Issuu on Google+

marta cerĂš Christmas Memories

Our Home

Gilly and Gordon

la nostra Casa Arthur Hunter Blair scientist against science Zen monk against religion un ingegnere meccanico contro il progresso; un monaco Zen contro la religione

Chef

CittĂ  di Castello New York City Dubai


Scuola di Formazione Professionale Trainig School

Lezioni di Cucina Cooking Classes Il primo è servito A tutta carne Pazzi per la pizza Dulcis in fundo Sapori di mare Cucina sotto l’albero La tavola del sottobosco Come preparare la tavola

The first is served Meat You Can’t Beat Pizza Crazy Sweet at Last Treausures from the Sea Christmas Dishes From the forest Floor How to prepare a Table

Attestato di partecipazione al corso Courses with Certifications Centro di formazione professionale G. O. Bufalini - Via San Bartolomeo, Città di Castello (PG) Tel. 075 855 42 45 - fax 075 852 72 10 - info@gobufalini.it - direzione@gobufalini.it www.gobufalini.it


The Mag is a bi-lingual stage (both in paper and virtual) where artists of every sort can display their work for free. Because historical attractions are so prominent here in Italy, modern things are often overlooked and never emphasized. We believe that this is an error. The incredible amount of artistic talent we have in our area is one of the factors that makes it so wonderful to live and visit here. We will accentuate young people and artists in every issue as a way of inspiring them and keep their spirits high during the economic crisis. Where artists and young people go, others follow. The Mag will involve another group with great influence: foreigners. Artists and foreigners are natural allies, and we will all benefit when they are more united. Articles written by foreigners on diverse subjects will be featured in every issue. Visit our website to get bilingual information about events taking place in the area: www.the-mag.org The Mag è un palcoscenico bilingue (sia cartaceo che virtuale) per artisti che vogliano esporre i loro lavori gratuitamente e farsi così conoscere. In Italia abbonda la tradizione storico artistica e spesso ciò va a discapito della modernità: la cultura artistica moderna viene spesso guardata dall’alto in basso e non è mai messa in primo piano. Crediamo che questo sia un errore. Il talento artistico nella nostra area geografica è incredibile ed è per questo che tante persone scelgono di visitare le nostre zone o di venirci a vivere. Questa rivista vuole evidenziare con ogni uscita giovani e artisti, sia per essere fonte di ispirazione, sia per tenere alto il morale di tanti giovani in un’epoca di crisi economica. Dove arrivano i giovani e gli artisti, arrivano i seguaci. Gli stranieri sono l’altro gruppo che The Mag si propone di attrarre. Artisti e stranieri sono alleati di natura e se queste categorie sono più unite ne possiamo beneficiare tutti. Ogni numero della rivista proporrà articoli su temi vari, scritti da stranieri. Per le informazioni giornaliere riguardanti gli eventi nelle nostre zone di centro Italia, potete visitare il sito web: www.the-mag.org

24

Arthur Hunter Blair

2 Our Home Gilly and Gordon

Info e contatti: Simona 389 05 24 099 Giovanna 389 05 24 126 Breon 338 59 40 619 info@the-mag.org

8 Enzo Neri

Città di Castello - NYC - Dubai

14 Marta Cerù Christmas Memories

18 Patrick Q

Talking about music - Parliamo di musica

19 Avv. Michele Cancellieri

The angle of the lawyer - L’angolo dell’Avvocato

20 Ilo Mariottini

Gardening - Giardinaggio

22 Laura Venturucci - Sherida Feldman Recipes - Ricette

Data pubblicazione: dicembre 2012 - rivista bimestrale - N° 1 Grafica, fotografia e impaginazione: Moka comunicazione via S.Antonio, 7 - Città di Castello (PG) P. IVA 02967110541 mokacomunicazione.it Stampa: Grafiche Polidori, via G. Sorel, 9 - 06012 Città di Castello (PG) - P. IVA 0312146541 Editore: Breon O'Farrell Propietario: Moka comunicazione Direttore Responsabile: Rosa Immacolata Vitelli Redazione e Traduzioni: Breon O'Farrell e Marta Cerù Iscrizione al Tribunale di Perugia: n. 20/12del 27/11/2012

3


T

here is a reason why we at The Mag love Gilly and Gordon so much. They are positively overflowing with ideas for creating more unity in our community and improving our part of central Italy. So we are real pleased to have the chance to feature their home in this Christmas and New Year edition of the ”Our Home” section. They have an unusual amount of experience building homes, and all of their homes have been photographed for important magazines. They have even raised money and built homes for Saint Georges Crypt, a charity effort to house homeless, recovering addicts in Leeds England were Gilly got to know her needy street neighbors while she walked her dogs early every day and late every night when the homeless are more visible. Gordon Carey is an Architect, and Gilly is retired in radiology. They can move mountains together. And already have. When we asked if we could do a photo shoot of their incredible home near Umbertide, Gilly informed us it was closed for the winter, and they had moved into the adjacent, much smaller, former tobacco drying tower for the remainder of our dark, cold season. Too much unused space indoors means inefficient heating and unnecessary cleaning to do. They will remain in the smaller house for now, and open the big house at Christmas time when friends and family arrive to reanimate their hilltop paradise. I was disappointed because I was familiar with their home, and it is something special to experience. But Gilly immediately suggested we shoot the smaller home despite my concerns that it would not accurately reflect the living environment they had created for themselves. “Aren’t you concerned that my readers won’t know about your larger, amazing home”, I asked? Not at all. They just want to be a part of The Mag’s effort to make our area a more interesting place to live. These pictures are of the “Winter residence” of Gilly and Gordon Carey here in Central Italy. The Mag: Do you guys live in these hills year round? Gilly: We do now, as we just closed on the sale of our home in England. So we are full timers now, although Gordon will still be working all over the world. The Mag: Did you furnish your two houses with things you shipped here in a container, or did you purchase items locally? Gilly: We bought a lot of things at Cangi in Città di Castello, our sofa and chairs, a bunch of lamps. Our beds were made by a local ferrorista. When he delivered them they wouldn’t fit past the staircase which didn’t have a banister when the plans for their construction were decided. I was very impressed because in London the delivery guy would have deposited the beds on the floor at the foot of the stair case and disappeared. Here, the artisan cut them into smaller pieces and then re welded them together again in the bedrooms. The Mag: Tell us a little about your two or three favorite pieces of art here in your home. Gilly: We have a cute little drawing by Frank Gehry which we are 4


Gilly & Gordon

5


6


real fond of because Gordon is an architect, and we have an hilarious painting by Don Grant of members from the royal family without clothes on. The pictures are shockingly graphic, but not offensive. The irreverence of them makes you smile. Several of the images are full on, frontal nudity! The Mag: Why do you have a box lid framed? Gilly: This darling little embroidered box had a dozen or so unique contributions in it from an equal number of famous people and artists. One hundred boxes were produced, each containing twelve works of art. Fifty of these boxes were sent to VIP’s in England like Elton John and the rest were archived. So they are particularly rare. The Mag: Since you have one of the boxes that must make you a VIP? Gilly: Not quite. We got ours because we are friends with the organizer of the project. One of my favorite contributions is a note from Kate Moss with her lipstick kiss print on the message she wrote. The Mag: What do you think of Arthur Hunter Blair’s work? Gilly: I know Arthur personally. I think his work is lovely. My daughter is an interior architect (as well as an excellent painter of nudes) and introduced Athur’s work to some of her clients. The Mag: I see you have a lot of dogs. Do you want to tell us something about them? Gilly: We have large tough dogs, little lazy dogs, and medium sized energetic ones. But this one here is Ollie. He sort of belonged to a neighbor, but he kept coming around my place. A few years ago my father came here to Italy with a terminal illness. We would care for him here until he died. It was a very difficult time for me as you can imagine. But Ollie took a liking to my dad (and visa versa) and stayed with him continuously day and night (except for time to go out and relieve himself) until my dad passed on. The two of them were inseparable. Ollie made my father’s death tolerable to him and me. Whenever I had to go do the shopping, or run some other errand, I knew my dad always had a dedicated friend beside him. Ever since then Ollie has been an important member of our family. The Mag: You did an impressive amount of volunteer work in Leeds. Do you do any volunteer work here? Gilly: I have started helping the Books for Dogs group of dedicated animal welfare volunteers in Umbertide. I bake things and prepare snacks for various events. But in the future, I would like to do something for the Opera Company in Preggio. Maybe we can collaborate in some way Breon? The Mag: I look forward to it Gilly. I love Opera. And I love your spirit too!

C

’è un motivo per cui Gilly e Gordon piacciono molto a noi di The Mag. Sono una coppia dalle mille idee creative, mirate a unire la comunità di cui fanno parte, e la loro presenza migliora la zona di centro Italia in cui viviamo. Siamo quindi davvero lieti di presentare la meravigliosa casa in cui vivono nella sezione “La Nostra Casa” di questa edizione natalizia. La loro esperienza nel costruire o ristrutturare case è ineguagliabile e tutte le loro abitazioni sono state fotografate per riviste importanti. In Inghilterra, a Leeds, la coppia ha contribuito a raccogliere fondi e a edificare case per l’istituzione intitolata Saint Georges Crypt, un’organizzazione dedicata a fornire dimore ai senzatetto e a chi cerca di disintossicarsi da una qualche dipendenza. Gilly si era resa conto della grande povertà nella sua città perché portando a spasso i cani la mattina presto o la sera tardi, aveva modo di vedere quante persone vivessero per le strade in condizioni disperate. Gordon Carey è un architetto e Gilly una radiologa in pensione. Insieme sono capaci di smuovere le montagne. E, in un certo senso, lo hanno fatto. Quando abbiamo chiesto loro di fotografare l’incredibile dimora dove vivono, nei pressi di Umbertide, Gilly ci ha detto che l’avevano chiusa per l’inverno, perché con la stagione fredda preferiscono trasferirsi nella vicina dependance, ricavata da quello che originariamente era un essiccatoio per il tabacco. Essendo più piccola è più facile da riscaldare e mantenere pulita e in questo modo riescono meglio ad affrontare i freddi e scuri mesi invernali. La casa grande la riaprono solo per le feste natalizie, quando amici e parenti arrivano a festeggiare e rianimare questo angolo di paradiso in cima a una collina. Mi è dispiaciuto perché avevo avuto modo di vedere quanto fosse speciale la loro casa più grande. Ma per Gilly non è stato un un problema, potevamo fotografare il loro nido più piccolo, trascurando la possibilità che non fosse rappresentativo del tipo di ambiente creato per la loro vita in Italia. La cosa importante per loro era contribuire a questa uscita di The Mag e al progetto di rendere le nostre zone posti attraenti da vivere e visitare. Le foto che accompagnano le parole di Gilly e Gordon e che troverete anche sul nostro sito rappresentano quindi la loro “residenza invernale” qui in Italia

7


The Mag: Vivete da queste parti tutto l’anno? Gilly: Adesso sì, abbiamo appena venduto la nostra casa in Inghilterra. E così siamo diventati residenti a tempo pieno anche se Gordon lavora in giro per il mondo e quindi è spesso in viaggio. The Mag: Come avete arredato le vostre due case? Avete fatto arrivare un container dall’Inghilterra o avete cercato oggetti locali? Gilly: Abbiamo comprato molti mobili e accessori da Cangi a Città di Castello, il divano e le poltrone, alcune lampade. I letti li abbiamo fatti fare da un fabbro locale. Quando li ha portati non riuscivamo a farli passare per le scale, perché nel frattempo avevamo aggiunto la ringhiera che non c’era quando avevamo disegnato i letti. È stato incredibile: a Londra chiunque li avesse portati li avrebbe lasciati lì, invece l’artigiano si è fatto carico del problema e ha tagliato i letti in modo da farli passare, per poi saldarli nelle camere da letto. The Mag: Quali sono gli oggetti d’arte ai quali sei più affezionata in questa casa? Gilly: Abbiamo un piccolo delizioso disegno di Frank Gehry che amiamo particolarmente, essendo Gordon un architetto, e poi c’è quel divertente quadro in cui Don Grant ha dipinto a nudo la famiglia reale. La grafica delle immagini è impressionante, ma non offensiva. E il senso di irriverenza rende il quadro comico. Alcuni personaggi sono nudi frontali integrali. The Mag: Perché avete incorniciato quella scatola? Gilly: Questa piccola scatola è carinissima e contiene una dozzina di contributi di altrettanti artisti o personaggi famosi. Ne sono state prodotte solo cento, e ognuna contiene dodici piccole opere d’arte. Cinquanta scatole sono state inviate a Vip inglesi del calibro di Elton John e altre cinquanta sono state archiviate. Quindi sono oggetti rari. The Mag: Allora anche voi fate parte del mondo dei Vip... Gilly: Non proprio. In realtà la nostra l’abbiamo ricevuta perché siamo amici dell’organizzatore del progetto. Uno dei contributi che preferisco è un biglietto di Kate Moss in cui la firma è un’impronta 8

delle sue labbra, un bacio di rossetto sulla carta. The Mag: Che pensi del lavoro di Arthur Hunter Blair? Gilly: Conosco Arthur di persona e amo il suo lavoro. Mia figlia è architetto d’interni (nonché una pittrice di nudi bravissima) e ha fatto conoscere ad alcuni dei suoi clienti le opere di Arthur. The Mag: Che mi dici di tutti i vostri cani? Gilly: Ne abbiamo per tutti i gusti: grandi e forti, piccoli e pigri e dalla statura media ma energici. Questo che vedi è Ollie. In realtà era di un vicino ma continuava a venire a trovarci. Poi un paio di anni fa, mio padre è venuto in Italia con una malattia terminale. Avevamo deciso che ci saremmo presi cura di lui fino alla sua morte. È stato davvero un periodo difficile per me, come puoi immaginare. Ollie si è da subito affezionato a mio padre e viceversa, gli è stato vicino giorno e notte (escluso quando doveva uscire per i bisogni), fino a quando mio padre è mancato. Erano inseparabili. E grazie a Ollie, un periodo così doloroso è stato tollerabile, sia per me che per mio padre. In qualsiasi momento dovessi assentarmi, per andare a fare delle compere o per altri motivi, sapevo che mio padre era in buona compagnia, aveva al suo fianco un buon amico. Da allora in poi Ollie è diventato un elemento importante della nostra famiglia. The Mag: Il vostro impegno come volontari a Leeds è stato notevole. Vi prestate anche qui in Italia al volontariato? Gilly: Ho cominciato a collaborare con il gruppo chiamato “Libri per i Cani”, che si dedica al benessere degli animali, con base a Umbertide. Partecipo agli eventi che organizzano preparando torte o spuntini vari. In futuro vorrei fare qualcosa per la compagnia operistica di Preggio. E poi forse potrò collaborare con voi, che ne dici? The Mag: Non vedo l’ora. Amo tantissimo l’opera così come il tuo spirito di iniziativa!


9


Chef

CittĂ  di Castello New York City Dubai 10


C

hef Enzo Neri is an artist with a real success story. He has all the qualities required for getting ahead in any career: he is bright and determined; responsible and likeable; and most importantly he pursues his interests and passions. But it has not always been easy travelling the road of success. I interviewed this international, award winning chef at the Caffè San Francesco in Città di Castello while he was here visiting family on his way from New York City, moving back to Dubai where he is now relocating. by Breon O’Farrell The Mag: When did you discover your passion for cooking? Enzo Neri: “The interest came to me later in life when I was already thirty years old. And it is the perfect fit for me. As a child I was encouraged by my art teacher to go to an artistic high school. But my father discouraged this because he knew my personality. He was worried about my future and I ended up at a technical school for which, as it turned out, I had a significant capacity because I was good at science. I graduated in IT and I went on to work in many hospitals. It was a very good, secure job.” The Mag: So how did you start cooking? Not while working in a hospital obviously! Enzo Neri: “Ha ha! No. One evening while out with a friend I saw a chef I knew from my home town. I yelled to him, “Patrizio, how is business , do you need some help? “And he said, “Yes, come see me tomorrow morning and I’ll put you to work!” Well, the next morning I had one hell of a hangover, but I fought through the morning distress and went to see him. I spent the rest of the summer in his kitchen learning and enjoying myself! I knew I had found a world I could thrive in.” The Mag: What happened when the summer ended? Enzo Neri: “I went travelling in Ireland, and when I came home afterwards I went to the Scuola Bufalini in Città di Castello to enroll in a cooking course.

Unfortunately, I was a year too late and had to really convince the administration I could catch up to the other students. It was a turning point for me in my life when I was accepted into the school in this unusual way. It forced me to work especially hard, and this was good because being a chef is not a stroll in the park. It is more like being at war! All of my interests converge in the kitchen. Art and colors and textures; science and chemistry; and the lifelong desire to create things with my own two hands, things that would impact people’s lives and emotions. Food does this even more than painting or sculpture.” The Mag: So you completed the three year course at the Bufalini school. What next after that? Enzo Neri: “ I had learned that cooking is more than just heating up pans, and I went out to find my first job! “Il Postale” was the only restaurant in Città di Castello that had a Michelin star, and the chef there, Marco Bistarelli, was a student of my mother’s when he was a child. Although we didn’t know each other, he offered me a job. I was kind of intimidated to work at the best restaurant in town, and it was very challenging because Marco has extremely high standards. I cried several times while working there with him, but I learned so much. I am very grateful to him.” The Mag: After “Il Postale” restaurant ? Enzo Neri: “I needed to learn English. Communicating with people is paramount in my life. It is my personality. Not having the ability to speak and be understood is worse than losing a limb for people like me. So many guests at fine restaurants are speaking English. Communicating with them was something I needed to do. But it was really hard. I got a job in London with a fellow from San Giustino named Vasco, who opened a place there in 1971. I was introduced to him over the phone by a contact, from the Bufalini school. Off I went on an adventure. Over the next decade I traveled to different countries, worked in different kitchens, learned and invented with some amazing chefs who all contributed something special to help me become the chef I am today. In Spain I worked for a guy who trained at a three Michelin Star restaurant. He taught me about Molecular Gastronomy. In Washington DC. at a Ritz Carlton Restaurant I learned about vacuum packed cooking techniques. Since I had started late as a chef I wanted to have a lot of experiences and learn from many different sources. I started to win awards in London, Dubai and the United States. I finally ended up in NYC as a part owner of a restaurant. It has been an incredible journey. I learned English along the way and this was one of my greatest challenges. Living in a foreign country and having to organize everything 11


for myself with my broken English. It was humbling, and I suffered a lot. But now I am fluent in English and my life is so different because I speak the global language. In fact, my restaurant in New York was called Broken English. The Mag: Were you in The Big Apple when hurricane Sandy hit? Enzo Neri: “Yes, it was a very strange ambience. My neighborhood was not effected at all because we didn’t lose power and we are at a pretty high altitude so there was no flooding. It was weird being so safe in the midst of all the discomfort so many other people were in.” The Mag: What advice would you give the students we saw today during our photo shoot at the Scuola Bufalini? Enzo Neri: “I was afraid to live a life in which I wake up every day feeling sick about my job. So my advice is make sure you are following your passion. Being a chef in a restaurant is not a job. It is a lifestyle. There is a lot of sacrifice. But there is a lot of satisfaction when people eat your food. You can make them happy. And you may be recognized for your efforts by an award, or a glass of special wine sent into the kitchen by a customer. So I would recommend being certain about your passion. But also be aware that your passions can change as you grow and mature as a person.” The Mag: It’s too bad you are moving away from New York, I visit there every year. I was hoping to go to your restaurant Broken English and have some of your grandmother’s recipe for goose ragù. Enzo Neri: “Well, have you ever been to Dubai? You are going to love it! And my goose ragù tastes good no matter where you eat it. It is a very unique recipe, it’s my grandmother’s. That is why it is so special.” more at : enzoneri.com the-mag.org

12


E

no il mio professore di arte mi aveva incoraggiato a iscrivermi al liceo artistico. Mio padre però non era d’accordo perché mi conosceva bene. Era preoccupato per il mio futuro e così mi spinse a iscrivermi a un istituto tecnico. Avevo una personalità portata per la scienza e la scelta si è rivelata giusta, infatti dopo il diploma ho trovato un lavoro sicuro in ospedale.” The Mag: Non hai certo cominciato a cucinare mentre lavoravi in un ospedale! Enzo Neri: “Ha ha! No davvero. Una sera d’estate ero in giro con un amico e ho rivisto un ragazzo di Città di Castello che conoscevo e che aveva lavorato a Londra per un periodo. Aveva appena aperto un suo ristorante, così gli ho detto: “Patrizio, come va il lavoro? Ti serve una mano?” E lui mi ha risposto: “Sì, passa da me domani mattina che ti trovo qualcosa da fare!” Così la mattina dopo, anche se provato dai festeggiamenti della sera prima, sono andato da Patrizio Cesarini al ristorante Gildo. Per il resto dell’estate sono rimasto nella sua cucina a imparare e a divertirmi! Sapevo di aver trovato la mia strada.” The Mag: Che è successo una volta finita l’estate? Enzo Neri: “Sono partito per l’Irlanda e al ritorno sono andato subito alla Scuola Bufalini di Città di Castello per iscrivermi a un corso di cucina. Sfordi Breon O’Farrell tunatamente ero arrivato tardi per l’iscrizione e ho The Mag: Quando hai scoperto la passione per la dovuto convincere il personale della scuola che avrei recuperato le lezioni mancanti. Essere ammesso in cucina? Enzo Neri: “Abbastanza tardi, avevo già trent’anni, quella scuola in un modo così inconsueto mi ha porma da subito si è rivelata la mia strada. Da ragazzi- tato a studiare e lavorare duramente ed è stato un

nzo Neri è uno chef con una storia di successo. Ha tutte le qualità per andare avanti in qualunque carriera: è brillante e determinato, responsabile e simpatico e, soprattutto, segue i suoi interessi e le sue passioni. Non è stato sempre così, come non è stato sempre facile percorrere la via del successo. Ho intervistato questo chef internazionale e vincitore di numerosi e importanti riconoscimenti al Caffè San Francesco di Città di Castello. Proveniente da New York, la città dove ha vissuto finora, di passaggio a Città di Castello, ritorna a Dubai per iniziare una nuova avventura lavorativa.

Standing Paccheri stuffed with ricotta and pecorino, broad beans puree Paccheri ripieni di ricotta, pecorino e puree di fave

13


bene perché essere un cuoco non è certo una passeggiata. In realtà è come essere in guerra! Da allora tutti i miei interessi si sono focalizzati attorno alla cucina. L’arte, i colori, la consistenza dei cibi, la scienza e la chimica, tutto ha contribuito a nutrire il mio desiderio più profondo, quello di creare con le mie mani qualcosa che avesse un impatto positivo sulla vita e le emozioni delle persone. Il cibo produce questo effetto, anche più della pittura o della scultura. The-Mag: E cosa è successo, una volta completato il corso triennale della Scuola Bufalini? Enzo Neri: “Avevo imparato che cucinare non è solo mettere pentole sul fuoco ed ero pronto per il mio primo lavoro. “Il Postale” era l’unico ristorante a Città di Castello con una stella Michelin e lo chef Marco Bistarelli da bambino era stato uno studente di mia madre. Anche se non ci conoscevamo, penso che sia rimasto colpito dal mio entusiasmo e mi ha offerto un posto. Mi sentivo intimidito all’idea di lavorare nel migliore ristorante della città ed è stata una vera sfida proprio per gli standard molto alti di Marco. Mi è capitato di piangere qualche volta, lavorando per lui, ma ho imparato tantissimo e gli sono davvero grato. Mi ha anche incoraggiato a usare le mie conoscenze di chimica e fisica in cucina.” The-Mag: E dopo l’esperienza con “Il Postale”? Enzo Neri: “Avevo bisogno di imparare l’inglese. Volevo superare le barriere tra me e i miei numerosi clienti stranieri. Comunicare è sempre stata una priorità nella mia vita, fa parte della mia personalità. Per le persone come me, non essere in grado di parlare e farsi capire è peggio che perdere l’uso di un braccio o una gamba. In un ristorante di alto livello molti dei clienti sono stranieri e parlano inglese. Volevo comunicare con loro ma era davvero difficile. Così sono partito per Londra e ho iniziato a lavorare per un signore di San Giustino, Vasco, che aveva aperto un ristorante lì nel 1971. Lo avevo trovato tramite un insegnante della scuola Bufalini, l’avevo chiamato al telefono e mi aveva offerto un lavoro. Nei dieci anni successivi ho viaggiato in diverse nazioni, lavorato in diverse cucine e ho imparato e inventato in compagnia di grandi cuochi che, ognuno nel suo modo speciale, mi hanno aiutato a diventare quello che sono oggi. In Spagna ho lavorato per uno chef che si era formato in un ristorante da tre stelle Michelin. Mi ha aperto gli occhi sulla cucina molecolare. Sono stato al Ritz Carlton a Washington DC e ho imparato le tecniche della cucina sottovuoto. Ho cominciato a vincere premi a Londra, Dubai e negli Stati Uniti, perché sperimentavo sempre qualcosa di nuovo. Poi mi sono trasferito a New York e ho iniziato una nuova avventura come socio in un 14

ristorante di Brooklyn, un’esperienza incredibile. Durante tutto il percorso, imparare l’inglese è stata la sfida più grande. Di fatto, vivere all’estero e doversi organizzare in tutto e per tutto in un inglese stentato non è stato facile. Con il mio inglese di oggi, la mia vita è totalmente diversa: non a caso quel ristorante di New York si chiama Broken English (Inglese Stentato).” The-Mag: Eri nella Grande Mela quando è arrivato l’uragano Sandy? Enzo Neri: “ Sì e l’atmosfera era davvero strana. Nel mio quartiere non ci sono stati grossi problemi. Nessun black out o inondazioni, ma ciò non vuol dire che sia stato facile trovarsi al sicuro mentre così tante persone hanno dovuto affrontare il peggio.” The-Mag: Qui in Italia viviamo un periodo in cui molti sperano che le riforme di governo possano migliorare le cose. Hai qualche consiglio per gli studenti che hai incontrato oggi alla scuola Bufalini durante il set fotografico? Enzo Neri: “ La mia paura da ragazzo era vivere una vita in cui il lavoro fosse l’incubo da affrontare ogni mattina. È per questo che consiglio sempre di seguire le proprie passioni. Essere il cuoco di un ristorante non è solo un lavoro, è uno stile di vita fatto di tanti sacrifici ma anche di soddisfazioni: vedere le persone mangiare con gusto quello che prepari, vincere un premio o ricevere in cucina un bicchiere di vino speciale da parte di un cliente soddisfatto. Il mio consiglio è dedicarsi a ciò che si ama con la consapevolezza che anche una passione può cambiare nel momento in cui cresciamo e maturiamo come persone.” The-Mag: È un peccato che ti stia trasferendo a Dubai, io vengo a New York ogni anno. Speravo di andare al Broken English e assaggiare il ragù di oca cucinato secondo la ricetta di tua nonna. Enzo Neri: “ Sei mai stato a Dubai? Sono sicuro che ti piacerebbe! E il mio ragù di oca è buono in ogni parte del mondo. È una ricetta unica perchè è quella di mia nonna.” Maggiori informazioni su Enzo Neri: enzoneri.com the-mag.org


“Being a chef in a restaurant is not a job. It is a lifestyle. There is a lot of sacrifice.� 15


Christmas Memories By Marta Cerù

In the Seventies, when no Italians wanted to live in the countryside, my parents bought a dilapidated vacation home in Tuscany and they started the lifelong journey of restoration.

16

low prices. It became a family tradition that my parents would always buy the Richard Ginori Christmas plate at Paoletti. My mother and aunts would look for fabrics and linens at Busatti in Anghiari. And they would pay multiple visits to Silvano Fontana’s jewelry store in Pieve Santo Stefano, where they could find his own beautiful designs to give as special gifts. Today his son continues the tradition with the same talent. Montini in Badia Tedalda was another favorite for leather items like bags and jackets. In those days Città di Castello was outside of our range. My brother in law’s love for books brought him to discover the Paci Bookstore. He would disappear for an entire afternoon in order to buy thirty or more books. There was one for each one of us under the Christmas tree and he invented a game in which we had to guess which book was for whom. The favorite spot for us girls was a small store in Sansepolcro that we used to call “Ganzino”. The girl at the counter was outgoing and fun and she would show us the latest model of red panties using the word “ganzo” (cute) in every possible way. Aunt Paola would buy us New Year Eve underwear there. And on that special night we kids would play cards and put on shows for the adults, and imitate fireworks with vocal “Booms”, “ Oooo” and “Aaaah”, directed by my uncle Pio. After the party, on the first of January, most everybody would go to La Verna, the Franciscan sanctuary where we would confess our sins of the past year! Some of these stores don’t exist anymore, others are in the hands of the second or third generation and continue to work despite the crisis. My family is not gathering in Casino for Christmas anymore, but I ended up living with my American husband in the Tiberina Valley. That is how I rediscovered some of the stores of my childhood, and so many new places that enrich the area with their unique styles and authenticity. My children are growing up in this part of Italy and for them the Paci Bookstore is where we buy the school books. It is part of our daily life. I wonder what their “good old days” or Christmas memories will be. Maybe the Living Nativity scene in Volterrano? Or that amazing Tifernauti installation in the square of Castello where you had to write a wish on a piece of paper, put it in a balloon and then send it inside a gigantic transparent tent shaped like a Christmas tree. On the day of the Befana, all those balloon wishes flew in the sky at once, and we saw the old witch flying from the Civic tower.

It wasn’t trendy yet to come to the Tiber valley on vacation, and the house didn’t have drinkable water, or electricity. Each day of our vacation would end with one of the adults in the family going to switch off the generator, and the rest of the night we relied on candles. Those were “the good old days”. In those years, Christmas at Casino (the house’s name) was a magical season. We would arrive in my parents car, first five, then six and finally seven of us when my last brother was born. Everything would be dark and often we would find some snow which was special as we were from south of Rome where it rarely snows. The caretakers, Generoso and “grandma Beppa”, would be there to welcome us with some bean soup and a huge amount of potatoes, fried in pig grease, which are still the best french fries I’ve ever eaten. In the following days the rest of the family would arrive. We would decorate the Christmas tree, then set the Nativity scene with real moss. My brother Paolo was in charge of that. Our Christmas Eve dinner was informal. My aunts would deep fry cod fish and veggies in their secret batter and before we knew it, it was time to go to the Mass in Baldignano. Returning from the Mass we would find our gifts under the tree: the first known examples of life like baby dolls, or one of those stuffed bears we had been hearing about. Things have changed over the years: the 1980’s brought the completed E45, we got electricity, water from the aqueduct and even a phone line. After the youngest of us discovered that there was no use in waiting for Santa Claus, we started going out to shop with my father in the Sansepolcro area, the day before Christmas. Everybody in my family had their favorite shops. Mine was Rosati, because it was ordinarily difficult for me to find shoes that fit properly, but Rosati always had a great selection. If I were undecided, my father would get them all! My broth- Negli anni Settanta, quando tuter Michele liked Livi because he was the musician in our family. He spent hours there looking through ti fuggivano dalle campagne, i miei LP’s. My brother Neri, now a fashion photographer, genitori trovarono un casale da riwould go to Ballerini, a famous clothing boutique. The men in the family would buy shirts at Milena. strutturare in Toscana. Then we discovered Cose di Lana. Heaven! We all loved the big baskets at the entrance, where sweaters Non era di moda allora venire da Roma in Valtiberiwith invisible defects were offered at unreasonably na per le vacanze. La casa non aveva acqua potabile,


non arrivava l’elettricità e in quei primi anni le giornate estive o natalizie terminavano sempre con un adulto della famiglia che andava a spegnere il gruppo elettrogeno. A quel punto eravamo a lume di candela. Quelli sono per me “i bei tempi andati”. Natale al Casino (questo il nome della casa) era una vacanza magica. Arrivavamo stretti in macchina, prima cinque, poi sei, e infine sette con l’ultimo dei miei fratelli, spesso al buio, qualche volta nella neve. Ad accoglierci trovavamo il contadino Generoso, di nome e di fatto, e sua moglie la “nonna Beppa”, che ci preparava la zuppa di fagioli e le patate fritte nello strutto più buone che abbia mai mangiato. A seguire arrivavano zii e cugini. Primo compito era allestire l’albero, poi il presepe nel vero muschio, che mio fratello Paolo animava con ruscelli e mulini. La sera, dopo una cena di magro a base di verdure e baccalà fritti nella pastella dalle zie, andavamo alla Messa notturna di Baldignano. E finalmente, una volta a casa, trovavamo i regali sotto l’albero: il primo Ciccio Bello o il primo orsetto di peluche, compagni di giochi nei mesi a venire. Con il passare del tempo, le cose sono cambiate, sono arrivati gli anni Ottanta, la E45, l’energia elettrica, l’acqua di acquedotto, persino il telefono. Ma il Casino non ha perso il suo fascino natalizio. Quando il più piccolo di noi ha capito che Babbo Natale non arrivava dal camino, il 24 Dicembre si andava con mio padre a Sansepolcro e dintorni per cercare i regali da scambiarci a vicenda. Ognuno nella famiglia aveva una meta preferita. Io, da sempre difficile con le scarpe, amavo andare da Rosati sul corso di Sansepolcro. Se ero indecisa tra due o tre paia, mio padre non ci pensava molto e me le prendeva tutte. Mio fratello Michele, il musicista di famiglia, passava ore dal Livi a frugare tra LP e poi CD musicali. Ballerini era la boutique preferita di mio fratello Neri, ora fotografo di moda. E per la scorta di camicie da uomo c’era Milena sulla via Tiberina. Da Cose di Lana era bello andare tutti assieme e frugare nei cestoni dove trovare occasioni a prezzi scontatissimi. Trovare il piatto di Natale della Richard Ginori dalle Paoletti a Sansepolcro era diventata una tradizione di famiglia. Mentre per cercare stoffe, lenzuola o teli da cucina, mia madre e le zie andavano da Busatti ad Anghiari. A Pieve Santo Stefano, il gioiellere Silvano Fontana aveva sempre qualche nuova creazione per un regalo speciale. Oggi il figlio continua con talento la tradizione del padre. A meno che non avesse nevicato, c’era sempre qualcuno che andava a Badia Tedalda da Montini per un giaccone o una borsa di pelle. A quel tempo Città di Castello era fuori dal nostro giro. Poi mio cognato Alessandro, amante dei libri, ha scoperto la libreria Paci. Non faceva in tempo ad arrivare, anche lui ormai parte della grande famiglia, che scompariva per un intero pomeriggio e tornava con buste di trenta o quaranta libri. Ne aveva uno per ognuno sotto l’albero e aveva inventato un gioco nel quale dovevamo indovinare quali libri fossero destinati a chi. La meta preferita di noi ragazzine era una

merceria sul corso di Sansepolcro. La chiamavamo “ganzino”, per via della commessa spigliata e simpatica che ci mostrava biancheria intima rossa descrivendola con l’aggettivo “ganza” (ovvero bellina). La zia Paola ci regalava ogni anno qualcosa di rosso da indossare a Capodanno. E anche in quell’occasione eravamo tutti insieme, tra partite di mercante in fiera, recite improvvisate di noi ragazzini, e a mezzanotte botti finti (solo vocali): un coro di Bum, Ooooh, e Aaaaahhh, inventato e diretto dallo zio Pio. Dopo la baldoria, il primo dell’anno, tutti al Santuario di La Verna, dove confessarsi per l’anno passato! Alcuni di questi negozi hanno chiuso, altri sono passati dai genitori ai figli e continuano a lavorare nonostante la crisi. La mia famiglia allargata non si ritrova più al Casino per Natale, ma io e mio marito americano siamo tornati da New York a vivere in Valtiberina. È così che ho riscoperto i luoghi e i negozi della mia infanzia e spesso ci vado con i miei figli. Per loro la libreria Paci non è una meta natalizia, ma è dove ordiniamo i libri di scuola o passiamo a guardare le novità editoriali. A volte mi chiedo quali saranno i loro ricordi Natalizi dei “bei tempi andati”. Il Presepe Vivente di Volterrano? O forse quel meraviglioso allestimento, realizzato a Castello qualche anno fa dai Tifernauti: una gigantesca tenda trasparente, piena di palloncini colorati, ognuno custode di un biglietto e di un desiderio di qualcuno. La tenda-albero di Natale si era riempita nei giorni delle feste, anche dei nostri desideri. E tutti quei palloncini sono volati in cielo la sera della Befana, mentre la vecchia strega si calava dalla torre civica e distribuiva caramelle ai bambini.

17


Anna Club è un team di esperti e consulenti nel settore della bellezza. Abbiamo impostato e perfezionato, in oltre venticinque anni di attività, soluzioni innovative che creano il massimo risultato in totale sicurezza.

PER NATALE UN TRATTAMENTO SPECIALE PER TE O PER CHI VUOI TU. • • • • • • • • • •

TRATTAMENTO VISO ANTIAGE €64,00 TRATTAMENTO VISO TEENAGER € 25,00 TRATTAMENTO CORPO RIMODELLANTE ADIPOSITÀ LOCALIZZATA da € 45,00 TRATTAMENTO CORPO BODY WRAP DETOSSINANTE E RASSODANTE da € 41,50 PEDICURE CALLUSPEELING € 30,00 APPLICAZIONE SMALTO PERMANENTE OPI € 20,00 EPILAZIONE PERMANENTE ASCELLE O INGUINE € 30,00 MAKE UP DA SERA € 25,00 MAKE UP SEMIPERMANENTE SOLARIUM ALTA E BASSA PRESSIONE

ENDERMOLOGIE

NAILS POINT

Anna Club is the leading beauty spa in Città di Castello. During our 25 years of being in business our expert consultants have innovated the best methods for bringing out “the most beautiful you”!”

THIS YEAR, IT IS GOOD TO GIVE OR RECIEVE THE GIFT OF BEAUTY FOR CHRISTMAS. • • • • • • • • • • •

18

ANTI AGING FACIAL TREATMENT € 64,00 TEENAGE FACIAL TREATMENT € 25,00 BODY REMODELING TREATMENT € 45,00 BODY WRAP DETOX TREATMENT WITH FIRMING € 41,50 PEDICURE WITH CALLUS PEELING € 30,00 PERMANENT FINGERNAIL POLISH OPI € 20,00 PERMANENT UNDERARM HAIR REMOVAL € 30,00 HAIR REMOVAL FROM INTIMATE AREAS € € 30,00 MAKE UP € 25,00 SEMIPERMANENT MAKE UP SOLARIUM HIGH OR LOW PRESSURE


Via P. della Francesca, 15 bis CittĂ  di Castello (pg) Tel. 075

852 05 28 19


Talking about music - Parliamo di musica

on the music scene sulla scena musicale Patrick Q

patrickq77@yahoo.com

20

So what exactly is happening on the local music scene? Unfortunately present times are particularly hard. In my 20 years playing music professionally in Italy the situation has never been harder. Even before this recession the music industry had been severely crippled by pirate copying and unlicensed downloading of music. The current financial crisis has meant that playing live has become more and more difficult as venues can’t afford to pay for live music and the public have little money to spend on going out. There will always be a few bright stars in the stormy sky however. Those who manage to persevere against all odds. Through a mixture of unwavering passion and brute determination these individuals manage to actualize some of their dreams. My mission in this column is to seek these people out and tell you about them. Free Revolution – giving quality live music a chance. Right on the road from Trestina to Città di Castello, in the small town of San Secondo, there is a great treasure! On entering Free Revolution I found myself in a world of bright color, chic aesthetics and one of the best equipped venues this side of Milan! (I’m talking from experience – I’ve spent the last 20 years touring practically every pub, club, theatre and music venue Italy has to offer). During my visit there was even a guy setting up video cameras to record a gig, and another fellow behind a state of the art mixing desk! But if this sounds like a utopia just for the musician, think again. A proper stage, lighting rig and sound system with sound engineer is as much for the punter as it is for the musician. The ability to see and hear music clearly without the often present distortion and screeching feedback caused by inadequate PAs and incompetent (or nonexistent) sound engineers is a real pleasure for everyone. A good sound system doesn’t mean more volume – it means more quality – as owner Paolo Pasquini well knew when he invested in the set up 4 years ago. “I wanted to create a special place where high quality acts would be happy to perform and the public could enjoy them under the most perfect conditions possible. Not only did I invest in good sound and lighting equipment, I modified the acoustics of the club in order to obtain the best sound quality. There are separate smoking rooms to allow smokers to indulge without having to brave the cold or miss the music. With 450 square meters of floor space and a seating capacity of 200 diners, Free Revolution is a lot larger than it seems from the road. We have three bars and restaurant quality food as well as economically priced pizzas”. In my opinion Paolo has succeeded admirably. But go confirm it for yourself and visit Free Revolution. Support Live Music! Go to www.the-mag.org to read Patrick Q’s other music reviews and to find out what is happening on the music scene in central Italy.

Qual è lo scenario musicale di oggi? Suono in Italia da vent’anni come professionista e trovo che la situazione non sia mai stata così dura. Già prima della recessione l’industria musicale aveva subito un colpo a causa della pirateria e della facilità con cui scaricare musica gratis senza nessuna licenza. La crisi finanziaria attuale rende sempre più difficile organizzare spettacoli di musica dal vivo, sia perché chi ci prova non può spesso permettersi di pagare i musicisti, sia perché il potenziale pubblico ha meno soldi per svagarsi e uscire. Nonostante tutto, qualche stella brilla anche nel cielo più tempestoso. E in questo caso, si tratta di coloro che riescono a perseverare contro tutte le difficoltà, coloro che riescono a realizzare alcuni dei propri sogni grazie alla costante passione e a una brutale determinazione. La mia missione in questa rubrica è ricercare questi esempi e parlarvene. Free Revolution – Ovvero uno spazio reale per musica di qualità. Un vero e proprio tesoro si trova sulla strada da Trestina a Città di Castello, nel piccolo paese di San Secondo! La prima volta che sono entrato nel locale chiamato Free Revolution mi sono trovato immerso in un mondo dai colori brillanti, dall’ambiente esteticamente chic e dalle attrezzature musicali più all’avanguardia in tutto il panorama a sud di Milano! (Parlo per esperienza, dato che da un ventennio suono in qualsiasi pub, club, teatro e spazio dove eseguire musica dal vivo che l’Italia abbia da offrire). In quella prima serata c’era persino un addetto alla telecamera che filmava una performance e un altro addetto era al mixer fornito di apparecchiature a dir poco all’avanguardia. Se questi dettagli sembrano un’utopia da musicisti, pensateci due volte. Un’ambientazione adatta, con le giuste luci e un ingegnere del suono, beneficia più chi ascolta che chi suona. Poter vedere chiaramente i musicisti e sentire la loro musica dal vivo senza distorsioni o feedback causati da un’attrezzatura inadeguata e dall’assenza di un vero e proprio ingegnere del suono, è un piacere per tutti. Un buon sistema sonoro non vuol dire più volume, ma una qualità musicale migliore. Paolo Pasquini, il proprietario di Free Revolution, era ben conscio di tutto questo quando quattro anni fa ha investito nell’allestimento tecnico. “Volevo creare un posto speciale dove artisti di qualità fossero felici di esibirsi e il pubblico potesse apprezzarli nelle condizioni più vicine possibile alla perfezione. Non ho solo investito nel migliore impianto sonoro che potessi trovare e nelle più moderne attrezzature per le luci, ma ho anche modificato l’acustica del locale perché la qualità del suono fosse la migliore possibile. Il locale ha spazi dedicati ai fumatori, che possono cedere alla tentazione senza dover affrontare coraggiosamente il freddo e perdersi parte della musica. Il Free Revolution, con i suoi 450 metri quadri e i 200 posti a sedere, è molto più grande di quello che appare dal di fuori. Abbiamo tre bar e serviamo piatti da ristorante di qualità, ma prepariamo anche la pizza per chi cerca qualcosa di più economico”. La mia opinione è che Paolo abbia fatto scelte di successo e sia da ammirare per questo. Ma ne sarete più convinti se verrete a vedere voi stessi regalandovi una serata al Free Revolution. Il motto è: sostenete la musica dal vivo! Per leggere altre recensioni musicali di Patrick Q o per essere informati sulle novità della scena musicale nel centro Italia, visitate www.the-mag.org.


The angle of the lawyer - L’angolo dell’Avvocato

ALCOHOL-ALCOL Avvocato

Michele Cancellieri

avv.cancellieri@libero.it

As of September 2012 it is illegal to sell alcohol to minors in Italy. Law 158 decrees that all servers of alcoholic beverages must request a form of identification to confirm the age of the person requesting a drink if there is any likelihood that the person is less than 18 years of age. The Fine for serving liquor to minors starts at € 250 and is doubled for every offense till € 1,000. But in cases of repeated offences, there is also the possibility of having your business closed for three months. This new law is intended to follow up on article 689 of the penal code which directs the arrest and sentencing of up to a year in jail, any business owner that serves alcoholic drinks to minors younger than 16 years of age. The goal of this recent law is to slow the steady growth of alcohol consumption among our young people, but also to reduce the recent phenomenon of “binge drinking ” among teens here in Italy. Binge drinking is consuming large amounts of alcohol in short periods of time. When this happens on the weekends in public places it is usually an ugly scene, one we are more familiar seeing in other countries. According to ISTAT 15.1 % of all 18 to 24 year olds here in Italy are binge drinking. The number of binge drinkers doubles among young people who go out to discos (31.9%), and only 7.8% among that age group are bingeing if they are not going out dancing. In 2007 there was enough of a negative trend in youth drinking that lawmakers sets limits on when the last drinks can be served at an establishment: 3 a.m. This law is not applicable on New Years Eve or on Ferragosto though. On the ground, in the real world, these laws are not always respected or enforced, and the consequences are great to the public wellbeing. According to ACI, nearly half the traffic accidents in Italy are due to drunkenness despite the harshness of the drunk driving laws currently on the books. Here are the drunk driving penalties: If you are pulled over for any reason and your alcohol blood level is between 0.5 and 0.8 grams per liter (g/l), it is an administrative infraction, and you get a fine of between € 500 and € 2,000 and your license is suspended for between 3 and 6 months. Most people have this much alcohol in their blood after having two drinks. If your alcohol blood level is between 0.8 and 1.5 g/l your punishment is changed from an administrative infraction to a criminal one, € 800 to € 3,200 in fines; jail time up to 6 months; suspension of your license from 6 to 12 months. If your levels are higher than 1.5 g/l the figures are € 1,500 to € 6,000 in fines; jail time from 6 to 12 months; and suspension of your license from 12 to 24 months. The suspension penalty is doubled if you are driving a car that does not belong to you. If you are driving your own car then it will be confiscated and expropriated by the state. If you are involved in an accident and you have been drinking, all these penalties are doubled! If you are involved in an accident and your blood levels measure more than 1.5 g/l then your license is revoked. Zero tolerance is the policy for drivers under the age of 21, and for all drivers (regardless of age) who have been licensed to drive in Italy for less than three years. Zero tolerance means there is no acceptable level of blood alcohol at all. Although the punishments vary depending on many circumstance, the intention of the law is clear: Don’t sell alcohol to minors, and don’t drink if you have the car keys in your pocket. Driving after a night of drinking can turn out to be the most costly evening of your life. You can find an English language website on your smart phone that easily estimates your blood alcohol content while you are at a party. It can help you decide how long to wait before getting in your car to drive. Find the link at www.the-mag.org or go directly to www.alcoholhelpcenter.net

the magic number il numero Magico Con la recente approvazione del decreto legge n. 158 del 13/9/2012, è stato introdotto in Italia il divieto di vendere alcolici ai minori di anni 18. Gli esercenti sono obbligati a chiedere agli acquirenti di esibire un documento di identità, a meno che la maggiore età non sia evidente. La sanzione amministrativa per i trasgressori è da 250 a 1.000 euro, ma in caso di recidiva, oltre al raddoppio dell’importo, viene disposta anche la sospensione dell’attività per tre mesi. Le nuove misure si affiancano al reato già previsto dall’art. 689 del Codice Penale, che punisce con l’arresto fino ad un anno i commercianti che somministrano alcol ai minori di 16 anni. L’intento del legislatore è arginare la crescita del consumo di alcol tra i giovani. Negli ultimi anni gli adolescenti italiani, ispirandosi ad abitudini tipiche del nord Europa, praticano il “binge drinking”, cioè assumono alcolici in grande quantità, in breve tempo e fuori dai pasti, specialmente nei fine settimana. Secondo l’ISTAT il fenomeno riguarda il 15,1% dei giovani dai 18 ai 24 anni. L’abuso di alcol risulta più diffuso tra i frequentatori delle discoteche (31,9%), rispetto ai coetanei che non frequentano locali da ballo (7,8%). Anche per questo motivo il decreto legge n. 117 del 2007 vieta la vendita e la somministrazione di alcolici in discoteca dopo le ore 3, tranne nelle notti di capodanno e di ferragosto. In realtà il divieto non viene sempre rispettato, con gravi rischi per la sicurezza pubblica. Secondo l’ACI, in Italia circa la metà degli incidenti stradali è causata dall’alcol. Peraltro anche il Codice della Strada non manca di essere severo al riguardo. Chi guida in stato di ebbrezza con un tasso alcolemico tra 0,5 e 0,8 grammi per litro (g/l), è punito con sanzione amministrativa da euro 500 a euro 2.000 e sospensione della patente da 3 a 6 mesi; se il tasso è tra 0,8 e 1,5 g/l la sanzione diventa penale, con l’ammenda da euro 800 a euro 3.200 e l’arresto fino a 6 mesi, oltre alla sospensione della patente da 6 a 12 mesi; se il tasso è superiore a 1,5 g/l l’ammenda va da euro 1.500 a euro 6.000, l’arresto da 6 a 12 mesi, la sospensione della patente da 12 a 24 mesi. Inoltre se il veicolo appartiene a persona estranea al reato la sospensione è raddoppiata, mentre se appartiene all’autore dell’infrazione viene sottoposto a confisca, cioè viene espropriato dallo Stato. In tutti i casi, se chi guida in stato di ebbrezza provoca un incidente, le sanzioni sono raddoppiate ed è disposto il fermo del veicolo per centottanta giorni, salvo che appartenga a persona estranea all’illecito. Se l’incidente è provocato da un conducente con tasso superiore a 1,5 g/l, la patente è revocata. Per i minori di anni 21 e per i conducenti professionali, il tasso alcolemico alla guida deve essere pari a 0, pena la sanzione amministrativa da 155 a 624 euro se il tasso è inferiore a 0,5 g/l, e l’aumento di un terzo delle pene già previste per le altre ipotesi più gravi. Anche se la legge sembra complessa e frastagliata, in realtà il messaggio è forte e chiaro: non date da bere ai minorenni e non bevete se avete le chiavi dell’automobile in tasca! 21


Gardening - Giardinaggio

green christmas craft verde natale Ilo Mariottini

gardenmariottini@virgilio.it

December is the season of lights, decorations and snow. It smells like firewood burning. We Italians derive great satisfaction from our December events, particularly Christmas lunch and New Year’s Eve dinner. Winter around here is long and deep, and aside from the excitement of the first snow fall, the countryside doesn’t have much to offer. We spend more time inside our homes, and so, we have the urge to redecorate. Especially when Christmas is arriving. Unfortunately, even the Christmas season has been tainted by the modern era when plastic is more commonly found inside our homes than nature is. Globalization has promoted low quality, low priced innovations to flood the market place. Big companies like Ikea promote the use of fake Christmas trees, plastic wreaths and mistletoe, and mass produced tree decorations, all made in third world countries by low wage workers. But we want to help you to invite nature and tradition into your home this Christmas season. So here are some tips on how to make Christmas decorations that are respectful of our ecological environment, and will make your home look and smaell more beautiful. Isn’t Italy famous for its beauty? Here is why. Let’s start with The Christmas Tree. According to tradition it should be a red fir, but you shouldn’t be too strict about this. If you are a traditionalist though, keep in mind that despite the variety of species in our forests, it is forbidden to cut them or harvest them unless you own the land they are living in. So, most of you should look for the ones that are sold in a root ball in specialized garden centers. Especially if you would like to plant your tree in your garden after the holidays. Nowadays, in hotels or restaurants, it is common to see decorated fruit trees, holly pyramids, olive or even magnolia trees pretending to be Christmas trees. One of the most impressive items you can create for your home is made with hazel nut tree branches, twisted into a vertical frame with two branches anchored in a vase or any other kind of container. Then place lights or decorations of all sorts on the frame. Fill the container with sponges (made to hold dry 22

flowers) so the two anchoring branches don’t fall out of the container. On this twisted branch frame any decorations, lights and various hanging articles will stand up. And once Christmas is over you can store the branches in a dry place in order to keep them for next year. A sponge (made to hold dry flowers) is also useful to create a Christmas Wreath. It has to be round and then it can be filled with dry flowers and pine branches and hung on a door. The base for a wreath is the most important part, and you can create one by tying the sponge all around with a nice ribbon. Add different kind of green items: little holly branches, red fir or pinus pinea. It is important to maintain the round shape of the sponge while adding volume to it with the branches. You can also find a base made for you in a specialized store. Once you have the base it is just a matter of your creativity: you can insert small fruits; small pieces of white birch wood will stand up beautifully; natural pine cones covered in artificial snow; red peppers since they are the good luck Christmas color; some mistletoe branches. Once you are finished, you can hang your Wreath on the door with the same decorative string that you used to tied the sponge. With the same procedure you can create amazing decorations for your Christmas table. You only have to position the wreath on a big plate, put a candle in the center, tie it with a ribbon in a bow and leave the two long ribbons ends draping off the plate. In the Scandinavian mythology, mistletoe was a sacred plant for Frigg, the Goddess of Love. According to the legend, after Frigg’s son Balder was killed by a mistletoe arrow, she started crying on his body. Her tears were turning into the white pearl fruits, when all of a sudden her son came back to life. Full with joy, Frigg started kissing anybody who was passing by under a tree with mistletoe growing on it (usually aspen, elm or linden trees). This is why we have the tradition to think that it brings good luck to kiss somebody under the mistletoe. The Christians share the same tradition and for them mistletoe means good luck, love and protection. It is a custom to give it as a Christmas gift, or to use it as a decoration on packages, or hang it on the entrance door of our homes as a good wish to people who are coming in. If two lovers kiss under the mistletoe they would chase away problems and difficulties.


Dicembre è il mese delle luci, degli addobbi e della neve, insomma il periodo in cui gli italiani si ritrovano gustando i profumi della legna bruciata, il pranzo di Natale e il cenone di fine anno. L’inverno dalle nostre parti è lungo e intenso, anche per la campagna che non ha molto da offrire, se non i fantastici paesaggi della prima neve. Trascorrere più tempo nelle proprie case, in concomitanza del Santo Natale, stimola ad abbellirle e renderle più accoglienti. Purtroppo la tendenza moderna è di sostituire la natura con la plastica o i suoi derivati. Responsabile è anche la globalizzazione, che permette a grandi gruppi, Ikea su tutti, di vendere a poche decine di euro alberi di Natale, coroncine dell’Avvento e palline, tutto rigorosamente finto, tutto made in China. Noi siamo per la tradizione e per la natura (non potrebbe essere diverso) e qui troverete alcuni consigli per realizzare addobbi natalizi casalinghi, rispettando la cultura del verde, dell’ecologico e soprattutto del bello. D’altra parte non è proprio per le sue bellezze che l’Italia è famosa nel mondo? Partiamo dal simbolo numero uno, l’albero di Natale: la tradizione vuole che sia un abete rosso, anche se la specie non deve essere vincolante. Ma come procurarsi l’albero tradizionale? Nei nostri boschi ce ne sono in abbondanza ma la legge vieta (se la terra non è di proprietà) sia il taglio che l’estirpazione. Se poi, una volta finite le feste, si vuole ripiantare l’albero, l’unico modo perché attecchisca è utilizzare un abete coltivato in zolla, acquistandolo presso i garden center specializzati. Negli ultimi anni, specialmente per alberghi e ristoranti, abbiamo realizzato alberi di Natale con le varietà più disparate: alberi da frutto, piramidi di agrifoglio verde e variegato, magnolie, olivi o pinus mugus compatti, tutto può essere decorato per Natale. Ma l’idea più originale e di grande effetto è utilizzare rami di nocciolo contorto e infilarli verticalmente in un vaso pieno di spugne per fiori secchi (qualsiasi recipiente può andare bene). La composizione crea un effetto albero che, proprio perché contorto, mette in risalto l’addobbo di luci e pendenti di vario genere. I rami, una volta finito il Natale, possono essere riposti in un luogo asciutto e riutilizzati l’anno successivo.

Un’altra decorazione tipica è la coroncina dell’Avvento da appendere. Per realizzarla procuratevi una spugna per fiori secchi (circolare in questo caso) e fatevi aiutare dall’inventiva quando cominciate a cercare materiale in giardino o nei boschi vicini. La cosa principale è lo sfondo di base che potrete costruire (dopo aver legato con un nastrino la spugna) con diversi tipi di verde: rametti di agrifoglio, di abete o di pinus pinea. È importante riuscire a mantenere il più possibile la circolarità esterna della spugna, aumentandone il volume uniformemente. Naturalmente nei centri specializzati ci sono le basi già fatte sia in abete che in agrifoglio. Una volta realizzato lo sfondo date libero sfogo alla fantasia e iniziate a inserire qua e là piccoli frutti o legnetti di betulla bianca che risalteranno magnificamente. Ideali sono pigne naturali o spruzzate con neve artificiale, peperoncini rossi (colore natalizio per eccellenza e proverbiale portafortuna), o qualche ramettino di vischio. Una volta finito, usate il nastrino messo preventivamente e attaccate alla porta d’ingresso la coroncina da voi realizzata. La stessa procedura può essere utilizzata per assemblare dei bellissimi centro tavola di Natale: posizionate la coroncina in orizzontale su di un piatto leggermente più grande, al centro sistemate una bella candela e abbracciatela con un nastro chiuso da un fiocco, le cui code lunghe cadano ai lati della composizione. Nella mitologia scandinava, il vischio è la pianta sacra di Frigg, dea dell’amore: dopo che suo figlio Balder venne ucciso da una freccia di vischio, Frigg cominciò a piangere sul suo corpo, e mentre le sue lacrime si trasformavano nelle perle bianche del vischio, Balder tornò in vita. Per la felicità, Frigg cominciò a baciare chiunque passasse sotto l’albero sul quale cresce il vischio (di solito pioppi, olmi e tigli), facendo sì che non potesse capitare mai nulla di male a tutti coloro che si fossero dati un bacio sotto un ramoscello di vischio. Il Cristianesimo ha mantenuto la stessa simbologia e il vischio significa fortuna, protezione e amore. È un tipico regalo natalizio, viene usato per decorare i pacchi o lo si appende sulla porta di casa, come buon auspicio per chiunque entri. Se due innamorati si baciano sotto un ramoscello terranno lontani da loro problemi e difficoltà. 23


CAPPELLETTI in brodo

Laura Venturucci

C

N

For the filling: • 150 gr. of veal. • 150 gr. of pork. • 150 gr. of turkey or Cappone, • 2 sausages. • 50 gr. of mortadella • 50 gr. of grated Parmigiano reggiano cheese. • One egg. • One pinch of Nutmeg. • Spoonful of butter. • One carrot. • One stick of Celery. • Half of an Onion. • The peel of one lemon. • A couple of Spoonful extra virgin olive oil

Per il ripieno: • 150 gr. di carne di vitello • 150 gr. di carne di maiale • 150 gr. di carne di tacchino o cappone • 2 salsiccie • 50 gr. di mortadella • 50 gr. di parmigiano reggiano grattato • 1 uovo • 1 pizzico di noce moscata • 1 noce di burro • 1 carota • 1 costa di sedano • ½ cipolla • scorza di 1 limone • olio evo q.b.

For the dough: • Four Eggs. • 500 gr. of flour.

Per la sfoglia: • 4 uova • 500 gr. di farina

Cook the meat in a frying pan with the vegetables, the lemon peel, the butter, and a bit of oil. Remove the lemon peel and put the pan contents into a mixer. Add the parmigiano, the one egg, the nutmeg and mix thoroughly. Make the dough by mixing the four eggs with the flour. Flatten the dough and cut circular pieces with an upside down drinking glass. Put a bit of the filling in the center of the circular shaped piece of dough and bend it into the Cappelletti shape by folding the circle in half (pinch the edges so the half moon is closed around the filling), then folding the two corners together and pinching them a bit to make it all stay closed.

Cuocere la carne in padella con le verdure, la scorza di limone, il burro e un po’ di olio. Togliere le scorze di limone e tritare il tutto con un mixer. Aggiungere il parmigiano, l’uovo e la noce moscata. Mescolare bene. Fare una sfoglia con uova e farina. Tagliare la pasta con un disco rotondo, aggiungere il ripieno e chiudere ripiegando il disco di pasta a metà in modo di ottenere una mezzaluna e unire i due angoli girandoli intorno al ripieno.

appelletti are a classic. Usually the first plate served on Christmas day, they are a symbol of abundance in the cuisine of the High Tiber Valley. Often served in broth they are different from tortellini only in terms of their shape. The dough is made with flour and eggs, while the filling is made of various meats mixed together: pork, veal and chicken. Finally a bit of crushed nutmeg. Some of our local recipes call for adding mortadella, and cooking the meat in wine.

24

ella tradizione Valtiberina i cappelletti, simbolo dell’abbondanza alimentare, erano il classico primo piatto del giorno di Natale. Serviti prevalentemente in brodo, si differenziano dai tortellini soprattutto per la loro forma. Sono composti da pasta sfoglia all’uovo con un ripieno di carne di maiale, vitello, pollo e un po’ di noce moscata. Alcune ricette prevedono l’aggiunta di mortadella e la cottura delle carne con il vino.


LEG of LAMB Sherida Feldman

G

rowing up in the States, Christmas was the most wonderful holiday of the year. My mom and dad met and married in London, and my dad brought my Mom to the US. She became a citizen only 6 years after arrival. She to this day loves the US. And so she decided we would do and have all things American. Hence Christmas. She insisted it was an American Holiday. Because my Mom is Jewish and Hanukah often fell around the same time as Christmas we celebrated both holidays. So a menorah went in the window, each day until Hanukah a candle was lit, and we shopped for the biggest Christmas tree that could fit in our living room, of which we all worked together to decorate. On Christmas eve neighbors came over, our Italian neighbors brought fish, the Murphy’s came over to have eggnog with my parents, and we were allowed to open one gift that night from our parents, because Santa’s gifts had not arrived. On Christmas day, like every evening we sat as a family to eat dinner. But on this night we enjoyed Leg of Lamb with mint jelly, roasted potatoes and string beans with lots of butter. For dessert it was Bread Pudding with Custard or Trifle. Although we were in America, my Mom only knew how to prepare Jewish Deli food, or English roasts. Roast Lamb was always our favorite. The following my Mom’s recipe for preparing a lovely roast lamb: Wash and dry your whole leg of lamb. Rub the leg with lemon or lime to remove the gamey taste. Slice deep wholes in lamb, then add oregano and garlic to the holes. Rub all over with olive oil, sprinkle with salt, pepper and a little cayenne pepper. Put it in a large pan with some water at the bottom. Cook in the oven slowly at 275 to get the inside cooked first. All the while you must baste your lamb. After an hour add your potatoes for roasting, while continuing to baste. When there is only 40 minutes left for cooking time the raise temperature to 325 to get the outside crispy. The last 15 minutes raise to 375 or 400. Depending on your oven cooking time is about two hours.

S

ono cresciuta negli Stati Uniti e Natale è sempre stata la festa più bella dell’anno. I miei genitori si sono conosciuti a Londra e mio padre portò mia madre a vivere in America, dove ci vollero sei anni perché lei ottenesse la cittadinanza. Ma da subito mia madre ha amato gli Stati Uniti. Tutto nella nostra vita doveva essere americano, anche il Natale, secondo lei una festa a stelle e strisce. In realtà mia madre era di origini ebraiche e la festa di Hanukah cade più o meno nel periodo natalizio. Così a casa mia celebravamo entrambe le feste. Mettevamo il candelabro tipico ebraico, la menorah, sulla finestra e accendevamo ogni giorno una candela fino alla festa di Hanukah. Negli stessi giorni andavamo a comprare il più grosso albero di Natale che potesse entrare nel nostro salotto e lo decoravamo tutti assieme. Per la sera della vigilia i vicini venivano a trovarci. Quelli italo-americani portavano il pesce, i Murphy bevevano eggnog (un cocktail tradizionale a base di uova sbattute, latte e rhum o whisky) con i miei genitori e ognuno di noi riceveva un regalo. Uno solo, perché quelli di Babbo Natale sarebbero arrivati per la mattina dopo. Il giorno di Natale, la cena era tra noi, come ogni sera. Ma il menù era speciale: cosciotto d’agnello insaporito dalla gelatina di menta, patate arrosto e fagiolini al burro. Per dolce c’era il pudding di pane con la crema inglese o una specie di zuppa inglese. Anche se viveva in America, mia madre cucinava i piatti della tradizione ebraica, o i tipici arrosti inglesi. L’agnello arrosto era il nostro preferito. Ecco la ricetta dell’agnello arrosto di mia madre: Lavate e asciugate l’intero cosciotto di agnello. Strofinatelo con limone o lime per eliminare il gusto di selvatico. Applicate dei tagli profondi nella carne e riempiteli di aglio e origano. Strofinatelo dappertutto con olio d’oliva, sale, pepe e un po’ di peperoncino di cayenna. Mettetelo in una grande teglia con un po’ d’acqua sul fondo e ponetelo nel forno preriscaldato a 135 gradi centrigradi per una cottura lenta e uniforme anche all’interno. Durante la cottura dovrete usare il liquido sul fondo della teglia per inumidire periodicamente la carne. Dopo un’ora circa aggiungete le patate che si arrostiranno insieme alla carne e continuate a versare il liquido di cottura sull’arrosto. A circa 40 minuti dalla fine della cottura, alzate la temperatura del forno a 160 gradi per rendere la superficie croccante. Nell’ultimo quarto d’ora, alzate a 200 gradi. A seconda del tipo di forno e delle dimensioni del cosciotto, la cottura dovrebbe durare un paio d’ore.

25


Arthur Hunter Blair

By Breon O’Farrell

Imagine the studio of an artist Immaginate lo studio di un artista who rejected the art scene in che ha rifiutato la scena artistica England twenty five years ago, inglese venticinque anni fa, escaped to Italy and went into a relative state of isolation with the singular purpose of producing his art. Each completed piece of work, after an impressive series of elaborate and expensive processes (including being printed on his own antique printing press) is put into its private hiding place, away from the eyes of the world. After so many years of production there is not a square centimeter of area on any wall of this magical studio where another sketch, study or completed work can be displayed. It is a warehouse as much as a studio. But it is an inspiring space, which smells of creativity, dense with the life work of Arthur Hunter Blair. A year ago Arthur was invited to show his work at the Hartlepool Gallery in England as one of the “Friends” of John McCracken the painter and poet, in a gargantuan exhibition entitled “Friends and Influences”. A couple of the “Influences” got all the publicity and attention (Freud, Bacon) while the “Friends” were relegated to the back burners of the stove. Nothing much had changed since back in the sixties, seventies and eighties when he was part of the art world showing, exhibiting and expecting viewers to think for themselves about the work presented to them instead of obediently seeking out and blindly following celebrities. But one important thing came of his participating in the show. Arthur made a decision to offer some of his work to the public, his buried treasure. He calls it “Portfolio Society”, and his black and white prints from wood carvings are featured in this idea. If you visit his website you can understand the details of “Portfolio Society” and participate in it. A handsome and very young looking man, Arthur wears a hoop earring and is the classic rebellious artist: he rejects the “celebrity centered” international art scene; he is a mechanical engineer against progress; a Zen monk against religion; He doesn’t like to have his photo taken and we had to cajole him into accepting a dark, silhouette style depiction of himself. He is a man who knows that his legacy has taken shape, and that now is the time to unveil it. Here we present some images of the space where Arthur Hunter Blair has focused his attention on important themes including mythology, religion, philosophy, physics, and nature. The relationship between Life and Death is a recurring theme in Arthur’s work. He sees a dissolution of the line between the two, they become one in his mind and in his studio. You can go to www.the-mag.org to see more images of Arthur’s work and to find his contact information. 26

è scappato in Italia e piombato in uno stato di isolamento, con l’unico scopo di produrre la sua arte. Ogni sua opera completa, dopo un’impressionante serie di processi elaborati e costosi (compreso quello della stampa sul suo antico torchio) è in mostra nel suo nascondiglio privato, lontano dagli occhi del mondo. Dopo così tanti anni di produzione non c’è un centimetro quadrato libero nelle pareti del suo studio magico, piene di schizzi, studi o lavori finiti. Più che uno studio è quasi un magazzino. Ma è uno spazio che ispira, odora di creatività, ed è denso di una vita di lavoro artistico di Arthur Hunter Blair. Un anno fa Arthur è stato invitato a esibire le sue opere nella Galleria Hartlepool in Inghilterra. Partecipava come uno degli “Amici” del pittore e poeta John McCracken a una mostra gigantesca dal titolo “Amici e Influenze”. Mentre un paio di “Influenze” ottenevano tutta la pubblicità (Freud, Bacon), tutti gli “Amici” rimanevano relegati nel dimenticatoio. Non era cambiato nulla dagli anni sessanta, settanta e ottanta, quando Arthur era ancora parte di un mondo che esibiva la propria arte aspettandosi che il pubblico pensasse e giudicasse da sé, invece di ricercare e seguire ciecamente le celebrità. Ma in ogni caso la partecipazione alla collettiva londinese ha spinto Arthur a uscire dal proprio isolamento e decidere di offrire alcuni dei suoi lavori, il suo tesoro sepolto, al giudizio del pubblico. L’artista inglese ha battezzato la sua iniziativa “Portfolio Society”, includendo in essa le opere in bianco e nero, realizzate stampando incisioni in legno. Se visitate il sito web di Blair potete trovare i dettagli del progetto e diventarne partecipi. Arthur è un uomo attraente che dimostra meno della sua età. Porta un orecchino ad anello e il suo stile è quello del classico artista ribelle: rifiuta la scena internazionale dell’arte “centrata sulle celebrità”; è un ingegnere meccanico contro il progresso; è un monaco Zen contro la religione; non ama che gli siano scattate foto e tutto quello che siamo riusciti a carpire di lui è una silhouette scura che lo ritrae. È comunque un uomo conscio di aver creato una scuola e deciso a farla conoscere. Vi presentiamo alcune immagini del laboratorio dove Arthur Hunter Blair ha lavorato a temi riguardanti la mitologia, la religione, la filosofia, la fisica e la natura. La relazione tra la vita e la morte è un tema ricorrente nel lavoro dell’artista. Dal suo punto di vista, la linea di confine tra vita e morte è in dissolvenza, sia nella sua mente che nel suo studio. Potete trovare altre immagini del lavoro di Arthur, nonché i suoi contatti, sul sito www.the-mag.org.


“Arthur is an scientist against science, a Zen monk against religion� 27


“Arthur è un ingegnere meccanico contro il progresso; è un monaco Zen contro la religione” 28


29


Corso Vittorio Emanuele 13 06012 CittĂ  Di Castello (PG) tel: 075 8520615

Tutto - Everything by 30


Corso Vittorio Emanuele, 31a CittĂ  di Castello (PG) Tel. 075 855 46 82 nicofiori@virgilio.it

Hand made Christmas decorations. In felt, sewn by us. In stock, also available by request.

Decorazioni in feltro realizzate a mano dal personale del negozio. Disponibili anche su ordinazione.

31


herita, 2 Via Santa Marg lo CittĂ  di Castel lice) (A 338 29 66 001

gelo helan saic c i M co mo Mosai langelo e 0 Mich uro 7

e

CdC Bianco e Ner CdC B/W o euro 25

ma su ttaolnelle e bero il upreoz 5 zo tiles for th e eutrro/eee 5 ach

ice Angelo e corn e Fr Angel in a45 am ro eu

Cappell H o euroat10

Bambino Madonna co&n Ch ild er th Mo 50 ro eu

t-shirt t-bag euro 15 32

Mosaico Mosaic CdC C euro 18dC


Viale Emilia 2 06012 Citta’ Di Castello (PG) Tel: 0758558318 - Fax: 0758523757 Stella di Natale con cesto € 16 Christmas Star in a basket € 16

Alzata in ceramica con coroncina di fiori di seta Table centerpiece with a silk flower crown

Orchidea con vaso in vetro a partire da € 30 Orchids in a glass vase starting at € 30

Phalaenopsis su calice in vetro € 40 Phalaenopsis in a glass vase € 40

Quadro con Giacinto € 13 Set of frame with Hyacinth € 13

Natività in tessuto in campana di vetro € 40 Nativity Scene clothed in fabric under glass € 40 Cesti con bulbi di Erica e Ciclamini Basket with bulbs of Heather and Cyclamen a partire da € 20 starting at € 20 33


1 2 3 4

Our Homemade Preserved Meats Basket: We are both ranchers and butchers, and we make our meats without artificial preservatives: Various kinds of salami, coppa, lombo, dried sausage and much more. Pasta from Gregnano Basket: “La fabbrica della pasta”. Pasta dried naturally for 48 hrs. In addition to our traditional types of pasta (also gluten free!) we are well known for making the largest pasta in the world. Mixed Delicious Things: Wild, Red King Salmon, Caviar Paste which is known as “the gold of Cabras”, Balsamic Vinegar from the reserves of Giuseppe Giusti, Black, Organic Wild Rice, Extra Virgin Olive Oil from Agricola Pauselli of Città di Castello. Any combination of these delicious items can be arranged in a basket based on your price range.

1

*

1 2 3 4

7/D Via Collodi a’ Di Castello itt C 2 01 06 1 62 21 85 tel: 075

I nostri salumi caserecci Salumi “Macelleria dell’allevatore” senza conservanti: salamino, coppa, lombo, salsicce secche e tanto altro. Rivenditore esclusivo. Esempio di cesto casereccio. * prezzo non quantificabile per variazione di peso. Pasta di Gragnano “La fabbrica della pasta” Essiccata naturalmente per 48 ore. Oltre ai tipi tradizionali, (anche senza glutine), il nostro punto di forza è la pasta più grande al mondo. “Le delizie” Salmone Red king selvaggio, bottarga di Muggine “l’oro di Cabras”, Aceto balsamico Giuseppe Giusti Gran deposito, riso selvaggio nero biologico, olio extravergine di oliva Soc. Agricola Pauselli (Città di Castello). Si confezionano vari tipi di cesti per tutti i prezzi.

3

2

4

34


Sandy coffee sandwiches teas and infusions aperitifs indoor and outdoor table

caffè Sandy via S. Francesco, 2 panini Città di Castello tè e infusi aperitivi tavoli interni e esterni 35


COSTRUIAMO INSIEME IL TUO RISPARMIO

Preventivi gratuiti Progettazione degli impianti Pratiche per contributi Installazione e assistenza Possibilità di finanziamenti rateali per l’intero costo dell’impianto 36

Free estimates Plant design Submit grant applications Installation and Support Financing available

Via Madonna del Vento S.N. Cerbara - Città di Castello (PG) Tel. 075 851 2243 Fax 075 851 8065 info@enerbtech.it www.enerbtech.it


The Mag 1