Page 1

Anno XV - Numero 4 - Agosto/Settembre 2013

E D I Z I O N E I TA L I A N A D I R A D I O W O R L D & T V T E C H N O L O G Y

Sommario

INSERTO ANNUALE DIRECTORY

Guida Fornitori 2013/14

NEWS RadioDays HD Forum Fluidstream e Matrox D&M BitOnLive DVB Madrid Eutelsat

pag. 3 pag. 8 pag.12 pag.14 pag.16 pag.18 pag.26

DIGITAL RADIO pag.28 WEB RADIO pag.30 FILMMAKERS

pag.32

200 OLTRE IND IR FO DI IZZI RNI TOR I

REPORT FIERE NAB2013 pag.51

IN QUESTO NUMERO L’INSERTO DA CONSERVARE

GUIDA FORNITORI 2013/2014


NEWS

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

Radiodays Europe: radio e passione insieme a Berlino Radiodays Europe è una di quelle manifestazioni che si fa fatica ad immaginare in Italia. Non perché sia realizzata con qualche accorgimento o con delle caratteristiche non ripetibili dalle nostre parti... anzi! La struttura di base prevede una “due giorni” di seminari, incontri e dibattiti focalizzati sulle più diverse sfaccettature di un argomento comune: la radio. I diversi appuntamenti si sviluppano su quattro percorsi paralleli: in ogni momento delle due giornate, quindi, in quattro sale distinte della medesima struttura si svolge un appuntamento diverso, con un calendario canto stringente negli enti quanto vario negli argomenti e, soprattutto, nella modalità che i diversi relatori hanno di affrontarli, di gestire la sala e di estrapolare dalla propria esperienza le "pillole" che possono essere riproposte con valenza estremamente ampia ad un pubblico universale. Fin qui nulla di nuovo o di così diverso, a parte (forse) l'estrosità di alcuni relatori, tanto efficaci quanto insoliti nelle modalità che propongono Mille e più di mille

pubblicitari radiofonici, studiosi dei media e protagonisti più o meno disinteressati di quel percorso di progressivo avvicinamento che sta portando la radio ed il mondo del Web a prendersi per mano. Non abbiamo sentito nessuno di questi parlare di un "problema", di un disagio, di una generica cosa che sarebbe davvero meglio riuscire a cambiare. Erano professionisti e condividevano con i presenti la propria esperienza: come è logico, in diversi casi tutto cominciava raccontando di un bisogno che qualcuno (tempo fa) aveva avvertito, ma poi il tema principale dell'intervento era sistematicamente dedicato a quello che era stato pensato, progettato, realizzato e (a volte) aggiustato in corsa fino ad ottenere qualcosa e aveva dimostrato con i fatti di aver raggiunto gli scopi che ci si era inizialmente prefissi. Non stiamo necessariamente parlando di idee rivoluzionarie, ma di come si possa raggiungere uno scopo partendo da un'idea. Lavorandoci sopra, ovviamente. Anche i partecipanti sembravano sintonizzati sulla medesima lunghezza d'onda: facendo due chiacchiere nei brevi intervalli era immediatamente percepibile una pulsione positiva, che emergeva anche solo chiedendo l'interlocutore qualche dettaglio in più sul proprio quotidiano. Millecento persone che davano l'idea di Berliner Convention Center sotto la neve trovare nel proprio mondo e nel proprio lavoro una continua la dose di stimoli positivi. Scusate se è poco: l'evento si è svolto a Berlino dal 17 al 19 marzo, con aria gelida e sotto una nevicata battente. Ma bastava aprire la porta del Berliner

Anche l'affluenza, pur di assoluto rispetto, non era tale da suscitare stupore: parliamo di circa 1100 delegati, in massima parte professionisti provenienti dal mondo della radio di tutta Europa, pur con una certa prevalenza dei paesi dell'Europa del nord. Quello che invece faceva veramente la differenza, e lo si poteva cogliere solo partecipando ai diversi incontri, era lo spirito che caratterizzava l'intera manifestazione. Non c'erano resoconti più o meno preoccupati sullo stato della situazione, non si sentivano protagonisti dell'industria radiofonica che, a vario titolo, manifestavano la propria preoccupazione o il proprio timore per una possibile piega che il settore avrebbe potuto prendere, nessun politico che veniva ad esprimere la propria comprensione e la propria vicinanza al mondo che lì incontrava, enunciando propositi encomiabili e promettendo la propria massima attenzione per il futuro. Per farla breve: nei due giorni di Radiodays Europe non si parlava di problemi. Si parlava di soluzioni. Sui quattro palchi si sono alternati, in parallelo, relatori provenienti dall'industria radiofonica, creativa, esponenti di grandi broadcaster di servizio pubblico, presentatori di piccole stazioni comunitarie, venditori di spazi

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

B R O A D C A S T

BBC Academy Convention Center per ritrovarsi di colpo in un clima completamente diverso, emozionale e decisamente... "caldo".

Content is the king Radiodays Europe è una manifestazione tipicamente focalizzata sui contenuti, sulle idee e sui modi per fare la radio. L'aspetto tecnico, pur presente, passa tranquillamente in secondo piano; va detto, in aggiunta, che i diversi appuntamenti tecnici non hanno riservato novità particolari rispetto a quanto avevamo avuto modo di apprendere durante altri eventi europei che si erano svolti nei mesi precedenti. Il primo giorno, domenica 17, offriva ai partecipanti la possibilità di partecipare a due masterclass: una focalizzata sulle tecniche di vendita della pubblicità radiofonica (tenuta da Paul Weyland, un sales strategist americano), la seconda era un workshop della BBC Academy che affrontava la leadership nella newsroom. Ci siamo fatti coinvolgere da questa seconda opportunità: siamo entrati per fare i cronisti, ma Jane Kinghorn, senior trainer e consulente creativo alla BBC e Mia Costello, client manager BBC ci hanno &

P R O D U C T I O N

3


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

immediatamente inserito nei gruppi di lavoro, insieme a colleghi giornalisti provenienti da tutta Europa. Un’esperienza estremamente efficace e piacevole, in grado di cancellare all'istante ogni residuo dubbio su perché la BBC è tuttora considerata un eccellente modello di giornalismo e di servizio pubblico. La sera di domenica si è tenuta la cerimonia di apertura all'interno della splendida Parochialkirche, una chiesa riformata che ha ospitato il vernissage. Rolf Brandrud, uno dei co-fondatori di Radiodays Europe ha salutato i presenti sottolineando come la manifestazione abbia conseguito un aumento del 50% nel numero dei delegati pre-registrati rispetto all'edizione dell'anno precedente. Considerando che la partecipazione costava (a prezzo pieno) circa 800 Euro, il segnale è chiaro e forte, che Brandrud ha efficacemente sintetizzato: "Avremo con noi più di 1.000 persone appassionate di radio, ma i numeri delle pre-registrazioni dimostrano che, in aggiunta alla passione, la radio è ancora un business, e pure piuttosto valido".

Tutti al lavoro La mattina di lunedì 18 è iniziata con alcuni interventi istituzionali, fra i quali ricordiamo quello di Annika Nyberg, responsabile media dell'EBU. Cilla Benkö, direttore generale di Swedish Radio, ha sottolineato con passione e orgoglio la necessità per tutte le emittenti, in speciale modo quelle del servizio pubblico, di conquistare e conservare la fiducia dei propri ascoltatori, spiegando che l'emittente che può contare su questa fiducia non ha nulla da temere dalla concorrenza. Una sessione assolutamente da ricordare era intitolata "Programming Saves Lives". Mark Gillman, istrionico conduttore radiofonico sudafricano dalla fantasia apparentemente senza limiti, ha illustrato diversi casi concreti di contenuti e programmi che hanno riscosso un eccezionale successo proponendo agli ascoltatori qualcosa che riuscisse continuamente a sorprenderli: non perché le situazioni proposte fossero così nuove, ma perché nessuno avrebbe mai pensato di realizzare un contenuto radiofonico in quelle condizioni o in quelle circostanze. Gillman

anche ironizzato sul ruolo preponderante che stanno assumendo i socia media nella progettazione di contenuti, sostenendo che il modo principale per "incontrare" il pubblico deve essere l'idea, l'originalità del contenuto, che a suo parere devono rimanere gli aspetti centrali di ogni produzione. Social media che sono da tempo al centro delle attenzioni della BBC. Ben Cooper, controller di BBC Radio 1 e Radio 1Xtra, ha illustrato le molte strategie ed i vari progetti realizzati dalla propria azienda per rimanere in costante contatto con le fasce più giovani della popolazione. Ha parlato anche di una metodologia innovati la utilizzate dalla BBC per misurare l'audience complessiva di un programma in termini di "impatto" sul pubblico. La BBC considera, oltre ai dati di ascolto "classici", anche specifici rilevatori di attenzione da parte del pubblico, che includono i "retweet", i post su Facebook (non solo sulla pagina ufficiale del programma, ma sull'intera piattaforma di questo social network) e il numero di visualizzazioni su Youtube dei filmati comunque correlati. È emerso dall'uso di questi strumenti un mandato apparentemente inaspettato: gli ascolti attraverso le piattaforme "social" hanno tuttora un impatto assolutamente trascurabile sui volumi di ascolto complessivi. Per questo motivo la BBC considera i social media come un eccellente strumento per coinvolgere e indirizzare gli ascoltatori, piuttosto che un'ulteriore e specifico canale di ascolto.

Twitter Parlando di Twitter, era attesissimo l'intervento di Dan Biddle, responsabile delle partnership broadcast di Twitter UK. Un intervento di estrema apertura e collaborazione: l'azienda Twitter si considera

complementare e sinergica al broadcasting canonico, al quale ritiene di poter aggiungere molto. Una delle frasi di maggior effetto è stata “Twitter is the second screen of radio”, e non c'è bisogno di tradurre. Un’aggiunta di interattività trasversale fra ascoltatori e tra ascoltatori e conduttori, che si sta rivelando molto più efficace ed incisiva di quanto sino ad oggi in voga, come SMS e messaggi e-mail. La ragione è presto detta: SMS ed e-mail sono immediati da scrivere e arrivano subito, al pari dei tweet. Ma a differenza di questi ultimi, SMS ed e-mail sono stati pensati per avere un solo mittente e uno (o alcuni) specifici destinatari: condividere questo tipo di messaggi fra molte persone può essere molto più complicato del primo invio. Dal punto di vista pratico, poi, SMS ed e-mail si auto distruggono dopo essere arrivati a destinazione: è impossibile ricercare un messaggio nei giorni successivi al proprio invio utilizzando unicamente una o alcune parole chiave, a maggior ragione se non si era inseriti fra i destinatari originali. Un tweet, invece, non muore mai e può essere trovato (o ritrovato) da chiunque. "Twitter is the shortest distance between you and what interests you most" (Twitter è la strada più breve fra una persona e quello che alla persona interessa di più-NdR) è stata una delle chiose di Biddle.

Spotify Uno strumento online che preoccupa parecchio il mondo broadcast è Spotify.

Ben Cooper

Dan Biddle 4 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Parochialkirche •

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


Ora è facile aggiungere un waveform monitor broadcast al vostro studio! Aggiungi un waveform monitor rack mount preciso e professionale al tuo studio! SmartScope Duo include due schermi indipendenti, così può essere due monitor video e waveform monitor in uno! Ottiene sette diversi tipi di scope per misurare tutti gli aspetti di un segnale video broadcast tra forma d’onda, vectorscopio, RGB parade, YUV parade, istogrammi, audio phase display, 16 canali audio meters più vista dell’immagine! Con SmartScope Duo ottieni sempre l’accuratezza richiesta dai tecnici broadcast!

Qualità Broadcast accurata È possibile ottenere una vasta gamma dei più popolari display delle forme d’onda disponibili. Il display waveform ti mostra il brightness nel video, il vectorscopio mostra un grafico a colori dei vari colori nel vostro video, la RGB parade mostra il bilanciamento dei colori e livelli di video illegali, l’istogramma mostra la distribuzione della luminosità dei pixel nel video e il clipping e lo scope audio consente di controllare l’audio di fase e di livelli!

Eliminate gli errori tecnici Solo il monitoraggio professionale della forma d’onda permette di tenere traccia della qualità del tuo video e audio ed è l’unico modo per garantire che la vostra produzione soddisfi tutti gli standard internazionali. SmartScope Duo può essere installato in rack per il monitoraggio tecnico e controllo di qualità, così come installato in banchi per l’uso durante l’editing, mastering e la correzione del colore. Scegli il tuo Scope! SmartScope Duo è dotato di due schermi indipendenti 8” LCD in un compatto rack 3U e puoi immediatamente scegliere tra le forme d’onda, vectorscope, RGB parade, Component parade, visualizzazione istogramma , audio phase , Audio level meters o la visualizzazione di un’immagine normale! È possibile impostare ogni schermo dello SmartScope Duo in una qualsiasi combinazione di video monitor o waveform e cambiare da uno all’altro in qualsiasi momento!

*SRP IVA esclusa

Monitoring SDI Video Perfetto SmartScope è anche il video monitor a rack perfetto! Lo si può utilizzare per il monitoraggio generale a rack per uso broadcast, post produzione, monitoring delle camere in produzione live, on set camera monitoring, kit flyaway, regie mobili. SmartScope Duo include una connessione Ethernet e molto altro! Quindi tutti i comandi e le impostazioni possono essere modificate centralmente tramite l’utility SmartView anche da un computer portatile!

SmartScope Duo

Per saperne di più visita oggi www.blackmagicdesign.com/it/smartscopeduo

785*


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

Equipe Radio France Spotify è il caso del momento nel mondo della radio. Lanciato pochi anni fa nell’Europa del Nord, questo servizio che permette di ascoltare gratuitamente musica in streaming (in cambio di pubblicità) è arrivato a livelli di penetrazione imbarazzanti nei diversi Paesi dove è presente. Come si pone nei confronti della radio? Parlando di radio “musicali”, queste ultime e Spotify potrebbero sembrare dei perfetti concorrenti. Leggiamo sul sito: “Lascia che Spotify ti offra la giusta musica per ogni umore e momento. I brani perfetti per il tuo allenamento, la tua serata o per accompagnarti al lavoro”. Poi: “Spotify funziona su computer, cellulare, tablet e impianto di home entertainment. Scegli la musica che più ti piace oppure lasciati sorprendere da Spotify. Se sai cosa vuoi, cercalo e seleziona Play. Oppure, cerca nuova musica sfogliando le librerie di amici, artisti e celebrità”. Non manca l’apertura verso il mondo “social”: “Segui e condividi. La musica aggrega. Per questo Spotify è così "social". Condividi la musica su Spotify, Facebook, Twitter, sul tuo blog e via e-mail. Puoi anche seguire altre persone interessanti. Se scoprono della musica eccezionale, tu non sarai da meno!”. Lo scorso febbraio, all’ultima Radio Week dell’EBU, Erik Henz Kjeldsen, commissioning editor di Danish Radio, scuoteva la testa: “Abbiamo fatto delle ricerche di mercato, e siamo rimasti sconvolti: un terzo dei danesi, di ogni fascia di età, usa Spotify almeno una volta alla settimana. E tutto questo è successo in appena un anno e mezzo. Fra i giovani, l’importanza della radio come modo per scoprire la musica digitale è in caduta libera, e non ci sembra che la radio digitale sia una risposta in grado di invertire il trend. A Danish Radio stiamo cercando il modo di avere una presenza importante su Spotify, con un nostro canale”. La scelta delle emittenti nordiche nei confronti di Spotify in genere è stata: non importa quale sia il mezzo attraverso cui la gente ci ascolta, l’importante è che ascoltino i nostri programmi. Ecco allora i programmi e le playlist dei DJ della radio svedese apparire su Spotify. Nell’Europa centrale e meridionale abbiamo invece avuto 6 B R O A D C A S T

&

un atteggiamento più guardingo. A Radiodays Europe una specifica presentazione era dedicata all’argomento, ed il titolo (eloquente) era: “Spotify: friend or foe?” (Un amico o un nemico?). Ha cercato di rispondere a questa domanda, con un’ottica sicuramente di parte, ma con argomentazioni condivisibili, Ross Adams: “Vuol dire che un 26% di queste persone rappresenta una opportunità per le radio commerciali, ed un potenziale nuovo target per gli inserzionisti pubblicitari”. E, in effetti, stanno aumentando a vista d’occhio le emittenti che scelgono di avere un proprio “canale” Spotify, dove riproporre i propri contenuti ed i propri programmi di punta.

Robe da tecnici Venendo al punto di vista più strettamente tecnico, durante l'evento di Berlino abbiamo incontrato l'equipe di Radio France che si occupa di registrare e produrre eventi in suono Surround 5.1. Abbiamo visto i microfoni che usano, i registratori, e abbiamo ascoltato il risultato. Il suono 5.1 sembrerebbe una sfida impossibile per la radio. E invece i francesi hanno pensato che il web può spingere la radio oltre i propri limiti. L'equipe di Joel Ronez, direttore New Media di Radio France, si sta dedicando da tempo ad un progetto ingegnoso. Radio France, per missione e per tradizione, produce storicamente una gran quantità di eventi musicali in diverse località della Francia. Tipicamente musica classica, jazz, pop e folk. Ronez ed i suoi hanno pensato di registrare "qualcosa in più" in occasione dei diversi eventi, e di trovare il modo di rendere questo "qualcosa in più" disponibile ai radioascoltatori. Per evitare quanto più possibile eventuali barriere tecnologiche, i tecnici francesi si sono focalizzati su quale fosse il dispositivo, od il formato di riproduzione sonora, che fosse più comunemente disponibile nelle case degli ascoltatori e che permettesse di andare oltre il "semplice" suono stereofonico. Le loro attenzioni si sono focalizzate sugli impianti Surround 5.1 di Home Theater: non certo alla portata di tutti, ma di sicuro la tipologia di impianto più diffusa non appena si sale un gradino oltre la stereofonia di qualità. Gli impianti Home Theater sono generalmente acquistati da appassionati, che sanno valorizzare l'impatto di una buona resa acustica, e sono tipicamente caratterizzati da sistemi di amplificazione di buon livello. E allora, facendo i conti con P R O D U C T I O N

il budget, hanno iniziato a sperimentare diversi tipi di microfono, per rendere la cattura del suono tanto efficace quanto semplice ed economicamente sostenibile anche con la nuova modalità 5.1. Lo scorso anno, al Prix Italia di Torino, Ronez ci aveva detto che il loro obiettivo era produrre eventi in 5.1 con costi che fossero non superiori del 15% rispetto ai costi di produzione convenzionali. Avevano anche iniziato a produrre documentari, con un prototipo di "giraffa" 5.1. A Berlino, Joel Ronez e Hervé Déjardin, ingegnere capo di ripresa sonora, che ci hanno mostrato il frutto delle loro ultime ricerche: il "microfono universale" che utilizzano ora pressoché per ogni situazione di ripresa 5.1: il DPA Microphones 5100, che vediamo nella foto sotto, montato su staffa impugnata da Déjardin. Abbiamo anche potuto provare ad utilizzarlo: è di una leggerezza sorprendente, perfettamente bilanciato, e dopo qualche istante di adattamento (soprattutto per via delle dimensioni inusuali) ci si trova perfettamente a proprio agio. Realizzate le registrazioni, restava il problema di come far giungere l'audio 5.1 ai radioascoltatori. Il web ha offerto la soluzione più naturale. All'indirizzo nuvoson.radiofrance.fr sono disponibili i files delle registrazioni Surround 5.1 e binaurali finora realizzate da Radio France. Sono alcune realizzazioni di estremo interesse e di grande qualità. L'archivio è in continua evoluzione. I files possono essere riprodotti direttamente o scaricati e, a seconda del tipo di impianto che si possiede, riprodotti direttamente dal proprio sistema surround oppure riprodotti da un lettore (un PC) collegato in digitale al processore surround. Abbiamo ascoltato alcune registrazioni nella sala di ascolto realizzata da Radio France a Berlino: i diffusori erano monitor attivi da studio, per cui eravamo sicuramente in una condizione ideale. Ma il risultato è da lasciare a bocca aperta, e tale da spazzare via in un solo colpo ogni dubbio o perplessità. Il modo più semplice per verificarlo? Fate la prova... Basta un clic.

A G O S T O / S E T T E M B R E

Hervé Déjardin e DPA

2 0 1 3


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

A Saint Vincent HD Forum in “Alta Definizione e oltre” Da Zero a 4K: Dieci, Cento, Mille Schermi. All’insegna di questa immagine suggestiva, l’HD Forum Italia ha promosso il proprio incontro annuale, finalizzato a fare il punto sulle tecnologie per la televisione in alta definizione. Le piattaforme terrestri, satellitari e le nuove forme di consegna ibrida o IP sono state al centro di una due giorni che la splendida cornice del Saint Vincent Resort & Casino ha reso ancora più suggestiva L'associazione HD Forum Italia è stata costituita nel 2006 con lo scopo, dichiarato fin dal proprio nome, di promuovere, sostenere, presentare e diffondere l'uso di contenuti audiovisivi e multimediali, nonché prodotti e tecnologie ad Alta Definizione. L’HD Forum Italia, associazione senza scopo di lucro, si rivolge a tutti i soggetti coinvolti nella filiera del televisivo e dell'audiovisivo, fra cui produttori, fornitori e aggregatori di contenuti, broadcaster, operatori di rete, istituti e laboratori di ricerca, costruttori e distributori di apparati. Fra gli associati ad HD Forum Italia ricordiamo Aeranti-Corallo, Eutelsat, SES, Sisvel Technology, Sony Italia, la Fondazione Ugo Bordoni, Mediaset, RAI, Sky Italia, Telecom Italia e Telecom Italia Media. Fra le molte attività di HD Forum Italia, che prevedono anche la partecipazione ad attività internazionali di promozione e coordinamento della HD e in particolare ai lavori del Forum Europeo sulla HD, vi è anche l’organizzazione di eventi finalizzati alla presentazione e promozione della HD, nonché alla proposta di soluzioni tecniche utilizzabili nell'ambito della HD. L'appuntamento annuale con la conferenza dell'HD Forum Italia è ormai un appuntamento conosciuto e consolidato, e anche quest’anno ha chiamato a raccolta tutti gli interessati del settore: il 9 e 10 maggio al Centro Congressi del Saint Vincent Resort & Casino si è tenuta una due giorni di seminari e networking, con la presenza di partecipanti provenienti da industria, broadcast, fornitori di contenuti, operatori satellitari, istituzioni e istituti di ricerca. Sotto il microscopio

8 B R O A D C A S T

&

dell’HD Forum sono stati approfonditi i temi più attuali del contesto audiovisivo internazionale: l’evoluzione delle prestazioni tecnologiche oltre l’HD, l'ibridazione di contenuti ricevibili dalle reti di radiodiffusione e di contenuti audiovisivi ricevibili dalla rete a banda larga (la Connected TV), l’arricchimento dell’esperienza televisiva tramite i dispositivi “Second Screen”, il futuro ecosistema dei media tra broadcaster e fornitori over the top, il ruolo della ricerca e degli standard industriali. Su questi temi, la Conferenza Annuale di HD Forum Italia ha offerto un punto di osservazione e dibattito tra i rappresentanti della filiera, per focalizzare problemi e sfide e per formulare obiettivi e previsioni di sviluppo.

Tendenze ed evoluzioni

d’Aosta appunto, la ciclicità dell’evoluzione. Infatti è proprio da questa Regione d’Italia che partì nel 2006 la sperimentazione che poi avrebbe condotto in Italia negli anni a seguire, al passaggio dalla TV analogica a quella totalmente digitale e da dove si intende ripartire con la nuova sperimentazione tecnologica dei sistemi trasmissivi in tecnica terrestre di seconda generazione: il DVB-T2.

Qualità, multiscreen e connettività sono le principali tendenze da considerare, per essere pronti al cambiamento della televisione. Per quanto riguarda la qualità, la tecnologia 4K ovvero la Ultra Alta Definizione, sulla quale l’industria sta puntando, è destinata ad entrare nelle case degli italiani entro pochi anni. È questo il senso della prima parte del titolo dell’edizione 2013 dell’HD Forum Conference, “Da Zero a 4K: Dieci, Cento, Mille Schermi”. La seconda parte del titolo allude alla fruibilità di contenuti televisivi, a seconda del luogo e del momento, su una grande varietà di dispositivi dotati di schermo: televisore, smartphone, tablet, computer. Fruibilità resa possibile dall’essere tali dispositivi sempre connessi alla rete a larga banda e dall’essere i contenuti televisivi non solo radiodiffusi, ma anche distribuiti in rete attraverso il protocollo IP. Il senso di evoluzione suggerito dal titolo è inoltre teso a celebrare, in Valle

Le due giornate, sia per gli argomenti della conferenza sia per applicazioni e apparati presentati nell’area espositiva, hanno confermato la disponibilità dell’industria ad affrontare le sfide di un’ulteriore evoluzione del settore dell’intrattenimento televisivo, nel segno della tecnologia 4K, che offrirà allo spettatore una definizione quattro volte superiore a quella di un odierno televisore full HD, della televisione 3D autostereoscopica, che supererà l’utilizzo degli occhiali attualmente necessari per la visione di programmi 3D, e di una TV connessa, che consentirà agli utenti una ricca esperienza interattiva nella fruizione di contenuti televisivi di qualità, indipendentemente dalla rete di provenienza (broadcast e broadband). Ricordiamo, per l'impegno espositivo e per il particolare contributo dato ai temi del dibattito, la partecipazione di Sisvel Technology, gold sponsor dell’evento, Eutelsat, Sony e del Centro Ricerche RAI. L'area espositiva di Sisvel Technology consentiva al visitatore un immediato confronto delle potenzialità offerte dalle diverse tecnologie al momento disponibili per

2 0 1 3

P R O D U C T I O N

Protagonisti e leader

A G O S T O / S E T T E M B R E


Minimizza la complessità Massimizza la disponibilità. Gli headends di Rohde & Schwarz. La serie ¸AVHE100, stabilisce nuovi traguardi tra gli headend audio/video. Tutte le funzioni principali (codifica, decodifica, multiplazione statistica, inseritore MIP, T2-Gateway, video-wall) e secondarie sono implementate su un’innovativa architettura software che gira su un server professionale. Tale soluzione garantisce la massima flessibilità in caso di introduzione di nuovi standard o espansioni del sistema. L’interfaccia per la gestione del sistema è integrata e supporta il touchscreen, garantendo un’operatività immediata e intuitiva. La tecnologia CrossFlowIP, sviluppata da Rohde & Schwarz per tale sistema, garantisce semplicità nei collegamenti ed elevata affidabilità nel tempo. Scoprilo visitando il sito www.rohde-schwarz.com/ad/avhe100

¸AVHE100

Per saperne di più:

www.rohde-schwarz.com/ ad/avhe100


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it Stand Sisvel Technology

disposizione per verificare su strada le prestazioni consentite dal sistema, basato su un chip ricevitore sperimentale Sony.

Agenda fitta

la visione stereoscopica. Diversi schermi (foto sopra), uno per ogni tecnologia rappresentata, erano “schierati” e corredati dei relativi accessori, a disposizione per sperimentare in prima persona le differenze. Si passava fra schermi di diversa tecnologia (LCD, plasma, …), con occhiali “attivi” e con occhiali passivi, per finire all'impressionante display autostereoscopico che sfrutta il sistema 3D Tile Format con trasmissione di mappa di profondità, il fiore all'occhiello di Sisvel Technology. L'importante contributo di Eutelsat ha permesso di inquadrare nei diversi dibattiti le possibilità offerte dalla distribuzione satellitare in Italia e nei diversi mercati. L'intrinseca capacità di banda disponibile sulle piattaforme satellitari ha fatto sì che ogni innovazione tecnologica richiedente una banda complessiva elevata rispetto agli standard comunemente in uso sia stata fatta conoscere al grande pubblico proprio attraverso piattaforme satellitari: è avvenuto così con l'HD e così avverrà per il 4K. Sony esponeva all'HD Forum un prodotto che, a rigore, potrebbe rientrare nella categoria “consumer”, ma pensiamo che sia davvero riduttivo inquadrarlo come tale: uno schermo da 84 pollici con risoluzione 4K. Il costo, a detta dei presenti, è ancora nell'ordine delle decine di migliaia di euro, ma l'impatto visivo era tale da togliere ogni residuo dubbio sulla bontà e sulle potenzialità offerte dal sistema 4K. Una vettura appositamente attrezzata a cura del Centro Ricerche RAI di Torino permetteva ai partecipanti di sperimentare di persona le potenzialità offerte dal sistema DVB-T2 Lite in tema di ricezione della televisione in mobilità veicolare. RAI e Rai Way hanno da tempo attivato un trasmettitore DVB-T2 sperimentale presso il sito trasmittente di Aosta Gerdaz. Recentemente, il bouquet T2 è stato arricchito di un contenuto T2 Lite, specificamente modulato con parametri (numero di portanti, code rate, ...) tali da consentire una eccellente ricezione in mobilità veicolare. La vettura era a 10 B R O A D C A S T

&

La prima giornata della conferenza ha avuto carattere prevalentemente istituzionale, dapprima con una presentazione della missione, degli obiettivi e delle attività di HD Forum nel suo primo settennato e poi con una presentazione della HD Book Collection, ossia dei volumi di specifiche tecniche che l’Associazione ha prodotto per l’armonizzazione del mercato orizzontale dei ricevitori televisivi in Italia. Sono seguite due relazioni “keynote”: la prima, generale sulle attività del consorzio internazionale DVB, che presidia gli standard di codifica e trasmissione digitale adottati in Europa e in molti altri Paesi; la seconda, specifica sul nuovo standard DVB-T2 mirato ad aumentare del 50% l’efficienza della radiodiffusione in tecnica digitale terrestre. Poi una presentazione delle prospettive di offerta industriale di prodotti “oltre l’HD” e una tavola rotonda su requisiti e tendenze di un ecosistema dei media che sappia cogliere le opportunità determinate dalle sfide che la nuova tv connessa offerta dai broadcaster dovrà affrontare rispetto ad un mercato audiovisivo già intensamente presidiato da operatori Over the Top, con posizioni dominanti sul piano globale. Particolarmente significativo, a conclusione della prima giornata, è stato l’intervento di Antonio Preto, Commissario AGCOM, della Commissione Infrastrutture e Reti, il quale ha esordito ricordando l’importanza di arrivare a un sistema di regolamentazione dei contenuti della televisione 2.0, altro modo di denotare la Connected Tv. “L’Italia non può essere considerata periferia del mondo – ha sottolineato il Commissario – siamo il decimo mercato mondiale per il consumo di video online, il primo in Europa per tasso di crescita, il terzo al mondo per percentuale di utenti Internet che guardano contenuti video online”. Tra gli innumerevoli altri spunti suggeriti dal Commissario, di notevole interesse quello riguardante l’ineludibile necessità di distribuire i contenuti televisivi attraverso una varietà di piattaforme: “dobbiamo promuovere e valorizzare tutte le piattaforme disponibili, altrimenti tecnologie di avanguardia come il 4K non decolleranno mai, perché la capacità trasmissiva richiesta dal P R O D U C T I O N

4K è tale da imporre un’altissima efficienza ed una ottimizzazione globale”. La seconda giornata ha avuto qualificazione prettamente tecnico-scientifica, con protagonista l’”Innovation Workshop”, programmato e curato dalla sezione italiana dell’organismo internazionale MPEG (Motion Picture Expert Group), vasto gruppo di lavoro che, in seno all’ISO (International Organization for Standardization), ha via via definito e normalizzato – nel corso di un ventennio - le tecniche digitali di rappresentazione e compressione dei segnali audiovisivi. Dopo una panoramica dei principali risultati conseguiti dal gruppo, sono state illustrate le attività di punta attualmente in corso: la nuova specifica HEVC, che consentirà di guadagnare dal 30% al 60% di efficienza di compressione rispetto all’attuale specifica MPEG-4 AVC; la famiglia di possibili soluzioni per la tv 3D di domani; i nuovi standard di ricerca visuale su archivi multimediali; le tecniche di preservazione di contenuti digitali multimediali. Nucleo principale della conferenza è stato la multi funzionalità della televisione che sta riportando il mezzo alla sua centralità nell’ambiente domestico. Il televisore torna ad essere il display preferito per le famiglie, grazie proprio alla connessione internet e alle nuove opportunità di integrazione che offrono i cosiddetti “second screen”, con la possibilità di scaricare contenuti complementari dalla rete. In conclusione della due giorni è stata annunciata la pubblicazione dell’HD Book DTT V. 3.0 entro il 2013, che introdurrà le seguenti nuove funzionalità nei ricevitori digitali terrestri: la ricezione UHF senza la Banda 800MHz, il supporto del Codec HEVC fino a 1080p50 (DVB profile) minimum 576p50, un profilo italiano per la Common Interface CI+ 1.4 (Italian profile), il supporto DAE (Declarative Application Environment) basato sul profilo HTML5 a fianco del GEM 1.3. e GEM Second Screen.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

La regia mobile si converte all’alta definizione I multiviewer Matrox MicroQuad sono partiti in tour Jones Mobile Television (JMTV) è specializzata nel full-service on-site. Di recente, abbracciando la filosofia dell’alta definizione, JMTV ha investito oltre 3 milioni di dollari per riallestire la potente unità di regia mobile. Gli oltre 150 monitor CRT dislocati a bordo sono stati sostituiti con monitor LED. Ora 18 Matrox MicroQuad multiviewer controllano l’80% di questi nuovi schermi LED: in metà della produzione, in area audio, video shading e server/tape room. “ Abbiamo adottato i dispositivi Matrox MicroQuad per la loro qualità, la facilità di

utilizzo ed il prezzo davvero interessante.” dice Bob Derryberry, comproprietario di Jones Mobile Television. “Sul mercato non mancano soluzioni multiviwer quad, ma dal momento che abbiamo già lavorato con tecnologia Matrox, apprezzandone l’affidabilità, è stato spontaneo affidarci a Matrox MicroQuad per la nostra nuova applicazione”. Sebbene tutti i controlli siano disponibili su ogni singola unità MicroQuad, i dispositivi Matrox di JMTV sono montati a rack poichè John Mattew, l’EIC di JMTV (responsabile tecnico della regia mobile) ha deciso che per le loro esigenze era più conveniente usare l’applicazione Windows-based MicroQuad Remote in modo da controllare ciascuna unità direttamente dall’area di controllo QC/video della regia mobile. “Dal momento che ogni show richiede un differente layout del monitor, è “imperativo” che sia possibile modificare questi layout da show a show con la massima velocità e facilità. MicroQuad permette tutto questo con un’applicazione

gratuita di semplice utilizzo, di cui sono dotate le unità” spiega Matthews. Per completare l’aggiornamento in HD, Jones Mobile Television ha dotato la regia mobile anche di Matrox Convert DVI. Infatti, il computer Chyron Duet desktop, al centro dei sistemi broadcast di cui si avvale JMTV, deve essere in grado di convertire i feed in HD SDI o Component Video per il monitoring. " Il converter Matrox funziona alla grande nel gestire i dati online da trasmettere in diretta" ha aggiunto Derryberry. Molte produzioni richiedono un uso esteso di configurazioni multiviewer anche fuori dei confini dell’unità mobile. Spesso è necessario effettuare cablaggi in fibra ottica e configurare in modo apposito i feed multiviewer da gestire nella regia mobile esterna. “Non solo si è guadagnato in ergonomia, poiché i MicroQuad sono oltremodo compatti, ma abbiamo ottimizzato l’investimento offrendo ai nostri clienti ciò che è più importante: una qualità di visualizzazione decisamente migliore rispetto alla precedente”. I prodotti Matrox Video sono distribuiti in Italia da 3G Electronics Srl. Info: www.3gelectronics.it

Fluidstream per quelli che pensano in grande Il provider di streaming multimediale italiano che offre servizi audio e video pro La diffusione della larga banda e l’incremento dei contenuti multimediali hanno portato a specializzare i servizi verso il mercato delle radio e delle tv commerciali che vedono in Internet la possibilità di ampliare la propria offerta di contenuti, aumentando e fidelizzando i propri utenti. La missione di Fluidstream è quella di aiutare i clienti a raggiungere questi obiettivi con soluzioni semplici, efficaci e all’avanguardia. Lavorare con Fluidstream è diverso rispetto alle altre aziende che offrono servizi su Internet: non è un semplice fornitore di servizi, ma un partner tecnologico e il rapporto è sempre personale, senza alcun “freddo” help desk o anonimi indirizzi e-mail. Fluidstream personalizza i servizi per ogni singolo Cliente, dando assistenza a tutto campo, 365 giorni l’anno, dalla progettazione alla realizzazione, sino alla gestione del servizio. Per la connettività opera con i più importanti carrier nazionali ed internazionali e utilizza cluster di server dedicati ad altissima affidabilità in datacenter sicuri e protetti. 12 B R O A D C A S T

&

Sono disponibili tutte le piattaforme più diffuse per lo streaming audio/video come Wowza, Adobe, Microsoft Windows Media, Shoutcast, Icecast e si usano le codifiche più diffuse come MP3, HE-AAC, OGG, FLAC, WMA, H.264 e WMV. Siccome nel mondo delle telecomunicazioni la connessione in mobilità sta divenendo sempre più importante, Fluidstream progetta e realizza applicazioni dedicate per smartphone e tablet da pubblicare sugli store Apple iTunes, Google Play Store, Amazon App Store; realizza inoltre applicazioni web HTML5 e Flash che permettono la fruizione dello stream direttamente dal sito web con qualsiasi dispositivo fisso o mobile: basta un browser per ascoltare la radio o vedere la televisione. Disponibili anche servizi di web hosting e posta elettronica, sempre basati P R O D U C T I O N

sull’infrastruttura di rete e di server premium. Fluidstream è rivenditore autorizzato Google Apps for Business e offre le applicazioni business di Google, quali Gmail, Google Drive e Google Documenti. Non per caso lo slogan aziendale è il seguente: “Semplice, Efficace, Universale”. Info: www.fluidstream.net

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

I “giovani esperti” di D&M Broadcast Engineering D&M Broadcast è una giovane realtà, ma ha tutte le carte in regola per appartenere a quella categoria speciale di aziende che riescono a distinguersi per la capacità di adattare le proprie risposte allo stato dell’arte della tecnologia e che riescono a combinare al meglio la capacità tutta italiana di trovare la soluzione più efficace anche nei contesti meno favorevoli, con un rigore progettuale e realizzativo che derivano da molti anni di esperienza maturata dalle persone che vi lavorano. Persone che sono poi quelle che, sul campo, fanno la differenza. D&M Broadcast nasce dalla volontà e dalla passione di professionisti del settore broadcast, con una lunga e consolidata esperienza nella realizzazione di progetti di alta e bassa frequenza, unita alla solidità di un costruttore di apparati di radiodiffusione leader del proprio mercato da 35 anni. Dopo diversi anni di collaborazione in aziende complementari Didier Muragwabugabo e Marco Giovannini hanno deciso di mettere a fattor comune la propria competenza, la propria esperienza, e la propria capacità di offrire un servizio diretto, quasi sartoriale, al cliente finale. Per iniziare al meglio la loro nuova avventura, Didier e Marco hanno coinvolto un partner conosciuto ed apprezzato: DB Elettronica.

Servizi completi D&M è in grado di soddisfare le più diverse e specifiche esigenze del settore broadcast: Radio e Tv, analogiche e digitali, comunitarie, private e di stato. Uno dei punti di forza di D&M è la capacità di progettare e realizzare stazioni complete “chiavi in mano”: tutto

Marco Giovannini

14 B R O A D C A S T

&

quanto serve per essere on air con una stazione radiofonica o televisiva, inclusi i sistemi di ripresa audio e video, l’insonorizzazione, climatizzazione e l’illuminazione degli studi, mixer, effetti di produzione e post-produzione, grafiche, storage, playout, sistemi di scheduling, automazione e controllo. Poi la progettazione e la realizzazione complete delle reti di contribuzione, distribuzione e diffusione, chiudendo con la progettazione del sistema radiante, la costruzione del supporto (compresi i tralicci), l’installazione del trasmettitore e di tutte le infrastrutture tecnologiche e di processo. Il vantaggio per il cliente è tangibile: rivolgendosi ad un unico interlocutore il cliente ottiene un sensibile risparmio di tempi e costi per l’advising e per il coordinamento delle fasi di progettazione, ottimizzazione e realizzazione. Vi è un solo responsabile dell’ottimizzazione della stazione completa, evitando così ogni possibile conflitto di responsabilità e attribuzione delle cause: D&M sa che deve consegnare qualcosa che funzioni al meglio, e si occupa di ottenere questo risultato per conto del proprio cliente, indipendentemente dalla causa o dal componente coinvolti. D&M, infine, garantisce al cliente la necessaria indipendenza e terzietà dell’azienda incaricata di progettare il proprio sistema: D&M è sempre libera di scegliere il prodotto più adeguato per le specifiche necessità di ciascuna realizzazione e di ciascun cliente. D&M P R O D U C T I O N

è in grado di offrire consulenza e formazione tecnica, ma anche artistica, che comprende una vera e propria attività di coaching: dalla definizione dello “station logo” alla realizzazione di un jingle accattivante, passando per le basi delle tecniche di programmazione televisiva e radiofonica, per finire ala vera e propria costruzione di una “station identity” per i mercati più competitivi. Un altro punto di forza è la capacità nel realizzare soluzioni “fly case”: una intera stazione radiofonica può essere realizzata in un solo fly case che comprende mixer, microfoni, ibridi telefonici per linea fissa o cellulare, riproduttori CD, automazione, ingest USB, processori audio, trasmettitore, tavolino per speaker con eventuali ospiti ed il supporto orientabile per la consolle.

International view Un esempio notevole di questo tipo di realizzazioni è la stazione Ani Dusa FM, realizzata nella Repubblica Centroafricana per conto della ONG “Invisible Children” nel villaggio di Mboki. Questa stazione è stata realizzata costruendo anche il piccolo edificio in muratura destinato ad ospitare lo studio, e data la mancanza di energia elettrica nel villaggio (nemmeno da motogeneratori), D&M ha progettato e realizzato anche un sistema di alimentazione con stazione solare, accumulatori ed inverter in grado di assicurare sedici ore giornaliere di operatività alla stazione (che trasmette con un apparato FM da 150W) per 365 giorni l’anno. Per quanto riguarda le stazioni televisive, D&M ha appena realizzato una stazione con intercom, luci, tre camere, attrezzature per ENG, tutto completamente HD in tre fly case. Prima della

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


spedizione i sistemi vengono preassemblati e testati in sede. Una volta verificato il corretto funzionamento, il tutto viene spedito a destinazione, dove i tecnici D&M si occupano della corretta installazione ed il successivo collaudo. Per ogni necessità D&M sa sviluppare e realizzare soluzioni mirate, caratterizzate dall’ottimo rapporto qualitàprezzo (le soluzioni D&M per stazioni radiofoniche “chiavi in mano” partono da tremila euro, cifra che include tutto quanto si trova dal microfono all’antenna trasmittente, compresi trasmettitore con RDS da 150W, doppio lettore CD con USB e ibrido telefonico!). Indipendenza non significa però isolamento: grazie ad una forte partnership con le migliori aziende produttrici di apparati e software, anche i servizi post-vendita sono particolarmente curati, e garantiscono una risposta adeguata alle aspettative dei veri professionisti: 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all'anno. A riprova del livello qualitativo raggiunto da questa giovane organizzazione, D&M si è da poco aggiudicata un tender per la realizzazione “chiavi in mano” della stazione radiofonica per le Nazioni Unite in Burundi. Marco Giovannini si occupa da sempre di Studi FM e

TV, progettandoli dalla A alla Z. Ha eseguito in prima persona oltre 200 installazioni in tutto il mondo, con particolare cura all’assistenza pre e post-vendita, e collabora tuttora con alcune emittenti italiane per le quali cura la programmazione musicale. Questo gli permette di essere sempre aggiornato sia a livello artistico sia a livello tecnico per fornire al cliente un affiancamento durante l'installazione e lo start up. Durante la sua esperienza lavorativa Didier Muragwabugabo ha realizzato progetti per più di 120 stazioni, dalla radio commerciale, religiosa fino alle radio comunitarie. Ha contribuito a creare stazioni TV a costi altamente competitivi. L’Africa è da sempre al centro delle attenzioni e degli interessi di D&M,

che ha realizzato numerose installazioni anche nell’area sub-sahariana, dove sono dislocate due squadre D&M di pronto intervento, una in Nigeria ed una in Uganda, a Kampala, città dove è prossima l’apertura di una sede operativa di D&M Broadcast. In ogni caso il tempo di intervento per assistenza in sito (oltre al supporto da remoto garantito h24/365) è di regola compreso nelle 24 ore. Info: www.dmbroadcast.it Didier Muragwabugabo

"

'(

) ,

# 2

) 3

*)

" + / * 0 * 1 !! 2

* & ./ # 2%

+

+ "' $

+

(

2 & 2 & , + 2 26 26 7 24 %2 7

# " 4 +

4

#

2

+

#

+

!! +

4 !

/

*

&

+

+ '4

'4 5' ( #

& 7& +

*

, &

!2

'*2

2

*

&

2

26 # '

+ !

! "

#

! $%

$% $

&

&


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

BitOnLive e il caso esemplare di Number One BitOnLive nasce nel 2011 grazie alla consolidata esperienza nel settore dei suoi soci: il primo software di automazione radiofonica realizzato risale al 1995 ed è ancora oggi leader in Italia e presente sul mercato estero con circa 1200 installazioni All’ultimo RadioTv Forum il prodotto in primo piano era il Flu-O TV Playout, un sistema completo per la gestione e la pianificazione della messa in onda, sia di stazioni televisive di piccole dimensioni che di realtà multicanale. Basato su un innovativo software di messa in onda, integra in un solo programma le funzioni di playout, graphics generator e mixer video con gestione fino a 4 input esterni differenti. Flu-O TV Playout è perfettamente integrato con l’altra punta di diamante di casa BitOnLive: il generatore di palinsesti Philo Media Manager, ma è perfettamente a suo agio anche con i molteplici strumenti della generazione automatica, con delle playlist manuali, o con l’inserimento manuale effettuato direttamente dalla postazione di controllo. Flu-O TV tramite il proprio Device Manager consente di gestire i dispositivi esterni collegati tramite tcp/ip, seriale, gpio (es. matrici, commutatori, processori audio, processori video, remote control). Le molte caratteristiche si trovano facilmente in www.bitonlive.com. Visto il grande interesse suscitato dalle soluzioni di BitOnLive, abbiamo intervistato Andrea Valtulina, che di questa azienda è Amministratore Delegato. B&P: Come lavora BitOnLive? Possiamo spiegarlo evidenziando una specifica installazione, che abbiamo effettuato presso il gruppo Radio Number One. Abbiamo realizzato tre canali televisivi musicali: Radio Number One TV, Radio Number One TV

Gold e Radio Number One TV Top 40. Fondamentalmente il sistema è basato su due server, che forniscono i dati sia per l’emissione dei canali radio che per lo storage dedicato alla TV. I canali Gold e Top 40 sono canali musicali tematici, e hanno una propria programmazione indipendente rispetto alla radio: uno presenta i successi del momento della playlist di Radio Number One (Top 40) e l’altro presenta i “Gold”, la parte della playlist di Radio Number One che trasmette solo i pezzi di maggiore successo che sono “usciti” fino al 2005, peraltro presenti anche nella programmazione di Radio Number One. Radio Number One TV invece è un canale che trasmette il medesimo palinsesto di Radio Number One, ma solo ed esclusivamente da sorgenti video. Non esiste quindi una contemporanea sulle 24 ore della parte radio rispetto a quella TV, ma la playlist è la stessa, ed il palinsesto che si “sente” in radio si “vede” in TV. Dire che non esiste contemporaneità sembra strano, visto che la playlist è la medesima: ci spiega meglio? All’inizio dell’ora di programmazione le due emissioni, radio e televisiva, iniziano con il medesimo notiziario e poi con il medesimo brano. Nel “canale” televisivo però non si inserisce lo speaker radiofonico, per cui la radio “suona” il proprio file audio, mentre la televisione “suona” il proprio file video, che quindi sono di fatto due sorgenti completamente separate. Quando lo speaker

Andrea Valtulina e il suo staff al RTVF2013

16 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

si mette a parlare, diciamo per un minuto fra una canzone e l’altra, la televisione non manda in onda il suo commento, e manda in onda il pezzo successivo. C’è quindi un piccolo disallineamento: radio e televisione trasmettono la medesima playlist, ma lievemente sfasata. Come viene compensato il tempo durante il quale lo speaker parla sul “bianco”? Questo tempo viene recuperato perché i file video sono lievemente più lunghi delle “radio edition” di ogni brano; se non dovesse bastare ci sono poi alcuni brani “di compensazione” che sono costantemente pronti per essere mandati in onda, e così concludere, le “finestre orarie” di programmazione nelle quali, per esigenze artistiche, si sia verificato un disallineamento più marcato fra le playlist, che non è stato possibile recuperare con le differenti lunghezze dei brani in onda. In ogni caso all’inizio dell’ora successiva le due emissioni si ritroveranno di nuovo perfettamente allineate. Come è composto il sistema che avete installato a Radio Number One? Per i tre canali televisivi e per i server è tutto montato su un rack, compresi di parti di processamento audio. Oltre ai due server ci sono tre macchine di playout principali, una per ogni canale e una quarta macchina che ha il compito di fare il logger dei tre canali. La quarta macchina fa inoltre da back-up a ciascuna delle altre tre. Attraverso il nostro software di gestione, che permette di avere il controllo del “fail” di uno qualsiasi di uno di tre canali, è possibile attivare la sequenza di back-up che entro dieci secondi riprende la programmazione del canale che si è interrotto, ed è in grado di ri-mettere in onda attraverso la quarta macchina il canale che ha avuto il fermo esattamente dal punto in cui quel canale dovrebbe trovarsi all’istante in cui riprende la messa in onda. In sostanza, se nell’istante in cui è avvenuto il problema il brano in onda era arrivato ad un minuto, viene attivata la procedura di back-up. Se la rimessa in onda avviene dopo dieci secondi, il medesimo brano verrà suonato iniziando dal tempo 1 minuto e 10 secondi, in modo che l’ascoltatore abbia più che altro l’impressione di una mancata ricezione radio piuttosto che di un problema allo studio di messa in onda. Il

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


sistema è inoltre dotato di una matrice che permette le commutazioni fra i canali e una postazione di edit che permette l’ingest e la gestione delle clip, che utilizza il nostro software Philo Media Manager. Questo pacchetto permette di inserire i punti di markin e mark-out della canzone, oltre a definire le modalità di mix con jingle e brani successivi, con anche la possibilità di normalizzare il volume e di fare il crop in maniera del tutto virtuale del video. Sia il software di gestione che di playout permettono di gestire file in formati differenti, sia dal punto di vista della codifica che dello standard, SD e HD. Il playout effettua lo scaling in automatico in base a quanto deciso per l’uscita finale della televisione: si possono quindi già iniziare ad inserire ed utilizzare filmati in 1080i, cioè in Full HD, preparandosi quindi un archivio pronto per una emissione HD, anche al momento viene generata una uscita in SD, ad esempio per il digitale terrestre. Lo scaling è fatto durante il playout o durante l’editing, se voglio avere un monitoraggio in SD di un file HD o viceversa. E per le grafiche? Abbiamo inserito un potente motore grafico,

che permette di effettuare delle grafiche sia fisse (in cui tutti i contenuti grafici sono già presenti nei files) sia parametriche, in cui le scritte o immagini vengono lette da un database. È anche possibile effettuare titolazione in diretta, direttamente dal software che permette di gestire l’ultimo minuto. Posso poi impostare ad esempio che quattro minuti prima di un notiziario il motore di grafica vada a leggere i titoli del notiziario in un apposito file e li faccia scorrere in sovrimpressione.

ancora. Nel caso di Number One i tre canali seguono palinsesti generati in modo differente: Number One TV legge il palinsesto generato da Music Master, il canale Gold legge un palinsesto generato dal nostro software, il Top40, che è una rotazione di poche canzoni, ha invece un palinsesto generato in maniera run-time direttamente dal playout, in base a dei criteri prefissati, quindi non c’è un vero e proprio palinsesto.

Il vostro sistema come gestisce i palinsesti? Oltre a generare i palinsesti internamente siamo in grado di leggere i dati fatti da altri generatori di palinsesti, quali Music Master, GSelector e altri

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

17


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

DVB World 2013: la sveglia dopo la tempesta (2a p.) Si è recentemente tenuta a Madrid l'edizione 2013 del DVB World Forum, l'incontro annuale dei professionisti di più alto livello che in tutto il mondo operano nel proprio quotidiano con i diversi standard DVB, senza dubbio la più diffusa “famiglia” di standard per la televisione video che esista al mondo. Dopo la prima parte del nostro reportage da questo evento, pubblicata sullo scorso numero di B&P, vi raccontiamo cosa è successo dopo l’intervento-choc del Professor Ulrich Reimers… Ulrich Reimers, direttore del centro di ricerca tecnologica presso l'Università di Braunschweig, ci ha abituato ai colpi ad effetto, ma questa volta si è davvero superato: il suo disegno a tratti precisi del percorso che potrebbe portare l’intera Europa ad abbandonare in pochi anni la distribuzione televisiva per via terrestre ha spiazzato praticamente tutti i delegati. Ricordiamo in sintesi i fatti. RTL (la più importante emittente commerciale tedesca) ha chiesto al governo federale di impegnarsi a garantire la disponibilità delle frequenze per la distribuzione terrestre per un certo periodo, in modo da poter garantire il ritorno dei propri investimenti. Il governo ha risposto no, impossibile definire oggi qualcosa che accadrà dopo il 2020. RTL stava valutando il proprio passaggio al DVB-T2: grazie a questa risposta, ha deciso di non stare più al gioco, e ha comunicato che abbandonerà la distribuzione terrestre, affidandosi unicamente al cavo e al satellite. Preso atto che l’inosabile è stato osato, resta da vedere cosa faranno ora gli altri operatori privati tedeschi: se decideranno di

seguire le mosse di RTL, è possibile che pochi spettatori decideranno di acquistare un decoder T2, e probabilmente anche le emittenti pubbliche dovranno chiedersi: ma il DVB-T è ancora economicamente sostenibile? Se la risposta sarà no e la Germania deciderà di abbandonare la radiodiffusione terrestre, in altri Paesi si comincerà a domandarsi: 'Beh, la Germania ha fatto questo, quindi perché noi non dovremmo fare la stessa cosa?'. E così via, con l’effetto domino.

Oggi, 2020 Adesso chiudiamo gli occhi ed immaginiamo di essere nel 2020. In una nazione dove non esiste più copertura terrestre per la televisione in diretta. Aggiungere “in diretta” non è un dettaglio trascurabile: la necessità di garantire la contemporaneità nella fruizione del medesimo contenuto da parte dell’intera audience porta a delle scelte tecniche completamente diverse rispetto alla fruizione di contenuti in forma individuale. Appare chiaro a tutti che il mercato della fruizione “on demand” ha imboccato una strada senza

Ulrich Reimers

18 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

ritorno: quella delle reti IP. Per una volta, questa scelta è anche la migliore dal punto di vista tecnico: quando il trasferimento del contenuto può essere asincrono, utilizzare una rete sincrona (come la diffusione broadcast) di fatto è limitante. Poi, proprio per la natura individuale della fruizione on demand, è plausibile che considerando da un punto di vista complessivo le scelte fatte in un dato momento dalla totalità degli spettatori si otterrà una distribuzione polverizzata delle preferenze, evitando quindi rischi di congestione su server e dorsali (tutta la parte che sta a monte del cosiddetto “ultimo miglio”). Le soluzioni che sono ormai disponibili e collaudate sul mercato permettono di pre-caricare in modo dinamico anche l’80% dell’airtime più popolare su video server compatti e relativamente economici collocati nelle centrali dove sono attestate le connessioni dell’ultimo miglio: significa che per la quasi totalità delle scelte che (statisticamente) farà un generico utente, il relativo traffico dati transiterà unicamente sul doppino telefonico dell’utente considerato. Parliamo delle totalità di serie televisive, fiction, film, documentari, talk show, inchieste giornalistiche e programmi di approfondimento. A pensarci bene, davvero una minima parte della programmazione televisiva è in diretta. Soffermiamoci dunque su quest’ultima: siamo nel 2020 in una nazione dove non vi è più copertura televisiva terrestre. Ogni persona ha il proprio tablet PC: quante saranno le persone che vorranno disporre della TV in diretta sul proprio dispositivo mobile anche al di fuori della copertura di una rete Wi-Fi? E di queste, quante saranno disposte a pagare per il servizio? In sostanza: sarà davvero richiesta una infrastruttura tecnologica per poter vedere la TV mobile? Ci sarà una domanda sufficiente nel mercato? La risposta è quanto mai complessa, perché le variabili sono molte. Anzitutto: quanto si svilupperà nei prossimi anni la copertura Wi-Fi? Per “Wi-Fi” intendiamo ogni sistema di accesso “mobile” ad una rete dati “fissa”: il

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


traffico che viene veicolato attraverso gli access point Wi-Fi viaggia tipicamente su linee dati di rete fissa. Un ristorante, un ufficio o un generico edificio pubblico o privato: sono esempi di situazioni dove siamo distanti dalla rete dati di casa nostra, ma nelle quali è disponibile una connessione Wi-Fi ad una rete dati fissa. In tutti gli altri casi ci troveremo nel mercato potenziale della domanda per la televisione mobile in diretta. Ovviamente, più grande sarà questo ambito e maggiore è la possibilità teorica che la domanda di Tv mobile sia tale da consentire un ritorno economico per l’offerta della stessa. È stato effettuato un sondaggio fra i delegati del DVB World 2013, chiedendo se in futuro ci sarà una domanda sufficiente per la televisione mobile “al di fuori di reti Wi-Fi”. La risposta è stata emblematica dell’incertezza del momento: la platea si è infatti divisa in modo pressoché equo (50/50) fra chi diceva “si” e chi diceva “no”. In ogni caso, è emersa chiara la sensazione che, se televisione mobile sarà, lo standard di radiocomunicazione utilizzato vedrà una sinergia fra standard broadcast e standard telefonici: ad esempio veicolando un flusso dati LTE come “generic stream” in formato IP inserito in un multiplex DVB-T2 (o T3...), utilizzando le FEF (Future

Expansion Frames) di questo standard. Come dire, prendere il meglio da ciascuno dei due mondi. Da un lato, la capacità del broadcast di servire in contemporanea aree vaste ed un elevatissimo numero di ricevitori. Dall’altro, la capillare diffusione presso il pubblico di ricevitori (smartphone e tablet PC) e la capacità di gestire segnali bidirezionali ad elevata capacità in ambienti “difficili” tipica degli standard telefonici.

Non solo terra terra La consegna terrestre è indubbiamente uno dei temi più “caldi” degli ultimi tempi, ma DVB non è solo terrestre. Thomas Wrede, vicepresident di SES e chairman del modulo Broadband Satellite Services del consorzio DVB, ha illustrato le caratteristiche dei sistemi che sono allo studio, e che hanno l’obiettivo di costituire un passo avanti rispetto allo standard DVB-S2. Forse è presto per parlare di un DVB-S3, ma in ogni caso la strada sembra tracciata. Lo standard DVB-S2, lo ricordiamo, è stato definito ed approvato nel 2005, ed utilizzava gli schemi di modulazione e demodulazione più avanzati disponibili in quel momento. È stato un grande successo, ed è rapidamente diventato lo standard di fatto per la contribuzione e la distribuzione

Thomas Wrede


NEWS

satellitare. Con il trascorrere degli anni, però, le richieste da parte degli utilizzatori di una efficienza spettrale ancora maggiore non hanno trovato una risposta pronta da parte del consorzio DVB, e questo ha portato alcune aziende a sviluppare soluzioni proprietarie, che hanno fatto la loro prima comparsa sul mercato nel 2011. Queste soluzioni mostravano prestazioni significativamente migliorate rispetto ai valori di targa del DVBS2, e una affidabilità dimostrata sul campo. Non si poteva più fare finta di niente, e quindi sono iniziate le attività per una evoluzione dello standard S2. “Evoluzione” in quanto si è ritenuto di conservare la struttura di base del sistema S2, di cui gli studi preliminari hanno confermato la bontà. Il nuovo standard evoluto, il cui nome verrà deciso una volta noti i dettagli tecnici dello stesso, punta ad ottenere una capacità superiore del 15% (in media) rispetto al DVB-S2, incremento che raggiunge il 25-30% in determinate condizioni operative. Considerato che la maggioranza dei collegamenti per contenuti di pregio viene effettuata in condizioni favorevoli (soprattutto dal punto di vista della qualità degli apparati utilizzati), è verosimile che il miglioramento riscontrabile nell’operatività quotidiana dai soggetti di punta sia pari o prossimo al valore massimo teorico sopra indicato. Un sondaggio di mercato effettuato da Newtec (azienda specializzata nei collegamenti satellitari) interpellando esponenti di oltre 400 aziende, ha rivelato che il 62% dei soggetti si dice pronto a migrare al nuovo sistema a patto che questo garantisca una efficienza (una banda) superiore di almeno il 15-20% rispetto al sistema S2. Il 40% di essi, poi, utilizzerà la migliore efficienza aumentando la banda destinata ai servizi attuali, migliorandone quindi la qualità., mentre solo il 7% ridurrebbe la banda frequenziale utilizzata conservando il bit-rate attuale. Le premesse, quindi, ci sono tutte. È previsto che le specifiche del nuovo standard (provvisoriamente indicato “DVB-Sx”) vengano definite entro il mese di settembre 2013. L’orientamento attuale prevede una evoluzione che consegua una migliore efficienza attraverso l’uso di un più elevato ordine di modulazione, un minore roll-off, l’impiego di pre-distorsioni specifiche e modalità di funzionamento riservati alle condizioni di rapporto segnale/rumore più favorevoli.

DVB cavo Un altro ramo di standard di grande successo fra la famiglia DVB è quello dedicato alla distribuzione via cavo. In Italia il mercato di queste soluzioni è quasi virtuale, e tipicamente dedicato alla distribuzione privata di segnali 20 B R O A D C A S T

&

all’interno di aziende o grandi edifici. Giunto anch’esso alla seconda edizione, lo standard DVB-C può ancora sorprendere, come ha illustrato Christoph Schaaf di Kabel Deutschland. In uno scenario nel quale le connessioni dati vedono in costante e progressivo aumento il rapporto fra dati in download e quelli in upload (ha raggiunto il valore di 10:1 in Europa ma viaggia sul 20:1 negli Stati Uniti) è sempre più importante garantire una banda adeguata sulle infrastrutture cablate esistenti. È stata recentemente verificata una trasmissione sperimentale a standard DVB-C2 utilizzando un ordine di modulazione 16.384 QAM: significa che la portante può essere modulata in ampiezza su 16.384 valori differenti. La costellazione, anche quando è perfetta, sembra rumore puro: difficile cogliere a colpo d’occhio la “rosa” di 16.384 “settori” diversi. Le sperimentazioni sono state effettuate con un code rate di 9/10, ed è stato possibile ottenere un payload di 93 Mbit/s.

Broadcast vs broadband Un interessante approccio al dilemma broadcast/broadband è venuto da Tom Morrod, direttore ricerche di IHS, azienda che ha acquisito recentemente la conosciuta ScreenDigest, nota per le approfondite analisi di mercato sul tema dei media. Un primo approccio al concetto di fruizione ibrida è stato il sistema “Over the top”, indicato con l’acronimo OTT. Agli inizi l’OTT è stato un modo che i produttori di televisori hanno utilizzato per ampliare le possibilità offerte dai propri modelli e per catturare l’attenzione del pubblico con qualcosa di diverso. Non è stato quindi un segmento “market driven” (un tipo di servizio innovativo che appare sul mercato è in grado di trascinare le vendite dei dispositivi che sono necessari per utilizzare quel particolare servizio: nell’Italia degli anni ‘50 la comparsa delle emissioni televisive ha spinto le persone ad acquistare il primo televisore) bensì di tipo “device driven” (ho acquistato un frigorifero: adesso devo riuscire ad avere in casa l’energia elettrica). I primi dispositivi OTT erano di fatto televisori con la capacità di collegarsi ad una rete dati e navigare su internet. Agli inizi non erano disponibili servizi di consegna di contenuti particolarmente sofisticati, e forse anche la connessione dati di chi ha acquistato i primi dispositivi OTT non era ottimale. Va aggiunto che i broadcaster “classici” hanno accolto con sospetto la novità, vedendo il sistema OTT come un pericoloso concorrente in grado di distrarre gli spettatori dai canali di fruizione canonici. Per cui l’offerta di contenuti è stata all’inizio limitata. I primi ad accorgersi delle potenzialità del sistema OTT sono state realtà P R O D U C T I O N

Tom Morrod

Picture by DVB World 2013

▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

esterne al mondo del broadcast tradizionale: non è sembrato vero di potere arrivare direttamente allo stesso televisore della platea televisiva senza passare per l’antenna o per il cavo (entrambi questi strumenti sono licenziati). È possibile che il successo di fenomeni come Netflix negli Stati Uniti abbia contribuito a far cambiare idea agli operatori “tradizionali”, che si sono rapidamente buttati a sviluppare le proprie piattaforme OTT. Come dicevamo a proposito della TV mobile, anche per la fruizione domestica è possibile offrire al pubblico una offerta enormemente più vasta della consueta programmazione lineare: il “canale” IP si occupa di consegnare in modo individuale i contenuti specificamente richiesti da quel determinato cliente (serie, film, repliche, ...) mentre attraverso i canali broadcast viaggiano gli eventi in diretta e tutta la programmazione lineare in genere, quella cioè destinata alla totalità del pubblico. Il dato di partenza è che, secondo IHS, nel 2012 per la prima volta il numero complessivo di dispositivi IP (PC, tablet, smartphone, consolle di gioco, lettori BluRay, ...) ha superato il numero di ricevitori televisivi. Attenzione: non ci si riferisce ad una nazione all’avanguardia tecnologica: è il valore che fotografa la situazione del mondo intero, e ci parla di qualcosa meno di due miliardi di dispositivi connessi alla rete. Questo non vuole dire che il numero di potenziali clienti è circa lo stesso: la penetrazione di dispositivi IP è sicuramente più spostata verso i Paesi sviluppati rispetto alla penetrazione dei televisori (in termini di numero di dispositivi per abitante), ma considerato che un fattore chiave dei servizi è la capacità del fruitore di remunerarli, il fatto che nei Paesi con

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

maggiore possibilità di spesa pro-capite vi sia una penetrazione più elevata dei dispositivi che di questi servizi possono usufruire non fa che rafforzare la positività della situazione. Anche dal punto di vista della eliminazione delle barriere di accesso ai servizi stessi, ormai di fatto più psicologiche che reali. La naturale conseguenza è che i fornitori “tradizionali” di contenuti si sono trovati a dovere “inseguire” le abitudini del proprio pubblico anche su dispositivi di tipo nuovo. “Inseguire” perché la velocità con cui gli apparati IP si sono diffusi sul mercato ha consentito ad un ampio gruppo di nuovi entranti di arrivare, e arrivare per primi, in diretto contatto con il pubblico potenzialmente interessato ad una nuova categoria di contenuti premium: con il più il vantaggio di avere il canale di ritorno incorporato, per una interattività vera ed un tracciamento degli ascolti e delle abitudini di consumo che il broadcast non ha mai avuto modo di realizzare a causa dei limiti intrinseci della modalità trasmissiva. Le premesse teoriche per una rapida Caporetto del broadcast c’erano tutte, eppure dal punto di vista dei ricavi le cose sono andate fino ad ora diversamente. Le previsioni di spesa per fruizione di contenuti da parte dei consumatori europei nell’anno 2013 vedono infatti stabilmente al primo posto le spese per abbonamenti a piattaforme via cavo e via satellite (57% del totale, 59% includendo anche le piattaforme Video on Demand). Al secondo posto i biglietti per le sale cinematografiche (11%), poi i videogiochi (10%), l’acquisto di DVD (8%), di CD (5%), seguiti dall’acquisto di BluRay (2%), dal noleggio (2%). Per tutto ciò che viene fruito online (musica inclusa) la spesa sarà attorno al 3% complessivo. La situazione è quindi ancora estremamente fluida. L’OTT è una porta, che una volta aperta consente di fare entrare virtualmente chiunque. Tralasciando per un attimo l’annoso tema dei diritti sui contenuti, la possibilità tecnica esiste ed è

22 B R O A D C A S T

&

immediatamente realizzabile. Logico quindi che, un attimo dopo essersi accertati dell’aspetto tecnico, gli operatori si siano posti la fatidica domanda: quanto costa l’OTT? Quanto costa all’operatore riuscire a consegnare ad un proprio cliente un determinato contenuto?

L’OTT non è gratis Sfatiamo un mito: l’OTT non è gratis. La pretesa gratuità della Rete, avallata da alcuni come strumento taumaturgico universale, non esiste. Usare la rete come un canale di trasmissione comporta dei costi proporzionali alla qualità del servizio che si vuole offrire, come accade in genere per tutti i servizi. IHS/Screen Digest ha provato a rispondere ad alcune domande. Quanto costa? E, soprattutto, a chi conviene? Secondo i calcoli di IHS, per trasmettere un’ora a definizione standard, lo streaming unicast costa meno del broadcast terrestre (con compressione MPEG-4) fino a circa sedicimila spettatori contemporanei. Oltre questo limite i costi dello streaming (che crescono in modo grossomodo lineare con il numero delle connessioni contemporanee) sono più elevati dei costi per il broadcasting. Passando alla modalità OTT, che richiede l’uso di CDN (Content Delivery Network, un sistema di computer collegati in rete attraverso Internet che collaborano in maniera trasparente, sotto forma di sistema distribuito, per distribuire contenuti, specie se di grandi dimensioni), la modalità broadcast inizia ad essere conveniente intorno ai quattromila spettatori contemporanei per i contenuti SD, e intorno ai tremila per i contenuti HD. Questi valori limitano di fatto la diffusione della modalità OTT per i contenuti lineari che richiamano una audience significativa, anche in considerazione del fatto che il numero complessivo di minuti di visione (al giorno) è in lento, ma costante, aumento sulle due sponde dell’Oceano. È anche vero, però, che la modalità broadcast non è Ben Reneker conveniente per contenuti dall’audience frammentata. Non solo: se un operatore volesse puntare su un modello di business focalizzato sulla consegna contemporanea di un elevato numero di contenuti di nicchia, ciascuno P R O D U C T I O N

caratterizzato da una audience limitata, bisognerebbe mettersi a fare i conti con la disponibilità di risorse frequenziali. È realistico consegnare otto contenuti SD per via terrestre, utilizzando un canale da 8 MHz. Ogni contenuto “consuma” quindi circa 0,8 MHz. Anche considerando l’intera gamma di frequenze da 30 a 2.500 MHz (la “somma” delle bande VHF e UHF) sarebbe possibile trasmettere, come massimo, poco più di tremila contenuti diversi contemporaneamente. Il broadcast non è quindi la scelta giusta per trasmettere un elevato numero di contenuti.

Ma allora quanto costa? Tornando al tema dei costi, un break-even a 16.000 spettatori non è sicuramente coerente con la tipica audience di un canale nazionale generalista. Ma secondo IHS i dati di ascolto del Regno Unito indicano come un gran numero dei programmi attualmente disponibili in quel mercato potrebbe avere un vantaggio economico passando alla distribuzione via CDN. Parliamo dei canali di nicchia, che proprio perché tali sono in grande numero. In ogni caso, prosegue l’analisi di IHS, anche i grandi canali generalisti vorranno puntare a raggiungere la propria audience anche su dispositivi connessi, soprattutto quando l’ascoltatore è lontano da casa, e quindi dovranno includere anche i canali di consegna IP nel proprio delivery mix. La previsione, secondo IHS, è che si vada verso un sistema misto che permetta di integrare i contributi da vari mezzi di trasmissione (terrestri, satellitari e via web) ricorrendo anche al pre-caricamento “intelligente” dei contenuti sui dispositivi mobili. Per “intelligente” si intende “in base alle preferenze storiche od esplicite dello spettatore ed in modo trasparente mentre il dispositivo si trova in casa, nei pressi del sistema multimediale”. In pratica, l’ultimo server della rete CDN sarà a casa di ogni telespettatore. Elementi ulteriori di riflessione sono giunti dall’intervento di Fernando Soto, Direttore Marketing and Strategy Video per i mercati europei di Telefónica Digital. La premessa è che la televisione tradizionale può stare tranquilla. In un recente periodo di rilevazione, ha detto Soto, il film più visto sulla televisione spagnola è risultato essere “Pretty Woman”, una pellicola di quasi 25 anni fa che veniva “passata” in televisione più o meno per la trentesima volta. Questo avvalora la tesi secondo la quale esiste un pubblico che guarda la televisione “qualunque cosa ci sia”. Ma è necessario focalizzarsi sull’altra parte dell’audience, quella che sceglie, sa di poterlo fare, ed è alla ricerca di

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


THE WIRELESS

MASTERPIECE.

DIGITAL 9000 - World Class Goes Digital. Il nuovo riferimento per le trasmissioni radio senza filo. Un sicuro investimento per il futuro: * sistema wireless digitale con audio High Definition (HD) * „masterpiece“ nelle aree broadcast/live e teatro per grandi sistemi multicanale * qualità audio mai raggiunta * nuove capsule ME 9002, ME 9004, ME 9005 a condensatore e MD 9235 dinamica * modalità Long Range (LR) per ambienti con molte interferenze * semplice utilizzo tramite touch screen (TFT) di grandi dimensioni * compensazione automatica delle perdite del cavo d‘antenna * controllo remoto di tutte le funzioni tramite software


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

modi per ampliare la propria scelta. Sulle reti di Telefónica Digital si prevede che nel 2016, l'86% del traffico Internet saranno contenuti video: una crescita impressionante rispetto al 60% circa attuale. Resta da vedere di chi sarà quell’86%: gli esempi che vengono dagli Stati Uniti di realtà come Netflix fanno pensare. Netflix, in cambio di un abbonamento da una decina di dollari al mese, permette di guardare tutto quello che si vuole fra una impressionante quantità di contenuti, alcuni anche di produzione propria. “Questo - dice Soto - ci deve insegnare qualcosa: in particolare, se pensiamo di farci pagare per far vedere la televisione su internet è necessario offrire qualcosa in cambio, anche in termini di ‘value for money’: minori costi, maggiore banda, maggiore qualità. E ci dovremo confrontare con realtà dove la soglia sono dieci dollari al mese”.

su una forte connotazione “social”, queste App fanno leva sul compiacimento che uno spettatore prova nel sapere cosa stanno facendo altre persone (della propria cerchia di conoscenti o perfetti estranei) a proposito di quel dato contenuto. Ad esempio, Viggle si propone di aiutare lo spettatore nella scelta del programma da seguire. Viene proposto l’elenco in tempo reale di quello che stanno guardando i propri “amici”, quali sono i programmi in assoluto più visti in quel momento, quali registrano il più elevato numero di messaggio in chat scambiati dagli spettatori. Sempre in tema social, è possibile chattare con altri spettatori del medesimo programma, e postare sui maggiori social network a proposito di quello che si sta guardando. Vi sono poi contenuti esclusivi, ma probabilmente il vero colpo di genio è stato prevedere un programma di fidelizzazione, con premi reali. Lo spettatore Giovani leoni sceglie sul proprio dispositivo portatile il titolo Ben Reneker, analista senior di SNL Kagan, del programma che sta seguendo, proposto in ha approfondito il tema delle applicazioni per base all’orario. Un sistema di fingerprinting il “second screen”, dal punto di vista del audio permette di validare la scelta, ed il soggetto che le propone. Il primo dato, sistema può così spalancare le porte al mondo impressionante: al 31/12/2012, di tutte le social per le interazioni con gli altri spettatori. aziende che sono state create per la Per ogni volta che si effettua questa procedura realizzazione di applicazioni o servizi “second di check-in si maturano dei “punti”, e per ogni screen”, il 28% ha iniziato l’attività nel 2011 o ora di visione nella quale il sistema è negli anni precedenti, mentre il 72% è “nato” informato delle nostre scelte (e le può validare nel corso del 2012. Sembra quindi che il attraverso il sistema di fingerprinting) si ha mercato di queste App stia conoscendo una diritto ad ulteriori “punti”. Raggiunta una forte crescita. Le App ed i servizi che vengono soglia minima, l’utilizzatore può riscattare i offerti al pubblico possono essere di tre propri “punti”, convertendoli in qualcosa di categorie fondamentali: aggregatori (aziende reale. Ad esempio, per 20 ore di visione estranee ai fornitori di contenuti, come Viggle “tracciata” si ha diritto ad un buono acquisto e GetGlue), network televisivi e specifiche per da 5 dollari presso la caffetterie Starbucks titolo di contenuto (serie, fiction, ...). I (molto apprezzate negli Stati Uniti), e per 100 contenuti sportivi sono stati fra i primi ad ore si può richiedere un buono acquisto da 25 avvalersi in modo massivo delle funzionalità dollari presso Best Buy, una nota catena di aggiuntive offerte da questo tipo di App, con elettronica di consumo. Il successo di statistiche approfondite, grafiche dedicate e pubblico è stato clamoroso. Viggle ha possibilità di replay o scelta di angolazioni raggiunto in un solo anno di attività il numero personalizzate. Gli aggregatori, invece, hanno di due milioni di utilizzatori, con ricavi tipicamente fatto una scelta differente. Basate superiori ad un milione di dollari al mese. Ragionando dal puro punto di vista dei numeri, si potrebbe parlare di un successo fenomenale. Invece la medaglia ha una seconda faccia: Viggle registra un fatturato di rilievo, ma è Beyond the second generation of DVB standards in perdita: il 24 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Phil Laven

“rosso” si sta via via riducendo, ma l’azione di Viggle, che è arrivata a superare i 16 dollari a gennaio 2012, vale ora meno di un dollaro. Segno che i mercati nutrono dubbi sulla sostenibilità di questo business. È sicuramente legittimo, ed anzi auspicabile, che una start-up rischi del capitale per tentare di crearsi uno spazio di mercato, ma le aziende produttrici di contenuti (ben radicate sul mercato) dovrebbero interrogarsi in modo approfondito sui motivi che le spingono a sviluppare la propria App per il second screen.

Tirando le somme Phil Laven, chairman del DVB Project, dopo avere aperto il lavori del DVB World 2013 ha anche tenuto il riepilogo conclusivo. A suo parere, da questa edizione, sono emerse chiaramente alcune tendenze ed alcune indicazioni. “Cose” che la maggior parte di non ha ancora nella propria casa, sovente per la carente od inadatta offerta di un contenuto corrispondente, sono già considerate “vecchie”: la televisione digitale, la televisione interattiva, la web tv e la televisione HD (a quest’ultimo proposito, consentiteci una domanda: sui duecento e passa canali che tipicamente si ricevono in una generica casa italiana per via terrestre, quanti sono canali Full HD ?). Al posto di queste, dobbiamo focalizzarci su fenomeni più o meno distanti, ma verso i quali la strada appare già tracciata. La televisione 3D, innanzitutto. L’arrivo di nuovi tipi di display autostereoscopici permetterà di fare a meno degli “occhialini”, imputati principali del mancato decollo del 3D domestico. Il coinvolgimento diretto di colossi come Dolby nel definire nuovi standard per la stereoscopia testimonia

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


l’interesse del mercato. Poi, dalla televisione interattiva e dalla web tv si passerà alla televisione “connessa”: interazione realistica, scelta virtualmente infinita, ibridazione fra piattaforme broadcast e broadband. E poi i due formati di Ultra High Definition (4K e 8K) sono usciti dalla fase di promessa e, almeno per il 4K, possono contare diversi televisori domestici ad un costo analogo ai primi schermi LCD o plasma di pari dimensioni. La sfida vera si svolgerà sui diversi mezzi trasmissivi che verranno scelti per veicolare contenuti che, un’altra certezza, vedranno crescere in modo imponente la banda necessaria, “contrastati” sono in parte in questa rincorsa verso il meglio da nuovi sistemi di compressione sempre più efficienti. I Broadcaster avranno sempre più la necessità di utilizzare una molteplicità di meccanismi e strumenti di consegna. I relativi maggiori costi potrebbero (purtroppo) comportare la diminuzione delle risorse da destinare alla produzione di contenuti. Molta attenzione andrà posta in particolare ai costi di consegna per la televisione OTT, dove i costi sono proporzionali al numero di spettatori contemporanei. Il paradosso è che, se la televisione OTT avrà un grande successo, e

riuscirà ad attirare milioni di spettatori, probabilmente cadrà vittima del suo stesso successo, comportando costi insostenibili per qualunque operatore. Anche i costi a carico degli spettatori vanno considerati: la fruizione di contenuti video in mobilità cellulare si scontra con le limitazioni di volume ed i costi dei piani dati. Un buon alleato sembra la sempre maggiore diffusione delle reti Wi-Fi, tipicamente gratuite. In ogni caso, il futuro della fruizione via IP, perlomeno per i contenuti di massa, sembra essere sinonimo di “on demand”. Secondo i dati di uso della piattaforma iPlayer della BBC, a gennaio 2013 il sistema ha registrato una media di sei milioni di richieste di contenuti televisivi. L’87% erano relative a

contenuti “on demand”, e solo il 13% a contenuti “live”. In ogni caso, pure con numeri di tutto rispetto in valore assoluto, va ricordato che il sistema iplayer è arrivato a totalizzare una audience di picco pari a 500.000 spettatori in contemporanea, un dato che è pari al 2% circa dell’audience di picco registrata nelle consuete trasmissioni televisive, pari a 28 milioni di spettatori. (D.M.)


NEWS ▲ ▲ ▲

Le notizie le trovi anche in www.broadcast.it

NewsSpotter: le dirette che non credevi possibili Con la tecnologia satellitare di Eutelsat in banda Ka trasmettere in diretta è diventato semplice, veloce e, molto interessante di questi tempi, decisamente economico I visitatori del Radio TV Forum di Aeranti/Corallo hanno potuto provare di persona le soluzioni di Eutelsat e dei propri partner tecnologici e commerciali nell’apposita area outdoor dell’evento. La reazione più diffusa era soprattutto lo stupore: un conto sono le brochure e le presentazioni, ma vedere come kit leggeri e facilmente trasportabili possano realizzare immagini della massima qualità oggi richiesta anche dai broadcaster più prestigiosi ed esigenti è ben altra cosa. Del resto, proprio i broadcaster più grandi sono stati fra i primi a sperimentare e, in seguito, a convincersi delle qualità del sistema NewsSpotter che, lo ricordiamo, non nasce per sostituire i classici collegamenti satellitari, tuttora la scelta d’elezione negli specifici ambiti che tradizionalmente li utilizzano, ma è stato progettato e realizzato per consentire di effettuare collegamenti e contribuzioni in diretta dove in precedenza non sarebbe stato economicamente giustificabile realizzarne, come pure per realizzare collegamenti audio/video HD di qualità broadcast-grade con estrema facilità e con costi di investimento e di esercizio semplicemente impensabili. NewsSpotter è il servizio per realizzare collegamenti satellitari semplice, economico e veloce: utilizzando un dotazione tecnica

leggerissima è possibile trasmettere e ricevere in tempo reale immagini, dati e video di alta qualità da qualunque luogo, con una capacità massima di 20 Mb/s. Perfetto per un utilizzo occasionale o permanente, NewsSpotter offre un’ottima integrazione con reti IP grazie alla tecnologia satellitare all’avanguardia, senza necessità di alcuna infrastruttura. La capacità di banda può essere semplicemente prenotata online utilizzando l’applicazione di selfbooking, che è perfetta per un utilizzo occasionale last minute e per garantire prenotazioni per uso dedicato. Grazie alla tecnologia satellitare di Eutelsat, NewsSpotter in soli 2 minuti è pronto per contribuzioni SD, HD e 3D, e impiega apparecchiature leggere e di ultima generazione. NewsSpotter è anche ideale per l’industria del cinema digitale che necessita una trasmissione rapida delle scene girate alle sale di montaggio. Talmente compatto da essere trasportato in uno zaino o in un bagaglio a mano e abbastanza leggero da poter essere fissato ad un piccolo veicolo, il terminale NewsSpotter consente la trasmissione immediata di immagini o dati dalle troupe mobili agli studi di regia. NewsSpotter è disponibile su KA-SAT, il satellite ad alte prestazioni di Eutelsat, entrato ufficialmente in commercio nel maggio 2011. Alessandro Caranci

26 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Con una capacità totale di più di 70Gbps, KA-SAT inaugura una nuova era di servizi via satellite a basso costo per broadcaster, imprese e consumatori. Il satellite costituisce la pietra angolare di una nuova infrastruttura satellitare, con otto gateway principali in tutta Europa connessi ad Internet attraverso un anello a doppia fibra ottica. I più recenti riscontri tecnologici e di mercato del NewsSpotter sono stati al centro di un intervento tenuto da Alessandro Caranci, Direttore Commerciale B2B di Eutelsat. Caranci si è focalizzato su una tipologia di eventi: quelli “diversi dal calcio”, una categoria invero estremamente ampia. Commentando che “mano a mano che la situazione complessiva diventa tale da consentire un costo ridotto per la ripresa dell’evento, tanto più il link KA-SAT trova il suo scopo. Situazioni nelle quali è necessario arrivare prima, essere più veloci, più efficienti e meno cari. A distanza di un anno e mezzo dall’avvio commerciale del sistema KA-SAT, il posizionamento di questo sistema è complementare rispetto alla banda Ku, e non alternativo. Ci proponiamo come alternativa agli “zainetti” che sfruttano connessioni su banda larga mobile, la cui capacità complessiva è però in condivisione” con la totalità dei clienti consumer che si trovano nei paraggi dello “zainetto”. E nel caso di un evento di particolare richiamo, possono essere anche molti, impegnati a postare foto su social media o a condividere video ripresi con lo smartphone, tutto questo “consumando” in misura variabile nel tempo la capacità complessiva disponibile. Prosegue Caranci: “Il mercato potenziale di NewsSpotter comprende le piccole televisioni e la dimensione del webcasting, e si propone di attirare mondi che prima non si potevano permettere di accedere al satellite. Gli sport minori ad esempio: con questo sistema si può trasmettere una partita con poche centinaia di euro, magari pubblicando la diretta su un sito web, e la pubblicità che viene messa su questo sito web raggiunge più spettatori di quelli che c’erano allo stadio. È quindi possibile creare un indotto intorno a questo sito, magari facendo pagare anche una cifra simbolica per la visione. Queste dinamiche erano in precedenza impedite dall’impossibilità di disporre di una trasmissione real time ad un costo accessibile”. Una ulteriore possibilità consentita da NewsSpotter: “Un terminale

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


fisso NewsSpotter costa poche centinaia di euro, e questo mi permette di acquistarne diversi, lasciandoli in luoghi che reputo interessanti per effettuare collegamenti periodici o trasmissioni in diretta: news, ad esempio. In questo modo posso giungere in sito al momento del bisogno ed in un attimo essere in grado di effettuare un collegamento HD con la garanzia che funzionerà e con la disponibilità immediata della banda: basta una presa di corrente ed è fatta. O, al limite, mi attrezzo con un sistema di batterie. Eutelsat continua ovviamente a lavorare nella classica banda Ku, che è e resta un pilastro fondamentale della nostra attività. Ma crediamo molto nelle prospettive e nelle potenzialità dei sistemi in banda di frequenza Ka, per i medi ed i piccoli broadcaster e ogni volta che il tema dei costi diventi rilevante. Dopo un anno e mezzo dall’introduzione del servizio, possiamo dire che tutti i grandi broadcaster stanno utilizzando NewsSpotter, in proporzioni diverse a seconda dell’operatore, ma il nostro sistema fa ormai parte consolidata del ventaglio di opzioni a disposizione dei maggiori soggetti: è stato utilizzato per le Olimpiadi di Londra, i disordini di Atene, il Conclave, ... Tutti eventi

con una estrema visibilità, dove “sbagliare” un collegamento non era fra le opzioni disponibili. Il sistema completo del KA-SAT prevede otto stazioni riceventi a terra, collegate da una rete in fibra ottica. Giunto in queste stazioni, il contenuto può essere consegnato via satellite

Live Wireless Low-Latency Video Over IP

(attraverso l’intera flotta Eutelsat), via internet e attraverso la fibra presso pop; i nostri principali clienti sono collegati con pop a fibra ottica, e in questo caso siamo in grado di offrire una garanzia end-to-end sull’intero collegamento”. Info: www.eutelsat.it

comrex.com

L I V E S H OT 3G 4G WiFi BGAN

NOW SHIPPING

Via V ia d della e lla P Pineta in e t a S Sacchetti ac c h e t t i 2 229J 29J - 00168 00168 R ROMA OM A - ttel el .+39.063055504 .+39.063055504 - w www.blutek.it w w.blutek.it - info@comrex.com info@comrex.com

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

27


D I G I TA L R A D I O ▲ ▲ ▲

a cura di Andrea Borgnino*

E se la FM adesso tacesse? Il gelido tsunami dal nord che vuole spegnere la modulazione di frequenza Arriva dalla nord Europa, più precisamente dalla Svezia, quello che è destinato a diventare il tema più discusso in ambito radiofonico nei prossimo anni: lo switch-off della banda Fm. Il governo svedese ha infatti annunciato l’intenzione, dopo un consulto con Swedish Radio (SR) la radio pubblica, di ufficializzare per l’inizio del 2022 la fine delle trasmissioni nella banda Fm con la sostituzione completa di ogni emissione radio in tecnologia Dab . Come la Svezia altri paesi stanno iniziando a discutere quale sarà la data in cui la banda Fm non sarà più usata per diffondere programmi radio, in Inghilterra il Digital Radio Working Group ha indicato una data tra il 2017 e il 2022, mentre in Norvegia la data del 2017 sembra ormai essere definita per lo stop alle trasmissioni analogiche della radio pubblica e dei network nazionali. Quale sia la data scelta di tratta di una decisione storica che non ha un impatto soltanto tecnologico sulla tipologia di piattaforma di trasmissione da utilizzare ma anche sulla radio in quanto mezzo di comunicazione. Fino ad oggi infatti abbiamo visto cresce di fianco alla banda Fm una sempre maggiore offerta di nuovi modi per fruire contenuti radiofonici: dal semplice streaming su internet, al download in podcast, alla applicazioni radiofoniche per smart phone fino alla radio sul digitale terrestre sempre di più sono i canali dove possiamo “ascoltare” la radio. In tutto questo però la banda fm ha sempre avuto un ruolo principe in quanto se una radio “esiste” è perché ha la sua collocazione tra gli 88 e i 108 mhz. Se non appare in questa gamma allora parliamo di webradio o di progetti in streaming come i vari Pandora o iRadio che tanto spazio trovano sulla stampa in questo periodo ma ben poco hanno a che fare in verità con il mezzo radiofonico. L’avvento del Dab ha permesso, anche nel nostro paese con l’attuale offerta in Trentino, di conoscere un’altra modalità di fruizione dei contenuti radiofonici via etere dove domina un’ottima qualità audio insieme alla possibilità di aggregare e immagini a quello che viene trasmesso. Il prezzo dei ricevitori Dab inizia veramente a scendere e oggi è possibile pure trovare delle soluzioni reali per l’ascolto in macchina che è sempre stato la vera grande chimera della futuro digitale della radiofonia. Nonostante questo è però veramente difficile provare ad immaginare un futuro della radio senza banda fm per alcuni motivi che ora proverò ad elencare. Il primo è quello dell’enorme “parco” ricevitori tutt’ora disponibile in ogni paese: un enorme e gigante montagna di transistor che potrebbe diventare silente ed inutile nel momento in cui spariscono i segnali tra 88 e 108 mhz. La maggior parte di questi ricevitori hanno tra l’altro il dono di essere piccoli e di necessitare di una sola piccola pila per funzionare: il dab ad oggi , anche nella sua versione più portatile, necessità di maggior numero di batterie e i consumi per la ricezione sono comunque più alti. Il secondo è proprio nella facilità del sistema di ricezione e trasmissione in banda FM, che permette anche a piccole emittenti di poter avere il proprio segnale presente nell’etere. In una transizione completa al digitale, dove saranno consorzi di emittenti a gestire i multiplexer Dab, il ruolo delle emittenti comunitarie o locali potrebbe essere ben diverso da quello odierno. Ad oggi la radio FM ci segue ovunque anche se non c’e’ ne accorgiamo: nella maggior parte dei casi il nostro telefono cellulare contiene un ricevitore Fm, la macchina che affittiamo o che compriamo ha una radio Fm e anche lo stereo da pochi Euro comprato al discount continua ad avere un ricevitore in quella banda. Ad oggi non si è ancora visto neanche uno smart phone di alta fascia con un ricevitore Dab+ e la radio digitale rimane confinata per un ascolto domestico. Ad oggi la mobilità rimane la salvezza del mezzo radiofonico che ogni giorno combatte una battaglia con i new media per rimanere in vita e mantenere il proprio pubblico. Spegnere la banda FM con 28 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

un grande anticipo potrebbe essere così il colpo decisivo per un mezzo di comunicazione in continua mutazione ma che si basa ancora oggi su un modello in fondo molto semplice: ricevitore a basso costo e contenuti gratuiti via etere. A chi dovrà scegliere la data in cui la banda FM dovrà rimanere silenziosa sarà affidato il difficle compito di capire se la tecnologia Dab+ o le nuove radio in rete riescono a garantire lo stesso servizio “universale” che offre oggi la radio in Fm. C’e’ anche da pensare al fatto che le nuove generazioni di ascoltatori forse non sono così legate a queste frequenze: per loro la radio è solo un flusso audio da recuperare “da qualche parte” e quindi che sia su Internet o via etere in Dab+ non ha nessuna importanza.

* Radioamatore dal 1991, dal 2003 utilizza il nominativo IWØHK. L’attività principale è la radiotelegrafia e il radioascolto in onde corte e la sperimentazione del nuovo standard digitale DRM (Digital Radio Mondiale). Nel 2005 in onda su RadioTre con “Radio di confine”, programma dedicato al mondo delle radio "alternative". Oggi su Radio3 Rai tutti i giovedì alle 11.40 va in onda la rubrica “Interferenze” sul mondo della radio; è project manager delle webradio di Radio Rai.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


WEB RADIO ▲ ▲ ▲

a cura di RadUni - Ustation*

Unis@nd, un laboratorio aperto a 360° Incontriamo la web radio dell’Università di Salerno Unis@und nasce come un laboratorio creativo in cui gli studenti, i docenti e tutto il personale universitario di Salerno possono sperimentare forme innovative di formazione, informazione ed intrattenimento. La sua storia inizia nel 2007, quando il Centro ICT di Ateneo e l'Ufficio rapporti con la stampa e promozione d'Ateneo partecipano al Progetto UnyOnAir realizzato dal gruppo Sole24Ore e mirato alla sperimentazione della modalità webradio come "strumento di comunicazione dell'Ateneo". Gli studenti accolgono l'iniziativa con entusiasmo e in poche settimane vengono raccolte via web oltre 400 adesioni a partire dalle quali è nato un folto gruppo di volontari che con forte energia ha reso possibile la messa in onda della webradio e la sua programmazione regolare a partire dal 10 settembre dello stesso anno. Nel 2009 la webradio salernitana ospita il FRU, Festival della Radio universitarie, curandone organizzazione e contenuti. Nel corso degli anni nascono partnership e collaborazioni con enti territoriali, associazioni giovanili locali e nazionali, con un’attiva partecipazione anche alle iniziative lanciate dal RadUni e Ustation. Chiediamo a Cristina Pastore, station manager, di raccontarci la mission del progetto e la sua storia. L'obiettivo ambizioso di Unis@und è quello di dotare la comunità universitaria (e più in generale, quella locale) di un mezzo di comunicazione vivo, creativo ed aperto alla realtà, contribuendo a fare del Campus e del suo Territorio un luogo da raccontare in tutte le sue manifestazioni (ambiente, cultura, creatività giovanile) attraverso la voce di chi lo vive. Nostro punto di forza è la capacità di “stare sul territorio” (dando luce e rilevanza a tutti gli eventi e i progetti promossi dallo stesso). Qual’è la vostra dotazione tecnica? Disponiamo di una sala regia, un open space, una sala registrazione e una sala riunione. Questi spazi sono adibiti presso il primo piano del Rettorato del nostro Ateneo, da dove trasmettiamo da qualche anno. Usiamo un banco mixer dell'AEQ. Abbiamo microfoni Apex e pre DBX. La conversione digitale-analogica e viceversa è affidata ad una scheda Digigram ed il processore che confeziona il suono è della Broadcastwarehouse. L'ascolto in regia avviene su Genelec; in studio, invece, avviene mediante l'uso di cuffie AKG. Gli ibridi telefonici del banco mixer sono interfacciati a VoIP Cisco. La redia automatica è MBStudio ed il software di post-produzione e mastering è il Wavelab della Steinberg.

professionista del settore) e vanta la collaborazione di studenti che, in modo volontario, partecipano alle attività redazionali in qualità di autori e/o speaker. Ogni redazione conta una decina di collaboratori, con il supporto dei tirocini formativi attivati da alcune facoltà. A coordinare le diverse redazioni vi è la figura dello station manager, che svolge una funzione di mediazione tra l’area tecnica e quella editoriale dell’emittente, occupandosi anche della programmazione quotidiana. Naturalmente, in quanto testata giornalistica Unis@und ha un proprio direttore responsabile e un responsabile del progetto. Quali gli sviluppi futuri? Sul versante editoriale, con il rinnovo della carica istituzionale del Rettore del nostro Ateneo (in programma quest’anno), il futuro della webradio universitaria salernitana cercherà di marcare ancora più forte la sua vocazione di “cassa di risonanza” nei confronti di tutto quello che succede dentro e fuori dal Campus. Da qui l’idea di incrementare la presenza di Unis@und negli eventi e tra le iniziative locali, soprattutto attraverso la modalità “live” della programmazione, con l’organizzazione sempre più frequente di dirette pubbliche e condivise. Sul versante tecnologico, stiamo pensando di replicare la gestione della regia automatica su più pc per dare la possibilità di lavorare contemporaneamente a più utenti sulla musica e sulle playlist. Ottimizzeremo la gestione degli streaming su più di due server. Installeremo postazioni remote automatizzate per poter mandare in onda eventi che sono delocalizzati rispetto alla regia, senza la necessità di un operatore sul posto. Il futuro delle radio universitarie in Italia secondo Unis@nd? Tutto passa. La Radio no! In effetti dopo quasi 100 anni di vita, il mezzo non molla il colpo e continua la sua evoluzione contaminandosi anche con le nuove tecnologie e il web 2.0. Immaginiamo col tempo la nascita di una rete “glocale” di webradio, dove i programmi diventino contaminazione di linguaggi e di idee trasversali: un continuo scambio di esperienze di informazione e diffusione culturale a partire dal locale, dal proprio territorio di appartenenza verso l’infinito. Informazioni: webradio@unisa.it

* La rubrica è curata da Tiziana Cavallo, giornalista ed esperta di community media, cofounder Ustation e tra i soci fondatori di Raduni, che è un’associazione di studenti e professionisti accomunati dalla passione per il modello di radio universitaria. Info: www.raduni.org. Ustation.it è il media network in Italia, che aggrega contenuti prodotti dai media universitari e dai singoli studenti reporter. Info: www.ustation.it

E la vostra struttura organizzativa? Attualmente siamo organizzati in cinque redazioni tematiche: Informazione, Musica, Cultura, Sport e Comunicazione/Eventi. Ogni redazione è guidata da un capo-redattore (docente e/o personale tecnico 30 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


FILMMAKERS ▲ ▲ ▲

a cura di Enrico Ventrice*

Quando l’unione fa una grande forza Ho conosciuto Cristian Iezzi nel 2010 in occasione della quarta edizione italiana del “48 ore”. Mi ha scritto una mail poche settimane prima del concorso: “Salve, scusi se la disturbo in privato, vorrei avere alcune informazioni riguardanti la data del concorso. La ringrazio anticipatamente”. Poche righe che mi hanno subito colpito per il tono cordiale. Quando poi ho avuto modo di conoscerlo di persona la mia prima impressione ha trovato subito conferma nella sua cortesia, nel suo sorriso, nella sua semplicità. Era poco più che uno studente. Tre anni e altrettanti concorsi dopo (compresa la parentesi televisiva di “Tutto in 48 ore”), lo ritrovo al Photoshow prima in qualità di partner della TAV e addirittura a Cannes poi, con un bel cortometraggio, prodotto dalla stessa ditta, interamente girato con la nuova Canon C100. Ma andiamo per ordine. Cristian è il classico filmmaker, copre tutti i ruoli: regia, fotografia e montaggio, con la preziosa collaborazione di Chiara De Marchis, sua compagna di lavoro e di vita. Si compensano molto bene: lei precisa e puntigliosa, lui istintivo, a volte al limite dell’irrazionalità o della pura follia. Follia che cozza un po’ con il tono cordiale con cui si presenta, non solo via email... per non parlare del set: non proprio elegante come Hitchcock, anzi, ma promette di impegnarsi per essere almeno presentabile! Cristian è giovanissimo, classe 1990, così come Chiara. Appassionati di cinema da sempre, si conoscono proprio per la loro passione. Insieme decidono di provare a fare cinema. “L'avventura è iniziata nel 2006”, racconta Cristian, “con i primi progetti, le prime esperienze, sfruttando tutto e tutti, parenti, amici e nemici”. Nel 2007, a soli 17 anni, iniziano le prime esperienze utili per la formazione dei ragazzi. “In collaborazione con il Liceo Scientifico di Ronciglione realizziamo un prodotto destinato allo Stardust Film Festival (festival internazionale anti-droga di San Patrignano). Il contest prevede la partecipazione di tutta la scuola, ma a due giorni dal termine delle iscrizioni ci siamo trovati da soli (Chiara ed io) a dover girare un cortometraggio: avevamo un nuova e fiammante Canon XH-A1 che all'epoca era il meglio che ci potevamo permettere, accompagnata da un fedele PAR36 che ci ha lasciato al primo ciak, costringendoci ad illuminare con una lampadina e tanta carta stagnola. Ci inventiamo qualcosa e praticamente in 48 ore il corto Scacco Matto è pronto: si posiziona fra i primi 3 classificati su oltre 1000 partecipanti provenienti da tutta Italia”. L’abitudine di girare tutto in 48 ore comincia a prendere forma! Forti del successo ottenuto, Cristian e Chiara, ancora giovanissimi, decidono che la loro passione diventerà anche la loro professione, quindi iniziano a investire sulle prime attrezzature, dalla postazione 32 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

di montaggio agli accessori vari, tanto che nell’aprile del 2009 danno vita a un vero e proprio studio per la realizzazione di prodotti fotocine-visivi. “Abbiamo passato 3 anni a studiare duramente la tecnica, cercando di fare tutte le esperienze che potevano capitarci. Nel 2010 il primo 48ore, l’anno dopo il secondo con il corto Il Protagonista, girato con la Canon 5D mk2, e alla fine del 2011 ci imbarchiamo nella produzione del nostro primo vero cortometraggio Horror Vacui, un corto difficile da realizzare, senza budget e con tante pretese”. Benvenuti a bordo! “La produzione dura 9 mesi, praticamente un parto. I risultati però arrivano, con la selezione da parte dello Short Film Corner al Festival di Cannes 2012”. Il corto, che dura 22 minuti ed è stato anch’esso integralmente girato con una Canon 5D mk2, ottiene un buon successo girando per vari festival nazionali e non, e sopratutto finisce sotto l'occhio di alcuni produttori. “La storia tratta di un dramma psicologico di un super-eroe che, ad un certo punto della sua vita, si stanca dei suoi super-poteri. La cosa interessante è che noi non sappiamo quali siano i suoi poteri, né sappiamo quali sono le cause che hanno generato la voglia di abbandonare tutto”. Un tema attualissimo, un racconto forse premonitore... mi ricorda qualcuno vestito di bianco! “Ovviamente per noi lo scorso anno andare a Cannes era qualcosa di inimmaginabile, siamo partiti a maggio qualche giorno dopo l'esperienza di Tutto in 48 ore. Esattamente quattro giorni prima di Cannes eravamo a fare le riprese in notturna a Castel Sant'Angelo per il corto Romantica, dopo aver costretto la Canon a darci la nuova macchina da presa appena uscita, la Cinema Eos C300, che ci è stata poi fornita dalla D-Vision. Essendo un giovanissimo mi butto sempre a capofitto sulle nuove tecnologie, ed ovviamente la Canon C300 ha catturato il mio cuore fin dalle prime riprese comparse in rete. Grazie a questa macchina siamo riusciti ad ottenere un risultato eccezionale, abbiamo girato a ben 3200 iso senza problemi di artefatti digitali. Il risultato è stato eccezionale: è una macchina leggera, compatta, con codec on board 4:2:2 50mbps MXF gestibile nativamente da tutti i software di montaggio. Dopo Cannes ci siamo concessi un periodo di semi-riposo, portando avanti attività strettamente lavorative: videoclip, spot e documentari”.

Dopo Cannes Ma l’esperienza di Cannes ha profondamente segnato Cristian e Chiara, consolidando ulteriormente la loro passione per il cinema. È stato tutto molto bello ma è durato molto poco. Bisogna tornarci. •

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


È così che a gennaio 2013 si ripresenta l’idea di un nuovo cortometraggio, da girare in poco tempo, tanto per cambiare, per provare a tornare a sognare sulla Costa Azzurra. Detto, fatto! “I primi giorni del mese contattiamo la produzione Alveare Cinema, che ci seguiva da tempo, e decidiamo di provare a portare avanti un corto con un budget contenuto (molto contenuto, meno di 1000 euro!) coprodrotto dal nostro studio: KeC STUDIOS”. Per farlo Cristian si mette in contatto con TAV, il rivenditore ufficiale di Canon Cinema Eos e Canon Broadcast in Italia, che aveva accolto molto bene il corto Romantica. La cordialità e la passione di Cristian fanno breccia e il rivenditore decide di aiutarli concedendogli in prova la nuovissima Canon C100 (stesso cuore della C300 e C500) con le ottiche eccezionali Canon Cinema Lens, insieme ad una serie di accessori. “Finora la Canon ci ha dato sempre grandi soddisfazioni, sia dal punto di vista delle camere che delle ottiche. Abbiamo registrato tutto sull'Atomos Ninja 2 a 220mbps, per saltare eventuali rischi dell'Avchd, visto che il corto verrà proiettato soprattutto in sala, ci serviva la

miglior qualità possibile. Il budget non ci consentiva di noleggiare un parco luci sufficiente, quindi abbiamo girato quasi tutto con luce naturale, pannellando qua e là. Ovviamente non potevamo non testare le nuove ottiche nate per il cinema di Canon, quindi ci siamo dotati di un 24, di un 50 e di un 85. Sono ottiche di incredibile fattura, luminosissime e leggerissime, ed ovviamente il risultato si vede tutto”. Solo a metà gennaio si comincia a lavorare alla scrittura. “Iniziamo con il nostro fidato sceneggiatore Davide Carrazza a stendere la prima versione della sceneggiatura, ovviamente doveva essere un corto semplice e veloce... Il risultato? 20 attori e oltre 15 location, il tutto per contenere il budget in soli 5 giorni. Cose da pazzi!”. Così nasce la commedia Last Far West, l’ultima creazione di Cristian, che va dritto dritto al Festival di Cannes 2013. “Abbiamo avuto molti aiuti grazie a ELFA Promotions, il nostro ufficio stampa che ha creduto subito nel valore del progetto. Abbiamo lavorato solo con professionisti grazie al successo che Horror Vacui ci aveva lasciato in eredità”. Cristian e Chiara, in piena estasi creativa, stanno già lavorando a un nuovo progetto, di imminente realizzazione. Vista l’età dei ragazzi, non poteva che trattarsi di una web serie, fuori dagli schemi, da girare ancora una volta con i nuovi sistemi Canon Cinema Eos. Un matrimonio che sembra non avere fine... con Canon intendo!

* Dal 2007 ad oggi ha curato le ultime 5 edizioni italiane di “The 48 Hour Film Project”, una competizione internazionale di filmmaking che gli ha dato la possibilità di scoprire il talento di centinaia di giovani professionisti della macchina da presa. Nel 2012 è diventato un programma per Rai5: “Tutto in 48 ore”. In questa rubrica Enrico Ventrice presenta i progetti, realizzati o in corso di realizzazione, di alcuni dei migliori filmmaker che ho avuto la fortuna di incontrare, cercando di capire come lavorano e cosa succede nel mondo della produzione cinematografica indipendente in Italia. Per contatti: enrico.ventrice@gmail.com

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

33


BROADCAST&PRODUCTION

DIRECTORY

Guida Fornitori 2013/2014 Quale che sia la soluzione che necessita alla vostra azienda, sia essa una stazione Radio oppure Tv, una società di produzione o post-produzione, un’azienda di Oltre noleggio o un centro audiovisivo, ebbene... QUI la troverete! Abbiamo liberamente raccolto per voi e per vostra praticità i dati utili per contattare aziend e a po oltre 200 aziende fornitrici di prodotti e/o servizi utili al mondo del d i mano rtata broadcast e dell’audiovisivo in genere. Certo l’elenco non ha la pretesa di p fornit essere completo, ma siamo certi di offrirvi comunque una selezione unica e ura di er la prodo utile, rappresentativa della parte rilevante di quanto il mercato possa offrirvi. tti e serviz Conservate questa edizione sino al prossimo anno, consultatela quando vi serve e... i non dimenticate di far notare alle aziende che contatterete che le state chiamando anche grazie alla “Guida Fornitori 2013/2014” di Broadcast&Production. Buon lavoro a tutti!

200

DA STACCARE E CONSERVARE A PORTATA DI MANO, SULLA PROPRIA SCRIVANIA

DA STACCARE E CONSERVARE

Attenzione. La Redazione ha posto la massima cura nel controllare i dati contenuti nella Guida, ma se rilevaste qualche imprecisione, non esitate a segnalarla all’indirizzo e-mail broadcast@broadcast.it o tramite fax al numero 02 70300211: provvederemo a effettuare le opportune correzioni nella prossima edizione. Inoltre rimarchiamo che l’elenco presenta una parte rilevante delle aziende fornitrici prodotti o servizi operanti nel settore, ma, ovviamente, non ha la pretesa di citarle tutte. Se la Vostra Azienda non figurasse nell’elenco e fosse Vostro interesse essere nella prossima edizione, contattateci agli stessi recapiti sopra indicati.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

I


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

09 TECHNOLOGY Via G. Barzellotti 3 00136 ROMA RM Tel. 0689684207 www.09technology.com

G U I DA

ABE ELETTRONICA Via Leonardo Da Vinci 224 24043 CARAVAGGIO BG Tel. 0363351007 www.abe.it VEDI BOX

2M TELECOMUNICAZIONI Via Arduino 22 10134 TORINO TO Tel. 0113040444 www.2mtelecom.it www.newtel-eng.com

ARET VIDEO AND AUDIO ENGINEERING Via Papa Giovanni XXIII 30 20080 ZIBIDO SAN GIACOMO MI Tel. 0292270873 www.aret-engineering.com VEDI BOX

ADOBE SYSTEMS ITALIA V.le Colleoni, 5 Pal. Taurus A3 20864 AGRATE BRIANZA MB Tel. 03965501 www.adobe.it ADVANCE TELECOM SYSTEMS - ATS Via E. Salgari 17 41123 MODENA MO Tel. 059821332 www.gruppoats.com

3G ELECTRONICS Via Boncompagni 3b 20139 MILANO MI Tel. 025253020 www.3gelectronics.it

AEV BROADCAST Via della Tecnica 33 40050 ARGELATO BO Tel. 0516630904 www.aev.eu

A&G SOLUZIONI DIGITALI Via della Padula 251 57124 LIVORNO LI Tel. 0586814336 www.aegweb.it

ALDENA TELECOMUNICAZIONI Via per Vighignolo 6/8 20019 SETTIMO MILANESE MI Tel. 0290390461 www.aldena.it VEDI BOX

A.D. SYSTEMS Via Rosoleto 611 47522 CESENA FC Tel. 0547663851 www.a-d.it

3D STORM / NEW TEK

3D Storm NewTek EMEA Distributor www.3dstorm.com 70 Avenue de Capeyron, 33160 Saint Médard en Jalles France Contatti: Roberto Musso roberto.musso@3dstorm.com 327 2911997 info@3dstorm.com +33 557262262 3D Storm è il distributore dei prodotti NewTek per l'area EMEA. Partner tecnologico per produttori ed artisti, un’azienda impegnata nella continua ricerca dell’eccellenza, NewTek è leader mondiale nella realizzazione di sistemi di produzione video integrati. TriCaster è una regia completa integrata in un unico strumento, mixer video, grafica, playout, virtual set, integrazione con i social media e le piattaforme di streaming.

&

F O R N I TO R I

ALLYN Via Mario Fani 177 00135 ROMA RM Tel. 0635511437 www.allyn.it

ADCOM Via Zanardi 50 40131 BOLOGNA BO Tel. 051369940 www.adcom.it

3D STORM- NEWTEK 70, Avenue de Capeyron F-33160 SAINT-MEDARD EN-JALLES FRANCE Tel. +33 0557262262 www.3dstorm.com VEDI BOX

II B R O A D C A S T

DIRECTORY

ARIELAB Via Brecce Bianche 12 c/o Univ. Politecnica - DIBET 60131 ANCONA AN Tel. 0731 607288 www.arielab.com ARRI ITALIA V.le Edison 318 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 0226227175 www.arri.com ARTE VIDEO Contrada Villachiara 30/H 33057 PALMANOVA UD Tel. 0432923649 www.artevideo.net ARTEL Corso Italia 79 70123 BARI BA Tel. 080 5289708 www.artelsrl.net

ABE ADVANCED BROADCASTING ELECTRONICS

ALDENA Telecomunicazioni

Via Leonardo Da Vinci 224 24043 Caravaggio BG Tel: 0363 351007 Fax: 0363 50756 mail@abe.it - www.abe.it

NUOVA SEDE Via per Vighignolo 6/8 20019 Settimo Milanese (MI) Italy Tel: 02.903.904.61 Fax: 02.903.904.75 aldena@aldena.it www.aldena.it

ABE Elettronica S.r.l., da oltre 30 anni, produce una gamma completa di apparecchiature di elevata qualità ed affidabilità per il broadcasting televisivo digitale ed analogico (codificatori MPEG; multiplexer; trasmettitori e ripetitori TV; ponti microonde fissi, portatili ed ENG nelle bande sino a 24GHz; antenne). Grazie ad un esperto team di progettazione, ABE Elettronica mantiene un costante aggiornamento tecnologico ed al tempo stesso un rapporto qualità/prezzo unico in questo settore.

ALDENA è un'azienda altamente specializzata sia nella produzione di antenne e sistemi radianti per il broadcasting e le telecomunicazioni, sia nella realizzazione di programmi software che permettono di prevedere con grande precisione i livelli del campo elettromagnetico irradiato sul territorio. ALDENA progetta e costruisce tutti i propri componenti hardware ed è quindi in grado di calibrarli sulle esatte esigenze del cliente, eventualmente studiando nuove soluzioni. I prodotti ALDENA: antenne per broadcasting radiotelevisivo, antenne per collegamenti punto-punto, antenne per radiotelecomunicazioni, accessori per sistemi radianti complessi, filtri passa-banda e combinatori VHF e UHF, connettori e cavi coassiali, hardware di fissaggio, software di calcolo EMLAB.

P R O D U C T I O N

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

ARET VIDEO AND AUDIO ENGINEERING

Via Papa Giovanni XXIII, 30 I-20080 Zibido S. Giacomo (MI) ITALY Tel: +39 02 92270873 Fax: +39 02 92270882 info@aret-engineering.com Contatto: Ing. Alessandro Asti

www.aret-engineering.com ARET distribuisce in esclusiva per l’Italia una linea completa di apparati per la produzione broadcast. Tutti i marchi distribuiti si distinguono per prestazioni, affidabilità ed ottimo rapporto qualità prezzo. Inoltre, da 40 anni ARET fornisce soluzioni broadcast chiavi in mano per studi Radio, TV ed OB Vans. ASTORRI Residenza Spiga 161 20090 SEGRATE MI Tel. 0236555494 www.astorri.it ATL SYSTEMS Via S. Erasmo 4 00184 ROMA RM Tel. 067005702 www.atlsrl.com AUDIO LINK Via Monte Prinzera 17/a Loc. Alberi 43010 PARMA PR Tel. 0521648723 www.audiolink.it AUDIO NETWORK TECNOLOGY Piazza Bonaparte 22/E 20813 BOVISIO MASCIAGO MB Tel. 0362571116 www.audionetwork.it AUDIODELTA Via P. Calvi 19 20129 MILANO MI Tel. 0254116008 www.audiodelta.it AUDIOITALIA Galleria Venezia 33 35010 VIGODARZERE PD Tel. 0498877091 www.audiosrl.com AUDIOLOGIC Via Tommaseo 94 35151 PADOVA PD Tel. 0498074811 www.audiologic.it

DIRECTORY

G U I DA

F O R N I TO R I

AUDI OTE K

BE L POW E R EURO P E

AUDIOTEK SRL

BEL POWER EUROPE SRL

Broadcast & Professional Service

VIA RESEGONE, 28 20857 CAMPARADA (MB)

Audiotek S.r.l. Sede legale e operativa: Via Tazio Nuvolari N° 227 00142 Roma Tel. e Fax 06 5036743 - 06 51957795

TEL. 039-6013849 FAX 039-6015462

Mail: audiotek@audiotekonline.it Sito web: www.sonybroadcast.it Azienda certificata ISO 9001:2008

info.it@ belpower.com

Sig. Fabio Chiechi Responsabile Direzione Tecnica Sig.ra Alessandra Drago Responsabile Amministrativo Audiotek s.r.l. è un importante punto di riferimento da oltre 30 anni, per i professionisti del settore Cinetelevisivo, merito di una consolidata esperienza nella assistenza tecnica delle apparecchiature Professional e Broadcast Sony utilizzate nei vari brand: dalla post produzione video televisiva, alla cinematografia e non per ultimo nel medicale.

Sony Professional Service Europe Authorised Service Centre

Visitate il nostro sito.

www.belfuse.com

AUDIOSALES Via Ugo Bianchi 23 43058 SORBOLO PR Tel. 0521690290 www.audiosales.it

BACKLINE Via Dell’Aprica 16 20158 MILANO MI Tel. 0269015709 www.backline.it

AUDIOSCOPE 2K Via Caianello 31 00177 ROMA RM Tel. 0624407014 www.audioscope.it

BEL POWER EUROPE Via Resegone 28 20857 CAMPARADA MB Tel. 0396013849 www.belfuse.com VEDI BOX

AUDIOTEK Via Tazio Nuvolari 227 00142 ROMA RM Tel. 065036743 www.sonybroadcast.it VEDI BOX

BELCO Via Lodi 86 21042 CARONNO PERTUSELLA VA Tel. 02963981 www.belcoproducts.it

AUTODESK Milanofiori, Strada 4, Pal. 5/A 20090 ASSAGO MI Tel. 02575511 www.autodesk.it

BITONLIVE Via Don Angelo Pedrinelli 48 24030 CARVICO BG Tel. 0350773233 www.bitonlive.com VEDI BOX a pag. IV

AVID TECHNOLOGY Palazzo T2 - Strada 7 - Milanofiori 20089 ROZZANO MI Tel. 025778971 www.aviditalia.it

BITRADIO Via Dante 83 13100 VERCELLI VC Tel. 0161250024 www.bitradio.it

AVS AUDIO VIDEO SERVICE Via S. Barassi 29 20866 CARNATE MB Tel. 0396889186 www.avssrl.com

BLACKMAGIC DESIGN Mere Hall Business Centre Unit 3 Bucklow Hill Lane - Mere, Knutsford Cheshire, WA16 6LE Tel. +44(0) 1565 830049 www.blackmagicdesign.com VEDI BOX a pag. IV

AXEL TECHNOLOGY Via C. Di Sabbiuno 6/F 40011 ANZOLA EMILIA BO Tel. 051736555 www.axeltechnology.com

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

Un superteam di 56 ingenieri provenienti da tutto il mondo, 60 anni di esperienza nel dialogo continuo con il cliente, soluzioni “tailor made” calibrate su ogni specifica necessità: ecco a voi Bel Power Europe.

&

P R O D U C T I O N

III


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

G U I DA

BLT ITALIA Via Fratelli Rosselli 91 55041 LIDO DI CAMAIORE LU Tel. 0584904788 www.blt.it VEDI BOX

BI TONLIVE

BLUESHAPE - NEW CELL TOP Via Liguria 4/6 42124 REGGIO EMILIA RE Tel. 0522518556 www.newcelltop.com VEDI BOX

BITONLIVE SRL Via Don Angelo Pedrinelli, 48 24030 Carvico (Bg) Tel: +39 035 0773233

BPR Via Carducci 125 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 022408351 www.bprvideo.it

info@bitonlive.com www.bitonlive.com

BitOnLive progetta, sviluppa, installa e assiste sistemi di automazione radiofonica e televisiva intuitivi e completi, capaci di lavorare con qualsiasi tipo di formato ed in grado di offrire all’utente un controllo completo su tutti gli aspetti della messa in onda: dall’archiviazione dei file alla creazione di palinsesti, dalla creazione e pianificazione delle grafiche all’intervento manuale sull’on-air.

BROADCAST DIGITAL SERVICE Via G. Fuggetta 25 00149 ROMA RM Tel. 0655285833 www.bds.it

BLACKMAGIC DESIGN EUROPE

CAMERA DYNAMICS Via Archimede 8 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 022402267 www.vitecgroup.com CANON ITALIA Via Milano 8 20097 SAN DONATO MILANESE MI Tel. 0282481 www.canon.it

CELTE Via Gobetti 2/A 20063 CERNUSCO S/N MI Tel. 0292108020 www.celte-srl.com

BLT è un’azienda leader che progetta e produce, con proprie tecnologie, Video Server destinati alle produzioni live e studio per lo Sport, le News ed i programmi d’intrattenimento. L'attività di BLT, iniziata in Versilia nel 1959, è sempre stata focalizzata verso l’industria televisiva, seguendone la costante evoluzione fino all’Alta Definizione e la TV stereoscopica. Grazie all’hardware e software dedicato, in continua crescita e sviluppo, al design compatto e alla capacità di condivisione, i Video Server BLT SMS serie “U” offrono una potente soluzione per ogni tipo di produzione, sia su mezzi mobili (OB-VAN) che negli studi. I prodotti BLT sono utilizzati giornalmente dai principali operatori del settore sia in Italia che nel mondo.

&

BVMEDIA Via Quattro Novembre 92/T 20021 BOLLATE MI Tel. 0287078550 www.bvmedia.it VEDI BOX

BT ITALIA Via Tucidide 56 bis - Torre 7 20134 MILANO MI Tel. 02752921 www.italia.bt.com

Contatti Danilo Nardini - Product Manager danilo@blt.it Emiliano Rossi - Direttore emiliano@blt.it Settore Aziende broadcast - Fabbricante Presentazione

saperne di più, oggi al www.blackmagicdesign.com

BT MONITORING Via Giuseppe Mazzini 70/F 20056 TREZZO SULL’ADDA MI Tel. 0292092795 www.bt-monitoring.it

CARTONI Via Giuseppe Mirri 13 00159 ROMA RM Tel. 064382002 www.cartoni.com

Via F. Rosselli, 91 I-55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 904788 - Fax 0584 904789 blt@blt.it - www.blt.it

Ampiamente considerato come uno dei principali innovatori del mondo e produttori di tecnologia video creativa, Blackmagic Design crea prodotti di alta qualità per l’editing video, fotocamere digitali per il cinema, convertitori e soluzioni di monitoraggio, router, switcher di produzione live, registratori su disco, monitor waveform e il software di restauro di film per il lungometraggio, per la post produzione, A/V, per le industrie di produzione e di television broadcast.

F O R N I TO R I

BROADCAST SOLUTIONS Strada Comunale Uno snc 67021 PICENZE DI BARISCIANO AQ Tel. 0862753011 www.broadcastsolutions.it

BLT I TALI A

Mere Hall Business Centre, Unit 3 Bucklow Hill Lane Mere, Knutsford Cheshire, WA16 6LE Tel: +44(0) 1565 830049 Fax: +44(0) 1565 830739 info-euro@blackmagicdesign.com

IV B R O A D C A S T

DIRECTORY

P R O D U C T I O N

BLUESHAPE / NEW CELL TOP

New Cell Top Srl Via Liguria, 4 42124 Reggio Emilia Italy Tel:. +39 0522 518556 Fax: +39 0522 277084 Info@blueshape.net www.blueshape.net Blushape è marchio che nasce dalla nostre esperienza nel settore delle batterie LIION e POLIMERO. Blueshape è designer , progettista e produttore di pacchi batterie design del pacco batterie e sviluppo ingegneristico - selezione professionale e valutazione di celle e componenti - processo di ingegnerizzazione assemblaggio e testing - controllo qualità assemblaggio - test finale 100%

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

CEM ELETTRONICA Via Fondannone 18 95020 SANTA VENERINA CT Tel. 095958083 www.cem-elettronica.com

CLONWERK Via Parenzo 2 20143 MILANO MI Tel. 0289150247 www.clonwerk.it

CHALLENGER Via Legnaro 6 35040 VILLA ESTENSE PD Tel. 0429660118 www.challenger.it

CM Viale degli Artigiani 1 20832 DESIO MB Tel. 0362620124 www.cm-coax.it

CINENANE GROUP Via Mazzini 33 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 022409974 www.cinenane.com CISCO SYSTEMS ITALY Via Torri Bianche 7 Pal. Faggio 20871 VIMERCATE MB Tel. 03962951 www.cisco.com/it

DIRECTORY

G U I DA

COLBY V.le Emilia 83 20093 COLOGNO MONZESE MI Tel. 02267121 www.colby.it COMREX 19 Pine Road Devens, MA 01434 USA Tel. +1-978-784-1776 www.comrex.com VEDI BOX a pag. VI

CLASSX DEVELOPMENT Via Francesca, 368/II 56020 S.MARIA A MONTE PI Tel. 0587705153 www.classx.it

COMSYTEC Via F.lli Bandiera 52 20843 VERANO BRIANZA MB Tel. 0362805762 www.comsytec.it VEDI BOX a pag. VI

CLAY PAKY Via Pastrengo 3B 24068 SERIATE BG Tel. 035654311 www.claypaky.it

COM-TECH Via Industria 7 23017 MORBEGNO SO Tel. 0342601159 www.com-tech.it

F O R N I TO R I BVME DI A


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

COMR E X COR PORAT ION

DIRECTORY

G U I DA

COMSYTEC

COMSYTEC COMMUNICATION SYSTEM TECHNOLOGY SRL

Comrex Corporation 19 Pine Road Devens, Massachusetts 01434 USA Tel. 001 978 784 1776 Fax 001 978 784 1717 info@comrex.com www.comrex.com

VIA F.LLI BANDIERA, 52 20843 VERANO BRIANZA (MB) TEL. 0362/80.57.62 FAX. 0362/80.36.04

e-mail: info@comsytec.it web: www.comsytec.it

Dal 1961 Comrex è leader nella produzione di prodotti broadcast di alta qualità, utilizzati da stazioni radio e tv nel mondo. Comrex vanta una linea completa di codec IP audio e video per trasmissioni broadcast da remoto, così come soluzioni per interfaccia telefonica.

COMSYTEC leader indiscusso in tecnologie video con soluzioni per sistemi di codifica, apparati di misura, monitoraggio del segnale Audio/Video per il Digitale Terrestre, Trasmissioni Satellitari, soluzioni OTT- Multiscreen, inclusi i relativi servizi di progettazione, installazione, messa in servizio, supporto e manutenzione post vendita.

D&M BROADCAST ENGINEERING

DE LO I NSTR UME NTS

D&M Broadcast Engineering s.r.l. Via Cooperazione, 1/B 40018 San Pietro in Casale (BO) - Italy Tel. +39 051 0312903 Fax +39 051 0312939 email: info@dmbroadcast.it

Via Piemonte 14 Fizzonasco di Pieve Emanuele (MILANO) Telefono: 02/90722441 Fax:02/90722742 E-mail: sales@delo.it

www.dmbroadcast.it

www.delo.it

Nome contatto: Marco Giovannini

Da oltre 30 anni, il gruppo Delo è attivo nell’area telecomunicazioni, test measurement e broadcasting dove commercializza e distribuisce servizi e soluzioni per apparecchiature elettriche ed elettroniche di alta qualità prodotte da rinomate case estere.

D&M è un system integrator che offre soluzioni in tutto il mondo di radio e tv chiavi in mano con formazione, installazione e assistenza 24/7/365. D&M è in grado di soddisfare ogni esigenza del settore broadcast offrendo sempre soluzioni mirate con un ottimo rapporto qualità/prezzo: Studi e apparati di trasmissione Radio & TV Analogiche / Digitali, comunitarie, private e statali. Offriamo tecnologia all’avanguardia grazie al partnership con DB elettronica leader mondiale del settore presente sul mercato da 35 anni.

VI B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

F O R N I TO R I

COMETEL Viale Edison 627 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 022421484 www.cometel.it COSMOLIGHT Via Emilio Segrè s.n.c. 00012 GUIDONIA MONTECELIO RM Tel. 0774354418 www.cosmolight.it CP CASES Via di San Giacomo 18 00187 ROMA RMI www.cpcases.com CPE ITALIA Via Dante Chiasserini 15 20157 MILANO MI Tel. 023570765 www.cpeitalia.it CTE DIGITAL BROADCAST Via Per Cantalupo 5 21040 ORIGGIO VA Tel. 0296738811 www.cte.it CVE Via F.lli Bandiera 52 20843 VERANO BRIANZA MB Tel. 0362805778 www.cve.it CVE Via Teulada 52, int 14 00195 ROMA RM Tel. 063328019 www.cve.it D1 GROUP Piazza Cavour 19 80137 NAPOLI NA Tel. 081293105 www.d1group.it D&M BROADCAST ENGINEERING Via della Cooperazione 1/B 40018 SAN PIETRO IN CASALE BO Tel. 0510312903 www.dmbroadcast.it VEDI BOX DALET Via G. Matteotti 299 25063 GARDONE VAL TROMPIA BS Tel. 0308336227 www.dalet.com DB BROADCAST GROUP Riviera Maestri del Lavoro 20/1 35127 PADOVA PD Tel. 0498700588 www.dbbroadcast.com DCAST Via del Giordano 9 26100 CREMONA CR Tel. 0523825267 www.dcast.it DE SISTI LIGHTING Via Cancelliera 10/A 00041 ALBANO LAZIALE RM Tel. 06934991 www.desisti.it

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

DELO INSTRUMENTS Via Piemonte 14 20090 FIZZONASCO DI P. EMANUELE MI Tel. 0290722441 www.delo.it VEDI BOX DELTA MECCANICA Via Fontanelle Di Bardano 20 05018 ORVIETO TR Tel. 0763316222 www.deltameccanica.com DELTRON Via Monte Generoso 231 21042 CARONNO PERTUSELLA VA Tel. 0296451891 www.deltronitalia.it DEVOLO ITALIA Via A. Sangiorgio 21 20145 MILANO MI Tel. 0247956003 www.devolo.com DIEM TECHNOLOGIES Via del Commercio 27 16167 GENOVA GE Tel. 0103291531 www.diemtech.com VEDI BOX DIGILAND Via Provenza 18 35127 PADOVA PD Tel. 0498202237 www.digilandsrl.it

DIRECTORY

G U I DA

Tel. 0577271550 www.eplitalia.com

DIGIMEDIA Via T. Gulli 54 20147 MILANO MI Tel. 0248702843 www.digimedia.it

E.S. SAT Via 11 Aprile 1945,5 48010 BAGNARA DI ROMAGNA RA Tel. 054576485 www.essat.it

DIGITAL MAGICS Via Orobia 3 20139 MILANO MI Tel. 0252505.1 www.digitalmagics.com

EBS EUROPEAN BROADCAST SYSTEM Via Jenne 19/21 00131 ROMA RM Tel. 0641230020 www.ebscast.com

DIGITAL RAPIDS B&B Via Rosolino Pilo 8 20129 MILANO MI Tel. 0236699130 www.digital-rapids.com

ECS ELECTRONICS CABLES SERVICE Via A. Volta 34 20010 MESERO MI Tel. 0297289710 www.ecs-srl.it

DIGIVISION V.le Piave 3 20129 MILANO MI Tel. 0276007932 www.digivision.it

EHOME ITALIA SERVICE Via Primo Maggio 18 20024 GARBAGNATE MILANESE MI Tel. 0299021161 www.ehomeitalia.com

DMG COMMUNICATION Via Garibaldi 32 20061 CARUGATE MI Tel. 0299765094 www.dmgcommunication.it

ELBER Via Pontevecchio 42W 16042 CARASCO GE Tel. 0185351333 www.elber.com VEDI BOX

E4 COMPUTER ENGINEERING Via Martiri della Libertà 66 42019 SCANDIANO RE Tel. 0522991811 www.e4company.com

ELCA Via E. Jenner 4 24047 TREVIGLIO BG Tel. 0363303885 www.elca-italy.com

E.P.L. ITALIA Strada Massetana Romana 50A 53100 SIENA SI

DIE M T ECHNOLOG IE S

F O R N I TO R I

Q UESTO SPAZI O È T UO

E LBE R

Vorresti che in questo spazio ci fosse lo spotlight della tua azienda? Da oltre 10 anni leader per la fornitura, progettazione, integrazione, installazione e supporto di:

Via Pontevecchio, 42 W 16042 Carasco (GE) Tel: 039-0185-351333 r.a. Fax: 039-0185-351300 www.elber.com E-mail: elber@elber.it

PRODOTTI, SISTEMI E RETI PER TV DIGITALE TERRESTRE, TV VIA SATELLITE, IPTV, WEB TV, INTERNET VIA SATELLITE, MEZZI MOBILI & FLY ENCODERS, MUX RICEVITORI, MODEM, ANTENNE SAT, MATRICI RF, TRASMETTITORI ED LNB SAT, ETC. DISTRIBUTORE DI: ERICSSON, APPEAR TV, ASC SIGNAL, AVL, BLACKMAGIC, DEV, IDIRECT, NETINSIGHT, NORSAT, NOVELSAT, NJR, QUINTECH, SENCORE, SKYWARE GLOBAL, SMW XICOM, SUMAVISION, TERRASAT, VIDEOFLOW. Genova, Milano, Roma www.diemtech.com info@diemtech.com

Pensaci sin d’ora per la prossima edizione!

Dal 1978 Elber mantiene fede alla scelta iniziale di operare nel settore dei ponti radio a microonde per il broadcast. Capisaldi dell'attività dell’Azienda sono la scelta di personale altamente specializzato, la cura di ogni singola fase della produzione, dal progetto alla realizzazione dell'apparato e l'utilizzo di componenti ad altissima qualità. Per soddisfare esigenze differenti di un parco clienti ambizioso ed essere competitiva in molteplici contesti applicativi, Elber dispone di una vasta gamma di prodotti in continua evoluzione. I prodotti, suddivisi in base alla loro applicazione, si distinguono in ponti a microonde per TV e RADIO, soluzioni satellitari per il trasporto radio-televisivo, MMDS e MVDS.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

&

Contattaci subito con una e-mail all’indirizzo broadcast@broadcast.it Ti invieremo, senza alcun impegno, le indicazioni e le condizioni per apparire nella prossima edizione della Guida Fornitori.

P R O D U C T I O N

VII


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

G U I DA

ELECTROSYS Loc. Sferracavallo 19/A 05018 ORVIETO TR Tel. 07633361 www.electrosys.it

ENENSYS c/o ATS Via E. Salgari 17 41100 MODENA MO Tel. 059821332 www.enensys.com

ELEMAINT V.le Stelvio 30 21052 BUSTO ARSIZIO VA Tel. 0331683768 www.elemaint.it

ENRICO PIETROSANTI Via Remo La Valle 105 00054 FIUMICINO RM Tel. 06916505771 www.enricopietrosanti.com ERICSSON TELEVISION Via Anagnina 203 00118 ROMA RM Tel. 0672589289 www.ericsson.com/television ETERE Contrada Cisterna 62029 TOLENTINO MC Tel. 07339564 www.etere.com EURO VIDEO SYSTEM SAS Via Torino 69 33037 PASIAN DI PRATO UD Tel. 0432691211 www.eurovideosystem.com EUROSCENA Via Gregorio VII 414 00165 ROMA RM Tel. 06660651 www.euroscena.it EUROTEK Strada Comunale Savonesa, 9 15057 RIVALTA SCRIVIA AL Tel. 0131860205 www.eurotektel.com

ELENOS Via G. Amendola 9 44028 POGGIO RENATICO FE Tel. 0532829965 www.elenos.com ELETTRICA2000 Via Monte Grappa 25 20900 MONZA MB Tel. 0392000598 www.elettrica2000.com ELETTRONIKA Ss 96 Km 113 70027 PALO DEL COLLE BA Tel. 080626755 www.elettronika.it ELLE ERRE ELETTRONICA Via Oropa 297 13892 COSELLA BIELLA BI Tel. 015572103 www.lrr.it VEDI BOX

ELLE ERRE ELETTRONICA

Elle Erre Elettronica S.n.c. Via Oropa, 297 13900 Biella tel. +39 015 572103 fax +39 015 38099940 info@lrr.it www.lrr.it

&

F O R N I TO R I

EUTELSAT ITALIA Via Leonida Bissolati, 54 00187 ROMA RM Tel. 0645206501 www.eutelsat.it VEDI BOX EUTELSAT SKYLOGIC Piazza Lagrange 2 10123 TORINO TO Tel. 0115585400 www.skylogic.it EVS ITALIA Via Milano 2 25126 BRESCIA BS Tel. 030296400 www.evs.tv EXHIBO Via Leonardo Da Vinci 6 20854 VEDANO AL LAMBRO MB Tel. 03949841 www.exhibo.it VEDI BOX EXPLORER CASES BY GT LINE Via Del Lavoro 50-52 40056 CRESPELLANO BO Tel. 0516504138 www.explorercases.com FINTELIT Via Edison 217 20019 SETTIMO MILANESE MI Tel. 0248910020 www.fintelit.it

EUTELSAT I TAL I A

E X HI BO

Eutelsat Italia S.r.l. Ufficio di Rappresentanza in Italia di Eutelsat S.A. Via Leonida Bissolati, 54 - 00187 Roma Tel.: +39 06 45 20 65 01 Fax: +39 06 45 20 03 63 Email : info@eutelsat.it

Via Leonardo da Vinci, 6 20854 Vedano al Lambro (MB) Tel. 039 498 41 - Fax 039 498 4280 www.exhibo.it proaudio@exhibo.it

Eutelsat Communications è la holding di Eutelsat S.A. Grazie alla capacità commercializzata su 30 satelliti che forniscono copertura in Europa, Medio Oriente, Africa, Asia e in molte parti delle Americhe e dell’Asia-Pacifico, Eutelsat Communications (Euronext Paris: ETL, codice ISIN: FR0010221234) è uno dei maggiori operatori satellitari al mondo. Sono circa 4.500 i canali televisivi trasmessi a più di 200 milioni di abitazioni in Europa, Medio Oriente e Africa (dato aggiornato al 31 dicembre 2012). Il Gruppo fornisce inoltre una vasta gamma di servizi per contribuzione televisiva, reti dati professionali e servizi a banda larga attraverso KA-SAT, il primo satellite europeo ad elevata capacità di trasmissione. Eutelsat ha la sua sede centrale a Parigi e le sue controllate impiegano uno staff di 750 persone tra esperti commerciali, tecnici ed operativi provenienti da 30 paesi.

Dal 1974 progetta e costruisce moduli e apparati finiti a RF per aziende e costruttori di apparecchiature broadcast . La produzione comprende: TX FM, OM, TV digitali e analogici, amplificatori VHF, UHF, SHF, e alte bande su richiesta ponti radio a microonde sia audio che video fino a 11,7 GHz digitali e analogici, soluzioni audio e video per streaming su internet, codificatori, multiplexer, modulatori DVB-T, S, S2, antenne paraboliche, e ricambistica a radiofrequenza

VIII B R O A D C A S T

DIRECTORY

P R O D U C T I O N

Distribuisce in esclusiva per l’Italia i seguenti marchi di prodotti audio/videoprofessionali: Sennheiser, Neumann, AEQ, Tascam, Rycote, Vestax K-array, EAW, Ecler, Red Lighting, Vogel’s e molti altri ancora. Presente da oltre 50 anni sul mercato, Exhibo offre al cliente consulenza tecnica, progettazione, installazione, start-up, riparazione e manutenzione pre e post vendita.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

G U I DA

FISCHER CONNECTORS Via Vittor Pisani 12 20900 MONZA MB Tel. 039734072 www.fischerconnectors.it

INNOVACTION Via Palazzetti 22 Q 40068 SAN LAZZARO DI SAVENA BO Tel. 0516257409 www.innovaction.t

FLUIDSTREAM Via Castellana 163 30030 MARTELLAGO VE www.fluidstream.net VEDI BOX

INTERACTIVE Via Tazzoli 15 20154 MILANO MI Tel. 026231601 www.interactivegroup.it

FOR-A ITALIA Via Volturno 37 20861 BRUGHERIO MB Tel. 039 881086 www.for-a.it

IRTE Via Pompei 35 21013 GALLARATE VA Tel. 0331797286 www.irte.it

FUNKY JUNK ITALY Via Pollaiuolo 15 20159 MILANO MI Tel. 0269016229 www.funkyjunk.it

ITALMEC Via delle Conce 7 05018 ORVIETO TR Tel. 0763393629 www.ital-mec.com

GAMMARED ENGINEERING Via Gobetti 11 57016 VADA LI Tel. 0586785021 www.gammared.it

JVC PROFESSIONAL EUROPE Via G. Sirtori 7/9 20129 MILANO MI Tel. 02269431 www.jvcpro.it VEDI BOX

GIOMAR Via Cavalieri di Vittorio Veneto 8/C 15057 TORTONA AL Tel. 0131870153 www.giomar.it

KIT DIGITAL Via Breda 176 20126 MILANO MI Tel. 0225771426 www.kitd.it

GRASS VALLEY ITALY Via Olindo Guerrini 20 00137 ROMA RM Tel. 068720351 www.grassvalley.com

KRAMER ELECTRONICS ITALIA Via C. Cantù 25 20092 CINISELLO BALSAMO MI Tel. 0266594771 www.krameritalia.com

GRISBY MUSIC Via Giolitti 8 60027 OSIMO STAZIONE AN Tel. 0717211340 www.grisbymusic.it

LABORATORI PIROVANO Via M Delfico 3 20155 MILANO MI Tel. 0233101566 luca.pirovano@libero.it

HI COMMUNICATIONS Via dei Cairoli 12 36100 VICENZA VI Tel. 348 2312188 www.hicommunications.it

FLUIDSTREAM SRL Via Castellana 163 30030 Martellago VE C.F. P.IVA IT04098740279 Capitale Sociale 10.000 € i.v. REA: VE – 365373 info@fluidstream.net www.fluidstream.net Streaming Audio Streaming Video Web Player universali Applicazioni per smartphone e tablet Statistiche in real time Web Hosting Realizzazione siti web CMS Word Press

JVC PROFESSIONAL EUROPE

JVC PROFESSIONAL EUROPE LTD. FILIALE ITALIANA Via G. Sirtori, 7/9 20129 MILANO – ITALIA

LABORATORIO TEVERE Via Madignano 7 00188 ROMA RM Tel. 063346192 www.laboratoriotevere.com

TEL. +39 02 26943.1 FAX +39 02 26943 333

LEADING TECHNOLOGIES Via Solferino 54 20900 MONZA MB Tel. 0399415200 www.leadingtech.it

HITACHI DATA SYSTEMS Via T. Gulli 39 20147 MILANO MI Tel. 02403092.37 www.hds.com

LEMO ITALIA V.le Lunigiana 25 20125 MILANO MI Tel. 0266711046 www.lemo.com VEDI BOX a pag. X

IANIRO ALDO Via Ragusa 5 00040 PAVONA RM Tel. 069310198 www.ianiro.com

LINEAR Via dell’ Industria 20 25032 CHIARI BS Tel. 030711643 www.linearsrl.it

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

F O R N I TO R I F LUI DST R EAM

ITALTELEC Via Tiberina 49 00065 FIANO ROMANO RM Tel. 0765481633 www.italtelec.com

GESTITEL Via Velasca 36/a 20871 VIMERCATE MB Tel. 0396612069 www.gestitel.com

HARRIS Viale Rimembranze 42 20020 LAINATE MI Tel. 0293799585 www.harris.com

DIRECTORY

e-mail: info@jvcpro.it sito web: www.jvcpro.it Contatto: Sig. Girotto Galileo Branch Manager JVC Professional Europe Ltd. è uno dei principali produttori mondiali di una vasta gamma di sofisticate apparecchiature broadcast, di registrazione e presentation di alta oltre a computer imaging, memorizzazione dati e CCTV.

&

P R O D U C T I O N

IX


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

LINK Via Di Tor Cervara 173 00155 ROMA RM Tel. 06227251 www.linkitaly.com

G U I DA

MANFROTTO DISTRIBUTION Via Valsugana 100 36022 CASSOLA VI Tel. 0424555855 www.manfrotto.com MANTRICS DIGITAL VIDEO Via Cosimo Tornabuoni 21 00166 ROMA RM Tel. 066129641 www.mantrics.com MATROX c/o 3G ELECTRONICS Via Boncompagni 3b 20139 MILANO MI Tel. 025253020 www.3gelectronics.it MEDIA SOLUTION Via Avogadro 27 35030 RUBANO PD Tel. 0498977404 www.mediasolutionsrl.it MEDIACOM DIGITAL EVOLUTION Via G. Peroni 452 00131 ROMA RM Tel. 0645563360 www.digitalevolution.it MEDISAT Via Pietro Mascagni 27/B 95037 S. GIOVANNI LA PUNTA CT Tel. 0957417419 www.medisat.it MEETING PROJECT Via Donato Frisia 2 23807 MERATE LC Tel. 039 9902114 www.meetingproject.it

LPM Via G. Coppola di Musitani 34 00139 ROMA RM Tel. 0686906643 www.lpmonline.it LUPO LIGHT Via Vittorio Sassi 30 10093 COLLEGNO TO Tel. 0114111966 www.lupolight.it VEDI BOX LUPO LUX Via Vittorio Sassi 28 10093 COLLEGNO TO Tel. 01141037775 www.lupolux.it M. CASALE BAUER Via IV Novembre 6/8 40057 CADRIANO DI GRANAROLO BO Tel. 051766648 www.casalebauer.com VEDI BOX MAINLEVEL Via Della Chiesa 10 55027 BOLOGNANA - GALLICANO LU Tel. 0583709991 www.mainlevel.it

LUP O L I G HT

LEMO ITALIA

Lemo Italia Srl V.le Lunigiana 25 20125 Milano Tel 02 66711046 Fax 02 66711066 sales.it@lemo.com www.lemo.com

10093 Collegno (Torino) ITALY Via V. Sassi n. 30 Tel. +39 011 4111 966 Fax +39 011 4112 789 info@lupolight.it www.lupolight.it

LEMO progetta e produce dal 1946 connettori elettrici, elettronici e coassiali ad alta frequenza per tutte le applicazioni come il Broadcasting, la Sensoristica e il Testing, il Medicale, il Ferroviario, l’Aeronautica e il Militare, anche a specifiche del cliente. L’altissima qualità dei prodotti LEMO e il noto sistema di aggancio originale PushPull, uniti alla progettazione secondo le effettive condizioni di lavoro, garantiscono risultati senza pari in termini di prestazioni ed affidabilità. LEMO produce e vende direttamente i suoi prodotti attraverso le proprie filiali nel mondo dove il cliente può contare sulla consulenza specifica del personale tecnico a garanzia della scelta del connettore LEMO più appropriato al reale utilizzo. LEMO Italia è a Milano.

X B R O A D C A S T

DIRECTORY

LUPO LIGHT SRL produce una completa gamma illuminatori a fluorescenza e a led per video, TV e cinema. Gli illuminatori LUPO LIGHT, dotati di esclusive lampade a 9 fosfori marchiate LUPO LIGHT ad altissima resa cromatica, vengono molto utilizzati per riprese video, essendo molto leggeri e compatti e trasportabili tramite le borse imbottite, e nel settore televisivo sono molto usati soprattutto negli studi TG, Talk-show e produzione virtuale per il basso consumo, la bella luce diffusa e l'assenza di calore.

&

P R O D U C T I O N

F O R N I TO R I M. CASALE BAUER

Via IV Novembre 6 - 8 40057 - Cadriano (BO) Tel. +39 051 766.648 Fax +39 051 766.525 info@casalebauer.com www.casalebauer.com Distributore per l'Italia dei prodotti Audio Professionali: Mackie - Audio Professionale DPA - Microfoni e Accessori Tube Tech - Processori Audio Valvolari M. Casale Bauer é stata fondata da Hans Bauer nel 1948 a Bologna, quando ha iniziato distribuendo accessori per gli strumenti musicali ed e’ stato uno dei pionieri del settore Audio e degli Strumenti Musicali; la sua dedizione ha reso l’azienda leader e in questo 2013 si compie il 65esimo anno di attività.

M-THR E E SATCOM

www.m3sat.com sales@m3sat.com M-Three fornisce servizi e soluzioni complete per produzione, trasmissione e diffusione via satellite e fibra ottica per il settore broadcast e per le aziende con esigenze di connettività a banda larga. L'azienda opera attraverso the business units: Teleport Services: servizi di trasmissione, collegamento e diffusione via satellite e fibra ottica con qualsiasi copertura, operati dai due teleporti di Milano e Roma, e grazie a capacità su numerosi satelliti Eutelsat tra cui HB 13A, HB 13 B, E 9A, E 28 A, E 7 WA. Outside Broadcast: una gamma completa di soluzioni per la produzione e trasmissione in diretta, dalle piccole unità per riprese e invio news, alle strutture HD per produzione grandi eventi e riprese in movimento, terrestri e aeree. System Integration: in qualità di utilizzatore e integratore di sistemi di compressione e di trasporto del segnale, Head End completi e sistemi RF, M-Three realizza per i propri clienti qualsiasi struttura con l’apporto dei principali produttori mondiali.

M-Three Satcom s.r.l. Milano, Roma, Venezia, Bari +39 041 509 4260 sales@m3sat.com www.m3sat.com

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

DIRECTORY

G U I DA

F O R N I TO R I

NETWORK ELECTRONICS

P M MI C ROWAV E

PRO FE S SI O NAL S HOW

Via Vincenzo Tieri, 113 - 00123 Roma Tel. 06 30896623 - Fax: 06 30899047 www.networkelectronics.it info@networkelectronics.it

PM Microwave srl Strada Francesca Est, 119 / SP1 46040 Rivalta sul Mincio (MN) Tel.: +39 0376 263229 Fax: +39 0376 268414

www.professionalshow.com PADOVA - ROMA - MILANO

NEVION AS: Matrici, conversioni, 3G-HD-SD. Trasporto su rete SONET/SDH - IP e fibra ottica. www.nevion.com Albiral Display Solution Sl: Monitor LCD-TFT da 4” a 57”. www.albiral.com Masterclock Snc: Orologi controllati, Time server, GPS. www.masterclock.com Omnitek Ltd: Test set per 3G-HD-SDI. www.omnitek.tv Sat-Comm Ltd: Up-link satellitari. www.sat-comm.com Lightware Kft: DVI, HDMI Routers. www.lightware.hu Cableworld: DVB-S, DVB-T enc./dec. ASI mux/demux www.cableworld.eu PTF: Standard di tempo / frequenza stand alone e GPS. www.ptfinc.com BROADCAST PIX: Mixer con grafica e clipstore integrati. DEV Systemtechnik: Matrici, Change Over per RF e Link Fibra Ottica per RF. TERACUE: Encoder e Decoder per H264 e MPeg 2.

MIRIAL Via Donatello 30 20131 MILANO MI Tel. 0226627811 www.mirial.com MITSUBISHI ELECTRIC Viale Colleoni 7 Palazzo Sirio 20864 AGRATE BRIANZA MB Tel. 0396053280 www.mitsubishielectric.it MOLPASS Via Isaac Newton 1/E 40017 S. GIOVANNI IN PERSICETO BO Tel. 0516874711 www.molpass.it MORO DAVIDE CONSULTING Via Enrico Fermi 23 24052 AZZANO SAN PAOLO BG Tel. 3467539571 davide@davidemoro.it MOVIE ENGINEERING Via Carlo Porta 3 20093 COLOGNO MONZESE MI Tel. 022539931 www.movieengineering.com MOVIE PEOPLE Via Carlo Porta 3 20093 COLOGNO MONZESE MI Tel. 022539931 www.moviepeople.it M-THREE SATCOM TELEPORTO DI MILANO Via Brianza 15 20098 SAN GIULIANO MILANESE MI Tel. 0298284013 www.m3sat.com VEDI BOX

info@pmmicrowave.com www.pmmicrowave.com

Professional Show S.p.A. Headquarter

Contatto: Ing. Gianni Chizzoni

Sede Centrale Operativa e Amministrativa

PM Microwave srl si occupa dal 1992 della progettazione e sviluppo di apparati speciali nel campo della radiofrequenza e delle microonde. I settori di impiego spaziano dal broadcasting alle misure, dalle applicazioni militari a quelle nel campo ferroviario. I prodotti, spesso sviluppati su base OEM, coprono tutte le bande fino a 18 GHz.

MUNTER ELETTRONICA Via Dei Partigiani 116 20092 CINISELLO BALSAMO MI Tel. 0226221143 www.munter.it MUSICMEDIA L.go I. D'Aragona 1 20136 MILANO MI Tel. 0258321153 www.musicmedia.it NETWORK ELECTRONICS Via Vincenzo Tieri 113 00123 ROMA RM Tel. 0630896623 www.networkelectronics.it VEDI BOX

info@professionalshow.com Professional Show è un importante Distributore e Integratore di Sistemi Audiovisivi Professionali e Broadcast. Presente in Italia con tre sedi operative a Padova, Roma e Milano dotate di Centro di Assistenza e personale tecnico e di vendita qualificato.

PIONEER ITALIA Via Lepetit 8 20020 LAINATE MI Tel. 0293911 www.pioneer.it PIUMAWORLD Via Mazzini 33 20099 SESTO SAN GIOVANNI MI Tel. 0224417319 www.piumaworld.com PM MICROWAVE Strada Francesca Est 119 / SP1 46040 RIVALTA SUL MINCIO MN Tel. 0376263229 www.pmmicrowave.com VEDI BOX

NEWBAY MEDIA ITALY S. Felice Prima Strada, 12 20090 SEGRATE MI Tel. 0292884940 www.broadcast.it NEWTEL ENGINEERING Via Strecciola 5 23864 MALGRATE LC Tel. 0341 583957

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

Tel +39-049-8657111 Fax +39-049-8657222

ONETASTIC Via Ghislandi 47 25125 BRESCIA BS Tel. 0303539080 www.onetastic.com PANASONIC ITALIA Viale dell’Innovazione 3 20216 MILANO MI Tel. 0267881 www.panasonic-broadcast.it PANATRONICS Via Maderna 8 20138 MILANO MI Tel. 0255195561 www.panatronics.eu PHILIPS LIGHTNING Via Panfilo Castaldi 11 20124 MILANO MI Tel. 02624999.1 www.lighting.philips.it

M-THREE SATCOM TELEPORTO DI ROMA Via Cornelia 498 00166 ROMA Tel. 0694810360 www.m3sat.com VEDI BOX

A G O S T O / S E T T E M B R E

Via Praimbole, 15 - 35010 Limena (Pd)

&

P R O D U C T I O N

XI


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

DIRECTORY

G U I DA

F O R N I TO R I

RO.VE.R. L A BORATORI ES

ROHDE & SCHWARZ ITALIA

ROHDE & SCHWARZ ITALIA

RO.VE.R. Laboratories S.p.A. Via Parini 2 - 25019 Sirmione BS - Italy Tel. +39-030-9198 1 - Fax +39-030-990 6894 E-mail: info@roverinstruments.com www.roverbroadcast.com

Rohde & Schwarz Italia (Sede) Via Tiburtina 1095 - 00156 Roma Tel. 06-41598.1 - Fax: 06-41598.308 Ufficio Milano: Via A. Cazzaniga, 63 20064 Gorgonzola (MI) Tel.: 02-95704.644 - Fax: 02-95704.608 www.rohde-schwarz.com www.rohde-schwarz.it

Rohde & Schwarz Italia (Sede) Via Tiburtina 1095 - 00156 Roma Tel. 06-41598.1 - Fax: 06-41598.308 Ufficio Milano: Via A. Cazzaniga, 63 20064 Gorgonzola (MI) Tel.: 02-95704.644 - Fax: 02-95704.608 www.rohde-schwarz.com www.rohde-schwarz.it

La gamma degli strumenti di misura comprende una serie di strumenti multifunzione (FSH3TV/ETL/ETH/ EFL/DVMS4) che consentono di effettuare tutte le misure necessarie per verificare il corretto funzionamento dei trasmettitori, siano essi analogici che digitali. Tra le ultime novità spiccano: ETC, un compatto analizzatore di segnali DTV dal prezzo molto competitivo; SFC, un modulatore di segnali DVB-T, DVB-S/S2, DAB compatto, il suo gemello con interfaccia USB SFC-U e la nuova linea di analizzatori video/audio per lo standard MHL/HDMI, adottati dai nuovi terminali mobili. Dopo SFU – SFE – SFC – SFC-U, un nuovo prodotto sarà presto presentato al mercato. BTC, Broadcast Test Center, la definizione stessa lascia pochi dubbi sulle potenzialità offerte da questo apparato. Anche la famiglia degli analizzatori DVB è in continuo aggiornamento Hardware e Software (ETL – ETC- ETH – EFL340) hanno ampliato le possibilità di misure con il DVB-T2 Lite. DVMS4 e BC-NETSTATEpermettono agli operatori Broadcast il controllo e monitoraggio di tutta la catena di trasmissione. L’apparato modulare VTC permette l’analisi della qualità Video/Audio su interfacce HDMI – MHL con risoluzione fino al 4K.

Da oltre 50 anni impegnata in un continuo sviluppo tecnologico che l’ha portata ad essere leader mondiale per gli apparati di trasmissione e per gli strumenti di misura, oggi Rohde & Schwarz è tra le più importanti aziende nei settori della strumentazione di misura, comunicazioni radio professionali, monitoraggio dello spettro e radiolocalizzazione, comunicazioni sicure e broadcasting. Il catalogo Rohde & Schwarz comprende trasmettitori per la diffusione di segnali audio (FM, DAB, DAB+, T-DMB) e di segnali TV (TV analogica, DVB-T, DVB-T2, DVB-H, ATSC, MediaFloTM, ISDB-T, DTMB), articolati in tre gamme di potenza, bassa (SR / SLx / XLx), media (NR8000 / SCx / NA / NW8200 / NV8300) ed alta (NV8600 / NW8500 / THU9), in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli operatori. Ma R&S guarda anche intorno al suo core business ed amplia la sua offerta acquisendo aziende di pari livello tecnologico come la DVS, leader nella progettazione e produzione di video server per applicazioni cinematografiche e broadcasting. Venice, Clipster, SpycerBox sono nomi che diventeranno sempre più familiari tra gli operatori broadcasting.

Rover Broadcast Close to its Customers ROVER Broadcast is an complete and reliable solution provider for any Broadcaster. • DVB-S & DVB-S2 MULTISTREAM MODULATORS & RECEIVERS • SFN MULTIREGIONAL REMUX • ASI SEAMLESS SWITCH FOR SFN NETWORKS • RF DVB-S, DVB-S2, DVB-T, DVB-T2 MONITORING & TS ASI/SDI PROBE ANALYZER • VIDEO OVER IP GATEWAY • MPEG-2 AND MPEG-4 Decoders • ASI Splitters, • Multi-standard Network Adapters Rover Instruments BROADCAST ANALYZERS for: DVB-T2 / C2 / S2 & ATSC / ISDB-T / GB20600. • DVB-T2 Multi-PLP, HW Up-gradable to T2 LIGHT • DVB-S2 Single & Multistream • DVB-C2 • ISDB-T, ATSC, GB20600 China opt. • FULL MPEG2 & 4 HD & SD decoder with C.I. & LCN protocol • Real Time Spectrum Analyzer • MER versus CARRIER Meas. • ECHOES, PRE & MICROECHOES Meas. • ASI Input/Output, IPTV • ETR 290 Transport Stream Analyzer opt. • SFN Network Delay Measure opt. • Automatic & Manual “LTE” Filters opt. • Quality coverage Drive test

PRASE ENGINEERING Via Nobel 10 30020 NOVENTA DI PIAVE VE Tel. 0421571411 www.prase.it PROEL Via alla Ruenia 37/43 64027 S. OMERO TE Tel. 086181241 www.proelgroup.com PROFESSIONAL SHOW Via Praimbole 15 35010 LIMENA PD Tel. 0498657111 www.professionalshow.com VEDI BOX a pag. XI PROJECT ITALIA Viale Redi 43 A/B/C 50144 FIRENZE FI Tel. 055352285 www.projectitalia.it PROTEL Via Magellano 3 A/B int. 6 20090 CESANO BOSCONE MI Tel. 0248600265 www.protel.it PROTELCOM Via Giuseppe Mazzini 70/F 20056 TREZZO SULL’ADDA MI Tel. 0290929532 www.protelcom.it PROVIDEO Via L. D'Arcangelo, 3N 74015 MARTINA FRANCA TA Tel. 0966713263 www.pro-video.it

XII B R O A D C A S T

ROHDE & SCHWARZ ITALIA Via A. Cazzaniga 63 20064 GORGONZOLA MI Tel. 02957041 www.rohde-schwarz.com VEDI BOX

PROVIFO Via Montenero 1 89025 ROSARNO RC Tel. 0966713263 www.provifo.it PUMA Via Ampere 6 20080 CISLIANO MI Tel. 023288055 www.pumasrl.it R.V.R. ELETTRONICA Z.I. Roveri - Via Del Fonditore 2/2C 40138 BOLOGNA BO Tel. 0516010506 www.rvr.it RESI INFORMATICA Via Pontina Km 44,044 04011 APRILIA LT Tel. 0692710204 www.resi.it

RO.VE.R LABORATORIES Via Parini 2 25019 SIRMIONE BS Tel. 0309198221 www.roverinstruments.com VEDI BOX

P R O D U C T I O N

ROLAND ITALY V.le delle Industrie 8 20020 ARESE MI Tel. 02937781 www.roland.it ROMANA GRUPPI ELETTROGENI Via Columella 63 00175 ROMA RM Tel. 0676900229 www.romanagruppi.com

RFS ITALIA Viale Campania 65 20900 MONZA MB Tel. 0392148569 www.rfs-italia.it

&

ROHDE & SCHWARZ ITALIA Via Tiburtina 1095 00156 ROMA RM Tel. 06415981 www.rohde-schwarz.com VEDI BOX

RS COMUNICAZIONI Via Capo Bonifati 40 00122 OSTIA LIDO RM Tel. 0645474881 www.rscomunicazioni.com SANDISK - MTRADING Via Cesare Pavese 31 20090 OPERA MI Tel. 0257604435 www.m-trading.it

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROADCAST&PRODUCTION

G U I DA

F O R N I TO R I

SCREEN SERVICE BROADCASTING TECHNOLOGIES Via G. Di Vittorio 17 25125 BRESCIA BS Tel. 0303582225 www.screen.it SEDICOM Via Portuense, 351/B 00149 ROMA RM Tel. 065561283 www.sedicomtech.it VEDI BOX SEMATRON ITALIA Via Mazzini 46 20056 TREZZO SULL’ADDA MI Tel. 0290929189 www.sematronitalia.eu

SIME 2007 Via della Tolda 3 00122 ROMA RM Tel. 0651607446 www.sime2007.it SINCRON-SISTEMI Via Aldo Moro 55 20060 GESSATE MI Tel. 0295384218 www.sincron-sistemi.it SINTEK Via Kennedy 19 20871 VIMERCATE MB Tel. 0396611131 www.sinteksrl.net

SES Via Giulia 68 00186 ROMA RM Tel. 0668806477 www.ses.com

SIRA SISTEMI RADIO Via Senatore Simonetta 26 20867 CAPONAGO MB Tel. 02959611 www.sira.mi.it VEDI BOX a pag. XIV

SI MEDIA Via Costanza 5 31039 RIESE PIO X TV Tel. 0423750075 www.si-media.tv

SIRTE V.le G. Marconi 306 65127 PESCARA PE Tel. 085691444 www.sirte.net

SIELCO Via Toscana 57/59 20090 BUCCINASCO MI Tel. 0245713300 www.sielco.org

SISME SPA Via Adriatica 11 60027 OSIMO STAZIONE AN Tel. 0717819666 www.sisme.com

DIRECTORY

G U I DA

F O R N I TO R I SE DI COM

Via Portuense, 351/B 00149 Roma Tel. +39 06.5561283 Fax. +39 06.5590837

sales@sedicomtech.it www.sedicomtech.it SEDICOM ha acquisito il ramo d’azienda Vector, operativo dal 1986 nella produzione e distribuzione di soluzioni software per la simulazione e progettazione radioelettrica. WinRPT continua ad essere strumento di riferimento per i più importanti operatori TLC e Broadcaster. La soluzione all-in-one per il network planning utilizzata anche da organi istituzionali si arricchisce di moduli per l’archivio e la gestione delle campagne di misura, l’accesso via browser web per la consultazione dei dati, l’ottimizzazione di reti SFN. Ulteriore novità: l’architetture di calcolo parallelo (multi-thread e multi-core).


BROA DC A ST &P RO DUC T I O N

G U I DA

F O R N I TO R I

DI R EC TO RY

G U I DA

F O R N I TO R I

SIRA SISTEMI RADIO

SIS V E L T EC H NO LO GY

Sira Sistemi Radio Srl Via Senatore Simonetta, 26 20867 Caponago (MB) - Italy

Sisvel Technology S.r.l. Via Castagnole, 59 10060 None Torinese (TO), Italy

20867 Caponago (MB)

Phone: +39-011-9904770 Fax: +39-011-9904771

Fax: 02 95740631

info@sisveltech.com www.sisveltechnology.com

info@sitel.it

Davide Ferri: Business Development Manager davide.ferri@sisveltech.com

Sitel srl, da 30 anni nel mercato broadcast garantisce alla clientela un servizio di consulenza che va dalla progettazione dei sistemi di antenna fino alla fornitura. Parabole Slimline e cavi Cellflex RFS, connettori e flangie Spinner, sistemi di fissaggio Fimo.

Via Della Chimica 12

telefono: +39.02.95.96.11 fax: +39.02.95.96.13.11 info@sira.mi.it

www.sira.mi.it LEADER DA 35 ANNI NEL CAMPO DEL BROADCASTING E DELLE TELECOMUNICAZIONI, È PRESENTE IN PIÙ DI 120 PAESI NEL MONDO RAGGIUNGENDO ELEVATISSIMI STANDARD DI QUALITÀ E AFFIDABILITÀ NEI SUOI PRODOTTI.

Sisvel Technology è un’azienda dedicata alla ricerca e sviluppo nel settore ICT e collabora con i principali centri di ricerca pubblici e privati per la realizzazione di soluzioni tecniche innovative e commercialmente valide.

SISVEL TECHNOLOGY Via Castagnole 59 10060 NONE TORINESE TO Tel. 0119904770 www.sisveltechnology.it VEDI BOX

ST MICROELECTRONICS Via Olivetti 2 20864 AGRATE BRIANZA MB Tel. 0396031 www.st.com STAER SISTEMI Via Tiburtina 1266 00131 ROMA RM Tel. 064190407 www.staersistemi.it SUONO TELECOM Via Mazzini 19 25020 FLERO BS Tel. 0302761599 www.suono.com SY.E.S Via Zanella 21 20851 LISSONE MB Tel. 03924321 www.syes.eu TE.DE.S. Via Durando 38 20158 MILANO MI Tel. 023925057 www.tedes.it TDE TECHNO DESIGN ENGINEERING Via dei Calefati 13/C17 01028 ORTE VT Tel. 0761493290 www.tdeitaly.it TEKTRONIX Via XI Febbraio 99 20090 VIMODRONE MI Tel. 02250861 www.tek.com

SITEL Via Della Chimica 12 20867 CAPONAGO MB Tel. 0295743609 www.sitel.it VEDI BOX SM SISTEMI MODULARI DI STILLITANO Via Pasubio 19 20851 LISSONE MB Tel. 039484695 www.s-m.it SOFTWARE CREATION Via Migliara 48 sx, n. 1024 04014 PONTINIA LT Tel. 0773848959 www.softwarecreation.it SONY ITALIA Via Galileo Galilei 40 20092 CINISELLO BALSAMO MI Tel. 02618381 www.sony.it SPACE ITALIA GROUP Via Giacomo Peroni 452 00131 ROMA RM Tel. 0645563200 www.spaceitalia.it

XIV B R O A D C A S T

SITEL

&

P R O D U C T I O N

Tel: 02 95743609 www.sitel-srl.it

TELECOM ITALIA LAB Via G. Reiss Romoli 274 10148 TORINO TO Tel. 0112287569 www.telecomitalialab.com TELECOMUNICAZIONI FERRARA Via Dei Calzolai 156 44036 FRANCOLINO FE Tel. 0532724033 www.telecfe.it TELECOMUNICAZIONI GHISELLINI Via Europa 14 21029 CORGENO DI VERGIATE VA Tel. 0331946989 teleghis@tin.it TELECONSULT Via Provinciale 22/A 29010 CASTELVETRO P.NO PC Tel. 0523823119 www.teleconsult.it TELESPAZIO Via Tiburtina 965 00156 ROMA RM Tel. 0640791 www.telespazio.it TELMEC Località Fioretta s.n.c. 00060 CAPENA RM Tel. 0690380639 www.telmecbroadcasting.com

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BROA DC A ST &P RO DUC T I O N

G U I DA

F O R N I TO R I

TELSAT Via Ezio Vanoni 6 20037 PADERNO DUGNANO MI Tel. 0299048430 www.telsat.it VEDI BOX TEM TELECOMUNICAZIONI ELETTRONICHE MILANO Via Copernico 11 20082 BINASCO MI Tel. 0292270033 www.tem-italy.it TENKA VIDEO Corso Lombardia 156 bis 10149 TORINO 70 Tel. 0114530393 www.tenkavideo.com TRANS AUDIO VIDEO V.le Lincoln 34 81100 CASERTA CE Tel. 0823329970 www.transaudiovideo.it TRANSVIDEO Via Carlo Emery, 53 00188 ROMA RM Tel. 0633624240 www.transvideo.it TRE-D ENG Via Piani Di Monte Savello 24/C 00040 PAVONA RM Tel. 069311178 www.tre-d-eng.it

DI R EC TO RY

G U I DA

VIDEOCINE2000 Via Capranica 16 20131 MILANO MI Tel. 0270602654 www.videocine2000.it

TRENDAUDIO DI SUARDI IVANO Via Donizetti 109 24030 BREMBATE DI SOPRA BG Tel. 035621522 www.trendaudio.com TRIP MULTIMEDIA GROUP P.za della Repubblica 6 20121 MILANO MI Tel. 02632888 www.trip.it TWIN ENGINEERING Via Augusto Valenziani 12 00187 ROMA RM Tel. 3386268536 www.twinengineering.com VETRYA Via Giacomo Peroni 400/402 00131 ROMA RM www.vetrya.it

VIDEOELETTRONIC Via Delle Resede 8 A/B 00171 ROMA RM Tel. 062412255 www.videoelettronic.com VIDEOTELECOM PROJECT Via Dei Fiori 7 15060 BASALUZZO AL Tel. 0143489332 www.videotelecomproject.it VITEC GROUP Via Graziano 32 00165 ROMA RM Tel. 022402267 www.vitecgroup.com

VIDEO COMPANY MULTIMEDIA Via Teulada 79 00195 ROMA RM Tel. 0637501003 www.videocompanymultimedia.com VIDEO PROGETTI Via Cosimo Tornabuoni 21 00166 ROMA RM Tel. 066129641 www.videoprogetti.it VIDEO SIGNAL Via Treves 81 20090 TREZZANO S/N MI Tel. 0248405015 www.videosignal.it VEDI BOX

WORKING EASY Via Lidia 37/39 00179 ROMA RM Tel. 0678851169 www.workingeasy.it XDEVEL SOLUZIONI SOFTWARE Via Sparagonà 1 98028 S.TERESA RIVA ME Tel. 0942793988 www.xdevel.com VEDI BOX

VI DE O S I G NA L

TELSAT

F O R N I TO R I

X DEV E L

telsat Via Ezio Vanoni 6 20037 Paderno Dugnano MI Tel: 02 99048430 Fax: 02 99048312 www.telsat.it - telsat@telsat.it

Un’azienda che, oltre a distribuire a livello nazionale ed internazionale marchi decisamente prestigiosi quali, ad esempio, Plisch, Kathrein, Andrew, Spinner, ecc., è in grado di offrire ai suoi clienti servizi di assistenza e soluzioni chiavi in mano per tutto ciò che riguarda la catena completa del broadcast (dall’headend sino ai sistemi di diffusione), grazie all’altissima professionalità dei suoi uffici tecnici e gestionali.

Sede di Milano: Via Treves, 81 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) Tel. +39 (02) 48405015 Fax +39 (02) 48405016 Contatto: Jole Perlangeli www.videosignal.it Sede di Roma: Via Ines Alfani Tellini, 7 00138 Roma Tel.+39 (06) 8805101 / 88524642 Fax +39 (06) 88524643 Contatto: Alessandro Trezzi

Video Signal rappresenta sin dal 1994 una delle maggiori aziende del settore broadcast per la distribuzione di apparati radio televisivi, rappresentando sul mercato italiano i più prestigiosi marchi internazionali.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3 • B R O A D C A S T

&

Via Sparagonà, 1 98028 S. Teresa di Riva - METel: 0942793988 Fax: 0942797401 info@xdevel.com www.xdevel.com www.streamsolution.it www.earone.it Xdevel è protagonista dell’evoluzione informatica nel settore broadcast italiano da oltre 10 anni, fornendo una gamma completa di software adatta ai broadcasters radiofonici e televisivi, servizi di streaming, applicazioni mobile, siti web e classifiche musicali.

P R O D U C T I O N

XV


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

100 e più buone idee da Las Vegas

(2a parte)

Avete aspettato un poco, ma la pazienza è ora premiata: abbiamo selezionato per voi oltre cinquanta aziende che offrono interessanti soluzioni per il Video e per l’allestimento dello Studio, una decina per l’Audio e una trentina per la Trasmissione (on air e via rete). Una preziosa guida per le vostre prossime scelte tecnologiche VIDEO & STUDIO AJA VIDEO

a video baseband video SDI, permettendo una facile integrazione dei segnali provenienti da computer nella produzione video.

AJA Hi5-4K Mini-Converter fornisce una connessione semplice per monitorare sui nuovi monitor dotati di ingresso HDMI 1.4a i flussi in uscita da dispositivi 4K professionali che utilizzano quattro uscite 3G-SDI. Permette inoltre la conversione 3G/HDSDI/HDMI. AJA ROI Mini-Converter permette invece una conversione di alta qualità e in tempo reale da DVI-D o HDMI

Il nuovo obiettivo zoom compatto Optimo è il primo di una nuova serie di lenti anamorfiche pensate per impieghi squisitamente cinematografici. Il nuovo Optimo Anamorfico è un compatto e leggero 56-152MM 2S (2x squeeze) con una resa

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

ANGENIEUX

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

51


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

“film-like” e una distorsione particolarmente contenuta rispetto ad altre ottiche anamorfiche. Sviluppato sulla base del disegno ottico dell’apprezzatissimo Optimo 28-76 millimetri (SOC award 2012, Academy of Motion Picture Award 2009), il nuovo Anamorfico Optimo 56-152MM 2S combina elementi sferici e cilindrici nello stesso gruppo, conferendo a questa ottica una nitidezza eccezionale e bassa distorsione per un zoom anamorfico. Inoltre, la flessibilità offerta da una escursione zoom 2,7 x è perfetta per comporre inquadrature senza dover spostare avanti e indietro la camera in avanti o indietro. L'obiettivo è estremamente compatto, e pesa solo 2,2 kg. L'Optimo Anamorfico 56-152MM 2S ha innesto PL mount; l’innesto PV è disponibile su richiesta.

ATEME Nota per le soluzioni avanzate di compressione video, Ateme ha ricevuto al NAB il premio STAR della rivista (consorella di B&P) TV Technology per il Kyrion CM5000, un encoder modulare per applicazioni IP e satellitari, con una versatilità unica: singolo o doppio canale, opzione per modulatore incorporato, e il supporto per tutti gli standard ed i profili di compressione video Mpeg-2/Mpeg-4 Il Kyrion CM5000 è stato selezionato per la facilità di utilizzo e la grande qualità: la compressione ottenuta è stata definita "visivamente senza perdita di informazioni".

AUTODESK Nuove funzionalità per la Entertainment Creation Suite 2014. Nuovo workflow, ancora più flessibile, animazioni 3D, effetti visivi e strumenti creativi. Maya, 3ds Max, MotionBuilder, Mudbox, Softimage 2014 e SketchBook Designer sono stati tutti aggiornati all’edizione 2014, più facili e più potenti anche per workflow collaborativi. Pronta la nuova versione Smoke 2013. Nella Ext1 è stato aggiornato il processo in modo da poter controllare hardware Blackmagic Design. In più, migliorati gli strumenti di Trim.

AVID L’evento stampa di Avid è un altro degli “imperdibili”. Si svolge la domenica pomeriggio, è in stile sobrio e spazia con agilità dalle tematiche tecniche a quelle di mercato. Quest’anno l’evento di Avid era particolarmente atteso, visto il recente avvicendamento al timone dell’azienda, con Louis Herndandez a prendere il posto di Gary Greenfield. E, in effetti, le attese non sono andate deluse. La suite Media Composer debutta nella nuova release 7, e guadagna due caratteristiche di rilievo: FrameFlex e la transcodifica di file digitali all’interno di Media Composer. FrameFlex permette di sfruttare nel modo migliore le caratteristiche di elevata risoluzione consentite dalle camere più recenti, scegliendo la porzione di fotogramma che si desidera utilizzare per la risoluzione HD, sfruttando ogni singolo pixel offerto dalla camera. La transcodifica interna elimina la necessità di ricorrere ad un software esterno per effettuare questo passaggio, conservando inoltre tutti i riferimenti temporali ed i link al contenuto originale. Da ricordare anche i migliora-

52 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

menti agli strumenti di editing audio. Il prezzo di Media Composer 7 ha fatto sobbalzare tutti sulla sedia: 999 dollari. Tutto compreso. Interplay è il software di collaborazione di Avid, con il quale più editor possono lavorare allo stesso progetto anche da luoghi diversi. Ad esempio una persona sul set può vedere cosa è stato modificato fino ad ora, e aggiungere in alcuni punti alcune riprese appena effettuate. Questo permette una grande flessibilità, velocità e un deciso miglioramento del workflow complessivo. ProTools 11 è dedicato all’audio. Si tratta di una edizione completamente aggiornata, sviluppata in ambiente a 64 bit utilizzando l’Avid Audio Engine (AAE) che aumenta le prestazioni di elaborazione che consente l'utilizzo di più strumenti virtuali e plug-in. Avid ha incluso in ProTools 11 anche un motore video. Nelle versioni precedenti era necessario importare in ProTools una versione compressa del proprio video: ora invece è possibile riprodurre i formati HD, tra cui Avid DNxHD e MXF HD proprio come si potrebbe fare in Avid Media Composer. L’Offline Bounce è una nuova caratteristica, molto spettacolare da vedere all'opera, che permette il compositing del mix finale “faster than real time”: vi assicuriamo che, visto dal vivo, il sistema lavora ad una velocità impressionante. Fra le novità di Avid ricordiamo anche Avid Motion Graphics 2.5, dedicata alla grafica broadcast, Avid Fast Track Solo and Duo, per una qualità professionale di registrazione mobile con la prima interfaccia Avid compatibile iOS e il video server Avid AirSpeed 5000, che aggiunge ora la possibilità di lavorare anche in slow motion.

AXEL TECHNOLOGY Non solo eccellenti prodotti, ma anche e soprattutto servizi. Anche l’allestimento del proprio stand al NAB conferma la volontà di Axel di proporsi come system integrator per la realizzazione chiavi in mano di studi e sistemi complessi, partendo dalla control room entry-level per arrivare agli studi radio e televisivi più complessi e performanti. Axel spazia praticamente in tutti gli ambiti nei quali un segnale si trova a transitare: dall’automazione al monitoraggio, dai processori ai media asset manager. Venendo a prodotti specifici, segnaliamo Social Hub, una soluzione basata su software che consente di recuperare i messaggi dai social network e gli SMS, organizzandoli per i DJ/presentatori televisivi e/o pubblicandoli istantaneamente a video, con filtraggio di “hashtag” ed eliminazione di termini in “black-list” e di messaggi spam. YouPlay permette il playout di video durante la produzione dal vivo, che si sposa alla perfezione con i workflow tapeless per news contribution dal vivo, talk-show, ed eventi in genere. YouPlay permette di riempire gli schermi di scena o i video wall, con fermi immagini, play/stop e loop di clip video o playlist. L’interfaccia utente è stata progettata per offrire la massima semplicità d’uso, tale da non richiedere l’impiego di personale specializzato.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


BLACKMAGIC DESIGN

“veraâ€?, e per capirlo basta vederla con questo enorme obiettivo (ci indica un’altra teca, voi lo vedete nella foto). Ha un innesto Micro 4/3, con un tiraggio ridottissimo, quindi adattabile a una gran quantitĂ  di obiettivi, PL, EF, e diverse lenti Super 16mm. Il sensore Super 16 FullHD ha 13 stop di dinamica, e la qualitĂ  di immagine è davvero sorprendenteâ€?. La Pocket Cinema Camera registra in high quality lossless CinemaDNG RAW e Apple ProRes in 4:2:2. Le dimensioni ridottissime consentono angoli di ripresa sorprendenti in modo facile ed immediato. Il prezzo è come al solito una specie di miracolo: 785 Euro, da sito BD. Il resto delle novitĂ  non sarebbe da meno, ma certo che questa camera fa davvero venire voglia di prenderla in mano e mettersi a studiare qualche inquadratura. “Da un paio di anni abbiamo focalizzato tutte le nostre energie nello sviluppo di prodotti capaci di stupire chi li usa, e che continuino nel tempo ad essere appaganti da usareâ€? prosegue Westland. Dicevamo, le altre novitĂ : la Cinema Camera è disponibile nel nuovo modello 4K, con global shutter, sensore Super 35mm. e registrazione on-board su dischi SSD rimovibili in formato lossless ProRes. Da noi costa 3.145 Euro. I mixer della serie ATEM Production Studio vengono aggiornati al 4K, e l’intera

Forse il marchio che da diversi anni mostra la maggiore vitalitĂ  dell’intero settore della “bassaâ€? (nel senso di frequenza e di South Lower Hall), fin dagli esordi Blackmagic ha costantemente giocato in attacco, dettando i ritmi dell’innovazione e spesso anche ridefinendo i confini fra le classi di prodotto, non dando mai nulla per scontato e ibridando fra di loro le migliori tecnologie disponibili per ottenere qualcosa che rispondesse a bisogni esistenti in modi completamente nuovi. Quando, lo scorso anno, Blackmagic stupĂŹ il NAB con la propria “Cinema Cameraâ€?, in molti parlarono di “giocattoloâ€?. Ma nella visione Blackmagic la semplicitĂ  e l’immediatezza d’uso non sono sinonimo di povertĂ  realizzativa e progettuale. A riprova, solo un anno dopo, praticamente non vi era produttore di accessori di ripresa (anche di quelli molto blasĂŠ) che non avesse sviluppato una versione dei propri prodotti di punta proprio per la camera di Blackmagic. A riprova che il prodotto “c’èâ€? e i numeri di mercato pure. L’appuntamento con Simon Westland, responsabile vendite EMEA di BD, è ormai uno dei “classiciâ€? delle fiere, e come ogni volta Simon sa trasmettere una visione empatica dei propri prodotti, andando ben al di lĂ  delle specifiche tecniche degli stessi. “Ormai lo sentiamo nell’aria, quando arriviamo alle fiere e iniziamo a montare lo stand negli occhi delle persone che passano si legge una domanda: “che cosa si saranno inventati questa volta?’â€? ridacchia Westland mentre apre una specie di scrigno e ci mostra la Pocket Cinema Camera, uno dei gioiellini di quest’anno. â€œĂˆ piccola, davvero piccola, addirittura piĂš piccola di certi telefoni che oggi vanno per la maggiore. Ma è una camera

A STEP AHEAD IN DIGITAL TELEVISION M-RADIO

HD PROTAB STCOI T SA T V

T V P T IC T V CA O IP

PROFESSIONAL BROADCAST HD ANALYZER for:

M–Radio è la soluzione per ricevere GDVDWHOOLWHLFRQWULEXWLUDGLRIRQLFLSHU i trasmettitori FM.

DVB–T2 / C2 / S2 & ATSC / ISDB–T / GB20600 / J83B

Riceve i segnali DVBS/S2 singolo o multi stream, anche da modulazione aggregata, e permette la ricezione completa dei contributi RDS da satellite.

AUT OM ATIC & FAS T Nuovo Display Touchscreen

10.2�

VIDEO OVER IP GATEWAY APPROVED

16:10

1.500

DOPPI COMANDI ESCLUSIVI:

candele/mq Altissima LuminositĂ 

Incapsulatore /decapsulatore ASI/IP con FRQĂ€JXUD]LRQHVFDODELOHĂ€QRDSRUWH ASI e 2 porte GbE in modalitĂ  main/backup.

MECCANICI Pulsanti diretti e Encoder FULL TOUCH Escludibile

SPETTRO IN TEMPO REALE UĂ&#x160; , +°Ă&#x160;,  Ă&#x160;{qĂ&#x201C;°Ă&#x201C;xäĂ&#x160;< UĂ&#x160; 6 q-Ă&#x201C;Ă&#x160;1/-/, 

Č?

â&#x20AC;&#x153;Nâ&#x20AC;?

Connector

UĂ&#x160; 6 q/Ă&#x201C;q/Ă&#x201C;Ă&#x160;/ Ă&#x160;EĂ&#x160; Ă&#x201C;

IP TV

UĂ&#x160; *Ă&#x160; /" Ă&#x160;-Ă&#x160; *° UĂ&#x160; -Ă&#x160; /" Ă&#x160;*Ă&#x160; *°Ă&#x160; (opt.) UĂ&#x160; */6Ă&#x160; 9< ,

LAN

UĂ&#x160; /°-°Ă&#x160;6 Ă&#x160;-/,   UĂ&#x160; /°-°Ă&#x160;, ",   UĂ&#x160; , "/ Ă&#x160; " /," UĂ&#x160; - *Ă&#x160;EĂ&#x160;//*

UĂ&#x160;  "Ă&#x160;/6 UĂ&#x160;  Ă&#x160;EĂ&#x160;  Ă&#x160;Âł UĂ&#x160; , Ă&#x160;/ Ă&#x160;-* /,1

Č?

â&#x20AC;&#x153;Fâ&#x20AC;?

Connector

DVB-S/S2, DVB-T/T2 MONITORING & ASI PROBE ADVANCED ANALYZER â&#x20AC;&#x201C; MPEG2/4 DECODER

UĂ&#x160;  Ă&#x160;-* /°Ă&#x160; 7/ Ă&#x160;* /1, UĂ&#x160; -Ă&#x160; 

UĂ&#x160; / Ă&#x160; 9--Ă&#x160;EĂ&#x160;/ , UĂ&#x160; /1Ă&#x160;+1/9Ă&#x160; "6 ,

UĂ&#x160; *," ,6 Ă&#x160;/ -/Ă&#x160;-7

OPTIC  Â&#x2021;-/Â&#x2021;-

UĂ&#x160; 6 q/Ă&#x160;- Ă&#x160;

/7", Ă&#x160; 9 Ă&#x160;  S

UĂ&#x160; /,Ă&#x160;£ä£qĂ&#x201C;Â&#x2122;äĂ&#x160;/°-°Ă&#x160; 9< , UĂ&#x160; , ", Ă&#x2030;,  ,

UĂ&#x160; *"7 ,Ă&#x160; / , UĂ&#x160; *"7 ,Ă&#x160;"-UĂ&#x160; *"7 ,Ă&#x160;,* UĂ&#x160; -/Ă&#x160;EĂ&#x160; /6Ă&#x160;-* /Ă&#x160;EĂ&#x160; -

 / ,    

" /",

UĂ&#x160;  *1/Ă&#x2030;"1/*1/

ASI T.S.

DURATA BATTERIA 6 ORE

UĂ&#x160; - q/Ă&#x160;­Ă&#x2C6;Ă&#x2030;nĂ&#x160;<ÂŽq/- q Ă&#x201C;äĂ&#x2C6;ää UĂ&#x160; Ă&#x160;, "

RF IN

Ideale per contribuzione e distribuzione in Unicast e Multicast (IGMP v2 compatibile) su protocolli UDP e RTP.

Supporta FEC SMPTE 2022.2 ed è dotato di un algoritmo di rimozione del Jitter di rete e riordino dei pacchetti che lo rende compatibile alle reti SFN senza bisogno di post-processing dello stream.

GPS

UĂ&#x160; *"-/" Ă&#x160; UĂ&#x160; £äĂ&#x160; < Ă&#x160;EĂ&#x160;ÂŁĂ&#x160;**UĂ&#x160; *-Ă&#x160; / Ă&#x160;+1/9Ă&#x160;/ -/

Â&#x2021; Monitoraggio paramentri di rete Broadcast MFN e SFN. Â&#x2021; Visualizzazione contenuto video da remoto. Â&#x2021; Rilevazione dei parametri di qualitĂ .

Â&#x2021; Monitoraggio del template del Transport Stream. Â&#x2021; 9HULĂ&#x20AC;FDGHLULWDUGLGLUHWH e controllo Jitter di rete.

529(5/DERUDWRULHV6S$9LD3DULQL6LUPLRQH %6 ,7$/<Â&#x2021;WHOÂ&#x2021;)$;Â&#x2021;LQIR#URYHULQVWUXPHQWVFRPÂ&#x2021;ZZZURYHULQVWUXPHQWVFRP

10.07

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

â&#x20AC;˘

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

53


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

gamma dei prodotti Blackmagic dispone di almeno una versione in grado di lavorare con questa risoluzione. SmartScope Duo, un doppio monitor da rack permette ora un accurato monitoraggio della forma d'onda su grandi schermi LCD da 8 pollici, e permette di avere fianco a fianco una qualsiasi combinazione di video e di monitoraggio della forma d'onda. DaVinci Resolve è arrivato alla versione 10. Novità anche per l’audio: Blackmagic Audio Monitor permette un monitoraggio audio di alta qualità. In una sola unità rack troviamo un doppio subwoofer e altoparlanti principali a gamma estesa, pilotati da un potente amplificatore in classe A/B. Gli ingressi sono 6G-SDI, audio analogico (bilanciato XLR) e digitale (bilanciato AES/EBU) e RCA. Il pannello frontale ha un VUmeter a più colori, molto visibile, ma anche un piccolo display LCD per il monitoraggio di sorgenti video. Sul retro troviamo anche una uscita HDMI per il monitoraggio dei segnali fino al 4K su schermi di dimensioni maggiori.

BLT ITALIA Allo stand di BLT incontriamo l’instancabile Alfredo Bartelletti, una delle anime tecniche dell’azienda fondata dal padre Leonardo, e che da poco è diventato Chairman della sezione italiana della SMPTE. I video server sono apparecchiature che, viste da fuori, si presentano più o meno allo stesso modo da molto tempo, ci dice, ma “dentro” la tecnologia sta evolvendo ad una velocità impressionante, per tenere costantemente il passo con il ritmo vulcanico delle innovazioni che si susseguono dal punto di vista delle attrezzature di ripresa, dei nuovi formati, e per la necessità dei broadcaster di spettacolarizzare al massimo il prodotto per garantire un coinvolgimento sempre maggiore dello spettatore. In America lo chiamano “Wow-factor”, e i video server della catena di produzione e messa in onda sono il cinematismo fondamentale per assicurare i risultati che tengono lo spettatore incollato alla poltrona. Da sempre in prima linea al fianco delle produzioni di punta, BLT ha sviluppato una eccellente capacità di “capire” le evoluzioni dei workflow e di sviluppare di conseguenza nuovi prodotti e nuove funzionalità. È una azienda a dimensione “umana”, ma se la gioca alla pari fra i primi (primissimi) della classe. SMS-400HD è un video server 4 canali HDTV (3 ingressi, 1 uscita) con registrazione simultanea alla capacità di riproduzione, con accesso random e non lineare e dotato di interfaccia nativa ad alta velocità per la cattura Super Slow Motion con camere fino a velocità tripla. SMS-220HD è invece un due canali HDTV (1 ingresso, 1 uscita) con la medesima piattaforma hardware e le stesse funzionalità dell’SMS-400HD. La compressione video JPEG2000 interna dei server SMS-400HD SMS-220HD è full intra field 4:2:2 a 10bit, senza artefatti dovuti al motion e con accesso istantaneo a ogni singolo fotogramma. WDR Teca è il software di controllo da video client per la navigazione visiva delle clip, la creazione di data base e la gestione dei diversi strumenti di registrazione per i server BLT.

54 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

BLUESHAPE Il costruttore italiano noto per i battery pack propone una gamma completa di batterie, con diverse capacità e diversa chimica della cella. Dai più grandi pack a 12 A, fino a 9 A, e ai più piccoli a 7 A. La novità Blueshape è una batteria molto sottile, è il capostipite della nuova serie “Granite”: l’assemblaggio interno viene modificato per renderle più resistente agli urti, la plastica dei case viene cambiata, lo spessore è maggiorato di un millimetro e la qualità è migliore. Tutte le batterie Blueshape verranno aggiornate alla serie Granite. Rispetto alle serie attuali confermati invece le potenze, le versioni (rossa e blu) e le celle che sono e rimangono di produzione giapponese. Presentata una piccola batteria dedicata alle camere Blackmagic Design, ma il prodotto più importante di questa fiera è la Power Station, un convertitore regolato che alimenta varie utenze attingendo da una o più batterie massimizzando la versatilità e l’efficienza di conversione. L’alimentazione si conserva anche durante la sostituzione di una o più batterie per consentire una operatività ininterrotta anche durante le sessioni di ripresa più prolungate.

CANON Lo stand Canon esprime salute ed ottimismo. Elegante e raffinato, era come di consueto declinato nei colori sociali della Casa giapponese e con un design lineare ed efficace, che utilizzava la luce come un elemento per generare linee e riferimenti. Il focus del NAB 2013 di Canon è sicuramente l'acquisizione ed il broadcasting 4K. Il grande teatro permetteva di apprezzare in pieno i benefici consentiti dalle attrezzature e dagli apparati Canon. Efficacemente distribuita nelle diverse aree dello stand la linea completa di apparecchiature di imaging ad alta definizione professionale per il cinema, la produzione televisiva, la creazione di contenuti video e la fotografia. Canon ha annunciato il nuovo firmware e gli aggiornamenti del software applicativo per le camere del Sistema EOS, che per i modelli C300 consentiranno in particolare una nuova modalità di registrazione 1.440x1.080 pixel a 35 Mb/s. Si arricchisce la famiglia di ottiche Canon Prime per impieghi cinematografici, con il nuovo obiettivo a focale fissa 35mm che si inserisce opportunamente a colmare il precedente “salto” fra le focali 24mm e 50mm della medesima linea Prime Cinema con innesto EF, che comprende ora sei modelli: oltre ai citati 24, 35 e 50 mm sono disponibili l’ultra grandangolare 14mm, il medio tele 85mm ed il tele 135mm. Offerte a prezzi competitivi, le ottiche Prime Cinema sono adatte anche alle produzioni 4K. Le nuove camere HD Canon XA25 e XA20 sono dotate di un obiettivo zoom 20x, registrazione simultanea MPEG-4 e AVCHD, un display touch OLED da 3,5 pollici e connettività wireless per trasferire direttamente i contenuti acquisiti o per il controllo da

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


5DGL R  79 6\VW HPV )U RP VW XGL R W R W U DQVPL W W HU   ' 0 RI I HU V 7XU QNH\ VRO XW L RQV I RU  5DGL R DQG 79 VW DW L RQV

6\VW HP , QW HJU DW L RQ ' 0 GHVL JQV  DVVHPEO HV  W HVW V DQG L QVW DO O V 5DGL R DQG 79 V\VW HPV I U RP VW XGL R W R W U DQVPL VVL RQ VL W H

, QVW DO O DW L RQ  7U DL QL QJ

7KDQNV W R L W V KL JKO \ TXDO L I L HG VW DI I   ' 0 RI I HU V \RX RQ VL W H L QVW DO O DW L RQ DQG W U DL QL QJ HYHU \ZKHU H

3DU W QHU  RI

' 0 %U RDGFDVW  (QJL QHHU L QJ 6 U  O  9L D GHO O D &RRSHU D]L RQH   %  6DQ 3L HW U R L Q &DV DO H %2

   , W DO \  3K      )D[    L QI R#GPEU RDGFDVW  L W    ZZZ GPEU RDGFDVW  L W


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

remoto. Entrambi i modelli pesano solo 2,6 kg, compreso lo stabilizzatore ottico, di serie per entrambi i modelli. Assicurano una eccezionale qualità delle immagini anche in condizioni di scarsa luminosità, grazie anche al nuovo sensore CMOS HD da 1/2.84” ad alta sensibilità (2,91 megapixel) e al nuovo processore d'immagine Canon DIGIC DV 4.

CARL ZEISS Versatili, flessibili e ancora più piccoli e maneggevoli i nuovi obiettivi zoom Carl Zeiss della serie Compact. Attesissimo al NAB il nuovo 28-80/T2.9, che affianca nella medesima serie il 70200/T2.9. In vetrina anche l’intero portfolio di lenti per camere DSLR, 13 lunghezze focali con innesto F-mount e 12 per innesto EF. Ricordiamo il nuovo ultra grandangolare Distagon T* 2,8/15, e il nuovo tele Apo-Sonnar T* 2/135, e la speciale Bundle da 5 lenti che copre la gamma da 21 a 85 millimetri.

CISCO Ancora protagoniste le soluzioni Videoscape Unity, che combinano la potenza della rete, il cloud ed elementi client. Videoscape trasforma in opportunità i problemi legati alla distribuzione di contenuti video multiscreen con codifica adaptive bit rate adaptive. In demo anche i sistemi di codifica High Efficiency Video Coding (HEVC) e Videoscape Unity Cloud, che mette a disposizione di tutte le strutture aziendali la potenza di calcolo di macchine in cloud pubblica o privata, allocando le risorse quando necessario, con un ottimizzazione delle infrastrutture.

DALET La nuova versione dell’editor Onecut nasce per la convergenza multimediale e per i workflow a ritmo serrato. Dalet Onecut è stato concepito come un editor multimediale per contenuti radio, TV, internet e per dispositivi mobili. Intuitivo ed agile, Onecut è stato progettato per la migliore usabilità nella produzione veloce di notizie, sport, e per molte altre attività come il compliance editing; presenta caratteristiche che lo rendono adatto sia per il principiante che per l’operatore esperto.

DEKTEC Il nuovo DTU-351 permette la cattura di segnali HD-SDI tramite interfaccia USB-3. Molto apprezzato al NAB, come tutti i prodotti Dektec anche il DTU-351 ha un prezzo sorprendente per le funzionalità offerte. Il segnale HD-SDI viene acquisito integralmente, in modo che le applicazioni abbiano accesso a tutti i 16 canali audio e a tutti i pacchetti HANC e VANC. Il DTU351 è alimentato attraverso la connessione USB, e in abbinamento con il

56 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

software SdEye diventa un potente analizzatore di forme d’onda.

DE SISTI LIGHTING DeSisti ha riprogettato l'ottica sulla linea di apparecchi fluorescenti Delux. L'angolo del fascio sul riflettore diminuisce da 70 gradi a 55 gradi, permettendo una emissione luminosa del 30% superiore. Confermato il campo molto ampio, ma ora il fascio risulta più direzionale, permettendo un maggiore controllo. Disponibili in versione non-dim, phase-dim e DMX.

DIGITAL RAPIDS Nuove e potenti funzionalità per il Transcode Manager 2.0: efficienza e agilità senza pari per le applicazioni di produzione, archiviazione e distribuzione multischermo. Il nuovo StreamZ live 8000EX effettua la codifica simultanea MPEG-2 per applicazioni broadcast e H.264 multi-formato per lo streaming multischermo con adaptive bit rate. Disponibile poi una nuova versione del software per il versatile StreamZHD multiformato, un sistema di codifica dal vivo e file-based.

EMC ISILON Con il supporto per dischi da 4 terabyte recentemente annunciato per le serie NL e X, le soluzioni di archiviazione NAS offrono ora una capacità fino a 20 petabyte in un unico volume: +33% di capacità utilizzando il 30% di energia in meno per rack. Rimangono inalterati i punti di forza: facilità d'uso, scalabilità, prestazioni, gestione automatizzata e le eccellenti capacità di ripristino: EMC Isilon offre una maggiore capacità di recupero con tempi di ricostruzione dell'unità più veloci, una protezione dei dati superiore ed una efficienza energetica ai massimi livelli.

ENVIVIO Il nuovo Halo Experience Server è pensato per personalizzare e migliorare l'esperienza utente multi-schermo senza richiedere modifiche complesse per l'infrastruttura video esistente. Consente di creare contenuti altamente personalizzati con grande facilità, anche agli operatori che non pensavano di avere la struttura per affrontare queste dimensioni del mercato. Halo Experience facilita le applicazioni avanzate, tra cui la TV differita e DVR, l’inserimento di pubblicità mirata, ed una forte esperienza social.

ETERE Il newsroom Nunzio consente di sviluppare una storia dall'idea iniziale fino alla messa in onda. Con Nunzio si può lavorare meglio e più velocemente, grazie ad un sistema unificato con piene capacità di NRCS, integrazione per l'editing video, editing veloci con voci fuori campo e storie virtuali. Etere Workflow organizza le attività delle risorse e automatizza tutti i processi, rappresentando una la soluzione end-to-end per la gestione ottimizzata del workflow, dall’ingest al playout automatizzato.

EVS LSM Connect è il nuovo e potente strumento di EVS per la gestione di contenuti avanzati e di playlist. Non cercatela su un computer: è una App per tablet! La nuova soluzione, che amplia il portafoglio di prodotti di EVS Sports, è una opzione al sistema MulticamLSM. Nano Air è invece un nuovo controller per il software di playout dedicato agli studi televisivi e all’on stage. In combinazione con il server standard EVS XSnano si integra perfettamente in ogni workflow basato su file e offre funzionalità di playout multicanale affidabili e a costo competitivo. Nano Air per-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

mette la riproduzione simultanea fino a quattro canali HD o SD dal server XSnano. EVS ha inoltre presentato nuove soluzioni per arricchire le possibilità offerte dalla propria famiglia di server XT3 e una nuova gamma di software per la produzione remota web-based che sfruttano le potenzialità offerte dalla tecnologia di connettività C-Cast e che rendono immediatamente disponibili i contenuti live su più workflow integrati per elaborazioni ed effetti che consentano di rendere il proprio prodotto visibilmente unico.

FISCHER CONNECTORS Presentata al NAB la nuova linea di connettori per fibra ottica progettati per essere impiegati in ogni ambiente senza introdurre alcuna degradazione del segnale. Consentono un facile accesso alle ghiere e quindi una facile pulizia. In dimostrazione inoltre la Fischer MiniMax, un push-pull di interconnessione per i dispositivi più piccoli oggi disponibili.

gestione ma i consueti, elevati, livelli di robustezza e affidabilità. Progettati per l’impiego in varie applicazioni multimediali digitali, diversi server NEXIO Volt possono essere collegati a un sistema di storage condiviso NEXIO creando sistemi con centinaia di canali.

HITACHI KOKUSAI ELECTRIC Nuove camere alto di gamma: la SK-HD2200 è una camera HD da studio e per OB-van con il nuovo sensore 2/3” 1080/60p (scansione progressiva); la HD6000-Z CMOS è invece un modello da studio, che include il nuovo sensore 2/3” CMOS. La SK-HD1500 è una camera per slow-motion HDTV, la compatta HV-HD33 con il suo “cuore” 3-MOS, la SK-HD1200 è la versione palmare della SK-HD2200, in grado di acquisire tre immagini (R, G, B) a 2,3 milioni di pixel dal sensore CCD Uait a scansione progressiva (1080 linee).

HITACHI DATA SYSTEMS FOR-A FT-ONE è la prima camera progettata per l'acquisizione superslow-motion a risoluzione 4K fino a 900 fotogrammi al secondo (fps), con sensore global shutter CMOS e memoria interna per 10 secondi di ripresa a 900 fps. Il nuovo video switcher HANABI HVS-390HS sarà disponibile in configurazione 1M/E o 2M/E. Più potente e più facile da usare, conserva tutte le funzionalità della serie HVS-300. Nuova anche digiStorm, una soluzione offerta da FOR-A e Brainstorm Multimedia che facilita la messa in onda di grafica e studi virtuali.

FUJINON Due nuovi obiettivi al centro dell’attenzione: il Premier PL 1428mm Cabrio, un grandangolare T2.9 per close-up, ENG le riprese “Cine-style”. Secondo Fujinon l’obiettivo “offre prestazioni ottiche eccezionali sia al centro dell'immagine che agli angoli del fotogramma”. Il nuovo teleobiettivo HDTV XA55x9.5 è progettato per ambienti di grandi dimensioni che richiedono inquadrature da lunghe distanze, con stabilizzatore ottico dell’immagine staffa di supporto per montaggio su camere ENG.

I prodotti Hitachi NAS Platform (HNAS) permettono di archiviare e gestire gli effetti visivi più complessi, garantiscono elevate prestazioni ed eliminano i colli di bottiglia, permettendo a operatori media e società di intrattenimento di concentrarsi su ciò che sanno fare meglio: lo sviluppo creativo, produzione, post-produzione, transcodifica e la distribuzione. Le soluzioni HNAS costituiscono la base per una infrastruttura scalabile e flessibile che protegge gli investimenti nel futuro.

IKEGAMI Ikegami e ARRI annunciato congiuntamente la disponibilità di un nuovo sistema di telecamere all'avanguardia: l'HDK-97ARRI, una camera di produzione broadcast con il “flavour” del cinema digitale. Sviluppata attorno al sensore ARRI CMOS Super 35 mm e alla sua apprezzata elettronica, questa camera garantisce una resa del colore naturale, una gamma dinamica eccezionale e framerate progressivi come 23,98. Cui si aggiungono caratteristiche spiccatamente broadcast, come la connessione ibrida rame/fibra SMPTE fino a 2 km.

IPV HARRIS Il cambio di proprietà non ha penalizzato la vivacità dell’azienda americana, che al NAB ha presentato una serie impressionante di nuovi prodotti e di importanti aggiornamenti a prodotti già sul mercato. I router della serie Platinum IP3 si spingono ora fino ad oltre il formato 2000 ingressi x 2000 uscite, integrando la gestione di vari formati video, routing audio, funzionalità multiviewer, mux/demux e opzioni avanzate di I/O (come MADI, fibra e sync frame). Il channel-in-a-box Versio viene definito “la soluzione più completa per aiutare i clienti a lanciare rapidamente, ampliare e gestire i propri canali”. La famiglia di trasmettitori VHF FM Flexiva per emissioni analogiche e digitali si espande con quattro nuovi modelli di bassa potenza (50, 150, 300 e 500 W), mentre all’estremo superiore si conferma il modello da 40 kW. La seconda generazione del media server integrato NEXIO Volt fornisce fino a 4 canali bidirezionali SD / HD in un telaio 1RU con ridotti costi di

58 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Un media asset management di produzione per aumentare l'efficienza degli strumenti di collaborazione, ottimizzare l'uso e la gestione dei contenuti, rispondere rapidamente alle richieste, definire e gestire i metadati. L’IPV Metadata Central rende facile e immediata l’aggregazione, il controllo e la review dinamica dei metadati contenuti in molteplici fonti di produzione. L’IPV Process Engine aggiunge la capacità di progettare, gestire e memorizzare i workflow utilizzando uno strumento desktop intuitivo.

JVC JVC ha rilasciato un aggiornamento software per le apprezzate camere HM650. Collegando alla camera un modem USB 3G/4G, la nuova versione 2.0 consente di trasmettere in tempo reale le immagini HD riprese dalla camera, registrando al contempo in FullHD sulle schede SD inserite a bordo. Il design esclusivo a doppio codec della GY-HM650 per-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


mette inoltre di utilizzare il sistema FTP e la connettività Wi-Fi integrati nella camera per effettuare trasferimenti di file in background mentre gli operatori proseguono a riprendere e registrare altri filmati. La camera supporta lo streaming video in diretta nei formati 1080i, 720p, e a diverse risoluzioni inferiori per adattarsi alle effettive capacità della rete. Sul fronte monitor registriamo il nuovo LCD PS-840UD ProVérité 4K da 84 pollici, con una risoluzione nativa di 3840x2160 e capacità di visualizzazione 60p. Il pannello LCD IPS supporta una frequenza di aggiornamento di 120Hz con una profondità del colore a 10 bit. Nuovo anche il GM-552DU, un LCD full HD da 55 pollici progettato per funzionamento continuo 24/7.

KIT DIGITAL Nuovo sistema di personalizzazione PerSys, che si abbina al VOD Store di KITd. PerSys classifica i contenuti video in base alle preferenze individuali dei consumatori e permette di offrire suggerimenti mirati incrementando quindi le potenziali revenues. La soluzione VOD Store comprende inoltre strumenti di packaging e di pricing, ed è costruita sulla piattaforma video Cosmos, un sistema di gestione dei contenuti video broadcastoriented per la consegna multischermo che supporta varie piattaforme.

LEMO Dimostrazione dal vivo dell’HD-Z Link, un sistema di camera link in fibra ottica che permette connessioni multicanale video e audio “camera style” e di controllare camere da studio e camcor-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

der su un singolo cavo ibrido, utilizzando gli apprezzati connettori LEMO 3K .93C. L'utilizzo della fibra ottica a banda larga e il multiplexing di numerosi segnali bidirezionali audio, video , Talkback e dati garantiscono il controllo totale della camera. Inoltre, la completa gamma di connettori HDTV Connettori, Media Converter, e le soluzioni per la manutenzione, la pulizia e la riparazione in campo di cavi in fibra ottica.

LIVE U LU² di LiveU è una soluzione modulare che permette di sfruttare al meglio ogni risorsa messa a disposizione dalle reti cellulari disponibili sul posto. Tramite la combinazione di due unità LiveU è possibile disporre di una maggiore banda uplink oppure di una migliore affidabilità della connessione. La prima implementazione, il LU40², combina due unità LU40-S in uno zaino leggero (meno di 2 kg, comprese le batterie), che fornisce fino a 12 connessioni ed è controllabile da remoto con uno smartphone, per una completa flessibilità on-the-move.

LUPOLUX Bastava passare davanti allo spazio di Lupolux (non lo chiamiamo “stand” di proposito, e fra un attimo ne sarà chiara la ragione) per capire che, là, si

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

59


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

parlava di cinema. Anche il design ha il suo linguaggio e la propria semantica, e uno dei modi più belli e affascinanti di disegnare è attraverso la luce. Allo spazio Lupolux la luce scolpiva certe parti e ne sfumava altre, avvolgendole tutte . Per una azienda che produce illuminatori è di certo un eccellente (nonché intelligente) biglietto da visita. Andrea Lupo ci ha parlato della gamma attuale. “A partire dall'ingresso nel mercato dell'illuminazione professionale, Lupolux ha presentato numerose novità per il settore video e broadcast, tra cui gli illuminatori in fibra di carbonio con alimentazione elettronica integrata. La gamma Lupolux è ora aumentata, con una serie completa di illuminatori LED che garantiscono l'ottimizzazione del consumo energetico e la riduzione delle spese per la climatizzazione. L'illuminazione a LED garantisce una luce morbida, ideale per le riprese fotografiche, cinema, video e l'allestimento di studi televisivi di tutte le dimensioni. Tutti gli illuminatori a LED della gamma Lupolux sono equipaggiati con LED ad alta resa cromatica e potenza elevata”. I prodotti della gamma LED Lupolux hanno dimmer 0-100 integrato senza variazione della temperatura di colore, possibilità di controllo in DMX e possibilità di alimentazione tramite batterie al litio 14 V. I modelli di maggiore successo sono due: Il Dayled 650 (DAL 02) è un illuminatore a LED con lente di Fresnel da 120 mm e meccanismo per ottenere luce diffusa o spot, alimentato da un Powerled da 50 W che genera una emissione luminosa pari a 650 W. La costruzione, leggerissima, è in fibra di carbonio, ed è dotato inoltre di quattro alette rotanti. La temperatura di colore è a scelta 5600 K o 3200 K. Il peso complessivo è di 2,5 kg. Il Dayled 1000 (DAL 04) ha le medesime caratteristiche, ma può contare su un “cuore” Powerled da 90 W che garantisce una emissione luminosa pari a 1000 W. La lente di Fresnel è da 150 mm, ed il peso è di 3,5 kg. Sia il Dayled 650 che il Dayled 1000 sono utilizzabile sul set con alimentazione a rete o batteria. In particolare, possono essere alimentati con batterie al litio con innesto standard v-lock, per una operatività fino a 2-3 ore.

LYNX Orgogliosamente progettati e costruiti in Germania, i prodotti Lynx spaziano dagli apparati da studio della serie 5000, basati su telai che integrano le prestazioni di più schede, e dalla fortunata serie di apparati self-standing “Yellobrik”, riconoscibili per la vivace colorazione gialla. Caratteristica della serie Yellobrik è avere tutti i controlli utente sono situati sulla parte superiore del modulo chiaramente etichettato e facilmente accessibile. Questo facilita semplici modifiche alla funzione e configurazione del modulo senza fare riferimento a un manuale. James Merchant, direttore vendite EMEA di Lynx ci ha presentato le tre principali novità esposte al NAB. Il CDH 1813 della serie Yellobrik è un versatile convertitore 3G-SDI/HDMI con ingressi ed uscite SDI in cavo ed in fibra. Dal segnale video in ingresso possono essere estratti due specifici canali di audio, che si ritroveranno sotto forma di uscita digitale AES o analogica, come pure incorporati nel segnale in uscita HDMI, che può inoltre ricevere otto canali prelevati dal segnale in ingresso (canali 1-8

60 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

o 9-16). “Gli Yellobrik sono utilizzabili ‘senza bisogno di manuali’ -dice Merchant - ma la nuova yelloGUI vi piacerà, vedrete”. yelloGUI è una nuova applicazione software che permette di controllare e configurare diversi Yellobrik via USB con un PC. Gli yellobrik sono tipicamente controllati tramite i selettori rotativi ed i dip-switch sul pannello superiore, ma con yelloGUI gli utenti possono ora accedere a un maggiore livello di controllo e di configurazione per le funzioni e impostazioni avanzate degli Yellobrik. L'interfaccia utente yelloGUI, come i moduli yellobrik, è stato progettato per essere semplice e intuitivo: una volta che il modulo è collegato, viene visualizzata un'immagine virtuale del modulo che mostra all'utente tutti gli interruttori, i controlli e gli indicatori del modulo. yelloGUI visualizza anche le informazioni di stato come il formato rilevato video, la risoluzione di uscita HDMI e la frequenza, nonché i segnali audio. Impostazioni del modulo possono essere modificati con un semplice clic del mouse. Il flusso del segnale all'interno dello Yellobrik viene visualizzata graficamente e dinamicamente cambia quando si modifica un'impostazione. yelloGUI è disponibile come download gratuito dal sito web di Lynx Technik. Venendo alla Serie 5000, la nuova scheda PVD 5840 è una frame sync a due canali con audio e Image Processing. Il modulo base è un singolo canale multi-formato con quattro canali di uscita, ciascuno con un proprio processore video ed embedder audio. La configurazione completa viene raggiunta attivando appositi codici di licenza. Le risorse di elaborazione delle immagini comprendono due canali ARC, due canali di riduzione del rumore e due canali di correzione colore RGB. Ampie anche le capacità di elaborazione audio sono ampie, e includono la sincronizzazione DolbyE e la gestione di più ritardi regolabili dall'utente. Disponibili anche ingressi ed uscite in fibra con supporto CWDM con 18 lunghezze d'onda selezionabili.

MATROX Una vera ondata di novità da questo marchio molto attivo nel settore del video professionale. Matrox Monarch HD è un piccolo e semplice sistema che permette di effettuare contemporaneamente la registrazione di un video ad elevata qualità (Blu-ray) e lo streaming del medesimo contenuto, fornendo quindi due canali di distribuzione indipendenti in un'unità integrata. Matrox Monarch HD genera un flusso con codifica H.264 compatibile con il protocollo RTSP o RTMP, e può essere comandato a distanza utilizzando qualsiasi computer o dispositivo mobile dotato di un browser web. Mojito 4K è una scheda video 4K compatibile con gli strumenti di editing Adobe; consente il monitoraggio e la produzione di filmati video in tempo reale con risoluzione fino a 4096 x 2160 e con frame rate fino a 60 fps (4Kp60). Un prodotto con analoghe prestazioni è disponibile anche per la famiglia di schede destinate ad impieghi OEM (DSX LE3 4K).

MIRANDA Forte della propria posizione nella famiglia Belden, Miranda ha dimostrato al NAB 2013 una completa serie di soluzioni endto-end, partendo dall’OB-Van e fino alle sale di controllo, passando per i playout. Sono disponibili opzioni 4K per i multiviewer, gli apparati di monitoraggio ed i router NVISION. Per la serie NV8500 disponibile ora una nuova scheda frame sync a otto ingressi, in grado di sincronizzare fino a otto segnali diversi. Disponibili anche i nuovi pannelli multifunzione

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

NV9648 e NV9649, in grado di emulare i pannelli di controllo di numerosi altri costruttori.

MOVIE ENGINEERING Se certi problemi a volte appaiono semplici, e soprattutto semplici da risolvere, tipicamente è perché qualcuno si è impegnato a trovare una soluzione brillante per trasformare un problema in una opportunità. Pensiamo a come movimentare una camera da ripresa. Non quando è spenta, ma mentre le ripresa è in corso: quando cioè gli occhi dell’intera audience sono puntati su cosa sta accadendo in quello specialissimo attimo di quel particolare evento. Oppure quando la concentrazione del regista e degli attori è massima e stanno per girare quella particolarissima scena alla luce di un tramonto che si verifica in quel modo solo una volta l’anno. Non si può sbagliare, è ovvio. Movie Engineering è una di quelle aziende che per il grande pubblico sono “invisibili”, ma i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. Filo Via, ad esempio, è il carrello motorizzato wireless che si muove seguendo il tracciato definito da un nastro magnetico sottilissimo, che può essere verniciato, ricoperto o nascosto. Filo Via viaggia a 1 m/s (3,6 km/h, poco meno della velocità del passo umano), può sterzare (raggio minimo 1,3 m), sono possibili percorsi multipli che si intersecano e la cui scelta può essere comandata di volta in volta dall’operatore. Filo Via ha un centro ottico minimo bassissimo a 50 cm, ma tramite colonne telescopiche può arrivare a 175 cm. Porta fino a 25 kg e le batterie durano in media 6 ore. Vi possono inoltre essere applicati accessori anche remotati (come teste EasyCams a due o tre assi, colonne telescopiche, ragni livellatori, attacchi di montaggio, ...). Ricordiamo poi anche la piattaforma remotata wireless “floor dolly” Free Way. Predisposta con innesto universale Movie Engineering (compatibile con i più diffusi attacchi sul mercato), grazie alla efficiente motorizzazione e alla precisa gestione dello sterzo Free Way è in grado di muoversi liberamente nello spazio e di percorrere una circonferenza di diametro minimo 125 cm. Il comando operatore è a joystick, il carico utile massimo è di 50 kg, la velocità è di 1,1 m/s e la durata media delle batterie è di 6 ore.

Music Master viene definito dal produttore “il music scheduler creato dai programmatori radiofonici per i programmatori radiofonici”, e viene continuamente aggiornato grazie ad un flusso costante di idee che vengono inviate tutti i giorni dalle molte persone che usano il sistema nei quattro angoli del mondo. Per questo motivo MusicMaster è definito un software “crowd-sourced”. MusicMaster è multi-tasking, e può aprire molte finestre diverse all'interno del programma. Si può anche aprire il programma in diverse finestre singole, in modo da poter elementi da una all'altra con un semplice drag-and-drop: ad esempio è possibile creare un “programma” speciale solo trascinando le canzoni dalla libreria nel programma. MusicMaster è multi-utente: la base dati può essere condivisa sulla rete aziendale, in modo che più persone possano lavorare nel sistema, contemporaneamente. MusicMaster ha un avanzatissimo sistema di interfaccia, e può esportare i log verso qualsiasi sistema di automazione, dialogare col sistema di gestione del traffico, e anche effettuare riconciliazioni in MusicMaster dal sistema di automazione, anche il giorno successivo. In sostanza, se un sistema esterno dispone di un modo per interfacciarsi ad esso, MusicMaster ci si può collegare. La Biblioteca Training di Music Master contiene procedure dettagliate in forma sintetica ed in forma estesa (webinar) su tutti gli aspetti del programma. Dalle “pillole” di due minuti alle istruzioni complete su procedimenti complessi in soli 15 minuti.

NETAPP Diverse aziende dei media di tutto il mondo utilizzano le infrastrutture NetApp per supportare i workflow anche mission-critical nel proprio lavoro di tutti i giorni, e sanno di potervi fare affidamento: NetApp ha contribuito al Technical Emmy 2012 assegnato alla CBS Worldwide Distribution. Ma lo sguardo era rivolto al futuro, e l’accento era sulla flessibilità e sull'agilità che può consentire una infrastruttura per la gestione di contenuti in grado di supportare con la massima “apertura” i workflow più attuali e i continui aggiornamenti richiesti dai nuovi modelli di business.

MOVIRI ContentWise, il motore di raccomandazione multimediale digitale che ha dimostrato di aumentare le vendite di VoD e Live tv presso diversi fornitori di servizi internazionali, ha presentato la propria ultima versione, ContentWise V4.4. Con un nuovo modulo Insight analytics, uno strumento specializzato di pianificazione contenuti, un nuovo algoritmo ibrido e un layout di raccomandazione migliore ContentWise fornisce agli operatori una soluzione scalabile e robusta per la scoperta dei contenuti, di facile integrazione con i servizi video interattivi.

NEVION

MUSIC MASTER

Sotto i riflettori il nuovo VideoIPath, la soluzione multimediale che comprende trasporto, elaborazione e monitoraggio dei segnali per la gestione completa ma snella dei servizi media. Insieme alle collaudate soluzioni hardware per il trasporto di Nevion, VideoIPath completa la soluzione Nevion per le reti multimediali che comprendono servizi di provisioning, la gestione delle connessioni, l’analisi del servizio, il network inventory e l’ottimizzazione delle performance di gestione, dalla piccole reti di trasmissione fino ai grandi service provider.

“Non fare affidamento sul passato, quando si può sperimentare il futuro. MusicMaster 5, lo strumento di pianificazione più avanzata per radio, tv, web, e in-store". MusicMaster è il riferimento mondiale tra i software di schedulazione per Radio, TV, Web & In-store channel. Ogni giorno aiuta migliaia di utenti in tutto il mondo a creare le loro playlist mantenendo il controllo dei flussi ed il bilanciamento della musica e dei video clip coerente con il formato musicale della loro emittente. Creato nel 1983 da Joe Knapp per pianificare meglio e in meno tempo le rotazioni musicali per la stazione radio in cui lavorava, dopo trenta anni MusicMaster è ancora sulla cresta dell’onda.

Con uno stand improntato come di consueto molto sul pratico, Newtek schierava al NAB una autentica batteria di prodotti che faceva da corolla-

62 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

NEWTEK

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


rio ad uno studio virtuale allestito al centro dell’area. L’intero ambiente, compresi i colori e le luci, riproduceva bene l’atmosfera di uno studio di produzione di news o di approfondimento sportivo. Che sono poi due fra gli ambiti di elezione per l’impiego dei cavalli di battaglia Newtek. Roberto Musso di 3D Storm ci parla dei prodotti sotto i riflettori. “C’è un importante consolidamento della gamma Tricaster - ci dice con nuove features del Tricaster 8000 che ancora una volta stupiscono”. La base hardware rimane la stessa, ma grazie ad un software che viene costantemente migliorato in efficienza e nella capacità di sfruttare fino all’ultimo le capacità delle CPU e delle GPU installate nella macchina è adesso possibile avere un virtual set con immagini bidimensionali che si muovono in 3D: caricando ad esempio le foto di una location, la macchina può simulare il panning della camera, con la vista che si adatta in tempo reale e con un realismo sorprendente. È possibile realizzare un collegamento live dal lato di una piazza mostrando come sfondo un palazzo sul lato opposto, altrimenti inaccessibile. Musso prosegue: “Altra funzionalità richiesta a gran voce da molti broadcaster è la possibile ridondanza in doppio parallelo, con la macchina ‘B’ che può subentrare in ogni istante alla macchina ‘A’. Ma anche qualcosa in più: diciamo che per una diretta complessa ho un primo operatore che lavora sulla macchina ‘A’. In questo caso le medesime operazioni che lui compie vengono replicate sulla macchina ‘B’. Se la diretta è complessa, e serve un secondo operatore dedicato alle grafiche, il secondo operatore lavora sulla macchina ‘B’, ma gli effetti del suo lavoro vengono man-

dati in onda dalla macchina ‘A’. Non solo una ridondanza in ‘cluster’ quindi, ma anche una ‘estensione’ delle superfici di controllo quelle operazioni”. Presentato anche il nuovo 3play 8400, una macchina completamente nuova che nasce integrando i feedback dei nostri clienti sui prodotti precedenti: fra le caratteristiche più importanti è stata aggiunta la pubblicazione sui social network. “La televisione non è più solo un prodotto, ma un collante fra vari media. Durante una diretta posso preparare clip e pubblicarle direttamente secondo dei template preimpostati: ho sia una immediatezza eccezionale e anche una grande semplificazione del workflow” conclude Musso.

PLAYBOX TECHNOLOGIES Diventata ormai sinonimo di “Channel-in-a-box”, Playbox amplia la propria gamma con ScheduleBox, una soluzione client/server web-based per la creazione e la gestione di pianificazioni avanzate di canali TV singoli o multipli, con vista giornaliera, settimanale o mensile e la gestione dei blocchi di programma per ogni canale TV. EdgeBOX è una soluzione di playout completamente ridondata e controllabile a distanza. TimeShiftBox fornisce ritardi di canale con shifting +1, +2, e da +24 a 7 giorni.

QUANTEL Il sistema high-end di colore and finishing Pablo Rio supporta per la prima volta una scheda di terze parti: la Corvid Ultra di AJA Video. Confermata quindi la strategia “open” di Quantel,

semplicemente la radiovisione. Playout radio e TV simultaneo - Scheduler - Mixer audio/video con DSP e switch di camere automatico Facebook, Twitter e SMS integrati - Cattura video da Skype - Crawl dinamici da RSS

www.xdevel.com | +39 0942 793988

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

63


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

che si focalizza sullo sviluppo di software e mira ad ottenere il meglio dall’hardware commerciale in circolazione. Più semplici ora i workflow 4K a 60fps e oltre. La scheda Corvid Ultra consente a Pablo Rio di uscire in tempo reale in 4K a 3840 x 2160 (quad HD), 4096 x 2160, 3D, e 2K.

RED DIGITAL CINEMA Red Dragon è il sensore 6K per le camere Red Epic che riprende 100 fotogrammi al secondo in risoluzione 6K, con una impressionante gamma dinamica nativa. E come di consueto per i prodotti RED, chi possiede una Red Epic o SCARLET potrà aggiornare il proprio sensore al Red Dragon. Al via anche la famiglia Redlink, che include tutto il necessario per passare al wireless sul set, controllando tutto da un’app iOS. Ottimizzato per il nuovo sensore Dragon 6K, Red Rocket -X è una scheda di transcodifica per riprodurre i contenuti girati in 4K direttamente sugli appositi monitor.

SISVEL TECHNOLOGY Molto spesso le occasioni speciali capitano per caso, e l’appuntamento con Sisvel Technology è stato davvero il più speciale di tutta la fiera. Con Andrea Basso, CEO di Sisvel Technology, ci siamo “inseguiti” per tutti e quattro i giorni della fiera. La carambola dei reciproci impegni e degli appuntamenti improvvisi ci aveva però impedito di incontrarci per qualcosa che andasse oltre la stretta di mano. Finché, l’ultimo giorno, Veronica Pugi (l’instancabile PR del Gruppo Sisvel) mi dice: ti va di venire alle due? Alle due dell’ultimo giorno la fiera chiude. Non me lo faccio ripetere due volte, e confermo senza indugi. Ed eccomi mentre la fiera si sta svuotando (e quasi si sente il rumore del risucchio della folla che viene aspirata verso le uscite, come se avessero improvvisamente tolto il tappo) seduto insieme ad Andrea Basso. Un attimo dopo ci raggiunge anche Roberto Dini, fondatore di Sisvel. Quel particolarissimo senso di relax che subentra non appena termina una fiera ci prende rapidamente tutti e tre, la chiacchierata è piacevole e soprattutto molto interessante. Ne riparleremo nei prossimi numeri di B&P. Rimanendo invece al NAB, Sisvel Technology ha confermato la propria attenzione per le soluzioni 3D domestiche autostereoscopiche. “La disponibilità di pannelli 4K sta producendo un forte interesse per la visione 3D - ci dice Basso - e in particolare per l’autostereoscopia, cioè la visione senza occhiali. Rispetto agli esordi del 3D ci si sta concentrando sui display, sui formati di trasmissione, e alla qualità dell’esperienza dello spettatore”. Il 3DZ Tile Format è la soluzione proposta da Sisvel Technology per garantire una esperienza di visione ottimale su display autostereoscopici. Questi dispositivi si basano sulle due “viste” principali (“destra” e “sinistra”) e su una mappa di profondità che esprime, per ogni punto dell’immagine, la posizione spaziale lungo la terza dimensione rispetto al punto di vista dello spettatore, che nel caso di pannelli autostereoscopici può variare. Nel sistema “legacy” per trasmettere contenuti 3D, il

64 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

side-by-side, la mappa di profondità deve essere calcolata dal televisore, richiedendo una capacità computazionale molto elevata. Inoltre, questo calcolo deve essere ripetuto presso ogni ricevitore. Il 3DZ Tile Format, invece, prevede che il calcolo della mappa di profondità venga effettuato una sola volta a livello di head-end trasmittente: è possibile impiegare risorse computazionali estremamente più performanti rispetto a quelle normalmente disponibili in un televisore, ed in ossequio al concetto stesso di “broadcast” il calcolo viene effettuato una volta sola e tutti ne beneficiano contemporaneamente. In questo modo, inoltre, il risultato (e quindi l’esperienza di visione dello spettatore) non dipende dalla capacità computazionale di ogni singolo televisore, ma viene deciso e controllato dal broadcaster. Sisvel Technology è anche molto attenta a supportare i broadcaster che, pur desiderosi di avvicinarsi alle produzioni 3D, non dispongono di personale adeguatamente formato. “Per restare in Italia, Quartarete sta trasmettendo in 3D da due anni - ci dice Dini - e soprattutto agli inizi c’è stato un forte trasferimento di knowhow dai nostri ricercatori ai tecnici di Quartarete: è per noi fondamentale che l’operatore non abbia alcun timore nei confronti delle proprie capacità di produrre in 3D”. “Il 3DZ Tile Format è un formato semplice, facile da trasportare (è un frame 1080), ma con tutte le informazioni per fare una autostereoscopia di qualità. Stiamo lavorando per ottimizzare la generazione della mappa di profondità, e per ridurre a livelli impercettibili gli artefatti che possono a volte riscontrarsi in alcuni display autostereoscopici” ha concluso Basso.

SNELL Snell entra nel cloud con il nuovo Snell on Demand, una piattaforma software che consente l'accesso on-demand per la tecnologia di elaborazione delle immagini: incorpora le migliori tecnologie di elaborazione delle immagini sviluppate da Snell nel corso degli anni, come “scene carving” e “dynamic reframing”. Sul fronte 4K, Snell ha attivato nel proprio Kahuna 360 l’opzione per gestire 4K oltre a SD e HD, senza alcun costo aggiuntivo. Il channel-in-a-box ICE consente ora fino a quattro canali di HD per unità a seconda della configurazione del canale.

SONY Wow! Se volessimo condensare in una sola parola le sensazioni che associamo al nome Sony pensando al NAB di quest’anno, questa parola non potrebbe essere che Wow! Si comincia la domenica, il giorno prima dell’apertura della fiera vera e propria. L’evento stampa di Sony è ogni anno uno degli imperdibili, e sicuramente uno dei più affollati. Tra le varie novità presentate, impossibile non notare i nuovi televisori (ma si potranno ancora chiamare così?) 4K da 56 e 65 pollici. Le immagini che vi scorrevano erano più reali che realistiche, qualcosa che va al di là di tutto quanto si è visto finora.Vero tocco da maestro l’abbinamento fra quelle immagini, rotonde e “convesse”, con la texture optical-fluo

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

dello sfondo del teatro che ospitava l’evento, che a prima vista lasciava perplessi, ma poi si rivelava il migliore passepartout possibile per far convergere gli sguardi proprio sulle immagini che scorrevano su quei monitor. Certo, Sony ha presentato anche diverse altre novità; le abbiamo provate per voi guidati da Gianfranco Penocchio, Country Manager Italia di Sony Professional. Ci incontriamo accanto ad una NEX-F700, il camcorder con sensore CMOS Exmor Super 35 mm con una risoluzione 4K (8,4 Mpixel attivi). “È arrivato l’aggiornamento 4K - esordisce Penocchio - lo avevamo promesso, ed ora è disponibile. Tramite un modulo da abbinare al corpo macchina è ora possibile registrare in 4K RAW su un registratore esterno. Noi abbiamo il nostro AXS-R5, ma anche Convergent Design propone un suo modello, l’Odyssey7Q, che si sposa perfettamente con la macchina. Con questo aggiornamento 4K la FS700 diventa così una proposta di ingresso nel mondo del 4K “vero”, ad un prezzo (registratore compreso) molto interessante, circa il 25% in meno rispetto ad una F5”. F5 che, insieme alla sorella maggiore F55, sta avendo un successo lusinghiero in Europa: più di 700 unità già consegnate. Sony prevedeva di sviluppare per la F5 numeri sensibilmente maggiori rispetto alla F55, ma le proporzioni attuali vedono un testa a testa fra i due modelli, entrambi su numeri di vendita eccellenti. “Sony pensava la F55 come macchina per i rental e per il cinema: questi settori hanno confermato le nostre previsioni, ma abbiamo registrato un fortissimo interesse da parte dei broadcaster, come macchina di produzione. Anche in Italia abbiamo in corso diversi test, e più ne facciamo più l’interesse aumenta” ci dice Penocchio.. Il cliente tipico si sta quindi rivelando l’end-user, ovviamente di fascia alta. Anche per questo motivo Sony ha sviluppato una versione da studio della f55, con due interfacce appositamente studiate per questo impiego. Nuovo il camcorder PMW-400, che sostituisce il precedente 350. Dotato di sensore 3CMOS Full HD Exmor da 2/3" ad alta sensibilità, rispetto al precedente 350 è un HD 4:2:2 50 Mbit/s. Il prezzo è in linea con la 350. Fra i monitor, altro cavallo di battaglia di Sony, spettacolare il 56” OLED 4K: al momento è un prototipo, ma era mostrato accanto ad un OLED 4K da 30“ già in produzione, una macchina eccellente da ogni punto di vista. A confronto con lo splendore del 56”, il “piccolo” 30” (un oggettino da quasi 30.000 Euro) letteralmente scompariva. Novità anche per le conosciute ed apprezzate linee OLED BVM e PVM, disponibili in versione evoluta BVM-A e PVM-A: grazie ad alcune modifiche migliora l’angolo di visione, ma i prezzi rimangono invariati. Altra grande novità, soprattutto per il forte segnale che Sony da al mercato: al debutto la piattaforma cloud Ci, pensata per ottimizzare la produzione collaborativa fra i professionisti multimediali; è un passo molto importante che Sony decida di fare il suo ingresso in questo settore.

TOOLSONAIR ToolsOnAir è stata fondata da un gruppo di professionisti con profonde radici nel broadcast, video, post produzione e grafica multimediale "Mac-based". Fornisce potenti applicazioni, basate sulla piattaforma hardware di Apple OS X, progettate per fornire soluzioni professionali di produzione ed emissione broadcast televisivo professionale. La piena compatibilità con QuickTime e Final Cut elimina le lunghe conversioni dei file

66 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

video, e, per mezzo di una potente e intuitiva interfaccia grafica, semplifica il flusso di lavoro dalla produzione al playout. ToolsOnAir entra alla grande nel quinto anno di attività, ma il tema centrale rimane lo slogan “TV station in a Mac”. Al NAB 2013 abbiamo potuto sperimentare le nuove funzionalità di just:in, una innovativa soluzione di ingest basata su Apple Macintosh che permette di effettuare registrazioni in batch, pianificate o in crash. just:in è una soluzione completa per l’ingest con setup per mono e multi camera o VTR. just:in è progettato per integrarsi perfettamente nel workflow di produzione di qualsiasi stazione televisiva o di post-produzione. just:news room, grazie ad un potente set di funzionalità e ad una interfaccia utente innovativa e potente set di funzionalità, la Broadcast Suite di ToolsOnAir consente di integrare facilmente i sistemi di newsroom ENPS e OCTOPUS e di costruire storie con qualità video professionale e grafiche in tempo reale per news, meteo, quotazioni di borsa, eventi sportivi ed eventi di ogni altro tipo. just:live è pensato per le sempre più sfidanti richieste di immediatezza e velocità che deve soddisfare chi fa televisione dal vivo. Notizie, sport e talk show: just:live gestisce i segnali in onda e le grafiche in tempo reale in qualsiasi situazione di live, e garantisce il controllo totale su playout video e grafica in tempo reale. just:play è un server di playout automatizzato 24/7 basato su piattaforma Apple. Permette di integrare facilmente flussi live da studio e flussi da satellite o da altre contribuzioni, corredando il tutto di grafiche in tempo reale fra cui loghi, sottopancia, tickers con aggiornamenti in tempo reale da feed RSS o altri database remoti.

TVU BROADCAST Una soluzione che integra il TVUPack 3G/4G per uplink cellulare con il sistema satellitare Quickspot di On Call permette di acquisire video in diretta da qualsiasi posizione e con grande velocità. Usando la capacità del TVUPack di trasmettere simultaneamente il video IP su qualsiasi combinazione di 3G, 4G, Wi-Fi, microonde o connessioni dati via satellite, questo sistema ibrido può iniziare la trasmissione di un segnale HD dal vivo prima che la connessione satellitare sia stata configurata. In seguito, il sistema può utilizzare appieno la banda satellitare disponibile per una migliore qualità del collegamento ed un livello di immagini superiore .

UTAH SCIENTIFIC Scott Bosen, responsabile marketing di Utah, ci presenta il nuovo router UTAH-100/UDS, che combina la flessibilità di un vero routing switcher digitale

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


ESE-01 La rivoluzione nel trasporto della radio via satellite

ǩ5LFHYLWRUHFRPSDWWR 85$&.ǥ '9%66 ǩ2WWLPL]]DWRSHUFRQWULEX]LRQHUDGLRVXVDWHOOLWH ǩ6LQJOHVWUHDPH0XOWLVWUHDP ǩ,QJUHVVREDQGD/ ǩ8VFLWHDQDORJLFKHELODQFLDWH /()7H5,*+7

Ç©8VFLWD$(6(%863',)

Ç©8VFLWD&9%6 Ç©7)7WRXFKVFUHHQSHUPDQDJHPHQWORFDOH Ç©6LVWHPD2SHUDWLYR/LQX[(PEHGGHG Ç©$OLPHQWD]LRQH$&H'& Ç©,QWHUIDFFLD:(%QDWLYD6103YH*3,2

Scan the QR with your phone

ELBER S.r.l. Via Pontevecchio, 42W â&#x2C6;¤ 16042 Carasco (GE) â&#x2C6;¤ Italy Phone: +39 0185 351333 / Fax: +39 0185 351300 www.elber.com â&#x2C6;¤ elber@elber.it


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

multi-rate con l'economia e la semplicità di un amplificatore di distribuzione. Questo sistema modulare si basa su moduli di I/O con 16 porte, ma possono avere 32x32, 64x64 e 144x144 porte. La versione 4K sfrutta componenti di nuova tecnologia in grado di gestire la banda di 6Gbps dei segnali 4K single-link. I router possono anche essere equipaggiati con le schede 3G della famiglia UTAH-100/UDS. Nuove anche le applicazioni mobili per tablet iOS e Android per “dare ai nostri clienti un modo di operare e gestire il router, anche quando non sono seduti davanti ai loro pannelli di controllo", ha detto Tom Harmon, presidente e CEO di Utah Scientific. Le app si connettono direttamente al controller di sistema e scaricano automaticamente la configurazione del router, le etichette, e lo stato di funzionamento. Il layout del pannello virtuale su tablet, l’assegnazione di pulsanti, i colori e le icone degli stessi sono completamente configurabili dall'utente, come per qualunque pannello di controllo Utah.

AUDIO

VIDYOCAST VidyoCast fornisce strumenti innovativi per superare la sfida di trasformare un pubblico di osservatori statici in partecipanti attivi. La piattaforma Vidyocast può ospitare in un unico show centinaia di partecipanti provenienti da qualsiasi luogo, a basso costo e con una efficienza senza precedenti. Vidyocast propone anche la serie di strumenti VidyoContribution che permettono di gestire i collegamenti e gli strumenti di produzione per la copertura in diretta di eventi e di spettacoli in esterna.

VITEC GROUP Nuovi sistemi treppiede e testa fluida O’Connor 1030D e 1030Ds, adatti a camere di ogni dimensione e peso (RED; Blackmagic Cinema, Canon C300 e C500 e Sony F5/F55). La serie Anton Bauer Gold Spectrum Wireless nasce dalla collaborazione fra Anton/Bauer e la consorella IMT (Vitec Group); comprende il kit AB-HDRF, il trasmettitore AB-HDTX, il ricevitore dual diversity COFDM AB-HDRX e/o il ricevitore/monitor palmare con VU meter AB Direct. Le dimensioni di ogni componente sono perfette per reality, ENG/EFP, OB e la copertura di eventi live.

zione dedicata da 50 e 30 watt rispettivamente. La M040 sfoggia un woofer da 6,5”con un tweeter a cupola da 1”, “mossi” da amplificatori da 80 e 50 watt rispettivamente.

AEQ La novità presentata al NAB 2013 è stata SYSTEL IP, un sistema "callin" con capacità di multiconferenza che riduce drasticamente i costi per questo tipo di comunicazioni, migliorando significativamente la qualità audio, la flessibilità e l'integrazione con i sistemi telefonici già esistenti nella stazione. Nato nel 1994, e giunto ormai alla terza generazione, SYSTEL IP è sempre costruito attorno a un router digitale, ma utilizza linee di sistemi di telefonia IP.

DOLBY Dolby Laboratories, Philips e Cameron Pace Group (CPG), hanno annunciato di avere siglato un accordo per integrare il formato Dolby 3D nel workflow di produzione di contenuti, e di collaborare per l'uso del formato Dolby 3D. Queste aziende ritengono che lo sviluppo domestico del 3D sia incompatibile con la necessità di utilizzare occhiali (attivi o passivi), e richieda lo sviluppo di specifici sistemi senza occhiali. Il formato Dolby 3D è un passo in questa direzione, e l’inedita alleanza promette sviluppi accattivanti.

GENELEC Si dice fra gli appassionati che uno dei motivi per visitare una fiera come il NAB è sentire di persona la chiarezza di un paio di Genelec. I nuovi M030 e M040 sono monitor attivi biamplificati che ottimizzano la risposta alle basse frequenze, la direttività e riducono le vibrazioni, e impiegano nuovi amplificatori in classe D a bassa distorsione. L' M030 utilizza un woofer da 5” ed un tweeter a cupola da 0,75” con amplifica-

68 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

JK AUDIO JK Audio ha presentato RemoteMix 2, un mixer/amplificatore portatile per cuffie a due canali, che include un'interfaccia di comunicazione per la trasmissione a distanza, IFB, e percorsi audio backup. JK Audio ha inoltre ricevuto il premio "Cool Stuff Award” dalla rivista (consorella di B&P) RadioWorld, per il BluePack che offrirà presto una migliore larghezza di banda vocale tramite la tecnologia wireless Bluetooth HD Voice, (Wide-Band Speech). Mentre le chiamate telefoniche standard sono limitate a 300 Hz - 3,4 kHz di banda vocale la nuova tecnologia permette una banda passante estesa fino a 120 Hz - 7 kHz.

ORBAN Optimod-FM 8600S concentra tutte le funzionalità di un 8600FM in una sola RU; è disponibile nella versione 8600SFM per emissione solo analogica e 8600S-HD, con elaborazione separata per diffusione analogica e digitale. Un kit permette di aggiornare successivamente un 8600S-FM alla versione 8600S-HD, senza nemmeno rimuovere l'unità dal rack. Il nuovo Optimod-PC 1511 riunisce in un telaio 1RU un 1101/1211, e l’Optimod-PC OptiEXP è un telaio di espansione da 3 RU in grado di alloggiare fino a otto schede 1101/1211E.

SENNHEISER Presentato il sistema digitale 9000, che comprende la EM 9046 (fino a otto ricevitori), il palmare SKM 9000 e i trasmet-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

titori da taschino SK 9000, con modalità di trasmissione ad alta definizione e a lungo raggio. Visto anche il microfono shotgun MKE 600 , progettato per operatori video e tecnici del suono entry-level. Ha un pickup supercardioide e un filtro low-cut selezionabile per aiutare a rimuovere l’eccesso di vento o il rumore dovuto al movimento. Più corto del ME66, ha un raggio di ricezione ottimale di 4-6 metri dal soggetto.

SOUNDCRAFT-STUDER La console compatta all-in-one Studer Vista 1 è ora disponibile in una versione a 22 slider ancora più compatta, che misura poco più di 1 metro di larghezza. Basata sulla Vista 5, conserva tutte le funzionalità dell’interfaccia utente Vistonics. Soundcraft ha annunciato un importante aggiornamento software per le console Vi2, 4 e 6 console, che migliora le applicazioni di monitoraggio sul palco e consente a tutti i 32 mix-bus della console di operare in modalità stereo, con una nuova flessibilità per la creazione di mix di monitoraggio per gli artisti.

TRASMISSIONE ABE ELETTRONICA Ottime conferme per la serie di trasmettitori, ripetitori e gapfiller per diffusione radiotelevisiva terrestre in modalità analogica o digitale (DVB-T / H, DVB-T2, ISDB-T/Tb, ATSC e altri standard) della serie MTX. Frutto di oltre 30 anni di esperienza nel settore, la serie MTX è stata progettata da ABE per cogliere appieno l'eccellenza dei sistemi di modulazione

TELOS HX6 è l'ultimo sistema Talkshow sei linee di Telos, costruito sugli avanzati ibridi Telos e con complete funzionalità di elaborazione audio. Un sofisticato equalizzatore multibanda analizza e regola l'audio del chiamante ottenendo un suono morbido e coerente da linee fisse, mobili e Voip. Prostream è la soluzione integrata per l’audio streaming web. È possibile codificare direttamente in MP3 o MPEG-AAC e alimentare direttamente qualsiasi server compatibile con Shoutcast o un server Wowza per lo streaming ad utenti Flash media.

WOHLER La piattaforma di media automation RadiantGrid effettua la transcodifica, la conversione di standard e l'elaborazione audio (compresa la correzione loudness), il quality control. Il Wohler AMP1-Madie è un'unità audio monitor MADI portatile in-rack con controllo Ethernet, ideale per produzioni di sport e di altre trasmissioni in diretta. Il monitor audio AMP1-16M Dual 3G/HD/SD-SDI ha un doppio ingresso con monitoraggio dell’audio embedded in due flussi 3G/HD o SD-SDI ad un prezzo interessante.

digitali nella generazione di emissioni sia Analogiche che Digitali, e rappresenta lo stato dell'arte per tecnologia, qualità e prestazioni.


Roberto Valentin, CEO di ABE, ci spiega che l’elevatissima efficienza di queste macchine è il risultato del sapiente impiego di diverse tecnologie (tra cui Doherty), che permettono di ridurre sensibilmente il consumo di energia elettrica. Ad esempio, un trasmettitore digitale da 1 kW (1.2 kW prima del filtro) assorbe meno di 4 kW (efficienza: 30% e superiore) in contrapposizione ai 6-6.5 kW (efficienza: 18/20%) del modello standard. Su una macchina da 2 kW la riduzione dei costi per l’alimentazione elettrica è equivalente a 17.520 kWh (circa 2.500 €alla tipica tariffa di 0,14 €/kWh). Considerando un tipico ciclo di vita di un trasmettitore (pari a circa 15 anni di funzionamento continuo) il risparmio totale (a moneta attuale) sarebbe superiore a 36.000 €. La serie “GPSGNS” include un nuovo concetto di ricevitore/sincronizzatore GNSS (Global Navigation Satellite System) che utilizza satelliti GPS e/o GLONASS per generare riferimenti di tempo e frequenza (1pps + 10MHz) utilizzati per la sincronizzazione delle reti SFN. Gli avanzati algoritmi proprietari (Holdover error recovery, Single satellite operation, Fast cold start-up, Zero cumulated error, ...) evitano la de-sincronizzazione di rete anche in casi estremi. L’innovativa serie di Ponti Microonde della serie “DML”, per applicazioni fisse che mobili, rappresentano la più recente evoluzione tecnologica e sono espressione della competenza ed esperienza maturate da ABE Elettronica con migliaia di apparati a microonde prodotti sin dal 1982 quando venne introdotto sul mercato il primo ponte della serie “PM”.

ALDENA Incontriamo Carlo Perotta a fiera appena iniziata; ci parla di prodotti, ma è ancora molto preso da un argomento che in quei giorni era davvero molto “caldo”. “Stiamo cambiando sede - ci racconta - andremo a Settimo Milanese (il cambio di sede è avvenuto regolarmente nella tarda primavera, NdR). Uno degli obiettivi della nuova dirigenza era cercare una sede che fosse di immagine, ma che ci mettesse anche in grado di fornire servizi dal grande valore aggiunto, come ad esempio il nuovo campo di misura. Quello (da 70 metri, comunque non

pochi NdR) che avevamo nella sede precedente era molto apprezzato dai nostri clienti, ma anche (ovviamente) dai nostri tecnici. Ma nella nuova sede avremo più spazio, per cui riusciremo a fare un campo di misure in spazio libero di 100 - 120 metri. Sarà uno dei pochi campi di misura di questo tipo a livello europeo. Questo ci permetterà di migliorare ancora il nostro servizio, anche come tempistica di esecuzione delle misure. Il servizio è molto rapido, anche perché è completamente automatizzato: abbiamo fatto noi tutta la logica di controllo, il torrino UHF sale, gira in automatico e fa la sua misura con tempistiche veramente ridotte. Un nostro importante cliente ci ha detto che una volta i propri tecnici si sono recati in Germania per fare alcune misure di quel tipo. Le prove sono durate tre giorni. Per fare la stessa cosa sono poi venuti da noi: ci abbiamo messo 6 ore”. Sul fronte dei prodotti Aldena ha acquisito un importante mercato negli Stati Uniti con lo studio e la realizzazione chiavi in mano di sistemi direzionali realizzati con antenne log periodiche. “Questa è un antenna log periodica ad alto guadagno ed alta direzionalità con polarizzazione circolare. Sul mercato non c’è neanche nemmeno dai costruttori americani. Contrariamente a un pannello classico ho tutti i vantaggi delle antenne log periodiche, come l’elevata direzionalità e un rapporto front-back molto spinto; in più ho la possibilità di creare una polarizzazione non solo circolare pura, ma posso anche fare polarizzazioni miste o ellittiche perché io ho due connettori per gestire le due componenti. Negli Stati Uniti l’ FCC disegna delle maschere d’antenna molto particolari per ritagliare gli spazi ai diversi operatori. Sono maschere molto difficili da rispettare con i sistemi tradizionali, sia a pannello che con dipoli classici.”. Allo stand Aldena in mostra anche il classico ‘turnstile’,


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

nella nuova versione con un guadagno di 8.5 dB e potenza massima di 5 kW. “Questo prodotto sta avendo un grande interesse, anche verso una tipologia di antenna che non è più per il gap-filler - prosegue Perotta - il valore aggiunto è sicuramente la grande semplicità di installazione, soprattutto se serve una antenna omnidirezionale e a banda larga”.

ASC SIGNAL ASC Signal è un fornitore globale di antenne e di elettroniche per le applicazioni di telecomunicazione via satellite. I gateway satellitari utilizzano la tecnologia di tracking sub-riflettore (SRT) brevettata da ASC Signal, caratterizzata da un inseguimento a 6-assi del fascio satellitare, che permette di ridurre il movimento del riflettore principale e di compensare le variazioni di temperatura ambiente. ASC Signal ha realizzato in tutto il mondo quasi 300 gateway in banda Ka, con dimensioni da 3,5 m a 9,4 m.

BIRD TECHNOLOGIES Quanto più il gioco si fa duro, tanto più è necessario puntare su prodotti sicuri e a prova di errore. I prodotti di Bird Technologies si confermano la scelta d’elezione per tutte le applicazioni “mission critical”. Bird ha fatto dell’affidabilità la propria bandiera, e progetta specificamente ciascun prodotto fino nei minimi dettagli. Al NAB lo stand Bird esponeva la completa gamma di combinatori, elementi passivi e ibridi a radiofrequenza della Casa.

DAC SYSTEM Pietro Casati ci introduce il nuovo sistema per il monitoraggio del funzionamento di ogni singolo elemento che costituisce una antenna trasmittente. Su ogni elemento viene posto un apposito sensore che rileva potenza diretta e riflessa, collegato agli altri elementi del sistema con due soli cavi. Un apposito data logger centrale elabora i dati acquisiti e li rende disponibili in locale ed in remoto, anche in forma grafica. Semplifica la manutenzione e consente interventi preventivi anche per sistemi di antenna particolarmente complessi e per siti molto “affollati”.

DB GROUP Allo stand del Gruppo DB Elettronica si notava immediatamente il “corner” dedicato ai nuovi trasmettitori FM della serie Mozart. Il nome prestigioso e di sicuro impatto di questa nuova famiglia di prodotti vuole immediatamente focalizzare l’attenzione su una caratteristica esclusiva: il “magnetic sound ehnancement”, una tecnologia DB elettronica che

72 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

permette di ottenere apparati compatti, di grande efficienza e particolarmente “bensuonanti”. Un plauso a DB Elettronica per aver riportato sotto i riflettori una caratteristica che dovrebbe essere la base di ogni apparato che, in ultima analisi, ha lo scopo di permette all’utente finale di “ascoltare” un suono. Ultimamente si parla, giustamente, di efficienza, di tecnologia avanzata, e di molte altre caratteristiche “freddamente” tecniche. Tutto sacrosanto, ma finalmente qualcuno che coniuga a tutto questo anche l’esperienza di ascolto, e lo dichiara apertamente. La serie Mozart è disponibile in potenze fino a 3 kW, e con un ingombro massimo di 4 unità rack. I moduli di alimentazione e le ventole di raffreddamento sono sostituibili a caldo, mentre l’efficienza RF raggiunge e supera l’80%. Confermati gli altri modelli della serie Green FM, con potenze fino a 20 kW. Le potenze dei trasmettitori a stato solido vanno da 30W a 1kW nelle versioni compatte ( con modulatore incluso) e fino a 40 kW nei modelli HI-Power raffreddati ad aria o a liquido. Novità anche per la serie TV, con nuovi trasmettitori da 50 a 5.000 W RMS con modulatore multistandard. La gamma completa include trasmettitori digitali con potenza di uscita compresa tra 2 W e 12 kW RMS; nei modelli per le bande IV e V è presente inoltre la nuovissima tecnologia HI-ADC per l’ amplificazione ultralineare dei segnali digitali. Ricordiamo infine la capacità del Gruppo DB Elettronica di fornire soluzioni “chiavi in mano” per la realizzazione di infrastrutture complete di produzione e diffusione: studi radio e TV, completi di camere, regie, automazioni, microfono, mixer, storage, ponti radio e sistema di diffusione completo: dal microfono all’antenna, tutto potendo contare su un unico interlocutore e con una drastica semplificazione dell’intero processo di progettazione, costruzione, training ed assistenza.

DELTA MECCANICA Esordio in grande stile al NAB per l’ultimo prodotto sviluppato in casa Delta Meccanica: un commutatore motorizzato da 4 pollici e mezzo. Nato per rispondere alla specifica richiesta di un cliente per il mercato russo, è stato poi ingegnerizzato e trasformato in un prodotto di serie. In mostra anche un sistema switching per due semiantenne UHF di alta potenza con divisore di antenna da 6 pollici e 1/8, sviluppato in collaborazione con il noto costruttore di antenne e software per progettazione radioelettrica Aldena.

ELBER Lo stand di Elber è (come di consueto) realizzato senza soluzione di continuità insieme a quelli delle altre aziende che abitualmente operano come partner: Tel-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


more than partners…

EXCELLING IN SYSTEM INTEGRATION

Telsat Srl · Via Ezio Vanoni 6 · 20037 Paderno Dugnano (Mi) · Tel +39 02 99048430 · Fax +39 02 99048312 www.telsat.it · telsat@telsat.it


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

sat, M-Three Satcom, Onetastic, DigiQOS. L’impatto è notevole: il colore bianco crea un denominatore comune elegante ma molto riconoscibile al tempo stesso, e le aree tecnologiche che ospitano gli apparati sono come spot di colore che richiamano immediatamente, ma garbatamente, l’attenzione dei visitatori. Ci accoglie Christian Olcese, e inizia subito a presentarci la nuova serie Cleber, la nuova soluzione studiata da Elber. “Un rack multifunzione è in grado di alloggiare differenti slot per differenti applicazioni, e può essere equipaggiato con una serie di interfacce e schede per applicazioni broadcast e telco. La più importante, e per noi è una svolta rispetto al nostro catalogo prodotti, è la scheda demodulatore multistream, quindi DVB-S2, con ingressi in banda L e uscita IF piuttosto che IP e ASI nella versione con decoder integrato. Questa scheda rende possibile il trasporto via satellite: possiamo ricevere flussi da satellite, estrarre i vari bouquet e le contribuzioni, anche in multistream, quindi con diversi contenuti che possono ad esempio alimentare diversi trasmettitori circolari per la diffusione. In base al tipo di scheda che andiamo a inserire può fare anche molte altre cose: ad esempio, il modulatore multistream o l’encoder HD 4:2:2/4:2:0 MPEG-2 o MPEG-4., il transport stream adapter, ma anche schede up-converter modulari. È una macchina che ha molte risorse, pensata sia per l’impiego in stazione (distribuzione, quindi ricezione satellitare) ma anche per piccoli SNG, con encoder e modulatore nella stessa macchina. Il sistema di gestione e controllo è coerente con il nostro Reble610, il nostro fiore all’occhiello. Ha la parte di web-server per sia per il controllo remoto che il controllo locale. È un prodotto pensato e voluto da Elber, e che beneficia delle importanti sinergie che ci vengono assicurate dall’operate in partnership come aziende del calibro di M-Three, Telsat, DigiQOS e Onetastic”.

conformità con tutti gli standard televisivi analogici e digitali sono effettuate in tempo reale da un FPGA. Caricando due diversi firmware nella memoria di sistema, il modulatore può operare con due standard alternati, con la possibilità di passare da trasmissione analogica a trasmissione digitale con un semplice comando locale o da remoto. Nel campo DAB disponibili trasmettitori raffreddati a liquido per applicazioni DAB e T-DMB in banda III VHF, con potenza di uscita da 1 kW fino a 30 kW. Con raffreddamento ad aria, invece, sono disponibili modelli in Banda III VHF (da 100W a 5 kW, 170-240MHz) e Banda L (da 100W a 2 kW, 1452-1492MHz). In tutti i casi le possibili architetture di sistema comprendono le configurazioni dual drive, riserva passiva e riserva attiva.

ELETTRONIKA Nuovo modulatore completamente digitale per i trasmettitori FM: non solo eccellenti caratteristiche di modulazione, ma replicando le impostazioni del software di controllo è possibile riprodurre facilmente i vari parametri sulle diverse macchine. I trasmettitori FM compatti vanno da 30 W a 5 kW, per potenze superiori si passa alla famiglia standard, con raffreddamento ad aria o a liquido. Nuovo anche il modulatore TV multistandard: da analogico a DVB-T, DVB-T2, ISDB-T, ATSC eccetera solo impostando un comando da pannello frontale. Da registrare infine una importante fornitura di macchine DAB destinate al broadcaster di servizio pubblico olandese, con potenze da 2, 3 e 4 kW.

ELECTROSYS Electrosys è un attore di primo piano del settore del broadcasting internazionale con installazioni in oltre 130 paesi in tutto il mondo. Attraverso il proprio reparto di Ricerca e Sviluppo, Electrosys è costantemente orientata all'innovazione nel settore della radiodiffusione e delle telecomunicazioni. Un esempio: è notizia recente che nell’ambito di un importante contratto ottenuto con il prestigioso Centro di Ricerca sulla Fisica delle Particelle Elementari a Ginevra (CERN), un team di valutazione dello stesso Istituto ha certificato il superamento dei controlli finali della prima parte della produzione, da consegnare entro la fine del 2013. Tornando al broadcast, si confermano le linee TV di trasmettitori raffreddati ad aria (THALNA), e trasmettitori raffreddati a liquido (Northia), entrambi dotati della nuova applicazione software i.CCU, che consente la gestione completa delle macchine attraverso il tablet iPad. Il modulatore MEX II è basato su una nuova scheda che implementa tutte le funzioni di modulazione, di controllo e supervisione. Le operazioni necessarie per la generazione di un segnale RF di alta qualità, in

74 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

ENENSYS Affidabilità a tutta prova anche sulle connessioni IP, con una soluzione completa composta da switch seamless, IPGuard ed il gateway TSoIP GigaCasterII. Ma anche la soluzione completa DVB-T2 con ridondanza 1 +1 automatica e seamless, trasmissione SFN, PLP multipli e regionalizzazione. Presentato anche il nuovo dispositivo di monitoraggio EdgeProbe dedicato alla rete digitale terrestre, per il monitoraggio dei parametri RF e del livello Transport Stream su una o più frequenze.

ERICSSON Sempre più contenuti vengono messi a disposizione di un numero sempre più grande di dispositivi diversi ma comunque in grado di visualizzarli. Ericsson ha presentato la nuova piattaforma di compressione AVP4000 basata su un proprio chip programmabile. Lo sviluppo di questo chip è stato deciso per consentire il massimo controllo e la migliore gestione delle prestazioni di codifica, abilitando così l’impiego di algoritmi in grado di raggiungere la massima efficienza della larghezza di banda in tutte le reti di distribuzione.

EUROTEK Loris Trucchi ci presenta il nuovo sistema di accesso per riprese ENG SD e HD. È composto da un trasmettitore che la troupe porta con sé, e da un modulo ricevente “centrale”,

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

chiamato “central receiver station” che può essere collocato sul tetto di un edificio (tipicamente la sede dell’emittente o della struttura di produzione), come pure su un mezzo mobile di appoggio, destinato a servire diverse unità di produzione di news. Ciascuna di queste , al momento di effettuare il collegamento, attiva il proprio modulo trasmettitore: il ricevitore centrale “sente” la trasmissione in corso e si orienta di conseguenza. Il ricevitore può anche essere installato presso uno o più nodi della dorsale di distribuzione dell’operatore, in modo da essere pronto a “coprire una specifica area. La portata in visibilità ottica e utilizzando antenne paraboliche da 60 cm è compresa fra i 30 ed i 50 km. Migliorata anche la piattaforma di head-end di Eurotek: da sempre contraddistinta per una compattezza estrema, permette ora di codificare e multiplare fino a 12 video HD e 24 canali audio con un telaio da una sola unità rack. Confermati infine i trasmettitori, con potenze fino a 2,4 kW e raffreddamento ad aria.

ITALTELEC Innovazione tecnologica in primo piano, con un occhio di riguardo all’America Latina. Exciter digitale multistandard con i vari standard europei ma anche ISDB-T, FM (digitale) e DAB+. Amplificatori compatti da 50 a 500W, con eccitatore anche ridondato. La nuova precorrezione adattativa permette di raggiungere 40 dB di MER anche su macchine di elevata potenza. Il conosciuto Multichannel per reti organizzate da oggi è anche DAB+ e a breve sarà disponibile per FM digitale fino a 4+1 x 150 W con encoder RDS interno, estendibile a 4+1 x 1 kW con apposito modulo di espansione.

KATHREIN-WERKE Il gruppo Kathrein è uno dei principali produttori al mondo di antenne trasmittenti professionali per la radio (FM, DAB, DAB +) e TV analogica e digitale. Aziende di broadcasting di oltre 120 Paesi di tutti i continenti hanno confermato la propria fiducia nella qualità dei prodotti e dei servizi Kathrein. Grazie alla propria rete di esperti distributori, Kathrein garantisce soluzioni specifiche, chiavi in mano, sviluppate per soddisfare al meglio le specifiche esigenze di ogni cliente.

LUMANTEK Lumantek ha introdotto nella propria gamma un nuovo prodotto per l’analisi del Digital Audio Broadcasting: il nuovo strumento portatile DABAir-II Plus per facilitare attività di monitoraggio del segnale radiofonico digitale diffuso secondo gli standard DAB, DAB+ e T-DMB.

76 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Il prezzo contenuto e la facilità d’impiego fanno del DABAir-II Plus uno strumento versatile e utile per tutte le applicazioni di monitoraggio sul campo ed analisi dei segnali T-DMB.

M-THREE SATCOM Questa giovane e dinamica azienda, inserita a pieno titolo fra i partner di Telsat, è riuscita in breve tempo a ritagliarsi uno spazio d’eccezione nel panorama del broadcast italiano, e non solo. M-Three offre una vasta gamma di servizi per la diffusione, contribuzione del segnale e connettività. Grazie ai propri teleporti, alle facilities delle aziende partner, e alla rete in fibra di Interoute, M-Three può estendere i propri servizi a operatori e broadcaster attivi in tutto il mondo. La rete in fibra utilizzata ha oltre 100 punti di accesso di cui 12 principali in Italia. La copertura geografica globale è garantita da strutture ricetrasmittenti dedicate ai satelliti più richiesti, con il massimo di efficienza e flessibilità, di configurazione e prezzo. Dotata di capacità diretta su Hot Bird, M-Three fornisce, da Milano e Roma, un servizio completo di diffusione per canali Tv e Radio in DTH, gestendo inoltre (direttamente o attraverso teleporti partner) altre posizioni quali Eutelsat 9A, 28A, E9A, E33A, E12WA in modalità DVB standard, SCPC e in multistream. M-Three dispone di mezzi multi camera HD dedicati ai grandi eventi, per offrire servizi completi nel campo della produzione e trasmissione live nel campo delle news, sport o spettacolo. Di recente, M-Three ha potenziato la propria infrastruttura di rete grazie a un accordo con VidyoCast, che grazie un sistema di contribuzione basato su router ed encoder di ultima generazione, con la massima riduzione della latenza su qualsiasi network IP e una qualità molto elevata nel video, permette ai broadcaster di ottimizzare e massimizzare le occasioni di copertura delle dirette, e allo stesso tempo di semplificare le procedure per lo scambio di contenuti tra editori, riducendo di conseguenza i costi di trasmissione. A sottolineare l’eccellente lavoro svolto in questi anni da M-Three, “la World Teleport Association (che premia ogni anno con i suoi Awards le eccellenze attive nel settore) ha nominato M-Three Satcom tra le 3 finaliste a concorrere al titolo di “2013 Independent Teleport of the Year” nell’ambito degli Awards for Excellence 2013” ci ha detto con giusta soddisfazione Carlo Morelli.

NET INSIGHT L’azienda scandinava è impegnata nel continuo sviluppo di nuove soluzioni e nuove applicazioni per la propria piattaforma Nimbra, “100% qualità del servizio” per reti

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


di trasmissione multimediali. Il nuovo Nimbra VA 210 consente agli operatori di rete la possibilità di offrire servizi multimediali affrontando anche i mercati che sono attualmente fuori dalla propria portata a causa dei costi necessari per realizzare una rete di accesso (la connettività di “primo miglio”). Utilizzare reti IP non gestite per trasportare contenuti live di alta qualità è stato a lungo un sogno: il nuovo VA 210 permette ora di estendere la propria rete per raggiungere in modo efficace località anche remote utilizzando reti IP non gestite per il trasporto di contenuti, ottenendo un livello adeguato di qualità per i contributi video con una drastica riduzione dei costi necessari. Bo Wikerstal, responsabile commerciale di Net Insight per l’Italia, ci ha mostrato la demo che Net Insight e Hibernia Networks avevano allestito per presentare “dal vivo” il Nimbra VA210 al NAB. I visitatori potevano osservare il risultato di una trasmissione di contenuti live da Londra a Las Vegas, quasi 10.000 km, dove l'ultimo miglio era costituito da reti IP non gestite, utilizzando il VA 210. Hibernia Networks , specializzata nella fornitura di feed video sulla propria rete globale di fibra, assicurava il trasporto lungo la tratta internazionale, replicando così uno schema molto consueto sui collegamenti a lunga distanza. Due monitor affiancati permettevano di visualizzare il risultato con e senza l’intervento del VA210. La differenza era chiaramente avvertibile, e ci si poteva fare una idea precisa delle potenzialità del nuovo sistema Net Insight introducendo artificialmente la perdita di un numero incrementale di pacchetti IP. Aumentando il tasso

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

di errore, il sistema Nimbra VA 210 permetteva una qualità delle immagini sostanzialmente perfetta anche quando la trasmissione tradizionale era completamente bloccata.

OCTOSHAPE La soluzione Infinite HD-M prende la qualità, la scalabilità, e l’economia di gestione della televisione tradizionale e le rende possibili anche nel mondo dell’internet streaming. Combina infatti il meglio di Infinite HD con la scalabilità e l'economia del Multicast. Octoshape è riuscita a sviluppare un sistema che permette di sfruttare le potenzialità offerte dai comuni hardware già installati lungo il cosiddetto”ultimo miglio” per creare una piattaforma per la distribuzione di contenuti lineari su IP ai massimi livelli di efficienza oggi immaginabili: e permette di raggiungere il pubblico del mondo intero, attraverso Internet. La rivoluzione di Infinite HD-M consiste nel creare una rete di distribuzione globale federata sfruttando le infrastrutture “ultimo miglio” esistenti, e consentendo l’immissione di contenuti su file e di segnali lineari da qualsiasi parte del mondo. L’idea, in teoria, non è nuova, anzi è la base stessa di Internet, ma un conto è scambiare dati asincroni, e ben altro è scambiare segnali video ad elevata qualità: di fatto per la consegna via IP di contenuti lineari sincroni ad una pluralità di soggetti contemporaneamente fino ad oggi era indispensabile rivolgersi a strumenti specificamente realizzati, come le reti CDN. La tecnologia Octoshape consente un passo avanti rispetto alle reti pubbliche “best-effort”, ma opera

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

77


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE

in ogni caso sulle infrastrutture commerciali attualmente disponibili (fisse e mobili) rendendolo equivalenti ad infrastrutture IP TV-grade in grado di gestire contenuti video ad elevata qualità e a livello globale, senza le limitazioni di utilizzo ed i costi a base variabile (secondo il numero di visioni contemporanee) delle tradizionali reti CDN. Infinite HD-M di Octoshape introduce un modello di pricing basato su un costo fisso, indipendente dal numero di connessioni contemporanee, che quindi non cresce all’aumentare della popolarità del servizio, rendendo per la prima volta possibile pensare ad un modello di distribuzione Over The Top (OTT) per contenuti lineari (e no) conservando la qualità, la scalabilità, e l’economia di gestione della televisione tradizionale.

OOYALA Streaming in diretta, mobilità, social e (obiettivo finale) monetizzare il proprio lavoro. Ooyala ha mostrato un flusso completo e una piattaforma di monetizzazione di contenuti live e VoD, con inserimento di annunci mirati, transcodifica cloud in tempo reale, consegna end-to-end su lettori facilmente personalizzabili dall’utente, installati su telefoni cellulari e tablet. L’integrazione con gli strumenti social più avanzati è nativa: non solo Twitter, ma anche social sharing multi-schermo e per la scoperta di contenuti.

RFS - RADIO FREQUENCY SYSTEMS RFS produce una gamma completa di antenne di trasmissione e combinatori per i servizi FM, VHF ed UHF, offrendo una soluzione totale per le emittenti. RFS assicura realizzazioni allineate alle più recenti tecnologie, sviluppate dal proprio reparto di ricerca e sviluppo, e l'accreditamento per i più alti standard internazionali di qualità. Con oltre 25 anni di esperienza, ogni aspetto della attività di RFS è focalizzata a garantire al cliente finale le migliori soluzioni per ciascuna applicazione.

regolare produzione, ed è già stata consegnata in centinaia di esemplari. Il modulo amplificatore Doherty da 570W permette di combinare fra loro in un unico rack fino a 6 amplificatori, per 3,5 kW di potenza ed un rendimento in UHF intorno al 3940% a 33 dB di MER. Rinunciando a qualche punto di efficienza è possibile arrivare a valori di MER pari alle altre macchine R&S ad efficienza convenzionale. Per gli strumenti di misura si confermano il best-seller ETL ed il “piccolino” ETC, un analizzatore TV compatto con una serie completa di funzioni di misura per il DVB-T2, DVB-T/DVB-H e ISDB-T. E caratteristiche tali da poter essere utilizzato anche per l'assistenza e la manutenzione on site di trasmettitori televisivi, nonché per la verifica di modulatori. I nuovi UPP e UPV sono analizzatori audio con una specifica procedura per svolgere rapidamente i test di conformità con gli standard Dolby Laboratories Inc.Il tecnico che effettua le prove viene guidato attraverso l'intero test in base al tipo di dispositivo. Tutte le misure vengono eseguite in conformità ai requisiti Dolby e vengono documentate in un apposito rapporto di prova. I pacchetti software necessari sono gratuiti per i licenziatari Dolby. Nuovo concetto per la soluzione di monitoraggio per reti di trasmissione BC-NETSTATE: è un sistema software, estremamente flessibile e non vincolato ad uno specifico hardware per la rete di gestione. Estremamente facile da usare, il software include tutte le principali funzionalità come la gestione degli errori, la correlazione degli allarme e test di qualità della rete. Sul fronte DVS il media production center VENICE è stato corredato di numerose innovazioni che semplificano i workflow file-based anche in ambiente televisivo. VENICE Element è invece una soluzione di playout entry-level di costo accessibile, studiata per le esigenze delle produzioni dal vivo in studio. La soluzione di storage compatta SpycerBox migliora notevolmente le prestazioni per i workflow 4K: è dotato di tecnologia solid state disk (SSD), e offre una velocità massima di trasferimento dati interna di 12 GB/s.

RVR ROHDE&SCHWARZ R&S, una della più prestigiose aziende nel campo del broadcasting, sta progressivamente ampliando l’orizzonte dei propri prodotti. Dopo avere conquistato una fama di indiscussa eccellenza nei settori dei trasmettitori circolari e della strumentazione di misura, la Casa tedesca ha dapprima acquisito DVS, produttore di apprezzate infrastrutture di produzione per video digitale nei settori cinema, pre e post, e lo scorso settembre ha stupito tutti all’IBC, non solo annunciando il proprio ingresso nel mercato degli head-end, ma facendolo con una infrastruttura completamente IT-based: in sostanza, un potente server su cui è in esecuzione un sofisticato codice proprietario R&S, appositamente sviluppato. Al NAB 2013 tutti i prodotti in gamma, inclusi i media production hub di DVS, condividevano uno spazio con grafiche ed immagine comuni, a sottolineare l’integrazione reciproca di queste famiglie di prodotti. Roberto Gaddoni di R&S Italia ci presenta i prodotti sotto ai riflettori. Doherty: questa circuitazione ad elevata efficienza è ora in

78 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

Il nuovo trasmettitore FM da 1000W impiega amplificatori LDMOS e alimentatore switching diretto da rete per raggiungere una efficienza complessiva del 70%. È compatto e leggero per facilitare installazione e trasporto, ma sempre dotato di telemetria GSM, TCP/IP ed SNMP con controllo completo. Nuovo anche il trasmettitore compatto Holiday da 5 kW ed il relè coassiale da 1 pollice e 5/8 compatibile Spinner e controllabile da ogni centralina adatta per un analogo modello Spinner. Solo conferme dai trasmettitori plug-in, dove i diversi moduli sono sostituibili “a caldo” senza interruzione del servizio.

SCREEN SERVICE Un stand dal disegno elegante e lineare, con i motivi grafici a focalizzare l’aspetto dell’elevata efficienza, guidava il visitatore a prendere contatto con la linea completa di prodotti, che per i trasmettitori spaziano ormai dalla bassa potenza e fino a 80 kW (segnale TV analogico, 20 kW digitali), con l’ultra high effi-

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


NEW ciency che si sta progressivamente estendendo all’intera gamma. Gianluca Baccalini, Direttore Commerciale di Screen Service ci riassume con l’immediatezza che lo contraddistingue quelli che lui chiama “i nuovi nati”: Screen Service propone una serie completa di macchine DAB, disponibili sia in VHF che in banda L, quindi in grado di soddisfare le diverse esigenze del mercato italiano. Il gateway T2 XBT2Mi è un incapsulatore multi-PLP per le reti DVB-T2, adatto anche per reti sincrone SFN. Nuovo anche il multiplexer per la tecnologia ISDB-T, e “la nostra soluzione di sincronizzazione per reti SFN che può fare a meno del GPS. È stata testata a lungo da un nostro importante cliente, e possiamo dire ora che la sperimentazione è stata un successo. Il nostro sistema conferisce alle reti SFN un importante grado di robustezza aggiuntivo, perché non costringe a dipendere da un sistema esterno (il GPS) sul quale nessun soggetto del mondo broadcast, di fatto, è in grado di esercitare un controllo. Stiamo poi sviluppando nuovi encoder e decoder low latency per la contribuzione, e fra i ponti di contribuzione ricordiamo anche il nuovo modulatore 1024 QAM, oltre ad una nuova linea di ponti pensata per le esigenze specifiche dei WISP, quindi adatta per traffico IP” dice Baccalini. Particolare rilievo posto sul nuovo Broadcast Analyzer, apparecchiatura in grado di valutare sia la conformità dello stream ASI ai requisiti della norma ETR290 che in grado di effettuare un set completo di misure RF. Abbiamo chiesto a Baccalini qualche anteprima sugli sviluppi futuri, e lui ha accennato a qualcosa che probabilmente vedremo all’IBC, sempre sul tema dell’elevata efficienza, il fiore all’occhiello di Screen Service. Abbiamo cercato di saperne qualcosa di più, ma senza successo. Appuntamento all’IBC, allora!

75Ω TRIAXIAL CONNECTORS FOR 3G HDTV BROADCASTING

SIRA In seguito all'entrata di importanti commesse, in particolare per impianti TV e Radio digitali, nel 2012 il fatturato del reparto Broadcasting SIRA ha superato di circa il 20% quello dell'anno precedente. La soddisfazione era percepibile anche allo stand che SIRA ha allestito al NAB. Claudio Cattaneo, direttore vendite di SIRA, ci ha parlato con comprensibile orgoglio del nuovo combinatore FM realizzato da SIRA. Gli operatori di infrastrutture sono alle prese con richieste che diventano sempre più stringenti sul tema delle frequenze da accoppiare in trasmissione su un singolo sistema radiante. “È un prodotto che nasce dall’esperienza fatta sui sistemi per la banda IV e V. La caratteristica principale è che la realizzazione con filtri a 6 poli e con doppio crosscoupling, che permettono di combinare dei canali con una spaziatura minima di 300 kHz. È un combinatore molto compatto, che risponde in pieno alla necessità

New REDEL T7 series

G G G G G G G

REDEL T7 and REDEL F series

Old REDEL F series

Improved VSWR performance up to 3 Ghz Watertight to IP68 as per IEC 60529 Fully intermatable with 1051 series Integrated 3Ghz connector and HD cable solution HD/SD signal compliant Extensive range of models and cables available Ergonomic and robust connector protection

LEMO ITALIA srl Viale Lunigiana 25, 20125 Milano Tel: (+39 02) 66 71 10 46 – Fax: (+39 02) 66 71 10 66 sales.it@lemo.com – www.lemo.com


REPORT FIERE ▲ ▲ ▲

NAB SHOW2013 - LE AZIENDE di compattare le frequenze e di permettere l’inserimento di nuovi canali, praticamente adiacenti a quelli esistenti. Il cliente principale può essere un tower operator che eroga servizi di diffusione a terzi utilizzando al massimo lo stesso sistema radiante, ma anche il broadcaster che si trova a dover inserire un canale nuovo molto vicino agli esistenti”. Particolare interesse per questo prodotto è stato manifestato dalla francese TDF e della canadese CBC. Ogni modulo può combinare due frequenze, e più moduli possono essere combinati in cascata a formare un multiplexer, con attenuazione tipica di circa 1,95 dB con combinazione a 0,4 MHz per 2,5 kW in banda stretta. Il nuovo combinatore a 6 poli può essere declinato su una gamma completa di potenze. Cattaneo prosegue: “Fino ad ora i combinatori che venivano costruiti erano a 2, 3, 4 poli. A 6 poli nessuno era ancora arrivato. “Siamo gli unici al mondo a produrre un combinatore così”. Presente allo stand anche l’antenna omnidirezionale per cima torre UTV-11/1/LP, una soluzione compatta e leggera per ottenere 3200 Watt di ERP. Compatibile con tutti gli standard di trasmissione televisiva, analogici o digitali, la UTV11/1/LP consente una grande facilità di installazione, e il radome in fibra di vetro garantisce massima robustezza e durabilità, anche in condizioni ambientali difficili.

Nel prossimo numero di

Broadcast&Production troverete, tra l’altro: - Il punto sulla situazione del mercato italiano dei media elettronici e digitali

TEKTRONIX I nuovi waveform monitor WFM/WVR5250 sono gli unici prodotti nelle rispettive classi dotati di ingressi HDMI-HDCP per monitorare direttamente la qualità del video e l'uscita audio di set-top box (STB) e lettori Blu-ray. Il PQA600A consente l'analisi della qualità delle immagini di contenuti protetti HDCP. Diventa possibile valutare direttamente la qualità del video HDMI, permettendo ai tecnici un feedback immediato sugli effetti visibili causati da modifiche di configurazioni od apparati nelle strutture centrali o periferiche dell’operatore.

TELSAT Lo stand di Telsat è integrato con quelli di altre aziende che formano una sinergia tecnologica, commerciale ed operativa. Per il colpo d’occhio, valgono ovviamente le medesime considerazioni fatte a proposito dello stand di Elber. Diciamo che, par-

VETRINA COMMERCIALE

- La rassegna delle Aziende presenti al RadioTv Forum di Aeranti-Corallo 2013 - Il report del convegno SMPTE tenutosi al RadioTv Forum di Aeranti-Corallo 2013 - Il Glossario della OTT

NON PERDETELO! 80 B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


lando di Telsat, storico system integrator del panorama broadcast nostrano, parlare di stand “integrato” è davvero un ottimo biglietto da visita. “Si, Telsat sta promuovendo proprio un messaggio focalizzato sulla progettazione e l’integrazione di sistemi piuttosto che come semplice distributore - ci dice Paolo Marantonio - Certo, Telsat distribuisce marchi prestigiosi, ma questo è solo un punto di partenza, una buona premessa per ottenere un bel risultato. Prendiamo ad esempio Kathrein: molti pensano a Telsat “solo” come il distributore di Kathrein. Lo siamo, certamente, ma ,per dire, il sistema di antenne da cima torre (in gergo, il “torrino”, NdR) proposto da Telsat è ben diverso da quello Kathrein. Siamo infatti in grado di studiare il problema specifico, e sviluppare internamente una soluzione. Per quanto riguarda le antenne, è sicuramente possibile che gli elementi ed i ripartitori siano Kathrein, ma la carpenteria e la progettazione sono interamente Telsat. Ci rivolgiamo sicuramente anche ad una clientela esigente, che emette richieste di offerta per grandi “chiavi in mano” mettendo in competizione più aziende. Abbiamo rinnovato da poco anche il nostro sito (www.telsat.it), e al centro di tutto abbiamo messo lo schema di company connections fra le diverse aziende che sono nostre partner, fra cui Elber ed M-Three Satcom”. Telsat si propone come system integrator globale a 360°, “e credo che siamo gli unici a livello nazionale” aggiunge Marantonio) con la deliberata eccezione dei sistemi di playout e della bassa frequenza in generale. “Stiamo sviluppando progetti importanti all’estero - prosegue ancora Marantonio - dove Telsat si propone come main contractor coordinando poi le varie aziende che partecipano al progetto. Comprare ottimi componenti è sicuramente un buon inizio, ma se si vuole ottenere il meglio dall’insieme dei vari prodotti ecco che l’importanza della system integration emerge in modo chiaro ed efficace”.

Libe ra la tu a creativitá

THOMSON BROADCAST Recentemente acquisita da Arelis Group, Thomson Broadcast "è entrata in una nuova fase energetica", ha dichiarato M. Veillat, CEO di Arelis. "Siamo in un forte trend di crescita, con obiettivi ambiziosi per i prossimi tre anni. Il marchio Thomson Broadcast continua la propria operatività, e il nostro programma di lancio di nuovi prodotti prosegue immutato fino al 2013, con particolare attenzione alla gamma e agli sviluppi del portafoglio prodotti Radio Futhura”. Thomson Broadcast non ha mancato l’appuntamento con il NAB 2013, ed esporrà la gamma completa di prodotti ad IBC 2013.

WORLDCAST SYSTEMS La garanzia di 10 anni di Ecreso ha vinto il Cool Stuff Award 2013 della rivista (consorella di B&P) Radio World, grazie alla nuova manutenzione proattiva EMR (Expert Maintenance Reporting). Sul fronte Audemat, i nuovi pacchetti di monitoraggio ambientale forniscono una soluzione completa, pre-configurata e pronta ad essere installata, e includono tutti i sensori, gli accessori ed il software necessari anche per le applicazioni d’uso più specifiche.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3

NEW

La gamma Vision blu Grazie al controbilanciamento perfetto e alla precisa regolazione del fluido, i sistemi Vinten vision blu si integrano completamente con il tuo stile. www.vinten.com/visionbluerange For cameras from 3.3-26lbs

B R O A D C A S T

&

P R O D U C T I O N

81


INDICE INSERZIONISTI

Azienda

pag.

Azienda

pag.

ABE

III cop.

JVC

II cop.

Aldena Telecom.ni

IV cop.

Lemo

pag. 79

Aret

pag. 13

Lupo Light

pag. 17

Audiotek

pag. XIII

Lynx Technik

pag. V

Bel Power Europe

pag. 77

M. Casale Bauer

pag. 69

BitOnLive

pag. 29

M-Three Satcom

I cop.

Blackmagic Design

pag. 5

M-Three Satcom

pag. 34

BLT Italia

pag. 19

Network Electronics

pag. 15

Blueshape

pag. 33

PM Microwave

pag. 70

BV Media

pag. 11

Professional Show

pag. 25

Comrex

pag. 27

RO.VE.R.

pag. 53

C.V.E.

pag. 61

Rohde & Schwarz

pag. 9

Delo Instruments

pag. 57

Sedicom

pag. 59

Diem Technologies

pag. 65

Sira

pag. XVI

D&M Broadcast Eng.

pag. 55

Sisvel Technology

pag. 21

Elber

pag. 67

Sitel

pag. 71

Elle Erre Elettronica

pag. 80

Telsat

pag. 73

Eutelsat Italia

pag. 7

Vitec Group

pag. 81

Exhibo

pag. 23

Xdevel

pag. 63

Fluidstream

pag. 31

Presidente Steve Palm Vice Presidente Carmel King Direttore Vendite Eric Trabb Direttore Responsabile e Publisher B&P Andrea Rivetta

Copyright: NewBay Media Italy Srl. Tutti i diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Gli elaborati inviati, anche se non pubblicati, non si restituiscono.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY Ai sensi dell’art. 13, d. lgs 196/2003. I dati saranno trattati da Newbay Media Italy - titolare del trattamento – San Felice srl Resp. Vendite Italia e CEO Prima Strada, 12 –20090- Segrate MI per Raffaella Calabrese gestire il servizio da voi richiestoci, per informarvi su iniziative e progetti, per inviare il Produzione e diffusione catalogo prodotti, la rivista ed il materiale Dagmar Hänle informativo riservatiagli abbonati. Previo consenso, le informazioni potranno essere Stampa e Fotolito anche via e-mail. I dati saranno tratinviate Tipografia Sady Francinetti tati, manualmente ed elettronicamente, di L. e S. Francinetti snc - Milano esclusivamente da Newbay Media Italy srl e dai responsabili preposti ai servizi connessi a quanto sopra, non saranno comunicati né NewBay Media Italy srl trasferiti all’estero senza dietro vostro espliS. Felice - Prima Strada, 12 cito consenso e saranno sottoposti a idonee I-20090 Segrate-MI procedure di sicurezza. Tel. 02 92884940 Gli incaricati del trattamento possono essebroadcast@broadcast.it re preposti ai rapporti con gli abbonati, call center e sistemi informativi, alla stampa, World Headquarters all’imbustamento e all’invio di materiale NewBay Media LLC informativo. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003, si posso5285 Shawnee Road, Ste 100 no esercitare i relativi diritti fra cui consultaAlexandria - VA 22312 USA re, modificare, cancellare i dati od opporsi al Iscrizione al R.O.C. Nr. 16523 loro trattamento per l’invio di materiale informativo rivolgendosi al Responsabile del 23/10/2007 del Trattamento, presso la sede legale Reg. presso il Trib. di Milano: della Società Newbay Media Italy Associato all’Unione Stampa n. 275 del 16 aprile 1999 srl più sopra specificata.. Periodica Italiana

Broadcast & Production - Agosto/Settembre 2013

Per ricevere Broadcast & Production Vi preghiamo di riempire la cartolina in ogni sua parte. NewBay Media Italy srl decide a proprio insindacabile giudizio l’accettazione della richiesta di abbonamento. I dati raccolti con questa cartolina verranno anche utilizzati, se nel caso, anche per compilare la Guida Broadcast & Production. Dopo aver letto e pienamente compreso l'informativa sopra riportata in questa stessa pagina, ai sensi dell'art. 23 del Codice Privacy esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali da parte di Newbay Media Italy Srl, per finalità relative all'invio di informazioni su novità ed eventi relativi alle tecnologie broadcast.

❏ Dò il Consenso per ricevere GRATIS B&P Magazine ❏ Nego il Consenso ❏ Dò il Consenso per ricevere GRATIS B&P News On Line ❏ Nego il Consenso Scrivere in stampatello: Nome e Cognome Nome Azienda Indirizzo Azienda

n.

Città

CAP

Tel

Fax

Paese

E-mail

Data

4/13

(1) Tipo di azienda ❏ A Emittente Radio ❏ B Emittente TV

Prov

❏ 1 Nazionale ❏ 2 Locale ❏ 3 Satellite ❏ 4 Web ❏ C Centro di Produzione A/V ❏ D Centro di Postproduzione A/V ❏ E Azienda Distributrice/Rappresentante

❏ F Azienda Produttrice ❏ G Fotografo Prof. ❏ H Consulente ❏ I Ag. Pub/Concess. ❏ J Laboratorio A/V. ❏ K Altro _____________ _______________________

(2) Funzione in azienda ❏ A Proprietario/Presidente ❏ B Ammininistratore Delegato/Direttore Generale ❏ C Dirigente o Funzionario Tecnico ❏ D Dirigente o Funzionario Commerciale ❏ E Produzione o Programmazione

❏ F Redazione ❏ G Comp. Grafica ❏ H Montaggio ❏ I Altro _____________ _______________________

Firma

Spazio per richieste, consigli e critiche:

INVIARE VIA FAX AL N° 02 70 300 211 (3) Ruolo nel processo decisionale d’acquisto ❏ A Raccolta informazioni

82 B R O A D C A S T

❏ B Decisione finale

&

P R O D U C T I O N

Massima Riservatezza. NewBay Media Italy srl, ai sensi della L. 196/2003, garantisce la massima riservatezza e la possibilità di chiedere la cancellazione o rettifica dei dati personali.

A G O S T O / S E T T E M B R E

2 0 1 3


Broadcast&Production - numero 04 2013  

Edizione completa e sfogliabile del numero 4/2013 di Broadcast & Production

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you