Issuu on Google+

Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone. John Steinbeck

www.naturalmentegrancanaria.com

Guida trimestrale per il turista italiano Mare, Natura, Sport, Cultura, Wellness, Turismo Rurale, gastronomia Agenda eventi culturali, consigli e tutti i numeri utili

Gr at

is

AUTUNNO 2008 - Nยบ 1 1


Sono lieto di presentare il numero zero di Naturalmente Gran Canaria. La rivista, supportata dalla sua pagina web, si inserisce in un circuito che, attraverso la collaborazione con altri gruppi, prevede la creazione di una rete di contatti tra italiani presenti a Gran Canaria e turisti o imprese interessate alle possibilità che Gran Canaria può offrire. Il progetto, nato dall’interesse personale, si è sviluppato con il supporto della casa editrice Guaraldi e di Y.Press e in collaborazione con l’Università di Urbino è diventato oggetto di studio e analisi per la mia tesi si laurea specialistica presso il corso in Editoria, Media e Giornalismo. L’obiettivo è far conoscere il potenziale che questa fantastica isola offre sia dal punto di vista del turismo che da quello professionale e di vita e diventare il riferimento per le relazioni tra Gran Canaria e Italia. Gran Canaria non possiede unicamente sole e mare: 360 giorni all’anno potrete godere di un clima mite e delle più disparate attività. L’offerta di turismo rurale e alternativo è molto sviluppata. Potrete praticare dal surf, alla vela, al golf, al cicloturismo e alle immersioni, e scoprire le bellezze naturali dell’isola con percorsi di trekking organizzati. La vita culturale, soprattutto nella capitale Las Palmas, nulla ha da invidiare alle principali capitali Europee: festival di cinema, musica, danza si alternano a una vita cittadina molto accesa che offre la possibilità di conoscere storia e tradizioni di un luogo situato, anche storicamente, a metà strada tra l’Europa, sud america e l’Africa. Gran Canaria è punto di riferimento europeo per riunioni e convention. Vi invitiamo a visitare l’isola dell’eterna primavera alle porte d’Europa. 2

Paolo Marelli

Si ringrazia per la partecipazione:

Direttore Paolo Marelli Edizione e Grafica Naturalmente GC CapoRedattore Daniela Marelli Responsabile Artistico Giovanni Del Dotto Collaboratori e corrispondenti Angelo D’Ambra Gaia Luna Duccio Servi Roberto Monti Gabriele Castorri Fotografia Paolo Marelli Patronato del Turismo di Gran Canaria Lex Thoonen Deposito Legale G.C.849_2008 Sede Legal C/Los Quiqueres 1 Agaete, 35489 Las Palmas de Gran Canaria Spagna

Contatti www.naturalmentegrancanaria.com www.naturalmente-grancanaria.blogspot.com naturalmentegrancanaria@gmail.com info@naturalmentegrancanaria.com Tel (+34)928 554 438


SOMMARIO Le rubriche:

I Reportage:

3


Consigli per organizzare il viaggio Le isole Canarie sono ormai una meta sempre piú facilmente raggiungibile dall’Italia e adatte al turista in cerca di sole e mare tutto l’anno. A poche ore di volo dalle principali città europee si può raggiungere queste Isole Fortunate che godono di un clima molto mite in ogni stagione. Non a caso Gran Canaria è chiamata anche l’isola dell’eterna primavera. L’inverno, quasi inesistente, è probabilmente il periodo migliore per visitarle, poiché mentre in Italia il mare è solo un lontano ricordoo qui vi potrete permettere di andare fare vita di mare, oppure esplorare il magnifico entroterra accompagnati spesso da un sole per noi paragonabile al nostro estivo. Questo particolare clima si deve alla particolare posizione geografica dell’arcipelago. Le Canarie sono infatti situate in mezzo all’oceano a circa 100 km dalla costa africana, sul 28 parallelo (lo stesso della Florida) e grazie all’azione dei venti Alisei, provenienti da Nord Est, non si raggiungono mai le estreme temperature della vicina costa afri-

cana, ma nemmeno quelle tipiche della nostra estate bollente. Gli Alisei fano si anche che il Nord dell’isola sia piú verde e ricco di vegetazione rispetto al sud semi-arido. Dall’Italia i punti principali da cui raggiungere le isole sono gli aeroporti del nord forniti di alcuni voli charter diretti: Milano, Verona, Bergamo e Bologna. Sono in aumento anche i voli da Roma e dal sud Italia. Organizzare il viaggio è facile. In tutte le agenzie viaggi troverete informazioni sui tipi di offerte di volo e albergo. I tour operator più presenti sono: Alpitour, Francorosso, Karambola, Minerva Viaggi, Spagna Mania, Teorema, Todomondo e Volando. Ma le isole sono raggiugibili ormai comodamente da tutta europa e se sei un turista fai-da-te ti potrai organizzare il viaggio facendo scali: i più comodi e convenienti dalle principali città spagnole. Ecco una lista di alcune compagnie aeree da consultare: Iberia, Spanair, Aireuropa, Clickair, Easyjet, Vueling. I principali punti di informazione sono gli uffici di turismo spagnolo in Italia www.turspain.com o le agenzie viaggio.

Temperature medie: Gen-Feb: 17º-20º Mar-Giu: 20º-23º

Lug-Ott: 22º-25º Nov-Dic: 20º-23º

Trasporti a Gran Canaria In base alle vostre esigenze, una arrivati nell’isola potrete usare il classico Bus, chiamato GuaGua come a Cuba, della compagnia Global Utinsa www.guaguas.com, o www.globalsu.es oppure sceglire di affittare un auto in uno dei vari Rent a Car indicati nel box a lato. Un’altra soluzione è il taxi abbastanza economici rispetto l’Italia. Per gli spostamenti interinsulari ci sono traghetti e aerei. I porti principali sono Las Palmas e Agaete. Da 4

La Luz de Las Palmas con Navieras Armas potrete andare in tutte le isole, mentre da Agaete-Puerto de Las Nieves la compagnia Fred Olsen offre il diretto andata e ritorno a Tenerife. Per spostarsi fra le Canarie e il Continente si puó usufruire della compagnia”Tra smediterranea”. o Armas che ha appena aperto una tratta verso il Portogallo . Le compagnie aeree interinsulari sono: Binter Canarias e Islas Airways.


Una volta nell’isola... Uffici Informazione turistica

Las Palmas:C/Leon y Castillo, Tel 928.219.600 Maspalomas: Avenida de GranCanaria, Tel 928.769.585 Playa del Inglés: Avenida Estados Unidos, Tel 928-771 550 Mogan:Avenida de Mogan, Tel 928-560 029 Telde: C/Leon y Castillo 2, Tel 928-013 331 Agüimes: Plaza San Anton, Tel 928-124 183 Arucas: Plaza de la Constitución 2, Tel 928-623 136 Moya: C/General Franco 10, Tel 928-612 348 Firgas: C/El Molino 12, Tel 928-616 747 Gáldar: Plaza Santiago 1, Tel 928-895 855 Guia: C/Perez Galdos 24, Tel 928-895 077 Agaete: C/Nuestra Señora de Las Nieves 1, Tel 928-554 328 San Nicolas:C/Doctor Fleming 57, Tel 928-661 826 Artenara: Camino de la Silla, Tel 928-666 102

TAXI: Las Palmas: 928.467.600 928..419.399 Gran Canaria: 928.460.000

RENT A CAR: Avis: 928.265.577 Hertz: 928.574.578 Moreno; 928.268.314 guanche: 928.368.777 europcar: 928.145.389 tirma: 928.261.006 top car: 928.579.159 cicar: 928.822.900

Numeri utili Consolato: C/ Leon y Castillo 281 , Tel 928-241 911 Policia Nacional: Tel 091 Policia Local: Tel 092 Servizio Canario di Salute: Tel 012 Urgenza: Tel 112 Croce Rossa: Tel 928-222 222 Ospedale Negrin: Tel 928-450 001 Ospedale Infantile: Tel 928-444 500 Info poste: Tel 902-197 197 Info metereologia: www.inm.es, Tel 928-430 601 Biblioteca Pubblica: P.za Mendoza 3, Tel 928-382 672

dominguez:928.563.104 Orlando: 928.249.343

Chi siamo e dove ci trovate Vogliamo mettervi a dispsizione una guida di viaggio che stimoli la vostra curiosità verso Gran Canaria. Ci potrete trovare sul sito WWW.NATURALMENTEGRANCANARIA.COM oppure in tutti i punti di informazione turistica dell’isola, molti locali, alberghi e ristoranti. In Italia, inoltre, saremmo presenti negli ufficio del turismo Spagnolo, in molte agenzie di viaggio o fieri turistiche e nelle biblioteche pubbliche di molte città italiane. Se vuoi partecipare non devi fare altro che scriverci, saremmo contenti di pubblicare i tuoi preziosi consigli, racconti o foto di viaggio!

5


L

a posizione geografica privilegiata e la natura morfologica dell’isola influenzano notevolmente il clima di Gran Canaria che ha una temperatura media annua che si aggira intorno ai 24 gradi: l’isola gode di inverni miti e di estati mai troppo calde. L’origine vulcanica di Gran Canaria ha creato numerosi burroni (chiamati barrancos) e crateri (detti caldere).

I

burroni partono dalla vetta al centro dell’isola e raggiungono il mare. Nel periodo pre-ispanico erano i letti di torrenti e se fino a una trentina di anni fa scorreva ancora un po d’acqua sono ormai secchi e hanno formato delle vallate.

G

ran Canaria presenta al suo interno diversi ambienti geografici e microclimi e non a caso viene anche chiamata “continente in miniatura”. Dalle morbide spiagge dell’est e del sud si giunge alla costa occidentale fatta di scogliere a strapiombo sul mare, per trovare persino un paesaggio montagnoso di origine vulcanica nell’entroterra. Questo ecosistema presenta tre zone

6

bioclimatiche: il nord est dell’isola, Alisio-Canaria, è la parte umida; il sud ovest, Xero-Canaria, è l’isola secca; superati i 1500m di altitudine, invece, il clima, sempre più freddo, viene detto “de las cumbres”, dei vertici.

A

Gran Canaria esistono 33 spazi protetti, che in totale ricoprono il 43% della superficie insulare, circa 60 km di spiagge, e più di 100 varietà di piante endemiche che rendono quest’isola fondamentale per lo studio della flora a livello mondiale. A livello faunistico primeggiano gli uccelli, con 48 specie che nidificano nell’isola, e i rettili (lucertole soprattutto), mentre non esistono grandi vertebrati ne specie di animali velenose. Anche la fauna marina è molto ricca. Convivono, infatti, molte specie marine tra cui la tartaruga “Careta-Careta”, i delfini e le balene. La particolarità di questi ecosistemi, le ricchezze geologiche, faunistiche, sia terrestri che marine, e della flora fanno di Gran Canaria un patrimonio naturale unico al mondo e da scoprire.


Cratere di Bandama 7


Spiagge Un mare per ogni esigenza. Così si potrebbero definire i mari di Gran Canaria. Infatti, mentre la costa ovest, quasi inacessibile, è adatta agli esploratori, amanti dell’avventura, alla ricerca di luoghi ancora vergini, il sud dell’isola offre grandi e morbide spiagge di sabbia dorata, facilmente accessibili e dotate di tutti i confort e i servizi turistici. Consigliamo di visitare le imperdibili Dune di Maspalomas, una distesa di sabbia deser-

tica affacciata per chilometri sul mare, in cui potrete “perdervi” pur restando a pochi passi dal cuore della zona turistica. Il versante nord-est, invece, meno turistico, è adatto agli sportivi poiché, grazie alle correnti dei venti Alisei, permette la pratica di sport come il Wind Surf e la Vela. Di fatto gli stabilimenti e le scuole di Pozo Izquierdo sono tra le più riconosciute a livello mondiale. Una delle meraviglie dell’isola è certamente Las

Playa de L’inglés

8


Dune di Maspalomas

Punta de Las Arenas

Canteras che, nel bel mezzo di Las Palmas, offre quattro kilometri di spiaggia e lungomare pedonale. Questa spiaggia che per metà è riparata da una barriera naturale è sicura per tutti. L’altra metà è uno dei paridisi dei surfisti che hanno a disposizione anche gran parte della costa nord. Grazie ai fondali e alle sue coste rocciose il nord offre molte possibilità per le immersioni subacquee. Il centro per questi sport è è Sardina del Nord, mentre nelle restanti località potrete trovare piccoli paesini e porticcioli affacciati sul mare.

Guayedra 9


Itinerari e Sentieri Giro dell’isola in una giornata Se avete la necessità di visitare velocemente l’isola, è possibile percorrerla in una gita giornaliera. Partendo da Las Palmas è consigliabile prendere l’autostrada del nord GC2 e fare qualche sosta nei paesini che si incontrano lungo la costa. Bañaderos, San Felipe, El Roque, tipicini paesini, facili e piacevoli da visitare in poco tempo. Proseguendo s’incontrano Guia e Galdar. Quest’ultima meriterebbe da sola una giornata intera è quindi consigliabile,eventual mente ritornarci. Stesso discorso vale per Agaete, paese interamente fatto di case bianche, nel quale potrete rinfrescarvi in uno degli accoglienti baretti della piazza, o

Cratere di Bandama e Cuatros Puertas Partendo da Las Palmas prendete l’autostrada in direzione di Tafira e uscite a Tafira Alta. Da qui basta seguire le indicazioni per Bandama e dopo pochi chilometri arriverete al cratere: “Caldera di Bandama”, esemplare unico, di recente formazione con un diametro di 1000 metri e una profondità di 220. In vetta potrete godere di una splendida vista panoramica sulla città di Telde e sulla capitale Las Palmas, che dista poco più che 10 km, il tutto contornato dal blu del mare. ‘E possibile imboccare un sentiero che vi porterà sul fondo del crartere dove si trova un piccolo agglomerato agricolo. Successivamente,sulla

strada per Cuatros Puertas passerete da Telde, una delle città più antiche dell’isola, la seconda in grandezza e potrete visitarne il centro storico, ricco di monumenti, chiese e opere d’arte, tra le quali è conservato anche un San Bernardo del ‘600 del pittore italiano Vincenzo Carducci. A soli 4 km da Telde troverete uno dei siti archeologici più importanti dell’epoca pre-ispanica: le quattro porte era un luogo in cui si celebrava il Tagoror: un cosiglio a cui assistevano i capi tribali. Sull’ altro versante si trovano una serie di bellissime grotte, las cuevas, che venivano utilizzate come dimore dagli aborigeni guanches.

visitare la caratteristica zona della spiaggia e del porto. Da qui si prende la panoramica strada del litorale che vi porterà fino San Nicolas passando attraverso l’Anden Verde. Viste mozzafiato e incantevoli dirupi sul mare cristallino. Al porto dell’Aldea di San Nicolas potrete trovare sicuramente un luogo dove mangiare e bere qualcosa prima di proseguire verso Mogàn e il sud dell’isola. Puerto Mogàn é molto carino e introduce alla parte piú turistica dell’isola. Da non perdere sono le Dune di Maspalomas dove potrete rilassarvi e godervi un tramonto a mare aperto prima di rimettervi sull’autostrada che vi riporterà a Las Palmas.

Agaete e le passeggiate nel “Valle” Agaete chiude l’area popolata del nord dell’isola. Arrivando da Las Palmas sulla superstrada GC2, appena passata Galdar noterete che il paesaggio cambia e le case diminuiscono. Subito prima di arrivare se siete fortunati potrete vedere dalla strada Tenerife in lontananza. Arrivati ad Agaete resterete colpiti dal bianco.Tutte le case, bianchissime sono arroccate sul versante di un colle e offrono un colpo d’occhio davvero unico. Ad Agaete potrete fare un giro nel centro storico e vedere la chiesa della Concepciòn e il giardino botanico Huerto de las flores, che contiene vari esemplari di piante esotiche. Nella piazza potrete

trovare dei barettini davvero tipici dove togliersi qualche desiderio di gola. A Las Nieves, il porticciolo, potrete trovare spiaggette carine, un agglomerato di case di pescatori, cimeli del “Dedo de Dios” e tanti ristoranti dove è possibile mangiare ottimo pesce a buoni prezzi. Da qui partono anche molte passeggiate: il Cammino de los Romeros che parte da San Pedro, nel “Valle”, e si arrampica verso il Pinar de Tamadaba; un ca mmino che parte dalla Palmita e vi porta in meno di un ora alla nera e magica spiaggia di Guayedra percorrendo una parte scoscesa di litorale con viste sul mare da mozzafiato.

La spiaggia vergine di Güigüi Se siete amanti dell’ avventura e vi piacciono le spiagge incontaminate questo è sicuramente il posto che fa per voi. A Güigüi, infatti, ci sono solo due modi per arrivare: in barca o a piedi. Sebbene non esistano rotte ufficiali che vi portano in questa spiaggia si può trovare qualche abitante delle zone disposto ad accompagnarvi in barca partendo dal porto dell’Aldea di San Nicolas oppure da Playa del Asno (Tasartico). In ogni caso dovrete raggiungere il versante occidentale dell’isola, percorrendo la strada GC-200 e prendendo la deviazione sulla GC-204. Trovare un imbarcazione disponibile non è comunque facile

10

e quindi consigliamo a chi davvero voglia raggiungere la spiaggia, di prepararsi eventualmente ad una passeggiata di circa 2 ore a passo allenato (5km circa, 400m. dislivello). La camminata parte da un sentiero nei pressi di Tasartico,lasciato il quale ci s’inoltra per una strada sterrata fino al punto in cui vederemo un cartello in legno (Espacio Natural Protegido),dove prenderemo il sentiero che porta alla spiaggia di Güigüi grande dove ci sono delle abitazioni di alcune persone.Da lí potrete raggiungere anche la spiaggia di GüiGüi chica (piccola) a piedi ma bisognerá aspettare le ore di bassa marea.


Las Nieves e Sardina viste dal Tamabada

11


V e n e g u e r a La storia dell’ultima spiaggia

V

eneguera é lí, spontaneamente bella , esattamente come lo é sempre stata, e ció lo si deve a chi piú la ama: gli abitanti della zona. Cosí é andata: questa spiaggia, libera e selvaggia, qualche anno fa è stata motivo di scontro tra cittadini e istituzioni politiche a causa di un progetto che prevedeva la realizzazione di un polo turistico e la creazione di un centro urbano. Bisogna ricordare che Veneguera non dista poi molto dal “sud turistico” dell’isola ed era vista come ideale prosecuzione turistica di Puerto de Mogàn. Di fatto i lavori cominciarono e fu costruita persino una strada tra le montagne che collega Veneguera a Puerto Mogàn, però non percorribile perché privata. Quando le ruspe iniziarono a spianare alcune strade e a scavare alcuni pezzi di montagna gruppi di citta-

12


13


dini e di associazioni ambientali protestarono vivamente contro quello che ritenevano un ennesimo tentativo di lucro turistico che avrebbe minato questo paradiso naturale. Le proteste sono servite per far si che il governo canario dichiarasse “area protetta” la spiaggia. Così si fermarono i lavori.

14

Veneguera si trova sul versante sud-ovest dell’isola a metà strada tra Mogàn e San Nicolas. Dal nord si percorre l’affascinante versante ovest dell’isola, che offre un’incredibile vista di paesaggi montagnosi a strapiombo sul mare. Una volta raggiunta San Nicolas si deve prose-

guire verso Mogàn e scendere al paesino di Veneguera. Da Sud, invece, bisogna raggiungere prima Puerto Mogán, poi Mogán e infine prendere la strada al contrario verso San Nicolas. Una volta raggiunto il paese di Veneguera basta scendere a valle e seguire le indicazioni per la spiaggia.


La strada di 7 km che vi porta da Veneguera paese alla spiaggia, lunga 7km non è asfaltata ed essendo un pó malmessa bisogna percorrerla lentamente. Si tarda circa una mezzora. La discesa verso il mare, però, offre l’occasione di osservare da vicino alcune meraviglie naturali di Gran Canaria. Ci si trova, infatti, in mezzo ad una vallata

piena di alberi da frutta e coltivazioni di ogni tipo: banane, mango, arancie, fiori e palme. Una volta giunti, sarete colpiti, dal fascino di questa ampia spiaggia di morbida sabbia scura, delimitata da due alti versanti che la proteggono. Nei giorni limpidi si può vedere facilmente l’isola di Tenerife su cui svetta l’af-

fascinante picco del Teide. Oltre alla stupenda vallata, Veneguera offre un clima buono, praticamente sempre, una grande e bella spiaggia sabbiosa adatta a chi cerca un luogo tranquillo e poco affollato. Per chi, inoltre, desidera camminare e osservare le calette lungo il litorale ci sono dei sentieri comodi percorribili facilmente a piedi.

15


L

’offerta turistica che Gran Canaria può offrire va ben oltre quella del più classico turismo sole e mare. In una giornata è, infatti, possibile passare dalle spiagge agli spettacolari e incantevoli paesaggi dell’entroterra: alti, montagnosi, morbidi o collinari con viste panoramiche indimenticabili e una ricchezza naturale invidiabile. Il turismo rurale a Gran Canaria è un punto di riferimento per chi vuol passare delle vacanze in paradisi incontaminati tra boschi, palmeti, rocce imponenti con vista sul mare oppure immergersi nelle tipiche atmosfere di paesini pittoreschi ed accoglienti e per chi voglia anche conoscere e godere della tradizione gastronomica locale. L’isola offre molta varietà ed é possibile trovare una sistemazione in affascinanti case rurali o in agriturismi sistemati in bellissimi paesaggi di campagna. Esistono agenzie specializzate che mettono in comunicazione il turista con i proprietari di antichi casolari e tenute coloniali o di case scavate in grotte naturali.

Agaete 16

Questi alloggi sono l’ideale per il turista che vuole trascorrere una vacanza lontano dai soliti luoghi frequentati dal turismo di massa. Si tratta di sistemazioni curate in maniera impeccabile e situate in ambienti suggestivi, con un arredamento sempre fedele alla tradizione canaria, sia dal punto di vista dei colori, tra cui domina il giallo canario, che per il tipo di costruzione. Si tiene sempre in massima considerazione, però, il comfort necessario a mettere a proprio agio qualsiasi turista. Questo tipo di turismo, in continua crescita,dispone attualmente di circa 150 case rurali, residenze turistiche ed agriturismi, per un totale di circa un migliaio di posti letto. Turismo rurale a Gran Canaria vuol dire anche avere la possibilità di effetture passeggiate ed escursioni, campeggiare o sistemarsi in rifugi di montagna. Per trovare un alloggio ci si può rivolgere a varie agenzie one presenti sull’isola oppure consultare i siti internet che elenchiamo a lato.


Gli alloggi rurali offrono un impeccabile stile tradizionale, senza tralasciare eleganza e comfort.

www.turaltcanarias.com www.grancanariarural.com www.naturacanaria.com www.ecoturismocanarias.com www.turismoruralcanarias.com Il servizio dell’Ente turistico di Gran Canaria mette a disposizione anche un accurato sistema di ricerca di case rurali e di agriturismi, consultabile su www.grancanaria.com www.grancanaria.com

17


ENogastronomia

Effettuare un soggiorno rurale a Gran Canaria significa anche immergersi nella cultura gastronomica tradizionale e conoscere in maniera approfondita i prodotti e i piatti tipici dell’isola oltre gli stili di vita e gli usi e costumi dei suoi abitanti. La gastronomia dell’isola, essenzialmente mediterranea, mescola al suo interno sapori e tradizioni che riassumono secoli di continui scambi culturali. In ogni angolo dell’isola si possono trovare le “tapas”, ottimi assaggi per degustare pietanze varie in compagnia di un buon vino o di una birra del posto. Tipicamente Canarie sono le “papas arrugadas”, patate novelle lessate sotto sale e condite con delle salsine tipiche: il “mojo pijòn” rosso e piccantino e il “mojo verde” a base di prezzemolo e aglio. Tra i primi piatti tipici si trova il “caldo de pescado”, un brodo di pesce, o il “potaje”, un passato di verdura. Tra i secondi troviamo la“ropa vieja”, uno spezzatino di manzo affumicato con spezie e ceci; il “conejo en salmorejo”, coniglio marinato, la “vieja sancochada”, pesce pappagallo lesso, il “sancocho canario”, baccalà lesso accompagnato da patate e gofio, e naturalmente le fritture di pesce. A tutto quanto si aggiungono i prodotti tipici come il gofio, una farina ottenuta dalla tostatura del mais, di origine aborigena; gli insaccati come il tipico “chorizo” di Teror, una morbida salsiccia da spalmare sul pane. Tra i formaggi c’è lo squisito “queso de flor” di Guia, un formaggio che viene prodotto usando come caglio l’estratto dai fiori di cardo. Nei dolci spicca il “biénmesabe”di Tejeda, una crema di mandorle, tuorlo d’uovo e miele e scorza di limone. Per i vini Gran Canaria gode di due denominazioni di origine controllata: quella della zona del monte Lentiscal e quella dei vini provenienti da varie zone dell’isola che offrono ottime varietà di rosso e di bianco. Tra i liquori non si può dimenticare il rum, originariamente prodotto in epoca coloniale dalla lavorazione della canna da zucchero, che è diventato un prodotto tipico di quest’isola.

www.gran-canaria-info.com

18


www.gran-canaria-info.com

19


CONSIGLI GASTRONOMICI Caldo de Pescado (Brodo di Pesce) Ingredienti: 1 Kg. di pesce (preferibilmente dentice), ½ Kg. di patate, 1 cipolla, 1 pomodoro, 1 peperone, 3 spicchi d’aglio, cumino, sale, olio, paprica, zafferano, coriandolo, mentuccia e pepe. 1. Si mettono a cuocere in una pentola con dell’acqua le patate sbucciate, la cipolla, il pomodoro e il peperone, tutti interi, e si aggiungono, quindi, un po’ d’olio, la paprica, lo zafferano, il coriandolo, la mentuccia, il cumino, l’aglio, il sale e il pepe. 2. Quando l’acqua comincia a bollire si aggiunge il pesce, lasciando il tutto sul fuoco fino a che le patate sono cotte.

Truchas de Batata (frittelle di patate) Ingredienti: 1 Kg. di patata dolce americana, ¾ Kg. di zucchero, 100 gr. di mandorle sbucciate, scorza di limone grattugiata, cannella, 3 cucchiai di strutto, 1 tazzina di olio d’oliva e ½ Kg. di farina. 1. Lessate le patate dolci in acqua salata e tritatele. Amalgamarle con le mandorle tritate, lo zucchero, la scorza di limone grattugiata e la cannella. 2. Preparate la sfoglia con la farina, disporre al centro strutto e olio, impastare in modo uniforme. 3. Stendete l’impasto e preparate alcune sfoglie di 8 cm di diametro. Mettete il ripieno nel centro e chiudete. 4. Friggete e spolverate con zucchero.

L

a cucina canaria si caratterizza per la sua semplicitá ma anche per la sua varietá e mescolanza di influenze e sapori. Naturalmente, i piatti piú diffusi

sono quelli a base di pesce, nei quali la cucina Canaria offre ampia scelta : dalle eccellenti zuppe, alle fritture, al tipico “sancocho” (cernia con patate, gofio e mojo). Ma

da

considerare

capretto); e

una

spezie

quelli

nota e

le

di

speciale

erbe

sono

anche

verdure, meritano

aromatiche,

piatti

come

ma

anche il

a

ricchi i

base

di

carne

minestroni,

condimenti:

condimento

piú

(specialmente

o

passati

sono tipico

molto é

il

il

(potaje); usate

“mojo”

le

(una

salsina a base di olio, aglio, e variando fra peperone, prezzemolo, o altri ingredienti che ogni cuoco mischia secondo la sua creativitá o tradizione).

20


Ricette consigliate

É da sottolineare la ottima qualitá dei prodotti artigianali Canari Gran Canaria offre una ricca varietá di prodotti artigianali, fra i quali risaltano i formaggi, il chorizo, il Gofio, il miele e i dolci.

I Formaggi: possono essere di capra di pecora, di mucca, o misti, oltre ad utilizzare in alcuni casi caglio di fiori : come lo squisito “queso flor” di guia, fra i piú rinomati di Spagna, ottenuto dalla

Crema de Tomate (passato di pomodoro) Ingredienti : 1 Kg di pomodori freschi, un ciuffo di coriandolo, cumino, 2 spicchi d’aglio, 1/2 pacchetto di margarina e timo. 1. Lavare i pomodori e metterli a bollire un minuto con poca acqua, poi sbucciarli. 2.Passare i pomodori o frullarli ma togliendo i semini 3.Dorare gli spicchi d’aglio col burro e unire i pomodori, poi il coriandolo lavato e spezzettato o a foglioline, infine il timo, il cumino e un pizzico di sale. 4.scaldare appena, e servirecon una foglia fresca a guarnire.

peculiare lavorazione di un formaggio misto, fatto quagliare con i fiori del cardo, raccolti in estate quando cominciano a seccare, e che assume il caratteristico sapore grazie ad una lenta elaborazione di 22 giori in grotta.

Il Gofio: era la base dell’alimentazione aborigena, si tratta di una specie di farina di grano o di mais tostati (in origine era di orzo) e macinati, anticamente a mano, oggi con degli appositi mulini. Il piú utilizzato in Gran Canaria é quello di mais (millo), presente in tutte le case, e usato in molti modi: nel latte a colazione, nei passati di verdura, impastato con aqua e mandorle, coi brodi di verdura o di pesce, e addirittura nei dolci, come mouss, gelato, frullato

21


G

ran Canaria possiede una lunga tradizione turistica di “salute e benessere”: già nell’800, infatti, le isole Canarie venivano consigliate in tutta Europa a persone che soffrivano di reumatismi o che avevano problemi al sistema nervoso, respiratorio e digestivo o con malattie cutanee. L’isola offre al turista la possibilità di rilassarsi e prendersi cura di se stesso attraverso i numerosi centri di benessere dotati delle più moderne strutture e di esperti di alto livello. Questi centri sono l’ideale per rigenerarsi completamente, dimenticare lo stress accumulato e rimettersi in forma. Nell’isola ci sono acque minerali ricche di

22

proprietà curative e, inoltre, vengono usate varie tecniche curative come la talassoterapia, l’idroterapia, idromassaggi, i bagni turchi, bagni di sale, bagni termali, la riflessoterapia, l’aroma terapia, l’elioterapia, il drenaggio linfatico e vari tipologie di massaggi e altre terapie a base di fanghi, alghe ed Aloe Vera. A tutto questo si unisce l’importanza di un intorno confortevole, gradevole sia al corpo grazie a temperature e clima ottimali, sia alla vista grazie ai paesaggi incantevoli, gli ampi orizzonti, e grazie alla compresenza di diversissimi microclimi che permettono di passare facilmente da un piacevole bagno in mare ad una rigenerante passeggiata in montagna.


Talassoterapia La Talassoterapia é un metodo terapeutico naturale che si basa sull’utilizzo dell’acqua di mare e di sostanze marine come le alghe e l’argilla. L’acqua, raccolta a largo della costa, viene depurata, sterilizzata e portata alla temperatura di circa 37º C. Portata a questa temperatura la pelle assorbe più di 80 elementi curativi presenti nell’acqua tra i quali sali minerali, iodio, sodio, zolfo, calcio e magnesio. Alcuni di questi elementi possiedono, inoltre, proprietà antitumorali, antibatteriche e antivirali. La prassi usata prevede normali bagni nelle vasche, docce, getti a pressione, idromassaggi, esercizi in acqua, cataplasmi di fanghi e alghe. Nella seconda fase si applicano le alghe che apportano all’organismo le necessarie vitamine e sostanze antiossidanti, che ritardano quindi l’invecchiamento della pelle. Attraverso la Talassoterapia si curano differenti patologie: asma, reumatismi, osteoporosi, problemi alla colonna vertebrale, psoriasi, stress, depressione, insonnia, aiuta a recuperare da lesioni di vario tipo e a rendere i tessuti più elastici. I risultati di questo metodo curativo si notano dopo circa 7 giorni di trattamento.

A Gran Canaria é possibile godere di una ampia scelta di strutture e di professionali, che permettono di usufruire nella maniera piú adeguata delle molte tecniche e terapie curative esistenti sull’isola.

Aloe vera Il clima e le qualità geografiche di Gran Canaria favoriscono la crescita spontanea di Aloe Vera. Questa pianta, originaria del nord e del sud Africa, contiene nelle sue foglie una gelatina ricchissima di proprietà. L’Aloe è cicatrizzante, emolliente, antisettica, regola le funzioni intestinali, rinforza il sistema immunitario, ha effetti analgesici e antifebbrili, contiene minerali come il calcio, il magnesio, il fosforo, il potassio, lo zinco e il rame. Il suo uso era conosciuto nell’antichità già dai cinesi e dagli egiziani che la considera23


-vano la pianta dell’immortalità e la includevano nel corredo funebre dei faraoni. Anche di Alessandro Magno e Cleopatra si dice che ne conoscessero bene le proprietà; greci, romani, arabi, indiani e anche altri popoli la usavano nelle guerre per curare ferite. In tutto il Mediterraneo fu elemento essenziale della medicina popolare. Nel 1500 venne esportata in America dai missionari e cominciò così la coltivazione nell’area caraibica, specialmente nelle isole Barbados. Attualmente si coltiva nel mediterraneo, in medio-oriente, India, Cina, Caraibi e Stati Uniti e viene utilizzata dall’industria cosmetica e farmaceutica. Alle Canarie questa pianta cresce in maniera naturale a Gran Canaria, Tenerife e Fuerteventura. Passeggiando nell’entroterra di Gran Canaria ci si renderà subito conto dell’elevatissima presenza di questa pianta che viene usata in molte forme dagli abitanti locali per curarsi in diversi modi.

Centri Spa e Benessere: LAS PALMAS Hotel Santa Catalina Tel. (0034) 928-721.032 Talasoterapia Las Canteras Tel. (0034) 928-765.689 / 928-776.404 MOGAN Hotel Cordial Mogan playa Tel. (0034) 928-243.040 Talasoterapia Canarias Amadores Tel. (0034) 928-762.500 AGAETE Hotel Puerto de las Nieves Tel. (0034) 928-724.100 24


SAN BARTOLOMÉ DE TIRAJANA Gran Spa Corallium Tel. (0034) 928-128.181 Gran Hotel Lopesan (costa meloneras) Tel. (0034) 928-150.400 Seaside Hotel Sandy Beach Tel. (0034) 928-128.100 Gran Hotel Residencia Tel. (0034) 928-724.000 Hotel Eugenia Victoria Tel. (0034) 928-886.256 Hotel Dunas Vital Suites Tel. (0034) 928-563.232 Hotel playa Meloneras palace Tet. (0034) 928-730-233

www.grancanaria.com

25


Puerto de Las Nieves

26


P

uerto de las Nieves é una piccola località sulla costa nord-ovest di Gran Canaria. Questo storico paesino di pescatori, sfruttando le sue belle spiagge situate tra scogliere imperiose e vicino al famoso “Dedo de Dios”, negli ultimi anni ha sviluppato una buona offerta turistica. Il Dedo de Dios, una monumentale mano di pietra che emergeva dalle acque con un dito che indicava il cielo, per anni ha alimentato moltissime leggende. Il 28 novembre del 2005

27


però, giorno ricordato ancora come apocalittico, l’indice della scultura naturale é stato strappato dalle raffiche della tormenta del “Delta”. Il famoso scoglio, che ha ispirato pittori, poeti e fotografi, é raffigurato attraverso differenti riproduzioni, foto d’epoca e oggi più che mai é il simbolo di questo originario paese di pescatori. L’affascinante origine nordica del nome, “Las Nieves”, si deve al trittico fiammingo conservato

28

ancora oggi nella pittoresca chiesetta della Venere de Las Nieves come probabile dono di un ricco viaggiatore nordico a cui alcuni attribuiscono la fondazione. Puerto de las Nieves è sicuramente una meta ideale per assaporare pesce fresco a buon prezzo o per una giornata al mare, nella spiaggia del “dedo” o alle “salinas”, piscine naturali che originariamente erano usate per produrre il sale e che oggi sono vasche con comode scalette di

metallo e acqua calma. Inoltre, si possono trovare ristoranti sul mare chiusi in una cornice di casette bianche e azzurre decorate con boe, reti e stelle di mare; alcune case in affitto e degli hotel. Grazie al nuovo porto costruito negli anni novanta “Las Nieves” é diventato un importante punto di collegamento tra Gran Canaria e Tenerife, raggiungibile oggi in una sola ora di navigazione con la compagnia Fred Olsen.


Queste realtà, una legata alle origini della pesca e l’altra turistico-commerciale, convivono bene. Nella zona del porto, infatti, si possono vedere pescatori che fabbricano a mano le nasse, trappole per pesci, e chi invece si dedica all’attività turistico-mercantile. Ogni anno ad inizio Agosto insieme al paesino di Agaete, la

località prossima nell’interno, si celebra la “Rama”, festa tradizionale di origine pre-ispanica in cui viene invocata la pioggia e la fertilità della terra. Durante questi giorni, in cui arrivano visitatori anche dalle isole vicino, viene portato in processione il trittico della Vergine de las Nieves su un carro decorato. Inoltre, viene percorso il tra-

dizionale “Camino de los romeros”. Si raggiunge il “Pinar”, un bosco di pini e di eucalipto situato nei monti sopra la cittadina, dove vengono raccolti dei rametti che, portati giù in paese, verranno percossi nell’acqua ripetutamente. I cittadini sfilano in costumi tipici insieme a bande musicali, il tutto in un clima euforico di canti e danze.

Per raggiungere Puerto della Nieves si deve prendere la superstrada del nord GC2 da Las Palmas e proseguire fino all’uscita di Agaete e quindi seguire le indicazioni per il “Dedo de dios”.

29


G

ran Canaria grazie alle sue ottime condizioni climatiche offre ai suoi turisti la possibilità di cimentarsi in moltissimi sport di mare, di montagna e tradizionali del posto. Rispetto ad altre destinazioni turistiche, infatti, Gran Canaria gode di una temperatura media annuale di 24 gradi che rende possibile praticare sport come la vela, il surf, l’immersione, l’arrampicata, il ciclismo o il ciclotvurismo, il trekking, il parapendio, il golf, la pesca d’alto mare e il tennis in tutti i periodi dell’anno.

30

Gran Canaria viene, infatti, definita il continente in miniatura. Al suo interno, infatti, si possono trovare le più tipiche condizioni marine, rurali o di montagna. Alcuni tra gli sport tradizionali e tipici di quest’isola sono la lotta canaria, un combattimento nobile usato dagli aborigeni per risolvere questioni personali, la vela latina, il salto del palo e il salto del pastore, sport provenienti dalle origini degli abitanti pre-ispanici dell’isola.


Surf e windsurf Il centro principale dove è possibile praticare surf è la capitale. A Las Palmas, infatti, nei dintorni della spiaggia di Las Canteras sono presenti scuole di surf e di vela e si trovano anche negozi dove poter trovare l’attrezzatura necessaria. In generale, però, è tutta la zona nord dell’isola che si presta alla pratica di questi sport, da Las Palmas fino a Galdar si trovano molti punti adatti al surf grazie al mare che in questa parte dell’isola può giungere a creare onde fino ai 5 metri di altezza. In presenza della Calima, il vento arriva da

est, è possibile surfare anche nella costa orientale, soprattutto la località di Pozo Izquierdo, considerata la seconda località più importante nel mondo per il windsurf solamente dopo le Hawaii. Al sud l’attività di vela e surf si concentra soprattutto a Maspalomas, Arguineguin e a Puerto Mogan. Tra gli altri punti importanti per il wind surf ci sono: Ojos de Garza, Tarajalillo, Bahia Feliz, Playa de Aguila, San Agustin, Playa del Inglés, Anfi del Mar e Puerto Rico.

Contatti centri e scuole sportive:

Federaciòn Canaria de Vela 928 234 769

MT Roalmet, Ingenio, 928 786 763 SkyDrive Gran Canaria, San Bartolomè, 928 157 325 Marea Canaria. Las Palmas, 928 232 890 www.mareacanaria.com

Sunset Divers, Mogàn 928 462 515 Top Windsurfing Canarias, Aguimes, 928 124 022 Centro de Submarinismo San Bartolomè 928 778 165

31


Golf I l golf è sicuramente uno degli sport più rappresentativi dell’isola e vanta ormai una lunga tradizione. Il “Real club de golf” di Las Palmas, il primo in Spagna, fu costruito nel 1891 grazie all’apporto di cittadini britannici trapiantati nell’isola. Inoltre, dislocati nell’isola si possono trovare altri 8 campi da golf, ciascuno con differenti caratteristiche ambientali, tali da soddisfare le necessità di ogni giocatore. I campi da

golf di Gran Canaria, disegnati dai migliori progettisti europei ed internazionali, possiedono caratteristiche tecniche eccellenti che permettono un elevatissima qualità di gioco. Queste vantaggiose condizioni unite al clima, alla ricchezza paesaggistica dell’isola, alla sua serenità hanno fatto si che Gran Canaria sia diventata un punto di riferimento europeo per gli sportivi amanti di golf.

www.grancanaria.com

Campi da Golf:

32

Anfi Tauro Golf Pitch & Put www.anfitauro.es Tel: +34 928 128 840 / 928 128 841

Meloneras Golf www.lopesanhr.com Tel: +34 928 145 309

El Cortijo Club de Campo www.elcortijo.es Tel: +34 928 711 111

Oasis Golf www.cortijogolfcenter.com Tel: +34 928 684 890

Las Palmeras Golf Sport Urban Resort www.laspalmerasgolf.com Tel: +34 928 222 333 / 0034 928 225 522

Real Club de Golf de Las Palmas www.realclubdegolfdelaspalmas.com Tel: +34 928 350 104

Maspalomas Golf www.maspalomasgolf.net Tel: +34 928 762 581

Salobre Golf & Resort www.salobregolfresort.com Tel: +34 828 010 103


www.grancanaria.com

Informaci贸n

Reservas

Riu Call Center - Tlf. 902 400 502 www.riu.com o nella tua agenzia viaggi.

33


Gran Canaria offre svariate possibilità al turista interessato all’arte e alla cultura. Convivono infatti nell’isola un ricco circuito di musei, sale d’esposizione d’arte moderna e contemporanea, teatri ed un importante patrimonio archeologico, testimone della civiltà aborigena pre-ispanica. Le tradizioni popolari e la cultura si manifestano, inoltre, durante le feste pagane e religiose delle quali il calendario canario é pieno. Numerosi festival teatrali, musicali, cinematografici, arricchiscono la vita culturale dell’isola con appuntamenti fissi di fama internazionale. La posizione geografica dell’isola, che per questioni geo-politiche, fa da ponte tra Africa, Europa, centro-sud America, ha formato una società multiculturale e ricca di sfumature espressive e influenze culturali. Nella capitale, nel quartiere di Vegueta si concentrano le gallerie, che ospitano artisti contemporanei con una produzione variata di forme espressive: pittura, fotografia, video e performance artistiche di vario tipo.

34


Arti plastiche Il CAAM, Cento Atlantico Arte Moderna, propone una rassegna artistica del novecento con esposizioni dedicate ai protagonisti del secolo passato in una bellissima e moderna cornice architettonica perfettamente integrata nel centro storico di Vegueta. Due artisti di Gran Canaria vissuti nel ‘900 sono i protagonisti di alcune eccellenti collezioni monografiche: Néstor Martìn Fernàndez de la Torre e Antonio Padròn. Il museo Nestor é situato nel cosiddetto “Pueblo Canario”, nella capitale, ed

è disegnato dallo stesso artista: contiene pitture ad olio, bozzetti per le scenografie teatrali e costumi ideati dal poliedrico e affascinante artista. Il museo Antonio Patron, artista esponente dell’arte primitiva, si trova a Galdar nella che era la vecchia casa del pittore. I suoi quadri hanno un tratto pittorico cubista, molto personale, dai colori vivaci fatti da viva materia e in essi si osservano i luoghi, i personaggi e i mestieri delle persone comuni come la venditrice di sardine, le capre o i pomodori per citarne solo alcuni.

35


Siti Aborigeni Il museo della “Cueva pintada”, la grotta dipinta, é un patrimonio culturale che permette di conoscere a fondo la civiltà pre-ispanica di Gran Canaria. Nel 1862 venne ritrovato l’inizio di quello che poi sarebbe diventato un intero paese costruito con pietre e sarebbe venuta alla luce una grotta con dipinti rupestri ancora ben conservati, un probabile luogo di culto e di sacrifici. Il museo offre un percorso accompagnato e mette a disposizione le più moderne attrezzature tra le quali, ricostruzioni digitali e cinema in 3D che portano il visitatore in un viaggio nel passato dell’isola attraverso un divertente percorso interattivo. Altri importanti siti aborigeni sono presenti nell’isola a cielo aperto e lungo gli stessi sentieri di montagna si possono incontrare gruppi di grotte, dove erano soliti costrui re le loro dimore i guanche, che preferivano l’entroterra, considerato più sicuro della costa spesso soggetta a saccheggi e razzie. Tra questi siti i più importanti e consistenti sono: il “Cenobio de Valeròn”, situo a Moya e “Quatros Puertas” a Telde.

Cueva Pintada Cenobio de Valeròn M u sic a

36

L’Auditorium Alfredo Krauss ospita i concerti delle grandi orchestre filarmoniche internazionali, arricchendo il calendario con concerti di figure importanti del flamenco e della musica moderna. La struttura del teatro, che ricorda un faro posizionato al termine della spiaggia “Las Canteras”, si affaccia sul mare che funge anche come sfondo del palco A suo lato c’è il punto di riferimento per la vita notturna della capitale: inizialmente chiamato El Ibex è ora conosciuto da tutti come Mojo, dal nome di uno dei locali. Per i più giovani, ma non solo, é imperdibile il Womad, world of music and dance, un festival Rock ideato da Peter Gabriel, dove tutte le sfumature delle diverse culture afro, sud americane ed europee si fondono e si susseguono sui quattro palchi del parco Santa Catalina a due passi dal mare. Durante la festa le strade della capitale sono arricchite da bande di suonatori che con il “timple” a tracolla, una chitarrina tipica, interpretano temi tradizionali che raccontano avventure amorose e leggende popolari.


Artisti

Ba Cissoko (Guinea-Conakry) Babylon Circus (Francia) D.WattsRiot (Regno Unito) Darga (Marocco) DJ Mr Benn (Regno Unido)

DJ Yoda (Regno Unido) El Guincho (Spagna) El Tío Carlos (Spagna) Femi Kuti (Nigeria) Mariem Hassan (Sáhara Occ.)

Siyaya (Zimbabwe) Speed Caravan (Francia) The F.E.O.S. (Canaria) Tony Allen (Nigeria) Tulsa (Spagna) 37

Per ulteriori informazioni su programmazione del festival o sugli artisti potete visitare il sito ufficiale e la nostra pagina web:

www.naturalmentegrancanaria.com


A

Ottobre Fino al 12 ESPOSIZIONE MARX al CAAM (centro atlantico arti moderne) www.caam.net tel: 902 311 824 C/Balcones 11 (Las Palmas)

Per tutto il mese la filarmonica di Gran Canaria accompagna in concerto solisti di piano violino.. inizio ore 20 30 www.auditorio-alfredokraus.com www.ofgrancanaria.com Tel: +34 928 472 570

Cicca (Alameda de Colón, 1) Tel 928 368 687

G

Dal 1 al 11 IBERTIGO, VI muestra de cine iberoamericano, Las Palmas Associación de Cine Vertigo Fino al 25 ESPOSIZIONE FOTOGRAFICA WQS VII Edizione del CAMPIONATO MONDIALE DI SURF maschile. Dal 6 al 12 a Las Palmas www.aseurope.com Feste Popolari Dom 5 FESTA DELLA MELA a Valleseco

E

Lun 6 BARRICADA in Concerto h 22.00 Info 902 405 504 Las Palmas Ven 10 THE FEOS e ANTAGONISTAS in concerto, Plaza de la Musica (LP) XIII CONCORSO DI PITTURA all’aperto, Zona Mesa y Lopez/Corte Fino al 12 FESTIVAL DEL JAZZ a Puerto de Mogán, Per info: +34.928

N D

Sab 11 PEDRO GUERRA in concerto nel’auditorium di Teror h 20.30 (15€) Dal 12 Ott al 3 Nov ESPOSIZIONE DI PITTURA Antonia Jimenez Suarez Sala Víctor Jara Santa Lucía de Tirajana (19:00-21:00) Dal 18 al 25, XIII Edizione MASDANZA, festival internazionale di danza contemporanea, IV Campionato nazionale di Break Dance (Maspalomas) www.masdanza.com Ven 17 THE GOOD COMPANY e i OSCARTIENEALAS in concerto, Parque San Telmo, (LP) Ven 17 e Sab 18 FESTIVAL DI ZARZUELA, Operetta Spagnola Taetro Peréz Galdós h 20.30 Per info: +34 928 383 335 ESTAMPA 07, Dal 4 al 18 al centro culturale di Agaete, mostra collettiva di sei pittori. Chiuso dalle 13 alle 18

A

38

Sab 18 Spettacolo MANOLO VIEIRA, Umorista Canario. Auditorio Teror - Plaza de Sintes, s/n tel. 928 613 621

Parejas Sab 18 VETUSTA MORLA in concerto Gio 23 VOCAL 7 in concerto Ven 31 e Sab 1 NOA in concerto presenta il suo disco Genes and Jeans Festival di ZARZUELA, Operetta Spagnola 30 Ott. e 1 Nov Taetro Peréz Galdós h 20.30 Per info: +34 928 383 335

Novembre Dal 6 al 9 WOMAD Nel parco S.Catalina Las Palmas concerti musica etnica all’aperto su diversi palchi www.womad.org

31 Ott a 15 Nov ESPOSIZIONE “Charcos” del pittore Santos, Cicca Alameda de Colón, 1 Gio 6 DANILO PEREZ LEE KONITZ in concerto h 21 al PaRaninfo dell’Universita de Las Palmas de Gran Canaria, C/ Juan de Quesada 30 Gio 6 La RENGA in Concerto h 22, Carpa dorada en vivo, plaza de la Musica (a lato Audtirium Kraus) Sab 8 CLASSICA PORTO LAS NIEVES, Club de automobiles antiguos de Las Palmas. Sab 8 ARISTIDES MORENO, Cantautore Canario di Galdar, in concerto a Teror nell’auditorium h 20.30 Dal 11 al 19 Nov LES LUTHIERS, gruppo di musica e commedia argentina, Auditorio Alfredo Kraus (LP) Dal 17 al 23 24ª Edizione ARC REGATA TRANSOCEANICA Las Palmas www.worldcruising.com

Per tutto il mese all’auditorium Kraus e al teatro P.Galdòs concerti di musica classica www.auditorio-alfredokraus.com www.teatroperezgaldos.es Il giorno 29 RALLY DE MASPALOMAS www.fcautomovilismo.com

Cicca (Alameda de Colón, 1) Tel 928 368 687 Vedere programmazione aggiornata Novembre e Dicembre sul sito: www.lacajadecanaria.es

Dicembre Dal 1 a 15 FESTIVAL DI JAZZ Porto di Mogan Dal 1 al 7 20ª edizione VUELTA CICLOTURISTA e 7ª edizione ESCALADA PICO DE LAS NIEVES www.sportcanarias. com

Festival di ZARZUELA, Operetta Spagnola dal 4 al 6 Dic Taetro Peréz Galdós h 20.30 Per info: +34 928 383 335

Dal 4 al 8 Xª edizione SETTIMANA OLIMPICA DELLA VELA Las Palmas www.rcngc.com Sab 13 Sagra/Festa di Santa Lucia de Tirajana

Sab 13 Vocal 7 in concerto, Auditorio Teror h 20.30

Sab 13 Senderismo: Finca de Tirma Arucas en la senda Info: Telf: 928.621.754

Dom 21 Dic Los Gofiones, musica popolare canaria, Auditorio Teror


Principali Musei Museo de Néstor: Dieci sale sull’artista. Parque de Doramas (Pueblo Canario). Las Palmas. Tfno: 928 245 135 Museo Canario: Collezione antropologica tra le più complete sul Cromagnòn. C/Dr.Chil, nº25. Las Palmas Tfno: 928 315 600 www.museocanario.com Casa de Colón : Calle Colón, Las Palmas, Tfno 928 31 23 86 Cueva pintada : Calle Audiencia 2, Galdar, Tfno 928 89 57 46 www. cuevapintada.org Teatro Cuyas : Calle Viera y Clavijo tel 928 43 21 80 www. teatrocuyas.com Teatro Pérez Galdós : Plaza Stagno www.teatroperezgaldos.es Auditorio Alfredo Kraus : Av.Principe de Asturias www.auditorioalfredokraus.com CAAM : Calle los Balcones 11 tel. 928 31 18 24 www.caam.net Museo Nestor : Parque de Doramas tel. 928 24 51 35 www.promocionlaspalmas.com/nestor Casa Museo León y Castillo: Pittura, scultura, porcellane, avorio

e lettere di Fernando León y Castill, C/León y Castillo, nº43-45. Telde. Tfno: 928 691 377. Cueva Museo Etnográfico de Barranco Hondo de Abajo: Ceramica, lino, quadri, mobili e arte sacra. Juncalillo de Gáldar. Tfno: 928 555 120. Museo de Artesanía El Molino: Artigianato Canario e arte sacra. C/Mozart, nº1. Strada. Gral del Sur. Km.30. Las Rosas. Tfno: 928 782 439. Museo del Ron: Antichi strumenti per l’elaborazione del Rum, fotografie e emeroteca. Era de San Pedro, 2, Arucas. Tfno: 928 600 050 Museo Municipal de Arucas: Pittura e scultura. Plaza de La Constitución, nº 3. Arucas. Tfno: 928 628 158. Museo Tomás Morales: Oggetti personali dello scrittore. Paseo T.Morales, Moya. Tfno: 928 622 017 Casa Museo de Antonio Padròn: Quadri e scultura del pittore in un del tutto canario primitivismo cubista, Calle Drago 2, Galdar. www.personal4.iddeo.es/danko/antonio/

Parchi d’attrazione Palmitos Park Carretterea Palmitos Park, Maspalomas Tel. 928 140 276 Cocodrilo Park Los Corralillos, Aguimes, Tel. 928 784 725 Mundo Aborigen Strada da Playa del Ingles a Fataga, Tel. 928 172 295 Aqua Park Av.Tomas Roca, Puerto Rico Tel. 928 560 666

Aqualand Maspalomas Carretera Palmitos Park, Tel. 928 140 525 Sioux City San Augustin, Far West Park, Tel 928 762 573 Parque Norte Esposizioni e vendita di piate tropicali, Galgar, Tel. 628 552 166 www.parquenorte.es Camelo Safari Maspalomas, Tel. 928 140 205 Gran Karting Club Tel. 928 157 190

Indirizzi Utili Ambasciata di Spagna Largo Fontanella di Borghese 19, Roma, Tel 06.6840401 Promozione del Turismo di Gran Canaria in Italia: Via Broletto 30, Milano, 02 72004617 Piazza di Spagna 55, Roma 06 6783106 www.turismospagnolo.it www.spain.info

Guida ai locali della Capitale Charleston Café Calle Buenos Aires 14, LP Mojo Club Plaza de la Musica, LP La Calle Sargento Llagas 37, LP Pachà Calle Simon Bolivar 3, LP Paraninfo C/ Franchi y Roca 18, LP

Mumbai C/ Cavadonga 11(guanarteme), LP El Bote C/ Cebriàn 45, LP Mendizabal C/ Mendizabal 16 (Vegueta) LP Soul Trane Vegueta,LP Tiramisù Plaza del Pilar, LP

Floridita Remedios 10-12, LP Monopol C/Hurtado de Mendoza, LP Estaciòn Parque Santa Catalina, LP Noctambulos C/Leon y Castillo 21, LP Nowanda C/ Portugal 26, LP

39


40


Numero1