Issuu on Google+

Luca Guglielminetti

DA L L A D I A S P O R A S O C I A L I S TA A L L’ A S C E S A D I M AT T E O R E N Z I P E Z Z I S PA R S I N E L W E B DI POLITICA E CULTURA 2000 - 2011

EBOOK BY KORE MULTIMEDIA


E-publighing by Kore Multimedia - www.kore.it

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

In copertina rielaborazione di “Sisyphe - Risque systémique” (2011) di H.Delamare

2


Luca Guglielminetti

DALLA DIASPORA SOCIALISTA ALL’ASCESA DI MATTEO RENZI P E Z Z I S PA R S I N E L W E B DI POLITICA E CULTURA 2000 - 2011

APPENDICE La vignetta della settimana 2000 - 2001 (di Walter Falciatore)

EBOOK BY KORE MULTIMEDIA

3


4


"E' possibile fare il partito di quelli che non sono sicuri di avere ragione? Sarebbe il mio" (A. Camus)

5


Sommario Premessa 10 Benvenuti su Socialisti.net 15 Perché una e-zine liberalsocialista? Editoriale di presentazione del Nuovo Caffè 16 Profilo Homme révolté 19 PSI e la morte della sinistra 21 Carteggio telematico: Redazione (l.g.) - Bobo Craxi 24 Documento per l’assemblea naz. della Lega Socialista. 27 Diaspora socialista: tra politica e letteratura 31 Psiche e Polis. Coniugare Estetica e Politica 36 Il Caffè, un po' di storia. Dai Fratelli Verri ad Internet 38 James Hillman. Una presentazione 40 La nuova musica zingara: il jazz dei Balcani 43 Gli intellettuali italiani alla guerra 47 I talebani del giornalismo nostrano 50 Perugia-Assisi: tra Capitini e Rosselli continua l'esilio del socialismo 53 Giuliano Ferrara contro Bobo Craxi 57 DS: rischio morte per codardia 59 Per andare incontro a Fassino, cominciamo a unire i socialisti dello Sdi e del Nuovo Psi 61 Gore Vidal Vs. gli italo-filo-americani 64 Rutelli e la giustizia minorile: addio alla laicità 66 Titolo: (03.01.02) Un decennio berlusconiano 68 L'orizzonte della politica di De Michelis 69 Titolo: (10-01-02) Della commemorazione ad Hammamet 71 (22.01.02) Da vent’anni il problema dei soldi per la politica 73 (25.01.02) Da Popper a Odasso via Forza Italia 76 Titolo: (05.02.02) La politica da Nanni a Stefania 78 Italia-Inghilterra: tra Nanni Moretti e Ken Loach 80

6


Dire qualcosa di centro-sinistra 83 Minoranze tra gli opposti estremismi 85 Titolo: (15.03.02) II lavoro tra padri e figli 87 Titolo: (19.03.02) Sgarbi e la libera stampa 89 Titolo: (23.03.02) Sinistra e riformisti e mercato del lavoro 91 Titolo: (25.03.02) Il miracolo Cofferati 94 Titolo: (30.03.02) Buon Aprile “Correntone”! 96 Titolo: (10.04.02) La volontà di Formica 98 Titolo: (22.04.02) Cercasi Tony Blair disperatamente! 100 Sinistra: un grande futuro dietro di lei 102 Elémire Zolla. La mitica generazione dei nuovi dinamitardi d'Occidente 105 L'equilibrio precario tra memoria e oblio 109 Procreazione assistita: Destra e Sinistra 111 Scajola il ministro e Biagi il cococo 113 Dalla biologia il nuovo socialismo 115 Titolo: (06.09.02) Quella torta di società civile 118 W il “Leone d’oro” di Berlusconi 121 Titolo: (13.09.02) Unilaterlismo e terrorismo 123 Titolo: (24.09.02) A destra di Tabacci 125 Titolo: (01.10.02) Il crocifisso tra leggi e religioni 127 Titolo: (07.10.02) Mixx Campari 129 Titolo: (17.10.02) Oligopoli 131 Titolo: (23.10.02) Polito: tu vo’ fa’ l’inglese, ma sei nato in Italy 133 Titolo: (30.12.02) L'Avanti (di Lavitola)... avesse contratto l’AIDS! 135 Titolo: (21.12.02) Natale 2002: nobili si nasce 137 Titolo: (19.01.03) Molto da leggere, poco da sperare 141 Bobo Craxi: Route El Fawara, Hammamet 143 Titolo: (28.09.03) Black out totale 145 Titolo: (08.11.03) L’Isola dei Socialisti… Famosi. 147 Cinico Natale: Auguri a... 149

7


Infrastruttura scuola 151 Le spine della Rosa (nel Pugno) 153 Titolo: (25.11.05) Fuori della 'fattoria' prodiana 155 Titolo: (01.12.05) Giavazzi: i nodi al pettina della Rosa 157 Titolo: (28.12.2005) Democrazia deformata 159 Socialisti e Partito Democratico 161 Titolo: (31.03.06) Voto Scalfarotto 164 Contro i perpetui 166 Titolo: (11.04.06) Il ridico e la saggezza 174 Titolo: (07.05.06) L'eclissi socialista 176 Titolo: (11.05.06) Napolitano europeista 178 Generazione U e socialisti: lettera a Stefano Menichini 180 Amato come Blank: senatori non dei nostri 182 Titolo: (23.05.06) Le tre zapatere 184 Titolo: (07.06.06) Socialisti, un popolo da salvare? 185 Titolo: (14.06.06) L’occasione di Boselli 187 Titolo: (07.07.06) Il momento della verità 189 Titolo: (14.12.06) PD, Rosa nel Pugno: in primis sciogliersi 191 Capezzone/Diaco: la solitudine “des enfants terribles” 194 Dismissioni industriali torinesi: meglio il vecchio sindaco comunista dell’architetto postmoderno 196 Crisi della politica: ci vorrebbe un Jean Monnet 198 Il coraggio tardivo di Enrico Boselli 200 Elezioni 2008: un bagno di sangue? 203 La Grande Torino di fronte alle crisi 206 10 (buone) ragioni per astenersi dal voto di domenica 208 Albert Camus filosofo del futuro 210 Camus - Craxi, o l'esilio del socialismo libertario 212 Ida Magli: tra attualità e nichilismo 215 Innovare partendo dal contratto sociale 219 D'Alema e i PM 20 anni dopo 225

8


La via mediana di Todorov e la "tentazione del bene" nei procuratori 227 "los indignados" e il "socialismo dei cittadini" 230 La mamma (e gli spaghetti) di Erri De Luca 233 L'invenzione araba 2011: la democrazia "one2one" 235 La deriva giustizialista delle Lettere 237 TAV: Et in Arcadia ego 239 La profezia di Marshall McLuhan 241 Il CaffĂŠ sui social network: un bilancio 242 La casta (retorica) delle firme 244 Sereno, James Hillman, assai meno noi che restiamo 245 Finalmente l'Obama de no'altri: Matteo Renzi 247 Lo spin doctor di Matteo Renzi 248 La fatica della democrazia, o della misura delle parole 251 I solidi numi tutelari di Matteo Renzi 253 APPENDICE 256 La vignetta della settimana 256

9


Premessa Non sono riuscito mai a vedermi come giornalista o blogger. Semplicemente da cittadino appassionato di politica, con pregressi giovanili tali da avermi reso consapevole delle necessità di tenermi a debita distanza, e da lavoratore della conoscenza, con pregressi studi sul ruolo delle gazzette nell'Europa dei Lumi tale da avermi reso consapevole dell'importanza della circolazione delle idee, mi sono trovato, come sono ora, dietro la tastiera di un computer a trascorre gran parte del mio tempo. A metà degli anni '90 la stagione giacobina e ipocrita di Tangentopoli, da una parte, e l'avvento di Internet, dall'altra, mi avevano indotto, politicamente, a diventare socialista, di quelli cattivi, cioè craxiani, e, professionalmente, a diventare un utilizzatore del web, allora mezzo esclusivo di informatici, come strumento mezzo di comunicazione e design. Entrare nella sede storica del PSI di Corso Palestro a Torino, ormai frequentata da pochi reduci, e fondare la web farm, Kore Multimedia, sono stati due passi paralleli, tali per cui si aprì la possibilità di sperimentare il nuovo media ponendolo a disposizione delle idee che valutavo da difendere e promuovere verso quella élite, allora definita cybernauti, scommettendo sul fatto che sarebbe diventata una più ampia agorà telematica aperta a tutti i cittadini.

10


Seppur i primi siti sia politici che culturali, con relativi testi, risalgano al 1996/7, rileggendo il complesso degli scritti ho rilevato un ciclo temporale omogeneo negli undici anni definiti (2000-2011): il 19 gennaio 2000 muore Bettino Craxi e pochi giorni dopo apre il portale Socialisti.net e, in seguito, la nuova versione della web-zine Caffè Letterario. A questi, nel contesto di una dimensione collettiva con una specie di redazione (a ranghi ridotti e spesso virtuali), si aggiunge il mio blog Homme Révolté, a partire dal 2006, in quella individuale che non mi ha mai troppo entusiasmato. Del resto i primi due iniziavano a languire fino quasi a mummificarsi negli ultimi anni. Il ciclo del mio impegno politico stretto si chiude in vero non nel 2011 ma nel 2012, quando ho costituito un comitato di socialisti a sostegno di Matteo Renzi per le primarie del centrosinistra: di quell'anno infatti ho aggiunto in coda un solo testo: la recensione a "Stil Novo". Un libro che mi fornisce l'impressione di chiusura del cerchio: magari solo una impressione illusoria, ma più probabilmente si tratta almeno di una sincrona lunghezza d'onda. Tecnicamente questa raccolta è una selezione degli scritti che omette i più pedanti o partigiani, quelli presenti in altre raccolte, come quelle sulla poesia e sull'attività della Società Fabiana, quelli che non ho scovato tra le decine di migliaia di post, nonché gli scritti in altri ambiti lavorativi, in particolare tutti quelli sul terrorismo, la radicalizzazione e la sue vittime, che dominano ormai il mio lavoro e il mio blog negli ultimi anni. Alcuni testi saranno più comprensibili ai pochi adden11


tro alle storie della diaspora socialista con i suoi partitini. Ma il senso generale dei testi mi pare risulti di una qualche utilità per leggere le difficoltà della sinistra storica in quegli anni e scorgervi qualche premesse dell’ascesa di Matteo Renzi oggi. Devo precisare che per me la scrittura era un corollario di una attività che privilegiava la disseminazione on-line di testi altrui. Non ho seguito corsi di scrittura creativa alla scuola Holden, né mi sono mai curato troppo dello stile e della forma di questo testi destinati a forum e blog in una logica di sperimentazione cui allora non era codificato alcun professionismo. In ogni caso, un debito di riconoscimento lo devo esprimere verso Roberto Turino che, dalla sua esperienza di giornalista e dal ruolo di presidente dell'associazione che gestiva Socialisti.net, ha provato a darmi consigli e suggerimenti di scrittura, con esiti incerti dovuti certamente alla mia testardaggine. Mi scuso in anticipo per refusi, errori e frasi circonvolute (non me la sono sentita di chiedere un revisione di questi testi a chicchessia). Evito un bilancio amaro di queste esperienze: la diaspora socialista resta irrisolta e soprattutto la cultura si trova per lo più ancora avvolta nello stridulo suono degli intellettuali del piffero, secondo la dizione di Luca Mastrantonio nel suo recente pamphlet. In effetti il suo libro su "come rompere l'incantesimo dei professionisti dell'impegno" è stato la molla che mi ha indotto a raccogliere la presente selezione di testi. 12


Il bilancio ha tratti anche positivi: il numero di contatti nel 2001 di Socialisti.net: oltre un milione di pagine visitate nell'anno. Le persone che si sono attivate a scrivere sui vari forum o inviare i loro testi per le rubriche del Caffè: alcune le ho poi conosciute di persona, altre sono rimasti amici/che virtuali, ritrovati più tardi su Facebook. Alcuni testi di cui sono orgoglioso che sono stati ripresi da altri siti o giornali (non solo l’Avanti di Lavitola!), o la presentazione di James Hillman che è stata la prima in italiano sul web e la prima in testa ai motori di ricerca per molti anni. In fondo, seppur Socialisti.net abbia avuto per qualche anno un piccolo contributo mensile da Bobo Craxi, il grosso dell'attività me lo sono permesso in quanto avevo alle spalle la mia micro azienda: precaria sempre, ma viva e vegeta ancora oggi dopo 18 anni. Per cui mi sento di affermare con tutta franchezza, che l'esperienza dietro l'eco di questi testi, la posso definire al massimo semi-professionismo dell'impegno. La purezza di militanza la lascio volentieri ad altri sperando che, in quando pericolosi, siano piccole schiere.

4 Gennaio 2014

13


TRE INTRODUZIONI: LE FONTI Socialisti.net (compreso la sua rubrica Oggi in Italia)

Nuovo Caffé Letteraio Homme révolté (Blog sul “Cannochiale”)

14


Benvenuti su Socialisti.net (Febbraio 2000)

Questa è la comunità on line dei socialisti liberali italiani che intendono utilizzare il Web come una 'agorà telematica', un luogo di discussione e iniziativa politica avanzato. E' il portale Web del Nuovo PSI, ma anche un libero centro di confronto delle idee sulla costruzione di una Casa Socialista, che superi l'attuale diaspora. Pensiamo che per costruire una nuova prospettiva al socialismo riformista italiano si debba sempre privilegiare un dialogo diretto con la società civile nelle forme di una "lunga marcia" che è propria dei partiti o dei movimenti che scelgono di rappresentare le istanze dei cittadini, dei lavoratori e degli esclusi. Un dialogo, un colloquio diretto, partecipato e non passivo, con quei 'cybermilitanti' che si aggirano in questa Rete dove si muove un'articolazione più avanzata di società: quella dell'informazione, dei servizi e del sapere. A tutti coloro è dedicata, e quotidianamente implementata, l'attività di servizi che questo portale Web offre. (La Redazione redazione@socialisti.net )

15


Perché una e-zine liberalsocialista? Editoriale di presentazione del Nuovo Caffè   La Redazione (Novembre 2000) Mai come oggi ci è sembrato che la cultura italiana di sinistra sia stata più sciocca e conformista, forse più che al servizio del poteri economici finanziari neoliberali, semplicemente incapace completamente di produrre idee in sintonia coi tempi. La sua perdita di identità e di valori nasce da un carattere ormai coatto di rinuncia: quasi si trovasse sotto 'vuoto spinto'. La sinistra oggi dominante ha rinunciato a tutto: alla laicità, al garantismo, a costruire un progetto di società. Si dice che sia morta.  Diciamo allora: viva la sinistra! Così come ricomincia la lunga marcia di un Nuovo Partito Socialista, noi vogliamo ricominciare a produrre idee, storie, forme e progetti. Se i partiti, o quel che resta di loro, non sono più capaci di organizzare il discorso pubblico degli italiani (e in Italia, ormai è chiaro, non ne sono più capaci), è giunto il momento in cui inevitabilmente chi ha la nostra tradizione politica deve iniziare ad esprimersi attraverso nuovi spazi di organizzazione della cultura e dell'opinione. Il Nuovo Caffè Letterario vuol essere questo. Uno spazio aperto al contributo di chiunque senta e l'urgenza di uscire da quel 'vuoto spinto' e la necessità di inquadrare in un contesto 16


culturale  appropriato - cioè là dove si declinano libertà individuali e diritti sociali - l'operato e le scelte politiche del Nuovo PSI. In ambito più ampio, possiamo dire che la sinistra in Occidente ha avuto successo nel migliorare le condizioni generali di vita,  ma non ha avuto successo nel proporre il suo progetto di società. Oggi si tratta di ridisegnare quel progetto evitando di ripetere quell'atteggiamento di rifiuto verso quanto c'era e c'è di positivo in culture alternative: l'approccio intuitivo, magri irrazionale ma rispondente al bisogno di "mistero e sacro" che le chiese istituzionalizzate trasformano in una teologia della rassegnazione, il promuovere istanze egualitarie con un processo di crescita personale che non attende il suo sviluppo da condizioni esterne.  La democrazia vincente ha sconfitto con le armi il totalitarismo di destra, ha sconfitto con la competizione economica l'autoritarismo di sinistra: è vincente, però registra un continuo declino di partecipazione. Il rischio oggi è quello di una sostanziale dittatura delle oligarchie. Oligarchie cui interessa poco se governa un centro-sinistra o un centro-destra. Il loro potere nasce, e rischia di diventare incontrollabile a causa dal sempre maggiore deficit rappresentativo che esprime la politica. Ma una politica senza idee e cultura non potrà mai contrastare questo contrazione di democrazia, che poi sarà di libertà, di trasparenza, di giustizia e di pari opportunità.

17


Se questa Italia, questa Europa o questa Globalizzazione, non ci piacciono così come sono, lo sforzo sarà quello di ricomporre un quadro che configuri una interpretazione diversa della realtà nella quale viviamo e che abbia la forza di dare un corso alternativo al fiume di idee oggi egemoni.   (la redazione del Caffè)

18


Profilo Homme rĂŠvoltĂŠ (2006-presente - Blog)

Vivo a Torino quando non sono in giro per l'Europa come socio di due imprese che si occupano di comunicazione multimediale, euro-progettazione e relazioni internazionali nel settore culturale. Dal 1997 sono direttore della web-zine "Nuovo Caffè Letterario" e ho diretto per 10 anni il portale politico Socialisti.net. Consulente dal 2001 dell'Associazione Italiana Vittime del Terrorismo (Aiviter) e collaboratore, dal 2011, della Direzione Generali Affari Interni (DG Home) della Commissione Europea sui temi della radicalizzazione violenta.

19


TESTI SPARSI NEL WEB 2000 - 1011

20


PSI e la morte della sinistra Da: Luca Guglielminetti, per la Redazione di SocialistiPuntoNet Data: 6/22/00

PRIMA PARTE “La sinistra è morta, purtroppo. Ci restano i giustizialisti chic alla Folena che definiscono la candidatura a sindaco di Milano di un simpatico miliardario come Moratti, “il riscatto degli umili”. Assurdo. Diciamo allora che la sinistra ha chiuso, non c’è più, L’ultimo spenga la luce.” Finisce con la desolazione sullo stato della sinistra l’analisi di Paolo Pillitteri in una intervista al Resto del Carlino. Chi, come Paolo, ha vissuto tutto l’orrore di Tangentopoli sulla propria pelle, oggi vede concludersi l’era del giustizialismo. La fine di un’era che si chiude nel contesto dello sfascio dell' attuale sinistra. Non siamo certamente interessati a conoscere, già lo sappiamo, il perché “questa sinistra” stia marcendo nell’alveo del fiume arido che si è scavata in questi anni. Il punto è che occorre il coraggio di dirci, fra noi, e poi dirlo ai cittadini italiani quali siano state le responsabilità del PSI nell’involuzione drammatica della sinistra italiana. Involuzione che data precedentemente l’era di Mani Pulite. E’ stata chiesta, in questi anni, ai post-comunisti una autocritica seria sul loro passato: l’analisi che sono stati in grado 21


di fare i DS la conosciamo bene e i risultati li stanno vedendo. Son rimasti in mezzo al guado e ora pagano. Ma il PSI, padre della sinistra italiana, non aveva veramente nulla da rimproverarsi? Sappiamo tutti benissimo che cosa sia stata Tangentopoli: l’accanimento giudiziario, mediatico e politico subito dal PSI è stato drammatico, tragico e senza eguali. Ma delle scuse, per la parte di colpa spettante al PSI, gli italiani non se le meritavano? Quello che non si comprende è il motivo per il quale la Lega Socialista dovrebbe confondersi, come cespuglio, all’ombra del centro-destra, oggi che la guerra è al termine e la sinistra moribonda. Facciamo un’analisi seria anche della nostra storia e riprendiamoci il posto che ci spetta! Sia la Lega Socialista a “riaccendere la luce”! SECONDA PARTE Cicchito e Boniver pare che le radici in FI le abbiano ben salde e ci sono approdati solo da un anno: altri tipo Frattini, Baget Bozzo, Contestabile sono dei "pilastri" del partito di Berlusconi. Il primo esponente del PS entrato in contatto con una giunta regionale del Polo ha subito sposato le tesi di Storace sul Gay Pride... Credo, insomma, che siano molto deboli i contorni che permettono di definire oggi un socialista come tale. Per questo andiamo ripetendo che urge un confronto con il dibattito 22


europeo in seno alla socialdemocrazia, che definisca chiaramente temi e politiche prioritarie e distintive in grado di ridisegnare i confini, oggi confusi, tra destra e sinistra. Se si considera prioritario il fatto di ripensare e rifondare la sinistra, occorre poi, che la verità storica sia raccontata tutta. Quanto si è patito nel corso di Tangentopoli non ci esonera dal fatto di ripensare anche alla parte di responsabilità che riguarda il PSI: saremmo difficilmente presentabili come eredi di quel partito senza chiarire all'opinione pubblica anche quelli che sono stati gli errori e le deviazioni subite dal partito. Solo dopo questo doppio chiarimento - sul versante di un programma di respiro "europeo" e su quello della propria storia - pensiamo che la Lega possa compiere le migliori scelte tattiche e strategiche.

23


Carteggio telematico: Redazione (l.g.) - Bobo Craxi Da: La redazione di SocialistiPuntoNet - Bobo Craxi Data: 6/23/00

R.- Redazione B.- Bobo Craxi R.- Carissimo Bobo. Consideriamo, l'operazione di vertice condotta dalla Lega e il PS negli ultimi giorni, un deviazione dai presupposti fondanti della stessa Lega Socialista. Un'operazione destinata al sicuro fallimento: l'elenco dei compagni che richiedono la cancellazione dei loro nominativi dall'elenco degli aderenti alla Lega è costante e significativa. La stessa Redazione di questa Comunità ha espresso, in precedenti contributi sull'Area di discussione del sito, tutte le sue perplessità e critiche in merito all'operazione in oggetto. (...) Esiste un forte richiesta di chiarezza. Un abbraccio fraterno. La Redazione di SocialistiPuntoNet, Luca Guglielminetti, Roberto Turino e Caterina Simiand. B.- Capisco la richiesta di chiarezza . Doveva essere fino dall'inizio chiaro che il nostro interesse era guidare un percorso politico. Ma quale fosse era abbastanza sottointeso. L'ho detto anche a Roma che il percorso é necessariamente a zigzag. Il Psi non c'é più e non potrà più esserci. C'é un ispirazione craxiana che intendiamo salvaguardare e cercheremo di farlo nel migliore dei modi possibili. Certo non possiamo in 24


questa fase allearci con i ex-post-neo comunisti. Bobo ci vediamo presto. R.- Siamo d'accordo su tutto: non mi pare che nessuno abbia mai parlato di alleanza con gli ex o post comunisti... anche sul forum del sito sono poche e isolate tali posizioni. Ma puoi riscontrare facilmente che sul medesimo forum, che è uno dei pochi strumenti che permettere di monitorare il "sentire" di un campione significativo del popolo socialista, sono altresì poche le voci favorevoli ad una tattica di accordo con la Casa delle libertà. Mantenere un equidistanza dai poli fino a quando non si sia rafforzata organizzativamente la Lega e chiarire e sviluppare i suoi programmi e i temi politici d'intervento, mi pare sia la posizione maggiormente rappresentativa: almeno da quello che possiamo trarre da questa particolare postazione "virtuale". Mi auguro ci si possa vedere presto. Ciao. P.S. Ti allego un estratto di un recente contributo della compagna Simiand della redazione di SocialistiPuntoNet (si veda articolo in archivio#5 “Dei tempi e dei metodi”, n.d.r.). B.- Il contributo della compagna SIMIAND lo avevo già letto e naturalmente lo condivido. Così come condivido quello che tu dici ovverosia: Prima la costituzione di un PSI autonomo e poi semmai l'adesione o l'alleanza con FI. Argomento che di fatto sin dalla sua nascita la Lega , pur esaltando la sua caratteristica autonoma aveva promosso come piattaforma politica. Allora , mi si domanda, che cosa precipita una scelta di 25


unità e di adesione alla Casa della Libertà?. Io non voglio commettere l'errore già compiuto l'anno scorso di ridurre ad un unico soggetto socialista e di non riuscirvi. L'errore di considerare strategica un alleanza che considero solo tattica , da sviluppare in una fase che considero straordinaria non solo nella vita dei socialisti Italiani ma in quella del paese. Formulo una domanda: Ma difendere una posizione di un Partito piccolo piccolo, dall'identità confusa , in una alleanza di sinistra per giunta non perdente ma sconfitta dagli elettori in cui si é tentato in tutti modi di eliminare la componente socialista é forse meglio di un alleanza con il Partito che "ospita" e non da oggi i nostri elettori e che consente di sviluppare un'ipotesi di alleanza elettorale con altri soggetti di ispirazione laica e concorrere al 4% ripresentando un simbolo politico che é la tradizione del PSI a cui tutti abbiamo appartenuto. Berlusconi sia detto per inciso non sarà mai il mio padrone , ma il mio alleato se si vuole e se intende esserlo. Certo non é il mio carnefice. Ti vedrei volentieri grazie per le vostre critiche temperate, perché colgono un aspetto politico che discutiamo molto fra di noi. Qui non ci si vende certo l'anima per un posticino, mio padre questo me lo ha insegnato. Tuo Bobo. P.S. Se ritieni opportuno puoi rendere "pubblico" questo nostro carteggio anche agli altri utenti di SOCIALISTINET Comunità virtuale e virtuosa dei socialisti in Italia e (come vedo) anche all'estero.

26


Documento per l’assemblea naz. della Lega Socialista.   Da: La Redazione di SocialistiPuntoNet* Data: 5/26/00 Perché abbiamo costruito una comunità virtuale socialista su Internet? Noi siamo convinti che si debba tentare la ricostruzione di un Partito Socialista Italiano, consapevole della sua storia, come degli errori e delle sue deviazioni, ma anche forza democratica, riformista, laica, garantista, aperta a tutti i cittadini. Siamo convinti che per tentare questa impresa sia necessaria una cesura con il più recente passato. Questa rottura deve essere reale; cioè non semplicemente annunciata o apparente. E’ la parte più delicata e difficile del tentativo, perché negli attuali partiti socialisti della diaspora sono presenti ed influenti non pochi dirigenti e protagonisti degli ultimi dieci anni. Sono uomini d’ingegno e di esperienza di cui il paese oggi avrebbe ancora necessità. Ma essi sono protagonisti di un altro tempo, capitani di altre avventure. La loro presenza arma un battello carico di rancori e di rivalsa, di intrecci e di legami tenaci e condizionanti, mentre solo una proposta limpida e serena - identificabile come tale -, può permettere il varo del Nuovo Partito Socialista che raccolga l’attenzione degli elettori. Con questa premessa, essere presenti solo su Internet, ha quindi - per i SOCIALISTIPUNTONET - il senso

27


di un rifiuto del vecchio rituale della sezione e del conseguente sistema della gestione e della garanzia del consenso. Perché siamo per un’azione politica nella Rete? Ci sembra chiaro che la dignità della nostra storia non si può riscattare sotto altre bandiere e che ricostruire una forza politica richiede tempo e qualche rinuncia. Gli esponenti degli attuali partiti socialisti hanno potuto constatare che la loro forza elettorale rende dubbia una presenza parlamentare autonoma. Sono quindi pressati dalla realtà di qualche seggio che garantisca la sopravvivenza e un minimo di visibilità. Alla luce dei risultati, questi calcoli si riducono sempre più alla mera sopravvivenza dei singoli. Cosicché, anche se così non è, gli attuali apparentamenti assumono più l’aspetto del soddisfacimento di singole necessità, che vigorose scelte di campo. Infatti il dialogo dei due partiti della diaspora socialista è tutto interno all’establishment politico e tra gli addetti ai lavori. Questo atteggiamento di vertice si riflette anche alle periferie dove i minimi resti di un grande partito si consumano tra una questua ed un servigio. Quasi totalmente assente è la volontà di dialogo con i cittadini: l’affrontare la realtà dei problemi è visto come un inutile esercizio dialettico. Anche in questo i due partiti continuano a mimare l’ultimo PSI, quello degli anni Novanta. Una dimostrazione in più di come sia vitale troncare con il passato, se vogliamo rivivere. In Rete si muove un’articolazione più avanzata di società: quella dell’informazione, dei servizi e del sapere e s’instaura un colloquio diretto, partecipato e non passivo. Essere “on line”, stare nella Rete è 28


quindi - per i SOCIALISTIPUNTONET - scegliere di uscire dalle vecchie ritualità, dalle rendite di posizione, dalle logiche referenziali. Ci siamo posti l’obiettivo di contribuire a riunificare i socialisti nell’ambito della Lega Socialista, perché la premessa della riunificazione ci sembra preludio a qualsiasi rinnovamento. La Lega stessa non può, però, formarsi ad immagine dei due partiti socialisti o di uno soltanto. Se la preoccupazione sarà solo quella della visibilità istituzionale, allora dovremo chiederla ai DS o a Forza Italia. E gli elettori, giustamente, voteranno per questi due partiti, forse eleggendo qualche “socialista” all’interno di quelle liste. A noi non sembra che questa scelta sarebbe la migliore. Ci pare che sia da privilegiarsi un dialogo diretto con gli elettori nelle forme di una “lunga marcia” che è propria dei partiti o dei movimenti che scelgono di rappresentare le istanze dei cittadini, piuttosto che la necessità dei dirigenti. Ci sono esempi dei movimenti e dei partiti che negli ultimi dieci anni non hanno avuto visibilità televisiva, eppure ce l’hanno fatta. Queste forze hanno scelto di battersi sui problemi concreti della gente. Per questo, e per la schiettezza dei dirigenti, le loro proposte sono apparse “sincere”. Esiste, ovviamente, la necessità più immediata di collegare altre forze a noi affini. Gli apparentamenti della nostra Lega sembrano basarsi, allo stato delle cose, più su necessità di schieramento che su programmi sia pure circoscritti. Anche il progetto di una Federazione liberale e socialista non può assumere connotazioni di subalternità a questa o quella forza politica nel tentativo di una visibilità che risulterebbe puramente mediatica. E sarebbe altresì un grave 29


errore di valutazione politica non avvedersi dell’importanza di un dialogo a sinistra, in primis con lo SDI o con alcuni suoi esponenti, in un momento finalmente propizio per un mutamento dei rapporti di forza con i diessini e con lo schieramento maggioritario ripetutamente battuto dalle urne. Il richiamo storico è ideale, insito nella scelta del nome “Lega Socialista” che fu di Turati e di Anna Kuliscioff, è al riformismo istituzionale, è alle fonti originali del Partito Socialista Italiano. Quindi, non sarebbe per noi vano battersi per ristabilire lo Stato di diritto, ridare dignità e pienezza di decisionalità al parlamento e certezza alle leggi. Su questi fondamenti si ritroverebbe sia il partito che un elettorato motivato. Su questi fondamenti si misurerebbero più concretamente le alleanze e i compagni di viaggio.

*Questo testo, come molti altri, è firmato collettivamente dalla Redazione senza sigle. Francamente non ricordo chi lo abbia scritto. Lo inserisco per chiarezza del contesto, scusandomi eventualmente con Roberto Tutino e Caterina Simiand

30


Diaspora socialista: tra politica e letteratura Da: la Redazione del Caffè (l.g.) Data: 12/10/00 C’è da domandarsi se la questione della collocazione socialista, dall’esilio di Craxi all’attuale diaspora, non sia tanto una fatto di scelte politiche, quanto piuttosto un fatto letterario. Per spiegare questa impressione, che ha il sapore della provocazione, mi servirò di un aneddoto che mi è stato riferito recentemente. Si è tenuta in Piemonte un riunione della “componente” socialista di Forza Italia, presieduta da Fabrizio Cicchitto. Sollecitato dai compagni intervenuti sul tema della Lega Socialista e il Nuovo PSI, l’argomentazione più forte utilizzata da Cicchitto per spiegare che l’operazione non ha speranze ed è inutile prendere in considerazione “un ritorno alla casa comune” è stata la seguente: "quel poveretto di Bobo si è preso con se Martelli, dimenticando che egli è uno degli assassini di suo padre". Le parole precise non le conosco ma il concetto era sicuramente questo. Del resto abbiamo ospitato anche su questo forum interventi che avvallavano lo stesso concetto e che non a caso erano giunti da chi oggi è in Forza Italia. Quello che mi preme non è naturalmente un difesa d’ufficio di Martelli, che sul tema del suo operato nel periodo cri-

31


tico ha già dato abbondanti ragguagli su L’Avanti, ma sottolineare la natura poco politica di un’argomentazione che è ormai da anni un luogo comune di molte discussioni sulla diaspora socialista. I luoghi comune sono in verità due: uno riguarda Bobo Craxi ed è una sostanziale applicazione del detto che i figli dei grandi sono per forza un po’ dei poveretti perché si scontrano con una eredità cui è difficile, se non impossibile, confrontarsi uscendone vincitori; il secondo riguarda Claudio Martelli, il delfino di Bettino, cui si addebita il ruolo di Bruto nel Giulio Cesare di Shakespeare: uno che ha accoltellato alle spalle l’uomo cui doveva tutto. Questi che ho chiamato “luoghi comuni” sono in verità dei topos letterari delle tragedie ed è dal loro frequente utilizzo nell’interloquire tra compagni che scorgo il dato che rende la questione della diaspora socialista un fatto che ha spesso molto di letterario e poco di politico. Ad avvallare questa tesi c’è una valanga di pubblicistica di questi ultimi anni nella quale il tema sostanziale delle due fazioni si riduce a questi due enunciati: “non si può stare con chi ci ha perseguitato durante Tangentopoli” e “non si può stare con chi ci ha perseguitato durante il Fascismo”. Quasi che il motivo delle scelte di campo tra centrodestra e centrosinistra sia riconducibile al fatto di avere un padre perseguitato piuttosto che un nonno. Il dato da valutare è se la cosiddetta Tangentopoli non sia stata vissuta dagli attori principali della diaspora con i crismi 32


dello svolgimento di una tragedia nazionale e non si siano avveduti molto (oserei dire quasi abbiano “rimosso”) il fatto che si trattò di una crisi politico-culturale nazionale con risvolti internazionale. Lo scenario costituito dal declino del secolo socialdemocratico che è andato a sovrapporsi alla caduta del Muro di Berlino, ha posto il socialismo tutto, cioè in entrambi i suoi risvolti comunista e socialdemocratico, in uno stato di “crisi”. In Italia questa “crisi”, che è di natura ideologica oltre che politico-istituzionale, ha assunto per il PSI il carattere della tragedia con i suoi annessi fattori di paradosso ed inspiegabilità: la tradizione socialdemocratica, il PSI, che aveva storicamente maggiori ragioni si è dissolto a fronte di una resistenza di molto maggiore dei post-comunisti che addirittura arrivano al governo del paese, quasi sostituendo in tutto il ruolo politico precedentemente ricoperto dal PSI. Chi ha cercato di spiegare questo paradosso, come Luciano Cafagna, in termini storico politici quasi solo interni al PSI, non ha trovato risposte dotate di significato, anzi ha addossato a Bettino Craxi altre colpe che veramente non erano sue (la riforma istituzionale e il compimento di un passaggio alla modernità per l’Italia non poteva veramente farle chi rappresentava un partito che continuava a non superare il 15% dei consensi). Se invece ragioniamo in termini antropologici e osserviamo come il linguaggio degli esponenti della diaspora non sia una retorica solo politica ma anche letteraria di attori che 33


hanno vissuto sulla scena di una tragedia e sulla quale si ritrovano oggi a dover scegliere tra carnefici più o meno vicini nel tempo, allora possiamo scorgere il panorama della diaspora socialista sotto una luce diversa. Occorrerebbe, ad esempio, capire che l'esilio di Craxi, non ha solo una corrispondenza letteraria con quello di Garibaldi ma anche una, più significativa, con lo stato di esilio del socialismo dal mondo Occidentale. Dobbiamo essere consapevoli del fatto che stiamo giudicando personaggi che sì sono della politica, ma che si ritrovano ad essere anche attori di una tragedia nella quale la politica delle volte è solo un fondale. Dire che Martelli è uno degli assassini di Craxi non è usare una metafora forte del mondo politico, ha una carattere crudo che rimanda ad un fatto quasi reale che si compone delle peculiarità della tragedia. Dire che Bobo Craxi è un debole disattento e dimentico, rimanda alle figura amletica del principe debole di una tragedia di Shakespeare. Se volessimo valutare questi personaggi in questa chiave potremmo dire allora che tra un Martelli che da consigliere della ministra Turco passa nel limbo rappresentato oggi dalla Lega Socialista e chi, come Cicchitto, si trova col sedere al caldo nel grembo di Forza Italia, una differenza c’è, eccome: chi è stato capace di coprire un ruolo “da Bruto” ha coperto in ogni caso un ruolo degno di una tragedia la cui difficoltà è l’esatto opposto del fatto di accomodarsi al caldo (vale in FI quanto nei DS) senza far nulla se non difendere la propria storia personale, che in quanto personale non ha nulla di ne34


cessariamente socialista: la storia socialista è fatta di storie sociali. Per tornare invece al tema dell’attualità del futuro PSI, possiamo dire che il fatto che il delfino Bruto (Martelli) e il figlio del Gigante (Bobo) abbiano trovato la forza e il senso di allearsi può avere una valenza assai diversa proprio in base ai linguaggi che adotteranno. Se continueranno il percorso come personaggi ‘vittime’ di una tragedia, il cui operare si limiti alla resa dell’onore e del valore della loro storia o di quella dei loro padri, il futuro sarà incerto; se, viceversa, avranno il coraggio di tornare alla politica “reale”, nel senso di non letteraria, priva cioè dei gravami psicologici rappresentati dai termini della tragedia, il futuro sarà un po’ più certo. Questo significa che il successo politico del progetto della Lega Socialista e del Nuovo PSI, è legato a come verrà percepito il linguaggio “politico”, piuttosto che “letterario”, tanto da parte degli attori (i dirigenti) quanto da parte del pubblico (i militanti e gli elettori). Per concludere, la storia di un Nuovo PSI si potrà scrivere solo se si saprà uscire dalla dimensione letteraria della tragedia per tornare ad immaginare idee che, guardando in faccia la realtà presente e futura, tolgano il socialismo dal suo stato di esilio: per questa via si potrà ottenere proprio il riconoscimento del carattere tragico dell’ingiustizia subita anche da parte della Storia.

35


Psiche e Polis. Coniugare Estetica e Politica (2000 - Nuovo Caffè Letterario) "Sì, il grande evento del nostro secolo è stato l'abbandono dei valori di libertà da parte del movimento rivoluzionario, la progressiva ritirata del socialismo della libertà davanti al socialismo cesareo o militare. Da quel momento ogni speranza è sparita dal mondo, ed è iniziata la solitudine per ogni uomo libero". (A. Camus) Partiamo da queste attualissime parole di Albert Camus del 1953 per proporre un itinerario che declini il disagio psichico con quello politico. Un itinerario che cerchi di illuminare come una certa cultura "eretica" abbia inteso creare una connessione tra quegli ambiti che il pensiero cristiano prima, quello cartesiano poi e quello nichilista più recentemente, hanno sempre mantenuto rigorosamente separati: quello individuale e quello sociale, il mondo interno e il mondo esterno, quello del "fare anima" e quello del "fare politica". L'intento è quello di smascherare una delle maggiori mistificazioni della cultura dominante e riparare ad un convincimento della sinistra che è stato suo errore storico: la presunta non declinabilità tra irrazionale e razionale, o meglio la presunta cesura tra la sfera individuale (psiche) e quella pubblica (polis). 36


Vorremmo denotare come il concetto di sviluppo infinito del progresso e del mercato, classici della cultura scientista e capitalista, porti come conseguenza oltre al restringimento degli spazi democratici, dei diritti sociali e dell'ambiente, (cioè di attività politica, sindacale e civile) anche un disagio nell'attività psichica, estetica e sessuale. Questa parte del Nuovo Caffè Letterario vuole insomma indurre verso una congiunzione tra i temi della bellezza e quelli della politica, non solo considerandoli al pari strategici, ma soprattutto per evidenziare una volta per tutte la connessione che esiste tra disagio psicologico (che si riflette nell'ambito dei rapporti interpersonale) e il disagio politico/sociale (che si riflette - a sua volta - verso il sistema culturale delle idee). (la Redazione del Caffè)

37


Il Caffè, un po' di storia. Dai Fratelli Verri ad Internet (Dicembre 2000 - Nuovo Caffè Letterario) E' quasi un luogo comune nella storia della sinistra riformista far coincidere la sua nascita col movimento illuminista che in Italia ebbe epicentro nella Milano del "Caffè" (1764-66). Promosso dagli scrittori e polemisti Pietro e Alessandro Verri, Cesare Beccaria, Gian Rinaldo Carli e quant'altri iniziarono ad elaborare idee nello spirito dell'Enciclopedia, cioè in una lingua svelta e diretta atta a riformare, il "Caffè" resta il capostipite di una lunga storia di pubblicazioni milanesi ("il Conciliatore", il "Politecnico", "Il Crepuscolo") cui la "Critica Sociale" di Filippo Turati è stata la più coerente continuazione ideale. Ci sono poi stati gli epigoni del "Caffè" che hanno anche mantenuto il nome della bevanda... ma arriviamo ad Internet e a Torino, la 'net-capitale' della Web-Generation. Data 1997 la prima esperienza di Net-Caffè italiano che in qualche modo cercasse di ancorarsi ad una cultura da Enciclopedia. Un'esperienza, quella del 'vecchio' Caffè Letterario, che nonostante il suo carattere disorganico e la sua articolazione da zibaldone, poniamo come punto d'origine dal quale ripartire oggi, in una situazione rinnovata nella quale si ha l'impressione che gli spazi per l'agire politico e culturale si stiano riaprendo.

38


<<Questo libro è scritto per persone che si trovano in una disposizione amichevole nei confronti dello spirito che lo anima. Tale spirito è diverso da quello della grande corrente della civiltà europea e americana in cui tutti noi ci troviamo. Questo si esprime in un progresso, in una costruzione di strutture sempre più grandi e più complesse, l'altro, in un'aspirazione alla chiarezza e alla trasparenza delle strutture, qualunque esse siano.>> Riportiamo queste righe della prefazione di Wittgenstein alle sue "Osservazioni filosofiche", per sottolineare uno dei propositi metodologici che utilizzeremo (e che invitiamo ad utilizzare a coloro che intendono collaborare con il Nuovo Caffè Letterario) per questo tentativo di divulgazione delle coordinate del pensiero liberalsocialista: cercare la chiarezza in tutte le cose che andremo trattando, la trasparenza sotto la loro strutturata complessità. Vorremmo pertanto che sia chiaro a quanti ci leggono e a quanti vorranno con noi collaborare che il fine del Nuovo Caffè Letterario è quello di aiutare ad interpretare lo stato delle cose come modalità per giungere a un atto conoscitivo di natura sociale, e non come gusto individuale, eccentricità curiosa, o estetismo fine a se stesso. (la Redazione del Caffè)

39


James Hillman. Una presentazione (2000 - Nuovo Caffè Letterario) James Hilllman, psicanalista americano (Atlantic City 1926) ha iniziato una revisione del pensiero psicologico partendo dalla tesi che tutti gli attuali approcci psicoterapici non tengono conto dell'aspetto sociale del disagio psichico, preferendo rivolgersi quasi esclusivamente al mondo interno del paziente e, quindi, secondo Hillman, da un lato, fallendo nell'intento di promuovere il senso critico e la creatività e, dall'altro lato, riuscendo soltanto a omologare il paziente ai valori conformistici della società. Hillman invoca costantemente in tutta la sua opera il ritorno agli Dei, come forze dell'"immaginale", potenze archetipiche che hanno potere sulla psiche, di fronte alle quali l'uomo si "ammala", si "aliena dal mondo" se non si emancipa da una visone monoteista, se non si lascia condurre verso l'universo plurale delle forme della mitologia greca. Dello psichiatra elvetico Jung, Hillman mantiene il grande valore attribuito alla nozione di "anima": la vera grande assente dal dibattito psicologico-culturale dell'Occidente, costretta tra le idee di spirito e corpo. Il concetto di anima ci viene proposto in chiave di "psicologia della liberazione", che lo affranca dal soggettivismo, restituendolo al mondo dal qua40


le è stato bandito dai tempo di Cartesio, <<se non prima e in misura ancora più devastante dalla divisione cosmologica cristiana che assegnò a Cesare il mondo e a Cristo l'anima.>>(*) Ma in parte rielabora alcune acquisizioni junghiane per svilupparle in direzioni spesso opposte e cosi in verità ci troviamo a pieno titolo nel bel mezzo dell'ambizioso progetto di tracciare una vera e propria "mappa mitologica" della nostra anima "greca e politeista", un progetto che addita all'Occidente un sentiero "non più interrotto", percorrendo il quale sia possibile uscire fuori dalle secche nichilistiche in cui i vari letteralismi del pensiero metafisico classico l' hanno alla fine costretto (compie insomma l'esatto capovolgimento della tesi espressa da Heidegger in Essere e tempo). In (re)visione dell'analisi quella svolta da James Hillman che conduce ad altrettante revisioni dei linguaggi utilizzati tanto nella patologia psichiatrica come in quelli dell'estetica, con risvolti chiari ed evidenti in quelli che sono le attività umane del "fare anima" e del "fare politica". Infatti non è difficile scorgere nell'attività rappresentativa costituita dalla sua opera la connessione con le attività di legittimazione di chi lotta contro l'economicismo postmoderno, la devastazione ambientale, il gigantismo e la bruttezza della città, l'"ottundimento psichico" del conformismo e l'"anestesia" provocata dalla cultura scientista e tecnologista. Proporremo quindi una serie di abstract dei suoi libri nell'ottica di suggerire una risposta al problema posto da 41


Camus: la necessità cioè di riaprire la guerra di Troia, per tornare ad impossessarci di Elena, la bellezza. Liberare - come dice Hillman - Afrodite dal suo ambito uranico, trascendente e celestiale per tornare a renderla immanente e manifesta (nuda "anima mundis"). (*)J.H., L'anima del mondo e il pensiero del cuore,1993, Garzanti editore (pag.8) (Luca Guglielminetti)

42


La nuova musica zingara: il jazz dei Balcani (2002 - Nuovo Caffè Letterario) "Dotati di un senso musicale d'incredibile profondità, certamente sconosciuto a qualsiasi altro popolo" ha scritto Franz Liszt a proposito degli zingari, in un saggio del 1859. C'è da chiedersi se esiste una connessione tra la tale "profondità musicale" e i dati antropologici di un popolo in diaspora, spesso perseguitato e violentato. E' certamente un popolo strano quello che designa il ieri e il domani con la stessa parola, che non ha un verbo per tradurre il termine "avere" (bisogna comporlo con un "a me è, a te è...). Un popolo nel quale non esiste il concetto di eredità. Ogni zingaro deve costruirsi il suo patrimonio da solo. Gli zingari sono, come gli ebrei, un popolo in costante diaspora, senza precisa dislocazione geografica: un popolo senza patria, l'unico popolo del mondo senza patria - e quindi anche l'unico popolo al mondo che non abbia mai combattuto una guerra. Anche questi pochi dati esemplificativi sono in relazione con tutta la musica che conosciamo e apprezziamo in forma indiretta, attraverso le "rielaborazioni" di classici come Brahms o in forma diretta ad esempio attraverso i film di Emir Kusturica Underground e le Temps des Gitanes con la

43


musica della Banda per matrimoni e funerali di Goran Bregovic'? Sappiamo che gli zingari utilizzano con grande passione e capacità il linguaggio musicale basando la costruzione dei brani su due elementi di fondo: l'apprendimento, come per la lingua parlata, di arie e melodie popolari dai luoghi di passaggio e l'estro individuale particolarmente esaltato dalla pratica molto frequente dell'improvvisazione. È difficile individuare una musica originale zingara. Si possono riconoscere però stili diversi, come fra i gitani e gli tzigani, dove però l'elemento comune rimane l'utilizzo di un filo conduttore prescelto su cui poi avviare fioriture, cesellature, arabeschi. Se si ricercano elementi di continuità nella presenza dei loro canti, si può verificare che la cultura slava ha dato un contributo determinante con la sua forte influenza sui principali ceppi linguistici zingari immigrati in Europa da est. Nella tradizione esiste una netta distinzione fra canto ed esecuzione strumentale, il primo rimane rivolto all'ambito ristretto della comunità ed è puramente sentimentale, mentre l'esecuzione di motivi strumentali per violino, chitarra, ottoni, viene fatta per professione, cioè dietro pagamento. Oggi lo stato dell'arte della musica degli zingari è leggermente diverso: si sono sviluppate formazioni che coprono entrambi i versanti vocale e strumentale (i Bratch o gli Ando Drom) ed altre come Bregovic' che restano fedeli alla tradizione strumentale o i Kaly Jag che, viceversa, restano fedeli

44


alla tradizione vocale segnata al massimo da una sottile linea strumentale di accompagnamento ritmico o di controcanto. Nel caso della banda di Goran Bregovic' troviamo l'influenza dello stile delle bande militari dell'impero ottomano: siamo di fronte ad una musica ibrida ai confini del mondo in un cocktail irresistibile di musiche balcaniche ricche di echi arabi, turchi e mediorientali in un turbinio di ritmi che le forniscono un certo "groove" che la rende sempre riconoscibilissima. E' difficile non percepire un parentela con l'influenza delle bande militari della Luisiana sull'origine della Jazz band in un confine del mondo come era New Orleans. Anche quelle bande, dove si formarono King Oliver e Luis Amstrong, entravano in servizio in occasione di funerali e matrimoni. "Groove", del resto, definisce un ritmo trascinante e 'sporco', cui sono specializzati gli ottoni con i loro reiterati 'riff' a velocità e volume crescente. Se il dato primario degli zingari è la capacità (necessità) di adattarsi a contesti sociali sempre nuovi, cui prestare attenzione per percepire quanto serve per sopravvivere, è ben possibile che, come per i neri americani, prestando orecchio a quanto le tradizioni musicali popolari fornivano nei contesti dei luoghi nei quali si aggiravano abbiano condotto a queste strepitose "sintesi" o "rivitalizzazioni" di tradizionali arie in forme dotate di una autonoma cifra stilistica. Del resto, sia col jazz che con la musica zingara strumentale siamo di fronte alla funzione di far danzare da parte di popoli sradicati, emar45


ginati, quando non perseguitati. Così come il carattere profondamente nostalgico del blues e della musica zingara vocale copre la funzione sentimentale. Le similitudine finiscono qui però, in quanto discorsi analoghi potrebbero valere per la musica Klezmer degli ebrei, per il Fado porteghese e molta musica folk in generale. Concludiamo dicendo che per la musica zingara, sia vocale che strumentale, vale certamente un dato di precarietà sociale eccezionale che si riflette in quella profondità di cui scriveva Liszt un secolo e mezzo fa, e che la rende ancora oggi di una forza unica. Una forza della disperazione, forse, della precarietà della vita che il nomade percepisce ad una potenza diversa rispetto a noi sedentari, sicuramente. Ma quando ascoltiamo al meglio la loro musica di oggi, probabilmente qualche eco del nostro passato comune al loro riusciamo a sentirlo: brani e canzoni dei Kaly Jag come di Bregovic' e di tanti altri artisti zingari riescono a creare brecce nel frastuono delle nostre metropoli, nella massiccia produzione commerciale di musiche da ballare sempre più come degli automi o che ci rimanda a sentimenti sempre più vuoti. (Luca Guglielminetti)

46


Gli intellettuali italiani alla guerra Da: La Redazione del Nuovo Caffè Letterario (l.g.) Data: 28 Sep 2001 E' incredibile come molti intellettuali/fondisti dei maggiori quotidiani nazionali, nel clima prebellico di questi giorni, perdano il lume della ragione e alla moderazione sostituiscano anatemi contro i sistemi culturali non omologati, contro chi non si unisce al coro della guerra di civiltà dell'Occidente. "Andar giù per le trippe", mi pare sia lo sport preferito. Un Panebianco, per esempio, sul Corriere di oggi, parte da osservazioni giuste e condivisibili come la denuncia di una relativismo culturale e di una mancanza di memoria storica che depriva di una scala di valori per analizzare e valutare i fatti. Ma "a fronte delle interpretazioni demonizzanti della storia occidentale che tanti intellettuali fanno circolare", non è lecito concludere che rappresentano la "quinta colonna" in Occidente del terrorismo e del fanatismo o che "Nei giorni di Genova, teppisti a parte, tante brave e miti persone erano là riunite a manifestare contro il G8 parlando di quella riunione dei capi di governo di alcuni dei Paesi più liberi e più civili del mondo, più o meno negli stessi termini in cui ne parla Bin Laden." Questo genere di conclusioni, al contrario del relativismo culturale che tutto annulla, rende fondamentalisti e a propria volta miopi della storia. E' un ragionare che colpevolizza in 47


base ad accadimenti successivi e slegati storicamente tra loro, come, in modo analogo, chi ricorda che Bin Laben e la guerriglia afgana erano pagati e armati dagli americani. E' evidente che con la sfera di cristallo gli occidentali sarebbero stati più accorti in Afganistan al tempo dell'invasione sovietica, così come lo sarebbe stato il movimento di Seattle a Genova. Le analisi non si fanno con il senno di poi, perché le scelte politiche si fanno in contesti storici che cambiano: senza sfere di cristallo a disposizione. Ha veramente senso lanciarsi in una crociata sulla superiorità dell'Occidente sull'Islam? Ci possiamo dimenticare, ad esempio, che alla origini della cultura moderna c'è un illuminismo nutrito, nelle "Lettere Persiane" di Montesquieu o nell' Encilopedie di Diderot e D'Alambert, anche di cultura e saperi tecnico-scietifici del mondo arabo? Lamentare la smemoratezza storica non crediamo conduca ad una difesa ad oltranza della storia dell'Occidente, tutta buona contro i cattivi. Prendiamo solo il caso dell'Irak. Quando un sacerdote di una Organizzazione-non-governativa denuncia che il numero dei morti dell'11 settembre a New York è lo stesso di quello dei bambini irakeni ogni mese; cosa dobbiamo dire? E' tutta colpa di Saddam Hussein. O è possibile fare delle riflessioni sullo strumento dell'embargo economico? Siamo sicuri che questo dato sia noto alla famosa opinione pubblica americana e occidentale? E' lecito, senza essere accusati di fiancheggiamento col terrorismo, ricordare che la storia dell'Occidente nasce dall'impero AssiroBabilonese, che il Kuwait è uno stato inventato all'inizio del '900 per 48


ragioni 'petrolifere', che la democrazia si può esportare non solo con il mercato ma anche con la cultura e la circolazione delle idee? C'è poi Caracciolo che, sempre oggi su la Repubblica, denuncia l'uso dei pacifisti per dividere l'Occidente. L'accusa che si ripete è quella di fare il gioco dei terroristi. L'impressione evidente è che un certo fondamentalismo risieda anche nelle colonne dei nostri quotidiani e nelle fila di intellettuali che non vogliono prendere atto del fatto che esiste una parte dell'opinione pubblica che non ha intenzione di essere presa in giro dalla disinformazione sulla "guerra in corso" (chi si ricorda la storiella delle incubatrici staccate dagli irakeni in Kuwait?) o da risposte "asimmetriche" che mietano altre vittime civile o che semplicemente si augura e spera che la politica riprenda il suo ruolo per limitare l'uso delle armi. Insomma, pensiamo che essere consapevoli della storia ed esenti da un relativismo culturale assoluto, conduca in ogni caso a privilegiare la dimensione dialettica e politica nel confronto tra civiltà.

49


I talebani del giornalismo nostrano Da: La Redazione del Nuovo Caffè Letterario (l.g.) Data: 07 Oct 2001 Nel contesto post 11 settembre anche la vicenda di Erika ed Omar, ritornata alla ribalta, assume i contorni e i toni della crociata. Lorenzo Mondo su La Stampa di oggi scrive a proposito della coppia omicida che: “(i due ragazzi)Dovranno, un poco alla volta, prendere le distanze da molti che si presentano formalmente come loro protettori, e dalle stesse leggi, che non si curano della loro anima. Non possono che stupirsi, nell’intimo, per queste leggi, che si ostinano a considerarli «minori», mentre con il loro comportamento hanno voluto affermare una torva qualità di adulti. E come aggrapparsi decentemente al rimedio estremo dell’incapacità di intendere e di volere? Farsi passare per matti, una coppia strabiliante di matti? Ma dovranno rifiutare anche il soccorso di una cultura dell’irresponsabilità e dell’impunibilità. Quella che non perde occasione per inventare, anche davanti all’intollerabile, l’alibi del «disagio», i crimini della famiglia, della società, dell’universo mondo. Prendendola così larga, non esistono persone che non soffrano di qualche disagio, e si contano a milioni quelli che possono imputare al contesto sociale meno generiche sofferenze. Senza che si sognino di strangolare la vecchietta della porta accanto o di far saltare le torri di New York.”

50


Proprio in quanto è condivisibile la critica alla cultura dell’irresponsabilità e dell’impunibilità, stupisce assai l’indiretta richiesta che i loro protettori e le leggi si debbano occupare della loro anima e che le leggi per i minori non siano all’altezza dei delitti di tipo “adulto”. Che la legge non debba occuparsi di recuperare le anime, speravamo fosse un concetto giuridico assodato nella famosa cultura occidentale, almeno dopo l’Illuminismo. Così come una legislazione penale minorile ha ben senso di esistere anche a fronte del fatto che, osservando il lunghissimo pregresso di sentenze per crimini inter-familiari, non c’è mai stata equanimità tra le sentenze nelle quali erano i genitori ad uccidere i figli e quelle nelle quali erano i figli ad uccidere i genitori. E non dimentichiamo che per una coppia con comportamento non “minorile”, esistono moltitudini di adulti che giocano, psicologicamente e irresponsabilmente, agli eterni bambini. (Il padre di Erika si è probabilmente salvato dal massacro, perché nel quadro delle tranquille attività della famiglia, era intento a fare una partita di calcetto...). Senza dunque bisogno di scomodare una banalità come quella che non tutti i disagiati compiono delle stragi, si può anche solo semplicemente notare come in questo clima emergenziale la “dura lex, sed lex” venga, a gran voce, richiesta di modifica in senso illiberale o, peggio ancora, fondamentalista teologico nostrano. Non c’è da stupirsi se un editorialista laico come Lorenzo Mondo, si lascia andare al clima ‘teologico’ che urgentemente ci chiede di dividere Bene e Male, per identificarli con chia51


rezza nell’imminenza del conflitto. Ma la sua analisi evidenzia la debolezza della nostra cultura laica e giuridica, come quando si chiede a terroristi e mafiosi di pentirsi. Lamentarsi dei “cretini che solidarizzano su Internet con i due tenebrosi eroi”, ricorda la superficialità di un Berlusconi che a Genova, accanto a Ciampi la sera dell’uccisione di Carlo Giuliani, non riusciva a definire diversamente che “inconvenienti” i mali della globalizzazione che i manifestanti denunciavano. Di fronte a queste capacità di analisi, forse la prudenza con la quale si sono mossi degli Stati Uniti, dopo l’11 settembre fino ad oggi, al confronto è una grande lezione. Per quanto sia alto l’allarme sociale di fronte a fatti come quelli di Erika ed Omar o quelli di New York e Washington, non c’è proprio bisogno degli isterismi catto-fondamentalisti dei nostri opinionisti ‘laici’.

52


Perugia-Assisi: tra Capitini e Rosselli continua l'esilio del socialismo Da: La Redazione (l.g.) Data: 10/14/2001

Uno dei paradossi della marcia per la Pace di oggi, la Perugia Assisi, è che si è tornato a parlare del suo ideatore e fondatore Aldo Capitini mentre negli Stati Uniti è appena uscita una nuova biografia di Carlo Rosselli. Le concezioni di liberalsocialismo del primo e di socialismo liberale del secondo appaiono oggi nella loro radicale diversità e possono spiegare bene la divisioni in seno alla sinistra e chiarire il valore della partecipazione alla marcia pacifista. Le filosofie di libertà che si confrontano sono tra un ambito etico-religioso in Capitini ed etico-politico in Rosselli. Per essere più precisi Rosselli cerca di ancorare il socialismo marxiano alla filosofia idealista crociana, mentre Capitini trova al socialismo un approdo teologico in una teosofia universalistica di condivisione dei valori etici. Non a caso le fortune dei due pensieri trovano sbocchi assai diversi. Dalla fine dell’azionismo, come esperienza partitica, il pensiero di Capitini troverà eredi dell’associazionismo volontaristico di matrice cattolica progressista; mentre il pensiero di Rosselli avrà eredi

53


in correnti ed esponenti di PSI, PSDI e PRI, cioè in partiti politici. La difficoltà di confronto tra i pacifisti storici e la sinistra storica risiede allora nella preminenza del valore metafisico della pace dei primi su quello politico dei secondi. L'Ulivo cerca in quest'occasione di assorbire le divisioni dei dibattiti parlamentari sulle mozioni relative alla guerra in Afghanistan, ma le diversità sono culturalmente radicali, come un’altro paradosso ci può ulteriormente illustrare. Trent’anni fa Capitini organizzava una marcia in ricordo e commemorazione di Ghandi. Oggi il Partito Radicale che riproduce nel suo simbolo l’effige di Ghandi, va ad Assisi ma non per la marciare con i pacifisti, bensì a commemorare in un cimitero le vittime anglo-americane del secondo conflitto mondiale. La riflessione che si impone sulla figura di Ghandi è quella per cui l’azione non-violenta è sostenibile contro il “sistema occidentale”, da forze esterne a questo come nel caso dell’indipendenza dell’India o interne, come nel caso del Movimento di Seattle fino a Genova. Ma si può sostenere in buona fede che Israele o gli Stati Uniti si possano difendere dal fondamentalismo islamico con la pratica della non violenza? I pacifisti di Assisi vogliono dare: « corpo e voce a un pacifismo politico che vuole portare la nonviolenza dal cielo dell'utopia alla polvere della storia...». Ma questa è una posizione che richiede l’avvento del regno di Isaia: quando il lupo giocherà con l’agnello, invece di mangiarlo. Chi crede è libero 54


di pregare e manifestare affinchè ciò avvenga, chi segue invece un’etica della responsabilità – come l’uomo politico - non si aspetta che il lupo ritragga i denti davanti l’agnello e deve invece vigilare per capire di volta in volta chi è il lupo e chi l’agnello, e con ciò fare delle scelte. Un capitolo a parte merita l’antiamericanismo viscerale che alberga in ampi settori della sinistra italiana, cosiddetta antagonista. Si può osservare a questo proposito che i testimonial di riferimento che essi adoperano sono praticamente tutti americani: da Susan George a Noam Chomsky, da Susan Sontag a James Hillman. La verità è che il nostro movimento antagonista ha poco a vedere culturalmente quello del mondo anglo-americano. Quelli che a Seattle avevano dimostrato come i settori più avanzati della società civile avessero organizzato molto bene l’opposizione all’establishment della grande finanza e delle multinazionali, coprendo il ruolo che i partiti democratico e laburista avevano lasciato vuoto, sono portatori di una cultura politica che non ha nulla a che vedere con i centri sociali italiani e l’anti-americanismo nostrano. Sono liberals, keynesiani, socialdemocratici che chiedevano che il processo di globalizzazione venisse gestito politicamente in modo democratico e non finanziariamente dall’anarchia del mercato. Citammo, alla nascita di questo Portale, la stupefacente e profetica testimonianza di Karl Polanyi che nel suo capolavoro The Great Transformation scriveva: " ...permettere che il 55


meccanismo del mercato sia il solo direttore del destino degli esseri umani e del loro ambiente naturale... provocherebbe la demolizione della società ". Dopo un decennio di egemonia culturale neoliberista che ha ridotto i partiti, tanto progressisti che conservatori, ad avvallare la supremazia del mercato nella regolamentazione mondiale, con l’11 settembre – ancora una volta forse paradossalmente – questo è finito: la politica sta riprendendosi il suo primato. Tanto Bush, quanto Blair si trovano a gestire una svolta decisiva: la globalizzazione non potrà più procedere senza una governance politica. A fronte dell’intervento militare assistiamo a gran voce alla richiesta di intervento dello Stato nell’economia. Il discorso di Tony Blair al Congresso del Partito Laburista rappresenta la presa di coscienza che la "Terza via" era viziata da troppa accondiscendenza verso il neoliberismo dominante e che il socialismo ha bisogno ancora di ritrovare, nella gestione pubblica, il suo senso di reponsabilità verso le povertà e i conflitti sociali, politici e culturali in qualunque parte del mondo si annidino. Il limite attuale della sinistra nostrana è invece quello ben rappresentato del filosofo ulivista Gianni Vattimo, che, su La Stampa di pochi giorni fa, chiede di non dover “gridare viva Bush, per favore, e nemmeno viva Berlusconi”, dimenticando che potrebbe gridare “viva Blair”. L’esilio dalla scena politica italiana del socialismo liberale, laburista e laico continua. 56


Giuliano Ferrara contro Bobo Craxi Da: La Redazione (l.g.) Data: 10/31/2001 “L’agonia, lo stillicidio, la presa per il sedere: questo no”. Grida Giuliano Ferrara su il Foglio di oggi, all’indirizzo di Bobo Craxi. Dimentico dell’agonia, dello stillicidio e della presa per il sedere che il Cavalier Berlusconi riservò al Nuovo PSI per tutto il periodo successivo al Congresso fino alle elezioni, il direttore del Foglio invita Bobo a «non stare a menarla nel mezzo», a evitare «un’ipocrita commedia mastelliana». La risposta è subito arrivata. «Non non sto recitando nessuna ipocrita commedia», ribatte Bobo Craxi. Che rivendica il suo «stare nel mezzo», il sentirsi a disagio in un Polo attento più a salvaguardare gli interessi di Berlusconi che a ristabilire tutte le verità sugli anni ‘90 e il dovere di una forza socialista di guardare a sinistra «senza tabù, senza pregiudizi, senza scomuniche». «Ci sono prove di dialogo con i Ds - aggiunge Claudio Martelli - Sono cose utili, purché non ci sia troppa ipocrisia e troppo tatticismo, purché si tenga conto che ci sono delle ferite aperte e che i balsami non bastano». E dopo il messaggio alla Quercia, ecco la risposta al Foglio che l’ha definito «intelligente ma ondivago». «A Giuliano Ferrara - dice l’ex ministro della Giustizia - vorrei dire che sono sempre stato un liberalsocialista, e così morirò. E quanto a Bobo, meglio essere autonomi, anche se un po’ isolati, che pretendere, ri-

57


uscendoci meravigliosamente come fa Ferrara, di essere Arlecchino servitore di due padroni». E’ curioso che Ferrara finisca il suo invito scrivendo: “Faccia come suggeriscono i gesuiti: qualunque cosa, sed cum dignitate.” Non sappiamo se sia stata la comune aspirazione con Don Baget Bozzo a svolgere il ruolo di consigliere del Principe, a condurre Giuliano Ferrara all’uso del manicheismo gesuita, ma sicuramente una forza socialista, laica ed autonomista che fino al 13 giugno si è posta come antagonista di una sinistra non-socialdemocratica, ha tutto il diritto oggi di porre la sua attenzione a quanto accade nei DS. Solo dopo il 13 giugno, come scriveva Paolo Franchi sul Correre all’indomani delle elezioni, è stato unanimemente riconosciuto il fallimento “del tentativo dei principali eredi del Pci di costruire in corsa, sulle ceneri del vecchio partito, ma anche sulle rovine del socialismo riformista italiano, qualcosa di simile a una sinistra di governo”. E solo oggi sappiamo che i sostenitori della via socialdemocratica di stampo europeo saranno maggioranza nel prossimo congresso DS. “Nessuno scandalo se Bobo dice: mi sono sbagliato”, scrive Ferrara. Ma non c’è da ammettere errori o sbagli. Siamo tutti certi di aver compiuto la scelta migliore al Congresso di gennaio. Aver aiutato ieri a sconfiggere quella sinistra è stato il solo modo per avviare oggi un processo di revisione in quella sinistra. Il processo è in corso, sarà lungo, ma se condurrà verso una seria costituente della sinistra storica sulla solco del socialismo europeo, non possiamo certo assistervi passivi dall’interno del Polo. 58


DS: rischio morte per codardia Da: per la Redazione (l.g.) Data: 11/17/2001

Così Paolo Franchi conclude il fondo di oggi sul Corriere della Sera: “(...)Considerazioni non dissimili valgono anche a proposito dell’altra questione fondamentale, e cioè l’avvio della costruzione, con altre forze politiche, culturali e sociali, non di un partito dei Ds un po’ meno piccolo, ma di un grande partito socialdemocratico. Fassino ha confermato e precisato questo obiettivo, con grande soddisfazione di Giuliano Amato. Ma forse non avrebbe fatto male a spendere qualche parola di più sul perché l’Italia un partito simile non lo abbia mai conosciuto. E’ vero che non si possono tenere all’infinito gli occhi rivolti all’indietro. E’ ancor più vero però che, senza fare i conti con il proprio passato, la sinistra difficilmente avrà un futuro. E non basta affermare che l’89, decretando la vittoria della socialdemocrazia sul comunismo, ha azzerato la storia: perché c’è anche una storia italiana con la quale bisognerebbe trovare la forza di misurarsi”. Può darsi che il neo-segretario abbia evitato di affondare troppo il bisturi per non crearsi gratuitamente dei problemi in più con le opposizioni interne. Ma nel primo rapporto congressuale di uno che si è candidato dicendo: «O si cambia o si muore» un po’ più di coraggio ci sarebbe stato bene. Magari lo 59


avrebbe apprezzato persino l’altra sinistra, quella che a Pesaro non c’è, e non vuole diventare blairista.” Insomma il rischio è che Fassino sia prigioniero della “sindrome Amato”, cioè la codardia ad “assumersi la responsabilità di promuovere un processo di revisione seria che solo potrebbe portare alla costruzione di un'altra sinistra moderna e liberale”, come denunciava ieri Stefania Craxi a proposito dell’articolo di Giuliano sul primo numero della nuova rivista "Italianieuropei". I Ds sono un partito ormai stimato al 12%, di cui un terzo è antisocialista viscerale. Si trova con una forza e in una posizione non dissimile dal PSI di De Martino, prima del MIDAS. Sanno perfettamente che o cambiano o muoiono, ma sanno altrettanto bene, checché ne dica Giuliano Amato, che per non morire devono fare i conti con il socialismo italiano e con Craxi in particolare. A ricordargli questo, oggi, non ci sono solo Stefania Craxi, e i dirigenti di SDI e NPSI, ma tutta la stampa italiana. Tutti i quotidiani si sono infatti accorti ed hanno sottolineato che nella relazione di Fassino non è stato mai citato Bettino Craxi e che quindi il dialogo concreto è rimandato, per il momento.

60


Per andare incontro a Fassino, cominciamo a unire i socialisti dello Sdi e del Nuovo Psi 20 Novembre 2001 (Corriere.it) Luca Guglielminetti* Pochi giorni dopo la morte di Bettino Craxi, il sottoscritto con un gruppo di compagni, aprì un sito Internet con l'idea di fornire sul Web un libero spazio di confronto delle idee sulla costruzione di una Casa Socialista, che superasse la diaspora. Divenne poi il sito ufficiale del Nuovo Psi, dopo il congresso del gennaio scorso, ma continuammo a mantenerlo aperto al contributo di tutti, ovunque schierati, consapevoli che per costruire una nuova prospettiva al socialismo riformista italiano si dovesse sempre privilegiare un dialogo diretto con la società civile nelle forme di una "lunga marcia" che è propria dei partiti o dei movimenti che scelgono di rappresentare le istanze dei cittadini, dei lavoratori e degli esclusi. Oggi, con i suoi 8.000 documenti, Socialisti.net rappresenta una testimonianza concreta di quanto sia vivo l'interesse per il futuro del socialismo italiano, così come questo forum testimonia quello per la sinistra ed i Ds. Premetto questo per inviarvi una riflessioni che nasce, più che dalla militanza politica tradizionale, dall'osservazione di quasi due anni di attività dei forum che abbiamo attivati sul nostro sito.

61


Se dovessi dire qual'è stato il minimo comune denominatore delle migliaia di e-mail e articoli "postati" sui forum, non potrei che trovarlo nella forte richiesta di porre fine alla diaspora dell'ex PSI. Anche con accenti critici verso i vari dirigenti, accusati spesso di salvaguardare più se stessi che l'eredità del Partito, il tratto comune delle richieste, quasi una “condicio sine qua non” per tornare con fiducia all'impegno politico, era ed è che ci sia una comune struttura e una ritrovata unità. Allora, la riflessione che mi viene in mente, alla luce del congresso di Pesaro, è che i Ds, nel momento della svolta socialdemocratica, si sono trovati di fronte a singoli esponenti della trazione socialista italiana, rappresentanti di se stessi o di piccolissimi partiti. Questo fatto penso che abbia influito in parte a rendere monca e insufficiente la svolta congressuale. Se invece del singolo Giuliano Amato, Fassino si fosse trovato un soggetto, magari pur sempre piccolo, ma unitario, come interlocutore della "questione socialista", forse l'omissione su Craxi-Berlinguer-Tangentopoli sarebbe stata più difficile da compiere. La mancata unità dei segmenti post-PSI, soprattutto dopo la manifestazione di piazza Navona (l'unico atto unitario avvenuto dopo la liquidazione del PSI) e alla luce dei magrissimi risultati elettorali di SDI e Nuovo PSI, denota infatti un fatto indiscutibile: non c'è stata una leadership in grado di raccogliere l'eredità del PSI.

62


La situazione di oggi fotografa cosÏ due appuntamenti mancati: l'analisi degli ultimi vent'anni da parte dei Ds, e la creazione di una leadership nell'area ex PSI. Il tutto a vantaggio di Bertinotti, da una parte, di Rutelli, dall'altra e in parte anche di Berlusconi che continua a raccogliere ex quadri socialisti, magari opportunisti, ma certo stanchi di attendere transizioni decennali. Concludo parafrasando Fassino. Il messaggio che riceviamo dalla nostra postazione virtuale di socialisti autonomisti è forte e chiaro: diamoci tutti una mossa, altrimenti finiremo per perire tutti quanti indistintamente, socialisti o comunisti che fossimo! Un fraterno saluto. * direttore di Socialisti.net

63


Gore Vidal Vs. gli italo-filo-americani Da: Luca Guglielminetti Data: 22 Nov 2001 Forum del Nuovo Caffè Letterario “Mi ha gelato il freddo di questo studio televisivo nella capitale della romanità: siete veramente vittime dell’”antrace morale” che pervade gli Stati Uniti.” All’incirca con queste parole, rivolte a Giuliano Ferrara, a Gad Lerner, a Marco Taradash, a Paolo Guzzanti e a Maria Giovanna Maglie, Gore Vidal ha concluso la trasmissione “Diario di guerra” su La7, dedicata al suo saggio “La fine della libertà”, censurato in America e pubblicato in Italia da Fazi editore. Così un bel gruppo di esponenti di punta dei nostrani giornalisti “liberal” si è beccato la bella definizione di “vittime dell’antrace morale” da un “liberal” americano. Posto in una arena televisiva e circondato da esponenti tutti più realisti di re Bush, Gore Vidal, nel denunciare il rischio di una involuzione totalitaria e liberticida dopo l’11 settembre nel suo paese, probabilmente non credeva alle sue orecchie ascoltando i suoi interlocutori. Pensava di trovarsi in un paese in questo momento più libero del suo, disposto a pubblicare delle idee forti che in questo momento gli editori americani preferiscono non far ascoltare ai loro lettori, e invece si è trovato a interloquire circondato da voci italiche tutte dedite all’incredulità e alla ricerca del paradosso. Sì, il termine di cui hanno abusato tutti 64


di fronte alle teorie di Vidal è “paradosso”. Tutti speravano si trattasse di una denuncia basata sul paradosso, di chi la spara grossa. Tra un Guzzanti in preda alla recita di un mea culpa per tutte le nefandezze europee del secolo scorso (a fronte della “rettitudine” americana) e una Maria Giovanna Maglie che parla di ciò che non ha letto ed è all’oscuro dell’esistenza di un tale chiamato Noam Chomsky, i nostri "liberal" sono usciti dalla trasmissione con le ossa rotte. Pensavano di essere i più bravi ad amare l’America e invece sono solo vittime dell’antrace morale americano. Chi ama veramente la democrazia americana è chi è capace, come Gore Vidal, di denunciarne le involuzioni e sa che le libertà non sono mai fatti assodati, ma richiedono sempre di essere conquistate, difese o riconquistate. ( Sito web di Fazi Editore http://www.fazieditore.it/ )

65


Rutelli e la giustizia minorile: addio alla laicità Da: Luca Guglielminetti Data: 18 Dec 2001 da Nuovo Caffè Letterario A proposito della sentenza su Erika e Omar. il leader dell'Ulivo a “Porta a Porta” spiega: ''Di fronte ad una cosa del genere la sentenza deve essere dura. Noi dobbiamo garantire che una sentenza severa sia scontata fino in fondo. Se una ragazzo, anche minorenne, ha compiuto un delitto efferato deve sapere che rischia una pena lunga e sofferta''. Rutelli ha smesso i panni del buonista? O rincorre la benevolenza delle maggioranze demoscopiche dei sondaggi che considerano la sentenza giusta, se non troppo poco dura? Parlare di sentenze da scontare fino in fondo a proposito di minorenni è un’infamia giuridica, soprattutto quando sottintende “in carcere”. Esiste apposta una legislazione per i minori che tende alla flessibilità degli strumenti di pena e che considera il carcere come risorsa estrema, ma per certa sinistra pronta a diventare forcaiola, in questo caso ci vuole la durezza. Quella che non hanno subito terroristi e mafiosi, autori delle più turpi azioni e che beneficiano di lauti sconti di pena, soprattutto se pentiti. Già, il pentimento. Quello che dà veramente fastidio a Rutelli e molti italiani è la mancanza di pentimento di Erika. Qui da noi i rimorsi, o più in generale le analisi delle proprie responsabilità, si devono esprimere con le forme canonizzate dai cristiani. Guai ad esprimerle con forme psicologiche che 66


non comprendano il pubblico cospargimento del sale in capo o la pubblica abiura. In fondo sono mille anni che le 'streghe' vanno al rogo, proprio perché hanno qualche difficoltà a pentirsi, specie se non investite da ruolo materno. Solo le mamme possono ammazzare i figli, pentirsi e uscire subito di galera. Quello che si vuol dire è semplicemente che anche nel caso di Novi Ligure manca la capacità -anche politica- di analizzare i fatti in modo laico. Per fortuna, come recita un titolo di Totò, anche per i minori, “La legge è legge”, ma i conti con le 'streghe' restano sempre da saldare.

67


Titolo: (03.01.02) Un decennio berlusconiano Redazione Come disse il matematico Godfrey Hardy, “una persona seria non sta a perdere tempo nel formulare l’opinione della maggioranza”. Così una sinistra “seria” non può limitarsi a rincorre la destra sul piano demoscopico dei sondaggi. Ancora nell’ultima sua uscita televisiva Rutelli ha mostrato l’incapacità di analizzare il presente, che è la sola vera condizione per poter progettare il futuro, è ha mostrato invece come si trova a suo agio dalle sacche del conformismo più becero. Accettare il reale come un dato immodificabile di natura è proprio quello che distingue il pensiero conservatore da quello progressista e la sinistra oggi ha solo bisogno di un progetto di modifica di ampio respiro e di alto profilo. Invece, "la priorità delle priorità" del centrosinistra, nel 2002, sarà "la battaglia sul conflitto di interesse", promette Rutelli che il 10 gennaio, nel corso del primo coordinamento nazionale dell'Ulivo, ci dirà anche se aderirà o meno alle celebrazioni dell'anniversario per il primo decennio dall'inizio di Tangentopoli, promosse da Paolo Flores d'Arcais, direttore di Micromega. Povero centro-sinistra, povero Ulivo: vogliono proprio consegnarci un decennio berlusconiano... (l.g.) 68


L'orizzonte della politica di De Michelis Da: La Redazione (l.g.), da Oggi in Italia Data: 1/8/2002

“E´ questo - riempire di tecnica e contenuti politici il contenitore di Forza Italia - l´orizzonte di De Michelis, e il motivo della sua fedeltà berlusconiana.” A concludere con queste parole il suo articolo sul ruolo di De Michelis nella politica estera italiana del governo Berlusconi su La Stampa di oggi, è Aldo Cazzullo. L’unico opinionista ad essersi speso nel fornire ampio spazio sul medesimo quotidiano al pamphlet inedito di Bettino Craxi che Stefania – attraverso la Fondazione – ha pubblicato e distribuito ai ministri e parlamentari poche settimane fa. A parte le altre malignità contenute nell’articolo in questione, sui particolari della sua casa ai Parioli e sulle indiscrezioni a proposito della sua rinnovata vita mondana, viene individuato con precisione l’orizzonte dell’attività politica di De Michelis. Una attività che, aggiungiamo noi, parte dalla consapevolezza che i dirigenti di Forza Italia sanno presiedere i Consigli di Amministrazione di aziende, ma non i delicati rapporti con le diplomazie degli altri paesi. Possono concepire i consolati italiani come filiali estere di aziende, ma non come uffici in grado di mediare conflitti politici.

69


Sarà bene allora che i compagni che hanno scelto di seguirlo sulla strada della fedeltà berlusconiana, siano consapevoli di questo angusto orizzonte fatto di consulenza, magari ben valide e ben retribuite, ma che non hanno nulla a che vedere con lo scopo sociale del Nuovo PSI, che era quello di ricostruire una casa per tutti i socialisti, affinché potessero tornare a svolgere un ruolo di rilievo sulla scena politica italiana. Anche seguendo strade contorte, imposte dal sistema elettorale, il percorso delineato era quello di ricostruirci uno spazio autonomo che potesse prima ripresentare un soggetto socialista italiano agli elettori e quindi riconquistare il suo ruolo storico nella sinistra che nel frattempo, come previsto, si è distrutta con le sue mani. L’opera di consulenza e la prospettiva di portatori d’esperienza in casa altrui, francamente può soddisfare solo singole ambizioni, non certo la speranza e la domanda politica dei militanti socialisti.

70


Titolo: (10-01-02) Della commemorazione ad Hammamet Redazione Riunirsi intorno alla tomba di Bettino, si è gia potuto constatare in Piazza Navona quasi due anni fa, purtroppo non serve ad aiutare la ricostruzione dell'unità dei socialisti. Il nobile intento di Stefania Craxi, ideatrice della commemorazione ad Hammamet il 18, 19 e 20 gennaio, è gravato psicologicamente da un ruolo di 'vittima' di una tragedia. Dispiace dirlo, ma questa incapacità di elaborare il lutto non può portare lontano i socialisti italiani. Tangentopoli e il "Caso Craxi" sono stata vissuti da molti degli attori principali della diaspora con i crismi dello svolgimento di una tragedia nazionale (e personale) e non si sono avveduti molto del fatto che si trattò di una crisi politico-culturale nazionale con risvolti internazionali. Lo scenario costituito dal declino del secolo socialdemocratico che è andato a sovrapporsi alla caduta del Muro di Berlino, ha posto il socialismo tutto, cioè in entrambi i suoi risvolti comunista e socialdemocratico, in uno stato di "crisi". Crisi che assunse per il PSI il carattere della tragedia con i suoi annessi fattori di paradosso: la tradizione socialdemocratica, il PSI, che aveva storicamente maggiori ragioni si è dissolto a fronte di una resistenza di molto maggiore dei post-comunisti che addirittura 71


arrivano al governo del paese, quasi sostituendo in tutto il ruolo politico precedentemente ricoperto dal PSI. E' quindi comprensibile che l'esilio di Craxi abbia creato a Stefania e in molti compagni una specie di paralisi psicologica di fronte alla tragedia, nella quale ci siamo in qualche modo riflessi, ma il modo migliore per interpretarlo è quello di correlarlo allo stato di crisi del socialismo dal mondo Occidentale: all'"esilio del socialismo". Solo se, Stefania e noi tutti, ci renderemo conto che occorre spostare il fiume dei nostri pensieri dal piano delle storie individuali a quello politico, dedicando sforzi e idee nel cercare risposte all'esilio del socialismo, si starà veramente lavorando alla ricostruzione del socialismo e della sua unità. Scriveva Camus che "il grande evento" del '900 è stato l'abbandono dei valori di libertà da parte del socialismo: "Da quel momento ogni speranza è sparita dal mondo, ed è iniziata la solitudine per ogni uomo libero". All'inizio di questo secolo il gravoso compito che spetta, a noi socialisti e in generale alla sinistra, è quello di tornare a fornire risposte concrete ai bisogni di cittadini, lavoratori ed esclusi, ridando speranza alla solitudine dell'uomo globalizzato. Craxi portiamocelo allora nel cuore, come Bettino aveva Garibaldi, e non al centro del discorso pubblico e politico socialista. (l.g.)

72


(22.01.02) Da vent’anni il problema dei soldi per la politica Redazione Violante spiega, su le colonne del Corriere della Sera di ieri, le ragioni politiche di quella rottura fra Paese e Potere, che apri' la stagione di Tangentopoli, con la mancata intesa tra Bettino Craxi e Enrico Berlinguer, negli anni Ottanta, su come modernizzare il Paese pur avendo individuato nella questione istituzionale e in quella morale i due ostacoli principali per agire. Il leader del Psi, sostiene Violante, ''voleva affrontare la riforma istituzionale lasciando da parte quella morale'' mentre il segretario del Pci ''voleva esattamente l'opposto''. Violante si riferisce ad uno dei prossimi scoop che dilagheranno dal profluvio editoriale in occasione del decennale di Tangentopoli nelle prossime settimane e mesi. In particolare su quello dello storico Piero Craveri che comparirà sul primo numero di una nuova rivista edita dalla Luiss: «XXI Secolo - Studi sulle transizioni», a proposito della proposta avanzata da Eugenio Scalfari a Berlinguer, via Antonio Tatò, di un vero e proprio patto tra Psi e Pci. E’ Paolo Mieli, sullo stesso Corriere, ha fornire alcune anticipazioni dello scoop storico-politico nella sua rubrica epistolare del quotidiano ieri in edicola. La Fondazione 73


Gramsci, che ha in custodia le carte di Enrico Berlinguer, ha consentito allo studioso di consultarle. Tra i documenti del segretario di Enrico Berlinguer, Tatò, è spuntato un suo rapporto molto lungo relativo ad un incontro con l’allora direttore di Repubblica, Scalfari, che aveva a sua volta precedentemente incontrato Bettino Craxi. In quel rapporto del’81 si legge: «Se il Pci (è Craxi che parla, mi riferisce Scalfari) mi comunica che è pronto a fare esso la proposta della Presidenza del Consiglio socialista, io garantisco che al prossimo comitato centrale o al Congresso nazionale di aprile, il Psi dichiarerà in forma "solenne e irrevocabile" che il Pci è pienamente autonomo, è pienamente democratico e ha tutti i titoli per essere pienamente partito di governo». Quel patto non si fece, conclude Paolo Mieli, ma Violante ci suggerisce che la questione andava ben al di là della legittimazione reciproca dei due partiti storici della sinistra italiana. Il vero punto, ancora una volta, crediamo stia in quella che Berlinguer, con somma ipocrisia, chiamava “questione morale” e che Craxi, senza ipocrisia ma con ritardo, poneva come il problema del finanziamento dei partiti e della politica. E’ immaginabile sapere come è andata questa storia. E’ noto che fino agli anni ’70 le risorse del PSI arrivavano o dalla sponda PCI o da quella DC, mentre con Craxi si aprì la strada dell’”autonomia”. Lo sanno tutti i quadri socialisti degli anni ’80 che la strada delle riforme per il paese e dell’autonomia politica del partito aveva come prezzo quello di inse74


rirsi indipendenti nel sistema tangentizio. Qualunque patto con il PCI di allora, ben difficilmente non avrebbe implicato una dipendenza economica (e quindi politica) per il PSI, come era successo nei decenni precedenti. La vera morale di questa vicenda di vent’anni fa, travalica la questione dei rapporti PCI e PSI e la stessa Tangentopoli. Ancora oggi possiede tutta la sua drammatica attualità, che risiede nel fatto che non si è ancora giunti a risolvere il problema di come la politica possa finanziarsi per svolgere la sua attività, senza sposare il sistema delle tangenti. Il rischio è che possa reggere solo il “sistema Berlusconi”: la politica la fa solo chi i soldi gia ce li ha. (l.g.)

75


(25.01.02) Da Popper a Odasso via Forza Italia Redazione L´ex potentissimo manager delle Molinette di Torino, raccontando a piccoli passi le sue imprese ai magistrati, ci informa, nel suo ultimo interrogatorio, dei costi delle sua adesione a “Società Aperta” e quelli relativi alle iniziative elettorali per Forza Italia della medesima. Un´associazione fondata da Angelo Burzi, assessore regionale al Bilancio e di cui fanno parte, tra gli altri, 15 direttori generali delle Asl piemontesi (su 29 totali) oltre che il suo braccio destro, Rosso. Il concetto di “Società aperta”, cui si ispira l’associazione di Burzi & C., fu introdotto dal povero Karl Popper in quanto riteneva che non potendosi, per motivi logici, determinare in modo scientifico i valori ai quali ispirare la nostra azione nella vita sociale, occorresse ancorare la democrazia ad un insieme di regole formali che, utilizzando della scienza il metodo, favorissero il "politeismo dei valori". Non sappiamo se tale politeismo dei valori, nel club piemontese in questione, sia stato trasferito sul piano della pluralistica spartizioni di tangenti ai vari partiti, ma la sicumera con la quale il governatore Ghigo ha liquidato il caso ("isolato") e l’orologio regalatogli ("non ho fatto caso al suo valore"), e il profilo sottotono dell’opposizione di centro sinistra sulle 76


tessere di FI acquistate dal manager, fanno desumere che del metodo scientifico proposto da Popper non sia rimasto niente. In fondo, per un’associazione che si ispirava filosoficamente al concetto della scientificità dell'azione politica e dell'attività di organizzazione istituzionale della società in quanto utilizzatrice dello stesso " metodo ", Burzi e Odasso hanno fallito clamorosamente nella loro trasposizione sul piano tangentizio. Si evidenzia dai fatti delle cronache giudiziarie che la modernità di Forza Italia è totalmente apparente, nominalistica e, anzi, fatica a raggiungere il livello di una ‘società chiusa’, come poteva essere quello di una vecchia loggia massonica. (l.g.)

77


Titolo: (05.02.02) La politica da Nanni a Stefania Redazione Moretti non ha mai smesso di rappresentare nei suoi film altro che delle stanze. Da quelle dell’autarchico -nel suo primo film- a quella del figlio nell’ultimo, da quelle dei desiderata di Ecce Bombo a quelle del proprio Diario, passando dagli spogliatoi della pallanuoto alle canoniche. Nonostante ciò, egli non si è accorto che la Sacher, la sua casa di produzione, non ha fatto altro che produrre la stessa materia della Aran, la casa di produzione di Stefania Craxi: stanze, appunto. Le cineprese di Moretti o le telecamere del Grande Fratello sono sempre solo puntate dentro le stanze del narcisismo indomito ed indifferente al “fuori”, cioè agli altri, al sociale. Si potrebbe quasi ipotizzare che la Aran, con la produzione del Grande Fratello, abbia portato a livello di massa del “reality show” televisivo l’estetica cinematografica di Moretti con quelle stanze autarchiche: i luoghi del qualunquismo e del conformismo, dove l’autocompiacimento e la nutella sostituiscono l’azione politica e quella sessuale. Lo scalpore delle loro ultime iniziative nasce forse da questo comune filo rosso. Le apparizione delle ultime settimane di Stefania a fianco dei vertici della maggioranza e di Nanni a fianco dei vertici dell’opposizione, esprimono solo il paradosso che a parlare di politica siano persone che debbono la loro comune fortuna al “format dell’ombelico”. Due campioni del "cuore messo a nudo" che ci ricordano, in fondo 78


la stessa cosa: l’una che non c’è più Bettino, l’altro che la sinistra non ha una leadership che sia tale. Ma da questi esimi fustigatori del mercato politico attuale non aspettiamoci che ci giungano analisi sociali, progetti o sogni per la sinistra. Loro potranno solo tornare alle loro stanze colme di rancore, dolore e alterigia. Mentre noi abbiamo bisogno di case e di città, di polis: insomma di politica. (l.g.)

79


Italia-Inghilterra: tra Nanni Moretti e Ken Loach (2002) La società anglosassone non rinuncia a misurare l´Italia "con il metro della giustizia, efficienza e trasparenza", che come noto - non è il nostro forte. L´ammirazione per il dinamismo del paese ("nella piccola città di Montebelluna si producono il 90% delle scarpe da sci dell´intero universo") si fonde con l´allarme per l´arretratezza civile. Certo è che se poi riesportiamo intellettuali come Ginsborg (Italy and Its Discontents, una estensione fino al 2001 della sua storia dell´Italia contemporanea) lo storico inglese, che insegna all’Università di Firenze e che è assurto di recente alle cronache politiche per aver animato la "lega per la difesa della democrazia italiana", anche qualche inglese penserà che ci sia un "allarme democratico" in Italia. Ma non è passato inosservato a Londra, neppure il protagonismo autarchico con il quale il vincitore di Cannes si è lanciato nell’agone politico italiano. Time Out, la bibbia dello spettacolo londinese, ha approfittato della presentazione del film di Moretti per lanciarsi in un attacco al pericolo che Berlusconi rappresenterebbe per le arti. Il punto però è molto antico e critico per la cultura di sinistra: le arti, gli artisti, devono vivere degli oboli dei governi, pubblici e di stato? E' di sinistra che dei film, tra l'altro nel caso di Moretti - tutt'altro che sociali o impegnati politi80


camente, come gran parte delle cinematografia italiana, siano vissuti essenzialmente di finanziamenti pubblici? "Giustizia, efficienza e trasparenza" nella politica cinematografica di Veltroni non c'è ne stata molta, e francamente, la fine che faranno i suoi 'amici' registi ci interessa poco (non hanno che da imparare da Ken Loach e sfornare film che coprano almeno le spese di produzione). Ma, a parte questo, presto o tardi, gli inglesi si accorgeranno che Nanni Moretti non è Ken Loach. Si accorgeranno che la nostra arretratezza civile risiede proprio nel fatto che a fianco delle scarpe da sci, esportiamo solo qualche film di Moretti e Benigni. Il problema per noi, non è dove vada a finire l'arte di stato, sotto il governo Berlusconi, ma sapere se ne possediamo una che sia in gradi fornire una critica stringente nei confronti della cultura dominante. Quel che è certo, risiede nel fatto che il "modello Moretti", l'intellettuale che sul lavoro inquadra il proprio ombelico e la domenica sale sul palco della piazza, non porta alcun pro alla sinistra e alla sua cultura. Le sue stanze autarchiche sono i luoghi del qualunquismo e del conformismo, non meno di quelle della casa del Grande Fratello. Mentre noi abbiamo bisogno che l'arte e la cultura, al di là delle dichiarazioni politiche dei loro artefici, si misurino - con il loro spirito anarchico e anticonvenzionale - sul piano della capacità di analizzare il presente (che è la sola vera condizione per poter progettare il futuro), ri-visionando le realtà sociali attuali o passate .

81


In un'intervista alla domanda: "Chi sono i suoi maestri?", Ken Loach risponde: "Dal punto di vista letterario sicuramente William Shakespeare. Il suo nome precede quello di tutti gli altri. Non voglio suggerire paragoni - me ne guardo bene ma lui mi ha influenzato in tutto il mio lavoro. Poi ci sono altri nomi, come quello di George Orwell e di altri grandi scrittori socialisti". Altro che bombo, nutella, preti, palombelle e figli: siamo su un altro pianeta, lontana anni luce dal mondo anglosassone e non per colpa di Berlusconi! Luca Guglielminetti

82


Dire qualcosa di centro-sinistra Da: Luca Guglielminetti, da Oggi in Italia Data: 12 Feb 2002 E’ inutile nasconderselo, il vero problema non è quello di dire qualcosa di sinistra, ma qualcosa di centro-sinistra. La differenza non è un’inezia, ma coinvolge il problema dei problemi per tutta l’opposizione al centro-destra: cioè quello di sviluppare un discorso pubblico agli italiani. Un discorso che sviluppi una "retorica dell'appartenenza" per tutti coloro che non si identificano nel progetto berlusconiano. Un discorso ai cittadini in grado di coniugare il terreno degli ideali con quello della prassi, l’utopia con la riforma, un progetto di società diversa con la pratica del gradualismo. L’inadeguatezza su questo terreno è evidente in ogni manifestazione del fu Ulivo o nelle apparizioni televisive dei vari leaders nei salotti della politica. Si manifesta nel fatto che ognuno, ogni singolo leader o partito, riesce a esprimere solo una piccola parte del discorso. Piccole ragioni si stemperano da Fassino a Rutelli, da Boselli a Pecoranio Scanio, passando pur anche per Di Pietro e Bertinotti, ma da una tale segmentazione non risulta alcun disegno unitario, nessuna retorica in grado di fungere da cemento comune per gli italiani: dal giovane del movimento al vecchio liberale progressista. E’ un problema di leadership? Sicuramente. Un problema di cultura politica? Anche. Ma probabilmente la carenza più significativa è quella degli spazi della politica. Dei luoghi 83


dove far crescere il confronto tra i cittadini che vogliono provare a reimmaginare se stessi, la società e l’ambiente nel quale vivono. Forse qualcosa di centro-sinistra può nascere se si inventano nuovi spazi: alternativi all’esibizionismo personalistico di quelli televisivi, alla prova di forza muscolare di quelli di piazza, ma anche a quelli ipercolti e verticistici delle fondazioni. (l.g.)

84


Minoranze tra gli opposti estremismi Da: Luca Guglielminetti, da Oggi in Italia Data: 27 Feb 2002 Della serie: ‘le voci inascoltate’. Claudio Martelli su La Stampa di domenica e Marco Boato sul Corriere della Sera di oggi, avvertono il fatto che oggi si sia di fronte a due opposti estremismi, ben riemersi, ancora domenica sera, con i fischi a D’Alema, allorché di fronte alla platea dei professori ‘ribelli’ ribadisce la piena legittimità della maggioranza e del suo governo, e, ieri, nelle dichiarazione di Berlusconi e Buttiglione che ravvisavano un nesso - causa effetto - tra la manifestazione del Palavobis e l’attentato in via Palermo. Entrambi sostengono che un motivo serio per la manifestazione del Palavobis c’è: «un capo del governo che dia anche solo l´impressione di usare il potere legislativo della maggioranza per confezionare leggi su misura, come una sartoria, eccita gli animi», dice Martelli. Ma entrambi sono lontani dalle posizioni politico culturali emerse in queste manifestazioni: quelle di un Flores D’Arcais, “privo di un grammo di cultura dei diritti” (Martelli), o, del professor ‘pancho’ Pardi riciclatore di un “primitivismo politico ideologico risalente agli anni ’70” (Boato). «Se l’Ulivo adottasse questa piattaforma culturale, che ricorda la "Gioiosa macchina da guerra" del’94, andrebbe incontro a un suicidio politico. Non dimentichiamo che in Inghilterra governi legittimi di centro destra sono durati per 17 anni e nessuno si è mai sognato di parlare di regime», afferma 85


Boato. «Il loro progetto è estremizzare l´opposizione, cavalcarla, e impadronirsene», rilancia Martelli. Sullo sfondo di queste voci inascoltate, ci sono un D’Alema in procinto di lasciare l’Italia per gli USA, dopo le amministrative, e un Amato che sarà sempre più preso in Europa con la Convenzione che inizia domani. Insomma, la leadership riformista del Congresso DS di Pesaro resterà sulle sole smilze spalle di Fassino, il quale, in questi mesi, ha dimostrato di non avere proprio il fisico migliore per il ruolo di cui è stato investito. La disgraziata situazione nella quale siamo immersi trova qualche ragionevolezza di discorso pubblico solo in piccole minoranze. Da una parte in quella all’interno della maggioranza, che svolge il ruolo di ‘pompiere’, come - ad esempio Follini o Mantovano che negano connessione tra i cortei e gli attentati. Dall’altra, in una minoranza, all’interno della opposizione, che svolge il ruolo di ‘pontiere’ per impedire al centro sinistra di rovinarsi completamente cedendo alle culture illiberali e giustizialiste o a quelle movimentiste e massimaliste. (l.g.)

86


Titolo: (15.03.02) II lavoro tra padri e figli Redazione Rispondendo senza mezzi termini all’affermazione di Berlusconi che aveva definito le iniziative sindacali come “come uno sciopero dei padri contro i figli”, Cofferati ha sottolineato come sia "questo governo a voler togliere i diritti ai figli". "Si tratta - ha aggiunto il leader della Cgil, - della cancellazione dei diritti fondamentali. Noi invece vogliamo che i figli abbiano gli stessi diritti dei padri". Chi ha ragione? Negli ultimi decenni l'erogazione di benefici pubblici e garanzie è stata senza dubbio destinata soprattutto alle generazioni mature con un sindacato orientato prevalentemente alla garanzia del lavoro burocratico, di quello taylorista o dei pensionati. Le nuove generazioni sono spesso destinate alla disoccupazione o sottoccupazione dovendosi inserire sempre più nei nuovi lavori che più che flessibili sono più spesso precari e privi di ogni forma di garanzia e tutela sindacale. Esiste, insomma, un variegato gruppo sociale in grande crescita, formato dal popolo delle partite IVA ai “manovali della conoscenza”, dai lavoratori di cooperative e quelli delle agenzie interinali, dai microimprenditori ai nuovi sottoproletari, che oggi pagano il prezzo delle politiche del sindacato e di 87


una classe politica attente, da una parte a mantenere lo status quo ai lavoratori e ai pensionati garantiti e dall’altra ad ampliare gli interessi d’impresa e profitto di chi deve competere nel mercato globalizzato. Sia i sindacati che il governo risultano fortemente deficitari verso una seria riforma dello stato sociale che coniughi nuovi diritti con il nuovo scenario del mercato del lavoro, nel quale il modello tradizionale - sul quale era stato ritagliato lo Statuto dei lavoratori - ogni giorno cede spazio a quello nuovo flessibile e precario. Berlusconi non offre iniziative serie e diritti ai figli, ne' Cofferati può permettersi di favoleggiare su diritti per i figli pari a quelli dei padri in un quadro quasi completamente trasformato rispetto a trent’anni fa. Raccontano entrambi balle e, ancora una volta, anche sul tema del lavoro, assistiamo alla radicalizzazione dello scontro politico per l’incapacità dell’azione riformista di entrambi gli schieramenti in campo. (l.g.)

88


Titolo: (19.03.02) Sgarbi e la libera stampa Redazione Dopo l’eclatante caso di D’Alema con Forattini, oggi è il turno di Sgarbi con “Le iene”. Una querela per diffamazione e una richiesta di risarcimento danni da parte del deputato di Forza Italia per 51 milioni 640 mila euro (pari a 100 miliardi delle vecchie lire) a carico del programma Mediaset. L'accusa e' di aver definito ''falsamente'' Sgarbi come ''un drogato'' nella trasmissione del 3 febbraio scorso. Il rapporto del potere con la satira è sempre una perfetta cartina tornasole della “liberalità” del primo e, dopo il crollo del Muro di Berlino, tutti hanno fatto la gara a definirsi liberali o i più liberali. Purtroppo, si evidenzia ancora una volta che la cultura liberale nel nostro paese si trova solo “in tracce”, come il sodio nelle acque oligominerali dietetiche. Lo strumento della querela, inoltre, è diventato negli ultimi anni un ottimo mezzo per imbavagliare la stampa. La libertà d’opinione sta diventando un lusso che si possono permettere solo i grandi gruppi editoriali. Quale piccolo giornale o Tv locale può permettersi la spada di Damocle di una attesa di anni per una possibile sentenza miliardaria in lire, o milionaria in euro? Noi sicuramente no… quindi affermiamo perentoriamente che Vittorio Sgarbi non è assolutamente un drogato, ma è 89


un vero liberale che soffre di una ipertensione arteriosa che gli procura repentini sbalzi di umore, le cui â&#x20AC;&#x153;vittimeâ&#x20AC;? solo casualmente appartengono alla fauna strisciante della satira. (l.g.)

90


Titolo: (23.03.02) Sinistra e riformisti e mercato del lavoro Redazione Le aziende hanno bisogno di strumenti per rendersi competitive nel mercato globale. Si introducono allora strumenti di flessibilità. Il governo di centro sinistra lancia, pochi anni fa, la legge per le agenzie di lavoro interinale, che affiancano i precedenti strumenti quali i contratti di formazioni, le collaborazioni coordinate e continuative etc. Strumenti che a loro volta si innestano su un mercato del lavoro nel quale già si trova il grande popolo delle partite iva e quello dei lavoratori del sommerso. Crescono flessibilità e precarietà e diminuiscono i lavoratori del mondo taylorista per la contrazione generale della grande impresa, mentre i pensionati aumentano in proporzione ai lavoratori attivi, a causa della scarsa natalità e di strumenti come le pensioni di anzianità per le quali il nostro paese è il più generoso d’Europa. Le prospettive previdenziali e di stabilità lavorativa per i giovani si fanno nere e la stragrande maggioranza dei lavoratori attivi (esclusi appunti quelli delle aziende medio grandi con più di 15 dipendenti e dello stato) si trovano sempre più privi di tutele e con diritti ridotti. Su questo scenario, sommariamente tracciato, si innesta l’opera dei riformisti. Coloro che sanno che esiste una forte 91


frattura generazionale nel mondo del lavoro dalla quale occorre assolutamente uscire, consapevoli che i figli di oggi non avranno tutele e garanzie pari a quelle dei loro padri, ma non per questo possono essere lasciati alla precarietà cronica e all’incertezza permanente su lavoro e pensione. Coloro cioè che, consapevoli dello stato dell’arte dei lavori e delle aziende, cercano di introdurre, sulla scorta di analisi tipo quelle del Libro sul Lavoro in Italia, scritto da Biagi per il Ministero del Welfare, delle proposte atte a ridisegnare dei nuovi ammortizzatori sociali e dei nuovo diritti. Proposte come quella di uno Statuto dei lavori che colga l’enorme evoluzione avvenuta dai tempi dello Statuto di Brodolini e Giugni. In questo contesto di riforma, la proposta di deroga all’art. 18 inserita nella delega governativa, rappresenta solo un piccola parte, parziale, ma la riforma maggiore ha il grave difetto di risultare al momento assolutamente non finanziata. L’attuale scontro sociale ed in particolare quello tra governo e confindustria da una parte e i sindacati dall’altra, ha evitato, fino alla morte di Marco Biagi, di entrare nel merito di questo quadro globale del problema, concentrandosi sul valore politico-sindacale della deroga parziale all’art.18. C’è stata la speranza, ancora al Congresso della UIL a Torino, che l’Unione sindacale di tradizione socialista e riformista potesse appoggiare (insieme alla CISL) l’opera del governo, che tentava di riproporre un’operazione analoga a quella di Craxi sulla scala mobile. Ma proprio per l’attenzione tutta focalizzata sull’art. 18, è mancato un’apertura del sindacato sulla globalità 92


della riforma. Le posizioni si sono radicate in quella fase, ma occorre sottolineare una netta differenza di linea tra il ministro Maroni e Berlusconi. Differenza ben esplicitata in una vignetta del Corriere dove si vedeva il Cavaliere bastonare in testa Maroni, gridando: “Linea dura!”. E’ cioè assai probabile che il Ministro del Walfare, così come Biagi, non intendessero porre la questione della deroga all’art. 18 come punto irrinunciabile, ma cercassero un varco nel settore sindacale per proseguire comunque l’iter di riforma presente nelle altre deleghe. C’è stata insomma, una volontà esplicita, da parte di Berlusconi e della maggioranza dell’esecutivo, di calcare la mano e, così, la riscrittura della delega ha continuato a contenere la deroga, seppur in forma attenuata. Dall’altra, il sindacato, anche per la sua composizione sociale dominata da dipendenti fissi e pensionati, non ha fornito aperture apprezzabili sul tentativo di riforma che, va pur detto, riguarda anche moltissimi lavoratori atipici che probabilmente non potrà mai portare nelle proprie file. Siamo così giunti alla uccisione per mano terroristica di Biagi e alla manifestazione della CGIL di oggi a Roma, ma la morale di questo stato di cose è quella che ripetiamo da tempo e che il senatore Franco Debenedetti ha ben sintetizzato pochi giorni fa: “L'assassinio di Biagi oggi, di D'Antona ieri, per non tradursi nella radiazione dei riformisti dalla sinistra italiana chiede ora ai leader della sinistra, politica e sindacale, una scelta netta.” (l.g.) 93


Titolo: (25.03.02) Il miracolo Cofferati Redazione Uscito perdente dal Congresso dei DS di Pesaro, isolato fino a poche settimane fa, un miracolo ha colpito Sergio Cofferati. Il capo della CGIL si è trovato in pochi giorni alla guida di uno schieramento addirittura più ampio dello stesso fronte sindacale e comprendente ampi settori di elettorato della Casa delle Libertà. Il miracolo si compie al Congresso della Margherita, dove si è trovato investito da Cacciari quale ticket, in tandem con Prodi, per la leadership dell’Ulivo prossimo venturo. Pezzotta, allo stesso congresso, viene contestato dalla platea così che CISL e UIL rischiano di trovarsi prive di riferimenti politici nel centro-sinistra tutto convertito alla linea della CGIL. Non a caso le due organizzazioni oggi ripongono speranze che il dialogo col governi riprenda dalle proposte contenute nel Libro Bianco di Marco Biagi. «Il Governo deve stralciare le modifiche all’articolo 18 - spiega il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti - e la discussione deve ripartire da altri temi: la riforma del collocamento, quella degli ammortizzatori sociali, la partecipazione». Questo bisogna fare per Angeletti «se si vuole realmente rendere omaggio al professor Marco Biagi». Il miracolo si sviluppa poi sulle colonne dell’Unità di sabato diffusa alla grande piazza della manifestazione. Due ri94


formisti, come il senatore Franco Debenedetti e Giuseppe Caldarola vengono fatti, ancora una volta, oggetto di vergognosi attacchi, con l’ironia del fatto che il quotidiano fu «preso» dall’attuale direttore ed editore a condizione che vi fossero massicci licenziamenti, senza la tutela dell’art. 18. Il miracolo Cofferati, infine, si completa anche grazie alla scelta del governo di anteporre alla riforma del mercato del lavoro l’attacco alla CGIL, raggiungendo l’incredibile obiettivo di spingere i riformisti sempre più a gettare la spugna. La responsabilità più grave dello stato del riformismo italiano dettato da questo miracolo resta del centro sinistra, là dove nessuna delle pur autorevoli voci riformiste ivi presenti ha alzato la voce o ha avuto la forza di affermare che nel progetto di Biagi non c’era niente di “vergognoso”. (l.g.)

95


Titolo: (30.03.02) Buon Aprile “Correntone”! Redazione "Aprile è il mese più crudele”, April is the cruellest month,..., è questo il famoso incipit della Terra Desola che ottant’anni fa dava alla luce forse il maggior poeta del XX secolo, T. S. Eliot. “Aprile. Per la sinistra” è invece, il nome dell’ l’associazione del correntone diessino che dal prossimo 7 aprire prenderà il via dal Teatro Eliseo in Roma. Il fine è quello di aprire i Ds alla dialettica con girotondisti, CGIL (Cofferati ha già dato la sua adesione), movimenti e intellettuali. Il nome naturalmente è di morettiana memoria. A chi verrebbe in mente nella vasta intellighenzia di sinistra di collegarlo a Eliot? Suvvia, non scherziamo, questi compagni devono costruire l’opposizione al regime incipiente con gli strumenti del pensiero debole e con gli ingredienti della nutella! Mica possono chiedersi come puntellate le rovine della civiltà, con strumenti più raffinati. “Sedetti sulla riva/A pescare, con la pianura arida dietro di me/Riuscirò alla fine a mettere ordine nelle mie terre?” La mitica figura del “Re pescatore”, è un po’ troppo fabiana, temporeggiatrice e consapevole delle crudeltà che ci circondano.

96


L’allegra compagnia della Melandri & C., crede invece, ancora, che Aprile sia il mese delle scampagnate in vespa e della feste di piazza. Li riporta agli “happy days” di Fonzie di quando erano giovani della Fgci, o all’anno in cui l’Ulivo vinse le elezioni e che Moretti celebrò con l'inizio della «pascolizzazione» della sinistra. I loro confini non vanno oltre il Pascoli e il solito buonismo: al massimo ci aggiungono un pizzico di cultura heideggeriana tanto per rendere ancor più sterile l’agire, nel mese che “genera Lillà da terra morta, confondendo Memoria e desiderio.” Auguriamo loro buona Pasqua, sperando che tale iniziativa non immoli tutta la sinistra come un agnello sacrificale. (l.g.)

97


Titolo: (10.04.02) La volontà di Formica Redazione A metà gennaio scrivevamo che: “Non ce ne stiamo accorgendo, forse, ma i disastri di Berlusconi, da una parte e di Fassino, dall’altra, potrebbero alla fine giovare a ricompattare i socialisti. Tutti i socialisti: da quelli in area governativa fino a quelli in area diessina”. Ugo Intini, su “Mondo Operaio”, proponeva di ripartire da un ''heri dicebamus''. E noi, da questa postazione virtuale, invitavamo a parlarsi insieme, senza vergogna, sia chi è stato anticraxiano che chi è stato craxiano. Oggi si stanno raccogliendo in tutta Italia le firme in calce ad un appello che vede vicini compagni che fino a poco tempo fa era inimmaginabile accostare. L’omicidio di Biagi, lo scontro sociale e la china sulla quale versano maggioranza ed opposizione, hanno permesso a questa iniziativa che ruota intorno all'unica organizzazione socialista rimasta in piedi e unita, la UIL, di procedere spedita, realizzando in questi giorni la convergenza di socialisti, laici e riformisti diversamente collocati in termini di partito - o fuori dagli attuali partiti - ma che intendono impegnarsi nella ricerca di una piattaforma comune - senza particolarismi né preclusioni - che ribadisca la validità del patrimonio di storia e tradizione di tanta parte del movimento socialista e democratico italiano.

98


Il tutto nasce da un'idea di Rino Formica che è venuto a Torino per il Congresso della UIL ed ha organizzato un primo incontro tra i vertici del sindacato, esponenti del Nuovo PSI e di quei socialisti andati nei DS ai tempi della Cosa2. Lâ&#x20AC;&#x2122;ottimismo della volontĂ  pare dunque tornato per mano del compagno Formica, in queste settimane che simbolicamente vanno dal secondo anniversario della scomparsa di Bettino a quella recente di Giacomo Mancini. (l.g.)

99


Titolo: (22.04.02) Cercasi Tony Blair disperatamente! Redazione Nelle ultime settimane i giornalisti e gli intellettuali francesi erano talmente impegnati nell’additare il caso Italia, l’anomalia e il pericolo Berlusconi, che forse non si sono accorti di cosa stava succedendo in casa propria. Nel paese leader dell’integrazione, dove risiede la più grande comunità mussulmana d’Europa, si sono moltiplicati negli ultimi tempi centinaia di attentati antisemiti, culminati nel rogo della sinagoga di Marsilia. Lo spettro dell’insicurezza e della criminalità extracomunitaria venivano agitati dall’estrema destra quanto, se non assai più, di quanto facesse Bossi da noi, fino a giungere al risultato clamoroso delle elezioni di ieri: Le Pen ha liquidato il socialista Jospin nella corsa alla presidenza della repubblica francese. Certamente la vittoria di Silvio Berlusconi in Italia, di Fog Rasmussen in Danimarca, di Antonio Durao Barroso in Portogallo, le dimissioni anticipate di Wim Kok in Olanda, ora l'uscita di scena di Lionel Jospin e la praticamente scontata vittoria di Jacques Chirac in Francia, e in Germania la debolezza della Spd del cancelliere Gerhard Schroeder, che i sondaggi danno perdente alle politiche del prossimo autunno, confermano un terremoto in atto nella politica europea.

100


Si aggiunga che l’ironia del caso vuole che gli unici partiti socialisti vincenti in Europa siano quelli post-comunisti nei paesi dell’Est, come è successo, sempre ieri, in Ungheria. L’unica eccezione, salda in questo panorama, è rappresentata dal New Labour inglese. La sinistra europea continentale ha dunque da ben riflettere sull’esempio di Tony Blair e sulla strada da percorrere per riconquistare il terreno perso! (l.g.)

101


Sinistra: un grande futuro dietro di lei Da: da Oggi in Italia (l.g.) Data: 5/20/2002 Il dibattito della sinistra in Italia, ma forse anche in Europa, sembra sintetizzabile nell’espressione autocompiaciuta di chi dice “Sempre avanti perché abbiamo un grande futuro dietro di noi”, senza capire che è impossibile oggi andare avanti sui fasti del passato, sulle idee e i simboli che, anche se positivi e moderni, hanno costituito la storia della sinistra dall’800 a ieri. No, non è possibile trarre con geometrica simmetria la linea di continuità tra quella che era ieri la sinistra e quello che potrà essere domani. Si percepisce che il dibattito gira in folle, è come arrotolato su se stesso e su un centro costituito dal luminoso passato che si immaginava come futuro. Si dovrebbe percepire che occorre un salto: uno di quei “salti dell’oca” di cui parla Konrad Lorenz per descrivere il processo di apprendimento negli animali. Forse questa percezione di necessità del salto dell’oca è più sviluppato in una certa generazione. Lo la stessa immagine sintetica del dibattito in corso, non è presa a caso dal titolo di un libro di Giuliano da Empoli. Figlio d’arte di un nostro compagno gambizzato dalle BR e oggi collaboratore di Giuliano Amato, nel 1996 Giuliano scriveva un libro, “Un grande futuro dietro di noi”, nel quale descriveva molto bene il con-

102


flitto generazionale in corso da un decennio. Il conflitto con gli “anziani” di quella "Generazione X", come è definita negli USA, di chi è nato negli anni del boom economico ed è entrata nel mondo del lavoro negli anni 90, anni di crisi, e di cui si parla per sottolinearne l’esclusione dagli ambiti centrali del sistema sociale. Quei giovani che vengono definiti la generazione "senza", senza lavoro, valori, certezze e fiducia nelle istituzioni. Loro/noi percepiamo, sempre di più, il fatto che il “grande futuro” immaginato dalla sinistra “anziana” ci appartenga sempre meno, sotto tutti i punti di vista. A partire dai nomi fino ai simboli passando per le idee “forti” o “deboli” che hanno rappresentato le migliori tradizioni politico culturali della sinistra storica o movimentista: tutto sembra dotato di senso e significato sempre più labile. Questa perdita di significato è indiscutibilmente legata alla mancanza di senso di responsabilità della sinistra stessa come scrive parla Barbara Spinelli nel fondo de La Stampa sul nuovo populismo in Europa (riportato per intero sul forum principale). Ma c’è dell'altro, perché la sinistra è incapace di fornire risposte anche a chi in piazza professa che “ un mondo diverso è possibile”, oltre a quelle di chi, nel chiuso delle proprie case, chiede maggiore sicurezza sociale e libertà personale. La sinistra silente non riesce più a rispondere alle nuove domande di libertà e responsabilità, domande che sono solo in apparente contraddizione, come utopia e riforma, o come l’ossimoro liberalsocialismo. Forse sarà un neologismo a sintetizzare le 103


risposta, ma, in ogni caso, è abbastanza evidente, potranno scaturire sola dall’interno di questa nuova generazione. La scena degli “anziani” (con tanti auguri a Stefania Craxi o ai mitografi di Berlinguer o del Che) pare veramente ogni dì sempre più vuota. (l.g.)

104


Elémire Zolla. La mitica generazione dei nuovi dinamitardi d'Occidente IL 30 MAGGIO 2002 LO SCRITTORE È MORTO NELLA SUA CASA DI MONTEPULCIANO. AVEVA 76 ANNI

Molto di quanto scritto da Elemire Zolla, forse non pare, ma oggi è incarnato. Incarnato nella generazione più giovane, quella che rischia. Sì, rischia perché non avendo le prospettive dei padri, rischia di trovarsi senza lavoro fisso, senza fissa dimora, senza pensione né paura di morire. Ma quando non si ha paura di rischiare e di morire, al contrario di Zolla, o di Cristina Campo, la svolta oggi non avviene sul piano mistico delle idee. Semmai capita qualcosa di simile a quanto scriveva Max Weber: "Gli antichi dei, disincantati e perciò trasformati in potenze impersonali, sorgono dalle loro tombe e riprendono la lotta fra di loro aspirando a conquistare il dominio sulla vita". Molti delle ultime generazioni, possono sembrare zombi, ma gli dei non li praticano con la mistica, ma nella carne, cercando appunto di riconquistare il "dominio sulla vita". Le folli corse in auto di notte a fari spenti, gli eccessi di alcolici e stupefacenti, il rifiuto del lavorare, non come bestie, ma in quanto solo bestie, certamente li connota come 'bassi'. Come 'bassa' è la considerazione per la contesa politica espressa da Zolla e la Campo, così anche a questa generazione è chiaro

105


che destra e sinistra oggi mancano di connotazioni sufficientemente chiare e si pongono al di sopra o fuori dalla politica in senso stretto: cioè fuori dalla politica partitica. Nel senso che la politica, come condivisione di spazi pubblici condivisi, si svolge fuori dalle sedi di patito, fuori dalle sezioni e dalla maggior parte dei circoli politico-culturali. In fondo molto di Zolla, fra cui la distonia tra l'intellettuale e lo sciamano, oggi si aggira nelle nostre città, e l'espressione di Flaiano : "Elemire Zolla / preferisco la folla", oggi suona, seppur debolmente in quanto molto deprivato culturalmente (della cultura classica), "Noi/ pratichiamo la folla" e forse anche un po' la follia. Se di miti si deve parlare, o rispecchiarcisi, i libri di Zolla, come quelli di un Guénon o un Eliade, e come i molti altri della 'tradizione', sono di una natura molto diversa da quelli di Kerény o di Hillman, ad esempio. Qual'è la differenza? L'approccio esclusivamente "letterario" ed "esoterico" dei primi e quello più "scientifico" od "essoterico" dei secondi. Sarà perché l'illuminismo e l'uso della ragione non riusciamo a percepirli come "cospirazione" o come "demoniaco", ci pare che la differenza tra un mistico "liberale" e un socialista "liberale" risieda nella dimensione sociale della conoscenza, o gnosi. Il rimprovero a questa cultura, sicuramente emarginata per molti anni in Italia, risiede non più tanto nel fatto di essere "di destra" tout-court, quanto piuttosto per il disprezzo che esprime verso il "basso", la piazza dove tumultuose e sporche si muovevano l'altro ieri le classi, ieri la massa, oggi una 106


somma di individui in relazioni varie tra loro. La cultura di sinistra, con le rare eccezioni italiane costituite da Furio Jesi o Ugo Volli, ha, a sua volta, respinto o rimosso la "macchina mitologica". Solo in casi isolati di "socialismo eretico" ha colto nel segno. Come trapela in tutta l'opera di Camus, dove si percepisce la contiguità tra l'estrema solitudine e indifferenza dell'individuo e tutto il senso a partecipazione a tutto ciò che lo circonda con spirito di libertà ed eguaglianza. In fondo l'unico rimprovero che ci sentiamo di muovere a Elémire Zolla è solamente questo: non aver visto che gli dei non animano solo il fondo della propria anima, o quella di una cerchia chiusa, ma agiscono sempre in chiunque e ovunque in forme diverse, anche nella bassa piazza della politica che rifiuta l'unità del tutto, ma si divide politeisticamente, per non dire - dato il tema - semplicemente pluralisticamente, almeno in parti opposte, come lo yin e yan della tradizione taoista. Quello che vediamo noi, ed è profondamente socialista e liberale contemporaneamente, è il principio di scissione originario del più semplice organismo biologico vivente che si riproduce, forse nell'universo taoista, ma sicuramente in modo evidentemente percepibile in noi stessi, nella politica, all'interno degli schieramenti e dei singoli partiti, correnti, e giù, giù in fondo fino a quando chiacchieriamo al bar con un amico e siamo sempre in due. Se il titolo del suddetto articolo ci sintetizza Zolla come dinamitardo dei miti dell'Occidente, oggi assistiamo all'esplosione concreta di quella bomba. Gli "dei dell'estasi" non sono 107


un meccanismo in fondo al nostro cervello o cuore, ma sono carne lacera, che aspira a ricompattarsi per domare la vita. Lui ha fatto un po' l'aristocratico ed è morto in casa sua pur preferendo la folla, noi facciamo un po' gli anarchici e ci sentiamo di morire in piazza, perchÊ la nostra nostalgia non sarà un mito morto da consumarsi in casa propria, ma una città viva, come la Lugano Bella: un'utopia o una riforma dotate di bellezza sociale, da condividere (con la forza impersonale degli antichi dei) con altri negli spazi pubblici e privati. (Luca Guglielminetti)

108


L'equilibrio precario tra memoria e oblio Da: da Oggi in Italia (lg) Data: 6/4/2002

Può sembrare stano, ma un filo rosso lega il contributo sul perché l’Italia abbia perso gli ultimi tre Mondiali ai rigori e quello di Barbara Spinelli sull’origine storica delle attuali difficoltà che l’Europa incontra con l’Est e i nuovi nazionalismi (entrambi sul Forum principale del Portale). Il filo rosso si snoda sul sottile rapporto tra memoria e oblio. Tema antico, già caro ai greci, la dialettica tra questi due termini suggerisce un modo di leggere gli avvenimenti in una modalità profonda. Nel rapporto dinamico tra il ricordare e il dimenticare scorgiamo la forza del profondo: come, ad esempio, la forza del rimosso della psiche umana che Freud chiamò inconscio. Così ci sovviene l’idea che forse all’origine dei guai del socialismo italiano ci sia qualcosa che è stato rimosso, che l’origine della diaspora socialista, o della divisione della sinistra storica, risieda in qualcosa che le varie parti in gioco non vogliono ricordare o dimenticare. Eppure la storia è lì. Come quella dei Mondiali persi o quella dell’Europa post-bellica o quella del Socialismo italiano è lì. Sembrerebbe una cosa evidente, autoevidente, dicia-

109


mo che la conosciamo, ma evidentemente non è così: qualcosa la omettiamo. L’impressione è che ogni soggetto in campo, da Bertinotti a De Michelis, tanto per essere chiari, rimuova parte della storia comune del socialismo, o della sinistra italiana. Qualcuno rimuove le foibe, altri l’asprezza delle lotte operaie. Qualcuno rimuove Craxi, altri Berlinguer, tanto per fare due esempi. Ma nessuno è disposto a dire: “D’accordo, distribuiamoci i torti e da domani scenda l’oblio”. Un oblio attivo che consegni alla storia con la S maiuscola, il rendiconto tra torti e ragioni. Un oblio attivo che significa che ciascun attore accetta di portare sulle sue spalle il peso dei torti degli altri oltre ai propri. Un oblio attivo che è riconoscenza della memoria al posto della sua rimozione. Continuare a rimuovere infatti implica mantiene la storia nell’agone politico, come clava esacerbante. Ri-conosciamoci, letteralmente significa avere la volontà di conoscersi di nuovo, cioè non darsi per scontati: più facile a dirsi che a farsi... (l.g.)

110


Procreazione assistita: Destra e Sinistra Da: da Oggi in Italia (lg) Data: 6/14/2002 Negli stessi giorni nei quale Forza Italia sul tema della fecondazione assistita approda definitivamente nel brodo postdemocristiano, con la triste e penosa eccezione di Fabrizio Cicchitto, Marcello dell’Utri ha presentato un manifesto della cultura di destra. Sottotitolo “La cultura non è solo a sinistra”. Hanno già aderito all´iniziativa numerosi maître a penser di destra: Alberoni, Baget Bozzo, Brunetta, La Malfa, Sgarbi, Teodori, Adornato, Zecchi. Lo hanno presentato come “di destra”, ma leggendo i nomi si capisce che dietro c’è l’area “liberal” dei forzisti. Manca solo Giuliano Ferrara. In AN e Lega si sono subito alzate proteste per rimarcare che la cultura non di sinistra non è solo quella liberale (sic!). Penosa diatriba in vero. Nel momento di maggior debolezza per la cultura di sinistra, atomizzata dalle sclerosi dei suoi di maître a penser, i liberali di FI si alzano a dire che ci sono anche loro, proprio mentre in Parlamento si manifesta palesemente, oltre alla trasversalità della 'Santa Allenza' in temi di bioetica, tutta la debolezza che quell’area culturale esprime in termini di peso politico.

111


E’ diventato evidente, e lo sarà sempre di più, che la dicotomia Destra/Sinistra stenta a reggere in un mondo che i vari maestri ed intellettuali dei due schieramenti faticano ad interpretare. Noi socialisti non possiamo limitarci a riconoscere che in entrambi i poli ci sono istanze riformiste o laiche e quindi approdare indistintamente ad uno dei due forni con marginale, se non nulla, autonomia ed identità. In altri tempi si sarebbe detto: “Ben altri compiti ci aspettano, compagni!”. Ma purtroppo, con altrettanta evidenza, prendiamo atto che non ci sono all’orizzonte uomini o donne in grado di alzarsi a gridarlo, anche se molti di noi lo pensano, intensamente e non solo tra i due tempi di una partita dei mondiali. (l.g.)

112


Scajola il ministro e Biagi il cococo Da: da Oggi In Italia (l.g.) Data: 7/1/2002 Cofferati in qualche modo se ne va'. Tra poco sarà costretto a ricostruirsi una sua strada, un suo partito o movimento dove provare a raccogliere il saldo della sua attività di ex sindacalista. Scajola, no. Ha fatto la pantomima delle dimissioni, ma il Cavaliere le ha subito respinte. Del resto gli uomini di FI non sono mica politici di professione. Uno come Scajola cosa potrebbe fa fuori dal Governo? Al massimo il manager in qualche azienda del gruppo Fininvest. L’ascendenza democristiana del Ministro è evidente che è stata completamente assorbita, anche nel linguaggio, dal quella aziendalista, che è l’unica che può trovare espressioni tipo: Biagi? “Era un rompicoglioni che voleva il rinnovo del suo contratto di consulenza”. Quando mai un democristiano avrebbe dato una risposta del genere? Il sentimento sotteso in quella cultura era sempre il massimo rispetto verso chi “tiene famiglia” e lotta per il mantenimento del suo contratto. Oggi l’azienda Italia è invece post-fordista, così viene naturale che i ministri mutuino le loro espressioni dalla trivialità di un manager o un membri di CdA. L’unico rapporto che le parole esprimo verso chi, pur collaborando, è fuori dalla stanza dei bottoni è quella del dipendente a contratto. E’ quella

113


del questuante, quasi sempre rompicoglioni, perché non capisce che nello Stato-Azienda, gli può toccare di entrare nel tritacarne in qualunque momento. Oggi Biagi, domani un altro, non importa se meglio o peggio, l’importante è che risponda alle necessità del momento dell’esecutivo, il quale lavora con l’ottica degli investimenti finanziari per ottenere alti interessi a breve termine. In fondo la battuta di Scajola ci illumina sull’essenza attuale dei rapporti tra potere pubblico e suoi collaboratori e ci suggerisce il fatto che la sua natura non è molto diversa da quella che intercorre tra una azienda privata e un CoCoCo, cioè un collaboratore coordinato continuativo. Il paradosso del tutto risiede allora nel fatto che Marco Biagi si occupava proprio di ridisegnare il quadro giuridico dei rapporti lavorativi per conto del governo. Chissà se, prima di essere ucciso, aveva percepito che le collaborazioni al massimo livello, come la sua, in fin dei conti rispondono alla stessa dinamica di quelli dell’ultimo dei lavoratori atipici e precari? (l.g.)

114


Dalla biologia il nuovo socialismo Da: Luca Guglielminetti (Forum Caffè Letterario) Data: 30 Aug 2002 Un nuova frontiera scientifica pare che si sia aperta per il socialismo. Dopo la sociologia marxiana, si apre uno nuovo scenario - questa volta - dalla biologia. Umberto Galimberti, fornendo un primo commento su La Repubblica di una giornata di fine luglio, naturalmente non parla di socialismo. Raccontando della scoperta americana sulla gratificazione cerebrale che si attua dallo svolgimento di azioni altruistiche, cooperative e solidaristiche, scrive della conferma delle idee di Aristotele e di Eugenio Scalari (!). La ricerca svolta ad Atlanta dalla Emory University e diretta da Gregory Berns, ha individuato l’analoga l’irrorazione della stessa parte del cervello che avviene di fronte ai vari piacere della vita anche quando si compiono azioni altruistiche. Per la chimica del cervello non c’è differenza se ci stiamo sacrificando per un altro o se stiamo soddisfando il più egotico desiderio: il piacere è biologicamente uguale. Se quindi la virtù è ‘naturale’ e non ha bisogno di ricompense, va bene dar ragione ad Aristotele, ma il tema è però stato dibattuto per qualche decina di secoli da filosofi e letterati e quindi non si comprende bene perché, l’esimio commentatore, abbia compiuto il curioso salto temporale fino a 115


Scalari. Il quale, avrà pur scritto che “la morale è un istinto” nel suo libro <<Alla ricerca della morale perduta>>, ma non ci sembra il miglior esempio comparativo sul terreno dell’etica. Non per voler infierire a tutti costi col fondatore del quotidiano indipendente, ma forse neppure Karl Kraus, direttore del "Die Fackel" nella Grande Vienna, avrebbe accettato un sua ‘assimilazione aristotelica’, se non per puro spirito di ironica irriverenza. In ogni caso, a parte la digressione su Scalari filosofo, la scoperta in questione, per ammissione degli stessi ricercatori, conduce alla conclusione che: “a livello di ‘piacere cerebrale’ il comportamento altruistico eccederebbe di molto il comportamento egoistico e, se no fosse per il tipo di società che abbiamo inventato, il comportamento cooperativo sarebbe da tutti preferito a quello competitivo”. Il motivo di una tale scelta risederebbe nella capacità dell’uomo a considerare il domani. Al contrario degli animali, gli uomini sono in grado di rinunciare ad un vantaggio immediato per un bene a più lungo termine e in una situazione di crisi tendono a collaborare per la sopravvivenza invece di azzannarsi tra loro. Galimberti, a questo proposito, si permette di una nota polemica con l’attuale “american way of life”. Il modello della competizione esasperata, ci segnala, potrebbe voler condurre l’uomo a diventare un “organismo geneticamente modificato”. A noi non preoccupa tanto questo, in fondo l’uomo ha subito mutazioni genetiche nei millenni per diventare com’è oggi, il 116


punto invece, alla vigilia del vertice ONU di Johannesburg, è capire quanto i capi della terra traggano maggior piacere ad operare in via cooperativa per superare i problemi di ambiente, fame e povertà, piuttosto che da cavalcare in via egoistica i propri interessi nazionali, industriali e militari. (l.g.)

117


Titolo: (06.09.02) Quella torta di società civile Redazione Sarà che la torta Sacher la giudichiamo una fregatura in quanto, al pari della Nutella, sembra solo alla vista ricca di cioccolato, così nel cinema omonimo della torta e della società di produzione di Nanni Moretti, si ritrovano gli organizzatori della manifestazione del 14 settembre, che, con eguale fregatura, ci vengono presentati come ‘la società civile’. Anche loro infatti, a prima vista, sembrano ricchi di qualcosa: idee, buoni propositi, spirito di iniziativa. Ma perché definirli ‘società civile’? Vattimo, ‘Pancho’ Pardi, Flores D’Arcais e & C. con seguito di belle signore e vecchi menestrelli, per non dire "nani e ballerine", sono tutti ex-sessantottini, che in verità non vedevano l’ora che vincesse Berlusconi per “finalmente tornare a combattere”. Il loro culto è infatti l’eroe post-moderno che si cura di coltivare una indignazione permanente, di disegnare tragici e cupi scenari, di segnalare con enfasi l’imminenza di gravi pericoli. Se ci si pensa bene in fondo non hanno fatto nulla di diverso da quando c’è Berlusconi, da quello che ha fatto il presidente Bush a partire dell’11 settembre. Come si è visto benissimo che il cow boy texano non vedeva l‘ora di “tornare a combattere” e da allora arringa le folle con tutta la retorica guerrafondaia più becera, per scatenare guerre e dis118


seminare il mondo di basi militari americane come ha fatto in Afghanistan e stati limitrofi. Così questi nostri eroi del ’68, nel loro piccolo, provano a cimentarsi nella loro guerra a difesa del loro status sociale di intellettuali tanto innocui culturalmente quanto privilegiati socialmente, facendo leva sull’assenza di integrità morale del nostro premier. Ma da quale pulpito, quello che si è riunito al cinema Nuovo Sacher e sarà sul palco a Roma, viene la predica? Dotati, chi più, chi meno, di altrettanto narcisismo di Berlusconi, questi eroi del ‘68 hanno costruito le loro fortune e privilegi sul fatto di indicare alla sinistra il maggior numero di nemici, interni ed esterni, cui opporsi strenuamente. Uno dei vertici della loro attività, poco noto, lo ha raggiunto Nicola Tranfaglia due anni fa quando è riuscito a farsi sequestrare dal giudice Mascarello il suo volume Storia dell’Italia repubblicana per eliminare il nome di Antonio De Martino quale possibile ministro del governo nel tentato golpe di Pacciardi e Sogno nel 74! Dopo aver fatto il ‘68, negli ultimi dieci anni mai una volta che si siano mobilitati, che so, sui temi disoccupazione nel mezzogiorno, dalla malasanità o altro tema sociale. Stanno, invece, riuscendo nel capolavoro di mettersi al servizio di una sinistra italiana talmente malconcia che non capisce che non ha nulla da guadagnare dal loro moralismo bacchettone, il quale è il perfetto specchio di quello spauracchio comunista utilizzato dal loro avversario principale. 119


Ha scritto qualcuno che è solo interesse di Berlusconi presentare la dialettica politica del nostro paese come scontro tra lui e i girotondi. Bisognerebbe allora iniziare a spiegare all’Ulivo che quanto esprimono questi girotondisti, più che massimalismo da cercare di cavalcare, come ai tempi di Tangentopoli, è difesa di status sociale privilegiato, cui migliaia di italiani con la coda di paglia corrono dietro, dopo aver magari votato fino all’altro ieri per la Lega Nord. Altro che società civile! (l.g.)

120


W il “Leone d’oro” di Berlusconi Data: 10 Sep 2002 Il primo paradosso della Mostra del cinema di Venezia era giunto nei primi giorni quando si è assistito al capovolgimento della consacrazione a Cannes l’anno scorso di Moretti regista. Le parole di Dino Risi hanno espresso con perfetta formula sintetica quanto ripetiamo da anni sulle amenità narcisiste dei suoi non-film, culminati con l’incivile “Stanza del figlio”. Il secondo paradosso si è verificato invece ieri alla premiazione. Mentre al Festival di San Remo del centro-sinistra si vide vincere gli ‘amici’ Avion Travel, domenica prossima presenti sul palco dei girotondisti, la prima Mostra cinematografica del governo Berlusconi si è conclusa suggellando la fine dell’egemonia democristiana inaugurata nel 1948. Ha infatti vinto un film dopo essere stato bollato dall’ Avvenire come «infame», condannato da l’ Osservatore Romano come «provocazione rabbiosa e rancorosa» e definito «un falso, una calunnia» da don Baget Bozzo. Il film «The Magdalene Sisters» di Peter Mullan racconta la storia di un gruppo di ragazze all'interno di un istituto di correzione-lavanderia gestito dalle suore della Maddalena in Irlanda nel 1964. Chiusi nel '96, per anni gli istituti hanno ospitato, tra violenze e abusi di ogni tipo, ragazze madri, orfa-

121


ne, quelle con difetti fisici e handicap o quelle che avevano subito stupri. Capita così nel Bel paese che, mentre Veltroni in Consiglio Comunale e Frizzi a Miss Italia si mobilitano per le ragazze madri che in Nigeria rischiano la lapidazione, un film di un allievo di Ken Loach vinca il Leone d’oro rammentandoci che una certa condizione femminile è tutt’altro che estranea alla nostra società e che tutte le fedi fondamentaliste opprimono le donne. Ringraziamo Berlusconi almeno per la giuria della mostra veneziana! (l.g.)

122


Titolo: (13.09.02) Unilaterlismo e terrorismo Redazione Non si può non osservare che a fronte di pagine intere sull’intervento di Bush alle Nazioni Unite, sia difficile trovare sulla stampa quotidiana adeguato spazio alla notizia delle minacce, altrettanto violente, del Presidente Putin alla Georgia. Avessero accostato le notizie, sarebbe stato evidente a tutti che si sta prefigurando una accordo che sancirà il via libera reciproco a due guerre ‘preventive’: l’una contro i ‘terroristi’ irakeni, l’altra contro i ‘terroristi’ ceceni. Sullo sfondo da tempo, Sharon alle prese con i ‘terroristi’ palestinesi e le miriade di altri conflitti, più o meno palesi e ampi, in giro per il mondo. Un anno dopo l’11 settembre domina ovunque l’incertezza su tutti i fronti delle relazioni internazionali, per non dire della crisi delle economie. Il semi-fallimento del vertice di Johannesburg su ambiente, fame e sviluppo, come quello per l’introduzione della Corte Internazionale per i reati di guerra e di ogni tentativo di applicazione delle risoluzioni sui conflitti in corso, sanciscono lo stato di impasse nel quale si trovano le Nazioni Unite. Non si riesce, insomma, in alcun modo a dare una ‘governance’ alla famosa globalizzazione. Così, ognuno per sé, sulla scorta della forza in possesso, sempre più brutale, a difendere i propri interessi nazionali. E’ la dottrina dell’uni123


lateralismo che avanza e, c’è da scommetterci, non ne verrà nulla buono. Quando fallì il primo Onu - la Società delle Nazioni - fu la seconda Guerra mondiale. La sinistra, che ci risultava essere una volta internazionalista, non riesce a dir nulla, riflettendo la vacuità del suo organismo principale: l’Internazionale socialista. Sarebbe bello che a fronte allo stravolgimento del diritto internazionale, che - come noto - non prevede ‘la guerra preventiva’, la sinistra in generale, e quella nostrana in particolare, rinunciasse al pacifismo metafisico e monodirezionale verso USA e Israele e utilizzasse, invece, un’etica della responsabilità per mobilitarsi a salvaguardia del diritto internazionale su tutti i fronti. Tenendo poi conto del fatto che lo scenario bellico in corso propone, nel caso più clamoroso e pericoloso, uno scontro tra civiltà giudaico-cristiana e islam che dovrebbe necessariamente rilanciare il linguaggio della laicità per uscire dall'attuale coro del duplice manicheismo dalle retoriche religiose, proprie tanto degli ‘unilateralisti’ che dei ‘terroristi’. (l.g.)

124


Titolo: (24.09.02) A destra di Tabacci Redazione Scrive De Michelis, su Il Nuovo: “Dopo poco più di un anno di vita la maggioranza governativa accusa qualche affanno, nel mentre l'opposizione, soprattutto a livello della società civile, sembra ricompattarsi e rialzare la testa: bene fa quindi Umberto Bossi a richiamare anche bruscamente i propri partners a stringere le fila ed a rilanciare i propri progetti di riforma del Paese.” E conclude l‘articolo chiedendo a Tremonti di farsi carico di individuare “con precisione tappe e passaggi obbligati” per giungere alla devolution. Bruno Tabacci, del Udc, invece di esaltare le pantomime padane di Bossi e chiedere a Tremonti di farsene carico, non usa mezzi termini nei confronti del ministro dell’Economia: sul controllo della spesa pubblica ''è stato superficiale'', ha dichiarato di recente nel suo intervento alla seconda giornata del forum organizzato da Business International. Un’altra grana l’aveva piantata, settimane fa, con la Lega sulla maxisanatoria per gli immigrati. A noi pare veramente curioso che il segretario di un “partito socialista” riesca a porsi a destra di un centrista del Polo come Tabacci, il quale verso i ministri Bossi e Tremonti, e il governo in generale, ha assunto il ruolo del più accesso piantagrane di questa maggioranza. Gianni De Michelis no, il suo 125


ruolo - alla faccia della salvaguardia di una identità socialista, evidentemente ormai solo nominalistica, nella Casa delle Libertà – si esaurisce in quello di suggeritore che dispensa prudenti consigli su politiche economiche ed internazionali ad uso interno delle correnti di governo. Del controllo della spesa pubblica non è mai stato maestro, ma forse nutre qualche speranziella di soffiare al “compagno” Frattini la prossima nomina alla Farnesina, o almeno di parteciparvi come sottosegretario. Chissà? (l.g.)

126


Titolo: (01.10.02) Il crocifisso tra leggi e religioni Redazione Il crocifisso «sfrattato» dalle aule dopo il concordato firmato da Craxi negli anni '80, torna a far parlare si sé. Naturalmente non era sparito dalle scuole, ma solo parzialmente. E’ evidente che l’intento era quello di permettere una graduale ritirata del simbolo religioso dallo spazio pubblico scolastico. Ma oggi siamo in un triste periodo di crociate e quindi molto del patrimonio politico e culturale che si pensava consolidato è messo in discussione. Dalla divisione dei poteri dello Stato alla laicità dello stesso, pare che si debbano affrontare i temi politici tornando ad intingere le piuma alla maniera dei ‘philosophes’ del secolo dei lumi. La questione del crocifisso, a leggere la stampa italiana, sembra infatti che sia essenzialmente una questione tra religioni. Un problema di rapporti tra religioni o di identità culturale nazionale, o europea, quando si entra nel dibattito sulla carta costituzionale per l’Unione Europea. A nessuno, in Italia, neppure a Giuliano Amato, viene in mente di rammentare che la religione o l’identità culturale, nazionale o europea che sia, sono questioni di natura extra-istituzionale e extra-costituzionale. Leggi, regolamenti e costituzioni hanno una natura normativa della prassi dei rapporti tra uomini, società, istitu127


zioni e nazioni, mentre i valori culturali religiosi o morali non sono per loro natura di carattere contrattualistico ed è quindi perfettamente inutile che siano enunciati in quelle sedi. Non ha senso prevedere una legge che impone di pregare un certo dio e non un altro: nella prassi della propria coscienza ognuno prega poi per chi vuole. Del resto la legge non impone mai un precetto morale, magari sacrosanto, come “non uccidere”. Il codice penale, infatti, non dice “uccidere è peccato”, ma articola una serie di sanzioni a chi uccide, in quanto condividiamo tutti il fatto che chi uccide debba essere punito dalla società. Le norme, nel regolare i rapporti sociali, dettano operativamente i rapporti con tutte le sfumature, i casi e le eccezioni necessarie. Qualsiasi etica, religiosa o meno, non può invece prevedere sfumature, casi, eccezioni, senza perdere di forza e regredire allo stato di relativismo vacuo. La dottrina cattolica, per esempio, non può fare un eccezione per l’Africa, al divieto di usare i contraccettivi, quand’anche volesse aiutare ad evitare la diffusione dell’AIDS o la sovrappopolazione di genti affamate. Il punto allora è semplicemente quello di affermare laicamente che l‘ambito di espressione dei valori etici è estraneo alla contrattazione sociale che è il fulcro della prassi politica nella gestione della ‘cosa pubblica’, dello Stato e delle sue istituzione nelle democrazie liberali. Che siano le scuole italiane o l'Europa, l’alternativa è lo stato etico di Komeini o dei Talebani... o l’”ancièn règime”. (l.g.)

128


Titolo: (07.10.02) Mixx Campari Redazione Dopo il Presidente della Repubblica, le critiche alla legge Finanziaria sono seguite e cascata: il presidente della Confindustria D’Amato, quello della Banca d’Italia Fazio, il Presidente del Senato Pera. Tutti, con accenti diversi, hanno denunciato i limiti della manovra economica del governo Berlusconi. Per non parlare delle preoccupazioni di sindaci e governatori di tutta Italia. I limiti dell’esecutivo, in quel settore, quello economico, cui erano poste le maggiori aspettative da parte dell’elettorato ‘produttivo’ ed ‘emergente’, sono venuti a galla. Si è venuto scoprendo la falsità dell’ottimismo di facciata, ed è emersa la cruda realtà nei numeri dei vari parametri economici, finanziari e produttivi del nostro paese, ma soprattutto si è palesata l’incapacità di dar seguito alle promesse elettorali in materia di modernizzazione e riforma strutturale del sistema. Operazioni strutturali che, come noto, o si fanno a metà legislatura cioè adesso -, o non si fanno più in prossimità di elezioni. Non si può non prendere atto che alla fine solo un mix di conservatorismo e populismo è la cifra stilistica che ha caratterizzato gli interventi economici del governo i questa manovra di metà legislatura, col risultato di deludere e scontentare 129


tutti. In questo contesto, l’opposizione non solo non trae alcun beneficio per mancanza di progetti di sviluppo e di riforma alternativi, ma addirittura si frantuma sul terreno della politica estera. Il terreno cioè sul quale si misura, anche in sede internazionale, l’affidabilità e l'aspirazione a governare di una coalizione. Nel dissesto generale, il tema all’ordine del giorno dell’Ulivo, da tempo immemorabile, ruota sempre sulla gestione interna: come coordinarsi e come eleggere la sua leadership...etc. Continua l’inganno ‘ideologico’ di pensare che la condizione base di una salda coalizione risieda in una questione tecnica di ‘management’ interno e ‘marketing’ d’immagine. Pare loro che sia sufficiente individuare un portavoce unico ‘anti-Berlusconi’ perché tutto si risolva, e non colgono il risultato tragicomico al quale potrebbero approdare, emulando il modello che proprio adesso sta mostrando la corda, cioè quello di fornire al centrosinistra un suo leader, mix - a sua volta - di conservatorismo e populismo. Ci aspetta insomma una futura scena politica che potrebbe essere degna del set pubblicitario del Mixx Campari: uno zoo umano di esemplari ibridi, soprattutto nella 'voce', tra i quali scegliere il più bello. (l.g.)

130


Titolo: (17.10.02) Oligopoli Redazione Per chi non lo sapesse, le società quotate in borsa necessitano di essere certificate da altre società nella revisione dei conti. Alla fine dell’estate, l’amministrazione americana ha fatto votare al Congresso la legge Sarbanes-Oxley con il fine di migliorare la trasparenza dei bilanci e garantire il massimo livello di informazione agli azionisti, dopo i molteplici e gravi scandali finanziari. Una legge che si applicherà a tutte le società quotate a Wall Street, a prescindere dalla loro nazionalità, e quindi anche a quelle europee. Senza entrare nel merito dell’efficacia di detta legge, c’è un aspetto preoccupante di cui si spera che le istituzioni europee si occuperanno. Dopo la fusione fra Price Waterhouse e Coopers & Lybrand, nel 1998, due dei «sei grandi» consulentirevisori dell’epoca, l’antitrust dell’Unione Europea chiese un’inchiesta contro il rischio di concentrazioni. Oggi, travolta Arthur Andersen dal caso Enron, di quei «Big» ne sono rimasti quattro: oltre a Price Waterhouse Coopers, solo Ernst & Young, Deloitte & Touche e Kpmg. Si pone, quindi, un reale problema di trasparenza e oligopolio evidente. Tanto più che le quattro società hanno radici, con l’eccezione parziale di Kpmg, al di là dell’Atlantico.

131


Siamo nella situazione in cui tutte le imprese del mondo, quotate in borsa, sono soggette a una legge americana, ma soprattutto la certificazione dei loro conti è in mano solamente a quattro società, sempre americane. Chissà se questa tendenza alla creazione di oligopoli, così come si verifica in molto settori, come in quello automobilistico, sfaterà il mito che prefigurava la globalizzazione come una libertario processo di moltiplicazione del pluralismo economico d’impresa? Si torni a parlare di capitalismo e delle sue creazione oligopolistiche, senza vergognarsi e si dica che l’economia di mercato, da sola e incontrollata produce un mondo dove le ricchezze vanno concentrandosi a livelli inconcepibili nelle mani di pochissimi. In questo contesto, il socialismo europeo, e non, ha sempre molto, molto lavoro da svolgere. (l.g.)

132


Titolo: (23.10.02) Polito: tu vo’ fa’ l’inglese, ma sei nato in Italy Redazione L'ex corrispondente da Londra di "La Repubblica", Antonio Polito esce oggi con un nuovo quotidiano, 'Il Riformista', già etichettato - prima della pubblicazione - come 'Il Foglio di sinistra'. Stesso formato, ma con l'arancione come colore 'sociale' e un omino che scruta in alto col cannocchiale, come logo. Columnist più noto, Lucia Annunziata per la politica internazionale. Editoriale politico sulla Cirami a cura del senatore Franco Debenedetti che propone al centrosinistra il voto di astensione. Modello politico auspicato, la terza via di Tony Blair nell'alveo del sistema maggioritario italiano. Parola tabù, socialismo. Scrive Polito nell'editoriale di presentazione: "Cercheremo i veri riformisti e daremo loro voce. La loro cultura è nata, un secolo fa, nella sinistra e nel movimento dei lavoratori. Dove ha vinto, ha creato società più efficienti e più giuste. In Italia si è smarrita in mille rivoli". Da questo rimandare a una cultura che non si nomina subiamo l'impressione che il direttore, come capita a molti anglofili, voglia fare l'inglese più degli inglesi, battere la terza via più del New Labour, essere più realista del re Tony. Incarnando la cultura analitica anglosassone, Polito riduce la 'trinità socialista' a binomio pragmatico, privo dello 'spi133


rito santo', quando conclude la presentazione del quotidiano scrivendo: "Ci si può ancora battere per gli ideali della Rivoluzione francese: libertà ed eguaglianza. Il terzo, quello della fraternità, ci sembra per sempre sepolto sotto le macerie delle utopie e i fasti dell'individualismo di massa". Tutti i nostri auguri al 'Il Riformista' e a Polito per questa impresa editoriale utile e coraggiosa, ma non possiamo esimerci dal ricordare che le culture hanno nomi e cognomi e che le tradizioni senza padri e ‘spirito santo', forse non producono utopie pericolose, ma sicuramente privano il riformismo di una retorica comune che fornisca un’identità condivisa al centrosinistra. Alla fraternità, forse, non si può rinunciare solo perché deve essere liberata dalle macerie del populismo, del massimalismo e del giutizialismo. Non possiamo né eludere, né continuare a reinventare il passato, così come non possiamo sacrificare la dimensione ideale, utopica e immaginifica sull’altare del pragmatismo: le idee riformiste hanno bisogno di storia e di sogni. (rt e l.g.)

134


Titolo: (30.12.02) L'Avanti (di Lavitola)... avesse contratto l’AIDS! Redazione Domenica 29 dicembre, compro il giornale di Lavitola. L’Avanti di oggi è l’unico quotidiano che riporta in prima pagina la notizia che "Berlusconi è nonno per la seconda volta”, penso tra me. Non basta, vediamo l’incipit dell’editoriale con tanto di foto dedicata al Cavaliere: “Sul delicato ed essenziale tema delle riforme, non si può che condividere quanto il presidente Berlusconi ha, in questi giorni, detto. (…)”. Non basta ancora, vediamo il titolone e l’articolo di lancio: “Brunetta: il 2003? L’anno delle riforme. L’europarlamentare di Forza Italia ricorda…”. Sconsolato giro pagina. La seconda e la terza sono culturali, ma c’è da farsi venire le vertigini, perché cambia completamente musica: si parte con due articoli di un socialismo veramente esagerato, come la nota aranciata! In testa, un articolo di severa critica al capitalismo tratto a piene mani dell’introduzione scritta dal prof. Francesco Forte, già ministro socialista, alla riedizione di un libro di Shumpeter del '42, ma servito sotto forma di collage affrettato e appiccicaticcio. Pazienza, si capisce comunque il concetto: il capitalismo è un gran “casinò” con sempre meno regole dove domineranno i giochi finanziari a breve termine. Forse basta-

135


va scrivere che è un casino per eiuculatori precoci, ma sull'onda dell'entusiasmo proseguo e vado sotto. Sempre in seconda pagina, trovo una risorgimentale invettiva anti-savoia degna d’altri tempi che si conclude inneggiando all’erezione in ogni città italica di un monumento all’anarchico Bresci! Vacillo domandandomi cosa aspettarmi negli articoli a seguire. Ma resto deluso poiché seguono ameni articoletti su spettacoli teatrali con “la perspicace regia di Pippo Franco” e di recensioni letterarie che s’interrogano se “sta forse nascendo uno corrente letteraria sarda?”. Sorvolo sulle brevi dedicate alle scontate lodi alle letture dantesche di Benigni o ai prossimi eventi per l’anniversari della morte di Fellini. Sono personaggi ormai bipartisan, quindi assolutamente innocui, oggi. Provo infine a soffermarmi su un ultimo articolo prima di addormentarmi col mal di testa. Parla della morte di un fotografo. Vado a leggere: “Chiunque frequenti un minimo le passerelle di tutto il mondo – e molti giornalisti sono tra questi – sa bene che si diceva da tempo che il fotografo aveva contratto l’aids”. Mi fermo perché mi accorgo che l’autrice dell’articolo, come giornalista, forse ha passato troppo tempo sulle passerelle e troppo poco a studiare la coniugazione dei tempi nei verbi. Sdraiandomi sul letto con le ultime forze mi domando: cos’è L’Avanti? Un congiuntivo mancato. “...avesse contratto l’aids.” Forse era meglio! (l.g.) 136


Titolo: (21.12.02) Natale 2002: nobili si nasce Redazione Al grandissimo Antonio de Curtis ci vollero quasi trent’anni di battaglie legali e mediatiche per accedere all’empireo dell’aristocrazia. Vinse le cause grazie ai proventi dei lazzi di Totò e così si scoprì che principe lo era sempre stato per nascita. Della sua nobiltà i fans puri di cuore mai avevano dubitato. Ai commercialisti, avvocati, industriali, rider, intellettuali, scrittori, tutti d’antico pelo che hanno dato vitalità e notorietà a Libertà & Giustizia, un’ associazione nata nelle retrovie della borghesia torinese, è bastato invece poco meno di un mesetto per trasformarsi in Giustizia e Libertà e per tentare così, complice La Stampa, d’ impadronirsi della nobile tradizione dei fratelli Rosselli & Militanti correlati. L’impresa dei più che settuagenari - tra garanti e dirigenti solo due hanno meno di sessant’anni - per ora è abortita perché già esiste un’altra associazione con lo stesso nome e le stesse finalità – girotondi, giustizialismo, antiberlusconismo -, nata nel 1994 all’epoca della primo governo del Cavaliere d’Arcore. Da questo ceppo provengono alcuni dei dirigenti del nuovo e potentissimo sodalizio che si pone un preciso obiettivo: « Ricostruire l'identità civile di questo Paese, per 137


riscrivere il patto di cittadinanza che è alla base dello stare insieme e per fermare il declino dell'Italia nel mondo. Un patto che avrebbe oggi, come primo firmatario, Indro Montanelli. Il grande leader della società civile ci ha lasciato un compito: intervenire con la cura giusta quando i due anni del "vaccino Berlusconi" avranno fatto il loro effetto», come dice Carlo De Benedetti, con l’entusiasmo tipico del miliardario che, giunto alle soglie della grande età, dispensa saggezza in luogo di cattivi esempi. . L’influente e ingombrante patron della nuova istituzione si rivolge a tutti gli italiani, rilevando che «Al di là degli schieramenti di destra e di sinistra, su questioni come il conflitto di interessi, la qualità dell'informazione, la moralità del potere, il rispetto dell'ambiente, l'etica della ricerca, solo il "tuono" della società può arrivare dove la politica è di fatto impotente. E' la libertà, comunque, che deve restare la nostra prima bussola, il nostro primo valore. Crediamo in un mondo di uomini liberi, in grado di difendersi sul mercato con i propri talenti e le proprie conoscenze. Riconosciamo le differenze sociali come l'esito del confronto tra persone dotate di libero arbitrio». E Franzo Grande Stevens, massimo avvocato civilista italiano e ‘garante’ di Libertà e Giustizia, chiarisce ancor meglio il concetto, citando il filosofo della scienza Amartia Sany: « Lo sviluppo dell'umanità va definito e misurato in termini di libertà individuale e di qualità della vita e non in termini di prodotto interno lordo".

138


Sono frasi e militanze sorprendenti, se si considerano i personaggi. L’uno è il capitalista che girava il mondo fischiando la ‘fine della ricreazione’ ai vecchi establishment europei, comprando e vendendo aziende, poco incline - allora alle ansie sociali del Grande Stevens di oggi. L’altro è l’uomo degli Agnelli, l’esperto delle più avanzate alchimie societarie che siede in innumerevoli consigli d’amministrazione d’istituzioni culturali e di aziende (l’ultima acquisizione è la vicepresidenza Fiat). Con loro sta un ‘parterre de roi’, onusto di glorie e carico d’anni, tutti rigorosamente over sessanta e settanta: Umberto Eco, Enzo Biagi, il giurista Guido Rossi, l'economista Innocenzo Cipolletta. E, ancora l'architetto Gae Aulenti, Claudio Magris, Alessandro Garante Garrone, Giovanni Sartori, Umberto Veronesi, l'ex direttore de Il Sole 24 Ore, Gianni Locatelli e Giovanni Bachelet, questi ultimi due solo poco più che cinquantenni. Solo Simona Peverelli, con i suoi 31 anni, è l’unica rappresentante delle nuove generazioni; è lei l’astro nascente del team avendo organizzato il ‘giorno della Legalità’ con Paolo Flores D'Arcais e il movimento Le Girandole, lo scorso 23 febbraio al Palavobis di Milano. L’operazione messa in piedi tra Milano e Torino, fortemente sponsorizzata dal Corriere e da La Stampa, è già ricca di quasi tremila adesioni, duemila iscrizioni formalizzate, altre mille in itinere. Tra queste molte sono di esponenti del mondo culturale e professionale che gravita a sinistra e si sente 139


stimolato alla nuova avventura dalla promessa di un ricco bottino: quale che sarà l’esito, con condottieri così ricchi non ci si perde mai. Libertà e Giustizia nasce in chiave anti-partiti, si ispira alla ‘Società aperta’ di Carl Popper, ma si nutre d’intolleranza e risentimenti. Ormai considerati dannosi e incapaci, i politici devono essere messi in riga. Quindi la ‘società civile’ si mobilita in vista della resa dei conti con l’attuale governo. Il campione messo in campo dalla borghesia è Romano Prodi, ma l’obiettivo immediato è quello di un rimescolamento di carte all’interno dell’Ulivo, in modo da spostarne l’asse verso il centro dello schieramento. Probabile beneficiaria di questo “girotondo di miliardari” sarà, quindi, la Margherita e lo spazio politico per i socialisti si chiude ulteriormente. Tra i nuovi nobili che si comprano L’Avanti e i vecchi nobili che si compreranno l’Ulivo, per chi nobile lo è come Totò, cioè nel cuore socialista di tante compagne e compagni, resta l’orgoglio. La rabbia e il risentimento, non perché sia Natale, ma non servono proprio: sono politicamente inutilizzabili, come già diceva Nenni. Così, accanto all’orgoglio socialista, in questo fine d'anno, ci possiamo nutrire solo di 'pessimismo della ragione', ma a chi ha la forza di agire ancora chiediamo un regalo. Un po’ di 'ottimismo della volontà'. L'aspettiamo... è pur sempre Natale! (rt e l.g.)

140


Titolo: (19.01.03) Molto da leggere, poco da sperare Redazione Forse hanno ragione Bobo Craxi e Ugo Intini quando, in questo terzo anniversario, affermavano che «finalmente la figura di Bettino Craxi non è più vista come quella del latitante morto all’estero ma dello statista costretto all’esilio». Ma hanno anche ragione Massimo Siracusa e Paolo Mieli che nelle epistole sul Corriere sostengono che per storicizzare Tangentopoli probabilmente dovrà “passare una generazione, forse due, dopodiché arriverà qualcuno che non ha avuto a che fare con quegli episodi e tutto sarà più facile”. Il punto politico concreto però è: quanto dovrà passare per una futura riunificazione della diaspora socialista? Antonio Girelli, ex direttore dell’Avanti!, sostiene che: “Oggi, a mio avviso, tutto ciò che i socialisti possono e devono fare è di abbandonare l'ossessione, opportunistica o dissennata, di anteporre la scelta delle alleanze alla rinascita del partito, per ritrovare a tutti i costi l'unità. Le elezioni regionali, se non quelle amministrative, sono fatte apposta con la loro logica proporzionalista, per secondare questo disegno.” In una intervista a Il Giorno, Bobo sostiene, in riferimento ad una prospettiva di spaccatura nei DS, che “Il problema sarebbe trovare in questa destrutturazione uno spazio per una area 141


riformista...”. Questo significa aspettare le evoluzioni che compieranno Fassino e D’Alema, oggi alle prese con Cofferati, il correntone, i movimenti e il referendum sull’art. 18. Intanto il Nuovo PSI chiede all’Internazionale Socialista che si riunirà a Roma domani (lunedì 20), di partecipare ai lavori come membro osservatore. Una casa comune dei socialisti riformisti è una prospettiva di mesi o, come per la storia, occorrono le generazioni? Se si dovessero guardare solo alle iniziative editoriali dell’aera riformista, c’è da avere poche speranze. l’Avanti si fa in tre. Pillitteri collabora con all’Opinione di Diaconale. Un altro ex, Dell’Utri, da qualche mese esce col settimanale “Domenicale”. Sull’altro versante, Claudio Signorile uscirà col suo quotidiano, La Gazzetta politica. I fans di Tony Blair hanno da qualche tempo “il Riformista”, fronda a destra dei DS, come ‘Il Foglio’ a sinistra di FI. In totale, tra qualche mese, avremo 5 quotidiani e 3 settimanali nell’area liberal/socialista/riformista dei due schieramenti. A breve, quindi, c’è molto da leggere …e poco da sperare! (l.g.)

142


Bobo Craxi: Route El Fawara, Hammamet (2003) Non ha nulla di enfatico, eroico od apologetico. Non traspaiono né rancori né nostalgia. E’ la storia di Bettino Craxi vista con gli occhi del figlio tra l’11 febbraio 1993, quando si dimise da Segretario del Psi, al 19 gennaio 2000, quando la morte lo colse ad Hammamet. Sorprende veramente l’assenza di ogni carattere agiografico in questa conversazione tra Bobo e il giornalista Pennacchi dalla quale si dipanano gli anni dell’esilio tunisino del leader socialista. C’è l’affetto del figlio, certo, ma anche tutte le difficoltà e la pesantezza di trovarsi ad essere “arruolato” nell’ultima battaglia da un padre spigoloso, umorale ed egotico. Le vicende politiche si intrecciano con quelle private in dosi che rendono piacevole la lettura di ‘Ruote El Fawara’. E’ inutile cercarvi retroscena politici inediti, il valore del libro risiede nel ritratto piano di Bettino Craxi svolto da Bobo in un rapporto nel quale si intrecciano le necessità di memoria e di oblio. Un rapporto tra la passione e l'affetto che custodiscono il ricordo e l'esigenza di dimenticare per superare ed andare oltre. Tutto parte, certo, dalla dimensione umana personale del figlio che rivisita gli ultimi anni del padre, ma ne sottende un’altra più squisitamente politica. Una dimensione che suggerisce da una parte l'inevitabilità di ricordare in 143


modo equilibrato l’azione politica svolta da Craxi, e dall’altra, di avviare verso il superamento politico della sua figura, in modo che il suo nome non venga mantenuto nell’agone dei partiti italiani come una clava da utilizzare dalle parti, come avviene per tanta parte della nostra storia contemporanea. Dal libro si evince l’interesse di Bettino “esule” ad Hammamet verso fenomeni ed iniziative politiche che vanno dalla fondazione di Forza Italia, fino al movimento di Seattle e Bertinotti, passando per la a Cosa 2, il Trifoglio di Cossiga, lo Sdi e il PS. Questo interesse ad amplio raggio è speculare a quanto sta accadendo negli ultimi tempi, cioè i gesti e le iniziative che da ogni parte politica operano una “riabilitazione” della sua figura. Entrambi i fatti evidenziano come non esista una parte politica che possa legittimarsi a suo nome, o dichiarasi sua erede, ma sono anche sintomi che la “questione socialista” e la sua “diaspora” non può e non poteva trovare, né ieri né oggi, repliche o avalli nel pensiero di Bettino Craxi. ‘Ruote El Fawara’ non propone quindi nessuna risposta, ma invita semmai a ri-conoscere la vicenda degli ultimi anni di Bettino, non per usarla come arma di scontro, bensì per introdurla nella dimensione della Storia italiana, com'è legittimo attendersi in un paese che abbia placato le sue vendette e rinunciato alle sue ipocrisie. (Luca Guglielminetti) 144


Titolo: (28.09.03) Black out totale Redazione Già non è facile dormire dopo un film di David Cronenberg, poi urlano le sirene: è mancata la luce nella notte e gli allarmi scattano tutti. C’è da alzarsi presto. Oggi, devono far brillare due ordigni della 2° Guerra mondiale in un cantiere della futura Torino olimpica: il quartiere è da evacuare. Sono le 6,30 di una domenica mattina senza elettricità da ore e, quindi, anche senza acqua. La radio, a pile, mi informa di quel che succede e sconsiglia di uscire ed usare automobili. Mentre. assonnato ed incarognito, sospiro un caffè, urlo alla moglie di usare l’acqua minerale per lavare la caffettiera. Sono le 7,45, torna la luce, ma le sirene non cessano: ora sono quelle delle forze dell’ordine che avvisano di sfollare. Poi tutti fuori sporchi e malconci, naturalmente piove. Gli eventi mi portano fatali a venire al lavoro. Ci sono tutti i quotidiani tranne quello torinese, che evidentemente deve possedere un generatore elettrico molto economico e che sceglie di 'ribattere' l'edizione con notizie dettagliate sullo sconquasso energetico. Metà dei siti web di informazione sono out o non aggiornati. Le e-mail e i comunicati stampa parlano sempre di unità socialista per le europee, e sempre Boselli vuol suicidarsi nel listone Prodi. Il governo, dopo l’inettitudine, procede a gran corsa verso la farsa: non c’era una politica seria e coesa e quindi ognuno per sé, la maggioranza non

145


esiste più. Intanto la Margherita, che non ne ha mai abbastanza, chiede una commissione d'inchiesta. Anche a Ve l t r o n i il konsumista-amerikano-mai-stato-komunista, va male: non si sederà più al tavolo con Bossi, dice lui, ma non credo neppure che potrà più riaccendere luci e negozi della capitale per tutta la notte. Pure Tony Blair non sta bene, con buona pace di Polito/Il Riformista e Carluccio/Critica Sociale: oggi si apre il congresso del Newlabour a Bournemouth e ieri la piazza pacifista a Londra era piena, quanto l'Irak vuoto di armi di distruzioni di massa. Mi vengono poi in mente tutti quelli che considerano gli ecologisti dei visionari, paranoici e catastrofisti: ora diranno che il black-out di questa notte è colpa loro per via del referendum contro il nucleare di quindici anni fa, dimentichi di quanto è successo negli USA poco più di un mese fa. Insomma è una pessima domenica e sono anch'io in black-out. Meno male che ieri Ferrante e il Toro…, ma esiste veramente ancora il calcio? Portatemi un altro caffè, per favore! (l.g.)

146


Titolo: (08.11.03) L’Isola dei Socialisti… Famosi. Redazione Se non c’è forum che tenga per unire i dirigenti socialisti, perché non chiedere alla Aran Endemol del marito di Stefania Craxi, di produrre un format analogo a quello dell’“Isola dei famosi”, in onda su Rai 2? In fondo, in comune coi naufragi dell’isola, gli ex dirigenti del PSI hanno il fatto di essere dei famosi di seconda o terza categoria come Adriano Pappalardo o la Carmen Russo. Contrappasso dantesco sarebbe la dieta coatta cui sarebbero sottoposti per i passati fasti della ‘Milano da Bere’. Lo seguirebbero contenti anche i seguaci di Di Pietro, adesso che è chiaro a tutti che più che un paradiso tropicale, l’isola famosa risulta una colonia penale. Da li, i nostri dirigenti non potrebbero scappare, sarebbero costretti a confrontasi per forza in uno spazio limitato. Invece dei giochi, ogni settimana, si sottoporranno ad una prova di unità: dovranno elaborare un documento politico comune su un tema proposto dal conduttore, il quale potrebbe ben essere l’ex parlamentare PSI Jerry Scotti. Ogni domenica almeno tre cartelle su: diritto internazionale e globalizzazione, riforma del walfare e pensioni, conflitto di interessi e televisioni, riforma del sistema giudiziario, scolastico e sanitario, laicità dello stato e immigrazione, etc.

147


Noi tutti, sfigati teleutenti socialisti italiani (STiSI) di ogni risma, età o fazione, che navighiamo, chattiamo, mandiamo SMS, potremmo seguirli e votarli, facendo una selezione ‘naturale’ fra chi tra loro dimostra buona volontà, coraggio e determinazione ad unire la diaspora decennale. Tele-voteremo il venerdì sera gli elementi che meno si coagulano nel gruppo, fino a che non ne resteranno due e poi uno solo che vincerà, non soldi - per carità (!) - ma la carica di nuovo segretario politico. Facile no? (l.g.)

148


Cinico Natale: Auguri a... Da: La Redazione, da Oggi in Italia Data: 20/12/2003

Auguri a chi non si è accordo che il Bel Paese è in guerra e pensa che siamo brava gente con un cuore d’oro che va in giro a fare solo i pacificatori, scambiando i ‘peacemaker’ con i ‘pacemaker’. Auguri a chi pensa che Tangentopoli sia stata una caccia al ladro e non si è accorto che ha aperto la strada alla postdemocrazia, nella quale gli interessi di una minoranza potente sono divenuti ben più attivi della massa comune nel piegare il sistema politico ai propri scopi. Auguri a chi crede che i crocifissi nei luoghi pubblici dello Stato facciano da scudo missilistico al fondamentalismo islamico. Auguri a chi parla di riforma della previdenza sociale dall’alto di una generazione che ha avuto privilegi, posto fisso e baby pensioni e che ha ridotto i suoi figli nel precariato, chiamando flessibilità la libertà di progettare la propria vita per i prossimi tre mesi.

149


Auguri a chi approva le campagne contro il fumo, la droga, le stragi del sabato sera e non vede che il suicidio è la seconda causa di morte per i ragazzi fra 14 e 24 anni. Auguri a Parma, nuova Authority europea per l’alimentazione, ma anche alla Parmalat, alla Cirio e a tutto il sistema bancario italiano per la gestione dei risparmi dei cittadini. Auguri ai girotondi che in trenta al Pantheon, a festeggiare Ciampi, si fanno chiamare società civile, ma che se non faceva freddo ci sarebbe stato anche Moretti... ed erano trentuno. Auguri a chi gli piace la Meglio gioventù, Madre Teresa, Padre Pio e Caterina va in città, ed esce da Dogville senza aver capito nulla. Auguri a chi continua a preferire il sistema bipolare e farci sempre scegliere così tra due democristiani. Auguri, infine, ai dirigenti socialisti che, dimenticando il voto di scambio, le cliente e camarille del PSI, cercano ex elettori e, dimenticando i loro stipendi da parlamentari o le pensioni da ex tali, hanno perso ogni orizzonte di giustizia sociale. (l.g.)

150


Infrastruttura scuola Da: La Redazione da Oggi in Italia Data: 07/02/2004 L’occupazione di un’università, come è capitato a Roma, con tanto di professori ex sessantottini, ormai privi di eskimo e di qualche capello, è comprensibile che sia notizia degna di ampio spazio, ma in questi giorni ci sono state anche altre 'occupazioni', meno note e appariscenti: sono quelle degli atrii di molte scuole elementari e medie in tutta Italia, da parte di genitori e maestre riuniti in occasionali assemblee perché preoccupati anch’essi dalle conseguenze dalla riforma del Ministro Letizia Moratti. Il tentativo di minare le basi del tempo pieno e della pluralità di insegnanti, suona veramente preoccupante in un paese che, nelle medie europee, risulta agli ultimi livelli per i più alti tassi di abbandono scolastico. Parimenti stonato risulta l’indirizzo politico volto ad un maggiore intervento privato negli istituti d’istruzione di ogni ordine e grado. La realtà economico industriale del nostro paese non pare proprio al momento sia quella di una 'tigre asiatica', dove i privati concorrono massicciamente ad investire in quella che è la risorsa più rilavante nell’economia postfordista, il capitale umano.

151


Così, mentre ci risultano poco opinabile gli interventi alla Blair relativi alle tasse universitarie, i problemi dell’istruzione di base, dell’abbandono scolastico, delle fondamenta comuni di una società sempre più strutturata sui saperi e le conoscenze, richiederebbero che l’intervento pubblico si ponga in modo analogo a quello utilizzato per le grandi opere infrastrutturali. Franco Venturi in "Quaderni dell'Italia Libera" del 1943, scriveva che i socialisti (liberali) “sanno quando e come è il momento di privatizzare o meno”. A noi pare che la competitività del nostro sistema richieda oggi semmai un maggiore sforzo da parte dello Stato nella formazione del capitale umano italiano. Qualcuno ha detto che nelle elezioni del 2001 il centrosinistra pagò anche per le 'riforme' condotte dal ministro Berlinguer, prossimamente è facile prevedere che toccherà al centro-destra per quelle della Moratti… sorvolando sulla proposta ‘azzurra’ di vietare agli 'under 11' la partecipazione alle riunioni in luogo pubblico! (l.g.)

152


Le spine della Rosa (nel Pugno) Data: La Redazione da Oggi in Italia Ora: 17/11/2005 E' comprensibile, nelle dinamiche politiche, che la tattica di Sdi e Radicali sia di tenere sulla corda il Nuovo Psi di Bobo Craxi, con la scusa della legalità del Congresso e la proprietà del simbolo, per poi accoglierlo all’ultimo momento, quasi come un ospite tollerato. Quindi al momento, possiamo dire che le spine le ha chi è senza rosa. Chi oggi la tiene forte in pugno, potrebbe però trovarsi anche lui qualche spina alla conta dei seggi, se ritiene di cavalcare fino alla scadenza elettorale i soli temi della laicità dello stato. Da una parte, non è infatti interesse né di Polo né di Unione, una campagna elettorale sui temi del concordato, della pillola RU-486, del cardinale Ruini, etc… Dall’altra, occorre considerare che un conto è se si tratta di fare lo Zapatero dei diritti civili, tutt'altra cosa è se si tratta di fare il Blair del liberismo economico, dei tagli nel pubblico impiego, del contenimento dello stato e dell'intervento attivo in politica estera. In questo caso i cari compagni dello Sdi, di Unità Socialista, nonché di “Socialismo è Libertà” e della Uil si troverebbero in un imbarazzo notevole e tutte i buoni propositi di novità politica, espressi fino ad oggi, improvvisamente si sgonfierebbero, con la conseguenza che la base dei compagni dello Sdi,

153


tornerebbe a sospettare che, come con Dini, con i Verdi e con Prodi, i vertici del partito, con l’abbraccio radicale, perpetuino l’ennesimo espediente per sopravvivere a se stessi, esattamente come fanno, sull’altra sponda, i "governativi" del Nuovo Psi, (che probabilmente finiranno a fare la corona intorno al simbolo di Forza Italia insieme a Pri, Dc ed altri). La cartina di tornasole sulla bontà generale dell'operazione "rosa nel pugno", sarà quindi sui temi sociali: la sfida del socialismo liberale, che vuole farsi erede di quello craxiano aggiornato ai nostri tempi, resta Blair. A chi raccoglierà la sfida, onori ed oneri, agli altri resteranno spine di rosa o spoglie di garofano. (l. guglielminetti)

154


Titolo: (25.11.05) Fuori della 'fattoria' prodiana Redazione In fondo Prodi e l’Ulivo riservano alla Rosa nel pugno, lo stesso trattamento che quest’ultima riserva al Garofano. “Ad oggi infatti nessuna convocazione a riunioni dello schieramento di sinistra e' stato loro (alla Rosa nel pugno) concesso. Eppure Prodi il 16 novembre ha incontrato i sindacati confederali ed il 19 ha trovato perfino il tempo di intervenire al congresso dei socialisti francesi tenendo un discorso di oltre 10.000 battute”, cito testualmente da un cahier de doléance del Notiziario radicale. Idem si può dire per il Garofano al quali parimenti non è stata concessa nessuna convocazione da parte dei compagni Sdi-radicali. Meno male che stiamo parlando di partiti propugnatori o interessati a un soggetto che si chiama Unione! A pochi mesi dalle elezioni politiche nascono quindi alleanze elettorali che, invece di considerarsi cantieri aperti, tengono ben chiusi i ranghi. Questo mentre la CdL non potrà che recuperare terreno nei favori degli elettori, come è a tutti noto, per le qualità del marketing di Berlusconi. Farsi male da sola è una malattia cronica della sinistra italiana. Si attenuerà quando si sarà giunti a un solo grande partito di centrosinistra, senza trattino, senza se e ma, senza 155


identità storico culturali da sbandierare solo per grette finalità. Non importa neppure come si chiamerà il nuovo partito, se mai nascerà conterà solamente che abbia un programma, al contrario di quanto accade oggi. Andiamo tutti a meditare e e proporre idee, anche fuori della 'fattoria' prodiana che non può essere l'unico nostro pensatoio: sarà meno 'appagante' del fiore giusto per il seggio giusto, ma è al programma, in primis a questo, che è necessario lavorare, per chi al socialismo liberale vuole dare un’eredità nobile e non banale. (l. guglielminetti)

156


Titolo: (01.12.05) Giavazzi: i nodi al pettina della Rosa Redazione Abbiamo posto sul forum principale la rassegna stampa seguita all’articolo sul Corriere della Sera di sabato scorso dell’economista liberale Francesco Gavazzi, “Cinque impegni per i cento giorni”, perché, al di là dell’indubbio pregio e sensatezza delle proposte ivi contenute, immaginavamo che avrebbe rappresentato una cartina di tornasole per la Rosa nel Pugno. Puntualmente l’altro ieri, il segretario radicale Capezzone ha manifestato pieno sostegno: “Mi schiero per la "linea Giavazzi" e chiedo che candidati, partiti e schieramenti dicano cinque chiari "si'" o cinque chiari "no" alle domande poste da Giavazzi”. Oggi il probo Villetti - vicepresidente Sdi - ha, invece, detto solo: “ma, …sì forse, …quello non è possibile, … quest’altro non si può proprio fare”. Come qui sotto scritto, meno di due settimane fa, sulle questioni economico-sociali casca l’asino sulla Rosa. Dopo la breve brezza del profumo dei petali, siamo già alle spine. La sola domanda, retorica, che pongo ai Radicali è questa: in considerazione del fatto che sia loro che il Nuovo Psi, pur con modalità diverse, fino a pochi mesi fa erano semi-alleati della Cdl ed entrambi stavano maturano la ovvia scelta di 157


passare nel centro-sinistra, non sarebbe stato più naturale che il discorso ‘Rosa’ nascesse tra questi due soggetti, per poi interloquire con lo Sdi come testa di ponte con l’Unione? In fondo la scelta a favore del centro sinistra è costata anche ai radicali italiani una scissione: è di ieri la presentazione dei ‘salmoni’ Della Vedova, Taradash benedetti da Berlusconi in persona, sempre in vena di scherzare dichiarandosi “più bravo della Thatcher”. Suddetta domanda ha però valore se, e solo se, nel Nuovo Psi fosse maturata nel frattempo una linea programmatica nettamente ‘blairiana’ o, anche solo, ‘zapatera’, alla luce delle recenti scelte del governo spagnolo sulle partecipazioni statali (abolizione della ‘golden share’). La conclusione, per essere molto espliciti, è che qui in Italia c’è il rischio che gli unici che incarnino in qualche modo il liberalsocialismo europeo siano solo i radicali, più qualche voce nei Ds e nella Margherita, mentre la varie formazioni socialiste, nel nome, siano restate o con lo sguardo rivolto indietro al passato o rivolto in basso verso lo scranno su cui sono sedute. (l. guglielminetti)

158


Titolo: (28.12.2005) Democrazia deformata Redazione "Quando un equilibrio entra in crisi e si creano poteri troppo forti, prevaricanti, la democrazia si corrompe. Provi ad immaginarsi che cosa significherebbe in Italia una situazione in cui i grandi gruppi industriali, che già posseggono i giornali, possedessero pure le banche e il loro potere si allargasse a quello finanziario, assommato a quello industriale e dell'informazione. Si creerebbe un forte squilibrio. Se il potere giudiziario usa il potere che ha in modo violento, interpretando le leggi sovente in modo estensivo o abusivo e senza controlli e travolgendo ogni forma di controllo e ogni possibilità di arginare questa violenza, questo significa che una società comincia ad essere una società meno democratica, significa che la democrazia viene deformata" (Bettino Craxi, l'Avanti!, 7 novembre 1992). Dopo quasi 14 anni da quelle parole, la differenza risiede essenzialmente nel “possedessero”: i grandi gruppi industriali, salvati da Tangentopoli, come ha ricordato di recente Sergio Cusani su il Sole 24 Ore, non sono infatti riusciti a rafforzarsi, eccezion fatta per il gruppo berlusconiano (con il sostegno del centro sinistra al governo) e nonostante le privatizzazioni “protette dall’interesse nazionale”, ma sono tutti finiti ad essere in gran parte “posseduti” dal sistema bancario. 159


A questa differenza strutturale, si aggiunge il venir meno della diversità o superiorità morale degli ex Pci: anche il loro partito ha subito una specie di «mutazione genetica». La casa di Hammamet di Craxi sta alla barca a vela di D’Alema, come il collateralismo del cooperatore Consorte con Fassino, non è diverso da quello tra Bettino e gli imprenditori emergenti allora come Gardini e Berlusconi. La pentola scoperchiata, da Cirio ai Bond argentini, da Parmalat alla Banca Popolare di Lodi, sul capitalismo finanziario nazionale apre una visione di democrazia deformata forse ancor peggiore degli eccessi giustizialisti e violenti di Tangentopoli. Certo sarà difficile venire a sapere se anche lo stesso potere giurisdizionale è affetto dagli stessi vizi di quello politico e finanziario; e di conseguenza conoscere anche quanto le indagini di allora e quelle di oggi siano state e siano indirizzate univocamente verso delle parti, tralasciandone altre; ma il punto è che lo stato del sistema democratico richiede urgentemente due valori, di cultura liberale e repubblicana e di rarità assoluta ad ogni ordine e grado di potere in Italia: il senso dello Stato e la morigeratezza. (l. guglielminetti)

160


Socialisti e Partito Democratico Da: Luca Guglielminetti Data: 19/01/2006 Testo dell'intervento del Direttore di Socialisti.net in occasione del convegno "SOCIALISTI NELLA MARGHERITA: VERSO IL PARTITO DEMOCRATICO " che si è svolto a Torino SABATO 14 GENNAIO 2006 Sei anni fa, pochi giorni dopo la morte di Bettino Craxi ad Hammamet, ebbe inizio l’avventura di utilizzare il web per costruire una “agorà telematica”, Socialisti.net: un luogo di discussione e iniziativa avanzato a disposizione di tutti i socialisti italiani liberali ed autonomisti. E’ nato e resta ancor oggi, per quanto sia stato sito ufficiale della Lega Socialista e del Nuovo Psi, un libero centro di confronto per la diaspora socialista con i suoi forum e le sue rubriche di attualità e cultura. Per questa mia breve testimonianza, prendo spunto da questa iniziativa di comunità virtuale che mi ha permesso di avere una postazione di osservazione politica particolare ed interessante, per trarre oggi un bilancio, seppur parziale, che a buon titolo si inserisce nel dibattito sulle prospettive del partito democratico. Parziale, perché mi limiterò a valutare un fattore, fra i tanti, quello che chiamerei la fidelizzazione, per usare la terminologia del marketing, per sintetizzare il concetto di continuità nella tensione ideale verso un progetto politico organizzato.

161


Nel corso di questi sei anni, abbiamo avuto molte spontanee richieste di collaborazione: compagne e compagni che periodicamente ci inviavano testi, articoli e saggi, originali e talvolta anche di alto livello per le varie sezioni di Socialisti.net. Cybermilitanti che esprimevano una tensione e un impegno verso l’analisi e le prospettive dell’unità socialista o studiosi ed intellettuali che non disdegnavano di inviarci i loro materiali e studi per le sezioni culturali nel Caffè letterario. Nonostante una crescita continua dei visitatori del portale, ed un offerta sempre crescente di servizi e rubriche, queste forme di collaborazione, di impegno e militanza virtuali, si sono quasi sempre esaurite in periodi più o meno brevi. Si verificavano, cioè, dei crolli: la tensione veniva meno insieme alla motivazione a prolungare e continuare queste forme di impegno politico e collaborazione con la nostra redazione. Questo andamento difficilmente può essere spiegato se non per la precarietà cronica di tutte le iniziative politiche intraprese dai partiti della diaspora dell’ex PSI. Al di là delle collocazioni negli schieramenti, al di là dei risultati elettorali di volta in volta ottenuti da Sdi, Nuovo PSI o liste unitarie, al di là delle difficoltà ad essere riconosciuti ed accettati dai vari interlocutori politici, le classe dirigenti che hanno guidato le varie formazioni partitiche e associative hanno continuato a dimostrare l’incapacità a disegnare un progetto serio e duraturo che conducesse alla casa comune dei socialisti italiani. Tale incapacità, fino all’ennesimo fallimento seguito alla nascita della Rosa del pugno e al V Congresso del Nuovo PSI, ci 162


conduce a concludere con molto chiarezza che è meglio archiviare una volte per tutte l’obiettivo dell’unità socialista. Mentre, la questione socialista oggi avrebbe più senso se fosse declinata con un'invenzione, quella di Prodi, che non è senza radici a noi care: un'alternativa democratica al partito socialista "ideologico" fu accarezzata più volte da Turati, ritorna con Carlo Rosselli, e fu immaginata anche da Craxi che, sul finire degli anni Ottanta, propose di ribattezzare come «Internazionale Democratica» l'Internazionale Socialista. Parlare di “Partito democratico” non significa solo definire la fusione di “due culture politiche e due culture storiche profondamente diverse che derivano una dal Pci e l’altra dalla Dc” in un unico contenitore, come sostiene Eugenio Scalfari. Se i socialisti sapranno inserirsi in tale progetto avranno un duplice vantaggio: da una parte essere partecipi di un progetto che garantisce prospettive serie e durature, ponendosi fuori da quelli precari e a breve termini; dall’altra chiudere i conti con la storia della sinistra italiana e con il Pci in particolare. Dopo tredici anni dallo scioglimento del Psi, solo la nascita del partito democratico garantirà la fine, per autoscioglimento, degli ex comunisti. Solo allora sarà chiusa la lunga stagione del dopo Livorno 1921 e saremo tutti proiettati in un futuro che ci darà ragione: «il passato non torna: solo il futuro ha ragione» (Turati).

163


Titolo: (31.03.06) Voto Scalfarotto Redazione A chi venisse in mente la domanda di Don Abbondio ("...chi era costui?"), ricordiamo che senza il sostegno di un partito politico o di una lobby, senza decenni di delfinato, Scalfarotto si è candidato per le primarie 2005 del centrosinistra grazie unicamente alla forza del suo programma politico e al sostegno dei numerosissimi visitatori del suo sito ( www.ivanscalfarotto.info ). A quarant'anni, vuole fare il presidente del Consiglio. Dal 2002 vive all'estero, prima a Londra ora a Mosca, e lavora come direttore del personale di uno degli istituti finanziari più prestigiosi al mondo. Ha appena pubblicato, per i tipi della Garzanti, un pamphlet “Contro i Perpetui”, in cui denuncia che alla prossime elezioni “stiamo per votare gli stessi candidati del 1996, due settantenni. Alla testa del paese, e non solo in politica, c’è una classe over cinquanta. Sono i Perpetui: non hanno fine, non se ne vanno, tengono un’intera generazione in anticamera. Le facce sono note. Le idee, pure. Le questioni urgenti sempre aperte: coppie di fatto, libertà di stampa, scempi finanziari. In Italia manca l’aria. E la «classe creativa» fugge all’estero o si logora in interminabili gavette. Un paese senza giovani è un paese senza futuro.” Ivan Scalfarotto, come molti trentenni e quarantenni di questo paese, denuncia e ha ben chiaro che non c’è giustizia 164


senza meritocrazia. è talmente vero che siamo il paese dell’ingiustizia, che nonostante molti dei temi che egli ha presentato solitario alle primarie dell’Unione siano quelli poi adottati della Rosa nel Pugno e dell’agenda Giavazzi - Istituzione dei PACS e allargamento alle coppie gay e lesbiche del diritto a sposarsi e della possibilità di richiedere di adottare un bambino; abrogazione del valore legale dei titoli di studio; eliminazione dei concorsi universitari ed istituzione di un concorso abilitante a livello nazionale; abrogazione degli ordini professionali; aumento delle risorse destinate alla ricerca scientifica; depenalizzazione della vendita e del consumo delle droghe leggere… - né la Rosa né nessun altro partito hanno pensato di metterlo in lista. La colpa di non avere un corsus honorum nella politica italiana, è stata evidentemente introiettata anche da Pannella, Bonino e Boselli. Anche loro, che preferiscono accogliere in lista Lanfranco Turci, Biagio Di Giovanni, Salvatore Buglio, Michele Ainis, Marco Bellocchio, Fabrizio Rondolino, Luciano Cafagna, Pio Marconi e Luciano Pellicani, rientrano nell’immagine finale del libro di Ivan: fanno parte di una parata, modello Piazza Rossa nella celebrazione della rivoluzione d’ottobre, con il palco dei Perpetui, incartapecorite facce della nomenklatura. (Luca Guglielminetti)

165


Contro i perpetui La classe over 50 che mutila la meritocrazia e il futuro dell’Italia. La denuncia di Ivan Scalfarotto, candidato "dimenticato" (2007 - Nuovo Caffé Lettarario) ‘Contro i perpetui’ è il racconto della candidatura di Ivan Scalfarotto, un quarantenne quasi digiuno di esperienza politica, alle primarie dell’Unione del 16 settembre 2005. Un candidato, cervello emigrato all’estero, che “voleva fare il presidente del Consiglio” sul modello di Zapatero. Nel corso dei capitoli di questo pamphlet si dipana la storia dell’ingresso in politica di questo outsider intrecciandosi con una diagnosi impietosa dei mali del nostro paese. È soprattutto quest’ultimo l’aspetto che ci interessa sottolineare, perché gli avvenimenti italiani sono visti da ‘fuori’, dall’Europa, con gli occhi di questo manager di una delle più importanti banche americane, ieri di stanza a Londra ed oggi a Mosca. La rilevanza della sua testimonianza è straordinaria per il suo valore documentale e mi riporta alla mente il capitolo “L’Italia fuori dall’Italia” della Storia d’Italia dell’Einaudi: la sezione di Franco Venturi che per il settecento si concentra sulla circolazione delle idee partendo da quanto viene scritto sull’Italia fuori dal nostro paese, dalle gazzette ed agli scritti dell’intellighenzia cosmopolita e riformatrice.

166


E’ inoltre interessante confrontare le tesi di questo testo con quelle di Paul Ginsborg, storico e professore inglese che insegna a Firenze, che nel 2001 pubblicò a Londra “Italy and Its Discontents”, un’estensione fino al 2001 della sua storia dell´Italia contemporanea, già fondatore della "Lega per la difesa della democrazia italiana", uno dei movimenti dei girotondi. Confronto utile sia per la simmetria geografica - scrivono dell’Italia attuale, l’uno italiano in Gran Bretagna, l’altro inglese in Italia - sia perché anche Ivan prese parte alla stagione dei girotondi fondando il circolo “Adottiamo la Costituzione” e la sezione di “Libertà e Giustizia” a Londra. La differenza più eclatante è sulla questione Berlusconi. All’allarme democratico sparso a piene mano del primo, Scalfarotto contrappone, di fatto, il dato che la vera anomalia del paese risieda nella debolezza strutturale delle regole di democrazia liberale, per cui Berlusconi è solo un sintomo e non certo la causa di tale debolezza. Una volta sbarazzati di lui, “sarà più o meno come aver preso un’aspirina: l’infezione non sarà di certo andata via”. Le manifestazioni di questa infezione, che spesso emergono dal libro per paragone con i modelli inglesi ed europei, le riassumerei nei seguenti 4 punti. · I sistemi chiusi del corporativismo, degli ordini professionali e di categoria, dove l’interesse particolare prevale sempre su quello generale e dove le professioni si ereditano dai padri.

167


· Il sistema discriminatorio per età, dove l’inserimento nei lavori qualificati e di responsabilità segue “un rigoroso criterio di anzianità”. · Il sistema politico di anziani, in cui il rinnovo della classe dirigente avviene solo per consunzione, nel contesto di uno Stato incapace di mantenere la sua separazione dalla Chiesa, di garantire i diritti delle minoranze e, ai cittadini, quella dignità che nasce dall’inclusione e dal rispetto per l’altro. · Un sistema ingiusto dove la meritocrazia è puntualmente castigata, prevalendo sempre i vincoli di appartenenza ed identità sulle questioni di contenuto e metodo, da cui deriva il sistema delle raccomandazioni e delle clientele. Non mi soffermo sui temi della laicità, che pur pervadano molti capitoli, in quanto sono temi oggi discussi e riportati alla luce dai radicali italiani e dalla nuova formazione della Rosa nel Pugno: dai diritti di donne, omosessuali, immigrati, fino a quelli di ricerca sulle staminali e di adozione esteso anche ai singoli. La questione centrale posta da Ivan Scalfarotto resta comunque quella generazionale che forse dovremmo avere il coraggio di chiamare “repressione dei meriti”, attuata dagli over 50 con i loro sistemi chiusi e corporativi, dietro il falso alibi della poca esperienza. Ho già avuto modo di osservare come la pratica dell’ingiustizia nasca dal discriminare meriti e creatività; tanto è vera e praticata questa scelta che nessun partito del centro sinistra, Bonino e Boselli in testa, si è sognato di proporre a Scal168


farotto una candidatura per queste elezioni (vedi “Io voto Scalfarotto” su Oggi in Italia). Che l’esperienza non sia un requisito indispensabile per fare, in questo caso, politica, lo ha aveva già dimostrato la discesa in campo di Berlusconi nel ‘94. Scalfarotto, quindi, non è certo il primo candidato che si è presentato, seppur in un contesto di elezioni particolari, senza “avere alle spalle una storia politica”. Entrambi, va segnalato, hanno alcuni tratti comuni: quello di presentarsi con “proposte concrete”, il non avere una matrice identitaria politico-partitica precisa, il provenire dal mondo dell’impresa. Quest’ultimo dato forse giustifica i primi due, in quanto al di là di trovarci in un epoca post-ideologica, rispetto alla formazione politica, chi si forma nell’impresa tende sicuramente ad un pragmatismo maggiore che diluisce identità marcate di tipo politico e culturale. Da questo scaturisce un altro segno distintivo in comune almeno con il primo Berlusconi, il carattere innovativo del linguaggio. “Contro i perpetui” è scritto senza i paludamenti del politichese, con il vantaggio di poter essere letto da chiunque e con il limite di lasciare un senso di vuoto a chi è avvezzo ai nostrani testi di politica. Pur trattandosi di pamphlet di stampo anglosassone, all’insegna di proposte concrete per rendere l’Italia un paese più aperto, creativo, efficiente e giusto, “Contro i perpetui” pone anche il problema di sostituire l’identità e le appartenenze ai particolarismi, ai localismi, alle categorie e ai microcosmi corporativi e sociali chiusi, con una identità più ampia che garantisca l’apertura necessaria all’inclusione e 169


all’affermarsi dei meriti. L’autore ha chiaro che un’identità più aperta necessita la creazione di valori civili condivisi e lo fa denunciando la mancanza nel centrosinistra di un visione “con la V maiuscola” e il relativo bisogno di ideali che indichino una via oltre i tatticismi e la gestione del potere fine a se stessa. Parla di “simboli forti”, di un quadro macro da cui far discendere quello micro, il programma. Siccome il problema è solo enunciato, siamo andati a ricercare all’interno dei capitoli quali fossero gli autori o i testi utilizzati dall’autore per la propria visione macro. Abbiamo trovato “L’ascesa della nuova classe creativa”, un saggio di Richard Florida, docente di teoria dello sviluppo economico alla Carnegie Mellon University di Pittsburg, che ha individuato una forte relazione tra sviluppo economico e aree dove più alta si presenta la concentrazione dei creativi - intesi in senso lato: dagli artisti agli ingegneri - e che ipotizza l’ascesa di una futura “classe creativa” oggi ancora per lo più tenuta ai margini. Questo è però l’unico indizio che l’autore ci fornisce. Del resto, a un pamphlet, non è richiesta una bibliografia e un profluvio di citazioni di padri ispiratori, ma segnaliamo che il problema di “vision” esiste e non è risolvibile solo aggiungendo le analisi di altri sociologi: pensiamo alle ampie analisi della società a rete di Manuel Castell, agli studi sulla modernità di Zygmunt Bauman e a Pekka Himanen con la “sua” etica hacker contrapposta a quella protestante, di weberiana memoria, per cui all’accumulazione di capitale, la classe creativa si sostituirebbe la circolazione di conoscenze. 170


Il problema della visione è da porre anche sul piano del linguaggio e della filosofia del linguaggio: della necessità nel centrosinistra di trovare "una retorica dell'appartenenza comune", per usare la dizione rortyana, che lo renda capace di “Non pensare all’elefante!” per citare l’appena edito saggio di George Lakoff, nel quale l’allievo di Chomsky cerca di spiegare come i progressisti abbiano da guadagnare di più a spiegare se stessi che non a denunciare le malefatte dell’avversario. Tornando al linguaggio dell’autore, Scalfarotto ha sicuramente applicato per un certo verso il metodo di Lakoff, perché non ha pensato all’elefante-Berlusconi e si è concentrato a fornire un quadro, se pur sintetico, di come immagina un futuro progressista in Italia, degno dell’Europa. C’è però un problema che Scalfarotto non affronta e dovrà chiarire a meno di non volersi porre su di un piano autoreferenziale: quello della storia. Da un parte, dovrebbe considerare il fatto che non è il primo ad affrontare i “suoi temi”. Al di là di quelli di laicità che hanno una letteratura sterminata, mi limito a segnalare che, nel profluvio di pubblicistica generazionale dell’ultimo decennio, quasi sempre incentrata su biografie del precario, il tema del conflitto generazionale declinato in una chiara analisi politico-economica era stato ben affrontato da Giuliano da Empoli in “Un grande futuro dietro di noi” e, successivamente, in “La guerra del talento. Meritocrazia e mobilità nella nuova economia”.

171


Dall’altra, quando richiede di fondare una nuova identità - diciamo quella del futuro partito democratico - non può prescindere dal fatto che in qualche modo vanno risolti i conti con le vecchie identità e le loro storie. Una visione macro non può nascere dal nulla. Anche noi quarantenni abbiamo precedenti identità e storie, più o meno sfumate dei sempre più numerosi over 50. E’ necessario, allora, ricondurre ad un filo comune le storie politico-culturali delle identità ancora separate e disperse in partiti e associazioni varie. Proprio perché le idee e le sensibilità per l'oggi e il domani proprie degli “under 50” dei liberal Ds, dei laici della Margherita e degli spezzoni socialisti, radicali, verdi e movimenti vari, sono sempre più affini ed omogenee, occorre fare i conti con la storia affinché le vecchie identità non possano più dividere. Concludo con tre appunti. L’aver appartenuto ad un circolo “Libertà e Giustizia”, associazione ispirata dall’ing. Debendetti, gli ha forse giovato nel trovare spazio su “la Repubblica” nel momento della suo primo exploit come candidato alle primarie, ma non possiamo non rimproverargli, da sostenitore del partito democratico, di cui non vede in vista dei fuori classe per dirigerlo, il fatto di non aver speso un riga sull’intervento di Debenedetti all’assise dell’Ulivo, dove incoronava ad eredi di Prodi, due cinquantenni: Veltroni e Rutelli. Il secondo appunto è relativo alla questione dei diritti. Derivante probabilmente dal suo iter movimentista, Scalfarotto tende nel suo discorso politico a privilegiare l’emergenza 172


diritti, ma sarebbe forse utile affrontare gli stessi temi anche dal punto di vista dei doveri. Molti dei risultati e delle proposte resterebbero valide ed immutate, ma si aprirebbe una finestra anche su un’altra prospettiva e l’analisi stringente della realtà delle cose verrebbe ad acquisire maggiore completezza. Infine, più che un appunto, un invito a cautelarsi dal rischio di isolamento, mantenendo i contatti con l’Italia e la politica solo attraverso internet e l’associazione “Io partecipo”. Il sottoscritto ha tratto dalla modesta esperienza politica di candidato alle elezioni del 2001, con un breve programma analogo a quello di Scalfarotto, l’insegnamento che ovunque ci si trovi, gettata la pietra, non si può procedere coltivando il proprio orticello, né si può restare in attesa degli avvenimenti (il futuro partito democratico). Dobbiamo da oggi, a pochi giorni dalle elezioni e a prescindere dal loro esito, lavorare tutti per le fondamenta del futuro: utilizzare la comunanza generazionale per aprire un dialogo stabile e permanente tra le molte e varie realtà affini che si aggirano su Internet e superare - da subito - le barriere invisibili che le rendono altrettante realtà separate dei partiti e dei movimenti a cui fanno riferimento. Luca Guglielminetti

173


Titolo: (11.04.06) Il ridico e la saggezza Redazione Se la Rosa nel Pugno e Bobo Craxi avessero trovato un accordo, sommando i risultati di oggi, avrebbero almeno avuto quanto l'Italia dei Valori, e quindi qualche senatore, invece di nessuno, come ci indicano i crudi risultati. Le varie liste socialiste hanno ottenuto il magro bottino di mandare alla Camera i loro dirigenti nazionali: De Michelis e Del Bue da una parte, Boselli & c. dall’altra, più i due figli di Bettino Craxi (Stefania di certo in FI e Bobo più probabilmente in qualche posto di sottogoverno). Ora non si può più dire, lamentandosi, siamo stati massacrati, fatichiamo a riprenderci. La realtà è un'altra. Ragionare politicamente in termini di identità politiche del XX secolo si chiamino queste socialiste, liberali, laiche, repubblicane, radicali - è diventato semplicemente obsoleto. Se qualche sparuta pattuglia vuole vivere di piccole rendite fino a quando sarà in vita qualche elettore del vecchio PSI, PSDI, PLI, PRI, si accomodi, faccia pure. Può magari seguire il tentativo di Nicola Cariglia e del Gruppo dei Centouno di riproporre un terzo polo laico, e finire domani al pari della lista dell’altro dinosauro, Vincenzo Scotti, che si è presentata 'terzopolista' prendendo lo 0,04.

174


A noi francamente non interessa più. O c’è ancora qualcuno di cultura socialista che capisca che si deve costruire una nuova identità più ampia, che superi il vecchio e guardi avanti sapendo interpretare la realtà, oppure non resta che seguire la 'saggezza italiana' che ci ha fornito oggi il miglior risultato possibile e attendere il triste annullamento delle forze e della generazione ancora in campo per autoconsunzione. (Luca Guglielminetti)

175


Titolo: (07.05.06) L'eclissi socialista Redazione La tessera n.1 del futuro partito democratico è stata simbolicamente privata all’ing. Carlo De Benedetti da parte degli oltre cento partecipanti alla manifestazione “Generazione U per una costituente del partito democratico” che ieri a Roma hanno firmato un facsimile gigante di tessera. Il direttore di Europa, Stefano Manichini, ieri scriveva: “La Generazione U può essere il fuoco di paglia di una primavera blog, ed è molto probabile che finisca così. Oppure dichiarare la sua pacifica guerra allo status quo, individuare con precisione gli obiettivi, gli amici e i nemici.” Ci chiediamo se i socialisti sono "amici o nemici" del movimento generazionale. Vorremo chiedere a chi oggi si definisca di cultura socialista se considera i seguenti obiettivi: “Abbattimento delle barriere corporative negli ordini, nelle professioni, nelle carriere. Sconfitta delle baronie nelle università e nella ricerca;ridistribuzione della spesa sociale a favore dei giovani lavoratori precari, fatalmente in danno di qualcun altro; autentici criteri di valutazione per merito nella scuola, nell’università, nella ricerca, nella pubblica amministrazione, contro gli avanzamenti per motivi di famiglia o di iscrizione al sindacato giusto” le priorità dell’agenda paese per ricondurlo su una strada di modernizzazione e di civiltà. 176


Vorremmo chiedere a chi, a qualsiasi titolo, si rifà all’esperienza del dissolto PSI, quel partito che negli anni ’80 si prefiggeva di coniugare ‘meriti e bisogni’, se si accorga e quindi si ribelli al fatto che l’Italia è il solo paese europeo dove si pratichi la sistematica repressione dei meriti - ad ogni livello - da parte degli over 50 con i loro sistemi chiusi e corporativi (dietro il falso alibi della poca esperienza dei giovani). Il sottoscritto risponde sì (ed è andato a firmare quella simbolica tessera) ma teme di restare voce isolata in contesto di silenzio che dimostrerebbe solo un'eclissi della cultura socialista italiana, oggi incapace di leggere e interpretare la realtà e quindi di farsi motore di alcun progetto politico. (Luca Guglielminetti)

177


Titolo: (11.05.06) Napolitano europeista Redazione Fra i tanti commenti biografici su Giorgio Napolitano che affollano i media di oggi e che affondano quasi tutti sul passato di ex esponente del PCI, noi preferiamo qui sottolineare il suo impegno più recente: quello europeista che lo vede anche Presidente della sezione italiana del Movimento Europeo. "L'europeismo - scrive nelle appassionate pagine finali del suo libro "Dal Pci al socialismo europeo - Un'autobiografia politica"- l'idea di un'Europa unita nella democrazia e nella pace, ha rappresentato l'esempio più alto di utopia mite, non violenta, portatrice di libertà e di progresso, non rovesciabile nel suo contrario”. Vogliamo quindi ricordare quel Napolitano che ammette di aver subito l'influsso di Altiero Spinelli, riportando il più noto passaggio del Manifesto di Ventotene, attualissimo in un paese che da anni si sta allontanando dagli standard di civiltà europei: "la linea di divisione fra i partiti progressisti e partiti reazionari cade perciò ormai, non lungo la linea formale della maggiore o minore democrazia, del maggiore o minore socialismo da istituire, ma lungo la sostanziale nuovissima linea che separa coloro che concepiscono, come campo centrale della lotta quello antico, cioè la conquista e le forme del potere politico nazionale, e che faranno, sia pure involontariamen178


te il gioco delle forze reazionarie, lasciando che la lava incandescente delle passioni popolari torni a solidificarsi nel vecchio stampo e che risorgano le vecchie assurditĂ , e quelli che vedranno come compito centrale la creazione di un solido stato internazionale, che indirizzeranno verso questo scopo le forze popolari e, anche conquistato il potere nazionale, lo adopereranno in primissima linea come strumento per realizzare l'unitĂ  internazionale" (lg)

179


Generazione U e socialisti: lettera a Stefano Menichini 15 maggio 2006 (Europa)

Caro Direttore, Sabato scorso ho partecipato a Roma alla meritoria e ben riuscita iniziativa di Mario Adinolfi, dopo avervi aderito e aver stretto rapporti con chi, per primo, aveva posto il problema del ricambio generazionale nella politica italiana: Ivan Scalfarotto. Penso, infatti, che chi voglia declinare oggi meriti e bisogni, come si diceva nel PSI degli anni '80, non possa non riconoscere, in quello che denuncia e sostiene Scalfarotto nel suo recente pamphlet, "Contro i perpetui" (di cui segnalo per inciso la recensione del sottoscritto alla pagina web http://www.kore.it/CAFFE/critica/scalfarotto.htm la piĂš attuale prospettiva di socialismo liberale per l'Italia. Ma a parte questa considerazione, credo che concordiamo tutti sul fatto che la rivolta contro la pratica della sistematica repressione dei meriti - ad ogni livello - da parte degli over 50 con i loro sistemi chiusi e corporativi, dietro il falso alibi della poca esperienza dei giovani, è quanto accomuna la Generazione U e che il successo, o meno, di questâ&#x20AC;&#x2122;ultima sia la sola cartina di tornasole per capire se il processo verso il

180


futuro partito democratico poggi su solide e ben strutturate basi. Intanto è urgente il futuro organizzativo di "Generazione U". Ho fatto due proposta a Mario Adinolfi: la prima, che mi pare forse già emersa in qualche articolo o post, formare un'associazione. La seconda, più immediata, quella di creare un network a livello web: ideare un banner con la scritta "Questo sito aderisce a Generazione U Network", linkato ad una pagina con tutti i siti, blog e portali delle realtà che hanno aderito all’iniziativa del 6 maggio. Grazie dell’ospitalità. Luca Guglielminetti

181


Amato come Blank: senatori non dei nostri Da: Luca Guglielminetti Date: 5/15/2006

Ho letto ieri l’editoriale di Barbara Spinelli su La Stampa che, in relazione all'atteggiamento che i Ds hanno avuto in queste settimane verso Giuliano Amato: “Chi nei Ds s'è lasciato sfuggire che «Amato non è dei nostri» ha parlato, non si sa quanto consapevolmente, il vecchio linguaggio del legame consanguineo, esoterico, che regna all'interno del partito eletto, portatore del senso della storia e del suo finalismo.” Permettetemi, quale aggiunta, di riportare un breve passo che stavo leggendo sempre ieri di Charles R. Aldrich in “Mente primitiva e civiltà moderna” (1931). In relazione ai legami e alle convenzioni sociali nel capito intitolato, guarda caso, “Socialismo primitivo”, è scritto: “(…) per la psiche primitiva il gruppo sociale non è tanto una organizzazione politica quanto una confraternita, una comunità composta di iniziati”(…)“Quanto più debole è una società, tanto più tende a consolidarsi; e ricordo che anni fa negli ambienti finanziariamente impotenti delle vecchie famiglie di Washington tutte queste concezioni primitive erano sommate nella frase di condanna: «Il senatore Blank non è dei nostri».” Le due letture sono state una coincidenza troppo curiosa per non segnalarla. Mi permetto di conseguenza di aggiunge-

182


re che l’ardua via verso il partito democratico con “gruppi dirigenti veramente ibridati, non fatti da consanguinei ma da affinità elettive edificate su comuni volontà riformiste”, come giustamente sostiene la Spinelli, non penso possa passare per le attuali classi dirigenti ma solo attraverso un ricambio generazionale radicale: trenta-quarantenni privi di mente primitiva, favorevoli ad una società forte in quanto aperta e meritocratica, e capaci di riconoscersi al di là degli steccati ideologici del ‘900. (Luca Guglielminetti da Oggi in Italia)

183


Titolo: (23.05.06) Le tre zapatere Redazione Se il vice minsitro Visco se ne esce con l’idea di ripristinare la tassa di successione, anche se tutti sanno che crea un afflusso assolutamente marginale alle casse dello stato, nessun opinionista commenterebbe che “sarebbe meglio arginare l’estemporaneità delle singole proposte” dei ministri. Se invece si tratta delle “tre zapatere”, Rosy Bindi, Livia Turco e Emma Bonino, allora Pigi Battista dalle colonne del Corsera, lancia subito l’allarme del pericolo di guerra religiosa, di offesa all’identità nazionale, di vendetta contro il Papa. Ed esorta a lasciare parlare (e decidere) solo Prodi, su problemi così delicati. Rosy Bindi è intervenuta senza preclusioni sul tema delle coppie di fatto e addirittura sulla revisione della legge sulla procreazione assistita; Livia Turco ha dichiarato l'intenzione di non mettere ostacoli alla sperimentazione in Italia della pillola abortiva Ru486; Emma Bonino ha ricordato che che nel Manifesto di Altiero Spinelli non sono contemplate le «radici cristiane» come fonte identitaria dell’Europa. Il poco di nuovo e moderno che si intravede nel nuovo esecutivo viene da loro, le tre donne “zapatere” di Ds, Margherita e Rosa nel Pugno. Lasciamole fare, invece di evocare subito l’intervento del vecchio “curato di campagna”, per favore! (Luca Guglielminetti) 184


Titolo: (07.06.06) Socialisti, un popolo da salvare? Redazione Il titolo della recensione del libro di Valdo Spini, “Compagni, siete riabilitati!” sul supplemento domenicale de il Sole 24 Ore, in verità non conteneva il punto interrogativo. Lo aggiungiamo noi, alla luce di due fatti: i catastrofici risultati alle politiche ed alle amministrative ottenuti dalle liste eredi del Psi (Il nuovo Psi con i neo DC, I Socialisti di Bobo Craxi e lo Sdi con i radicali nella Rosa nel Pugno), da un parte, il risorgere di tentativi di rilancio della questione dell’unità dei socialisti avviati da più parti con ottiche assai diverse tra loro, dall’altra. Vediamole. Valdo Spini, nel suo libro, boccia il partito democratico prodiano ed auspica la nascita di “un forte partito del socialismo europeo” intorno ai DS, previa riabilitazione di Craxi e dei socialisti. Bobo Craxi, vuole rilanciare l’unità socialista, organizzando un seminario a luglio che verifichi “che cosa pensano vecchi dirigenti, a cominciare da Formica, Amato, De Michelis e anche da Martelli”, e risponda al da farsi di fronte alla nascita del partito democratico. C’è poi l’imminente iniziativa degli “autoconvocati” a Firenze, intorno a Cariglia, Lagorio e Laroni, che vogliono lan-

185


ciare un polo laico socialista, fuori dall’attuale bipolarismo e che trova anche consensi nel Nuovo Psi. Esistono quindi almeno tre gruppi che ripropongo, dopo un decennio di tentativi falliti, il tema dell’unità socialista, tutti con prospettive politiche diverse. La minima riflessione di fronte a questo stato di cose, premettendo che in politica o si è in grado di salvarsi da soli o nessuno verrà in soccorso dei socialisti, è quella di misurare questi tentativi sulla capacità di esprimere un’evoluzione dell’identità socialista, attraverso un cambio di linguaggio che superi il reducismo e l’invettiva al traditore di turno, una cambio di parole d’ordine che vada oltre lo stereotipato riproporre antiche agende politiche, un cambio di rituali che sancisca la modestia degli attori che finora hanno fallito. Il punto interrogativo è quindi d’obbligo, perché, così com’è, l’identità socialista - è stato fin troppo dimostrato dagli ultimi risultati elettorali - non ha proprio più nulla da dire al nostro paese. (Luca Guglielminetti)

186


Titolo: (14.06.06) L’occasione di Boselli Redazione: Luca Guglielminetti Cross-fertilization e diversity mangement, sono due concetti applicati in due ambiti diversi, il mondo scientifico e quello degli affari, ma significano la stessa cosa: la creatività che nasce dell’incontro tra diversi. Si tratti di scuole scientifiche o di pensiero, di esperienze lavorative o professionali, che si tratti di origini etniche o nazionali, il confronto tra soggetti diversi crea quel crogiuolo che è “alla base del progresso moderno”, come dice Umberto Veronesi. Cosa succede in politica? Negli anni successivi a Tangentopoli si sono creati soggetti, che, volenti o nolenti, hanno sperimentato una cross-fertilization/ diversity mangement tra culture politiche: Forza Italia e la Margherita sono due esempi, che funzionano abbastanza, Le “cose” di Ds e quelle di Boselli, invece si sono rilevate dei fallimenti. Sorvolo sull’ex Pci, e la sua lunga tradizione di inglobamento dei diversi, perché mi interessano le vicissitudini attuali della Rosa nel Pugno. Le alleanze dello Sdi di Boselli con Dini, con i Verdi e con i Radicali sono state meri escamotage elettorali durati lo spazio di tre campagne elettorali politiche: quelle del 1996 2001- 2006. La necessità di stringere rapporti elettorali non è stata colta da Boselli come opportunità per coltivare un crogiolo dove la tradizione del Psi, almeno la parte rappresentata 187


dallo Sdi, si mescolasse con la cultura liberaldemocratica, ambientalista e radica. ln altri termini si potrebbe dire: non ha fatto della propria debolezza un punto di forza. Poiché l’esperimento della Rosa nel Pugno non è ancora completamente fallito, ci permettiamo di segnalare i due concetti gemelli di cross-fertilization e diversity mangement, concetti che si applicano e funzionano in politica, non solo quando c’è una leadership forte che li coltiva, ragionando in termini di nuova identità, ma, soprattutto, quando l’osmosi di idee si pratica col confronto a tutti i livelli condividendo i luoghi dell’agire quotidiano: le sedi, le sezione o i circoli. E non quando si continua, come accade oggi, a parlare di componete, socialista o radicale, a mantenere ciascuno le proprie sedi, centrali e periferiche, e a ritrovarsi, ai soli livelli dirigenziali, per decidere le spartizioni di seggi e poltroncine. Non è con una riunione di tutti a Fiuggi una volta l’anno che si coltiva la Rosa, ma come tutti gli esperimenti botanici, con la pazienza di un lavoro continuo in un laboratorio con la porta aperta.

188


Titolo: (07.07.06) Il momento della verità Redazione I prossimi mesi saranno molto interessanti per valutare la tenuta del governo e l’andamento della costituzione del Partito Democratico. Il nesso stretto tra i due percorsi, è stato confermato nell’assise romana che si è svolta martedì scorso dove Prodi ha sostenuto: “Avanti veloci se no si cade”. Il vero puntello che potrà sostenere o far crollare il progetto del PD è solo ed essenzialmente il governo presieduto da Romano Prodi che ha l’occasione storica di fare quella “rivoluzione liberale” che, dopo Giolitti, è mancata da un secolo nella nostra storia e che nessuno ha osato intraprendere con un serio lavoro di smantellamento dei sistemi corporativi, che - riguardi tassisti, artigiani, professionisti, sindacati, imprese, statali - non dimentichiamolo, sono eredi diretti del sistema fascista che si è protratto per tutta la prima repubblica fino ad oggi per i deficit di cultura liberale nel DNA di tutti i partiti politici del nostro paese. Se il governo, nonostante la varietà di culture politiche al suo interno, insisterà e vincerà gli scontri che sorgeranno sulle sue politiche di liberalizzazione, potrà compattare chi vuole modernizzare questo paese ed abbattere i suoi sistema chiusi,

189


oligarchici, incivili ed antieconomici, e non ci sarà resistenza che tenga: il Partito Democratico sarà cosa fatta. Dopo un quarto di secolo di riforme mancate: Craxi non c’e riuscito, Berlusconi ha fatto solo finta, sarà la volta buona? Siamo vicini al momento della verità. Concludo con l’augurio che di fronte a questa prospettiva, le forze organizzate di cultura socialista, radicale e liberale, non perdano l’occasione per confrontarsi con essa. Le battaglie per la laicità o quelle per l’orgoglio e l’unità socialista, sono sterili ed inefficaci se non passano dalla piena consapevolezza che al paese servono, moltiplicate per cento, riforme sul modello del decreto Bersani. I diritti civili, laici e bioetici allignano là dove si sia affermato il primo diritto, per il quale vale oggi combattere, cioè quello di vivere in una società aperta, con una ampia mobilità sociale al suo interno e dove i meriti trovino sovranità. (Luca Guglielminetti)

190


Titolo: (14.12.06) PD, Rosa nel Pugno: in primis sciogliersi Redazione In relazione al dibattito sollevato da Paolo Franchi su Il Riformista: “socialisti parlate adesso o tacete per sempre”, vorrei esprimere in breve un concetto. Penso che si debba uscire dall’ipocrisia del fatto di non spiegare mai perché si dice, come ad esempio Roberto Villetti nel suo intervento, che il progetto del partito democratico perché “funzioni occorre che si realizzi con un vero e proprio scioglimento dei partiti”. L’unico pronto a sciogliere qualcosa, che io sappia, è Claudio Nicolini con la sua micro-componente nello Sdi! Sarebbe, invece, di sinistra e di socialista avere il coraggio di dire che nessuno vuole sciogliere niente, e mi riferisco prima ancora che ai Ds e Margherita, allo Sdi e ai Radicali, perché nessuno vuole perdere le piccole o grandi rendite di posizione. La Rosa nel Pugno, prima ancora del PD di cui è una specie di pre-esperimento in vitro, sta infatti sfiorendo proprio perché coltivata in spazi angusti e chiusi tali da garantire aria e luce solo ai dirigenti ‘designati’. Non credo alla frottola che gli italiani hanno punito o non hanno capito la Rosa con il suo bel progetto liberalsocialista. Non c’è, neppure, da scomodare la sindrome da Partito 191


d’Azione, ma semplicemente da osservare il sistema di conservazione del potere in una ‘partitocrazia’ di cui sono vittime anche gli stessi inventori del termine. Sono i dirigenti dei due partiti quelli che non sarebbero sopravvissuti se avessero aperto un vero cantiere/giardino per la nascita e la coltivazione della Rosa . Boselli e Pannella si sono ben guardati, e continuano, dall’andare in giro per l’Italia a cercare (di unire) laici, liberali, socialisti e radicali. Si sono limitati, prima delle elezioni, a cooptare qualche ex Ds, senza pretese di potere ed utile ad ottenere buona stampa (che non significa voti). Il punto cruciale mi pare che risieda nel fatto che al posto delle correnti di una volta, le quali denotavano progetti politici concorrenti all’interno della stessa cultura/partito, oggi abbiamo ovunque politici-feudatari che agiscono nei partiti in modo sostanzialmente non dissimile da quello berlusconiano: cooptando e realizzando reti di fiduciari. Come ha detto Palenzona, Vicepresidente Unicredit, a Sesto San Giovanni domenica scorsa nel convegno di ItalianiEuropei: "Abbiamo solo guerra per bande". Già, bande che stanno insieme non per raggiungere il potere condividendo un progetto politico, ma per la conservazione e la implementazione del potere fine a se stesso, alimentando economie di relazioni/vicinato/famiglia/clan, il che significa punire il merito, la mobilità sociale... e in ultima analisi: deprimere il sistema paese. Così, che si parli di Pd, RnP o socialisti, quello che conta è verificare chi abbia il coraggio di aprire la lotta al neo-feudalesimo in cui si trova asfissiata la nostra democrazia. 192


Vedremo presto se qualcuno saprà sciogliersi veramente per aprirsi a relazioni di merito e poter così progettare sul serio un'Italia moderna ed europea. Se non ci sarà, il timore di Giuliano Amato di un futuro populista sarà l'ipotesi più certa. (luca guglielminetti)

193


Capezzone/Diaco: la solitudine “des enfants terribles” 25 novembre 2006 (Blog) LibertàEguale di Torino ha avuto l’idea originale di riprendere un sondaggio ed uno studio sullo gerontocrazia nella politica italiana, facendo partecipi del dibattito Daniele Capezzone e Pierluigi Diaco. Due eccezioni nel panorama politico ed in quello giornalistico, noti per suscitare un certa antipatia. Non sono così mancate sorprese e provocazione ai danni degli organizzatori. Col risultato di un dibattito abbastanza fuori dai canoni e dai paludamenti nello stile, grazie ai due giovani, ma poco decifrabile nei contenuti che sono risultati molto “nevrotizzati”. Visti da vicino, Daniele e Pieluigi, mi hanno fatto una strana impressione di “enfants terribile” tanto giovani quanto prematuramente annegati nella solitudine del potere (e delle fama). Diaco ha anche accennato a un dato autobiografico fatto di lunga solitudine e ferma volontà verso la meta. Capezzone, cui va sempre dato merito di chiarezza e promettente lungimiranza politica, credo stia vivendo un pessimo periodo in casa radicale, linciato da più parti in maniera ignobile dagli anziani del partito. Come mi aspettavo, paradossalmente non erano le persone più adatte a parlare della questione generazionale, nel senso di come abbiamo affrontato la questione in questo o negli 194


altri blog di Generazione U, (ed il sottoscritto aveva suggerito agli organizzatori i nomi di Adinolfi e Scalfarotto). I due enfants, viceversa, proprio in quanto eccezioni del panorama italiano, tendono a non rendersi conto dello stato di “repressione dei meriti” nella sua dimensione sociale, presi come sono dalla necessità di difendere il proprio potere/personaggio che vedono in pericolo o in possibile declino, al primo passo falso. Visti da vicino, Daniele e Pieluigi sembrano ancora più giovani che non in video, ma i loro occhi, pur sprizzando intelligenza, sono lontani e vagamente e tristemente sfuggenti. E’ normale che i due non possano vedere la “repressione dei meriti” subita degli altri giovani semplicemente perché non hanno visto coetanei che, magari pur loro competitor, condividessero lo sforzo e la solitudine per raggiungere una meta il potere - che richiede oggi un costo personale, emotivo e psicologico pesantissimo. Non c’è più la scuola di partito con il bigliardo per giocare almeno la sera un’oretta a carambola o a boccette ad alleviare la solitudine del giovane e futuro politico o giornalista. I due enfants si sono ritrovati nelle macerie post tangentopoli, nell’era globalizzata della modernità liquida; fatta di rapporti personali che, come i cibi, sono light; fatta di ricerca di creatività solo perché "so usare i software giusti"; fatta di ambizione che si rivolge al mantenersi adolescenti, “supergiovani” fino a che i muscoli o la chirurgia plastica lo permettano...

195


Dismissioni industriali torinesi: meglio il vecchio sindaco comunista dell’architetto postmoderno 12 dicembre 2006 (Blog) Ieri sera a Torino si è presentata una nuova istituzione locale l’Urban Center Metropolitano di Torino, creata dal city architect Carlo Olmo un anno fa a ridosso del periodo olimpico, quando i primi lamenti si erano già sollevati sulla facile demolizione del ricco patrimonio industriale cittadino. Un anno dopo l’ente organizza insieme a Torino Internazionale una tre giorni sul riuso della aree dimesse e sul futuro di quella di Mirafiori, così ieri per la prima serata, a fronte di un pubblico per la maggioranza composto da studenti, hanno presentato i loro lavori due architetti: Francesco Garofalo e Cino Zucchi. Uno più smorto, l’altro più brillante, i due noti architetti hanno fornito una chiara idea di quanto poco interessi loro il patrimonio industriale e di quanto la loro disciplina sia ripiegata sul proprio ombelico. Con linguaggio postmoderno per cui si dice che in un luogo c’è un ‘Genius loci’ invece di dire che possiede una identità storico sociale, per fare un esempio, i due hanno snocciolato i loro lavori in rapide immagini di Power Point nelle quali il nesso tra forma e contenuto è evaporato tra le quinte del palco teatrale su cui stavano seduti.

196


Nell’occasione del dibattito ho fatto quello che rompe il ghiaccio, a fronte di un pubblico forse intimidito da un profluvio di dotte citazioni della storia dell’arte e dell’architettura. Mi sono così permesso di far osservare che forse le città hanno un qualche diritto a mantenere traccia della loro storia, che le aree dismesse fanno parte di questa storia per cui la progettazione architettonica può fare uno sforzo e tenere conto del fatto che il paesaggio urbano possa essere letto nella sua evoluzione tra passato e futuro. Cino Zucchi si è sentito colpito e quasi scusandosi ha riconosciuto l’ esagerazione del suo linguaggio e ha voluto puntualizzare la sua sensibilità al problema da me sollevato. Francesco Garofalo, invece è rimasto fermo e duro con l’elogio della ruspa demolitrice e l’allarme per tutto ciò che inizia con “ri”, come riuso. In mezzo un moderatore, incerto tra il cedere al nichilismo dei tempi o combattere la museificazione del mondo. Ma il supporto inaspettato l’ho avuto a fine serata dall’intervento di Diego Novelli, seduto alle mie spalle, che pur senza alcuna retorica operaista, ha denunciato i disastri ‘olimpici’ della spina tre, vere “porcate” di ediliza residenziale e sbeffeggiato le pretese di trasformare Torino in città turistica e del “loisire”. Insomma una seratina divertente, con applausi inaspettati così come inaspettato l’appoggio del ex sindaco di Torino, da cui sono piuttosto distante politicamente, ma verso il quale ieri sera ho condiviso una piccola lotta probabilmente solo donchisciottesca. 197


Crisi della politica: ci vorrebbe un Jean Monnet 26 maggio 2007 Con sommo ritardo, e grazie al suggerimento di un amico, faccio un breve riflessione sulla presentazione della autobiografia di Jean Monnet, “Cittadino d’Europa”, svolta alla Fiera del Libro di Torino. La ri-proposizione in Italia, grazie all’Editore Guida di Napoli, dopo quasi un trentennio di assenza (la prima edizione di Rusconi è del 1978), del testo del padre d'Europa più tradotta al mondo, è opera meritoria che denuncia altresì la poca fortuna del pensiero, e di conseguenza del metodo, monnettiano fino ad oggi nel nostro paese. Leggendo “Cittadino d’Europa”, al di là del valore biografico e storico-documentale, ci si trova in effetti di fronte alla descrizione di un metodo, al cui centro c’è il dialogo, aperto e plurale, fra diversi e sul quale aleggia la capacità di individuare interlocutori e di persuaderli verso una azione cooperativa. Un testo dunque che alla ricchezza di ricordi e retroscena della storia dalla Prima Guerra Mondiale agli anni ’70 del Novecento, aggiunge, pervaso nei capitoli, la nascita di un metodo, di una maieutica, lontanissima degli impianti idealistici e dogmatici tipica di gran parte della pubblicistica federalista italiana sull’europeismo.

198


Senza alcun riferimento al dibattito d'idee astratte ed utopiche sull'Europa, dal primo all’ultimo capitolo, assistiamo all’affermarsi pragmatico di una modalità di lavoro che crea co-operazione internazionale e concertazione tra le parti, nazionali o sociali. Si scorge cioè l’invenzione di far incontrare intorno ad un tavolo i diversi, per nazionalità, lingua, cultura, idea politica, ruolo sociale, al fine di ottenere che ognuno, conoscendo l’altro, creando reciproca fiducia, operi e si adoperi per un comune obiettivo, che consegua il “bene comune”. Tanto che si tratti della pace in Europa, o che si tratti di attuare politiche economiche condivise dalla parti sociali in Francia, possiamo chiaramente scorgere la fonte di quel metodo di lavoro che oggi viene definito con termini quali “diversity managment”, “cross fertilization”. Riflettendo su questa autobiografia non si può non rendersi conto di essere di fronte a quanto c’è di più lontano dalla cultura fideistica/ideologica, corporativa, statalista e familistica del nostro paese, che versa nella situazione di crisi e sfiducia verso la propria classe dirigente, anche in quanto privo di figure alla Jean Monnet, con la sua autorità morale da ‘autodidatta’ e cosmopolita, e il suo agire laico, antidogmatico, liberale, aperto e plurale. Se ancora oggi, leggendo la composizione del nostro parlamento, così come del Comitato promotore del partito Democratico, troviamo poche donne e giovani e i soliti nomi noti, con dubbie referenze ad autorità, è bene sapere che la causa è anche nella mancanza di quella cultura/azione incarnata da Monsieur Europe. 199


Il coraggio tardivo di Enrico Boselli 9 aprile 2008 Boselli sta conducendo una discreta campagna elettorale, in piena solitudine, privo delle accoppiate che per oltre un decennio avevano caratterizzato lo SDI sulla scia della sfortunata tradizione della "bicicletta" (PSI-PSDI) di quasi quarant'anni fa. Dopo Dini (1996), la Francescato (2001) e la Bonino (2006), recuperata la diaspora che aveva portato il garofano del centro destra berlusconiano, i socialisti si presentano soli - per la prima volta dopo Tangentopoli - a causa del mancato accordo con il Partito Democratico. Il Partito Socialista si è così trovato in una situazione analoga a quella dell'UDC: due partiti che affrontano le imminenti elezioni sul piano dell'identità storico culturale, quelle socialdemocratica e cristiano-democratica, a fronte dei due partiti/coalizione che si presentano come presunte novità di un panorama post-identitario che intende la politica in termini pragmatici come confronto tra programmi di governo e nella quale i valori assumo un ruolo secondario oggetto o di mediazioni interne (PD), o lasciate alle opzioni dei singoli (PDL). Se fosse tutto riconducibile alla domanda su chi è più moderno, probabilmente occorrerebbe optare per i due neo 200


agglomerati partitici di Veltroni e Berlusconi. Se ci poniamo invece una domanda di cultura politica più stringente e ad ampio raggio, e ci domandassimo chi è più adatto ad affrontare le crisi che si profilano in quasi tutti i settori: dalla crescita economica alla sostenibilità ambientale, dalle tematiche bioetiche e dei nuovi diritti a quelle delle società multieniche di un mondo globalizzato connotato da tentazioni di terrorismo internazionale, da una parte, e di politiche di sicurezza unilaterali, dall'altra, allora sarebbe difficile non concludere che un sistema valoriale chiaro e forte sarebbe utile e necessario a compiere le difficili scelte che si prospetteranno al nostro paese. Il punto è allora quello di valutare se gli eredi delle due sopra menzionate tradizioni culturali, PS ed UDC, o i due nuovi partiti, PD e PDL, sono attrezzati degli strumenti culturali, cioè critici, per affrontare in modo lucido i nodi del futuro dell'Italia. A giudicare dalla campagna elettorale in corso parrebbe che non lo sia nessuno. Basterebbe, come esempio, l'incipit dell'articolo di Angelo Panebianco sul Corriere della Sera di lunedì scorso: "Le questioni di politica internazionale hanno una curiosa caratteristica: in campagna elettorale valgono meno di zero, non portano voti, se ne parla il meno possibile. Però, a elezioni concluse, sono quelle questioni a provocare alcune delle più gravi turbolenze, talvolta anche sismi capaci di fare oscillare violentemente i palazzi della politica."

201


Tornando a Boselli e al Partito Socialista, non si può non dargli atto che sta conducendo una battaglia coraggiosa in una situazione di oggettiva difficoltà, ma non possiamo esimerci dal sottolineare che tale coraggio sarebbe stato meglio investito se l'avesse utilizzato fin dai tempi del SI (Socialisti Italiani) quando si nascondeva dietro la lista diniana. In questi dodici anni le poche energie disponibili sono state investite in progetti politici di corto respiro, certo a causa delle difficoltà del clima post Tangentopoli, ma al prezzo di giungere oggi senza la possibilità di presentarsi con un progetto ed un programma solido perchè costruito nel tempo. Per chi abbia tempo e voglia suggerisco di confrontare il programma attuale del PS ( http://www.partitosocialista.it/site/353/default.aspx?tabID=0 ) con quello del Nuovo PSI del 2001 ( http://www.socialisti.net/node/304 ). La quantità di spunti e riflessioni presenti in quel vecchio programma è solo una delle tante risorse, in questo caso culturale (per non parlare di quelle umane), gettate vie dalla miopia con cui i dirigenti dell'ex PSI hanno gestito il dopo Tangentopoli e portato Boselli a svolgere adesso sì una missione coraggiosa, ma impossibile per i risultati attesi. L'augurio è quello che il giorno dopo le elezioni inizi una nuova storia, che comunque vada, non potrà evitare dall'incrociarsi con quella del PD. (luca guglielminetti da Socialisti.net) 202


Elezioni 2008: un bagno di sangue? 15 aprile 2008 (Blog)   Il PD cannibalizza tutto la sinistra: scompaiono dal parlamento non solo i socialisti, come prevedibile, ma tutta la sinistra Arcobaleno. Bertinotti si ritira, Boselli si dimette; non un parlamentare comunista o socialista ed accanto al PD un solo partito che non si può definire esattamente di centrosinistra come l'IdV di Antonio Di Pietro. Veltroni perde con uno scarto del 9% su Berlusconi e non è riuscito a sottrarre un solo voto al centro, mancando la scommessa di conquistare i voti moderato e del nord. Il risultato più impressionante è lo sfondamento della Lega, in Emilia Romagna in particolare. Tutta la stampa è unanime nel considerare positivo la semplificazione raggiunta: 3-4 partiti in tutto sederanno in Camera e Senato. Un risultato che dimostra l'ampia sovrastima, e in qualche caso la malafede, delle lunghe  dissertazioni sul sistema elettorale, ma soprattutto un risultato che riconduce ad una riduzione del sistema partitico auspicato da molti componenti intellettuali, politiche e d'affari dopo il crollo del Muro di Berlino. A monte del risultato elettorale saranno pochi oggi a leggere quanto è successo ancora nel corso dell'ultima legislatura prodiana in termini di intervento della magistratura sulla politica: se accanto a Veltroni c'è solo Di Pietro e mancano 203


Mastella e Pecoraro Scanio, qualche merito ce l'hanno anche i PM. Non escluderei, cioè, che il risultato di ieri  rappresenti anche un punto d'approdo di quanto è iniziato con Tangentopoli. Questo punto di arrivo però non può essere oggi demonizzato: il risultato è oggettivamente utile al paese, pur lasciando un'ombra che lo seguirà soprattutto nella futura evoluzione del PD. Va preso atto che siamo arrivati ad una democrazia dell'alternanza, nel quale i due attori principali, PDL e PD, hanno la stessa forza che una volta avevano rispettivamente la DC e il PCI. Se intorno a loro sono sopravvissuti solo l'UDC, la Lega e l'IdV, questo è dovuto essenzialmente ai ritardi culturali della sinistra, cosiddetta radicale, ed all'inettitudine con cui è stata gestita negli ultimi dodici anni la eredità dell'ex-PSI. I primi, la sinistra oggi extra parlamentare, marxista e comunista, pur con venature riconducibili alla sinistra socialista lombardiana da cui nasce il suo leader Bertinotti, ha molto velato la falce e martello pur continuando, ad esempio, a disquisire sulla declinazione tra Marx ed Haidegger in chiave rivoluzionaria, come sul Manifesto di pochi giorni fa. I secondi, i dirigenti dell'ex PSI, hanno cavalcato per un decennio una miope strategia atta a salvaguardare solo minime rendite di posizione individuali, giungendo fuori tempo massimo ad unificare la diaspora dopo aver gettato al vento quelle collaborazioni con Verdi e Radicali, dalle quali avrebbero potuto trarre giovamento in termini di contaminazione culturale

204


reciproca, e che sono invece state utilizzate come meri artifizi elettorali atti alla sopravvivenza spicciola. La sinistra fuori dal Parlamento rischia solo di regredire ulteriormente in una dimensione dove la radicalità avrà maggior agio, il Partito socialista sembra non avere più alcun futuro. Con meno dell'1% il PS non avrà neppure il rimborso elettorale: al fallimento politico seguirà quello finanziario. Assisteremo ancora una volta al nascere di micro iniziative atte alla sopravvivenza di qualche esponente socialista in pensione, ma ai più, l'unica l'alternativa praticabile, è quella già ampiamente pronosticata un anno fa: alla spicciolata entreranno nel PD. Dalla porta di servizio, come si adice a chi ha truffato l'orgoglio di un popolo riducendolo a 355.581 unità.   (Luca Guglielminetti)

205


La Grande Torino di fronte alle crisi 8 novembre 2008   Il sabato mattina, se soleggiato, è un raro momento in cui, come potrebbe fare un placido pensionato, mi siedo su una panchina dei giardini a leggere il giornale. Stamane col sole mi sono cimentato, ma davanti alla cronaca di Torino de La Stampa sono rimasto basito. Già nella pagina di economia abbiamo il report della Banca d’Italia sul Piemonte che notifica che la recessione qui è iniziata già prima della crisi delle borse: sono crollati l’export, gli investimenti sono rimandati, etc… La cronaca apre invece con la storiella ‘segno dei tempi’: una coppia manda la figlia a sfamarsi dai nonni. Continua con le banche che lesinano i prestiti alle aziende o esigono da queste il rientro immediato parziale o totale. Troviamo poi quella che sta diventando un rubrica fissa, “Il Diario delle aziende in crisi”: puntata dedicata agli esuberi alla Seat e alla cassa integrazione alla Pininfarina. In mezzo alla sezione cronaca due pagine da non perdere. Il vero ‘segno dei tempi’ della grande Torino: “Artissima”. Un progressista commercialista di Verona si è comprato una fioriera a forma di svastica nazista, un Gran Galà si è svolto alla Reggia di Venaria con 1000 ospiti della bella società; e, dulcis 206


in fundo, per la giovane plebe spensierata, un bella notte bianca. Il cui pezzo forte sarà stanotte un’installazione a San Salvario di un scultore di strada sul grave tema del proliferare degli escrementi canini sui marciapiedi, dal titolo: “Sai cosa? La merda rosa”. E’ straordinario! Tutta questa povertà è resa lieve dalla logica che lo “show must go on”, le mille luci devono abbagliare il futile, l’effimero e l’infantile per oscurare gli spettri reali della crisi economica. Questi assessori delle luci d’artista, questi 1000 ospiti della Reggia, cosa hanno di diverso dalla nobiltà asburgica della grande Vienna che ballava i valzer andando incontro al baratro della Grande Guerra?

207


10 (buone) ragioni per astenersi dal voto di domenica 24 marzo 2010

1. Il linguaggio stracotto : obsoleto nella forma e nei contenuti in bocca ad un ceto politico invecchiato malamente; 2. La selezione darwinista sociale dei candidati : non il merito e la capacità, ma il portafoglio per un investimento in campagne a buon rendere; 3. L’abuso delle donne : procace velina o algida passionaria, sono la medesima moneta falsa sul mercato politico in pasto a elettori poveri di fantasie sessuali o di spirito umoristico; 4. L’ecologia assente ingiustificata : ovvero il bel paese nel quale a nessuno frega del habitat naturale ed antropico in cui vive; 5. Il pedissequo manicheismo degli elettori : due popoli per i quali è tutto bianco o tutto nero; 6. Il conformismo bipartisan della cultura : per cui quello che conta sono i chilogrammi di rassegna stampa che produce; 7. Laicità negletta : per codardia codina diffusa, con rarissime eccezioni; 8. La comoda Europa : piena di vocali, riempie bene la bocca, soprattutto nei discorsi d’apertura delle autorità che 208


poi corrono via per pregressi impegni istituzionali, molto locali; 9. Programmi illeggibili con alleanze improbabili : candidati presidenti di Regione incapaci di scrivere in capoversi di lunghezza decente esprimono la banalitĂ  dellâ&#x20AC;&#x2122;A4, mentre la miriade di liste che li segue rendono il contenuto incredibile; 10. Lâ&#x20AC;&#x2122;autoesilio della scelta astensionista ha valore solo se accompagnato da consapevolezza proattiva, nel dubbio si può sempre optare per voti disgiunti : non sia accidia, insomma.

209


Albert Camus filosofo del futuro 6 aprile 2010 Il titolo è assolutamente centrato, ma... “Albert Camus filosofo del futuro” di Paolo Flores D’Arcais (Codice Edizioni, Torino, 2010) è una sintesi in 30 pagine del pensiero del Premio Nobel, in linguaggio ‘filosofese’. Il “Mito di Sisifo” e “L’uomo in rivolta” sono cioè ricondotti ad un linguaggio che sostituisce la ricchezza di quello originario con le categorie di quello accademico: la vita umana diventa ‘dimensione ontologica’, il senso per la misura diventa ‘finitezza’, tanto per fare due esempi. Certamente, è corretto presentare Camus, come filosofo del futuro, capace di superare le sacche nichiliste nelle quali è sprofondato il pensiero post-moderno, ma dubito che l’interessato avrebbe apprezzato che il suo pensiero fosse ricondotto ad una specie di prefazione alla sua opera ad uso degli studenti universitari dei corsi di filosofia. Obliterare la ricchezza, in termini di storia, letteratura, mito, di quanto è presente nelle opere originali, temo cagioni un depauperamento troppo grave. Questo, però, probabilmente vale sempre quanto ci si cimenta ad affrontare l’opera di un gigante: si rischia sempre di tradire in qualche modo e, d’altra parte, sarebbe troppo

210


facile limitarsi a dire: leggete Camus (e traetene le conseguenza nelle vostre vite)! A Madrid due mesi fa, trovai una libreria, neanche centralissima, che aveva allestito la sua vetrina di tutte le opere di Albert Camus. In questo 50° anniversario delle sua scomparsa si è visto talmente poco in Italia (spero che Bompiani si degni almeno di ristampare l’ormai introvabile “Il primo uomo”) che non possiamo non dare il benvenuto a questo breve pamphlet di Paolo Flores D’Arcais e che ha il pregio di contenere in appendice le trascrizioni di una tavola rotonda (Albert Camus et le mensogne) tenutasi a Parigi nel 2002, nella quale spicca il contributo di Alian Finkielkraut (sul rifiuto netto del terrorismo e la presenza delle natura).

211


Camus - Craxi, o l'esilio del socialismo libertario (2010) Nel gennaio 1960 e nel gennaio 2000, cinquant’anni fa e dieci anni, sono morti rispettivamente Albert Camus e Bettino Craxi. Li accomuna qualcosa? Forse i cimiteri sotto il sole posti sull’altro versante del Mediterraneo rispetto a quello in cui sono nati, o forse il fatto di essere considerati dei ‘traditori’, il «filosofo da liceali» e il «cinghialone», dalla sinistra del socialismo cesareo e militare, illiberale e comunista, odiati e rimossi a tal punto che rischiano di diventare oggi strumentali icone l’uno della destra di Sarkozy in Francia, l’altro della destra di Berlusconi in Italia. Impresa ardua paragonare un politico e un intellettuale: uno statista del primato della politica e un artista del primato dell’uomo in rivolta. Ma anche rappresentanti esemplari delle responsabilità soggettiva propria dell'intellettuale impegnato (Camus) e delll’etica della responsabilità propria del politico (Craxi), come ci segnalano Todorov e Ostellino. Due irregolari nei rispettivi mondi che hanno evitato di diventare complici di menzogne. Non solo quelle del comunismo, ma anche, ad esempio, da quelle sul terrorismo: l’uno di fronte a quello della sua patria algerina, l’altro di fronte a quello brigatista che rapiva Aldo Moro; con le loro scelte a favore della vita umana 212


da anteporre alla ‘ragion di giustizia’ anticolonialista («In questo momento ad Algeri si gettano bombe sui bus. Mia madre potrebbe trovarsi su uno di questi. Se questa è la giustizia, io preferisco mia madre».) e alla ‘ragion di Stato’ (la linea di Craxi contro la "strategia della non decisione" o della ‘fermezza’ che bloccò ogni trattativa per la liberazione del presidente della DC). Due irregolari che, nei rispettivi ambiti, hanno lanciato sfide a destra e manca, cui non è mai mancato coraggio, lucidità e coerenza (eccezion fatta per il Craxi successivo al 1989, debilitato dopo il suo primo ricovero, come ci ricorda Giusi La Ganga), accomunati dal comune destino paradossale di aver perso pur avendo ragione. Sono cioè rimasti rappresentanti di minoranze nell’ambito della cultura e della politica. Così come il PSI non ebbe mai i numeri per imporsi su DC e PCI e così attuare la “grande riforma” che modernizzasse l’Italia, così la sinistra culturale si è impantanata, in Francia come in Italia, nelle sacche del nichilismo, del pensiero debole, della critica vacua della scuola di Francoforte, dei Roland Barthes, dei Foucault e Deridda. Con il risultato che abbiamo tutti sotto gli occhi : una sinistra agonizzante sia in termini di critica sociale che culturale, proprio nel momento in cui il neoliberismo ha mostrato tutte le sue capacità di criminalità finanziaria e di sperequazione sociale, mentre le chiese manifestano con sempre maggiore aggressività la crisi del loro presunto universalismo.

213


E’ vero che nel 50° anniversario della morte di Camus, Bernard-Henri Lévy con mezzo secolo di ritardo fa qualche ammissioni sulle ragioni del Premio Nobel a nome del 'gauchisme' d'oltralpe, così come nel decennale delle morte del leader socialista si sprecano i riconoscimenti dei meriti delle grandi firme del giornalismo italiano, con la postilla delle sentenze passate in giudicato. Ma nessuno si è accorto della metafora che incarnano entrambi: l‘esilio del socialismo libertario dal panorama politico e culturale attuale. In Italia si preferisce parlare di intitolazione di vie, in Francia di spostamento di tombe al Pantheon ed è quindi corretto quanto riportava il corrispondente de La Stampa da Parigi riferito ad Alain Finkielkraut che dice: «Camus è consacrato da un’epoca che gli volta la schiena. Il nostro tempo non ama che se stesso ed è se stesso che celebra quando crede di commemorare i grandi uomini». Non commemoriamo nessuno, quindi: c’è solo da studiare e lottare, con la fatica ciclica e assurda di Sisifo, per riportare la carica libertaria del socialismo al cento della scena. (Luca Guglielminetti)

214


Ida Magli: tra attualità e nichilismo 26 aprile 2010 (blog) E’ sempre interessante leggere un saggio, che tratta di attualità, dopo un decennio e mezzo: in questo caso l’analisi antropologica di Ida Magli sulla politica in Italia dopo Tangentopoli e ai primi passi di Berlusconi. La distanza che l’antropologo pone dall’oggetto del suo studio disorienta sicuramente chi è abituato ai testi di scienze politiche o di filosofia. Non so se sia corretto indagare in casa propria, se cioè l’antropologo riesca a metter la giusta distanza dall’oggetto, ma in ogni caso La bandiera strappata vale la pena di essere letto e soppesato, oggi: con la distanza del tempo. Soprattutto i rilievi sul ruolo “antipolitico” di Berlusconi sono assai originali, e completamente assenti, per ovvie ragioni, dalla critica della sinistra. Il punto che però a me preme criticare è l’estremismo dell’analisi strutturalista di Ida Magli, che come in altri casi, quale la Susan Sontag, conducono alle sacche di un relativismo estremo, cioè nichilistico. Se nella Sontag l’analisi della cultura conduceva all’”estetica del silenzio”, nella Magli l’analisi politica conduce a un “campo vuoto”, nel quale la cultura dell’Immagine estingue quella della Parola.

215


L’attacco sferrato dalla Magli ha due obbiettivi precipui: la storia come atto fondatore e la parola, come atto “allucinatorio”, o “magico”. Quella memoria con il quale il Potere si fonda e quel logos, biblico, con il quale il Potere crea e mantiene se stesso. Tratterò solo del primo termine. Quello di radicale che risulta insopportabile è l’accomunare tutto il logos a parole del Potere, come se fossero esistiti solo la tradizione giudaico-cristiana, e poi quella comunista, e la filosofia non avesse mai visto la luce. Capita così, ad esempio, che una delle conclusioni a cui giunge l’analisi dell’autrice la porti a scrivere:”L’Occidente, attraverso un cammino lunghissimo,… è giunto oggi (almeno in teoria) a riconoscere che l’Uomo non ha bisogno di “somigliare” a nessuno per essere Uomo. Di conseguenza, non ha altro da fare che studiare se stesso come Uomo, con tutti gli strumenti e le conoscenze che le singole scienze gli mettono a disposizione, senza poter credere di poter giungere ad esaurire questo studio”. Peccato che questo concetto l’abbia già espresso Socrate nell’Atene del IV secolo (conosci te stesso, gnôthi seautón)! Un altro abbaglio che la induce a dettare il necrologio della Parola a favore dell’Immagine, è il palesarsi della televisione, cioè di una cultura dell’immagine verso la quale quella dei libri non può competere per diffusione. Questo abbaglio è in parte giustificato dal fatto che 1994, quando Ida Magli ha 216


scritto il suo saggio, Internet era pressoché sconosciuta in Italia. Quello che non solo la Magli, ma molto odierni detrattori del logo, faticano a comprendere è che il processo di alfabetizzazione di massa in Occidente è un fatto relativamente recente e solo da pochi anni, con Internet, si è sviluppata una piattaforma tecnologica che permette a tali masse di esprimersi in una forma scritta, dotata di una modalità diretta, veloce e diffusa, assolutamente incomparabile con le lettera, i diari di carta, o qualsiasi precedente mezzo di comunicazione popolare scritta od orale. Si manifesta così il paradosso che l’ipotesi della Magli di giungere a forme di democrazie diretta oggi siano ancora più vicine, ma queste non passino per il dominio della cultura dell’immagine: l’opzione non è tanto un telecomando interattivo con la televisione, ma è la tastiera del computer che garantirà lunga vita alla Parola, non più singolare espressione del Potere, ma al plurale e democratica: Parole con le quali cittadini sempre più informati potranno creare il loro controPotere. L’ultimo paradosso che segnalo è quindi quello che a fronte di una giusta critica al riduttivo ed inattuale dualismo destra-sinistra, della lezioni di Bobbio, la Magli sviluppi un dualismo tra Parola ed Immagine, che risulta appunto altrettanto riduttivo ed inattuale.

217


Blog, YouTube, social-network, mix di parole ed immagini, sono lĂŹ a dimostrarlo e a configurarsi come una novella Biblioteca (multimediale e di massa) di Alessandria.

218


Innovare partendo dal contratto sociale 1 giugno 2010 (blog) NUOVA VERSIONE DEGLI APPUNTI SU: Federalismo e Democrazia diretta,o del municipalismo libertario dell'era di Internet PREMESSA Il punto alla base dei successivi punti consiste nel delineare in estrema sintesi un nuovo orizzonte, quello che tecnicamente si chiama vision, al Partito Democratico, per uscire dall’empasse nel quale si trova, insieme al resto della socialdemocrazia europea, avendo - tra l’altro - perso in gran parte la capacità di rappresentare, cioè essere votato, delle classi lavoratrici. Il nuovo orizzonte sostituisce i cittadini ai lavoratori: lo sviluppo tecnologico, nelle società occidentali avanzate, ha infatti da tempo iniziato un processo di emancipazione del lavoro manuale e, contemporaneamente, determinato quella che si definisce società della conoscenza, quale spazio nel quale competono i mercati e i territori. La necessità di ridefinire il contratto sociale, nasce quindi da quella di spostare il focus dell’attività politica dei progressisti dal lavoro, inteso ancora troppo spesso sul modello fordista, ai cittadini, intesi come capitale sociale di conoscenza, ai quale devolvere, su un principio di sussidiarietà radicale, il potere deliberativo e l’autonomia di creare contenuti. 219


In termini giuridici si tratta di passare da “l’uguaglianza politica formale” a quella sostanziale della deliberazione, cioè la democrazia diretta. Pensiamo che solo sulla base da una nuova e radicale vision si possano delineare le politiche a livello territoriale: solo innovando la prima, troveremo coerenti proposte per le seconde. La storia di una nazione di solito cementa il tessuto ideologico del potere, costituisce una base comune per i vari partiti e schieramenti politici. In Italia, come noto, non c’è storia condivisa: anche dopo il Risorgimento ci sono state almeno due storie che hanno tagliato in due il paese: dall’Unità d’Italia alla Resistenza abbiamo fenomeni diversi al Nord e al Sud. Questo inficia qualsiasi utilizzo della retorica nazionale. - A questo, in Italia, si somma il retaggio del convergere delle culture cattoliche e comuniste, che con le loro ragioni sociali universaliste e internazionaliste hanno reso marginale la cultura liberaldemocratica, base delle democrazie classiche occidentali, e il senso dello Stato, anche come unità territoriale. - Il processo di integrazione comunitaria (dall'istituzione della CECA all’Euro) ha poi determinato che l’Unione Europea abbia avocato a sé taluni ruoli e funzioni prima nazionali. A questo è seguita la globalizzazione dei mercati che ha 220


accentuato il peso dell’interdipendenza tra territori locali ed economia globale, indebolendo ulteriormente il ruolo nazionale. La Costituzione italiana ha parti assurde (il suo fondarsi sul lavoro) ed altre disapplicate (la regolamentazione della vita dei partiti e dei sindacati), ma, pur consapevoli che la sua origine risale ad un contesto storico ormai ampiamente superato, ci si ostina a difenderla, quando invece andrebbe riformata completamente. - Probabilmente solo il federalismo potrebbe permettere la nascita di forme di democrazia diretta, partendo dai territori e dalla sua sperimentazione in ambito locale (comuni e circoscrizioni). - La democrazia diretta è stata osteggiata ancora fino a poche decenni fa, da Norberto Bobbio per esempio, perché si reputava inapplicabile tecnicamente, e poi, sottovoce, si aggiungeva che il popolo non decide così bene come i suoi rappresentanti eletti. Ma oggi non è più così: Oggi è tecnicamente possibile affidare forme di voto e consultazione direttamente ai singoli cittadini attraverso le reti telematiche, come Internet. Ma soprattutto, attraverso Internet, c’è stata una socializzazione di saperi ed informazioni che si sono sviluppati (e si 221


stanno sviluppando) in quantità stratosferiche e in modalità sempre più democratiche (web2.0), tali da rendere ciascun cittadino potenziale giornalista (citizen journalism), ovvero detentore del potere di controinformazione a fronte dei monopoli di media oligarchici, quali giornali e televisioni. Questo determina la possibilità che le scelte dei cittadini non possa che diventare sempre più consapevoli, con buona pace della temuta ignoranza/irrazionalità del popolo. Inoltre, la temuta ‘videocracy’, ovvero la formazione dell'opinione pubblica attraverso la televisione, è un dato generazionale in esaurimento nel giro dei prossimi decenni, grazie sia alla sempre maggiore alfabetizzazione informatica, che all’integrazione crescente tra televisione e internet. Una opzione in favore del federalismo e della democrazia diretta (nella variante di Electronic direct democracy, abbreviazione EDD) significa: favorire forme partito federaliste e territoriali, opponendosi a quelle attuali di centralismo, anche nelle loro correnti, e soprattutto significa minare il ruolo di intermediazione - spesso clientelare - dei suoi funzionari e burocrati, nonché la debole, se non falsa, rappresentanza dei suoi eletti alle cariche rappresentative; mettere in discussione le élites politiche con la loro attività di negoziazione piuttosto che di deliberazione, deri222


vante dai vincoli di partito. “I cittadini non sono vincolati a collegi elettorali o a partiti, non hanno nessun bisogno di negoziare, di scendere a compromessi per avere dei voti; di conseguenza sono liberi di cambiare le proprie posizioni, non solo riguardo a concrete proposte legislative ma anche su questioni fondamentali che riguardano il mondo che ci circonda, così com’è o come dovrebbe e potrebbe essere”. propugnare politiche che favoriscano la diffusione capillare delle infrastrutture tecnologiche, cioè le reti e l’hardware; sviluppare spazi on line, sul modello dell'ambiente e21 ( http://www.progettoe21.it/ ), atti a promuovere la partecipazione attiva dei cittadini con gli strumenti deliberativi di discussioni informata, bilanciata, consapevole, sostanziale, comprensiva; propugnare politiche che difendano la completa autonomia dei contenuti creati in rete in forma collaborativa (Creative Commons, Wiki, Open source,…); rivedere la Costituzione italiana in funzione dei cittadini e non dei lavoratori, la forma partito in funzione delle forme di sovranità popolare diretta e partecipata, nella completa trasparenza dei processi decisionali e di governance;

223


prospettare uno scenario definibile anche come globalizzazione dal basso, che valorizzi le risorse e le differenze locali promuovendo processi di autonomia rispetto alla eterodirezione della globalizzazione dallâ&#x20AC;&#x2122;alto.

224


D'Alema e i PM 20 anni dopo 25 dicembre 2010 (blog) Nel cablo di WikiLeaks il giudizio di D'Alema sui pm: "La giustizia, minaccia per l'Italia". Si conferma la massima per cui i comunisti, anche ex post, comprendono 20/30 anni dopo quanto anticipato dai socialisti, con l'aggravante di non comunicare la scoperta alla base, ma di sussurrarla nella sede dell'ambasciata ...sbagliata!

Si veda: EL PAIS: "LOS PAPELES DEL DEPARTAMENTO DE ESTADO - Conflicto entre poderes en Italia Berlusconi y la oposición desconfían de la justicia" Dall'originale: http://wikileaks.ch/cable/2008/07/08ROME840.html ITALY'S JUDICIARY: FOR MANY, A BROKEN SYSTEM -------------------------------------------¶7. (C/NF) Transcripts of telephone intercepts related to criminal investigations are frequently leaked to the press, resulting in significant embarrassment to those involved and 225


calls for reform of Italy's fiercely independent judiciary and of the practice of wiretapping. Rarely, if ever, is the source inside the judiciary who leaked the transcript discovered. Though Italy's judiciary is traditionally considered left-leaning, former PM and FM Massimo D'Alema told the Ambassador last year that the judiciary is the greatest threat to the Italian state. Despite fifteen years of discussions on the need for comprehensive judicial reform, no significant progress has been made. Italians, by and large, consider their judicial system broken, perhaps beyond repair, and have very little confidence that the system actually delivers justice.

226


La via mediana di Todorov e la "tentazione del bene" nei procuratori 9 febbraio 2011 (blog) Lasciamo la parola a chi ha titoli per riflettere sull’evoluzione delle democrazie europee. Parola che prescinde da ogni riferimento all’attualità, del caso Ruby in Italia o dello sciopero dei magistrati in Francia, anche solo per il fatto che sono state scritte 10 anni fa. Titoli che più che accademici, sono quelli di un grande pensatore umanista, democratico e illuminista: Tzvetan Todorov. A pagina 377 di “Una vita da passatore”, un libro intervista edito in Italia da Sellerio l’anno scorso e pubblicato in Francia nel 2002, leggiamo questa domanda dell’intervistatrice, Catherine Portevin: “Arriverebbe a dire che oggi la giustizia sta prendendo il posto non solo della scuola o della storia, ma anche della politica?” Risponde Todorov: “La parola pubblica, l’immagine che la società produce di se stessa, sta per indebolirsi sotto la pressione dell’individualismo, con la sua predilezione del mondo privato. E’ tuttavia uno dei compiti degli uomini (e delle donne) politici evitare questa rappresentazione. E’ perché essi non svolgono più questo ruolo che ci si rivolge di più verso le istanze giuridiche, come se il mondo giudiziario fosse 227


diventato l’ultimo rifugio della parola pubblica, del mondo comune. Enunciare i valori comuni, esprimere un biasimo, un rincrescimento, formulare una sanzione può essere necessario alla vita di una comunità, ma per fare questo non c’è bisogno di passare dai tribunali. Questo è il ruolo della scuola, dei media, delle personalità di prestigio, a un altro livello, dei diversi comitati di saggi. Il capo dello Stato può giocare il suo ruolo a seconda delle circostanze, nella misura in cui non incarna solo una figura politica ma anche l’autorità morale. Ricordiamoci di Willy Brandt in ginocchio davanti al ghetto di Varsavia: ecco un gesto che si confà a un uomo politico. Il ruolo di queste persone, di queste istituzioni non è quello di produrre conoscenza ma di dare un riconoscimento a coloro che lo meritano”. (…) “Il posto lasciato vuoto dai politici viene surrettiziamente occupato da coloro che sono soliti impartire lezioni, da procuratori di corto respiro, fieri di denunziare il male degli altri e di indicare a tutti la retta via. E’ un aspetto delle democrazie moderne cui bisognerebbe stare attenti, questa tendenza a raddrizzare i torti altrui, a esigere che tutti si conformino al bene. E’ quanto ho chiamato la «tentazione del bene»”. Per chi fosse interessato ad approfondire, si segnala dello stesso autore “Memoria del male, tentazione del bene – Inchiesta su un secolo tragico” (Garzanti 2004-2009)

228


Aggiungiamo poche frasi nelle vicinanze della stessa pagina. “Più in generale, il tribunale conosce solo due colori: bianco e nero, sì-no, colpevole innocente. La realtà umana ne conosce svariati – l’ampia zona grigia di Primo Levi – e gli storici sono meglio messi per restituire questa complessità. (…) I deputati non sono qualificati a scrivere la storia, non più dei giudici. (…) Oggi abbiamo bisogno più di verità che di giustizia. (…) La Francia ha bisogno di guardare in faccia il proprio passato, senza nascondersi nulla.” Per finire, la conclusione del capitolo: “Sognare una giustizia assoluta mi sembra non solo vano ma nefasto: l’esistenza umana, lo abbiamo visto, è un giardino imperfetto. Le derive moralistiche sono nocive, ma una vita privata di ogni idea di giustizia, non è più una vita umana. Non dobbiamo arrossire nel seguire questa via mediana".

229


"los indignados" e il "socialismo dei cittadini" 23 maggio 2011 (blog)

"Un libro uscito nel 2006 da Feltrinelli spiega bene quest'alternativa: Zapatero - Il Socialismo dei Cittadini (curato da Marco Calamai e Aldo Garzia) è documento prezioso. Il nuovo consiste nell'estendere i diritti e le libertà di individui o minoranze, accettando l'enorme varietà delle preferenze esistenziali in società rese insicure da disoccupazione, immigrazione, terrorismo. I soldi mancano per politiche sociali magnanime, agire sull'economia è divenuto tremendamente complicato a causa di vincoli e incompatibilità: meglio allora concentrarsi sulle riforme «a costo zero» - riforme civili più che economiche, dice Antonio Gutiérrez che oggi dirige la Commissione economica del Congresso dei deputati - che danno al cittadino la sensazione di essere ascoltato, rispettato anche quando la vita si fa per lui difficile." Da L'allergia italiana a Zapatero, di Barbara Spinelli, ancora ragionevole editorialista de La Stampa nel dicembre 2006 Zapatero ha fatto molto nel campo dei diritti civili, ma il movimento 15 M,  quello dell'ultima settima degli accampati a Madrid e in altre città,  è lì a dimostrare che una parte dei cittadini sono indignati da un deficit democratico (di rappresen230


tanza reale) ed a un deficit di intervento politico nell'economia (a seguito della crisi). Un vero schiaffo al socialismo dei cittadini, che forse funziona quando l'economia va bene, e del quale chiedersi che fine farà adesso, ora che si prospetta solo uno sfondamento del partito Popolare dalle amministrative di ieri fino alle prossime elezioni politiche? Riporto la testimonianza diretta di una amica da Puerta del Sol che mi ha postato su FaceBook: "ci sono stata ieri sera per vedere cosa dicevano anche perché domenica voto anche io per il sindaco qui. Noi europei residenti abbiamo questo bellissimo diritto. Mi ha colpito molto perché è una manifestazione totalmente pacifica. Sui giornali si vede solo porta del sol ma in ogni parte del centro di Madrid c'è gente a cerchio che come in un'agorà parla a turno e crea dibattito (con il megafono). Non ci sono solo giovani ma gente di tutte le età e secondo me anche di tutti i colori politici. La gente è stanca, ha dovuto subire una crisi non aspettata forte e senza prospettiva di ripresa. La cosa più bella è che non c'è un leader ma gruppi di lavoro e la rivendicazione più presente è abolire o modificare il sistema dei partiti che non riescono a rappresentare i cittadini. Vogliono una democrazia reale e per ottenerla credono che è fondamentale la partecipazione cittadina attraverso la democrazia diretta (referendum, petizioni, etc).Il programma politico si sta creando giorno dopo giorno in strada poiché è un movimento spontaneo nato tra più di 200 piccole associazioni che sono 231


state capaci di comunicare su internet.Insomma una lezione di democrazia che a vederla dal vivo ti va venire la pelle d'oca. Tutti i politici ed i candidati per le elezioni di domani hanno già perso perché la vera campagna elettorale l'hanno fatto i cittadini in questi giorni, sebbene ci fosse il divieto della giunta elettorale per rispettare i giorni di riflessioni pre-voto. Da quanto si capisce, il ministro dell'interno sarà cauto e non farà intervenire la polizia per sgombrare le piazze stasera che è la serata più delicata. Speriamo che "los indignados" e la democrazia vera trionfino!!!" In cosa consiste il nuovo di questo movimento? Quale direzione e quale connessione con il resto delle mobilitazioni nel resto nel mondo arabo ed europeo? E, ancora una volta, quale ruolo hanno i social-network nelle rivolte senza leader che hanno aperto il 2011?

232


La mamma (e gli spaghetti) di Erri De Luca 31 agosto 2011 (blog) Il nostro paese è quello in cui a produrre film, o ci pensa il Ministero della Cultura o la Pasta Garofalo. Quest'ultima è giunta al quinto cortometraggio prodotto: titolo, "Di là dal vetro", autore, lo scrittore Erri De Luca. Quest'ultimo, interpretando se stesso in un dialogo immaginario con la madre defunta, sostiene un teorema molto semplice: il terrorismo vero è quello dei bombardamenti aerei sulle città (quelli della II Guerra Mondiale, così come quelli su Belgrado alla fine del '900); quanto fatto dalla sua generazione in confronto erano solo pinzillacchere. Il teorema, attraverso l'artificio retorico della ereditarietà, di madre in figlio, della paura per le sirene degli allarmi antiaerei, crea un contorsione concettuale che naturalmente sfugge ai vari critici (quelli della trasmissione radiofonica Hollywood Party) così come sfuggirà a quelli del Festival di Venezia 68: guerra e terrorismo sono due modi distinti e distanti di svolgere violenza politica di massa. Capisco che ai palati delicati dei lettori di De Luca dispiaccia distinguere, preferendo le languida lingua letteraria che tutto tracima d'incanto, ma tra la violenza istituzionalizzata, cioè in qualche modo "legale" (la guerra) sul terreno diffi233


cile del diritto internazionale, e quella eversiva, "illegale" (il terrorismo) c'è grande differenza. Si può dire che le vittime sono sempre la società civile, ma la differenza tra guerra e terrorismo, oltre l'aspetto leguleio, è anche in una importante questione di trasparenza. Sotto un bombardamento in guerra so chi mi colpisce, in una bomba terrorista non lo so e difficilmente lo verrò a sapere perché le file dei fatti sono quasi sempre coperte da ragion di Stato, segreto di Stato, sicurezza nazionale. In altri termini, le dinamiche dei terrorismi, neri o rossi, di ieri o di oggi, sono oggetti di strategie politiche interne e internazionali il cui livello di comunicazione e propaganda è assai più elevato e sofisticato che in guerra. Insomma, la guerra consegna la verità ai figli, il terrorismo la delega, forse, ai nipoti. Ringraziando per questo ultimo contributo alla cultura del nostro Paese dalla generazione sessantottina, una notazione finale. Le liberaldemocrazie hanno una prassi politica così terribilmente noiosa che difficilmente si potrebbero descrivere in belle lettere. Capita così che il nostro autore preferisca ancora tramandare il verbo rivoluzionario della sua passione giovanile, questa volta, in nome di quanto più santo hanno gli italiani: la mamma! (Per non dire del sostegno finanziario degli spaghetti, degno partner delle madri 'coraggio' d'Italia) Possiamo immaginare che per Erri de Luca le lente riforme, il rito parlamentare, la pacata e plurale dialettica politica sia tutta roba da casta, cui la lingua italiana può dedicare al massimo un insulto. Un grillesco vaffa. 234


L'invenzione araba 2011: la democrazia "one2one" 8 gennaio 2012 (Blog)

Motivo della profonda radicalizzazione del mondo arabo che ha condotto molti giovani sulla strada del terrorismo, è stato ricercato nel fatto che negli ultimi quattro secoli gli arabi non abbiano prodotto alcuna invenzione degna di rilievo, connotando un declino che dai tempi d'oro del Califfato non si è più interrotto. Un declino che potrebbe essere stato indotto dai tre secoli di ritardo con i quali gli arabi hanno introdotto il torchio tipografico e quindi la distribuzione libraria con i loro caratteri. Un ritardo che ha prodotto un dato impressionante: la quota dei libri stampati nei paesi arabi è pari allo 0,8 per cento della produzione mondiale, secondo il rapporto della Nazioni Unite 2002-2004. Questi dati che troviamo ne "Il perdente radicale", cioè nel profilo che il poeta Hans Magnus Enzensberger tratteggia del soldato nazista di ieri e del terrorista kamikaze di oggi, potrebbe avere trovato una sbocco positivo, a scapito di un destino suicida per l'intera civiltà araba, nell'anno appena trascorso che si era inaugurato con la rivoluzione dei gelsomini in Tunisia.

235


Gli arabi, i loro giovani, le loro donne, potrebbero aver inventato un modello di rivolta democratica caratterizzata da due novità assolute, in relazione tra loro: l'uso dei social network e, ancor più importante, l'assenza di leadership nei processi di governance in seno ai movimenti. Il modello di utilizzo del web e dei social network, come Twitter o Facebook, ancora nel 2010 è stata la campagna elettorale di Obama. Ma tale modello reiterava ancora in fondo il rapporto televisivo di uno a tanti, seppur condito da molto feedback. Il modello delle rivolte arabe è stato invece orizzontale, uno da uno: one2one. Una orizzontalità accentuata dell'assenza di leadership, che potrà costutuire per alcuni un limite e per altri una opportunità, me che resta la vera innovazione dell'uso sociale della democrazia e della rete. L'invenzione che è stata copiata poi dai movimenti europei (Indignados) e USA (Occupy). Credo quindi che la rivista Time abbia fatto bene a dedicare la copertina per il 2011 ad un anonima rivoltosa, con tratti arabi. Potrebbe infatti trattarsi di una importante invenzione del mondo arabo dopo secoli, che dona a tutto il mondo non solo l'invenzione stessa, ma anche un prospettiva meno conflittuale allorchè le giovani generazioni arabe ne saranno consapevoli e ne andranno fiere. 

236


La deriva giustizialista delle Lettere 12 giugno 2011 (Blog) Bruno Pischedda sul Domenicale odierno del Sole24Ore, dopo un nano-excursus sulla figura dell'italico intellettuale e connotati annessi, giunge a una conclusione che, più di mille saggi, fornisce lo stato della cultura in Italia. L'autore di Gomorra, secondo Pischedda, sarebbe infatti il novello Pasolini di "Io so i nomi… Io so i nomi. Ma non ho le prove e nemmeno gli indizi", con la differenza che Saviano nei suoi testi porta le prove: le prove giudiziarie, essenzialmente. Naturalmente! La consegna alla prassi giudiziaria, nelle parole dell'ex direttore di Linea d'ombra, non può essere più totale: "A un minore slancio poetico, divinatorio, sapienziale, supplisce un più robusto atteggiamento empirico di cui è il giornalismo militante a fornire la matrice." Il postulato che manca per concludere l'articolo esplicitandone completamente il senso è che l'unico intellettuale possibile oggi è il giornalista militante: Roberto Saviano è solo il migliore in quanto "esperienza emotiva e territorio in lui coincidono". Il ricercatore milanese non si accorge, o avvalla spudoratamente, il tentativo, da 20 anni a questa parte, di fondare tutta la politica, le idee e la storia del nostro paese solo sul loro asse giudiziario. Questo tentativo dovrebbe essere evidente, a 237


una sinistra liberale, che è figlio di una cultura da inquisizione più che da umanesimo, come ancora con Pasolini eravamo 'ben' abituati (anche se forse un certo furore manicheo era già presente). Si consiglia, allora, la lettura del solito Todorov, giacché le ampie "zone grigie" della storia del nostro paese necessiterebbero di Primo Levi, cioè uomini di Lettere, non di giornalisti di giudiziaria.

238


TAV: Et in Arcadia ego 6 luglio 2011 (blog)

Questa immagine, tra quelle delle manifestazioni e dei violenti scontri del 3 luglio 2011 in Valsusa, mi ha subito suggerito il suo titolo. Senza scomodare Panofsky, questa fotografia ha un valore iconografico di grande forza emotiva: gli scudi "militari" della TAV contro il crocefisso disperato dei NO TAV. Fin dall'origine il rapporto tra violenza e movimento contro la TAV è equivoco: la verginità pacifista, i "no-tav" l'hanno persa decenni fa con le indagini di Maurizio Laudi sugli anarchici valsusini, accusati di banda armata. Alcuni di 239


loro si suicidarono in seguito. La storia è complessa, non lineare, lunga e ...per arrivare fino al 3 luglio 2011, forse occorre passare per Genova 2001. Andando al di là della cultura e della violenza emerse, da tutte le parti in scontro, il dato che ci riporta questa immagine è quello sintetizzato in un commento su un altro blog del Cannocchiale: http://orione.ilcannocchiale.it che termina così : "Qual è il fine del progresso, se non il progresso stesso, e in che cosa è diverso dagli altri monoteismi che chiedono atti di fede contro speranza? Che differenza c’è tra le scavatrici della Val di Susa, che si apprestano a far svettare il tricolore su abeti sradicati, nidi di scoiattoli e cime millenarie, con gli appetiti del gigante minerario indiano Vedanta Resources, che della montagna sacra dei Dongria Kondh riescono solo a calcolare i due miliardi di dollari di bauxite che ci stanno sotto? Cosa cambia con i Buddha abbattuti dai talebani in Afghanistan, coi roghi di libri dei nazisti, coi templi Inca e Maya piallati dagli evangelizzatori e usati come base per le loro chiese? Chi decide cos’è sacro e cosa può essere spazzato via dal mondo?" Ecco l'interrogativo retorico che sintetizza, come icona, questa immagine. Quella in Val Susa non è quindi solo una bieca questione economica su chi sbaglia nell'analisi dei costi/benefici, ma anche una questione di vision antropologica tra arcadia e progresso. Tra sacro e profano.

240


La profezia di Marshall McLuhan 21 luglio 2011 (blog) Oggi è il giorno che dovrebbe celebrare l'importanza dei mass media nella storia umana. Esattamente 100 anni fa nasceva infatti Marshall McLuhan, e prima che scocchi la mezzanotte, un breve omaggio. La recensione della biografia scritta da D. Coupland: You Know Nothing of My Work! che ci ricorda come le scienze umane siano premessa indispensabile alla riflessione sulle tecnologie. "One must remember that Marshall arrived at these conclusions not by hanging around, say, NASA or I.B.M., but rather by studying arcane 16th-century Reformation pamphleteers, the writings of James Joyce, and Renaissance perspective drawings. He was a master of pattern recognition, the man who bangs a drum so large that it’s only beaten once every hundred years.” ~ Douglas Coupland Alla sua più famosa massima, oggi ne preferiamo una più amara e letteraria: "Oggi i modelli di eloquenza non sono i classici, ma le agenzie pubblicitarie".

241


Il Caffé sui social network: un bilancio 22 luglio 2011

Dopo un anno dall'apertura della pagina 'sociale', i lettori del 'Caffè' su Facebook si sono attestati intorno ai 144, 12 alla seconda: un numero che 'mi piace'… più che un bel numero. Assai peggio è andata su Twitter, dopo lo stesso periodo, solo 48 persone seguono i cinguettii del Nuovo Caffè Letterario: una miseria anche per un social network che non ha preso molto piede in Italia. Sul Web "tradizionale" i numero sono diversi: sia il blog che il sito dopo 5 anni di vita il primo e ben 14 il secondo, se non altro almeno hanno qualche migliaio di lettori all'anno. Poiché in rete si paga sempre una discontinuità nella cura e nei tempi degli aggiornamenti dei contenuti, uno dei dati positivi dell'uso dei social network è stato quello di obbligare a tenere aggiornata un po' tutta la filiera dei siti legati al NCL (Issuu, Anobii, YouTube, Vimeo…). Inoltre credo che sia FB che TW siano stati utili per fornire una servizio aggiunto ai contenuti del Caffè, offrendo una segnalazione di link culturali di livello internazionale che mi pare potrebbe essere anche un po' più apprezzata, ma che in ogni caso sostituiscono le vecchie pagine statiche di link 'amici' coi i loro indirizzi internet vieppiù interrotti. 242


Infine, se si è coltivata una nicchia, occorre rassegnarsi, non si possono cercare grandi numeri. Apprezziamo quindi i piccoli: quelli che possono stare su un divano in compagnia delle Muse.

243


La casta (retorica) delle firme 23 agosto 2011 (blog) Un paese si può giudicare, oltre che dai suoi uomini politici, anche dai suoi giornalisti. Anzi è più facile perché l'uso della retorica, nel giornalista di successo, per quanto raffinata, alla stretta finale si rivela nella maggioranza dei casi semplice manicheismo moralistico. I buoni e i cattivi, i vizi e le virtù, la casta e i cittadini, una serie di binomi artatamente applicati di volta in volta come giudizio sommario a seconda del teorema presentato dall'editoriale. Per esempio, la stessa firma, un giorno può presentare il piccolo comune del Nord come il ricettacolo delle peggiori trivialità legiste di un Paese dilaniato da cento campanili, e il giorno successivo diventare cellula feconda del tessuto connettivo di un Paese composto da mille villaggi. In sostanza la lettura di certi 'pezzi' da prima pagina, con firme strapagate, induce la riflessione seguente. Se una volta si diceva che il Paese ha la classe politica che si merita (salvo scoprire poi tardivamente che non era così male), oggi - nonostante tutto il discredito del ceto politico - credo si debba ribaltare il concetto: siamo una nazione con i giornalisti che si merita (dove pochi si accorgono della subdola incoerenza di chi tutto artificiosamente subordina al nemico del giorno per stappare l'applauso interiore a signori e signore i cui sommersi rancori sociali mai sopiti ben si coniugano con la sublime arte della penna).

244


Sereno, James Hillman, assai meno noi che restiamo 28 ottobre 2011 (blog) (James Hillman, one of our great mentors, died peacefully this morning at his home in Connecticut. He was 85. His wife Margot said he was true to his character to the end, even as he moved into that place between day and night. May I just add, in tribute to him as a friend, how deeply James has enriched us.) Da una strana recensione di molti anni fa, de "La politica della bellezza": "(...) Se la situazione di trovarci a far shopping tra prodotti di un consumo rapido ed intimo, esposti in contesti di un gigantismo concentrazionale ai quali arrivare 'motu proprio' tra un percorso di discariche, con mezzi inquinanti; se tutto questo lo percepiamo talvolta come un agire coatto verso, nel e con la bruttura siamo pronti alla rivolta di Camus. Siamo prossimi a scendere in politica per riappropriarci del bello cercando di re-immaginare la nostra cittĂ . Iniziamo a considerare contigua a noi quell'attivitĂ  che la psicoanalisi (l'intimo) ha sempre rimosso: la politica. Quell'attivitĂ  di liberazione contemporaneamente personale e sociale che fornisce di senso la vita quotidiana.

245


Così come già oggi accade che una bellezza esotica da salvare induca ad una 'nobile' mobilitazione ambientalista per una cause lontana (percepibile come 'estrema'), se il senso del lontano ed del prossimo a noi saranno man mano ricondotti ad un concetto di contiguità, si otterrà allo stesso modo di mobilitare politicamente 'a difesa o al pro' di una bellezza più difficile da riconoscere. Quella bellezza che sta tra casa nostra (l'intimo) e l'amazzonia (l'estremo): la città, il luogo della politica e dei cittadini. Il libro di Hillman ci dice questo: tra la psicoanalisi e l'ambientalismo c'è la politica. La primo combatte il narcisismo, il secondo la devastazione ambientale, la terza l'alienazione della vita ridotta a consumarsi in una terra desolata. Il fare politica lo si può dunque configurare come contiguità di un'azione liberatrice della bellezza, che ripristina il ponte tra l'io (intimo) e l'altro (estremo) paragonabile ad un ponte con la Grecia della polis, tra filosofia e mitologia. Così al richiamo delle sirene dell'interiorità psicologica e dell'esteriorità ambientale, le voci della politica ci riconducono alla prassi dialettica dell'agorà, cioè in quel luogo 'bastardo' (meticcio) dove si aggirano discutendo animatamente coloro che provano a re-immaginare se stessi e il mondo." ...e, nel 2000, la prima presentazione di Hillman in rete (in italiano). Piccolo vanto, gloria personale.

246


Finalmente l'Obama de no'altri: Matteo Renzi 30 ottobre 2011 Due anni fa, in quell’epopea che è stata la campagna elettorale di Barak Obama, si sono sprecate le lagnanze della serie: “avessimo un Obama italiano!”. Ora che c’è: levate di scudi. Comprensibili quelle dell’apparato di partito del PD che vede, per la prima volta, insidiata seriamente la sua leadership. Meno comprensibile quelle che salgono dai social network, dai giovani, dai simpatizzanti del centro-sinistra che continuano a preferire le parole di Bersani, Vendola, quando non Diliberto.

247


Lo spin doctor di Matteo Renzi 1 novembre 2011 (blog)

Non so se sia esatto definirlo spin dottor, magari gli garba, ma dietro o a fianco, ma fuori dalla ribalta, di Matteo Renzi c'è una vecchia conoscenza. Un nome noto al mondo socialista: Giuliano da Empoli. E' infatti il figlio di Antonio. Vicino ai socialisti, amico di Giuliano Amato, Antonio Da Empoli era entrato a Palazzo Chigi negli anni di Craxi. Nel 1983 divento' responsabile del dipartimento economico della presidenza del Consiglio e tre anni dopo le Br lo presero di mira in un attentato. Nel 1987 un altro incarico importante, questa volta al Dipartimento per il Mezzogiorno, snodo importante nel gran fiume degli aiuti al Sud. Nel 1992, con Amato a Palazzo Chigi, il governo invia Da Empoli al Monte dei Paschi di Siena, come rappresentante in quota socialista nella deputazione della banca senese. Muore in un incidente sull'autostrada del sole nel 1996, quando, con la moglie, è coinvolto nelle inchieste di tangentopoli sul Pacini Battaglia e la Karfinko. Il figlio Giuliano sembra ereditare immediatamente il ruolo del padre, soprattuto l'amicizia con Giuliano Amato: infatti, morto il padre, lo troviamo consigliere del ministro delle comunicazioni Maccanico tra il 1996 e il 1998, esperto presso la presidenza del Consiglio con il governo Prodi II 248


(1999-2001) e consigliere del ministro della cultura Rutelli fino al 2008. E' poi membro del cda della Biennale di Venezia, già amministratore delegato di Marsilio editore, la casa editrice veneziana del fratello di Gianni De Michelis. Dal 2009 è assessore alla cultura nella città di Dante, quando lo chiama Matteo Renzi uscito vincitore, come sindaco outsider, dalla primarie del PD. Una laurea in giurisprudenza, sociologo e giornalista è anche un prolifico autore di saggi, tra i quali il primo ebbe un certo successo "Un grande futuro dietro di noi". Ne parlammo su Socialisti.net nel lontano 2002. Un articolo che finiva così: "il “grande futuro” immaginato dalla sinistra “anziana” ci appartenga sempre meno, sotto tutti i punti di vista. A partire dai nomi fino ai simboli passando per le idee “forti” o “deboli” che hanno rappresentato le migliori tradizioni politico culturali della sinistra storica o movimentista: tutto sembra dotato di senso e significato sempre più labile. Questa perdita di significato è indiscutibilmente legata alla mancanza di senso di responsabilità della sinistra stessa (...). Ma c’è dell'altro, perché la sinistra è incapace di fornire risposte anche a chi in piazza professa che “ un mondo diverso è possibile”, oltre a quelle di chi, nel chiuso delle proprie case, chiede maggiore sicurezza sociale e libertà personale. La sinistra silente non riesce più a rispondere alle nuove domande di libertà e responsabilità, domande che sono solo in apparente contraddizione, come utopia e riforma, o come l’ossimoro liberalsocialismo. Forse sarà un neologismo a sintetizzare le risposta, ma, 249


in ogni caso, è abbastanza evidente, potranno scaturire sola dall’interno di questa nuova generazione. La scena degli “anziani” (con tanti auguri a Stefania Craxi o ai mitografi di Berlinguer o del Che) pare veramente ogni dì sempre più vuota." Dopo 10 anni da quell'articolo, e 15 dall'uscita del libro, le idee di patto tra generazioni, di meritocrazia, di walfare per i lavoratori non garantiti etc. arrivano finalmente alla scena nazionale. Grazie al "Big Bang" della Leopolda organizzato da Matteo Renzi. Bene ha fatto allora Giuliano da Empoli: invece di farsi cooptare ancora da il "vecchio" Amato, questa volta ha scelto un coetaneo. In questo modo un futuro, magari non grandissimo, si profila non più alle nostre spalle, ma nella sua giusta prospettiva: davanti. Davanti a questo paese che aspetta da troppo tempo i suoi giovani.

250


La fatica della democrazia, o della misura delle parole 13 novembre 2011 (blog) Fatico a sostenere la privazione di intelligenza politica che ben si esalta e diffonde in queste ore. Uno stimato giornalista di temi dell'innovazione come Luca De Biase, twitta poche minuti fa: "oggi è il primo giorno del resto della tua vita". Un frase che vedrei più adatta al giorno dopo la liberazione dei superstiti dai lager nazisti. Invece è riferita alle fine di un Presidente del Consiglio dei Ministri regolarmente eletto dal popolo. Pur non essendo tra i suoi elettori, è evidente che fino al 2008, cioè alle ultime elezioni politiche, la stragrande maggioranza degli italiani non si è neppure metaforicamente sentita in un lager. La battuta di De Biase fa il paio naturalmente con i cori di "Bella ciao" di ieri sera, i festeggiamenti per un liberazione che, tra l'altro si stenta capire come sia successa. I festanti è evidente che non colgono che Berlusconi sia in vero caduto da destra, per una azione in parte eterodiretta dall'Europa (ma anche del Vaticano), sotto la pressione delle novelle guerre finanziarie. Questo non saper misurare le parole, o valutare le circostanze non è un problema da poco. E' semplicemente il vero dramma della sinistra di questo paese, che stenta ancora a legittimare le libere scelte degli elettori. La fatica della democrazia.

251


ADDENDUM 2012

252


I solidi numi tutelari di Matteo Renzi 13 ottobre 2012 (blog) Matteo Renzi, Stil novo.

[Mentre i ‘renzini’ di Torino si riuniscono pubblicamente per presentare i primi 100 Comitati, in modo tale da ottenere qualche riga sui media locali,] questa mattina mi accingo ad affrontare la lettura di Stil novo, pamphlet di Matteo Renzi che, utilizzando l’artifizio del “ping pong tra passato e presente”, mixa la storia di Firenze con ciò su cui è intervenuto come sindaco e con quello che vorrebbe fare per l’Italia. Il libro manca di un indice dei nomi, ma non è gran fatica ricavarlo. La chiave di interpretazione del testo infatti si può determinare facilmente segnandosi i nomi degli uomini di cultura citati. Solo i moderni, al netto dunque di quelli della storia fiorentina, cioè dei vari Dante, Machiavelli, Savonarola, Cellini, etc. che hanno una funzione aneddotico-comparativa. Basta allora trovare i primi due nomi per comprende il sottotitolo: “La rivoluzione della bellezza tra Dante e Twitter”. Pur in un testo dal registro diretto e basso, non siamo di fronte alla declinazione della bellezza di un Celentano, né a quella astrattamente romantica di un Rilke: i primi due nomi che si incontrano sono quelli di Albert Camus e di James Hillman. [Chissà se i vari agit-prop piemontesi, dal consigliere 253


regionale Gariglio al sindaco Catizone, hanno mai letto una riga de L’uomo in rivolta o di Politica della bellezza?] Difficile non restare positivamente sorpresi: sono i due autori tra i più coltivati dal Caffè Letterario da oltre dieci anni (si veda http://www.kore.it/caffe2/Psiche_Polis.htm). Mentre è più facile ora comprendere la difesa del ‘corpo docenti’ e l’ironia snob della recensione a Stil novo di Claudio Giunta sul supplemento domenicale del Sole24Ore del 12 agosto scorso (http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2012-08-12/renzi-politica-incultura082002.shtml?uuid=AbGvpLNG&fromSearch ). I due nomi di Camus e Hillman sono accuratamente evitati in tale recensione, si tratta, infatti, di due delle rimozioni principali dell’intellighenzia italiana nell’ultimo mezzo secolo. Specialmente il primo in relazione alla generazione del ’68: quella oggi al comando del paese. Anche il dubbio che dietro il libro ci sia qualche aiuto, è lecito, ma è irrilevante o meno? Certamente postare su un social network non è come scrivere un libro. Ma come determinare il peso tra il pensiero dell’autore ufficiale e quello del gosthwriter? La risposta la potrà fornire solamente il tempo, con la sua famosa galanteria. Un aneddoto. Su Hillman, segnalo la sua stessa precisazione in prefazione: “Fu però soltanto nell'ottobre del 1981 che iniziò a prendere forma un'intuizione psicologica più profonda, sotto gli auspici ispiratori di Francesco Donfrancesco, che ha curato questo libro, e di Paola Donfrancesco, che con passione lo ha tradotto. In Palazzo Vecchio, a Firenze, mi 254


fu offerta infatti la possibilità di elaborare abbastanza distesamente quell'intuizione che ha finito per diventare Politica della bellezza”. C’è quindi un curioso legame che lega la Firenze che ispira il pensatore americano che ispira, 30 anni dopo, il sindaco della città. I due autori sono certamente legati pur nella diversità generazionale e di approccio, ma non mi risulta che nessun saggio accademico li abbia mai finora accostati. E’ stato fatto solo in rete, sul nostro NCL oltre un decennio fa, ma per fortuna anche di recente, come riportato dalla giovane blogger Silvia Quaranta (http://silviettapd.wordpress.com/2012/07/11/bellezza-e-rivoluzione-il-mond o-ha-bisogno-di-entrambe/). Che Camus e Hillman si ritrovino oggi tra i numi tutelari di Matteo Renzi cerco di leggerlo dunque come un buon presagio [contrariamente ai Comitati locali del PD che lo sostengono]. Il segno indiscutibile che lo iato generazionale, politico e culturale con l'attuale classe dirigente del PD e del paese, oltre ad essere incolmabile, appoggia almeno su solide fondamenta.

255


APPENDICE La vignetta della settimana

2000 - 2001 (di Walter Falciatore)

256


NUOVA GENERAZIONE

257


IL BERSAGLIO DELLA LEGA

258


"CHE NE DICE, SERGENTE, SE DIAMO TUTTA LA COLPA A VOI?"

259


FUTURI INCONTRI

260


BOSELLI-PINOCCHIO HA CAMBIATO LE GAMBE

261


ARRIVANO GLI AMERICANI

262


LEZIONI DI STORIA

263


IL LUNGO VIAGGIO DEL SOCIALISMO ITALIANO

264


"LA NUOVA DIREZIONE CENTRALE"

265


I DUE VERONESI

266


I NUOVI TRIBUNI

267


SANTE PILLOLE

268


AD OGNUNO LE SUE DROGHE

269


".. E QUANDO AVRAI VENTI MESI DIVENTERAI DELLE BELLE FETTINE DI CARNE BIANCA SENZA ENCEFALOPATIA SPONGIFORME"

270


"BATTER CASSA ALL'AFRICA"

271


I tuoi commenti sono benvenuti: master@kore.it https://twitter.com/NCLetterario

Altre pubblicazioni di Cultura e Socialismo, pubblicate da Kore Multimedia si trovano qui: http://issuu.com/ncletterario/stacks/42a7dd41af7c470ab3004c0eed80 a160

272


273


Dalla diaspora socialista all'ascesa di Metteo Renzi