiviati all’interno

dei server del sistema usato e resi visibili all’interno della piattaforma attraverso l’attivazione di un account.

Abilitare il salvataggio di dati dei moduli per gli utenti Reader Di norma, non si possono salvare copie compilate di moduli, tutta-

via è possibile permettere agli utenti di effettuare questa operazione

con la seguente modalità: scegliere il File PDF di interesse > Salva come altro > PDF con funzionalità avanzata > Abilita altri strumenti.

Abilitazione avanzata salvataggio dati inseriti in PDF

78


Creazione Moduli PDF

Impostare l’ordine di tabulazione tra i campi modulo L’ordine di tabulazione permette di stabilire quale campo deve essere attivato per la compilazione quando si preme il tasto TAB della tastiera Visualizzare l’ordine di tabulazione per i campi

Per visualizzare l’ordine di tabulazio-

ne per i campi, scegliere Moduli > passa-

re alla modalità Modifica > Task > Altri

task > Modifica campi > Mostra numeri

di tabulazione e scegliere un’opzione di

Attivazione Altri Task per definizione ordine tabulazione

Ordine di tabulazione proposta.

Proprietà dei campi modulo PDF Il corretto funzionamento di un campo modulo è determinato dal-

le proprietà associate. È possibile modificare le proprietà dei campi modulo aprendo la finestra di dialogo proprietà mediante il menù di scelta rapida, al quale si accede premendo il tasto destro del mouse. •

La finestra di dialogo proprietà presenta diverse schede: Scheda Generali

 Nome: indica il nome univoco del campo modulo in questione.

79


Capitolo 6

 Suggerimento: contiene un testo che l’utente inesperto può

trovare utile per riempire il campo modulo, questo testo viene mostrato quando il puntatore si trova temporaneamente sul campo modulo.

 Campo modulo: indica se è possibile vedere il campo

modulo,

sullo

schermo o in stampa. Le varianti possibili sono:

Visibile, Nascosto, Visibi-

le ma non stampabile e Nascosto ma stampabile.

 Orientamento: permette

Finestra di dialogo Campo modulo

di ruotare il campo modulo di 0, 90, 180 o 270 gradi.

 Sola lettura: impedisce qualunque modifica al contenuto del campo modulo.

 Richiesto: obbliga alla compilazione del campo modulo sele-

zionato, se non compilati questo tipo di campi, all’invio del modulo fanno visualizzare un messaggio di errore e tale cam-

po richiesto viene evidenziato.

Scheda aspetto per proprietà dei campi modulo

 Colore bordo permette di scegliere un colore per il riquadro del campo, nessun colore lascia il campo senza riquadro.

80


Creazione Moduli PDF

 Spessore linea definisce la larghezza del riquadro attorno al campo che può essere: Sottile, Medio o Spesso.

 Colore di riempimento permette di scegliere un colore per lo sfondo del campo. Nessun colore lascia il campo non colorato.

 Stile linea Cambia l’aspetto del riquadro variando tra: Uniforme, Tratteggiato, Smussato, Rilievo o Sottolineato.

 Dimensioni font stabilisce la dimensione del testo con cui verrà riempito. L’opzione Automatico mentre si digita le di-

mensioni del font variano per adattare il testo allo spazio.

 Colore testo permette di selezionare un colore per il testo o il marcatore della selezione.

 Font contiene l’elenco di font disponibili sul pc. È un opzione •

non disponibile per i campi che non contengono testo.

Scheda opzioni per proprietà dei campi modulo

 Allineamento allinea il testo a sinistra, a destra o al centro del campo.

 Valore predefinito è il testo che si visualizza finché l’utente non lo sovrascrive.

 Multiriga Permette di inserire un testo maggiore di una riga nel campo.

 Scorri testo lungo permette al testo di estendersi oltre i limiti del campo testo.

81


Capitolo 6

 Consenti RTF Permette agli utenti di applicare stili di testo,

come il grassetto e il corsivo. È utile in campi testo contenenti informazioni importanti.

 Limiti di caratteri non consente un numero di caratteri superiore a quello stabilito.

 Password Visualizza il testo immesso con una serie di asterischi (*).

 Il campo è utilizzato per la selezione dei file Vi si può immettere il percorso del file come valore, si usa quando insieme al modulo viene inviato un file. Questa opzione è disponi-

bile solo se Scorri testo lungo è l’unica opzione attiva nella scheda Opzioni.

 Controllo ortografia Controlla l’ortografia del testo immesso.

 Combinazioni di caratteri Distribuisce il testo immesso per •

tutta la larghezza disponibile nel campo.

Scheda azioni (trigger) per proprietà dei campi modulo

 Seleziona trigger Specifica quale azione dell’utente avvia un’azione: Mouse rilasciato, Mouse premuto, Mouse dentro, Mouse fuori, Selezionato o Non selezionato.

 Seleziona azione Stabilisce l’evento che accade quando

l’utente compie l’azione: Esegui una voce di menù, Vai a visua-

lizzazione 3D/multimediale, Vai a vista pagina; Importa dati modulo, Operazione multimediale (Acrobat 9 e versioni suc82

cessive), Apri un file, Apri un link Web, Riproduci suono, Ri-


Creazione Moduli PDF

produci multimedia (compatibile con Acrobat 5), Riproduci

multimedia (compatibile con Acrobat 6 e successive), Leggi un articolo, Reimposta un modulo, Esegui un JavaScript, Imposta visibilità di livello, Mostra/Nascondi campo e Invia modulo.

 Aggiungi Apre una finestra per l’azione selezionata.

 Azioni Visualizza l’elenco di trigger e azioni definite.

 Pulsanti Su e Giù cambiano l’ordine di visualizzazione dell’azione selezionata.

 Modifica fa aprire una finestra con opzioni relative all’azione indicata.

 Elimina rimuove l’azione selezionata o la coppia triggerazione.

Scheda formato per associare un formato specifico al testo.

te dell’utente.

Scheda convalida per controllare l’inserimento dei valori da parScheda calcolo per proprietà dei campi modulo.

La scheda Calcolo è presente nelle finestre di dialogo Proprietà

soltanto per campi di testo e caselle di riepilogo a cascata. Utilizzare queste opzioni per eseguire operazioni matematiche su voci di campi modulo esistenti e visualizzare il risultato.

 Il valore non è calcolato attivare questa opzione se l’utente deve digitare.

83


Capitolo 6

 Il valore è utilizzare questa opzione per attivare ulteriori opzioni:

 Menù a comparsa Elenca le funzioni matematiche che è possibile applicare ai campi selezionati.

 Seleziona contiene un elenco dei campi disponibili nel

modulo da scegliere per aggiungerli o rimuoverli dal calcolo.

 Notazione campo semplificata Utilizza JavaScript con i nomi campo e i segni aritmetici semplici. Con il pul-

sante Modifica si apre una finestra di dialogo in cui è possibile scrivere, modificare e aggiungere script.

Nota: nei nomi dei campi viene fatta distinzione fra maiuscole

e minuscole.

 Script di calcolo personalizzato Visualizza gli script personalizzati aggiunti per il calcolo.

Compilazione e invio di moduli PDF I moduli non interattivi, o semplici, possono

anche essere stampati e compilati manualmente.

In alternativa si può utilizzare lo strumento

Typewriter (Riquadro Firma > Firma propria ri-

chiesta > Aggiungi testo) per aggiungere le in-

formazioni nei campi modulo vuoti. 84

Riquadro Firma propria richiesta


Creazione Moduli PDF

All’occorrenza, attivare lo strumento Selezione > Dopo avere effet-

tuato una selezione o avere inserito il testo, procedere in uno dei seguenti modi: •

premere Tab o Maiusc+Tab o il tasto freccia Su o Sinistra;

premere Esc per annullare la modifica e selezionare il campo mo-

dulo corrente. Con la visualizzazione a schermo intero, premendo per la seconda volta il tasto Esc si disattiva tale modalità.

Cancellare i dati di un modulo in un browser

Cliccare sul pulsante Reimposta modulo, se disponibile. Questa è

un’operazione irreversibile. In alternativa chiudere e riavviare il browser.

Cancellare le voci modulo non salvate Scegliere File > Ripristina. • • • •

Dopo aver compilato i campi modulo, è possibile: cliccare sul pulsante Invia modulo;

file > Salva con nome o Salva una copia; esportare i dati del modulo; stampare il modulo.

Distribuzione di moduli PDF Dopo aver compilato i campi modulo, scegliere un metodo per in-

viarlo ai destinatari.

85


Capitolo 6

Strumenti > Moduli > Distribuisci e scegliere uno tra i metodi di

seguito indicati: •

• •

86

Adobe FormsCentral E-mail

Server interno


Impostazioni di protezione

Capitolo 7 Protezione La protezione permette di salvaguardare l’integrità del contenuto. In questo capitolo verrà trattata l’applicazione della protezione delle applicazioni e dei contenuti.

87


Capitolo 7

Protezione delle applicazioni Proteggere le applicazioni implica la personalizzazione delle fun-

zioni di protezione di Acrobat e Reader contro attacchi dannosi e ri-

schi vari. Attivare la protezione avanzata con Modifica > Preferenze > Categorie > Protezione (avanzata).

Impostazione delle Preferenze di Protezione avanzata

Abilitare o disabilitare Vista protetta Per attivare la Vista protetta che di default in Acrobat è disattivata,

selezionare Modifica > Preferenze > Categorie > Protezione (Avanzata) e scegliere l’opzione Abilita la protezione avanzata.

Aprendo il File da posizioni potenzialmente insicure si abilita la Vi-

sta protetta e si visualizza un messaggio relativo a tutti i file originati in posizioni non sicure. Sono esclusi dalla visualizzazione in Vista pro-

tetta i file e le posizioni aggiunti all’area Posizioni privilegiate del pannello Protezione avanzata. 88


Impostazioni di protezione

Consentire o bloccare collegamenti a Internet nei PDF È possibile consentire o bloccare collegamenti a Internet nei PDF che

implicano l’esposizione a rischi. Alcuni siti Web possono trasferire con-

tenuto pericoloso o acquisire dati automaticamente. In caso di dubbi a tal proposito, è possibile configurare in Acrobat e Reader un avviso che si visualizza non appena un PDF tenti la connessione ad un sito Internet.

Per farlo selezionare Modifica > Preferenze > Gestore affidabilità > Mo-

difica impostazioni, quindi scegliere tra le opzioni presenti.

Apertura di Allegati Gli allegati costituiscono un rischio potenzia-

le per la sicurezza perché possono contenere contenuti dannosi, attivare l’apertura di file rischiosi o l’avvio di applicazioni. In Acrobat si pos-

sono aprire e salvare gli allegati di file PDF e FDF e i file con estensione

.bin, .exe, .zip e .bat vengono riconosciuti come minacce, in conseguenza

questi tipi di file non possono essere allegati; per ovviare al problema gli amministratori possono modificare la blacklist o la whitelist mediante il registro, allegando lo stesso file e provando ad aprirlo.

Protezione dei contenuti

La protezione dei contenuti avviene grazie a funzioni come: firme

digitali, cifratura e autorizzazioni per assicurare l’integrità dei dati. Apertura di documenti protetti

In Acrobat si visualizza un messaggio quando si tenta di aprire un

URL o un allegato contenente una tipologia di file non consentita che

89


Capitolo 7

potrebbe causare il trasferimento o l’esecuzione di programmi, macro o virus che possono danneggiare il computer.

Visualizzare le impostazioni di protezione di un documento

attraverso File > Proprietà in Acrobat o Reader > Protezione. Se si manifestano problemi all’apertura di un PDF o non è permesso utiliz-

zarne alcune funzioni, chiedere all’autore del documento.

Un PDF protetto da password necessita della stessa per l’apertura, la

modifica o la rimozione delle operazioni con restrizioni dove le opzioni e gli strumenti relativi alle stesse non sono disponibili.

Certificazione

La certificazione garantisce al destinatario che un documento è

autentico. Le firme di certificazione contengono anche i dati utili per consentire o vietare l’esecuzione di azioni specifiche quali la compilazione dei moduli e la modifica del documento. Inviando un modulo

certificato, si è certi della sua restituzione all’autore valido, in questi documenti si visualizza un’icona con un nastro blu. Scelta di un metodo di protezione

La protezione dei documenti limita la visualizzazione, la modifica e

la stampa soli agli utenti specificati. Scegliere il tipo di protezione da utilizzare che può variare da misure abbastanza semplici a sistemi sofisticati.

La scelta delle funzioni dipende dallo scopo che si vuole persegui-

re. Ecco alcuni esempi:

90


Impostazioni di protezione

Si desidera consentire la visualizzazione del PDF solo ad alcune persone: per farlo bisogna assegnare una password al PDF e comuni-

carla solo ai destinatari scelti.

Si desidera vietare a chiunque di stampare o modificare il PDF: si

possono bloccare le operazioni di stampa e modifica dalla stessa •

finestra utilizzata per aggiungere la password.

Si desidera fare in modo che i destinatari siano certi che il PDF pro-

viene realmente dall’utente: è possibile acquistando un ID digitale

da un’autorità di certificazione, o se le comunicazioni sono interne

ad un gruppo affidabile, si può creare un ID digitale autofirmato.

Si desidera disporre di una soluzione per PDF utilizzabile in tutta l’organizzazione: alcune organizzazioni usano Adobe LiveCycle Rights Management ES per applicare una policy ai documenti con-

tenente l’elenco di destinatari e le relative autorizzazioni individuali.

Protezione richiesta Proteggere un PDF all’apertura mediante aggiunta di password Per proteggere un PDF all’apertura mediante aggiunta di password

con Strumenti > Protezione > Limita modifica e impostare la password desiderata.

Per cifrare un PDF selezionare Strumenti > Protezione > Cifra >

Cifra con password.

91


Capitolo 7

Per rimuovere la protezione tramite password scegliere Stru-

menti > Protezione > Cifra > Rimuovi.

Firmare e certificare il PDF aggiungendo firme digitali, dopo aver

ottenuto un ID digitale acquistandolo o creandolo autofirmato.

Inviare file allegati protetti tramite e-mail utilizzando buste di

protezione con la procedura: Strumenti > Protezione > Maggiore protezione > Crea busta di protezione.

Protezione dei documenti tramite certificati La firma digitale consente di verificare la

provenienza di un documento. La cifratura garantisce la visualizzazione dei contenuti solo da parte del destinatario designato.

Proteggendo un PDF mediante certificato,

si stabiliscono i destinatari e il livello di accesso al file per ogni destinatario o gruppo.

Cifrare un PDF o un portfolio PDF con

un certificato cifrare più PDF con la funzio-

ne Azione guidata (da Strumenti > Azione

Riquadro attività Strumenti di Protezione

guidata) per applicare una sequenza.

Aggiungere un certificato da una firma digitale in un PDF me-

diante la verifica dell’impronta digitale con l’autore del certificato. 92


Impostazioni di protezione

Aprire il PDF contenente la firma > attivare il riquadro attività

Firma e selezionarne una. Nel menù delle opzioni scegliere Mostra proprietà firma, poi selezionare Mostra certificato. Se il certificato è

autofirmato bisogna contattare l’autore del certificato per verificare la correttezza dei valori nella scheda Dettagli.

Considerare affidabile il certificato solo se i valori corrispon-

dono ai valori del creatore, se la condizione è presente cliccare sulla scheda Affidabilità e poi su Aggiungi a identità affidabili, quindi con-

fermare in Importa impostazioni contatto, specificare le opzioni di affidabilità e confermare ancora.

Per verificare le informazioni relative a un certificato di un contatto scegliere il riquadro Strumenti > Firma e certificazione > Altre firme e certificazioni > Gestisci identità affidabili. Creare o aggiungere un ID digitale autofirmato

Solitamente le operazioni riservate fra aziende necessitano di un

ID rilasciato da un’autorità di certificazione.

Per inserire un ID digitale autofirmato attivare il Riquadro Fir-

ma > Utilizzare i certificati > Firma con certificato > disegnare un rettangolo nella posizione de documento in cui apporre la firma > sce-

gliere Esistente o Nuovo da creare ora.

Opzioni di creazione di un ID digitale Una volta eseguita la procedura di inserimento indicata sopra, dal-

la finestra di dialogo aperta scegliere ID digitali > cliccare su Aggiungi ID > Selezionare ID utente digitale esistente da e scegliere tra:

93


Capitolo 7

Un file Se è stato ottenuto un ID digitale come file elettronico. In

questo caso seguire le istruzioni per selezionare il file, digitare la •

password e aggiungere l’ID all’elenco.

Un ID digitale comune memorizzato su un server sceglierlo

per utilizzare un ID digitale memorizzato su un server. Su richie•

sta digitare nome e URL del server in cui si trova l’ID comune.

Un dispositivo collegato a questo computer Scegliere questa

opzione se si possiede un token di protezione o hardware collega-

to al computer. In questo caso: cliccare su Avanti e attenersi alle •

istruzioni per registrare l’ID digitale.

Trovare e rimuovere il contenuto riservato come i metadati, i commenti e gli allegati La rimozione di tali elementi produce l’eliminazione automatica di elementi aggiuntivi. Gli elementi eliminati includono: firme digitali, informazioni sul documento

aggiunte da plug-in, applicazioni di terze parti, funzioni speciali

che permettono agli utenti di Adobe Reader di rivedere, firmare e compilare i documenti PDF.

Per controllare il contenuto nascosto specificarlo nelle preferenze

della finestra di dialogo Preferenze scegliendo Strumenti > Protezio-

ne > Rimuovi informazioni nascoste o riservate.

94


Impostazioni di protezione

Opzioni di rimozione delle informazioni nascoste •

Metadati I metadati includono si riferiscono ad informazioni sul

documento e sul suo contenuto come il nome dell’autore, le parole chiave e le informazioni sul copyright. Per accedere ai meta•

dati selezionare File > Proprietà.

stra/Nascondi> Pannelli di navigazione > Allegati.

Allegati file Per visualizzare gli allegati, selezionare Vista > MoSegnalibri I segnalibri sono collegamenti aventi testo rappre-

sentativo che permettono di accedere a pagine specifiche del file PDF. Per visualizzare i segnalibri, selezionare Vista > Mo-

stra/Nascondi> Pannelli di navigazione > Segnalibri.

Cerca e rimuovi testo È uno strumento che permette di trovare

ed eliminare parole o frasi presenti in uno o più documenti.

95


Capitolo 7

96


Gestione delle firme digitali

Capitolo 8 Firme digitali In questo capitolo è spiegato cos’è una firma digitale, come certificare un PDF e come applicare una marca temporale.

97


Capitolo 7

La firma digitale Una firma digitale permette di identificare il firmatario di un documento, proprio come una vera firma, dalla quale però differisce in quanto difficile da falsificare avendo in sé alcune informazioni cifrate che sono associate univocamente al firmatario. La firma digitale si può verificare e segnalare ai destinatari qualora il documento sia stato modificato dopo l'inserimento iniziale della firma. Per poter firmare un documento è necessario disporre di un ID digitale o generarne uno autofirmato. Impostare le preferenze per la verifica delle firme Finestra di dialogo Preferenze > Nella sezione Categorie > Firme > Verifica > Altre > specificare le opzioni di verifica e fare clic su OK.

Impostare il livello di affidabilità di un certificato Prima di inserire la firma in un documento certificato creare una relazione di affidabilità tra l’utente e il firmatario. Il livello di affidabilità di un certificato indica le azioni possibili al firmatario.

Per impostare il livello di affidabilità Aprire la finestra di dialogo Preferenze > Categorie > Firme > Identità e certificati affidabili > Altre > Certificati affidabili a sinistra > selezionare e impostare le proprietà desiderate per ciascun certificato.

Pannello Firme

Visualizzare le informazioni relative al documento Per visualizzare lo storico delle modifiche apportate al documento a partire dall’apposizione della prima firma scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Firme o fare clic sul pulsante Pannello firma nella barra dei messaggi del documento. 98


Gestione delle firme digitali

Convalidare una firma digitale Per impostare in modo appropriato le preferenze relative alla verifica delle firme scegliere la voce di menù Apri e individuare il PDF contenente la firma. Individuare la firma all’interno del documento aperto e fare clic su di essa. Note: Per maggiori informazioni sulla validità della firma aprire la finestra di dialogo Stato convalida firma e la finestra di dialogo Proprietà firma

Visualizzare e confrontare più versioni di un documento firmato Dopo aver firmato un documento, è possibile visualizzare un elenco delle modifiche apportate dopo l’ultima versione. Vista > Mostra/Nascondi > Pannello Navigazione > Firma e Scegliere Confronta versione firmata con versione corrente dal menu Opzioni. Firme digitali sugli allegati Anche gli allegati possono essere protetti attraverso l’applicazione di una firma.

Note: È possibile aggiungere firme agli allegati prima di firmare il documento. Per applicare una firma ad un allegato di un PDF aperto procedere attraverso il menù contestuale e cliccare sulla voce Apri file.

Pannello laterale gestione Firme digitali

99


Capitolo 7

Visualizzare il nome del responsabile della firma del portfolio PDF La firma più significativa è visualizzata nel badge firma nella barra degli strumenti.

Il badge firma offre un modo rapido per verificare l’approvazione o la certificazione del portfolio PDF. Una volta selezionata la firma i dettagli sono visualizzati nella prima pagina e nel riquadro Firme. Se l’approvazione o la certificazione del portfolio PDF risultano non valide o presentano problemi, il badge firma presenta un’icona di avviso.

Firmare i PDF

È possibile firmare un documento per ufficializzare i contenuti (Es. la firma di un contratto). Di seguito si riportano i diversi tipi di firme da poter applicare in base alle proprie esigenze. Firmare un PDF È possibile aggiungere una firma autografata scrivendola tramite lo strumento di disegno oppure importarla come immagine.

Per inserire una firma Aprire il PDF da firmare > Barra strumenti Firma > Firma propria richiesta > Aggiungi testo > disegnare il riquadro dove inserire la firma e procedere impostando le proprietà desiderate.

Rimuovere una firma digitale Una firma digitale può essere rimossa esclusivamente dal firmatario e solo in un computer in cui è installato l’ID digitale utilizzato per la firma. Scegliere una delle seguenti procedure: •

100

Per rimuovere una firma digitale fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo della firma e scegliere Cancella firma.


Gestione delle firme digitali

Per rimuovere tutte le firme digitali in un PDF, scegliere Cancella tutti i campi firma dal menu delle opzioni del pannello Firme.

Per aprire il pannello Firme, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Firme. A differenza della firma a mano, quella basata su certificato è difficile da falsificare poiché contiene informazioni cifrate che sono associate in modo univoco al firmatario.

Il servizio EchoSign

Dopo aver creato un ID Adobe è possibile inviare documenti firmati oppure richiedere la firma di documenti da parte di altri utenti utilizzando il servizio EchoSign.

Inviare PDF firmati Per inviare PDF firmati scegliere, dal pannello Firma, la voce Firma propria richiesta > Invia documento firmato. Quando nel browser il caricamento della pagina EchoSign è completo scegliere la voce carica e procedere con la scelta delle proprietà opportune Richiedere la firma di PDF È possibile richiedere la firma dei documenti da parte di altri utenti tramite EchoSign. Aprire il PDF da inviare per la firma > scegliere riquadro Firma > Firma di altri utenti richiesta > Invia per firma.

Solo dopo la notifica di caricamento in Adobe EchoSign passare ad Adobe EchoSign per continuare.

Firmare in modalità di anteprima documento Per individuare contenuto dinamico o collegamenti esterni nel documento utilizzare la funzione Anteprima documento. 101


Capitolo 7

Impostare le preferenze per visualizza documenti in modalità anteprima Per impostare le preferenze scegliere la voce del menù Modifica > Preferenze > Firme > Sezione Creazione e aspetto > Altre > Visualizza documenti in modalità di anteprima > OK.

Certificare un PDF

Un metodo per approvare il contenuto di un PDF è attraverso l’apposizione di un certificato. Con la certificazione è possibile autorizzare gli utenti ad apportare solo quelle modifiche da noi stabilite affinché il documento non perda la certificazione. Note: Se gli utenti rimuovono pagine o aggiungono commenti il documento perde la certificazione. Come possiamo capire se un PDF è certificato? Le firme di certificazione possono essere applicate in maniera visibile o invisibile. Aprire il pannello firme e provare ad individuare l’icona con nastro blu che indichi la presenza di un firma di certificazione valida. Aggiungere la firma digitale di certificazione Per aggiungere la firma digitale di certificazione Scegliere Firma > Utilizzare i certificati > scegliere tra:  Inserisce una firma certificata ed eseguire la procedura indicata a video

 Certifica il documento ed eseguire la procedura indicata a video 102


Gestione delle firme digitali

Note: Prima di aggiungere la firma digitale di certificazione rimuovere il contenuto che può rendere la protezione del documento vulnerabile come per esempio codice JavaScript.

Cos’è una marca temporale Se un utente non ha una firma che faccia riferimento alla propria identità è possibile aggiungere al PDF una marca temporale.

Acrobat offre agli utenti la possibilità di aggiungere a un PDF una marca temporale di un documento senza richiedere anche una firma basata sull’identità. Note: Per aggiungere la marca temporale a un PDF utilizzare un server di marca temporale.

Aggiungere una marca temporale a un documento • Aprire il PDF al quale aggiungere la marca temporale > cliccare sulla voce Firma > Utilizzare i certificati > Applica marca temporale a documento.

Nella finestra di dialogo selezionare un server di marca temporale esistente dall’elenco o aggiungere un nuovo server di marca temporale predefinito > Avanti > Salva

Certificazione e firma di documenti

Certifica Eseguire l’operazione Certifica per applicare un livello di controllo maggiore rispetto a quando si applica Firma con certificato. Proprio in fase di certificazione del documento è possibile stabilire quali modifiche possono essere apportate da altri utenti. 103


Capitolo 7

L’applicazione di una certificazione è quell’operazione che si compie prima di firmare un documento. Infatti, le opzioni di Certifica risultano disabilitate solo per quei documenti già firmati.

Per avviare la procedura di certificazione e firma di documenti attivare il pannello Firma (posto sulla destra) > Utilizzare i certificati e scegliere tra i due tipi di firme basate su certificato. Note: Per un PDF è possibile certificare un documento, attestarne il contenuto o approvarlo attraverso l’opzione Firma con certificato.

Firma con certificato L’European Telecommunications Standards Institute (ETSI) stabilisce le linee standard di protezione dei dati. Attraverso le opzioni di Certifica o Firma con certificato l’Adobe permette di creare dei documenti in linea con tali requisiti.

Importare ed esportare un certificato

Per importare ed esportare un certificato in Acrobat utilizzare la procedura di seguito riportata: •

104

Aprire la finestra di dialogo Preferenze > Firme > Identità e certificati affidabili > Altro > selezionare ID digitali sulla sinistra e scegliere tra una delle operazioni desiderate.


Gestione del contenuto accessibile

Capitolo 9 Accessibilità , Tag e Ridisposizione In questo capitolo sono affrontati quegli argomenti legati alla realizzazione di contenuto accessibile e all’impostazione delle corrette proprietà per quei campi che definiranno il PDF editabile.

105


Capitolo 9

Creare PDF accessibili Le funzioni di accessibilità facilitano

l’uso di Acrobat XI Pro e dei file PDF da

parte di utenti con difficoltà motorie, ipovedenti o non vedenti.

I comandi di accessibilità di Acrobat e Rea-

der si possono raggruppare in due grandi ca-

tegorie: per l’agevolazione e la lettura dei do-

cumenti PDF e per la creazione di documenti PDF accessibili.

Verificare l’accessibilità mediante la funzione di controllo completo

Riquadro attività creazione contenuto accessibile

Gli elementi connessi all’accessibilità devo-

no essere controllati prima della conversione di un file in PDF. In ba-

se alle esigenze aggiungere i campi modulo compilabili, le descrizioni e stabilire l’ordine di tabulazione. In seguito aggiungere altre funzio-

ni di accessibilità e applicare tag al file PDF, quindi controllarlo e correggere eventuali problemi.

È possibile scegliere quali tipi di problemi di accessibilità ricerca-

re e la modalità di visualizzazione dei risultati con il comando: •

Strumenti > Accessibilità > Controllo completo > impostare le proprietà personalizzate e scegliere Avvio controllo.

106


Gestione del contenuto accessibile

Per visualizzare i risultati del controllo scegliere la voce Apri

rapporto sull’accessibilità.

Aggiungere campi modulo compilabili, descrizioni e impostare l’ordine di tabulazione Se il PDF include campi modulo servirsi del comando Strumenti >

Accessibilità > Esegui riconoscimento campi modulo, per evidenziare i campi modulo e renderli compilabili (quindi interattivi).

Nota: Aggiungere campi modulo seguendo la procedura indicata nel

capitolo dedicato alla gestione dei Moduli. Applicare tag al file PDF Per migliorare l’accessibilità ai documenti PDF aggiungendo i tag

al momento della conversione in PDF dall’applicazione originaria, qualora quest’ultima supporti tale procedura.

Applicare tag ad un file PDF scegliendo Strumenti > Accessibilità >

Aggiungi tag a documento. Questa funzione è attiva su qualunque PDF.

Creare un file PDF con tag da una pagina Web Si può generare un file PDF partendo da pagine Web che abbiano

un alto grado di accessibilità stabilendo un ordine di lettura logico all’interno del codice HTML. Utilizzare una delle seguenti procedure: •

con Acrobat: scegliere File > Crea > PDF da pagina Web, quindi

inserire l’indirizzo della pagina Web e cliccare su Impostazioni;

107


Capitolo 9

con Microsoft Internet Explorer, cliccare sulla freccia rivolta ver-

so il basso sul pulsante Converti, quindi scegliere Preferenze poi nella scheda Generale selezionare Crea tag PDF e cliccare su OK,

successivamente specificare ulteriori opzioni desiderate e generare il file mediante il pulsante Crea.

Note: Nei PDF combinati è opportuno riapplicare i tag per evitare di ritrovarsi con tag applicati solo parzialmente. Aggiungere accessibilità aggiungendo tag ai PDF esistenti Se un PDF è stato creato senza tag, questi si possono aggiungere

grazie al comando Aggiungi tag a documento. Per procedere aprire il

file PDF quindi scegliere Strumenti > Accessibilità > Aggiungi tag a documento.

Effettuare controlli di manutenzione al PDF mediante il Pannello

Tag attivabile da Vista > Mostra >/Nascondi > Barra di navigazione.

Applicare tag ad un’area servendosi dello strumento Ritocco ordine di lettura

Trascinare il riquadro del documento così da selezionare un’area

della pagina avente una sola tipologia di contenuto, come per esempio un blocco di testo. Agire seguendo una tra le procedure proposte: •

aggiungere contenuto alla selezione corrente trascinando e

tenendo premuto il tasto Maiusc

eliminare il contenuto dalla selezione corrente trascinandolo e tenendo premuto il tasto CTRL.

108


Gestione del contenuto accessibile

In seguito cliccare sul relativo pulsante nella finestra di dialogo Ri-

tocco ordine di lettura per specificare la tipologia di tag. Modificare i tag di un’area

Se Acrobat aggiunge tag non corretti a un elemento di pagina, è

possibile modificare il tipo di tag per l’area evidenziata.

Selezionare lo strumento Ritocco ordine di lettura > Nella finestra

di dialogo Ritocco ordine di lettura selezionare Ordine contenuto del pagina > Per selezionare un’area evi-

denziata, scegliere una delle seguenti procedure:

 Trascinare per selezionarla.

 Fare clic sul numero di un’area evidenziata.

 Fare clic sul pulsante sul ti-

po di tag desiderato per l’area evidenziata.

Utilizzare lo strumento Ritocco or-

dine di lettura (solitamente presente nel riquadro Accessibilità posizionato

nel lato destro dell’area di lavoro) per attivare la finestra di dialogo e sele-

zionare Mostra ordine contenuto delle

Finestra di dialogo Ordine di lettura per ritocco ordine di lettura

109


Capitolo 9

pagine. Nel riquadro del documento scegliere un’area evidenziata, poi attuare una delle seguenti procedure: •

aggiungere contenuto alla selezione tenendo premuto il tasto

Maiusc e cliccare sul contenuto da aggiungere. A questo punto il •

puntatore include un segno più (+);

rimuovere il contenuto dalla selezione cliccando sul contenuto

da rimuovere e premendo il tasto CTRL. Il puntatore a questo punto include un segno meno (-).

Tramite i comandi del menù Accessibilità è altresì possibile:

Aggiungere un tag di intestazione che aiuti i lettori a muoversi

nel documento. In questo caso bisogna accertarsi che nelle inte-

stazioni vengano aggiunti tag con un grado adeguato per indicare •

la gerarchia del contenuto.

Rimuovere elementi di pagina dalla struttura tag qualora

un’immagine con tag non contenga informazioni utili o illustrati-

ve per l’utente, si può rimuovere l’elemento dalla struttura di tag così che non venga né letto nè ridisposto. Nella scheda Ordine in-

dividuare l’elemento di pagina e premere Canc.

Rimuovere tutti i tag da un file PDF aprendo il pannello Tag e

scegliendo Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag, quindi scegliere l’elemento principale Tag > selezionare Elimina tag dal menù delle opzioni.

110


Gestione del contenuto accessibile

Aggiungere collegamenti accessibili affinché gli URL siano ac-

cessibili per gli assistenti vocali, è fondamentale convertirli prima in link attivi ed accertarsi che dispongano dei tag corretti all’interno del PDF.

Procedere come segue:

 Selezionare il testo o l’oggetto per il quale si vuole generare un

link > cliccare col tasto destro del mouse > scegliere crea link > definire le appropriate opzioni.

Per modificare la struttura del documento attraverso le schede

Contenuto e Tag eseguire i comandi: Vista > Mostra/Nascondi > Pan-

nelli di navigazione > Contenuto, quindi proseguire secondo le pro-

prie esigenze in base alle seguenti opzioni della scheda:

 Nuovo contenitore: per aggiunge un nuovo oggetto contenitore a fine della pagina o nel contenitore evidenziato.

 Modifica dizionario contenitore: imposta il dizionario per il contenitore. È disponibile solo per contenitori che includono dizionari.

 Taglia: permette di tagliare e copiare l’oggetto selezionato.

 Incolla: incolla il contenuto sotto l’oggetto selezionato mantenendo lo stesso livello gerarchico.

 Incolla elemento secondario: serve ad incollare il contenuto nell’elemento selezionato come secondario.

 Elimina: rimuove l’oggetto dal documento.

111


Capitolo 9

 Trova contenuto dalla selezione: permette di cercare nella scheda Contenuto un elemento che contiene l’oggetto in pre-

cedenza selezionato nel riquadro del documento.

 Trova/Ricerca artefatti, contenuto, commenti e link non contrassegnati: permette di effettuare la ricerca nella pagina o nel documento e di aggiungere tag agli elementi trovati sprovvisti di tag.

 Crea artefatto: definisce gli oggetti selezionati come artefatti che non ven-

gono letti da un assistente vocale, quali numeri di

pagina e intestazioni e piè di pagina.

 Rimuovi artefatto: elimina la definizione di artefatto dall’oggetto selezionato.

 Contenuto evidenziato: quando attivato eviden-

ziazioni vengono visualizzate nel riquadro del do-

cumento relativo ad un

Pannello Contenuto

oggetto selezionato nella scheda Contenuto. 112


Gestione del contenuto accessibile

 Mostra metadati: permette di visualizzare e modificare i metadati di un’immagine o di alcuni oggetti.

 Proprietà: fa accedere alla finestra di dialogo Proprietà Ritocco.

 Informazioni sulla scheda Tag La scheda Tag permette di vi-

sualizzare e modificare i tag nella struttura ad albero tag di un

file PDF. Qui i tag sono visualizzati gerarchicamente secondo la sequenza di lettura del documento. In testa ci sono i Tag prin-

cipali, poi i secondari. I tag utilizzano t elementi codificati che vengono visualizzati tra parentesi ad angolo (< >). Ogni ele-

mento, compresi quelli strutturali, sono visualizzati nell’ordine della struttura logica in base al tipo, con un titolo il contenuto dell’elemento o una sua relativa descrizione.

Visualizzare i tag nella scheda Tag con il comando Vista > Mo-

stra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag. •

Modificare i tag nella scheda Tag È possibile modificare il titolo, la posizione o il tipo di tag relativo ad un elemento. Tutto il contenuto

delle pagine deve essere sottoposto all’aggiunta di tag, segnalato •

come artefatto o rimosso dalla struttura ad albero logica.

Modificare il titolo di un tag nella scheda Tag allargare la sezione della struttura logica da modificare. Per modificare il titolo

indicare il tag dal menù Opzioni e scegliere Proprietà, da lì immettere il testo nella casella Titolo e cliccare su Chiudi.

113


Capitolo 9

Spostare un tag Nella scheda Tag espandere i tag principali per vi-

sualizzare tutti i tag, quindi selezionare l’icona di tag dell’elemento da spostare e scegliere una delle seguenti procedure:

 Trascinare il tag nella posizione desiderata, nel farlo si visualizza una linea nella posizione selezionata.

 Scegliere Taglia e selezionare il tag che si visualizza sopra la posizione in cui si vuole incollare il tag. Selezionare In-

colla per spostare il tag nello stesso livello del tag selezionato o scegliere Incolla elemento secondario per spostarlo all’interno del tag selezionato.

Modificare il tipo di elemento Nella scheda Tag, allargare la se-

zione della struttura logica da modificare, poi scegliere un elemento e selezionare Proprietà nel menù Opzioni, quindi dal menù Tipo scegliere un nuovo tipo di elemento e cliccare su Chiudi.

Opzioni della scheda Tag a cui si può accedere dalla stessa sche-

da o mediante il tasto destro del mouse che va azionato sul tag desi-

derato all’interno della struttura ad albero logica, quindi scegliere tra le seguenti opzioni: •

Nuovo tag permette di creare un nuovo tag nella struttura ad al-

bero logica dopo l’elemento selezionato. Va specificato il tipo e il •

titolo del nuovo tag.

Taglia Consente di rimuovere il tag selezionato dalla posizione

corrente per collocarlo negli Appunti. 114


Gestione del contenuto accessibile

Incolla permette di posizionare il tag memorizzato negli Appunti nella posizione specificata, sostituendo il tag selezionato.

Incolla elemento secondario Serve a posizionare il tag presente negli Appunti nella posizione indicata come elemento secondario del tag selezionato.

Elimina tag Serve a rimuovere il tag selezionato.

o l’oggetto selezionato nel riquadro del documento.

Trova tag dalla selezione per ricercare il tag contenente il testo Crea tag da selezione per creare un nuovo tag che sia posiziona-

to dopo l’elemento selezionato nel riquadro del documento. Biso•

gna specificare il tipo e il titolo del nuovo tag.

to, commenti, link e annotazioni privi di tag.

muove il contenuto con tag dalla struttura ad albero.

to dei tag selezionati.

Trova per ricercare artefatti e parole sospette OCR, contenuModifica tag in artefatto oltre a modificare i tag selezionati riCopia il contenuto negli Appunti per copiare l’intero il contenuModifica mappa classe per aggiungere, modificare e rimuovere la mappa classe o dizionario degli stili. Nelle mappe classe sono

memorizzati gli attributi correlati a ciascun elemento.

Modifica mappa ruolo per aggiungere, modificare ed eliminare le mappe ruolo nel documento. Tali mappe ruolo permettono ad ogni documento di contenere un insieme di tag definiti in manie115


Capitolo 9

ra univoca. Associando i tag personalizzati ai tag predefiniti si ha più facilità nell’identificare e modificare i tag personalizzati.

Note tag: Quando l’opzione è selezionata tutti i commenti e i campi modulo vengono aggiunti alla struttura ad albero tag e vengono posizionati dopo l’elemento tag selezionato. I commenti e i campi modulo già esistenti non sono aggiunti. I commenti Evidenziato e Sottolineato vengono associati automaticamente dunque in questi casi tale opzione non è necessaria. Il documento contiene tag PDF Permette di contrassegnare il

file PDF come documento con tag. Bisogna deselezionarlo per rimuovere il flag.

Importante: ciò non indica necessariamente che il file PDF sia conforme alle linee guida per la creazione di documento PDF, dunque è necessario utilizzarla con cautela. •

Proprietà Permette di aprire la finestra di dialogo Proprietà Ritocco.

Aggiungere testo alternativo e informazioni integrative ai tag

Alcuni file PDF con tag potrebbero non contenere tutte le in-

formazioni utili per rendere il contenuto del documento totalmente accessibile.

Se lo si vuole rendere disponibile per un assistente vocale il file

PDF deve contenere testo alternativo per le figure, proprietà della lingua per le parti di testo in una lingua diversa da quella predefinita per il documento e un testo di espansione per le abbreviazioni. La de-

116


Gestione del contenuto accessibile

finizione della lingua adatta per elementi di testo diversi garantisce che siano utilizzati i caratteri appropriati se il documento viene riuti-

lizzato per uno scopo differente e che il controllo ortografico venga eseguito utilizzando il dizionario corretto.

Tramite la scheda Tag si può aggiungere testo alternativo e in

più lingue. Se basta una sola lingua, bisogna sceglierla con il comando File > Proprietà > Avanzate. È anche possibile aggiungere testo alternativo con lo strumento Ritocco ordine di lettura.

Nota: il testo alternativo deve essere preferibilmente estremamente

conciso. Aggiungere testo alternativo ai collegamenti Si può eseguire la lettura a voce alta di indirizzi URL o di link Web

tramite assistenti vocali, ma con l’aggiunta di testo alternativo esplicativo si possono agevolare notevolmente gli utenti.

Si può aggiungere testo alternativo al tag <Link> di un link utiliz-

zando la seguente procedura: nella struttura ad albero tag, seleziona-

re il tag <Link> del collegamento e impostare le Proprietà dal menù delle opzioni, successivamente nella finestra di dialogo Proprietà Ri-

tocco selezionare la scheda Tag e inserire il testo alternativo al link, quindi cliccare su Chiudi.

Aggiungere testo alternativo ad una figura Aggiungere testo alternativo ad una figura con la procedura: Vista

> Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.

117


Capitolo 9

Tag PDF standard descrive i tipi di tag standard validi per i file

PDF con tag. Questi tipi di tag standard rendono disponibili per soft-

ware e periferiche di supporto elementi strutturali e semantici per

interpretare la struttura del documento e la presentazione del suo contenuto in un formato significativo per l’utente.

Elementi contenitore Gli elementi contenitore costituiscono il li-

vello più alto, dispongono di un raggruppamento gerarchico agli altri elementi di livello blocco.

Documento (Elemento): è l’elemento principale nella struttura

ad albero tag.

Parte (Elemento): è una suddivisione ampia del documento e

può raggruppare unità di contenuto più piccole, come elementi di re-

parto, articolo o sezione.

Reparto (Elemento): è un elemento di livello blocco generico o

un gruppo di elementi di livello blocco.

Grafica (Elemento) articolo: è un corpo di testo indipendente e

viene considerato un resoconto a se stante.

Sezione (Elemento): si tratta di un tipo di elemento contenitore

generico, che agisce da componente di un elemento parte o articolo.

Elementi intestazione e paragrafo Questi sono elementi di livel-

lo blocco simili a paragrafi che includono intestazioni di livello specifico e un paragrafo generico (P). È preferibile che l’intestazione (H) 118


Gestione del contenuto accessibile

sia il primo elemento secondario di qualunque suddivisione di livello

più alto. Nel caso di applicazioni che non consentono la nidificazione

gerarchica delle sezioni sono disponibili sei livelli di intestazioni, da H1 a H6.

Elementi etichetta ed elenco sono elementi di livello blocco uti-

lizzati per conferire una struttura agli elenchi.

L (Elemento elenco): una qualsiasi sequenza di voci dal significa-

to o da un altro tipo di pertinenza simile. È possibile che gli elementi secondari diretti siano elementi voce di elenco.

VE (Elemento voce di elenco): qualunque voce presente in un

elenco può presentare un elemento etichetta (facoltativo) e corpo elenco (obbligatorio) come secondario.

ET (Elemento etichetta): è un punto elenco, un nome o un nume-

ro di identificazione per riconoscere un elemento dagli altri all’interno dello stesso elenco.

CE (elemento corpo voce di elenco): il contenuto descrittivo di

una voce di elenco.

Elementi testo speciale servono ad identificare parti di testo non

utilizzate come paragrafo generico (P).

VirgBloc (Elemento virgolette blocco). Uno o più paragrafi attribuiti

ad un autore diverso da quello del testo immediatamente circostante.

119


Capitolo 9

Didascalia (Elemento didascalia): è una piccola parte di testo

descrittiva.

Indice (Elemento indice): è una sequenza di voci contenenti te-

sto identificativo e riferimenti che indicano la presenza di tale testo nel corpo del documento.

TOC (Elemento sommario): è un elemento contenente un elenco

strutturato di voci ed etichette identificative delle voci, possiede una struttura gerarchica separata.

TOCI (Elemento voce di sommario): è un elemento elencato asso-

ciato ad un elemento sommario.

Elementi tabella che servono a conferire una struttura alle tabelle.

Tabella (Elemento tabella): è costituita dalla disposizione bidi-

mensionale delle celle di testo o di dati avente elementi riga come elementi secondari, in più un elemento didascalia come primo o ultimo elemento secondario.

RT (Elemento riga di tabella): potrebbe essere una riga di intesta-

zioni o dati in una tabella.

DT (Elemento di cella dati di tabella): una cella di tabella conte-

nente dati diversi da quelli del tipo intestazione.

120


Gestione del contenuto accessibile

IT (Elemento di cella intestazione di tabella): è una cella aven-

te un›intestazione o dei dati che descrivono le informazioni di

una tabella.

Elementi di livello in linea identificano una porzione di testo

avente una formattazione o un funzionamento particolare. Questi si distinguono dagli elementi di livello blocco ed è possibile che con-

tengano o includano elementi di livello blocco.

VoceBibl (Elemento citazione bibliografica): è una descrizione

della fonte originale delle informazioni riportate nel testo.

Virgolette (Elemento virgolette): è una parte di testo attribuita ad

un autore diverso da quello del testo principale che si distingue da virgolette.

Dimensione (Elemento voce dimensione): è un qualunque seg-

mento di testo.

Elementi di livello in linea speciali descrivono una parte di te-

sto avente una formattazione o un funzionamento speciale.

Codice (Elemento voce codice): è una parte di codice di pro-

grammazione incorporato al documento.

Figura (Elemento voce figura): è una rappresentazione visiva o un

elemento grafico associato al testo a cui fa riferimento.

121


Capitolo 9

Modulo (Elemento voce modulo): è un modulo PDF compilabile o

già compilato.

Formula (Elemento voce formula): è una formula matematica.

Link (Elemento voce link): è un link ipertestuale incorporato ad

un documento. La destinazione può essere interna allo stesso documento, in un altro file oppure su un sito Web.

Nota (Elemento voce nota): è un testo descrittivo, come una nota a

piè di pagina o di chiusura, a cui si fa riferimento nel testo principale.

Riferimenti (Elemento voce riferimenti): è una citazione di testo

o dati non compresi nel documento.

122


Modifica del contenuto di un PDF

Capitolo 10 Modifica dei PDF In questo capitolo verranno trattati gli argomenti per la modifica

di contenuto testuale e grafico di un PDF. Inoltre, vedremo la gestio-

ne di collegamenti, destinazioni, allegati, articoli e azioni.

123


Capitolo 10

Adobe Acrobat XI Pro si può utilizzare per ritoccare e migliorare la

leggibilitĂ e la distribuzione di un file.

Modificare il testo nei file PDF Per modificare o formattate il testo in un file PDF Selezionare il testo da modifi-

care > Strumenti > Modifica contenuto >

Modifica testo e immagini > cambiare la formattazione.

Per aggiungere nuovo testo a un file

PDF Selezionare Strumenti > Modifica contenuto > Aggiungi testo e trascinare per inserire il blocco di testo.

Per spostare, ruotare o ridimensio-

nare una casella di testo Scegliere Stru-

menti > Modifica contenuto > Modifica te-

Riquadro attivitĂ per la modifica di un file PDF

sto e immagini > Fare clic sulla casella di

testo da spostare, ruotare o ridimensionare oppure portare il puntatore del mouse in un angolo della casella di testo.

124


Modifica del contenuto di un PDF

Modificare immagini o oggetti in un file PDF Per inserire un’immagine o un oggetto in un file PDF Scegliere

Strumenti > Modifica contenuto > Aggiungi immagine.

Per ridimensionare un’immagine utilizzare le maniglie del ret-

tangolo di selezione oppure scegliere uno degli strumenti del pannello Modifica contenuto

Per ruotare, capovolgere, ritagliare o sostituire un’immagine

Scegliere Strumenti > Modifica contenuto > Modifica testo e immagini > Selezionare una o più immagini e scegliere una tra gli strumenti della sezione formato.

Per disporre un’immagine o un oggetto davanti o dietro Sele-

zionare uno o più oggetti grafici > tasto destro del mouse > Ordina

Per modificare un’immagine attraverso l’uso di un editor

esterno Selezionare l’immagine o l’oggetto > Scegliere Strumenti > Modifica contenuto > Modifica testo e immagini > sezione Formato >

scegliere Modifica con…

Miniature di pagina Le miniature di pagina sono anteprime ridotte delle pagine di un

documento. Si possono usare le miniature per spostarsi rapidamente in una pagina selezionata o per modificarne la visualizzazione. Creare miniature di pagina aumentano le dimensioni dei file.

125


Capitolo 10

Quando si sposta, si copia o si elimina una miniatura di pagina, la

stessa azione avviene nella pagina corrispondente.

Visualizzare il riquadro con le miniature di pagina premendo F4 o

scegliendo Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Miniature di pagina. Per creare una miniatura di pagina cliccare sul pulsante Miniature di pagina a sinistra per visualizzarle nel pannello di navigazione principale.

Ridimensionare le miniature di

pagina col menù di scelta rapida. Chiu-

dere e riaprire il PDF per ripristinare le loro dimensioni.

Definire l’ordine di tabulazione dalle

Proprietà di pagina accessibile dal menù

di scelta rapida. Si può selezionare tra le

seguenti opzioni: •

Usa ordine di riga Si sposta attraverso le righe da sinistra a destra.

Usa ordine colonna Si sposta attraverso le colonne da sinistra a destra.

126

Pannello laterale Miniature di pagina


Modifica del contenuto di un PDF

Usa struttura documento Si sposta nell’ordine specificato dall’applicazione madre.

Segnalibri

Un segnalibro è un link con del testo rappresentativo presente nel pannello di navigazione. Ogni segnalibro conduce ad una visualizza-

zione o pagina diversa del documento, essi generano in automatico durante la creazione del PDF dalle voci di indice.

Per creare un segnalibro Aprire la pagina su cui si desidera impostare il link e attivare il contenuto con un segno di selezione, quindi cliccare sul pulsante Segnalibri e selezionare il segnalibro sotto il quale posizionare quello nuovo. Per Rinominare un segnalibro usare il menù di scelta rapida dopo essersi posizioni sul nome del segnalibro. •

Modificare l’aspetto del testo di un segnalibro selezionando

uno o più segnalibri dell’omonimo pannello e scegliere Vista >

Mostra/Nascondi > Elementi barra degli strumenti > Barra delle •

proprietà.

Modificare la destinazione di un segnalibro selezionando il

segnalibro e cliccando nella nuova destinazione, da scegliere con •

Imposta destinazione segnalibro.

Aggiungere un’azione a un segnalibro attraverso menù opzioni

> Azioni

127


Capitolo 10

Eliminare un segnalibro premendo il tasto Canc dopo averlo

selezionato.

I Collegamenti Creare un link per passare ad altre posizioni all’interno di un do-

cumento o ad altri documenti, allegati, siti Web e azioni. Creare un collegamento usando lo strumento Link

Per creare un collegamento selezionare Strumenti > Contenuto > Link > Tracciare un rettangolo > impostare le proprietà.

Per Spostare, ridimensionare un rettangolo di collegamento

utilizzare lo strumento Link o Selezione Oggetto.

Eliminare un collegamento dopo aver selezionato lo strumento

Link e aver scelto Modifica > Elimina o premere il tasto Canc.

Creare collegamenti Web con Strumenti > Elaborazione docu-

mento > Cattura da web > tutti link

Rimuovere tutti i collegamenti Web con Strumenti > Elabora-

zione documento > Rimuovi tutti i link.

Destinazioni

La destinazione è il punto finale di un link.

128


Modifica del contenuto di un PDF

Visualizzare e gestire le destinazioni dal pannello Destinazioni

scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Desti-

nazioni. Creare una destinazione lasciando in sovraimpressione la pagina di interesse e cliccare su una nuova dallâ&#x20AC;&#x2122;omonimo pannello.

Creare e collegare un link a una destinazione La seguente è la procedura per

creare la destinazione da un documento A verso un documento B.

1. Nel documento di destinazione

(A) con Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Destina-

zioni > Nuova > assegnare un nome > salvare.

2. Nel documento di origine (B) con Strumenti > Contenuto > Link

Pannello laterale gestione Destinazioni

> tracciare un rettangolo per specificare la posizione > impostare

le proprietĂ .

3. Nel documento di destinazione (A), nel pannello Destinazioni

fare doppio clic sulla destinazione scelta > cliccare su imposta Link

4. Salvare il documento di origine. 129


Capitolo 10

Modificare o eliminare una destinazione facendo clic tasto de-

stro sulla voce da variare e scendere una voce tra quelle presenti.

Gli allegati

Aggiungere un allegato che può includere un link al/dal documen-

to principale o ad altri allegati.

Aggiungere un allegato con Strumenti > Contenuto > Allega un

file.

Visualizzare l’allegato Visualizzare l’allegato con Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di

navigazione > Allegati > Salvare.

Nota: Eseguire ricerche per parola all’interno dei PDF nel documen-

to aperto o Eseguire ricerche di contenuto in file presenti nel Pannello Allegati da Cerca in allegati dal menu Opzioni.

Pagine web convertite Si può lavorare con un documento PDF creato da pagine Web.

Ottenere informazioni sulle pagine Web convertite con il

comando:

Strumenti > Elaborazione documento > Web Capture > Informazioni pagina.

130


Modifica del contenuto di un PDF

Articoli Molti documenti dispongono il testo su più colonne. È un formato

difficile da seguire sullo schermo poiché necessita di numerose azioni di scorrimento e ingrandimento per poter essere visualizzate.

Definire gli articoli con una serie di riquadri intorno alle sezioni

desiderate secondo l’ordine di lettura. La sequenza definita per un articolo viene chiamata thread di articolo che si crea collegando i vari riquadri formando un flusso di testo continuo.

Per farlo scegliere Strumenti > Elaborazione documento > Ag-

giungi articolo > tracciare una o più aree da aggiungere. Rifare questa procedura fino completamento dell’articolo e premere Invio. Visualizzare articoli nel PDF

Con Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Articoli.

Per leggere l’articolo selezionarlo quindi selezionare Leggi arti-

colo dal menù opzioni del pannello Articoli e avanzare la lettura col tasto INVIO della tastiera.

Eliminare un articolo o un riquadro dell’articolo dal pannello

Articoli, premendo il tasto Canc dopo averlo selezionato.

Riprendere la numerazione in un thread di articolo esistente

selezionando il riquadro dell’articolo a cui aggiungere gli altri thread,

poi cliccare sul segno più (+). Trascinare il puntatore per creare un riquadro nuovo quindi cliccare su OK e tracciare il nuovo riquadro.

131


Capitolo 10

Spostare o ridimensionare un riquadro dell’articolo con lo

strumento Articolo.

Unire due articoli selezionando il riquadro dell’articolo A e clic-

cando poi sul simbolo più (+), tenere Ctrl premuto e cliccare col tasto

sinistro del mouse sull’articolo B. Successivamente si potrà notare che gli articoli avranno la stessa numerazione.

Ottimizzare

Salvare con Ottimizzatore PDF Salvare con Ottimizzatore PDF dispone di molte impostazioni per

diminuire la grandezza dei PDF. Le impostazioni di default sono utili per ottenere la massima efficienza rimuovendo i font in-

corporati, comprimendo le immagini e rimuovendo dal

file alcuni elementi non più

necessari, così da ridurne le dimensioni.

Aprire Ottimizzatore PDF Aprire Ottimizzatore PDF

Procedura di salvataggio di un PDF ottimizzato

con File > Salva con nome > PDF ottimizzato. Col pulsante Uso eseguire un check-up del documento.

132


Modifica del contenuto di un PDF

Opzioni di Ottimizzatore PDF per ridurre le dimensioni di un PDF, selezionare le relative opzioni

dai pannelli di Ottimizzatore PDF. Pannello Immagini

Pannello Immagini serve ad impostare le opzioni per comprimere

tutte. •

Specificare le seguenti opzioni in base alle proprie esigenze:

Downsampling diminuisce la risoluzione delle immagini unendo i colori dei pixel.

Compressione elimina i pixel non necessari.

no definiti con perdita poiché il processo rimuove alcuni pixel.

valore predefinito di 256.

Qualità per la compressione in formato JPEG e JPEG2000 che soDimensioni sezione divide l’immagine in sezioni. Impostare il Ottimizza le immagini solo se c’è una riduzione delle dimensioni Non esegue l’ottimizzazione dell’immagine.

Pannello Font

Per garantire una corrispondenza esatta col documento di origine

si devono incorporare tutti i font utilizzati nel documento. Per estrarre i font in un documento, selezionarne uno o più d’uno

nell’elenco Font incorporati e cliccare sul pulsante Estrai. Se non si desidera incorporare i sottoinsiemi dei font incorporati, deseleziona-

133


Capitolo 10

re Crea sottoinsieme di tutti i font incorporati. Per impedire l’estrazione dei font nel documento scegliere Non estrarre alcun font. Pannello Trasparenza

Se il PDF include grafica con trasparenza si possono utilizzare le

impostazioni di default del pannello Trasparenza di Ottimizzatore PDF per convertirla e diminuire le dimensioni dei file. È un’operazio-

ne irreversibile dopo il salvataggio del file. Pannello Elimina oggetti

Pannello Elimina oggetti serve a specificare gli oggetti da rimuo-

vere dal PDF e di ottimizzare le curve nei disegni CAD. Nell’area Elimina oggetti si trovano le seguenti opzioni: •

Elimina tutte le azioni di invio, importazione e reimposta-

zione del modulo per disattivare tutte le azioni di invio, importazione dei dati del modulo e di reimpostazione dei campi modu•

lo.

campi modulo.

usano JavaScript.

Riduci a livello singolo campi modulo rende inutilizzabili i Elimina tutte le azioni JavaScript rimuove tutte le azioni che Elimina tutte le immagini alternate Rimuove tutte le ricorren-

ze di un’immagine tranne quelle destinate alla visualizzazione su schermo. 134


Modifica del contenuto di un PDF

Elimina miniature pagina incorporate è utile per i documenti

di grandi dimensioni.

funzioni di accessibilità e ridisposizione del testo.

di controllo nei disegni CAD.

per unirli in un’unica immagine o maschera.

stazioni di stampa incorporate.

cerca incorporati.

Elimina tag documento rimuove i tag dal documento e anche le Converti linee smussate in curve diminuisce il numero di punti Individua e unisci frammenti di immagini ricerca i frammenti Elimina impostazioni di stampa incorporate elimina le impo-

Elimina indice di ricerca incorporato Elimina gli indici di riElimina segnalibri rimuove i segnalibri dal file.

Pannello Elimina dati utente serve a rimuovere qualsiasi in-

formazione personale che non si vuole distribuire o condividere •

con altri riducendo in tal modo le dimensioni del file.

Pannello Pulisci rimuove gli elementi inutili dal documento. Per

impostazione predefinita, sono selezionati solo gli elementi che •

non influiscono sulla funzionalità.

Opzioni di compressione oggetto stabilisce come applicare la compressione Flate nel file.

135


Capitolo 10

Usa Flate per codificare i flussi non codificati applica la com-

pressione Flate.

Nei flussi che usano la codifica LZW, usa Flate applica la com-

pressione Flate ai flussi di contenuto e alle immagini con codifica •

LZW.

no a pagine rimosse.

non valide.

destinazioni senza riferimenti interni al documento PDF.

fine riga in spazi vuoti.

Rimuovi segnalibri non validi elimina i segnalibri che rimandaRimuovi collegamenti non validi elimina i link con destinazioni Rimuovi destinazioni denominate senza riferimenti elimina Ottimizza contenuto della pagina Per convertire i caratteri di Ottimizza PDF per visualizzazione Web veloce Riordina un file PDF per scaricare singole pagine dal server Web.

Azioni e script

Il linguaggio JavaScript è nato per agevolare la creazione di pagine

Web interattive. Adobe lo sfrutta per offrire agli utenti la possibilità di integrare questa interattività nei propri documenti PDF.

Se ne determina l’esecuzione di un’azione cliccando su un segnali-

bro, su un link o quando viene visualizzata una pagina. Per altri ele-

menti, come pagine, clip multimediali e campi modulo, si definisce un 136


Modifica del contenuto di un PDF

trigger che determina l’esecuzione dell’azione. L’opzione Bloccato impedisce la modifica accidentale delle azioni associate a un oggetto.

Per aggiungere un’azione Barra strumenti > Oggetti interattivi >

aggiungere un oggetto > tasto destro del mouse > Proprietà > Azioni

e selezionare una tra le voci indicate nel menù seleziona azione.

Di seguito vengono riportate alcune voci del Menù: • •

Esegui una voce di menu Esegue il comando di menu specificato.

Vai a visualizzazione 3D/multimediale Passa alla vista 3D in-

dicata.

cumento stesso in un altro.

e li inserisce nel modulo attivo.

Vai a una vista pagina Porta alla destinazione specificata nel doImporta dati modulo Importa i dati di un modulo da un altro file Operazione multimediale Esegue un’azione su un oggetto multimedia-

le, come la riproduzione di un file • •

audio.

Apri un file Avvia e apre un file.

Apri un link Web Porta alla desti-

nazione specificata su Internet, tra-

Finestra di dialogo Proprietà pulsante

137


Capitolo 10

mite i protocolli http, ftp e mailto.

al documento PDF.

Riproduci suono Riproduce un file audio specificato incorporato Riproduci multimedia (compatibile con Acrobat 9 e versione

successiva) Riproduce un filmato compatibile con Acrobat 9, tale •

file deve essere incorporato al documento.

attivo o in un altro PDF.

Leggi un articolo Segue il thread di un articolo nel documento

Esegui un JavaScript Esegue il JavaScript indicato.

attivi.

campo in un documento PDF.

Imposta visibilità livello Determina le impostazioni dei livelli Mostra/Nascondi campo Serve a visualizzare o nascondere un Invia modulo Invia i dati del modulo all’URL specificato.

Tipi di trigger

I trigger determinano come vengono attivate le azioni. Si possono

utilizzare i seguenti trigger per clip multimediali e campi modulo (non link o segnalibri):

• 138

Mouse rilasciato è il più comune, si attiva al rilascio del pulsante

del mouse.

Mouse premuto vuol dire al clic del mouse.


Modifica del contenuto di un PDF

Mouse dentro quando il puntatore viene posizionato sul campo o sull’area di riproduzione.

Mouse fuori quando il puntatore si allontana dal campo o dall’area di riproduzione.

139


Capitolo 11

140


Ricercare e indicizzare il contenuto

Capitolo 11 Ricercare e indicizzare In questo capitolo verranno trattati la ricerca del contenuto in uno

o piĂš PDf e allâ&#x20AC;&#x2122;interno degli allegati attraverso lâ&#x20AC;&#x2122;uso di strumenti standard e avanzati.

141


Capitolo 11

Ricercare contenuto in uno o più PDF Visualizzare la barra degli strumenti Trova con il comando

Modifica > Trova, per effettuare una ricerca rapida o individuare un risultato nel documento aperto.

Aprire la finestra di ricerca avanzata con il comando Modifica >

Ricerca avanzata per trovare parole o proprietà del documento in più PDF.

Individuare testo in un PDF Scrivere il

testo che si desidera cercare nella casella di

testo della barra degli strumenti accessibile e con Modifica > Trova scegliere tra le seguenti opzioni: •

Solo parole intere: trova solo le occor-

renze dell’intera parola.

Maiuscole/Minuscole: trova solo le ri-

correnze delle parole che abbiano le •

maiuscole/minuscole digitate.

nel pannello Segnalibri.

Includi segnalibri: cerca il testo anche Includi commenti: cerca il testo anche nei commenti.

Pannello Ricerca

Cercare testo in più PDF e in un portfolio PDF spuntando il pulsante annesso e proseguire con la ricerca.

142


Ricercare e indicizzare il contenuto

È anche possibile Ricercare solo nei singoli PDF e Ordinare le oc-

correnze nei risultati scegliendo un’opzione dal menù Ordina vicino

la parte inferiore della finestra per ordinare i risultati in base alla Classificazione della pertinenza, la Data modifica, il Nome del file o la Posizione.

Salvare i risultati della ricerca cliccando sul pulsante con l’icona

del dischetto “Salva risultato in file” e scegliere Salva risultati su file PDF o Salva risultati su file CSV.

Opzioni di ricerca avanzate Cerca in: confina la ricerca al PDF corrente, a tutto il portfolio

PDF se aperto, a un indice o a un percorso nel computer. Se si vuole ricercare in un indice, in una posizione sul computer o in un portfolio PDF, ulteriori opzioni sono disponibili cliccando sulla voce Mostra criteri aggiuntivi.

Quale parola o frase ricercare: scrivere il testo o la frase da ri-

cercare.

Restituisce risultati contenenti: filtra i risultati di ricerca in base

ai criteri desiderati: •

Corrispondenza esatta della parola o della frase: Esegue la ricerca esatta della stringa di caratteri, compresi gli spazi, come in-

dicato nella casella di testo.

Qualsiasi corrispondenza delle parole: effettua la ricerca con

tutte le ricorrenze con almeno una delle parole.

143


Capitolo 11

Nella sezione cerca in selezionando indice oltre alle voci indicate so-

pra è possibile notare:

Corrispondenza esatta di tutte le parole: ricerca le occorrenze

contenenti tutte le parole immesse anche in un ordine diverso da quello in cui sono

state digitate. È un’opzione disponibile solo per le ricerche in più PDF.

Interrogazione booleana: utilizza gli

operatori booleani digitati con le parole di ricerca nella casella Quale parola o fra-

se ricercare? Questa opzione è disponibile solo per ricerche in più PDF.

Per approfondire con maggiori criteri la

ricerca cliccare sulla voce Mostra più opzioni

la quale comprende le opzioni di ricerca di base più quattro opzioni aggiuntive:  Solo parole intere

 Maiuscole/Minuscole

Pannello di ricerca modalità avanzata

 Vicinanza: ricerca due o più parole separate da una certa quantità massima di parole indicata nelle preferenze. È dispo-

nibile solo per ricerche in più documenti e solo se selezionata la Corrispondenza esatta di tutte le parole.

144


Ricercare e indicizzare il contenuto

 Radice: Permette di trovare le parole che contengono una par-

te della parola indicata. L’uso dei caratteri jolly (*, ?) non è consentito in questo tipo di ricerche. L’opzione non è disponibile quando si seleziona Solo parole intere o Maiuscole/Minuscole.

 Includi segnalibri: ricerca il testo nei segnalibri.

 Includi commenti: ricerca nel testo di tutti i commenti.

 Includi allegati: ricerca nei file allegati al PDF ( massimo fino a due livelli).

Dopo aver cliccato sulla voce mostra più opzioni è possibile constata-

re l’attivazione di Usa questi criteri aggiuntivi. Tale opzione è di-

sponibile solo per ricerche in più PDF o indici di PDF. Per ricerche

che riguardano l’uso di indici cliccare sulla voce Cerca in > seleziona

indice > aggiungere indice di Catalog (file con estensione .pdx).

È inoltre possibile selezionare diverse combinazioni di proprietà

modificatore-valore per applicarle alle ricerche.

All’interno della casella di testo quale parola o frase ricercare? in-

dicare i riferimenti testuali da ricercare e associare una delle tre voci di seguito indicate:

 Corrispondenza esatta della parola o della frase;

 Qualsiasi corrispondenza delle parole;

 Corrispondenza esatta di tutte le parole. 145


Capitolo 11

In Usa questi criteri aggiuntivi è possibile scegliere: •

Primo menù (proprietà): definisce le caratteristiche del docu-

mento da cercare.

Secondo menù (modificatore): contiene il livello di corrispon-

denza. Se nel primo menù si imposta una data, le opzioni disponibili nel secondo menù sono: È esattamente, È precedente, È successivo, Non è; in caso contrario saranno disponibili le voci: Con•

tiene e Non contiene.

Terza casella (valore o testo): indica le informazioni di base per ricercare una corrispondenza.

Per facilitare la ricerca si riportano alcuni degli Operatori booleani più utilizzati che si posso inserire nella terza casella: •

E: da inserire tra due parole per individuare i documenti aventi

entrambi i termini. Per esempio inserire Praga AND Londra per

trovare i file che abbiano sia Praga che Londra.

NON: utilizzare questo operatore per escludere i file che contengono la parola digitata. scrivere ad esempio NOT Mosca per rica-

vare tutti i file che non hanno il termine Mosca.

renze di entrambi i termini.

Oppure: va inserito questo operatore per cercare tutte le ricor-

OR esclusivo (^): va utilizzato per trovare tutte le ricorrenze che includono una delle due parole, ma non entrambe. Per esempio scrivere leone ^ tigre per individuare tutti i documenti che con-

146

tengono leone o tigre ma non entrambi.


Ricercare e indicizzare il contenuto

( ): usare le parentesi permette di stabilire l’ordine di valutazione dei termini. inserire, ad esempio, orso AND (bruno OR bianco) per individuare tutti i documenti che contengono orso e bruno o orso e bianco.

Creare indici di PDF Si può ridurre il tempo per le ricerche in un PDF di grandi dimen-

sioni inserendo nel documento un indice delle parole. Aggiungere un indice a un PDF

Aggiungere un indice a un PDF: dopo aver aperto il documento se-

lezionare Strumenti > Elaborazione documento > Gestisci indice in-

corporato > Incorpora indice > Leggere il messaggio visualizzato e cliccare su OK.

Aggiornare o rimuovere l’indice incorporato in un PDF con Stru-

menti > Elaborazione documento > Gestisci indice incorporato > cliccare su Aggiorna indice o Rimuovi indice. Informazioni sulla funzione Catalog

Informazioni sulla funzione Catalog che permette di definire un

gruppo di PDF come catalogo e di creare un indice per tutta la raccolta di documenti.

Preparare i PDF per l’indicizzazione La prima cosa da fare è creare una cartella contenente i file PDF da

indicizzare. Per migliorare la ricerca è opportuno suddividere i file più grandi in documenti più piccoli.

147


Capitolo 11

Aggiungere metadati alle proprietà del documento cliccando

su File > Proprietà e selezionando la scheda Descrizione.

Un nuovo indice genera un file con estensione .pdx e una cartella

di supporto contenente file con estensione .idx che contengono le voci dell’indice.

Creare un indice per una raccolta Creare un indice per una rac-

colta scegliendo:

Strumenti >

Elaborazione documento > Indice full-text con catalogo > Nuovo in-

dice > impostare le proprietà desiderate > Costruisci > Salva.

Finestra di dialogo delle op-

zioni di indicizzazione: •

Non includere i numeri: esclude dall’indice tutti i nu-

meri velocizzando le ricerche.

Aggiungi ID a file Adobe PDF Versione 1.0 Attivare

Figura 1 Creazione indice per ricerca contenuto

questa opzione se la raccolta include i PDF creati con versioni

precedenti ad Acrobat 2.0.

Non visualizzare il messaggio sui documenti modificati durante la ricerca Quando questa opzione non è selezionata si vi-

148


Ricercare e indicizzare il contenuto

sualizza un messaggio mentre si esegue la ricerca in documenti •

modificati dopo la creazione dell’indice.

Proprietà personalizzate serve ad inserire nell’indice le carat-

teristiche personalizzate del documento. Dopo aver inserito la proprietà, selezionare le opzioni dal menù Tipo e cliccare su Aggiungi. Queste proprietà saranno visualizzate come opzione di ri-

cerca nei menù a comparsa dei criteri aggiuntivi della finestra Ri•

cerca PDF.

personalizzati.

ricerca nell’indice.

menti foglia nei file aventi struttura logica con tag.

Campi XMP vanno utilizzati se si vogliono includere i campi XMP Parole serve ad escludere massimo 500 parole specifiche dalla Tag struttura rende possibile la ricerca nei nodi di tag con eleVerificare un indice permette di aggiornare, ricreare o svuotare un indice. Per farlo scegliere: Strumenti > Elaborazione documento > Indice full-text con catalogo > Apri indice > Individuare e se-

lezionare il file di definizione PDX dell’indice, quindi cliccare su Apri.

Nella finestra di dialogo Definizione indice modificare il file e cliccare sulla funzione da eseguire in Acrobat, come ad esempio:

149


Capitolo 11

Costruisci: crea un nuovo file IDX con le informazioni esistenti e

lo aggiorna con nuove voci. Se si abusa di questa opzione i tempi di ricerca possono aumentare.

Ricostruisci: crea un nuovo indice sovrascrivendo il precedente.

Svuota: rimuove i contenuti dell’indice senza eliminare il file di

indice stesso.

Preferenze di Catalog Si possono stabilire le preferenze per l’indicizzazione da utilizzare

genericamente per tutti gli indici che si creano, sebbene alcune pre-

ferenze si possono ignorare, in un particolare indice, durante la sua creazione.

Spostare raccolte e relativi indici Si possono creare e verificare più documenti indicizzati su un di-

sco rigido locale e successiva-

mente trasferirli su un server di rete. Una definizione di in-

dice comprende i percorsi re-

lativi tra il file di definizione

dell’indice (PDX) e le cartelle che contengono i documenti indicizzati. Se successivamente i percorsi relativi vengono

modificati, bisognerà creare 150

Finestra di dialogo creazione Catalog


Ricercare e indicizzare il contenuto

un nuovo indice. Per usare il file PDX originale bisogna spostare pri-

ma i documenti indicizzati, poi bisogna copiare il file PDX nella nuova cartella in cui si vuole creare il nuovo indice e bisogna aggiornare gli elenchi di directory e sottodirectory.

Se l’indice si trova in un’unità o in un volume differente da quello

della raccolta di documenti ad esso correlata, allora lo spostamento

della raccolta o dell’indice provocherà l’interruzione del collegamento con l’indice. Se si desidera spostare una raccolta di files va creato l’indice nella stessa posizione della raccolta.

151


Capitolo 12

152


Contenuto multimediale in un PDF

Capitolo 12 Contenuti multimediali In questo capitolo verranno indicati quali tipi di contenuti multi-

mediali è possibile inserire in un file PDF e lâ&#x20AC;&#x2122;impostazione delle cor-

rette proprietĂ di importazione.

153


Capitolo 12

I PDF possono comprendere filmati, audio digitale, contenuti inte-

rattivi e modelli 3D da spostare, ruotare, ingrandire ed esaminare. Multimedia nei PDF creati con Adobe Reader XI

Si possono riprodurre i seguenti tipi di file multimediali:

Contenuti multimediali interattivi come i file SWF.

FLV, F4V, MP3 ed MP4.

I file video MOV, M4V, 3GP e 3G2 con compressione H.264 e file File audio come MP3 e MP4.

Questi file si possono riprodurre in una pagina o si possono attiva-

re attraverso un link, un segnalibro, un campo modulo o delle azioni di pagina.

Cliccare con lo strumento Mano o lo strumento di selezione

sull’area di riproduzione di un file audio o video per attivare la riproduzione.

File PDF creati con versioni precedenti Ci sono due tipi di file PDF necessitano dell’impostazione di alcune

preferenze multimediali: •

File PDF creati in Acrobat 8 e versioni precedenti

File PDF creati in Acrobat X dove i file multimediali sono stati aggiunti con il metodo di posizionamento precedente.

Con questi tipi di file bisogna individuare un lettore multimediale

aggiuntivo per l’esecuzione dei contenuti multimediali, per farlo 154


Contenuto multimediale in un PDF

aprire la finestra di dialogo Preferenze > Multimedia (precedente) > Opzioni del lettore > Selezionare il formato con cui si desidera eseguire il contenuto multimediale precedente, scegliendo tra: •

Opzioni lettore specificando se per QuickTime, Flash, Windows Media o Lettore incorporato di Windows.

Opzioni di accessibilità specificando se si vogliono visualizzare

funzioni speciali durante la riproduzione multimediale. Indicare la lingua preferita nel caso in cui ce ne siano di più disponibili.

Preferenze Affidabilità multimedia

I file multimediali nei PDF necessitano talvolta di risorse aggiunti-

ve per poter essere riprodotti, alcuni ad esempio necessitano di risorse da Internet, come un lettore multimediale. Si possono configu-

rare le impostazioni di affidabilità per stabilire se si desidera permettere al contenuto multimediale di sfruttare risorse esterne. Aggiungere contenuti multimediali ai PDF

L’aggiunta di video, audio e contenuti interattivi aumenta

l’interesse e la partecipazione degli utenti ai documenti.

I contenuti multimediali sviluppati in Flash possono essere ese-

guiti in Adobe Reader 9 e versioni successive. Gli utenti devono sem-

plicemente installare l’applicazione appropriata, come QuickTime o Windows Media Player, per la riproduzione del file multimediale.

155


Capitolo 12

Si possono aggiungere contenuti multimediali anche immettendo

un URL che faccia riferimento a un video o a contenuti multimediali

in streaming. Si possono utilizzare tre tipi di URL: RTMP, HTTP e HTTPS.

I contenuti interattivi sviluppati in Flash (i file .swf) si possono ag-

giungere ai PDF.

Aggiungere file multimediali ai PDF Acrobat supporta i file FLV, F4V, MP3 e SWF. Ă&#x2C6; possibile converti-

re altri tipi di file in uno dei formati

supportati grazie ad Adobe Media Encoder. Si può anche inserire au-

dio MP3 ad un PDF ed eseguirne la riproduzione su qualunque piattaforma.

Aprire il file PDF e selezionare

Strumenti > Contenuto > Oggetti

interattivi > Video o Suono o SWF >

Selezionare lâ&#x20AC;&#x2122;area nella pagina in cui si desidera visualizzare il video o il suono trascinando o eseguendo un doppio clic.

156

Riquadro laterale per aggiunta Oggetti interattivi


Contenuto multimediale in un PDF

Finestra di dialogo Inserimento video Nella finestra di dialogo inserisci video digitare un URL nel campo

Nome o cliccare su Sfoglia per individuare il file multimediale, quindi cliccare su Apri.

Note: Per quanto riguarda gli URL, bisogna utilizzare l’indirizzo

completo del file, compresa l’estensione del nome file video, ad esempio .flv o .mp4.

Finestra di dialogo creazione guidata Inserisci video

È inoltre possibile scegliere l’attivazione delle voci di seguito indicate:

 Aggancia a proporzioni contenuto garantisce che l’area di riproduzione mantenga le proporzioni di altezza e larghezza del video originale.

 Mostra opzioni avanzate fa accedere alla finestra di dialogo per le impostazioni aggiuntive quali quelle di esecu-

zione, controlli di riproduzione e impostazioni video. Le opzioni disponibili variano in base al formato dei file multimediali inclusi.

157


Capitolo 12

Inserire video nei file Word e PowerPoint Acrobat Pro integra una funzione che permette di includere video

in formato FLV o SWF a documenti Word o PowerPoint. I video creati

in altri formati supportati vengono convertiti automaticamente in formato FLV quando incorporati al documento di Office. Una volta aggiunto un video a un documento Word o PowerPoint lo si può convertire in PDF e modificarne le proprietà video.

Per inserire contenuto flash in documento di Word Nel docu-

mento Office dopo aver individuato la posizione in cui visualizzare il

video effettuare le seguenti operazioni: in Office 2007/2010 cliccare

sul pulsante Incorpora Flash sulla barra multifunzione Acrobat, cliccare sul pulsante Sfoglia per selezionare il file che si vuole aggiungere e Modificare le impostazioni del video in base alle esigenze.

Per i video che non sono file FLV o SWF bisogna impostare una

miniatura spostando il cursore sul fotogramma desiderato, quindi si deve cliccare su Imposta immagine miniatura da fotogramma corrente. Per definire la modalità in cui visualizzare i controlli di riproduzione scegliere un’opzione dal menù Interfaccia. Se si vogliono modi-

ficare le dimensioni di visualizzazione del video, cliccare su Ridimen-

siona video e modificare i valori di larghezza e altezza, si consiglia di mantenere le proporzioni per una visualizzazione ottimale. Per conver-

tire il video (se necessario) e aggiungerlo al documento cliccare su OK. Dalla finestra di dialogo che si avvia scegliere le opzioni desiderate. 158


Contenuto multimediale in un PDF

Per creare un punto del capitolo Posizionare il dispositivo di

scorrimento sul fotogramma che si desidera utilizzare. In Punti dei capitoli, cliccare sul segno più e evidenziare il punto del capitolo cliccando su Azioni per aggiungerne una. Modificare l’area di riproduzione

Dopo aver selezionato uno strumento Video, Audio o SWF cliccare

sull’area di riproduzione ed eseguire una delle seguenti procedure: •

• •

Spostare il clip trascinando la sua icona nella posizione desiderata.

Eliminare il clip dopo averlo selezionato premendo il tasto Canc.

Ridimensionare il clip trascinando gli angoli del riquadro. Man-

tenere premuto il tasto Maiusc per conservare le proporzioni dei filmati.

Aggiungere commenti ai video É possibile aggiungere commenti a singoli fotogrammi, in modo da

essere visualizzati nel contesto in cui erano stati creati. Per aggiun-

gerli aprire il riquadro delle attività relative ai commenti poi avviare

il video e cliccare su Pausa nel punto in cui si desidera aggiungere un commento, quindi selezionare lo strumento di creazione dei commenti dal pannello degli strumenti di annotazione e marcatura grafi-

ca, quindi cliccare sul fotogramma del video in cui aggiungere il commento, infine cliccare su Riproduci per far proseguire il video.

159


Capitolo 13

160


Uso del sistema Gestione del colore

Capitolo 13 Gestione del colore Gli argomenti di questo capitolo guideranno lo studente nella

comprensione dellâ&#x20AC;&#x2122;utilizzo del sistema gestione colore in progetti

grafici destinati a periferiche differenti a quella in cui il progetto è stato creato ed elaborato.

161


Capitolo 13

Comprendere la gestione del colore La gestione del colore compensa le differenze nella resa dei colori

nelle varie periferiche, così da garantire un buon grado di sicurezza dei colori nell’output finale.

Cause della mancata concordanza del colore Nessun dispositivo può riprodurre l’intera gamma di colori perce-

pibili dall’occhio umano, ma ciascuno agisce all’interno di uno specifico spazio cromatico o gamma cromatica. Sistema di gestione del colore

Le problematiche di corrispondenza del colore nascono dai diversi

spazi cromatici usati dai diversi dispositivi e software. Una prima so-

luzione può consiste nell’utilizzare un sistema che interpreti e con-

verta i colori tra i diversi dispositivi, come il CMS (Color Management System) che effettua le regolazioni necessarie per rappresentare il colore in modo uniforme sui diversi dispositivi. La gestione del colore converte i colori attraverso i profili colore.

Vantaggi della gestione del colore

Senza la gestione del colore, le specifiche cromatiche dipendono

dal dispositivo in uso.

Procedure di base per garantire colori coerenti: bisogna accer-

tarsi che tutti gli aspetti della gestione del colore corrispondano a quello usato dai partner di produzione. 162


Uso del sistema Gestione del colore

Calibrare e creare il profilo del monitor: questo è il primo pro-

filo da creare.

È importante aggiungere i profili colore al sistema per i dispositivi

di input e output da utilizzare, ad esempio scanner e stampanti dopo

averlo fatto bisogna impostare la gestione del colore nelle applica-

zioni Adobe. Le impostazioni predefinite soddisfano le esigenze della maggior parte degli utenti, tuttavia le si possono modificare tramite una delle seguenti procedure:

se si utilizzano più applicazioni Adobe utilizzare Adobe Bridge3

per impostare una configurazione di gestione del colore standard e sincronizzarla con le impostazioni del colore delle altre applicazioni.

se si utilizza una sola applicazione Adobe, o se si vogliono perso-

nalizzare le opzioni avanzate è possibile modificare le impostazioni

del colore per un’applicazione specifica, bisogna visualizzare un’anteprima dei colori con una prova colore a video, poi utilizzarla per verificare come si vedranno i colori all’output.

Sincronizzare le impostazioni del colore nelle applicazioni Adobe In Bridge eseguire: Modifica > Impostazioni colore di Creative Sui-

te > Scegliere un’impostazione colore nell’apposito elenco e cliccare su Applica.

163


Capitolo 13

Impostare la gestione del colore Impostare la gestione del

colore scegliendo la categoria Gestione colore della finestra di dialogo Preferenze, selezio-

nare l’impostazione colore de-

siderata e cliccare su OK. In questo modo si possono definire gli spazi cromatici da uti-

lizzare nell’applicazione. Ciò

Suite Color Settings di Brigde

accade quando si aprono o

importano file con profili incorporati. Per visualizzare la descrizione di un’impostazione, selezionarla e posizionare il puntatore sul relati-

vo nome. La descrizione viene riportata nella parte bassa della finestra di dialogo.

Gestione dei colori quadricromia e tinta piatta

Quando lavorate con quadricromia e tinte piatte, considerate:

Bisogna scegliere uno spazio di lavoro CMYK che corrisponda alle condizioni di output CMYK, in modo da visualizzare con precisio-

ne i colori.

Bisogna scegliere i colori da una libreria di colori, che si trovano

già presenti negli applicativi Adobe o si possono caricare tramite il menù del pannello Campioni colore. 164


Uso del sistema Gestione del colore

Bisogna utilizzare i valori Lab (di default) per visualizzare le tinte piatte predefinite, come i colori delle librerie TOYO, PANTONE, DIC e HKS, che poi devono essere convertite in quadricromia. I

Lab permettono la visualizzazione di colori con estrema precisione e affidabilità in tutte le applicazioni della Creative Suite.

Gestione del importate

colore

nelle

immagini

Un flusso di lavoro CMYK sicuro permette di conservare i valori

numerici dei colori CMYK fino al dispositivo di output finale, anziché convertirli tramite il sistema di gestione del colore.

Per preparare la grafica importata per la gestione del colore

orientandosi con le seguenti indicazioni: •

Incorporate un profilo compatibile ICC durante il salvataggio del

file, tali profili sono supportati dai seguenti formati: JPEG, PDF, •

PSD, AI, INDD, Photoshop EPS e TIFF.

Se si prevede di riutilizzare un elemento a colori su più supporti

di output finali, come la stampa, il video e il Web preparare l’oggetto con colori RGB o Lab. Se bisogna salvare in un metodo

colore differente da RGB o Lab, conservare una copia della grafica •

originale.

La gestione del colore per la visualizzazione online è fortemente diversa da quella per i supporti di stampa poiché tali documenti

vengono visualizzati su una vasta gamma di monitor spesso non 165


Capitolo 13

calibrati, limitando così notevolmente la possibilità di controllare la coerenza dei colori.

Con i documenti da visualizzare Web è consigliato l’uso dello spa-

zio cromatico sRGB. Nel caso di immagini con un profilo colore incorporato differente da sRGB, bisogna convertirne i colori pri-

ma di salvarle. Convertire i colori in sRGB all’apertura dell’immagine selezionando l’opzione Converti in spazio di lavoro in gestione del colore RGB.

Gestione del colore nei PDF da visualizzare online Nell’esportare file PDF si può scegliere di incorporare dei profili in

modo che riproducano i colori fedelmente in Acrobat 4.0 o versioni

successive. I profili colore incorporati determinano un aumento delle dimensioni dei file. In genere i profili RGB hanno piccole dimensioni mentre quelli CMYK possono essere comprese tra 0,5 e 2 MB.

Gestione del colore nei documenti HTML da visualizzare online Nei browser che supportano la gestione del colore questa potreb-

be comunque non essere efficace a causa dell’utilizzo di monitor non calibrati. Con lo spazio cromatico sRGB si può simulare la resa dei colori su monitor non calibrati.

166


Uso del sistema Gestione del colore

Prove colore In un flusso di lavoro di pubblicazione tradizionale la prova di stam-

pa su carta permette di anticipare la riproduzione dei colori con uno

specifico dispositivo di stampa. I profili colore si possono ben sfruttare per effettuare una prova colore del documento sullo schermo.

L’affidabilità della prova colore a video è correlata alla qualità del

monitor, ai suoi profili, ai dispositivi di output ed alle condizioni di illuminazione dell’ambiente in cui ci si trova. Effettuare le prove colore a video

mediante la procedura: Strumenti >

Produzione di stampe > Anteprima out-

put > Scegliere il profilo colore di un di-

spositivo

di

output

>

Scegliere

un’opzione per la prova colore a video tra: •

Simula inchiostro nero Permette di

simulare il grigio scuro al posto del

nero uniforme. Non è un’opzione •

Finestra di dialogo Anteprima output

supportata da tutti i profili.

Simula colore carta Permette di simulare il bianco sporco della carta, in base al profilo di prova. Non è un’opzione supportata da tutti i profili.

167


Capitolo 13

Gestire il colore dei documenti durante la stampa Grazie alle opzioni di gestione del colore per la stampa si può spe-

cificare come le applicazioni adobe devono gestire i dati immagine in uscita, per far sì che i colori delle stampe siano coerenti con quelli vi-

sualizzati sul monitor. Per la gestione del colore durante la stampa si può scegliere tra le seguenti opzioni: •

Gestire il colore mediante la stampante

Gestire il colore mediante l’applicazione.

Gestione del colore mediante la stampante In questo caso l’applicazione non esegue alcuna conversione del

colore ma invia soltanto le informazioni di conversione utili al dispositivo di output.

Con una stampante PostScript ci si può avvalere dell’opzione di

gestione colore PostScript per realizzare stampe a colori composite o in selezione colori (anche detta “in separazione”) nel processore RIP

(Raster Image Processor), in questo caso bisogna specificare solo i parametri per la selezione colori.

Gestione del colore in stampa mediante l’applicazione Gestione del colore in stampa mediante l’applicazione esegue la

conversione del colore nell’applicazione. I colori vengono convertiti in base alla gamma di colori del dispositivo di output al quale vengo168


Uso del sistema Gestione del colore

no inviati i valori risultanti. La riuscita del metodo dipende dall’esattezza del profilo della stampante selezionata. Gestione del colore nei PDF da stampare

Nel creare file Adobe PDF per la stampa commerciale, si può spe-

cificare come devono essere rappresentate le informazioni sui colori.

Il metodo migliore consiste nell’utilizzare uno standard PDF/X. Per gestire i colori si può scegliere tra le seguenti opzioni:

(PDF/X-3) I colori non vengono convertiti: è da utilizzare durante

la creazione di un documento da destinare a dispositivi sconosciuti.

(PDF/X-1a) Converte tutti i colori nello spazio cromatico CMYK di

destinazione: va utilizzato per creare un file pronto per la stampa che non ha bisogno di ulteriori conversioni del colore.

Nota: solo i colori di quadricromia equivalenti vengono convertiti

nello spazio cromatico designato.

Impostazioni del colore Lo spazio di lavoro è uno spazio cromatico utilizzato per definire e

modificare il colore nella applicazioni Adobe. Ogni metodo di colore è abbinato ad un profilo dello spazio di lavoro da scegliere attraverso la seguente procedura: Modifica > Preferenze > Gestione colore.

Di seguito si riportano le specifiche per eseguire una corretta scel-

ta delle opzioni relative allo spazio di lavoro:

169


Capitolo 13

RGB

Permette

dell’applicazione.

di

stabilire

lo

spazio

cromatico

RGB

 Il profilo sRGB è indicato per immagini da visualizzare sul

Web in quanto definisce lo spazio cromatico del monitor standard. È utile anche quando si lavora con immagini acquisite da fotocamere digitali.

 Il profilo Adobe RGB è da utilizzare per documenti da stampare.

CMYK

Serve a determinare lo

spazio

cromatico

CMYK

dell’applicazione. Tutti gli spazi di lavoro CMYK sono dipendenti da dispositivo, cioè si basano su combinazioni di inchiostro e car-

ta mentre quelli disponibili in Adobe si basano sulle condizioni di stampa standard.

Scala di grigi Per determinare lo spazio cromatico in scala di gri-

gi dell’applicazione.

Opzioni per la conversione del colore sono utili per controllare

come i colori vengono gestiti in un documento mentre lo si trasferisce da uno spazio cromatico all’altro.

Motore Permette di specificare il modulo di gestione del colore

(CMM, Color Management Module) da usare per la mappatura della gamma di uno spazio cromatico su quella di un altro. Il motore pre-

definito Adobe (ACE) è applicabile alle esigenze di conversione della maggior parte degli utenti. 170


Uso del sistema Gestione del colore

Usa compensazione punto nero assicura la conservazione dei

particolari nelle zone scure dell’immagine attraverso la simulazione dell’intera gamma dinamica dei dispositivi di output. Cosa sono gl’intenti di rendering?

Un intento di rendering influisce su come il sistema gestisce la

conversione dei colori da uno spazio cromatico all’altro. La scelta di un intento di rendering dipende dal tipo di grafica presente nei do-

cumenti e dai profili utilizzati per specificare gli spazi cromatici.

In generale, si consiglia di utilizzare l’intento di rendering predefini-

to.

Quando richiesto scegliere tra i seguenti intenti di rendering:

Percettivo: conserva le relazioni visive tra i colori in modo da percepirli come naturali dall’occhio umano. É ideale per le imma-

gini fotografiche ricche di colori fuori gamma.

Saturazione: tenta la riproduzione con colori brillanti a scapito

della precisione cromatica. È indicato per la grafica aziendale do•

ve l’intensità dei colori è fondamentale.

Colorimetrico relativo: converte i colori fuori gamma nel colore

più prossimo riproducibile nello spazio cromatico di destinazio•

ne. Questo intento conserva bene i colori originali.

Colorimetrico assoluto: non modifica i colori compresi nel ga-

mut di destinazione che vengono tagliati. È utile per visualizzare come il colore della carta influisce sui colori stampati.

171


Capitolo 13

172


Capitolo 14 La gestione della stampa In questo capitolo si parlerĂ di come impostare le proprietĂ  di

stampa adeguate alle proprie esigenze quali: Stampa di un PDF, Stampa di un opuscolo, Stampa di un Portfolio e Stampa in mezzetinte.


Capitolo 14

Stampare un PDF Prima di stampare un PDF accertarsi di aver installato il driver

della stampante corretto. Per procedere alla stampa cliccare sul pul-

sante di stampa o selezionare File > Stampa > Imposta pagina. Le op-

zioni disponibili cambiano in base alla stampante ed ai drivers in uso. Specificare le pagine da stampare e cliccare su OK.

Opzioni della finestra di dialogo Stampa •

Commenti e moduli Permette di specificare il contenuto visibile stampato.

Documento Per stampa-

re il contenuto del docu•

mento e i campi modulo.

Documento e marcature per stampare il contenuto

del documento, i campi •

modulo e i commenti.

Documento e timbri per stampare il contenuto del

Finestra di dialogo Stampa

documento con i campi modulo e i timbri, ma senza stampare al-

174

cun’altra marcatura.

Solo campi modulo stampa solo i campi modulo interattivi.


La gestione della stampa

• •

Vista corrente/Grafica selezionata stampa l’area della pagina

visibile nella vista corrente.

Pagina corrente Per stampare la pagina corrente.

Pagine Permette di specificare l’intervallo di pagine del PDF

aperto che devono essere stampate. I numeri di pagina si devono •

separare mediante trattini, virgole o spazi.

lo le dispari o le pari che si desidera stampare.

Sottoinsieme per selezionare tutte le pagine dell’intervallo o so-

Inverti pagine stampa le pagine in ordine inverso.

re le pagine in fase di stampa.

Ridimensionamento pagina Per diminuire, ingrandire o divideNessuna Per stampare la parte superiore sinistra o centrale di una pagina ritagliando le pagine o le selezioni che non rientrano

nel foglio.

affinché entri nell’area stampabile del formato selezionato.

Adatta all’area di stampa Per ridurre o ingrandire ogni pagina Riduci all’area di stampa Per ridurre le pagine di grandi dimen-

sioni. Se si sceglie un’area con dimensioni maggiori a quelle •

dell’area stampabile, tale area verrà ridimensionata e adattata.

Affianca pagine grandi Ripartisce le pagine più grandi rispetto a quelle selezionate.

175


Capitolo 14

• •

Affianca tutte le pagine Ripartisce a tutte le pagine.

Più pagine per foglio Permette di stampare più pagine sullo

stesso foglio. Definire anche le impostazioni per Pagine per foglio, Ordine pagine, Stampa bordo pagina e Rotazione automatica del•

le pagine.

Stampa opuscolo Stampa più pagine sullo stesso foglio ordinan-

dole per una lettura corretta quando il foglio è ripiegato. In questo caso però la stampante deve supportare la stampa fronte retro. •

Pagine per foglio Stampa un numero predefinito o personalizzato di pagine.

Ordine pagine Stabilisce l’ordine delle pagine sulla carta. Oriz-

zontale dispone le pagine da sinistra a destra e dall’alto verso il basso. Orizzontale invertito dispone le pagine da destra verso si-

nistra e dall’alto verso il basso. Verticale dispone le pagine dall’alto

verso il basso e da sinistra verso destra. Verticale invertito dispone • •

le pagine dall’alto verso il basso e da destra verso sinistra.

Stampa bordo pagina Traccia la CropBox (il limite delle pagine).

Ruota automaticamente e centra Modifica l’orientamento della pagina.

176


La gestione della stampa

Scegli alimentazione da dimensioni pagina PDF solo per sistemi Windows Per scegliere il vassoio di output secondo le di-

mensioni della pagina PDF.

Stampa su file solo per sistemi Windows genera un file PostScript avente il codice che abilita e controlla funzioni specifi-

che della periferica di output.

Stampa colore come nero solo per sistemi Windows stampa in nero di tutti i colori eccetto il bianco. Suggerimenti per la stampa

per connettersi al sito Web di

Adobe e ottenere informazioni

sulla risoluzione dei problemi di •

stampa.

Avanzate Per aprire uno o più

pannelli per l’impostazione di •

opzioni di stampa aggiuntive.

Riepiloga commenti Crea un file a parte avente solo i commenti.

Per stampare una porzione di una pagina Selezionare Modifica >

Memorizzazione di un'istantanea

Scatta un’istantanea > Tracciare l’area da stampare > File > Stampa.

177


Capitolo 14

Creare predefiniti di stampa I predefiniti di stampa sono un gruppo di valori specifici utilizzati

per definire le opzioni di stampa di base che evitano di dover reim-

postare manualmente le opzioni della finestra di dialogo Stampa ad

ogni suo uso. Per crearli selezionare File > Proprietà > Avanzate > Predefiniti > impostare le opzioni desiderate > OK. Voci dei predefiniti della finestra di dialogo Stampa •

Ridimensionamento

pagi-

na:  Predefinito riduce di default

stampa.

all’area

di

 Nessuna Non è permesso

l’adattamento

all’area stampabile. É

Finestra di dialogo proprietà documento per creazione predefiniti di stampa

utile per conservare le •

dimensioni del contenuto.

Modalità fronte retro se la stampante selezionata la supporta.  Simplex/un lato stampa un solo lato del foglio.

 Capovolgi fronte retro lato lungo stampa le due facciate del foglio nel senso del lato lungo.

178


La gestione della stampa

 Capovolgi fronte retro lato corto stampa le due facciate del foglio nel senso del lato corto.

 Stampa intervallo pagine Inserisce l’intervallo di pagine precedentemente immesso. É utile quando i documenti

comprendono pagine con istruzioni e pagine effettive.

Numero di copie trascrive il dato della finestra di dialogo Stampa.

Stampare un opuscolo

Mediante la procedura: File > Stampa > Gestione pagina > Stampa

opuscolo > nell’area Intervallo, specificare le proprietà che seguono: •

Per stampare l’intero documento: Tutto.

l’intervallo.

Per dividere un opuscolo in più parti: Pagine e specificare Per stampare delle pagine su diversi tipi di carta, specificar-

lo con l’opzione Fogli da/a, se-

lezionando da proprietà il vas•

soio corretto.

Ruota automaticamente

le

pagine Ogni pagina ruota per •

adattarsi all’area stampabile.

Finestra di dialogo Stampa Opuscolo

Fogli da Stabilisce il primo e l’ultimo foglio da stampare.

179


Capitolo 14

Rilegatura Stabilisce l’orientamento della rilegatura, selezionare

ad esempio sinistra per una lettura del testo da sinistra a destra.

Stampare PDF in un portfolio PDF

Un portfolio PDF contiene più documenti in un solo file PDF. Tali

PDF si possono stampare singolarmente o insieme, in ordine alfabetico.

Dopo aver aperto il portfolio PDF, impostare le proprietà di stam-

pa desiderate quindi selezionare File > Stampa e poi scegliere: Tutti i file PDF per stampare tutti i PDF

File PDF selezionati per stampare i PDF selezionati quindi sele-

zionare le opzioni di stampa e cliccare su OK.

Stampare dalla scheda segnalibri Le pagine associate a segnalibri si possono stampare dalla scheda

Segnalibri. Aprire un PDF con segnalibri > Selezionare uno o più segnalibri > Stampa pagina/e dal menu.

Stampare un dimensioni

documento

di

grandi

Per stampare un documento di grandi dimensioni utilizzare una

stampante desktop. Si può anche ingrandire un documento e stam-

parlo su più pagine con: File > Stampa > Ridimensionamento pagina > Affianca tutte le pagine. 180


La gestione della stampa

Ridimensiona per affiancatura serve a ridimensionare il

documento.

dinate delle sezioni.

Etichette Include il nome del PDF, la data della stampa e le coorIndicatori di taglio Vengono stampati sull’angolo di una pagina da affiancare per semplificarne l’assemblaggio.

Impostazioni avanzate di stampa Se le impostazioni normali di stampa non producono il risultato

sperato, è possibile che sia necessario specificare alcune opzioni nella finestra di dialogo Impostazioni avanzate di stampa. Bisogna tene-

re presente che alcuni font non possono essere scaricati poiché sono

in formato bitmap ed hanno limitazioni di incorporazione, il che porta a utilizzare un font sostitutivo.

Aprire le impostazioni avanzate con Stampa > Avanzate

Opzioni di output

Definire le opzioni di output dal pannello Output di Impostazioni

avanzate di stampa. •

• •

Colore Contiene opzioni per il colore composito e per le separazioni.

Capovolgi Specifica l’orientamento della pagina.

Negativo stampa il documento con i colori invertiti. 181


Capitolo 14

Retinatura Specifica le righe per pollice (lpi) e i punti per pollice

(dpi).

il trapping.

Trapping attiva o disattiva Predefinito di riduzione a livello singolo trasparenza Riduce gli oggetti trasparenti a livello singolo.

Simula sovrastampa Simu-

Finestra di dialogo Impostazione di Stampa

la gli effetti della sovra-

stampa di inchiostri tinta piatta e converte le tinte piatte in quadricromie.

Usa risoluzione immagine massima JPEG2000 serve a control-

lare come vengono utilizzate le informazioni sull’avanzamento della risoluzione. Se attiva si utilizzano i dati di risoluzione massima.

Gestione inchiostri Per modificare la gestione degli inchiostri

col PDF aperto.

La frequenza del retino mezzetinte Nella stampa il tono continuo è simulato da punti (detti punti mez-

zatinta) che vengono stampati come serie di righe o linee, in base ai 182


La gestione della stampa

valori di lineatura che per essere ben definita deve essere alta come

150 lpi. Alcuni suggerimenti di lineatura: •

• • •

65 lpi (linee per pollice): retinatura grossa, per newsletter e buoni sconto

85 lpi: retinatura media, per i quotidiani

133 lpi: retinatura di alta qualità per i periodici

77 lpi: retinatura molto fine per resoconti annuali e immagini in libri d’arte.

Specificare la frequenza dei retini mezzetinte dalla finestra di

dialogo Impostazioni avanzate di stampa.

L’emulsione e l’esposizione dell’immagine In base al tipo di macchina da stampa alla modalità di trasferimento dei dati, il fornitore potrà richiedere pellicole in negativo o positivo, con l’emulsione. Specificare l’emulsione e l’esposizione dell’immagine

In Output della finestra di dia-

logo Impostazioni avanzate di stampa, selezionare Colore > Se-

parazioni > Capovolgi > quindi

Finestra di dialogo Impostazione avanzate di stampa

scegliere:

183


Capitolo 14

Nessuna Non apporta modifiche all’orientamento dell’area di

creazione immagine.

verticale con conseguente “lettura errata”.

orizzontale, quindi viene capovolta.

Orizzontale riflette l’area di creazione immagine tramite un asse Verticale riflette l’area di creazione immagine tramite un asse Orizzontale e verticale riflette l’area di creazione immagine tramite un degli assi orizzontale e verticale con conseguente “lettura errata”.

Nota: Abilitare l’opzione Negativo se la pellicola è negativa, fare il contrario se è positiva.

Includere gli indicatori e le pagine al vivo È possibile posizionare degli indicatori di stampa sulla pagina atti-

vando dalle impostazioni avanzate la voce Indicatori e pagine al vivo e impostarne le proprietà scegliendo tra le voci di seguito indicate:

• •

Tutti gli indicatori per creare contemporaneamente tutti gli in-

dicatori di stampa.

Stile per determinare l’aspetto degli indicatori.

Spessore linea per determinare lo spessore delle linee per gli in-

dicatori di taglio, pagina al vivo e registrazione.

184


La gestione della stampa

Indicatori di taglio per inserire un indicatore in ogni angolo dell’area di taglio.

Indicatori pagina al vivo per inserire un indicatore in ogni angolo della BleedBox che definisce quant’è l’ area in ecces-

so nell’immagine che va oltre i limiti delle dimensioni di pa•

gina definite.

all’area di ritaglio.

Indicatori di registrazione per inserire degli indicatori esterni Barre dei colori aggiunge un quadratino di colore per ciascun colore in scala di grigi o in quadricromia. Servono per regolare la

densità dell’inchiostro nel dispositivo di output.

Informazioni pagina: per inserire le informazioni sulla pagina

(nome file, il numero di pagina, la data e l’ora correnti e il nome della separazione colore) al di fuori dell’area di ritaglio.

Opzioni postscript

Il pannello Opzioni PostScript serve ad impostare le opzioni per

una specifica stampante PostScript. •

Criteri risorse e font Per specificare la modalità di invio dei font e delle risorse non presenti sulla stampante.

Invia all’avvio Per scaricare tutti i font e le risorse all’avvio del processo di stampa.

185


Capitolo 14

Invia per intervallo Per scaricare i font e le risorse prima della

stampa della prima pagina che li usa.

pagina prima di essere stampata.

Invia per ogni pagina Per scaricare tutti i font e le risorse di una Metodo di stampa Per specificare il livello PostScript per la creazione delle pagine che deve essere adeguato alla propria

stampante.

Scarica font asiatici (Windows) o Scarica i font dell’estremo oriente (Mac OS) Per la stampa di documenti con font asiatici

non installati sulla stampante o non incorporati nel PDF.

Produci rimozione del sottocolore/generazione del nero Riduce il ciano, il magenta e il giallo per compen-

sare la generazione del nero che calcola quanto nero è necessario

per riprodurre

un colore.

ce mezzetinte incorporate.

Produci mezzetinte Produ-

Finestra di dialogo Opzioni PostScript

Produci funzioni di trasferimento serve per compensare l’aumento o la diminuzione della grandezza dei punti dopo il tra-

186

sferimento dell’immagine su pellicola.


La gestione della stampa

Opzioni di gestione del colore Il pannello di gestione del colore serve ad impostare le opzioni per

la stampa a colori. •

Gestione del colore Determina se verrà utilizzata la gestione del

colore e dove deve essere eseguita.

spondente alla periferica di output.

Gestione colore di Acrobat Per selezionare un profilo ICC corriCome origine Non prevede gestione del colore.

Gestione colore stampante I dati sul colore sono inviati col pro-

filo del documento alla stampante, che li converte in base al pro•

prio spazio colore.

colori durante la stampa.

ni disponibili.

dei grigi e gli elementi RGB abbiano valori uguali.

Profilo colore Determina il profilo utilizzato per la gestione dei Colore output Mostra il colore di output in base alle impostazioTratta grigi come grigi con soli valori K Assicura che le scale Mantieni nero Stabilisce che i colori CMYK basati sul nero puro

restino basati soltanto sul nero.

187


Capitolo 14

Mantieni primari CMYK Stabilisce che i colori CMYK basati su

ciano, magenta, giallo o nero siano conservati nelle conversioni da CMYK a CMYK.

Applica impostazioni anteprima output Simula lo spazio di

stampa definito, il che permette di simulare l’aspetto di un dispositivo su un altro.

Stampa colore

Visualizzare in anteprima la sovrastampa dei colori permette di l’aspetto che avranno la fusione e la sovrastampa nell’output. É utile per effettuare prove dei documenti. Gestire i colori

Quando si stampa un documento con colori RGB o CMYK si posso-

no specificare le opzioni di gestione del colore per conservare l’uniformità di colore nella periferica di destinazione.

La stampa composita stampa tutti i colori su un’unica lastra.

La separazione dei colori si pratica nelle immagini da riprodurre

a livello commerciale avente più colori da stampare su piastre principali diverse.

Stampa di un composito a colori Con la procedura File > Stampa > Avanzate > Output > Composito.

188


La gestione della stampa

Separazioni di colore Stampare le separazioni di colori Attraverso la procedura: File

> Stampa > selezionare la stampante > Avanzate > Selezionare Out-

put > scegliere un’opzione dal menù Colore:

• • •

Separazioni: se il PPD non supporta le separazioni In-RIP

Separazioni In-RIP: se il PPD supporta le separazioni In-RIP

Fatto ciò si visualizzano le opzioni di trapping, dal menù dello

stesso selezionare Adobe In-RIP o Disattivato e continuare ad impostare delle proprietà desiderate.

189


Capitolo 15

190


Uso degli strumenti per la produzione di stampe

Capitolo 15 Strumenti per la produzione di stampe In questo capitolo sono trattati tutti quegli strumenti che permettono di produrre stampe per lâ&#x20AC;&#x2122;esecuzione di un flusso di lavoro completo.

191


Capitolo 15

Strumenti per la produzione di stampe panoramiche Adobe Acrobat dispone di sofisticati strumenti per produrre

stampe che permettono l’esecuzione di un flusso di lavoro completo. Gli strumenti per la produzione di stampe sono reperibili nel pannel-

lo Produzione di stampe del riquadro Strumenti. Pannello Produzione di stampe

Aprire il pannello Produzione di stampe col comando Vista >

Strumenti > Produzione di stampe.

Strumenti per la produzione di stampe:

Acrobat

Distiller

PostScript in PDF.

Converte

i

file

Anteprima output Combina l’anteprima separazione, la prova su schermo, gli av-

visi relativi al colore e altre funzioni.

Verifica preliminare Esegue più di 400 controlli di default per tutti gli errori di

output comuni e li correggere quando è •

possibile ovviare.

Predefiniti di trapping Serve a creare e applicare impostazioni di trapping attra-

verso un Adobe PostScript 3 RIP. 192

Riquadro laterale strumenti Produzione di stampe


Uso degli strumenti per la produzione di stampe

Converti colori Converte qualsiasi spazio colore del documento nello spazio colore di destinazione.

Gestione inchiostri Serve a modificare la modalità di gestione degli inchiostri col PDF aperto cosa che avviene utilizzando con-

trolli e opzioni uguali a quelli delle altre applicazioni Adobe.

Imposta riquadri di delimitazione pagina Definire le caselle CropBox, TrimBox, ArtBox e MediaBox in una pagina. Sono tutti elementi importanti per assicurare un corretto posizionamento

della pagina.

Aggiungi indicatori di stampa Permette di aggiungere gli indi-

catori di stampa standard alla pagina del PDF per il posiziona•

mento, gli stessi vengono poi incorporati nel PDF.

quelle più spesse in base ai criteri dell’utente.

Correggi linee sottili Trova le linee sottili e le sostituisce con Anteprima conversione Comprende un’anteprima che fa visua-

lizzare gli oggetti trasparenti e gli effetti dell’applicazione su di essi. Utilizzare Anteprima conversione per ottenere i predefiniti di conversione della trasparenza. Si possono usare i predefiniti

per controllare la rasterizzazione eseguita durante l’output di stampa. Si possono salvare queste impostazioni come predefiniti per riutilizzarle successivamente.

193


Capitolo 15

â&#x20AC;˘

Definizioni processi JDF Permette di creare definizioni di

processi personalizzati da modificare e utilizzare in un ambiente di produzione. Il file JDF comprende anche le informazioni utili per la creazione di PDF adatti al processo di produzione,

comprese le impostazioni di conversione PDF e i profili di verifica

preliminare.

194

Adobe Acrobat X Pro  
Adobe Acrobat X Pro  
Advertisement