Page 1

IL MAGAZINE CHE PORTA L’ITALIA NEL MONDO. E IL MONDO IN ITALIA

Running in the city

Milano, New York, Toronto, Melbourne, Londra e Atene

Berlino Tra arte e innovazione

Armani Silos Gli abiti più belli

Ducati story Novant’anni del brand

Starring JOE BASTIANICH ANDREA BOCELLI

YOUR PERSONAL COPY


Benvenuti a bordo CRAMER BALL

Alitalia’s CEO

Sono trascorsi ormai sei entusiasmanti mesi dal mio arrivo in Italia e ciò che continua a colpirmi è la passione e l’impegno delle persone di Alitalia per la nostra compagnia. Una dedizione che, spero e credo, possiate percepire voi stessi viaggiando con noi. La nostra compagnia si impegna tutti i giorni per accogliervi e darvi il benvenuto nel segno dello stile e dell’ospitalità tipicamente italiani. Uno stile che ritroverete nelle nostre lounge aeroportuali, recentemente rinnovate, dove abbiamo ricreato l’atmosfera di una tipica casa italiana; nelle nuove eleganti uniformi del nostro personale di terra e di volo; nella professionalità acquisita da migliaia di colleghi grazie ai nostri corsi di formazione per raggiungere l’eccellenza nel servizio. L’Italia è la nostra casa e i nostri servizi riflettono il meglio che questo Paese sa offrire. Ed è proprio questo a rendere l’Italia, e Alitalia, così speciali. Abbiamo incrementato il numero di aeromobili della nostra flotta ed esteso la nostra rete di collegamenti nazionali e internazionali per offrirvi una più ampia scelta di destinazioni, sia per i vostri viaggi di lavoro che per quelli di piacere. La passione delle persone di Alitalia farà sempre la differenza e io stesso continuerò a impegnarmi per garantirvi un’esperienza di viaggio non solo piacevole, ma indimenticabile; tanto da non vedere l’ora di tornare a bordo. Buon viaggio con Alitalia. ● I have lived and worked for six exciting months in Italy and I am continually struck by the passion and commitment of the people of Alitalia for our airline. That dedication is, I hope and trust, something that you will experience on your journey with us. Everyday at Alitalia we work hard to welcome our customers with the best of Italian design and hospitality. We’ve opened and redesigned new lounges at airports recreating the atmosphere of a typical Italian home, introduced a new stylish uniform for our staff in the air and on the ground and trained thousands of colleagues in customer service excellence. Italy is our home, and our services reflect the very best this country has to offer. And this is what makes Italy and Alitalia so special. We have also increased the number of aircraft in our fleet and grown our domestic and international network to give you a wider choice of destinations, whether you travel for business or leisure. The passion of Alitalia’s people will always make a difference, and I am just as committed to ensure that each of you experiences a pleasant and memorable journey, so that you will always look forward to your next flight with us. Enjoy your flight on Alitalia. ●

ULISSE _ settembre 2016 _

5


Editoriale ANDREA BRAMBILLA

direttore di Ulisse

RUNNER CHE PASSIONE Probabilmente è un modo semplice per tenersi in forma ma soprattutto è una sfida con se stessi, con i limiti del proprio corpo. Nelle città all’alba delle giornate uggiose invernali o alla sera d’estate, il popolo dei runner è sempre più numeroso e agguerrito. Prima di indossare giacca e cravatta o smesso il tailleur di ordinanza da ufficio, scendere in strada e correre è un rito quotidiano per molti appassionati. Il bello della corsa è che basta poco, una maglietta, una tuta, l’inseparabile orologio computer – che ti informa su tutto: quanto stai correndo, il tempo che stai tenendo e il tuo battito cardiaco – e soprattutto le immancabili scarpe. Correre come sport o semplicemente come disciplina per mantenere una forma fisica corretta ha il vantaggio che si fa ovunque, anche quando si è in viaggio per lavoro. Gli “attrezzi” sono così poco ingombranti che trovano spazio in qualsiasi valigia. Ma, quando scatta la molla e da semplici sportivi da divano si diventa dei runner, si compiono delle imprese che sembravano impossibili a vent’anni. In questo numero di Ulisse scopriamo il mondo dei runner con uno dei più famosi appassionati di questa disciplina, Linus (noto dj e direttore artistico di Radio DeeJay), e da lui ci facciamo raccontare anche dei percorsi più affascinanti in alcune delle capitali più belle del mondo, Da New York a Melbourne, da Milano a Londra. Perché correre è sempre più una filosofia di vita che un semplice sport. ● THE UNBRIDLED PASSION OF RUNNERS It may well be an easy way to keep fit but is, above all, a challenge you set yourself, you challenge the limits of your own body. In cities at dawn on those dull winter days or summer evenings, the community of runners is ever-growing and hardened. Before putting on a suit and tie for the day, or having taken off the office suit of armour, hitting the street for a run is a daily ritual for many enthusiasts. The great thing about running is that it takes very little, a t-shirt, sweatpants, and the inseparable running watch – that tells you everything: how far you’ve run, the time you’re keeping and your heartbeat – and of course, the obligatory trainers. Running for sport or simply as a means to keep in shape has the advantage that you can do it anywhere, also when travelling for work. The “equipment” is far from bulky so can fit in any suitcase. However, when the switch flips and you go from being a dabbler and become a runner, you achieve things that would have seemed impossible at twenty. In this issue of Ulisse we discover the runners’ world with one of the most famous enthusiasts of this sport, Linus (renown dj and artistic director of Radio DeeJay), and we also have him tell us the most interesting routes in some of the most beautiful capitals of the world, from New York to Melbourne, and Milan to London. Because running is becoming ever more a way if life rather than a simple sport. ●

6

_ ULISSE _ settembre 2016


Contents September 2016 Takeoff 12 — 13

Il genio Pop The Pop genius

14 — 15

Centro commerciale 2.0 Mall 2.0

16

La cosa giusta − Sogni e gioielli The right thing − Dreams and jewels

Wow Wo 19

I ponti più lunghi del mondo The longest bridges in the world

Muccino on the road 72 — 75

20

Mostra del cinema di Venezia: tradizione e novità Venice Film Festival: tradition and new features

22

Un’oasi LIPU alla foce del Tevere A LIPU oasis at the mouth of the Tiber

24

Bacchetta in mano, dirige Beatrice Venezi Conductor Beatrice Venezi directs with her baton

26

Giovanna Vitelli. La donna della nautica Giovanna Vitelli. The yachting woman

28

Michela Cerruti. Più veloce del vento Michela Cerruti. Faster than the wind

30

Marco Tardelli. L’urlo e la Storia del calcio Marco Tardelli. That scream and the History of football

32 — 33

Le 5 cose da non perdere per niente al mondo The five things you must never lose at any price

34

Berlino, energia pura 76 — 83

8

Arte. Rembrandt in confidence Art. Rembrandt in confidence

36

Joe Bastianich. New Orleans

POP ART

38 — 39

Fashion Point

Berlino, capitale creativa ed effervescente, città in continua evoluzione. In copertina, foto di Fabrizia Postiglione. Berlin: a creative, vibrant and ever changing capital city. Front cover photo by Fabrizia Postiglione

40 — 41

Toscanità firmata Ferragamo

_ ULISSE _ settembre 2016

Tuscan style signed by Ferragamo

43 — 44

Irresistibile voglia di barca The irresistible lure of the boat

46 — 48

Notizie dal mondo News from the world


GreatBeauty Rivista mensile di bordo Anno XXXVIII n. 382 Settembre 2016 EDITORE ALITALIA Società Aerea Italiana S.p.A. Via Alberto Nassetti 00054 Fiumicino (RM) Reg. Trib. Civitavecchia n. 3/16 del12/4/2016 già Reg. Trib. Roma n. 16917/77 del 3/8/77 REALIZZAZIONE EDITORIALE SPORT NETWORK SRL Via Messina 38, 20154 Milano DIRETTORE EDITORIALE Alessio Vinci DIRETTORE RESPONSABILE Andrea Brambilla direzione.ulisse@sportnetwork.it ART DIRECTOR Massimo Zingardi

50 — 55

Running in the city

56 — 59

Maison Le Corbusier

61 — 63

Just one

64 — 65

I re del box office? Sono nove, ma c’è anche una regina Who is box office royalty? There are nine kings and a queen

66 — 70

Il Museo di Giorgio Armani The Giorgio Armani Museum

72 — 75 76 — 83

Muccino up in the air Berlino, energia pura Berlin, pure energy

84 — 85

Qué lindo Mexico

REDAZIONE ROMA Piazza Indipendenza 11/B, 00185 Roma REDAZIONE MILANO Via Messina 38, 20154 Milano REDAZIONE BOLOGNA Via del Lavoro 7, 40068 San Lazzaro di Savena (BO) redazione.ulisse@sportnetwork.it Segreteria di Redazione centrale 06/4992321 segreteria.ulisse@sportnetwork.it REDAZIONE AZ Rosita Di Bernardo redazioneulisse@alitalia.it

Happyend 89 — 92

The Venice Film Festival and the 7 films that enhanced it

94 — 95

Moda Uomo: Oltremodo

96 — 97

Moda Donna: Attitude maschile

98

TRADUZIONI Raffaella Ficara (Edipress) HANNO COLLABORATO: Alberto Barbera, Bianca Ascenti, Joe Bastianich, Andrea Bocelli, Enrico Borghi, Antonio Capitani (Oroscopo), Marta Centra (Edipress), Marzia Ciccola (Beauty), Stefano Cocci (Edipress), Monica Codegoni Bessi, Francesca Colello (Edipress), Valentina De Pietro (Edipress), Emanuela Di Mundo, Silvia Doria (Edipress), Daniela Fagnola (Orologi), Cristina Griner (Turismo), Luigi Massari, Renata Molho (Coordinamento Moda), Silvia Nani, Filippo Nassetti, Valeria Oneto (Stylist), Francesca Pini, Silvia Pino (Edipress), Fabrizia Postiglione, Gianni Rusconi (Hi-Tech), Ilaria Vescovo (Illustrazioni) FOTOGRAFIE Getty Images, iStockPhoto, Fabrizia Postiglione, AGF, Contrasto, Luz, Plainpicture, Lars Schneider CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICITÀ SPORT NETWORK SRL Via Messina 38, 20154 Milano Tel. 02/34962420 PREPRESS E STAMPA POLIGRAFICI IL BORGO S.R.L. Via del Litografo, 6 40138 Bologna Tel. +39 051 6034001 Fax +39 051 603401

Time Life. Lo stile al polso Time Life. Style your wrist

EDITING EDIPRESS SRL - www.edi-press.com PROGETTO GRAFICO Akimudi

Il Festival di Venezia e i 7 film che l’hanno esaltato

100

Hi-Tech. La tecnologia fatta su misura Hi-Tech. Technology made to measure

102

Engines. Novità dal mondo dei motori News from the world of engines

104

Bellissima. September issue

106

Uomo in Vogue Man in Vogue

118

Pack for Him

110

Pack for Her

115 — 117 Address: Düsseldorf, Pisa 118 — 119 Copenaghen. Una città a due ruote Copenhagen. The city on two wheels

120 — 121 Oroscopo Horoscope

124 — 128 La storia della Ducati Ducati story

162

ANDREA BOCELLI – Con te partirò Time to say goodbye

10

_ ULISSE _ settembre 2016


Takeoff

pronti al decollo

Il genio Pop Continua a Milano fino al 22 gennaio 2017 la mostra dedicata a Maurits Cornelis Escher, il genio olandese “pop” che con le sue visioni ha incantato la fantasia di grafici, le menti di scienziati e influito su altri artisti. Circa 200 opere a Palazzo Reale dell’incisore, intellettuale e matematico che ha catturato l’immaginario collettivo con le sue opere visionarie. In esposizione capolavori come Mano con sfera riflettente, Relatività (o Casa di scale), Metamorfosi e Belvedere, oltre a esperimenti scientifici, giochi e approfondimenti didattici.

The Pop genius The exhibition dedicated to Maurits Cornelis Escher – the Dutch “pop” genius who, with his works, captured both graphic designers’ creativity and the minds of scientists, and influenced other artists – is on display in Milan until 22 January 2017. About 200 works are displayed at the Palazzo Reale by the engraver, intellectual and mathematician who touched the collective imagination with his visionary works. The exhibition displays masterpieces like Hand with Reflecting Sphere, Relativity (or Stairs House), Metamorphosis and Belvedere, alongside scientific experiments, games, and educational insights.

Maurits Cornelis Escher Giorno e notte - Febbraio 1938 Xilografia, 39,1x67,7 cm Collezione Giudiceandrea Federico All M.C. Escher works © 2016 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

12

_ ULISSE _ settembre 2016


Da Milano Linate Alitalia offre 625 frequenze settimanali verso 24 destinazioni, di cui 13 nazionali e 11 internazionali. Dallo scalo di Milano Malpensa sono disponibili complessivamente 39 frequenze settimanali per: Roma Fiumicino (21), Abu Dhabi (7), New York JFK (7), Tokyo (4). Per conoscere le offerte e per l’acquisto dei biglietti visita alitalia.com

From Milan Linate Alitalia offers 625 weekly flights to 24 destinations – 13 domestic and 11 international. From Milan Malpensa Alitalia offers 39 weekly frequencies to: Rome Fiumicino (21 weekly flights), Abu Dhabi (7), New York JFK (7), Tokyo (4). To learn more about the offers and to purchase tickets visit alitalia.com

ULISSE _ settembre 2016 _

13


Takeoff

pronti al decollo

Centro Commerciale 2.0 A Bangkok, ha aperto Siam Discovery, un centro commerciale di nuova generazione (ri)pensato dallo studio Nendo. Quarantamila metri quadri di spazio per 112 milioni di dollari di investimenti. Un unico atrio allungato riproduce un canyon; lungo uno dei lati dell’ingresso sono state installate 220 scatole con monitor che mostrano marche e prodotti, indirizzando i clienti verso ciò che li interessa. I negozi sono caratterizzati da un mood particolare, sfruttando strutture modulari declinate attraverso luci e materiali diversi.

Mall 2.0 Siam Discovery, a new generation shopping mall (re)designed by Nendo Studio, opened in Bangkok. It is forty thousand square meters and cost 112 million dollars. A single long atrium reproduces a canyon-like space; one side of the atrium is lined with 220 frame-shaped boxes showcasing brands and products, linking customers to their specific interests. The stores are characterized by a particular “mood”, with the use of modular structures featuring different lights and materials.

14

_ ULISSE _ settembre 2016


Per raggiungere Bangkok Alitalia offre un collegamento giornaliero da Roma Fiumicino, da Milano Malpensa e da Venezia per Abu Dhabi. Da qui i viaggiatori possono proseguire il viaggio verso la capitale tailandese grazie a 4 comode frequenze giornaliere operate in partnership da Alitalia ed Etihad Airways. Per scoprire le opportunitĂ di viaggio visita alitalia.com ed etihad.com/it

To reach Bangkok Alitalia offers one daily flight from: Rome Fiumicino; Milan Malpensa and Venice via Abu Dhabi. From here, travelers can continue their journey to the Thai capital thanks to 4 daily flights operated in partnership by Alitalia and Etihad Airways. To discover travel opportunities visit alitalia.com and etihad.com/it

ULISSE _ settembre 2016 _

15


Takeoff LA COSA GIUSTA “Perché chi si ferma ha più vita, ma chi va ha più strade„

“Because who stops has more life, but who goes has more ways„

(FRANCISCO GALVEZ)

Sogni e gioielli IL SOGNO. Sono i viaggi, le sensazioni, le opere d’arte ad ispirare Licia Mattioli, ad alla guida dell’ufficio stile del marchio di gioielli che da lei prende il nome. Ma anche i sogni, insieme alle gemme racchiuse nelle pietre grezze dei geodi che hanno colpito il suo immaginario durante un viaggio in Brasile: la bellezza delle destinazioni lontane unita agli elementi preziosi della terra.

NATURA PREZIOSA. Da qui, la nascita della collezione Reve_r: pezzi unici dove il design racconta di un mondo incantato e sognante, di rara purezza. Onirico nello spirito e nella forma, con gemme variopinte montate in senso opposto, l’anello della collezione Reve_r è in oro rosa – 18.7 gr – arricchito da diamanti fancy e bianchi carati 35.42. (M.C.)

THE DREAM. Journeys, feelings, works of art inspire Licia Mattioli, the CEO heading the style office of the jewelry brand that bears her name. She takes inspiration also from dreams, as well as the gems encased in the jagged stones which captured her imagination during a journey in Brazil: the beauty of the far-away destinations combined with the precious elements of the Earth.

PRECIOUS NATURE. Hence, the creation of the Reve_r collection: one-off pieces where the design leads us through an enchanted and dreamy world of rare purity. Fantastic in its spirit and shape, with colorful gems assembled facing in opposite directions, the ring of the Reve_r collection comes in pink gold- 18.7 gr – and is enriched by fancy white diamonds – 35.42 carats.

www.mattioligioielli.it

16

_ ULISSE _ settembre 2016


COLLECTION FORCE

7 Roma Piazza San Silvestro, 11 - 0018 etti.it +39 06 679 7941 - www.bed

15 - Milano Corso V. Emanuele II, info@gobbi1842.com 36 205 760 02 +39 tel. www.gobbi1842.com

10


wow

Quando il mondo è ancora capace di sorprenderci World's Surprises

Nell’immaginario collettivo il ponte è simbolo di unione e pace. Quali sono i più lunghi del mondo in base alla campata principale? 1

Ponte di Akashi Kaikyō

Giappone - 1.991 mt

ISTOCK

(inaugurato nel 1998) “Come un ponte sull'acqua tempestosa/Mi distenderò”… Cantavano così Simon & Garfunkel. Era il 1970, le note e le parole di Bridge over troubled water del duo folk americano sembravano voler curare le ferite e le battaglie degli anni Sessanta. Il ponte è uno dei simboli più importanti della storia dell’umanità: unisce e mette in comunicazione le rive di due fiumi o due terre separate dall’acqua. Un potere simbolico tanto importante che l’Uomo cerca di superare i suoi limiti con vere e proprie opere di ingegneria pur di riuscire a unire ciò che la Natura ha diviso, perché l’Umanità ha la capacità di distruggere, ma anche di ricostruire e farlo meglio; così lo stato dell’arte della tecnologia è utilizzato per questa missione: mettere in comunicazione e collegare fisicamente e metaforicamente terre, uomini, pensieri, filosofie. Così, il più lungo tra i ponti sospesi per la lunghezza della campata principale è il ponte di Akashi Kaikyō che unisce la città di Kōbe, sull'isola di Honshū, all'isola Awaji. È alto 282,8 metri e lungo 3.911 metri. La sua campata principale è lunga ben 1.991 metri. È anche detto “Ponte delle perle” per via della sua particolare illuminazione notturna. Nella top ten ci sono ben tre ponti sul Fiume Azzurro più lo Xihoumen Bridge nell’arcipelago di Zhoushan e lo Tsing Ma Bridge a Hong Kong in Cina, uno nel Regno Unito (Humber Bridge), lo Storebæltsbroen in Danimarca, il Ponte di Verrazzano a New York e il Golden Gate, simbolo di San Francisco. IN THE COLLECTIVE IMAGINATION, THE BRIDGE IS A SYMBOL OF UNION AND PEACE. WHICH ARE THE LONGEST IN THE WORLD ACCORDING TO THE LENGTH OF THEIR MAIN SPAN? "Like a bridge over troubled water"… so sang Simon & Garfunkel. It was 1970 and the notes and the words of the American folk duo seemed to want to heal the wounds and the battles of the sixties, and the bridge is one of the most important symbols in the history of mankind: it unites and does not divide, it connects the banks of two rivers or two lands separated by water. It’s an important symbolic power, Man in fact is always striving to overcome his limitations in order to unify, because mankind can not only destroy but can also rebuild and improve. Consequently, state of art of technology is used to achieve this: to connect both physically and metaphorically, lands, men, thoughts and philosophies. Thus, the world’s longest suspended bridge according to the length of its main span, is the Akashi Kaikyō Bridge which connects the city of Kōbe on Honshū Island to Awaji Island. It is 282.8 meters high and 3,911 meters long and its main span is 1,991 meters long. Also known as "the Pearl Bridge" because of its unique night lighting. The top ten list features three bridges on the Yangtze River, plus the Xihoumen Bridge in the Zhoushan Islands and the Tsing Ma Bridge in Hong Kong, China, a bridge in the UK (the Humber Bridge) the Storebæltsbroen in Denmark, the Verrazzano Bridge in New York and the Golden Gate, the symbol of San Francisco.

2

Xihoumen Bridge Cina -1.650 mt (2009)

3

Storebæltsbroen Danimarca - 1.624 mt (1998)

4

Runyang Bridge Cina - 1.490 mt (2005)

5

Humber Bridge Regno Unito - 1.410 mt (1981)

6

Jiangyin Suspension Bridge Cina - 1.385 mt (1999)

7

Tsing Ma Bridge Hong Kong - 1.377 mt (1997)

8

Ponte di Verrazzano Stati Uniti - 1.298 mt (1964)

9

Golden Gate Bridge Stati Uniti - 1.282 mt (1937)

10

Yangluo Bridge Cina - 1.280 mt (2007)

ULISSE _ settembre 2016 _

19


W W WO “Il cinema appartiene al nostro tempo. È la cosa da fare.” “Cinema is a métier, it belongs to our times. It is “the thing” to do.” ORSON WELLES

Mostra del cinema di Venezia: tradizione e novità Il momento clou in laguna dal 31 agosto al 10 settembre Ci sono eventi che fanno la storia ed entrano nel comune sentire. Così è per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica che arriva alla 73esima edizione. Dal 31 agosto al 10 settembre, Venezia è la capitale mondiale del cinema. Una storia che ha segnato la settima arte che si presenta al nastro di partenza con alcune novità come il Venice Production Bridge, dedicato alla presentazione e allo scambio di progetti inediti di film e work in progress, per favorire il loro sviluppo e la loro realizzazione. Il Venice Production Bridge sarà inoltre attento alla coesistenza, favorita dalla rivoluzione digitale, di piattaforme diverse e, soprattutto, la nuova frontiera rappresentata dalla VR/Virtual Reality (realtà virtuale). Tra i film in concorso sono attesissimi Ford, Larrain, Malick, Villeneuve e Wenders. (S.C.) VENICE FILM FESTIVAL: TRADITION AND NEW FEATURES There are events that mark history and become part of our lives. This is the case with the Venice International Film Festival, this year in its 73rd edition. From August 31 to September 10, Venice is set to be the world cinema capital. The festival marked the history of the seventh art and now gears up to showcase a string of new features such as the Venice Production Bridge, dedicated to the introduction and the exchange of brand new projects for films and works in progress, to promote their development and production. The Venice Production Bridge will focus on the coexistence, supported by the digital revolution, of different platforms: TV serials, web short-serials and, most of all, the new frontier represented by the VR/Virtual Reality.

Stelle e prime assolute Emma Stone apre il festival, Sam Mendes presidente, Sonia Bergamasco madrina Sarà La La Land, scritto e diretto da Damien Chazelle (Whiplash) e interpretato da Emma Stone e Ryan Gosling, il film d’apertura, in Concorso, della 73esima Mostra del Cinema di Venezia. Il presidente della giuria sarà Sam Mendes, la madrina è l’attrice Sonia Bergamasco. 20

_ ULISSE _ settembre 2016

The opening film of the 73rd edition of the Venice Film Festival will be La La Land written and directed by Damien Chazelle (Whiplash) starring Emma Stone and Ryan Gosling. Sam Mendes is to head the Festival’s jury while actress Sonia Bergamasco is scheduled to host the opening and closing nights.


W W WO

Roma Vicino la capitale d'Italia, le meraviglie del Centro Habitat Mediterraneo

MARCO DE SILVI

Un’oasi LIPU alla foce del Tevere A pochi chilometri dall’aeroporto Leonardo da Vinci, sorge uno dei risultati più importanti raggiunti nel Lazio dalla LIPU: il Centro Habitat Mediterraneo. Un’oasi naturalistica di 20 ettari domina un territorio che, grazie ad una battaglia di riqualificazione, è stato integrato al nuovo Porto Turistico di Roma. In un lago costiero di 11 ettari vivono 200 specie di uccelli, alcune delle quali rare, come l’airone rosso, presente nella più grande colonia del Lazio, o il tuffetto e il falco di palude. “Birdwatching” è la parola d’ordine, attività da svolgere in uno dei tre moderni capanni studiati appositamente per la fotografia naturalistica. Tra luoghi inaspettati, come il giardino delle farfalle o l’aula didattica a cielo aperto, sono tante le attività culturali, di ricerca e di educazione ambientale a cui approcciarsi per godersi questo piccolo angolo di paradiso. (S.P.)

EMANUELE NATALI

A LIPU OASIS AT THE MOUTH OF THE TIBER A couple of miles from the Leonardo Da Vinci airport lies one of LIPU’s key achievements in Lazio: the Mediterranean Habitat Centre. A twenty-hectare natural oasis dominates the landscape, which thanks to a battle for re-development, has been integrated into the new tourist Port of Rome. 200 bird species live in an eleven-hectare coastal lake and among Lazio’s largest colony are rarities such as the “Purple Heron”, the “Little Grebe” and the “Northern Harrier”. Bird-watching is the order of the day, with three modern huts specially designed for taking nature photos. From unexpected surprises like the butterfly garden or the open-air classroom, there are plenty of cultural activities and research and environmental info to help you enjoy this little corner of paradise.

“E questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre, e ovunque il bene” “And this our life, exempt from public haunt, finds tongues in trees, books in the running brooks, sermons in stones, and good in everything” WILLIAM SHAKESPEARE

22

_ ULISSE _ settembre 2016


W W WO

ITALIANE DI OGGI Prima donna a dirigere un’orchestra in Armenia, tanti impegni e un mestiere che definisce «challenging». MODERN ITALIAN WOMEN The first woman conductor to direct in Armenia, many engagements and a job that she defines «challenging».

Donne di talento

Born to be… disruptive Bacchetta in mano dirige Beatrice Venezi

BORN TO BE... DISRUPTIVE. CONDUCTOR BEATRICE VENEZI DIRECTS WITH HER BATON After the direction of Turandot by Busoni at the Puccini Festival in Torre del Lago (Lucca, Tuscany), Beatrice Venezi is ready for a new challenge. Passionate and dynamic, she speaks on behalf of Audi innovative thinking, the research project which supports unconventional people with innovative ideas, in various fields and from different countries. She defines herself as both unconventional and innovative with a focus on renewal «since I want to preserve tradition, to hand it down to future generations and to make it modern. This is what the English call ‘being disruptive’». Whether on the rostrum when she conducts an orchestra, («my real debut was in 2012»), with a baton in her hand and music on her mind, or alongside a «futuristic work of art», as she defines the Audi TT photographed next to her. This is the young Conductor who does not listen to classical music while driving so as not to be distracted, but preferring instead to listen to the radio «from Massive Attack to electronic music and obviously jazz». She shyly told us she took part (and she was the only Italian) in the Aram Khachaturian International Competition and she was «the first woman who has conducted in Armenia, which for them was something quite special (she laughs Ed)». Even if she did not met the glass ceiling, she certainly has experienced the stereotypes who require women to be more skilled, «much more than a man because women are scrutinized more». She recommends that her peers train, acquire technique, professionality and relationship skills, network with other women, and find people who can support them, because nothing «comes out of the blue». She chose three adjectives to better describe her personality: «free thinking, strong minded, tenacious», but her attitude is like that of the “LA”, the musical note that «tunes everybody and… harmonizes everyone».

24

_ ULISSE _ settembre 2016

Archiviata la direzione della Turandot di Busoni al Festival Puccini di Torre del Lago (Lucca), Beatrice Venezi è pronta per una nuova sfida. Appassionata e dinamica, è tra i testimonial di Audi Innovative Thinking, progetto alla ricerca di menti innovatrici e capaci di andare oltre le righe, in vari ambiti professionali di diversi Paesi. Lei si definisce entrambe le cose, ma punta al rinnovamento «dal momento che parto dalla tradizione che voglio preservare, tramandare ai posteri e rendere attuale. È ciò che gli inglesi chiamano essere disruptive». Dirompente. Dal palco dove dirige un’orchestra, «il debutto vero è stato nel 2012», bacchetta alla mano e musica nella testa, o accanto a «un’opera d’arte futuristica», come definisce l’Audi TT con la quale è stata fotografata. È questa la giovane direttore d’orchestra che non ascolta musica classica mentre guida per non farsi distrarre, ma preferisce la radio per spaziare «dai Massive Attack a una certa musica elettronica, passando certamente per il jazz». Racconta di essere stata, unica italiana, all’Aram Khachaturian International Competition e «la prima donna ad aver diretto in Armenia, che per loro è stato un evento (ride, ndr) speciale». Se non ha subìto il glass ceiling, di certo deve fare i conti con gli stereotipi che richiedono a una donna di esser sempre preparata, «molto di più rispetto a un collega uomo perché si è sotto la lente d’ingrandimento». Ai suoi coetanei consiglia preparazione, tecnica, professionalità e capacità di relazione, quella che le dà complicità con le altre donne, ma anche trovare figure che possano indirizzare perché nulla «piove dal cielo». Per descriversi sceglie degli avverbi: «libera-mente, intensa-mente, tenace-mente», ma il suo modo di essere è come il LA, nota che «accorda tutti e… mette tutti d’accordo». (S. D.)


W W WO

ECCELLENZA ITALIANA

Giovanna Vitelli a capo del Gruppo Azimut Benetti, uno dei più grandi cantieri nautici al mondo con un valore della produzione che si attesta sui 700 milioni di euro. Giovanna Vitelli at the helm of the Azimut Benetti Group, one of the largest shipyards in the world with a turnover amounting to some 700 million euro.

La donna della nautica

Giovanna Vitelli, la figlia d’arte Fascino e determinazione, sono queste le due caratteristiche di Giovanna Vitelli, alla guida del Gruppo Azimut Benetti fondato dal padre Paolo. Oltre 270 imbarcazioni vendute all’anno, una gamma di barche a motore che va dai 10 ai 100 metri e oltre duemila dipendenti dislocati in sei sedi produttive. Un’eccellenza italiana riconosciuta in tutto il mondo e che vede negli USA il più grande mercato. «I Saloni nautici di Cannes e Montecarlo di settembre sono importanti anche perché gli ultimi segnali sono di una ripresa del settore in Spagna, Francia e anche Italia. La nostra gamma è completa, abbiamo appena lanciato un Verve di 40 piedi (12 metri) e consegnato il primo dei quattro giga yacht Benetti di 100 metri di lunghezza che sono in costruzione». I grandi yacht non sentono crisi. «Abbiamo investito oltre 20 milioni di euro per essere competitivi nella produzione di grandi navi. Queste commesse sono un orgoglio per il cantiere, ma anche per l’Italia visto che da sempre erano appannaggio dei paesi nord europei». In questo settore bisogna avere affidabilità e credibilità, l’italianità aiuta. «Noi siamo un gruppo interamente italiano, proprietà, management e designer. Questo è motivo di orgoglio ed è anche il driver di molte scelte, come concentrare la costruzione in Italia. La nostra forza, nelle imbarcazioni più seriali, è di avere una produzione tecnologicamente molto avanzata abbinata ad una qualità elevata». L’altra carta vincente è il design. «Cerchiamo di interpretare quel gusto contemporaneo tipicamente italiano, che è dato dalle linee morbide, dai dettagli preziosi, dalla scelta di materiali che fanno la differenza del prodotto». Elementi che concorrono allo sviluppo. «La nostra crescita è del 12%; merito di forti investimenti su nuovi prodotti. Il trend negativo è rallentato e ora la sfida è di tornare ad una crescita. Sfida che si vince, facendo un prodotto premium, con un rigoroso controllo dell’aspetto industriale. Siamo in una fase importante, il passaggio da media a grande azienda che non può essere gestita da una sola persona e quindi è fondamentale la crescita del management, un progetto iniziato con mio padre già da alcuni anni». Molte donne al vertice dei Gruppi nautici. «Sì, forse abbiamo una visione più completa delle esigenze stilistiche di questo mondo. Io comunque sono affascinata anche dalla parte tecnica, per sfatare luoghi comuni».

26

_ ULISSE _ settembre 2016

THE YACHTING WOMAN Charm and determination, these are the two characteristics of Giovanna Vitelli, at the helm of the Azimut Benetti Group founded by her father Paul. More than 270 boats are sold per year, ranging from 10 to 100 meters and over two thousand employees in six manufacturing plants – Italian excellence that is recognized worldwide and whose main business lies in the US market. «The boat shows in Cannes and Montecarlo in September are also important because the Spanish, French and even Italian markets show signs of recovery. We offer a complete range of boats; we have just launched a 40 feet Verve and delivered the first of the four 100 meter Benetti giga yachts which are being built». The big yachts do not suffer from the crisis. «We invested over 20 million euro in order to compete in big boat production. These contracts are the pride of our shipyard as well as for Italy since they used to be a prerogative of North European countries». In this field, you need to be reliable and convincing, and being Italian helps. «We are an entirely Italian group, the owners, managers and designers are Italian. This is a source of pride for us but also a driver for many of our choices, like concentrating all our shipyards in Italy. Our strength, even the standard production boats, lies in our cutting-edge technological production combined with top-premium quality». The other trump card lies in the design. «We try to interpret typically modern Italian taste, with its soft lines, top quality detailing and high quality materials which make the difference to the final products». These elements contribute to the company’s growth. «Our company has registered 12% growth thanks to the huge investments in new products. The negative trend has slowed down and the challenge is to return to growth. We are confident we can meet this challenge by producing a premium product, with close attention also on its production. We are going through an important phase, the switch from a medium to a large company can not be managed by just one person, we need to improve our management, and this project began with my father a few years ago». There are many women heading yachting Groups. «Yes, we probably have a wider view of the field’s stylistic needs. And anti-stereotypically I am ever more attracted also the technical sector».


WOW WO

FUORI I MUSCOLI Michela ha iniziato a gareggiare con gli sci prima di passare alle auto. Sotto, la Lamborghini con cui ha corso al Paul Ricard, in Francia. Michela raced first on skis, before turning to cars. Below, the Lamborghini she drove at the Paul Ricard circuit in France.

Michela Cerruti

Più veloce del vento

MICHELA CERRUTI: FASTER THAN THE WIND. The brown eyes of Michela Cerruti look ahead with confidence and concentration. She’s been racing cars since 2008 and high speed is in her DNA (her father was a hugely successful racing driver.) «When I realized I liked high speeds I was happy» – says Michela, born in Rome and raised in Milan – «I thought it must be something that ran in the family and that if my dad was so fast maybe I…». She started out skiing but quit to concentrate on her studies: high school, then a degree in Psychology. «When I got my driving license» – she recalls – «my father signed me up for a safety driving course so I could take better control of the car». At 21 her helmet and uniform were back on, only this time it wasn’t a snowsuit, but driver overalls. She raced in an Alfa Romeo 147, then a 320 hp Abarth of Romeo Ferraris – who trained Michela’s father, followed by a Ferrari F430 and a Mercedes C63 AMG, a 6200cm3, 550 hp sedan that Michela painted pink. With that car, with Romeo Ferraris still training her, she won a race in the International Superstars Series in Monza in 2011. «Winning isn’t enough to overcome the hostility of a male-dominated world like car racing» says Michela with a pinch of bitterness. «Male drivers get upset when a man beats them, let alone a woman». She won again in Imola in 2014, in the one-seater muscle car of the Auto GP, before focusing on Gran Turismo (GT). «Now my goal is to become a professional driver, and turn my passion into a job». In late June she raced on the Paul Ricard circuit in France in the tough international GT championships, behind the wheel for the first time of a 600hp Lamborghini Huracan GT3 race car.«In the future, when I quit car racing» – Michela says – «I ‘d like to continue working in racing. And I want to start a family and have children».

28

_ ULISSE _ settembre 2016

Gli occhi marroni di Michela Cerruti guardano avanti con sicurezza e concentrazione. Corre in auto dal 2008 ma la velocità è nel suo DNA perché anche il padre gareggiava in auto con ottimi risultati: «Quando mi sono resa conto di essere attratta dalla velocità sono stata contenta – riflette Michela, nata a Roma e cresciuta a Milano –. Ho pensato che doveva essere qualcosa di ereditario e che se mio padre andava così forte magari anch’io…». Inizia con gli sci, poi smette per dedicarsi allo studio: liceo classico e laurea in Psicologia. «Quando ho preso la patente – ricorda – mio padre mi ha iscritto a un corso di guida sicura perché fossi in grado di dominare meglio l’automobile». A 21 anni riprende dunque casco e tuta, non più da sciatrice ma da pilota. Le sue auto sono l’Alfa Romeo 147, poi l’Abarth 500 da 320 cv di Romeo Ferraris, già “preparatore” del papà di Michela, poi la Ferrari F430 e la Mercedes C63 AMG, una berlina di 6200 cm3 con 550 cv, che Michela fa verniciare di rosa. Con questa vettura, sempre seguita da Romeo Ferraris, nel 2011 vince a Monza una gara dell’International Superstars Series. «Vincere non basta per cancellare le malignità di un ambiente maschilista qual è quello delle corse – dice Michela con una punta di amarezza –. Ai piloti secca essere battuti da un uomo, figuriamoci da una donna». S’impone anche a Imola nel 2014, con le muscolari monoposto dell’Auto GP, prima di concentrarsi sulle Gran Turismo : «Adesso il mio obiettivo è diventare pilota professionista, fare della mia passione il mio lavoro». A fine giugno si cimenta sul circuito Paul Ricard, in Francia, nel difficilissimo campionato internazionale GT per la prima volta al volante di una Lamborghini Huracan GT3, un bolide con 600 cv. «Più avanti, quando smetterò di correre – conclude Michela – vorrei continuare a lavorare nell’ambiente delle corse. E poi voglio anch’io formare una famiglia e avere dei bambini». (L.M.)


CAMPIONE DEL MONDO

W W WO

Storia e determinazione nel libro di Sara Tardelli, Tutto o niente, sul padre Marco Tardelli, campione del mondo di Spagna 1982. WORLD CHAMPION History and determination in the book by Sara Tardelli, All or Nothing, about her father Marco Tardelli, the football world champion in Spain 1982.

THAT SCREAM AND THE HISTORY OF FOOTBALL It was the symbol of a night that will live on forever. It is the most famous scream, after that of Munch. Marco Tardelli, aged 62, the 1982 world football champion – for seven seconds and 175 frames – had screamed as the country and the world watched. «To tell you the truth, I’ve come to hate that scream, because it made me imprisoned in that moment. I used to think to myself: I did something else in my life, why should I be identified only with that crazy moment of pure joy? But now it is different. I know that, after my kids, it is the best thing I have ever done». He is still one of the most popular and best loved sportsman in Italy. «Maybe this is because I have never held myself back. I have always done everything with great passion, without hesitation. I lived life to the full». And if we ask him who is today the football player he feels most similar to, he answers: «I’m often compared to Claudio Marchisio, and actually I see some similarities. I hope he does not take offense at that. However, I am sure that when it comes to football, I still hold my own». Last year he spoke in front of two thousand kids at the UN headquarters about ethics and sports. «It was an exciting experience. Speaking on such a prestigious stage, that has hosted many famous people. I focused on the sacrifices and the passion required when you really want to achieve a goal. Whatever it might be. I gave as a role model my father (a worker at Anas – an Italian government-owned company responsible for the construction and maintenance of Italian motorways and state highways) – and I said that I took inspiration from his work ethics. I encouraged them not to be afraid of no-go areas. Racism and doping, for example, represent the enemies of victory – they are the enemies of meritocracy. And I added: you can change the things you do not like. You have the strength to do it».

Marco Tardelli

L’urlo e la Storia del calcio È stato l’emblema di una notte senza tempo. L’urlo più famoso, dopo quello di Munch. Marco Tardelli, 62 anni, campione del mondo 1982, per sette secondi, 175 fotogrammi, ha gridato insieme al Paese in mondovisione. «A dire la verità, quell’urlo l’ho anche odiato, mi faceva sentire ostaggio di un momento. Dentro di me pensavo: ho fatto anche altro nella vita perché mi dovete identificare solo con quella folle corsa di gioia? Ora no. So che, dopo i miei figli, è la cosa più bella che ho fatto». È ancora uno degli sportivi più popolari e amati del Paese. «Forse perché non mi sono mai risparmiato. Ho sempre vissuto tutto con grande passione, senza tirarmi mai indietro. Vivevo tutto con grande intensità». E se chiediamo chi è il calciatore che più gli somiglia oggi risponde «Mi accostano spesso a Claudio Marchisio, effettivamente in qualche cosa in lui mi rivedo. Spero lui non si offenda. Comunque nel calcio di oggi sono sicuro che saprei fare ancora la mia figura». Lo scorso anno ha parlato davanti a duemila ragazzi nel Palazzo di Vetro dell’Onu su etica e sport «ed è stata un’esperienza emozionante. Parlare da un palco così prestigioso, dove si sono alternate personalità. Ho puntato sui sacrifici da fare e la passione da mettere se si vuole arrivare all’obiettivo. Qualunque esso sia. Io avevo come modello familiare mio padre, operaio Anas, e la sua etica del lavoro. Li ho esortati a non avere paura delle zone d’ombra. Gli episodi di razzismo o di doping, ad esempio, rappresentano il contrario della vittoria, il nemico della meritocrazia. E a loro ho detto: le cose che non vi piacciono potete cambiarle. Ne avete la forza» (Filippo Nassetti).

“Il calcio è la cosa più importante delle cose meno importanti” “Of all the least important things, football is the most important” ARRIGO SACCHI

30

_ ULISSE _ settembre 2016


W W WO

Settembre 2016 Le cinque cose da non perdere per niente al mondo Culture Chanel a Venezia

1

CULTURE CHANEL IN VENICE It is the relationship between what she has read and the designs that she created that has this time influenced Culture Chanel, the traveling exhibition which, with each show, analyzes an aspect of Mademoiselle’s personality. Gabrielle Chanel’s extensive library will be on display, for the first time, from September 17 at the Ca’ Pesaro, in Venice. It will reveal the works that marked her life, shaped her personality and nurtured her imagination.

2 A Roma, antiquariato! Dal 29 settembre al 3 ottobre a Palazzo Venezia Un appuntamento fisso nel panorama nazionale e internazionale. La Biennale Internazionale di Antiquariato di Roma festeggia la decima edizione e conferma la tradizione e la continuità dell’impegno nella selezione qualitativa degli espositori e degli oggetti presentati. Professionisti delle principali rassegne internazionali si confrontano dunque con alcuni esponenti della giovane generazione di antiquari, portavoce di un gusto nuovo e dive rso anche nell’esposizione delle opere. La manifestazione si svolge dal 29 settembre al 3 ottobre 2016 a Palazzo Venezia a Roma. IN ROME IT’S TIME FOR ANTIQUES! A fixture in the national and international scene. The International Antiques Biennial in Rome celebrates its tenth staging, confirming tradition and continuity in its dedication to the quality selection of exhibitors and showcased articles. Professionals from the major international exhibitions interact with members of the younger generation of antique dealers – representatives of new and different tastes and of ways of displaying objects. The event is set to take place from September 29 to October 3 at the Palazzo Venezia in Rome. www.biennale-antiquariato.roma.it 32

_ ULISSE _ settembre 2016

GABRIELLE CHANEL PH. DOUGLAS KIRKLAND

In mostra il vocabolario estetico di Mademoiselle È al rapporto tra le letture che ha amato e le sue creazioni di moda che è dedicata Culture Chanel, mostra itinerante che di volta in volta approfondisce un aspetto della personalità di Mademoiselle. Dal 17 settembre, per la prima volta, sarà esposta a Ca' Pesaro, Venezia, la fornitissima biblioteca di Gabrielle Chanel che svelerà le opere che ne hanno segnato la vita, modellato la personalità, nutrito l'immaginario.


3

Bologna Design Week Creatività e mondo produttivo si incontrano Dal 28 settembre al 1° ottobre 2016 – con due giorni di preview il 26 e 27 settembre – andrà in scena nei palazzi storici di Bologna, un ricco programma di eventi culturali, mostre e design talks per la seconda edizione della Bologna Design Week. Palazzo Pepoli, il Museo della Storia di Bologna, Palazzo Isolani, Palazzo de’ Toschi, il Teatro Anatomico dell’Archiginnasio, l’ex Ospedale dei Bastardini, Palazzo Hydra, Galleria Cavour e l’ex Atelier Corradi, saranno invasi da gallerie e showroom con percorsi tematici che animeranno la città per una settimana dedicata alle culture del progetto e alle industrie culturali e creative. BOLOGNA DESIGN WEEK From September 28 to October 1 – with a two-day preview on September 26-27 – the historic buildings of Bologna are set to host a wide program of cultural events, exhibitions and design talks for the second Bologna Design Week. Pepoli Palace, the History Museum in Bologna, Isolani Palace, de’ Toschi Palace, the Teatro Anatomico dell’Archiginnasio, the Former Ospedale dei Bastardini, Hydra Palace, the Cavour Gallery, the former Atelier Corradi, will host art exhibitions and showrooms featuring themed events that will liven the city up for a whole week dedicated to the cultures of design and cultural and creative industries.

www.bolognadesignweek.com

Porto Cervo Rolex Swan Cup In Sardegna la festa per i 50 anni del cantiere Nautor

4

Dall’11 al 18 settembre i Cigni di tutto il mondo si riuniranno in Sardegna a Porto Cervo per la diciasettesima edizione della Rolex Swan Cup la regata biennale organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda. Quasi 100 Swan prenderanno parte a questa lunga settimana di regate che trasforma Porto Cervo nel centro del mondo ClubSwan. In acqua alcune tra le più belle imbarcazioni Swan e molti dei migliori velisti al mondo, la Rolex Swan Cup offre una settimana di regate vivaci, gala ed eventi sociali per i quali di Nautor Swan, Rolex e YCCS sono famosi. PORTO CERVO ROLEX SWAN CUP Swans from around the world gather for the 17th edition of the biennial Rolex Swan Cup, from 11 to 18 September, at the Yacht Club Costa Smeralda in Porto Cervo. With nearly 100 Swans taking part, this week long regatta transforms Porto Cervo into the centre of the ClubSwan world. Drawing some of the most beautiful Swan yachts and many of the world’s top sailors, the Rolex Swan Cup provides a week of the spirited racing and gala social events for which Nautor's Swan, Rolex and YCCS are renowned.

Future Vintage Festival

5

Tre giorni intensi per l’evento più vintage d'Italia Dal 9 all'11 settembre Padova ospita la settima edizione del Future Vintage Festival. Tre giorni ricchi di appuntamenti: lectures, workshop, esposizioni artistiche e nightlife, expo mercato con i migliori ricercatori vintage, appuntamenti con artigiani e imprenditori. L'evento, che l’anno scorso ha fatto registrare più di 50.000 presenze, quest'anno avrà come suo claim il “Classico-contemporaneo”. FUTURE VINTAGE FESTIVAL The city of Padua is hosting the seventh edition of the Future Vintage Festival September 9-11, with three full days of events that include lectures, workshops, art exhibitions and nightlife. An Expo market that features leading vintage researchers and meetings with artisans and entrepreneurs. The buzzwords for this event – which last year drew over 50,000 visitors – are "Contemporary - classic".

ULISSE _ settembre 2016 _

33


WOW➝ Arte a cura di Francesca Pini

Chiharu Shiota Berlino 17/09-12/11 Celebrata anche alla Biennale di Venezia del 2015, l’artista costruisce labirinti con sottilissimi fili. Qui una nuova installazione. Indirizzo: Blain&Southern Gallery, Potsdamer Strasse 77/87 Celebrated also at the Venice Biennale in 2015, the artist creates labyrinths with thin strings. Here is a new installation.

Plantin-Moretus House Museum Anversa dal 30/09 U n t u f f o n e l S e i c e n to, i n quest’antica tipografia (patrimonio Unesco) che riapre. Jacques Plantin e Jan Moretus diedero grande impulso all’editoria. Indirizzo: Vrijdagmarkt 22-23 A dip into the seventeenth century for the reopening of this ancient typography (Unesco heritage). Jacques Plantin and Jan Moretus gave publishing a great impetus.

Ai Weiwei Firenze 23/09-22/01/2017 Il messaggio dell’artista-attivista cinese è chiaro: la crisi umanitaria dei rifugiati ci riguarda tutti e i gommoni sulle finestre del palazzo sono un pressante richiamo. Palazzo Strozzi, Piazza degli Strozzi The Chinese activist-artist’s message is clear: the humanitarian refugee crisis affects us all, and the rafts on the windows of the building are a constant reminder.

34

_ ULISSE _ settembre 2016

Rembrandt in confidence A Parigi, il Musée Jacquemart–André: capolavori e piccoli gioielli arrivati anche dal Met di New York, l’Ermitage e il Louvre In questo hotel particulier parigino, un tempo dimora dei coniugi Édouard André et Nélie Jacquemart appassionati d’arte rinascimentale italiana, e con un gusto per il bello che si rispecchia in sontuosi arredi, troviamo solo tesori. Collezionisti di gran lignaggio, essi acquisirono per le proprie raccolte tre dipinti di Rembrandt come l’eccezionale Le repas des Pèlerins d’Emmaus, il Ritratto della principessa Amalia von Solms, e il Ritratto del Dottor Arnold Tholinx. Opere che delineano l’evoluzione stilistica dell’artista, dagli inizi a Leida (1629) alla maturità (1656), in cui la sua padronanza della luce è tutt’uno con l’uso della tavolozza. Da queste tre opere parte la mostra (dal 16/09 al 23/01/2017) che ha ricevuto una ventina di generosi prestiti, anche dal Metropolitan Museum di New York e dall’Ermitage di San Pietroburgo (in arrivo il dipinto Flora), mentre il Louvre ha concesso l’Autoportrait à la chaîne d’or. L’autoritratto fu un genere molto amato da Rembrandt (se ne contano 75) così come la grafica di cui vediamo qui abbondanti esempi. Info: Musée Jacquemart–André, 158, Blvd Haussmann, Parigi www.musee-jacquemart-andre.com REMBRANDT IN CONFIDENCE In this Parisian “hotel particulier”, which was once home to Edouard André and Nélie Jacquemart, who were both aficionados of Italian Renaissance art, and whose taste for beauty is reflected in its sumptuous furnishings, we find nothing but treasures. As collectors of great renown they acquired three paintings by Rembrandt: the exceptional Le repas des pèlerins of Emmaus, the Portrait of Princess Amalia von Solms, and the Portrait of Dr. Arnold Tholinx. These works of art illustrate the artist’s stylistic evolution, from his early years in Leiden (1620) to his artistic maturity (1656), in which his skillful mastery of light is as one with the use of the palette. These three works of art are the starting point of the exhibition (September 16 – January 23) that has received about twenty generous loans – from the Metropolitan Museum in New York, the Hermitage in St. Petersburg (the painting Flora is scheduled to arrive) and the Louvre which has loaned the Autoportrait à la chaîne d’or. Self-portraiture was a genre loved by Rembrandt (it is estimated that he painted 75) as well as the graphics of which we see countless examples here.


NewYork

ITALIA Joe Bastianich NOLA, la più easy di tutte

Rightfully referred to as the United States’ most unique city, New Orleans is best known for its wild mardi gras celebration, the creation of jazz, and in more recent times, its stout hearts. In a place so distinct, it is difficult to hone in on where to venture first but someone has to make the cut. Here are my most recent picks for time well spent on your next trip to The Big Easy. Awarded Best New Restaurant in the United States by the much revered James Beard Foundation in 2016, the modern Israeli establishment Shaya (4213 Magazine Street) gives us yet another reason to visit NOLA (abbreviation for New Orleans) with an empty stomach. In a town known for gumbo, Chef Alon Shaya breaks the mold nicely with much esteem from locals and tourists alike. Rolling up to the old corner house that is Bacchanal Wine (600 Poland Avenue) might make you think twice about your choice of venue, but don’t let the dilapidated façade deter you. Located on the edge of the 9th ward, this out of the way eatery and live music venue features an outdoor courtyard and live jazz every evening. Choose your wine and cheese for the night from their on-property retail wine shop and enjoy the night’s performance al fresco. While urban rusticity may make for a satisfying night out, there is nothing like ending the day with a little luxury when far from home. The Ritz Carlton, New Orleans is everything you’d expect from its namesake.

36

_ ULISSE _ settembre 2016

Cosa ordinare dove Stile francese ed eleganti interni ispirati alla cultura del Sud degli Stati Uniti, il Ritz Carlton di Canal Street coglie l’animo della città. Lasciatevi guidare per la scelta di un aperitivo, non ve ne pentirete.

Bu rg un dy St

Ibe rvi lle St

THE RITZ CARLTON

Da up hin eS t

Ca na l St

ay W elt ev Ca s o na Ro l St

Ba ro nn eS t

Correttamente considerata la città più esotica degli Stati Uniti, New Orleans è molto popolare per la sua eccentrica celebrazione del mardi gras, la creazione del jazz e ultimamente anche per i suoi stout hearts (coraggio e valore d’animo). In un posto così unico è difficile scegliere quali posti consigliare di visitare, ma qualcuno dovrà pur farlo! Ecco a voi le mie più recenti preferenze da non mancare nel vostro prossimo viaggio a “The Big Easy”. Premiato come il miglior ristorante degli Stati Uniti dalla James Beard Foundation nel 2016, Shaya (4213 Magazine Street), moderno locale israeliano, è un motivo in più per visitare NOLA (abbreviazione di New Orleans) a stomaco vuoto. In una città famosa per il gumbo, lo Chef Alon Shaya rompe elegantemente le righe con il suo cibo estremo che piace sia ai locali che ai turisti in visita. Avvicinandovi alla casetta all’angolo della 9th Ward che sembra il Bacchanal Wine (600 Poland Avenue) può farvi pensare di dover rivalutare la location scelta, ma non fatevi scoraggiare dalla sua facciata fatiscente. Fuori dal percorso turistico, questo wine bar vi affascinerà con la sua musica dal vivo (si suona infatti jazz tutte le sere) e con il suo giardino. Mettetevi comodi e scegliete il vostro vino, abbinate un buon tagliere di formaggi e godetevi la serata. Anche se a volte la semplicità urbana basta a rendere soddisfacente la serata, non c’è nulla come finire la giornata di vacanza fuori casa con un po’ di lusso. Il Ritz Carlton di New Orleans ha tutto ciò che ti aspetti dal suo nome. Riesce a catturare perfettamente il mood e l’anima della città integrandolo con il suo stile francese e gli eleganti interni ispirarti alla cultura del Sud.

Ca na l St

Ca na l St

THE RITZ CARLTON 921 Canal Street New Orleans, LA 70112 The Ritz Carlton, New Orleans is everything you’d expect from its namesake, yet still manages to capture the pulse of the city with its French Quarter setting and elegant southern inspired interior. You may be at a “Ritz”, but you know you are in New Orleans.


W W WO

FashionPoint a cura di Renata Molho

La révolution Bleu: con il colore più possibilista, che evoca il mare, il cielo, l’orizzonte e l’infinito, affrontiamo la prossima stagione La révolution Bleu: we approach next season with a wider range of colors which evoke the sea, the sky, the horizon and the infinite

1

Courrèges All over Blu Klein per la maglia girocollo, i leggings e il coat lineare con inserti e bottoni silver indossati con le sneakers bianche. www.courreges.com Blue Klein for the round-neck sweater, leggings and a straight coat with silver inserts and buttons matched with white sneakers.

2

Tom Ford Vertigini contemporanee Décolleté con tacco a spillo gold e punta affilata. www.tomford.com Pumps with a golden stiletto heel and pointed toe.

38

_ ULISSE _ settembre 2016


Kartell Forme sensuali Policarbonato e alluminio per la poltroncina EroS, disegnata da Philippe Starck, che evoca la silhouette femminile.

4

Fendi

Mini & Blue Micro Peekaboo in montone blu cobalto con profili in pelle e dettagli metallici in palladio dorato.

www.kartell.com

www.fendi.com

The EroS chair, designed by Philippe Starck, in polycarbonate and aluminum, evokes the feminine silhouette.

Micro Peekaboo in cobalt blue sheepskin, with leather and metal detailing in palladium gold.

6

J.M. Weston

Ultra comfort Le Moc’ Yves Klein: mocassino in morbida pelle di vitello scamosciata effetto cachemire, bordo in boxcalf e suola in cuoio.

3

Lalique

www.jmweston.fr

Home decor Vaso Tourbillons in cristallo blu Cap Ferrat ispirato al fiore della felce. Edizione limitata di 999 pezzi.

The Yves Klein Moc’: moccasin in soft suede calfskin with a cashmere effect, box calf edge and leather sole.

7

www.lalique.com Tourbillons vase in blue Cap Ferrat crystal inspired by fern blossom. Limited edition of 999.

5

Armani Code Pure charme Un flacone di vetro blu zaffiro accoglie la fragranza delicata di fiori d’arancio, gelsomino, vaniglia e miele. www.armanibeauty.it A sapphire blue glass bottle holds the delicate fragrance of orange blossom, jasmine, vanilla and honey.

ULISSE _ settembre 2016 _

39


WOW WO OW ➝ Italian Excellence IL BORRO

La vista sul borgo medievale dalla Villa. Sotto Ferruccio Ferragamo con i figli Salvatore e Vittoria. The view over the medieval town from the Villa. Below, Ferruccio Ferragamo with his son Salvatore and his daughter Vittoria.

TOSCANITÀ FIRMATA FERRAGAMO La maison di moda omaggia le sue radici. Dalle calzature ai profumi della Quintessential Collection, al retreat Il Borro, nel segno del rispetto della tradizione e della creatività TESTO

Marzia Ciccola Appena varcata la soglia di Palazzo Spini Feroni a Firenze, sede della Salvatore Ferragamo e del Museo omonimo, custode fino al 7 aprile 2017 della mostra “Tra Arte e Moda”, un tema è assolutamente chiaro: l’artigianalità e la cura del dettaglio alla base delle sue creazioni. Di fronte a noi un’esposizione di quelli che furono i primi modelli di calzatura, le icone che distinsero il nome di Ferragamo e lo elevarono, negli anni ’20, a “calzolaio delle dive” in tutto il mondo, partito da un piccolo paese dell’Irpinia, passando per Hollywood e infine Firenze. Al Museo è raccolta tutta la storia di un marchio e di una personalità che ha viaggiato a braccetto con il suo tempo, influenzato dalle correnti di un momento, tra surrealismo e futurismo, di grande vivacità culturale. Ma è nelle forme delle scarpe che ricoprono le pareti che ritroviamo le ra40

_ ULISSE _ settembre 2016

dici di quell’artigianalità che ha definito, e definisce, il marchio. Portavoce e fautore di un made in Italy che in quelle calzature ha solamente il punto di partenza, oggi sinonimo di una casa di moda tout court tra le più prestigiose. Un marchio che trova la sua identità anche in creazioni olfattive di alta profumeria, le Quintessential Collection, in cui creatività, attenzione ai dettagli e artigianalità ricalcano le medesime orme. Due le Collezioni, di cui sono appena state presentate le nuove creazioni: Tuscan Scent, una sontuosa collezione ispirata ai profumi più intensi della Toscana, come White Mimosa, Gloden Acacia, Incense Suede e, nelle boutique dal prossimo dicembre, Leather Rose, e Tuscan Soul che nelle particolarità del territorio trova le sue radici. Le appartengono le fragranze Bianco di Carrara, Vendemmia, Punta Ala, Terra Rossa e l’ultima nata, La Corte, fiorita orientale, ispirata alla magnificenza della Corte Medicea. Le tradizioni, l’autenticità, diventano racconti sotto forma di note profumate esclusive. E non è un caso che siano state presentate a Il Borro, non solo retreat di lusso, tra la Villa (che fa parte di Relais&Chateaux), il borgo medievale ristrutturato, e la produzione vitivinicola, ma segno del profondo legame della famiglia Ferragamo con la sua terra. Sempre nel segno di una continuità che esalta una regione ricca come la Toscana, e una patria nobile, come l’Italia. ●


QUINTESSENTIAL COLLECTION

Alta profumeria per Tuscan Scent Leather Rose e Tuscan Soul La Corte. Luxury perfumery for Tuscan Scent Leather Rose and Tuscan Soul La Corte.

TUSCAN STYLE SIGNED BY FERRAGAMO The fashion house pays homage to its roots. From footwear to the fragrances of the Quintessential Collection and the Il Borro retreat, always with a deep respect for tradition and creativity

BELLEZZA

L’esposizione delle calzature all’ingresso del Museo Ferragamo e sotto uno scorcio dalla spa de Il Borro. The shoe exhibition at the entrance of the Ferragamo Museum. Below a glimpse from the spa at Il Borro.

As soon as you cross the threshold of the Palazzo Spini Feroni in Florence, the home of the Salvatore Ferragamo brand and the eponymous museum, where the exhibition “Between Art and Fashion” will be on display until 7th April 2017, one theme is absolutely clear: that of the craftsmanship and attention to detail that are the basis of Ferragamo’s creations. This is an exhibition of the first iconic models of footwear that distinguished the name of Ferragamo and that made the brand known all over the world as the “shoemaker to the stars” in the ’20s. But it all began in a small village near Irpinia, in the Campania Region of Southern Italy, before it reached Hollywood and then Florence. In the museum the entire history of a brand with a great cultural vitality is on display, as well as the story of a personality who constantly evolved, frequently being influenced by the artistic movements and currents of the moment, such as Surrealism and Futurism. But it is in the shapes of the shoes that cover the walls that we discover the true craftsmanship that defined Ferragamo, and that still defines it to this day. It is a genuine manifestation of the value of Made in Italy products in general, as the brand only started out making footwear, but it is now a fashion house tout court, one of the most prestigious of all. Ferragamo now expresses its identity in the two “Quintessential Collections” of fine perfumery in which creativity, attention to detail and craftsmanship follow closely in the footsteps of fashion. The latest creations of Tuscan Scent have just been presented: a sumptuous collection inspired by the most intense aromas of Tuscany, consisting of the fragrances of White Mimosa, Golden Acacia, Incense Suede and now Leather Rose, which is due to be in boutiques starting from December 2016. The second collection is entitled Tuscan Soul and it too is firmly rooted in the identity of this region. It includes the fragrances of Bianco di Carrara, Vendemmia, Punta Ala, Terra Rossa and now the latest addition to the range: La Corte, a flowery oriental scent, inspired by the magnificence of the court of the Medici family. Tradition and authenticity have thus been transformed into exclusive perfumes that almost seem to tell the magnificent story of Tuscany’s prestigious past. It is no coincidence that these creations were presented at Il Borro, a luxury retreat near Arezzo (a member of the Relais & Châteaux organization), which includes a villa, a renovated medieval village and a winery. This location is a clear sign of the profound bond of the Ferragamo family with its country, as well as ensuring the continued prosperity of the Tuscany ● region, and that of the noble land of Italy. ULISSE _ settembre 2016 _

41


THE PLEASURE TO SURPRISE YOU BEYOND THE ORDINARY

250 rooms & suites 3 bars 3 restaurants 600 seats dolby digital HD private cinema private park cultural leisure limousine service Ask Mr.C Platinum Guest Experience

www.thechurchpalace.com Roma | Via Aurelia 481 | T.+39 06 660011 | info@thechurchpalace.com


W W ➝ Eventi WO

IRRESISTIBILE VOGLIA DI BARCA Appuntamento al 56esimo Salone Nautico Internazionale di Genova: dal 20 al 25 settembre, la più importante esposizione del Mediterraneo TESTO

Emanuela Di Mundo Non importa che sia un mega yacht o un veloce motoscafo, che sia a vela per fare il giro del mondo o un guscio di noce, basta che sia il nostro spazio per vivere il mare. Chi ha iniziato a cullarsi nell’idea di vivere sull’acqua qualche periodo, come chi ha già una buona esperienza, passa buona parte del tempo a pensare alla prossima barca, a sfogliare riviste e a curiosare in banchina per trovare quella che risponde di più al proprio sogno. Ma è solo trovandosela davanti, salendo a bordo e accarezzandone i dettagli che sentirà che è davvero quella giusta. Non a caso nel mondo anglosassone la barca è indicata rigorosamente al femminile. Il Salone Nautico Internazionale di Genova, alla sua 56°edizione, rappresenta la più importante esposizione del Mediterraneo, forte nei numeri nella qualità, know how, design, innovazione ed è l’occasione giusta per concretizzare i

propri sogni. Quello che sta per aprire i battenti è un Salone in crescita, con il 21% in più di espositori ed aree espositive più grandi e ricche, oltre cinquecento tra i più noti brand a livello mondiale, tra i quali Canados, Tornado, Cantiere Cranchi, Gagliotta, che hanno fatto la storia della nautica italiana ma anche Princess Yachts, Chantier, Fjord, Innovazione e Progetti, Rodman, Sealine, 3B Craft. Il mondo della vela oltre agli immancabili Grand Soleil esibirà le novità internazionali di Amel, e Najad. Un discorso a parte meritano i catamarani: sempre più apprezzati da chi ne valuta la vivibilità gli interni e la stabilità in mare, sono rappresentati al Nautico da Lagoon, Bali e Catana. Il Salone è anche motori con una imponente presenza dagli entrobordo agli elettrici, con la gamma al completo dei fuoribordo, e le novità di Suzuki e Mercury. Il Salone mette in mostra anche una delle più interessanti esposizioni di accessori e componentistica per fare di ogni barca un gioiello personalizzato e

Alitalia mette a disposizione 37 frequenze settimanali tra Genova e Roma Fiumicino. Visita alitalia.com per conoscere tutte le offerte e per l’acquisto dei biglietti.

tecnicamente all’avanguardia: dagli elementi di arredo alla biancheria, dall’elettronica alla domotica è tutto uno scorrere di novità nelle quali perdersi. Nei cinque giorni in cui Genova diventa la casa del mare e si trasforma nel palcoscenico degli atleti dell’Italia Olimpica, che durante tutto il periodo si alterneranno per raccontare le loro esperienze a contatto diretto con il pubblico e gli appassionati, a sostegno della candidatura di Roma 2024. Sostegno che il Salone Nautico darà fino al settembre 2017, quando sarà decretata la città Olimpica, confidando di poter proseguire. La Federazione Italiana Vela e l’Unione Vela Altura premieranno al Salone i campioni della grande stagione di regate e anche la pesca sportiva, insieme a tutto il suo vivace settore di imbarcazioni, accessori ed elettronica, che avrà un momento dedicato nella gara The O’, al Drifting Blufin Tuna il 24 settembre, la prima di una serie di gare internazionali che si chiuderanno al Salone di Genova 2017. ●

Alitalia offers 37 weekly flights connecting Genoa and Rome Fiumicino. Visit alitalia.com to discover all the offers and to purchase tickets.

ULISSE _ settembre 2016 _

43


W W WO Nautica in grande forma

Boating in great shape

«Sarà un grande Salone, di certo quello che segnerà il giro di boa» dice Carla De Maria, presidente di Ucina- Confindustria Nautica. «Siamo un Paese circondato dall’acqua ed è impensabile per noi rinunciare a navigare. Anche nei momenti più difficili non credo che nessuno abbia mai rinunciato ad andare per mare». Pensa che il segnale di ripresa dello scorso anno sia ora consolidato? «Sì e non è Ucina a dirlo ma Assilea, l’Associazione Italiana Leasing che, riferendosi ai dati nazionali, ha comunicato 50 milioni di euro di stipulato a valle del Salone Nautico Internazionale di Genova 2015, con un aumento del +44% dei contratti nel settore nautico e +26% del fatturato. Ad ulteriore conferma il ritorno nella 56a edizione dell’intero comparto dei motori marini con tutti i brand internazionali più importanti e le novità: i soli fuoribordo hanno fatto segnare +40% negli ultimi due anni». Dati che fanno da preludio ad un Salone in grande forma «Sono tornati i grandi brand anche internazionali e grazie al sostegno delle istituzioni nazionali e locali avremo un ottimo Salone. Tutto questo è naturale per un’esposizione che con 115mila visitatori nel 2015, la più grande del Mediterraneo, ma affatto scontato. L’essere partner ufficiale di Roma 2024 è per noi un onore e un riconoscimento ufficiale della validità di essere una vetrina internazionale per la nautica e per tutto ciò che ruota intorno all’elemento mare».

«It will be a great exhibition, certainly one that will mark a turning point», says Carla De Maria, president Ucina – Confindustria Nautica. «We are a country surrounded by water and we could never give up sailing. Even in the worst of times I do not think anyone would ever give up on going to sea». Do you think that last year’s sign of recovery is continuing? «Yes and it is not just Ucina’s view. Assilea – the Italian Leasing Association – announced that € 50 million of sales were registered nationally after the Genoa International Boat Show 2015, an increase of 44% of marine industry contracts and 26% of turnover. The presence of representatives from the entire marine engine sector confirms this trend. All the major international brands showcase their latest models: outboard sales alone have risen 40% over the last two years». These figures foretell a great Boat Show, «the big Italian as well as international brands have returned, and with national and local support we will have a great show. All this is standard for an exhibition with 115 thousand visitors in 2015, the largest in the Mediterranean, but it can never be taken for granted. Being the official partner of Rome 2024 is an honor for us and is an official recognition of the value of being an international showcase for boating and everything connected with the sea».

THE IRRESISTIBLE LURE OF THE BOAT Taking place from September 20 to 25, the 56th International Boat Show in Genoa – the most renowned show in the Mediterranean – is a date not to be missed Whether it is a mega yacht or a speedboat destined to go round the world or a sailing or a small boat meant for short hops, what’s important is that it’s a space of your own where you can enjoy the sea. Anyone toying with the idea of life on the seas, as well as experienced boaters, will devote plenty of time to finding their next boat, browsing through magazines and scanning the docks to find one that matches up to their dreams. But only when you see it, when you can board the boat and touch the fine workmanship that you sense that it is really the right one. It’s no coincidence that in the Anglo-Saxon world the boat is deemed to be female. The International Boat Show in Genoa, its 56th edition, is the most important of the Mediterranean shows, as it is evident in the quality, know-how, design and innovation of the many exhibits; it is an

44

_ ULISSE _ settembre 2016

opportunity to realize one’s dreams. The exhibition that is gearing up towards its opening is growing, now with 21% more exhibitors and the largest and richest exhibition areas ever, more than five hundred of the most famous worldwide brands, including Canados, Tornado, Shipyard Cranchi, Gagliotta – who have made the Italian nautical history famous – and also Princess Yachts, Chantier, Fjord, Innovazione e Progetti, Rodman, Sealine, 3B Craft. As far as sailing is concerned, the exhibition will display, in addition to the inevitable Grand Soleil, new Amel and Najad’s international lines. Catamarans deserve a separate mention – ever more appreciated by those who value their interior living space and stability at sea – and are showcased by the brands Lagoon, Bali and Catana. The exhibition features also engines, with a strong showing from inboard

to electric engines, with a complete range of outboard motors, and the latest from Suzuki and Mercury. The Exhibition also showcases one of the most interesting displays of accessories and components designed to make each boat a customized and technically advanced jewel: from furniture to bedding items, from electronics to home automation – there is a world of innovations in which to lose yourself. For five days, Genoa becomes “the home of the sea” and is transformed into a stage for Italy’s Olympic athletes who, during the whole event will take turns to interact with the public and fans, in support of Rome’s bid to become the Olympic host city in 2024. The Boat Show will continue to support its bid until September 2017, when it is hoped and believed that Rome will go on to win. During the exhibition, the Italian Sailing Federation and the Unione Vela Altura will award prizes to the winners of the great season of regattas and sport fishing, that with its great array of boats, accessories and electronics, will have a guaranteed place in the race The O’, at the Drifting to Blufin Tuna September 24, the first in a series of international competitions that will close at the Genoa 2017 Exhibition. ●


FOR THE

label lovers DESIGNER BRANDS AT 30-70% LESS. more to love, ALL YEAR ROUND.

mcarthurglen.it Florence, Milan, Naples, Rome, Venice


W W➝ News WO

Sailsquare

Barca a vela per tutti, dappertutto Il mondo social network e le community contagiano sempre più la vita reale. Sailsquare è l’ultima novità che si rivolge a chi ama il mare e permette l’incontro viaggiatori e skipper con una barca a vela. Tramite Sailsquare è possibile prenotare un singolo posto e incontrare nuovi amici direttamente a bordo, oppure è possibile imbarcarsi con un gruppo precostituito, riservando l’intera barca. Sailsquare è una community, è quindi possibile vedere i profili degli skipper e degli altri passeggeri, leggere le recensioni e vedere chi c’è già “a bordo” di una determinata vacanza. SAILSQUARE The world of social networks and communities are becoming increasingly interconnected with real life. Sailsquare is the latest addition for those who love the sea. It lets travelers meet skippers who own sailing boats. Thanks to Sailsquare you can either book a single seat and meet new friends onboard, or make a group booking and take the whole boat. Sailsquare is an online community, so you can view the profiles of the skipper and other travelers, read reviews and check who has already booked for a particular holiday. it.sailsquare.com

L’arte che cammina Incontri ravvicinati con gli strandbeest Sculture semoventi dalle fattezze animali, mosse dal vento, dotate quasi di una sorta di “vita autonoma”, queste sono le “strandbeest” dell’artista olandese Theo Jansen. Formate da tubi in PVC, ma anche da stracci usati e bottiglie di plastica, le sculture cinetiche di Jansen sono vere creature viventi.

46

_ ULISSE _ settembre 2016

WALKING ART Self-propelling sculptures featuring animals powered by the wind, moving as if they were alive: these are the “strandbeests” by Dutch artist Theo Jansen. Made of PVC tubing, old rags and plastic bottles, Jansen’s kinetic sculptures are true living creatures.

Il giardino della speculazione cosmica Un luogo fantastico dove scienza e natura si incontrano Nel sud-est della Scozia, a Portrack House, vicino alla città di Dumfries, c’è un incredibile giardino inglese (che si estende su più di 12 ettari di terreno) dove scienza, arte e natura si fondono dando vita a un’opera a dir poco unica. Fu creato nel 1989 dai coniugi Jencks. Si tratta di un insieme di strutture artificiali e installazioni bizzarre che si ispirano a teorie e concetti della fisica ma anche della cosmologia e della biologia, spaziando dalla Teoria delle Stringhe, al Big Bang, fino a esplorare la Legge di Fibonacci. THE GARDEN OF COSMIC SPECULATION In South East Scotland in Portrack House near Dumfries, there is an amazing English garden (stretching over 12 hectares) where science, art and nature combine to unique effect. Created in 1989 by the Jencks couple, it is a set of artificial structures and bizarre installations that take inspiration from physics, cosmology and biology, including theories and concepts like the String Theory, the Big Bang and the Fibonacci Law.


Puglia, Italia

Ispirati dalla Puglia, coniughiamo design, funzioni, materiali e colori creando armonia negli spazi. Pasquale Natuzzi Servizio di Interior Design disponibile gratuitamente presso i nostri punti vendita. Trovate quello a voi piĂš vicino su natuzzi.it


W W➝ News WO Cascate a Versailles Le installazioni di Eliasson invadono la reggia Ogni anno la Reggia di Versailles ospita le installazioni di grandi artisti contemporanei, quest’anno sarà la volta di Olafur Eliasson, fino al 30 settembre. L’artista danese-islandese con la sua cascata sospesa nel vuoto, il grande anello di nebbia e lo specchio d’acqua ghiacciato esplora l’elemento acqua in tutti i suoi stadi: solido, liquido e gassoso. Il risultato è un sapiente mix tra arte, scienza e meccanica per un risultato davvero strabiliante. WATERFALLS IN VERSAILLES Each year the Palace of Versailles hosts installations by great contemporary artists, this year (until September 30) it’s the turn of Olafur Eliasson. The DanishIcelandic artist shows us his waterfall hovering in mid-air: the great misty ring and the icy water mirror explore water in all its forms: solid, liquid and gas. The result is a skillful combination of art, science and mechanics – truly a jaw-dropping spectacle.

A Lampedusa la 68esima edizione del Prix Italia Dal 30 settembre al 2 ottobre in gara oltre 30 radio e tv da tutto il mondo Fondato dalla RAI nel 1948 il Prix Italia è il più antico e prestigioso concorso internazionale che promuove la creatività, l’innovazione e la qualità dei programmi radio, tv e web. Una giuria internazionale premierà i migliori prodotti nelle diverse categorie. La scelta di Lampedusa vuole sottolineare l’importanza cruciale dell’emergenza migranti in chiave europea e mondiale. THE 68TH ANNUAL EDITION OF THE PRIX ITALIA IS TAKING PLACE IN LAMPEDUSA Founded by RAI in 1948, the Prix Italia is the oldest and most prestigious international competition to promote creativity, innovation and quality in radio, television and web content. An international jury will select the best programmes in the different categories. The choice of Lampedusa for this year’s awards aims to draw attention not only to the crucial importance of the migrant crisis, from both a European and global perspective, but also to the role and responsibility of the media.

www.prixitalia.rai.it

Fashion Film Festival Milano

Terza edizione per l’appuntamento tra cinema e moda Al legame tra cinema e moda si ispira il Fashion Film Festival Milano, fondato e diretto da Constanza Cavalli Etro. Più di 750 film provenienti da oltre 50 Paesi sono stati visionati dal comitato artistico del Festival per selezionare i lavori che saranno proiettati dal 24 al 26 settembre presso l’Anteo spazioCinema di Milano. Tra le novità, grazie alla nuova collaborazione con la Cineteca Nazionale, all’interno del Festival verrà proiettata una serie di fashion film sperimentali italiani degli anni Sessanta e Settanta selezionati da FFFMilano, Elena Testa (Cineteca Nazionale di Torino) e in collaborazione con la giornalista di moda Renata Molho.

FASHION FILM FESTIVAL MILAN The connection between cinema and fashion inspires the Milan Fashion Film Festival, founded and directed by Constanza Cavalli Etro. The Festival artistic committee viewed more than 750 films from over 50 countries to select the ones to be screened between September 24-26 at the Anteo spazioCinema in Milan. Amongst the new features at the festival – thanks to the recent collaboration with the National Film Archive – will be the screening of a series of Italian experimental fashion films from the 60s and 70s selected by the FFFMilano, Elena Testa (National Film Library in Turin), in collaboration with the fashion journalist, Renata Molho. www.fffmilano.com

48

_ ULISSE _ settembre 2016


VOLVO XC90 T8 TWIN ENGINE Hybrid meets luxury Scopri il vero lusso svedese: tecnologia e stile al servizio di sicurezza, ambiente e piacere di guida.

INNOVATION MADE BY SWE DEN

PILOT ASSIST*

TWIN ENGINE

CONNETTIVITÀ

La tecnologia esclusiva che ti assiste alla guida.

40 km di autonomia in puro elettrico e 407 CV dei 2 motori elettrico e benzina.

Sempre connesso con Apple Car Play.

Volvo XC90 T8 Twin Engine. Valori massimi nel ciclo combinato: consumo 2,1 L/100km. Emissioni CO2 49 G/Km. *Autoveicolo dotato di Pilot Assist di serie. Il Pilot Assist assiste il conducente a guidare all’interno della propria corsia di marcia purché individuata dalle linee di carreggiata e a mantenere simultaneamente una distanza predefinita dal veicolo che precede. Il Pilot Assist funziona fino a 130 km/h. Ciò non esonera tuttavia il conducente dal prestare la massima attenzione durante la guida e a mantenere il controllo costante dell’autoveicolo, nonché una distanza e una velocità adeguata nel rispetto del Codice della Strada.


GreatBeauty I RUNNER VIP

La corsa continua ad appassionare numerosi personaggi del mondo dello spettacolo, da Linus a Gianni Morandi, passando per Alicia Keys e Chris Evans. Running continues to attract many celebs from show business – both Italian and international – including Linus, Gianni Morandi, Alicia Keys and Chris Evans.

TESTO Silvia Pino

LUZ

È lo «sport più democratico del mondo», quello per cui, oltre a una buona dose di volontà, bastano solo un paio di scarpe. Si corre in montagna, si corre al mare e si corre anche in città. Una tendenza che negli ultimi anni ha conquistato il turismo, inaugurando la stagione del sightjogging. Perché, come ci ha confessato Linus, correre è forse «il modo migliore per conoscere una città». Perché non è soltanto un modo per tenersi in forma ma anche una filosofia di vita, una sfida, un momento per se stessi o per sentirsi parte di un tutto. Storico conduttore e direttore di Radio Deejay – la seconda radio più ascoltata in Italia (dati rilevati da Radio Monitor per il primo semestre 2016) – Pasquale Di Molfetta, in arte Linus, è anche un runner, e uno che parla spesso “di corsa”. È in onda tutte le mattine con Deejay Chiama Italia, ma quando si allena le cuffie restano a casa. A Ulisse racconta della sua grande passione e dei luoghi più belli per correre in città.

50

_ ULISSE _settembre 2016


RUNNING in the city

I segreti e i percorsi più belli per correre in città. Parola di Linus, il deejay-maratoneta più famoso d’Italia

ULISSE _ settembre 2016 _

51


GreatBeauty

MILANO

NEW YORK

LA MONTAGNETTA - PARCO MONTE STELLA

CENTRAL PARK

Distance: 6,2 km Elevation gain: 97 m

Distance: 9,7 km Elevation gain: 36 m

non mi alleno ascoltando musica. Per me la corsa è soprattutto un evento speciale, per me correre vuol dire correre in compagnia, socializzare».

Sul suo blog scrive: “Fino ai quarant’anni non avrei mai pensato di correre più della lunghezza di un campo da calcio, figurarsi una maratona. Ne ho poi corse una ventina, di cui undici a New York”. La domanda di rito è necessaria: quando e perché ha cominciato a correre? «Diciamo che c’è sempre una concomitanza di fattori. Prima di tutto i 40 anni stessi, un momento in cui un uomo comincia a guardarsi allo specchio e sente che forse è il momento di rimettersi in marcia. Poi giocando a calcio mi ero fatto male al ginocchio e ho dovuto smettere. Ci voleva un’attività aerobica che potessi continuare a fare ed era abbastanza inevitabile che mi mettessi a correre».

Quali sono i suoi prossimi obiettivi? «Sto cercando di riprendermi da un infortunio e il mio prossimo obiettivo è sicuramente quello di ricominciare a correre in maniera continuativa. Nel frattempo corro in bici, ho appena fatto la Maratona delle Dolomiti, che a dispetto del nome è una corsa che si fa in bicicletta in montagna. Poi c’è la Deejay Ten a ottobre, che è la mia corsa, e per quella devo essere pronto».

Musica e sport, una combinazione particolare. Dove trovano convergenza? «Credo che nella vita l’importante sia avere una passione grande che ti motivi. Il problema è che quando poi questa passione diventa il tuo lavoro hai bisogno di averne un’altra che possa riempire i momenti liberi. Per cui la musica è stata la mia prima passione ed è quella che mi ha portato a fare questo lavoro. Avevo bisogno di una passione alternativa che fosse fine a se stessa». Si allena spesso con la musica? «Da questo punto di vista mi rendo conto di essere una delusione, la verità è che io 52

_ ULISSE _settembre 2016

Linus

Quali sono le città in cui le è piaciuto di più correre? «New York è inevitabile. È un posto dove correre riesce abbastanza facile, anche se il percorso della maratona non passa per le zone più belle. Una è Central Park, il posto

PLAINPICTURE

Ma quindi si sente più un deejay che fa il maratoneta o un maratoneta che fa il deejay? (Ride, ndi) «Io direi ancora il primo, perché prima di tutto mi reputo un deejay, anche se mi rendo conto di venire considerato spesso di più come il secondo. La maggior parte delle volte quando la gente mi ferma per strada è più facile che mi chieda della maratona di New York che non di Vasco Rossi!».


TORONTO

MELBOURNE

NIAGARA RIVER

THE TAN

Distance: 6,5 km Elevation gain: 83 m

Distance: 4 km Elevation gain: 63 m

ULISSE _ settembre 2016 _

53


GreatBeauty

LONDRA

THE THAMES Distance: 9,5 km Elevation gain: 30 m

più bello del mondo. E poi c’è anche tutta la parte bellissima che costeggia il fiume Hudson, una ciclabile lunghissima che arriva fino alla Statua della Libertà. Manhattan è sicuramente un altro posto meraviglioso. Mi ricordo poi una corsa bellissima lungo il fiume che porta fino alle cascate del Niagara, un’immagine fantastica di una ventina di anni fa. Mi piace immaginarmi come se fossi uno di quei nani da giardino che venivano rubati e poi fotografati in posti imprevedibili. Basta che tu abbia un paio di scarpe in borsa e puoi correre dovunque. E questo è anche il modo migliore per conoscere una città».

Running in the city

The secrets and the most beautiful city running routes – according to Linus, Italy’s most famous deejay and marathon runner

E a Milano, qual è il percorso che ama di più? «Il cuore della corsa a Milano è la cara, vecchia Montagnetta, o Monte Stella, che dir si voglia. È una zona in cui sono stati accatastati tutti i resti della Milano bombardata, è stata ricoperta di terra e di alberi e adesso è diventata una vera e propria “montagnetta”. Un posto molto verde, molto bello, da dove partono dei percorsi che toccano tutta una serie di piccoli parchi vicini».

It is «the most democratic sport in the world», one for which, in addition to a healthy dose of willpower, takes just a pair of shoes. You can run in the mountains, you can run by the sea and in the city, a trend which in recent years has become a tourist attraction, inaugurating the season of Sightjogging. Because, as Linus pointed out, running is probably «the best way to know a city». Because it is not only a way to keep fit but is also a philosophy of life, a challenge, a time for oneself or to feel part of something bigger. A veteran presenter, and the director of Radio Deejay – the second most-listened to station in the country (data from Radio Monitor for the first semester of 2016) – Pasquale Di Molfetta, a.k.a. Linus, is also a runner, and one who often talks about running. He is live every morning with the show Deejay Chiama Italia, but when he’s training, his headphones are left behind. He talks to Ulisse about his great passion and the most beautiful places to run in the city.

Come convincerebbe qualcuno ad avvicinarsi a questo sport? «Prima di tutto ricordandogli che qualunque sport ha all’interno la corsa, e quindi se anche uno arriva dal tennis o dalla pallavolo, correre lo ha sempre fatto, non deve inventarsi niente di nuovo. Poi è l’attività più istintiva che l’uomo abbia ed è anche quella più democratica, perché per correre bastano un paio di scarpe, dei pantaloncini e una canottiera e siamo tutti uguali. E in questo, correre è molto, molto gratificante». ●

On his blog he writes, “Before turning forty, I’d never have thought about running more than the length of a football pitch, let alone a marathon! I then went on to run about twenty of them, eleven of them in New York”. The inevitable question is necessary then: when and why did you start running? «Let’s say there is always a concurrence of factors. First of all, turning 40, a time when a man starts to look at himself in the mirror and feels that maybe it is time to get back on track. On top of that, I had injured my knee playing football and had to stop. I needed an aerobic activity that I could still do and so, it was fairly inevitable that I’d start running».

54

_ ULISSE _settembre 2016


LARS SCHNEIDER

ATENE

THE ACROPOLIS Distance: 8 km Elevation gain: 60 m

So do you consider yourself more a DJ who runs marathons or a marathon runner that deejays? (Laughing Ed) «I would still say the first, because I consider myself first and foremost a DJ, even though I realize that I’m often thought of more as the second. Most of the time, when people stop me on the street it’s to ask me about the New York marathon rather than Vasco Rossi!».

I BENEFICI

Secondo il Journal of American College of Cardiology bastano 5 minuti di corsa al giorno per ridurre del 45% i rischi di problemi cardiovascolari. According to the Journal of the American College of Cardiology, a daily five-minute run is enough to reduce the risk of cardiovascular diseases by 45%.

Music and sport, an unusual combination. Where do they converge? «I believe it’s important in life to have a great passion that motivates you. The problem is when this passion then becomes your job, you need to have another one that fills your time off. So music was my first passion and it’s the one that got me into this job. I needed an alternative passion that was just that, a passion».

In which cities have you most enjoyed running? «New York is inevitable. It’s a place where it’s fairly easy to run, even if the marathon route doesn’t go through the nicer parts of the city. One is Central Park, the most beautiful place in the world. Then there’s the beautiful part that runs along the Hudson River, a really long cycle path that brings you all the way to the Statue of Liberty. Manhattan is undoubtedly another wonderful place. I remember a beautiful route along the river that runs up to the Niagara Falls, an incredible image going back some twenty years. I like to imagine myself as one of those garden gnomes that got stolen and photographed in the most fanciful of places. All you need is a pair of trainers in your bag and you can run anywhere. And this is also the best way to see a city».

Do you often train listening to music? «From this point of view I realize I’m a disappointment, the truth is that I don’t train listening to music. For me running is above all else a special event, for me running is running in company, socializing».

And in Milan, which is the route you love most? «The heart of running in Milan is the dear, old Montagnetta, or Monte Stella, or whatever you want to call it. It’s an area where all the remains of the bombed Milan were piled up, recovered with soil and trees, and now it has become a proper “little mountain”. A really green, beautiful place, from where a number of routes stretch out to a whole series of little parks nearby».

What are your future objectives? «I am trying to recover from an injury and my current objective is to start running again in a continuous way. In the meantime, I cycle, I’ve just completed the Maratona delle Dolomiti (the Dolomites Marathon), which despite its name, is actually a mountain bike race. Then there is the Deejay Ten in October, my race, the one I need to be ready for».

How would you convince someone to consider this sport? «Firstly by reminding them that all sports involve running, so even if someone is coming from tennis or volleyball, they’ve always run, so it’s not like they need to invent anything new. It’s the most instinctive and democratic activity, because all you need is a pair of running shoes, shorts, a vest, and we’re all the same. In this terms, running is very, very gratifying». ●

ULISSE _ settembre 2016 _

55


GreatBeauty

Maison Le Corbusier Vicino Neuchâtel, un luogo che unisce Uomo e Natura, dove è possibile trovare tutti gli elementi distintivi di un pioniere

CURVE E GEOMETRIE

Villa Turque, progettata da Le Corbusier nel 1916, a La Chaux-de-Fonds, in Svizzera, vista dal giardino. È visitabile nelle “Giornate della Cultura” cittadine e su appuntamento. Villa Turque, designed by Le Corbusier in 1916, in Le Chaux-de-Fonds, seen from the garden. It is open to public during the town “Culture Days” and by appointment. 56 _ ULISSE _ settembre 2016


ARMONIA DI PROPORZIONI

La pianta di Villa Turque, originale di Le Corbusier, con un volume centrale di forma cubica a doppia altezza, prolungato da due absidi laterali. The map of Villa Turque – originally by Le Corbusier – with a cube-shaped double-height central area, extended by two side apses.

TESTO Silvia Nani La Chaux-de-Fonds, nella regione del Giura, villaggio avvolto nel silenzio tra le valli svizzere poco lontano da Neuchâtel. Un’architettura di mattoni e cemento spicca tra le case in una strada ai margini del centro abitato. Elementi curvi e geometrici, cornicioni aggettanti, finestre ovali, rigore stemperato dall’asimmetria: benvenuti a Villa Schwob, dallo stile orientaleggiante che le è valso il “secondo nome” di Villa Turque. A firmarla fu, nel 1916, il cittadino allora più famoso di La Chauxde-Fonds: Charles-Edouard JeanneretGris, alias Le Corbusier. Architetto, designer e pittore, mai realmente capito in patria (per questo emigrò in Francia) dove i suoi primi lavori rappresentarono per lui un laboratorio di sperimentazione, controversi ancora oggi nel giudizio dei puristi dell’architettura. Eppure Villa Turque vale una visita, nell’anno del suo centenario e dopo l’ultimo maquillage a cura del marchio orologiero Ebel (che l’ha acquisita e restaurata nel 1986), per ritrovare alcuni degli elementi di progetto che in seguito sarebbero diventati tratto distintivo di Le Corbusier: «Il cemento strutturale, le aperture capaci di catturare la luce naturale, gli interni percettivamente molto più ampi delle dimensioni reali, le proporzioni giuste per dare qualità funzionale e una dimensione “umana” a un luogo da vivere ogni giorno», precisa Michel Richard, direttore della Fondazione Le Corbusier, introducendo gli interni. Una sensazione di equilibrio ed armonia regna nel soggiorno a doppia altezza che occupa quasi tutto ULISSE _ settembre 2016 _

57


GreatBeauty

FLAVIO PELLEGRINI

Una serie unica che guarda a Le Corbusier

Un ovale in madreperla nel quadrante evoca la finestra forse più iconica di Villa Turque: così la nuova collezione “La Maison Ebel Limited Edition” (sotto, la versione in oro rosa), in 15 esemplari che celebrano l’affinità tra la maison orologiera e Le Corbusier. «Abbiamo scelto assieme ai nostri designer un simbolo unico di questa casa da usare per una serie narrativa», spiega Flavio Pellegrini, presidente di Ebel, «Pensata per una donna sofisticata, moderna, autentica, oltre le mode»

A unique collection with an eye to Le Corbusier An oval dial in mother of pearl evokes probably the most iconic window of Villa Turque: it’s the new “La Maison Ebel Limited Edition” collection (below, the version in pink gold), 15 pieces which celebrate the connection between the watchmaking Maison and Le Corbusier. «With our designers we chose a unique symbol of this house for an evocative collection», Flavio Pellegrini, the Ebel president, explains «for a sophisticated, modern, authentic ultra fashion conscious woman».

58

_ ULISSE _ settembre 2016

il piano terra e gioca con le nuance del grigio e del beige: «Per Le Corbusier il colore era fondamentale e il restauro ne ha tenuto conto, anche se in origine, se si pensa per esempio alle pareti della Maison Blanche – casa per i suoi genitori e suo primo progetto da architetto – Villa Schwob doveva essere ancora più colorata», dice Richard. Ovunque traspare la cura del dettaglio, eppure niente è superfluo: come la riproduzione della pianta della villa, usata per una piccola libreria a muro sul ballatoio del soggiorno. Il design degli arredi, in uno stile che volutamente sfugge a una precisa connotazione temporale, è a cura di Andrée Putman, sofisticata interior decorator parigina: «Le Corbusier non arrivò a progettare i mobili. Il motivo principale fu la rottura dei rapporti con il committente Anatole Schwob, che gli contestò il lavoro a causa del consuntivo dei costi, lievitati di oltre il doppio». Se le finestre sono il leitmotiv di Villa Turque, la più insolita rimane una versione ovale (che ha ispirato la nuova collezione di orologi “La Maison Ebel”, lanciata quest’anno per festeggiare il trentennale del marchio e dell’intervento di restauro) che ricorre sulla facciata ma anche all’interno, dove diventa apertura passante tra una stanza e l’altra. L’ultimo piano della villa, con le camere da letto, accede alla terrazza-cornicione che si estende lungo il perimetro: «Le Corbusier era fautore dell’unione tra uomo e natura, che riteneva fondamentale per la qualità della vita. Da qui l’attenzione alle aperture e agli spazi esterni», spiega Richard, alludendo al giardino sul retro della villa, anch’esso su progetto dell’architetto, assieme alle due verande (una a vista sotto una pergola e l’altra chiusa e adibita a cucina). Tra l’erba spicca il Modulor, una statua con il braccio alzato che simboleggia la sua teoria di un’architettura “a misura d’uomo”: Le Corbusier l’avrebbe pensata trent’anni dopo, trasformando Villa Turque in un’antesignana della modernità. ●


EFFETTO BOWWINDOW

La zona del living racchiusa dalle grandi vetrate curve, innovative per l’epoca. Gli arredi sono stati disegnati da Andrée Putman nel 1986, in occasione del restauro. The living area is surrounded by large curved windows, an innovative feature for that time. Andrée Putman designed the furnishings in 1986, during the restoration.

Le Corbusier Near Neuchâtel, a place that unites Man and Nature, where it is possible to find all the distinctive elements of a pioneer La Chaux-de-Fonds, Canton Giura, a village wrapped in the silence of the Swiss valleys not far from Neuchâtel. Architecture of brick and cement stands out among the houses on a street on the edge of a residential area. Curved and geometric elements, protruding cornices, oval windows, severity diluted with asymmetry: welcome to Villa Schwob, with its oriental style that earned it its “second name” of Villa Turque. The architect who designed it in 1916, was at the time the most famous citizen of La Chauxde-Fonds: Charles-Edouard Jeanneret-Gris, alias Le Corbusier. An architect, designer and painter, never really understood in his homeland (which is why he immigrated to France) where his first works served him as an experimentation studio, and are still controversial today in the eyes of architecture purists. Yet Villa Turque is worth a visit, in its centenary year and following its latest renovation curated by the watch brand Ebel (that bought and restored it in 1986), to recover some of the design elements that would later become distinctive features of Le Corbusier: «The structural cement, the openings able to capture natural light, the interiors seemingly larger than their real dimensions, the right proportions to give a functional quality to a place as well as a ‘human’ dimension to experience every day», explains Michel Richard, executive director of the Le Corbusier Foundation, introducing the interiors. A sense of balance and harmony reigns in the double-height living room that takes up almost all of the ground floor and plays on the nuance of grey and beige: «For Le Corbusier colour was fundamental and the restoration respects

PASSATO E PRESENTE

Qui accanto, uno scatto storico del soggiorno di Villa Turque, in cui si intravedono i vari tipi di finestre. Accanto, dall’alto, dettagli architettonici interni e una stanza all’ultimo piano con la finestra passante ovale. Next, a famous photo taken in the Villa Turque living room, where you can see various types of windows. Next, from the top, architectural interior details and a room on the top floor with an oval opening window.

that, even if in origin, if one thinks for example of the walls of the Maison Blanche- house for his parents and his first project as architectVilla Schwob was supposed to be even more colourful», says Richard. Everywhere the attention to detail shines through, and yet nothing is superfluous: like the reproduction of the drawing of the villa, used for a little built-in bookshelf on gallery of the living room. The décor, in a style that deliberately eludes a precise connotation of time, is by Andrée Putman, a sophisticated, Parisian interior decorator: «Le Corbusier didn’t get around to design the furniture. The main reason for this being the breakdown in relations with the client Anatole Schwob, who contested the work due to the final financial statement, which had increased more than twofold». If the windows are the leitmotif of Villa Turque, the most unusual is still an oval version (that inspired the new collection of watches La Maison Ebel, launched this year to celebrate 30 years of the brand and the restoration) that is on the façade but also inside, where it becomes an opening between one room and another. The top floor of the villa, where there are the bedrooms, have access to the terrace- cornice that runs along the perimeter: «Le Corbusier was an advocate of the union between man and nature, which he considered fundamental for quality of life. Herein the attention to openings and to outdoor spaces», explains Richard, alluding to the garden to the back of the villa, also part of the architect’s project, as well as the two verandas (one in view under an arbour and the other closed and designated to the kitchen). Between the grass the Modulor stands out, a statue with a raised arm that symbolizes his theory about a “livable” architecture: Le Corbusier would think of it thirty years later, transforming Villa Turque ● in a forerunner of modernity.

ULISSE _ settembre 2016 _

59


GreatBeauty

«JUST ONE» Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Verso luoghi

lontani, vicini o semplicemente immaginati. Per immergersi in esperienze olfattive, gustative o creative mai provate prima, scoprendo che il vino, come il “segno”, è storia e cultura e che esiste anche una cucina sommersa. Tra arte, enogastronomia e tecnologia, ammirando il talento di chi guarda al futuro e vince. Facendo squadra e rispettando l’ambiente JUST ONE September, let’s go. It is time to migrate far away, to close by or simply to imagined destinations. To immerse ourselves in olfactory, taste or creative experiences that we’ve never tried before, as we discover that wine is a signpost to history and culture and that a hidden cuisine also exists. Praising the talent of those who look to the future and win, in art, wine, food and technology. Team players who respect the environment Testo Bianca Ascenti

Ammiro, scopro, bevo

A Bordeaux la “città del vino” che non ha eguali al mondo Settembre, mese di vendemmie e tour di cantine. Unite le due cose e visitate la Cité du Vin a Bordeaux, unico polo del genere al mondo. Etichettarlo come museo del vino è riduttivo perché all’interno dell’ipertecnologico “decanter”, disegnato da Anouk Legendre and Nicolas Desmazières, si parte per un viaggio multisensoriale alla scoperta dell’universo-vino, una sorta di Expo inebriante che occupa quasi 14.000 mq e ospita centinaia di bottiglie selezionate da Andreas Larsson e Michel Rolland di 80 Paesi, Italia compresa. Il museo – costato 81 milioni di euro – si gira come un parco divertimenti: prima si naviga lungo le antiche rotte a bordo di un barcone, poi si visitano le sale con un tablet che attiva video, suoni, immagini e traduce in varie lingue quello che raccontano storici, enologi o personaggi del passato. I ADMIRE, I DISCOVER, I DRINK Bordeaux, the “city of wine” that has no equal in the world. September is the month of grape harvests and tours of wineries. Combine these two and visit the Cité du Vin in Bordeaux, the only center of its kind in the world. To define it as a wine museum is somewhat simplistic because inside the hyper-technological “decanter” designed by Anouk Legendre and Nicolas Desmazières, you go for a multi-sensory journey and discover the wine-universe, a sort of exciting Expo stretching along 14,000 square meters and housing hundreds of bottles - selected by Andreas Larsson and Michel Rolland – from over 80 Countries, including Italy. You walk through the museum – which cost 81 million euro – as if you were in an entertainment park: you start by sailing on a boat along ancient routes, then you visit rooms with a tablet, from which you activate videos, sounds, images and explanations by historians, winemakers and figures from the past translated into various languages.

ULISSE _ settembre 2016 _

61


GreatBeauty Dove nasce il “segno”

In Italia il primo polo dedicato alla scrittura

MASSIMO LISTRI (2)

Dalle pitture rupestri fino alla comunicazione contemporanea: apre a Torino “Officina Della Scrittura”, il primo museo al mondo dedicato alla cultura della scrittura e al segno dell’uomo: voluta da Cesare Verona, Presidente di Aurora Penne, l’Officina sorge in una ex filanda settecentesca e ospita una collezione delle penne iconiche del XX secolo, mostre d’arte e progetti didattici (oltre a biblioteca, auditorium, ristorante etc.) per dimostrare che «la capacità dell’uomo di fare segno con le proprie mani non appartiene al passato, ma è e sarà parte insostituibile dello sviluppo creativo, intellettuale e psicologico dell’essere umano».

THE MOTHERLAND OF THE “SIGN” In Italy the first center dedicated to calligraphy. From cave paintings to contemporary communications, the “Officina Della Scrittura” – the Workshop of Calligraphy – opens in Turin. It is the first museum in the world dedicated to the culture of calligraphy and to man’s use of signs. On the back of an idea of Cesare Verona, President of Aurora Penne, the “Workshop” lies in a former eighteenth century spinning mill and houses an iconic pens collection from the twentieth century and exhibitions of art and educational projects (in addition to a library, an auditorium, a restaurant etc) to show that «man’s ability to make signs with his own hands belongs not just to the past, but is and always will be an irreplaceable part of the creative, intellectual and psychological development of the human being». www.officinadellascrittura.it

Mi tuffo ma non mi bagno La piscina-artistica dove ti immergi vestito

Al Museo di Arte Contemporanea del 21° Secolo di Kanzawa (Giappone), Swimming Pool è un’istallazione dell’artista Leandro Erlich che dà l’illusione di essere completamente immersi grazie a una lastra di vetro su cui scorre acqua. I DIVE BUT I DON’T GET WET The twenty-first century Museum of Contemporary Art in Kanzawa (Japan) houses Swimming Pool, an installation by artist Leandro Erlich that gives the impression of being completely immersed thanks to a glass plate over which water flows. www.kanazawa21.jp/en/

62

_ ULISSE _ settembre 2016


Sott’acqua con forchetta e coltello L’unico ristorante di vetro sotto il livello del mare Il solo ristorante sottomarino al mondo interamente in vetro e in grado di ospitare 14 persone per volta è l’Ithaa Undersea Restaurant, parte del Resort Conrad Maldives Rangali Island sull’atollo Alif Dhaal. A 5 metri sotto la superficie del mare, ha un soffitto trasparente ad arco e regala un’esperienza non economicissima ma indimenticabile. UNDERWATER WITH KNIFE AND FORK

The only underwater restaurant in the world made entirely from glass – which can accommodate up to 14 people at a time – is the Ithaa Undersea Restaurant, part of the Conrad Maldives Rangali Island Resort in the Alif Dhaal atoll. It lies 5 meters below sea level, features a transparent arched ceiling and offers an expensive but unforgettable experience. www.conradhotels3.hilton.com

Gli italiani consumano meno

Nasce a Torino il prototipo vincitore della Shell Eco-marathon

Monoscocca in carbonio, massa di 39 kg, motore elettrico da 200 W e fuel cell a idrogeno da 500 W, freni anteriori e posteriori con circuiti separati, cinematismo di sterzo agente sulle ruote anteriori carenate, aerodinamica efficiente e Cx=0,09 e sistema di telemetria per controllo strategia di gara. Sarà l’auto del futuro? Speriamo, perché il prototipo IDRAkronos è il veicolo che consuma meno al mondo (737 kg/m3 equivalenti a 2188 km/L di benzina). Ideato da H2politO, team di studenti del Politecnico di Torino (sponsor Michelin), ha vinto nella sua categoria la Shell Eco-marathon di Londra. ITALIANS CONSUME LESS

A carbon monocoque, with a mass of 39 kg, a 200 W electric engine, a 500 w hydrogen fuel cell , front and rear brakes with separate circuits, kinematic steering guiding on the directional front wheels, efficient aerodynamics and Cx = 0,09 and a telemetry system for race strategy control. Is it the car of the future? We hope so, because the IDRAkronos prototype is the vehicle that has the world’s lowest consumption (737 kg / m3 equivalent to 2188 km / L of gasoline). Designed by H2politO, a team of students from the Politecnico in Turin (sponsored by Michelin), it won its Shell Eco-marathon category in London. www.polito.it

ULISSE _ settembre 2016 _

63


GreatBeauty

IL RE DEI REGISTI Spielberg è il regista che in USA ha incassato di più. Torna con Grande Gigante Gentile, in sala in Italia il 1° gennaio 2017, tratto da uno dei classici di Roald Dahl. Spielberg is the highest grossing director at the box office in the USA. He’s back with the BFG - Big Friendly Giant which is based on one of Roald Dahl’s classics.

I re del box office? Sono nove, ma c’è anche una regina Ecco la classifica, quasi tutta al maschile, degli attori più redditizi di sempre È la più giovane della classifica ed è la donna più “bankable”, quella più redditizia. Nell’Olimpo quasi tutto al maschile di Hollywood, è Scarlett Johansson l’unica dea in grado di avvicinarsi alle cifre esorbitanti che i colleghi sono mai riusciti a ottenere al box office in territorio statunitense, piazzandosi in decima posizione. Parola di Box Office Mojo. Il database specializzato somma gli incassi di tutti i film ai quali gli attori hanno preso parte per poi stilare la classifica di coloro che hanno assicurato i più alti guadagni alle major statunitensi. Il re indiscusso è Harrison Ford, con quasi 5 miliardi di dollari (che diventano $8,6 in tutto il mondo) per un totale di 41 pellicole. L’attore quest’anno ha conquistato la medaglia d’oro grazie al VII Episodio di Star Wars: Il Risveglio della Forza. Dopo la bella Scarlett – attrice in grado di passare da film come The Avengers ad Ave, Cesare! dei fratelli Coen – la seconda donna ad apparire in classifica è Cameron Diaz, voce della principessa Fiona in Shrek, film grazie al quale è riuscita ad entrare nella top 20, ma solo alla posizione numero 19. (S.P.)

1 Harrison Ford $4,8 miliardi Domina la classifica l’Han Solo di Star Wars che all’età di 74 anni è riuscito a raggiungere la vetta grazie agli incassi del VII Episodio della saga. Di certo, anche aver interpretato Indiana Jones ha dato i suoi frutti. Han Solo from Star Wars dominates the ranking. Aged 74, he managed to reach the top ten thanks to the grosses for the seventh episode of the Saga. Of course, also his Indiana Jones has paid off.

WHO IS BOx OFFICE ROyALTy? THERE ARE NINE KINGS AND A qUEEN. She is the youngest in the list and the most “bankable” woman. In the almost all-male Hollywood Olympus, Scarlett Johansson – ranking tenth in the list – is the only goddess who can get close to the big bucks obtained by her male colleagues at the box office in US. Take Box Office Mojo’s word for it. The specialized database sums the box office grosses of all the films starred in by the actors and then issues a list of those who provided the major American film studios with the highest (billionaire) grosses ever. The undisputed king is Harrison Ford, with nearly 5 billion USD (8.65 billion when the worldwide grosses are included) for a total of 41 films. The actor this year won the gold medal thanks to the seventh episode of Star Wars: The Force Awakening. Following the beautiful Scarlett – the actress who starred in movies like The Avengers and Ave, Caesar! by the Coen brothers – the second woman in the list is Cameron Diaz, the voice of Princess Fiona in Shrek. Thanks to this movie she managed to enter the top 20, but reached only 19th place.

“Dal punto di vista commerciale, la mia invenzione è del tutto priva di interesse” “My invention has no commercial value whatsoever” AUGUSTE LUMIÈRE

64

_ ULISSE _ settembre 2016


2

3

4

Samuel L. Jackson $4,7 miliardi Super “bankable” anche “Nick Fury” di The Avengers. Una curiosità: a livello mondiale supera Ford con $10,5 miliardi. Another super “bankable” is “Nick Fury” from The Avengers. His worldwide grosses exceeded those of Ford with $10.5 billion.

Morgan Freeman $4,4 miliardi La sua presenza è un porto sicuro, come il suo talento. Il film che vale la medaglia di bronzo all’attore è Il Cavaliere Oscuro. His presence is synonymous with reliability and talent. The film that clinched him the bronze medal is The Dark Knight.

Tom Hanks $4,3 miliardi La sua media di incassi è di $98,7 milioni, ma il profitto top deriva dal doppiaggio dello Sceriffo Woody in Toy Story. His average box office gross is $ 98.7 million, but the top profit comes from his dubbing of Sheriff Woody in Toy Story.

5

6

7

Robert Downey, Jr. $3,9 miliardi L’unico supereroe maschile in classifica è Iron Man, a cui l’attore deve la sua presenza nell’Olimpo dei più profittevoli. The only superhero in the list is Iron Man, which positioned the actor in the Olympus of the highest-grossing actors.

Eddie Murphy $3,8 miliardi Un altro successo legato a uno dei film di animazione più divertenti di sempre, Shrek, in cui dà la voce a Ciuchino. Another success down to one of the funniest animated films ever, Shrek. The actor plays the voice of Donkey.

Tom Cruise $3,5 miliardi Nonostante sia noto soprattutto come volto di Mission Impossible, è La Guerra dei Mondi il suo vero film da grandi incassi. Although he is best known for Mission Impossible, The War of the Worlds clinched him his major grosses.

8

9

10

Johnny Depp $3,36 miliardi Il pirata più pazzo del cinema entra in classifica con Pirati dei Caraibi. La maledizione del forziere fantasma. The craziest pirate in the cinema world gets a place in the list thanks to Pirates of the Caribbean: The Dead Man’s Chest.

Michael Caine $3,35 miliardi 58 film con una media di incassi pari a $57,7 milioni. Il più grande successo? Ancora una volta Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan. He starred in 58 films with a gross average of $ 57.7 million. His greatest success? The Dark Knight by Christopher Nolan.

Scarlett Johansson $3,33 miliardi 31 anni per 37 film. L’unica donna in classifica è la Vedova Nera del magico universo cinematografico Marvel. She is 31 and starred in 37 films. The only woman in the rankings is the Black Widow of the magic Marvel cinematic universe.

ULISSE _ settembre 2016 _

65


GreatBeauty qUATTRO pIANI

A destra, l’entrata di Armani Silos, 4.500 metri quadrati con una selezione ragionata di abiti dal 1980 a oggi del grande stilista italiano. Sotto, l’esposizione Luce. On the right, the entrance of Armani Silos, a 4,500 square-meter area featuring a selection from the great stylists’ garments from 1980 to today. Below, the Luce (Lights) section.

Il Museo di

Giorgio Armani Abiti, accessori, borse, disegni tecnici: il mondo dello stilista dentro uno spazio rigoroso dove si snoda con musicalità il racconto di una vita e la storia di un marchio 66

_ ULISSE _ settembre 2016


TESTO Renata Molho FOTO Davide Lovatti «L’idea ha preso forma pensando che i 40 anni del marchio, compiuti l’anno scorso, potevano essere l’occasione per riflettere su un lungo percorso di lavoro e sui cambiamenti di costume e sociali che l’hanno influenzato» ci racconta Giorgio Armani, parlando dell’Armani/Silos, inaugurato proprio nel 2015 – un’ennesima importante tappa della sua carriera. È un edificio rigoroso e pulito come un pentagramma, uno spazio straniante, immenso, verticale e scarno nel quale il racconto di una vita di successo si snoda con musicalità e precisione. Un ex magazzino di stoccaggio dei cereali degli anni ’50 del quale si è conservata la maestosità: quattro piani, per una superficie totale di 4.500 metri quadrati. All’interno gli spazi in cemento si articolano attorno a una corte aperta a tripla altezza sulla quale si affacciano due livelli laterali collegati da una scala centrale che definisce il percorso. Una sensazione di totale grigio diffuso diventa lo sfondo impeccabile per la proiezione di un film sufficientemente ricco da non ammettere distrazioni. «Raccogliere in uno spazio abiti, accessori, borse, disegni tecnici, secondo un progetto di archiviazione in prospettiva» prosegue Armani «mi è sembrato un modo concreto per fare della memoria una base per il futuro. E inoltre,

ULISSE _ settembre 2016 _

67


GreatBeauty

www.armanisilos.com

pRIMO pIANO

Sopra: la collezione Esotismi esplora l’influenza esercitata dalle culture non occidentali sulle creazioni di Armani. Above: The Esotismi (Exoticisms) collection explores the influence of non-Western cultures on Armani’s creations.

con l’Armani/Silos, desideravo proporre un punto di vista differente. È per questo che l’ho pensato come una sorta di centro di ricerca che ruota intorno a moda e design, con i corollari di fotografia e cinema che sono parte integrante della mia visione dello stile, e che ben si inseriscono in questa idea di uno spazio espositivo vivo». Un contenitore che diventa contenuto e sintetizza esattamente il pensiero di Armani. Questo progetto infatti – per quanto mostri notevoli analogie con l’adiacente Armani/Teatro progettato da Tadao Ando – è stato realizzato e curato personalmente dallo stilista con il team interno di architetti che già lavorano con lui per Armani/Casa, Armani/ Hotels & Resorts, Armani/Residences e Armani/Casa Interior Design Studio. La suddivisione del materiale in mostra, poi, è stata pensata per temi e non in ordine cronologico, consolidando un concetto importante: Armani è identificato principalmente come il maestro di un certo tipo di stile intransigente e severo, ma si è in realtà spesso spinto in territori sperimentali, introducendo elementi di altre culture, dando libero sfogo alla fantasia e proponendo eccentricità e azzardi estetici che spesso vengono dimenticati. Qui al Silos tutto questo è ben rappresentato nella sezione Esotismi, al primo piano. Le altre sezioni, Daywear (al piano terra), Cromatismi (al secondo) e Luce (al terzo) descrivono esaustivamente il lungo lavoro di Armani e proprio la mescolan68

_ ULISSE _ settembre 2016

za di epoche differenti evidenzia bene quelle che sono state idee e ispirazioni ricorrenti nella sua carriera. Nelle postazioni digitali situate al terzo piano è consultabile l’immenso archivio che comprende più di 2.000 capi, accessori, bozzetti, video di sfilata e backstage e foto di campagne pubblicitarie. Ma lo spazio, oltre alle esposizioni permanenti, ospiterà anche mostre ed eventi. Un luogo, una storia, un omaggio alla città di Milano che, anche grazie a Giorgio Armani sta vivendo un momento di rinascita: «In effetti negli ultimi anni è cambiata moltissimo. Ma non è cambiato solo il suo profilo, avveniristico, che la proietta verso il futuro. Sembra che, almeno in parte, la città abbia ritrovato quella voglia di fare e quell’entusiasmo che si respirava quando ho iniziato a lavorare. Mi piace» ci dice con un certo orgoglio Armani «l’idea di lasciare alla città, non un monumento autocelebrativo, ma uno spazio funzionale, pensato, organizzato e strutturato per incoraggiare i giovani nella ricerca creativa, mettendo a loro disposizione conoscenze preziose, uniche. In molti ambiti ci sono giovani talenti che vanno incoraggiati e supportati. Penso sia doveroso. Confrontarsi con i giovani e con il loro talento è inoltre uno stimolo: nuove e diverse prospettive rappresentano sempre un arricchimento della propria visione». ●


Emotions of the Athletic Body Armani e sport, un sodalizio che ha segnato la storia del marchio e che, a partire dal 23 settembre, verrà celebrato all’Armani/ Silos in una mostra curata personalmente dallo stilista: Emotion of the Athletic Body. Per Giorgio Armani lo sport rappresenta le qualità che ci permettono di migliorare: «Dedizione, sacrificio, perseveranza e forza di volontà». Ecco perché nel corso degli anni lo stilista ha invitato molti atleti a indossare i suoi capi davanti all’obiettivo celebrando ed esaltando «l’atteggiamento sportivo unito all’estetica» e interpretando così il «senso dell’agonismo». Con questa mostra, inoltre, Armani sostiene ancora una volta Special Olympics, l’organizzazione sportiva per persone con disabilità intellettive.

EMOTIONS OF THE ATHLETIC BODy Armani and sport, a pairing that has been part of the brand’s history and which, from September 23, will be celebrated at the Armani/Silos thanks to an exhibition curated by the stylist himself: Emotion of the Athletic Body. According to Giorgio Armani, sport embodies the qualities required for our self-improvement: «Dedication, sacrifice, perseverance and willpower». That is why over the years, the stylist has asked many athletes to wear his clothes in front of the camera, to celebrate and enhance «the sporting attitude combined with aesthetics» at the same time as interpreting «the competitive spirit». Furthermore, with this exhibition Armani once again supports the Special Olympics, the sports organization for people suffering with intellectual disabilities.

The Giorgio Armani Museum Clothes, accessories, bags and technical drawings: the world of the designer in a space which harmoniously tells the story of a life and a brand «The idea took shape when I thought that the 40th anniversary of the brand, which was last year, could offer an opportunity to reflect on a long professional journey and on the social factors and changes in customs that have influenced it». Giorgio Armani is speaking to us about the Armani/ Silos that was inaugurated in 2015 as yet another important milestone in his career. This elegant building with simple clearcut lines is a huge and almost alienating space, vertical and lean, in which the story of a successful professional life unfolds with harmony and precision. The simple functional dignity of a grain storage silo and warehouse dating to the 50s has been preserved in this renovated four storey building, with a total floor area of 4,500 square meters. The concrete interiors are arranged around an open courtyard area rising to a height of three floors. This is overlooked by two lateral levels, connected by a central stairway that defines the space. The sensation of total gray is the perfect neutral backdrop for a narrative that is fascinating enough to utterly absorb the visitor’s attention. «I thought that bringing clothes, accessories, bags and technical drawings together in a space, according to a plan or project for an archive» continues Armani «would be a way to turn my memories into a concrete base

ULISSE _ settembre 2016 _

69


GreatBeauty DOVE SI TROVA

Armani/Silos è in via Bergognone, 40, Milano, un’idea nata nel 2015 per celebrare i 40 anni di attività dello stilista, in uno spazio un tempo adibito a magazzino per i cereali. Armani/Silos is in Via Bergognone, 40, Milan, It was created in 2015 in a former cereal warehouse to celebrate the 40th anniversary of the stylist’s career.

«Mi è sembrato un modo concreto per fare della memoria una base per il futuro e proporre un punto di vista differente» «I thought that would be a way to turn my memories into a concrete base for the future» GIORGIO ARMANI

for the future. With the Armani/Silos I also wanted to present a different point of view. That is why I thought of it as a sort of research center that revolves around fashion and design, with the corollaries of photography and cinema that are an integral part of my vision of style, and that perfectly fit in with this idea of a living exhibition space». This building is thus a container that exactly sums up the contents of Armani’s thought, and the whole project – which has some remarkable similarities to the adjacent Armani/ Teatro designed by Tadao Ando – was realized and is personally curated by the designer, alongside the team of architects who were already working with him for Armani/Casa, Armani/Hotels & Resorts, Armani/ Residences and the Armani/Casa Interior Design Studio.The items on display in the Silos are arranged according to specific themes rather than simply in chronological order, to underline the important concept that, although Armani is often seen as the master of an intransigent and severe style, in fact he often explored more experimental areas, introducing elements from other cultures, giving free rein to his imagination and proposing eccentric aesthetic adventures that are now all too often forgotten. All of this is well represented at the Silos, on the first

70

_ ULISSE _ settembre 2016

floor in the section Esotismi (Exoticism). The other sections, Daywear (on the ground floor), Cromatismi (Chromatism, on the second floor) and Luce (Light, on the third floor) comprehensively describe Armani’s career, and the coexistence of various different time periods clearly reveals the ideas and inspirations that have constantly recurred throughout his long professional life. Digital terminals on the third floor make it possible to consult the museum’s immense archives, which include more than 2000 garments, accessories, sketches, photos of advertising campaigns and videos of fashion shows and backstage footage. In addition to the permanent exhibitions, the museum will also host special exhibitions and events.This is a place, a story, and an enduring tribute to the city of Milan that, partly thanks to Giorgio Armani, is now experiencing a sort of renaissance. «In recent years a lot has changed. Not only its ultramodern profile has been transformed, which projects it into the future, but It seems that the city has at least partly rediscovered its desire to really do things, as well as the old enthusiasm that one used to sense here when I first started working». Armani concludes our conversation with a touch of pride: «I like the idea of leaving to the city not a self-celebratory monument, but a functional space that is designed, organized and structured to encourage young people in their creative research, by providing them with unique and valuable knowledge. In many sectors there are young new talents who should be encouraged and supported. I think that’s only right. Dealing with young people and with their talent is also a stimulus for me, as new and different perspectives always enrich one’s own vision». ●


GreatBeauty

Muccino up in the air TESTO Stefano Cocci Dieci, un numero magico. Nello sport, e nel calcio in particolare, ha un messaggio quasi messianico, lo indossa il giocatore con maggior classe. «Se hai un sogno lo devi proteggere». Lo dice Chris, il protagonista de La ricerca della felicità, uno dei suoi film americani, e così Gabriele Muccino continua a proteggere il suo sogno presentando il decimo lungometraggio di una folgorante carriera che lo ha imposto in Italia con Ricordati di me e L’ultimo bacio, e a Hollywood, dove ha lavorato con Will Smith in La ricerca della felicità e con Russell Crowe in Padri e Figlie. Oggi, torna nelle sale (dal 15 settembre) con L’estate addosso, una produzione della Indiana Production Company di Marco Cohen, Benedetto Habib e Fabrizio Donvito con Rai Cinema, in anteprima mondiale alla 73esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione Cinema nel giardino.

72

_ ULISSE _ settembre 2016

GETTY (3)

Con L’estate addosso il regista italiano racconta la storia di quattro ragazzi in viaggio on the road negli Stati Uniti, tra emozioni e incontri che non potranno mai più dimenticare

Quali reazioni si aspetta dal pubblico che andrà a vedere L’estate addosso? Questa è una situazione che in passato mi metteva sempre molta ansia. Crescendo ho deciso di smettere di chiedermelo. Dopo un po’ ho capito che ogni film ha un suo percorso, per cui la cosa più sana, è raccontare le storie che senti necessarie. Se hai la fortuna di essere supportato dai produttori che ti mettono nella condizione di lavorare, allora puoi raccontare quello che il tuo cuore vuole. Questo è il massimo della felicità: scrivere e dirigere una storia che sento necessaria. Qual è l’idea che ha dato spunto al film? Si tratta di un’opera di formazione, un genere molto raccontato in letteratura e ampiamente anche al cinema. I miei protagonisti sono adolescenti o poco più, due diciottenni e due ventitreenni. Due ragazzi italiani che vanno in America, a San Francisco, e incontrano due ragazzi statunitensi. Oltre allo scambio culturale, c’è un viaggio esistenziale di crescita e di definizione delle loro vite. Questi quattro personaggi sono il motore e il senso assoluto del film, ciascuno antitetico rispetto agli altri, ma troveranno il modo di comunicare tra di loro e nascerà una profonda amicizia che definirà questa estate e la renderà un’esperienza indimenticabile. Alla fine si


FORMAZIONE

Gabriele Muccino lavora dapprima in Rai, poi il passaggio al cinema. De Sica, Fellini, Kubrick, Fosse e Allen sono i registi che hanno nutrito il suo amore per la settima arte e il sogno di diventare un cineasta. Ama il Neorealismo e la commedia italiana anni Sessanta. Gabriele Muccino started working first for the Italian broadcaster Rai, then shifted to the cinema. De Sica, Fellini, Kubrick, Fosse and Allen are the directors who have nurtured his love for the seventh art and his dream of becoming a filmmaker. He loves Neorealism and Italian ‘60’s Comedy.

ULISSE _ settembre 2016 _

73


GreatBeauty

divideranno, è necessario che si dividano, perché ognuno torni alla propria realtà. Spesso l’estate facilita i nostri incontri: momenti in cui ci sentiamo euforici e anche affamati di vita e di esperienze. Più di ogni altra stagione ha un tempo ben circoscritto, un confine molto chiaro rappresentato dall’inizio delle scuole, dell’università o dal ritorno al lavoro. Arriva l’autunno, inizierà l’inverno, passaggi che richiamano metaforicamente le stagioni della vita. In qualche modo l’estate è quella in cui desideriamo sospendere le ostilità, i pregiudizi. Dall’emozione e il trasporto con cui lo racconta sembra che la trama abbia preso spunto da suoi vissuti molto personali. Sì, è vero. Devo anche dire che lo sono tutte le storie che scrivo. Ho iniziato a lavorare nel cinema perché avevo l’urgenza di fare film personali in cui tutti potessero riconoscersi. Per questo L’estate addosso è una storia che conosco molto bene. È un lavoro che tocca corde profonde e in cui tutti possiamo identificarci. Come si è trovato a lavorare con un gruppo di attori giovani e quasi sconosciuti? Quali sono i motivi che l’hanno spinta a questa scelta? Mi è sembrata una scelta giusta per tutti. Per loro che erano in uno stato di grazia e di euforia assoluta durante la lavorazione, per me che ho avuto a che fare con chi si affaccia alla vita e interpreta in qualche modo delle esperienze personali che io ho riscritto e riadattato ai loro caratteri. In fondo c’è sempre un gioco di richiami: in tutti i miei film riscrivo i personaggi addosso agli attori che ho scelto. Così, anche questa volta, è avvenuto qualcosa di simile. Quale dei suoi film la rappresenta meglio? Se devo dire solo un titolo, sicuramente La ricerca della felicità. Nel girare L’estate addosso avete stretto una collaborazione con Alitalia. Come mai? Abbiamo girato a Roma, Cuba, San Francisco e New York. Trattandosi di un film tutto on the road e per alcuni momenti up in the air abbiamo trovato in Alitalia un partner molto importante. Ci sono molte scene che si svolgono proprio a bordo di un aereo. Immagino sia stato complicato lavorare dentro la cabina di un aereo? Sì, è vero, però al cinema si fa tutto e qualcosa sempre te la inventi. Del resto, come dice Will Smith in La ricerca della felicità “Se vuoi qualcosa vai e inseguila”… Con L’estate addosso! ● 74

_ ULISSE _ settembre 2016

Muccino up in the air In “Summertime” the Italian director tells the story of four youths on a road trip in the US, through a series of emotions and encounters that they’ll never forget

Ten is a magic number. In sport, especially in football, it has an almost messianic role, with the best player in the team proudly bearing it on his shirt. “If you’ve got a dream, you gotta protect it”, says Chris, the main character in The Pursuit of Happyness, one of Gabriele Muccino’s American films. Indeed, the Italian director is continuing to protect his dream with this, his tenth film in a glittering career that took off in Italy with Ricordati di me (Remember Me, My Love) and L’ultimo bacio (The Last Kiss), and in Hollywood, where he worked with Will Smith in The Pursuit of Happyness and Russell Crowe in Fathers and Daughters. Now he’s back to making movies with L’estate addosso (Summertime – in theatres September 15). Produced by Indiana Productions – Marco Cohen, Benedetto Habib and Fabrizio Donvito – and Rai Cinema, it premieres worldwide at the 73rd Venice International Exhibition of Cinematographic Art, in the Cinema in the Garden section.


L’ESTATE ADDOSSO

Nel cast ci sono Brando Pacitto, Matilda Lutz, Joseph Haro e Taylor Frey. Featuring Brando Pacitto, Matilda Lutz, Joseph Haro and Taylor Frey.

COLLABORAZIONI

La sceneggiatura de L’estate addosso è stata scritta da Muccino insieme a Dale Nall. La colonna sonora è firmata da Jovanotti. Il brano omonimo del cantante italiano nacque proprio perché il regista raccontò a Jovanotti il soggetto del film. The Summertime screenplay was written by Gabriele Muccino alongside Dale Nall. The soundrack is by Jovanotti who wrote the song which bears the same title as the film, after a discussion with the director about the film’s subject.

How do you expect the movie-going public to react to the Summertime? This question used to make me really anxious. With time I’ve stopped asking it. After a while, I realized that every film takes its own course, so the best thing is to tell the stories that you feel are necessary. If you’re lucky enough to be supported by producers who let you work properly, then you can speak from the heart. That’s the peak of happiness: writing and directing a story that I feel is necessary. What inspired the movie? It’s a coming-of-age tale, a genre that’s widely used in literature,

and cinema. My main characters are teenagers – or just over – two 18 year olds and two twenty three year olds. The two Italians travel to San Francisco where they meet two Americans. Beyond the cultural exchange, there’s an existential journey of growth, and of definition in their lives. These four characters are the driving force and the absolute essence of the movie. They’re polar opposites, but they find a way of communicating and a really tight friendship is born that defines the summer and makes it unforgettable. In the end they break up, they have to go back to their daily lives. Summers are often the backgrounds to our encounters: we feel euphoric, hungry for life and experience. More than any other season there’s an end point in sight, a clear-cut boundary that’s represented by the start of school, university or a return to work. Autumn comes and winter will soon start – transitions that metaphorically represent the stages of life. In some ways summer is the season where we want to put our hostilities and prejudices on hold. You talk about it with a passion that suggests this is a very personal film. Yes, it’s true. I must also say that all the films I write are personal. I got into making movies because I had the urge to make personal films and tell stories that we can all identify with. That’s why Summertime is a story I know so well. It touches profound

chords that we can all identify with. What was it like working with a group of young, relatively unknown actors? What pushed you to make that choice? It seemed like the right choice for everyone – for the actors who were in a total state of grace and euphoria during filming, on my part because I was dealing with people who are just starting out in life and interpreting the personal experiences I’ve rewritten and adapted to their characters. In the end it’s always a game of recall: in all my films I rewrite the characters onto the actors I choose. Something similar has happened this time too. Which film best represents you? If I have to choose just one, without doubt it’s The Pursuit of Happyness. You partnered with Alitalia while filming Summertime – how come? We filmed in Rome, Cuba, San Francisco and New York. The film is set “on the road” and to a lesser extent “up in the air”, so Alitalia was a really important partner for us. Lots of scenes take place on board a plane. I imagine it was tricky filming inside an aeroplane cabin? It was, but in the movies you can do anything and everything and always come up with something. For the rest, as Will Smith says in The Pursuit of Happyness, “if you want something, go get it”… with L’Estate Addosso! ●

ULISSE _ settembre 2016 _

75


GreatBeauty

Berlino, energia pura Nella piĂš creativa delle capitali europee, capace di ricucire gli strappi della storia e reinventarsi di continuo Testo e Foto di Fabrizia Postiglione

76

_ ULISSE _ settembre 2016


GRANDI PROGETTI

La zona governativa lungo il fiume Sprea, con la Cancelleria Federale, la Marie-Elisabeth-Lüders-Haus e la Paul-Löbe-Haus. The government district on the Spree River, with the Federal Chancellery, the Marie-Elisabeth-Lüders-Haus and the Paul Löbe-Haus.

ULISSE _ settembre 2016 _

77


GreatBeauty

C

alderone cosmopolita di creatività ed energia, Berlino è la metropoli “che non dorme mai”, dove edonismo e fantasia sono vissuti senza rimpianti. Anche nel Terzo Millennio, Berlino divora la vita con lo stesso appetito che dimostrò nei Die Goldenen Zwanziger, i “dorati anni Venti”, quando si trasformò in città trasgressiva, fabbrica di trend culturali, musa per scrittori, artisti e archistar dell’epoca. “Povera, ma sexy” la definì l’ex sindaco Klaus Wowereit. Oggi, però, a ventisette anni dalla riunificazione, Berlino ha anche guadagnato l’appellativo di “Silicon Valley europea”, culla di migliaia di start up tecnologiche. Nell’ultimo decennio imprenditori e nerd digitali hanno infatti compiuto quella migrazione che gli artisti squattrinati intrapresero dopo il crollo del Muro nel 1989, attratti dalla travolgente movida, dalla scena musicale underground, dalla miriade di localini etnici, dall’arte, dal melting pot culturale e dagli affitti bassi. “Il destino di Berlino è di non essere mai, bensì di trovarsi in un continuo divenire” diceva lo storico dell’arte Karl Scheffler. Tragedie e colpi di scena del XX secolo sono tatuati nel suo tessuto urbano, che miscela simboli dell’era imperiale, vestigia del nazismo, tristi casermoni sovietici e ambiziose architetture contemporanee, affiancandoli a taverne bohémien, beach bar, parchi e street art ovunque. Prima di essere tagliata in due dal Muro nel 1961, Berlino fu pesantemente bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale. Dopo la riunificazione è stato necessario ricucire le ferite urbanistiche e sono stati avviati grandiosi progetti, come quello di Potsdamer Platz, ripensata da Renzo Piano, il Jüdisches Museum, creato da Daniel Libeskind e il Regierungsviertel, la zona governativa lungo il fiume Sprea, con la Cancelleria Federale, la Marie-ElisabethLüders-Haus e la Paul-Löbe-Haus. Anche 78

_ ULISSE _ settembre 2016

In alto, Alexanderplatz con la torre delle TV. Sopra, la Casa delle Culture del Mondo. On top, Alexanderplatz with the TV tower. Above, the House of World Cultures.

Sopra, al museo della DDR, auto, arredi e oggetti d’oltre cortina. Sotto, la Marie-Elisabeth-Lüders-Haus che ospita la biblioteca del parlamento tedesco. Above, at the DDR museum you find cars, furniture and objects from behind the Iron Curtain. Below, the Marie-ElisabethLüders-Haus houses the library of the German parliament.


STREET ART

Installazioni artistiche vicino al famoso Checkpoint Charlie, nel quartiere bohémien di Kreuzberg, ex Berlino Ovest. Art installations near the famous Checkpoint Charlie, in the bohemian district of Kreuzberg in the former West Berlin.

4.650 ristoranti, 900 pub, 190 locali e discoteche, 50 teatri e 300 cinema animano la travolgente movida berlinese. restaurants, 900 pubs, 190 hangouts and clubs, 50 theaters and 300 cinemas liven up the lively Berlin nightlife.

12.400 sono gli abitanti per chilometro quadrato del quartiere di Friedrichshain-Kreuzberg: la più alta densità di tutta la Germania. the number of inhabitants per square kilometer in the Friedrichshain-Kreuzberg district: the highest density of all Germany.

il Reichstag, o meglio il Bundestag, sede del parlamento tedesco, ha ricevuto un clamoroso makeover grazie alla cupola di vetro e acciaio disegnata da Norman Foster e nel quartiere di Scheunenviertel è stata costruita la Hauptbahnhof, avveniristica stazione ferroviaria. Per capire Berlino bisogna esplorare il mosaico di quartieri, ognuno con un peculiare genius loci. Mitte, un tempo inglobato in Berlino Est, è il centro storico “tirato a lucido”, con gran parte dei monumenti più noti, come il Reichstag, il Berliner Dom e la Museumsinsel, l’isola dei musei, patrimonio Unesco. Oltre la Porta di Brandeburgo c’è il toccante Memoriale dell’Olocausto progettato da Peter Eisenman: 2.711 “sarcofaghi” di cemento di varie dimensioni creano un labirinto dove i visitatori possono liberamente inoltrarsi. Mitte è anche il quartiere più

caro, con uffici, gallerie d’arte importanti, artisti affermati, personalità dei media e ristoranti stellati. Anche Friedrichshain si trova nella ex Berlino comunista, ma ha un carattere più ribelle, con atelier alternativi, musica punk ed electro, locali sul fiume. Interi palazzi sono diventati “tela” per la street art e qui c’è la East Side Gallery, un tratto di muro sopravvissuto alla demolizione e trasformato negli anni Novanta nella più grande galleria d’arte open air del mondo. Da poco è stato inaugurato il Museo del Muro, esposizione multimediale sugli eventi che causarono il crollo della cortina di ferro ospitata nel Mühlenspeicher, vicino al ponte Oberbaum. Kreuzberg è la Berlino Ovest politicizzata degli edifici occupati e dei locali rock, con lifestyle bohémien, tanti studenti e movimenti artistici contemporanei. Qui c’è il Checkpoint Char-

3,5 chilometri, il doppio degli Champs Elysées: tanto è lunga Kurfürstendamm, o Kudamm come la chiamano i berlinesi, la strada dello shopping. kilometers is the length of the Kurfürstendamm – or Kudamm as the Berliners call it – the shopping street, twice as long as the Champs Elysées.

ULISSE _ settembre 2016 _

79


GreatBeauty Ex STAZIONE FERROVIARIA

L’Hamburger Bahnhof Museum è dedicato unicamente all’arte contemporanea dal 1950 a oggi. The Hamburger Bahnhof Museum has been exclusively dedicated to contemporary art since 1950.

lie, negli anni del Muro il principale varco per gli stranieri fra le due Berlino. E se a Kreuzkölln si va per la nightlife più all’avanguardia, al Tiergarten, polmone verde della capitale, i berlinesi si stendono al sole e fanno barbecue. È circondato da ambasciate e musei, come la sede della Berliner Philharmonie, la Neue Nationalgalerie e la Gemäldegalerie, scrigno di tesori pittorici dei maestri europei. Schöneberg, quartiere poliedrico, ha begli edifici ottocenteschi, strade alberate, boutique indie e una storica enclave gay. Molto hip Prenzlauer Berg, pieno di botteghe bio, librerie e music store, dove coppie di giovani creativi con prole abitano nei palazzetti pastello e frequentano la street fair a Kollowitzstrasse, i caffè all’aperto, le fabbriche di birra riconvertite in centri culturali. Da qualsiasi luogo di Berlino si avvista l’iconica Fernsehturm, la torre della TV di Alexanderplatz, luogo di delinquenti e prostitute negli anni Venti, poi vetrina della Berlino sovietica e oggi circondata da centri commerciali. Molto interessante il museo della DDR, dove scoprire oggetti, auto e arredi della Repubblica Democratica Tedesca. La capacità berlinese di reinventarsi è testimoniata dai tanti progetti in corso o appena terminati, come il restyling dell’area vicino alla stazione dello Zoo, dove il rivitalizzato Bikini Berlin, ex complesso industriale anni Cinquanta, è oggi un concept mall con negozi, hotel di design e ristorante sul rooftop. A Potsdamer Platz l’anno scorso è stato inaugurato lo Spy Museum, tributo ai protagonisti dell’intelligence internazionale, mentre la reinterpretazione contemporanea dello Stadtschloss, il palazzo imperiale bombardato dagli Alleati nel 1945 e demolito dal regime filosovietico nel 1950, terminerà nel 2019, trasformandolo nell’Humboldt Forum per le arti e le scienze. ● 80

_ ULISSE _ settembre 2016

Berlin, pure energy The most creative of European capitals has mended the damage of history thanks to its ability to continuously reinvent itself

A cosmopolitan hotbed of creativity and energy, Berlin is a "city that never sleeps", a place where hedonism and fantasy can be freely experienced. Even now in the Third Millennium you can live life to the full in Berlin with the same gusto that people had back in the Goldenen Zwanziger, or "golden twenties", when this was the city of transgression, a breeding ground for cultural trends, and a magnet for the writers, artists and stars of the time. "Poor but sexy" was how Berlin’s ex-mayor Klaus Wowereit defined the city. Today, twenty-seven years after the reunification of Germany, Berlin is also the "European Silicon Valley": a cradle for thousands of technological start-up companies, and over the last ten years a host of entrepreneurs and digital nerds have migrated here, much like the bohemians after the Berlin Wall came down in 1989, penniless artists attracted to this cultural melting pot with its exciting nightlife, underground music scene, ethnic cafes, art, and low rents. "Berlin is a city condemned always to become and never to be", declared the art critic Karl Scheffler. The tragedies

and important events of the twentieth century are indeed etched into Berlin’s urban fabric, where symbols of the imperial era, vestiges of Nazism, grim Soviet barracks and ambitious contemporary architecture blend with each other alongside bohemian taverns, beach bars, parks and the city’s omnipresent street art. Berlin was heavily bombed during World War II and then cut in two by the Wall in 1961. After German reunification it was necessary to heal these old wounds thanks to some grandiose projects, such as the redesigning of Potsdamer Platz by Italian architect Renzo Piano, the Jüdisches Museum, designed by Daniel Libeskind, the Regierungsviertel, and the government district by the River Spree, with the new Federal Chancellery, Marie-Elisabeth-LüdersHaus and Paul-Löbe-Haus. The Reichstag, or more properly the Bundestag, the German parliament building, has had a sensational makeover with a glass and steel dome designed by Norman Foster and the Hauptbahnhof, a futuristic railway station, has been built in the Scheunenviertel district. But


GreatBeauty

LUCE NEL BUNDESTAG

in order to really understand Berlin you have to explore the mosaic of neighbourhoods, each with its own unique atmosphere. Mitte, which was once a part of East Berlin, is the old town centre with a "new-look", where you will find the most famous monuments, such as the Reichstag, and the Berliner Dom Cathedral on the Museumsinsel, or Museum Island, now a UNESCO world heritage site. Outside the Brandenburg Gate is the poignant Holocaust Memorial designed by Peter Eisenman: 2711 concrete "sarcophagi" of various dimensions create a labyrinth that visitors can explore. Mitte is the most expensive and exclusive district, with important offices, art galleries and award-winning restaurants, frequented by famous artists and media personalities. Also Friedrichshain is located in the former communist Berlin, but it has a more rebellious character, with alternative ateliers, and venues along the river playing punk and electro music. Entire buildings have become canvases for street art creations and in the nineties a stretch of the wall that survived the demolitions was transformed into the East Side Gallery, the largest open-air art gallery in the world. The Museum of the Wall was recently opened at

82

_ ULISSE _ settembre 2016

La cupola in ferro e vetro progettata da Norman Foster, inaugurata nel 1999, ha cambiato il volto al monumentale palazzo che ospita il parlamento tedesco, lo storico Reichstag. The dome made from iron and glass designed by Norman Foster, opened in 1999, has changed the face of the monumental building of the German parliament, the historic Reichstag.

Mühlenspeicher, near the Oberbaum bridge, with multimedia displays about the events that led to the collapse of the Iron Curtain. Kreuzberg is in politicized West Berlin, with occupied buildings, bohemian lifestyle, rock clubs, many students and contemporary artistic movements. Here lies the “Checkpoint Charlie”, once the main access point in the wall for foreigners travelling between the two Berlins. Kreuzkölln offers the most cutting-edge nightlife attractions, but during the day Berliners go to the Tiergarten, the huge innercity park of the capital, to lie in the sun and have barbecue picnics. This area of greenery is encircled by embassies and museums, such as the Neue Nationalgalerie and the Gemäldegalerie, a treasure trove of artworks by the old masters, as well as the Berliner Philharmonie concert hall. Schöneberg, a multifaceted district, has beautiful nineteenth century buildings, tree-lined avenues, indie boutiques and a historic gay enclave. Prenzlauer Berg is also very hip, with its organic food shops, music stores and book shops, where buildings with pastel hues are home to young

creative people and their children, who enjoy the outdoor cafes, the breweries converted into cultural centres, and the street fair on Kollwitzstraße. The iconic Fernsehturm TV tower near Alexanderplatz can be seen from all over Berlin. This area frequented by crooks and prostitutes in the twenties then became a showcase of Soviet Berlin, and it is now full of shopping malls. Here the museum of the DDR is very interesting, where the distinctive items, cars and furnishings of the German Democratic Republic are on display. Berlin's ability to constantly renew itself is clearly shown by the many projects now underway or recently completed, such as the restyling of the area near the Zoo station, including the revitalized Bikini Berlin, a former industrial complex of the fifties, revamped as a “concept mall” with shops, design hotels and a rooftop restaurant. Last year the Spy Museum opened at Potsdamer Platz, dedicated to the protagonists of international intelligence. Finally the contemporary reinterpretation of the Stadtschloss, the imperial palace bombed by the Allies in 1945 and demolished by the Soviet regime in 1950, will be completed in 2019, with its transformation into the Humboldt-Forum center for the arts ● and sciences.


InfoPoint Berlino

Segreti e magie di Berlino, la capitale tedesca colpisce con la sua effervescente vivacità The secrets and magic of Berlin, the German capital city that surprises with its sparkling vitality MANGIARE Das Lokal

“German Bistrò” minimalista a Mitte. A pranzo è frequentato dai locavori del mondo dei media e propone piatti a base di ingredienti a km 0 e sostenibili di altissima qualità. Indirizzo: Linienstrasse 160, tel. +49 30 28449500. A minimalist “German Bistro” in Mitte. At lunchtime, it is frequented by healthy food fans from the media world and offers dishes based on high quality local and sustainable ingredients. Sasaya

Uno dei migliori ristoranti giapponesi di Berlino. Oltre al sushi freschissimo e ai deliziosi tempura, in menu anche piatti meno consueti, come i granchi fritti e la torta al tè verde. Indirizzo: Lycher Strasse 50, tel. +49 30 4471 7721 www.sasaya-berlin.de One of Berlin’s best Japanese restaurants. In addition to fresh sushi and delicious tempuras, the menu also offers traditional dishes, such as fried crabs and green tea cake.

MAR BALTICO

MARE DEL NORD

DORMIRE Art’Otel

Berlino PORTA DI BRANDEBURGO

A Mitte, è una fusion creativa di passato e presente, e miscela con gusto lo stile rococò della lobby con le camere ultra contemporanee disegnate da Nalbach + Nalbach, le opere dell’artista Georg Baselitz e i bagni firmati da Philippe Starck. Indirizzo: Wallstrasse 70-73, tel. +49 30 240620 www.artotels.com Located in Mitte, it is a creative mixture of past and present, elegantly combining the Rococo style of the lobby with the über –modern rooms designed by Nalbach + Nalbach, the works by the artist Georg Baselitz and bathrooms by Philippe Starck. Michelberger Hotel

ART & SHOPPING

➊ Un modo originale di esplorare Berlino è fare uno Street Art Safari per scovare i coloratissimi murales, guidati dall’esperto d’arte multilingue Stefano Gualdi. www.ciao-berlin.de ➋ La Haus der Kulturen der Welt, soprannominata l’ostrica incinta per il tetto curvilineo, è dedicata all’arte dei paesi extraeuropei. www.hkw.de ➌ Da VEB Orange, boutique cult nel quartiere di Prenzlauer Berg, ci si diverte a frugare tra borse, stivali, soprammobili anni '60, abitini psichedelici anni '70 e oggetti d’arredamento della DDR. www.veborange.de ➊ An original way to explore Berlin is to go on a Street Art Safari – guided by Stefano Gualdi, an expert in multilingual art – and discover colorful murals. ➋ The Haus der Kulturen der Welt, called the “pregnant oyster” because of its curved roof, is dedicated to the art of non-European countries. ➌ At VEB Orange, the cult boutique in the district of Prenzlauer Berg, you can have fun rummaging through bags, boots, ornaments from the 60s, psychedelic dresses from the 70s and furniture from the DDR.

Alitalia offre 4 collegamenti giornalieri tra l’Italia e Berlino: 2 servizi giornalieri da Milano Linate, 1 da Roma Fiumicino e 1 da Venezia. Inoltre, grazie all’accordo di codeshare tra Alitalia e airberlin, dalla capitale tedesca è possibile raggiungere: Milano Linate (12 frequenze settimanali), Roma (13 frequenze settimanali), Catania (5 frequenze settimanali), Napoli (3), Olbia (3), Lamezia Terme (1), Bari (2) e Rimini (1). Scopri tutte le opportunità di viaggio su alitalia.com Alitalia offers 4 daily flights connecting Italy and Berlin: two daily connections from Milan Linate, one from Rome Fiumicino and one from Venice. Moreover, thanks to the code share deal between Alitalia and Airberlin, from the German capital you can reach: Milan Linate (12 weekly frequencies), Rome (13 weekly frequencies), Catania (5 weekly flights), Napoli (3), Olbia (3 ), Lamezia Terme (1), Bari (2) and Rimini (1). Discover all the travel opportunities on alitalia.com

È la quintessenza di Berlino a Friedrichshain: eclettico, artistico e alla moda. Le camere sono tutte “pezzi unici”: una ricorda uno chalet di montagna, un’altra è tappezzata di libri. Per l’opulenza c’è The Golden One. Indirizzo: Warschauer Strasse 39-40, Friedrichshain-Kreuzberg, tel.+49 3029778590 www.michelbergerhotel.com This quintessential Berlin hotel is found in Friedrichshain: eclectic, artistic and fashionable. Its rooms are all “one-off ”: one brings to mind a mountain chalet, another is covered with books. For lovers of opulence: The Golden One.

NIGHT LIFE Rooftop bar

Per raggiungere il Klunkerkranich, rooftop bar con spazi espositivi da cui si ammirano tramonti favolosi, bisogna prendere l’ascensore della Neukölln Arcaden e salire al parcheggio all’ultimo piano. Indirizzo: Karl-Marx-Strasse 66 To reach Klunkerkranich, a rooftop bar with exhibition areas where you can enjoy stunning sunsets, you have to take the Neukölln Arkaden elevator and get out at the top floor car park. Musica

Nel cuore di Neukölln, per buona musica dal vivo, dj set e serate dedicate al vinile si va al Das Gift, whisky bar di Barry Burns, chitarra e tastiera della band Mogwai. Indirizzo: Donaustrasse 119 In the heart of Neukölln, to enjoy great live music, DJ sets and vinyl evenings, go to Das Gift, a whiskey bar owned by Barry Burns, the guitar and keyboard player from the band Mogwai. TEMPO LIBERO Mercato delle pulci

Di domenica berlinesi e turisti affollano il Mauerpark per curiosare fra le bancarelle del mercato delle pulci. Nel parco sono ancora in piedi alcuni tratti del Muro, oggi usati come “palestra artistica” dai giovani graffitari. On Sundays Berliners and tourists flock to the Mauerpark to browse through flea market stalls. In the park you can still see some sections of the Wall, today used for “artistic training” by young graffiti artists.

ULISSE _ settembre 2016 _

83


GreatBeauty

Yucatán

Qué lindo México Lungo la costa dei Maya, sul mar dei Caraibi, dove la natura è regina e l’ospitalità declinata in tutte le sfumature

Isla Mujeres

Beautiful Mexico Along the Mayan coast of the Caribbean Sea, where nature reigns supreme alongside all the various aspects of hospitality

VIVERE L'INCREDIBILE v is it m e x ico. co m

84

_ ULISSE _settembre 2016

Piramidi immortali che riportano indietro nel tempo, memorie coloniali, poi la giungla che ti avvolge, riserve naturali pullulanti di fenicotteri rosa, un mare ricco di fauna marina e giardini di coralli, grotte di acqua dolce e spiagge di sabbia candida. La natura è stata generosa con gli stati messicani dello Yucatán e del Quintana Roo, raggiungibili con un breve volo dalla capitale. E la cosiddetta “riviera dei Maya” ha visto negli ultimi decenni uno sviluppo turistico impressionante. A cominciare da Cancún, un tempo isola deserta e oggi piccola Miami, unita alla terraferma da due ponti, fatta di alberghi di lusso, discoteche all’avanguardia e fastose residenze allineate tra la laguna e un mare dai colori smaglianti. E poi Playa del Carmen, con un’infinita varietà di hotel, bar, ristoranti che hanno trasformato l’originario villaggio di pescatori in una tra le località più note e frequentate del Mar dei Caraibi, che attrae tutto l’anno messicani e stranieri da ogni angolo del mondo che vengono qui a svernare o che qui hanno trovato il loro personale Eldorado. Ma basta spostarsi di pochi chilometri verso Sud per scoprire un Messico ancora incontaminato, dove lungo spiagge di sabbia fine come borotalco e una barriera corallina ben conservata si fa il bagno assieme ai pellicani in un mare cristallino verde giada e si nuota tra razze e tartarughe di mare. A Tulum, lontano dalla confusione, la vacanza è sobria, ecologica e culturale, si alloggia in resort raffinati e si cena al lume di candela. È l’unico sito archeologico in riva al mare, con una fortezza Maya, El Castillo, che si affaccia sull’acqua dalla scogliera. A Cobà, nell’entroterra, c’è la piramide più alta dell’intero mondo Maya messicano, oltre 40 metri. Ma per chi ama l’archeologia la sosta imperdibile è Chichén Itzà, una delle sette meraviglie del mondo moderno. Qui si sono conservati nei secoli edifici spettacolari come la piramide di Kukulkan, il Caracol (un osservatorio astronomico), il Tempio dei guerrieri e ben sette campi per il Gioco della palla, sport quasi sacro e praticato per oltre tremila anni dai popoli precolombiani. ●

Immortal pyramids which transport you to ancient times with their colonial memories, the jungle that surrounds you, natural reserves abounding with pink flamingos, a sea full of marine fauna and corals, freshwater caves and white sandy beaches. Nature has been generous with the Mexican states of Yucatán and Quintana Roo, reachable through a short flight from the capital. Over the last decades, the so-called “Mayan Riviera”, has been enjoying an impressive tourism overhaul. Starting from Cancun, once a desert island and today considered a “little Miami”, it is connected to

BANCO DE IMÀGENES CPTM (3)

TESTO Cristina Griner

the mainland by two bridges and is full of luxury hotels, cutting-edge clubs and magnificent and colorful residences that line up along the lagoon and the sea. And then on to Playa del Carmen, with its infinite variety of hotels, bars and restaurants which turned the original fishing village into one of the most renowned and popular towns in the Caribbean Sea, and which every year attracts Mexicans and people from all over the world to come here and spend the winter or to find their own Eldorado. If you move a few kilometers to the south, you will find an untouched Mexico with talcum-powder beaches


COSA CHIEDERE DI pIÙ?

Relax sulla spiaggia, happy hour in riva al mare e siti archeolgici come Chichén Itzà (pagina accanto), tra i più belli del mondo. Relaxation on the beach, aperitifs by the sea shore and some of the most beautiful archeological sites like Chichén Itzà.

InfoPoint Messico Da Cancún a Tulum, tra cinque stelle, boutique hotel, eco-lodge e aragoste Five-star hotels, eco-friendly lodges, boutique hotels and lobsters: these are the features of the coast stretching from Cancùn to Tulum MANGIARE Lorenzillo’s

Per gustare le prelibate aragoste, cucinate in mille modi, si va da Lorenzillo’s, considerato il miglior ristorante di pesce di Cancún. Compreso nel prezzo, il più bel tramonto sulla laguna. Indirizzo: Blvd Kukulcán Km 10.5, Zona Hotelera, Cancún, Q.R., tel. +52 998 8831254 lorenzillos.com.mx To enjoy delicious lobsters, cooked in countless different ways, head to Lorenzillo’s, considered the best seafood restaurant in Cancun. Included in the price: the most beautiful sunset over the lagoon. DORMIRE The Ritz-Carlton Cancún

Nella zona hotelera, puro lusso in un edificio monumentale dagli arredi classici, con tocchi contemporanei nelle camere e suite affacciate sul Mar dei Caraibi. Tra i cinque stelle “raccomandati” dalla Forbes Travel Guide 2016. Indirizzo: Calle Retorno del Rey #36, Zona Hotelera, Cancún, Q.R., tel. +52 998 8810808 www.ritzcarlton.com/en/hotels/mexico/cancun In the hotel area, pure luxury in a monumental building whose rooms and suites overlooking the Caribbean Sea feature classic furnishing with a touch of modernism. It is one of the five-star hotels “recommended” by the 2016 Forbes Travel Guide. Casa Ticul

and well-preserved barrier reefs, where you can swim alongside the pelicans and amongst sea turtles and stingrays in a crystal clear, green sea. Holidays in Tulum, away from the crowds, are thoughtful, ecological and cultural. You can stay in refined resorts and dine by candlelight. It is the only archeological site by the sea, with a Mayan fortress, El Castillo, overlooking the sea from the cliff. In Cobà, located inland, lies the highest pyramid of the whole Mexican

Alitalia offre un servizio trisettimanale (martedì, giovedì, domenica) tra Roma Fiumicino e Città del Messico. I voli sono operati con Boeing 777 configurati in tre classi di viaggio (Business, Premium Economy e Economy) per un totale di 293 posti. Scopri tutte le opportunità di viaggio su alitalia.com

Mayan civilization. Chichén Itzà is a must-see for those who are fond of architecture. It is one of the seven wonders of modern world. It guards ancient and spectacular monuments such as the Pyramid of Kukulkan, the Caracol (an astronomical observatory), the Temple of the Warriors and seven courts for the Ball Game, an almost sacred sport that had been practiced for over three thousand years ● by pre-Columbian peoples.

Alitalia offers three weekly flights (Tuesdays, Thursdays, Sundays) connecting Rome Fiumicino and Mexico City. The flights use a Boeing 777 and feature three cabin classes (Business, Premium Economy and Economy) with a total of 293 seats. Discover all the travel opportunities on alitalia.com

Memoria storica e calda ospitalità si fondono nel boutique hotel della famiglia Cuevas, nel cuore di Playa del Carmen. Solo 27 raffinate camere e suite e spazi comuni intimi e accoglienti. Indirizzo: Quinta Avenida, Lte 8, Zazil-ha, Playa del Carmen, Q.R., tel. +52 984 2673501 www.casaticul.com/en/ The Cuevas family’s boutique hotel is a combination of historical memory and warm hospitality in the heart of Playa del Carmen. Only 27 refined rooms and suites with intimate and welcoming common areas. Hotel Nueva Vida de Ramiro

Eco-lodge immerso nel verde e affacciato sulla magnifica spiaggia a Sud del Castillo di Tulum. Con 32 bungalows diversi tra loro per allestimento, dimensione e prezzo e una steakhouse con cucina argentina. Indirizzo: Carretera Tulum, Bocapaila km. 8.5, Tulum, Q.R., tel. +52 984 8778512 tulumnv.com Eco-friendly lodges intertwined with nature which overlook the wonderful beach south of the Castillo in Tulum. It features 32 bungalows with different furnishing, size and price and a steakhouse serving traditional Argentine dishes.

ULISSE _ settembre 2016 _

85


Happyend

Consigli per rendere più dolce la vita Suggestions for a better life

Il Festival di Venezia e i 7 film che l’hanno esaltato Il cinema racconta chi siamo, dove siamo stati, dove stiamo andando. Lo fa con la forza della parola e la potenza delle immagini. La Mostra Internazionale del Cinema ne scandisce il tempo ormai da 73 edizioni. Ecco i sette film più significativi della storia della manifestazione, scelti dal direttore Alberto Barbera The Venice Film Festival and the 7 films that enhanced it Cinema talks about us, it tells us where we were, where we are going. It does so with the strength of the word and the power of images. The Venice International Film Festival has been marking its time for 73 editions now. Here are the seven most important films in the Festival’s history, chosen by director Alberto Barbera

Chi ha scelto per Ulisse? Alberto Barbera, critico cinematografico e direttore artistico della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. WHO IS THE MAN WHO CHOSE FOR ULISSE? Alberto Barbera, film reviewer and artistic director of the Venice International Film Festival.

ULISSE _ settembre 2016 _

89


Happyend 1

La grande illusione

Il capolavoro del Maestro francese, ode al pacifismo La grande illusione (La grande illusion) regia di Jean Renoir (1937), sceneggiatura di Charles Spaak e Jean Renoir, con Jean Gabin, Dita Parlo, Pierre Fresnay, Erich Von Stroheim. Premio per il miglior complesso artistico – 5. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia (1937). Uno dei maggiori film pacifisti, realizzato dal più grande regista francese alla vigilia della Seconda guerra mondiale. La Grande Illusion directed by Jean Renoir (1937), screenplay by Charles Spaak and Jean Renoir starring Jean Gabin, Dita Parlo, Pierre Fresnay, Erich Von Stroheim. Award for best artistic ensemble – 5th edition Venice International Film Festival (1937). One of the main anti-war films, directed by the greatest French director on the eve of World War II.

Paisà Uno dei film che ha fatto la storia del cinema italiano Paisà di Roberto Rossellini (1946), sceneggiatura di Sergio Amidei, Roberto Rossellini, Federico Fellini. Girato con attori prevalentemente non professionisti oltre alla prima apparizione di Giulietta Masina. I tre sceneggiatori, Amidei, Rossellini e Fellini avevano lavorato insieme a Roma Città Aperta. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1946), il Leone d’oro andò a L’uomo del sud di Jean Renoir. Forse il capolavoro della “trilogia della guerra” di Rossellini. Uno dei più grandi film del Neorealismo italiano. Paisà by Roberto Rossellini (1946), screenplay by Sergio Amidei, Roberto Rossellini, Federico Fellini. Starred by mostly non-professional actors and featuring the first on screen appearance of Giulietta Masina. The three authors, Amidei, Rossellini and Fellini had already worked together in Rome, Open City. Venice International Film Festival (1946): the Golden Lion went to The Southerner by Jean Renoir. Probably the masterpiece of the “trilogy of war” by Rossellini. One of the greatest films of Italian neo-realism.

90

_ ULISSE _ settembre 2016

2


3

Blade Runner

Quando la fantascienza fa scuola e storia Blade Runner di Ridley Scott (1982), sceneggiatura di Hampton Fancher e David Webb Peoples, con Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young, Daryl Hannah. Fuori Concorso - Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1982). Quell’anno il Leone d’oro fu vinto da Lo stato delle cose di Wenders. Il film che ha gettato le basi della fantascienza contemporanea e che ha anticipato più cose sul nostro futuro. Blade Runner by Ridley Scott (1982), screenplay by Hampton Fancher and David Peoples, starring Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young, Daryl Hannah Out of Competition – Venice International Film Festival (1982). That year The State of Things by Wim Wenders won the Golden Lion. The movie laid the foundation of contemporary science fiction and predicted many features of our future.

4

Gloria

L’indiscusso ispiratore della scena indie americana

Gloria di John Cassavetes (1980), sceneggiatura di John Cassavetes, con Gena Rowlands, John Adames, Buck Henry. Leone d’oro – 37. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia (1980). La consacrazione di John Cassavetes, grande attore e straordinario protagonista del cinema indipendente americano.

ASAC DATI

Gloria by John Cassavetes (1980), screenplay by John Cassavetes, starring Gena Rowlands, John Adames, Buck Henry. Golden Lion – 37th Venice International Film Festival (1980) The consecration of John Cassavetes, great actor and extraordinary figure of American independent cinema.

ULISSE _ settembre 2016 _

91


Happyend 5

Il vento ci porterà via Dall’Iran, forse il meglio di Kiarostami

Il vento ci porterà via (Bad ma ra khahad bord) di Abbas Kiarostami (1999), sceneggiatura di Abbas Kiarostami, con Behzad Dorani. Gran Premio della Giuria – 56. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1999). Quell’anno il Leone d’oro andò a Zhang Yimou e il suo Non uno di meno. Uno dei 3-4 capolavori assoluti di uno dei più grandi registi contemporanei, che ha cambiato il nostro modo di guardare il mondo e la sua rappresentazione. The Wind Will Carry Us (Bad but ra khahad bord) by Abbas Kiarostami (1999), screenplay by Abbas Kiarostami, starring Behzad Dorani. Grand Jury Prize – 56th Venice International Film Festival (1999). That year the Golden Lion went to Zhang Yimou with his Not One Less. One of the 3-4 masterpieces by one of the greatest contemporary directors, who changed our perception of the world and the way we portray it.

6

7

Rashomon

Kurosawa al suo meglio, copiato e ammirato

La battaglia di Algeri Un “asso” del grande schermo del Belpaese La Battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo (1966), sceneggiatura di Franco Solinas, con Brahim Haggiag, Jean Martin, Yacef Saadi. Leone d’oro – 27. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1966). Forse il Leone d’oro assegnato tra le maggiori polemiche. Un film di straordinaria attualità che non ha perso nulla della sua potenza espressiva originaria. The Battle of Algiers by Gillo Pontecorvo (1966), screenplay by Franco Solinas, starring Brahim Haggiag, Jean Martin, Yacef Saadi. Golden Lion – 27th Venice International Film Festival (1966). Probably the most controversial awarding of the Golden Lion. A film of extraordinary modernity that still maintains its original expressive power.

92

_ ULISSE _ settembre 2016

Rashomon di Akira Kurosawa (1950), sceneggiatura di Akira Kurosawa e Shinobu Hashimoto, con Toshiro Mifune, Machiko Kyo, Masayuki Mori. Leone d’oro – 12. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia (1951). Il film che ha rivelato al mondo l’esistenza del cinema giapponese fino a quel momento ignorata. Uno dei tanti capolavori di Akira Kurosawa.

Rashomon by Akira Kurosawa (1950), screenplay by Akira Kurosawa and Shinobu Hashimoto, starring Toshiro Mifune, Machiko Kyo, Masayuki Mori. Golden Lion – 12th Venice International Film Festival (1951). The film that revealed the previously unknown existence of Japanese cinema to the world. One of the many masterpieces by Akira Kurosawa.


Happyend âž? Moda Uomo

Oltremodo

a cura di Renata Molho

Caduti i confini tra i generi, ricami, decori e colori tenui fanno del guardaroba maschile un territorio neutro e divertente, nel quale si può giocare con i segni un tempo relegati unicamente alla sfera femminile Gone are boundaries between genres: embroidery, decorations and soft colors make the male wardrobe a neutral and fun place to be, where you can mix and match things which were once the sole province of the female world 2

Fendi Voglia di tenerezza Borsa rettangolare in morbido shearling con disegno cartoon style. www.fendi.com Rectangular bag in soft shearling with cartoon-style pattern.

1

Dsquared2 Pants and Kilt Bomber in lana, impreziosito da ricami a motivo floreale e dettagli in seta. Pantalone-kilt in lana stretch admiral. www.dsquared2.com Bomber jacket in wool, embellished with floral patterned embroideries and silk details. Stretch wool tartan trousers.

94

_ ULISSE _ settembre 2016

3

Louis Vuitton Grafismi alla Cocteau Seta lucida per la camicia con decori, pantaloni in cotone, stringate in pelle e foulard. www.louisvuitton.com Shiny silk shirt with embellishments, cotton trousers, leather lace-up shoes and scarf.


hanno collaborato Valeria Oneto e Monica Codegoni Bessi

6

4

Versace

Saint Laurent Paris

Sinfonia in lilla Cappotto lungo in cashmere, dolcevita in lana, giacca e pantaloni in lana e seta. In un’intensa tonalità di lilla.

Ornamental feeling Giubbotto con decori in velluto, camicia in seta, jeans skinny, cappello di feltro e stivali in velluto.

www.versace.com

www.ysl.com Jacket with velvet trim, silk shirt, skinny jeans, felt hat and velvet boots.

5

Dior Homme Eclettismo urbano Felpa a scacchi, pantaloni con rose stampate, berretto nero con visiera e stringate con fibbia. www.dior.com Checkered sweatshirt pants with printed roses, black peaked cap, and lace-up shoes with buckle.

Long coat in cashmere, wool turtleneck, jacket and trousers in wool and silk. In strong lilac shades.

ULISSE _ settembre 2016 _

95


Happyend ➝ Moda Donna

Attitude Maschile a cura di Renata Molho

Uno degli infiniti modi di esprimersi della femminilità: la moda del prossimo inverno sceglie materiali, forme e colori che appartengono convenzionalmente all’universo maschile One of the infinite expressions of femininity: for next winter fashion “chooses” materials, shapes and colors which traditionally belong to the men’s style

Polo Ralph Lauren Diane Keaton Style Il cappello di feltro sullo spigato grigio del blazer in lana. www.ralphlauren.com A felt hat teamed with a gray twill wool blazer.

2

1

Emilio Pucci Black & Colors Giacca in seta misto lana con stampe che interrompono il rigore. Top e leggings in tessuto tecnico. www.emiliopucci.com Silk/wool blend jacket with prints. Top and leggings in technical fabric.

96

_ ULISSE _ settembre 2016

3

Tod’s Fox lady Giacca in morbida pelle di vitello con collo in volpe. In seta la camicia e la gonna con inserti colorati. www.tods.com Jacket in soft calfskin with fox fur collar. Silk shirt and skirt with colored inserts.


hanno collaborato Valeria Oneto e Monica Codegoni Bessi

4

Chloé Biker chic Nero, rosso e giallo per il completo in pelle da biker.

Giorgio Armani Another way Collana papillon in plexi sul tailleur floreale.

www.chloe.com

www.armani.com

Black, red and yellow for the bikers’ leather outfit.

6

5

Max Mara Echi anni ‘80 Gessato maschile per la giacca doppiopetto e il pantalone ampio in lana, guanti e stringata con dettagli in cavallino www.maxmara.com Man’s double-breasted pinstriped jacket and large wool pants, gloves and laced shoes with pony skin details.

“Papillon” necklace in plexiglass matched with a floral patterned suit.

ULISSE _ settembre 2016 _

97


Happyend

TimeLife

Lo stile al polso I loro nomi risaltano nei paddock, a cura di Daniela Fagnola sulle monoposto e sulle tute dei piloti (anche a Monza). In pole position in Formula Uno, le case di orologeria sponsorizzano le principali scuderie. E realizzano esemplari dedicati: in versione basic o hi-tech, comunque performanti Their names stand out in the paddocks, on the single-seater racing cars, and on the drivers’ overalls (also in Monza). In pole position in Formula One, the watchmaking brands sponsor the principal constructors. And they create unique time pieces: either basic or hi-tech but nevertheless well-performing

Renault Sport F1 Bell & Ross Segna l’esordio del brand francese in F1 il BR-X1 RS16: un cronografo con movimento automatico scheletrato e cassa (45 mm di lato) in carbonio forgiato, titanio e ceramica. Prodotto in 250 esemplari, è anche al polso di Magnussen e Palmer. www.bellross.com The French brand makes its debut in F1 with the BR-X1 RS16: a chronograph with automatic skeletonized movement and a case (45 mm) in forged carbon, titanium and ceramics with a production run of just 250 pieces, it is worn also by Magnussen and Palmer.

McLaren-Honda F1 Haas F1 Richard Mille

Red Bull Racing F1 TAG Heuer Da un anno cronometrista ufficiale del team, il Marchio elvetico ha creato il cronografo Formula Uno Red Bull Racing con la livrea della monoposto. Nella cassa (43 mm di diametro) in acciaio, impermeabile fino a 20 atm, monta un movimento al quarzo Swiss made. www.tagheuer.com The team’s official timekeeper since last year, the Swiss brand created the Formula One Red Bull Racing chronograph featuring the racing car’s livery. The case (43 mm) in stainless steel is water resistant to 20 atm and features a Swiss made quartz movement.

98

_ ULISSE _ settembre 2016

Partner di due scuderie, la Maison svizzera dal 2014 vanta tra i suoi ambasciatori Romain Grosjean. Come il collega Gutiérrez, indossa l’RM 011 Quartz TPT Rosso: un cronografo iper-tecnologico con la cassa (40x50 mm) in un esclusivo materiale e il movimento automatico scheletrato con funzione flyback, calendario annuale, grande datario e conto alla rovescia. In 50 esemplari, solo nelle boutique monomarca. www.richardmille.com Partner to two constructors, since 2014 the Swiss Maison has been boasting Romain Grosjean among its ambassadors. Like his colleague Gutiérrez, he wears the Red RM 011 Quartz TPT: a hyper-tech chronograph with a case (40x50 mm) in an exclusive material with skeletonized automatic movement, flyback function, annual calendar, large date display and countdown. With a production run of just 50, it is sold only in the single-brand boutiques.


Happyend La casa si popola di oggetti smart, come l’umanoide di Asus e il proiettore connesso di ZTE, che abbinano entertainment e avanzati servizi digitali. Da Lenovo il primo smartphone con la realtà aumentata di Google

HiTech

La tecnologia fatta su misura

a cura di Gianni Rusconi

The house is filled up with smart objects, such as the humanoid robot by Asus and the smart projector by ZTE, which combine entertainment and advanced digital services. From Lenovo are the first smartphones with Google’s augmented reality Lo smartphone con la realtà aumentata Lenovo Phab 2 Pro Il pezzo forte di questo super telefono da 6,4 pollici, primo al mondo a dotarsi della tecnologia Project Tango di Google, sono le due fotocamere aggiuntive che rilevano la presenza fisica degli oggetti nello spazio circostante. Lo si compra online a 499 dollari. www.lenovo.com The finest parts of this super 6.4 inches phone, the first in the world to adopt the Google Project Tango technology, are the two additional cameras that detect the physical presence of objects in the surrounding area. It is sold online for $ 499.

Il robot domestico che comanda il Tv Asus Zenbo Un gadget originale ma anche un utile assistente per le attività quotidiane. Può fornire informazioni sugli eventi, raccontare storie ai bambini, fare da videocamera di sorveglianza, scattare foto e controllare i dispositivi smart presenti in casa. Il suo prezzo di lancio nel mondo è di 599 dollari. www.asus.com An original gadget which is also useful for daily activities. It can provide information on events, tell stories to your children, act as a surveillance camera, take photographs and control smart devices in your house. Its price for the launch worldwide is $ 599.

Intrattenimento e oltre con il proiettore multifunzione Zte Spro2 È un dispositivo unico nel suo genere, e non solo per il sistema operativo Android. Grazie alla connettività 4G/Wi-Fi integrata permette di scaricare e visualizzare in streaming contenuti digitali proiettandoli in formato HD su una parete fino a 120 pollici di superficie. Funziona anche da hot-spot wireless. www.zteusa.com It is a unique device of its kind, and not just for the Android operating system. Thanks to its integrated 4G / Wi-Fi connectivity, you can download and view streaming digital contents whilst projecting them in HD on to a wall of up to120 square inches. It also works as a wireless hot-spot.

100

_ ULISSE _ settembre 2016


Preoccupato per la perdita dei capelli? Una pillola può far crescere i tuoi capelli e la tua autostima La perdita dei capelli può essere un incubo. Può farti sembrare meno attraente e limitarti. Con la loro pillola TRX2 gli scienziati di Oxford promettono di rendere questo un ricordo del passato. La pillola TRX2 è sostenuta da studi scientifici all’avanguardia ed è stata accuratamente testata. Secondo uno studio TRX2 funziona per l’87 % di uomini e donne. Tre degli ingredienti chiave in TRX2 sono ufficialmente riconosciuto dalla Commissione Europea come un contributo al mantenimento di capelli sani normali. I risultati sono impressionanti. TRX2 è attualmente l’integratore contro la perdita di capelli più popolare d’Europa ed è venduto in oltre 100 paesi. E’ adatto a uomini e donne di tutte le età. Il suo costo è di circa 49 € a flacone/mese. Il produttore offre una garanzia di rimborso se si ordina tramite il sito ufficiale di TRX2 e spedisce in tutto il mondo. Per il 2016, Oxford Biolabs ha introdotto una nuova, avanzata gamma di attualità TRX2, per un doppio impatto sui problemi di capelli - dall’interno e dall’esterno.

Tired of thinning hair? How a pill can boost your hair and self-confidence. For many people, losing their hair is an annoyance, which can lead to the loss of self-esteem. Scientists in Oxford promise that they can make it a thing of the part. Their pill TRX2 is currently one of Europe’s best-selling hair supplements and is sold in over 100 countries. TRX2 is a food supplement based on organic compounds and, compared to medicinal products, has no side effects whatsoever. According to a pre-clinical study conducted by scientists, TRX2 works for 87% of men and women. Three of the key ingredients in TRX2 are officially recognized by the European Commission as contributing to the maintenance of normal healthy hair. The effects can be impressive. Start TRX2 as early as possible in order to address your hair problem before the problem takes over. TRX2 is suitable for men and women of all ages. The cost is approximately €49 per bottle/month. The manufacturer offers a money-back guarantee if ordered via TRX2’s official website, and ships worldwide. For 2016, Oxford Biolabs introduces a new, advanced TRX2 topical range, for a double impact on hair issues - from the inside and from the outside.

International:

+44 800 808 5251 www.tiny.cc/TRX2-UL Oxford Biolabs Ltd, The Oxford Science Park, Oxford, UK


Happyend

Engines

Novità dal mondo dei motori La spaziosità e il comfort di una monovolume a cura di Luigi Massari e la possibilità di scegliere fra le due o le quattro ruote motrici: il riuscito mix di queste caratteristiche è il segreto del successo delle moderne crossover Nissan Qashqai

The spaciousness and comfort of an MPV and the opportunity to choose between the two or four-wheel drive: the secret of the success of the modern crossovers lies in this successful combination

Una decina d’anni fa, nel 2007, ha praticamente “inventato” le attuali crossover, imponendo sui SUV l’alternativa a due ruote motrici accanto alla trazione integrale. L’idea ha avuto un successo clamoroso e naturalmente il concetto è stato riproposto con l’attuale generazione che ha esordito nel 2013. Sulla quale le 4 ruote motrici sono disponibili unicamente in associazione al motore diesel. www.nissan.it A decade ago, in 2007, Nissan practically “invented” the current crossovers, introducing in the SUVs an alternative to the four-wheel drive: the two-wheel drive. This idea was a resounding success and was seamlessly incorporated into the current generation, launched in 2013, where the four-wheel drive is available only in conjunction with the diesel engine.

Toyota C-HR

Seat Ateca Il primo SUV della Casa spagnola deriva dalla Volkswagen Tiguan, ma è più corta di una dozzina di centimetri, caratteristica che ne favorisce la maneggevolezza. La gamma motori soddisfa le esigenze più varie: due benzina e due diesel (da 115 a 150 cv), trazione anteriore o integrale. La versione di punta è una 4x4 con motore turbodiesel e cambio automatico da ben 190 cv. www.seat-italia.it The first Spanish marque SUV has evolved from the Volkswagen Tiguan. It is 12 centimeters shorter, a feature that makes it easier to handle. The engine range meets the most demanding and different needs: two petrol and two diesel versions (from 115 to 150 hp), front or 4 wheel drive. The flagship model is the 4x4 with turbo diesel engine and automatic transmission with 190 hp. 102

_ ULISSE _ settembre 2016

Il coraggioso connubio delle linee di una monovolume con quelle di una coupé dà forma a una crossover dalla forte personalità. È proposta con propulsione ibrida di ultima generazione e con un motore a benzina, turbo di 1.2 litri con 115 cv. Per la Hybrid è prevista unicamente la trazione anteriore, quella a benzina sarà invece sia a 2 sia a 4 ruote motrici. www.toyota.it The daring combination of the MPV design with that of a coupe gives birth to a crossover with a strong personality. It comes with both the latest generation of hybrid drive or a petrol 1.2 l. turbo engine with 115 hp. The Hybrid model is available only with front-wheel drive, while the petrol engine version will feature 2 or 4-wheel drive.


Happyend

1

La Mer

Bellissima

The Moisturising Soft Lotion Una texture inaspettata e un nuovo livello di performance per la versione “weightless” dell’iconica Crème de La Mer.

a cura di Marzia Ciccola

SEPTEMBER ISSUE Rivoluzioni ed evoluzioni: come nella moda, anche la bellezza si presenta all’avanguardia, tra rivisitazioni di icone storiche e nuove textures

www.lamer.com An unexpected texture and a new level of performance for the “weightless” version of the iconic Crème de La Mer.

2

SEPTEMBER ISSUE Revolutions and evolutions: as with fashion, now beauty is cutting-edge with reinterpretations of legendary icons and new textures

As easily usable as a cream treatment but with a lustrous finish, a combination of inkiness for lips, a lipstick and a gloss. It comes in a range of 12 “electric” colors for lipstick addicted women.

Yves Saint Laurent Beauté 3

Chanel N°5 L’Eau Il N°5 non è semplicemente un profumo. È la rappresentazione olfattiva della femminilità, dell’eleganza e della modernità. Dal 1921, quando Ernest Beaux creò L’Extrait e tre anni dopo l’Eau de Toilette, a oggi. Nel 1986 Jacques Polge crea l’Eau de Parfum e 22 anni dopo L’Eau Première. Oggi è Olivier Polge a reinventare il N°5, con N°5 L’Eau: un nuovo equilibrio, con radici nella modernità e lo sguardo al futuro. Un N°5 di oggi, mai così naturale e mai così fresco. www.chanel.com The N°5 is not just a perfume. It has been the olfactory representation of femininity, elegance and modernity since 1921, when Ernest Beaux created the Extrait and the Eau de Toilette three years later. In 1986, Jacques Polge created the Eau de Parfum, and The Eau Premiere 22 years later. Today Olivier Polge reinvents the N°5, with the N°5 L’Eau: a new balance, with roots in modernity and an eye to the future. A modern N°5, that has never been so natural and so fresh.

104

_ ULISSE _ settembre 2016

Vernis à Lèvres Vinyl Cream Confortevole come un trattamento in crema ma brillante come il vinile, un mix tra un inchiostro per labbra, un rossetto e un gloss. Per labbra addictive in 12 colori elettrici. ww.yslbeauty.com


PALM BEACH RESORT & SPA MALDIVE La meta ideale per una vacanza di supremo piacere. Immersi in acque cristalline e circondati da palme, aironi e pesci tropicali. Avvolti da polvere di corallo e inebriati dal profumo dei fiori selvatici.

SPECIALE AUTUNNO quote a partire da â‚Ź 1.870 con voli Alitalia - partenze dal 05/09 al 23/11 prenotazioni entro il 30 settembre 2016

#solonellemiglioriagenziediviaggio Scopri di piĂš sul sito www.sportingvacanze.it


Happyend

Uomo inVogue a cura di Marzia Ciccola

Paco Rabanne One Million Privé Mai scontata, la fragranza è arricchita da un nuovo twist raro e prezioso, elegante e frivolo al tempo stesso.

VIAGGI OLFATTIVI Dedicati alle metropoli urbane o ispirate a sentori agresti, trasportano la mente in luoghi indefiniti, del corpo come dell’anima

www.pacorabanne.com Never predictable, the fragrance is enriched by a new rare and precious twist, simultaneously both elegant and frivolous.

OLFACTORY JOURNEYS Inspired by the metropolis or by rural scents which transport you to undefined places, of the body as well as the soul Acqua di Parma Colonia Quercia Tra i sentori di sottobosco del Piemonte, protagoniste querce secolari, simbolo di nobili casate, coraggio e dignità. www.acquadiparma.com Amongst the Piedmont woodland scents are those of centuries-old oaks, symbols of noble houses, courage and dignity, underlining the notes of this fragrance.

Z Zegna Cities Collection Tre fragranze dedicate all’uomo che viaggia, create a seconda della “destinazione”: Milano, New York e Shanghai. www.zegna.com Three fragrances for the male traveller, created according to the “destination”: Milan, New York and Shanghai.

106

_ ULISSE _ settembre 2016

Van Cleef & Arpels In New York Omaggio alla città per antonomasia la prima fragranza maschile del marchio haute de gamme, che ne vuole ricordare i luoghi iconici. www.vancleefarpels.com It is a tribute to the city par excellence. The first fragrance for men by the top end brand is a tribute to the iconic places of the city.


Happyend

hanno collaborato Valeria Oneto e Monica Codegoni Bessi

Pack for Him Che cosa regalare a Lui

a cura di Renata Molho Boggi Milano Forever and Everywhere Visioni sartoriali dalle atmosfere vintage con il doppiopetto in lana check. www.boggi.it

Bottega Veneta Retrò Occhiali da sole dalla montatura in acetato sfumato e metallo con profili in microintrecciato. www.bottegaveneta.com Sunglasses with a light acetate frame with weaving – patterned sidebars.

Atmospheric vintage tailoring vision with a checkered wool double-breasted jacket.

Clarisonic Viso perfetto Alpha Fit, sistema di pulizia studiato per la pelle maschile. www.clarisonic.it Alpha Fit, the cleansing system created for men’s skin.

Berwich Extra soft Due eccellenze italiane si incontrano per Manopesca, linea di pantaloni in gabardina ultra morbidi e dalla confortevolezza estrema grazie a 87 fasi di lavorazione e una particolare tecnica di finissaggio nata dalla collaborazione tra l’azienda pugliese leader nella produzione di comfortable pants Made in Italy, con l’azienda cotoniera Tessuti di Sondrio. Ricerca, qualità e tradizione in 30 colori. www.berwich.com

Masel Italian Style Qualità artigianale per le cravatte personalizzabili nei tessuti, forme e dettagli a richiesta. www.masel.me Handmade quality ties that can be customized in their fabrics: shapes and details on request.

108

_ ULISSE _ settembre 2016

Two excellent Italian houses combine peach-soft fabrics to create a line of ultra soft gabardine trousers of exceptional comfort thanks to 87 processing stages and a special finishing technique born out of the collaboration between the Apulian manufacturer – a leader in the “Made in Italy” comfor table trousers – and the cotton company Tessuti di Sondrio. Research, quality and tradition coming together in 30 colors.


Happyend

Giamba Urban dancer

hanno collaborato Valeria Oneto e Monica Codegoni Bessi

Pack for Her Che cosa regalare a Lei

a cura di Renata Molho

Sognante e aggressiva con il dress nuvola e il bomber con stampa writing. www.giambattistavalli.com Dreamy and aggressive with a cloud-like dress and a bomber jacket decorated with print.

Dolce&Gabbana We are family Forme mini per la borsa Dolce Box con sfondo leopardato e patch DG Family. www.dolcegabbana.com

Church’s

Mini shapes for the Dolce Box bag with leopard print and DG Family patch.

Silver addiction Sneaker in argento con l’innovativo fondo a cassetta che riprende il leitmotiv della suola “dainite” del marchio.

Hogan In sella In moto, ma anche per le strade della metropoli, con la giacca in pelle imbottita con zip. www.hogan.com Silver-colored sneaker with the innovative rubber sole that echoes the leitmotiv of the brand’s “dainite” sole.

On a motorbike, on the streets of a large city, with a padded leather jacket with zip.

www.church-footwear.com

Sonia Rykiel X Lancôme Joie de vivre parigina Due storiche maison francesi per una collezione in edizione limitata di prodotti make up effortless chic.

110

_ ULISSE _ settembre 2016

Two historic French fashion maisons combine to create a limited edition collection of effortless chic makeup products. www.lancome-usa.com


www.beviresponsabile.it


Happyend ➝ Explore

Yas Marina Circuit, Abu Dhabi Sport e divertimento — Sport and fun

GP F1 ABU DHABI: EMOZIONI IN PISTA... E NON SOLO!

Volare dall'altra parte del mondo

Si avvicina l’appuntamento con l’ottava edizione del Gran Premio di Formula 1 Etihad Airways Abu Dhabi 2016. La gara, che si svolgerà dal 25 al 27 novembre sul circuito di Yas Marina, potrebbe essere decisiva per l’assegnazione del prestigioso titolo di campione di F1. Quest’anno un motivo in più per non perdere la spettacolare competizione sarà l’intenso programma di intrattenimento che culminerà con le esibizioni di star mondiali come Rihanna e The Chemical Brothers. Il leggendario duo inglese si esibirà il 25 novembre sul palco dell’Arena ed è pronto a far scatenare tutti gli amanti del sound elettronico. I fan di Rihanna potranno invece ammirare la carismatica artista americana dopo la gara, domenica 27 novembre, nell’unica tappa mediorientale del suo “Anti World Tour”. visitabudhabi.ae/it

Alitalia ed Etihad Airways mettono a disposizione 35 collegamenti settimanali tra l’Italia e Abu Dhabi. Da qui i viaggiatori possono approfittare di comode connessioni verso 37 destinazioni servite in partnership da Alitalia ed Etihad Airways per raggiungere i Paesi del Medio Oriente, Africa, Asia e Australia. Visitando l'Australia scoprirete più di 11.000 spiagge, mondi subacquei multicolore e ambienti naturali tra i più suggestivi ed eterogenei del mondo. Con Alitalia ed Etihad Airways da Abu Dhabi potrete raggiungere Sydney (11 frequenze settimanali), Melbourne (2 frequenze giornaliere) e Perth (1 servizio giornaliero). AZ 856

MILANO MALPENSA — ABU DHABI

MILAN MALPENSA - ABU DHABI

AZ 857

Giornaliero - Daily

Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 22:10 Arrivo / Arrival 06:15* AZ 858

VENEZIA — ABU DHABI

VENICE - ABU DHABI

Partenza / Departure 08:45 Arrivo / Arrival 13:25 AZ 859

Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 02:15 Arrivo / Arrival 06:45

ROMA FIUMICINO — ABU DHABI

ROME FIUMICINO - ABU DHABI

ABU DHABI — VENEZIA

ABU DHABI - VENICE Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 12:00 Arrivo / Arrival 20:00 AZ 852

ABU DHABI — MILANO MALPENSA

ABU DHABI - MILAN MALPENSA

AZ 853

Giornaliero - Daily

ABU DHABI — ROMA FIUMICINO

ABU DHABI - ROME FIUMICINO Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 11:20 Arrivo / Arrival 19:10

Partenza / Departure 02:25 Arrivo / Arrival 06:55

Ey 88

MILANO MALPENSA — ABU DHABI

MILAN MALPENSA - ABU DHABI

Ey 81

Giornaliero - Daily

Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 10:55 Arrivo / Arrival 19:20 Ey 84

ROMA FIUMICINO — ABU DHABI

ROME FIUMICINO - ABU DHABI Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 22:00 Arrivo / Arrival 06:05* ˚Giorno successivo — Following day

ABU DHABI — MILANO MALPENSA

ABU DHABI - MILAN MALPENSA Partenza / Departure 02:45 Arrivo / Arrival 07:40

Ey 83

ABU DHABI — ROMA FIUMICINO

ABU DHABI - ROME FIUMICINO Giornaliero - Daily

Partenza / Departure 08:45 Arrivo / Arrival 13:10 Orario estivo. Voli Etihad Airways in Codeshare con Alitalia— Summer Schedule. Etihad Airways lights in Codeshare with Alitalia

Fly to the other side of the world

Alitalia and Etihad Airways provide 35 weekly connections between Italy and Abu Dhabi. From Abu Dhabi passengers can take advantage of convenient connecting flights to 37 destinations operated by Alitalia and Etihad Airways to reach countries in the Middle East, Africa, Asia and Australia. Visiting Australia you'll discover a welcoming country and plenty of opportunity for fun. There are more than 11,000 beaches to relax on, multicolored underwater worlds to discover, and nature to explore that is among the most beautiful and diverse in the world. From Abu Dhabi, Alitalia and Etihad Airways fly to Sydney (11 weekly frequencies), Melbourne (2 daily flights) and Perth (1 daily flight).

TCA ABU DHABI

Orario estivo. Voli Alitalia in Codeshare con Etihad Airways — Summer Schedule. Alitalia lights in Codeshare with Etihad Airways

GP F1 ABU DHABI: EXCITEMENT ON THE TRACK ... AND MORE! The 8th edition of the Formula 1 Ethiad Airways Abu Dhabi Gran Prix is approaching. The race, which takes place between November 25-27 at the Yas Marina Circuit, could be decisive in the battle to win the F1 championship. This year, there is a further reason not to miss this competition: the rich entertainment program that will culminate with the performances of Rihanna and The Chemical Brothers. The legendary English duo is set to perform at the Arena on November 25 and is ready to make the fans of electronic music go wild. Rihanna’s fans will applaud the charismatic American artist in her after-race concert, Sunday November 27, the only Middle East date of her “Anti World Tour”. ULISSE _ settembre 2016 _

113


Happyend ➝ Address ➝ DÜSSELDORF LE CITTÀ pOSSIBILI

D’Vine In alto i calici Locale wine-oriented con tanti vini tedeschi, serviti anche al bicchiere, e una ricercata cucina creativa curata dallo chef Christoph Suhre. Indirizzo: Lorettostrasse 23, tel. +49 211 54357428 www.d-vine.de Wine-oriented hangout offering a wide list of German wines – served also by the glass- and a refined and creative cuisine by chef Christoph Suhre. It features contemporary furnishings and objets d’art.

Düsseldorf, la capitale del land Reno-Westfalia, non è solo il motore dell’economia regionale ma anche una vivace e ospitale città ricca di vita notturna. A seguire Pisa, dove storia, gusto e capolavori dell’architettura si sposano nella migliore tradizione Düsseldorf is the capital of the North Rhine-Westphalia, and is not just the beating heart of the regional economy, it is a lively and welcoming city with a vibrant nightlife. Following, Pisa, where history, taste and architectural masterpieces combine with tradition

Wehrhahn

Metro d’autore La nuova linea Wehrhahn della metro porta in viaggio tra schermi Led, colori, animazioni 3D e performance audio-visive. Da non perdere le sei stazioni, realizzate da altrettanti artisti.

Langen Foundation La base dell’arte In un’ex base NATO, in un edificio progettato da Tadao Ando, c’è una bella collezione privata dedicata all’arte orientale, moderna e contemporanea. In mostra, Cezanne, Warhol, Rothko, Bacon e il Gruppo Zero. Indirizzo: Raketenstation Hombroich 1, Neuss, tel. +49 2182 57010 www.langenfoundation.de In a former NATO base, inside a building designed by Tadao Ando, is a beatuful private collection dedicated to oriental, modern and contemporary art. On display: Cezanne, Warhol, Rothko, Bacon and the Zero Group.

The new Metro Wehrhahn Line lets you travel between Led screens, colors, 3 animations, and audio-visual performances. Do not miss the six stations, each of which has been made unique with a contribution from a different artist.

Innside Düsseldorf Hafen Un mondo di colori

Design hotel all’interno del Colorium, edificio simbolo del quartiere culturale di Medienhafen e landmark cittadino con i suoi 17 piani e duemila pannelli di vetro colorato. Indirizzo: Speditionstrasse 9, tel. +49 211 447170 www.melia.com A design hotel within the Colorium, it is the iconic building of the cultural district of Medienhafen and is a city landmark with its 17 floors and two thousand colored glass panels.

Patrick’s Seafood No. 1 Dalla Bretagna con amore

Ristorante di pesce tra i più amati, dove Patrick Le Guern, bretone doc, propone frutti di mare, ostriche e astici di eccellente qualità. Indirizzo: Kaistrasse 17, tel. +49 211 6179988 www.seafood1.de One of the best loved and popular fish restaurants, where Patrick Le Guern, an authentic Breton, always offers the freshest and highest quality seafood, including oysters and lobsters.

Alitalia collega Düsseldorf con due voli giornalieri, uno da Roma Fiumicino e uno da Milano Linate. A questi servizi si aggiungono 106 frequenze settimanali operate in codeshare da Alitalia e airberlin da Düsseldorf per: Venezia (3 voli giornalieri), Firenze (3 voli giornalieri), Roma (2 voli giornalieri), Milano Linate (17 frequenze settimanali), Bologna (20), Catania (4), Olbia (4), Napoli (4), Rimini (1). Visita alitalia.com per scoprire tutte le opportunità di viaggio.

Alitalia offers two daily flights to Düsseldorf, one from Rome Fiumicino and one from Milan Linate. These flights are to be added to the 106 weekly connections operated in codeshare by Alitalia and airberlin from Düsseldorf to Venice (3 daily flights), Florence (3 daily flights), Rome (2 daily flight), Milan Linate (17 weekly flights), Bologna ( 20), Catania (4), Olbia (4), Napoli (4), Rimini (1). Visit alitalia.com to discover all travel opportunities. ULISSE _ settembre 2016 _

115


GRAZIE ALLE 20 COMPAGNIE PARTNER DELL’ALLEANZA, SKYTEAM VI APRE LE PORTE DEL MONDO. Non c’è niente di meglio che viaggiare per incontrare nuove persone, sviluppare relazioni commerciali, scoprire idee, culture, sogni e desideri. I grandi viaggiatori sanno esattamente quante ispirazioni può offrire un bel viaggio, così come le 20 compagnie aeree SkyTeam sanno esattamente come farvi raggiungere nel modo più semplice più di 1.060 destinazioni, anche quelle più remote. Quando siete in viaggio fate una sosta rilassante in una delle nostre lounge, più di 670 in tutto il mondo, e sarete subito pronti a spiccare nuovamente il volo. Tutto ciò in modo facile e confortevole, come sa fare SkyTeam. Scoprite di più visitando skyteam.com


Happyend ➝ Address ➝ PISA Osteria Bernardo

Tra la Toscana e il Sud

In una zona molto tranquilla, vicino al Teatro Verdi, ottimi vini e cucina tradizionale, con materie prime da produttori locali e un tocco partenopeo (una delle cuoche della nuova gestione è napoletana). Indirizzo: Piazza San Paolo all’Orto 1, tel. +39 050 575216 www.osteriabernardo.it In a very quiet area, close to the Teatro Verdi, this is a restaurant serving fine wines and traditional cuisine – using locally sourced ingredients – with a Neapolitan flair (one of the cooks of the new management team is from Naples).

Sottobosco Libri&Caffè Tirar tardi Mobili vintage, una grande libreria in ferro battuto, i quadri di artisti locali alle pareti. È il locale cool dove tutti si danno appuntamento. Per leggere un libro, lavorare al computer, cenare o ascoltare musica jazz dal vivo. Indirizzo: Piazza San Paolo all’Orto 3, tel. +39 050 9912364

Flowers Vintage Room & Flowers Vinyl Records Retrogusto

Viaggio a ritroso nel tempo percorrendo la storia della moda, e non solo, degli ultimi 60 anni. Di tutto un po’, selezionato con molto gusto, in un’atmosfera musicale all’insegna del vinile. Indirizzo: Piazza San Paolo all’Orto 4/5, tel. +39 349 7848540 A journey back in time through the history of fashion of the past 60 years – and more. A bit of everything, selected with taste, in a musical atmosphere influenced by vinyl.

Vintage furniture, a large wrought iron library and paintings by local artists, this is a cool hangout and popular meeting point. You can read a book, work at the computer, dine or listen to live jazz.

Giardino Scotto Il giardino incantato

Creato agli inizi del XIX secolo per l’armatore Domenico Scotto, all’interno dei bastioni della Cittadella Nuova, è un luogo fiabesco, fatto di terrazze e passaggi segreti. Perfetto per riposarsi dopo una passeggiata in centro. Indirizzo: Lungarno Fibonacci Created in the early nineteenth century for the ship-owner Domenico Scotto, inside the ramparts of the Cittadella Nuova, it is a fabulous place, comprising terraces and secret passages. Perfect place to rest after a walk downtown.

Stazione Leopolda Tradizione contemporanea Nella ex-stazione ferroviaria della linea Pisa-Livorno, poi sede del mercato ortofrutticolo, cucina toscana di mare e di terra con tocchi creativi e un’accurata selezione di vini. Da provare, il baccalà. Indirizzo: Piazza Guerrazzi 11, tel. +39 050 48587 www.ristorostazioneleopolda.it

Hotel Royal Victoria Come una volta

Storico albergo sul lungarno, pieno di charme, dove i fratelli Piegaia continuano la tradizione di famiglia. Tra arredi originali e soffitti decorati che contribuiscono a creare grande atmosfera. Indirizzo: Lungarno Pacinotti 12, tel. +39 050 940111 www.royalvictoria.it

In the former railway station on the Pisa-Livorno line – which was subsequently a vegetable market – you can enjoy Tuscan cuisine from land and sea with a creative flair and a fine selection of wines. Try the salt cod.

A charming historic hotel by the Arno River, where the Piegaia brothers continue the family tradition. The hotel features original furniture and decorated ceilings, creating an evocative atmosphere. Alitalia collega Pisa e Roma Fiumicino con 24 frequenze settimanali. Dallo scalo toscano sono attivi anche 3 servizi settimanali (martedì, venerdì, domenica) per Olbia. Per tutte le opzioni di viaggio visita alitalia.com

Alitalia connects Pisa and Rome Fiumicino with 24 weekly flights. Three weekly flights (Tuesdays, Fridays, Sundays) are available from the Tuscan airport to Olbia. For all travel options visit alitalia.com

ULISSE _ settembre 2016 _

117


Happyend

COPENAGHEN Città a due ruote

TESTO

Cristina Griner

TA GE NS VE J

LA SIRENETTA

EJ SV M A D EG BL

OPERA HOUSE

ÅB OU LE VA RD

PALAZZO DI AMALIENBORG ROSENBORG CASTLE

STATENS MUSEUM FOR KUNST

RUNDETÅRN

E AD SG FF OR ST RN BE

CARLSBERG BREWERIES

KLØVERMARKEN IDRÆTSANLÆG PALAZZO CHRISTIANSBORG

UPLANDSG ADE

DAL CENTRO STORICO

Pedalando per la città

Piccola, sostenibile, tecnologica, la capitale danese ha fatto delle due ruote il suo mezzo d’elezione e mette a disposizione dei turisti un servizio di bike-sharing con bici nuovissime a pedalata assistita. Meglio approfittarne, quindi, ore soprattutto se si ha poco tempo a disposizione. Neofiti o repeaters, è inevitabile partire dal centro storico, per vedere i principali luoghi di attrazione, ritrovare la sua atmosfera accogliente, scoprire nuovi negozi, locali e ristoranti. Dalla piazza del Municipio si imbocca Strøget, la lunga via pedonale dello “struscio” e dello shopping, per un’imperdibile sosta da Illums Bolighus, tempio cittadino del design. Dopo un caffè nella bella piazza Amagertorv, si prosegue fino a Nyhavn, il vecchio porto-canale le cui casette sgargianti colorano gli scatti dei turisti di tutto il mondo. Risalendo lungo la Gothersgade per raggiungere la zona dei musei ci si può fermare per un sandwich da Atelier September, uno dei caffè più amati dai giovani del posto. Altrimenti si prosegue fino allo Statens Museum for Kunst, che vanta la più vasta collezione d’arte in Danimarca, dal Rinascimento al design contemporaneo. Dopo la visita, il miglior Smørrebrød della città si ordina da Aamanns, imbottito con aringhe, salmone e gamberetti.

118

_ ULISSE _ settembre 2016

FROM THE HISTORIC CENTRE Cycling the city Small, sustainable, technological, the Danish capital has made two wheels its main means of transportation and provides the tourists with a bike-sharing service offering brand new pedal-assist bikes. It’s best to take advantage of it, especially if you’re short of time. Whether it’s your first time in the city or you are a frequent visitor, the best place to start is at the historical center – from here you can visit the main tourist attractions, experience its friendly atmosphere, as well as discover new shops, hangouts and restaurants. From the Town Hall square take the Strøget, the long pedestrian street designed with shopping and strolling in mind, a stop by Illums Bolighus – the design city temple – is a must. After a coffee in the beatiful Amagertory Square, continue on until Nyhavn, the old channel-port whose bright little houses are photographed by tourists from all over the world. Continuing along the Gothersgade you reach the museum district, here you can stop for a sandwich at Atelier September, a favourite of the local youth. Or you could head straight to the Stetens Museum for Kunst, which boasts the largest art collection in Denmark, from Renaissance to contemporary design. After that, you can enjoy the town’s best Smørrebrød – stuffed with herrings, salmon and shrimps – at Aamanns.


12

FRONTE DEL PORTO

ON THE WATERFRONT

Forme, colori, sapori

Non lontano dal Parco dei Musei si trovano alcuni dei principali edifici storici di Copenaghen: dal Kastellet, fortezza a forma pentagonale circondata da un parco (con la celeberrima quanto deludente Sirenetta), alla Marmorkirken, alla residenza reale di Amalienborg. Ma la vera “chicca” è il Museo del Design per un incontro ravvicinato con pezzi cult della storia del design nordico. Oltre il canale, nel distretto marittimo di Christianshavn & Holmen, dove spicca la nuova Opera House, si va per lasciarsi avvolgere dagli odori e dai sapori della cucina scandinava al Copenaghen Street Market o per scoprirne i risvolti più sofisticati e creativi al Noma, quattro volte “miglior ristorante del mondo” (da prenotare con almeno tre mesi d’anticipo!). Chi ha la fortuna di fermarsi per la notte non dimentichi di fissare all’Hotel Alexandra una delle 62 camere arredate con pezzi di designer e architetti danesi. È vicino a Tivoli, il più antico parco di divertimenti del pianeta ancora in attività, nonostante tutto un must della capitale.

ore

Shapes, colors, flavors Not far from the Park of the Museums, are some of the main historical buildings in Copenhagen: the Kastellet, the pentagonal fortress surrounded by a park (with the famous – as well as disappointing – Little Mermaid), the Marmorkirken and the Royal residence of Amalienborg. But the true "gem" lies in the Design Museum, for those who want to admire the cult pieces of Nordic design history. Head over the canal to the maritime district of Christianshavn and Holmen, where the new Opera House lies, and walk along Copenhagen Street Market to savour the smells and flavors of Scandinavian cuisine, or discover the most sophisticated and creative features of local cuisine at Noma, awarded the “world’s best restaurant” accolade 4 times (book at least three months in advance!). Those lucky enough to spend a night in city should book in at the Hotel Alexandra. Its 62 rooms are furnished with pieces of art by Danish designers and architects. It is close to Tivoli, the oldest fun park in the planet and is still going strong and, despite everything, is still a must in the capital.

18

IL NUOVO CHE AVANZA

Tra quartieri di tendenza e archistar

Sempre in bici si raggiungono Vesterbro e Nørrebro, i quartieri più trendy e hipster della città, con boutique, studi di designer, caffè e negozi alla moda dove comprare i capi dalle fantasie originali di Stine Goya o di Acne, il noto marchio svedese. A Nørrebro si trova anche Superkilen, originale parco urbano realizzato in un’area residenziale multietnica. Un’ultima pedalata verso Frederiksberg conduce allo zoo cittadino, con The Elephant House progettata da Norman Foster, e alla storica fabbrica di birra Carlsberg, a Valvy. Chi ha ancora tempo per una puntata fuori città potrà scegliere tra Ordrupgaard, museo d’arte moderna della prima metà del ’900 con una nuova estensione in vetro e materia lavica firmata da Zaha Hadid, o il Museo Arken, dedicato all’arte contemporanea dal 1990 a oggi.

Alitalia mette a disposizione 1 volo giornaliero (escluso lunedì) tra Roma Fiumicino e Copenaghen e una frequenza settimanale il sabato da Milano Linate operata fino al 10 settembre. Chi lascia la Danimarca per raggiungere l'Italia, con Alitalia può viaggiare verso 27 destinazioni in Italia e 70 nel mondo. Visita alitalia.com per le informazioni sui voli e per l’acquisto dei biglietti.

ore

THE NEW EMERGING TRENDS

Among the trendy districts and “superstars” Still on the bike you come to Vesterbro and Nørrebro, the trendiest and most hipster districts in town featuring boutiques, designer studios, cafes and trendy shops where you can buy original-patterned clothes by Stine Goya or Acne, the famous Swedish brand. In Nørrebro is Superkilen, the original urban park built in a multiethnic residential area. One last ride to Frederiksberg leads to the zoo, which boasts The Elephant House designed by Norman Foster and the legendary Carlsberg brewery, in Valvy. Those who have time for a trip outside the city can choose from Ordrupgaard, the modern art museum, built in the first half of the twentieth century, which features a new extension designed by Zaha Hadid made from glass and lava concrete, or the Arken Museum, dedicated to contemporary art from 1990 to date.

Alitalia offers 1 daily flight (except Mondays) connecting Rome Fiumicino and Copenhagen and one weekly flight on Saturdays from Milan Linate operated until September 10. Those who fly from Denmark to Italy, can then head to 27 Italian destinations and 70 worldwide through Alitalia. Visit alitalia.com for flight information and to purchase tickets.

ULISSE _ settembre 2016 _

119


Happyend

Oroscopo Horoscope

settembre 2016

Ariete 21 marzo — 20 aprile Giove vi s’oppone: il lavoro, le finanze, i rapporti sociali e la vacanza non sono immuni da fraintendimenti e tensioni. Pure l’amor-passione provoca crolli giù fin sulle rive dell’Eufrate. Ma Saturno vi rende invulnerabili anche alla febbre gialla. Ergo: resisterete. A tutto/i.

Toro

21 aprile — 20 maggio Mercurio, Nettuno e Plutone vi sospingono. Così, amate, agite e vi rinnovate. Grazie anche a input lavorativi utili a inserirvi, acchiappare ingaggi, espandere il vostro raggio d’azione. Potreste anche (re)innamorarvi as cooked pears. E siete in preda a una costante ipercinesi passionale: ma come fate?

Gemelli

21 maggio — 21 giugno E Giove fu. Finalmente. Perché il pianetone, dopo avervi ostacolati per un anno, da ora vi porta più fortuna, più serenità, più soldi e appoggi. Oltre che la realizzazione di sogni a lungo carezzati. L’amore e il desiderio appaiono però un cicinìn skizoidi: ora estasianti, ora colonstimolanti. Miglioreranno.

Cancro

22 giugno — 22 luglio Le stelle vi rendono strafighi e facce di glutei. C’è Mercurio che velocizza i ritmi e sostiene il lavoro. Ma c’è pure Giove in orbita sfigomoscia che un po’ di brio affloscia. Anche in tema di soldi, famiglia e casa. L’amor però consola, il vostro corpo si concede di tutto. E a tutti. O quasi. Uau.

Leone

23 luglio — 23 agosto Si stagliano inserimenti strafavorevoli (nel lavoro e in altri ambiti) che Giove rende pure redditizi. Specie se penserete di più ai vostri interessi, with much pel on the stomac. “Vacanza” fa intanto connubio con passione. Pure città, lo fa. Insomma, ovunque sarete, vincerete la fascia di Miss Suino.

120

_ ULISSE _ settembre 2016

di Antonio Capitani

Aries

21 March — 20 April Jupiter in opposition: work, finances, social relationships and holidays are not immune to misunderstandings and tensions. Even passion-love collapses down to the shores of the Euphrates. But Saturn makes you immune even to yellow fever. Ergo: hold out. Against everything/everybody.

Taurus

21 April — 20 May Mercury, Neptune and Pluto support you. So, love, act and renew yourself. Thanks also to work contacts – useful to get introductions, to gain engagements, and to expand your working environment. You might also fall head over heels in love (again). And you are in a constant state of passionate restlessness: how do you do that?

Gemini

21 May — 21 June And along came Jupiter. Finally. The“great planet”, after having hindered you for a year, brings you luck, serenity, money and support. As well as the realization of long-cherished dreams. Love and desire appear, however, slightly schizoid: one day ecstatic, the next stomach-churning. They will improve.

Cancer

22 June — 22 July The stars will make you cool and bold. Mercury quickens your pulse and supports your work. But Jupiter, in a quirky orbit, slows you down. Even in terms of finances, family and home. Love, however, consoles you. Your body allows yourself everything. And everybody. Almost. Wow.

Leo

23 July — 23 August Ultra favorable contacts (at work and in other fields) are made profitable by Jupiter. Especially if you focus more on your interests and be slightly ruthless. “Holiday” meanwhile combines with passion. As it does at home. In short, wherever you are, you will win the Miss Passion contest.


Vergine 24 agosto — 22 settembre Giove, simbolo di abbondanza, entra nella vostra casa astrologica dei soldi dove resterà per ben tredici mesi. Il che vuol dire che pare aspettarvi un lungo periodo di vacche grasse, utile a recuperare, investire, dormire finalmente fra quattro cuscini. Intanto, conferme, inserimenti e ingaggi nel lavoro rendono la fine dell’estate garrula e giuliva. Certo, Saturno storto impone cesure e bilanci, fors’anche la necessità di attendere, di fare talvolta anticamera. Ma la vostra pazienza verrà premiata. E se l’amore si presentasse loffio (o non ci fosse) non abbattetevi: la rivincita è vicina.

Bilancia 23 settembre — 22 ottobre Giove entra nel vostro segno. E porta più lustro al lavoro, soldi, colpetti di fortuna. Perdete pure un po’ di quel retrogusto acidulo-zitellico consueto: era ora. Le gioie d’amor e gli slanci passionali pepatissimi, poi, aumentano. Come i centimetri del girovita. Ma siete belli pure un cicinìn lievitati, tranqui.

Scorpione 23 ottobre — 22 novembre In vacanza o a casa che siate, è isolandovi un po’ che troverete soluzioni adeguate e creerete magie & miracoli. Mercurio, comunque, v’infurbisce e vi porta contatti fortunati, mentre l’amor nasce e/o si consolida grazie ad affinità elettive non comuni. C’è pure una passione spintissima. Vi ci voleva proprio.

Sagittario 23 novembre — 21 dicembre Mercurio, Marte e Saturno minacciano di farvi sclerare non poco. E potrebbero insinuarvi malinconie che nulla di buono vi porterebbero. Venere e Giove vi promettono però idee e incontri vantaggiosi, anche per il lavoro e per i soldi. Sulla vita sentimentale spunta poi l’arcobaleno della felicità.

Capricorno 22 dicembre — 20 gennaio Mercurio promette esperienze e amicizie utili, ma Giove sembra sgonfiare l’ottimismo e il saldo bancario. Giocate bene le vostre palle cercando di fare goal nelle porte giuste. Venere diminuisce intanto la vostra straphygaggine e ostacola gli scambi passionali fra voi e chi anelate. Metteteci più impegno.

Acquario 21 gennaio — 19 febbraio Giove v’occhieggia e il successo vi corteggia. Mentre il portafogli sembra ripigliar consistenza. Può darsi pure che non mordiate più i malleoli di chi vi stressa: bentornata tolleranza. La vacanza intanto rinfranca, il lavoro s’espande, voi palesate una resa passionale che manco a diciott’anni: spicy inside siete.

Pesci 20 febbraio — 20 marzo Liberati dall’opposizione di Giove, ritrovate motivazione e successi. Anche economici e lavorativi, grazie a una proposta, una conferma, una svolta. L’amor, però, vi fa venire un’intera centrale del latte alle ginocchia. Don’scler, però, tutelatevi. Eros poliedrico e permissivissimo.

Virgo

24 August — 22 September Jupiter, symbol of abundance, enters your astrological house relevant to finance where it will remain for thirteen months. This means that you should expect a long period of prosperity. You could recover, invest and finally sleep peacefully. Meanwhile, orders, meetings and engagements at work make the end of the summer lively and merry. Obviously, Saturn will impose checks and balances, maybe sometimes you will need to wait, or at least pause in the waiting room. But your patience will be rewarded. And if love appears flat (or non-existent) don’t lose heart: a return match is forthcoming.

Libra

23 September — 22 October Jupiter enters your sign and brings more prestige at work, finances and some luck. Leave some of your usual spinster’s acid tone behind: time for that had come. The joys of love and spicy passion outbursts increase. Just like the diameter of your waist. But don’t worry, you are beautiful even if slightly fatter.

Scorpio

23 October — 22 November On holiday or at home, you will find appropriate solutions and will create magic and miracles. Mercury, however, will make you smarter bringing you lucky contacts, while love is born and/or consolidates thanks to unusual reciprocal attractions. There is also a very hot passion. You really needed it.

Sagittarius

23 November — 21 December Mercury, Mars and Saturn might make you freak out. They could bring melancholia that would do you no good at all. However, Venus and Jupiter promise ideas and favorable meetings, also in terms of work and finances. The rainbow of happiness appears in your love life.

Capricorn

22 December — 20 January Mercury promises useful experiences and friendships, but Jupiter seems to deflate the optimism and the bank balance. Play your cards right in trying to achieve the right goals. Meantime Venus decreases your cool attitude and hinders passion between you and those whom you desire. Put more effort In.

Aquarius

21 January — 19 February Jupiter winks at you, and success eggs you. Meanwhile, your finances seem to increase in size. Don’t bite the hand of those who stress you: welcome back, tolerance. Holidays rejuvenate you, work expands, and you prove to be more passionate than a teenager. You are spicy inside and out.

Pisces

20 February — 20 March Once released by the opposition of Jupiter, you will rediscover motivation and success. In terms of work and finance too. But love bores you to tears. Don’t freak out, but protect yourself. Passion is multifaceted and very permissive. ULISSE _ settembre 2016 _

121


Happyend

I FONDATORI I tre fratelli Cavalieri Ducati, Bruno, Adriano e Marcello. Pur avendo lasciato la proprietĂ della loro azienda nel 1948 continuarono a collaborarvi fino ad etĂ  avanzata. The three Cavalieri Ducati brothers, Bruno, Adriano and Marcello are the founders of the company. Despite having left their company in 1948 they continued to work together into their old age.

La storia della Ducati

Fondata nel 1926 per realizzare impianti radio, nel dopoguerra inizia la produzione di motociclette. Dal piccolo ciclomotore Cucciolo alle potenti Moto GP di oggi. La storia e gli uomini di uno dei brand piĂš famosi del mondo delle due ruote di Enrico Borghi 122

_ ULISSE _ settembre 2016


L’IMPORTANZA DELLE COMPETIZIONI La partenza della 200 Miglia di Imola, con sulla destra la Ducati 750 numero 16 di Paul Smart che dominò la manifestazione, antesignana della Superbike moderna perché si correva con moto derivate da quelle di serie.

The start of the Imola 200 Miles, on the right is Paul Smart’s Ducati 750 number 16 which dominated the event, and was the forerunner of the modern Superbike, because they used motorbikes originated from standard production models.

ULISSE _ settembre 2016 _

123


Happyend UNA FABBRICA MODELLO La Ducati e i suoi dipendenti nel 1939 quando ancora produceva impianti radio e sistemi per le comunicazioni, sotto. La linea di assemblaggio della Ducati 98 nel 1957, a destra. Ducati and its employees in 1939 when they were still producing radio components, below. The assembly line of Ducati 98 in 1957, on the right.

MOTORI PER OGNI USO Il camion che trasportava le Ducati 750 da competizione nel 1972. L’azienda bolognese produceva anche motori marini e motori industriali. The truck which carried the Ducati 750 racing motorbikes in 1972. The Bolognese company also produced marine and industrial engines.

N CUCCIOLO Un manifesto pubblicitario del motore Cucciolo, sopra. Il Cucciolo modello corsa su una Nardi del 1947, sotto. An advertising poster of the Cucciolo, above. The Cucciolo racing model on a 1947 Nardi, below.

124

_ ULISSE _ settembre 2016

ella città di Guglielmo Marconi non fu così strano dare vita ad una fabbrica che costruiva impianti radio e sistemi per le comunicazioni. I fratelli Cavalieri Ducati nel 1926 pensarono che la Società Radio Brevetti Ducati fosse un salto nel futuro, e lo era. L’azienda produceva componenti per l’industria delle trasmissioni e in questo modo la famiglia palesò quell’indole dei pionieri che la portò, venti anni dopo, ad inaugurare la fabbrica che costruisce motociclette ancora oggi e che nel luglio 2016 ha festeggiato i 90 anni. Quando nacque la Ducati, nel 1946, l’Italia cercava di lasciarsi alle spalle gli orrori della Seconda guerra mondiale e gli italiani avevano bisogno di tutto, anche di mezzi per movimentare uomini e merci: i fratelli Cavalieri Ducati lo intuirono in fretta, così come avevano capito che l’industria delle trasmissioni avrebbe dato grandi soddisfazioni. Crearono un’azienda che assemblava ciclomotori, visto che all’inizio si trattò di un motore che veniva applicato alle biciclette. Lo chiamarono Cucciolo, e conobbe un rapido successo. Dopo il Cucciolo, vennero le motociclette vere. Se si osservano i prodotti di oggi e li si confronta con quelli degli esordi, si scopre che in Ducati nel corso degli anni si sono avvicendate diverse proprietà ma sono stati tramandati gli stessi concetti: la salvaguardia di una tecnologia “propria”, il design innovativo e una forte passione per le competizioni. Ecco, questi tre elementi sono fondamentali per capire la Ducati; cioè per comprendere l’attaccamento alla tradizione e, in definitiva, anche il suo successo internazionale. Desmo, ad esempio, è più di un concetto tecnico. È un simbolo, un marchio di fabbrica. L’ingegnere ravennate Fabio Taglioni applicò la distribuzione desmodromica ai motori Ducati nel 1956: questa soluzione sarebbe diventata il simbolo di tutti i motori Ducati, anche quelli di oggi. E non solo per un motivo puramente tecnico, ma anche per ragioni legate al marketing: chi compra una Ducati si sente diverso, unico, proprio perché la sua moto è “Desmo”. Ecco, quindi, emergere il concetto di tecnologia “propria”. Ventitré anni dopo avere presentato il motore desmodromico l’ingegnere Taglioni realizzò la prima moto con telaio a traliccio così come lo conosciamo oggi – era la 600 TT2 in versione “corsa” – e così la Ducati


nel 1979 mise insieme quegli elementi tecnici distintivi che sono tutt’ora presenti. Alla distribuzione desmodromica e al telaio a traliccio con motore portante era stato poi aggiunto lo schema bicilindrico (i due cilindri sono un’altra caratteristica della Ducati) e queste caratteristiche tecniche si trovano sulle Ducati mitiche, quelle degli esordi e delle prime vittorie, così come sulle Ducati di oggi; che sono inconfondibili anche per il design ricercato, dunque per una spiccata personalità. Sul finire degli anni ’80 la Ducati si era già resa protagonista delle corse, ed ecco emergere la terza peculiarità: la passione per le competizioni. Nel 1972 l’inglese Paul Smart vinse la prima edizione della 200 Miglia di Imola, una gara che anticipò la creazione del campionato mondiale Superbike perché vi correvano le motociclette derivate dalla produzione di serie. Degna di nota anche la vittoria di Mike Hailwood all’Isola di Man nel 1978. Quando la Ducati vinse il campionato mondiale Superbike, nel 1990, con il francese Raymond Roche, non c’erano più i pionieri, personaggi come l’ingegnere Taglioni e i fratelli Cavalieri Ducati. L’azienda era stata rilevata, nel 1985, dai varesini Claudio e Gianfranco Castiglioni, che inglobarono il marchio bolognese all’interno del Gruppo Cagiva. La gestione tecnica passò nelle mani degli ingegneri Massimo Bordi e Gianluigi Mengoli i quali nel 1988 realizzarono il primo motore a quattro valvole che venne montato ovviamente su un telaio a traliccio (il marketing ha le sue regole!): la moto che ne uscì prese il nome di 851, ed è una sigla tutt’ora leggendaria. È la 851, la moto che vinse il primo Mondiale Superbike per la Ducati, nel 1990. Seguiranno altri titoli, con altre moto leggendarie come la 888 e la 916, fino a raggiungere i 17 titoli Costruttori e i 14 Titoli Piloti: la Ducati ha conquistato, da sola, più titoli di tutte le Case che hanno preso parte al mondiale delle derivate dalla serie. Diciassette anni dopo la Desmosedici GP7 guidata da Casey Stoner conquistò il titolo mondiale MotoGP, la classe regina. Il percorso era dunque compiuto: la Ducati aveva vinto anche in un mondo che non le era mai stato congeniale, quello dei Gran Premi. Dopo il titolo del 2007 la Ducati è stata protagonista per qualche stagione ma poi sono seguiti anni difficili, culminati nel biennio 2011-2012 con il fallimento della sfida con Valentino Rossi. Sembrava il dream team azzurro che avrebbe fatto faville, si rivelò un disastro. Nel frattempo la Ducati era cambiata ancora, era passata di mano, aveva conosciuto le regole della finanza. Nel 2012, la Ducati è stata acquistata dall’Audi; ed è tornata a fare parte di un gruppo industriale. Nel 2015 la Ducati ha raggiunto livelli mai toccati in precedenza. 54.800 moto nuove consegnate, 700 milioni di euro di fatturato, oltre 1500 dipendenti e piani di ulteriori investimenti e assunzioni. Non c’è mai stato un periodo così florido come questo. Dunque i 90 anni sono ben portati, probabilmente perché nella periferia nord di Bologna si continua a guardare al futuro con il conforto del glorioso passato in cui venne elaborata la teoria dei 3 principi guida: tecnologia propria, design esclusivo, amore per le competizioni. ● Da Bologna Alitalia offre collegamenti giornalieri per Roma e Catania. I viaggiatori diretti a Roma hanno a disposizione 3 frequenze giornaliere e per chi vuole raggiungere la città siciliana è attivo un servizio giornaliero. Per tutte le informazioni sui voli e per l’acquisto dei biglietti, visita alitalia.com

DESMODROMICO In alto, l’ingegnere Fabio Taglioni, ideatore del motore desmodromico nel 1956. Sopra, i primi disegni del Monster. On the top, the engineer Fabio Taglioni, creator of the desmodromic engine in 1956. The first Monster sketches, above.

From Bologna Alitalia offers daily connections to Rome and Catania. Travelers heading to Rome can choose from 3 daily flights and one daily flight is available for those want to reach the Sicilian city. For all flight information and to purchase tickets, visit alitalia.com

ULISSE _ settembre 2016 _

125


Happyend MODELLI DI TENDENZA La 1299 Panigale S, a sinistra, e la nuova Scrambler, a destra. Due modi diversi per intendere le moto per Ducati oggi. On the left, the 1299 Panigale S, and on the right the new Scrambler. Two different types of the latest design of the Ducati motorcycle.

Ducati story Founded in 1926 to manufacture radio components, after the war the company started making motorcycles: from the Cucciolo – the small moped – to the current powerful GP motorcycles. The history and the men of one of the most famous motorcycle brands in the world

I MADE IN BOLOGNA La Ducati Apollo del 1963 pensata per il mercato americano.

The 1963 Ducati Apollo designed for the American market.

126

_ ULISSE _ settembre 2016

n the city that gave us Guglielmo Marconi, the opening of a factory that made radio and communication systems came as no great surprise. In 1926 the Cavalieri Ducati brothers saw the Società Radio Brevetti Ducati as a leap into the future, and it was. The company produced components for the broadcasting industry and in doing so, the family revealed their innovative nature that, twenty years later, would lead them to inaugurate the factory that still today manufactures motorcycles, and in July 2016 celebrated its 90 years. When Ducati was founded in 1946, Italy was trying to put the horrors of the Second World War behind it and the Italians were in need of everything, including the means to transport both men and goods: the Cavalieri Ducati brothers caught on quickly, just as they had understood the broadcasting industry would prove fruitful. They created a company that assembled mopeds, given that initially it was an engine attached to a bicycle. They called it Cucciolo (Puppy), and it quickly became a success. After Cucciolo, along came the real motorcycles. If you look at today’s products and compare them with the initial models, you discover that over the years, despite Ducati swapping hands, the same concepts have been preserved: conservation of their own “signature” technology, innovative design and a strong passion for competition. Indeed these three elements are fundamental to understanding Ducati; to understand its attachment to tradition and, ultimately, its international success. Desmo, for instance, is more than a technical concept. It is a symbol, a trademark. The engineer Fabio Taglioni, a native of Ravenna, applied the desmodromic system to Ducati engines in 1956: this solution would go on to become the symbol of all Ducati engines, including those today. And not solely for technical reasons, but for marketing ones too: whoever buys a Ducati sees themselves as different, unique, precisely because their motorcycle is “Desmo”. And it is here, therefore, that the concept of “signature” technology emerges. Twenty-three years after introducing the desmodromic engine, the engineer, Taglioni, realised the first motorcycle with a trellis frame just as we know it today – it was the 600 TT2 “racing” version – and as a result, in 1979 Ducati put together those distinctive technical elements that are still present today. The twin-


PRIMADILUNEDI

DAL 22 SETTEMBRE AL CINEMA

#PRIMADILUNEDÌ

KOCH MEDIA E LIME FILM PRESENTANO “PRIMA DI LUNEDI” REGIA DI MASSIMO CAPPELLI CON VINCENZO SALEMME FABIO TROIANO ANDREA DI MARIA E CON MARTINA STELLA CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI SANDRA MILO CON SERGIO MUNIZ NEL RUOLO DI “BLANCO” PIERLUIGI CORALLO ANTONIO GUERRIERO SOGGETTO FABIO TROIANO GIUSEPPE LOCONSOLE SCENEGGIATURA FABIO TROIANO GIUSEPPE LOCONSOLE MASSIMO CAPPELLI PRESA DIRETTA STEFANO SAVINO COSTUMI LAURA COSTANTINI SCENOGRAFIA WALTER CAPRARA COLONNA SONORA COMPOSTA E DIRETTA DA FERNANDO ALBA MONTAGGIO LUCIANA PANDOLFELLI FOTOGRAFIA MARCELLO MONTARSI ORGANIZZATORE GENERALE CHIARA BUDANO PRODUTTORE ESECUTIVO CARMINE PARMIGIANI UNA PRODUZIONE LIME FILM PRODOTTO DA MASSIMILIANO LEONE E VALENTINA DI GIUSEPPE FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE DAL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO – DIREZIONE GENERALE CINEMA OPERA REALIZZATA CON IL SOSTEGNO DELLA REGIONE LAZIO FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L’AUDIOVISIVO FILM REALIZZATO CON IL SOSTEGNO DI FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE IN COLLABORAZIONE CON FIP FILM INVESTIMENTI PIEMONTE IN ASSOCIAZIONE AI SENSI DELLA NORMATIVA SUL TAX CREDIT CON: CONSULTINVEST- BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO DI CARRÙ NUOVA SACCARDO MOTORI MONDOFOOD TERFINANCE SELEZIONE BALADIN

KMEDIA2


Happyend

UN MONDIALE INDIMENTICABILE Casey Stoner conquista il titolo mondiale della Moto GP nel 2007 con la Desmosedici GP7, sopra. La Ducati Monster 900 del 1993, la naked che ha rilanciato la casa bolognese nelle moto di serie. Casey Stoner won the world title in Moto GP in 2007 with the Desmosedici GP7, above. The 1993 Ducati Monster 900, the “Naked” which relaunched the Bolognese company in the bike category.

UNA STORIA DI CORSE La Ducati fin dagli inizi ha abbinato la sua produzione alle manifestazioni sportive. Anche i ciclomotori Cuccioli Ducati hanno preso parte alle corse negli anni Cinquanta. The Ducati has linked its products to sporting events from the start. Even the Ducati Cucciolo mopeds took part in races in the 50’s.

128

_ ULISSE _ settembre 2016

cylinder (the two cylinders are another Ducati characteristic) was then added to the desmodromic system and to the trellis frame with load-bearing engine and these technical features can be found on the legendary Ducati, those first models, those of the first victories, just as the ones today; that are also unmistakable due to their refined design, thus for a strong personality. By the end of the 80s Ducati was already a key player of motorcycle racing, and this is where a third peculiarity emerges: the passion for competitions. In 1972 the Englishman Paul Smart won the first edition of the 200 Miglia di Imola (200 Miles of Imola), a race that preempted the creation of the Superbike world championship because it involved motorcycles deriving from standard models. Mike Hailwood’s victory on the Isle of Man in 1978 also marked an important victory. When Ducati won the Superbike world championship in 1990 with the Frenchman Raymond Roche, original figures like the engineer Taglioni and the Cavelieri Ducati brothers were no longer on the scene. The company had been taken over in 1985 by Claudio and Gianfranco Castiglioni, from Varese, which absorbed the Bolgnese brand into the Cagiva Group. The technical management was handed over to the engineers Massimo Bordi and Gianluigi Mengoli, who were responsible for the first four-valve engine in 1988 that was obviously assembled on the trellis frame (marketing has its rules after all!): the resulting motorcycle was called 851, and it is a model still legendary today. It was the 851 that won the first World Superbike for Ducati in 1990. Other titles followed, won with other legendary bikes like the 888 and the 916, reaching 17 Constructor and 14 driver titles: Ducati, alone, had won more titles than all the manufacturers that took part in the world championship of the bikes deriving from standard production. Seventeen years later, the Desmosedici GP7 driven by Casey Stoner won the world MotoGP title, the most important of them all. They had thus arrived at their destination: Ducati had won in a world that had never been congenial, that of the Grand Prix. Following the 2007 win, Ducati was a protagonist for a few seasons but then some hard years were to follow, culminating in the biennial 2011-2012 with the defeat of Valentino Rossi. What had appeared to be the all-Italian dream team that would give a sparkling performance, proved instead to be a disaster. In the meantime Ducati had changed once again; it had passed hands, and had encountered the rules of finance. In 2012 Ducati was acquired by Audi; and it became part of an industrial group once again. In 2015 Ducati reached unprecedented levels: 54,800 new motorcycles sold, revenue of 700 million euro, more than 1500 employees, and further investments and recruitment plans. There has never been a brighter time. Hence the 90 years and looking good, probably because in the northern suburbs of Bologna they continue to look to the future with the comfort of a glorious past in which the theory of three guiding principles was hatched: that of signature technology, exclusive design, love for competition. ●


News Benvenuti a Casa Alitalia ● A Buenos Aires si respira aria di primavera ● Le compagnie SkyTeam si prendono cura dei vostri viaggi come un’unica squadra ● L’impegno delle compagnie Etihad Airways Partners per l’ambiente Welcome to Casa Alitalia ● In Buenos Aires spring is in the air ● The SkyTeam airlines seamlessly take care of your travel needs ● Etihad Airways Partners’ commitment to the environment

SI RAFFORZA LA PARTNERSHIP TRA ALITALIA E VIRGIN AUSTRALIA

Partnership strengthened between Alitalia and Virgin Australia

ISTOCK

Da oggi volare tra l’Italia e l’Australia è ancora più semplice e confortevole grazie alla partnership tra Alitalia e Virgin Australia. I viaggiatori in partenza dall’Italia hanno infatti a disposizione voli giornalieri no-stop da Roma, Milano e Venezia per Abu Dhabi e da qui comodi collegamenti in connessione per Sydney, operati congiuntamente da Alitalia e Virgin Australia. Dalla multiculturale metropoli australiana, grazie al network domestico di Virgin Australia, si potranno raggiungere 8 tra le più incantevoli destinazioni australiane: Melbourne, Perth, Adelaide, Ballina, Coffs Harbour, Hobart, Maroochydore e Gold Coast, che si aggiungono al collegamento già attivo per Brisbane. Flying between Italy and Australia is now even easier and more comfortable, thanks to the partnership between Alitalia and Virgin Australia. Travellers departing from Italy can take advantage of non-stop daily flights from Rome, Milan and Venice to Abu Dhabi, where convenient connections are available to Sydney, jointly operated by Alitalia and Virgin Australia. Thanks to Virgin Australia’s domestic network, eight of Australia’s most enchanting destinations can be reached from the multicultural Australian metropolis: Melbourne, Perth, Adelaide, Ballina, Coffs Harbour, Hobart, Maroochydore, and Gold Coast, in addition to the service already operating to Brisbane.

ULISSE _ settembre 2016 _

131


Alitaliaworld

LE NUOVE LOUNGE CASA ALITALIA A Roma e Milano due spazi esclusivi e accoglienti per farvi sentire come a casa Alitalia ridisegna l’accoglienza degli ospiti nelle lounge aeroportuali con un nuovo concetto di ospitalità che il nome già rivela: Casa Alitalia. Gli ambienti, eleganti e al tempo stesso confortevoli e familiari, sono organizzati come in una tipica casa italiana: il portale d’ingresso, che ricorda il portone di un palazzo italiano, l’atrio di accoglienza e poi le sale conviviali, quelle dedicate al relax, alla conversazione e al lavoro. Ogni ambiente offre la giusta privacy e una speciale atmosfera grazie allo stile, alla scelta dei materiali – espressione della cultura e del territorio italiano – e alla particolare modulazione della luce.

Roma Fiumicino Casa Alitalia a Roma Fiumicino rinasce nella location della lounge “Giotto” presso l’area di imbarco G – dedicata ai voli di lungo raggio e di medio raggio extra-Schengen – e si sviluppa su una superficie di circa 800 mq in cui troverete la stessa qualità del servizio offerta in volo. Gli arredi e le sedute sono firmate da Poltrona Frau. Casa Alitalia lounge in Rome Fiumicino airport is set in the former “Giotto” lounge at the G gate boarding area and is dedicated to longhaul and non-Schengen medium-haul flights. It covers an area of around 800 square meters where you’ll find the same quality of service as you do in flight. Furnishings and sofas are by Poltrona Frau.

Two exclusive and welcoming lounges in Rome and Milan, to make you feel at home Alitalia has redesigned the way it welcomes guests in its airport lounges, starting from the name: Casa Alitalia. To this end we’ve provided our customers with stylish yet comfortable and familiar areas which mirror the Italian lifestyle. The layout is that of a typical Italian home, a concept you pick up on as soon as you set foot through the entrance, which recalls the door of an Italian building, through to the reception lobby that leads onto the restaurant halls and areas for relaxation, chat or work. Every room offers privacy and a special atmosphere thanks to its style and materials – an expression of Italian culture – and thanks to the ambient lighting. Gusto e convivialità Abbiamo riservato una speciale attenzione agli spazi dedicati alla ristorazione. Un’area live cooking dove i nostri chef, due volte al giorno, preparano piatti a base di pasta e pizza. Nel menu sono previste anche ricette vegetariane o senza glutine. Un’area buffet e una zona bar dove fermarsi per mangiare un veloce snack, sorseggiare un calice di vino italiano o un tipico aperitivo preparato da barman professionisti. We have paid special attention to the dining area. The lounge features a live-cooking area where our chefs cook pastas and pizza twice daily. The menu includes also vegetarian or gluten-free dishes. The lounge provides also a buffet area and a snack bar for a quick bite, a glass of Italian wine or a typical aperitif prepared by professional bartenders.

132

_ ULISSE _ settembre 2016

Milano Malpensa Alitalia ha affidato la realizzazione del nuovo concept Casa Alitalia a Marco Piva, architetto di fama internazionale. A Milano Malpensa Casa Alitalia si trova in un nuovo spazio, all’interno dell’area di imbarco Satellite Nord. Si estende su una superficie di circa 500 mq e può ospitare più di 90 viaggiatori. Gli ospiti di Casa Alitalia a Malpensa avranno la possibilità di salire a bordo dell’aereo direttamente dalla lounge attraverso un imbarco dedicato. Alitalia has entrusted internationally renowned architect Marco Piva with the design of the new Casa Alitalia concept. In Milan Malpensa, Casa Alitalia is located in a new space, within the Satellite Nord boarding area. It covers an area of about 500 square meters and can host over 90 passengers. Guests at Casa Alitalia, Malpensa will be able to board the aircraft directly from the lounge through a dedicated embarkation bridge.


PAOLO PETRIGNIANI - ARgENtiNA tRAvEl

VOLI AZ AZ FLIGHTS

BUENOS AIRES, REINA DEL PLATA La primavera australe anima Ia capitale argentina con eventi e festival musicali. I prossimi mesi sono il periodo ideale per conoscerla e visitarla Ogni momento dell’anno è buono per vivere e apprezzare Baires. Ma ancor di più nel periodo che va da settembre a dicembre quando l’aria primaverile – quella australe – rende la visita ancora più dolce. Le jacarandas fioriscono, i porteños (gli abitanti di Buenos Aires) animano le strade della città a tutte le ore, nelle piazze del centro qualcuno balla il tango e passeggiare per la capitale diventa ancora più gradevole. Anche quest’anno, dal 21 al 25 settembre il Festival Ciudad Emergente, organizzato dal dipartimento di Cultura, porterà in città musica e arte privilegiando i giovani talenti. Più di 2.000 artisti, il meglio della cultura underground, si alterneranno in un calendario che prevede mostre, spettacoli di danza, concerti, moda e anche letteratura. La musica jazz sarà protagonista di un altro evento diventato ormai un punto di riferimento per gli appassionati e tappa fondamentale del circuito jazz internazionale: il Festival Internacional Buenos Aires Jazz. L’appuntamento è dal 23 al 28 novembre con ospiti di prima grandezza, concerti, jam session, workshop e proiezioni di film. Questa edizione sarà una vera e propria jazz experience per una primavera indimenticabile!

BUENOS AIRES, REINA DEL PLATA The Southern spring livens up the Argentine capital with events and music festivals. The next few months are ideal time to discover and visit the city

Any time of the year is good to experience and appreciate “Baires”. But between September and December the Southern spring atmosphere makes your visit even sweeter. The jacarandas bloom, the Porteños (the inhabitants of Buenos Aires) enliven the streets at all hours, and you will see people dancing tango in the center squares and strolling along the streets becomes ever more pleasant. Also this year, September 21-25, the Festival Ciudad Emergente, organized by the Department of Culture, is set to bring music and arts into town with a special focus on young emerging talents. More than 2,000 artists, the best from the underground culture, will perform on a bill which includes exhibitions, dance performances, concerts, fashion and literature events. Jazz will be another central event with the Festival Internacional Buenos Aires Jazz, now a milestone in the international jazz circuit and a reference point for aficionados. The Festival takes place November 23-28 and includes world-class guests, concerts, jam sessions, workshops and film screenings. This promises to be a true jazz experience in an unforgettable spring!

Per raggiungere Buenos Aires Alitalia offre un collegamento giornaliero da Roma Fiumicino a bordo di Boeing 777 da 293 posti. Le cabine, rinnovate con nuovi interni e dotate di sistema di connettività, sono configurate in tre classi di viaggio (Business, Premium Economy ed Economy). Per chi parte da Roma, il volo decolla 21:45 e raggiunge lo scalo argentino alle 06:40. Da Buenos Aires, la partenza è alle 12:40 e l’arrivo a Roma Fiumicino alle 06:40. Per scoprire le offerte e per l’acquisto dei biglietti, visita alitalia.com To reach Buenos Aires Alitalia offers one daily flight from Rome Fiumicino with a 293-seater Boeing 777. The cabins, recently renovated with new interiors and equipped with connectivity system, feature three seating classes (Business, Premium Economy and Economy). From Rome, the flight takes off at 21:45 and lands at the Argentine airport at 06:40. From Buenos Aires, the departures are scheduled at 12:40 arriving in Rome Fiumicino at 06:40. To discover all the offers and to purchase tickets, visit alitalia.com

Buenos Aires

ARGENTINA

ULISSE _ settembre 2016 _

133


News SkyTeam SkyTeam news

SKYTEAM AVVICINA IL MONDO Le 20 compagnie dell’Alleanza si prendono cura dei vostri viaggi come un unico team 20 partner airlines work as a single team to take care of your travels

L’alleanza SkyTeam nasce per offrire ai viaggiatori globali servizi integrati all’insegna dell’eccellenza. Il suo successo è determinato anche dalla forte intesa e spirito di collaborazione tra i 20 partner che questa suggestiva foto, scattata durante un recente servizio fotografico, ben rappresenta. La foto del team degli assistenti di volo è un’immagine iconica di SkyTeam che era necessario aggiornare anche in funzione del rinnovamento delle divise di alcuni nostri partner. Come set fotografico abbiamo scelto una pista di volo nei pressi del magnifico deserto californiano di Mojave affine al tema aeroportuale: gli ampi spazi, il cielo azzurro e luminoso hanno trasformato questo luogo in una location perfetta. Coordinare gli itinerari dei 20 assistenti di volo che hanno raggiunto questa incredibile destinazione è stato un compito tutto sommato semplice grazie alle numerose opzioni di viaggio offerte dal network SkyTeam che collega 1.062 destinazioni in 177 paesi con più di 17.340 partenze giornaliere.

134

_ ULISSE _ settembre 2016

Durante i due giorni di riprese sotto i raggi del sole del deserto, abbiamo immortalato non solo le eleganti uniformi ma anche lo spirito di collaborazione tra i partner dell’alleanza. Sul set, le 16 lingue parlate dal personale delle compagnie SkyTeam hanno evidenziato la ricchezza culturale di un’alleanza che collega 6 continenti e trasporta più di 665 milioni di clienti ogni anno. Scoprite tutti gli scatti fotografici su skyteam.com o sui social media.

BRINGING THE WORLD TOGETHER SkyTeam is an alliance of 20 airlines all with the same goal of providing a high-quality service to our global customers. However, nothing shows the spirit of togetherness and friendship that exists across SkyTeam quite like the striking images from our latest Flight Attendants’ photo shoot. An iconic SkyTeam symbol that was in need of an update especially as some members have changed their uniforms. To maintain an airport theme, a runway was chosen as the set for our latest photo. With its vast expanse of blue sky and bright sunshine, California’s magnificent Mojave Desert was a striking choice.

To reach this amazing destination, coordinating travel schedules for 20 flight attendants was fairly simple thanks to the extent of the SkyTeam network, which offers 1,062 destinations across 177 countries and 17,343 daily departures. The photo-shoot took place over two days under the desert sun, but aside from the elegant uniforms, it is the warmth between airline partners that was best captured in the images. With more than 16 languages spoken, the flight attendants represent their individual airlines as well as the diversity of an alliance that spans six continents and serves more than 665 million customers every year. Discover more photos on skyteam.com or on social media.


Documenti di Viaggio Travel Documents COMUNICAZIONE DATI pERSONALI pRIMA DELLA pARTENZA pER GLI USA In base alle disposizioni del programma Secure Flight, promosso dalla Transportation Security Administration (Ente per la Sicurezza dei Trasporti), i viaggiatori in partenza da/per gli Stati Uniti oppure in viaggio per una destinazione dove è previsto il sorvolo dello spazio aereo americano, dovranno comunicare al momento della prenotazione o emissione del biglietto – e comunque entro e non oltre le 72 ore prima della partenza – i seguenti dati personali: nome e cognome (come riportati sul passaporto), data di nascita, sesso. Per ulteriori informazioni, visitare il sito tsa.gov/secureflight

Disclosure of personal information for entrance to the USA In accordance with the Secure Flight program, developed by the TSA (Transportation Security Administration), passengers travelling to/from in the USA, or flying in US airspace to reach other countries, must provide – when they book/purchase their ticket, or at least and not later than 72 hours prior to their departure – the following information: full name (exactly as it appears in their passport), date of birth, gender. For further detail, visit the website tsa.gov/secureflight

ESTA  AUTORIZZAZIONE ANTICIPATA AL VIAGGIO PER GLI USA I viaggiatori diretti negli Stati Uniti possono usufruire del programma “Viaggio Senza Visto” (Visa Waiver Program), in presenza dei seguenti requisiti: - essere cittadino di uno dei paesi partecipanti al programma Viaggio Senza Visto - viaggiare per turismo o per affari - soggiornare negli Stati Uniti per un periodo non superiore ai 90 giorni - disporre di un biglietto di andata e ritorno - essere in possesso del passaporto elettronico con microchip inserito frontalmente nella copertina. La mancanza di una delle condizioni sopra elencate, comporta l’obbligo di richiedere il visto. Per accedere al programma Viaggio Senza Visto è necessario chiedere un’autorizzazione elettronica al viaggio denominata E.S.T.A. (Electronic System for Travel Authorization) rilasciata online dall’autorità statunitense. Per ulteriori informazioni consultare il sito esta.cbp.dhs.gov/esta

Informazioni Utili Useful Information

ETA - AUTORIZZAZIONE ANTICIPATA PER IL VIAGGIO IN CANADA Le autorità canadesi richiedono a tutti i viaggiatori diretti o in transito verso il Canada per via aerea, il conseguimento di un’autorizzazione di viaggio elettronica denominata ETA – Electronic Travel Authorization. Sono esenti da questa procedura i cittadini USA e i viaggiatori in possesso di regolare visto. Per ulteriori informazioni visitare il sito Canada.ca/eTA

ETA - AUTHORIZATION IN ADVANCE FOR TRAVEL TO CANADA The Canadian authorities require all air travellers heading for, or in transit to Canada, to possess Electronic Travel Authorization, known as ETA. This is not a requirement for US citizens and travellers in possession of a valid visa. For more information visit the site Canada.ca/eTA

ESTA - Advance authorization to travel to the USA Passengers headed to the United States can take advantage of the Visa Waiver Program, if they meet the following requirements: - Being a citizen of one of the countries included in the Visa Waiver Program - Travelling for tourism or business - Staying in the United States for a period not exceeding 90 days - Having a round trip ticket - Being in possession of electronic passport with microchip inserted in front cover. If you cannot meet at least one of the conditions listed above, you are obliged to apply for a visa. To enter the Visa Waiver Program you must ask for an electronic authorization to travel (E.S.T.A. - Electronic System for Travel Authorization), released online by the US authorities. For further information, visit esta.cbp.dhs.gov/esta

DOGANA USA DICHIARAZIONE DOGANALE

Tutti i passeggeri in arrivo negli Usa, indipendentemente dalla propria nazionalità, devono compilare il modulo di Dichiarazione Doganale. È sufficiente compilare una sola dichiarazione per nucleo familiare.

CUSTOMS DECLARATION All passengers travelling to the USA, irrespective of their nationality, are required to complete the Customs Declaration. Only one form is required per family. ULISSE _ settembre 2016 _

135


Viaggiare in modo sostenibile: uno dei principali impegni per Etihad Airways Partners

Etihad Airways, in qualità di membro fondatore del Sustainable Bioenergy Research Consortium, ricopre un ruolo rilevante nello sviluppo di biocarburanti, combustibile pulito e sostenibile ricavato da sorgenti alternative per ridurre le emissioni di carbonio. Il consorzio ha recentemente aperto ad Abu Dhabi il primo centro di ricerca al mondo per la coltivazione di prodotti destinati sia all’uso alimentare che alla produzione di carburante in terre desertiche irrigate con acqua marina. Questa entusiasmante ricerca pone la capitale degli Emirati Arabi Uniti al centro di un movimento globale volto a promuovere lo sviluppo di tecnologie innovative a sostegno della produzione sostenibile di cibo e bioenergia. 136

_ ULISSE _ settembre 2016

airberlin prosegue con successo il suo impegno nel contenimento dei consumi di carburante. Nel 2015, si è distinta per la migliore efficienza in termini di emissioni di CO2 tra le principali compagnie aeree a livello mondiale, come certificato dall’agenzia per la protezione ambientale atmosfair nel suo Airline Index 2015. Con un’età media di appena sei anni, airberlin può vantare una delle flotte più giovani d’Europa e persegue un ambizioso programma di volo ‘Eco-efficiente’, che prevede l’implementazione di 70 iniziative in materia di pianificazione dei voli, ammodernamento e riduzione del peso degli aeromobili e ottimizzazione delle procedure di volo al fine di ridurre le emissioni. L’impegno per l’ambiente è parte fondamentale

del sistema dei valori di Alitalia. La compagnia, che opera con una flotta tra le più moderne ed efficienti del mondo, mette in atto tutte le best practices IATA volte al contenimento delle emissioni di CO2: dalla riduzione del peso degli aeromobili alla migliore efficienza dei motori, dai miglioramenti aerodinamici all’ottimizzazione di utilizzo della flotta fino alla pianificazione e alla condotta di volo. Alitalia partecipa anche a vari progetti di sostenibilità ambientale inclusi quelli sullo studio dei biocarburanti. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Air Serbia, che sta studiando diverse opzioni per ottimizzare il peso degli aeromobili e risparmiare il consumo di carburante. Tutte le compagnie aeree Etihad Airways partners condividono l’impegno a ridurre le emissioni e, in particolare, l’obiettivo a lungo termine che prevede di arrivare a una riduzione in tutto il settore del 50% entro il 2050 rispetto ai livelli del 2005. In questo senso, ci auguriamo che dalla prossima riunione dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) in programma a settembre, possano emergere progressi significativi in vista di un accordo globale. A proposito, sapevate che avere aerei puliti significa anche avere aerei più

efficienti? Questo è uno dei motivi per cui tutte le compagnie aeree Etihad Airways Partners si sforzano di mantenere i loro aerei sempre in ottime condizioni. Un aereo pulito non è solo bello da vedere, ma è anche più aerodinamico e quindi più efficiente dal punto di vista del consumo di carburante. Prendersi cura del pianeta, però, non vuol dire solo proteggere le sue preziose risorse naturali. Jet Airways è stata insignita del premio “Henry Spira Humane Corporate Progress Award” dalla Humane Society International per la sua policy sul divieto di spedizioni di pinne di squalo. Recentemente, Etihad Airways è stata una delle firmatarie della dichiarazione promossa dalla Taskforce internazionale della United for Wildlife contro il trasporto illegale di fauna selvatica. L’iniziativa mira a contrastare il fenomeno crescente del commercio illegale di animali selvatici e di prodotti correlati in tutto il mondo e la dichiarazione individua 11 impegni per sostenere gli sforzi globali volti a impedire il contrabbando illegale di specie selvatiche, mettendo in atto misure nel settore dei trasporti che contribuiscano a chiudere le rotte utilizzate dai trafficanti. L’obiettivo di Etihad Airways partners non è solo portarvi a destinazione, ma farlo con la massima responsabilità, come buoni cittadini globali.


Sustainable travel: one of Etihad Airways partners chief commitments Etihad Airways, for instance, plays a leading role in the development of biofuels as a founding member of the Sustainable Bioenergy Research Consortium, a group advancing efforts to reduce carbon emissions by developing a clean, sustainable and alternative fuel supply. The consortium has just opened the world’s first research facility to grow food and fuel, using desert lands irrigated by seawater, in Abu Dhabi. This exciting research places the capital of the United Arab Emirates at the centre of a global movement to advance technology supporting the sustainable production of food and bioenergy. airberlin, meanwhile, is constantly improving its fuel efficiency with great success. In 2015, it was recognised as having the best CO2 efficiency worldwide among major airlines when the environmental protection agency atmosfair published its 2015 Airline Index. With an average fleet age of just six years, airberlin has one of the youngest fleets in Europe, and operates a very ambitious ‘Eco-Efficient Flying’ Programme featuring 70 measures in the areas of flight planning, weight reduction, aircraft modernisation and optimised flight procedures to reduce emissions. Alitalia’s commitment to the environment is an essential part of its values. Operating one of the world’s most modern and efficient fleets, the airline implements the International Air Transport Association’s best practice recommendations on limiting CO2 emissions. These include measures such as aircraft weight reduction, increased engine efficiency, improved aerodynamics, optimised fleet usage, and optimal flight planning and management. Alitalia also takes part in several sustainability projects, including research on alternative biofuels. This is also the case at Air Serbia which is similarly investigating ways to optimise aircraft weight to lead to leaner fuel consumption. In addition, all the Etihad Airways partners airlines support commitments to reduce emissions and specifically, a long-term goal to see a 50 per cent reduction across the industry by 2050 compared to 2005 levels. We share the desire to see meaningful progress on a global deal at the International Civil Aviation Organization (ICAO) General Assembly taking place in September. And did you know that clean airplanes also mean more efficient airplanes? It’s one of the reasons why all Etihad Airways Partner airlines go to great lengths to keep their aircraft in pristine condition. Clean aircraft are not just nicer to look at – they are far more aerodynamic and this in turn makes then more fuel efficient. Caring for the planet extends to more than protecting precious natural resources, however. Jet Airways is a recipient of the Henry Spira Humane Corporate Progress Award from the Humane Society International in recognition and appreciation of its policy to enforce a ban on shipments of shark fins. Recently, Etihad Airways also become a signatory to the Declaration of the United for Wildlife International Taskforce on the Transportation of Illegal Wildlife Products. The initiative aims to prevent the growing trade in illegal wildlife and related products around the world and the declaration documents 11 commitments to support global efforts to prevent illegal wildlife smuggling by putting in place measures for the transport industry to help shut down routes exploited by traffickers. With Etihad Airways partners, it’s not just about how we get you to your destination but doing so with the utmost responsibly as good global citizens.

La Flotta delle compagnie Etihad Airways Partners / Etihad Airways Partners Fleet

121

122

117

144

21

6

10

Il Network degli Etihad Airways Partners / Etihad Airways Partners Network

349 Destinazioni Destinations

68 Paesi Countries

6 Continenti Continents

7 Partner Partners

541 Totale Flotta Combined Fleet

ULISSE _ settembre 2016 _

137


Where we go

ISLANDA REYKJAVIK

EUROpA E MEDITERRANEO

EUROpE AND THE MEDITERRANEAN

INVERNESS

SOUTHAMPTON

LILLA

DESTINAZIONI SERVITE DA ALITALIA Destinations served by Alitalia

BORDEAUX

LIONE

DESTINAZIONI SERVITE DAI PARTNER ETIHAD AIRWAYS Destinations served by Etihad Airways Partners DESTINAZIONI SERVITE DA ALTRI PARTNER Destinations served by other Partners

PORTO

VOLI DA ROMA Flights from Rome VOLI DA MILANO Flights from Milan

ALGHERO VOLI DA ALTRI AEROPORTI Flights from other airports

16 160

138

_ ULISSE _ settembre 2016


SAN PIETROBURGO

WESTERLAND

DRESDA

KIEV

KARLSRUHE

OSTRAVA

ROSTOV

KOÅ ICE BRATISLAVA

SALISBURGO

STAVROPOL GRAZ LUBIANA ZAGABRIA POLA

BANJA LUKA VARNA SARAJEVO TEODO

ERO

OHRID

PALERMO CATANIA RODI LARNACA


SEATTLE

QUÉBEC

SPOKANE

BOISE SYRACUSE

FORT MYERS

REYKJAVĺK

ANCHORAGE

MONTERREY KAUAI ISLAND HONOLULU KONA

KHAULULI

GUADALAJARA

CANCÚN

SAINT THOMAS ISLAND

SAINT MAARTEN

DESTINAZIONI SERVITE DA ALITALIA Destinations served by Alitalia DESTINAZIONI SERVITE DA ETIHAD AIRWAYS PARTNERS Destinations served by Etihad Airways Partners

BELEM

DESTINAZIONI SERVITE DAI PARTNER DELLA JOINT VENTURE TRANSATLANTICA Destinations served by Transatlantic Joint Venture Partners Air France, Delta, KLM DESTINAZIONI SERVITE DA ALTRI PARTNER Destinations served by other Partners VOLI DA ROMA Flights from Rome VOLI DA MILANO Flights from Milan VOLI DA ALTRI AEROPORTI Flights from other airports

140

_ ULISSE _ settembre 2016

CAMPOGRANDE ASUNCIÓN

FORTALEZA JOÃO PESSOA


Where we go

MONDO

WORLD

TJUMEN

PARIGI

CHENG DO WUHAN GUANGZHOU

MANILA

MAROOCHYDORE BRISBANE GOLD COAST BALLINA COFFS HARBOUR ADELAIDE

HOBART 1:115 000 000 1 cm= 1150 km


Where we go

ITALIA

ITALy

OLBIA

DESTINAZIONI SERVITE DA ALITALIA Destinations served by Alitalia VOLI DA ROMA Flights from Rome VOLI DA MILANO Flights from Milan VOLI DA ALTRI AEROPORTI Flights from other airports

1:5 750 000 1 cm= 57,5 km

142

_ ULISSE _ settembre 2016


Volare con noi e i nostri Partner Flying with Us and Our Partners

Con Alitalia potrai raggiungere tante nuove mete per i tuoi viaggi in Italia, in Europa e nel mondo.

With Alitalia, you can travel to many new destinations in Italy, Europe and worldwide.

Shanghai, Seoul, Tokyo sono solo alcune delle destinazioni che puoi raggiungere direttamente dagli Hub di Roma e Milano.

Shanghai, Seoul and Tokyo are just some of the destinations that you can reach directly from both our hubs in Rome and Milan.

Il nostro network continua ad ampliarsi, per portare l’Italia nel mondo e tutto il mondo in Italia.

Our network continues to expand, bringing Italy to the world and the world to Italy.

ETIHAD AIRWA AIRWAYS WAYS PA P PARTNERS RTNERS ETIHAD AIRWA AIRWAYS WAYS PA P PARTNERS RTNERS

Volando con i partner di Etihad Airways potrete raggiungere più di 320 destinazioni in Europa, Nord e Sud America, in Medio Oriente, Africa e in Asia. Troverete sempre la soluzione di viaggio più conveniente grazie a un network globale e ad orari e connessioni pensati per soddisfare tutte le esigenze, sia di lavoro che di tempo libero. With Etihad Airways Partners you can fly to more than 320 destinations across Europe, North and South America, the Middle East, Africa and the Asia-Pacific region. Its global network, schedule and connections are designed to meet your needs and find the most convenient solution for any business or leisure trip.

LL’ALLEANZA L’ ’ALLEANZA SKYTEAM THE SKYTEAM ALLIANCE

Una grande alleanza fatta fa f tta di qualità, efficienza e una rete di collegamenti unica al mondo, sia nel trasporto passeggeri che in quello cargo. Skyteam offre oltre 17.300 voli al giorno verso 1.062 destinazioni in 177 Paesi. efficiency A great alliance that provides quality, y efficien cy and a cargo. unique worldwide network, ffor both passengers and ca rgo. SkyTeam offers SkyT yTeam o ffers more ff more than 17,300 daily flights to 1,062 destinations in 177 countries.

GLI ALTR ALTRI L I PA P PARTNER RTNER THE OTHER PARTNERS

La rete Alitalia si arricchisce continuamente di nuovi collegamenti frutto di speciali accordi di code share stipulati con altri vettori. Thanks to special code-sharing agreements with other carriers, Alitalia’s ’ ne twork is growing with new routes network constantly being added.

ULISSE _ settembre 2016 _

143


144

_ ULISSE _ giugno 2016


34,1 | 111’10”

138

850

EMBRAER 190

100

15

88

28,7 | 94’2’’

33,8 | 111’

Per destinazioni nazionali e di medio raggio — For medium haul and domestic destinations

5

850

10,55 | 34’5’’

22

11,8 | 38’7”

AIRBUS A319

36,2 | 118’11’’

EMBRAER 175

850

26 | 85’4’’

Numero di aerei — Number of aircraft

9,73 | 31’11’’

Per destinazioni di lungo raggio — For long haul destinations

Numero posti — Number of seats 31,7 | 103’11’’

Velocità di crociera — Cruising speed (km/h)

ULISSE ULISSE__gennaio giugno 2016 _

145


Il Programma MilleMiglia The MilleMiglia Program

MILLEMIGLIA, LA FEDELTÀ TI PORTA LONTANO MilleMiglia, where loyalty takes you far Il Programma MilleMiglia è dal 1992 il programma fedeltà della compagnia aerea preferita dagli italianiche riserva ai propri Soci un mondo di privilegi dedicati da utilizzare per i tuoi viaggi e nella vita di tutti i giorni. The MilleMiglia program, since 1992, is the loyalty program from the airline preferred by Italians, which reserves to its Members a world to enjoy for travels and everyday life.

ISCRIVITI Sign up

Iscriviti subito gratuitamente su alitalia.com: se ti attivi entro 3 mesi, per te uno speciale Welcome Bonus di 2.000 miglia. Subscribe now for free at alitalia.com: if you are active within 3 months, you will receive a special Welcome Bonus of 2,000 miles.

ACCUMULA MIGLIA Earn miles

Con le miglia puoi richiedere biglietti premio o upgrade di classe, per volare verso più di 1.000 destinazioni nel mondo. Oppure scegli uno dei 600 premi disponibili su millemigliagallery.com

Earn miles with Alitalia or with any of the Airline Partners flying to over 180 countries worldwide. In addition, thanks to over 50 Business partners, you can even earn miles with your every day purchases.

With your miles you can request award tickets or class upgrades, flying to more than 1,000 destinations worldwide. Or you can choose from more than 600 awards available on millemigliagallery.com

MilleMiglia Kids: earning miles is a child’s playni. Con MilleMiglia Kids puoi accumulare miglia sul tuo conto anche per i viaggi dei tuoi figli di età compresa tra i 2 e i 13 anni. Basta associare i dati dei ragazzi al tuo codice MilleMiglia per ricevere i codici identificativi ed iniziare ad accumulare miglia. Viaggiare contutta la famiglia sarà ancora più conveniente. Maggiori dettagli su alitalia.com With MilleMiglia Kids you can earn miles for the flights of your children between the ages of 2 and 13. Just associate your children’s data with your MilleMiglia code to receive identification codes and start earning miles. Travelling with the whole family will be even more convenient. More details on alitalia.com

_ ULISSE _ settembre 2016

Choose your own reward

Accumula miglia con Alitalia o con i suoi Partner Aerei per volare verso 180 paesi nel mondo. E, grazie a oltre 50 partner Commerciali, puoi guadagnare miglia anche con i tuoi acquisti di tutti i giorni.

Millemiglia Kids.Accumulare miglia è un gioco da ragazzi. Iscriviti accumula miglia premiati come vuoi

146

PREMIATI COME VUOI


IL PROGRAMMA CHE CONTINUA AD ALLARGARE I TUOI ORIZZONTI

I numeri del Programma The Program numbers

The Program which keeps expanding your horizon Ti ricordiamo che è stata estesa la validità dell’attuale edizione del tuo programma di fedeltà preferito: fino al 31 dicembre 2017! Questo significa che le tue miglia non scadono e che hai tantissimo tempo in più per: • accumulare miglia volando con Alitalia e vivendo una rinnovata esperienza di viaggio con i Partner Aerei, raggiungendo oltre mille destinazioni nel mondo, oppure utilizzando i servizi degli oltre 50 Partner Commerciali del Programma; • premiarti con le miglia accumulate ottenendo biglietti premio o upgrade, oppure i prodotti del MilleMiglia Gallery, lo shop online, oggi più icco che mai conoltre 600 articoli tra cui scegliere; • accedere o rinnovare l’appartenenza ai Club Esclusivi e apprezzare così tanti privilegi in più. Sono in arrivo nuove opportunità per utilizzare le tue miglia come vuoi. Un motivo in più per continuare ad accumulare miglia e scegliere davvero come premiarti nel modo che preferisci!

5

MILIONI di Soci nel mondo 5 million Members worldwide

30

Parter aerei We remind you that this year’s edition of your favorite loyalty program has just been extended to December 31st 2017! This means that your miles do not expire, and you still have a lot of time to: • earn miles by flying with Alitalia and live a renewed travel experience, by flying with the Airlines Partners reaching more than a thousand destinations around the world or by using the services of more than 50 Commercial Partners; • reward yourself with the miles earned getting award tickets or upgrades, or products from MilleMiglia Gallery, the online shop, richer than ever thanks to more than 600 items to choose among; • access or renew your Exclusive Clubs membership, to enjoy even more privileges. And more chances to use your miles are coming after the summer: one more reason to keep earning miles and choose the best reward for you.!

Airline Partners

1.000

Destinazioni nel mondo Destinations worldwide

50

Partner Commerciali Commercial Partners

160.00

Soci dei Club Esclusivi Exclusive Club Members

600 Lounge

Lounges

ULISSE _ settembre 2016 _

147


CLUB ESCLUSIVI:

DEDICATI A CHI AMA SENTIRSI SPECIALE Exclusive Clubs: for all those who like to feel special l Programma riserva più privilegi, più comfort e più relax, ai Soci dei Club Esclusivi. Basta volare con Alitalia o con i Partner Aerei per iniziare subito ad accumulare miglia qualificanti ed entrare così a far parte dei Club Esclusivi ed ottenere servizi e vantaggi dedicati come:

PARTNERS NEWS

l’Exclusive Bonus che garantisce ai Soci un bonus dal 25 al 100% di miglia in più quando voli con Alitalia e le altre Compagnie Aeree Partner;

Procedure check -in facilitate, imbarco prioritario e priorità nelle liste d’attesa;

AIRBERLIN E NIKI: VANTAGGI IN PISTA

Extra bagaglio e trasporto di attrezzatura sportiva gratuito;

Upgrade gratuiti nelle classi di viaggio superiori;

Servizio Clienti con numero dedicato.

Grazie alla partnership con Airberlin (AB) e Niki (HG) puoi accumulare miglia e richiedere biglietti premio anche viaggiando su voli operati in code share. Scopri tutti i privilegi riservati ai Soci del Programma.

CLUB ULISSE: 20.000 MIGLIA qUALIFICANTI O 30 VOLI qUALIFICANTI CLUB FRECCIA ALATA : 50.000 MIGLIA qUALIFICANTI O 60 VOLI qUALIFICANTI CLUB FRECCIA ALATA pLUS: 80.000 MIGLIA qUALIFICANTI O 90 VOLI qUALIFICANTI Per saperne di più sui Club Esclusivi visita alitalia.com The Program reserves more privileges and comfort to the Members of the Exclusive Clubs. Just fly with Alitalia or with Partner Airlines to immediately begin earning qualifying miles on your account and join the Exclusive Clubs to benefit of exclusive services such as: •

Exclusive Bonus, a bonus from 25 to 100% more miles per flight when flying with Alitalia and its Airline Partners;

Easier check-in procedures, priority boarding and priority on waiting lists;

Extra baggage and sports equipment at no additional cost;

Dedicated Customer Service

CLUB ULISSE: 20,000 qUALIFyING MILES OR 30 qUALIFyING FLIGHTS CLUB FRECCIA ALATA : 50,000 qUALIFyING MILES OR 60 qUALIFyING FLIGHTS CLUB FRECCIA ALATA pLUS: 80,000 qUALIFyING MILES OR 90 qUALIFyING FLIGHTS To know more about the Exclusive Clubs, visit alitalia.com

TAKE OFF WITH AIRBERLIN AND NIKI FOR A REWARDING FLIGHT Thanks to our partnership with Airberlin (AB) and Niki (HG) you also can earn miles and request Award Tickets while travelling on codeshare flights. Discover all the privileges reserved for Members of the Program.

CON COOP E BENNET, VANTAGGI ALL’ORDINE DEL GIORNO Il Programma MilleMiglia presenta due nuovi Partner: Coop e Bennet. Da oggi facendo la spesa nei supermercati presenti in Piemonte, Lombardia, Liguria e Toscana accumuli miglia per ottenere privilegi e biglietti più velocemente.

PICK UP MORE REWARDS AT THE COOP AND BENNET. The MilleMiglia Program presents two new Partners: Coop and Bennet. From now on, by shopping in supermarkets located in the Piedmont, Lombardy, Liguria and Tuscany regions, you can earn miles to get privileges and tickets even more quickly.

148

_ ULISSE _ settembre 2016


I Partner del Programma Program Partners

I PARTNER AEREI

AIRLINE PARTNERS

PARTNER ETIHAD AIRWAYS ETIHAD AIRWAYS PARTNERS

ALTRI PARTNER AEREI OTHER AIRLINE PARTNERS

I PARTNER COMMERCIALI

COMMERCIAL PARTNERS

ALBERGHI HOTELS

TRENO TRAIN

AUTONOLEGGI CAR RENTAL

CULTURA E TEMPO LIBERO CULTURE AND FREE TIME

CARTE DI CREDITO CO-BRANDED

BANCHE, CARTE DI CREDITO E ASSICURAZIONI

CO-BRANDED CREDIT CARDS

BANKS, CREDIT CARDS, INSURANCES

PETROLIFERE, UTENZE E GRANDE DISTRIBUZIONE OIL, LARGE DISTRIBUTION

SERVIZI E STRUTTURE SERVICE AND FACILITIES

SHOPPING SHOPPING

TAXI

ULISSE _ settembre 2016 _

149


Fitness on air

JET LAG RIDURRE L’EFFETTO Per ridurre gli effetti del cambio del fuso orario legati al viaggio aereo, si consiglia di mantenere le lancette biologiche sull’orario di casa se la permanenza nel luogo di destinazione non supera i due giorni. Se invece la permanenza è prolungata, è bene attenersi a regole di vita salutari per adeguarsi il prima possibile all’orario locale, tenendo conto che in genere il recupero dal jet lag è generalmente più rapido se si viaggia verso ovest

REDUCING THE EFFECT To help fight jet lag, it’s a good idea to keep your ‘body clock’ set to home time for trips shorter than two days. When your trip is longer, it is advisable to adjust to the local time as soon as possible. Typically you will recover more quickly from jet lag when travelling westwards.

150

_ ULISSE _ settembre 2016

POCHE REGOLE PER MANTENERSI IN FORMA A FEW RULES TO KEEP IN SHAPE Microclima a bordo Per assicurarti il massimo del benessere, sui nostri voli impieghiamo le migliori tecnologie per ridurre il rumore in cabina, migliorare costantemente la qualità dell’aria e mantenere la pressurizzazione della cabina a un livello sempre ottimale. Perché la tua salute e la tua sicurezza sono le cose che abbiamo più a cuore. Variazione di altitudine Per superare gli eventuali piccoli disagi legati alla variazione di altitudine, soprattutto in fase di decollo e atterraggio, consigliamo di effettuare sbadigli profondi, bere acqua e masticare un chewing-gum o una caramella. Per prevenire problemi di salute Per i viaggiatori con problemi di salute o per le donne in gravidanza è consigliabile consultare un medico prima di partire. Per prevenire rischi di trombosi venosa profonda (DVT) suggeriamo di seguire queste semplici regole: 1. Bere acqua frequentemente 2. Non bere alcolici prima e durante il volo 3. Indossare scarpe comode, che non stringano le caviglie 4. Evitare di rimanere seduti a bordo con le gambe accavallate 5. Alzarsi spesso e sgranchirsi le gambe in corridoio 6. Effettuare gli esercizi consigliati nella pagina seguente I fattori che possono facilitare l’insorgere della DVT sono: ereditarietà, trattamenti ormonali prolungati senza adeguato controllo medico, alterazioni marcate e persistenti dei fattori di coagulazione in assenza di un’idonea terapia, recenti interventi chirurgici (specialmente se attinenti al circolo artero-venoso). Coloro che praticano attività subacquee, prima di intraprendere un viaggio dovrebbero far trascorrere 24 ore dall’ultima immersione per minimizzare eventuali rischi derivanti da malattie di decompressione.

Microclimate on-board To ensure that you arrive on top form, we use state-of-the-art technologies to reduce cabin noise and keep the cabin pressure and air quality at an optimum level. Your wellbeing and safety matter to us. Variation of altitude To prevent any discomfort due to changes in the altitude (mainly during takeoff and landing), we suggest that you breathe in and out deeply, drink some water and chew gum or eat sweets. Preventing health problems For travellers with health problems or for pregnant women, it is recommended that you consult a doctor before the departure date. To avoid any possibility of what is known as “Deep Venous Thrombosis” (DVT), we suggest these tips: 1. Drink frequently during the journey 2. Avoid alcohol before and during the flight 3. Wear comfortable shoes which are not too tight around the ankles 4. Avoid sitting with your legs crossed for long periods 5. Stand up frequently and stretch your legs in the aisle 6. Try to do the exercises on the following page Some of the factors that might contribute to DVT are: hereditary, prolonged hormonal treatment which hasn’t been medically supervised, persistent or sudden alteration of blood coagulation rate (when left untreated), recent surgical operations (especially those involving veins and arteries). Those who practice diving should wait 24 hours after their last dive before embarking on a trip. This will minimize the risks associated with decompression illness.


Rilassati con i nostri esercizi di bordo Relax with our on-board exercises

RILASSAMENTO PREPARATORIO Preparatory relaxation

RILASSAMENTO POLPACCI Calf relaxation

CIRCONDUZIONE DELLE CAVIGLIE Ankle spins

RILASSAMENTO QUADRICIPITI Quadriceps relaxation

L’assunzione di un bicchiere d’acqua naturale più volte durante la permanenza a bordo vi aiuterà a prevenire probabili disagi di altitudine ed eventuai rischi della sindrome DVT.

Con le piante dei piedi ben appoggiate al suolo (ci si può eventualmente aiutare facendo pressione sulle ginocchia con le mani) sollevare insieme.

Sollevare alternativamente i piedi e compiere una rotazione delle caviglie dall’interno verso l’esterno.

Sollevare alternativamente le gambe flesse e portare le ginocchia verso il busto. Per perfezionare il movimento evitare di curvare il busto.

Drinking a glass of still water throughout the flight will help prevent discomfort caused by altitude and any risk of DVT syndrome.

Keeping your feet firmly on the floor (it helps to press down on your knees with your hands), first raise your toes a few inches, then your heels.

Raise one foot a few inches and wiggle it with a circular movement in a clockwise direction, keeping your ankle steady.

Bend your legs and lift then alternately, bringing your knees towards your chest. For the best results, avoid bending the torso.

al minuto X10 Movimenti Movements per minute

al minuto X10 Movimenti Movements per minute

al minuto X10 Movimenti Movements per minute

RILASSAMENTO DELLE SPALLE Shoulders relaxation

MOBILITÀ BRACCIA Arm mobility

EQUILIBRIO Balance

SPALLE E GAMBE Shoulders and legs

Con la schiena allungata e perpendicolare alla seduta, compiere delle rotazioni delle spalle in avanti e indietro, tenendo ferma la posizione del collo e delle braccia.

Con i gomiti vicini al busto, sollevare contemporaneamente gli avambracci fino a portare le mani all’altezza delle spalle. Evitare di insaccare il collo, tenere le spalle basse.

Nelle fasi di crociera in cui è consentito, e compatibilmente con le disposizioni della Compagnia, assumere posizione eretta e sollevare i talloni dal suolo rimanendo in equilibrio.

Partendo da posizione eretta, appoggiarsi con il braccio allo schienale di fronte a voi e sollevare con la mano opposta la gamba corrispondente, avvicinando il piede al gluteo.

Sit up straight and stretch your spine. Then make a rolling movement with your shoulders, keeping your neck and arms as steady as possible.

Keeping your elbows close to your sides, raise both forearms and touch your shoulders with your hands.

Whenever possible during the flight, stand up and slowly raise both heels off the floor so that you’re on tiptoes, then lower them again.

Stand up and rest your arm on the seat in front of you. With your free hand, raise the corresponding leg and bring your foot to your buttocks.

Movimenti al minuto X10 Movements per minute

al minuto X20 Movimenti Movements per minute

al minuto X10 Movimenti Movements per minute

X5

Movimenti al minuto Movements per minute

ULISSE _ settembre 2016 _

151


Dispositivi elettronici portatili Portable electronic devices

Al fine di evitare interferenze con la strumentazione e gli impianti di bordo, vi invitiamo ad attenervi alle seguenti disposizioni circa l'uso dei dispositivi elettronici portatili. I passeggeri che viaggiano a bordo di aeromobili dotati di sistema di Connettività possono consultare il dépliant informativo posto nella tasca della poltrona.

To avoid interference with the aircraft instruments and equipment, please observe the following instructions on the use of portable electronic devices. Passengers travelling on an aircraft with in-flight Connectivity should refer to the brochure placed in the seat pocket.

PRIMA DEL DECOLLO A PORTE APERTE Before departure with open doors Telefoni cellulari e palmari in modalità Telefonica

PC Tablet e lettori e-book in modalità Telefonica, computer

Lettori di CD, DVD, MP3, MP4

Mobile phones and handheld computers in Telephone mode

Tablets and e-Book readers in Telephone mode, notebook and laptop

CD, DVD, MP3, MP4 readers

Macchine fotografiche, videocamere

Giochi elettronici portatili e giocattoli elettronici

Cameras, camcorder

Portable electronic games and electronic toys

DURANTE LE FASI DI RULLAGGIO, DECOLLO, ATTERRAGGIO E IN VOLO During taxi, take-off, landing and cruise Telefoni cellulari e palmari in modalità Aereo (Offline) (1) (3)

PC tablet e lettori e-Book in modalità Aereo (Offline) (1) (3)

Lettori di CD, DVD, MP3 e MP4

Mobile phones and handheld computers in Airplane mode (Offline) (1) (3)

Tablets and e-Book readers in Airplane mode (Offline) (1) (3)

Macchine fotografiche e videocamere Cameras and camcorders

Giochi elettronici portatili non in collegamento wireless e giocattoli elettronici non radiocomandati

CD, DVD, MP3 and MP4 readers

Computer portatili non collegati a stampanti, masterizzatori di CD/DVD o dispositivi wireless (2) Laptop/notebook computers not connected to printers, CD/DVD or wireless devices (2)

Portable electronic games not connected in wireless mode and non-remote-controlled electronic toys

In fase di crociera, i dispositivi audio e audio-video devono essere utilizati con l'ausilio di auricolare. During cruise, audio and video players should be used with headphone (1)

Su aeromobili dotati di connettività i dispositivi possono essere utilizzati in modalità Telefonica quando il segnale "NO MOBILE" è spento. On aircraft fitted with Connectivity, devices can be used in Telephone mode provided "NO MOBILE" overhead sign has been switched off. Durante il rullaggio, decollo e atterraggio i dispositivi devono essere spenti e riposti negli appositi spazi riservati. During taxi, take-off and landing the devices must be switched off and stowed in approved stowage areas. (3) Al termine della fase di atterraggio, i dispositivi potranno essere utilizzati in modalità Telefonica dopo l'annuncio del Personale di Volo. After landing, devices can be used in Telephone mode as communicated by the Cabin Crew via the dedicated announcement. (2)

USO SEMPRE PROIBITO Always prohibited Sigarette, sigari e pipe elettroniche

Trasmettitori a due vie (es. walkie-talkie)

Electronic cigarettes, cigar and pipes

Two-way trasmitters (e.g. walkie-talkie)

PREVENZIONE INCENDIO BATTERIE AL LITIO In caso di caduta accidentale di un dispositivio con batteria (es. cellulare, tablet) all'interno delle parti meccaniche delle poltrone regolabili elettronicamente, si raccomanda di informare immediatamente un assistente di volo evitando di muovere elettricamente o meccanicamente le poltrone stesse. Tali dispositivi, se danneggiati, possono rappresentare una possibile causa di incendio. 152

_ ULISSE _ settembre 2016

Radio AM/FM, TV

Dispositivi "wireless"

AM/FM Radio, TV

Wireless devices

Lithium battery fire prevention If a portable electronic device with battery (eg. mobile phone, tablet), inadvertently slipped or is dropped between the mechanical parts of an electrically adjustable seat, do not move the seat (electrically or mechanically) and immediatly inform a Cabin Crew Member. Such devices can become a potential fire hazard if they are crushed or damaged.


Intrattenimento di Bordo On Board Entertainment

I grandi successi del cinema, musica e giochi in viaggio con te Blockbuster films, chart topping music and games for your journey

100 74 70 18 12

Programmi Tv Tv programs Film Movies CD CDs Giochi interattivi Interactive games Canali musicali Music channels


Intrattenimento di Bordo - On Board Entertainment

BATMAN V SUPERMAN: SUPERMAN: Dawn of Justice Una rivalità inaspettata, uno scontro emozionante per un imperdibile faccia a faccia tra due iconici supereroi tra colpi di scena e incredibili effetti speciali Già regista de L’uomo d’acciaio (2013), Zack Snyder torna a dirigere uno dei supereroi più amati di sempre: Superman. Ma questa volta, la creatura semidivina dovrà scontrarsi con un inaspettato rivale: Batman. Una lotta all’ultimo sangue tra due paladini della giustizia destinati, solo sul finale, ad allearsi per combattere, assieme a Wonder Woman, il vero nemico: Lex Luthor. Il film, nelle parole del regista, fungerebbe da preludio all’annunciato e più ampio progetto “Justice League”. After Man of Steel (2013), Zack Snyder now directs one of the most popular superheroes of all time: Superman. But this time, the supernatural creature will meet an unexpected rival: Batman. A fight to the death between two champions of justice that, only in the end, will join their forces to fight, along with Wonder Woman, the true enemy: Lex Luthor. The film, according to the director’s words, would serve as a prelude to the announced and larger project “Justice League”.

■ BATMAN V SUPERMAN: DAWN OF JUSTICE di Zack Snyder –151 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, KOR CHI SUBS

154

_ ULISSE _ settembre 2016


Ultime uscite Latest releases

■ MONEY MONSTER

Money Monster – L’altra faccia del denaro di Jodie Foster – 98 min USA 2016 – ENG, ITA, BPORT, SPA WITH CHI SUBS Jodie Foster dirige un thriller action che vede protagonisti George Clooney, Jack O’Connell e Julia Roberts. Un film drammatico avente quale tema portante la grave crisi economica. Un film nel film, dato che la trama vede un uomo disperato, dopo aver perso tutto, prendere in ostaggio il conduttore televisivo Lee Gates, anche noto come “Mago di Wall Street”. Il tutto si svolge in diretta. Il film è stato presentato, fuori concorso, al Festival di Cannes 2016. Jodie Foster directs an action thriller starring George Clooney, Jack O’Connel and Julia Roberts. A drama movie focusing on the deep economic crisis. A movie in the movie, given that the plot sees TV host Lee Gates, also known as “the wizard of Wall Street”, taken hostage by a desperate man who lost everything. All happens live. The film was presented, out of competition, during the 2016 Cannes Film Festival.

■ HOW TO BE SINGLE Single ma non troppo di Christian Ditter – 110 minuti USA 2016 – ENG, ITA, BRA, KOR

■ MY BIG FAT GREEK WEDDING 2 Il mio grosso grasso matrimonio greco 2 di Kirk Jones – 94 minuti USA 2016 – ENG, ITA, FRE, SPA

■ MAGIC MIKE XXL di Gregory Jacobs – 115 minuti USA 2015 – ENG, ITA, JPN, FRE

ULISSE _ settembre 2016 _

155


Cinema Italiano

PARENTAL CONTROL ■ Vietato ai minori - Restricted ■ Supervisione - Parental Guidance ■ Film per tutti - General

Italian cinema

■ UN PAESE QUASI PERFETTO di Massimo Gaudioso – 92 minuti ITA 2016 – ITA

■ IL PROFESSOR CENERENTOLO

Intrattenimento di Bordo - On Board Entertainment

di Roberto Andò – 100 minuti ITA 2016 – ITA

■ TORNO INDIETRO E CAMBIO VITA di Carlo Vanzina – 95 minuti ITA 2015 – ITA

156

_ ULISSE _ settembre 2016

■ QUO VADO? di Gennaro Nunziante – 86 minuti – ITA 2016 – ITA Film che detiene il record di maggior incasso in Italia nel giorno d’uscita (oltre 6.850.000 euro) e definito il film italiano che ha registrato il più grande incasso della storia, Quo vado? di Gennaro Nunziante è il quarto lungometraggio con protagonista il comico Checco Zalone. Il film ha ottenuto diverse candidature ai Nastri d’argento, David di Donatello, Globi d’Oro e Ciak d’Oro. La trama mescola sapientemente comicità, ironia, problematiche legate al mondo del lavoro senza tralasciare aspetti sentimentali e profondi.

Highest grossing film in Italy on the day of release (over 6,850,000 Euros) and highest grossing Italian film of all time, Quo Vado?, directed by Gennaro Nunziante, is the fourth feature film starring comedian Checco Zalone. The film received several nominations for Silver Ribbons, David di Donatello, Golden Globes and Ciak d’Oro awards. The plot skillfully mixes humour, irony and labour issues without overlooking sentimental aspects.


Bambini Kids

■ KUNG FU PANDA 3 di Jennifer Yuh – 95 minuti USA 2016 – ENG, ITA, BRA, JPN, WITH CHI SUBS Terzo capitolo della saga d’animazione Kung Fu Panda, il film diretto da Jennifer Yuh e Alessandro Carloni. Po, dopo essersi ricongiunto con il padre Li, raggiunge assieme a quest’ultimo il suo villaggio d’origine. Un malvagio spirito, Kai, terrorizza l’intera Cina sconfiggendo i migliori maestri di kung fu. Po dovrà lavorare sodo per trasmettere ai suoi amici panda la tipica arte marziale cinese e renderli pronti al combattimento. Third chapter of the animated saga Kung Fu Panda, the film directed by Jennifer Yuh and Alessandro Carloni. Po, after reuniting with his father Li, reaches his village of origin with him. An evil spirit, Kai, terrorises the entire China by defeating the best Kung-Fu masters. Po will have to work hard to instil the typical Chinese martial art in his panda friends and to make them ready to fight.

■ THE JUNGLE BOOK Il libro della giungla di Jon Favreau 105 minuti USA 2016 ENG, ITA, JPN, FRE

■ ALADDIN

Ciao, sono Ali ecco i miei a, suggerimenti ! Hi, my n is Ali ame my sug a, here gestion s!

di R. Clements, J. Musker 90 minuti – USA 1992 ENG, ITA, FRE, JPN

ULISSE _ settembre 2016 _

157


Programmi TV Tv Programs

NCIS - Los Angeles

Intrattenimento di Bordo - On Board Entertainment

Serie 7 CBS – 44 minuti – ITA – ENG Serie televisiva di grande successo, spin-off della serie NCIS - Unità anticrimine. Tra le più seguite della stagione televisiva statunitense, ha inaugurato l’inizio di 10 stagioni televisive con un altissimo indice di gradimento. Gli agenti della squadra indagano su gravi delitti perpetrati attraverso il coinvolgimento di militari appartenenti alla marina o al corpo dei marines. This gripping crime series brings us the inner workings of the government agency that investigates all crimes involving Navy and Marine Corps personnel, regardless of rank or position.

WILD YELLOWSTONE SU NAT GEO WILD L’ESTATE DEI GRIZZLY NGC – 52 minuti ITA – ENG Nessun posto sulla Terra è come Yellowstone: una terra straordinaria dove il fuoco e il ghiaccio dominano alle pendici del vulcano più grande d’America. Il parco nazionale più antico e iconico degli Stati Uniti d’America vi racconterà storie straordinarie! In summer Yellowstone transforms into a wildlife paradise with a dark side. Grizzly bears emerge from mountain dens to roam for food. Competition with wolves and other bears is fierce. No place on Earth is like Yellowstone: an extraordinary land where fire and ice dominate the slopes of the largest volcano in America. The national park ‘s oldest and most iconic of the United States of America will tell you amazing stories!

SEMPRE CONNESSI

Rete mobile e Wi-Fi + Canali Live* Rimani connesso anche in volo: telefona, invia sms, posta sui social network, rispondi alle e-mail o semplicemente guarda le ultime notizie sui nostri canali live (CNN, BBC, Sport24, Euronews). (*) Servizio disponibile sulla flotta Airbus A-330

GET CONNECTED

Mobile and Wi-Fi Network + Live Channels* Stay connected during your flight: make phone calls, send texts, post on your favorite social network, answer emails or simply watch the latest news on our live channels (CNN, BBC, Sport24, Euronews). (*) Service available on the A-330 Airbus fleet

158

_ ULISSE _ settembre 2016


Musica Music

BOB DYLAN FALLEN ANGEL

MODÀ PASSIONE MALEDETTA

TOM WAITS BAD AS ME

12 brani raffinati e austeri tratti dal repertorio di compositori molto diversi. Dylan’s 37th studio album, featuring covers by some of the most acclaimed songwriters.

Una pozione passionale con oltre 110.000 copie vendute in 5 settimane. A passionate potion by Kekko and his partners: more than 110,000 copies sold in five weeks.

Impeccabile e tentacolare. 16 pezzi godibili, come “Face To The Highway”. Impeccable and sprawling. 16 enjoyable pieces, ranging from the extraordinary ”Face To The Highway”.

ASPARAGI E L’IMMORTALITÀ DELL’ANIMA Piera Degli Esposti legge alcuni dei più esilaranti racconti di Campanile (audiobook). Piera Degli Eposti reads some of Achille Campanile’s most hilarious tales.

BEYONCÉ Lemonade Il concetto di “salvation” con i due grandi temi – tradimento e diritti umani delle donne di colore – è al centro del nuovo album che riesce a conciliare le scelte commerciali ad uno stile impeccabile.

A deeply personal, daring sixth solo album that spans styles including reggae, hip hop, retro soul and straight-up R&B and features guests including James Blake, Kendrick Lamar and Jack White.

ULISSE _ settembre 2016 _

159


Tutta la programmazione All programming

Azione - Thriller Commedia

Film italiani

Film dal mondo

Action - Thriller

Comedy

Italian Movies

World Movies

■ BATMAN VS SUPERMAN: DAWN OF JUSTICE new di Zack Snyder – 151 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, KOR

■ MY BIG FAT GREEK WEDDING 2 new Il mio grosso grasso matrimonio greco 2 di Kirk Jones – 94 min USA 2016 – ENG, ITA, FRE, SPA

■ QUO VADO? new di Gennaro Nunziante 86 min – ITA 2016 – ITA

Intrattenimento di Bordo - On Board Entertainment

CHI SUBS

■ CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR new di Anthony Russo, Joe Russo – 146 min USA 2016 – ENG, ITA, KOR, JPN WITH

WITH

CHI SUBS

■ DEADPOOL di Tim Miller – 108 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, KOR

■ HOW TO BE SINGLE Single ma non troppo di Christian Ditter – 110 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, KOR ■ MAGIC MIKE XXL new di Gregory Jacobs – 115 min – USA 2015 – ENG, ITA, ■ ANGEL ET GABRIELLE di Anne Giafferi – 91 min FRA 2015 – FRE WITH ENG SUBS

■ LE CONFESSIONI new ITA WITH ENG SUBS di Roberto Andò – 100 min ITA 2016 – ITA

■ SAVING MR BANKS di John Lee Hancock 125 MIN – USA 2013

■ UN PAESE QUASI new PERFETTO di Massimo Gaudioso 92 min – ITA 2016 – ITA

FRE, SPA

■ GONE GIRL L’amore bugiardo di David Fincher - 149 min USA 2014 – ENG, ITA, BRA, KOR

■ DATE NIGHT Notte folle a Manhattan di Shawn Levy – 88 min USA 2010 – ENG, ITA, KOR, SPA

■ VALENTINE’S DAY ■ THE SECRET SERVICE Appuntamento di Matthew Vaughn – 129 min con l’amore USA 2014 – ENG, ITA, FRA, SPA di Garry Marshall 125 min – USA 2010 ■ LUCY ENG, ITA, KOR, FRE di Luc Besson -89 min – USA 2014 – ENG, ITA, BRA, SPA ■ THE HANGOVER Una notte da leoni ■ THE TRANSPORTER di Todd Phillips di Louis Leterrier, Corey Yuen 100 min – USA 2009 92 min – USA 2002 – ENG, ITA, ENG, ITA, FRE, JPN JPN, KOR 160

ENG SUBS

SUBS

■ SCUSATE SE ESISTO! di Riccardo Milani 106 min – ITA 2014

JPN, FRE

ENG, ITA, JPN, KOR ■ THE OTHER SIDE OF THE DOOR di Johannes Roberts – 96 min ■ THIS IS THE END USA 2016 – ENG, ITA, JPN, FRE Facciamola inita di Evan Goldberg, Seth ■ POINT BREAK Rogen – 106 min di Ericson Core –114 min USA 2013 – ENG, ITA, FRE, SPA USA 2015 – ENG, ITA, BRA, JPN ■ THIS MEANS WAR ■ HITMAN: AGENT 47 Una spia non basta di McG– 98 min di Aleksander Bach – 96 USA 2012 – ENG, ITA, BRA, FRE min – USA 2015 – ENG, ITA,

■ ERASED new di Yuichiro Hirakawa – 120 min – JAPAN 2016 – JPN WITH

■ ALASKA new ■ VAI QUE DÁ CERTO 2 new di Claudio Cupellini – 125 di Maurício Farias, Calvito min ITA 2015 – ITA Leal – 99 min – BRAZIL 2016 – BRA WITH ENG SUBS ■ LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT ■ SIN FILTRO new di Gabriele Mainetti di Nicolas Lopez – 100 min 118 min – ITA 2015 – ITA CHILE 2016 – CHIL WITH ENG

CHI SUBS

■ MONEY MONSTER new Money Monster L’altra faccia del denaro di Jodie Foster – 98 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, SPA

■ TORNO INDIETRO E CAMBIO VITA new di Carlo Vanzina – 95 min ITA 2015 – ITA

■ FOREVER YOUNG new di Fausto Brizzi– 95 min ITA 2016 – ITA

■ THE MONKEY KING 2 new di Cheang Pou Soi 119 min CHINA 2016 – CHI ■ DRISHYAM di Nishikant Kamat – 163 min – INDIA 2015 – HIN WITH ENG SUBS

■ THE HIMALAYAS di Seok-hoon Lee – 124 min KOREA 2015 – KOR WITH ENG SUBS ■ LOS PARECIDOS di Isaac Ezban – 89 min MEXICO 2015 – SPA WITH ENG SUBS

■ TI RICORDI DI ME? new di Rolando Ravello ■ TERMINAL 87 min – ITA 2014 – ITA di Tetsuo Shinohara 109 min – JAPAN 2015 ■ CONFUSI E FELICI JPN WITH ENG SUBS di Massimiliano Bruno 105 min – ITA 2014 – ITA ■ THE THRONE WITH ENG SUBS di Joon-ik Lee – 125 min KOREA 2015 – KOR WITH ENG SUBS ■ ALLACCIATE LE CINTURE ■ O MENINO NO ESPELHO ■ PERFETTI SCONOSCIUTI di Ferzan Ozpetek – 110 di Guilherme Fiúza Zenha di Paolo Genovese – 97 min min – ITA 2014 – ITA 78 min – BRAZIL 2014 – BRA ITA 2016 – ITA WITH ENG SUBS WITH ENG SUBS ■ SMETTO QUANDO ■ TIRAMISÙ VOGLIO ■ AL MAHRAJAN di Fabio De Luigi – 94 min di Sydney Sibilia di Husam Al Jawhary ITA 2016 – – ITA WITH ENG SUBS 100 min – ITA 2014 – ITA 95 min – ARABIA 2014 ARA WITH ENG SUBS

■ LA PRIMA VOLTA new DI MIA FIGLIA Di Riccardo Rossi – 80 min ITA 2015 – ITA

■ EL QASHASH new di Ismail Farooq – 113 min ARABIA 2013 – ARA WITH ENG SUBS

_ ULISSE _ settembre 2016


PARENTAL CONTROL ■ Vietato ai minori - Restricted ■ Supervisione - Parental Guidance ■ Film per tutti - General

Drammatico

Classici

Bambini

Programmi TV

Drama

Classics

Kids

Tv Programs

■ EDDIE THE EAGLE Il coraggio della follia di Dexter Fletcher – 105 min USA 2016 – ENG, ITA, FRE, SPA

■ THE BRIDGE OF MADISON COUNTY I ponti di Madison County di Robert James Waller 135 min – USA 1992 – ENG, ITA

■ THE JUNGLE BOOK Il libro della giungla di Jon Favreau – 105 min USA 2016 – ENG, ITA, JPN, FRE

● PEPPA PIG CARTOON COMPILATION 2 Serie animata – Turner

● TOP GEAR SERIE 21 BBC

ENG/ITA

ENG/ITA

■ KUNG FU PANDA 3 di Jennifer Yuh – 95 min USA 2016 – ENG, ITA, BRA, JPN,

● MICKEY MOUSE CLUBHOUSE LA CASA DI TOPOLINO Serie animata – Disney

● 100 MILES FROM NOWHERE Documentary – Discovery

■ VICTOR FRANKENSTEIN Victor: La storia segreta del Dottor Frankenstein di Paul McGuigan 110 minuti USA 2015 – ENG, ITA, SPA, JPN

■ THERE IS SOMETHING ABOUT MARY Tutti pazzi per Mary di Bobby Farrelly, Peter Farrelly – 119 min USA 1998 – ENG, ITA, BRA, FRE ■ NOTTING HILL di Roger Michell – 123 min USA 1999 – ENG, ITA, FRA, SPA ■ MURDER BY NUMBERS Formula per un delitto di Barbet Schroeder 121 min – USA 2002 – ENG, ITA, FRE, KOR

■ MAX new di Boaz Yakin – 111 min USA 2015 – ENG, ITA, FRE, SPA ■ AMERICAN SNIPER di Clint Eastwood – 132 min USA 2014 – ENG, ITA, BRA, KOR ■ BIRDMAN di Alejandro González Iñárritu 119 min – USA 2014 ENG, ITA, SPA, JPN

■ INTERSTELLAR di Christopher Nolan 169 min – USA 2014 ENG, ITA, BRA, SPA

■ GRAVITY di Alfonso Cuarón – 91 min USA 2013 – ENG, ITA, FRE, KOR

PER VOI A vostra disposizione tanti film in lingua originale. Questo mese una selezione dalla cinematografia messicana, giapponese, araba, francese, spagnola e non solo.

■ BRIDGET JONES: EDGE OF REASON Che pasticcio Bridget Jones! di Beeban Kidron – 108 min USA 2004 – ENG, ITA, FRE, JPN ■ BATMAN BEGINS di Cristopher Nolan 140 min – USA 2005 – ENG, ITA, SPA, JPN

■ THE DARJEELING LIMITED Il treno per Darjeeling di Wes Anderson – 91 min USA 2007 – ENG, ITA, SPA, FRE ■ THE BUCKET LIST Non è mai troppo tardi di Rob Reiner – 97 min USA 2008 – ENG, ITA, BRA, JPN

FOR YOU Plenty more original language films. This month’s selection features Mexican, Japanese, Arabic, French, and Spanish cinema.

WITH CHI SUBS

ENG/ITA

ENG/ITA

■ ZOOTROPOLIS di Byron Howard – 108 min ● THE AMAZING WORLD USA 2016 – ENG, ITA, BRA, JPN OF GUMBALL SEASON 3 Serie animata – Turner ■ IL MIO AMICO NANUK ENG/ITA di R. Spottiswoode, B. Quilici 120 min – ITA 2014 – ITA ● BEN 10: OMNIVERSE SEASON 8 Serie animata – Turner ■ ICE AGE: ENG/ITA CONTINENTAL DRIFT L’era glaciale 4 Continenti alla deriva ● JESSIE SEASON 3 di S. Martino, M. Thurmeier Serie televisiva – Disney 94 min – USA 2012 ENG/ITA ENG, ITA, KOR, JPN

● K.C. UNDERCOVER ■ RIO SEASON 1 di Carlos Saldanha – 99 min Serie televisiva – Disney USA 2011 – ENG, ITA, BRA, JPN ENG/ITA ■ TOY STORY 3 Toy Story 3 La grande fuga di Lee Unkrich – 103 min USA 2010 – ENG, ITA, BRA, FRE

● WORLD HERITAGE Documentary – NGC ENG/ITA

● BRAIN GAMES Documentary – NGC ENG/ITA

● RESTORATION WILD Documentary – Discovery ENG/ITA

● ESPLORAZIONI SPAZIALI ASI – Agenzia Spaziale Italiana – Documentary ITA

● WILD YELLOWSTONE Documentary – NGC ENG/ITA

● 30 ROCK SEASON 4 SerieTV – Universal ENG/ITA

■ ALADDIN di R. Clements, J. Musker 90 min – USA 1992

● BROOKLYN NINENINE SEASON 2 SerieTV – Universal

ENG, ITA, FRE, JPN

ENG/ITA

■ THE LITTLE MERMAID

● MAD MEN SEASON 7 SerieTV – EIM

La Sirenetta di R. Clements, J. Muske 82 min – USA 1989

ENG, ITA, BRA, JPN

ENG/ITA

● NCIS - UNITÀ ANTICRIMINE SEASON 7 SerieTV – CBS ENG/ITA

ULISSE _ settembre 2016 _

161


Con te

PARtiRÒ Andrea Bocelli La musica è voce dell’anima,

la sua forza e la sua bellezza aprono la mente e sviluppano il pensiero. Carissimi amici di volo, mi fa piacere condividere con voi, attraverso queste poche righe, una nuova realtà – artistica ed umanitaria al tempo stesso – che mi sta molto a cuore: un coro di bambini, che sta crescendo dall’altro capo del mondo, il cui nome è “Voices of Haiti”. Perché un coro? Perché esprime, di per sé, una straordinaria metafora di democrazia, rappresentando un’importante occasione didattica tout court. Ogni voce diviene elemento costitutivo di uno strumento musicale di più vaste proporzioni e contribuisce alla bellezza del risultato. Ogni unità impara a sentirsi parte di un organismo più grande che, nel dargli forza, ha bisogno di lui per esistere. Il progetto “Voices of Haiti” (ideato dalla fondazione che porta il mio nome, unitamente al nostro partner locale, Fondazione St. Luc) coinvolge sessanta bambini e ragazzi haitiani dai 9 ai 15 anni, i quali possono valorizzare il proprio talento grazie ad una preparazione altamente specializzata, fruendo inoltre di un bagaglio di opportunità – educative, culturali, esistenziali – preziose per il loro futuro. Il coro debutterà proprio a metà settembre a New York, ed io stesso sarò presente, sul palco, per cantare e far conoscere questa meravigliosa realtà. “Voices of Haiti” ha già lavorato alcuni mesi, per impostare una propria fisionomia (anche di repertorio) attraverso un training a cadenza settimanale. Il progetto è entusiasmante e la forza positiva di queste giovani vite – credete – è potenzialmente delagrante. Cresciuti in un contesto di forte indigenza, assetati di bellezza, desiderosi di imparare, sono bambini e ragazzi che esprimono nei loro occhi e nelle loro voci, l’intensità, l’allegria, la meraviglia della Vita. Attraverso la pratica del coro, studiando e facendo musica insieme, hanno preso coscienza della disciplina, della passione, dell’amore per quello che fanno, del senso di responsabilità. Ciò che dunque riescono a trasmettere, cantando su di un palcoscenico, è pura gioia! MUSIC IS THE VOICE OF OUR SOUL, its strength and its beauty open your minds and develop your thoughts. Dear travelling friends, I am pleased to share with you, with these few lines, a new reality – artistic and humanitarian at the same time – which is close to my heart: a children’s choir, which is growing on the other side of the world, whose name is “Voices of Haiti”. Why a choir? Because it expresses an extraordinary metaphor for democracy, it basically represents an important educational opportunity. Each voice becomes a constituent part of a musical instrument of greater proportions and contributes to the beauty of the outcome. Each voice learns to feel part of a larger system, a system which is strengthened and exists only thanks to each voice. The “Voices of Haiti” project (created by the foundation that bears my name, alongside our local partner, the St. Luc Foundation) involves sixty children and young Haitians aged 9 to 15, who can enhance their talent thanks to highly specialized training, and can benefit from a wealth of educational, cultural existential opportunities useful for their future. The choir will debut in mid-September in New York, and I will be on the stage to sing and to present this wonderful reality. “Voices of Haiti” has already been practicing weekly for a few months, in order to set up its own structure and repertoire list. The project is exciting and the positive energy of these young people is, believe me, potentially explosive. Grown out of a stressful environment, eager for beauty and willing to learn, these youngsters express through their eyes and voices the intensity, the joy and the wonder of Life. Through their practice in the choir, and by studying and playing music together, they became aware of discipline, of passion, of the sense of responsibility and love for what they do. What they are able to convey singing on a stage, is pure joy!

162

_ ULISSE _ settembre 2016


THE PLEASURE TO SURPRISE YOU BEYOND THE ORDINARY

250 rooms & suites 3 bars 3 restaurants 600 seats dolby digital HD private cinema private park cultural leisure limousine service Ask Mr.C Platinum Guest Experience

www.thechurchpalace.com Roma | Via Aurelia 481 | T.+39 06 660011 | info@thechurchpalace.com

Ulisse Alitalia settembre  
Advertisement