Issuu on Google+


Il contesto europeo ed internazionale Negli ultimi anni il tema delle criticità derivanti dalla gestione dei rifiuti dell’energia e delle risorse idriche sono divenuti centrali all’interno del dibattito mondiale, ad ogni livello: economico, istituzionale, politico e sociale. Parlare di Ambiente significa parlare di tecnologie ambientali e di gestione delle risorse, dagli Rsu ai rifiuti industriali e speciali, alle risorse idriche, all’energia. Ma l’evoluzione del concetto di Ambiente si estende sempre più a quello di Produzione sostenibile da parte delle Imprese, attente e coinvolte a riorientare a monte i processi nei diversi settori applicativi: dalla chimica alla farmaceutica, dall’industria tessile e agro-alimentare all’arredo per utilizzare i nuovi prodotti da riciclo a seguito di riconversione industriale. Riduzione, riuso, recupero dei prodotti e delle materie, la gerarchia nella gestione dei rifiuti centra l’attenzione a monte della filiera, dove possono essere apportati cambiamenti e innovazioni nei processi produttivi, nella riduzione e nel recupero dei materiali e delle risorse energetiche e idriche. Le nuove politiche comunitarie in materia d prodotti stimolano sia il mondo della ricerca e della chimica che l’industria di produzione e trasformazione e dei servizi a conformarsi a modelli industriali già in uso all’estero che poggiano sul concetto di sistemi industriali chiusi, con limitazione massima di rifiuti immessi nell’ambiente e soprattutto potenzialmente riassorbibili dall’ambiente stesso, uniformandosi al concetto di “simbiosi industriale” e “disaccoppiamento” tra crescita economica e sociale e sfruttamento delle risorse. (Europa 2020). La commissione propone per il 2020 cinque priorità che guideranno il processo di sviluppo e verranno tradotte in obiettivi nazionali. Tali obiettivi, che riguardano l’occupazione, la ricerca e l’innovazione, il cambiamento climatico e l’energia, l’istruzione e la lotta contro la povertà, “rappresentano la direzione da seguire, e ci consentiranno di valutare la nostra riuscita.” (introduzione a Europa 2020).

Crescita intelligente: sviluppare un’economia basata sulla conoscenza e sull’innovazione. Ricerca + tecnologia = innovazione Crescita sostenibile: promuovere un’economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva. Ricerca + definizione di standard comuni + sviluppo del supporto infrastrutturale = risparmio energetico e competitività Crescita inclusiva: promuovere un’economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. Idee innovative + investimenti in ricerca e sviluppo = nuovi prodotti


L’EVENTO Tecnologie innovative, Cambiamento climatico, Ricerca e innovazione, Educazione ambientale, Gestione strategica del ciclo integrato dei rifiuti, delle risorse idriche, efficienza energetica, tecnologie a basso impatto ambientale, mobilità sostenibile. Questi temi, al centro delle linee guida europee per lo sviluppo di una gestione industriale sempre più orientata alla green economy, sono oggetto di esposizione, studio, approfondimento e dibattito nell’ambito della nuova edizione di SEP, dal 19 al 22 marzo 2013. In un momento in cui la sostenibilità ambientale detta le nuove scelte globali dell’economia, l’investimento nell’innovazione tecnologica diventa lo strumento essenziale per il rilancio dell’impresa. SEP si pone come progetto di comunicazione ambientale per diffondere tra imprese e cittadini una nuova idea di sostenibilità. Organizzato in collaborazione con le aziende leader del settore e le associazioni attive nella promozione, formazione e comunicazione ambientale, SEP è il Salone che affronta i grandi temi dell’ambiente con approccio di ampio respiro a livello internazionale. Quattro giorni dedicati agli operatori per aggiornarsi e confrontarsi sui modelli di gestione e sulle tendenze del mercato.

SEP 2013 DIVENTA SEP Green R–evolution, evoluzione del progetto verso tutto quanto è innovazione e green economy, green chemistry, green thinking. SEP ritorna nella rinnovata edizione 2013, contenitore effervescente di contenuti attuali, presentazione di approcci diversi, scambio culturale e confronto proattivo tra diversi approcci alla gestione dell’ambiente su scala internazionale. Contenitore di idee e soprattutto di tecnologie, nella sua tradizione di fiera fortemente votata al prodotto, alle Imprese, al mercato. C’è del nuovo nella tradizione!


I SETTORI: Un unico progetto, declinato in 4 settori dedicati e sinergici tra loro:

SEP RIFIUTI:

Raccolta trasporto rifiuti, ciclo integrato dei rifiuti, pulizia e manutenzione strade, impianti e tecnologie di smaltimento e trattamento, impianti e tecnologie per il riciclaggio, trasformazione industriale, prodotto da materiale riciclato.

HYDRICA:

Tecnologie e sistemi di gestione del ciclo idrico integrato, trattamento acque di processo, water to energy, acqua e agricoltura, reti idriche e tecnologie trenchless.

SEP ENERGIA:

Mobilità sostenibile, tecnologie a bassa emissione di carbonio, Reti e distribuzione del Gas, nuove strade per l’energia, sistemi di efficienza e risparmio energetico, biomasse, biogas, impianti di cogenerazione e micro cogenerazione.

SEP R&D:

Servizi per l’ambiente, prodotto, innovazione.

education,

cetificazione

di


Nuove sinergie Voglia di fare squadra Passione e creatività Un gruppo per Voi Settori sinergici per un evento completo, voglia di fare squadra per dare ancor più forza al comparto, consapevolezza di rappresentare una delle realtà più importanti d’Europa nel settore dell’Ambiente, appartenenza ad un gruppo internazionale serio, affidabile e leader nell’organizzazione di eventi. A far da sfondo, la passione e la creatività di chi ogni giorno porta avanti la propria attività mettendo al centro il cliente in un’ottica di costante innovazione e miglioramento.

Le principali linee di comunicazione di Sep 2013: • • • • • •

pagine pubblicitarie riviste quotidiani nazionali pubblicità radio/tv web marketing newsletter partecipazione ai principali eventi internazionali di settore

INFORMAZIONI ESPOSITORI: PadovaFiere SpA Via N. Tommaseo, 59 35131 Padova PD Tel.: 049 840.516/513 Fax 049.8787123 - 049.840570 Sito: www.seponline.it E-mail: sep@padovafiere.it


SETTORE RIFIUTI: La filiera della raccolta-recupero è un comparto strategico dal momento che l’Europa ha un’economia fortemente incentrata sull’importazione di materie prime e semilavorati. L’attenzione da parte del mondo industriale e delle PMI alla riduzione nell’uso delle risorse porterà sempre più ad investire in tecnologie più efficienti per l’industria della produzione e trasformazione e ad un aumento del riciclo e dell’efficienza energetica, oltre che a promuovere un mercato dei materiali riciclati.


Tecnologie impianti e attrezzature per raccolta – trattamento – riciclo dei rifiuti, riuso, gestione del ciclo integrato dei rifiuti, pulizia e manutenzione strade, trasformazione industriale, riprogettazione di prodotti processi e sistemi, prodotto da materiale riciclato. SEP

rappresenta

in

Italia

l’evento

fortemente incentrato nel comparto

storico

del

settore

ambientale,

delle più recenti innovazioni nel

settore della raccolta e trasporto rifiuti, dell’igiene e nettezza urbana, con 24.000 mq. dedicati alla presentazione di veicoli per l’ecologia e l’igiene urbana e sistemi per la raccolta degli rsu in area coperta ed esterna, l’edizione 2010 di SEP ha visto lo svolgimento di convegni ed eventi di approfondimento di rilievo internazionale e la partecipazione di 20.000 operatori del settore. A partire dall’edizione 2013, attenzione puntata alle tecnologie per il trattamento e recupero dei rifiuti e del riciclaggio dei materiali, settore strategico a livello europeo e nazionale, in quanto elemento importante per diminuire la nostra dipendenza dall’estero in materia di importazione di materie prime ed energia e favorire una produzione industriale più sostenibile basata sullo sfruttamento dei rifiuti intesi come risorsa. I VOSTRI Visitatori: Consorzi e gestori di piattaforme e Centri di raccolta, Imprese di produzione di imballi, Industria cartaria, del vetro, della ceramica e edilizia, Acciaierie, Produzione di fibre e tubi, Settore agricolo, Arredo urbano, Imprese pubbliche e private di gestione dei rifiuti e di servizio, Cooperative di servizio, Studi di consulenza ed igegneria ambientale, Pubblica amministrazione.


SETTORE ACQUA: In linea con le direttive emanate dalla commissione EU in materia di carenza idrica e siccità si rende sempre più necessario integrare la gestione delle risorse idriche in obiettivi politici più ampi a tutti i livelli, (ambiente/agricoltura/infrastrutture) e potenziare tutte le possibilità di risparmio idrico prima di attingere a nuove forniture di acqua, al fine di evitare l’eccessivo sfruttamento delle risorse. Una politica efficace di tariffazione dell’acqua e misure nel campo dell’efficienza e risparmio idrico ed in particolare la riduzione dei consumi negli edifici, il contenimento delle perdite di acqua, e l’incentivo all’uso intelligente delle acque in agricoltura sono gli strumenti che renderanno possibile una gestione razionale e parsimoniosa delle acque e dell’ambiente, ai quali le aziende e le istituzioni sono chiamate ad uniformarsi.


Tecnologie e sistemi di gestione del ciclo idrico integrato, trattamento acque di processo, water to Energy, acqua e agricoltura, reti idriche e tecnologie trenchless. HYDRICA è il salone dedicato alla presentazione delle soluzioni tecnologiche, impiantistiche e di gestione delle acque in ambito civile, industriale, agricolo, l’efficienza e il risparmio idrico. Parte integrante del progetto SEP ha visto la partecipazione di 119 espositori dei quali 31 esteri su una superficie di 5.000 mq. totali. Il Salone presenta un approccio multidisciplinare alle tematiche della gestione delle risorse idriche, creando nuove sinergie a livello espositivo ed approfondimenti nelle tematiche comuni alla gestione dei rifiuti, delle reti e dell’energia. Dal confronto tra i protagonisti del mercato, produttori di tecnologie, gestori e mondo istituzionale, esperti tecnici e mondo della ricerca, HYDRICA fornisce un quadro a 360 gradi sullo stato dell’arte in Italia e a livello internazionale nella gestione dei corpi idrici, del suolo, del territorio, per stimolare un dibattito che coinvolga tutti i soggetti interessati al rilancio di questo settore economico. Il riposizionamento del Salone dedicato alle tecnologie per l’Acqua insieme a SEP, permette di creare una manifestazione che tratta sia la gestione delle acque che dei rifiuti rafforzando la sinergia a livello espositivo e la promozione sui visitatori che in un unico appuntamento capitalizzano nuove opportunità commerciali. I VOSTRI Visitatori: Società di gestione pubbliche e private, Utilities, Industria chimico - farmaceutica, alimentare, agro-chimica, tessile, conciaria, edile, cartaria e altre, Consorzi di bonifica, Comunità montane, Imprese realizzazione lavori idraulici e costruzione/manutenzione reti, Imprese spurghi in conto terzi, Imprese di costruzione impianti di trattamento individuale dei reflui civili, Società di consulenza ambientale e ingegneria, Società impiantistiche e imprese di costruzione opere pubbliche infrastrutturali, Operatori del settore idrico e gas, Laboratori di analisi delle acque, Università e Centri di Ricerca, Società di servizio, Imprese produttrici di tecnologie.


SEP ENERGY Clima, energia e mobilità Mobilità sostenibile, tecnologie a bassa emissione di carbonio, Reti e distribuzione del Gas, cogenerazione, biomasse. A SEP 2013 la presentazione delle tecnologie a bassa emissione, mobilità sostenibile, impianti d’illuminazione, caldaie, impianti di produzione energetica, biomasse, efficienza di combustione e recupero di calore, tecnologie di trattamento meccanico-biologico (TMB), biomasse, impianti di cogenerazione e micro cogenerazione, impianti di recupero di energia sui flussi di scarto delle attività di riciclo, valorizzazione energetica dei rifiuti. “Crescita sostenibile” è una delle cinque priorità della UE per “Promuovere un’economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva”. (Europa 2020). Punto di partenza per ridurre le emissioni di CO2 e promuovere lo sviluppo di una vera green economy è incentivare la realizzazione di infrastrutture di mobilità elettrica, oltre a promuovere settori strategici innovativi come quello delle energie rinnovabili.

RICERCA E INNOVAZIONE new technologies

best

case,

best

practices,

Tra le priorità sinergiche date dalla UE alla politica di sviluppo al 2020, quella della “Crescita intelligente” rappresenta un trait d’union importante per incentivare un’economia basata sulla conoscenza e l’innovazione, il trasferimento di tecnologie e la valorizzazione di nuovi prodotti e servizi, capaci di rilanciare la crescita e promuovere un’imprenditorialità dinamica e competitiva. Tale iniziativa prevede che “Il 3% del PIL dell’UE debba essere investito in R&D”; e che venga migliorato “l’accesso ai finanziamenti per la ricerca e l’innovazione”. Obiettivo è pertanto “riorientare la politica di R&D e innovazione” in funzione delle nuove sfide globali, e “rafforzare i legami tra istruzione, settore delle imprese, ricerca e innovazione e stimolare l’imprenditoria sostenendo le giovani imprese innovative”. Dai best case nella gestione d’impresa sostenibile alla sinergia e interconnessione tra discipline diverse si facilita l’innovazione e vengono identificate le azioni da intraprendere per uniformarsi al piano UE.


SEP 2013: l’Impresa al centro “L’Impresa è centro nevralgico di un network globale, tra responsabilità ambientali, attenzione alla soddisfazione del cliente/consumatore, vincoli legislativi, mercato finanziario. In un contesto sempre più competitivo, valorizzare la strategia d’impresa orientando l’attenzione alla sostenibilità ambientale diventa l’approccio per essere competitivi nella green economy: Un campo di azione più ampio genera potenziali di miglioramento più ampi.”(Univ. Di Padova, Cesqa). Obiettivi prioritari dell’Unione europea sono l’efficienza nell’uso delle risorse “contribuire a scindere la crescita economica dall’uso delle risorse decarbonizzando la nostra economia, incrementando l’uso delle fonti di energia rinnovabile, modernizzando il nostro settore dei trasporti e promuovendo l’efficienza energetica”, e lo sviluppo di una politica industriale che possa “favorire lo sviluppo di una base industriale solida e sostenibile in grado di competere su scala mondiale”.(Europa 2020). Le imprese sono chiamate a migliorare e rendere più efficienti i processi produttivi per ridurre l’impatto sull’ambiente delle loro attività e il consumo di materie prime, progettare migliori prodotti, avere una produzione più pulita e un consumo intelligente attraverso un approccio basato sulla riduzione delle risorse nei processi interni, attenzione al prodotto e il suo ciclo di vita, rafforzamento degli strumenti di analisi e comunicazione esistenti, dall’agricoltura, all’edilizia, ai trasporti.

L’innovazione

è

un

driver

essenziale

per

creare

opportunità

commerciali da un utilizzo efficiente e responsabile delle risorse, per creare nuovi modelli di business basati sul life cycle thinking. SEP

presenta

in

momenti

di

approfondimento

dedicati

agli

imprenditori, le strade concrete e le soluzioni per innovare l’impresa e renderla sempre più competitiva nei mercati internazionali.



SEP 2013