Page 1

n. 3 gennaio 2013


introduzione

questo è quello che sono

Non sono uno scrittore, un poeta, un paroliere, un filosofo letterario, un personaggio con l’aforisma in tasca. Non sono un dispensatore di verità, nè ho la facoltà di pulire l’anima e che altro. Non sono in alcun modo riconducibile all’icona dell’eremita della cultura barbuta vagante in stradicciole scoscese di parole crude e visionarie che consola solo con schiaffi a se stesso i dilettanti della conoscenza dell’Io. No. Niente di tutto questo. Non so nemmeno cosa io abbia voluto insinuare con “eremita da cultura barbuta, schiaffi e tutto quanto...” forse non significano un cazzo, forse di sicuro. Io sono piuttosto un costumista in panni scomodi e pruriginosi, un ebbro millantatore che parla da solo, un saltimbanco dell’oscurità, un impostore, sono una macchina in panne gettata nell’oceano guasto dal dirupo meno spettacolare che il sole non avvolge se non al suo ritiro quando nessuno guarda più. Sono la verità e insieme la menzogna, la ragione e insieme l’inconscio, il bene e il male che si baciano passionevoli dopo una perversa scazzottata, il mondo che cessa di battere, l’universo che vibra di elementi, l’infinito camminare e l’infinita riuscita al fallimento preposto dalle mie incongruenze. Sono il principio di nulla, il capolinea deserto dei miei occhi brillanti, sono la fame nel mondo il vino della notte, sono l’annichilazione ultima della mia presa di coscienza. Questo è quel che sono. Giuseppe Baldassarra

2


indice

pag 2 - introduzione – questo è quel che sono pag 3 - indice pag 4 - ora vuoi la poesia pag 5 - auto-erosione pag 6 - brindisi pag 7 - un gentiluomo (un po’ porno) pag 10 - céline ci scrive pag 14 - non è da escludere pag. 15 - le luci si accendono pag. 16 - e domani pag. 18 - sarà primavera pag. 20 - poesia pag. 21 - il potere ai cani pag. 22 - mi scoccio pag. 26 - cento chilogrammi di puro piacere erotico pag. 35 - 100 kg - illustrazione di Grotesquer pag. 36 - sono individualista pag. 37 - john frusciante pag. 41 - notti e deliri pag. 43 - mr. worms - illustrazione di Grotesquer pag. 44 - redazione maledetta

3


ora vuoi la poesia Ora v u o i la p o es ia v i e n i a p re n d e r la s te llin a sf o n d a m i lo s to m a c o sii v io len to i n f i l a la c a n n u c c ia

v e rsa ca tr a m e, n ico tin a ma g a ri u n p o ’ d i b en z ed r in a u sa q u e l ch e vu o i mo d ifica i s a p o r i si i c h i m ico p er a d d o lcire e d i su m a n o p er ca p ire c iu cc ia , c i u c c i a l a c a n n u c c ia a m o re m io p iù fo r te f in ch é s a le . C i u c c ia p e r b e n in o i re flu s s i g a s tr ic i e l e a ltre s ec rez io n i e c co h a i fa tto o ra h a i il g u s to in b o cc a d a v v ero s ei d e lu s o ? l a b i l e è a c id a lo s o ma è c o sì a v o lte la m ia p o e s ia

4

- d i L u is a L a Ter r a -


auto-erosione Credo che l’auto-erosione dell’anima sia la più alta forma di edonismo umano, oltre che elemento essenziale per giungere ai confini più estremi della poesia. C o m e quando vai con una meretrice del foro italico il cui foro carnale è a sua volta sudicio c o m e il bagno di un locale di via dei bottegai. C ome quando compri la prima dose a ballarò e ti trema la mano mentre fai quel do ut des t r a b u starella ben confezionata e che schifo che fà. C o m e quando lasci morire la parte più pura e infantil e d i te stesso in un sordo lamento nostalgico a b bracciando la ferocia modernità globale. Sono quei momenti unici che non potrai m a i s piegare ad anim a viva, poichè tu sei già morto d u r a nte quel primo atto di violenza che hai visto da piccolo tra le mura e i tuoi genitori. N e s s u n critico, nessun lettore, nessuno potrà mai cap i re c i ò che scrivi nell’ angolo sudicio di te stesso. E n o n mi illudo,non sono Cohelo e nemmeno Moccia , s o n o s t e rco di poeta, sei un’enfisema poetico tutt’al p i ù . U n p aradosso della storia, la formica schiacciata dalla rotazione vorticosa dell’universo. N o n s i amo nelle scalinate dei templi di madre Grecia , o v e Catullo raffinato recise col primo inchiostro il suo eloquente cuore. N o n siamo tra le auliche rime del dolce stil novo d e l s o m mo sodomita Dante, viaggiatore dei più recondi t i m e a n d ri della perversione ed oppressione clericale . N o n siamo tra i Pascoli verdi e i Foscoli neri, n è tra i bianchi Blake o i rossi di Baudelaire. S i a m o ratti che scrivono l’urlo della sconfitta, u n richiamo senza eco, rimandato al mittente, morirà poco prima della nostra disfatta.

5

- di Enrico Ma rra -


brindisi

agli amici e ai loro intenti traditi p rima erano com e fratelli e ora son spariti senza un motiv o, un perché, una parola fuggiti, abban donando la bagnarola alle orde di p arassiti, di conoscenti di scrocconi, amici di amici e parenti c h e t i cercavano, ti infastidivano in continuazione m e n tre ora hanno trovato una nuova occupazione ai sorrisi, le strette di mano tutto inutile, superfluo, tutto vano ai concerti, alle serate e ai bei momenti t u tto finto, tutto c operto da dorati paraventi ai modaioli, ai puristi e ai confusi alcuni perfetti, altri ricchi di refusi cambiando stile per l’occasione per convenienza o per sentirsi meno sole a tutti voi un brindisi a vino io faccio alzo il calice, vi guardo bere e poi taccio perché tutto c iò che dovreste sapere è che con gioia vi ho pisciato nel bicchiere - di Ma u re s -

6


un gentiluomo (un po’ porno)

Avevo trov a t o q u e st a t i p a , en tr a m b i u b r ia c h i fu o r i d a una di sc oteca ro c k , e c i e ra v a m o m es s i a p a r la re, p ia c iu t i, ac coppiati po c o d o p o , si sta va b en e in s ie m e, e r a b io n d a, be l vi so , alta, a b b i g l i a me n t o u n p o d a h ip p y, a s co lta v a i D ire St ra its e le g g e v a l i b ri b e a t, a b b ia m o c o m in cia to a fre que nt arc i, avev a se mp re a n f e ta m in ici a d is p o s iz io n e ch e le pre scriveva un me d i c o c re d o in c a m b io d i p res ta z io n i, ma e s sen do un g e n t i l u o mo n o n g lie l’h o m a i c h ies to , a n c h e pe rc hé non me ne f re g a u n c a zzo d e lla v ita d eg li a ltr i. E ra quas i se mp re a rra pa ta e vo lev a s e m p re q u a lc os a di nuovo, il co si d d e t t o f a mo lo s tr a n o . In macchin a c o n t u t t i c h e c i v e d ev a n o , a l m a re n ell’ac qua bassa dava n t i a t u t t i , su l co fa n o d e lla m a c c h in a n el parcheggio, me n t re l a p o l i zi a p erq u is iva le m a cc h in e d e l parcheggio e c i l a sc i ò st a re, s u g li s co g li, s u ll’a s fa lto de lla st rada men t re g i o c a v a l a n a z io n a le ita lia n a a i m o n diali e non pas sav a n e ssu n o , su u n a ta v o la a lla fin e d i u n a fe s ta al l ’aperto c o n l e u l t i me p er s o n e ch e s a lu ta v a n o p a s s ando. L e piaceva e sse re sp a l m a ta d i m a r m ella ta o cio cc o l ata e poi leccata , o b a g n a t a t u tta d i b ir r a fres c a , e r a es tate , s i pre ndeva u n a l a t t i n a d i c o la fred d a e ci s i b a g n a va la boc ca p rima d e l 6 9 c o sì l ’ e f fe tto d a fre d d o a l c a ld o d ella s tim olazione e ra p i ù p o t e n t e Q ua ndo an d a v a mo i n q u a lch e p o s to in m a c c h in a d ur ante i l viaggio e ra t u t t o u n b a cia r m i o s u c c h ia r m i, co m inc iav a con i miei c a p e zzo l i e a r r iv a va a l p is ello , la ve lo cità m as si ma che r i u sc i v o a ra g g iu n g ere in q u es te co n d iz io n i e r ano i 60 all’or a , c i me t t e v a mo il d o p p io p er a n d a re in u n pos to.

7


P oi ha comi n c i a t o a c h i e d e r m i d i s c u la c c ia r la , s i m e tte v a nuda con la v a g i n a a p p o g g ia ta a l m io g in o cc h io e m entre la scu lacciav o si st ro f i n a v a fa c e n d o m i c o la re lu n g o la g am ba i l iquidi, v o l e v a c h e l a o ffe n d e s s i c o n p a ro le v o lg a r i e la pi cchias si p i ù f o rt e p o ss ib ile , fin o a fa r le d ive n ta re il s e dere ros so e q u i n d i l e p i a ce v a c h e g lie lo in fila s s i n e l c ulo, m a avrebbe v o l u t o c h e l e lec c a s s i il b u co p r im a , io inv e c e m i sputavo su l g l a n d e e v ia , s u l m o m e n to ta c e v a m a poi m i ri mprover a v a c h e i l su o fid a n z a to g lie lo lec c a va s em pre e a l ungo pri ma d i e n t ra re , m a io es s e n d o u n g e n tlem a n de l caz zo avevo u n a re p u l si o n e a lec c a re il b u c o d el culo di chi cchessia . A l l or a lei se n za d i rmi n i en te m i p res e n to il s u o fid a nz ato che s i rive l ò su b i t o t o t a lm en te s u c c u b e d i lei e b is e x , le i f ece in m o d o c h e f i n i ssi m o a letto tu tti e tre c o l s u o f idanzat o nel ru o l o p a ssi v o , c o s ì l’a n o g lielo lec c a va lu i, e poi f acevamo d o p p i a p e n e t ra z io n e , tr a l’a ltro lu i a ve v a u n c az zo mai vis t o , e n o rme , c re d o 2 4 c e n tim e tr i, m a s o p r a ttutto l arg o che è l a c o sa p i ù in flu e n te, q u in d i la p o r ta d ie tro la pre ndevo s e mp re i o c o l m io 1 7 /1 9 , a ltr im en ti s e n tiva m ale di ceva ( no n h o ma i c a p i t o p e rch é il m io m i ca m b ia s ec ondo l e situaz io n i , se t a n t o e c c ita to 1 9 s e n o r m a lm en te e c c itato 17, mi ero me sso u n ri g h ello n e l c r u s co tto a p p o s ita me nte per capire q u e st o mi st e ro m a n o n l’h o m a i c a p ito , av e v o sen tito che c ’ è u n c o mi t a to d i a cc a d e m ici c h e s tu d ia sc ie nt i f i cam ente i f e n o me n i p a r a n o r m a li, d o vrei fa r lo v e de re a l oro ). L e p iaceva a n c h e c h e a f in e r a p p o r to le p is cia s s ero addos so, e s e lo sp a l ma v a , d i ce v a ch e le fa ce v a a n ch e b en e alla pel le, per ò se si e ra l o n t a n i d a c a s a g ir a re p o i c o n u n a r agazza pisci a t a e so l o a sc iu g a ta n o n er a il m a s s im o , o for s e

8


ero io trop p o g e n t l e ma n p e r ce r te co s e. Cominciò a v o l e rl o f a re c o n a ltr i e a ltre, o rg a n iz z a v a le i, si f aceva m a i o c o mi n c i a i a ro m p er m i le p a lle p e rch é c e rt i n on m i p i a c e v a n o , a v e v a n o q u e lla m en ta lità d a m as c hio ri t a rdato c h e mi h a se mp re fa tto s c h ifo , o il m io e s s e re un gentleman mi p e n a l i zza v a a n c o r a u n a vo lta . Così ci sia mo p e rsi . P ochi anni d o p o h o i n c o n tr a to u n a s u a a m ica e m i h a de tto che aveva l a sc i a t o i l su o fid a n z a to e d e r a a n d a ta a lav or are in un clu b p ri v è . Moltissimi a n n i d o p o l ’ h o v is ta , le i c o n m a r ito e figli, m i ha salutato a p p e n a c o n u n o s g u a rd o u n p o d i d is p re z z o, era tutta d i st i n t a e u n p o a lte z z o s a , lu i g u a rd a v a d a mar ito gel oso. Incontrand o u n a ma t t i n a u n o c h e a b ita va n e l s u o pae s e vi cino a le i h o c h i e st o l u m i, m i h a d etto ch e s i e r a s p os ata uno tradizi o n a l i st a p i e n o d i s o ld i, er a d ive n ta ta u n a donna di fam iglia , mo ra l i st a , p er b en is ta e fre q u e n ta v a la c hie s a. A nnuii s eri o d i c e n d o c h e m i fa c e v a p ia c e re ch e s i e r a s is te m ata ed av e v a u n a f a mi g lia . Svoltato l’a n g o l o sc o p p i a i a r id ere, r is i q u a s i in in ter rottam en te fino a l l a se ra , t a n to ch e m i ve n n e u n trem en d o s inghi oz zo. - d i A n d re a s F in o ttis -

9


céline ci scrive

P resentiamo q u i , p e r l a p r im a v o lta in ita lia n o , le d is c us s e l et tere e g l i sc ri t t i d i Lo u is -F erd in a n d C élin e a lla s tam pa collabo ra zi o n i st a f ra n c e s e . Q u e s te lette re, a s s iem e ai cos iddetti p a mp h l e t , h a n n o co n s e g n a to d efin itiva me nte Céline al d e st i n o d i “Gr a n d e rep ro b o ” , s e n ten z a c a p itale em essa dal C o mi t a t o d i G r a n d e P u r ific a z io n e p ro g re s s is ta

10


… e rende n d o l o u n f e t i c c io p er a ltr i, c h e r id u ce v ano la bi obibliogra f i a d i C é l i n e a i s o li p a m p h le t, fa ce n d o n e un al f iere del Vo l k , d e l R e i c h e d el F ü h rer … ig n o r a n d o le pall e incatena t e sp a ra t e d a l n o s tro co n tro p r a tica m e n te t utti i pol itici di Vi c h y, i n a zi st i e H itler ! N o n o s ta n te a lcu n i s tudi recenti abb i a n o c e rc a t o d i d ip in g ere C élin e c o m e in re alt à lontano d a g l i a mb i e n t i c o lla b o r a z io n is ti , o p p u re addiri t tur a com e “u n c o mu n is ta ” , la le ttu r a d e lle lette re qui i nt egralm e n t e p u b b l i c a t e , e le re c e n ti, u lte r io r i in ed i te te st i monianz e re l a t i v e a l l ’ a ttr a z io n e d i Cé lin e ve r s o i p ar titi nazionalis t i e u ro p e i e d ’o ltrem a re illu s tr a n o c h ia r a me nte l a visione p o l i t i c a d i C é lin e. C h e p o i q u es ta v is io n e non f osse quell a d e l l ’ o rt o d o s s ia n a z io n a ls o cia lis ta , e a ttr av e rsat a invece c o m’ e ra d a u n fiero p a tr io ttis m o “ re tr ò ” e da un socialismo i n g e n u o , e ch e il c o m p o r ta m e n to d i Cé line al l ’inter no d e l p u r v a ri e g a to m o n d o d e lla Co lla b o r az ione fr ancese f o sse p i ù o ri en ta to a ll’a n a rc h ia p o le m ica c he al l ’Ordine e Di sc i p l i n a , n o n è u n fa tto ch e p o s s a s t upire chi conos c a se p p u r i n ma n ie r a c u r s o r ia la v ita d el Nos tro. È i n teressa n t e a t a l ri g u a rd o n o ta re co m e Cé lin e fu ne lla quotidianit à b e n l o n t a n o d a i tetr i p ro p o s iti d e i p a m phle t, punto effic a c e me n t e so l l e va to d a K a r l E p tin g in u n s u o r icordo di Cé l i n e : G i à durant e l a mi a p ri ma vis ita a r u e L ep ic, p o c o d o po la pubblicaz io n e d i B a g a t e l le s , m i a ve v a n o s o r p res o il p ote re sop r as ens i b i l e e q u a si me d ia n ico d el s u o s g u a rd o s u gli uom i n i e sulle c o se , e c o n t e m p o r a n ea m e n te il c o n tr a s to prof ondo tra la su a p re sa d i p o s iz io n e ve r s o le co llettiv ità im per sonali, p e r e se mp i o , a m e r ic a n e , in g les i, r u s s e , eb raic he e m as sonic h e , n e l l a q u a le p o te v a es s e re d i u n a c r ude ltà

11


che, nei s u o i d i sc o rsi , a r r iv a va s in o a l p a ro s s is m o , e il s uo com portam e n t o v e rso l ’ i n d iv id u o co n c reto , u o m o o a nim ale che fosse, n e l q u a l e n o n h a m a i ce s s a to d i re s ta re il m e dic o e i l protetto re . La v i t a e l’o p er a d i C élin e n o n a c q u is tano si gn ificato c h e a t t ra v e rs o la s u a p ro fe s s io n e d i m e dic o, ed è solo p a rt e n d o d a l à c h e es s e p o s s o n o es s e re co mpre se n el loro d o p p i o si g n i fica to . Ne l s u o e s s e re tr a q ue s te due condizi o n i , n e l d o p p i o s g u a rd o ch e h a g etta to ve r s o un l ontano da i c o n t o rn i i n d e cis i e in u n ce rch io r is tretto s u di un es sere c o rp o re o v i c i no , h a n n o m es s o r a d ice i n u m e ros i m alintesi c h e h a n n o re so co s ì d u r a la vita a C élin e e alla sua com pag n a . Tornando a l l a “v i si o n e p o litic a ” d i C élin e, e ren d e ndoc i pur conto c h e p e n sa re d i r iu s cire a d a p p o r re s u l p e ns ie ro del nos tro u n a c o mo d a e tic h etta s ia fa tica d i S is ifo , for s e un termine c h e p i ù si a v v ic in a a d e lin ea re la s u a s en sibilit à è “ antimo d e rn o ”, a n zi, “ a n tic o n te m p o r a n eo ” , n el s e ns o ben delinea t o d a Gi a n c ar lo P o n tig g ia , tr a d u tto re tr a l’alt ro del Bag a t e l l e s, n e l su o s cr itto C in é c é lin e: Q ue llo che o g g i c h i a mi am o m o n d o c o n te m p o r a n eo p uò e s sere compen d i a t o n e l l e p a ro le “ d em o c r a z ia ” , “ s in is tr a”, “ A mer ica” , t re p a ro l e co s ì d ive r s e tr a lo ro , e c h e pure , pro prio nel l o ro i n t ri c a rs i, d e fin is co n o il ca r a tte re d e l N ovecento. E q u i C é l i n e , n e i ro m a n z i c o m e n ei te r r ib ili l ibe lli ant isemiti e a n t i c o mu n i s ti, u r la d elle v e r ità ch e n es s uno aveva mai sa p u t o d i re c o n ta n ta fo r z a : la tem p e s ta de lla chi acchier a h a o rma i ri m b a m b ito il m o n d o , lo h a res o c om e un pugile s u o n a t o , c o me u n id io ta p ro n to a in g o ia re tutto. I si s temi d e mo c ra t i c i , l e is titu z io n i d em o c r a tich e, s o n o di-

12


ventati dei c i rc h i e q u e st r i, d e lle p a le s tre d i b u ffo n er ia a buon m erca t o . M a q u e st o è Cé lin e, d ire te : n o , q u es to è il m on do nel q u a l e v i v i a mo , c h e Cé lin e è s ta to il p r im o , forse l’unico, a d a v e r d e n u n cia to . S en z a o m b relli id e o lo gic i, sen za vanit à , se n za p ro t e z io n e , s en z a s p ec u la z io n e : de l re st o non c’è n i e n t e d i p i ù s te r ile e n o io s o c h e leg g e re tutti quegli s cri t t o ri i mp e g n a ti c h e d en u n cia n o in n o m e di un partito, di u n ’ i d e a . A d ogni mo d o , d i sc u t e re a fo n d o d e i m o tivi ch e s p ins e ro Céline a s c ri v e re l e ri g h e s u lfu ree d ei p a m p h let , o que s te l et tere, nece ssi t e re b b e d i u n o s p a z io b e n m a g g io re c h e que st o libretto ; b a st i d i re c h e p er n o i g li s cr itti s o p r a c itati non s posta n o d i u n a v i rgo la n o n s o lo il g iu d iz io - u n c apol avoro - su l l ’ o p e ra l e t t e r a r ia d i Cé lin e, m a a n ch e s u lla v ita del D r. De st o u c h e s, c h e h a d im o s tr a to , n e l c o n c reto de lle sue vite di so l d a t o , sc ri t t o re , e d i m e d ico d el la v o ro pr im a, e dei m isera b i l i d e l l a b a n lieu p o i, d i e s s e re in fin ita m e nte sup er iore, mo ra l me n t e e le tte r a r ia m en te, a lla s tr a g rande m ag gior an za d e i su o i c ri tic i. - a c u r a d i A n d rea L o m b a rdi p e r a c q u is ta re il lib ro : http://www.libreriaeuropa.it/scheda.asp?idis=978886148 0 9 1 9

13


non è da escludere

E’ possibile che io mi sia già estinto un paio di millenni addietro e che vaghi il mio pensiero olografico adesso come una fiammella esile e sinuosa emigrata in te mpo da un falò spento dai pestoni dalle piogge dall’amore nero. E’ probabile che io abbia tanti cervelli da sacrificare conge lati nel freezer che scoppiettano trepidanti e per questo io sia immortale E’ d a tener conto che io possa essere lo zero assoluto la fine, l’estremo, il mito la via di fuga dall’irrequietezza s o no il punto d’inc ontro di due rette parallele e l’apice dell’immaginazione i l s ogno confuso di me stesso che sogna l’alba mentre aspetta la notte sognando una vita ancora più scadente. E ’ possibile che io mi sia già estinto. - di Giuseppe Baldassarra -

14


le luci si accendono

269 passi verso un errore madornale, da compiere in un’annata di certo non buona dovrei non addossarmi la colpa ma è la mano del dottore che mi pest a per farmi respirare a sancire il mio principio di fine, forse l’uom o non si era accorto che avrei preferito nascere in un cesso e mo rire fra i topi che stare a vivere una vita fra stronzi come lui. Uno cresce bene, tutte le luci si accendono durante le festività e per un attimo Babbo Natale esiste, a metà fra realtà e fantasia, è un alcolista che pesta la moglie ma come imparerai certe cose è meglio non saperle. Tutte le luci si spengono dopo le caldarroste dopo i regali e le svendite ai sexy shop dopo che anche il nonno si è ubriacato per bene, tutto si spe gne, torna il sonno, la lotta per la vita, la lotta per la morte, sono obbiettore di coscienza, non m i alzo dal letto ma ho bisogno di un alibi. - di Jamie De Ca st ro -

15


e domani

E domani ti svegli e non sai più leggere. Accendi la radio ma è un continuo gracchiare in onde medie. Accendi la tv. Mtv sul primo canale, Deejay sul secondo, VirginTV sul terzo. Nient’altro, i restanti canali sono grigi e pieni di crrr crr crrr.

Spegni la tv. Apri la finestra. Puzza di cenere e gas di scarico e mandarini. Ti si chiude lo stomaco e chiudi la finestra. Ti fai la doccia e il tuo bagnoschiuma di fiducia è stato sostituito da un flacone anonimo verde scuro con la scritta: Per Lavarsi. Indossi il giubbotto, sul portone c’è un foglio che ti ricorda di indossare la maschera.Affianco al portone è comparso un mobiletto pieno di maschere bianche da carnevale. Una ha un sorriso, l’altra un ghigno, un altra ancora è verde, un altra è blu e un altra ancora non ha ne sorriso ne naso, sono il contorno degli occhi neri. Indossi quest’ultima perchè ti sembra la più divertente. In strada poca gente, autobus vuoti, traffico veloce e scarso. Tutti le persone che riesci a distinguere indossano la tua stessa maschera. Il panettiere, lo spazzino, il macellaio, la tizia col passeggino, il bambino dentro il passeggino, la tipa che vedi sempre alla fermata dell’autobus che scende una fermata prima della tua, i vecchietti che sputano per terra, i buisness-man o i finti tali in camicia con aloni di sudore sotto le ascelle coperti dalla giacca obbligatoria e cravatta scorsoia al collo, anche loro con la tua stessa maschera, i ragazzi che hanno saltato la scuola e si sono sdraiati sull’erba del parco a farsi le canne, tutti con la tua stessa maschera. Ti sale un irrefrenabile voglia di comunicare, proprio a te, che te ne sei sempre fregato di tutto e tutti. Fermi una maschera a caso con maglietta dei rancid e borchie

16


e provi a dirgli qualcosa, ma non riesci a parlare, la maschera non ha bocca e tutto quello che pronunci è un biascicare riverberato incomprensibile. La maschera ti risponde allo stesso modo, ti spara davanti agli occhi il suo dito medio e se ne va. Continui a camminare disorientato, decidi di fermare due maschere. Una bionda e una mora, entrambe con le tette grandi e delle belle scollature. Chiedi aiuto, chiedi se ti capiscono, se ti sentono, se comprendono le tue parole. Quelle ti guardano, ti spingono entrambe e tu cadi a terra. Poi arrivano gli sbirri di quartiere, in tenuta antisommossa. Le loro maschere sono i loro caschi neri e la visiera è nera anch’essa. Sui loro visori, in sovraimpressione, tra il logo di un centro commerciale e l’altro, lampeggiano di rosso le parole: NON PARLARE, VIETATO PARLARE, DEVI STRE IN SILENZIO. Poi, i manganelli iniziano ad accarezzarti le spalle, il petto, le gambe, le braccia, i coglioni, i manganelli adorano accarezzarti i coglioni, poi ti accarezzano i capelli e la maschera. La tua vista diventa rossa, la maschera si spezza in due e cade a terra. I manganelli smettono di accarezzarti, tu riesci in qualche modo ad alzarti in piedi, li osservi, tutti, gli sbirri, le tipe con le tette grandi, i vecchi catarrosi, gli sballati, i manager, i finti manager, i finti punk, i finti finti che fingono qualcosa, i panettieri, i macellai, gli automobilisti, li osservi tutti, uno per uno, con la tua vera faccia piena di sangue, li guardi, loro si fermano. Inizi a sghignazzare, poi ridi, istericamente, continui a ridere, sguaiatamente, facendoti sentire da tutti, ridi e ridi e ridi, più ridi, più diventi alto, inizia a crescere e a sollevarti, due metri, tre metri, quattro metri, li guardi dall’alto e ridi, ridi, continui a salire, ti appoggi al tetto di un palazzo per non cadere e ridi, ridi, ridi, e sali ancora, non vedi più nessuno e continui a salire, eviti con la testa un aereo, ridi, sali. Il cielo diventa nero, compaiono le stelle, le guardi. Smetti di ridere. Smetti di respirare perchè a quest’altitudine non c’è più ossigeno. Inizi a precipitare, con un sorriso, attendendo lo schianto.

17

- di Andrea Doro -


sarà primavera

Oggi è sabato beh io sono qu i che ascolto musica h o finito i miei soldi per una bottiglia di vino qualche drink al bar e le sigarette. La mia donna dorme avrebbe voluto uscire andare a divertirsi un po’ ma senza grana se non ha i qualcosa in testa c’è poco da inventarsi si fa del sesso si parla un po’ si legge ma vien voglia di fumare vien voglia di bere vien voglia di uscire senza grana vien pure voglia di uscire. Faccio un altro sorso di vino e fumo un altra sigaretta og gi è sabato e chi se ne frega per me ogni giorno è un giorno ogni giorno puoi scamparla vivere o morire. Oggi è un giorno come ce sono altri così ad ascoltare la musica di Tom in una vecchia nuova malinconia a lasciarti sc ivolare dentro ai piedi e a c corgerti che ti stanno dando fastidio le scarpe perché avevi dimenticato di toglierle è s abato, cazzo un sa bato del cazzo. Un’altra sigaretta e un altro bicchiere mentre osserv i il pacco e la bottiglia svuotarsi. Oggi è un giorno maledetto

18


perché pensieri vorrebbero farmi pensare perché ho perso il posto di lavoro ma al diavolo mi to lgo le scarpe mi metto in piedi e mi muovo un po’ in questo ritmo blues la follia mi ha sempre salvato l’ironia mi ha sempre salvato riempi un altro bicchiere amore e vieni qui a ballare ah no, tu dormi ok, va be ne, bien, sto cazzo ballo da solo. Riempiti un altro bicchiere Giò dai Giò dai Giò è un a vita avversa e tu sei l’avversario combatti senza voltarti gli applausi sono urla le urla sono lamenti e l ’ a r bitro è pagato anche per fare il doppio gioco. B evi quel cazzo di bicchiere più in fretta bevine un’altro e inebriati e riempitene un altro ancora e bevilo caricati infiammati infuocati vai in escandescenza e liberati la tristezza è triste troverai un altro spunto per farcela si si si si si si si vaffanculo. Oggi è sabato beh ieri era venerdì domani sarà di nuovo primavera e poi inverno. - di Giovanni Favazza -

19


poesia

C o sa c ’è n e i co p e r to n i ? Eh ? C o s a c’è ? Gomma, me sc o la a l n ero fu m o , f i li d ’a cc ia io , ar ia c o mp re ssa a d u e, a tre, a s e i a tm o s fe re. Cosa caz zo c ’ è n e i c o p e r to n i ch e g li fa fa re q u el r u m ore ? Cosa c’è n e l l e g o mme d i u n a u to a r tico la to a c in q u e as s i, c h e g li fa em ette re quel gemi t o su l l ’ a sf a l t o , q u e lla s p ec ie d i p ia n to id io ta e a c c o ra to s u lla s ta ta le, d i n o tte. Q u ando lo se n t o , p e n so ch e fo r s e è p e r q u es to c h e i c ani abb a i a n o a l l e mi e r u o te. P e rch é s o n o n e re, p e rc h é s en to n o co s e c h e i o n o n co n fe s s o . Perché suonano le campanelle, sulla veranda, se non c’è vento ? - d i Nic o la Cu d e m o -

20


il potere ai cani S o n o s ta n c o

d i t u t t e q u e st e m a tem a tic h e d i p e n s ier i, d i a l g e b re d e l b is o g n o , l e f u n zi o n i c o r p o r a li a d d o m es tic a te. C i v u o l e u n n u o vo p a le o litico , u n re g n o d i b a m b in i, i l p o te re a i ca n i. M i t ra sf ig u ro n e lla c iv iltĂ c o me o mb r a g o rg h e g g ia n te o p a g l i a cc io c h e s i d o n a a i su p p liz i te le m a tic i o a l l e c o d e p e r p e s a re le a r a n c e . S o n o st a n c o a n c h e d i m e c h e mu o i o a in ter m itten z a l u n g o i v i a l i d e lla p u b b lic itĂ  a p p es a o n e i sa l o t t i d i s ile n z io p ro g r a m m a to d e l m io c e r v e llo .

- d i A le s s a n d ro P e d re tta K re s ta -

21


mi scoccio

Vi v ere di n o t t e è d u ra , m a a ffa s cin a n te, n o io s a , a z z a rdant e. Cammin o c o n l a mi a F ia t 1 1 0 0 0 n er a a b en z in a , e s e guo la stra d a , i n c e rc a d i q u a lc h e p o s to viv o . Il p a e s e è un paese. Io n o n so n o n e mmen o io , p er ò h o vo g lia d i q u alc os a di p iù. Ho v o g l i a d i sa l v a r m i, h o vo g lia d i p erd e r m i di più, ho voglia d i f o t t e re , ma d i u n fo tte re in d e c e n te, h o voglia di gente ch e c i st i a so l a m e n te, h o vo g lia d i fo llia , ma di quella che sa p p i a i l f a t t o s u o . Seguo la st ra d a c o n u n a b o ttig lia d i b ir r a fr a le c os c e , una s igaret t a i n ma n o , e tu tto ciò ch e c ’è fu o r i s e m b r a non appartener mi . S o n o so l o , m a m i s e n to viv o , a ttiv o , ma c ’è qualcosa c h e n o n v a c o n g li a ltr i. Non so dov e a n d a re d i p rec is o . L a m u s ica d i C o n te a lla r adi o va bene, ma n o n mi b a s ta s o lo la m u s ic a . H o b is o gno di f ot tere, di a v e re u n p o ’ d i fo llia , p e r lo m e n o u n p o ’ d i s tr avol gimento c o mu n e . C ’ è u n a b ir rer ia , l’u n ica d el p a es e c he m i s tuz zica u n p o ’ d i p i ù . Ce n é s o n o a ltre d u e, m a q ue lle non m i stu zzi c a n o a f f a t t o . F a c c io u n a ltro s o r s o d i b i r r a e m i d irigo n e l l a b i rre ri a d e l p a es e ch e a l m o m e n to m i va. La L an ter na. B e ’ , so n o g i à s b ro n z o p r im a d i e n tr a rci. È una sen saz ione n o rma l e p e r m e p e r ò c i s o n o g li a ltr i ch e s ono anche trop p o n o rma l i . I o m i s en to u n p o ’ a lien o m a fac c io f i nta di nie n t e , c o me o rm a i d a u n p o ’ d i tem p o . No n voglio spi e gare lo ro n i e n t e , n o n vo g lio ch e s a p p ia n o c h i n on s o nem meno i o d i e sse re , n o n vo g lio c h e m i ro m p a n o i c oglioni , non vo g l i o p ro p ri o c h e s i p re n d a n o p iù co n fid enz a di quella che i o v o g l i o d a r lo ro . No n vo g lio n ien te d a loro. Non mi int e re ssa n o .

22


O rdino una b i rra a l l a sp i n a d a 0 4 co r re tta c o n wh is ky e m e né s to al mi o p o st o , a p p o g g ia to s u l b a n c o n e a d o s s er v are . Sem bro un o f u o ri p o st o , e lo s o n o , q u in d i n o n ro m p ete m i i coglioni. M i se rv e so l o q u a lc h e co s a ch e m i s tr a v o lg a un po’ l’es iste n za . F accio un b u o n so rso n e l la m ia b ir r a . M i s e n to u n ico , s olo, di f ferente. Lo so , ma n o n m i p ia ce n em m e n o la m u s ica m e s s a al l a r adio. È u n a me rd a . L e m ie o re c c h ie s en to n o fa stidio. Ma chi s on o ? N E S S UN O. Ch e s tr a z io . D e v o a n d a r m ene da qualche alt ra p a rt e . M a d o v e ? No n c ’è n es s u n a ltro p os to. B e’, com un q u e , d e v o a n d a r m e n e. P er ò h o a n co r a la b ir r a, e vo glio co mu n q u e f i n i rl a . S o n o fo lle , m a è co s ì, e lo v iv o. L a gente i n t o rn o p a rl a e p a r la , m a n o n p a r la d i n ie nte . E m ette s olo d e i v o c a l i zzi d is c o rd a n ti fr a lo ro . H a n n o de ll e facce ch e e sp ri mo n o so lo o d io . L o s i ve d e a n ch e me ntre ri do no. Ta n t i so n o so l o d eg li s to lti, e a l co n tr a r io r idono sempre. Mi d a n n o i l v o l ta s to m a co . Ne co n o s co u n p a i o fr a l oro , m a fa c c i o f i n t a d i n o n ve d er li, d i n o n s e n tir li, d i non essere into rn o a l o ro . Ho la c a p a cità d i ren d e r m i in ac c e s si bile quan d o v o g l i o . I n f a tti, in q u es ti c a s i, n es s u n o m i s i avvicina. Be n e , è q u e l l o ch e v o g lio . N o n vo g lio ch e ne s s uno di loro mi d i a c o n t o . A m e in teres s a u n a ltro tip o d i pe rson e. Più iro n i c i , p i ù v e r i, p iù fo lli, p iù s e r i. E fr a d i loro, di q ues ti n o n c ’ è n e mme n o u n p e z z o . S o n o s o lo in me z z o al l a plebag l i a . F accio un b u o n so rso d i b ir r a e m i a c c e n d o u n a s ig a re tta. Il banconis t a mi o sse rv a m a io m a n co lo c a g o . Q u e s t’altro appartenen t e a l l a ra zza d e i p ro ci. M a c h e c a z z o c i fa cc io io qui ? Dovre i e sse re d a q u a lch e a ltr a p a r te , a s p a s s a rm e la, a g iocare, a sc o p a re , a s c o m m ette re, a p a r la re , a s u o nare , a cantare, a ri d e re , a i n vo g lia re … D e v o a n d a r m en e, de v o

23


andare a c e rc a re . B evo il rest o d e l l a b i rra in u n s o r s o , p a g o , e m i tiro fuor i da quel lo c a l e . F u o ri c ’è u n ’a r ia fr iz z a n te . Il cie lo è c ari co di s tel l e ma n o n v e d o d a n es s u n a p a r te la lu n a . Se né sarà andat a d a q u a l c h e a ltr a p a r te p u re le i. P er le s tr ade ci sono s olo d e i c a n i q u i e là . B e ’, a m e p ia cc io n o d i più i gat ti da un p o ’ d i t e mp o a q u es ta p a r te . Sal go in m a c c h i n a e p a rt o , p e r ò h o b is o g n o d i a ltro liq uido. Mi fer mo c e n t o me t ri p i ù a v a n ti, in u n a p a n in er ia . D e ntro non c’è un’ a n i ma , a p a rt e i p ro p r ieta r i u n p o ’ s c a z z a ti. O rdi no una b i rra c h e mi f a cc io co r re g g e re c o n u n p o ’ d i gin. F accio un so rso e o sse rvo v e r s o il tele v is o re , m a d is tolgo sub ito lo s g u a rd o e l o p u n to fr a le b o ttig lie . S e a v e s s i av uto voglia di g u a rd a re i l t e l e v is o re m e n é s a re i r im a s to a c as a. Comunque i l t e l e v i so re n o n m i in teres s a m o lto . L o g uardo sol o quand o n o n so p ro p r io ch e a ltro fa re. I proprieta ri si d i l e g u a n o , s p a r is c o n o . E r a n o m a r ito e m ogl i e, non m o l t o so d d i sf atti d e lla p ro p r ia s itu a z io n e . Pe r ò ogni tanto se mb ra n o u ma n i. B e’, p er il m a r ito n o n s apre i pro prio co sa f a re , ma a l l a m o g lie u n c o lp e tto g lie lo p otre i dare volen t i e ri . Ha u n n o n -s o -c h e ch e in q u a lc h e m o do m e l a p otrebb e f a re ri zza re b en e. G iu s to il c a s o c h e a l m om en to ce l’ h o mo l t o v o g lio s o . M a ch e n o n s i fa cc ia de lle i l l us ioni il mi o b i sc h e ro , o vv e ro io , q u e s ta è u n a d i q ue lle t ante s ere c h e n o n si c a v a u n r a g n o d a l b u c o . F i nis co la b i rra . C h i a m o i p ro p r ieta r i m a n e s s u n o v ie ne f uori. Dove si sa ra n n o c a cc ia ti? Ma g a r i s i s ta r a n n o fac e ndo una s ve l t i n a a l l a f a c c ia m ia . Ch is s à . L a s c io u n euro e ci nquanta a c c a n t o a l l a c a s s a e m e n é va d o . F accio an c o ra u n g i ro a lla r ice rca , m a in g iro n o n c ’è un’anim a vi v a . M i sc o c c io , tiro in r itir a ta e m e n é to r no a

24


cas a. Vado a l c e sso , mi s ied o , m i fa cc io u n a s e g a , e m e ne t orn o in cu c i n a . P re n d o u n a b o ttig lia d i v in o , la a p ro , port o c on m e a n c h e l e si g a re tte e l’a c c e n d in o , e m e n e vado al com puter, a sc ri v e re , d i m e , d ella m ia vita , d e lla m ia s ort e, delle mi e st o ri e , d i q u e llo c h e ve d o , e d i q u ello c he non t rov o. - d i G io va n n i F a vaz z a -

25


cento chilogrammi di puro piacere erotico

U n’altra s e ra t a st a v a t ra s cin a n d o s i s ta n ca m e n te a lla c oncl us ione e i l b a r “I l R e C a d u to ” er a q u a s i v u o to . N e lla t esta dei p o c h i p re se n t i e r a a n c o r a viv o l’e c o d el voc iare di q ualche o ra p ri ma , q u a n d o la b etto la er a p ien a d i ge nte che beveva , u rl a v a e c a n ta v a . U n a s er a co m e ta n te , u n s abat o per la p re c i si o n e . Seduto a u n t a v o l o i n u n a n g o lo s e m ib u io s i tro v a va Mari o: quello o rma i e ra d i v e n ta to il s u o p o s to , a n ch e p e rc hé non s i alz a v a q u a si ma i d a lì, s e n o n p e r a n d a re a l c e s s o a p is ciare l e n u me ro se b i r re ch e b e v e v a . M a r io c h e a m av a ubriacarsi i n so l i t a ri a , M a r io c h e o s s e r v a va i g r u p pi di uomini cac c i a t o ri a rri v a re in s iem e e s p a r ire u n o a lla v olta con le bello n e c h e a b b o rd a v a n o . Q u e lli c h e a ve v a n o f re tta e se ne s co p a v a n o u n a n el b a g n o , p er p o i a n d a r s e n e c on un’altra, q u e l l i c h e n e l im o n a v a n o a m a n cia te o g n i s e r a, quelli che, sb a g l i a n d o t a ttica , ci p ro v a va n o s e n z a s u c c e s s o con una r a g a zza e p o i r ip ie g a v a n o s u ll’a m ic a , r ic e v e ndo un doppio d u e d i p i c c h e . Ved eva le v a ri e t i p o l o g ie d i d o n n e c h e s i m u o ve v ano in ran ghi s tre t t i , p e r e v i t a re a tta c c h i d a i b r u ti s co p a to r i, alm en o iniz i a l me n t e . P o i a n ch ’es s e s i c o n c e d ev a n o pr im a al l ’alcol, p o i a i f o rt u n a t i ch e q u ella s e r a a vreb b e ro p otuto esp lor are i l p a ra d i so c h e tu tte s e m b r a va n o o ffr ire a l ge ne re mas chile . Mario guard a v a c o n v i v o in teres s e le r is s e ch e s i s c ate navano per u n a b e l l a d o n n a , co n te s a tr a d u e m a s ch i a l fa, di cui a volte u n o e ra i l l e g ittim o fid a n z a to . A vo lte q u a lc uno veniva sba t t u t o su l su o ta v o lo , m a lu i e r a les to a to g lie re

26


i l b icchiere , p ri ma c h e la b ir r a g li s i p o te s s e ro v e s c iare addosso, il t u t t o c o n mo vim en ti co s ì n a tu r a li ch e s e m b r av a quas i fosse ro i l f ru t t o d i u n a g en ia le s ce n eg g ia tu r a d i H oll ywood. Ma lui s ap e v a d i n o n c o r rere il m in im o r is ch io d i es s e re coi nvolto i n ri sse o d i sc u s s io n i p e r la p rec e d en z a con c ui gl i uomini d o v e v a n o i n f ila r s i s o tto le g o n n e lle d i q u ella o questa don n a . M a ri o re sta va fer m o a l s u o ta v o lo a b e re e a osservare p e r t u t t a l a se r a . O a lm e n o , p er q u a s i tu tta. E ra infatti q u a n d o i l b a r er a s e m i d es e r to c h e M a r io fac e v a l e sue mos se . A l u i n o n i n teres s a va n o p iù le b ello n e da c oper tina di ri v i st a p a t i n a ta . In p a s s a to a ve v a fa tto u n tour f ra le gamb e d i mo l t e c o m e lo ro , e o r a s i er a s tu fa to : e r ano t ut te ugua l i . Ta n t o ma n g ia u o m in i, q u a n to p o i im p e dite e t i mide una v o l t a c h e i v e s titi u s c iv a n o d i s c e n a , co me s e , una volta n u d e , p e rd e ssero tu tto il lo ro c o r a g g io . M o lte di esse erano a n c h e i mp e d ite a letto , n o n s a p ev a n o m u o v e r s i e M ar io do v e v a d a r f o n d o a tu tta la s u a p res ta n z a a tl e tic a per rius cire a v e n i re . L’u n ico la to p o s itivo è c h e n es s una si lamenta v a d o p o e mo l te u r la va n o c o m e s e q u ella fos s e st ata la pri ma e u l t i ma vo lta ch e a v reb b e ro r a g g iu n to un org asmo mu l t i p l o , ma d o p o u n p o ’ a n c h e q u ella s o d dis fazi on e era d i v e n t a t a mo n o to n a e b a n a le. Q ue lla vita g l i ri su l t a v a c o s ì v u o ta e tr is te, c h e p e r u n po’ aveva per si n o sme sso d i fa re il g iro d e i b a r e d ei p u b de lla zon a, prefe re n d o re st a re a ca s a in co m p a g n ia d i v in o e birra, fumand o si g a re t t e e m a s tu r b a n d o s i d a v a n ti a film p or no nol eggiati a l se x y sh o p p iù v ic in o a ca s a s u a . Q u elle si c he era no donn e c h e sa p e v a n o co m e m u o v e r s i! M a r io a vre bbe dat o tutto p u r d i a v e re t r a le m a n i u n a d o n n a ch e lo p ote s se far gode re se n za c h e l u i d o ve s s e m u o ve re u n d ito , che lo arrapas se so l o c o n i l p ro p r io c o r p o e p er c o m e lo s a pe v a

27


f ar danz are a l e t t o . E ra s tu fo d i b a m b o lin e s e n z ’a n i m a e sen za mord e n t e . Vo l e v a q u a lco s a d i p iù . U na s era, M a ri o si ri t ro vò s en z a a lco lici. Av e v a fa tto tardi a l avoro e n o n e ra ri u sc ito a p a s s a re d a l s u p e r m ercato a f are s cor ta . E ra st a t o mo lto s tu p id o e p o c o p rev id en t e , m a non er a tut t o p e rd u t o : i n fo n d o c ’e r a n o s e m p re ta n ti loc ali che vendev a n o a l c o l a b u o n m erca to . A l l or a si ve st ì d e c i so a bere q u a n to p iù p o s s ib ile n e l minor t empo possi b i l e , n a t u ra l m en te n el b a r p iù v ic in o a ca s a s ua. Non er a a c a c c i a q u e l l a s e r a , v o lev a s o lo b e re e d ev itare i co ntatti c o n i l re st o d e ll’u m a n ità . G iu s to le in ter az ioni m i n ime per p o t e rsi t ro v a re u n b icc h iere co lm o d i n ettare dorato e du e c e n t i me t ri d i s ch iu m a . “ Una bir ra , p e r f a v o re . ” d is s e a l b a r is ta , m en tre s i ac c om od ava s u l l o sg a b e l l o , s en z a g u a rd a re ch i a ve s s e vic ino. D i s olito u n a v o l t a e n t ra to s i fer m a v a q u a lch e s ec o n do e passava in ra sse g n a t u t t i g li a vv e n to r i d e l b a r, v a lu tando quante e q u a l i ra g a zze p o tes s e ro fa re a l ca s o s u o . M a or a no, gli inte re ssa v a so l o s to rd ir s i il p r im a p o s s ib ile. “ Questo giro g l i e l o o f f ro io . ” a g g iu n s e u n a vo ce fe m minile al l a sinis tra d i M a ri o . Lu i s i v o ltò e v id e u n a g io va n e donna che lo s t a v a g u a rd a n d o e s o r r id ev a . E ra piuttost o i n c a rn e , m a l’a c c o n c ia tu r a e il tr u cc o m olt o b en cura t i n a sc o n d e v a n o tu tto ciò a i s u o i o cc h i. Inoltre portava un c o ra g g i o so t u b in o ch e m e tte v a in m o s tr a gr an parte della su a me rc a n zia e p o i c ’e r a q u ello s g u a rd o e il m od o con c u i l e n t a me n t e s ta v a p a s s a n d o l’in d ice s u l b ordo del bicchie re : se mb ra v a ch e lo s tes s e s p o g lia n d o con gli occhi, che l o v o l e sse sc op a re lì s u l m o m en to . A M ar io qu e st o f a c e v a m o lto p ia c e re, m a q u a lc o s a lo s orpre se anco ra d i p i ù : se n t iva u n ’erez io n e in cred ib ile , c om e

28


m ai prima d ’ o ra , e se n t i v a u n a v o g lia a n im a le d i s tr apparl e i vestiti b ru t a l me n t e e d i s c o p a r s ela co n tu tta la for z a che aveva i n c o rp o . “ Gr az ie. A b u o n re n d e re !” r is p o s e Ma r io . “ Co n c h i ho il pi acere di b e re ? ” d o ma nd ò . “ I nomi so n o p e r c h i v u o le co n o s ce r s i, n o i vo g lia m o be re no?” r ispo se l e i . “ B eviam o d u n q u e ” d i sse lu i, a lz a n d o il b ic c h iere e s fioran dolo co n i l su o c a l i c e d i vin o . L ei sor rise l u ssu ri o sa me n te e, d o p o a v e r b e v u to l’u ltim o sorso di vin o , g l i si a v v i c in ò e , lo a cc a re z z ò v o g lio s a m e nte i n mezzo a l l e g a mb e e g li s u s s u r r ò a ll’o rec c h io “ H o finito i l vino, m a h o a n c o ra se te … N o n s o s e c i s ia m o ca p iti.”. P oi s i allo n t a n ò d a l u i e p re s e a s fio r a re il g a m b o d e l c al i ce ormai v u o t o d i v i n o , co n m o v im en ti r itm a ti e m olto vel lutati. Mario non e ra p i ù i n sé . P res e il b icc h iere d i b ir r a e lo sco lò quasi d ’ u n f i a t o , p o i s i a v v ic in ò a lla d o n n a e le dis se: “ Si dà i l c a so c h e i o a b iti p ro p r io q u i vic in o … Andiam o? ” , poi p a g ò d a b e re p er en tr a m b i e in u n a ttim o e r ano gi à in s tra d a . Q ue llo che su c c e sse d o p o s a reb b e r im a s to m a rc h ia to a fuoco n ella me n t e d i M a ri o p e r m o lto tem p o , e in u n ce r to s e nso g li camb i ò l a v i t a . Non fece in t e mp o a d a p r ire la p o r ta p r in cip a le d e lla pal azzina in c u i v i v e v a , c h e g ià le i lo a v e v a s b a ttu to contro una parete e l o st a v a b a cia n d o co n u n a p a s s io n e ro ve nte , m en tre con u n a ma n o g l i s tr in g ev a il ca z z o , a cc a re z z andol o lus sur io sa me n t e . Mario er a c o mp l e t a me n t e in b a lia d e lla d o n n a , m a n o n s olo per il pes o d i l e i : l a p a s s io n e co n cu i le i b r u cia va , a v e v a at t ecchito l a su a o rma i s e c c a e il fu o c o ch e n e e r a n ato lo

29


sca ldava in u n a ma n i e ra in u s u a le p er lu i. In p a s s a to a v e v a avuto molte d o n n e , ma n o n le a ve v a m a i d es id er a te c om e quella che a l mo me n t o gli s ta v a in fila n d o d iec i c e n ti m e tr i di lingua in g o l a e g l i a c c a re z z a va il ca z z o c o m e s e v ole s s e st rappar lo p e r g i o c a rc i d a s o la . I due s i r ib a l t a ro n o p i ù v o lte n e l ten ta tiv o d i s a lire le r am pe di scale c h e p o rt a v a n o a ll’a p p a r ta m en to d i lu i, m a alla f i ne Mario ri u sc ì a i n f i l are la ch ia v e n e lla to p p a e a d apr ire la por ta . L a voracità d i l e i n o n a v e v a fre n i, n é s e m b r a va d e s tinata a cal are, ma M a ri o d e c i se d i p re n d e re l’in iz ia tiv a , o a lm e no di provarci . L a staccò d a l l a su a b o c c a g o n fia e a r ro s s a ta e, n o n s e nz a uno sfor zo c h e c e l ò mo l to b en e, la a llo n ta n ò d i q ualc he centim etro e l a g i rò su se s te s s a . P o i le s filò g o n n a e s lip e si diede da f a re t o c c a n d o la u n p o ’, p r im a d i en tr a r le de nt ro. Con s ua gr a n d e so rp re sa lei er a p iù b a g n a ta d i u n a r is aia i n autunno , ma i l p ro b l e m a er a c h e n o n r iu s c iv a b en e a trovare un pe rt u g i o p e r p o t e r fin a lm e n te in iz ia re l’a m p le s s o. Con le dita e ra i n g ra d o d i s en tir lo , m a le g ro s s e c hiappe di lei e la p o si zi o n e i n c u i er a , g li im p ed iva n o d i r a g giunger lo con il su o c a zzo . Mario non e ra u n t i p o d a s c o r a g g ia r s i, p e rciò s p o s tò la rag azza ch e n e l f ra t t e mp o e r a a n d a ta in lo o p r ip ete n d o c ost an tem ente “sc o p a mi ” e a n s im a n d o , e la p ie g ò a n ov anta sf ruttando i b ra c c i o l i d e l d iva n o in s a lo tto . Q u e ll’in clinazi on e gli p e rme t t e v a d i tro va re il ta n to a g o g n a to b u c o e perciò inizi ò a st a n t u f f a re, co m ’e r a s o lito fa re c o n le tante bamboline c o n c u i a v e v a a vu to a ch e fa re. I du e ansima v a n o e u rl a v a n o d i p ia c e re a l r itm o d e i bic chi er i che si mu o v e v a n o n ella c red en z a , s p in ta reg o la rm e n-

30


t e d al lato o p p o st o d e l d iva n o s u c u i M a r io e la m is te r ios a rag azza s i t ro v a v a n o . I v e s titi e r a n o g ià s co m p a r s i quas i m ag icamen t e e d e ra n o o r a co m p leta m e n te n u d i. Il r a g az z o st ringeva a v i d a me n t e i ro to li d i g r a s s o d e lla r a g a z z a e, anche se non ri u sc i v a a ra g g iu n g er le il s e n o , er a s o d d is fatto di ciò che a v e v a f ra l e m a n i, s c u la c c ia n d o la d i ta n to in t anto, r icev e n d o c o me f e ed b a ck u n v a g ito p iù a c u to . P oi di colp o l e i n o n g l i p er m is e d i r ien tr a re e, c o n un’agi l ità inasp e t t a t a , si g i rò e in iz iò a fa rg li u n p o m p ino c he i n seguito M a ri o a v re b b e d efin ito co m e “ il m ig lio re che io abbia m ai ri c e v u t o ”. Tu tti, co m p re s o lu i, er a n o co n v inti che le gras so n e n o n si a no m o lto b r a v e a letto , p e rch é hanno m eno r a p p o rt i d i ra g a z z e c o n s id er a te c a r in e , m a non è assolutam e n t e v e ro ! Mario s tava p e n sa n d o p ro p r io a l fa tto c h e m a i u n a de lle B ar bie con e ra a n d a t o a letto g lie l’a ve s s e m a i s u cc hiat o c os ì ben e e c o n u n a t a le p ro fe s s io n a lità ch e le s a re bbe val s o un b o l l i n o D. O. C . , m a d o v e v a s ta re a tte n to : lei e r a t al m ente b ra v a c h e ri sc h ia va g ià d i ve n ire , e n o n p ote v a per mettersi q u e st a f i g u ra c c ia . P erciò us ò l a st e ssa f o rza d i p o ch i m in u ti p r im a e la spins e ol t re il br a c c i o l o d e l d i va n o e p o i q u a s i le s i la n c iò s opr a. Q ue sta vol t a t ro v ò f a c i l m en te la s u a fig a e, te n en d o le s aldamente i p o l si , l e sp i n g e v a d e n tro il s u o ca z z o c o n tutto l ’i m pegno p o ssi b i l e , d a t o c h e o r m a i, in q u e l m o m e n to , e r a com pletame n t e i mmu n e a d o lo r i e lei er a ta lm e n te b a g nata che lo sfre g a me n t o e ra m ig lio re d i q u ello d e i p is to n i de nt ro a un mo t o re d i u n a f o r m u la 1 . In quella p o si zi o n e p e rò lei a ve v a fa c ilità a r a g g iu n g e rgli i l petto, ch e mo rd e v a c o m e s e lu i la s te s s e im p r ig io n a ndo e l ’unico m o d o d i l i b e ra rsi fo s s e q u ello d i fa r a n d a re a s angue i petto ra l i v i l l o si d e l s u o ca rc e r ie re. G o cc e d i s a ngue

31


l e scivolav a n o su l se n o , m es c o la n d o s i co n il s u d o re di e nt rambi. Lu i se n t i v a v a g am en te d e l b r u cio re s u l p e tto e s apeva che lei l o a v e v a i n q u a lch e m o d o fe r ito . L ei n o n a v e v a chi es to scu sa , n é l u i l e a ve v a r ic h ies te . N o n c ’e r a s paz io per i conve n e v o l i e p e r l a d ip lo m a z ia . S o lo p e r u n r ude e spo rco s esso se l v a g g i o . Fo r s e q u ell’a tto er a la d efin i z ione i deale dell a p a ro l a “sc o p a ta ” . Mario iniz i a v a a se n t i re u n a c e r ta s ta n ch ez z a e le i ne appro fittò di n u o v o p e r a l l o n ta n a r lo e p e r s p in g e r lo a ll a s ua si nis tra, fa c e n d o l o c a d e re d i s ch ien a s u l ta p p e to d a v anti al d ivano. A q u e st o p u n t o lei g li s i m is e s o p r a e, d o p o av e r l eccato anc o ra a v i d a me n te il s u o ca z z o , s e lo in filò c om e un abito cu c i t o su mi su r a e in iz iò a m u o v e r s i, a lte r nando m ovim e n t i su ssu l t o ri a d a ltr i o s cilla to r i. Ma r io er a in est a si e avre b b e v o l u t o u r la re d i p ia ce re: fin a lm e n te una rag azza ch e sa p e v a st a re s o p r a e m u o v e r s i. E lei s a pe v a f arlo davve ro b e n e ! I l ri tm o e l’in ten s ità d ei m o v im enti di l ei erano d a v v e ro a p p a g a n ti ed e c c ita n ti e s em b r a va non dovessero t e rmi n a re ma i . A u n cer to p u n t o l e i v e n n e , d o p o a lc u n i in ter m in a b ili s e condi in c u i se mb ra v a n o n re s p ir a s s e , ta n to c h e tutto il col lo e il v i so l e e ra n o d ive n ta ti p a o n a z z i, s e g u iti d a due url a , manc o l e a v e sse ro s p a r a to a llo s to m a co . P o i si ac car tocciò p e r u n a t t i mo len ta m en te, s e p u r s e n z a s m e tte re di muoversi so p ra d i l u i , e p o i d is s e a M a r io : “ O r a to c c a a t e.. Vienimi a d d o sso . . ” Mario non e ra c e rt o u n o c h e s i fa ce v a r ip ete re le co se due vol te, s opra t t u t t o q u a n d o s i tr a tta va d i s e s s o , p erciò si s fil ò d a sotto d i l e i e si ri m is e in p ie d i, u n p o ’ a fa tica a dire i l vero, po i c h é a v e v a l e g a m b e in to r p id ite d a l p es o d i le i. L a donna s i si st e mò i n a tte s a d el g e tto d i lu i c h e p u n tualm en te arriv ò .

32


L ei lo diresse u n p o ’ su l vis o e p o i s u l s u o s en o p ro s p eros o, usa ndo il c a zzo d i M a ri o c o m e u n p en n e llo . P o i co n le dita pre se un po ’ d i sp e rma e lo a s s a g g iò , g u a rd a n d o il s u o v is o contratto d a l l o sf o rzo d e ll’e ia cu la z io n e . Inf ine entr a mb i c ro l l a ro n o s u l d iva n o e , s e n z a d ir s i una parola, si a d d o rme n t a ro n o . Q ua ndo Ma ri o si sv e g l i ò e r a m a ttin a in o ltr a ta . E r a solo. P er un attimo p e n sò d i av e r s o g n a to tu tto : il b a r, la donna m i ster ios a , l a sc o p a t a . S i er a im m a g in a to tu tto q u a nto? P oi una fit t a d i d o l o re l o co s tr in s e a g u a rd a r s i il caz z o: due lunghe u st i o n i d a sf re g a m en to s ta v a n o s a n g u in a ndo da un glande d e c i sa me n t e g o n fio . Si tras cinò a f a t i c a i n b a g n o e p is c iò , a c c o va cc ia to sopr a i l w ater, p o i si ri v e st ì e g u a rd ò u n p o ’ d i tv, fu m a n d o una si ga retta e b e v e n d o u n m ez z o b ic c h iere d i b ir r a a v anz ato da chissà q u a n t i g i o rn i . Il d olore p e rò e ra so v ra s ta to d a l p ia ce re d e l r ico rdo de l sess o della n o t t e p re c e d e n te . L a donna m i st e ri o sa , c o s ì c o m e er a a p p a r s a , er a s p a r ita. “ Ottim o” d i sse M a ri o , ro m p e n d o il s ilen z io d el s u o appart am ento. U n a se ra t a p e rfe tta : a v e v a s co p a to c o n u n a d onna che er a s ì i n c a rn e , ma ch e lo a v e v a fa tto g o d e re c o p ios am en te, e la ma t t i n a d o po n o n s e la tro va va a tto r n o . N on pot eva des i d e ra re n i e n t e d i m eg lio . O pp ure s ì? Così eccoci q u i . Un ’ a l t ra s er a ta c h e s c o r re le n ta m ente in un b ar. Sus su rri , v o c i , u r la . U n b a r p ie n o d i g e n te. È s abat o sera e tu t t i so n o t i ra t i a lu cid o p e r r im o rc h ia re q ualc he bel la r aga zza , sp e ra n d o d i p o r ta r s e la a le tto .

33


Tra ques ti c ’ è M a ri o , se d u to d a s o lo in u n a n g o lo . S ta as pe tt ando. Non u n a ra g a zza d a c o p e r tin a d i r ivis te p a tinate , non una ps e u d o mo d e l l a i l c u i s o g n o è fa re la va lletta in un t ri ste prog ra mma t e l e v i siv o . Mario aspet t a c h e i l l o c a le s i s v u o ti, c h e i m a n d r illi pale st rati e ing e l l a t i si p o rt i n o via le r a g a z z e ch e la m aggior parte reput a “l e mi g l i o ri” , p e r p o i a g ire in d is tu r b a to. L ui cerca le ra g a zze so v r a p p es o . Q u elle ch e n e s s u n o guarda, quelle c h e re st a n o d a s o le a l b a n c o n e d el b a r p erché le l oro am ich e si so n o i mb o s ca te e s i fa r a n n o viv e s o lo il pom eriggio d o p o p e r ra c c o n ta re tu tti i p a r tic o la r i d e ll’uom o con cui s on o st a t e . U na r apid a o c c h i a t a . Un a r a g a z z a b io n d a o s s e r v a t r is te m en te il su o c o c k t a i l q u a s i vu o to . È in c a r n e , c o m e o r m ai pi acciono a M a ri o . Ter mina il b i c c h i e re d i b ir r a , lo a p p o g g ia s u l ta vo l ino e poi s i s ied e su l l o sg a b e l lo a c c a n to a q u e llo d ella b io nda. “ I l pros simo g i ro l o o f f ro io ” le d ic e , s o r r id e n d o le. “ Gr az ie!” f a l e i , i l l u mi n a n d o s i d i c o lp o , “ Co m e ti c hiami?” “ I nomi so n o p e r q u e l l i ch e v o g lio n o co n o s ce r s i, n oi v ogl i amo bere n o ? ” l e ri sp o s e M a r io , s fo g g ia n d o il s uo m igl i or s guard o d a se d u t t ore. L ei lo colse e g l i ri sp o se co n u n o s g u a rd o in ten s o , m e ntre si faceva sc o rre re l a c a nn u c c ia s u lle la b b r a . P oi finito il d ri n k , si a l za ro n o e a n d a ro n o a c a s a d i l e i. Ma ques ta è u n ’ a l t ra st o r ia . - d i Ma u re s -

34


100 kg

illustrazione di Grotesquer - http://grotslair.wordpress.com

35


sono individualista

Sono indivi d u a l i st a p e rc h é a n a rc h ico , e s o n o a n a rc hic o perché son o n i c h i l i st a . Ma anche i l n i c h i l i smo l o in ten d o a m o d o m io … Non mi occ u p o d i sa p e re s e es s o s ia n o rd ic o o d o r ie ntale , né s e abbia o n o n a b b i a u n a tr a d iz io n e s to r ica , p o litic a, pra tica o te o ri c a , f i l o so fica , s p ir itu a le o d in telle ttu a le . Mi dico ni c h i l i st a so l o p e rch é s o ch e n ich ilis m o vu o l dire negaz ione! Negaz ione d i o g n i so c i e tà , d i o g n i cu lto , d i o g n i regola e di ogni rel i g i o n e . Ma non ag o g n o a l N i rv an a co m e n o n a n elo a l p es s im is m o di sp er ato ed i mp o t e n t e d ello S ch o p en h a u e r, ch e è q ualc he cos a di peg g i o d e l l a st e ss a r in n e g a z io n e vio len ta d e lla v ita. Il mio, è u n p e ssi mi smo e n tu s ia s ta e d io n is ia c o c o me le f i am me che i n c e n d i a n o l a m ia es u b e r a n z a v ita le, c h e i r r ide a quals ias i p ri g i o n e t e o retic a , s cie n tifica e m o r a le . E se mi d i c o a n a rc h i c o in d ivid u a lis ta , ic o n o cla s ta e nichi lis ta, è a p p u n t o p e rc h é c red o c h e in q u es ti a g g ettiv i v i si a l’es pre ssi o n e ma ssi m a e c o m p leta d e lla m ia vo lit iv a e sca pigliata i n d i v i d u a l i t à , c h e, c o m e u n fiu m e s tr a r ipante , vuole espa n d e rsi i mp e t u o s a m en te tr a vo lg e n d o a rg in i e s ie pi , fintanto c h e , u rt a n d o in u n g r a n itico m a s s o , s ’in fr anga e si dis perd a a su a v o l t a . Io non r inn e g o l a v i t a . L a s ublimo e l a c a n t o . - d i R en z o No va t ore R e nzo N ovatore, ps eudoni mo d i Ab e l e Ri c i e r i Fe r r a r i ( Arco l a , 1 2 m aggi o 1890 – Genova, 2 9 n o v e mb re 1 9 2 2 ) , è s t a t o u n po et a , filosofo, futur is ta anarc h i c o e u o mo d ’ a z i o n e i t a l i a n o .

36


john frusciante

niandra lades and usually just a t-shirt

Mi rendo c o n t o c h e i n i zia re a p a r la re d i Jo h n F r u s ciante partendo d a l l a st i ma c he il s o tto s c r itto p ro v a p e r l’ar tist a può es se re p e ri c o l o s o , r is ch io s o e p e r ce r ti ve r s i può sembrare u n a p a ra c u l a t a o u n a ca m u ffa ta le tte r a d ’a m ore degna di u n ’ a d o l e sc e n t e in fib r illa z io n e. P o trei te n ere da parte i sen t i me n t i mu si c a li e d iva g a re s u l fen o m eno Iv a Z an icchi o E l v i s P re sl e y o To to Co tu g n o o Mic h el Ja ck s on, m a non amo i c a p e l l i c oto n a ti e n o n m i p ia c e p a r la re de i m orti, per c u i ri p i e g o su l g ià cita to J o h n F r u s c ia n te e re l egherei a q u e st e p o c h e r ig h e l’in te n z io n a le s p o lve r ata d’ i ron ia volt a a sp e zza re il g h ia cc io , fa r ti p a s s a re la t ac hicardia e a d o t t e n e re u n ’ in tro d u z io n e s o d d is fa ce n te, oltre che a guad a g n a re t e mp o e a llu n g a re il b ro d o co m e fac e v o nei temi s c o l a st i c i . Va b ene, co sì , p e rò . O ra s cende i l b u i o , si p a r la s p o rc o , il te m p o c h e m e tto s u due br ani d e l F ru sc i a n t e p r im a d i s c r iv e re, tu in ta n to c hiudi t i in te, va ’ a p re n d e rt i u n a b ir r a , fu m a ti u n a s ig a retta, io t ’aspetto, a n si o so d i p re s e n ta r ti Jo h n , il g en io d e ll’ar te e del l’autodi st ru zi o n e , o d e ll’a r te a u to d is tr u ttiv a , o d e ll’aut odistruz io n e a rt i st i c a . Se dovessi c o n v o g l i a re in u n a p a ro la la r a g io n e d el ge ni o ar tistic o d e l l ’ e x c h i t a r r is ta d ei R ed H o t Ch ili P e ppe r s , quella paro l a è : e ro i n a . E ro ina. Ero i n a . A d e sso n o n s to q u a a fa re il d o n Maz z i del la situa zi o n e , a d a p ri re u n d ib a ttito e tic o m o r a le o c he al t ro, o a v e n e ra re l a d ro g a e tu tto q u e l ch e s eg u e . Ma s olo chi ha vis t o l ’ i n f e rn o d a v ic in o è in g r a d i d i s cr iv e re una poesia che l o ra c c o n t i . John l’ha t o c c a t o c o n m a n o , l’in fer n o . H a vis to l’abis s o del la tossic o d i p e n d e n za , h a ca n ta to i d em o n i d e ll’a s t ine n-

37


za, ha crea t o u n a d i me n s io n e a r tis tica d a cu i h a fa tto tr aspa r ire spet t ri mu si c a l i c h e tr a s ce n d o n o il r a z io cin io utile e as crivere mu si c a , si è s u icid a to n elle n o te d is to r te de lla sua chitarra c l a ssi c a ma l a cc o rd a ta . E ’ m o r to e c i ha re gal ato per q u e st o q u a l c o s a d i n a u s ea n te m a g n ific e n z a . Ma andiamo co n c a l ma e i n t ro d u cia m o l’a lb u m d i c u i a ndr ò a t rattare: il su o p ri mo , d i p ro d u z io n e ca s a lin g a . Nel 1992 J o h n F ru sc i a n t e, m en tre s i tro v a va in to u r c on i R ed H ot in Gi a p p o n e , a p o ch e o re d a ll’in iz io d i u n conc e rt one a Tok y o , d a v a n t i a d u n a s tim a ch e d a v a il tu tto e s auri t o s otto il p a l c o , d e c i se d i a b b a n d o n a re il g r u p p o . Così, su du e p i e d i . S e n za p rea n n u n ci, s en z a r ip en s a m e nti, sen za spie g a zi o n i se n o n u n “ n o n c e la fa c c io , n o n p os s o andare ava n t i . S c u sa t e ”. S u o n ò q u ella s er a a To k y o e s e ne vol ò subito d o p o , sì , su b ito d o p o , a L o s A n g ele s , n e l s uo appartam e n t o . A f ar si di ero i n a c o me u n p a z z o . D a questo a n n o i n p o i , J o h n v iv e u n p er io d o d i v e le nos o di stacco da l l a re a l t à ma te r ia le, s e g re g a to n el s u o appart am ento co n q u a l c h e c h i ta r r a , q u a lc h e s tr u m en to d i re c ordi ng dalla d u b b i a q u a l i t à e u n c u m u lo d i d ro g a e s o li tudine d epressa . Di v e n t a u n o s ch ele tro e vo m ita la s u a a nim a f um os a sull a su a c h i t a rra m a r ro n e d a lla s u a vo ce s tro z z ata e sp ez zata, a t ra t t i si mi l e a d u n g u a ito , p e r fa r p o s to alle sostanze p si c o a t t i v e c h e p re n d o n o p o s s es s o d e l s u o c or po, sf rattando n e u ro n i e q u a n t’a ltro . In q u e s to c irco lo d e ll’aut ol es ionismo n a sc e u n o d e i d is c h i p iù in te n s i e d e s p re s s iv i e ammalati e si n c e ri d i F r u s c ia n te : Ni andra La d e s a n d u su a l ly ju s t a T-s h ir t E ’ d ifficili ssi mo p a rl a re d i q u e s to d is co c a teg o r iz z a n done i l genere, lo st i l e o c h e a ltro , e d è a n co r a p iù d ifficile s pie gare la con c e zi o n e st e ssa d ei p ez z i, i tes ti, i s u o n i e c c e te ra. Ques to d i sc o n o n ra c c o g lie la m u s ica c h e s ei a b i tuato a sentire. I o , a d d i ri t t u ra , a n d rei c o i p ie d i d i p io m b o ne l

38


def inire il c o n t e n u t o st e s s o d i N ia n d r a L a d es a n d u s ually j ust a T-Sh i rt , mu si c a . Ni andra L a d e s è l ’ i n c o n s cio ch e s b a v a s u 6 co rd e a r ruggini t e, è mag ma d e p re sso c h e s b r a ita e s tr illa tes ti in s ani, è si nc ero dis o rd i n e e mo t i v o . My s mile is a ri f l e , p o ssi a m o d e fin ir la la tr a m a d e ll’a l bum , i l nucleo d e l l a ra g n a t e l a , s e p ro p r io vo g lia m o . Q ue l r iff a c u st i c o p e sa n t e, p io v o s o ch e a p re la tr a c c ia, la voce di Fru sc i a n t e d a p p rim a g r a v e , d ec a d e n te s u b ito dopo, sen za prea v v i so , u n f a l s e tto is ter ic o ch e s i tr a s fo r m a in un r as pare c h e mu o re i n g o la , p o i s tr illa e tem p i d is tor ti verso la fin e , n o n d e f i n i b ili, m e tr ic h e im p a z z ite. E ’ inutile pro vare ad a n a l i zza re so tto il p ro filo te o r ico q u es to d is c o, si gn ifichere b b e c h e n o n s ’è c a p ito u n ca z z o , n o n s i è re c e pi t o il dolo re , n o n si è rec e p ita la co n d iz io n e in cu i l’autodi str uz ione sc ri v e v a c a nz o n i, r a c c a tta v a il s a c c o v u o to di John le cui b ra c c i a a n c o r a s a n g u in a v a n o e fa c e v a b a llare i m o stri. Pri ma d i i n f i l a re il c d n e l le tto re , b is o g n a a n dare ol t re le pro p ri e a sp e t t a t i v e , b is o g n a p re s c in d e re d a l s ignif i cato di ca n zo n e . La sc i a re s ta re tu tto . U ntitled n° 8 , f a c e n t e p a r te d i 1 3 tr a cc e “ s en z a tito lo” e sen za rego l a , è q u a l c o sa d i a s s u rd o , ca co fo n ico , b r utto, i nascoltab i l e , f a st i d i o so , tu tti q u es ti b im b i ch e u r la n o , pe rson ificazio n e d e g l i sp e t t r i a llu cin a to r i c h e a s s a liva n o J ohn cos tringen d o l o a d u n a c o n v e r s a z io n e m a la ta a s tr a p p argli l ’ego, quest e v o c i u rl a n ti c h e p erco r ro n o g r a n p a r te de lla l unghezza d e l p e zzo , c h e s i a ttes ta s u g li 8 m in u ti, p r i v o di t esto o qua l si a si a rmo n ia m u s ic a le, p r iva d i tu tto tranne che della ca p a c i t à n o n v o lu ta d i s b a tter ti a ter r a s o tto una vagonata d i se n sa zi o n i t u r b o le n te e c u p e , d a i r is vo lt i ps ichedelicam e n t e ri f l e ssi v i . Tut ta la re a l t à d e l l ’ a l b u m , q u e s ta c a s ca ta d i s o litudine da eroina v i e n e e n f a t i zz a ta d a lla q u a lità , o m eg lio dall a n on qua l i t à , d i re g i st r a z io n e. S tr u m en ti d i rec o rd quas i i m p rovvis a t i , c a n zo n i re g is tr a te d i g e tto , s en z a a lc u n e di-

39


t i ng, senz a a rra n g i a me n t i, s e n z a n u lla . E tu tto d ive n ta c os ì un’accoz za g l i a d i su o n i im p u r i, s p o rc h i, g re z z i, lo n t ani e vi cini, cos ì v e ri d a f a rt i cred ere d i tro va r ti n e lla s ta n za ac canto alla su a i n u n mo t e l a b b a n d o n a to d a i m u r i d i c ar ton ges so m arc i o . N o n si p u ò n e g a re la p o ten z ia lità a r tis tic a e l ’espressi v i t à g e n i a l e c h e l’ero in a , la s o litu d in e , l’am ore sporco, v o l g a re e l a s o ffe ren z a ve r s o u n m o n d o o r m ai vol to alla g l o b a l i zza zi o n e ch e Nia n d r a L a d es a n d u s ually j ust a T-s h i rt t ra su d a d a o g n i d is to r ta n o ta m a l re g istr ata e da ogni n o t a c a n t a t a st e c c a ta co m e i la m e n ti ir a co n di di un lupo fe ri t o . E ’ i n n e g a b ile co n s ta ta re co m e le em o z ioni si an o scatu ri t e se n za f i l tr i, s e n z a m o d i d i d ire , s en z a gir i di corde o d i p a ro l e . Qu es to d is c o d e v e e s s e re v is s uto da ognuno, co n c o n sa p e v o l e z z a , c o n a s co lto a ttivo , o g n i tr ac ci a, ogni c a c o f o n i c a c a n z o n e a m m a la ta , o g n i s u o n o non azzeccato d e v e e n t ra re a fa r p a r te d ella n o s tr a m en te, de l nostro rep e rt o ri o e mo t i v o p iù cr u d o , p e r g o d e re a ppie no di una rea l t à mi st i c a n as c o s ta n e ll’o b lio in c u i la natur a um a na, s o t t o l e g ri n f i e s a n g u in a r ie d e lla d ro g a s tr appa possesso, sv e n t a o g n i f u g a m a ter ia le e ti s p o g lia d i ogni i l l us ione co st ri n g e n d o t i a ce rca re il tu o es s e re u m a no, ad url a re la tu a i d e n t i t à p e r s a , a re s ta re in vita , m a g a r i s tr ill ando s u n o t e c u p e e d e pres s e la tu a v o g lia d i n o n m o r ire . John ques t o l ’ h a d o v u t o viv e re, e c i h a reg a la to la s u a dannazione. - d i G iu s ep p e B a ld a s s ar r a -

40


notti e deliri - gervaso curtis

L a n o s t r a m ente si espand e, la fantasia spazia veloce cre a n d o i mm a g i n i , d iffondendo suoni. S i a l l u n g a no le ombre della sera, una luce soffusa illum i n a i v i c o l i e l e strade, mentre una musica dolce e sinuosa si d i f f o n d e n e l l ’ aria fondendosi con il ritmo ipnotizzante delle o n d e d e l m a re . S c r u t a n d o attentamente lu ngo uno di questi vicoli possi a m o v e d e re u n personaggio che cammina, con passo deciso e fre n e t i c o , q u a s i fosse in cerca di qualcosa o qualcuno. È Ger v a so . P rot a g o n i s ta di queste no tti poetiche e deliranti che lo c o n d u r r a n n o v erso mete sconosciute. Que s t i s i fa strada a fati ca nella mente dell’autore, em e rg e i n e b r i a n d o si dei piaceri della musica, del sesso, della p e rv e r s i o n e , dell’alcol, del fumo. Emerge lottando per amare e d e s s e re a m a to. Emerge con forza in un’incessante sete di c h i a rez z a e d i non rassegnazione, in continua lotta con se st e sso . I n u n a d e l le sue notti folli, Gervaso incontra Siroka, un e sse re a f f a s c i n ante dallo sguardo capace di penetrarti sin de n t ro l ’ a n i m a . L a notte passata assieme lo cambierà profondam e n t e , a p re n d o i l suo cuore alle rivelazioni dell’inconscio. Men t re r a piti seguiamo i suoi delirî, rimaniamo basiti ne l t ro v a re a n c h e i nostri. L e domande che, insistenti, si affac c i a n o a l l a m e n t e . L’esistenza di Dio, l’amicizia, l’amore, i n o st ri g e n i t o r i , i l posto che vogliamo occupare in questo mon d o , i l g i u d i z i o d egli altri. Tutto si mescola in un insieme di co l o ri e i mm a g i n i c he attraverso la poesia prendono forma, si arg i n a n o , s e g u o n o la corrente. E, camminando con il protago n i st a , a n c h e n o i seguiamo il suo percorso per riscoprire un po ’ d e l n o s t ro . I r icordi dell’infanzia diventano un luogo dolce e m a l i n c o n i c o che lascia spazio alla maturità e alle difficolt à d e l p res e n t e . Ger v a s o c onosce l’amore incontrando Vitalie, creatura m i st e r i o s a e t e nera. Si fa trascinare dalla sua essenza, una f o rza i n c o n t ro l l a bile lo porta ad avvinghiarsi nel profondo del l a ra g a z z a , s c u o tendone le inquietudini e diventandone lo spec c h i o . Vi t al i e è l a molla che catapulta Gervaso sul sedile di u n t re -

41


n o p ro i e t t ato verso orizzonti inesplorati, dove l’ambien t e e i p a e s a g g i i nghiottono tutto in un turbine di emozioni nuov e , d i s c o p e r t e r i v elatrici. L a fr a g i l i t à della giovinezza e il senso di solitudine che l a sc i a i l pa s s a g g i o verso la vita adulta si affacciano prepotentem e n t e n e l l a s t o r i a d’amore, assorbendo i due amanti, coinvolg e n d o l i , c o n s u m andoli. L a g i o i a e il dolore dell’am ore si mostrano a noi nella pro p ri a d u p l i c i t à , lasciandoci disarmati da tanta evidente bel l e zza , c o s t r i n g e n doci a guardare nell’intimo dei nostri sentime n t i . Ger v a s o t o rna a essere una voce flebile che parla direttam e n t e d a l l a c o s c ienza del narra tore a quella del lettore, che, i n a s p e t t a t a m e nte, diventa protagonista perché si scopre part e d i q u e l p e r s o naggio dello ste sso libro che prende forma dav a n t i a i s u o i o c chi. I pe n s i e r i si dilatano nuovamente, si raccontano incessa n t i e , a n c h e n o i , iniziamo a racc ontarci fino a giungere ansios i v e rso il finale. È un l i b ro che si legge d’un fiato, che costringe a confro n t a rs i c o n l a s pietatezza della sincerità e che lascia arricch i t i d i q u e l s e n s o di profondo che troppo spesso, presi dalla sup e rf i c i a l i t à d e l l e cose, perdiam o. - di Alessandra Cap u t o Per acquistare il libro: http://www.arduinosacco.it/product.php?id_product=818

Illustratrice della copertina: Caterina Giordo

42


Mr. Worms l’allucinante illustrazione di Grotesquer Ecco il suo blog da paura: http://grotslair.wordpress.com

43


redazione maledetta Alessandro Pedretta Kresta direttore irresponsabile facebook.com/alessandro.pedrettakresta facebook.com/AlessandroPedrettaKrestaIlNonPoeta Andreas Finottis guida spirituale finottis.blogspot.com

Mauro Bellicini (Maures) simpatico sociopatico natoperrubarerose.wordpress.com Giovanni Favazza scrittore profano jhonnybar@live.it Giuseppe Baldassarra servo dell’inconscio baldogiupe@live.com

Ty Elle

Hanno collaborato Enrico Marra Andrea Lombardi Jamie De Castro Andrea Doro Gervaso Curtis Nicola Cudemo Luisa La Terra Alessandra Caputo

Le illustrazioni sono di Giacomo Clerici Grotesquer

http://grotslair.wordpress.com Grafica e impaginazione di Maures http://natoperrubarerose.wordpress.com

Per commenti, insulti, proposte di collaborazione: negazioni@gmail.com su facebook: Negazioni

44

Negazioni - n° 3 - Gennaio 2013  

Maledetta Fanzine senza paraocchi e paraculi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you