Page 1

CAMPAGNA ABBONAMENTI marzo 2013

ISSN 1129-3918 Poste Italiane Spa Spedizione in A.P. DL 353/03 (conv. Legge 46/04) art. 1, comma 1 DCB ROMA P.A.

Mensile di Progettazione, Gestione e Tecnica per Costruire

Sostituire il vecchio tetto con una copertura isolata e ventilata? all’interno

INCENTIVI PER LA BONIFICA DEL CEMENTO AMIANTO SGRAVIO FISCALE SULLE RISTRUTTURAZIONI INCENTIVI CONTO TERMICO SOLUZIONI ISOLATE E VENTILATE PER OGNI TIPOLOGIA STRUTTURALE


CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

T E T T O

P O N T E

Gentile Lettore, abbiamo il piacere di inviarLe uno Speciale di PONTE dedicato ai contenuti ed alle soluzioni per progettare la copertura di un edificio, sia esso industriale o civile, nel rispetto delle normative vigenti fino all’integrazione con sistemi fotovoltaici.

2

PONTE mensile di Progettazione Gestione e Tecnica per Costruire è edito dalla Dei Tipografia del Genio Civile per informare gli operatori del “mondo delle costruzioni”: 4 progettisti e tecnici (sia liberi professionisti che operanti in strutture pubbliche) 4 imprese di costruzione 4 stazioni appaltanti 4 produttori di materiali e componenti

Dal 1993, ogni mese, l’informazione puntuale e le soluzioni operative in materia di: 4 Progettazione strutturale 4 Energia ed efficienza energetica 4 Appalti di lavori pubblici, servizi e forniture 4 Ambiente territorio e paesaggio 4 Geotecnica 4 Sicurezza in cantiere 4 Recupero e restauro 4 Mercato delle costruzioni 4 Professione 4 Osservatorio Legislazione 4 Osservatorio Manodopera: i Costi della manodopera di tutte le Provincie d’Italia

E dal 2011, sulle pagine di PONTE, le nuove sezioni FARE ARCHITETTURA e FARE TECNOLOGIA, dedicate a: 4 innovazione tecnologica (materiali e metodologie di posa in opera) 4 efficienza energetica 4 sviluppo di soluzioni tecniche 4 processi costruttivi a basso costo 4 schede prodotto Nell’ambito dell’ampliamento di queste sezioni, stiamo raccogliendo progetti di nuove realizzazioni o di riqualificazione e recupero recenti - con particolare attenzione alle soluzioni dedicate all’efficienza energetica - da pubblicare nella nuova sezione FARE ARCHITETTURA. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Redazione al numero 064416371, o inviare una mail a redazioneponte@build.it

La Redazione di PONTE Per la realizzazione di questo Speciale la Redazione si è avvalsa della competenza dei Tecnici della Ondulit Italiana , azienda che da 60 anni si occupa da anni di ingegneria delle coperture.

In questo speciale parliamo di... Problema tetto?

4

Un’area in degrado rinasce con le rinnovabili

10 Una soluzione per ogni tipologia di edificio.

5 Il segreto di un tetto confortevole e di lunga durata? la ventilazione

6

Dal cemento amianto al tetto che produce energia pulita

11 Amianto, il killer invisibile. È ora di bonificare!

13


ABBONATI a

COGLI LE OPPORTUNITÀ ANTICIPA I TUOI OBIETTIVI • Certificazione Energetica • Tecnologie per l’Edilizia Sostenibile

COME ABBONARSI www.build.it 06.4416371 abbonamenti@build.it

• Sicurezza in cantiere • Progettazione Strutturale • Progettazione Ambiente e Paesaggio


T E T T O

P O N T E

CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

4

Problema tetto? Il tetto è la parte più esposta di un edifico e la sua manutenzione è complessa se eseguita rispettando le normative vigenti. Su strutture discontinue, carpenterie metalliche o prefabbricate si può risolvere con soluzioni isolate e ventilate. 4 La necessità di bonificare una copertura in cemento amianto può essere l’occasione per adeguare le

prestazioni del tetto alle esigenze di una moderna edilizia industriale. 4 Riqualificare una vecchia copertura realizzando un impianto fotovoltaico. 4 Dopo anni di esposizione in atmosfere inquinate, industriali o urbane, i pannelli possono dare segno di degrado. Intervenire con soluzioni isolate e ventilate è la soluzione giusta. 4 Se il manto di una copertura piana non è più impermeabile, perché esposto alle infiltrazioni, è necessario intervenire con una soluzione che assicuri scorrimento e deflusso delle acque.


S P E C I A L E

T E T T O CAMPAGNA ABBONAMENTI

PONTE

5

Una soluzione per ogni tipologia di edificio Se il vostro tetto non è più efficiente, o se è in eternit, Ondulit è in grado di offrirvi: 4 Soluzioni di coperture isolate e ventilate adattabili a qualunque struttura 4 Coperture di durabilità ultraventennale garantita senza manutenzione  per ogni tipo di tetto 4 Assistenza professionale gratuita dal sopralluogo fino alla realizzazione 4 Una organizzazione specializzata presente in ogni

provincia in grado di intervenire con efficienza e immediatezza 4 Studi di fattibilità su coperture civili e industriali estesi alla eventuale integrazione di impianti fotovoltaici Un ufficio Tecnico altamente specializzato individua la soluzione più adatta e segue il progetto in ogni sua fase. selezioniamo le migliori tecnologie e professionalità per rispondere ad ogni esigenza del progettista e offrire le più ampie garanzie di risultato.

Richiedi subito sopralluogo e preventivo gratuito ROMA Ondulit Italiana spa - 06.58330880 - info@ondulit.it MILANO Ondulit Italiana spa - 02.46712306 - info@ondulit.it ondulit.milano@ondulit.it TORINO Tecma2/A. Brucato - 011.501945 - tecma.to@ondulit.it www.ondulit.it BOLOGNA A.R. Coper snc - 051.780737 - arcoper.bo@ondulit.it NAPOLI Vassallo snc - 081.5841033 vassallo.na@ondulit.it CAGLIARI So.m.ed. srl - 070.240231 - somed.ca@ondulit.it COSENZA GEDIL di fax 06 5812977 Gallo Fabio & C. snc - 0984.404310 - gedil.cs@ondulit.it COMO Camesasca R. srl - 0362 903402 camesasca.co@ondulit.it BERGAMO Sirio Covering srl - 035.347621 - sirio.bg@ondulit.it UDINE A. Guerra - 0432 855012 - guerra.ud@ondulit.it PADOVA U. Betto - 347.7160716 betto.pd@ondulit.it GENOVA R. Da Ros - 010 710158 - daros.ge@ondulit.it FIRENZE Le Coperture snc - 055.4368994 lecoperture.fi@ondulit.it BARI E. Perrini - 080.5057399 - perrini.ba@ondulit.it ANCONA G. Arcangeli 071.7922870 arcangeli.an@ondulit.it ASCOLI PICENO GI.ESSE. Commerciale - 0736.889464 gentili.ap@ondulit.it TERNI Zavka Impianti Industriali sas - 0744.409700 - zavka.tr@ondulit.it PESCARA Edil-Pref snc - 085.4211735 - edilpref.pe@ondulit.it CAMPOBASSO F. D’Amico - 0874.799855 damico.cb@ondulit.it PALERMOV. Covais - 091.2734251 - covais.pa@ondulit.it CATANIA Gema Cta srl 800-236070 095.533998 - gema.ct@ondulit.it


CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

6

T E T T O

P O N T E

SOLUZIONI INGEGNERIZZATE PER STRUTTURE DISCONTINUE CURVE Ondulit ha ingegnerizzato sistemi integrati di copertura da assemblare in opera, per rispondere al meglio alle esigenze di qualsiasi tipo di struttura. Tutti i sistemi isolati e ventilati utilizzano come paramento esterno le lastre in acciaio a protezione multistrato che conferiscono all’intero pacchetto eccellenti caratteristiche di isolamento acustico e resistenza alla corrosione. Ventilpan è un sistema integrato per realizzare coperture isolate e ventilate su strutture di appoggio discontinue, sia rette che curve. Ventilpan rappresenta l’evoluzione della collaudata tecnica del sandwich in opera, ovvero della realizzazione di una copertura attraverso la stratificazione progressiva di materiali tra loro indipendenti. Il sistema Ventilpan prevede infatti elementi prefabbricati tra loro coordinati e integrati, ma con il grande vantaggio di poter disporre in cantiere di moduli pronti per una posa in opera semplice e rapida.

Il segreto di un tetto confortevole e SOLUZIONI INGEGNERIZZATE PER STRUTTURE DISCONTINUE RETTE Coverpiù è il pannello isolato e ventilato studiato da Ondulit per rispondere alle esigenze su strutture discontinue rette. Ideale per strutture discontinue rette, Coverpiù è un pannello monolitico costituito, nella parte isolante, da polistirene espanso sinterizzato. Tra l’elemento di copertura e lo strato isolante sono presenti canali di ventilazione che permettono libera circolazione d’aria. Questo riduce il carico termico all’estradosso dell’isolante e migliora il comfort ambientale interno. Inoltre, evitando l'eccessivo surriscaldamento del sistema di copertura, si determinano per l’isolante e per la lastra superiore condizioni di esercizio più favorevoli ad una loro affidabilità costante nel tempo.


S P E C I A L E

T E T T O CAMPAGNA ABBONAMENTI

PONTE

7

e di lunga durata? La ventilazione! SOLUZIONI INGEGNERIZZATE PER STRUTTURE CONTINUE Ondulit ha progettato sistemi di copertura che risolvono definitivamente i problemi di impermeabilità tipici delle coperture continue realizzate con impermeabilizzazioni che richiedono periodici interventi di manutenzione. Tra le varie soluzioni di copertura su strutture continue Ondulit ha ingegnerizzito Ventilcover, sistema che permette di trasformare una copertura piana in un tetto a falde ventilate. Come tutte le soluzioni Ondulit, anche Ventilcover prevede l’utilizzo in estradosso della lastra in acciaio a protezione multistrato che conferisce all’intero sistema eccellenti caratteristiche di isolamento acustico e resistenza alla corrosione.

VENTILCOVER è applicabile sia per la copertura di strutture di nuova realizzazione sia per il recupero di coperture piane deteriorate. Progettato secondo le attuali normative sui sovraccarichi, dispone di relazione di calcolo ai sensi del DM 14.01.2008 e certificazioni di resistenza meccanica (Istedil, Roma). La versione con ripartitore di carico permette di intervenire anche su solai che presentano una resistenza non omogenea ai sovraccarichi.


CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

T E T T O

P O N T E

Il pannello isolato e ventilato a protezione multistrato

COVERPIÙ 8

4 Le eccellenti performance del multistrato: altissima affidabilità, garanzia di impermeabilità, insonorizzazione 4 Riduzione carico termico per effetto della ventilazione con conseguente maggiore stabilità dimensionale e durabilità 4 Isolamento in polistirene grafitato resistente ai raggi UV anche lungo la linea di gronda 4 Testata del pannello impermeabile, imputrescibile ed esente da deterioramento per effetto dei raggi UV 4 Miglior comportamento al fuoco rispetto ai pannelli in poliuretano

Il pannello isolato e ventilato con lamiera di acciaio preverniciato

STEELPIÙ

4 Riduzione carico termico per effetto della ventilazione con conseguente maggiore stabilità dimensionale e durabilità 4 Isolamento in polistirene grafitato resistente ai raggi UV anche lungo la linea di gronda 4 Testata del pannello impermeabile, imputrescibile ed esente da deterioramento per effetto dei raggi UV 4 Miglior comportamento al fuoco rispetto ai pannelli in poliuretano

il valore aggiunto di un pannello è la ventilazione Pannello curvo ventilato per strutture prefabbricate su travi a Y

ARCHYT

4 Le eccellenti performance del multistrato: altissima affidabilità, garanzia di impermeabilità, insonorizzazione 4 Riduzione carico termico per effetto della ventilazione con conseguente maggiore stabilità dimensionale e durabilità 4 Isolamento in polistirene grafitato resistente ai raggi UV anche lungo la linea di gronda 4 Testata del pannello impermeabile, imputrescibile ed esente da deterioramento per effetto dei raggi UV 4 Miglior comportamento al fuoco rispetto ai pannelli in poliuretano


S P E C I A L E

T E T T O CAMPAGNA ABBONAMENTI

PONTE

Perchè scegliere un pannello ventilato rispetto ad un normale sandwich?

9

1

3

Perché i canali di ventilazione eliminano gran parte del calore assorbito dalla lamiera superiore. Lavorando a temperature più basse, specie in regime estivo, si evitano gli shock termici che facilmente sono causa di dissesti. I canali di ventilazione possono essere protetti da speciali listelli forati.

(1) Lastra di copertura in acciaio a protezione mulstrato

Perché i pannelli ventilati Ondulit vengono sempre forniti con lamiera superiore aggettante rispetto all’isolante e alla lamiera inferiore. Ciò evita i fenomeni di risalita di acqua che determinano rapido deterioramento sia dell’isolante che della lamiera.

(4) Canali di venlazione

(4) Canali di venlazione (4) Canali di venlazione

897

Nastro Protevo

45

dc

Il disegno illustra l’effetto di assorbimento di calore per irraggiamento. Le varie tipologie di copertura sono state posate contemporaneamente su identici box di prova termoisolanti, nelle stesse condizioni di irraggiamento esterno.

897

(2) Isolante sagomato in oplistirene espanso sinterizzatocon Grafite

Nastro Protevo

2

(3) Lamiera inferiore micronervata in acciaio preverniciato

Guarnizione comprimibile

Perché l’isolante termico è in polistirene espanso con grafite a lamda migliorato che, rispetto al poliuretano dei normali pannelli sandwich, garantisce stabilità nel tempo, non assorbe acqua né umidità, ed è resistente ai raggi UV.

4

Perché il polistirene presenta un comportamento al fuoco migliore del poliuretano (PUR).


T E T T O

P O N T E

CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

10

Una copertura Ondulit-Coverib per le scuole di Sovizzo (VI)

Un’area in degrado rinasce con le rinnovabili I criteri generali che hanno guidato le scelte progettuali per l’ampliamento del complesso delle scuole elementare e media nel capoluogo di Sovizzo hanno considerato la globalità delle problematiche e delle esigenze connesse con la funzionalità del futuro organismo scolastico, con la sua efficienza energetica e con l’impatto visivo ed estetico nel contesto. La copertura è su struttura e manto metallici; la sezione evidenzia come il manto metallico sia scostato, grazie alla struttura di sostegno, fino ad una distanza di 2 metri dall’ultimo solaio, protetto da più strati di materassini in lana di vetro: è possibile così creare, sotto la copertura metallica, una buffer zone ventilata (tramite apposite bocchette di ventilazione) che possa mitigare l’effetto dell’irraggiamento solare sulla copertura e garantire agli ambienti del primo piano un comfort termico migliore. Complessivamente, il sistema di copertura Ondulit Coverib, montanti e frangisole costituisce un portico che, trovandosi rivolto verso Sud, espleta funzione di regolatore climatico dell’interno dell’edificio, coadiuvando il rivestimento a cappotto che avvolge l’intera costruzione.I

I PRINCIPALI VANTAGGI Isolamento termico: è stata posta una grande attenzione nell’eliminazione dei ponti termici, in modo da ottimizzare la funzionalità dello strato di isolamento. In particolare, è stata prevista una completa continuità degli strati isolanti delle varie componenti, anche contro le pareti rivestite in mattoni facciavista. Inoltre, i serramenti esterni sono posti in continuità con lo strato isolante e anche tutti quegli elementi ( sostegni metallici, soglie…) che di per sé costituiscono solitamente ponte termico sono stati coibentati. Infine, le murature perimetrali poggiano su di uno strato di vetro espanso, materiale che presenta ottime caratteristiche sia per quanto riguarda la resistenza meccanica, essendo così in grado di sostenere il peso delle murature stesse, sia per quanto riguarda l’isolamento termico: in questo modo le murature perimetrali, isolate anche a piede, risultano anch’esse completamente protette. Impianti ad energia rinnovabile: l’impianto con i pannelli solari è posto sulla copertura della scuola. L’ impianto fotovoltaico è stato installato sulla copertura della palestra della scuola, che risulta essere dotata di una copertura piana ottimale come estensione (circa 450 mq) e come orientamento: i 117 pannelli che compongono l’impianto presentano infatti la corretta inclinazione verso sud. Progetto e documentazione Studio della Vecchia Ing Arch. Associati


S P E C I A L E

PRIMA

T E T T O

DOPO

CAMPAGNA ABBONAMENTI

PONTE

11

Uno stabilimento industriale a Salerno

Dal cemento amianto al tetto che produce energia pulita Il progetto di NHP srl – Progetto Neahelipolis per la riqualificazione di uno stabilimento industriale a Salerno ha permesso di realizzare una nuova copertura che ottimizza il risparmio energetico complessivo. L’intervento realizzato è consistito nella sostituzione della precedente copertura in cupolini in cemento-amianto con una nuova copertura costituita da 9 Sheds sulla quale sono stati installati moduli fv per una potenza di 1,4 MW. Il progetto per la riqualificazione dello stabilimento industriale era teso a raggiungere la massima potenza installabile e la maggiore produttività possibile. Particolare attenzione è stata prestata nella progettazione degli shed, che sono stati realizzati con un’inclinazione che tenesse conto della posizione del sole durante i diversi mesi dell’anno con il fine di garantire, attraverso elementi traslucidi posti sul versante nord dello stabilimento lungo l’intera lunghezza dei nove shed realizzati, una costante illuminazione naturale in tutto il fabbricato durante l’intero anno ed allo stesso tempo evitasse fenomeni di acceca-

mento durante i mesi estivi. Il miglioramento delle condizioni di luminosità derivanti dall’adozione dei 9 Sheds previsti permette oggi un utilizzo intermittente dell’impianto di illuminazione interna, prima acceso in maniera permanente con un consistente risparmio in termini energetici. La struttura di sostegno della nuova copertura fotovoltaica è stata realizzata in carpenteria metallica. Per l’impianto fotovoltaico è stato scelto il sistema Enercover HP di Ondulit. Quest’ultimo è composto dalle lastre in acciaio a protezione multistrato Coverib 1000 che sono al contempo copertura dell’edificio e supporto per l’elemento fotovoltaico. I moduli in silicio policristallino sono stati fissati alle lastre Coverib 1000 con il sistema Easyfix costituito da trafilati in alluminio fissati alla copertura mediante un ancoraggio di sezione ad H sagomato sulla lamiera stessa. La lastra grecata sarà capace di assolvere comunque la propria funzione di smaltimento delle acque e l’isolamento termico, grazie al tetto ventilato costituito mediante il sistema Easyfix ed i canali di presa e smaltimento dell’aria predisposti in corrispondenza della gronda e del colmo. La copertura si sviluppa per 11.000 m2 circa e la potenza installata è di 1,4 MWp. L'energia prodotta è di 1.8 GWh/anno e l'emissione di CO2 si riduce per un valore pari a 1.000 t/anno.

Progetto di riqualificazione: NHP srl – Neaheliopolis


CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

T E T T O

Opportunità RINNOVABILI: IL CONTO ENERGIA TERMICO IN GAZZETTA UFFICIALE

12

P O N T E

Pubblicato il Decreto 28 dicembre 2012, che introduce i nuovi incentivi in materia di efficienza energetica e fonti rinnovabili termiche. A disposizione di privati e pubbliche amministrazioni ci sono 900 milioni di euro l'anno per il prossimo biennio. Partono ufficialmente i nuovi incentivi per le rinnovabili termiche e l'efficienza energetica. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto 28 dicembre 2012, recante “Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni” è stato formalmente inaugurato il cosiddetto Conto energia termico. A disposizione di privati e pubbliche amministrazioni ci sono, almeno per il prossimo biennio, 900 milioni di incentivi l'anno, dei quali 700 riservati a famiglie e aziende e 200 destinati agli enti pubblici. Le agevolazioni spettano alle amministrazioni che realizzeranno interventi di efficientamento energetico su edifici esistenti, mentre nel caso di installazione di impianti a rinnovabili termiche come pannelli solari termici, pompe di calore e caldaie a biomasse l'incentivo viene concesso anche ai privati. Il provvedimento punta a favorire gli impianti di piccola taglia, con potenza inferiore a 1 Megawatt. Quanto all'ammontare degli incentivi, esso varia a seconda della quantità di energia rinnovabile prodotta o del risparmio energetico effettivamente conseguito. Il rimborso concesso dallo Stato, comunque, non potrà superare il 40% della spesa sostenuta dal privato o dalla pubblica amministrazione e sarà erogato in 2 o 5 anni a seconda dell'entità dell'intervento. Per pompe di calore, caldaie e stufe, inoltre, l'incentivo sarà diversificato anche in base alla zona climatica in cui viene installato l'impianto.

Fino al prossimo 30 giugno, il Conto energia termico coesisterà con la detrazione fiscale del 55% per l'efficienza energetica, che resta al momento l'unica forma di incentivazione a disposizione dei privati per quanto riguarda gli interventi di miglioramento dell'efficienza energetica: interventi di isolamento termico, sostituzione di impianti di riscaldamento con generatori di calore a condensazione, sostituzione di infissi e finestre, installazione di sistemi di schermatura e ombreggiamento di edifici esistenti. Il bonus Irpef, evidentemente, permette di ottenere un rimborso più corposo rispetto al Conto termico, ma in questo caso i tempi di recupero dell'incentivo sono più lunghi: 10 anni contro 2 o 5.

BONIFICA ETERNIT, DAL BANDO INAIL ALLO SGRAVIO FISCALE

Le coperture in fibrocemento sono ancora presenti in migliaia di stalle e continuano a rilasciare nell’ambiente pericolose fibre di amianto. Senza dimenticare che nel 2016 andranno rimosse completamente per legge. Resta ancora qualche settimana per aderire al bando dell’Inail che mette a disposizione delle imprese più di 155 milioni di euro per finanziare al 50% la sostituzione delle vecchie coperture in eternit con tetti privi di amianto. Una occasione da non perdere! In gioco non c’è solo la propria salute e quella delle generazioni future, ma allo stesso tempo si tratta di mettersi in regola con la legge 257/92 e successivi decreti attuativi che impongono la rimozione totale delle coperture contenenti amianto entro il 2016. Fino a giugno sarà inoltre possibile sfruttare lo sgravio fiscale del 50% sulle ristrutturazioni edilizie.


S P E C I A L E

T E T T O CAMPAGNA ABBONAMENTI

PONTE

13

Amianto, il killer invisibile. È ora di bonificare! Nonostante sia stato messo al bando una ventina d’anni fa, con la legge 257/1992, l’amianto continua e continuerà a colpire. Secondo la scienza medica infatti nel prossimo quindicennio si assisterà ad un’impennata delle patologie ad esso imputabili come asbestosi, mesotelioma pleurico e carcinoma polmonare. Si tratta sempre di malattie che colpiscono l’apparato respiratorio in seguito all’inalazione di microscopiche fibre e polveri di amianto e che possono manifestarsi anche due o tre decenni dopo l’inalazione prolungata nel tempo delle stesse. Depositandosi nelle parti inferiori dei polmoni, l’amianto provoca infatti un’infiammazione cronica che lentamente evolve formando cicatrici fibrose le quali, a loro volta, rendono via via più difficoltosa la circolazione dell’aria nelle parti colpite e quindi la respirazione, cui si associano debolezza e perdita di peso. L’evoluzione verso vere e proprie forme tumorali può avvenire anche dopo molti anni, indipendentemente dall’entità dell’esposizione e dalla gravità delle formazioni fibrose, che purtroppo non possono ancora essere contrastate da alcuna terapia efficace. Il dramma dell’amianto ha assunto dimensioni sociali perché fino agli anni ’80, quando ne è stata accertata la pericolosità, è stato normalmente utilizzato nella costruzione

degli edifici, per la coibentazione di treni, autobus e navi, in vernici ed elettrodomestici, nei rivestimenti delle condutture, nei cassoni dell’acqua. Senza dimenticare i milioni di metri quadri dalle industrie alle stalle, dai magazzini agricoli alle coperture di capannoni, disseminati ancora oggi in tutta Italia. Ondulit Italiana, azienda presente su tutto il territorio nazionale, che sin dall’emanazione della legge di cui stiamo parlando, di cui è stata fin dagli anni ‘70 promotrice, si è spesso occupata di interventi di bonifica di coperture in cemento-amianto e ha anche pubblicato un manuale dedicato a questo delicato argomento. Forte di un’esperienza nel campo delle coperture agricole e industriali che supera il mezzo secolo, dal 2007 l’azienda progetta anche soluzioni che prevedono l’integrazione tra sistemi di copertura e tecnologia fotovoltaica, un binomio interessante anche per gli allevatori. Ondulit Italiana può dare un supporto concreto a coloro che intendono intervenire a difesa della propria salute: sopralluoghi in ogni parte d’Italia, un Ufficio tecnico che gratuitamente studia la soluzione tecnicamente più adatta alle esigenze del cliente, un computo metrico per la definizione precisa 800-236070 del preventivo di spesa.


T E T T O

P O N T E

CAMPAGNA ABBONAMENTI

S P E C I A L E

14

Trasformazione di un tetto in cemento amianto in un sistema di copertura isolato e ventilato.

Da vecchie coperture a tetti efďŹ cienti

Riqualificazione dell’edificio agricolo in provincia di Brescia. Oltre 3000 m2 di cupolini in cemento amianto su travi a Y sono stati bonificati con nuova copertura in Archyt sulla quale sono stati installati moduli moduli fotovoltaici con una potenza di 270,48 kW.


OFFERTA Abbonamenti

PONTE 2013

CORSO ON LINE Coordinatori Sicurezza aggiornamento quinquennale 40 h

durata 20 ore on line validità 40 ore

per informazioni

Tel. 06 4416371

anziché € 350 +IVA

VALIDATO


ISSN 1129-3918 1129-3918 Poste Poste Italiane Italiane Spa Spa Spedizione Spedizione in in A.P. A.P. DL DL 353/03 353/03 (conv. (conv. Legge Legge 46/04) 46/04) art. art. 1, 1, comma comma 11 DCB DCB ROMA ROMA P.A. P.A. ISSN

CAMPAGNA ABBONAMENTI marzo 2013

Mensile di Progettazione, Gestione e Tecnica per Costruire

Se il tetto è ventilato vive a lungo!


Ponte  

Sostituire il vecchio tetto con una copertura isolata e ventilata

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you