Page 1

I QUADERNI DELL’ISEA SWAP PARTY


Il termine swap party deriva dall'unione dei termini inglesi "swap", ossia scambio o baratto, e "party", ovvero evento organizzato.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

2


Lo swap party è un evento in cui le persone si scambiano oggetti, tipicamente capi d'abbigliamento e accessori di vario tipo, ma anche articoli per la casa, libri e piccoli pezzi di arredamento.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

3


Lo swap party può essere un evento informale organizzato tra amici e conoscenti, oppure assumere una forma maggiormente strutturata, coinvolgendo persone che non si conoscono tra loro.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

4


Anche il numero di partecipanti può variare, da 4/5 fino a diverse decine di persone.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

5


Tipicamente, in uno swap party non viene utilizzato denaro. Gli scambi possono avvenire secondo varie modalità: baratto, asta oppure utilizzo di moneta appositamente ideata per effettuare gli scambi all'interno dell'evento.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

6


In quanto tale, lo swap party è nato in tempi recenti, ovvero nella prima decade del XXI secolo come conseguenza indiretta della Grande Recessione del 2008. Inizialmente la pratica si è diffusa a New York, per poi espandersi su tutto il territorio americano, fino a diffondersi a livello globale.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

7


La tendenza a swappare (scambiarsi oggetti) è tuttavia antecedente. Già negli anni settanta esistevano pratiche simili, basate sulla condivisione e sul riutilizzo, che consentivano non solo di abbattere i costi per rinnovare il guardaroba, ma anche di socializzare e magari stringere nuove amicizie.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

8


La componente di socializzazione è spesso significativa in questo tipo di eventi.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

9


All'interno di uno swap party, può essere presente la figura del banditore, che ha il compito di presentare i pezzi e dirigere l'asta per ognuno di essi.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

10


Esistono due tipologie di swap party che prevedono due modalità di svolgimento differenti: lo swap party "del volere" lo swap party "del valore".

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

11


Lo swap party del volere Poiché tutti i partecipanti vogliono disfarsi di abiti, oggetti o quant'altro, la distribuzione è semplice: il banditore presenta rapidamente ogni oggetto e, se un solo partecipante lo desidera, se lo aggiudica. Se più di un partecipante lo vuole, l'oggetto è accantonato tra i contesi, che, una volta concluso il giro, saranno valutati dai contendenti. Salvo accordo amichevole tra le parti, sono gli altri partecipanti a valutare chi tra i contendenti si dovrebbe aggiudicare l'elemento in questione.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

12


Lo swap party del valore Il banditore attribuisce ad ogni pezzo, a suo insindacabile giudizio, un valore simbolico da 1 a 4 che verrà indicato con una etichetta. Ogni partecipante riceve dei gettoni di pari valore da spendere per procurarsi i pezzi che desidera. Questa modalità si presta a eventi con molti partecipanti, che portano un numero limitato di articoli, ma di valore unitario maggiore, griffati o di design.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

13


Il principio fondamentale che anima gli Swap Party è quello della condivisione e del riuso.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

14


Suggerimenti per la buona organizzazione di uno swap party di capi di abbigliamento

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

15


1

Scegliere luogo, partecipanti e cosa scambiarsi

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

16


Fatto ciò invitate le amiche e tutti coloro che pensiate possano avere vestiti cool. Il modo migliore è sfruttare la viralità dei social network come Facebook o Twitter ricordando loro nel testo del messaggio di portare con sé tutti quegli indumenti che non si indossano più da anni e che giacciono abbandonati negli armadi.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

17


2

Organizzare l’incontro in maniera conviviale

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

18


Preparare uno spuntino oppure qualche bevanda e favorire il buon umore durante l’incontro.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

19


3

Avviso ai partecipanti

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

20


Ricordare ai partecipanti che i vestiti, per quanto vecchi e dismessi, devono necessariamente essere puliti. È altresì indispensabile decidere e comunicare il numero minimo di articoli che ogni singolo ospite deve portare.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

21


4

Preparazione

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

22


Disporre con ordine tutti gli indumenti raccolti su un tavolo o su delle sedie in modo che siano ben visibili. Separarli per taglia e fare in modo che ci siano taglie adatte a tutti i partecipanti.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

23


Improvvisare nella stanza una zona-camerini, magari schermandola con un separé e procurarsi degli specchi, in modo da riprodurre il più possibile l’effetto teen-movie americano (i protagonisti provano gli abiti e gli amici aspettano fuori dal camerino per guardare e commentare).

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

24


Stabilire una scaletta per decidere chi sceglie per primo. Una volta che l’indumento è stato provato e scelto da uno dei partecipanti è da considerarsi suo ed esce definitivamente di scena. Per rendere il tutto più divertente si potrebbe assegnare ad ogni capo un valore da 1 a 3 ed estrarre.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

25


Alla fine della festa, nell’eventualità che restino capi “invenduti” si potrebbe scegliere di donarli a qualche organizzazione no profit presente sul territorio o conferirli negli appositi contenitori di raccolta.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

26


Una buona regola da seguire

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

27


Lo swap party è un momento di relax e viene organizzato per divertirsi, relazionarsi, provare indumenti che normalmente non si comprerebbero e per disfarsi in maniera intelligente di capi abiti che non si usano più.

ISTITUTO DI SVILUPPO ECO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

28


I QUADERNI DELL’ISEA SWAP PARTY

GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.