Page 1

PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO

MIHAI

2 0 1 4

CEBOTARI -

2 0 1 7

PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO


Contenuti Biografia

1

Curriculum Vitae

2

Corsi accademici

4

Saper Modificare

5

Modificare contesto con l’architettura

Tessutto Urbano

13

Accademia di Belle Arti

17

Portale della Chiesa di Santa Fosca

21

Progetto Conservativo

25

Stratificazioni Tettoniche Urbane

31

Padova Resiliente

55

Alvar Aalto

67

Edilizia Residenziale a scala urbana

Progetto per una nuova facciata. Variante di Tranquillo Orsi 1808

Il consolidamento come parte del progetto di conservazione

L’architettura della metropoli tra archeologia e sradicamento

City live

Maison Loius Carre’ 1957-1959

Workshop 72 POG (Pod Off-Grid) and Play

73

Tehnology Hub

81

The zero-carbon water-borne community

Centro ricerca e padiglioni espositivi

Extra 88 Smallness

89

Tangram

93

Kaleidoscopio

95

New exhibition space at the biennale di venezia

Dieci metri quadri

Casa Dentro la Casa


Di me stesso non posso prometter altro che una lunga fatica e gran diligenza, ed amore, che io ho posto per intendere e praticare quanto prometto. (Andrea Palladio)

BIOGRAFIA Nasce il 4 dicembre 1993 a Călărași, una piccola città della Moldavia. Frequenta la scuola elementare nella sua patria sino ai 9 anni. Successivamente, si trasferisce assieme ai genitori in Italia e si stabiliscono a Padova dove inizierà a frequentare le elementari per assicurasi un futuro migliore da quello che avrebbe potuto avere nel paese di nascita. L’idea di costruire case e creare progetti lo spingono a inscriversi al Istituto Tecnico per Geometri ITG BELZONI di Padova il quale si avvicinava e lo indirizzava a quello che voleva fare da grande (l’architetto). Nell’ultimo anno di superiori dopo aver conosciuto di persona Renzo Piano si alimentò ancora di più quella curiosità e voglia di avvicinarsi all’architettura e l’unico modo fu inscriversi nel 2014 (dopo essersi diplomato) all’Università IUAV di Venezia. L’università fece di lui una persona rigorosa ed esigente, i corsi accademici gli ha vissuti come un percorso di crescita personale dentro una ‘‘palestra’’ dove poteva migliorarsi confrontandosi con i colleghi per tirare fuori il meglio di se stesso. Corso dopo corso è cambiato il modo di rapportarsi all’architettura senza mai perdere quel entusiasmo che aveva da bambino, senza mai dimenticare da dove è partito.

1


CURRICULUM VITAE Mihai Cebotari 281893 Nato nel 1993 a Călărași, Repubblica di Moldavia Residente a Selvazzando Dentro (Padova) mihaicebotari.com instagram.com/3mihai linkedin.com/in/cebotarimihai mihai@mihaicebotari.com +393400688792

EDUCAZIONE Diplomato nel 2014 al Istituto Tecnico Per Geometri ITG BELZONI di Padova Inizio studi nel 2014 in Architettura Costruzione Conservazione all’Università Iuav di Venezia

LINGUE Moldavo: madrelingua Italiano: C2 Rumeno: madrelingua Russo: B1 Inglese: B2

ABILITÀ AL COMPUTER Autodesk® AutoCAD Autodesk® 3D Studio Max Revit SketchUp Vray Render Corona Render Lumion Photoscan Adobe Photoshop Adobe Illustrator Adobe InDesign Microsoft Office

ABILITÀ ONLINE Blogger Creazione siti in Wordpress Creazione e-commerce in Shopify Tecniche e strategie di crescita per Instagram Facebook advertising

HOBBY Architettura, imprenditoria, business digitale, crescita personale. sport, musica

2


3


CORSI ACCADEMICI

4


Saper Modificare Modificare contesto con l’architettura |\| |/| |\| |/| |\|

corso docenti tema luogo anno

: : : : :

Laboratorio integrato 1 Pierantonio Val / Elena Giacomello Bed and Breakfast Santo Stefano (TV) 2015

In questo laboratorio si è data attenzione al processo iterativo che porta all’elaborazione progettuale, partendo dall’osservazione del contesto, passando attraverso la formulazione di un giudizio su tale contesto e la prefigurazione di una sua modificazione per giungere alla conformazione articolata di un progetto di architettura. Tenendo ferma l’idea della sostanziale unità cui deve approdare il progetto come specifica forma espressiva e di conoscenza. L’obbiettivo per questo progetto è stato di ampliare l’osteria esistente con un bed and breakfast che si affaccia sulle colline circostanti. Al piano terra si sono disposte una zona per la vendita del vino e una cucina con la zona pranzo per i clienti, invece al piano di sopra due stanze matrimoniali con servizi annessi ed entrambe con un piccolo terrazzino.

5


Piano 0

6


241

226 236 231

Planivolumetrico

Prospetto Sud-Est

A

A'

Sezione A-A’

7


Esploso Assonometrico

Piano 0

8


Piano 1

Prospetto Sud-Ovest

9


C'

B

B'

C

Sezione B-B’

Prospetto Nord-Est

Sezione C-C’

10


Legenda Copertura 1 ghiaia 2 strato di protezione meccanica 3 elemento di tenuta all’acqua 4 cls alleggerito 5 isolamento termo/acustico, fibra ad alta densità 6 barriera al vapore 7 rete metallica 8 alleggerimento del solaio, pignatta in laterizio 9 orditura del solaio, travetto in laterizio e ferro 10 strato di finitura, intonaco

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

Chiusura laterale 11 strato di collegamento, malta 12 strato di finitura, intonaco 13 muratura di tamponamento, laterizio 14 barriera al vapore 15 isolamento termico, polistilene 16 finitura superficiale, intonaco Fondazioni 17 pavimentazione 18 strato di livellamento in cls 19 massetto per impianti 20 getto cls 21 vespaio del solaio a terra, iglĂš polimerico 22 magrone

17 18 19 20 21 22

11


Dettaglio costruttivo

8 cm

7.5 cm

18.5 cm

2 cm

8c

2 cm 7 cm

7.5 20 cm

3 cm

18.

2c

2 cm 7 cm

20 cm

Dettaglio tecnologico 12

3 cm


Tessutto Urbano Edilizia Residenziale a scala urbana |\| |/| |\| |/| |\|

corso : docenti : tema : luogo : anno :

Laboratorio integrato 2 Attilio Santi / Anna Saetta Residenziale / Commerciale Spinea (Ve) 2016

L’area oggetto di intervento è un terreno libero collocato ai margini del tessuto urbano di Spinea. Il progetto proposto mira a produrre un intervento di edilizia residenziale a scala urbana, capace di produrre un quartiere a misura d’uomo. Il sistema insediativo proposto rifiuta il sistema a “costruzione isolata”, tipico della periferia e incapace di generare spazi coinvolgenti e piacevoli e la cui appetibilità risulta ormai in forte crisi. Di conseguenza il nuovo quartiere prevede che le aree residenziali e gli spazi e le attrezzature pubbliche siano fortemente integrati tra loro e con l’ambiente circostante.

13


circostante.

Cascin

Masterplan

14


Piano 3

Piano 2

Piano 1

Piano 0 15


Studio degli interni

16


ACCADEMIA DI BELLE ARTI

Progetto per una nuova facciata. Variante di Tranquillo Orsi 1808 |\| |/| |\| |/| |\|

corso docente tema luogo anno

: : : : :

Storia digitale. Visualizzare le citta’ Ferrighi Alessandra Ricerca e Modellazione Venezia 2016

L’obbiettivo di questo corso è stato di metterci in grado di avvicinarci alle fonti documentarie, siano esse testuali che iconografiche, e interpretarne i contenuti al fine di ottenere gli strumenti per una conoscenza dei luoghi, delle stratificazioni avvenute, dei cambiamenti naturali intercorsi. Nel mio caso dovevo fare una ricerca sulla storia dell’accademia di belle arti di Venezia, in modo tale che partendo dal disegno di Tranquillo Orsi a riuscire poi a ricostruire un modello 3D grazie a tutte le informazioni trovate durante la fase di studio e ricerca.

17


De’ Barbari, Jacopo Venetie MD 1500

Carlevarijs, Luca Chiesa di S.ta Maria della Carità 1703

Veduta del Canal Grande contiguo alla chiesa della Carità di Venezia 1717

Graevius, Johann Georg Ecclesia S.tae Mariae Charitatis 1722

Giovanni Antonio Canal (Canaletto). Il laboratorio dei marmi in campo San Vidal. 1725

Ughi, Lodovico; Furlanetto, Lodovico Iconografica rappresentazione della inclita città di Venezia consacrata al regio serenissimo dominio veneto. 1729

18


Accademia di Belle Arti 1831

Città di Venezia, Sestiere VI e IX di Dorsoduro 1840

Viganò, Luigi Accademia delle Belle Arti prima metà 19. sec.

Combatti, Bernardo; Combatti, Gaetano; Garlato, Giambattista 1856

Mappa dei fabbricati del comune censuario di Dorsoduro: porzione della città di Venezia : distretto 6 e 9 1875

Saetta, Bruno. Accademia. 1953

Canal, Antonio ‘’Canaletto’’ Hinc ex Aede Charitatis, illinc ex Regione S. Vitalis usque ad Telonium 1751

Mappa della regia città di Venezia : ... desunta dall’originale ... rilevato nell’anno 1808 ..

Accademia di Belle Arti 1831

19


1808 Campo della CaritĂ

1808 Progetto Tranquillo Orsi

1808 Campo della CaritĂ

1808 Progetto Tranquillo Orsi 20


PORTALE DELLA CHIESA DI SANTA FOSCA |\| |/| |\| |/| |\|

corso : docente : tema : luogo : anno :

Rilievo Strumentale E Rappresentazione Digitale Guerra Francesco Rilievo e restituzione grafica Venezia 2017

Per l’esercitazione ho scelto il Portale della chiesa si Santa Fosca a Venezia la quale doveva contenere un portale nel quale ci siano gli ordini architettonici classici. Fondata attorno al X secolo, subì vari interventi. L’aspetto attuale risale alla riedificazione della prima metà del XVIII secolo. La facciata attuale fu realizzata grazie all’intervento finanziario della nobile famiglia Donà (i lavori furono iniziati nel 1733 e si conclusero forse nel 1741). Il progetto è dell’architetto Domenico Rossi con uno schema semplice. Il semplice schema architettonico mostra un grande timpano sostenuto da quattro semicolonne, con un grande portale sormontato da un coronamento curvilineo.

21


1) 2) 3) 4) 5) 6) 7)

Procedimenti:

Individuazione di un portale nel quale ci siano gli ordini architettonici classici. Posizionamento di 4 punti di controllo. Rilevamento punti per trilaterazione. Realizzazione delle strisciate fotogrammetriche. Orientamento assoluto del modello. Misurazione 3 osservazioni di controllo. Esportazione di una ortofoto frontale del modello texturizzato.

Per il nostro percorso di acquisizione abbiamo usato il metodo di misura diretto (longimetrico) Tracciamento longimetrico: si definisce tracciamento longimetrico, quello effettuato dall’operatore con I’ausilio di semplici strumenti di misura come nel nostro caso: cordella metrica, filo a piombo, livella e metro in legno. I 4 punti di controllo gli abbiamo posizionati sulle 2 colonne del nostro portale opportunamente segnalizzati con dei target che avevamo preparati a casa.

Per i punti 1 e 2 la perpendicolarità è stata assicurata incrociando la cordella metrica, che funge da ascissa di riferimento, con un metro rigido e valutandone l’ortogonalità grazie alla bolla. Si andranno a leggere quindi le misure sulla cordella metrica che fornirà la X e sul metro rigido che fornirà la Y, cosi sono stati posizionati i due punti ai due lati del portale, alla stessa quota (1m) Gli altri due (3; 4) sono stati posizionati ad una quota diversa, più alta, ma sulla stessa verticale dei due punti sottostanti, aiutandoci con l’utilizzo di un filo a piombo. I punti sono stati rilevati per trilaterazione con una cordella metrica e di questi poi in cad abbiamo calcolato le coordinate per creare il sistema di riferimento per il modello in Photoscan.

22


Schema della presa non stereoscopica nella fotogrammetria non convenzionale (presa convergente radiale). Essa è molto piÚ flessibile e rapida: inoltre consente di eludere eventuali ostacoli presenti negli spazi antistanti l’oggetto. Per farlo in modo coretto abbiamo tenuto una distanza fissa da un punto centrale del portale e abbiamo realizzato le strisciate fotogrammetriche come sopra riportato. Poi ci siamo fatti anche altre foto dei dettagli architettonici.

Ortofoto frontale del modello texturizzato. 23


Restituzione 2D formato vettoriale. 24


Progetto Conservativo

Il consolidamento come parte del progetto di conservazione |\| |/| |\| |/| |\|

corso docente tema luogo anno

: : : : :

Laboratorio di restauro Nullo Pirazzoli Restauro di un monumento Venezia 2017

L’obiettivo è di mettere in evidenza lo stato attuale del palazzo Merati ubicato al numero civico 6293 a Venezia nella zona di Cannaregio nel 1600 ca, e di illustrare gli interventi necessari per un suo risanamento conservativo. Conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici e compatibilmente alla sua destinazione d’uso, ne consentano un accesso ed un utilizzo in totale sicurezza. Per arrivare agli obiettivi sopra illustrati, è stato necessario realizzare una ricerca avente il fine di raccogliere tutte le informazioni riguardanti il palazzo e in particolare: la sua ubicazione, la data di realizzazione, successivi interventi sulla struttura e la storia dell’edificio utilizzando le fonti disponibili, ovvero il proprietario, internet e le biblioteche di Venezia. Dopo aver raccolto tutte le notizie riguardanti l’edificio in oggetto, ha permesso di individuare tra tutti i possibili interventi, quelli capaci di ridare alla opere interessata, una configurazione stabile mantenendo e ripristinandone l’aspetto statico senza fare danni estetici. Il Palazzo Merati è localizzato in un contesto urbano tipico Veneziano, si reputa quindi di fondamentale importanza che l’impatto, tra esso e i nuovi interventi, sia di minima entità e che la configurazione finale del palazzo non vada a danneggiare il suo valore storico di monumento e del contesto urbano in cui si trova.

25


Ubicazione 26


Studio delle piante + ridisegno 27


Individuazione del intonaco

Individuazione dei laterizi

Individuazione materiali lapidei

Individuazione dei materiali mettalici

Patina biologica

Crosta 28

Erosione


Rottura a flessione e taglio degli architravi delle aperture

Rottura a flessione di soglie e davanzali di aperture.

Rottura a presso-flessione dei piedritti in pietra delle aperture.

Rottura a taglio-flessione delle mensole in pietra dei balconi.

29


Il consolidamento come parte del progetto di conservazione Il progetto di consolidamento deve basarsi sulla conoscenza della struttura da consolidare ed essere finalizzato a sopperire a carenze rilevate in fase di analisi, siano esse causate da carenze del progetto originario, da decadimento prestazionale, o da incremento delle azioni. «La conservazione dei monumenti ed il rigore che le conseguenti operazioni di restauro comportano non possono riguardare solo la pelle ed i tessuti degli edifici ma anche l’ossatura, tenuto conto altresì che in alcuni monumenti questa costituisce addirittura la componente più importante. L’ossatura, cioè il meccanismo di sostegno dell’edificio, deve quindi essere conservata nella sua autenticità, questa comprende la consistenza oggettiva, i valori caratterizzanti, gli effetti e le manifestazioni dei processi autonomi o indotti di alterazione e quelli di degrado». (Gennaro Tampone, 1999)

Ipotesi Progettuale

Pulitura La parte in basso (rosso)con il metodo scuci e cuci. La parte evedenziata di verde con le tecniche di iniezione. Le altre parti, dove necessario, con la tecnica della ristilatura armata.

30


Stratificazioni Tettoniche Urbane L’architettura della metropoli tra archeologia e sradicamento |\| |/| |\| |/| |\|

corso docenti tema luogo anno

: : : : :

Laboratorio integrato 3 Martino Doimo / Massimo Rossetti Progetto polifunzionale (terziario avanzato) Milano 2017

L’area di intervento del progetto di riqualificazione, localizzato nel settore urbano sud-est della città di Milano, in zona semicentrale, comprende lo scalo ferroviario di Porta Genova, la stazione e il tronco ferroviario in via di dismissione. Lo studio dell’intorno immediato visto nel quadro della città, cade in una posizione strategica dove nella prospettiva dell’intervento si cerca di adottare e integrare al tessuto urbano le nuove funzioni assimilabili al “terziario avanzato” pubblico e privato: incubatori di impresa, centri operativi di società internazionali destinati a ricerca, sviluppo e formazione, spazi riservati a start-up di iniziativa privata e spin-off universitari.

31


L’intorno immediato

Strategia urbana

Vetro

Materiali lapidei

Calcestruzzo armato 32


Planivolumetrico

Prospetto vista dai navigli

1 Ristorante - Foresteria 2 Uffici 3 Sala espositiva 4 Caffetteria 5 Auditorium - Sala conferenze 6 Spazio commerciale 33


34


Piano 0

35


36


Piano 1

37


38


Piano 0

39


40


Piano 1 Quota: +5m

41


42


Piano 2 Quota: +9m

43


44


Piano 7 Amministrazione / Workshop

Piano 6 Laboratori / Start-up

Piano 4 / 5 Uffici / Corsi formazione

Piano 3 Spin-off universitari / bookshop / seminari

45


46


Ristorante - foresteria

47


48


UniversitĂ IUAV di Venezia

Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione DACC

CdL in Architettura Costruzione Conservazione

49


DETTAGLIO COSTRUTTIVO 1 1. Ghiaia tonda lavata di fiume sp.100mm (1500 kg/m3) 2. Doppia guaina bituminosa sp. 3+3mm 3. Massetto in calcestruzzo allegerito sp.100mm (300-1600 kg/m3) 4. Isolante in lana minerale sp. 100+100mm (0.037W/mK;40-180 kg/m3) 5. Barriera al vapore in polietilene sp.1.6mm 6. Soletta in calcestruzzo sp.100mm (2500 kg/m3) 7. Lamiera grecata per solai collaboranti sp.1.2mm 8. Trave principale IPE 300 in acciaio B450C sp.300mm 9. Isolante in lana minerale sp. 100+100mm (0.037W/mK;40-180 kg/m3) 10. Profillo metallica a C in lamiera di acciaio zincato sp.0.6mm 11. Lastre di gesso sp.15+15mm

1

2

DETTAGLIO COSTRUTTIVO 2 1. Pavimento sopraelevato per impianti uffici composto da pann1elli in GRC e colonne in acciaio zincato sp. tot. 20cm 2. Soletta in calcestruzzo sp.100mm (2500 kg/m3) 3. Lamiera grecata per solai collaboranti sp.1.2mm 4. Trave principale IPE 300 in acciaio B450C sp.300mm 5. Isolante in lana minerale sp. 100+100mm (0.037W/mK;40-180 kg/m3) 6. Profillo metallico a C in lamiera di acciaio zincato sp.0.6mm 7. Lastre di gesso sp.15+15mm 3

DETTAGLIO COSTRUTTIVO 3 1. Pannello di rivestimento 2. Montante verticale 3. Strato di ventilazione 4. Intonaco di finitura 5. Isolante in lana di roccia 6. Collante 7. Trave in calcestruzzo armato

4

50


51


52


53


54


Padova Resiliente |\| |/| |\| |/| |\|

City live

corso docente tema luogo anno

: : : : :

Urbanistica Musco Francesco Masterplan / rigenerazione urbana Padova 2017

Il percorso per raggiungere a un nuovo masterplan per la zona studio (stazione dei treni - stazione ex boschetti) la quale adesso è in pessima condizione da come abbiamo potuto vedere con un sopralluogo sul luogo. Fin da subito abbiamo cercato di capire le problematiche della zona e il motivo per il quale si è arrivati a questa situazione problematica. Quindi l’obbiettivo è stato di creare un masterplan che dia vita a questo luogo e che non sia solo una zona di passaggio.

55


56


Famiglie residenti per numero dicomponenti nel comune di Padova

Censimento della popolazione per età nel comune di Padova

Dipartimento di scienze 6 498

ETA’ 0-9

16 943

37 505

10-19

16 679

26 782

20-29

19 572

30-39

26 881

40-49

33 004

50-59

28 419

2 745

60+

64 694

915

Studenti universitari

Dipartimento di psicologia 5 670 Dipartimento economia 5 386

Dipartimento ingegneria 11 836

16 207 10 656

L’ora di punta

4.2 %

11.3 %

52.1 %

32.4 %

< 6:00

6:00 - 7:00

7:00 - 8:00

> 8:00

Spostamento dei residenti per motivi di studio o lavoro

Pendolari Totali

79 906 Nel comune di Padova

87860 Uscita

Entrata

42775

45085

48 037 AUTO 49729

TRENO 15727

28 849

Fonte: istat.it

Percorso lavoratori Percorso studenti

Stazione ferroviaria Stazione autobus

57

Fiera Università / Scuole Servizi

25 387 Fuori dal comune di Padova


Autobus - Tram

Bike Sharing 1700 abbonamenti

92912 Prelievi 14 minuti tragitto medio

22 Linee urbane 1 Linea urbana

36607 kg anidride carbonica risparmiata 245 000 km percorsi

17 775 328 passeggeri annui

221 mezzi

36 veicoli impatto zero Abituali 77% Occasionali 23%

16 mezzi Fonte: fsbusitaliaveneto.it

Fonte: goodbikepadova.it

Car Sharing Flotta: 11 veicoli

170 abbonamenti

Stalli: 13

60%

62 %

40%

38 %

Car sharing point Bike sharing point Wifi Fermata autobus Feramata tram

Fonte: goodbikepadova.it

Strade alto scorrimento

Strade basso scorrimento

58


Spazio verde per abitante

31 mq

40,5 mq

Tipologia aree verdi

100%

60 % 50%

32 % 1%

0%

2%

5%

Verde agricolo Altro Verde Storico Verde Attrezzato Aree naturali

Fonte: istat.it

59

Spazzi abbandonati Verde Privato Verde attrezzato Spazi di passaggio Parcheggi Spazzio di passaggio


CONCLUSIONE La nostra zone può essere paragonata ad un polmone, in quanto nei periodi lavorativi è molto vissuta, come zona di passaggio, di lavoro e di studio; si svuota drasticamente invece in quei momenti festivi, dove l’unica fetta di popolazione che vi resta è costituita dai residenti e da coloro che posteggiano l’auto. Sono presenti inoltre zone di abbandono, alla quale non è possibile accedere, le quali dividono totalmente la zona studio in due, riducendo ulteriormente le possibilità di interazione tra le varie parti.

Festivo

Feriale

60


Sintesi analisi Dalla fase di analisi è emerso che la zona studio è occupata per la maggior parte da spazi aperti non utilizzati (o adibiti a parcheggi), da uffici e ambienti universitari; risulta essere quindi caratterizzata quindi da una grande quantità di mezzi e persone in transito negli orari d’ufficio, mentre il fine settimana e la notte non viene utilizzata.

Affluenza

Affluenza Lunedi - Venerdi’

Affluenza Sabato - Domenica

7:00

12:00

18:00

61

21:00


Strategia Aree di aggregazione

Riconfigurazione di piazze

Introdurre nuove funzioni alle aree

Realizzare laboratori

Agevolare la socializzazione

Organizzare aree di lavoro Creare spazi internazionali

Zone studio

Spazi espositivi

Socializzazione

62

Postazioni wifi

Co-working


Pannelli fotovoltaici

Produrre energia pulita

Introdurre nuove funzioni alle aree

Recupero acque piovane

Riqualificare gli spazi dismessi

Migliorare la qualitĂ dellâ&#x20AC;&#x2122;aria Aumentare gli spazi verdi Piante ad alta produzione di ossigeno Verde di separazione

Orti comuni Aree attrezzate

63


Organizzazione gerarchica dei percorsi

Percorsi ciclo-pedonali

Creare percorsi differenziati

Mettere in sicurezza i percorsi ciclo-pedonali Verde di separazione

64


Residenziale Commerciale Lavorativa Espositiva Ristoro Culturale

Piazze: Semiprivate Pubbliche

Accessi e percorsi interni

Scala 1:1000

65


1

vista 1 1300 mq

2 10422 mq

vista 2

3 1562 mq

vista 4

2420 mq

studenti lavoratori

aule co-working

laboratori per lo sviluppo di stat-up

percorsi messi in sicurezza dal verde di separazione 4

verde urbano luoghi di socializzazione

vista 3

40% famiglie 60% studenti

cultura, servizi comunicazione media appartamento 70 mq

spazi commerciali

scala 1:2500

area di ristoro spazi commerciali

sezione A-A’

residenti

4 persone

ventilazione

residenziale commerciale

residenti visitatori commerciale

abitanti studenti

riduzione CO2 tutela biodiversità sviluppo ecosostenibile luogo di aggregazione

2,6 mq a persona

148 appartamenti

scala 1:300

la vegetazione riduce l’effetto isola di calore e promuove il raffrescamento passivo

orti

orti

122 posti auto

parcheggi

sezione B-B’

scala 1:300

20 anni 10 anni

miglioramento degli effetti qualitativi nel corso degli anni

17,65% di energia elettrica convertita

le alberature proteggono il costruito dai venti invernali e filtrano l’area esterna dallo smog

qualità dell’aria

raccolta dell’acqua piovana

miglioramento della pedonabilità

parcheggi drenaggio urbano sostenibile

sezione C-C’ A

scala 1:300

la presenza di specchi d’acqua promuove il raffrescamento evaporativo dell’aria esterna

A’

studenti lavoratori studenti

D

culturali/didattiche promozionali/istituzionali commerciali

C

sedute accessibili a tutta la popolazionne che permettono di assistere a spettacoli all’aperto

D’

B

possibilità di ospitare 11 mostre

C’

E’

percorso pedonale principale che conduce da un estremo all’altro

le alberature proteggono il costruito da eventi e filtrano l’aria dallo smog B’

E

palco

spazi espositivi

scala 1:300

sezione D-D’ studenti lavoratori residenti 1400 posti

sezione E-E’

padiglione espositivo permanente

sedute che permettono l’affaccio sul fiume e sulle zone verdi esistenti

DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA COSTRUZIONE CONSERVAZIONE

spazio esterno aperto al pubblico

1400 posti

alberature che separano percorsi ciclo-pedonali e percorsi stradali

spazio interno adibito a conferenze internazionali scala 1:300

n. 17

URBANISTICA

GRUPPO

Prof.

Fabiola Eccher

281910

Filippo Bonini

281680

Mihai Cebotari

281893

Vittoria Ianigro

281860

Francesco Musco

Tutor Alberto Innocenti ∙ Vittore Negretto Valentina Crupi ∙ Giulia Lucertini Filippo Magni ∙ Denis Maragno

66

Approfondimento Masterplan

4


Alvar Aalto

Maison Loius Carre’ 1957-1959 |\| |/| |\| |/| |\|

corso docente tema luogo anno

: : : : :

Storia dell’architettura 3 Pogacnik Marko Studio , ricerca e ridisegno Bazochessur-Guyonne (Parigi) 2017

Questo progetto è frutto di un indagine storiografica realizzata grazie a tutto il materiale che è stato possibile raccogliere e poi selezionato riguardo questo edificio. Si trova alle porte di Parigi, precisamente a Bazoches-sur-Guyonne, nelle zone in cui i parigini hanno solitamente la casa per i week-end. La casa si trova sulla sommità di una collina dalla quale si ha una vista magnifica sulla campagna circostante. Infatti il primo disegno di questa tavola è la casa nel suo cotesto. Louis Carré, appassionato di arte contemporanea, commissiona ad Alvar Aalto il progetto della propria casa, ponendo solo due richieste: che la casa abbia un tetto di ardesia e che sia presente una parte di villa che possa ospitare le proprie collezioni. La costruzione è fatta di blocchi rivestiti di mattoni ricoperti di calce e pietra calcarea. La villa si organizza attorno al grande spazio espositivo centrale sormontato da una volta in legno illuminata da grandi finestre poste sopra la porta. Aalto per gli interni usa principalmente il legno e studia un sistema di illuminazione sia naturale che artificiale. Il segno principale della villa è dato dal tetto che segue il declivio del terreno legando casa e paesaggio. All’interno la casa è disposta su due livelli: al primo piano si trovano le 3 camere del personale e due camere annesse di servizio, in una delle quali Louis Carré depositava alcune opere. E’ una villa molto interessante, come disse lo stesso architetto: “soddisfa i desideri del proprietario, perché il principio fondamentale è che la vita di famiglia e l’arte non siano separati gli uni dagli altri, la tendenza è invertita, una stretta relazione tra i due “.

67


68


69


70


71


WORKSHOP

72


POG (Pod Off-Grid) and Play The zero-carbon water-borne community |\| |/| |\| |/| |\|

corso docente tema luogo anno

: : : : :

Workshop wave 2015 Jason Pomeroy [SG] Residenziale / Commerciale Venezia 2015

The proposed residential complex consists of the Hub, the Spine, and the POGs (Pod Off-Grids). The Hub is pulled together by the Primary Spine leading to Venice Island, and four modular Secondary Spines leading to the POGs, essentially high-density apartment towers. Four POGs make up high-rise apartments consisting of 1-, 2- and 3-bedroom units for different family structures containing up to 1000 residents. Utilization of communal spaces by the residents is encouraged to establish a sense of belonging and community-spiritedness within the complex. The Spines form the backbone of the residential complex connecting the Hub and the POGs, providing a sheltered network of corridors equipped with photovoltaic solar panels harvest energy from the sun and light up the street lamps at night.

GENES S 73


74


PROJECT VISION Genesis aims to solve the issue of Venetians having to travel between Venice and other cities for hours just to get to work every day. By creating the residential complex within Venice, residents are compelled to live within Venice itself, saving an insurmountable time and costs in the long run. As a residential complex, Genesis is equipped with several sustainable features such as the usage of green-certified materials, energy-optimizing photovoltaic solar canopies to harvest energy from the sun, green rooftops and skycourts to reduce the overall building temperature, weather-sensitive motorized shelters, and apertures to allow for cross-ventilation and an improved Internal Air Quality (IAQ). Spines are also elevated to protect them from external forces such as the continuously

changing sea water levels. Additionally, Genesis will also integrate a wide central hub with mechanical car parking spaces, a new selection of retail options, a large supermarket, free islandwide fiber-optics public WiFi, 24-hour cafĂŠs, fast food joints, a library, a cultural centre, a cinema and auditorium, neighbourhood clinics, and other entertainment and leisure facilities. Government incentives and programmes will be provided to educate the residents and encourage living responsibly, such as by utilizing the 3 Rs â&#x20AC;&#x201C; Reduce, Reuse, Recycle. With these amenities not easily available in other parts of the island, potential investors and residents will be interested to return to Venice and live, work, and play in Genesis â&#x20AC;&#x201C; a newly born modern city.

75


76


THE SPINE AND HUB The spines form a pentagonal structure from a birdâ&#x20AC;&#x2122;s eye view. The Primary Spine caters to pedestrians traveling by foot, bicycles, or cars, made up of a sheltered walking cycling lanes connecting directly to the first floor of the Hub, and a vehicular lane leading to the Ground Floor of the Hub. Secondary Spines connect the Hub to the residential towers by a walking and cycling pedestrian lane. The Hub is designed as a three-storey round structure with a central service core and mechanical car parking spaces allocated in the ground floor, and the two storeys above divide into five sections to contain the amenities and services. The façade of the Hub allows cross-ventilation of air to occur, and openings along the corridors allow for inter-floor visual cues to happen.

77


E

W Environmental

Spatial

Technology

Economy

Social

Cultural

78


THE POG Projected at 1000 residents spread over four highrise residential towers forming the POGs, residents can socialize in the designated communal spaces with motorized weather-sensitive shelters in the rooftop to improve the social cohesion in each POG. The four residential towers offer 1-, 2- and 3-bedroom types of affordable units with optimised space planning. By building the flats vertically upwards, less land footprint can be used for a denser amount of residents. The towers are designed to allow for maximum effectiveness of cross-ventilation and energy-optimization methods such as rain-water harvesting and photovoltaic solar canopies. Each apartment tower also consists of mini social hubs in the form of communal spaces (e.g. fitness corners,

79


80


Tehnology

Hub

Centro ricerca e padiglioni espositivi |\| |/| |\| |/| |\|

corso docenti tema luogo anno

: : : : :

Workshop wave 2016 Studio Deomogo Centro ricerca ed expo Marghera 2016

L’area è in stretta relaziona con il bordo nord di Portomarghera, fronte sul quale sono già stati attivati e completati processi di recupero e riorganizzazione architettonica, il complesso Vega rappresenta un tassello importante per la costruzione del nuovo parco scientifico e tecnologico di Marghera. Gli scheletri industriali offrono la possibilità di progettare un attacco a terra pubblico, un parco tematico, un nuovo riuso del suolo che integra i resti presenti ospitando innesti delle architetture proposte dall’atelier.Forte Marghera, e la ferrovia sono strutture consolidate e notevoli sulle quali sovrascrivere ed innestare nuovi elementi connettivi. L’approccio scelto mira a stabilire un progetto in equilibrio tra presenza spaziale e narrazione, tra archeologia industriale e architettura, a produrre una sintesi in sospensione, votata ad alimentare un dialogo ambivalente tra le parti. Si tratta di leggere e interpretare Porto Marghera attraverso il suo potenziale archeologico, stabilire relazioni e connessioni non necessariamente fisiche tra gli elementi, incrementando l’intera sfera percettiva disponibile.

81


82


Esploso Uffici - Laboratori

83


Esploso Padiglioni espositivi

84


85


86


87


EXTRA

88


S m a l l n e s s

New exhibition space at the biennale di venezia |\| concorso di idee |\| tema : Servizi / Espositivo |/| luogo : Venezia |\| anno : 2015

Nuovi servizi igienici a servizio della Biennale, usufruibili anche da bambini non accompagnati e da disabili. Spazio espositivo autonomo per mostre estemporanee legate al ciclo della Biennale. Lo spazio espositivo dovrĂ prevedere anche luoghi per la ricezione visitatori e distribuzione materiale informativo, un piccolo deposito materiali. Usiamo lâ&#x20AC;&#x2122;incipit di Koolhaas quale premessa al tema del bando: offrire a chi visita la biennale un luogo confortevole, intimo, efficiente, salubre, ispiratorio dove rifugiarsi nel momento del bisogno. La definizione di servizi igienici diviene il pretesto per proporre anche un nuovo spazio espositivo.

89


90


91


92


T a n g r a m Dieci metri quadri

|\| concorso di micro architettura |\| tema : Residenziale temporaneo |/| luogo : Mazara del Vallo (Sicilia) |\| anno : 2016

Tangram un rifugio pensato per quattro persone di 8.9mq, a forma di L. Questa geometria è stata pensata per essere versatile e modulare in quanto i singoli blocchi possono essere uniti tra di loro per comporre un grande parallelepipedo. Tangram è la casa smontabile composta da pareti ripiegabili che vanno a comporre tre moduli. Questi vanno montati su tavolati di solaio e copertura. La pianta ad L e le pareti composte da cubi di diverse dimensioni conferiscono dinamicita’ all’edificio. Il rifugio è versatile perché è possibile comporre dei parallelepipedi rettangolari andando a incastrarne due fra loro. Una volta terminata la stagione di utilizzo l’edificio è facilmente smontabile e convertibile in quanto tutte le componenti vanno a costituire un parallelepipedo di 4.4x3m e quindi a creare un pacchetto da riporre in una scatola. La versatilità dei cubi ci permette di utilizzarle come armadi, finestre o sedute. I letti, pensati come amache tese sulle quali riporre i materassi gonfiabili, si posso anche omettere e quindi consentono di adibire l’edifico a varie esigenze. All’interno sono previsti 4 letti, due per ciascuna zona notte, disposti in altezza. Essi sono costituiti da un rete di corda, simile a quella di un’amaca, sulle quali vanno collocati i materassi gonfiabili. Al letto superiore si accede attraverso una piccola scala a pioli. Vi è anche una tenda da utilizzare come camerino.

93


'' ''' ' ''' '

___ J

7 I I I

Riferimenti -1 origam·i cinesi - 2 Mondrian -3 Se a tole cinesi Li_

:

_____ j

:

I

e

� rr=====D-

b e'

Sezione B-B'

Sezione A-A'

Sezione C-C'

'' ''' ''' ''

cB

___ J

Do

7 I I I

D IC:::]

Li_

:

_____ j

D Riferimenti -1 origam·i cinesi - 2 Mondrian -3 Se a tole cinesi

D

:

I

e

� rr=====D-

b e'

Do

Sezione A-A'

D IC:::]

Sezione B-B'

Sezione C-C'

cB

D D

94


KALEIDOSCOPIO Casa Dentro la Casa |\| |/| |\| |/| |\|

tirocinio studio : mgark ( Michele Gambato ) tema : Residenziale luogo : Germania anno : 2016

Kaleidoscopio ovvero un caleidoscopio piÚ si gira piÚ si vedono forme diverse, questa casa unifamiliare è pensata per una famiglia composta da 3/4 componenti in una zona pianeggiante con un giardino che circoda la casa in modo tale da sentirsi in mezzo alla natura anche grazie alle tante vetrate che illuminano gli spazi interni.

95


96


PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO

Grazie PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO PORTFOLIO

Mihai Cebotari | Portfolio Architettura IUAV | ITA  

2014 - 2017

Mihai Cebotari | Portfolio Architettura IUAV | ITA  

2014 - 2017

Advertisement