Page 1

n. 2

ottobre 2012


In fondo è solo spettacolo. Attori scadenti frasi fatte parole a ripetizione che si rincorrono nel gioco degli effetti. La vita la devi prendere per quel che è: una parentesi di carne tra due imbuti, la battuta difettosa di un comico al tramonto. Bevi dal tuo amaro calice, poi vedrai i mostri. Non è poi così male. E’ il bene che è sopravvalutato. Ci hanno insegnato che è bene lavarsi le mani prima di mangiare e che il fumo fa venire il cancro. Quando il cancro passa di sottecchi ogni giorno lungo gli sguardi dei tuoi colleghi di lavoro o nella smorfia della portinaia, tra i volti smunti dei pendolari alla stazione, lungo le rughe di rabbia degli impiegati alle poste o mugolando con gli sbraiti dei vicini che se le danno. Ci hanno così messo all’erta verso forme di microorganismi infetti nello sporco che non facciamo attenzione agli acari giganti e rasati che prendono a cinghiate i barboni lungo i viali. Siamo stati estromessi dal loro paradiso perché in verità è solo un calcolato inferno liftato. Ora smetto di credere nelle loro bugie e mi do alla follia. Perché la sanità mentale è un trucco a cui non credo. Alessandro Pedretta Kresta


pag 2 - introduzione – in fondo è solo spettacolo pag 3 - indice pag 4 - ricordi tossici pag 5 - centimetri striscianti pag 6 - ti spacco una bottiglia in faccia pag 7 - ecce homo pag 8 - famiglia pag 9 - sei tu sono io pag 10 - i bambini cattivi pag 11 - per andarmene dovevo pag 12 - non dirlo a nessuno sono un insetto pag 13 - non abbandonare la tua poesia pag 14 - cazzate tutte cazzate pag 16 - la madonna pag 17 - sono un visionario pag 18 - poesia del chimico pag 20 - tra il teorico e il profano pag 21 - la poesia è pag 22 - voglio andarmene affanculo pag 23 - boris ryzhj pag 24 - johnny cash pag 26 - blade runner – racconto di William Burroughs pag 30 - tetsuo-l’uomo d’acciaio pag 32 - zeus ex machina pag 34 - detenzione pag 35 - a proposito di puntini pag 36 - voglio la fica modello coubert pag 38 - il nido pag 39 - sono una lesbica pag 40 - l’altro mondo pag 42 - ancora 5 minuti di vita e gin tonic pag 44 - dateci il colpo di grazia pag 45 - jab pag 46 - ernesto scivoli pag 48 - collage pag 49 - questanonèpoesia


S u l l a r iva d el fiu m e h o v i st o u n ca n e m o r to a n n e g a to e ra u n c a n e p ic c o lo b ia n c o o ra è g on fio , ta n to g o n fio d a d i st a n t e se m b r a u n a p ec o r a m o r ta mo sc o n i v e rd e m eta lliz z a to c o p ro n o tu tto h o re sp i ra to l’a r ia p u trefa tta e ho p ro v a t o n o st a l g ia , u n a s tr u g g e n te n o s ta lg ia ri c o rd i d ’in fa n z ia quando g i o c a v o n e l l a g ig a n te s c a d is ca r ica d i r ifiuti tra c o p e rt o n i b ru cia ti e ca d a ve r i d i a n im a li l a zona i n d u st ri a l e a c c a n to c o lo r a va l’a cq u a d el fo s s o a v o l t e g i a l l o , a ltre ro s s o , p iù r a ro il b lu p o i i l so l e t ra mo n ta va tr a i fu m i p eren n i t o rn a v o a c a s a felic e l a mi a in fa n z ia to s s ic a mi h a a b itu a to a l fu tu ro - d i A n d rea s F in o ttis -


Ho fame di lettere messe in fila correttamente dalla mia mente. Agisco pe r avere conseguenze. Le conseguenze non mi spaventano, mi proiettano evitando pellicole che conservano pensieri surgelati. Conseguo l’illogica, il nostro disappunto, le nostre incertez ze. Credo nelle nostre paure, nelle nostre confusioni. Amo i nostri dubbi, li amo incondizionatamente. No, accetto una condizione, anzi due, un sistema binario che mi trascini via dalla mia mente con ruote d’acciaio: centimetri striscianti. Sono un treno, una galleria, sono in viaggio e scopro il mondo. Scopro a dodici anni che il mio cazzo non serve solo per pisciare: centimetri striscianti. Scopro te, e ti amo incondizionatamente: centimetri striscianti. No, accetto una condizione, anzi due, un s istema binario che mi trascini via da te con ruote d’acciaio: centimetri striscianti. Non mi destabilizza più l’acido che mi sale in gola, ho avuto il primo rigurgito quando ero neonato, sono stato e ora sono, voi che osservate aprite bene gli occhi o lasciateli serrati, è indifferente, la visione non cambia, è nella mente: centimetri striscianti. - di Gervaso Curtis -


Fatti sotto poeta mediocre s c r i v i ancora una volta la tua merdosa rima baciata la tua riflessio ne sul senso di stocazzo u t i l e s o lo a raccattar patonza (che tanto non funziona ) . Fatti sotto poeta mediocre che ti spacco una bottiglia in faccia cosÏ avrai qualcosa di cui parlare il sangue caldo sulla faccia macchie rosse sulle tue scarpe di merda t i po le superga ch e metti in primavera estate. Fatti sotto poeta mediocre ho cinghiali nelle cosce pronte a sferrare grandi calci nel culo e che finisca questa pantomina di fiori e ferite e lacerazi oni e sguardi e roba simile. E che rimanga solo un continuo ronzio, tipo quando ti prendi un cazzotto sull’orecchio e s t a i z i t to, e ascolti, e senti d’esser vivo. E diomadon n a . - di Abdul Sensib i l e -


M i d e st o , m i s p u to a d d o s s o sveglio c o p e rt o d i su d o re d i s ch ifo e d i p ia ce re… u n mo st ru o so in ce s to tr a l’io e l’io n e l l a p a l u d e s o s p etta d el s u b u m a n o d o v e l o sc rig n o d e lle m e r a vig lie n e l t e m p o d i m ela s s a v e rsa i c a lici n o n b e v u ti in f ra n g e g l i sg u a rd i d ’a m o re n o n s co r ti sp e g n e l e i rri p e tib ilim m a g in i n o n vis te E c c e h o mo : st res s a to a v id o s elv a g g io sc u rri l e ra f f i n a to , m a la to d ’o g n i v iz io anima t o d a l l a c o sc ie n z a d e lle p ro p r ie vir tù !? sp i n t o a l p ro g re s s o S te lla re ma t u ro p e r g u a rd a re in d ietro ; t u t t o a rd o re tu tta n o ia , d e v o t o a l b o rg o e a l d o lo re? ! E c c e h o mo … p ien o d i vo lu ttà e d i n a u s e a d ella v o lu ttà ; p ro n t o a i n d o s s a re in d ifferen tem en te ca p p o t t i d i sp e rm a e s tr a s c ic h i m es tr u a li … m a c re a t o re ─ a n ch e ─ d i c o s e s tr a o rd in a r ie p e r u n m o n d o d is tr a tto , u n a t e r r a in fib u la ta d a sa ce rd o tIg n o r a n ti. - d i A n to n io B res c ia -


l ’ o rd i n e vie n e d a ll’a lto n e ss u n o n e p a r li n o n s i fa cc ia p a ro la fin g ere se mp re e co m u n q u e c h e n o n s ia s u cc e s s o n u lla è l a lin ea g u id a sf o g g ia n o i lo ro mi g lio r i s o r r is i me n tre ce rca n o d i sp er a ta m en te d i ma n t e n ere l’eq u ilib r io c a mm in a n d o s o p r a mo n t a g n e d i p o lve re n a s c o s ta so t t o i l o ro b e i ta p p e ti r ica m a ti - d i M a ure s -


S ei tu s o n o io cosa? p i a zze m o s ch ee ch ies e c ri st i a n i d o le n ti c ro c i d e st i n i ro ve n ti e vis c e r a li d i sc e se . . v ic o li m erca ti f o lla e fo llia se nz a p i첫 p a u r a ra p i d a f retto lo s a p a s s io n e Di o e l a s u a c o erciz io n e Li b e r i d i cred ere Li b e r i d i cred er lo Tu o n i mu ro p ia n to d e v o to mu se i o r ro re s to r ia ra n t o l i o d o r i r in to cc h i c a rn e d er is io n e p a ro le b l a b l a b la p a ro le. . . si l e n z io u r la s to n a te p a ro l e s ile n z io . . n u lla DI O . io . . . n u lla . . . - d i E n r ic o Mar r a -


I cattivi bambini ha n n o i mu s i l o rd a t i d i r a b b i a e tas ch e v u o t e d i p u g n i s i nas condono t r a g l i i n c u b i d e l f u t u ro s per ico l a n d o n e l l a n o t t e come vampi r i a c a c c i a d i v i t a . Stanno s emp re a l d i l a d e i r i f i u t i con le gamb e p i e g a t e d a l l e c o r s e ed hanno il s o s p i ro d e l l a mo r t e a fa rg l i d a o mb r a . Rima n g o n o n a s c o s t i dietro gli s pi g o l i d e l l a me n z o g n a e pagano il da z i o p i Ú e s o s o d e l mo n d o ma niente alz a lo s g u a rd o s u i i l o ro o c c h i . Riman g o n o i n s i l e n z i o as pettando che i l c a o s l i a c c o l g a d i n u o v o r iconos ce n d o s i d a l l ’ o d o re come b e s t i e f e r i t e . - d i Po r t o Di M a re -


Vi v o u n u n i v e r s o p a r a l l e l o condannato nella carne a m o r i re n e i v o s t r i p a rc o g i o c h i d i re a l t à a b u s i v a e c o n t a m i n a t a d a e s c re s c e n z e specchi incorniciati e bus autosnodati Sono arrivato e mi hanno detto d i m e t t e r m i i n f i l a p e r a n d a re i n b a g n o di non mangiarmi le unghie v o l e re i l m a s s i m o d a m e p ro i b e n d o m i d i s e d e r m i a t e r r a c o n l e g a m b e i n c ro c i a t e e la mente in aria me ne sono andato e mi hanno detto c h e p r i m a d o v e v o f a re i d o c u m e n t i e n t r a re n e l v i d e o re g i s t r a t o re e re c i t a re l a m i a f a r s a m a n g i a n d o s p a g h e t t i d i m a rc a e parlando con le persone d e i p ro p r i s o g n i d e g l i a l t r i e di quella ragazza che ha lasciato il suo ragazzo prima di andarmene d o v e v o f e r m a r m i a l s e m a f o ro e vestirmi bene p a r l a re s e n z a a p r i re t ro p p o l e l a b b r a c e rc a re u n b u n k e r d i o l i o , g r a s s o e g a s motori meccanismi e ingranaggi ro b o t a u t o m i o c c h i s p e n t i stipendi e assicurazioni sulla vita s e n t i r m i f i e ro d e l m i o n u o v o t e l e f o n i n o e m a n d a re i c u r r i c u l a c o n l a f o t o s a l i re l e s c a l e d o r a t e dei negozi lussuosi di famelici borsaioli impomatati c o l c u l o p ro f u m a t o i n o n o re d e l l a d e m o c r a z i a e d e l l ’ a u t o re a l i z z a z i o n e Per andarmene dovevo dovevo dovevo dovevo m a i o s o n o p a s s a t o c o l ro s s o e h o l a s c i a t o p e rd e re . - di Giuseppe Baldassarra -


I l m i o suono urla fra il rumore delle vostre parole, nel vuoto dei vostri concetti, nel buio della vostra luce, nel panico che tradisce le vostre certezze, nel vuoto delle certezze, nel vuoto delle certezze. Il mondo è cambiato, le certezze sono per i sognatori, le certezze sono per i realisti, le certezze sono di tutti e di nessuno. Mi sono sbagliato, il mondo non è cambiato, non è il pensiero che uccide, ma la vita, siamo condannati, s i a mo liberi di costruirci certezze da insetti, da insetti provvisti di insetticida. Programmiamo la distruzione della specie e non vogliamo accettarlo. Insetti contro insetti nei propri nidi che escono alla ricerca di cibo. In s e t t i s t e rrati dal dubbio che scavano certezze, tane, rif u g i . Insetti, schiacciati da inutili certezze, schiacciati da inutili incertezze, s c hiacciati e basta da un peso mal calcolato. - di Gervaso Curt i s -


Lo n t a n o Mo l t o l o n t a n o Là Dove n o n s i d i me n t i c a Dove s i c re d e n e l l ’ a r i a O s emplice me n t e i n u n a p i e t r a Dove s i s t a i n l i b e r t à Dov e s i r i f l e t t e O non s i p e n s a a n i e n t e Cons apev o l i d e l l a s o l i t u d i n e Dove n o n c ’ è t e mp o Dove c ’ è t u t t o i l t e mp o Dove n o n e s i s t e l ’ e t à Ma s o l o l a s a g g e z z a Dove s o f f i a i l v e n t o Dove erge ma e s t o s a l a mo n t a g n a Dove p l a n a n o l e a q u i l e Dove s o v r a s t a i l s i l e n z i o Dove tutto è c a l mo ma a t t e n t o Fr a le mura d i u n a c a s a v i s s u t a Viva e q u i e s c e n t e Un p o ’ s f re g i a t a Intor no ad u n a s t a n z a d i s o l i t u d i n e Dove un uo mo s c r i v e a ma c c h i n a Quel che g l i p a s s a l a mu s a O ciò che r i e s c e a r i c a v a re Dalle p ro p r i e i d e e . Non abban d o n a re l a t u a p o e s i a Perché è d a l ì c h e v i e n e La tua forza La t u a e t i c a Il t u o f a s c i n o La t u a ma g i a . Non s c o rd a r l o ma i Anche se t a n t i t i d i r a n n o Che que s t a n o n è p o e s i a . - d i Gi o v a n n i Fa va zza -


Tutte l u r i d e c a z z a t e Il futuro immedia t o , l ’ a v v e n i re c h e n o n c ’ è lo s gome n t o d i o g n i g i o r n o Ed io che altro n o n s o n o c h e u n b i s b e t i c o s empre con qua l c o s a d a d i re s c o g l i o n a t o ed ins oddis fatto p a r a n o i c a me n t e e s a u r i t o figlio di u n a g r a n d e mi g n o t t a s enz a un p i z z i c o d i s c r u p o l o fammi fuor i i n u n a c a mi c i a d i f o r z a con occhi gonfi e s o l i t a r i ro t t o i n c u l o Fai da me s borr a a d d o s s o s c h i z o f re n i c o s pez z a cuori c o n n i e n t e d a o f f r i re Solo un co n t i n u a re a l l ’ i n f i n i t o eter no l a g n a re c o r p o re o L agno es attament e c o me l a g n a v a mi o n o n n o Davanti al televis o re a c o l o r i e p i e n o d i c o s c e Seni enor mi c o n c a p e z z o l i s i n t e t i c i Mos tr i a metà b u s t o a d i re me n z o g n e Bes temmio c o me u n d a n n a t o Bes temm i o c o me u n f o l l e Mi s i aprono i po l mo n i q u a n d o b e s t e mmi o Mi s ento in for m a s o l o e d e s c l u s i v a me n t e qua ndo dalla mia g ro t t a d i b o c c a s u d i c i a e s e c c a Vien fuor i da d i e t ro a u n c e s p u g l i o la peggio me rd a ma l e d e t t a Bes tem mi a a n c h e t u d a i Fanne un’orch e s t r a d i u n a b e s t e mmi a Bes temmia o r a e a f i n e v e n d e mmi a Bes te mmi a t i p re g o Il mondo ha b i s o g n o d i b e s t e mmi a


e non di p o l i t i c a a s s a s s i n a Cr iminalità org a n i z z a t a p o s s i b i l e re s a Dal den t i s t a a l l ’ i d r a u l i c o tutti s pir i t u a l me n t e c o r ro t t i Il res to t u t t a u v a ma rc i a Bes temm i a t e t u t t i i n s i e me Un o a l l a v o l t a Tr a un b i c c h i e re e l ’ a l t ro In b o c c a u n a ro s a Bes temmiate n e l n o me d e l s i g n o re Da s en s o a l l a mo r t e Bes temmia di gio r n o e b e s t e mmi a d i n o t t e Quando tutti d o r mo n o e n e s s u n o ro mp e La mia por ta a p e r t a a d o g n i b e s t e mmi a Ogni ter z o ver b o , p e r p l e s s i t à i n c e r t a Bes temmia t e l a v e rg i n e ma d re tutti i s a n t i i n f i l a p e r d u e Cr is toforo Colo mb o e l ’ a p o c a l i s s e a t t u a l e L’inven z i o n e d e l l a r u o t a Il pr imo u o mo - ma r t e l l o metallo fuso e s c o r i e d i c e r v e l l o Pupille come far i a b b a g l i a n t i d i u n a u t o t re n o Cos e t i p o r t i a l l e t t o Con ma s c a r a e ro s s e t t o L’univer s o r i p o s a i n u n c a s s e t t o (…mi rompo una cos t o l a e s o g g i o r n o u n a t t i mo … ) Tutti andr a n n o i n p a r a d i s o Nas cos to dietro u n a l b e ro o d i e t ro u n s o r r i s o Tempo di fr agole e a r i a v i z i a t a i n s g a b u z z i n o - d i Al e s s a n d ro De Ce sa re -


L a Madonna si è arresa quando mi ha visto perché ha pensato fossi un fossile dell’e tà preistorica, così: senza un’automobile o un orologio da polso da mostrare. Io: senza nessun teorema prestabilito col quale farmi vanto. La Madonna si è arresa quando ha capito che non ho statuine sul comodino e che non compro quel che desidero perché non desidero comprare. La Madonna si sente offesa quando non guardo la tv e mi sgrid a con alito cattivo su quel che è bene fare. La Madonna è un’intenzione astuta, è una donna sempre incinta, è un mirac olo di oppressioni, sono mille impartite regole da seguire. La mia Madonna è morta ieri. La mia Madonna non ce l’ha fatta. - d i Al e s s a n d ro Pe d re t t a Krest a -


Sono un visionario, un cospiratore paranoico da abuso di ganja troppo cara. Maledetti hippie. Maledetti punk. Maledetti hipster. Maledettissimi noi, nei secoli a venire. Granbiscotto sugli occhi cisposi da infiniti after, duecentrotrenta in strada statale per sfuggire ai nostri stessi pensieri. Ritmi Ossessivi, ingoiando pillole dentro stanze scure, siamo i figli di pac-man. Siamo i figli di Chernobyl, contaminazioni europee di regime dittatoriale. Supremazia Tecnologica Tedesca. Siamo ripetitori di spot. Cartelli Pubblicitari di cocainomani famosi. Lavagne luminose nel profondo della notte, mai provato col latte + ? Siamo al fronte, in trincea, tutti contro tutti. Siamo il risparmio e la convenienza dei rapporti umani. Siamo giochi preziosi che non conoscono giochi proibiti inutili quanto emiglio il meglio. Godot se la ride di brutto, probabilmente ci ha abbandonati dall’inizio dell’universo, partendo alla volta di non riesco ad immaginare cosa. Siamo istruiti come scimmie predisposte ad essere lanciate nello spazio senza far ritorno a casa. Le scatole cinesi dell’istruzione portano sempre e solo alla stessa cosa: Arbeit Macht Frei. Liberi di comprare. Liberi di spendere. Liberi di viaggiare. Liberi di divertirci. Schiavi in catene di montaggio coi film porno in testa e le mani in pasta nelle insalate dei fast-food. Ti arrendi o diserti? - di Andrea Doro -


Come dice il buon samaritano fumare mentre bevi birra non è sublime è solo chimica il tabagismo dopo l’amplesso è solo chimica Amore sei tornata in città che bello forse mi daró alla chimica Un estathe da 33 cl lo smaltisci con 17 minuti di corsa circa Pensa quanto ci metteremmo solo per smaltire questa vita di bagordi e merda ingoiata Anche il volerci bene è chimica anche l’amarsi è tutta colpa dell’ossitocina La chimica dei miei pensieri è acida come il limone che ti ostini a mettere nella birra


A questo punto pure la moda è chimica Guarda allora le mie palle chimiche espello tossine neurali e tosse farmacologica Che bella l’estate combatterò i vostri sorrisi e le vostre abbronzature con il mio pallore chimico Tranquilla mamma eviterò frutta e verdura cibi pieni di scorie spero solo di evitare anche la sorte - di Fabio Woody Carroccia -


Sono un puttano Sì Come quelle donne lì Che c’è l’hanno nel sangue Di darsi ai p iaceri dell’avventura Perché sostanzialmente È nella loro natura E quando arriva l’occasione Anche resistendo alla tentazione Si fanno c omunque prendere. E come quelle donne lì Sono motivo di discussione Ma io v ivo su me stesso Tra il teorico e il profano E anche migliorandola La natura (pe r certi versi e per altri ammaestrandola) Quando è viva Viene c omunque fuori. Sono vivo E cco tutto. - di Giovanni Fava zza -


l a poes ia è un urlo in una c ittà v uota l’ occhio di un cane more nte un orgas m o colante tra i se ni u n a bus ta di nylon c he danza nel v ento u n p e n siero che s cappa allo sc orrere del temp o - di Andreas Fino t t i s -


R o t aie, asfalto, linea lunga divieto di sorpasso, c a f f è r iscaldati, cavi telefonici sotterranei, le parole . Fottutissime parole. Quanto de ve valere un gesto? E’ vero che stiamo tutti impazzendo? O sono soltanto p aranoie da buste di ganja pagata troppo cara? Quanto può essere vero un sorriso? D i e t ro uno schermo al plasma o a cristalli liquidi, q u a n t e distorsioni ha subito l’Io della tua immagine ? R u m o r i , l uci, coglioni sudati, aspetterò il prossimo auto b u s. P u z z a , un pezzo di fiducia che si schianta con un tonfo , tra le onde dell’indifferenza. C a l o re d e l sole sulla pelle, come la vuoi chiamare, vend e t t a ? Citazioni di citazioni. Quanto può perseguitare, un Perchè? Voglio andarmene a fanculo in solitudine - di Andrea D o ro -


“Da c i n q u e a n n i o r m a i n o n s o g n i p iù ch e sc o p i , t i sv e g li p er la n o ia , v a i v e r s o i l g a b i n e t t o e – a llo s co p o d i fa r ti l a b a rb a – i n f ili il tu o p ro p r io r itr a tto n e l l o sp e c c h io e in d ietreg g i: e q u e st o ch i s a re b b e , c h i è ? M a g ro , c o n la b a r b a lu n g a . S ei tu ! L o sp e c c h i o d i fro n te, u n la b b ro ro tto , i n e rv i a p e zz i, m a s em p re il b ello , l ’ a l t e ro e a l leg ro B o r is B . Ryž h j, c h e c o sa p ri v a d i g u s to s a reb b e , o r a ta g l i a rsi l e v e n e co n u n in n o cu o r a s o io ”


Oggi è il 12 settembre. Un giorno come tanti altri per la maggior parte delle persone, che diventa ancora più insignificante considerando il fatto che viene dopo il celebratissimo, famosissimo e inflazionatissimo 11 settembre. Ieri molti di noi hanno rivolto un pensiero sincero o ipocrita, irriverente o empatico agli Stati Uniti, vittima di un attentato ormai 11 anni fa. Tantissime manifestazioni nel mondo, mentre le tv mostravano in continuazione quei due aerei che colpivano e poi abbattevano le torri del Wall Trade Center a New York. Poi oggi tutti a vivere come niente fosse, scrollandosi di dosso la finta tristezza e riponendo nell’armadio la faccia come il culo tipica di queste occasioni. Sono passati 11 anni dall’11 settembre, e chissà quanti ne passeranno prima che diventi una ricorrenza dimenticata e celebrata di corsa, forse oscurata da altre ricorrenze p iù recenti e tragiche? Forse gli ipocriti non dimenticheranno mai di celebrarla, per convenienza e per politica. Ma oggi è un’altra ricorrenza tragica, anche se ormai in pochi se la ricordano. Nove anni fa moriva Johnny Cash. Moriva a 71 anni, pochi mesi dopo la moglie June Carter, il cui amore è il protagonista di un piacevo-

le film girato nel 2005, intitolato Walk The Line. Nonostante io sia sempre stato tra gli stronzi che sostengono che Cash è morto troppo vecchio, sputtanandosi con cover che, per quanto orecchiabili, ne hanno un po’ snaturato il personaggio, oltre che distruggendo il mito della rock star che abusa di droghe e alcol fino a crepare, non passa anno che non celebri il 12 settembre, ascoltando i pezzi a cui sono più legato come per esempio l’intramontabile Ring of Fire, o Cocaine Blues, o ancora Jackson in duetto con June Carter. Quest’anno ho deciso di celebrare questa ricorrenza scrivendo queste parole, perchè i social network che si stanno sempre più insinuando nelle nostre vite, rendono semplice l’atto di indossare la nostra faccia come il culo per ricordare questo o quel fatto, pubblicando un link o un’immagine stra ppalacrime, direttamente dalla nostra confortevole cameretta, dal nostro pulpito ipocrita. Oggi è il 12 settembre e io voglio ricordare Johnny Cash: la sua infanzia turbata dalla morte del suo affezionato fratello Jack, il primo contratto con la Sun Records e il singolo Cry Cry Cry, la prima moglie e il primo divorzio, l’uso e l’abuso di droghe, il carcere per aver cercato di portare illegalmente dal


Messico pasticche di anfetamina. Ricorderò a nche i suoi concerti, purtroppo visti solo tramite youtube, come quello celebre alla prigione di San Quentin, registrato in presa diretta nonostante lo scetticismo della casa discografica, i concerti annullati perchè Cash non si reggeva in piedi e l’ultima sua performance datata luglio 2003 in cui si capisce che la sua vita stava per terminare, anche se gli stronzi come me sostengono che doveva

morire prima, forse durante il collasso per overdose da anfetamina durante un concerto nel 1967. Ricorderò Johnny Cash e basta. L’uomo in nero che ha cantato la rabbia degli emarginati, dei galeotti, dei drogati, come r icorda lui stesso nelle prime strofe della canzone Man In Black, il cui testo è una poesia e con cui concludo questo vaneggiare da 12 settembre. - di Maures -

Well, you wonder why I always dress in black, Why you never see bright colors on my back, And why does my appearance seem to have a somber tone Well, there’s a reason for the things that I have on I wear the black for the poor and the beaten down, Livin’ in the hopeless, hungry side of town, I wear it for the prisoner who has long paid for his crime, But is there because he’s a victim of the times I wear the black for those who never read, Or listened to the words that Jesus said, About the road to happiness through love and charity, Why, you’d think He’s talking straight to you and me Well, we’re doin’ mighty fine, I do suppose, In our streak of lightnin’ cars and fancy clothes, But just so we’re reminded of the ones who are held back, Up front there ought ‘a be a Man In Black I wear it for the sick and lonely old, For the reckless one s whose bad trip left them cold, I wear the black in mournin’ for the lives that could have been, Each week we lose a hundred fine young men And, I wear it for the thousands who have died, Believen’ that the Lord was on their side, I wear it for another hundred thousand who have died, Believen’ that we all were on their side Well, there’s things that never will be right I know, And things need changin’ everywhere you go, But ‘til we start to make a move to make a few things right, You’ll never see me wear a suit of white Ah, I’d love to wear a rainbow every day, And tell the world that everything’s OK, But I’ll try to carry off a little darkness on my back, ‘Till things are brighter, I’m the Man In Black


Era il 1979 e William Burroughs scrisse il “Progetto di un film” intitolato Blade Runner. Una sceneggiatura fantascientifica che non venne mai realizzata. Ridley Scott ne prenderà soltanto il titolo per prestarlo al suo Blade Runner tratto dal racconto di Philip Dick, Anche gli Androidi sognano pecore elettriche?. Rileggendo questo “progetto” di Burroughs, totalmente inedito in Italia (era stato pubblicato nel 1983 da una piccolissima casa editrice e distribuito solo in Svizzera), ancora una volta ci imbattiamo nella geniale visionarietà dello scrittore americano. L’autore de Il pasto nudo e La scimmia sulla schiena, immagina un futuro prossimo da apocalissi. Vicina. Imminente. Nel 1979 scriveva di “un cancro fulminante” diventato un’epidemia capace di “abbassare tutti i livelli delle difese immunitarie”. Due anni dopo, purtroppo, il testo progettato da Burroughs è stato realizzato dalla Natura con un nuovo titolo: Sindrome d’Immuno-Deficienza Acquisita, AIDS. Veduta di Manhattan da un elicottero… “Il sovraffollamento ha portato sempre a un maggior controllo governativo sui privati, non sui modelli vecchio stile di oppressione e terrore degli stati polizieschi, ma in termini di lavoro, credito, alloggio, pensione e assistenza medica: servizi che possono essere sospe-

si. Questi servizi sono computerizzati. Niente numero, niente servizio. Tuttavia, questo non ha prodotto le unità umane standardizzate e col cervello lavato postulate dai profeti semplicisti tipo George Orwell. Invece, una larga percentuale della popolazione è stata spinta nell’underground. Larga quanto, nessuno lo sa. Questa gente è senza numero.” Bimbi neonati ululano. Lottizzazioni, progetti di edilizia crescono. Computers ronzano al Con Ed, I.R.S., Welfare, Medicare, Health Insurance. Schede, avvisi, conti escono a fiumi. Un cittadino esasperato fa la valigia ed esce dalla sua casa a Levittown. Fa un mucchietto di foglie, ci sbatte sopra una pigna di schede, e dà fuoco al mucchio. Una vecchia dall’altra parte della strada corre al telefono. L’autopattuglia arriva e gli fa una contravvenzione per aver bruciato le foglie. Mentre l’auto si allontana lui butta la contravvenzione nella cenere. Se ne va con la sua valigia. Veduta aerea del Muro che corre lungo la 23° Strada dall’Hudson all’East River…. “Il Muro venne costruito dopo i Disordini per la Legge Sanitaria del 1984. La Città Bassa può essere tagliata fuori e il muro guarnito di truppe nel giro di mezz’ora. Un muro simile separa Harlem dalla zona centrale di Manhattan. L’elicottero si sposta verso sud…macerie, edifici in rovina, terreni abban-


donati. Sembra Londra dopo il Blitz. Pochi segni di ricostruzione, a parte sporadici rattoppi. Molte strade sono bloccate dai rifiuti e ovviamente intransitabili. Qua e là, miseri mercati all’aperto e orti nei terreni abbandonati. Piazze e strade affollate si svuotano di colpo senza una ragione apparente. Ci sono battelli improvvisati sui fiumi, carichi di derrate. “Con il 1980,c’era stata una crescente pressione per emanare una Legge Sanitaria Nazionale. Questa fu bloccata dalla lobby medica, con i dottori che protestavano che una simile Legge avrebbe significato in pratica la fine della professione privata e la degradazione del livello medio del servizio medico. Fu anche addotto l’argomento della gravità dello sforzo in rapporto a un’economia già precaria. Le compagnie farmaceutiche, temendo che un intervento sui prezzi avrebbe tagliato i profitti, spesero milioni per opporsi alla proposta di legge e misero annunci su intere pagine dei maggiori giornali. E soprattutto, le compagnie di assicurazione sulle strade strillarono che la

Legge non era necessaria e poteva soltanto portare a un aumento di tasse per un servizio peggiore. Ecco qui il cittadino a reddito medio nel suo malandato appartamento. Il tetto non tiene e lui ha cercato per settimane di ripararlo. Il padrone di casa non fa niente. Il cittadino ha appena diviso una scatola di cibo per cani con la sua famiglia. “Eccoci qua a pagare per mantenere i negri e i terroni e i beatniks in hotels e ospedali. Noi paghiamo per i loro fetenti vizi di droga, gli diamo i soldi per non dover lavorare, e noi? Possiamo permetterci di spendere $ 500 al mese per un letto d’ospedale? Trovano un portavoce nel Reverendo Parcival, che mette in giro un giornale noto come Il Cane da Guardia, con una striscia di fumetti: Bionda Nordica coppia porta bimbo malato a un ospedale. Un dottore nero li sbatte sulla strada: “Inqualificabile sudiciume., Dà il benvenuto a un giovane portoricano che si è spellato una nocca in una zuffa. “Entra ragazzo mio. Infermiera, un quarto di grano di G.O.M. per que-

sto signore.” “L’eroina venne legalizzata per i tossicodipendenti nel 1980. La United States Health Service se ne assunse la distribuzione attraverso cliniche governative e mise in piedi un’intricata burocrazia, con polizia e investigatori che si dimostrarono totalmente corrotti. Molte persone che non erano tossicodipendenti entrarono in questo programma e si guadagnarono comodamente da vivere vendendo le loro razioni.” Ecco qui di nuovo Mr. Reddito Medio. Ha un doloroso e inabilitante caso di dermatite. Ha appena finito di pagare $ 50 per una visita. Il dottore rifiuta di prescrivere codeina: “La sola cosa che posso prescrivere è l’unguento di Whitefield.” Ed ecco una grossa e felice famiglia assistita. Bussate a qualsiasi porta di Harlem. Due ragazzi in eroina dell’assistenza, una figlia al lebbrosario federale a Carrville, Louisiana, un ritardato a Kings State, una distrofia muscolare in un programma speciale. Mamma incassa su ciascuno


di loro – assegni per perdita di sostegni. Niente lavoro, niente problemi. TV a colori. Resti di un enorme tacchino sulla tavola. Mamma si concede una generosa dose del suo speciale sciroppo per tosse, per tener fuori i freddi dell’inverno. Papà sta mangiando un gelato alla fragola. I ragazzi sono sdraiati sul pavimento a studiare opuscoli di agenzie turistiche. Non sanno decidere se andare a Lexington per la cura estiva (“Il Country Club” è adesso degno del suo nomignolo con migliaia di boschi, passeggiate, cavalli, golf, tennis, barche, pesca tutto a disposizione degli internati), oppure a trovare Sorellina a Carrville. “Dio mio” grugnisce Papà, “Ho un mal di testa da gelato. Fammi un’iniezione, figliolo, presto…sta passando…” Il dottore porge al ragazzo la ricetta per l’eroina con un ghigno corrotto… “E fa’ in modo che non ti prenda a vendere quella che ti avanza.” Prende il telefono. “Infermiera, quanti lebbrosi ci sono là fuori che scalpitano per Carrville?”

Il traffico in bacilli di Hansen è rampante. È ora noto come “la roba bianca”. Basta graffiare un po’ di pelle con un ago e strofinarceli su, sei mesi dopo…. Nuovi lebbrosi si riversano da un vecchio battello fluviale a pale ruotanti cantando “Casa Dolce Casa.” Altri si buttano fuori su argini desolati, con le rane che gracidano… “Benvenuto nella famiglia Hansen. Sai che mano esperta è la mia… non mi hai mai sbalzato fuori dal programma. Possono arrestarti e rimandarti alla vita civile se non sei prudente. Be’ io maneggio la miglior roba bianca di Carrville. Resta nel programma con l’Unguento del Doc White.” Lungo i bayous, i laghi e i fiumi vi sono i cottages coperti di buganvillee, rose e campanule, dove languidi lebbrosi oziano – fumando marijuana e oppio dei loro giardini, iniettandosi eroina governativa, con gli aranci, i manghi e gli avocados che crescono nei cortili, prendendo pesci gatto, lucci e pesci persici dal portico di casa, o aprendo scatolette dello spac-

cio governativo. Carrville è adesso un’enorme zona di paludi che si estende dal Great Thicket dell’East Texas alle Everglades della Florida. Sulle isole palustri sono celebrati strani riti. Giovani nudi con maschere da alligatori danzano davanti al Dio Gator Caprone che ha la testa di un alligatore e i piedi di un caprone. Tempo di Mardi Gras a Carrville. Un languido giovane aristocratico passa scivolando su un battello floreale, una gamba mangiata via al ginocchio, il moncherino fosforescente nel crepuscolo che si addensa. Una sottospecie virale radioattiva cari miei, terribilmente chic. Lagune viola dove pesci di smeraldo si tuffano in cerca della luna. Ed ecco uno stupefacente giovane lebbroso in veste di Cleopatra sul suo battello con un Marco Antonio pacioccone…. E l’intera riserva è cintata e custodita. “Così lasciamo la felice popolazione di Carrville che, mediante qualche interiore sorgente di coraggio e di forza, ha trasformato la sua terribile malattia in un soddisfacente siste-


ma di vita. “E per questo che io pago le tasse? Orge sessuali di finocchi e iniezioni di marijuana?”. “Nella nostra splendida sistemazione – fornita dal cortese governo americano – noi non abbiamo da preoccuparci di stronzi come te che lavorano per vivere. Possa tu crollare nel cesso da cui sei emerso.” Mafiosi si sporgono dalle loro Cadillac a sputare in faccia al contribuente. “Ma chi sei, worke fore living? Ti sputo in faccia, scemo!” E molti giovani denunciavano casi di inabilità, dicendo che non potevano coesistere con dei disgustosi barboni contribuenti. “Mi rendono così nervoso che non sono stato in grado di lavorare. Chiedo inabilità totale e sussidio di eroina.” “Quando la terza Legge Sanitaria Nazionale fu respinta al Senato a causa di vergognose manovre di gruppi e tattiche ostruzionistiche, scoppiarono i Disordini del 1984 per la Legge Sanitari. Si calcola che 500.000 persone siano morte soltanto a New York City e ci furono danni materiali

per miliardi. Altre città annoverarono perdite di questa entità. I decessi in tutti gli U.S. arrivarono a quasi dieci milioni. Per ironia, l’alta mortalità fu dovuta in larga misura agli sforzi del governo di prevenire l’esplosione con severe misure di controllo sulle armi. La Legge Nazionale sulla registrazione delle Armi da Fuoco escluse coloro con precedenti penali o di tossicodipendenza o di malattie mentali, e tutti coloro sulle liste dell’assistenza pubblica , dalla possibilità di comprare o possedere armi da fuoco di qualsiasi tipo, compresi i fucili ad aria compressa. Questo lasciò la scontenta classe media in possesso di più armi da fuoco di qualsiasi altro gruppo. “Facendo affidamento sulle armi ammassate e sulle simpatie della polizia e della Guardia Nazionale, i Soldati di Cristo di Parcival parlavano adesso apertamente di occupare New York e massacrare tutte le minoranze etniche, i beatniks, i perfidi drogati, finocchi e capelloni. A dire il vero parlarono troppo e spaventarono troppa gente, facendo oscure allusioni

ai banchieri internazionali, a Wall Street e al Pericolo Giallo. Significava questo che gli Ebrei, i ricchi e i Cinesi erano sulla lista? Potenti figure anonime decisero che sarebbe stato prudente far trovare un’efficace opposizione ai seguaci di Parcival. Ad ogni modo un documento noto come Il Diario del Diavolo arrivò fino alle minoranze più immediatamente e specificatamente minacciate. “Il Diario del Diavolo era stato preparato su ordinazione della CIA negli Anni’60. Conteneva istruzioni dettagliate per fabbricare armi da materiali facilmente disponibili in ogni drogheria o negozio di ferramenta: polvere nera, bombe incendiarie, più una batteria di armi biologiche e chimiche. Come produrre botulina partendo dal bouillon in scatola; come fare il gas nervino dagli sparys insetticidi; come fare clorina, nitroglicerina, fosgene, ammonio, gas arsenicato. Furono queste armi, lanciate e integrate da balestre, cerbottane, fiondi e granate a polvere nera, che causarono le impressionanti perdite.”


Il lungome tr aggio in ques t i o n e vie ne cons ider ato, nè pi ù n è m e n o, un clas s ico del cyber p u n k g i a pponese e non s olo. Del re st o , ne l ge nere, il nome di S h i n y a Tsukam oto, non può che e s s e re una gara nz ia. G i à dei pri mi es per imenti gi o v a n i l i ( c ort o metr aggi ) comi n c i ò a d ist i nguer s i nell’elabor azi o n e d i pellic ole car atter iz z ate d a t ra me assurde, per s onaggi b i z za r r i c oinv olti in vicende a d i r p o c o pe rve r s e. Oltretutto, n e l l a s ua c arrier a, è compar s o p i ù v o l te c om e attore s ia nelle s u e o p e re c he in quelle di cine a s t i c o t e rrane i quali, gius to per f a re u n nom e, Takas hi Miike (N e l l o sp e cific o, il violentis s imo “I c h i t h e kille r”, tr atto dall’omon i mo m a nga seinen). Tsu kamoto cominciò ad a f f e rm a r si dopo l’us cita di “Denc h u K o zu no Boken”, ovvero “Le a v v ent ure del r agaz z o del p a l o e l e t t ric o”, la s tor ia di un r a g a zzo c he ries ce a viaggiare n e l t e m p o pe r via di un palo de l l a l u c e c he gli s punta da dietro l a sc h i ena. A due anni di dis tanz a dal s u o p r i mo lungometr aggio nacq u e i l f i l m c he di ede iniz io alla tr i l o g i a di Tetsuo. La tr ama, s in d a l

principio, non lascia certo dubbi s u l l a s u a “l u n g h e z z a d ’ o n d a ” : u n a u t o l e s i o n i s t a ( i n t e r p ret a t o d a l l o s t e s s o Ts u k a mo t o ) si t ra f i g g e c o n u n ’ a s t a d i f e r ro . I n verità, l’intera vicenda del film, è u n a r a p p re s e n t a z i o n e a s s o l u t a me n t e g r a t u i t a d i u n a p a r t i co l a re f o r ma d i ma s o c h i s mo . N o n vi è u n a s i mb o l o g i a s u b l i mi na l e d a c o g l i e re n e g l i a t t i d e l c o n t ro vers o p e r s o n a g g i o p re s e n t a t o i n i z i a l me n t e , l a v i o l e n z a v i e n e ra p p re s e n t a t a c o me f i n e e s è st essa , s e b b e n e c i ò n o n s i g n i f i c h i ch e n o n v i s i a u n a d e n u n c i a so ci a l e d i f o n d o n e l l a t r a ma i n s è . La s t o r i a s u c c e s s i v a me n t e s i sp o sta, focalizzandosi nella quotid i a n i t à d e l p ro t a g o n i s t a i l q u a l e è i mp e g n a t o n e l r a d e r s i l a b a rb a . Ne l me n t re s c o p re c h e u n a s o n d a me t a l l i c a g l i s p u n t a d a l l a g u a n c i a d e s t r a . Da q u i i n a va n ti la storia diventa un climax a s c e n d e n t e d e l l a me t a m o rf o si d e l p ro t a g o n i s t a i n a g g l o m era t o me c c a n i c o : u n a ma c c h i n a n a t a d a l l ’ i n f e z i o n e d i u n v i r u s ch e si sviluppa dal suo interno. La v i o l e n z a f i n i s c e p e r a s s u m ere n o n s o l o u n a d i me n s i o n e p ret t a me n t e v i s i v a , ma a n c h e p s i co l o gica, in quanto si assiste in modo i n c e s s a n t e a l l a d i s p e r a z i o n e t ra -


g i c a dell’individuo nell’acc e t t a re l a sua emergente natura . I l t u t t o proce de fino al momen t o i n c u i la m acc hina finis ce per o t t e n e re un c ontrollo pres s ochè t o t a l e, infe ttando il protagoni s t a st e s so c on la s ua natur a s a d i c a e d espansi va e culminando n e l m a cabro ge s to dello s tupro d e l l a su a ragazza tr amite un tr ap a n o c re sc iuto al pos to del pene. L a pellic ola è car atter iz z ata d a u n a sc arsa pres enz a di di a l o g h i , im magini in bianco e n e ro so v rappost e in manier a p i u t t o s to c onfus ionar ia e cos t a n t e ri p roposi zione di mus iche t e c n o e noi se . In più par ti nel f i l m v i e ne ut i l i zz ata la tecnica d e l l o st o p motion (in italiano v i e n e c h i am at o “Pas s o a uno”), v a l e a d i re una metodologia di r ip re sa c he prev ede la focaliz z azi o n e d i un f ot ogramma alla volta , c o l

r i s u l t a t o d i u n a r i r p ro d u zi o n e d e l l ’ i mma g i n e n o n c o n t i n u a m a f r a mme n t a t a . Vi s t a l a n o t o r i e t à r a g g i u n t a i n s e g u i t o a l l a p ro d u z i o n e d el p ri mo f i l m, Ts u k a mo t o , d e c i se d i g i r a re u n s e g u i t o n e l 1 9 9 2, st a v o l t a a c o l o r i , i n t i t o l a t o “Tet su o – Bo d y Ha mme r ” e u n t e r zo n el 2 0 0 9 “Te t s u o – Th e Bu l l e t M a n ” . Gi à n e l s e c o n d o f i l m d e l l a t ri l o g i a s i n o t a c o me l a t r a m a a ss u me u n a s p e t t o n e t t a me nt e p i ù i n t r i c a t o , l o s v o l g i me n t o d el l a s t o r i a è me g l i o d e f i n i t o r i sp et t o a l p r i mo . Tu t t a v i a o c c o r re r i c o n oscere c h e n e s s u n o d e i d u e s e q u el ri u s c ì ma i a d o t t e n e re l o s t e s s o su cc e s s o d e l p r i mo l u n g o me t r a g g i o c h e r i ma n e t u t t ’ o g g i u n a p i et ra mi l i a re d e l Nu o v o Ci n e ma G i a p ponese. - d i Br i a n B el a j -


A s p ettativ e affettatr ici gr an d a n g o l o m i cidiale nuovaior k fra i n t e n dim enti depis taz ioni demo t i v azi oni ghir lande fr atella n z a x e n ograf o volf z igr inature p e s t i c i d i polizi a s atellitare defen d e r b i a nco me rda gargoiles he r b a d e f ic it st anding ovation celeb r i t à c e le re st upor mundi culo c i b o e d e r a tossica z agabr ia s uol o t i ra n a v e rdad? ghigliottina you i o u n i ve rsalità quas ar fotoni f i s si o ne e ne rgia s paz io r icor re n t e a s s enza esso bianco merda f e ro c i a de trat t iva vulcano cr is ta l l o o p ossum tergiver s are s tand a rd f ra ngiflutti ultr ater reno so l c o a s o la. st op – s top – s top – s t o p – st op – st op – s top – s top – s t o p – s top – st o p br uciature fe l i c i t a z ioni de unificaz ioni s collat u re d i e tro v ischios o leccare... Tu t t e l e stam panti della ter r a s o n o i m pazzi t e. Stiamo cercand o d i ri solv e re il problema. Sche r mo - e r rore. Il problema potre b b e ri c h i ede re a lcuni minuti. As p e t t a re l a c hius ur a del progr amma . S c h ermo - er rore. Ques ti c a z z o d i com put er. Ho lavor ato per u n a v i t a c on ques ti caz z o di comp u t e r e ora di colpo impaz z is c o n o . C o n quello s tronz o di Mr. Fi n e st ra c ’e ra da as pettar s elo, ma a n c h e da quel defunto par a c u l o

d i M r. M e l a e h n o , n o n l o a ccet t o . È t ro p p o . Ho d e l l e p ra t i ch e d a c h i u d e re . Di l l o a me , h o t u t t i i c o n t i i n s o s p e s o e s t a v o l a vo r a n d o i l l i n e a . Fo s s e u n pro b l ema d i l i n e a a v re i c a p i t o , p u ò su cc e d e re , l a f i b r a o t t i c a q u a n o n c ’ è e q u a l c h e v o l t a c a p i t a ch e si i n t e r ro mp a , ma c o s ì mi ma n d a a f a n c u l o t u t t o . M a a a a , r i at t a cca q u e l c a z z o d i mo d e m. Chi ed i a t u o f r a t e l l o e n o n ro mp e r m i i co glioni, stò uscendo e ho già abbastanza casini per conto mio, s p e g n i q u e l c a z z o d i c o m p u t er e p re p a r a i l p r a n z o . M a a aa , ri a t t a c c a mi i l mo d e m o q u e st a è l a v o l t a b u o n a c h e me n e va d o d a q u e s t o c e s s o d i c a s a e va d o a s t a re d a De b b y p e r i l re s to d el l a mi a f o t t u t a v i t a . E a l l o r a va t t e n e a f f a n c u l o e n o n ro mperm i i c o g l i o n i , v o g l i o v e d e re s e q u egli sfigati dei genitori dell’amic a t u a p o s s o p e r me t t e r s i di d a r d a ma n g i a re a d u n a me z z a i d i o t a c o me t e . Ch e c a z z o s t à s u c ced en d o e h ? Vo g l i a mo r i a t t a c a re q u el t r a s me t t i t o re o d e v o p re n d erm i l e b e s t e mmi e d i t u t t i i t e l esp et t a t o r i d e l l a n a z i o n e ? No n è co l p a n o s t r a , s i a mo t a g l i a t i f u o ri , c re d o c i s i a u n p ro b l e ma d i l i n ea n a z i o n a l e . Pro b l e ma d i l i n ea n a z i o n a l e ? Co s a è l a g u e r r a f red -


d a ? A ndi amo non dite s tronza t e , se tra me z z ’or a non r agg i u n g i a mo l o share della s ettim a n a sc o rsa vi licenz io tutti e cos ì v e d i a mo se v i pas s a la vogli a d i p re nde re per il culo, s is s ig n o re , andate a s fottere le panc h i n e d elle st az ioni degli autob u s . Tra s m ettiamo or a in diretta d a l l a pri ncipale emittente in FM i l p ro gr. Oh, che caz z o ti pren d e , e h ? Dov ’è la par tita? Eh? Da i a v a n t i radi o di merda non f a re sc h erzi o ques ta volta ti fa c c i o v o l are v e ramente fuor i dalla f i n e st ra e ti r icordo che s iam o a l t e r z o pi ano eh, mi s enti, s t u p i d o a f f are di plas tica? Oh ma h a i se n t i t o di Debby, mi hanno d e t t o che è rius cita a prendere i l c a zzo di M. tutto in bocca. M . ? m a non st ava con la s ua mig l i o re am i ca, quella del ter z o? S i i , l e e i i , sf i gata, cos ì impar a a n o n v o l e rl o prendere dietro. Ma d a i , v u o l dire c he Debby gli ha d a t o a n c h e i l c ulo? Oh bhè cer to , s e n o col cav olo che M. ci s ta v a , q u e llo stà solo con le tipe co n l e t e t t e grosse come le mie, op p u re c o n chi gli concede il culo , me l ’h a de tto u na volta dopo av e rc i sc o pat o in s piaggia. Ma co me , p u re tu? E ccer to, un caz z o c o s ì l o vuol lasciare a quella po v e r a i m bec ille del ter z o? Perché, s c u sa tu non te lo s ei fatto? Si, n o , b h e c he c ’e ntr a, er a pr ima, er a . . P ro nto? Oh? ehi mi s enti? Pro n t o ? Que l te r mometro dev’es s e re i m pazzi t o, non pos s ono es s e rc i

4 5 g r a d i , s i a mo a p p e n a a m a g g i o . M a g g i o ? i o p e n s a v o f o ssi mo g i à a g i u g n o , i l mi o c e ll u l a re d e v ’ e s s e r s i ro t t o d i n u o v o , ch e p a l l e è l a t e r z a v o l t a d a qu a n d o l ’ h o c o mp r a t o . S t u p i d o d i s t ri b u t o re d i b e n z i n a , p r i ma n on a cc e t t i b a n c o n o t e e o r a t i b l o cch i p u re d o p o c h e h o g i à me sso l a c a r t a , d a mmi a l me n o q u e l ca zzo di scontrino. Mi dispiace, signore , n o n a b b i a mo l i n e a . M a co m e, s o n o i n f i l a d a t re o re , d e v o p a g a re q u e s t e c a z z o d i b o l l et t e c h e s c a d o n o o g g i . S o n o deso l a t a s i g n o re , n o n è c o l p a m i a , l e ho già detto che non abbiamo linea. Si vabbè’, vaffanculo non è ma i c o l p a v o s t r a e h ? I o mi p ren d o u n g i o r n o d i f e r i e d a la vo ro p e rc h é l a s e r a s i e t e c h i u si , m i f a c c i o t re o re d i f i l a e o ra u n a s t ro n z a c o me t e mi d i c e c h e n o n c ’ è l i n e a , e h n o , o r a mi p a g h i queste cazzo di bollette. Milano +1 8 - Pa r i g i - 6 - M o s c a + 1 4 – S i d n e y +2 2 – Ne w Yo r k + 5 , 9 – S t r a s b u rg o +2 Ch e c a z zo g l i p re n d e o g g i a l l a Bo r s a e h ? C h e d i a v o l o s t à s u c c e d e n d o a l le m i e a z i o n i , e h ? CONNES S I ON E : I N CORS O – ACCES S O LOCA L E E I NTERNET – POTENZA S E G N A LE: OTTI M A La Di v i n i t à , ri p re s a s i d a l l ’ o rg a s mo , g u a rd ò i l c o r p o c a r b o n i z z a t o e c o p e rt o d i s p e r ma d e l l a r a g a z z a d e l t erzo p i a n o . Gr a z i e b a mb o l i n a , pen sò , e r a n o s e c o l i c h e i l b u o n v ecch i o Ze u s n o n g o d e v a c o s ì b e n e. - d i An d re a D o ro -


S BA N G! A cciao contro accia i o . E ’ quasi un colpo di pis tola c h e r i mb o mb a n e l l a s t a n z a d i c e m en t o g re zzo. E ’ uno sparo che ti chiude d e n t ro u n mo n d o d i c h i u s i d e n t ro . C ’ è poc o da guardar s i intorn o . M a n c a l ’ a r i a . I l s o l e l o h a n n o i n c a st rato in una lampada da 1 0 0 wa t t , i l c i e l o f u s o i n u n c u b o g ri g i o . H o v isto un r ivolo di sa n g u e p a r t i re d a u n a p a re t e e f i n i re n e l l’altra. S o l t ant o ne il film chi ha pau r a g r i d a f o r t e . I l s i l e n z i o mi s b r a n a l e b u della le os s a i polmoni. U n tav olac cio di legno. Una c o p e r t a mi l i t a re . Mi s ie do. Mi alz o. Tre pas s i. Al t r i t re . M i r i s i e d o . E c cola qui l’is ola di Wight c h e c e rc a v i . A b i tanti: 1 S u perf i cie quadr ata: 2 metr i p e r d u e e me z z o , p o c o p i ù p o c o m en o . C i se i arriv ato. C a pi t o? C i s ei ar r ivato. E t i capita di pens are, perch é a d e s s o s e i p a z z o d a v v e ro : “DAT E M I I S OLDI!” Ma avre st i voluto dire: “ AI UTATEM I , VI PREGO! ”, p r i ma c h e l a sc a cc iac ani r imbalz as s e s ul p a v i me n t o d i p i a s t re l l e a s c a c c h i co m e u n corv o ne ro s tecchito in vo l o . E q u est o è niente. Ques to è s o l o u n mo me n t o d i t r a n s i t o . G o diti l a s olitudine, pr ima c h e l o S BANG s i i n g ro s s i i n m i l l e S BA N G. P r i ma c he l a tua faccia diven t i d i v e r s i v o d a f a re a p e z z i p e r essere sp a rpagl i at a in un cor tile di re t i s p i n a t e e s g u a rd i s p i a n a t i . E d o ra raccontaci una bella s t o r i e l l a , c o g l i o n e . - d i Fo l c o Us t Za nco n -


A p roposi t o di puntini, lette re , a c c e n t i e v a r i e . . . In f ondo la s cr ittur a è s olo u n c o d i c e e g o c e n t r i c o p a d ro n e d el l a p a ncia, m entre la punteggia t u r a u n b a t t i t o d i a l i t i p e r a f f e r m a re i se n si. S e c i pe nsi a mo bene - s enz a s o l l e t i c a re l ’ i r a d e i v a n e s i - c o sì è l a m u s i ca c osì è ogni ar te es po s t a : m e r a inte rp retaz ione collett i v a d i u n s e n t i me n t o p ro p r i o , i n s ole nza di emoz ioni e dis o n e s t à n e l l e i n t e n z i o n i , m a s t urbazi one illogica per vo y e u r s u p e rd o t a t i , p s i chi at ria gr ammaticale de i n o s t r i i n c o n s c i , p l a gi o dec adente di un bolo r i g u rg i t a t o ; e d o ve atte r r a il pens iero l’ i n t e n t o l a t a n t a a mb i t a i s p i r a z i o n e? Q u ale e llisse percor rono s fro n d a n d o l ’ e s c h e c i c o mp l e t a ? A q uanti ne s s i decodificati m i a s s o g g e t t o p e r r a g g i u n g e r v i ? P e r darvi ques ta caz z o di vi s i o n e mi a c h e mi a n o n è ?

- d i Es Az i o n i u m a n e -


Spogliati, puoi poggiare i pantaloni e le calze lì sulla sedia io arrivo subito. Ok d’accordo. Tolgo le scarpe e le calze, i miei piedi affondano in un tappetino azzurro dal pelo lungo messo lì di fianco dalla proprietaria per non far poggiare i piedi nel pavimento freddo. Sfilo i pantaloni velocemente, non li piego li lancio sulla sedia, mi sdraio e mi guardo intorno. La stanza era rettangolare e piccola oltre alla sedia c’erano un lettino, un vaso viola con le orchidee gialle, di quelle che ormai si vedono dappertutto, uno scaffale pieno di creme oli pinzette e forbicine e una tenda color nocciola di tessuto pesante, al posto della porta; la tenda era rivestita con uno strato di plastica pluriball quella a palloncini per imballaggio per intenderci, molto probabilmente usavano quel metodo per non sporcare il tessuto con schizzi di creme fanghi o ceretta. Le pareti, dipinte di un lilla pallido, con la luce bassa della stanza mi preparavano alla tortura, meglio non pensarci, cercavo di rilassarmi e distendere i peli sopra e sotto la pelle. Avevo aspettato che passasse il ciclo perché quando ti devono venire i peli crescono più in fretta e sei più sensibile quindi la ceretta fa più male. La musica faceva veramente schifo, nessuna accuratezza nella scelta dei pezzi, musica italiana di quella pessima, di quella “ca ti strazzi i carni” quando la senti, impossibile zittirla, nessuna radio intorno, era in filodiffusione, in compenso la tenevano bassa, di sottofondo alle chiacchiere e ai pettegolezzi che provenivano dal corridoio e dalle altre stanzette.Mentre imprecavo a causa del testo della canzone che piace all’italiano medio, con passo veloce e deciso entra lei: l’ESTETISTA. Avrà avuto 20 anni.Tutto bene? Accende la lampada a luce bianca da chirurgo, senti freddo? No è ok.Ti alzo un po’ lo schienale del lettino? No grazie sto bene così. Allora cosa

facciamo?Facciamo la ceretta. Dove? Gambe e inguine.Soltanto? E con un sorriso di plastica mi guarda e sputa la frase imparata a memoria: sai sei fortunata se vuoi oggi c’è un’offerta; se fai la ceretta in tutto il corpo, ovvero se fai gambe inguine braccia ascelle baffetto e sopracciglia paghi solo 20 € in più rispetto alla tariffa gambe e inguine.No no grazie io di solito non depilo né le ascelle né le braccia, baffi e sopracciglia invece in genere li tolgo da me quindi……Uhhmmm non depili le ascelle? Ma davvero? Fammi dare un’occhiata al viso e mi punta la lampada in faccia.. e si, infatti si vede che in faccia ti depili tu, le sopracciglia hanno una forma un po’irregolare, strana, sono asimmetriche, le dovremmo aggiustare, hai tutti i peletti spezzati, ok ma andiamo per ordine cominciamo da giù, vediamo sotto cosa abbiamo qui? Oh mamma mia quando hai fatto l’ultima ceretta? Qui c’è proprio un bel po’ da togliere distendi la gamba.Mentre immergeva la spatola dentro il pentolino della cera alla rosa che come dice lei è più delicata, la osservavo, apparentemente non era sgarbata o maleducata ma la stronzetta tutta curata e perfetta aveva usato delle parole degli intercalari e un tono che mi avevano infastidito. Lei la superdonna era curatissima, capelli a posto, viso dalla pelle liscia, unghie col french (che tra l’altro mi fanno cagare); i suoi peli erano tutti al posto giusto, era molto carina, consapevole di essere una bella donna e per questo di una presunzione da far schifo, ecco diciamo che se proprio c’era qualcosa che mi disturbava era il suo fare da superfiga. Osservava, commentava e argomentava tutti i miei difetti. Sapevo di non essere il tipo di donna impeccabile, che magari fa una tragedia se le si rompe un’unghia, a dire il vero le miei di unghie erano gialle a causa della nicotina, ma il fatto che


lei me lo facesse notare continuamente stava facendo montare in me una rabbia calma.Tra uno strappo di cera e l’altro ha cominciato a parlare delle mie callosità nella pianta del piede, mentre eliminava le tracce di ceretta attaccata alla pelle mi faceva notare che avevo i talloni screpolati, mentre spalmava la striscia di cera commentava la mia cellulite nel culo, la pelle troppo flaccida e le smagliature. Per lei i peli in una donna erano un obbrobrio e andavano sradicati un po’ come si fa con le erbacce infestanti nei campi coltivati, io invece, mentre lei malediceva (avrebbe invece dovuto ringraziare madre natura, del resto il suo guadagno dipendeva dall’esistenza e dalla proliferazione del pelo) nostra signora peluria, in rigoroso e sofferente raccoglimento riconoscevo al pelo la sua primordiale utilità e chiedevo perdono per l’atto che stavo commettendo. No so se ero più dolorante a causa degli strappi ripetutamente infertomi o a causa dell’elenco difetti fisici della mia persona, mi sentivo un cesso e immaginavo le belle donne senza imperfezioni; così mi lasciai scappare un commento onesto ma senza un filo di autocommiserazione: raggiungere la perfezione per me è praticamente impossibile! Ma niente è impossibile le avevo dato il La, così attacca con la manfrina dei metodi modernissimi che ti aiutano in 15 giorni a eliminare tutte le imperfezioni e bla bla bla. Io ascoltavo attentamente senza interrompere la descrizione dell’immane quantità di pacchetti tutto compreso alias minchiate commerciali che questa mi propinava. Sembrava una reclame in carne ed ossa, vendeva illusioni, il succo del messaggio era chiaro, donna non disperare grazie ai massaggi con olio di Argan e mandorla amara, ai fanghi con le alghe Guam, ai Sali del mar Morto, ai laser, alle sedute con elettrostimolatori alla manicure e alla pedicure tutte possono avere un fisico da sballo. Trattata come una mera deficiente, ecco come si sentivo, articolavo suoni come per annuire, lei sicura della riuscita del convincimento sferzava alla mia dignità di donna duri colpi con la punta della sua lingua

maligna, blaterando e portando esempi di sue clienti che avevano perso in 1 mese 8 cm nel giro vita. Sul lettino mezza nuda ascoltavo le sue parole, voleva assolutamente convincermi che tutti quei trattamenti estetici avrebbero risolto i miei problemi..sarei potuta andare in spiaggia senza vergognarmi..i miei problemi? Vergognarmi di cosa? Di quali problemi stai parlando?Nel frattempo eravamo arrivati a un punto delicato l’inguine; mi preparavo a sopportare lo smisurato dolore (la mia soglia di sopportazione alla ceretta è bassa rispetto alla media) e lei dopo aver accuratamente esaminato la forma la lunghezza e la direzione del pelo mi dice: tolgo via tutto?Cosa? Ma che scherzi no no togli solo la parte laterale e ripuliscimi l’inguine non porto costumi sgambati io, sarebbe una inutile tortura.Ma sai se bella vuoi apparire un po’ devi soffrire, non sai che oramai tutti questi peli nel pube fanno tanto retrò? Va di moda la depilazione integrale. E’ l’ultima tendenza. Sei fidanzata? Si lo sono. Benissimo, allora prova, insiste. Al tuo ragazzo piacerà, dai poi mi dici se avevo ragione o no. E mi schiaccia pure un occhio per farmi capire cosa vuole dire. Parlava di godimento estetico?Mi sento ferita, come se fossi una che non sa come si fa a dar piacere al proprio uomo. Mi desto dentro di me dal torpore che mi aveva rapita, scuoto la testa e penso tra me e me: brutta stronza..ma che cazzo… poi silenzio pesante, lei aspetta un mio cenno..parte il mio cervello, analizzo le seguenti parole RETRO’-MODA TENDENZABELLEZZA-RAGAZZO-PIACERE ..sbrocco.. questa ha la pretesa, e probabilmente ce l’ha perché altre glielo hanno permesso, di decidere il modello di fica estate 2012 da farmi indossare. Lei stava aspettando sicura del si. I suoi dentini bianchi quasi abbagliavano incorniciati da un aberrante infido splendido sorriso. Poi la mia parola esce naturale esuberante e sicura fottiti ochetta, basta con le minchiate non strappare più io voglio la fica modello Coubert. - di Luisa La Terra -


I cipressi sono una fila scomposta di turgidi cazzi che eiaculano resina e mosche nell’ambra. Le palme nel piazzale di dietro si lavorano il cielo basso con dita frenetiche. I crepuscolari, ingannati dall’ombra, hanno dato il consenso ai pochi lampioni che formano globi giallastri nei cespugli di corbezzolo inselvatichito. Ho fermato l’auto sul ghiaione, e sono sceso a prendere il Mossberg 590 dal bagagliaio. Entro nella hall del centro commerciale abbandonato, e scendo nei seminterrati. Sono qui per disinfestare un nido di Discepoli. Il Dipartimento ha ritrovato tre Usa&Getta in una discarica del quartiere delle Cliniche. I fottuti Vampiri prendono un po’ troppo sul serio l’espressione : “Ti fotto il cervello.” Impiantano una vagina nella nuca di qualche povero/a stronzo/a (Non hanno preferenze, dicono che il cervello e’ asessuato.) Saturano tutta la superficie della vagina posticcia di terminazioni nervose, collegano tutte le terminazioni con i centri del piacere. Fottono piano piano, dolcemente, penetrano di pochi centimentri, fanno impazzire di piacere il vuoto a perdere, con il loro cazzo nero e bitorzoluto come un ovodepositore, che emette scariche bluastre di corrente ad alto voltaggio e bassissimo amperaggio. Quando il vuoto a perdere e’ azzerato dalle ondate di piacere che gli bruciano il cervello, danno un’ultima spinta brutale,

sfondano la tenera membrana che da l’accesso al cervello e penetrano nel cranio, depositando il loro sperma giallastro fra la pappa grigio rosa delle circonvoluzioni distrutte. Mi accendo un Montecristo, bevo un sorso dalla fiasca. Faccio con comodo. Tanto a quest’ora loro sono in standby, interfacciati con le macchine nelle Cabine della Vita. Penso a quanto mi divertiro’ con il Capobranco. Sono bellissimi/e. Corpi perfetti, volti angelici, senza tempo, seni pesanti attraversati da sentieri bluastri di vene. L’astuccio penico sul monte di venere, che si apre per far spuntare il loro cazzo gocciolante. Faro’ il mio giochetto. Lo chiamo : “Buca il palloncino”. Li metto in croce con del cavo in fibra monomolecolare che reggerebbe anche la luna, se decidesse di voler penzolare da qualche altra parte. Li sodomizzo con il silenziatore dello SPAS, che non e’ facile, dato il diametro del tubo. Osservo affascinato le file di aculei ossei protrusi dal loro ano e dalla loro vagina, che graffiano il metallo del silenziatore. Tiro il grilletto, La carica a pallettoni delle calibro 12 supercorazzate li fa letteralmente esplodere, lasciando i loro brandelli a penzolare dai cavi. Spengo il mozzicone del sigaro sotto il tacco. Meglio sbrigarsi. Dai corridoi allagati viene il frullare delle ali degli psicopompi. Andiamo a divertirci. - di Nicola Cudemo -


Sono lesbica, non ci crede nessuno perché ho il pene, sei una lesbica del cazzo se hai il cazzo pensa l’uomo medio, ma io faccio un discorso più complesso e non mi aspetto certo che mi capisca l’uomo medio che ragiona col copiaincolla, all’uomo medio dedico il dito medio. Non ho come principale scopo penetrare una, ma mi piace leccarla , baciarla, farla star bene, tanto che mi scordo del pene con le sue esigenze penetrative, vado d’accordo con le lesbiche tranne che con quelle che imitano gli uomini, imitandone per giunta gli aspetti peggiori, una caricatura di uomo non la sopporto in quanto non sopporto l’originale, ma con quelle che conservano la loro femminilità e non sono complessate ho in genere molto feeling, anche solo a parlarci, mi dicono spesso che non hanno mai trovato un uomo come me, hanno desiderio di una maggior dolcezza e sensibilità nei rapporti sessuali che l’uomo in genere non ha, io sì, le capisco, e riesco a visualizzare le cose nella loro ottica, sono sensibile e sensitivo, accarezzo bacio lecco a lungo, e funziona, un paio mi hanno detto che hanno raggiunto l’orgasmo per la prima volta con me, penso che esagerino per compiacermi, ma poi ci credo perché dopo decenni mi cercano ancora, si ricordano, invece io dopo pochi mesi che non li sento mi scordo di tutti, tranne rarissime eccezioni. Però le menose con le loro spappolapalle menate non le sopporto, non me ne frega nulla delle loro menate, per cui non dura. Comunque alla fine poi faccio col mio buon vecchio pisello quello che devo fare, probabilmente sarei un maschio

più sensibile del solito, ma non ho la mentalità del maschio, sono veramente una lesbica, se mi inserisco in un gruppo di lesbiche a fare discorsi seri sono una di loro, e anche ascoltata e apprezzata. Quindi dovrei andare ad operarmi e diventare donna per essere una vera lesbica riconosciuta da tutti come tale, ma qual è il sogno di una lesbica del tipo che sarei io a quel punto? Avere il pene, dovrei riandare a operarmi e farmi rimettere un pene, magari il mio se ce l’hanno ancora e non l’hanno gettato nella spazzatura, ma invece di fare quel via vai del cazzo tanto vale che mi tenga il mio dicendo che sono una lesbica e chi non mi vuole credere che vada affanculo, non merita il mio prezioso amore. Sono anche favorevole alle relazioni aperte, trovo assurde e innaturali le relazioni chiuse, ma questo non vuol dire che non ami, amo sopra ogni cosa chi mi sta accanto ricambiando e solo dopo c’è il sesso che è una cosa separata dall’ amore Si da troppa importanza al sesso a causa del cattolico lavaggio del cervello che viene fatto, lo si vede a fini riproduttivi e quindi diventa una cosa seria da fare solo con la persona che ami, incredibilmente e paradossalmente son d’accordo, ma se non è a fini riproduttivi ma è un attività ludica con le dovute precauzioni si può fare con altri. Sono due cose completamente diverse il sesso per procreare e il sesso per sport, uno devi farlo solo con chi ami e pensandoci,l’altro puoi farlo con chi vuoi e come vuoi senza problemi basta farlo con un minimo di stile. Libertà sessuale è libertà di idee. - di Andreas Finottis -


Ci sono altre realtà, ho scoperto di recente. Ci sono ponti ottusi distrutti dai fulmini della quotidianità e gente rimasta bloccata per sempre dall’altra parte. Ci sono precipizi che pullulano di anime semi-uccise, drogate, troppo vecchie o troppo giovani per risollevarsi. Bolle d’aria in cui dei numeri lanciati a caso da macchinette-robot ti guardano con occhio famelico e ammiccante nel porgerti la tua chiave della vittoria e un bicchiere di vino. Tutto questo l’ho scovato in uno squallido, patetito, oscuro bar qualunque. A parte i turisti intimiditi, quelli che comprano le sigarette con il cappuccio in testa e le chiavi della macchina in mano, pronti a scappare senza lanciare il minimo sguardo al circostante, c’è una razza altra, un popolo di epica boriosità, nascosto come i nani della foresta nei racconti fantasy. Forse sono una categoria umana, forse disumana, forse demoniaca, forse. Stipati ai lati del locale, in fondo, sottoterrati come reietti o star dimenticate, vagano senza età, senza pudore, denotando complicità incondizionata ai loro simili con la schedina in mano e un bicchiere di rosso da un euro e venti. C’è un solo scopo in quella civiltà: convincersi di non essere dei falliti. Gli abitanti fanno finta di leggere indaffarati, e di sapere la matematica, lì dentro. Sono dei ricercatori scientifici, molti. Hanno lauree su lauree, fanno gli allenatori di calcio, cavalcano battaglieri, hanno girato tutto il mondo e ora sono lì a predicare nozioni metafisiche alle nuove generazioni di

spostati, ventenni e trentenni scoppiati e piagnucolosi, convinti che quella combinazione in mano li farà tornare sul pianeta a sorridere. Dei cervelloni della statistica illusoria coagulati in una manciata di metri quadrati quasi virtuali, dove vigono leggi indipendenti e dove il tempo non riesce a scalfire i volti degli abitanti. Ci sono stato, io, alcune volte, da semplice visitatore con visto. Prima crollare anche io in macerie sul destino numerico. Facevo capolino, cadevo nel burrone, mi sporcavo, ma tenevo un braccio attaccato ad un ramo sporgente dallo strapiombo per essere sicuro di non essere fottuto per sempre. Però sono tutte cazzate. Prima o poi cadi faccia a terra, che tu lo voglia o no. Che ti possa salvare è una cazzata, così come sono cazzate le risposte dei connazionali quando chiedi il motivo del loro gioco ossessivo: “Appeno vinco una volta, smetto subito”; “Sto con qualcuno e non spendo tanto, mi so controllare”; “Sono una persona sola e qua allevio la noia”. “Sono una merda, non ho soldi e i pochi che ho li dono al diavolo, che a sua volta mi dona speranza con la quale offuscare totalmente la razionalità che afferma la mia impossibilità di vincita.” Solo questa è la risposta. Il resto balle, balle, balle. La ragione ti prevede il futuro gratis, e il diavolo ti sussurra bastardo..”mmh..e se invece...?” “Non si può mai sapere...” “Alla fine si tratta di beccare quattro numeri, che vuoi che sia?”. E tu baci in bocca il demonio e la schedina e muori. Tutti gli abitanti pas-


sano repentinamente dalla morte alla vita. Un ciclo al contrario che li tiene in ostaggio, una morte di attesa superstiziosa. Prima muoiono, quando il messaggero della pazzia afferra il loro stupido foglietto, e gli fotte l’euro dal culo, poi c’è la fase di latenza superstiziosa. La gente appena deceduta si autocommisera mentalmente, si fa promesse che non manterrà mai fissa il countdown sullo schermo con le palpitazioni taciute, fa finta di essere interessato alle notizie sul quotidiano sgualcito, tenta di non osservare affamato la ricevuta della sua morte, beve dal bicchiere per far credere agli altri che il vero motivo della sua residenza in quel posto sia semplicemente quel maledetto vino. E’ un cabaret di uomini soli. Poi c’è la fase più macabra, dopo quei quattro-cinque minuti di latenza ridicola. La fase del Giudzio. Quando il dio-schermo inizia a scaraventrare in faccia la sua sentenza, accade di tutto. I fili che sostengono le persone si tirano, si allentano, si strappano, si aggrovigliano attorno ad essi, li strangolano o sciolgono i nodi su di essi, a seconda delle combinazioni che ad intervalli regolari vengono sputate. Le ricevute avvampano, indivisui senza volto cascano al suolo agonizzanti, alcuni raccattano monete da usurai in miraggio, taluni tentano di scappare come da un edificio dato alle fiamme. Tu, comunque, sei fisso sullo schermo a cristalli liquidi, incurante di tutto. Sei in un’altra dimensione, sei nl purgatorio. Sei indifferente e lontano dalla gente che intorno rifiorisce dalla morte, s’innalza soave come un fiore di pesco rigloglioso sull’erba contaminata dalle scorie chimiche, e dalla gente che, invece, vomita sangue rappreso, sangue della verità inaccettata, e schiatta

per sempre, colpita da infarti spirituali, strangolata dalla speranza riposta nel loro numero fortunato. Non ci sono nemmeno i soccorsi in tutto questo, è il degrado allo stato puro, il male in espansione, è il silenzio dell’abbandono della realtà, la meta raggiunta che scompare fra le dita appena prima di stringerla a sè. E’ la morte che non ti accetta del tutto. Ad un certo punto la gente si calma, il peggio è passato, e l’udienza è tolta. La popolazione ansima, beve un altro bicchiere e si consola , rende tutto superficiale, la prende con filosofia logorroica, inizia a vedere la sfida bella e accattivante, orgogliosa, e prende un’altra schedina, altre dieci, centomila, centomilamiliardi, entrando nel giro vizioso e massacrante che ormai l’ha inghiottita. E non importa di morire ancora, di piangere, o di regalare l’euro al messaggero dietro la macchinetta-robot. Non gliene frega più nulla a nessuno, come non frega nulla di loro a quelli che gli passano di fianco con la sciarpa sul muso, come a volersi proteggere da dalla loro potenza infettiva, sono dei lebbrosi condannati e gli altri non vogliono cadere nel preicipizio. Tu, silente, sai bene il fatto tuo, anche a te piace morire, ti stai abituando. “Forse non è così bello poi vincere a questa roba, il divertimento sta nel perdere e rifarlo” ti dici mentre compili la tua schedina, pronto al peggio. Sei contento di essere un fallito senza redenzione, per un attimo, sei tu il marionettista nonostante tutto. E mentre il messaggero del bar ti allunga la ricevuta di “avvenuta consegna della ragione”, volti lo sguardo ai turisti, quelli che vanno via veloci, che non hanno nulla a che fare con quel mondo e pensi: “Stupidi stronzi, non sapete cosa vi perdete.” - di Giuseppe Baldassarra -


Quelli che Fabrizio Cristiano da Genova chiamava “spacciatori di lenti” non ne spacciano più una. Nessuno vuole più gli occhiali. Nessuno. Nessuno vuole vederci chiaro.Sono seduto al bar alle due (del mattino) e dico al barista “ancora cinque minuti”, con piglio da bambino che non vuole uscire dall’acqua. E le madri tutte li a minacciare orde di schiaffi e sopprusi come se quei cinque minuti fossero fondamentali. Come se in quei cinque minuti le acque potessero ingoiare i loro figli. Come se in quei cinque minuti il mare potesse diventare bollente e bollire i loro pargoli. Il barista con pelata accecante però mi risponde che va bene. Il mio gin tonic diventa un tutt’uno con i troppi cubi di ghiaccio che un tempo galleggiavano nel bicchiere trasparenti. Guardo il nulla. Una coppia passa innamorata. Lui di se stesso. Lei di se stessa e della sua permanente. Ce ne fossero. Accendo una Camel. Il fumo mi riempie. Lo sento entrare in circolo. Lo sputo fuori che i cinque minuti sono passati. E sono passate altre coppie, altri amori di permanente. Mi alzo pago scappo. Amen. E cosi sia. La città fa finta di essere deserta. Nelle case con le lucine soffuse, amoreggiano o fanno finta milioni di coppie. Milioni di bambini pensano alle loro professoresse in pose osè che mai e poi mai diventeranno realtà. Ma la realtà alla fine che cos’è?! Io parlo da solo. Mi piace farlo. Soprattutto quando nessuno al tuo fianco

è presente e disposto a parlare con te. E quando parlo da solo nessuno mi risponde e evito di litigare. Come stai? Tutto bene, mi dico e tossisco. Tossisco e libero migliaia di germi che volano nell’aria. Fluttuano e penetrano furtivi la veneziana socchiusa di un’accaldata anziana che ogni notte guarda in faccia la morte dall’alto dei suoi novant’anni. Soffre di insonnia. Chissà perchè. Forse perchè se s’addormenta muore. O forse perchè sa benissimo che i miei germi stanno penetrando la veneziana e vuole aspettarli sveglia. Vuole aspettarli per chiedergli il perchè di tanto accanimento. Andasserò a disturbare qualche giovane sano e forte. Ma i giovani già sono disoccupati, rispondo i germi. Un cane passa piscia e mi sorride. La strada pure. La luna no. Mi guarda pallida, malata, stanca di essere puntuale tutte le notti. Stanca di tutti gli innamorati che la guardono e si commuovono. Ride un gabbiano, ride a quest’ora. In piena città. Andasse al mare a frugare gli scogli. E invece ride, a quest’ora. Mentre un cane piscia, un deficente passa e dei germi maledetti cercano di sollevare una veneziana arruginita e aggredire una vecchia. Vigliacchi. Il gabbiano vola veloce, sembra sfiorare la luna che neppure lo guarda. Io mi allaccio le scarpe. Per sicurezza. Non vorrei cadere proprio ora e finire così questa notte talmente normale. Questa notte così sudata.


Appiattita da un vento caldo che mi secca la pelle e i peli si raddrizzano come quando ascolti Jim Morrison che ti dice che “questa è la fine” come solo lui sa dire. Questo notte che non va dormita. Ma quale notte va dormita!? La notte è bella perchè non si hanno appuntamenti e se si hanno sono quasi sempre piacevoli. Io incontravo un gatto, ogni notte. Un gatto rosso. Lui mi guardava annoiato mentre mangiava l’avanzo di qualche generoso benefattore su un muro grigio con ringhiera annessa. Mi guardava e ogni tanto mi faceva l’occhiolino come solo i gatti sanno fare. Io fumavo e rispondevo agli occhiolini a tempo. E non me ne perdevo neanche uno. Poi lui si stiracchiava, ruttava e guadagnava l’oscurità balzando da un tetto all’altro finchè non spariva nel buio. Lo invidiavo. Avrei voluto anche io trovare un piatto di carbonara su un muro, ancora fumante, mangiarla e poi saltare sui tetti con la stessa audacia. Poi una sera non si è presentato all’appuntamento. Neanche quella dopo. E quella dopo ancora. Finchè una notte non ci ho trovato un uomo seduto su quello stesso muro con un piatto in mano che piangeva. Non il piatto, ma lui, l’uomo. Era una guardia giurata. Piangeva e mi diceva “l’avranno investito” con la bocca impastata di lacrime e saliva. Così capii che era lui che portava da mangiare al gatto. Era lui che ogni sera saziava quella bocca felina di bocconcini di pollo tacchino e verdure e chi più ne ha più ne metta. Era lui. E io feci finta di non vederlo. Feci finta fosse un fantasma. Girai sui tacchi, serio come solo alla mia prima comunione, e tornai a casa. Lo feci per lui. E per

la sua divisa. Un duro che si rispetti non può piangere su un muro come un bambino in fila per l’antitettanica. Ne tantomeno può andare in giro a sfamare i gatti del circondario. Piansi anch’io poi. Ma nel mio letto. Con un Camel spenta a suon di lacrime e davanti agli occhi un film fatto di fusa e occhiolini al chiaro di luna. Sono arrivato davanti casa. Le mani già sfiorano quella che sembra essere l’unica cosa di fresco in questa giornata bollente. La chiave di casa. La sento suonare e scontrarsi con i pochi spiccioli che mi restano. Proprio quelli che mi spingono a guardare se il bar dietro l’angolo è ancora aperto. Mi trascino desideroso dell’ultimo gin tonic. E’ aperto. Le luci sono basse. Chiedo “ancora cinque minuti!?” col piglio di un bambino che non vuole alzarsi dal letto. E la barista con la faccia da suora (ma di un film porno!) mi dice di si. Entro. Mi siedo. Ordino. Lei sta dietro al bancone come se sapesse fare solo quello nella vita. Come se fosse nel grembo materno a servire liquido amniotico. La notte fuori diventa pian piano mattino e la luna sbufa inaspettatamente richiamando l’attenzione della barista che alza la testa di scatto e si versa del Bombay sulla mano. Un cane passa ma non piscia e non mi sorride. I germi hanno aggredito la vecchia che prima di morire ha chiesto di poter guardare l’ultima puntata di una telenovela argentina sottotitolata alla pagina settesettesette che anche l’udito se ne sta andando pian piano. Io guardo fuori, sull’asfalto, sulle strisce pedonali attraversa un gatto rosso e mi fa l’occhiolino. - di Antonio V. Luzzu -


Alla scienza, a qualsiasi studio della fisionomia umana, alla farmacodinamica - cinetica, si augura un grosso passo avanti. Immortalità. Che ci manc a? L’immortalità, in pillola. Rovistate lo scatolone delle fonti naturali, ci dovrà pur essere un fottuto minerale, un grazioso microrganismo dalla quale pizzicare la molecola giusta. Dateci dentro. Cercate nuove piante grasse, lanciate uno shuttle a 4.500 milioni di Km di distanza e aspettate qualche decennio, che sarà mai. Grattugiate una cometa. Rapite un marziano, sedatelo, smembratelo. Scavate una buca su Nettuno. Fate qualcosa. Si sentono in giro voci sul padrone del mondo e pare necessiti di un ulteriore vantaggio a discapito della società mondiale. Che stia cominciando a temere il termine della sua partita è normale, certi personaggi si affezionano troppo alla propria fascia da capitano. Solitamente si accetta il cambio e la fascia resta in campo, ma qualcuno finisce con l’affezionarsi troppo. Progresso: è questo che volete. La sicurezza. la continuità dei vostri averi. A queste innominabili teste di minchia nascoste da qualche parte, coi loro sigari, passando il tempo a far ballare tutte queste marionette. Fanculo. Se la meritano, la vita eterna, non c’è altra condanna. La mia è solo una fervida preghiera, non posso smetterla, no che non posso. E prima o poi accadrà, qualcosa di simile almeno, ne sono certo. Qualche secolo. Qualche millennio. E magari chi ha padroneggiato l’umanità per tutti que sti secoli, tenderà le mani verso questa coppa, assieme ai loro seguaci, inconsapevoli schiavi arroganti e pallidi, e si godranno la fine del mondo, e pian piano, il loro sorriso si stringerà, a poco a poco. Si lanceranno i sassi sotto il sole mentre i raggi ultravioletti saranno laser incandescenti che picchieranno continuamente sulle loro strane tute refrattarie provocandoli un eterno prurito mentre noi avremo già abbandonato questo cielo giallastro e li guarderemo diventare sempre più piccoli, arroganti, nel loro grande mondo di merda, e i nostri spiriti sghignazzanti rimbomberanno un ultima risata, intanto che avremo attraversato tutte le atmosfere, come una macchia di moscerini nel cosmo diretti verso l’inizio di un altro giardino, per ricominciare un’altra cazzo di storia. - di Mattia Indavuru -


I n a r t e J , nasce a Busto Arsizio il 4 maggio 1985. F i n d a p i c c o l o f o rtemente attratto dal disegno, trova sfogo attr a v e rs o q u e s t o m ezzo comunicativo che padroneggia sempre d i p i ù p r i n c i p a l m ente attraverso la pratica assidua e la mani a p e r i l d e t t a g l i oAttraverso l’arte figurativa, riesce a costrui re u n r a p p o r t o d i comunicazione con il mondo e il quotidiano, ra p p o r t o c h e gli risulterebbe difficile instaurare utilizzando so l t a n t o l e p a role. I l s u o s t i l e risulta essere caratterizzato da una miscela di sf a c c e t t a t u re d iverse che lo fanno risultare strettamente per so n a l e , o r i g i n a le ed articolato. I n n e g a b i l m ente influenzat o dai cartoon e dai graffiti, r i e sc e p e r f e t t a m e nte a fondere queste sue due prerogative anch e c o n i l s u r re a l i smo e, a tratti, anche con la pittura rinascime n t a l e , v i s t a l a p e rizia tecnica co n cui affronta la composizione d e l l e i mm a g i n i . L a u re a t o all Accademia d i belle arti di Brera di Milano , u t i l i z z a d i v e r si tipi di media per realizzare le sue opere. M e d i a d i n u o v a c oncezione come la pittura e la scultura 3D ma a n c h e med i a p i ù tradizionali. Uno su tutti, la penna a sfera su t e l a c h e v e d e u no strumento relativamente nuovo come la c l a ssi c a “ b i c ” u nirsi ad un supporto usato storicamente anch e d a i g r a n d i d e l passato. “ N e l l a v i t a che sia bianco o nero, io almeno cerco di ve d e rc i l e s f u m a t u re” h t t p : / / w w w. facebook.com/paridebertolin h t t p : / / w w w. behance.net/paridebertolin


“Arte Cibo per la Mente”. Così ho conosciuto l’arte del maestro Scivoli, bevendo un caffè al Granato di Paestum, e ho voluto incontrarlo per saperne di più. Tra dipinti di artisti diversi la sua opera ha catturato il mio sguardo: ”I due vulcani”. Amalgama di luce e colori che rimandano alla natura mediterranea e vengono trasmessi con intensità sconosciuta, forti di sfumature e contrasti acuti. Figlio di Sicilia, adolescente in Germania dove approfondisce la sua cultura pittorica all’Accademia di Stoccarda “Freie Kunstshule” e finalmente cilentano di Pollica per scelta di cuore: percorsi di arte, bisogni e passione. L’arte non è ripetizione ma interpretazione e proposizione: Ernesto Scivoli si sottrae alla standardizzazione solarizzando l’uomo e la sua vita interiore in virtù della verità che è canalizzazione verso la luce, armonia cosmica e vibrazioni, le più dolci, del suono. Dubbi, incertezze, angosce, e poi speranze, gioie e senso di infinito: il suo talento si esprime nell’interpretazione dei colori stupendoci per l’originalità della texture, per le sorprendenti nuance cromatiche. La sua mission è proporre suggestioni di luminosità e calore, tenace intima ricerca di un’origine geografica in se stessa evocativa. Con un disegno irripetibile determinato da solchi e simboli che diventano movimento, azioni, sentimenti, esperienza globale, ci regala dipinti che vivono infinite vite trovando perfezionamento nell’occhio e nella spiritualità dell’osservatore. Non stupiamoci, quindi, se entrando in contatto con le sue opere ci ritroviamo su quel sentiero di bellezza, luce e amore che è indubbio accesso alla visione essenziale e olistica delle cose. Donatella de Roberto Per informazione dall’autore info@ernestoscivoli.com

“I DUE VULCANI”

“ENERGIA”


- di Angela Capor a so -


L a p o e s i a di denuncia personale e sociale ha sempre intere ssa t o m o l t i a r tisti, perché da sempre la denuncia di “ciò ch e n o n v a ” è a rg omento importante, per chi fa della parola s c ri t t a i l p ro p r i o principale strumento di comunicazione. Argom e n t o c h e d i v e n t a addirittura irrinunciabile, in molti casi. È c o s ì a n c he per Alessandro Pedretta, che – come dichiara su b i t o , g i à n e l testo che introduce le composizioni – porta a v a n t i u n d i s c orso di negazione/dissacrazione consapevole, n e l l a c e r t e z z a che occorra “togliere potere” a tutta l’appa re n za ( c o m p re s a quelle delle parole scritte), per poter poi sc a v a re d a v v e ro a fondo, toccando l’essenza. C o n l a p o e sia di denuncia è facile cadere nella banalità d e l l a v o l g a r i t à , o persino in un involontario umorismo dovuto a u n l i n g u a g g i o triviale fine e se stesso (in altre parole: Buk o w sk i è m o l t o p i ù complesso e profondo di quanto troppo spesso si c red a ) . A l e ssandro Pedretta evita queste trappole con p a rt i c o l a re b r a v ura, porgendoc i immagini capaci di spaziare d a l l a n e c e s s a r i a partecipazione all’altrettanto necessario dist a c c o d a l q u o t i d iano. « q u e s t a n o n èpoesia» chiede al lettore un’attenzione part i c o l a re : n o n è lettura da “ritaglio di tempo” o “sotto l’om b re l l o n e ” , p e rché invita ad un a presa di coscienza tutt’altro c h e s c o n t a t a . Tantissimi sono i versi che potrebbero essere c i t a t i p e r m e g l i o chiarire questo invito, ma a nostro parere l’ o p e r a v a a t t r aversata nella sua interezza, perché solo in qu e st o mod o l a v o c e di chi scrive può essere colta nelle sue imme n se e i n f i n i t e s f u mature. Passaggio davvero necessario, questo , p e r c o m p re n d e re il valore di una voce chiara, netta. Un p a r t i c o lare plauso va anche agli illustratori (Daniela S p o t o , C r i s t i n a Rizzi Guelfi e “psychonautfronatlantis”), ch e a c c o m p a g n a no e “potenziano” al meglio la voce poetica.


Per l’acquisto o informazioni rivolgersi a: illegaleesperienza@gmail.com o profilo fb Alessandro Pedretta Kresta


Alessandro Pedretta Kresta direttore irresponsabile facebook.com/alessandro.pedrettakresta facebook.com/Maledettiscrittori Andreas Finottis guida spirituale finottis.blogspot.com Ty Elle

Giovanni Favazza scrittore profano jhonnybar@live.it Giuseppe Baldassarra servo dell’inconscio baldogiupe@live.com Mauro Bellicini (Maures) simpatico sociopatico natoperrubarerose.wordpress.com

Hanno collaborato Porto Di Mare Gervaso Curtis Brian Belaj Andrea Doro Abdul Sensibile Antonio Brescia Nicola Cudemo Antonio V. Luzzu Enrico Marra Fabio Woody Caroccia Alessandro De Cesare Jab Angela Caporaso Folco Ust Zancon Mattia Indavuru Es Azioniumane Luisa La Terra Ernesto Scivoli

Per commenti, insulti, proposte di collaborazione: negazioni@gmail.com su facebook: Negazioni - maledetta fanzine senza paraocchi e paraculi

Profile for Negazioni Fanzine Maledetta

Negazioni - n° 2 - Ottobre 2012  

Maledetta Fanzine senza paraocchi e paraculi

Negazioni - n° 2 - Ottobre 2012  

Maledetta Fanzine senza paraocchi e paraculi

Profile for negazioni
Advertisement