__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


Universo Olistico 6


Vincenzo Di Spazio

DISOBBEDIRE ALLA MENTE ERRANTE Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale

Prefazione di Alberto Giovanni Biuso

SPAZIO INTERIORE


Vincenzo Di Spazio Disobbedire alla mente errante. Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale Editing: Giovanni ed Elisa Picozza © 2021 Vincenzo Di Spazio © 2021 Spazio Interiore Edizioni Spazio Interiore Via Vincenzo Coronelli 46 – 00176 Roma www.spaziointeriore.com redazione@spaziointeriore.com copertina e progetto grafico Francesco Pandolfi I edizione: marzo 2021 ISBN 979-12-80002-06-8

Tutti i diritti sono riservati. L’autore e l’editore declinano ogni responsabilità dall’applicazione della metodica terapeutica citata nel testo e nelle immagini. Ogni approccio terapeutico deve essere guidato dalla competenza del medico secondo scienza e coscienza.


INDICE

prefazione di Alberto Giovanni Biuso . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 prima disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 La parabola del salmone

seconda disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Chi o cosa sei?

terza disobbedienza

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

Siamo ostaggi della mente errante?

quarta disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Sabotaggio, non autosabotaggio

quinta disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Aspirare alla libertà

sesta disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Il tempo pensato


settima disobbedienza

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

La guerra del corpotempo

ottava disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 I sensori del Presente

nona disobbedienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 L’Azione è la soluzione

decima disobbedienza

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

63

Repetita iuvant

cinquanta esempi clinici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Appendice 1 – Il ruolo esplorativo dei nervi cranici . . . . 91 Appendice 2 – Addestrare la resilienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97 Appendice 3 – Il ruolo terapeutico dello shaking . . . . 101

bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . raccomandazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

103 105 107


PREFAZIONE

di Alberto Giovanni Biuso

Il cuore limpido e doloroso di questo libro è formato da cinquanta brevi testi. Sono i biglietti con i quali alcuni pazienti mettono in atto la Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale (dcms), una tecnica ideata, proposta e praticata da Vincenzo Di Spazio, che coniuga parola, voce, principio di causalità, emotività. I pazienti vengono infatti invitati a scrivere una breve frase che contenga non i nomi delle persone che stanno all’origine del loro malessere ma le motivazioni del malessere in sé. Parola chiave è infatti “perché”. Poche righe, dunque, nelle quali il soggetto ripete a voce alta a se stesso, con una tonalità quanto più possibile lontana dalla propria, le ragioni della condizione emotiva di rabbia, tristezza, paura, vergogna, inadeguatezza, senso di colpa. Vale a dire le ragioni di sentimenti ed emozioni che, nel linguaggio dell’autore, costituiscono una sorta di “sabotatore” della persona nella ripetizione ossessiva del dolore che ciascuno di noi infligge a se stesso e che un temperamento nevrotico facilita «nella deriva mentale negativa anche in occasioni apparentemente non traumatiche». Una tonalità/voce diversa 7


ha lo scopo di separare questo dolore dalla persona che lo descrive, ammette, pronuncia. Ogni biglietto viene datato con giorno, mese, anno. E questo perché il tempo intrama il corpomente ed è quindi bene comprendere da quale punto del tempo stiamo parlando a noi stessi. La sinusoide che segna ogni testo è anch’essa un tentativo di invertire l’emozione negativa, aiutare a liberarsene. Ebbene, questi testi – tutti riprodotti nell’originale delle scritture di ognuno – sono espressione sia della banalità del male che intesse le vite, sia della sua così enigmatica profondità. Un enigma che da molti anni Di Spazio studia sulla base di una consapevolezza fondamentale: che l’umano sia tempo incarnato (embodied time) e che ogni evento di questa nostra vita si installa nel corpomente sino, a volte, a stritolare la persona, «facilitando così la malattia e infine la morte». La dimensione temporale della psiche genera anche molta inquietudine, frutto dell’essere l’umano una wandering mind, di possedere «la capacità di spostarci a piacimento lungo il cursore del tempo lineare per tuffarci nel passato e per proiettarci nel futuro», dell’essere noi tutti una mente errante tra i ricordi traumatici che paralizzano e le angosciose attese che anch’esse paralizzano. Rompere queste paralisi e fare dell’organismo, degli arti, dell’intera corporeità una realtà dinamica è uno degli obiettivi delle diverse terapie che Di Spazio pratica e propone. Di per sé, infatti, la mente errante nel tempo dei ricordi e delle attese ha una chiara funzione evolutiva, che aiuta a far tesoro delle esperienze vissute in modo da evitare il ripetersi di errori e situazioni negative in futuro. 8


Il problema nasce quando eventi e strutture particolarmente traumatiche e potenti si installano nella persona sino a renderne impossibile un reale oblio e ripetendo ciclicamente e costantemente la potenza del trauma anche quando le sue forme empiriche non esistono più: «Nella timeline biografica possiamo riscontrare così più finestre temporali (per esempio a 6 anni, a 15, a 35, ecc.) dove la piattaforma neurale è bloccata in modalità ortosimpatica o in quella dorsovagale; questi stati cronicizzati contribuiscono a indebolire la resilienza globale dell’individuo e a favorire la comparsa di disturbi e malattie». Come sempre nell’esistenza umana e senziente, facoltà e capacità nate per la salvaguardia del vivente si possono facilmente convertire in strutture dissipative dell’energia e della vita stessa. Un esempio semplice e prima o poi a tutti comune è l’invecchiare. Di Spazio afferma che «accettare il fisiologico invecchiamento» è del tutto sano, anzi è necessario. Diversa è invece la vecchiaia, che viene da lui definita «una condizione della mente» che può verificarsi a qualunque altezza dell’età anagrafica, la cui vecchiezza consiste nel vivere di ricordi e nel temere il futuro. Questi e altri elementi della sapienza medica e terapeutica di Vincenzo Di Spazio si innestano sul concetto/ realtà/esperienza che intrama le sue ricerche, così come – in altri ambiti – le mie: il corpotempo. Guardarci allo specchio significa infatti scoprire di volta in volta l’orologio del mondo, di quel mondo che è nato con noi ed è con noi che per noi finirà. Nel corpo tutto si radica, tutto accade, tutto si fa parola, comunicazione, silenzio. La temporalità permea l’intero corpo, costituendone la dinamica ultima. Siamo tempo che cammina. 9


PREMESSA

Chi o cosa genera il dolore dentro di noi? Crediamo che l’esposizione a un evento traumatico sia l’unica ed esclusiva sorgente di questo incontenibile dolore? Questo interrogativo mi ha occupato intensamente per lunghi anni senza che avessi trovato una risposta soddisfacente. Non riuscivo a comprendere la nostra scarsa capacità di rispondere in modo positivo a un evento avverso e la fissazione tossica sul ricordo. Ho immaginato che mancasse un tassello fondamentale al quadro dell’unità corpo-mente e questa guida ne illustra la graduale scoperta. Come medico, e in particolare come studioso di psicosomatica, mi sono sempre approcciato al malato e non alla malattia. Istintivamente non ho assecondato la sostanziale divisione fra psiche e corpo che frammenta in singoli apparati e funzioni la complessità della vita umana. Questo retaggio filosofico cartesiano guida la medicina mondiale ancora oggi, nel xxi secolo. Possiamo analizzare con precisione ogni singolo coccio di ceramica, ma difficilmente saremo in grado di ricostruire la forma originale dell’anfora, come invece accade in archeologia: 15


la medicina specialistica si occupa nel dettaglio dei singoli cocci di ceramica, ma ne ignora molto spesso la complessa morfologia primitiva. Nel mio percorso professionale ho compreso che la singolarità dell’esistenza risiede nella sua biografia, unica e irripetibile. La biografia è l’analisi di un percorso, in alcuni punti accidentato e difficoltoso, in altri libero da ostacoli e pianeggiante. I momenti di crisi, gli eventi avversi, i traumi irrisolti costituiscono i cardini della diagnosi e lo spunto per la cura. Scrive a questo proposito David Berceli, ideatore del Metodo tre: «Il rifiuto di lasciarsi il passato alle spalle costringe a rimanere in un circolo vizioso neurologico che a sua volta genera un continuo rimuginio mentale dell’esperienza del trauma. Alla fine, questo processo neurologico trasformerà il caos mentale in pensieri di odio, vendetta, vergogna, suicidio o depressione. Una volta entrati in questo campo di battaglia potremmo rimanere per sempre intrappolati...»1 La biografia di ogni individuo è costellata da uno o più eventi traumatici che ne condizionano lo schema comportamentale, la reattività emotiva, la risposta somatica, la postura e – più in generale – la visione della vita. Le esperienze stressanti si differenziano non soltanto per modalità, contesto e risposta dell’organismo, ma avvengono in precise finestre temporali. In medicina però la dimensione del tempo è a tutt’oggi un aspetto sconosciuto e misterioso! Dove e come si studia la medicina del Quando? Questo aspetto della ricerca è stato per me una 1. D. Berceli, Metodo tre. Esercizi per rilasciare stress e traumi, Spazio Interiore 2016, p. 25.

16


sfida eccitante fin dall’inizio, un filo di Arianna che mi ha guidato nel labirinto di una nuova dimensione, quella del Tempo. Nel 1996 ho scoperto – grazie a fortunate coincidenze – un primo circuito temporo-spaziale sui punti cutanei della colonna vertebrale (circuito cronospinale), una sequenza di ventiquattro recettori. Nel 2020 è venuto alla luce un secondo circuito cronotopico, quello collegato alle articolazioni interfalangee della mano (pollice escluso). Queste piccole placche cutanee sono punti riflessi delle età e la loro stimolazione consente l’intervento terapeutico sulla finestra temporale in cui si è stati esposti a un evento avverso. In questo modo, per esempio, è possibile trattare il punto somatico del 14° anno di età, quando improvvisamente è deceduto il padre. Questo evento inaspettato ha provocato una rimodulazione negativa del sistema nervoso autonomo, innescando il sistema di difesa e di sopravvivenza (una spiegazione più dettagliata dei meccanismi neurali autonomici si trova nell’appendice di questo libro). L’attivazione di circuiti arcaici di sopravvivenza è funzionale alla reattività dell’organismo dinanzi a eventi potenzialmente pericolosi, ma diventa dannosa se non viene resettata in tempi rapidi. La piattaforma neurale ­– a sua volta – riverbera i segnali di allerta al circuito limbico (emozioni conflittuali) e alle aree prefrontali, in grado di contestualizzare l’evento sul piano cognitivo. Molto spesso accade, però, che la mente non sia in grado (o non abbia intenzione) di metabolizzare il vissuto traumatico. Questa frattura cognitiva si esplicita con la genesi di una narrazione tossica dell’evento che si amplifica con l’insistente ripetitività di pensieri a contenuto negativo. La replicazione invasiva di questo loop mentale, 17


se non adeguatamente trattata, può condizionare la comparsa di patologie psichiatriche o costituire l’innesco di malattie somatiche. Qui la mente si trasforma in Mente Errante, un potente antagonista che non combatte per preservare l’individuo ma opera in modo distruttivo soffocando la positiva reattività dell’organismo. Possiamo reagire dinanzi a questo minaccioso attacco interno? Possiamo invertire la passiva rassegnazione in un coraggioso atto di ribellione prima che sia troppo tardi? Possiamo, in altre parole, rialzare la testa senza fare la fine di Spartaco? Reagire è fondamentale non soltanto per la sopravvivenza, ma per affermare la volontà di continuare con orgoglio e determinazione la propria esistenza. Ogni caduta è l’ostacolo da superare per non restare imprigionati nel Passato come vittime del Fato! Ho intitolato i capitoli di questa guida con la parola Disobbedienza per sottolineare quale compito ci attende per rendere la nostra esistenza un viaggio meno faticoso e inutilmente penoso. Ma disobbedire a chi o cosa? Questo è il tema centrale della ricerca presentata in queste pagine, il tentativo di condividere con chi legge una nuova visione della vita. Quanto viene illustrato è semplicemente il frutto maturo dell’ascolto, la capacità di sentire ciò che le Persone cercano di comunicare attraverso il linguaggio del corpo oppresso dal disagio senza essere ostacolate eccessivamente dal pregiudizio della conoscenza. Nei capitoli successivi cercherò di spiegare cosa accade nei processi mentali assoggettati a credenze sabotanti e come contrastarne la tossicità, ricorrendo a una tecnica relativamente facile da applicare, la Defusione Cognitiva 18


a Mediazione Sensoriale (dcms). Il principale obiettivo di questa tecnica è quello di rinforzare la propria autostima e il ruolo proattivo nel percorso di guarigione. La tecnica presuppone innanzitutto il ricorso all’azione come elemento dirompente nel processo di recupero e di riabilitazione dagli effetti negativi del trauma sulla persona. Per rendere la lettura più aderente all’universo proteiforme degli eventi avversi e dei relativi effetti, sono riportati nel testo cinquanta casi clinici reali (non simulati). Dietro ogni caso si cela la sofferta biografia di una persona con le sue emozioni, i conflitti e le convinzioni limitanti. Il compito di questo manuale non è soltanto quello di riflettere su quanto accade nel mondo dei pensieri quando si viene esposti a eventi che fanno male, ma offre una potenziale arma per risollevarsi e combattere con onore. Buona lettura!

19


Profile for Giovanni Picozza

Vincenzo Di Spazio - DISOBBEDIRE ALLA MENTE ERRANTE  

Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale - Edizioni Spazio Interiore 2021 - Collana Universo Olistico - 144 pagine - 9 euro

Vincenzo Di Spazio - DISOBBEDIRE ALLA MENTE ERRANTE  

Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale - Edizioni Spazio Interiore 2021 - Collana Universo Olistico - 144 pagine - 9 euro

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded