Page 1

attualità

dossier

fatti

missioni

P. Pino Puglisi testimone e costruttore di giustizia

In preghiera con il rosario missionario dal Guatemala

Campi estivi con i giovani in Romania

A fine luglio la GMG 2013 in Brasile

MISSIONI

RIVISTA MENSILE DI ATTUALITÀ MISSIONARIA

OMI

Prezzo di copertina € 2,20 - maggio 2013 - Poste Italiane S.p.A. – Spedizione in abbonamento postale – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, C/RM/68/2012

n. 05 MAGGIO 2013

omi_cover_maggio_3.indd 1

Missionari con Maria

Maggio insieme all’Immacolata

23/04/13 00:33


SOMMARIO MISSIONI OMI Rivista mensile di attualità Anno 20 n.5 maggio 2013

attualità

Ricordando padre Pino

06

Tra santità e politica

10

Notizie in diretta dal mondo oblato

22

La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250

di Ileana Chinnici COMI

EDITORE

di Luigi Mariano Guzzo

Provincia d’Italia dei Missionari Oblati di Maria Immacolata Via Egiziaca a Pizzofalcone, 30 80132 Napoli

news

REDAZIONE

Via dei Prefetti, 34 00186 Roma tel. 06 6880 3436 fax 06 6880 5031 pasquale.castrilli@poste.it

a cura di Elio Filardo OMI

DIRETTORE RESPONSABILE

Mgc news

25

Condividere i valori cristiani

30

Pasquale Castrilli REDAZIONE

Salvo D’Orto, Elio Filardo, Gianluca Rizzaro, Adriano Titone

fatti

di Elio Filardo OMI

COLLABORATORI

Nino Bucca, Claudio Carleo, Fabio Ciardi, Gennaro Cicchese, Angelica Ciccone, Luigi Mariano Guzzo, Thomas Harris, Sergio Natoli, Luca Polello, Claudia Sarubbo, Giovanni Varuni

Il Brasile attende i giovani

34

di Pasquale Castrilli OMI

PROGETTO GRAFICO E REALIZZAZIONE

missioni

Elisabetta Delfini STAMPA

Tipolitografia Abilgraph Roma FOTOGRAFIE

Si ringrazia Olycom www.olycom.it

Lettere al direttore

02

Storia di storie

13

Lettere dai missionari

37

Qui Uruguay, Qui Senegal

39

UFFICIO ABBONAMENTI

Via dei Prefetti, 34 - 00186 Roma tel 06 9408777 - Valentina Valenzi editrice.missionari.omi@omi.it Italia (annuale) Estero (via aerea) Di amicizia Sostenitore

Indagine su Maria

17 euro 37 euro 35 euro 65 euro

Da versare su cc p n. 777003 Home Banking: IBAN IT49D0760103200000000777003 intestato a: Missioni OMI - Rivista dei Missionari OMI via Tuscolana, 73 - 00044 Frascati (Roma) Finito di stampare aprile 2013 Reg. trib. Roma n° 564/93 Associata USPI e FESMI www.missioniomi.it www.facebook.com/missioniomi

0II_cop.indd 2

dossier

Padre Mario Piatti spiega il ruolo della Vergine nella religione e nella società di Antonio Gaspari

Da sinistra: dei fedeli nel santuario di nostra signora Aparecida, in Brasile; la statua della vergine, a Medjugorje; Our Lady of the Snows, santuario oblato a Belleville, Stati Uniti

14 missioni omi · 05_13

P

er molti la festa dell’Immacolata, l’8 dicembre, è solo un giorno di vacanza in più. Per i fedeli invece è una festività di importanza notevole, considerando l’enorme devozione mariana diffusa in tutto il mondo. È vero che i devoti di Maria, vengono spesso banalizzati e derisi come creduloni, nonostante che le prove concrete di quanto la Vergine medi l’intervento di Dio nella realtà terrena siano molteplici. Per cercare di capire quanto sia ancora viva la fede in Maria, e quale significato ha questa festività nell’economia della salvezza, abbiamo intervistato p. Mario Piatti icms, direttore della rivista “Maria di Fatima”, or-

DOSSIER

14

15

missioni omi · 05_13

una foto per pensare

UNA FOTO PER PENSARE

28

Pensieri Pensieri ingombran ti come uccelli rapaci che volano sui silenzi del cuore: verità taciute e voci assordant i che costringon o ad un volo faticoso. Ali pesanti. . . eppur fatte per innalzarsi alte nel cielo.

foto Alessandro Milella, alessandro.milella@alice.it testo Claudia Sarubbo, claudia.sarubbo@yahoo.it

28 missioni omi · 05_13

29

missioni omi · 05_13

23/04/13 23:53


editoriale di Pasquale Castrilli OMI pasquale.castrilli@poste.it

MISSIONI

OMI

Senza trono È

attualità

dossier

fatti

missioni

P. Pino Puglisi testimone e costruttore di giustizia

In preghiera con il rosario missionario dal Guatemala

Campi estivi con i giovani in Romania

A fine luglio la GMG 2013 in Brasile

MISSIONI

RIVISTA MENSILE DI ATTUALITÀ MISSIONARIA

OMI

Prezzo di copertina € 2,20 - maggio 2013 - Poste Italiane S.p.A. – Spedizione in abbonamento postale – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, C/RM/68/2012

n. 05 MAGGIO 2013

omi_cover_maggio_3.indd 1

Missionari con Maria

Maggio insieme all’Immacolata

la prima immagine che ha dato di sé papa Francesco, sin dai primi giorni di pontificato. La sensazione di un “re” che non vuole usare il trono. Lo hanno mostrato le parole e i gesti di inizio pontificato: la presentazione nella serata romana del 13 marzo, la prima messa in Cappella Sistina l’indomani e, sempre il 14 marzo, la visita a S. Maria Maggiore per raccomandare alla Madonna il suo ministero. Un papa che si libera, in certo modo, dei privilegi possibili al suo status per farsi umile come il nome che ha scelto, vicino, vicinissimo al gregge di cui è stato eletto pastore. I gesti di papa Francesco hanno gettato indubbiamente scompiglio negli ambienti vaticani: la richiesta di un anello d’argento al posto di quello d’oro, la riduzione degli appartamenti papali, il semplice scanno sul quale sedeva ricevendo i capi delle chiese sorelle, le famose scarpe nere, la lavanda dei piedi a giovani detenuti il giovedì santo. Anche Maria, l’Immacolata era così. Donna umile e forte al tempo stesso, serva del Signore il cui unico scopo era fare spazio a Gesù. Presente in maniera discreta nella chiesa nascente insieme agli apostoli. Quella chiesa fondata su Pietro e su uomini generosi, che avevano risposto con slancio alla chiamata dal ‘maestro’. Una chiesa che aveva nella preghiera e nella condivisione le sue uniche armi.

Gli apostoli, Maria, papa Francesco. I troni sembrano ribaltati, lustrini e privilegi scartati per dare spazio ad una presenza semplice e solidale, vicina alle persone, capace di inchinarsi davanti agli altri come di chi si propone il servizio come unico fine. Parliamo di Maria Immacolata in questo mese di maggio a lei dedicato. Per guardarla, pregarla, ringraziarla, imitarla. Paolo VI, predecessore di papa Bergoglio, nell’enciclica Mense Maio del 1965 si esprimeva con queste parole: “Esulta il nostro animo al pensiero del commovente spettacolo di fede e di amore che, fra poco, sarà offerto in ogni parte della terra in onore della Regina del cielo. È, infatti, il mese in cui, nei templi e fra le pareti domestiche, più fervido e più affettuoso dal cuore dei cristiani sale a Maria l’omaggio della loro preghiera e della loro venerazione. Ed è anche il mese nel quale più larghi e abbondanti dal suo trono affluiscono a noi i doni della divina misericordia”. In tutta la cristianità in questo mese si guarda a Maria, alla sua vita, alle sue virtù. La vicinanza alla Madonna è esperienza delle generazioni cristiane nel corso della storia. Maria è porto sicuro, rifugio, consolatrice, avvocata. Si ricorre a colei che ha vissuto la sua vita senza orpelli e senza troni. n

23/04/13 00:33

1

MISSIONI OMI · 05_13

001_05.indd 1

23/04/13 00:36


lettere al direttore

MISSIONI

OMI

GIOIA E SPERANZA Siamo felici, perché lo Spirito Santo ci ha dato come nuovo successore di Pietro, come vescovo di Roma e come Pontefice, papa Francesco. Preghiamo per lui. Invochiamo lo Spirito Santo, perché lo sostenga nell’opera che dovrà svolgere per custodire la chiesa nell’unità della fede e nella carità. Il suo volto sereno, carico di paternità, i suoi gesti umili, come l’inchinarsi davanti la folla per ricevere la benedizione del popolo cristiano, le sue parole semplici ed essenziali, ricche di inviti alla preghiera e alla fraternità, ci hanno dato gioia e speranza, così come le hanno date alla Chiesa e al mondo. Questo evento storico, che ci ha trasmesso tante emozioni, ci dia passione e responsabilità nel vivere la nostra esperienza cristiana e la nostra vocazione missionaria. P. Alberto Gnemmi OMI, superiore provinciale

Benvenuto Francesco Diamo il benvenuto al nostro nuovo papa unendoci in preghiera. Mi sono piaciute le sue prime parole, che avrò modo di riascoltare e meditare, ma ho apprezzato soprattutto il suo gesto di chinare il capo di fronte al popolo di Dio per accogliere la benedizione di tutti noi... gesto di umiltà e semplicità! Luisa Miletta, Roma

le parole, non ricercate, ma semplici, quelle delle preghiere. Benvenuto Francesco! Daniela Esposito, Napoli

È difficile che mi emozioni, ma la tenerezza e la semplicità di questo papa,

Tutti i popoli latinoamericami hanno tanto sofferto nel passato. Ora hanno un papa

Una piazza S. Pietro così gremita, mi fa capire che la fede esiste ancora! E mi fa sperare in una nuova era per la Chiesa! Forza Francesco... siamo con te! Sara Pegoraro, Vercelli

che si annuncia grandissimo. “Fratelli e sorelle buona sera, voi sapete che il dovere del conclave era di dare un vescovo a Roma. I fratelli sono andati a prenderlo alla fine del mondo. Incominciamo questo cammino vescovo e popolo, cammino di fratellanza amore fiducia, preghiamo l’uno per l’altro” Grazie papa Francesco e se il poverello di Assisi ti assiste questa Chiesa sarà più povera e quindi più vera... Franco Gallelli

2 MISSIONI OMI · 05_13 002_003.indd 2

23/04/13 00:37


CHI È PAPA BERGOGLIO Tanto abbiamo letto in questi mesi sulla vita, le origini e il ministero del cardinal Bergoglio, ora papa Francesco. Ci sono alcuni gesti che ha posto nel suo ministero a Buenos Aires, capitale dell’Argentina, che meritano di essere conosciuti A fine settembre gli argentini svolgono un pellegrinaggio a piedi alla basilica di Nostra Signora di Luján, 60 km da Buenos Aires. Nel 2009 lo slogan del pellegrinaggio è stato “Madre, abbiamo bisogno di vivere come fratelli”. Per espressa volontà del cardinale Bergoglio l’immagine originale della Vergine di Luján veniva tolta dalla sua abituale collocazione “per stare più vicino ai fedeli”. Durante il pellegrinaggio di quell’anno i giovani realizzarono un “gesto per la vita”: accendendo una luce, seguito da un minuto di silenzio e da una decina del rosario “per le vittime di ogni violenza”. Nel 2010 il card. Bergoglio definì la capitale del paese un “tritacarne” Lo disse in occasione di una messa per le vittime della tratta di esseri umani e del lavoro in condizioni di schiavitù e per i cartoneros che

Un’emozione unica e un bellissimo discorso. grazie papa Francesco! Sara Terentini, Firenze Sono solo alcuni dei messaggi che abbiamo raccolto in occasione dell’elezione del nuovo pontefice. Personalmente la sera del 13 marzo ho scelto di non vedere, ma di ascoltare, attraverso la radio, la notizia della elezione di papa Francesco e le sue prime parole. Mi è sembrato significativo,

vivono cercando rifiuti. “Per molti la nostra città è un tritacarne, che distrugge le loro vite, spezza la loro volontà e li priva della libertà”, affermò durante la celebrazione eucaristica, che si tenne nella stazione ferroviaria di Constitución. Facendo riferimento alla parabola del Buon Samaritano, il card. Bergoglio disse: “in questa città si compiono sacrifici umani, si uccide la dignità di questi uomini e di queste donne, di questi ragazzi e ragazze sottoposti alla tratta, alla schiavitù. Non possiamo restare tranquilli”. Buenos Aires è “una fabbrica di schiavi, un tritacarne”, in cui si difendono “i signori della mafia”, che “non prestano mai il volto e salvano sempre la pelle, forse per quella ricetta così nostra che si chiama tangente”. Al momento delle offerte, un gruppo di lavoratori avvicinò all’altare oggetti confezionati da persone riscattate da laboratori clandestini. Un gruppo di donne, invece, portò una rete con le foto e i nomi di bambine rapite da organizzazioni dedite alla tratta di persone a scopo di prostituzione. (PC)

attraverso un mezzo di comunicazione povero. potermi accostare con rispetto e profonda fede al nuovo successore di Pietro. La radio mette in maggiore risalto le parole rispetto al mezzo televisivo. E le prime parole di papa Bergoglio hanno lasciato un segno. La parola preghiera da lui ripetuta più volte con lo sconvolgente gesto di chiedere una preghiera/ benedizione del popolo su di lui. Poi la parola fratellanza a voler dire che

la cosa che più conta è la concordia. E poi la parola evangelizzazione che a noi del carisma demazenodiano è parola molto cara.

Fin dai giorni dell’elezione di papa Francesco, il quotidiano Avvenire dà la possibilità di lasciare un messaggio di augurio al nuovo pontefice cliccando su www.avvenire.it/Chiesa/ Pagine/il-nostro-papa. aspx

3

MISSIONI OMI · 05_13

002_003.indd 3

23/04/13 23:54


attualità

Madagascar Una goccia di speranza nell’Isola Rossa

Antananarivo

I

di Fabio Ciardi ciardif@gmail.com

l viaggio è stato più lungo del previsto (tre giorni e tre notti) a causa del ciclone che si è abbattuto sull’isola della Riunione dove ho dovuto fare scalo, ma finalmente sono arrivato ad Antananarivo (qui semplicemente Tanà). Attraverso la città caotica, dove la vita scorre lungo le strade. Sui marciapiedi gli artigiani, i negozianti, le cuoche, i barbieri… Il tutto amalgamato dalla terra rossa, dal

colore così intenso, che ha fatto denominare il Madagascar l’Isola Rossa. Povertà e miseria in ogni dove. Eppure sono conquistato dal fascino discreto che emana dal sorriso dei bambini che giocano con un nulla, dai cappellini di lana o di paglia dalle mille fogge che portano tutte le donne, dalla gentilezza che incontro ovunque. Alla casa provincializia incontro i primi Oblati: stanno giungendo dalle varie missioni per il ritiro annuale. Arrivarono dalla Polonia nel 1980 dietro invito di p. Marcello Zago, che aveva incontrato un vescovo del Madagascar scoraggiato perché non trovava missionari per la sua diocesi. Come luogo d’inizio venne scelta la diocesi di Toamasina, sulla costa orientale dell’isola, perchè “la missione proposta è in linea con le prospettive della nostra congregazione missionaria. Ci sono persone povere in termine materiale, come spirituale, e in attesa. Senza l’invio di missionari, migliaia di malgasci rimarranno privi di evangelizzazione”. Nel settembre del 1981, iniziarono la prima missione a Marolambo, quasi 400 km a sud della diocesi di Tamatave. Oggi sono quaranta, metà polacchi, metà malgasci, più una cinquantina di giovani in formazione. A Fianarantsoa, 400 km dalla capitale, ho visitato 27 di questi giovani in formazione, che studiano filosofia e teologia. In al-

4 MISSIONI OMI · 05_13 004-005.indd 4

23/04/13 00:37


Madagascar

Il Madagascar è uno stato insulare situato nell’oceano indiano, al largo della costa orientale dell’Africa, di fronte al Mozambico. L’isola principale, anch’essa chiamata Madagascar, è la quarta più grande isola del mondo. Ospita il 5% delle specie animali e vegetali del mondo, l’80% delle quali sono endemiche del Madagascar. Fra gli esempi più noti di questa eccezionale biodiversità ci sono l’ordine dei lemuri, le oltre 250 specie di rane, le numerose specie di camaleonti e i tipici baobab.

in pillole

tri luoghi, vi sono ancora 8 novizi, 9 prenovizi e 5 fratelli in formazione. Il futuro della missione è assicurato. “Perché ti sei fatto Oblato?”, chiedo a p. Alfred . «Perché un giorno, quando ero alla scuola, è arrivato un padre che tra l’altro ci disse che gli Oblati sono il battaglione d’assalto di Dio. La cosa mi è piaciuta. Volevo far parte di quel corpo d’assalto. Gli ho scritto, ed ora eccomi qua». Si trova con altri quattro in quella prima missione di Morolambo. A turno vanno a visitare i cristiani nei villaggi in foresta e sulle montagne. P. Alfred parte due volte l’anno e per un mese intero, a piedi, passa di villaggio in villaggio. Ha con sé cinque o sei portatori carichi di tutto il materiale necessario. Non ci sono strade né ponti e spesso ci si deve arrampicare. La gente è isolata e sparsa su vaste aree per i lavori dei campi. Sono viaggi duri.

Nel Madagascar vivono circa 20 milioni di abitanti, la densità è di 28 ab./km². Il malgascio è la prima lingua dell’isola, ma la popolazione parla correntemente anche il francese (a seguito del passato coloniale dell’isola). Le chiese cristiane in Madagascar sono spesso influenti sulla vita politica del paese. Il Consiglio delle Chiese Malgasce (FFKM) riunisce le quattro dottrine più radicate nel paese (cattolicesimo romano, protestantesimo riformato, luteranesimo e anglicanesimo).

Se ogni accesso è bloccato per le situazioni climatiche si può ricorrere alla piccola compagnia aerea dei calvinisti danesi, a servizio delle missioni, anche di quelle cattoliche… l’ecumenismo funziona! Quando, in genere dopo una giornata di viaggio, il missionario giunge in un villaggio, il responsabile del centro e il catechista hanno già avvertito tutti ed hanno preparato la sua accoglienza: viene ricevuto al margine del villaggio ed accompagnato in processione con strumenti, canti, danze… Poi iniziano la catechesi, la messa, i sacramenti per le persone dei dintorni, alcune delle quali arrivate con tre giorni di cammino… Cose da film eppure succedono! Gli Oblati sono presenti non soltanto sugli altipiani, ma anche lungo il litorale, principalmente a Tamatave. Mi colpisce soprattutto l’apostolato del mare, rivolto ai pescatori e alle loro fa-

miglie, una delle classi più povere. Le grandi navi della Cina pescano con sistemi industriali e ai poveri pescatori tradizionali rimane ben poco. Con le loro fragili piroghe devono inoltrarsi sempre più al largo. Gli Oblati offrono a ciascun pescatore il necessario per la pesca, viene dato un nome alla nuova piroga e allegato il nome del benefattore. Si organizzano incontri di formazione, si sostengono le famiglie, si tengono mense per i bambini. I missionari hanno saputo coinvolgere suore e laici, non soltanto per gli aiuti materiali e l’assistenza sociale, ma anche per la catechesi e la formazione spirituale. Lavoro capillare, che raggiunge le famiglie più povere e che dà loro dignità e sicurezza. Mi rendo conto che la vocazione oblata, come direbbe S. Eugenio, è “indubbiamente la più bella, perché la stessa di quella di Gesù”.  n

5

MISSIONI OMI · 05_13

004-005.indd 5

23/04/13 00:37


attualità

Ricordando

padre Pino

Un rievocazione intensa e personale della persona e dell’opera di p. Pino Puglisi, beatificato a Palermo a fine maggio

di Ileana Chinnici COMI

C

i sono persone che incontri nella vita e che lasciano il segno. Devo a p. Pino Puglisi l’incontro con il carisma oblato, che determinerà la mia vita spirituale e vocazionale. Devo a lui un certo modo di pensare e vivere la Chiesa, un’impronta formativa post-conciliare, un’apertura al mondo, una consapevolezza del ruolo del laicato.

Professore e formatore Ho avuto la grazia di averlo come professore di religione al liceo, anni decisivi nello sviluppo della personalità. P. Puglisi mi ha accompagnato con discrezione e delicatezza, raccogliendo le confidenze dei miei primi turbamenti adolescenziali, le mie domande sul senso del bene e del male, del giusto e dell’ingiusto. Oggi comprendo quanto abbia contribuito a formare la mia coscienza morale, insieme alla mia famiglia ed al mio parroco di allora, don Carlo Lauri, che mi ha plasmato ad una mentalità missionaria. P. Puglisi, è stato soprattutto un educatore, un formatore di coscienze. Credo che sia stato questo a dare fastidio ai mafiosi di Brancaccio.

6 MISSIONI OMI · 05_13 006_009.indd 6

23/04/13 00:38


In apertura un’immagine del giovane padre Puglisi. A destra con un gruppo di giovani da papa Giovanni Paolo II nel 1985

Amava molto i giovani. Indimenticabile la coppola lanciata sulla cattedra appena entrato. Lo ricordo seduto sulla cattedra, mentre dialogava con la classe su tematiche come il destino, il fatalismo, i valori sociali, cercando di trasmetterci una visione cristiana della vita e di combattere i luoghi comuni della nostra cultura. Ricordo come amava farci lavorare in gruppo, ci dava dei libri da leggere e relazionare poi in classe. Ricordo ancora la lettura di Ipotesi su Gesù di Vittorio Messori… Con lui si era creato fin da subito un bel rapporto. “3P”, infatti (come lo chiamavamo affettuosamente) guardava con simpatia i ragazzotti che, come me, venivano dalla provincia ed erano un tantino snobbati dai coetanei palermitani. P. Puglisi, che era stato per anni parroco a Godrano, conosceva bene la genuinità della gente di paese e la stimava. Come dimenticare le escursioni di gruppo proprio nelle campagne di Godrano, tra stalle e ca-

solari? Ovunque era accolto con affetto, come uno di famiglia. Le lunghe passeggiate in montagna, la tranquillità con cui affrontava costoni di roccia che ci aiutava a valicare, il suo passo veloce e deciso: io ero

È stato soprattutto un educatore, un formatore di coscienze una delle poche, abituata a camminare tanto. Ci sono ricordi che è impossibile cancellare, come andare tutti insieme a vedere l’alba su monte Cucco e lì pregare con le lodi, o le visite in seminario. Ci portava spesso a visitare gli

ambienti comuni, la cappella, il refettorio, l’ingresso, poi la lunga scala che portava fin sui tetti; eravamo una classe interamente femminile, e questo dice chiaramente come p. Pino non facesse distinzioni, quanto fosse libero da intenti di proselitismo vocazionale, come ritenesse opportuno avvicinare tutti alla vita del seminario e della Chiesa. Non posso dimenticare la mattina in cui pochissime di noi, solo tre o quattro eravamo entrate a lezione (era l’8 marzo e tipicamente si marinava la scuola) e p. Puglisi decise di portarci a vedere Palermo dai tetti della cattedrale. Ci fece avventurare in un dedalo di scale e scalette, soppalchi e ballatoi, passaggi e cunicoli fino ad una scala a pioli mezza rotta e pericolante, da cui si usciva sul tetto attraverso una botola. Una volta fuori, che spettacolo, che panorama! Alla fine tornammo giù tutte contente di quella avventura fuori programma. E poi, quella sua voce pacata, tran-

7

MISSIONI OMI · 05_13

006_009.indd 7

23/04/13 00:39


A sinistra, la vista posteriore della Cattedrale di Palermo. A destra, un momento del funerale di padre Puglisi

quilla, dolce: un timbro gradevole da ascoltare, trasmetteva serenità. Era raro vedergli perdere le staffe, ma quando succedeva, diventava rosso paonazzo fino alle orecchie e la voce diventava vibrante, forte, decisa.

I bivi della vita Mi voleva bene e stimava le mie capacità intellettuali; l’anno della maturità mi “corteggiò” a lungo perché mi iscrivessi alla facoltà teologica: mi disse che c’era bisogno di giovani dotati, mi fece alcuni esempi di altre giovani donne teologhe che insegnavano lì; a suo dire, avrei potuto raggiungere in breve tempo posizioni prestigiose e sicure. P. Puglisi si scontrò, tuttavia, con la mia testardaggine: avevo già deciso, in cuor mio, di iscrivermi a fisica, per studiare astronomia. Cercò di dissuadermi, di mostrarmi i limiti di quella scelta, ma non riuscì a convincermi. Sono certa di averlo deluso. Ma ero convinta della mia scelta. A volte mi chiedo cosa sarebbe avvenuto di me se, a quel bivio, avessi imboccato la strada della facoltà teologica, ma non ho rimpianti: anche se è stata dura laurearsi in fisica, la vita mi ha confermato che era quello che Dio voleva per me, perché io potessi realizzarmi ed esse-

re un avamposto di frontiera dove Egli mi ha voluto, chiamandomi a vivere ed incarnare il dialogo scienza-fede. Chissà, forse oggi p. Puglisi si ricrederebbe! Di una cosa, invece, sono certa che sia rimasto contento: in quello stesso anno, finita la maturità, p. Puglisi mi invitò ad un campo estivo con il Centro diocesano vocazioni, che lui dirigeva (“Sì, ma verso dove?” era lo slogan del CDV). Quell’indimenticabile esperienza, vissuta nell’agosto 1984 a Baida, segnò una svolta nella mia vita spirituale: ebbi modo infatti di conoscere il carisma oblato, di entrare in contatto con la comunità OMI, di iniziare con loro un cammino di formazione umana e spirituale che mi avrebbe portato lontano, alla condivisione dell’ideale missionario nel Movimento giovanile Costruire (MGC) e alla vocazione COMI (Cooperatrici oblate missionarie dell’Immacolata). A p. Puglisi bastava sapere che avevamo trovato una strada nella chiesa e che eravamo contenti di percorrerla. Mai interferì o ebbe a ridire sulle nostre scelte, anche quelle di altre mie compagne: se qualche pressione mi aveva fatto nell’orientamento degli studi universitari, mai alcuna ne fece

sull’orientamento spirituale e carismatico. L’importante, per p. Puglisi, era scegliere, fidandosi di Dio, evitando il rischio di rimanere fermi e indecisi. “Vivere è scegliere, è ricominciare sempre” diceva uno slogan a lui caro: me lo inviò una volta, scritto in una cartolina.

Padre nostro preghiera di tutti Quando celebravamo messa insieme, p. Pino non voleva mai che si cantasse il Padre nostro. È la preghiera di tutti, diceva, anche di chi non sa cantare: e tutti devono essere messi in condizione di recitarlo. La sua rigidità su questo punto della liturgia, contrapposta alla sua grande flessibilità su tutto il resto, mi colpiva tanto: si vedeva che per lui era veramente importante - e ora capisco che l’aver chiamato Padre nostro il centro parrocchiale di Brancaccio per l’accoglienza dei giovani aveva un significato profondo nella sua ottica. Doveva essere un centro dove tutti i giovani dovevano poter essere accolti: i ragazzi di strada, i figli dei mafiosi, i giovani della parrocchia, i ragazzini per bene e quelli a rischio. Era evidente che questa paternità di Dio, che non fa differenze e crea comunione, non poteva piacere ai mafiosi che fondano

8 MISSIONI OMI · 05_13 006_009.indd 8

23/04/13 00:39


attualità

disse, con gli occhi bassi, e si congedò, come distratto da cupi pensieri. Sul momento, non riuscii a decifrare questo suo atteggiamento. Ricordo, però, che mi preoccupai molto, che andai via con un senso di inquietudine. Oggi capisco che forse aveva ricevuto delle minacce.

Forte e silenzioso

sulla divisione e sul privilegio il loro potere. Anche durante gli anni universitari, dopo che a p. Puglisi fu assegnata la parrocchia di Brancaccio, avevamo mantenuto i rapporti. Lui era preso dal nuovo ministero ed io dal caos del mondo dell’università. Ma c’era il volersi bene di sempre, che ti fa sentire in comunione con una persona anche se i rapporti si diradano. Ero andata a trovarlo poche settimane prima della sua uccisione. In estate, avevo fatto il primo viaggio missionario in Uruguay con l’MGC ed alcuni amici, animatori della parrocchia, mi avevano invitata a parlare di questa esperienza ad un gruppo di ragazzini del quartiere. Andai volentieri, anche per rivedere e salutare p. Puglisi. Era la prima volta che andavo nella sua parrocchia. Ma lo vidi solo per un attimo: c’era un’ombra scura nei suoi bellissimi occhi, un’ombra che non avevo mai colto. Non sorrideva affatto quella sera “3P” come se avesse una segreta preoccupazione. Mi salutò in fretta, come se volesse tenere chiuso in sé il suo terribile segreto. Gli dissi che ero stata in Uruguay e che ero contenta di conoscere la sua parrocchia, che era il territorio della sua missione … «Eh, ma qui non è facile» mi

Mi trovavo a Roma quando seppi della sua uccicione. Ero andata alla Procura delle Missioni OMI a salutare p. Sergio Natoli e fu proprio lui a darmi la notizia. Ne rimasi sconvolta. Non riuscivo più neppure a parlare. Con un filo di voce chiesi quando, come… Nel volo di ritorno verso Palermo ripensai a quell’ultima volta che lo avevo visto, a quella tristezza nei suoi occhi, a quel dolore silenzioso che portava dentro. Non so quanto ho pianto. Al funerale c’era tutta la città: facemmo il corteo,

C’era un’ombra nei suoi bellissimi occhi che non avevo mai colto dietro al feretro portato a spalla dagli altri presbiteri, insieme con le compagne di scuola, gli amici della comunità OMI, tantissima gente. Ho un ricordo confuso, perché ho pianto tutto il tempo, e ricordo che sbandavamo nel camminare, tanto era il dolore. Le lacrime furono irrefrenabili al canto di ingresso della messa. Intonarono Resurrezione e la gioia di quel canto contrastava così tanto col nostro dolore, ma dava perfettamente ragione di

quella testimonianza, di quel martirio, che diventava gioia e compimento in Cristo. Che gioia ci hai dato, Signore del cielo. Ci hai dato una grande gioia, Signore, nel santo sacerdote che ci hai donato, che ora risplende alla tua destra, ci hai dato una grande gioia nel suo sangue versato per amore, come il tuo, e che feconderà questa terra da lui amata, per il riscatto di questa gente da lui amata. Da quanto scritto non emerge il ritratto di un prete antimafia, nel senso tradizionale del termine, perché p. Puglisi non amava la ribalta, non alzava la voce in pubblico, ma annunziava la verità e la giustizia con la forza della testimonianza, lavorando in modo silenzioso, ma efficace per contrastare la mentalità antievangelica del tessuto mafioso di Brancaccio, senza azioni eclatanti ma sfaldandone le fibre, poco a poco. Per questo, andava eliminato. Ci lascia un esempio luminoso di fedeltà al Vangelo, di coraggio silenzioso e di testimonianza fino all’effusione del sangue, in comunione con Cristo redentore. Il 25 maggio p. Puglisi sarà proclamato beato: tra le mie intenzioni di preghiera, a lui avevo affidato in modo speciale la comunità di Palermo quando nel 2000 se ne prospettava la chiusura; chi meglio di lui poteva intercedere per questa causa, lui che conosceva e stimava gli Oblati e che mi aveva messo in condizione di conoscerli e di trovare la mia vocazione, che proprio quell’anno vedeva la mia prima oblazione COMI? Ora vedo che la sua beatificazione cade nella settimana di preghiera per le vocazioni oblate: non mi sembra un caso, sono certa che ancora p. Puglisi intercede da lassù per il suoi amici Oblati e per i giovani, da sempre al centro del suo ministero. Nostro speciale protettore ed amico, beato don Pino Puglisi, prega per noi!  n

9

MISSIONI OMI · 05_13

006_009.indd 9

23/04/13 00:39


attualità

Tra

santità e politica

Responsabilità personale e comunitaria per un autentico impegno cristiano in politica

di Luigi Mariano Guzzo

N

ell’atto stesso della creazione si schiude l’orizzonte di responsabilità che impegna ogni uomo verso il proprio fratello. “Dov’è Abele?” (Cfr. Gen. 4, 9) è la domanda che il Signore, nel rivolgersi a Caino, gira a tutti gli uomini. Perché l’interesse per Abele, nostro fratello, è l’interesse per l’intera famiglia umana e, pure, rispetto alla custodia dell’ecosistema, la casa comune dei popoli. Insomma c’è una responsabilità comunitaria che grava su ogni persona e che deve, senza fraintendimenti, spingere all’impegno politico, inteso come impegno per il bene della “polis”, della città. Un impegno politico che, nel caso dei cristiani, è espressione stessa della missionarietà che caratterizza la Chiesa fin dalle origini: l’annuncio salvifico del Vangelo di Cristo alle genti smuove la realtà circostante, comprese le istituzioni sociali. È vero che oggi parlare di politica significa parlare troppo spesso di disonestà, clientelismo, corruzione a livello non soltanto

10 MISSIONI OMI · 05_13 010_012.indd 10

23/04/13 00:40


proprie idee e “la loro rilevanza per un’etica pubblica in linea di principio condivisibile anche da chi queste esperienze [si intende esperienze di fede, ndr] non le abbia fatte” (Savagnone). E ciò con la consapevolezza che “il non occuparsi di politica in una società dotata, bene o male, di ordinamenti democratici, equivale in realtà a fare la politica peggiore: quella dell’assenteismo colpevole e della complicità” (Gatti). Un po’ come Ponzio Pilato che se ne lava le mani.

Testimoniare il Risorto L’impegno politico per i cristiani trova forza in verità da una situazione di vuoto e di smarrimento. E le protago-

Un rapporto di stima e amicizia lega il papa emerito Benedetto XVI e il presidente Giorgio Napolitano. Entrambi hanno portato avanti il loro impegno istituzionale con abnegazione

di singole persone ma anche di intero sistema. Ed allora, in una situazione del genere, come può il cristiano occuparsi di politica senza cadere nella tentazione di adeguarsi alla mediocre mentalità comune? La storia insegna che l’idea di un partito tipicamente confessionale è fallimentare in un apparato democratico caratterizzato da pluralismo valoriale e religioso, come è per l’appunto quello italiano. D’altro canto l’impegno in politica non deve neanche svuotare di significato il personale credo etico o religioso, anzi deve condurre alla fatica di dimostrare razionalmente le

dine sociale che non ha interesse per le fasce deboli, per i giovani, per le donne, gli anziani, i poveri, i diseredati. È in questo senso che la risurrezione - ma soprattutto la sua testimonianza - assume una grande connotazione politica. Il cristiano quindi già nel testimoniare la risurrezione di Cristo come un evento, che ha ancora da dire all’uomo di oggi, fa la sua parte nell’agorà della polis.

Virtù politica Nel novero delle virtù politiche di ogni cristiano impegnato attivamente per il bene comune della società civile bisogna considerare la tensione costante verso la santità; una tensione a cui

L’impegno politico per i cristiani è espressione stessa della missionarietà della Chiesa niste sono proprio tre donne, messe ai margini della società per la loro condizione di genere, che giunte al sepolcro di Gesù lo vedono con la pietra scoperchiata. È il compimento della promessa messianica che Cristo ha fatto ai suoi discepoli, ma è anche il ristabilimento di un ordine di giustizia: la morte di un innocente da parte del potere costituito è riscattata dalla resurrezione di un Dio-uomo che libera dalla tirannide del male e dalla violenza degli inferi. La resurrezione è quindi un evento di liberazione. E la sua testimonianza non può che portare disordine in un or-

è chiamato ogni credente in forza del battesimo. La santità è “davvero l’unica possibilità di vivere sensatamente, onorevolmente, di sfuggire alla mediocrità, all’accontentarsi, alla scoloritura di un’esistenza passata, comodamente, in retrovia” (Vinerba). Insomma la santità è per quei numeri uno che si mettono in campo senza perplessità o paura. La sua ricerca per i cristiani non è tanto una possibilità, una questione per pochi eletti, è anzi un dovere. Essere santi si deve, oggi e per sempre, anche in politica. E che il cristianesimo sia stato dall’inizio un’esperienza politica lo testimonia la nascita del mo-

11

MISSIONI OMI · 05_13

010_012.indd 11

23/04/13 00:40


attualità

Mons. Crepaldi

politica in crisi

«Il quadro della situazione in cui viviamo è fosco per tre motivi: il primo è la gravissima situazione economica e del lavoro; il secondo è la confusione del quadro politico; il terzo è la decostruzione della famiglia. Nelle aree più sviluppate del Nord c’è una stasi della produzione. Si moltiplicano le aziende che chiudono. Non c’è solo una disoccupazione giovanile, c’è una disoccupazione dei quarantenni. Qui a Trieste le strutture caritative della Chiesa si trovano davanti a richieste di aiuto sempre maggiori. Certamente il risultato elettorale ha creato una situazione di stallo. L’esito elettorale ha mostrato sostanzialmente due cose: un grave scollamento tra politica e popolo, ossia una grande insoddisfazione, e poi la crisi delle grandi tradizioni di cultura politica nazionale».

vimento monastico, in Oriente prima, ed in Occidente poi. Infatti i monaci “si appartavano dalla società perché insoddisfatti del degrado del mondo antico, in cui agli uomini premeva ormai soltanto mangiare e divertirsi, importava il piacere privo di ogni responsabilità. Avevano scelto il deserto perché credevano che se fossero riusciti a sconfiggere l’oscurità là dove dominavano i demoni, nel mondo intero ci sarebbe stata più luce” (Grun). Il monachesimo nasce come risposta politica ad un mondo ormai corrotto e traviato che non riesce a fare del messaggio cristiano un’occasione di salvezza per la civitas. E quanto di sapore di santità impastata a rivoluzione c’è appunto nella vita dei monaci che si isolano dalla comunità non per fugare la propria responsabilità, quanto piuttosto per essere “pietra d’inciampo” e testimoni della parresia evangelica. In più nel proporre il modello del mo-

nachesimo si rende evidente ancor di più lo stresso legame che esiste tra politica e mistica, perché quest’ultima “ha una sua visibilità sociale, in quanto chi possiede Dio ha tutta la sua esistenza trasformata e può essere capace di cambiare gli stessi contesti sociali in cui vive” (Asti).

Evento escatologico L’impegno politico ha quindi un’importanza escatologica nella misura in cui si traduce nella volontà di costruire su questa terra quel Regno di giustizia, di pace, di amore, di fratellanza, di ospitalità, di condivisione trasudato dalle pagine evangeliche. E i cristiani che si “buttano” nell’agone politico, quale orizzonte ultimo di speranza, devono avere se non proprio il paradiso che “è davvero il fine di ogni cosa, un fine che diventa mezzo perché questa speranza sostiene i criteri e le scelte concrete della quotidianità” (Vinerba)?

L’escatologia cristiana parte dalla risurrezione di Cristo come risurrezione per tutti noi e per il mondo intero. Significative appaiono le parole del teologo Jürgen Moltmann a proposito: “l’escatologia cristiana, che cerca di misurare l’inesauribile futuro di Cristo, non colloca l’evento della resurrezione in un quadro di pensiero apocalittico e di storia del mondo. Essa esamina piuttosto quale sia la tendenza intima dell’evento della risurrezione e si chiede che cosa si possa e ci si debba legittimamente aspettare dal Cristo risorto e glorificato” (Moltmann). Insomma che senso ha oggi, nel 2013, parlare ancora della Risurrezione di Cristo? E’ la risposta a questa domanda la chiave di lettura per un impegno coerente dei cristiani in politica e ispirato ad una testimonianza visibile e civile della fede nella Parola di Dio. Che è Parola di salvezza. Per chi crede e, pure, per chi non crede. n

12 MISSIONI OMI · 05_13 010_012.indd 12

23/04/13 23:55


storia di storie

MISSIONI

OMI

Una volpe nera per il papa di André Dorval OMI

A

tradotto e adattato da Nino Bucca OMI

gli inizi del secolo scorso la sopravvivenza delle missioni oblate sulle rive del Mackenzie dipendeva soprattutto dall’abilità e dalla dedizione eroica dei fratelli (Oblati non sacerdoti), giustamente soprannominati “apostoli sconosciuti”. Per procurare il cibo a centinaia di persone ci volevano cacciatori e pescatori esperti. Olivier Carour è in cima alla lista di coloro che si sono distinti per la loro abilità. Questo piccolo Bretone aveva una metodo originale per abbattere il caribù o il lupo. Incapace di chiudere un occhio alla volta, faceva scivolare il suo berretto di lana sul sinistro, aggiustava la mira del suo fucile a canna, più grande di lui, e al momento opportuno lasciava partire il colpo. Un altro fratello altrettanto abile a intrappolare la volpe era Olivier Leroux. Originario della regione del Finistère, ebbe l’onore e la gioia di far dono a papa Leone XIII della pelliccia più preziosa conosciuta in queste regioni:

la volpe nera. Il 18 ottobre 1898 mons. Emile Grouard, allora vicario apostolico del Mackenzie, si incaricò personalmente di presentare al Pontefice il prezioso pacco, in occasione di una visita a Roma. Ecco come racconta la memorabile udienza. «Alla fine del colloquio col papa, parlai della volpe nera che desideravo offrirgli. Raccontai come fratel Olivier Leroux l’aveva catturata servendosi di una trappola, dissi una parola delle negoziazioni con un dottore protestante che voleva comprarla, ma che aveva dato prova di generosità: “Dato che è destinata al papa, rinuncio ai miei diritti in suo favore”. Leone XIII ne fu visibilmente toccato: “Direte a questo buon dottore che il papa benedice lui e la sua famiglia e che questa benedizione gli darà felicità”. Consegnai allora la bella pelliccia al Santo Padre che l’accettò con molto piacere. Il padre che mi accompagnava iniziò allora a dare spiegazioni sulla difficoltà che ci sono per la cattura e sul modo di tendere le trappole. E mimava la volpe che sente l’esca, che non si fida, si avvicina, scava nella neve, ecc. Il papa seguiva con gli occhi sbarrati ogni suo gesto, rideva su alcuni particolari e riproduceva sul volto i sentimenti di diffidenza della signora volpe. Era una delizia vedere il Santo Padre mettere da parte, per un momento, i pensieri e i problemi che l’assillano quotidianamente: “Direte ai vostri missionari che il vecchio papa li benedice”. Dopo aver preso congedo avevo solo una preghiera nel cuore e sulle labbra: «Che il Signore mi accolga benevolmente come ha fatto il suo vicario… Non domando nulla di più». n

13

MISSIONI OMI · 05_13

013.indd 13

23/04/13 00:40


dossier

Indagine s

14 MISSIONI OMI 路 05_13 014_021_05.indd 14

23/04/13 00:41


e su Maria Padre Mario Piatti spiega il ruolo della Vergine nella religione e nella società di Antonio Gaspari

Da sinistra: dei fedeli nel santuario di nostra signora Aparecida, in Brasile; la statua della vergine, a Medjugorje; Our Lady of the Snows, santuario oblato a Belleville, Stati Uniti

P

er molti la festa dell’Immacolata, l’8 dicembre, è solo un giorno di vacanza in più. Per i fedeli invece è una festività di importanza notevole, considerando l’enorme devozione mariana diffusa in tutto il mondo. È vero che i devoti di Maria, vengono spesso banalizzati e derisi come creduloni, nonostante che le prove concrete di quanto la Vergine medi l’intervento di Dio nella realtà terrena siano molteplici. Per cercare di capire quanto sia ancora viva la fede in Maria, e quale significato ha questa festività nell’economia della salvezza, abbiamo intervistato p. Mario Piatti icms, direttore della rivista “Maria di Fatima”, or-

15

MISSIONI OMI · 05_13

014_021_05.indd 15

23/04/13 00:41


gano della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Che significato ha per i credenti la festa dell’Immacolata? Nell’immaginario religioso, riferirsi alla Vergine Maria significa pensare a quanto di più bello e di più amabile possa esistere. Le sue feste, i luoghi e lei dedicati, gli eventi legati alla sua persona - specialmente le apparizioni - confermano l’ammirato stupore del credente per la grandezza dell’opera che Dio ha compiuto e ancora va compiendo in Lei e per mezzo di Lei. L’Immacolata, in particolare, richiama al dono della purezza e della trasparenza; permette di intuire almeno qualcosa della fragranza di un Cuore concepito in una totale innocenza, sempre gelosamente custodita e preservata da qualunque insidia del male.

Perché è stato necessario proclamare un dogma per l’Immacolata? Il popolo di Dio, fin dalle origini, ha

L’Immacolata, in particolare, richiama al dono della purezza e della trasparenza percepito l’originalità e l’unicità di Maria Santissima, tributandole lodi e onori del tutto particolari, che la liturgia ha poi espresso sempre più

correttamente e organicamente. È significativo rilevare come i grandi dogmi mariani, formulati dalla Chiesa, siano stati sempre preceduti e accompagnati dalla fede viva e semplice della gente comune, che ha colto in lei la totale appartenenza al “versante di Dio” - per i suoi ineguagliabili privilegi - ma anche la sua totale appartenenza al nostro “versante umano”. La chiesa, riconoscendo la sua Immacolata Concezione, ha dato voce a una tradizione millenaria, confermando così definitivamente il sentire del popolo santo di Dio. È stato necessario promulgare ufficialmente questo dogma per togliere ogni possibile dubbio sulla immacolatezza di Maria, modello ineguagliabile, certamente, eppure tanto prossima a ciascuno di noi.

UN ROSARIO MISSIONA R di Pippo Mammana OMI pippomammanaomi@gmail.com

MISTERI GAUDIOSI

montagne della Palestina che Maria percorse per poter arrivare alla casa della cugina. Andare per servire disinteressatamente.

L’ANNUNCIAZIONE DELL’ANGELO A MARIA VERGINE Il primo mistero gaudioso ci fa meditare il meraviglioso e sorprendente annuncio dell´angelo a Maria. Dio scende a livello dell´umanità, sceglie un paese piccolo, una casa povera, una giovinetta. Le parla nella sua lingua e con espressioni della sua cultura. È una gioia senza fine che si rinnova ogni qualvolta possiamo annunciare Gesù nelle lingue dei nativi e dei poveri.

LA NASCITA DI GESÙ NELLA GROTTA DI BETLEMME Gesù nasce tra la gioia dei genitori, degli angeli e dei pastori. Tutti costoro contemplano il mistero del Dio che si fa carne. Affidano il loro destino alle mani di un bambino. Con la stessa gioia il missionario contempla la nascita di una comunità o di una vocazione locale. Ci vuole la semplicità degli angeli e dei pastori per credere nel miracolo della nascita di Gesù che si rinnova.

LA VISTA DI MARIA SANTISSIMA A S. ELISABETTA La visita di Maria a Elisabetta ci ricorda il dovere missionario di andare, rischiare, annunciare, servire. A volte andando a piedi per i villaggi del Guatemala disseminati tra le montagne, ho ricordato le

GESÙ VIENE PRESENTATO AL TEMPIO DA MARIA E GIUSEPPE Gesù è perseguitato fin dalla nascita e i genitori emigrano in Egitto per salvarlo. Come non meditare questo mistero alla luce di tutti coloro che sono costretti

16 MISSIONI OMI · 05_13 014_021_05.indd 16

23/04/13 00:41


dossier

Dall’alto, i senso orario: il santuario di Akita, in Giappone; la madonna di Guadalupe, in Messico; la statua della Vergine a Lourdes; statua della madonna nella parrocchia oblata di Malaga, Spagna

A RIO DAL GUATEMALA ad emigrare per salvare la loro vita dalla fame o dalla persecuzione. Sono tanti che, come Gesù, attraversano clandestinamente le frontiere e vivono come Gesù l´esilio o, meglio, è Gesù che emigra in loro. IL RITROVAMENTO DI GESÙ NEL TEMPIO Gesù perso e ritrovato tra i dottori del tempio. Un bambino che dà lezioni ai grandi. È una esperienza molto comune tra noi missionari che, arrivando in un paese straniero, dobbiamo farci bambini per imparare il linguaggio dei poveri. Allo stesso tempo troviamo nei più piccoli, nei più poveri, che a volte non sanno né leggere né scrivere, i nostri maestri.

MISTERI DELLA LUCE IL BATTESIMO NEL GIORDANO Nel Giordano non è Gesù che viene battezzato, ma siamo noi ad essere battezzati da lui alla presenza del Padre. Il battesimo ci fa missionari. Sulle rive del Giordano inizia la missione di Gesù, che poco dopo dirà nella sinagoga di Nazareth: “mi hai mandato ad evangelizzare i poveri”. Ogni volta che un battezzato scopre la sua missione, si rinnova la gioia della missione di Cristo.

17

MISSIONI OMI · 05_13

014_021_05.indd 17

23/04/13 23:56


Bernadette

Vittorio Messori si conferma l’asso dell’apologetica e della saggistica cattolica italiana. Bernadette non ci ha ingannati. Un’indagine storica sulla verità di Lourdes, (Mondadori, pp. 300, euro 18,50) è il titolo dell’opera con cui il giornalista e scrittore emiliano compendia le sue ricerche pluridecennali sul tema delle apparizioni mariane nella località pirenaica. Il successo non si è fatto attendere: il volume è stato stampato con una prima tiratura di 25mila copie ma già dopo due settimane è andato in ristampa e sono stati già firmati numerosi contratti per la traduzione.

una portavoce esemplare di Maria

Perché è così importante la verginità di Maria? Nonostante le numerose derive della nostra epoca, la festa dell’Immacolata conserva tutto il suo fascino e ci riporta con nostalgia al cuore del

nostro destino e della nostra predestinazione al bene. La verginità di Maria, prima che la dimensione fisica, riguarda l’integrità e la totalità del suo donarsi a Dio, senza riserve, avvenuta nel suo cuore e da lei con-

LE NOZZE DI CANA Il mistero della presenza di Gesù alle nozze di Cana scopre l’importanza della nostra partecipazione attiva alla costruzione del Regno di Dio. Sei giare d’acqua sono trasformate in vino di salvezza, le altre sei sta a noi trasformarle in vino di redenzione. La sposa, che in questo vangelo non appare, siamo noi. Gesù ci ha scelto per essere suoi collaboratori. L’ANNUNCIO DEL REGNO DI DIO L´annuncio del regno di Dio è l´obiettivo principale della missione del seguace di Gesù. La missione ha inizio con la ricerca dei più poveri, con la testimonianza personale e comunitaria e con la carità che spesso si organizza in opere di promozione. Sono innumerevoli le opere che tanti missionari hanno creato e che hanno collaborato a far nascere ferventi comunità cristiane. LA TRASFIGURAZIONE La trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor ci fa capire che dobbiamo lavorare a servizio del regno di Dio con un progetto

Messori ha raccontato la genesi e le ragioni del proprio saggio, in merito ad un avvenimento che, a 154 anni di distanza, non smette di far parlare di sé. «In un secolo e mezzo i libri su Lourdes si sono moltiplicati. - ha detto Credo però che il mio sia il solo (almeno nelle intenzioni) che, dopo aver vagliato tutta questa enorme produzione, cerca di porsi tutte le obiezioni possibili contro la verità delle apparizioni e propone una risposta critica e documentata ad esse». Quanto al metodo di lavoro, Messori sostiene di muoversi come uno storico che ha come intento «ricercare e vagliare le fonti, rispondere alle critiche con fatti precisi. Praticare cioè la sola apologetica che mi sembra efficace: pacatezza e rigore.

fermata ogni momento dalla sua vita. Questo aspetto va ricuperato molto, ai nostri giorni: la verginità rimane un “carisma” e un tesoro prezioso, di cui la Chiesa è vigile depositaria e di cui la madonna è custode

chiaro: la salvezza e la difesa della persona umana in tutti i suoi aspetti. In una missione dedicammo molto tempo per sradicare la mortalità infantile liberando i nostri fratelli da usanze religiose ancestrali fataliste. Non fu facile, ma rese credibile l’annuncio di Cristo. L’EUCARISTIA Il mistero dell’istituzione dell´Eucaristia impegna il battezzato ad un servizio a tutto campo, si tratta di dar da mangiare, insegnare a leggere e scrivere, a coltivare, ad organizzarsi. Si tratta di annunciare chi è Gesù e spiegare la Parola di Dio. Si tratta di spezzare il pane della salvezza per coloro che vogliono essere discepoli di Gesù. Si tratta di trasformare tutta la vita in Eucaristia.

MISTERI DOLOROSI L’AGONIA DI GESÙ NEL GETSEMANI L’agonia nell’orto degli ulivi ci fa meditare sulle angosce di Gesù, sulle sue paure e i suoi dubbi. Uniamo alla sua angoscia le nostre

18 MISSIONI OMI · 05_13 014_021_05.indd 18

23/04/13 00:41


dossier

Ogni studioso, cattolico o no, deve essere grato a don René Laurentin che, in venti anni di lavoro, ci ha dato una ventina di libri con la raccolta completa dei documenti. Di Laurentin sono stato anche collaboratore. Mi baso, come doveroso, soprattutto sui risultati della sua ricerca, organizzandola e completandola per il fine propostomi». Una tesi fondamentale del libro è che Bernadette non ci ha ingannati, non ha mentito. «Ciascuno dei nove capitoli del libro ha un punto interrogativo. Bernadette fu lo strumento di una truffa organizzata dai genitori o dai preti? Fu una commediante? Una allucinata? Ha mai esitato nella sua testimonianza o ne

ha mai dubitato? Come la giudicarono le suore tra cui visse 13 anni? Alla fine mi pare che il lettore sia costretto dalla stessa rigorosa inchiesta storica ad arrendersi al mistero della realtà delle apparizioni». «Bernadette fu uno strumento straordinariamente trasparente per il messaggio che doveva riferire - afferma ancora l’autore -. C’è in lei una eccezionale corrispondenza con i piccoli, i poveri, gli umili, i sofferenti che sono i privilegiati del Vangelo. Più la si conosce, più si rimane stupiti e più la si ama. Una portavoce esemplare di Maria». Messori tine a raccontare della sua pluriennale frequentazione del santuario: «prima che uno scrittore su

ed eccelso esempio. Il mondo moderno sembra essere poco sensibile a Maria ed al suo ruolo di mediatrice. Quali sono gli argomenti che lei utilizzerebbe per spiegare l’importanza religiosa, sociale, caritatevo-

le dell’Immacolata? Più che tante disquisizioni teologiche partirei da alcune semplici constatazioni. Maria Santissima ha sempre sostenuto, specialmente nei momenti della prova, la vita delle

sofferenze. Attraverso l’angoscia, Gesù scopre il più doloroso disegno di Dio: dare la vita. In un gesto di nobile donazione, offre la sua volontà. “Si faccia la tua volontà, non la mia”.

Lourdes, sono un devoto di Lourdes. Amo andarvi sia mescolato ai pellegrini, sia da solo o con mia moglie e dividere il tempo tra processioni e frequentazione della biblioteca e dell’archivio del santuario. Ma, come dico sin dal primo capitolo, il credente è il solo che possa occuparsi di Lourdes con oggettività. In effetti se (per paradosso) si scoprisse che Bernadette ci ha ingannati, la fede non sarebbe in pericolo perché essa si basa non sulle apparizioni di Lourdes, ma su quelle di Gesù risorto. Se invece l’incredulo dovesse ammettere la verità delle apparizioni, crollerebbe tutto il suo schema ideologico. Luca Marcolivio

nostre famiglie e delle nostre comunità cristiane. Ha ispirato opere caritative, educative e sociali in ogni epoca, promuovendo il bene e indicando sempre nuovi sentieri. Le suore di Madre Teresa hanno aperto una

cervello per denunciare la sparizione e uccisione di duecentomila guatemaltechi.

LA FLAGELLAZIONE DI GESÙ La flagellazione era una tortura crudele che dissanguava i condannati. Le torture, oggi, sono bandite dalle leggi, ma quante torture si infliggono agli esseri umani in troppi paesi ancora? La cattiveria umana riesce a produrre nuove torture, anche quelle psicologiche che annullano la volontà della persona umana. C’è ancora molto cammino prima della completa abolizione delle torture.

IL VIAGGIO AL CALVARIO DI GESÙ CARICO DELLA CROCE Il cammino di Gesù verso il supplizio della croce fuori dalle mura di Gerusalemme è un segno di esclusione. Non volevano saperne più, volevano che sparisse dalla circolazione. Desaparecido. Quante situazioni simili abbiamo vissuto in questi ultimi decenni! Si torturava, si uccideva e si cercava di fare sparire le tracce delle vittime. Ma non si può cancellare la vita, perché la vita è vita eterna.

L’INCORONAZIONE DI SPINE La coronazione di spine ci mette in comunione con tutti i martiri ridicolizzati, maltrattati e torturati prima di essere uccisi. Le spine feriscono la testa. Ciò che vogliono colpire e schiacciare sono le sue idee. A mons. Gerardi, martire del Guatemala, fu espressamente massacrato il cranio perché aveva usato il

GESÙ È CROCIFISSO E MUORE IN CROCE La morte di Gesù in croce. Si tratta di una morte che comincia ad inquietare i potenti. Già sotto la croce i potenti litigano. È il martirio che costruisce la chiesa e il Regno di Dio. Il missionario converte se veramente muore a se stesso per assumere, come Gesù, la storia di un popolo fino alle ultime conseguenze, fino alla morte.

19

MISSIONI OMI · 05_13

014_021_05.indd 19

23/04/13 00:41


Il mese mariano

in alcuni Paesi di missione NICARAGUA La chiesa rende omaggio alle donne e difende “la vera famiglia” “Noi Vescovi del Nicaragua vogliamo presentare un tributo sincero di amore per tutte le madri del Nicaragua, e in particolare riconoscere quante hanno fatto delle loro case santuari di vita, scuole di religione e veri luoghi di amore, proprio in mezzo ad una società in conflitto”. Iniziava così il messaggio della Conferenza episcopale del Nicaragua per la festa della mamma, celebrata lo scorso anno il 30 maggio. Nel messaggio i vescovi avevano ricordato che la celebrazione nazionale della festa riguarda anche la famiglia, “e questo è anche il motivo per cui seguiamo da vicino il dibattito sul nuovo codice della famiglia che si sta svolgendo in seno all’Assemblea Nazionale” si leggeva nel documento. A questo proposito i vescovi hanno denunciato che Paesi e gruppi

economicamente potenti fanno pressioni sui legislatori per fare in modo che il nuovo codice della famiglia accetti il cosiddetto “matrimonio” e l’unione di fatto tra omosessuali. Il messaggio proseguiva: “riconosciamo con soddisfazione che, nonostante le pressioni”, i deputati nicaraguensi hanno mantenuto nel nuovo Codice il principio che “la vera famiglia ha come fondamento l’unione stabile tra un uomo e una donna”. COREA DEL SUD Mese dedicato a Maria, alla famiglia e al dialogo tra cattolici e buddisti Le comunità cattoliche e buddiste della Corea del sud vivono intensamente il mese di maggio. Mese della festa di Vesakh per i buddisti, mese mariano per i cattolici. Sono molteplici, a maggio, in tutto il Paese le celebrazioni nel segno dell’amicizia e della costruzione di una società migliore. Tra le due comunità, infatti, vi sono importanti segni di dialogo. Normalmente in questo periodo dell’anno si svolgono anche visite reciproche nelle chiese

MISTERI GLORIOSI

cattoliche e nei tempi buddisti. Numerosi sono stati, nel corso degli anni, i messaggi inviati dal card. Nicholas Cheong Jinsuk, arcivescovo di Seoul, ai buddisti coreani per rivolgere gli auguri dei cattolici per questa loro importante ricorrenza, auspicando che cattolici e buddisti possano nel presente e nel futuro, continuare a costruire una società basata sull’amore e sull’amicizia, nel rispetto delle rispettive differenze. Sul versante cattolico è consuetudine dedicare il mese di maggio alla Madonna e alla famiglia. RUANDA Il Santuario di Kibeho, faro di pace per l’Africa All’inaugurazione del santuario di Kibeho, a maggio del 2003, mons. Augustin Misago, vescovo di Gikongoro, auspicò che diventasse “un faro di fede e di speranza di pace per tutta la regione dei Grandi Laghi e l’Africa centrale”. “In un’Africa sconvolta da guerre e persecuzioni, speriamo tanto che Maria ci aiuti a percorre le vie della pace” disse

LA RESURREZIONE DI GESÙ Gesù resuscitato si manifesta in primo luogo a una donna, Maria Maddalena. A lei affida la missione di annunciare il trionfo della vita agli apostoli. Spesso nelle missioni, le collaboratrici più fedeli e coraggiose sono le donne, soprattutto le mamme che, silenziosamente, portano nelle loro case la ricchezza del Vangelo.

LA DISCESA DELLO SPIRITO SANTO NEL CENACOLO Eccolo Colui che unisce, riempie i cuore d’amore, illumina, corregge, sana e unisce. È lo Spirito Santo che agisce allo stesso modo in tutte le regioni della terra, pur rispettando le culture, le lingue, gli usi, i costumi, i simboli dei popoli. Il punto fermo di ogni missione è la preghiera silenziosa attraverso cui permea lo Spirito Santo.

L’ASCENSIONE DI GESÙ AL CIELO L’ascensione di Gesù al cielo è un atto di fiducia da parte di Dio. Gesù, che si è incarnato, ha annunciato la Parola di Dio, ha dato la sua vita, si mette un po’ in disparte per far protagonista la sua chiesa. Il suo ruolo non sarà più quello del protagonista, ma dell’accompagnante che, con la forza dello Spirito Santo, non abbandona i suoi discepoli, ma neppure toglie loro la responsabilità.

L’ASSUNZIONE DI MARIA AL CIELO Nell’assunzione di Maria al cielo, contempliamo il trionfo non solo di Maria, ma anche il nostro. L’umanità non è più in preda ai demoni e al male, ma è saldamente insediata nelle braccia del Padre, sia nel cielo che sulla terra. Cielo e terra sono ormai collaboratori. Il destino dell’umanità è segnato: il cielo lo attende. Ma questo cielo comincia da qui, dal Regno che già è presente tra noi.

20 MISSIONI OMI · 05_13 014_021_05.indd 20

23/04/13 00:41


dossier

nell’occasione mons. Misago, nella cui diocesi è situato il santuario di Kibeho. Ogni parrocchia delle diocesi si reca in pellegrinaggio a Kibeho nel mese mariano, e molti fedeli arrivano da altre zone del Paese. A Kibeho, dal 1981 al 1989 si sono registrate diverse apparizioni mariane, che sono state riconosciute, dopo una scrupolosa indagine, dall’ordinario del luogo, il 29 giugno 2001. La prima apparizione è del 28 novembre 1981, quando la Vergine apparve a Alphonsine Mumureke, una studentessa di sedici anni. Successivamente la Vergine apparve anche ad altre due ragazze, fino all’ultima apparizione, nel 1989.

L’INCORONAZIONE DI MARIA REGINA DEL CIELO E DELLA TERRA Maria regina degli angeli e dei santi. Si realizza la profezia del Magnificat: “Innalzò gli umili”. S. Pietro dirà qualcosa di simile che riguarda noi: “voi siete una razza eletta, un sacerdozio regale, una nazione santa, un popolo … il popolo di Dio” (1Pt. 2, 9-10). Maria anticipa questa visione del trionfo non solo della grazia, ma anche dell’umanità che vive in pienezza l’amore di Dio.

Nella foto, l’interno del Santuario mariano a Quezon City (Filippine)

casa in Vaticano, nella piazza del Sant’Uffizio, intitolata proprio a lei, per aiutare i poveri. S. Massimilano Kolbe, il “folle della Immacolata”, le ha dedicato addirittura una città. P. Pio, devotissimo della Vergine, ha fondato uno degli ospedali più moderni e funzionali d’Europa. La Madonna sottolinea la componente affettiva della fede: “amare ciò che si crede”, amare Dio, autore di ogni

Se mancasse la sua figura, rischieremmo di rendere la nostra adesione a Dio fredda o troppo intellettuale bene e ogni uomo, sentito e accolto come fratello. Se mancasse la sua figura, rischieremmo di rendere spesso la nostra adesione a Dio fredda o troppo “intellettuale”. Lei - prima discepola di Cristo - ci aiuta ad amare e a comprendere tutta la rivelazione come una grande “educazione all’amore”. Forse dovremmo ripartire proprio dal suo cuore materno e immacolato, dalla sua straordinaria capacità di comprendere le nostre necessità e di compatire i nostri limiti per parlare al nostro tempo, suscitando il desiderio e la nostalgia di un bene oggi travolto dalla indifferenza, dal cinismo, dalla immoralità dilagante. Un bene continuamente disprezzato, ma di cui - mai come oggi - si sente la struggente mancanza e la urgente necessità. n

21

MISSIONI OMI · 05_13

014_021_05.indd 21

23/04/13 00:41


news

Notizie in diretta dal mondo oblato Romania

messaggi e notizie dalle missioni

Sostegno a ragazzi diversamente abili

U

n partenariato di sostegno mette in moto la Calabria. Il progetto partito nel 2009 presso la Scuola SF. Iacob di Câmpulung Mu˛scel con l’adozione di un’insegnante. Lo scorso marzo due viaggi missionari in Romania hanno dato un contributo significativo alla realizzazione del progetto promosso dai Missionari Oblati di Maria Immacolata e dalla comunità Testimonianza dell’Associazione Missionaria di Maria Immacolata (AMMI) di Catanzaro. L’iniziativa a favore degli alunni diversamente abili e dei tre istituti comprensivi del distretto di Arge˛s, ha coinvolto due equipes composte da specialisti che hanno svolto attività di formazione. Una parte dell’intervento è stata dedicata all’osservazione dei ragazzi nelle classi. Ad alcuni di loro sono stati somministrati dei testi specifici per la formulazione della diagnosi funzionale. In ogni classe i formatori si sono intrattenuti in un

a cura di Elio Filardo OMI eliofilardo@omimissio.net

Italia

P

. Giuseppe Cellucci OMI è stato nominato direttore di Signis Roma, l’Associazione cattolica Mondiale per la Comunicazione che aiuta le comunità cristiane mettendo “a disposizione una connessione Internet tramite satellite, studi radiofonici, stazioni radio portatili, strumentazione audio, video ed informatica”. P. Giuseppe nel 1985 aveva iniziato a lavorare nel Servizio audiovisivi della direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie ed a collaborare con il programma Orizzonti Cristiani di Radio Vaticana. Dal 1990 ha fatto parte del gruppo di sacerdoti che celebrano la Santa Messa trasmessa in diretta da Radio Vaticana la domenica mattina. Nel 2002 ha concluso il suo lavoro presso la Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie e dal 2004 al 2012 è stato membro della redazione della rivista Missioni OMI. (fonte www.radiovaticana.va)

P. Cellucci nuovo direttore di Signis a Roma

DICHIARATO

22 MISSIONI OMI · 05_13 022_025_05.indd 22

23/04/13 23:56

V


O

dialogo con l’insegnante presente e la collega di sostegno in merito alla situazione dei ragazzi ed all’approccio personalizzato. Nelle tre scuole, inoltre, sono state dedicate alcune ore alla formazione teorica delle insegnanti e dei genitori interessati al tema della disabilità. Al primo viaggio, svoltosi dal 10 al 14 marzo, hanno preso parte due membri dell’AMMI, Giacomo Coluccio e la prof. R. Leonetti, insieme agli specialisti del Centro Jonico Riabilitazione Medical ad Psicology (CEJRI) di Bianco (Rc): la neuropsichiatria C. Coluccio, lo psicopedagogista S. Terranova, lo psicomotricista L. Lo Vercio, la psicologa G. Leggio. Le attività svolte negli Istituti comprensivi Mircea Cel Bˇatran e Nicolae Simonide di Pite˛sti hanno consentito di conoscere il contesto in cui sono integrati i ragazzi

diversamente abili e le modalità attraverso le quali viene applicata l’educazione inclusiva. Ha fatto parte dell’equipe anche il cardiologo A. Leggio che ha effettuato visite specialistiche alle persone della parrocchia romano-cattolica dei SS. Apostoli Petru s˛ i Paul di Pite˛sti. Dal 24 al 28 marzo, la seconda equipe composta da tre membri dell’AMMI, A. Gangale, R. Lioi e dalle professoresse M. Piroso e C. Sestito, ha operato nella Scuola SF. Iacob di Câmpulung Mu˛scel. Questo intervento, oltre ad arricchire il ventaglio conoscitivo del contesto scolastico, ha avuto un carattere maggiormente didattico. A maggio 2012 è stato pubblicato il sito copiices. omisat.net e durante l’anno scolastico 201213 sono state coinvolte le altre due scuole del distretto di Arge˛s.

VENERABILE FRATEL ANTONIO KOWALCZYK

I

l 28 marzo papa Francesco ha pubblicato il decreto dell’eroicità delle virtù del servo di Dio Antonio Kowalczyk con il quale è dichiarato venerabile. Lo ha reso noto p. Joaquín Martínez Vega OMI, postulatore generale «Papa Francesco ci conduce di sorpresa in sorpresa. Ci ha sorpreso il 28 marzo, inizio del triduo pasquale, con un bell’uovo di Pasqua!» Fr. Kowalczyk nacque a Dzierzanów, Polonia, il 4 giugno 1986 e morì, con fama di santità il 10 luglio 1947 a St. Albert, Canada. «Il processo della causa di canonizzazione era iniziato a Edmonton, - dice ancora p. Martinez - il 1° giugno 1979 fu iniziato a Roma e nel 1984 si nominò relatore della stessa p. Ambrosio Eszer O.P. P. Nicola Ferrara, dopo un lungo lavoro, in

qualità di collaboratore esterno del postulatore generale, elaborò la Positio super Virtutibus». Nel giugno del 2012 i consultori teologi diedero parere favorevole all’unanimità. La causa passò quindi alla congregazione dei cardinali e dei vescovi i quali si espressero positivamente e così il papa ha formulato il decreto il 27 marzo. «Cosa manca ora per la beatificazione? - si domanda Martínez - Soltanto un miracolo che attesti quello che la Santa Sede ha già approvato. Ci sono già varie grazie e favori che si attribuiscono all’intercessione del nuovo venerabile, come si può leggere su: http://postulationomifr.weebly.com/kowalczyk.html, però non sono sufficienti. Stiamo studiando una guarigione presumibilmente miracolosa in Minnesota (Stati Uniti)».

23

MISSIONI OMI · 05_13

022_025_05.indd 23

23/04/13 00:42


news

ITALIA

Missioni popolari in quaresima

Canada

P. Wieslaw Krótki nominato vescovo

Il 16 febbraio 2013 Il Santo Padre Benedetto XVI ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Churchill-Baie d’Hudson (Canada), presentata da mons. Reynald Rouleau OMI. Il papa ha nominato vescovo di ChurchillBaie d’Hudson p. Wieslaw Krótki OMI, missionario a Igloolik, nel Grande Nord del Canada. P. Wieslaw Krótki OMI è nato ad Istebna, nella diocesi di Katowice (Polonia), il 12 giugno 1964. Nel 1979 è entrato nel seminario minore dei Missionari Oblati di Maria Immacolata a Markowice. Il 7 settembre 1983 è stato ammesso nel noviziato degli Oblati a Koden´ e l’8 settembre 1988 ha pronunciato i primi voti religiosi. Ha svolto la formazione sacerdotale presso il seminario degli Oblati ad Obra, Polonia, dal 1995 al 1990. Ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 19 giugno 1990 è stato inviato subito nelle missioni nel Grande Nord del Canada. Dopo l’ordinazione sacerdotale, ha svolto i seguenti incarichi nella diocesi di Churchill-Baie d’Hudson: 19901993: Missionario ad Igloolik; 1993-2001: Missionario a Gjoa Haven; 1996-1999: assistente del superiore della delegazione oblata di Hudson Bay; 1999-2005: superiore della delegazione oblata di Hudson Bay. Dal 2001 è missionario ad Igloolik. (fonte: www.news.va)

Anche nella quaresima 2013 sono state numerose le missioni al popolo animate dai Missionari Oblati di Maria Immacolata sul territorio italiano. Saint-Vincent (Ao), Monsummano Terme (Pt) e Ponza (Lt) sono state alcune di queste. A Ponza la missione si è svolta dal 27 febbraio al 10 marzo. Richiesta dai due parroci dell’isola, la missione si è proposta come strumento di annuncio del Vangelo e approfondimento della fede in questo anno che la chiesa dedica al tema della fede. Nei primi giorni della missione, i dieci missionari presenti sull’isola, hanno visitato le famiglie che si sono mostrate aperte e accoglienti. Si sono anche svolti complessivamente undici centri d’ascolto del vangelo. Il vescovo della diocesi di Gaeta, mons. Fabio Bernardo D’Onorio, si è reso presente nella domenica centrale della missione in occasione della processione organizzata dai pescatori in onore del patrono, S. Silverio papa.

24 MISSIONI OMI · 05_13 022_025_05.indd 24

23/04/13 00:42


mgc news

Roma

Alla prese con l’Anno della fede

L

a comunità MGC di Roma ha intrapreso il cammino di quest’anno con la consapevolezza che non sarebbe stato un anno qualunque: da una parte l’Anno della fede da vivere in comunione con tutta la Chiesa e con le altre comunità MGC d’Italia, dall’altra il 25° anniversario del Movimento Costruire. L’Anno della fede è stato accolto come opportunità per soffermarci a riflettere su ciò in cui crediamo e per andare in profondità nel nostro rapporto con Dio, ripartendo dalle fondamenta della nostra fede. Il papa ci ha invitato a riscoprire il ‘credo’ come il luogo in cui emergono i punti più belli della fede e li stiamo osservando con gli occhi del carisma oblato che ci caratterizza. Alcuni di noi raccontano:

Gli incontri di quest’anno mi esortano a non lasciare che la mia fede resti un fatto personale, ma che sia vissuta in comunione con la chiesa universale. Per questo ho ritenuto importante riprendere in mano il catechismo, perché mi aiuta ad evitare interpretazioni personali del messaggio evangelico e ad essere una cristiana più consapevole. Angelica Mi sto impegnando a ricercare Dio nel prossimo, mettendomi al servizio del più debole e bisognoso, a ricercare nelle relazioni non attaccamenti umani, bensì rapporti che vanno oltre, che creano un legame eterno, possibili

solo se vissuti nell’ottica di Gesù in mezzo a noi. Ed è così che impegnandomi ad amare tutti sto amando anche la chiesa che è madre di tutti i cristiani. Alessandro Tra i messaggi dei primi incontri, quelli che sono stati più vivaci nelle mie vicende quotidiane sono l’esortazione ad avere speranza e ad essere speranza per gli altri, in questo momento storico, e la dialettica, che a volte si crea, nell’essere credenti solo di Dio o solo della Chiesa. Francesca L’incontro che più mi ha colpito è stato quello dal tema ‘Credo

la chiesa’, soprattutto per come sia stato messo in evidenza che spesso si pensa a “chiesa sì, Dio no” oppure “Dio sì, chiesa no”. Il periodo che stiamo vivendo mi fa veramente pensare che Dio e la chiesa non possono essere due cose distaccate, ma devono sempre essere l’una fonte dell’altra. Riccardo Vivo quest’anno come una possibilità di approfondire e rinsaldare il mio rapporto con Dio. Sapere che tutto è mosso e vissuto in funzione di Lui, mi affascina, e mi fa rendere conto di quanto possa essere grande il suo amore verso di noi. Daniele

LE FOTO DEL 25° 1990 Congresso MGC, Lourdes

25

MISSIONI OMI · 05_13

025_027_05.indd 25

23/04/13 00:43


MESSINA Staffetta di preghiera per il 25° dell’MGC

L

a sera di martedì 26 febbraio, presso la parrocchia dei Missionari Oblati di Maria Immacolata alle case Gescal, abbiamo vissuto un’esperienza particolare: una staffetta di preghiera. Questo mese toccava a noi di Messina prepararla, e ci siamo concentrati sul quarto articolo dello Statuto MGC, quello su Maria. Questo incontro, che ha visto uniti contemporaneamente i ragazzi del gruppo dei giovani, dei giovanissimi e delle giovanissime, è stata la conclusione di un percorso cominciato il mese scorso: infatti, alla fine dei rispettivi incontri, tutti abbiamo espresso delle intenzioni di preghiera. In questo modo è stata poi composta una preghiera unica a Maria che inglobasse le preghiere di tutti i ragazzi dei

vari gruppi, in modo da sentirci tutti personalmente e spiritualmente partecipi. Alla fine del momento di preghiera collettivo, ad ognuno è stato donato un rosario: l’obiettivo è quello di coltivare questo rapporto personale di preghiera con Maria. Secondo le possibilità, ci siamo anche promessi di fermarci a pregare un’Ave Maria ogni giorno alle ore 12, così da sentirci uniti nella preghiera.

1994 Viaggio missionario in Senegal

2005 Rappresentazione teatrale sulla vita di S. Eugenio de Mazenod degli MGC della Calabria

26 MISSIONI OMI · 05_13 025_027_05.indd 26

23/04/13 00:43


mgc news

VERCELLI “Credere per vivere”. Esercizi spirituali nel quotidiano

T

ra il 13 ed il 16 febbraio, il gruppo MGC di Vercelli ha partecipato alla splendida iniziativa degli esercizi spirituali nel quotidiano, organizzata dalla comunità oblata. Quante volte si desidera fare un passo fuori dalla corrente, fermarsi e meditare sul senso dell’andare. Tornare

2006 Aix en Provence

2011 Giornata oblata della gioventù a Malaga (Spagna) che ha preceduto la GMG a Madrid

alla sorgente per riscoprire il significato del vivere ed attingere forza dall’amore del Padre. L’esperienza degli esercizi spirituali ci ha invitato a coniugare, per qualche giorno, l’automatismo della quotidianità, scandita dallo studio e dal lavoro, ad una meditazione attiva che possa corroborare la vita spirituale. Il tema centrale degli esercizi di quest’anno è stato “Credere per vivere”. P. Angelo Capuano OMI, che ha curato le meditazioni, ci ha spinto a riflettere sul senso trasfigurato del vivere, dopo l’incontro con la persona di Gesù Cristo: un incontro che necessariamente trasforma e fa nuova la nostra esistenza. L’apertura ufficiale degli esercizi è avvenuta mercoledì 13 febbraio, primo giorno di Quaresima: una data evocativa che con l’imposizione delle ceneri ha richiamato, come ogni anno, all’ineludibile esigenza della conversione del cuore. Le giornate successive hanno avuto in programma la recita comunitaria delle lodi al mattino, la preghiera personale ed eucaristica la sera ed una meditazione alle ore 21. In particolare, a noi giovani è stata offerta da p. Angelo una riflessione specifica la sera di sabato 16 febbraio, chiusa dalla compieta che abbiamo recitato nella basilica di S. Andrea, la cui bellezza si offre costantemente come slancio per pregare il Signore.

27

MISSIONI OMI · 05_13

025_027_05.indd 27

23/04/13 00:43


una foto per pensare

Pe

28 MISSIONI OMI 路 05_13 028_029_05.indd 28

23/04/13 00:43


Pensieri Pensieri ingo mbran ti come uccelli rapaci che vo lano sui silenz i de l cuore: verità taciute e voci assord an ti che costringon o ad un volo fa ticoso. Ali p esan ti . . . eppur fa tte p er innalzarsi alte nel cielo.

foto Alessandro Milella, alessandro.milella@alice.it testo Claudia Sarubbo, claudia.sarubbo@yahoo.it

29

MISSIONI OMI · 05_13

028_029_05.indd 29

23/04/13 00:43


fatti

Condividere i valori cristiani

I campi formativi organizzati dagli OMI in Romania per ragazzi cattolici e ortodossi. Un’esperienza consolidata negli anni di Elio Filardo OMI eliofilardo@omimissio.net

S

in dagli inizi della loro presenza in Romania, i Missionari Oblati di Maria Immacolata hanno svolto attività per i giovani. Nel 1999 si sono dedicati a quelli delle parrocchie cattoliche sparse in varie parti del Paese e poi, nel 2000 hanno cominciato ad organizzare campus per i giovani e dal 2002 GREST per i bambini ortodossi. Sebbene a Mˇarˇacineni ed a Roman siano stati fatti dei GREST rivolti ai ragazzi ortodossi, a più riprese, fino al 2007 la maggior parte delle energie sono state spese principalmente per

30 MISSIONI OMI · 05_13 030_033.indd 30

23/04/13 00:44


Una chiesa di

La maggioranza dei rumeni sono cristiani appartenenti alla chiesa ortodossa. La chiesa cattolica è una minoranza ben distribuita su tutto il territorio nazionale che raggiunge complessivamente il 5,4% della popolazione. Nel distretto di Arges˛ in occasione del censimento del 2011 sono stati registrati 591.353 abitanti di cui 1.485 hanno dichiarato di essere romano-cattolici e 103 greco-cattolici. In sostanza i cattolici, lo 0,26%, in questa zona amministrativa del sud della Romania di 6.826 km², sono suddivisi in quattro parrocchie affidate ai rispettivi sacerdoti. Sul territorio sono presenti anche due congregazioni religiose: le Suore della Carità di S. Paolo a Câmpulung Mus˛cel

minoranza

e i Missionari Oblati di Maria Immacolata (omisat.net) a Maˇraˇcineni, a 7 km dalla città di Pites˛ti.

Bucarest

gli adolescenti cattolici. Sarebbe stata più necessaria una pastorale ecumenica orientata ai giovani ortodossi, in genere trascurati dalla loro stessa chiesa, ma a frenare questo approccio il rischio di essere sospettati di proselitismo da parte dei giovani stessi e dalle loro famiglie.

Piccoli passi I sacerdoti ortodossi conosciuti nel corso degli anni, pur apprezzando l’attività svolta dalla comunità, non hanno mai appoggiato ufficialmente gli Oblati perché le loro gerarchie non vedono di buon occhio la collaborazione con altre confessioni cristiane. Con paradossale disinvoltura gli stessi vescovi ortodossi, che in occidente stipulano con le diocesi generose convenzioni per garantire alle loro comunità l’esercizio del culto nelle chiese cattoliche, prendono le distanze da coloro che

L’iniziativa ha aperto uno spiraglio sul mondo ortodosso svolgono attività ecumeniche nel loro territorio. Nel mese di giugno del 2007 un gruppo di 34 ragazzi di età compresa tra gli 11 ed i 14 anni, molti dei quali ortodossi, hanno partecipato ad un campus a Mˇa rˇacineni. L’iniziativa, concepita e realizzata insieme ad alcune congregazioni religiose femminili, ha aperto un altro spiraglio sul mondo ortodosso. Un anno dopo in occasione del GREST, in genere indirizzato

ai ragazzi del villaggio, due bambini cattolici di Pites¸ti sono stati invitati a fermarsi in comunità per tutto il periodo. Antida entusiasmata dall’idea di dormire a Mˇarˇacineni ha invitato i suoi compagni di scuola ed hanno aderito circa una diecina. Questo gruppetto iniziale di ragazzi ortodossi con il suo entusiasmo ha poi contagiato altri e nell’arco dei mesi successivi è cresciuto numericamente. Da allora coloro che hanno partecipato alle attività estive sono stati invitati saltuariamente ad iniziative della durata di una giornata, mentre i campus sono diventati un appuntamento quasi fisso, compresi quelli invernali. Nel corso dell’estate del 2012, nei mesi di giugno e luglio, 123 ragazzi, di cui trenta cattolici provenienti da dieci parrocchie e città diverse, hanno aderito ad una delle quattro iniziative proposte. Da qualche anno i numeri sono

31

MISSIONI OMI · 05_13

030_033.indd 31

23/04/13 00:44


più o meno questi con un una buona percentuale di nuovi ragazzi, addirittura anche i figli di alcuni sacerdoti ortodossi, che dal 2008 arrivano tramite passaparola. La fiducia necessaria per il primo approccio è garantita dall’esperienza di coloro che già conosco-

no, mentre la continuità del rapporto è molto più incerta, perché condizionata da fattori socio-culturali. Per adesso i fedelissimi sono ancora pochi e si riducono nel resto dell’anno. In attesa di un’inversione di questa tendenza è meglio rimandare i progetti a lun-

go termine. Il contesto di minoranza accentua l’incertezza e suggerisce un sano realismo che aiuta a fare i conti prima di tutto con le risorse umane in campo. Fino a questo momento, infatti, gli animatori, tutti volontari, sono arrivati con il contagocce.

32 MISSIONI OMI · 05_13 030_033.indd 32

23/04/13 00:44


fatti

denziale di sei giorni. Col passaggio alle fasce adolescenziali, dagli 11 ai 13 o dai 14 ai 18 anni, sia i ragazzi sia le famiglie esprimono esplicitamente il consenso per il trattamento di contenuti religiosi comuni ad entrambe le confessioni e per la partecipazione alle faccende di casa come lavaggio piatti, pulizie e lavori manuali.

I contenuti formativi

Spirito di condivisione Per i ragazzi più piccoli, dai 7 ai 10 anni, dove non è richiesta una particolare preparazione, la comunità si è fatta aiutare da genitori, nonni ed insegnanti, molti dei quali hanno accompagnato i loro alunni. In genere i gruppi di animazione sono misti, con l’insolita presenza delle mogli di alcuni sacerdoti ortodossi che, insieme ad altri, svolgono un servizio gratuito. I volontari che vengono da altre città provvedono anche alle spese del viaggio e, qualche volta, accompagnano ragazzi. La loro collaborazione ed il contributo delle famiglie permette di contenere i costi in uno spirito di condivisione. La sensibilizzazione delle famiglie fa crescere le donazioni e la loro partecipazione diventa più attiva. Specialmente quando si tratta di ragazzi dai 7 ai 10 anni alla prima esperienza, è importante che i genitori siano trasparenti nella presentazione del bambino. Le informazioni ricevute e l’autonomia dei loro figli vengono verificate durante il week-end di prova che, tra l’altro, aiuta a vivere con maggiore serenità l’impatto con un ambiente nuovo ed a prepararsi a gestire la distanza dalla famiglia durante il GREST resi-

Il GREST fa leva sulla condivisione dei valori cristiani, mentre quando si diventa più grandi, dagli 11 ai 18 anni, i contenuti formativi sono approfonditi con l’aiuto di religiose e laici con un’esperienza di animazione consolidata. L’approccio molto spesso tie-

I volontari che vengono da altre città provvedono anche alle spese del viaggio ne conto di questioni adolescenziali, non tanto per evitare attriti dottrinali, quanto piuttosto per contribuire alla maturazione umana dei ragazzi e per presentare il vangelo con maggiore concretezza. I ragazzi di cui si è parlato finora non sono certo dei santini e nemmeno gli ultimi della classe, come tutti i loro coetanei sono caratterizzati da comportamenti tipici dell’età adolescenziale. Accoglierli non è solo un’opportunità, ma è prima di tutto un servizio reso alla chiesa ortodossa rumena. La Carta ecumenica, tuttavia auspica qualcosa di più consistente quando dice che

Il GREST (GRuppo ESTivo - noigrest.it;

cregrest.it) è basato su gioco ed altre attività ispirate ad un tema. In genere dura un mese ed è promosso da oratori e parrocchie. Più brevi i GREST organizzati dagli Oblati in Romania per ragazzi dai 7 ai 10 anni. Dal 2008 includono anche il pernottamento e sono classificati come tabaˇraˇ che significa accampamento. I campus per ragazzi dagli 11 ai 18 anni ricalcano i tradizionali campi scuola parrocchiali. Dal 2001 al 2010, ad eccezione del 2005, giovani italiani, e nel 2007 anche francesi, hanno contribuito alle iniziative estive. A questo scopo e per condividere la vita di comunità. la famiglia oblata di Firenze, dal 2006 al 2010, ha inviato sei gruppi. Ogni viaggio in Romania è stato preceduto da preparazione e da raccolte fondi.

“il compito più importante delle chiese in Europa è quello di annunciare insieme il vangelo attraverso la parola e l’azione, per la salvezza di tutti gli esseri umani”. Gli Oblati per non restare fuori da questa missione, rispettando l’appartenenza confessionale di ciascuno, offrono uno spazio aperto dove i giovani discepoli di Gesù possono accostarsi insieme al vangelo che, domani, quando i tempi saranno finalmente maturi, potrebbero annunciare insieme. n

33

MISSIONI OMI · 05_13

030_033.indd 33

23/04/13 00:44


fatti

Il Brasile attende i giovani Con Edicarlos Alves, giovane oblato brasiliano, parliamo della vigilia della Giornata mondiale della Gioventù che si terrà in Brasile nel mese di luglio

di Pasquale Castrilli OMI pasquale.castrilli@poste.it

I

preparativi fervono al santuario nazionale di Aperecida, in Brasile che accoglierà dal 18 al 22 luglio la Giornata oblata della gioventù che precede la XXVIII Giornata mondiale della gioventù di Rio de Janeiro. È ormai consuetudine per tante famiglie religiose organizzare delle giornate per i giovani che condividono il carisma della congregazione in preparazione alle famigerate GMG. Anche i Missionari Oblati di Maria Immacolata hanno organizzato le “giornate oblate della gioventù” a partire dal 2000, quando la GMG si svolse a Roma in occasione del Giubileo. Nel 2011, al termine dell’ultima giornata mondiale in Spagna, l’annuncio di Benedetto XVI fu accolto con grande entusiasmo dai giovani brasiliani e anche dal gruppo oblato che era a Madrid. Parliamo di questa vigilia della GMG brasiliana con Edicarlos Alves OMI (in alto, nella foto), che ha lavorato con Oblati e laici alla preparazione della prossima GMG brasiliana.

34 MISSIONI OMI · 05_13 034_036.indd 34

23/04/13 23:57


Chi non dà Dio

Il messaggio del papa per la prossima GMG di Rio mi arriva proprio mentre sono nel pieno dei preparativi per una missione giovanile. I compiti da distribuire nell’equipe, i volantini in stampa, gli spostamenti da organizzare e sul letto la valigia da preparare. Nel giro di un’ora mi arriva via mail e mi viene insistentemente notificato dai vari gruppi facebook a cui sono iscritto. Non ho tempo di leggerlo ora, penso tra me e me… ma intanto lo inoltro ai giovani. Poi però, per curiosità o per senso del dovere, decido di leggerlo e man mano che vado avanti mi si apre il cuore. Una frase, come una frustata: “Non dimenticate mai che il primo atto di amore che potete fare verso il prossimo è quello di condividere la sorgente della nostra speranza: chi non dà Dio, dà troppo poco!” CHI NON DÀ DIO, DÀ TROPPO POCO! Un appello forte! A tornare alla radice di questo andare a cui sono, siamo invitati. È lì che nasce la missione. “L’annuncio del Vangelo non può che essere la conseguenza della gioia di avere incontrato Cristo e di aver trovato in lui la roccia su cui costruire la propria

dà troppo poco

esistenza (...) Quando lo incontro, quando scopro fino a che punto sono amato da Dio e salvato da Lui, nasce in me non solo il desiderio, ma la necessità di farlo conoscere ad altri”. È questo amore che ci spinge a superare le barriere fuori e dentro di noi, che ci spinge a mettere da parte le paure, i dubbi, le tendenze alla chiusura in se stessi. È questo amore che ci dà il coraggio di partire da noi stessi per andare verso gli altri e guidarli all’incontro con Dio. E tutto ciò senza nessuna frontiera! E non a caso il vecchio papa dallo spirito giovane consegna ai giovani come campi privilegiati dell’impegno missionario internet e la mobilità, ovvero i viaggi, le migrazioni sia per motivi di studio o di lavoro, sia per divertimento. Tutto può diventare occasione provvidenziale per la diffusione del Vangelo. “Siate voi il cuore e le braccia di Gesù! Andate a testimoniare il suo amore, siate i nuovi missionari animati dall’amore e dall’accoglienza!” Così conclude il papa. Quasi un mandato. Ora sono pronto a partire per la missione, nella consapevolezza rinnovata che la nuova evangelizzazione nasce dalla novità della nostra vita. P. Carmine Marrone OMI

I giovani sono stati felici di condividere un’esperienza di interculturalità Per prima cosa ti chiedo in quanti eravate presenti alla Giornata mondiale della Gioventù di Malaga e Madrid nel 2011. Il nostro gruppo alla GMG spagnola era composto da quindici persone di tutta la provincia oblata del Brasile, in rappresentanza della grande varietà di lavoro con i giovani che facciamo nel nostro Paese. Alla GMG, erano presenti complessivamente 16mila giovani brasiliani.

Come la gioventù oblata del Brasile e voi Oblati avevate accolto l’annuncio di Benedetto XVI? Quella in Spagna è stata la prima Giornata alla quale abbiamo partecipato come provincia oblata. I giovani sono stati molto felici di condividere un’esperienza di interculturalità e di scambio di valori. E hanno fatto esperienza che è possibile superare le frontiere e costruire la civiltà dell’amore, come proponeva papa Giovanni Paolo

II. Hanno capito che questo è possibile quando c’è la voglia di condividere esperienze e amicizia sulla base del Vangelo. Sono stati molto contenti di tutto quanto hanno vissuto in quei giorni. Quando avete iniziato a pensare alla Giornata mondiale del 2013? A quando risalgono le prime idee sulla realizzazione delle giornate oblate? I vescovi brasiliani ci avevano fatto sapere, già prima di Madrid, che con molta probabilità la prossima Giornata mondiale sarebbe stata da noi in Brasile. Tutta la provincia oblata desidera accogliere con gioia i giovani di tutto il mondo, perché possano essere contenti e condividere la loro fede. Credo che il grande contributo che la provincia oblata del Brasile e tutti gli Oblati dell’America latina può dare è il nostro lavoro tra i giovani e tra i poveri. Ini-

35

MISSIONI OMI · 05_13

034_036.indd 35

23/04/13 00:45


fatti

Il programma di “Aparecida” Ecco in anteprima il programma delle giornate oblate per i giovani dal 18 al 22 luglio. giovedì 18 luglio 2013 00.00 - accoglienza dei gruppi all’aeroporto e sistemazione negli alloggi 15.00 - arrivi ad Aparecida 20.30 - apertura ufficiale (Gymnasium) venerdì 19 luglio 2013 09.00 - celebrazione eucaristica (Basilica) 10.30 - catechesi del superiore generale OMI (Gymnasium) 15.00 - incontri di gruppo per la condivisione (Gymnasium) 20.30 - via crucis, cammino della luce (monte Cruise, Aparecida)

zialmente pesavamo di organizzare un programma a San Paolo, dove c’è una grande struttura o a Rio de Janeiro, se i vescovi lo avessero permesso Puoi dirci qualcosa sul lavoro che gli Oblati fanno in Brasile con i giovani? In Brasile si vivono realtà molto diverse. La società sta cambiando e si sta vivendo un momento di forte secolarizzazione. Parecchi giovani si sono allontanati dalla chiesa. La nostra provincia ha dato priorità al lavoro pastorale con i giovani affermando che è una delle nostre principali missioni. Attualmente in Brasile più di 3mila giovani partecipano alle nostre attività che sono campi missionari, missioni, gruppi giovanili. C’è una grande varietà di attività che realizziamo nelle varie parti del Paese. E tanti giovani partecipano con una identità oblata, come “gioventù oblata”. n

sabato 20 luglio 2013 09.00 - visita turistica della città di Aparecida 14.00 - spettacolo musicale (Gymnasium) 18.00 - celebrazione eucaristica (Basilica) 20.30 - lancio del film “Memórias do coração” (Gymnasium) domenica 21 luglio 2013 - Pellegrinaggio famiglia oblata 10.00 - messa internazionale (Gymnasium) 14.00 - workshop tematici (Gymnasium) 20.00 - festival dei popoli (Gymnasium) lunedì 22 luglio 2013 09.00 - visita a Port Itaguaçú, Aparecida 16.00 - presentazioni culturali brasiliane (Gymnasium) 18.00 - adorazione eucaristica (Basilica) 21.00 - invio missionario e cerimonia di chiusura (Gymnasium)  23.55 - partenza per la GMG di Rio de Janeiro

36 MISSIONI OMI · 05_13 034_036.indd 36

23/04/13 00:45


lettere dai missionari

MISSIONI Una vita intensa

P. Claudio Bertuccio OMI (in piedi nella foto)

La mia vita continua con impegni vari come superiore della nostra delegazione di Thailandia e Laos. Professore e padre spirituale in seminario nazionale in Thailandia, membro di alcune commissioni della conferenza episcopale (teologica e formazione continua del clero), lavoro in diocesi a Bangkok, predicatore di ritiri, rappresentante per la Conferenza episcopale thailandese nella commissione teologica della FABC (Federazione delle Conferenze episcopali d’Asia) e altri servizi vari. Spesso c’è da correre, ma spero che serva per

OMI

la gloria di Dio e per il servizio della Chiesa. È ciò che desiderava il nostro fondatore, S. Eugenio de Mazenod, e mi sembra che oggi come ieri c’è bisogno di mettersi a servizio della Chiesa vedendo come tanti suoi figli l’abbandonano e la bistrattano. In qualche modo oggi più di ieri siamo chiamati ad essere segno di speranza per coloro che incontriamo, anche perché tanti sono delusi e depressi per le false speranze in cui avevano riposto la loro fiducia e che ormai stanno crollando. L’anno passato è stato faticoso in tanti sensi. Per noi é stato un tempo per rimettersi in piedi dopo i terribili alluvioni dello scorso anno. Lo scorso anno stavo ancora accampato in questa casa distrutta dopo due mesi con un metro d’acqua in casa. Adesso la situazione è tornata normale anche con l’aiuto di tanti. Dobbiamo ringraziare Dio e anche tutti i fratelli e sorelle che sono stati strumenti della misericordia di Dio per noi. Durante quest’anno ho potuto accompagnare un confratello ammalato di cancro alla soglia della vita vera e un altro al rientro nella sua terra di origine dopo 62 anni di missione. Passi

difficili che richiedono un accompagnamento silenzioso, per essere sostegno con la presenza più che con la parola, una presenza che si fa segno di un’altra presenza ben più grande e importante, quella di Dio. Ho anche avuto la gioia di accogliere alcuni nuovi membri tra noi, sia arrivati dall’estero, sia giovani thailandesi che hanno scelto di condividere il nostro stile di vita impegnandosi con i primi voti. Vi invito a ringraziare Dio con noi e anche a pregare per loro perché la fedeltà non è mai facile in nessuna scelta di vita. Ad aprile abbiamo avuto, qui a Bangkok, diversi incontri a livello di congregazione (sessione congiunta Asia-Oceania e amministrazione generale, Intercapitolo generale) che hanno portato circa 80 Oblati da tutto il mondo a passare per la nostra piccola delegazione. È stata certamente una grande opportunità e un dono di Dio per noi. Successivamente partirò per la Malesia per un incontro della Commissione teologica della FABC e verso fine maggio dovrei rientrare in Italia per le vacanze. P. Claudio Bertuccio OMI Bangkok, Thailandia

37

MISSIONI OMI · 05_13

037_038_05.indd 37

23/04/13 00:45


MISSIONI

Le Christ parmi nous La communion missionnaire Perspective de nouvelle évangélisation

Le Christ parmi nous. La communion missionnaire

La presentazione del libro per me è stata una prima volta nel mio percorso di missionario. Tutto è stato ben organizzato dai miei confratelli e, grazie anche Alphonse Ngindu Mushete alla vostra comunione a distanza, le cose sono andate per il meglio. Mai Le père Domenico Arena, omi, come est né à San Ferdinando de Reggio in quest’occasione mi Calabria (Italie) en 1952. Licencié en son reso conto che anche missiologie de l’Université Pontificale Urbaniana (1979), il obtient son unà l’Unievento simile poteva doctorat en cette discipline versité Grégorienne (1991). Missionnaire au Sénégal et en R. essere D. Congo, un momento di il a assumé plusieurs charges dont la présidence de la Région Oblate d’A- evangelizzazione. nuova frique (1996-1998). Directeur de l’Institut Africain des Sciences de la malgrado la Infatti, Mission à Kinshasa (2005-2008), il reste professeur et formateur au scotempesta di vento e pioggia lasticat oblat de Kinshasa-Kintambo. che si è scatenata poco prima della cerimonia e che ha impedito a tanti di esserci fisicamente, le cose sono andate bene nel senso, appunto, di un ascolto docile di quanto di evangelico il libro proponeva. I tre relatori designati hanno ben colto e divulgato i contenuti fondamentali del libro: la comunione missionaria; la presenza del Signore in mezzo a noi che essa ottiene; la nuova evangelizzazione che da tutto questo promana; l’impegno dei laici nella missione che essa facilita (nel solco di una spiritualità missionaria generale e comune a tutto il popolo di Dio basata in primo luogo sulla grazia del

Domenico ARENA, o.m.i. Domenico ARENA

Presentazione di un libro

Cinquante ans après la tenue du Concile Vatican II, l’ouvrage du P. Domenico Arena vient à point nommé. Avec un sens merveilleusement profond du Christ et de l’Eglise, l’auteur invite le lecteur à considérer que l’idée de « Communion Missionnaire » est tellement centrale, tellement décisive, tellement féconde qu’elle résume à elle seule et récapitule, pour ainsi dire, toute la problématique de l’évangélisation ou « Nouvelle Evangélisation » du monde contemporain, en quête de réponses adéquates aux problèmes d’ordre politique, économique, social et culturel. Dans le cadre d’une Eglise sans frontières, le livre donne sens et valeur à l’action permanente « créatrice et productrice » de la Sainte Trinité dans le monde par les missions salutaires de JésusChrist et de son Esprit d’amour. Et cela, grâce à la Parole de Dieu, aux sacrements de l’Eglise et particulièrement à l’Eucharistie, ce grand mystère de divinisation et de promotion de l’homme.

OMI

battesimo); la risonanza accordata che essa mostra con il carisma oblato e con la figura di Maria che è detta pure “stella della nuova evangelizzazione”..

Sotto p. Mimmo Arena OMI. In alto, la copertina del suo libro

Inoltre, i tre professori avvedutamente riuscivano a collegare questi contenuti sia al Concilio Vaticano II sia ai documenti del magistero ad esso posteriori. Per altro, i temi menzionati complessivamente hanno le loro radici nell’ultimo Concilio e rappresentano un suo approfondimento dal quale la comunione è riscoperta come vera natura della Chiesa, capace di rinvigorire ancora oggi la sua missione. In pratica, già alla fine del Concilio si era autorizzati a affermare che la chiesa è comunione in missione e che quindi ogni attività missionaria ecclesiale esige dappertutto un vissuto di comunione. Le due realtà, comunione e missione, si richiamavano a vicenda al punto da poter dire che non c’è missione senza comunione e viceversa. Gli interventi del moderatore, p. Didier Mupaya OMI, e il mio intervento conclusivo di ringraziamento, facevano emergere altri contenuti del libro. Essi riguardavano le applicazioni della comunione missionaria nei suoi sviluppi teologici - ecclesiali e sociali economici. P. Mimmo Arena OMI Kinshasa, Congo

38 MISSIONI OMI · 05_13 037_038_05.indd 38

23/04/13 00:45


lettere dai missionari

MISSIONI

OMI

Qui Uruguay di Luca Polello OMI poleesdra@gmail.com

Qui Senegal di Gianluca Rizzaro OMI gianlucarizzaro@gmail.com

Attorno a Maria La Casamance, regione meridionale del Senegal, troppo spesso salita agli onori della cronaca per la ribellione interna che dura ormai da decenni, vede la presenza di due comunità oblate. L’ultima, aperta nel 2009, è quella di Elinkine. Oltre alla parrocchia, agli OMI è affidata la cura pastorale del Santuario di Nostra Signora della Missione. A circa 150 chilometri, precisamente a Temento, si trova invece il santuario di Nostra Signora della Pace. Gli Oblati servono il santuario e i tanti villaggi limitrofi dal 1999. Il mio

arrivo coincide con il giorno del grande pellegrinaggio interdiocesano, del quale ricorrono i 25 anni. Migliaia di pellegrini, centinaia tra religiose, religiosi e sacerdoti, e due vescovi a presiedere la celebrazione eucaristica in riva al fiume Casamance. Il tutto sotto lo sguardo materno della Vergine, la cui scultura in legno che si trova nel santuario è stata scolpita da un musulmano. Un’altra statua di Maria arriva su una barca poco prima della messa. È bello pensare che sia lei, la Madre, a vegliare ovunque sul lavoro degli Oblati, che da queste parti hanno contribuito attivamente alla costruzione della Chiesa. Non solo quella di mattoni...

Fratelli al di là di tutto A gennaio ho partecipato, con i ragazzi della parrocchia di Libertad, al campeggio della diocesi di San José y Flores. Un’esperienza avventurosa dove i ragazzi delle otto parrocchie partecipanti hanno saputo vivere con equilibrio, divertimento e preghiera. Si trattava di un vero campeggio in tenda, in aperta campagna nei pressi del fiume san José. L’animatrice responsabile della parrocchia di Villa Rodriguez è suor Lilian: per tanti anni ha vissuto in Canada, ma è di origine ruandese. Ogni serata, alla luce delle lampade a gas, si faceva festa con canti e balli e l’ultima notte tutti volevano conoscere i canti

tipici del paese natale di Lilian. La sorella, da un anno in Uruguay, era molto imbarazzata. È stato in quel momento che ho preso la chitarra e l’ho aiutata intonando “Jambo bwana”, canto di benvenuto in swahili che tempo prima avevo ascoltato a Mondi Riemersi, edizione Congo. Subito è diventato l’inno della serata e del campeggio, ed è stato il punto di partenza di una bella amicizia con suor Lilian, che, per la sua allegria e per i suoi movimenti, è diventata la mascotte del campeggio. Nella terra del mate, dove l’incontro e la condivisione sono parte costituiva della cultura, è stato bello assaporare un po’ di Africa e potersi riconoscere fratelli.

39

MISSIONI OMI · 05 _13

039_05.indd 39

23/04/13 00:46


missioni

Missione è… Cominciare dagli ultimi S

di Adriano Titone OMI titonomi@gmail.com

i dicono spesso delle frasi fatte, senza troppo riflettere. Una di queste è: “Dio non fa preferenze di persone”. Ma è proprio vero? Questa affermazione corrisponde davvero alla rivelazione biblica? Ad osservare il comportamento di Gesù, primo modello per chi vuole vivere la sua vita con uno stile missionario, non si può non notare che lui le preferenze le fa e non lo nasconde affatto. Lui preferisce gli ultimi: quelli che gli altri non considerano. Proprio costoro, lui li tratta con riguardo e accorda loro una particolare, tenera, attenzione. Se poi andiamo a rileggere con un po’ più di attenzione l’Antico Testamento, ci accorgiamo che questo è sempre stato lo stile di Dio che la Bibbia definisce ad esempio “Padre degli orfani e delle vedove” cioè di quanti si ritrovano agli ultimi ranghi, i più sfortunati. Nella nostra azione pastorale, noi certamente cerchiamo di raggiungere tutti, ma cominciamo di solito dai più vicini per poi, piano piano, arrivare a tutti gli altri. Immancabilmente il tempo, che è tiranno, finisce e noi abbiamo dedicato il nostro tempo ai soliti vicini, i quali, tra

l’altro, non mancano di essere sempre più esigenti. Un modo semplice, ma concreto ed effettivo di acquisire uno stile più missionario è forse quello di darsi delle nuove priorità e invertire l’ordine cominciando dagli ultimi. Nelle missioni questo lo si fa normalmente. Un esempio? Il giorno di Natale del 2009, il vescovo della diocesi di Tacuarembó ha celebrato solennemente l’Eucarestia in una stalla sperduta nel Cerro del Aborito per una piccola comunità di base nella missione di Achar. Se vogliamo esser proprio concreti, possiamo fare un giochino: prepariamo una lista scritta delle persone a cui dedichiamo del tempo nelle nostre giornate o settimane. Quasi naturalmente partiremo dai più vicini, quelli che incontriamo spesso, che amiamo… Bene. Terminata la lista osserviamo quali sono quelli che effettivamente raggiungiamo meno, gli ultimi della lista e… cominciamo da loro. Diamo a loro attenzione, trattiamoli con rispetto e preveniamone i bisogni, le attese. Chissà se, facendo così, non ci sorprenderemo noi stessi, un po’ più vicini a Dio e al suo modo di fare. n

40 MISSIONI OMI · 04_13 040_05.indd 40

23/04/13 00:46


HAI MAI PENSATO DI FARE UNA ESPERIENZA MISSIONARIA? costo € 1.500 a persona tutto compreso: viaggio, soggiorno, spostamento a Koumpentoum, contributo per l’attività della Missione.

La Procura delle missioni estere dei Missionari Oblati di Maria Immacolata organizza da anni viaggi missionari. Si tratta di un’esperienza missionaria breve, che offre l’opportunità di vivere in prima persona la vita dei missionari svolgendo un’attività di servizio.

Per informazioni p. Adriano Titone omi, procuratore delle missioni estere. Tel. 06 68803436 - titonomi@gmail.com

L’esperienza di quest’anno si terrà a Koumpentoum, nel Senegal orientale. Con i missionari in loco e con giovani animatori, ci si occuperà di un campo estivo per bambini provenienti da vari villaggi. luogo Koumpentoum (Senegal orientale) date dal 15 luglio al 5 agosto tipo di servizio campo di animazione con bambini

LIBRI EDITRICE MISSIONARIA ITALIANA Gheddo, P., Fatto per andare lontano. Clemente Vismara, missionario e beato (1897-1988) EMI 2012, 504 p., € 18. Vissuto 65 anni in Birmania (Myanmar) p. Vismara è stato beatificato nel 2011. Dal Corso M., Religioni tradizionali EMI 2013, 160 p., € 12. Le religioni tradizionali di Africa e America Latina, tradizioni sapienziali dell’umanità.

Alois (frère), Pellegrini di fiducia. Il cammino di comunione seguito a Taizé EMI 2012, 112 p., € 10. Il priore di Taizé propone alcune parole-chiave (fede, ascolto, comunione, solidarietà...) della spiritualità

Per ordinare i libri EMI, via di Corticella 179/4 40128 Bologna. Tel. 051 326027 www.emi.it, sermis@emi.it

MISSIONI

OMI

0III_cop_05.indd 3

23/04/13 00:49


LE NOSTRE COMUNITÀ,

ITALIA

PASSIRANO

MISSIONARI OMI Via Guarneri, 10 25050 Passirano (Bs) tel. 030 653629

www.facebook.com/missioniomi www.missioniomi.it www.omi.it 0IV_cop_05.indd 3

MISSIONI

OMI 23/04/13 00:50

Missioni OMI maggio 2013  

rivista missioni omi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you